(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Il Naturalista siciliano"



K.^- 



'm 









t'-- * '-> '' 



>^v^. 



:X 



1 



*•> f . 









rf^ ■:\ ìji^.:!:^ 



:/:' 



^JC'^-^ 









V4f 3^ 






.>.: 



f* 



'^^ 









^sr^::^:2V' 






.^^ 



f 






""ij 



-l* 



.^' <i 



■■ A 



W^. 



:/v^:^^^^^ 









U^^ 'L 



OF 


COMPARATIVE ZOOLOGY, 


AT HARVARD COLLEGE, CAMBRIBCE, MASS. 



jFounìieTi b» pvfbate sutìsctfiitfon, fn 1861. 



No. "^^0/. 



IL 



NATURALISTA SICILIANO 



GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 



ANNO TERZO 1883-84 




PALERMO 
Stabilimento Tipografico Virzì 

1884 



I' ii|ii|ii|ii|ii|ii|ii|ii|iiiii|ii|ii|ii|ii|ii!i:fìTì1TfMlfrin!T^^ 
iiliiiiiliiliilnliiliiliiiiiliiliiliiliiliiliiliiliiiiiliiliiÌHiiiliiiiirjn^i|jJ^i_^^ 



ELENCO DEI SOCII 



S. A. R. il Conte di Fiandra — Bruxelles. 

Abeille de Perrin Elz. Place des Palmiers 11 — Hyéres (Var.). 

Academy of Natura! Sciences of — Philadelphia. 

Agricoltore Calabro-Siculo — Catania. 

Allery di Monterosato Marchese, Via Polacchi — Palermo. 

Amato Michele — Palermo. 

Ancey Felix, 56 Rue Marengo— Marseille. 

Andrée Edm., 21 Boul. Bretonniere— Beaune. 

Aradas D."" Salvatore, Università— Catania. 

Artibali D."" Lauro— Palermo. 

Bandi de Selve, Cav. FI. Via Baretti 18 — Torino. 

Bargagli Nobile Piero, Palazzo Tempi— Firenze. 

Bardesono Conte, Prefetto di— Palermo. 

Becker C. A. Stonehouse West Hill Putney -London. 

Bellier de la Chavignerie, Rue S. Louis 35— Evreux. 

Beltrami Vito — Licata. 

Belardi Professore — Torino. 

Berliner Ent. Zeitschrift Charlottenstrasse 37, 38 (B. Hache)— Berlin. 

Bergroth E.— Robertgasse 11— Helsingfors. (Finlandia). 

Bocca Fratelli Librai di S. S. R. ]\L— Torino. 

Bonanno Simone, Piazza Bologni— Palermo. 

Borromeo Conte Carlo, Via Manzoni 41— Milano. 

Borzi Prof. Antonio, Università — Messina. 



— IV — 

Calici Corrado Bai'Oiie — Vizzini. 
Candeze D/ — Glain-les-Lieges (Belgique). 
Calabro Lombai'do Antonino — Catania. 
Carrara Luigi Guido — per Vorno Lucca. 
Chiara Comm. P., Via Greto— Palermo, 
dolalo Professore — Termini. 
Console Angelo, Orto Botanico — Palermo. 
Costa Prof. Achille, Museo Zoologico — Napoli. 
Cosson D.'' G., Rue la Boitie 7 — Paris. 
Grippa Giovanni Prof. — Castrogiovanni. 
Curò Ing. Antonio — Bergamo. 

Dautzenberg Ph., 213 Rue de l'Université— Paris. 

De Borre A., Rue de Dublin 17 — Bruxelles. 

De Demetrio — Trieste. 

De Gregorio Marchese, Via Molo — Palermo. 

De Marchi, Gap. 4° Reg. Fanteria— Caserta. 

De Marseul Abbé, Boni. Perreira — Paris (aux Ternes). 

Demnock Geo., Editor of Psyche — Cambridge (U. S. America). 

Deyrolle Henri fils — Paris. 

Desbrochers des Loges— Ardentes.' 

De Stefani Falco Angelo, Cintorinai 28 — Palermo. 

De Stefani Teodosio, Via Alloro— Palermo. 

De Stefani G., Via Alloro— Palermo. 

Direzione del Giornale La Sicilia Agricola — Palermo. 

Direzione dello Statuto — Palermo. 

Direzione del Giornale di Sicilia — Palermo. 

Direzione del Giornale La Fattoria— Palermo. 

Doderlein Prof. P., Museo Zool. — Palermo. 

Dohrn D.'' C. A.— Stettin. 

Dokhtouroff Wladimir — St. Petersbourg. 

Dollfuss Ad., .55 Rue Pierre Charron — Paris. 

Dumolard, Libreria — Milano. 

Eppelsheim D.'" — Grunstadt. (Bair. Rheinprov.). 
Evert D.'' Ed., 79 Stationsweg — La Hàye. 



Facciola D."" Luigi, Via Cardines — Messina. 
Failla Tedaldi Luigi — 
Fauvel Albert— Caen. 



Failla Tedaldi Luigi— Castelbuono. 



Fiore Andrea Prof. — Liceo— Bologna. 

Fleutiaux Ed., 1 Rne Maliis — Paris. 

Frey Gessner, Conservateur aii Musée de— Genève. 

Friedlander & Sohn, Carlstrasse 11— Berlin. 

Gallois Joseph, Rue de Bellay 52 — Angers. 
Gabinetto di Lettura del Circolo Bellini — Palermo. 
Gabinetto di Lettura del Nuovo Casino — Palermo. 
Gelardi Prof. dell'Istituto Tecnico di— Palermo. 
Gerold & C.'^, Librai — Vieima. 
Gianelli Giacinto, Piazza Vittorio 21 — Torino. 
Grouvelle Antoine D.*" INIanif. des Tabacs — Nice. 

hizenga Prof. — Palermo. 
Istituto Forestale — Vallombrosa. 

Jeffreys J. Gedyn N. 1. The Terrace— Kensington. 
Jung Giulio, Via Alloro — Palermo. 

Kalchberg Barone Adolfo — Peuzig bei Wien. 
Kraatz D."" G., Linkstrasse 28 — Berlin. 
Kobelt D.*" W., — Schwanheim. 

Laicata C. C. Sussex Place 1 Hyde Park — London. 
Leech I. H. Holland Park 4— London. 
Libreria H. Loescher (4 copie) — Torino. 
Libreria H. Loescher — Firenze. 

Lojacono Michele Dottore, Piazza S. Spirito — Palermo- 
Lombardo Martorana Francesco — Trapani. 
Lucante A. — Courrensan— Gers. 

Miniere Ch. P., Villa des Phalenes— Cannes. 

Ministero delle Finanze (2 copie)— Roma. 

Ministero Agric, Ind. e Comm. Direz. Gen. Agric— Roma. 

Mina Palumbo Prof. Francesco — Castelbuono. 

Montadon A. L. Adm. du Doni., R. — Sinaia (V^alachie Roumaine) 

Murren Prof, de Botanique — Liége. 

Museo Civico di Storia Naturale— Genova. 



— VI — 

Ohertlìur djarles, Faulnirg de Pai'is 20— Reimes. 
Oberlliur René, Faiiburg de Pai-is 20 — Rciinea. 
Umboiii Prof. G. — Padova. 

Paulocci Marchesa Marianna S. Donato per Novoli — Firenze. 

Pai Limbo Prof. Augusto — Castel vetrano. 

Palumbo Sac. Cai'melo— Termini. 

Pantanelli Dante Prof.— Modena. 

Pedone Lauriel L. — Palermo. 

Perreau Pietro, Bibliotecario del R. Bib. — Parma. 

Praus Carlo, Salita Stella 47— Napoli. 

Pi'eside dell'Istituto Tecnico di — Firenze. 

Ragusa Enrico, Via Stabile — Palermo. 

Regel E. Directeur du Jard. Bot. de — S. Petersbourg. 

Regia Accademia dei Fisiocritici — Siena. 

Regio Istituto Tecnico — Reggio (Calabria). 

Reitter Edmiuid — Mòdiing bei Wicn. 

Riggio G. Dottore, Università — Palermo. 

Roùast Georges, 23 Quai de la Charité — ^Lyon. 

Salvo Cav. Giuseppe — Palermo. 

Scbmitz Carlo, Via Ricasoli 14 — Livorno. 

Schweizerische Entomologische Gesellschaft. — Schaffhousen. 

Scuola di Pomologia — Firenze. 

Scuola di Viticultura ed Enologia — Conegliano. 

Scuola di Viticultura ed Enologia — Avellino. 

Scuola di Viticultura ed Enologia — Alba. 

Seguenza Prof. — Messina. 

Senouer Cav., Ili Krieglergasse 14 — Vienna. 

Simon Eiigene, 5G Avenue Bois de Boulogne— Paris. 

Società Entomologica Italiana— Firenze. 

Societé Entomologique de Franco — Paris. 

Societé Entomologique de Belgique — Bruxelles. 

Society of Nat. Hist. of — Boston (U. S. America). 

Societé d'Etudes Scientitiques, Rue Courte — Angers. 

Societé Malacologique de France — Paris. 

Societé de Borda — Dax. 

Società di Letture e di Conv. Scicnt.— Genova. 

Società Adriatica di Se. Nat. — Trieste. 



— VII — • 

Società di Acci, ed Agric. — Palermo. 
Societas prò Fauna et Flora Fenilica — Helsingfors. 
Speciale D.*" Seb. Prof, di Chimica — Catania. 
Stazione zoologica — Napoli. 

Targioni Tozzetti Prof. G. — Firenze. 

Tellini Achille -Udine. 

Tournier Henri, Villa Tournier— Péney près Genève. 

Turati Conte Emilio, Via Meravigli— Milano. 

Treves Fratelli^ Editori — Milano. 

Vallante B. — Napoli. 

Varvaro Pojero Frane, Piazzetta Meli — Palermo. 

Verein der Freunde der Natnrgeschichte — Mecklenburg. 

Villabianca Marchesa, Porrazzi — Palermo. 

Vimercati Prof. Guido Conte — Firenze. 

Von Heyden L. Haupt. a D. — Bockenheim b. Frankfurt a. m, 

Von Emich Ritter Gustav — Budapest. 

Wartig Ed. — Leipzig. 

Whitaker Gius., Via Lampedusa — Palermo. 

Wiscott Max — Breslau. 



r /. 



^ÌIIIIi[!IIIIil!lin!!iill!l!!llllllilllllillllllllllllllllllJlllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllliin 

I ANNO III . 1 OTTOBRE 1883 N. 1. | 

I IL NATURALISTA SICILIANO | 

i GIORNALE DI SCIENZE NATURALI ^ 1 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO 01 MESE 



ABBONAMENTO ANNUALE 

Italia L. 10 

Paesi compresi nell'unione postale » /^ 

Altri paesi ...» 12 

Un numero separato, con tavole '. » 1 

» SENZA tavole Cent. 80 

Gli abbonamenti cominceranno dal 1° ni ottobre di ogni anno 

Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione 
al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 

SOMMARIO DEL NUM. 1. 

F. Baudi — Note entomologiche. '' 
Enrico Ragusa — Altre osservazioni al Catalogus Coleopterorum Europae et 

Caucasi. 
T. De-Stefani — Miscellanea Imenotterologlca (cont. e fine). 
Enrico Ragusa — Nota sui Brachinius Joenius e Siculus. 

G. Seguenza — Il Quaternario di Rizzolo (cont.). 
L. Facciola — / giovani del Gonostoma denudatam. 

G. Riggio — Le piante insettivore e la funzione clorojillica della Drosera ro- 

tundifolia. 
A. Minà-Palumbo — Lepidotteri Druofagi (continua). 



PALERMO 
Stabilimento Tipografico Virzì 



'"1883 



ANNO III. 1 OTTOBRE 1883. N. 1. 

iTNlìmAus^rrsmÌANo 



NOTE ENTOMOLOGICHE 



I. Sugli Eteromeri di Sicilia. 

Zophosis pimctata Br. : oltre la var. sicula rinvenni presso Trapani alcuni 
esemplari che ne differiscono e che pel corpo leggermente bronzato, sensibilmente 
più attenuato verso 1' estremità posteriore e pella punteggiatura delle elitre piìi 
forte vanno rapportati alla var. Maillei Sol. 

Erodius neapolitanus Sol. var. siculus Sol. : fra i numerosi individui rac- 
colti presso Mondello ed anche a Trapani alcuni maschi hanno appena visibile 
ed assai obbliterata la fossetta piligera del prosterno, caratteristica di questo sesso. 
La var. vicinus Sol. è pure ovvia in dette località ed a Marsala. 

Pachychila Dejeanii Besser, specie non solo molto variabile nella statura, ma 
anche nella seoltura del corpo : d'ordinario maggiore nelle regioni montuose, pili 
lucida e levigata, a punteggiatura superficiale; talora nelle regioni basse più pic- 
cola , colla punteggiatura del torace assai più forte e più profonda e cosi più 
densa. 

Scaurus aegyptiacus Sol. : un esemplare femmina dei dintorni di Trapani è 
consimile alla varietà di Sardegna pelle costole dorsali delle elitre poco elevate, 
ma distinguesi pel torac più attenuato posteriormente, più fortemente punteg- 
giato, massime nella metà posteriore. 

Asida syriaca AH. : di questa specie , che già designai vivere nell' Isola di 
Malta, ricevetti un esemplare raccolto presso Palermo, che presenta pure tutti i 
caratteri di questa specie, è una femmina di grande statura. 

Gonocephalum terrosum Kùst. : nella collezione del Pro^ A. Palumbo osser- 
vai un esemplare raccolto in Sicilia che parvemi identico ai terrosum di Sardegna. 

Lichenum variegatum Kùst. : specie ovvia presso Trapani che varia colle eli- 
tre a squame ora variopinte, ora uniformemente bigio-biancastre. 

Cossyphus tauricus Stev. : specie da annoverarsi fra le italiane , dacché ne 
vidi diversi esemplari raccolti dal Capitano De Marchi nei dintorni di Roma, e 
ne ebbi pure un individuo di Sicilia (1). 



(1) Già nel 1876 Bui. Soc. Ent. Ital. , nei Resoconti delle adunanze, pag. 29, 
venne pubblicata una mia lettera^ ove dicevo di aver preso il C. tauricus Stev. 
in Sicilia, alla Navurra presso Altavilla. E. Ragusa. 



- S - 

Helops (Catomus) gihhithorax Gemm. trovaf^i anche in Sicilia, d'onde sinora 
ne vidi due soli esem])lari. 

H. (Stenomax) exaratus Gemi. : quasi tutti gli individui che vidi di Sicilia 
variano pelle elitre a strie più profonde ed inlervalli più convessi che in quelli 
di Dalmazia ed lUiria. 

H. (Nalassus) pallldus Curtis : alquanti esemplari raccolti dal Prof. A. Pa- 
lumbo presso Trapani differiscono da quelli di Spagna e della Francia meridio- 
nale pel torace un po' più largo, più arrotondato ai lati, ad angoli posteriori più 
ottusi (1). 

Gevandrius oetnensis Rottbg. : dall'esame dell'unico esemplare di questa specie 
gentilmenle comunicatomi dal sig. Ragusa, il quale concorda esattamente colla 
descrizione datane dal Rottenberg , il cui esemplare tipico mi si riferì esser an- 
dato distrutto, mi risulta esser esso una vera Cistela (ora Pseadocy stelo) , che 
pel complesso di sua struttura , benché somigliante d' aspetto ad alcune Cistele 
esotiche, dovrebbe rapportarsi al sottogenere Gonodera Muls. L' esemplare sici- 
liano del sig. Ragusa, rinvenuto presso Castelbuono, è un maschio , ed ebbi la 
ventura di trovarne uno identico, femmina, sbattendo i rami (\\\\\'Ahies pedi- 
nata V anno scorso nella valle del Pesio nelle Alpi marittime. In ambedue gli 
esemplari emergono distinte le estremitcà degli organi sessuali; nel maschio i tre 
primi articoli dei tarsi anteriori non sono dilatati, però sono meno esili che nella 
femmina. 

In entrambi scorgo l'aspetto ed i caratteri distintivi del genere Cistela , com- 
preso quello delle unghie dei tarsi denticolate quasi a pettine : le antenne soiio 
filiformi , cogli articoli 4-7 nel maschio leggermente dilatati verso 1' estremità , 
cilindrici nella femmina, l'articolo terzo men lungo che il quarto : il torace quasi 
tronco alla base, cogli angoli posteriori non curvati all' indietro, ma acuti e lie- 
vemente sporgenti lateralmente ; il penultimo articolo dei tarsi senza appendice 
membranosa. Distinguesi dalle specie nostrali del gruppo delle Gonodera pella 
struttura del torace , come è descritto nel Berliner Ent. Zeit. 1870 , pag. 236 , 
non come è raffigurato nella tav. II , fig. 7, nella quale la forma del torace è 
affatto sbagUata : inoltre il corpo al disopra e coperto d' una villosità non guari 
sottile, gialliccia, ed il fondo delle elitre é chiazzato di macchie brune somiglianti 



(1) Nel recente Catalogo dei Coleotteri d' Ein-opa e Caucaso 1883 vedo ripro- 
dotto a pag. 136, colonna 1, il uomo di ptcìpes KiJst. invece di picipes Bon. sog- 
giunto come sinonimo del Stenomax piceus St. , lapsus calami che notavasi già 
nel precedente Catalogo Stein et Weise a pag. 121 , col. 1. Inoltre debbo sog- 
giungere che l'/fe/o/is (Nalassus) alpigradus di recente descritto dal signor Fair- 
raaire negli Annali della Soc. Ent. di Francia 1882, p. CLXIX, che non solo tro- 
vasi nelle adjacenze del Monviso, ma ben più frequento nello Alpi marittimo, in 
particolare suW Abies pectinata , a parer mio non sarebbe che una forma alpina 
dcWEcoffeti Kùst. di Francia o dei Pirenei. 



— 3 — 

a quelle di alcuni ErirJiinus. La punteggiatura del capo e del torace è piuttosto 
forte e rugosa, la superfìcie di questo è assai disuguale, cioè con varie impres- 
sioni, quali ne presentano pure le elitre nella loro metà posteriore. 

Gerandrius oculatus Bandi : dopo nuovo esame dell'esemplare descritto, rin- 
viatomi dal sig. Ragusa, e mediante il confronto di altre specie di Helopidi per- 
venutemi posteriormente, mi sono convinto appartenere esso al genere Helops e 
piti particolarmente al sotto-genere Caiomus Ali. , da collocarsi metodicamente 
presso gibbithorax o sphoericollis , benché il suo corpo sia priv'o di villosità , 
probabilmente perchè esemplare logoro ed in parte mutilato. Dalle due or citate 
specie dilTerisce pella statura del doppio maggiore, pel corpo affatto nero e pelle 
strie delle elitre molto fine , formate di serie di piccoli punti in gran parte ob- 
lunghi, il loro orlo marginale sensibilmente bisinuoso all'altezza del terzo e quarto 
anello dell'addome. 

Nel complesso di sua struttura ha l'aspetto d'un grosso Nephodes depilato, ed 
è appunto per tale aspetto, pei suoi occhi grossi, trasversali, piìi approssimati fra 
di loro al disopra che non lo siano d'ordinario negli Helops, come pure ])el suo 
metasterno piuttosto lungo e per altre poco importanti modificazioni di struttura, 
che prestuisi lo si potesse ravvicinare al Gerandrius del Rottenberg , indotto 
anche in errore dalla figura data deWoetnensis , sbagliata come dissi di sopra. 

Dal fin qui detto ne risulta che a mio avviso il genere Gerandrius dovrebbe 
annullarsi per riguardo alle specie oetnensis che è una vera Cistela {Pseudo- 
cistela) ed all'ocaZa^as che è un vero Helops, resta la sp. sardiniensis Ali. che 
vedo anno\"erata fra i Gerandrius nel recente Catalogus Coleopterorum Europae 
et Caucasi ed. Ili 1883, specie di cui sinora non conosco la descrizione. 

Cistela {Pseudocy stela) {Isomira) panpercula n. sp. Oblongo-ovata, testacea, 
parum dense pubescens, capite sat prothoraceque niinus dense, distincte pun- 
ctatis; elytris unistriatis, sat crebre punctatis, transversim substrigosis. 

Mas antennis simplicibus, filiformibus ; tarsorum anticorum articulis qua- 
tuor primis liaud dilatatis, infra falvo-spongiosis: abdominis segmento quinto 
apice rotundato. 

Somiglianiissima alla C. nitidula Kiesw. massime nella forma del torace: ne 
difl'erisce pel capo alquanto piii dcnsamenle punteggiato, le antenne più lunghe, 
filiformi, cogli articoli terzo e quarto uguali in lunghezza, poco più lunghi che 
i tre o quattro seguenti « che son pure uguali fra loro ; pel torace a punteggia- 
tura più rada, disugualmente distribuiti , in modo che rimangono alcuni spazii 
sul disco ed una fineetta longitudinale me lia levigati ; pelle elitre un po' meno 
allungate, più fortemente punteggiate, coi punti più profondi, alquanto più densi 
e tutta la superficie di esse più sensibilmente strigosa per traverso, la sola stria 
suturale impressa. Il corpo al disotto è rosso-testaceo ; i piedi conformati come 
nella nitidula , però i tarsi anteriori non hanno articoli dilatati , solo i quattro 
primi sono spongiosi al disotto. 

Pelle sue antenne lunghe e l' emergenza del pene 1' unico esemplare descritto 
evidentemente è un maschio, che d'altronde, benché abbia le antenne semplici, 



— 4 — 

puossi agevolmente distinguere dalla femmina della niiidula pel terzo articolo 
delle antenne non più lungo del quarto e per avere una sola stria visibile sulle 
elitre. 

Fu rinvenuta dal Prof. A. Palumbo presso Riesi. 

Ligvia hirta Lin. : alcuni esemplari raccolti in Sicilia dal sig. Albera variano 
pella loro statura assai piìi grossa; nel maschio le antenne hanno i due penul- 
timi articoli più lunghi e l'ultimo meno che nella forma del continente; il to- 
race relativamente al sesso è meno attenuato anteriormente, la sua punteggiatura 
più densa ed assai più forte : in ambo i sessi le elitre sono distintamente striate 
e la villosità più disposta per serie longitudinali. 

Notoxus hrachycerus Fald. : presso Cerda e nei dintorni di Sciarra rinvenni 
quattro esemplari femmina d'una varietà assai spiccata di questa specie. Di sta- 
tura piccola, appena uguale a quella normale del cornutus, capo e torace neri, 
meno nel primo le parti della bocca, però l'estremità delle mandibole nera, nel 
secondo il corno che è rossiccio all'estremità, anneriti quasi totalmente i femori 
e paite delle tibie : le solite macchie nere delle elitre assai dilatate e nera pure 
l'estremità delle medesime, cosichè sulle elitre non rimangono di tinta rossa che 
due linee arcato in senso opposto, riunite alla sutura, in forma di un x e presso 
l'estremità una macchia ovoide, rotonda posteriormente , trisinuosa sul davanti , 
d'ordinario non estesa sino al margine laterale. Frammezzo a questa varietà la 
forma comune è assai più ovvia. 

A^. siculus Laf. : di questa specie, che presumo poco diffusa nelle collezioni, 
non vedendola citata né dal Rottenberg , ne dai Cataloghi della colle/ione del 
Museo di Palermo, né in quello del sig. Failla , rinvenni un certo numero di 
esemplari in un canneto presso Catania, ove principalmente annidavano nella 
ascella delle foglie della canna. 

Anaspis (Lavisia) Traquii Baudi : specie da me descritta su esemplari di 
Cipro a pag. 795, 1870, negli Atti della R. Accademia delle Scienze di Torino, 
Eteromeri parte seconda , che sembra anche ovvia in Sicilia sia presso Termini 
ove ne raccolsi alcune, sia alla Ficuzza ove la trovò anche il sig. Albera in pa- 
recchi esemplari. 

Differisce per altro dagli esemplari di Cipro pel colorito del corpo sovente as- 
sai più oscuro, colle antenne imbrunite non ai soli tre, ma anche ai cinque ul- 
timi loro articoli. Facilmente riconoscibile il maschio pella forma del ventre quasi 
longitudinalmente un po' angoloso , con i singoli anelli ornati di due serie di 
peli eretti e depressi nella metà; la femmina invece, massime se depilata, s'ap- 
prossima alquanto alla Silaria varians , dalla quale , oltre alla struttura delle 
epipleure delle elitre visibili, benché tenuissime, sino all' estremità, si distingue 
però sempre ancora pella statura più piccola, onde pure differisce dalla rujitav- 
sis, nonché pel corpo più parallelo, massime pelle elitre non attenuate verso la 
base , le loro lineette trasversali più distanti fra loro , il torace un pò meno ar- 
rotondato ai lati. 

Infine di questa stessa Larisia rinvenni nel decorso mese di luglio un esem- 



— 5 — 

piare maschio sui colli di Torino, di statura un pò più forte, che quelli di Cipro 
e di Sicilia, coi piedi, antenne e capo testacei, quest'ultimo sul vertice ed il to- 
race bruni; sugli anelli ventrali ben sviluppate le serie di peli eretti neri, carat- 
teristica della specie. 

A. (Silaria) scapularis Emery : ne trovai quattordici esemplari lungo la spiag- 
gia del lato occidentale di Catania su fiori d'un'ombellifera che cresce fra le roc- 
ce vulcaniche. Fra essi variano alcuni esemplari maschi pel torace leggermente 
abbrunato sul disco , in altri la macchia omerale delle elitre è poco distinta , si 
riconoscono per altro dalla varians pella pubescenza meno fina, di colore gial- 
lognolo e pelle lineette trasversali delle elitre meno approssimate fra loro che in 
detta specie, in cui la pubescenza è assai più fina e nericcia. 

Del genere Mordellistena, oltre le specie più ovvie nel continente italiano, rin- 
venni a Catania la nana Motsch., la parvula Gyll. presso Palermo, la confinis 
a Trapani ed a Lentini , 1' episternalis più abbondante in diverse località del- 
l'isola. 

Stenalia hisecta n. sp. Elongata, atra, elytris iestaceis , nigro-marginatis , 
aureo-sericeis; pygidio crassiusculo; pedum posticorum tihiis validis, strigis 
duabus ohliquis, una superiore integra, altera media dimidiata, tarsorum ar- 
ticulo primo striga sat conspicua notatis ; oculis limbo capitis postico conti- 
guis; epimeris metasterni basi latis, intus valde rotundatis. Long. 4 mill. 

Affine alla Testacea , ma proporzionalmente più robusta , meno allungata e 
meno ristretta posteriormenle. Ne difl'erisce pel capo un pò più grosso, gli occhi 
onninamente contigui al leml)o posteriore del capo, come nelle genuine Mordel- 
listena; pel torace relativamente più lungo, le elitre un pò meno allungate, te- 
stacee, coi margini laterale e suturai- , nonché una macchia quasi quadrata su 
ciascun omero ed all' incirca il quinto apicale neri , coperte d' una molto meno 
fina e meno densa villosità di bella tinta dorata; il corpo al disotto è ornato di 
pubescenza bianco-argentea nn pò meno hna che nella testacea , sull' addome 
detta pubescenza scorgesi pure alla base ed ai lati del primo anello, nonché in 
macchie progressivamente minori sui lati dei quattro segmenti anelli, sul rima- 
nente dell' addome è nericcia. I piedi postei'iori sono assai robusti , massime le 
tibie, le quali oltre il solito intaglio subapicale ne portiino altri due obliqui , il 
primo al terzo anteriore, che attraversa tutto il lato esterno della tibia, l'altro al 
terzo posteriore limitato alla metà della larghezza della tibia; il primo articolo 
dei tarsi posteriori porta pure un intaglio ben distinto poco lungi dalla sua estre- 
mità. 

Le epimere del metasterno sono appena d'un terzo più lunghe che larghe alla 
base, ivi più larghe che nella testacea, di forma consimili a quelle della brunnei- 
pennis Muls. specie che ritengo distinta dalla testacea; ma il loro lato interno è più 
arrotondato e conseguentemente appare più acuminato posteriormente. Non ostante 
la contiguità degli occhi col lembo posteriore del capo , di cui non rimane più 
che un tenuissimo filo, tuttavia avuto riguardo alla forma generale del corpo e 
delle epimere in particolare, credo debba anno\'erarsi fra le Stenalia. 



— 6 - 

Mi fu inviata ad esaminare dal sig. Teodosio De-Slefani , che la raccolse in 
Sicilia. 

Del genere Canthavis (1) oltre la vescicatoria trovansi in Sicilia la Bassii , 
la segetum ed anche la Perroudi di cui ricevetti un esemplare come di Sicilia 
col nome di segetum, sotto il qual nome sinora ricevetti sempre delle Bassii. 

La segetum, di cui posseggo soltanto esemplari di Algeria è più allungata che 
le due affini or citate, meno però che la vescicatoria, ha il capo relativamente 
piccolo, però poco arrotondalo alla base, quivi quasi smarginato e meno densa- 
mente punteggiato, i femori posteriori non ingrossati. 

La Bassii ha pure il capo piccolo, quasi regolarmente arrotondato alla base, 
ai suoi lati posteriori non più largo che gli occhi; il torace è mediocremente ar- 
rotondato ai lati, ma presso la base leggermente ristretto da un'impressione obliqua 
laterale, perlochè pare dipoi si dilati alquanto nell'orlo basale; lo scudetto i; pres- 
soché uniformemente arrotondato ed uniformemente punteggiato. 

La Perroudi ha forma consimile alla Bassii, ma il suo capo è più largo, co- 
sichè alla base pare sopravanzi in larghezza gli occhi, è quasi tronco e smargi- 
nato alla base ; il torace è lateralmente più retto nei suoi due terzi posteriori , 
sono appena visibili le impressioni laterali sui fianchi di esso presso l' orlo ba- 
sale; lo scudetto ò visibilmente smarginato ai lati verso la metà quindi arroton- 
dato, impresso nel mezzo da una lineetta longitudinale liscia che dalla base ar- 
riva sin presso la metà di sua hmghezza. Come la Bassii ha i femori poste- 
riori sensibilmente ingrossati, arcati nel loro lato superiore. 

Per lo più il capo sul vertice ed ai lati, il torace, le epimere e parte dell'ad- 
dome sono di tinta aurea, o di rame metallescente più o meno spiccata. 

Dello Sparedrus Orsinii Costa ho trovato presso Castelbuono un esemplare 
di forte statura e di colore bruno-testaceo. 

Mijcterus pulverulentus Kùst. : è ovvia in Sicilia una varietà di questa specie 
che distinguesi particolarmente dagli esemplari che finora vidi di Sardegna ed Al- 
geria pel torace nel maschio assai meno densamente punteggiato, cosichè una parte 
degli interstizii di esso appaiono nitidi, meno elevato sul suo disco anteriormente, 
più visibilmente compresso ai lati. Le antenne d' ordinario non sono completa- 
mente testacee come in quelli, ma ora hanno i due primi articoli bruni, ora sono 
brune con un anello basale rossigno , i palpi mascellari per lo più sono picei , 
coll'ultimo articolo talvolta rossigno alla base, alquanto più lungo che negli esem- 
plari sardi; le tibie e tarsi bruni, od oscuramente picei: il quinto anello ventrale 
è solo impresso a cadun lato d'un canaletto longitudinale obliquo, più corto e 
più profondo. La femmina è poco dissimile da quella degli esemplari sardi, ma 



(1) Nell'Agro Romano odia Calabria sombra ovvia una varietà del Li/duS trl- 
maculatus Fabr. le cui elitre .sono affatto prive di macchie, uniformemente testa- 
cee, coperte di villosità bianca alquanto più lunga, che nella forma genuina, 



— 7 — 

ha r ultimo articolo dei palpi mascellari più gracile clie in quelli , le tibie ed i 
tarsi di tinta rosso- testacea più chiara, il quinto anello ventrale più evidentemente 
smarginato ai lati presso l'estremità, col lobo medio apicale qaasi angoloso, come 
pure il solco che contorna il lembo dello stesso anello nella sua metà è piegato 
quasi ad angolo. Denominai in collezione siculus questa varietà. 

II. Sugli Agabus chalconotus Panz. e fusco-aenescens Regimb. 

Nel N. 10 dell' anno 1882 a pag. 227 del Naturalista Siciliano a proposito 
dell' Agabus fusco-aenescens Regimb. il signor Ragusa (1) osserva che presu- 
mibilmente questa specie fu sinora confusa e creduta il chalconotus Panz. e che 
è assai facile che questa confusione sia stata fatta con quelli rinvenuti in altre 
parti d'Itaha. In noia poi aggiunge a convalidare il suo asserto , che ricevette 
dal sig. A. Palumbo un Agabus fusco-aenescens col nome di chalconotus scrit- 
tovi da me. 

Osserverò a questo riguardo che tengo in collezione un Agabus d'Inghilterra 
datomi dal Curtis col nome di chalconotus , un altro di Nizza marittima e pa- 
recchi di Sardegna controllati coi chalconotus cosi denominati da Erichson, fra 
le cui mani passò la collezione sarda del R. Museo di Torino. Che alcuni anni 
fa ricevetti dal sig. Albera una ventina circa di Agabus, i quali mi presentarono 
tutti i caratteri di forma, scoltura e colorho identici ai chalconotus della mia col- 
lezione, solamente questi esemplari di Sicilia sono di statura un pò più forte che 
quelH di Sardegna. 

Esaminati nuovamente quanti maschi mi trovai ancora di possedere, in ninno 
di essi potei riscontrare i caratteri essenzialmente distintivi d'esso sesso, quali 
sono designati dal Regimbart pel suo fusco-aenescens , in particolare le unghie 
dei tarsi anteriori molto incurvate e l'ultimo anello dell'addome puntato- strigoso 
nella sua metà posteriore. In tutti essi le unghie dei tarsi anteriori sono bensì 
più arcate che nella fennnina, ma non possono dirsi molto curvate, l'ultimo anello 
dell'addome è bensì soxente raggrinzato o coperto d'una specie di reticolatura so- 
migliante ad una vernncolazione, ma non puossi perciò dire ne strigoso ne striato. 
Inoltre ho al presente davanti agli occhi 1' esemplare del sig. Palumbo da me 
designato per chalconotus e ninna differenza posso in esso trovare dai miei, se 
non che desso è un individuo non completamente maturo, che perciò ha di tinta 
bruna più chiara la bocca, la parte anteriore del capo, i lembi laterali del torace 
e delle elitre, ma nello stesso tempo è un esemplare logoro, mancante di alcuni 
piedi, di tutti i tarsi anteriori, che nulla meno dall'insieme del corpo e dall'ul- 
timo anello dell'addome levigato riconosco per femmina. 



(1) Correggasi la citazione del 1873, poiché la descrizione della detta specie sta 
negli Annali della Soc. Ent. di Francia a pag. CXLVIII dol bullettino del 1877. 



- 8 - 

Infine ebbi dal sig. Ragusa stesso comunicazione dell' Agahus denominatogli 
dal sig. Regimbart per fusco-aenescens, tipico secondo il sig. Ragusa, ed in esso, 
che è un esemplare maschio , non seppi rinvenire alcuna importante differenza 
dai miei, nò riscontrarvi i caratteri che alla detta specie attribuisce il citato au- 
tore , come del pari lo trovai conforme ad un esemplare maschio dell' Agahus 
chalconotus proveniente dall'Austria, fornitomi dal sig. Reitter. 

Flaminio Baudi. 



ALTRE OSSERVAZIONI AL CATALOGUS COLEOPTERORUM 

EUROPAE ET CAUCASI 



Principio col correggere due gravi errori di stampa incorsi nel mio primo 
articolo , ove sì stampò Catalogus Coleopierum invece di Coleoptcrormn , e 
là dove dicevo che la Nehria var. Sicilia Chaud. andava messa come va- 
rietà della brevicoUis F. , misero la v. dopo la parola della, cambiando la 
frase in varietà della v. brevicoUis F. 

Nei Bembidion {Peryphus) manca presso la var. luridipes Gaut. il sa- 
phireum descritto dal Gaut. come di Sicilia. 

Fra i Dyschirius manca l' attenuatus Putz. specie d' Algeria o del Ma- 
rocco, trovata in Andalusia dal Cav. Baudi {Nat. Sic.^ pag. 84, Anno I). 

Fra i Zabrus manca il politus Gaut. d'Anatolia. 

A pag. 31, colonna 2'^, linea 11, figura un Agahus fiiscoaeneus Regimb. 
invece di fusco-aenescens. 

Già nella 2'' edizione del Cat. Stein e Weise, era notata una Boìitocliara 
var. bicolor. Ragusa, riportata credo dal Cat. dei Col. d' Italia del Dottor 
Stef. de Bertoliui, che citava una B. bicolorata Ragusa, da me difatti co- 
municatagli ma non descritta, perchè trovata poi identica alla hmulata 
Payk. 

Si è omessa fra le Phalerie la cadaverina Fabr. 

L' Anthicus blandulus Baudi è una varietà del minutits Laf., e non una 
specie distinta. 

La Mordella pahnae Emery e Varadasiana Patti, sono due specie dedi- 
cate a persone, bisognava dunque scrivere Falmae e Aradasiana. 

Enrico Ragusa. 



— 9 — 



MISCELLANEA IMENOTTEROLOGICA 



(Cont. e fine V. N. prcc). 
Pelopaeus, Lat. 

Dirò ora di un caso dì parassitismo, a mio credere di somma importanza, 
osservato in una specie di Pelopaeus ; ma accennerò prima allo Stilhiim 
splendiduni , Fab., che quest'anno (1883) nel mese di maggio ho ottenuto 
in sei esemplari da un nido di P. destillatorms, Latr. che avevo raccolto nel- 
l'està dell'anno precedente. Noto pure che il 26 agosto 1882, in un con- 
dottino di un vecchio nido del P. spirifex, Fabr., trovai dieci ditalini della 
Megachile argentata , Fabr., i quali a 2 luglio 1883 mi diedero tre esem- 
plari dell'insetto perfetto. Una femmina per venir fuori dalla seconda col- 
letta, ha forato il fondo del ditalino soprastante, venendo ad uscire dall'aper- 
tura superiore della prima cellula. 

Ma il fatto più importante di cui voglio parlare, è quello, d'avere otte- 
nuto da un nido di Pelopieus una femmina della Sitaris muralis^ Forst. 

Si è saputo sempre che le larve delle meloide vivono esclusivamente a 
spese degli imenotteri melliferi. Alcune di queste larve si tengono nascoste 
nel calice dei fiori, sui quali si sono arrampicate appena uscite dall' uovo, 
che la madre ha deposto sul terreno : appena un insetto entra a bottinare 
su quei fiori, ecco le larvette all'assalto, ed attaccandosi saldamente ai peli 
di quello vi si mantengono sino al momento opportuno in cui devono ab- 
bandonarlo; altre larve si tengono nascoste nella stessa galleria dell'insetto 
di cui sono i parassiti e si attaccano ai suoi peli appena ne esce , o vi 
rientra per riparare da un acquazzone o da una cattiva giornata. In un 
modo nell'altro l'industre insetto porterà sul dorso il distruttore della sua 
razza e con l'uovo lo deporrà nel proprio nido. 

Per le sagge osservazioni di M."" Fabre , di M."" Newport e di altri lo 
sviluppo di qualche meloide è stato studiato su alcuni melliferi nei più mi- 
nuti particolari, ed a nessuno è mai venuto in mente che queste larve po- 
tessero vivere a spese di un insetto non mellifero. 

Come spiegarsi adunque la presenza d' una Sitaris muralis , chiusa nel 
suo bozzoletto, entro il condottino d'un nido del Pelopaeus spiri/ex? 

Ecco il fatto che io non ho saputo spiegarmi e sul quale sono costretto 
fare alcune considerazioni. 

// Naturalista Siciliano^ Anno HI, S 



- 10 — 

Da un nido del P. spiri/ex, Fabr., raccolto il 28 agosto 1882 ne ottenni 
dopo alcuni giorni una femmina della S. nmralis, Forst., che di già io avevo 
osservato nel condottino del Pelopaeus chiusa in un bozzoletto trasparen- 
tissimo, al momento che ne raccolsi il nido. Questo fatto, come è ben na- 
turale, mi parve stranissimo, tanto che non volevo prestar fede a' miei pro- 
pri! occhi. 

Sul proposito ho voluto consultare le osservazioni di M.' Newport , di 
Valéry Mayet e di M.'" Fabro , per vedere se mai essi che con tanta pa- 
zienza e sagacia hanno scoperto il parassitico processo delle larve di me- 
loide, avessero mai fatto una simile osservazione ; ma nessuno di loro ac- 
cenna a qualche cosa di consimile, o tutto al più, si citano alcune di que- 
ste larvetto osservate sul corpo di una Ammobilila hirsuta e di altri insetti 
non melliferi; ma si ritiene che in questo caso le larvette si siano ingan- 
nate e che presto o tardi devono perire, imperocché V Ammopliila hirsuta^ 
per esempio, non approvvigiona i suoi nidi che di bruchi e non vi accu- 
mola punto miele; ma anche i Pelopaeus non raccolgono miele e forniscono 
i loro nidi di ragni. 

Ora il fatto dì avere ottenuta la Sitaris muralis dal nido del Pelopaeiis 
è già la prova che essa non si è ingannata, essa in quel nido ha dovuto 
trovare le coudizioni adatte al suo sviluppo, e se non vi ha rinvenuto del 
miele , ha bensì trovato un piccolo uovo sufficiente per assicurare la tra- 
sformazione della prima e coriacea larva nella seconda bianca e mollìccia; 
ma questa qui non può nutrirsi del miele deìVAnlopJioraj del nettare tanto 
micidiale (secondo M." Fabro) alla larvetta nella sua prima forma, e tanto 
utile e necessario nella seconda : Essa invece non ha d'attorno che brutti 
ragni. Per questo io credo che anche le larvo della meloe non si siano pro- 
babilmente ingannate attaccandosi ai peli deW AinmoijJiila, benché non si sia 
provato che si sviluppino nel nido di questa sfegide. 

Intanto come farà oggi la larvetta della Sitaris per compire le altre me- 
tamorfosi, che ancora le rimangono per giungere allo stato d' insetto per- 
fetto ? 

Io non lo so. 

Ecco il fatto da me osservato, ecco le considerazioni che io ne ho tratte; 
ai più assidui osservatori dei misteri di natura, la conferma di quanto ho 
esposto, ai più sagaci la spiegazione del fatto. 

Cryptocampus saliceti, Fall. 

Posseggo una. femmina di questa specie, che offre la stessa particolarità 
del Cryptocamims nif/ricornis di Hartg. cioè, le cellule cubitali delle ali an- 



— 11 - 

tenori compariscono come due soltanto, però all'ala destra la prima venetta 
transverso-cubitale si accenna visibilmente in modo che l'altra cellula esi- 
ste , ma resta incompletamente chiusa. Da ciò chiaramente si rileva che 
questa particolarità non può ritenersi come carattere s])ccifico, ma sibbene 
come una semplice anomalìa, e di conseguenza credo, che il C. nigricornis 
di Hartg, deve considerarsi come sinonimo del fuscicornìs dello stesso au- 
tore, dal quale non differisce in nulla. 

Dalerus pratensis, Linn. n. var. testaceus. 

I maschi che io posseggo di questa specie si allontanano dal tipo per la 
colorazione dell'addome; questo, salvo il primo segmento, e testaceo senza 
traccia alcuna di color nero sopra gli ultimi due o tre anelli. 

Questa varietà potrebbe distinguersi con la seguente frase diagnostica: 
Segmeìitis abdominis : nigro primo^ testaceis vero aliis. 

Emphytus Viennensis, Schk, n. var. nigricoxis. 

Si la femmina che il maschio di questa specie, almeno a giudicare dagli 
individui siciliani, offrono alcune differenze dal tipo; differenze tali da po- 
terci autorizzare alla creazione d' una varietà. Tutti gli esemplari da me 
raccolti mancano dei due punticini gialli al vertice , di più il terzo e la 
base del quarto articolo delle antenne sono neri e non testacei come nel 
tipo, inoltre al torace sotto l'inserzione delle ali si scorge una macchietta 
gialla ; ma il carattere pii^i spiccato per cui si può distinguere questa va- 
rietà , si è la colorazione degli ultimi due paia di cosce , che sono nere 
quasi sino al ginocchio , come nel paio anteriore del tipo. Così , dicendo 
Coxis intermecUis , posterioribusque nigris è sufficiente a far riconoscere la 
varietà, e volendo anche semplificare ancora si potrebbe dire semplicemente 
Coxis nigris. 

Fra gli individui di questa varietà, posseggo uu esemplare maschio, che 
all'ala superiore destra manca della venetta transversale alla cellula lan- 
ceolata, e presenta ancora una sola cellula radiale. 

Come ben si vede diversi esempii ci dimostrano , che anche i caratteri 
creduti i più costanti sono negli insetti , molto soggetti a variare , ed io 
credo essere cosa ben fatta l'andare notando tutte queste anomale partico- 
larità, perchè esse possono spesse volte, trovandosi riunite sopra un solo 
individuo , creare molte difficoltà e delle false determinazioni. Anche un 
esemplare di Selandria serva Q presenta, sempre all'ala destra, un'anomalia 
consimile, stantechè vi sono soltanto tre cellule cubitali, e ciò per l'obli- 
terazione della seconda venetta transverso-cubitale. 



- 12 



Allantus viduus, Rossi, n. var. unifasciatus. 

L' Allantus vidims in molti individui manca delle due macchiette gialle 
al quarto anello addominale, ed è sì comune questo caso, che è bene di- 
stinguere con un nome gli esemplari così coloriti; perciò propongo di ele- 
vare questi individui al grado di varietà e distinguerli col nome di unifa- 
sciatus; volendo indicare che T addome ha una sola fascia gialla e tutti 
gli altri anelli completamente neri. 

Altri individui di questa specie mancano di una sola macchietta ed essi 
sono da considerarsi come i passaggi della specie alla varietà; ne posseggo poi 
un esemplare Q in cui sì il terzo , che il quarto anello addominale sono 
completamente neri; ma un solo individuo non lo credo sufficiente per creare 
una seconda varietà , noA essendo esso neanco simile a quello di cui ci 
parla il P. Or. Costa, nella sua Fauna del Regno di Napoli, dal quale dif- 
ferisce per avere le tibie biauchìcce come nel tipo. 

Allantus Frauenfeldi, Giraud, n. var. montanus. 

Tutti gli individui di questa specie che io ho raccolto nell' isola, hanno 
il quarto anello addominale completamente giallo , mentre è sempre nero 
nel tipo. Questa varietà, che d'altronde trovasi anche in altri paesi d'Eu- 
ropa e con frequenza, io la chiamerei montanus, perchè i primi esemplari 
che ho raccolti l'ho t 'ovato lungo le sponde di un ruscelletto ai pie d'un 
monte. Questa varietà differisce ancora dal tipo Frauenfeldi per avere le 
anche, i trocanteri e le cosce del secondo e terzo paio di piedi neri. 

Phoenusa Doderleini, n. sp. 

P. nif/ra, glabra. Antennis fidvis , suhtus testaceis ; clypeo , labro, imrti' 
busque oris luteis, mandihidis fuscis. Thorace nigro, cuius pronoto et tegulis 
albis, mesotliorace ac e2mneris luteis. Pcdihus luteis, trocanteris fidvis. Alis 
jalinis , stigmate pallido , nervulis fuscis. Abdomine nigro. d'9 Long. 4 '"°'. 
circa. 

Questa Phoenusa V ho raccolto in cinque esemplari nel mese di aprile 
di quest'anno (1883), essa non si avvicina a nessuna delle specie de- 
scritte nella monografia dell'Ili. André di Beaune e perciò la ritengo come 
specie inedita. È dessa un insettuccio di un nero lucente, liscio, con le an- 
tenne brune di sopra e testacei sotto; ha il clipeo, il labro e le parti boc- 



— 13 - 

cali gialle , le mandibole nere. Il torace è pure nero , ma il pronoto e le 
tegole sono d'un bianco di sale, il mesotorace porta due lineette gialle ed 
una grande macchia dello stesso colore al disotto dell'inserzione delle ali, 
queste sono jaline con lo stigma chiaro e le nervature bruuastre; l'addome 
è nero. 

Ho voluto dedicare questa bestiolina al Prof. Cav. Pietro Doderlein in 
segno di stima e di rispetto. 

Teod. De-Stefani. 



SUI BRACHINUS JOENIUS E SICULUS 

DI M. ZUCCARELLO PATTI 



Nell'accademia Gioenia di Catania, del 15 dicembre 1844 il signor Ma- 
riano Zuccarello Patti leggeva una sua memoria " Sopra due nuovi insetti 
Siciliani appartenenti al genere BracJiimts. „ 

Nessuno si occupò allora delle descrizioni che 1' autore ne dava , e re- 
starono nell'oblio sino all'aprile 1870, allorché il chiarissimo sig. Crotch 
inviava una copia delle diagnosi latine, al sig. de Marseul, che le pubbli- 
cava nel settimo volume del suo giornale VAheille, aggiungendovi che dette 
descrizioni indicavano chiaramente non trattarsi di veri Brachini. 

Avendo ora io studiato questo gruppo per pubblicare le specie di Sicilia 
nel mio catalogo sinonimico, per più di un mese ho perduto il mio tempo 
con queste due descrizioni del Patti, che invano ho cercato di coiifroatare 
non solo con dei Bracliiiii, ma con dei Carabidi in particolare e con tutti i 
coleotteri di Sicilia in generale, senza che mi fosse riuscito trovare insetti 
che vi si avvicinino. 

La conclusione delle mie ricerche è che non solo io sono convinto che 
non si tratta di veri Brachini, come scrive il de Marseul, cosa che del resto 
è provata, là dove il sig. Patti descrivendo l'addome lo dice composto di tre 
segmenti^ u,o. dubito ancora che l'autore, di una immaginazione assai poe- 
tica, abbia ideato la descrizione d'insetti che non hanno mai esistito ! 

Non credo che il mio asserto, sembrerà strano; non essendo disgraziata- 



— 14 - 

mente la prima volta che vediamo persone affatto ignare d' entomologia 
con le loro descrizioni ingrossare le file delle specie sinonimiche. 

Difatti cosa dobbiamo noi dire dell'autore di queste due nuove specie, il 
quale principia col dirci che il nome di Braclì'mi lo ideò a lìiacere il si- 
gnor Werher f Q così di seguito, passando alle proprietà degli insetti, scrive 
che tirano dall'ano luia pistolata. Citando 1' acido che molestati esplodono 
esclama. Di qual natura è mai quest'acido singolare che racchiuso in parti 
animali viventi non li distrugge? Visi trova esso sotto uno stato particolare 
di combinazione , o diviene acido al solo contatto di un gas con V ossigeno 
delVaria ! 

Del resto sono pronto a ritirare la mia opinione se mi si prova che ia 
Sicilia vivono non solo dei Brachini^ ma coleotteri, che si assomiglino alla 
seguente descrizione che ne dà l'autore : 

I. 
Brachinus Joenius. 

Corpore et thorace viridi : elytris longitudinaliter striatis. Capite , femo- 
rihus ferrugineis. Oculis et tarsis nigris. 

Questo grazioso brachino ha il suo corpo allungato che approssimasi mol- 
tissimo alla forma del Brachinus crepitans. Ha le antenne gracilissime, lun- 
ghe, rosso-ferruginose, terminano filiformi e di color nero, sono inserite in- 
nanzi gli occhi. 

La testa sessìle al corsaletto e larghetta, e più apparisce per ragion della 
prominenza degli occhi. Il labbro inferiore dilungato, le di cui estremità 
terminano acutissime. Corsaletto di color verde lucido, allungato, rotondo, 
pili largo in avanti che in dietro, ed osservasi una piccolissima scannella- 
tura longitudinale nel mezzo o per dir meglio nella sua parte superiore 
del centro. Un piccolissimo scudetto lo munisce. Le elitre di un bel colore 
verde, strette e rotondate alla base; più larghe alle estremità e superior- 
mente si rivoltano pochissimo sullo addomine, e son marcato di strie finis- 
sime longitudinali. Addomine verde scuro, liscio, lucido, poco prominente, 
ovato quadrato, composto di tre segmenti, dei quali l'ultinio è larghetto e 
rotondo. I primi quattro piedi sono molto avvicinati : le coscio grossette nel 
mezzo, gambe di uguale grossezza in tutta la loro estensione. Tarsi a cin- 
que articoli, di color nerastro. Cosce e gambe rosso-ferruginose. Lunghezza 
totale dello insetto, millimetri nove, cioè : 

Testa millimetri due ; corsaletto mill. tre ; elitre mill. cinque. — Totale 
min. nove. 



— 15 — 

Due soli indivìdui ne ho sinora rinvenuti : uno sotto una pietra sita in 
prossimità d'acqua corrente; il secondo nell'orto di S. Maria di Gesù (vi- 
cino Catania). Il terzo mi fu mandato insieme con altri insetti dal mio 
amico Vincenzo Grosso Cacopardì, i quali, come anche il Brachino^ furono 
raccolti nelle Madonie. 

II. 

Brachinus Siculus. 

Cainte viridi, imnctatissimo. Oculis cinereis. TJiorace et scutdlo riibro- 
Jerrugineis. Eìytris fusco-viridihiis, striatis^ striis ad dimidhim : inferiiis ni- 
gosis. Ahdomine sub-rubro. Antennis pedibusqiie rubris. 

Obs.—varietas-=Antennis obscurioribus, tarsis nigris. 

La testa di questo rarissimo e vago Brachino è un po' grandetta, in ra- 
gione del suo piccolo corsaletto e di tutto il corpo. Essa è simile al bel- 
lissimo color verde , e tutta osservasi di finissimi e moltissimi punteggia- 
menti, che più bella la fanno apparire, ad occhio armato d'una lente o dal 
microscopio: la sua parte frontale è poco prominente. Gli occhi molto con- 
vessi, lisci, e circondano i lati della testa; il loro colore è oscuro-cenerino, 
e la cornea piuttosto trasparente. Palpi e mandibule rosse. Antenne fili- 
formi; il primo articolo è gracilissimo alla base e rosso ; termina di color 
nero e rotondo: le altre articolazioni rosso-scure. Corsaletto rosso, non molto 
snello, più grossetto in avanti , e marcato di una piccolissima linea longi- 
tudinale nel centro. Elitre oscuro-verdi, longitudinalmente marcate di strìe, 
le quali sono osservabili sin la metà delle elitre; laonde, il resto della loro 
parte inferiore osservasi tutto scabroso. 

Una linea rossa, ha principio dalla base centrale delle elitre, di modo 
che, ciascheduna di esse ne partecipa d'una eguale porzione; ma però, la 
linea ha fine dove incominciano le scabrosità delle elitre.— Addome rosso- 
fusco. Le anche, le cosce, le gambe e tutte le articolazioni dei tarsi, rosse. 

La lunghezza totale dello insetto millimetri nove, cioè : 

Testa millimetri due; corsaletto mill. due; elitre mill. cinque. — Tot. nove. 

Lo insetto che ho descritto lo rinvenni nel 1839 nella nostra plaja di 
Catania, propriamente sotto una pietra circondata di poca acqua. 

Nota.— Il signor Doni, sommo studioso della scienza entomologica , nel 
1843 mi complimentò molti insetti della Corsica, tra i quali uno che ad- 
dicesi al genere Brachinus, e che per molti caratteri è facile di apparte- 
nere al Brachinus Siculus, che ho descritto, è degno di osservazione. 



- 16 — 

Esso solamente differenzia perchè, ha le antenne nerastre, ed i tarsi to- 
talmente neri, e la testa un po' più piccola del Brachinus Siculus. E forse 
una distinta varietà ? 

Possa questa mia nota servire di sprone ai miei colleghi di Sicilia a tro- 
vare il vero posto sinonimico di questi due insetti, se no, lasciarli nell'oblio 
ove restarono tanto bene per 27 anni! 

Palermo 15 settembre 1883. 

E. Ragusa. 



IL QUATERNARIO DI RIZZOLO 



II. 

Gli Ostracodi. 

(Cont. Vedi Num. prec). 

Gen. AglaYa G. S. Brady. 

A. pulchella Brady (1). 

1868. Aglaia pulchella G. S. Brady. Les fonds de la raer. Voi. I, p. 94, 

tav. XII, fig. 1-2. 

Gli esemplari che rapporto a questa specie rispondono benissimo alle fi- 
gure ed alla descrizione che ne dà lo scopritore e soltanto mi è d' uopo 
notare che gli esemplari da me raccolti presentano in ambe le valve un 
carattere che non è indicato nella descrizione, cioè il margine anteriore ed 
in continuazione a questo parte del ventrale si offrono finamente dentellati. 
Siffatto carattere si presenta variamente sviluppato nei diversi individui e 
tende a scomparire in taluni. 

DlSTR. GEOGR. 

Mediterraneo — Messina (Brady). 



(1) I generi Agiata ed Arglllaecia sono riposti alla fine della famiglia del Cy 
pridac soltanto perchè furono dimenticati, il loro posto essendo invece al prin- 
cipio della famiglia stessa, perchè affini ai generi Paracypris e Poiitocr/pris, 



— 17 — 

DlSTR. STRAT. 

Rara nel quaternario antieo di Rizzo lo. 

Gen. Argillaecia G. 0. Sars. 

A. subreniforinis n. 

Tav. I, fìg. 5. 

Conchiglia oblonga, compressa, pressoché reniforme, coU'altezza che non 
uguaglia la metà della lunghezza; guardata lateralmente 1' estremità ante- 
riore si offre obliquamente rotondata; l'estremità posteriore è più ristretta, 
assottigliata, ottusa, anzi rotondata; il margine dorsale è arditamente ar- 
cuato, colla massima altezza in mezzo, declive, con una gentile curva verso 
il lato anteriore ed ancor più scosceso verso il posteriore , che è più di- 
scosto ; il margine ventrale è regolarmente ed abbastanza curvo-concavo ; 
guardando la conchiglia dal dorso ha forma compressa, ovato-oblonga, colla 
maggiore spessezza alla metà, ed uguale all'altezza, coli' estremo anteriore 
quasi acuminato, coll'estremità posteriore rotondata; guardata da una delle 
regioni estreme offre un contorno molto vicino alla forma circolare, ma 
dal lato dorsale si presenta un po' sporgente ed angoloso ; la superficie è 
levigata. 

Lmigliozza Altezza Spessore 

0,5""". 0,2°»'°. 0,2°"". 

Questo ostracode che io riferisco al genere Argillaecia ha forma inter- 
media tra VA. eburnea, Brady dell'Isola Kerguelen e VA. messanensis del 
porto di Messina, ma è perfettamente distinta dall' una e dall' altra; dalla 
prima si distingue assai bene per 1' estremità posteriore rotondata e non 
acuminata , dalla seconda la forma più gracile ed il margine ventrale ar- 
cuato la separano nettamente. 

DlSTR. GEOGR. 

Non conosciuta vivente. 

DlSTR. STRAT. 

Rarissima a Rizzo lo ! 
Il Naturalista Siciliano ^ Anno III. 3 



— 18 — 

FAIW. CYTHERIDAE 

Gen. Cythere Mùller. 
C. convexa Baird. 

1850. Cythere convexa Baird. Brit. Entom. p. 174, tav. XXI, fig. 3. 
1856. „ pmictata Jones. Monogr. Tertiaiy Entora. , p. 24 , tav. II , 

fig. b-d, f-h (non a ed e). 
1868. „ convexa Brady. Monogr. ree. Brit. Ostrac, p. 401, tav. XXIX, 

fig. 19-27, tav. XXXIX, fig. 4. 
1874. „ „ Brady. Crosskey, Robertson. Mon. posttert. Ent., 

pag. 150, tav. Ili fig. 14-17. 
1880. „ „ Seguenza. Le forni, terz. Reggio, p. 191, 288, 363. 

Questa comunissima specie offre considerevoli variazioni nella forma più 
meno rotondata , più o meno convessa , come nella punteggiatura più o 
meno grossolana, più o meno fina e variamente impressa. 

Da tali caratteri variabili ne consegue che io non posso disgiungere come 
distinta specie una forma che a prima giunta sembrerebbe distintissima per 
la fina punteggiatura della conchiglia, per una specie di larga reticolazione for- 
mata di linee rilevate, che manifestasi sulla regione anteriore e che perciò 
tale forma si collega alla C. arhorescens Brady; ma siffatti caratteri io ho po- 
tuto riscontrarli in individui in cui la regione posteriore è appena promi- 
nente come nella figura data dal Brady, ovvero abbastanza sporgente come 
nella C. convexa. Inoltre le linee ramoso-reticolate della superficie formano 
un carattere che si vede grado grado svanire da individuo ad individuo , 
che fanno così passaggio alla C. convexa. Il carattere più rilevante quindi 
colla sua incostanza perde l'importanza che gli si attribuisce. 

Il signor Brady ha già riconosciuto che la C. arhorescens non può rite- 
nersi come distinta specie e nella sua monografia degli Ostracodi d'Inghil- 
terra 1' ha associato alla C. convexa , ma poi negli Ostracodi post-terziarii 
ed in altre pubblicazioni l'ha associato alla C. cicatricosa. Io non posso con- 
venire con quest'ultima opinione per gii esemplari raccolti a Rizzolo , es- 
sendoché essi, per le ragioni di sopra addotte, si collegano evidentemente 
colla C. convexa. 

Denomino var. rizzolensis una forma che sembra ben distinta dalla co- 
mune pei suoi caratteri marcati; ma che non parmi conveniente dì disgiun- 
gere come specie per talune transizioni, che mi ha offerto. Essa è grande. 



— 19 - 

più allungata della forma comune e sensibilmente più convessa , col mar- 
gine ventrale più sinuoso , colla prominenza posteriore più sporgente. Il 
margine anteriore ed infero-posteriore sono larghi ed ornati da grandi in- 
cavi oltreché presentano una finissima stria tura radiante. 

Tra gli altri esemplari uno ve ne ha molto calcificato , il quale per la 
forma generale e por la scultura , formata di grandi pori e di piccoli in 
maggior numero, ricorda abbastanza bene la Cyiyridina Haueri del Reuss, 
ma io non credo che possa disgiungersi dalla varietà or ora descritta. 

La var. rizzolensis per la sinuosità maggiore del suo margine ventrale, 
pel largo margine che la cinge alla regione anteriore, fornito di incavi ecc. 
mostra una evidente analogia colla Cypridina galeata Reuss, la quale d'al- 
tronde è poco convessa e differisce per altre ragioni. 

In rapporto alla comune specie di cui parlo sarebbe molto importante 
definire ancora la quistione se essa sia o no distinta dalla fossile Cypri- 
dina pimdata Reuss. 

Io non possiedo argomenti sufficienti per discutere intorno a ciò , ma 
credo probabilissimo che le due specie sieno da associarsi in una. 

DlSTR. GEOGR. 

Gran Brettagna ed Irlanda, Baia di Biscaglia — Mediterraneo, Levante — 
Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Nel pliocene e nel quaternario d' Inghilterra, di Calabria ! e dì Sicilia ! 
— A Rizzolo è molto comune e variabile ! 

C. cicatricosa (Reuss.). 

1849. Cypridina cicatricosa Reuss. Die fossilen Entom. Oest. tert. , p, 27, 

tav. IX, fig. 21, a, b. 
1852. Cythere cicatricosa Bosquet. Ent. foss. tert. , pag. 76 , tav. Ili , 

fig. 13. 
1874. „ „ Brady. Crosskey, Robertson. Mon.post-terz. Ostr., 

p. 150, tav. m, fig. 14-17. 
1878. „ „ Brady. Mon. Ostr. Antwerp Crag.,p. 387, tav. 

LXIY, fig. 3a— 3d. 
1880. „ „ Seguènza. Form. terz. Reggio, p. 191 e 288. 

Questa specie è molto affine alla precedente, tanto che il sig. Brady dap- 
prima l'avea associato a quella; ina oggi generalmente si tiene distinta pel 



— 20 



margine dorsale molto più curvo, per la regione posteriore non prominente e 
per altre note distintive di minor valore. 

DlSTR. GEOGR. 

Pare che non sia conosciuta vivente. 

DlSTR. STRAT. 

Nei terreni terziarii di Francia e di Germania , nel pliocene e quater- 
nario d'Inghilterra, del Belgio, e dell'Italia meridionale ! — Rara a Rizzolo ! 

C. Speyeri Brady. 

1868. Cytliere Speyeri Brady. Ann. and Mag. Nat. Hist. , ser. 4, voi. II, 

p. 222, tav. XV, fìg. 8-11. 
1868. „ „ Brady. Les fonds de la mer, tom. I, p. 99, tav. XII, 

fig. 8-10. 
1880. „ „ Brady. Rep. Chall., pag. 79, tav. XX, fig. 2, a-f. 

La C. Speyeri è stata raccolta nel Mediterraneo per la prima volta , la 
sua convessità, la sua scultura ed altri particolari la distinguono dalle due 
precedenti. I pochi esemplari da me raccolti offrono quasi tutti più o meno 
sviluppata rudimentaria hi spina che suole osservarsi verso la regione 
posteriore del margine ventrale. 

DlSTR. GKOFR. 

Tenedos, S. Vincenzo, Capo Verde, Isola doll'Ascenzione, Colon e Nuova 
Provvidenza. 

DlSTR. STHAT. 

Quaternario di Rizzolo! 

C. cimbaeformis n. 

Tav. I, fìg. 6. 

Conchiglia piccola, negli individui femminili, guardata lateralmente, è di 
forma ovata quasi tetragona, coll'altezza maggioro presso della fronte, cioè 
ad una distanza minore di un terzo della totale lunghezza, e d'un valore 
che non raggiunge i due terzi della lunghezza stessa; l'estremità anteriore 
è hu'ga e completamente rotondata, col margine finamente denticolato dalla 
regione frontale per una porzione del margine ventrale e sino al comin- 
ciare del dorsale; ai finissimi dentelli, altri più sporgenti ma rari s'inter- 
pongono ; la regione posteriore è troncata , angolosa e prominente al di 
sotto della parte centrale, la parte inferiore della prominenza porta alcune 



— 21 — 

spine acute e sporgenti , ovvero brevi e spuntate ; il margine dorsale è 
abbastanza incurvato e si termina posteriormente in un angolo poco mar- 
cato, il ventrale è moderatamente curvo; veduta dal dorso la forma è ovato- 
elougata , ma prominente ai due estremi ; la larghezza è pressoché metà 
della lunghezza , e la maggior larghezza trovasi ai due quinti circa dalla 
estremità posteriore; arabi i margini sono curvi e convergono alle due estre- 
mità ili forma di angoli sporgenti, ma ottusi, ed angolato-spinulosi, il po- 
steriore essendo più ristretto dell' anteriore ; guardata da uà estremo ha 
forma triangolare ad angoli rotondati coi lati abbastanza curvi e la base 
ondulata. Le valve sono ornate da escavazioni numerose e grandi, di forma 
allungata pressoché ovato-ellittica , ovvero in taluni individui ristretta in 
mezzo in forma da rassomigliare alla cifra otto; alcune di tali escavazioni 
più grandi e più profonde delle altre sono ordinate in serie curva, cin- 
gendo la regione anteriore e disponendosi cogli assi maggiori in posizione 
tale, come se irradiassero dal centro della conchiglia; i tubercoli del car- 
dine sono prominenti e lucidi; il margine di ciascuna valva è cinto ad una 
certa distanza da una specie di rialzo o ripiegatura , che diviene grado 
grado sempre più esterno verso la regione dorsale , dove la distanza dal 
margine diviene minima, ed invece si allontana dal margine ventrale cin- 
gendo un'aia depressa e quasi appianata di forma ovato-ellittica che ve- 
desi alla regione ventrale, perciò la massima distanza trai rialzi delle due 
valve su tale regione non è alla metà della lunghezza, bensì ai due quin- 
ti circa dall' estremità posteriore ; su tale ala inoltre esistono altri due 
rialzi, più interni che corrono quasi parallelamente agli esterni, che par- 
tono dai margini delle valve ai due estremi della regione ventrale e si al- 
lontanano grado grado raggiungendo la massima distanza alla metà, e tal- 
volta più presso della regione anteriore , e quindi chiudendo uno spazio 
lanceolato; da siffatta disposizione deriva il non esatto parallelismo tra tali 
rialzi e gli esterni; gli spazii interposti trai quattro rialzi della regione ven- 
trale sono ornati da lineo rilevate che s'intersecano ad angolo in varie di- 
rezioni. 

Negli individui maschili la forma della conchiglia è più gracile ed in ge- 
nerale meno spinescente. 

Spesso i*(3 

0, 4'"'". 
0,41™"'. 

0,3 e-»'». 



unghezza 


Altezza 


0,73"^°\ 


0,42'"'". 


0, 8""™. 


0,44'"'» 


0,72'»'". 


0,43"'"', 


0, 8'""'. 


0,46™"'. 


0, 7""". 


0,43™"'. 



— 22 - 

Questa bellissima specie ha la più grande affinità colla C. cymha Brady, 
e si avvicina talmente a questa che fa credere a prima giunta non trat- 
tarsi se non d'una lieve modificazione di essa, ma la diversa e distinta scul- 
tura , il maggiore spessore che non è alla metà della conchiglia , e tanti 
altri particolari differenze, che sì conservano tutte costanti, mi hanno de- 
ciso a riguardare la specie di Rizzolo come distinta dalla C. cymha. 

DlSTR. GEOGR. 

Non conosciuta tra le vìventi. 

DlSTR. STRAT. 

Non rara a Rizzolo ! 

[continua) G. Sequenza. 



I GIOVANI DEL GONOSTOMA DENUDATUM 



Ai 24 marzo di quest' anno catturai nelle acque di Messina , insieme a 
vari Maurolicus , alcuni pesciolini immaturi che per la propria organizza- 
zione mostravano di appartenere a qualche specie degli Sternoptychidi. 
Studiati nelle loro particolarità e confrontati con le specie nostrane di que- 
sta famiglia trovai che erano i giovani del Gonostoma denudatum Kaf., ma 
distinti dalle forme adulte per talune rimarchevoli disposizioni , le quali 
provano come questa specie vada soggetta a metamorfosi. 

Essi sono lunghi da 20 a 25 millimetri. Il corpo è allungato, molto 
compresso, nudo e trasparente. La sua maggiore altezza cape 10-12 volte, 
la lunghezza del capo poco piìi di 5 volte nella intiera lunghezza. Il pro- 
filo superiore del capo ascende in linea mediocremente inclinata fino alla 
nuca, indi scorre in linea retta fino alla coda. Il profilo inferiore del capo 
è quasi orizzontale , leggermente convesso ed in lunghezza doppio del 
superiore 5 poi si continua fino alla coda con andamento simile a quello 
del dorso. L' altezza del capo è un poco meno di metà della lunghez- 
za. La mascella superiore è depressa , la inferiore prominente ed ab- 
braccia completamente l'istmo pettorale. Lo squarcio della bocca è amplis- 
simo. Gl'intermascellari sono assai piccoli e portano circa 7 denti acuti per 
lato, dei quali quelli di mcr-izo più lunglii degli altri posti verso gli estremi. 



— 23 - 

I mascellari adiacenti son liinglii, diretti in dietro, col margine convesso, 
armato in tutto di circa 59 denti per lato, serrati, per alquanto rivolti al- 
l'innanzi e di essi alcuQi poco più lunghi degli altri. Il margine di queste 
ossa passando in quello degl'intermascellari s'incava. Sulla mandibola nu- 
merai pure 59 denti per lato, conici, più acuti e un poco più lunghi dei 
superiori, serrati, diretti in alto, gradatamente più elevati d'avanti in die- 
tro. La lingua giunge fino alla verticale abbassata dall'estremità della ma- 
scella superiore. Gli occhi sono piccolissimi, puntiformi, neri, ravvicinati, 
e perciò posti molto in alto. Il loro diametro entra 1 volta nello spazio 
infraoculare, 2 volte nella distanza che li separa dall' estremità della ma- 
scella superiore. La massa encefalica traspare attraverso i tegumenti in fi- 
gura di rombo. La fessura branchiale è largamente aperta e la sua branca 
superiore obbliqua s'inoltra sì da comprendere più di metà della lunghezza 
del capo. Le ali del petto s'inseriscono presso il margine inferiore del corpo 
e sono strette, filiformi, lunghe un po' meno di metà dei capo. Le ventrali 
somigliano alle pettorali ed hanno pure la stessa lunghezza; in dietro giun- 
gono fino all'origine dell'anale e talvolta anche un poco al di là. La dor- 
sale nasce rimpetto a quest'ultima ala, nel mezzo della totale lunghezza 
del corpo od alquanto più innanzi. Queste due ultime ali sono più lunghe 
che alte e terminano quasi nella stessa direzione. Sulla loro origine il pro- 
filo del corpo s'innalza distintamente. La cedale è poco men lunga del capo, 
bilobata , coi primi raggi semplici spiniformi ed alquanto ricurvi. I raggi 
delle ali sono articolati e divisi. L'ano si apre poco più innanzi dell'anale, 
dietro la base delle ventrali ed è difficilmente visibile. La membrana bran- 
chiostega ha verso la base 9 punti lucidi per lato e il margine inferiore o 
libero fittamente punteggiato di nero. Mancano questi punti sull'istmo pet- 
torale. Uno ve n'ha sul margine anteriore dell'opercolo e uno più in sotto. 
Dalla sinfisi degli omeri al termine posteriore dell' addome se ne contano 
15 per lato, i quali sono più grossi nella parte media e mano mano più 
piccoli verso le due estremità , specialmente in avanti. Di essi gli ultimi 
due sono in contatto con quelli dell' opposto lato. L' ano si apre precisa- 
mente innanzi al penultimo paio. Al di sopra di queste due serie inferior- 
di punti avvene un'altra per lato composta di 7, i quali cominciano diver- 
genti sopra la base delle pettorali e terminano, convergendo verso il mar- 
gine inferiore del corpo, in direzione dell'ano. Fanno seguito alla serie ad- 
dominale di punti altri 15 per lato, tra essi più distanti dei precedenti 
e che si terminano alla radice della coda. Sulla porzione del cranio che 
risponde all'encefalo vi sono punticini neri ed altri lungo il dorso, special- 
mente alla base della dorsale. L'addome è oscuro per punti neri sulla sua 



— 24 - 

esterna superficie ed anche perchè lascia trasparire lo stomaco ch'è di color 
nero turchinastro. Il profilo della detta cavità sotto la lente vedesi inoltre 
listato di nero. Grli archi branchiali sostengono sul margine concavo una 
serie dì lunghi cilii muniti di brevi dentelli. Tra due cilii poi sorge una 
spina più corta, acuta e liscia. Lo stomaco è alquanto allungato a guisa di 
otricolo e la sua branca pilorica trae origine dall'estremo posteriore. L'in- 
testino è dritto, uguale, biancastro. 

Principali caratteri comuni ai g-iovani e agli adulti 
del Gonostoma denudatum. 

Il corpo è di forma allungata e compressa. La lunghezza del capo è la 
5'*^ parte circa della totale lunghezza. La mascella inferiore è prominente 
Gl'intermascellari sono piccoli, specialmente in confronto coi mascellari su- 
periori. Il margine dei mascellari superiori è convesso. Nel punto di con- 
giunzione dei mascellari superiori cogli intermascellari , il margine è in- 
cavato. La lingua giunge in direziono dell' estremità della mascella supe- 
riore. Gli archi branchiali portano lunghi cilii denticulati e tra questi una 
spina pili corta. La dorsale è opposta all'anale. I raggi piccoli della cedale 
sono ricurvi, spiniformi. Mancano punti lucidi sull'istmo pettorale. Esistono 
due punti lucidi sull'apparato opercolare. Vi sono 9 punti lucidi sulla mem- 
brana branchiostega per ciascun lato. I punti lucidi compresi tra la sinfisi 
degli omeri e la base della pettorale sono più piccoli dei segmenti dell'ad- 
dome. Esiste una vescica natatoria. 

Principali differenze tra i g-iovani e gli adulti 
del Gonostoma denudatum. 



Giovani. 



L'altezza del corpo cntfa 9 ^2-12 
volte nella intiera" lunghezza. 



L'occhio è compreso 2 volte nella 
distanza che lo divide dall'estremità 
della mascella superiore. 

Sulle mascelle esiste una serie 
di denti pressocchè uniformi. 



Adulti. 

L'altezza del corpo capo da 7 Vs 
a poco men di 8 volte nella lun- 
ghezza totale. 

L' occhio entra una volta nella 
sua distanza dall' estremità della 
mascella superiore. 

Sulle due mascelle negli inter- 
valli di denti più lunghi esistono 
denti molto più piccoli. 



— 25 - 



L'opercolo ha il margine postero- 
superiore tagliato obbliquamente da 
sopra in sotto e d'avanti in dietro. 

La dorsale nasce nel mezzo della 
lunghezza del corpo o alquanto più 
innanzi. 

Le pettorali sono lunghe quanto 
le ventrali. 

Le ventrali raggiungono 1' ori- 
gine dell'anale. 

L' ano si apre più in avanti del 
principio dell'anale e del mezzo del 
corpo, dietro la base delle ventrali. 

Mancano punti lucidi sotto 1' e- 
stremità della mandibola. 

Dalla sinfisi degli omeri all'anale 
vi sono inferiormente 18 punti per 
lato. 

Più in sopra ve n'ha una seconda 
serie di 7 per lato, i quali comin- 
ciano dal di sopra della base delle 
pettorali e terminano in direzione 
dell'ano ove convergono con quelli 
dell'opposto lato. 

Tra il principio dell' anale e la 
radice della coda vi sono circa 12 
punti per lato, più piccoli di quelli 
dell'addome. 

Mancano placche perlacee sul 
margine inferiore della radice della 
coda. 

Il piloro nasce presso l'estremità 
posteriore dello stomaco. 



L'opercolo ò di figura parallelo- 
gramma. 

La dorsale nasce dietro il mezzo 
della lunghezza del corpo. 

Le pettorali sono in lunghezza 
il doppio delle ventrali. 

Le ventrali non giungono fino 
all'anale. 

L'ano si apre immediatamente in- 
nanzi l'origine dell'anale, dietro il 
mezzo della lunghezza del corpo. 

Sotto l'estremità della mandibola 
vi sono due punti lucidi. 

Dalla sinfisi degli omeri all'anale 
vi sono inferiormente 21 punti per 
lato. 

Superiormente a questa serie av- 
vene un' altra di 15 , la quale co- 
minciando dal di sopra della base 
delle pettorali va un poc' oltre il 
principio dell' anale ed è parallela 
a quella dell'opposto lato. 

Tra l'origine dell'anale e la ra- 
dice della coda si contano 19 punti 
per lato , per grandezza uguali a 
quelli dell'addome. 

Sul margine inferiore della ra- 
dice della coda vi sono due placch e 
perlacee. 

Il piloro nasce nel mezzo della 
lunghezza dello stomaco. 



Le particolarità esposte credo sieno bastevoli a mostrare che i giovani 
pesci da me rinvenuti rappresentano lo stato larvale del Oonostoma demi- 
datun. Tra esse è notevole iu ispecial modo la comune esistenza di una 
spina negli intervalli dei ciliì degli archi branchiali , la quale manca in 
tutte le altre specie nostrane di Stcrnoptychidi, Del resto mentre mi sono 

Il Natuvcdista Siciliano, Anno III. 4 



— 26 — 

in conoscenza i giovani di questa specie con l'aspetto degli adulti, non mi 
è successo mai di vedere soggetti della forma ordinaria del Oonosto- 
ma denudatum così teneri come quelli di cui parlo. Confrontando i denti 
delle mascelle nei due stati dell' animale si vede che dapprima sono uni- 
formemente sviluppati e che in prosieguo alcuni tra essi crescono a pre- 
ferenza degli altri. L' opercolo è meno completo nel giovino. Nei soggetti 
ordinari questo pezzo verso la parte superiore della sua esterna superficie 
offre una linea rilevata , la quale partendo dal suo margine anteriore va 
obhliquamente in dietro e in sotto. Or è appunto questa linea che rappre- 
senta nel giovane il margine estremo postero-superiore dell'opercolo, il quale 
manca allora di quella porzione che sta al di sopra di essa cresta e che 
più tardi viene a completare la figura rettangolare del pezzo. Nei giovani 
la fessura branchiale superiormente si prolunga in avanti di più che negli 
adulti. Il suo consecutivo restringimento è dovuto alla formazione di una 
membrana, la quale si attacca da una parte al lembo superiore dell'oper- 
colo e dall' altra al bordo del raastoideo. Ma in realtà 1' angolo superiore 
della detta apertura trovasi più innanzi , ad egual distanza dall' occhio e 
dall'angolo superiore dell'opercolo, come risulta incidendo la membrana 
d'unione. La posizione differente della dorsale ci rivela che l'allungamento 
del corpo nella metà anteriore deve con l'età preponderare su quello della 
metà posteriore. Il cambiamento nella posizione dell' ano non può essere 
ragionevolmente spiegato che per il progressivo inoltrarsi del cavo addo- 
minale in quella porzione del corpo che intercede tra l'ano e l'anale e che 
ne viene così a poco a poco scavata. L' ano ch'è in forma di una fessura 
longitudinale pure retrocede verosimihnente per un semplice processo che 
ha per effetto di spingere il suo angolo posteriore grado a grado in dietro 
mentre si va chiudendo l'estremità opposta. Il mutamento infine nella po- 
sizione del piloro si presta ad essere facilmente spiegato per l'allungamento 
in dietro dell' estremità posteriore dello stomaco; allora quel tratto si tro- 
verà inserito ad angolo ad una certa distanza da questa estremità. 

In conferma dell'identità specifica dei pesciolini che ho descritto col Go- 
ìiostoma denudataui , restami a notare un ultimo fatto. La riproduzione di 
questa specie, come pure d'altri Sternoptichidi di questo mare (MmiroHcus 
ameiìi y nthio-inmctatus Cocco, Argyropelecus ìtemìgijmnus Cocco), succede più 
volte r anno. Di ciò mi sono assicurato osservando femmine con uova in 
tutte le stagioni. Or dopo 1' epoca in cui per la prima volta conobbi quei 
giovani pesci mi occorse di ritrovarne altri alla fine di giugno e porto fede 
che non debbano mancare nell'autunno e nell'inverno. 

D.'' Luigi Facciola'. 



— 27 — 



UNA NUOVA FASE 



QUESTIONE DELLE PIANTE CARNIVORE 



In un recente numero dei Comptes rendus de V Academie des Sciences (To- 
mo XCVIII, n. 3, 16 luglio 1883) abbiamo letto una nota del chiarissimo signor 
Ch. Mousset, presentata dall' Illustre Ducbartre , intorno la funzione clorofìUica 
della Drosera rotundlfolia. Questa nota ci ha invero recato molta sorpresa special- 
mente per la prima parte delle sue conclusioni. Ci piace quindi riferirla, giac- 
ché riguarda un argomento che ha destato in questi ultimi tempi V attenzione 
di tutti i naturalisti e specialmente dei Botanici. Però onde meglio risalti la im- 
portanza delle conclusioni del Mousset, crediamo utile prima di riferire l'articolo, 
di far conoscere sommariamente lo stato attuale della scienza sul soggetto delle 
piante insettivore. 

La questione delle piante insettivore non è completamente nuova. 

Sin dal 1771 V Ellis (I) pel primo accennò il fatto che le foglie di Dlonaea 
eccitate dagl'insetti li catturano e li uccidono, egli però accennò il fatto senza 
occuparsi del significato funzionale. Invece i veri fondatori della teoria delle 
piante carnivore si devono considerare Whateley (1780) a Londra e Roth (1782) 
a Brema; i quali dopo avere studiato il modo come le foglie di Drosera cattu- 
rano e fiinno morire gl'insetti, espressero l'idea, che ciò potesse aver luogo per 
la nutrizione della pianta. In seguito (1791) un tal di Bartram avendo osservata 
la Sarracenia che annegava gl'insetti nel liquido contenuto nelle sue foglie a ca- 
lice [Ascìdij^ emise benché dubbiamente, l'idea dell'azione digestiva di questo 
liquido sugl'insetti annegati. Qualche tempo dopo un giardiniere inglese il Knight 
coltivando delle piante di D/onaea mmeipnla ebbe l'idea, come riferiscono i si- 
gnori Kirby e Spencer nella loro Introduzione aW Entomologia (1818), di mettere 
sulle foglie di questa pianta dei pezzetti di carne, ed osservò con sorpresa che 
la loro vegetazione riusciva piìi vigorosa. Più tardi ancora, il Rev. D.'' Curtis 
(1834) studiò pure la questione, ed ammise scientificamente il fatto di una vera 
azione digestiva sulla carne mercè i liquidi secreti dalle foglie della Dionaea. 
Dopo il Curtis altri osservatori accennarono talune altre particolarità, che per 
brevità tacciamo, onde venire addirittura al vero periodo scientifico della que- 



(1) Ellis. De Dionaea muscipula. Ei-langcn 1771. 



- 28 — 

stione, aperta da un illustre scienziato italiano; il chiarissimo Federico Delpino 
Prof, di Botanica nella R. Università di Genova. 

Il Delpino fu il primo nel 1868 ad emettere una teoria generale sugli organi 
insetticidi e sulla funzione carnivora delle piante, dandone una prima classifica- 
zione (1); alla quale più tardi, in altro opuscolo, fece seguire altri esempi (2). 
Dopo del botanico italiano una quantità di altri osservatori e scienziati stranieri 
studiarono attentamente il fenomeno. Così il Camby , botanico americano, fece 
delle esperienze sulla Dionaea^ provandone un vero processo digestivo; una Miss 
Treat di New Jersey, fece delle esperienze (1877), riferite dal Prof. Asa Gray^ 
sulla Drosera longifoUa , e verificava che tanto con pezzetti di carne che con 
mosche, le foglie di questa pianta si chiudevano in forma di sacco, ciò che non 
si verificava con pezzettini di corpi inorganici; indi lo stesso Asa Gray osservò 
gl'insetti negli ascidi di BarVmg fonia CaUfornica-^ lo Stein (1873) nelle foglie 
chiuse di Aldrovanda , mentre il D.' Hooker (1874) sperimentava sul NepentJies^ 
ed il Prof. Ferdinando Cohn sulla Aldrovanda e sulla TJtrlcidarla notando la 
cattura degli insetti per parte di queste piante. 

A capitanare tutti questi scienziati sorse il genio di Carlo Darwin. Questo in- 
signe naturalista raccolse questi lavori isolati, e dopo varii anni di pazienti os- 
servazioni ed esperienze, pubblicava nel 1875 il primo libro (3J che trattasse in 
modo veramente completo questo importante soggetto ; il quale a questo modo 
entrava definitivamente nel campo della scienza. 

Il Darwin maravigliato dal fatto di osservare quasi sempre la Drosera rotun- 
difolla^ con insetti catturati dalle sue foglie, pensò che ciò dovea essere diretto 
alla nutrizione della pianta, e quindi volle istituire una serie di osservazioni ed 
esperienze su questa ed altre piante ritenute a funzione carnivora. Ed è di queste 
esperienze che lo scienziato inglese fece l'orditura del suo libro, nel quale, la parte 
principale è riserbata alle Drosere, mentre gli ultimi capitoli trattano delle altre 
piante a funzione carnivora cioè Dionaea^ Aldrovanda^ Drosophyllum^ Finguicida ecc. 
La conclusione cui arriva il Darwin si è, che queste piante hanno la facoltà 
di prendere gl'insetti, talune a guisa di trappola (Dionaea, Drosera), altre a guisa 
di trabocchetti (Sarracenia, Nepenthes), e questi insetti vengono disciolti da li- 
quidi speciali secreti dagli organi insetticidi. In altri termini ammette una vera 
digestione, in seguito alla quale le sostanze albuminoidi liquefatte o peptonizzate 
vengono assorbite dalla pianta, alla quale riescono necessarie per uno più vigo- 
roso sviluppo. Dopo il Darwin vari altri si occuparono di questa questione, chi 
prò, e chi contro le sue deduzioni. 



(1) Delpino, Ulteriori osservazioni sulla dicogamia. In atti Soc. Ital. di Se. na- 
turali. Milano 1868. 

(2) Delpino, Sulle piante a bicchieri. Nuovo giornale Bot. Ital., voi. Ili, 1871. 

(3) Ch. Darwin, Insectivorous plants, London 1875. 



- 29 — 

Così Io Pfefìfer (1877) mosse qualche obiezione a questa teoria: dicendo che se 
la nutrizione azotata di queste piante è utile, non è certamente necessaria. Il 
Francis Darwin (1878) invece, dopo avere fatto delle esperienze comparative col- 
tivando cioè la Drosera con carne e senza, ne otteneva risultati favorevoli alla 
tesi posta dal Darw^in; cioè che le piante allevate con regime carnivoro davano 
maggior copia di prodotto di quelle che n'erano prive. 

Dopo di costoro il D.' 0. Drude tentò di nuovo Targomento , di cui fece co- 
noscere taluni particolari importanti, e concluse, analogamente allo Pfeffer, rite- 
nendo facoltativa e non necessaria la funzione carnivora di queste piante. 

Da ultimo il botanico russo Prof. Regel , coadiuvato da altri botanici , fece 
pure delle esperienze sulla Drosera rotundifolia e longifoUa; ma ne ottenne dei 
risultati affatto negativi rispetto alla funzione carnivora. 

Ecco abbozzato alla meglio lo stato attuale della questione delle piante carnivore. 

Questi fatti , ad onta di qualche piccola obiezione , vengono oggigiorno am- 
messi generalmente in iscienza, ed i libri moderni di botanica trattano della di- 
gestione vegetale , indicando in prima linea la Drosera rotundifolia come quella 
che è stata particolarmente illustrata dal Darwin, e su cui sono concordi gli os- 
servatori neiraffermarue le proprietà insetticide ; tanto che il Pouchet parlando 
della Drosera ebbe a dire: che ogni qualvolta s'incontra questa pianta nelle paludi, 
si osserva che le sue foglie sono cosparse dei cadaveri delle loro vittime. 

Recentemente, anche Tillustre Prof. Ph. Van Tieghem nel suo pregevole libro di 
botanica a p. 207 (1) ammette una vera digestione nelle piante insettivore, mercè 
la secrezione di liquidi speciali, che agiscono per la presenza di un principio azotato 
analogo alla pepsina. Solo lamenta la mancanza di una prova diretta dell'assorbi- 
mento delle sostanze disciolte; ma questa prova, dice, viene fornita indirettamente 
dalle esperienze di Fr. Darwin, figlio al celebre Carlo, e che noi abbiamo più 
sopra accennato. Il Van l'-ghem va più oltre, e conchiude col dire: che il fatto 
particolare della digestione degl' insetti, si deve considerare come un caso par- 
ticolare del fenomeno generale della digestione, e che in ultimo, a vero dire, tutte 
le piante sono carnivore. 

Riferite così brevemente le cose , passiamo a riassumere la nota pubblicata 
dal Mousset, cui accennammo in principio, la quale è venuta a riaprire la qui- 
stione, sollevando novelli dubbi, specialmente su quanto riguarda la Drosera ro- 
tundifolia. 

L'A. abitando in sito vicino al quale vegetavano una quantità di Drosera rotundi- 
folia^ volle studiare attentamente i costumi di questa interessante pianta, collocata 
sinora alla testa delle carnivore. — Egli per ben tre anni di seguito studiò ed os- 
servò questa pianta, tanto sul luogo, che nel suo laboratorio ; ma con sua gran 
sorpresa, uè ad occhio nudo, né colla lente, gli fu mai dato di osservare un solo 



(1) Ph. Van Tieghem, Traité de Botanique. Paris 1882-3. Pubblicati fase. I-VIII. 



- 30 — 

insetto catturato dalle foglie di Drosera; notava solo di tempo in tempo pezzetti 
di vegetali circostanti fra cui Politrico e Sfagno. Tuttavia, ad onta della mancanza 
assoluta di nutrimento az(>tato , T A. osservava che la pianta cresceva, tioriva e 
fruttificava in abbondanza in quei siti. Perlocchè rivolse la sua attenzione su di 
un altro ordine d'idee e si prefìsse lo studio della funzione clorofìllica di questa 
specie paragonandola a quella delle altre piante che vivono nella sua stessa lo- 
calità e condizione. 

L'A. parli dal principio che qualunque pianta che non sia parassita deve alla 
funzione clorofìllica la quasi totalità dei suoi tessuti e del loro contenuto. A ri- 
prova del suo quesito, V Autore instituiva una serie di esperienze comparative, 
onde confrontare l'attività funzionale clorotilliea della Drosera^ con quella delle 
altre piante che vivevano nella stessa località, cioè : Carex paueiflora, Sphagnum 
cn|)illifoliuin, Polytrichum cominune, Oxycoccus palustris. Dal risultato delle sue 
esperienze il Mousset era ind(jtto a concludere, che la funzione clorofìllica della 
Drosera non differiva per nulla in intensità da quella delle altre piante esperi- 
mentate. Chiudeva, infìne, la sua nota dicendo: '•'■ Che le foglie della Drosera ro- 
tundifoUa non gli hanno mai lasciato vedere un solo insetto catturato, e la lor(» 
funzione clorofìllica ha la stessa intensità di quella delle altre piante sulle quali, 
e colle quali essa nasce e muore. „ 

Ecco il novello stadio della questione. Una sola cosa ci permettiamo fare os- 
servare. Anche il Darwin ammetteva la funzione clorofìllica (Piante insett. trad. 
ital., pag. 15) nella Drosera, subordinandola, però, alla nutrizione azotata; mentre 
le osservazioni del Mousset provererebbero l'esclusiva prevalenza della funzione 
clorofìllica. Ciò pel mon)ento , ed in mancanza di altre osservazioni , ci prove- 
rebbe solo un caso di adattamento particolare, in cui la pianta mancando com- 
pletamente di nutrimento nitrogenato deve necessariamente ottenere tutto dalla 
sua funzione clorofìllica; la quale deve necessariamente attivarsi in modo note- 
vole. Ad ogni modo, il fatto osservato dal Mousset, dell'assoluta mancanza d'in- 
setti catturati sulle foglie di Drosera^ è abbastanza degno di nota. Sarebbe cosa 
molto utile, quindi, che coloro che avessero Foccasione di osservare la Drosera 
rotundìfoUa vivente (1) vi prestassero bene la loro attenzione, studiandone accura- 
tamente i costumi , onde stabilire qualche cosa di più preciso e concreto sopra 
questo importante fenomeno di biologia vegetale. 

Palermo, Agosto 1883. 

Giuseppe Eiggio. 



(1) Parecchie delle specie annoverate fra quelle a funzione carnivora, cioè, le 
due specie di Drosera rotundìfoUa e lo n gif olla , Parnassla palustris , Pinguicula 
ed Utricularia , vivono abbastanza comuni nei siti umidi e maremmosi dell' alta 
e media Italia; ma siuoru nessuna di queste piante è stata indicata come appar- 
tenente alla flora sicula. 



— 31 - 

LEPIDOTTERI DRUOFAGI 

(Cont. V. Num. prec). 

B. BOMBICI 

I. Nitteolidl H. S. 

15. Sarrothripa undulana Ilbii. — Staudinger, p. 50. 

G. ab. punctana Ilbn. 
II bruco sul principio deli' està probabilmente vive sul Quercus suber ed 
ilex : Curò dice che tanto il tipo^ ciie la varietà si nutrisce delle frondi di 
quercia. 
Piemonte, Lombardia, Liguria. 

16. Hylophyla prasìnana Lnn. — Staudinger, p. 51. 

Il bruco si trova dall' autunno alla primavera sulle querce (Curò , Lafltole? 

Turati). 

Piemonte, Lombardia, Parmi, Alzate sulle querce. 

Paras. vESPARi — Glypta evanescens Rtz., Mycrogaster ensifonnis Rtz. 

17. Hylophyla bicolorana Fssl. — Staudinger, p. 51. 
Dall'autunno alla primavera il bruco si trova sul rohur (Curò). 
In tutta Italia, Sardegna, Sicilia. 

Paras. vespari — Mycrogaster ensiforinis Rtz., Paiiistcus qiierciis Rtz., Pe- 
rilampiis violaceus Fbr., Pìinpla variegata Rtz., Anomaion xant/iopus 
Grv. 

IL Litosidì 

18. Nola togatulalis Ilbn. — Staudinger, p. 51. 

Il bruco in maggio e giugno vive sulle querce (Curò). 
Istria, Pontevecchio, Piemonte, Dalmazia. 

19. Nola cicatricalis Tr. — Staudinger, p. 51. 

Il bruco in maggio vive sulle querce (Curò) , la farfalla si tro\-a nei bordi 
de' boschi, e ne' macchieti di querce, ove depone le nova. 
Italia centrale. 

20. Nola stridula Sdii.— Staudinger, p. 51. 

Il bruco adulto si trova sulle querce (Curò , Lefìlole) ne' boschi di Alzate 

(Turati). 

In tutta Italia, Sicilia. 

21. Nola confusalis H. S. — Stau Unger, p. 52, 



— 32 — 

Il bruco adulto in maggio, e primi di giugno si trova sulle querce (Curò). 
Piemonte, Liguria, Sardegna. 

22. Lithosia griseola Hbn.— Staudinger, p. 53. 

Il bruco vive sopra i licheni delle querce, la farfalla si trova ne' boschi, e 

vola in luglio ed agosto. 

Lombardia, colli della Brianza, Parma. 

23. Lithosia lurideola Znck. — Staudinger, p. 54. 

Il bruco vive ne' licheni delle querce, come la precedente. 
Italia settentrionale, e centrale. 

24. Lithosia complana Lnn.— Staudinger, p. 54. 

Il bruco in maggio vive sulla quercia , la farfalla in settembre si trova nei 

boschi (Turati). 

Padova, Veneto, Parma, Napoli, Lombardia. 

25. Gnophria quadra Lnn. — Staudinger, p. 55. 
Il bruco si nutre delle f rondi di querce. 
Alzate, Maccagno, Lago maggiore. 

III. Arctidi Sph. 

26. Spilosoma lubriciperda Esp. — Staudinger, p. 59. 

Il bruco in giugno vive sulle querce, trovato da Petagna. 
Padova, Veneto, Parma, Milano, Brianza, Corsica. 

IV. Cossidì H. S. 

27. Gossus cossus Lnn.— Staudinger, p. 61. 

Il bruco vive anclie due anni dentro il tronco delle querce, è la specie più 
nociva per le vaste gallerie che scava, sebbene la farfalla nello stato perfetto 
è piuttosto rara, pure i bruchi sono frequenti, ed lian richiamato l'attenzione 
dei forestali per arrestarne la moltiplicazione, ma tutti i mezzi di distruzione 
consigliati non han prodotto alcun vantaggio , la specie è sempre dannosa. 
Lombardia^ Piemonte, Parma, Corsica, Napoli, Sicilia nelle Madonie. 
Paras. vespari. — Tchneumon pusillator Lnn., Lissonota setosa Fbr. 

28. Zeurera pyrina Lnn. — Staudinger, p. 61. 

V. octopunctata B. 
11 bruco vive due anni dentro il tronco della quercia , specie molto nociva 
per le gallerie che scava , non molto diffusa ne' boschi , perchè vive anche 
sul pomo, pero, castagno, faggio, e sopra altre piante. 
Lombardia, Toscana, Parma, Sicilia nelle Madonie. 
{continua) A. Mina' Palumbo. 

Enrico Ragusa Dirett. resp. 






i ANNO III 1 NOVEMBRE 1883 N. 2. | 

■ I^ATURALISTA SICILIANO | 

GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 1 



= SI PUBBLICA OGNI PRIMO 01 MESE 

I ABBONAMENTO ANNUALE 

= Italia ' L. 10 » 

^ Paesi compresi nell'unione postale » 12 » 

= Altri paesi » 14 » 

% Un numero separato, con tavole » 1 25 

= » senza tavole » 1 » 

S Gli abbonamenti cominceranno dal 1° di ottobre di ogni anno 

1 Indirizzare tutto ciò che riguarda T Amministrazione e Redazione 

I ai sig. EiyiRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 

I SOMMARIO DEL NUM. 2. 

= Pierre Millière — Notes Lépidoptèrologiques. 

= Enrico Ragu^ — Agahiis fasco-aenescens e chalconotus . 

= G. Seguea-^^f^G/i Ostracodi del Porto di Messina (con tavola) (contìnua). 

= M. Lojacono — Studii su piante critiche , rare o nuove della Flora di Sici- 

= Ha (continua). 

= G. Seguenza — // Quaternaino di Rizzalo (cont.). 

= L. Facciola — Note sui pesci dello Stretto di Messina. 

= A. Minà-Palumbo — Lepidotteri Druofagi (continua). 

= A. Senoner — Cenni Bibliografici. 

= Enrico Ragusa — Notizie. 



PALEl^MO 

Stabilimento Tipografico Virzì 
'^1883 



nll 



ANNO III. 1 NOVEMBRE 1883. N. 2. 

ilnaMalistIsPIaYó 

NOTES LÉPIDOPTKROLOGIQUES 



Oli peut s' étonner que los auteurs du grand CataloguG Alleraaud , qui 
devaient conuaìtre, lors de l'apparition de leur livre, la clienille de VEu- 
crostìs Indigenafa, de Vili., par la descriptioa que j'eii ai donnóe au mois 
de janvier 1867. (Il, p. 300, pi. 82), aient fait entrer dans le genve Eii- 
cros/Ì5, Hb., les trois 'Pha.ìénites : Inipararia, Gn., Herharìa^ Hb, (Advolata^ 
Ev.), etOlympiaria? HS. {Aureliaria^ M.ÌU.). On peut s'ótonner de ce fait, 
dis-je , par la raison que mon article sur Indigenata et los figures de sa 
chenille, avaient para quatre années avant que fut publiéo la seconde édi- 
tion, celle de 1871, du " Catalogne cu énumération métliodique des Lépi- 
doptères „ par Staudinger et "Wockc. 

Trois des chenilles sur quatro de ces Géomètres indnment placées dans 
les Eucrostis européennes, sont connucs; jo les ai publìées à la niéme epo- 
que que celle à' Indigenata qui a, on se le rappelle, la lete globnleuse. Les 
trois autrcs clienilles possèdent lo caractère si importiuit des Nemoria : \^ 
lète profondément bifide. Ces trois dernières espèces sont dono de vraies 
Nemoria^ et nullemcnt des Eucrostis dout le caractère essontiel est d'avoir, 
chez les clienilles, la téte globnleuse à tous les àges, 

Jusqu'à ce jour , Indigenata représente donc senio en Europe, le geure 
Eucrostis. 

Un caractère sérieux fut omìs dans la dcscription de la clienille, lequel 
fut passe sous silence par Berce qui, dans son 5*^ volume, a copie ce que 
j' en ai dit. Dès sa seconde mue , Indigenata se niontre avec le premier 
segment porteur de quatre caroncules d'un rose vif, disposces en diadème, 
et les 4'', S*', 6'', 7®, 8^ et IP anneaux , sont surniontós d'une caronculc 
pyramidale, unique, également d'un rose vif. 

Ce qui doit présenter chez cette clienille un plus rócl ìntéret quo ce qui 
précède, est, cliez celle de la première generation (1), la manièro dont elle 



(1) L'espèce a trois ùclosions; ce dont je viens de m'assurer en élcvant ah ovo 
cette Indigenata. 

Il Naturalista SicilianOj Anno III. 5 



— 34 — 

se iioiirrit pendant la plus g-rando partie do sa vie. Fixée a la piante par 
Ics pattes anales, la ehenille (.Vliìdif/eiiata j demenre pendant le joiir, cram- 
ponnée solidement. Jusqu'à sa 4" mue inclusivement , elle semble ne pas 
attaquer l'Eiiphorbe qui la nourrit, cependant il faut bien qu'elle en vive, 
puisque, élevéc cu poche, sur la piante, elle ne cesse de grossir, lentement 
il est vrai, pendant Iniit mois. A la fin, j' ai reconnu quo la ehenille de 
cette Encrostis absorbe lentement le sue laiteux de la piante nourriciére 
dont Ics feuiiles rcstent intactes, et qu'elle vit à la manière des Aphis. 

La piante dans ces conditions se flétrit iusensiblement et sans cause ap- 
parento. A la mi avril, la 4^ mue de cette première génératiou accomplie, 
les feuiiles d'Euphorbe sont entamées seulement alors. 

Pempelia Gingillella, Z. 

Souvont certains végétaux sont cntraìnés par les torrents qui descendent 
des liautes montagues, mais ces arbustes ou plantes horbacées sont quelques 
fois arrétés daus les plaines traversées par les fleuves dont les cours d'euux 
précités sont Ics affluents. Il s' en suit quo les plantes a'nsi transportées 
prcnnont racine loin des lieux qui les ont vu naìtre, et s'y acclimatent. 

Los clicnillcs ou chrysalides do certains Lépidoptères , fixées aux bran- 
ches ou aux troncs des végétaux ainsi déplacós, se développent en ces lieux 
nouveaux pour elles, et les papillons s'y propagent à leur tour. 

C'est un fait de cette naturo que j'ai été à ménie d'obscrver aux envi- 
rons de Gréoulx (Basses-Alpes) sur les rives de Verdou et dans lo lit du 
fleuve méme oìi croit le Myricaria germanica. 

Antro fois, ca juillet 1862, j' avais recueilli sur les bords de 1' Arve, à 
Chamonix, uno abondante quantité de Pimpeìia Cingilhlla , espèce quo je 
supposais inèdite et qui fut nonimée Mijricariella (le. I , p. 376 , pi. 45, 
f. 3-7). 

J'ai retrouvé cette Pimpdia non seulement à Gréoulx, mais aussi dans 
la Rivière de Gènes, sur plusieurs points de son ctendue, ainsi que je le 
dirai. 

Un fait entièrcmont ignorò, je le crois du moins, se rapporto a ce Micro. 
Pendant l'hiver, la ehenille de la secondo generation, enveloppée dans une 
coque blancliàtre, papyracée, impénétrablo à l'humidité, demeure sans se 
trausformer jusqu'au printemps. Ce n'est quo 4 à 5 scmaines avant l'éclosion 
de rmsecte parfiifc, qu' a lieu la transformation de la ehenille en chrysa- 
lide. Calle-ci, ccrtaiues fois, emmaillottéo dans sa coque placée au pied de 
l'arbusto, demeure submergée assez longtemps et, daus ces conditions, si 
anormales cn apparenco, semble ne pas souffrir. 



- 35 



Je dois ajouter que l'espèce vit également aux environs de Bordigliéra, 
d'Ospedaletti, de San Remo et d'Albenga (Italie) sui- le Tamarix galìica {V\ 
des bords de la mer; cependant la P. Cing'dlella du littoral médlterranéen 
est générallement plus colorée , raoins gris blouarre que celle des hautes 
Alpcs où ne se mentre que le Myricaria. 



* 
* * 



Depuìs quelque temps déjà, j' ai fait de fàclieuses remarques à 1' égard 
de plusieurs espèces de Lépidoptères , lesqiielies m' ont dómontró à quel 
point ont tort certains entomologistes lorsque, désireux de recuillir les che- 
nilles d'espèces rai*es, ils ramassent celles-ci aveuglement et sans mesure ; 
ne se rendant pas toujours compte qu' en agissant ainsi, ils détruisent ou 
t)ute fois, tendent à faire disparaìtre de l'habitat, le seni connu souvent, 
l'espèce ou les espèces précieuses dout J3 viens entretenir le Naturaliste 
Skilicìì. 

Ce cas est plus particulièrcment vrai en ce qui toucbe les Psychidae ^ 
par la raison que les femelles sont absolument aptères. 

Je pourrais en dire autant des Ocnogyna et Ovgyia^ voire meme des So- 
lenobìa dont les 9 , si non aptères , tout au moins semi-aptères pour les 
deux premiers genres, sont dans l'impossibilité de voler et, par le fait, do 
changer de place. 

Les Psycliidac que je signale plus spécialement dans cotte note, sont 
une preuve certaine de ce que je veux dire. 

Je dois avouer, en tonte franchise, que je ne suis pas moi-méme, dans 
le cas présent, exempt de quelqaes reproches. En effet, après avoir, poi- 
dant plusieurs années, recueilli à l'epoque de l'apparition des chenilles adul- 
tes, les Fsyclie SiljjlieUa, Vcsuhiella et Ajnformis, ainsi que cello d'EpicJi- 
nopteryx SuhJìaveUa, ces espèces semblent avoir disparu oli tonte fois sont 
devenues fort rares sur les lieux qui me les ont précedemmeut fouruies 
abondemmont. Ce fait s'explique, en se rappelant que les Q sont aptères. 
hes Ocììogyna Farasita et Clielonia Casta dont les chenilles recueillics pen- 



(1) Ce qui sembleraìt proiiver qii'on a eu tort de séparer le Mi/ricaria gci-in:iiiica 
(autrefois Tamarix germanica') du Tamarix gallica, est qac ces ai'bustos iiour- 
risseiit, riin et l'autre, les mèmes chenilles : Pempelia Ciagillella, Z., Agdistis Ta- 
jìiaricis, Z , et Telcia Tamariclella, Z.; clienillos qu' ou no retrouve sur aucune 
autre piante. 



— 36 — 

dant plusieui's années consécutives, la première à la Madone de Fenestra 
(Italie) (2000™.) non loiii de St. Martìn-Lantosque (AIpes-Maritimes) , la 
seconde, sur les collines du Lyonnais. Ces dcux cspèces, dis-je, no se retrou- 
vent plus que fort rarement aprcs avoir été très abondantcs on ces lioux. 
J'appelle dono l'attention des vóritables amis do la scionco entomologiquo 
à l'égard des observations précitées, et. les engagé à ne pas suivre les dó- 
plorables errements que je viens de signaler. Je crois devoir dire oncore 
qu'il en est souvent de memo pour quolques botanistes, envers certaines 
plantes rares. En effet, ces botanistes imprudents cnlèvent tout ce qu'ils 
peuYOnt emporter de ces intéressants végétaux, sans se soucier, en agissant 
ainsi, des mécomptes qu'ils occasionneront à leurs collègues qui viondront 
après eux. 

Thamnonoma Acquiaria, Mill. 

J'ai eu pendant un récent séjour aux Thermes d'Acqui (Italie) en aoAt 
dernior (1883) , 1' oxtreme satisfaction de retrouver les doux sexes de la 
Tliamnonoma Acquiaria , très raro Phalónite rócomment publiée , d' après 
une Q unique (Lépidoptérologie, l'^'" fasciculo , p. 6, pi. I, fig. 14 et 15). 

Après un intervallo do liuit ans , j' ai rotrouvé à Acqui , dans le voisi- 
nage de l'établisscment dos Bains, au méme lieu, presque à la meme place 
que la première fois, cotte intéressante Tìiamnonoma qui, la chose est cor- 
taine ; a doux gónórations , puisque les dorniers exemplaires d' Acquiaria 
ont été capturés à la fin d' Aoùt, alors quo la première fomolle avait été 
recueillie le 20 juin 1875. 

Lo 24 Aoùt dernior, j'ai obtenu une ponte do 52 oeufs fecondés d' Ac- 
quiaria. Lors de 1' éclosion de ces précieuses chenilles , éclosion qui a eu 
lieu le 1 septembre, j'ai eu, un instant l'espoir de les élevor, mais il n'en 
fut rien, hélas !... Quarante à cinquante espèces de plantes ayant été pré- 
sentéos aux jauuos chenilles, aucune d' elles n'y a louché , et toutes sont 
mortes misérablemcnt.... 

A r aide d' une forte loupe , il m'a été possible do reconnaitre quo la 
ehenille à^ Acquiaria éclose d'un oeuf oblong, deprime, d'un vert pàio, lave 
de blancbàtre sur les bords, est, en sortant do l'oeuf, passablemont allon- 
gée, cylindrique, d'un blanc teinté de blcuàtre, avec une grosso téte , et 
dix pattes bien formées. 

Tham. ^.c^MÌarm e/" ressemblo cxactemcnt à sa fomolle par l'envergure, 
et la disposition des ligaes transversales , cepondant il a l' abdomen plus 
mince, et les antennes sont pectinées, ou mieux fortement ciliées. 



— 37 






Les environs eie la petite ville d'Acqui que j'ai visités avec plus do soin 
qu'à l'epoque de nies précédents voyages, m'ont paru posseder d'oxcellents 
lieux de chasse. Je citerai à ce propos, quelques unes de mes captures eo- 
tomologiques dans ses vallons schisteux : 
Polyommatiis Thersamoìi, Esp. 
Sesia Formicaeformis, Esp. 

lei. Uroceriformis^ Tr. 
Zygaena Romeo, Dup. 

Id. Ddìiurica, Bdv. 
Psyclie Febretta^ Boyer de F. C. 

Id. Silphella^ Mi II. 
Mamestra Treitsclikei^ Bdv. 
Eriopus l'iirpiireofasciata^ Filler. 
Plusia Accenti/era, Lef. 
Catocala Pellex, Hb. 
Id. Meda, Bkh. 
Boarmia Secundaria, Esp., de grande taille. 

Id. Ilicaria^ H. S. 
Gìiophos Sartata, Tr., race remarquablo d'un gris verdàtre. 
Epione Apiciaria , Sch. , dont j' espère élever la chenille obtenue 

ah ovo. 
Clefa Pygmaearia Hb., figurée sous ses divers états dans un 7^ fa- 

scicule (pi. lY, fig. 6, et 7). 
Selidosema Ericetaria , Vili., qui vole comraunément parmi les Do- 

rycnium. 
Apamea Chloris, Mill. [sp. nov.) (1 ). 

Myelois Rohiniella, Milk, rencontrée à l'état de chenille. 
Enfin plusieures espèces de Plérophorides iutéressantes: 
Oxypetiliis Brunneodactylus, Mill. 
(Edematopliorus Lithodadylus, Tr. 
Adptilia XantJwdadyla., Tr. 
Qui voleut sur la lisière des bois au coucber du Soleil. 



Cannes Septembre 1883. 

Pierre Milliere. 



(1) Prése ntemcnt à la gravare. 



AGABUS FUSCO-xVENESCENS E CHALCONOTUS 

NOTA 
DI ENRICO RAGUSA 



Dopo la nota pubblicata nell'ultimo numero di questo periodico dall'il- 
lustrissimo Cav. Bandi, su questi due Agabus^ la conclusione per la parte clie 
mi riguardava, era assai semplice; difatti o i due insetti erano unica specie, 
o io avevo confuso i due esemplari della mia raccolta determinati per 
fiisco-aenescens dallo stesso D^ Regimbart, con dei veri chalconotus . 

Siccome ero sicuro del fatto mio, ho voluto spedire al D/ Regimbart la 
nota pubblicata dal sig. Bandi, pregandolo a volere ristudiare gl'insetti e 
darmi il suo giudizio. Li risposta non si fece aspettare : ebbi una gentilis- 
sima e lunga lettera indirizzatami il 23 settembre scorso, dalla quale tolgo 
i seguenti brani , onde provare che io non errai pubblicando quanto dissi 
nella mia nota che diede origine a quella dell'illustre entomologo di 
Torino, il quale a sua volta non aveva torto di non trovare differenze tali 
fra i due Agahiis da potervi scorgere due specie distinte , visto che lo 
stesso D/ Regimbart gli dà ragione, dicendo che la sua specie non è che 
una razza locale o varietà^ come si vedrà da ciò che mi scrisse. 

" Merci d'avoir pensò à moi pour cotte communication qui m'a vivement 
interesse. 

" Gomme j'aime avant tout la vérité, principalement lorsqu' il s' ngit do 
Science, 1' examen approfondi que j' ai fait sur un bon nombre de chalco- 
notus m'a conduit à admettre définitivement que 1' Agahiis fusco-aenescens 
n' est qu' une race du dioico). otiis , race qui doit étre surtout meridionale, 
quoique j'en trouve quelques cxemplaires dans nos environs. 

" Tandis que le chalconotus vrai a les antennes ferrugineuses avec le 
sommet des 6 ou 7 derniers articles fortement rembruni , le fusco-ae- 
nescens les a entièrement rousses avec une tache noiràtre sur le 11''; le chal- 
conotus typique est très bronzò, foncé, mcme chez des exemplaires très 
immatures, avec une fine bordure mal limitée et ferrugineuse au pronotum 
et aux élytres; chez l'autre, memo très adulte et très colore, la tointe fer- 
rugineuse occupo de chaque coté des mémes organes une assez largo cten- 
due, et les épipleures sont roux claìr; le chalconotus typique cf a le dernier 
segment abdominal lisse ou à peine pointilló le long du bord postérieur 



- 39 — 

fen plus de la réticulation qui le recouvre corame le resto dii corpsi; choz 
r autre , J', la dernière moitié est converte de corriigations longitudinales 
généralement bien imprìmées. — Enfin le chalconotus à une forme oblongue 
étroite, tandis que l'autre est beaucoup plus ovale et plus elargì. 

" Je partage donc l'opinion de M/ Baudi qu'il n'y a qu'une seule es; èco, 
Jìiais que le fusco-aenescens, représente une race bien définie, au point que 
je n' ai pour ainsi dire trouvé que deux exomplaires vraiment interme- 
diai ras. „ 



GLI OSTRACODI 

DEL 

CISTO r)I lv^ESSI3>T-^ 



(Cent. V. N. prec ). 
P. punctata n. 

Tav I, fig. 2 a-b. 

Conchiglia di forma elongat: -lanceolata, allorché si guarda lateralmente, 
allargata in avanti ed assottigliata in dietro; il margine anteriore e obliqua- 
mente rotondato , il posteriore lungamente e gradatamente restringendosi 
sporgo in una estremità abbastanza sottile, ma colla punta ottusa e roton- 
data; il margine dorsale elevasi formando uua larga curvatura che ha ap- 
pena un indizio di angolosità al terzo anteriore circa; il margine ventrale 
è quasi retto, porta una leggerissima insenatura vurso i due quinti ante- 
riori^ ed è convesso lievemente alla regione posteriore. Il contorno risulta 
quindi di forma lanceolata, colla maggior larghezz i di oltre un terzo della 
lunghezza e presso il terzo anteriore. Guardata dalla sutura dorsale mostrasi 
lanceolata considerevolmente spessa e massimamente verso il terzo anteriore. 
Guardando la conchiglia dal margine anteriore presenta un contorno lar- 
gamente ovale por la considerevole convessità delle valve. La superficie è 
molto distintamente punteggiata, quantunque le punteggiature sieno sottili 
pure essendo ravvicinate e disposte con molta regolarità riescono molto ap- 
pariscenti. 

Lunghezza Altezza Spessore 

0,72 '"'". 0, 3 """. 0,23 ""*. 



— 40 — 

Questa bella specie ha la più grande affinità colla P. dactylus Eger. Se 
ne distingue intanto pel margine ventrale quasi retto, per l'estremità an- 
teriore più obliqua, pel margine dorsale più convesso, per la regione po- 
steriore meno ristretta , per la maggiore spessezza riposta al terzo ante- 
riore , mentre nella P. dactylus è verso la metà^ e sopratutto poi per la 
distintissima punteggiatura. 

Distinguesi benanco dalla P. mytiloides perchè assottigliata alla regione 
posteriore, pel margine ventrale meno sinuoso, pel margine dorsale più ele- 
vato e più curvo, ma sopratutto pel colorito leggermente biondo e per la 
marcatissima e ben distinta punteggiatura. 

DlSTR. GEOGR. 

Rarissima nel porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Non conosciuta allo stato fossile. 

P. polita n. 

Tav. I, fig. 3 a-b. 

Conchiglia ovato-oblonga , allorché si guarda lateralmente , assottigliata 
gradatamente alla regione posteriore, colla massima altezza uguale ai due 
quinti della lunghezza e riposta poco avanti della metà della conchiglia ; 
la regione anteriore si restringe lievemente e porta il margine perfetta- 
mente rotondato; la rogione posteriore si protende molto allungata ed as- 
sottigliata, ma r estremità sua quantunque abbastanza stretta è rotondata; 
il margine dorsale è fortemente elevato e curvo senza indizio alcuno di 
angolosità; il margine ventrale curvo là dove si connette coli' anteriore è 
retto in tutto il resto con indizii minimi di sinuosità. Il contorno della con- 
chiglia guardata dal dorso assume forma lanceolata, colla sua maggior lar- 
ghezza in mezzo, che uguaglia circa un terzo della lunghezza, i due Iati 
sono regolarmente convessi, l'estremità anteriore è acuta, la posteriore più 
assottigliata ed acuminata; guardando la conchiglia dall'estreinità anteriore 
presenta un contorno ovato. La superficie si presenta levigata e priva di 
punteggiatura coll'ingrandimento ordinario, ma si manifesta fornita di pun- 
teggiatura regolare ed estremamente sottile ad ingrandimenti maggiori (1). 

Luugliezza Altezza Spessore 

0,68 '"'". 0,29 '"'^. 0,23 



nini 



(1) Io son uso osservare gli ostracodi colla combinazione dell' ob'jiettivo N. 4 
coll'ooulare N 3 Hartnach, clie porta nn ingrandimento di 90. 



— 41 — 

Un solo è l'esemplavo da me raccolto noi materiali pescati nel porto di 
Messina, ma i suoi caratteri la distinguono eminentemente dalle altre spe- 
cie. La più affino è la precedente, dalla quale basterebbero a distinguere 
la nuova specie , 1' altezza e la spessezza maggiori riposti verso la metà 
della conchiglia, ma inoltre la pretta curvatura del margine dorsale, il re- 
stringersi della regione anteriore, la forma rettilinea del margine ventrale, 
la punteggiatura superlativamente sottile della superficie ed altri caratteri 
che concorrono a renderla ben distinta. 

DlSTR. GEOGR. 

Porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Non conosciuta allo stato fossile. 

Gen. Argillaecia. G. 0. Sars. 
A. messanensis n. 

Tav. 1, fig. 4 a-c. 

Conchiglia piccola, levigatissima, ovata; guardata lateralmente ha forma 
ovato-oblonga, subtrìangolare, coli' altezza alla fronte poco maggiore della 
estremità posteriore, coll'altezza massima alla regione mediana e che ugua- 
glia i due quinti ed in taluni individui quasi la metà della lunghezza; l'e- 
stremità anteriore è strettamente rotondata, la posteriore obliquamente ro- 
tondata ; il margine dorsale è fortemente arcuato , prominente , gibboso e 
quasi angoloso alla regione mediana; il margine ventrale quasi retto; guar- 
data la conchiglia dalla regione dorsale offre una forma allungata, lievis- 
simamente più spessa alla regione mediana , dove si ha uno spessore che 
uguaglia il terzo circa della lunghezza; l'estremità posterioi'O è largamente 
rotondata, l'anteriore è lievemente attenuata e si termina angolosa; guar- 
data dall'estremo anteriore offre un contorno pressoché circolare. L i linea 
commisurale dal lato ventrale offre due linee impresso ondulate che cor- 
rono ai lati parallelamente. La superficie è levigata e vi si notano cinque 
macchie lucide ovato, molto ravvicinate e disposte quasi a rosetta. 

Lunghezza AUuzza Spcs.soi-o 

0, 7""°. 0,35™'". 0,24"'™. 

0, 8'"°^. 0, 4°'"\ 0,27' 

0, 7""". 0,35™"'. 0,23^ 

// Naturalista Siciliano, Anno III. 



'nrm 
Jmm 



— 42 — 

Questa specie ha la maggiore affinità coU'J.. badia Brady, che lo Chal- 
lenger pescava in Australia , ma è perfettamente distinta per molti parti- 
colari : li dorso alla sua parte centrale è curvo siifattamente che risulta 
gibboso e qutisi angoloso, in modo che la forma generale ha un lontano an- 
damento triangolare ; V estremo anteriore più stretto ed il posteriore più 
largo hanno tra loro una grande somiglianza. Guardata dal dorso si pre- 
senta coll'estremità anteriore meno assottigliata. 

DlSTR. GEOGR. 

Rara nel porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Sconosciuta allo stato fossile. 

[continua) G. Seguenza. 



STUDII SU PIANTE CRITICHE RARE NUOVE 

DELLA FLORA DI SICILIA 



Poa Attica Boiss. Diagn. PI. or. (1853) Poa sylvlcola , Guss. FI. 
Inarim., p. 'ali. 

Tipicamente quale Gussone la descrive e come il signor Hackel mi avea fatto 
notare, coi suoi stoloni moniliformi caratteristici questa specie cresce copiosa allo 
Zucco. 

Nonnea nigricans, D.C. 

Copiosa trovasi nei margini dei sentieri a Trappolo. 

Anagallis pirviflora Link, et Hoffm. fi. port. I, p. 325. 

Per la prima volta trovata da me quest'anno nei luoghi crljosi umidi selva- 
tici (li Caslelbuouo alla Badia. Questa forma potrebbe ben essere distinta speci- 
licauieule come si distingue la A. phoenicea dalla A. coeralea per la costanza 
dei suoi caratteri. 

Physocaulos nodosus Tausch. 

Oltre di Busanibra, di S. Maria del Bosco, cito per questa pianta la località 
delle Madonie_, del Canale delle Neviere ove essa cresce nei luoghi sassosi cal- 
cari. 



Silene commutata Guss. 
Bosco di Renda. Junio 1882. 

Silene fuscata Link. var. /?. plenls. 

Poclii piedi a fiori doppii trovai quest' anno in maggio n(-i luoghi coltivati a 
vigne presso Baleslrate. Essa è di paviicolare bellezza. 

Euphorbia coralloides Lin. 

R ;ra trovai questa specie umicola a Castelbuono nei dumeli dei Monticelli. 

Rubus hirtus W. et N. Ruh. Gemi., p. 95, t. 43. Gren. et Godron FI. de 
Fr., voi. I, p. 543. 

Noto le differenze che passano tra questa specie ed il R. Cupaniaiius specie 
molto affine ma da non confondersi : 

Ramis Jloriferis erectis rigidis non vero gracllihus, foliola fere ohovato-cunea- 
ta, apice sanuna praesevtìm fere abrupte acuminaio-caudatis, iniensj virentihus 
utruique sparse adpresseque pilosis, margine ciliatis subtus ad racliidem pri- 
mariam aculeolatis; calycinis laciniis longis acuminatissimis . Panicala strida 
depauperata^ Jloribus saepe solitariis fere racemosis, aculeis longis vix ad- 
uncis basi pariun dilatatis rubentibus nunierosissimis , indumentum gianduii- 
gerani valde copiosum laete rubelluni, 7'amis ftoralibus et cahjcem dense ve- 
stiens. 

Var. discolor Mnii Foliis saprà sparse pilosis subtus fere tomentoso-incanis 
ad margines longe ciliosis aculeis ac glandulis non rubellis nec ita copiosis 
ut in typo. Habitu omnino praecedentis. 

In dunietis elatis regionis Fagi all'Acqua della Sempria (Junio 1883)^ var. in 
dumetis elatioribus alla Fontana della Madonna dell'Alto legi. 

. Ho determinato questa bella specie su un saggio di Basilicata di Gasparini , 
che reputo degno di autenticità. Tenore (S3dloge fi. neap.) indica questa specie 
di Lucania. Cesati (Comp.) è vero che non ne fa cenno. Se Gussone confuse 
nel Prodromo questa specie col suo R. Cupanianus ciò non toglie che la specie 
in esame ne sia abbastanza distinta. Tendo a credere che essa possa riportarsi 
meglio alla var. gracilis di Gren. et Godr. ; ma in fatto di Rubi non e' è da 
farsi maestri. Cosi la mia var. discolor sebbene per l'abito è del tutto simile aì- 
V hirtus tipo, pure ha tali difTerenze da farmi ritenere che sia piii esalto, se si 
volessero seguire le idee dei Batologisti moderni, ritenerla a parie. Il R. hirtus 
non scende mai al di sotto dei 1000 m. , mentre il R. Cupanianus che è pro- 
prio della regione del Castagno alle volte si incontra anche alla stessa altezza , 



— 44 — 

senza però dar luogo a forme transitorie, ciò che e garanzia del valore dell'una 
e dell'altra specie. La var. discolor è dei luoghi più eccelsi troA'andosi a 1700 m. 

Rubus Cupanianus Guss.^ var. grosse-incisus jMihi. 

Diffevt a tìjpo : foliis fere ut in tipo hispidis argute duplicato -iacifiis , 
valde oblongato-ellipticis, non ovatis, patate cilioais ad margine^ acideis; ni- 
tide Jtavis parvis nix aduncis, rainis valde articulatis , Jloralibas a rachide 
paniculae patentìssimis rigide diaaricatis inferioribus praesertiin fere subtus 
flexis. Habitus subproprius , ac foliis laete virentibus peculiaris. Herbaceus, 
induinentum undique patate villosus subeglandulosus ac reliqais cJiaracteribus 
ut in iypo. 

In sylvaticis regionis Caslaneae, Caslelbuono, basse falde del bosco alle Tinipe 
di Sfirrino. 

Noto questa forma singolai'c non già che io voglia tener presente nei Rubus 
le varietà dei tipi più o meno speciHci; ma perchè questa agli occhi dei recenti 
monografì di tale genere Iki tutti i numeri per costituire una specie dell'uguale 
valore se non maggiore dello tnnte che più o meno generalmente sono ammesse. 

Rubus collinus D. C. Cat. Ilort. Monsp., p. 139. 

In dumelis apricis regionis coUinao Nebrodum, Castelbuono a Bocca di Cava, 
Junio. 

È nna specie generalmente ammessi, il cui indumento fa presto riconoscere per 
ima appartenente alla Sezione dei Tomentosi. L' affinità col gruppo dei Fru- 
ticosi è più lontana, di quanto lo è quella dei Tomentosi, sebbene questa a mio 
senso ha poca affinità con le si)ecie di quest' ultimo gruppo che conosco di Si- 
cilia quale il R. siculus, il E. aetnicus. Trovo che la pianta che ho sott'occhio 
ha molta affinità colla specie che il Lance descrive sot!o il nome di R. paroi- 
/?o /•;<.§ nella sua opera Descrip. PI. Hisp. etc. e non esiterei riferirla a quella, se la 
circostanza della dimensione dei fiori nella nostra pianta, non rigorosamente pic- 
coli, non mi suggerisse di evitare tale avvicinamento, senza un esame più co- 
scenzioso. ì detti del Lance pel suo R. parci/torus sono ben calzanti, in effetto 
la specie di Spagna è quanto mai prossima al colVuius, onde alla nostra. 

Helianthemuni Allioni Tin. PI. rar. sic. fase. 3, p. 43, //. caniiin 
Ej. in scliecl. Cìstus canns All. , fl. ped., p. 103, t. 45, f. 3, non 
aliorum. 

In glareoso-calcareis apricis, Passo della Botte, Junio 1883. 



— 45 — 

A seguire la dotta monografia del Willkomm , questa specie o forma che si 
voglia, rientra nel tipo principale VHel. canum Dun. Per chi voglia però distin- 
guere cosa da cosa, VII. Allionil come dice Tineo non è uè il canum, ne V alpestre, 
ne il marifoLium, ne V o eland icum, \\b \\ monta num che. segnerebbe i limiti piìi 
settentrionali di questo presunto tipo, secondo l'Ili. Autore delle Cistiiieae Europ. 
Diremo però francamente che esso è il rappresentante dell'io, canum in Sicilia. 

Questa pianta dà luogo a più forme sulle Madonie stesse. Quella soli' occhio, 
nonostante che non sia quella slessa descritta dal Tineo è una for.na a foglie 
obovate , e a quanto posso scorgere, sprovvista di peli glandulosi ai pedicelli , è 
una forma che chiamerei volentieri strigosa, ove l'indumento della pagina supe- 
riore differisce dalla inferiore deusamente incana, essendo sparsa di lunghi cigli 
su una superficie glabra di un bel verde. Se passiamo su qualche altra forma 
sempre riferibile all'istessa specie del Tineo giungeremo sWH. nebrodense Heldr., 
distinto i)er l'indumento delle foglie utrinque canae, specie che attinge le mas- 
sime elevazioni sulle Nebrodi, ac(:[uistando ahri caratteri prodotti dalle condizioni 
dello ambiente, mentre V H. Allionl è proprio dei luoghi più bassi e più ripa- 
rati. In modo più fiffuso ho trattato delle innumerevoli forme degli Heliantliemi 
di Sicilia in un mio scritto che potrà comparire quanto prima. 

Micromeria inodora Bentii. in D. C. Prodr. v. 12, p. 217. Tliymvs 
iiiodorus Dosf. fl. atl. 2, p. 30, tal). 129! Satareja fascicalata , y 
gracilis Guss., syii. fl. sic, voi. II, p. 93. M. Lo Jac. PI. Sic. rar. 
exsicc. Cent. VII (nondum evulgata). 

Questa pianta deve forse riferirsi alla var. y di Gussone della Satureja fa- 
sciculata, sebbene le località di S. M. di Gesù citate da Gussone a'ia sua var. p, 
spettano alla sua var. y, cioè a questa distintissima forma, se vogliamo, della 
specie Rafiiiesquiana che io ho riconosciuto è la specie di Desfontaines e ciò per 
i confronti dei saggi di Algeria (Mustapha Gandog!) Orano (Santa Cruz, Dtbeaux!) 
e per 1' esame della figura stessa della Flora Atlantica che si adatta benissimo 
alla nostra pianta. Ho raccolto questa a S. Maria di Gesù, allo Sferrovecchio, ove 
nel vivo calcare i suoi rami validi legnosi che costituiscono una forte ceppaja 
si attaccano intimamente. 

La M. fasciculaia varia moltissimo ; ma non sono disposto a ritenere che le 
sue forme debbano anche comprendere la pianta in esame che per molti riguardi 
se ne distingue, massime poi per l'abito, che è particolare di questa specie. Que- 
sta pianta non potrebbesi dire d'onde ha tratto il suo nome di inodora , poiché 
al contrario le sue foglie contrite sono fortemcmte odorose come di resina ! 

Cito per ora la sola località di S. Maria di Gesù, sebbene la pianta cresca in 
qualche altro sito presso Palermo; escludo anche per gli stessi dabbii la località 
di Gussone (M. Cuccio) assegnata alla sua var. "y. 



- 46 — 



Mentha Todari Mini in Plaatae Siculae rariores exsicc. Cent. V, 
n. 553. 

Caule elato robusto inferne stolonihus hi/pogaeis emittente, erecto valide te- 
tragono superne ramoso, pilis albis retrorsis sparso, foliis magnis petiolalis, 
summis tantum sabsessilibus, inferioribus (caulinae mediaeque) vix oblongatis 
latis ellipticis reliquis exacte ooatis, basi fere cordatis, parce acutatis, irregu- 
lariter grosse crenato -serratis, serrataris remotiusculis; supra pilis brevibus 
adpressis laxeque obductis, subtus pilis copiosioribus crispulìs tomento brevi 
albicante laxo formantibus, nervis nitidis albidis longe cilioso-pilosis, undique 
creberrime aureo-glandalosis ; injtorescentia amplissima pedalisi ramis nu- 
merosis validis, patulis corymboso-paniculatis , bracteis in/imis folio cotifor- 
mibuSj sterilibus, successicis Jloriferis fere e basin linear i-subulatis adscenden- 
tibus concavis verticillastris Jiumerosissimis usque ad apjicem distinctis , in 
spicis cylindraceis, inferne longissimo tracia nudis digestis, {7-9 pollic. -long is) 
in anthesitn praesertim crassis compactisque, floribus majusculis intense ru- 
bris pulcherrimis ; spica centralis lateralibus persaepe superante , cahjcibus 
longe pedicellatis, pedicellis tubo calgcino campanulato valide striato sparse 
villoso subaequantibus , dentibus angustis lanceolato-subulatis non conniven- 
tibus , calyce maturo paullo aucto, corolla, e magnis, rubra, lobis aequalibus 
Latis ovatisyintus glabra, extus sub prodactione loborum praesertim, villosa aureo- 
glandulosa, stamina inclusa filamentis brevissimis, antheris saepissime polline 
destitutis, siglo breciter exserto subaequaliter bifido lobis valde divergentibus, 
ovario nuculis semper abortivis vidi! 

Odor lierhae primum laeviter resinosus dein gratissime camphoratus! 

In biimidis sylvalicis Acqua di Campanella, prope Godrano, 1 oct. 1881. 

Specie pei' tutti i riguardi interessantissima, che trovo da paragonare solo alla 
M. Bipartii. Che essa appartiene al gruppo doAVAquaticae è ben evidente, ma 
il modo dell'infiorescenza, la copia dei rami che costituiscono spesso una immensa 
pannocchia nò l'allontanano di molto, e ci riporta nell'apparenza al gruppo della 
M. sylvestris. Oltre a questi caratteri, questa forma ha altre singolarità che danno 
luogo ad una serie di quistioni complicatissime che costituiscono le difficoltà del- 
l'intelligenza esatta del polimorfo genere Mentila. Cos'i la forma dei calici molto 
ingranditi, che risponde ad un vizio di cui è affetto l'ovario di quasi tutti i fiori 
da me esaminati , che è sempre sterile , e che invece di semi al suo interno ci 
presenta una quantità di larve di Ditteri, ci richiamerebbe da un canto \m qual- 
che caso teratologico, certamente non limitato agli individui da me esaminati, ma 
che si ripete altrove, perchè il Bertoloni nella FI. Italica nella sua M. hir- 
suta include come var. una var. ^ gallifera, che se non mi isbaglio può allu- 
dere al caso nostro , per quanto improprio l' epiteto di gallifera pare debba 
suonare per il fenomeno che vengo di accennare nell'organo fruttifero di questa 



— 47 - 

pianta. Dall'altro canto la presenza eli altri calici (fruttiferi) normali, ma a quanto 
pare anche sterili, ci richiamerebbe un qualche fatto di fiori cleistogami, perchè 
le corolle di questi calici che conservano le normali dimensioni sono più piccole 
di altre più vistose frammiste alle slesse spiche. Ed in ultimo la fusione di ca- 
latteri cosi disparati, che distinguono questa Monika, suscita la viva quistione 
dell'origine di queste innmnere forme nel genere, se debbonsi o no attribuire alla 
fecondazione crociata operantesi nella loro convivenza (1) 

Lotus g-lareosus Boiss. et Reut. Pug., p. 136. Lotus versicolor Tin. 
PI. rar. sic. fase. 2, p. 27. Ann. 1846. 

In nemoribus apricis solo argilloso, Portella della Saracena vicino M. Soro 
(Valdemone). Junio 1883. 

Non credo che questa specie siciliana possa separarsi dalla specie del Boissier 
tanto polimorfa. Il L. Delorti le sta ancora vicino. L' indumento nella nostra 
pianta è circoscritto ai margini delle foglie che sono lungamente ciliose , per il 
resto essa è glabra, e spetterebbe perciò alla var. a della Flora di Spagna. Il 
vessillo è sin dall' inizio di color rosso fuoco , le ali e la carena gialle. In se- 
guito colla disseccazione il primo cangiasi come il resto del fiore, nel solito color 
verde proprio ai congeneri (2). 

(continua) 

M. LOJACONO. 



(1) È mia opinione che ((tuuito si asserisco oggi suH'ibridismo delle Mcnlliac, 
non ò ancora !)on chiaro, e resta meglio a provai'si. Dirò per ora che nel luogo 
ove cresce la M. Todari mancano altre formo. Non solo, in una estesissima con- 
trada di più che 30 kil q., quanto può stimarsi quella di Ficnzza e vicinato, che 
io ho battuto sin dalla prima adolescenza, io non ho mai visto un piedcj di M. si/l- 
vestris! Ciò che dovrebbe escludere recisamente l'idea di un'ibridazione tra i due 
tipi aquatica e sj/l cestri.-^, di cui il risnltato potrebbe ritenersi la M. Todari. Opi- 
nione del resto erronea, pei'cbè questa forma nonostante la sua carattei-istica in- 
fiorescenza non ha cosa alcuna clie ])Ossa addebitarsi all'ingerenza di una forma 
«[ualsiasi della M. si/lccstris. 

(2) La publicazione del L cersicolor rimonta al 1846, e quella del L. glarcoms 
al 1852 se non erro. Se come io credo, 1' identità di queste due piante è incon- 
trastata, spetta per i saputi diritti, la priorità a quel nome imposto da Tineo. 



48 — 



IL QUATERNARIO DI RIZZOLO 



II. 

Gli Ostracodi. 

(Cont. Vedi Niim. prec). 

C. venus n. 

Tav. I, fig. 7. 

Conchiglia piccola, guardata lateralmente è di forma ovato-oblonga, quasi 
tetragonale, colla maggiore altezza che è presso la fronte, alla distanza dì 
un quarto della totale lunghezza, della quale in valore oltrepassa la metà; 
l'estremità anteriore è larga e completamente rotondata , col margine in- 
tiero, ma con rare piccolissime ed irregolari prominenze; la regione poste- 
riore è troncata, angolosa e porta nella metà inferiore una prominenza larga, 
dentellata o fornita di piccole spine al margine; il margine dorsale arcuato 
porta un angolo ottuso, ma distinto, là dove è la maggiore altezza della con- 
chiglia, e si termina posteriormente in altro angolo rotondato e meno di- 
stinto, la porzione interposta trai due angoli è ben poco curva; il margine 
ventrale è curvo-convesso nella porzione posteriore, leggermente sinuoso 
tra la fronte e la parte mediana, d'ordinario sporge una piccola spina dal 
margine ventrale assai presso la sporgenza posteriore; veduta dalla regione 
dorsale la conchiglia si offre considerevolmente compressa, di forma allun- 
gata ed assottigliata ai due estremi, che sono poi ottusi con piccole promi- 
nenze angolose ai lati, il maggiore spessore che è di circa duo quinti della 
lunghezza totale trovasi al terzo posteriore , e verso la metà il contorno 
d'ambo i lati si appiana ovvero forma un lievissimo seno; guardata da una 
estremità offre forma ovato-rotondata ; le valve sono ornate da numerose 
oscavazioni ravvicinate, di forma e di grandezza variabili, sulla medesima 
valva essendovene rotondate, allungate, poligonali, ma disposte di tal guisa 
che una linea più o meno sottile s'interpone tra l' una e l'altra, in modo 
che la riunione di tali linee forma una rete di fili prominenti in taluni 
casi, depressi ordinariamente ; una linea esile cinge a brevissima distanza 



— 49 — 
e parallelamente il margine anteriore; i due tubercoli cardinali sono pro- 
minenti e lucidi. 

Lunghezza Altezza Spessore 

C.Ba™-". Ojai""". 0,27'""\ 

GjOS™"». 0,27'""'. 0,21""". 

0,72'"r 0,38""". 0,29"'"^. 

0, G"»"». 0,04"'". 0,23™"». 

0,54'"'". 0,29'"'". 0,22'"™. 

Questa piccola e bella specie è ben distinta pei suoi caratteri tutti pei 
quali si allontana rimarchevolmente dalle conosciute. Essa ò aiRne alle 
specie precedentemente descritte, dalle quali la sua piceiolezza e la forma 
quatrangolare delle valve la distinguono benissimo. Si avvicina di più alla 
precedente, ma oltre i connati caratteri la distinguono la scultura e mille 
altri particolari così nella forma, come noirornimentazione di eutrambe. 

DlSTR. GEOGR. 

Una speciale varietà raccolta a Messina! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Rizzolo ! 

C. phascolina, n. 

Tav. I, fìg 8. 

Conchiglia ovato-oblonga guardata lateralmente , colla maggiore altezza 
distante dalla fronte circa ad uu terzo della lunghezza, e che misura più 
della metà di questa negli individui femìnci, raggiungendo anco i tre quinti, 
si mantiene invece minore nei maschili ; la regione anteriore ò completa- 
mente rotondata ed alquanto obliqua, col margine intiero; la regione po- 
steriore sporge in un angolo più o mono ottuso e sovente rotondato , tale 
sporgenza ha il suo margine superiore concavo ed invece convesso l'infe- 
riore ; il margine dorsale forma una curva con lontano indizio di angolo- 
sità nella sua parte più elevata e nella posteriore, tra questi due punti la 
curvatura è ben lieve; il margine ventrale s'incurva molto per costituire 
la sporgenza posteriore , nel resto è poco curvo e forma uu seno tra la 
metà e l'estremo anteriore; veduta dal dorso la conchiglia ha forma ovato- 
ellittica, angolosa alle due estremità, regolarmente convessa ai lati, e collo 
spessore massimo equidistante dagli estremi e che supera la metà della 

Il Naturalista Siciliano, Anno III. '' 



— 50 — 

lungliezia; guirdata da un estremo ha forma ovato-rotondata. Le valve sono 
ornate da una punteggiatura fina, poco distinta e variabile, col margine ben 
delimitato, non punteggiato, ma fornito dì finissima striatura trasversale. 
Gl'individui maschili hanno forma più gracile. 

Lungliozza Altezza Spessore 

0, O'""". 0,55"'°'. 0,48""". 

0,75™"'. 0,42"^"». 0,39""^'. 

0,81™". 0,50™™. 0,43"'°. 

0,82™™. 0,45™™. 0,43™™. 

0,81™™. 0,43™™. 0,42™™. 

Questa specie ò benissimo caratterizzata dalla regolarìssima convessità 
delle valve, come dall'integrità perfetta dei loro margini e dalla leviga- 
tezza della superficie in modo che non offre mai spino, asprezza o scabro- 
sità di qualunque natura, per tali caratteri e per la forma generale somi- 
glia alla specie seguente, distinguendosi per essere piiì piccola, più con- 
vessa, ed angolosa alla regione posteriore, che è prominente. La sua mag- 
giore affinità par che si riscontri nella C. villosa G. 0. Sars dalla quale è 
intanto distintissima per la forma dell'estremità posteriore, per la grande 
convessità delle valve, per la fina scultura e per varii altri caratteri. 

DlSTR. GEOGR. 

Non conosciuta vivente. 

DlSTK. STRAT. 

Rara a llizzolo ! 

C. albo-maculata, Baird. 

1850. Ci/flicre albo-m addata Baird. Brit. Entom., p. 169, tav. XX, fig. 7. 
1868. „ „ Brady. Mon. Ree. brit. Ostrac. , pag. 402, 

tav. XXVIII, fig. 33-30. 
1S74. „ „ Brady. Post-tert. Entom. Scot., p. 149, tav. IX, 

fig. 1-4. 

Di questa specie ho raccolto un solo esemplare, che conviene esattamente 
bene in tutti i caratteri assegnati a quella forma vivente. 

DlSTR. GEOGR. 

Gran Brettagna, Irlanda, Norvegia, Levante, Capo Verde. 



^ 51 -^ 

DlSTR. STRAT. 

Scozia, Irlanda nel Quaternario^— Rizzolo ! 

C. lejoderma, Norman. 

1868. Cytherc lejoderma IS'ornian. Last Spetland Dredging Roport., p. 291. 
1870. „ „ Brady. Ann. and Mag. N. H. 4th. ser. voi. YI , 

p. 451, tav. XIX, fìg. 11-13. 
1874. „ „ Brady. Crosskey and Robertson. Mon. post-tort. 

entom., pag. 149, tav. IX, fìg. 5-G. 

Non senza esitare riferisco a questa specie una sola valva, la quale guar- 
data lateralmente ha una forma che può dirsi intermedia tra le due figure 
pubblicate, e ciò che parmi ne l'allontani di più si è il difetto quasi com- 
pleto d'angolosità alla regione dorsale, l'assottigliamento un po' maggiore 
della regione posteriore, la punteggiatura piìi frequente della superficie, ma 
d'altro canto la forte convessità della valva, e la forma di tale convessità, 
le striature marginali, e i due poderosi denti del margine dorsale mi fanno 
quasi certo della esattezza della mia determinazione. 

DlSTR. GEOGR. 

Shetland — Golfo di S. Lorenzo. 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Scozia — Rarissima a Rizzolo! 
{continua) G. Seguenza. 



SUI PESCI DELLO STRETTO DI MESSINA 



IV. 

Scopelus uracoclampus n. sp. 

L'altezza del corpo si comprende 4 volte o poco più nella lunghezza del 
pesce esclusane la cedale ed è poco più del doppio della spessezza. La 
lunghezza del capo è la 4"^ parte della lunghezza totale e supera di ^/V la 
sua altezza. Il profilo del. capo salisce rapidamente in linea convessa sul 
muso, indi meno insino alla nuca; da qui monta ancora un poco fino alla 



- 52 — 

orìgine della dorsale, donde va leggermente dechinando alla baso della coda. 
Il contorno inferiore del capo ò più obbliquo, più lungo e meno convesso 
del superiore, poi va in direzione orizzontale sino all'ano; da questo punto 
ascoude fino alla coda più che non si abbassi la porzione opposta del pro- 
filo del dorso. L'occhio è di mezzana grandezza, circolaro e non raggiunge 
il profilo. Esso dista dall'estremità del muso ^"3 e dal contorno della bocca 
V3 del suo diametro. Questo poi cape 4 volto nella lunghezza del c.ipo , 
meno di 2 volte nella sua distanza dall' estremità posteriore dell' interma- 
scellare , è minore dello spazio infraorbitario , è uguale alla distanza che 

10 divide dall'altro anteriormente, come pure dal punto più vicino del mar- 
gino discendente del preopercolo. Dello duo narici l'anteriore e più piccola 
e rotonda, la posteriore allungata. Manca ogni traccia d'apparato lucido 
presso gli occhi. Il muso è assai ottuso. La bocca fendesi obbliquamonte 
per ^3 della lunghezza del capo. L'intermascellare è in tutro scoperto, non 
allargato in dietro, ove teruìina presso l'angolo della bocca. Il suo margine 
è leggermente convesso e minutamente dentellato. La mandibola è appena 
più corta sull' estremità del muso , di figura ellittica allungata ma poste- 
riormente incomplet:!,. La sua larghezza cape 2 V4 volte nella lunghezza. 
I suoi denti sono più numerosi dei superiori e coprono tutto il contorno 
boccale dell' osso che li poita. Le ossa articolari si toccano in quasi tutta 
l'estensione del loro bordo interno tagliente. L'arco branchiale esterno porta 
una serio di 19 lunghe setole denticulate ed aventi l'estremità ottusa; negli 
archi branchiali consecutivi esse vanno rapidissimamente raccorciandosi, sic- 
ché sul più interno sono appena indicate. Il prcopcrcolo ha il margine an- 
teriore rilevato, tagliente ed inclinato obbliquamonte all'innanzi, il margino 
postico-inferiore rotondato. La sua porzione squammosa viene divisa da una 
profonda incisura orizzontale in due lobi. Gli altri pezzi opercolari non 
hanno nessuna obbliquità. L' opercolo ha il suo margine postico-superiore 
perfettamente rotondato e senza angolo, il seno che sta al di sotto allun- 
gato e non molto profondo, l'angolo postico-inferiore piuttosto prominente. 

11 subopcrcolo è allungato, col lembo posteriore leggermente sinuato. L'in- 
teropercolo lo ha rotondato. 

La dorsale anteriore principia più vicino all'adiposa che all'estremità del 
muso. Essa è più lunga che alta. Il suo 1° raggio è semplice, spiniforme, 
metà o meno di metà della lunghezza del 2". L'adiposa è lunghetta, stretta, 
acuminata , alquanto più vicina al termine della dorsale anteriore che ai 
primi raggi della codale, interamente radiata. Le pettorali sono brevi, non 
misurando che metà della lunghezza delle ventrali, dalla cui base distano 
quanto la propria lunghezza. Le ventrali nascono appena più in dietro del- 



— 53 — 

l'origine della dorsale e giungono fino all'ano. Il loro raggio esferno ò assai 
più breve degli altri, semplice, spiniforme. L'anale nasce un poco più in- 
nanzi il fino della dorsale anteriore e termina in direzione dell' adiposa. 
Essa è quasi tanto lunga quanto alta. Il suo 1" r.iggio è corto , semplice, 
metà del 2"; questo è la 4^ parte circa del 3". La codale è biloba, coi 
primi raggi brevi, semplici, spiniformi. 

P D. 17, 2-^ D. numerosi, P. 15, V. 9, A. 14, C. 30. B. 9. Sq. 1.1. 36. 

Il corpo, tranne il muso , è rivestito di squame piuttosto grandi , molto 
caduche. I pezzi opercolari in tutta la loro superficie esteriore ne vengono 
coperte in modo da non lasciare scorgere la loro configurazione. Quelle 
della linea laterale sono un poco allungate in senso verticale , irregolar- 
mente ellittiche, concentricamente striate su tutta la superficie e con una 
profonda incisura nel mezzo dell'orlo posteriore. Le altre hanno varia forma 
secondo la regione del corpo e sono pure in tutto striate. 

Lo stomaco è conformato come nelle altre specie , cioè a guisa di un 
sacchetto corto , dal mezzo del quale si stacca inferiormente una piccola 
branca pilorica. L'intestino è breve e corre quasi dritto fino all'ano. Alla 
sua origine si contavano in un esemplare cinque appendici piloriche. La 
cistifellia è piccola , di forma sferica. La vescica natatoria è larga ed oc- 
cupa quasi tutta la lunghezza del cavo del ventre. 

Il colore generale è marrone piuttosto. Il muso e il contorno della bocca sono 
scolorati. L'iride e la guancia argentine. Gli opercoli argentino-oscuri. Il corpo 
è adorno di punti bleuastri cerchiati di nero. Uno di essi languisce dietro il mar- 
gine discendente del preopercolo. Lungo il profilo dell'addome, dalla gola al- 
l'ano, ve n'ha due serie parallele dì sei. Innanzi la base delle ventrali se ne 
osserva inoltre uno piìi in fuori di quelli delle due serie. Al di sopra del 
primo di queste ne esistono altri due, di cui il superiore trovasi all'angolo 
inferiore della pettorale. Su del terzo avvene uno. Sopra quello della basa 
delle ventrali un altro in direzione obbliqua. Sopra il quarto due in linea 
obbliqua per dietro. In sopra dell'ultimo altri tre disposti con esso in linea 
anche obbliqua in dietro ed inarcata con la concavità verso questa parte. 
Dopo un intervallo del detto ultimo punto della serie ventrale e perciò 
dopo l'origina dell'anale, sonvene quattro su ciascun lato di questa pinna. 
Dopo un secondo intervallo cinque. Sopra quest'intervallo tre posti a trian- 
golo. Dopo un terzo intervallo altri due innanzi l'origine della codale, cui 
fanno seguito montando due altri. La porzione del profilo del dorso com- 
presa tra l'adiposa e la radice della coda è coperta da una pellicola ar- 
gentina. 

Conobbi per la prima volta questa specie a 10 Aprile di quest'anno 



— 54 - 

su tre esemplari. Poi ne vidi altri in Maggio. Ora ne conservo una ven- 
tina di esemplari tutti pressoccliò della stessa lunghezza che non sor- 
passa gli 11 centimetri ad eccezione di uno giovane che misura 5 cen- 
timetri. Essi sono molto denudati delle scaglie ed aspetto perciò di otte- 
nerne qualcuno in più lodevole stato per rilevarne una figura. Tra le par- 
ticolarità indicate è assai caratteristica la brevità delle pettorali la quale 
fa sì che l'apice di queste disti dalla base delle ventrali per uno spazio 
pili grande di quanto si osserva in tutti gli altri Scopeli che finora si co- 
noscono , stando per quelli esotici che non ho alle descrizioni date dagli 
autori. Riguardo all'apparato lucido notato sul margine superiore del ti-onco 
della coda non saprei dire attualmente se costituisca un carattere sessuale, 
mentre posso accertare che nello Scopeìiis Beiioiti Cocco che lo ha meno 
esteso e perlaceo piuttosto, è proprio dei maschi, non mancandone per tanto 
una traccia nelle femmine, ma posta sul margine inferiore. 

D.'" Luigi Facciola'. 



LEPIDOTTERI DRUOFAGI 



(Cont. V. Num. prec). 

B. BOMBICI 

V. Cocliopodi Bsd. 

29. Heterogenea limacodes Hfn. — Slaudinger, p.^ G2. 

Il bruco nella line dell'osiate vive sulle querce (Curò, Lefitolc). 

Poggi di Alzate in Lombardia, Sicilia. 
30. Heterogenea asella Schf. — Staudinger, p. 62. 

Il bruco sulla (ine dell'estate si trova sulla quercia e sul leccio, nutrendosi 

delle frondi (Lefitole specie poco nociva, perchè si nutrisce anche delle frondi 

di faggio, e di noce. 

Poggi di Alzate in Lo;iibardia, Piemonte, Napoli, Corsica. 

VI. Psichidi Bsd. 
31. Psyche unicolor Ilfn. — Slaudinger, p. 64. 



— 55 — 

I bozzoli si trovano attaccali ai tronchi delle qnerce al limite de' prati , ò 

probabile che il braco si nutrisce della quercia, e dei licheni (Turati). 

Brianza, Milano, Italia meridionale. 
3.2. Psyche SchiEPerninellerl Och. — Staudinger, p, 64. 

È dubbioso se il bruco vive sulle querce, il bozzolo si trova sul suo tronco. 

Piemonte. 
3'^. Epichnopteryx helicinella H. S. — Staudinger, p. 65. 

I brucili di questa rara specie si trovano sui tronchi delle querce nei boschi 
di Alzate nella Brianza, probabilmente si nutrisce de' licheni. 

VII. Liparidi 

34. Orgya gonostigma Fbr. — Staudiigvr, p. G5. 

In aprile e maggio il bruco si trova sulla quercia, di cui si nutrisce. 
Piemonte, Lombardia, Parma, Sicilia, Corsica. 

Paras. muscari — Doria concinnata Mgn., Tachina larvaruni Lnn. 
Paras. x ESP ari— Bulophus boinhiliformis Rtz., vive ne' bruchi del G. Or- 
g/ja, il Teleas Dalmanni secondo il Girard, è parassito delle uova. 

35. Orgya trigotephras Bsd. — Staudinger, p. 66. 

a. ab. Corsica B. 

II bruco adulto in aprile e maggio vive sul Q. rohar , ed ilex. Il tipo si 
trova nel Nizzardo, la varietà in Corsica. 

36. Dasychira pudibunda Lnn. — Staudinger, p. 66. 
Il bruco si nutrisce delle frondi delle querce. 
Paras. muscari — Taschina canians Dsv. 

Paras. vespari — Anagrus ftavus Frst., Anomalon excavatian Rtz., Cera- 
phron alhipes Ltr., Hemiteles arcator Gr., Ichneiunon halticus Rtz., sex- 
lineatus Gr. , Pimpla iustigator Fbr. , piidibundus Rtz. , Trogus albosi- 
gnatus Grv. 

37. Laria nigrum Mllr. — Staudinger, p. 66. 

Il bruco in maggio e giugno vive sulle querce (Melliere), ma si trova anche 

sul tiglio, e sull'avellano. 

Piemonte, Lombardia, Toscana; Parma. 

38. Leucoma salicis Lnn. — Staudinger, p. 67. 

Il bruco è molto dannoso in maggio e giugno al Q. suher L., divorando le 
frondi , in alcuni anni ho veduto interi appezzamenti di boschi di sughero 
interamente sfrondati. Il Passerini ha fatto i*,onoscere i danni prodotti da que- 
sta specie nell'Italia centrale ; ed io ho pubblicalo una nota sui danni pro- 
dotti in un boschetto di sugheri vicino Tusa, Provincia di Messina, mentre 
nello esteso bosco di sugheri di Ceraci Sicu'.o non l'ho mai trovalo. 
Italia intera, Corsica, Sicilia. 

Paras. VESPxm—Microgastev melanoschelus Rtz., M. octonarius Rtz., Pe^o- 
macus tenebraior Frst., Pimpla stercorator Fbr., Rogus praerogator Lnn., 



- 56 — 

Bracon pallici US Grv., Compoplex assimilis Grv., Crr/ptus ancdis Grd., Te- 
Icnomus punctulatus , secondo Gii'ard è parassito delle uova. Vi sono altri 
parassiti vespari dL-ll'antico G. liparis, che oggi è stato suddiviso, e credo 
di menzionarli, ])ercliè attaccano anche la salicis: Camploplex rapax Grv., 
Dlplolopis chrijaorrhoeae Scli., Ichneamon praerogator Lnn., Mesocho- 
rus dilutus Rtz., splendidnlus Grv., Pimpla varicornis Grv., Pteromalas 
omnivorus WL, Xorìdes dentipes Gml., irvlgatov Fhr., longicornis Rtz., 
Barchus compressus Fbr., Chrgsolampus solitarius Rtz. 
30. Parthesia chrysorrhoea Lnn. — Staudinger, p, G7. 

Il bruco vive sulla quercia, in alcuni anni è molto dannoso, quando si svi- 
luppa oltremodo j come fece alcuni anni addietro ne' boschi di Avellino, e 
di Sardegna, allora gli alberi restano sfrondati. È una specie polifuga, e ta- 
lora è dannosa ad al (re piante. 
Tutta Italia, Corsica, Sicilia. 

Paras. vespari — Anagrus ooiuorus Rnd., Diplolepis chrgsorrhoeae Sch., 
Microgaster lactipennis Rtz. , Pimpla examinator Fbr. , fìaot'cans Fbr., 
Pteromilus rot andai as Rtz., Toriinu^ anophleus Rtz. 

40. Psìlura monacha Lnn. — Staudinger, p. {>7. 

Il bruco è spesso dannoso al Q. robur nel maggio, siccome è una specie 
piuttosto polifaga, perchè vive sui pini, peri, meli, quindi non è molto di 
temere— Italia. 

Paras. vespari — Aphidius flavedens Rtz. , Canipoplex rapax Grv., Ich- 
neumon raplorlus Grv., Perllltus unicolor Hrt., Pimpla examinator Fbr., 
Trogus ftavatoriìis Pnz., Xorides dentipes Gml., irrigator Fbr., Cryptus 
analis Grd. 

41. Ocneria dispar liUn. — Staudinger, p. G7. 

Il bruco si nutrisce delle frondi di quercia, negli anni che si moltiplica straor- 
dinariamente diviene anche dannoso ad altre piante. 
Piemonte, Loml)ardia, Parma, Napoli, Sardegna, Sicilia. 
Paras. vespari — Campoplex conicus Rtz., Hemileles fulcipes Grv., Me- 
sochoras pectoralis Rtz., Microgaster liparidis Rtz., puhescens Bè, soli- 
tarius Rtz., melanoschelus Rtz., Trogus ftaoatorius Pnz. 
Paras, muscari — Taxchina Moretii Dv. , noctuaruin Dv. , quinqueoittata 
Hart., rustica FU., EcJignomya fera Ln. , Exorista crassiscta Rnd., Ta- 
schina larvincula Hrt. 
4,2. Ocneria rubea LUìn.— Staudinger, p. 67. 

Il bruco vive sulla quercia, comune in maggio e giugno, e polifaga e si nu- 
trisce anche di altre piante. 

Tirolo, Istria, Nizza, è riportala da Petagna; non conosco se altri l'han tro- 
vato in Italia. 
{continua) A. Mina' Palombo. 



Cenni Bibliografici 



Il signor Nelu'ing dopo aver dato (Soc. degli amici di se. nat. di Ber- 
lino 1883) ragguaglio sui fossili abbondanti nelle cave di gesso presso "Wc- 
steregeln, diede ancbe alcune notizie storiche sul cavallo. Nell'epoca ter- 
ziaria, osservò Neliring, aver vissuto nell'Europa un animalo simile al ca- 
vallo (Ancliitheriitm, poi Hipparion) ed esser assolutamente constatato che 
dall'epoca diluviale in poi visse in Europa un cavallo selvaggio, conosciuto 
zoologicamente per Equus cahallus ^ non a distinguersi specificamente dal 
cavallo addomesticato del giorno d'oggi. Detti resti fossili di cavallo trovansi 
negli strati preglaciali, iu quelli dell'epoca glaciale e nei depositi postgla- 
ciali, in torbiere, in palafitte, tumuli preistorici etc. Il cavallo dell'epoca 
diluviale dell'Europa centrale aveva ossa robuste, (osta grossa ed una al- 
tezza di m. 1, 50, dopo questa epoca però sino ai lempi delle foreste ger- 
maniche il cavallo degenerò sì in gra.idezza che in robustezza e ciò in 
causa del clima, della ristrettezza dei pascoli, dell'addomcstichezza da parto 
dell'uomo. — Nehring rimarca finalmente la patria de! cavallo non esser so- 
lamente l'Asia, ma l'Europa averlo posseduto da immemorabile tempo. 

Il signor Fruwirth ci dà (Soc. austr. aleni, degli Alpinisti di Salisbur- 
go 1883) dei dati assai interessanti sulle caverne , e poi anche sugli ani- 
mali (Triglobii) che vivono in esse; troviamo citate diverse specie di Hy- 
pochlhon, alcuni molluschi [Carychium spdaeum^ Hijdiuhia ritrae]^ diversi 
coleotteri {Adelops^ Anopìitlialmiis^ LeptoiUnis^ Machaevìtes, Spliodrus etc), 
diversi arachnidi {Ohisium Desclimanni, Cliermes cavicida , Hadìtes tegeiia- 



o 



rioides ed altri), alcuni crostacei [Tlthanethes, Nlpìiargns^ C/jclops etc. Gli 
animali abitanti nelle grotto suno per lo più piccoli , il colorito del loro 
corpo è secondo il colore della località in cui vivono, oscuro in siti oscuri, 
e chiaro se in luoghi ciliari (la Eiìeira fiisca di color bianco, sugli stallat- 
titi), i loro RìovinionLi sono lesti, l'udito sembra essere acuto, la vista ru- 
diinentaria o del tutto mancante. In generale sono abbondanti' le ossa fos- 
sili di mammutli , rinoceronte, orso, volpo, lepvo etc. La flora è rappreson- 
tara da crittogame, nominatamente da funghi [LenziUs sepiaria , Pohjpo 
rus vcìutinns, Agarkas iietasiformis^ Ozonium aurlcoìmm , Fibrillaria snh- 
terranen etc). 

Il sign:r Eeiber dà (Soc. di se. nat. di Colmar 1883) uno schizzo zoo- 
logico della cattedrale di Strasburgo; 12 sono gli uccelli che in parto an- 
nidano sul duomo e in parte vivono per tutto l'anno in esso, e sono Falco 
tuiìiiicnlus, Strix flammea ^ Coruus monedtda ^ Frlngilla domestica^ Srjliia 
tltìiijs^ Columha domestica^ nel di cui nido vive parassita V Argas rofiexus; 
poi 3 pipistrelli, un lepidottero [Bri/opJùla miiralis) clie si nutre dei lepi- 
dotteri microscopici, alcuni pochi arachnidi, e alcune formiche. 

Il D.'" Morav/etz descrive (Imp. Accad. di se. di Pietroburgo 1882) un 
bastardo della Hahropìjga cinerea Violi, e della Hahr. melpoda Violi ; que- 
sto bastardo assomiglia di molto alla H. melpoda^ ò però più piccolo, la 
parte superiore del corpo è di color bruno più chiaro, la parte inferiore 
più oscura etc. 

Il sig. Vordermann dà (Soc. di se. nat. di Batavìa 1882) una contribu- 
zione alla fauna ornitologica di Sumatra evi descrive diverse nuove specie, 
cosi Dicnirus sitmatranus ^ Mycopìioneus castaìieus , Tardinus marmoratus 
ed altri. 

Il defunto ca[)itano de Baldenstcia scrisse nel 1822-24 un diario sui di- 
versi fenomeni ornitologici nella Svizzera. — Questo diario viene pubblicato 
dal Coloncllo de Salis negli scritti della Società di scienze naturali a Coirà 
(1883); fra le molte osservazioni di alto interesse sono a menzionarsi quello 
sulla Muscicapa lactnosa e alhicolìis, Strix alaco etc. 

Negli scritti della Società ornitologica di Vienna troviamo tanto nume- 
rosi i lavori , che ad onta della loro importanza non possiamo che darne 
brevi cenni. Negli ultimi numeri troviamo del Milne Edwards una memoria 
sulla fauna della regione antartica; del Kocyan una enumerazione degli uc- 
celli della Tatra settentrionale, e del Prof. Pennoni, una lista degli uccelli 
del Trentino; di interesse ò la notizia che ci dà il signor do Tehusi, aver 
osservato cioè nel Salisburghese la Locustella luscinoides e il Fastor rosjiis. 



— 3 - 

Il Prof. Hayek descrive (Soc. per la diffusione delle se. nat. Yiennà 
1883) la JlaUeria iiunctata ^ una grande lacerta della iNuova Zelanda, di 
colore grig-giastro, di movimenti assai pigri e che vive nello sabbie alla riva 
del mare. Questa lacerta lia dei caratteri sì differenti dagli altri Saurii che 
Giinther creò per essa un apposito gruppo — Wiìjìh hocephalus e che può essere 
atiine all'ordine fossile àdW Aìiomodontia. — Questa Hallerìa è in pericolo di 
estinguersi , perchè viene perseguitata in causa della sua carne che ser- 
ve di alimento agli abitanti e poi anche perchè viene ricercato per i 
Musei. 

Il sig. Hayek fa poi menzione del piccolo pesciolino : Ficrasfer acus Kp. 
della famiglia degli Ofidj del Mediterraneo, il quale si introduco nel corpo 
della Hoìitharia tuberosa^ nell'istesso modo come fa il Pagurus Bernliardus; 
di assai interesse è vedere con quale astuzia questo pesciolino cerca il mo- 
mento per arrivare al suo scopo. 

Il D.'" llaacke fa (Soc. zoolog. di Francoforte s. Meno, 1883) alcune os- 
servazioni sul Tradì i/dosaurus rugosus e sul Tr. asper dell'Australia; que- 
sta lacerta è vivipara, e il Tr. asper maschio si distingue dalla fem- 
mina per la forma della sua coda lunga e sottile, mentre quella della fem- 
mina è breve e larga, gli embrioni del detto Tr. asper hanno sul dorso delle 
fasce trasversali gialle, come le si trovano nel rugosus già adulto. 

Il sig. Peters descrive (R. Accad. di se. di Berlino 1883j, due nuovi Ba- 
trachi del Madagascar, un Manlipns Hildebrandl n. g., n. sp., e un Phrij- 
nocara tidieratnm n. g. , n. sp. , ambedue appartenenti al gruppo dei I)y- 
scophi. 

Nella 2' parte della memoria sui pesci del Giappone descritti dal Direttore 
Steindachìier e dal Prof. Doderlein , troviamo un Melanostoma n. g. alfine 
allo Scoììihrox colla n. sp. japomcum; poi un Cgpsdichthys japoniciis u. g. 
n. sp. Il D.'' Steindachner ritiene VHìstiopterus recurvirostris Ridi., quale rap- 
presentante d'un nuovo genere, a cui in causa dell' affinità col Pentaceros 
denomina Pentaceropsis. 

Il sig. Faust descrive (Imo. Soc. dei Natur. di Mosca 1883) il genere 
Dorytomns colle rispettive specie dell'Europa e dell' Asia; fra le quali vi 
sono anche diverse specie nuove come Dor. Sdionlicrri dell'Italia, il quale 
venne confuso assai spesso col Dor. Dejeani; Dor. Rodofsì^ che vive nella 
Siberia sui pioppi e che assomiglia molto al Tertrix; Dor. snhclììdas della 
Dauria; Dor. Nordeiiskioldi della Francia etc. etc. 

Il sig. Bartels dà (Soc. di se. nat. di Cassel 1883) notizie sulla fauna 
entomologica dei dintorni di Cassel; fa menzione del Melosoma lappoìiicum^ 
di cui trovansi diverso varietà di differente colore , però non può essere 



la Yarietà di color Lleu, il maschio, e quella di color variegato la femmina. 
Della Fhytodeda quimjveinindaia trovansi individui di colore del tutto 
giallo ciliare o altri di colore nero oscuro. — Il Fdahius tunlus dico avere 
la proprietà di dare un suono acuto, fregando l'addome sulle strie elevate 
ed incavate che trovansi sotto le elitre. 

Il D."" Kittel continua ancor sempre la sua enumerazione dei Coleotteri 
della Baviera negli scritti della Società di scienze naturali di Ratishon- 
na (1883). (Questa Società portava per lo passato il nome di " Società mi- 
neralogico-zoologica). 

Il Prof. Riley ci dà (xiccad. di se. nat. di St. Louis, Miss. 1882) dei dati 
caratteristici del gruppo Microgaster dell'America settentrionale, nel quale 
contansi i tre generi: Mkroplitis Fr., Microgaster Latr. e Aimnteles Fr. e 
poi ne descrive le rispettive specie , così : MicropUtis cortynae, parassita 
della Cortina zcae^ Micropl. ceratomiae ^ inquilino della larva della Ceratomia 
quadricornis, Apanteles merjath/joni , inquilino della larva del Megatìiymus 
ijnccne^ Apanteles cacoeciae nella Cacoecia semif erana etc. 

Il Capitano de Heyden dà (Soc. di se. nat. di Coirà 1883) la lista degli 
Imenotteri dell'Engadina superiore con dati di rispettiva distribuzione geo- 
grafica. 

I signori Brischk e Zaddacli danno (Soc. econ. fìs. Konigsberg 1882) una 
enumerazione descrittiva delle Tentredonidee e Siricidee , nominatamente 
del genere Nematus ^ fra cui sono alcune nuove specie, così N. ardens , 
assai somigliante al iV". Fahraci, N. nigricornis^ eurlstemus^ il di cui carat- 
tere distintivo è il colorito del margine dell'ala, per cui si avvicina all'iV". 
melanocephaliis etc. 

II D.'' Sagemihl dà (Soc. di se. nat. di Dorpat 1883) una lista sistema- 
tica delle Apidi della Est-Curlandia e Livlaudia. 

Dacché nel 1881 fu introdotta a Strasburgo la luce elettrica per illu- 
minare la cala di questa città, vi affluiscono ai rispettivi globi di vetro molti 
lepidotteri sin allora rari e nuovi ; per la maggior parte appajono verso 
un'ora di notte, principalmente in tempo nebbioso e quello che è a rimar- 
carsi sono maggiormente d\ Il D."" Meyer ci dà la lista delle specie osser- 
vate sino ad ora (Soc. di se. nat. di Colmar 1883); vi troviamo notate fra 
quelle che trovansi abbondanti : Sphinx convolviilus^ DeilepJàla alpcnor, Spi- 
ìosoma nrticae (nuova per la fauna dell' Alsazia) , Zeiizera prjrina etc. — Di 
rado rinvengonsi : Achcrontia atropo^', Pleretas matronnìa (primo esemplare 
osservato in Alsazia), Harpya hicuspis (nuova per l'Alsazia) e molti altri; an- 
che un Attacus Yamamai fu preso etc. 

La 2' parte del Catalogo dei lepidotteri dell'Alsazia del defunto Pc- 



— 5 — 

yerimhof, fu riveduta dall' Abb. Fetiig e pubblicata nel Bull, della su ci- 
tata Società dì Colmar. A ciascuna specie trovasi l'indicazione della loca- 
lità, dell'epoca della apparizione e altri dottagli per facilitarne la ricerca; 
delle specie nuove liavvi la rispettiva descrizione. 

Il Prof. Eiley descrivo (Accad. di se. nat. di St. Louis, Miss. 1882) alcuno 
nuove specie di Tortricidee americane, come Conclìijlk oenotlieraiia, Exar- 
tima moìietiferaiium^ Paedisca celtisana^ poi Prokotcras acscuìaiia^ n.g., n. sp., 
Melissopus latiferreana n. g., n. sp. (questo genere assomiglia di molto aì- 
VEcdytolopha Zeli.}, etc. 

Il signor Kuatz dà (Soc. di se. nat. Cassel 1883) una semplice lista dei 
lepidotteri dei dintorni di Cassel con osservazioni sul loro sviluppo. 

Il signor D.'" Christ. dà (Soc. di se. nat. di Coirà 1883) alcune osserva- 
zioni caratteristiche sui lepidotteri diurni e sulle Zygenae della Vallata dì 
Traspor nei Grìggioni. — Questi lepidotteri offrono delle forme alpine miste 
con forme meridionali, così p. e. il D.' Killìas raccolse nella detta vallata 
in un'altezza di 1200-1250 metri s. m. : Lj/caena Eros, L. Donrdelu con L. 
meleager ^ cyllanis ; Zygoena inlosella v. nubigena con Zgg. Lonicsrae o 
transalpina, Erebia ceto, Ino Oeryon v. cJirgsocephala etc. , tutti con colo- 
rito più intenso che altrove. Il sig. Christ ci descrive poi una particolare 
varietà locale della Lycaena argon, cioè v. Killìas l , la quale si distingue 
dalla specie tipica per la Q più piccola del cf , al margine largo bianco 
della frangia segue verso l'interno una zona talmente larga, da rimanervi 
appena Va o Vs di spazio sulla superficie delle ali per un bleu oscuro in- 
tenso; questa varietà fu trovata a 1000 metri d'altezza s. m. nella vallata 
di Tarasp ; sul proposito della Erebia medusa v. Hìppomedusa il D."" Christ 
non è d'opinione come il Prof. Killias esser essa la forma tipica, ed una 
varietà della regione alpina, una Oeme con molti occhi, e non esser fuor 
di dubbio che Medusa e Oeme siano due specie molto affini, i di cui estremi 
sono assai facili a distinguersi, il che non si può dire delle varietà. 

Il D.'" Kessler dà (Soc. di se. nat. di Cassel 1883) dei dati biologici sulla 
Scliizoneìira corni Fabr. e Schiz. lanigera Ilausm. 

Il sig. Mocsar ci dà (in lingua ungherese negli scritti della R. Accad. 
di se. di Budapest 1882) un prospetto della fauna delle Chrysidce dell'Un- 
gheria. Tra le specie nuove troviamo : Cìi. Fridwaldskyi vicina alla Chr. 
basalis, Chr. fallax affine alla detta Clir. Fridicaldskgi, dir. carinaeventris 
simile alla Chr. angnstifrons etc. 

Il sig. E. Eckestein dà (Soc. di se. nat. di Giessen 1883) la lista dei mol- 
luschi osservati nei dintorni di Giessen; di qualche interesse è una Limnea 
auricularia v. ampia Hartm. stata trasportata probabilmente colla Elodaea 



— 6 - 

canadensis^ poi una Helìx lapicida di color griggio cliiaro con striatura Irans- 
vei'salo, ma senza macchio 5 una varietà di Helix liortensis con fasce tras- 
parenti etc. 

Il D/ Sluiter dà (Soc. di se. nat. di Batavia 1882) osscrvnzioni critiche 
sulle Gepìir/ree dell'Arcipelago Malaico e descrivo le nuove specie Aspido- 
siplion fttscìtSj Pìiascolosonm nitjritoriiiiatiis etc. — Esso descrivo poi anche 
una specie di Seraspis, che vive nel fango presso Batavia, che ha qual- 
clie somiglianza colla Scr. scalata del mar Mediterraneo; si distingue però 
da questa per le due spine sul margine bianco dello scudo addominale ; 
questo verme è a classificarsi fra le Geophyrec e non fra i Chetopodi. 

Il sig. Vordermaun descrive (1. e.) il verme di Sondari di Già va , una 
delle più grandi specie di Lamhricus. 

Il sig. Fraucotte dà (Soc. microscop. di Brussclles 1883) una descrizione 
anatomica ed istologica d'una nuova specie di Deristomam , trovata in un 
ruscello presso Andennen fra mezzo a grandi masse di Tnhifex rivulorum^ di 
cui si nutre. Questo verme, Dcristomnm Bencdenii^ è di regolare lunghezza 
(Om.006), davanti di color rosso, nei due terzi posteriori con 3 strisce longitu- 
dinali; nel mezzo del corpo largo Oni.001,di color griggiastro; con macchie 
oculiformi nell'età in cui gli organi sessuali non sono ancora sviluppati, lo 
quali però svaniscono nell'età adulta etc. etc. 

Il Prof. Schulz descrive (Imp. Accad. di se. di Vienna 1883) un nuovo 
foraminifero della famiglia delle Miliolidee, dell'Adriatico, Ccdcihiha polr/- 
ìuorpJia n. g. , n. sp. ; la valva che consta di calce carbonata , manca del 
tutto di una corta forma tipica. 

Il Prof. Ludwig dà (Soc. di se. nat. di Giessen 1883) una lista dello 
Holothuriae che si trovano noi Museo zoologico di Kiel. — Vi sono alcune 
specie nuove, come Tlujone spectahilis, Hoìothuria MarenzelUri , Hol. Ma- 
gdlani e varie altre; così puro trovansi dello osservazioni, cosi p. e. Micro- 
dactylis caudata n. g. e n. sp. dello Sluiter essere identica alla Claudina Ran- 
sonctii^ la Hoìothuria mamtnicalata di Ilaaxe ossero una Hai. lìervioax v., 
Cf/stipus pkuripìis una Hoìothuria phuripus. 

La Spongia comune dopo più meno lungo uso scorgesi coprirsi qua 
là di uno strato nero, più meno granuloso, di una spessezza di 5-6 m.m. 
Il Prof. Diifour venne (Soc. di se. nat. di Lausanne 1883) a riconoscere in 
questo strato nero un piccolo fnngo e nominatamente una Tonda , a cui 
propone dare il nome specifico di Tor. spougicula. 

Il sig. Klinge dà (Soc. di se. nat. di Borpat 1882) l'enumerazione siste- 
matica descrittiva delle Equisetacee della Carlandia; caratteristica è fra le 
molte altre 1' Equisetum heleocìmris che alta 2-3 m., forma folti boschi 



_ 7 — 

nelle paludi nei dintorni di Dorpat. — Dalla distribuzione g-eografica ne e- 
merge che l'Europa conta 12 specie, l'America 21, l'Asia 14 e l'Africa 
3 specie. 

Il sig. Gandoger dà (Soc. imp. des Natur. Moscou 1883) una lista di nuove 
specie di Mentila di diverse parti dell' Europa. L' Italia è rappresentata 
da Mentii, messcmeìisis, imnormitana^ ambedue della Sicilia, e neapolitano- 
ruìii di Xapoli, etc, Fidegium ìnessaiiense, Ous8oneannm^i)anorinìtanum tutte 
della Sicilia, adriaticum dell'Italia orientale. 

Il sig. Maw classifica le specie di Crocus I. In involncrati; IL in midiflori e 
ciascuna di queste classi mfihromemhranaceì e in reticidati. Nel giorn. d'Ort. 
di Vienna troviamo, presa dal Garden, la lista di circa 70 specie di Crocus, 
così : 

Ad 1 : fìbromembranacei : Cr. Imperati Ten. del Napolitano; Cr. suaveo- 
lens Bert. Roma; Cr. versicolor Gawl., Alpi marittime; Cr. BììioUii Maw. 
n. sp. di Trebisonda, simile al Cr. aerms^ Cr. Maìyi Yis. della Dalmazia; 
Cr. Bois.Hjri Mav^'' , Cilicia, Cr. iridijlorus Heuff. del Banato, etc. — Reti- 
culati : Cr. corsicus Maw della Corsica, assai spesso cambiato col minimus; 
Cr. montcncrjriìuis Ker., del Montenegro; Cr. hanaficus Heuff. del Banato; 
Cr. loncjìjiorus Raf., della Sicilia; Cr. saliciis colle var. Orsmii^ Hausl'necìiti, 
Pallasli etc. 

Ad. IL fìbromembranacei : Cr. nevadensis Amo et Campo, della Spagna, 
le di cui foglie assomigliano a quelle del Carpdanus^ Cr. atatavicus Reg. et 
Sem. dell'Asia; Cr. laevigaius Bovj et Chaub. delle isole Cicladi, assai spesso 
preso per un Cr. Veneris Tapp. etc. Fra i Reticulati troviamo Cr. hcdkanen- 
sis «Tanka del B ilkan ritenuta dapprima per un Cr. haiiaticns; Cr. dalmaticits 
Yis. della Dahnazia; Cr. siisiaiìus Ker. della Crimea; Cr. maesiaciis Ker. 
del Banato; Cr. Korolkoivi Reg. et Maw, n. sp. del Turkestan, sim.le al- 
l' a?«rew5/ Cr. Dcmfordiae Maw n. sp., del Taurus ; Cr. Tauri Maw n. sp. 
della Cilicia etc. 

Il sig. Prof. Caspary descrive (Soc. econ. fis. Konigsberg 1882) alcune nuove 
forme di Pìnus silvestris ^ rinvenute nelle diverse sue escursioni fatte in 
Prussia, così la forma virgaia , rejlexa, errjstraìithcra : enumera poi anche 
alcune piante nuove per la flora della Prussia, così Aldrovanda vesicidosa^ 
Alisma iKirìiassifoliam .1 Holosteum umbellatuin con peli allo stelo e sulle 
foglie, Facciiiia maloacearum, etc, fra le quali molte importate dalla Rus- 
sia col frumento e per mezzo di animali, così anche la Salvia veìiicillata, 
Sapoìiaria vaccaria, Nepeta grandiflora, Fotentilla dìgitato-fiahellaca etc. 

Nell'adunanza della Societ.à botanica prussiana tenuta nell'anno 1881 fu- 
rono discussi diversi temi botanici e dati i risultati dei rispettivi studi (1. e.) , 



— 8 - 

così p. e. il sig. Scharlak diede i caratteri distintivi àeìV Allium acutangu- 
Itim e All.faìlax^ il quale ultimo fa ritenuto da molti per uua varietà del- 
l' acutangidnm , e anche compreso nell' Armeria vulgaris. L' autore ri- 
tiene ambedue per due specie distinte, il Prof. Caspary però osserva dover 
prima studiare) prodotti dell'incrociamento ^qWAU. acutangiilum cJ^ eoi fai - 
lax Q e àeWAll. acìituugulum Q col fallax cf e poi venire alla decisione 
se siano vero specie distinte o una varietà dell'altra. 

Nella memoria del Milne Edwards sulla fauna della regione antartica 
(Soc. ornitol. di Vienna 1883), troviamo pochi dati sui Fuchi che formano 
delle masse come sono i banchi di Sargasso formati dal Fnciis natans. Fra 
questi fuchi havvi la Macrocystis affine alle Laminarie^ che forma abbon- 
danti rami e nuota sul mare per una lunghezza di ben circa 300 m. senza 
staccarsi dal fondo e se per caso staccatasi viene trasportata dalle onde e 
continua a crescere allo sue estremità ; poi havvi la Dnrvillea , la quale 
non arriva ad una sì enorme lunghezza, è però di molto piti grossa; vi sono 
poi le Lessoìiee , il tronco delle quali ha bene spesso la grossezza di uua 
coscia d'uomo e le loro estremità terminano in una specie di foglio; le La- 
mina)-ie sono poco dissimili della Laminaria fascia dei mari europei. 

Il Prof. Engelmann dà (Accad. di se. nat. di St. Louis Miss. 1882) dati sto- 
rici e caratteristici del genere Isoetes dell'America settentrionale. Le Specie 
del detto genere vengono classificate come segue: 

A. Tronco bilobo, 

1. Specie sommerse noli' acqua (Is. laciistris, Bolanderi^ pygmaea, echi- 
nospora, Tuckcrmanni. 

2. Specie amfibie {Is. saccharata (sulla quale trovansi dispersi dei grani 
di zucchero), riparia, flacida, HoiveUii n. sp., melaiiospora, Engehnanni. 

3. Specie terrestri {Is. vielanopoda, Butleri, e Nuttallii. 

B. Tronco trilobo {Is. cubana). 

Poi seguono dati sulla distribuzione geografica. 

Nel deserto tra Cairo e Suez g anche in alcuni altri luoghi dell'Egitto 
fu scoperto un nuovo Paìicratium , il quale viene descritto (Giorn. ortic. 
di Berlino 1888) dai signori Aschersoii e Schweinfurih sotto il nome spe- 
cifico di Pancratiain Sikenhergii e che è affine al Pancrafiuuì viaritinraìn 
che vive sulle spiagge del Mediterraneo. 

Di interesse è che la Elodea canadensis è, come scrive il sig. Renckor 
nel Bull, della Soc. di se. nat. di Colmar (1883), penetrata ora anche nel- 
l'Alsazia, e il sig. Burkel ha scoperto nell'Alsazia la Viola sciapJiila, della 
quale rimarca come suo distintivo caratteristico l'odore del fiore. 

Il Prof. Hoffmanu dà (Soc. di so. nat. di Giessen 1883) la lista delle 



— 9 — 

stazioni dell'Europa centrale in cui furono fatte delle osservazioni fenolo- 
giche e come Scala comparationis dà la lista delle piante clie servirono a 
dette osservazioni a Giessen sì rispetto alla prima fioritura, come alia prima 
maturità dei frutti con osservazioni sulla temperatura, insolazione etc. 

Il Vice Direttore Stur presentò alla Imp. Accademia di scienze a Vienna 
(_1883) una memoria sulla morfologia e sistematica delle felci della forma- 
zione del Culm e del carbone. — Sino al presente servì quale segno carat- 
teristico nella determinazione delle felci fossili la sola nervatura sullo fo- 
glie; ora che si vanno scoprendo delle felci con la loro fruttificazione, rie- 
sce possibile con questi due caratteri distintivi, fare degli studj comp ira- 
tivi delle felci fossili e viventi, come pure degli studii sulla discendenza 
di esse.— Il sig. Stur classifica queste felci fossili in Ophioglossacee (Rha- 
copteris) (ScJiimp.) Stuxemencl e Noeggerathia) , in MaraUiacee {ApldeUo - 
carpus Stur., Sphyropterìs Stur., Hapalopteris Stur. etc.) e in Polypidla' 
cee?? {Tht/rsopteris Kze^=:Palaeothgrsopteìis Stur ^ Diploth me ma Stur, etc). 
La determinazione delle Ophioglossacee e MaraUiacee fossili è basata sui 
rispettivi Sporangii; nelle Folypodiacee questi corpi non furono ancor sco- 
perti ; i dati sulla fruttificazione , benché limitati alla sola cognizione del 
ricettacolo, concord.mo però del tutto con quelli delle Folypodiacee viventi. 
Le Ophioglossacee del Culm o del Carbone trovarousi nello stesso numero 
dì specie come quelle dell'età presente, colla sola differenza che le primo 
erano più grandi, più robuste. Le Marattiacee fossili superarono in ispecie 
quelle or viventi; le Folypodiacee fossili erano in numero minore di quelle 
or viventi; mancano nella formazione del Culm e del Carbone del tutto le 
OleicJieniacee^ le Osmundacee e le Schizaeacee. 

Il professor Reinsch descrive nel giornale botanico " Flora di Ratisbona „ 
(1883) alcuni corpi singolari unicellulari , simili alle Alghe , osservate da 
lui nel carbone fossile della Russia centrale; su due tavole troviamo figu- 
rate questi corpi ritenuti da lui per alghe e spore. J^on solo per la forma, 
per la sua ramificazione , quanto anche per la sua composizione chimica 
simile a quella delle alghe , la struttura dei filamenti di questi corpicelli 
ricorda alle Scytonemacee, i conceptaculi vuoti all' estremità dei ramoscelli 
stanno in relazione con certi fenomeni vitali (propagazione?) della pianta; 
ciò sarebbe in relazione colle Chroolepidse o con alcuno Melanospermee 
(CJiaelopteris^ SpJiacdlaria). Altri corpuscoli huiao una strurtuiM del tut:o si- 
mile a quella delle spore di crittogame vascolari {Sphagnuin cyrnhifoliam ^ 
humile ed altri). 

Il Prof. Reinsch ha trattato questo argomento già nel 1841, e fatto co- 
noscere la natura dei detti corpuscoli quali organismi di alghe. 



- 10 — 

Da un nido del P. spirifex^ Fabr,, raccolto il 28 agosto 1882 ne ottenni 
dopo alcuni giorni una femmina della 8. ìiinralis, Forst., che di già io avevo 
osservato nel condottino del Felopaeus chiusa in un bozzoletto trasparen- 
tissimo, al momento che ne raccolsi il nido. Questo fatto, come è ben na- 
turale, mi parve stranissimo, tanto che non volevo prestar fede a' miei pro- 
prii occhi. 

Sul proposito ho voluto consultare le osservazioni di M.' New^port , di 
Valéry Mayet e di M."" Fabro , per vedere se mai essi che con tanta pa- 
zienza e sagacia hanno scoperto il parassitico pi'ocesso delle larve di me- 
loide, avessero mai fatto una simile osservazione ; ma nessuno di loro ac- 
cenna a qualche cosa di consimile, o tutto al più, sì citano alcune di que- 
ste lar vette osservate sul corpo di una Animoiìhila hirsuta e di altri insetti 
non melliferi; ma si ritiene che in questo caso le larvctte si siano ingan- 
nate e che presto o tardi devono perire, imperocché V Ammophila hirsuta^ 
per esempio, non approvvigiona i suoi nidi che dì bruchi e non vi accu- 
mola punto miele; ma anche i Pelopaeus non raccolgono miele e forniscono 
i loro nidi di ragni. 

Ora il fatto di avere ottenuta la Sitaris muralis dal nido del Pelopaens 
è già la prova che essa non si è ingannata, essa in quel nido ha dovuto 
trovare le condizioni adatte al suo sviluppo, e se non vi ha rinvenuto del 
miele , ha bensì trovato un piccolo uovo sufficiente per assicurare la tra- 
sformazione della prima e coriacea larva nella seconda bianca e mollìccia; 
ma questa qui non può nutrirsi del miele àelVAntopliora, del nettare tanto 
micidiale (secondo M."" Fabro) alla larvctta nella sua prima forma, e tanto 
utile e necessario nella seconda : Essa invece non ha d'attorno che brutti 
ragni. Per questo io credo che anche le larve della meloe non si siano pro- 
babilmente ingannate attaccandosi ai peli doW Ammophila^ benché non si sia 
provato che si sviluppino nel nido di questa sfegide. 

Intanto come farà oggi la larvetta della Sitaris per compire le altre me- 
tamorfosi, che ancora le rimangono per giungere allo stato d' insetto per- 
fetto ? 

Io non lo so. 

Ecco il fatto da me osservato, ecco le considerazioni che io ne ho tratte; 
ai più assidui osservatori dei misteri di natura, la conforma di quanto ho 
esposto, ai più sagaci la spiegazione del fatto. 

Cryptocampus saliceti, Fall. 

Posseggo una femmina dì questa specie, che offre la stessa particolarità 
del Cryptocampus nigricornis di Hartg. cioè, le cellule cubitali delle ali an- 



— 11 - 

terìori compariscono come due soltanto, però all'ala destra la prima venetta 
transverso-eubitale si accenna visibilmente in modo che l'altra cellula esi- 
ste , ma resta incompletamente chiusa. Da ciò chiaramente si rileva che 
questa particolarità non può ritenersi come carattere specifico, ma sibbene 
come una semplice anomalia, e di conseguenza credo, che il C. nigricornis 
di Hartg, deve considerarsi come sinonimo del fuscicornis dello stesso au- 
tore, dal quale non differisce in nulla. 

Dalerus pratensis, Linn. n. var. testaceus. 

I maschi che io posseggo di questa specie si allontanano dal tipo per la 
colorazione dell'addome; questo, salvo il primo segmento, è testaceo senza 
traccia alcuna di color nero sopra gli ultimi due o tre anelli. 

Questa varietà potrebbe distinguersi con la seguente frase diagnostica : 
Segmentis abdominis : nigro primo^ testaceis vero aliis. 

Emphytus Viennensis, Sclik. n. var. nigricoxis. 

Sì la femmina che il maschio di questa specie, almeno a giudicare dagli 
individui siciliani, offrono alcune differenze dal tipo; differenze tali da po- 
terci autorizzare alla creazione d' una varietà. Tutti gli esemplari da me 
raccolti mancano dei due puntìcini gialli al vortice , di più il terzo e la 
base del quarto articolo delle antenne sono neri e non testacei come nel 
tipo, inoltre al torace sotto l'inserzione delle ali si scorge una macchietta 
gialla ; ma il carattere piìi spiccato per cui si può distinguere questa va- 
rietà , si ò la colorazione degli ultimi due paia di cosce , che sono nere 
quasi sino al ginocchio , come nel paio anteriore del tipo. Così , dicendo 
Coxis hitermediis , lìostcrioribnsque nigvis è sufficiente a far riconoscere la 
varietà, e volendo anche semplificare ancora si potrebbe dire semplicemente 
Coxis nigris. 

Fra gli individui di questa varietà, posseggo un esemplare maschio, che 
all'ala superiore destra manca della venetta transversale alla cellula lan- 
ceolata, e presenta ancora una sola cellula radiale. 

Come ben si vede diversi esempii ci dimostrano , che anche i caratteri 
creduti i più costanti sono negli insetti, molto soggetti a varili re , ed io 
credo essere cosa ben fatta l'andare notando tutte queste anomale partico- 
larità, perchè esse possono spesse volte, trovandosi riunite sopra un solo 
individuo , creare molte difficoltà e delle false determinazioni. Anche un 
esemplare di Selandria serva Q presenta, sempre all'ala destra, un'anomalia 
consimile, stantechè vi sono soltanto tre cellule cubitali, e ciò per l'obli- 
terazione della seconda venetta transverso-cubitale. 



— 12 — 

Ampheterite, Olivina e Bronzite. 
Diogenite, Bi-onzite. 
Chladiiìto, Eustatite. 
Bastite, Diopsìde ed Enstatitc. 
V. Augite, Broiizite, feldspato. 

Howardito, Augite, Broazite, Plagioclasio, Euvrito, Augite e Anortite. 
Il Barone Schilling descrive (Soc. di se. nat. di Dorpat 1882) un me- 
teorite caduto nel giugno 1882 nel villaggio Tenuasilm nell'Estlandia; que- 
sto meteorite aveva il peso di 28 cliilog. , ma fu sp3z/.ato da zingari in 
pcziii di diversa grandezza. Esso appartiene ai Cliondriti , ed ha un peso 
specifico di 3,525 a 3,561. 

Il signor Eberhard descrìve (l. e.) un meteorite caduto nel maggio 1874 
a Scwrynkowo, Gov. Kurk in Russia; ha un peso di 98 chil. e rassomiglia 
moltissimo a quello caduto nel 1859 in Algeri. 

Il Prof. Greewingk descrive (1. e.) un pezzo di ferro nikelifero rinve- 
nu!o nelle sabbie di oro nell'Ural unitamente ad oro, ferro oligisto, Pista- 
cite, granato, quarzo; in causa della poca quantità del materiale non potè 
sottomettersi ad una dettagliata analisi per precisare so esso sia meteorico 
o cosmico; si rinvennero bensì 2 0^0 di Nickel, ma questa quantità non 
basta per precisare se sia ferro meteorico , avendo tutti i ferri meteorici 
non meno di 5 0[0 di Nickel. 

Dobbiamo far menzione della collezione dei Meteoriti che conscrvansi 
nel Museo della Università di Dorpat; dalla lista rileviamo (1. e.) che il 
Museo rappresenta 90 cadute di meteoriti e di 50 di ferro meteorico: me- 
ritano menzione: 

Honolulu caduto nel 1825 peso 1067 gr. 

Pillistfer -— 1863 — 20508 — 

Norft — 1864 — 10178 — 

Tennasilm — 1872 — 3068 — e cosi via 

Fra i ferri meteorici sono a notarsi: 

Krasmojarsk caduto nel 1776 peso 367 gr. 

Xiquipilo — 1784 — 360 — 

Carthago — 1846 _ 142 — 

Werchne Udinsk — 1854 — 115 — e cosi via 

Nel luglio 1882 cadde presso Pawlowka (Russia) un aerolite del poso 
di kilogr. 2 V2, di forma poliedrica di cui il sig. Tchernyschow ci dà (Soc. 



— 13 — 

geolog. di Berlino 1883) dettagliata notizia; la massa cnstallino-granulare 
consta di Anortite, di Diallaggio , Enstatite , nella quale trovansi dispersi 
Olivina, Chromite, Nickel e Pirite. La crosta è di color nero picco, oscuro, 
splendente. — Questo meteorite lia la maggior somiglianza con quello di Mocs, 
di cui abbiamo fatto menzione in questo periodico. 

Il signor Lawrence Smith si occupa già da piìi di 50 anni nello studio 
dello concrezioni che rinvengonsi nei meteoriti. Nell'Americ. Journ. of se- 
1883 troviamo alcuni dati sopra queste concrezioni. Smith trovò di tali no- 
duli in quasi tutti gli Aeroliti, eccettuatone in quello di Dickson-County , 
di Braunau e di pochi altri. Ye ne sono alcuni che constano essenzialmente 
di zolfo e ferro e che sono conosciuti sotto il nome di Troilite; si credeva 
quest'ultimo minerale identico alla Pirrolite, ma Smith constata questo Troi- 
lite essere un minerale meteorico, che non ha rappresentante alcuno sulla 
terra. — Altra concrezione di color giallo più chiaro dell'antecedente è lo 
Schreibersite, che rinviensi nelle fessure e cavernosità dei meteoriti, e che 
pure è un minerale meteorico. Col Troilite trovasi meno spesso anche 
una specie di grafite, che assomiglia moltissimo a quello del Cumberland 
in Inghilterra, non cristallizzata, di cui ne fu trovato un pozzo del peso 
di 92 gr. nel meteorite di Sevier County. — In due meteoriti furono rinve- 
nute piccole quantità di Lawrencite , che è un minerale verde contenente 
ferro, cloro e probabilmente anche Nickel. — Un nodulo contenente cromo, 
zolfo e ferro, il così detto Dauòredite, fu trovato nel meteorite di Butsch, 
e conosciuto un minerale meteorico. Fu rinvenuta poi anche una concre- 
zione quasi del tutto di Cromite nero, e sotto il microscopio di color rosso 
oscuro trasparente, che è una particolarità del Cromo e finalmente fu tro- 
vato in alcuni Aeroliti, dell'Aragonite, la quale però ben probabilmente si 
era formata appena dopo la caduta del rispettivo Aerolite. Se queste con- 
crezioni possono dar qualche luce sulla formazione dei meteoriti, gli studj 
non diedero ancora risultato alcuno; Smith però è d' opinione che il ferro 
dei meteoriti deve per l'avanti essere stato di forma plastica. 

Nei depositi di fosforite di Helmstedt, Buddenstedt e Schlewecke (Sas- 
sonia), furono ritrovati diversi fossili, dei quali il Direttore DJ Geinitz ne 
fa negli scritti della Scc. di se. nat. Isis a Dresda (1883) , rispettiva de- 
scrizione. Un dente appartiene al Loiìhiodon rhinocerodes Reit. , un altro 
ad un Pycnodus FunJciamis n. sp.; un cono di Stenonia Rcidemeisteri Geiu., 
si avvicina alla Sten, austriaca di Unger. ; poi trovansi molti Ammoniti , 
fra cui Am. radians, Parldnsoni ed altri; i legni fossili di Helmstedt sono 
assai ricchi di acido fosforico. 

Il Professor Dames descrive (Accad. di se. di Berlino 1883) alcuni re- 



— 14 — 

sti terziari di vertebrati rinvenuti noli' isola del Birket-el-Qurum nel Fa- 
jum (Egitto). Fra i mammali ritrovansi dei frammenti di teschio, vertebre 
e coste di Zeuglodon, non ancor conosciuti in Egitto, e Dames osserva cor- 
rispondere la specie major al Zeiigl. macrosiwndylus e la specie minor al 
Zcugl. hrachyspondylns^ le quali due specie però possono essere riguardate 
come differenza di sesso, il primo cioè essere il maschio, il secondo la fem- 
mina, e perciò dover ritenersi il nome di Zeugl. cetoides Owen. Tra i pesci 
trovasi un Froprìstis Scìiwelnf urtili n. sp. (denti e sega), Frogymnodon Hil- 
gcndorfi n. g., n. sp. 

Il D."" Jenrzsch descrivo (Soc. econ. fls. di Kònigsberg 1882) un dente 
fossile di Mastodon Zaddachi n. sp, , che appartiene al gruppo del Mast. 
tcqnroides , OJdolicus e Borsoìii e nel sottogenere ZggolopJiodon di Yacek. 

Il Prof. Bassani descrive (Imp. Accad. di se. di Yienna 1883) i pesci 
fossili di Lesina; fra questi troviamo un Belenostomus lesiiiaensis Bass., che 
sta in intimo rapporto col Bel. crassirostris di Pietraroja ; un Leptolepis 
neocomiensìs Bass., al quale l'autore riferisce il Megastoma appenninnm Co- 
sta, e anche Sanginites pggmaeus Costa; al TJirissops exiguus Bass., viene 
associato il Thriss. (CJdrocentrites) microdon Ileck. di Comen, e molti altri 
figurati su 16 tavole. Nella seconda parte della memoria, Bassani ci dà os- 
servazioni, rettifiche etc. sui pesci fossili di Pietraroja, Yoirons, Crespano, 
Comen ed altre località, come pure paragoni con le specie di Lesina e ne 
determina anche le età dei diversi piani, a cui appartengono. 

Sul proposito dell'età di Pietraroja, rimarca il D.'' Bassani; i pesci de- 
scritti dal Costa sotto Hi/ptins, Saiu-opsìdium, Ct/priiìì(s Aut., Tìneo a Caeiis 
appartenere alla sotto classe dei Teleostei all'ordine dei Physostomus e alla 
famiglia delle Clupeidee, — Hgpsias Sebastiani, Sauropsidium laevissiinum e 
Saur. angusticauda esser molto analoghi al Leptolepis e costituire proba- 
bilmente un'unica specie; nelle acque di Pietraroja aver vissuto i Condro- 
sterigi, i Ganoidi ed i Teleostei , e questi aver vissuto anche in quelle di 
Yoirons; nei mari di Comen aver vissuto i Ganoidi e i Teleostei. 

Dagli studj fatti dal D.'' Schróder (Soc. econ. fis. di Kònigsberg 1882) 
sui Cefalopodi silurici nei ciottoli diluviali della Prussia , si rileva dover 
ritenersi Discoceras Barr. e Liluiliis Breyn , quali due distinti generi ; il 
primo contenere tutti i Liluili imperfetti (L. lameUosum, DecJieni, antiqtiis- 
siììium etc), il secondo contenere i Liluili perfetti e quelle forme descritte 
da Boll sotto il nome di Ancistoceras e Stroniholituites; troviamo descritto 
un Trochalites macrostoma u. sp. , che si avvicina al Tr. amonius Cour. , 
degli strati silurici dell'America settentrionale. 

Il D."" Bittner presentò all' Imp. Accademia di scienze a Yienna (1882) 



— 15 — 

una memoria iu cui descrìve un Mkropsis veronensis n. sp, , dei dintorni 
di Verona, e in una seconda, tratta dei Brachyurì terziari di Verona {Ra- 
nina Marestiana Kon. v. Avesana^ Notopus Beyricìii Bt,, Plthjclenodes Ni- 
colisi n. sp.) e dei Brachyuri del miocene di Radoboj {Neptunus radoho- 
janus n. sp.; Mioptax Socialis n. g. , n. sp.) e finalmente descrive alcune 
specie di Cancer del Miocene dell'Austria {Cancer styriacus u. sp., C. illy- 
ricus n. sp., C, carniolicus n. sp.l. 

Il signor Haug (Annuario di min. e paleout. di Heidelberg 18S3) ha 
esaminato diverse forme di Chaetetes dei depositi mesozoici per determinare 
se tutte le forme appartengano veramente al detto genere. Haug studiò le 
forme del Trias , del Giura e della Creta e venne al risultato che Chae- 
tetes reciéaì'iensis Schaur. di Recoaro appartiene al genere MontecuUpora 
(^Suhgeiuts Monotrypa); che Cliaet. poliporus Qu. sia a ritenersi quale rappre- 
sentante degli Stromatoporidi e che perciò gli conviene dare un nuovo nome 
generico [Pseudochaetetes; Haug descrive poi un vero Chaetetes. — Chact. Be- 
nekei — di Rovere di Velo. 

Nel IV voi. dell'opera: Risultati dei viaggi nella China (China, Ergeb- 
nisse etc.) del Barone Richlhofen , troviamo la descrizione dei fossili rac- 
colti da esso nella China. I Trilobiti della formazione cambrica sono deter- 
minati dal Prof. Dames; i Brachiopodi cambrici e altri fossili della forma- 
zione silurica, devoniana e carbonifera dal Prof. Kayser ; i foraminiferi del 
carbone sono studiati dallo Schv^ager, e le piante dal Prof. Schenk. 

Il signor Professore D."" Neuniayr presentò alla Imp. Accademia di scienze 
(Vienna 1883) una memoria " sulle zone climatiche durante 1' epoca giu- 
rassica e cretacea. In essa viene constatato in queste due epoche una con- 
catenazione delle singole regioni e la loro distanza dall' Equatore , come 
pure una distinzione d'una zona equatoriale, settentrionale; una tempera- 
tura meridionale e una boreale ; una provincia giurassica antartica però 
non fu ancora constatata. 

Sr. 



— 16 



INTOTIZIE 



Il Prof. Gr. Segiienza venuto in Palermo per ragioni di famiglia e di- 
moratovi per oltre un mese, si ò occupato anco qui dei suoi attuali studi 
sugli ostracodi viventi e fossili, ed lia ottenuto importantissimi risultati che 
renderà più tardi di pubblica ragione. 

Intanto sin da ora può annunciare che avendo esplorato le argille di Fi- 
carazzi vi ha riconosciuto una fauna rimarchevole di ostracodi costituita di 
specie trovate nelle argille quaternarie di Rizzolo. Tale fauna conferma il 
sincronismo dei due depositi. 

Il sig. Marchese Antonio De Gregorio ed il Prof. S. Ciofalo hanno for- 
nito al Seguenza materiali argillosi e sabbiosi di diversi luoghi e di vari 
piani geologici ed egli ha riconosciuto delle faune importanti di ostracodi 
nei sedimenti quaternarii di Greto, in quelli pliocenici di Altavilla, e nei 
miocenici di Ciminna. 

Dal Mitrchese di Monterosato si ebbe dei materiali provenienti dalle pe- 
sche fatte nei mari di Palermo a varie profondità nei quali da un brevis- 
simo esame ha riconosciuto comune la Bairdia suhdeltoidea (v. Miinster) , 
e la Cythere suhtrigona Seg. var. marginato -striata e più rara la Bairdia 
formosa Brady. 



* 
* * 



Sono lieto di annunziare clie il nostro carissimo amico e collaboratore, 
il signor Michele Lojacono , con decreto del 24 Agosto scorso è stato no- 
minato Libero Docente di Botanica in questa nostra Università. 



* 
* * 



Abbiamo ricevuto un ricco catalogo (N. 2) di libri ed oggetti di Storia 
Naturale, edito dal signor Andrée Edm., 21 Boul. Bretonniere— Beaune. 



Enrico Ragusa Dirett. resp. 



'MllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllilllllllillllH 

I ANNO III 1 DICEMBRE 1883 N. 3. | 

I IL NATURALISTA SICILIANO | 

i GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 1 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE 



ABBONAMENTO ANNUALE 

Italia L. 10 » 

Paesi compresi nell'unione postale » 12 » 

Altri paesi . . . ^ » 14 » 

Un numero separato, con tavole » 1 25 

» SENZA tavole » 1 » 

Gli abbonamenti cominceranno dal 1° di ottobre di ogni anno 



Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione 
ai sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 



SOMMARIO DEL NUM. 3. 



E. Ragusa — Catalogo vagionaio dei Coleotteri di Sicilia (continua). 
Ch. Brisout de Barneville — Ceutorhynchus Ragusae Ch. Bris. 

M. Lojacono — Primo elenco hriologico di Sicilia (continua). 

G. Sequenza — // Quaternario di Rizzolo (cont.). 

L. Facciola — Caratteri giovanili del Chlorophthalmus Agassi:;ii. 

G. Seguenza— G// Ostracodi del Porto di Messina (con tavola) (continua). J^ 

A. De Gregorio — Nuove Conchiglie del Postpliocene dei dintorni di Palermo. 

P. Doderlein — Rinvenimento di una specie di pesce del genette Piinelepterus 

nelle acque del golfo di Palermo. 
March, di ]V[jn,terosato — Conchiglie liftorali mediterraJiee (coni.). 

F. Minà-Palumbo — Lepidotteri Druofagi (continua). 
Enrico Ragusa — Notizia. 



PALERMO 
Stabilimento Tipografico Virzì 

1883 



IlllllMfH 



ANNO III. 



1 DICEMBRE 1883. 



N. 3 



IL NATURALISTA SICILIANO 



CATALOGO RAGIONATO 



COLEOTTERI DI SICILIA 



(Cont. V. Niim. prec). 

BRACHYNINI 
Brachynus Weber 



humeralis Alir. 



exhalans Rossi 



psophia Serv. 



, Il Cav. Baudi mi scrisse di aver ricevuto questa bel- 
lissima specie, dal Ghiliani, che gliela mandava come 
presa iii Sicilia ed anche a me ne donava un esem- 
plare, ma invece con l'indicazione « Liguria. » 
Fintantoché ritrovandola, non ci accertiamo dell'esi- 
stenza di questa specie nell'isola, non trovandola 
notata in alcun catalogo locale, è con dubbio che io 
la metto fra le specie di Sicilia. 

Questa specie già citala dal Romano, fu trovata coniu- 
nissima nella piana di Catania, dal Barone di Rot- 
tenberg ; io stesso la raccolsi in numero a Siracusa, 
nel maggio^ sotto le pietre, in riva all'Anapo. È fa- 
cilissima a riconoscersi per le quattro macchiette sulle 
elitre. 

Si sa che gl'insetti di questo gruppo, molestati, hanno 
la singolare facoltà di lanciare con esplosione, dal- 
l'ano, un vapore caustico, che macchia la pelle, ed 
è fosforescente la notte. 

È specie piuttosto rara presso Palermo all' Oreto , alla 
Navurra , Ficuzza, Castelbuono , Piana di Catania, 
(Rottenberg ed io) sotto le pietre in siti umidi; è ca- 
ratteristica per le antenne senza macchie e l'addome 
ferruginoso. 



Il Naturalista Siciliano, Anno III. 



— 58 — 

bombarda Dej. . . . De la Brulerie (loc. cit.) ne fa una varietà del B. pso- 

phia, ma questa opinione non venne da tutti accet- 
tata , e nel nuovo catalogo di Berlino è mantenuto 
come una buona specie; esso varia dal psophia oltre 
che per la macchia scutellare testacea, anche per il 
colorito deiraddome che è pure testaceo. 
Rottenberg lo raccolse nella Piana di Catania , io a 
Siracusa sotto le pietre vicino TAnapo. 
Nella collezione von Heyden , esistono esemplari di 
questa specie, raccolti in Sicilia , e portano il nome 
di glabripennis Waltl. in lit. 

crepitans L È una specie assai comune già citata dal Romano, da 

Reiche, e dal Rottenberg che oltre averla raccolta a Pa- 
lermo la prese pure abbondantemente nella Piana di 
Catania assieme ad altri Brachynus presso le radici 
dei pioppi, e sotto le pietre. 

Questo insetto varia molto per la grandezza, la forma 
del corsaletto, delle elitre, ed il colorito. 
Non ho mai trovato esemplari, come quelli citati dal 
sig. Aug. Rouget (Ann. Soc. Ent. di Francia, p. 21, 
1850) che egli trovò presso Dijon nel 1840 , rico- 
perti di una produzione parassita; (Tav. 3, loc. cit.), 
citazione che fa dire allo Schaum, (Erichson J. D.) 
che non è raro trovare dei Brachini vivi, alle estre- 
mità delle formazioni crittogamiche. 



Aptinus Bonelli 

atratus Dej Romano cita questa specie come di Sicilia, mentre nes- 
sun altro autore ci conferma questa scoperta impos- 
sibile; essendo Vatratus un Aptinus bombarda Illig. 
artefatto, al quale cioè, da un negoziante di insetti, 
furono dipinte in nero, le antenne e le gambe per 
poi venderlo come una specie rara ! ! ! 
Del genere Aptinus , fin'oggi , nessuna specie si è 
trovata in Sicilia e lo stesso A. Italicus Dej. citato 
dal Ghiliani è invece un Brachynus del gruppo delle 
specie atteri, inclusi dal Dejean nel genere Aptinus, 
al quale certamente alludeva il Romano citando il 
suo atratus. 



— 59 — 



V. obscuricornis Bruii. Il nome ci dice come riconoscere dai crepitans questa 

varietà che il Rottenberg raccolse a Palermo , dove 
io stesso l'ho pure trovata abbondante in primavera 
sotto le pietre, all'Oreto, nei campi vicino S. Maria 
di Gesù, Navurra, e Ficuzza. 
Il B. nigricornis citato dal Romano , dovea essere 
questa varietà; ma non posso però dire nulla di po- 
sitivo su tutti gì' insetti raccolti e citati dal Roma- 
no, visto che la collezione che io offrii di acquistare 
nel 1870 in Termini , oggi più non esiste , essendo 
stata intieramente distrutta dagli Anihrenus. 

var, strepitans Duft. . Questa varietà trovasi con il tipo crepitans , e se ne 

distingue per la statura sempre più piccola , per le 
antenne tutte di color testaceo e per la base del to- 
race, che è assai stretta. 

Nella collezione von Heyden , esistono degli esem- 
plari raccolti "in Sicilia dal Melly e dal Waltl che 
portano il nome di sulcipennis Waltl in Ut. 

immaculicornis Dej. . Questa bella specie non è affatto rara in Sicilia, tanto 

che il Romano, il Ghiliani ed il Rottenberg, la dis- 
sero comune; oltre averla io presa comunemente sotto 
le pietre , in inverno , per ben due volte m' accadde 
assieme all' amico De Stefani, di vederne in prima- 
vera alcuni esemplari correre sugli sterchi vaccini , 
certamente in cerca di piccole larve. 
Si distingue oltre che per la grandezza, per le sue an- 
tenne senza macchie, e per il color testaceo del petto. 

var. ejaculans Fiscli. . Si distingue dalV immaculicornis Dej. per. le costole 

delle elitre assai elevate e punteggiate. 
La car. graecus Dej. citata dal De Bertolini nel suo 
Cat. dei Coleot. d' Italia. Soc. Ent. Ital. 1872 , era 
stata già dallo Schaum riunita alla var. ejaculans e 
citata di Morea e Sicilia. 
. . Comune alla Navurra nel marzo, mentre nelle pianure 
e nelle vallate trovasi già in gennajo e febbrajo. 
Si riconosce facilmente al colore scuro dell' addome 
e per la macchia sul 3° e 4'' articolo delle antenne. 



explodens Duft. 



I Brachinus joenius Patti e Siculus Patti, non sono 
insetti che appartengono a questo genere ; vedi mia 
nota Nat. Sic, Anno III, N. 1. 



— 60 - 

var. glabratus Dej. . È una varietà dell' explodens che si distingue per la 

quasi totale mancanza delle macchie sulle antenne, 
e per le costole delle elitre che sono molto più visi- 
bili, e per la statura assai piccola. 

V. obscuricornis Godet. Della stessa piccola statura della varietà precedente , 

questa se ne distingue per il colore oscuro dal 3° ar- 
ticolo in poi delle antenne. È poco interessante, ma 
piuttosto rara, e benché il Barone di Rottenberg non 
la cita nel suo pregevole catalogo, pure il Cav. Bandi 
ne ebbe più esemplari che il Barone stesso raccolse 
in Sicilia, ove io pure l'ho Irovata. 

sclopeta Fabr, . . . Comunissima in tutta l'isola, è la più facile a distin- 
guersi per la macchia rossa sulla sutura delle elitre- 
che la fa solamente assomigliare ad una piccola bom- 
barda. 



* 
* * 



bellicosus Duf. 



andalusiacus Ramb. 



elongatus Tourn. 



Bellissima specie fin' ora trovata solamente sulle Ma- 
donie, ove non è affatto rara, e trovasi fino nel giu- 
gno, Ghiliani e Reiche la citano di Sicilia sotto il 
nome di B. italicus Dej. 

Non è affatto rara in Sicilia , ove però fu certamente 
confusa con altre specie e specialmente con la pso- 
phia colla quale si scambia faciimenle per la gran- 
dezza , mentre è assai più larga ; il disotto è nero 
con il petto alle volte rossastro. Debbo alla gentilezza 
del Cav. Bandi il conoscere che questa specie vive 
da noi. Egli l'ebbe di Sicilia dal Cav. Ghiliani. 

Questo insetto fu descritto nel 1864 nel Bui. Soc. Ent. 
Suisse, pag. 265, e pare sia stato trovato a Messina. 
Io non lo posseggo, e benché abbia pregato più volte 
l'autore di mostrarmelo, non l'ho mai visto, né trovo 
specie in collezione^ che vi si avvicini; secondo l'au- 
tore è vicina del testaceus Ramb. , ma deve distin- 
guersi da tutte le altre specie per le sue elitre opa- 
che, di un azzurro violaceo , senza strie , né coste , 
guarnite di una pubescenza stretta assai fina, molto 
corta e di un giallo dorato. 



(continua) 



E. Ragusa, 



— 61 



CEUTORHYNCHUS RAGUSAE CH- BRIS- 



Breviter ovatus, convexus, niger suhnitidus, supra parco fusco subius dense 
niveo-squamosus; thorace transverso , obscure bituberculato , antlce profunde 
constricio, margine apice alte elevato, postice truncato^ ante scutellum foveo- 
laio, minus profunde punctato; elytris anguste striatis, basi suturae, margi- 
nibusque inftexis indeterminatae nioeo-squamosis. 

Long. 2 a 2 '^ li miti. 

Tète aiTondie, piane entre les yeux, oìi la squamosité est blancliàtre, carenée 
sur les vei'tex, à ponctuation fine et rugueuse, rostre cylindrique, un peu arqué, 
robuste , un peu plus long que le prothorax , à ponctuation fine et rugueuse , 
chez la femelle le rostre est un peu plus long et à ponctuation moins serrée; an- 
tennes obscures , scape termine en massue àllongée , funicule de 7 articles , le 
2^ subégal mais plus étroit que le l*'''; prothorax court, convéxe, assez fortement 
arrondi sur les còtés, présentant sa plus grande largeur, vers les Vj de sa lon- 
gueur, fortement rétréci en avant, avec un profond ètranglement derrière le bord 
antérieur qui est, très relevé, tronqué à la base, obscurement tuberculé de chaque 
coté, avec un profond enfoncement devant l'écusson; surface converte d'une pon- 
ctuation rugueuse fine et peu profonde; on remarque quelques squamules blan- 
ches vers la partie antérieure. 

Elytres courtes, un peu plus longues que larges , arrondies en arrière , tran- 
sversalement deprimées à leur base, fiuemeut strié-ponctuées, intervalles a pon- 
ctuation fine et rugueuse , avec quelques murications distinctes vers 1' extrèmité 
des 7-9 intervalles, épaules arrondies, un peu saillantes; sous 1' écusson on re- 
marque une courte tache de squamosité bianche, très dense et ga et la et vers 
les còtés quelques autres squamules blanches, très éparses; dessous du corps à 
squamosité bianche épaisse; pattes assez fortes, cuisses avec une dent très fine, 
converte d'un assez fort fasicule dentiforme, tarses d'un brun-obscure, leurs cro- 
chets dentés à la base. 

cT 4 tibias postérieurs armés à leur extrèmité interne, d' une petite epine; der- 
nier segment abdominal largement deprime, relevé de chaque coté en arrière et 
termine en forme de dent saillante. 

Cette espèce ressemble beaucoup aux plus petits exemplaires du C. punctiger. 
Gyll., elle s'en distingue par sa faille toujours petite , ses pattes plus robustes, 
sou prothorax a ponctuation. moins forte et beaucoup moins profonde; sou pygi- 
dium entier où apeine très légérement sinueux. 

Sicile (M.r Ragusa) Naples (ma collection). 

Ch. Brisout de Barneville. 



— 62 



PRIMO ELENCO BRIOLOGICO DI SICILIA 



Questo è un primo studio dei Muschi Siciliani al quale ulteriore 
seguito darò, mano mano che andrò studiando i materiali tuttora in- 
determinati che possiedo, e quelli che mi sarà facile raccogliere nelle 
escursioni nell'isola. Sinora nessuno si è occupato da noi, non dico 
dello studio dei Muschi, ma anche di raccoglierli con proposito; in- 
cidentalmente si sono presi , dove il caso li ha messi sotto mano , 
onde la scarsezza dei materiali nostrani, non solo, ma l'incompleto 
stato in cui gli esemplari si trovano; moltissimi senza organi di frut- 
tificazione hanno perciò dovuto darmi fastidio e difficoltà alla deter- 
minazione. — Da ciò si rileva il perchè queste notizie restino tuttora 
così circoscritte, e perchè questo catalogo nel suo inizio stesso, pre- 
senta sì poca roba. — Ma l'ho detto, questo è un inizio di studii più 
accurati che potranno seguire. 

Alfine di formare però un elenco completo di quanto sino ad ogg^ 
si è fatto, ho creduto riunire le citazioni delle specie trovate sinora 
in Sicilia. Questi lavori debbonsi a tre illustri botanici. Al Bivona 
che nel 1813 nei suoi Manipoli dà per il primo un elenco di po- 
che specie Palermitane, al De Notaris che nel suo « Syllabus mu- 
scornm » riporta una buona quantità di specie raccolte dal Balsamo- 
Crivelli, principalmente nella parte orientale dell'Isola , ed infine al 
Bertoloni che nel suo XI volume della « Flora Italica » cita un'altra 
discreta copia di specie comunicategli dall'indefesso egregio Profes- 
sore Todaro. 

In fine mi ha fatto piacere il leggere in questi giorni un brano 
briologico del D." L. Nicotra di Messina (1), che aggiunge altre spe- 
cie alle misere cognizioni da noi possedute su questi vaghi vegetali. 

In tutto non si citano qui che 82 specie ! È facile il desumere quanto 
ancora resta a fare. Infatti è d'uopo che le ricerche venghino d'ora 
in poi fatte con attività; esse del resto debbono riuscire fruttuosis- 



(1) Giorn. Bot. It., v. XV, fase. IV. 



— 63 - 

sime, poiché i punti più privilegiati dell'Isola, ove c'è ragione di aspet- 
tarci che la coorte briologica debbe essere vastamente rappresentata, 
restano ancora ad esplorarsi. Così sono le Nebrodi, ove le zone sel- 
vatiche sono estese, vi sono tutte rappresentate, e si succedono dalla 
regione dell' Ulivo al Faggio , ed all' Abete (che esisteva un tempo, 
oggi non più); le estese selve del Val Demone, ove per l' altitudine 
e per l'orografica disposizione, dei climi relativamente frigidi vengono 
a risultare. — Tutte e due regioni vergini pel Briologo, ed infine l'Etna 
però sfiorato dal Balsamo , e con probabilità da botanici forestieri, 
che spesso più che altrove capitano sul grande vulcano attirati per 
una quantità di interessanti propositi. — In Sicilia, al pari come per 
la Sardegna fu provato dal De Notaris, grazie alle perlustrazioni del 
Comba, un tesoro di Muschi resta a scoprirsi, e ciò ci permetterà 
di verificare che le due Isole briologicarnente debbono avere molti 
punti di contatto, oltre a ciò a constatare l'esistenza di nuove spe- 
cie, per le condizioni proprie dell'Isola nostra. 

Credo utile accennare che se scarso dei libri classici della Brio- 
logia, non sono però del tutto privo di collezioni, stante l'avere in 
questi Erbarii, quelle di Husnot (Musei Gallici), di Germania e Fran- 
cia editi da Billot , ed in seguito da F. W. Schultz , la collezione 
portatile dello Schwàegrichen, nonché i doni dello Schouw, Nyman, 
Wickstrom, di Muschi di Scandinavia e di Danimarca, e pochi di 
Willkomm dalla Spagna. 

I. MUSCI ACROCARPI 

Phascum 

» curvicollum Hedw. 

In herhidis Palermo M. L. Sicilia Balsamo (in De Not. SylL). 
Pleuridium 

» suhidatam Br. et Sch. 

In si/lcaticis solo arenoso. Ficuzza M. L. 
Gymnostotnum 

» rupestre Schwaegr. 

Ad rupes in Montis Panonnitanis Biv. 
» tortile Schwaegr. 

In saxosis ad muros in regione colUnae. In Sicilia Balsamo. 
Weissia 

» viridula Brio. 

In M. Aetna Tod. (in Bert. FI. It.). 



— 64 — 

Dicranella 

» varia Hedw. 

In humentibus solo argilloso vulgatissirna. Panormo M, L., Tod. 

Denot. 
Fissidens 

» hrijoides Hedw. 

In herhidis sijlvaticis solo humente. Panormo. Tod. (in Bert. 

FI. It.). 
Pottia 

» minutula Schwaegr. 

In arvis argillosis. Messina Nyman. 
» truncatula Bruch. 

In arvis herbidisque. Panormo Tod. (in Bert. fi. It.). 
Anacalypta 

» Starkeana Nees et IIornsch. p brachyodus Schimp. Weissia affinis 

Hook, et T. Desmatodon Starkii var. brevidens. 

In Sicilia ex Balsamo (in De Not. Syll.). 
Leptotrichum 

» subulatum Bruch. 

In pascuis. In Sicilia. Balsamo (in De Not. Syll.). 
Trichostomum 

» convolutum BRm. Desmatodon nervosus Hook, et T. 

In Sicilia Balsamo (in De Not, Syll.). 
» Barbala Schwaegr. 

Admuros et ad rupes calcareas in regione campestre. Panormo. 

M. L. In Sicilia Balsamo (in De Not. Syll.). 
» Jlavo-virens Bruch. 

In sylvaticis maritimis solo arenoso. Palermo alla Favorita M. L. 

Messina Nym. Balsamo (in De Not. Syll.). 
» tophaceum Brid. 

In Sicilia ex De Not. 



Barbula 



unguiculata Hedw. 
Ad muros vetustos Panorama M. L. 

squarrosa Biv. Schlmp. Syn Muso. Eur. Tortala squarrosa De 

Not. Husnot {Musei Gallici, N. 365). 

In aridis coUinis Panormo f Ficuzza M. L. 
Posseggo due esemplari di codesta bella specie che credo si trovi a 
Palermo, dove fu indicata da Bivona per il primo; l'esemplare di 
Ficuzza è senza frutto, ma senza dubbio è la stessa specie, che del 
resto deve essere comunissima da noi, tanto nella regione marittima 
che nella montana. 

aloides Br. et Sch. 



Barbula 



— G5 — 

In at^gillosis pascuis maritiinis secus vias, vulgatissima Panormo, 
M. L. 

laevipila Brio. 
Ad iruncos Quercuum in sijlcaticis. Ficusza M. L. 
Avea dapprima riteaulo che fosse la B. raralis, ma il pelo apicale 
delle foglie, in questa non è denticulato.— La nostra pianta sembre- 
rebbe per Tabito la stessa della B. ruraliformis di Bescherelle , 
che non so dove è descritta , e perciò se debbe ritenersi sinonimo 
della specie del BRmEL. La taglia è robustissima , la seta lunga- 
mente spirale, le foglie mucronate sono solo le superiori, il resto di 
esse è sprovvisto di scorrenze apicali del nervo medio. Per queste ragio- 
ni sono in dubbio su questa nostra pianta, che deve meglio studiarsi. 

muralis IIedw. 
Ad muros uhique. Panormo NL L. Tod. in Bert., fi. It. Balsamo 
(in De Not. Syll.). 

cuneifoUa BRm. 

Ad terram argillosam. Sicilia Balsamo (in De Not. Syll.). 
subulata BRm. 

In sylvaticis ad vias solo arenoso. Boschi di Ficazza M. L. 
Mulleri Bruch. Tortala princeps De Not. 

Ad rupes in stjlcis Ficuzza, M. L. , In Sicilia Balsamo, in De 

Not. Syll. 
vinealis Brio. Tortala fallax ? vinealis De Not. Syll. 

Ad rupes calcareas humidas in nemoribus apertis. Ficuzza M. L. 
turgida Sw. 

In Sicilia Nym. 

Specie dubbia, perchè non trovo descritta. 



Grimmia 



» leacopliaea Grev. 

Ad rupes arenaceas in niontosis copiosa. M. Inici M. L. Ca- 
stelbuono al Pizzo di Stefano U. L. Al Ferro M. L., Balsamo 
in De Not. Syll. 

» palvinata Smith. 

Ad rupes in niontosis M. Soro, (Val Demone) M. L. 
Racomitriutn 

» lanuginosam BRm. ì an. n. sp. 

Caules laxijlexuosi intricati^ apice adscendentes, coespitem latum 
formantes, crebre ramulosi inferne nigrescentes denudati, supra 
conspicue rufescentes, folia angustissime lanceolata, adscendendo 
angustiora, longissime cuspidata pilifera validissime costata (costa 
usque ad originem pili evidente) e tertio superiori late marginata 
membranacea nitida pellucida, ibique denticulata vix inaequaliter 
Il Naturalista Siciliano^, Anno III. 9 



— 66 - 

cilioluta subundulata, cuspide longissimo subintegro vage arcuato- 
Jlexo ut margines nitidissimo puldireque albescente. Flores fruc- 
tique desideraniur. 
In scoriis vulcanicis. Nicolosi nelle Sciare sotto Montarso (Zap- 

PANl). 

Per la mancanza degli organi di fruttificazione è impossibile dire 
se questa bellissima specie è il lanuginosum o una specie propria. 
Differisce da questa specie, per la presenza dei larghi margini nivei, 
per la lunghezza e la denticolazione dell'aresta apicale delle foglie, 
e poi per la taglia e per un colorito particolare che dà nel giallo 
mattone, su cui risaltano con grande eleganza, la bianchezza dei 
margini evidentissimi e dei lunghissimi peli apicali arr'cciati squar- 
rosi.— Forse pel colorito speciale, si può addurre l'estremo stato di 
siccità in cui la pianta si trovava all'epoca della raccolta (in Mag- 
gio) e l'aridità del SMÒs^ra^am; in ogni modo se la pianta è nuova, 
potrebbe con ragione chiamarsi R. marginatum. 
Hedwìgia 

» ciliata Hedw. Schistidium ciliatum BRm. 
In Sicilia De Not. (Syll.). 
Orthotrichum 

» Ltjellii Hook, et Tayl. De Not., Syll. Muse, p. 316. 

Ad truncos Fagorum vetustorum cura Peltigera canina. Mad. M.L. 
Un solo esemplare trovai per caso su altro Muschio tolto dal tronco 
di un Faggio sulle Madonie, ove però deve ritrovarsi in abbondanza. 
L'ho confrontato coi saggi di Husnot, N. 127. 
Come ben dice lo Schimper esso è simile all' 0. lejocarpum , ma 
del resto ne è del tutto distinto. È una specie nuova per l' Italia 
continentale cennata dal De Not.j solo in Sardegna. Essa è propria 
piuttosto dell' Europa media e della settentrionale. Questa scoverta 
in Sicilia è un indizio della ricchezza briologica delle nostre alte 
montagne ed un incitamento a positive ricerche. 

» anomalum IIED^^■. 

Indicato da Balsamo. Panormo Ton. (in Bert. FI. It.). 

» Sturmii IIoppE et Hornsch. 

Indicato di molte località di Sicilia (quali?) da Balsamo. Ilo una 
specie in frutto da Palermo stesso , colta nei monti e se mal non 
mi ricordo sui tronchi di vecchi Elei. Io la ritengo 1' O. Sturmii , 
ma non ho saggi di confronto, e lascio perciò di precisarla. Però 
Bertoloni dice dei denti del peristomio, che essi sono pallidi e ap- 
pajati, ciò che non è nella mia pianta. 

» rupestre Schleicu. 

In Monte jFtna Balsamo (in De Not. Syll.). 

» diaphanum Schrad. 

Ad rupes. Monti di Palermo Bivona. 
{continua) M. Lojacono. 



67 - 



IL QUATERNARIO DI RIZZOLO 



II. 

Gli Ostracodi. 

{Cont. Vedi Num. precO. 

G. bicostata n. 

Tav. II, fig. 1. 

Concliiglia vitrea, guardata lateralmente di forma allungata e quasi qua- 
drangolare, allargandosi leggermente da dietro in avanti; la maggiore al- 
tezza non raggiungo la metà della lunghezza e trovasi al terzo dall'estremo 
anteriore; la regione anteriore si termina arrotondata , alquanto obliqua e 
talvolta oscuramente angolosa ; 1' estremità posteriore è troncato-rotoudata 
coi due angoli della troncatura bene rotondati; il margine dorsale è retto, 
presso a poco, nella sua porzione mediana o principale e s'incurva ai due 
estremi formando al punto della maggiore altezza un angolo appena sen- 
sibile; quasi retto è ancora il margine ventrale che s'incurva agli estremi 
ed è lievemente concavo nel mezzo; guardando la concliiglia dal dorso si 
presenta spessa, di forma allungato-cuneata, col maggiore spessore molto in 
dietro, circa al sesto posteriore, uguagliando la metà della lunghezza to- 
tale; i due margini sono leggermente incurvati alla parte anteriore, quasi 
retti nella parte principale della loro lunghezza, poi si piegano formando 
angolo ben distinto ai due punti del massimo spessore , e corrono diritti 
obliquamente sino alTestremità dove si riuniscono ad angolo ottuso, ed in- 
vece formano angolo acuto all'estremo anteriore ; guardata da un estremo 
ha forma quasi esagono-circolare; le valve sono ornate da due costole pres- 
soché rette, sporgenti , parallele e disposte obliquamente in rapporto alla 
lunghezza della conchiglia, siffatto carattere è variabilissimo essendo le co- 
stole più meno sporgenti, più o meno oblique e variamente estese, non 
pervenendo mai sino agli estremi dello valve; lo spazio interposto alle due 
costole è appianato; una piega ovvero un incavo trasversalmente obliquo 
è leggermente accennato nella maggior parte degl' individui, analogamente 
a quello che si osserva nella C. tenera; la superficie è più o meno distin- 



— C8 - 

tamente punteggiata; la tessitura della conchiglia osservata per trasparenza 
nei giovani esemplari e ad un ingrandimento un po' forte è specialissima, 
essa è come vessiculosa, costituita da numerose, piccole cavità sferiche nelle 
maglie di una rete formata da nervature solide e trasparenti; tale rete è 
variabilissima nei diversi individui ed anco nelle varie parti della stessa 
valva, le maglie sono piccole o grandi, sempre poligone, talvolta allungate; 
talune nervature talvolta si allungano e divengono più spesse disponendosi 
quasi parallelamente alle duo costole e sporgendo anco sulla superficie come 
indizi di altre costole. 

Lunghezza Altezza Spessore 

OjTS-^™. 0,37°'™. 0,38™'". 

0,95°"». 0,46™'°. 0,50™™. 

0,71™™. 0,34™™. 0,36™™. 

0,70™™. 0,35™™. 0,36™™. 

0,80™™. 0,39'°™. 0,42™™. 

È evidente che la mia specie ha la più grande affinità colla C. tenera^ 
colla quale divide il generale andamento e taluni particolari, ma è certo 
altresì che distinguesi a meraviglia per numerosi caratteri , oltreché per 
le duo costole oblique e per la struttura, essa se ne allontana per la con- 
vessità delle valve , per la forma angoloso-cuneata del contorno guardan- 
dola dal dorso, come per la forni i esagonale guardata da un estremo. 

E importante notare la grande variabilità delle due costole, le quali 
sono più meno estese come prominenti e variano anco in obbliquità e 
giungono talvolta quasi a sparire del tutto. 



Non conoscesi vivente. 



Non rara a Eizzolo I 



DlSTR. GEOGR. 
DlSTR. STRAT. 

G. muhipunctata n. 

Tav. I, fìg. 9. 

Conchiglia minima, guardata lateralmente negl'individui feminei è di 
forma ovato-oblonga, colla maggiore altezza che raggiunge appena la metà 
della lunghezza e trovasi ai due quinti anteriori della conchiglia; la fronte 
è larga, totalmente rotondata, col margine intiero, ma leggermente ango- 



— 69 - 

loso ; r estremità posteriore si va restringendo gradatamente e sì termina 
pressoché troncato-rotondata, con un angolo abbastanza distinto alla parte 
superiore; il margine dorsale è abbastanza curvo con lievissimi indizi di 
angolosità , e con un insensibile incavo alla parto posteriore ; il margine 
ventrale è quasi retto, lievemente incavato nel mezzo ; guardando la con- 
chiglia dalla regione dorsale ha forma allungato-ovata e quasi lirata , ro- 
tondata alla regione posteriore offre una larga e brevissima prominenza 
mediana e due altre minime ed ottuse ai lati di questa , si restringe leg- 
germente verso la parte anteriore dove si termina in una prominenza larga, 
alquanto lunga, troncata, rettangolare, ed alla parte mediana della conchi- 
glia v'ha un leggiero strozzamento; dalla stessa regione dorsale "e meglio 
ancora dalla ventrale si osserva che il margine delle valve è molto spesso 
e distinto, iii modo che l'associazione dei due margini forma una larga fa- 
scia bipartita che cinge tutta la conchiglia e costituisce anco lo due pro- 
minenze anteriore e posteriore; guardata da un'estremità la conchiglia ha 
un contorno ovato e quasi circolare; la superficie delle valve offre un mar- 
gino depresso, distinto, e largo alla regione anteriore , che si estende re- 
stringendosi dal lato del dorso sino alla parte più alta e per tutte le re- 
gioni ventrale e posteriore , tale margine è ornato da linee radianti poco 
ravvicinate; la parte convessa dello valve, che offre una lievissima depres- 
sione trasversale mediana, è coperta da perforazioni ravvicinate e d' ordi- 
nario queste sono riunite a gruppi di tre, quattro ma più comunemente di 
cinque, in certi individui invece si vedono punteggiature molto più grandi 
ed angolose , probabilmente risultanti dalla confluenza delle punteggiature 
di ciascun gruppo. 

Credo che sieno maschili gl'individui più lunghi e a forma più gracile. 

Lunghezza Altezza Spessore 

047mm^ 0,21""". 0,14'°'^. 

0,45'"'". 0,23'"'". 0,14"^°". 

0,50""". 0,26""". 0,20"^'*. 

0,55""'. 0,26"'"'. 0,20"»'". 

Questa piccola specie è affine a molte , ma ne è distintissima per vari 
caratteri, così la C. x>eìludda Baird, la C.fuscata Brady, la C. affinis Brady 
ne somigliano alquanto per le loro forme generali, ma se ne allontanano 
■distintamente per la particolare scultura della mia specie, e per lo spesso 
margine che cinge le sue valve e costituisce le due prominenze che si os- 
servano agli estremi della conchiglia guardandola dal dorso. Così anco la 
picciolezza della mia specie la separa dalle altre. 



— 70 — 

DlSTR, GEOGR. 

Non conosciuta vivente. 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Rizzolo ! 

C. crispata, G. S. Brady. 

1865. C. cicatricosa G. 0. Sars. Oversigt af Norgcs marine Ostracoder 

p. 33. 
1868. C. badia (in parte) Brady. Britli. Ostrac, p. 399 (non C. badia Kor- 

man). 
1868. Cythere badia Brady. Les fonds de la mer, tom. I, pag. 89. 

1868. „ crispata Brady. Ann. and Mag. Nat. liist., ser. 4, voi. II 

pag. 221, tav. XIV, fig. 14 e 15. 

1869. „ cicatricosa Brady and Robertson. Ann. and Mag. Nat. Hist., 

ser. 4, voi. HI, p. 369, tav. XIX, fig. 13 e 14. 

1874. „ crispata Brady. Crosskey and Hobertson. Post-tert. Ento- 

mostr., p. 146, tav. XII, fig. 52, 53 e tav. XIII, 
fig. 12 e 13. 

1880. „ „ Brady. Rep. Challenger, pag. 72, tav. XIV , fi- 

gura 8 a-d. 

Gli esemplari che riferisco a questa specie corrispondono bene alla forma 
tipica di cui ei hanno descrizioni e figure varie ; ma essa è ben rara nel 
quaternario di Rizzolo. 

Qualche individuo offre i caratteri dell'esemplare che vedesi figurato nel 
Rep). Challenger^ cioè ha una scultura più fini, perchè le escavazioni della 
superficie sono più piccole dell' ordinario e quindi di minore estensione i 
tramezzi che le separano; inoltre la forma della conchiglia è più allungata. 

Var. dentata n. Io chiamo con questo nome una CijUierc che somiglia 
molto all'esemplare figurato nel rapporto sugli Ostracodi dolio Challenger; 
ma che è più curva alquanto per una maggior curvatura del margine dor- 
sale e del ventrale, un pochino più allargata alla regione anteriore, la 
quale ha inoltre il margine dentellato con denti piccoli e ravvicinati , sif- 
fatta dentellatura si estende ancora per il terzo anteriore del margine ven- 
trale. La conchiglia guardata dalla regione dorsale presenta un contorno che 
conviene colla forma ordinaria della C. crispata, differendo menomamente 
per essere un po' più allungato e colle angolosità sporgenti e rientranti 
meno accusate. 



- 71 — 

Fui sul punto di disgiungere questa forma, di cui riccolsi duo esemplari, 
siccome distinta specie , ma parmi evidente dai fatti e caratteri ricordati 
che essa si lega al tipo della C. crispata per mezzo della forma intermedia 
pescata dallo Challenger. 

Il carattere distintivo più marcato della mia varietà ò la dentellatura 
del margine nella regione anteriore. 

DlSTR. GEOGR. 

Porto Jackson, Isola Booby , Hong Kong , Inghilterra , Norvegia, Medi- 
terraneo,— Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario dell'Irlanda, della Scozia e della Norvegia. 
Rara n Rizzolo ! 

[continua) G. Sequenza. 



CARATTERI GIOVANILI 



cuLOi^oiE^nmi-^iLiiiv^-crs -^a-.À.ssizii 



In una mia nota precedente inserita in questo giornale (Ann. II, n. 7) 
descrissi due specie di pesci che pel complesso della struttura spettavano 
all'ordine dei Uendropteri Canestr. , ma per talune particolari disposizioni 
non potevano essere relegalo in alcuna delle famiglie conosciute e perciò 
fui indotto a proporre un nuovo gruppo (Pdopsidae) vicino agli Sterno- 
ptycìiidae e Scope/idae^ caratterizzato nel modo seguente. * Il corpo è inte- 
ramente nudo. Non esistono barbigli. Il margine superiore della bocca è 
formato dai mascellari superiori e dagl'intermascellari. Questi portano denti, 
quelli ne mancano. L'apparato opercolare è perfettamente sviluppato. Le 
fessure branchiali sono larghissime. Esiste una pinna adiposa. Sul corpo 
mancano })unti luminosi. „ 

Senonchò ulteriori raffronti mi hanno mostrato ad evidenza che una di 
esse, la Pelopsia candida, altro noa è che lo stato giovanile del Chloroph- 
ihaìmns Agassizii Bp. La quale scoperta mi ha fatto vedere praticamente 
quanto possa riuscire incerta e pericolosa la classxzione di pesci giovani , 



il cui aspetto alle volte si presenta sì notevolmente diverso da quello degl- 
adulti da far disconoscere, come dice il Lùtken, anche la famiglia cui ap- 
partengono. 

Tuttavia la forma generale del corpo nei giovani della mentov ita specie 
non differisce da quella degli adulti, e come in questi il capo è contenuto 
4 volte nella lunghezza totale. Il muso è largo e depresso e la mascella 
inferiore sporge oltre la superiore che è come troncata. La lingua è li- 
bera, larga e depressi in conformità del muso. La membrana branchiostega 
ha 8 raggi. Il lato interno della concavità del primo arco branchiale e lo 
esterno dell'arco seguente sono armati di una serie di appendici stiliformi. 
Sul lato interno della concavità del secondo arco e sui due lati di quella 
degli archi successivi vi è una serie di punte, di cui diremo in appresso, 
diversissime dalle dette appendici. L' ala dorsale anteriore nasce innanzi 
la metà del pesce , appena avanti la verticale innalzata dalla base delle 
ventrali e contiene 11 raggi, dei quali il 1" è lungo più di metà del 2". 
L'adiposa è totalmente radiata e d'sta dall'estremità della cedale quanto 
dall'origine della detta ala. Le pe iterali s' inseriscono su di una linea ob- 
bliqua per alquanto più vicina al margine del ventre che del dorso, sono 
più lunghe delle ventrali, ma non giungono fino all'apice di queste. Esse 
hanno 15 raggi. Le ventrali contengono 9 raggi, i quali vanno diminuendo 
in lunghezza dal più esterno al più interno. L' anale prende origine un 
poco innanzi l'adiposa e dista dall'apice delle ventrali poco presso quanto 
la lunghezza di queste. I suoi raggi sono al numero di 8. Nella cedale , 
biloba, si numeravano 41 raggi tra semplici e articolati. L'ano si apre in- 
nanzi la metà del pesce, verso il mezzo della lunghezza delle ventrali e 
quindi molto lontano dall'anale. 

Cotesti caratteri s'incontrano anche nel Chloroplitliaìììms e per la loro im- 
portanza bastano a provare che i giovani pesci di cui parlo sono specifi- 
camente identici ad esso. Ora ne vedreniD le dissomiglianze. 

In quelli gì' inframasccllari formano la maggior parte del contorno su- 
periore della bocca , ma non giungono ancora fino all' estremo posteriore 
dei mascellari adiacenti come negli esemplari adulti. Sul margine anteriore 
della lingua esistono dei denti ricurvi in dietro e mancano sul resto della su- 
perficie. Nei Chlorophthalmiis ordinari per converso non trovo denti sul detto 
margine, sì bene alla superficie di essa. L'occhio sopporta un notevole cam- 
biamento di grandezza in rapporto al capo. Dapprima è posto tutto late- 
ralmente e il suo diametro cape più di una volta nella sua disstanza dal- 
l'estremità del muso, uua volta giusta nello spazio iuterorbitale , 4 volte 
nella lunghezza del capo. Poi va ingrandendo in proporzioni maggiori e 



— 73 — 

nello stesso tempo inclinasi verso la linea mediana raccostandosi all' altro 
sul vertice , sicché lo spazio infraorbitario si riduce ad uno stretto inter- 
vallo insolcato. Il suo diametro in individui lunghi 73 millimetri già è di- 
ventato maggiore della lunghezza del muso e cape poco più di 2 i/o volte 
nella lunghezza del capo. Allora 1' estremità posteriore dei mascellari su- 
periori oltrepassa l'orlo anteriore dell'orbita, cui appena giungeva nel gio- 
vane. In questo i frontali medi formano con la loro espansione una volta 
sporgente all'orbita, volta che va a poco a poco disparendo nel successivo 
accrescimento dell'animale. I pezzi opercolari primitivamente chiudono per 
intero la fessura branchiale, anzi l' oltrepassano di una porzione e i loro 
margini liberi formano una curva piuttosto regolare. Negli esemplari a com- 
pleto sviluppo questa linea si trova più vicina al contorno sottostante del- 
l'apertura delle branchie, l'angolo postico-superiore dell' opercolo in para- 
gone si fa più sporgente e il seno che sta al di sotto più profondo. Le 
punte in serie notate sul lato interno della concavità del 2° arco branchiale 
e sui due lati dello stesso margine dei due archi successivi sono dapprima 
semplici. Negli adulti si provvedono di un gruppo di spine acute. I raggi 
delle pinne offrono la seguente composizione. Sono semplici, che significa 
non articolati e non ramosi, il P raggio della dorsale e dell'anale e i raggi 
esterni piccoli della cedale. Tutti gli altri sono articolati e sfioccati all'apice 
a guisa di pennello. I raggi medii della cedale sono inoltre forcuti. L'ul- 
timo della dorsale è duplice, ma i due membri di cui risulta sono ancora 
tra essi congiunti e non divaricati. Cosiffatto è pure l'ultimo raggio anale. 
Nel Chlorophthalinus ordinario restano semplici il 1° raggio della dorsale 
e dell'anale e i primi raggi brevi della cedale; sono articolati, ma non di- 
visi il 2° raggio della dorsale, i due superiori e l'inferiore delle pettorali, 
l'interno e 1' esterno delle ventrali, il 2" e 3" dell' anale e alcuni raggi 
esterni della cedale. I due rami dell'ultimo raggio della dorsale e dell'anale 
si son divisi tra essi fin dalla base. Gli altri raggi delle pinne sono arti- 
colati e forcuti in pari tempo. E anche bifido, il ramo anteriore dell'ultimo 
raggio duplice dell'anale. Laonde vi ha un'epoca in cui i raggi delle pinne, 
eccettuati i medii della cedale , sono ancora indivisi. Le due metà di cui 
risultano non sono allora semplicemente addossate, ma intimamente saldate 
tra esse. Nello stato definitivo dell'animale alcuni rimangono indivisi, come 
l'esterno e l'interno delle ventrali, altri, e sono il maggior numero, si se- 
parano in due rami. Su di alcuni raggi, in un giovane, ho constatato che 
la scissione principia dall'apice di essi, donde poi s' inoltra verso la parte 
opposta. In quello stato immaturo non vi è ancora produzione di scaglie. 
Il corpo è bianco diafano e fa travedere le viscere dell' addome e l' asse 

Il Naturalista SicilianOj Anno IIL , 10 



— 74 - 

cerebro -spinale che sono invece di biauco-opaco; al di sopra e al di sotto 
della linea laterale appariscono linee inclinate dovute agli interstizi dei 
fascetti muscolari, sicché per queste ultime qualità il corpo offre una certa 
assomiglianza con quello dei Leptocephali. Nella regione della base delle 
pettorali si vede per trasparenza una macchia nera assai marcata, a netto 
contorno. Aperta la cavità del ventre si osserva sulla sua parete superiore 
una porzione colorata del peritoneo , trasversalmente allungata , di figura 
subellittica. Sono i due estremi segmenti rotondati di questa porzione che 
formano la notata macchia nera di ciascun lato. CoU'avanzarsi dell'età que- 
sta colorazione invade tutto il peritoneo, ma allora perde il carattere orna- 
mentale non essendo piti visibile esternamente sì per la perdita progressiva 
della trasparenza del corpo come anche per la produzione di uno strato ar- 
gentino sulla faccia esteriore di detta membrana. Le modificazioni più pro- 
fonde succedono nel tubo digerente. Nei giovani questo va dritto dalla fa- 
ringe all' ano , ma nei suoi tratti presenta notevoli variazioni di calibro. 
La porzione ingerente rappresenta un imbuto la cui porzione allargata 
corrisponde alla faringe e la breve porzione stretta vien formata dall'eso- 
fago. Il tratto gastro-intestinale è un altro imbuto che comunica con l'eso- 
fago per la sua larga porzione. Nel Chlorophthalnms troviamo una ben di- 
versa disposizione. L'esofago si continua in linea retta con lo stomaco che 
è un sacculo a fondo chiuso, poco più largo e più o men rotondato. Dalla 
parete ventrale e dal mezzo della lunghezza di questo tratto gastro-esofageo 
si stacca ad angolo acuto una piccola branca pilorica, la quale si dirige 
in avanti. Indi segue l'intestino provveduto alla sua origine di 7 ciechi. Non 
è facile immaginare come dalla forma predetta si passi a questa più com- 
plicata. Si può ammettere che verso la parte posteriore dello stomaco venga 
a formarsi un insaccamento, mentre il calibro della sua porzione anteriore 
si rende più uniforme con quello dell'esofago. Quest'insaccamento avrebbe 
per eff'etto di separare meglio l'intestino dallo stomaco di cui una parte 
si riflette per costituire il piloro. 

Ho voluto esaminare la struttura della mucosa" gastrica nei due stati 
dell' animale. In essa mancano vere glandule tubulose e si hanno invece 
cavità irregolari risultanti da un sistema di tramezzi e rivestite uniforme- 
mente da elementi cilindrici. Sul margine di questi tramezzi si estende una 
rete di capillari sanguigni. Nei giovani le cavità sono leggermente profonde 
ed hanno piuttosto il carattere di areole. 

I pesciolini di cui ho parlato sono lunghi 40 millimetri o all' intorno. 
Intanto conservo individui coi caratteri ordinarii di Chlorophthahnus poco 
più grandi, aventi una lunghezza di 45 millimetri. In vero non è ammissibile 



- 75 - 

che nel poco tempo che sì richiede a che il corpo da quella pervenga a 
questa dimensione esso possa vestirsi delle ultime divise. Ma ciò si spiega 
con l'ammettere che taluni individui conservano più a lungo i tratti della 
gioventù, come del resto se ne hanno esempì in altri pesci soggetti ad emì- 
metamorfosi. Anzi sì conoscono larve, per esempio quella del Dactylopterus 
volitans, più grandi di alcuni esemplari dalle forme definitive della specie. 
Io pure ho veduto soggetti di Moteìla communis con l'aspetto ordinario più 
piccoli di quelli di colore argentino , già conosciuti sotto il nome di Bro- 
smius exiguus Costa. 

D.'" Luigi Facciola'. 



GLI OSTRACODI 

DEL 

i=>oi^i'o IDI :]ìvi:essi3ST.^ 



(Cent. V. N. prcc). 
Gen. Macrocypris G. S. Brady. 
M, setìgera Brady. 

Kep. Challeng., p. 43, tav. I, fig. 1. 

Freschi , vitrei , e belli esemplari di questa specie si pescano nel porto 
di Messina, essi rispondono esattamente alla descrizione ed alle figure date 
dallo scopritore , e sono forniti di tenuissimi peli variamente sparsi sulla 
loro superficie e più o meno appariscenti, che talvolta invadono quasi tutta 
la superficie ed altre volte si addensano in prossimità del margine ventrale. 

DlSTR. GEOGR. 

Porto Jackson. — Porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Rizzolo ! 



— 76 — 



M. elongata Seg 



Tav. I, fig. 5 a-b. 



1883. Macrocypris elongata Seguenza. Il Quaternario di Rizzolo. IL (i7 iVa- 

iur alista Siciliano^ Anno II, n. 9, pag. 204). 

Concliiglia piccola , gracile , guardata lateralmente si presenta di forma 
allungata con un certo andamento triangolare, colla maggiore altezza circa 
alla metà e che uguaglia o supera di poco il terzo della lunghezza; l'estre- 
mità anteriore è regolarmente rotondata, considerevolmente larga e appena 
obliqua, la posteriore ne differisce pochissimo essendo insensibilmente più 
obliqua e più ristretta; il margine dorsale è fortemente ed ugualmente ar- 
cuato, elevandosi massimamente alla metà della conchiglia; il margine ven- 
trale è leggermente sinuato nel mezzo ; guardata dalla regione dorsale sj 
offre di forma allungata e poco spessa per la leggiera convessità delle 
valve, la quale aumenta pochissimo verso il centro acquistando così in quella 
regione uno spessore che non uguaglia l'altezza; l'estremità posteriore è 
rotondato-angolosa, l'anteriore è un po' più compressa ed assottigliata; guar- 
data da un'estremità offre un contorno ovato-rotondato. La superficie è le- 
vigata. 

Lunghezza Altezza Spessore 

0,71 "'". 0,28 "^"^ 0,22 '"'". 

Questa è una specie affine alla M. setigera, ma la regione anteriore e la 
posteriore sono quasi uguali , le valve sono poco convesse , ed il margine 
ventrale sinuoso. 

DlSTR. GEOGR. 

Porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Rizzolo ! 

M. gracilis n. 

Tav. I, fìg. G a-b. 

Conchiglia gracile, elongata; guardata lateralmeote offre una forma molto 
allungata e considerevolmente curvata in forma d'arco, la larghezza è [030 



— 11 — 

diversa per la maggior parte della lunghezza ed appena maggiore verso 
la metà; l'estremità anteriore è largamente rotondata ed alquanto obliqua, 
la posteriore si restringe gradatamente terminandosi ottusa e rotondata; il 
margine dorsale è assai curvo colla maggiore altezza pressoché alla metà 
ed uguale ad un terzo della lunghezza^ il margine ventrale è abbastanza 
curvo-concavo , dal quale carattere ne risulta 1' aspetto generale in forma 
d'arco che prende la conchiglia; essa guardata dal dorso dimostra una con- 
vessità grande delle valve , in modo che lo spessore massimo oltrepassa i 
due quinti della lunghezza ed è alla metà di essa , gli estremi si assotti- 
gliano e divengono angolosi, ma l'anteriore è più gracile del posteriore . 
guardata da un estremo il contorno è pressoché circolare. La superficie è 
levigata. 

Lunghezza Altezza Spessore 

0,1""°». Oja"*"". Ojé"""». 

Questa specie è veramente rimarchevole e distintissima per la sua forma 
allungata e curva, ed io non saprei ravvicinarla a veruna delle specie co- 
nosciute neanco per farne la comparazione. E trai varii caratteri rimarche - 
volissimi é notevole quello dell' altezza della conchiglia la quale si man- 
tiene pressoché uguale o ben poco variabile per la maggior parte della 
sua lunghezza , il quale carattere si osserva benanco nello spessore della 
conchiglia stessa, come vedesi presso a poco nella M. tumida Brady e nella 
mia M. elongata. 

DlST. GEOGR. 

Molto rara nel porto di Messina! 

DlSTR. STRAT. 

Non conosciuta fossile. 

HI. trigona n. 

Tav. I, fig. 7 a-b. 

1883. Macrocypris trigona Seguenza. Il Quaternario di Rizzolo. IL (77 iVa- 

turalista Siciliano^ Anno II, n. 10, p. 225). 

Conchiglia, guardata laterahnente, ovafo-trigona, alquanto flessuosa, colla 
massima altezza verso la metà , uguagliando presso a poco la metà della 



— 78 — 

lunghezza ; 1' estremità anteriore considerevolmente ristretta di fronte alla 
massima altezza, è inoltre un pò obliquamente rotondata; la regione poste- 
riore si va restringendo gradatamente e con molta regolarità sino all'estre- 
mità che è ottusa rotondata e quasi angolosa ; il margine dorsale è forte- 
mente elevato e quasi gibboso alla parte media, dove forma un angolo molto 
ottuso, in tutta la sua lunghezza è egualmente arcuato; il margine ventrale 
porta un seno abbastanza distinto al terzo anteriore, ed è convesso poi da 
questo punto all' estremo posteriore ; guardata dalla regione dorsale offre 
una forma lanceolata col maggiore spessore verso la metà ed uguale a 
circa due quinti della lunghezza, colle estremità pressoché ugualmente as- 
sottigliate. Guardata da un estremo offre un contorno ovato. La superficie 
è levigata. 



Lunghezza 


Altezza 


Spessore 


0,90°"". 


0,47""". 


0,36"'"'. 


0,87"'"'. 


0,41"'"'. 


0,34"'"'. 



Questa specie ha molta analogia colla M. maculata Brady, dalla quale 
si separa distintamente per l'altezza maggiore, per l'angolosità dorsale, per 
r estremità posteriore più ristretta , la forma generale laterale ha inoltre 
una certa analogia con quella della Pontocypris simplex Brady , ma è di- 
versissima allorché si guarda dalla regione dorsale. 

DisTR. Geogr. 
Porto di Messina I 

DiSTR. Strat. 

Quaternario di Rizzolo ! 
{continua) G. Sequenza. 



NUOVE CONCHIGLIE DEL POSTPLIOCENE 

DEI DINTORNI DI PALERMO 



Pecten Seguenzai De Gieg. 

Mi affretto a far conoscere una delle più importanti specie che possano rin- 
venirsi in terreno sfruttato da lunglio e pazienti ricerche di paleontologi distin- 
tissimi, e che presenta grande interesse per l'analogia della fauna che contiene, 
con quella vivente nel Mediterraneo e nei mari artici. — Si tratta di un elegan- 



- 79 - 

tissimo Pecten affine al varius e all' opercularis L. , ma distinto di entrambi. 
Ecco la sua definizione (1). 

Forma orbicolare un po' oblunga e asimetrica, più sviluppata verso la regione 
ventrale posteriore.— Diametro anteroposteriore 52 'i^'". Lunghezza parauricolare 
26mm. Spessore totale 20^"'. Angolo estraumbonale 110°. Bordo umbo-antecar- 
dinale e umbo-postcardinale abbastanza sinclinali (concavi). Orecchietta anteriore 
abbastanza più sviluppata della posteriore. Angolo estremo dell'orecchietta poste- 
riore 110". Seno dell'orecchietta anteriore della valva destra assai profondo, molto più 
di quello della sinistra, sicché (a valve chiuse) lascia comparire per un piccolo 
tratto quest'ultima. 

Coste molto simili a quelle delV opercularis, 19-20. Tutta la superficie inoltre 
è traversata da numerose costolette radianti filiformi, consistenti in una serie di 
piccole squame erette. Tali costolette decorrono non solo negli spazi intercostali, 
ma anche sulle stesse coste, quella di esse che coincide sullo spigolo di ciascuna 
costa prende uno sviluppo considerevole: le squame si elevano infatti fino a Z"^^ 
e mostrano una decisa tendenza ad accartocciarsi, trasformandosi in veri aculei; 
sono un po' più sviluppate sulla valva sinistra che nella destra. — Il numero delle 
costolette interposte fra tali costolette spinose è per lo più di 5 ; di queste però 
talune (specialmente la mediana) sono obsolete ; generalmente sono più svilup- 
pate quelle più vicine alle spinose e tendono a divenire spinose anch'esse. 

Il margine cardinale della valva destra è cristato, le creste dell'orecchietta an- 
teriore sono assai grosse e salienti, anche le coste squamose di questa orecchietta 
sono assai più rimarchevoli di quelle delle altre. 

Questa specie sembra anche molto afline al subspinulosus Seg. (Reggio p. 187) , 
il cui nome dee cambiarsi^ perchè già varie volte usato (D'Orb. Prodr. etc). Non 
si può identificarlo perchè non figurato, appartenente a un piano diverso, e de- 
scritto assai sommariamente. Non di meno mostrai il nostro esemplare allo stesso 
prof. Seguenza che lo trovò somigliante, ma diverso. — Potrebbe avere anche ana- 
logia con lo histrise Dod., ma questa specie non è finora né descritta, né figu- 
rata, ma solo citata in un catalogo di fossili di un orizzonte molto diverso. — Dei 
viventi più che alV opercularis parmi somigli al varius L. (spec. in Reeve, tav. 35, 
f. 102). Ha pure molta analogia col P. pseudolima Sow. (Reeve, tav. 16, fig. 57); 
ne è però abbastanza distinto. 

Loc. Argille di Ficarazzi. 

Ded. Ho voluto dedicare questa specie al carissimo amico il Prof. G. Seguenza, 
le cui opere sono una vera illustrazione per l'Italia, e da cui la scienza ora at- 
tende con ansia il compimento del suo grande lavoro sugli Ostracodi quaternarii . 



(1) De Greg. La nomenclatura da me adottata è quella proposta nel mio lavoro 
Moderne nomenclature cles gastéropodes et des vclècipodes. 



— 80 - 

Ostrea cochlear Poli. 
var. mutabunda De Greg. 

Interessante varietà ^ di forma angustata e abbastanza arcuata con ripiegature 
raggianti. 

L'illustre sig. Gwyn Jeffreys nella sua nota « on the Mollusca in the Great 
International Fisheries exhibition, p. 119, 1883 » sospetta che anche la cochlear 
non sia che una mera varietà della edulis. Non si può che ammirare le larghe 
vedute di questo grande scienziato il cui occhio sagace è avvezzo a scrutare i 
veri limiti delle specie. — A me però sembra che (siano pure da considerarsi quali 
diramazioni di unico lipo)^ ormai sono due specie così differenziate che non pos- 
sono più assimilarsi. Le modificazioni secondarie che le avvicinano (come la no- 
stra varietà) parali debbano considerarsi come prodotti da mimetismo e da adat- 
tamento alle circostanze locali, piuttosto che quali passaggi dall'una all'altra. 

Loc. Calcare tufaceo delle falde di Monte Pellegrino. 

Anemia patelliformis L. 
f. striorbiculata De Greg. 

(De Greg. Nuovi fossili terziarii, p. 2. 1 Maggio 1883). 

Nella nota citata io designai tre forme dell'ai, patelliformis L., di esse quella 
che mi pare più ragguardevole perchè basata, non sulla forma, che varia secondo 
l'oggetto cui è attaccata la conchiglia, ma sulla sua ornamentazione è la strior- 
biculata. Come lo dice lo stesso nome, essa è intermedia alla orbiculata e striata 
Brocc; ha l'ornamentazione della prima, la forma della seconda. Come ho già 
detto è dessa molto interessante perchè collega la patelliformis tipo, con la ephip - 
pium. 

Loc. Argille di Ficarazzi (comunissima). 

Palermo 4 Novembre 1883. 

March. A. De Gregorio. 



— 81 — 

RINVENIMENTO DI M SPECIE DI PESCE 

nDell'esotico O-enere IFIIMiEI.iEr^T'EI^TJS, Lag. 

NELLE ACQUE DEL GOLFO DI PALERMO 



Nel ricco mare di Sicilia , del quale siamo tuttora ben lontani dal conoscere 
le svariatissime produzioni animali e vegetali , abbiamo testé avuto la sorte di 
rinvenire una interessante specie di pesce, appartenente alla famiglia degli Spa- 
roidi, ed alla sotto-famiglia dei Pimeleiterini, il Pimelepterus Boscii, Lacep; 
specie indigena delle regioni calde dell'Atlantico, e del mare delle Isole Canarie. 

Essa venne predata la mattina del giorno 10 corrente (Novembre) nelle adia- 
cenze dell'Arenella presso Palermo, da pescatori locali, che sorretti dalla pratica 
loro esperienza, ce l'additarono sotto il nome di Pisci mai più vista e di Zip- 
pulic impiriali. — Codesto pesce, di fatto, é novello per le acque del Mediterraneo, 
e a più forte ragione per la fauna ittiologica della Sicilia. 

Due caratteri principali emergono a prima vista dall'esame del corpo di que- 
sto pesce, l'esistenza cioè, di pinne pressoché tutte estesamente rivestite di squame, 
ed una conformazione al tutto eccezionale dell'apparato dentario. — Ed invero se si 
eccettui la parte spinosa della natatoja dorsale, e le ultime estremità delle pinne 
pettorali e ventrali, tutte le altre parti delle sue natatoje sono quasi interamente 
coperte di esilissime squame subimbricate; mentre la sua bocca si trova armata 
di due serie di denti, 1' anteriore delle quali , costituita da denti lunghi lanceo- 
lati, sorge in un solo rango sull'orlo di entrambe le mascelle, e la seconda for- 
mata da esilissimi denti villiformi, disposti in una unica e stretta fila semicir- 
colare, spunta a qualche distanza dalla precedente nell'interno della cavità orale. — 
I denti però della prima serie, oltre ai preaccenuati caratteri, presentano un'altra 
particolarità notevole, quella cioè di essere forniti di un tallone posteriore allun- 
gato ed appuntito che si stende orizzontalmente , convergendo coi compagni , 
verso r interno della bocca; mentre la loro parte superiore o coronaria , confor- 
mata in una piramide triangolare acuta , compressa e ricurvata alquanto poste- 
riormente, si rialza verticalmente sull'orlo delle mascelle, e si connette alla por- 
zione orizzontale o sessile, sotto un angolo retto. — Il Vomere inoltre, i Palatini, 
e la Lingua di questo pesce, sono altresì tapezzati di esilissimi denticini, che ne 
rendono aspra l'intera superficie. 

Codesta particolare conformazione dell'apparato dentario dell' attuale pesce, ri- 
corda una analoga disposizione profferta più o meno dalle specie pure esotiche 
dei generi Pachimetopon, Girella, Scorpis ecc.; senonchè nella specie nostrana 
i denti della prima serie , in luogo di essere, larghi, taglienti , crenellati , trica- 
// Naturalista Siciliano, Anno III. 11 



— 82 — 

spidati, villiformi, come in alcune specie dei generi suindicati, lianno il mar- 
gine esterno triangolare, compresso ed alquanto uncinato, e quelli della seconda 
serie, anziché essere cordiformi, oppure consimili ai precedenti , si veggono mo- 
dellati in forma di esilissirai denticini acuti, che restano inseriti, come si disse, 
a qualche distanza dalla serie precedente, in una unica fila semicircolare interna; 
particolarità che ravvicinano codesta specie a quelle della sottofamiglia dei Pl- 
meletterini. 

Per quanto concerne la giustatezza di codesta determinazione, dirò per primo, 
niun dubbio esservi che l'attuale specie appartenga alla famiglia degli Sparoidì. 
Il corpo compresso, ovoidale , allungato^ rivestito di scaglie ctenoidi, finamente 
dentellate, le guance scagliose , i pezzi opercolari inermi, ma scagliosi, 1' unica 
dorsale avente la porzione spinosa pressoché di eguale lunghezza della molle, 
r anale con 3 spine , i raggi posteriori delle pettorali ramificati , le natatoje ad- 
dominali inserite nella regione pettorale e composte di V^ raggi , caratteri tutti 
che si rinvengono nella specie predetta, lo confermano pienamente. 

Riguardo alla ulteriore sua determinazione generica, ed alla presunta sua cor- 
rispondenza colle specie del genere Pimelepterus, dirò altresì che^ giusta le re- 
centi osservazioni ittiologiche, sonovi nella famiglia degli Sparoidi due partico- 
lari gruppi di specie, caratterizzati dalla presenza di natatoje eminentemente sca- 
gliose; il primo dei quali gruppi trovasi rappresentato dalla seconda sezione della 
sottofamigha dei Caniharini, e dai corrispondenti generi Pachimetopon, Dlpte- 
rodon, Proteracanthus, che vi sono inclusi (1); ed il secondo gruppo dalla sotto- 
famiglia dei Pimeletterini, e dall'unico genere Pimelepterus che vi è contenuto. 
Questi due gruppi, però, prescindendo dal carattere della presenza delle preac- 
cennate due serie di denti che è comune ad entrambi, si trovano distinti fra loro, 
perchè le specie del primo gruppo hanno la cavità orale priva di qualsiasi altra 
sorta di denti, laddove quelle del secondo gruppo hanno il vomere, i palatini e 
la lingua guarniti di esilissimi denti. Escludendo quindi a ragione le specie del 
primo gruppo che non convengono al caso nostro, torna evidente che dobbiamo 
rivolgere unicamente le nostre ricerche alle specie del secondo gruppo, a quelle 
cioè del genere Pimelepterus che come l'attuale pesce presentano l'anzidetto ca- 
rattere dentario; e fra esse all' atlantica specie Pimelepterus Boscii Lacep., che 
offre maggiori dati di somiglianza col pesce testé predato. 

Tuttavia anche in codesto ultimo conguaglio specifico, evvi modo di avvertire 
alquante particolarità distintive che non coesistono in entrambe le specie. Tali 
sono ad esempio una forma alquanto più allungata del corpo negli individui 
esteri in confronto dell'esemplare nostrano; una disposizione a scardasso in più 
ranghi dei denti villiformi posteriori negli individui atlantici , anziché in una 
unica e stretta fila come nell' esemplare nostrano. Le narici posteriori di quelli, 



(1) Vedi Gùnther, Catal. I, p. 413, 



- 83 — 

ovali, anziché lineari come in quest' ultimo, le natatoje pettorali di forma piut- 
tosto ovale, anziché lanceolate e ristrette come nel saggio nostrano ecc. 

Alieno qual sono dal creare generi e specie novelle ove non ne risulti una 
stretta necessità, ritengo tuttavia miglior consiglio ad onta di cotali differenze, ri- 
ferire per ora il pesco testé predato alla specie Pimelepterm Boscii, già valida- 
mente stabilita da Lacepede e successivamente illustrata da recenti ittiologi; an- 
nettendovi però l'appellativo var. Sic ala , onde ricordare cotali differenze, ed il 
mare e la località ove essa venne pescata ; salvo il caso che , pel rinvenimento 
di altri novelli esemplari Siciliani, ne fosse dato di rilevare altri caratteri distin- 
tivi più essenziali e validi, onde separamela definitivamente. 

Dapoichè esistono parecchie figure che ritraggono abbastanza bene il Plmelep- 
terus Boscii, credo inutile di riferire qui l'effìgie della varietà o specie testò re- 
perta; della quale per lo contrario, trovo necessario di esporre alquanto più este- 
samente i caratteri distintivi, calcandoli per confronto sulle dottissime descrizioni 
che il Gùnther , e gli Ittiologi Americani ne porsero delle specie affini all' at- 
tuale famiglia. 

Caratteri del Pimelepterus Boscii, Lac. 

Var. Sicilia, Dod. 

Sinonimia 



Pimelepterus Boscii Lacep. Hist. nat. Pois. IV, p. 429. 

Ciiv , Voi. VII, p. 258, pi. 187.— Dekay, New York Fn- Fish., p. 100, pi. 20, f. 56. 
Vaiane in Webb. et Berth. Hist. Nat. Isl. Canar. Poiss., pi. 19 Giiiith., Catal. I, 
p. 497. Jordan et Gibbert Sinops. Fish. N. -America, p. 561. 

Pimelepterus inclsor Valenc, 1. e, p. 47 (Nec Cuv.). 

— flaoolineatus Poey Sinops Pise. Cubens., p. 324. 

D. ii/„-2 A. 3/ii P. 15-16 V. Vs L. lat. 80. L. trans. 32. Raggi branch. 7. 

Corpo ovale un po' allungato, mediocremente compresso, completamente ri- 
vestito di scaglie ctenoidi, aventi il margine esilissimamente crenellato. 

Profilo del corpo, si inferiore che superiore, notevolmente ricurvo; il superiore 
di questi ascende gradatamente incurvandosi, senza veruna insenatura, o protu- 
beranza intermedia, sino air8° raggio spinoso della dorsale, d'onde discende con 
dechvio un po' più rapido sino alla base della coda , ove risale per formare la 
cedale. 

La maggiore altezza del corpo, presa dietro la base delle pettorali, è contenuta 
un pò meno di 2 volte Va nella lunghezza totale del pesce, compresa la cedale. 

La lunghezza del capo (che è proporzionatamente breve) , lo é 5 volte nella 
stessa misura. 



— 84 — 

Il muso è breve, ottuso, la bocca piccola, non protrattile, il mascellare supe- 
riore breve^ triangolare, rotondato posteriormente e coperto di minute scaglie. 

U Inter mascellare e la parte anteriore del muso sono lisci; la porzione poste- 
riore della mandibola non è visibilmente scagliosa. 

Il sottorbitale è alquanto più lungo clie largo, e grossolanamente solcato, col 
margine inferiore convesso, ma intero. 

Gli occhi hanno mediocre dimensione; il diametro dell'o/'òtte è contenuto 3 3[4 
volte nella lunghezza totale del capo , 1 li2 volte nello spazio interorbitale ed 
1 1[4 volte nella lunghezza del muso. 

Le narici sono situate avanti l'angolo superiore dell'orbita , alquanto distanti 
fra loro; la narice posteriore è in forma di fessura allungata, l'anteriore più ro- 
tondata. 

Le guancie sono coperte di 10, 12 serie di piccole scaglie esilmente dentellate. 

I pezzi opercolari sono inermi; il Preopercolo è bensì tapezzato di scaglie, 
ma presenta un piccolo spazio marginale nudo e leggiermente striato coi margini 
finissimamente seghettati. Il suo margine posteriore è dritto, l'angolo rotondato, 
il margine inferiore leggermente convesso. 

U Opercolo è piuttosto grande, col margine posteriore rotondato intero, ma mu- 
nito di una lieve prominenza posteriore. Gli altri pezzi opercolari sono coperti di 
scaglie senza veruna dentatura o spina. 

Le scaglie del corpo sono piuttosto grandi, più alte che lunghe, col margine 
posteriore dittico ed esilissimamente dentellato ; se ne contano circa 80 in una 
linea longitudinale , e 32 circa in una trasversale. Il soprascapolare che sporge 
alquanto all'esterno, presenta la forma di una scaglia più larga delle altre, col mar- 
gine rotondato e la superficie esilmente radiata. 

La linea laterale, mediocremente marcata , stendesi parallelamente al profilo 
dorsale del pesce sino alla base della coda, d'onde prosegue rettilinea e s'insinua 
nella natatoja cedale. Le scaglie che la compongono sono contrasegnate da un 
unico e leggiero rialzo del canale mucoso. 

La dorsale è unica e formata di una parte spinosa e di una molle di pressoché 
eguale lungliezza. Essa conta 11 raggi spinosi ed altrettanto molli , 1' ultimo 
doppio. Essa incomincia ad '/j anteriore della lunghezza totale del pesce , com- 
presavi la cedale, un po' dietro l'inserzione delle ventrali, ed ai 2/^ posteriori della 
lunghezza delle pettorali, e termina al livello della 60=^ scaglia della linea laterale. 
La sua parte spinosa è mediocremente consistente. Il suo primo raggio, spinoso 
è breve, ed uguaglia circa la '^/.^ del 2°, ed ^4 ^^el 6'^ e 7° raggio, che sono i più 
lunghi, ed è pari ad 1 -'/j parti della lunghezza del capo. La distanza fra la dorsale 
e la cedale è presso a poco eguale all'altezza della coda sotto l'estremità poste- 
riore della natatoja dorsale. Tutta la sua porzione molle, del pari che quella del- 
l'anale, è pressoché interamente rivestita di squame. 

L' anale è scagliosa e di pari estensione della dorsale molle. La sua origine 
cade verticalmente alquanto dietro a quella della porzione molle della dorsale; le 
sue spine sono forti; la ])rima è circa la metà meno lunga della seconda. La se- 



- 85 - 

concia uguaglia i 2/3 della lunghezza della più lunga spina dorsale ; essa è più 
forte , ma non più lunga della terza. I raggi sono quasi eguali tanto fra loro, 
quanto a quelli della porzione molle della dorsale. 

Le pettorali sono brevissime, lanceolate, e misurano circa Ve ciella lunghezza 
totale del pesce. La distanza che corre fra il loro apice e l'origine dell' anale, è 
pari alla lunghezza totale della porzione molle della dorsale. La sua porzione 
basale è per la metà in lunghezza rivestita di scaglie. 

La radice delle ventrali cade al terzo anteriore della lunghezza delle pettorali. 
Questa pinna è del pari breve , per cui il suo apice resta notevolmente discosto 
dall'apertura anale.— Codesta distanza è pari ai % della estensione della porzione 
molle della dorsale. 

La cadale è mediocremente sinuosa, coi lobi leggermente appuntiti ed egual- 
mente lunghi; essa pure trovasi rivestita di scaglie fino quasi alla estremità dei 
raggi. 

I denti della serie anteriore, come già si disse, sono lanceolati, stretti, com- 
pressi, coll'apice triangolare appuntito ed alquanto uncinato, e col tallone poste- 
riore assottigliato , ed orizzontalmente convergente coi talloni attigui verso l'in- 
terno della bocca. Di questi se ne contano 34 nella mascella superiore, e 32 nella 
inferiore. Essi sono inseriti suU' orlo delle mascelle, ma i centrali od anteriori di 
ciascuna mascella sono maggiori dei posteriori , che divengono vieppiù esili col 
procedere verso l'interno. Per lo contrario, i denti della seconda serie posteriore, 
sono esili, villiformi, e disposti in una unica e stretta fila parallela e concentrica 
alla serie precedente. — Vomere, palatini q lingua rivestiti di minutissimi denti. 

II colore del corpo è grigio uniforme, con tracce di una ventina di strette zone 
longitudinali argentine più chiare. Le natatoje grigiastre unifojmi. 

Cenni anatomici. Vertebre. Se ne contano 10 dorsali, e 15, 16 cedali. 

Denti faringei superiori minutissimi vellutati, stesi su larga superfìcie ossea; 
gli inferiori alquanto maggiori, a scardasso. IJ Esofago è membranoso, ampio; lo 
Stomaco in forma di sacco ovoidale membranoso, è fornito nelle due facce laterali 
di un centro tendineo fibroso arrotondato. 

Il Tratto pilorico è piuttosto lungo, colla parte posteriore più consistente fìbro-mu- 
scolare; guarnito all'estremità di numerosissimi piccoli ciechi pilorici (oltre 100) 
disposti a gruppi intorno allo stretto pilorico , ed estesi pur anco per notevole 
tratto lungo la parete inferiore dell'intestino tenue. 

Intestini membranosi, molto lunghi e larghi; regime interamente erbivoro, poi- 
ché nel preparare il pesce, si sono trovati unicamente avanzi di alghe tanto nello 
stomaco che negli intestini. 

Vescica natatoja ovoidale, allungata, alquanto rigonfia nel mezzo; bipartita po- 
steriormente , e terminata in due lunghe appendici che si stendono oltre la ca- 
vità addominale, fra mezzo ai muscoli laterali del tronco fino all'apofisi ematoide 
della quinta vertebra caudale. 

Fegato bilobato, con piccolo lobo intermedio superiore. Cuore triquetro, piuttosto 
piccolo. 



- 86 — 



Misure. 

Lunghezza totale del corpo compresa la codale 0, 300 

Idem esclusa la codale 0, 240 

Altezza massima del corpo 0, 115 

Lunghezza del capo 0, 060 

Distanza fra gli occhi 0, 026 

Diametro dell'occhio 0, 014 

Lunghezza della 5* e 6* spina dorsale 0, 030 

Idem della seconda spina anale 0, 017 

Idem della natatoja dorsale 0, 125 

Idem della pettorale 0, 140 

Idem delle ventrali 0, 034 

Idem dell'anale 0, 062 

Idem delle scaglie in media ... 0, 008 

Il Pimelepterus Boscil è specie Atlantica che vive anche presso le Isole Ca- 
narie. Essa , unitamente alle affinissime sue specie congeneri , appartiene alla 
schiera dei pesci viaggiatori che si aggirano comunemente sul grande Oceano 
inoltrandosi talvolta a grandi distanze dai continenti. A quanto narrano gli it- 
tiologi, questi pesci sogliono altresì tener dietro alle navi in corso, onde appro- 
fittare, tuttoché di regime piuttosto erbivoro, degli avanzi di pasto che si riget- 
tano da bordo. — Perlocchè non sarebbe improbabile che, guidato da cotale istinto, 
l'esemplare testé reperto abbia potuto attraversare lo stretto di Gibilterra ed inol- 
trarsi sino ai mari della Sicilia , al seguito delle moltissime navi che oggidì vi 
pervengono dalle più remote latitudini dell' Oceano. Né questo sarebbe il solo 
esempio di siffatta immigrazione ; mentre noi tutti ricordiamo ancora le belle 
specie atlantiche predate in questi ultimi anni nei mari della Sicilia, quali sono 
ad es. il Cybium Veranyi, Dod., il Lobotes auctorum, Gùnth., il Caranx Ca- 
ranguH, C. V., la Molva oulgaris Flem ecc., le cui spoglie figurano tuttora nelle 
vetrine del nostro Museo Zoologico; singolari avvenimenti onde la natura si vale 
talvolta per modificare gradatamente le faune dei mari attuali, e renderne la po- 
polazione vieppiìi omogenea e generale. 

Prof. P. DODERLEIN. 



— 87 - 
CONCHIGLIE LITTORALI MEDITERRANEE 

PEL 

MARCHESE DI MONTEROSATO * 



BRACHIOPODA 
Gistella Gray. 

1. C. cordata, Risso {Terehratula)—E\xv. Mér. IV, 1826, p. 389 (Alpi Ma- 
rittime). 

= T. Neapolitana, Se, 1833 (Napoli). 

= Orthis bifida, 0. G. Costa (Nap. e Sic). 

= Argiope Forbesii, (olim) Davids. (Med.). 

2. C. caneata, Risso, ( Terebraiula) — p. 388, f. 179 (Alpi Marit.). 
= T. Soldaniana, (Risso) auct. 

= Orthis pera, v. Mùlfh. (Med.). 

= T. scobinata, (non L.) Cantr. (Med.). 

CONCHIFERA 

Ostrea, L. 

3. O. stentina, Payr.— Moli. Corse, 1826, p. 81, t. 3, f. 3 (Corsica). 
= 0. denticulata, (Born) Poli, Se. (Nap. e Sic.). 

= 0. curvata, Risso— 1826, p. 228, p. 155 (Alpi Marit.). 

= 0. plicatula, (Gm.) Ph. (Nap. e Sic). 

= O. pauciplicata, Desh.— Exp. se Morée, p. 126, t. 18 , f. 56 (Moréa). 

= 0. plicata, (Cbcmn.) Weink. (Med. e Adr.). 

= O. obesa, (Sow.) Reeve— Conch. Icou. 1871, f. 84, (senza habitat; cfr. 
col tipo della coli. Hanley). 

= 0. cristata, (Born) Hidalgo— Mol. mar. Esp. p. 119, t. 77, f. 1-2 (Spagna 
Meridionale). 



• Queste conchiglie furono raccolte dal Marchese De Gregorio nella spiaggia 
di Carini presso Palermo, e gentilmente comunicatemi per determinarle. 



= 0. saxosa, (Graells) Hidalgo (Spagna Merid.). 

= O. stentina , Monts. — Not- Conch. Civita v., 1877, p. 412 , esci. syn. 
(Med. e Adr.). 

Pecten, Lamk. 

4. P. multistriatus, Poli (Ostrea). 

= ? P. pusio, L. (« Oc. Australiore »). 

Sezione a sp. pellucide. 

5. P. hyalinus, Poli {Ostrea) Nap. e Sic. 
= P. virgo, Lk. (Taranto). 

= P. pellucidus, (Lk.) Payr. (Corsica). 
= P. pulcherrimus, e P. succineus_, Risso (Alpi Marit.). 
Tipo, forma costata e varietà di colorito. 

6. P. incomparahilis, Risso— 1826, p. 302, f. 154 (Alpi Marit.). 

= P. Testae, (Biv. pat., ms.) Ph. — 1836, p. 81, t. 5, f. 17 (Palermo e 
Trapani). 
Non littorale, ma trovate alcune valve, per caso, sulla spiaggia. 

Lima, Bruguiére 
(= Radula (Kl.) H. e A. Adams). 

= L. squamosa, Lk, (« Mers d'Amérique ») auct. 
Ed altri nomi conosciuti. 

Mantellum, Bolten. 

Le sp. di Mantellum, differiscono dalle Limae, per essere aperte d'ambo i lati. 

8. M. inflatum, Chemn. (Pecten). 

— Ostrea fasciata, Gm. 

= 0. glacialis, (non Gm.) Poli (Nap. e Sic). 

= 0. tuberculata, (Olivi) Brocc. (Adr.). 

= Lima imhricata, Risso (Alpi Marit.). 

= L. ventricosa, Sow. (Med.) 

9. M. hians, Gm. (Ostrea) var. minor o Mediterranea, Monts. 
= 0. hians, Dilhv. (la forum Britannica). 

— L. bullata, (Turt.) Payr. (Corsica). 
= L. levigata, Risso (Alpi Marit.). 

= L. tenera, (Turt.) Pli. (Nap. e Sic). 



— 89 — 

= L. fragilis, (Gm.) Se. (Nap.). 
= L. aperta, lianley (le due forme). 

iilytilus, L. 

10. M. Galloprovincialis, Lk. (Martigues). 

Var. = M. flavus, Poli (Nap.) = ilf. succineus, Dan. e Sancì. (Adr.). 

Mylilaster, Monts. (nov. gen.). 

Specie ordinariamente piccole a scultura increspata o con forti segni di accre- 
scimen'o, margine ventrale sinuoso; cerniera con denti e cavità corrispondenti; 
lato ligamentarc tutto denlicolato distintamenie. Tipo: AI. lineatus, Gm. (= M. 
crispus, Cantr.). 

11. M. miniinus, Poli {Mytilus) Nap. e Sic. 
= M. cìjUdraceus, Req. (Corsica) vai". 

= M. Blondcli, H. Manin, ms. (Martigues) var. 
= M. Liburniciis, Chierogh. see. Brus. (Veneto). 
Diverse vai", di forma. 

12. M. solidus, H. Martiu. 

= Modiola solida, II. Martin, ms. (ex typo; Martigues). 
Specie piccola, inflata, spessa, rugosa, albina, interuamente opalizzata. Anche 
di Palermo. 

Modiola, l^amk. 
(= Modiolus, Risso). 
A. sp. barl)ate (tipiche). 

13. ÀI. barbata, L. (Mytilus). 
= M. villosa, Nardo (Adr.). 

14. M. phaseolina, Ph. — II, p. 51 , t. 15, f. 14 (foss. Sic. e Calabrese). 
= M. laecis, Dan. e Sand. (Dalmazia\ 

Valve sulla spiaggia, proveuienti dalla zoua laminare. 

// Naturalista Siciliano, Anno III, 12 



— 90 — 



B. specie sbarbate, 

15. M. Ad/natica, Lk. (Chioggia). 
= Mytilus Cavolini, Se. (Napoli). 

= Modiola imberbis, Brus. (Dalmazia). 

Gregariella, Monts. (nov. gen.). 

Valve un terzo liscie e due terzi decussate ed ornate di epidermide barbata; 
cerniera dal lato anteriore a pieghe oblique rudimentarie; linea ligamentare cre- 
nellata. Gregarie. Tipo: la specie seguente: 

16. G. sulcata. Risso. 

= Modiolus sidcatus, Risso, — 1826, p. 324 (Alpi Marit.). 
= Mytilus Petagnae, Se. {Mijtilus) — lott. 1832 (Portici). 
= Modiolus barbaiellus, Cantr., 1835 (Adr.). 

Modiolaria, Beck. 

17. AI. supicta, Cantr. 

= Modiolus subpictus, Cantr. — Bull. Ac. Brux. 1835 p. 27 ( « Golfe de 
Venise »). 

= Modiola discrepans, (non Mtg.) e Modiola discors, (non L.), auct. (Med. 
e Adr.). 

= Modiola marmorata, Forbes —1844 (Brit.). 

= Modiola Poliana, Ph. -— 1844 (Nap. e Sic). 

= Modiola Europaea, D'Orb. (in Mus. Paris., fide WeinkaufT). 

18. M. costulata, Risso. 

= Modiolus costulatus, Risso — p. 165, f. 165 (Alpi Marit.). 

Loripes, Poli. 

19 L. lacteus, (L.) auct. 

= Lucina laciea, Desh. — Expl. de l'Algerie, t. 78, f. 6-8 (Algeria). 
Varie forme più o meno tumide, subangolata, spessa, ruvida al tatto, 
Var. r= L. lactoides, Desh. — Expl. Alg., t. 80, f. 4 (Algeria). 
Più rotonda e non subangolata. 

20. L. Desinaresti, Payr. {Lucina) — p. 44, t. 1, f. 20 (Corsica). 
= L. luleola, Desh.— Expl. Alg. t. 78, f. 1, 3 e 4 (Algeria). 
Più grande della precedente ed obliqua, liscia, nitida bianca o luteola e zo- 
nata. 



— 91 — 

Loripinus, Monts. (jiov . gen.). 
Valve tumide, orbicolari, teiiuissime, cardine sprovvisto di denti. 

21. L. fragilis, Ph. {Lucina) — I, p. 34 (Palermo). 
■= ? Venus edentula, (non L.) Brocc. (foss. subapp.). 

= Tellina gibbosa, 0. G. Costa e Loripes gibbosus. Se. (Nap.). 

= Lucina gibbosa, Desìi.— Expl. Alg., t. 79, p. 5-7 (Algeria). 

= Lucina bullula, Reeve — t. 10, f. 35 (senza habitat). 

La Lucina edentula, L. (=• L. Philippiana, Reeve) e la L. Schranimi, Gros- 
se, due specie esotiche , appartengono a qnesto gruppo delle Lucinae sprovviste 
di denti. 

Lucinella, Monts. (noni. prop.). 
(= Cyclas, (non Brug.) Kl., sec. H. e A. Adams). 

Valve a scultura obliqua; cardine con due denti laterali. 

22. L. commutata, Ph, {Lucina) — I, p. 32, t. 3, f. 15 (Sic). 
=? Cardium discors, Mtg. (Britannica?). 

= Lucina divaricata (non L., sp. esotica) auct. 
:= Lucina pellucida, Garuana (Malta). 
Ed altre specie di conchifere comuni e sulle quali non è da fare alcuna os- 
servazione. 

SOLENOCONCHIA 

Dentalium, L. 

23. D. vulgarc, Da Costa (Brit.). 
= D. Tarentinum, Lk. (Taranto). 

{continua). 



92 



LEPIDOTTERI DRUOFAGI 



(Cont. Velli Num. prec.}. 



Vili. Bombicidi Bsd. 



43. Bombyx ilicìs Rmb. — Staudinger, p. 67. 
Il bruco vive sul Q. ilex (Milliere). 
Andalusia, non trovala in Italia. 

44. Bombyx crataegi Lnn. — Staudinger, p. 67. 

Il bruco ordinariamente vive sul Crataeyus oxyacantha, ma trovasi ancora 

sulle frondi delle giovani querce. 

Italia settentrionale, Parma, Napoli, Sicilia? 

Paras. vESPARi — Ichneumon oscillator Wsra. , Pimpla vafata Grv., Pte- 

romalus puparum Lnn. 

45. Bombyx populi Lnn. — Stavidinger, p. 68. 
Il bruco in està si trova sul Q. robur. 
Piemonte, Lombardia, Parma, Sicilia. 

46. Bombyx neustria Lnn. — Staudinger, p. 68. 

Talvolta il bruco è molto nocivo alle querce, particolarmente in Francia, e 

qualche volta anche nel Piemonte. 

Lombardia, Parma, Napoli, Sicilia. 

Paras. vespari — Encyrtus tardus Bò, Mesochorus ater Rtz., Mesostenus 

ligator Grv. , Microgaster gastropachae Bc , laetipennis Rtz. , Perilitus 

brevicornis Riz. 7'ugatorliiz., Pimpla Jtavicans Fbr., instigatov Fbr,, sca- 

nica Grv., stercorator Fbr., Pteromalus Zellerii Rtz., Rogus linearis Nees, 

Teleas ovulorum Nee^, punctatissimus Grv., Triphon gastropachae Bè, 

neustrlae Bè , Myina ovulorum Bjr. , ed il Teleas terebrans secondo il 

Ratzbourg è parassito delle uova. 

Paras. muscari — Exorista bombulans Dsv. 

47. Bombyx Gatax Lnn. — Staudinger, p. 68. 
Il bruco vive sulla quercia (Petagna^ Curò). 
Piemonte, Nizzardo, 

48. Bombyx vimicola Hbn. — Staudinger, p. 68. 

Il bruco in maggio e giugno si nutrisce delle frondi di quercia (Curò). 
Valle d'Isonzo, Istria ? 

49. Bombyx trifolii Esp. — Staudinger, p. 68. 

a. ab. medicaginis Bk. 

b. V. codes Hbn. 



— 93 - 

Il bruco è polifago , si nutrisce di molte piante , ed anche delle frondi di 
quercia, sebbene è una specie comune, pure è poco nociva. 
Parma, Lombardia, Corsica, Sicilia, è stata anche trovata sulle querce della 
foresta di Orleans, ove fece positivo danno. 
Paras. MuscARX—Echynomyza grossa Lnn. 

Paras. vespari — Peltastes dentatus Grv., Pimpla examinator Fbr., Ano- 
malon circumftexum Lnn. , unicolor Fbr. , il Telenamus punctidaUis se- 
condo Girard è parassita delle uova. 

50. Bombyx quercus Lnn. — Staudinger, p. 69. 

b. ab. spartii Hbn. 

d. V. roboris Scb. 

e. V. Sicula Stgr. 

Il bruco vive sopra varie piante , ma con predilezione sulle querce , la Si- 
cula si trova frequente sui giovani cespugli di querce. 
Piemonte, Liguria, Savoja, Parma, Lombardia, Corsica, Sicilia. 
Paras. muscari — Triplocena bicolor Mgn. 

Paras vespari — Cryptus migrator Fbr. , obscurus Grv. ? il Telenomits 
punctulatus secondo Girard è parassita delle uova. 

51. Lasiocampa quercifolia Lnn. — Staudinger, p. 69. 

Il bruco che io ho trovato in maggio e giugno sul sorbo^ nespolo, pero, ca- 
stagno, talvolta si nutre delle frondi di giovani querce. 
Piemonte, Lombardia, Corsica, Sicilia nelle Madonie. 

Paras. vespari. — Ecyrtus emhriophagus Hrtg. Ichneumon Ratzhuvyii 
Hrtg., 
Paras. muscari. — Masicera lasiocatnpa Dsv. 

52. Lasiocampa pruni Lnn. — Staudinger, p. 70. 

Il bruco vive sulla quercia, e sopra altre piante. 
Piemonte, Lombardia, Nizza, Savoja. 

53. Lesiocampa tremulifolia Hbn. — Staudinger, p. 70. 

Il bruco in autunno si nutrisce delle frondi di quercia CCurò). 
Nizza, non conosco se sia stata trovata in altre parti d'Italia. 

54. Lasiocampa ilicifolia Lnn. — Staudinger, p. 70. 

Il bruco vive sulle querce e si nutrisce delle frondi. 
Nel Piemonte e Nizza. 

55. Lasiocampa suberifolia Dpn. — Staudinger, p. 70. 

Il bruco si nutrisce delle frondi del Q. puhescens, Auzeudri, e robur nella 
fine di Giugno, e fila il bozzolo nella biforcatura de' rami (Milliere). 
Spagna, Francia meridionale, non trovata in Italia. 

56. Lasiocampa otus Drr. — Staudinger, p. 70. 

Il bruco si nutrisce di varie piante, ma fra noi vive sulla quercia nelle fo- 
reste della Cava, eli Lanzeria , di Castelbuono, ove si trovano di frequente 
i bozzoli ne' cavi de' tronchi delle querce, e l'insetto perfetto si trova sem- 
pre nelle foreste ghiandifere. 
L'ho trovato la prima volta sulle Madonie , rinviensi anche nelle Calabrie. 



— 94 



IX. Saturnìdi Bsd. 

57. Saturnia coccigena Kpd. — Staudinger, p. 71. 
Il bruco vive sulle querce. 

Trieste, Dalmazia, non ancora raccolta in Italia. 

58. Aglia tau Lnn. — Staudinger, p. 71. 

Il bruco in maggio, giugno, luglio vive sulle querce. 
Piemonte, Nizza, Savoja. 

X. Drepanulidi Bsd. 

59. Drepana falcataria Lnn. — Staudinger, p. 71. 

Il bruco in giugno e luglio, e poi in autunno si trova sulle querce , ma sì 
nutre ancora dell'ontano, alno, e betula (Curò). 
Piemonte, Toscana, Parma, Lombardia. 

60. Drepana curvatula Bk. — Staudinger, p. 71. 

Ila due generazioni, il bruco trovasi in giugno, e nell'autunno sulle querce. 

Carniola, valli delle Alpi Giulie, non raccolta in Italia. 
GÌ. Drepana Harpagula Esp. — Staudinger, p. 71. 

Il bruco si trova in giugno, e poi nell'autunno sulle querce (Curò). 

Valli del versante meridionale delle Alpi Giulie, Sicilia. 
()2. Drepana lacertìnaria Lnn. — Staudinger, p. 71. 

Il bruco si nutre delle frondi di quercia in maggio e giugno, vive ancora 

sulle betule, e sull'alno. 

Padova, Veneto, Napoli. 

03. Drepana binaria Hffn. — Staudinger, p. 71. 

Il bruco in maggio si nutre delle frondi di quercia (Curò, Turati, Lefitole). 
Piemonte, Toscana, Lombardia, Calabria, la var. uncinola Bkli. trovasi in 
Sardegna e Sicilia. 

04. Drepana cultraria Fbr. :=SicuIa Espr. — Staudingvr, p. 71. 

Il bruco in giugno vive sulle querce (Lefitole) sebbene prediligge il faggio 

(Curò). 

Piemonte, Sicilia? 

XI. Notodontìdi Bd. 

65. Stauropus fagi Lnn. — Staudinger, 72. 

Il bruco nella estate e nell'autunno vive sulle querce, specie polifaga si nu- 
tre ancora del faggio, avellano e tiglio. 
Piemonte, Toscana, Napoletano, Lombardia, Corsica. 
Paras. vespari — Metopius necatorius Fbr. 



— 95 — 

66. Hybocampa Milhauseri Fbr. — Staudinger, 72. 

Il bruco in settembre vive sulla quercia (Curò), si nutre ancora delle froudi 

di faggio. 

Italia. 

67. Notodonta tremula CI. — Staudinger, 72. 

Il bruco in luglio ed agosto vive sulle querce, è specie polifaga si nutre 
anche del tiglio, dell'olmo, del pioppo. 
Piemonte, Lombardia. 

68. Notodonta trepida Esp. — Staudinger, 73. 

Il bruco in estate trovasi sul Q. robur (Curò). 
Corsica, Lombardia, Nizza, Piemonte, Toscana. 

69. Notodonta dromedarius Lnn. — Staudinger, 73. 

Il bruco in giugno vive sulle querce nutrendosi delle frondi (Letitole), si nu- 
trisce anche delle betulle, dell'alno, e dell'avellano, perciò non è molto no- 
civa. 

Savoja, Alpi del Moncenisio, valli delle Alpi orientali, Parma. 
Paras. VESPARi. — Aulacus esearatus Grv. Brachistes obliterai us Nees. 

70. Notodonta chaonia S. V. — Staudinger, p. 73. 

Il bruco in maggio e giugno vive sul Q. robur (Leiitole). 
Napoli, Piemonte, Toscana. 

71. Notodonta querna S. V. — Staudinger, p. 73. 

Il bruco in agosto e settembre vive sulla quercia (Curò). 
Nel versante meridionale delle Alpi Giulie. 

72. Notodonta trimacula Esp. — Staudinger, p. 73 
a. V. dodonaea Ilbn. 

Il bruco del tipo si trova nell'està sulla quercia nel Piemonte , Liguria e 
Nizza. La varietà in luglio, agosto e settembre sulla quercia in Francia, e 
Corsica. 

73. Notodonta argentina Schf. — Staudinger, p. 73. 
Il bruco vive sulle giovani querce nell'està. 
Bolzano, Nizza. 

74. Drynobia velitaris Hfn. — Staudinger, p. 74. 

Da luglio ad ottobre il bruco vive sulle querce (Lefìtole). 
Piemonte, valli di Fenestrelle in Toscana, rara in Lombardia. 

75. Drynobia melagona Bk. —Staudinger, p. 74. 

Il bruco da luglio a settembre si trova sulle querce (Lefìtole). 
Francia, non è riportata d'Italia. 

76. Cnethocampa processionea Lnn. — Staudinger, p. 74. 

Il bruco vive sui perastri e pomastri, vive in società nella estiva stagione; 
in taluni anni è molto nocivo sfrondando interamente gli alberi di quercia, 
per cui si è consigliato lo sbrucolamento, perchè le uova ed i piccoli bruchi 
sono occultati dentro sacchi setacei a forma di lende^ che si osservano sugli 
alberi, che ne sono attaccati. 
Piemonte, Savoja, Lombardia, Parma, Napoli, Sicilia nelle Madonie. 



— 96 - 

Paras. vespari : — PerilUus hrevipennis Rtz., ictericus Nees., Pimpla exami- 
nator Fbr. , processionae Rtz, , Pteromalus omnivorus Wlk.^ rotundatus 
Rtz. Cubocephalas Germarii Rtz. 

Paras. muscari — Ejcorista libatrix Hrtg., Masicera crassiseta Rnd. Exorista 
lucorum Mgn. 

77. Cnethocampa pytiocampa S. V. — Staiiclinger, p. 74. 

Il biuco è comunissimo nelle pinete , ove è molto nocivo , è stato trovato 
ancora sulle querce. 
In tutta Italia, Corsica. 

78. Phalera bucephala Lrn. — Staudinger, p. 74. 

Il bruco da luglio ad ottobre si trova sul Q. l'obur, e su altre querce. (Le- 
fitole e Miniere). 

Piemonte, Lombardia, Parma, Padova, Veneto, Corsica. 
Paras. vespari: — PerilUus fasciatus Hrtg., Teleas punctatlssimus Grv., que- 
sta specie secondo Ratzburg è parassita delle uova. 

79. Phalera bucephaloides 0. — Slaudinger, p. 7-4. 

Il bruco in settembre ed ottobre trovasi sul Q. ilex, e robur (Lefitole). 
Lombardia, Nizza. 

80. Pygaera curtula Lnn. — Staudinger, p. 75. 

11 Petagna dice che il bruco vive sulla quercia, ed altri alberi. 
Corsica, Milano, Piemonte. 
(continua) F. Mina Palombo. 



INTOTIZIA. 



I tre membri , scelti dalla Commissione internazionale geologica per studiare 
insieme al Marchese De Gregorio il di lui progetto di una grande Rivista inter- 
nazionale di geologia (Nat. Sic, N. 12, 1883), sono i signori Blanford (Mem- 
bro del Geological Survey of India), Neumayr (Professore all'Università di Vien- 
na), e Fontannes (Attaché au service de la carte gèologique de France). 



ERRATA-CORRIGE 



Nel n." precedente del giornale a pag. 51 invece di Scopelus uracodam- 
pus leggi Scopelus uraeoclampus. 

Enrico Ragusa Dirett. resp. 



piiiiiiiiiiiiiiiiiimiiliNiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiuiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiin 

I ANNO III 1 GENNAIO 1884 N. 4. | 

I IL NATURALISTA SICILIANO | 

1 GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 1 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI mESE 



I ABBONAMENTO ANNUALE 

E Italia L. 10 

= Paesi compresi nell'unione postale » 12 

= Altri paesi 

= Un numero separato, con tavole 

S » senza tavole 

= Gli abbonamenti cominceranno dal 1° di ottobre di ogni anno 



14 » 
1 25 
1 » 



Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione 
al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 



SOMMARIO DEL NUM. 4. 



M. Lojacono — Primo elenco hriologico di Sicilia (coni, e fine). 
March, di Manterosato — Conchiglie littorali mediterranee (coni.). 
L. Facciola — Note sui pesci dello Stretto di Messina (con tavola).']^ 
G, Sequenza — Il Quaternario di Rizzalo (coni.), 

A. De Gregorio — Nota intorno ad alcune nuove conchiglie mioceniche di Si- 
cilia . 

F. Minà-Palumbo— Zep^rfo^^eri Druofagi (contìnua). 

G. Seguenza— GZi Ostracodi del Porto di Messina (continua). 
Sr. — Cenni Bibliografici. 

F. Minà-l*alumbo— A^o^e di Storia Naturale Siciliana. 



PALERMO 
Stabilimento Tipografico Virzì 

M884 



ANNO III. 1 GENNAIO 1884. N. 4. 

n7MfùlSnsfAsmiAN0 



PRIMO ELENCO BRIOLOGICO DI SICILIA 



(Cont. e fine. V. Num. prec). 

Encalypta 

» vulgaris Edw. 

In herhidis solo arenoso-siliceo. AI. Sof'o in Val Demone M. L. 
Panormo ToD., De Not., M, Scuderi Messina Tin. 
Le piante che ho, differiscono fra di loro; una è precisamente si- 
mile agli esemplari di Husnot (N. 183) colla caltjpira larghissima 
che non si adatta perfettamente alla capsula , 1' altra forma ha la 
caltjptra angusta perfettamente cilindrica, di un colore ocraceo, men- 
tre nella prima tende al verde. Che una potrebbe essere la E. 
commutata ? I caratteri in vero non corrispondono alla diagnosi 

dello SCHIMPER. 

Funaria 

» hrjgrometrica Hedw. 
Ubique vulgatissima. 

» microsioma B. et E. 

In humentibus adterram acad muvos in sylvaticis. Ficuzza M. L 
Physcomitrium 

" pyriforme Brio. 

In pratis montosìs solo arenoso. Val Demone M. L. 
Entosthodon 

» curvisetus Schimp. Physcomitviam Br. et Sch. De Not. 
In pascuis liumentibus. Panormo Biv. 

» Templetonii Schwaegr. 

In fissuris rapium terra humente repletis. Ficuzza M. L. 
Ex Balsamo atque in Sicilia meridionalis. 
Bryum 

» torquescens Br. et Sch. 

In arenosis herbidis humentibus in montosis elatis. Fosse di Pa- 
lermo (Nebrodes) ad alt. 1900 m. s. m. Usque~ ad marem de- 
scendet. Messina Balsamo. 

Il Naturalista Siciliano, Anno III, 13 



— 98 — 

» argenieum Lin. 

Li argillosis ad inuros. Palermo M. L. Tod. In ollis in Hort. 
Boi. Pan. 

» Donianum Grev. p. platyloma Schwaegr. De Not. Syll. 
In Sicilia ex Balsamo (in De Not. Syll.)- 

» capillare Hedw. 

In muris ad arborum radices tam in regione maritima quam in 
montana ubique copiosum. Palermo Tod. De Not. M. L. 

» coespiticium Lin. 

Ubique in Sicilia. Palermo Tod. M. L. 

» pseudo-triquetrum Schwaegr. Br. ventricosum Swartz. De Not. 
In Sicilia ex Balsamo in De Not. Syll. 
Mnium 

» andalatam Hedw. 

In M. Aetna al Milo, Vallone dello Stroppone Tin. ! e del Con- 
sultore TiN. Ad scaturigines Castelbuono a Canalicchio M. L. 
Non ho mai v^isto questa specie in frutto; per 1' abito le piante di 
Castelbuono si avvicinano molto allo Mn. insigne , che secondo 
Schimper ò solo una varietà dell' affine , ma un giudizio non può 
darsi dalla sola ispezione delle foglie , credo bisognerebbe tornare 
suirargomento con piìi completa cognizione. 

» punctatum Hedw. 

In M. Aetna Vallone del Consultore Tin. ! 
Noto su questa pianta che le foglie cauline normali sono integer- 
rime e quelle supreme, amplissime ed esattamente lata ovato-ellip- 
tica, appena ondulate, ma quelle dei surculi, più piccole sono lie- 
vemente sparse ciliato-denticulata. Questa pianta crescerebbe anche 
sulle Nebrodi. 
Bartramia 

» strida Bum. 

M. Scuderi Nicotra. In Nehrodibus ad truncos arborum vetusto- 
rum M. L. 

» ithiphglla Brio. 

In M. Aetna Bert. Messina Nicotra. 

» pomiformis Hedw. 

In Sicilia De Not. Messina Nicotra. M. Soro in Val Demone 
M. L. cum Mnil spec. commixta. 
Philonotis 

» fontana Brid. 

Adfontes in montosis Polizzi. M. L. Messina. Vallone dei Pineti 
Tin.! Milo {Aetna Tìn. Polizzi fontana dei Castagneti Tin, AI. 
Soro C Val Demone) M. L, Fiume Orcio. Tin. 

» rigida Brid. 



— 99 - 

In aquosì's Messina. Balsamo. 

Senza nome e senza etichetta determinai questa pianta raccolta da 

TiNEo, forse sulle Nebrodi. 
Pog^onatum 

» naniim P. de Beauv. 

In ericetis Messina Nyman, Nicotra, Val Demone M. L. 

Confrontato coiresemplare di Husnot, N. 36. 
» aloides P. de Beauv. 

In locis apricis solo siliceo , in ericetis. Castelhuono M. L. In 

Sicilia De Not, 
Polytrichum 

» commune Lm. 

In uliginosis ad scaturigines. Acqua di Canalicchio. Castelbuono 

M. L. ToD. ! TiN. ! Acqua delle Forge M. L. 
x> juniperinum Hedw. 

In sylcaticis solo arenoso. Castanea (Messina) Nicotra. 
» piliferum Schreb. 

In ericetis solo arenoso siliceo. M. Bomma?'e Nicotra. 
» strictum Menz. 

In uliginosis Messina. Nicotra. 

II. MUSCI PLEUROCARPI 

Fontinalis 

» antipyretica Lin. 

In aquis lente Jluentibus. Fiume delle Molinelle tra Agosta e 
Melilli Tix. Oreto M. L. Ferro alla sorgiva (Madonie) M. L. 
Mina'-Palumbo. 
Neckera 

» complanata Br. et Sch. 

Ad truncos arborum in nenioribus frigidis. Madonie al Passo 
della Botte M. L. 
Leucodon 

» sciar oides Schwaegr. 

Ad truncos arborum in regione collina. Palermo ex Bert. 
» morensis Schwaegr. 

Ad truncos Quercuum in nemoribus Ficuzza M. L. {sine fructu 
in Octobri). 

Visti gli esemplari di Husnot trovo che lo sciuroides è molto dif- 
ferente dal morensis, che si ritiene sia una var. del primo , tanto 
che sembrano due generi diversi. Il L. morensis per l'abito è tale 
quale simile al raro musco il Glyphocarpus Webbii delle Ca- 
narie. 



— 100 — 

Pterogonium 

» gracile Sw. Hypnum papulosum Nym. (ex; Sched.). 

Ad arborum Oleae praeserilm in regione campestre. Panorrno 
a S. Ciro Nyman. Sicilia Balsamo. 
Isothecium 

» mguriun Brio. 

Ad arborum truncos in Sicilia ex De Not. 
Homalothecium 

» serie eum Br. et Sch. 

Ad truncos arborum ad saxa calcarea ubique in raontibus Pa- 
normitanis copiosissimum. Renda, Ficuzza M. L. Catania Tin. 
In Insula Pantelleria, Errerà. 
Brachythecium 

» veluiinum Br. et Sch. 

In Sicilia (Messina) Nym. 
» ricalare Scn. 

In aquis. Gurgo di S. Andrea {Castronovo) M. L. 
Plagiothecium 

» undulaium B. et E. 

In rupibus humentibus in nemoribus Ficuzza M. L. 
Le foglie non sono distiche come alcuni autori le descrivono, sono 
invece su più di due serie disposte e forse quadri/arie, come giu- 
stamente altri Botanici menzionano, quel colorito verde biancastro 
sfagnoideo, direi, che Schimper fa notare, non si rileva nel nostro, 
che ha una tinta del più bel A'erde nella porzione dei fusti supe- 
riori, mentre poi le basi del cespite colle foglie emorte sono del co- 
lore di rosso mattone il più carico. 
Scleropodìum 

» Illecebrum Schwaegr. 

Ad muris Palermo. M. L. Catania Tin. Lipari a S. Angelo M. L. 
Confrontato cogli esemplari di Husnot. (Musei Gallici) N. 538. 
Eurhynchium 

» striatum Schimp. p. meridionale. 

Adterram ad truncos in syloatìcis elatis Ficuzza M. L. (sine 
fructu). 
» strigosum Schimp. 

In Sicilia ex Balsamo (in De Not. Syll.). 
» praelongum Schimp. 

In umbrosis nemorum ad saxa ac ad Ugna putrida. Ficuzza M. L. 
» Vaucheri Schimp. 

In umbrosis nemorum elatiorum, ad saxa calcarea. Balzo della 
Canna. Madonie M. L. 



— 101 — 

» cìrcìnnatum Schimp. Hypnum circinnatum Brid. (non Santi nec 
Savi). Leptodon Smithii Mohr. 

Ad muros saxaqne calcarea in nemorihus. Ficuzza M. L. 
Rhynchostegium 

» vusciforme Br. et Sch. 

In aquis lente Jlueniibus. Fiume di Sortino sotto i sepolcri del- 
l'antico « Erhessus » Tin, 

» Teesdali B. et. E. 

Ad saxa madida. Panormo Tod. (in Bert. fi. it.). 

» tenellum Oacks. 

Secus riculos. In Panormo Tod. (in Bert. ft. It.) Sicilia Bal- 
samo. 
Thamnium 

» Alopecurum Schimp. 

Ad rupes umbrosas frigidas in Monte Busambra M, L. 
Le nostre piante misurano più che 15 cent, alle volte 20; non l'ho 
visto in altri luoghi. 
Hypnum 

» cupressiforme Lm. 

In Sicilia Balsamo. Messina Nyman. 

» purum Ll\. 

In umbrosis sylvaticis ad saxa calcarea Panormo M. L. 
p frondosum. 

In Ins. Pantelleria nelle fumarole della Fossa deWinferno Febr. 
1880 (Errerà). 

Per le foglie, per l'aspetto l'ei ramnii sembra questa una varietà 
dell'Zr. purum, ma per le grandi dimensioni dei rami, per la lun- 
ghezza di questi che giungono sino a 15 e più cent, e per la ra- 
mificazione dei ramuli esattamente pennati, che simulano una fronda 
di una qualche Felce, questa forma lia un abito particolare che ri- 
fugge dalle forme comuni dell'^. purum. 
Sphagnum 

» acutifolium Ehrh. 

Ad scaturigines Castelbuono alV Acqua di Canalicchio M. L. 

M. LOJACONO. 



— 102 — 

CONCHIGLIE LITTORALI MEDITERRANEE 

PEL 

MARCHESE DI MONTEROSATO * 



(Contin. V. num. prec). 

GASTROPODA 
Chiton, L. 

24. C. olioaceus, Spengi. (C. di Barberia). 

= C. Siculus, Gray (Sic.) ed altri nomi conosciuti (ved. En. e Sin. parte II, 
p. 5 ). 

, Patella, L. 

25. P. coerulea, (L.) auct. 

=: P. lugubris, Risso (Alpi Marit.). 

= P. coerulea, Ph. — I, p. 109, t. 7, f. 5, grande varietà (Sic). 

=^jP. coerulea, Reeve— t. 13, f. 28 (TeneriflPe). 

= P. coerulea. Hidalgo— t. 50, f. 1-7 e t. 51, f. 1-2 (Spagna merid.). 

= P. fragiUs, Pli.— I, p. 110, t. 7, f. 6 (Sic.) var. 

26. P. scutellaris, (Bl.) Lk.— IV, p. 328 (senza habitat). 
= P. scutellaris, Ph. — I, p. 109 (Sic). 

= P. subplana, Pot. e Mich.— Gal. de Donai, p. 524, t. 37, f. 3-4 (France). 

= P. scutellaris, Reeve — t. 20, f. 49 (Nap.). 

= P. coerulea, var. scutellaris, Hidalgo — t. 50, f. 8 (Spagna). 

27. P. aspera, (Lk.) Ph. — I, p. 11 (Sic). Lamarck non dà habitat. 
= P. as-pera, Reeve— t. II, f. 23 (Madèra). 

= P. coerulea, var. aspera, Weink. (Med. e Adr.). 
= P. aspera. Hidalgo— t. 53, f. 1, 2, 5 e 6 (Spagna). 
Distinta per la sua spessezza , esterno ruvido , interno bianco perla. Da non 
confondersi con la P. athletica degl'Inglesi. 

28. P. Tareniina, v. TSalis Marschlins - Reise (1793), p. 359, t. 6 , f. 21 
(Taranto). 

= P. Tareniina, Lk.— 1819, p. 332 (Golfe de Tarente). 



• Errata — pag. 89, Un. 12 cylldraccus, log: cylindraccus. 
Pag. 90, Un. 11 supicia: log: subpicta. 



— 103 — 

= P. Bonardi, Payr.— 1826, p. 89, t. 3, f. 11 (Corsica). 
= P. Bonnardi, Reeve — t. 21, f. 51 (Mecl.). 
= P. aspera, Hidalgo — t. 53, f. 3 e 4 (Spagna). 
Specie distintissima. Anche abbondante nel Mar Ligure , coste di Provenza , 
Mar Toscano ecc. 

Patellastra, Monts. {nov. gen.). 
Forma culminata, apice subcentrale, orlo subdentato, interno colorito. 

29. P. Lusitanica, Gni. (Patella), 

= P. punctata, Lk. (Taranto) =: P. nigropanctata, Reeve (C. del Porto- 
gallo); ed altri supposti nomi. 

Emarginula, Lk. 

30. E. depressa, Risso— IV, p. 259, f. 151 (Alpi Maril.). 

Littorale; da distinguersi dalla E. Haiardi, Payr., ch'è più grande e piti ele- 
vata. 

31. E. elongata, O. G. Costa— Pli. 1, p. 115, t. 7, f. 13, (Nap. e Sic). 

32 E. cancellata, Pli.— 1836, p. 114, t. 7, f. 15 (Sic). 
= E. reticulata, (non J. Sow.) Risso— 1826, p. 260 (Alpi Marit.). 
= E Sicula^ Pot. e Mich.-Gal. de Douai , 1838-44, p. 518, t. 36, f. 11, 
esci, syn, (Sicilia). 

= E. squamulosa, Aradas (Sic). 

Fissurella, Biuguiére. 

33. F. neglecta, Desìi. — Exp. Morée 1833, p. 134 (Moréa). 
= F. Mediterranea, Sow. — Conch. IH., f. 30 (Med.). 

= F. costarla, (non Bast., foss. mioc. Bord.) auct. (Med. e Adr.). 
= F. crassa, (non L.) 0. G. Costa (Nap. e Sic). 

34. F. Graeca, (L.) auct. 

= F. mamillata, Risso — p. 257, f. 145 (Al[)i Marit.). 
= F. corrugata,, 0. G. Costa. (Nap. e Sic). 
La forma depressa a reticalazione obsoleta. 

35. F. gibba, Ph. 
Due varietà di colorito. 

36. F. nubeciila, (L.) auct. 

= F. Philippii, Req. (Corsica). 
Diversi sinonimi e nomi impiegati per altre specie, attribuiti dal Prof. 0. G. 
Costa a diversi stadii d'età e di conservazione, come : F. lilacina , rosea, cin- 
nabarina, vìridis ecc. 



- 104 



Haliotis, L. 

37. H. lamellosa, (Lk.) auct. Lamarck non dà habitat. 

= H. tuberculata, (non L.) Risso, Payr., Ph., Weink. ed altri. 
= H. lamellosa, Reeve — t. 5, f. 14 e 15 (Gibilterra). 
= H. lamellosa, Hidalgo — t. 29, f. 4 e 5 (Spagna merid.). 
Reeve e Hidalgo distinguono egregiamente 1' H. tuberculata dalla H. lamel- 
losa e le figurano entrambe. La prima ò Atlantica, dall'isola Guernesey al Se- 
negal ed attinge grandi dimensioni; la seconda è Mediterranea. 
Var. striata; senza ondulosità=^. histriata, 0. G. Costa (Nap.). 
Juv.= FZr. parva, (non L.) Risso — p. 252 (Alpi Marit.). 
Juv. =z?H. neglecta, Ph.— Zeitschr. fùr Malak. 1848, p. 16 (Sic). 

38. H reticulata, Reeve (ex typo in Brit. Mus.). 

— Reeve in Proc. Zool. Soc. 1846 e Conch. Icon., t. 14, f. 48 (habitat?). 

= f H. varia, Risso— 1826, p. 253 (Alpi Marit.). 

= H. glabra, marmorata, bicolor, 0. G. Costa (Nap. e Sic); nomi cono- 
sciuti ed istituiti anteriormente da altri autori p3r altre specie esotiche, ai quali 
nomi si possono aggiungere: H pellucida , v. Salis 1793, p. 189 (Taranto) e 
H. tuberculata, var. lucida ^ Req. p. 12 (Corsica). 

= H. secernenda, Monts. (Med. e Adr.). 
Numerose varietà di colorito : reticulatae, marmoratae, unicolores ecc. 

Var. ex forma: bis-undata, Monts.; con due belle onde rilevate e sinuose, 
raramente tre, prossime al bordo, in una superficie perfettamente liscia. 

Gibbuta, (Leach) Risso. 

39. G. ardens, v. Salis. 

= Trochus ardens, v. Salis Marschlins — Reise 1793 , p. 376, t. 8, f. 9, 
figurato al contrario (Taranto). 

= G. sanguinea, (juv. et detr.) e G. bicolor. Risso — 1826 (Alpi Marit.). 
= T. Fermonii, Payr.— 1826, p. 128, t. 6, f. 11 e 12 (Corsica). 
Ed altri supposti nomi. 

40. G. Philberti, Récluz (ex typo in coli. Hanley). 

= Trochus Philberti, Récluz— Rev. Zool. Soc Cuvierienne, Janv. 1843, 
p. 11 (Le Golf e de Lion, ecc.). 

z=?T. Michaudi, Bl.— Faune Frane. (1826), p. 278 (Med.). 

= T villicus, Ph.— II (1844) p. 152, t. 15, f. 14 (\ap. e Sic). 
Il tipo di Récluz confronta con la sua diagnosi. Jeffreys (Brit. Conch. , III , 
p. 312) lo riferisce indebilamente al Trochus o Gibbula cineraria, L., ch'è dei 
mari del Nord, e qualche volta citato, per errore, come Mediterraneo. 



— 105 - 

41. G leucophaea, Ph. (ex typo in coli. Hanley). 

=: Trochus leucophaeus, Ph. — I, p. 182, t. 10, f. 17 (Palermo). 
Med. e Adr. Mischiato a torto col precedente. 

42. G. varia, (L.) auct. 

= T. Roissyi, Payr.— 1826, p. 130, t. 6, f. 13 e 14 (Corsica). 
= G. depressa, Risso ms. (fide Bl., in Faun. Frane, p. 285). 
=r T. pallidas, Forbes— Rep. ^g. iuvert. (1843) p. 189 (Mar Egeo). 
= G. elata, Brus. (Adr.), 

43. G pygmaea. Risso— 1826, p. 137 (Alpi Marit,). 
Non Trochus pt/gmaeus, Ph., di Magnisi (1844). 
= T. Rackeiti, (Payr.) auct. (Med. e Adr.). 

= r. iutnidus, (non Mtg., Atl. e Nord-Atl.) Weink. ed altri. (Med. e Adr.). 
= J". e poi G. gibhosula, (Dan. e Sand.) Brus. (Adr.). 
Ed altre interpretazioni più o meno scorrette. 

44. G. Adansonii, Payr.— 1826, p. 127, t. 6, f. 7 e 8 (Corsica). 

= G. variegata, Risso — 1826, p. 137 (Alpi Marit.) ex descript, et ex fide 
Blainv. in Faun. Frane, p. 274. 

= T. varians, Desh. (ex typo in Mus. Ècole des Mines) — Exp, Morée 1833, 
p. 142, t. 18, f. 31-33 (Morèa), forma più grande e striata. 

Non bisogna confondere con questa specie le seguenti ne la G. Spratti, For- 
bes (= T. pietas, (non Woodw.) e T. aloeolatus , Ph.), specie dell'Arcipelago 
Gl'eco e delle coste di Barberia. La G. nioosa, A. Adams, è anche da separarsi 
e si trova a Malta (Fielden ed altri). 

45. G. Adriatica, Ph. (ex typo in coli. Hanley). 

= T. Adriaticus, Ph.— II (1844), p. 153, t. 15, f. 10 (Trieste). 
= T. olicaceus, (non Brown, 1827, sp. artica) Anton — 1839 (Adr.). 
=:: G. angulata, (Eichw.) Brus. (Adr.). 
Non trovato fra le specie raccolte in questa occasione, ma ne faccio menzione 
per distinguerla dalle altre di questo gruppo e dalla seguente. 

46. G. Agathensis, Récluz (ex typo in coli. Hanley). 
= Trochus Agathensis, Récluz — Rev. Zool. Soc. Cavierienne, Janv. 1843, 
p. 11 (Adge — Agatha degli antichi, nelle coste di Provenza e Cette). Non è At- 
lantica. 

Attribuita da Jeffreys (Brit. Conch. Ili, p. 213) ad una varietà del Trochus 

o Gibbuta umbilicata , Mtg. , specie Atlantica e Nord-Atlantica. Recentemente 

^(Proc. Zool. Soc. 1883 , p. 103) egli descrive l'animale di una varietcà della G. 

Il Naturalista Siciliano, Anno IH. 14 



— 106 — 

umhilicaia, conservandovi ancora il nome di Agathensis, e riunendola alla G. 
umbilicaris, Gm., cli'ò diversa e Medilerranea. La G. umhilicata , Mlp,, alias 
T. obliguatus, Gai.; T. lineatuH, Bl.; 7'. Uneolatus, Poi. e Mieli.; T. Pennanti, 
Ph, {T. semiglobosus, Aradas , come Siciliano) ecc., non peneira nel Mediter- 
raneo, e perciò tutte le citazioni sono erronee. 

47. G. purpurea, Risso. 

= Turbo purpureus. Risso — 1826, p. 116, f. 48 (Alpi Marit.). 

= Trochusturbinoides, Desh. (extypoj— 1. c.p. 143, t. 18, f. 28-30 (Moréa). 

= Trochus Adansonii, (non Payr.) var. helicoides e poi T. helicoides, Ph. 
(Nap. e Sic). 

= G. Ivanicsiy Brus., ex typo (Adr.). 
Ed altri nomi, senza importanza, citati da Petit. 

Numerosa varietà di colorito. Il tipo di Risso, è rosso di porpora. Jelìreys, re- 
centemente (Proc. Zool. Soc. 1883, p. 113), riferisce la specie di Risso alla Lit- 
iorina rudis , che nei nostri mari , vive nell' Adriatico ed è ristretta alle Pro- 
vincie Venete e non in altri punti. La L. rudis , Maton 1807 (o meglio saxa- 
tilis di Olivi, 1792) è specie eminentemente Atlantica e Nord-Atlantica e la sua 
presenza nell'Adriatico, e forse nel Mar Nero (Middendorff), fa supporre clie vi 
sia acclimatata. Sin ora , dagli scrittori sulle conchiglie Mediterranee il Turbo 
purpureus, Risso, (opercule cornee), era stato riferito al Turbo sanguineus, L. 
=zTurbo coccineus, Desh.), che appartiene al genere Collonia di Gray {■=^fCan- 
irainea, Jefi'r.) per avere un opercolo calcareo. 

48. G. Drepanensis, Brugnone (Troc/ias)— Mise. Malac. 1873, p. 13, f. 24 
(Trapani). 

Monts. in Journ. Conch. 1877, p, 31, t. 3, f. 6 (Algeria). 
Specie importante , generalmente distribuita ma scarsa. Coste di Provenza al 
Roussillon (Dautzenberg); S. Pietro in Sardegna (HagenmLÌller); Palermo, Ognina, 
Pantelleria (Monts.). 

49. G. Vimontiae, Monts. (nov. forma). 

Più depressa, ad anfratti subangulati, liscia invece di striata a colorazione ver- 
dastra con riflessi metallici. 

Comunicata dalla fu Madame Vimont, alla cui memoria io la dedico. 

Trovata in altri punti delle coste di Provenza (II. Martin, col nome manoscritto 
di Margarita pulchellaj Sollier ed altri); Bona (Hagenmiiller); Mondello e Tra- 
pani (Monts.). 

50. G. umbilicaris, (L.) auct. 

= Trochus fuscatus, (Born.) Gm. , Desh. (Med. e Adr.). 



— 107 — 

= G. Mediterranea e G. desserea, Risso (Alpi Marit.). 
Var. ex col. : Doriae, Tapparoiie-Cauefi'i in Moli. Spezia 1879, p. 71. Va- 
rietà a grandi macchie. 

Phorcus, Risso. 

51. P. Bichardi, Payr. 

= Monodonta Bichardi, Payr. — 182(>, p. 138, t. 7, f. 1 e 2 (Corsica). 
= Turbo variegatus, Risso 1813 e Phorcus margaritaceus, Risso 1826 (Alpi 
Marit.). 

= Trochus radiatus, Anton (Adr.) fide Pliilippi. 
E var. ex col. 

52. P. mutabilis, Pli. (Trochus). 

= T. mutabilis, Fischer in cont. Kien. 
= fP. striatus, Risso— 1826, p. 134 (fossile). 
Provvisto di un largo ombelico come il precedente. Da non confonderlo con 
le varietà della Trochocochlea articulata. 

Gibbulasfra, Monts. [nov. gen. ?). 

Genere o sezione ira la Gibbuta e la Trochocochlea. La mancanza d'ombe- 
lico lo distingue dalla Gibbula e la forma dell'apertura e sopratutto la mancanza 
della callosità columellare dalla Trochocochlea. Due specie nel Mediterraneo. 

53. G. divaricata, L. [Trochus divaricatus). 
= Monodonta Lessoni, Payr. (Corsica). 

Ed altri nomi dati dal Prof. Brusiua ai vari stadii d'età. 

54. G. rarilineata, Mich. 

= Trochus rarilineatus, Mieli.— Extr. Bull. Hist. Nat. Bord. 1829, p. 7, 
f. 12 (Coste di Provenza). 

= T. Cossurensis, Cale. ms. (Isola d'Ustica). 

= Gibbula purpurata, Brus.— Conch. Dalm., p. 26 (Adr.). 
La sua base escavata e la forma caratteristica la distinguono facilmente dalla 
precedente alla quale somiglia solo pel colorito e con la quale è indebitamente 
riunita. 

Trochocochlea, Klein. 

55. T. turbinata, Born (Trochus turbinatus). 

r= T. tessellatus, Gm. (nome riferito ad altre specie). 



— 108 — 

=^ Monodonta fragaroides, Lk. (MecL). 
r= M. Olivieri, Payr. (Corsica) ecc. ecc. 

56. T. articidata, Lk. (Monodonta). 
=: M. Draparnaudi, Payr. (Corsica). 
= M. iesellatus, e ì M. Ulvae, Risso. 

Ed altri nomi. Da non riunirvi la T. lineata (Trochus crasius, Pult.); ch'è 
dei mari del Nord. 

Zizyphinus, (Ziziphinus) Leach. 

(=:Conulus, Nardo, non Fitz. nec Kùst.) 

57. Z. Laugieri, Payr. (Trochus)— 1S26, p. 126, t. 6, f. 3 (Corsica). 
= T. nigerrimus, (Ren.) Bl.— Faune Frane, p. 262 (Med. e Adr.). 
= T. seriopunctatufi , Bl.— 1. e, p. 263, excl. fìg. (Med.). 

= T. maculatus, Risso— p. 128 (Alpi Marit.). 

Jujubinus, Monts. (nov. sect.). 

Conchiglie piccole, ornamentate, che formano un gruppo ben distinto dal Zi- 
zyphinus. 

58. Z. Matonii, Payr. (7>ocAms)— 1826, p. 126, t. 6, i. 5 e 6 (Corsica). 
= T. vulgaris, Risso- 1826, p. 129 (Alpi Marit.). 

= T. Matoni, BL— 1. e, p. 264, t. 10, f. 6 (Med.). 
= T. De Jacobi, Aradas, ex typo (Sic). 
Da non confondervi né altri nomi, né altre forme. 

59. Z. depictus, Desh. (Trochus)— Ex\^ . Morée (1833) p. 140, t. 18, f. 23-25, 
ex typo in Mus. Ecole des Miiies (Morèa). 

= T. Gracesi, Forbes — Rep. JEg. iuvei't. (1844) p. 190 (Mar Egèo). 
= T. Sartorii, Aradas, ex typo (Sic). 

= T. littoralis e poi T. paroulus, (non Ph.) Brns., ex typo (Adr.). 
Varie forme, dimensioni e colorazioni, secondo le varie zone e le profondità. 
Gruppo ricchissimo di specie delle quali mi limito a notare le due seguenti: 

60. Z. acquisir iaius, Monts. 

Solido, a larga base, ruvido, non lucido, fortemente striato, base subangolata, 
colorazione grigia a linee assidali interrotte nere. Gli esemplari detriti mostrano 
nna colorazione piuttosto rosea. 

Anche di Taranto (Gravina) ; senza precisa località (coli. Hanley) ; Coste di 
Provenza ecc. Comune in Palermo. 



— 109 — 

61. Z. Gradinae, Monts.— En. e Sin. p. 22 (Med. e Adr.). 

Forma distintissima, di piccola statura (4 mill. alt.) maccliiata ; sotura ca- 
ratteristica tubercolata in tutti gli anfratti. 

Località: Castiglioncello , Isola Maddalena, Porto-pollo (Del Prete); Corsica 
(Nevill); Martigues (Martin); Porto Venere e Cannes (Dautzenberg); Nizza (coli. 
Risso); Villafranca (Hanley); S. Pietro in Sardegna (Hagenmiiller); Tunisi (De- 
champs); Sfax (Nerville); coste di Dalmazia (Brusina e Kleciak). Atl. — Canarie 
ad Orotawa (M' Andrew e Britisli Museum). 

Glanculus, Montfort. 

(= Otavia, Risso). 

62. C. corallinus, (Gm.) aiict. 

= Monodonta Couturii, Payr. (Corsica). 
= Otavia corallina, Risso (Alpi Marit.). 
Var. ex col.: corallina, atra, maculata, punctata ecc. 

Glanculopsis, Monts. * 

63. C. cruciatus, L. (Trochus). 

= Monodonta Vieillotii, Payr., 1826 (Corsica). 
= ? Gibbula rupestris, Risso, 1826 (Alpi Marit.). 

64. C. Jussieui, Payr. (Monodonta) 1826 (Corsica). 
= ? G. morio, Risso.— 1826 (Alpi Marit.). 

Var. minor laevigata. 

Tricolla, Risso. 

65. T. speciosa, v. Mùlfh. (Turbo speciosus) 1824. 

= Phasianella Vieuxii, Payr. — 1826, p. 140, t. 7, f. 5 e 6 (Corsica). 

= T. Nicaeensis, Risso -1826, p. 122, f. 62 e T. rubra. Risso, p. 323. 
(Alpi Marit.). 

Vaghissime e numerose varietà di colorito. Le varietà di forma si trovano nelle 
coste di Barberia ed io le ho annoverate nel Boll. Malac. Ital. , 1880, p. 222. 

66. T. intermedia^, Se. (Phasianella) ex lypo — Cat. Conch. Neap., p. 14, 
f. 23 (Nap.). 



• Boll. Malac. Ita!., 1879, p. 222. 



- 110 — 

=: P. intermedia, Pli.— II, p. 158, t. 25, f. 21, (ex typo in coli. Hanley). 

Forma distinta a colorazione speciale. Anche di Corsica (Brit. Museum ; mio 

gabinetto); isola Pianosa (Del Prete) , d' Elba (Appelius); Bona (HagenmùUer); 

Falera (Morlet); C. di Barberia (Monts.). Laminare e coralligena; non littorale. 

Tricoliella, Monts. {not. sect.). 

Sp. a spira meno elevata; gruppo della T. pulla. 

67. T. pulla, L. {Turbo pullus). 

= Turbo flammeus, v. Salis— p. 377, t. 8, f. 11 (Taranto), var. major, co- 
stante di forma e di colorito. Anche di altre località. 

= Turbo pictus, Da Costa (forma Britannica). 

= Phasianella pulchella, Réclaz— 1. e, p. 10. (La Manche), var. di forma 
e colorito. 

= Euthropia crassa, Brus. (Adr.), comprende il tipo e le var. di colorilo. 

68. T. panciata, Risso (Tricolia)—182G, p. 123 (Alpi Marit.). 

= Phasianella tennis, Mich. — Extr. Bui. Hist. Nat. Bord. 1829, p. 11 , 
f. 19-20 (Corsica ecc.). 

Generalmente sparsa nel Mediterraneo, mischiata con la forma seguente. 

69. T. Roberti, Brus. 

= P. pulla, var, Roberti, Brus. — Conch. Dalrn. 1865, p. 24 (Dalmazia). 

Diversa evoluzione nella spira; ultimo anfratto sviluppato; penultimo gibboso. 
Lucida, meno spessa, colorazioni vaghissime. 

Var. ex col.: striata, Brus.; tutta coperta di linee rosse zig-zag, vagliissime. 

Var. alternata, Monts.; a grandi macchie bianche sopra un fondo carminio. 

Var. incomparabilis, Monts. — Tutta rosso carminio con macchie bianche alla 
sotura . 

Var. ex forma : major; punti e screziature ranciale a diversi sistemi. 

Var. minor : più piccola. 

Maravignia, Aradas (1840). 
(=:: Fossarus, Ph. 1841). 

70. M. Sicula, Arad. e Magg.— Atti Acc. Gioenia, Voi. XVII (1840), p. 42 
(Sic.) ex typo in coli. Aradas. 

= Turbo lucullanus, Se. (pars) — Oss. Zool. 1832, p. 24 (Napoli al Castel 
dell'Uovo); comprende due specie. 

== Delphinula costata, Ph. — I (1836) p. 166 (Sic.) alludendo alla Merita co- 
stata di Brocchi, ch'è fossile subappennino. 



— ILI - 

= Stomatella costata, 0. G. Costa— Fauna Regno di Napoli (9 ottobre 1838) 
p. 11, t. 3, f. 2, 3 tipo e var. (Nap. e Sic.). 

= Fossarus Adansoniì , Pli. — Ardi, fiir Nat. 1841 , p. 42 e Moli. Sic. 
(1844), p. 147, t. i^5, f. 1 (Nap. e Sic). 

= F. Lanoei, Baudon, fide Petit. 

= F. amhiguus (non Helix ambigua L. = Le Fossar, Adanson, del Se- 
negal) Weink. ed altri. 

= F. amhiguus, Monts.— Journ. Concliyl., 1877, p. 31. 
La forma del Senegal è diversa. La forma senza coste, tutta regolarmente striata; 
è stata distinta da Brusina col nome di F. Kutschigianus. 

(continua). 



SUI PESCI DELLO STRETTO DI MESSINA 



V. 

Di un nuovo Gadido. 

(con tavola). 

Il pesce di cui vo' parlare ha il corpo allungato; le ali senza verun rag- 
gio spinoso; scaglie sottili cicloidi; due pinne dorsali occupanti quasi V in- 
tiera lunghezza del dorso ; la codale separata dalla dorsale posteriore e 
dall'anale, uniloba; ventrali giugulari, ristrette, composte di parecchi raggi; 
un barbiglio sotto il mento; fessure branchiali larghe; sette raggi branchio- 
steghi; una vescica natatoria priva di canale pneumatico, ed appendici pi- 
loriche. 

Con tali caratteri esso si rivela evidentemente per un tipo dei Gadidi. 
Cercando poi in quale dei generi che attualmente compongono questa fa- 
miglia possa per avventura venir collocato, non ve n'ha alcuno, a mio cre- 
dere, che in tutto gli convenga, bastando a distinguerlo il taglio poco men 
che verticale della bocca. Epperò vengo a proporne uno novello che chia- 
merò 



— 112 — 
Hypsirhjnchus. 

Pinnae dorn duo. Analis una. Ccmdalis separata. Ventrales pluribus ra- 
diis aique eminenti basi. Eictus adscendens. Ossa vomeris et palati laevia. 
Membrana brancliiostega septem. Sqitamae exiguae. 

H. hepaticus. 

Maxillae aeqiiales., parvis dentibus instriictae. Villus in mento. Sitiis ossis 
ethmoidei proeminens. Linea dorsalis , ad ventrem apposita , admodum con- 
vexa. Pinna antica dorsi radiis quinque^ primns quorum in breve Jllamen- 
tuni productus. Ventrales radiis septem. Caeca pylorica undecim. Corpus 
Juscum. 

Il corpo è compresso , specialmente in dietro. La sua maggiore altezza 
8Ì trova in direzione della parte media del ventre, sta 4 Vs volte nella lun- 
ghezza del pesce ed è dupla della spessezza. Il capo è piccolo anzi clie 
no , più stretto del tronco ; la sua lunghezza entra 5 V4 volte nella lun- 
ghezza totale. Il profilo monta obbliquamente in dietro , in linea dritta , 
dalla sinfisi degl'intermascellari all'etmoide, che forma insieme ai peduncoli 
di quésti una tuberosità ; da qui all' occipite è incavato ; indi va fino alla 
direzione dell'ano in linea fortemente convessa il cui punto più alto è sul- 
l'origine della dorsale posteriore; poi continua a discendere quasi in linea 
retta fino alla coda. Il profilo inferiore è molto obbliquo e retto sul capo 
per la direzione ascendente della mandibola, sul ventre si fa convesso come 
nella porzione opposta del dorso, indi va raccostandosi al superiore. Il muso 
è breve, troncato sull'estremità da sotto in sopra e in dietro. Il taglio della 
bocca è molto obbliquo, avvicinandosi più a una linea verticale che a una 
linea orizzontale. Essa cavità perciò guarda in alto meglio che in avanti 
e la mascella inferiore allorché s'allontana dalla superiore si porta non solo 
in basso, ma anche all'innanzi. Queste sono eguali. Gì' inframascellari re- 
stringonsi alquanto verso 1' estremità inferiore e sono muniti di una serie 
di piccoli denti uniformi. Oltre ai pediculi montanti, che son piccoli e ade- 
renti all'etmoide, essi ofi'rouo nel mezzo della lunghezza un'apofisi larghetta 
ed ottusa, la quale si dirigo obbliquamente in basso al di sotto dei ma- 
scellari adiacenti. Questi prolungano in sotto per un poco la mascella e 
terminano in punta ottusetta. La mascella inferiore anteriormente è alquanto 
più stretta della superiore, rotondata sul davanti e larga un poco men di 
metà della lunghezza. Dalla sua estremità pende un cirro lungo quanto 



— 113 — 

]*occ}iio. Gli ossi articolari sono per tutta la lunghezza tra essi allontanati 
al di sotto della, gola dove limitano uno spazio semiellittico. L'occhio è con- 
tiguo al profilo, eguaio allo spazio infraorbitale, come pure alla sua distanza 
dall'estremità del muso, doppio dì quella che lo divide dall'angolo poste- 
riore dell'opercolo. Vi sono due narici contigue, di cui la posteriore , più 
grande, in contatto col inargine anteriore dell'orbita. Il sottorbitale è sal- 
dato col lagrimale e forma con questo una sola lamina allungata. La mem- 
brana branchiostcga è parzialmente unita all'istmo. Il preopercolo è rego- 
larmente inarcato in una porzione di cerchio. L'opercolo offre due linee 
rilevate o coste , una orizzontale che termina in una piccola punta spor- 
gente angolo posteriore di esso, l'altra diretta in basso e in dietro forma 
il suo lembo anteriore e passa sul subopercolo. In alto lo stesso opercolo 
non giunge fino allangolo superiore della fessura branchiale, dove invece 
vi è una membrana d'unione. Il subopercolo ha figura di un quarto d' el- 
lissi. La sua estremità superiore finisce a punta che uniscesi a quella dell'oper- 
colo. L'interopercolo è allungato. La lingu.i giunge insino al margine an- 
teriore del vomere, è larga e triangolare. L'angolo superiore dell'apertura 
delle branchie si trova all'unione del 3° superiore col 3" medio dell'altezza 
del corpo. 

La dorsale anteriore nasce in direzione della base delle pettorali. Il 
suo primo raggio allungasi in breve filamento e misura quanto la metà 
della lunghezza del capo. Gli altri raggi vanno gradatamente raccorcian- 
dosi. La dorsale posteriore comincia immediatamente dopo e mantiene quasi 
una medesima altezza in tutta la sua estensione. I suoi raggi, specialmente 
in avanti, non possono rizzarsi essendo immersi in una sostanza mucosa e 
circondati da una membrana comune. Lo pettorali s'inseriscono nel mezzo 
dell'altezza del corpo obbliquamente sopra una baso carnosa, sono acumi- 
nate , lunghe a un dipresso quanto il capo. I loro raggi scemano in lun- 
ghezza si in alto che in basso, ma qui viemaggiormente. Le ventrali son 
più lunghe delle pettorali. La loro base forma un rilievo osseo. I raggi 
poi si assottigliano a filamento all'estremità e decrescono in lunghezza verso 
il lato interno. Il più lungo o esterno non arriva fino all'ano. L'anale è 
simile alla dorsale lunga, coi primi raggi più corti, nasce bentosto die- 
tro l'ano e termina nella stessa direzione della detta pinna. La cedale è 
acuta, separata dalla dorsale posteriore e dall'anale. L'ano è sporgente, 
posto innanzi la metà del pesce. La linea laterale principia sopra 1' an- 
golo della fessura branchiale, dapprima è inarcata con la concavità in alto, 
poi dritta. 

L D. 5, II. D. 50, P. 20, V. 7, A. 45, B. 7. 

Il Naturalista Siciliano^ Anno III. 15 



— 114 — 

Il fegato è straordinariamente grosso, formato di due ali longitudinali esteso 
fino all'ano ed occupanti tutta la parte superiore e i lati del ventre. Le vie dige- 
renti sono disposte come in altri gadidi. Lo stomaco ha forma di sacco rotondato, 
più largo dell'esofago. Il piloro è breve e nasce un po' al di sotto del cardia. 
L' intestino piegasi una volta formando così due anse ed è più corto del 
corpo. Le sue cieche appendici son tutte pressocchè di eguale lunghezza. 
Il natatoie va dall'estremità anteriore dell'addome fino a poco dall'ano. È 
distinto in due cavità da un collo stretto. La parte anteriore costituisce 
due corna ottuse. Dietro l' inforcatura che ne risulta notasi una leggiera 
cresta o sperone. La porzione posteriore ò ovale. I reni occupano tutta la 
lunghezza del ventre. Le glandule genitali invece sono cortissime e for- 
mano un piccolo corpo subrotondo, leggermente sinuato, bianco. Nel breve, 
intervallo tra questo corpo e il cul-di-sacco del natatoie si frammettono gli 
ureteri. 

Il colore del corpo è fosco-violaceo. L'iride argentino-oscura. Le pinne 
sono nerastre, tranne le pettorali che son grigiastre trasparenti. La bocca 
è biancastra, la lingua punteggiata dì nero. Il foglio parietale del perito- 
neo argentino-bleuastro. 

Di questa rara specie ho veduto un solo esemplare preso a dì 7 aprile 
di quest'anno. Esso avea il ventre enormemente gonfio per una gran quan- 
tità dì piccolissimi crostacei contenuti nello stomaco e tutti disposti in modo 
da formare una massa rotonda a superficie perfettamente eguale. 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA 

FiG. 1. Il pesce di grandezza naturale. 
FiG. 2. Vescica natatoria. 

D."' Luigi Facciola'. 



— 115 — 



IL QUATERNARIO DI RIZZOLO 



(Cont. Vedi Num. precO. 
II. 
Gli Ostracodi. 

C. canaliculata (Reuss). 

1850. Ci/prklina canaliculata Keuss. Haidinger's Abhaud. Bd. Ili, p. 76, 

tav. IX, fig. 12. 
1858. Ct/there canaliculata^ Egger. Ostrah. der Miocaeii-Scliiclit., Bd. V 

p. 33, tav. Y, fig. 10, 11. 
1865. „ „ Brady. Trans. Zool. Soc. , voi. V, pag. 373 

tav. LIX, flg. a-f. 
1880. „ „ Brady. Rep. Challenger, pag. 73, tav. XIV, 

fig. 7 ad. 

Esemplari che rispondono esattamente ai caratteri di questa specie si 
raccolgono con rarità a Rizzolo, ma i pochi che io vi rinvenni possiedono 
precisamente tutti i caratteri. 

Yar. dentata n. Fra gli altri raccolsi qualche esemplare che porta al 
margine anteriore dei denti considerevolmente sviluppati e clie costituisce 
quindi una distinta varietà , che denomino dentata, e che si collega colla 
forma d'Australia descritta dal Brady. Trans. Zool. soc. Yol, Y, p. 373 5 
tav. LIX, fig. 4 a-f. 

DlSTR GEOGR. 

Australia, alla Baia Hobson, ed al Porto Jackson. — Isola Moncoeur. 

DlSTR. STRAT. 

Formazione miocenica d'Austria. — Quaternario di Rizzolo ! 



— 116 - 

C. concinna? Jones. 
Var. problcsìatica n. 

Tav. I, fig. 10. 

1856. Cythere concinna Jones. Mon. tert. ent., p. 29^ t. IV, fig. 7a-7f. 
1865. „ clavata G. O. Sars. Overs. Norg. mar. Ostrac, p. 39. 
1868. , concinna Brady. Mon. Ree. Brit. Ostr. , p. 408, tav. XXYIj 

fig. 28-33. 
1874. „ Brady. Crosskey Robertson. Post-tert. Enf., pag. 160, 

tav. IV, fig. 1-16. 

E un solo esemplare quello ehe io denomino così , appunto perchè con 
molto dubbio io 1' associo alla specie sopranominata. I caratteri che m'in- 
dussero a tale determina/ione sono la generale conformazione laterale della 
conchiglia colle sue angolosità e prominenze , il rialzo che cinge a certa 
distanza il margine anteriore , il ventrale come il posteriore , una promi- 
nenza mediana rotondata, la scultura punteggiata, irregolare, la forma del 
contorno osservando la conchiglia e dalla regione dorsale, come da un e- 
stremo. 

I caratteri che distinguono il mio fossile dalla forma ordinaria della C. con- 
cinna sono i seguenti : La forma generale della conchiglia è più gracile consi- 
derevolmente , anco di quanto lo è negli individui maschili , colla fronte 
più prominente , come più sporgente 1' estremità posteriore ; il rialzo che 
cinge il margine si allontana di più dal contorno frontale come dal margine 
posteriore, in modo che la depressione marginale diviene molto larga avanti 
ed in dietro ed è sognata da lince radianti appena sensibili; i duo margini 
estremi offrono inoltre una crenatura sottilissima, che manca affatto nella 
C. concinna. 

I caratteri enumerati se si ripetessero in molti individui varrebbero forse 
a distinguere specificamente la forma descritta, la quale non è rappresen- 
tata che da un solo esemplare. 

DlSTR. GEOGR. 

Gran Brettagna, Irlanda, Norvegia, Golfo di S. Lorenzo, Spitzberge , 
Stretto di Davis. 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario d'Inghilterra, Scozia, Irlanda, Norvegia, Canada— Quaternario 
Rizzolo ! 



117 - 



C. oblonga Brady. 

1865. Cythere ohlonga. Brady. Trans. Zool. Soc, voi. V, p. 373, tav. 59, 

fìg. 5 a-d. 

1866. , , Brady. Brith. Ent., pag. 400, tav. XXXI, fìg. 14-17. 
1880. „ ^ Seguenza. Le forni, terz., pag. 362. 

La C. ohlonga varia considerevolmente nei suoi caratteri tanto nei vi- 
venti come nei fossili. Difatti la convessità delle valve più o meno consi- 
derevole, l'estremità posteriore che sporge variamente, offrendo sovente una 
prominenza distinta e rotondata, la variabile dentellatura dei margini an- 
teriore e posteriore, la scultura più o meno pronunciata e sovente diversa 
assai, sono dati elio dimostrano come questa specie si modifica. 

Tra gli altri ho raccolto un esemplare che porta gì' incavi della super- 
ficie molto larghi e ravvicinati e l'estremità posteriore si termina con al- 
cune grosse crenature che ricordano molto da vicino la C. Lubocìdana Brady; 
ma gli altri caratteri mi fanno credere che tale conchiglia non si debba 
disgiungere dalla specie di cui discorro. 

Taluni esemplari poi mancano affatto della dentellatura del margine an- 
teriore e dell' estremità posteriore, ovvero offrono soltanto qualche indizio 
della dentellatura suddetta. 

DlSTR. GEOGR. 

Inghilterra, Baia di Biscaglia, Mediterraneo. 

DlSTU. STRAT. 

Quaternario di Calabria! e di Sicilia! — Rizzolo ! 

C foveolata n. 

Tav. II, fìg. 2. 

Conchiglia ovato-elongata guardandola lateralmente , colla maggiore al- 
tezza riposta al terzo anteriore circa, ed uguale quasi ad una metà della 
totale lunghezza ; l' estremità anteriore è larga e perfettamente rotondata 
col margine intiero; l'estremità posteriore offre un angolo ottuso alla parte 
più elevata, quindi un seno che si connette con una prominenza rotondata, 
la quale sporge dalla parte inferiore; il margine dorsale è moderatamente 
curvo formando l'angolo ottuso, di cui ora parlai, alla parte posteriore, ed 
un indizio di angolosità nella parte più elevata; il margine ventrale è mo- 



— 118 — 

deratamente incavato; guardata dalla regione dorsale, ha forma ovata, col 
maggiore spessore poco posteriormente della metà, e che supera abbastanza 
la metà della lunghez-^a , ma il contorno è irregolarmente ondulato ed ai 
due estremi sono tre piccole smarginature in forma di angoli rientranti ; 
guardata la conchiglia da un estremo ha forma pressoché circolare , anzi 
lo spessore supera l'altezza, e quindi il contorno si mostra più largo che 
alto; la superficie è segnata da fossette di forma circolare alle quali se ne 
associano altre ovate, poligone, allungate e tutte ravvicinate, strette e col- 
legate in modo tra loro, che gl'lnterstizii che le separano sono stretti, pres- 
soché uguali e segnati da un sottile solco che disgiunge i margini dei due 
incavi contigui; una scanalatura poi cinge il margine anteriore e si estende 
assottigliandosi sino alla parte più elevata del margine dorsale. 

Lunghezza Altezza Spessore 

0,70'"'". 0,35"'* 0,38""". 

0,76""". 0,36""». 0,41"'-. 

0,79"'-. OjSO'""». 0,43"'"'. 

Questa specie a primo aspetto si crederebbe una particolare modificazione 
della precedente , ma io fui indotto a separarla sopratutto dalla specialis- 
sima scultura, la quale è perfettamente distinta; nella C, ohlonga sono in- 
cavi irregolarissimi più o meno allontanati , nella mia specie sono fossette 
intimamente collegate tra loro con un margine distinto ed acuto , che di- 
viene più marcato per la linea impressa che tutte le circonda e le disgiunge. 
Inoltre il margine anteriore come il posteriore maucano affatto di dentel- 
lature e quest'ultimo offre la prominenza rotondata più distinta. 

A dire il vero la mia specie potrebbe essere una forma estrema della 
C. ohlonga , ma non avendo trovato vere transizioni , o forme intermedie, 
tra l'una e l'altra conviene che io la ritenga siccome distinta. 

DiSTR. Geogr. 

Non conosciuta vivente. 

DlSTR. STRAT. 

Rara nel quaternario di Rizzolo ! 
{continua) G. Seguenza. 



- 119 — 

INTORNO AD ALCUNE NUOVE CONCHIGLIE MIOCENICHE 

DI SICILIA 
PEL MARCHESE A. DE GREGORIO 



Ar'ca Fitchelopsis, De Greg. (Elenco foss. a Cardita Jouanneti 1 marzo 1883, 
Nat. Sic. — Qiielq. espèces nouv. d. tert. de l'Italie. Nov. 83. Ann. soc. mal. 
Belg.), Sebbene questa specie quando è adulta è distintissima della Syracu- 
sensis May. (in Coconi), non Io è tanto quando è giovine. Se ne distingue però, 
oltre per gli altri caratteri, per le impronte muscolari piìi g randi, più oblunghe 
e più profonde. Si presenta sotto duplice forma, 1' una quella più comune e ti- 
pica figurata e descritta nei miei citati lavori, l'altra var. angustarea con l'area 
cardinale più angusta. Il rinvenimento di questa specie nel miocene di Ciminna 
è di molta importanza , convalidando la opinione da me già emessa cioè della 
sincronizzazione dell'orizzonte di Ciminna con quello di Asolo. 

Pecien (Janiva) Ciminnensis De Greg. Molto simile al Sappaulensis , De 
Greg. (Nuov. foss. terz. Maggio 83.— Quelq. esp. nou\\ tert.); ne differisce per 
l'ambone meno prominente, la superficie ornata di solchi obsoleti. — Molto comune 
a Ciminna. 

Pecten Siinconensls De Greg. (Quelq. esp. nouv. 1883). Affine al Tournali 
Serr., ne differisce per i solchi interni più larghi e paralleli. Raro a Ciminna. 

Propeamussium n. sot. g. Questo sotlogenere è da me proposto per la specie 
descritta di seguito, È ad esso forse che dovrebbero pure riferirsi i P. semira- 
diaius e unguiculus Mayer (in Hofmann) etc. 

Pecten (Propeamussium) Cecillae De Greg. Conchiglia estremamente tenue 
e compressa; con superficie interna ed esterna levigala. Diam. 35"™. Spess. 4°"". 
La scultura consiste in filetti lineari sottilissimi, concentrici , e raggianti ; nella 
regione periferica sono essi quasi del tutto cancellati , solo ve ne rimane qual- 
cuno dei concentrici confondentesi con i segni di accrescimento. I filetti raggianti 
sono distinti nella regione umbonale. — Ciò che è più caratteristico in questa spe- 
cie sono circa 9 raggi rossi color sangue, larghi abbastanza, quasi quanto gVinter- 
stizi. Detti raggi non sono punto prominenti all'esterno (uè a quanto pare) all'in- 
terno, se se ne toglie forse parte della regione umbonale.— Essi non sono nò coste, 
nò mere zone colorate; affettano l'interna struttura e si possono isolare del resto 
della conchiglia come altrettante stecchette sottili. 



— ISO — 

La valva destra è appena convessa quasi piana; i raggi restano incastrati nella 
parte interna, ma traspaiono; essi stanno nella regione unibonale, arrivano alla 
mediana senza però traversarla tutta. 

La valva sinistra è ancor piìi piana ; infatti è appena appena convessa nella 
regione umbonale, del resto è anche un po' concava, ciò però è forse dovuto a 
compressione subita nel fossilizzarsi. I raggi sono assai più marcati e appari- 
scentij traversano non solo la regione umbonale, ma anche la mediana. 

Ha molta analogia coìV A yìiussium lucidum Jeffr. , da cui si distingue per le 
zone colorate e per la diversa scullura principalmente pei filetti raggianti. 

Di questa interessantissima specie la mia guida V. Meneguzzo trovò vari fram- 
menti ed un esemplare, privo però delle orecchiette, nella contrada Terrebianche 
in una marna bianca a forominifere che mi pare molto simile a quella di Malta. 

Siliquaria Rag usai, De Greg. Elegantissima conchiglia tubnlosa, ravvolta a 
spira, con un diametro di circa 6 mm., longitudinalmente solcata. Solchi larghi 
poco profondi, con rilievi filiformi. Rima situata nella fascia posteriore, formata 
di una serie di forelliui oviformi. — Miocene di Ciminna. 

Ho dedicato questa specie all'insigne entomologo Sig. Enrico Ragusa, che fa tanto 
onore all'isola nostra. 

Pulermo Die. 1883. 



LEPIDOTTERI DRUOFAGI 



(Cont. V. Num. prec.) 

XH. Cimatoforidi HS. 

81. Asphalia ruficollis S. V.— Staudinger, p. 76. 

Il l)ruco in giugno e luglio vive sul Q. rohur (Letifole). 

Valli moiddionali delle Alpi Giulie, Piemonte, Liguria, dintorni di Tenda. 

82. Asphalia diluta SV. — Staudinger, p. 76. 

In maggio e giugno trovasi il bruco sulle querce (Curò Lefitole). 
Valli meridionali delle Alpi Giulie. 

83. Asphalia flavicornis Lnn. — Staudinger, p. 76. 

Il bruco vive in giugno, luglio, settembre sulle querce (Lefitole) 
Piemonte, Savoja, valli delle Alpi settentrionali ed orientali. 

84. Asphalia ridens Fbr. — Staudinger, p. 76. 

In giugno si trova il bruco sulle querce (Lefitole). 
Nizza, Piemonte, Savoja, Toscana. 
C. Nottue. 



— 121 - 

85. Acronycta aceris Lnn. — Stauclin!:er, p. 77 

La farfalla trovasi sul tronco delle querce, il bruco vive sul tiglio, sull'ipo- 

caslano, e di raro sulle querce. 

Liguria, Milano, Piemouie, Parma, Savoja, Sicilia. 

86. Acronycta psi Lnn. — Slaiidinger, p. 77. 

Specie polifaga, Petagna, ed Ascoua dicono che vive sulla quercia. 
Brianza, Italia, Sicilia. 

87. Acronycta rumicis Lnn. — Staudinger, p. 78. 

La farfalla trovasi sul tronco delle querce, il bruco forse vive sulle mede- 
sime, predilige le euforbie ed i Rumex. 
Liguria, Parma, Piemonte, Savoja, Sicilia. 

88. Bryophila muralis Frst. — glandifera Hbn.— Staudinger, p. 79. 

La farfalla si rinviene sul tronco delle querce , il bruco si nutrisce dei li- 
cheni che vegetano sul tronco. 
Brianza, Milano, Piemonte, Savoja, Sicilia. 

89. Moma Orion Esp.— Staudinger, p. 79. 

La farfalla trovasi sul tronco delle querce : il bruco trovasi nell'agosto e set- 
tembre sulle querce (Curò). 
Liguria, Piemonte, Brianza, Savoja. 

90. Thecophora fovea Tr. — Staudinger, p. 97. 

Il bruco in primavera trovasi sulle giovani querce (Curò). 
Carniola, Dalmazia. 

91. Dryobota furva Esp, — Staudinger, p. 97. 

Il bruco vive sui fiori del Q. robur ed ilex in maggio (Milliere) e nei 

giovani germogli. 

Italia continentale, Sardegna, Sicilia. 

92. Dryobota roboris B. -Staudinger, p. 97. 
a. V. cerris B. 

Il tipo in maggio e giugno vive sul Q. robur in Francia , la varietà si 
trova sulla quercia in Dalmazia , in Italia si trova sul Q. suber ed ilex. 
Italia settentrionale e Sardegna. 

93. Dryobota Saportae Dpn.— Staudinger, p. 97. 

IJ bruco in primavera si nutrisce de' fiori del Q. rebiir ed ilex. 
Corsica, Liguria e Toscana. 

94. Dryobota monochroma Esp. — Staudinger, p. 97. 

a. V. suberis B. 
Il bruco in giugno trovasi sul Q. suber in Francia ed Italia, la varietà in 
Sardegna e Corsica. 

95. Dryobota protea SV.— Staudinger, p. 97. 

Il bruco in maggio si trova spesso sulla quercia comune, e sul Q. robur 

(Curò). 

Italia centrale, Valle di Gressoney, Sardegna, Corsica. 

Il Naturalista Siciliano, Anno 111. 16 



— 122 — 

96. Dichonia convergens S. V.— Staiidinger, p. 98. 
Il bruco in maggio vive sulle querce. 

Valle di Sesia, Alpi orientali, Piemonte. 

97. Dichonia aeruginea Hbn. — Slaudiuger, p. 98. 

a. V. miolenea Hbn. 
Il bruco in maggio vive sul Q. austriaca. 

Il tipo si trova nel Tirolo meridionale, Istria e Toscana, la varietà in To- 
scana e Sicilia. 

98. Dichonia aprilina Lnn.— Staudinger, p. 98. 

Il bruco in maggio e giugno vive sulla quercia e suoi licheni. 
Piemonte, Liguria, Savoja, Parma, Padova, Veneto, Sicilia. 

99. Hadena Solieri II.— Staudinger, p. 100. 

Il bruco in maggio vive sul Q. ilex (Milliere). 
Liguria, Dalmazia, Italia meridionale, Sicilia. 

100. Amphipyra pyramidea Lnn. — Staudinger, p. 113. 

Il bruco vive sulle querce (Petagna, Curò). i 

Varese, Brianza, Calabria, Sicilia ? 
ÌOl. Taeniocampa miniosa S. V. —Staudinger, p. 113. 
Il bruco vive sulle querce (Curò). 
Piemonte, Corsica. 

102. Taeniocampa pulverulenta Esp.— Staudinger, p. 113. 

Il bruco nel principio della state si trova sulle querce (Curò). 
Italia centrale, settentrionale ed insulare. 

103. Taeniocampa stabilis S. V.— Staudinger, p. 113. 

Il bruco si nutrisce sulle querce, sui faggi ed alberi da frutto. 
In tutta Italia. 

101. Taeniocampa incerta Hfn. — Staudinger, p. 113. 
Il bruco vive sulle querce (Lefitole). 

Piemonte, Corsica. 
105. Taeniocampa opima Hbn.— Staudinger, p. 114. 
Il bruco vive sulle querce (Curò). 
Nella valle d'Isonzo. 

100. Mesogona acetosellae S. V.— Staudinger, p. 114. 
11 bruco in estate si trova sulle querce (Curò). 
Liguria, Italia centrale. 

107. Dicycla Oo. Lnn.— Staudinger, p. 114. 

Il bruco in aprile e maggio vive sulle querce , e si trasforma sullo frondi 
accartocciate, specie talora frequente e nociva. 
Piemonte, Savoja, Padova, Veneto, Liguria. 

108. Colymnia affiais Lnn.— Staudinger, p. 115. 

Il bruco in maggio e giugno si trova sulle querce, olmi, tremuli (Curò). 
Italia settentrionale, Piemonte, Corsica. 



-^ l23 — 

109. Colymnia trapezina Lnn. — Staudinger, p. 115. 

Il bruco sul principio della estate vive sulle querce, aceri, faggi e salici 

(Curò). 

Italia sctieutrionalo, Parma, Corsica, Sardegna. 

110. Orthosia ruticilla Esp. — Staudiuger, p. 116. 

=: ilicis Bsd. 
Il bruco divora i fiori del Q. ìlex (Miniere). 
Firenze, Corsica. 

111. Orthosia helvola Lnn. — Staudinger, p. 116. 
Il bruco in estate vive sulla quercia (Curò). 
In tutta Italia. 

1 12. Xanthia aurago S.V.— Staudinger, p. 117. 

Il braco in estate trov^asi sulle querce e sui faggi (Curò). 
Piemonte, Liguria occidentale^ Toscana, Corsica. 

113. Xanthia gilvago Esp.— Staudiuger, p. 118. 
Il bruco vive sulle querce ed olmi (Curò). 
In tutta Italia. 

114. Hoporina croceago S. V. — Staudinger, p. 118. 

Il bruco in estate trovasi sulle querce, e sulle siepi di querce. 
Piemonte, Parma, Toscana, Stupinigi, Gragnone. 

115. Orrhodia erythrocephala S. V. — Staudinger, p. 118. 

Il bruco in estate vive sulle querce , e le farfalle poi costituiscono la var. 

glabra Hbn., mentre quelli che vivono sul Galium e Plantago donano il 

tipo. 

Piemonte, Genova. 

116. Scopelosoma satellitia Luu. — Staudinger, p. 119. 

Il bruco adulto in giugno si trova sulle querce, salice ed acero. 
Piemonte, Italia settentrionale. 

117. Xylina socia Rtt. — Staudinger, p. 119. 

Il bruco in maggio vive sulle querce (Curò). 
Liguria, Piemonte. 

118. Xylina furcifera Rtt.— Staudinger, p. 119. 

Il bruco in giugno si nutre della quercia, come specie polifoga, vive anche 
sul pioppo, alno, betulle. 
Piemonte, Toscana, Corsica. 

119. Xylina ornithopus Rtt. — Staudinger, p. 120. 

Il bruco in maggio e giugno vive sulla quercia, e la fai'falla si trova spesso 
attaccata ai tronchi, si nutrisce anche del salice e dell'olmo. 
Piemonte, Alzate in Lombardia. 

120. Guculìia argentina Fbr. — Staudinger, p. 124. 
Il Petagna dice che si nutrisce della quercia. 

Non trovata In Italia, propria della Germania e della Russia. 

121. Pseudophia lunaris Sch. — Staudinger, p. 137. 



- 124 - 

11 bruco in luglio si nutrisce delle querce giovani , adulto si trova anche 

in primavera. 

Parma, ed in tutta Ilalia. 

122. Cathephia alchymista Sc'i. — Staudinger, p. 137. 
Il bruco in agosto vive sulla quercia. 
Lombardia, Nizza, Parma, Corsica, Sardegna. 

123. Catocala dilecta Hbn. — Staudinger, p. 137. 

Il bruco in maggio si nutrisce delle giovani querce. 
Italia settentrionale, Corsica, Sardegna. 

124. Catocala sponsa Lnn. -Staudinger, p. 137. 

Il bruco adulto in maggio e giugno vive sulle querce. 
Piemonte, Savoja, Padova^ Parma, Napoli, Sardegna, Sicilia. 
(continua) F. Mina Palumbo. 



GLI OSTRACODI 



IPOI^TO T)X IL^ESSIInT-A. 



(Cont. V. N. proc ). 

6en. Bairdia M' Coy. 

B. Nubdeltoidea Miinster. 

Tav. I, fig. 8. 

Jahrbuch fur Mineralogie, pag. 64. 

E questa la più comune specie di ostracode che vive nel porto di Mes- 
sina, essa sì offre colla forma tipica e con altre diverse varietà. 

Il colore della conchiglia è vario, ora uniformemente chiaro, bianco, pa- 
glino, grigiastro, giallo e raramente aranciato, ed ora macchiato o marmo- 
rato di biancastro e di grigio-verdiccio , che fa passaggio al brunastro e 
sino al bruno abbastanza scuro. Le macchie sono variabilissime in gran- 
dezza ed in numero , come nella irregolare loro forma , e si ravvicinano 
talvolta di tal maniera da divenire confluenti in modo che per graduati 
passaggi si hanno degli individui in cui la conchiglia presenta un colore 
grigio-scuro o bruno più o meno intenso ed uniforme. La superficie è fi- 
namente punteggiata, ma più o meno distintamente. 



— 125 — 

La varietà tipica non è troppo comune , essa distinguesi in mezzo alle 
numerose e graduali variazioni per la forma più larga e più rotondata in 
tutte le sue parti, per la maggior convessità, per i' estremità posteriore più 

ottusa. Il suo colorito è sempre molto chiaro ed uniforme, e raramente 
con indizii di macchie poco distinte. 

La varietà più comune, che io chiamerei marmorata^ si distingue per es- 
sere alquanto più gracile, per avere il margine ventrale al suo estremo 
posteriore quasi sempre distintamente crenato o dentato, il quale carattere 
manca o è appena accennato nella forma tipica. E questa varietà che pre- 
sentasi marmorata più ordinariamente con tutte quelle gradazioni descritte 
di sopra, sino alTuniformità del colorito su tutta la superficie della conchi- 
glia che è bianchiccia, paglina, aranciata, grigia o bruna. 

La superficie di taluni individui rari è ricoperta di lunghi peli bruni , 
che sono ravvicinati ai margini e specialmente alla regione posteriore, e 
sparsi con rarità sulla maggior parte della superficie. Ciò dimostra che quei 
peli cadono colla più grande faciltà, lasciando glabra la superficie del mag- 
gior numero di esemplari. 

E molto importante rimarcare le notevoli differenze che passano tra la 
Talva destra e la sinistra di questa specie , ed in modo particolare della 
varietà che qui descrivo. Sono esse talmente diverse che a vederle sepa- 
ratamente sembrerebbe che con sicurezza dovessero appartenere a ben di- 
stinte specie. Difatti la valva destra difi'erisce dalla sinistra per essere più 
stretta e distiutamente angolosa, pressoché pentagona, per avere la regione 
anteriore distintamente troncata, il margine dorsale fornito di due angoli 
ottusi, di cui l'anteriore è più elevato, e più distinto, mentre nella valva 
sinistra il dorso è regolarmente arcuato ; il margine ventrale è più forte- 
mente sinuoso e manca affatto di dentellature alla sua regione posteriore. 
Siffatte rimarchevoli differenze tra le due valve riscontransi beuanco nella 
forma tipica, ma in un grado molto minore, come lo dimostrano le figure 
pubblicate dal Brady alla Tav. 57, fig. 8e, 8f del suo lavoro intitolato : On 
ìiew or imperfectly hiown Species of Marino Ostracoda. 

Altra forma distinta più gracile è quella che io denomino Yar. ohlonr/a, 
che diversifica per essere allungata e più stretta nella sua conformazione, 
ed insieme più compressa , pei quali caratteri tutti assume un andamento 
gracile che l'allontana considerevolmente dalla forma tipica, che è convessa, 
alta e rotondata in tutte le sue parti. 

Questa varietà è rara, essa è variabile come le altre quanto alle crena- 
ture che suole presentare il margine ventrale nella sua porzione posteriore. 



— 1^6 — 

DlSTR. GEOGR. 

Abita l'Australia, le Indie occidentali, le isole turche, Creta, Serplio.— Il 
porto di Messina!— Il mare di Palermo! 

DlSTR. STRAT. 

Questa specie si crede da taluni che rimonti sino al cretaceo ; trovasi 
comunemente nel mioceno e plioceno d'Europa; io la raccolsi dall'El variano, 
al quaternario in Calabria! ed in Sicilia! — A Rizzolo è rara! 

B. messanensis n. 

Conchiglia tumida ; guardata lateralmente ha un contorno che si avvi- 
cina al semicircolare, ma per una troncatura anteriore ha un avvicinamento 
alla forma romboidale ; la maggiore altezza è presso la metà e supera la 
metà della lunghezza. Il margine anteriore e troncato obliquamente e di- 
stintamente, quantunque la troncatura sia alquanto curva e gli angoli che 
tale margine fa col margine dorsale e col ventrale sieno molto ottusi e 
rotondati. Il margino dorsale fortemente ed egualmente curvo; il ventrale 
è quasi retto nella maggior parte della sua lunghezza, ma s'incurva abba- 
stanza alla regione posteriore , nel maggior numero degli esemplari però 
offre un graduale e leggerissimo seno alla regione mediana della conchi- 
glia. Il margine posteriore si termiaa in angolo ottuso, d'ordinario abba- 
stanza rotondato. Il contorno guardando la conchiglia dall' estremità ante- 
riore è di forma triangolare coi lati convessi. Guardandola dalla regione dorsale 
essa ha forma ovale cogli estremi pressoché uguali, angolosi ed alquanto roton- 
dati; colla maggioro spessezza nel mezzo, che uguaglia circa i due quinti della 
lunghezza; la linea di commissura delle valve è ondulata, sulla regione dor- 
sale il margine della valva sinistra si protende in forma arcuata sulla valva 
destra. La superficie della conchiglia è levigata ovvero finissimamente punteg- 
giata. Il coloro è bianco-sporco tendente al paglino ovvero al grigio , e 
passa al grigio ed al brunastro ora uniforme ed ora variamente macchiato. 
Le macchie lucide sono disposte a rosetta irregolare ed al numero varia- 
bile da sci a nove, di forma e di grandezza differente. 

Lunghezza Altezza Spessore 

1, 1°"°. OjeD""». 0,42^ 

1, 0™"". 0,52°™. 0,40" 

1, i™«. 0,61°"". 0,41'"'". 

Questa specie ha moltissima affinità colla B. inflata (Norman), della quale 
fui sul punto di riguardarla siccome una distinta varietà, ma la grande co - 



>mm 



kmm 



— 127 — 

stanza dei suoi caratteri distintivi non permettono siffatta associazione. Di- 
fatti la mia specie è di forma meno gracile perchè ha il margine dorsale 
più fortemente curvo e quindi più alto alla regione mediana, la troncatura 
della regione anteriore alquanto più stretta , la estremità posteriore meno 
ottusa, ed alquanto più compressa ad ambi gli estremi. Manca inoltre delle 
dentellature che sogliono affettare i due margini estremi e soltanto in qual- 
che individuo si osservano lievissime crenature verso l' estremo posteriore 
del margine dorsale. 

DlSTR. GEOGR. 

Non è rara nel porto di Messina ! 

DlSTK. STRAT. 

Raccolta nel quaternario di Eizzolo ! 

B. expansa, Brady. 

Eep. Challenger, p. 58, tav. XI, fig. 2a-e. 

I duo soli esemplari completi, che ho raccolto , si allontanano alquanto 
dalla forma descritta da Brady. Essi pi-esontano la troncatura anteriore al- 
quanto più stretta , il dorso un pò più elevato e gibboso, i denti che or- 
nano il margine infero-posteriore meno sviluppati. Inoltre il contorno della 
conchiglia guardata dalla regione dorsale si offro un pò più assottigliato 
nella regione posteriore. 

DlSTR. GEOGR. 

Un solo esemplare pescato dallo Challenger ad Ilonululu. — Due nel Porto 
di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Eaccolta a Eizzolo ! 

B. formosa, G. S. Brady. 

Ann. and Mag. Nat. Hist., ser. 4, voi. II, p. 221, tav. XIY, fig. 5-7. 

La forma pescata nel porto di Messina è affatto identica al tipo del Me- 
diterraneo, caratterizzato dalla conformazione triangolare alquanto allungata, 
e dalla punteggiatura regolarissima e bene sviluppata, solamente le spine 
denti marginali sono in minor numero e meno sviluppato. 

Questo tipo mediterraneo poi differisce sensibilmente dalla forma pescata 



— 128 — 

nei mari del Brasile, la quale oltre i pochi denti marginali, è più elevata 
e col dorso gibboso, è più rigonfia ed ba ben altra scultura. 

DlSTR. GEOGR. 

Mediterraneo. — Non rara a Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Plioceno e quaternario dell'Italia meridionale !— Rara a Rizzolo ! 
B. complanata, G. S. Brady. 

Brady. Brit. Assoc. Report., p. 210. 

Frai viventi del porto di Messina ho raccolto un solo esemplare della 
specie sopra nominata, che conviene benissimo colla forma tipica vivente 
in Inghilterra. 

DlSTR. GEOGR. 

Inghilterra — Messina ! 

DlSTR. STRAT, 

Plioceno di Calabria !— Quaternario di Rizzolo! 

FAM. CYTHERIDAE 

Gen. Cythere Muli. 
C. convexa, Baird. 

Brit. Entom., p. 174, tav. XXI, fig. 3. 

Questa specie non è rara nel porto di Messina e vi si presenta colla 
forma tipica e poco variabile. 

DlSTR. GEOGR. 

Gran Brettagna, Irlanda, Baia, Mediterraneo, Levante,— Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Nel plioceno e nel quaternario d'Inghilterra, di Calabria ! e di Sicilia ! — 
A Rizzolo è molto comune e variabile ! 

{continua) G. Sequenza. 



Cenni Bibliografici 



Il sig. D/ Tasclienberg dà (Soc. di se. nat. di Halle 1883) im prospetto 
della fauna dell'isola Sokotra uell'Oceano indiano. Esso rimarca che l'Ornis 
assomiglia in generale a quella della parte N. E. dell' Africa. I serpenti 
hanno i loro analoghi nell'Arabia meridionale.— Il nuovo genere Pacliyca- 
lamus delle Amphisbenee ha i generi affini più vicini nelle partì occiden- 
tali e orientali dell'Africa meridionale. — Del Chamaeleon monacìm si co- 
nobbe sino al presente quale patria il Madagascar, e per il Cham. calyp- 
tratus i paesi del Nilo. — Fra i molluschi terrestri vi sono 16 specie proprie 
dell'isola, le altre hanno molta affinità con quelle del Madagascar, cosicché 
Goderin Austin è d'opinione che l'isola di Sokotra sia stata altre volte con- 
giunta direttamente col Madagascar. Annovera una Stenoyyra socotorana 
Mart., un Bulimìnus ìstomodon Mart., ambedue nelle spaccature delle r oc- 
eie granitiche a 1000 m. d'altezza, un Bidim, socotjonsis Pf., clie vive sulla 
Phoenyx dactylifera. — Fra i crostacei troviamo menzionati Carnisoma car- 
ni/ex Hbst. , Telphura socotrensis Hilgdf, n. sp. , affine alla T. laevis etc. 
Fra i Miriapodi havvi Collana morsitans L. , che appartiene al Subgenus 
Collana {Scolopendra') di Brath, eambiato in genere dal Taschenberg. Fra 
gli Imenotteri havvi una nuova specie di Belanogaster tricolor. — Fra i Co- 
leotteri : Trogiis imndipennis n. sp., al primo aspetto assai somigliante al 
Ir. africaims, Clìamaerhipis hifoveolatus n. sp. etc. — Rapporto al Dlpfo- 
dactylus Riebecki Pet., osserva Taschenberg esser questo un Eiiprepes so- 
cotranus Pet. 

Il sig. Besnard fa menzione nelle sue " Eemarques ornithologiques „ (Soc. 
d'agric. se. et arts Le Mans 1883) del Tardas torquatas^ il quale trovasi 
nel Dip. de la Sarthe di passaggio , in primavera in abito di nozze e si 
ferma solo per quanto bisogna per cercarsi il necessario cibo ; in autunno 
però, quando i cespugli del bianco spino, prugni e d'edera e principalmente 



- 18 — 

quando la stagione è mito, il ciotto merlo si ferma finché giungo il freddo; 
qualche rara volta vedesi anche la Platalea leucorocUa, abitante dello cilde 
regioni del vecchio continente, ne fu ucciso un individuo nello scorso ot- 
tobre 1882 a Chahoué (Dip. de la Sartho); anche un Mergus serrator dello 
regioni artiche fu ucciso l'anno scorso nel detto Dipartimento do la Sarthe. 

Di interesse è essere stata presa a Fresnay (Dip. de la Sarthe) un^Ar- 
dea egretta nel Novembre 1882, in abito d'inverno, come ci racconta (1. e.) 
il sig. Gueranger. 

Il sig. Menzbier dà (Soc. Imp. dei Nat. di Mosca 1383) ragguagli sulla 
fauna ornitologica nei govern. di Mosca e di Toula. — Sul proposito del- 
VAcantliis nota trovarsi la Ac. linaria Brehni sedentaria e VAc. betidonim 
Sund. e caiwscens sibirica solo d'inverno in questi luoghi , trovarsi però an- 
che in questa stagione un Acantìvis di color rossastro che assomiglia airj.c. 
rufcscens e un Ac. a becco grande somigliante all' Ac. Hoeìbolli; esser di 
importanza per la determinazione della fauna della Russia europea la pre- 
senza delV Acroccphalns magnirostris Lilj e dell' Tdiina caligata Lich. ; col 
successivo taglio delle foreste tra i fiumi Wolga e Oka diminuirsi il nu- 
mero degli uccelli e dirigersi questi verso Nord e sottentrare a questi 
delle specie che vengono dal Sud. — Troviamo descrizioni del Phglloscopus 
hrevirostris Sbricici, e del Ph. Eversmanni Bnp. , poi 1' osservazione che 
Lanius horea'is europaeus Bogd, è sinonimo del L. rapax Brehm etc. ctc. 

Negli scritti della Società ornitologica di Vienna 1883, troviamo fra le 
molte notizie, alcune sugli uccelli rapaci, che si trovano nell'Austria in- 
feriore, fra i quali Circus aeruginosus, Falco timmcalus^ Otns hracliyotns., Ha- 
liaehis abhicilla, Buteo vnlgaris. — Del Milne Edwards troviamo un prospetto 
della fauna antartica (famiglia dei pinguini, Aptenodytes. Eadgptes). — Vi 
si fa poi men/-ionc dell'opera del D."" Mayr, Direttore del R. Museo di Sto- 
ria Naturale di Dresda, nella quale trovansi illustrati gli scheletri di uc- 
celli nominatamente dei fase. 4 e 5, in cui trovansi i cranj di IG diverse 
razze di colombi, poi della tanto rara /leteralocha, del Notornis Hoclist&tteri 
e di altre specie. Merita menzione \m' Aquila imperialis uccisa poco fa (per 
quanto ci notifica il giornale " Fr. n. Presse di Vienna „) non molto lontano da 
Francoforte sull'Odor, la quale ad un piede avea un anello, su cui trovavansi 
H. Ks. 0. A. Eperies. 10. 9. 1827, dunque quest'Aquila avea un'età di 56 
anni, età non insolita, poiché si sa che questi uccelli arrivano ad alta 
età; essa fu uccisa nel momento che avea nelle sue unghie un can© per 
portarselo via. 

Nel Danubio, al di sotto dì Presburgo venne in Agosto a. e. pescato un Ac- 
cipenser Imso, che aveva una lunghezza di 328 cent, e pesava 230 Idi., la 
vescica sola aveva un peso di 2 kil. 75 decagr.— Nello stesso mese venne 
pescato anche nel Danubio presso Tulln Austria ìnf. un Siluvìts glanis del 



— 19 — 

peso di 20 kil. e dì 1. 25 m. in lunghezza. — Nella Sava venne pescato 
presso Bi'od un Accipenser Jiuso lungo 3-40 cent, e di 224 kil. di peso, la 
sola vescica pesava 5 kil. 

Il sig. Gentil dà (Soc. d'agric. se. ed arti. Le Mans 1883) la lista descrit- 
tiva dei pesci del Dipartimento de la Sartlie. Troviamo molte osservazioni 
critiche, così p.e. doversi riportare al Pltoximis laevis come sinonimo VAjjJie; il 
LeiwìscHS alhurììoides de Sei. essere una varietà ìÌlqW Alhurnus Incidiis Heck. 
e Knor, Leuciscns Baldeiieri essere una varietà dell' Alhurnus bipiindatus ; 
Leuciscus dolabratiis poter essere un ibrido dell' J.?&. leiicisctis; Cluiiea fal- 
lax non essere che una giovine Alesa vidgaris e così via. 

Una semplice lista di coleotteri del Dipartimento de la Sarthe ci dà il 
signor Monnot (Soc. d'agric. se. ed arti. Le Mans 1883). 

Il sig. Privaldsky descrive (Museo Nazion. di Budapest 1883) alcuni co- 
leotteri portati dal Xantus da Sarawak e Borneo, così AmpJiistermis tiibi- 
rifer vicino aìVA. hamatus^ Eumoìyhus quadripustidahts, affine alle specie 
cpanesceiis e Freyanus^ Meilichhis ferrugineus vicino al nigricoUis, un An- 
trisis Xanti, un po' più piccolo del Sauìidcrsii; troviamo descritto un nuovo 
genere dei Corynomalini^ — Dr?/aclifes, che ha il suo posto tra Corynomalum 
e Acimix^ — un altro delle Sllphidee^ IdtochUa a porsi tra il Necroiìliilus e 
il Nodinus e vari altri. 

Il Prof. Paszlavszky dà (l. e.) la lista dei Cinipedi dell' Ungheria con 
dei dati biologici ; vi sono diverse specie di Rìiodistes , Cynips , Aìidrictis 
Neuroterus, Dryopìianta etc. 

Il D."* Kriechbaumer descrive (l. e.) alcune nuove specie di Imenotteri 
del detto Museo, così IcJinenmon mdanostigma , osservando però che que- 
sto potrebbe essere il maschio dell' Iclin. pliaeostigma Wesm. , Amblyteles 
yandiir affine oXVA. quadriinmctorius^ Xylonomus epliialtoides vicino al Xyl. 
rufipes etc. 

Il D.'' Mocsary dà ( l. e.) un lavoro di somma importanza per gli studiosi 
degli Imenotteri, cioè Literatura Hymenopterorum in ordine alfabetico. Chi 
ha esperienza in simili lavori riconoscerà quale fatica, quale pazienza siavi 
di bisogno per compilare un simile lavoro. 

Il signor Friese dà (Soc. di se. nat. di Halle 1883) una semplice lista 
degli Imenotteri del Saalthal nella Prussia , troviamo citata come nuova 
specie per la fauna della Germania la Sapgga similis Th. 

Il sig. Sickmann dà (Soc. di se. nat. di Osnabruck 1883) la lista degli 
Sfegidi stati osservati nei dintorni di Wellingholthausen, con molto osserva- 
zioni, fra cui anche sulla decapitazione di questi insetti. Fa menzione d'un 
Crossocerus quadrimaculatiis, al quale strappatagli accidentalmente la testa, 
continuò i suoi movimenti normali e morì solo dopo 17 ore; fa anche menzione 
d'un Icìmeumoìi a cui tagliata la testa , morì dopo 27 ore ; a un PoUsies 



20 — 



es venne strappato l'addome ed esso mori dopo 6 ore, mentre una Q 
visse 41 ore dopo esserle stata troncata la testa etc. Yedesi anche su questo 
proposito: " Alcune osservazioni sulla decapitazione degli insetti Miriapodi di 
Eie. Canestrini. Padova 1883 e Packard, Cambridge Entomolog. Club 1877. 
II sig. Sickmann ritiene il Pempìiredon rugifer e lithiifer per sole va- 
rietà del Pemph. unicolor, così pure ritiene il Passaloecus borealis Dahlb. non 
per una distìnta specie, ma constata dover riunirsi al Pass, tur ioniim Dahl. 
Il D,"" Morawitz ha pubblicato negli scritti della Irap. Accademia di se. 
di S. Pietroburgo (1881) una Memoi-ia sui Bomhiis della Russia, in cui 
espone che " in ciascuna specie trovasi nel maschio una forma speciale 
dell'apparato genitale, onde in tante specie, altrettante forme differenti. „ Il 
Generale Radoczkowkzy si mette (Soc. imp, dei Nat. di Mosca 1883) a criti- 
care questo lavoro; esso concede che in generale le particolarità negli organi 
genitali possano servire a sciogliere qualche dubbio, in caso non siano suffi- 
cienti gli altri caratteri, e che queste particolarità possano servire per separare 
i generi, ma non essersi ancor riuscito a trovare in ciascuna specie un organo 
genitale di special forma e troviamo citati vari Naturalisti che sono di questa 
stessa opinione. —Sul proposito dell' Hypopigium, viene citata l'opera di 
Westhoff (sulla struttura deU'Hypopigium della Tiinda 1882), in cui viene 
fatto vedere che le parti dì cui consta questo Hypopigium portano diversi no- 
mi, come forcipes, stipa, phallus^ sagita, penìs, spaia etc. Segue l'enumera- 
zione delle specie di Bomhus descrìtte dal Morawitz nella detta sua opera, 
nella quale troviìimo molte emendazioni, osservazioni critiche del Generale 
Radoczkowsky. 

Il Prof. Lindemann descrive (1. e.) un insetto del Caucaso — Ta^^mos^oZa 
frumentalis n. sp. — riconosciuto assai dannoso alla segala ; questo lepidot- 
tero trovasi pure negli steli del Bromus tcctorum a àQÌ Triticitm repens.— 
Esso descrive ancora due altri insetti della Russia meridionale dannosi al 
frumento, cioè il Dorcadion carinatum e una ScJiisoneura, la quale ultima 
però è ancora in dubbio se sia a riferirsi alla Sclie^. venusta del Passerini 
alla Scliez. cerealium dello Szanislò. 

Il sig. Kraus ha trovato nella grotta che porta il suo nome, presso Gams 
in Stiria, il Trogloplnlus cavicola Koll. e dice di aver udito anche il suo 
stridore (Soc. bot. zool. di Vienna 1883); esso si nutre del Phalangium opi- 
Uo, ciò viene constato dai numerosi resti che vi si trovano. 

Il sig. Brunner de Wattenwyll descrive (1. e.) le diverse forme dì alcuni 
ortotteri per cui questi assomigliano ad altri insetti , come p. e. una Lo- 
custa dei Phanoropteridi del Sudan descritta dal Brunner sotto il nome 
specifico di MyrmecophaìM fallax n. sp. che assomiglia del tutto ad una 
formica, il Pterochrexa fallax, infecta e arrosa, tutte tre nuove specie, che 
assomigliano a delle foglie secche. 



— 21 - 

Il Professor Brauer descrive (Imp. Accad. di se. di Vienna) due paras- 
siti del Rliizotrogus solsiitialis^ cioè : Hirmoneura obscura Mg. e Fhorostoma 
lata. 

Il sig. Norner descrive (Soc. bot. zool. di Vienna 1883) alcuni Derma- 
leicliidi, così Dimoriiìius Urogalli n. sp. , Pterocolus corvinus Koch e Cra- 
meria limulata Muli., osservata su una Athene noctua. Il Dimorplms ha per 
carattere distintivo lo svilupparsi degli organi sessuali solamente .in età di 
già avanzata e che essi si trovano nell' interno delle ninfe. — Nòrner de- 
scrive anche il modo usato da luì per conservare gli Acari; prendendo le 
piume da uccelli vivi, le si tagliano alla loro estremità basale, prendendoli 
da cadaveri, si strappano le piumo; per studiare la struttura interna, fa bi- 
sogno avere un materiale vivo ; lo si mette in una goccia dì olio , di gli- 
cerina d'acqua sul porta oggetti, con ai lati piccoli frammenti di simili 
copreoggetti e si copre poi il tutto col copreoggetti. 

Il Professore Latzel fa parola (1. e.) dei Pauropidi , scoperti da Lubbok 
nei dintorni di Londra. Il sig. Byder prende il Paurojìits per tipo della fa.- 
mìgVia delie Piiuvoindee e VEiiri/paurop US per tipo della famiglia delle Eu- 
rypauropididee. — Latzel descrive V Eurypauropiis ornatus n. s^. e Eur. cfj- 
diger n. sp., poi Pauropida agilia Latz. {Paiiropus Huxleyi Lubb.) e Paur. 
tardigrada Latz. (Euri/p. ornatus e cycliger n. sp.). 

Il sig. D.'' Tòmasvary descrive (Mus. Nazioii. di Budapest 1883) un nuovo 
genere di Miriapodi — Anodontostoma oc tosidcatum — che ha il suo posto fra 
gli Scolopendrì heterostomini e cricrifere ; troviamo dati anche i caratteri 
distintivi deWHeterostoma, Branchiostoma e Trematopttjclms. 

Il D."" Brasche descrive (Soc. zool. bot. di Vienna 1883) una nuova Sy- 
nascidia — Polyclinoides diaphamim — di San Maurizio, che egli trovò nel- 
rimp. Museo di Vienna coU'etichetta : Amaroucium prolifenim M. E. — Il 
8ig. Brasche continua (l. e.) a dare i risultati della sua revisione degli esem- 
plari di Nematodi originali di Molin e Diesing nel detto Imp. Museo. 

Il signor Komacowics dà (Soc. di se. nat. di Hermannstadt 1883) un pro- 
spetto sistematico della fauna malacologica della Trans sii vania e in questo 
si è proposto di ridurre la fauna pubblicata dal Bielz allo stato presente 
della scienza; esso omette l'uso dei nomi dei Musei e delle collezioni, ri- 
tiene solo quelli che hanno le loro rispettive diagnosi e solo il nome di 
quell'autore che veramente ha pubblicato la rispettiva specie. — Parlando 
della Daiidebardia transsi/lvanica Bielz., troviamo citata la osservazione di 
Boettger, non differire questa specie dalla Z). Langi P. — Troviamo la Hya- 
lina Oscari n. sp. molto affine alla H. suclnacia Bottg. del Caucaso, Mastus 
transsylvaiiicus n. sp. affine all'ili, carneolas Mouss. e tiirgidus Kob., Orcula 
Jetschini n. sp. che si distingue dall'O. doliani Drp. : unfractu rcgulariter 
crescente^ coslis memhranosìs ctc. — Un'altra osservazione del Bottger tro- 



— 22 — 

viamo citata sul proposito del Clausilium, molte specie fossili cioè mancare 
di quello , le Clausilie essere forme di Balea trasformate ed esser questo 
processo di trasformazione ancora in attività nella sezione Alopia. Si fa 
menzione anche di Schmidt, il quale riuuisce le Baleo-Clatisilie in rapporto 
anatomico alle Alopie. Il sig. Komacowics dà esempì di trasformazione in 
causa di circostanze locali, così egli osserva che V Alojna livida Mke, che 
vive sulla cima del monte Bucses, sia venuta anche sul Konigstein, ivi in 
causa di certe circostanze locali si formano 4 piccole piegature e un pic- 
colo Clausilium e diviene una CI. Fiissiaiia Ross., nel discendere dal monte 
deve perfezionarsi il suo Clausilium e alla metà del monte troviamo da- 
togli il nome di CI. LiscJieana , Ch.; è pervenuto alle fildi del Konigstein 
troviamo la Clausilia nella sua maggiore perfeziono che ha preso il nome 
dì V. obesa., e in questo modo troviamo dati altri esempi di trasformazione 
per far conoscere la connessione delle Alopie col Clausilium con quelle 
mancanti di esso. — Il sig. Komacowics divide le Clausilie in 5 gruppi se- 
condo il grado delle loro affinità e dei loro passaggi, cioè : 

1. Gruppo della Clausilia glauca Bielz. 

2. „ ,; „ livida Mke. 

8. „ „ „ plumhea Ross. 

4. „ „ „ Bielzi Pfr. 

5. „ „ „ hogatensis Blz 

e finalmente troviamo descritte le specie di Clausiliastra^ Idrjla^ Uncinaria 
e Pirostoma. (La continuazione verrà data l'anno venturo). 

Il sig. Gehrs ci dà (Soc. di se. uat. di Hannover 1883) la lista dei mol- 
luschi dei dintorni di Hannover. 

Il sig. Hansen dà (Accad. r. di se. di Brusselles 1882) l'enumerazione 
descrittiva delle Anelidi della baja di Rio Janeiro raccolte da Benneden- 

Il sig. Verrill dà (Mus. di zool. comp. di Cambridge 1883) 1' enumera- 
zione descrittiva delle Antozoe raccolte mediante drenaggio all' occasione 
della spedizione del Blake nel 1877-79 e dal Fish-Hacok nel 1880-82 in 
una profondità dalle 100 a 1200 tese, lungo la costiera della Carolina me- 
ridionale, Georges Bank. Troviamo alcuni nuovi generi, così Lepidisia af- 
fine alla Acanella^ Stenogorgia affine alla Botocera etc, diverse nuove spe- 
cie come : Kophohelemnon scahrum , Acantliogorgia muricata, Chrgsogorgia 
Foerkesii etc. 

Il Parroco Bartli dà (Soc. di se. nat. di Hcrmanstadt 1883) i risultati di 
una escursione fatta da lui in alcuno vallate e sul Paringul nella Transsil- 
vania. Tra le molte piante raccolte da esso vogliamo menzionare : Astra- 
galus dacicus Heuff. che rappresenta qui VAstr. onohrgchis, Veronica bilia- 
rensis Ker., nuova per la flora della Transsilvania, Silene commutata Schur., 



— 23 - 

non identica alla SU. saxafilis Sims. dol Caucaso, come era d'opinione Schur., 
Feucedammi Rocheliamim Heuff. , Crepis Fiissii Kov. , Ricasola amplissima 
De Not, Usnea longissima Ach. di più d'un metro ia lunghezza, Silene Lor- 
clienfeldiana Baumg., solo ancora a trovarsi nella Serbia, nella Macedonia 
e nella Tracia, All'mm xantliicum ^ solo ancora nella IMoldavia , Aquilegia 
transsylvanica Schur. (non identica oXV Aq, glandulosa Fisch.), Veronica ni- 
valis Schur. (non dififerente dalla Ver. si^rpyllìfolia L.), Primula suaveolens 
Bert. etc. 

Il sig. Janka dà (Mus. nazion. di Budapest 1883) un prospetto analitico 
delle Plumbaginee europee e delle Brassicee europee. Tra le prime tro- 
viamo quale specie nuova VArmeria sancta Jank. del monte Athos, simile 
all' A. GussoNe.i, poi la Statice spimdosa Janka di Fiume (che trovasi nel- 
l'erbario di Sadler nel detto Museo). 

Il sig. Spreuger di Portici ci dà nella Garten Zeitung di Berlino un pro- 
spetto dei farcissi che allignano in Italia. Egli osserva non essere ancor 
deciso quali e quante specie sino ad ora descritte , siano vere specie , 
quali siano forme e quali siano bastardi. Steudel divide i farcissi in 17 
generi incl. Narcissus , dei quali però ben pochi sono riconosciuti , come 
Ajax e Qneltia da Parlatore e Corbularia da altri autori. — Quale tipo di 
un vero Narcissus è a riguardarsi Narc. poeticus; Ajax forma un vero ge- 
nere per sé, nel quale si dovrebbe comprendere Aj. pseudo-narcissus, Narc. 
incomparahiìis e odorus; agli Hermioni appartengono Narc. lametta e papy- 
raceus; ai Phylogìni, Narc. calathinus o N. odorus. — Il sig. Sprenger ci dà 
la descrizione delle diverse specie di Narcissus con indicazione dei rispet- 
tivi sinonimi e con dati sulla coltivazione delle specie piìi interessanti. 

Troviamo Narc. italicus , Sims, , N. Tmorii Pari. , N. papy raceus Gar. , 
la quale specie viene assai spesso presa per N. imicolor, Ten., ed essa of- 
fre diverse varietà fra le quali il N Panizsianus., Burla ^ e Oennarii di 
Parlatore; N tazetta Loisl, il quale trovasi in grandi masse insieme zdVAspho- 
delus ed al quale è affine il tanto raro N. canaliculatas d' Ischia ; poi N. 
poeticus colla var. hijloriis , verhanense , patellaris etc. , poi N radiijiorus^ 
hifiorus , pseudo narcissus colla var. fl. pi. , la quale si trova unitamente 
alla forma tipica maximus ed altro, e finalmente N. incomparahiìis, odorus^ 
e jomimlla. 

Il Prof. Pancic ci dà nel suo opuscolo „ Elementa ad floram principa- 
tus Bulgariae, Belgrado 1883 „ scritto in lingua serba , la flora del detto 
principato, in cui trovansi descritte diverse nuove e rare specie di piante, 
come Viola orhelica Pane, la quale vive unitamente al Cerastium saxicola, 
Centaurea dissecta, Sempervivum Kopaonikense Pane, affine al Semp. Heuf- 
feli , Senecio eruhescens n. sp. intermedia fra Sen. jacohea e Sen. transsyl- 
vanica ; Cirsium heterostichum n. sp., simile al Cirs. anglicum., Campanula 



— 24 — 

orhelica n. sp. affine alla Cam})' Aucìieri del Caucaso ; Hieracium halkani- 
cum Uechtr. in litt. prossimo al H. Sclimidti, Allium melanantherum n. sp.; 
(Ali. Moesiacuni Pane): vicino oXX Ali. tenuifiorum e parciflorum; AntJiemis 
cinerea Pane. {Anth. ahsintìiaefolia Pane.) etc. 

In aggiunta alle osservazioni meteorologiche del 1881 e 1882 fatte dal 
sig. Reissenberger a Hermanstadt troviamo (Soc. di se. nat. di Hermanstadt 
1883) anche le sue osservazioni phytofenologìche. Nel 1881 troviamo la 
2 ussilago farfara in fiore il 9 marzo, e il Oalanthus nivalis l' 11 marzo; 
nel 1883 troviamo la detta Tussilacjo in fiore di già nel 27 febbraio e il 
Oalanthus nel 28 febbraio. 

Il Prof. Grandeger continua a dare (Soc. Imp. dei Natur. a Mosca 1882) 
la descrizione di nuove specie di Mentita della Francia, Spagna, Inghil- 
terra, Germania etc. Nuove specie dell'Italia sono Mentita Caponiana^ M. 
nehrodensis e M. sicula (tutte tre in fi. exs. sic. del Todaro) ; poi M. Cesatii 
e Pasqiialii di Napoli, M. pisana di Pisa; del Tirolo italiano: poi M. tridentina 
e tyrolensis etc. 

Il sig. D."" Henriques dà (Soc. Geograf. di Lisbona 1883) un prospetto 
della flora della Serra da Estrella con una enumerazione delle rispettive 
piante, come pure la lista delle piante raccolte da Tournefort nella detta 
regione; su una delle tavole troviamo le altezze fino alle quali giungono 
alcune piante, cosi Juniperiis nana a 1800 ni.. Erica arborea, aragonensis, 
Belala piéescens , Ilex aqtéfolmm dai 1500 ai 1700 m, , il Solaniim titbe- 
rosnm e la Zea Mais si coltiva dagli 800 ai 1000 m. ; a 300 m. vegeta 
V Agave americana, Opuntia vulgaris, Chamaerops liumilis, Phoenix dactyli- 
fera, lìlusa ensete , Eucalypius glohulìis ; è a menzionarsi poi la Lecanora 
intercincia Nyl., che ha il suo posto tra la L. cervina e cinerea Lee, tar- 
tarea Ach. V. crassissima Nyl. , notevole per lo spessose del tallo , che è 
di Oin. 008, Verhascum Henriqiiesi Lange ad int. simile al J eih. nevadensis, 
Silene elegans etc. 

Il sig. Engelhardt dà (Soc. di se. nat. Isis a Dresda 1883) una sem- 
plice lista delle piante fossili rinvenute negli strati terziari nelle miniere 
di carbon fossile a Dux in Boemia; troviamo alcune specie come Eoonr/mus 
psendo-dichotonms, Strychios grandifolia, diverse specie di Spltaeria, Rhy- 
tisma, Xylomites etc, ma senza descrizione specifica. 

Il sig. Criè dà (Accad. di se. di Parigi 1883) i risultati dei suoi studi 
comparativi sulla flora cocena dell'Ovest della Francia con quella d'Alum- 
bay , isola Wight e Bournemouth in Inghilterra e questi studj constatano 
l'affinità tra un corto numero di piante fossili dei terreni eoceni dell' In- 
ghilterra e quello dal grès ooceno della Vandea, del Dip. du Maine, di Anjou, 
fra le quali rimarcansi nominatamente : Lygodium Kaidfussi, Aneimia sui)- 
cretacea, Quercus Bournensis, Dodonea suhglobosa e Symplocos hritanica. 



— 25 — 

Il D/ Staub dà (Soc. geolog. ung. di Budapest 1883) ì caratteri distin- 
tivi delle alghe fossili (Confervites), le quali sono somiglianti alle Conferve, 
viventi presentemente nelle acque dolci e saline ; ne descrive una nuova 
specie dello scisto marnoso di Felek nella Transsilvania ; osserva poi che 
la Confervites capilliformis del Sieber sia a denominarsi Conf. Sieheri ; che 
quelle forme che Schimper prese per fibbre di radici d'una felce sono Con- 
fervites Braunll Schenk. — Il D/ Staub parlando (l. e.) della flora fossile della 
suaccennata località di Felek (Q/s^ose?Va Partschi^ Helii, Phragmites oenin- 
gensis, Cyperites senarins^ Pimis hepios etc.) vi descrive anche un nuovo Bl- 
hio — Bib. Kochii, affine al Bib. morio ; esso fa parola anche di un P'mns 
palaeostrobus rinvenuto nell'Ungheria (nel calcare nummulitico di Buda) e 
ne dà i caratteri per i quali li distingue dall'or vivente P. strobus. 

Il Prof. Handman ci dà (I. K Istit. geolog. di Vienna) uno schizzo della 
fauna fossile di S. Vito presso Hirtenberg nell'Austria inferiore, la quale 
fauna sarmatica egli crede dover riconoscere quale resto della fauna me- 
diterranea miocenica. Fra le molte forme nuove troviamo descritte Pleu- 
rotoma concinna , che appartiene al gruppo del PI. semimarginata Lam. , 
pretiosa Bell., Jouanetti Lam., inoraata Bell, e splendida Handra.; Cerithium 
vifeìise, che ha qualche somiglianza col Cer, lignifarum Eichw. ; Neritina 
bifasciata simile alla Ner. Pacìiii Partsch etc. — Detto Professore ci dà rag- 
guaglio anche del deposito di conchiglie sarmatichc nei dintorni di HoUes 
presso Matzendorf (Austria inferiore); si trovano due strati, l'uno pieno di 
CeritJiii, principalmente del Cerith. pictiim, l'altro pieno di bivalve ; fra i 
molti fossili raccolti da esso, troviamo molte forme nuove, fra le quali Biic- 
cinum (Cominella) hollesense^ che ha forma e scultura del Bucc. Neumayri 
Hórn. e Auing. ; — Cerithium Bre neri che ha la forma del Cer. picfum 
Bast. e che forma quasi il passaggio al gruppo del Cer. spina Partsch. e 
Cer. scabrum 01.; Paludina canaliculata a porsi tra Pai. Frauenfeldi Horn. 
e Pai. stagnalis Bast. etc. 

Nella seduta del 20 gennaio a. e. della Soc. Imp. dei Naturalisti di Mo- 
sca il Prof. Trautschold mostrò alcune ossa di una nuova specie di J.r- 
chegosaurus Streukenbergi rinvenuti nei sedimenti permici del Governo 
di Viatka , questa specie differisce dagli altri ArcJiegosauri per essere 
il doppio più grandi ed avere il muso più prolungato, arrotondato alla sua 
estremità.— Il sig. Trautschold ha pure mostrato delle ossa d'un Therma^ 
totheriiim n. g. rinvenuti pure nei sedimenti permici nei dintorni di Kasan. 

Il D."" Bittner presentò all'Imp. Accademia di scienze a Vienna una memo- 
ria, in cui descrive alcune nuove specie di Brachiuri del Vicentino e del 
Veronese, così Ranina notopoides^ Dromia Hilarionis, Lumbrus eocanus^ Cga- 
mocarcinus n. g., angustissimus n. sp. ed osserva poi Hepaticus Neumagri 
Bittn., non appartenere agli Hepatid),ma bensì agli Erisodi e a porsi vi- 



— 26 — 

cìno al Pilitmnoides e aWAdumnus, e perciò dovere il rispettivo nome ge- 
nerico cambiarsi in Hepatocarcinus; osserva poi anche che Cancor Beggiatoi 
Mich., non sia altro che un male conservato Codoma vigil A. Edw. 

Venendo i Tentaculiti compresi da alcuni Paleontologi fra i molluschi, 
da altri fra i vermi, da altri fra gli echini, il D."" Dewitz dà (Soc. di se. 
nat. per la Sassonia e la Turingia, Halle 1883) la descrizione del Tenta' 
cidites ornatus, riserbandosi ad ulteriori studj il precisare a quali animali 
recenti sia a riferirsi. 

Il Professore Hantken tratta (R. Accad. di se. di Budapest) della scaglia 
cretacea degli Euganei, e descrive i foraminiferi che trovansi in essa; pre- 
valgono le forme di Rotalia, poi piccole Nodosarie, le quali probabilmente 
appartengono alla Discorhina canaliculata e delle Textilarie — La pietra cornea 
nel calcare degli Euganei è pure ricca di Radiolarie etc. — I foraminiferi 
di certe marne degli Euganei assomigliano del tutto a quelli che rìnven- 
gonsi negli strati a Clavuìina Szdboi di Budapest.— Hantken descrive poi 
i foraminiferi e Briozoi di Priabona, e molti anche di Nizza. 

Il signor Hapke ha ricevuto alcuni frammenti del peso di 15 gr. del 
ferro meteorico rinvenuto nello scorso autunno 1882 a Rancho de la Pica 
nel Messico e ne dà la descrizione negli scritti della Società di se. natu- 
rali di Brema 1883). L'originale ha una forma prisniatico-piramidale , un 
peso di 46 kil. ed è coperto di una crosta sottile, griggia, quasi splendente; 
nella massa del resto omogenea si riconosce una struttura lamellare-cri- 
stallina; il suo peso specifico è da 7, 74 a 7, 89, consta di 91, 78 OiO di 
ferro, 8, 35 0[0 di nikcl, 0, 02 di cobalto con tracce di fosforo e carbonio. 
Questo ferro ha molta rassomiglianza con quello di Tennessee. 

Il meteorite caduto nello scorso febbraio a. e. ad Afianello presso Brescia 
fu analizzato chimicamente dal Barone Foullon (Imp. Accad. di se. di Vien- 
na 1883). Esso consta di Olivina (43, 77 GjO), Bronzile e Feldspato (41, 37j, 
Nikel [7, 66 OiO) , Pirite magnetica (7, 45 0[0) ed acido fosforico in mi- 
nima quantità, proveniente dal fosforo contenuto nello Schreibersite. 



Sr. 



— 27 — 



NOTE DI STORIA NATURALE SICILIANA 



L'ELASMOTERIUM 

« Si pretende che denti di Elasmoterio siano stati scoperti in Ungheria ed in 
Sicilia dal 1830 al 1840. » 

Da queste parole si rileva, che questo animale antidiluviano, che viveva col- 
l'elefante e col bove si trova in Sicilia, per cui credo utile per le nostre ricerche 
di dire qualehe parola sulla sua storia. 

Fischer nel 1808 descrisse la mascella inferiore di un animale che chiamò Ela- 
smoterio pei denti formali a lamine. Alcuni denti furono rinvenuti nella steppa 
dei Kirghisi sul mar Caspio, altri ne' governi di SurataflE e di Kharkof conser- 
vati a Pietroburgo, una mascella inferiore trovata a Saratoff, conservata nell'Ac- 
cademia agronomica di Peirowstey, un frammento di cranio scoperto sul Reno 
conservato nel Museo del Giardino delle piante a Parigi. Brandt ha descritto 
im cranio completo conservato nel Museo Zoologico di Pietroburgo , fu pescato 
nel Volga, due miglia al Sud di Sarepta, fu comprato da Knobloth e donato al- 
l'Accademia delle Scienze. 

Potendo trovarsi in Sicilia^ come è stato cennato , credo giovevole darne la 
descrizione del cranio. 

È lungo Cm. 85, altezza compresa la mascella inferiore Cm, 55, larghezza 
massima Cm. 42, dimensioni che superano di assai quelle de' più grandi rino- 
ceronti. La protuberanza frontale ha la forma di un emisfero alto Cm. 13 , la 
superficie è rugosa solcata dalla traccia di grossi vasi sanguigni, da cui doveva 
partire un corno potente. La sezione del cranio davanti a quella protuberanza 
frontale è stretta e compressa , che ricorda il cranio del cavallo e del bue , ha 
l'ossificazione completa delle fosse nasali; la parte posteriore del cranio somiglia 
molto a quella del rinoceronte , incisivi e canini mancano , molari cinque tanto 
nella mascella inferiore, che superiore lunghi m. 0, 20 e conficcati nell'osso ma- 
scellare per quattro quinti della loro lunghezza. Ogni dente è composto di la- 
mine di smalto che si piegano , e si contorcono in modo da formare sulla su- 
perficie della corona delle graziosissirae figure increspate. Dalle dimensioni del 
cranio l'animale poteva arrivare a quattro o cinque metri, nulla si conosce delle 
sue estremità. 

Attelabus curculionoides, Ln. 

Come i botanici registrano i casi di albinismo che si osservano nelle piante , 
1 Zoologi fan conoscere le aberrazioni di albinismo e di melauismo nei mammi- 
feri, negli uccelli, e nei rettili , ugualmente gli entomologi portano l' attenzione 
alla ricerca degli insetti affetti da melanismo. 

Nelle regioni fredde i mammiferi spesso nell' inverno presentano una pelurie 
pili chiara, e talune specie divengono interamente bianche, gii insetti prendono 



— 28 — 

colore più oscuro per quanto più elevati sono i luoghi del loro ai)ilato , e De 
Laarpe ne portò vari esempi dandone una spiegazione per l'influenza della viva 
luce de' rdggi solari. Recentemente il Bellier de La Chavignerie riportando al- 
cuni casi di melanismo ne' coleotteri , fa conoscere che le specie di color verde 
o verde-dorato sono quasi tutte snscettibili di passare al melunismo, e conferma 
he talune specie come il Carabus Crislofovii presi sulle elevate vette de' Pi- 
renei presentano più soggetti neri : mostra anche che talune specie divengono 
melaniche in alcune località, ed egli ha trovato la varietà nera della Cicindela 
campestris nella Corsica soltanto nel lato orientale dell'Isola a Porto Vecchio, 
mentre la varietà nera della C. Germanica accompagna sempre il tipo. 

Raccogliendo materiali per questo studio, io registro nn caso di melanismo 
dello Attelabus cnrculionoides L., che è tutto nero sopra e sotto, non differisce 
in nulla dal tipo per la grande/za, e pe' caratteri specifici, fu raccolto nelle Ala- 
donie ad una elevazione di mm. 540, sopra querce giovani insieme ad altri saggi 
della medesima specie nello stato normale. 

Emigrazione del Myoxus glis Gml. 



Si è scritto fra i mammiferi rosicanti le emigrazioni periodiche del Leming , 
si conoscono altre specie di topi , che per mezzo del commercio , come il Mds 
decnmanits , e rcdtus si sono diffuse in tutta Europa da divenire molto nocive; 
nessuno ha connato emigrazioni del Mioxus glis, ecco una osservazione nuo\"a. 

Il ghiro abita in tutta Europa, e sceglie per sua dimora le selve ghiandifere, 
perciò da noi si trovava comunissimo nelle foreste del Gurgo, Lanceria , Gibil- 
manna, do\e in settembre ed ottobre era frequente osservarlo sugli alberi di querce 
nutrendosi di ghiande, e di frondi. Allo avvicinarsi del freddo cade in profondo 
letargo per tutto l'inverno per isvegliarsi in giugno. In questo stato d'iberna- 
zione pastori e cacciatori pratici di conoscere i luoghi di loro ritirata ne facevano 
carnificina, perchè provavano gran diletto a nutrirsi di ((nelle carni. 

Nel bosco di Monticelli, e di Castelbuouo, che è nel versante opposto del grupi)o 
de' monti nebrodensi , e non molto distante , non se ne trovava neppure uno ; 
sono circa sette anni, che ne' boschi di Gurgo, e Lanseria van minorando, e 
sono divenuti piuttosto i-ari; mentre nei boschi di Castelbuono si souo moltipli- 
cati oltremodo, particolarmente in quest' anno , che le foreste ghiandifere hanno 
dato una produzione straordinaria. 

Se la specie mancava del tutto nelle foreste ghiandifere di Castelbuono , ed 
abbondava in quelle di Lanseria e Gurgo, dove fa difetto oggi, e da credere ad 
una emigrazione , essendo la distanza pochi endometri , la causa movente della 
emigrazione si deve attribuire alla guerra che 1' uomo gli faceva in ogni anno : 
consimili osservazioni si sono verificate in altri animali , negli ucc?lli partico- 
larmente. 

Mina'-Palumbo. 



Enrico Ragusa Dirett. l'esp. 



^l|llllilll!lillin!lli!i!il!iliilll!!iilllli!ii 



l!lllillllllllilllllillllillllllllllllllllllllillilllliillllllllllllll!!lllillili!ll!ll!llll!llllilill!!!lllllliiillilllllllill|li^ 



= ANNO III 



1 FEBBRAIO 1884 



N. 5. = 



I IL NATURALISTA SICILIANO 



GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE 

'ABBONAMENTO ANNUALE 

Italia L. 10 » 

Paesi compresi nell'unione postale » 12 » 

Altri paesi , » 14 » 

Un numero separato, con tavole . » 1 25 

» senza tavole^ '. » 1 » 

Gli abbonamenti cominceranno dal 1° di ottobre di' ogni anno 



Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione 
al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 



SOMMARIO DEL NUM. 5. 



E. Hag^usa — Catalogo ragionato dei Coleotteri di Sicilia (continua). 

A. De QrQ^orìo— Intorno al Pecten Pictus Soia, non Gold/, e al P. corneus 

G. B. Soìc. non I. Sow. 
A. De Gregorio —Un nuovo Pecten (Amusium) vivente nella Nuova Caledonia. 
A. De Gregorio— .y?(oci Decapofii titonici. 
A. De Gregorio— ^na nuova Cijpraea Pliocenica. 
G. Seguenza — Della Lingulìnopfiis Carlo fortensis Borneniann Ir. 
March, di W. ùrì.\ér osaào— Conchiglie littorali mediterranee (cont.). 
G. Seguenza—// Quaternario di Bi^zolo (cont.). 
A. Cocco— Indice Ittiologico del mare di Messina. ~ 
G. Seguenza— GZi Ostracodi del Pòrto di Messina (continua). 



PALERMO 

Stabilimento Tipografico Virzì 

"l884 



riiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiHiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiin 



ANNO III. 



1 FEBBRAIO 1884. 



N. 5. 



IL NATURALISTA SICILIANO 



CATALOGO RAGIONATO 



COLEOTTERI DI SICILIA 



(Cont. V. Niiai. prec). 

DRYPTINI 



Drypta Fahricius 

dentata Rossi .... Questa elei>cUilissiina specie non è rara in primavera 

sotto le pietre in siti umidi, e pare trovisi pure sotto 
le corteccie degli alberi. Romano, Gliiliaui e Reiclie 
la citano di Sicilia (i primi sotto il sinonimo di emar- 
ginata Fabr.). Io la posseggo della Navurra , Tra- 
pani e deirOreto. 

distincta Rossi . . . Trovasi come la precedente, ma la ritengo assai rara. 

Romano la possedeva probabilmente di Termini, Giu- 
liani la cita di Paterno e Palermo , {ci/lindricollis 
Fabr.). Rottenberg nel suo catalogo dice di averla rac- 
colta fra i Brachlnus a Catania, ma credo invece 
che egli raccolse la var. intermedia Ramb. essendo 
tale 1' esemplare che egli mi clonò sotto il nome 
di distincta. Nel maggio scorso ne presi quattro 
esemplari sotto una pietra presso il lago di Lentini. 
In im esemplare gli articoli delle antenne sono tutti 
unicolori, come osservasi negli esemplari della den- 
tata che trovansi in Oriente, i quali secondo Bedel, 
hanno pure il primo articolo intieramente ferrugi- 
noso. 

var. intermedia Ramb. Distinguesi per la forma della fascia suturale, che nel 

centro è assai stretta. Ne presi una dozzina di esem- 
plari assieme al tipo presso Lentini, ai quali manca 
Il Naturalista Siciliano, Anno Ili. 17 



— 130 — 

la maccliiotla nera sul secondo e terzo articolo delle 
antemie, el alcuni non hanno latei'almenle sulle eli- 
Ire la slriscia vei'dc. (^uesla \'arietà pare propria non 
solamente all'Andalusia^ rna a tutti i paesi meridio- 
nali ove certamenle spesso viene confusa col tipo. 

Zuphium Lai 1 olile 



olens Fabr. 



Chevrolati Bruii. 



Pare che questa stupenda specie non sia rara in Sicilia. 
Romano laciia ed il Rotlenberg, che me ne donò un 
esemplare, ne prese in gran numero assieme ai Bra- 
chini presso Catania e Siracusa; esso dice che l'in- 
setto trovasi a grandi profondità ai piedi dei pioppi 
e corre velocissimo sulla ruvida corteccia degli al- 
beri. 

L' esemplare di Sicilia che io posseggo distinguesi 
oltre che per la grandezza, nell'avere le antenne tutte 
ferruginose senza la macchia nera sul primo articolo. 

Ho trovato questo rarissimo insetto solamente quattro 
\'olte, sotto pietre profondamente interrate; due esem- 
plari li presi sul Monte Pellegrino nel mese di dicem- 
bre, e due altri nel maggio nel bosco della Ficuzza. 
È stato descritto sotto i nomi di tesiacenm King. Nu- 
midicum Lue. ed unicolor Gemi. ; quest' ultimo 
sinonimo è citato nel Cat. de Mars. 1863, con Sicilia 
[)er patria. 



Polystichus Bonelli 



connexus Foucr. 



fasciolatus Rossi. 



E il vittatas Bruii, fasciolataH Fabr. , ed io ne pos- 
seggo quattro esemplari presi nel maggio nel bosco 
della Ficuzza. Uno di questi fu determinato dal ca- 
valiere Bandi per vitiatas; difatti essi hanno tutti e 
quattro le l'asce rosse delle elitre che caratterizzano 
il cittatuSj pur non di meno io dubito trattisi di que- 
sta specie, ma sia in^•ece una varietà del fasciolatus 
Rossi, 
Ghiliani e Romano lo citano. 

Specie già citata dal Ghiliani sotto il sinonimo di di- 
scoideus Stev, e dal Romano. Rotteuberg lo rac- 
colse a Catania. Io ne posseggo 15 esemplari quasi 
tutti donatimi dal mio amico De Stefani che ne rac- 
colse un gran numero a Frizzi nell' exfeudo Leone. 



— 131 - 



LEBIINl 



Aétophorus Sclimidt-Goebel (1). 



var. ruficeps Gene 



Questa liella varietà clelT imperiaUs Gemi, mi fu spe- 
dila in un esemplare preso in Sicilia ed appartenente 
alla collezione del Doti. Slierlin che me lo donava 
con altri inselli Siciliani. 

Questa varietà è propria della Sardegna , e non è 
dunque difficile clie si trovi pure da noi ; del resto 
il tipo secondo Lucas (Expl. de l'xUg.) trovasi pure 
in Alaeria. 



Demetrias Bonelli 



unipunctatus Gcrni. 



atricapillus Linnè 



Piuttosto rara ; il mio primo esemplare 1' ebbi donato 
dal Doli. Slierlin che lo possedeva di Sicilia. Ghi- 
liani lo cita con dubbio e dice averlo preso a Seli- 
nunte; quelli della mia raccolta sono di Siracusa. 

Ghiliani e Romano lo cilano, Rottenberg lo raccolse a 
Catania e Siracusa , da dove provengono anche gli 
esemplari della mia collezione ,' che io raccolsi nel 
maggio. 

Distinguesi dal precedente per il petto e la base del 
ventre che sono neri, le elitre che non sono puntato- 
si riale e gli interstizii neppure. 



Dromius Bonelli 

linearis Oliv Il Dromius piii comune di Sicilia, e trovasi dal feb- 

brajo al maggio sotto le pietre in riva ai fiumi , ma 
specialmente sotto la corteccia degli alberi e fra le 
erbe ove corre veloce. 
Rottenberg lo raccolse a Catania. 



(1) Questo geui'i-.j iicirucci.'llciitc hivoi-o del sig. BedoI, Colcop. da Bassiii de la 
Scine, 1881, è stato s-itist;inicii(e riunito ai Dcineirlai-, e ciò venne già accettato 
nel Cai di Bci-lino;— se io lo mantengo, è solamente perchè dissi nel principio 
di (piesto lavoro che avrei seguito la classificazione del Cut, Stein a Weisc del 1877. 



132 — 



meridìonalis Dej. . . Posseggo Ire soli esemplavi di questa specie, facile a 

riconoscersi per i punti che ha sulle elitre tra la sesta 
e seltinui stria. L'ho trovato in primavera sotto le cor- 
tecce degli alberi e sono più robusti di quelli che 
posseggo dalla Francia meridionale. 
Rottenberg lo prese presso Palermo sotto la corteccia 
degli all)eri di olivo. 

quadrimaculatus Linn. Elibi nn esemplare di questa specie nel 18G9 dal far- 
macista Zuccarelli di Catania , che me lo donò as- 
sieme al Carabus auratus var. Siculus m'. Ora io 
dubito che questi insetti provengano dalla Francia , 
e iinlantochè con la callura di nuovi esemplari non 
si sarà constata l'esistenza di queste specie in Sicilia, 
è con dubbio che io le nolo fra gl'insetti Siciliani. 

bifasciatus Dej. . . . Alia Ficuzza non è raro in primavera battendo gli al- 
beri di veder cadere nell'embrello (piesto elegante in- 
settuccio, che trovasi pure ai piedi dei pioppi vicino 
ai torrenti, o alle praterie. — Rottenberg non cita que- 
sta specie, ed io temo che il suo fasciatus D('j.=/u'- 
griventris Tlioms. sia invece questa specie. 

melanocephalus Dej. . Questa specie non e i-ara presso 1' Greto a Palermo, e 

sembra prediliggere i giovani arbusti sotto la corteccia 
dei cpiali tiensi nascosta; l'ho presa pure attaccata alle 
erbe e sotto le pietre. 
Rottenberg la trovò a Catania. 

Gli esemplari della mia collezione mi erano siati de- 
terminati dal Kiesenwetter per Sigma Rossi ; fu in 
seguito a questa determinaziono erronea che io feci 
ligurare nel mio catalogo del 10 settembre 1880, il 
D. sigma. 



nigriventris Thoms. 



Rottenberg lo cita col sinonimo di fasciatus Dej. e dire 
di averlo trovato sotto i pioppi a Catania. 
Romano nel suo catalogo cita D. Panctatellus^ Trwi- 
catellas, Qaadrilhun e due altre specie dubbie. Cer- 
tamente il secondo è un Metablelus e l'uliiino il Lio- 
jtychus quadrillam. 



(continua). 



l'-NKico Ragusa. 



— 133 — 

INTORNO AL PECTEN PICTUS SOW- NON GOLDP. 

E AL P. CORNEUS G, B. SOW, NON I, SOW 



Entrambi i nomi di queste due bolle specie esotiche viventi debbono 
mutarsi perchè adoperati già per designare altre specie fossili. — Pel Pecten 
pictus Sow. (Thes. Con., p. 62, tav. 20, f. 233— Hanley Ree. Biv., p. 277. 
Catlow Reeve Nonienclator, p. 82. — Reeve Mon. Pecten, tav. 28, fig. 116) 
dell'isola di Baicus (Filippine) propongo il nome di P. oweni in onore del 
celebre naturalista Richard Oweni Suporintendent of the Nat. Hist. De- 
partiment British Museura che segna uno degli apici pii!i alti cui la scienza 
possa arrivare. Pel Pecten corneus G. B. Sow. (Thes. conch. , tav. 13 , 
f. 44, 45; tav. 20, f. 244, 245; Catlow Reeve Nomencl., p. 81. Reeve Mon. 
Pecten, tav. 31 , fig. 141) degli stretti di Magalhaens propongo quello di 
P. Jeffreysi in onore del più rinomato conoscitore delle conchiglie dell'In- 
ghilterra e di quelle che vivono a grandi profondità; e il cui nome resta 
intimamente legato al progresso della scienza malacologica dei nostri tempi. 

30 Die. 1883. 

Makch. a. De Gregorio. 



UN NUOVO PECTEN (AMUSIUM) 
vi-v-ezite nella. 3>T-u.oT7-a, Caled-onia, 



Pecten (Amusium) Milne Edwardsi De Greg. 

De Greg. L883. Sur le P. cristatus, Broun et ses espèc^s affiues des oceans. 
Paris. 

Elegantissima specie molto somigliante al Laurenti L. — La sua valva 
destra è bianco-nivoa , la sinistra di un bellissimo color roseo un pò pal- 
lido con circa 28 zone anguste raggianti, color terra di Siena. Kell'interno 
hanvi circa 28 tenui coste nella valva sinistra, 20 nella destra. 

Prescindendo degli altri caratteri differenziali , dipendenti dalla diversa 



— 134 — 

colorazione , ciò per cui più facilmente si distingue la nostra specie da 
quella di Gmelin consiste nell'assai minor numero di coste interne: Gmelin 
infatti dice che la sua specie ne ha 48 (Syst. Nat., p. 3317); Reeve (Mon. 
Pecten pi. 16, p. 58) ne enumera circa 40; Hanley (Ree. Biv., p. 274) ne 
conta 47 nella sinistra, 41 ueHa destra; Deshayes (Enc. méth., p. 717) dice 
che vi ha grand nombre de cótes, e nella figura 4, tav. 208, Enc. meth. 
se ne contano più di 44. 

Della Nuova Calodonia il sig. Bernard descrisse già un altro magnifico 
Ammiani (Descr. ésp. nouv. Journ. Couch. , p. 48, pi. 1, f. 1, 1861) che 
però è assolutamente distinto dal nostro. L'esemplare descritto l'ho avuto 
dal sig. R. Daraou di Weyinouth. 

30 Die. 1883. 

March. A. De Gregorio. 



NUOVI DECAPODI TITONICI 



Orhomalus rotulensis De Greg. 

Piccolo frammento cilindro-conico , lungo 25""", con diam.*'"' di 8™"" 5""" 
alle estremità. Guscio munito di placchette tuberculose , rare, distanti fra 
loro circa 6™'", munito di una carena saliente e tuberculosa situata nella 
faccia più concava. Alla regione esso mostra una struttura formata di strati 
concentrici celluiosi. 

Questa specie molto rara e interessante ma dubbia, ha qualche analogia 
con VO. macrochirus Et. (Leth. Bruutr., p. 454, tav. 60, f. 6). 

Loc. Contrada Rotoli presso Palermo. 

Eryma rinellincola De Greg. 

Una grande branca, che se terziaria, si direbbe appartenere a un cancer. 
Essa è lunga al fianco dorsale 42'"™ , al ventrale 28""". La sezione è el- 
littica, strangolata presso l'articolazione posteriore. Diametri estremi 25'""^, 
28"*°'. Superficie ornata di tubercoletti distanti circa 1""" 1' uno dall' altro. 

Loc. Idem. 

Genn. 1884. 

March. A. De Gregorio. 



135 — 



UNA NUOVA CYPRAEA PLIOCENICA 



Cypraea (Epona) Altavillensis De Greg. 

Testa globosa spìieroidalis^ turgida^ lucida^ lìotius crassa; apertura paido 
arcuata; labris subparallelis^ externo marginato^ circiter 20 dentihus ornato 
in faciem dorsalem evanescentem ; dentihus labri interni circiter 13 , intus 
notatis^ extus productis evanescentihus. 

Lung. i.5""", Larg. <?""", Spessore 9""^. 

Ha analogia con la C. ovulata Lamark (Enc. méth., t. 355, f. 2), ma è 
ancor più rigonfia e priva affatto di spira. Per la forma somiglia a quella 
da me figurata nella monografia sulla fauna eocenica di S. G. Ilario ne , 
tav. 6, f. 6. 

Genn. 1884. 

Maech. a. De Gregorio. 



DELLA LINGULLNOPSIS CARLOFORTENSIS 

BORNEMANN IR. 



Kel voi. VI fascic. 1 degli Atti della Società toscana di Scienze Natu- 
rali , il sig. D.'" L. G. Bornemanu descrive con questo nome una grande 
Foraminifcra pescata noi fondi coralligeni di Carlofovte in Sardegna ed in 
una tavola annessa alla sua memoria figura molte variazioni di questa im- 
portante specie polimorfa rappresentante di un genere sinora non cono- 
sciuto trai viventi. 

Io voglio qui ricordare alla mia volta che trai numerosi foraminiferi pe- 
scati nel mare di Messina, che da molto tempo mi propongo di pubblicare, 
la Lingulinopsis cailofortensis vi è abbondantissima, vivendo comunemente 
lungo lo stretto. 

Le condizioni d'esistenza in cui pescasi tale specie nello Stretto di Mes- 



— 136 — 

Sina sono affatto identiclio a quelle in cui vive in Sardegna. Nei fondi co- 
iMlligeni dello Stretto di Messina si costituisce un ammasso roccioso sul 
quale sviluppasi il corallo rosso, tale ammasso risulta dall'aggregato delle 
solide conchiglie calcaree della Venus effossa, deìVOstrea cochlear, del Ba- 
lanus tidipiformis e del Padiylasma gìganteum intimamente insieme con- 
nesse ed associate a coralli diversi a variati briozoi, in mezzo ai quali vi- 
vono numerosi molluschi. E appunto in tali condizioni che trovasi abbon- 
dantemente la L. carlofortensis. 

I numerosi esemplari che io possiedo da parecchi anni rispondono pre- 
cisamente alle molte forme regolari ed anormali figurate dal sig. Borne- 
mann ed altre ancora diverse se ne offrono per la grande variabilità nello 
sviluppo di tale conchiglia. Quanto alle dimensioni degli esemplari messi- 
nesi in generale sono pressoché uguali a quelli di Sardegna , ma taluni 
anco li superano pervenendo alla ragguardevole lunghezza di oltre 6 mil- 
limetri. 

Altra particolarità offertami dalla LinguUnopsis che vive nello stretto di 
Messina si è che le couchigliette da me raccolte sono altre bianche o gial- 
licce ed il maggior numero invece colorate in bruno più o meno intenso. 
Gli esemplari più freschi o i giovani sono sempre bianchi, e la colorazione 
evidentemente deve attribuirsi ad una incrostazione , che mano mano au- 
mentando rende più scuro il superficiale colorito della conchiglia, da ciò 
ne derivano le gradazioni numerose ; probabilmente tale incrostazione co- 
mincia a formarsi dopo avvenuta la morte dell'animale. 

Lo studio chimico di tale indumento vi scuopre soltanto dell' ossido di 
ferro, trattasi quindi alcerto di una patina di limonite che si va costituendo 
lentissimamente , chi sa pel concorso di quali circostanze ! Questo fatto si 
collega colla scoperta che faceva lo Challenger nel fondo dell' oceano di 
incrostazioni e concrezioni di limonite. 

È corto altresì che il fenomeno qui ricordato non si manifesta soltanto 
sulla superfìcie della LinguUnopsis, invade invece le conchiglie tutte dei 
molluschi, veruna esclusa, in modo che mano mano invecchiando imbruni- 
scono. 

Altro importante annuncio che mi sono proposto di faro in questa breve 
nota si è quello dello stato fossile in cui ho benanco raccolto la L. car- 
lofortensis. 

Nelle sabbie quaternarie dei dintorni di Messina, di uaita ad una fauna 
di molluschi, di briozoi e di coralli, quasi tutti viventi nel prossimo mare, 
trovasi la specie di cui discorro, essa vi è poco abbondante; ma presenta 
quelle variazioni nufiierose e quelle diverso anormalità nello sviluppo che 



— J37 — 

suole offrire allo stato vivente. Quanto alla grandezza degli individui fa 
d'uopo dire che essi raggiungono delle dimensioni ancora maggiori di quelli 
clie vivono nello stretto avendone raccolto alcuno lungo mill. 7,5. 

Questi fossili furono da me raccolti alla contrada Gravitelli presso Mes" 
sin a. 

Gr. Sequenza. 



CONCHIGLIE LITTORALI MEDITERRANEE 



MARCHESE DI MONTEROSATO 



(Contili. V. niim. prec). 

PAM. RISSOIDAE 
Zippora, Leacli. 

Peristoma dilatato; coln niella subdeulata; foiane gtMieraliuente elate. 
A. sp. aeiculiioraii (tipiche). 

71. Z. aiiriscalpium, L. (Turbo). 

= Eissoa acuta e R. acicula, Desm. (Med.). 

= Carychium latilahre, Jan., f. Anton. 

= Z. Drummondi, Leach. (Britann.). 

= R. auriscalpium , Schw. — Ubei' fam. Rissoiden li, p. 13, t. 1, f. 1 
(Med. e Adr.). 

Tipo e \ar. minor-laepìs, albida aut picta^R. pulchella, Risso (Alpi Mai'it.) 
e R. auriscalpiain, var. vitrea, Req. (Corsica); Schw. — 1. e. f. V\ 

B. sp. del lipo della Rissoa elata. 

72. Z. paradojca, Moiils. (nova forma). 

Acutissima, translucida, uuicolore (oro antico), ad apertura mollo espansa ed 
irregolarm(-nto dilatata; anfratti (7) rapidis>imi, contorti, subcostati. 

Anche di Magnisi e di Trapani (Monts.) ; Bona (Morlet) ; coste di Barberia 
nello spugne (Monts.); Sfax, esemplari perfetti (Nerville). 

// Naturalista SicilianOj Anno III. 18 



- 138 — 

73. Z. elata, Pli. (/?moa)— II, p. 124, t. 23, f. 3 (Taranto e Napoli). 
Non si cita espressamente la figura data da Schwartz, che non confronta esat- 
tamente col tipo di Philippi. Le due macchie nella parte esterna dell' apertura 
sono caratteristiche. 

Anche di Tolone (Vimont); Ajaccio (Requien). 

74. Z. ohionga, Desni. [Rissoa). 

= R. ohlonga, auct. e Scliw. — 1. e. p. 15, t. 1, f. 3 (Med. e Adr.). 
Abbondantissima e generalmente conosciuta. Var. major, minor e varie forme 
nella medesima località. Anche nel Mar Nero. 

75. Z. fragilis, Michaud {Rissoa)— Coc[. gea. Rissoa, p. 12, f. 9 e 10 (C. 
di Provenza). 

Forma Mediterranea della Rissoa o Zippora membranacea, Ad. {=:labiosa, 
Mtg.). Anche Adriatica (Brusina ed altri); Arcipelago Greco (Conemenos). 

Sabanea, Lcach. 

Nome che adotto per distinguere le Rissoae del tipo della A*, parva, Da C.)sta, 
{=i'ì S. paucicostata, Leach) sp. Atlantica. 

76. S. pulchella, Ph. {Rissoa)— \, p. 155, t. 10, f. 12 mediocre (fossile di 
Militello in Sicilia) e II, i). 128 (Palermo e Magnisi). 

Schw.— 1. e. p. 33, t. 2, f. 21 (Med. e Adr.). 
Variabile nella forma, spessezza, costulazione, colorito. 

77. S. radiata, Ph. {Rissoa)-\, p. 151, t. 10, f. 15 e II, p. 128 (Palermo 
e Magnisi). 

Schw.— 1. e. p. 37, t. 2, f. 26 (Med.). 
Comunissiraa ed estremamente \ariabile. 

78. S. simplex, Ph. {Rissoa)-\\, p. 129, t. 23, f. 17 (Magnisi). 
Schw.— 1. e. p. 36, I. 2, f. 24 (Med. e Adr.). 

Anche di Siria (Ehreuberg, f. PhUippi) ; costo di Barberia a Sfax (Nerville); 
Palermo e Trapani (Brnguone ed altri). 

79. S. plicatula, Risso {Alvania) sec. Sclnv. — 1. e. ]). 36, t. 2, f. 26 (sub- 
fossile di Nizza, Marsiglia e Rodi). 

Carini (De Gregorio); Palermo nel porto, Magnisi, Trapani (Monis.); Messina 
(Seguenza, Benoit, Granata); Bona (llagenmiiller); Tiniisi (Deschamps) ; Falera 
(Morlet); Prevesa (Conemenos). 

Molte specie appartenenti a (jueslo gruppo nel Medilerraueo, tra le quali cito 
soltanto la : 



— 139 — 

80. aS. manda, Monls. (nova forma). 
Conica, liscia, pellucida, lineata a zig-zag; apertura non ingrossata. 
Coste (fi-Barberia nella spugne (iVTonts.); Sfax (Nerville). 

Apicularia, Monts. {nov. sect.). 

81. A. similis, So. {Eissoa)—C-cit. Regni Neap., p. 14, N. 28 (Taranto). 
= R. apiculata, Dan. e Sancì. (Dalmazia). 

= R. similis, Ph. — II, p. 24 , t. 23 , f. 15 (Sic.) e Schw.— 1. e. p. 38, 
t. 3, f. 28, 28a (Med. e Adr.) esci, synon : R. arata, Récl. e R. ovatella, Forb. 

Numerose varietà di forma : m,ajor, minor, solida, tennis ecc. ; ore amethi- 
stino, albido ecc. 

Var. rubrocincta, Dan. e Sand. (Dalmazia). Forma più solida del tipo, opaca, 
fortemente costata , striata in senso spirale , con due zone rossastre. Var. ex 
col.: falca, senza zone; Dalmazia (Stalio); Var. albina; Carini (De Gregorio); 
Palermo (Monts.); Sebastopoli (Morlet). 

Var. apicina, Monls. Più piccola, panciuta, apice estremamente assottigliato, 
acuto,- scuro. Comune a Trapani (Brugnone ed altri); Palermo scarsa (Monts.); 
Var. ex col. : castanea; Trapani (Monts.). 

Var. decurtata, Monts. Corta, assai panciuta, apice stiliforme, base ristretta. 
Ognina e Palermo (Monts.). Var. ex col. : fulminea ; rossiccia, tutta ornata di 
linee fulminee, angolate e flessuose bianche. Palermo, Trapani, Ognina, (Monts). 

Var. striata ; ad anfratti senza coste , pellucida. Palermo , Trapani , Carini, 
(Monts.). Anche Adriatica. 

82. A. subcostulata, Schw. {Rissoa)—\. e. p. 41, t. 3, t 32 e 32a (Coste 
di Provenza e di Spagna). 

Direrse forme e varietà di colorito a scacchiera ed a zig-zag , oltre del tipo. 
La R. costulata, Alder, come anche la R. arata, e la R. Gaerini, Rècluz, sono 
forme Atlantiche. La R. decorata, Ph. {=zpalchella, Lanza), è Adriatica ed è 
stata specificamente distinta. 

83. A. melanostoma, Req.— Coq. Corse p. 53, N. 28 (Ajaccio). 
Solidetta, acuta, attenuata all'apice ed alla base, ventrosa, senza coste, leg- 
germente striata alla base, lucida, fulva o castanea; bocca violacea a peristoma 
sporgente. Diverse dimensioni, sempre più piccole della precedente. 

Ognina, Palermo, Trapani (Monts.); Sardegna nella corallina (Monts.). 
Var. amphorula, Brugnone ms. (ex typo^=:var. mino r-f algida, Monts. 
Costantemente più piccola (2 mill. 1[2 alt.), fulgida (quando è detrita), colore 
d'opale con l'apice scuro. Carini ed Ognina (Monts.); Trapani (Brugnone). 

84. A. Lia, (Benoit ms.) Monts. (nova forma), dal tipo di Messina. 
Forma distinta , conica , fulva o castanea, ad apice ottuso , coi primi anfratti 
subcostulati , l'ultimo per lo più sprovvisto di coste e spiralmente striato verso 
la base; bocca rotonda, violacea. 



— 140 — 

Carini (De Gregorio); Ognina e Palenno (Monts ); Roussillon (Dautzenberg); 
Porlo- Venere (Del Prete); Livorno e Castiglioiicello (Uzielli e Caifassi); Sardegna 
nella corallina (Snlliotti); Algeria (Morlel, Joly). 

85. A. nitcns, Monls. (nova forma). 

= R. nitida, Brugnone ms. (e\ typo) — nome specifico impiegato per altre 
specie della fam. Rissoidae (es. R. nitida, Brus.). 

Qnasi cilindrica, a forma (VAclis, regolarmente avvolta, con 6 anfratti tvn-gidi, 
convessi, levigati, cristallini; apertura rotondata, peristoma semplice. AH. mill. 2 
e lì2, larg. 1. 

Varie dimensioni; forme più o meno cilindriche. 

Trapani (Brugnone e Monls.) ; Palermo ed Ognina (Monts.) ; Magnisi (coli, 
Tiberi); Piombino (Del Prete); Marsiglia (SoUier). 

Lai?, similis var. lecis, Watson— Proc. Zool. Sor. 1873, p. 379, t. 25, f. 16a, 
di Madèra, è ima forma vicina. Altra parente è la R. gemmula di Fischer. — Les 
fonds de la mer, p. 151, t. 23, f. 3, come del Golfo di Guascogna. 

Rissoa, Fréminville. 

86. R. variabilis, v. Muhlfeld (7V/-òo)— Scliw., 1. e. p. 44, t. 3, f. 35, 35a 
(Med. e Adr.). 

= R. costata, Desm. (Med.). 
= R. costidata, R'sso (Alpi Marit.). 
=: Turbo Rissoaniis, Delle Chiaje (Nap.). 
=: R. Desmaresti, Forbes (Mar Egeo). 
La forma più ovvia. Specie ricca di varietà, di forma e colorito. 

87. R. ventricosa, Desm. — Schw., 1. e. p. 45, t. 3, f. 30 (Med. e Adr.). 
Si cita fra i sinonimi la R. suboent ricosa, Cantr. (Ostia)o 

Varie dimensioni. 

Persephona, Loach. 

Come per la Sabanea , adotto questo nome per le specie a scultura puntata, 
di cui un rappresentante è la P. rufdabris, Leach. 

89. P. violacea, Dcsm. 1814— Schw. 1. e. p. 51, 1. 3, f. 42 (Med. e Adr.). 
= Turbo ainethistinus, Ren. 1807, senza descrizione (Adr.). 
= R. purpurea, M' Andrew (Canarie). 
Altri nomi, come R. punctata, Pot. e Mich.; R. lilacina, Récluz; R. pori- 
fera, Lavén, sono riferibili a forme Atlanticlie e Nord-yVtlantiche. 
Tipo e var. rninor. 
Esemplari detriti costituiscono la R. iricolor, Risso (Alpi Marit.). 

(continua). 



— 141 



IL QUATERNARIO DI RIZZOLO 



(Cont. Vedi Niua. pi-ec). 

n. 

Gli Ostracodi. 

C. clathrata (Renss.)- 

Tav. II, fìg. 3. 

1849. Cypridina clathrata Reuss. Haidìnger Abhandl., Ili, p. 71, t. 9, fig. 31. 

Gli esemplari che io rapporto alla specie del Brady vi corrispondono 
quasi esattissimamente , in modo che io ritengo per fermo che la specie 
del Quaternario di Rizzolo sia precisamente quella del miocene di Boemia. 

Non è così per le forme vario viventi che sono state riferite alla specie 
del Reuss, tutte più o meno a creder mio se ne allontanano, e nemmeno 
vi si possono rapportare le forine dette C. li/rata Reuss, C. latimarginata 
Speyer. Per siffatte considerazioni ho soppresso tali nomi dalla sinonimia, 
e le figure tutte del Brady nel Zool. trans. Tav. LIX (1). 

Non credo inutile dare una descrizione degli esemplari che io riferisco 
alla C. clathrata: Conchiglia ovato -oblonga, quasi quadrangolare guardan- 
dola lateralmente , colla maggiore altezza al terzo anteriore ed uguale a 
meno della metà della lunghezza; la regione anteriore larga, bene roton- 
data ed alquanto obliqua, col margino finamente dentellato; la regione po- 
steriore si restringe gradatamente ed è quasi troncata all' estremità , dove 
alla parte superiore si termina in un angolo ottuso , dalla metà in giù 
sporge in una prominenza più larga che lunga, col margine estremo, obliquo 
e fornito di dentelli acuti; il margine dorsale forma un angolo appena sen- 
sibile nella sua parte più elevata, ed uno rotondato all'estremità posteriore, 
tra questi due angoli la sua curvatura è leggiera ; il margine ventrale è 
quasi retto con un lievissimo seno verso il terzo anteriore; guardata la con- 



(1) Il sig. Brady ha associato dipoi tali forme alla C. tuberculata (Vedi Mon. 
post-tert. Entom.). 



— 142 — 

chiglia dal dorso ha forma ovata colle due estremità prominenti ma larghe, 
colla maggiore larghezza al terzo posteriore che supera la metà della lun- 
ghezza ; la forma del contorno guardando la conchiglia da un estremo è 
triangolare colla larghezza maggiore della lunghezza , coi lati convessi e 
gli angoli arrotondati ; la superficie della conchiglia offresi ornata da una 
reticolazione a maglie variate nella forma ed incavate , il margine ante- 
riore è cinto assai prossimamente da un rialzo quasi lamelliforme; al centro 
della conchiglia v'ha un indizio di prominenza rotondata. 

Dai caratteri precedenti risulta chiaramente come la conchiglia descritta 
riproduce bene la C. clathrata del Reuss ; la minima diffareuza che io vi 
noto consiste soltanto nella minor larghezza e maggior lunghezza della pro- 
minenza posteriore, caratteri in vero abbastanza variabili in molte specie. 

Var. minor n. Alcuni esemplari più piccoli, che io distinguo con questo 
nome offrono la prominenza posteriore più breve, i dentelli marginali più 
piccoli e la scultura della superficie a maglie più piccole e con incavature 
più superficiali. 

DlST. GEOGR. 

Secondo il Brady vive in Norvegia ed all'Isola Hundo, ma come ho già 
accennato di sopra lo forme rapportatevi si discostano più o meno dai fos- 
sili boemi, ed egli stesso più tardi li ha ripartito in varie specie. 

D]STR. STRAT. 

Miocene superiore di Boemia — Quaternario di Rizzolo ! 

C. tuberculata (G. 0. Sars.). 

1865. Cythereis tuberculata Gr. 0. Sars. Overs. Norg. mar. Ostrac, p. 37, 
1865. Cythere mutaòilis, elathrata, var. lyrata^ var. laty marginata Brady. 

Trans, zool. Soc, p. 377, tav. LIX, f. 12, 13, 14. 
1868. „ tuherculata Brady. Monogr. Ree. Brit. Ostrac, pag. 406, 

tav. XXX, f. 25-41. 
1874. „ „ Brady. Crosckey, and Robertson. Mon. post-tert. 

Entom., p. 164, tav. V, fig. 7-12. 

Qualche raro eseiìi[)larc che io riferisco anco con un certo dubbio a que- 
sta specie, si rapporta ad alcuna di quelle forme che il Brady avea riguar- 
dato come varietà delli C. clathrata^ e perciò ha scultura formata d'incavi 
piuttosto che di prominenze, e conviene poi nella forma e negli altri varii 
caratteri. 



- 143 



DlSTR. GEOGR. 



Baia di Baffin, Inghilterra, Norvegia, Spitzborge, Baia di Biscaglia, Indie 
occidentali. Golfo di S. Lorenzo— Porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario d'Inghilterra e di Norvegia — Rara a Rizzolo ! 
C. Wyville-Thomsoni Brady. 

1880. Cythere Wyville-thomsoni Brady. Rep. Challenger, pag. 82, tav. XX, 

fig. 4 a-f. 

È una sola valva quella che io rapporto quasi senza esitare alla specie 
sopradetta, difatti a guardarla lateralmente sono minime le differenze che 
vi si riscontrano , cioè : Il margine anteriore porta dentelli alquanto più 
grossi e meno ravvicinati, dopo la zona che lo cinge striata radialmente, suc- 
cedono degl'incavi maggiori di quelli di tutta la superficie, disposti in serie 
curva attorno 1' estremità anteriore; 1' estremità posteriore ha cinque denti 
spiniformi acuti anziché spuntati, la superficie colla sua scultura reticolato- 
foveolata risponde bene alla nominata specie. Al centro della valva v'ha 
una rottura rotondata per la quale non può constatarsi bene la prominenza 
centralo. Guardando l'unica valva dalla regione dorsale come dalla ventrale 
il contorno colle prominenze anteriore e posteriore angolosa 1' una e den- 
tata l'altra risponde precisamente alle figure date dal Brady e solamente 
il margine delia valva dal lato dorsale non offresi posteriormente così elar- 
gato come vedesi nelle figure del Brady, o meglio quel cordoncino che lo 
cinge ad una certa distanza non si allontana di troppo alla parte poste- 
riore. Il contorno da un'estremità della valva ricorda anco quello della spe- 
cie vivente cui la rapporto, soltanto l'angolo laterale è ottuso e rotondato. 

Le piccole differenze notate non sono tali da far dubitare dell'esattezza 
della determinazione specifica. 

E notevole intanto una osservazione, quella cioè che i caratteri differen- 
ziali testé connati valgono a ravvicinare dippiù la Cythere di Rizzolo alla 
C. Thierensiana Bosquet, colla quale la vivente è senza dubbio molto af- 
fine. 

DlSTR. GEOGR. 

Baia Balfour e Porto Christmas, Isola Ker^ueleii , Isola Heard , Stretto 
Torres. 



„ 144 — 

DlSTR. STRAT. 

Rarissima nel quaternario di Rizzolo ! 

C. antiquata (Baird). 

1850. Cytherels antiquata Baird. Brit. Entom., p. 176, tav. XX, fig. 2. 
Ì8QS. Ci/there antiquata Brady. Mon. Brit. Ostr. , p. 417, tav. XXX, 

fig. 17-20. 
1868. „ „ Brady. Les fonds de la mer. Voi. I, p. 89. 

1868. „ j, Brady. Ann. and mag. of Nat. History , p. 220. 

looy. „ „ „ „ „ „ „ „ „ p. 4t). 

1874. y, „ Brady. Crosskey, Robertson Mon. post-tert. Ostr., 

p. 170, tav. XII, fig. 8-10. 
1880. „ „ Segueiiza. Le forra, terz., p. 363. 

Questa specie ben nota e comune nei mari d'Europa trovasi anco fossile 
nel quaternario di molti luoghi. 

A Rizzolo essa è comune e presenta molte variazioni sopratutto pel mo- 
dificarsi variamente delle diverse parti e prominenze del margine e della 
superficie. 

Una piccola forma, che direi var. minor si distingue poco dall'ordiaaria 
ed offre anche le sue diverse gradazioni. 

DlSTR. GEOGR. 

Gran Brettagna, Irlanda , Baia di Biscaglia , Levante , Mediterraneo, — 
Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Fossile nel quaternario d'Inghilterra, come di Calabria! e di Sicilia! — 
Comune a Rizzolo ! 

C. Whiteil (Baird). 

1850. Cìjtherels Whitcii Baird. Brit. Entom., p. 175, tav. XX, fig. 3, 3a. 
1868. Cythere Whiteii Brady. Mon. Brit. Ostr., p. 416, tav. XXX, fig. 21-24. 
1868. „ „ Brady. Les fonds de la mer. Voi. I, pag. 89. 

1870. „ „ Brady. Ann. and Mag. of Nat. Hist., p. 450. 

1874. „ „ Brady , Crosskey and Robertson. Post-tert. Entom. 

pag. 169, tav. XII, fig. 1-3. 
1880. „ „ Seguenza. Le form. terz., pag. 363. 



— 145 — 

Questa rara specie si presenta molto variabile a Rizzolo, sopratutto nel- 
l'andamento e nello sviluppo delle prominenze marginali e della superficie, 
siccome accade della specie procedente. 

DlSTR. GEOGR. 

Gran Brettagna, Levante, Golfo di S. Lorenzo. 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario — Inghilterra, Calabria ! Sicilia ! — Rara a Rizzolo ! 
{continua) G. Sequenza. 



INDICE ITTIOLOGICO 

DEL 

PROF. ANASTASIO COCCO 

(per cura del Dott. Luigi Facciola'). 



Soci chiarissimi. 

Non vuoisi certo riputare opera di grave momento il compilare un Ca- 
talogo di oggetti naturali , ma senza dubbio è da grande utilità accompa- 
gnata almeno per gli stranieri cui prendesse vaghezza di venire in cono- 
scenza degli esseri che in una regione del globo si rinvengono. 

Ed è sol per questo che impresi a noverarvi ì pesci dei mari dì Mes. 
sìna, come già prima di me avea fatto per quei dell'intiera Sicilia il Cu- 
pani nel suo Panphyton Siculum tra gli antichi, e l'americano Rafinesque 
Schmaltz colle svariate sue opere tra i moderni. Protesto però che questo 
mio lavoro, frutto di molti anni e di assidue ricerche, non è al tutto com- 
pleto, tra perchè non ho potuto studiare diligentemente tutte le condizioni 
del mare di Messina, cosa che altra volta coadiuvato dall' opera di alcuni 
scienziati miei concittadini , mi è in animo mandare ad effetto , e perchè 
alcuni pochi pesci notissimi ai pescatori sonomi tuttora ignoti. 

Dovendo poi nell' ordinamento dei pesci seguitare uno dei metodi più 

Il Naturalista Siciliano, Anno III. 19 



— 146 — 

accreditati, piacemi eleggere quello del mio cliiarissìmo amico il Principe 
Bonaparte, che parmi meglio naturale, e pii^i il diverrà per lo assiduo studio 
ch'ei vi spende onde ridurlo a perfezionamento. 

In questo catalogo che comprende 311 pesci, racchiusi in 160 generi, in 
81 sottofamiglie ed in 42 famiglie, al nome scientifico terrà dietro il vol- 
gare Messinese, del quale pochi pesci, che non sono in uso, ne mancano,' 
ed a schiarimento ve ne appongo alcuno sinonimico, e sopratutto del Ra- 
finesque, le opere del quale lasciano ancora desiderio di venire convenien- 
temente illustrate. 

Se poi i tempi, e le mie condizioni sociali mi concederanno agio di spen- 
dere ancora alcun tempo intorno allo studio dei pesci del mare di Mes- 
sina, io nutro speranza di dare opera al Prodromus Jchtìiyologiae Messanensis 
che da molti anni mi sta in animo di scrivere, nel quale le cose avranno 
più ampio ed aggiustato schiarimento. 

Concedetemi , Soci ornatissimi , indulgenza , non potendo per così poco 
sperare più che tanto. 

Messina 20 Settembre 1845. 

CLASSE— F^esci 

SOTTOCLASSE 1" — Elasmobranchi. 

SEZIONE V^ — Plagiostomi. 

ORDINE 1°— Selaciani. 

FAMIGLIA l'I — Raidi. 

(SOTTOFAMIGLIA la - Cefalotterini) 
SOTTOFAMIGLIA 2^ — Miliobatini 

Genere 1*^' — Mylióbatis 

Sp. 1. Mylióbatis aquila (Duméril, Elasniobr. p. 634). Taddarita 

Raja aquila (Lin. Syst. I, p. 396). 
Leiobatus aquila (Raf. Ind. p. 48). 



- 147 - 

(SOTTOFAMIGLIA 3''— Anacantini) 
SOTTOFAMIGLIA 4* — Trigonini 

Genere 2'^ — Pteroplatea 

Sp. 2. Pteroplatea altavela (Muli, et Henle, p. 168). Biigglmt 

Raja altavela (Liii. Syst. I, p. 396). 
Trygou altavela (Bonap. le. Fa. It.). 
Dasyatis altavela (Raf. Ind. p. 49). 

Genere 3'' — Trygon 

Sp. 3. Trygon pastinaca ( Adansou). idem 

Raja pastinaca (Liu. Syst. I, p. 396). 

Dasyatis pastinaca (Raf. Ind. p. 61). 

Uroxis Ujus ? (Raf. App. Ind.). 
Sp. 4. Trygon violacea (1) (Bonap. le. Fn. It.). idem 

SO l'TOFAMIGLIA 5*^ - Raini 

Genere 4° — Baja 

Sp. 5. Raja maculata ( Moutagu, in Werner. Mein. II, p. 426) Pisci finiìni- 
Raja batis (Lin. Syst. I, p. 395). nedda 

Raja pigara (Raf. Caratt. p. 15). 
Sp, 6. Raja radula (Belar, Mém. Poiss. Ivic. in Mus. Pichira 

Hist. nat. XIII, p. 321), 
Sp. 7, Raja miraletus (Lin. Syst. I, p. 396). 

Sp. 8. Raja quadriiiiaculata (Riss. Hist, III, p. 150). idem 

Sp. 9. Raja marginata (Lacép. Hist. nat. Poiss. Y, idem 

p. 663, t. 20, f. 2). 
Raja rostellata (Riss, Iclit. p, 8, f. 1 e 2). 
Sp. 10. Raja falsavela (Bonap. le. Fn. It.). idem 



(1) I pescatiiri fan fede di' esiste un Buijnhia (Trygon) di color violetto che 
sarebbe il T. riolacea che ben distiuguono dall'altro^ io però uou l'ho mai ve- 
duto. 



— 148 - 

Sp. 11. Kaja Jojenìa (Cocco, Atti Acc. Gioenia, XI, p. 85). Pichira 

OssERVAz. Delle razze qui noverate la più comune è 
la M. maculata , men raro sono la R. miraletiis e la 
B. quadrimaculata, più rare però la R. radula, la R, 
marginata, la R. falsavela e la R. Jojenìa. 

GrENERE 5'J — Dasylatis 



Sp. 12. Dasybatis asterias (Bonap. le. Fn. It.). 

Raja asterias (Delar. in Ann. Mus. p. 302). 
Sp. 13. Dasybatis aspera (Bonap. le. Fn. It.). 
Sp. 14. Dasybatis clavata (Bonap. ib.). 

Raja clavata (Lin. Syst. p, 397). 



idem 



Genere 6° — Laeviraja 



Sp. 15. Laeviraja macrorhynchus (Bonap. le. 
Fn. It.). 

Raja oxyrhynchus (Risa. Hist. Ili, p. 156). 
Sp. 16. Laeviraja oxyrliynclius (Bonap. le. Fn. It.). 

Raja macrorhynchus (Raf. Caratt. p. 15). 



Picara 
monaca 

5 



SOTTOFAMIGLIA 6» _ Torpedinini 
Genere 7° — Torpedo 

Sp. 17. Torpedo narke (Riss. Icht. p. 18). Trèmula 

Raja torpedo (Gm. L. Syst. I, p. 1504). 

Torpedo uniraaculata (Riss. Icht. p. 20, t. III, f. 3). 

Torpedo ocellata (Raf. Ind. p. 60). 

Torpedo variegata (Raf. ib., p. 65). 
Sp. 18. Torpedo Galvani (Riss. Icht. p. 21, t. Ili, f. 5). idem 

Raja torpedo (Lin. Syst. I, p. 395). 

Torpedo marmorata (Riss. Icht. p, 20, t. Ili, f. 4). 

Torpedo immaculata (Raf. Ind. p. 60). 

Torpedo punctata (Raf. ib. p. 61). 



{continua). 



— 149 — 

GLI OSTRACODI 

DEL 

I=OISTO IDI 3^ESSia>T-^ 



(Cont. V. N. prcc). 
C. Speyeri, Brady. 

Ann. and Mag. Nat. Hist., ser. 4, voi. II, p. 222, tav. XV, fig. 8-11. 

11 tipo di questa specie è proprio del Mediterraneo, esso differisce dalla 
precedente per la sua convessità , per la scultura e per altri caratteri. I 
pochi esemplari raccolti nel porto di Messina rispondono bene coi caratteri 
dati loro dalla descrizione di tale specie e portano la spina al margine poste- 
riore della regione ventrale ora bene sviluppata ed ora rudimentaria. 

DlSTR. GEOGR. 

Tenedos, S. Vincenzo, Capo Verde, Isola dell'Ascenzione, Colon e Nuova 
Provvidenza — Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Rizzolo ! 

C. venus n. 

1883. Cìjthere veims Seguenza. Il Quaternario di Rizzolo IL (Il Natur. Sic. 
Ann. II, N. 2, pag. 48, tav. I, fig. 7). 

Conchiglia piccola, guardata lateralmente è di forma ovato-oblonga, quasi 
tetragona, colla maggiore altezza che è presso la fronte, alla distanza di 
un quarto della totale lunghezza, della quale in valore oltrepassa la metà; 
l'estremità anteriore ò larga, completamente rotondata, col margine intiero, 
ma con rare, piccolissime ed irregolari prominenze; la regione posteriore 
è troncata, aagolosa e porta nella metà inferiore una prominenza larga, 
dentellata o fornita di piccole spine al margine; il margine dorsale arcuato 
porta un angolo ottuso , ma distinto, là dove ò la maggiore altezza della 
conchiglia , e si termina posteriormente in altro angolo rotondato e meno 
distinto, la porzione interposta trai due angoli è ben poco curva ; il mar- 



— 150 — 

gine ventrale è curvo-convesso nella porzione posteriore , leggermente si- 
nuoso tra la fronte e la parte mediana, d'ordinario sporge una piccola spina 
dal margine ventrale assai presso la sporgenza posteriore; veduta dalla re- 
gione dorsale la conchiglia si offre considerevolmente compressa, di forma 
allungata ed assottigliata ai due estremi, che sono poi ottusi , con piccole 
prominenze angolose ai lati, il maggiore spessore che è di circa due quinti 
della lunghezza totale, trovasi al terzo posteriore, e verso la metà il con- 
torno d'ambo i lati si appiana ovvero forma un lievissimo seno ; guardata 
da un'estremità offre forma ovato-rotondata ; le valve sono ornate da nu- 
merose escavazioni ravvicinate, di forma e di grandezza variabili, sulla me- 
desima valva essendovene rotondate, allungate, poligonali, ma disposte di 
tal maniera che una linea più o meno sottile s'interpone tra l'una e l'altra, 
in modo che la riunione di tali linee forma una rete di fili prominenti in 
taluni casi, depressi ordinariamente, una linea esile cinge a brevissima di- 
stanza e parallelamente il margine anteriore; i due tubercoli cardinali sono 
prominenti e lucidi. 

Var. messanensìs n. 

Più gracile, meno angolosa, col margine ventrale più sinuoso, colla com- 
missura delle valve ad angolo più acuto, colla scultura foveolata e poco o 
mal distinta la reticolazione. 

Lunghezza Altezza Spessore 

0, 5»"". 0,28'""'. 0,2 1-»"'. 

0, 4°^™. 0,23»"'. 0,17""". 

La forma tipica è fossile del quaternario di Rizzolo , la forma vivente 
nel porto di Messina io ve l'associo con molto dubbio, a titolo di varietà, 
essa potrebbe anco essere una estrema modificazione della C. convexa, ma 
porta la maggiore spessezza molto anteriore, ed inoltro trai fossili di Riz- 
zolo si trovano delle gradazioni verso questa forma , nel porto di Messina 
non mi occorse di vedere dei termini intermedi tra questa e la C. convexa. 

DlSTR. GEOGR. 

La varietà è molto rara nel porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario dì Rizzolo ! (Forma tipica). 



— 151 



C. Woodwardi Brady. 

1868. Cythere Woodivardi G. S. Brady. Les fonds de la mer, voi. I, p. 93, 
tav. X, fig. 19-21. 

I pochi esemplari da me raccolti nel porto di Messina offrono la loro 
altezza minore di quanto è rappresentata e descritta dallo scopritore, hanno 
inoltre il margine ventrale più sinuoso. 

DlSTR. GEOGR. 

Trovata dal Brady nel mare di Messina — Rara nel porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Non conosciuta fossile. 

C. albo-maculata Baird. 

Brit. Entom., p. 169, tav. XX, fig. 7. 

Questa è specie rarissima nel porto di Messina , io non ne raccolsi che 
un solo ma completo e ben caratteristico esemplare. 

DlSTR. GEOGR, 

Gran Brettagna, Irlanda, Norvegia, Levante , Capo Verde. — : Porto di 
Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Scozia, d'Irlanda. — Rizzolo ! 

C. tenera Brady. 

1868. Cythere tenera G. S. Brady. Monogr. ree. Brit. Ostr. , pag. 399 , 

tav. XXVIII, fig. 29-32. 

1869. „ „ G. S. Brady. Ann. and Mag. of N. H., pag. 45-46. 
1874. „ „ G. S. Brady. Crosskey and Robertson. Mon. post-tert. 

Entom., pag. 145, tav. XIII, fig. 6-7. 
1880. „ „ G. S. Brady. Rep. Challenger, p. 63, tav. XII, fig. 3 a-f. 

L' unico esemplare raccolto, con molto dubbio e quasi provvisoriamente, 
io lo riferisco alla specie sopranominata, dappoiché esso offre delle diffe- 



— 152 — 

renze, che bisogna sieno studiate sopra una serie d'individui. Il mio esem- 
plare si presenta pressoché uguale in altezza per quasi tutta la lunghezza, 
con un leggiero seno tanto sul dorso quanto al margine ventrale, entrambi 
in corrispondenza. Guardando la conchiglia lateralmente, l'estremità ante- 
riore è quasi uguale alla posteriore, ma dal dorso l'estremità posteriore è 
più rigonfia e rotondata di quanto offresi nel tipo della specie. L'individuo 
che esamino del resto ha maggiore somiglianza, coi fossili quaternari d'In- 
ghilterra figurati dal Brady. 

DlSTR. GEOGR. 

Gran Brettagna, Irlanda, Shetland, Baia di Biscaglia, Baia Besika, Me- 
diterraneo — Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Scozia. i 

C. crispata Brady. 

Ann. and Mag. N. H., Ser. IV, voi. II, p. 221, tav. XIV, fig. 14 e 15. 

Gli esemplari che vi si riferiscono variano abbastanza e nella conforma- 
zione e nella scultura. 

DlSTR. GEOGR. 

Porto Jackson, Isola Boaby, Hongkong, Harbour, Inghilterra, Norvegia, 
Mediterraneo — Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario dell'Irlanda, della Scozia e della Norvegia. — Rara a Riz- 

zolo ! 

[continua) G. Sequenza. 



SSpieg^a-ziioiie della. Tavola. II 



Fig. 1. Hrjpslrhijncliiis hepaiicus di gr. nat. 

Fig. 2. Sua vescica natatona. {V. il numero precedente del giornale pag. lllj. 



Enrico Ragusa Dirett. resp. 



i ANNO III 1 MARZO 1884 N. 6. p 

I IL NATURALISTA SIGILI ANO I 

GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 1 



\&1 



(Jvcih^^^/S'/ 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO 01 MESE = 



I ' ABBONAMl<:X'r(> ANNUALE | 

1 Italia L. 10 » = 

= P.\i:si COMPULSI nlll'unione postale » 12 » ^ 

E Altui falsi » 14 » = 

= Un numluo separato, con tavole » 1 25 3 

^ » SENZA tavole » 1 « = 

= Gli arbonamenti cominceranno dal 1"^ di ottobre di ogni anno S 

s Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione p 

I al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 1 

1 SOMMARIO DEL NUM. fi. | 

= T. De-Stefani — Imenoitei-i nuovi o poco conosciuti della Sicilia (coni.) = 

S March, di Mjnterosato — Conchiglie littovali mediterranee (coni.). = 

= L. Facciola — Note sui pesci dello Stretto di Messina. = 

= P. Doderlein — Ricorrenza del Rhinohatus Halavi Rilpp. nelle acque marine = 

= della Sicilia. = 

-^ A. Gocco— Indice Ittiologico del mare di Messina (continua). = 

= G. Seguenza— // Quaternario di Rizzalo (coni.). 3 

= F. Minà-Palutnbo — Lepidotteri Druofagi (continua). = 

p G. Seguenza— (r// Osiracodi del Porto di Messina (continua). -= 

= A. De Gregorio — Cora^/t Giuresi di Sicilia. 3 

= A. Senoner — Cenni Bibliografici. ' = 

^ E. R.—Notizie. 1 



PALERMO 
Stabilimento Tipografico Virzì 

1884 



ANNO III. 1 MARZO 1884. N. 6. 

iTNATURniIrrsiaO^ 

IMENOTTERI NUOVI POCO CONOSCIUTI 

DELLA SICILIA 



In questa breve memoria sopra alcuni imenotteri trovati in Sicilia quello 
che mi par degno di nota non si è il numero delle specie nuovj che ver- 
ranno descritte, esse sono ben poche, e poi negli insetti e specialmento 
nell'ordine degli imenotteri, poco studiato in Sicilia, di specie ancora 
non conosciute è facile a riscontrarne. Quest'ordine nell'isola non ha avuto 
amatori e solamente qualche straniero vi ha raccolto poche specie , per 
la qual cosa uegl' imenotteri ci è da scoprire moltissimo , e nulla quindi 
di straordinario di un più o meno lungo catalogo di nuove specie ; ma è 
rimarchevole il fatto come il genere Pezomcicìius fosse rappresentato nel- 
l'isola di specie assolutamente non conosciute, difatti i sei insetti di questo 
genere che io vi ho riscontrati non possono riferirsi a nessuno dei già 
descritti ; questo a parer mio prova una cosa , cioè : che la maggior 
parte degli insetti conosciuti del genere in parola si appartengono quasi 
tutti al settentrione d'Europa, mentre le specie dei paesi più meridionali non 
sono ancora bene studiate. 

Cryptus bicolor, n. sp. 

Niffer. Anteìinis parte superiore fere lìi'ìdio albidis. palpis lateis. Laterihus 
metathoracis spinosis et super daobus l'meis exert'n undulatis. Alis hjaìlnis^ 
stigmate nirjro^ venis fuscentibus ^ tegulis luteis. Pedibas rufis, coxis nigris^ 
tiblis tarsii^ijne posterioribus concoloribus , spinis tibiarum luteis. Abdominis 
primo segmento ainci rujo ^ secundo omnino rufo , segucìitibus nigris ^ ano 
albo-maculato. 

Q Long. mill. 22 a 30. 

Ad Sandanij mpliam^ JuUi 1882. 

Le antenne di questo Crtjptus sono nere con gli articoli 7-11 di un 
bianco candido alla parte superiore; la testa è pure nera, i palpi lutei, il 
Il Naturalista SicilianOj Anno III. 20 



154 



corsaletto nero con gli spigoli dello scudello del mesotoraco lutei in parte, 
il nietatorace è più fortemente punteggiato del rimanente del corsaletto , 
inoltre esso porta due linee quasi parallele undulate e rilevate, una verso 
l suo mezzo , 1' altra foi-ma il limite posteriore e termina alla metta dei 
ati declivi del metatoraco in due piccole prominenze spiniformi. Le ali 
jaline hanno lo venature e lo stigma nero, le tegole sono giallognole in 
parte. 

Quest'insetto si avvicina al C. fuscipennis, Grav.; ma esso se ne distingue 
facilmente sì per la colorazione di alcune parti , sì per la scultura gene- 
rale del suo corpo. Conosco la sola femmina , la quale ha una lunghezza 
che da 22 va sino a 30 millimetri. 

Ho catturata questa specie in giugno nelle campagne attorno il piccolo 
paese di Santa Ninfa in provincia di Trapani. 



Pezomachus Riggii, n. sp. 



Pezomachus bicolor, Grav 



ThoracG longiorc, exscutellato. Ni- 
ger. Antennis riifo-fuscis , tJiorace , 
segmento 1 rnjìs^ pedlbnsque nìgri- 
cantihus. Q. 



TJiorace hreviore ìatiore , exscu- 
tellato. Niger; antennariim hasi^ ilio- 
race ^ segmento 7, pcdibusqtie ru- 



Longitudo mìll. 8-9. Antennae 
rufo-fiiscae, aliquando apiceui ver- 
sus obscuriores , articulo 1 semper 
fiisco. Thorax rufo-gihhidtis ., sine 
macida metathoracis et prothoracis. 
Scutelli indistinctì. Fedes fuscentes, 
coxis, trocanteris, genibus, tarsis ru- 
Jis, tibiis anterioribus Inteis-fuscen- 
tibus. Abdoììien segmento 1 rufo^ re- 
liquo nigro. Acideus qnintae partis 
abdominis longitudine. 

Ad Panar mum ., Castriimbomim ^ 
Sanctanympliam. Octobre , Aprile , 
Jidio, Decembre 1880-1882-1883. 



Longitudo 1 \ 3 fere 2 linearum' 
Antennae fuscae , basin versus dis- 
tiìictius aut obsoletius rufae , arti- 
cido 1 semper f meo. TJiorax macìda 
nigra laterali metatJioracis rarìus 
macula fusca dorsali prothoracis. 
Scutelli interdum rudimenium obso- 
letum. Pedes rufi, rarius femoribus 
ferì'ugineis, tibiis posticis interdum 
apice fiisco. Abdomen segmento 1 
rufo ; 2 ut plurimum marginihus 
ferrugineis aut ruj escent ibus, obso- 
letis, lateribus semper riifis; tdtimis 
interdum pallide marginatis. Acu- 
leiis quartae aut quintae partis ab- 
dominis longitudine. 



Il Pe^. Riggii neWa. facies molto si assomiglia al P. bicolor, Grav. inoltre 
alcune particolarità caratteristiche sono comuni ai due insetti , ma come 



— 155 — 

può vedersi dal confronto delle due descrizioni cliiaramcnte risulta la dif- 
ferenza delle due specie, a distinguere le quali basta solamente la forma 
del torace che è breve o largo nel P. hicolor ed allungato e piuttosto 
stretto nel P. Rlggii; il P Eiggii inoltre ha le mandibole rosse e l'addome 
rivestito di una pubescenza serica appena visibile : Delle varietà notate da 
Gravenhorst nessuna può riferirsi a questa specie. 

Ho catturato quest' insetto nelle campagne vicino Palermo nel mese di 
ottobre 1880 e nell'aprile 1882, l'ho raccolto pure ia Castelbuouo nel lu- 
glio del 1883 ed il mio amico Prof. Augusto Palumbo l'ha ritrovato nelle 
campagne di Santa Ninfa nel settembre dello stesso anno. 

Ho apposto a questa specie il nome del sig. Giuseppe Riggio come at- 
testato di amicizia. 

Pez. Ragusae, n. sp. 

Similis P. Rlggìl Niger^ nitidissimus. Antennis rnfis, articidis versus api- 
cem nigris. TJiorace rufo , ohlongo , valde gibbido. Pedihiis rufis, femoribus 
anteriorihus et intermediis ante nigro-maculatis ^ iiUimis articulis tarsorum 
fiiscis. Primo ahdominis segmento rufo. Aculeo ahdomiiiis dimidio partis lon- 
gitudine. Q Long. mill. 10. 

Ad Sancthanympham, Majo 1882. 

Quest'insetto è levigato e lucente, di color nero con riflesso di ardesia; 
le sue antenne rosse hanno diversi articoli verso l'estremità neri, in alcuni 
individui le mandibole sono lutei in altri neri assolutamente; il corsaletto 
è rosso più allungato che nella specie precedente e le sue gobbe sono assai 
marcate, i piedi rossi del pari sono macchiati di nero sulla facce esterna 
dei femori intermedii ed anteriori, macchia questa che in alcuni individui 
si marca meno , in altri scomparisce del tutto. L' aculeo è lungo quanto 
metta dell'addome. 

9 Long. mill. 10. 

Il Pez. Riggii si avvicina un poco a questa specie, ma il color generale 
nitidissimo e la scultura del corpo dividono nettamente le due specie. An- 
che quest'insetto ho catturato nelle campagne di Santa Ninfa nel mag- 
gio 1882. 

A quest'altra specie ho dato il nome del mio più caro amico sig. Enrico 
Ragusa, come attestato di affetto. 



~ 156 — 



Pez. semirufus, ii. sp. 

Caimt rufuni , mandihularnm apice et palpis nigris , antennis rufis, arti- 
calo tcrthio^ quarto, qainto nigro-fasciatis^iiUimis apicis quator articalis ni- 
gris. Thorax ritfus, hrevis, f/ihlndas; metatJiorace valde erodo. Pedes rafi, 
nigro-maculati, tihiis posticis et infcrmediis nigricantibns. Abdomeìi nigram, 
segmento primo riifo nigro -maculato. 9 Long. mill. 12. 

Ignoto loco et epocha. 

In questa specie di Pezomaclius la metta anteriore del suo corpo com- 
preso il primo segmento dell'addome è rossa; le antenne hanno gli arti- 
coli 3°, 4" e 5* fasciati di nero, ma in questi articoli la loro estremità su- 
periore resta colorita in rosso , gli ultimi quattro o cinque articoli termi- 
nali sono completamente neri , è nero pure l' apice delle mandibole ed i 
palpi. I piedi rossi sono listati e maccliiottati di nero, specialmente allo 
tibie intermedie e posteriori in cui resta solamente un po' di testaceo su 
parte della loro faccia interna ed esterna. L'addome è nero, il solo primo 
segmento è rosso con gli spigoli laterali neri ed una macchia dello stesso 
colore sul suo centro presso il margine posteriore. 

È assai rimarchevole in questa specie la struttura del metatorace il quale 
forma una gohba molto elevata e robusta, e direi che essa sta a cavaliere 
su l'altra gobba formata dal protorace, la quale è molto piìi piccola. 

Il Pez. scmirujus è così caratteristico che si distingue subito da tutto 
le altre specie, e né nel Gravenhorst , ne nel Foerster ho trovato specie 
che vi si avvicinano. 

Pez. pusillus, n. sp. 

Niger, statara pusillus. Capite et antennis rufis^mandihularum apice nigro, 
palpis luteis. TJiorace rufo, ohlongo-gihhulo, metatìwrace fusco. Podihas rufo- 
fuscis. Ahdomine omnino nigro. Aculeo quartae partis ahdominis longitudine. 
9 Long. mill. 6. 

Ignoto loco et epocha. 

E questa specie di dimensioni piccolissime , ha la tosta ed il corsaletto 
rossi, l'addome intieramente nero, l'apice delle mandibole è pure nero, il 
corsaletto al metatorace ò fosco come pure sono i piedi specialmente il paio 
posteriore; le antenne sono rosse e l'aculeo è brevissimo. 



— 157 — 

E questa specie molto distinta da tutte le altre per la sua piccolezza , 
carattere questo che unitamente alla sua colorazione non può farlo con- 
fondere con nessun'altra specie. 

Pez. carbonarìus, n. sp. 

Niger ^ nitidus. Thorace producto ^ metathorace valde gibhulo , scutellato. 
Pedibus nigris , trocanteris , genibus , tibiis tarsisque luteiscentihus. Acideo 
quartae partis ahdominls longitudine. Q Long. mìll. G-9. 

Ad Panormum Aprii. 1883. 

È questa specie di color nero lucente, soltanto i trocanteri, le ginocchia, 
parte delle tibie ed i tarsi sono di color luteo offuscato dì nero; il torace 
è gibboso ed ha il metatorace molto eretto nel quale inoltre è visibile lo 
scudello. 

Credo questi caratteri sufficienti a far riconoscere la specie non poten- 
dosi essa riferire a nessun'altra, neanco al F. agilis^ Grav. dal quale dif- 
ferisco grandemente e che pure è la specie a cui più si avvicina. 

Quest'insetto l'ho catturato a Sferracavallo nei dintorni di Palermo nel- 
l'aprile del 1883. 

Stibeutes? atraius n. sp, 

ExiliSy niger lucidulus, laevigatus. Seciindo antennis articulo parvo luteo. 
Thorace ohlongo, gibhulo^ exscutellato , laterihus vix sagrinatis. Pedibus ni- 
gris^ luteiscentibus. Secundo ettertio segmento abdominis magno. Aculeo longo 
quam corpore. Q Long. mill. 7. 

Ad Sancthani/mpliam Septembris 1883. 

Il D.*" Rudow di Perleberg a cui ho comunicato l'insetto in parola, ri- 
conoscendo in esso una specie non descritta me lo ritornava proponendomi 
di chiamarlo atratus; io conservo questo nome; ma riferisco con dubbio la 
specie al genere Stibeutes , Faerst. , perchè sebbene alcuni caratteri ve la 
avvicinano pure altri non vi si trovano ; cosi la grandezza del secondo 
e terzo segmenta dell' addome, la rugosità della facce, la forma del cor- 
saletto , che sebbene diviso nettamente in due gobbe pure è diverso di 
quello dei P ez ornaci lus ^ lo allontanano da quest'ultimo genere, ma d'al- 
tro canto mancano in quest'insetto molti altri caratteri del genere Stibeutes; 
così le sue antenne non sono corte e spesse nò messe in rapporto all' in- 
setto stesso, né messe in rapporto alle antenne d'un insetto del genere Pq- 



— 158 — 

zomachus^ lo stesso possiamo dire per gli arti, gli scudelli del torace non 
si distìnguono punto. Per le su notate differenze non credo doversi col- 
locare definitivamente l'insetto nel genere Stibeiites ; e mentre esso diffe- 
risce dai Pezomacìms^ speciahnente per la delicatezza del suo corpo e la 
lunghezza dell'ovopositore, mi uniformo all'idea del D.'" F. Rudow, il quale 
crede che a causa di questo lungo ovopositore l'insetto potrebbe formare un 
nuovo genere ; ma la conoscenza di un solo individuo non basta a farci 
stabilire i caratteri certi ed immnt;ibili di un genere, e noi sappiamo che 
i sessi, specialmente negli insetti, possono differire grandemente 1' un dal- 
l' altro, ora i caratteri di un dato genere, debbono essere tali da abbrac- 
ciare nettamente i contrassegni di questi sessi. Ritengo quindi che finché 
non sarà conosciuto il maschio della specie da me descritta, essa deve con- 
servarsi nel genere Stibeiites. 

Ma se le differenze generiche da me notate per quest'insetto, non saranno 
dai miei colleghi ritenute valide , ciò che non mi par possibile , la spe- 
cie in parola rientrerà nel genere Pezomachus, vicino al pez. carbonarius 
di cui ha l'abito, ma al quale non si potrà mai riferire, sì per la delica- 
tezza del suo corpo, sì per la forma del torace, che nello Stib. atratits , 
forma due gobbe regolari , simmetricamente arrotondate e quasi di ugual 
dimensione, mentre nel Pez. carbonarius le gobbe, relativamente, sono meno 
distinte e quella posteriore è più grande dell' anteriore; così la lunghezza 
dell' ovopositore nello Stib. atratiis ed altri caratteri di minore importanza 
separano nettamente le due specie. 

Lo Stib. atratas è completamente nero , col secondo articolo delle an- 
tenne piccolissimo e di color luteo, gli arti pure neri sono testacei ai tro- 
canteri, alle tibie ed ai tarsi. Esso misura in lunghezza 7 mill. 

Ho catturato quest'insetto nelle campagne vicino Santa Ninfa nel mese 
di settembre 1883. 

( continua) Teod. De-Stefani. 



— 159 



CONCHIGLIE LITTORALI MEDITERRANEE 



MARCHESE DI MONTEROSATO 



(Contiti. V. niim. prec..). 

PAM. RISSCIDAE 

Alvania (Leach) Risso. 
Forme costale; bocca internamente solcala, non dentata. 

89. A. Montagid , Payr. iRlssoa)—Mo\\. Corse, p. IH , t. 5 , f. 13 e 14 
(Corsica). 

= A. Boria, Risso— p. 140, f. 132 (Alpi Marit.). 

Ed altri nomi. 

Il tipo e qualche varietà di forma e colorilo. L'A. Schwartziana Bi'us. (an- 
teriormente R. ebenea, ms.) è una forma Adriatica della medesima specie a co- 
lorito castagno scuro. 

90. A. lineata, Risso— p. 142, f. 120 (Alpi Maril.). 
= B. rugosula, Arad. (fossile Siciliano). 

Numerose varietà di colorito : ru/a , rosea (detrita) , albina (non detrita), li- 
neata (tipica) ecc. 

Var. major, media, minor, elongata ecc. 

Var.=:A. costulosa. Risso — p. 142, f. 126 (Alpi Marit.). 

Var.=A. corrugata, Brus. (Dalmazia); Prevesa (Conemenos). 

91. A. Peloritana, Arad. e Ben. (Rissoa) — Condì, mar. Sic, p. 205, t. 4, 
f. 16 (Messina). 

Anche di Bona (Hagenraiiller) e di Palermo (Monts.). 

92. A. consociella, Monts. (uova forma). 

Piccola forma tarchiata di questo' gruppo (alt. mill. 2), spessa , solida, a co- 
lorito ardente, a coste rette ed interrotte alla base come 'nella A. Montagui , e 
fortemente lirate ; anfratti (5) tumidi, apertura rotondata e ingrossata esterior- 
mente. Si direbbe una var. minor dell' A. Montagui o una var. major della 
seguente, come io l'avea già classilìcata (En. e Sin. [>. 25). 

Var. ex col.: Jlaoida, coccinella, atra, rufa, nioea, fasciata *ìq,q,. 



— 160 — 

Pantelleria, Ogiiina (Monls.); Bandol e Porto-Venere nelle coste di Provenza, 
Porto-Vecchio in Corsica e Castiglioneello (Del Prete); Roussillon (Dautzenberg); 
Villafranca (Haiiley); Livorno (Caifassi); Civitavecchia (Donati). 

93. A. Lanciae, Cale. (Rissoa)— Cenno xMoll. Sic. 1841, p. 29, t. 4, f. 12 
(Pantelleria). 

= A. scabra, (non Pli.) Monts.— En. e Sin., p. 25 (Med. e Adr.). 

= R. Schioarhii, (non Hòrnes) Benoit (nom. prop.). Sic. 
Abbondantemente sparsa , costante nella sua piccola dimensione , nella forma 
e negli ornamenti. Varia nel colorito : rufa, castanea, fiaoida, albina, oltre del 
tipo, cli'è fulvo macchiato di bianco. 

94. A. scabra, Ph. {Rissoa)— \ì, p. 126, t. 23, f. 8 (Magnisi). 

= A, mutabilis, (Schw. ms.) Weink. Conch, Mitt. — 11^ p. 311 (Algeria). 
Palermo, Mondello, Trapani, Pantelleria, Ognina (Monts.); Messina (Seguenza 
e Granata); Catania (Aradas, col nome ms. di R. Etnea); Taranto (Tiberi); Dal- 
mazia (Brusina); presso Atene a Falera (Morlet); Napoli (Tiberi); Civitavecchia 
(Donati); Mar Tirreno (Appelins) ; Cette (Monts.) ; Alger (Joly); Bona (Hagen- 
mùUer). 

Alvinia, Monts. (nova sect.). 

Nome che propongo per distinguere le piccole specie di Alvania cingolate, a 
scultura doppia nella quale predominano gli elementi spirali. 

95. A. Weinkauffi, Schw. ras, [Alvania)— Wemk. in Conch. Mitt. II, p. 312 
(Algeria) dal tipo della coli. Weinkauff. 

= Rissoa Weinkauffi, Monts, in .Journ, Conchyl. 1877, p. 34, t. 3, f. 4 
(Algeria). 

La forma tipica si trova nelle sabbie littorali d'Algeri. Gli esemplari Siciliani 
sono più delicati ed hanno una scultura più sottile, ma nello stesso tempo mo- 
strano le carene più rilevate come nelle tìgure 4a e 4b, che ho dato nel Journ. 
de Conch yliologie. 

Varie località Siciliane. 

96. A. subareolata, Monts. [Alvania) — Test, nuovi Sic. 1869, p. 9, f. 3 
(Trapani). 

= R. Caribaea, (non D'Orb. sp. esotica) Monts. in varie pubblicazioni. 
Anche di Mondello, Pantelleria (Monts.); Napoli (Tiberi) ; Alger (Joly). Atl. 
Canarie (M' Andrew). 

97. A. dictyophora, Ph. (Rissoa)— U, p. 128, t. 23, f. 11 (Magnisi). 
Scarsa e poco conosciuta. I miei esemplari sono di Magnisi ; uno di Palermo. 



— 161 — 

98. A. Philippiana, Jeffi-. {Rissoa)—Mo\\. Piem. 1860, p. 38, f . 4 e 5 (Foce 
presso Genova). 

= ÌR. scahriuscida, Req. — 1848, ]). 52 (Ajaccio). 
Var. ex dimensione : major, minor, minima. (Mecl. e Adr.). 
Var. ex forma : major-scabrida — Alger (Joly). 

Yox.^zAlcania tessellata, (Scliw. ms.) Weink. (ex typo) in Conci). Milt. p. 311 
(Algeria). Si avvicina alla E. ungulata, Seg. ms. (foss. Sic). 

Var. col : flaoida, albina, fusca , maculata, apice-fusco, vittata (Brus.) ecc. 
Abbondante. Med. e Adr. 

Acinus, Monls. {nov. gen. ?). 

Nuova divisione per le specie mammillate , granellose , sprovviste di coste ; 
bocca distintamente dentata. Tipo: la seguente — 

99. A. cimex, L. (Turbo). 

= R. cancellata, Desm. (Med.); Payr. ed altri. 

= Turbo calathiscus, Laskey (Britan?). 

= Alvania Europaea e A. Fremine i llea , Risso — pp. 141 e 142, ft". 116 
e 118 (Alpi Marit.). 

= R. granulata, Ph. e R. calathiscus, Ph. (Nap. e Sic). 
Var. major, media (tipica), minor-depauperata. (Med. e Adr.). 
Var. ex col: alba, rufa, fulva, castanea, zonata ecc. (Med. e Adr.). 
Monstr. varicosa; Porto-Venere (D'I Prete). 

100. A. cingulatus, Ph. (Rissoa cingulata)—!, p. 152 ^ e II, p. 128, t. 23, 
f. 14 mediocre (Palermo e Magnisi). 

Si congiunge con la precedente per le varietà di colorito. Si distingue per es- 
sere più piccola , più sottile , per la trasparenza e per la scultura più obsoleta , 
dove predominano i cingoli spirali, specialmente verso la base. 

101. .4. subcrenulatus, Scliw. ms. {Alvania). 

— ÌR. granulata, (non Ph.) Req.— Coq. Corso 1848, p. 56 (Ajaccio). 

Conosciuta anche come R. Oceani, D'Orb. 

Abbondantissima in tutti i punti. Si riconosce facilmente dalla piccola statura, 
non più di 1 niill. e li3 alla. Colorazione nivea e con leggiere macchie verso 
l'apertura. 

Var. ex col: fasciata. Isola di Pianosa (Caifassi); Cannes (Dautzeuberg); Ajac- 
cio ì (Requien). 

// Naturalista Siciliano, Anno HI. 21 



— 162 — ' 

Acinopsis, Moiits. (yioo. gen.f). 

Comprende poche specie clatrate, consimili alle precedenti, ma che si distin- 
guono essenziahiiente per avei-e l'aport ura subcanalicolata alla base della coln- 
mclla e mniiita presso il canale di un tubercolo sporgente e caratteristico. 

102. A. cancellata, Da Cosla {Turbo cancellatus) Brit. 
= R. crenulata, Mich.— Coq. gcn. Rissoa 1832, p. 115, f. 1 e 2 (Med.), 
descrizione e figura necessarie ad essere consultate, pel carattere indicato del ca- 
nale e del tubercolo. 

= 1 Alcania verrucosa^ Risso — 1820, p. 144 (Alpi Marit.)- 

Var. minor, più piccola (da non confonderla con la seguente). (Med. e Adr.). 

Esemplari varicosi occorrono scarsamente in tutte le località. 

Colore dominante : albina; raramente fulca o lineata o con una macchia larga 
verso l'apertura, che diviene rosea quando è detrita. La var. lineata di Porto- 
Pollo (Del Prete). 

l')3. A. Il irta, Monts. (nova sp.}. 

Metta ])ÌLi piccola della precedente, piìi elevata, anfratti i)iìi scalali, ultimo an- 
fratto meno ampio in proporzione. Si distingue pei 2 cingoli nel penullimo an- 
fratto— nell'^ . cancellata essendo coslantemente 3. Colore: latleo. 

Palermo, Ognina, Magnisi, S. Vito, Trapani (Monts.); Napoli (Tiberij. 

Manzonia, Brus. 

Labbro doppio a peristoma intiero e piano; bocca internamente semplice, ester- 
namente provvista di forte callosità. Costo pliceformi, oblique. Area basale uni- 
cingolala. Genere distinto dal Prof. Brusina (Ipsa Chieregh. Conchyl. , p. 201 
e 202) dai caratteri anteriormente espressi dal Dr. Manzoni (Journ. Conchyl. 1868, 
p. 254). Tipo: la specie die segue. Altre specie di questo gruppo sono: la R. 
crispa e la R, fjibbera, Watson, di Madèra. 

104. M. costata, Adams {Inurbo costutas) Brit. 

= R. exigua, Michaud (Med.). 

= R. carinata, Ph. (Nap. e Sic). Nome, prima e dopo, impiegato per altre 
specie. 

Tra i sinonimi si cita il Turbo plicatus di MiUilfeld. 
Var. major, minor (più abbondante). 



— 163 — 

Galeodina, Monts. (nova sect.). 

Una sola specie a spira breve ed aperlura ampia; sciiUara cingolata, carinata; 
irregolarmente ma quasi sempre varicosa o bi\-aricosa come nel genere Cassis. 
Bocca internamente levigata; labbro marginato. 

105. G. siriaiula, Da Costa {T'arbo .sti'iatulus, non L.) Brit. 
= Turbo carinatns, Mtg. (Brit.). 

= Rissoa trachlea, Michaucl — Coq. Rissoa, p. 16, f. 3 e 4 pessima (Meri.). 
= R. labiata, Ph. — I, p. 155, t. 10 , f. 7 (siibfossile di Mardolce presso 
Palermo) e II, p. 127 (Napoli). 

Carene più o meno salienti. (Med. e Adr.). 

Var. mìnor-ecarinata, [nix piccola, spesso sprovvista di varici, non carinata. 
La var. ^3 di Pliilippi, è lo stalo giovine. Coste di Prov.Miza (U. Martin); Vado 
presso Genova (Doria); Taranto (Tiberi) ; Trapani, Magnisi, Palermo (Monts.). 

{continua). 



SUI PESCI DELLO STRETTO DI MESSINA 



YI. 
Del Trachypterus cristatus Bonelli. 

Questa specie, tanto caratteri/.zata e distinta dalle altro congeneri per 
la sinuosità del profilo del ventre , fu primitivamente illustrata dal Bo- 
nelli fi). 

T. Metaxà (2) la descrisse e rappresentò come nuova sotto il nome di 
Trachypterus repandus. 

Cuvicr e Yalencieunes (3) stando alla figura e alla descrizione dato da 
Bonelli, inclinano a considerarla siccome distinta, quantunque vicina al Tra- 
dujiiterus Spiiioìao C. V., da cui differirebbe specialmente pel numero mi- 
nore dei raggi della dorsale e per la disposizione delle macchio. In quanto 

(1) DesiM'iziono di una nuova specie di pesco del Mediterraneo , in (Mem. R. 
Accad. di Torino, voi. XXIV, 1820, pag. 485-491, tav. IX. 

(2) Mem. Zool. Med., Roma, 1833, pag. 53. 

(3) Hist. nat. des Poiss. Tomo X, 1835, pag. 331-332. 



— 164 — 

alla conformazione a giogaia del ventre esprimono il dubbio se sia un fatto 
naturale o piuttosto, in un animale sì poco consistente, dovuta ad una ca- 
suale mutilazione. Essi la riportano col titolo di Trachyiiterus Bonellii 
C. V. 

Eisso (1 ), al dire del Gunther, sembra aver indicato col nome di Oym- 
netrus mullerianus un pesce somigliante o tutt'affatto identico. 

0. G. Costa (2) ne vide un esemplare piuttosto giovane e completo , 
pescato sulla costa di Posilipo. Messolo a confronto potè accertarsi, con la 
figura e descrizione del Metaxà, che la configurazione singolare del ventre 
era una condizione normale. Egli riconosce molta analogia tra il Traclujp- 
terus repandus Metaxà e il Trachypterus cristatus Bonelli. La figura che 
ne dà è buona. 

A. Costa (3) fece conoscere col nome di Trachypterus filicanda un gio- 
vane individuo lungo 27 millim., esclusa la pinna codale, preso nel golfo 
di Napoli. In esso il penultimo raggio caudale forma un lunghissimo fi- 
lamento e i raggi del pennacchio dorsale mancano di espansioni membra- 
nose , ma il ventre è sinuoso. Perciò può ritenersi come un giovane dì 
Trachypterus cristatus, essendo anche questa l'opinione di Canestrini. 

Recentemente il pesce in discorso venne ammesso dal Giiather (4) sotto 
la sua vera denominazione di Trachypterus cristatus , e da Canestrini (5) 
col nome di Trachypterus repandus. 

Giglioli (G) lo riporta come specie dubbia e mal nota. 

Esso fu trovato nel golfo di Spezia (in Giint.), a Civitavecchia (Metaxà), 
a Posilipo (0. Costa), a Messina ( Cocco), a Palermo (Doderlein) e vive 
anche nell'adriatico, mi è dapertutto raro. 

Nell'està del 1882 il Prof. Giuseppe Seguenza acquistava ancor vivo e in 
istato d'integrità soddisfacente un esemplare di questa specie preso nelle 
acque di Messina. Assecondando gentilmente il mio desiderio di studiarlo 
egli volle donarmelo. Intanto avendovi riscontrata qualche particolarità 
degna di essere notata ho pensato di darne qui un breve ricordo. 

La lunghezza del corpo, misurata dall'estremità del muso alla ra- 



(!) Wiegm. Ardi. 1840, p.ig. 13. 

(2) Fn. Nup. Tav. IX.ter 

(3) Ann. Mas. Zool. di Napoli, anno I, pag. 51, tav I, fig. 3. 

(4) Catal. Fish., Voi. Ili, 18(51, pag. 301. 
Co) Pesci (Fn. d'It.). 

(G) Catal. Anf. e Pesci ital. ISSO. 



— 165 — 

dice della coda, ò in tutto 132 millimetri. La sua più grande larghezza 
si trova in direzione della base delle ventrali e raccliiudesi appena meno 
di 3 % volte nella detta lunghezza. Il capo vi entra 6 volte. Il corpo è 
molto compresso e la sua spessezza va scemando sempre piìi d' avanti in 
dietro, ma sulla radice della coda si rigonfia alquanto. Il suo profilo dal- 
l' estremità del muso all' origine del pennacchio s' innalza rapidamente in 
linea retta e forma con la linea del dorso un angolo ottuso, ma non ro- 
tondeggiante come si scorge nella figura del Costa. Da quest'angolo va de- 
chinando in leggiera linea convessa fino alla direzione dell'ano, donde segue 
a discendere fino alla coda in linea sempre più dritta. Dall' estremità del 
muso poi agli angoli della mandibola è rotto , indi incurvo fino all' ano. 
Questa seconda porzione è dolcemente flessuosa dapprima, in dietro forma 
poi delle profonde sinuosità per modo che risultano tre lobi più distinti 
degli altri e sempre più accentuati. Neil' incavo dell' ultimo lobo trovasi 
l'apertura anale, cioè nell'angolo che forma la linea curva del ventre con 
quella della porzione ristretta del corpo che seguita in dietro, la quale al 
suo principio offre altri tre lobi meno sporgenti. L' occhio e alquanto più 
vicino all'estremità superiore che all'inferiore del capo, comprendesi poco 
men di 4 volte nell' altezza di questo. Lo spazio infraorbitario è 2i3 del 
diametro dell'occhio. L'apertura delia bocca è poco men che verticale, pic- 
cola e non giunge sotto il margine anteriore dell'occhio. Le mascelle sono 
eguali. Gl'intermascellari appena più corti dei mascellari adiacenti, i quali 
inferiormente si allargano rotondandosi ed hanno il margine lievemente 
intaccato. La dentatura è assai debole. In alto e nella parte media si no- 
tano alcuni piccoli denti acuti, dei quali alcuni affatto rudimentarii. Sulla 
mandibola so ne ha uno o due acuti per lato , posti anche verso la parte 
media. La lingua è larghetta, rotondata sul margine anteriore, molle e 
granulosa alla superficie. Lo spazio di gola scoperto è cuneiforme. La 
membrana branchiostega ha 6 raggi. Il preopercolo è di forma semi lunata, 
con strie irradianti verso il margine convesso. L' opercolo ha figura sub- 
triangolare , il lembo posteriore è flessuoso formando tre seni che vanno 
scemando di lunghezza e aumentando di profondità da sopra in sotto , e 
strie radianti verso il margine libero, il quale è integro, meno sul seno 
inferiore, che è leggermente laciniato. Il subopcrcolo è più lungo che largo, 
col margine posteriore retto e lievissimamente intaccato , con strie dirette 
da sotto in sopra. L'interopercolo ha forma presso a poco simile a quella 
del pezzo precedente, il margine postero-inferiore leggermente intagliato e 
strie dirette in dietro e in basso. La fenditura branchiale è somicircolaro 
e comprende 2[3 dell'altezza del corpo. Sul margine concavo degli archi 



— 166 — 

branchiali è inserita una doppia serie di appendici corte e grossette, ter- 
minate sull'estremità da due punte acute. Coteste appendici vanno accor- 
ciandosi verso l'arco più interno. 

La linea laterale principia dall' estremità superiore del preopercolo , si 
inarca con la concavità in su nei suoi due terzi anteriori, poi diventando 
leggermente convessa va a finire verso 1' origine della porzione ristretta 
del corpo dietro l'ano. Essa è armata di spinette acute, che dapprima es- 
sendo pochissimo distinto diventano in dietro sempre più appariscenti fin- 
ché raggiungono la lunghezza di quelle che percorrono il margine infe- 
riore della porzione stretta o retroanalo del corpo, con le quali sembrano 
continuarsi , ma se ne distìnguono perchè più ravvicinate tra sé. Queste 
ultime dispon^onsi in quattro serie, dì cui due inferiori ai lati del margine 
e due superiori. Le spine superiori sono situate in direzione degli inter- 
valli delle spine iaferiori e, come queste, opposte tra loro. Tale ordine 
conservasi fino al terzo anteriore della porzione cedale del corpo. Dipoi le 
quattro notate serie riduconsi a due sole e le spine diventano alterne in- 
sino alla base della natatoia cedale ove terminano. 

Il pennacchio comincia sulT angolo antere-superiore del capo e si com- 
pone di 6 raggi allungatissimi, che non mi è riuscito d'isolare nella loro 
intierezza perchè tra essi inestricabilmente agglutinati, ma sono certo che 
doveano misurare più volte la lunghezza totale del corpo. Essi erano riu- 
niti da una membrana per una lunghezza a un dipresso eguale alla metà 
di quella del corpo. Il primo estendevasi per 178 millimetri, ma dovea 
esser più lungo mostrandosi troncato sull'estremità. Cominciando dal mezzo 
della sua attuale lunghezza spicca a diverse altezze dei filamenti , di cui 
si vedono quattro di varia lunghezza. Il secondo raggio offre, oltre a que- 
sti filamenti, delle espansioni membranose di forma triangolare acuminata. 
Negli altri raggi si osservano sole espansioni tra esse opposte. Nell'esem- 
plare illustrato da Costa non è fatto cenno dei detti filamenti, mentre nel 
mio mancano quelle acute apofisi notate dall' A. lungo l' asse dei raggi. 
Immediatamente dopo seguita la seconda pinna dorsale, di altezza ordinaria, 
con 122 raggi. Essa è inarcata e va gradatamente abbassandosi verso la 
coda. Le pettorali sono brevi , non misurando che una volta e mezzo il 
diametro dell' occhio, col margine posteriore rotondato. La loro base dista 
dal profilo del ventre appena più del quarto dell'altezza totale del corpo. 
Le ventrali sono impiantate quasi in corrispondenza dell'angolo posteriore 
della base delle pettorali ed arrivano distese fino alla radice della coda , 
ma nello stato intatto doveano essere più lunghe, mostrando alcune delle 
estremità mozzate. Neil' esemplare figurato da Costa raggiungono infatti 



— 167 - 

l'estremo margine della pinna cedale. Contengono 7 raggi semplici, la cui 
lunghezza va scemando dal più esterno al più interno. Il raggio esterno 
offre delle spinette lungo una porzione della sua lunghezza , cominciando 
dalla base e delle piccole espansioni membranose in dietro, che pure esi- 
stono nei raggi seguenti, eccetto i più interni. Manca affatto l'anale. La 
cedale non si trova sull'asse longitudinale del corpo, quale si osserva nella 
figura mentovata del Costa , ma è rivolta obbliquamente in su. Ciò è do- 
vuto non forse ad una fortuita deviazione prodotta dallo spirito in cui 
stava il pesce o ad altra causa straniera, ma dal modo stesso d'inserzione 
dei raggi, che è secondo una linea obbliqua da sopra in sotto e in dietro. 
Questi raggi , al numero di 9, son tra essi riuniti in un lobo separato. Il 
superiore però distaccasi in dietro dal resto della cedale. Vi sono poi in- 
feriormente alcuni pochi raggi diretti secondo il lungo asse del corpo , e 
di cui neir esemplare in esame due soli vedonsi distintamente. Il più in- 
feriore di essi prolungasi in delicato filamento e supera la lunghezza della 
cedale per una volta e un terzo a un di presso ; la sua estremità nondi- 
meno è mozzata , sicché pare che dovea allungarsi di più. L' esistenza di 
questo raggio lungo affilato ci fa meglio persuadere dell'identitcà del Tra- 
chypteriis filicauda A. Costa con la specie di cui si parla, poiché come fu 
detto innanzi l'autore trovò in quel giovane individuo il penultimo raggio 
della caudale allungato in filamento. Neil' individuo descrittoci da Bonellì 
l'ultimo raggio inferiore della caudale era pure un poco più allungato degli 
altri. Il margine posteriore di questa natatoia è fortemente frangiato, poi- 
ché la membrana d' unione pria d' arrivare alle estremità dei raggi forma 
fra ogni due di questi un profondo seno. 

Il corpo è coperto da uno strato argentino ed ha un aspetto daper tutto 
granuloso, ma più distinto sui lati del ventre. L'osservazione microscopica 
fa vedere che le granulazioni altro non sono che papille del derma , di 
forma rotonda. Questa struttura si contìnua nella mucosa della cavità re- 
spiratoria. Fatto notabilissimo è la presenza di squame sulla porzione ri- 
stretta del corpo , delle quali non è facile avvedersi senza un' attenta os- 
servazione, essendo aderenti tra esse in modo che sembrano formare uni- 
forme continuazione con lo strato argentino del resto del corpo. Esse sono 
sottili , regolarmente rotonde , col margine intiero , larghe 0"'™5. Sotto la 
lente fanno vedere tre strie arcuate concentriche, le quali restano aperte 
verso il margine radicale. Sul corpo non si osservano punti neri, né le fa- 
sce fosche di cui è attraversato si mostrano formate dalla riunione di essi, 
almeno all' occhio nudo. Queste fasce nella porzione precaudale del corpo 
sono interrotte sulla linea laterale. Quelle che stanno ai lati del dorso sono 



— 168 — 

al numero di sette, scendendo la prima dall'angolo anteriore superiore del 
capo; disposte con un certo ordino alterno, essendo una più breve seguita 
da un' altra più lunga. Non così le porzioni che stanno al di sotto della 
linea laterale, le quali del resto rispondono alla direzione delle superiori. 
Sulla coda poi le fasce abbracciano l'intiera altezza del corpo e sono poste 
quasi ad eguale distanza l'uaa dall'altra. Le pinne nello spirito si mostrano 
scolorite, ad eccezione della cedale ch'è nerastra meno la membrana d'unione 
dei due raggi superiori ed inferiori verso la base, e i raggi tutti, che sono 
biancastri. 

La cavità addominale non si estende infino al margine inferiore del corpo, 
ma trovasi più in alto, in guisa che tagliando longi;udinalmente questo 
margine s' incontra un tessuto compatto e non il cavo del ventre. Questa 
conformazione esiste pure in altre specie di Trachypteriis. Il pacchetto 
viscerale è disposto come segue. Il fegato offre due ali addossate alle pa- 
reti dello stomaco, una a sinistra di forma quadrangolare, l'altra a destra 
più piccola, congiunta alla prima in avanti. Il tubo alimentare è confor- 
mato come nel T. taenia. Il tratto gastro-esofageo cioè ha forma conica 
allungata di cui l'estremità cicca giungo quasi fino all'ano. Il piloro si fa 
notare per la sua brevità e per la sua posizione ch'è poco al di sopra del 
fondo gastrico. L' intestino si porta dapprima in avanti aderendo allo sto- 
maco, indi piegasi in dietro e va dritto fino all'ano. La sua porzione ascen- 
dente è quasi per intero occupata da piccole appendici cieche non rima- 
nendone libera che una stretta porzione di parete sul lato ventrale. La 
mucosa gastro-esofagea è rilevata in forti pliche longitudinali, che giungono 
fino air estremo posteriore dello stomaco e s' immettono anche nel piloro. 
Dentro lo stomaco eravi un gamberello ed una conchiglia della specie La- 
das Keraudreni Lesueur (Ailantidae). Le glandule genitali sono allungate 
per tutto il cavo del ventre , filiformi. Il loro orifizio esterno si trova sul 
contorno dell'ano. 

Le vertebre sono al numero di 64, di forma cilindrica, striate nel senso 
della lunghezza. Esso hanno molta somiglianza con quelle del Chauliodus 
Sloaiii Bl. Schn. Eisnlta dalla preparazione dello scheletro che le spino 
acuto , dianzi notate , di cui è armato il margine inferiore della porzione 
ristretta del corpo, non sono già le emapofisi vertebrali sporgenti in fuori, 
come credette il Costa; invece sorgono dal mezzo di altrettanti scudetti, 
ovvero scnglio i)iù grosse di quelle che coprono questa parte del corpo. 

Finalmente sono di notarsi alcune differenze, secondo gli esemplari os- 
servati, nel numero dei raggi della dorsale posteriore e che potrebbero es- 
sere in relazione con l'età dell'animale. 



— 169 -^ 

Numero dei raggi della 2'^ pinna dorsale : 
114 (Bonelli). 
120 (Metaxà). 
120 (Doderlein). 
122 (io). 
122 (Doderlein). 
127 (idem). 

133 (idem). 

134 (idem). 
152 (Costa). 

DJ Luigi Facciola' 



RICORRENZA 

DEL 

I^mi>TOB-^'T'"CrS I3:-A-I_i.A-'V"I Rùpp. 

NELLE ACQUE MARINE DELLA SICILIA 



Fra le specie di pesci indigene del Mediterraneo più rare, che tuttavia 
si lasciano prendere in certa copia nel mare di Sicilia, va certamente an- 
noverato il Bìiuiobatiis Colmimele Bonap. (Così detto Pesce violiuo, Squatino- 
Baja del Colonna; Pisci citarra o j;isd v'mlinu dei pescatori Siciliani). — E 
questo un singolarissimo pesce appartenente all'ordine dei Plagiostomi, che 
nella serie ittiologica forma il passaggio fra la famiglia dei Pesci-cani , e 
quella delle Razze, per aver il corpo di forma romboidale allungata, gradata- 
mente desinente in una lunga e grossa coda, come gli Squali, e contemporanea- 
mente le pettorali allargate, carnose e cingenti esternamente la parte cen- 
trale del corpo, co'.no le Razze; talché può dirsi, in certo modo, esser esso 
il più raiforme pesce in figura di Squalo , e viceversa il più squaliformG 
pesce della famiglia delle Raje. 

Fra le specie appartenenti al genere Rhiaohaias che fin ora vennero se- 
gnalate nello acque del Mediterraneo, il Rhlnobahis Columnae Bp. è indub- 
biamente la specie più nota , più esattamente descritta , e ricordata dagli 
Il A^atarali-sta Siciliano, Anno III. 22 



— 170 - 

Autori sì antichi che recenti d'ittiologia, i quali traendo partito da una parti- 
colare conformazione delle cavità nasali, e della maggior ampiezza ed esten- 
sione delle valvole membranacee che vi sono contenute, ne formarono il tipo 
d'un sottogenere, contradistinto dai sigg. Miiller ed Henle col nome d'i Syrrhina; 
a differenza di parecchie altro specie congeneri, caratterizzate da una mi- 
nore estensione delle predette valvole nasali anteriori, che vennero ritenute 
nel sottogenere Rhinohatus prop. detto. 

Il Rhinohatus Colmnnae Bp. , di fatto, è la specie che apparisce più di 
frequente nei mari della Sicilia, in particolare nei mesi di Febbrajo, Marzo 
ed Aprile, e che vi si lascia cogliere in tale copia, in certe giornate di 
marzo, da essere portata in venti e più esemplari sul mercato di Palermo. 
Approfittando della quale favorevole circostanza, mi venne fatto di dotare 
il Musco Zoologico di questa R. Università di parecchi esemplari di co- 
desto pesce, di età e sesso diversi, e ritrarre da questi, mercè l'assidua 
ed intelligente opra dei preparatori di questo Museo, scheletri, organi dei 
sensi, apparati interni di digestione, di respirazione, di circolazione, di ri- 
produzione ecc. 

Se si fosse trattato di accennare semplicemente la presenza di questa 
specie nei mari della Sicilia, oppure di descriverne le particolarità carat- 
teristiche, io non avrei cortamente osato di farne parola, stante lo belle 
ed accurate descrizioni che ne diedero il Bonaparte nell'Iconografia della 
fauna d'Italia, il Costa nella sua fauna napoletana, i signori MùUer ed 
Ilenlo nei Plagiostomi, il Gùnther, il Dumeril, e più recentemente il Mo- 
reau nel Ili. volume dei Pesci di Francia ; senonchò un motivo assai più 
rilevante mi fu guida a compilare questa breve nota; ed eccolo: 

Esaminaiulo di fatto con certa attenzione gli esemplari dei Rliinobatas 
che venivano portati sul mercato di Palermo, mi fu dato di notare che pa- 
recchi dì essi presentavano caratteri notevolmente diversi da quelli asse- 
giiati a tij^o al Rhinohatns Cohimnac Bp. 

Cotali individui erano proporzionatamente più grandi dei comuni, in modo 
da raggiungere la straordinaria dimensione di 1'" 70 1"' 80; lunghezza giam- 
mai presentata dagli esemplari più adulti del R. Columiiae ; la pelle loro 
era eminentemente scabra e granellosa ; il muso più sporgente ed acumi- 
nato; la carena rostrale anziché esser triangolare e allungata coi lati ret- 
tilinei, come nel Cohtmnae^ inflettevasi nel mezzo verso l'asse centrale, in 
guisa da interrompere quasi l'interpostavi doccia mediana, che rimaneva 
però allargata alla base ed all'apice; le pettorali avevano il margine esterno 
leggermente ondulato ed ottusamente angolato nel mezzo; la bocca era un 
pò arcuata e guarnita di denti grandicelli , granuliformi ; disposti bensì a 



— 171 — 

mosaico, ma minori in numero, né così esili come nel B. Coìumnae. Lungo la 
linea mediana del dorso sorgeva inoltre una serie di grossi tubercoli un- 
cinati, raggruppati insionie , e susseguiti da altri tubercoli minori, né già 
isolati e regolarmente spaziati come nel lì. Colìwinae; altri consimili tuber- 
coli si stendevano lungo l'orlo superiore ed interno delle orbite, non meno 
che alla base della carena rostrale, e sulla spalla , nel punto preciso ove 
la cintura scapolare si connette colle cartilagini basali delle pettorali, o 
quel che più monta la valvola nasale , anteriore di codesti pesci, anziché 
essere estesa fino all'angolo delle narici, come nel CulumnaG, era breve e li- 
mitata ai 2 terzi dell' interna cavità nasale; carattere essenziale che esclu- 
deva assolutamente cotali pesci dal gruppo Syrrìiina^ e li conguagliava alle 
specie del sottogenere Rhinohalus prop. detto, e più particolarmente alla 
specie Rìiinohaius Haìavi che vi fa parte. 

Il Museo di Palermo possiede attualmente 3 magnifici esemplari di questa 
particolare specie o forma di Rhììiobatus, due femmine, cioè, della lunghezza 
di l'" 70, 1™ 80, ed un maschio lungo 1™ 22, i quali presentano indistin- 
tamente tutti i caratteri specifici segnalati dal Dumeril pel R. Halavi a 
p. 492, vale a dire Muso lungo sema prolungamenti Rpeviali , coìi carena 
mediana allargata alla hase e ristretta nel mezzo^ cute eminentemente ruvida 
e granellosa^ narici più grandi dello spazio internasahi , meno lunglii dello 
squarcio orale eco. caratteri tutti che si riferiscono unicamoate a! R. Halavi 
Forskal descritto dal Rùppell nei suoi viaggi in Africa,, p. 55, ed all' an- 
nessavi figura, Tav. XIV, fig. 2), cui i nostri esoaiplari somigliano quasi 
perfettamente. 

Confesso il vero , ho esitato lungameute a riferire codesti esemplari ad 
una specie di Rìiinobatus^ che vive d'ordinario nel Mar Rosso e che acci- 
dentalmente venne riscontrata dal Guichenot sulle coste dell' xilgeria ; ho 
studiato diligentemente, ed in tutte le forme, la questione ; tanto più che 
da un dottissimo mio amico eraini stata ceduta, sotto il nome di R. Halavi, 
una specie differente di Rhinohatus , che maggiormente si conguaglia al 
R. caemiculus, od al R. undulatus. — Ma finalmente ho dovuto arrendermi 
alla evidenza ed alla costanza del fatto, e riconoscere addirittura, che il Rhino- 
hatas Halavi tipico del Riipnel, ò una delle specie di questo genere , che 
comunque [)iù raramente del R. Cohimnae^ pure interviene, più o meno re- 
golarmente, nello acque marine della Sicilia. 

Il Rìiinobitas Halavi Rùpp. ebbe fìn'o 'a parecchi illustri descrittori, fra 
i quali giova ricordare oltre il Rùppel sopracitato, i signori Mùller ed Plenle 
nei Plagiostomi a p. 120, il Guichonot nell'ExpIoration de l'Algerie p. 129, 
il Gray Catal. Chondr. Fish. p. 93, il Giinther Catal. p. 497, il Klunzigor 



~ 172 - 

Fish. Kroth. Meeres, p. 075, che lo credo identico col B, caemiculus, e da 
ultimo i signori Kosmanii e Raiìber nel loro Reise Rolli. Meer. p. 30, che lo 
conguagliarono al R. iindulatus. 

Tuttavia devo confessavo che confrontando fra loro codeste varie descri- 
zioni, mi sembrò di rilevare alquante più o mono notevoli differenze nella 
indicazione dei caratteri distintivi della specie summontovata , talché mi 
nacque il sospetto, che abbandonando l'antica formola tipica della specie 
descritta dal Riippell, siono state, più recentemente confuse, sotto il nome 
di R. Halavi^ parecchie specie più o meno affini. 

Non sono di parere p. e. che il R. caemicnlus^ ed il R. undidatus pos- 
sano conguagliarsi al R. Halavi ^ almeno al tipo che si avventura nelle 
acque di Sicilia; il disco col margine ondulato, il muso contratto nel mezzo 
e dilatato all'apice, le narici brevi, la cute esilissimamente zagrinata e pres- 
soché liscia di quelli pesci, ne li renderebbero, mi sembra, abbastanza di- 
stinti. 

Ad evitare pertanto una ulteriore confusione in proposito, e tanto per fis- 
sare il tipo della specie o varietà di Rhinohatus che interviene nei mari 
di Sicilia , quanto per assoggettare il mio qualsiasi parere al giudizio di 
più dotti colleghi, ho creduto bene di espor re dettagliatamente i caratteri 
della specie in discorso, onde poterla definitivamente o no, inscrivere nella 
fauna ittiologica di questo ricco mare. 

CARATTERI DEL RHINOBATUS H ALAVI RUPPELL 

TIPO SICILIANO 



Sinonimia 

1828 Rhinohattis (Rhiiiohatus) //akri Riippell ex Forskal, Riippell, Atlas 

Reise zu Africa, p. 55, taf. XIV, fig. 2. 
1779 Raja Halavl, Forskal. Descript, anim. in. itin. Panon-, p. 19 n. 18. 
1829? Le RJdnohate de la Medilerninée , CViv. , R. A. II, p. 390 (nota 2| 

(prò parte). 
1841 Rhinohatus (Rhinoh.) Halavi, Muli. Henl. Piagiost., p. 120. 
1846? Olaucoslejns Halavi Bonap., Catal. pesci Europ., p. 14 n. 38. 

1850 Rhinohatus Halavi^ Riipp. Guichenot Expl. Alg., p. 129. 

1851 „ Gray, Catal. Chondrop. Fish., p. 95. 
1865 „ Dumeril., Elasmobr., p. 496 n. 5. 



— 173 — 

1870 Rìiinohatus Gùnther, Catal. YIII, p. 442 n. 2. 

1878 „ Klunziger, fische Roth. Meeres, p. 675. 

M „ Doderl. Prosp. pesci Sicil,, p. 32 (absque numero). 

1879 „ Kossmann und Rauber, Reise Rotli. Meer, p. 32. 

1880 „ Giglioli pesci Ital.. p. 52 n. 558. 

VoLG. Pesce violino Halavi o maggiore; le Rhinohate Halavi (Frane.) lisci 
viulìnu imperiali (Sic.). 

DiAGN. Rhinohatus cute dorsali scabrosa^ unico acnleonini ordine in medio 
dorsi; pinnis duahus dorsalibiis^ approximafis, in parte media caudae positis; 
pinna caudali trapezoidea; colore dorsi fiaco-griseo ; partcs laterales capitis 
ante ocidos albicantes, quasi pelhicidae (Riippell. 1. e. p. 35). 

Descriz. Disco cuoriforme 1[5 piìi lungo che largo, eguale in lunghezza 
ai 2i5 della lunghezza totale del pesce; la maggiore sua larghezza è uguale 
ad 1[3 circa della lunghezza del pesce; alquanto meno negli individui adulti. 

Muso sporgente, triangolare, rotondato all'apice, 4 1{2 volte più lungo 
dello spazio internasale ; triplo dello spazio compreso fra lo creste sopra- 
cigliari. 

Carena rostrale triangolare allungata, 7, 8 volte più lunga che larga 
alla base (9 a 10 volte negli adulti), coi lati inflessi e confluenti fra loro 
ad 1[3 della loro lunghezza, ed allargati alla base ed all'apice. La doccia 
interpostavi è pressoché interrotta nel mezzo. 

Ocelli piuttosto piccoli, ovoidali, il diametro maggiore dell'orbita è contenuto 
9 a 10 volte nello spazio preorbitale, e 2 1]2 volte nell'interorbitale. Spiragli 
molto grandi, ovoidali, immediatamente annessi e retroposti agli occhi. 

Bocca trasversale, leggermente arcuata, il doppio più larga dello spazio 
internasale; guarnita di denti grandicelli , granulijormi , pavimentati , sub- 
eguali in ambo le mascelle, tranne nelle estremità laterali della bocca ove 
sono alquanto più minuti. Se ne contano 60 circa in una serie longitu- 
dinale. 

Narici grandi^ allungate^ in forma di fessura^ obliquamente dirette dal- 
l'avanti all'indietro, dall'esterno all'interno; li4 più lunghe dello spazio in- 
ternasale, 1 [2 più corte del diametro della bocca. Esistono 2 valvole mem- 
branacee per narice. 

La valvola nasale anteriore non è dilatata lateralmente, né si estende fino 
alVangolo interno delle narici; dal suo lembo inferiore spiccasi, come nel 
Columnae^ una larga appendice linguiforme, che incurvandosi, si volge 
verso l'angolo esterno della narice, senza aderirvi, dividendone la cavità 
in 2 parti ineguali. 

La valvola nasale posteriore è bilobata; il suo lobo esterno attraversa, in 



— 174 — 

forma dì larga appendice lamelliforme, dall'esterno all'interno, la cavità na- 
sale; il suo lobo interno è stretto^ semicircolare e tuttavia alquanto estro- 
flesso sotto l'apertura delle narici. — La membrana pituitaria interna è mo- 
dellata in numerosi filamenti pettiniformi verticali. 

Le pettorali sono triangolari allungate , rotondate , e molto ottasamente 
allungate nel loro margine esterno. 

Le ventrali hanno forma trapezoidale , sono più lunghe che larghe, col 
margine esterno rotondato, ed il posteriore notevolmente prolungato ed ap- 
puntito. 

Lo dorsali sorgono sul dorso della coda, hanno forma trapezoidale , col 
margine anteriore rotondato , ed il posteriore falcato e guarnito di una 
lunga appendice basale. 

La prima dorsale dista 3 volte la propria base dall'estrema base poste- 
riore delle ventrali; la seconda rimano equidistante dalla prima, e dalla 
base della codale. 

La codale è di forma romboidale allungata, col lobo inferiore breve ma 
rotondato nel suo margine inferiore , e col superiore allungato ed appun- 
tito; 1[4 più lungo dell'inferiore. 

Una/rt?ri« cutanea in forma di carena prende origine poco dopo l'inser- 
zione dello ventrali, e si stonde fino all'origine del lobo inferiore della 
codale. 

Hxxitiì. \-ò, parte superiore del corpo e della coda è eminentemente rugosa 
e coparta di fittissimi tubercoli granuli/ormi rotondati^ i quali gradatamente 
divengono vieppiù minuti procedendo verso le parti laterali del disco e 
della coda. 

Lungo la linea mediana del dorso e della coda., sino oltre la prima dor- 
sale., corre una serie di grossi tubercoli ottusi ed uncinati., aggruppati a 3 
a 4 lungo l'asse longitudinale del corpo, e tramezzati e susseguiti da altri 
tubercoli più esili ma granuliformi. 

Un gruppo di consimili tubercoli uncinati sorge lungo l'orlo superiore ed 
interno delle orbite, sulla base della carena rostrale, e sulla spalla nel 
punto ove la cintura scapolare si connette colle cartilagini basali delle pet- 
torali. La superficie inferiore del corpo è liscia. 

Il colore del pesce, superiormente è grigio-bruno uniforme, tranne la 
parte anteriore del muso che spicca per una tinta bianco -giallastra , e le 
uatatoje dorsali e la codale la cui tinta volge al grigio giallastro. 

Una macchia variegata ed occìiiuta emerge in ambo i lati del corpo sulla 
regione della spalla, nel punto ove sorgono i preaccennati tubercoli unci- 
nati. Tutta la faccia inferiore del corpo è bianco-giallastra. 



— 175 — 



Misure 

Lunghezza totale del corpo 

„ del disco. 
Larghezza del disco .... 
Lunghezza della testa sino all'angolo po- 
steriore dello spiraglio . 
Larghezza della testa a livello dello spira- 
glio 

Lunghezza del rostro 

„ delle narici . 
„ dello spazio internasale . 
Diametro dell'orbita .... 
Spazio preorbitale .... 
„ infraorbitale .... 
Diametro longit. della bocca . 
Distanza dall'apice del muso alle narici 
„ alla bocca .... 
„ all'ano .... 
„ alla prima dorsale 
„ alla seconda dorsale . 
^ alla cedale lobo superiore. 
„ alle ventrali 
Lunghezza dell'appendice copulativa. 



1° EsEMP. Q 2^ Es. Q 30 Es. d" 



1"^ 800; 


1™ 700; 


1"» 230 


0, 750; 


0, 660; 


0, 490 li2 


0, 660; 


0, 590; 


0, 410 



0, 450 
0, 300 
0, 070 
0, 060 
0, 037 
0, 310 
0, 090 
0, 130 
0, 270 
0, 310 
0, 770 
1™ 130 
1'" 380 

l'asso 

0, 725 



0, 375; 0, 335; 0, 242 



0, 405 
0, 265 
0, 060 
0, 050 
0, 028 
0, 280 
0, 080 
0, 120 
0, 240 
0, 280 
0, 720 
1"^ 030 
l'»280 

lm484 

0, 650 



0, 280 
0, 200 
0, 050 
0, 040 
0, 021 
0, 200 
9, 060 
0, 092 
0, 180 
0, 210 
0, 520 
0, 740 

0, 930 

1, 105 
0, 480 
0, 130 



Palermo a di 14 Febbrajo 1884. 



Prof. Pietro Doderlein. 



— 176 — 

INDICE ITTIOLOGICO 

IDEX.. 2^j^T^:E1 idi 3v£ESSI:]>T-^ 

DEL 

PROF. ANASTASIO COCCO 
(per cura del Dott. Luigi Facciola'). 



(Cont. Vedi Nana. prec). 

(SOTTOFAMIGLIA 7a - Rinobatini) 

(SOTTOFAMIGLIA 8^ - Pristidini) 

FAMIGLIA 2-^ — Squalidi 

SOTTOFAMIGLIA 9^ - Squatini 

Genere 8° — Sqiiatina 

Sp. 19. Sqiiatina angelus (Dumérìl, Zool. Annal. p. 102). 

Squalus squatina (Lia. Syst. I, p. 398). 

Rhyna squatina (Raf. Caratt. p. 14). 
Sp. 20. Squatina oculata (1) (Bonap. le. Fn. It.) 



Sqiiatru 
squatruce- 
falu 
idem 



SOTTOFAMIGLIA 10^ — Spinacini 
Genere 9° — Spinax 

Sp. 2L Spilla:^ acanthias (Cuv. Rógne Auim. II, p. 130). Oggliialimi 

Squalus acanthias (Lin. Syst. I, p. 397). 
Sp. 22. Spinax B!a!nvil!ii (Bonap. Io. Fn. It,). Caddidu 

Ac:intlii.is Blain villi! (Riss. Hist. Ili, p. 133, t. HI, f. 6). 
Sp. 23. Spinax uyatus (Bonap. le. Fn. It.). Oggliialoru 



(1) I pescatori ne assicurano l'esistenza^ e lo distinguono al colorito e alle 
macchie : io non l'ho mai osservato. 



— 177 — 

Squalus uyatus (Raf. Caratt. p. 13, t. XIV, f. 2). 
Squalus acanthias (Riss. Icht. p. 40). 
Acanthias vulgaris (Riss. Hist. p. 131). 
Sp. 24. Spinax niger (Cloquet in Dict. se. nat.). idem 

Squalus spinax (Lin. Syst. I, p. 398). 
Acanthias spinax (Riss. Hist. Ili, p. 132). 
Etmopterus aculeatus (Raf. Caratt. p. 14, t. XIII, f. 3 
mala). 

Genere 10° — Centrina 



Sp. 25. Centrina Salviani (Riss. Hist. IH, p. 135). 
Squalus centri uà (Lin. Syst. I, p. 398). 
Oxynotus centrina (Raf. Ind. p. 336). 



Fidci sarici 



SOTTOFAMIGLIA 11^ - Scimninì 
Genere 11° — Scymtius 



Sp. 26. Scymnus lichia (Cuv. Régno Anim. II, p. 392). 

Scymnus nicaeonsis (Riss. Hist. III, p. 137, t. II, f. 4). 
Squalus nicaeensis (Riss. Icht. p. 43, t. IV, f. 6). 



Paddottula 



SOTTOFAMIGLIA 12* — Notidaninl 
Genere 12*^ — Notidanus 

Sp. 27. Notidanus griseus (Cuv. Rógne Anim. IT, p. 128). 
Squalus griseus (Gra. L. Syst. I, p. 1495). 
Notidanus monge (Riss. Hist. Ili, p. 129). 
Hexanchus griseus (Raf. Caratt., p. 14, Ind. p. 47J. 



Pisci vacca 



Genere 13'^ — Heptrancliias 

Sp. 28. Heptranchias cinereus (Raf. Caratt. p. 13. 

Notidanus oinereus (Cuv. Régne Anim. II, p. 390; 



Sarda ma- 
sculina 



Il Naturalista Siciliano, Anno III. 



23 



178 



SOTTOFAMIGLIA 13a — Lamnini 
Genere 14° — Lamna 

Sp. 29. Lanina eornubica (Ciiv. Régne Anìm. II, p. 388). 
Squahis cornubicus (Grm. L. Syst. I, 1497). 
Lamia cornubicus (Rìss. Ilist. III, p. 124), 
Isurus Spallanzani ? (Raf. Ind. p. 60). 

Genere 15° — Oxyrhina 

Sp. 30. Oxyrhina Spallanzani (Bonap. le. Fu. It.). 

Isurns oxyrliynchus (Raf. Caratt. p. 12, t. XIII, f. 1). 
Canicola (Scilla, Corp. lapid. p. 83, t. I dente). 

SOTTOFAMIGLIA 14a — Alopiadini 

Genere 16° — Aloinas 

Sp. 31. Alopias vulpes (Bonap. le. Fn. It.). 

'Squalus vulpes (Gm. L. Syst. I, p. 1495). 
Alopias macrourus (Raf. Caratt. p. 12). 
Carcliarias vulpes (Cuv. Régne Anim. II, p. 126). 



Titnnu pa- 
lamita 



Pisci cani 



Fisci han de- 
va 



SOTTOFAMIGLIA !> - Squalinj 
Genere 17° — Odontaspis 

Sp. 32. Odontaspis ferox (Agassiz Poiss. foss. Ili, p. 87). 
Squalus ferox (Riss. Icht. p. 38). 
Carcharias ferox (Riss. llist. p. 122). 

Genere 18° — Carcharodon 

Sp. 33. Carcharodon lamia (Bonap. le. Fn. It.). 
Squalus carcharias (Riss. Icht. p. 25). 
Carcharias lamia (Riss. Hist. III, p. 119). 



Smìdira 



Cialandruni 



- 179 — 

Genere 19° — Prionodon 

Sp. 34. Prionodon glaucus (Muli, et Henle Plagiost. ir, p. 36). Vlriledda 

Squalus glaucu3 (Lin. Syst. I, p. 401). 

Carcharias glaucus (Raf. Ind. p. 45). 
Sp. 35. Prionodon lamia (Miill.et Henle Plagiost. p. 37, t. 12). idem 

Squalus carcharias (Bonap. le. Fn. It.). 

Osservai. Questa specie sembra raen comune della 

prima: io l'osservai insieme al mio amico Riippel. 

{continua). 



IL QUATERNARIO DI RIZZOLO 



(Cont. V. Num. prec). 
II. 

Gli Ostracodi. 

C pellucida Baird. 
Var. gracilis n. 

Tav. I, fig. 10. 

1850. Cythere jidUicida B-àìrd. Brit. Ent., p. 173, tav. XXI, fìg. 7. 
1865. „ „ Gr. 0. Sars. Ovcrs. of Norg. mar Ostrac, p. 31. 

1868. „ ,, Gr. S. Brady. Monogr. ree. Brit. Ostrac, p. 397, 

tav. XXVIII, fìg. 22-26, 28. 

1868. „ „ Gr. S. Brady. Les fonds de la mer , toni. T, p. 89. 

1869. „ „ Gf. S. Brady et Robertson. Ann. and Mag. N. H. , 

voi. Ili, ser. IV, tav. XIX, fig. 10-12. 
1869. „ „ G. S. Brady. Ann. and Mag. of N. H, pag. 45. 

1874. „ „ G. S. Brady, Crosckey and Robertson. Mon. post- 

tert. ciitom., p. 142, tav. III, fìg. 20-24. 



— 180 - 

Un solo esemplare è quello che io riferisco a questa specie , ma se ne 
discosta per varii caratteri, che m'indussero ad istituirne una varietà. Di- 
fatti la mia Cylhcre è più allungata di quanto lo sia ordinariamente, è più 
compressa, coli' estremo posteriore più stretto guardandola lateralmente e 
si termina più acuta allo due estremità, allorquando si guarda il contorno 
dal lato dorsale. Quantunque la forma generale dica proprio che si tratti 
della C. i^ellucida^ pure tutte lo differenze descritte ne fanno almeno una 
distinta varietà. 

DlSTR. GEOGR. 

Norvegia, Gran Brettagna, Irlanda, Olanda, Golfo di S. Lorenzo, Medi- 
terraneo. — Porto di Messina ! 

DlSTk. STRAT. 

Quaternario d'Inghilterra e di Norvegia. 

C. circumdentata n. 

Tav. II, fig. 4. 

Conchiglia di consistenza sottile e quasi vitrea, guardata lateralmente ha 
forma ovata, pressoché rettangolare, col margine cìnto regolarmente di denti 
quasi uguali, equidistaiiti , troncati e disgiunti da interstizii uguali a loro, 
soltanto va esente da siffatta dentellatura il margine dorsale, la maggiore 
altezza della conchiglia è poco in dietro del quarto anteriore ed oltrepassa 
di poco i due quinti della lunghezza ; la regione anteriore è largamente 
rotondata, la posteriore un pò più stretta è parimenti rotondata, il margine 
ventrale retto forma angoli poco sensibili là dove si unisce al margine an- 
teriore ed al posteriore , lo stesso dicasi del margine dorsale, il quale al- 
l'angolo posteriore porta una spina ottusa; guardata la conchiglia dalla re- 
gione dorsale offre un contorno tetragono pressoché romboidale , coi due 
lati anteriori lievemente convessi, più lunghi e cinti da denti equidistanti, 
lunghi e troncati, i due lati posteriori brevi, concavi, non dentati o appena, 
l'estremità anteriore e posteriore larghe , bilobate ; il maggiore spessore è 
al terzo posteriore ed uguaglia la metà della lunghezza; guardata da una 
estremità la conchiglia si offre ottagonale cogli angoli spinescenti ; la su- 
perficie di ciascuna valva è convessa, offre due costole, di cui l'una corre 
parallelamente al margine ventrale, circa al quarto inferiore , estendendosi 
quasi dal quarto posteriore ed incurvandosi sino alla metà del margine an- 
teriore, l'altra è retta e corre parallelamente alla porzione retta della pre- 



— 181 - 

cedente ed a distanza uguale da essa e dal margine dorsale, entrambe sono 
poco sporgenti quasi verticali e sormontate da denti prominenti, equidistanti 
e troncati , molto analoghi a quelli marginali , ma alquanto più gracili. Il 
granulo cardinale ò grosso e splendente ; la superficie tutta ò segnata da 
rare papille sporgenti. 

Lunghezza Altezza Spessore 

0,62™-. 0,26">'». 0,30""". 

Questa specie è affine alla precedente e somiglia anco alla seguente. Si 
distingue bene dalla C. WJiiteii per la regolarità dei denti marginali, come 
per le dentellature delle lamine longitudinali ; manca inoltre ogni specie 
dì altra prominenza od ornamento escluse le tenui papille della superficie. 
A dire il vero potrebbe taluno riguardare la forma testò descritta siccome 
un'insigne varietà della precedente. La C. senilis Jones è molto somigliante 
per la forma generale, alla nuova specie, manca intanto dei dentelli mar- 
ginali, come anco di quelli che cingono le lamelle , pei quali caratteri se 
ne allontanano grandemente. 

DlSTR. GEOGR. 

Non conosciuta trai viventi. 

DlSTR. STRAT. 

E,arissima a Rizzolo ! 

C. senilis (Jones). 

1856. Ct/thereis senilis R. Jones. Monogr. Entom. tert. , p. 37, tav. Ili, 

fig. 8a e b. 
1878. Ci/tJiere senilis. 0. Terquem. Los Entom. ostrac. de l'ile de Rhodes, 

p. 115, tav. XTII, fig. 14 a-c. 
1880. „ „ Seguenza. Le form. terz., p. 363. 

L' unico individuo che riferisco con sicurezza a questa specie risponde 
bene ai caratteri assegnati alla stossa, ma ofi're il fatto rimarchevole ricor- 
dato dal Terquem, cioè che lateralmente essa rispondo alla figura data dal 
11. Jones, ma dal dorso o dalla regione ventrale l'aspetto è diverso. Il mio 
esemplare intanto si accorda colle figure del Terquem. 

Un carattere che manca tanto agli esemplari d'Inghilterra quanto a quelli 
di Rodi, e che notasi nel mio, si è la presenza di papille sparso sulla su- 
perficie della conchiglia; per cui chiamerei la mia var. ixipiUosa. 



— 182 — 

DlSTR. GEOGR. 

Non so che siasi trovata vivente. 

DlSTR. STRAT. 

Pliocene d'Inghilterra e di Rodi. — Quaternario di Rizzolo! 

C. Stimpsoni Brady. 

1868. C. Stimpsoni Brady. Les fonds de La mer., t. I, p. 78, tav. X, fig. 7 e 8. 
1870. „ „ Brady. Ann. and Mag. Nat. Hist., ser. 4^ voi. HI, p. 48, 

tav. VII, fig. 9-12. 
1880. „ „ Brady. Rep. Challenger, p. 85, tav. XXI, fig. 6 a-k. 

Questa specie è tra le più comuni delle argille quaternarie di Rizzolo 
ed offre ivi quelle numerose forme che il Brady rappresentò nelle tavolo 
annesse al rapporto sugli Ostr.icodi pescati dallo Challenger, ed altre an- 
cora ; quindi delle forme grandi e piccole, elargate ed elongate, colla su- 
perficie a larga ed a fina reticolazione, colla scultura prominente ed assai 
distinta ovvero poco sviluppata. 

Var. simplex n. Tra le tante forme presentatemi da questa specie una 
se ne osserva molto rara, allungata, colla superficie priva dell'ordinaria re- 
ticolazione, per cui ho creduto imporle il soprascritto nome. 

Una quistione molto importante mi si è presentata a riguardo di questa 
specie, che io non ho potuto definitivamente risolvere. Alcuni esemplari di 
Cythere raccolti a Rizzolo furono da me riguardati siccome spettanti alla 
C. Edivardsiì Roemer, ma un più accurato e minuzioso esame mi ha fatto 
riconoscere in tale forma caratteri siffatti da vederne ben chiara l'affinità 
colla C. Stimpsoni, anzi, attesa la variabilità di quest'ultima, io sono quasi 
sicuro che trattasi di una sua forma estrema. Difatii io ho potuto compa- 
rare tra loro gli esemplari del miocene di Benestare, che con tutta sicu- 
rezza aveva rapportato alla C. Edwardsii , cogli esemplari del plioceno e 
del quaternario di Calabria e di Sicilia, nonché con esemplari viventi pe- 
scati nel porto di Messina. Tale raffronto fatto con molta accuratezza non 
mi ha dato verun carattere che valga costantemente a distinguere la C. 
Edivardsii dalla C. Stìmpsoìu. Difatti la prima ha il margine anteriore più 
largo e più rotondato, con una serie di fossette ben marcate che lo cinge, 
lo due carene longitudinali, meno obblique, una scultura più fina; ma tali 
caratteri tutti variabili da individuo ad individuo si modificano talmente 
da non potere cogliere una linea ben netta di demarcazione tra le due 
formo , che perciò sembrami costituiscano una serie non interrotta di mo- 
dificazioni di un solo tipo. 



— 183 — 

Dalle figure della C- Edivardsìi non ben si capisco quale siane la vera 
scultura, anzi potrebbesi credere da taluno che sia afi'atto diversa da quella 
della C. Stimpsoni^ ma supplisce benissimo la descrizione, la quale la dice 
rugoso-scrobicidaf.a (Reuss), e molto meglio quella del Bosquet assai detta- 
gliata : La surface de la voiite dorsale est onice de points creux arrondis ou 
anguleux^ -peti profonds ^ disposés par séries , entre lesqueUes on remarqne , 
snrtout à còte des carènes, des rides transversales qui donnent à ìa surface 
un aspect réticulé. 

Questa descrizione dice proprio che si tratta d'una scultura somigliante 
a quella della C. Stim2)soni. 

Dopo tutto ciò io credo assai probabile che le due specie si debbano 
riunire in una sola , che in tal caso prondcrcbbe nome di C. Edivardsii 
Roemer. 

DlSTR. GEOGR. 

Baia Vigo, Mediterraneo — Porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Calabria e di Sicilia! — ■ Kizzolo ! 

C. emaciata Brady. 

1866. Cythere emaciata Brady. Brit. Assoc. Report., p. 210. 

1868. „ „ Brady. Monogr. Ree. Brit. Ostrac. , p. 414, ta- 

vola XXXI, fig. 31-37. 

1874. „ ^ Brady. Crosskey , Robertson. Post-terl. Entom. , 

p. 161, tav. IX, fig. 1447. 

1880. „ , Seguenza. Le form. tert., pag. 363. 

Rari esemplari raccolti a Rizzolo si riferiscono alla specie ricordata e 
rappresentano una forma molto gracile. 

DlSTR GEOGR. 

Gran Brettagna ed Irlanda. 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario d'Inghilterra, di Calabria ! e di Sicilia ! — Molto rara a Riz- 
zolo. 

(continua) G. Sequenza. 



— 184 



LEPIDOTTERI DRUOFAGI 



(Cont. V. Niim. prec.) 

125. Catocala promissa S.V — Staudiiiger, p. 138. 

Il bruco adulto in maggio e giugno divora le frondi del Q. ilex , suber, 
e robur. 

Piemonle, Lombardia, Liguria, Parma, Corsica, Sardegna, Sicilia. 

126. Catocala conjuncta Esp. — Staudinger, p. 138. 

II bruco adulto nell'està si nutrisce del Q. suber, ilex e robur. 
Piemonte, Loml)ardia, Bologna, Parma, Sardegna, Sicilia. 

127. Catocala paeta Ltr.— Staudinger, p. 138. 
Il bruco in està vive sulla quercia. 
Propria della Germania. 

128. Catocala mynphaea Esp. —Staudinger, p. 138. 

Il l)ruco in maggio e giugno vive sul Q. ilex, suber, e coccifera. 
Liguria, Dalmazia, Sardegna. 

129. Catocala conversa Elsp.— Staudinger, p. 138. 
Il bruco nell'estate vive sul Q. ilex. 
Liguria, Sardegna, Sicilia. 

130. Catocala diversa Hbn. — Staudinger, p. 139. 
Il bruco in maggio vive sul Q. robur (Curò). 
Sicilia (Dreponchet). 

131. Catocala mynphagoga Esp.— Staudinger, p. 139. 

Il bruco in maggio si trova sul Q. ilex, suber, robur. 
Liguria, Sardegna, Sicilia. 

132. Zanclognata emortualis Sclif. — Staudinger, p. 140. 
Bruco in maggio sulle querce_(Curò). 

Piemonte. 

133. Herminia derivalis llbn.— Staudinger, p. 141. 

Il bruco con dubbio del Curò è riportato, che vive sulla quercia. 
Nizzardo, Toscana, Napoli, Palermo. 

134. Pechipogon barbalis CI.— Staudinger, p. 141. 
Il Ijruco vive sopra il Quercus (Curò). 

Italia centrale e settentrionale. 

135. Brephos parthenias Lnn.— Staudinger, p. 143. 
Il bruco rive sulle querce, betulle, e faggi. 
Piemonte, Lombardia. 



— 185 - 



D. GEOMETRE 

136. Gsometra papilionaria Liìii. — Slaudinger, p. 143. 
Il bruco vive sulle querce (Milliere). 

Piemonte. 

137. Geometra vernarla Ilbn. — Staudiiiger, p. 143. 
Il bruco si nuli'isce delle querce (Curò). 

luilia centrale e settentrionale, Corsica. 

138. Phorodesma pustulata Hfu. — Staudiiiger, p. 144. 

Il bruco in maggio si trova sulla quercia, e la farfalla ne' luoghi sterposi 

in prossimità delle querce. 

Piemonte, Parma, Alpi marittime, Alzate in Lombardia, Calabria. 

139. Nemoria viridata Lnn. — Staudiuger, p. 144. 

Il bruco è polifago, vive sulla quercia, sul bianco spino, sulla Ononìs sp/- 
nosa e Colluna vulgaris. 
Piemonte, Parma, Veneto, Sicilia. 

140. Nemoria strigata Mill. — Staudinger, p. 145. 

Il bruco in maggio e qualche volta in giugno si trova sulla quercia nu- 
trendosi delle frondi. 
Piemonte, Alzate in Lombardia, Corsica, Sicilia. 

141. Jolis lactearia Lnn. — Staudinger, p. 145. 

Il bruco in agosto e settembre vive sulla quercia (Lelilole, Milliere). 
Piemonte, Brianza. 
14'2, Zonosoma pupillaria Ilbn. — Staudinger, p. 153. 

Il bruco in maggio vive sul Q. ilex ed altre specie di querce (Milliere). 
Parma, Alzate, Sicilia, Corsica. 

143. Zonosoma porata Fbr. — Staudinger, p. 153. 

Il bruco in giugno e settembre vive sulle (pierce , passa l' inverno nello 
stato di crisalide (Milliere), ha due generazioni (Turati). 
Parma, Lombardia, Si<Mlia, Corsica. 

144. Zonosoma punctaria Lnn. — Staudinger, p. 153. 

Ha due generazioni, il bruco si trova in luglio e settembre sulle querce. 
Milano, Brianza, Padova, Parma, Sicilia. 

145. Zonosoma linearia Ilbn. — Staudinger, p. 153. 

Ha due generazioni , in giugno e settembre trovasi sulle querce (Lehtole). 
Piemonte, Valsasina. 

146. Timandra amata Lnn. — Staudinger, p. 153. 

È s])ecie polifaga, \i\'e sulle querce, sul Rame-Ji e sul Pollgonwn pcrsi- 
caria. 

Lombardia, Veneto, selve di castagno ui Napoli, Sicilia, Corsica. 

147. Bapta bimacuiata Fbr. — Staudinger, p. 155. 
Il bruco vi\e sulle querce (Curò). 

Italia centrale e settentrionale. 
Il Naturalista Siciliano^ Anno III. 24 



— 18G — 

148. Matrocampa margaritaria Lnii. — Staudinger, p. 156. 

Ila due generazioni in maggio e giugno e poi in seUenibre , si nutrisce 
delle (pierce. 

Parma, Piemonte, Lombardia, Brianza. 

149. Metrocampa honoraria Sch. — Slaudinger, p. 156. 

Il bruco in agosto e settembre vive sulle querce (Milliere). 
Piemonte, Liguria, Dalmazia, Calabria, Sardegna. 

150. Eugonia quercinaria Hfn. — Slaudinger, p. 156. 

Il bruco è piuttosto polifago, vive sulle rpierce, tiglio e faggio, ha due ge- 

iierazioni. 

Bologna, Nizzardo, Dalmazia, Corsica. 

151. Eugonia autunnaria Wn. — Staudinger, p. 156. 

Il bruco in giugno vi\e sulla quercia, ha una seconda generazione in au- 
tunno, e la farfalla Iia due apparizioni in aprile ed agosto. 
Piemonte, Nizza. 
(continua) F. Mina Palumbo. 



GLI OSTRACODI 

DEL 

:E=0I=S1'0 idi 3^ESSI3^.^f^ 

(Cont. V. N. prue J. 



<\ tuberculata (G. O. Sars.). 

1865. Cythereis tnlenìdata G. O. Sars. Overs. Norg. mar. Ostrac., p. 37. 
1865. Cytlierc mutabilis^ dathrata^y^v. lyrata^ ctPvar. latimarginata Bra- 

dy. Trans. Zool. Soc, pag. 377 , tav. LIX , 

fìg. 12, 13, 14. 
1868. „ tnhcrcalaia Brady. Monog. licc. Brit. Ostrac., p. 406, tav. 30 

fìg. 25-41. 
1874. „ „ G. S. Brady, Crosskcy and liobertson. Mou. post- 

tcrt. Entom., pag. 164, tav. V, fig. 7-12. 

Gli esemplari che rapporto a questa specie , mi lasciano tuttavia dub- 
bioso, specialmente per la scultura della superficie, che presenta piuttosto 



— 187 — 

degl' incavi anziché delle prominenze , ovvero in qualche caso delle spor- 
genze o meglio dei leggieri rialzi incavati. Mi determinò a riunire questa 
forma alla nominata specie, la grande variabilità di scultura a cui va sog- 
getta realmente la C. tnherculata^ e d'altro canto le forme che assume la 
specie del porto di Messina , tra le quali alcuno mancano quasi del tutto 
dei dentelli marginali alla regione anteriore come alla posteriore, carattere 
che venne osservato anco dal Brady. 

DlSTR. GEOGR. 

Baia di Baffin, Inghilterra, Norvegia, Spitzberg, Baii di Biscaglia, Indie 
orientali, Golfo di S. Lorenzo. — Rara nel porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario d'Inghilterra e di Norvegia. 

C. Stimpsoni Brady. 

Les fonds de la mer, t. I, p. 78, tav. X, fig. 7 e 8. 
Ho veduto poche variazioni di questa specie che trovai molto rara nel 
porto di Messina. 

DlSTR. Geogr. 
Baia di Vigo, Mediterraneo — Porto di Messina! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Calabria! e di Sicilia ! — Rizzolo ! 

C. Edwardsii Roemer. 

1838. CijOierlna Edwanlsii Roemer. Jahrb. fiir minerai, und geolog. , von 

Leonhard und Bronn., p. 518, tav. VII, lìg. 27. 
1838. „ fimbriata Roemer. Op. cit., p. 518, tav. VI, fig. 29. 

1849. Cypridina Ediuardsil Reuss. Die fossil. Entoraostr. ecc., p. 44, tav. X, 

fig. 24 a, b. 

1850. Ci/tìiere Edumrdsìi Bosquet. Descr. des Entom. foss., p. 94, tav. IV, 

fig. 14. 

Questa specie è talmente affine alla precedente che credo probabilissimo 
si debba riunire a quella, come una dello tante sue modificazioni flj. Gli 



(1) Vedi : Gli Ostracodi di Rizzolo articolo C Stimpsoni. 



— 188 — 

esemplari che ho raccoUo nel porto di Messina par che convengano bene 
colle figure e descrizioni pubblicate. 

DlSTR, GROGR. 

Porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Miocene di Francia, di Germania, d'Austria, di Boemia — Calabria ! — Plio- 
ceuo di Francia, di Belgio, d'Italia — Sicilia, Palermo — Calabria ! — Quater- 
nario di Calabria ! 

C. emaciata Brady. 

Brit. Assoc. Rep., p. 210. Monogr. Ree. Brit. Ostrac, p. 414, tav. XXXl, 
fig. 31-37. 

Si pescano esemplari tipici di questa specie nel porto di Messina seb- 
bene raramente. 

DlSTR. GEOGR. 

Gran Brettagna ed Irlanda— Porto di Messina! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario d'Ingliilterra, di Calabria 1 e di Sicilia ! — Rizzolo ! 

C. prava (Baird.). 

Proc. Zool. Soc. parto XVIII, p. 254, tav. XVIII, fig. 13-15. 

Gl'individui che vi riferisco , sull' esempio del signor Terquem, li avea 
rapportato alla C. corrugata Reuss. , ma la comparazione e lo studio più 
accurato mi hanno condotto a credere piìi ragionevole l'associazione della 
forma vìvente a Messina, come i fossili di Rodi, alla C. prava^ riguardan- 
doli come speciali modificazioni di quest'ultima, quantunque essi se ne al- 
lontanano non poco e sopratutto dalla forma pescata dallo Challenger; ma 
la generalo forma e le gradazioni depongono in favore di quest'ultima opi- 
nione (Vedi fossili di Rizzolo, C. "prava). 

DlSTR. GEOGR. 

Oceano indiano, Isola Admiralty — Mediterraneo— Porto di Messina ! 

DlSTR. STP>AT. 

Pliocene di Rodi — Quaternario di Rizzolo. 



— 189 — 

C. Jonesii Baird. 
Brif. Entom., pag. 175, tav. XX, fìg. 1. 

Si trova con molta rarità la Yar. ceratoptera in esemplari delicati e quasi 
diafani. 

DlSTR. GEOGR. 

Norvegia, Gran Brettagna, Baia di Biscaglia , Mediterraneo , Levante — 
Porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Eoceno della Francia, e del Belgio — Miocene sj-poriore Calabria! — Plio- 
ceno Suffolk, Rodi, Calabria! — Quaternario d'Inghilterra — Rizzolo ! 
{continua) G. Seguenza. 



CORALLI GIURESI DI SICILIA 



PARTE SECONDA E TERZA 

Rimando il lettore alla breve prefazione della prima parte Nat. Sic. ^ 
IS". 4, p. 73, alla Bibliografia , però in essa citata debbono aggiungersi le 
seguenti opere : 1875 Mosely Struct. a. relat. Alcyonaria heliopora; 1879 Idem 
Struct. Lasteridae; 1876 Idem Struct. Millepora Tahity; 1879 Trautschold 
Ub. lura Isjum ; 1876-79 Idem Kalkbriiche v. Mjatscliowa ; 1862 Ludwig 
Palaeont. Urars Act. Bryoz.; 1879 Pillet Fromentel Lamenec; Lindstrom 
Pai. fovm. Oberk. kor., 1865 Idem On zoant. rug.; 1870 Idem Nya koral 
Goti.; 1873 Idem Svenska uud. koral.; 1873 Dyboski Mon. zoont. sclerod.; 
1879 D'Acchiardi Nuova specie Trochocyatli. tit.; 1881 Martin Wichmann 
Beitr. G. Ost-Asieu Austr. ; 1881 Stevenson Colorado New Mexic (Wliite 
carb. invert.); 1839 Lee J. Edw Not. und zoopli. York Chalk ; 1882 De 
Gregorio Coralli titoiiici di Sicilia ; 1872 Duncan Oa the struct. Gujnia 
aunulata etc. 1883 Gaudry Les eiichainenients foss. prim.; 1883 Tomes On 
great eoi. Madr.; 1883 Stoche Fragm. Afrik. W. Sahara; 1824 Enc. méth. 
zooph. (Lam-x Bory S. Yicent Desi,); 1816 Tableau Enc. méth. moli, ei 
Polyp. ; 1883 Whidborne Sous foss. eh. Moli. inf. ool. ; 1835-36 Phillips 
Ili. geol. of. Yorkshire Mount. Llmestone ; 1850 Mantel Pict. Atlas foss. 



— 190 — 

icm.; 1883 Sollas Descr. foss. spong. inf. ool.; 1883 Tomes Som imp. Matlr. 
Corni Rag; 1883 Hudlcstcn Collect. foss. Rock-spec. Australia; 1882 Hàusler 
Up. Sur. Austr. a. Listuol; 1882 Claypole Helicopora a K". Fonestel.; 1884 
White Goral fossil Contr. Juv. Foss. Carbon. Foss. West. Stat. 

Come si rileva facilmente da questo elenco la mia libreria si è molto 
arricchita in questi ultimi mesi, nò ho risparmiato spesa di sorta por for- 
nirla di ogni pubblicazione che riguarda lo faune coralliche secondarie e 
primarie. È superfluo notare che nel detto elenco ho omesso di citare i 
molteplici lavori sui coralli terziari e recenti eh' essa contiene e che ho 
dovuto consultare di sovente. 

I coralli da me descritti nella prima parte di questo lavoro (Nat. Sic. , 
Anno 1882, N. 4, 5) provenivano dalla zona da me detta a Calamophyllia 
nebrodensis De Greg. e Thecosmilia Spadae Menegh. (eccetto l'Astrofungia 
cidariformis che è titotinica). Quelli che ora descrivo provengono da due 
zone : Quelli della 2^'' parte della stessa zona. Quelli della 3'^ parte dal ti- 
tonio. — E superfluo dire di quanto interesse è lo studio di questi ultimi, 
mentre si può dire che non esista che il mio lavoro Coralli titonici di Si- 
cilia (che publicai nel Dicembre 1882j su questo soggetto. Nel citato lavoro 
io descrissi le seguenti specie titoniche : Zittelspongia tithonica, Spongitiria 
percepta^ Feronella AquileJ ensis_, Astrofungia cidariformis , Anahacia Mene- 
ghini, Thamnastrea irregulastrea, Tìi. titonica, Thecosmilia esitans, Isastrea 
Ciofaloi, Latimaeandra pcrduhia , L. Cidiensis , Cyathocoenia Himerensis, 
Cyathophora Quenstedti , Epismilia Nebrodensis, Bìijpidogyra Cidiensis, 
Stylina SmUesi, St. miseriuscida, St. citriformis, St. Zitteli. St. himerensis, 
St. lìropeirradiaiìs in tutto 21 specie. Avendo eseguito in questo lasso di 
tempo nuove ed accurato ricerche nei depositi titonici sono ora in grado 
di far conoscere molte altro specie. 

PARTE SECONDA 

Rhipidogyra mirmilla De Greg. 

Calice lungo quasi 24"""., molto ellittico. Columella esile, lamcllosa, un 
pò ondulata , molto bislunga. Setti primari e secondari arrivanti ad essa 
circa 24; altri setti minori interposti, ma che però non possono contarsi 
atteso l'alterazione subita nel fossilizzarsi. Le muraglie paiono spesse e cel- 
lulose , ma per la stessa causa non si vedono bene. Coste molto robuste, 
circa 44 corrispondeati allo lamelle primarie e secondarie. 

Questa specie ha molta somiglianza con la R. crassa From. (Poi. tcrz. 
coral. tom. 0, f. 3) ha poro un calice più ovale. 

Loc. Aria u Cocu. 



— 191 — 



Montlivaultia lupensis De Greg. 

Magnifica grande specie, cilindrica orbicohire; ne ho esaminato esemplali 
lunghi 14 era. con un diametro di 5 cm.; ma il D.'' Mina Palumbo mi scrive 
di averne visto esemplari assai pii!i grandi. 

Sepimenti molto numerosi, piuttosto sottili, uniti fra loro con ricco tes- 
suto eudotecale. Quelli che arrivano al centro sembrano 32. Ne distinguo 
5 ordini. — Epiteca abbastanza sviluppata immedesimata con la muraglia , 
essa lascia in taluni punti trasparire le coste che sono fine e serrato. La 
forma totale è cilindrica un pò conoide con qualche lieve strangolamento 
e somiglia a quella del Cyatliopìiilliun Stachhuryi (^Edw. Brit. f. cor., p. 179, 
tav. 31, f. 1-2). 

Loc. Rocca Lupa (Majlonie), Pedagni. 

Thecosmilia Spadae Menegli. 

1880. D'Acchiardi. Cor. giur., p. 35, tav. 18, f. 3. 

Esemplari identici alla citata specie ho rinvenuto in contrada Aria u 
Cocu. 

Isastrea Minai De Greg. 

Grossissimo polipaio massiccio, tabulare. Polipieriti dritti, lunghi 15 cm. 
con un diametro di circa 5 cm. , saldati per le muraglie completamente. 
Calici alquanto impressi, irregolari, ellittici poligonali o suborbicolari. Setti 
sottili, numerosissimi, difficile a contarsi. La sezione longitudinale ci mostra 
un ricco o minuto tessuto endotecale consistente principalmente in nume- 
rose delicate traverse. Accrescimento per fissiparità. 

Questa specie è dedicata all'illustre naturalista sig. Mina Palumbo di 
Castelbuono. 

Loc. Madonie (credo ai Monticelli). 

Clausastrea Guiitoiii. 

Grande polipaio largo 20 cm. e più. ; molto affine alla CI. Pratti Edw. 
(Brit. foss. cor., p. 117, tav. 22, f. 5). La sua sezione longitudinale ci mo- 
stra delle lamelle diritte, verticali, parallele, molto approssimate fra loro, 
piuttosto robuste, e dei processi lamellosi (traverse) che le intersecano oriz- 
zontalmente. — La sezione trasversa ci mostra delle lamelle confluenti for- 
manti delle stelle molto eleganti ma alquanto irregolari. — Ciascuna di esse 



— 192 — 

contiene per lo più 6 lamelle, non di rado 7 ovvero 5. Queste si uniscono 
nel centro senza ispessirsi, sicché la columella non costa che del loro in- 
contro. Distaccandosi dal centro per lo più si biforcano e si comunicano 
da una stella all' altra. E appunto per questa biforcazione e per la man- 
canza di ispessimento columellare che questa specie si distingue da quella 
del grande oolite sopra citata. 

Loc. Primo pizzo di Monte Pellegrino (a sinistra di chi sale). 

Ded. Questa bella specie è dedicata alla gentile e colta viaggiatrice Miss 
Elisabeth Gunton di Rimmersfield. 

Astrocoenia Vurraniensis. 

Polipieriti liberi, cilindrici con un diametro di circa 6 mm., uniti fra loro 
da cenenchima. Raggi settocostali robusti disposti in 3 cicli. I primari 6 
arrivano alla columella, i secondari 6 non ci arrivano; i terziari 12 sono 
ancor meno sviluppati, sicché quando la superficie dei calici è corrosa non 
si vedono, si distinguono bene però nella sezione orizzontale. In questa i 
polipieriti hanno una rassomiglianza spiccata con quella della Stylina sili- 
cata Trom. fPol. Terr. corali., tav. 12, f. 2), però mentre nella specie di 
Fromentel sono essi uniti per le coste, le quali si continuano dall'uno al- 
l'altro, nella nostra i polipieriti sono un pò più distaccati gli uni dagli altri 
e fra essi è interposto uno strato considerevole di materie che nei nostri 
esemplari pare amorfa, ma che io ritengo debba essere cenenchimatosa. 

Loc. Piano di Vurraina, Vaccaria, Pico. 

Placosmilia lastinventa De Greg. 

Calice ellittico , internamente lungo 21 mm. e largo 19 mm. Setti pri- 
mari robusti 12, arrivanti presso la columella, però (sembra) senza toccarla. 
Setti secondari più esili e più corti. Si nota pure un terzo ciclo di setti. 
Columella estraordinariamentc esile e laraellosa. Le muraglie paiono molto 
robuste; nel nostro esemplare tal carattere pare esagerato, forse per incro- 
stazione esterna. 

Pare abbia molta analogia con la PI. corallina From. (Poi. ter. cor., tav. 4 
f. 2). 

Loc. E una specie molto rara; non ne posseggo che un individuo di con- 
trada Aria u Cocu. 

(continua) March. A. De Gregorio. 



Cenni Bibliografici 



Il signor Wiedemann ci dà (Soc. di se. nat. , Aug-sburg 1883) un pro- 
spetto dei mammiferi che vivono nel circondario di Neuburg e Schwalicn 
con molte osservazioni sul loro modo di vivere etc. 

Il sig. L. Vaillant scrive (Accad. di se. di Parigi Novembre 1883) clic anni 
fa furono rinvenuti ad Amboulintsalve fra resti di Aepyornis e Hippopo- 
tamus altri simili di Crocodilm rohiistus, che dee considerarsi per es-tiuto, 
poiché vivo non vi si conosce rappresentante alcuno. 

Questo Crocodillo che è assai robusto , lungo da 3 sino a 10 m. ap- 
partiene alla sezione dei Bombifrons, particolarmente vicino al Coc. palu- 
stris Less. [Bomh. incUcus Gr.). — A Mad.igascar si trovano due specie di 
Coccodrillo, il Coc. rohnstiis e il C. Madar/ascariensis , l'uno ricorda la 
fauna delle Indie, l'altro per la sua analogia col Coc. vidgaris v. sucliiis, 
ricorda piuttosto la fauna africana. 

II signor D.'' Sewerzow descrive (Soc. dei iS^'atur. di Mosca 1883) un ba- 
stardo d^ Alias crecca ed A. hoschas ; dalla sua grandezza si scorge essere 
il padre VA. crecca e la madre VA. hosclua^, della quale ultima esso ha i 
piedi piccoli. — Sewerzow dà poi la lista dei bastardi degli Anatidi, e cita 
Selys.-Longchamps , il quale è d'opinione che tutte le specie di questa fa- 
miglia possano produrre dei bastardi, dei quali la maggior parte è sterile. 
Sewerzow crede non doversi dar molto peso a questa opinione. 

Il signor Langkavel (Soc. zoolog. Francoforte s. M. 1883) dà una lista 
degli uccelli della Siberia con dei dati sulla loro distribuzione geografica; 
troviamo accennato Menda fuscata che trovasi anche in Italia e nel Belgio, 



— 30 — 

Hirwido lafjopida.i la quale può essere identica con H. dasypiis, Emheryza 
leucocephale, che fu veduta anche nell'Europa meridionale ctc. 

Il sig. Simmoriracher ci dà (1. e.) alcuni esempj dì uccelli con qualche 
anormalità , così un Corvus cornix e Cidumha livia v. domestica con becco 
contorto, un gallo domestico con due corna etc. 

Il signor Petzeln parlò nella seduta della Soc. zool. botan. di Vienna 
li 2 gennajo 1884 sul Tidiodroma muraria che fu osservato a Kalksburg 
presso Yienna e sul Falco Feldeggi osservato presso Spaiato. 

Negli scritti della Soc. ornitologica di Vienna (1884) troviamo una nota 
del prof. Schiavuzzi su un albinismo di Antlius palusirif^; — Il sig. Petzeln 
dà la lista degli uccelli del Caucaso stati inviati all'Arciduca Principe ere- 
ditario Rodolfo e da questo rilasciati al gabinetto imp. di Storia naturale; 
come specie del tutto proprie al Caucaso sono indicate : Buteo Meìietriesi^ 
Parus Michalowskìi ^ alcune varietà, come fra le altre Cyanites cocruleiis 
V. persicas^ Linota cannahìna v. bella etc. — Di alto interesse sono le os- 
servazioni sulla distribuzione geografica etc. — La baronessa Ulm.-Erbacli 
dà un prospetto della pollicoltura nel Giappone, essa fa menzione di un gallo 
che porta una coda con circa 20 piume larghe ciascuna quasi li2 poli, e 
delle quali la più lunga è di 13 piedi etc. 

Dobbiamo accennare che in Aprile (4-14) a. e. avrà luogo una esposi- 
zione di uccelli vivi di ogni razza, e d'ogni paese, e subito dopo (16-24 
aprile (1)) si terrà un congresso internazionale di Ornitologi, al quale presie- 
derà i'n persona S. A. Imp. il principe ereditario Rodolfo.— Si tratterà del 
progetto di una legge internazionale per la protezione degli uccelli, e di un 
altro sul modo di estendere per tutta la terra abitata le osservazioni or- 
nitologiche, e poi si parlerà sull'origine del gallo domestico e del modo di 
elevare la pollicoltura. — Dobbiamo osservare esser questo il primo congresso 
internazionale di ornitologi e perciò è ben certo che da ogni paese si ac- 
correrà ad osso per conoscere di persona i sommi capi , i quali coi loro 
scritti hanno elevato ad alto grado gli studj dell'Ornitologia. 

Il signor Direttore Steindachner descrive nelle suo notizie ittiologiche 
(Imp. Accad. di se, Yienna 1.S83) alcune nuove specie di pesci dell'Au- 
stralia , come Falaecìis Vicentii , Lahrichtìii/s elegans , Gobius Haackei ed 
altre. 

Il signor Letzner descrivo (Soc. sii. per la colt. patria, Breslavia 1883) 
un nuovo Magdalinus^ M. alpunis. aflfinc al il/, linearis trovato presso Macu- 



(1) Il Coiij^fcsso si terrà dietro nuove disposizioni li 7-11 Aprile. 



— 81 — 

gnaga al M. Rosa; poi fa delle osservazioni critiche sui differenti colori 
del Meleus Tischcri^ Tychius venushis^ NdnopJtycs lythri etc. 

Il signor D/ Kraatz descrive (Soc. di se. nat. Brùun. 1883) il pene dei 
Golìatidi e del genere Paclinoda^ facendo rimarcare i caratteri di esso per 
determinare distintamente la specie, come ne aveva già riconosciuto Thomson 
l'importanza di quest' organo. Kraatz su una tavola dà la figura delle di- 
verse forme, che offre il forceps di alcune specie di Dieranorrhma^ Endi- 
cella^ Taurhiìia, Chelorrliina, Fachida etc. 

Il signor Kolb dà (Soc. di se. nat. , Augshurg 1883) la lista dei lepi- 
dotteri dei dintorni di Kempten; fra le molte troviamo menzionati ad una 
altezza di 67000 m. s. M. Parnasiìis delius , e Mnemosync., Lycaeus Op- 
tileto (in pianura), Anarta Melanopa, Plusia Hochemvartìii etc, furono an- 
che prese una Deilej)hila livornica e una Nerii. 

Il signor Laugier dà (Accad. di se. Parigi 1883) i dettagli di un bruco 
molto identico alla Acrolepia cifri di Millière, ritrovata pure sui fiori dei 
limoni e sul quale vive parassita un Elasma. 

Il signor Jalvowlew descrive (in lingua russa, Soc. dei Natur. di Mosca 
1883) tre nuove specie di Emitteri della Russia Asiatica , cioè Lasiocoris 
albomaculattis^ Hadrocìiemis rufescens, Coranus pectoralis^ txxitì tre del Tur- 
kestan e poi dà la descrizione di diverse altre specie come Lygaeus Han- 
seni , Thelagmus hreviceps , Geocoris mauriis ed altre già enumerate nella 
Rev. mens. d'Entom. di S. Pietroburgo 1883. 

Il Prof. Landois (Giornale di Miiller : " Die Natur. „ Halle N. 44 de 1883) 
propone agli entomologi della Germania di fondare a Mùnster un Museo en- 
tomologico nazionale con rispettivi preparati, biblioteca etc. Egli osserva che 
dopo la morte di molti entomologi vanno disperso le loro collezioni, spesso 
assai importanti e che sarebbe vero obbligo di conservarle alla scienza. 

Il signor Ub;ighs dà (Soc. Malac. Brusselles 1883) , la lista dei mollu- 
schi ton-estii e fluviatili dei dintorni di Mastricht. Troviamo enumerate 
molte specie di Ilelix {lapicida^ lucida^ asperm , acicuìa etc), alcune di 
Papa (pi/ymciea, doUum, minutissima etc), Clausilia Rolplii^ Teitetbachiana, 
laminati etc), Li/mnaea Kixkxi,/Hscus e alcune anomalie della Staynalis, 
come quadrangulata, sinistrorsa, distorta ed altre descritte di già da Col- 
lin negli scritti di questa Società, poi Anodoiita, Uìiio, Dreissena etc. 

Il signor Pelseneor dà (1. e) una simile lista di molluschi dei dintorni 
di Aeltre (Fiandra); troviamo solo due specie terrestri, la Helix pnlchella 
e Succinea putris; -^m numerose sono le fluviatili ( Paladina, Bijtliinia, Li/ mnea, 
Cidas, Pisidium, DreÀssena polymorpha in diverse forme, delle quali una 
somigliante alla cocJdcafa. 



— 32 — 

Il signor de Guei-nc descrivo (1. e.) una rara anomalia di Planorhis ro- 
Umdatui^^ di forma scalare ritrovata nelle acque di Bell Isle. Alcuni esem- 
plari hanno tra i giri della spira piccoli mucchi di fango assai plastico, 
altri offrono una conchiglia, a principio regolare, che si innalza da un piano 
orizzontale come per formare una spirale a giri disgiunti etc. Queste ano- 
malie sono in parte destre, in parte sinistre, in queste ultime la torsione 
è più marcata; alcuni altri esemplari hanno la forma d'un Solaviiua in mi- 
niatura etc. 

Nella lista dei molluschi raccolti dalla spedizione Hallenberg e descritti 
da Rob. Boog Walsen (Lin. Soc. Londra 1883) troviamo oltre le nuove spe- 
cie : Nassaria Kampyla , Marex [Triìmliis) , acanthostepJies (quasi simile al 
J/. aduìieo spiìiosus), Sccdmia tortiles (molto somigliante alla Se. varicosa)^ 
anche delle altre rinvenute dal Prof, Seguenza nel miocene e plioceno in 
Calabria e presso Messina, come PiindareUa tiiberculata (Rimida granu- 
lata Seg., iPund. acuminata { Fissurisepta rostrata Seg.) etc. 

Il signor Retowsky dà nei Malacog. Blatt., che si pubblicano dal signor 
Clessin a Francoforte s. M., un prospetto della fauna malacologica della Cri- 
mea; vi fa delle osservazioni critiche, così p. e. essere \-à Hr/alinia deila Bourg. 
giovani esemplari della H. Krijnikyi Cles. ; la Hel'ix apìcAna v. Ramhnrl 
Mah. , esser piuttosto una H. sabstriata e trovarsi anche presso Teodosia ; 
Buluninus remhus Bourg., essere assolutamente identico al B. cyUmlricus 
V. ohsoletns^ Bidimiinis Humherti Bourg. essere dal B. ohscarus MiilL, sì 
poco differente dal ben poter riconoscere non esser il primo distinta spe- 
cie e aver Bourguignat scritta la sua specie su esemplari non perfettamente 
sviluppati; così poi essere le varietà jìorcata , ruvida e frater della Clau- 
silia gracilicosta sinonimi della detta CI lusilia. — Sul proposito della distri- 
buzione geografica Retowsky divide i molluschi della Crimea in 4 gruppi: 
I. 25 specie si trovano tutte nella zona germanica e con poche eccezioni 

passano verso il Nord ed il Sud; 
II. 10 specie sono alpine europee; 

III. 5 specie trovansi in diversi paesi della zona mediterranea; 

IV. 24 specie furono sino al presente ritrovate solamente nella Crimea. 

Il signor Reckowsky ci dà ( 1. e.) la lista delle conchiglie transcaucasiche 
gettate dalle onde del mare alla spiaggia presso Teodosia e Sudak ; fra 
queste vi sono anche alcune specie nuove come : Buììminus cuxinus, che 
sembra essere affine al B. Sieversi , Bui. Clessini assai vicino al B. ovu- 
laris della Siria, Pupa pulchra assai vicina alla P. superstrada etc. — La 
diagnosi e la descrizione delle specie enumerate da Reckowsky ci dà il si- 
gnor Clessin (1. e), o troviamo la Daadchardia Bodtgeri., che appartiene 



— 33 — 

al gruppo della D. transst/lvanica, V Amalia KalemJioi, vicina alla A. cri- 
stata, la Hyalina Krynickii vicina alla H. Kutais'mna, H. iilanaria vicina 
alla H. tran ss 1/ Iva) dea etc. 

Sul proposito delle specie descritte dal Bourguignat come nuove Clessine 
Reckowski si trovano costretti far non poche osservazioni critiche. 

Il signor Clessin fa parola (ì. e.) del lavoro del signor Dybowsky sui 
Gasteropodi del lago di Baikal, i quali sono descritti sulle loro differenze 
anatomiche. Le specie del genere Limnorea (Baicalia) sono fondate sulla 
forma dei denti linguali. Questo genere Limnorea vien diviso dal Dy- 
bowski in due sottogeneri : Lencosia e Ligea ; Clessin con Grosse e Dall 
li ha aggruppati come segue : 

Gen. Baicalia Mts., contiene le specie di forma conica simile alla Ilydrohia. 
Sect. Liabaicalia Mts. 

B. aiifjarensis, elata, Fiorii etc. 
Sect. Dyhoivskia Dall. 

D. ciliata, Drthiersii. 
Sect. Maakia Cless. 

B. costata e contahulata. 
Geu. Gerstfeldlia Cless., contiene le specie uniformi simili alle Melanie. 
Sect. Oodleivskia. 

B. Godleivskii e pulchella. 
Sect. Trachyhaicalia. 

B. turriformis, carinata etc. 
Le specie più grandi trovansi alla spiaggia e fra esse, in causa della 
continua agitazione delle acque, bene spesso molte mostruosità di formo. 

Il signor Dybowski descrive (1. c.^ la Paludina vivipara della Russia , 
rapporto al suo colore (fasciato, unicolore, piceo e bruno-rosso ) , rapporto 
alla sua forma (pyramidale, ottusa, etc. ) e ritiene esser questa una specie 
distinta. 

Il signor D."^ .Dunker descrive (1. e.) due nuove specie di Miirex, il M. 
Gundlacìii di Cuba, affine al M. Reevei, e il M. serrato-spinosus dell'isola 
di Flores, che si distingue dalle altre specie per la forma delle varici e 
delle squame spinose. 

Il signor Hazay dà (I. e.) il risultato di una sua escursione malacalogica 
fatta ai monti trachitici e calcarei dell'Ungheria superiore. — Sul terreno 
trachitico (Hegyalia, monti di Tokaj), si trovano diverse specie di Ltmax 
(tenellus, unicolor), ma nessun Helix, probabilmente perchè il detto terreno 
contiene poche tracce di calcare; diverse specie di Helix (fruticosa^ latesceits, 
expallesceiis etc); si trovano bensì disperse su alcuni prati in vicinanza di 



— 34 — 

un ruscello, ma tutte di forma piccola e probaLilniente trasportate da altri 
luoghi e si trovano anche delle formo di Planorbis tra la sinnorhis e il 
rotundatus, probabilmente un prodotto dalla costituzione chimica dell'acqua, 
e Hazay dubita che Pian, rotundntits sia una vera distinta specie. 

I monti calcarei presso JN'adaske (Comitato Torna.), offrono maggior nu- 
mero di molluschi. Vi si trovano Hdix carpati dea., faìistina, ohvoluta., rii- 
derafa ed altri, Claiisilia laminata v. Parci/ssi^ dahia eie, Bythinella tor- 
nensis nelle acque termali di 10", Lijtìioglijplim j^annonicus e Ancylns fia- 
viatilis. 

Sul proposito del detto Lytìioglijiihus Hazay rimarca esser questa una 
BythincVa ., perciò a denominarsi: Bytìi. pannonica ^ e la Bytli. Heyne- 
manìiiana esser quanto alla sua forma assai affine alla Bytìi. pamionica. 
Troviamo descritto poi anche il Limax achivahi di Frauenfeld e constata 
l'opinione del Heynemann, esser questo cioè del tutto identico col L. trans- 
sylvanicus Heyn. e non doversi esso nemmeno ritenere per una variet<à 
(var. Schìvabi), perchè il colorito non deve riguardarsi quale caratteristico 
d'una varietcà. 

II signor D."" Hilber presentò alTImp. Accad. di se. di Vienna (1883) la 
continuazione del suo lavoro sui molluschi terrestri recenti e su quelli rin- 
venuti nel Lòss nella China; vi si trovano descritte molte specie nuove. 
La fauna del Lòss della China è nel suo carattere generico del tutto iden- 
tico con quella del Lòss dell'Europa. 

Il signor Craven ha scritto nelle Memorie (XII) della Soc. Malacologica 
di Brusselles una monografia della Sinusigera; da quel tempo in poi esso 
ha fatto una scoperta , la quale sconvolge del tutto la teoria esposta da 
lui nella detta monografia; esso venne a riconoscere che questi piccoli or- 
ganismi formano lo stato larvale di diversi molluschi. Esaminando alcune 
conchiglie di Madera trovò essere i primi giri di esse composti d'una Sinusige- 
ra, così una Pitr^J^tra, probabilmente IIaeìnastoma,ìì di cui stato larvale (jmlhis) 
è una Sinv,nr/era intermedia tra la S. Huxleyi e la microscoinca; un'altra 
specie, probabilmente una Pisania ha per pulliis una Sinusigera assai so- 
migliante alla S. cancellata; la Sin. perversa è la larva d' un Tri/orsi o d'un 
altro subgonus di Cen7/iÌH»?. ctc. Quando gli embrioni vengono trasportati in 
causa di corrente, tempesta o altro dalla costiera in alto mare allora soltanto 
si sviluppano a grandi dimensioni perchè si trovano in grandi profondità. Ben- 
ché dunque il genere Sinusigera abbia a sparire dalla scienza pure Craven 
crede che la detta sua monografia non abbia a perder il suo interesse , 
principalmente quando si conoscono le specie dei molluschi, dei quali le 
Sinusigera sono le larve. 



— 35 — 

Il signor Warlomont diede nella seduta del 30 novembre 1883 della 
Società Rìicroscopica di Brusselles i dettagli degli studj fatti nel laboratorio 
zoologico di Villefranche sur mer sulle Tirole o Pterotracliea. Parlò sull'orga- 
nizzazione di questi animali tanto differenti da tutti gli altri molluschi ; 
parlò sulla disposizione degli integumenti, sul sistema nervoso, sulla strut- 
tura dell'occhio; mostrando nello stesso tempo i rispettivi preparati. 

Il signor Eoule descrive (Accad. di se. Parigi. Novembre 1883) , le di- 
verse forme delle Phalhisiadee della Provenza, che egli divide in due gruppi, 
cioè in Cionidee e Phalhisiadee. Le prime constano di un solo genere dona, 
colle due specie C. irdestmalis e C.Saiignyi, le quali oltre che nella Provenza 
si trovano pure in molti mari dell'Europa, dell'America, e dell'Oceania; Tallra 
fu trovata solo in un esemplare nel mare del Giappone. — Tutte le forme 
delle dette Phallusiadee delle costiere della Provenza hanno la particolarità 
d'aver i loro intestini al lato sinistro delle branchie, mentre le CoralUìiee 
li hanno al lato destro e le Hi/jwhythinee li hanno sulla faccia dorsale 
delle branchie. Roule dà i risultati dei suoi studj sulla struttura anatomica, 
che caratterizza le differenze dei generi Phallnsia, Ascidea e Ascidiella. 

Il signor Kunster descrive (Accad. di se. Parigi 1883) alcuni Protozoi , 
fra i quali sono principalmente a menzionarsi : Trichomonas vatjinaìis^ poi 
un parassita che nssomiglia alla Giardia a^«7/s, ritrovata negli intestini di 
una testudine , poi una Heteromita lacertae rinvenuta negli intestini della 
Lacerta viridis. 

Il sig. Cons. di Stato J).' Regel descrive nel suo giornale ( Gartenflora, nov. 
1883) un Allium oviferum Rol. del Tibet (Sez. Rhizindium), il quale si distin- 
gue dalle altre specie per non avere cipolla, per esser il suo stelo robusto, 
breve, 46 angolare e trovarsi questo nelle ascelle d.'Ue foglie; i fiori essere 
di color porpora violaceo etc. Il Direttore Hegel descrive poi anche una 
varietà longicalcarata della Linaria pilosa della Sicilia, Sardegna e Italia 
meridionale. Questa varietà si distingue dalla rispettiva specie per essere 
il ceppo più compatto , essere i peli biancastri ed i fiori grandi di color 
lilla con palato giallo, il di cui sperone si fa di molto più grande che il 
tubo. Baokhouse mandò questa pianta al giardino botanico di S. Pietroburgo 
sotto il nome di Linaria cymhallaria maxima. 

Il signor Tomaschek riferisce (Soc. di so. nat. Brùnn. 1883) d'aver sco- 
perto nei dintorni di Bi'ùnn la Salvia aetìiiopis L. , nuova per la flora di 
qui, la quale è originaria nelle steppe della Russia meridionale, e venne in- 
trodotta colla lana già in Ungheria, Moravia, Vienna, poi anche in Inghil- 
terra etc. 

Il signor Oborny ci dà (1. e.) un prospetto della flora della Moravia e 



— 36 — 

Slesia. Dopo aver dato dello notizie sugli studj di botanica delle dette 
Provincie, poi sulla costituzione geologica, sull'orografia, climatologia, idro- 
grafia , etc. viene all'enumerazione descrittiva delle crittogame (53 sp.) , e 
delle fanerogame (408 sp.) state sino al presente osservate nei detti paesi, 
a ciascuna specie è aggiunta l'indicazione della provenienza con molte os- 
servazioni di non poco interesse. Oborny osserva trovarsi alcune piante in 
una certa località e mancare del tutto in altre, così p. e. trovarsi in 
alcuni siti del plateau boemo moravo il Pinus sylvestns v. paruifolia, Hie- 
raciiim graniticum Sch. Bip., H. fragile Jord., H. stiriacum A. Kern., Inula 
intermixta J. Ker ed altri e queste specie non trovarsi altrove. 

Il signor D."" Franke dà ( Soc. sii. p. la colt. patr. Breslavia 1883) i ri- 
sultati di una sua escursione botanica fatta all'Etna, e poi dà anche un 
prospetto della flora di Messina con dei dati fenologici ; vogliamo menzio- 
nare solo il Phyllosiplion Arisari , parassita sul Arum arisarum, scoperto 
nel 1878 dal Prof. Kiihn presso Nizza, il quale fu dal Prof. Cohn osser- 
vato anclie suìVArisarìtm volgare in Sicilia e Calabria, ma mai sull'^. ita- 
licum; Colin descrive anche lo sviluppo del detto fungo. 

Il signor Wiese dà (Soc. degli amici di st. nat. del Meklenburg, Gii- 
strow 1883) ulteriori notizie sulla flora di Schwerin; sul proposito del Cy- 
tisus austriacus L. , troviamo essere stata trovata una forma che si può 
ritenere per un ibrido àeWaustriaciis e ratisboiiensis , avendo esso i carat- 
teri d'ambedue queste specie; troviamo citati anche : Ajuga rejìfans-genevensis, 
Elscliolzia Patrliii, Hieracium austriacum, Veronica urticaefolia, OaVmm cru- 
ciatimi e molte altre tutte nuove per la flora di Schwerin. 

Il signor Krauss dà (1. e.) una lista delle piante dei dintorni di Giistrow 
con osservazioni di grande interesse; così p. e. è rimarchevole che il Dian- 
thus cartlinsianiLS è qui assai comune , mentre nel poco distante Bùtzow 
manca del tutto , e viceversa trovasi quivi la Heclera in fiore , mentre a 
Giistrow non la si è mai veduta in fiore ; la Cuseuta epithymiim trovasi 
quivi soltanto dal tempo della coltura del trifoglio, 1' Equisetum maximum 
trovasi sulla creta cenomiana etc. — Il signor Krause fa poi anche cenno 
delle piante, che vivono pel solito nelle foreste, ma ora in località aperte 
che mancano di queste già da un centi najo d'anni, come p. e. Astragalus 
gl/jciphillus^ Allenirne nemorosa, Adoxa maschatdina^ Ptcris aquilina etc. — 
Krause crede essere ben d'alto interesse sciogliere il problema come queste 
piante possano vivere mancanti dell'ombra degli alberi. 

Il Prof. Goeppert dà (Soc. sii. p. la colt. patr. Breslavia 1883) alcune 
notizie sulle così dette: " Pilae marinae „ anche Aegagropilae^ le quali per 
lo passato furono raccomandate empiricamente nelle malattie della pelle , 



— 37 — 

gozzo efc. Queste pilae non sono che vecchie foglie della Zostera marina^ 
staccate dalia pianta, arrotolate in forma di piccole palle, di color bruno 
giallo. Il Prof. Ròmer raccolse di queste palle nel golfo di Nizza in ogni 
stadio di sviluppo. — La Conserva chtonoplastes dei laghi del Salishurghese 
G della Svezia forma pure delle concrezioni, ma piane non rotonde. 

Il Prof. Goeppert portò alla adunanza (5 marzo 1883) della su citata 
Società delle piante in pieno fiore di non poco interesse, fra queste : Oa- 
lantlms Elwisii del Montenegro, G. pUcatiis e Redoutìi della Crimea, G. Im- 
perati della Dalmazia, Rhododendron prccox del Himalayn, Primula Sib- 
tìiorpi della Grecia etc. 

Il signor Limprecht descrive (1. e.) un nuovo Ortotrichum siihalpinum , 
affine all' Ort. Rogeri e rinvenuto sul Sorbus aiicuparia nella Slesia (dal 
Venturi trovato nella vai di Rabbi e descritto sotto il nome di Ort. sirami- 
neum), poi il Brium micans (dal Parr. Kaurin trovato nella Norvegia e de- 
scritto sotto Dr. arcticum f. minor) e il Br. ojìdalense, questo pure della 
Norvegia e descritto dal Par. Kaurin sotto Dr. purpurascens. 

Il signor Marchal dà (Soc. microscop. Brusselles 1883) la lista di alcuni 
Pyrcnomyceti nuovi per la flora del Belgio ; così trovasi Soridaria Iurta 
E. Ch. che vive sugli escrementi del Daino; è conosciuta sino al presente 
solo dalla Danimarca; — Hypocopra macrospora Sacc, nei boschi di abete 
sulla nuda terra fresca, unitamente ai Saccolobus neglectus Boud.; Sporormia 
intermedia Hedw. su escrementi di vacca con la bella Cercophora mirabilis 
Fnck. ; Sporormia gigantea Hans. , pure in boschi di abete su escrementi 
di conigli unitamente alla Sordaria fimifeda (Ces. et de Not.) e diverse 
altre. 

Il Barone Thiimen descrive (Giorn. illustr. della Soc. d'Ort. Vienna, no- 
vembre 1883) un nuovo fungo scoperto da esso sull'albicocco (Armeniaca 
ralgaiis) e che egli denomina Phyllosticta vindohonensis Th. Questo fungo 
si prosenta sotto forma di macchie di color bruno , sulle quali osservansi 
qua e là numerosi perirecii di color nero oscuro, i quali contengono delle 
sporo unicellulari ellittiche rispettivamente cilindriche, sui punti piti oscuri 
delle macchie, questi peritecii sono di già svanite ovvero lacerate in forma 
di coppe e prive delle dette spore. 

Il signor Britzelmeyer dà (Soc. di se. nat. Augsburg 1883) la lista dei 
funghi Dermiìii e Melanospori] della Baviera meridionale; troviamo descritte 
alcune nuove specie così Agaricas adacqnatus , affine allo scaber ^ Ag. ab- 
sisiens che ha il suo posto tra \'Ag. deglabens ed obscurus etc, poi anche 
Coprinus divergens a porsi tra il C. tomeiitosus e niveus , Bolbitiiis contri- 
bulans^ poco differente i[ix\y apicalis etc. 



Il signor Eri-era parlò in una seduta della Soc. microscop. di Brussellos 
(settembre 1883) sulla morfologia e fisiologia dei licheni; diede dei dettagli 
sulla forma esterna, sulla struttura anatomica, sulla produzione delle spo- 
re etc; dimostrò l'intima connessione d'un fungo e di un'alga; comprovata 
mediante l'analisi e sintesi. Coltivando isolatamente i gonidi e le spore dei 
licheni, i primi Si mostrano come vere alghe, questi non danno che un mi- 
celio d'un fungo, riunendo sotto debite precauzioni le spore dei lichenj 
colle cellule delle alghe vi si sviluppa un lichen o del tutto caratteristico, 
ed Errerà constata doversi i licheni definitivameu te classificare fra i funghi. 

Il signor Clev dà (Lin. Soc. Londra 1883) la lista delle Diatomee stato 
raccolto da Nares all'occasione della spedizione artica; fra le specie d'acqua 
dolce trovansi Cymhella rupicola , Synedra pulchella v. saxonica, Surirella 
ovata, Eunotia arcus, etc; fra le specie mirine : Synedra nitzscìioidas, Oom- 
pJionema Kamtschaticnm f. minor, Stauroneis asp era v. intermedia ed altre. 

Nella seduta della Soc. zool. bot. di Vienna (aovembre 1883) il signor 
Pehiner descrisse alcuni muschi del monto Elwend , fra i quali un nuovo 
Bryum elivendicum, e il Segretario della Società signor D.'' Beck, presentò un 
lavoro del signor Krasan sui rapporti geotermici del suolo e il suo influsso 
sulla distribuzione geografica delle piante, ed un altro del signor Solla 
" sulla flora del Testacelo in Homa. „ 

Nella seduta del 3 dicembre il signor Miiller descrisse tre nuovi bastardi, 

Verhascnm collinum , Cardius Moriteli e Card. Naegelii. Il sig. Heimerl 

parlò poi (2 gennaio 1884) su due piante nuove per la flora dell'Austria: 

cioè X'àCoroìiilìa australis dell'Istria e il Cirsiiim Kornlmheri {jmnnonicìim 

X rivulare) scoperto nell'Austria inferiore. 

Il signor Thiselton Dyer dà dettagliate notizie (Liu. Soc. Londra 1883) 
su alcuni prodotti vegetali stati mand iti al R. giardino di Kew, così : del- 
l' Indaco dello Indie [Indigofera] , della cera della Myrica cerifera e del 
Rlius vernici/era, poi della Canfora della China, conosciuta sotto il nome 
Ngai, una vra-ietà d'Artemisia, del Copal {Tracliylohium Hornemannianum) 
di Zanzibar (il Copal di Sierraleone deriva della Copaifera Ouihoiir liana), 
si fa menzione anche della Trapa verhaìiemis de Not., i di cui semi (co- 
nosciuti sotto il nome di frutti di lago), si usano per rosarj. 

La questione delle piante carnivore non ò ancora sciolta ; la maggior 
parte dei botanici nega la proprietà che le piante si nutrano di parti ani- 
mali , ma vi sono molti altri i quali sussistono nell'opinione che alcune 
piante assorbiscano il succo della carne; fra questi havvi anche ilD.'"Deich- 
mùller di Benna , il quale dà i risultati delle sue osservazioni nel gior- 
nale " die Natur. „ che pubblica il signor Mùller a Halle (N. 44 de 1883). 



— 39 — 

Egli tenne in un piccolo acquario fra Riccia fiuitans o Lemna minor anche 
un Oscillarla^ la quale penetrò tanto in alcuni pezzettini di carne di vitello, 
gettati nel detto acquario, che in breve tempo questi erano del tutto sva- 
niti, cioè assoi'biti; anche le radici di nn-à AUtriche verna si erano del tutto 
internate in un pesce morto, per caso d imenticato nell'acquario, etc. Il D/ 
Deichmùller desidera che simili esperimenti venissero fatti da botanici, onde 
venire in chiaro in quale modo le piante vive influiscano sulla carne morta, 
e viceversa in quale modo questa influisca sulle piante, e finalmente so le 
rispettivo osservazioni abbiano qualche rapporto colle piante così dette car- 
nivore. 

Anche il D.^' Biirgen fece delle osservazioni sul proposito del nutrimento 
di certe piante con degli insetti e ne parla nella " Botau. Zeit. JST. 35-36 
de 1883 e nel su citato giornale " I^atur. „ Egli aveva seminato della Dro- 
sera rohmdiJoUa , una parte delle piantine le nutrì, appena sviluppate le 
foglie, con degli Afidi , 1' altra parte la lasciò intatta; il risultato si fu che 
le prime si svilupparono più vigorose e portarono pii!i fiori, tutte però erano 
sane e la secrezione delle glandolo era normale. Bi!irgea riconosce importante 
allo sviluppo della Drosera rotandifolia ^ se all'organismo di essa vengano 
per mezzo delle foglie apprestate delle materie animali, ma doversi fare delle 
osservazioni su diversi generazioni per riconoscere se un tal modo di nu- 
trizione sia necessario per la conservazione della specie. 

Il signor Koch dà (Soc. degli amici di st. nat. Giistrow 1883) i risultati 
degli studj fatti da Nathorst nelle toibiere del Meklenburg sul proposito 
di piante fossili dell'epoca glaciale. Esso trovò dei frammenti di foglie di 
Betula {odorata^ nana^ verrucosa)^ di Salix : rcticuìata, iiyrenaica^ arhusciila\ 
di Dryas octopelata etc, e viene alla conclusione che negli strati più pro- 
fondi di queste torbiere sia rappresentata la flora artica [Dryas^ Sulix re- 
ticalata^ retìisa ? e polaris f e in parte Betula nana)^ negli strati al di sopra 
di questi or accennati la flora subartica { Dettila nana, odorata, Salix arhii- 
scula e la Betula verrucosa, che forma il passaggio alla vegetazione delle 
torbiere. 

Il signor Renault parlò nella seduta del 5 novembre dell'Accademia di 
scienze di Parigi, sulla famiglia delle Calamodendree coi suoi tre generi 
Calamodendron, Arthropitus e Asolenoxijlon, e descrisse Calamadendron con- 
genium e striatntu. 

Il signor Consigl. intimo D."" Geinitz annovera alcuni fossili stati trovati 
nei depositi di fosfati di Ilelmstadt, Rùddeastedt etc. I più rilevanti sono 
alcuni resti di Cetacei stati determinati dal Prof. \. Boneden per Pacliy- 
cetus robustas e haniilis, i quali sono di qualche interesse, perchè derivano 



— 40 — 

da strati dell' Oligoceno inferiore, i quali nel Belgio non contengono resti 
di Cetacei; altri resti fui-ono riconosciuti appartenere al Lophiodon rhino- 
cerodes Kiit. ; altri a CJtimaera {/schi/odon) Agasskìi Buckl , alla Siiongici 
liìiospìiorìtìca Gein. , e tatpinoides Gein. , le quali ritrovansi attaccati su 
rognoni di fosfati etc. 

È uscito il 4" ed ultimo fascicolo del I volume dell'opera " Fauna der 
Gaskohlo etc. del Prof. Fritsch di Praga. Questo fascicolo contiene la fami- 
glia delle Hyloìiomidee coi generi Hijlopleslon^ Sceleija^ Rknodon^ Orthocoste, 
e la famiglia delle Microhracìiidee col genere Microhmcìiis; e anche in que- 
sta dispensa sono, come nelle antecedenti , inserite nel testo numeroso fi- 
gure e oltre a ciò aggiunte 12 tavole con le figure descritte nel tosto. In 
questo I volume il Prof. Frictsch dà la descrizione di quei Stegocefali, in 
cui manca la piegatura labirintica dei denti; nel II volume verrà data la 
descrizione delle specie più grandi degli Stogocefili, i di cui denti sono 
solcati alla base e la di cui sostanza è mono piegata labirinticamente. 

Il D."" Frie osserva che sebbene lo scheletro dei detti Stegocefali abbia 
grande somiglianza coi veri rettili , pure quelli non possono essere anno- 
verati fra questi ultimi, poiché in ciascuno dei generi trovasi per lo meno 
un carattere proprio degli Stegocefali ; nella maggior parte d' essi trovasi 
un parafenoido, e dove manca questo havvi la piastra gutturale o arco bran- 
chiale, il che dà a conoscere non trattarsi d'un rottile. Così pure gli Ste- 
gocefali non possono essere considerati come tipo degli Urodeli or viventi; 
anche il Brancìiioscmrus il più somigliante ad ossi appartiene a tutt' altra 
serie che il Triton e la Salamandra or viventi. ( Quest' opera è di somma 
importanza per gli studiosi di geologia e paleontologia e per l' anatomia 
comparata, come pure ia riguardo alla storia di Darwin; fu distinta dalla 
Società geologica di Londra col premio di Lyell.). 

Il signor D.'" Bittner descrive (Imp. Accad. di se. Vienna 1883) un nuovo 
Echino — Micropsis veronensls del miocene di Verona e che forma un anello 
degli Echini dei depositi veronesi con gli altri eoceni dell'Europa meridio- 
nale e dell'Egitto. 

Il signor Lorial ha descritto già nel 1882 (Soc. di fis. e di stor. nat. Gi- 
nevra) alcuni Echini della Toscana, del Vicentino, dell'Egitto e della Libia. 

Il signor D."" Frauscher descrive (I. R. Istit. geolog. Vienna 1883j due 
Brachiopodi liasici dell'LTntersberg presso Salisburgo; fra questi havvi una 
nuova specie : la Rìiynchonellbia Faggeri^ e la lili. bilohata Gein. 

Il signor Eichenbauni descrive (1. e.) dei Brachiopodi di Risano in Dal- 
mazia , che trovansi in un calcare bianco cristallino assai duro ; troviamo 
descritti : RhijmlwncUa bilobata Geni. , Eh. Seguomac Geni. , ed una BJi, 



— 41 — 

Brtisinai n. sp., la quale è molto affine alla RJi. Seguemae; troviamo date 
anche delle osservazioni sul nome specifico Rhr/nchoneUa etc. 

Essendo questo giovine paleontologo colpito da immatura morte prima 
che il suo lavoro fosse del tutto completo, no diede la revisione il su ci- 
tato D/ Frauscher. 

Il D.' Uhlig ci dà (1. e.) un prospetto della fauna dei Foraminiferi , 
che trovansi impastati in un argilla sabbiosa grigia, oscura o nera (Orna- 
tenthon) presso Tschulkovo nella Russia; fra le diverse specie ne troviamo 
descritte anche alcune nuove, come : Glandidina Lahuseni^ simile alla Gì. an- 
niiluta Terq. , et Bert. , Virgiiialina ììiosqiiensis , quanto alla forma vicina 
alla striata Brady; Frondicuìaria Teissey rei che ha qualche somiglianza colla 
strigillata etc; Uhlig dà poi anche alcune nozioni sul detto Ornatentlion. 

Il signor Prof. Blaas esaminando i minerali Roemerite e Botriogene, ri- 
conobbe (Accad. di se. Vienna 1SS3), essere esse due specie distinte; il mi- 
nerale di Fahlun, preso assai spesso per un Botriogene, essere una miscela 
isomorfa di Sale amaro e d'una sostanza di ferro solfato, misto meccanica- 
mente con un minerale fibroso, probabilmente Koramohalite. 

Il signor Prof. Rumpf descrive (l. e.) alcuni cristalli di Andesina rinve- 
nuti nel carbon fossile di Trifali (Stiria). Questa scoperta è d'interesse ge- 
nerale perchè sino al presente non fu mai trovato un feldispato cristallizzato 
nel carbon fossile. 

Il signor Daubrée diede nella seduta del 5 novembre 1883 dell'Acca- 
demia delle scienze di Parigi dei dettagli sul meteorite caduto il 28 gen- 
najo 1883 a Saint Caprais de Quinsac (Gironde). Il suo peso è di 282 gr.; 
la sua densità 3,3; in tutta la massa trovansi regolarmente distiibuite nu- 
merose particelle di ferro nativo, le quali penetrano nella crosta sin quasi 
alla sua periferia. Le due particelle piìi grandi, di circa 0™. 002 in dia- 
metro, sono incluse in un piccolo rognone dì splendore metallico, di colore 
di bronzo della Pyrrhotina. La crosta esterna nerastra deve il suo colore 
all'ossido di ferro; la parte pietrosa consta ])er la maggior parte di olivina 
e di pirosseoa griggiastra ; secondo Daubrée appartiene questo meteorite 
alla classe degli Sporasideriti. 

A. Senoner. 



— 42 - 



ISrOTIZIE 



Il Prof. D/ Mina Palumbo pubblicava tempo fa nella Sicilia Agricola 
delle Note di Entomologia agi-aria, e notava fi-a i coleotteri dannosi al fico, 
la Lamia textor di Lin. 

La scoperta di questa grossa e bella specie in Sicilia mi meravigliò non 
poco, e difatti scrissi subito al D.'" Miucà, a ciò mi spedisse almeno un esem- 
plare della textor , onde confrontarla con altri esemplari della mia colle- 
zione di coleotteri europei. 

A rigor di posta n'ebbi spediti due esemplari che però, altro non erano 
che il comunissimo Morimus asper S\ih.=higubris F. 



* 

* * 



Abbiamo ricevuto il primo fascicolo del 1884 della Deutschen Ent. Zeits- 
chrift; esso contiene : 
Neuer Beitrag zur Kaferfauna Griechenlands. Von E. Brenske u. Edm. 

Reitter, unter Mitwirkung der Herren. D.'" Eppelsheini und Ganglbauer. 

(Hierzu Taf. I u. IIJ. 
Resultate einer coleopterologischeu Sammel-Campagne wahrend den Mona- 

ten Februar bis Aprii 1883 auf den jonischen Inscln. Yon Edm. Reit- 

ter in Modling bei Wien. 
Antidarwinistische Skizzen von Johannes Schilde in Bautzen. 
Synonymische Bemerkungen von J. Weise und G. Kraatz. 
Beiirag zur Chrysomeliden-Fauna von Amasia , mitgetheilt von J. Weise. 
Einige neue Chrysomeliden und Coccinelliden, beschrieben von deras. 
Ueber die bekannten Clavigeriden-Gattungen. Von Edm. Reitter in Modling 

bei Wien. 
Neue deutsche Staphylinen, beschrieben von D."" Eppelsheim. 
Akis Kohelti Heyden nov. sp. 
Ueber Eiirytraclielus purpurascens v. VoUenh. var. capito und Ear. Gin- 

lianii Gestro. Von Senator G. Albers zu Hannover. 
Sitaris rufiventris nov. spec. von D.'^ G. Kraatz. 

Philonthus addendus Sharp, und Polypliylla Rar/usae von H. Fuss. in Cleve. 
Beitrag zur Metamorphose der Kaferfamilie der Elateriden. Von Th. Be- 



- 43 - 

lìng, Forstmeìster zu Seesen ara Harz. (Fortsefczung und Schìuss nebst 

Nachtrag). 
Neue Kafer-Arten aus Osch (Turkestan) von D/ L. v. Heyden u. D/ G. 

Kraatz. 
NeuG Kafer-Arten von Margellan (Turkestan) von D.'" Gr. Kraatz. 
Neue Kafer-Arten aus Malatia im sudlichen Kleinasien von dems. 
Ueber Tetrodontophora gigas Reuter. Von D/ Pli. Bertkau in Bonn. 
Eiuige Bemerkungen iiber Histeriden von J. Sclimidt in Gollwitz bei Bran- 

denburg. 
Necrologe von Rolph, Wehncke und Le Conte. 

* 

Il 15 Febbrajo è uscito il secondo fascicolo della Wiener Entomologìs- 
che Zeitung, e contiene : 
Reitter Edm., Coleopterologische Notizen. 
Wachtl Fritz A., Beitrag zur Kenntniss der Lebensweise des Megastigmus 

collaris Boll. 
Róder Y. v., Dipteren von der lusel Sardinien. 

Reitter Edm., Paederus Pelikani, eine neue Art von den jonisclien Inseln. 
Kowarz Ferdinand, Beitrilge zu einem Verzeichuisse der Dipteren Bohmens 
Literatur, Allgemeines. 

Hemiptera. 

Thysanoptera. 

Pseudoneuroptera et Neuroptera, Lepidoptera. 
ì^otiz. 

* 
* * 

Il sig. Ludwig Ganglbauer ha pubblicato nell'ottavo fascicolo delle Be- 
stimungs-Tabellen der Europ. Coleop. il seguito del suo eccellente lavoro 
sui Cerambi/cidae. 

Sono 152 pagine e due tavole che unito alla prima parte, formano un 
boi volume di 231 pagina con tre tavole. È un' opera indispensabile ad 
ogni entomologo. 

E. R. 



— 44 — 

PREMIER COXGRÈS INTERNATIONAL 

D' ORNITIIOLOGUES 



Sous le patronage de Son AI tesse Iinp. et Roy. le Prince liéritier Mon- 
seigneur 1' ArcliiJuc Rodolphe un congrès internatìonale d' Ornithologues 
se réunira pour la première fois à Vienne (Autriche) du 16 au 23 avril 1884. 

L'ordre du jour du congrès porterà sur les points suiviìnts : 

1. Projet d'une loi internationale protectrice des oiseaux. 

2. Origine de la poule domestique et mesures à prendre pour l'amé- 
lioration de l'elevage do la volaille en general. 

3. Impulsìoa à donner pour l'établissenient d'un résau de postes d'ob- 
servation (ìrnithologique s'étendant sur toute la terre habitée. 

Vu lo ròle important que le mondo dos oiseaux joue dans 1' economie 
de la naturo, ou la grande portée do sos influences sur 1' agriculture , la- 
quelle n' est pas eacore partout et sufifìsamment appróciée et vu que ce 
n'est que pour un concours general et bien précise qu'on peut dans toutes 
les parties de la terre remédier c\ cortains inconvénients et répondre à de 
nombreuses qucstions scientifiques encore sans solution, il faut espèrer 
qu'aucun Etat ne negligerà d' eiivoyer ses délégués à ce premier congrès 
International, et qu'aucun ornitliologue do profession ou amateur ne man- 
quera d'y assister. 

Pour les demandes d'admission et toutes les questions relatives au Congrès, 
prière de s'adrcsser au président du Comité d'organisation et premier se- 
cretaire de 1 1 société ornithologique M. le D."* Gustave de Hayek, Vienne 
(Autriche), Marokkiiiergasse 3. 



Enrico Ragusa Direti. resp. 



|illili!inil!l!illlÌli>ilìilillillllllllllllllJ|||||||||||||||||||||||||||||HNI||||j|||||||ìn 

1 ANNO ™ ^^'^j^^^^^^ APRILE 1884 N. 7. | 

.NATURALISTA SICILIANO I 

GIORNALE DI SCIENZE NATURALI | 

SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE ,1 



ABBONAMENTO ANNUALE 



Italia 



L. 10 ). = 



Paksi compresi nell'unione postale » 12 » = 

Altri paesi » 14 » S 

Un numero separato, con tavole » 1 25 = 

» senza tavole » 1 » ^ 

Gli abbonamenti cominceranno dal 1° di ottobre di ogni anno S 

Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione 1 

al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. | 

SOMMARIO DEL NUM. 7. | 

E. Ragusa— Ca^a/o^ro ragionato dei Coleotteri di Sicilia (continua). ^ 1 

MìWìèYQ—Nychiodes Lividaria Hihn. = 

T. De-Stefanl— //ueno^^eri nuovi o poco conosciuti della Sicilia (coni.) = 

B. Grassi~/;?^7'no alVanatomia dei Tisanuri (continua). = 
i-i. ìuo'^ACono— Studii su piante critiche rare o nuove della Flora di Sici- 1 

ha (continua). = 

C. Cafici— iVo^a intorno ad alcuni nuovi Molluschi di Sicilia. = 



f ^ PALERMO I 

I Stabilimento Tipografico Virzì | 

I ''"1884 I 

piiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiHHiiiiiiiiiiiiiiiiriiiiiiiiiiiiiiiiiimiiiMiiJiiiiiiiiiiuiiMuiMiiiiimiiiiwiiHi^ 



ANNO III. 1 APRILE 1884. N. 7. 

IL NAimiUSTA SlCfLÌANO 



CATALOGO RAGIONATO 



COLEOTTERI DI SICILIA 



(Cont. V. Xam. [irec). 

Blechrus MotS(?Imlsky (i;. 

glabraius Duft, . . . Questa specie denominata oggi minatulus Goeze, è stata 

descritta sotto molti nomi, che figurarono lungamente 
come buone specie ; dilatti anche nei cataloghi delle 
specie Siciliane, noi lo troviamo sotto diversi nomi; ed 
io stesso nel mio elenco (1880) notai oltre il glahvatus, 
il Maurus Sturm, ed il minimus Motsch. 
Questa variabilissima specie è assai comune in Si- 
cilia, e si trova quasi tutto 1' anno , sui muri, sugli 
alberi e sotto le pietre, in esemplari ora robusti (gla- 
bratus Duft.) , ora più piccoli {Maurus Sturm.) ed 
ora piccolissimi {exilis Schaum) (2) ; questa ultima 
forma è però rarissima ed io non la posseggo che in 
due soli esemplari. 

Nel mio secondo elenco (Addenda 1881) notai una 
yarìeth interstitialis Kùst. , che il Cav. Bandi mi 
scrisse di aver raccolto in Sicilia. Kiister(Kàf. Eur.l4 2) 
la descrisse come specie, sopra esemplari trovati nella 
Spagna meridionale, e che distiuguevansi per avere 
alquanto rialzato lo spazio tra la seconda e terza linea 
delle elitre; però già Schaum che ave\a visto i tipi 
nella collezione Kùster, dubitava assai che fosse una 



(1) Questo genere nel nuovo catalogo di Berlino è stato riunito con molto cri- 
terio al genere Metahletns sotto al quale tìgura come sottogenere. 

(2) Rottenberg lo raccolse a Catania su dei prati, pi^esso a dei piccoli arbuscelli 
di Taniavix. 



plagìatus Diifl 



— 194 — 

bnoii;i specie, e de la Brulerie la cita come sinonimo^ 
ed è cosi che la troviamo notata nel nuovo catalogo di 
Berlino. 
Questa bella e distinta specie è assai rara , ed io la 
l)osseggo in quattro soli esemplari trovati due in pri- 
mavera sulla sabbia della spiaggia di Mondello presso 
Palermo , e due nel giugno vicino al mare presso 
(jirgenti; in uno di questi esemplari le macchiette 
l)iancastre delle elitre sono quasi scomparse. Rotten- 
b.^'g trovò questa specie comune presso Catania sotto 
i pioppi. 



Metabletus Schmidt-Goebel 



obscuroguttatus Dutt. 



var. impressus Dej. 



foveolatus Dej. 



foveola (ìy 



Sembra comune presso Catania , ove lo raccolse Rot- 
tenberg, nel di cui catalogo figura erroneamente sotto 
il nome di obscurognathus. De Marchi me ne iuviò 
una dozzina d'esemplari da Mistretta, ed il Prof. A. 
Paluuibo altri, da Castelvetrano; a tutti manca la linea 
gialliccia lungo la sutura delle elitre, descritta dagli 
autori. 

A ([uesta varietà riporto tre esemplari da me trovati a 
Girgenti nel maggio, con le elitre di un nero bron- 
zato con la sola macchia umerale visibile. 

RoKenberg trovò questa bella specie, ma rara, nella sabbia 
presso Catania. — Io ne trovai un esemplare presso il 
lago nell'isola di Pantelleria, che si distingue per il 
bel colorito cupreo e la sua grandezza; nel maggio ne 
presi una dozzina d' esemplari sotto le pietre presso 
il mare a Girgenti. 

Ne posseggo tre soli esemplari trovati uno a Sciacca nel 
giugno, e due a Girgenti nel maggio sotto le pietre 
presso al mare. 



truncatellus L. 



Fairmaire dice di possedere quest'insetto della Sicilia; 
Bedel nel suo lavoro Coleop. du Bassiu de la Scine 
cita pure la Sicilia come patria di questa specie ; io 
non la posseggo, nò credo che questo coleottero piut- 
tosto settentrionale, trovisi da noi. 



195 — 



Lìonychus Wissmann 



qua 



drillum Duft. . . Rottenberg lo raccolse a Messina; io lo trovai poco varo 
presso Caslelbuono nell'alveo sabbioso di un torrente, 
e lo posseggo pure di Milazzo. Negli esemplari ro- 
busti le macchiette delle elitre sono assai notevoli per 
la loro grandezza e per il loro colorito giallo, mentre 
negli esemplari più piccoli sono sempre di un bel 
l)ianco puro , contrariamente a quanto asserisce lo 
Schaum nella Nat. Ins. Deutscli. , ove è detto, che 
allorquando le maccliietle sono piccole sono sempre 
di un giallo intensivo. — In un esemplare da me pos- 
seduto sono visibili le sole macchiette umerali, ed un 
altro individuo presenta le ultime due, in forma di 
un piccolissimo punto bianco. — Questi due esempla- 
ri formerebbero il passaggio alla var. hipunctatus 
licer (1). 
. Rottenberg lo trovò abbondante sulla sabbia presso Mes- 
sina assieme a degli Anthicus , e da lui ne ebbi il 
solo esemplare che posseggo nella mia collezione. 
. Questa bellissima specie non è affatto raro incontrarla 
sulla sabbia dell' Greto, Ficarazzi, Mondello, Castel- 
buono, dall'aprile al luglio. Essa corre velocissima, 
e si nasconde nelle fessure delle pietre durante le 
ore ])iù calde. 
var.albomaculatus Lue. Assai più comune del tipo, e distinguesi facilmente per 

ledile fasce gialle delle elitre ridotte a semplice quat- 
tro macchiette; in due piccolissimi esemplari trovai' 
nel luglio a Castelbuono, esse sono talmente inipic- 
ciolite da formare quattro puntini. 



maritimus Fairm. 



albonotatus Dej. 



subacneus Chaud. 



var. reticulatus Sch. 



Aprlstus Cliaudoir 

Tom unissimo, specialmente nel giugno e luglio presso 
i lorrenti asciutti; è notevole per la sua grandissima 
agililà, che rende assai difficile il prenderlo. 

Questa varietà descritta come specie dallo Schaum 
(Kàf. Griech., pag. 133) sopra cinque esemplari rac- 
colti in Grecia, si distingue dal tipo per la sua gran- 



ii) Noi Cutalogo del Rottenberg tutti i Lyonichas sono notati nel genere A- 
pi'istas. 



— 196 — 

dezzi, ])er il corsaletto più piccolo, le elitre più lar- 
ghe ^ e per la mancanza delle piccole rughe fra le 
antenne. Fra i venti esemplari di subaenem da me 
posseduti, trovo tutti i passaggi a questa varietà, della 
quale Bandi per il primo ci fa notare (Nat. Sic, p. 84j, 
l'esistenza in Sicilia, ove già il Ghiliani pare l'abbia 
rinvenuta. 

(continua). Enrico Ragusa. 



NYCHIODES LIVIDARIA, HB- 

VAR. RAGUSARIA, Mill. 



Si , déjà , deux variétés de cotte superbe Phalénitc ont été décrites et 
figurces (le. Il, p. 77-79, pi. 60 , 1-2 ) il est une troisième aberration de 
Liv'ularia qui vient d' étrc découverte et élcvée ex larva , par M. Enrico 
Ragusa, de Palerme, laquelle est plus rcniarquable, pcut-étre, que Ics deux 
variétés précédentes. 

Au premier abord on ne croit pas ótre cn prést.'nce d' une Lividaria, 
tant la nouvelle venne diffère du type et des aberrations précitécs. La va- 
riété Sicilienne a bicn l'envergure et la coupé d'ailes de l'espèce ordinaire, 
mais Ics lignes noires transversales si accusées chez cette dernière ont 
disparu tout-à-fait, en dessus et en dessous, chez la nouvelle variété. Ce- 
pendant ce qui distingue plus particuliòrement cette curieuse Nijcliiodcs ., 
sont les taches cunéiformes sub-terminales aux quatre ailes, d'un jaune de 
Nàples largement ombrées intérieuremcnt de noir profond , et disposées 
entro chaque nervure , au nombre de : sept taches aux ailes antérieures , 
et six taches aux ailes postérieures. En dessous. Ics ailes sont uniforniémont 
d'une gris fuligineux, et ne possèdent qu' un gros point cellulaire noir aux 
secondes ailes , lequel manque absolument en dossus. Les antennes , chez 
lo cf, sont très plumeuscs: la hampe est marquée ya et là de petits traits ho- 
rizontaux jaune de Xàplcs. 

Cette curieuse variété , qui parait constante , a été rapportée à 1' élat 
de chenillo de la forét de Castelbuouo (Sicilc) et, d' après la desoription 
que M.*" Eagusa m'a fait de cotte chenillo, je n'ai pas hésité à reconnaitre 
l'insccte parfait pour uno al)cnnrion de la Nijcliiodes Lividaria] variété remar- 
quable quo je dédie à ìsì.' Enrico Ragusii le savant directeur du Natura- 
lista Siciliano. 

Pierre Millière. 



— 197 — 

IMENOTTERI NUOVI POCO CONOSCIUTI 

DELLA SICILIA 



(Coiit. V. N. pi'cc ). 

Pompilus Àntonìiii ii. sp. 

Niger, sericeo-micans. ProtJiorace lato, rotundato, declivi^ ui'irfjhm iwstico 
dislmcto ; metathorace tr lineato , parte superiore serkea-micanta splendidis- 
sima, marginibus : Q lateralihas lunulatis hidentatis, cT continais. Alis fuscis 
violascentibus, basi Q, basi et apice cl^, Ji/jalinis caìididissimis. Pedibus nigris , 
repercussione sericea-micante. Ahdomine rufo, margine segmentorum infero 
obscuro; primi basi fasca, quarti apice iiijero fascia cani lata, Q praeteria 
angiilata ascendente ; ceteris segmeniis nigris sericeo fasciatis. ^ Parte an- 
tìcd primi segmenti et lateribus sericeo-micantibus , secundi angulo ìnfero , 
et fascia tertii Inter rup ta , quarti varo intigra sericeo micantibus , margine 
tantum infero. Ano nigro. Long, d^ mill. 19, Q S6. 

Ad Agrigenium Julio 1883. 

Questo bellissimo Pompilo, coperto intioramontc d'una pubosconza sericco- 
cuadida splendidissima, ha la testa, lo antenne, il corsaletto , le gambe o 
gli ullimi anelli dell' addome di un nero profondo ; il protoraco è largo , 
convesso e dalla sua parte posteriore s'inclina e si assottiglia verso la parte 
anteriore, sicché questa è molto più stretta dell'altra, il margine posteriore 
è molto distinto. Il metatorace è troncato con la parte supcriore rivestita 
d'una pubesceiiza molto ricca, sericea e splendidissima più lunga di quella 
del restante del corpo, i suoi spigoli non sono retti, essi hanno la forma 
d'una mezza luna cou gli apici appuntiti da simulare due spinette, questo 
carattere si trova nella femmina, nel maschio invece gli spigoli del meta- 
torace sono regolari e continui. Le ali nella fe.nmina sono violacee con la 
base jalina candidissima, nel maschio, oltre alla base è anche l'apice dello 
stesso colore. I piedi sono completamente neri soffusi d'una pubescenza se- 
ricea che riflette più o mono intensa iiente a secando la luce , d' altronde 
questo riflesso si marca anche sul resto del corpo. L'addome è rosso, col 
margine inferiore degli anelli oscuro, come pure è oscura la base del primo 
segmento, il restante di questo, il secondo, il terzo ed il quarto sono rossi. 



— 198 — 

quest'ultimo ha la fascia del margine iuferiore molto grande, o nella fem- 
mina essa acquista una forma angolata al centro, che si prolunga sul dorso 
dell'anello; il restante dell'addome è nero con gli anelli rivestiti di pube- 
scenza sericea. La pubescenza nel maschio si osserva piìi intensa sui lati 
e sulla parte superiore anteriore del primo segmento, nel secondo segmento 
sono i soli angoli inferiori similmente rivestiti, il terzo ne porta una pic- 
cola fascia al margine inferiore interrotta nel mezzo , nel quarto questa 
fascia è più larga ed intiera; l'ano è nero. 

Lunghezza del cf mill. 19, della Q mill. 36. 

Ho avuto il maschio di questa specie dal sig. E. Ragusa che lo cattu- 
rava in Girgenti nel giugno del 1883. 

Dedico questo bellissimo insetto a mio fratello Antonino per potergli 
dare pubblicamente un pegno del mio affetto e spero che 1' umile dedica 
possa tornargli gradita. 

Cerceris moesta, n. sp. 

Nigra inmctnlahi. Facie superne triramosa albida; cum chjpeo^ mandihiUs, 
basi et apice excepto, primo articulo antennarum sìibto, ahclominis tertio segmento 
angulo infero pallide-Jlavis; segmento 2° interdnm Jiavo bimaculato. Aiitennis 
testaceis , scajjo nigro superne^ articulo primo omnino ; mandibularum basi^ 
clypei margine antico et tegnlis alarum castaiieis; apice mandibularum ni- 
gro. ScuteUis metathoracis lucidalis. Pedibus nigris cum genibus^ tibiis tar- 
sisque luteis^ praeteria tibiis vix nigro maciilatis. Alis liyalinis^ venis testa- 
ceis; nervo subcostale alarum antice aterrimo. Valvula anale dorsale oblonga^ 
coriacea cum pilis rujescentibus lateribus. Long. Q mill. 23-2o. 

Ad Sanctanympham Julio 1882. 

Graecia (ex Coli. Radoschkoivsky- Varsavia'). 

Questa Cerceris dal corpo robusto come la C. Ferreri _, Lep. è di color 
nero e ruvidamente punteggiata, in rjiinor proporzione allo scudello e die- 
troscudello del metatorace, i quali inoltre sono lucenti. Le mandibole, meno 
la loro base e l'apice, il clipeo, la parte di sotto del primo articolo delle 
antenne e la faccia sono di un giallo pallidissimo quasi bianco, questo co- 
lore sulla parte superiore della facce si divide in tre lobi. In alcuni indi- 
vidui sul dorso del secondo segmento si trovano due macchiette gialle, sul 
terzo segmento però gli angoli inferiori sono sempre di color giallo palli- 
dissimo. Le antenne testacee hanno lo scapo, solamente alla parte dorsale, 
ed il primo articolo per intiero di color bruno. L' apice delle mandibole 
è nero, la loro base, il margine anteriore del clipeo e le tegole delle ali 



— 199 - 

sono di color marrone. I piedi sono neri ; ma le giuoecliia , le tibie ed i 
tarsi sono di color giallo ; le tibie però nel colore giallo sono maculale 
un poco in oscuro. Le ali sono jaline, le vene testacee, ma la nervatura sot- 
tocostale delle ali anteriori è nerissima. La valvola anale-dorsale è coriacea 
ed allungata, i suoi lati sono rivestiti di peli fulvicci. Lung. Q mill. 23-25. 

Il maschio di questa specie non lo conosciamo. 

Ho raccolto quest'insetto in Santa Ninfa nel mese di luglio 1882. Il ge- 
nerale di artiglieria Radoschkowsky da Varsavia mi scrive , che possiede 
un esemplare di questa nuova specie pervenutogli dalla Grecia. 

Cere, ornata, Fab. 

Dovendo descrivere una nuova varietà della C. ornat'i, Fab., trovata in 
Sicilia , credo opportuno riportare dal Costa la descrizione del tipo e ciò 
a doppio scopo, primo per far risaltare le differenze fra il tipo e la va- 
rietà, in secondo per andare concentrando tutte quelle descrizioni che si 
riferiscono ad insetti che vivono nell'isohiT descrizioni che si trovano sparse 
in molti libri e spesso in libri costosissimi. 

" C. ornata^ Fabr. — Q Nigra, facie siiperius trìramose citm cli/peo genis- 
" que^ mandibuìis apice excepto, anteiiuarum scapo infra [fiagdlo injra fer- 
" rugineó), pronoti maculis dnabns posticis, tegulis alarum^ poslscutdlo, ab- 
" dominisqite fasciis dorsalibus tribus [in segm. 2, 5, 5), prima basali , se- 
" cunda et tcrtia totnm fere segmentum occnpantihus^ fasciaque ventrali in 
" seg. tertio^flavis: pedibiis flavo fiilDoqioe variis, basi nigris, feinoribns ful- 
" vis ; alis ligalinis , ad radialcm apiceque famatis ; mstanoti area dorsali 
" medio canalicalata, utrinque oblique plicato-striata; segm. secando ventrali 
" idtra disciim laeve , lateribus tantum punctato-varioloso. — Long. corp. 
" mill. 13; exp. al. mill. 22. 

(^ fascia tertla dorsali abdominis segmentarn sextiim , loco quinti , occu- 
" pante; femoribus maxima parte m'gris. 

" Yariat. «.) segmento secundo ahdominali praeter fasciam baseos postice 
linea utrinque transversa flava, cfg. 

ò) segmento quarto Q, quinto cf. fascia lata anterius profunde 

emarginata. 
e) fascia segmenti tertii anterius media incisa. 

d) cf seg mentis quinto et sexto fascia interrupta flava. 

e) femoribus nigris, geniculis tantum flavis. 



" In questo secondo tipo del gruppo variabilis domina ordinariamente 



un 



— 200 — 

" poco meno il giallo. Lo antenne nel dorso sono nero ; inferiormente il 
" primo articolo è giallo, gli altri testacei. Il capo è come nella pi'ecodente (1). 
" Il torace ha di giallo soltanto due macchie sul protorace od il dietroscu- 
" tello. Neir addome, il secondo anello ha la fascia o macchia trasversale 
" basilare, il terzo ed il quinto, nelle femmine, il terzo od il sesto nei 
" maschi, hanno un'ampia fascia più o meno i;it;iccata nel mezzo del mar- 
" gine anteriore; il ventre ha una fascia intaccata interrotta sul terzo anello. 
" Quando il giallo prendo maggioro dominio , sul secondo anello addomi- 
" naie oltre la fascia basilare vi ha due macchioline trasversali presso il 
" margine posteriore, e sul quarto anello Q o sul quinto cT vi ha pure due 
" macchie ovvero una fascia anteriormente smarginata. Nei maschi talvolta 
" i femori posteriori sono interamente neri. 

« PUlanthm ornatus, Fab. Ent. Syst. II, 290, 6.— Panz. Fn. gorra. 63, 10, 
« Q typus. 

" Cerceris ornata, part. Spiu. Ins. Lig. 1, 99, 5.— V. Lind. 117, 13. 

„ viirìahills, part. Dahlb. 196, 118. 
" PìdUìitìius s'.inicuidas, Panz., 1. e. 47, 24, cT var. d. 
" C<:rci:'is oriiatu, A. Cost. luien. Ital. p. 91, n. 20. 
Trovasi più u meno frequente in tutta l'Italia. 

Cere, ornata, Fab. ii. vai". Sicana. 

Var. Q. Typo differt: Pedihus rufo-flavis , abdomine non fasciato, trihiis 
cnm macnlìs luteo pnUidls,s3[/mL'iUorani 2 et 4 macula parva ungalo infero, 
iertii magna lateralihas. 

Ad Agrigentum Majo 1881. 

Questa bella varietà della C. ornata, Lat. si distingue dal tipo special- 
mente per la colora/iouo dei piedi e per quella dell'addome; mentre nel 
tipo i femori ed i trocanteri sono nerastri nella sua varietà Sicana sono 
di un giallo tendente al rosso, l'addome poi non ò fasciato ma porta so- 
lamente una piccola maccliia oblonga di un giallo pallidissimo agli angoli 
inferiori del secondo e quarto anello, nel terzo si trova altra macchia dello 
stesso colore , ma essa è più larga delle altre od abbraccia tutto il lato 



(1) L'A. (lesi-rivc pi-ia ']''\\'<iriì(i((i la Cere. emar(jui(d<(, Pz. della quale d'altronde 
ù .siiioniiuo. 



— 201 - 

dell'anello, il rimanente dell' addome ed il dietro scutello del metatorace 
sono completamente neri. 

Quest'insetto mi è pervenuto da Girgenfi nel mese di maggio 1881. 

Cere. Brutia, Costa. 

Di questa specie di Cercerìs la sola femmina è stata sin'oggi conosciuta, 
essa fu descritta da A. Costa che la rinveniva nella Calabria Ulteriore sulle 
colline di Brancaleone , io l' ho ritrovata in Sicilia e propriamente nelle 
campagne di Santa Ninfa in Provincia di Trapani nei mesi di luglio ed 
agosto 1882 ; fra i non pochi individui raccolti ho trovato due maschi, i 
quali sebbene non differiscano grandemente dalla femmina pure hanno di- 
stintivi sufficienti per essere riconosciuti; ma pria di dare i segni caratte- 
ristici del lìiaschio credo opportuno riportare la descrizione del Costa per 
così potersi avere sott'occhio i caratteri tutti dei due sessi. 

"■ C. Q dypeo convcxo^ imndaio^ margine infero ohtiise tridenticulato den- 
" ticulo medio magis prodiicto ; metanoli area dorsali irregulariter longitu- 
" dinaliter lìlicata^ segmento ventrali quinto margine postico in medio lacero- 
" crenato : nigra, facie superius triramose cum clypeo et genis, mandihulis 
" apice excepto^ macidis duahiis p)Osticis pronoti, tegulis alarum, postscutello, 
" vittis dnabns posticis mefanoti abdominisqtio fasciis dorsalibus quinque {in 
" seguì. 1-5), secunda basali, tertia et quarta late et paruni profunde emar- 
^^ ginatis , quinto segni, totum occupante et anterius vix incisa, ac ventris 
^^ fascia in segni, tertio et macula utrinque in segni, quarto et quinto, fiavis; 
" pedib'us fiavis, coxis , trocìianteribiis femoribusque posticis postice nigris ; 
" alifi liyalinis , apice fumatis, venis fusco testaceis. — Long. corp. mill. 11, 
" exp. al. mill. 18. 

" Femmina. Antenne nerastre , il primo articolo giallo inferiormente ; i 
" cinque segmenti testacei al di sotto e bruno rossastri al di sopra, l' ultimo 
" anche testaceo, posteriormente un pò scavato ed incurvato. Faccia ante- 
" riore del capo interamente gialla. Il lobo medio del clipeo prolungato 
" un poco al di là de' laterali, quasi rotondato ed ottusamente tridentato. 
"Torace eoa due grandi macchie sul protorace, le tegole alari, il dietro- 
" scutello per intero, e due grandi macchie verticali sui lati del metatorace. 
" L'aja dorsale di quest'ultimo striato-pieghettata per lo lungo. L' addome 
" ha un ampio cingolo sul primo anello, una fascia sul secondo che ne oc- 
" cupa tutta la metà anteriore, e tre altre fasce simili a quelle della specie 

// Naturalista Siciliano, Anno III. 26 



— 202 — 

" precedonto (1). Piedi coloriti ancora nel modo stesso. Il quinto anello 
" ventrale è ancora conio in quella. 

" Il maschio non lo conosciamo. 

" Specie affine alla precedente (cioè alla C. hqyresticida, Duf.) dalla quale 
" differisce organicamente pel clipeo più prolungato inferiormente e tri- 
" dentato, meno punteggiato; in quanto a colori, per la fascia del primo 
" anello addominale e 1j due strisce nel metatorace , che in quella man- 
" cane, e per la faccia interamente gialla. 

" Cerceris hrutia. A. Cost. Imen. Ital. p. 93, n. 24. 

C. hrutia cT. Simills foenilm', secl corpore minor^ 6" segmento ahdominale 
magne fasciato , valvnla anali parva , non coriacea secl profunde pìinctata 
ciim margine infero sQuiicircalari, denticulato; 5'^ segmento ventrale in medio 
non lacero-crenato ; clgpeo parte media elliptica, antennarum scapo omnino 
luteo. Long. mill. 17 (2). 

Ad Sanctanym.pìiam Julio et Agusto 1882. 

Il maschio è simile alla femmina, ma esso oltre ai caratteri comuni a 
tutti i maschi delle Cerceris si distingue per altri particolari contrassegni; 
così lo scapo è intieramente giallo, la parte media del clipeo ha una forma 
più ellittica che non è nella femmina, il quinto segmento ventrale non è 
crenato come in questa, ma è simile a tutti gii altri, il sesto segmento 
porta sulla sua parte dorsale una larga fascia che lo ricopre quasi tutto ; 
un altro carattere importantissimo è quello della valvola anale dorsale , 
questa oltre all'essere più piccola di quella della femmina, non è coriacea 
zigrinata , ma invece è segnata da forte punteggiatura , il suo margine 
posteriore è incavato ed i suoi lati terminano in due dentini. 

(continua) Teod. De-Stefani. 



(1) L'A. prima della C. hrnlìa descrive la C. bupresticlda Duf. È a questa specie 
che con lo pardo e ire altre fenice slmili a quello della specie precedente , egli 
allude. 

(2) Il Prof. Costa assegna alla femmina 11 millimetri di lunghezza, io credo che 
in ciò dove esserci dell'errore, imperocché i maschi ne misurano 17 e le femmine 
che io posseggo hanno una lunghezza di 18-24 millimetri. 



— 203 — 
INTORNO 

ALL'ANATOMIA DEI TISANURI 



NOTA PRELIMINARE 
DEL PROF- B. GRASSI 

{dal Laboratorio di Zoologia dell'Uniccrsità di Catania). 



Studiando la lettorafura dogli atteri propriamente detti (collemboli e ti- 
sanuri) , ho rilevato clic la loro anatomia è appena parzialmente nota , e 
che la loro embriologia è quasi affatto ignota (1 ); quel poco che se ne sa 
è stato però sufficiente per fir sorgere dello supposizioni allo quali se ne 
possono aggiungere dello altr.3 senza molta difficoltà. 

Siccome tutte queste supposizioni mi si formarono punto di partenza e 
indirizzarono le mie ricerche, così mi permetto sommariamente accennarle. 

Vieu generalmente ammesso che i tisaiiuri siano insetti molto primitivi 
e quasi come i solaclii degli insetti; non manca però qualcuno che, per 
contrario , li creda insotti degenerati ; si può inoltre sospettare che non 
siano adulti. Se ci atteniamo al primo di questi tre supposti, possiamo ri- 
tenere probabili questi altri : 



(1) Riserbo di tener minuto calcolo della letteratura in argomento nella Momoria 
estesa; qui mi limilo ad osservare che, per cs. nell'japyx, non era sLuto riscon- 
trato il vaso dorsale, nella canipodea erano sfuggili i tubi maliiigliiaiii, le glan- 
dule salivari, ecc. ecc. — È qui d'uopo sogginngei'c che l'anatomia dei collemboli, 
pubblicata dal Prof. Parona (Delle Podui-idi. 1878) , ò una semplice copia della 
vecchia memoria del Nicolet (1844) ed è perciò infarcita di grossolani errori, er- 
rori che, prima di uscirne la copia del Parona, erano già stati rettificati dal Lub- 
bock , dal Meinert e dal Tullberg (veggasi ad es. quel che si riferisce alle stig- 
mate), autori citati nella bibliografia del Parona stesso. 



— 204 - 

1. Le tre forme principali dei tisanuri (canipodea, J((Pl/^^ e lepismicla) ve- 
rosimilmente rappresentano quasi tre differenti gradi nella formazione de- 
gl'insetti; ovvero, con maggiore esattezza, le campodee sono gli insetti più 
prossimi agi' insetti primitivi , vengono quindi gli japyx che stanno quasi 
tra le campodee e le lepismide , vengono infine le lepismide che stanno 
tra gli japyx e gl'insetti tipici. Kon dico che gl'insetti tipici siano stati una 
volta campodee, e poi japyx ed infine lepismide , ma voglio soltanto am- 
mettere che gl'insetti tipici ebbero un lontanissimo progenitore comune, il 
quale non era profondamente differente dalla carapodoa; un successivo pro- 
genitore era, per alcuni caratteri, simile all' japyx; un terzo progenitore, 
successivo a questo secondo , avea alcuni caratteri delle lepismide attuali. 

2. Le tre forme, benché tutte vicine alla radico, divergono sensibilmente 
l'una dall'altra, e perciò rappresentano famiglie separate. 

3. Il sistema tracheale presenta tre gradi di formazione nelle tre famiglie 
in discorso, gradi che conducono alle condizioni generali degl'insetti. 

4. Le prominenze laterali dorsali dei due .segmenti posteriori del torace 
delle lepismide si possono ritenere parti che negl'insetti tipici si trasfor- 
marono in branchie dorsali, od in ale. 

5. Gli annessi boccali degl'insetti tipici sono probabilmente tre paja di 
zampe trasformate; colla loro trasformazione fecero subire cangiamenti alle 
parti integumentali circostanti. Nella campodea e noU'japyx noi abbiamo una 
modalità speciale; ma non già come pensano il Mcinert, il Lubbock ecc., una 
condizione primitiva da cui sarebbero derivate tanto Io disposizioni degli 
insetti masticatori, quanto quelle dei succhiatori. In questi organi adunque, 
a mio parere, (mi fondo del resto sui dati embriologici degl'insetti tipici] gli 
insetti in discorso non hanno conservati caratteri primitivi, ciò che, per es., 
si osserva, per alcuni organi, anche nei selachi. 

6. Alcuni ritengono gli ovopositori omologhi a membri addominali ; ma 
trovansi nel Jjiac/iife (una lepismida), sugli stessi segmenti tanto i rudimenti 
dei membri quanto gli ovopositori; non regge adunque la possibilità di omo- 
loghizzare queste parti , a menochè non si supponga che i membri siano 
stati una volta bifidi. 

Il mio lavoro ha per iscopo precipuo di provare la bontà, o meno, delle 
qui accennate supposizioni. Esso non è ancora terminato ; nel campo ana- 
tomico però ho già raccolto un numero non indifferente di fatti, che, credo 
utile, far conoscere in questa nota preliminare; mi riserbo di esporli este- 
samente, e col corredo delle figure, in una prossima Menioria, che formerà 
il mio secondo lavoro sugli Artropodi (1). 



(1) La prima intorno alle Api ò in corso di stampa. 



— 205 — 

Comincio con la campodea. 

Nella struttura degi'integumenti, ciò che colpisce è la grande sottigliezza 
della cuticola cliitinosa; essa in generale diventa minima nelle parti laterali, 
ventrali e negli spazi intersegmentali. L' ipoclormi è un seniplico strato 
sparso di nuclei tondeggianti, senza evidenti contorni cellulari (almeno cosi 
appare sulle mie sezioni allestite con vari. processi). 

Vi è un ganglio sopraesofageo (cervello), ed una cafona g.xngllonare; in 
quest'ultima cifrano un ganglio softoesofageo , tre gangli toracici e sotto 
addominali; una comaiissura pari (una cioè a destra e l'altra a sinistra) 
riunisce il ganglio sopraesofageo a quello sottoesofagoo ; i singoli ganglii 
della catena gangliouare sono congiunti da doppia commissura; T ultimo- 
ganglio dà un tronco nervoso (probabilmente pari) piuttosto grosso, che va 
ad innervare gli ultimi tre segmenti addominali. 

In corrispondenza al labbro superiore , ho scoperto un ganglio piccolis- 
simo (frontale) che probabilmente è riunito alla parte inferiore-anteriore 
del cervello per mezzo di due nervi. 

Il cervello è impari, ma ha tracce evidenti di una composizione per mezzo 
di due gangli; alla parte anteriore laterale, fornisco i nervi antcnnali, verso 
la parte mediana trasversale s'allarga. In corrispondenza a questo allarga- 
mento, la superficie del cervello è irregolare per la presenza di parecchi 
(tre paja?) lobetti dì cellule ganglionari ; uno di essi potrebbe forse inter- 
pretarsi come lobo ottico atrofico. Il cervello , nella sua parte posteriore 
è direttamente addossato all'esofago : forse gli fornisce dei ramoscelli ner- 
vosi, che però non si rigonfiano in gangli secondari. Credo che manchi il 
simpatico. Il ganglio sottoesofageo è relativamente molto lungo, e s'estende 
molto in avanti. In corrispondenza allo duo larghe e corte papille del lab- 
bro inferiore, vedonsi due accumuli di cellule che sembrano riunite, con i 
loro prolu igamenti, al ganglio sottoesofageo. 

E notevole che i gangli tutti, per una parte della loro superficie esterna, 
paiono a contatto coli' ipoderma senza che ne la divida gangliolemma di 
sorta; che vi si possa interporre un' angusta lacuna ripiena di liquido nu- 
tritizio, lo credo possibile, ma non l'ho verificato con certezza : in ogni caso 
il rapporto è intimo ; esso corrisponde ai punti di massima grossezza dei 
gangli. 

Nella catena ventrale, su quegli stessi punti, la superficie interna dei sin- 
goli gangli è vicina all' intestino , da cui resta però separata per un gan- 
gliolemma incompleto e per una lacuna sanguigna. Questi rapporti sono 
però alquanto alterati nel torace , e ciò per la presenza dei muscoli delle 
zampe. 



— 206 — 

Quel tessuto degl' insetti tipici che qualcuno giudica omologo alla corda 
dorsale, non esiste sulla campodea (1). 

Sono organi di senso : 1° le antenne , alla cui estremità distale corri- 
sponde una terminazione sensitiva specifica; 2° i palpi mascellari, nei quali 
pure viene a finire un nervo. Le due grosse e corte papille del labbro in- 
feriore contengono forse terminazioni nervose specifiche. 

Riscontransi due organi, eh' io sarei tentato di giudicare occhi rudimen- 
tali , lateralmente al supposto lobo ottico atrofico ; sono però separati da 
questo per un po' di tessuto connettivo (?) in cui non ho mai riscontrato 
alcun nervo; corrispondono presso a poco all'esterno delle due papille labiali 
or ora accennate , hanno ad un dipresso forma lenticolare con una faccia 
(profonda) piana, e l'altra (superficiale) convessa. Presso a poco al centro 
della faccia piana, sta un cumulo di nuclei lunghi e circondati da scarsis- 
simo protoplasma ; essi danno dei prolungamenti cellulari che si portano 
alla superficie convessa decorrendo tra certi elementi nucleati, lunghi, gra- 
nulosi e disposti quasi radialmente, attorno al cumulo dei nuclei. Tutto il 
corpo lenticolare, alla linea d'uuione delle sue due facce, è circondato da 
un tessuto che pare connettivo; alla faccia esterna è ricoperto dall'ipoderma 
coU'interposizione d'una lacuna sanguigna almeno verso la periferia. 

Una terminazione speciale , ch'io ritengo indubbiamente nervosa, verifi- 
casi in certe piccolissime, ma complicate appendici , che si trovano presso 
a poco negli spazi intersegmentali (più vicine al segmento che sta ante- 
riormente che a quello che si trova posteriormente) di sci anelli addominali, 
al lato interno delle zampe rudimentali. Queste appendici sono già state 
accennate da vari autori , ma nessuno ne diede una descrizione istologica; 
esse si possono definire vescicole, che sono retrattili nella cavità addominale, 
che comunicano ampiamente con questa e perciò conteugono sangue. La pa- 
rete è fatta di cuticola. Nella metà prossimale della vescicola non ho 
potuto rilevare un evidente ipoderma ; nella metà distale , invece del- 
l' ipoderma solito , trovansi delle cellule grosse , probabilmente di natura 
ghiandolare; infine all'estremo distale incontrasi una cellula, che dà un pro- 
lungamento verso il centro della vescìcola. Questo prolungamento s'unisce 
a parecchie (2?) cellule pluripolari, addossate l'una all'altra e collocate nel 
mezzo della vescicola. Io non ho potuto constatare che queste cellule s'uni- 
scano ad un nervo; la cosa però è probabilissima. lafine, alla parete della 
metà distale della vescicola attaccansi vari muscoli, che si prolungano sino 
nei segmenti addominali. 



(1) E neppure sull'Japyx. 



— 207 — 

Da quanto si disse è forse lecito desumere che le vescicole sono organi 
d'aderenza, dominati da speciali muscoli, e regolati da una speciale termi- 
nazione nervosa tattile ; ciò è confortato dal fatto che abitualmente questi 
organi stanno retratti nella cavità addominale. Che essi siano branchie sem- 
bra poco probabile, soprattutto perchè mancano di trachee. 

Il sistema tracheale è stato esattamente descritto dal Palmen; però i rap- 
porti delle stigmate, stabiliti da quest'autore, diventano discutibili dopo le 
mie osservazioni sullo japyx (Vedi più avanti). 

Ritengo sicura la mancanza di anastomosi tracheali e di cordoni accen- 
nanti a chiusura di trachee. Le trachee non hanno filo spiralo, le stigmate 
sono semplici fori senza uno speciale apparato valvolare. Le due trachee 
addominali descritte dal Palmen, aderiscono alla superficie interna della catena 
ganglionare. 

Il sistema digerente è fatto d'un esofago , d' un intestino medio e d' un 
retto. 

L'apertura boccale è circondata da appendici complicate, che sono state 
descritte con precisione dal Meinert. Quanto alle interpretazioni di questo 
autore, riserbo pronunziarmi dopoché avrò intraprese le necessarie ricerche 
embriologiche. 

L'esofago è un semplice tubo di calibro presso a poco uniforme, e s'estende, 
ad un dipresso, sino al secondo o terzo anello toracico. Esso risulta : 1" di 
uno strato epiteliale tappezzato alla superficie libera da sottile cuticola ; 
2* di una tunica muscolare striata. 

L' intestino medio è un semplice tubo diritto e di calibro uniforme ; si 
estende dall'estremità dell' esofago fin verso la metà dell'ottavo anello ad- 
dominale. 

Esso è fatto d' uno strato di cellule epiteliali uniformi , e da una tu- 
nica verosimilmente fibrocellulare. Alle volte le cellule epiteliali si pre- 
sentano rigonfie e piene di vacuoli , alle volte il loro margine libero ap- 
pare cuticolare, ma altre volte quest'ultimo carattere non è punto accennato. 

L'intestino retto s'estende dall'estremità dell'intestino medio fino all'estre- 
mità posteriore dell'animale. 

E fatto : 1° d'una tunica muscolare striata; 2^ d'un epitelio semplice e tap- 
pezzato internamente di cuticola. Questo epitelio, nella parte anteriore, è a 
cellule piccole, e, disposte in modo, da formare numerose piegh*?, che ven- 
gono imitate anche dalla cuticola. Più indietro le cellule sono, almeno in 
gran parte, grosse, probabilmente ghiandolari, e le pieghe sono in numero 
di tre (vere plicae rectales). Più indietro ancora, le cellule conservansi grosse, 
ma le pieghe non sono più visibili. Finalmente, alTestremità anale, le cel- 



— 208 — 

lule acquistano i caratteri dell'ipoderma. Il retto è sostenuto in gran parte 
da speciali mesenteri laterali. 

Come annessi del tubo digerente, ho trovato i seguenti organi : 1° ghian- 
dole salivari; 2° tubi malpighiani. Le ghiandole salivari sono collocate nel 
celoma della parte posteriore del capo (regione lateral-ventrale e laterale), 
sono pari, una, cioè, a destra e l'altra a sinistra, ed han figura di tubi ravvolti 
a gomitolo. Il loro sbocco è unico, cioè a dire : il tubo d'un lato s'avvicina 
a quello dell'altro e lo raggiunge alla linea mediana ventrale; si forma cosi 
un canale unico poco avanti dell'estremità posteriore del labbro inferiore. Que- 
sto canale decorro, per brevissimo tratto, lungo la linea mediana, alla super- 
ficie esterna del sistema nervoso; s'apre quindi sul labbro inferiore press 'a 
poco verso la sua estremità anteriore. 

Queste ghiandole riproducono adunque la disposizione delle cosidette ghiau' 
dole sericee delVape nelViiovo. 

I tubi malpighiani formano una semplice corona di circa quattordici pic- 
coli diverticoli dell'intestino al punto di unione dell'intestino medio col po- 
steriore. Esci son tappezzati da un semplice epitelio e non contengono mai 
cristalli. 

Attorno all' esofago stanno dei corpi ovoidali sulla cui natura non sono 
punto in ciliare; non so so essi siano fatti di connettivo reticolare, ovvero 
di tessuto ghiandolare; inclino però assai alla prima supposizione (1). 

Ho trovalo nelle campodee un vaso dorsale che s'estende dalla fine del 
secondo segmento fin quasi all'estremità posteriore dell'addome; presenta 
una parete niu-;jolare con nuclei sporgenti nel lume del canale; le valvole 
sono per lo mono nove paia e corrispondono agi' intersegmentl ; il primo 
paio è tra il secondo ed il terzo anello toracico ; gli altri si trovano nei 
seguenti otto intersogmenti. 

{contìnua). 



(IJ Al confino iatcr.ile del capo col torace, sotto all'ipoderma, si trovano due 
altri corpiccioli, niiu, cioè, a destra e l'altro a sinistra, fatti di un tessuto appa- 
rentemente epiteliale. Si trovano anche ncirjapyx.. Che cosa sono? 



— 209 — 

STUDII SU PIANTE CRITICHE RARE NUOVE 

DELLA FLORA DI SICILIA 



(Cont. V. Niim. prec.) 

Centaurea busambarensis Guss. fi. siu. syn add., p. 873 excl. var. ^ 
C. cineraria ? Guss. Syn voi. II, p. 511, excl. 

In rupibus calcareis elalis M. Busambra. Jniiio Julio. 

Centaurea incana Ten. (non Lag.J Lev. PI. exsicc. ex Abriitio. C. 
cineraria var. 7 Guss. Syn., voi. II, p. 511, C. busambarensis ? 06- 
tusiloba Guss. in add. p. 873, C. nebrodeiisis Tin. iued. 

In rupibus calcareis elatis in versuris l)orealibus Nebrodum. Al Canale delle 
Neviere (M.L.) Dirupi di Isnello Guss. 

Var. prostrata , Mini C. Parlaioris , ^ tomentosa Guss. , I. e. C. 
prostrata Huet.- exs. Sic. ann. 1855. Nyman Consp. FI. Eur. C. ci- 
neraria-humilis Guss. exs. C. maculosa Guss. (non Lam.) ex Ncbrodi- 
bus et Montibns Abrutii. C. Pa/'^a/Jo/'.'s var. tomentot^a M. L. PI. rar. 
Sic. exsicc. Cent. I, N. 90. 

Centaurea Parlatoris ÌIeldr. Ami. dell' Accad. degli Aspir. Natur. 
V. I, p. 287, Guss, Syn, voi. II, p. 570 excl. var. P tomentosa, C. 
paniculata Bert. ti. Ital. , v. IX, p. 314 var. g non Lin. C. pani- 
calata Biv. Cent. 2 , p'. 23, excL syn. praeter Cupani , C. Parlato- 
ris, var. virgata, M. L. PI. Sic. rar. exsicc. Cent. Ili N. 290. 

Yi\i\ virescens Guss. 

Herba un lique viresc>nis Iiabitu onmino utintypo. Sine lloribus vide speaim. 
ex M. Scudei'i Tin. ! 

In asperis calcareis montosis apricis. Nicolosi (Tix.I) Madouie (Porcari!) Dirupi 
d'Isnello, Marcato Grande, (M. L. !) Milocca (Nebrod.) (M. L. !) M. Scuderi (Tin.!) 
Inter vineis Pedara (Aetna) Tornab.! Aquileja M. Palumbo ! S. iMarlino alla 
Portella di S. Anna (M. L.). 



(1) Questi studii riguardano priucipalmcnte i materiali da me raccoUi uoll'lsola 
iu questi ultimi anui dal 1878 ed 1883 ed evulgati in Couturic sotto il titolo di 
« Plautae Siculac rariores. >> Nelle memoi-ie già pubblicate nei numeri precedenti 
iu questa od iu quelli a venire non segno alcun ordine nella sequela delle descri- 
zioni; esse sono state fatte, direi, mano mano clic il materiale mi si e presentato. 
Il Naturalista SicilianOj Anno III. 2 



210 — 



Centaurea cineraria Lin. Guss. Syii.; voi. II, p, 511, excl. var. p 

et T- 

111 nipiltus calcareis mavitimis. Palermo M. Pellegrino ! S. M. di Gesù. ! Le- 
vanzo! Marelimo, Sciacca ac Cofani (ex Gussone). 

Cantaurea cinerea Lam. clict. enc. I, p. 669. 

In rnpihus calcareis maritimis M. Pellcgi'ino, nelle rnpi che gnardano Mon- 
dello ! M. Gallo versarne boreale, Sferracavallo M. L. ! Bagheria, S. M. di Gesìi 
TiN. ! 

Var. solantlna Mnn, Cent, soluntina Tin. ined. 

Folils caulinis hiplnnailsectis, laclriiis angustissime linearihiis , npiculatis. 
Rninis elatis strictis acutissime angulatis. Hevha undique praeter foliis inji- 
mis (jlaòraia virescens. Forma insignis facies fere C. albae. 

In rni)il)us calcareis marilimis boreani spcctanlibns Catalfano Tin. ! Poro, M. L.I 

E utile spiegare le ragioni die ci hanno condotto a sistemare queste specie 
nel modo su esposlo. Queste possono essere considerale come due tipi. Uno è 
quello della C. cineraria che presso noi dà luogo alla C. busambarensis, alla 
C. incana , ed alla sua l'orma lìrosfrata dei luoghi elevatissimi , tutte e tre dei 
luoghi mollinosi^ ed alla C. cinerea colhi sua forma soluntina dei luoghi ma- 
rittimi. L'altro tipo è ([uello della C. Parlatoris, specie malamente interpetrala 
e vessata, che più pel su(ì abito comune a tanti altri tipi differenti, che per cri- 
terii basati sul resto dei caratteri, non solo dal Tineo, da Bivona, ma anch' da 
Bertolom e dal Nyman, vediamo ingiustamente confusa colla vera C. panica- 
lata dai primi, associala (hill'ultiino alla C. dissecta di Tenore. Io slesso par- 
lendo dal concetto che la var. p tomentosa di Gussone , della C. Parlaloris 
dovea essere im quid simile di questa specie assunta come tipo , salvo a diffe- 
rirne per l'indumento, nella mia Centuria di Piante rare siciliane, chiamai Par- 
laioris la forma tomentosa e var. vir getta, ciò che era il tipo stesso riconosciuto 
daUTlELDREiCH a cui si adatti [X'r intero la diagnosi di Gussone. 

È stato un altro errore; che mi affretto di correggere, ch'?cchè si pensi ora dello 
studio delle specie. Nonostanle che i principi attuali ne hanno avvilito singolar- 
mente il valore, è questo semin-e il cardino delle cogiii/ioni l)Otaniche ; io non 
esilo dunque diffondermi a mio l)eiragio , dell'istesso modo come se stassi par- 
lando delti caratteri istologici di una data regione analomica, annettendo all'uno 
ed all'altro argomento l'uguale interesse ed importanza. Come ben si vede ri- 
nunzio a descrivere specie e ad affiggere questo nome dul)bioso alle forme , le 
chiamo forme che è il peggio che lor si possa dir,-, ma disconoscere queste forme, 
lasciarle nell'oblivione e interpelrarle a rasaccio, non credo che in ogni evento, 
la decadenza presso noi degli sludi litografici potrà permetterlo e tollerarlo. Tiro 



- 211 - 

dunque avanti, inspirandomi ai principi che guidarono i nostri vecchi maestri, 
che allrove hanno tuttora imitatori la cui gran fama è inconcussa. Dunque la 
C. Parlatorls è per me una specie tipica siciliana. Ciò clie leggesi nel Com- 
pendio della FI. Ital. può non esser vero; infatti Bertoloni, le cui citazioni di 
località sono delle più accurate, per la sua var. ^ della panicidata, cioè la nostra 
Parlatoris non cita che le sole località di Sicilia e Calabria. — Qui la vediamo sulle 
Nebrodi, sull'Etna, sui monti di S. Martino presso Palermo, a Monte Scuderi, 
e questa sua distribuzione ci av\isa che non ci debba essere intima relazione 
Ira la C. incarta prostrata e la C. Parlatoris perchè altrove salvochè nelle 
Nebrodi manca la prima. Le forme virescenti di Mandanici sono mere varietà 
di essa, ciò lo si vede chiaro, è tutto qua)ito questa dà, poiché se altrove nelle 
Madonie vediamo i rami abbreviarsi, divaricarsi e prostrarsi, l'indumento ren- 
dersi copioso , è un errore il credere che noi abbiamo per le mani la C Par- 
latoris; la grandezza ed i caratteri degli antodii ce lo dice chiaramente, e ci ri- 
vela una forma della Centaurea cineraria che è la C incana (C. nebrodensis 
TiN.). Ilo avuto abbastanza occasione di veriHcare sui luoghi questo fatto per 
parlarne con conoscenza di causa. La C. Parlatoris cn sce nel più arido calcare, 
appare nelle falde delle Nebrodi a circa 700 m. (a Milocca) va su sino a 1000 m. 
(alla Scala della Pernice ed a Marcato Grande). Nei luoghi dell'Etna, di Pedara 
cresce nei vigneti secondo Tornabene ed in quelli di S. Martino (Coste di S. 
Anna) cresce copiosa sulle identiche località delle Nebrodi. Questa rifugge i luo- 
ghi elevatissimi.— La forma tomentosa deW incana, la C. incana var. prostrata 
Muii è propria dei luoghi scoperti della regione del Ftiggio , scende giù sino a 
1400 m. (Fa vare , Sparviere) ; ma che essa assume perciò i caratteri della C. 
Parlatoris ? Niente affatto ! In luoghi più bassi e riparati sulle rupi a perpen- 
dicolo nei luoghi classici assegnali, da Gussoxe alla sua var. C. (Dirupi di 
Isnello) , essa è già un bel cespuglietto , dai rami eretti , essa è la vera incana 
di Ten., che può stare bene come specie, ben lontana dalla C. husamharensis 
e dalla vera C. cineraria dai ctipitoli grandi quasi tanto come nella C. scabiosa, 
come può lìen stare come varietà la forma prostrata dell'altipiano del Faggio. 

Potrei qui anch'io esser tacciato di qùell'istesso difetto che spesso si vede pre- 
valere nella discriminazione delle specie, di quella dose di personale modo di 
intuùo che è causa del frequente disaccordo nei lavori sistematici. Ma me ne 
appello ai botanici che hanno studiato a fondo il genere e che hanno sott'occhio 
le specie di Europa. C'è una Centaurea di Algeria battezzata per C. Parlatoris; 
essa ne ha l'abito del tutto , ed il valente botanico il Cosson fidandosi su que- 
st' esterno aspetto non ha poi sbagliato di troppo. Questo saggio del Cosson di 
Djebel Tougour (Batna) appartiene a un gruppo di specie spagnuole; essa segna 
anziché colla Sicilia, uno del tanti punti di contatto della Flora di Spagna con 
quella dell'Africa Boreale. I caratteri dell'antodio, le appendici delle squame quasi 
spiniformi, ci avvisano un'altra serio di affinità che non sia quella della C. cineraria, 
essa è una forma della C. Funkii, ove sta la C. granatensis e forse la bombycina. 
A questa piauta spetterebbe forse il nome di C. Cossoni. Non mi dò la pena 



- 212 - 

di descriverla, uè di regalare perciò una nuova specie ai botanici contemporanei, 
risparmiando loro cosi la briga di dire e di contradire, ma ho detto tatto ciò, per 
rilevare che bisogna distinguere e saper distinguere e non malaugaratamente con - 
fondere, in traccia di idee filogenetiche difficile a l'cperirsi, cose eterogenee, come 
si fa al giorno d'oggi. 

L'altro tipo della C. cineraria che abbiamo detto nelle Nebrodi, dà luogo alla 
C. 1/7 cana ed alla sua forma /^ros^ra^a, (forma delle più alte montagne), è la C. 
cinerea propria come la C. cineraria, dei luog,hi marittimi presso Palermo. Vor- 
rei prender per mano quei botaiiu'i oggi tanto scarsi che si dilettano dello studio 
delle specie, per mostrar loro (piale interessante caso, presenta la distribuzione 
geografica di questa specie , riconosciuta dapprima dal Lamarck , V autore della 
Filosofia Zoologica! ma che forse in grazia delle particolarità qui appresso cen 
nate potrebbe perdere questo valore. Nelle rupi calcaree di M. Pellegrino esposte 
a mezzodì sta la vera C cineraria, ma subito che l'esposizione di queste pareti 
piii meno a slrapioiubu , nnUa vergendo verso occidente, noi vediamo il tipo 
vergere insensibilmente verso la C. cinerea , diminuendo la pelurie, i rami al- 
lungandosi , Hnlantochò in quelle esposizioni prettamente boreali vediamo com- 
parire la C. cinerea quasi affatto glabra. Bisogna raccogliere le piante di questi 
ultimi luoghi, a Mondello , a Sferracavallo per avere la C. cinerea tipica. Nei 
luoghi che partecipano delle condizioni dell' una e dell'altra, non avremmo che 
forme ambigue che è difficile il sa;)ere definire se spettano più alla C. cineraria 
che alla C. cinerea. La C. soluntina Tix. ined., che non esiterei chiamare specie, 
se non fossi persuaso che tra la C. cineraria e C. cinerea è difficile il segnare un 
limile preciso , si trova nelle falde boreali del M. Catalfano, in condizioni iden- 
tiche perciò alla C. cinerea alla quale essa deve riferirsi come mera forma. Si 
distingue pei suoi rami gracili, rigidi, angolosi, allungati e per le foglie pennati- 
sette a lacinie lineari, glabra coras il tipo in ogni sua parte. 

Prendendo di mira gli organi fiorali , che al postutto sono meno che il resto 
suscettibili allo modificazioii dello ambiente, noi troviamo che le specie o forme 
in parola si possono distinguere in ir*^ gradazioni.— Gli antodii sono minimi nella 
C. Parlatoris, di mediocre grandezza nella C. incana , massimi nella C. cine- 
raria e C. cinerea typica. La Centaurea husamharensis forma montana della 
C. cineraria esclusi\'a di Busambra, è un'eccellente specie, che in Sicilia stessa 
non trova una stretta analogia, che in certe piante dei monti della Cometa (Piana 
Greci) che però hanno i lobi f oliar i ottusissimi ed esaltamente ellittici. Conso- 
relle alle dette specie siciliane sono le famose C. ragusina ed argentea, la C. 
diomedea delle Isole Tremiti e forse la C. subtilis del Gargano. 

C. Schouwii D. C. fi eriophora Guss. 

In arvis montanis, Ficuz/.a M. L. (rarissima). 

Varietà insigne che rammenta per 1' abliondanza deirindumento Hoccoso-arae- 
noideo degli antodii la vera C. eriophora di Spagna. 



— 213 — 

C. alba LiN. M. Loj. PI. Sic. rar. exsicc. Cent. VI, N. 594. 
In ai'vis argillosis prope Roccapaluiiaba (mi'iss.). 

C. solstitialis LiN. var. graciUs Alini, M. Loj. PI. Sic. rar. exsicc. 
Cent. I, N. 91. 

Ad vias Castelbiiono, Geraci-Siculo, Julio-Augiislo. 

C. tagana Brot. ]\[. Loj. PI. Sic. rar. exsicc. Cent. VI , N. 594. 
In collibus prope Alcamo (Leg. G. Taormina, Majo 1882). 

C. cyanus Lix. C. umorosa Huet. de Pay. ined. PI. Sic. exsicc. 
Ann. 1855. M. Loj. PI. Sic. rar. Cent. V, N. 493. 

Questa pianta da noi è perfettamente spontanea. L' ho raccolta nella regione 
del Faggio nei luoghi erbosi fra i balzi dello Sealonazzo sulle Nebrodi. 

Galatella Sorrentini Tod. Ind. Sem. H. Bot, Panorm. AL Loj. 
PI. Sic. rar. exsicc. Cent. VII, N. 688. 

In arvis argillosis secus alveos torrentium copiosa legi prope Sntera. Alajo 1883. 

Qualunque si fossero i caratteri fondati sulla presenza dei flosculi periferici er- 
mafroditi o feminci, per l'abito questa pianta non mostra alcuna ragione per la 
quale si possa toglierla dal gruppo Tj'ipoUa del genere Aster. 

Anthemis chia Lin. 

In herbidis arenosis maritimis prope Messina, Legit A. Borzi. 

Anthemis punctata Vaul. Symb. bot. 2, p. 9 , non Guss. nec 
Alior.! Desf. fi. Atl. 2, p. 285, tab. 239!! 

In praeruptis sylvaticis umbrosis mari imminentil)us ! Dirupi di Sferracavallo 
e Malo Passo, Aprili-Majo. 

Su questa bellissima specie che non deve confondersi colle forme della A. Cu- 
paniana Tod. (A. punctata Guss.) e sul gruppo deir^4. montana, ho scritto dif- 
fusamente in un lavoro monografico tuttora inedito. Dico per ora che Gussone 
ha a torto riferito le specie siciliane dei nostri monti più o meno elevati a questa 
specie dell'Africa Boreale, da me scoverta or son pochi anni nelle località su ci- 
tate , ove essa lussureggia in modo singolare e cresce copiosa nei luoghi erbosi 
ed ombreggiati frai balzi di Monte Gallo che guardano il mare. — Se Gussone 



— 214 - 

avesse conosciuto questa specie egli avrebbe meglio chiarito le forme specifiche 
delle Anthemis siciliane, infatti è dalla conoscenza deWA. jjunctcda che si può car- 
pire il nesso che passa tra ^4. cupaniana ed A. montana, il quale in pochi casi 
si mostra assai intimo, ma non mai al punto di rendere ambigua la conoscenza 
dei due tipi , perchè si può dire che in Sicilia salvo nelle alte montagne delle 
Nebrodi dapertutto si ritrova la Cupaniana colle sue innumere\'oli forme, men- 
tre poi la A. moni^cma assume quella forma che ho visto conuyie a tutta l'Italia 
che è la A. Colnmnae Ti:n. (Cfi'. Coll'mn. phyt. 2, p. 23, t. 24)! 

(j-ontiima) M. Lojacono. 



INTORNO AD ALCUNI NUOVI MOLLUSCHI 

DI SICILIA 
PEL BARONE CORRADO CAFICI 



Gen. Pomatias Sectio Personatus 
Pomaiias Boettgeri, ^^'es{erlun(l. 

Testa coìiico-py ravnìdatiì ^ alhldo-lutescens, concolor ^ costis valicUs, obliquis^ 
ilistanlibus, alhis^ sithstrictls, ad suturam arcuatis , nhiqae aeqìtaliter (apice 
laovi excepto) oìivUa; aiifractus 9, convexi^ ultimus roUiudatus, antice seri' 
svm sai alte asccìidcns; apertura rotundato-ovata ^ superne ad dextrmn per- 
ohtusa; peristoma suh-simplex {vel obsolete sub-duplex), continuimi, ad dextrum 
paullisper aurìculatnm, margine columellari rcfiexo , perforationem super- 
pendente. 

Long. 11, dìaut. 4 [rum apert. o) mm. 

Vive presso Palermo nella località denominata Rocca della Petrazza. 

L'esemplare su cui il Dott. Westerlund di Romoby ha stabilito questa 
specie trovasi nella mia collozione, e proviene da quella del sig. Benoit, 
dal quale lo ricevetti col falso nome di P. Adami, Benoit (non Paulucci). 

In seguito Benoit, avendo saputo che la Marchesa Paulucci aveva dato 
il nome di P. Adaìnil ad una forma di Calabria fin dal 1879, corresse la 
sua determinazione; ma io ignoro qua! nome vi sostituì. 



— 215 — 

Nel " Nuovo catalogo delle conchiglie terrestri e fluviatili della Sicilia,, 
pubblicato da questo autore nel 1882 è descritto fra le specie nuove un 
P. silvamis vivente nelle Madonie , al quale convengono taluni caratteri 
del P. Boettgerl; ma io non so determinarmi a riunirli. Per far ciò occor- 
rerebbe il confronto con gli esemplari tipici dei quali si servì il Bonoit 
per creare la sua specie; imperocché la descrizione elio egli ne dà, essendo 
incompleta, non fornisce elementi sufficienti ad un esatto paragone. 

Geli. Planorbis. Sectio Hyppeutis. 
Planorbis Syracusanus , Cafici. 

Testa tenuisj nitida ^ fulvida ^ lenticularis ^ saprà medio panilo depressa^ 
suhtas anguste iimhilijafa , lunhilico anfractus superiores non vel vix prae- 
bent3, a medio anfractus ultimi dilatato; anfractus 3 V2-4 ^ primo excepto 
forte accrescentes, ulfimus valde ampliatus, transversim striatus^ saprà con- 
vexas^ ad peripheriam angalato-suhcarinatas : apertura parohliqua^ perverse 
cordata : peristoma simplex^ margine sinistro suhrecto, dextro forte arcuativi 
producto. 

Diam. 3 ''2 5 V3 mm. 

Vive in un ruscello dell'ex-feudo Bigeni presso Siracusa, ove io la rac- 
colsi in scarso numero di esemplari nel dicembre del 1882. 

Questa specie presenta molta analogia col P. complanatus ^ Linneo (1), 
dal quale differisce specialmente per la forma generale della conchiglia 
meno convessa, per l'ombelico in proporzione più piccolo, non cilindrico 
come nel complanatus^ ma dilatato verso l'apertura e ristretto nella parte 
superiore ; dal che ne deriva che non tutti i giri sono bene visibili allo 
interno, mentre in quello si possono scorgere agevolmente; questi giri sono 
anche in numero minore, contandone la specie di Linneo da 4 a 4 ^V, Io 
svolgimento ne è molto più celere; oltre a ciò sono meno convessi, sicché 
la spira ne risulta più depressa; in fine l'ultimo anfratto è molto più schiac- 
ciato al di sotto che al di sopra verso il contorno esterno. 



(1) Seguo rautorevole opinione del Dott. Westerluiid, il (juale riferisce Vllclix 
coinplanata, Linneo al P. Fontaiuis, Liglitfoot.— Invece secondo Hanlcy hi specie 
di Linneo andrebbe riportata alla Segmoiiiina nitida, Fleming. 



— 216 — 

Gen. Val vaia. 
Valvata Anapensis, Cafici. 

Testa aperte pervio-umhilicata {umhilico ad apertiiram panilo dilatato) , 
depresso-convexa^ striatida^ nitida^ cornea; anfractus 4, celeriter accrescentes 
{adeoque spira orhitu parva) , convexi , satura lineari vel parum impressa 
separati^ idtimus rotundatus, antice non dilatatits, siihttis dimidiam diametri 
testae fere occupans. 

Diam. 4, alt. 2 mm. 

Non posseggo dì questa bella specie che due soli individui raccolti da 
me con l'animale sulle conferve che in tanta abbondanza vivono nelle acque 
defluenti all'Anapo dal fonte Ciane. 

E una forma interessante la quale si ravvicina per l' insieme dei suoi 
caratteri alla V. macrostoma,, Steenbuch. 

Pur tuttavia se ne distingue agevolmente per minori dimensioni, per un 
pili rapido accrescimento dei giri, l' ultimo dei quali non tende ad espan- 
dersi, ed infine per l'ombelico che va a restringersi tanto rapidamente da 
lasciare scorgere appena la porzione superiore del penultimo giro, mentre 
nella macrostoma si possono osservare facilmente quasi tutti. 

Valvata Monterosati, Calici. 

Testa semiglohoso-ovata^ siihscalariformis, apice obtiisissimo oblique depresso, 
pallide cortiea, laevis, nitidula; anfractus 4, tres idtimi ci/limlracei, sutura 
tenui impressa disjuncti, regidariter accrescentes^ idtimus non dilatatus; um- 
hilicus in profundo angustus, deinde rapide dilatatus^ apertura rotunda^fere 
sub anfractu penultimo ajffixa, verticalis. 

Diam. 2 %, alt. 3 % mm. 

Devo la conoscenza di questa specie al mio amico Marchese di Monte- 
rosato , il quale me ne favorì alcuni esemplari che egli raccolse alla foce 
del fiume Anapo. 

Vizzini ] Febbraio 1884. 



Enrico Ragusa Dirett. resp. 



iiìiiiiiiiiiniiiimiiiiiiiiiimmiiiniiiiiiiiimniiiiHiiiiiiiiimiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiìiiiiii^ 

ANNO III 1 MAGGIO 1884 N. 8. 1 



1 |J 



ATUe ALISIA SlfllLI ANO! 

^^ GIORNALE DI SCIENZE NATURALI . | 

JÀauM:my, , I 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO" DI MESE 



ARROXAMF.NTO A\XrALl<: 

Italia L. 10 » 

Paesi comf>resi nell'unione postale ...» 12 » 

Altri paesi » 14 » 

Un numero separato, con tavole « 1 25 

V » senza tavole « 1 )) 

(ìli abbonamenti cominceranno dal 1'^ di ottobre di <)0s\ anno 

Indirizzare tutto ciò che riguarda V Amministrazione e Redazione 
a! sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 

SOMMARIO 1)1<:L Xl'M. <S. 

T. Be-Stefani — Imenotteri nuovi o poco conoi^cititi della Sicil'ia (coni.) 

G. Seg'.ienza — // Quaternario di Rizzolo (coni.). 

March, di Mjnterosato — Conchiglie littorali mediterranee (coni.). 

L. Facciola — Caratteri di pesci giovani dei mar di Messina. 

B. Grassi — Intorno all'anatomia dei Tisanuri (cont. e fine). 

A. De Gregorio — r;o/'rt//( Giaresi di Sicilia f continua). 

F. Mìnà-Paìumbo— Lepidotteri Druofagi (continua). 



I PALERMO I 

1 Stabilimento Tipografico Virzì 1 

I -^"1884 I 
^liiiiiiniiiniiiiiiiniiiniiiiiiiiiiiiiiiiiitiiiiiiiiiiiiiiiitiiiiiiiiiiiiiiiiiiiHiiiMiiiiiiiiiiiiiiiiiiH 



ANNO III. 1 MAGGIO 1884. N. 8. 

llTNAYlMUSf 

IMENOTTERI NUOVI POCO CONOSCIUTI 

DELLA SICILIA 



(Cont. V. N. prcc). 

Crabro Hypsae, n. sp. 

Q. Niger^ leviter ininctulatus. Antennarum scapo , artkulo primo secun- 
doque, mandihulis, apice excepto, protìiorace linea in medio incisa, callis Jiu- 
meralihus^ scutello et posiscutello mesothoracis luteis. Pedìbus luteis ^ coxis, 
trocanteribìis et basi femorum nigris. Abdoìnine fascis tribiis {in seg. ,9, 4, 
et 5) liiteis; fascia segmenti secnndi medio interriipta. Articulis tarsorum , 
primo excepfo ^ rubidis. Alis Jigalinis-sordidis, venis rubidis. Long. mill. 8. 

cf. Statura minor, sexto segmento luteo fasciato, femoribus fere totis luteis 
Antennarum articulis 3, 4 et 3 apice dentato , artlculo 5 longiore emargi- 
nato. Long. mill. 6-7. 

Q. Var. Segmento primo lateribus maculatìs. 

cf Var. Antennarum articulo 2 , scutello et postscutello mesothoracis et 
sexto segmento abdominis nigris. 

Ad fianien Hijpsam (Belice) et Castrurnhonum Augusto 1882. 

Questo leggiadro insetto si distinguo facilmente dalle altre specie per il 
numero delle fasce addominali. Esso è nero, finamente punteggiato, con lo 
scapo e il primo e secondo articolo delle antenne giallo; il clipeo ò rivestito 
d'una pelurie argentina, l'apice delle mandibole è nero, il restante di esse 
è giallo; gialla è pure una linea sul protorace, la quale è incavata nel suo 
mezzo, sono anche gialli i calli umerali, gli scutelli del mesotorace, i piedi 
e le tre fasce dell'addome, le anche però, i trocanteri e la base dei femori 
sono neri; le fasce dell'addome sono disposte sul secondo, quarto e quinto 
anello, quella del secondo è interrotta nel mezzo da una lineetta nera che 
divide la fascia in due grandi macchie ovoidali, inoltre il color nero del 
lembo posteriore dell' anello ascende in forma di triangolo; il lembo infe- 
II Naturalista Siciliano, Anno III. 28 



— 218 — 

riore del 4*^ e 5° anello ò nero. Gli ultimi quattro articoli dei tarsi e gli 
uncini sono di color rosso bruni, le ali jaline confuso con le vene rosso 
ferruginose. cT Lung. mill. 8. 

Il mascliio differisco principalmente per la forma del 3°, 4° e 5'^ articolo 
delle antenne la di cui estremità porta un piccolo dentino, il ò'^ articolo 
inoltre è convesso e pii^i lungo degli altri. Il sesto segmento dell' addome 
è fasciato pure di giallo, ed i femori sono totalmente o quasi di questo 
stesso colore. Lung. mill. 6-7. 

Alcuni individui di questa specie offrono alcune pìccole differenze dal 
tipo ; cosi posseggo una femmina clie presenta due maccliioline gialle sui 
lati del primo segmento dell'addome; in un mascliio il secondo articolo delle 
antenne, lo scutello ed il dietroscutello del mesotorace ed il sesto segmento 
dell'addome sono intieramente neri, inoltre questo stesso individuo lui la 
fascia del secondo segmento largamente interrotta, come ò del pari inter- 
rotta quella del quarto, ma questa, da una sottilissima lineetta nera. 

Ho catturato questa specie lungo le sponde del fiume Belice e l'ho ri- 
cevuto da Castelbuono dal D.'' Mina Palumbo nel mese di agosto 1882. 

Grab. validus, u. sp. 

Nige)\ pimctulatus. Corpore magno. Abdomine lucidalo leviter pìinctalato. 
Mandibulis nigris cam macula dorsali in medio lutea. Cli/peo argenteo-sericeo. 
Antennanim scapo luteo, aì'ticulo primo luteo cum macula nigra ., secundi 
longìore, nigro cum basi lutea, solo apice articuU quiìiti dentato-emarginato . 
Pronoti angulis anterioribus in spinam productis, super margine postico linea 
vix emarginata^ callis humeralibus, femoribus , media parte postica excepta, 
tibiis et primo artizulo tarsoruni, mesothoracis scutello et postscutello, abdo- 
minis fascis 4 (in basi segmento 2,4, o, 6) luteis. Ultimis 4 tarsorum ar- 
ticulis obscuris; tibiarum anterioribus parte interna nigra lineata. Alis liya- 
linis vixfumatis, venis obscuris, tegidis nigris et testaceis. e? Long. mill. 10. 

Ad Sanctangmpham Junio 1882. 

Questa specie di Crabrone è somigliantissimo al precedente col quale 
potrebbe facilmente esser confuso se la sua grossezza , quasi il doppio di 
quello, non ci metterebbe in sull' avviso. Sebbene la dimensione negli in- 
setti non sia di grande importanza , perchè nella stessa specie si pos- 
sono riscontrare degli individui giganteschi come degli altri pìccolissimi , 
pur non di meno la mole di quest'insetto risalta subito all'occhio, ed essa 
è da annoverarsi nelle differenze tra le due specie, ma altro particolarità 
più importanti separano il C. validus dal C. Ili/psae. 



— 219 — 

Fra queste è importantissima quella delle antenne, in cui il solo quinto 
articolo, che è convesso, porta un dentino alla sua estremità, il secondo 
articolo poi è più lungo che quello della specie precedente; un altro ca- 
rattere che differenzia ancora le due specie si ò quello dell'addome, il quale 
nel Crabro validus è punteggiato finamente e diversamente del corsaletto , 
mentre nel Crabro Hyiisae la punteggiatura ò uniforme; le altre differenze 
si riferiscono alla disposizione del colore. Tutte queste particolarità sommate 
ben ci convincono trattarsi di due specie distinte. 

Il Creerò validus ha le mandibole nere con una macchia gialla nel mezzo 
del loro dorso, il primo articolo delle antenne è macchiato di nero, la base 
del secondo è gialla, come è pure gialla una linea sul pronoto, la quale 
è intaccata nel suo mezzo al margine posteriore; i piedi sono gialli, le an- 
che, i trocanteri e la metà inferiore dei femori sono neri; gli ultimi quattro 
articoli dei tarsi sono oscuri. Sono gialli lo scutollo ed il dietroscutello del 
mesotorace, e mentre nel C. Hypsae lo scutollo è più largamente colorito 
che il dietroscutello, nel C. validus succede precisamente il contrario. L'ad- 
dome ha quattro fasce gialle disposte sul secondo, quarto, quinto e sesto 
segmento , la fascia di quest' ultimo segmento e frangiata , quella del se- 
condo intiera, e regolare e non si divide, come nel C Hypsae^ in due grandi 
macchie ovoidali. Le ali sono jaline un po' oscure ed oscure sono anche le 
nervature, e? Lung. mill. 10. 

Anche questa specie ho catturato nelle campagne di Santa Mnfa, in giu- 
gno 1882. 

Ectemnius punctulatus, n. sp. 

Q Nif/er, pìincUdatns. Antennariim scapo ^ articnlo 1 et 2 , hasi , mamli- 
hulis apice excepto^ linea antice pronoti interrupta^ callis Jmmeralibiis^ scn- 
tellis mesoilioracis et pcdibus, coxis, trocanteribm et in partis femoribus ex- 
ceptis^ flavis. Abdomiìds macnlis tribiis in scgmentis dorscdibus secando^ ter- 
tio, quarto et fascia in segmento qidnto emarginata medio superiore^ Jlavis; 
seymentis ventralibas panctulatis. Ultimis tarsorum articulis rubidis. Alis 
liyalinis^ venis testaceis. Long. mill. 5. 

Ad Sanctanympliam, Augusto 1882. 

Descrivo l'unica femmina che posseggo di questo piccolo Crabrone per- 
chè convinto trattarsi d' una specie non conosciuta. Essa è nera e tutto il 
suo corpo è fittamente punteggiato , questa punteggiatura è più ruvida e 
più sensibile al capo e sul corsaletto, quella dell'addome è più minuta. La 



— 2,20 - 

testa ò coperta di scarsa pelurie bianco-argentina, che diviene più folta e 
più splendente sulla facce ; le mandibole sono giallo con 1' apice nero , le 
antenne hanno lo scapo, il primo articolo e la baso del secondo giallo; ò 
gialla pure una linea, nel suo mozzo interrotta, sul davanti del protorace, 
di questo colore sono pure i calli umerali, una litioa sullo S3Uteilo del mc- 
sotorace, i piedi, meno però le anche, i trocanteri ed una piccola porzione 
della base dei femori che sono neri; gialle puro sono le macchio dell' ad- 
dome , le quali sono disposto sul secondo, terzo, quarto e quinto anello, 
quelle del terzo anello sono le più piccole e quello del quinto si riunisoono 
in modo da formare una larga fascia che noi mozzo s'incurva al angolo. 
La valvola anale è solcata , piccola e punteggiata. Gli ultimi articoli dei 
tarsi sono rosso-oscuri e le ali jaliue con le vene testacee. Q Lung. mill. 5. 
Ho catturato quest'insetto nelle campagne di Santa Ninfa noi mese di 
Agosto 1882. 

Ectem. laevigatus ii. s[). 

cf. Similis speciei precedenti. Abdomine laevi(jalo ciim mactiUs vel diiahns 
(^In seg. 2 et 4) vel 4 (in seg. ;? , 4 ^ 6 et 6) Jl.tvis. Articalis t.irsorniii oh- 
scuris ^ femoribus totis Jiacis. Aiitcnn%nun articnlo 6 ir n^.g alare. Alis ìuja- 
linis faniatis^ venis ohscuris. Long. mill. 7. 

Ad Sanctam/mpham Angusto 1.8S2. 

Questa specie è vicinissima alla precedente della quale potrebbe essere 
anche il maschio; ma per l'addome assolutamente liscio ho creduto dover- 
nela separare; inoltre essa ò di dimensioni maggiori, le macchie dell'ad- 
dome non sono costanti, mentre in alcuni individui ne esistono solamente 
quattro, due disposte sui lati del secondo segmento, due altre sui lati del 
quarto ; in altri individui invece di queste macchie ne esistono otto e di- 
sposte sui lati del 2*, 4", 5° e 6° segmento, quelle del sesto però si riu- 
niscono in una fascia. Per quinto poco interesso io annetto ai caratteri 
tratti dal colorito pure mi pare che por esso la specie si riattacca alla pre- 
cedente; ma non avendo prove certe che i duo insotti si appartengono alla 
stessa specie, ho creduto bene separameli, salvo a riunirli per le ulteriori 
osservazioni. 

Gli ultimi articoli dei tarsi di questa specie sono oscuri ed il quinto ar- 
ticolo delle antenne non è simile agli altri , esso è più robusto e la sua 
estremità si termina in forma di piccolo do.ite ; i femori inoltre sono to- 
talmente gialli. Lung. mill. 7. 



— 221 — 

Ilo catturato quest'insetto nella stessa località e nella stessa epoca delia 
specie precedente. 

Ectm. Siculus, n. sp. 

Q Niger, punctulatus. Antennarum scapo luteo nijro -lineato ad basim in- 
ternami, articulo primo luteo cum dorso nigro , mandibuUs ohscaris , apice 
nigro. Prothorace antice linea interrupta, calUs Jmmeralihus, genihiis, tibiis, 
tarsis et maculis tribus abdominis {in seg. 2^ 4, o) Inteis. Tibiis nigro-ma- 
culatis , articulis tarsorum riibidis. Alis hgalinis fuinatis , venis obscuris. 
Long. mill. 6. 

Ad Sanctanympham. 

E questa ima specie distintissima dalle precedenti. Il suo corpo è mas- 
siccio ed intieramente punteggiato; ha le mandibole oscure con l'apice nero, 
il primo e secondo articolo delle antenne sebbene gialli sono: il primo, dalla 
parte interna con una linea nera , che giunge sin quasi alla sua metà, il 
secondo ha nera l'estremità superiore; la linea gialla del protoraee è più 
piccola che nelle specie precedenti e più largamente interrotta nel mezzo; 
sono gialli i calli umerali ma lo scutello del mesotorace è nero, neri sono 
pure i femori, e le tibie sono macchiate di questo stesso colore; l'addome 
è robusto ed ha la stessa forma di quello à^WEctem. vagìts, le tre coppie 
di macchie che l'adornano sono di un giallo pallido e disposte sui lati del 
secondo , quarto e quinto anello. Le ali sono jaline un pò fosche. Luug. 
mill. 6. 

Ho catturato questa specie in Santa Ninfa come le precedenti. 

Grossocerus palmatus, u. sp. 

cf. Ad similis Crossocerus luteipalpis^ Lcp. e Cross, palmipes, Lin. Niger., 
oblongus. Scapo antice fiavus., mandibulis nigris ., palpis pallidis^ clypeo ar- 
genteo-sericeo , vertice linea longitudinale impressa inter stemmata. Pronoti 
margine postico in medio interrupto., macidique scufelli Jìauis _, callis hume- 
ralibiis nigris, tegulis nigris ambito postico Jiavo , mesopleure mutica., meta- 
noto levis. Coxis antice nigris., trocanteris, femoribas, tibiisqiie Jlavis , parte 
postica nigro lineata, tarsis brevibns dilatatis pallidis^ primi articuli appen- 
dice scutiforme ad apicem nigro maculato , articulo idtimo nigro. Pedibus 
intermediis et posticis nigro-luteis variegatis , tarsis regolaribus, intertnediis 
fiavo-albidis, posticis nigris. Abdomine ìiitido, oblongo, subpetiolato., ano nigro' 



— 222 — 

Alis hyalinis vìx famatìs^ nervis , pundo marginali costaqiie fiiscis. Long, 
mill. 4 Vf'5. 

Ad Sanctanymiìham. 



Quest'altra piccola specie di Crabrone si avvicina un poco al Cross, lu- 
ieipal^ns, Lep. {Cros. elongatus^ Y. Linci.) ed al Cros. 2^cilmipes , Lin. , ma 
esso è da separarsi assolutamente dell'una e l'altra specie; dal primo, per 
la forma dei tarsi anteriori che lo fanno rientrare nella sezione a gambe 
anteriori munite da un'appendice a forma di scudo, dal secondo per la man- 
canza di tubercolo spiniforme al secondo segmento toracico , per il quale 
carattere rientra nella sezione a mesopleure sema spine. Questi due impor- 
tantissimi caratteri adunque lo separano nettamente dalle due specie sopra 
citate. Esso ha lo scapo giallo anteriormente, le mandibole nere, i palpi 
di un bianco sporco, il clipeo è rivestito d'una pubescenza sericea argen- 
tina, gli ocelli hanno nel loro mezzo una piccola linea impressa; il margine 
posteriore del pronoto interrotto nel mezzo è giallo, la macchia dello scu- 
tello è pure gialla, ma i calli degli omeri sono neri come pure le tegolo 
alari, le quali però hanno il contorno posteriore giallo. Il secondo segmento 
del torace non porta spinette di sorta, il metanoto è levigato e solamente 
il suo mezzo è un poco crenulato. Le anche del primo paio di piedi sono 
nero, i trocanteri, i femori e lo tibie gialli, ognuna di queste parti però 
è longitudinalmente nella porzione posteriore segnata da una lineetta nera; 
gli articoli dei tarsi sono piccoli ed appiattiti , il primo articolo è molto 
largo e porta un'appendice in forma di scudo il di cui margine è macchiato 
di nero, è nero pure l'ultimo articolo e gli uncini. I piedi intermedi e po- 
steriori sono neri variegati di giallo, nei femori il color giallo è pochissimo; 
gli articoli dei tarsi intermedi sono quasi bianchi, quelli dell'ultimo paio 
neri. L'addome è nero, levigato, allungato e verso la sua base si assottiglia 
in forma di picciuolo, l'ano è nero. Le ali sono jalino-confuse, le venette, 
lo stigma ed il punto spesso quasi neri. cT Lung. mill. 4 ^'2-5. 

.Di questa specie conosco esclusivamente il maschio che ho catturato nelle 
campagne attorno Santa Ninfa. 



In un'altra memorietta che mi propongo pubblicare quanto prima, darò 
la descrizione di moltissime altre specie d'imenotteri siciliani che io ritengo 
come inediti. 

(continua) Teod. De-Stefani. 



— 223 — 

IL QUATERNARIO DI RIZZOLO 



(Cont. V. Num. prec). 

n. 

Gli Ostracodi. 
C. plicatula (Reuss). 

1849. Cypri dina plicatula Reuss. Haidinger's Abhaiidl. Ili, p. 44, t. 10, 

fìg. 23. 

1850. Cythere plicatula Bosquet. Ent. foss. des Terr. tert. de la Franca, 

p. 92, tav. 4, fìg. 13. 
1858. „ „ Egger. Die Ostrac. der miocan-scliiclitcn ecc. , 

pag. 88, tav. Y, fig. 6. 
1865. „ „ Brady. Zool. trans. Voi. V, pag. 374, tav. LX, 

fig. 1. 
1880. „ „ Scguenza. Le forra, tert., pag. 77, 124, 289, 363. 

Gli esemplari che io riferisco a questa specie, che dal mioceuo par che 
siasi propagata sino ai nostri mari, rispondono alla forma che il Brady sco- 
priva vivente nel Mediterraneo. 

DlSTR. GEOGR. 

Mediterraneo — Smirne. 

DlSTR. STRAT. 

Mioceno. Vienna, Boemia, Gallizia, Moravia ecc. Dax e Leognan. 

Nel pliocene di Perpignano. 

Nel mioceno, pliocene e quaternario di Calabria ! 

Nel quaternario di Sicilia ! — Eizzolo ! 

G. mirabiìis n. 

Tav, II, fig. 4. 

Conchiglia solida ben caratterizzata dalla sua conformazione, la quale è 
ovato-quadrangolare guardandola lateralmente , allargata anteriormente e 



— 224 - 

ristretta alla parte posteriore, colle valve convesse alla parte centrale, de- 
presse e quasi appianate alla periferia ; colla maggiore altezza che rag- 
giunge quasi i tre quinti della lunghezza ed è riposta al terzo anteriore ; 
la regione anteriore è larga e rotondata un pò obliquamente, col margine 
intiero , la posteriore si restringe grado grado e si termino, troncata obli- 
quamente, col margine estremo leggermente sinuoso, ovvero abbastanza in- 
cavato, che forma, coi due margini coi quali si connette, due angoli ben 
distinti appena rotondati, di cui l'inferiore talvolta diviene prominente quasi 
in forma di sperone ; il margine dorsale forma un angolo rotondato nella 
sua parte più alta, da dove si estende declive verso la parte posteriore e 
quasi retto, leggermente convesso nel mezzo, con un leggiero incavo presso 
l'angolo anteriore ed altro più marcato vicino l'angolo posteriore ; il mar- 
gine ventrale è incavato leggermente o fortemente verso la regione ante- 
riore ed invece s'incurva in forma convessa alla regione opposta; guardando 
la conchiglia dalla regione dorsale si ha un contorno pressoché ovato ed 
assottigliato alle due estremità che riescono prominenti ed ottuse, con due 
prominenze angolose ai lati dell'estremo posteriore, colla maggiore lar- 
ghezza verso la metà dove è un insensibile incavo d' ambo i lati , siffatta 
larghezza uguaglia la metà della lunghezza; guardata da un estrem:) il con- 
torno ha forma quadrangolare , cogli angoli rotondati, poco più lungo che 
largo, gli angoli superiore ed inferiore portano ciascuno ai lati due ango- 
losità minori ; ciascuna valva presentasi regolarmente convessa nella sua 
parte mediana, depressa e quasi appianata all'estreme regioni anteriore e 
posteriore, un rialzo quasi retto corre accanto al margine ventrale e sporge 
maggiormente verso la parte posteriore , in modo che può vedersi meglio 
nella forma che assume guardandola dalla regione ventrale, allora i rialzi 
delle due valve formano una specie di aia triangolare saggittata, bipartita 
longitudinalmente dai due spessi margini delle valve; una costola sporgente 
e spessa percorre diagonalmente ciascuna valva mantenendosi pressoché pa- 
rallela al rialzo di cui ho parlato precedentemente , tale costola svanisce 
alla regione anteriore e va a connettersi posteriormente con una promi- 
nenza considerevole che è presso l' angolo postero-dorsale e che costi- 
tuisce la prominenza angolosa, che si osserva guardando la conchiglia dal 
dorso; la superficie è segnata irregolarmente da fossette che formano una 
serie curva più distinta attorno il margine anteriore , il quale è anco di- 
sgiunto da tale serie per mezzo d'una zona appianata e liscia. 

Lunghezza Altezza Spessore 

0,7 !'"•". 0,45""™. 0,35'»"'. 

0,81'°™. 0,48""°. 0,41'"'". 

0,65'°'°. 0,38"»"*. 0,32™"». 



— 225 — 

Var. scabra n. 

Associo sotto questa denominazione a questa specie una conchiglia che 
la somiglia nella forma generale e nei principali caratteri e che se ne al- 
lontana per la costola mediana non distinta, por la superficie scabra invece 
di essere foveolata , l' indizio delle fossette esiste presso il margine ante- 
riore. 

Questa specie ha una certa somiglianza colla C. Ungeri Reuss, la quale 
differisce per molti particolari e specialmente pel margine anteriore ben 
dentato, per la forma e la scultura dello sperone posteriore. 

Si avvicina ancora alla C. salehrosa Brady di Hong-Kong , che è molto 
meno gracile, col margine anteriore dentato, senza la scultura caratteristica 
e i particolari della superficie, colla regione posteriore dentata , e con un 
contorno trigono guardando la conchiglia da un'estremità. 

Ma ancor maggiore è 1' affinità che essa ha colla specie seguente dalla 
quale la distinguono benissimo la minore gracilità, la scultura,,! particolari 
caratteri della superficie e la forma generale della conchiglia specialmente 
nel contorno che offre guardandola dalla regione dorsale. 

DisTR. Geogr. 

Non conosciuta vivente. 

DisTR. Strat. 

llara nel quaternario di Rizzolo ! 

C. rectangularis Brady. 

1869. Cythere rectangularis Brady. Les fonds de la mer, pag. 153, tav. XVIII, 

fig. 13-14. 

Gli esemplari che riferisco a questa specie presentano considerevoli va- 
riazioni nella forma generale siccome nelle varie parti della conchiglia, e 
specialmente m'importa far notare come quel carattere che dà il nome alla 
specie soltanto in (][ualche esemplare mostrasi distinto , negli altri la cre- 
sta che cinge il margine ventrale e che s' inflette ad angolo alla regione 
posteriore ò poco sviluppata, in taluni poco distinta e quasi mancante 
del tutto in altri, ovvero diversamente conformata alla parte posteriore, e 
sopratutto discostandosi dal margine ventrale ; intanto sì conserva sempre 
uniforme il contorno della conchiglia guardata dalla regione dorsale. 

Yaria ancora nella flessuosità, nella prominenza, nello spessore ecc. di 
Jl Naturalista Siciliano, Anno III, 29 



— 2:?C) — 

quella specie di rialzo diagonale che in forma di costola spessa percorre 
ciascuna valva dall'angolo antero-ventrale all'angolo postero-dorsali ed in 
generalo si offre molto più flessuosa di qu info non lo sia nella figura data 
dal Brady. 

Altro fatto da notarsi è quello che off.'ono talu.ii individui por la loro 
maggiore gracilità, por la quale si disoostano alquanto dalla formi raccolta 
dal Brady. Per tale carattere io sarei proclive a credere che 1' individuo 
figurato dal Brady sia femmineo anziché maschile, come egli lo crede, e 
che sieno maschili invece quelli più gracili da me raccolti allo srato fossile. 

DlST. GEOGR. 

Colon-Aspinwall. 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Rizzolo ! 

C Audei, Brady. 

1869. Cìjtlierc Audei 'Qvdidij . Les fonds de la nier. Voi. I, pag. 102, tav. XIX, 

fig. 12-13. 

L'unico esemplare che io riferisco a questa specie conviene benissimo 
in tutti i caratteri assegnati ad essa dal suo scopritore, e soltanto ne dif- 
ferisce per una lieve modificazione consistente in un certo incavo che pre- 
senta al suo estremo posteriore quel processo rilevato longitudinale che offre 
la valva della conchiglia, ed inoltro lo due sporgenze che risultano ai due 
lati di tale incavo sono più prominenti, specialmente la superiore, di quanto 
si argomenta che sieno le corrispondenti parti dalle figure del Brady. 

DiSTR, geo;;r. 
Isola Maurizio. 

DlSTR. STRAT. 

Barissima nel Quaternario di Bizzolo ! 

C dissimìlis, Biad}'. 

ISGS. Cytìwrc dissimìlis Brady. Ann. and Mag. of nat. Hist. , pag. 222, 
tav. XV, fig. 12-13. 

Questa specie clic vive nell' arcipelago greco non è rara a Rizzolo e sì 
presenta esattamente identica alla vivente in tutti i suoi caratteri. 



DlSTR. GEOGR. 

Tenedos. 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Rizzolo! 

{continua) Gr. Sequenza. 



CONCHIGLIE LITTORALI MEDITERRANEE 



MARCHESE DI MONTEROSATO 



(Contin. V. niim. preu.)- 

FAM. RISSOIDAE j^ 

Thapsia, Monts. (^nov. sect.) 

Vocabolo desunto dalla località (Thapsus o Thapsis , oggi Magnisi) dove fu 
prima rinvenuta da Philippi. Si distingue dalle alti-e Rlssoidae per ia sua spira 
turrita e per una somiglianza nell'andameulo tlegli anfratti, delle coste e dei solchi 
spirali, non che per la forma del labbro esterno, con alcune Melanidae. Non 
abbiamo altre Rissoae di questo tipo. 

103. T. rudis, Ph. {Rissoa)—U, p. 128, t. 23, f. 12 (Magnisi). 
Senza sinonimi. 

Var. ex. forma; major et minor. (MeJ. e Adr.). 
Var. laecis, quasi liscia; scarsa in poche località. 

Var. ex col. va/a o castanea ; rara, assieme al tipo, eh' è color d'oro con lo 
macchie soturali. 

Cingala, (Flem.) auct. 

Le Cingulae sono sprovviste di ombelico; la loro scultura è spirale e semish-iata; 
la colorazione è composta di serie di macchictle prodomiuanii \erso la sutura. 



*^ Ai caratteri della Galeodina si può aggiungere l'ingrossamento del depo- 
sito calcareo ben delimitato nel labbro columellare come nella Nasaa o Amijcla 
corniculum. Altra specie di questo gruppo è la Rissoa lactea, Mieli. L'interno 
della bocca è levigato senza ne solchi né denti. 



— 228 — 

107. C. semistriataj Mtg. (Turbo semistriatus) (Biit.). 
= Bissoa marmorata, Cantr. (Sardegna). 

= R. subsulcata, Ph.— II, p. 129, t. 23, f. 16 (Palermo). 
Non R. semistriata, V\\., specie del Mar Rosso. 
Non rara e dovunque sparsa. 

108. C beniamina, Monts. (aom. eiuend.). 

= C. concinna, Monls. — Test. Nuovi Sic. 1869, p. 8, f. 2 (Palermo). 

Non R. concinna, S. Wood (foss. del Crag) anteriormente pubblicata. 

Il nome specifico di concinna è stato adottato da Watson per una forma con- 
simile, ma non identica, di Madèra. 

Rara a Palermo, Mondello, Trapani, Ognina, Magnisi (Monts.); Coste di Pro- 
venza (Sollier); Alger (Joly). 

Altre specie di questo diflìcile gruppo nel Mediterraneo , alle isole Canarie e 
fossili terziarii di Sicilia e di Calabria. 

Gingulina, Monts. (nov. sect.). 

DifTerisce dalla Cingala per la forma ottusa e globulare , per la sua colora- 
zione unita, pel labbro ingrossato e sopratutto per la su'a perforazione. 

109. C. obtusa, Cantr. (Rissoa)— Bull. Ac. Brux. 1812, p. 9 (Sardegna). 
1= R. Alderi, Jelir.— Ann. and Mag. N. II. (1858), p. 127, t. 5, f. 5 a e 

(Brit.). 

= R. soluta, (non Ph.) Jelfr.— Bril. Conch. IV, p. 45 e V, p. 208, t. 68' 
f. 7 (Brit.). 

=: R. globosa, II. Marlin ms., ex typo (C. di Provenza). 
Non littorale. Specie dei fondi fangosi e coralligeni. (Med. e Adr.). 

Gingilla, Monts. [nov. gen.f). 

La scultura è composta di numerose strie spirali e assidali ;, le quali produ- 
cono una decussazione delle punteggiature dove le strie s'incrociano. Altra ca- 
ratteristica è il deposito allineato calcareo nel labbro columellare, clie si continua 
sino al punto d'inserzione. 

110. C. trifasciata, Adams {Turbo irifasciaius) (Brit.). 
= Turbo vittatus, Dono\'. (Brit.). 
= 2\ cingillus, Mtg. (Brit.). 

Atlantica e Nord-Atlantica. Ricordata come Mediterranea da Micliaud, Forbes, 
Requien ed altri , ma di località non verificate e probabilmente erronee. Gibil- 
terra, è il solo punto Mediterraneo bene accertato (Ponsouby). 



— 229 — 

111. C. plda, Jeffreys (Rissoa). Madera. 

= i?. /)iWa, Watson— Proc. Zool. Soc. 1873, p. 331, t. 35, f. 18 (Madera). 
Watson accennò alla somiglianza fra questa specie e la pre:2edente. Le due 
specie , quantunque ben distinte , si rassomigliano nei caratteri della forma co- 
nica, delle punteggiature e del labbro columellare. Non Mediterranea , ma sol- 
tanto delle Canarie e di Madèra. 

Onoba, II. e A. Adams. 

112. 0. striata, Adams {Turbo striatas) (Brit.). 
= Bissoa minutissima, Mieli. (Med.). 

Ed altri numerosi nomi. Dubbia come Mediterranea. (Atl. e Nord-Atl.). 

Nodulus, Monts. 
(En. e Sin., p. 2G). 

Peristoma completo e solato. Forma peculiare. 

113. N. contortus, Jeffr. {Rissoa conto?'ta)—Mo\\. Pieni. 1860, p. 39, f. G, 7 
(Mar Ligure). 

Var. ex col. rufa, pallida, lactea, fasciata (tipica). (Med. e Adr.). 

114. A\ intortus, Monts. {Rissoa intorta). — En. e Sin., p. 2G (Med. e Adr.). 
Spira più breve, ultimo anfratto anche più soluto. Quasi liscia, la precedente 

essendo striala. 

Var. ex col. fulva, fusca, pallida, nivea. Manca la var. fasciata. 

Pisinna, Monts. 
(En. e Sin., p. 26). 

115. P. punctulum, Ph. (Rissoa)— \, p. 154, t. 10, p. Il (Magnisi) citata 
nel sec. voi. come R. glahrata, v. Muhlf. 

= R. Mandralisci, Aradas, ex t3'po (Sic). 

= R. sahulum, (non Cantr.) Watson— Proc. Zool. Soc. 1873, p. 387, t. 3G, 
f. 25 (Madèra). 

Abbondante nella corallina. (Med. e Adr.). 

Var. ex col. gilva, ftavida, albina, oltre del tipo, ch'è sanguigno scuro. 

Barleeia, Clark. 

IIG. B. rubra, Mtg. {Turbo ruber) Brit. 
= Rissoa falca, Mich. (Med.). 



— 230 — 

Vai", ex col. paUida^=R. aurantlaca, Bims. (Dalmizia). (Med. e Adi'.ì. 
Var.=:7\</'6o uni/asciatas, Mtg. (Bi'il.), con iiiui zona ben disliiila so;)ra un 
fondo pai chiaro. In por-Iie localilà. 

117. B. inajuscala, Moals. (nov. fonna). 

= B. rubra, var. major, Monts., in varie pal)')lic izioni. 
Ognina , tipo e var. albina (Monts.) ; Alger. (Joly) ; Isola di Lampedusa ed 
altri punti, var. albina (Issel). 

Più grande, turrita, con un maggior num3ro di anfratti. 

Si avvicina alla /?. Gougeti, Michaud, del Senegal, cli'è forse una Barleeia. 

Paludestrina, (D'Orb.) auct. 

Le Paludesirinae si possono distinguere per le loro conc'.iiglie cornee, lucide, 
trasparenti e subombilicate , come pure per la loro spira allungata e gli anfratti 
convessi. È notevole la curva sigmoidea dei segni di accrescimento verso la so- 
tura, tale da formare^ vista di profilo, un leggiero seno. Le Paludesirinae hanno 
molta affinità con alcune conchiglie d'acqua dolce, le quali sono state separate 
in vari generi e che appartengono alla fa iiiglia delle Paludinidae, ma con le quali 
io sarei disj)oslo a non confonderle. 

118. P. cornea, Risso (Leachia)—p. 102, f. 33 (Alpi Marit.). 

= Paladina muriatica, (non L!c.) Ph.^^'ol. I, p. 143 (\Iessin;i). 

= Paladina Adjaciensis, Rcq. (Corsica). 
Designata con nomi che non le competono. 
Numerose forme e varietà locali. (Med. e .\(lr.). 

Leachia, Risso (1824). 

(= Peringia, Pa'.adilhe, 1870). 

Non LeacJiia, Lesueur 182\^^Loligopsis, Lk. 1812. 

La specie che meglio rappresenta i caratteri di questo genere, come anche la 
più conosciuta, è il Turbo ulvae, Penn., specie più Atlantica che Mediterranea, 
la quale ha ricevuto vari nomi generici e specifici. Le altre forme appartenenti 
al genere Leachia, che sembrano di generazioni di questo tipo, sono numerose nei 
nostri mari ed abitano anch'esse le acque salmastre e la zona littorale. Esse rien- 
trano pure nel dominio degli scrittori che trattano delle conchiglie d'acqua dolce, 
tanto pel loro aspetto , che per la loro anatomia. Bourguignat e Paladilhe ne 
hanno ben precisato le caratteristiche, ma si sono serviti per designarle del nuovo 
nome generico di Peringia. La specie tipica di Risso (L. viridescens), risponde 
convenientemente a ((ucsti caratteri , nò può confondersi con la Bithgnia dello 
stesso Risso, e quindi ho creduto adottarne il vocabolo. Eslese informazioni sni 



— 231 — 

generi vicini, sebbene da un punto di vista più complessivo, sono date dal D.r 
Fischer in un suo istruttivo articolo nel Journal de Conchyliologie (1870, p. 133 
a 137). Come gli altri scrittori, egli tace sul genere Leachia. Bourguignat nella 
sua pregevole memoria intitolata: « Ètude synonymique sur les Mollusques des 
Alpes Maritimes » (Paris , 18Gi) riferisce la Leachia in parte alla Bìthi/nia ed 
in parte alla Paludestrina. Suppongo che ne rigetti il nome per 1' assieme di 
specie che vi sono comprese o per la collisione col genere Leachia di Lesueur. 
Nel genere Leachia (o Peringia), il peristoraa è attorniato da un piccolo bordo 
ben circoscritto, la base è leggermente auricolata, la conchiglia è spessa ed opaca, 
quasi conica e ad anfratti piani. Sovente 1' apice è corroso secondo le località e 
occorrono mostruosità. 

119. L. viridescens. Risso— p. 102, f. 35 (Alpi Marit.). 
=: Paladina Salinasii, Cale, e Arad. 1843 e Cenno Moli. Sic. 1845, p. 27, 
t. 3, f. 17 (Catania). 
Numerose forme e monstr. soluta. (Med. e Adr.). 

(continua). 



CARATTERI DI PESCI GIOVANI 

DEL MAR DI MESSINA 

1. Xiphias g-ladius Lin. 

Di questa grossa specie conservo un esemplare della lunghezza di 0°""471, 
catturato a di 2 settembre del 1883. Il suo corpo è alquanto compresso 
anteriormente, più rotondato in dietro. La spada, misurata dal margine an- 
teriore dell'occhio, è appena più di ^[3 della lunghezza del pesce (senza ce- 
dale); la sua faccia inferiore è scabra per fini dentelli, che diventano più 
distinti verso i margini esterni. Anche i mascellari inferiori sono denticu- 
lati. L'occhio sta al di sotto del profilo quanto al di sopra della mascella 
La sua distanza dal margine posteriore dell'opercolo è uguale al suo lungo 
diametro. Esso è alquanto allungato nel senso longitudinale del corpo e non 
fa sporgenza al di fuori dell'orbita. Sonvi due narici per lato, circolari, con- 
tigue, di cui la posteriore dista dal margine anteriore dell'occhio per ^3 del 
diametro di questo. La dorsale comincia appena più in dietro dell' angolo 
della fessura branchiale e termina innanzi la base della cedale. Il suo 1° 
raggio è breve restando al di sotto della metà del 2o, questo è pure a sua 



— 232 — 

volta meno lungo del 3'\ Dal 4" in poi i raggi conservano^ quasi la mede- 
sima altezza per la massima parto della natatoia e non cominciano a di- 
scendere che verso la fine. In tutto se ne contano quarantaquattro. Una 
delicata membrana li unisce quasi fino agli apici. I loro intervalli dapprin- 
cipio son più stretti, indi divenuti più larghi si mantengono eguali nel resto 
della pinna. La pelle che sta da un lato della sua base è ancora perfet- 
tamente divisa da quella dell'altro lato e un poco distaccata dal connettivo 
soggiacente, in modo che ne risultano due lembi cutanei longitudinali che 
possono venire sollevati; allora si vede lungo la base della dorsale un tes- 
suto biancastro scoperto. Questa soluzione di continuo della pelle si estende 
per tutta la lunghezza della natatoia, ma in corrispondenza dei primi raggi 
è meno apparente. Le pettorali sono lunghe, acuminate, falciformi, e con- 
tengono 17 raggi. La linea d'inserzione della loro base non è obbliqua o 
verticale, ma è diretta d'avanti in dietro, onde avviene che si muovono dal- 
l' alto al basso e non da dietro in avanti. L' anale principia più in dietro 
dell'ano, in direzione dello spazio fra il 29° e 30° raggio della dorsale e 
termina rimpetto al penultimo raggio della stessa pinna. Il suo 1° raggio 
è 'b della lunghezza del 2o , ed ha in tutto 17 raggi. I lobi dell i cedale 
son poco divaricati e le loro punte guardano piuttosto in dietro. Il corpo 
è coperto di squame spinose che lo rendono scabro. Esse non sono già em- 
bricate , come quasi sempre avviene nei Teleostei , ma poste una accanto 
all' altra come i mattoni di un pavimento. La loro forma è triangolare a 
un dipresso , con un lato retto intiero e due lati irregolari por numerose 
punte spine che diventano più lunghe verso la parte prominente. Esse 
sono disposte in modo che il lato retto coincide con l'asse longitudinale del 
corpo. A questo lato si unisce per sutura il lato omologo di un'altra scaglia 
in modo che le due scaglie sembrano formarne una sola figura poco presso 
di rombo. Inoltro le due porzioni sono un po' inclinate sulla linea suturale. 
La loro ordinaria larghezza è 0'°™6 all' intorno. Da ciascun lato del dorso 
e del ventre scorrono due serie di tubercoli spinosi , i quali sono scaglio 
più grosse delle solite, più inclinate e perciò più sporgenti, provviste, di 
processi spiniformi non solo sul contorno, ma benanco sulla linea di sutura 
dove sono più forti e rivolti all'indietro. Dei visceri addominali noterò sol- 
tanto la vescica natatoria, a pareti sottili argentine, allungata, semplice, 
rotondata a cul-di-sacco in avanti, ristretta in dietro, occupante la metà 
posteriore della lunghezza del ventre. 

Il colore del pesce è argentino sui lati del capo, sui fianchi e sull'ad- 
dome, nero-violaceo sul dorso. La iride è argentina. La dorsale, le petto- 
rali e la cedale sono nerastre. Tra il 19" e 21" raggio dorsale vedesi una 
macchia allungata neraturchinastra. 



- 233 - 

Se ora guardiamo il pesce adulto troveremo le più importanti diflferenze 
nelle pinne e nel rivestimento cutaneo. La parte media della dorsale, del- 
l' anale e della cedale per confricazioni ed urti cui vanno incontro queste 
pinne durante l'accrescimento dell'animale, si rompe e si consuma. Allora 
appariscono sul dorso e dietro 1' ano due pinne che sono le estremità an- 
teriore e posteriore dell' unica dorsale ed anale. Allo stesso modo la coda 
offre due punte molto divaricate. Il corpo si spoglia interamente delle squame 
spinose che non vengono surrogate da altre qualunque sieno , sicché resta 
perfettamente nudo. Alcuni ittiologi non avendo distinto squame sul corpo 
di questo pesce hanno supposto che fossero piccolissime. Cuvier e Valen- 
ciennes dicono che l'asprezza della pelle è dovuta senza dubbio all'estrema 
finezza delle scaglie microscopiche che la rivestono. Il suono di quest'espres- 
sione sembra mostrare che eglino non hanno realmente vedute queste pro- 
duzioni, sulle quali del resto non fanno altra parola. Giinther dice che man- 
cano sono rudimentarie. Io ho voluto cercarle con diligenza, ma non ne 
ho mai trovate per quanto minime si vogliano. Il derma si mostrò invece 
sparso di piccole rilevatezze del proprio tessuto, alle quali devesi la sua 
asperità al tatto. L' epoca in cui succede la caduta delle scaglie sarebbe 
piuttosto avanzata, poiché il Liitken dice di averle vedute in un esemplare 
lungo 70 centimetri. Secondo Cuvier e Yalenciennes la vescica natatoria 
di questo pesce si estende per tutta la lunghezza dell'addome. Nel mio 
esemplare giovane essa occupa soltanto poco più di metà di questa lun- 
ghezza. Dirò infine che l'occhio nell'adulto diventa fosco, perfettamente 
rotondo e sporgente. 

2. Cubiceps gracilis Low. 

Questo pesce fu fatto conoscere per la prima volta d;i De Filippi e Ve- 
rany su di un esemplare del Mediterraneo sotto il nome di Naroachus sul- 
catiis. Indi Lowe lo trovò nel mar di Madera e lo descrisse col titolo di 
Cubiceps {Seriola) gì'ciciUs (1). Da noi non si era più visto pria che io l'avessi 
rinvenuto in queste acque dove non è molto raro. Un soggetto luno-o O'^OS 
è il più adulto che abbia mai trovato. Esemplari più giovani invece capi- 
tano facilmente, tra' quali taluni non hanno più di 21 millimetri. Essi, a 
differenza degli adulti, hanno sul corpo sparsi de' punti castagno-foschi e 



(1) Ad esso deve anche riferirsi, secondo Li'itken, il Trachclocirrus meditcrra- 
netis Doumet e con proljabilità VAtiinostoma capensc Smith. 

Il Naturalista Siciliano, Anno Ili. 30 



— 234 — 

mancano del solco al di sopra e al dì sotto della linea laterale. Li ebbi 
in febbraio, marzo, aprile e maggio, quasi sempre associati ai giovani della 
specie seguente, ai quali un poco somigliano nell'aspetto. 

3. Trachurus trachurus, Casteln. 

Volgarmente si distinguono in Messina due maniere di Trachurus, una 
dal corpo più compresso e dal dorso più chiaro (Sauru chiattu, Sauru jancu), 
l'altra dal corpo più rotondato e dal dorso più scuro {Sauru tundu, Sauru 
niru). Esse corrispondono la prima al T. trachurus Casteln., l'altra al T. 
melanosaurus Cocco {T. Bissoi Giglioli ; T, amia Riss.?). Altre differenze 
tra queste duo forme vengono offerte dalla lingua che è considerevolmente 
più lunga ed appiattita sull'estremità nel iracJmrus, e dallo pinne ventrali 
che sono molto più corte nel melanosaurus , perchè mentre in quello per 
poco non giungono fino all'ano, in questo ne distano quanto la propria lun- 
ghezza. Le altre pinne, l'armatura della linea laterale, l'apparato operco- 
lare, le appendici rigide del margine concavo degli archi branchiali, i denti 
mascellari, vomerini e faringei, e le otoliti, presentano in entrambi una per- 
fetta somiglianza. Ma non ho ancora confrontato il numero degli scudi che 
coprono la linea laterale, le appendici piloriche, la vescica natatoria e le 
glandule genitali. Intanto se si esaminano individui giovani di Tracliurus 
non si riesce a cogliere nessuna delle differenze innanzi notate. Ciò fa na- 
scere il sospetto che le due forme possano rappresentare il maschio e la 
femmina di una sola specie , sapendosi che certi caratteri sessuali si svi- 
luppano tardivamente. Cercherò di risolvere tal quistione con osservare le 
glandule generative. A parte di questo dirò che i giovani individui da me 
veduti hanno una lunghezza di 25 a 58 millimetri , le ventrali relativa- 
mente lunghe quanto nel T. trachurus , il capo lungo la quarta parte o 
incirca dell'intiero corpo; mancano della macchia nera sul seno del margine 
posteriore dell'opercolo. Li ebbi in febbraio, marzo, aprile, maggio, giugno, 
luglio, settembre , novembre e dicembre. Questa ricorrenza così frequente 
mostra che la riproduzione del pesce succede in tutto l'anno. 

4. Coryphaena sp.? 

Poiché le specie di Coryphaena dei nostri mari dimandano di venire ul- 
teriormente studiate e più sicuramente definite, mi limiterò a rilevare i pre- 
cìpui lineamenti di alcuni piccoli esemplari senza riferirli per adesso ad 
alcuna determinata specie, non potendo nemmanco raffrontarli praticamente 
con soggetti adulti che attualmente mi mancano sott'occhio. 



— 235 — 

Il meno giovano fu preso in ottobre del 187.S ed è lungo 117 millimetri 
in tutto. La sua altezza si racchiude 7 volte, la lunghezza del capo 5 V, 
nella intiera lunghezza. L'occhio sta una volta nella sua distanza dall'estre- 
mità del muso e nello spazio infraorbitarìo. L'angolo della bocca va infino 
al di sotto del centro dell'occhio. Sul suo contorno, sull'osso linguale, sul 
vomere e sui palatini esistono piccoli denti acuti. Il capo superiormente è 
piano con un leggiero risalto mediano. L' ala dorsale comincia nella dire- 
zione dell'orlo posteriore del preopercolo, ed ha 54 raggi. Le pettorali sono 
impiantate obbliquamente, poco appuntate sull'estremità, hanno il margine 
superiore convesso e l'angolo anteriore nel mezzo dell'altezza del corpo. Lo 
ventrali prendono inserzione sulla linea verticale che passa per quest' an- 
golo, epperò, un tantino più in dietro del margine posteriore della fessura 
branchiale, sou più lunghe delle pettorali e distano dall'ano meno della pro- 
pria lunghezza. L' anale ha origine notevolmente più in dietro del mezzo 
della lunghezza del corpo anche toltane la codale e termina rimpetto alla ce- 
dale. Contiene 25 raggi. La linea laterale offre un carattere forse importante, 
ed è che verso il mezzo della pettorale forma un arco prominente con la 
convessità in su. Il capo superiormente e il dorso con la sua pinna sono 
di color nero-bleuastro. Ai lati di questo vi sono serie di macchie meno 
oscure del fondo. I lati del ventre hanno leggiera tinta bronzina. L' iride 
ò giallo-verdiccia. L'estremità dei due lobi della codi sono bianche. 

Alla medesima specie cui dovrà riferirsi questo individuo spettano sicu- 
ramente altri due soggetti più giovani avuti il 20 ottobre del 1883. Sono 
lunghi l'uno 0"^ 054, l'altro 0"" 045. In essi il capo è relativamente più lungo 
non racchiudendosi che 4 Ma volte nella lunghezza totale. Anche l'altezza 
del corpo è un poco più grande in rapporto alla lunghezza, perchè vi cape 
6-6 ^2 volte. L'occhio è più grande e supera la sua distanza dall'estre- 
mità della bocca. Le pettorali sono più rotondato. I colori più varii. Il corpo 
è attraversato da numerose fasce scure (circa 15), di cui alcune però non 
ben distinte e complete. La faccia superiore del capo e la dorsale violacee. 
L'addome e gli opercoli giallo-dorati. Le pettorali rosee posteriormente, la 
estremità della cedalo giallastra. Tutto ciò dà al pesce un aspetto singolare 

L' esistenza di 54 raggi alla dorsale e di 25 anali ci porterebbe a rife- 
rire gli esemplari suddescritti alla C. pelagica Lac. In questa come pure 
nella C. ìiippiirus Liii. l'origine dell' anale, secondo Gùnther, si trova nel 
mezzo della lunghezza del corpo non compresa la codale. J^ei nostri saggi 
essa nasce notevolmente più in dietro come fu detto. Quindi se quella de- 
terminazione specifica è esatta, tal differenza sarebbe dovuta all'età. Il si- 
stema di colorazione è senza dubbio differente da quello degli adulti, nei 



— 236 — 

quali per esempio scompariscono totalmente lo fasce oscuro trasversali. Se- 
condo il Lùtkeu i giovani di Cor/jphaena sarebbero caratterizzati dalla pre- 
senza di spine preopercolari , opercolare e sopraciliare. Di queste io non 
scorgo vestigio nei pesciolini che ho sott'occhio, ma forse perchè più avan- 
zati in età. 

(continua) 1).'' Luigi Facciola'. 



1 1!^ T E N 

ALL'ANATOMIA DEI TISANURI 



NOTA PRELIMINARE 



DEL PROF, B. GRASSI 



{(lai Laboratorio di Zooloyia dcll'Uiùcci-siià di Catania). 



(Ccint. e fine. V. Num. ]ii-o<t.) 

Il vaso doi'sale è collocato molto superficiale e sembra seprirato dalTipo- 
derma per una semplice lacuna. Alla parte laterale e ventrale esso è cir- 
condato da tessuto adiposo e da lacune del celoma; queste lacune sono evi- 
denti in corrispondenza ed in vici.ianza agl'iuterseginenti. Anteriormente 
il vaso dorsale si prolungi in un'aorta relativamente sottile; quest'aorta 
si tiene al di sopra del tubo esofageo, ha una parete propria (ovunque?) 
e si può seguire anche al capo. In qualche punto appena, si trovano delle 
fibre, che forse accennano ai muscoli aliformi. Non esisto quel diaframma 
ventrale che ha trovato il Gr.ibor in molti insetti tipici. I globuli sanguigni 
sono incolori , nucleati e di forma per lo piìi ovoidale ; pare che il loro 
numero vari collo stadio di digestione dell'animale; si trovano tanto nel vaso 
die nella cavità addominale. 

Il corpo adiposo non presenta mai cristalli; sta nella cavità addominale 
che però non occupa interamente, perchè lascia sempre liberi certi spa/ì. 



— 237 - 

Por la pos"zione sopradetta dello valvole, questi spazi con-ispondono sino 
ad un certo punto alle regioni intersegmentali. Quindi è che una parto del 
corpo adiposo viene ad avere una disposi>.ione segmentale. 

Non Ilo avato sin' ora fonimi no sessualmente mature , sicché la mia de- 
scrizione dei genitali non può esser completa. 

La femmina è più grossa e più lunga del maschio. 

Tanto le ovaia che i testicoli sono in numero di due. Nei giovani stanno 
collocati alle regioni laterali dorsali; man mano che ingrossano s'estendono 
verso il lato dorsale avvicinandosi l'uno all'altro fino a toccarsi nella linea 
mediana, ed insinuandosi così tra l'intestino ed il va?o. I veri canali d'elimina- 
zione dei prodotti sjssuili sono due come le ovaia od i testicoli; questi canali 
sono retti e brevissimi; ad un estremo ciascuno di essi co munica coll'ovaio o 
con il testicolo corrispondente; all'altro estremo i due canali si fondono in un 
unico condotto brevissimo, che sbocca nel mascliio su una papilla impari 
ventrale mediana dell'ottavo segmento addominale. Lo sbocco, che è adunque 
ìmpari, nella femmina sembra circondato da tre papille (mediana posteriore 
impari, anteriore laterale pari) (I ). Oltre a ciò esiste nel maschio una ghian- 
dola impari con traccia di formazione dalla fusione di due ghiandole, e 
nella femmina un organo impari (vagina?) che decorre internamente al ca- 
naio impari. 

L'ovaio ed il testicolo sono semplici cordoni (mantenendo così le condi- 
zioni embrionali, per es., delle api) e risultino d'epitelio germinativo e di 
un involucro. Gli spermatozoi e le uova si sviluppano nella parte poste- 
riore del cordone prima che nella parte anteriore. Siccome l'involucro del- 
l'ovaio e del testicolo non prende parte allo sviluppo, e, non solo si con- 
serva, ma almeno nel maschio diventa più spesso, così sembra che ovaio 
e testicolo, dopo che hanno prc'dotto uova o spermatozoi, si trasformino in 
ovidotti e vasi deferenti. Credo che tutte queste parti appartengano al me- 
soderma; le vie d'eliminazione, che ho descritte prima, apparterrebbero al- 
l'cntoderma; l'unione tra le parti mesodermica ed entod 'rmica sarebbe se- 
condaria. 

Nell'ovaio, che corrisponde ad un semplice tubo ovarico degli altri insotti, 
sono intercalate tra le singole uova parecchie cellule nutrii ivo. Non trovai 
però un evidente follicolo epiteliale attorno all'uovo. 



(1) Il Claus fa sboccare i gciiilali nel i-otto ! ! 



— 238 — 

Le campodee, per quanto io ho veduto, non subiscono metamorfosi : non 
riscontrai alcuna muta, eccetto per gli uncini delle mascelle. 

Le campodee mangiano detriti vegetali; si trovano qualche volta isolato, 
ma, per lo più, in famigliole sotto le pietre e tra le foglie d'opunzia, o, 
più di frequente , in angusti pertugi , o fessi che s' incontrano nel ter- 
reno sotto le pietre. Fuggono la luce, di cui hanno una debolissima perce- 
zione. Pare che abbiano sviluppato moltissimo il tatto e l' olfatto. Non 
possono vivere nei luoghi troppo umidi o troppo asciutti. Sono delicatissime . 

S'incontrano in ogni stagione (di primavera, d'estate e d'autunno le cer- 
cai nell'alta Italia, cioè nella provincia di Como e di Biella; d'inverno in 
Sicilia). 

La specie da me studiata, per quanto si può giudicare dalle insufficienti 
descrizioni di Westwood e di Lubbock risponde alla campodea staphilinus 
di Westwood. Credo che la C. succinea di Nicolet, non sia una specie dif- 
ferente dalla C. staiììiiliìMs^ e che il colore succineo dipenda dalla qualità 
del nutrimento. La C. Jragilis di Meinert è forse unum et idem colla C. 
staphilinus. 



* 
* * 



Vengo ora all'japyx. 

La cuticola è in generale più grossa che nella campodea, in complesso 
è relativamente grossa in corrispondenza alla parte dorsale e ventrale dei 
singoli anelli; negli ultimi due anelli, quest'ispessimento della cuticola os- 
servasi anche sulle parti laterali. 

Il sistema nervoso non è molto dissimile da quello della campodea ; lo 
differenze principali sono queste che seguano. Esiste uno (o due?) ganglio 
periesofageo press'a poco al punto d'unione del capo col torace. Il ganglio 
sottoesofageo s'estende in avanti meno assai che nella campodea, ed è perciò 
più ridotto in confronto con questa. Il sistema nervoso tutto ha un gan- 
glio-nevrilemma ; tra il ganglio-ncvrilemma ed il sistema nervoso p. d. , 
esiste una lacuna piena di liquido nutritizio in cui non vidi mai globuli 
sanguigni. Esistono otto gangli addominali, uno per ciascuno dei primi otto 
anelli : le commissure nella catena ganglionare sono pari e tutte lunghe , 
eccetto l'ultima. Non esiste un vero simpatico. Dal lato esterno delle sin- 
gole commissure (tutte?) dipartesi un nervo che va a congiungersi con un 



— 239 — 

altro distaccatosi dal lato esterno del ganglio susseguente. Se ciò si veri- 
ficili anche nella campodea mi ò ignoto. 

Il cervello presenta tracce della sua composizione per mezzo di due gan- 
gli, e verso la parte mediana s' allarga, come nella campodea senza pre- 
sentar però evidenti quei lobetti clie ho descritti in quest'ultima. 

Mancano gli organi che ho supposti occhi rudimentali , e, quasi al loro 
posto, si trovano due organi ghiandolari che descriverò più avanti. Tra gli 
organi di senso registro due papille retrattili (già accennate dal Meinert) 
in rapporto col labbro inferiore. 
Mancano le vescicole addominali. 

Singolarissimo è il sistema tracheale; vi sono undici paja di stigmate col- 
locate lateralmente^ là dove^ cioè la cuticola è sottile. È ben difficile deter- 
minare a quali segmenti corrispondano queste stigmate. E certo che sette 
appartengono all'addome, cioè sono al davanti del margine posteriore dei pri- 
mi segmenti addominali. Parrebbe die le altre quattro ai^imr tenessero al torace. 
La prima , veduta nell' animale supino , appare al davanti del margine 
posteriore del primo segmento ; veduta nell' animale bocconi , mostrasi in 
corrispondenza del pretergo (1). Questa prima stigraata è molto grande. 
La seconda offresi alla vista soltanto ad animale bocconi (è quindi più av- 
vicinata alla linea mediana dorsale di qael che non lo siano le stigmate 
addominali, la prima e la terza toracica); è al livello delle inserzioni degli 
arti sul secondo segmento. La terza stigmata è dithcilmente visibile dal 
lato dorsale, e facilmente invece dal lato ventrale; non so decidere se cor- 
risponda al margine anteriore del terzo segmento o al presterno dello stesso. 
La quarta offresi in una posizione simile a quella della seconda e corri- 
sponde al terzo segmento. 

Questa distribuzione delle stigmate è unica in tutti gl'insetti. 
Esistono due tronchi tracheali longitudinali, l'uno cioè a destra e l'altro 
a sinistra, sicché le trachee d'un segmento comunicano con quelle dell'altro. 
Non vi sono unioni trasversali eccetto in corrispondenza al nono segmento 
addominale (commissura trasversale dorsale). Esistono dei rami dorsali e 
ventrali disposti per segmenti, come nelle larve di molti insetti ; i dorsali 
s'avvicinano con le loro diramazioni al vaso dorsale, i ventrali si dirigono 
ai gangli addominali. 

Le trachee hanno un filo spirale; le stigmate sono semplicissime e non 
hanno apertura valvolare. 



(1) Per oi-a addotto la nomenclatura del Meinert. 



— 240 — 

Simile a quello della cainpodea è il tubo digerente; anche qui esistono 
pieghe rettali e ghiandole salivari, le une e le altro simili a quelle della 
cainpodea. Sembra però che ciascuna glandola salivare finisca in un organo; 
l quale ò lungo e piatto , assottigliato in avanti ed allargato all' indietro 
e sta nella regione laterale e lateral-ventrale della parte anteriore e media 
del capo; ò collocato sotto all' ipoderma, ed è fatto di molte cellule retico- 
vite (ghiandolari?). Lo sbocco delle ghiandole salivari mi è sfuggito. Man- 
cano i tubi malpighiani; l'ano, come nella cainpodea, è terminale. 

L' apparato genitale è più complicato che nella campodea ; neppure lo 
japyx mi s'è fin ora presentato sessualmente maturo, e però la mia descri- 
zione devo rimanere incompleta. Le ovaia ed i testicoli sono pari, così pur 
i condotti (canali) d'elimiuazione dL'i prodotti sessuali; questi canali, a dif- 
ferenza di quanto dissi per le campodee, sono piuttosto lunghi. 

In avanti i canali maschili d'eliminazione si continuano nei testicoli, po- 
steriormente quello d'un lato s'unisce al suo congenere dell'altro lato for- 
mando così un unico e cortissimo canab;, che sbocca al centro della base 
di un organo cavo, retrattile in dentro e sostenuto da chitina. 

Quest'ultimo organo, quand' è retratto, si trova nascosto nella piega tra 
l'ottavo ed il nono segmento ed ha figura di una cupola; questa cupola è 
attaccata per la base alla parete del corpo e fornita sulla faccia interna di 
due corpi palpiformi , uno , cioè a destra e 1' altro a sinistra. Questi corpi 
palpiformi, quando l'organo si arrovescia in fuori, diventano esterni. 

I condotti deferenti presentano, un pò prima d'unirsi insieme, una lunga 
ghiandola e, proprio vicino al punto in cui s'uniscono insieme, presentano 
delle dilatazioni (comunicanti tra loro?) che fanno pensare a vescicole sper- 
matiche. 

Ciascun ovaio (gli japyx sono a sesso separato, come le campodee) è fatto 
da rami (5 più?) /orse disposti in online sef/ mentale, i quali s'attaccano ad 
un unico tronco che ha quindi un lungo tragitto: mi pare che questo tronco 
si trasformi in condotto d' eliminazione e che ciascun ramo dia origine ad 
una serie di uova, le quali non offrono vere cellule nutritizie, sibbene un 
evidente follicolo. 11 ramo ovarico posteriore ha origine in vicinanza alla 
apertura genitale esterna. 

I due ovidotti finiscono in un canale unico , che , dopo brevissimo tra- 
gitto, sbocca in un punto simile a quello dell' apertura genitale maschile. 

Esiste anche una sorta di vagina in cui stanno forse due papille e che 
è collocata superficialmente rispetto all'or connato canale (1). 



(1) Lo sbocco esterno è impuri si nella]campodea elio nell'japyN.. L'ipotesi del Pal- 
men (Morph. Jahrljuch 1881; N. 1) non pare adunque molto conlbrtata dai tisanuri. 



— 241 - 

Vaso dorsale, sangue e corpo adiposo si comportano presso a poco come 
nella campodea ; il vaso dorsale però anteriormente s' estende nella metà 
posteriore del secondo segmento toracico e, corrispondentemente l'aorta, si 
trova appena nella metà anteriore del segmento stesso. Posteriormente corpo 
adiposo e vaso terminano prima che nella campodea. Il vaso dorsale ap- 
pare sospeso per mezzo di connettivo adiposo-fibroso che ne involge una 
gran parte. 

La specie di japyx da me studiata è il soUfagus^ descritto dal Meinert. 
A Catania in dicembre avea gli uncini delle zampe uguali; adesso invece 
li ha disuguali; notisi che allora era meno adulto che al presente. 

Lo japyx si trova qualche volta isolato, mi per lo più in famigliole sotto 
le pietre, appunto come la campodea; e come questa, si pasc3 di detriti 
vegetali. Fin'ora l'ho cercato e trovato d'autunno a Eovellasca (piano lom- 
bardo) e d'inverno a Catania; è assai più raro della campodea. Una volta 
sola vidi un japyx che mutava la cuticola. 

Finirò con un cenno sulle espansioni, o piastre laterali dorsali della le- 
pisma. Esse son fatte da duo lamine cuticolari che si saldano insieme al 
margine libero; tra esse stanno ipoderma e rami tracheali; sono coperto di 
squamme e di peli. Trovano probabilmente riscontro nelle prominenze laterali 
dorsali delle larve di parecchi insetti tipici. 

Se consideriamo le ipotesi sopra accennate col lume dei fatti da me sco- 
verti e degli altri già noti, egli appare probabile che i tisanuri siano in- 
setti molto primitivi e che stiano tra loro nei rapporti che ho dianzi sup- 
posti ; è certo che gli japir/l apparteiif/ono ad una famiglici differente di 
quella delle canipodee. Anche le altre ipotesi acquistano un certo grado di 
probabilità. Ci riserbiamo però di concludere quando avremo rischiarata 
tanto l'embriologia degl'insetti in discorso, quanto la morfologia della sco- 
lopendrella (una specie di scolopondrolla non è rara in Catania), dei col- 
lemboli e delle nicolezie. 

10 Febliraio 1S84. 



Il Naturalista Siciliano, Anno III. 31 



— 242 



AGGIUNTE 



I. Sì nell'jnpyx che nella campodea , il lato ventrale del primo anello 
addominale è caratterizzato da speciali papille. Nella campodea ve ne sono 
appena due ; nel maschio queste due papille sono riunite assiemo da una 
piccola zona di corti peli, che mancano nella femmina. Mi pare certo che 
vi corrispondano speciali terminazioni nervose. Una simile disposizione 
esprime l'intima parentela dei tisanuri coi collemboli (si ricordi che questi 
ultimi hanno il tanto caratteristico tubo ventrale appunto al primo anello 
addominale). 

Nel lavoro esteso cercherò di provare che la differenza sessuale , quale 
ho detto esistere nella campodea, accenna a ciò che una volta negl'insetti 
lo sbocco dei genitali era, come in molti artropodi inferiori, ai primi seg- 
menti addominali. 

II. Intanto che questa Nota era in mano del tipografo , ho trovato ab- 
bastanza numerosi esemplari d' una Nicoletia , lunga un centimetro circa , 
che è forse la Oeopliila (Nicolet V ha battezzata senza darne i caratteri 
specifici). Posso contraddire l'opinione del Lubbock che le nicolezie, cioè, 
siano larve di altri insetti ; esse formano un genere abbastanza naturale 
della famiglia lepismida: la distribuzione delle stigmate, le trachee, le ap- 
pendici sessuali esterne e l'apparato boccale trovano pieno riscontro nelle 
lepismide. 

Mancano gli occhi; le squamme sono, a così diro, rudimentali. Esistono 
almeno sei lunghi tubi malpighiani. 

Il terzo anello delle antenne nel maschio porta uno sprone. Esistono vesci- 
cole addominali uguali a quelle della campodea. Come nel maclùlis^ il primo 
anello addominale non possiede zampe rudimentali. 

III. Nei macìiilìs le due paia posteriori di zampe toraciche sono bifide: 
molte zampe della scolopcndrella si possono considerar bifide: le antenne 
sono quasi bifide nel maschio della nicolezia : le papille del primo anello 
addominale della campodea e dello japyx , le vescicole addominali della 
campodea e della nicolezia, le papille e le appendici dei genitali esterni 
probabilmente sono espressione di una preesistente bifidità degli arti. Anche 
l'apparato boccale accenna a simili disposizioni. Concludo che la tanto ca- 
ratteristica bifidità degli arti dei crostacei riscontrasi anche nei tracheati. 



243 — 



CORALLI GIURESI DI SICILIA 



(Cont. V. Num. prcc). 
Nebrospongia De Greg. 
Propongo questo sottogenere per la specie seguente. 

Nebrodensia (Nebrospongia) Meneghini! De Greg. 

SpoDgiolo globuloso , elegantissimo , con un diametro di circa 25""™. La 
sezione verticale mostra una gran quantità di sottili muraglie paliformi rag- 
gianti da un centro (che è vicino ma che non tocca la base ed è ricacciato 
alquanto in dentro), e da gran quantità di traverse sottili tabulari concen- 
triche , che formano con quelle un tessuto a scacchi. Queste hanno però 
qualche rara interruzione che avviene sempre nello stesso tubetto. Tali in- 
terruzioni fanno sì che il tessuto celluliforme non sia dappertutto simile. 

La sezione orizzontale mostra un tessuto di piccoli poligoni irregolari o 
suborbicolari con un diametro di circa 1[2 """., le cui pareti sono esilissime; 
qua e là si ha qualche interruzione , che forma un piccolo foro , o che è 
(io credo) prodotta dell'arresto delle traverse di cui dissi di sopra. 

Loc. Piano di Fico. 

Ded. Questa specie è dedicata all'illustre professore di Pisa, onoro della 
geologia italiana. 

PARTE TERZA 
Tetrasmila pulchella De Greg. 

Elegante spongido di forma un pò convessa superiormente , troncato e 
scavato alla parte inferiore e senza peduncolo. Diametro di 10 "". La su- 
perficie esterna ad occhio nudo si mostra finamente punteggiata. A guar- 
darsi con la lente si osserva che tali puntini non sono semplici ma accop- 
piati sovente a due, talora a tre. — Si notano inoltre delle specie di stelle 
irregolari distanti circa 5"™. l'una dall'altra. Talune consistono in una pic- 
cola depressione entro cui si osservano delle macchiette bianche irregolari 
puntiformi e lamellose. Altre sono però così composte : nel mezzo hanno 
delle macchiette piccole tondeggianti, attorniate di altre macchiette bislunghe 
e lamellose. Queste rassembrano immensamente a quelle della T. corallina^ 



- 344 - 

From. (Fromentcl Intr. Étud. spong., tav. 4, fig. 10). 
Loc. Falde del Monte Pellegrino. 

Prophelia quidquid De (iieg. 

Sp. dui). 

Questa specie non basata che su u:i solo alterato esempi aro p:ire molto 
simile alla Pr. corallhta (From. Pai. terr. Cor., tav. 15, f. 17). 
Loc. Falde del Monte Pellegrino. 

Culiaespongia De Grog. 

Propongo questo nome in sostituzione di quello di Ziftclsponc/ia (De Grog. 
Coralli titon. di Sicilia, p. 2) essendo quest'ultimo nome stato già adope- 
rato da altri come gentilmente me ne avverte l'istesso illustre Professore 
di Monaco. 

Nebrodensia De Grog. 

Questo genere fu proposto da me nel Nat. Sic. V. 2, N. 4. Alle ana- 
logie citate potrei aggiungere quella che ha col g. Dijcttoìieìiia. 

Nebrodensia thitonincoìa De Greg. 

È il più grande polipaio elio io abbia rinvenuto finora nel litonio. La 
sua struttura è semplicissima, infatti la sezione longitudinale ci mostra sot- 
tilissimi sepimentì subparalleli, ma talvolta inciiii.intisi flessuosamente di 
lato, distanti fra loro circa Vs™'"., traversati ad angolo retto da altri sepi- 
mentì che vengono a formare un olo"'anto tessuto a scacchi. La sezione 
trasversa ci mostra un tessuto di piccolo cellette generalmente non qua- 
drangolari ma sferoidali, disposto in taluni tratti con un corto ordine, in 
altri no, tendendo in alcuni punti a subraniifìcarsi. 

Ha moltissima analogia con V Alo&olites depressa e sepfosa (Milne Edwards 
Brit. foss. cor., p. 157-8, tav. 45, f. 4, 5); so ne distingue solo per essere 
le traverse più regolarmente per diritto l'una all'altra e formanti vere ta- 
bule. 

Il rinvenimento di questa specie è di molto interesse : 1° porche questo 
genere non era stato da me rinvenuto che nella zona a Calamophyllia ne- 
brodensis De Greg. e Thecosmilia S[)adae Menegh.; 2'^ perchè, come i più 
recenti lavori sul giura tendono a dimostrare, le forme coraniche più sem- 
plici che sì credcano proprie dei terreni primitivi si è trovato invece che 
nel giura acquistano grande sviluppo senza allontanarsi molto dai loro tipi. 

Loc. Falde di Monte PelloKi'ino. 



245 — 



Nebrodensla Billiemensis De Gieg. 

Polipìeriti raggianti assai minuti con muraglie sottilissime, traverse con- 
ccntriclio pure sottilissime a guisa di strati. Si distingue appena dalla N. 
Bellamiìana., De Grog. 

Loc. Castellana (Billiemi). 

Papillionius, De Grog. 
.Propongo questo sottogenero por la specie seguente. 

Ghaetefes (Capilllonius) miliopolipus Dp Greg. 

Elegante piccolo polipaio di forma globulosa, rotondeggiante ovvero bis- 
lunga (sovente 20*""'.), formato di angustissimi polipìeriti semplici paral- 
leli fra loro, che alla superficie esterna non si mostrano che a guisa di 
puntini. Nello spazio di 1'". se ne possono contare circa 3 , da ciò si può 
avere un'idea della loro piccolezza. A guardarli ad occhio nudo non si ap- 
palesano che a guisa di un punteggiamento. Colla lente però si vede che 
la loro forma è sferico poligonale e che nel mezzo di ciascuno di essi ci 
ha per lo più un piccolo stiletto in mezzo, ò appunto principalmente per 
questo carattere che ho proposto il nuovo sottogenere. 

Loc. E una delle specie più comuni nel calcare titonico delle fulde di 
Monte Pellegrino. 

Polifinius De Greg. 

Propongo questo sottogenere pel Cìiaeietes capiUifonìiis etc. Mich. e per 
le due specie seguenti etc. 

Chaetetes (Polifinius) erctensis De Greg. 

Grosso polipaio massiccio, cilindrico. Il mio frammento ò lungo 60'"'"., o 
ha un diametro di 35""". Ad occhio nudo non si veggono che degli strati 
orizzontali convessi, regolari, distanti circa 5""". l'uno dall'altro. Osservan- 
dolo però con una buona lente si osserva nella sezione verticale una strut- 
tura simile (se non identica) a quella del Ch. capiUiformìs Mich., e nella 
superficie orizzontale un tessuto di minutissimi punti. Questa specie diffe- 
risce dal Clu miliopolÌ2)US De Greg. , per la presenza di strati orizzontali 



— 246 — 

convessi , la mancanza dello stiletto in mezzo ai polipicriti , e per essere 
questi più sottili. 

Loc. Falde di Monte Pellegrino. 

Ghaetetes (Polifinius) anabaciopsis De Greg. 

Di forma globulare rotondeggiante. Superficie superiore convessa, infe- 
riore concava con una fossetta in mezzo che in qualche individuo paro co- 
sparsa di sostanza epitecale. Polipieriti esilissimi, stiliformi, raggianti. 

Loc. Falde di Monte Pellegrino. 

Daniopsis De Greg. 
Propongo questo sottogenere per la specie seguente. 

Favosìtes (Daniopsis) Gastellensis De Greg. 

Polipaio subgloboso. Diam. SS"""'. I polipieriti alla superficie esterna for- 
mano un tessuto di pìccoli fori pentagonali semplicissimi del diametro di 
un ago sottile, con. pareti piuttosto robuste. — La sezione verticale mostra 
una struttura molto caratteristica : essa consta di specie di bacchettine lon- 
gitudinali subparallele , che costituiscono le pareti laterali dei polipieriti , 
e dì processi orizzontali che s'incontrano con queste ad angolo subretto. — 
E da osservare che nell' incontro di detti processi con quelle avviene un 
ispessimento, sicché tutti ì piccoli tubi comunicano fra loro e sono formati 
delle bacchettine verticali (che costituiscono la muraglia) e dei processi 
orizzontali che col loro incrociarsi costituiscono come tanti anelli per diritto 
l'uno all'altro sostenuti da quelle. Da ciò si rileva che tutte le celle deri- 
vatene vengono a comunicare fra loro. 

Loc. Contrada Castellana (sotto la scala di Montelepre). 

(continua) Marcii. A. De Gregorio. 



— 247 - 



LEPIDOTTERI DRUOFAGI 



(Coni. V. Num. prec). 

15G. Selenia tetralunaria Hfn. — Staudinger, 157. 

Il bruco in maggio e giugno si trova sulla quercia (Curò). 
Piemonte, Dalmazia, Napoli, Sicilia. 

157. Odontopora bidentata CI.— Staudinger, p. 157. 

In agosto e settembre il bruco riaviensi sulle querce. 
Piemonte, Parma, Alpi marittime. 

158. Himera pennaria Lnn. — Staudinger, p. 158. 

Il bruco in maggio e giugno sulle querce e sulle betulle. 
Valle di Locana in Piemonte, Parma, 

159. Crocallis elinguaria Lnn. — Staudinger, p. 158. 
Il bruco in maggio e giugno sulle querce (Curò). 
Alto Nizzardo, Camaldoli, Piemonte, Dalmazia. 

160. Eurymene delabraria Lnn, — Staudinger, p. 158. 

Questa specie ha due generazioni , il bruco si trova in maggio e giugno, 
e poi in settembre ed ottobre sulla quercia (Lefìtole). 
Piemonte, Parma, Sicilia. 

161. Urapteryx sambucaria Lnn. — Staudinger, p. 158. 

Il bruco in autunno vive sulla quercia (Milliére), ma come polifago è poco 
da temere, nutrendosi del sambuco, tiglio, pero e del melo, 
Italia centrale, e settentrionale, Dalmazia, Corsica. 

162. Macaria notata Lnn. — Staudinger, p. 160. 

In giugno e settembre il bruco si trova sulla quercia (Curò). 
Piemonte, Parma. 

163. Hybernia leucophaearia Sch. — Staudinger, p. 161. 
Bruco sulla quercia nell'estate (Curò). 

Boschi di Alzate in Lombardia, Piemonte, Toscana. 

164. Hybernia aurantiaria Esp. — Staudinger, p. 161. 

Il bruco in maggio e giugno vive sulla quercia, e sul tiglio. 
Piemonte. 

165. Hybernia marginarla Bk.— Staudinger, p. 161. 
Bruco in maggio e giugno sulla quercia. 
Boschi di Alzate, Liguria, Toscana. 

166. Hybernia defoliaria CI. — Staudinger, p. 161. 

Il bruco quantunque vive sugli alberi da frutto, pure qualche volta si nutre 
della quercia, ed una volta sola la trovai cennata come nociva alle querce. 
Piemonte, Liguria, Sardegna. 



— 248 — 

1G7. Anisopteryx aceraria Schf. — Staiidinger, p. IGl. 

Qualclie volta il bruco ò slato trovato siilli> querco , oi'dinariainoiito vive 

suiracero. 

Piemonte, Carso. 

168. Anisopteryx aescularia Schf. — Staufliiiger, p. IGl. 

Specie polifaga, in maggio si trova sulla quercia, sul prugno, ligustro ed 

ipocastano. 

Lignina, Toscana. 

169. Phigalia pedaria Fbr.— Staudingor, p. 162. 

Bruco in maggio e giugno sulle querce, Millière la trovò sul Q. robur. 
Piemonte, Regione alpina. 

170. Biston hispidarius S. V.— Staudinger, p. 162. 

In maggio il bruco si nutrisce sulla quercia {('ar')\ 
Italia settentrionale, Tos.^ana. 

171. Biston pomonarius Hbn. — Staudinger, p. 162. 

Bruco polifago in maggio e giugno vive salla qurnvia, si t.'ova anche sul 

faggio, pero, e melo. 

Valle di Exilles in Piemonte, ove è rarissima. 

172. Biston hirtarius CI. — Staudinger, p. 162. 
Il l)ruco vive sulla quercia (Millière). 
Calabria, Corsica. 

173. Biston stratarius llfn. — Staudinger, p. 162. 

Ha due generazioni in luglio, agosto, e settembre, il Inaico ordinariamente 
vive sulle querce, si nutre ancora delle betulle, pÌ0i)pi, e tiglio. 
Liguria, Piemonte, Toscana? 

174. Boarmia occitanaria Dpn. — Standing, r, p. 164. 
Il i>rn('0 \'ive sul Q. suber ed ilex. 

Nizza. 

175. Boarmia ilicaria III)n. — Staudinger, p. 164. 
In maggio e giugno sul Q. robur ed ilex. 
Dalmazia. 

176. Boarmia roboraria Sch. — Staudinger, p. 16.5. 

11 bruco vi\e di preferenza sul Q. robur in maggio, giugno e settembre 
(Minière), si trova anche sulle betulle e faggi. 
Alto Nizzardo, Sicilia. 

177. Boarmia consortaria Fbr. — Staudinger, p. 165. 

Il bruco vive di preferenza sul Q. robur in maggio, agosto, settembre 

(Millière). 

Piemonte, Parma, Corsica. 

178. Boarmia luridata Bk. — Staudinger, p. 165. 

Il bruco è polifago, si nutre sulla quercia, avellano, betulla, 
Piemonte. 
(continua) F. Mina Palumbo. 



Enrico Ragusa Dirett. resp. 



= ANNO Iir "^^/r >c^U 1 GIUGNO 1884 N. 9. Ì 

= ^vLQUL>2J''Sày^ p 

I ILMTURALISTA SICILIANA) i 

I GIORNALE DI SCIENZE NATURALI | 

= . SI PUBBLICA OGNI PRIMO 01 MESE = 



abbonami:nt() annuale 

Italia L. 10 » 

Paesi compresi nell'unione postale » 12 » 

Altri paesi » 14 » 

Un numero separato, con tavole » 1 25 

^ » senza tavole » 1 » 

Gli abbonamenti cominceranno dal l'^ ni ottobre di ogni anno 

Indirizzare tutto ciò che riguarda i' Amministrazione e Redazione 
al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 

SOMMARIO DKL NUM. 9. 

E. Ragusa — Catalogo cagionato dei Coleotteri di Sicilia (continua). 
C. Parona — Una parola di risposta al prof. Grassi Battista. 
G. Sequenza — Gli Ostracodi del Porto di Messina (continua). 
A. De Gregorio— Coralli Giuresi di Sicilia ( continua). 
G. Seguenza-^/Z Quaternario di Rizzolo (cont.). 

M. lio'^&cono— Studii su piante critiche , rare o nuove della Flora di Sici- 
lia (continua). 
A. Cocco—Indice Ittiologico del mare di Messina (continua). 



PALERMO 
Stabilimento Tipografico Virzi 

1884 



IH 



ANNO III. 1 GIUGNO 1834. N. 9. 

iTNmRAlMASmrANO 



CATALOGO RAGIONATO 



COLEOTTERI DI SICILIA 



(Cont. V. Num. |irec.)- 

Amblystomus Kiiehsoii 

Mauritanicus Doj. . . IvOltenberg dice che lo raccolse a Calania presso dei 

])ioppi, ma l'aro; una volla però lo trovò copioso in 
riva al mare; io non lo posseggo né posso dire se il 
Rottenberg trovò in Sicilia il tipo o la varietà. 

var. albìpes Sturm (1). Questa varietà si distingue dal tipo per il colore intie- 
ramente rosso-testaceo delle gambe e specialmente 
delle antenne ; il D.'" Schaufuss la descrisse ultima- 
mente (Nunrinam otios. Ili, jiag. 546) come una 
nuova specie di Sicilia, sotto il nome di A. rafì.- 
cornis. 

levantinus Keitter . . Questa nuova s[)ecie descritta nei 1883, si conosceva 

solamente delle isole Jonie, Morea, e Andalusia; io 
l'ho scoperta al lago di Lentini nel mese di maggio, 
o\ e la raccolsi in numero, assieme al mio amico Luigi 
Fai Ila. 

metallescens Dej. . . A Calania nell'aprile e maggio sotto i pioppi e la cor- 
teccia degli oli\i, Rotlenberg lo trovò comune; io ne 
posseggo nna ventina d'esemplari presi tutti presso 
l'Oreto nel maggio e specialmente nel giugno , sotto 
le pietre. 



(1) Il Sig. Edui. Ruittor nel suo pregevolissimo lavoro « Rcvisiou der eiu-opaei- 
schen Amblystomus-Artcu (Wienci- Entom. Zeit. 18S3, png. 139-143), mentre nel- 
l'enumerazione delle specie (pag. 139) cita come sola varietà dell'.!, mauritanicus 
la i: vuficornis, nella parte descrittiva (pag. 140; nota invece la var. alhipcs Sturm. 
mettendovi in sinonimia 1'^, vuficornis Scliauf. ; ò facile comprendere che ciò è 
stato una semplice svista. 

Il Naturalista Siciliano, Anno III. 32 



— 250 — 

niger Heer Questa specie creduta varietà , è stata sempre confusa 

con la specie precedente. Rotlenljcrg la raccolse as- 
sieme alla metallescens ed io pure , ma è assai ])Ìli 
rara di questa ; ne posseggo quattro soli esempla- 
ri (1). 

Lebia Latreille 

fulvicollis F La più grande specie del genere che trovasi da noi dal- 
l'ottobre al luglio , generalmente sotto le pietre , ma 
uon è affatto raro battendo gli alberi di vedersela ca- 
dere nell'ombrello da caccia. 

È facile distinguerla dalla pubipennis Dafour (citata 
erroneamente nel catalogo Romano)^ per il petto che 
invece di azzurro è rosso in quest'ultima specie, che 
del resto non tro\asi ni Sicilia. 

cjanocephala L. . . Questa bella specie è variabilissima sia per il colorito 

che dall'azzurro scuro passa al più bel verde, sia per 
la forma del corsaletto , che qualche volta è legger- 
mente ristretto alla base , con gli angoli posteriori 
ordinariamente subottnsi ed un poco arrotondati alla 
punta, mentre spesso lo sono assai meno; ma il loro 
lato posteriore è sempre più o meno arrotondato; que- 
sto non era il caso per 1' esemplare Q di Sicilia che 
figurava nella collezione del Dejean, sotto il nome di 
coe/'iileocephala Dahl , che lo stesso Chaudoir era 
disposto a considerare come una specie distinta qua- 
lora ne avesse visto più esemplari. Ora io che ne ho 
visto e ne posseggo molti esemplari, non sono dispo- 
sto a considerarli . nemmeno come semplici varietà. 
Ho trovato questa specie poco rara, nel maggio e giu- 
gno sugli olmi ed i faggi , nel bosco della Ficuzza, 
in quello di Castelbuono, e sulle Madonie. 



(1) Questa specie mi era stata detcrminata por A. Sardous Bandi, oggi sino- 
nimo di Raijinondl Gaut., e sotto questo nomo la citai nel mio catalogo del set- 
tembre 1880. Nello stesso errore incorsero i Signori De Stefani e Riggio nel loro 
catalogo della col. del R. Mas. Zool. di Palermo 1882. — Del resto io credo che 
non sarà difficile il trovare pure questa specie, ed ora che possediamo il lavoro 
del Heitter gli cntomologhi Siciliani dovrebbero studiare meglio questo piccolo 
gruppo. 



251 — 



var. annulata Bruii. 



crux-minor L, 



var. nigrìpes Dcj. 



trimaculata Villers 



scapularis Foiu'cr, 



var. lepida Bruì 



. Questa varietà della cyanocepìiala, descritta sopra esem- 
plari di Grecia, e che trovasi pure in Sicilia, è stata 
certamenle fin oggi confusa con il tipo, giaccliè nes- 
suno la cita di quest'isola. Essa si distingue per avere 
tutti gli articoli delle antenne marcati di rosso alla 
base, e le elitre un poco più fortemente puntate. 
Io ne posseggo molti esemplari trovati in maggio 
presso il lago di Lentini specialmente sulle erbe, 
. Romano e Ghiliani citano questa specie come di Sicilia; 
io non la posseggo; ho ragione di credere che l' in- 
setto dei cataloghi di questi autori^ sia invece la va- 
rietà seguente. 
, I tre esemplari da me posseduti appartengono tutti alla 
var. communimacida Dahl di Sicilia^ avendo il solo 
primo arlieolo delle antenne, rosso; non credo però 
che debbasi a ciò attaccare importanza, visto che lo 
stesso Chaudoir nella sua ultima monografia (1870) 
dice di possedere un esemplare della var. communima- 
ciila con tre articoli rossi: e difatti gli autori del ca- 
talogo di Berlino non tennero conto di questa varietà. 
I miei esemplari li ho trovati due nel luglio sulle Ma- 
donie ed uno presso al lago di Pergusa (Castrogio- 
vanni) nel giugno scorso, 
È la cyathigera Rossi , una delle Lebie più comuni 
della Sicilia e trovasi dal gcnnajo in poi sui muri 
soleggiati presso Palermo, e credo in tutta l'isola. Ne 
posseggo un esemplare che varia dagli altri per una 
macchia nera triangolare alla base delle elitre come 
nella crux-minor ; un altro esemplare presenta una 
varietà di colorito sulle elitre assai più rimarchevole, 
avendo il disegno a forma di fiore nero, riunito in 
unica larga fascia , che lo fa assomigliare ad una 
grossa var. lepida. 

In questi due esemplari il colore delle gambe e delle 
antenne è come nel tipo. 
Questa specie (Turcica Fabr.) è comunissima special- 
mente in maggio, nel bosco della Ficuzza, ove battendo 
le querce e gli altri all)eri può raccogUersi a centinaja. 
Posseggo un solo esemplare di questa graziosissima va- 
rietà della humeralis Dej. j scoperto e donatomi dal 
mio amico Luigi Failla-Tedaldi che lo trovò nel mag- 
gio sotto una pietra, presso al fiume che tocca la sta- 
zione di Motta S. Anastasia. 



Trovasi illustrata o dosci'ilta negli Annali della Soc. 
Ent. (li Francia 1855. 

Cymindoidea La porte 

Famini Dej Specie rarissima e]ie io posseggo Un'ora in soli due esem- 
plari , uno datomi dall'amico De Slcfani , e trovato 
nel gennajo ad Alcamo, l'altro troxato di me slesso nel 
maggio sotto una pieiri alla Xavurra. 
Ilottenbei'g ne lro\ò pui-e due {Plaii/iarus Faininu) 
nel piano di Catania presso dei i)io|)pi. Questa specie 
è la Bufo dello Scliaum. 

(continua). Enrico Ragusa. 



UNA PAROLA DI RISPOSTA 

AL PUÒ F E S S R GRASSI B A T T I S T A 



Il Prof. Grassi Battista in uno scritto {Natavalista Slciliaiio , Ann. Ili), 
distribuito in copio a parte anche a chi poco gliene importava e non di- 
menticando di sottolineare quanto riguardava il sottoscritto nelle copie de- 
stinato a Tizio piuttostocliè a Sempronio, fa sapere come il mio lavoro sulK^ 
Podnridi (1878), per ciò che riflette la loro anatomia, è una semplice copia 
della vecchia memoria del Nieolet^ 1844, ed è iìtcìò infarcita di grossolani 
errori.. .. 

Non curandomi di far rimarcare il linguaggio del Prof. Grassi Battista, 
perchè oramai si è reso noto a tutti, potendo il lettore averne altri saggi, 
non rari, nò meno scortosi , mi preme far conoscere come : dettando quel 
lavoro sulle Poduridi, primo a comparire in Italia, io intendevo dare sem- 
plici cenni sulla loro organizzazione, mai nascondendo che essi non fossero 
improntati sulla veccliia memoria del Nicolei, indicandolo chiaramente, quasi 
ad ogni pagina, in quel breve sunto anatomico. È appunto per tale riflesso 
che non credetti necessario rovistare in altre opero, o lavori, per fare della 
erudizione e por dure 1' ultimo risultato della scienza in uno scritto, d' in- 
dole più sistematica che di anatomia. 

Inoltre è bene che il lettore sappia come nella predetta mia Memoria , 
1878, ebbi a citare soltanto il Liihhock (Bibliografia, p. 6, 7) e che perciò, 



in gran parto , non lia caiMUcrc di esattezza quanto asserisce il Professor 
Grassi Battista nelle ultime linee della predetta Nota : errori che ijrimd, 
di uscirne la copia dd Pdrona, erano già stati rettificati dal Luhhock^ dal 

Miiinert^e dal Taìlberg autori citati nella hihl io grafia del Parona ,^tesso. 

Li indicai soltanto nella bibliografia d(;lla seconda memoria 1879 (Atti Soc. 
Ital. di Se. nat.). 

Questa piccola rettifica la faccio, affinchè il Prof. Orassi Battista, so me 
lo permetto , no voglia tener minato calcolo nella letteratura in arijomeìito 
nella Memoria estesa, che promette; ed in questo caso sarà bene che sappia, 
per essere sempre più esatto, come il Meinert si era occupato delle Caui- 
podee, le quali, si conosce, spettano ai Tisanuri e non alle Poduridi. È di 
queste ultime che esclusivamente tratta !a mia pubblicazione, accennata dal 
Prof. Grassi Battista. 

Spiacemi ad ogni modo che il Prof. Grassi Battista abbia tiMuito parole 
così poco garbate (pur supponendo dovesse dire la verità) verso chi , con 
ripetuti scritti, fu da lui pregato onde gli inviasse copia di suo pubblica- 
zioni e materiale; od al quale fu, durante gli anni Universitarj, legato da 
amicizia, quando non si dovesse dire di riconoscenza. 

Prof. Corrado Paroxa. 
Genova, A]ii'Ì!g 1881. 



GLI OSTRACODI 



(Coiit. V. N. pi'ijc.j. 

Gen. Cytheridea Bosquet. 
C punctillata Biady. 

Ann. Mng. Nat. Ilist., sor. Ili, voi. XYI, ]>. 189, tav. IX, fig. 9-11. 

Quelli pescali nel porto di Messina sono esemplari di forma ti[)ica. 

DlSTR. geogr. 

Baia di Baffin, Golfo di S. Lorenzo, Spitzborg, Norvegia, Gran Bretta- 
gna — Rara nel porto di Messina! 



— 254 — 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario d'Inghilterra, di Calabria! di HìzzoIo ! 

C. torosa (Jones), 

Ann. Mag. Nat. llist., Ser. IT, voi. YI, p. 27, tav. Ili, fìg. 6. 

Questa specie può dirsi comune nel porto di Messina, gli esemplari vari 
da me esaminati presentano più o meno distinto quell'infossamento trasver- 
sale che sogliono offrire ambe le valve e mancano di papille prominenti 
sulla superficie, per cui spettano alla Var. teres Brady e Kobertsou. 

DlSTR GEOGR. 

Norvegia, Gran Brettagna, Irlanda , Levante, mare di Azof -— Porto di 
Messina ! 

DlSTR, STRAT. 

Quaternario d'Inghilterra — Rizzolo ! 

Gen. Loxoconcha G. O. Sars. 
L. Avellana (G. S. Brady). 

Tav. I, fig. 10. 

Normania avellana Brady. Trans. Zool. Soc. , voi. V, p. o82 , tav. LXI , 
fìg. 15. 

Questa specie che vive in Australia ed alle Indie offresi affatto identica 
nel porto di Messina, ma la forma tipica vi è rara, invece è molto comune 
una forma che trovai a Bizzolo, fossile nei quaternario antico, e che chiamai 
Yar. mediterranea ìi. 

Essa differisce dal tipo per avere l'estremità anteriore pii^i larga, minor 
curvatura nel margine ventrale, e la smarginatura posteriore alquanto più 
in alto, siccome la punteggiatura della superficie sembra bene spesso al- 
quanto più sottile. 

Tali differenze si notano e negl'individui maschili e nei feminei. 

È notevole come questa varietà si collega molto intimamente col tipo , 
per gradazioni intermedie. 

DlSTR. GEOGR. 

Porto Jakson, Australia, Tongatabu, Indie occidentali — Comune nel porto 
di Messina ! 



— 255 — 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Calabria ! e di Sicilia ! — Jiizzolo ! 

L, tumida Biady. 

Ann. and Magaz. of. JS". H., pag. 45, 46 e 48. 

Anco questa è una specie comune del porto di Messina, dove si presenta 
ben poco variabile. 

DlSTR. GEOGR. 

Mediterraneo, Baia Besika, Pireo, Porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Calabria ! e di Sicilia ! — Rizzolo ! 

L. lata Brady. 
Les fonds de la mer, voi. I, p. 89 e 102. 

Non differisce in nulla dalla forma descritta dal Brady, pescata ai Dar- 
danelli ed a Costantinopoli. 

DlSTR. GEOGR . 

Mediterraneo — Costantinopoli, Dardanelli. — Rara nel porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Rara a Rizzolo ! 

L. tenuis n. sp. 
Tav. II, fig. 1. 

Concliiglia piccola, tenue, guardata lateralmente di forma ovato-romboi- 
dale, convessa e maggiormente presso la metà del margine ventrale , col- 
l'altezza massima che supera la metà della lunghezza raggiungendo quasi 
i due terzi della stessa, e trovasi verso il terzo anteriore; l'estremo ante- 
riore ò largo ed obliquamente rotondato, la regione posteriore invece si 
restringe obliquamente terminandosi quasi ad angolo rotondato, che occupa 
la parte elevata di quell'estremità; il margine dorsale s'incurva nel punto 
piiJi elevato e corre quasi retto nel resto posteriore; il margine ventrale è 
lievissimamente sinuoso nella parte anteriore, in modo che sembra quasi 



— 25(5 — 

retto e corre parallolanioiite al dorsale, posteriormente poi forma una larga 
curvatura; guardando la forma dalla regione dorsale il contorno si presenta 
ovato-ronibico , colla maggior larghezza in niijzzo e quasi uguale ai due 
terzi della lunghezza, coll'estremità acute, ma la posteriore maggiormente; 
guardando la conchiglia da un'estremità si ha un contorno ovale colla mag- 
gior larghezza al terzo posteriore, coll'estremità superiore acuta, colla re- 
gione ventrale rotondata e provvista in mezzo d'uaa prominenza acuta. La 
superficie della conchiglia è fornita di fina e folta punteggiatura. 

Luiigiiezza Altezza Spessore 

0,54™"». 0,33'"'". OjaS'""". 

Questa specie è ben distinta per la sua sottigliezza, por la forma quasi 
romboidale, la gibbosità presso il margine ventrale e la fina e folta pun- 
teggiatura. Somiglia alquanto alla L. tumida^ ma è più piccola colla pun- 
teggiatura più fina, coll'estremità posteriore quasi angolosa non ismarginata 
e molto diverso il contorno guardata la conchiglia di un estremo. 

DlSTR. GEOGR. 

Molto rara nel porto di Messina! 

DlSTR. STUAT. 

Quaternario di Rizzolo ! 

L. seminulum n. 

Tav. II, fig. 2. 

Conchiglia di forma ovato-ellittica guardata latei'almcnte , con una con- 
vessità crescente verso il margine ventrale, colla maggiore altezza in mezzo 
e superiore alla metà della lunghezza; l'estremità anteriore è strettamente 
rotondata, la posteriore si restringe graditamente e si termina più stretta, 
ma rotondata parimenti; il margine ventrale ed il dorsab sono ugualmente 
convessi o danno così alla conchiglia la forma specialissimi pressoché el- 
littica; guardandola dal dorso ha forma ovata, angolato-ottusa anteriormente 
quasi acuminata posteriormente, lo spessore massimo presso la metà ugua- 
glia quasi i due terzi della lunghezza totale ; il contorno si mostra ovato 
e privo di angoli allorché si guarda da un' estremità. La superficie ò ri- 
coperta da grosse punteggiature rotondate e ravvicinato, ne va esente sol- 
tmto uno stretto margine che contorna la regione posteriore. 

Lunghezza Altezza Spessore 

0,61'"'". 0,36™'". 0,38' 

0,75'"'". 0,45™'". 0,47' 



Jmm 



'iiim 



— 257 — 

Questa specie per la sua particolare forma si distingue bene dalle co- 
nosciute, le quali presentano in vario grado un'obliquità in senso opposto 
delle estremità loro, questa invece è diritta di forma ovato-ellittica. 

I due soli esemplari da me raccolti nel porto di Messina si allontanano 
alquanto dai fossili di Rizzo lo per avere l'estremità posteriore meno ri- 
stretta e più rotondata; ma io ho creduto che non si debbano disgiungere 
dai fossili per questa sola differenza. 

DlSTR. GEOGR. 

Molto rara nel porto di Messina ! 

DlSTR, STRAT. 

Rara a Rizzolo ! 

(continua) Gr. Sequenza. 



CORALLI GIURESI DI SICILIA 



(Cent, e fine V. Num. prec). 
Spongitamnia De Greg. 
Propongo questo sottogenere per la specie seguente. 

Thamnastrea (Spongitamnia) busillis De Greg. 

Polipaio subcilindrico, ramificato, lungo circa 25™"*., largo 5°"". A guar- 
darsi ad occhio nudo non lascia discernere alcun carattere , guardandolo 
però con la lente si osserva esser tutto formato di piccole lamelle avvici- 
nate le une alle altre. Sono queste molto brevi, talune quasi stiliformì, 
altre un pò allungate; non credo però arrivino mai a l"'. , disposte senza 
alcun ordine. Inoltre qua e là alla distanza di circa 1""., si trovano dello 
piccole stelle. Queste hanno un diametro non maggiore di 1°"., e sono for- 
mate da 10 brevi lamelle regolarmente confluenti, non arrivanti però mai 
al centro, anzi lasciando un vuoto considerevole in mezzo. 

Loc. Falde del Monte Pellegrino. 

Mirmidia De Greg. 

Propongo questo nuovo sottogenere per la specie seguente. 
Il Naturalista Siciliano j Anno III. 32 



-. 258 — 



Meandrina ? (Mìrmidia) serafina De Greg. 

Corallo globuloso di circa 12'"™. di diametro. La sua struttura consiste 
in fori esilissimi cilindrici quasi visibili adocchio nudo, riempiti di sostanza 
calcarea, con delle interruzioni anguste bislunghe simili a geroglifici. 

Loc. Falde di Monte Pellegrino. 

Thecosmilia panormitana De Greg. 

Polipaio cilindrico, abbastanza ramificato. Le ramificazioni però non molto 
divergenti, ne perfettamente dritte, ma alquanto contorte. Coste tenui, re- 
golari, circa 44, continuantesi all'intorno del polipaio per diritto alle lamelle, 
possono quindi ben dirsi raggi setto-costali. Diametro sezionale 8""". La- 
melle tenui numerosissime tanto che difficilmente possono contarsi, regolari, 
confluenti al centro. Epiteca mancante quasi dappertutto il polipaio, forse 
distrutta dalla fossilizzazione ; ne resta però in un ramo di essa. La lun- 
ghezza totale non saprei assegnarla, supera certo 50'""". 

Questa specie ha moltissima analogia con la Th. esitans^ De Greg. (Co- 
ralli titonici p. 5). 

Loc. Falde di Monte Pellegrino. 

Isastrea? Brugnonii De Creg. 

Elegante polipaio globulare , per lo più maggiore di 15"""' di diametro 
Calici orbiculo-elissoidali, irregolari, da 2'"™. a S"'"". poco impressi, sovente 
per erosione affatto levigati. Lamelle circa 30, regolari, confluenti, non co- 
municanti da un polipierito all'altro, ma separate da tessuto apparentemente 
amorfo. Columella spongiosa. 

Glausastreà gentilis De Greg. 

Elegantissimo polipaio di forma tabulare. Calici un pò scavati in mozzo; 
dal centro dell'uno a quello dell'altro corre una distanza di circa 4'""* Va. 
Le lamelle si vedono molto distintamente con la lente, ma difficilmente si 
possono contare : sono esse circa 20 a calice , e si continuano per diritto 
dall'uno all'altro, spesso inflettendosi elegantemente ad angolo. La lunghezza 
totale dei polipaio non arriva a 25"™., ma il mio è un frammento. 

Loc. Fa' de di Monte Pellegrino. 



— 259 — 

Cyathocoenia f. Pedagnensis De Greg. 

Elegante polipaio dendroide con calici larghi circa V3""", distanti l'uno 
dall'altro circa altrettanto. I bordi dei calici abbastanza sporgenti e roton- 
deggianti; corrodendoli con un pò di acido vi si osservano 12 raggi setto - 
costali piuttosto robuste ma brevi. 

Ho considerato questa specie come forma e non come vera specie stante 
r analogia stretta che ha con la C. himerensis De Greg. (Coralli titonici , 
p. 7). Se ne distingue per la mancanza degli strangolamenti, pei calici più 
prominenti, molto più numerosi e quindi più. avvicinati fra loro. 

Loc, Pedagni (Calcare ti tonico?) 

Cyathophora Quenstedeti De Greg. var. elaborata De Greg. 
De Greg. Coralli titonici, p. 7. 

Polipaio dendroide cilindrico, piuttosto grosso, il mio frammento è lungo 
70™™., largo 25™"*. I calici sono alquanto protuberanti , larghi quasi 2™™., 
così alterati da non lasciar discernere alcun preciso carattere. La sezione 
longitudinale ci mostra però l'interno dei polipieriti che sono traversati lon- 
gitudinalmente dalle lamelle , e trasversamente da traverse tabulari oriz- 
zontali, regolari, alquanto convesse. La sezione orizzontale invece ci mo- 
stra tre cicli di lamelle, cioè 6 più robuste e bislunghe che non arrivano 
alla columella (la quale manca) , traversano la muraglia e si prolungano 
al di fuori e sono quindi veri raggi setto-costali; altre 6 minori interposte 
fra quelle, meno bislunghe tanto esternamente che internamente; ed altre 
dodici ancora più deboli e più corte interposte una in ciascuno interstizio. 

Loc. Falde di Monte Pellegrino. 

Epìsmiiia Nebrodensis De Girg. 
var. syphiocamplos De Greg. 

Due individui addossati l'uno all'altro, lunghi 12™™., larghi 4™™. Si di- 
stinguono dalla specie tipo da me descritta per la forma, più cilindrica e 
pel calice più angusto e coartato. I setti principali visibili nel calice sono 12. 

Cale. Falde del Pellegrino. 

Epismilia meditabunda De Greg. 

Corallo cilindrico con un diametro di 6™™. Lamelle esilissime ma distinte 
in quattro ordini; le primarie 6. Ricco tessuto endotecale. 
Falde del Pellegrino. 



— 260 - 

Rhypidogyra nebulosa De Gieg. 

Elegante polipaio. Calice ellittico lungo 17, largo 9 Va, piuttosto scavato, 
con bordi rotondeggianti, muraglia abbastanza solida. Lamelle primarie circa 
32 piuttosto solide, regolari, passanti attraverso la muraglia e trasparenti 
all'esterno a traverso l'epiteca che è levigata. Fra le lamelle ve ne ha qual- 
cuna secondaria intermedia , molto sottile. Ricco tessuto endotecale cellu- 
ioso. La columella pare manchi o sia formata di pali; atteso l'alterazione 
non so ne può però giudicare con esattezza. Sembra che qualche lamella 
nel saggiungerla si ripieghi sopra se stessa ad U, continuandosi con la la- 
mella vicina. 

Loc. Falde del Monte Pellegrino. 

Rhypidomontivoltia De Greg. 
Propongo questo sottogenere per la specie seguente. 

Rhypidogyra (Rhypidomontivoltia cupulinus De Greg. 

Polipaio cilindrico compresso , con sezione ellittica. Columella esile la- 
mellosa. Setti primari regolari ispessiti presso la columella senza toccarla. 
Setti secondari non si osservano con la lente. Tessuto endotecale e esotecale 
molto sviluppato. La forma del calice forse per erosione) appare convessa. 
A guardarsi di fianco pare una Montlivaultia^ dal calice una Bhyinclogyra^ 
d'onde il nome del genere che propongo. — Il calice rammenta molto quello 
della Denóbrogyra Dalli De Greg. 

Loc. Falde di Monte Pellegrino. 

Dendrogyra Dalli De Greg. 

Specie molto elegante e rara. Calici lunghi quasi 20™'°., larghi 5'"'"., el- 
littici, molto arcuati. Sepimenti distinti , regolari discosti circa l™"». l' uno 
dall'altro (parlo dei primari, perchè di secondari non ne vedo, forse a causa 
di alterazione). Essi raggiungono al centro una specie di columella lami- 
nare che divide per metà i calici parallelamente ai bordi. Pare però che 
non la tocchino, ma ne restino distaccati per un piccolo tratto. In prossi- 
mità di essa s'ispessiscono alquanto. 

Interessante è l'analogia che ha questa specie con la D. rastelUna (Mi- 
cheliu le. zooph., tav. 18, f. 7. Fromentel Poi. Gray p. 16, tav. 14, f. 2j. 

Loc. Falde di Monte Pellegrino. 

Ded. Questa specie è dedicata all'illustre Naturalista di Washington. 



— 261 - 

Stylina Lefévrei De Greg. 

Di forma tabulare. Polìpieriti cilindrici del diametro di circa l"""". V2, di- 
stanti altrettanto l'uno dall' altro. Setti primari arrivanti al centro 6; setti 
secondari rudimentali 6, interposti regolarmeute in ciascun interstizio. Co- 
luraella abbastanza solida. — Non posso dare altri dettagli stante l'altera- 
zione subita, però quelli che ho dato mi paiono sufficienti per la caratte- 
rizzazione della specie. Essa è infatti somigliante a quelle da me descritte 
nel mio opuscolo " Coralli Titonici,„ ma distinta da esse. — E molto simile 
inoltre alla 8t Bernensis Et. (Leth. Bruntr. p. 366 , tav. 5, f. 5), ne dif- 
ferisce pei setti primari che non arrivano alla columella. 

Loc. Falde di Monte Pellegrino. 

Ded. Ho dedicato questa bella specie al mìo illustre amico sig. Th. Le- 
fèvre a testimonianza di stima e di rispetto. 

Stylina Zitteli De Greg. 
De Greg. Coralli titou. di Sicilia, p. 10. 

Avendo rinvenuti molti esemplari ben conservati di questa specie nel 
calcareo titonico delle falde di Monto Pellegrino, sono in grado di rettifi- 
care un carattere essenziale. I setti primari arrivanti al centro sono 6 , i 
secondari altrettanti, il numero delle coste è di circa 20.' Questa specie si 
distingue dalla St. Lefévrei De Greg., quasi esclusivamente pel molto minor 
diametro dei polipieriti. Essendo questo un carattere differenziale costante 
riesce agevole distinguere queste due specie. Fra i molti esemplari che ho, 
uno ha polipieriti non perfettamente saldati fra loro , ma separati da un 
esilissimo interstizio pieno di cenenchima , il quale forma attorno ad essi 
(nella sezione) altrettanti eleganti poligoni. 

March. A. De Gregorio. 



— 262 - 



IL QUATERNARIO DI RIZZOLO 



(Cont. V. N. prec). 

II. 
Gli Ostracodi. 

C. deformis (Reuss.). 

Var. edentula n. 

Tav. II, fig. 5. 

1849. Ci/pridina deformis Heuss. Die fossilen Entomostraceen des oster- 

reichische Tertiarbeckens , pag. 69. Tav. IX , 
fig. 25. 

Fui lungamente dubbioso intorno alla determinazione di questa Cijthere^ 
che mentre è vicinissima alla specie cui la rapporto siccome varietà, gran- 
demente si avvicina ancora alla C. obtasalata Brady pescata dallo Challenger, 
e forse le tre diverse forme non costituiscono che unica specie. 

La forma del Quaternario di Rizzolo differisce da quella miocenica per- 
chè non porta dentellature alla prominenza posteriore , per una lieve de- 
pressione trasversale che partendo dalla prominenza aleforme di ciascuna 
valva traversa la parte mediana della conchiglia e svanisce assai prima di 
raggiungere la regione dorsale; in taluni individui tale carattere è quasi 
mancante. Tali caratteri distinguono la mia Cythere anco dalla specie del 
Brady ed inoltre fa d'uopo notare che in quest'ultima la prominenza po- 
steriore è molto larga e fornita di grossi denti, la sporgenza aliforme sopra 
ciascuna valva si protende verso il margino ventrale e lo oltrepassa al- 
quanto colla sua parte più elevata, laddove ciò non avviene nò nella forma 
miocenica, né in quella di Rizzolo, La scultura par che sia molto somi- 
gliante nelle tre forme qui ricordate. 

I pochi esemplali da me raccolti offrono ancora i seguenti fatti : C è 
qualche individuo più gracile degli altri che probabilmente è maschile; la 
valva destra è molto più larga della sinistra, quest' ultima è quindi assai 
più gracile e porta un forte seno al margine ventrale, insomma tra le due 
valve passano quelle differenze che si notano tra le valve di un individuo 
della C. convexa. 



— 263 — 

DlSTR. GEOGR. 

Non conosciuta trai vìventi. 

DlSTR. STRAT. 

In varii piani del Miocene nel bacino di Vienna , in Boemia e presso 
Bordeaux. 

Eara la varietà descritta a Rizzolo ! 

C. Haidìngeri (Reuss). 

1849. Cypridina Haidìngeri lieuss. Die fossilen Eutomostraceen des oster 

reichischen Tertiai'becliens, p. 78, tav. X, fìg. 13 

1850. Oytliere Haidìngeri Bosquet. Descriptiou des Entomostr. foss. ecc- 

p. 125, tav. VI, fìg. 10. 

G-li esemplari che io riferisco a questa specie sono molto belli e rispon- 
dono bene alle figure date dal Bosquet eccetto alcune 1 ievì differenze che 
ricorderò qui appresso. 

La differenza più rimarchevole dalla fìg. 13a del Heuss consiste nella 
forma dell' estremità posteriore della conchiglia guardata lateralmente ; in 
quella figura essa è larga col margine poco curvo e dentellato, invece nella 
fig. lOa del Bosquet, oltreché la forma generale della conchiglia è più gra- 
cile, il margino dell'estremità posteriore è angolato nel mezzo, dentato sol- 
tanto nella metà inferiore. Come ho detto dì sopra i mìei esemplari di Riz- 
zolo convengono meglio colle figure del Bosquet, ma l'estremità posteriore 
per la sua forma variabile fa passaggio da questa a quella del Reuss, inoltre 
la prominenza mediana delle valve è più sporgente, la bella scultura della 
superficie più marcata in taluni indivìdui , nei quali le prominenze sono 
anco più nettamente distinte e sopratutto quella che è presso l' angolo 
postero-dorsale, la quale diviene anco sporgente oltre l'usato. 

Qualche esemplare dei pochi raccolti sì presenta alquanto più piccolo ed 
un pò più gracile, probabilmente trattasi d'individui maschili. 

Questa è una di quelle formo bellissime che vissero in periodi terziari j 
più meno antichi e che ora sì scuoprono o viventi nei nostri mari ovvero 
fossili nei depositi quaternarii. 

Essa par che sia comparsa sin dal più antico periodo eocenico e cono- 
scesì sino al miocene superiore , la scoperta negli strati di Rizzolo è una 
importante aggiunzione alla fauna quaternaria di Sicilia e forse non tarderà 
che tale specie venga scoperta trai vìventi. 

DlSTR. GEOGR. 

Non conosciuta ancora nella fauna attuale. 



- 264 — 

DlSTR. STRAT. 

Il Bosquet la riporta da numerose località della Francia e da tutti i pe- 
riodi dell'Eoceno. — Da vari! piani del raioceno l'ha descritto il Reuss , il 
quale l'ha raccolto in varie località del bacino di Vienna , della Boemia, 
della Moravia, della Stiria ecc. 

È rara nell'antico quaternario di Rizzolo ! 

C. prava, Baird. 

1850. Cythereis prava Baird. Proc. Zoo). Soc. parte XVIII , p. 254 , 

tav. XVIII, fìg. 13-15. 
1850. „ deformis Baird, Proc. Zool. Soc, tav. XVIII, fig. 4-6. 

1868. „ prava Brady.Les fonds de la mer, voi. I, pag. 100, tav. XIV 

fig. 7-8. 
1878. „ corrugata Terquem. Les Foramin et les Eatom.-Ostrac, de 

Rhodes, pag. 118, tav. XIII, fig. 20. (Non Reuss). 
1880. „ prava Brady , Rep. Challenger , pag. 92. Tav. XXII' 

fig. 4 a-f. 

La Cythere di cui vado a discorrere, fu per molto tempo da me ritenuta 
siccome riferibile alla C. corrugata Reuss, rapportandomi alla forma figu- 
rata dal Terquem, ma uno studio minuzioso ed un' accurata comparazione 
degli esemplari della C. corrugata raccolti nel tortoniano di Calabria, di 
quelli pescati nel porto di Messina e dogli altri del quaternario di Rizzolo 
mi hanno condotto nella convinzione, che una relazione intima lega la specie 
del Reuss a quella del Brady; ma che il miglior modo di considerare tali 
forme sia quello di disgiungere specificamente la forma miocenica riferen- 
dola alla specie del Reuss, e ciò perchè più piccola e fornita d'una scul- 
tura più grossolana e di altri caratteri distintivi ; invece poi la forma di 
Rizzolo, quella del porto di Messina e 1' altra del pliocene di Rodi credo 
spettino alla specie del Brady ; infatti i viventi del porto di Messina of- 
frono delle gradazioni, una vera transizione verso la forma fossile di Rodi, 
che il Terquem descrisse col nome di corrugata. 

Gli esemplari pescati dallo Challenger off'rono caratteri od una scultura 
più grossolana e diversa, che non corrispondono con quella dei viventi del 
porto di Messina e meno ancora coi fossili, ma il sig. Brady ha osservato 
delle gradazioni, dei termini intermedii, tra queste varie forme. 

DlSTR. GEOGR. 

Oceano indiano — Isola AJmiralty — Mediterraneo — Porto di Messina! 



— 265 — 

DlSTR. STRAT. 

Plioceiio di Rodi. — Ririssiiiia nel quateniauio di Rizzolo ! 

G. bimamillata n. 

\ Tnv. 11, fìg. 6. 

Conchiglia minima di forma ovato-quadrangolaro guardata lateralmente , 
più larga alla parte anteriore, colla maggiore altezza circa al terzo ante- 
riore ed uguale quasi ai tre quinti della lunghezza ; il margine anteriore 
è largo, curvo, un po' obliquo ; la regione posteriore è troncata nella sua 
parte superiore, prominente invece nella inferiore, tale prominenza si re- 
stringe rapidamente e poi si termina anch'essa troncata; il margine dorsale 
forma un angolo ottuso nella sua parte più alta, quindi diviene declive e 
poco curvo e fa un angolo rotondato là dove si connette col margine po- 
steriore. 

Il margine ventrale offre un seno al terzo anteriore Qd è convesso nel 
resto ; guardando la conchiglia dalla regione dorsale si offre un contorno 
esagono, allungato nel senso della linea cardinale, i due lati paralleli a 
tale linea sono leggermente concavi, e per tutta la loro lunghezza è il mas- 
simo spessore che supera la metà della lunghezza totale, gli altri quattro 
lati offrono una protuberanza; il contorno che si offre al guardare la con- 
chiglia da una estremità è di forma triangolare, col lato ventrale sinuoso, 
gli altri due curvi. 

La superficie delle valve è uniformemente reticulato-foveolata, presso il 
margine ventrale dal terzo anteriore ha origine una prominenza che ele- 
vandosi grado grado si estendo sino oltre il terzo posteriore terminandosi 
arrotondata, altra sporgenza in forma mammillata è presso il margino dor- 
sale quasi al quarto posteriore della totale lunghezza, dimodoché la super- 
ficie di ciascuna valva risulta bimammillata; presso l'angolo antere-dorsale 
v'ha il granulo cardinale grosso e lucido. 

Lunghezza Altezza Spessore 

0,45'"'». 0,28'°'». 0,25'°'». 

La piccola specie e molto rara or ora descritta, per esser fornita di due 

prominenze sopra ciascuna valva, somiglia lontanamente alla C. Haidingeri^ 

ma è distintissima per la scultura molto uniforme , per la forma diversa 

delle duo prominenze, pei margini non dentellati, per la forma differen- 

II Naturalista Siciliano, Anno III. 33 



— 266 - 

tissima del contorno allorché la conchiglia sì guarda dalla regione dorsale 
e per molti altri caratteri. 

DlSTR. GEOGR. 

Non conosciuta vivente. 

DlSTR. STRAT. 

Rarissima a Rizzolo ! 



STUDII SU PIANTE CRITICHE RARE NUOVE 

DELLA FLORA DI SICILIA 



(Cont. V. Num. prec.)- 

Anthemis Columnae Ten. var. alpina Lev. PI. sicc. ex Abratio , 
M. Loj. PI. sic. rar. Cent. VII, N. 689 A. hirpuia Ten. ined.! Ah- 
synthium montanam Abrotani foeniinae flore Coluinn. Phyt. 2, p. 23, 
t. 24 (quoad typum)A. montana var. minor Guss. Syn. II, p. 488! 

In locis editissimis in regione aperta ultra vegetationeni Fagi praesertim solo gla- 
reoso, Monte Salvatore alt. 1850 ni. Serre di Quacedda, (forma ininus depressa 
ac canescens). Nebrodes. Legi 9 Julio 1883. 

La vera A. Columnae di cui ho il tipo autentico di M. Vergine (Principato 
Ulteriore) è pianta piìi sviluppata di questa delle località citate delle Nebrodi che 
è la forma dei luoghi più elevati tale quale l'ho visto comunicata dal sig, Levier 
dagli Abruzzi. Nessun dubbio dunque dell' esistenza della Columnae in Sicilia 
non solo, ma dell'identità dei due tipi di M. Vergine e degli Abruzzi che rap- 
presentano per quanto ho potuto rilevare per studi speciali sul genere, la A. mon- 
tana tV\ì-à\\'d. La quistione si ridurrebbe dunque a sapere cosa è la ^4. montana 
di Lin., quistione intricatissima che dipoi non ò ora il luogo di chiarire. Fo però 
notare che la, A. Columnae discoidea Lev. comunicatami anche dal sig. Levier 
dagli Abruzzi non deve confondersi colle due forme precedenti. Quest'ultima se- 
condo proposto da Gussone (Cfr. Syn. Add., p. 868), si deve chiamare A. Mi- 
cheliana. È dannoso fidarsi sulla presenza o l'assenza del raggio in questo ge- 
nere. Io non vi annetto grande importanza e convengo che molte forme discoidee 
sono ben lungi dal rappresentare specie, e facilmente si riconducono ai loro tipi 
radiati, ma quando come nel caso della pretesa A. Columnae discoidea noi ve- 
diamo entrare altri caratteri di abito etc, allora è insano usare criteri restrittivi 
confondendo assieme cose disparate. 



- 267 



Cirsium Vallis-Demonii Mihi. Cnicas ferox D. C. ^ Lobelli D. C. 
Prodr., voi. VI, p. 637, C. Lobelii Ten. ex parte et certe var. p syll., 
p. 415, Cirsium Lobelii Mihi PI. Sic. rar. exsicc. Cent. V, N. 582. 

Herha caule elato valido silicato , ramis rigidis patulis apice corymhosis , 
foliis radicalibus circamscripilone oblonga acuta, pinnatisectis, segmentis cre- 
berrimis e basi ad medium gradatim majoribus versus apicem dein sensim 
decrescentibus angustissime Unearibus subarcuatis (deorsum flexis) utrinque 
geminis nempe venis a nervulo secundario ortis e basi distinctis, unico tripar- 
tito valide 3-spinoso; costa primaria angustissima anguste alata, secundariis 
etiam robustis ac insigniter prominentibus, omnibus nitidissimi (ut spinae) 
fulvescentibus, validis; indumento in pagina inferiore nioeo-incano, supra in- 
signiter strigoso, ad margines ciliosoj foliis caulinis satis distantibus basi au- 
riculatis (non decurrentibus) auriculis fere flabellato-spinuliferis. Capitulis 
satis magnis, foliis floralibus fere ad spinam pinnatam reductis, capitulo cin- 
gentibus ac satis superantibus, late campanulatis, squamis extimis Unearibus 
subulatis pungentibus glabratis patulis, intimis dilatatis tenuioribus innocuis. 
Floribus roseis, pappo densissime plumosus, achaeniis obscure ochraceis. 

In apertis nemorum in pascuis montosis slerilibus, in dumelis sylvaticis, e su- 
prema regione colUna (900 m.J usque ad limites regionis Fagi, in Sicilia septen- 
Irionali. Val Demone al Gurgo di Scavioli, Acquasanta, Cartolari, M. Soro 1500- 
1700 m. s. m. Julio-Augusto. 

Var. floribus albis. In Calabria inler pagum Serrani et Coenobium Sancii Bruni 
(Legit F. V. Zwierlein. Augusto 1883. 

La quistione del Cirs. Lobelii è delle più intricate. Sotto il nome di C. Lo- 
belii io evuigai nelle mie Centurie di Piante Siciliane una pianta che per tutti 
i riguardi si allontana dalle descrizioni del Bertoloni , di Boissier, di Cesati 
e Passerini. Anzi i caratteri da questi botanici assegnati al C. Lobelii escludono 
ogni idea che la pianta mia corrisponda alla specie Tenoreana. Tesiè infatti mi 
ebbi dal Caldesi sotto il nome di C. Lobelii un esemplare del Faentino total- 
mente diverso dalla pianta di Sicilia. Temei che l'autenticità dell'esemplare del 
Caldesi dovesse mettersi in dubbio, ma pur troppo egli va in perfetta regola, le 
descrizioni degli Autori citati riflettono perfettamente la pianta del Faentino , e 
r affinità che Bertoloni fa rilevare del C. Lobelii col C. eriophorum ben si 
rilevano nella pianta di Caldesi. Gli altri Autori ai quali debbo aggiungere Nynian 
nel suo Conspectus FI. Europeae) sono concordi nel riconoscere nel C. Lo- 
belii una stretta analogia col C. eriophorum, onde ho dovuto convincermi che 
la pianta del sig. Caldesi e il C. Lobelii del Tenore. 

È strano però che ora io venga ad ass3rir3 che anche la pianta di Sicilia è 



— 268 — 

anche il C. Lohelii di Tenore. Ecco come io ho ragione di credere che sta la 
cosa. Nonostante 1' evidenza del saggio di Faenza io non ho creduto perder di 
mira quanto leggesi nel Prodromo ove sotto il C.ferox sta la var. g Lohelii con 
una breve frase caratteristica e poi aggiungesi o. sicc. comm. a CI. Auct.). Adun- 
que ciò a cui allude De Candolle è la vera pianta autentica di Tenore. Fatto 
tanto importante quanto l'altro che risulta dai delti stessi del Bertoloni e che 
prova die Bertoloni stesso ricevè il suo saggio da Tenore. Intanto vediamo una 
pianta del Tenore prettamente ascritta da De Candolle al C.ferox, l'altra dallo 
stesso autore data al Beiloloni, riferita da questi con non minore asseveranza al 
C. erioplìoram. Ora chi conosce le due specie non può supporre che l'uno o l'altro 
degli eminentissimi Autori sull'essenza del C. Lohelii abbiano potuto abberrarsi 
al punto di assegnargli affinità cosi disparate , onde e' è ragione di credere che 
come spesso avveniva a Tenore , questi abbia comunicalo a quei Botanici sotto 
lo stesso nome due cose ben diverse, per mero equivoco, o se vogliamo accen- 
nare ad una versione più esatta, ma che però deporrebbe jjoco a favore del tatto del 
Tenore, che sotto il suo C. Lohelii nella sua var. a e nella sua var. p egli con- 
fondeva due cose essenzialmente distinte. La pianta del Bertoloni infatti è qualche 
cosa che si avvicina alVeriophorum, mentre dall'altro verso giustamente dice De 
Candolle che il Lohelii del Tenore più o meno sta vicino al C. ferox. 

Ciò posto , bisogna conservare alla var. p dell' eriophorum di Bertoloni (la 
pianta di Caldesi) il nome di C. Lohelii e considerarlo del resto con Cesati , 
Boissier, Nyman, come specie à-àW eriophorum per tutti i versi distintissima, e 
dare al C. Lohelii di D. C. posto sotto il C. ferox , un altro nome che io ho 
creduto trarre dalla regione da dove sinora questa pianta in Sicilia è stata tro- 
vata. 

La nostra pianta è dell' estrema Italia continentale ed insulare pare si trovi 
negli Abruzzi. Tenore non la riporta di Calabria, ma nell'anno scorso una va- 
rietà di esso a fiori bianchi o flavescenti è stata trovata a Serra S. Bruno dal- 
l'amico mio Barone F. von Ziwierlein. In Sicilia sembra questa pianta sia abba- 
stanza circoscritta. Infatti sinora essa non si conosce che dei luoghi più elevati 
del Valdemone ove io nel giugno 1883 la colsi sino sulla vetta di M. Soro a cir- 
ca 1700 m. 

Le allusioni di Tenore della sua pianta alle figure del Dalechamp, del Lobel, 
di DoDONEo, sono più che dubbie. Le figure di quei vecchi Autori nella loro estrema 
rudezza svelano piuttosto una affinità col Cirs. italicum; d'altronde qualcuno di 
quelli autori dice che la pianta è annua. Ciò che non debbo credersi tanto pel 
Lohelii quanto pel nostro C. Vallis-Demonii che al contrario del C. italicum, 
sono biennali. 

Cirsium Lobelii Ten. ex parte excl. var. P non D. C. Prodr. C. 
Lobclii Boissier fi. Orient. ! C. hellenicum Boiss.! Cesati, Passer. 
GiBELLi, Comp. fl. Ital. ! Nyman Conspect. fi. eur. II, p. 405. C. erio- 
phorum p Bert. fl. ita). 9, p. 29, sub. Cirs. eriophorum capitulis 



— 269 — 

minorlbas! C. eriophorum p spuritun D. C. Prodr. ! C. spuriuin Linn. 
Hort. Ups. p. 249.f Carduus Boriyarti Savi fi. Pis. Carnei Comp. fi. 
Tose. 

Caule elato ramis apice dense corymbosls, foUis radicali bus caulinis 

{summis) pinnatipartitis segmentis lineari- lanceolatis utrinque geminis uno 
pretalido reliquo persaepe spinulas subnudas utrinque instructo nervis subtus 
prominentissiniis ut costa primaria eburneis , capiiulis ad apicem ramoruni 
numerosissimis paroulis, brevissime pedunculatis, foliis floralibus calde redu- 
ctis fultis, umbilicatis, exacte ovatis ad collwn conspicue constrictis, undique 
dense arachnoideo-tomentosis, squamis indumento omnino ob lectis, parte api- 
cali solo evidente, apici squamarum sub lente ciliolata fusca purpurascente, 
vix dilatato-spathulata dein in spinam niinimam recta vix pungente desinente, 
Jtoribus pallide roseis. Herba elata undique pallidissime virescens, indumento 
ad caulem laxe arachnoideo'^ , rami atque partes supremae caulis sub indu- 
mento pallide rubescentes , corymbo denso formantes, capitala numerosa ter- 
minalia ac axillaria quod structura magnitudineque illa C. ferocis aemulan- 
tia. Stirps a C. eriophoro omnino aliena ! 

Ex Agro Faentino benevole niisit amicus L. Caldesi. 

{continua) M. Lojacono. 

INDICE ITTIOLOGICO 
idexj 3^..é^i^E IDI 3iv£Essi:isr-A. 

DEL 

PROF. ANASTASIO COCCO 
(per cura del Dott. Luigi Facciola'). 



(Cont. Vedi Niim. prec). 

Genere 20° — Galene 

Sp. 36. Galeus canis (Bonap. ex Rendei. Pise. lib. XIII, cap. V, 

p. 377). Falutìibu 

Squalus galeus (Lin. Syst. I, p. 399). 
Carcharias galeus (Riss. llist. IH, p. 121). 

Genere 2P' — EcUinorliinus 

Sp. 37. Ecliinorhimis spinosus (Bonap. Io. Fn. It.). Pisci carda 

Squalus spinosus (Gm. L. Syst. I, p. 1500). 
Scymnus spinosus (Riss. Hist. Ili, p. 136). 
Osservai. Questo pesce è assai raro, m'è intervenuto di 
osservarlo solo due volte in molti anni di ricerche. 



— 270 - 

SOTTOFAMIGLIA 16^ — Mosteiini 

Genere 22^ — Mustelus 

Sp. 38. Mustelus plebejus (Bonap. le. Fn. It.^. Palumbu 

Squalus mustelus (Lin. Syst. I, p. 400). senza denti 

Mustelus laevis (Riss. Hist. Ili, p. 127. 
Galeus mustelus (Raf. Ind. p. 46). 
Mustelus vulgaris (Muli, et Ileule, p. 190, t. 27, f. 1). 

(SOTTOFAMIGLIA 17^— Cestracìonimini) 

(SOTTOFAMIGLIA I8a - Trienodontìnì) 

SOTTOFAMIGLIA 19» - Scillin! 

Genere 23° — ScylUum 

Sp. 39. Scylliura cauicula (Cuv. Régne Anim. II, p. 124). Jattupardu 

Squalus canicula (Lin. Syst. I, p. 399). 

Squalus catulus (Lia. ib. p. 400). 

Galeus catulus (Raf. Ind. p. 46). 

Scyllium caniculus (Riss. Hist. Ili, p. 116). 
Sp. 40. Scyllium stellare (Riss. ib.). idem 

Squalus stellaris (Lin. Syst. I, p. 399). 

Galeus stellaris (Raf. Ind. p. 46). 

Genere 24^^ — Pristiurus 

Sp. 41. Pristiurus melanostomus (Bonap. Introd. le. Fn. It.) Vaccaredda 
Scyllium melanostomum. (Bonap. le. Fn. It.). 
Galeus melanostomus (Raf. Caratt. p. 13). 
Scyllium Artedi (Riss. Hist. III, p. 117). 

SOTTOFAMIGLIA 20^ - Zigenini (Cocco) 

Genere 25° — S'phyrna 

Sp. 42. Sphyrna zygaena (Raf. Ind. p. 46). Magmisa 

Squalus zygaena (Lin. Syst. I, p. 399). 



— 271 - 

Zygaena malleus (Cuv. Régne Anim. II, p. 127). 
Sphyrna tiburo ? (Raf. Ind. p. 47). 
OssERVAZ. La singolarità di questo Plagiostomo mi fa 
sospettare di poter costituire il tipo di una nuova sot- 
tofamiglia : esaminerò meglio questo argomento quando 
sarò per compilarti il mio Prodromo d' Ittiologia Mes- 
sinese. 

ORDINE 2°— Olocefali. 

FAMIGLIA 3*— Chimeridi 

SOTTOFAMIGLIA 21» — Chimerini 

Genere 26° — Chimaera 

Sp. 43. Chimaera monstruosa (Lin. Syst. I, p. 401). Pisci surici 

Chimaera mediterranea (Riss. Hist. III, p. 168). 

SOTTOCLASSE 2^ — Lofobranchi 
SEZIONE 2a - Signati 

Ordine 3° — Osteodermi 

FAMIGLIA 4a— Signatidi 
SOTTOFAMIGLIA 221^ - Pegasini) 
SOTTOFAMIGLIA 23» - Signatini 

Genere 27° — Typhle 

Sp. 44. Typhle heptagonus (Raf. Carati, p. 18). Sìrpuzza di 

Syngnathus typhle (Lin. Syst. I, p. 416). mari 

Genere 28° — Sipìiostoma 

Sp. 45. Siphostoma acus (Raf. Caratt. p, 18). idem 

Syngnatus pelagicus (Lin. Syst. I, p. 416). 
Sp. 46. Siphostoma viridis (Raf. App. Ind. p. 56). idem 

Syngnathus viridis ? (Riss. Icht. p. 65). 



— 272 — 

Genere 29° — Neropliis 

Sp. 47. Nerophis maculata (Raf. App, Ind. p. 57). 
Syngnathus papacinus? (Riss. Icht. p. 69). 

Sp. 48. Nerophis corallina (Cocco, ined.). 

OssERVAZ. Questo Nerofe che osservai insième al mio 
chiaro amico sig, Ruppel, da lui la prima volta rinve- 
nuto nel nostro mare, è di colore corallino senza altra 
mescolanza. Ignorando se il eh. naturalista di Fraukfort 
l'abbia pubblicato l'ho chiamato Nerofe color di corallo 
per indicarne la tinta. 



Genere 30'' — Hipimcampus 

Sp. 49. Ilippocampus brevirostris (Cuv. Rógne Anim. II, p. 
363). 

Syngnatus hippocampus (Lin. Syst. I, p. 417). 
Ilippocampus heptagoiius (Raf. Caratt. p. 18). 
Hippocampus antiquus (Riss. Hist, IH, p. 183). 
Hippocampus rosaceus? (Riss. Hist. Ili, p, 184). 
OssERVAz. La sottofamiglia dei Signatini ,uol es5cre 
attentamente studiata, ed in questa parte il mio catalogo 
patisce qualche difetto, poiché io suppongo dover essere 
più numerose le specie. Ho in animo di fare ogni per- 
quesizione ondo delucidare tutto quanto spetta ai ge- 
neri TijpJde ^ SjjpJiostoma , Syngnatus^ Neroyliis ^ Scy- 
pJiùis, ecc. in altro mio lavoro. 



Cavad- 
duzzu 



{continua). 



Enrico Ragusa Divett. resp. 



|H(iiiiiii!iiiitiiiiiiiitrtiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiifiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiin 

I ANNO III 1 LUGLIO 1884 N. 10. j 

I IL NATURALISTA SICILIANO I 

I . GIORNALE DI SCIENZE NATURALI j 

= ^ SI PUBBLICA OGNI PRIMO Ol" MESE = 

I ABBONAMF.NTO ANNUALE ' | 

^ Italia L. 10 » = 

^ Paesi coMi^Rr:si nkll'unionr postale . . '. » 12 » = 

^ Altri paesi » 14 » = 

= Un numero separato, con tavole '.....» 1 25 = 

^ » senza tavole » 1 » s 

= Gli ABBONAMENTI COMINCERANNO DAL 1° DI OTTOBRE DI OGNI ANNO S 

1 Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione 1 

I al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. | 

I ^ SOMMARIO DEL NUM. 10. | 

^ E. Ragusa — Catalogo ragionato dei Coleotteri di Sicilia (continua). = 

^ March, di Monterosato — Conchiglie littorali mediterranee (coni.). = 

^ M. Lojacono — Studii su piante critiche , rare o nuove della Flora di Sici- = 

^ Ha (continua). = 

= G. Sèguenza — Il Quaternario di Rizzolo (coni.). S 

^ L. Facciola — Note sui pesci del mar di Messina. = 

i= Beìlier de la Chavignerie — Note sur la Nychiodes Ragusaria Mill. E 

^ F. Minà-Palumbo — Lepidotteri Druofagi (continua). = 

= A. Senoner — Cernii Bibliografici. = 



PALERMO 
Stabilimento Tipografico Virzi 

^1884 



/5r 



ANNO III. 1 LUGLIO 1884. N. 10. 

rirNAfuMISTA^CrLlTNÒ 



CATALOGO RAGIONATO 



COLEOTTERI DI SICILIA 



(Cont. V. Num. iiroc). 

Cymindis Laireille 

Chaudoiri Fniiiii, . , Quesla ranssiina specie Siciliana , descrilta nel 1809 , 

Stett. Eni. Zeit. pag. 231, è conosciuta fin' oiigi in 
due soli esemplari, uno il tipo è nella collezione dello 
slesso Fairniaire, l'altro nel Museo di Berlino. Essa 
forma con due ali ri Cymindis francesi di una gran- 
dissima rarità, la canigidensis l^'airm. e la Baudueri 
Perris, uh gruppo a parte, caratteristico p?r gli an- 
goli del pronoto che sono arrotondati. 



axillaris F. (1.) . . Questa specie battezzata con una \entina di nomi diffe- 
renti, è. stata certamente una delle cause che fan sem- 
brare difficile lo studio di questo interessante ma va- 
riabile gruppo; de la Brulerie (loc. cil.) ne stabili la 
sinonimia riducendo molte specie a varietà , ma io 
credo che con lo studio il loro numero sarà rimpic- 
ciolito ancora. La vera axillavis è rara in Sicilia, ed 
io la posseggo solo in pochi esemplari trovati presso 
Palermo dal maggio al luglio. Rottenberg dice di 
averla trovata a Nicolosi. 



(1) De Marseul noi suo iiUiino catalogo in eorso di pubblicazione, no cita la oar. 
incrldioiialls Cliaud. come di Sicilia, assegnandolo per sinonimo la ScceUdis Rei- 
che; ora quesUi varietà si ti-ova invece nel mezzogiorno della Francia rmouogr. 
pag Gj) e la SiccUdis è invece sinonimo della oar. alpina Chaud. 

// Naturalista Siciliano, Anno III. 35 



— 274 — 

var. alpina Dej. . . Dahl trovò quesla varietà sulle montagne della Sicilia. 

Reiche l'ebbe pure dai monti presso Catania e la de- 
scrisse Coleop. Ilefte III , pag. 3, sotto il nome di 
Sicelidis, io la posseggo in cinque esemplari trovati 
tutti sulle alture delle Madonie, due di questi furono 
da me comunicati allo Chaudoir che li determinò. 
Secondo me tutte le axillaris che vivono sulle alture 
delle nostre montagne appartengono a questa varietà. 

var. lineola Dutour (1). Bella varietà, da me già notata nel mio cat. del 1880, 

sotto il sinonimo di lineata Dej. ; essa si distingue 
facilmente per le macchiette umerali prolungate fino 
alle estremità delle elitre in forma di una linea. Io 
la posseggo in tre esemplari, in uno dei quali la li- 
nea caratteristica è interrotta nel centro ; li ho tro- 
vati nei dintorni di Palermo, Rottenberg la trovò a 
Girgenti. 

var. fascipennis Kùst. Nel Nat. Sic. Anno I, pag. 5, illustrai l'esemplare da 

me posseduto e dissi già allora come illustri ento- 
mologhi, fra i quali il Kiesenwetter, 1' avessero cre- 
duta una nuova specie , e siccome l'avevo trovata 
presso Castelbuono la denominai allora Nebrodensis 
notandola cosi nel mio catolono del 1880. 



humeralis Foucr. 



àngularis Gyll. 



Noto questa specie solamente perchè il sig. Fairmaire 
mi scrisse di possederla dalla Sicilia, io dul)ito che 
trovisi da noi; Chaudoir nel suo Essai monographique 
sur le genre Cj'mindis» Beri. Ent. Zeit. 1873, pag. 59, 
dice di non averne \isto individui provenienti dal- 
l'Italia meridionale; io stesso. Bui. Ent. Ital. Ann. V, 
pag. 175, Elenco dei coleotteri raccolti sul Monte Pel- 
legrino, la citai a torto. 
. Anche di questa specie Bandi mi scrisse di a\erne rice- 
vuto un esemplare come di Sicilia, dallo stesso Chau- 
doir, il quale però differisce da quelli di Boemia ne- 
gli angoli posteriori del torace più sporgenti all' in- 
fuori. Siccome la patria di questa specie è la Svezia, 
la Finlandia e la Siberia, io dubito vi sia stata una 
confusione di patria. 



(1) A questa vaiùetà alUidova certamente il Rottenberg notando la lineata Sch. 
che ò pure una varietà dell' axillaris, ma della Russia, ed anche il Giuliani in- 
corso nello stesso errore notando la lineata Schon. da lui presa a Girgenti. 



— 275 — 

var. crenata Chaucl. . Anche questa varietà mi fu clolerminata dallo stesso Cliau- 

doir, che vide i tre esemplari da me trovati sulle al- 
ture delle Madonie. Io credo che anche qui abbiamo 
una razza alpina delia vav. lineala , differendo da 
questa come la var. alpina dalla axillaris. 

Menas Mot. 

variolosa F È la comune miliaris F., che si trova dalla primavera 

air autunno quasi sempre sotto le pietre. Chaudoir 
dice che gli esemplari che si trovano da noi, sono 
assai più piccoli di quelli che si trovano nell'Europa 
temperata, ciò che non è sempre, giacché io ne pos- 
seggo esemplari grandi 9 o 10 mill. 

V. cyanoptera Chaud (1). Varietà che si distingue dalla variolosa per il corsa- 
letto meno corto quasi tanto lungo che largo, meno 
arrotondato ai lati , la punteggiatura degli intervalli 
meno serrata, ma più forte, la pubescenza meno vi- 
sibile, le elitre assai più lucide e tutto l' insetto più 
piccolo (7 8 mill.). Anche questa per me sarebbe 
una razza alpina della variolosa, ed infatti l'ho tro- 
vata solamente sulle aride allure delle Madonie sotto 
le pietre, dal maggio al luglio. 

Masoreus Dejean. 

Wetterhalli Gyll. (2). . Rottenberg per il primo dice di aver trovata in Sicilia 

a Siracusa questa specie. Io non la posseggo , ma 
avendo invece la var. affinis, che trovasi specialmente 
nei paesi meridionali, dubito che il Rottenberg avesse 
anche lui trovata la varietà e non la specie. 



(1) A questa varietà riporto hi puiiciatissì/na descritta dal Motschulsky come di 
Sicilia; ophiiono del resto, già emessa con dubbio dallo Cliaudoir. 

(2) Il Doti. Schaum (Erichson Ins. Deutsch. pag. 306) descrive questo insetto 
con le elitre subtilltcr punctato-striatis, anche Rcdtenbaclier (Fauna Austriaca 1874), 
lo ripete, mentre le strie non sono affatto puntate, e difatti noi troviamo che De- 
jean^ Sturm e ultimamente anche il Bedel (loc. eli.) dicono le elitre solamente 
striate. Non so di altri che prima di me abbiano fatto osservare ([uesto errore , 
in ogni modo mi lusingo che non sia inutile la mia ripetizione. 



276 — 



var. affinis Kùst. 



aegypiiacus Dej. 



A questa varietà riporto gli esemplari della mia colle- 
zione, che del resto oltre la grandezza, ed all'infuori 
della regione umerale, per il colore nerastro delle eli- 
Ire, non offrono veramente una varietà interessante. 
Il Cav. Bandi ed io ne ebbimo esemplari dal Capi- 
tano De Marchi che li raccolse a Mistretta ; io ne 
trovai una sola volta due esemplali nel mese di giu- 
gno, sotto una pietra dentro il tempio dell'antica Ege- 
sta , oggi Segesta. Un solo esemplare fra quelli da 
me posseduti di Sicilia , ha sulle elitre i due punti 
presso la terza stria. 

Nel nuovo catalogo di Berlino hanno fatto dell'q^- 
nis una varietà deìV aegr/ptiacus , altra specie che 
trovasi pure in Sicilia, e che il de la Brnllcrie rite- 
ne\a varietà della Wetterhalli. Io ritengo invece che 
la var. affinis appartenga a quesl'uUima, e sono poi 
pienamente d'accordo con gli autori di quel catalogo 
nel ritenere V aegr/ptiacus una buona specie, distinta 
per la forma più larga del corsaletto , e pei' (|uella 
delle elitre. 

Roltenberg ne trovò quattro esemi)lari sotto boscaglie 
sulle dune al mezzogiorno di Catania; li paragonò ad 
esem])laii egiziani e trovatili identici, credette diavei- 
fatta una nuova scoperta por la fauna europea, men- 
tre già il Ghiliani ave\-a notata questa specie come 
di Sicilia, ed il Reiche nel 1861 (Ann. Soc. Ent. d[ 
Francia), la descriveva come nuova specie Siciliana 
sotto il nome di rotundipenni.s. Io ne |)Osseggo due 
soli esemplari trovati e donatimi dal mio amico Si- 
gnor Leech, che li prese nel maggio sotto una pietra 
sotto il ponte ferroviario tra Girgenti e Porto Empe- 
docle. 



PANAGAEINI 



Panagaeus Latreille 



crux-major Linn. 



Gii (iliiliani e Romano (;itavano (piesta specie come 
trovata in Sicilia; Dieck la tro^ò presso Siracusa, ove 
io stesso l'ho sempre raccolta nt;l giugno sotto le pietre 
lungo r Anapo; è specie assai rara da noi, e non la 
posseggo che in soli 7 csen)[)lari. 

{continua) \'\, Ragusa. 



277 — 



CONCHIGLIE LITTORALI MEDITERRANEE 



MARCHESE DI MONTEROSATO 



(Contili. V. niim. prec). 

120. L.f elongata, Pb. (T^/s.soa)— I, p. 154, t. 10, f. 10 (Magnisi). 
= Cingala Schlo^seriana, Bnis. — Boll. Malac. Ital. 1870, p. 9 (Med. e 
Adr.). 

Vai", major. La vai", minor di Briisitia corrisponde al tipo di Pliilippi. 
Tipo e var. Palermo, Trapani, Ognina, Magnisi (Monts.). 

Peringiella, Munis, 
(En. e Sin. p. 27 e p. 54 in nota). 

Gruppo di specie ben distinte per il peristoma marginalo e per avere conchi- 
glie incolori, senza perforazione, subdolioliformi, a spira discendente e ad apice 
ottuso. Le evoluzioni sono simili a quelle dell' Onoha. La PeringielLa si può 
confondere con la Pisinnn (ved. iium. pree.), ma (|nest'ultima sezione generica 
manca del peristoma marginato ed ha l'apertiu-a d'altra conformazione. Il genero 
Plagiosiyla di Fischer (tipo: P. Asturiana) è vicino, ma ha una concliiglia 
più lucida, ventrosa e la spira papillosa. 

121. P. nitida, Brns. ms. (Cingnla) e var. e/o»r/a/rt— Monts. in En. e Sin. 
p. 27 (Med. e Adr.). 

Varie forme, alcune delle quali si accostano alla Risma puncium , Cantr. di 
Civitavecchia. 

Varie località Siciliane (Monts.); Livorno (Appelius). 

122. P. Epidaurica, Brus. {Cingula^—CowXw Moli. Dalm., p. 29, 1. 3, f. 10 
(Dalmazia). 
Prossima alla R. halteata, Manzoni, delle Canarie e Madrra. 
Anche di Palermo, Trapani, Ognina, Magnisi (Monts.). 
Altre specie nel Mediterraneo e alle Canarie. 



— 278 — 



Setia, H. e A. Adams. 

Piccole specie più o meno ombelicate ad anfratti convessi e spira turrita , il 
cui tipo è la Rissoa pidcherrima di Jeffreys, che manca al Mediterraneo. Vivono 
a fior d'acqua nella zona subterrestre assieme alle Patellae, sotto le pietre o nella 
Corallina ed in prossimità delle Littorinae. 

123. S. f Lisca, Ph. {2>ancaiellaf) — \V\e^^m. Ardi. 1841, p. 53, t. 5, f. 5 
(Palermo). 

1= Hissoa pcdudinioides, Cale. — Monog. gen. Spirorbis e Succi nea, Pai. 
1811 p. 10 e Cenno Moli. Sic. 1815, p. 27, t. 3, f. 10 male (Pantelleria e Ca- 
tania) riferita dall'autore alla Paladina Porri di data anteriore. — Giorn. L' Oc- 
chio, V, N. 142 (anno?). 

= Truncatella f fasca, Ph.— Moli. Sic. II, (1848), p. 134, t. 14, f. 4 (Pa- 
lermo). 

Palermo abbondantissima, tipo e var. vittata, seriata, albina (Monts.); Pan- 
telleria e Trapani, tipo e var. albina (Monts.); Ogniiia, var. falca (Zuccarelli); 
Civitavecchia, var. albina (Donati); Napoli, tipo (coli. Tiberi); Corsica, var, al- 
ima^ nella Corallina (Del Prete); Sardegna, tipo (Sulliotti); Marseille, var. vit- 
iata (Sollier); Tunisi, tipo (Deschamps); Alger, var. albina (Joly). 

Variabile nella forma più o meno tnrrita. 

124. aS'. fjlobalinus^ Monts. (nov. sp.?). 

Più corta , quasi globulare a colorazione uniforme e ombelico assai visibile. 

Alt. min. 1 ^3; long. 1 Va- 

Porto- vecchio in Corsica (Del Prete). 

125. S. jnjgmaea, Mich. {Rissoa)— Cci[. Ri.ssoa, p. 21, p. f. 25-26 (Med.). 
Livorno (Appelius); Castiglioncello (Del Prete); Civitavecchia (Donati); Magnisi 
(Philippi, Tiberi); Corsica (/. Requien). 

120. S. Sciutiana, Arad. e Ben. (Rissoa) — Condì, viv. mar. Sic. 1870, p. 211, 
t. 5, f. 1 col nome di R. Zancleana (Messina, d;d tipc^). Comunicata anche col 
nome ms. di R. affinis /.. 

Si distingue dalle precedenti per la ((nasi mancanza di ombelico e pi3r essere 
più piccola della -S'. fasca. Colorazione : falca senza fasce. 



,% Non R. affinis, .Jeffr.— Proc. Zool. Soc. Feb. 1884, p. 124, t. 9, f. 8 (Vigo). 



- 279 — 

127. S. injlata, Monts. (noni, emend.). 

= S. fusca , var. major-infiata , Monts. — F]n. e Sin., p. 27 (Messina). 
La più grande di questo grnppo, alta mill. 2 1/3, larga mill. 1 i/g, verdastra 
a forma di Amnicola, sotura impressa, base convessa, ombelico aperto. 
Soltanto a Messina nelle alghe del porto (Benoit). 

128. S. iurricula(a, Monts. (noni, emend.), 

= S. fusca, var. minor-tarriculata, Monts. — En. e Sin., p. 27. 

Lattea, opica, turricolata a spira scalare, quasi cilindrica, apice depresso; e m- 
belico profondo ma ristretto; Alt. mill. 2, larg. 1. 

Palermo, abbondante ma locale all'Arenella (Monts.); Trapani scarsa (Monts.); 
Civitavecchia (Donati) ; Marseille (Sollier) ; Dalmazia a Puntebianche (Klccak); 
Var. ad epidermide scura (Brugnone e coli. Monts.). 

129. S. solata, Pli. (Bissoa)—U, p. 130, t. 23, f. 18 (Palermo e Sorrento). 
Cfr. col tipo di Philippi nella coli. Ilanley. 

Non JR. soluta degli Inglesi ed altri scrittori , sopra citala col nome di Cin- 
gulina obtusa. 

Piccolissima ad anfratti assai convessi e base dilatata, color di paglia con l'apice 
più scuro. 

Trapani (Monts.j; Magnisi (Tiberi, Monts.); Mondello (Brugnone). 

130. 'S". amabilis, Monts.— En. e Sin., p. 27 (Med. e Adr.). 
= Bissoa pulcherrima, (non Jeffreys) auct. 

Trapani (Brugnone e Monts.); Arenella, Mondello (Monts.); Livorno (Caifassi); 
Alger (Joly). Anche di Celte (coli. Monts.). 

131. S. Alleryana, Arad. e Ben. {Rlssoa). — Condì, viv. mar., Sic. 1870, 
p. 211, t. 4, f. 11 dal tipo di Trapani). 

= R. ambigua, Grugnone.— Mise. Malac. 1873, p. 9, f. 14 (Trapani). 
Mondello e Carini [Monts.). 

Var. solidula, Monts.— En. e Sin., p. 27 (Trapani e Mondello); più solida 
ed opaca. 

132. S. limpida, Monls. (nov. sp.). 

Piccola, turrita, esile, ad anfratti discendenti, traspai-ente come il vetro, lim- 
pida, con due leggiere macchie verso l'apertura. 

Alger (Joly); coste di Provenza (Sollier); Ognina (Monts.). 

133. S? Messanensis , Seg. {lìissoa). — in Arad. e Ben., Condì, viv. mar. 
Sic. 1870, p. 31 (Porto di Messina, dal tipo). 



- 280 — 

Parvìsetia, Monts. {noo. sect.). 

Spira assai corta ; apice ottuso , bocca espansa e semihinare vista di profilo ; 
pcristoma patulescenle; senza perforazione né ombelico. 

VU. P. Scillae, Seg. {Rissoa]—hi Araci, e Ben., Condì, viv. mar. Sic. 1870 
p. 315, t. 5, f. 4 (Messina, dal tipo). 

= R. briUia, Tib. ms, (fossile di Pezzo in Calabria). 

Microsetia, Monts. (nov. sect.). 

Specie microscopiche , fulgide, fortemente colorale , [)er lo [)iii fasciale , senza 
ombelico. 

135. M. Cossurae, Cale. (Rissoa). — Mon. geu. Spir. e Succ. , Pai. 1841, 
p. 10 (Pantelleria). 

■j= B. fasciala, Req. — Coq. Corse 184S, p. 56 (Ajaccio). 
= R. Joenia, Amato /. Benoit (Catania). 
= R. fasciata, Caruana (Malta\ 

= 5'e/w Cos.9i«/'ae, Brus., che cita il nome ms. di R. vexillaia (Dalmazia) 
Le fasce che la caratterizzano sono alle volle più larghe ed in minor numero. 
Varie località Siciliane. 

i'MS. M. micro.iicirica, Seg. (fiissoa) — in Arad. e Ben. CoiK-h. viv. mar. 
Sic. 1870, p. ;il4, t. 5, f. 3 (Messina). 

Difrerisce per le proporzioni dalla M. Cossurae. 

137. M. fal'jida, Adams {Helix falgidus) Bri!. 

— R. falfjida, .lefi'r.— Bnt. Condì. IV, p. 43 e V, I. ('.8, f. (i (l^ril.). 

= S, fulgida, Brus., die cita il nome di R. alomns ms. (Dalmazia). 
^'ar. pallida, .Jefi'r. (Bril.). 
Tipo e var. Med. e Adr. 

138. M. caciaia, Monts. (nov. forma). 

Simile alla M, fulgida, \ar. pallida, ma più grande, non cosi fulgida e [liù 
trasparente. 

Ognimi, nella Corallina (Monts.). 

139. M. ochroleuca, Brus. (5e^w]— Journ. C^iL'livl. 1800, p. 247 (Dalmazia). 
Messina (Granata); S. Vito (Brngnone). Qualernaiio di xMelazzo (Seguenza). 



281 — 



Pseudosetìa, Monls. (nor. gen.f). 

Le seguenti liamio la forma di una vera Setia, ma abitano le zone profonde 
e le conchiglie hanno altra sostanza. 

140, P. turgida, Jeffr. {Rissoa)—Xm\. and Mag. Nat. Hist., June 1870, p. 8 
(Dròbak and Vallo, da 40 a 100 fts.). 

= R. soluta, (non Ph.) var. laevis, M. Sars (Norvegia). 
= B. obtusispira, Seg. ms. (foss. Siciliano e Calabrese). 
= R. ohlita, Tiberi ms. (foss. di Pezzo). 
Non M editerra nea . 

141. P. tumidula, G. 0. Sars {Cingula)-\. e, p. 174, t. 10, f. 2 (Nor- 
vegia). 

143. P. Ficatritiensis, Brugnone (/?/&-.S'Ofl!)— Mise. Malac, 2", 1870, p. 21 (dal 
tipo di Fiearazzi). 

143. P. macilenta, Monls. (Setia)— Ku. e Sin. p. 27 (Palermo da 20 a 250 
metri); Napoli, abissicola (Acton). 

In riassunto abbiamole seguenti dixisioni generiche : Zippora, Sabanea, Apicu- 
laria, Rissoa, Persephona, Alrania, Alvinia, Acinus, Acinopsis, Man^onia (1), 
Galeodina, Thapsia, Cingala., Cingulina {2) Cingilla, Onoha, Noduhift, Pisinna, 
Barleeia, Paludcsirina, LeacJiia, Peringiella , Setia, Parcisetia , Microsetia, 
Pseudosetia, alle quali si debbono aggiungere ligula e Ceratia e forse altre sud- 
divisioni. 

{contijiua). 



(1) =Flemin<iia, Jeffr.— Proc. Zool. Soc. Feb. 1884, p. 116. 

(2) Altra specie di questa suddivisione è la Rissoa concinnata, Jeffr. di Creta. 

Jl Naturalista Siciliano, Anno III. 36 



282 



STUDII SU PIANTE CRITICHE RARE NUOVE 

DELLA FLORA DI SIGILLA 



(Cont. V. Niim. pi-ec). 

Cirsium misilmerense Tìn. ined. Cesati, Passerini e Gibelli 
Compend. ti. Ital., p. 483. Nyman Conspectus fl. Eur., v. II, p. 406. 
C. lanceolatum P Ten. syll., p. 413; qiioad plantam ex Lucania? 

Caule firmo valido sparse arachnoideo -lanuginoso, siniplici v.Juxta apicem 
hreciter ramuloso-corymhoso , anthodiis 1-6 subcongestis ferente , foliis in- 
feriorihus (radicalihus) pinnatisectis, circumscriptione oblongis, costa valida 
{sed non prominente) percursis, utrinque angustiuscule alata, Jugis paucis 5 <§, 
laciniis hipartitis suhaequivalidis una simplici v. spinulis latere exteriore 
instructa, altera 2-3 flabellato -spinosa, omnibus nervibus a'assis nitidis aureis 
exquisite sulcatis , spinis validis (aureis) terminatis ; pagina inferiore in- 
dumento arachnoideo -fioccosa supra insignite/' longe strigosa , ad margines 
inflexa ^ ibique in parte superiore praesertim undique conspicue spinoso-ci- 
liosis; fòliis caulinis ad basin utrinque in lobulos spinosos vixdecurrentibus de- 
sinentibns, quoad formam infimis subsimilibus, valide spinosis, ad apicem satis 
diminutis; capitulis magnitudinis C. lanceolati basi bracteis cinctis, sessilibus 
persaepe 2-6 ad apicem caulis subcondensatis, bracteis minutis pedunculo abbre- 
viatissimo fulcrantibus, ampie campanulatis non umbilicatis, squaniis in spiris 
ai'ctissimis digestis, numerosissimis glabratis {intimis exceptis) subconformibus, 
angustissime linearibus subulatis rectis, extimis laxiuscule intricatis, basi vix 
dilatatis coriaceis fere inter se concretis , longu tradii virescentibus , sensim 
in spinam longam pulchre auream desinentibus, modice vulnerantibue; ftores 
rubri, achaenia non vidi. Herba elata, caule silicato sub indumento laxo rubri- 
da. Stirps quoad structuram foliuni radicalium inter C. Lobelii et C. ferocem 
media, quoad faciem et formam folium (superiorum praesertim) ob laciniam 
terminalem angustatam ac longe caiidatam fere C . italicum referens, quoad an~ 
ihodium valde ad C. lanceolatum accedens! 

In arvds argillosis secus margines toi-rentium alla Fiumara di Misilmeri al 
Mulino D. Cola. Ang. (Tin.), (M. L.). 

rio indicato le affinità di questa pianta; essa sta vicina al C. lanceolatum e 
per l'abito anche di più alla \ar.frmus di Presl, credei infatti daprincipio che C, 
misilmerense e C. firmus polessero rappresentare la stessa cosa , ma la specie 
di Presl a quanto pare non è che una forma del 6^. lanceolatum mentre que- 
sta specie del TiNEO è specie distintissima a cui forse debbe spettare il sinonimo 



— 283 — 

(li C. lanceolatum p di Tenore (Syllogo) dagli aiitodii glabri subiuvolucrati, dalle 
foglie canesceuti di sotto che il chiarissimo autore temoa a ritenere come specie di- 
stinta. Credei pure che a questa nostra specie dovesse spettare il sinonimo di C. 
Rosemi, ma piuttosto io ritengo che il Rosanl debba riferirsi alla var. firmum. 
(C. firmas Prese.) del C. lanceolatum. 

Cirsium lanceolatum Lin. Guss. fi. sic. syn., voi. II, p. 446 P y?/'- 
muin ToD. pi. sic. exicc. Cent., VI, N. 528 C.firmus Presl. del prag. 
Guss., I. e. 

Differt a typo, squamis anthodiis apice herbacoo fuscescente hreoisslme spinulosis 
fere innocuis, foliis radicalibus valide ac nitideque nervatis, profundius diaisis 
partitionibus rigidioribus ac magis divaricatis longeque spinescentibus. 

In arvis argillosis prope Palermo al Fiume Oreto M.L. 

Cirsium italicum D. C. Cat. IL Monsp. p. 9C. 

var. Jl. albis. 

In arvis argillosis in montosis Ficuzza M. L. 

Cirsium lucanicum Mihi. Gasparr. ined. in PI. sicc. ex Lucania. 

Caule pumilo simplici, foliis subtus niveo-incanis supra conspicue strigosis, 
pinnatisectis , infimis costa subtus nitida prominente percursis, stricte alata, 
segmentis lanceolatis indivisis sed utrinque lobulis spinosis instructis , lobo 
terminali angustato ac elongato (fere ut in C. italico) caulinis basi conspicue 
auriculato-palinato-dilatatis spinulosis (non excurrentibus ! ) condensatis et 
caulem dense vestientibus spinis adscendendo validioribus ac magis Jlavicanti bus, 
capitulo parco (in speciniine meo solitario) quoad formanx et magnitudineni 
/ere C. Lobclii (C. eriophorum cepJialis minoribus Ber-t, !j umbilicato sessile 
bracieis breoibus saffalto , squamis lana laxa involutis ex sicco fulois versus 
apicem virescentibus in spinam rectam mediocrem flavicantem desinentibus, Jìo- 
res rubri, achaenia non cidi. 

In Lucania (Gasp.) ex scbed. authent. (an C. Rosani)? 

Ho descritto questa specie in questa raccolta essendo molto distinta ed interes- 
sante, perchè mentre pei suoi caratteri dell'abito molto si avvicina al C. itali- 
cum, se ne allontana decisamente poi per lo indumento delle foglie, per la loro 
forma che sta vicino al vero C. Lobelii. I capitoli piccoli, umbilicati, ristretti al 
collo, rammentano ancora quest'ultima specie, ma la struttura delle squame è sin- 
golare, e se si tiene presente la serie degli altri caratteri riferiti, si rileverà di leg- 
gieri come questa specie non trova riscontro Ha le altre conosciute. 



284 — 



Herniaria empedocleana Mini. H. Fontanesii Mini (non Gay) in 
sched. (Sect. Tetrameraé). 

Pere, nnisundlque lìallidissime incano-velutina, indumento, partibusJloraUbus 
exceptcs, pilis albis densissinils, in caulibas praesertim satis elongatis subre- 
h'orsis, constante; r-amis e caudice basi crasse tignoso, tortuoso, nurnerosis- 
simis, intricatis, abbreviatis, infiniis rigide dioaricatis, intermediis satis elon- 
gatis, ftoralibus dense ci/mosi corynibulosisj foliis oppositis (non/asciculatis) 
infimis fere glabratis v. tantum papilloso-puberulis ellipticis ad basi vix at- 
tenuatis ad apicem cilio unico mucronulatis, cetustis saepe incolutis ad mar- 
gines, stipulis fuscis parvis breviter triangulis undique longe ciliosis,Jloribus 
numerosissimis g lomerulatis ; nec racemosis, nec spicato-glomeratis sed in cymis 
corymbulosis condensàtissimis , monoicis , tetrameris, calycis tubo pitis longis rec- 
tis aliis hamatis interniixtis hispido, laciniis valde inaequalibus ac dijformibus 
binis externis herbaceis carnosissimis, deltoideo-obooatis, angulatis e basi usque 
ad medium conspicue excaoatis pocali/orniibus, apici acatiusculis in /ossuta 
glabratis, interioribus membranaceis subpetaloideis margine albo-hyalinis in- 
Jlexo vix circumscriptis, ciliosis, coeterum glabratis albo-virescentibus, ovato- 
triangularibus, antheris magnis late elliptic's aureis, stylis rudimentariis. Sti- 
pulae in partibus junioribus breviter latissime triangulae valde ciliosae,folia 
suprema breviter obovata, crassiora, laciniae calycinae exacte decussatae. 

In aridis marnaceis mari fiiiitiinis cum Reaumuria vermiculata ac Statice 
Smithii, prope P01I0 Empedocle. Junio 1883. 

Avca dapprincipio ritenuta questa pianta la ff. Fontanesii o la H. hemistemon 
del gruppo delle Tetrameraé, ma un esame più attento mi svelò delle differenze 
con la descrizione del Gay (Duch. revue Bot. ann. 2, 1846-47, p 371). Qui in- 
fatti le foglie non sono fasciculate (caulibus pycnopliyllis Gay), mancano i rami 
sterili, i liori non possono dirsi in alcun modo « interrupte spicatis, » dubito poi 
che fossero ermafroditi, poiché non sono mai riuscito a distinguere chiaramente 
né un rigonfiamenlo del tubo calicino che accenni ad un o\ario perfetto, né i 
due lobi slilari. QuM che poi Gay dice delle lacinie calicine per la sua Fonta- 
nesii, non può addirittura applicarsi alla nostra pianta; nella Fontanesii, esse^ pa- 
ragonale le esterne alle interne, sono un poco più brevi e più ristrette poi stride 
erectis (?); ciò non basta a rilevare il carattere delle lacinie quali sono nella pianta 
in esame, ove bisogna notare la loro completa difforaiiui di struttura e di consi- 
stenza, le esterne essendo carnoso poculiformi , mentre le interne rappresaatano 
per la loro consistenza tenue e pel colorito, quasi un invoglio coroUino, Gay parla 
iniine dell'ulriculo, degli stili, delle loro proporzioni C3lle lacinie del calice, cosa 
vana qua, perchè a quanto pare i liori sono unisessuali. 



— 285 — 

Sinapis hispida Schousb. 5. alba Guss. pm parte. 

In ai'vis Siciliae ac in cnliis, saope gregaria. Montemag giare. 

Salvia Gussonei Ny.m. Cousp. FI. Eur. 5. candidissima Guss. pi-odr. 
fi. sic. suppL, p. 5 (non Vahl nec Hoffm. et Lk. S. patula Desf. 
S. argentea Guss. Svii. 11. sic, v. I, p. 22, non Lin. lieo Sibth. et 
Sm. 

Hei'ha tota longe densissime'/ ne (wgenteo -lanata, fuliis rosulatis, vadicalibus 
basi latissinie ocatis fere tantain latis quarn longis r. oix ohlongatis suheor- 
datis D. in petiolum attenuatis grosse irregulariter crenato-sinuatis laeviter 
lobatis, caidinis sessilibus oblongis^ sumnxis acute lanceolatis virescentibus ut 
raniis panicidae paiate viltosis glandaloso-viscosis , raniis (more gregis) ri- 
gide braehiatis, bracteis tate ovuiis acuminali^ sp inoso-arist alati s , catgcis lim- 
bi fere attingentibus ac futcrantibus , calgcibas campanalatis undique fa- 
tale ciliosis, sabaequaliter labiatis, laciniis labii superioris 2 tartia abortirà 
omnino obliterata o. ad apiculam inconspicuum reductuni , inferioris e bctsi 
minus concretis binis supremis sabconformibus , ocatis aristalato-spinescen- 
tibus, corolla niajuscula calyne 2-3plo longiora, galea maxima conspicae fal- 
cata, staminibus longe exscrtis, siglo in antJiesiin Jalcato dein vage flexo, co- 
rollani duplo ultraque superante. 

In aridis calcareis monlosis moridiem speclanlibus. Monte di Cammurata. 
Junio-Julio. 

Come GussoNE pel primo fece rilevare, quesla pianta è distinta dal'a vera specie 
Linneana ; almeno ])or quanto riguarda le piante della Spagna come quelle dei 
monli La Sagra (Willkonmi') di Casalabonela in arvis (Muter) ! a la Venta de 
la Cariota (Magnagut!) da me osservale. — In queste, la forma delle foglie è ob- 
longata e le sinuosità seguano quasi dei lobi, l'indumento è poco copioso, onde 
le foglie direbbonsi virescenti, sebbene superficialmente lanato-tloecose, le i)rattee 
riguardo alla loro dimensione relativamente a'I.i Inng'.ic'ZM dei fiori direbbonsi 
piccole , anche i calici in (pumto alla forma , ed alle propo.'zioni dei denti non 
concordano con quelli della pian a di Sicilia. La copia dell'indumento , la lun- 
ghezza dei peli ed il loro candore, a (jnesta piii elio a quella di Spagna farebbe 
spettare il nome di argentea. 

Avverto che nel confronto, ho solo tenuto presente i sag^à di ^\'^.LKOVI\I, poiché 
quelli di IIl'ter ha caratteri ben anormali che farebbero sospettare a qualche va- 
rietà forma insigne da distinguere dalla vera argentea. 

In (piesti tali prinr-ipnlniente, c'è da notare la grande cipia d'i fiori in ogni 
verticillo ed in compenso la loro tenne dimensione, addippiù la pelurie densa del 



— 286 — 

calice, i rami della pannocchia che clirebbonsi fastigiati quasi, e ceilo non bra- 
chiali come nel gruppo. Ho distinto questa forma col nome di var. brevijlora. 
La pianta del Gargano è del tutto identica alla pianta di Sicilia. 

Vida Seguenzae IIuet. exsicc. ex Sicilia ami. 1855, Cesati, Pas- 
serini e GiHELLi, Compcild., p. G80 (Inter species dubias rejecta) Ny- 
MAN, Conspect. fi. Eur., v. I, p. 205. 

Annua, glaherrlma , ramis numerosls (jvacillbas, debilihus, erecto-adscen- 
dentibus, laeciter angulatis, foliis injiinls bijugaiis cirrhosis, parouUs, follolis 
linearibus, successicis remote 3-6 Jagis,/oliolis angustisslnie linearibus, apicn- 
latis, petiolo gracili in cirrlio siinpUce desinente, stipalis paroulis linearibus su- 
bulatis basi auriculatis serrulatis, pedanculo mutico folio duplo ultraque supe- 
rante {6-7pollic.), paucifloro, Jlor. 5-7, secundis, calycibus cirescentibus, tubo 
obconico, labio super, basi subaequali truncato, dente infimo labii inferioris, bi- 
nis intermediis longiore, corolla pulchre roseo-violacea, legumine (immaturum) 
Lato lineare, apice attenuato, basi sigli breciter rostrato. 

In arvis cultisque Siciliae meridionalis prope Licata, alle Case della Palma. 
Aprili 1882 (M. L. !) 

Questa pianta è stata ritenuta un'ibrida della V. peregrina e della V. sicula; 
cosi leggesi nel Nyman. L'avvicinamento è molto esalto; infatti por le sue parti 
vegetative essa si assomiglia alla V. peregrina, mentre che per i fiori essa sia 
vicino alla V. sicula. Ma con quali crilerj si possa ritenere un prodotto ibrido, io 
non saprei dirlo invero. Dove io colsi questa j)ianta non c'era né l'una né l'altra dei 
supposti parenti. Ma slimo superfluo il contradire queste ipotesi. La nostra pianta 
è una distintissima specie per quanto rara, e circoscritta, almeno per quanto si- 
nora se ne sa, nella parte meridionale dell'Isola. 
{contimia) 

M. LOJACONO. 



— 287 — 

IL QUATERNARIO DI RIZZOLO 



(Cont. V. N. in-pc.). 
II. 

Gli Ostracodi. 
C. convoluta Brady. 

1868. Cythere convoluta G. S. Brady. Ann. and. Mag. Nat. Hiat., ser. 4 , 

voi. II, p. 182, tav. XII, fig. 3-4. 

1880. „ „ G. S. Brady. Rep. Challenger, p. 92, tav. XXII, 

fig. 3 a-d. 

I miei esemplari per la scultura rassomigliano molto meglio alle figure 
delle forme pescate dallo Challenger, taluni di essi sono di forma più al- 
lungata e rappresentano al certo gl'individui maschili. 

Vi rapporto ancora, ma con molto dubbio , una valva di forma cune.ita 
e di scultura un pò diversa, la quale può annettervisi a titolo di varietà, 
ma è probabilissimo che si debba separare alloraquando i rinvenimenti di 
altri individui saranno per dimostrare la costante diversità di tale Ct/tJiere. 

Noto ancora essere molto affine a questa specie la C. retiformis Terquem 
e che un accurato esame comparativo potrebbe farlo associare insieme. 

DlSTR. Gi:OGR. 

II tipo della specie è dall'isola Maurizio. — Pescata dallo Challenger a 
Tongatabu ed Honolulu. 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario inferiore di Rizzolo ! 

G. tarentina Bairl. 

1850. CytJiere tarentina Baird. Proc. Zool. soc. Ànnulosa , tav. XVIII, 

fig. 31-33. 
1868. „ „ Brady. Ann. and Mag. of Nat. Hist., pag. 220. 

1868. „ „ Brady. Les fonds de la mer, tom. I, pag. 89. 

1869. „ „ Brady. Ann. and Mag. ecc., pag. 45 e 46. 
1878. „ „ Brady. Transactious of the Zool. Soc, pag. 390, 

tav. LXIII, fig. la-ld. 



— 288 — 

I tenui e vitrei esemplari che si riferiscoiK» a questa specie rispondono 
bene esattamente ai viventi di vari luoghi del Mediterraneo. 

Variabili soltanto nello sviluppo e nel numero delle spine disuguali che 
ornano il inargine anteriore e la posteriore estremità, come anco nello svi- 
luppo della piega rilevata che cinge il margino ventrale e della spina nella 
quale essa costantemente si termina. 

DlSTR. GEOGR. 

In vari luoghi del Mcditerraneo.^Arcipclago Greco, Dardanelli ecc. 

DlSTU. STRAT. 

Crag di Antwerp — Quaternario di Rizzolo ! 

C. subtrigona Seg. 
Var. marginato-striata Seg. 

1880. Cijtìiere suhtrUjoìia Seg. Le form. tcrz. di Reggio, pag. 61,77, 125, 193, 

Tav. YIII, fig. 2; XII, fig. 6. 

Questa specie è legata alla precedente da un'affinità ben grande e sì ri- 
marclievole da far nascere il dubbio so non forse converrebbe meglio riu- 
nire ii;siomo le duo formo. Pure la mia specie un pò più allungata nella 
forma, con un largo margine , che cingo la regione anteriore e la poste- 
riore , sottilmente striato e fornito di numerosi denti, priva di spina alla 
ripiegatura lungo il margine venti-ale e colla superficie puntoggiatcì, fovee - 
lata ovvero reticolato-foveolat i par che si distingua bone. 

Molto affine a questa par che sia la C. cordiformis Terquein, nella quale 
par che manchi la piega rilevata presso il margine ventrale corno risulta 
e dalla descrizione e dalle figure, nel resto somiglia moltissimo alla mia. 

DlSTR. GEOGR. 

L'ho trovata vivente nel mare di Palermo. 

DlSTR. STRAT. 

La 6. suhtrigona comparisce in Calabria dal Langhiano ! e quindi si con- 
tinua nell'Elveziano ! nel Tortoniano ! sino allo Zancleano ! 
Trovasi comune nel Quaternario inferiore di Rizzolo ! 



— 289 — 

C. Jefireysii Brady. 

1868. Cythere Jeffreysii Brady. Monogr. Ree. Brith. Ostr., p. 412, tav. XXIX, 

fig. 51-55. 
1874. „ ^ Brady, Crosskey, Robertson, A. Monogr. post-tert. 

Entomostr. of Scotland, p. 156, tav. Ili, fig. 18-19 

Riferisco a quefSta specie una sola valva, la quale per la forma, per le 
dentellature, e por la scultura coriisponde esattamente. 

DlSTR. GEOGR. 

Gran Brettagna, Irlanda. 

DlSTK. STRAT. 

Inghilterra nel quaternario. — Rarissima Rizzolo ! 

C. latimarginata Speyer. 
Vàr. siculà n. 

1863. Cythere latimarginata Speyer. Die Ostrac. der Casseler Tertiiirbild., 

p. 22, tav. Ili, fig. 3 a-d. 
1865. „ abyssicola G. 0. Sars. Overs. Norg. mar. Ostrac, p. 43. 
1874. „ latiììiargiiiata Brady. Crosskey, Robertson Monogr. Post-terz. 

Entom. of. Scotland ecc., p. 163, tav. XVI 

fig. 6. 
1877. „ lallmarginata Brady. Trans, of the Zool. Soc. of London. 

pag. 389, tav. LXIY, fig. 8a-8d. 
I due individui che rapporto con sicurezza a questa specie , rispondono 
esattamente in quasi tutti i caratteri alla specie cui li riferisco. Il margine 
largo e rilevato si offre cinto di fine dentellature alle regioni^ anteriori e 
posteriore ; nel mezzo delle valve la sporgenza rotondata è poco distinta 
perchè poco prominente; il contorno della conchiglia tanto guardandola dai 
lati , come dal dorso e dalla regione ventrale rispondo quasi esattamente, 
ma la superficie è mancante di punteggiature ed inoltre lo spesso margine 
dal lato dorsale presso l'estrema regione posteriore offro due prominenze, 
che sporgono ai lati in forma di angoli pressoché rotti. 

Quest'ultimo carattere è veramente rimarchevole ed il solo che distingue 
la varietà siciliana. 

// Naturalista Siciliano, Anno III. ^^ 



— 290 — 

DlSTPw GEOGR. 



Norvegia e Shetland. 



DlSTR. STRAT. 

Mioceuo medio. Casscl — Crag- di Aut^Y0^p. Quatoniario iiif(jriore di Riz- 
zolo ! 

C Jonesii (Baii'd.)- 

1850. Cythereis Jonesii Baird. Bi-ìt. Entom., pag. 175, tav. XX, fig. 1. 

1852. Cythere ccratoiìtcra Bosquet. Entom. foss. tcrr. tort. Franco, p. 114, 

tav. VI, fig. 2. 
1856. Cythereis cornuta (giovane) Jones. Monogr. tort. Entom., p. 39, 

tav. IV, fig. 9. 
185G. Cythere ceratoptera Jones. Monogi-. tei-t. ent. , p. 39 , tav. IV , 

fig. 1. 

1862. Cythereis fimbriata Norman. Ann. Mag. N. H, ser. Ili, voi. IX, 

tav. Ili, fig. 9. 

1863. „ suhcoronata Speyer. Oslrac. Casseler Tertiiirbild., p. 38, 

tav. IV, fig. 9, 10. 
1865. „ „ Brady. Trans, zool. Soc. , voi. V, pag. 384, 

tav. LX. fig. 9 a-c. 
1865. „ spedahilis Sars. Overs. Norg. mar. Ostrac., p. 4G. 

1865. „ Jonesii Norman. Nat. Hist. Trans. Nortlmmberland and 

Durham, voi. I, pag. 21, tav. VII, fig. 5-8. 
1868. Cythere Jonesii Brady. Monogr, Hec. Brit. Ostrac, pag. 418, 

tav. XXX, fig. 13-16. 
1868. „ „ ai var. ceratoptera Brady, Les fonds de la mer 

voi. I, pag. 89, tav. XIV, fig. 5-6, 
1874. „ „ Brady. Crosskey and Robertson Monogr. post- 

tert. Entom. ecc., pag. 171, tav. XII, fig. 4-7. 
1878. „ „ Terquem. Foram. et Entom.-Ostrac, do Rho- 

des, pag. 86, 122 e 123, tav. XIX, fig. 12-13. 
1878. „ , „ Brady. Trans, of tlie zool. Soc, , pag. 395 , 

tav. LXVI, fig. 2a-2d. 
1880. „ ceratoptera Seguenza. Le form. terz. ecc., pag. 125, 290. 

Mi associo col signor Brady, riconosciuta la grande variabilità della C. 
Jonesii^ a riguardare siccome varietà di questa la C. ceratoptera. Difatti 
non possono assegnarsi limiti precisi tra queste due forme là dove esse 
sono comuni, come a Rizzolo. 



291 — 



DlSTR. GEOGR. 



Norvegia, Gran Brettagna, Baia di Biscaglia— Mediterraneo, Levante- 
Porto di Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Eoccno della Francia e del Belgio— Pliocene— Suffolk, Kodi, Calabria ! 
Quaternario— Inghilterra, Calabria! conuuio a Rizzolo ! 

[continua) q-. Sequenza. 



SUI PESCI DELLO STRETTO DI MESSINA 



VII. 
Del Krohnius filamentosus. 

Il Prof. Cocco in una lettera indirizzata ad Augusto Krohn di Livonìa 
Intorno ad alcuni nuovi pesci del mare di 3Iessiiìa (1) fece conoscere col 
nome di Krolinias filamentosus una forma singolarissima di pesciolino dona- 
togli da questo medesimo naturalista clic lo avea qui rinv^enuto. 

Esso ha il corpo allungato, compresso e nudo. La porzione anteriore che 
comprende il capo e l'addome è rotonda, col profilo superiore simile al pro- 
filo inferiore, più larga e molto più breve rispetto alla porzione caudale 
che va mano mano restringendosi e si protrae in un sottile e lunghissimo 
filamento. La bocca è terminale. Il mento porta un cirro. I raggi brancliio- 
steghi sono al numero di sei. Le fessure branchiali ampie. Esistono due 
pinne dorsali, di cui l'anteriore più alta nasce sulla nuca e si compone di 
pochi raggi, l'altra più bassa comincia ad una breve distanza dal termine 
della prima ed occupa tutto il dorso. Le pettorali sono anormalmente con- 
formate, poiché invece degli ordinari raggi risultano di un'espansione meni- 



ci) Giornale del Gabinetto letterario di Messina. Anno III, Tomo V, Fase. XXV, 
Gennaio e Febbraio 1844, pag. 21-30, tav. 2. 



— 292 — 

branosa discoidale, simile a paletta, sospesa dietro 1' arco omerale da una 
specie di peduncolo stretto. Le ventrali son giugulari, coi raggi molto pro- 
lungati in altrettanti filamenti. L'anale trae origine innanzi la dorsale po- 
steriore ed è lunga come questa. Mancano raggi spinosi in tutte le pinne. 

Tali essendo i principali tratti della sua esterna configurazione, il pesce 
di cui si parla viene naturalmente a collocarsi tra gli Anacantiìii, coi quali 
inoltre ha comune un altro importante carattere die è la mancanza di ca- 
nale pneumatico nella vescica natatoria. 

Cocco predetto nel suo citato opuscolo dice che il novello genere po- 
trebbe appartenere alla famiglia dei tenioidi di Cuvier, e a quella tribù che 
ha il muso corto e la bocca fossa obbliquamente. Nel suo Indice ittiolo/fico 
del ma)' di Messina (i) \o vegistvb invece tra' Gadidi nelli sottofamiglia dei 
Lotini del sistema di Bonaparte (Prodr. syst. icìitli.). Ma riguardo a questa 
ultima posizione fa osservare. " Ho per ori ascritto alla sottofamiglia dei 
Lotini il mio Krohnio, tuttavia non è improbabile cho dietro maturo esame 
esso possa costituire una sottofamiglia distinta die direbbesi de' Krohnini.,, 
Mentre però la classificazione del pesce nella famiglia dei Gadidi che fanno 
parte degli anacanthini nel sistema ittiologico di Gilnthor, potrebbe riuscire 
giusta, l'ulteriore e più speciale assegoamento del suo posto oggi non è più 
da ritenersi. 

C. Bonaparte (2) sospettando che fosse il giovine del Tradì >jpteras re- 
pandus Metaxà lo scrisse con segno d'interrogazione tra i sinonimi di questa 
specie. 

In febbraio del 1865 venne trovato un altro esemplare nel golfo di Na- 
poli e fu illustrato dal prof. Achille Costa in una nota ittiologica inserta 
nell'Annuario del Museo zoologico di Napoli (3). Esso è più grande di quello 
veduto primitivamente e misura 120 millimetri oltre al filamento in che si 
protrae l'estremo posteriore e die in so racchiude poco men di due volte 
la lunghezza del corpo. Questo filamento mancava in gran parte nell'esem- 
plare descritto da Cocco , facile coni' è a distrarsi por la sua sottigliezza. 
Costa nominato crede die il K. rappresenti lo stato immaturo di un'altra 
specie che dovrà appartenere ai Tenioidi, ma dissente dall'idea che possa 
riferirsi a qualclie Tradii/ pterus, perchè in individui giovanissimi di questo 



(1) Ms. 1816. In corso di pubblicaziono nel pi-esente periodico. 

(2) Catal. i-net. 1846. 

(3) Anno V, 1865, pag. 41-43. Osservaz. snl Kroiinins filainentosus e sullo svi- 
luppo della pinna cedale nei Trachypterus. 



— 293 — 

genere, usciti da pochi giorni dallo sfato di uovo, esistono già i caratteri 
propri, tra cui la presenza della pinna caudale, clie è assente nel K. non 
ostante esso sia in paragone molto di più sviluppato. Oltre a ciò fa osser- 
vare che noi K. i raggi della dorsale anteriore non si allungano in fila- 
menti, i quali nei piccoli Tracliypteri sono in proporzione del corpo lunghi 
come negli adulti, che mentre in quello esiste una lunga anale, questi in 
tutto ne mancano. A ciò puossi aggiungere la posizione differente dello ven- 
trali, che sono toraciche, cioè al di sotto delle pettorali nei TrarJujpteruSy 
e innanzi ad esse, ovvero giugulari nel K.; di più in questo la dorsale an- 
teriore nasce più in dietro, sulla nuca, e la pettorale è pure diversamente 
organizzata. Contro il sospetto dell' identità specifica del K. col Trachup- 
terus rcpaiidus emesso dal Bonapartc, sta poi, oltre alle notate diff'erenze, 
r osservazione fatta dallo stesso Costa di esemplari assai giovani di Tra- 
cJiypterus col profilo del ventre sinuoso e perciò con bastante ragione ri- 
feribili al repandus. 

Il prof. Cr. Canestrini trattando de' pesci della fauna d'Italia ha parlato 
del Krohnins in una annotazione alla famiglia degli Ofidini (1), sostenendo 
l'opinione del prof. Costa intorno alla sinonimia proposta dal Principe. Egli 
ritiene invece che il K. rappresenti lo stato giovanile di una specie 
appartenente agli Ofidini, specie che attualmente non sappiamo quale sia. 
Ma si può osservare in contrario che mentre in essi esiste un'unica dorsale, 
nel K. questa pinna offre una separata porzione anteriore. 

Carlo Emery (2) avendo rilevato una somiglianza fra taluni caratteri del 
Krohnins filamentosus e del Macrurus coeìoyJiijnclius emise l'idea che il 
primo dì questi duo pesci potesse essere la forma larvale dell' altro. Se- 
nonchè in altra sua pubblicazione (3) considerando la diversa posiziono della 
bocca che è infera noi Macraras^ mentre è terminale nel K. volle piuttosto 
rapportare questo pesce a qualche specie del genere Cor/jvìiaenoi'Iss o Mà- 
lacocepjhalus { Macrnridae\ ma più probabilmente di quest' ultimo, che non 
manca nel Mediterraneo, ed in cui le ventrali sono giugulari, anziché to- 
raciche come nel primo. 

Cotesta identificazione venne riporta'a dal D."" Dccio Vinciguerra in un 
suo lavoro bibliografico sulle omimetamorfosi de' pesci (4) nell' accennare 
lo ricerche del predetto Emery intorno a quest'argomento. 



(1) Fn. d'It. Parte HI, Pesci, pag. 102. 

(2) Note ittiologiclie, in Atti Soc. it. se. nat., voi. XXI, 1878. 

(3) Contrib. all'Ittiol , in Atti Accad. Lincei, Classe se. fis. voi. Ili, scr. Ili, 1870. 

(4) Bollelt. scientif. Ann. Il, u. 3, 1880. 



- 294 — 

In gennaio del 1882 io rinveniva in queste acque del Pelerò un pesce 
che per la propria struttura dìchiaravasi ovidontcraente come un tipo dei 
Macruridi. Ma ì suoi caratteri ben lo distinguevano da ogni altra specie 
conosciuta di questa famiglia , nò lo faceano entrare in alcuno dei generi 
in essi compresi. Pur non di meno, fatto un esame comparativo delle suo 
varie parti col Macrurus coelorìtr/iicJius, fui indotto a ritenerlo come larva 
di questo (1). Ignorando allora che il sig. Emery avesse modificato la sua 
primitiva opinione, secondo cui il A", dovca considerarsi il giovine del il7. 
coclonhijnclius^ dissi che tale opinione, dopo la scoverta di quel pesce, non 
era più ammissibile. 

Esso però era stato ritrovato prima di me dal prof. Giglioli , il quale 
mi scrivea di averlo pescato a grandi profonditcà sul Washington nell'agosto 
del 1881, credendolo allora il giovino del MalacocepJiahis laevis Sow.; ma 
dietro studi ulteriori e l'esame pratico di un Malacocephalus del ]Museo bri- 
tannico potò accertarsi che era specie diversa da questo e la chiamò Hy- 
menoce/pludus italkus. 

Addì 27 ottobre del 1882 ebbi un giovane esemplare di il/, caelorhijn- 
cìius^ lungo non pii!i che 58 millimetri , in tutto simile all' adulto. Questa 
scoperta mi ha fatto pensare che la supposta larva del M. ca^lorht/ncJms 
da me annunziata potesse invece appartenere a una specie diversa. Ma ri- 
cordandomi che in altri pesci soggetti a metamorfosi taluni individui indos- 
sano assai per tempo le ultimo divise, ancora non saprei essere abbastanza 
sicuro per dire se V Hi/inenocephalus debba ritenersi come una specie di- 
stinta oppure come una forma larvata di altra più grande, sia di Macrurus^ 
sia di Cort/phenoides^ che a simiglianza di esso hanno lo ventrali al di sotto 
delle pettorali. 

Ilo voluto riportare questi fatti per l'interesso che potrebbero avere nella 
questione del Krohnio. Imperciocché se questo pesce rappresenta una forma 
imperfetta di qualche tipo dei Macruridi , essa non sarà per certo di un 
Macrurus^ nò di un CoryphenoìdQs^ o doW ///jiìienocepììalas italiais. Ma quel 
che non parmi sicuro ò appunto lo ammettere che il A', sia una forma em- 
brionale, tuttocchè il lunghissimo filo della coda ed i raggi filamentosi delle 
ventrali sombrano indicarla. Ma non mancano forme adulte e ben definite 
provviste di simili prolungamenti, e qui bastami ricordare il Tracìit/pterus 
cristatus Bonelli (T. repandas Metaxàl , in cui i raggi della dorsale ante- 



(1) Bollett. scientif, Au. IV, n. 1, 1882. 



— 295 - 

riore e delle veutrali e qualche raggio della caudale sono considerevolmente 
allungati in delicati filamenti. 

Frattanto dopo le primitive descrizioni dateci dal Cocco e dal Costa, nes- 
suno avea più rinvenuto quel rarissimo pesce, talché ban poclii saranno i 
musei che possano vantarlo. Il Gilnther nel suo Catalogo non lo ha ripor- 
tato. Fortuna volle però che io ne ritrovassi due esemplari in queste acque, 
uno piccolo a 15 gennaio del 1883, altro più grande e meno incompleto 
a 21 marzo del presente anno. Ai principali caratteri della specie dianzi 
notati ora infine non sarà inutile aggiungere talune altre particolarità. 

11 profilo del capo, per la forma rotonda di questo, salisce rapidamente 
insino all'origino della dorsale anteriore, donde nell'esemplare più giovine 
discende con simile inclinazione fino alla radice della porzione ristretta del 
corpo, ma nel più grande si continua con quello del dorso in linea retta 
che va leggermente abbassandosi in dietro, sicché mentre nel primo forma 
un incavo dietro la nuca, questo manca nell'altro. Il taglio della bocca è 
obbliquo e giunge fin sotto al margine anteriore degli occhi. Le mascelle 
sono eguali, fornite di finissimi denti in una serie. Il margine superiore 
della bocca è formato dai mascellari superiori e dagl' iuframascellari. La 
lingua è corta. Le ossa articolari della mandibola non si toccano pei loro 
margini interni, sicché lasciano allo scoperto l'istmo pettorale. Il villo men- 
tale non è più lungo del diametro dell'occhio. Questo è mediocre , circo- 
lare, contiguo al profilo, eguale alla distanza che lo divide dall' estremità 
del muso, e poco più grande dello spazio interorbitario. Il preopercolo si 
inarca leggermente ed è poco obbliquo. L'opercolo è di forma triangolare 
ed offre due coste, di cui una si dirige verso l'angolo posteriore , 1' altra 
verso l'apice ove si prolunga in una spina che sporge esteriormente. Il 
subopercolo è allungato. L' interopercolo è pure un poco più lungo che 
largo. La membrana brauchiostega è parzialmente attaccata all'istmo e i 
suoi raggi andando verso l'esterno fanuosi più lunghi. Le fessure bran- 
chiali sono ampie. Gli archi dello stesso nome al numero di quattro per 
lato. La dorsale anteriore nasco in direzione della radice del peduncolo 
delle pettorali e contiene circa 8 raggi, di cui il 1° è più lungo degli al- 
tri. La posteriore è molto più bassa e dista dal termine della prima per 
circa due diametri dell'occhio ; i suoi primi raggi sono assai brevi e diffi- 
cili a vedersi. Perciò nella figura data da A. Costa questo spazio è rap- 
presentato molto più grande di quanto in vero non sia. Le pettorali s' in- 
seriscono un poco al di sotto dell'angolo superiore dell'apertura delle bran- 
chie. Il tessuto del loro peduncolo e del disco in cui si allargano è mollC) 
biancastro. Questo poi viene ingrandito da una zona periferica a guis.i di 



— 296 - 

frangia, più sottile, trasparente , la quale veduta al microscopio risulta di 
numerosi e delicatissimi raggi, simili a quelli che formano la prima adi- 
posa degli Stenioptichidi e Scopelidi. Un altro caso di simile organizza- 
zione delle pettorali fu da me incontrata in alcuni pleuronetti di sim- 
metrici spettanti al genere Felorki di Cocco , nei quali però esse man- 
cano di peduncolo. Le ventrali , per la posizione delle polvi sos-pese alle 
ossa della spalla, s'inseriscono sotto la gola. L'anale nasco in direzione del 
termine della dorsale anteriore , e quindi innanzi 1' angolo che forma la 
parte anteriore allargata del corpo con quella ristretta che seguita. I suoi 
primi raggi compresi fino a quest'angolo , sembrano formare una porzione 
di pinna separata a causa del profilo incurvo del ventre, ma tra essa e i 
primi raggi seguenti non esiste intervallo. Questa pinna è più alta della dor- 
sale corrispondente. L'ano è un orificio rotondo posto nel mezzo della breve 
distanza che corre tra la base delle ventrali e il principio dell'anale. 

I visceri addominali presentano le seguenti disposizioni. L'esofago è un 
tubo stretto che si dirigo in basso piuttosto che indietro e si attacca ad un 
piccolo cul-di-sacco globuloso o stomaco come la canula al corpo di una 
pipa. L'orifizio pilorico si trova sul lato ventrale, circondato da una quin- 
dicina di piccole appendici cieche. Segue l'intestino , breve , piegato una 
volta. Il fegato è diviso in due porzioni quasi di uguale grossezza , poste 
8U ciascun lato del ventre. Evvi una vescica natatoria piriforme. 

II 'peritoneo delle pareti dell'addome è nerastro sul lato dorsale, argen- 
tino con punti neri sui lati. Il contorno pupillare dell'iride dorato. Dietro 
la pettorale vi è una gran macchia nerastra irregolare, formata dalla riu- 
nione di piccioli punti che più radi vedonsi sul capo. La base di ciascun 
raggio anale è segnata da un punto nero. La porzione ristretta del corpo 
è bianca trasparente. 

D."" Luigi Facciola'. 

Messina, 12 Aprile, 1884. 



— 297 - 

SUR LA NYCHIODES RAGUSARIA MILL. 



A propos de la Kjjchiodes nouvelle de Sicile décrite par M/ Millière 
dans le Naturalista Siciliano , 1884 page 196 , je rappellerai quo j' avaÌ8 
déjà signalé, ea Sicile, il y a uq pcu plus de vingt aniiées une Nycìiiodes 
qui, si elle n'est pas la nieme que celle dont parie notre honorable collègue, 
doit en étre du moins très-voisine. Voici en effet ce qu'on peut lire dans 
un travail sur les Lépidoptères de la Sicile que j'ai publié dans les An- 
nales de la Societé Entomologique de Fraiice (an. 1860, page 700): " Ny- 
chiodes Lividaria Hubn. Var.? j'ai pris dans les Madonie, au commencoment 
" de juillet , sur une montagne élevée et dépourvue de grands vógétaux , 
" un individu femelle beaucoup plus grand que toutes les Lmdaria que 
"j'ai vues. Aux ailes supérieures la ligne basilaire a disparu , et il ne 
" reste plus que quelques vestiges de la coudce. Les mémes ailes ont sur 
" le disque une grande tacile fauve très fondue. Jo regrette de n'avoir pu 
" observer qu' un seul exemplaire , car cette Geometre pourrait peut étre 
" constituer une nouvelle cspèce. „ 

M/ Minière a omis de faire connàitre quel est le vegetai dont se nourrit 
la Nycìiiodes qu'il décrit (1). D'après Guenée {siìecks general^ des Léjndoptères, 
tom. 9, page 221), et d' après mes propres observations la Nychìodes Li- 
vidaria qu'on trouverait jusqu'en Sibèrie, vit sur les Prnnus. 

Aux Entomologistes qui rèsident en Sicile de s'assurer si le genre Ny- 
cìiiodes Lèdèrer, qui, jusqu'à prèsent, ne rcnferme qu'une seule espèce, n'en 

contiendrait pas plusicurs en Sicile. 

Bellier de la Chavignerie. 



(1) Il signor Minière nulla poteva dii'ci della pianta sulla quale vive il bruco 
di questa nuova farfalla, visto che ebbe da me comunicato solamente l'insetto 
perfetto per determinarlo. 
Io nulla posso dirne , giaccliù il bruco mi fu regalato durante un' escursione 
sulle Madonie dal mio amico Failla^ che se lo trovò addosso, certamente caduto 
da un albero. Subjto incrisalidatosi mi diede questa Nychìodes della quale pos- 
siedo pure due femmine uguali a quella descritta dal Belliei-, e siccome sono an- 
che io dello stesso parere, mi propongo quanto prima d'illustrare i due sessi. 

Enrico Ragusa. 



298 - 



LEPIDOTTERI DRUOFAGI 



(Cout. V. Num. prec.)- 

179. Boarmia angularia Thb. — Staudinger, p. 165. 
Il bruco vive sui licheni delle querce? (Curò). 
Piemonte, Corsica, Sardegna. 

180. Boarmia crepuscularia S. V. — Staudinger, p. 165. 
Il bruco rinviensi sulle querce (Curò). 

Piemonte, Corsica. 

181. Dasydia obfuscata Wen-Zez — Milliòre, Icon. I, 10. 
Il bruco vive sul Q. sessiliflora (Milliéi'e). 

Alpi marittime. 

182. Halia gesticularia llbn. — Staudinger, p. 171. 

Il bruco ordinariamente vive sul Q. robur, trovasi anche sul Q. ilex (Mil- 

liére). 

Andalusia, 

183. Halia contaminaria Hbn. — Staudinger Cat., p. 171. 

Ha due apparizioni, il bruco si trova sul Q. rohur in maggio, giugno, e 

poi in settembre ed ottobre (Lefìtole). 

Boschi di Alzate, Piemonte, Toscana. 

Paras. VESPARio : Campoplex pugillator Grv., attacca molte specie di questo 

genere. 

184. Lythria Purpuraria Lnn. — Staudinger, p. 176. 

Il bruco vive sul Pohjgonum aciculare e sui Rwnex, pure qualche volta 
si è trovato sulla quercia. 
Padova, Parma, Venezia, Napoli. 

185. Cheimatobia Bramata Lnn. — Staudinger, p. 181. 
Il bruco in primavera vive sulle querce (Curò). 
Piemont*^, Parma, Sicilia. 

186. Cidaria Silerata Hfn. — Staudinger, p. 183. 

Il bruco in maggio e giugno vive sulle querce. 
Piemonte, Lombardia. 

187. Cidaria Dilutatata S. V.— Staudinger, p. 183. 

Il bruco è piuttosto polifago, trovasi m maggio e giugno sulle querce, sul 

faggio, e sui salici. 

Piemonte, ne' monti del lago di Como, Corsica. 

188. Cidaria Lapidata Hbn. — Staudinger, p. 192. 

Il bruco si nutre delle frondi del Q. ilex e saher (Curò). 
Nizzardo. 



— 299 — 

189. Eupithecia Irriguata Hbn.— Staudinoer, p. 193. 

Il bruco si nutrisce delle frondi del Qaercus (Curò). 
Piemonte, Dalmazia, Alpi, Corsica, Sardegna, Sicilia. 

190. Eupithecia Massiliata Mlir.— Staudinger, p. 196. 

Il bruco ordinariamente vive sulla Tamarix gallica, ma iu maggio e giu- 
gno si è trovato sulle frondi del Q. ilex , e Milliére 1' ha raccolto sul Q. 
suher e cocci/era. 
Marsiglia, non trovata in Italia. 

191. Eupithecia Peyerimhoffata Mllr. — Staudinger, p. 196. 

Il bruco si nutrisce delle frondi del Q cocci/era (Staudinger). 
Francia non trovata in ftalia. 

192. Eupithecia Cocciferata Mllr. — Staudinger, p, 199. 

a. V. semitinetaria Mb. 
Il bruco vive sul Q. cocci/era, ilex, e suher in aprile e maggio (Milliére). 
Il tipo nel Nizzardo, la varietà in Corsica. 

193. Eupithecia Abbreviata Stp. — Staudinger, p. 199. 

Il bruco vive sulle nuove frondi del Q. robiir (Milliére). 
Italia Centrale, Toscana. 

194. Eupithecia Dodoneata Gn.— Staudinger, p. 199. 

Il bruco si nutre del Q. robur, ed in giugno Milliére Tha trovato suWilex 
Nizzardo, Liguria, Corsica. 

E. Pyralidina. 

195. Agrotera Nemoralis Scp. — Staudinger, p. 214. 
Il bruco probabilmente vive sulle querce (Curò). 
Tutta Italia. 

196. Nephopteryx Spissicella Fbr. — Staudinger, p. 222. 
Il bruco vive sidle querce (Curò). 

Tutta Italia. 

197. Acrobasis Gonsociella Ilbn. — Staudinger, p. 226. 
Bruco sulle querce (Curò). 

Alpi marittime, Napoli, Sardegna. 

198. Acrobasis Sodalella ZÌI. — Staudinger, p. 226. 
Il bruco forse vive sulle querce (Curò). 

Nizza, Toscana. 

199. Acrobasis Tumidella Zk.— Staudinger, p. 226. 
Bruco sulle querce (Curò). 

Piemonte, Valtellina. 

200. Acrobasis Rubrotibiella Fbr.— Staudinger, p. 226. 
Bruco sulle querce (Curò). 

Toscana, Sardegna. 



— 300 — 

F. Tortricina. 

201. Teras Literana Lnn. — Staudinger, Cat., p. 223. 

Il bruco vive sullo querce (Curò), e la farfalla trovasi ne' boschetti di querce, 
anche Millière trovò i bruchi sulla quercia. 
Ita'ia e Sardegna. 

202. Teras Sponsana Fbr. — Staudinger, p, 234. 
Il bruco si trova sulla quercia (Curò). 
Toscana. 

203. Teras Ferrugana Tr. — Staudinger, p. 234.. 

Il bruco vive sulle querce (Curò), MilIiére lo trovò sul Q. r^obur , si nu- 
trisce anclie sulle betulle e sui faggi. 

Specie molto nociva, perchè lega con fili di seta le frondi recenti. 
Tutta Italia. 

204. Teras Quercinana ZÌI. — Staudinger, p. 235. 

Il bruco si nutrisce delle frondi delle querce (Curò). 
Brianza, Carniola, Toscana, Sardegna, Corsica. 

205. Tortrix Crataegana llbn. — Staudinger, p. 235. 

Il bruco è stato trovato sulla quercia, ed il sinonimo roberana Hbn. vive 
sul Q. robur. 

Francia non trovata in Italia. 
Paras. Vespar — Perilitas gracilis Rlz. 
20G. Tortrix Xylosteana Lnn. — Staudinger, p. 235. 

Il bruco vi\-e sulle frondi della quercia, lega le frondi, le rode, le guasta. 
Parma, Sardegna, Sicilia. 

207. Tortrix Corylana Fbr.— Staudingerj p. 236. 

Il bruco in maggio si nutrisce delle frondi di quercia (MilIiére) vive anche 

sull'avellano. 

Francia, non trovata in Italia. 

208. Tortrix Lecheana Lnn. — Staudinger, p. 236. 

Trovasi ne' boschi di querce , ed il bruco si nutrisce delle querce , olmi, 

aceri. 

Piemonte, boschi di Alzate in Lombardia. 

209. Tortrix Musculana Hbn. — Staudinger, p. 237. 
11 bruco vive sulle querce (Curò). 

Piemonte, Toscana. 

210. Tortrix Diversana IIl.)n. — Staudinger, p. 237. 
Bruco sullo ([uerce (Ciu'ò). 

Valle di ^^"ippacco in Toscana. 

211. Tortrix Loeffingiana Lnn.— Staudinger, p. 238. 
11 bruco si nutrisce delle frondi di quercia (Curò). 
Italia, Sardegna, Corsica. 

(continua) F. Mina Palumbo. 



Cenni Bibliografici 



11 signor A. do Pctzelii dà in apposito opuscolo pubblicato dalla Società 
zoul. botan. di Vienna unitamente al II volume (1883) i risultati dei viaggi 
fatti dal defunto Natterer negli anni 1817-1835 nel Brasile; esso contiene 
i mammali raccolti da esso, uno schizzo dell'itinerario ctc. 

Il D,'" Bolan descrive (Soc. zool. di Francoforte a. M. .1884) il Didiin- 
cuhis str'Kjirostvis^ il quale forma il passaggio dai colombi all'estinto Didus 
ineptits; esso trovasi alle isole Sunda, ma è gran pericolo doversi contare 
in non molto tempo tra le forme estinto ; Bolan dà anclie dei dati come 
questo colombo si comporta tenuto in prigionia. 

Dagli scritti della Società Ornitologica di Vienna (1884) abbiamo ad ac- 
cennare una lista di uccelli del Caucaso con note del D.'" Radde e de Pet- 
zeln , nella qual fauna trovansì rappresentanti di quella delP Europa cen- 
trale, del Mediterraneo, della Persia etc. ; poi troviamo annotazioni della 
signora Ulm-Erbach, nata Siebold; sull' allevamento del volatilo nel Giap- 
pone (galli con code mostruose, di 13 piedi in lunghezza, galli pugnaci, 
oche con un corno sul becco etc.) : poi il signor Kadich ci dà i risultati 
delle suo escursioni ornitologiche nelle alpi dell'Austria supcriore e alcuni 
dati sull'uccellagione della Frinrjilìa lìijrrhula. 11 signor Meyer riferisce su 
un Telino medius^ fomina, presa in Sassonia e il Prof. Csokor suWEpitJte- 
lioma contaglosnm che attacca il volatile. Di questo Tetr<U) , ritenuto, ma 
non constatato per un ibrido di T. tetrix e ura/jaUiis. ci dà osservazioni di 
alto interesse; il D.'' "VVurm nel Zool. Gast. (Scc. zool. di Prancoforte 1884) 
e il signor Gotz. (Soc. ornitologica) ha tentato di allevare questo ibrido. 
Il signor Schiavuzzi dà notizia d' un' Aìiat; hoscJuis ucciso presso Monfal- 



— 46 — 

cone, il quale non aveva il solito collare bianco e nemmeno il gozzo e il 
petto di color bruno castagno, ma invoce erano queste parti di color cinereo 
con strisce orizzontali più oscure; troviamo poi una lista di uccelli del Bel- 
gio , un'altra del mar Paeilico. Il Prof. Hayek ci dà la traduzione d'una 
notizia sull'origine del gallo domestico scritta da Cambrige Phillipi ecc. 

Quanto al I Congresso Internazionale Ornitologico che ebbe luogo qui 
a Yienua lo scorso aprile fu concliiuso : 

1. Che debbonsi estendere le stazioni per le osservazioni ornitologiche 
per tutto il mondo, prendendo per base quelle dell'Austro-Ungheria e Ger- 
mania, e a queste siano unito anche quanto possibile le osservazioni me- 
teorologiche e le fenologiche di piante ed animali; che devesi dare una 
enumerazione delle specie degli uccelli del proprio paese ecc. 

2. Quanto all'allevamento del volatile, debbonsi occupare razional- 
mente le rispettivo Società unitamente alle Società agrarie e che 1' istru- 
zione di tale allevamento venga introdotto nello scuole agrarie; che si fac- 
ciano ricerche nelle caverne ossifere della China sull'origine del gallo do- 
mestico ecc. 

3. Quanto alla protezione degli uccelli si stabilì solamente che la caccia, 
l'uccellagione , il commercio degli uccelli e delle rispettivo uova sia proi- 
bita durante la prima metà dell'anno, ma fu costituito un comitato, il quale 
abbia a fare ulteriori studj e nel venturo congresso abbia a daine i ri- 
sultati. 

L'esposizione degli uccelli era di grande importanza scientifica, così p.e. la 
collezione delle aquile (Aq. fulva e chrysados) del Conto Dzieduszy , la 
quale diede prove abbastantemente comprovate esser queste non due specie 
distinte, lìia formare il passaggio da una all'altra; poi nella collezione del Prof. 
Brusina (Museo di Zagrabia) trovaronsi fra molte altre interessanti delle ano- 
malie (1) (Cì/psdns apus, Si/lvia atricapiUa^ Passer domesticus ecc., albini, 
più un Pass<3r domesticus con un becco di pappagallo, un ibrido di Numida 
meleagris^ con Gallus domesticus ecc.), poi vi era una collezione della Nuova 
Guinea, Nuova Zelanda del D.'" Fischer, un'altra dell'Equador del Barone 
Gabriel, una del Caucaso di S. A. il Principe ereditario Rodolfo ecc. Tra 
gli uccelli viventi vi erano alcuni Vidua^ i soli che trovansi presentemente 
nel continente, alcune rare Hyphantornis, pappagalli, fagiani, moltissimi 
canarini ecc., questi a prezzi straordinari, da 80 a 100 fr.; ciufolotti (Fiing. 
pi/rnda) a 200-400 fr. ecc. 

Devesi far menziono d'un opuscolo " Schiitzofc die Insectcn und gebct 
den Yoegelfang frei; "Wien 1884 „ del P. Giovanni Salvadore, il quale dà 
a divedere che gli uccelli insettivori non portano i tanto vantati vantaggi, 



(1) Aiiomalion vou Vógclu ecc. (Società ornitologica Vienna 1883). 



_ 47 — 

essi divorano molto piìi insetti utili, che dannosi; molto più vantaggio da- 
rebbero gli insetti carnivori, i parassiti ecc., e sul proposito delle lagnanze 
che il numero degli uccelli si diminuisce in causa dell'uccellagione, il Sal- 
vadori comprova esser questa erronea; parla anche del Eoccolo non tanto 
dannoso quanto si crede ecc. Il Salvadori dà prove delle sne osservazioni 
fatte in campo e non al tavolino ecc. 

Il signor Fischer descrivo (Soc. zool. di Fraucoforte s. M. 1884) il Psa- 
modromus hispanicus Fitz., il quale abita le dune con poca vegetazione di 
piante spinose lungo il littorale mediterraneo della Francia meridionale. 
Il signor Fischer ci dà anche dettagli della vita di questo grazioso rettile, 
che egli tiene nel suo terrario. 

Il Prof. Laudois fa menzione (1. e.) d'un TrUoutaeniatas con 6 zampe; 
normali sono lo due anteriori e le due posteriori, ma dalla destra di queste 
ultime si sono sviluppato due altre, un pò più piccole (11 mm.) delle zampe 
normali (14 mm.); il piede anteriore anormale conta 5 dita, il posteriore 4. 

Il signor Gadeau de Nerville diede all'Accademia di scienze di Parigi 
(Rev. scientif. di Parigi, 12 gennajo 1884) la notizia che era stato pescato 
nell'alto mare presso Treport (Scine inf.) un'Orca rjladiator Gray {Delpliinus 
Orca Fab.) di 5, 50 m. in lunghezza, con 32 denti grandi a cono appiat- 
tito e un pò arcuati in ciascuna mandibola. 

Il signor Wajgel descrivo (Soc. zool. bot. di Vienna 1883) le due specie 
di Petromyzon , Pct Flanner e fiiivìatilis^ e viene al risultato che esami- 
nando la dentatura, ritenuta da molti quale carattere principale, come pure 
altri caratteri anatomici, non esservi alcuna differenza tra queste due specie, 
e che il fluviatilis è solo un individuo adulto del Planeri. 

Sulla fisiologia della vescica natatoria dei pesci tratta il signor Bieletzky 
negli scritti della Società di scienze naturali di Charkow (1883) in lingua 
russa. 

Il signor Miller Lud. descrive (Soc. zool. bot. di Vienna 1883) alcuni 
nuovi coleotteri della Grecia , così Bembidlum parnassicum affine al niti- 
diilum^ ApJiodiits flavipennis affine aWuhscuras^ PhyloUiis {Pseudoìnyllocenis) 
albidus, affine al sinuatas ecc. 

Il signor Kohl esaminando le collezioni degli Imenotteri nel Museo Im- 
periale di Vienna vi rinvenne molte specie non ancor determinate e che 
egli va descrivendo negli scritti della Soc. zool. botan. di Vienna (1883); 
fra questi sono : Arpadopliilus Steindacìmeri e Pisoìi pundidatum dell'Au- 
stralia, Notogonia deplanata del Ceylon, Palarus latifrons del Capo di Buona 
Speranza e vari altri. 

Il signor Chewirew dà (Soc. di se. nat. di Charkow 1883, in lingua russa), 
una semplice lista degli Imenotteri (ffymenoptera terebrantia) della Russia. 



— 48 - 

Il D.i' Krìeclibaumci' dopo aver fatte (Soc. di se. nat. di Regemburg 1884) 
alcune osservazioni sulla Perineura^ Toifìircdopsìs e Eholla ^ descrìvo la 
Tentìiredopsis semirufa Q e cf. 

9 abdomino rufo , segm. primo, basìq. secundi medio et ultimi nigris ; 
long. 8 ^2 mm., exp. al. 19 mm. 

cf abdomine rufo, basi apice nigro; long. 9 min., cxp. al. 17 mm. 

In caso che questi due fossero veramente nuove specie l'autore propone 
il nome di Tenthr. linibilahris alla Q, e di coufjluufjens' al cf. 

Dal D.'" Mòscliler abbiamo (Soc. zool. bot. di Yicnna 1883) una contri- 
buzione alla fauna dei lepidotteri della Caifreria ; tutte le specie enume- 
rate da Mòscliler furono raccolte nel giardino della stazione dei Missionarj 
a Baziya; trovansi descritti diversi nuovi generi {Maarilia^ Epissoìia, AIu- 
ra ecc. ), varie nuove s^eclo [Dio iiyclioiìus simills^ Alamis caffraria ecc.). 

Il signor Ragenliofcr dando (1. e") dei dati sulla vita del distinto Natu- 
ralista A. Marno, morto a Cliartum 1' anno scorso , vi dà anche la descri- 
zione di alcuni insetti scoperti da esso, così Colias Maiiioana n. sp., vicina 
alla Hiale^ Doratopteryx afra u. g., n. sp. ecc. 

Il signor Mick descrive (l. e) alcune nuove specie di Ditteri, così Do- 
casia moriondla dell'Austria superiore, Htjdfomyza Tlejii del Salisburghese, 
Onesta polita dell'Austria inferiore, Fahi'icia magnifica della Carintia. 

Il signor Jarochewsky dà (Soc. di se. nat. Charkow 1883J in lingua russa 
il 5° supplemento della sua enumerazione descrittiva dei Ditteri del go- 
verno di Charkow con dei dati sulla loro diffusione nella liussia europea. 
Troviamo fra le molte specie: Pagania lìij filosa^ Mditrophus formosus^ Mal- 
Iota cristalloideSj Gonia vacaa^ Brachichela spiaigcra ecc. 

Il Prof. liedtenbachcr consegnò all'Imp. Accademia di scienze di Vienna 
(1884) un suo lavoro, in cui dà un prospetto delle larve dei Myrmehonidi^ 
e vi descrivo alcune nuove forme. 

Il signor Jacovlow dà (Soc. Irap. dei Nat. di Mosca 1884) una enume- 
razione descrittiva degli Emittori della Russia (in lingua russa). 

Il Conte Keyserling (Soc. zool. bot. di Vienna 1883) continua a dare la 
enumerazione descrittiva degli Arachnidi dell'America; vi sono alcuni nuovi 
generi e sjtecie, così p. e. Bohrana (che si distingue per la total mancanza 
di pungiglioni), colla specie stnolata n. g., n. sp. , Eho laiitJiorax n. g. , 
n. sp. ecc. 

Il signor Norner descrive (1. e.) il (Jlieyletìius heteropalpus {Ch. parasi- 
^i'yoraxjdi Megnin, il quale acaro fa la caccia agli altri consimili, vivendo 
sulla pelle dei conigli^ esso distrugge il Listvophoras gihhus Pag.; esso tro- 
vasi però anche su colombi e su piccole specie della famiglia dei passeri. 

Nella seduta dell'Accademia di scienze di Parigi nel Dicembre 1883 (Rev. 



- 49 — 

scìenfc. di Parigi 5 gemi. 1884), fu data lettura d'un lavoro dei signori Me- 
gnin e Trouessait " sulla morfologia e classificazione dei Sarcoptidi phinii- 
coli. „ I detti autori dividono la sottofamiglia delle Analgesas in tre gruppi, 
in Fterocltideae, Analgcse.ae e FrodopliyUodeae^ ai quali si può aggiungerò 
un quarto gruppo , cioè quello delle Deinoglipheac per due generi che si 
distinguono dagli altri per la corazza dorsale per tutte le età e per le ven- 
toso copulatrici nel mascliio adulto. 

Le Pterolicheae sono Acari di forme robuste, i di cui masclii , talvolta, 
poco differenti dalla femmina, mostrano eccezionalmente una disugualità 
nello sviluppamento delle zampe posteriori. 

Le Analgeseae formano il prototipo della dotta sottofamiglia. I misohi 
sono rimarchevoli per V enorme sviluppo dello dut3 paja delle zampe po- 
steriori {Protalges) o solamente d'uno d'esse {Ftei-alopcs, Aiiaìges). In questi 
due gruppi le femmine adulte hanno sempre l'addome intiero, senza ap- 
pendice. 

Le ProciopJit/Uodeae hanno l'addome con duo prolungamenti conoiJei 
in forma di forca. 

Quanto alla sinonimia del Dermalklias Koch ; questo deve rimancra si- 
nonimo di Aìialges ; il nome di DimorpJius Hall., deve esser cangiato in 
Megninia Beri.; il nome di AUoptes Can. deve esser conservato per le specie, 
nelle quali il maschio ha il quarto pajo di zampe più sviluppato delle altre. 
Ali. crassipes Can. è la specie tipica. Si devono separare non solo i tipi 
dei generi Pscudcdloptes e Pteralloptcs, ma anche tutte le altre specie pa- 
rassite degli insetti descritti da Canestrini. 

Il Barone D."" Brasche descrive (Soc. zool. bot. di Vienna 1883) alcuni Ke- 
matodi rinvenuti nella Te.stmlo gracca; oìtvQ la Oxgris longicoUis Sch. e VA- 
tractìs dadylura Dy, trovansi anclie come specie nuove Oxyris iincinaia , 
robusta., dentata ecc. 

Il signor Weiss, dà (Soc. di st. naf. Isis di Dresda 1883 ) la lista dei mol- 
luschi rinvenuti nella Lusazia superiore meridionale; essendo questa loca- 
lità assai povera di strati calcari, sono perciò anche rare quelle specie che 
ne hanno bisogno di questo minerale. Fra lo specie di Helix trovansi : ne- 
moralis, liortensis., arbusto rum., Jiispida, ohvolata, ecc.; fra le Claitsdii : la- 
minata, plicatula., filograna., orthostoma, dahla ecc., poi Margaritana , 'ìuar- 
garitijera, Uiiio, ater e così via. 

Il signor Hesse descrive (Malac. Bl. di Clessin 1883) alcune Limacce di 
Tanger e di Gibilterra, così Par macella Valenciemiesl, Limax paìwnuitaiìn.-^ 
V. Poìisomhgl Hesse, non molto differente dalla rispettiva specie tipica, Arion 
Moreleti, \d. Far macella calgculata menzionata da Kobelt, viene ritenuta dol 
Hesse per una Farm. Valcncicnììcsi, ecc. 



-so- 
li signor Friedel dà (1. c.j i risultati delle sue ricerclic malacologìche 
fatte nella Prussia occidentale e nella orientale; troviamo menzionati tra 
le molte : LtjtìioglopJtìis Nalicoidcs, Dreyssena iiolijmorpha^ Helix nemoralis 
di color giallo, rossastro e biancastro con 1 e con 5 fasce, Vivipara vera ecc., 
e alla spiaggia del mare Baltico ; Tellina baltica^ Mya truncata ecc. Fos- 
sili furono trovati : Paludina cUlaviana^ caratteristica pel Diluvium inferiore 
d'una gran parte della Germania settentrionale, Ostrea Jiippopu.^^ Scrohicn- 
laria inperata^ \ix. c{VLix\(ì trovasi vivente ancora alla spiaggia del Baltico nel 
Meklenburg. Nella Prussia orientale merita essere oltre ciò menzionata 
anche l'ambra, la quale trovasi talora in pezzi vistosi, framm'sti con fram- 
menti di Fucus vesiculosus^ Finus sylvestris, con conchiglie Bythinia, Neri- 
tiìia, Vnlvata, Drei/ssena, Balamis ecc., con foraminiferi, diatomee, anche 
colla Glauconite, una terra bleu verdastra, nella quale trovansi impastate : 
Ostraca, Pcctuncnlus\ Spondijtas ecc. 

Jl signor Hazay descrive (1. e.) le differenze anatomiche della Limax 
trans yìvaìdca e della L. Schivàbi e viene a constatare non essere identiche 
questo due spcicie, come ritiene il signor Heynemann, Il signor Hazay dà 
poi anche i risultati dei suoi studj sulle Limacce del gruppo Gulnaria 
Leach., nominatamente sulla differenza ed incostanza delle forme della con- 
chiglia, sui caratteri anaiomici ecc., e descrive Gulnaria auricnlaria^ ovata^ 
come le trasformazioni delle forme della conchiglia, dando le rispettive fi- 
gure. 

Il signor Ulieny descrive (1. e.) una nuova specie di Helix della Moravia, 
Helix Clessinij ritenuta per lo passato per una traussylvanica, e ne dà i ca- 
ratteri distintivi così anche della N. salaria , della H. Liihoniirski Slos. , 
colle quali essa ha qualche affinità. 

La fauna della profondità delle coste della Sahara, del Senegal, dell'isola 
di Capo Verde contiene un certo numero di molluschi , i quali nei mari 
artici ( p. e. Finmarca) sono comuni e la di cui distribuzione geografica deve 
essere assai grande. Il signor Fischer dà alcuni esempj : Fasus islandicus 
dell'Irlanda e della Finmarka , trovasi anche nelle grandi profondità del 
golfo di Guascogna e anche in vicinanza di Capo Cantin Scapìtander 
puncto-striatus della Finmarca e del Nord dell'America, vive anche nei 
mari profondi (Golfo di Guascogna), poi lungo tutta la costa dell'Africa sino 
al Senegal (1139-2215 m.j. 

La gigantesca Litna excavala^ era nota sino adesso solo alle coste della 
Scandinavia, ora fu trovata viva anche nel Sud del Capo Bajador; fossile 
la si trova in Sicilia. 

Fecten scptemradiatns^ specie comune in Vardò, trovasi in diverse profondità 
sino al Capo Bajador ecc. Unitamente a queste specie furono rinvenuti ancora 



— 51 - 

molti altri molluschi [Fasus, Margiìiella^ Corhiila, Natica, Trocìius, ecc.), non co- 
nosciuti sino adesso uell'Atlantico settentrionale. È cosa singolare che i limiti 
delle loro profondità vanno crescendo quanto si va avvicinando all'Equatore; 
così p.e. il detto Scaphander nella Scandinavia trovasi in una profondità di 20 
a 250 tese, e al Capo Ghir di 2200 m.; la Neaera arctica vive in Yadsò in una 
profondità di 60 a 100 teso, al Capo Ghir di 2075 m. e alle Azere di 2994 m., 
da ciò ne segue che sulla distribuzione degli animali marini influisce molto 
più la temperatura dell'acqua di quello che l'intensità della luce ecc. 

Di sommo interesse sono i risultati degli studj che ha fatto il signor Fi- 
scher sulla fauna della profondità dei mari subtropicali (Compi, rend. T. 97, 
1883). Assai grande ne è la differenza della fauna della superficie da quella 
della profondità dei mari dell'Africa subtropicale, diversi sono i generi, e 
se i resti di queste forme, le quali appartengono alle stesse epoche, si tro- 
vassero in istato fossile, si potrebbe ritenerle come appartenenti a due di- 
versi periodi o a due mari disgiunti l'uno dall'altro. 

Il D."" Marenzeller dà (Imp. Accad. di se. di Vienna 1884) osservazioni 
critiche sulle 33 specie di TerehelU [Amfitnti) dell' Adriatico e del Medi- 
terraneo, dallo quali si desume che tutte le specie degli autori più recenti 
erano di già conosciute, escluse due, da Linneo, Pallas, Fabricius, llisso, 
Dello Chiaje, Mùller e MarenzcUer ne può coustature solamente 13 specie, 
delle quali, ne dà la lista. Di queste 13 specie sono forme specifiche del 
Mediterraneo : Ampìdtrite varìabilìs e riihra^ Pista cretacea e Thelepus tri- 
senalis^ le altre tutte vivono anche nell'Oceano atlantico : Terebella Ihiou- 
lata Graube appartiene alle TylchobranchitUe ed ò la stessa specie che Bo- 
bretzky e Marion descrissero sotto il nome di Octohranclnis Giardl e perciò 
ò a nominarsi Octohranchus Vingidatìis. 

Il signor Dybowsky dà (Soc. di se. nat. di Chaikow 1883) una nota sulle 
Spongille della Eussia meridionale, descrive Mayenia fiuviatilis Auct., Do- 
silia Stepanowi n. sp. e per confronto anche Dos. Baile/ji Cart. di Nuova 
York con rispettive figure. 

Il signor Solla dà (Soo. zool. bot. di Vienna 1883j uno schizzo della ve- 
getazione del Testaceo di Roma. Fa menzione deWAlUaìii sìihìiirsutuìn, Cro- 
cus suaceoleìis^ Anemone hoìfensis^ TrifoUiim suhterraneum^ Oplirys enthredi- 
niferaj aranifera, Hedjpnois ihagadioloides ecc.; dà anclic le dimensioni di 
grandezza di alcune pianto, così p. e. Bunias eracago (3-5 dm.), Enphorliia 
peplas (1-3 dm.), Ramex bucqìkalopJiora (1-3 dm.") ecc., così puro dà una li- 
sta delle piante secondo la stagione della loro fioritura ecc. 

Il signor L. Vucotinovic dà in lingua croata (Acc. di se. di Zagrabia 1883) 
un prospetto delle querce che si trovano nel circondario di Zagreb (Agram.). 
Sono 47 specie divise in : 



— 52 — 

I. Qnercits imhescentes. 

a) fructibus sessilibus (Q. laimginosa, susedana, iiyramidata^ Borhasii^ 
Filari ecc. 

V) fructibus pedicellatis {Q. ilici/olia, Wormastinv^ Streimii. 
II. Querciis montanae. 

a) fructibus sessilibus {Q. angulata^ lancifoUa ecc. 
h) fructibus pedicellatis (Q. castanoides, columharia e stipitata. 
III. Quercus lucorum (Q. peduncìdata colle varietà : microcarpa , macro- 
phylla e cuueifoìia^ Ettingeri, aurata, fitipendida colla var. flaccida. 

I principali caratteri su cui sono basato le dotte specie sono le foglie, 
i frutti e la cupula. 

II signor Vucotinovic ci dà (1. e. 1884) anche una lista descrittiva delle 
Rose, le quali allignano noi dintorni di Zagrabia e nel littorale Croatico e 
ci dà su questo alcune osservazioni, cosi esser R. gcdlim e austriaca iden- 
tiche, lo diverse modificazioni che alcuno offrono essere per lo più locali; 
R. gallica offrire molti ibridi colla R. arvensis v. repens , ove queste due 
piante vivono insieme frammiste o anche a qualche lontananza; le Ross 
canine sembrano recedere dalle Roso d'altre regioni, ciò però Tautoro ascrive 
principalmente al suolo e al clima; meritano menzione la R. gcntilis , la 
R. haìsamea che Vucotinovic ritiene una R. croaHca, la rara R. Tucotino- 
vicli ecc. 

Noi troviamo descritte : 
I. Sgnstilac : Rosa haldensis Kcrn., colla var. atrata Christ,. conspiciia 
Barb. ecc. 

II. Gaìlicanae : R. scsj^/nciis/s Bovb. et Vuc. , ogidensis 1). et V. , h//- 
hrida graci.leuta Ync. {ansti-iacaxai'v:'ìisis), .^-tthìììissa Vuc., {galIicaXrepeus.), 
Vucotinovicii Borb. 

III. Caninae: R. syntricliistyla Rip. , damai is Bechst. , laxijolia Borb., 
siiìjìiispida Vuc. ecc. 

IV. Ruhigiìiosae: R. scìdosseii Vuc, zagrahir.nsi.'i Br, et V uc. ecc. 

V. Cinnamomcac : R. balsamea Kit., geniilis Stcrub., Incida Elirli ecc. 

VI. rimpinellijoìia : R. pimpinellifolia L., spinosissiìiia L. (nelle quali due 
l'autore non trova differenza alcuna, eccetto che la prima ha fiori rossi, e 
la seconda fiori bianclii). Ripartii D. ecc. 

Il signor j\lìilhier descrive (Soc. zoo!, hot. di Vienna 1888) alcune piante 
ibride nuovo per la fiora deirAustriu, così Curdiuis crispusxdefloratns Hall. 
--C- JIuriti'iì^vu^g. e Cardaas dcfloratusy per sonata^ Mich.=C. persoiiatas 
Xdefloratus Greu.— C. Ndcgeli Brugg., o poi auchc Verhascam thapsasXid- 
gru)n=r.V. collinum Schrad. 

Il signor Ilakel presentò all' Imp. Accademia di scienze (Vienna 1881) 
un suo lavoro " Gramina nova voi minus nota. „ 



— 53 — 

Il Prof. Reicliardt descrive (Soc. zool. bot. di Vienna 1883) quattro nuove 
specie di piante raccolte dall'ambasciatore signor Ad. Vambagen, nel Bra- 
sile, cioè : Lippia {Rhodocnemis) marruhiifolia affine alla hederaefolia^ Leii- 
cothae Varnhageniana affine alla crassi/olia, Ocimum formigense vicino al 
carnosum, Myrcia cardiophylla vicino alla superha. 

Il Prof. Willkora dà nel periodico della Società d'orticoltura di Vienna 1884 
uno schizzo della vegetazione del Portogallo e rimarca constare questa per 
lo più di piante introdotte sì a tempi preistorici che istorici da altri paesi, 
dalle Azere , da Madeira per mezzo di uccelli , da venti ecc. Le più ri- 
marchevoli piante sono fra altre: Davallla canariensis, una felce che vive 
sul Querciis sidj&r ^ Cerasus lusitanka con foglie coriacee come quelle del 
Lauriis Laurocerasus ^ Myrica faya delle Azere, Rliododendron ponticum ^ 
Amaryllis belladonna^ Oompliocarpus Jriiticosus , Aloe , Agave , Opuntia ed 
altre che si sono acclimatizzate. La vegetazione del Portogallo rappresenta 
un passaggio dalla flora dell'Europa centrale a quella del Mediterraneo e 
ciò trovasi principalmente nelle provincie settentrionali, ove vegetano : Quer- 
cus to2'2:a^ Castanea vesca^ Bhamnus frangula, Arhutus iinedo, Ilex aquifo- 
lium ecc. Nei giardini e parchi di Lisbona, Coimbra, Cintra e Oporto al- 
lignano vigorosamente piante di ogni paese e zona. Camelia^ TJiea cliinensis 
Cnhaea spedai) ilis , Livistona cliinense ^ Catalpa syringaefolia , Cedrus dea- 
dora ecc. 

Il Prof. Willkom ci dà (1. e.) anche dati sul Conophallus (Amorpho- 
phalliis) titanum con un fiore il più grande che porti una pianta su questa 
terra, il fiore pesa da 6 a 8 kilogr.; esso parla anche sul Neliimhium spe- 
ciosum. 

La firma Damman in Portici raccoglie semi di piante che crescono spon- 
tanee in Italia, le coltiva nel suo Stabilimento orticolo, le coltiva e poi le 
manda in grandi masse all' estero. Damman descrive (con figura) quattro 
orchidee (Gartenflora 1884) : Serapias cordigera L. , la più singolare e di 
colore più oscuro delle Orchidee europee : Aceras anthropopìiora R. , una 
orchidea elegante e assai interessante ; Orcliis longicrurìs Link. , var. fol. 
macidatis Syn. (0. undulatifolia Biv.) di Sorrento, una delle più belle Or- 
tóidee dell'Italia e d'una forma non mai stata osservata, né descritta sino 
adesso; Orc/iispanci^ora Ten. dei monti napoletani, di rara bellezza. Dam- 
man dà il metodo di coltivazione e raccomanda dette orchidee, con molte 
altre, a voler coltivarle in giardini. 

S. Ecc. Hegel, il Direttore della Gartenflora, aggiunge : crescere V Aceras 
anthropopìiora anche al Reno, le altre tre orchidee doversi coltivare in Ger- 
mania e in Russia in vaso e in serra fredda. 

Il signor Schiller dà (Soc. di se. nat. Isis di Dresda 1883) la lista dei 



— 54 — 

muscliì che si trovano nelle lande di Dresda, sono 8 specie di muschi fron- 
dosi, 24 Epatiche e 7 Sphagni. 

Le più interessanti specie sono Gymìiostomm tenue^ Encalypta ciliata, ^iyp- 
nmn crista castrensis, Hyp. molhiscum, Fissidens incuruus, Liochlaina lan- 
ceolata ecc. 

Il Prof. Reinsch esaminando microscopicamente alcune monete (d'argento, 
di ramo e di bronzo) da più anni in corso vi trovò nelle incrostazioni e 
nei sedimenti della loro superficie, numerosi Batterii e anche delle Alghe 
unicellulari; così dello forme di Oscillaria, Spirillum^ Viàrio e di Micrococci^ 
poi un pìccolissimo Chrococciis ed un'altra alga affine ad una Palmella (Pleu- 
rococcus vulgaris). Su monete di data più recente sono più numerose i Bat- 
terii, di quello che le alghe, e questi organismi sono a riguardarsi quale 
causa partecipante dell'erosione sulla superficie delle dette monete. Reinsch 
dà poi (flora di Ratisbona 1884), la diagnosi del Crocococcus monetarnm Sp. 
e del Pleurococcus monetarum Sp. 

Neil' Annuario botanico (1883_) pubblicato a Klauseaburg in lingua un- 
gherese dal Prof. D/ Kanitz troviamo alcune notizie di alto interesse, ma 
noi possiamo far conoscere solo alcune; così quella del Prof. Kanitz stesso 
s\i\V Anemone angulosa Lam. , dando dettagli per dichiarare esser questa 
V An. transsylvanica di Fuss. ; cita anche l'opinione del Prof. Roeper , il 
quale riporta la descrizione della An. angulosa di Lamark stesso, nella quale 
trovasi "-fen conserve deshrins dans moH herhier „ questi 5ri^25 però, dice Roe- 
per, sono tutt'altro che d'Anemone, sono piuttosto hrìns di Cortusa Mathioli; 
Roeper a suo tempo scrisse sull'etichetta, " Creatores hujus species sunt. : 
Lamarckius illustris , errar hunianus et confiisio mirahilis. Kanitz cita poi 
anche Schur ecc. Schaarschmidt dà l'elenco delle alghe ritrovate nella Serbia- 
Bosnia; poi d scrive un nuovo Phlyctidiwn Haynaldi rinvenuto nell'Orto 
botanico di Klauseaburgo sniV UlotrìcJiis zonata e che è affine al Ph. ma- 
millatum e al siihangulosum. 

Il D.*" Simkovics descrive una nuova Quercus Haynaldiana di Deva nella 
Transilvania; le foglie somigliano a quelle della Q. conferta , la corteccia 
a quella del Q. cerris ecc., poi descrive V Inula hybrìda Baumg., che viene 
ritenuta per una pianta ibrida dell'//?, aspera Porr, ed In. ensifoUa L., su 
questa Inula danno osservazioni critiche anche Borhas e Janka. 

Il signor Herder dà (Imp. soc. dei Naturalisti di Mosca 1884} la lista 
delle " Plantac Radeanae monopetalao „ con indicazione della rispettiva 
letteratura, provenienza, distribuzione geografica ecc. 

Il signor Tichomirow dà (1. e.) notizie botanico-farmacologiche dQlVAhrus 
precatorlus L. 

Nella Revue de botanique (Rev. scicnt. di Parigi 24 gonn. 1884), tro- 
viamo le seguenti notizie. 



— 55 — 

Il signor Dorsselt dà come risultato dei suoi studj sui Liclieni, constare 
questi d'un fungo e di un'alga; descrive alcune specie di Lecidea^ Peltigera, 
Loharia, Soìorina^ nelle quali il fungo è associato a diverse alghe; vi sono 
2-3 specie di alghe di diversi colori agglomerati in colonie a contatto dei 
filamenti del fungo (Swensk. v. Akad. YIII, 3). 

II signor Lemaire dà la lista delle Desmidiee osservate nei Vogesi; fra 
le diverse specie sono a rimarcarsi due Cosmarium e uno Stmirostrum^ come 
pure il Cosm. Novae Semliae ^Yì\\. della Nuova Zelanda (Liste des Des- 
midiées dans les Yosges jusqu'a 1882, ISTancy 1883). 

Il signor Bethke descrive alcuni bastardi di Viola (F. arenaria^ mira- 
hilisj canina, silvatica , pahistris ecc.). Un esame microscopico dimostra la 
sterilità del polline e degli ovuli negli ibridi, eccetto della V. epipsila—jKi- 
lustris^ la quale nei suoi fiori cleistogami contiene del seme (Uber die Ba- 
starde der Yeilchenarten. Konìgsberg. Inaugurai Dissertation). 

Il signor Camus dà un prospetto della flora dei colli Euganei presso Pa- 
dova, la quale offre delle piante di grande varietà, cosi delle piante alpine 
(Trifolium alpestre, Centaiirea montana, Asplenium septentrionale ecc.'), delle 
piante delle spiagge del maro (Linmn maritimiim, Soncìius maritinms ecc.) 
e delle piante di lontani paesi {Grammitis Uptophi/lla, Oróbanclie speciosa ecc.). 
Sul proposito di questa varietà di piante, Camus deduce, che ai tempi prei- 
storici questi Euganei formarono un' isola in mezzo ad un paese inondato 
e che a questa epoca le correnti portarono dalle Alpi delle speciali specie 
che rimasero poi in un completo isolamento in mezzo ad una flora del tutto 
diversa (Quelques mots sur la flore des monts Euganéen. E. des IS'aturali- 
stes 1883). 

Il signor Rosoli dà (Imp. Accad. di se. di Yienna 1884), i risultati dei 
suoi studj su una materia colorante gialla scoperta da esso sulle foglie in- 
volucrali di alcune specie di Heìicìirysum e di altre piante, ed anche di un 
altro pigmento non conosciuto sino al presente, rinvenuto nel protoplasma 
dei parafisi dei funghi , e finalmente dà dei .dati sulla Saponina e Stricìi- 
nina nei tessuti dello Stryclinos ecc. 

Il Yice Direttore D. Stur dà (I. R. Ist. Geol. 1884) contribuzioni alla 
flora fossile di South "Wales in Inghilterra, nella quale prevale la Pecop- 
teris Seria Brgt., della quale alcuni esemplari presentano un passaggio della 
nervatura di Pecopieris, Aletliopteris e Neiiropteris a quella di Dycopteris 
e Loncliopteris, nervatura osservata già dal Goeppert nella sua Neiiropteris 
conjiigata; questa Pecopteris si trova anche nel Banato, e anche nella Mo- 
ravia negli strati di Rossitz. Stur fa menzione anche d'un Lepidodendron 
in forma di Alodendron, della Neiiropteris LocJiii e di molte altre di inte- 
resse per uno o altro riguardo. 



— so- 
li signor Engelhardt descrive (Soc. di se. nat. di Isis Dresda 1883) al- 
cune piante terziarie della Bosnia, in una marna dì grana fina presso Vi- 
segrad; sono Myrica Hakeaefolia, Cinnamomiim Scìiechzeri^ Rhamnus Eri- 
dani, Sapotaciles ambigua ecc. 

Il Prof. Nehring parlando (Annuario agrario di Berlino 1884) degli Equidi 
fossili del Diluvio della Germania, osserva : appartenere questi o aWEqiais 
cahallus fossilis, ovvero aWEq. hemionus fossilis (i resti di quest'ultimo però 
piuttosto rari); VEq. cab.foss. assomigliare si in quanto alla dentatura, come 
alla forma del cranio e dello scheletro al nostro cavallo domestico; poi VEq. 
cab. foss. minor di Woldrich rinvenuto a Nussdorf presso Vienna potere 
riguardarsi solo quale rappresentante di una razza più grande di cavallo 
diluviale. Il cavallo, il quale al tempo del diluvio visse nelle eteppe della 
Germania settentrionale era un animale grande, pesante e talmente affine 
aWEq. cdballus germanicus Sans., da poterlo ritenere quale predecessore di 
questa razza , perciò essere questo cavallo diluviale a nominarsi Eq. cab. 
foss. V. germanica. Nehring aggiunge provenire le razze più piccole del 
nostro cavallo domestico dall'asino e anche dalle razze più piccole del ca- 
vallo diluviale; VEq. hemmiomts avere esistito col cavallo diluviale, e da esso 
provenire probabilmente l'asino domestico ecc. 

Il Prof. Trautschold descrive (Imp. Soc. dei Nat. di Mosca 1884) un dente 
di Edestes vorax , altri di Qymatodos reclinatiis n. sp. , e poi un altro di 
Enacantlms margaritatus n. g. e n. sp. della Russia. 

Il signor Marsh descrive (Amor. Journ. of the science 1884) un nuovo 
Diplodocìis del Jura superiore dei Monti rocciosi d'America, appartenente 
ai Dinosauri; esso è affine ai Coccodrilli e assomiglia al Belodon del Trias; 
questo Sauro aveva una lunghezza di 30-40 p., era acquatico ed erbivoro. 
Il Prof. Kusta descrive (Soc. di se. nat. Lotos, Praga 1883) un nuovo 
Arachnide Antliracomartus Krejcii, rinvenuto nella formazione carbonifera 
presso Rakonitz (Boemia) ; questo è affine all' Antli. Vólkelianus Karsch. 
della Slesia prussiana. 

Il Prof. Brusina ci dà anche nel suo lavoro " le Nerotodonte della Dal- 
mazia e della Slavonia,, (Soc. malacci, di Francoforte s. M. 1884) dei dati 
tratti dalla sua corrispondenza col signor Bourguignat sul proposito di molte 
inesattezze sì nell' ascrivere alla Dalmazia specie di fossili non mai trovatevi 
sì nel creare delle specie nuove senza il minimo fondamento. Così p. e. 
Bourguignat dice avere scoperto nelle Marne a Melanopsidi alcune Vivi- 
imre {Neumayri^ Pauloviciana, Bajamontiana), mentre Brusina dà prove ab- 
bastanti di non essere mai state rinvenute nella Dalmazia una qualche Vi- 
vipara , così pure non mai la Hydrobia (non Nematurella) sirmica Neum, 
non la 3Manopti/cliia Mojsisovicii Neum. e molte altre. Il Prof. Brusina ci 



- 57 — 

dà poi una lista sulla distribuzione orizzontale e verticale dei molluschi 
della Marna a Melanopsidi della Dalmazia con descrizione di alcune specie 
nuove poco conosciute, trovi;uno un Pisidinm Bellardii Brus., vicino al 
P.fossarinwn, Lyihoglyphus Tripaloi Brus. {Lith. imnnicnm Brus.) simile 
al L. ijygmaeum Frauenf. recente etc. Nella enumerazione descrittiva delle 
Neritacee terziarie della Dalmazia, troviamo di nuovo critiche osservazioni 
su molti errori, in cui incorse il Bourguignat , le quali comprovano abba- 
stantemente la manìa del detto malacologo di fabbricare a tutta possa specie 
nuove , così p. e. tutte le nuove specie di OaillardoUa appartengono alla 
Neritodonta Larkovicii^ le due specie di Calvertia sono due Nerit. sinjana, 
il carattere su cui è basata la Petrettlnia Letourneuxi di Bourguignat non 
è che una rottura accidentale meccanica della piastra columellare, e questa 
specie è la Petr. semidentata e così via. Vi segue poi la descrizione del 
Neritodonta n. g. , affine al Theodoxus di Martens e che forma un anello 
tra il Theodoxus europeo e il Clithon M. delle spiagge dell' Oceano delle 
Indie e della Polinesia, e poi troviamo le descrizioni delle specie di Xe- 
ritodoìita, coWe loro mutazioni; anche qui fa conoscere Brusina l'amore del 
sig. Bourguignat a creare generi e specie nuove, così individui della Nerito- 
donta {Neritina) Sinjana Brns. {Neritina Grafeloupiana Neum.) diedero occa- 
sione al Bourguignat per creare due nuovi generi e cinque nuove specie, dalla 
Neritodonta [Neritina) semidentata Sandb. e di alcuni esemplari corrosi Bour- 
guignat creò due nuovi generi ecc. Per ultimo Brusina dà alcune osserva 
zioni sulle 67 specie di Emericia, sulle Cìausilie dalmate, e anche qui tro- 
vansi molte critiche fatte da esso su innumerevoli errori commessi dal Bour- 
guignat. 

Il Professor Brusina ci dà ancora un prospetto della fauna degli strati 
a Congeria di Zagrabia (nelle Beitr. di Palaeont. f, Osterr. Ung. u. f. Or. 
di Mojsisovics e Neumayr di Vienna 1884). Questa fauna è rimarchevole 
perchè in quasi ciascuna località trovansi fossili di particolare specie , la 
maggior parte delle quali appartiene a gruppi di forme e sottogeneri che pre- 
sentemente mancano del tutto o che sono per estinguersi o vi si trovano dei 
generi del tutto nuovi come fra le molte la Dreissonomyay Valenciennesia ecc. 
Questa fauna può compararsi fra le faune recenti con quella del mare 
Caspio e d'Arai rapporto all'affinità sistematica. Nella descrizione di questa 
fauna troviamo alcuni nuovi generi {Zagrabica, che ha qualche somiglianza 
colla Benedictia dell'Asia, Boskovicia che è una Limnea ecc.), poi diverse 
nuove specie del genere Adacne^ Zagrabica ecc., 4 tavole ci danno le fi- 
gure delle nuove specie ecc. 

Il Prof. Cobalcescu rinvenne nei dintorni di Jassy un deposito di fossili 
sarmatici frammisti con degli altri di acqua dolce; i primi erano del tutto 



— 58 — 

corrosi , gli ultimi perfettamente ben conservati , dal che si deduce elio 
fossili sarmatici vennero colà trasportati da una corrente unitamente a ghiajat 
e sabbia, mentre quelli d'acqua dolce vissero nel luogo stesso. Fra i fos- 
sili sarmatici troviamo: Cerithhim Diihoisi , pictuni ^ riihiginosum ^ Mactra 
podolka^ Turbo Neiima/j ri n. sp., Latirus Pauli n. sp. (questi due non poter 
provenire da strati sarmatici, appartenendo essi a generi marini: fra le specie 
d'acqua dolce sono enumerate Bythinia clenfaculata , Pisidiwn Jassiensis , 
Corhicula Jassiensis , Cyclas siibnobilis e poi diverse nuovo specie lisce di 
Vivipara ( Viv. Oiiircseui, Virginiae, Romanoi ecc.), che sono affini a specie 
or viventi. Il Professor Cobalecsu ritiene (I. R. Istit. Geolog. di Yienna 1884) 
questo deposito di natura fluvio-lacustre e appartenere alla più recente fase 
dell'epoca delle Paludine. 

Il signor De Gregorio nota (Imp. Soc. dei Nat. di Mosca 1883) essere 
li Pecten prjxidatus Brochi una bella specie del terziario superiore, ma non 
convenirgli il dato nome, perchè questo fu dato già dal Born ad una specie 
recente; poi Bronn aver descritto un Pecten excisus ^ ma essendo questa 
specie del tutto identica col pyxidatus , perciò Bronn stesso lo mise come 
sinonimo di questo; avvi poi un P. excisiis di Piiscli. , il quale nome dee 
pure esser cambiato come i due or citati ; ne seguo dunque che il nome 
di P. pyxìdatus Born. va dato alla specie recente , quello di P. excisiis 
(Bronn.) De Grog, alla specie terziaria , e alla specie cretacea deve darsi 
una nuova nomenclatura, per la quale De Gregorio propone quella dì Traut- 
sdioldi. 

Dal signor Cotteau fu presentata all'Accademia di Parigi (Rev. scientif. 
di Parigi, 19 gonnajo 1884) una nota sugli Echinidi terziarj di Saint Palais 
Charente inf.); fra le 21 specie che trovansi descritte, sono 13 proprie a 
questa località; le più interessanti sono Ooniopygus iielasgiensis, abbondante 
nel terreno cretaceo , Sismondia Archiaci , riunito dall' Archiac per errore 
all' Echinocijamus suhcaudatus del terreno terziario di Antibes , Oualtiera 
Orhignyi ecc. 

Dal signor Thomas fu presentata alla detta Accademia (1. e, 9 febb. 1884) 
un lavoro sulla formazione continentale (terrestre e lacustre) dell'Algeria. 
Oltre molte specie nuove di molluschi Thomas rinvenne nel pliocene dei 
resti di Cynocephcdìis, di Hipparlon unitamente a resti di cavallo, di An- 
tdope ecc. Nel Quaternario furono trovati molti oggetti di selce che danno 
un'idea dell'industria dell'uomo quaternario nell'Algeri, e con questi un Rhi- 
noceros^ il quale, giudicando da un dente molare , aveva la dentatura del 
Ph. ticforinus^ ma senza dubbio non aveva la pelle sì spessa come la va- 
rietà dei ghiacciai della Siberia , poi un gigantesco Bidtcdus antiqims , un 
Bos priìnigenius, ìnarritanicus, un Equus asiniis atlcmtlciis con una denta- 
tura che sembra un atavismo di Hipxìarìon. 



— SD- 
II D/ Bittner descrivo (Imp. Accacl. di se. di Vienna 1883) alcuni Bra- 
chyceri fossili del terziario di Verona {Notoims Beyricìii Bitt. , Phlyctenodes 
Nicolisi n. sp. , Ranina Marestiana Kon. vur. avesana) , altri di Radaboj 
(N&ptunus radohojamiSj Steiiaspis e Mioplax socialis n. g., n. sp. e poi anche 
alcune nuove specie di Cancer delia Stiria e della Camicia. 

Il signor Amon descrive ( Accad. di se. di Monaco 1883) alcune Me- 
duse fossili tratte dagli strati litografici di Eiclistadt {Ehizostomites adui'i- 
randus , Eh. lifhograplikus) ; poi anche un Medusiles latilobatus della pie- 
tra focaja cretacea di Amburgo; a cui segne una lista di tutte lo Meduse 
fossili conosciute sino adesso. Quanto aìV Hexarhizltes insignis Haick. Araon 
ritiene questo per una forma di Ehizostomites lithographicns. 

Sul proposito del Medusites cretaceus Kner. il D.*" Uhlig rimarca in una 
Nota a detta memoria (Ist. geol. di Vienna 1884), non esser questo un fos- 
sile, ma solo una infiltrazione di ferro ossidato idrato. 

Van don Broeck dà (Soc. geolog. Lille 1883) notizia di una massa er- 
ratica glaciale trovata isolata nella sabbia della Champine, trasportata quivi 
dalla Scandinavia; es?a cousta di granito tipico del Nord con feldspato pla- 
giostasio, orthose, quarzo, mica ecc., ha una lunghezza di 0"" 80 su 0'" 53 di 
larghezza e O'" 60 d'altezza. 

Dobbiamo far menzione d'un lavoro del Prof. Eeyer (Geologisch lechnisch 
u. culturhistor. Studicn Wien. 1884) in cui troviamo la descrizione geolo- 
gica dell'isola d'Elba con dati sulle sue miniere, poi notizie sulle miniere 
di Monte Catini e sui suifionì, un altro articolo ci dà uno schizzo di Vol- 
terra, un altro delle Maremme di Toscana, poi anche alcune parole sulla 
malaria ecc. 

Il D.'' Eolle nel suo opuscolo " Die hypothetischen Organismen Reste 
in Meteoriten „ (Wiesbaden 1884 „ dice aversi ritrovato in questi ultimi 
tempi in alcuni meteoriti , come p. es. in quello di Kaba una sostan- 
za bituminosa , la quale ricorda a corpi vegetali ed animali , ed aversi 
perfino scoperte delle forme animali e queste principalmente nei Chondriti. 
0. Hahn fu il primo a scoprire di queste forme, le quali furono poi con- 
statate dal D.'' Woinland, riconosciute per resti organici di diverse classi 
di animali; così pure rimarcò alcuni meteoriti, come quello di Knyahynia 
esser composti del tutto di tali forme appartenenti a Radioliti , funghi e 
benanche a Rhizopodi, Coralli, principalmente però a Pavesiti o Tabulati; 
resti di Echinodermi, di vertebrati , dì vegetali, però non essere stati an- 
cora osservati; tutte queste forme essere probabilmente resti di animali ma- 
rini, esser questi di straordinaria piccolezza, le cellule di questi problema- 
tici coralli meteorici esser 10-12 volte più piccole delle più minute dei co- 
ralli terrestri. Il D."" RoUe cita lo opinioni di Lassaulx e di "Wiechmann 
contro l'ipotesi di Hahn e Weinland. 



— 60 — 

Lassaulx "die sogen. Yersteìner ungen in dea Meteorsteineii. Bonner Zei- 
tung 1882 1^. 141,, fa menzione su questo proposito deWEosoon canadense 
preso per un grande foraminifero che poi alla fine fu riconosciuto non 
per un organismo, ma bensì per un Lusus naturae ; fa menzione dei pic- 
coli globuli di Olivina^ Enstatite N'ikd, Cromo ecc., distribuiti nella massa 
di alcuni meteoriti e distinti dal Rose col nome di Chondrite e questi glo- 
buli sono del tutto identici alle forme figurate dalTHalin e Weinland come 
funghi , foraminiferi ecc. Oltreciò è a rimarcare aver Daubrée e Mounier 
prodotto artificialmente dei meteoriti, persino la struttura caratteristica dei 
Chondriti, il qual fatto fa riconoscere assurda l'ipotesi di Ilahn e Weinland, 
poiché i coralli constano di calce carbonata e solamente pochi foraminiferi 
constano di silice. 

"Wiechmann " Fusion structures in meteorites „ (Annals of the New York 
Acad. of se. 1882, N. 10, dice trovarsi in alcuni meteoriti certe forme di 
particolare struttura, le quali non sono forme cristalline, ma nemmeno forme 
amorfe e che Zirke 1 nomina Cristallite; esse formano delle aggregazioni di 
cristalliti^ denominate da Wiechmann fusione strucìieres^ e di queste forme 
se ne trovano nei meteoriti di Weston, Cabarras County ecc. e queste forme 
sono del tutto analoghe agli organismi scoperti da Hahn e Weinland. Wiech- 
man parla poi della struttura della crosta del meteorite di Aigle, e su quelli 
meteoriti che contengono del carbonio (Alais, Bokkevcll, Kaba, Orgueil ecc). 

Il signor Daubrée presentò li 11 febbraio a. e. all'Accad. di scienze di 
Parigi un frammento di meteorite caduto li 19 novembre 1881 presso Odessa. 
Alle 7 di mattina si scorse al di sopra della città una splendidissima striscia 
di luce, e quasi nello stesso momento cadde anche una massa nera di circa 
8 kilog. in peso ; e in una lontananza di circa 40 kilom. K. N. E. cadde 
presso a poco nello stesso tempo un altro voluminoso meteorite. 



Enrico Ragusa Dirett. j'esp. 



i ^ù-i ' i 

I ANNO III / y 1 AGOSTO 1884 N. 11. § 

I IL n.Ituralista siciliano I 

i GIORNALE DI SCIENZE NATURALI i 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO 01 MESE 



ABBONAMENTO ANNUALE 

Italia L. 10 » 

Paesi compresi nell'unionf: postale » 12 » 

Altri paesi » 14 » 

Un xr.MLuo skparaìo, ( on tavole ■....» 1 25 

» SENZA tavole » 1 » 

Gli abbonamenti cominceranno dal 1'^ di ottobre di ogni anno 

Indirizzare tutto ciò che riguarda V Amministrazione e Redazione 
. al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 

SOMMARIO DEL NUM. 11. 

E. R^usa — Catalogo ragionato dei Coleotteri di Sicilia (continua). 

T. De-Stefani — Nota sul genere Choreia e descrizione di una nuova specie 

trovata in Sicilia. 
G. Seguenza— // Quaternario di Rizzalo (coni.). 

F. IBerié— Caratteri sessuali secondari d'alcuni Sauriioioenti in Sicilia (coni.). 

E. Ragusa — Coleotteri nuoci o poco conosciuti della Sicilia. 

G. Seguenza— G/f Ostracodi del Porto di Messina (continua). 

F. Minà-Palumho— Lepidotteri Druofagi (continua). 



PALERMO 
Stabilimento Tipografico ViivA 

i» 1884 



ANNO III. 1 AGOSTO 1834. N. 11. 

llNAmMJSTASmTANO 



CATALOGO RAGIONATO 



COLEOTTERI DI SICILIA 



(Cont. V. Nani. prec). 

Callistus Bonelli 

lunatus Fabr Nel mio catalogo 1880 , citai questa specie perche; la 

trovai notata in quello del Romano, e trattandosi di 
un genere e di una specie tanto distinta non sup- 
posi vi potesse essere errore nella determinazione ; 
anzi essendo notata come var., e siccome in paesi me- 
ridionali (Portogallo) trovasi la var.gratlosusCh^nà.^ 
riteneva si trattasse di questo insetto; vedo ora però 
che il Romano olire al suo lunatus vi ha aggiunto 
accanto un altro Callistus, il quadripustulatus Gory, 
che non potrebbe essere che il sinonimo del Pana- 
gaeus bipustulatus F. , il quale non credo il Ro- 
mano possa aver confuso con il crux-major , poiché 
egli aveva già notata questa specie. Ora fìntautocliè 
non ritroviamo questi insetti, sarà assai difficile di 
dire cosa erano (1), e se il genere Callistus sia rap- 
presentato in Sicilia. 



(1) Nel 1870 1872 offrii agli eredi del Romano di comprare la collezione, ab- 
bandonata agli r<?;(!/ir(?/i«s ed intieramente guasta, essi si rifiutarono allora ed an- 
che nel 1882 di cedermela ; in quell' epoca qualche eliti-a ancora attaccata agli 
spilli, avrebbe potuto bastare a sciogliere simili problemi, oggi questo stesso non 
esiste più, e cosi tanti anni di lavoro per ammassare le ricchezze della nostra 
fauna sono perduti per la scienza! Quanto meglio sarebbe stato venderla o rega- 
larla ad un Museo Siciliano ! 

Il Naturalista Siciliano, Anno 111. 38 



— 302 — 

CHLAENIINI 

Chiaenius Bonelli 

Epomis Bon. 

circumscriptus Duft. . Specie piuttosto rara che trovasi nelle vallate presso 

Palermo, dall'aprile al giugno; l'ho trovata alla Fa- 
vorita , al fiume Greto , a Lentini ed a Balestrate, 
Roltenberg la dice poco rara a Catania e Siracusa . 
ed il Romano e Ghiliani pure la citano. 



velutinus Duft. ... Il tipo è assai raro in Sicilia, essendo gli esemplari 

che vi si trovano quasi sempre la var. auricollis. 
Rottenberg lo raccolse a Siracusa, e noi lo troviamo 
notato in tutti gli elenchi dei coleotteri dell'isola, ma 
certamente ben pochi ve lo ti'ovarono; io stesso posso 
riportarvi pochi esemplari della mia raccolta. 

▼ar. auricollis Gene. . È una varietà poco interessante, e noi vediamo in al- 
tre specie il colore del corsaletto dal verde-smeraldo 
{velutinus) passare al rame-rosso (var. auricollis). È 
comunissimo lutto l'anno in tutta l'isola^ sotto le 
pietre, presso i torrenti, i fiumi, i laghi, e special- 
mente nei giardini di aranci della Conca d' oro. Si 
trova sempre in numero, e tramanda più forte l'odore 
alcalino che hanno i Chiaenius, il quale anzi in questa 
specie si conserva anche dopo la morte. Uaeneicollis 
del Romano è certamente questa varietà. 

Var. Borgiae Lefebvre . Questa bellissima varietà fu scoperta in Sicilia da Ales- 
sandro Lefebvre nel 1824, e credo la descrisse negli 
Ann. della Soc. Lin,, Paris 1827. Dejean descriven- 
dola ed illustrandola nella sua Icon. 1837 cita il Le- 
febvre come autore. Si trova pure notata dal Romano, 
Ghiliani, Reiche ed anche dal Rottenberg che la de- 
scrive, ma non la riconobbe. Non è affatto rara, e tro- 
vasi come la var. auricollis ; il colore dei femori , 
in parte o quasi tutti neri, invece di giallo-ferruginosi, 
la rende facile a riconoscersi. Dejean dice che il cor- 
saletto è un poco più largo anteriormente di quella 



— 303 — 

del veluiinus, ma ciò varia, avendone io degli esem- 
plari dove invece è più stretto, 

var. Faillae Ragusa (1). Bellissima varietà che si avvicina alla Borgiae per 

il colore dei femori, sempre tutti neri, ma ne diffe- 
risce oltreché per la strettezza del corsaletto e la minor 
grandezza , per lo stretto bordo esteriore delle elitre 
giallo-ferruginoso, che esiste solamente ai lati e spa- 
risce totalmente all' apice delle medesime. Ne pos- 
seggo due esemplari che hanno il primo articolo delle 
antenne con una piccola macchia nera , ed il terzo 
articolo quasi tutto nero. È più rara della var. Bor- 
giae, e trovasi specialmente in autunno. 
Dedico questa nuova varietà al mio carissimo amico 
Luigi Failla Tedaldi da Castelbuono. 

festivus Fabr Il Cav. Bandi fu il primo che trovò questa specie in 

Sicilia , e me ne inviò un esemplare , che è ancora 
il solo che io posseggo ; niente di diffìcile che sia 
stato confuso con il velutinus, ma ciò nonostante io 
lo ritengo assai raro in Sicilia. 

spoliatus Rossi ... La specie più comune^ e trovasi in tutta l'isola, spe- 
cialmente presso le acque dei fiumi e dei torrenti. Gli 
esemplari da me raccolti al lago dell'isola di Pantel- 
leria, ove era abbondantissimi, sono di colore verde- 
rame scuro, ed hanno il corsaletto di color rame-rosso 
come nella var. auricollis del velutinus. 

variegatus Foucr. . . Questa graziosa specie non è rara all'Oreto dal marzo 

al giugno; l'ho pure trovata presso il laghetto di Reb- 
bottone , a quello di Lentini , a Siracusa, e ne ho 
da Caslelvetrano (A. Palumbo). Romano, Ghiliani e 
Rottenberg lo notano come agrorum Oliv. che ne 
è sinonimo. 

viridipunctatus Goeze . Anche questa conosciutissima specie (l'antico Chi. ve- 

stitus di Payk.) è piuttosto comune in primavera 
nei dintorni di Palermo, sotto le pietre, in siti umidi. 
Essa varia un poco nella grandezza, ed alcuni esem- 
plari, invece di avere il corsaletto verde lo hanno di 
un bel ceruleo. 



(1) var. Faillae var. nov. Capite thoraceque oiridi-aeneis, nitidis; thorace 
punctis sparsis impressis; elijtris viridibus, pubescentibus, striatis, interstitiis 
subtilissime granulatis; margine lateralibus obscure Jtavo -ferrugineo; femo- 
ribus nigris; antennis, tibiis tarsisque testaceìs. 

Long. 13-15 miti. 



var. Oreteus Racusa 



chrysocephalus Rossi 



tristis Schaller. 



— 304 — 

Descrissi questa varietà nel Nat, Sic,, Anno I, pag. 6 
illustrandola a Tav. I, fìg. 3. È rarissima e non pos- 
seggo fin'oggi che i due esemplari da me trovati allora 
pressore reto. Essa varia dal vesiitus Payk., come la 
mia var. Faillae dalla var. Borgiae, solamente nel- 
r Oreteus la totale mancanza del disegno giallo al- 
l'apice delle elitre, le dà un aspetto assai più robusto 
del tipo, mentre nella Faillae è tutto al contrario. 

Bellissima specie che si trova sotto le pietre , dal di- 
cembre all'aprile, in siti elevati e poco coltivati; è 
celerissima , ed appena scoperta , si nasconde nelle 
fessure del terriccio o\e è poco facile il prenderla. 
Alcuni esemplari sono di un colore opaco azzurro- 
nerastro, altri sono lucenti e di un azzurro che spesso 
varia al più bel violetto. 

Luigi Failla scopri quest'insetto nel maggio sulle rive 
del lago di Lentini (1) sotto le pietre ed i giunchi 
secchi , dove ripetutamente io stesso 1' ho ritrovato , 
ma sempre raro; quest'anno ne presi p;ire un esem- 
plare a Siracusa sotto una pietra sulla riva sinistra, 
entrando nell'Anapo, 



Dinodes Bonelli, 



azureus Duft. 



Splendida specie, ixico rai-i nell'inverno, sotto le pieire, 
e fra le screpolature dd terriccio dei campi delle al- 
ture. In alcuni esemplari osservasi il terzo articolo 
delle antenne solamente rosso a metà. Romano oltre 
questa specie cita un D. rajipes che è sinonimo (\e\- 
V azureus ; ora siccome in taluni esemplai'! Siciliani 
il colorito delle gambe invece di rosso è rimbrunito, 
ma non intieramente nero , come gì' individui citati 
dallo Chaudoir (Monografia Chi. , pag. 58. Genova 
1876) che trovansi nella provincia di Costantino in 
Algeria, così io credo che il Romano abbia denomi- 
nali questi, azureus , e quelli con le gambe intiera- 
mente rosse, rujìpes. 

(continua). Enrico Ragusa. 



(1) Vedi mia nota Nat. Sic. Anno I, pag. 226. 



— 305 — 



2<Torr^^ 



SUL 



GENERE CHOREIA E DESCRIZIONE DI UNA NUOVA SPECIE 

TROVATA IN SICILIA 



AVestwood nel 1833 dava il nome di CJtoreia ad un insotto die sin dal 
1820 era stato compreso da Dalman nel genero Euc/jrtìis ; la sola specie 
sin oggi conosciuta è stata 1' hiepta., Dalm. , che si ò rinvenuta in Inghil- 
terra, in Germania, in Austria, nella Svezia ed in Francia, per come si 
rileva dal catalogo di A. Dours (1874). 

Quest'insetto offre alcune particolarità rimarcabilissimo tanto nel colorito 
che nella struttura , così mentre alcuni individui hanno ali molto svilup- 
pate, altri ne sono privi : Il D/ Mayr da Yienna ha ricevuto da Forster 
una femmina con ali lunghe, questo erano di color bruno con l'orlo più 
chiaro; il D/ Rudow di Perleberg invece dallo stesso Forster ha ricevuto 
altre due femmine prive di ali e un altro esemplare mancante di ali ne 
ha anche avuto dal D.'' Mayr; lo stesso D/ Rudow ne ha trovato altri in 
simile stato nel Brandenburg ed in Turingia. In quanto al colorito alcuni 
maschi hanno la testa verde comò le femmine , altri invece di un verde 
bruno; il coloie generale dell'insetto è normalmente di rame-bruniccio, gli 
esemplari raccolti dal Rudow soao invece di un rosso-bruno. 

JSell'aprile dyl 1882 nei dintorni di Palermo io trovava due femmine del 
genere in parola, che per molteplici caratteri si allontanano dalla specie 
inejjta, Dalm., oggi avendo sottomesso uno di questi insetti all' esame del 
D."" Mayr ho acquistata la certezza trattarsi d'una specie non conosciuta e 
quindi la descrivo sotto il nome di Choreia Proserpinm. Ho voluto dare il 
nome di Proserinna alla nuova specie, perchè quest'anno 1884 essendo an- 
dato nei primi giorni di maggio in Castrogiovanni, l'antica Enna, sotto lo 
pietre attorno il poetico lago di Pergusa, ho trovato un altro esemplare Q 
della nuova Choreia; or la mitologia ci tramanda che Proserpina figlia del 
primo Giove e di Cerere sorella di Bacco creduta da alcuni la stessa Diana 
e la Luna , mentre raccoglieva fiori nei campi di Castro Janni in Sicilia 
fu rapita da Plutone che la fece sua sposa, onde si crede regina dell' In- 
ferno. 



- 306 — 

La Cli. Proserinnae a me pare che presenta qualche dìffer enza dai ca- 
ratteri assegnati dal Mayr a questo genere nel suo libro Die Europaischen 
Encyrtiden : Kon ho potuto procurarmi la descrizione originale del West- 
wood, ma ritengo esattissima quella del Mayr, il quale l'ha scritta sull'in- 
setto in natura. Le differenze che io rimarco si riferiscono alla femmina, 
la quale ha gli articoli della clava mollo più grossi dell'ottavo articolo del 
flagello e non del sesto articolo, come dice Mayr, che per essere messo in 
rapporto con quelli deve supporsi come il più grosso degli articoli del fla- 
gello, or nella CJi. Froserpinae sono il settimo e l'ottavo i più grossi ar- 
ticoli del flagello, specialmente l'ottavo che è poco meno largo di quelli 
della clava, sebbene sia molto più breve. L'articolo terminale della clava 
non è tagliato obliquamente, esso invece ha l'apice un poco appuntito. 

La scoperta d' una nuova Cìioreia la reputo interessante , tanto che ho 
creduto bene scriverne una nota apposita-, ma pria di dare i caratteri della 
nuova specie voglio premettere la descrizione del genere e quella della 
specie iìiepfa onde far risaltare viemmeglio le differenze tra le due specie; 
aggiungerò pure la sinonimia che ne dà il sig. G-. Mayr. 

Choreia, "Westw. 

Sin. Choreia, Wesiw. Mag. of. Nat. Hist. YI, 1833, p. 122. 
Choreius, Westw. Shil. Mag. X, 1837, p. 441. 
Choria, "Wollenh. Schcts. 1871, Tab. VII. 
Cranior, Haliday. Ent. Mag. I, 1833, p. 268. 

Q Antenne corte inserite vicino all'orlo della bocca, lo scapo non allar- 
galo giunge appena all'orlo posteriore della fossa facciale, anello più lungo 
che largo e più lungo del primo articolo del flagello; gli altri articoli del 
flagello non compressi, vanno ingrandendosi gradatamente sino alla fine. Il 
primo articolo è lungo e grosso, il sesto più lungo che grosso. La clava è 
cilindrica, composta di tre articoli più grossi di tutti gli altri articoli del- 
l'antenna e tagliata alla sua estremità un poco obliquamente. 

La fossetta facciale è molto impressa ed assai grande , callosità grande 
ed obliquamente connessa nel suo centro, fronte e vertice non declivi, ocelli 
poco visibili e disposti in linea curva. 

Il mesonoto è corto, più largo che lungo, lo scutello è piano con l'apice 
fortemente arrotondato e non curvato. 

Il primo e secondo segmento addominale sono grandi, la terebra è poco 
prominente. 

Le ali sono per lo più rudinientarie, cornee e uon sorpassano lo scutello; 



— 307 — 

allorquando le ali sono sviluppate, il nervo marginale è lungo ed uguale al 
nervo stigmatico, il nervo sottomarginale è appena più lungo. 

cf II maschio differisco per le antenne. 

Lo scapo è un po' più lungo dell'orlo della fossa facciale, l'anello è più 
lungo che largo, ma più lungo di quello della femmina, il flagello è lungo 
e regolare con gli articoli molto ravvicinati , cilindrico ed ornato di peli 
corti. Il primo articolo del flagello è molto lungo, tre volte più lungo che 
largo, il sesto articolo è il più corto; la clava è cilindrica con l'estremità 
arrotondata, più robusta che i due ultimi articoli e tanto lunga quanto questi 
due articoli presi insieme. 

Fronte e vertice molto larghi, più larghi che nella femmina. 

Choreia inepta, Dal. 

Sin. Encyrtus ineptus, Dalm. Yet. Ac. H. 1820 p. 367, Nees Hym. I. a 
M. 1834, p. 255. 

Sphe)iole2ns inepta^ Nees, H. 1, 1884, p. 258. 
Cìioreius ineptas, Westw, Shil. Mag. X, 1837, p. 441. 
Choreia inepta, Forst. Hym. Sud. II, 1856, p. 35. 
Choreia nigroaenea, "Westew. Mag. ^ai. H. Y. 1833, p. 122. 

cfQ. Nero bruna, più o meno del color del rame, la femmina sovente ha 
la testa verde, il maschio dello stesso colore o pure d'un verde nerastro. 
Le antenne del maschio sono di un rosso fuoco; quelle delia femmina bruni 
col flagello rosso fuoco. I tarsi e le tibie in parte rosso fuoco. La fronte, 
il vertice ed il torace superiormente appena zigrinati. Ali rudinientarie. 
Lung. 1-1,3 mm. 

Choreia Proserpinae, De-St. n. sp. 

Tav. Ili, fig. 3. 

Ch. Q. Spadicea, aptera: clava, capile toraceque ohscuriorìbus. Clava cum 
articido apicis rotundato noìi sedo. Metanolo spinoso. Tibiis anticis dilatatisi 
calcaratis. Ahdominis annido primo magno, seguentibus parvis. Terehra vix 
exerta. Long. mm. 2. 

Ad Panormum, Aprile 1882, ad Ennani, majo 1884. 

E questa Choreia di un biondo baio con la clava delle antenne, la testa 
ed il corsaletto un po' più oscuri. Il torace è adorno di peli bianco-griggi 
molto ricchi al pronoto, ed al metatorace, lo scudo del mesotorace è nudo. 
I peli che ornano le antenne sono fulvi, lo scapo è lungo, come pure lo 



— 308 — 

anello; il primo articolo del flagello molto svilupì)ato, gli altri articoli che 
sono assai piccoli si ingrossano gradatamente sino alla fine, l'articolo api- 
cale della clava con 1' estremità conica. Ali nulle , solamente è visibile il 
vestigio della loro inserzione. Il metanoto porta ai suoi lati esterni una 
spinetta il di cui apice è nero. Tibie anteriori speronate. Addome lucente, 
col primo segmento assai largo tanto clie quasi da solo forma tutto l'ad- 
dome, gli altri segmenti sono piccolissimi, appena visibili ed ornati di pochi 
peli fulvi, la terebra è brevissima. Q. Lung. ram. 2. 

Teod. De-Stefani. 



IL QUATERNARIO DI RIZZOLO 



(Cont. V. N. prec). 
II. 

Gii Ostracodi. 

C. acaatho derma Brady. 

1880. Cythere acanti io derma Brady. Kep. Challenger., p. 104, tav. XVIII, 

fig. 5 a-e. 

Le poche valve che vi riferisco hanno forma allungata e più compressa, 
ma sono ben caratterizzate dalle grosse spiae coll'estremità bi o tripartita. 
L'estremità posteriore nei miei esemplari porta talune spine più gracili e 
semplici. 

E probabile che la C. liystrix Keuss debbasi associare alla presente 
specie. 

DlSTR. GEOGR. 

Il Brady dice che questa specie come la seguente e la 6. didyon pos- 
sono riguardarsi come cosmopolite, essendo numerose le stazioni nelle quali 
furono pescate dallo Challenger. 

DlSTR. STRAT. 

Molto rara nel Quaternario di Rizzolo ! 



— 300 — 
C. dasyderma Brady. 

1880. Cytltere dasyilcruvi Brady. Rep. Challonger, pag. 105, tav. XVK , 

fig. 4 a.f., XVlir, fìg. 4 a-f. 

Questa specie non ò rara a Rizzolo; gli esemplari che io vi rapporto of- 
frono considerevoli varinzioni sì nella f rina ora breve e quasi quadrango- 
lare ed ora più allungata, come nella scultura elio si modifica molto da 
individuo ad individuo ; ma negli esemplari di Rizzolo predomina la scul- 
tura spinescente e quasi tutti sjuo irti di spilla sottili e sovente più lun- 
glie di quelle die ornano gli esemplari figurati dal Brady. Li superficie 
della conchiglia offre sovente inoltro delle prominenze, delle ripiegature 
irregolari, trasversali, oblique o in altro modo, che rendono molto variabile 
il suo aspetto generalo. 

Importa notare che tra tanta variazione la forma generale della conchi- 
glia, sia guardata lateralmente come dalla regione dorsale o dagli estremi, 
si conserva con relativa costanza, o variabile in lìmiti molto ristretti. 

1)1 STI;. GI:X)ca!. 

Questa specie è sparsa ancor più generalmente della precedente. 

DlSTR. Sl'UAT. 

Poco comune nel quaternario di Rizzolo! 

C. tenera Biady (1). 

18G8. Cythere tenera Brady, Monogr. Recent. Britli. Ostrac. , pag. 399 , 

tav. XXVIII, fig. 29-32. 
1874. „ „ Brady, Crosskey and Robertson. Man. post-tert. Entom., 

pag. 145, tav. XIII, fig. G-7. 
1880. „ „ Brady. Report Challenger., pag. G3, tav. XII, fig. 3 a-f. 

L'unico esemplare di questa specie risponde molto bene a quello figu- 
rato tra gli Ostracodi delle pesche dello Challenger, tanto nella sua forma 
laterale, quanto nel contorno allorché si guarda dal dorso e dalla fronte. 



(1) Questa e la segiitMite ulihna specie del gciiore furono rinvenute nel mentre 
la presente memoria era sotto i toi-clii, rinindi non si potei'ono oi-dinare a norma 
delle affinità che offrono, furono messe perciò alla fine del gruppo genei'ico cui 
spettano. 

Il Naturalista Siciliano ^ Anno Ili, 39 



— 310 — 

La superficie intanto ò fiaissiiuameute punteggiata conio negli osoniplari 
che si pescano nei mari d'Inghilterra, qualclio rara papilla anco vi si os- 
serva. 

blSTR. GKOGK. 

Mari d'Inghilterra, Baia Vigo. Mediterraneo, —Baia di Bi-scaglia. 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario — Scozia — Rizzolo ! 

G. miserrima, n. 

Tnv. II, flg. 7. 

Conchiglia piccola, rigonfia, di forma ovaio-ellittica guardata lateralmente, 
con un'altezza che raggiungo i tre quinti della totale lunghezza e la mag- 
giore elevazione è al terzo posteriore; la regione anteriore si restringe al- 
quanto e si termina ben rotondata, insensibilmente obliqua; la posteriore 
è strettamente ed un po' obliquamente troncata, con un angolo ottuso alla 
parte superiore ed una piccola prominenza mediana ; il margine ventrale 
è fortemente convesso con un lievissimo seno verso il terzo anteriore, il 
margine dorsale è parimenti ai-ena(o con forte curvatura. Guardata dal dorso 
la forma è ovato-acuminata , col massimo spessore al terzo posteriore ed 
uguale alquanto superiore alla metà della lunghezza, i lati sono forte- 
mente convessi, la regione frontale si restringe gradatamente in una pro- 
minenza abbastanza sporgente ottusa all'ultima estremità, la regione po- 
steriore è rotondata con due piccole promiue.izo presso la pai-te mediana. 
Guardata la conchiglia dalla fronte ha forma ovato -trigona cogli angoli la- 
terali ben rotondati , con quiillo superiore alquanto acuto. La supeificie è 
lievemente reticolato-foveolata, sifKitta st^.ultura è meglio manifesta nella re- 
gione mediana delle valve. 

Lunghezza A1i,l'zz.'i Spossoro 

0,55 """. 0,32 """. 0,29 



111111 



La mia specie è ben distinta e qualclie affinità parmi che l'abbia colla 
C. FalJdamUlii'a.(\y, ma questa distinguesi per essere più lunga, mono gib- 
bosa sulle valve, diversa per vari caratteri e sinanco per la st^ultura. 

DlSTR. GKOGR. 

Non conosciuta vivente. 



311 



DlSTR. STKAT. 

Quaterinuio — lìizzolo ! 

Gen. Cytheridea fv) <|ik>i 
C. papiHosa Bo ((mcI. 

Var. laevis Biafly 

1852 Ci/lheridea papillosa BosqueL ]']!itoiii. fos.s. tori, do la France p. 42, 

tav. II fig. 5. 
1865. Cythere Bradiji Norniiin Nat. Ilist. Trans. Noi-thiini. and Durhani. 

Voi. I p. 15 tav. Y fig. 5-8. 
1865 Ci/pridcìS Balidii G.O.Sars. Owcrsigt ofNorgcs mar. Ostrac. p. 52. 
1865. Cytlìtridca papillosa Brady. 0\\ non or imperi". Knowii spec. of mar. 

Ostrac. Ti'ans. Zuol. Soc. voi. V, p. 370 tavo- 
la LVlir, ^^r^. 8 a-g. 
1868. „ „ Brady. Monogr. lìce. Brit. Osirac. Trans. Lin. 

Soc. voi. XXYJ , [). 423, tav. XXVIII fig. 1-6. 
1874. „ „ Brady. Crosskey and Robertson Mon. l'ost-tert. 

entom. pag. 176 Tav. VI fig. 12-15. 
1877. „ „ Brady. Mon. ostr. Antworp. pag. 396. T.iv. 

LXlff. 1 a-d. 
Questa specie molto rara a llizzolo olfVesi in vero cogl' indizii delle pa- 
pille superficiali e quindi in uno stalo iniermedio tra la forma tipica o la 
varietà. 

DlST. GI:(»(;r. 

Baia di Baffin, Golfo di S. Lorenzo , Norvegia , Spilzberg , Gran Bret- 
tagna. 

DlST. STKAT. 

Eocene di Francia e del Belgio — Mioceno di Francia — Quaternario d'In- 
ghilterra, di Norvegia e del Canada — -Raiissiina a Rizzolo ! 

{conlinua) G. Seguenza. 



- 312 - 

CARATTERI SESSUALI SICOFDARl 
D'ALCUNI S A U R 1 1 V I V ]< N T I 1 N SICILIA 

DEL DOTTOR F. BERTE 

Prof. (iril. d'Analoinia iiinanu nuruKile, gi.'uoiMlc e (Icscriltiva 
nulla H, Unive.f.silà 'li Calania. 



Essendo stalo lo scorso anno scolastico incaricato doli' insognanionlo 
della Zoologia e Anatomia comparata noli' Università di Catania, ebbi la 
buona occasione d'osservare un gran numero di saurii, raccolti nei dintorni 
della città. Ne profittai per lo studio dei caratteri sessuali secondari d'essi, 
e notai ben presto talune particolarità che a cagione della loro costanza 
non mi parvero indegne d'una speciale menzione, segnatamente perchè non 
ne vidi cenno alcuno nei trattati d'Erpetologia, che qui potei consultare. 
11 sig. Prof. M. Lcssona, a cui feci motto nell'agosto passato dell;; mie os- 
servazioni, inviandogli una certa quantità dei saurii medesimi, in cui esse 
furon rilevate, ne confermava alcune, e per altre m'incor:iggiava a nuove 
indagini. In questa primavera infatti ripetei le osservazioni, anche con lo 
scopo di raccogliere sufficiente materiale per recare a termine lo ricerche 
anatomiche, da tempo intrapreso, sull'uovo dei rottili, e persuaso altresì dj 
non far cosa inutile dall'autorevole sentenza del chiarissimo prof. P. Doder- 
lein, che nella sua : Uloista della fauna sicula dei vertebrati, Palermo ISSI : 
trova strana la scarsezza dolla Panna erpetologica della Sicilia, solo com- 
posta di 33 34 specie pcriihinenii, e 2 o 3 accidentali; oad'egli ha ra- 
gione, di sospettare che non siavi stata a sufficienza staiiata , e die altre 
specie restino tuttora a scoprire e distinguere. 

Certo il miglior modo di mettere in sodo i caratteri sessuali secondari 
è lo studiarli sul vero e nei luoghi adatti. Come nella Sardegna osservai 
per la tilighetta (Notoph. Fitz. ) che: la lunghezza maggiore del corpo, la 
quale si manifesta con la maggiore distanza delle gambe anteriori dalle po- 
steriori e con un numero maggiore di squame addominali : è la nota più sicura 
per distinguere la femina dal maschio; così in Sicilia ho tratto segni distin- 
tivi sessuali per il ramarro, })er la lucertola delle mura e un po' per il gecco. 
E credo valga la pena che siano continuate le osservazioni; imperocché lo 
studio dei caratteri sessuali in generale, divenuto ora così attraente dopo 



— 31.3 - 

lo pubbliciizioni di Darwin, ili Manfcgazza ecc., non può altrimenti, per 
lo a])pliciiziuni alla razza uina!i:), che f'oiRlarsl bull'ossorvazione dei rettili, 
classe di verteljrati taato viciii i ai nuininiifcri o tanto poco modificata dal 
domesticamcnlo e simili infliicaze. 

Le seguenti osservazioni sono coordinale sulla classificazione e sulle descri- 
zioni del più recente libro di storia naturalo finoggi comparso, che è ap- 
punto la: Ilìui<lrirtc Naturfjcs- ■ìilclilc dar Tliicre, herausgegehen von Plii- 
lipp Lcopold Martin^ con prefazione a! trattato dei Rottili del 1)/ Frie Iridi 
Knauer; Lipsia F. A. Brockhaus 18b2. 

* 
* * 

Regno animale. 

Chuvse 3^ -•- Nctiili. 

Ordine 4° — Sauri i. 

Gruppo 1 " — Fissilinfjui. 

Famiglia 3' — Lacerilni . 

(Tenere 5" — Luce rio le vere. 

S|)ecie 'l' —Laccrla riridi-s Geftnci' (op. e:f., p:ig. 81\ 

Il ramarro {hicirtiuti^ Catania, ^lessino; vmutm^K, Palermo ecc.) ntd din- 
torni di Catania è abbondante e ([uasi unicamente rappresentato dalla t'orma 
disegnata da Boi;aparte {Icoiiofjnijìn dulia Fauna Italica, T. Il ) sotto il nome 
di ;;?,(j^//oc(;'rH/f'a con qualche lieve differenza, che sotto dirò. Lo smagliante 
colorito di questa forma non è comune ai duo sessi che in casi veramente 
eccezionali; e basfavami Tosservazioìie della prima ventina d'esemplari per 
farmi accorto d'alcune differenze, che mi resero facile il riconoscimento 
della femina. Ai ramarri dei dintoimì di Catania non si |)uò applicare (][aanto 
si legge nel libro di Martin , che cioè : d'ordinario i niascJn sono luiifor- 
ììicìnente verdi: anzi io noii ne ho visto un solo di tal tinta ; tutti ei'ano 
invece d'un verde punteggiato di nero, anzicchè m icchiato, come la figura 
mentocerulea di Bonaparte. Molto meno poi ho visto qui /emine d''an bel- 
lissimo verde uniforme; ne occoi-rono bensì di colorito brano-verde con ocelli 
ìieri al di sopra .^ e giallo paglia al di sotto (non mai verde-grigio^ Martin); 
ma anche queste sono assai raie. 

La distinzione sessuale per via dol colorito deve cercarsi nei ramarri , 
e credo in molti altri animali, all'epoca dello sviluppo delle funzioni li- 
produttivc; la quale pel ramarro cataaese corrispondo molto approssimati- 
vamente al tempo, in cui la femina ha raggiunto la statura totale di 25- 



— 314 - 

ctm., nilsuraiido il cuy\)o 7-9 chii. dalla fcnditui'a oralo alia cloaca. Fra gli 
animali di (alo stulura notai quasi costantcìiionto nolla foniina i particolari 
seguenti di colorito : Tinta uniformemente brunastra o variamento scrc;iiata 
di punti neri al dorso, bianchiccia al ventre; due linee dorsali continue, o 
poco interrotte, di piccoli ocelli bianco-nci'i, le quali alle volto s'allungano 
su parte della coda; due altre linee più laterali , al fiaiiclii , e più spesso 
interrotto, talvolta come catene di maccliie ocellate, lo quali cominciano 
airaitaccatura delle gambe anteriori e terminano a quella delle posteriori. 
La gola lui squame di color madreperla. Il maschio di quc?ia statura 
probabilmente già maturo alla riprodu/aone , porta nel massimo numero 
dei casi i caratteri dell'adulto, vale a diro apparisco già verde al dorso, 
})iù meno fittamente punteggiato di nero, o giallo-canarino al ventre. 

Col crescere della statura il colorito testò descritto della fomina , che, 
come ò noto , appartiene pure al niascliio piccolo , ma che da esso è la- 
sciato iiìtoramento a questa età, si va lentissimamente moditicando col mesco- 
larsi ad un pò di verde al dorso, e a un pò di giallo al ventre, e questo tinte 
come dissi, possono acquistare talfiata la vivacità di quello del jnaschio, ma 
})er ordinario rimangono affievolito da altro sfumature; onde è in parto esatto 
ciò che aft'orma il sig. Lubai'sch (Sijatcm. Ciìuidr. d. Zooloijic. 1 Tli. \^. SS) 
esser cioè lo fomine della Lac. vir. in generalo p'/à ciliare. In quasi tutti 
i miei esemplari non ho poi veduto sulla fomina adulta il bell'azzurro della 
gola del maschio , ma soltanto sopra un fondo madreporl i una vera sfu- 
matura di ceruleo, più appariscente agli orli della bocci e sui confini della 
f.iccia dorsale colla ventrale del collo. Nel Marlin si logge: Molto Sjìcsso 
l(( gola del ìiiaschlo e colorita d^in hellissìmo ^/n'c/^/V^o ; io aggiungo : sempre 
nel ramarro adulto maschio del Catanese, e (juasi mai nella fjinina adulta. 
Le quattro linee d'ocelli sopra descritte si conservano nella fomina in una 
maniera più o mono distinta per tutta la vita. 

in conchiusione : il colorito del ramarro è uguale per i due sessi nelle 
prime epoche della vita; all'approssinuirsi della maturità riproduttiva (sta- 
tuia di circa 30 ctm. , 7-9 del corpo) il mascliio assume rapidamente Io 
tinte vivacissimo j)ronrie della varietà; la fomina per lo meno nelI'StJ p. 100 
dei casi si riconosce alla tinta meno viva e più mescolata, alla pallidezza 
dell' azzurro della gola, su fondo madro[)erla, alla jìorsistenza delle quat- 
tro linee ocellate. Forse la statura della fomina pcrfettamento adulta ò più 
pìccola di ([uella del mascliio; forse la testa è proporzionatamente più pic- 
cola; ma su (lucsii sogni di maggior valore morfologico^ clic non sieno quelli 
del colorito, non posso sicuramente i»ronunciarmi. 

Di tutto le varietà siciliane della Lac. virid. notato nel : Prospctlo dcyll 



— 315 — 

.'=;f,u,dn (V Erpetologia in Sicilia, Palermo 1863, del chiarissimo Dolt. F. Minà- 
Palunilìo, noi libro sopra citato del prof. Dodorlein, io non ne ho scon- 
trata alcuna; nemmeno quella elio il Saoa (cit. da questi duo autori) dice 
somigliare alla Lac. ocellata, o vivere alle falde dell'Etna. Potrebbe so- 
spettarsi die la L. siieala o hdiiicafa di Rafinesque sia il ramarro giovino, 
e verisimilmente la femina da me sopra descriita, la quale a ('atania è spe- 
cializzata dai contadini col nome di cihia o cicibia, ed oltre al colorito ha 
di particolare che vive nei luoghi umidi, canneti, fossatelli, stagni; alla vista 
dell'uomo si arresta a guardarlo fiso; inseguita si slancia nell'acqua e dopo 
un tuffo ricompare all'altra sponda. Non avendo veduto, come sopra dissi 
alcuna femina d'un verde uniformo bellissimo, non potrei affermare con 
Martin die tal varietà sia quella siciliana, che fu da Jlafinesque detta Lac. 
cJ ti or Olì ola (1 ). 

(continua ) . 



fi) Nel Mai'tin si h^ggc : Lo r/orr' (tloUa Lar. rir.) lìclla grosse :;a il'un fiKjitiolo 
(5-8) rendono deposte, ecc. A parto 1' indotei'minatczza , sijosso inevitabile nelle 
scienze descrillive, dd pai-agone con oggetti noti (nel i'agiiioli siciliani ad es. il 
diametro maggiore varia dai 5 ai 20 min.) io posso quanto al numero delle nova 
affermare d'averne im^oitrato non meno di 8 e non più di 17 gi;'i mature; vuoi 
che stessei'o ancora nel mesovai-io , rabesiiato di niiinGro'^i vasellini sanguigni , 
con l'area germinativa a guisa d'una macchia giallognola chiara, (loi'salmente 
sopra la sfera giallo-rossa del vitello; vuoi die fossero già penetrata nell'ovidutto, 
di forma ellittica, e d'un giallo reso i>iii chiaro ed opnco dall'interposizione della 
paret(! ddl'ovidiitto, dall'ispessimento del cerio e dall'albume già acquistato. 

Le differenze sessuali di colorito da me segnate iKdla Lae. rir. con(;ordaiio in 
più })nnti con quelle trovate dal D.r Camerano waW A nrpiis fraijills. V. Atti d. 
R. Accad. d. scienze di Torino, voi. XIV. Aden. 15, VI, 53. Osserca^loni intorno 
ai carati, sess. second. dell'Anguis fragilis Linn. 



— 31G — 

COLEOTTERrNUOYI POCO CONOSCIUTI 

DELLA SICILLV 

DI ENRICO RAGUSA 

Cicind'ila circumdata var. imperialis King. 

Un csemplaro di questa bellissimi vai'ietà l'ebbi donato d.il mio amico 
De-Stefani , che lo ricevette da Ti'ai)ani come Cicindela circiundata Dej. 
Ne vidi poi un secondo esemplare nella collezione del Prof. Aug. Palumbo 
a Castelvofrano , ed anche questo era della stossa provenienza. Quest'in- 
setto in Sardegna non è raro e sappiamo dal Gene (Dj qìiishìixdam ìnse- 
ctis Saì-dinac.) elio si trova presso al mare , vicino le saline , nel mese di 
giugno; e così i nostri colleghi di Trapani, volendo possono farne ricca 
messe. 

Aggiungendo alla fauna Siciliana questa nuova varietà di Cicindela, ri- 
corderò come nello scorso agosto, ed ora nel luglio ho trovata comune, iu 
una piccola località a destra del golfo di Mondello, e propriamente presso 
la piccola torre bianca, la bellissima varietà aplirodisìa della C. Vdtoralu, 
e fra questa riuscimmo assieme all'amico De-Srefani a prendere otto stu- 
pendi esemplari della rarissima var. lugens. rn. 

Lebia trimaculata \Mlcis var. Destefanii Rii;nsa. 



Nirjra; tìiorace, ehjtris pedihiisqne rufi>; ; elytiis ììi'IchUs scutrllari trihus 
nìgris, maculis yosikis trihus nigro, media didyma coìììììihiìÌ. 
Loìif). 6-7 milL 

Differisce dal tipo per avere tre punti neri *.* presso lo scutello alla 
base delle elitre, posti in modo da formare un triangolo (come spesso ac- 
cade) se congiunti, come nella lar. crux-minor L. 

In escursioni fatte nel luglio scorso, passando per il boschetto della Real 
Favorita, e battendo le querce, presi abbondante questi bella ed interes- 
santissima varietà che con vero ])iaccrc dedico al carissimo compagno di 
escursioni, all'illustre imenotterologo Teodosio De-Stcfani. 



— 317 — 

Falagrìa gratilla Er. 

Questa specie non è rara in Sicilia, ed io ne posseggo cinque esemplari 
determinatimi dallo stesso Fauvef; è per ciò clic la citai nel mio secondo 
elenco di Coleotteri Siciliani, agosto 1881. 

Ora il signor Fauvel nelle suo Rectìficatìom au Catalogus Coleop. Eitr. 
et Cane, nella Delenda a pag. 84 della Eenie d'Entomologie toglie la gra- 
tula Er., dicendo die è una specie dell'Asia occ, rettificazione erronea tanto 
più clie pare sia stata da altri trovata in Grecia, in Russia e nel Cauca- 
so (1). 

Anisoplia marginata Kraatz. 

L'illustre D.' G. Kraatz, nel primo fascicolo della Deutsche Ent. Zeit. 
1883, pag. 17-24, in un interessantissimo articolo Ueher die Arteìi der Oat- 
teng Anisoplia descrive a pag. 20 e 21 questa nuova specie di Sicilia, sopra 
due individui spediti dal Dahl al signor von Hoydon sotto il nome di va- 
riegata. 

In una escursione fatta nel giugno dell'anno scorso sullo Madonic , vi- 
sitando una località detta la Madonna dell' Alto ^ trovai abbondantissima la 
specie del Kraatz, e potei raccoglierla in tutte lo sue varietà, in modo da 
accertarmi che essa altra non è che una varietà della A. vdlosa Goeze 
^agricola Fabr. 

La descrizione del D."" Kraatz fu fatta su cfcf, ed io ne posseggo esem- 
plali che oltre deiravcro il margino delle elitre oscurato, hanno alla base 
delle medesime la macchia quadrata che vediamo in altro specie, mentre 
in altri si osserva pure una fascia che dal contro si riunisco a quella mar- 
ginale. 

Questa fu pure la sola specie trovata dal Ilomano che la riconobbe be- 
nissimo ed a pag. 22 nelle sue ^ Osservazioni „ scriveva : 

Anisoplia agricola var. Differisce dalla specie di questo nome descritta 
da Castelnau perchè non ha, o ha leggerissime strie, e piuttosto corte poco 
elevate nelle elitre. La femina offre su quest'ultime una macchia obbliqua 



(1) Ricevuta la Wiener Eiiioinol. Zcitanfi, vedo che il Sig. Reitter l'etlifica aii- 
ch'egli l'asserzione del Fauvel avendo egli sto.'jso trovata la F. gradila alle isole 
Jonie. 

Il Naturalista Siciliano, Auno 111. 40 



— 318 — 

nel mezzo di ciascheduna, la sutura e tutto l'orlo laterale e posteriore , ne- 
rastri. 

Si avvicina essa pure moltissimo alla Melolonta campesfris fomina di La- 
treille, Hist. nat. des ins. n. 19. „ 

E ancliG una delle tre specie trovate nel 1859 dal Bellier in Sicilia {a- 
rjrkola Fub., arvicola 01., tempestiva Er.), e citate dal Ileicho negli Ann. 
Soc. Ent. Fr. 1860. A proposito di quest'ultima a pag. 18-19 il D.r Kraatz 
mette V A, pallidipennis Gyli. in sinonimia della depressa Er., e ritiene che 
questa specie non si trova in Sicilia , ma che la specie siciliana ritenuta 
por pallidipennis aia invece la tempestiva Er., che noi trovianìo difatti no- 
tata dal Reicho e che io stesso ho trovata in due volte (sei esemplari) nel 
Piano della Battaglia sulle Madonie. 

Attalus semitogatus Faìnn. i 

Nello scorso luglio fra i Coleotteri speditimi dal mio raccoglitore da Mes- 
sina , trovai una diecina d' esemplari di questa bellissima specie scoperta 
in Algeria e descritta nel 1863. 

La scoi)crta in Europa di quest'insetto, non è una novità, e certamente 
fu una dimenticanza il non citarla noll'ultimo catalogo di Bei'lino, giacché il 
signor Aboillo de Perriu nel suo " Suppióment à la Monographie des Ma- 
lachidcs d'Europe et des pays voisins. Nat. Sic. Anno I, pag. 1?'7, „ di- 
ceva come il Capitano Defargues avesse preso à Hyéres in i-iva al maro 
un esemplare di questa specie. \ 

Alcuni individui ricevuti da Messina presentano il torace senza la mac- 
cliietta bruna, mentre quella delle elitre a riflesso metallico, inclina più 
airimpiccolirsi che all'allargarsi, e sulla sutura, solamente in pochi esem- 
plari è visibile fino ai due terzi. 

Calìicnemis Latreillei Lap. 

L' anno scorso il signor Vito Beltrami mi spediva assieme ad altri co- 
leotteri raccolti a Licata, 2 esemplari di questa rara specie, nuova per la 
fauna Siciliana. 

{c.oniimin) 



— 319 — 



GLI OSTRACODI 



:E=o^^TO IDI :l/i:essii:t-ì^ 



(CoiiL V. N. \n-:'r..). 

Gen. Xestoleberis r;. o. s.us. 
X. depressa (ì. O. Sai'.s. 

Ovcrs. of Norg., pag. 68. 

Questa specie fu riguardata .siccoiìio propria dei mari settentriunali e 
quindi esclusa dalla fauna mediterranea. Jjo mie riccrclio me l'hanno of- 
ferto nel pliocene e (jUiiternario di Cilaìji'ia o di Sicilia, e più recente- 
mente esaminando molti esemplari della .Y. ixtcrmedia del porto di Mes- 
sina mi venne fatto di constatare che taluni individui , più piccoli degli 
altri, bisogna che si ascrivano sicuraincnte alla specie del Nord. 

Quindi la X. depressa fa parte della fauna mediterranea, ma gli esem- 
plari che la rappi-esentano sono più piccoli di quelli pescati dallo Chal- 
lenger. 

DiSTR. GliOOR. 

Inghilterra, Norvegia, Spitzberg, Golfo di S. Lorenzo— Messina ! 

DlSTR. STRAT. 

Zancleano ed Astiano — Calabria! — (]uatcraario —Inghilterra, Norvegia, 
Canada, — Calabria ! Sicilia ! — Itizzolo ! 

X. producta vSi^gnenza. 

Tav. I, fig. 1.]. 

Seguenza. Le forni, terz. Reggio, pag. 291. 

Conchiglia di forma allungata, semiovale, allorchò si guarda lateralmente, 
colla regione ventrale perfettamente appianata, colla nmggiorc altezza alla 
metà della conchiglia, essa non uguaglia la metà della lunghezza; l'estremità 



^ 320 — 

anteriore si restringa gradatanieiifo lonninandosi ottusa, la rogioao poste- 
riore è rotondata, ma forma un angolo prcssoyhò rotto alla parte inferiore 
dove il suo margine si connette col margine ventrale, che ò retto o lie- 
vissimamente convesso, il margine dorsale è convesso abbastan/>ii; ma tal- 
volta nella parte più elevata diviene poco convesso, quasi appianato, sono 
forse tali individui di sesso maschile ; guardando la conchiglia dal dorso 
lia forma ovato-acuniinata, colla regione aateriore prominente in un rostro 
acuto , che si origina più o mono bruscamente , colla estremità posteriore 
rotondata, coi margini laterali poco convessi e poco convergenti ; la mas- 
sima Larghezza è circa ai due quinti posteriori ed oltrepassa la metà della 
lunghezza; guardandola da un estremo ha formi trigona col margine infe- 
riore retto e i laterali convessi. La superfìcie è levigata. 

I-uiigliozza Akuzzu Spessore 

0,63""". 0,27'"™. 0,35™'". 

Questa specie ha la sua massima affinità colla mia X testado^ del Saa- 
riano di Calabria, dalla quale è ben distinta pel rostro e pel dorso meno 
elevato. Ila considerevole avvicinamento colla precedente per 1' appiana- 
mento della regione ventrale, ma la forma generalo ed il rostro ne la di- 
stinguono nettamente. 

Djstr. gf.ogr. 

Un solo individuo noi Porto di Messina ! 

DlSTR. S'rRAT. 

Astiano — Calabria ! — (Juaternario llizzolo ! 

X. intermedia Uiady. 

Los fonds de la mer. Voi. 1, pag. 94, 81), tav. XXtl, fig. 3-7. 

Questa, nel porto di Messina, è tra le più comuni specie del genere, 
essa offre più gracili e distinti gl'individui maschili, che inoltre sogliono 
essere ordinariamente più piccoli dei feminei. 

DlSTR. GEOGR. 

Propria del Mediterraneo — Pescata dallo Challenger con caratteri un pò 
diversi allo Stretto Torres — Comune a Messina! 

DlSTR. STRAT. 

Raccolta nel quaternario di Rizzolo ! 



— 321 — . 

X. :nargaritea Brady. 

Trans. Zool. Soc, voi. Y, p. 370, lav. LVIII, fìg. G a-d. 

Allo stato fossile ho creduto ijiiesta siccome distinta specie dalla vivente 

ma l'ulteiiore studio comparativo mi ha convinto che la mia A^ pìistnlosd 

bisogna che si associi alla A'. ìiMi-garitna propri.i dui Mediterraneo e che 
vive abbondantemente nel por'o di Messina. 

DlSTK (il.OGR. 

Comune nel Mediterraneo — Maurizio -Isola Booby. — Messina! 

Disri;. STRAT. 
Quaternario di Calabria! e di Sicilia !- llizzolo ! 

X. labiata Brady ''' B<>l»orlson. 

Ann. and Mag. of N. JT., pag. IIG, tav. IV, fig. 8-15. 

Ecco un'altra delle s])ccie credute esclusive dei mari settentrionali com- 
parire nel Medi terraneo conservando })rccisamente le forme e i caratteri 
tutti coi quali si presenta nel Nord. Gl'individui maschili sono molto ben 
distinti dai feminci [)cr la forma j)iìi gracile e per vari caratteri. 

Nel porto di Messina è questa una delle specie più comuni e si distinguo 
bene dalle precedenti per la forma oblongo-trigona guardata lateralmente, 
e per una s])ecie di labro sporgente che presentano le valve all' angolo 
infero-posteriore piìi prominente nella valva destra. 

Disti;, gf.ogr. 
Isola Scilly. — Messina! 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario di Rizzolo ! 

X. saccata n. 

Tav. I, lig. lì. 

Conchiglia degl'individui feminei, guardata lateralmente, dì forma allun- 
gata molto, che si restringe poco alla regione anteriore, la maggiore al- 
tezza è riposta dietro la metà della conchiglia e non raggiunge in valore 
la metà della lunghezza, auzi resta considerevolmente minore; l'estremità 



— ?i22 — 

anteriore è largamente ed obliquamente rotondata, la posteriore poco più 
larga, rotondati, con un indizio di angolosità in basso; il margino superiore 
è curvo abbastanza; l'inferiore ò concavo, lievemente convesso alla parte 
posteriore; guardando la conchiglia dalla regione dorsale il contorno si pre- 
senta allungato-piramidale , perchè gradatamente restringendosi in avanti 
si termina in punta acuta , ed invoce largamente rotondato in dietro ; la 
larghezza massima uguaglia pressoché l'altezza ed è riposta ai duo quinti 
posteriori. 

La conchiglia degl'individui maschili è più gracile guardata lateralmente 
ed offre un angolo prominente sebbene rotondato alla regione postero-in- 
feriore; guardata dal dorso è più compressa, colla maggior larghezza presso 
la metà, e colli regione posteriore strettamente rotondata. La superficie 
della conchiglia è levigatissima siccome porcellana smaltata, ma presenta 
csilissimo papille, che anco al microscopio sono poco visibili e fa d'uopo 
un più forte ingrandimento. Le valve in ambi i sessi , guardate interna- 
mento, presentano forti linee radianti al margino anteriore , ed una spor- 
genza labiata all'angolo postero-anteriorj , più distinta nella valva destra. 
Quivi ciascuna valva offre una specie di insenatura, maggioro nelle fomine 
e più sviluppata nelle valve destre. 

Luiigiiuzza Altezza Spessore 

0,70'"">. 0,33'"™. 0,34™-". 

0,60"'™. 0,23'""'. 0,24"'"'. 

0,87"'"'. 0,37"'™. 0,39"'"'. 

0,65™"'. 0,25"'"». 0,25™™. 

Questa specie ha tutto 1' andamento della precedente , di cui ne ripro- 
duce anco i particolari caratteri, come la' forma labiata delle valve all'an- 
golo postero-inferiore; ma si distinguo pure assai bene per la forma allun- 
gata e più gracile, per l'estremità anteriore larga e rotondata, pel margine 
dorsale meno curvo, pel margino ventrale concavo. 

DlSTR. GEOGR. 



Porto di Messina ! 



DlSTR. STRAT. 



Quaternario — Rizzolo !. 

(continua). G. Se;guknza. 



— 323 — 



LEPIDOTTERI DRUOFAGI 



(Cout. V. Niim. pi-ec). 

212. Tortrix Viridana Lini. — Slaiidingei', p. ^33. 

II bruco or>liiiai'iamenle vive sulle querce (Millièi-,'). 
Boschi di Alzale, Sicilia, Corsica. 

213. Tortrix Paleana Jlbn.— Staunin-er, p. 238. 
Il bruco sulle querce (Curò). 

A IJegoledo, e sui monti della Brian/.a. 

214. Tortrix Amplana Ilbn. — Slaudinger, p. 238. 

Il bruco \ive nella ghianda, in alcuni anni è molto no avo. 

In tutta Italia, Sardegna, Sicilia. 

Parass. Vespar. è molto esleso il numLjro de' parassiti del G. Tortrix. 



Campoplex intermedias Illz. 

— lineolatus Bc. 

— pugillaior Grv. 
Chelonas inaliiartLculatus Riz. 

— vafipes Latr. 
A lisa ocalalor Klz. 
Aphidius inclusus Illz. 
Brac/iistes Per ri sii Iliid. 
Elachistes fenestraius Nces. 
Encyrius iruncaielLas Dlm. 
Enlodon (jenicidaias Hrlg. 
Entvdon strobilanus Rlz. 
Rogas linearis Nees. 
Ephialtes glahraius Rtz. 



Eubadizon pecioralis Nees. 
Glijpia cicatricosa Rtz. 

— dubia Rlz. 

Jc.liiienmon sti/nolator Grv. 

— laevis Rlz. 
Periiilus cinctellas Bè. 

— dilaias Rtz. 
Piiapla g rainiaellae Schr. 

— fl'ivipes Grv. 

— instigator Fbr. 

— rifata Grv. 

— scanica Grv. 
Pieromalas crassipes Rtz. 
Sphinctus serotinas Grv. 



Paras. muscari — Maiiera pupivora Dsv. — Matopia bisignala Dsv. — Tachina 
larvarum Lnn. 
215. Cheimatophila Tortricella Ilbn. — Staudinger, p. 241. 

Il bruco vive sulle querce (Curò) e la farfalla si ti'ova ne' luoglii boschivi 

sulle querce. 

Piemonte, Lombardia, Pratovecchio. 
21G. Olindia Hybridana Ilbn.— Staudinger, p. 242. 

Il Curò con dubbio riporta che il bruco vive sulla q;u'rcÌLi. 

Pratovecchio, le due varietà in Piemonte. 



— 324 — 

?17. Penthina Profundana S. V. — Slaiulingei-, p. 947. 
Bruco sullo querce (Curò). 
Liguria, Sardegna. 

218. Penthina Corticana Hhn. — Slai'diuger, i». 247. 
Bruco sulle (luoroc (Curò). 

Piemonte. 

219. Petalea Festivana llbn.— Slautlinger, Cai., p. 252. 

Il Minière Irovò ;i Lione il bruco ni;' rami (1<>1 Q. robur. 
Wippacco, Tirolo meridionale, Nizza, Toscana, Sicilia. 

220. Grapholitha Tripunctana Fbr.— Staudinger, p. 255. 
Il bruco vivo sulle cpierce ((Jurò). 

Ilalia, Sardegna. 

221. Carpocapsa Grossana llw. — Slaudinger, p. 258. 
Il bruco in autunno vi\'e nella ghianda del Q. ilex. 
Napoli. 

222. Carpocapsa Amplana llbn. — Slaudinger, p. 2,50. 

Il bruco vive nelle ghiande, che fa carlcre immalurc , allora esce per sot- 
terrarsi, si chiude in un forte bozzolo, e ne esce alla fine di giugno. Mil- 
liére la trovò sul Q. volar, ilex e snber. 
Italia. Sicilia. 

223. Carpocapsa Splendana llbn. — Staudinger, ]). 258. 

Il bruco vive nelle ghiande, che fa cadere prematuramente, in alcuni anni 

ò molto funesto. 

Italia, Sicilia, Sardegna. 

224. Phthoroblastis Fimbriana IIw.— Staudinger, p. 259. 

Il bruco vive nelle querce maiale, e sul Q. vohar (Millière). 
Germania, non trovata in Italia. 

225. Phthoroblastis Argyrana llbn. — Slaudingei', p. 25!). 
Il bruco vive sotto il mischio dell • ;|a m"c;' (Millière). 
Germania, non trovala in Ita'ia. 

220. Phthoroblastis Plumbatana ZÌI.— Slaudinger, p. 259. 
Il bruco vive sul Q. robur (Milliéi'c). 
Dalmazia. 

227. Phthoroblastis Costipunctana IIw. — Slaudinger, p. 259. 
Il bruco vive nelle galle delle querce (Curò). 

Brianza. 

228. Steganoptycha Corticana llbn. — Slaudinger, p. 201. 
Il bruco si nuti'C delle frondi di quercia. 

Europa . 

{continua) F. Mina'-Palumbo. 



Enrico Ragusa Direit. resp. 



u 



li 

i ANNO III /77 -:r;^^y 1 settembre 1884 N. 12. I 



I IL NATURALISTA SICILIANO I 

I . GIORNALE DJ SCIENZE NATURALI ' | 

= SI PUBBLICA OGNI PRIMO 01 MESE S 

I ABBONAMENTO ANNUALE | 

= Italia L. 10 >> ^ 

= Paesi compresi nell'unione postale » 12 » = 

= Altpj paesi » 14 )' ^ 

= Un numero separato, con tavole » 1 25 = 

= » senza tavole » 1 » = 

= ' Gli abbonamenti cominceranno dal 1'^ di ottobre di ogni anno = 

1 Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione 1 

I al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. | 

I SOMMARIO DEL NUM. 12. | 

= F. Berte — Caratteri sessuali secondari d'alcuni Saurii civeiìti in Sicilia (cont. ^ 

= e fine). ^ 

= A. Cocco — Indice Ittiologico del mare di Messina (continua). - = 

= E. Ragusa— Co/eo^^e/'i nuovi o poco conosciuti della Sicilia. ^ 

1 A. Calabro Lombardo— Za Morfologia della colonna vertebrale dei Clupeidi | 

= (coni.) (con tavole). \S ' ^ 

^ M. Lojacono — Una escursione botanica in .Lampedusa (continua). ^ 

= C. F. Ancey — Eiudes sur quelques Mollusques terrestres inédits ou mal ^ 

= connus. = 

= F. Mink-Palumho— Lepidotteri Druofagi (continua). = 

= G. Seguenza — // Quaternario di Rizzolo (cont.). = 

= E. Ragusa — Ngcliiodes Bellieraria nov. sp. (con tavola). '\\JZ- = 






PALERMO 
Stabilimento Tipografico Virzi 



ANNO III. 1 SETTEMBRE 1884. N. 12. 

IL NA^ruim JSTA^icTm^ 

CARATTERI SESSUALI SECONDARI 
D'ALCUNI SAURII VIVENTIIN SICILIA 

DEL DOTTOR F. BERTE 

Prof. ord. d'Anatomia umana nontiale, generale e descrittiva 
nella R. Università di Catania. 



(Cont. e fine V. Num. prec). 

Specie ò^—Lacerta miiralis. 

Le mie osservazioni sulla lucertola mur.le (sicil. Incerta) ebbero ad ob- 
bietio una grandissima quantità d' esemplari presi nei dintorni di Catania 
e nella Piana di Milazzo dal maggio al novembre 1883 e ripetute pei din- 
torni di Catania nel corrente giugno. Il colorito di questi saurii varia per 
gradazioni così numerose, così diversamente mescolate, clie a gran fatica, 
secondo il predominio della tinta più diffusa io potei Tanno scorso raggrup- 
parli nei seguenti tre tipi : 1° — dorso verde finamente punteggiato di nero, 
fianchi e coda grigio-bruni , ventre rosso-mattone chiaro; S** — dorso bruno 
screziato, con sfumatura verde o senza, addome biancastro; 3° dorso verde 
macchiato nero, o viceversa, ventre bianchiccio o rossiccio pallidissimo, raro 
vivo. Manca il tipo nigrlventris Bon. Tutti o quasi gli adulti pi-eseutano 
le due serie più laterali delle squame addominali, tinte di cilestrino o gial- 
lognolo, raro verde, mescolati o no; sopra l'attaccatura delle gambe anteriori 
una macchia turchina in un cerchio nero, o in mezzo a macchiette e puntini 
neri. 

Quest'anno mi confermai in sifiatte osservazioni; ma ebbi ad accorgermi, 
come s'accorgerà il lettore, che i miei tipi differiscono dalle varietà sici- 
liane descritte da Bechiaga (v. Martin, p. 66, op. cit.j. A quella che egli 
chiama neapolitana^ che in ultima analisi è Valhiventris Bon., s'avvicina il 
mio 3° tipo. A quella detta viridiocellat% esclusiva della Sicilia, corrisponde 
al mio 2° tipo, salvo nel carattere fondamentale della varietà, cioè la mac- 
// Xatiu'cdista Siciliano, Anno III. 41 



— 326 — 

chia verde al dì sopra dell'attaccatura delle gambe anteriori, che invece è 
turchina. Non trovo alcuna varietà cui rassomigliare il mio tipo P , che 
mi sembra possa essere l'olivacea di Rafinesque. 

Della varietà Pod. mur. sic. oUvaceus albiventris Bon. , ma coli' addome 
bianchiccio, ho incontrato soltanto tre individui, e tutti e tre femine; del- 
l' altra varietà siculus macid. ruhiv. Bon. due soli maschi. Un contadino 
assai pratico mi ha ripetutamente assicurato che a parte (Vacqua vive una 
lucertola perfettamente simile alla murale, ma tutta verde. Ho ragione di 
credere che si tratti della seconda varietà ora connata di Bonaparte. 

Queste osservazioni mi fecero nascere dei dubbi intorno alla pratica uti- 
lità delle classificazioni fondate sylle differenze di colorito nelle lucertole, 
i quali dubbi aumentarono quando nell'ultima pagina del libro di Martin 
lessi la rettificazione che K. (Knauer) fu costretto fare alla già adottata 
classificazione di Bedriaga dopo la pubblicazione del prof. Th. Eimer: Un- 
tersuchungen iiher den Bau dar Mauereideclise ecc. Troschel's Arch. 46 e 
47 Jahrg. Nella quale opera sopra criteri assai più solidi, quelli cioè ap- 
prestati dalla morfologia, vengono ammesse tre varietà principali di lucer- 
tole murali; la striata, la macchiata e la unicolore; la prima (= campastris 
De-Betta) con 5 sottovarietà; la seconda con 4, la terza con 2. 

Era necessario premettere questi cenni intorno al coloi-ito in generale , 
perchè il lettore abbia la spiegazione della minore nettezza dei caratteri 
sessuali della lac. mur. in faccia a quelli della lac. vir. Non mi fu age- 
vole infatti trarre da tanta e cosi straordinaria diversità di tinte quelle che 
contrassegnano la femina; e debbo anzi confessare che solo nella metà dei 
casi mi fu dato riconoscerla con certezza. Generalmente parlando il colo- 
rito della femina è meno vivo, meno screziato, meno mescolato di quello 
del maschio; predominano la tinta bruna screziata o tendente al bronzino, 
e la tinta grigio-terrea. Gli ocelli al di sopra dell'attaccatura delle gambe 
anteriori sempre d'un turchino pallido, o sbiadito affatto; meno vivi e tali 
fiata mancanti i colori delle squame della prima serie addominale. I 
pori femorali piccolissimi e più numerosi che nel maschio. La statura del 
maschio in media eguale a mm. 205; nella femina, sempre riconosciuta 
adulta alla maturità delle uova, mm. 181. Questi caratteri della Incerta 
murale siciliana rendono la femina assai simigliante alla tilighetta niedda 
(nera) di Sardegna e più ancora alla Notoph. 1i^oreof/ca, secondo è disegnata 
da Bonaparte (1). 



(1) Quasi tutti gli individui della lac. mur. erano infestali dai comuni acari rossi 
e qualcuno da vermini , come nel tiro (gong, ocell. Vagì.). Vedi pel confronto 
La distinzione del sesso nella tilighetta; e : Sull'apparecchio uro-genitale femineo 
del tiro: da me pubblicati due anni or sono. 



327 - 



Gruppo So—Crassilingui. 
Famiglia 5* — Ascalaboiì. 
Genere 15" — Platidattilo. 
Specie 1* — Platidattilo facetano. 
(op. cit. pag. 108). 

Il gecco delle mura {tignusu di rocca Palermo; zzazzamita Catania; sa- 
lamitu Messina, e qua e là scurpiuni) deve alla vita notturna la scarsa va- 
rietà del suo colore; onde non si può aspettare che i due sessi differiscano 
considerevolmente per questo rispetto. Posso nonpertanto notare un' into- 
nazione, mi si passi il vocabolo, meno fosca e in generale meno accentuata 
nel colorito della femina ; sicché in questa predomina la tendenza grigio- 
chiara e uniforme sulla variata, maculata, ondulata. Kon ho ancora nella 
femina visto per es. quelle chiazze nere su fondo grigio chiuso, che ren- 
dono all' occhio del popolo il gecco così orrido e pauroso, più che non sia 
ributtante. 

Carattere sessuale alquanto meno infedele mi riuscì la statura; il gecco che 
dalla punta del muso alla fenditura della cloaca misura piìi di 65 millimetri, 
70 circa di coda, quando l'avea, risultò spessissimo maschio. La media delle 
mie misurazioni è stata questa : femina, corpo 62 mm.; coda 67; maschio, 
corpo 74, coda 80; cioè 129 : 154. — Nella descrizione di Martin è detto che 
la parte inferiore del corpo è hiancìiiccia non mactdafa; io l'ho trovata in- 
vece il più delle volte gialliccia, la qual tinta diviene bianchiccia all' ap- 
pressarsi della muda. — Infine, malgrado la comune credenza che nella coda 
riprodotta delle lucertole si rinnovino fra le altre cose il derma e l' epi- 
dermide , in nessuno dei gecchi da me esaminati io vidi ad occhio nudo 
nella coda riprodotta le serie dei tubercoli cutanei della non riprodotta. 
Catania, giugno 1884. 



ERRATA CORRIGE 



Nel fascicolo di Agosto a pag. 305 linea 19 e 20 dove si legge : Oggi 

avendo sottomesso uno di questi insetti aW esame del DJ Mayr leggasi 

invece : Oggi avendo sottomesso uno di questi insetti alVesame del Z).' Rudow... 

Pag. 306, linea 31 dove si dice Connessa, leggasi Convessa. 

T. D. 



— 328 — 

INDICE ITTIOLOGICO 

DEL 

PROF. ANASTASIO COCCO 

(per cura del Dott. LriGi Facciola'), 



(Cont. Vedi Num. prec). 

SOTTOCLASSE S-"- — Pomatobranchi 

SEZIONE 3a - Plettognati 

ORDINE 4° — Sclerodermi 

FAMIGLIA 5a — Balistidi 
SOTTOFAMIGLIA 2 la _ Balistini 

Genere 31'^ — Balistes 

Sp. 50. Balistes capriscus (Gni. L. Syst. I, p. 1471). Fisci parai 

Capriscus porcus (Raf. App. Ind. p. 58). 

Sp. 51. Balistes annularis? (Raf. Caratt. p. 16, t. Vili, f. 1). 
Balistes lunulatus (Riss. Hìst. Ili, p. 175). 
Balistes capriscus (Riss. Icht. p. 51, non Lin.). 
OssERVAZ. Osservai più volte una Baliste lunga un piede 
e mezzo incirca , la quale corrisponde a quella di cui 
ne dà la descrizione il Risso sotto il nome di Balistes 
vetula ed eziandio alla B. annularis di Rafinesque nelle 
quali i raggi esterni della pinna caudale prolungansi 
più degli altri, incurvandosi in dentro : questi raggi os- 
servansi tali nella nostra specie di cui indico il colorito. 
Il corpo è bianchiccio con larghe macchie fosche ed 
alcuni riflessi violetti sull' alto del dorso. Petto bianco 
con macchie fosche. Ventre bianco. Dorsale P fosca- 
carnicina, la 2" fosco-bruna con leggiera tinta gialliccia 
superiormente. Delle linee violette tra i raggi, ed ai 
lati di essi de' tratti trasversali dello stesso colore. Pet- 



— 329 - 

torali cinericcie macchiate di fosco. Anale più chiara 
della dorsale, con macchie flessuose gialle e violette, il 
giallo però predomina. Caudale del colore delle dorsali, 
i raggi allungati bruni. La pinna ventrale, la di cui 
spina è lunga quanto essa, è alta, ha color bruno-car- 
nicino senza macchie. Iride bruno-marrone. Pupilla nera. 
Ninna macchia cinge la base della cedale. Il prolun- 
gamento de' raggi esterni sarebbe mai un carattere di 
sesso, che distinguerebbe il maschio, come avviene di 
taluni Gobii, nell'Aulopo filameutoso, nel Tilosuro nello 
ali del dorso? Questo fatto merita attenzione. 

(SOTTOFAMIGLIA 25a - Ostracioninl) 

ORDINE 5" — Glmnodonti 

(FAMIGLIA 6« — Tetraontidi) 

SOTTOFAMIGLIA 26a - Tetraodontini 

SOTTOFAMIGLIA 27a - Diodontini 
, FAMIGLIA 7» — Ortagoriscidi 

SOTTOFAMIGLIA 28» — Ostagoriscini 

Generi 32^ — Orthagoriscus 

Sp. 52. Orthagoriscus mola? (Cuv. Régne Anim. II, p. 369). Mola. 
Tetraodon mola (Lin. Syst. I, p. 412). 
Orthragus oblongus ? (Raf. Caratt. p. 17). 
Osservai. Il pesce da me osservato per le dimensioni sta 
tramezzo ixW Orthagoriscus mola e all' Orthragus oblon- 
gus, dapoichè la lunghezza del suo corpo supera poco 
più di un quarto la larghezza e non è uguale come nel 
primo, né doppia come nel secondo. E poco scabro, rosso- 
violetto sul dorso, argentino foschiccio ai lati. Pettorali 
nerastre con riflessi violetti. Dorsale ed anale nerastre. 
Iride nerastra, con una linea argentina che circonda la 
pupilla nerastra. Una membrana molle , bianca , come 



— 330 — 

gelatinosa cìnge il globo dell'occliio, in modo che pre- 
mendo questo in dentro da essa vien tutto ricoperto. Una 
leggiera carena ottusa da dietro ciascun occhio prolun- 
gasi in avanti in direzione verticale dell'apertura dello 
branchie. Uno spazio argentino largato cinge la base 
della caudale. 

SEZIONE 4a — Micrognati 

ORDINE 6« — Sturioni 

(FAMIGLIA 8» — Poliodontidi) 

SOTTOFAMIGLIA 29a— Pollodonfini 

FAMIGLIA 9a — Acipenseridi 
SOTTOFAMIGLIA 30» - Acipenserlni 

Genere 33*^ — Acipenser 

Sp. 53. Acipenser sturio (Lin. Syst. I, p. 403). Sturiimi. 

Sturio vulgaris (Raf. App. Ind. p. 58). 
Os8ERVAz. A dir propriamente lo Shirione non è pesce 
del mare di Messina, in cui non sboccano fiumi. Io però 
l'osservai due volte al mercato preso nei mari di Gioia 
nelle Calabrie, ed è per questo che lo novero in questo 
Catalogo. 

SEZIONE 5* — Teleostomi 
ORDINE 7"^ — Ganoidei 

(FAMIGLIA IQa -= Loricaridi) 
SOTTOFAMIGLIA 31» — Loricarlni 

(FAMIGLIA 11» — Siluridi) 
SOTTOFAMIGLIA 32» =- Callictini 



— 331 — 

SOTTOFAMIGLIA 33^ ~ Pimelodini 

SOTTOFAMIGLIA 34a—Silurlni 

(FAMIGLIA 12a — Lepidosteidi) 

SOTTOFAMIGLIA 35a - Lepidosteini 
SOTTOFAMIGLIA 36a - Polipterini 
FAMIGLIA 13a — Tetragonuridi 

SOTTOFAMIGLIA 37^ — Tetragonurlni 
Genere 34° — Tetragonuriis 

Sp. 54. Tetragonurus Cuvieri (Riss. Icht. p. 347, t. 10, f. 37). 
OssERVAz. Questo pesce che non m'è venuto fatto di ve- 
dere che una sola volta, era un piccolo individuo lungo 
incirca sei pollici, che certo fu trasportato dalle onde, 
ma non è conosciuto dai pescatori e perciò privo di nome 
volgare. 

FAMIGLIA 14a — Macruridi 

SOTTOFAMIGLIA 38» — Macrurlni 

Genere 35*^ — Lepidoleprus 

Sp. 55. Lepidoleprus trachyrhynchus (Riss. Icht. p. 197, t. VII, 

f. 21) P^sci surici 

Oxycephas scabrus (Raf. Caratt. p. 31, Ind. t. I, f. 2). 

Genere 36^^ — Macrurus 

Sp. 56. Macrurus coelorhynchus (Bonap. Intr. Fn. It.). idem 

Macrurus rupestris (Bloch, I, p. 152). 
Lepidoleprus coelorhynchus (Riss. Icht. p. 200, t. VII, 
f. 22). 



— 332 - 

ORDINE 8°— Ctenoidei 
FAMIGLIA 15^— Pleuronettidi 
SOTTOFAMIGLIA 39^ — Soleini 

Genere 37'^ — Solea 

Sp. 57. Solea vulgaris (Cuv. Régiie Anlm. II, p. 842). Llnguata. 

Pleuronectes solea (Lin. Syst. I, p. 457). 

Solea buglossa (Raf. Ind. p. 14). 

Sp. 58. Solea lascaris (Riss. Icht. p. 311). 

(continua). 



COLEOTTERI NUOVI POCO CONOSCIUTI 

DELLA SICILIA 

DI ENRICO RAGUSA 



Ghlaenìus velutinus var. Borgiae Dej. 

Il seguito al mio catalogo ragionato, era già pubblicato allorché ricevetti 
copia dello scritto del Lefebvre nelle Memoires de la Soc. Lin. de Paris 
1827, T. VI, II P. e trovo eh' egli descrisse di Sicilia solamente una Ce- 
tonia squamosa ed una Chrysomela sicida ^ aggiungendo l'osservazione se- 
guente, che ci spiega perchè l'autore della var. Borgiae sia il Dejean e 
non Lefebvre. 

" Ohservations. Je me proposais de réunir dans un seni fascicule tous les 
insectes, ou nouveaux ou inédits , que j'avais recueillis dans mon voyage 
en Sicile , dans les années 1824 et 1825; mais la publication de ces me- 
moires a été retardée par diverses circonstances , depuis huit mois qu' ila 
soni terminés, et je crois inutile, aujourd'hui que quelques-uns de ces in- 
sectes ont déjà paru dans plusieurs ouvrages de les reproduire ici de nouveau. 

Tels 8ont, dans le Species general des coléoptères de M. le comte Dejean: 

1. le Chlaenius Borgiae^ t. II, p. 311; 

2. le Caràbus Le/ehvril, t. II, p. 177. 

3. la Siagona europea, t. II, p. 468. 

La découverte en Europe do ce deinier insocte, quo M. lo comte Dejean 
venait de rocevoir de Sicile, au moment oìi j'arrivai.) à Paris, est jo crois 
d'autant plus curieuse que, jusqu'à próscnf, co gonrc no scmbliit appar- 



— 333 — 

tcnir qu'aux grandes-Indes, aux còtes de la Barbarie, et do l'Egypte; j' ai 
lieu do presumer qiie cotte Siagoue n'est qu'une variété de la S. depressa 
d'Egypte, vii l'extréme siniilitude qii'ello présoute avec elle. „ 

Exilia timida var. lugubris Ilagusa. 

Tav. Ili, ti-. 6. 

'.Questo longicorne non è raro in Sicilia, e già Fairmaire è citato dal 
Muisant, (Longicorne de Franca, pag. 195) per avere ricevuta VExilia fl- 

NoTA. — Nella monografia dei Ceramhycidae pubblicata nelle Bestimmungs- 
Tabellon YII-YIII, Yienua 1882-1884 dal sig. L. Gangelbauer, l'autore a 
pag. 19 in una nota dice : " 11 dare dei nomi a delle varietà di colori, che 
si trovano nella stessa località assieme ad individui con la colorazione nor- 
male, lo ritengo uh trastullo senza scopo. Razze locali invece, anche quando 
non sono caratteristiche che per una colorazione costante, meritano tutta 
la nostra considerazione ed anche un nome speciale. „ 

Con questo sistema noi vediamo difarti che l'autore mette in sinonimia 
una quantità d'interessantissime varietà, lasciando sole quelle ch'egli ri- 
tenne razze locali! Ma lo sono queste? chi lo provai* esse appartengono 
quasi tutte a faune ancora pochissimo conosciute, e dove neppur si sa se 
esistano i tipi ! Difatti so il signor Gangelbauer avesse saputo che da noi 
in Sicilia oltre alla var. aetnensis Bassi si trova il tipo del Parpuricenus 
Kóhleri Lin. con quasi tutte le altre varietà descritte , allora certamente 
aiìchc questa conosciutissima varietà che esisto in quasi tutto le collezioni, 
e mi è sempre stata tanto dimandata, sarebbe inesorabilmente passata in 
sinonimia! Del resto, domando io, se egli non ammette che le sole varietà 
che noìì si trovano con il tipo, perchè descrive egli la nuova varietà Le- 
deri differente del Clijtus arintis L. per avere la prima e seconda fascia 
costantemente più larga che nella forma normale? Chi ci dice che VAga- 
panthia Sicilia da lui descritta come nuova specie, non sia invece una sem- 
plice razza locale? visto che in altre specie dello stesso genere i peli più o 
meno lunghi non hanno grande importanza secondo lui ! Cosicché se invece 
di trovarla io questa varietà lugubris a casa mia, assieme alla tipica Exi- 
lia, l'avesse trovata sulle Madonie o nei boschi dell'Etna un altro ento- 
mologo che non trovava il tipo, egli solo ora in dritto di darle un nome 
accettato, perchè, razza locale? ma io sono sicuio invece che in queste 
date condizioii egli ne avrebbe fatta una nuova specie! 

Tornando ora all'argomento, io metto invoco una grandissima importanza 

Il Naturalista SicilianOj Anno IH. 42 



— 334 



mida dalla Sicilia. Nel settembre 1874 in una stanza ove era deposta una 
quantità di legna di somuiacco, ne trovai un buon numero di cui posseg- 
go ancora molti esemplari e fra questi rinvenni la nuova var. liigubris^ 



a tutte le varietà, albinismi, raelanismi, anomalie, aberrazioni, mostruosità 
e tutto ciò infine che può svelarci il perchè una specie varia gradatamente, 
no, e per quali combinazioni a noi ancora ignote, rimpiazza in date lo- 
calità ed in dati climi , totalmente , o in parte il tipo. Io credo che so- 
lamente studiando e descrìvendo tutte le diverse varietà che si vanno for- 
mando e sempre più accentuando in uua specie , noi potremmo arrivai-o 
ad avere un giusto criterio della detta specie e hi vera descrizione della 
forma tipo; omettendo ciò, si cadrà sempre nell'altro eccesso; e trovando in 
sito inesplorato, sotto clima e flora differente, una varietà molto accentuata 
e della quale ci mancano le descrizioni di altre varietà della stessa specie 
che vi si avvicinino, vedremo sempre nuove specie ! 

Chi sa quante specie rarissime e poco conosciute , avvicinate e parago- 
nate con altre varietà ad una forma tipo, non finirebbero coll'essere che va- 
rietà di specie conosciute; ora per ottenere ciò, bisogna però avere dei grandi 
materiali e raccogliere sempre, e tutto. 

Trastulliamoci pure a dare dei nomi alle varietà, e noi vedremo che con 
quanto maggiore ardore un insetto è ricercato , tanto più presto ne sco- 
priremo la biologia, che sarà poi la vera chiave di molti problemi irreso- 
luti; certamente 1' entomologo esordiente cercherà con più ardore una va- 
rietà ch'ei trova citata nel catalogo, e che per l'estetica della sua collezione 
potrà collocarvi con una etichetta portante uà nome, anziché una var.? op- 
pure un a. h. e. 

Prendiamo ad esempio i lepidotterologi che non hanno tralasciato di no- 
minare la minima varietà; or bene cosa vi hanno rimosso? quanto più a- 
vanzato del nostro, non è il loro studio , e come saremmo felici di avere 
nel 1884 un catalogo di coleotteri compilato, uguale a quello sui Lepidotteri 
dello Staudingcr del 1870! 

Con questa mia nota, non intendo poi approvare di dare dei nomi ai più 
leggieri scherzi di riflesso di colorito, come si è usato fare in questi ultimi 
tempi per certe famiglie; nomi che sarà difficile bandire , ora che gli au- 
tori del nuovo catalogo di Berlino^ li hanno accettati ed i quali, per essere 
concludenti, dovevano, una volta accettate in parte per i Cerambici, le ve- 
dute del Gangelbauer , o togliere tutte le varietà che non sono razzo lo- 
cali, lasciarle tutte. 



— 335 — 

che si distingue per la totale mancanza delle macchie umerali ed apicalì, 
e della fascia mediana; ò tanto caratteristica, che se non l'avessi trovata 
in compagnia del tipo , con molta facilità potevo cadere nell' errore di 
farne una nuova specie. 

Altri individui presentano le sole duo macchie apìcali (var. apicalis m.) ed 
abbiamo così il passaggio graduato dalla tipica timida alla var. luguhris. 

Helodes nebrodensis Ragusa nov. sp. 

Obìoìirjo-ovahi.^, fusciis , griseo-pubescens , crebre imndatus , protJiorace et 
anteiinaruìii basi^ scuteìlo, pedibusqne ex parte, testaceis. 
Long. 4 mìll. 

Oblongo ovato, la testa nera, ricoperta di peli grigi, punteggiata, con 
le mandibole ed i palpi testacei ; le antenne nere con i tre primi articoli 
testacei; il corsaletto testaceo lucente, quasi del doppio più largo che lungo, 
coi bordi laterali leggermente rivoltati, ricoperto di punti abbastanza grossi, 
e qualche pelo grigio ; lo scuteìlo testaceo , punteggiato ; le elitre di un 
bel nero lucente sono ricoperte di punti simili a quelli del corsaletto, ed 
hanno specialmente sui bordi laterali dei peli grigi dorati; il petto e l'ad- 
dome sono oscuri, il primo punteggiato come le elitre, il secondo assai più 
leggermente e ricoperto dei medesimi peli delle elitre; le gambe testacee 
hanno nel cT' i femori oscurati. 

o'. Allungato, stretto, l'ultimo segmento addominale arcuato e marcato 
di una impressione sferica; 4° 5" G** e 7° articolo delle antenne a base te- 
stacea; i femori oscurati. 

Q. Di forma più larga; l'ultimo segmento addominale intiero e di color 
testaceo; le gambe testacee. 

Si avvicina per la piccolezza del 3° articolo delle antenne, ed il colorito 
delle elitre alla nlgripennis Tourn., ma ne differisce oltre che per la forma 
dell'ultimo segmento addominale del cT, per il color delle antenne ecc. 

Trovai questa bellissima specie in due soli esemplari cfQ nel basso delle 
Madonie nei primi di luglio dell'anno scorso. 

[continua). 



— 336 — 
SULLA 

IIOIIFOLOGIA DELLA IIOLOWA YEUTLIillALE DEI CLlPEiDI 



NOTA PRELIMINARE 

PER 

ANTONINO CALABRO' LOMBARDO 



La filogenesi, corroborata anche dalla ontogenesi, della colonna verte- 
brale dei pesci ossei, ovvero il graduale sviluppo e differenziamento dello 
scheletro interno dei Teleostei^ studiati secondo l'ordine sistematico di loro 
naturale successione e dipendenza, è stata illustrata dai lavori del Mùller, 
Gegenbaur, Balfour, Goette, Bruch , Pouchet , Harting, Leydig, Cleland, 
Grassi, assodando fatti e traendo conclusioni morfologiche importanti , re- 
lativi alla corda, agli archi, alle costole o reste dei pesci medesimi. 



* 



Dei generi Engraulis e Cìiiiiea studiai le specie E. encrasicholus o C. 
sardina. 

I sistemi adottati ed i mezzi usati posso compendiarli così : 

a) Esame microscopico di differenti stadj degli individui giovanissimi 
sul fresco, schiarendoli talvolta colla glicerina o colla soluzione acquosa al 
20 p. 0|0 di potassa caustica. 

b) Uso del microtomo per i tagli trasversi dogli individui medesimi, 
preparati a ciò a seconda recenti ed accreditati metodi di tecnica micro- 
scopica. 

e) Esame microscopico delle sezioni ottenute. 
Ciò premosso, passo alla sommaria esposizione dei principali fatti osser- 
vati e delle rispettive conclusioni. 






Nei più giovani individui esaminati , la corda si presenta costituita da 
diversi strati concentrici, cioè : 



- 337 — 

1. Di una membrana esterna, (in relazione cogli archi) detta elastica 
d'alcuni autori; 

2. Della membrana propria della corda; 

3. E, verso il centro, della sostanza propria della corda. 

In individui di stadio più avanzato , concentricamente alle prime mem- 
brane, e verso l'interno, se ne manifesta una terza esilissiraa. 

La membrana esterna cresce di spessore col crescere della lunghezza 
della corda. 

La membrana propria della corda cresce pure, ma più della membrana 
esterna. 

Alla superficie interna della membrana propria della corda, si addensano 
le cellule della sostanza centrale della corda medesima. Lo strato circolare 
formato da queste cellule, o strato epirelimorfo , resta chiuso in una zona 
circolare, compresa tra il perimetro interno della membrana propria stessa 
e quello delia nuova membrana esilissima. 

11 contorno della membrana elastica si presenta rigonfio agli estremi del 
diametro orizzontale della corda. Ad ognuno di questi rigonfiamenti, o gozzi, 
s'aff'accia l'estremo interno o prossimale del miotomo mediano orizzontale, 
che Rivide la muscolatura dell'animale in superiore o dorsale ed inferiore 
ventrale. L'altro estremo del miotomo predetto, mette capo alla linea me- 
diana longitudinale della muscolatura rossa. Nella Cliipea sardina adulta 
si trovano de' pezzi cartilaginei intermuscolari nel piano mediano orizzon- 
tale, passante per questa linea. Che questo fatto abbia relazione co' pezzi 
cartilaginei intermuscolari, accennati dal Miiller? 

Anche accosto alla base degli archi superiori ed inferiori, al lato esterno, 
la membrana esterna presenta dei rigonfiamenti identici a' primi, da' quali 
si dipartono i miotomi obbliqui, o setti intermuscolari, che, col loro estremo 
distale, mettono capo verso la metta della retta orizzontale, esistente sul 
piano mediano omonimo, precedentemente accennato. 

La nuova membrana esilissima si differenzia nell'epoca della formazione 
della vertebra anficele. La corda resta strozzata e quindi si piega a zig-zag 
nella regione in cui si riuniscono i due coni della vertebra. Si vede, in- 
vece , a contorno circolare continuo nella regione interna vertebrale. La 
corda guardata isolatamente presenta la forma di rosario. 

In uno stadio che chiamerò (N. I) tutti gli archi si presentano cartila- 
ginei. Nella regione critica gli archi superiori si presentano più sviluppati 
degli inferiori. I posteriori sono più sviluppati degli anteriori. Si nota as- 
senza di costole. Grli archi posteriori si presentano rivestiti da un involucro 
di tessuto osteoide; mentre quelli anteriori presentano l'involucro osteoide 



~ 338 — 

tneno spesso. In altri termini, uogli ardii il processo di calcificazione o il 
differenziamento della sostanza intercellulare in tessuto osteoide , procede 
dalla regione cedale a quella del tronco. In ogni arco superiore, la propor- 
zione di questo tessuto osteoide cresce dalla regione prossimale a quella 
distale. Ciò prova come il processo di calcificazione si inizia all' estremità 
prossimale. Gli archi superiori anteriori sono distaccati lateralmente. Quelli 
della regione inedia accennano ad accostarsi lateralmente. Il congiungimento 
avviene negli archi della regione critica. 

Dalla estremità distale dei due archi , unica per 1' avvenuto congiungi- 
mento , si parte un' apofisi cartilaginea ; corta negli archi primi congiunti; 
crescente gradatamente in quelli successivi; di massima lunghezza (doppia 
di quella degli archi cui appartiene) negli archi della regione posteriore 
cedale. L'apofisi ò rivestita da tessuto osteoide di spessore decrescente dalla 
regione prossimale alla distale, alla cui estremità manca affatto. Questo in- 
volucro di tessuto osteoide, che avvolge l'apofisi, pare sia il prolungamento 
tubiforme di quello stesso originatosi all'estremità distale degli archi ap- 
pena congiunti. 

Gli archi inferiori, nella regione critica, (19"'^'? vertebra a contare dall'an- 
teriore) accennano all'accostamento laterale interno. Tale congiungimento 
si verifica negli archi seguenti posteriori. Dall' estremo distale , unico per 
l'avvenuta congiunzione, si distacca l'apofisi involucrata da esile strato o- 
steoide, come negli archi superiori. Il raccordamento che determina il con- 
giungimento laterale interno degli archi inferiori, è curvilineo : il grado di 
curvatura riesce più sensibile negli archi successivi: nella regione cedale 
questo raccordi mento è ad angolo acuto. Questo passaggio dal raccordamento 
a curva di massimo, medio e minimo raggio a quello ad angolo acuto, di 
grado sempre decrescente è notevolissimo, inquantochè avviene gradatamente, 
senza passaggi bruschi e repentini, e dagli archi anteriori verso quelli po- 
steriori : Natura itoìi facit saìtnm. Dalla 2G'? vertebra in poi, verso la re- 
gione cedale, al fianco esterno d'ogni arco si pronunzia lo sviluppo d'una 
lamella osteoide, allineata secondo la lunghezza dell arco e rendentesi sem- 
pre più evidente negli archi successivi posteriori. 

* 

* * 

In uno stadio più avanzato (K. II) gli archi superiori anteriori persistono 
ad essere separati gli uni dagli altri. Si presentano con accenno di esile 
involucro osteoide. In confronto allo stadio precedente si presentano allun- 
gati. L'allungamento è avvenuto se non esclusivamente, almeno a gran pre- 



— 339 — 

forcn/.a verso rostrcniità distalo ed è avvenuto sen/.a la proformazione di 
cai'tilagiac. Alla parte posteriore della regione critica gli archi si presentano 
cartilaginei, riuniti da una corta apofisi spinosa. Archi e apofisi hanno un 
involucro osteoide. Simili a questi ultimi sono gli archi della coda^ i quali 
però presentano un'apofisi che in complesso è molto più lunga e non è rav- 
volta da tessuto osteoide alla sua estremità distale. 

Gli archi anteriori inferiori si presentano cii'tilaginei, invohicrati da esile 
strato di tessuto osteoide. I primi archi anteriori inferiori sono accosti a 
quelli superiori corrispondenti. Gradatamente, nei successivi, la distanza che 
li separa cresce s'no alhi regione media del tronco , e , procedendo verso 
la regione cedale , conservano la distanza consentita dalla forma della co- 
lonna vertebrale. Agli archi anteriori inferiori si affacciano le costole ; la- 
sciando interposto uno strato di tessuto procondrale. Gli archi inferiori della 
regione critica persistono ad essere congiunti alla loro estremità. Da questa 
si parte un'aposi spinosa. 

(continaa) . 



UNA ESCURSIONE BOTANICA IX LAMPEDUSA 



Era Ir.ijo (piand > il mUliiio del 5 ap.ile assieme al mio egregio amico il si- 
gnor Barone F. von Zwierlein di ^Viesbaden, ci posimo sul Ir^no che da Pa- 
lermo va a Porlo Empedocle, da dove dovevamo imbarcarci sul Inanello che set- 
limaualmente va all'Isola di Lampedusa. 11 Barone andava piuttosto allo scopo 
di osservare la Fauna di queirisola, che la l'iora, che era ciò che da gran leujpo 
io ave\"0 ideato di studiare. Ma sino alTottobre scorso non c'era tra la Sicilia e 
Lampedusa servizio regolare, se n-^n con barche , onde queir Isola era stala per 
Ognuno, uno degli angoli i)i{i recondili dfl Mediterraneo, (irazie ;il vapore però 
ogni difiicoltà era eliminata e colla prima primaxera il nostro progetto venne a 
realizzarsi. Il Barone in completo assetto di esploratore e di Naturalista era im- 
ponente-; egli era sli'acarico di ogni utensile atto a far preda animale, lenea 
anco ira le mini un euorm_^ (lasco desiiiialo a rinchiudere rettili. 

L'egregio amico troxalo il suo |)OSlo, procurava invano sottrarsi agii ultimi at- 
tacchi di Morfeo, io afi'acc'ialomi allo sportellino, godevami l'aria pura e balsa- 
mica del mattino, im])regnala dai ])roi'umi die emana\ano le foreste di aranci. 

La linea costeggia il mare sin'ollie Termini. È una corsa di kilom. 38 tra i 
più bei giardini ed orti, ove coi più razionali sistemi si coltivano i più svariati 
prodotti, che forniscono alla capitale le primizie in ogni genere di frutta, di le- 



- 340 — 

giuiii ecc. A queste contrade ameiiissitne , subito che da Cerda in poi iuollrasi 
ueirinlerno^ succedono scene bea disei'se. 

La ferrovia è tracciata lungo il tortuoso coi'so del liumc Tui'lo, essa ne segue 
sino a certo punto i meandri. La strada sale poi sino a Lercara, ove toc.!.i il punto 
culuiinante che fa da spartiacqua dei due bacini, l'uno del Torto che scarica le 
acque nel Tirreno, Taltro del Platani, sul quale scorre la linea subito lasciata Ler- 
eara, e che depone le acque nel mare Africano. Bello è pel botanico, anche pel 
sulo rapido sguardo che si ha dal treno sulla campagna , 1' osservare i margini 
ed i prati vicini smallali di piante non comuni, o almeno speciali di questo ter- 
ritorio come il Cardaus corijmbosus Ten,, la Dlplotaxis crassi/olla D. C; la 
Moricandia nroensis Lin. , il Sonchus Nyinannl Tin. È d'interesso anche pel 
Geologo, l'osservare le formazioni gessose costituire delle potenti masse che me- 
ritano il nome di montagne, dalle cui viscere si estrae lo zolfo. Intatti oltre Ler- 
cara da Acquaviva a Comitini, si è in pieno centro di uno dei più ricchi terri- 
lorii zolfiferi di Sicilia e lo gesso sembra che si assodi a questo |)rezioso mine- 
rale, ed in ogni caso ne rivela il giacimento. Ma pel" lourista scevro di speciale 
scopo, pel viaggiatore vago di scene pittoresche, della successione di viste sva- 
riate, l'impressione di (juesta parte dell'Isola non deve essere delle più felici, ed 
io convengo che il ])aese è monotono e squallido a dii'iitura. 

Da Sciara m poi sino a Comitini, se si eccettui quel Iralto dei boschi di Granza, 
nei pressi di Montemaggiore, che a destra della strada fa una rapida apparizione, 
non c'è da vedere più un albero. 

La cultura del suolo consiste esclusivamente in cereali. Solo i campi di Sulla 
{Hedysarum coronarium) naturalmente costituiti e rispettati dall'uomo, rompono 
il monotono v^a-de dei campi , col loro colorilo sanguigno. Aggiungesi poi che 
nel gruppo montuoso da Acquaviva a Campofranco , pruicipalmente , la roccia 
è viva e spoglia di ogni strato arabile , onde viene anco a mancare quest' altra 
attrattiva ed il terreno tutt'attorno è della più squallida apparenza. Infatti le rocce 
gessose se in Sicilia come altrove albergano delle piante speciali, che seml)ra non 
Sappiano fare a meno di questo principio , ed hanno una llora caratteristica , in 
totale la vegetazione vi è povera, è magra la verdur.i. Quelle schiene brulle, dal 
colorito tetro delle forniazioni gessose, l'ingrato contor.io delle roce che non si 
prestano ad uno squarciamento, uè ad una alterazione die ne dislochi i fianchi 
e ne varii i contorni , dando origine ai picchi , alle guglie , alle falde scoscese, 
abrupte o a perpendicolo, come si è per le montagne calcaree, e che perciò creino 
i burroni, le gole, le valli profonde, sono monotone, ;n:uu'ano di attraliiva , di 
quella varietà delle nostre formazioni calcaree tanto comuni, ma sempre altret- 
tanto variate e pittoresche , che assumono forme pro|)i'ie e danno ai luoghi im- 
pronte caralterisliche, vuoi anco per le mille tinte della roccia, come per le into- 
nazioni della luce che le dardeggia, da farli parere infuocati, o lasciando nelle om- 
bre , i cupi e profondi burroni. Per queste stesse ragioni le regioni vulcaniche 
recenti, a cui aggiungesi il tetro colorito delle lave, riescono cos'i tristi e dere- 
litte. 



- 341 — 

\[ molile di Cainiiiarata , pii-aniide allissiiua dallo lai-ghissinie basi, foinpeusa 
perù a do\iz:e la niiseiia dello spetlaeolo. Il pioHlo di ([nell'eccelsa cima, una delle 
più alte di Sicilia (154.") m.) segue sempre il viaggiatore da un capo all' altro 
quasi della via. 

Quando già le tiule \aporose di cui si orna l'ori/zonie, in l'ondo a cui sta Gir- 
genti sull'alio colle, annunziano già Tavvirinarci aTaliro mare, si è già a Cal- 
dare centro delle linee (:at;uiia e Licata e Girgenti -Palermo, stazione perciò che 
l)resenta un movimento insolito alle altre fermate di Sirilia. Si è in un altipiano 
dolcemente ondulalo , lutto xei'de di seminati. Là vicino vi sono le moféte dei 
Macalubiti. Da Caldare al mare non è che una calala. Tralascio di decantare i 
pitloreschi dintorni di (iirgcnii, che so\ra un'alla rn|)e comanda Tinunensa e sva- 
l'iata pianura , ])erch(' tal panorama non pnossi osservare che da chi stassi su 
(pialche bel balcone delT Albergo dei Tempii o Belvedere e non da chi sta in 
basso, i-hiuso in ini \ agone, che vi trascina a P. iMnpedocle, la marina di Gir- 
genti, porto dal (piale noi dovevamo salpare per giungere alla n(3slra meta; ani- 
mato per il commercio degli zolli (?lie \ i slìoccano da lutti i centri zolHferi della 
provincia di Girgenti e dove stanno legni di ogni bandiera a caricare l'indispen- 
sabile minerale, al riparo dei bruiti scherzi di (luell'inlido mare che è TAfricano, 
col (piale noi non piii lardi delle 6 poni, dovevamo fare la conoscenza. 

Uno degli incidenti piii disi)ei'ati che possa capitare a dei Botanici e che de- 
cidono dell'esito di una (escursione, dovea colpirci al nostro arrivo. Per regola- 
mento ferroviario, che io a pvioì'l e senza discussione di causa, chiamerei colla 
moda . tunisino, (piella nieiv.e indisp(nisabile che b. la caria, pel botanico, conse- 
gnala in 5 pacchi al nostro dipartirci da Palermo, con voce franca ed anlorevoie, 
dal Capo Stazione, ci venne annmiziato che non sarebbe arrivata quel giorno. E 
noi che do\evamo imbarcarci alle 6 1 Fu la sola v.ilia che in due anni che avevo 
avuto ragione di apprezzare la estrema educizioiii? del mio compagno, che non 
può trovare paragone che nella immensa dose di sangue freddo, caratteristico del 
Paese d'onde il B.irone vantava origine, che a quell'annunzio sentii scappargli 
un s. d. dei più cnfiiiei , parola di cui (>gli avea presto saputo apprezzare in 
Sicilia il grande valore, e di cui l'acca uso nelle estreme circostanze. Dalla parte 
mia , la strambezza della disi)Osizione che era causa del nostro serio imbarazzo, 
il modo inurbano, mi esasp'r'» al punto, che rinc:irendo sulla dose, io mi permisi 
azzeccare tutte ((nelle espressioni della circostanza ed invero fui in procinto di 
\enire alle mani col Capo di cpiell' Ufficio a cui ripetea che (pici regolamenti 
sono contrarli ad ogni senso comune e che egli avea torlo a volerne sostenere 
rccpiità; poich(^ chi viaggia dopo aver pagalo per i bagagli quelle tarift'e speciali, 
pre;ende, ed a diritto, che i suoi clietti si trovino sul posto ov'é egli arrivato, per 
potere recarsi poi ove gli aggrada. Non saremma andati a Lampedusa se a Porto 
l'anpedocle fortunatamente non ci fosse capitata una Inulta cartaccia che ci seni- 
br(') una provvidenza. Lbbi il tempo da P. l-:!ni>edocle recarmi sul luogo ove cre- 
sce la Reaiiinuria cenniculata non ancora in fiore, e quel buon tedesco osser- 
vatala attentamente, quale una delle più pregevoli rarità della Flora Siciliana ed 
Il Naturalista Siciliano, Anno III, 43 



— 342 — 

Europea, religiosameiile ne prese qualche ramettiiio, lasciando che il resto avessse 
potuto riperpetuare la preziosa specie. Quale giusto concetto della scienza e (pianta 
passione per essa!.... 

Il tempo era bellissimo, l'atti i>li ultimi preparativi ci avviammo al porto ove 
chiedemmo del vapore. Eccolo, ci si ris[)ose, il Tortoli, disegnandoci un piccolo 
battello che ci sonderò un guscio di noce , tra i grossi vapori ancorati accanto. 
Candidamente confesso che in quel momento mi ])arve clie gli rispettabili signori 
della Compagnia di Navigazione avessei-o vohUo prendersi spasso di me, e giuo- 
carmi qualche brutto tiro! tanto avveninroso mi parca l' affidarsi su un fragile 
legno come il Tortoli, ai capricci di un mare capriccioso, quale è quello che bagna 
la nostra costa meridionale. E le mie preoccupazioni non erano prive di fonda- 
mento come in seguito dirò; ma replico il mare era splendido, e messe da banda 
quelle riflessioni, salimmo sul ponte i)er gustare un tramonto di sole incantevole 
e la ealata della notte che rischiarata da una luna in sul crescere ci si prese n- 
ta\'a attraente i)er tutti i riguardi. 

11 Tortoli strisciava sulle onde, maestoso e già la costiera splendente di lumi 
mano mano si dileguava ai nostri sguardi. Un silenzio completo regnava sul 
])ontc e non si udiva che il rumore cadenzato della macchina, rumore concilia- 
tivo anziché no del sonno, per chi sia bene sul mare, del resto tanto attraente. 
Non (;' era meglio di fare che dormire, così feci, lo non ebbi conoscenza delle 
ore che passarono, fintantoché il giorno si all'accio, quando eravamo già ai pressi 
dell'Isola di Linosa; vuol dire che dormii sa|)oritamente. Salii a guardare lo spet- 
tacolo. Linosa era gi'i vicina e ci si presentava in tutti i suoi minuti dettagli. 
E un piacere vivissimo, comune a tutti i mortali vedere terra in mare; per me fu 
un |)iacere speciale , proprio ai botanici, mirare una terra pressocliè ignota , e 
coir imaginazione mi promettevo trovare su quel suolo piante mai viste. Tanto 
più quelle previsioni pareano fondate perché l'aspetto di quell'Isola non potea es- 
sere più promettente. Essa dal lato di tramontana, sotto quelle tinte dorate che 
il sole sorgente le rillettea, velate dai vapori marini, infatti era proprio ri- 
dente! Essa è montuosa. Una elevazione piuttosto centrale primeggia sulle altre 
costituendo nn picco di un 400 m. di elevazione. Le falde di essa e tutto il ver- 
sante boreale, verdeggiavano per le folte macchie che doveano costituire i fruti- 
ceti più interessanti pel botanico. Esse scendeano sin quasi a lambire il ma- 
re. Più oltre la costiera selvaggia , irta di acutissimi scogli , che cingea tutto 
il liftorale , [)er la natura delle rocce di lava nerissima impediva colà lo svi- 
luppo di Olmi vegetazione. Quei nerissimi scogli bagnati più che dai lluUi 
da una copiosissima rugiada mattutina, di cui gli effetti erano visibilissimi sul 
ponte che ne era l)agnato, luccicavano al sole e per quanto inospitali e brulli 
fossero in realtà, (la\auo all'Isola un'aria di frescura particolare. Direi con una 
frase comune che quell'Isola, or ora fosse sorta, quasi una misteriosa divinità ma- 
rina dai flutti del mare africano, per ammaliarmi con la sua verdura. In fondo 
c'era del vero in ciò, tutto accennava infatti che l'annata in quelle Isole era stata 
piovosa, che la primavera era in sul cominciare, e che i calori non aveano potuto 



— 343 — 

ancora operare la distruzione della vegetazione erbacea, con quella rapidità, come 
avviene da noi e massime nelle piccole Isole, quando la stagione è stata secca 
eia primavera precoce. Buonissime speranze dunque! Ma chi avrebbe potuto 
credere allora che su quell'Isola che io rasentava col vapore, io non dovevo questa 
volta porre il piede! Eppure fu così, causa il Tortoli ed Eolo combinatosi con lui. 
Girammo l' Isola sino a Libeccio ove e' è il solo centro abitato , un pugno 
di casipole bianchissime , che a me fecero una bella impressione. Là il bat- 
tello fermasi per fare il servizio postale, infatti uno schifo ammantato nelle 
pieghe di una bandiera rossa e bianca tempestata di leoni, si avanzò verso noi, 
prese il più microscopico sacchetto postale che s'è mai imaginato, e tosto noi vol- 
gemmo la prora al Sud in rotta per Lampedusa. Il mare tra le due Isole si dice 
estremamente profondo, esso vien detto il Canale di Linosa. Tra le due ci sono 
ben 18 miglia di mare. Dicesi invece, che tra Lampedusa e la Costa Africana 
che sta a 60 miglia nella sua massima projezione nordica che è Madia, ci sono 
dei bassi fondi, tali che per lo più il fondo del mare si rende visibile. Credo 
che ciò è un fatto noto e positivo; quali si siano però le inferenze da trarre da 
esso, per le relazioni che esistivano tra il continente africano e questo scoglio di 
Lampedusa, io non saprei precisarlo. Lampedusa dopo due ore circa di rotta e 
appari infatti come un vero scoglio, anzi dico meglio, come un vero baluardo di 
rocce bianche, che tali si potrebbero dire di fronte alle tetre tinte dell'Isola vul- 
canica per eccellenza eh ' venivamo di lasciare. L'impressione mi era poco grata. 
Quella linea uniforme di rocce che svelava una superficie piatta e la mancanza 
di elevazioni, l'assenza completa di qualsiasi tinta verde che accennasse ad una 
vegetazione , il tutto contribuiva a farmi lasciare con rammarico Linosa , e vi 
sarei restato se il positivismo tedesco non avesse preponderato sulla fantasia ila- 
liana. D'altronde tale quale Lampedusa ci si mostrava, eran pur troppo note a 
noi le sue specialità, perche al postutto coli' avvicinarci non ci cominciasse a 
sorridere il pensiero, di presto trovarci in contatto con una quantità di cose note 
sole per fama, e che doveano appagare qualsiasi desiderio botanico. 

{continua) M. Lojacono. 



— 344 — 

ETUDE SUR QUELQUES MOLLUSQUES TERRESTRES 

INÈDITS OU MAL COXNUS 



Partula Layardi, Braziev. 

Cette espèce récemment découverte à Vate, l'une des Nouvelles-Hébrides, 
est assez lemarquable pour que l'ou s'y arréte un moment. 

Il serait très-possible que cette forme qui rappelle un peu, en petit, cer- 
tains Placostijlns ^ qui habitent cet Archipel et la Nouvelle-Calédonie , no 
fut pas une vraie Partule, et c'est co que V ótude seule do 1' animai fera 
connaìtre. Gomme dans tous les cas, elle appartieni à un groupe assez re- 
marquable sous le rapport des seuls caractères de la coquille pour meritar 
un nom de sous-genre, soit dans les Partula., soit dans les Bìdimus, nous 
proposons pour elle une coupé speciale sous le nom de Diplomorpha, coupé 
qui peut étre ainsi caractérisée : 

Coquille solide, intermédiaire comme forme entro les Partules vraies et 
les Placosti/lus^ à tours obtus au sommet, sub arrondis à la périphérie, ra- 
pidement croissants, peu nombreux, le dernier très-grand, ombilic petit, en 
partie rccouvert par l'expansion columellaire du peristomc. Ouverture assez 
allongéo , colorée en rouge pourpre ou en jaune intórieurement ; hi colu- 
melle légèrement auguleuse oxtérieurement, Taxe columellaire formant sou- 
vent à r intérieur un très-fort pli, Péristomo caileux très-ópais , réflóclii , 
blanc, les bords réunis par une callosité. Ouverture munie à sa partie pa- 
latale d'une très-forte dent. 

Partula radiata, Pease Mss. 

= P. compressa, Pease uoiì Pfr. 

= P. compressa, Pfr. in miis. Goclefitr. (errore !). 

Long. 20; lai.: 11 niill.; lat. apert. 7; long. ap. 11 mill. 

Testa snbjJt/ra'ìììidata, apice sithacida., solida, suhnitida, brunnea strigisqiie 
dilutiorihus sahohliquis ornata, spiralibus lineis ienuissimis sciilpta, anguste 
perforata. Spira conica; anfr. 6 sai rapide, sed regulariter crescentibus, striis 
increnienii vix perspicuis; siéplamdati, sutura lineari separati, tdtimus ma- 
gnus, medio ut compressus, praesertim prope aperturamj ditnidiam circa totius 



— 345 — 

testae partem occupans. Apertura suhreda, ovaUs-eniarg inaia ^ dente palatali 
nno (in rarictnte deficiente) munita. Peristomium album., late planeque re- 
Jlexiun, plaincm^ ad coìumellam angidatum, innhilicum ex parte tegens; mnr- 
(/inih- dextri superam ad partem minus latam, deinde sìdnto ante medium dente 
uno valido, fere ut in P. denti/óra, munitum. 
Var.: Dente ptalatali deficiente. 

Ou a coiifondre cette espèce qui est speciale à l'ile de Raiatea, avec la 
P. compressa, Pfr., des iles Fidji, espèce raro et tout à fait differente de 
celle-ci. Le Muséum Godoffroy 1' a répandue dttns Ics collections soiis ce 
nom errouó, et presque tous Ics exeiiiplaires qui portent le nom de com- 
pressa, appartiennet à notre coquille. Par scs oaractéres elle se rapproclie 

un peu de la P. denti/era, Pfr., mais elle est bien caractérisóe par la coni. 

pression de son dernier tour. 

Chondrus Geofireyi, ii. s]). 

Long.: R ';, l'iil!. 

Testa perforata, cornea, nitidula, suhtranslucens , turrita, suhlente striis 
incremcììti suhohliquis impressa. Spira suhovato-clongala, apije ohtusa; anfi\ 
8 regulariter crescentihus, suhrotundatis ; priinis magis ad periplieriam ro' 
tundatis, ultimus tertiam saltem (aut magis) testae totius partem occupans. 
Apertura subohliqua, ovalis emarginata , incrassata, columella flexuosa, pe- 
ristomio cdbido, reflexo, ad colmnellam dilatato, umbilicum semitegente; mar- 
ginibus callo ad marginuìu junctionem validlore, ad saperaìn partem exte.ì'i 
labii tuberPAdam efficiente; dente valido ante med/am partem dextri mar'jinis 
sito. 

Mazenderan [Perse septcntrionale). 

Cette espèce qua j'ai recue de M. Gcoffrey Nevill, auquel je me fais un 
plaisir de la dédier comme à l'uà des malacologistes qui ont contribué da- 
vantage à faire connaitre la faune si intéressante de l'Asie Centrale et Me- 
ridionale, avait été assimiléo par cet auteur au Bui. anatolicus, Issel, dont 
il ne la cousidérait que comme une variété (1). Elle en est cependant très- 
distincte au point de vue spécifique, et doit en ótre séparée; elle varie sous 



(1) Haiid list uf Mollusca in Ilio liidian Museiim Calcutta (Genro Bullininus 
N. 122) 1878. 



~ 346 — 

le rapport de la forme de la spire qui est plus cu raoins allongce dans 
les divers cxerriplairos que jo dois à l'obligeance do M/ Nevill; ìnais les 
caractères de l'ouverture sout constants. 

C. F. Ancey. 

SERATA 

Page 209, avaut la note 1, ajoutez ce membre de phrase: 

Non du (ype de i'ospèce, mais d'une forme cliinoise de la proviace 

de Ilunan , décrite comme variété Bunancola par M/ V. Gredler. Cette 
furiìio est, solon moi, complètement distincto du Bui. rvfistrigatus^ et doit 
eii otre sóparée sous lo nom qui lui à étó impose. 

ADDENDA 

r. 1G5, avaiit la mentiou de VHelix (Caniena) RappeML ajoutez. 

XXIXa. — Helix (Fruticicola) Orithyia, v. Martens. 

Quelques exemplaires de cette Hélice out été rapportés des parties oc- 
cideiitales do la province de Se-tcliuen. Les exemplaires typiques out été 
récollés dans la région du Loss (province de Honan) , par M. Ferd. v. 
Riclithofen; ceux de l'abbé David paraissent bien conformes au type, autant 
que les figures qu'cn donne M. V. Martens dans les Mémoires de 1' Aca- 
démie imperiale des sciences do Saint Petersbourg, me rendent capable d'eu 
juger. L'espèce varie sous le rapport des bandes transversales qui peuveut 
disparaìfre cn certains cas ; les spécimens du Se-tchuen en préseatent un 
commencement, 

C. F. Ancey. 



Errata dans les contributions à la Faune de V Afrique orientale. 

Par une crreur d' impression , le nom générique d' Eccoptomenas a étè 
mis à la place de celui à''Ahacetus avant la description d'une espèce nou- 
velle de ce genre provenant do l'Uzagara (1882, p. 69); la patrie d'une 
espèce abyssinienne (Popilia hexaspila)^ à étè omise dans le méme travail. 



— 347 — 

LEPIDOTTERI URUOFAGI 

(Coiit. V. Niim. prec). 



G. Tineina. 

229. Xysmatodoma Melanella lIw.--Staudiiigoi', |). 267. 
Il bruco vive ne' licheni del Q. robur (Milliére). 
Dalmazia. 

230. Tinea Vinculella H. S. — Slaudinger, p. 271. 
Il bruco \ive sulle querce (Sfainlon). 

Italia cent, e nierid. 

231. Incurvaria Muscalella Fbr. — Slaudinger, p. 272. 
11 Innico si nutre delle froudi di quercia (Curò). 
Tutta Italia. 

232. Adela Viridella Scp.— Staudiuger, \). 274. 

Il bruco si nulL-e su varie spacie di querce (Slaiutou). 
Europa. 

233. Calaatica Dealbatella ZÌI. — Staudiuger, p. 277. 
Il bruco si nutre dello froudi di querce (Slaiutou). 
Italia cent., Sicilia. 

234. Argfyrethia Cornelia Fbr.— Slaudinger, p. 280. 

Il Petagua dice che il bruco si nutre del parenchima, dell ■ l'rondi di qi.iercia. 
Europa centrale. 

235. Csrostoma Radiatella Dup. — Slaudinger, |). 282. 
Il bruco vive sulle querce ((Jurò-Turati). 
Piemonte, Toscana, Napoletano. 

236. Cerostoma Sylvella Lnn.— Staudiuger, p. 282. 
Il bruco vive sulle querce (Caro-Turati). 
Liguria, Toscana, Dalmazia. 

237. Cerostoma asperella Lnn. — Slaudinger, p. 2iS2. 

È probabile che il biaico vive sulle q\iercj (CiU'ò-Turati). 
Piemonte, Istria,, Pratoveccliio, Dalmazia. 

238. Chimabacche Pagella Fbr.— Staudiuger, p. 283. 

In maggio e giug.io il bruco lega le frondi delle (pierce (xVlilliére). 
Ita'.ia cent, e settenl. 

239. Chimabacche Phryganella Iil)ii.— Slaudinger, p. 283. 
Bruco sulle frondi delle querce (Curò-Turati). 
Piemonte, Lombardia. 



- 348 — 

240. Psoricoptera Gibosella ZÌI.— -Slaudiiiger, p. 280. 
Il bi'iico \'ive. sulle querce (Milliére). 

luiro));! cenlrale. 

241. Gelechia Peliella Ti'.— Slaucliuger, p. 290. 

Il bruco vive sulle querce, e cade battendo i rauii (Millièrc, Cuió, Tiu'ali). 
Piemonle, Lombardia, Liguria, Sardegna. 

242. Bryotropha Basahinella Zìi.— Slaudinger, p. 292. 

I bruchi trovausi sulle giovani frondi delle querce ordiuaric i Milliére). 
Francia. 

243. Bryotrophila Driadella llw. — Slaudinger, p, 593. 
Atlac a le Irondi delle gio\aui ((uerce (Curò-Turati). 
Italia ceni., Sicilia, Sardegna. 

244. Teleia Humeralis ZÌI. — Staudiiiger, p. 295. 

II bruco vi\'e sulle querce (Stainton) Curò la riporta, parlicolaruieuto del 
Q. suber. 

Italia. 

245. Teleia Triparella ZÌI.— Slaudinger, p. 295. 
Bruco sulle Irondi di quercia (Mann, Curò, Turati. 
Toscana e forse tutta Italia. 

240, Doryphora Carchariella ZÌI. — Slaudinger, p. 298. 
Il bruco si trova sidle querce (Curò). 
Tirolo meridionale, Dalmazia. 

247. Epidola Stigma Stdn.— Slaudinger, p. 303. 
Il bruco vive sulle querce (Stainton). 
Andalusia. 

248. Hoìoscopia Forficella Hbn. — Staudinger, p. 305. 

Il bruco si trova nelle cortecce fracide di quercia (('urò-Turati'). 
Italia cent, e setlen. 

249. Lecithocera Laticornella ZÌI. — Staudinger, p. 305. 

b. V. pallicorneìla Std. 
Il bruco vi\e sulla cpiercia (Slaintoii). 
Piemonte. 

250. Carcinia Quercana Fbr. — Slau<linger, p. 005. 

I bruchi si tro\ano ne' boschi di (pierce (Mì11:('mv, Cnr(>, Tiu'ali). 
Italia. 

251. Symnoca Signatella H.S.— Staudinger, p. 3t)'\ 

II bruco \ive negli iidersti/.ii e sulle fenditure d/lla sc.nva d'Ile (ju^rce. 
Spagna, no;i tro\ata in Italia. 

252. Harpelia Forficella Sep. — Staudinger, p. 30(>. 

Il Petagna riferisce che il bruco vive nel Iegu(j aulico di ([uorcia. 
Italia, Dalmazia. 

{continua) V. MiNA'-PALr.MBO. 



— 349 — 



IL QUATERNARIO DI RIZZOLO 



(Coni. V. N. prec). 
II. 

Gli Ostracodi. 
C. punctillata Biarly 

1865. Cytheridea punctillata Brady Ann. Mag. IS'at. Hist. ser. Ili voi. XVI 

p. 189 tav. IX fìg. 9-11. 
1865. Cyprideis proxima G. 0. Sars. Overs. IS'org. mar. Ostrac. p. 54, 
1868. Cytheridea punctillata Brady Monogr. Brit. Ostr. p. 424 tav. XXVI 

fig. 35-38. 
1868. „ „ Brady. Ann. Mag. Nat. Hist. p. 182. 

1874. „ „ Brady Crosskey and Robertson. Mon. post-tert. 

Entom. p. 177, tav. VI, fig. 1-11. 
1880. „ „ Seguenza. Le form. terz. p. 363. 

Questa specie mi ha offerto soltanto qualche esemplare, il quale si ap- 
partiene a quella speciale forma che porta la regione posteriore ristretta 

DlSTR. GEOGR. 

Baia di Baffin, Golfo di S. Lorenzo. Spitzberg, Norvegia , Gran Bret- 
tagna. 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario d'Inghilterra — di Calabria ! — di Rizzolo ! 

C. torosa (Jones) 

1850. Candona torosa Jones. Ann. Mag. Nat, Hist. ser. II, voi. VI, 

p. 27 tav. Ili, fig. 6. 
1856. Cyprideis torosa Jones. Monogr. Tert. Entom. p. 21, tav. II, 

fig. 1 a-i. 

1864. Cyprideis torosa Brady. Trans. Tynesìde Nat.Field. Club. voi. VI, 

p. 108, tav. Ili fig. 11-23. 

1865. „ „ G. O. Sars. Overs. Norg. mar. Ostrac. p. 51. 



— 350 — 



1868. Cytlieridea torosa Brady. Los fonds de la mer. voi. I pag. 89. 

1868. „ „ Brady. Monogr. Ree. Brit. Ostrac. p. 425 tav. 

XXYIII f. 7-12. 
1868. „ Uttoralis Brady. Nar. Hist. Trans. jS'orthumb. and Du- 

rham. voi. Ili p. 125. 
1870. „ torosa Brady and Eobertson. Ann. Mag. N. H. ser. 

IV, voi. VI p. 21 tav. Vili f. 6-7 Var. teres 

voi. VII p. 21. 
1874. „ „ Brady Crosskey and Robertson Mon. post-tert. 

Entom. p. 178 tav. VII f. 1-2 
A questa Cytheridca spetta qualche esemplare, che deve rapportarsi alla 
Var. teres. 

DiSTR. GEOGR. 

Norvegia, Gran Brettagna, Irlanda, Levante, Mare di Azof. 

DlSTR. STRAT. 

Quaternario d'Inghilterra — Rara a Rizzolo ! 



1830. 
1835. 
1838. 

1849. 



1849. 
1849, 
1852. 
1855. 



1855. 

1856. 

1856, 
1863, 
1865, 



Cythere Mi'dleri 
Cytherina Miilleri 



C. MùUeri (iMiinster) 

Mùnster, lahrb. fiir. Mineralogie, 1830, p. 62. 

Mùnster. Neues lahrb. p. 446. 

Roemer Neues lahrb. fur Mineralogie p. 516, 

tav. VI fig. 6. 

Reuss Die. fossilen Entomestracen des oster- 

reichischen Tertiar-beckens p. 15 tav. Vili, 

fig. 21 a-b. 

Reuss. Die foss. ec. p. 86 tav. XI fig. 12. 

Reuss. Die foss. ec. p. 59 tav. IX fig. 5-8. 

Bosquet. Ent. foss. tert. ec. p. 39 tav. II f. 4. 

Reuss. Beitrage zur Charalcteristik der tertiar- 

schichten des nord-lichen und mitteleren Deut- 

schlands. pag. 60 tav. IX f. 93. 
Cytheridea heterostigma Reuss. Beitr. zur Charakter. ec. p. 60 tav. IX, 

f. 94. 
„ „ Jones. Mon. tert. Ent. p. 41, tav. V f . 4 a-c, 

5 tav. VI f. 10 ab, 11-13. 
„ „ Egger. Die ostrac. mioc-sch. p. 18 tav. II fig. 7. 

„ „ Speyer. Die ostrac. Casscler p. 48 tav. I fig. 8. 

„ „ Brady. Trans. Zool. Soc. Lond. 5 p. 371 tav. 

LVIII, fig. 11 a-d. 



„ intermedia 
„ semimdum 
Cytheridea Miilleri 
Bairdia liagenowi 



— 351 — 

18QS. Ci/tlieridcaheterostigmaBradj. Les fonds de la mer voi. I pag. 89. 
1869. „ „ Brady. Ann. and mag. of. N. H. pag. 45. 

1873. „ „ Brady. Mon. ostr. of Antwaerp. p. 398 , tav. 

LXII f. 4 a-e. 
1878 „ „ Terquem. Les for. les entom.-ostr. de Ehodes 

pag. 86 e 125 tav. XIV fig. 19 a-d. 

Come altrove così a Rizzolo presentasi variabile molto questa Cytheridea 
di antica origine. Difatti essa varia nella scultura , che è distintissima e 
fortemente impressa in taluni individui ed invece poco marcata in altri. 
Inoltre le spine del margine anteriore come del posteriore sono variabi- 
lissime nel loro sviluppo e divengono anco talvolta appena discernibili. 

DlSTR. GEOGR. 

Vive tuttavia in Australia come nel Mediterraneo, in Levante, a Smirne. 
— Mare di Termini-Im erese ! 

DlSTR. STRAT. 

Trovasi molto sparsa in Francia, Inghilterra, Belgio, Germania, Austria, 
dalla formazione Eocenica sino alla Pliocenica — Poco comune nel Quater- 
nario di Rizzolo ! 

C. castanea Brady. 

1869. Cytheridea castanea G. S. Brady Les fonds de la mér voi. I pag. 117 

tav. XIII fig. 19-21 e pag. 217. 
1869. „ „ G. S. Brady. Ann. and Mag. of nat. hist. pag. 46. 

L'unico esemplare che io riferisco a questa specie è grande ma si al- 
lontana dalla forma tipica pei seguenti caratteri, l'estremità posteriore non 
si protende inferiormente in un'estremità angolosa, ma si termina da quel 
lato in una spina abbastanza sviluppata ; la regione anteriore manca di 
vere spine ed invece porta tre piccole prominenze. Del resto l'andamento 
e la forma generale della conchiglia, la superficie levigata con papille ri- 
levate e sparse, nonché le modificazioni trovate dallo scopritore negli esem- 
plari pescati nel golfo di Guascogna mi accertano dell'esattezza della de- 
terminazione. 

Il mio esemplare ha un colorito quasi aranciato per una parte soltanto 
della sua superficie, anco questo carattere parmi che venga a confirmare 
la determinazione, essendoché tale coloramento può credersi un residuo del 
colorito scuro che dovea avere la conchiglia nello stato di vita. 



— 352 — 

DlSTR. GEOGR. 

Mediterraneo — Alessaudretta — Golfo di Guascogna. 

DlSTR. STRAT. 

Rarissima nel quaternario di Rizzolo ! 

(continua). G. Sequenza. 



NYCHIODES BELLIERARIA NOV. SP. 

Tav. Ili, fig. 2. 



Essendo la figura di questa nuova specie abbastanza ben riuscita, è inutile 
il dilungarmi in descrizioni; dirò solamente che è la specie più grande del 
genere, e si distingue oltreché per la grandezza, per il suo colorito che ri- 
corda intieramente VAhcrr. A. figurata dall'illustre Cav. Milliére, nel II vo- 
lume della sua s})lendida IconograpJiie et descript, des Chenil. et Lepid. 
inedits, inoltre si osserva nel cT le antenne che tono più robuste e petti- 
nate che nella Lividaria^ specie che vive pure in Sicilia, essendo stata scoa 
perta nella medesima località della mia BelUeraria., dal mio ottimo amico 
e collega Luigi Failla Tedaldi, che in questa occasione mi ha gentilmente 
comunicato il solo esemplare 6' da lui posseduto. 

La BcUieraria fu da me presa anni sono in due soli esemplari cTcf, tra 
i boschi di Castelbuono e le Madonie ; siccome il sig. Bellier de la Cha- 
vignerie ne trovò pure sulle Madonie un esemplare Q della quale egli disse 
allora che era " j}??(S grande que toutes les Lividaria que fai inies„ e più 
oltre " Je regrette de n'avoir. pu ohserver qiCiin seni exemplairé., car cette 
Geometre pourrait peut-etre constitner une nouvelle espèce, „ io ritengo che 
l' insetto scoperto nel 1859 dal signor Bellier sia la Q del cf da me de- 
scritto, ed è perciò che mi sono permesso di dedicarlo al suo primo sco- 
pritore , al quale la fauna sicula va debitrice di molte altre belle sco- 
perte. 

Palermo, 2ó Agosto 1884. 

I"]nrico Ragusa. 



Enrico Ragusa Dirett. resp. 



INDICE ALFABETICO 



MATERIE CONTENUTE NEL TERZO VOLUME 



del Naturalista (Siciliano 



ENTOMOLOGIA 



A 



Acherontia atropos, p. p. 4. 
Acinax, p. p. 19. 

Aciptilia Xanthodactyla Fr., p. 37. 
Acrobasis consociella Hbn. , p. 299. 

— vubrotibiella Fbr., p. 299. 

— sodalella ZÌI., p. 299. 

— tuinidella Zk., p. 299. 
Acronycta aceris Limi., p. 121. 

— psi Linn., p. 121. 

— rumicis Linn., p. 121. 
Acrolepia citri MilL, p. p. 31. 
Adela viridella Scp.. p. 347. 
Adelops, p. p. 1. 

Aétophorus imperialis Germ., p. 131 
— • — V. ruficeps Gene, p.l31. 
Agabus chalconotus Panz., p. 7,38. 

— fusco-aenescens Reg., p. 7, 38. 
Agapanthia sicula Gangelb. , p. 333. 
Agdistis tamaricis, p. 35. 
Aglia tau Linn., p. 94. 
Akis Kobelti Heyden, p. p. 42. 
Alamis cafìfraria Moschler, p. p. 48. 
Alisa oculator Rtz., p. 323. 
Allantus Frauenfeldi Giraud, p. 12. 

— —V. montanus DeStef. p. 12. 

— viduus Rossi, p, 12. 

— — v.iinifasciatus De St. p. 12. 



Alura, p. p. 48. 

Amblystomus levantinus Reitt., p. 249. 

— Mauritanicus Dej.p. 249. 

— V. albipes Stuinn., p. 249. 

— metallesceus, p. 249,250. 

— niger Heer., p. 250. 

— Raymondi Gaut.,p. 250. 

— vuticoinis Schauf. p. 249. 

— Savdous Bandi, p. 250. 
Amblytheles pandur Kriech, p.p. 19. 

— quadripunctorius,p.p.l9. 
Amphipyra pjramidea Linn. , p. 122. 
Amphisternus hamatus, p. p. 19. 

— tubivifer Fviv., p. p,19. 
Anagrus flavus Frst., p. 55. 

— ovivorus Rnd., p. .56. 
Anarta tnelanopa, p. p. 31. 
Anaspis scapularis Emery, p. 5. 

— Truquii Bandi, p. 4. 
Anàricus, p. p. 19. 

Anisoplia agricola Fabr., p. 317,318. 

— arvicola 01., p. 318. 

— depressa Er., p. 318. 

— marginata Kraatz., p. 317. 

— pallidipennis Gvil., p. 318. 

— tempestiva Er., p. 318. 

— variegata Kraatz, p. 317. 

— villosa Goeze, p. 317. 



N.B. Il p. p. si riferisce alla paginazione a parte dei Cenni bibliografici e 
delle Notizie. 



354 



Anisopterjx aceraria Schf,, p. 248. 

— aescularia Sclif., p. 248. 
Anomalon circumflexiini Liuu., p. 93. 

— excavatum Rtz., p. 55. 

— uiiicolor Fbr., p. 93. 

— xanthopus Grv., p. 31, 
Anophthalmus, p. p. 1. 
Anthiciis blandulus Bandi, p. 8. 

— tniiuitus Laf., p. 8. 
Antrisis Sauudersii, p. p. 19.. 

— xanti Friv., p. p. 19. 
Apamea chloris Miti., p. 37. 
Apantelcs cacoeciae, p. p. 4. 

— megathyoni, p. p. 4. 
Aphidius flavedens Rtz., p. 56. 

— inclusus Rtz., p. 323. 
Aphis, p. 34. 

Aphodius flavipennis. Mill., p. p. 47. 

— obscurus, p. p. 47. 
Apristus subaeneus Chaud., p. 195. 

— var. reticulatiis Scli., p. 195. 
Aptinus andalusiacus Ramb., p. 60. 

— atratus Dej., p. 58. 

— — v.obscuricornis Bruii., p. 59. 

— — V. strepitans Duft. , p. 59. 

— bellicosus Duft., p. 60. 

— bombarda lUig., p. 58. 

— elougatus Touni., p. 60. 

— explodens Duft., p. 59. 

— — var. glabratus Dej., p. 60. 

— — v.obscuricornis Grodet,p. 60. 

— immaculicornis Dej., p. 59. 

— — var. ejaculans Fisch., p. o9. 

— — var. graecus Dej., p. 59. 

— Italicus Dej., p. 58. 

— sclopeta Fabr., p. 60. 
Avgyrethia Cornelia Fbr., p. 347. 
Arpactopbilus Steindachneri K., p.p. 47. 
Asida syriaca AH., p. 1. 

Asphalia diluta, S. V., p. 120. 

— flavicornis Linn., p, 120. 

— ridens Fbr., p. 120. 



Asphalia rufìcollis S. V., p. 120. 
Attaeus Yamarnai, p. p. 4. 
Attalus semitogatus Fairm., p. 318. 
Attelabus curculionoides Linn., p.p.2'ì 
Aulacus exaratus Grv., p. 95. 



B 



Bapta bimaculata Fbr., p. 185. 
Barchus cornpressus Fbr., p. 56. 
Belanogaster tricolor, p. p. 17. 
Bembidion nitidulum, p. p. 47. 

— parnassicuni Mill., p. p. 47. 

— saphireum Gaut., p. 8. 

— var. luridipes Gaut., p. 8. 
Biston hirtarius CI., p. 248. 

— hispidarius S. V., p. 248. 

— pomouarius Hbn., p, 248. 

— stratarius Hfn., p. 248. 
Blechrus exilis Scbaum , p. 193. 

— glabratus Duft., p. 193. 

— V. interstitialis Kiist., p. 193. 

— maurus Sturm., p. 193. 

— mininuis Motsch., p. 193. 

— minutulus Goeze, p. 193. 

— plagiatus Duft., p. 194. 
Boarmia angularia llib., p. 298. 

— crepuscularia S. V., p. 298. 

— consortaria Fbr., p. 248. 
— ^ ilicaria Hbn., p. 37, 248. 

— luridata Bk., p. 248. 

— occitanaria Dpu., p. 248. 

— roboraria, Sch., p. 248. 

— secundaria Esp., p. 37. 
Bolitochara var. bicolor Rag., p. 8,^ 

— bicolorata Rag., p. 8. 

— lunulata Payk,, p, 8, 
Bombyx catax Linn., p. 92. 

— crataegi Linn., p. 92. 

— ilicis Rmb., p. 92, 

— neustria Lnn., p. 92, 

— populi Lnn., p. 92. 



Bombyx quercus Lnn., p. 03. 

— ■ — ab. spartii Hbn., p. 93. 

— — V. Sicilia Stgr., p. 93. 

— — V. roboris Scb., p. 93. 

— rimicobi Hbn., p. 92. 

— trifolii Esp., p. 92. 

— — V. cocles Hbn., p. 92. 

— — ab. medicaginis Bk., p. 92. 
Bombus, p. p. 20. 

Bracbicbela spinigera, p. p. 48. 
Brachistes obliterata^ Nees, p. 95. 

— Perrisii Rud., p. 323. 
Brachynus bombarda Dej., p. 58. 

— crepitaus L., p. 14, 58. 

— exhalans Rossi, p. 57. 
glabripennis Walt!., p. 58. 

— immeralis Ahr., p. 57. 

— ilalicus Dej., p. 60. 

— Joeuius Patti, p. 14, 59. 

— nigricornis, p. 59. 

— psophia Serv., p. 57,58. 

— Siculus Patti, p. 15, 59. 
Bracon pallidus Grv., p. 56. 
Brepbos parthenias Linn., p. 184. 
Bryopbila miiralis Frst., p. 121,p.p.2. 
Bryotropha basaltinella ZÌI. , p. 348. 

— dryadella H\v., p. 348. 



C 



Cacoecia semiferana, p. p. 4. 
Calantica dealbatella ZÌI., p. 347. 
Callicuemis Latreillei Lap., p. 318. 
Callistus lunatus Fabr., p. 301. 

— — V. gratiosus Chaud., p. ,301. 

— quadripustulatus Gorv,p.30l. 
Campodea, p. 204, 238. 

Campodea fragilis Meinert, p. 238. 

— staphilinus Westw..p.238. 

— succinea Nicolet, p. 238. 
Campoplex assimilis Grv., p. 56. 

— conicus Rtz., p. 56. 



Campoplex intermedius Rtz., p. 323. 

— lineolatus Bé, p. 323. 

— pugiI]atorGrv.,p.298,323 

— rapax Grv., p. 56. 
Cantharis Bassii, p. 6. 

— Perroudi, p. 6. 

— segetiim, p. 6. 

— vescicatoria, p. 6. 
Carabus auratus var. Siculus, p. 132. 

— Cristoforii, p. p. 28. 

— Lefebvrii Dej., p. 332. 
Carcinia quercana Fbr., p. 348. 
Carpocapsa amplana Hbn., p. 324. 

— g rossa na Hw., p. 324. 

— splendaiia Hbn., p. 324. 
Cathephia alcbyuiista Scb., p. 124. 
Catocala conjuncta Esp., p. 184. 

— conversa Esp., p. 184. 

— dilecta Hbn., p. 124. 

— diversa Hbn., p. 184. 

— eleeta Bkb., p. 37. 

— nympbaea Esp., p. l84. 

— nympbagoga Esp., p. 184. 

— pacta Ltr., p. 184. 

— pellex Hb., p. 37. 

— promissa S. V., p. 184. 

— sponsa Lnn,, p. 124. 
Catomus, p. 3. 

Ceraphron albipes Ltr., p. 55. 
Ceratomia quadricornis, p. p. 4. 
Cerceris Rrutia Costa, p. 201.» 

— bupresticida Duf., p, 202. 

— emarginata Pz., p. 200. 

— Ferreri Lep., p. 198. 

— moesta De Stef., p. 198. 

— ornata Fbr., p. 199. 

— — v. Sicana De Stef., p.200 

— variabilis Dahlb., p. 200. 
Cerostoma asperella Lnn., p. 347. 

— radiatella Dup., p. 347. 

— sylvella Lnn., p. 347. 
Cetonia squamosa Lef., p. 332. 



— 356 — 



€eutorhynchus Ragusac Brisoiit, p. 61. 
Chamaerhipis bifoveolatus T., p. p. 17. 
Cheimatobia bruinata Lnri., p. 298. 
Cheimatopbila tortricella libn., p.323. 
Chelonia casta, p. 35. 
Chelonus multiarticulatus Rtz., p. 323. 

— vufipes Lati-., p. 323. 
Chimabaccbe fagella Fbr,, p. 347. 

phryganella llbn.,p.347. 
Chelorihina, p. 31. 
Chlaenius aeneicoHis, p. 302. 

— agroium Olivi, p. 303. 

— chrysocepbalus R()ssi,p. 304. 

— circumscriptus Duft., p.302. 

— festivus Fbr., p. 303. 

— spoliatus Rossi, p. 303. 

— tristis Scballer, p. 304. 

— velutinus Duft., p. 302,332. 

— var. auricollis Gene, p. 302. 

— v.BorgiaeLefeb., p. 302, 332. 

— V. Faillae Rag., p. 303, 304. 

— vestitus Payk, p. 303. 

— viridipunctatus Goez., p.303. 

— — var. oieteus Ragusa, p. 304. 
Cboveia inepta Dal., p. 305, 307. 

— nigroaenea Westw, p. 307. 

— Proserpinae De St., p. 305,307. 
Choreius ineptus Westw., p. 307. 
Choria, p. 306. 

Cbrysis angustifi-ous, p. p. 5. 

— basalis, p. p. 5. 

— carinaeventris, p. p. 7>. 
. — fallax, p. p. 5. 

— Fridwaldskyi, p. p. 5. 
Chrysolampus solitarius Rtz., p. 56. 
Chrysomela sieula Lef., p. 332. 
Cicindela apbrodisia, p. 316. 

— campestris, p. p. 28. 

— circumdata Dej., p. 316. 

— var. imperiabs Klug,,p.3l6. 

— germanica, p. p. 28. 

— littoralis, p. 316. 



Cicindela var. lugens Rag., p, 316. 
Cidaria silerata Hfn., p. 298. 

— dilutata S. V., p. 298. 

— lapidata Hbn., p. 298. 
Cistela nitidula Kiesw., p. 3. 

— paupercula Baudi, p. 3. 
Cleta pygmaearia Hb., p. 37. 
Clytus arietis L., p. 333. 

— — v. Lederi Gangb., p. 333. 
Cnethocampa processionea Lnn.,p. 95. 

— pytiocarapa S. V., p. 96. 

Colias marnoana Ragen., p. p. 48. 

— Hiale, p. p. 48. 
Colymnia affinis Lnn., p. 122. 

— Irapezina Lnn., p. 123. 
Conchylis oenotherana, p. p. 5. 
Coranus pectoralis, p. p. 31. 
Corynomalum, p. p. 19. 
Cortina zeae, p. p. 4. 

Cossus cossus Lnn., p. 32. 
Cossyphus tauricus Stev., p. 1. 
Crabro Hypsae De Stef., p. 217, 218. 

— validus De Stef., p. 218,219. 
Crantor, p. 300. 

Crocallis elinguaria Lnn., p. 247. 
Crossocerus elongatus V. Lind., p. 222. 

— luteipalpis Lep., p. 221,222. 

— paitnatus De Stef., p. 221. 

— palmipes Lin., p. 221. 

— quadrimaculatus, p. p. 19. 
Cryptocampus fuscicornis, p. 11. 

— nigricornis Hartg., p. 10,11 . 
Cryptocampus saliceti Fall., p. 10. 
Cryptus analis Grd., p. 56. 

— bicolor De Stef., p. 153. 

— migrator Fbr., p. 93. 

• — obscurus Grv., p, 93. 
Cubocephalus Germarii Rtz., p. 96. 
Cucullia argentina Fbr., p. 123. 
Cymindis angularis Gyll., p. 274. 

— var. crenata Chaud., p. 275. 

— axillaris F., p. 273. 



— 357 



Cymindis — \'. alpina Dej., p. 274. 

— — v.lineola Dufour,p.274. 

— — V. meridioiialis p. 273. 

— — v.fuscipennis K. p. 274. 

— Baudueri Peiris , p. 273. 
. — canigulensis Fair., p. 273. 

— Chaudoiri Fairiii., p. 273. 

— humeralis Fourc, p. 274. 

— lineata Sch., p. 274. 

— Nebrodensis, p. 274. 

— Sicelidis Reiche ,• p. 274. 
Cvmindoidea Fauiini Dej., p. 252. 
Cynips, p. p. 19. 

D 

Dalerus pratensi^ Liun., p. 11. 

— — V. testaceus Limi., p. 11. 
Dasychira pudibunda Limi., p. 55. 
Dasydia obfuscata Wen-Zez, p. 298. 
Deilephila elpenor, p. p. 4. 

— livornicn, p. p. 31. 

— nerii, p. p. 31. 
Demetrias atricapillus Limi. , p. 131. 

— unipuiictatiis Germ., p. 131. 
Dichouia aeruginea Ilbn., p. 122. 

— — V. iniolenea Ilbii., p. 122. 

— aprilina Limi., p. 122. 

— convei-oens S. V., p. 122. 
Dicycla Oo, Limi., p. 122. 
Dieranorrliina, p. p. 31. 

Dinodes azureus Duft., p. 304. 

— rufìpes, p. 304. 
Dionychoputì similis Móschlev, p.p. 48. 
Diplolopis clu'ysorrhoeae Sch., p. 56. 
Diptodactylus Riebecki Pet., p. p. 17. 
Docasia morionella Mick., p. p. 48. 
Doratopteryx afra Rageii., p. p. 48. 
Dovcadion cai-inatum, p. p. 20. 
Doria concinnata Mgn., p. 55. 
Dorypbora carchariella ZÌI., p. 348. 



Dorj'iomus Dejeani, p.j). 3. 

— Nordenskioldi, p. p. 3. 

— Roelofsi, p. p. 3. 

— Schònherri, p. p. 3. 

— suheinctiis, p. p. 3. 
Drepana binaria Hffn., p. 94. 

— — V. uncinola Bkh., p. 94. 

— culiraria Fbr., p. 94. 

— curvatula Bk., p. IM. 

— falcataria Lnn., p. 94. 

— Harpagula Esp., p. 94. 

— lacertinaria Lnn., p. 94. 

— Sicula Espr., p. 94. 
Dromius bifasciatus Dej., p. 132. 

— fasciatiis Dej., p. 132. 

— linearis Oliv., p. 131. 

— melauocephalus Dej., p. 132. 

— meridionalis Dej., p. 132. 

— nigriventris Thoms., p. 132. 

— puMctatelIus, p. 132. 

— qnadrilium, p. 132. 

— qnadrimaculatus Linn., p.l32. 

— sigma Rossi, p. 132. 

— truncatellus, p. 132. 
Dryadites, p. ji. 19. 
Drynobia melagona Bk., p. 95. 

— velitaris Hfn., p. 95. 
Dryobota fulva Esp., p. 121. 

— monochroma Esp., p. 121. 

— — V. suberis B., p. 121. 

— protea S. V., p. 121. 

— roboris B., p. 121. 

— — V. eerris B., p. 121. 

— Saportae Dpn., p. 121. 
Dryophanta, p. p. 19. 

Drypta dentata Rossi, p. 129. 

— distincta Rossi, p. 129. 

— var. intermedia Ramb., p. 129.^ 

— emarginata Fi)br., p. 129. 
Dyschirius attenuatus Putz., p. 8. 



— 358 — 



E 



Ebulin, p. |). 48. 

Ecyrtus etnbriophagus Hrtg., p. 93. 

Eotemnius laevigatus De Stef., p. 220. 

— punctulatus De Stef.. p. 2 19. 

— siculus De Stef.,p. 221. 

— vagus, p. 221. 
Ecdytolopha, p. p. 5. 
Echynomya fera Lnii., p. 56. 
Echynoinyza grossa Liui., p. 93. 
Elachistes fenestratu-s Nees, p. 323. 
Emphylus vienneiisis Schk., p. 11. 

— — V. nigricoxis, p. 11. 
Eneyrtus ineptus Daini., p. 307. 

— tardus Bé, p. 92. 

— truneatellus Dalin., p. 323. 
Endicella, p. p. 31. 

Entodon geniculatus Hrtg., p. 323. 

— strobilanus Rtz., ]). 323. 
Epidola stigma Stdn., p. 348. 
EphiaUes glabratus Rt/., p. 323. 
Epichnopteryx helicinella, H. S., p. 55. 

— subflavella, p. 35. 

Epione apiciaria Sch., p. 37. 
Epissona, p. p. 48. 
Ei-ebia ceto, p. p. 5. 

— medusa v. bippomedusa, p. p. 5. 
Eriopns pui-pureofaseiata Filler, p. 37. 
Erirhinus, p. 3. 

Erodius uaeapolitaniis Sol., p. 1. 

— — var. sieulus Sol., p. 1. 

— — var. vicinus Sol., p. 1. 
Eubadizon pectoralLs Nees, p. 323. 
Eucrostis indigenata De Vili., p. 33. 
Eugenia autunnaria Wn., j). 186. 

— (^uercinaria Hfn., p. 186. 
Eulopbus bombiliformis Rtz., p. 55. 
Eumorplms cyanescens, p. p. 19. 

— Freyanus, p. p. 19. 

— quadripuslulatus Fr,,p.p.l9. 



Eupitbecia abbreviata Stp., p. 299. 

— cocci fé rata Mi Ir., p. 299. 

— V. seniitinetaria Mb.,p. 299. 

— dodoneata Gn., p. 299. 

— irriguata Hbn., p. 299, 

— Massiliata Mllr., p. 299. 

— Peyerimhoffata Mllr., p. 299. 
Euprepes socotranus Pet., p. p. 17. 
Euryinene delabraria Lnn., p. 247. 
Eurytracbehis Gliilianii Gestro, p.p. 42. 

— piirpurascens , v. Vol- 

lenh., ]). p. 42. 
— - var. capito, p. p. 42. 

Exartima monetiferanum, p. p. 5. 
Exilia timida, var. lugubris Rag.p. 333. 
— — var. apicalis Rag., p.335. 
Exorista bonibalans Dsv., p 92. 

— crassiseta Riid., p. 5(1. 

— libatrix Hrtg., p. 96. 

— hicoriim Mgn., p. 90. 



Fabricia magnifica, Mick, p. p. 48. 
Falagria gratilla Er., p. 317. 



G 



Gelecbia peliella Tr., p. 348. 
Geocoris maurus, p. p. 31. 
Geometra vernaria Hbn,, p. 185. 

— papilionaria Linn., p. 185. 
Gerandrius sardiniensis AH., p. 3. 

— oculatus Bandi, p. 3. 

— oetnensis Rottbg., p. 2,3. 
Glypta cicatricosa Rtz., p. 323. 

— dubia Rtz., p. 323. 

■ — evanescens Rtz., p. 31. 
Gnophos sartata Tr., p. 37. 
Gnopbria quadra Lnn., p. 32. 
Gonia vacua, p. p. 48. 



— 359 — 



Gonocephalum terrosum Kiist., p. 1. 

Gonodera, p. 2. 

Grapliolitha tripunctaua Fbr., p. 32-1, 



H 



Hadena Solieri H., p. 122. 
Hadrociiemis rufeseens, p. ]). 31. 
Halia coutaniinaria Hbti., p. 298. 

— gesticuUiria Hbn., p. 298. 
Harpella fortìeella Scp., p. 348. 
Harpyia bicuspis, p. p. 4. 
Helodes nebrodensis Rag., p. 335. 

— uigripennis Tonni., p. 335. 
Helops alpigradiis Fairm., p. 2. 

— Ecoffeti Kust., p. 2. 

— exaratus Gemi., p. 2. 

— gibbithovax Germ., p. 2,3. 

— pallidus Curtis, p. 2. 

— sphoerieollis, p. 3. 
Hemiteles arcator Gr,, p. 54. 

— fulvipes Grv., p. 56. 
Herminia derivalis Hbn., p. 184. 
Heterogenea asella Schf., p. 54. 

— liinacodes Hfn., p. 54. 

Himera pennaria Lnn., p. 247. 
Holoseopia forficella Hbn., p. 348. 
Hopoi'ina croceago S. V., p. 123. 
Hyberuia aurantiaria Esp., p. 247. 

— defoliaria CI., p. 247. 

— leucophaearia Sch., p. 247. 

— marginarla Bk., p. 247. 
Hjbocampa Millbauseri Fabr. , p. 95. 
Hydromyza Tiefli Mick., p. p. 48. 
Hylophyla bicolorana Fssl., p. 31. 

— prasinana Lnn., p. 31. 



lapix, p. 204, 238. 

— solifugus Meinevi, p. 241. 



Icbueumon balticus Rtz., p. 55. 

— laevis Rtz., p. 323. 

— melanostigmaKriek,,p.p, 19. 

— oscillator Wsm., p. 92. 

— pbaeosligma Wesm., p. p.l9. 

— praerogator Lnn. , p. 56. 

— pusillator Lnn., p. 32. 

— raptorius Grv., p. 56. 

— Ratzburgii Hrtg., p. 93. 

— sexlineatus Gr., p. 55. 

— stiinolator Grv., p. 323. 
Idioehila, p. p. 19. 

Incurvarla njuscalella Fbr., p. 347. 
Ino Geryon v. chrj-socephala, p.p. 5. 
lolls lactearla Lnn., p. 185. 
Isomira (v. Clstela), p. 3. 



Lamia textor Lnn., p. p. 42. 
La ria nlgruni Mllr., p. 55. 
Larisia (v. Anaspls), p. 4. 
Lasiocampa illelfolla Lnn., p. 93. 

— otus Drr., p. 93. 

— pruni Lnn., p. 93. 

— quercifolia Linn., p. 93. 

— suberifolla, Dpn. p. 93. 

— tremuUfolia Hbn. , p. 93. 
Lasloeoris albomaculatus, p. p. 31. 
Lebla cyanocepbala L., p. 250. 

— — V. annoiata Bruii., p. 251. 

— cyathigera Rossi, p. 251. 

— coeruleoeephala Dahl-, p. 250. 

— crux-mlnor L., p. 251. 

— — V. communimacula D., p. 251. 

— — var. nigripes Dej., p. 251. 

— fulvicollis F., p. 250. 

— humeralis Dej., p. 251. 

— — var. lepida Bruii., p. 251. 

— pubipeunis Dufour, p. 250. 

— scapnlaris Fourcr., p. 251. 

— trimaeulata Villers, p.251, 316. 



3G0 - 



Lebia — v. De Stcfanii Rag., p. 316. 

— turcica Fabr., p. 251. 
Lepismida, p. 204. 
LeptodfViis, p. p. 1. 
Leucoma salicis Limi., p. 55. 
Licheiium variegatum Kiist., p. 1. 
Ligria hirta Liti., p. 4. 
Lionycbus albouatiis Dej., p. 195. 

— — v.albomaculatus Lue. ,p. 195, 

— mai'itiuius Fairm. , p. 195. 

— quadrillum Diift.,p.l32,195. 

— — V. bipurictatus Heei'.,p.l95. 
Lissonota setosa Fbr., p. 32. 
Lithosia complana Lini., p. 32. 

— griseola Hbn., p. 32. 

— lurideola Znck., p. 32. 
Locusta, p. p. 20. 

Lycaena argon, v. Killiasi, p, p. 5. 

— cyllarus, p. p. 5. 

— Donzelli, p. p. 5. 

— Eros, p. p. 5. 

— meleager, j). p. 5. 
Lydus trimaculatus Fabr., p. 6. 
Lygaeus Hanseni, p. p. 31. 

— optilete, p. p. 31. 
Lythria purpuraria Lnii., p. 298. 

M 

Macaria notata Lnn., p. 247. 

Machaerites, p. p. 1. 

Machilis, p. 204. 

Magdalinus alpinus Letz., p. p. 30. 

— liuearis, p. p. 30. 
Mallota cristalloides, p. p. 48. 
Mamestra Treitschkt:i Bdv., p. 37. 
Maniera pupivora Dsv., p. 323. 
Masicera crassiseta Rnd., p. 90. 

lasioeanipa Dsv., p. 93. 
Masoreus aegyptiacus Dej., p. 276. 
— rotundipennis Reiche, p,276. 



Masoreus Wettcrhalli Gyll., p. 275. 

— V. affinis Kust., p. 275,276. 
Matopia bisignata Dsv., p. 323. 
Maurilia, p. p. 48. 
Megachile argentata Fabr., p. 9. 
Megathynuis ynccae, p. p. 4. 
Meilichius ferrugineus Friv., p. p. 19. 

— nigricollis, p. p. 19. 
Meleus Tischeri, p. p. 31. 
Melissopus latiferreana, p. p. 5. 
Melitrophus forniosus, p. p. 48. 
Melolontha campestris Latr, , p. 318. 
Meiosoma lapponicum, p. p. 3. 
Menas variolosa F., p. 275. 

— — var. eyanoptera, Ch., p.275. 
Mesochorus ater Rtz., p. 92. 

— diUitus Rtz., p. 56. 

— pectoralis Rtz., p. 56. 

— splendidulus Gry., p. 56. 
Mesogona acetosellae S. V., p. 122. 
Mesostenus ligator Grv., p. 92. 
Metabletus, p. 132. 

— foveola Gyll., p. 194. 

— foveolatus Dej., p. 194. 

— obsciiroguttatus D., p.l94. 
-- — v.impressus Dej.,p. 194. 

— truncatellus, p. 194. 
Metopius necatorius Fbr., p. 94. 
Metrocampa margaritaria Lnn., p. 186. 

— honoraria Sch., p. 186. 
Microgaster, p. p. 4. 

— ensiformis Rtz., p. 31. 

— gastropachae Bè, p. 92. 

— lactipennis Rtz., p. 56,92. 

— liparidis Rtz., p. 56. 

— melanoschelus p. 55, 56. 

— octonarius Rtz., p. 55. 

— pubescens Bè, p. 56. 

— solitarius Rtz., p. 56. 
Microplitis ceratomiae, p. p. 4. 

— cortynae, p. p. 4. 
Mordella Aradasiana, p. 8. 



361 



Mordella Palmae Emery, p. 8. 
Mordellistena confìnis, p. 5. 

— episternalis, p. 5. 

— nana Motscli., p. 5. 

— parvula Gyll., p. 5. 
Moma orlon Esp., ]). 121. 
Morimus asper Sulz., p. p. 42. 

-— lugubi-is F., p. p. 42. 
Myctenis pulverulenlus Kust., p. 0. 

— siculus, p. 7. 
Myina ovalonim Bjr., p. 92. 
Myrniecophana Aillax Brun., p. p. 20. 



N 



Nalassus (V. Helops), p, 2. 
Nanophyes lytiiri, p. p. 31. 
Nebria hrevicollis, p. 8. 

— — vai". Sicula Ch;uul.,p. 8. 

Necrophilus, p. p. 19. 
NcMnatus ardéns, p. p. 4. 

— euristernus, p. ]). 4. 

— Fahraei, p. p. 4. 

— melanoceplialus, p. p. 4. 

— nigrii'oini.'^. [). p. 4. 
Nenioria adsolata Ev., p. 33. 

aureliaria Mill., p. 33. 

— herbai'ia Hb., p. 33. 

— imperarla Gn., p. 33. 
olympiarla H. S., p. 33. 

— strigata Mlll., p. 185. 

— V'Iridata Lnn., p, 185. 
Nephodes, p. 3. 
Neuroteriis, p. p. 19. 
Nephopteryx Spissicella Fab,, p. 299. 
Nicoletia geophila, Nicol., p. 242. 
Nodinus, p. p. 19. 
Nola cicatricalis Tr., p. 31, 

— confusalis H. S., p. 31. 

— strigala Sebi., p. 31. 

— togatulalis Hbn., p. 31. 
// Naturalista Siciliano j, Anno III 



Notodonta argentina Schf., p. 95. 

— chaonla S. V., p. 95. 

— dromedarius Lnn., p. 95. 

— querna S. Y,, p. 95. 

— tremula CI., p. 95. 

— trepida Esp., p. 95. 

— trimaciila Esp., p. 95. 

— — V. dodonea Hbn., p. 95. 
Notoxus brachycerus Fald., p. 4. 

— cornutus, p. 4. 

— siculus Laf., p. 4. 
Notogonia deplanata Kobl., p. p. 47. 
Nychiodes Bellieraria Rag., p. 352. 

— lividaria Hubn.,p. 196,297, 352. 

— V. Ragusaria Mill., p. 196, 297. 



o 



Ocneria dlspar Lnn., p. 56. 
— rubea Hbn., p. 56. 
Ocnogyna parassita, p. 35. 
Odontopora bidentata CI., p. 247. 
OedematoplioruslithodactylusT.,p.37. 
Olindia liy brida na Hbn., p. 323. 
Orgyia, p. 35. 

— gonostigma Fbr., p 55. 

— trigotepbras Bsd., p. 55. 

— — ab. Corsica B., p. 55. 
Orrbodia erytbrocepbala S. V., p.l23. 
Orthosla helvola Lnn., p. 123. 

— ilicis Bsd., p. 123. 

— ruticilla Esp., p. 123. 
Oxypetllus brunneodactylus Mill., p. 37. 



Pachida, p. p. 31. 
Pachuoda, p. p. 31. 
Pachychila Dejeanli Besser, p. 1. 
Paedisca celtisana, p. p. 5. 
Pagonia py riiosa, p. p. 48. 

45 



— 362 — 



Panagaeus bipiistulatus F., p. 301. 

— cvLix-major Lin., p. 276. 
Paniscus quercus Rtz., \). 31. 
Parnassius delius, p. p. 31. 

mnemosine, p. p. 31 . 
Parthesia clirysorrhoea Limi. , |). 56. 
Passaloecns borealis Dahlb., p.p. 20. 

— turionum Dahlb., p. p. 20. 
Pecbipogon barbai is CI., p. 184. 
Pelarus bitifrons Kohl., p. p. 47. 
Pelobius tardus, p. p. 4. 

Peltastes dentalus Grv., p. 93 
Pelopaeus destillatorius Lalr., \). 9. 

— spii-ifex Fabr., p. 9. 
Pempelia ciiigillena Z., p. 34. 
Pemphredon lithiifer, p. p. 20. 

— rugifer, p. p. 20. 

— uiiicolor. p. p. 20. 
Penthina corticana Hbii., p. 324. 

— pi-ofundana S. V., p. 324. 
Perilampus violaceus FI)., p. 31. 
Periiitus brcviconiis Rtz., p. 92. 

— brevipennis Htz., p. 9ii. 

— ciiictelUi'^ Bè, p. 323. 

— dibitiis Rtz., p. 323. 

— fasciattis Hrig., p. 96. 

— gracilis Rtz., p. 300. 

— ictericus Nees, p. 96. 

— rugator Rtz., p. 92. 

— unicolor Hrt., p. 56. 
Perineura, p. p. 48. 

Petulca frstivana Hl»n., p. 324. 
Pezomacbus bicolor Grav., p. l.'>4. 

— carboiiarius De Stef. , p. 
157, 158. 

— - pusiUus De Stef., p. 156. 

— Ragusae De Stef., p. 155. 

— Riggii De Stef., p. 154,155. 

— semirufus De Stef., p. 156. 

— tenebratoi- Frst., p. 55. 
Peryphus, p. 8. 

Phahiia cadaverina Fabr., p. 8. 



Plialera bucephala Lun., p. 96. 

— buceplialoides 0., p. 9^». 
Phigalia pedaria Fhi-., p. 248. 
Philantbus ornalus Fbr., p. 20:). 

— semicinctus Panz., p. 200. 
Pliilonthus addendus Sharp., ]i. p. 42. 
Pliocnusa Doderleiiii De Stef.. p. 12. 
Piiorodesina pustn'ata Hfn., p. 185. 
Phorostoina bita )i. p. 21. 
Pl)thoroblasti.s argyrana Hon., p. 324. 

— costii)iiuctana H\v., p. 324. 

— tìmbriaiia H\v., p. 324. 
phinibatatia. ZÌI. .p. 324. 

Phvlobiiis alhidiis Miller, p. p. 47. 

— sinuatus, p. p. 47. 
Piiytodecta quinquepunctata, p. p. 4. 
Piinpla exaininator Fbr., p. 56, 93, 96. 

— flavieans Fbr., p. 56, 92. 

— flavi pes Grv., p. 323. 

— graininellae Sohr., p. 323. 

— instigator Fbr., p. 55, 92, 323. 

— proeessionae Rtz., p. 96. 

— pudibuiidus Rtz., p. 55. 

— rufata Grv., p. 92, 323. 

— seaiiica Grv., p. 92, 323. 

— stercorator Fab., p. 55, 92. 

— varicoriiis Grv., p. .56. 
— • variegata Rtz., p. 31. 

Pisoli puiietulaluni Kohl., p. p. 47. 
Pleretes niatroiiula, p, p, 4. 
Pbi.sia acceiitifera Lef., p. 37. 
— Hoehenwartbi, p. p. 31. 
Polistes pallipes, p. p. 19. 
Polyominatus thcrsaìnon Esp. , p. 37. 
Pulvsticus eoiinexus Fouer., p. 130. 

— di.scoiùeus Stev.,p. 130. 

— fasciolatiis Rossi, p. 130. 

— vittalus Bruii. ^ p. 130. 
Polypliylla Ragusae Fuss., p. p. 42. 
Pouipilus Antonini De Stef., p. 197. 
Proteoteras aesculana Riley, p. p. 5. 
Pseudocystela, p. 2,3. 



— 363 — 



l*sciuli»phi;i hiaai-itì Sch., p. 123. 
l'seiKloiiiyHoccriis, |). p. 47. 
l'silura luonacha Limi., p. .^H. 
Psoricopteva Gibosella. ZÌI., p. 348. 
Psyche apiformis, p. 35. 

— iV'l)r.'.'tla Boyer. p. 37. 

— silphella Milì., p. 3.-1, 37. 

— Schiffiiruiiielleri Odi , p. 55. 

— unicoloi- Hlìi., p. 54. 

— vesubiclla, p. 35, 
l'icruinalus crassipt'S WVa., p. 323. 

— ( ) m 11 i \' o r u s ^V I k . , | ) . 5B, 06 . 

— puparum Lini., p. 92. 

— iHtliindiilus IKz., p. 56,00. 

— Zellerii Rtz., p. 92. 
ricrochrexa arresa Bruii., p. p. 20. 

— fallax Brunii., p. p. 20. 

— infecta Biun.. p. p. 20. 
l'iif]niriceDus Kuhleri Linn.,p, 333. 

V. actuensis Bassi, p.333. 
IVgaera curtula Limi., p. 06. 



R 



Hliizotrogus solstitialis, p. p. 21. 
Bliodistes, p. p. 19. 
Rogus linearis Nees, p. 02, 323. 
— praevogator Lin., p. 55. 



S 



Sapyga siinilis Th., p. p. 10. 
Sarrolhripa uiidulana Hbn., p. 31. 

— — ab. punctana Hbn., p. 31. 
Saturnia coccigena Kpd., p. 94. 
Scaurus aegyptiacus Sol., p. 1. 
Schizoneura cerealiuin Szanislò,i).p. 20 

— corni Fabr., p. p. 5. 

— lanigera Hausnfi., p. p. 5. 

— venusta Passer., p.p. 20. 
Scopelosoma satellitia Lnn,, p. 123. 



Solami ria serva, p. 11. 
Selenia totralunaria Hfu.^ p. 247. 
Sesia A)rmicaeformis Esp., p. 37. 

— uroccriformis Tr., p. 37. 
Siagona depressa, p. ,333. 

— europaea, p. 332. 
Silaria varians, p, 4. 

— rulitarsis, p. 4. 

Sitaris riifiventris Kraatz, p. p. 42. 

— uiuralis Forst., p. 9. 
Solenobia, p. 35. 
Sparedrus Orsini! Costa, p, 6. 
Spbenolepis inepta Nees, p. 307. 
Sphinctus serotinus Grv , p. 323. 
Spliinx convolvolus, p. p. 4. 
Sphodrus, p. p. 1. 

SpilosoMia lubriciperda Esp., p. 32. 

— urticae, p. p. 4. 

Stega nopty ella corticana Hbn., p. 334. 
Stenalia bisecta Bandi, p. 5. 

— brunneipennis Muls., p. 5. 

— testacea, p. 5. 
Stcnomax (v. HeIops\ |). 2. 

— piceus St., p. 2. 
Stilbnin splendidnm Falir., p. 0. 
Stanropus fagi Lnn., p. 94. 
Symnoca signatelia H. S., p. 348. 
Selidoscnia ericetaria Vili., p. 37. 



Tcieliiua eantaiis Dsv., p. 55. 

— larvarum Lnn. , p. 55, 323. 

— larvineula Hrt., p. 56. 
Moretii Dv., p, 56. 

— noc'tuaruin Dv., p. 56. 

— quitKjuevittata Hart., p. 56. 

— rustica FU., p. 56. 
Taeniocain|>a incerta Hfn., p. 122. 

— ininiosa S. V., p. 122. 

— opima Hbn , p. 122. 



- 304 — 



Taeiiiocampa pulvenilentaEsp,,p, 132. 

— stabilis S. V., p. 122. 

Tapinostola frumentalis Lind., p. p. 20. 
Taurhiiiii, ]>. p. 31. 
Tetroiloiituphora gigas Reiiter, p. p. 43. 
Teleas Daliiiauni, p. 55. 

— terchrans. p. 92. 

— oviiloruiii Nees, p. 92. 

— punetati8siiiius Gvv., p. 92,90. 
Teleia hmncrali.s ZÌI., p. 348. 

— tatnai'iciellii Z., p. 35, 

— tripareìla ZÌI., p. 348. 
Telenomiis piuictulatus, p. 56, 93. 
Tenthrcdopsis coiigiimgens, p. p. 48. 

— limbilabi-is, p. p. 48. 

— semirufa, p. p. 48. 
Tera.s fernigaiia T., p. 300. 

— - literaiia Lim., p. 300, 

— qiierciiiana ZÌI., p. 300. 

— sponsana Fbr., p. 300. 
Thamnonoma acquiai'ia Mill,, p, 3B. 
Thecophora fovea Tr,, p. 121. 
Thelagmus breviceps, p. ]). 31. 
Timandra amala, p. 185. 

Tinca vincuiella H, S., p. 347. 
Tipula, p. p. 20. 
Torimus anophleiis Rtz., p. 56. 
Tortrix corjlana Fbi\, p. 300. 

— crataegana Hbn., p. 300. 

— diversaiia Hbn., p. 300, 

— Loeffiiigiana Lnn,, p, 300. 
museulaua Hbn., p. 300. 

— Leclifana Lnn., p. 300. 

— xylosteana Lnn., p. 300. 
Triphon gastropachae Bè, p. 92. 

— ncnstriae Bè, p. 92, 
Triplocena bicolor Mgn., p. 93. 
Troglopliiliis cavic-ola Koll., p. p. 20. 
Trogus africanii>s, p. p. 17. 

— albosignatus Grv., p, 55. 

— flava tori u>) Pnz,, p. 56. 

— ])anctipennis Tascli., p. p. 17. 
Tvcbius venustus, p. p. 31. 



U 

llrapterix sainbtiearia Lnn., p. 247, 

X 

Xanthia aurago S, V., p. 123. 

— gilvago Esp., p. 123. 
Xorides dentipcs Gin!., ]>. 56. 

— irrigator Fbr., p. 56, 

— longicornis Rtz., p. 56. 
Xylina furcifera Rtt., p. 123. 

— ornitbopus Rtt., p. 123. 

— soc'a Rft., p. 123. 
Xylonomus epliialtoidcs Kr.,p.p. 19. 

— rnfipes, p, p, 19. 
Xysmatodoma melanella H\v., p. 347, 



Zanclognata eniortualis Scbf., p. 184. 
Zeiizera pyrina Lnn., p. 32, p, p. 4. 

— — V. octopunetala B., p. 32. 
Zonosoma lineai-iu Hbn., p, 185. 

— porata Ybv.^ p, 185. 

— pnnc'taria Lnn,, p. 185, 

— pupillaria Hl»n., p. 185. 
Zophosis punelata Br., p. 1. 

— — var. sicnla, p. 1. 

— — var, Maillei, |). 1. 
Zupliium Cbevi'olati Bruii., p. 130. 

— nunìidicum Lue, p, 130. 

— olens Fabr., p. 130. 

— testaccum King., p, 1,30, 

— unicolor Gemi., p. 130, 
Zygaena daburica Bdv., p. 37. 

— lonicerae, p. p. 5. 

— pilosella v, nubigena, p. p, 5. 

— romeo Dup,, p. 37. 

— transalpina, p. p. 5. 



— 365 — 

MALACOLOGIA 



A 



Abacetiib, [•. 346. 

Acinopais canccllatfi Du Cu.sta, [ì.K;.?. 

— hii-ta Moiils.. p. 162. 
Acinus ciinox L., p. 161. 

— ciugulatus Ph., p. 161. 

— subcrenulatiis Schw., p. 161. 
Al Vania Boria Risso, p. 159. 

— consoeiclla Monts., p. 150. 

— corrugala Brus., p. 159. 

— costulosa .Risso, p. 159. 

— Eiiropaca Risso, p. 161. 

— Fremili vi llea Risso, p. J61. 

— Lancine Cale, p. 1()0. 

— lineata Risso, p. 159. 

— Monlagui Payr., p. 159. 

— rnutabilis Weink., p. 160. 

— Pclorihina A rad. e Ben. ,p. 159. 

— scabra l'ii., p. KiD. 

— Schwartziana Brus., ]>. 159. 

— tessellata Weink., p. KH. 

— verrucosa Risso, p. 162. 
Alvinia cliclyophora Ph.. p. 160. 

— Philippiana Jcffr., ]i. 161. 

— subareolata Monts., p. 160. 

— Weinkauffi Schw., p. 160. 
Alo| ia livida Mke.. p. p. '22. 
Amalia cristato, p. p. 33. 

— Kalenzkoi, p. p. 33. 
Aninicola, p. 279. 
Amusium, p. 133, 134. 
Amyela corniculuin, j). 227. 
Anodonta, p. p. 31. 
Ancylus thiviatiiis, p. [). 34. 
Apicularia Lia Mouts., p. 139. 

— inelanostoma Req., p.- 139. 

— — v.amphorula Brugn., p. 139. 

— — V. minor-fulgida Ms., p. 139. 



Apicularia niteiis Monls., p. 140. 

— simiiis Se, p. 139. 

— subcostulata Schw., |>. 139. 
ArgiopeForbesii Davids., p. i^T. 
Arion Morclcli Hesse, p. |). 4'^». 
Ascidia, p. p. 35. 

Ascidiella, p. p. ;^5. 



B 



Baicalia angaronsi.s. p. p. 33. 

— carinala, p. p. 33. 

— conlabulata, p. p. 33. 

— costata, p. p. 33. 

— eliita, p. p. 33. 

— Fiorii, p. p. 33. 

— Godlewsckii. p. p. 33. 

— pulchelln, p. p. 33. 
lurriiVtriois, |). ]). 33. 

Baricela ma juscula Monts, p. 230. 

— rubra Mtg., p. 229. 

— — v. major Monts., ]). 230. 
BulÌMi'nus analolicus Issel, p. 3i5. 

Clessini Rechow. , p. p. 35. 

— cylindricus, ]). p. 32. 

— — V. obsoletus, p. p. 32. 

— cnxinus Reckow, p. p. 32. 

— Humberti Bourg., p. p. 32. 

— islomodon Mart., p. p. 17. 

— oliscurus Milli., |). p. 32. 

— ovularis, p. p. 32. 
rcmbus Bourg., p. p. 32. 

— rulìslrigatus, p. 346. 

— Sieversi, p, p. 32. 

— socotrensis Pf., p. p. 17. 
Bythinella Heyneinanniana , p. p. 34. 

— pannonica, p. p. 34. 

— tornensis, p. p. 34. 
Bythinia, p. 230, p. p. 31, 50. 



366 — 



C 



Camelia, p. 346. 
Caiitrainea, p, 106. 
Cardiurn discors Mtg., p. 91. 
Carychiiiin lalilabre Jan., p. 137. 

— spelaeiim, p. j). 1. 
Ceratia, p. 281. 
Cori (hi uni, p. p. 34. 
Cliitou olivaceus Spengi., p. 102. 

— Siculus Gray, p. 102. 
Chondrus Geoffreyi Aiicey, p. 345. 
Ciclas, p. p. 31. 

Gingilla pietà Jeffr. p. 229. 

— trisfasciata Adams, p. 228. 
Gingilla beniainina JMonts., p. 228. 

— concinna Monts., p. 228. 

— Epidaurica Brus., p. 277. 

— nitida Brus., p. 277. 

— Schlosseriana Brus., p. 277. 

— semistriata Mtg., p. 228. 

— tumidula G. O. Sars, p. 281. 
Cinguliiia obtusa Cantr., p. 228, 2/9. 
Giona intestinalis, p. p. 35. 

— Savignyi, p. p. 35. 
Cistella cordata Risso, p. 87. 

— cuneata Risso, p. 87. 
Glanculopsis cruciatus L., p. 109. 

— Jussieui Payr., p. 109. 

Clanculus corallinus Auct., p. 109. 
Clausilia Bielzi Pfr., p. p. 22. 

— bogatensis BI/.., p. p. 22. 

— dubia, p. p. 34, 49. 

— fiiograna, p. p. 49. 

— Fussiana Koss., p. p. 22. 

— glauca Bielz., p. p. 22. 

— gracilicostata, p. p. 32. 

— laminala, p. p. 31, 34, 49. 

— — v. Parcyssi, p. p, 34. 

— — V. dubia, p. p. 34. 

— lischeana Ch., p. p. 22. 

— livida Mke., p. p. 22. 



Clausilia orthostoma, p. p. 49. 

— plicatula, p. p. 49. 

— plumbea Ross., p. p. 22. 

— Rolphi, p. p. 31. 

— Teitetbachiana, p. p. 31. 
Ciausiiiastra, p. p. 22. 

Collonia, p. 106. 
Gonulus, p. 108. 
Corbnia, p. p. 51. 

D 

Paudebardia Boefclgeri, p, p. 32. 

— langi P., p. p. 21. 

— transsylvanica Bielz., p.p. 21,33. 
Delphinula costata Ph., p. 110. 
■Dentaliuni Tarentinum Lk., p. 91. 

— vulgare De Costa, p. 91. 
Diplómoiplia, p. 344. 
Dreysseiia cocbleata, p. p. 31. 

— polymorplia, p. p. 31, 50. 
Dybowskia cibata Drtb., p. p. 33. 



E 



Eccoptomenus, p. 346. 
Elodaea canadensis, p. p. (». 
Emarginula cancellata Ph., p. 103. 

— depressa Risso, p. 103. 

— elongata G. Costa, p. 103. 

— lluzardi Payr., p. 103. 

— reticulata Risso, p. 103. 
Sicula Pot. e Mich.,p. 103. 

— squamulosa Aradas, p.l03. 
Enthropia crassa Brus., p. 110. 



F 



Fissurella cinnabarina, p. 103. 

— corrugata G. Costa, p. 103. 

— costarla Auct., p. 103. 



— 367 — 



Fissurella crassa 0, Costa, p. 103. 

— gibba Ph., p. 103. 

— Gracca Auct., p. 103. 

— lilaciiia. p. 103. 

— mamillata Risso, p. 103. 

— !nediterranea Sow. , p. 103. 

— neglecta Desh., p. 103. 

— iiubeeula Auct., p. 103. 

— Philippii Recj.. p. 103. 

— rosea, p. 103. 

— viridis, p. 103. 
Flemingia, p, 281. 

Fossarus Adansonii Fb.. p. 111. 

— anibiguus Monts., p. Ili- 

— Kutsehigianus, \). 111. 

— Lanoei BjukIoh, p. 111. 
Fruticicola, p. 346. 

Fusus islandicus. p. p. HO. 



a 

Galeodina striatula Da Costa, p. 163. 
Gibbula Adansonii Payr., p. 105. 

— Adriatica Pb., p. 105. 

— Agatbensis Reclu/., p. 105, 

— angulata Brus., p. 105. 

— ardeiis v. Salis, p. 104. 

— bicolor Risso, p. 104. 

— depressa Risso, p. 105. 

— desserea Risso, p. 107. 

— Drepanensis Brugnone, p. 106. 

— elata Brus., p. 105. 

— gìbbosula Brus.. p. 105. 

— Ivanicsi Brus., p. 106. 

— leucopbaea Ph., p. 105. 

— mediterranea Risso, p. 107. 

— nivosa Adams, p. 105. 

— Pbilberti Recluz, p. 104. 

— purpurata Brus., p, 107. 

— purpurea Risso, p. 106. 
pygniaea Risso, p. 105. 

— rupestris Risso, p. 109. 



Gibbula sanguinea, p. 104. 

— Spratti Forbes, p. 105. 

— uinbilicaris Auct,, p.l06. 

— - V. DoriaeT.Can.,p.l07. 

— umbiiicata Mfg., p. 105, 106. 

— varia Auct., p. 105. 

— variegata Risso, p. 105. 

— Viniontiae Monts., p. 106. 
Gibbulastra divaricata L., p. 107. 

— rariliiieata Mieli,, p. 107. 
Gerslfeldiia, p. p. 33. 
Godlewskia, p. p. 33. 
Gregariella sulcata, p. 90. 
Giilnaria auricularia, p. p. 50. 

— ovata, p. p. 50. 



H 



Haliotis bicolor 0, Costa, p. 104. 

— bistriata 0. Costa, p. 104. 

— glabra O. Costa, p. 104 

— lanieUosa Auct., p. 104. 

— mai'inorala Costa, p. 104. 

— ncgle.cta Pb., p. 104. 

— parva Risso, p. 104. 

— pelkicida v. Salis, p. 104. 

— reticulata Reeve, p. 104. 

— secernenda Monts.. p. 104. 

— tuberculata Risso, p. 104. 

— — V. lucida Req., p. 104. 

— varia Risso, p. 104. 
Helix acicula, p. p., 31. 

— ambigua L., p. Ili, 

— apicina, p. p. 32. 

— — V. Ramburi Mab.,p. p.32. 

— arbustorum, p. p, 49. 

— aspersa, p. p. 31, 

— carpalbica, p, p. 34, 

— Ciessini Ulieny, p. p., 50. 

— complanata Lin., p. 215. 

— expallescens, p. p. 33. 

— Faustina, p. p. 34. 



368 



Helix fruticosa, p. p. 33, 

— fulgidus, p. 280. 
— ■ hispida, p. p. 49. 

— hortensis, p. p. 0, 49. 

— lapidicidn, p. \k 0, 31. 

-- Lubomirski Slos., p. p. 50. 

— lutescens, ]). p. 33. 

— nemoralis, p. p. 49, 50. 

— obvoluta, p. p. 34, 49. 

— OriUiyia, v. Mart., p. 346. 

— pulchelbi, p. p. 31. 

— iiiderata, p. p. 34. 

— Riippelli, p. 346. 

— solarla, p. p. 50. 

— substriata, p. p. 32. 

— transsylvanica, p. p. 50. 
Hyala, p. 281. 

Hyaliiia deila Bourg., p. p. 32. 

— Krjnikyi Cles., p. p. 32,33. 

— Kutaisiana, p. p. 33. 

— Oscuri Komac, p. p. 21. 

— planaria, p. p. 33. 

— suciuaciti Bottg., p. p. 21. 

— transsylvanica, p. p. 33. 
Hydrobia, p. p. 33. 

— vitrae, p. p. 1. 



Idyln, p. p. 



J 



Jujubinns, p. 108. 



L 



Ladas Keraudreni Losueur, p. 168. 
Leachia cornea Risso, p. 230. 

— clongata Pli., p. 277. 

— viridescens Risso, p. 230, 231. 
Leucosia, p. p. 33. 

Liebaicalia, p. p. 33. 
Lima aperta Hanley, p. 89. 



Lima buUata Payr., p. 88. 

— excavata, p. p. 50. 

— fragilis Se, p. 89. 

— imbricata Risso, p. 88. 

— levigata Risso, p. 88. 

— tenera Ph., p. 88. 

— squamosa Lk., .p. 88. 

— ventricosa Sow., p. 88. 
Limax achvvabi Frauenf., p. p.34. 

— panormitimus, p. p. 49. 

— — V. Ponsombyi Hes., p.p. 49. 

— Schwabi, p. p. 34, 50. 

— tenellus, p. p. 33. 

— transsjlvanicus Heyn., p.p. 34,50. 

— unicolor, p. p. 33. 
Limnaea auricularia, p. p. 5. 

— — V. ampia Hartm., p.p. 5. 

— distorta, p. p. 31. 

— fusens, p. p. 3L 

— Kixkxi, p. p. 31. 

— quadrangulata, p. p. 31. 

— sinistrorsa, p. p. 31. 

— stagnalis, p. p. 31. 
Limnorea, p. p. 33. 
Littorina rudis Malon, p. 106. 

— saxatilis Olivi, p. 106. 
Loligopsis, p. 230. 

Loripes Desniaresti Payr., p. 90. 

— gibbosus Se, p. 91. 

— lacteus Auct., p. 90. 

— lactoides Desìi., p. 90. 

— luteola Desìi., p. 90. 
Loripinus fragilis Pli., p. 91. 
Lucina buUata Recve, p. 91. 

— divaricata Auct., p. 91. 

— edentula L., p. 91. 

— gibbosa Desìi., p. 5)1. 

— lactea Desìi., p. 90. 

— pellucida Caruana, p. 91. 

— Pliilippiana Reev., p. 91. 

— Scbrammi Grosse, p. 91. 
Lucinella commutata Pb., p. 9). 



— 369 — 



Lythoglyphus Nalicoides, i>. p. 50. 

— pannouicus, p. p. 34,57. 

— pygmàeum Frati., p.p. 57. 

— Tripaloi Brus., p. 57. 

M 

Maakia, p. p. 33. 
Mantellum hians Gin., p. 88. 

— . — V, minor, p. 88. 

— ■ — V. mediterranea M.,p.88. 
inflatum Chcinn., p. 88. 
Manzonia costata Adatns, p. 162. 
Maravignia Sicilia Arad., p. HO. 
Margarita pulehella Martin, p. 106. 
Margaritana margnritifera, p. p. 49. 
Marginella, p. p. 51. 
Mastiis carneolus Monss., p. p. 21. 

— transsylvanieii.sKomac.,p.p.21. 

— tiirgidus Kob., p. p. '21. 
Microsetia coelata Monts., p. 280. 

— Cossurae Cale, p. 280. 

— fulgida Adains, p. 280. 

_ _ V. pallida Jeffr., p. 280. 

— micrometrica Seg.. p. 280. 

— ocliroleuca Brus., p. 280. 
Modiola Adriatica Lk., p 90. 

— barbata L., p. 89. 

— discors Auct., p. 90. 

— discrepans Aiict., p. 9iì. 

— Europaea U'Orb., p. 90. 
— ■ imberbis Brus., p. 90. 

— laevis Dan. e Sand., p. 89. 

— marmorata Forbes, p. 90. 

— phaseolina Fh., p. 89. 

— Poliana Pli., p. 90. 

— solida H. Martin, p. 89. 

— villosa Nardo, p. 89. 
Modiolaria costulata Risso, p. 90. 

— subpicta Cantr., p. 90. 
Modiolus barbatellus Cantr., p. 90. 

Il Naturalista Siciliano, Anno 



IV. 



Modiolus custulatus Risso, p. 90. 

— subpictus Cantr., p, 90. 

— sulcalus Risso, p. 90. 
Monodonta articulata, p. 108 

— Couturii Payr., p. 109. 

— Draparnaiidi Payr, p. 108. 
— - fragaroides Lk., p. 108. 

— Lessoni Payr., p. 107. 

— Richard! Payr., p. 107. 

— Olivieri Payr., p. 108. 

— tessellatus, p. 108. 
Ulvae Risso, p. 108. 

— Vioillotii Payr., p. 109. 
Murex aconthostephes, p. p. 32. 

— adunco-spinosus. p. p. 32. 

— Gundlachi Bunker, p.p. 33. 

— Rcevei, p. p. 33. 

— scrrato-spinosus Dunk., p. p. 33. 
Mya truneala, p. p. 50. 
Mytilastcr Blondcli H. Martin, p. 89. 

— crispus Cantr., p. 89. 

— cyllndraceus Req., p. 89. 

— Libnruicus Chiereg., p. 89. 

— lineatns Gm., p. 89. 

— niininius Poli, p. 89. 

— solidus Marlin, p. 89. 
Mytilus Cavolini Se, p. 90. 

— liaviis Poli, p. 89. 

— Galloprovincialis Lk., p. 89. 

— Pelngnac Se, p. 90. 

— succineus Dan. e Sand., p. 89. 

N 

Neaera arctica, p. p. 51. 

Nassa corniculu'U, p. 227. 

Nassaria Kampyla, p. p. 32. 

Natica, p. p. 51. 

Neritina, p. p. 50. 

Nodulns contortus J"effr., p. 229. 

— intortus Monts., p. 229. 

46 



o 



Oiioba, p. 377. 

— striata Adain.s, p. 220. 
Orcula do'.ium Drp., j). p. 21. 

— Jetschini Komac, \). p. 21, 
Ortliis bifida 0. Costa, p. 87. 

— pera, v. Miilfh., p. 87. 

Ostrea cochlear, p. 130. 

— • cristata Hidalgo, p. 87. 

— curvata Risso, p. 87. 

— denticulata Poli, p. 87. 

— fasciata Gm., p- 88. 

— glaeìalis Poli, p. 88. 

— hians Dillw., p. SS. 

— obesa Reeve, p. 87. 

— plicata Weink., p. 87. 

— plleatula Ph., p. 87. 

— saxosa Hidalgo, p. 8S. 

— stentina, p. 87, 88. 

— tuberculata Broccli., ]). 88. 



Paludestrina cornea Risso, p. 230. 
Paladina, p. p. 31. 

— Adjacensis Req., p. 230. 

— muriatica Ph., p. 230. 

— Porri, p. 278. 

— Salinasii Cale, e Ar., p.23l. 

— vivi|)ara Dybws. , p. p. 33. 
Pai-macclla calyculata Kob., p. p. 49. 

— Valenciennesi Hes., p.p. 49. 
Parlala compressa Pease, p. 344, 345. 

— dentifera Pfr., p. 345. 

— Layardi Rra/ier, j). 344. 

— radiata Pease, p. 344. 
Parvisetia Seillae S^'g , p. 280. 
Patella aspera, p. 102, 103. 

— athletiea, p. 102. 

— Bonardi Pavr., p. 103. 



370 - 

Patella coerulea Auct., p. 102. 

— fragilis Ph., p. 102. 

— lugubris Risso, p. 102. 

— scutellaris Lk., p. 102. 

— subplana Fot. e Mich.,p. 102. 

— tarentina v. Salis, p. 102. 
Patel lastra lusitanica Gm., p. 103. 

— nigropunctata, p. 103. 

— punctata Lk., p. 103. 
Pecten corneus Sow., p, 133. 

— cristatus Bronn., p. 133. 

— hyalinus Poli, p. 88. 

— incomparabilis Risso, p. 88. 

— Jeffreysi De Greg., p. 133. 

— Laurent! L., p. 133. 

— Milne Edwardsi De Gr.,p. 133. 

— multistriatus Poli, p. 88. 

— Oweni De Greg., p. 133. 

— pellucidus Payr., p. 88. 

— pictus Sow., p. 133. 

— pulcherrimus Risso, p. 88. 

— pusio L., p. 88. 

— septem-radiatus, p. p. 50. 

— succineus, p. 88. 

— Testae Ph., p. 88. 

— virgo Lk., p. 88. 
Peringia, p. 230. 
Peringiella Epidaurica Brus., p. 277. 

— nitida Brus., p. 277. 
Persephona rufilabris Leach., p. 140. 

— violacea Desm,, p. 140. 
Phallus! a, p. p. 35. 
Phasianella alternata Monts., p. 110. 

— Hoberti Brus., p. 110. 

— incomparabilis Mts., p. Ilo. 

— intermedia Ph., p. 110. 

— pulehella Recluz, p. 110. 
— ■ pulla, p. 110. 

— tennis Mich., p. 110. 
— • Vieuxii Payr., p. 109. 

Phorcus margaritaceus Risso, p. 107. 

— mutabilis Ph., p. 107. 



371 — 



Phorcus Richardi Payi-., p. 107. 

— strio t US Risso, p. 107. 
Pirostoma, p. p. 22. 
Pisania, p. p. 34. 
Pisidiuin, p. p. 31. 
Pisinna, p. 277. 

punctuliim Pli., p. 229. 
Plagiostyla Asturiana, p. 277. 
Planorbis complanatus Lin., p. 215. 

— Fontanus Lightfoot, p. 215. 

— rokmdatus, p. p. 32. 

— spinorbis, p. p. 34. 

— Syracusanus Cafici, \). 215. 
Poinrttias Adami Ben., p. 214. 

— Boettgeri West., p. 214,215. 

— silvaniis, p. 215. 
Popilia hexaspila, p. 346. 
Pseiidosetia Ficaratiensis, p. 281. 

— macilenta Monts. , p. 281. 

— tumidula G. 0. Sars.,p.281 , 

— turgida Jeffi-., p. 281. 
Pterotrachea, p. p. 35. 
PuMctiu'clla acuminata, j). p. 32. 

— tuberculata, p. p. 32. 
Pui)a dolium^ p. p. 31. 

— minutissima, p. p. 31, 

— pulchra Reckow., p. p. 32. 

— pygmaea, p. p. 31. 

— superstructa, p; p. 32. 
Purpura Haemastoma, p. p. 34. 



R 



Rissoa acicuia Desm., p. 137. 

— acuta Desm., p. 137. 

— affinis Jeffr., p. 278. ^ 

— Alderi Jeffr., p. 228. 

— Alleryana Arad. et Ben., p.279. 

— ambigua Bi-ugnone, p. 279. 

— apiculata Dan. e Sand., p. 139. 

— arata Récl., p. 139. 

— atomus Brus., p. 280. 



Rissoa aui'iscalpium Schew. .p. 137. 

— — V. vitrea Req., p. 137. 

— aurantìaca Brus., p. 230. 

— balteata Manz., p. 277. 

— Brucia Tib., p. 280. 

— calathiscus Ph., p. 161. 

— cancellata Desm., p. 161. 

— caribaea Monts., p. 100. 

— ca rinata PIi., p. 162. 

— cingulata Ph., p. 161. 

— concinna S. Wood., p. 228. 

— concinnata .leffr., p. 281. 

— contorta Jeffr., p. 229. 

— costata Desm., p. 140. 

— costulata Risso, p. 139, 140. 

— crenulata Mich., p. 162. 

— crispa Watson, p. 162. 

— decorata Ph.; p. 139, 

— Desmaresti Forbes, p. 140. 

— ebenea Brus., p. 159. 

— elongata Ph., p. 277. 

— Etnea Arad., p. 160. 

— exigua Michaud, p. 162. 

— fasciata, p. 280. 

— Ficaratiensis Brugnone, p. 2SÌ. 

— fulgida, p. 280. 

~ fulva Mich., p. 229. 

— gemmula Fischer, p. 140. 

— gibbera Watson, p. 162. 

— glabrata v. Muhlf., p. 229. 

— globosa Martin, p. 228. 

— Gougeti Michaud, p. 230. 
— ■ granulata Ph., p. 161. 

— Guerini Récluz., p. 139. 

— intorta Monts., p. 229. 

— Joenia Amato, p. 280. 

— labiata Ph., p. 163. 

— labiosa Mtg., p. 138. 

— lactea Mich., p. 227. 

— lilacina Récluz, p. 140. 

— Mandralisci Arad., p. 229. 
-- marmorata Cantr., p. 229. 



372 



Rissoa membranacea Ad., p. 138. 

— Messancnsis Seg., p. 279. 

— mici'ometrica Seg., p. 280. 

— minutissima Mich., p. 229. 

— nitida Brugnone, p. 140. 

— oblita liberi, p. 281. 

— obtusa Cantr., p. 228. 

— obtusispira Seg., p. 281. 

— oceani D'Orb., p. 161. 

— ovatella Forbes, p. 139. 

— paludinioides Cale, p. 278, 

— parva I);) Costa, p. 138. 

— pietà Jeffr., p. 229. 

— porifera Lavén, p. 140. 

— pulchella Risso, p. 137, 139. 

— pulclierrima Jeffr., p. 278, 279. 

— punctala Pot. e Mieb., p. 140. 

— punctuluni Pb., p. 229. 

— pimcUiin Cantr., p. 277. 

— purpurea M'Andrew, p. 140. 

— rudis Pb., p. 227. 

— sabnbim Watson, p. 229. 

— scabriuscMila Req., p. 161. 

— Sebevarl//ii Benoit, p. 100. 

— SciHae Seg., p. 280. 

— Sciuliana Ar. e Ben., p. 278. 

— simibs Pb., p. 139, 140. 

— sobila, p. 228, 279, 281. 

— subsulcata Pb., p. 228. 

— subvcni ricosa Cantr., p. 140. 

— Iricolor Bisso, p. 140. 

— trocbiea Micb., j». 103. 

— turgida JeffV., p. 281. 

— variabilis v. Midilf., p. 140. 

— ventricosa Desm., p. 140. 

— vexillata Brus., p. 280. • 
- Weinkauflì Monts., p. 160. 

— Zaucleana, p. 278. 



rSabaneo ninudn Alonts., p. 139, 



Sabanea pnucicostata Leacb. , p. 138. 

— plicatula Risso, p. 138. 

— puicbeHa Pb., p. 138. 

— radiata Ph., p. 138. 

— simplex Pb., p. 138. 
Scalarla tortilis, p. p. 32. 

— varicosa, p. p. 32, 
Scapbander puneto-striatus, p.p. 50. 
Scrobicularia piperata, p. p. 50. 
Segmentiua nitida Flein,, p, 215, 
Setia Alleryana Arad. e Ben., p. 279. 

— — V. solidula Monts., p. 279. 

— amabilis Monts,, p. 279. 

— Cossurae Brus., p. 280, 

— fulgida Brus., p. 280. 

— fusca Pb., p. 278. 

— — V. major-inOata Mts.p. 279. 

— — V. niinor-turriculata, p. 279. 

— globulinus Monts., p. 278. 

— limpida Monts., p. 279. 

— macilenta Monts., p. 281. 

— Messancnsis Seg., p. 279. 

— ocbroleuca Brus., p. 280. 

— pygmaea Micb., p. 278, 

— Sciutiana Arad. e Ben,, p. 278. 

— soluta Pb., p, 279. 

— (urriculata Monts., p. 279. 
Sinusigcra cancellata, p. p. 34. 

— Huxleyi, p. p. 34. 

— microscopica, p. p. 34. 

— perversa, p. p, 34. 
Solarium, p. p. 32. 

Stenogvra socotorana Mart., p. p. 17. 
Stomalella coslata O. Costo, ]). 111. 
Succinca jinlris, p. p. 31. 



Tellina baltica, p. p, 50. 

— gibbosa 0. Costa, p. 91, 
Terebratula Neapolitana Se, p, 87. 
— scobinata Cantr., p. 87. 



373 



levebratula soldaniana Aiict., p. 87. 
Thapsia rudis Ph., p. 227. 
Trachjbaicalia, p. p. 33, 
Tricolia intermedia Se, p. 109. 

— Nicaeensis Risso, p. 109. 

— rubra Risso, p. 109. 

— speciosa v. Miihlf., p. 109. 
Tricoliella Hoberti Brus,, p. HO. 

— pili la L., p. Ilo. 

— punctata Risso, p. 110. 
Triforis, p. p. 34. 

Triton, p. p. 40. 

Trocluis Adansonii, p. 105, 106. 

— adriaticus Ph., p. 105. 

- — Agathensis Récluz., p. 105. 

— alveolatus Pli., p. 105. 

— ardens, v. Salis Mars. p. 104. 

— Cossureusis Cale, p. 107. 

— crassus Pult., p. 108. 

— De Jacob i A rad., p. 108. 

— divaricatus, p. 107. 

— Ferrnonii Payr., p. 104. 

— gibbosula Brus., p. 105. 

— Gravesi Forbes, p. 108. 

— helicoides Ph., p. lOG. 

— leucophaeus Ph., p. 105. 

— lineatus Bl., p. lOG. 

— lincolatus Pof. e Midi., p.lOO. 

— littovalis Brus., p. 108. 

— maculatus Risso, p. 108. 

— matoni BI., p. 108. 

— Michaudi BI., p. 104. 

— mutabilis Fischer, p. 107. 

— nigerrimus BI., p. 108. 

— obliquatus Gm.. p. lOG. 

— olivaceus Anton., p. 105. 

— pallidus Forbes, p. 105. 

— parvulus Brus., p. 108. 

— Pannanti Ph., p. 100. 

— Philberti Récluz, p. 104. 

— pictus Ph., p. 105, 

• — pygniaeus Ph., p. 105. 



Troclius Racketti Auct., p. 105. 

— radiatus Anton., p. 107. 

— rarilineatus Mich., p. 107. 

— Roissyi Payr., p. 105. 

— Sartorii Arad., p. 108. 

— semiglobosus Arad., p. 100. 

— seriopunctatus BI., p. 108. 

— tessellatus Gm., p. 107. 

— tumidus Weink., p. 105. 

— lurbinatus, p, 107. 

— (urbinoides Desh., p. 100. 

— varians Desh., p. 105. 

— villicus Ph., p. 104. 

— vulgaris Risso, p. 108. 
Trochocochlea articulata L.,p. 107,1 08. 

— lineata, p. 108. 

— turbinata Born., p. 107. 
Truncatella fusca Ph., p. 278. 
Turbo amethistinus Ren., p. 140. 

— calathiscus Laskey, p. IGl. 

— caneellatus Da Costa, p. 1(52. 

— cariuatus Mtg., p. 103. 

— ciugillus Mtg., p. 228. 

— coccineus Desh., p. 106. 

— costatus Adams, p. 162. 

— llammeus, v. Salis, j). HO. 

— liicullanus Se, [). HO. 

— pictus Da Costa, p. 110. 

— plicatus, V. MiiUlt'., 1). I(j2. 

— ptillus, p. HO. 

— purpureus Risso, p. 106. 

— Rissoanus Delle Ohiajo, p. 110. 

— ruber Mtg., p. 229. 

— sanguineus L., p. 106. 

— semistriatus Mtg., p. 228. 

— speciosus, p. 109. 

— striatulus Da Costa, p. 163. 

— striatus Da Costa, p. 229. 

— trifasciatus Adams, p. 228. 

— unifasciatus Mtg., p. 230. 

— variegatus Risso, p. 107. 

— vi t tal US Donov., p. 228. 



374 



U 

Unciuivria, p. p. 52. 
Uiiio, p. p. 31. 
— atee, j). p. 49. 

V 

Viilvalii, p. p. 50. 

— Anapensis Cafici, p. 21G. 
— • macrostoma Steciih., p. 210. 

— Moiiterosati Cafici, p. 216. 
Venus affossa, p. 135. 

Vivipara vera, p. p. GO. 



Zippora aui'iscalpium L., p. 137. 

— Druinmondi Leacli., p. 137. 

— ehita Ph., p. 138. 

— fi-agi lis Michaud, p. 13R. 

— oblonga Auct., p. 13S. 

— paradoxa Monts., p. 137. 
Zizyphiinis aequistriatus Monts ,p. 10^ 

— depictus Desi]., p. 108. 

— Gravinae Monts., p, 109. 

— Laugieri Payr., p. 108. 

— Malonii Payr., p. 108. 



ZOOLOGIA IN GENERALE (^^ 



A 



Acanella, p. p. 22. 
Acaiitliias Blainvillii Risso, p. 176. 
spinax Risso, p. 177. 

— vulgaris Risso, p. 177. 
Àcaulhis hctulorum Sund., p. p. 18. 

— ■ canescens, p. p. 18. 

— Hoclbollis, p. p. 18. 

— linai-ia Breliin., p. p. 18. 

— rufescens, p. p. 18. 

- — sedentaria, p. p. 18. 
Acauthogorgia inuricata, p. p. 22. 
Acipenser liuso, p. p. 18, 19. 

— sturio Lin., p. 330. 
Acroceplialus magnirostris Lilj.,p.p.l8. 
AIl)iirnus bipunctatus, p. p. 19. 

— leuciscus, p. p. 19. 

— lucidusHeck. e Kner, p.p. 19. 
Alloptes crassipes Can., p. p. 49. 
Alopias vulpes Bonap., p. 178. 

— niacrourus Itaf.. p. 178. 
Aiosa vulgaris, p. p. 19. 
Amaroiiciutn proliferum M.E., p. p. 21. 



Amphitrite rubra, p. p. 51. 

— variabilis, p. p. 51. 
Analges, p. p. 49. 

Anas boschas, p. p. 29, 45. 

— crecca, p. p. 29. 
Anguis fragilis, p. 315. 
Anodontostoma octosulcatum, p. p. 21. 
Anthus palustris, p. p. 30. 
Aptenodytes, p. p. 18. 

Aquila chrysaetos, p. p. 46. 

— fulva, p. p. 46. 

— imperialis, p. p. 18. 
Ardea egretta, p. p. 18. 
Argillaecia badia Brady, p. 42. 

— messanensis Seg., p. 41. 
Argjropelecus hemigymnus Coc , p.26. 
Aspidosiphou fuscus, p. p. 6. 
Athene noctua, p. p. 21. 
Atimostoma capcnse Smith., p. 233, 
Atractis dactylura Dy., p. p. 49. 

B 

Bairdia complanata Brady, p. 128. 

— expansa Brady, p. 127. 



(1) Sotto questo titolo sì souo comprese tutte le altre brauche della Zoologia, per le 
quali non si reputò necessaria la compilazione di un indice speciale. 



375 — 



Bairdia formosa Brad}', p. 127, p.p. IO. 

— inflata Norm., p. 126. 

— messanensis Seg., p. 126. 

— subdeUoideaMuns.,p.p.l6 p.l24. 

— — V. mai-morata Seg., p. 125. 

— — V. oblonga Seg., p. 125. 
Balanus, p. p. 50. 

— tulipiformis, p. 136. 
Balistes annularis Raf., p. 328. 

— capriscus Gm., p. 328. 

— lunulatus Risso, p. 328. 

— vetula Risso, p. 328. 
Berbrana striolata Keyserl., p. p. 48. 
Batocera, p. p. 22. 

Bombifrons indicus Gr., p. p. 29. 
Branchiostoma, p. p. 21. 
Biigghiu, p. 147. 
Buteo Menestriesi, p. p, 30. 

— vulgaris, p. p. 18. 



C 



Caddiitu, p. 176. 
Calcitiiba polymorpha, p. j). 6. 
Capriscus porcus Raf., p. 328. 
Caranx carangus C. V., p, 86. 
Carcharias ferox Risso, p. 178. 

— galeus Risso, p. 260. 

— glaucus Linn., p. 179. 

— lamia Risso, p. 178. 

— vulpes Cuv., p. 178. 
Carcharodon lamia Bp., p. 178. 
Carnisoma carnifex Hbst., p. p. 17. 
Ceutrina Salviani Risso, p. 177. 
Chamaeleon calyptratus, p. p. 17. 

— monacha, p. p. 17. 
Chauliodus Sloani Bl. Schn., p. 168. 
Chermes cavicula, p. p. 1. 
Cheylethus heteropalpus Megn., p.p.48. 

parasitivorax, p. p. 48. 
Chiinaera mediterranea Risso, p. 271. 
— monstruosa Lin., p, 271. 



Chloroplitlialmus Agassizii Bp., p. 71, 
Chrjsogorgia Foerkesii, p. p. 22. 
Cialandruni, p. 178. 
Circus aeriiginosus, p. p. 18. 
Ciaudina Ransoiietii, p. p. 6. 
Clupea fallax, p. p. 19. 

— sardina, p. p. 336, 337. 
Collaria morsitaus L., p. p. 17. 
Columba domestica, p. p. 2, 30. 

— livia, p. p. 30. 
Corvus cornis, p. p. 30. 

— monediila, p. p. 2. 
Coryphaena hippurus Lin., p. 235. 

— pelagica Lac, p. 235. 
Coryphaenoides, p. 293. 
Crocodilus madagascariensis, p. p. 29. 

— palustris Less., p. p. 29. 

— robustus, p. p. 29. 

— vulgaris, p. p. 29. 
Cubiceps gracilis Lowe, p. 233. 
Cyanites coeruleus, p. p. 30. 
Cybium Veranyi Dod., p. 86. 
Cyclops, p. p. 2. 
Cypseliehthys japonicus, p. p. 3. 
Cypselus a pus, p. p. 46. 
Cypridina Edwardsii Reuss., p. 187. 
Cyslipus pleuripus, p. p. 6. 
Cythere albo-maculata Baird., p, 151. 

— clathrata Brady, p. 186. 

— — V. lyrata Brady, p. 186. 

— — v.latimarginataBr.p.l86. 

— convexa Baird., p. 128. 

— corrugata Reuss. , p. 188. 

— crispata Brady, p. 152. 

— Edwardsii Bosquet, p. 187. 

— emaciata Brady, p. 188. 

— Jonesii Baird., p. 189. 

— — v.ceratoptera, p. 189. 

— mutabilis Brady, p. 186. 

— prava Baird, p. 188. 

— Speycri Brady, p. 149. 

— Stimpsoni Brady, p. 187. 



876 



Cythei-e suhtrigona Seg., p. p. 16. 

— — v.marginato-stria(a,p.p.l6. 

— tenera Brady, p. 151. 

— ■ tuberculataBrady,p. 186,187. 

— venus Seg., p. 149. 

— — v.messanensis Seg. ,p. 150, 

— Woodwardi Brady, p. 151. 
Cythereis luberculata Sars., p. 186, 
Cytlierina Edwardsii Roeiii., p. 187. 

— fimbriata Roem., p. 187. 



D 



Dactylopteriis volitans, p. 75. 
Dasyatis altavela Raf., p. 147. 
pastiiinca Raf., ]>. 147. 
Dcisybatis aspera Bonap., p. 148. 

— asterias Bonap., p. 148. 

— clavata Bónap., p. 148. 
Delphinus dea Fabr., p, p. 47. 
Deristoimun Benedenii, p. p. 6. 
Dermalichus, p. p. 49. 
Dicrurus sumatranus, p. p. 2. 
Didiinculus strigi rostris, p. p. 45. 
Dimorpbus, p. p. 49. 
Dipterodon, p. 82. 

Dosilia Baileyi Cart., p, p. 51. 

— Stepanowi Djbow., p. p. 51. 



E 



Ebo latilborax Keyserl., p. p. 48. 
Echinorlìinus spinosns Bonap., p. 269. 
Einberyza leucocepbaie, p. p. 30. 
Engraulis enerasicbolus, j). 336, 
Epeira fuscn, p. p. 2. 
Etinopterus aculeatus Raf., \). 177. 
Eiidyptes, p. p. 18. 

F 

Falco Feldeggi, p. p. 30. 
— ■ tlnunculus, p. p. 2, 18. 



Fierasfer acus Kp., p. ]). 3. 
Fringiila domestica, p. p. 2. 
— pyrrhula, p. p. 45, 46. 

G 

Galeus canis Bonap., p. 2ii9. 

— catulus Raf., p, 270. 

— iiielanostouius llaf., p. 270. 

— iimstelus Raf., p. 270. 

— stfllaris Raf., p. 270. 
GaUus doniesticus, p. p. 46. 
Giardia agiiis, p. p. 35, 
Girella, p. 81. 

Glaucostegus Halavi Bonap., p. 172. 
Gobius Haackei Steind., p. p. 30. 
Gonostoma denudatum Uaf., p. 22. 
Gjnnietrus mullerianus, p. 164, 

Hadites tegenarioides, p. p. 1. 
Haliaetus albicilla, p. p. 18. 
Halleria punctata, p, p, 3. 
Heptranchias cinereus Raf,, p. 177. 
Heteralocha, p. p. 18. 
Heteroinita lacertae, p. p. 35. 
Heterostoma, p, p. 21. 
Hexanchus griseus Raf., p, 177. 
Hippocanipus antiquus Risso, p, 272, 

— brevirostris Cuv., p. 272. 

— lieptagonus Raf., p. 272. 

— rosaceus Risso, p. 272. 
Hirundo dasypus, p. p, 30. 

— lagopida, p. p. 30. 
Histiopteriis recurvirostris Ricb.,p.p.3. 
Holotluiria magellani, p. p. 6. 

— mammillata, p. p. 6. 

— Marenzelleri, p. p. 6. 
• — pervicax, p. p. 6. 

— pleuripns, p. p. 6. 
tuberosa, p. p. 3. 



577 



Hjnienocephalus italicus Gigi., p. 294. 
Ilypliantornis, p. p, 46. 
Hypsirliynchus liepatious Facci 12. 15'?. 



Idiocliila, p. p. 19. 
Isurus oxyrhynchus Raf., p. 178. 
— Spallanzani Raf., p. 178. 



J 



Jattupardu, p. 270. 



K 



Kopliobelemnon scabrum, p. p, 22. 
Krohnins fìlamentosus Cocco, p. 291. 



Labrichtliys elegans Steind.,p p. 30. 
Lacerta albiventris Ben., p, .325. 

— bilineata Raf., p. 315. 

— chioronota Raf., p. 315. 

— niuralis, p. 325. 

— neapolitana Bedr., p. 325. 

— nigriventris Bon., j). 325. 

— sicnla Raf., p. 315. 
• — ■ viridiocellata, p. 325. 

— viridis Gesn., p. 313, p.p. 35. 
Laevii-aja macrorbynchus Bp., p. 148. 

— oxyrbynclius Bona p., p.l48. 
Lamia corniibicus Riss., p. 178. 
Lamna cornubica Ciiv., p. 178. 
Laiiiiis borealis eurup-ieiis , p. p. 18. 

— rapax Brelim., p. p. 18. 
Leiobatus aquila Raf., p. 140. 
Lepidisia, p. p. 22. 
Lepidolepniscoeloi'bynchus Ris.,p.331. 

— Irachyrhynchiis Riss. ,p. 331 . 
Il Naturalista Siciliano, Anno Ili 



Leuciscus aUuirnoides de Sei., p.p. 19. 

— Baldeneri, p. p. 19. 

— dolabra tus, p. p. 19. 
Linguata, p. 332. 

Linota cannabina, p. p, 30. 
Listrophoras gibbus Pag., p. p. 48. 
Lobotes auetonini Giìntli., )). 80. 
Locii.stella kiscinoides, p. p. 2. 
Loxoconeha avellana Brady, p. 251. 

— lata Brady, p. 255. 

— seminnliim Seg., p. 256. 

— tennis Seg. , p. 255. 

— tumida Brady, p. 255. 
Lumbricus, p. p. 6. 



M 

Macrocypris elongata Seg., p. 76, 

— graeilis Seg.. p. 76. 

— maculata Brady, p. 78. 

— setigeva Bradj, p. 75. 

— trigona Seg., p. 77. 
Macrurus eoel.orliynclnis, p. 293, 331. 

— rupestris Blocli, p. 331. 

Magnusa, p. 270. 

Malacocepliakis laevis Sow., p. 294. 

Mantipus Hildebrandi Peters, p. p. 3. 

Maurolicusametliystino-puiìctatus Coc- 
co, p. 28. 

Mayenia fluviatilis Auct., p. p. 51. 
Megninia, p. p, 49. 
Melanostoma japonicum, p. p. 3. 
Mergus serrator, p. p. 18. 
Mei-ula fuscata, p. p. 29. 
Micophoneus castaneus, p. p. 2. 
Microdac'lylis caudata, p. p. (>. 
Mola, p. 329. 

Molva \ulgaris Flem., p. 86. 
Motel la cominunìs, p. 75. 
Muscicapa albicollis, p. p. 2. 

— luctuosa, p. p. 2 

47 



378 - 



Alus ducuinanus, p. p. 28. 

— ratlus, p. p. 28. 
Mustelus laevis Risso, p. 270. 

— plebcjiis Risso, p. 270. 

— vulgaris M. H., p. 270. 
Myliobatis aquiln, p. (46. 
Myoxus glis Gin., p. p. 23. 

N 

Narvachus sulcatus DeFii.e Var.p 233. 
Nerophis corallina Cocco, p. 272. 

— maculata Raf., j), 272. 
Niphargus, p. p. 2. 
Nofidanus cinercus Cuv,, p. 177. 

— griseiis Cuv., p. 177. 

— nionge Risso, p. 177. 
Noti rnis Hoclistotteri, p. p. 18. 
Numida meleagris, p. ]>. 46. 



o 



Ohisiuin Desclimanni, p. p. 1. 
Oetobrancluis Giardi, |). p. 51. 

— lingulatus, p. p. 51. 

Odontaspis ferox Agass., p 178. 
Ogghialoru, p. 170. 
Ogghialuni, p. 176. 
Orca gladiator Gray, p. p. 47. 
Orthagoriscus mola Cuv., p. 32.1. 
Orthragus oblongus Raf., p. 329. 
Otus brachyotus, p. p. 18. 
Oxyccphas scabrus Raf., p. 331. 
Oxynotus centrina, Raf., p. 177. 
Oxyrrhina S[)allanzani Bp., ]). 178. 
Oxyris dentata Drasolie, p. p. 40. 

— longicollis Soli., p. p. 49. 

— robusta Drasche, p. p. 49. 

— uncinata Drasche, p. j». 49. 



Pachimctopon, p. 81, 82. 



Pacbycalamus, p. p. 17. 
Pachylasma giganteum, p. 136. 
Paddottula, p. 177. 
Pagurus bernhardu?, p. p. 3. 
Palaecus Vicentii Steind., ]>. p. 30. 
Palunibu, p. 269. 

— senza denti, p. 270. 
Parus Miehalowtìkii, p. p. 30. 
Passer domesticus, p. p. 43. 
Pastor roseus, p. p. 2. 
Pelopsia candida, p. 71. 
Pentaceropsis, p. p. 3. 
Pentaceros, p. p. 3. 
Pesce violino, p. 169. 
Petromyzon fluviatilis, p, p. 47. 

— Planeri, p. p. 47. 
Pbascolosoma nigritorquatus, p. p. 6. 
Phoxinus laevis, p. p. 19. 
Phylliìscopus brevirostris Sbric.,p.p.l8' 

— Eversmanni Bnp.,p.p.l8. 
Picara monaca, p. 148. 

Pichira, p. 147. 

Pimelepterus Rosei Laeep., p. 81,83,86. 

— — v.Sieula Dod., p. 83. 

— flavolineatus Poey, p. 83. 

— incisor Valenc, p. 83. 
Pisci bandera, p. 178. 

— cani, p. 1.78. 

— cardu, p. 269. 

— citarra, p. 169. 

— tìmminedda, p. 147. 

— porca, p. 328. 

— surici, p. 177, 271. 

— vacca, p. 177. 

— viulinu, p. 169. 

— — imperialis, p. 173. 
Pista cretacea, p. |). 51. 
Platalea leucorodia, p. p. 18. 
Platidattilo facetano, p. 327. 
FMeuronectes solca Lin., p. 332. 
Polycliuoides diapbanuin Drasc.,p.p.21. 
Pontocypris dactylus Eger, p. 40. 



379 



Pontocypris mytiloides, p. 40. 

— polita Seg., p. 40. 

— punclafa Seg., p. 39. 

— simplex Brady, p. 78. 
Pi-ionodon glaucus M. H., p. 179. 

— lamia M. H., p. 179. 
Pritìtiurus melanostounis Bp., p. 270. 
Protalges, p. p. 49. 
Protei-acaiithus, p. 82. 
Psainodi'omus hispanicus Fitz., p.p. 47. 
Pseudalloptes, p. p. 49. 
Pteroplatea altavela M. H., p. 147. 
Pteral. ptcs, p. p. 49. 



R 



Riija altavela Lin., p. 147. 

— aquila Lin., p. 14G. 

— asterins Delar., p. 148. 

— batis Lin., p. 147. 

— cìavata Lin., p. 148. 

— falsavela Bonap., p. 147, 148. 

— h'alavi Forskill. p. 17.2. 

— Jdjenia Cocco, p. 148. 

— • maculata Mont., p. 147, 148. 

— marginata Lacép., p. 147, 148. 

— miraletus Lin., p. 147, 148. 

— oxyrhynchus Risso, p, 143. 

— pastinaca Lin., p. 14/. 

— pigara Raf., p. 147. 

— quadrimaculata Risso, p. 147, 148- 

— radula Delar., p. 147, 143. 

— rostellata Risso, p. 147. 

— torpedo Lin., p. I'i8. 
Rhinobatus caemiculus, p. 171, 172. 

— Columnae Bp., p. 169,170,171. 

— baiavi Rlipp.; p. 169, 171, 172. 

— undulalus, p. 171, 172. 
Rbyna squatina Raf., p. 176. 
Rbynchocepbalus, p. p. 3. 



Sarda masculina, p. 177. 
Sauru cbiatfu, p. 234. 

— ,)!'"(' n, P- 234. 

— niru, p. 234. 

— tuiidu, p 234. 
Scolopendra, p. j). 17. 
Scombrox, ]). p. 3. 
Scopeltis Benoiti Cocco, p. 54. 

uraeoclam[)us Face, p. 51,96. 
Scoi-p:s, p. 81 . 
Scurpiuni, p. 327. 
Scyllium Artedi Risso, p. 270. 

— canicula Cuv., p. 270. 
caniculus Risso, p. 270. 

— melanostomum Bp., p. 270. 

— stellare Risso, p. 270. , 
Scymiius licbia Cuv., p. 177. 

— nicaecnsia Risso, p. 177. 

— sp'nosus Risso, p. 269. 
Scypbiiis, [). 272. 

Seraspis scutata, p. p. 6. 
Silurus glanis, p. p. 18. 
Sipbostoma acus Raf., p. 271. 

— viridis Raf, p. 27 L 
Sirpuzza di mari, p. 271. 
Solea buglossa Risso, p. 332. 

— lasca ris Risso, p. 332. 

— vulgaris Cuv., p. 332. 
Solamitu, p. 327. 
Spbyrna tiburo Raf., p. 271. 

— zygaen % Raf., p. 270. 
Spinax acantbias Cuv., p. 178. 

— BlainvlUii Bp., p. 176. 

— uiger Cloquet, p. 1/7. 

— uyatus Bp., p. 176. 
Squalusacantbias Lin., p. 176, 177. 

— canicula L'n., p. 270. 

— carcbarlas Bp., p. 179. 



— 380 — 



Squalus catulus Lin., p. 270. 

— ceuti'ina Liii., p. 177. 

— cornubicus Risso, p. 178. 

— ferox Risso, p. 178. 

— galeus Lii)., p. 269. 

— glaiiCLis Lin., p. 179. 
— • griseus Gm., p. 177. 

— mustelus Lin., p. 270. 

— nicaeensis Risso, p. 177. 

— spiiiax Liii., p. 177. 

— spinosiis Gin., p. 269. 

— squatina Lin., p. 176. 

— ujatus Raf., p. 177. 

— zygaena Lin., p. 270. 
Squatina angelus Dum., p. 176. 

— oculata Bp., p. 176. 
Stenogorgia, ]). 22. 
Strix aluco, p. 2. 

— flamuica, p. 2. 
Sturio vulgaris Raf., p. 330. 
Sturiuni, p. 330. 
Sylvia ati'ieapilla, p. 40. 

— titliys, p. 2. 
Synascidia, ]). 21. 
Syngnathus hippocampus Lin., p. 

pnpacinus Risso, ]). 272 

— pelngicus Lin,, |). 271. 
typhle Lin., p. 271. • 

— vii-idis Risso, p. 271. 



T 



Taddarita, p. 140. 

Terebella lingulata Graube, p. p. 51. 
Testudo graeca, p. p. 49. 
Tetragonurus Cuvieri Risso, p. '^A. 
Teti'ao medius, p. j). 45. 

— tetrix, p. p. 45. 

— u rogali US, p. p. 45. 
Tetraodon mola Lin., p. 329. 
Thelepus triserialis, p. p. 51. 



K") 



Thelphusa laevis, p. p. 17. 

— socotrcnsis Hilgd., |). p. 17. 
Tliyone speetabilis, p. p. G. 
Ticliodroma' muraria, p. p. .30. 
Tignusu di rocca, p. 327. 
Titbanethes, p. p. 2. 

Torpedo Galvani Risso, p. 148. 

— immaculata Raf., p. 148. 

— marniorata Risso, p. 148. 

— narke Risso, p. 148. 

— ocellata Raf., p. 148, 

— punctata Raf., p. 148. 

— unimaculala Risso, p. 148, 

— variegata Raf., p. 148. 
Torula spongicula, p. p. 6. 
Trachelocirrus mediterraneus, p. 233. 
Traeliurus amia Risso, p. 234. 

— melanosaurusOoeco,p.234. 

— Rissoi Gigi., p. 234. 

— traeliurus, p. 234. 
Tracliydosaurus asper, p. p. 3. 

— rngosus Castein., p. p. 3. 
'Trachypterus Bonellii C, V., p. -164. 

— cristatus Bun., p. 163, 164, 

— niicauda A. Cost., p. 164,167, 

— repandus Metaxà, p, 163. 

— Sjjinolae C. V., p. 163. 
Tremaloptychus, p. p. 21. 
Trichomonas vaginalis, p. p. 35. 
Triton taeniatus, p. p. 47. 
Tubifex rivuloruni, p. p. 6. 
Turdinus marmoratus, p. p. 2. 
Turdus torquatus, p. p. 17. 
Trygon altavela Bp., p. 147. 

— pastinaca Adans., p. 147. 

— violacea Bp., p. 147. 
Typhle heptagonus Raf., p. 271. 

u 

Uroxis ujus Raf., p. 147. 



— 381 — 



V 

Vaccareddo, p. 270. 
Vidua, p. p. 46. 
Virdeddii, p. 179. 

Xes(oleberis depressa Sars., p. 319. 
— intermedia Brady,p.319,320. 



XestoleberÌ8 labiata Br. e Rob.. p. 321. 

— margariteae Brady, p. 331. 

— producta Seg., p. 319. 

— ])ustnlosa Seg, p. 321. 

— saccata Seg., p. 321. 
Xiphias ghidius Limi., p. 231. 

Z 

Zj'gaena malleus, p. 371. 
Zznzzamita, p. 327. 



BOTANICA 



A 



Abies pedinata, p. 2. 
Abrus precatorius L., p. )). 54. 
Aceras antbropopbora, p. p. 53. 
Adoxa masc'hatelina, p. p. 37. 
Agaricus absistens Britz., p. p. 37. 

— adacquatns Britz., p. p. 37. 

— degbibens, p. p. 37. 

— obseurus, p. p. 37. 

— petasifortnis, p. p. 2. 

— scaber, p. p. 37. 
Agave americnnn, p. p. 24. 
Ajuga reptans-genevensis, p. p. 36. 
Aldrovanda, p. 28. 

— vesieubìsa, p. p. 7. 

Alisma parnassifolium, p. p. 7. 
Alitricbe verna, p. p. 39. 
Allium acutangulum, p. p. 8. 

— faUax, p. p. 8. 

— melanantherum Pane, p.p. 24, 

— oviferum Rol., p. p. 35. 

— parviflorum, p. p. 24. 

— subbirsutum, p. p. 51. 

— tenuiflorum, p. p. 24. 

— xantbicum, p. p. 23. 



Ab3e, p. p. 53. 

Amarj'lb's belbidoana, p. p. 53. 
Amorpboplialbis, p. p. 53. 
Anacalypla Starkeana, p. 64. 
AnagaUis eoerulea, p. 42. 

— parviflora, p. 42. 

— pboenicia, p. 42. 
Anemone angiilosa Lam., p. p. 54. 

— bortensis, p. p. 51. 

— nemorosa, p. p. 36. 

— transsylvanica, p. 54. 
Antbemis absintbaefoUa, p. ]). 24. 

— cbia Lin., p. '213. 

— cinerea Pane., p. p. 24. 

— Culumnae Ten., p. 214,266. 

— Ciipaniana Tod,, p. 213. 

— birpina Ten., p. 2G6. 

— Miebeliana, p. 266. 

— montana, p. 213, 214, 266. 

— punctata, p. 213, 214. 
Aquilegia glandulosa B'iscb., p.p. 23. 

— transsylvanica Scbur..p.p.23. 
Arbutus unedo, p. p. 53. 
Arisaruni vulgare, p. p. 36. 
Armeniaca vulgaris, p. p. 37. 
Armeria Gussonei, p, p. 23. 



— 38^ 



Armeria sauc(a Jaiik., p. p. 23. 
Arum arisaruin, p. |). ?>6. 
— italieiim, p. p. 3G. 
Aspliodelus, p. p. 2ì. 
Aspleiiiuin septentrionale, p. p. 55. 
A.sti-agaliis doc5Ìciis Heuff., p. p. 22. 

— glyciphillus, p. p. 36. 

— onobr^'^'his, p. p. 22. • 



B 



Rarl)iila aloides Br. et Si-li., p. (U. 

— cuiieifolia Brid., p. Co. 

— laevipila Brid., p. 05. 

— Miilleri Bruci)., p. 65. 

— muralis Hedw., p. 65. 

— vuralifoiTviis Bescli., p. 65. 

— ruralis, p. 65. 

— squarrosa Biv., p. 64. 

— subiilata Brid., p. 65. 

— turgida Sw., p. 65. 

— unguicuiata Hedw., p. 64. 

— vint'.alis Bridel, p. 65. 
Bartrainia ithiphylla Brid., p. US. 

— pouiifonnis Hedw., p. 98. 

striata Brid., p. 98. 
Betula pubescens, p. p. 21 
Bolbitius apicalis, p. p. 37. 

coiitribulaus, p. p. 37. 
Bracliylheciuin rivulare Sch. , p. 100. 

— velutiiuis Br. et Sdì., p. HO. 
Bromus tectorum, p. p. 20. 
Brjum argenteum Liu., p. 98. 

— capillare Hedw., p. 98. 

— c.oespiticium Lin., p. 98. 

— Donianuni Grev., p. 98. 

— — ^ platyloma Schw , p. 98. 

— elwendicum Fehl., p. p. 38. 

— micans, p. p. 37. 

— opdaleiise, p. p. 37. 

— pseudo triquetruin Schw., p. 98. 

— torqueseens Br. et Sch., p. 97. 



Bi'jum ventricosum Swartz., p. 98. 
Buiiias eracagn, p. p. 51. 



c 



Cam|)aiuila Aucheri, p. j). 24. 

— orbelica Pancic , p. p. 24. 
Carduus corymbosus Ten., p. 340. 

— crispu.s, ]). p. 52. 

— (leflorntu.-5 Hall., p. p. 52. 
— - Moritzii Brugg., p. p. 38.52. 

— Niegelii Brugg., p. p. 38,52. 

— pei'S(Hiatus Mieli., p. p. 52. 
Castanea vesea, p. p. 53. 
Catalpa syriiigaefolia, p. p. 53. 
Cedrus deodora, p. p. 5). 
Ceutaurea alba Liii., p, 213. 

— argentea, p. 212. 

— bombyeina, p. 2J1. 

■ — bubanibareiisis Guss., p. 209,210. 

— cineraria Guss., p. 209, 210. 

— cinerea, p. 210. 

— Cossoni, p. 211. 

— cyanns Lin., p. 213. 

— dioniedea, p. 212. 

— dissecta Ten., p. 210 p. p. 23. 

— eriopliora, p. 212. 

— Fuiikii, p. 211. 

— granatentìis, p. 211. 

— iticana Ten., p. 209. 

— maculosa Guss., p. 209. 

— montana, p. p. 55. 

— nebrodensis Tin., p. 209, 211, 

— paniculata Biv., p. 209. 

— Farlatoris, p. 209, 210. 

— var. prostrata M. L., p. 209. 

— var. tomentosa M. L., p. 209. 

— var. virgata M. L., p. 209. 

— ragusina, p. 212. 

— scabiosa, p. 211. 

— Schouwii D. C, p. 212. 

— solstitialis Lin., p. 213. 



— 383 



Centaurea solstitialis v. gracilis p. 213. 

— soliintina Tiiieo, ]». 212. 

— suhtil's, p. 212. 

— togaiia Bi-ot., p. 213. 

• — iimbiosH Huet., p. 213, 
Cerastium saxicola, p. p. 23. 
Cerasus lusitanica, p. p. 53. 
Cercophora inirabilis Fiick., p. p. 37. 
Chrococcus, p. p. 54. 
Chroococc'iis moneta rum Sp., p. p- 54. 
Cirsium anglicum, p. p. 23. 

— eriophoriim Bert., p. 267,2 j8. 

— tirmus Presi., p. 282, 283. 

— hellenieum Boiss., p. 263. 

— heterosticmn Pane, p. p. ^3. 

— italicLim, p. 268, 283. 

— Kornluiberi, |). j). 3 ->. 

— lanceolatum, \i. 282, 283. 

— lucanicum M. L., p. 283. 

— Lobelii Ten., p. 267, 268, 282. 

— Misilmerense Tin., p. 282. 

— pannonicum, \}. p. 38. 

— rivulare, |). p. 38. 

— spurium Lin., p. 269. 

— Vallis-Demonis M. L., p. 267. 
Cistus canus AH., p. 44. 

Cnicus ferox I). C, p. 267, 268. 

— — 3 Lobelii D. C, p. 267. 
Collana vulgaris, p. 185. 
Conferva chtono])IastKS, ]). p. 3/. 
Conophallus tifanum, p. p. 53. 
Copaifera Guiboiirtiani, p. p. 38. 
Coprinus divergens, p. |). 37. 

— niveus, p. p. 37. 

— tomentosus, p. p. 37. 
Coronilla australis, p. ]). 38. 
C()rtus:i Mathioli, j). 54. 
Cosmarium Novae Semliae Wil-,p.p.55. 
Crataegus oxj'acantha, p. 92. 
Ci'epis Fus&ii Kov., p. p. 23. 
Crocus aérius, p. p. 7. 

— atalavicus Reg. e Sem.,p. p. 7, 



Crocus aureus, p. p. 7. 

— balkaneusis Janka, p. p. 7. 

— banaticus Heuf'f., p. p. 7. 

— Biliottii Maw, ]). p. 7. 

— Boissiei-i Maw, p. p. 7. 

— carpetanus, p. p. 7. 

— eor.'jicus Maw, ]). p. 7. 

— dalmaticus Vis., p. p. 7. 

— Danfordiae Maw, p. p. 7. 

— Imperati Ten., p. p. 7. 

— iridiflorus Heuf'f., p. \). 7. 

— Korolkovi Reg. e Maw, p.p. 7. 

— laevigatus Bory. e Cli., p.p. 7 

— longifìorus Raf., p. ]). 7. 

— maesiacus Ker., [>. ]). 7. 

— nialyi Vis., p. p. 

— niinimus, p. p. 7. 

— montenegrinus Ker. , ]>. p. 7 

— novadensis Amo e C, p. p. 7 

— salicus, p. p. 7. 

— — V. Hausknechti, P4).7 

— — V. Orsini!, p. p. 7. 

— — V. Pallasii, p. p. 7. 

— suaveolens Bert., p. p. 7, 51 

— susianus Kei'.^ p. p. 7. 

— Tauri Maw, p. p. 7. 

— veneris Ta])p., p. p. 7. 

— versieolor Gawl., \). p. 7. 
Cubaea spectabilis, p. p. 53. 
Cuscuta epithymum, p. p. 36. 
Cymbella rupicola, p. |). 38. 
Cvtisus austriacus L., p. p. 36. 

— ratisbonensis, p. p. 36. 



D 



Darlingtonia Californica, p. 28. 
Ddvallia canariensis, p. p. 53. 
Desmatodon ncrvosus Hook, e T., p.64. 

— Starivi i, p. 64. 

Dianthus carthusianus, p. p. 30. 
Dicranella varia Hdw,, p. 64, 



— 384 — 



Dionaea muscipula, p. 27. 
Diplotaxis crassi folia D. C, p. 340. 
Drosera r()taiuHfolia,p. 27-30, p. p. 39. 

— lono-ifulia, p. 2S, 29. 
Drosopliylluin, p. 28. 
Durvillea, p, p. 8. 



E 



Elodea canadensis, p. p. 8. 
Elslioltzia Patriiii, p. p. 3G. 
Eucalypla ciliata, p. p. 54. 

— co:niiuitatii, p. 97. 

— viilgaris Edw., p. 97. 
Eiitosthodoii curvisetus Scliimp., p.V.-7. 

— Templetoiiii Schw., p. 97. 
Equisetuin heleochuris, p. j). 6. 

— maximum, p p. 3f>. 
Erica aragoncnsis, p. p. 24. 

— arborea, p. p. 24. 
Eucal\'ptns globulus, p. p. 24. 
EuiK.tia arcus, p. p. 38. 
Eupborbia coralloides Lin., p. 43. 

— pepius, p. p. 51. 
Eurbyncbium cii'cinnatuui Scb.,p,p.'101. 

— praeb:)ngum Seb., p. 100. 
— • slriatum Scbimp., p. 100. 

— — {i meridionale, p. 100. 

— strigosum Scbimp.,p.lOO. 

— Vaucbeii Sehp., p. 100. 



F 



Fibrillarla subterranea, p. p. 2. 
Fissidens bryoides Hedw., {). 64. 

— incurvus, p. p. 54. 
Fonlinalis antij)yretica Lin., p. 99. 
Fiicus nat-ins, p. p. 8. 

— vesiculosus, p. p. 50. 
Funaria bygrometrica Hedw., p. 97. 
— luicrostoma B. e C, p. 97. 



G 



Gabintbus EIwisii, p. p. 37. 

— Imperati, p. p. 37. 

— nivalls, p. p. 24, 

— plicatus, p. p. 37. 

— Redoutii, [). p. 37. 
Galatella Sorrentini ToJ., p. 213. 
Galium cruciatum, p. p. 33. 
Glypbocarpus Webbii, p. 99. 
Gomphocarpus fruticosus, p. p. 53. 
Gompbouema Kamtschaticum,p. p. 38. 
Graminitis leptopbylhi, p. p. 55. 
Grimmia leucopbaca Grev., p. 65. 

— pulvinata Smitb, p. 65." 
Gymnostomutn rupestre Scbw., p. 63. 

— tenue, p. p. 54. 

— tortile Schw., p. 63. 



H 



Hedera, p. p. 36. 
Hedwigia ciliata Hdw., p. 66. 
Iledypnois rbagadioloides, p. p. 51. 
Hedysarum eoronarium, p. 340. 
Heliantbemnm Allioni Tin., p. 44. 

— alpestre, p. 45. 

— canum Ej., p. 44, 45. 

— rnarifolium, p. 45. 

— monti) num, p. 45. 

— nebrodense Heldr. , p. 45. 

— oeUindieum, p. 45. 
Heliebrysum, p. p. 55. 

Herniaria empedocleana M. L , p. 284. 

— Fontanesii M. L., p. 284. 
— ■ hemistemon, p. 284. 

Hieracium austriacum, p. ]). 36. 

— balkanicum Uecbtr. , p. p. 24. 

— fragile Jurd., \>. p. 36. 

— grauiticum Scb. Bip., p. p. 36. 

— Schmidti, p. p. 24. 

— stiriacum A. Kern. p. \>. 36, 



^ 385 — 



Holosteum umbellatum, p. p. 7. 
Homalothecium sericeum B,eSc.,p.lOO. 
Hypnum circinnatum Brid., p. 101. 

— crista-castrensis, p. p. 54. 

— cupressiforme Liti., p. 101. 

— mollusciim, p. p. 54. 

— puriim Lin., p. 101. 

— — P frondosum, p. 101. 



llex aquifolium, p. p. 24, 53. 

Indigofera, p. p. 38. 

Inula aspeia Porr., p. p. 54. 

— ensifolia L., p. p. 54. 

-- hybrida Baurng., p. p. 54. 

— iiitennixta Ker., p. p. 36. 
Isoetes Bolanderi, p. p. 8. 

— Butleri, p. p. 8. 
— ■ cubana, p. p. 8. 

— echinospora, p. p. 8. 

— Engebimnni, p. p. 8. 

— flacida, p. p. 8. 

— Howellii, p. p. 8. 

— lacustris, p. p. 8. 

— nielanopoda, p. p. 8. 

— melanospora, p. p. 8. 

— Nuttallii, p. p. 8. 

— pygmaea, p. p. 8. 

— riparia, p. p. 8. 

— saccharata, ]). p. 8. 

— Tuckermannì, p. p. 8. 
Isolhecium inyuruui Biid., p. 100. 



Juniperus nana, p. p. 24. 



Laniinaria fascia^ p. p. 8. 
Laurus laurocerasus, p. p. 53. 

// Naturalista Siciliano, Anno III 



Lecanora cervina, p. p. 24. 

— cinerea Lee, p. p. 24. 

— intercincta, p. p. 24. 

— tartarea Ach., p. p. 24. 

— V. crassissima Nyl., p. p. 24. 
Lecidea, p. p. 55. 

Lemna minor, p. p. 39. 
Lenzites sepia ria, p. p. 2. 
Leptotrichum subulatum, p. 64. 
Leucodon morensis Schw., p. 99. 

— sciuroides Schw., p. 99. 
Leucothae crassifoh'a, p. p. 53. 

— Varnhageniana Reicli., p.p. 53. 
Linaria cjmballaria maxima, p. p. 35. 

— pilosa, p. p. 35. 

— v.longicalcarata, p. p. 35. 
Linum maritimum, p. p. 55. 
Liochlaina lanceolata, p. p. 54. 
Lippia hederaefolia. p. p. 53. 

— marrubiifolia Reicli., p. p. 53. 
Livistona chinense, p. p. 53. 
Lobaria, p. p. 55. 

Lotus Pelorti, p. 47. 

— glareosus Boiss. e Reut., p. 47. 

— versicolor Tin., p. 47. 

M 

Maerocystis, p. p. 8. 
Mentha Cesati!, p. p. 24. 

— Cupaniana, p. p. 24. 

— hirsuta, p. 46. 

— messauensis, p. p. 7. 

— neapolitanarum, p. p. 7. 

— nebrodensis, p. p. 24. 

— panormitana, p. p. 7. 

— Pasquali!, p. p. 24. 

— pisana, p. p. 24. 

— Ripartii, p. 46. 

— sicula, p. p. 24. 

— sylvestris, p. 46. 

~ Todari M. L., p. 46. 

48 



— 386 — 



Mentila tridentina, p. p. 24. 

— tjrolensis, p. p. 24. 
Micromeria inodora Benlh., p. 45. 
Mniurn insigne, p. 98. 

— punetatutn Hedvv., p. 98. 

— undulatum Hedw., p. 98. 
Moricandia arvensis Lin., p. 340. 
Musa ensete, p. p. 24. 

Myrica cardiophylla, p. p. 53. 

— cerifera, p. p. 38. 

— faya, p. p. 53. 

— superba, p. p. 53. 
Myricaria germanica, p. 34, 35. 

N 

Narcìssus Barlae, p. p. 23. 

— biHorus, p. p. 23. 

— calathinus, p. p. 23. 

— canaliculatus, p. p. 23. 

— Gennari!, p. p. 23, 

— incomparabilis, p. p. 23. 

— italicus Sinis., p. p. 23. 

— jonquilla, p. p. 23. 

— maximus, p. p. 23. 

— odorus, p. p. 23. 

— Panizzianus, p. p. 23. 

— papyraceus Gar., p. p. 23, 

— poeticus, p. p. 23. 

— — V. biflorus, p. p. 23, 

— patfllaris, p. p. 23. 

— verl)anense,p.p.23. 

— pscudo-nareissiiis, p. p. 23. 
radiiflorus, p. p. 23. 

— tazzetta Loisl., p. p. 23. 
-— Tenorii Pari., p. p. 23. 

— unicolor Ten., p. p. 23. 
Neekera coiuplanata Br. et Seb., p. 99. 
Nelutnbium speciosum, p. p. 53. 
Nepentbes, p. 28. 

Nepèta grandiflora, p. p. 7. 
Nonnea uigricans D. C, p. i2. 



p. 51. 



o 



Ocimiun carnosum, p. p. 53. 

— formigense Reicb., p. p. 53. 
Ononis spinosa, p. 185. 
Opbrys aranifera, p. p. 51. 

— tentbredinifera, p. 
Opuntia, p. p. 53. 

— vulgaris, p. p. 24. 
Orcbis bingicruris Link., p. p. 53. 

— pauciflora Ten., p. p. 53. 

— undulatifolia, p. p. 53. 
Orobanclie speciosa, p. p. 55. 
Ortbotriclium anomalum Hedvv., p. 66. 

— diapbanum Scbrad., p. 66. 

— Lyellii Hook, et Tayl. p. 66. 

— Rogeri, p. p. 37. 

— rupestre Scbleicb., p. 66. 

— fitramineum, p. p. 37. 

— sturmii Hop. e Horn., p. 66. 

— subal|)inurn Limpr. , p. p. 37. 
Oscillaria, p. p, 39, 54. 

Ozoiiium auriconum, p. p. 2. 



Palmelhì, p. p. 54. 

Pancratiuiii niaritimum, p. p. 8. 

— Sikenbergii, p. p. 8. 
Peltigera, p. p. 55. 

Peucedaiiuin Rocbelianum H., p. p. 23. 
Phascuni eurvicoibim Hedw., p. 63. 
Philonotis fontana Brid., p. 98. 

— rigida Brid., p. 98. 
Pbillosticta vindobonensis Tb.,p.p. 37. 
Plilyetidiiun Haynaldi, p. p. 54. 

— mamillatum, p. p. 54. 

— subangulosum, p. p. 54. 
Phoenix dactylifera, p. p. 17, 24. 
Pbyllosii>lion arisari, |). p. ?6. 
Pliyseoniitiiuni pyriforrne Brid., p. 97. 
Pbyaocaulos nodosus Tausch., p. 42. 



— 387 — 



Pinguicula, p. 28. 

Piuus sylvestris, p. p. 7, 36, 50. 

— — f. erystrantera, p. p. 7. 

— — V. parvifolia, p. p. 86. 

— — f. reflexa, p. p. 7. 

— — f. virgata, p. p. 7. 

— strobus, p. p. 25. 
Plagiothecium undulat.um B.etE.,p.lOO. 
Pleiiridium subulatum Br. et Sch.,p.63. 
Pleurococcus monetariitn, ]>. p. 54. 

— vulgaris, p. p. 54. 
Poa attica Boiss., p. 4*2. 

— sylvicola Guss., p. 40. 
Pogonatura aloides Beauv., p. 99. 

— iianum Bci.uv., p. 99. 
Polygorium aviculare, p. 298. 

— persicaria, p. 185. 
Polypoi'us velutinus, p. p. 2. 
Polytrichiutn commune Lin., p. !>9. 

— jiinipeiiuuiu Hed\v.,p.99. 

— pilifeiurn Sdirci)., p, 99. 

— strictuin Meuz., p. 99. 
Potentina digitato-flabellata, p. p. 7. 
Pottia minutula Schw,, p. 6 4. 

— truncatula Bruch., p. 64. 
Primula Sibthorpi, p. p. 37. 

— suaveolens Bert., p. p. 23. 
Pteris aquilina, p. p. 3a. 
Pterogonium gracile S\v., p. 100. 
Puccinia malvacearum, p. p. 7. 
Pulegìum adriaticum, p. p. 7. 

— Gussoneanuin, |). j). 7. 

— panormitanuni, p. p. 7. 

— messauense, p. p. 7. 

Q 

Quercus angulata, p. p. 52. 

— aurata, p. p. 52. 

— austriaca, p. 122. 

— Auzcudri, p. 93. 

— Borbasii, p. p. 52. 



Quercus castanoides, p. p. v^2. 

— cerris, p. p. 54. 

— coccifera, p. 299. 

— columbaria, p. p. 52. 

— conferta, p. p. 54. 

— Ettingeri, p. p. 52. 

— filipendula, p. p. 52. 

— V. flaccida, p. j). 52. 

-- Hayualdiana Siink., p. p. 54. 

— ilex,p.31,55,56,92,96.121,184. 

— ilicifolia, p. p. 52. 

— lancifolia, p. p. 52. 

— lanuginosa, p. p. 52. 

— pedunculata, p. p. 52. 

— — var. cuneifolia, p. p.52. 

— — var.macrophylla,p.p.52. 

— - var.microcarpa,p.p.52. 

— Pilari, p. p. 52. 

— pubescens, p. 93. 

— pyrauiidata, p. p. 52. 

— robur,p.31,55,56,92,93,96,121, 
299, 300. 

— sessiliflora, p. 298. 

— stipitata, p. p. 52. 

— Streimii, p. p. 52. 

— suber, p. 121,184,299, p. p. 53. 

— susedana, p. p. 52. 

— tozza, p. p. 53. 
Worinastiny, p. p. 52. 



R 



Kaconiitriuin laniiginosum Br., p. 65. 
— uìarginatum M.L.,p. Gdi. 

Reaiiinuria venniculata, p. 284,341. 
Khamnus frangala, p, p, 53. 
Rhodocnemis, p. p. 53. 
Rhododeudron ponticum, p. p. 53. 

— precox, )). p. 37. 

Rhus vernicifera, p p. 38. 
Rhj^nchostegiurn Teesdali B.etE.,p.l01. 
— rusciforme Br. et Sch., p.lOl. 



388 - 



Rhyncostegium tenellum Oack., p. 101. 
Ricasola amplìssima De Not., p. p. 23. 
Riccia fluitans, p. p. 39. 
Rosa arvensis, p. p. 52. 

— austriaca, p. p. 52. 

— baldensis Kern., p. p. 52. 

— — V. atrata Christ., p. p. 52. 

— balsamea Kit., p. p. 52. 

— conspicua Barb., p. p. 52. 

— croatica, p. p. 52. 

— damalis Bechst, p. p. 52. 

— gallica, p. p. 52. 

— gentilis Sterub., p. p. 52. 

— hybrida gracilenta Vuc, p. p. 52. 

— laxifolia Borb., p. p. 52. 

— lucida Ehrh., p. p. 52. 

— ogulensis D. et V., p. p. 52. 

— pimpinellifolia L., p. p. 52. 

— Ripartii D., p. p. 52. 

— scholosseri Vuc, p. p. 52. 

— seskinensis Borb. e Vuc, p.p. 52. 

— spinosissima L., p. p. 52. 

— subhispida Vuc, p. p. 52. 

— submissa Vuc, p. p. 52. 

— syntrichistyla Rip., p. p. 52. 

— Vucotinovicii Borb., p. p. 52. 

— zagrabiensis Br. et Vuc, p. p. 52. 
Rubus aetnicus, p. 44. 

— collinus D. C, p. 44. 

— Cupanianus Guss., p. 43, 44. 

— — v.grosse-incisus M.L.,p.44. 

— hirtus W. et N., p. 43. 

-- — V. discolor M. L., p. 43. 

— parviflorus, p. 44. 

— siculus, p. 44. 
Rumex, p. 121, 185, 298. 

— bucepbalophora, p. p. 51. 



S 



Saccolobus negleclus Boud., p. p. 37. 
Salvia aethiopis L., p. p. 35. 



Salvia argentea Guss., p. 285. 

— candidissima Guss., p. 285. 

— Gussonei Mym., p. 285. 

— patula Desf., p. 285. 

— verticillata, p. p. 7. 
Saponaria vaccaria, p. p. 7. 
Sarracenia, p. 27. 
Satureja fasciculata, p. 45, 

— Y gracilis Guss., p. 45. 
Schistidium ciliatum Brid., p. 66. 
Scleropodium Illecebrum Schw., p.lOO. 
Sempervivum Heuffeli, p. p. 23. 

— Kopaonikense, p. p. 23. 

Seoecio erubescens Pane, p. p. 23. 

— jacobea, p. p. 23. 

— transsylvanica, p. p. 23. 
Serapias cordigera L., p. p. 53. 
Silene commutata, p. 43, p. p. 22. 

— elegans, p. p. 24. 

— fuscata Link., p. 43. 

— Lerchenfeldiana Baumg.,p.p.23. 

— saxatilis Sims., p. p. 23. 
Sinapis alba Guss., p. 285. 

— hispida Schousb., p. 285. 
Soianum tiiberosum, p. p. 24. 
Solorina, p. p. 55. 

Sonchus maritimus, p. p. 55. 

— Nymanni Tin., p. 340. 
Sorbus aucuparia, p. p. 37. 
Sordaria tlmifeda Ces.e De Not., p.p. 37. 

— hirta, p. 37. 

Sphagnum acutifolium Ehrh., p. lUl. 

— cymbifolium, p. p. 9. 

— humile, p. p. 9. 
Spirillum, p. p. 54. 

Sporormia gigantea Hans., p. p. 37. 

— intermedia Hedw.,p. p. 37. 
Statice Smithii, p. 284. 

— spinulosa Janka, p. 23. 
Stauroneitì aspera, p. p. 38. 

— — v. intermedia, p.p. 38. 
Staurostrum, p. p. 55. 



— 389 



Strjclinos, p. p. 55. 
Surirella ovata, p. p. 38. 
Synedra nitzschoides, p. p. 38. 

— pulchella, v.saxonica p. p, 38, 



Tamarix gallica, p. 35, 299. 

— germanica, p. 35. 
Thamnium Alopecurum Schimp.,|).101. 
Thea chinensis, p. p. 53. 

Thymus inodorus Desf., p. 45. 
Tortala fallax ^ vinealis De Not.,p.65. 

— princeps De Not., p. 65. 

— squarrosa De Not., p. 64. 
TrachylobiuinHornemannianum,p.p.38. 
Trapa verbanensis De Not., p. p. 38. 
Trlchostomum Barbula Schw., p. 64. 

— convolutuni Brid,, 64. 

— flavo-virens Bruch., p. 64. 

— tophaceum Brid., p. 64. 
Trifolium alpestre, p. p. 55. 

— subterraneum, p. p. 51. 
Triticutn repens, p, p. 20. 
Tussilago farfara, p. p. 24. 

U 

Ulotrichis zonata, j). p. 54. 

Utricularia, p. 28. 

[Jsnea longissima Ach., p. p. 23. 



V 



Verbascum coUinuin, p, p. 38, 52. 

— Henriquesi Laug., p.p. 24. 

— nevadensis, p. p. 24. 

— nigrum, p. p. 52. 

— Ihapsus, p. p. 52. 
Veronica biharensis Ker., p. p. 22. 

— nivalis Schur., p. p. 23. 

— serpyllifolia L., |). p. 23. 

— urticaefolia, p. p. 36. 
Vi brio, p. p. 54. 

Vicia peregrina, p. 286. 

— Seguenzae Huet., p. 286. 

— sicula. p. 286. 
Viola arenaria, p. p. 55. 

— canina, p. p. 55. 

— epipsila, p, p. 55. 

— mirabilis, p. p. 55. 

— palustris, p. p. 55. 

— sciaphila, p. p. 8. 

— silvatica, p. p. 55. 

Weissia affinis Hook., p. 64. 

— • viridula Brid., p. 63. 



Zea mais, p. p. 24. 
Zostera marina, p. p. 37. 



PALEONTOLOGIA 



Ad£ 



p. p. 57. 



Aglaia pulchella Brady, p. 16. 
Alethopterix, p, p. 55. 
Alodendron, p, p. 55. 
Alveolites depressa, p. 244. 



Alveolites septosa, p. 244. 
Ammonites Parkinson!, p. p. 13. 

— radians, p. p. 13. 
Amussium lucidum Jeffr., p. 120. 
Anabacia Meneghini De Gr., p. 190. 
Anchitheriutn, p. p. 1. 
Ancistocer.-'s, p. p. 14. 



390 — 



Aiieimia subcretacea, p. j), 24. 
Anotiiia ei)liij)piuin, p. 80. 

— p;itelliformis L., p. 80. 

— sfriorbieulata De Gr., p. 80. 
Anomodontia, p. p. 3. 
Autliracornartus Kreycii Kasta,p.p,56. 

Volkeliaiius Kars., p.p. 56. 
Antilope, p. p. 58. 
Ai)Iilebiocarpus, p. p. 9. 
Ai-ca Fitchelopsis De Greg., p. 119. 

— Syracusensis May., p. 110. 
Arcbegosaurus Streukenbergi, p.p. 25. 
Argillaecia eburnea Brady, p. 17. 

— messanensis, p. 17. 

— subreiiiformis Seg , p.l7. 
Arthropilus, p. p. 39. 
Asolenoxylon, p. p. 39. 
Astrofungia cidariformis, p. 190. 
Astrocoenia Vurraniensis D^ Gi-.,p.l92. 



B 



Bairdia bageiiowi Ueuss., |). 350. 
Belenostoinus crassi rostris, p. p. 14. 

— lesinaensis Biss., p.p. 14. 

Belodon, p. p. 56. 
Benedictia, j). p. 37. 
Betula nana, p. p. 39. 

— odorata, p. p. 39. 

— verrucosa, p. p. 39. 
Bibio Kocbii, p. p. 25. 

— morie Staub., p. p. 25. 
Boskovicia, p. p. 57. 
Botbrodendron, p. p. 10. 
Box inauritanicus, p. p. 58. 
— prirnigenius, p. p. 58. 
Brauchiosaurus, p. p. 40. 
Bubalus antiquus, p. p. 58. 
Buccinum bollesense H., j). p. 25. 

— Neumayri H. e A., p. p. 25. 
Bythìnia tentaculata, p, p. 58. 



Caeus, p. p. 14. 

Calamodendroa congeuium, p. p. 39. 

— striatuni, p. p. 39. 
Calvertia, p. p. 57. 
Cancer, p. 59. 

Beggiatoi Mich., p. p, 26. 

— carniolicus Bitt., p. p. 15. 

— ■ illyricus Bittner, p. p. 15. 

— styriacus, p. p. 15. 
Canduna torosa Jones, p. 349. 
Ceritbium Breneri, p. p. 25. 

— Duboisi, p. p. 58. 

— lignitarum Eicbvv., p. p. 25. 

— pictuiTi Bast., p. p. 25, 58. 

— rubiginosuin, p. p. 58. 

— scabrum 01., p. p. 25. 

— spina Partscb., p. p. 25. 

— vitense, p. p, 25. 
Chaeloplerix, p. p. 9. 

Chaetetes anabaciopsis De G., p. 246. 

— Benekei Haug.^ p. p. 15. 

— capilliforniis Micb., p. 245. 

— erctensis De Greg., p.245. 

— miliopolipus De Gr., p. 245. 

— poliporus Qu., p. p. 15. 

— recubariens Scham. p.p.l5. 
Chimaera Agassizii Buckl., p. j). 40. 
Cbirocentrites, p. p. 14. 
Cinnaniomum Schechzeri, p. p. 56. 
Clausastrea gentilis De Greg., p. 258. 

— Guntoni De Gr., p. 191. 

— Fratti Edw., p. 191. 
Clavubna Szaboi, p. p. 26. 
Cbtbon, p. p, 57. 

Coeloma vigii A. Edw., p, p. 26. 
Cominella, p. p. 25. 
Confervites Braunii, p. p. 25. 

— capilliforinis Sieb.,p.p. -5. 

— Sieberi, p. p. 25. 
Corbicula Jassiensis, p. p. 58. 



— 391 — 



Crocodilus robustus, p. p. 29. 
Culiaespongia, p. 244. 
Cyamocarcinus angustissimus, p. p. 25. 
Cyathocoenia Himerensis, p. 190, 259. 

— Pedagnensis De Grr., p. 259. 
Cyathophillum Stuehburyi E., p. 191. 
Cjathophora Quenstedti De G.,p. 193. 

— — V. elaborata De G.,p.259. 
Cyclas subnobilis, p. p. 58. 
Cymatodos veclinatus Traut., p. p. 56. 
C3^nocephalus, p. p. 58. 

Cyperites senarius, p. p. 25. 
Cypraea Altavillensis De Gr., p. 135. 

— ovulata Lk., p. 135. 
Cj'prideis Bairdii 0. Sars, p. 311. 

— proxima 0. Sars, p. 349. 

— torosa Brady, p. 349. 
Cypi'idina cicatricosa Reuss., p. 19. 

— clatlirata Reuss., p. 141. 

— deformis Reus., p. 262. 

— Haidingeri Reuss., p. '263. 

— Haueri Reuss., p. 19. 

— galeata Reuss., p. 19. 

— plicatuìa Reuss., p. 223. 

— punctata Reuss., p. 19. 
Cyprinus, p. p. 14. 

Cystoseira Helil, p. p. 25. 

— Partschi. p. p. 25. 
Cythere abyssicola Sars, p. 289. 

— acaiithoderma Brady, p. 308. 

— affinis Brady, p. G9. 

— albo-inaculata Baird., p. 50. 

— antiquata Brady, p. 144. 

— arborescens Brady, p. 18. 

— Audei Brady, p. 226. 

— badia Brady, p. 70. 

— bicostata Seg., p. 67. 
bimamillata Seg., p. 265. 

— Brady! Norman., \\ 311. 

— caiialicuhita Reuss., p. 115. 

— eeratoptera Bosq., p. 290. 

— cicatricosa B., p. 18, 19, 70. 



Cythere cimbaeformis Seg., p. 2J. 



circuiìidentata Seg., p 



180. 



elatbrata Reuss., p. 141, 142. 
elavata Sars, p. 116. 

— V. problematica S., p.ll6. 
concinna Jones, p. 116. 
convexa Baird, p. 18, 262, 

- V. rizzolensis Seg., p. 18,19. 
convoluta Brady, p. 287. 
cordiformis Terq., p. 288. 
corrugata Reuss., p. 264. 
crispata Brady, p. 70, 71. 

— V. dentata Seg., p. 70. 
cymba Brady, p. 22. 
dasyderma Brady, p. 309. 
deformis, p. 262. 

var. edentula Seg,, p. 262, 
dyction, p. 308. 
dissimilis Brady, p. 226. 
Edwardsii Roemer,p. 182,183. 
emaciata Brady, p. 183. 
foveolata Seg., p. 117, 
fuscata Brady, p. 69. 
Haidingeri Bosq., p. 263,265. 
hystrix Reuss., p. 308. 
Jeffreysii Brady, p. 289. 
Jonesii Brady, p. 290. 
latimarginata Sp.,p. 141,289. 

— var. Sicula Seg., p. 289. 
lejoderina Norm., p. 141. 
Lubockiana Brady, p. 117. 
lyrata Reuss., p. 141. 
mirabilis Seg., p. 223. 

— V. scabra Seg., p. 225. 
miserrima Seg., p. 810. 
Mulleri Miinst., p. 350. 
multipunctata Seg., p. 68. 
mutabilis Brady, p. 142. 
oblonga Brady, p. 117, 118. 
obtusalata Brady, p. 262. 
pellucida Brd., p. 69,179,180. 

— var. gracilis, p. 179. 



392 — 



Cythere phascolina Seg., p. 49. 

— plìoatula Bosq., p. 223. 

— prava Baird, p, 264. 

— punctata Jones, p. 18. 

— rectangularis Brady, p. 225. 

— retiformis Terq., p. 287, 288. 

— salebrosa Brady, p. 225. 

— senilis Terq., p. 181. 

— — V. papillosa Seg., p. 181. 

— Speyeri Brady, p. 20. 

— Stimpsoni Brady, p. 182,183. 

— v.simplex Seg.,p.l82,183. 

— subtrigona Seg., p. 288. 

— v.niargiiiato-strìata,p.288. 

— tarantina Baird., p. 287. 

— tenera Brady, p. 67,68,309. 

— Tlììerensiana Bosq., p. 143. 

— tuberculata Brady, p. 141,142. 

— Ungevi Reiiss., p. 225. 

— villosa Sars, p. 50. 

— venus Seg., p. 48. 

_ Whiteii Brady, p. 144. 

— Wyville-ThomsoniBr.,p. 143. 

Cythereis antiquata Baird., p. 144. 

— cornuta Jones, p. 290. 

— corrugata Terq., p. 264. 

— deformis Baird, p. 264. 

— fimbriata Norni., p. 290. 

— Jonesii Baird, p. 290. 
prava Baird, p. 264. 

— senilis Jones, p. 181. 

— spectabilis Sars, p. 290. 

— subcoronata Speyer, p. 290. 
=— tuberculata Sars, p. 142. 

— Whiteii Baird., p. 144,181. 
Cyilieridea castanea Brady, p. 351. 

— heterostigma R.,p. 350,351. 

— littoralis Brady, p. 350. 

— Miìlleri Bosq., p. 350. 

— papillosa Bosq., p. 311. 

— — V. laevis Brady, p. 311. 

— puuctillata Brady, p. 349. 



Cytheridea torosa, p. 349, 350. 

— V. teres, p. 350. 
Cyterina intermedia Reuss., p. 350. 

— Mallevi Roemev, p. 350. 
seminulum Reuss., p. 350. 



D 



Daniopsis, p. 246. 

Dendrogyra Dalli De Greg. , p. 260. 
— vastellina Michel., p. 260. 

Didus ineptus, p. p. 45. 
Diplothinema, p. p. 9. 
Diplodocus, p. p. 56. 
Discoceras, p. p. 14. 
Discorbina canaliculata, p. p. 26. 
Dodonea subglobosa, p. p. 24. 
Dreissonomya, p. p. 57. 
Dromia Hilariom's Bittner , p. p. 25 
Dycopterix, p. p. 55. 
Dyctionema, p. 244. 



E 



Echinoeyamus subcaudalus, p. p. 58. 
Edestes vovax, p. p. 56. 
Elasmotevium, p. p. 27. 
Enacanthus margavitatus Tv., p.p. 56. 
Enteromovphon, p. p. 10, 11. 
Eozoon canadense, p. p. 60. 
Epismilia meditabunda De G., p. 259. 

— Nebvodensis De G., p. 190,259. 
— — v. syphiocamplos, p.259. 

Equus asinus atlanticus, p. p. 58. 

— caballus, p. p. 1. 

— — fossilis, p. p. 56. 

— — — minov, p. p. 56. 

— — gevmanicus S.,p.p.56. 

— — fos. v.german.,p.p.56. 

— hemionus Ibssilis, p. p. 56, 
Eryma vinellincola De Greg., p. 134. 
Evonymus pseudo-dichotomus,p.p.24. 



— 393 — 



F 



Favosites Castellensis, p. 24G. 
Filices, p. p, 10. 

Fistìurisepta rostrata Seg., p. p. 32. 
Froiidicularia strigillata, p. p. 41. 

— Teisseyrei Uhlig,p.p.41. 



a 



Gaillarclolia, p. p. 57. 

Glandulina annulata Terq., p. p. 41. 

— Laliuseni Uhlig, p. p. 41. 
Goniopygus pelasgiensis, p. p. 58. 
Gualtiera Orbignyi, p. p. 5R. 

H 

HapaloptcM-ix, p. p. 9. 

Hepaticus Neumajri Bitt., p. |i. 25. 

Hepatocarcinus, p. p. 20. 

Hexarhizltes iiisignis Haick.. p.p. 59. 

Hipparion, p. p. 58. 

Hydrobia sinnica Neuin., p. p. 5G. 

Hyloplesion, p. p. 40. 

Hyptius Sebastiani, p. p. 14. 



Isastrea Brugnonii Do Greg., p. 258. 

— Ciolaloi Do Gi-eg., p. 190. 

— Minai De Gre- . p. 191. 
Isoliyodoii^ p. p. -lO. 



Jaiiii'a, p. 119. 

L 

Laliinaeiiiidiii Calieiisis l)eG.,p.l90. 
— perdiibia De (ìreg. , p. 190. 

// Natuì-alista Siciliano, Anno II 



Latirus Pauli Cobal., p. p. 58. 
Lepidodendron, p. p. 5S. 

— tenerrinum, p, p. 10. 
Leptolepis neocomiensis Bass., p.p. 14. 
Liluilus antiquissimum, p. p. 14. 

— Decheni, p. p. 14. 

— lamellosum, p. p. 14. 
Lopliiodon rhinocerodes R., p. p. 13,40. 
Lygodium Kaulfussi, p. p. 24. 
Ljthoglyphus Tripaloi Briis., p. p. 57. 

— pannicum Brus . p. p. 57. 

M 

Maclra podolica, p. p. 58. 
Mastodon Borroni, p. p. 14. 

— Ohiolicus, p. p. 14. 

— tapiroides, p. p. 14. 

— Zaddachi Jent., p. p. 14. 
Meandrina serafina De Greg., p. 258. 
Medusites latilobatus, p. p. 59. 

— cretaceus Kner. , p. p. 59. 
Megastoma appenninum C, p. p. 14. 
Melanoptychia Mojsisovicii N., p.p. 5G. 
Mierobrachis, p. p. 40. 

Microi)sis veronensis Bitt., p. p. 15,40. 
Miiìpfnx Socialis Bittner, p. p. 15,39. 
Minnidia, p. 257. 
Mi)iiulryp;i, p. j». 15. 
.Monteculipora, p. ]). 15. 
Mondivanllia inpensis De Gr., p, 191. 
Myi-iea Hakeiicfolia, p. p. 5(J. 



N 



Nelirodensia Bellampana De Gr.,p.245. 

— Billiemensis De Gr., p.245. 

— Meneghini! DeGr.,p.243. 

— thitonincola De Gr.,p.244. 

Nomntnrclla, p. p. 50. 

N iilinins radobftjanus Bill., p.p. 15. 

49 



— 394 — 



Neriliiia bifasciata, p. p. 25. 

— GrateloupianaNeuin., p.p. 57. 

— Pachii Partsch, p. p. 25. 
Nerilodoiila Larkovicii, p. p. 57. 

— semidentata Sand. , p, p. 57. 

— Sinjaiia Brus., p. p. 57. 
Neuropteris conjugata, p. p. 55. 

— Loehii, p. p. 55. 
Noeggeratliia, p. p. 9. 
Norinania Avellana Brady, p. 254. 
Notopus Beyrichi Bt., p. p. 15. 



o 



Orliouialus inacrocliirus Et., p. 134. 

— rotulensis De Gr., p. 134. 
Ortliocoste, p. p. 40. 
Ostrea coclilear Poli, p. 80. 

— V. niutabunda De Greg.,p. 80. 

— hippopus, p. p. 50. 



Pacliycelus luimilis, p. p. 39. 

— robustiis, p. p. 39. 
Paleothyrsopteris, p. p. 9. 
Paladina canaliculata, p. p. 25. 

— diluviana, p. p. 50. 

— Frauenfeldi Horn, p. p. 25. 

— stagnalis Bast., p. p. 25. 
Papillionius, p. 245, 
Faracypris, p. 10. 

Pecoptei-is Serbi Brgt., p. p. 55. 
Pecten Ueciliae De Greg., p. 119. 

— excisus Bronn., p, p. 58. 

— histi-ix Dod., p. 79. 

— Ciminnensis De Greg. , p. 119. 

— opercolaris L., p. 79. 

— pseudolina Sow., p. 79. 

— pyxldatus Broc, p. p. 58. 

— Sappauìensis De Gr., p. 119. 

— Seguenzai De Greg., p. 78. 



Pecten seniiradiatus Maycr, p. 119. 

— subspinulosus Seg., p. 79. 

— Tournali Serr., p. 119. 

— Trautseboldi De Gr., p. p. 58. 

— unguieulns Mayer, p. 119. 

— vari US L., p. 79. 

Peronella Aquilejensis De G., p. 190. 
Petrettinia Letourneuxi Bourg., p.p. 57. 

— semidentata, p. p. 57. 
Pblyctenodes Nicolisi Bitt., p. p, 15,59. 
Pliragmites oeningensis, p. p. 25. 
Pinus liepios, p. p. 25. 

— palaeostrobus, p. p. 25. 
Pisidium Btìllardii Brus., p. p. 57. 

— fossariiunn, p. p. 57. 

— jassiensis, p. p. 58, 
Placosmilia corallina From., p. 192. 

— lastinventa De Gr., p. 192, 
Pleurotoma concinna Hand., p.p. 25. 

— inornata Bell., p. p. 25. 

— Jouanetti Lam., p. p, 25. 

— pretiosa Bell., p. p. 25. 

— seniimarginata Lam., p.p. 25. 

— splendidii Handni., p. p. 25. 
Pidiflnius, p. 245. 

Pontocipris, p. 1(]. 

Progymnodon Hilgendorfi D., p.p. 14, 

Propeamussiutn, p. 119. 

Propbelia corallina From., p. 244, 

quidquid De Greg,, p, 244. 
Propristis Scliweinfurthi Dam.,p.p, 14. 
Pseudochaetetes, p. p. 15. 
Pycnodus Funkianus Geinilz, p, p. 13. 

Q 

Quercus Bournensis, p, p. 24. 
R 

Uanina Marestiana Kon., p. p. 15, 59» 

— — var. avesana, p. p. 15, 59. 

— notopoides Bitt., p. p. 25. 



395 



Rliacopterix, p. p. 9. 
Rhamnus Eridani, p. p. 56. 
Rhinoceros tichorhinus, p. p. 58. 
Rhizostomites admirandus A., p. p. 59. 
— lithographiciis A., p. p. 59. 
Rlijnclioiiella bilobata Gem., p.p. 40. 

— Brusinai Eich., p. p. 41. 

— Seguenzae Gin., p.p. 40. 
Rhynchonellina bilobata Gein.,p. p.40. 

— Fuggeri Kraus., p. p. 40. 
Rhypidogyra crassa From., p. 190. 

— Culiensis De Gr., p. 190. 

— cupulinusDe Gr., p. 260. 

— mirmilla De Gr., p. 190. 

— nebulosa De Gr., p. 260. 
Rhypidomonti\^o!tia, p. 260. 
Rhytisma, p. p. 24. 

Ricnodon, p. p. 40. 

Rimula granulata Seg., p. p. 32. 

Rissoa labiata Ph., p. 163. 

— rugosula Arad., p. l.')9. 
Rotalia, p. p. 26. 



Salix arbuscula, p. p. 39. 

— polaris, p. p. 39. 

— reticulata, p. p. 39. 

— retusa, p. p. 39. 

— pyrenaica, p. p. 39. 
Sanginites pygmaeus Costa, p. p. 14. 
Sapotaciles ambigua, p. p. 56. 
Sauropsidium angustii-auda, p. p. lì. 

— laevissiinum, p. p. 14. 

Scoleya, p. p. 40. 
Scrobicularia piperata, p. p. 50. 
Siliquaria Ragusai De Grog., j). 120. 
Sismondia Archiaci, p. p. 58. 
Spbacelaria, p. p. 9. 
Sphaeria, p. p. 24. 
Sphyropteris, p. p. 9. 
SpODgia phosphoritiea Gein., p. p. 4i). 



Spongia latpinoides Gein., p. p. 40. 
Spongitamnia, p. 257. 
Spongitiria percepta De Gr., p. 190. 
Stenaspis socialis Bitt., p. p. 59. 
Stenomia austriaca Unger, p. p. 13, 

— Reidemeisteri Gein., p.p. 13. 
Strombolituites, p. p. 14. 
Strychios grandifolia, p. p. 24. 
Stylina citriformis De Greg. , p. 190. 

— biinerensis De Greg., p. 190. 

— Lefévrei De Greg., p. 261. 

— miseriuscula De Greg., p. 190. 

— Smilesi De Greg., p. 190. 

— suicata From., p. 192. 

— Zilteli De Greg., p. 190,261. 
Symplocos britanica, p. p. 24. 



Tentacuiites ornatus Dewitz, p. p. 2(5. 
Tetrasmila pulehella De Greg., p. 243. 

~ corallina From., p. 243. 
Thamnastrca busillis De Gr., p. 257. 

— irregulastrea De Greg., p. 190. 

— titonica De Greg., p. 190. 
Thecosmilia esitans De G.,p. 190,258. 

— panormitana De Gr. , p. 258. 

— Spadae Menegh., p. 191. 
Theodoxus, p, p. 57. 
Therinatotbcrium, p. p. 25. 
Thrissops exiguus Bass., p. p. 14. 

— microdon Heck., p. p. 14. 
Tbyrsopteris, p. p. 9. 
Trilobiti, p. p. 15. 
Trocbalites amonius Cour. , p. p. 14. 

— maerostoma Sdir., p.p. 14. 
Turbo Neumayri Cobal., p. p. 58. 



V 



Valenciennensia, p. p. 57. 
Virginulina mosquensis Ublig., p.i).4i. 
— striata Brady, p. p. 41. 



— 396 — 



Vivipara Bajamouliaiia, p. p. 56, 

— Giuresetii, p. p. 58. 
■^ Neumayri, p. p. 56. 

— ' Pauloviciana, p. p. 56. 

— Romano!, p. p. 58. 

— Virginiae, p. p. 58, 

X 

Xylomites, p. p. 24, 



Zagrabica, p, p. 57. 

Zeuglodon brachyspondylus, p. p, 14. 

— cetoides Ovven., p. p. 14. 

— maerospondylus, p, p. 14, 
Zittelspongia tithonica De G,, p. 190. 
Zygolophodon, p. p. 14. 



MINERALOGIA 



Acido fosforico, p. p. 26. 
Aerolito, p, p. 12, 13, 
Ambra, p. p. 50. 
Ampheterite, p. p. 12. 
Andesina, p. p, 41, 
Andesite quarzosa, p. \^, 11, 
Auortite, p. p. 12, 13, 
Apatite, p, p. 11. 
Aragonite, p. p. 13. 
Arenaria, p. p. 11. 
Augite, p. p. 12. 

B 

Barite, p. p. U. 
Bastile, p. p. 12. 
Blenda, p. p. 11. 
Botriogene, p. p. 41. 
Bournonite, p. p. 11, 
Bronzite, p, p. 11, 12, 26. 



Carbonio, p, p. 26, (ìO. 
Chnssignite, p. p. 11. 
Chladnite, p. p. 12. 
Cliondrite, p. p. 11, 59, 60. 



Cinabro, p. p. 11. 
Cloro, p. p. 13. 
Cobalto, p. p. 26. 
Copalina, p. p. 11. 
Cristallite, p. p. 60. 
Cromite, p. p. 13. 
Cromo, p, p, 13, 60. 

D 

Daubreelite, p. p. 13. 
Diallaggio, p. p. 13. 
Diogenite, p. p. 12. 
Diopside, p. p. 12. 

E 

Enstatite, p. p. 12, 13, 60. 
Euvrile, p. ]). 12. 



Feldspato, p. p. 12, 26, 41, 59. 
Ferro, p. p. 11, 13, 26. 

— meteorico, p. p. 11, 12, 26. 

— nativo, p. p. 41. 

— nickelifcro, p. p. 12. 

— oligisto, p. p. 12, 

— ossidato idrato, p, p. 59. 



— 397 — 



Fosforite, p. p. 13. 
Fosforo, p. p. 26. 

Galenite, p. p. 11. 
Glauconite, p. p. 50. 
Grafite, p. p. 13. 
Grahamite, p. p, 11. 
Granato, p. p. 12. 
Granito, p. p. 50. 

H 
Howardite, p. p. 12. 

K 
Koranfiohalite. p. p. 41. 

L 

Lawrencite, p. p. 13. 
Laxtnannite, p. ]), 11, 13. 

M 

Marcasite, p. p. 11. 
Mesosiderite, p. p. 11. 
Meteorite, p. p. 11, 12, 2H, 41, .59. 
Mica, p. p. 59. 

N 
Nickel, p. p. 13, 26, 60. 

O 
Olivina, p. 11, 12, 13^ 26, 60. 



Oro, p. p. 12. 
Or tosa, p. p. 59. 



Pachnolite, p. p. 11. 
Pallasite, p. p. 11. 
Piombo molibdato, p. p. 11. 
Pirite, p. p. 13. 
Pirite magnetica, p. p. 26. 
Pirosseno, p. p. 11, 26, 41. 
Pirrolite, p. p. 13, 
Pistacite, p. p. 12. 
Plagioclasio, p. p. 11, 12. 
Pyrrhotina. p. p. 26, 41. 

Q 

Quarzo, p, p. 12, 59. 

R 

Rame grigio, p. p. 11. 
Roemerite, p. p. 41. 



Schreibersite, p. p. 13, 26. 
Scisto micaceo talcoso, p. p 11. 
Siderophjrite, p. p. 11. 



Troilite, p. pi 13. 

V 

Vauquelinite, p. p. 11. 
Z 

Zolfo, p. p. 13. 



— 398 



INDICE DEI LAVORI ORIGINALI 



Ancey C. F. — P]tiide sur qii.^Iques niolliisqucs tcrrestres inédits oii mal coniuis, 

p. 344. 
Baudi F. — Sugli Eteromeri di Sicilia, p. 1. 

— Sugli Agabus chalconotus Panz. e fusco-nenescens Regimb., p. 7. 

Bellier de la Chavignerie — Noie sur la Njchiodes Ragusaria Mill., p. 297. 
Berte' D.'" Fr. — Caratteri sessuali secondari d'alcuni sauri viventi in Sicilia, 

p. 312, 3-25. 
Cafici Bar. C. — Nota intorno ad alcuni nuovi molluschi di Sicilia, p. 214. 
Calabro Lombardo A. — Sulla morfologia della colonna vertebrale dei Clupeitìi, 

p. 336. 
Cocco PfiOF. A.— Indice ittiologico del mar di Messina, p. 145,176,269,328. 
De Gregorio March. A.— Nuove conchiglie del Postpliocene dei dintorni di Pa- 
lermo, p. 78. 

— Nota intorno ad alcune nuove conchiglie mioceniche di Sicilia, 
p. 119. 

— Intorno al Pecten pictus e al Pect. corneus, p. 133. 

— Un nuovo Pecteu vivente nella NuovaCaledonia, j). 133. 

— Nuovi Decapodi titonici, p. 134. 

— Una nuova Cjpraea pliocenica, p. 135. 

— Coralli giuresi di Sicilia, p. 189, 243, 257. 
De Stefani T. — Miscellanea Imenotterologica, p. 9. 

— Imenotteri nuovi o poco conosciuti della Sieilia, p. 153,197,217. 

— Nota sul genere Choreia e descrizione di una nuova specie tro- 
vata in Sicilia, p. 305. 

DoDERLBiN Prof. P. — Rinvenimento di una specie di pesce dell' esotico genere 
Pimelepterus nelle acque del Golfo di Palermo, p. 81. 

— Ricorrenza del Rhinobatus baiavi Kiip[). nelle acque marine della 
Sicilia, j). 169. 

Facciola' D.'" L. — I giovani del Gonosloma denudatum, p. 22. 

— Note sui pesci dello stretto di Messina , p. 51, 111, 163, 291. 

— Caratteri giovanili del Chlorophthalmus Agassizii, p. 71. 

— Caratteri di pesci giovani del mar di Messina, p. 231. 
Grassi Prof. B. — Intorno all'anatomia dei Tisanuri, p. 203, 236. 

Lojacoko Prof. M.— Studii su piante critiche rare o nuove della flora di Sici- 
lia, p. 42, 209, 266, 28