(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Il Naturalista siciliano"

MJ3^ 



f tbrarg of flje Buscum 



OF 



COMPARATIVE ZOOLOGY, 

AT HARVARD COLLEGE, CAMBRIDGE, MASS. 
jFountietr Ijj prftoate suftscrfption, fn 1861. 







IL 



NATURALISTA SICILIANO 



GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 



ANNO DODICESIMO d892-93 




y. 




F* a 1 e r na o, 
Stabiliniento Tipografico Virzì 



1893 



i|iiiiiliiiiiiMii!ii[|{ii(!ii[iiiiiiiiii!iiiiiiiiiiiiiiiiii!iii|iiiMiiiiiiiiiiiiiniiiii!iniiiii!inii!iiiiiiii:iiiiiiiiiiiiiiiiMiniiiiiiiMi!iiiiiiiiiiiiiii 
iliiliiliiliiliiiniiiliiliil.il!iliiliiliil!ilMi;iliiinii:iiiliiliiliiliiliiiiiiiiiiiiHiiiiiiiiii:,|iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii 



ELENCO DEI SOCII 



DELLE SOCIETÀ, ACCADEMIE, ECC. CHE FANNO CAMBIO DELLA LORO PUBBLICAZIONE 



Sua Maestà Umberto I Re d'Italia — Roma. 
Accademy of Naturai Sciences of — Piiiladelphia (C.) 
Agricoltore Calabro-Siculo — Catania (C) 
Allery di Monterosato Marchese — Palermo (0.) 
Aloi A. Prof. — Catania. 

Amenta Gaetano via Castaldo, 8-a — Messina. 
American Museum of Naturai History — New-York ((7.) 
Ampola Noto Gaspare, via S. Giuliano, 10 — Palermo 

Barthe E. Prof., Moutólimar— France {C.) 

Baudi de Selve, Cav. FI., via Baretti, 18 — Torino. 

Beltrani Vito, via Università — Palermo. 

Berliner Ent. Zeitschrift Charlottenstrasse, o7, 38, (B. Hache)— Berlin (C) 

Biblioteca Comunale di Palermo. 

Brogi Sigismondo — Siena (C.) 

Brusina Prof. — Zagreb (Agram). 



IV — 



Carberla Heinrich— Burgerwiese, 8 pt., Dresdeii (Sassonia). 

Carnana Michelangelo dei Conti Gatto-Valletta (Malta). 

Carus Prof.— Leipzig {C.) 

Cermenati Mario— Lecco. 

Cheron George— Rue Duret, 30— Paris (C.) 

Circolo Letterario di-Nicotera (Calabria) (C.) 

Conklin A. William— Zoological Garden— New-York U. S. A. (C.) 

Console Angelo, Orto Botanico— Palermo. 

Costa Prof. Achille, Museo Zoologico— Napoli. 

Curò Ing. Antonio— Bergamo. 

De Gregorio Marchese, via Molo- Palermo. 

De Marchi, Magg., via Bogino, 51— Torino. 

Desbrochers des Loges Tours (Indre et Loirej) (C). 

De Stefani Giov., via Santa Susanna, 1— Roma (0). 

De Stefani Teodosio, ■ via Alloro, 49— Palermo (O). 

Deyrolle Henri, Rue du Bac, 46— Paris ((?.) 

Dimmock Geo., Editor of Psyclie — Cambridge Mass. (U. S. A) (C.) 

Doderlein Prof. P., Museo Zool.— Palermo. 

Dodero Agostino fu Giustino— Genova. 

Dollfus iVd., 55, Rue Pierre Charron— Paris (C.) 

Dùlau et C. (Booksellers) 37 Soho-Square— London W. 

Dumolard, fratelli. Librai— Milano. 

Engelhard Allesberg— Baviera 
Entomologischen Verein zu Stettin (0.) 
Eppclsheim D.' — Germersheim (Rheinpfalz). 
Escherich Karl J. 35 Vs Regensbui-g. 
Everts D.'' Ed., 79, Stationsweg— La Haye. 

Facciola D.'' Luigia via Cardincs— Messina. 

Failla-Tedaldi Luigi— Castelbuono (O.) 

Fauvel Albert-Caen ((7.) 

Fiore Andrea Prof. Liceo, Rua dei Fi-ati, 4 -Modena 

Frankestein & Wagner Augustusplatz— Leip^^ig (C.) 

Frey-Gessner, Conserv. au Muse de Genève— Chein in de la Rcserade, '2'ò. 

Friedlander & Sohn, Carlstrasse 11— Berlin (C) 

Gabinetto di Lettura del Circolo Bellini— Palei-mo, 
Gabinetto di Storia Naturale— Palermo 



— V — 

Gerold & C.'', Librai — Vienna. 

Grassi G. B. Prof. — Catania. 

Grouvelle Antoine, D.'-, Manif. des Taliacs, G:> Qiiai d'Orsey— Pai'is. 

Gulia Dott. Medico di Governo — Zurrico Malta. 

Hoffmann August — Entin. Holstein. 

Inghilleri Di Bella Prof. G., Dir. della R(3gia Scuola Tecnica— Corleone. 

Jourdheuille Camille juge honorairo, Rao de Rennes, 101 — Paris. 
Jung Giulio, via Alloro — Palermo. 

Kais. Leop. Carol. Akademie— Halle ((7.) 
Kalchberg Barone Adolfo— Penzig bei Wien. 
Kraatz D.'' G. Linkstrasse, 28— ^Berliii (C.) 
Klincksiech Paul, 52, Rue des Écoles — Paris. 

Leech I. IL, Hyde Park Gate SW., 20 -London. 
Libreria IL Loescher (8 copie)— Torino- 
Libreria IL Loescher— Firenze. 
Lojacono D.' Michele, Piazza S. Spirito — Palermo (0.) 

Mariani Domenico Sotto-Ispettore forestale — Caltanissetta. 

Minà-Palumbe Prof. Francesco — Castelbuono (0.) 

Miihl Regierungs Forstrath. Fi-aiikfiirt 0. — (Germania) 

Murren Prof, de Botaniqnc— Liège ( C.) 

Museo Civico di Storia Naturale Genova (C.) 

Museo Nacional-Repubblica di Costa Rica— San José (America) (C.) 

Museo Zoologico — Torino. 

Noualhier Maurice. Puymaud par Nieul-Haute-Vienne — France. 

Oberthiir Rlmió Faubourg de Paris, 20— Rennes {C.) 
Olivier Ern., Les RamUlom près Moulin— ^A\\oy (France) (C.) 
Oml)oni Prof. G. — Padova 
Ornithologischer Verein — Wien {C.) 

Palumbo Prof. Augusto — Castel vetra no (0). 

Paolucci Marchesa Marianna, S. Donato per Novoli — Firenze. 



— VI — 

Picchi Cecilia, Via Pandolfini, 20— Firenze. 

President de la Soc. Imp. des Naturalistes de Moscou (C.) 

Piingeler R., Rheydt bei— Aachen. 

Ragusa Adolfo Tenente di Cavalleria — Vicenza. 
Rag-usa Alberto, Albergo Orientale — Catania. 
Re Filippo — Licata. 

Redlicli H. Entoniolog-ischcn Internation. Verein-Guben — Germania ((7.) 
Regia Accademia dei Fisiocritici — Siena (C.) 
Regia Biblioteca Universitaria — Catania. 
'Regio Istituto Tecnico Pi rj a— Reggio-Calabria. 
Reitter Edmund— Paskau-Mahron (C.) 
Reuter 0. M. Professore, Abo — Finlandia (C). 
Revue Linnéennc, Bedon-Neyseneuf, Rue Confort — Lyon (C.) 
Riggio G. D.'' Università— Palermo {0.) 
Roccella D.' Federico — Piazza Armerina. 
Rossi Cav. L. Bibliotecario della R. Biblioteca — Parma. 
Roùast Georges. Rue du Plat, 32— Lyon. 

Siciliano Sofia, via Stabile— Palermo (0.) 

Silvestre Filippo— Bavagna. 

Smithsonian Institution — Washington U. S. America {C.) 

Sociedad Cientifica Antonio Akate — Messico {C.) 

Società Entomologica Italiana — Firenze (C.) 

Società dei Naturalisti di Modena (C) 

Società di Letture e di Conv. Scient. — Genova (C) 

Società Adriatica di Se. Nat. — Trieste (C.) 

Società di Acci, ed Agr. — Palermo (C) 

Societas prò Fauna et Flora Fennica — Helsingfors (C.j 

Societé d'Etudes Scientifiques, Rue Courte — Angers {C.) 

Societé Entomologique de France — Paris (6'.) 

Societè Enlomologique de Belgique — Bruxelles {C) 

Societé Entomologique de Russie Moika Pont Bleu — S.^ Petersbourg {C.\ 

Societé de Borda — Dax (C.) 

Società di Naturalista. Ex Monastero Sapienza — Napoli {C.) 

Società Romana per gli studii zoologici — Roma {(J.) 

Society of Nat. Hist. of— Boston (U. S. A.) {€.) 

Sperrhaken, Luttichaustrasse, 19 — Dresden (C) 

Stazione zoologica- — Napoli. 



— vn — 



Steck. Theod. Schweiz. Entom. Gesel.— Beni. ((7.) 

Stoecklin Roscngartenweg". ì), Basel. 

Siichetet A. Chateau d'Auteville Breauté par Godorville— Seiiie Iiif. 

Targioni-Tozzetti Prof. G. — Firenze. 
Tellini Dottor Achille — Roma. 

Varvaro Pojero Frane, Piazzetta G. ^Mcli— Palermo. 

Verein der Naturgeschichte à Gùstrow— Mecklenburg- (C) 

Vimercati Prof. Guido Conte— Firenze ((7.) 

Vitale Francesco Geom. — Messina. 

Von Heyden L. Major a. D.— Bockenheim b. Frankfurt a. m. 

West Newmann & C, 54, Halton Garden— London (C) 
Wliitaker Giuseppe, via Lampedusa — Palermo. 
Wiskott Max— Breslau. 



•S-^>5K<^^- 



S/'<Z- - 



jniiiMiiniininMiiiinniiiininniiinMiiiiiiiiiiiiiiiinintMiinMiiMiiiiiiiMiininiininniiniiiiituiiiiiMli;: ;i:!;iiiiniMiiiiiiiiiiiii miiiiiimi 

1 ANNO XII. OTTOBRE-NOVEMBRE 1892 N. 1-2. 



?(oDJ 

IL NATURALISTA SICILIANO 



GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE 



ABBOXAxMKNTO ANNUALE 



NOVlò 1892 



IlALIA L. 10 » 

Pafsi covn'i{i;si nf.ll'lmonf, i^ostalf. » 12 » 

Altri paksi , » 14 » 

Cn numero sepaPvATO, con tavole » 1 25 

» senza tavole » 1 » 

Gli AimONAMENTI COMINCERANNi!) DAI. 1'^ DI OTTOBRE DI OGNI ANNO 



I Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione 

I ai sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 

I SOMMARIO DEI NUM. 1-2 

= E. Ragusa — Catalogo ragionato dei coleotteri di Sicilia (coni,) 

I P. \ìt&\e—8tudii suW Entomologia Sicilia. Nota V. GVHyperini (Capiomont) 

1 Messinesi {fine). 

I E. Ragusa — Coleotteri nuovi o poco conosciuti della Sicilia. 

I G. Rigglo — Corrispondenze scientìfiche moderne degli animali figurati nel 

I Pamphyton siculum de{ dipani (cont.J. 

I L. Spada — Contribuzione all'Entomologia Marchigiana. Gli Ortotteri del terri- 

I torio di Osimo. 

I F. Vitale — Catalogo sinonimico e topografico dei Ciirciilionidi di Sicilia {cont.) 

= F. Minà-Palumbo— i?effi7i ed Anfibi Nehrodensi {cont.) 

= E. Ragusa — Catalogo dei coleotteri di Sicilia {cont.) 



I PALERMO I 

I Stahilimento Ti'pograjico Virzì | 

I 1892 I 

^iiiuiiiiiitiiiiiiiiniiniiiiniiiiiiiinMiitiHiiiiiiiuiiiniiiuiiuiniiiiniiiiniiiiiiniiitiiiiiiMiiiiniMiiitininiiiiiniinniinninniiiniiiiiiniiiiiain 



ANNO XII. OTTOBRE-NOVEMBRE 1892 N. 1-2. 



IL NATURALISTA SICILIANO 



CATALOGO RAGIONATO 



DEI 



COLEOTTERI DI SICILIA 



(Cont. V. N. pr.) 



SCARABAEIDAE 

COPRINI 

Scarabaeus Linur. 

Atiutciius ^^'elM^l^ 

sacer L Cilala dal Gliiliaiii, Ro nano, Heielio, liollenberg (Sferra- 
cavallo, Girgviiii), De Slefani (Alcamo, comune, aprile 
ed ag'oslo), e Sicck. È comune s|)ecialmeiite presso al 
mare, sulle saM)i(\ (lo\e si Irova che rotola le pallottole 
di stereo, sotto i raggi di un sole cocente. Si distingue 
dalia specie seguente, con la (|uale certamente è sempre 
stata confusa, specialmente per la grandezza, per i due 
tubercoli frontali, per le ùìnc anteriori nel cT con un 
dente, nella Q, con due, e per T ultimo anello ven- 
traie liscio, senza grossi pimti (I). 

piu8 HI Nessuno la cita di Sii'ili;i, dove pare sia rara; io ne pos- 
seggo pochi esemplari raccolti nell'aprile a Mondello, 
e nel maggio a Catania (2). 

semipunctatus F. . Ghiliani, Reiche, Rottenherg, De Stefani, Steck, e Bandi 

citano tulli (piesta comunisssima s|)ecie, anzi il Rot- 



(1) Romano cita a pag. 20 im Atcucìétis'^ ^< lungo Hi \m. con una linea longitudinale uel 
mezzo del corsaletto, sottile e poco profonda, ect. ect.» Io pure ho due esemplari simili, 
ma sono leggierissime anomalie. 

(•J) Romano a pag. 21 descrive un Atcuchus r', che io riporto a cj^uesta specie. 



o 



varìolosus F. 



laticollis L. 



UMiherg che la trovò a Catania , Girgenli e Siracusa, 
ili riva al mare, dice che la Q era quasi sempre sola 
a rotolare le pallottole di sterco, mentre il cf 1;^ se- 
guiva e le correva in aiuto , ((uando era attaccala da 
nemici. Presso Palermo è comunissima a Mondello. 

È cilata dal Ghiliani, Romano, Reiche, Rotlenberg (Pa- 
lermo, Ca<a)iia, Siracusa, Nicolosi), De Stefani, e Sleck. 
È la specie piti comune, e si trova presso il mare, e 
sulle alture dei monti ; varia assai nella grandezza , 
ed io ne posseggo esemplari appena più grandi di 
10 mm. 

Questa specie nuova per la Sicilin, fu trovala dal l*rof. 
A. Palumbo nel febbrajo 1882 a Trapani, in riva al 
mare, in unico esemplare, assieme agli A. variolonus 
e semipunctatiis. Questo esemplare fa oggi parie della 
mia raccolta , avendolo avuto regalato dal forlunato 
scopritore (1). 



SisyphUS Liilreille. 



SchaefFeri L. 



(ihiliani , Romano, Reiche, Rotlenberg (Catania, Gir- 
genti, Siracusii), e De Stefani citano (|uesla comunis- 
sima specie che si trova quasi tutlo l'anno. Essa va- 
ria moltissimo in grandezza, ed io ne posseggo grandi 
a|)pena 5 nini.; in ((uesli esemplari la scultura delle 
elitre è confusa e solamente con una buona lenle si pos- 
sono riconoscere le strie , la finissima punteggiatura 
nonché la pnbescenza delle medesime (2). 



Gymnopleurus RIiger. 



pilularius L. 



Sturmi iVJac Leav. 



Citata dal (ihiliaiii e Romano, dal Rotlenberg (Girgenli 
e Catania) e De Stefani, sollo il sinonimo di Mopsiis 
Pali., e dallo Steck solto (piello di Geoffroyi Fuessl. 
E specie comunissima, e si vede volare al sole, in siti 
o\e abbonda s|)ecialmeiile lo sterco bovino. 

Reiche, Rotleiii)erg (Palermo, Girgenli, Siracusa), Sleck 
la citano, e Bandi la noia; è comune quanto la spe- 
cie precedente. 



(1) Romano cita pure gli ^f. Scniiaricnsin ed infricatas, che non sappiamo a quale spe- 
cie potevano riferirsi. 

(2) Romano cita un iSitìijphus Iletmu che forse si riferiva a questi piccoli esemplari. 



— 3 — 

(lagellatus F. . . . (Jiiosla speei(> che io non posseggo ancora, è citala dal 

solo Ghiliani, che non ciiò la Sfiirmi^ che credo sia 
invece la specie da Ini trovata^ 

Copris Geofiioy. 

hispanus L. . . . Coninnissinia d'inverno si trova questa specie sotto i 

sassi e soito gli escremenii in profondi fori, citata dal 
Ghiliani, Roniano(l), Reiclie, e dal Rotlenberg il quale 
dice « presso Palermo specialmente sul Monte Pelle- 
grino comune sotto gli sterchi bovini , in esemplari 
grandissimi. 1 suoi fori rotondi vanno due piedi sotto 
terra , prima verticalmente , e i)oi alquanto orizzon- 
tali ». De Stefani, Sieck, e Bandi la citano, e notano 
pure. Il corno del cf «^ variabilissimo per grandezza 
e forma. 

lunaris Assai più rara della specie precedente, difatti non è ci- 
tata che dal Ghiliani (2), Romano, e De Stefani, che 
la dice poco fre(|uente d'inverno e primavera. Bandi 
la nota. Io ne ho un discreto numero dei dintorni di 
Palermo. Varia pure moltissimo tanto nel cT, quanto 
nella Q, nella scuhnra del corsaletto e della testa. 

Bubas Mulsant. 

bison L Citata dal Ghiliani, lÀomano (Onitis) , Reiche, Rolten- 

berg(Palermo, autunno ed inverno). De Stefani, Steck, 
e notato tlal Bandi. È comunissiina, ed io l'ho di tutta 
la Sicilia ed anche di l'aulellaria. 

bubalus 01. ... Questa specie è citata dal R(jinano (Onitis), e dal De 

Bertolini. Io posseggo (pialche esemplare di bison che 
si avvicina alla bubalus |)er la forma del corsaletto, 
ma non è ab!)astanza caratteristica onde potere affer- 
mare con sicui'ezza che appartengono a questa specie. 
Procurerò di raccogliere materiale , onde dehnire il 
dubbio. 

Onitis Fabricius. 

Jon rjliv Questa specie abliastanza comune nello sterco umano , 

è stila citala dal Reiche, Rotienherg (Paleiano presso 



(1) Eomano oltre questa specie citava il Copris paniscus F. che ne è sinonimo. 

(2) Ghiliani cita pure il Copris emarginatiis F. che è sinonimo di questa specie. 



— 4 — 

l'Orcio, Calania e Siraciisn), De Slefniii (Alcamo co- 
nnine in maivo ed a|)iMleJ, Sleek, e notata dal Bandi, 

Chironitis Lansberge. 



irroralus Rossi . . 



hungaricus Ilcrhsl. . 



furcifer R( 



Cilaia dal solo Gliiliani, di Siracnsa, e notala dal Bandi. 
Io ne posseggo nn discreto numero trovati special- 
mente nel luglio a Cast,ell)uouo. 

È citata dallo Steck, ed il Romano cita il Clinias F., 
che sarebbe sinonimo di questa specie. Io la posseggo 
in molti esemplari trovati md luglio a Lampedusa 
nello sl(M'co l)ovino. 

Gliiliani e Reiche la citano, etl il Bandi la noia ; non 
è rara, ed io l'ho trovata nel giugno ed agosto a Mon- 
dello nello sterco bovino ; ne ho avuti pure degli e- 
se.nplari raccolti a Messina. 



Amyntas ()l 



IV. 



taurus .Schrel)er 



Onthophagus Laircille. 

Questa specie è citata dal Romano, dal Rottenberg (Gir- 
gemi e Catania), sotto il sinonimo di Iliibneri F. e 
dallo Steck. Non è rara , ed io ne posseggo varii e- 
semplari dei dintorni di Palermo trovati nello sterco 
di animali. 

Una delle specie [liii comuni , dilatti e citata dal Glii- 
liani, Romano, Reiche, Roileifiberg (Girgenti , Cata- 
nia), De Stefani (Monle Pellegrino, Alcamo, comune 
in aprile), Sleck, e notata dal Bandi. Rottenberg dice 
di aver trovato pure la varieià iUA cT, con le corna 
corte {capra (irentz). Io piu'e posseggo questa varietà 
a piccole corna corte e drini, in pochi esemplari ti'O- 
vati a Messina, e trovo che è abbastanza caratteri- 
stica per dividerla dalla tipica taurus, a corna lun- 
ghe e rivoltate verso il doi'so, non ostante che il Mul- 
sant (1) dica « les coriies se montrent graduellemeut 
plus courles, se reJuisent chez quelques individns à 
deux petites dent et tìnissent mème par disparaitre.» 
Io posseggo pure la forma intermedia , cioè con le 
corna metà della Grandezza usuale, li trovai nel mag- 
gio a Lentini, presso il lago. 



(1) iHist. Nat. Coleop. de Fr. Laraellicornes. Paris 1871, p. 87. 



5 — 



verticicornis Laidi, 



vacca L, 



coenobita Ilerhst. 



fracticornis Prcxssl. 



nuchicornis L. 



marginalis G( 



marmoratus Meii. 



ovatus L. 



Sli'anissimo ò il non li'ovai'o (|iiosla spocio poro rara, ci- 
lala fli Sicilia; inlanlo o poco prohalìiie sia stata con- 
fusa con altre. Io la posseggo sotto il sinonimo di 
nutans F., in molli esemplari trovali nella provincia 
di Palermo, in primavera nello sterco bovino, assie- 
me ari altre specie. 

Questa specie è citata dal Ghiliani , Romano , Reiclie , 
De Stefani (Alcamo comune in aprile), Sieck, e no- 
tata dal Bandi. Non è tanta comune come la specie 
seguente , ma si iro\a in tutta V isola. Romano cita 
pure un 0. medias cT, Q , che sarel)l)e varietà del 
vacca^ ma ignoro in che differisca dal tipo, non pos- 
sedendo io la Fu, Gemi., dove il Panzer la descrisse. 

Rottenberg è il solo che cita f|uesta spe(,'ie tanto comune, 
che egli raccolse a Catania e Siracusa; io l'ho di Pa- 
lermo, Castel buono, Misi retta ed altri |)unti dell'isola 
e ritengo che molti la confusero per la vacca L. a 
causa delle macchie delle elitre, che spesso prendono 
una tinta verdognola, 
I^eiche, Rottenberg (Girg<niti e Catania) , De Stefani , 
(Alcamo frecpienle in aprile), e Steck, la citano, ed 
il Bandi me la noto. È comunissima, e si irova spesso 
con la s|)ecie preccdcnlc. 

Citata dal solo Sleck e noiala dal Bandi. Io non la pos- 
seggo ancora, forse perche trovandola non curai di 
prenderla rilenendola la specie precedente. 

Questa s|)ecie Reichc la ciló sotto il sinonimo di anda- 
libsiacus W'itl,, Rotleul)erg ((iii'genii, Siracusa, Paler- 
mo) , De Stefani (Crelo , Alcamo comune in aprile), 
ed il Baudi la notò. È comunissima, ed io ne pos- 
seggo una bella serie d'esemplari che variano alquanto 
per struttura e colorito. Troviamo pure nel catalogo di 
Berlino il sinonimo di maunts Lue, citato di Sicilia. 

Non conosco affatto (|nesta specie della Russia meridio- 
nale, che trovo notata dal Cav, Baudi, fra le specie 
che egli possiede di Sicilia. 
Questa specie è citala dal Romano, Rottenberg (Cata- 
nia), e notata dal Baudi. De Stefani la citò comune 
di Alcamo trovata nell'aprile, sotto il falso nome di 0. 
furcatus F. , nome sotto il quale anche io hi trovo 
nella mia collezione, essendomi stata cosi determinata 
a suo tempo. 



— G — 

var. ruficapillus Bnill. Io non posseiigo quosla varietà notata .li Sicilia nel 

eatalogo di Bei'lino^ e ohe il Roiche citò sotto il sino- 
nimo di subaeneus Mén. , ne so in che varia dal ti- 
po, non avendo potuto studiare la descrizione. 

punctatus ili. . . È notala di Sicilia nel catalogo di Berlino, ma io non 

la posseggo ancora (1). 

Caccobius Thoms. 



Schreberi L. 



Reiclie, (OntJiophagus), Rotlenberg (Catania, Girgenti), 
De Stefani (Alcamo comune in gennaio) e Steck ci- 
tano tutti questa comunissima specie , che varia al- 
(pianto pelle macchiette rosse delle elitre che sono in 
;deuni esemplari assai piccole , puntiformi all' apice, 
e ricoprendo appena gl'interstizi di tre strie alla base, 
mentre in altri ricoprono almeno cinque interstizii di 

■ strie, ed all'apice, la macchietta è larga e tocca quasi 
quella basale. 



fulvus Goeze. 



pallipes F. 



Oniticellus Serville. 

. Questa specie è citata sotto il sinonimo di flavipes F. 
dal Ghiliani, Romano, Reiche, Rottenberg (Catania e 
Siracusa), De Stefani (Alcamo, in aprile raro), dallo 
Steck (fulvus), e notiito dal Baudi. È comunissima e 
varia molto in grandezza e pel colorito del corsalet- 
to (2). 
. . Questa specie è citata dal Romano sotto il sinonimo di 
pallens 01., dal Rottenberg di Catania e Siracusa, ed 
è notata dal Baudi. E assai più rara della specie pre- 
cedente, ed io ne posseggo soli quattro esemplari tro- 
vati a Palermo ed a Castelbuono (3). 



(1) Eomano cita pure VO. lucidus III., non ostante sia specie meridionale, aspetterà p6'> 
notarla che altri la ritrovi in Sicilia. 

(2) Romano a pag. 21, cita un Oniticellus "ì del quale egli dice: «È simile in tutto al 
flavipes ma differisce in ciò che nel corsaletto il flavipes ha un sol punto fondo , o im- 
pressione, per ogni lato, e questo ne ha due, uno verso l'angolo posteriore, come nel fla- 
vipes, e l'altro verso la base, più distante dall'orlo esterno -■>. 

(3) Ghiliani citò di Sicilia VO. coneinnus Gene {Revelierei Muls. pag. 725 non 735, co- 
me cita il nuovo catalogo di Berlino), ma io dubito sia stata invece la pallipes, che egli 
trovò in Sicilia. 



APHODIINI 
Aphodius Illi.yfi. 

COLOBOPTERdS Muls, 

erraticus L. . . . Citata «lai Keiclie , Rotleabeig (Paleiino e Catania), De 

Stefani (Alcamo, conuiiie ir. marzo ed api-ile), Steck, 
e notala dal Bandi. Il Romano la cita assieiLC ad nna 
var. f che non essendo poi citata nelle sne osserva- 
zioni, non sappiamo a quale si riferiva. È comunis- 
sima nei camici e nei pascoli, fra gii escrementi , in 
està ed autunno. 

var. fumigatus Muls. Questa Aarieta che non trovo citata di Sicilia, è tanto 

comune (pianto V erraticus e se ne distingue per il 
colore oscuro delle elitre, lo ne posseggo un discMeto 
numero dei dintorni di Palermo. 



scrutator ]Ierl)st. 



haemorrhoidalis L. 



COPRIMORPUU.S Muls, 

Bandi mi notò questa specie , che io non posseggo, uè 
che altri cita di Sicilia (1). 

Otophorus Mids. 

Nuova i)er la Sicilia; ho troxala (piesia specie in Ire c- 
semplari nel luglio, nei boschi di Caronia. lo non la 
credo rara, e deve essere confusa nelle collezioni con 
VA. granarius L. 

Aphodius Muls. 



fimetarius L. . . . Romano, Reiche, De Stefani (Palermo, Alcamo, comune 

dal dicend^re all'aprile), e Sleck, citano (piesta comu- 
nissima ma bella specie che si trova in tutta l' isola. 

scybalarius F. . . Q'iesia specie è citala dal Romano , Rotlenberg (Paler- 
mo), Steck, e notala dal Bandi. E conjunissima assie- 
me alle varietà seguenti, le (piali certamente i so|n-a- 
citati autori, confusero colla specie ti))ica. 

(1) Romano nota VA. (Tencf/catcn Muls.\ futìsur L., che altri non citano. 



var. conflagratus F. Questa variela die nessuno ha citalo di Sicilia, è assai 

più C'oniniie della tipica scìjhalarlus V. , dalla quale 
si dislingue pei' avere le elitre sul disco una macc^hia 
nebbiosa più o meno gi-ande. Io l'ho special mentii in 
numero da Castelbuono. 

var. nìgricans Muls. Posseggo (piest'altra varietà nuova per la Sicilia_, in soli 

((uattio esemplari, due dei (piali donatimi dal D'' Roc- 
cella, che li trovò a Piazza Armerina. Si distingue 
dalla scybalariuis V . , jìcr avere le elitre nere con il 
solo apice bru nastro. 

suarius Fald. . , . Trovai sotto una grossa ))ielra alla Fi(Mizza, il 18 settem- 

I re scorso, due esemi>lari di (piesla specie nuova per 
la Sicilia, ed anche per l'Italia. 

Im'rytus Muls. 



brunneus Kliig. 



È nuova per la Sicilia, ed è assai rara; io non ne pos- 
seggo che quattro esemplari trovali, due a Castelbuono, 
uno alle Taronie, ed uno nella pro\'iiicia di Trafiani. 



Calamosternus Motsch. 



Agrilinus Muls., Flanolus Muls. 



granarius L. . . . Citata dal Reichc, Rottenb(>rg (da per tutto). De Stefani 

(frequente all' ()reto dal febl)raio all'aprile), e notata 
(hil Bandi. Romano la cita sotto il sinonimo di car- 
bonarius Slurm. K comunissima, e si trova in tutta 
la Sicilia. 

var. apicalis Pagusa var. nov. (»)uesta nuova varietà, io la baso su esein|)laii 

assai piii piccoli del granariua L., che hanno l'apice 
delle elitre macchiate di color castaneo. Ne posseggo 
Ire esemplari trovati alle Caionie. 
Posseggo un esein|)lare di «piesta varietà del granarius 
L., che dilferisce e si distingue dal tipo, per il colo- 
l'ilo delle elitre che invece di essere nere, sono tutte 
(ii color castaneo; (piesia varietà è l'anello di congiun- 
zione fra il granarius L., e la mia \ar. apicalis (1). 



var. concolor Muls. 



(1) Nel nuovo catalogo di Berlino mentre si ammettono delle varietà simili -aWa coacu- 
lor Muls. citate dal .Schilóky, nella Deutsche Eut. Zeit. 18S8 pag. 305 a 321, questa, ed 



afer var. Lucasi llnrold. Non possoggo ancora questa varietà che il Bandi mi 

notò. Non è difli('ile |)ei'i) che in Sicilia si trovi 1' a- 
ter Dcj., essendo specie meridionale, e la varietà Lu- 
casi essendo già slata trovata in Sardegna. 

Aphodius s. sir. 
Bodilus Muls, 



sordidus F. 



rufus Moli 



Rottenberg dice di aver trovala qnesia specie a Catania, 
e Steck la cita pnre. lo non la posseggo ancora né 
l'ho vista di Sicilia. 
E citata dal Romano sotto il sinonimo di riifescens F. 
Io posseggo nn discreto nnmero d'esemplari da me 
trovati nei boschi ili Caronia , negli escrementi, ed 
anche a Mistretta, ed a Trapani. Gli esemplari siciliani 
si distinguono per la Imo piccola statura. 

lugens Creutz. . . Questa specie è citata dal solo Romano, e notata dal Bandi. 

È abbastanza coni une, ed è strano che altri non l'ab- 
biano citala di Sicilia. 

beduinus Reitter nov. sp. Questa specie nuova, è propria al Marocco ed al- 
l'Algeria ; io ne posseggo molti esemplari di Castel- 
buono e della pr()\ iucia di Trapani. 

hydrochaeris F. . . Reiche , Rottenberg (l'onniue presso Palermo, Catania, 

Girgenti , Nicolosi) , De Slefani ((Jrelo e Partenico , 
raro!), è notata dal Bandi. È comune, ed io ne pos- 
seggo varii esem;)lari dei dintorni di Palermo. 
Questa specie è citala dal solo Romano, e notata dal 
Bandi. Non è comune ed io ne ho, soli sei esemplari 
troviUi in varii |)unti dell'isola. 
Non posseggo ancora (piesla specie citata dal solo Steck. 

MiXINMjpTKRUS Ml'LS. 



nitidulus F. 



immundus Creutz. 



Esimus Miily. 
merdarius F. . . Questa bella specie è citata dal Ghiliani e dal De Sle- 



altre descritte dallo stesso Schilsky , come buoue varietà , li mettono , non so per quale 
ragione, in sinonimia ! Io trovo che bisogna sempre serbar lo stesso criterio, e se si ac- 
cetta una varietà di una specie come per esempio la foctcns F. var. nùjricolUs Muls., per- 
chè, il corsaletto e tutto nero, senza macchie, o la fcrri/f/iiieus Schilsky, del ìiPiuoralis Er., 
che è più piccola ed ha le elitre bruno-chiare, ed allora bisogna anche accettare la rar. 
concolor Muls. 

Jl Mataralidta Siciliano, Anno XII 2 



tersus Ei 



— 10 — 

fani (Alcamo poco frequente), lo la posseggo in di- 
screto numero dei dintorni di Caslelvetrano e Mistrel- 
1a. È assai più rara della specie seguente (1). 
Questa specie già citata di Sicilia dell'Ericlison, la tro- 
viamo pure citata di Sicilia, nel catalogo del De Mar- 
seul sollo il sinonimo di suturalis Lue. Rottenborg la 
cita di Catania. Io la posseggo in molli esemplari spe- 
cialmente della provincia di Trapani (2). 



tessulatus Pavk. 



hierOj^Iyphicus Klg. 



lineolatus 111. 



dilatatus Ueiclie 



È nuova per la Sicilia, e fu trovata dal Failla presso 
Castelbuono d'onde provengono gli esemplari della 
mia collezione. Questa specie in Sicilia »'- tanto varia- 
l)ile (pianio nel resto d'Europa, ed abbiamo varie delle 
varietà descritte dal Mulsani , che giustamente il si- 
gnor Scili 1-ky ha l'i un ili al tipo, (essendo leggerissime 
variazioni (3). 

Bandi mi uo:ò (piesta specie, die io'non posseggo, e che 
sareb'ie nuo\a |)or l'iMiropa, essendo cono-;ciuta sola- 
menle d'Egitto. 

Reiclie, Uotlenberg (Palermo, comune). De Stefani (0- 
reto, Alcamo, comune). Steck la citano, è notata dal 
Bandi. \\ comnnissima, ed io l'ho di tutta la Sicilia 
e di l'antellaria. 

Tro\ai a Licata ed a Trapani, ciiupie esemplari di questa 
specie nuova |)er la Sicilia; essa varia alquanto dalla 
specie tipica descritta dal Peloponese (4), ed il signor 
Reitter , al quale la comunicai , me la rimandò come 
var. ìiov. ampliatus Reitter, scriv(uidomi <« è una stu- 
penda \ari(ià , forse specie ». 



(1) Nel nuovo catalogo non trovo la varietà atricollis Muls. del merdarim, a covs&l&tio 
nero e la rar. ictnrus Laichart con la sutura e margine delle elitre nera, perchè? 

(2) Pria di questa specie anderebbe notata IM. {Voi inus Mxiì?:) inquinatusY.cxini^ dal 
Romano che merita però conferma pria di essere accettata fra le specie di Sicilia. 

(3) Romano cita pure 1'^. sticticus Panz., io per ora non la noto. 

(4) Reiche et Saulcy, Annales de Fr. 1856, p. 399. 



— 11 — 

Mcliiiopferus s. str. 
Xobiiis Muls. 

prodromus Braluii. . È citata dal Romano , De Stefani (Alcamo , t're<|nente 

in api-ihO, e notala dal Bandi. È comnnissima special- 
menle nei boschi |)resso Casielbnono. 

punctatosulcatus Slnr n. Possegiio varii c^omplai'i , di «[nesta specie nnova per 

la Sicilia, dei (piali il Reillei- mi scfiveva ch'essi ap- 
partenevano pei' lo pili alla var. tingis Reitter; li tro- 
vai comune a Mistici la. 

consputus (J^ieiit/. . Questa specie è oliata dal solo Romano e notata dal 

Bandi. Io ne ho un discielo iinmero di esemplari a- 
vuli quasi tutti dall'amico Luigi Failla da Castclbuono, 
ove pare sia comune. 

Nitnhìiis IMiils. 

contaminatus Ilerbsl. La trovo ciiata di Sicilia nel catalogo (Jcl de Bci'iolini , 

vuol dire che qualchednno l'ha citata di Sicilia , il 
Bandi me la notò. Io la posseggo in numero dalla 
Ficuzza, Piazza Armerina, e dintorni di Mistretta. 

obliteratus Panz. . È nuova per la Sicilia, almeno nessuno che io sappia, 

la cita. È più rara della specie precedente con la quale 
facilmente si può confondere, e dalla quale si distin- 
gue specialmente i^er il l)ordo del corsaletto che è 
privo di peluggine. Io l'ho delle Madonie e di Piazza 
Armerina. 

Amidorus Muls. 
Anomhis Ì>1\\\^. 

unicolor 01. ... È citata di Sicilia nei cataloghi del Bertolini sotto il 

sinonimo di castaneus 111., ed in quello di Berlino. 
Io ne posseggo una bella serie d'esemplari avuti dal 
mio raccoglitore di Messina. L'ho vista pure in molli 
esemplari, raccolti nella provincia di Trapani, nella 
collezione Pahimbo (1). 



(1) Romano cita pure VA. uhscurus F., che io per ora non noto, e nel catalogo del 
De Bertolini troviamo come varietà dell' ob^curas il cribrariu^ Bruii, con ? dalmatinus 
Schmidt in sinonimia, notata di Sicilia, 



— 12 — 

Ragusae Rcitlei' (1) nov. sp. L'anno scorso iieirotlobi'O , il si^-. Luif^i I^'ailhi- 

Tcdaldi. scopriva iml eseiiiplarc di f|iicsla specie niio- 
\a, sulle allure delle Madouie. (i)uesranuo eiili )ie ha 
Irovalo aUi'i due esemplari. Seinlìra clic sia ahpianlo 
rara. 

Sùjonis Muls. 

porcus V Questa s|)eci(! è nuova pei' la Sicilia, dove è piultoslo 

rara, lo ne posse^i^o molli escnnplari trovali a Messi- 
na, Piazza Armerina, Castelbuono, e Mislretla. 

Trìeiionotus Muls. 

scrofa F 11 solo RoUenberg cita (pjesla s|)ecie, da lui Irijvala a 

Catania. Io ne ho |)ochi esemplari trovali a Paleraio 
ed a Mislretla. 

var. cinereus Muls. . Fu descrilla nel 1870 come specie esclusiva di Sicilia, 
, io la possefrgo in due escuiplai'i cosi determinali dallo 
Heiticr, non ne conosco la descrizione, ma secondo 
(pianto mi scrixe il mio carissimo amico Reitter , si 
dislingue dalla ncvofa solamente per la l^ase del cor- 
sal(Hlo che è a])|)ena bordalo. 

Onvìalus Muls. 
Emadtis, Calanwxlerntix^ Knddìirs Muls. (ex pai't.) PliaUirronnUm Motsch, 

tristis Panz. . . . Posseggo tre soli esemplari di (|uesla specie nuova per 

la Sicilia; Plio trovali nelle \iciiianze di Mistretta. 

quadriguttatus lleri)sl. (^Miesta sp'cic è citala dal Reiche, Rolleiil)erg (Girgenli, 

Siraciis;i), De Stefani (Alcamo, raro) e dal Romano, 
sotto il sinonimo di quadrimaculatus F. ; egli disse 
pure di a\cre una varietà (A'^) della (piale nelle sue 
osservazioni a pag. 21 dice che (lin'eris(>i! dal tipo |)er 
le macchie rossastre di ciasciiirelilia che sono ambe- 
due unite, lormandone una allungata, dalla base liri 
presso all'estremità. (Vari(Hà cruciatus Muls.;') 

quadrimaculatus L. È nuova per la Sicilia ; lìc posseggo un solo esemplare 

da me troxato alle ("aronie. 

quadrisignatus Bruii. Non posseggo ancora (piesia specie che 1ro\o notata di 

Sicilia nel catalogo di I^erlino. 



(1) Sarà descritta nelle I5(.'stiiiHuuiigs-Tiibellen XXIV in corso di .stiuupu. 



~ 13 — 

biguttatus rfcrni. . . È nuova per la Sicilia e l'ii trovala da Luii>i Failla iiol- 

Todobre sulle allui-e delle Madonie. L' unico esem- 
plare da me posseduto l'ebbi dal l'oi-luiialo s'-opi-itore. 

var. sanguinolentus Ileibsl. INjssofigo due soli esemplali di (piesia vaiielà dell t 

biguttatus Geiai., Dio Irovali nella provincia di Tra- 
pani. 

NiALus Muls. 



livìdus 01. 



varians Duli. . 



Sturmi 1 hu 



aroKl. . 



Lubarrus Muls., Suhrinus Muls. 

È citata dallo Steck, e nolala dal Bandi. È connnie ed 
io ne posseggo molti esemplari dei dintoruL di Paler- 
mo e di Piazza Armerina raccolti dal Doti. Hoccella. 

Questa specie che io posseggo in unico esemplare , è 
nuova per la Sicilia; l'ho trovala nella i)rovincia di 
Palermo. 

Posseggo questa specie notalami dal Bandi, in un solo 
esemplare donalonii di.iraniico Angusto Palumbo che 
la trovò nella provincia di Trapani. 



parallelus Mi 



satellitius llerbst. 



Mecyiwdes Muls. 

Roltenberg trovò (piesta specie a Catania , in riva al 
mare sotto una pietra , in gran numero tanio in e- 
semplari unicolori , <pianlo in quelli con una fascia 
gialla; la trovò i)ure a Siracusa. Io ne ho |)ochi e- 
semplari di Messina. 

Biralus i\Iuls. 

(^)nesta specie è cilala sotto il sinonimo di pecari F. dal 
Bollenberg che la trovò a Catania, ed anche dal De 
Stefani che la <lice frequenle ad Alcamo. Bandi me 
la notò col sinonimo di equinus Fald. È comune ed 
io la posseggo di varii punti dell'isola. 

AcROSSUs Muls. 



siculus Harold. . . lìeiche citò sollo il nome di carpatami Gniells, questa 

specie eselusivamenie siciliana, dalla quale, voti Ha- 
rold (1) che ne ebbe un esein|)lare cf dal Fairniaire, 



(1) Beitriige zur Kenntiiisri einiger coprophage LiiiiicUicornicn. Beri. Ent. Zeit. 18(52, 
pag. 395. 



— 14 — 

disse che fu Irovato in Sicilia dal Bellier de la Cha- 
vignerie, ma che non si potè precisare la localilà ove 
fu scuperla e che Reiche l'aveva determinata per car- 
jietanus. lo ho trovato (juesta bella e grossa specie, 
nel luglio sulle Ma<lonie, dove non è comune, e ne 
ho avuti esemplari dal Failla di Caslelbuono (1). 

luridus I'^ Romano, Reiche (var.) Rosenberg (comune ovun(|ue, nelle 

diverse varietà di colore), De Stefani (Alcamo frequente 
in aprico , e notala dal Baudi. È comuuissima ma 
non lauto quanto la var. vaviegatus ; da noi per lo 
piti le ma(;chiette delle elitre variano da sei a dieci 
(var. iìiterpunctatus Hbst.). 

var. nigrosulcatus Marsh. (^)ue ta \arielà, che si dislingue dalla laridm, per 

a\ertì le elitre tutte d' un colore, senza le macchiette 
nere , con le sole strie oscure , è la varietà |)iii rai'a 
che s'incontra da noi. 

var. variegatus llcrbsl. È comuuissima e si distingue dalla laridus , \)ev es- 
' sere nera, con i lati e l'apice delle elitre macchiate di 
giallo-bruno. 

var. Faillae Ragusa var. nov. Bibbi donato da Luigi Failla un esemplale di 

cpiesta bellissima e rimarehevole varietà, che ha le eli- 
tre colorate come la rar. rarìegatus ma al contrario, 
cioè il nero è all' apice , ed il giallo-bruno alla base 
delle medesime. Ritengrj sia stata trovata presso Ca- 
slelbuono. 

var. nigripes F. . . Ilo a\uto questa varietà tutta nera della luridus da Ca- 

stclbuono e da Piazza .\rmeriiia. Baudi mi notò una 
var. niger, che certamente deve essere questa. 

Heptaulacus Mulsant. 

alpinus Drap. . . . Questa specie è certamente quella notala d il Romano 

|)er sus Ilerbsl, con la (|uale è facile confonderla, dal 
Reiche fu citata col sinonimo di carinatus Germ., 
e mi fu notata dal Baudi. È comuuissima sulle Mado- 
nie d'està nello sterco bovino (2). 



(1) Romano cita l'.l. rufipeti L., che merita conferma, pria di essere notata fra le spe- 
cie di ^^iciUa. 

(2) L'A. esiiricìis Er. (Helf. in litt.) di Sicilia, citata nel catalogo del de Marseul, e de 
Bertolini, è sinonimo di questa specie. Non so a quale specie appartenga VA. thoruciciis 
Chevr. citata dal Ghiliaui. 



— 15 — 



sylvestris Seop. 



Oxyomus LM|)ori«\ 

Posseggo due soli esemplari di questa specie nuo\;i pev 
la Sicilia, l'ho Irovata sulle Madonie molli auui oi- 
sono e l'ebbi determinala da voii Ilarold, che nel 187t) 
rivide tutti i miei Aphoclius. 



caesus Pauz. 



Pleurophorus Mulsaut. 

Questa specie lauto comune sotto le pietre , e sotto lo 
sterco sulla sabbia, fu citata dal Romano (Oxyomvs), 
Rotlenberg (Psammodiiis) (Paleiuio, ed alcuni esem- 
plari del Simeto, al Piano di (\atania, assai piccoli e 
di colorito rossastro), è notata dal Bandi. Io ne ]>os- 
seggo molti esemplari fra (piali alcuni piccoli e ros- 
sastri , come quelli citati dal Roltenberg, da me rac- 
colti a Lentini nel maci-io. 



Platytomus MuL- 



sabulosus Muls. 



Il solo Rottanberg la cita {Psnmmodiiis) (][ Catania (non 
lara) ; io la |)Osseggo in molti esemplari da me tro- 
vati sotto le pietre presso le saline di Trapani. 



Rhyssemus Mulsaut 



germanus L. 



plìcatus Gemi. 



arenarius Costa 



Rottenberg che la trovò comune in riva al mare a Mes- 
sina e Catania , dice che sii <'semplari siciliani \a- 
riano da quelli tedeschi per doppia grandezza, inter- 
stizii delle elitre i>iìi piani, scutello della testa più lu- 
cente e fortemente granulato , ma crede aver visto 
nella collezione Kiesenwetter dei passaggi. Baudi me la 
notò, ed è comunissima specialmente in primavera; io 
ne raccolsi molti esemplari presso il lago di Lentini 
nel maggio. 

È nuova per la Sicilia e fu da uk; trovata in unico e- 
se.n piare , nel maggio, a \' il la rosa , sotto un sasso; 
l'ebbi allora determinata per Godarti Muls., che e si- 
nonimo della plìcatus. 
Fu descritta di Sicilia, e Baudi me lo notò. Io ne pos- 
seggo uii gran numero d' esemplari trovati sui muri 
del mio giardino, d'inverno. 



ir, — 



verrucosus Mnls. 



algiricus Lne, 



sulcigaster Miils. 



vulneratus Sliinii. 



sulcicollis III. 
porcicoliis 111. 

scutellaris Miils.. 
laevipennis Costa 

digitatus F. 



Rolienberg trovò quosla, specie sulle sabl)io di Mondello 
ed a T'alania. Nella mia eolle/ioiie esiste un esem- 
plare con (jueslo nome, ma eccetto per avere una pun- 
teggiatura più marcata sul coi-saletto , non posso di- 
viderlo dai miei arenarius Costa. 

Ne posseggo un solo esemplare, determinatomi a suo 
tempo dal signor von Heyden, che mi scriveva di pos- 
sedere anche lui questa specie, di Sicilia. Nessuno 
l'ha mai citata, e sarebbe nuova per la nostra fauna. 

Reitter mi determinò con questo nome due esemplari da 
me posseduti e trovati a Castelbuono; sarebbe nuova 
per la Sicilia, essendo conosciuta solamente di Sarde- 
gna e Cor-?ica. Io temo che nella determinazione di 
queste tre ullinie speci»; vi sia confusione. Ritornerò 
sull'argomento, appena avrò raccolto piìi materiale. 

Diastictus Mulsant. 

Posseggo un solo esemplare di quest'altra s|)ecie nuova 
per la Sicilia; l'ho trovato presso Mistretla. 

Psammodes Laporte. 

PsAMMOBms Heer.. 

Non posseggo ancora questa specie, citata dal solo Ro- 
mano, e dallo Steck. 

Romano, Giuliani, Rottenberg (Mondello e Catania, non 
rara), e De Stefani (Trapani), la citano. Bandi la nota. 
Io ne posseggo pochi esem|)lari dei dintorni di Pa- 
lermo. 

Il solo Rolienberg la cita avendone trovato un esem- 
plare a Catania. Io ne ho tre esemplari da me trovali 
nella |)rovincia di Palermo. 

Posseggo un solo esemplare di questa specie nuova per 
la Sicilia, l'ho trovato nella provincia di Trapani. 

Chiron Mac Leay. 

Specie dell'Indie orientali, Egitto e Senegal, scoperta in 
Sicilia dal Dottor llelfer , e che nessuno a mio sa- 
pere ha ritrovato in (piesti ultimi tempi. Ignoro la lo- 
calità o\'e fu scoperta; l'unico esemplare di Sicilia che 
esiste nella mia collezione l'ho avuto dal Reitter^ che 
l'ebbe dal Fairmaire. 



— 17 « 

HYBOSORIXI 
Hybalus Biullè. 

glabratus F. ... Cos(a la citò come specie siciliana (1) , dicendola poco 

frequente in varie contrade della Sicilia. Rottenberg 
ne lro\'ò \arii esemplari sulT erba a Siracusa , ed a 
Catania , e la citò col sinonimo di dorcas F., come 
pure il De Stefani che la dice frecpiente in primavera 
ed autunno, a'ie Madonie e Santa Ninfa. Steck la cita 
anche, ed il Bandi la nota. È la Geobius cornifrons 
citata dal Ghiliani e Romano. È comune, e si trova 
spesso morta, sulle \ie in campagna. 

var. graecus Sturm. E citata dal Romano sotto il sinonimo di (Geobius) bar- 

barus Cast. Rottenberg la trovò morta sulla via a Gir- 
genti, e Bandi me la notò. È assai piii rara della 
glabì'atus F., ed io ne ho \arii esemplari che con- 
cordano benissimo con la descrizione del Lucas (2), 
ma per me non è che una varietà della specie pre- 
cedente , come lo è pure la Benoiti Tonrn., descritta 
di Sicilia (3) sopra esemplari trovati a Messina da 
I.uigi Benoit. 



Osservazione. — Io cito V Hybalus graecus '^\\:vm. solamente come varietà giac- 
che avendo raccolto quasi cinquanta esemplari d' Hybalus onde studiare at- 
tentamente le specie di Sicilia , essendone la sinonimia assai indjrogliata, 
ciò che mi provava l'indecisione dei \arii autori a distinguere i caratteri 
delle varie specie, ho trovato nei miei 47 individui (20 cfcf t» 27 QQ) tali 
variabilità di caratteri , che se avessi i'in\euui,i una o altra delle mie va- 
rietà , in località ])Oco esplorate, avrei e riamente creduto trattarsi di spe- 
cie nuove , mentre viste cosi in numero , si capisce benissimo non trattarsi 
che di semplici e leggiere varietà. Difatti noi vediamo in alcuni individui 
cTcT, il corno sulla testa grande e rivolto airiudielro, mentre in aUri è picco- 
lissimo ed appena visibile, ed in due esemplari, corto e tozzo. In alcune 
'^2, la lesta ha quei due piccolissimi tubercoletti che si scorgono anche nei 



(1) Costa. Fauna del Ecgao di Napoli, Coleotteri per Achille Costa, Napoli lS49-r>l 
pag. 9. 

(2) Remarques syuonyniiques fur le geure ILjhahis, etc. Auuales Soc. Eni. Fr. , 1855, 
pag. 547. 

(3y Mitt. Schw. Gesell. 1864 p. 2G6. 
Jt Naturalista Siciliano, Anno XII 3 



— 18 — 

Hyboserus Mae Leay. 

miseri Heiolie . . . Uiiosia si)0('ié (' citata dal (ihiliaiii. Io ne posseggo un 

discreto numero di eseni|)lari a\uti tulli dall' aiuieo 
Augusto Palunilto elie |)aie la ti'o\i eomunemeule a 
Castel velrano, io stesso non V lio mai l invaia. Ne ho 
visto pure esemplali di Licata, trovati dairamico Fi- 
lippo He nel luglio 18!>1 (1). 

'rRO(axi 

TrOX Fahricius. 

perlatus (joeze. . . Questa specie è citala di Sicilia da \ on Ilarold- (3), elie 

diec che gli esemplari di Sicilin come (pielli di Spa- 
gna, Sardegna, Ni/./.a e Pirenei, appartengono alle iiv 
varietà a, h, e, e formano i passaggi alla specie^ lipiea. 

v«r. Fabricii Reiche Ro.nano la cita col sinonimo di (jranulatus F. Rotten- 

herg la citò di l*alcruio, ed il De Stefani la dice poeo 



cfcT, appena accennati, mentre in altre scompariscono del tutto, specialmente 
(piando la testa è liscia inve(^e di essere fortemente aggrin/ita. Il corsaletto 
e marcato di grossi punii, isolati, o a piccoli gruppi riuniti, lateralmente più 
che sul disco, o ricoperto di una tinissiina punleggiatm-a , o assolutamente 
lucente senza nemmeno le due fossette laterali ; con i due iul)ercoIetii sul 
mezzo s|)orgenli ed assai aci^Mitiiaii, o a|ipeiia marcali o mancanti, e(| iineee 
con una s|)ecie di ca\'o; o|)pure con un grosso solco mediano hen inarcato ed 
intiero in alcuni, e solamente aira|)ice in altri, l.e elitre sono inlieramente 
lisce, hanno delle linee leggermente accennate che variano da nove (per 
ogni elitra) ad una sola presso la sutura. Dopo ciò io credo difiicile potere 
sostenere la validità della s|)eeie graeciis, che è basala specialmente su in- 
dividui a corsaletto |)uniei;fì;iato. 



(1) Romano cita un Ilijìxjscrtis nifitlns. od un H. brasìllcibais, che certiunente non po- 
tevano essere invece che la lUiijcri. 

Mi accorgo ora, clic omisi i Pcttiniconù di Sicilia citati dal Romano, essi sono il L)(- 
caiins rerrns, caprcohis, parallclns, 2 specie? ed il Sinockiidroii eifìindricuìii. Fuori del- 
l'ultima specie le altre non esistono iu Sicilia. Anche il Ghiliani citando il Lucannc te- 
irandon Thunl). da lui trovato a Castelbuono, disse di avere altra si)ecie da determinare 
forse nuova I Egli citò il Dorctia parnlldupipcdus ed il Sìnodeudron cijlindriciis. 

(2; E. von Harold. IMonographie dcr Gattung Trox. Coleopt. Heft. IX, 1872. 



— 19 - 

l're(Hieute nel fliccMulìi'c sul Monte PcUcgiiiio. Si di- 
si inguc dal tipo per le spatiile fli'lle elitre che invece 
di mnv sono russasi l'c. 

hispìdus Panto|)|). . Costa (ioe, cit.) la dice poco rara in Sicilia, Reiche la 

cita, Rottenbery la tro\ò a Messina, e Bandi la nota, 
(■()ii le due \arit';i scuncnli. A questa specie (le\e ri- 
ferirsi la sabniosiis Falir. cilala dal Ghiliani , s|)ecie 
<•!)(" ha in sinonimia anche nn hispìdus ma (Jliv. E 
la specie più comune r(\ io la posseggo in molti esem- 
plari di Messina, l'alermo e Ficnzza. 

var. asiaticus Fa'd. Si distingue dal tipo per gì' intervalli dei tnbercoli mi- 
nimi (5 ((nasi mancanti, con le file piii evidenti. 

var. nodolosus Harold. In (pl(^s^allra \arieià i\v\V hispìdus gl'intervalli dei tu- 

heicoli souo più disiiule con le Mie meno evidenti, le 
str e delle elitre forlemenie punteggiate con i luherr 
coli lutti conlluenti-irans\ersalmente. 

scaber L. ' . . . ^Micsia specie è nuova per la Sicilia, lìi trovata a Riazza 

Armerina dal Doli. Federico Roccella dal (piale ebl)i 
l'unico esemplare esistenle nella mia collezione. Que- 
sta s|)ec!e \i\e in sili sal)l)i()si. 



(continua) 



E. Ragusa. 



Geom. vitale FRANCESCO 



STUDII SULL'ENTOMOLOGIA SICULA 

Nota V. ' 

GL' HYPERINI (Capiomoidj lìlc^dncd. 



(Coiit. V. N. 3, Ali. XF. 

var. siculiis Capiomont — Comunissima. Si rinviene mescolata alla spe- 
cie tipo. 

plaiitagìuis Degèer. — Comune. Abbiamo raccolto quest'insetto nei prati 
a terra nella primavera. 

Secondo il Chiarissimo sig". Barbagli tale insetto vive su la 
Plantago; però, cita Hoftmann che trovò la larva in magg-io 



— 20 — 

in Stuttgart nel calice della Lt/chnia dioica in fiore; cita Des- 
voidy secondo cui la larva minerebbe le foglie di Plantago 
lanceolata, ecc. ecc. 

Mathieu afferma che le larve stieno nelle spighe florali di 
diverse specie di Plantago, quali la major, la media e la lan- 
ceolata. De Géer cita anco la Plantago major come quella 
che ospita le larve di detta specie. 

Quest'insetto secondo Capicmont abita l'Europa e l'Algeria 
e non è raro nei dintorni di Parigi. 

In Italia si trova nel Trentino, in Gorizia in Piemonte in 
Lombardia ecc. ecc. 

In Sicilia è stata rinvenuta finora soltanto da noi, quindi 
dobbiamo reputarla nuova per la fauna Sicula. 
var. posticus Gyll. — Rarissima. Solo due esemplari di questa interes- 
sante varietà abbiamo potuto fin qui catturare. Uno lo pre- 
simo nel maggio 1888 in quel di Castanea, contrada i\.riella, 
e l'altro in quel di Galati contrada Andolina nell'ottobre 1889. 
È sparsa in quasi tutta l'Europa ma non è comune in alcun 
posto. 

Sub-gen. PHYNTONOMIDIUS Cai)ioinont 

trilineatus Mai-sh.— Comune. Sull' erbe dei prati , e precisamente ove 
rinvengonsi leguminose. Ne presimo una grande quantità nel 
maggio 1891 in contrada Scoppo, ove eravamo a villeggiare. 
Al Faro, a Galati, a Castanea, a Camaro, breve ovunque sia- 
mo stati a cacciare insetti abbiamo raccolto questa specie. Il 
Bargagli dice che « in giugno a Querceto in Val d'Elsa, era 
« frequente in tutti i suoi stadii sulla Lupinella , Onohrycliis 
« saliva, in fiore». È specie comune in tutta Europa ed Al- 
geria. In Sicilia P han trovato Failla , De Stefani, Ciofalo, il 
Cav. Bandi ecc. 

var. plagfiatus Redt.— (^omunissima. La si rinviene assieme al tipo, ed 
è facilmente riconoscibile, sia alla colorazione delle elitre, sia 
alla statura. Il nuovo Catalogo di Berlino, la mette come si- 
nonimo del frilineatufi , ma è necessario che si corregga un 
tale errore. 

lligrirostrìs Fabr. — Comune. Sulle infiorescenze di Hedgmram coro- 
ìutnuni ne raccolsimo nella primavera del 1889, centinaia di 



- 21 - 

esemplari, in quel di Calamarà. E specie veramente interes- 
sante , giacché ottVe la colorazione delle elitre diversa dalla 
comune colorazione di tutti gì' Hyperini . Redtembacher la 
vidde sul Tri foli il ut pratense; e su varie Ononis la raccolse 
Girard , confermato dal Capiomont. Hoffmaim la trovò nei 
capolini di Buphthaìmus mlicifoliuìn , nlentre Kaltenbach e 
Mathieu la trovarono nei trifogli. È sparsa in tutta l'Europa 
e paesi limitrofi. In Italia settentrionale è comune. Di Sicilia 
la citano, Capiomont, Failla, Bandi. 

var. G Capiomont — Rarissima. Un solo esemplare ne raccolsimo nel 
maggio 1888 in quel di Ccistanea contrada Ariella sotto le fa- 
scine di Hedysarum da recente falciate. 

incomptiis liohm. — Rarissimo. Nel dicembre 1890 ne raccolsimo un e- 
semplare sotto la corteccia di un albero di Castagno in quel 
di Rapano. Non ci è stato tacile trovarne altri esemplari. A 
dire il vero essendo questa specie rarissima, non ci siamo fi- 
dati della sola nosira classificazione, quantunque, 1' avessimo 
perfettamente paragonata ai caratteri diagnostici del Capio- 
mont, e l'abbiamo voluto far vedere a qualche altro , molto 
più capace di noi, come il Desbrochers des Loges, che ce la 
rimise con il suo bravo nome, e un'annotazione di desiderata; 
ma non avendone alcun altro esemplare non abbiamo potuto 
soddisfare la voglia del Chiarissimo nostro amico. Il Capio- 
mont non ne vidde che soli due esemplari originari del Por- 
togallo. 
E specie interessante e nuova per la fauna italiana. 

Gen. Liinobius Schoenherr. 

dissiinilis Herbs. — Non raro. Abbiamo parecchi esemphiri raccolti qua 
là nei prati di Hedijsaruni. Gyllenhal dice che quest'insetto 
vive sul Trifolium ìnontannm, mentre Mathieu e Kaltenbach 
lo dicono proprio dei (reraniu))/, e Bold ed Hardy del Gera- 
niiini sanguineu m . 

E specie comune in tutta Europa e Algeria. De BertoHni 
cita la Sicilia il Napoletano o la Sardegna, come paesi in cui 
fu trovato in Italia. Di Sicilia lo citano pure Failla, De Ste- 
fani, Bandi ecc. 



22 



Gen, Coniatus (Gcrmar) Sclioeiiherr. 

tamarìsci F;t))r. — Coniunissiino. In tutte l'epoclie dovunque si trovano 
le Tamarix. Ne abl)ianio raccolto al Gesso, al ( Jallo, a Rodi, 
a Calamai'à, al Fai'o , ecc. ecc. Da niaf-gio ad ottobre basta 
battere la chioma delle piante su citate ; mentre da ottolire 
a maggio nelle fenditure dei rami o dei tronchi ; se ne tro- 
vano a migliaia. 

Linneo, Fal)ricio, Struve, Rossi, Damry , Capiomont citano 
come pianta ospitante la Tamarix, invece il Conte Emanuel 
in Savoia trovò la specie citata su la Myrkaria gerntanica. 

È specie comune in tutta Europa e paesi limitrofi. In Ita- 
lia è anco comune, ed in Sicilia è stata trovata da quasi tutti 
gli entomolpgi. 
repandus Fabr. — Comune. Si rinviene assieme alla specie precedente 
negli stessi posti avanti citati. Anche Jacquelin Duval, Capio- 
mont, Manuel, Pirazzoli ecc. l'iian trovato su le Tamarix. 

A dire del Bargagli questa specie però si scosta maggior- 
mente dal mare, tanto che è stata trovata in Savoia, Lom- 
bardia, Alsazia, e De Bertolini la cita per l'Italia superiore. 
Nessimo pria d'ora la citava della Sicilia , quindi essa è una 
nuova conquista della fauna siciliana , la quale se accurata- 
mente studiata, e ricca oltre ogni dire, di specie rare, e nuove. 

A questo punto termina 1' enumerazione delle specie di Hyperini da 
noi fin oggi raccolti, nelle contrade. Messinesi, e non crediamo di essere 
stati indietro agli altri raccoglitori, che parecchie specie e varietà, nuove 
per la Sicilia, vi abbiamo trovato. Vero è che non sono solo quelle anzi 
enumerate le specie trovate in Sicilia , ma se non siamo stati fortunati 
nel trovarle tutte, siamo contenti di averne trovato delle nuove. 

Ben più numerose sono le specie raccolte nella nostra ridente Isola , 
e noi ci permetteremo di completare It; poche notizie già date , col ca- 
talogo sinonimico topografico, qui seguente. 



— 23 — 

HYF>EFiIJSri 

HYFEFtA 

Oermar. 

PACIIYPERA Cnpionimit. 

* rt/ì-fa Gemi. — Sicilhì — Cap.-Hey. 

tuì-bafa Bohm. 

HYPERA s. slr. 

* hit enne dia Bohm. 

9 fu^cescens Boi ini. 
V. mannorafa Gap. — Sio.-Aiii.'intea — Vitale. 
pìiilantha Oliv. — Sic-Teruiini-Iinerese-lMessliia— Gap.-De Bert.-Failla-Giofalo- 

llmhata Dohl. [VMtale-Baudi. 

lateralìs Dejan. 

* austera Bohm. (1)— Sic — De Bertolini. 

fuscata Bohm. 
tigrina Walt. 
meì'tdionalis Villa. 
corpulenta Schauf. 
cornata Bohm. — Sic. — De Bert. 
palumbar ia Dej . 

* oblonga Bohm. — Sic. — Gap.-De Marsnel-De Bei't.-lley. 

salviae Sch. — Sic. — Gap. 
Q latipennis Bohm. 
globosus Dej. 
Bruchi Gapio.— Sic. — Bandi. 

BRAGHYPERA Gaplomont. 

circumvaga Bohm.— Sic. — Gap.-De Bert.-IIey. 

turgida Dej. 
crinita Bohm.— Sic. -comune— De Bert.-Failla-De-Stef.-Giofalo-Vitale-Baudi. 

visnagae 01. 

socialis Bohm. 



(1) Quantunque il catalogo di Berlino ne faccia una varietà della phiinnilia, pure noi 
col De.^brochcrs la riteniamo una specie distinta, come la ritenne il Capiomont. 



^ 24 — 

PHYTONOMUS Sclioenlierr. 

Donus Gap. 
. Antidonus Bedel. 

punctatus Fabr.— Sic.-P;ilcrmo-Mes. — Fail.-De Stef.-Vit.-Bau. 

pictus Four. 

austriacus Horbs. 

mevius Mars. 
fascicAilatus Herbs.— Mes.— Vitalo-Baudi. 

dauci Oliv.— Sic. — Romano. 

rariegatus Bach. 
V. lunatus Woll. — Sic. De Bert. 



DAPALINUS Capiomont. 



melea Fabr . — Sic . — Ba ud i . 
tri folli Herbs. 
horealls Gemi. 
straminea Marsh. 



TIGRINEI.LUS Gapiomont. 

* marullpennìs Fair. — Sic. — Cap.-PIey. 
pastinaca^. Rossi— Sic. — Failla. 

setosus Bohm. 
V. atblcans Gap.— Sic— Failla- Bandi. 
V. tlgrlnus Dej. — Sic. — Bandi. 

PHYTONOMUS Gapiomont 

poìygoni Fabr.— Sic. -Mess.-IMadonie—Romano-Vitale-Failla-Baudi. 

arator Lin. 
pedestris Payh. 

viiles Payh. 

suspiclosus Herbs. — Sic. — Failla. 

Tneles Gyll. 

punctlfer Sch. (ined.) 

suhfiavus Sch. (ined.) 

bitaeniatus Marsh. 



— 25 — 

murinus Fubi\— Sic.-Mcs. — Koiii.-Cap.- Vi t.-Fail. -Bandi. 

insìdiosus Bolim. 

melancholica Fabr. 

bi-KnnijX's var. Scli. 
cariahilis Hei'bs.— .Si(-.-Tur.-lMcs. — Ciof.-Vil.-Hau. 

sutHralis Kedt. 
V. siculus Gap.— Sic.-Mc5JS. — Cap.-lli'\-.-\'it.-Bau. 
pìantaginis De Gccr. — Sic.-Mess. — Vil.-Bau. 
V. posticus Gyll. — tSif.-Mt'S. — Vil.-Baii, 

riIYTONOxMIDlUS Capiomout. 

frilinmtus Marsh.— Sic. -Pai. -Ter.-Mcs. — Fall. -De Stef.-Cio.-Vit.-Bau. 

vepandus Oliv. 
V. ;>?a9iV/fffsRedt.-Sic.-Pal.-:Mes. — IX- StL-f.-Vit.-Fail.-Bau. 
nigrii-osfris Fabr. — Sic.-Pal.-Mes. Cap.-IIcy.-Vil.-Bau. 

viresaoìs Q\\en. 
V. g. — Mes. — Vit. 

* JKciOìdKs Gap. — Sic— Bellier-Cap.lley. 

* scoìynii Gap. — Sic. — Gap.-Hey. 

* constans Bohiii.— Sic.^Hey.-Ì3au. 

balteatiiH Glìev. 

Incomptus Bohiu . — Mcs . — Vitale . 

* ckae Gyll.— Sic— De Slef.-Bau. 

ìaticollis Hocch. 
qriseus Dei. 

JLìmobius 

ScìiocnJicrr. 

borea/ ii> Payk. 
dissimili^ nerl)S.-Sic-Pal.-I\Ics.— De Berl.-Fail.-De Stef.-Vit.-Bau. 
fjlobicoUis Keich. 

Coniatus 

Geriitar. 

tamari.sci Fa))r.— Sic ovunque— De Berl.-Fail.-De St.-Giof.-Vit.-Bau. 
repandns Fabr. — Mes. — Vitale. 

BAGUIDES GapiuuiuDl. 

sìinvis Gyll. — Sic— Capioniunt. 

il NataraUsCu Siciliano, Aimo XII 



— 26 — 

Biloliog-rafia, citata 

liar. — Biirg'Hjn'li P. — Hasxcgna hlohxjiva (ìci 11 in co fori cin-opi'i. l^'ircnzc 1887. 

Bau. — Bandi FI. — Lista dei liiiicofori rarcolfi in Sicilia (inedita). 

C;ip.— Capioniont G. — Révisioii de la Tribii dcs J/i/jx'ridr.s (Lac.) Paris 18(i7. 

Ciof.— Ciofalo '^. — Catalogo dei OAnottcvi di Ti'.rmiiii-Imaresc Catania 1886. 

De Bcrt. — De Bertolini S. — Catalogo sinonimico topografico dai coleotteri d' I- 
talia. Firenze 1872. 

De Mai's. — De Marsenl A. — Cataìogiis coleoptcronun eiiropcac. Paris 18G.'ì. 

De Stef.— De Stefani T., Rig-gio G. — Catalogo d.ei Coleotteri siciliani. Paler- 
mo 1882. 

Fail. — Failla L. — Catalogo dei Coleotteri di Sicilia. Palermo 1871. 

llcy.~ Heyden, Reitter , Weisc — Catalogus coleopterornni eurojxie ecc. Miid- 
ling 1891. 

Lunardoni— Gl'^ise^^i nocivi. Napoli 1880. 

Komano — Catalogo dei Coleotteri raccolti in Sicilia. Palermo 1811). 

Targ-ioni-Tozzetti A.— Annali della R. S. Ent. Agraria di Firenze. Firenze 18S4. 

Villa k.~ Bollettino dell'Agricoltura N. 18 (1874), N. 32 (1876). 



COLEOTTERI NUOVI POCO CONOSCIUTI 
DELLA SICILIA 

DIENRICORAGUSA 

Chaetarthria seminulum Payk. 

Questa specie nuova per la Sicilia , fu da ine trovata nel maggio a 
Lentini , presso il lago sotto delle pietre immerse in terreno melmoso. 
Ne trovai un solo esemplare , ina ne avrei di certo potuto raccogliere 
di più, se l'avessi allora conosciuta. 

JLleocIiara succicula Thoms. 

Questa specie nuova per la Sicilia, fu Irovata dal sig. Luigi Failla Te- 
daldi, ncirotlohre sulle Madonie, in tre esemplari. 



— 27 — 

A.theta (Traumoecia Roy.) picipes Tlioms. 

Failla-Todaldi trovò sulle Madonie noi piiiiii di ottobre duo esemplari 
dì questa specie nuova per la Sicilia. 

Bolitochara Fteyi Sharp. 

Questa splendida specie conosciuta solamente dalla Francia, fu trovata 
sulle Madonie da Luigi Failla Tedaldi che me ne inviò un solo esem- 
plare che prese dentro un fung-o. 

Bolitochara lucida Grav. 

Dissi nel mio catalogo ragionato che questa specie era nuova per la 
Sicilia, mentre il Fairmaire la descrisse di Sicilia (1) sotto il sinonimo 
di elegans , negli Annali della Soc. Ent. di Francia 1852 , pag, 71 , poi 
nel 1885 pag. ol2, dice della sua B. elegaus « il faut rayer cette espèce, 
qui n est qu'une varieté fort claire, de la B. Incida chez la quelle la cou- 
leur Jaune envahit le brun sur les élytres et Fabdomen ». 

Euryusa laticollis Heei . 

Altra specie nuova per la Sicilia trovata dal Luigi Failla sulle Mado- 
lue nell'ottoln-e scorso, ed inviatami in unico esemplare assieme alle al- 
tre specie. Credo sia stata trovata nei funghi. 

Tachinus JLederi Epp. 

Ebbi dal Failla Tedaldi tutto il materiale raccolto in una gita alle 
Madonie fatta nei primi di ottobre, e vi trovai buon numero di questa 
specie nuova per la Sicilia ed anche per l'Italia, essendo conosciuta so- 
lamente dal Caucaso ! Se l'istesso Dottore Epp?lsheim non me l'avesse de- 
terminata per Leder}., dubiterei dell'esistenza di questa specie in Sicilia. 



(1) E nou di Gnllìa, corno erroucameute è notato uel nuovo catalogo di Berlino. 



Tachyporus (Hiamprìxìus) pictus Fairm. 

Questa bellissima specie fu descritta di Sicilia dal Fairmaire, Ann. Soc 
Ent. Fr. 1852, pag. 71, sopra un esemplare spedito da Luigi lienoit. Le- 
prieur (loc. cit.) nel ISò:] pag'. LX (1), ritrovato l'insetto in Algeria pro- 
pone chiamarlo Fairmaird , essendovi già un T. pictus Er. Fairmaire 
(loc. cit.) nel 188.') pag. ?>\2, rilevando l'osserv^azione del Leprieur, dice 
che il signor E. Truqui, che aveva trovato l' insetto a Cipro, gli aveva 
già latta l'istessa osservazione proponendo di chiamarlo luctuoxns. 

Io credo dunque che nel nuovo catalogo di Bei-lino bisognava mettere: 

picUi)i Fairm. A. 1802. 71 Si. I. Ca. 

Fairmaire} Lepr. A. 18;').'),. LX. Hi. 

/ucftioms Fairm. A. 18;")"). :)12 Gr. 

Stenus atratulus Er. 

Nell'agosto scoi'so in un' escursione fatta assieme al Prof. Achille Co- 
sta, a Santo Ciro (Mare dolce) presso Palermo, trovai varii esemplari di 
questa specie nuova per la Sicilia, sotto le pietre vicino l'acqua. 

Trogophloeus (Taenosoma) parvulus Rey. 

Neil' agosto scorso trovai alla Navurra, in una fontana , alcuni esem- 
plari di questa specie che vi erano caduti nell' acqua. E nuova per la 
Sicilia. 

Sericoderus lateralis Ovll. 

Nell'ultima escursione- fatta alla Ficuzza, nel settembi'c scorso trovai 
sotto una pietra, un esemplare di questa specie nuova per la Sicilia. 

Peltinus velatus Rey. 

Dobbiamo la scoperta di questa specie nuova per la Sicilia, al signor 
Pi'of. Filippo Re, che ne trovò un discreto numero d'esemplaiM neirago- 



(1) Non ex, come citò Fairmaire Aii. Soc. Kilt. Fr. 18.").') pag. .'512 , crroro pni'O co- 
piato (^110) 11(1 nuovo catalogo di Berlino, 



— 29 — 

sto sc'oi'so, ai lag'hi di S. Nicola , provincia di Trapani. Debbo la dotor- 
lììinazioiie di questa specie al si^'. Ed. Reitter che ini scrivT'va che culi 
hi riteneva per Pelt'tnuK relatus Rey., ma forse poteva essere hi ]Vall<n-i 
Matth. di Sardeg'na. Siccome non posseggo le descrizioni di queste due 
specie, nulla di positivo posso aftermare eccetto l'esistenza del g-enei-e. 

Orthoperus punctatus Wank. 

Posseg-g-o due esemplari di questa specie nuova per la Sicilia , li ho 
trovati nei dintoi-ni di Palermo. 

Orthoperus picatus Mrsh. 

Posscg'g'o questa specie nuova per la Sicilia, in due esemphìri donati- 
mi dal Prof. Filippo Re^ che li raccolse nel dicembre a Licata. 

Ftìiypohìus Fiorianus jViatth. 

Trovai fi'a le specie da me raccolte nelle vicinanze dì Castelbuono 
un esemplare di questa bellissima e distinta piccola specie, nuova per la 
Sicilia. 

Telmatophilus hrevicoUis Aub. 

È nuova per la Sicilia , e ne trovai un beli' esemplare presso il lag'o 
di Lentini nel mag"g*io. 

Cryptophagus nigritulus Reitt, 

È nuova per la Sicilia ed anche per l' Italia ; 1' ha scoperta il sig'nor 
Luigi Failla Tedaldi , presso Castelbuono , che me ne inviò varii esem- 
plai'i in comunicazione. Fu descritta dallo Reitter sopra esemplari sco- 
perti in Asturia, Andalusia, e Lenkoran. 

Cryptophagus Brucki Reitt. 

Altra specie nuova per la Sicilia e l'Italia, ne dobbiamo la scoperta 
pure al Failla Tedaldi, che me ne donò un esemplare trovato presso Ca- 
stelbuono. 

Questa specie era conosciuta dal Caucaso, Siria, e Turchia Europea. 



30 — 



Melanoplìthalma transversalis Gyll. 

Trovai un psomplai'o di questa spocio, nuova por la Sicilia, battendo 
de^li alberi nel bosco della Ficuzza nell'ai^osto scoi'so. Mi fu determinata 
dal signor Rcitter. 

Synchìta mediolanensis Villa, 

Nei primi del setteml)re scorso, mentre pranzavo in giardiiio, venne a 
posare sulla tovaglia , attirato dalla luce delle lampade , un esemplare 
di questa specie nuova per la Sicilia. 

Romano citò la ^S. juglandU F. che io notai, ma che non posseggo, 
chi sa non sia stata invece questa specie. 

Hadrotoma hifasciata Perris. 

Posseggo cinque esemplari di questa specie , nuova per la Sicilia e 
per l'Europa, li trovai in primavera sui fiori nei campi della R. Favoi'ita 
presso Palermo. Era conosciuta solamente dell'Algeria (Bona, Teniet). 

Anthrenus verbasci L. 

var. confusus Reitter. 

Ebbi dall'amico Luigi Failla un esemplare di questa varietà, distinta 
dalla i-oi-hiuci per essere quasi intieramente ricoperta di squame gi-igio- 
l)iancastre, con le macchie oscure appena accennate. 

A.ntlirenus Biskrensis Reitt. 

Preparando degli Anikrenu.s raccolti anni or sono nelle mie escursioni^ 
ho trovato due esemplari di questa specie , cosicché oltre a Lampedusa, 
trovasi pure nei dintorni di Palermo. 

A.nthrenus versicolor Reitt. 

Trovai nei dintorni di Palermo, un esemplare di questa bellissima pic- 
cola specie ad elitre rosse, conosciuta solamente di Attica. 



— :]1 — 

Corticeus fascìatus F. 

var, unicolor Ragusa var. nov. 

Il mio amico Luigi Failla Tedaldi mi donò l'anno scorso alcuni esem- 
plari del Corticeus fasciatas F., da lui trovati sulle Madonie, alcuni nel 
mag'g-io, ed altri nell'ottobre; fra questi ultimi, trovai una bellissima va- 
rietà, assai distinta per le elitre intieramente nere, senza la fascia rossa 
sulla parte anteriore delle medesime. Del resto tranne del colorito , in 
nulla differisce dalla tipica C. fascìatus. 

Gastrallus immarffinatus Midi. 

Dimenticai di notare questa specie nella lista dei coleotteri da me rac- 
colti, nel luglio scorso a Lampedusa ; ne ti'ovai un eseniplai'e battendo 
le piante di Lentiscus. 

(confinaa) 



DOTT. (t. RlGGIt) 



CORRISPONDENZE SCIENTIFICHE MODERNE 



DEGLI 



AnimaM figiiiail mi FàMPlTfOI SIDFLUM, dd Ci|aai 

(Cont. V. An. XI— N. 6-7-8) 



UCCELLI 

rriiiiii di ooiuiiiciarc la rassegna di questa classe di aniiuaii, ad ouor del vero debbo 
dicliiararc, che il Cav. Luigi Benoit, nella sua OnìHulogia Siciliana, Messina 1S40 , ri- 
portò quasi tutte le denominazioni del Cupani , riferendole in sinouiniia delle specie a 
cui appartengono. Però non indica tassativamente le tavole e le figure, e riporta qual- 
che nome che io non ho trovato, mentre omette alcuni nomi annessi alle figure. Alcune 
corrispondenze inoltre sono nuinit'estamente sbagliate; la qual cosa va certamente attri- 
l)uita al non avere potuto il Benoit confrontare direttamente le figure, spesso imperlctte 
del Cupani, cogli esem])lari della sua collezione, come dichiara egli stesso nella prelazione 
del suo libro; cosa che io ho potuto fare mercè hi compiacenza del jNIiuistero. 



^ 32 — 

I)iil mio cjiiitu aggiungo clic ho f'iitto il lavoro osclusivanionte sulle figure ed indipen- 
(leiitcnieuto del lavoro del ]?eiioit; prima alla l>il)liotcea Nazionale e poi nell'Istituto Zoo- 
logico. Dopo ho confrontato le mie determinazioni con quelU' del Benoit, e nel nuiggior 
numero dei casi ho trovato esatta corrispondenza. Pertanto, per non moltiplicare troi>po 
le note , tralascio in generale di riportare le citazioni del Benoit, e ricorderò solanient<' 
(pielle sulle quali non mi trovo di accordò con lui e quelle non riportate da questo au- 
tore. Riporto le citazioni di Doderlein e quelle di ^Malherbe , tratte probabilmente dal 
Benoit, perchè in numero assai limitato. 

Sento ancora il dovere di ringraziare il Ministero della Pubblica Istruzione ed il si- 
gnor Cav. Giorgi , Prefetto della Biblioteca Nazionale di Palermo, i (piali, aderendo alla 
richiesta del mio Direttore Prof. Doderlein , accordarono il permesso per il prestito, nel 
Museo Zoologico, del voi. Ili del l'amphyton; permettendomi così di confrontare diret- 
tamente alcune figure del Cupaui di difficile identificazione, cogli esemplari della Colle- 
zione Ornitologica del E. Museo Zoologico dellTniversità. Confesso ciò non ostante die 
qualche determinazione resta sempre dubbia, sia per la poca esattezza delle figure, sia 
per r altìnità notevole delle specie che rappresentano. Le citazioni sono riportate lette- 
rahnente 

Per r ordinamento della classe ho seguito 1' Avitauna Italica del Prof. E. H. (iiglìoli, 
Firenze IbìSr», i>ul)blicata a proposito dell'inchiesta ornitologica italiana. 

Aegìtognathae 

Passeres-Oscines 

Voi. Ili t;iv. Ili f. -2. Cornix cinerea viU(/o Ciir- 

racchiii (^) Corvus cornix, Liim. 

» » 54 Pica (/latularia altera tranzi- 

foria seit criigiìieo violaceo 
et azztirrco colore pitta '-'' Garriiliis glandariiis, Linii. 

» » 24 f. 2. Corni.r rostrt/ j)r(iibn.s(jKc rn- 

ì}ri.s ('■'') Fregilns glacnhis, Liun. 

» » .")() f. 1. Stnniiis diliita romuf et mo- 
schatus femiita Aldr. i- 
con. (^) Pastor roseus, Liti, g'iov. 



(1) Malherbe, Faune Ornitologique de la Siede, Metz 1843, p. lofi. 

(2) Mulh., 1. e, p. i;](i. 

(3) Benoit, 1. e., p. 2!l, riporta questa figura al /'//rroavd.f aliiiiuis maiicaide in Sici- 
lia; mentre si tratta evidentemente , e sopralutto per la forma allungata del becco , del 
/'V. ijnicìtiiis. 

(4) D(jderlein. Avifauna del Modenese e della Sicilia, Palermo 1SG'.)-71 a [). 7.!, cita la 
tigura del Cu]iaMÌ tav. .Ki, che e di q' giov., e non (juella della tav. !)"_', che è di un q' 
adulto. ]\Ialhcrbe, 1. e, p. .")!». 



- 33 — 

Voi. Ili tav. 'J^ f. 2. Mendas seii Starnns rof<cmìi 
et niger marinus focmln 
Aìdì'ov. Icon. milìi mat<. Pastor roseiis, Lin. i ad. 

» » 64 f. 3. FfuujUla lomton . . . . Fringilla coelebs, Liun. 

» » 50 f. 3. Fringilla montana mas mo- 

scata . (Non cit. ria Benoit) . Fringilla montitringilla,hm.:^ 
» » 55 Frincilla montana foemina id. id. Q 

(Non cit. Ben.) 

» i 25 f. 3. Passernlus foemina (^i>n Ben.) Passer hispaniolensis, Tamm. 

» » 100 f. 3. Passrnilns moschatuK O . id. id. giov.? 

» » 72 f. 1. Coccotliraustes SìcaiIus ro- 
stro recto Coccothraustes valgaris , Pali. 

> > 72 f. 3. Viridaciola i-ì Ligurimis chloris, Liuu. 

> » 86 f, 3. Ligurinu.s ìnas vulgo Le- 

cnrn Chrysoniitris spiniis, Lilin. cf 

» » 86 f. 1. Ligarinns sen spinus foemi- 

na vulgo Lecuru ... » * Q 

» » 83 f.l f 3. Cai-dnelis mas torquatns vul- 
go Cardugiacaluni (^J . Cardaelis elegans, Steph. 

» » 81 f. 1. Citrinella, mas vulgo Jlap- 

pareddu Serinus hortulaniis, Koch. 

» > 24 f. 1. Passer canarieusis sjjurius. id. canarius, hin. (ibrido?) 

(Non cit. (la Benoit). 

» " 148 f. 2. Ziiinus di Rocca vulgo ") . Cannabina linota, Gmel. 

» » 72 f. 2. Peci icoccin loia lapidum in- 
cula id. id. 

» » 60 f. 1. Alauda congener Jonston 

vulgo Oiciruni . . . Miliaria projer, IMilll. 

» » 35 f. 2. Zivula varvarisca vulgo f-^' . Emberiza cirlus, Lin. 
» » 8 f. 1. Zivula vulgo id. eia, Lin. 



(1) Riportato dal Jieuoit, p. 104, al P. italiac: a me pure piutto.stu un P. hispaniolen- 
sis giov. 

(2) Doderleiii, 1. e. p. «0. ]\Ialh., I. l-. p. 120. 

(3) Ibid., p. 82. Malh. p. 127. 

(4) Ibid., p. H4. 

(5) Ibid., p. 88. 

Il Naturalista Siciliano, Anno XII, t> 



— :}4 - 

Voi. in tav. 73 r.l. Paasev moschafìi^i ìiujvo anspar- 
sits rostro robustlori in- 
ferae lo ng ior i. [SoncìtAien.). Einberiza schoeniclns, Liii. 

» » 88 f. 2. Parser mosdiatiDi torquatui^ id. kl. 

» » 8<i f. 4. Chalandra inat! .... Melanocorypha calandra, Liii. 

> » 78 f. 1. Chalandvclìa^^) Calandrella brachydactyla , 

[Leisl. 

» » 25 f. 1. Senza nome ^Nou tit. da r-onoii) . Alauda arborea, Limi. 

• » 4 f. 1. Alauda cìilgaris viilyo lodaha(^) id. arvensis, Limi. 

.) > 75 f. 4. Currintuiìis cnlgo^'-^) . . . Agrodoma campestris, Lin. 

» » 2o f. 2. Currentonus ex albidus et 



minor 



id. id. 



» 4 f. 2. Linguinella Tardorn, vulgo Anthus pratensis, Liu. 

(Non cit. da Benoit). 

> G3 f. 1. Linguinella sicolularum . id. id. 

(Non cit. ria Benoit) 

» 77 f. 2. Linguinella rtnn L'ex W . id. trivialis, Lin. 

» 75 f. 3. LingìiineUa ficedularunii'^) . id. id. 

» 47 f. 2. Alauda vulgari minor ac fu- 
scior caudam et rostrum 
longaA*'') id. obscuras, Latli.? 

» 132 f. 3. Motacilla /fava Jonston aeu 

mas (7) Bndyies Gavns, Lin. 



(1) Benoit la riferisce, p. '.)7, allii A/, a ritorca : per il suo nome volgan; sieil. apiieua 
latinizzato, e pei suoi caratteri, va riferita alla Crd. hrarl/i/ilarfi/la 

(2) Malli. 1. e. p. 107. 

(3) Benoit, (p. 9G e 97) riporta il Currinfiini, alla (hd. rrisfafa colla quale ha nulla 
a che fare; il Cìcrrmtouiis ecc. alla Cidiouì. bradi urlarf ala, alla quale non «omiglia aflatto. 

(4) Doderl. 1. e. p. OS (.1. arhorrn.^). 

(5) Benoit, p. 95, lo rii)orta al pratcnsia: a me pare piuttosto trivialis. 

(6) Benoit, p. 93, lo crede .1. caìiriicstris: tenuto conto della tinta oscura della figura 
e l'accenno fatto nella frase la riferisco dubbiamente all'yl. ohaciiriis ; in tutti i casi mi 
parrebbe sempre più vicino al tririalis. 

(7) Benoit, p. 87, e Malherbc, {). 93, la riferiscono alla .1/. boar/ila; dall'esaine della fi- 
gura mi pare più affine al B. flarus. 



— 35 — 

Vc»l. Iiri;i\'.l.")2 f. 2. MofaciUa aìba seu f emina (^) Bmlytes Savns, Un. 

» > TiO f. 2. MotaciUa tnoscata fuxca vul- 

go Pispisa vivritana . . id. cinereicapillns, Savi. 

» > 25 f. 4. Senza nome (Non dt. Benoit) . MotaciUa alba, Limi. 

» » CI f. 2. ^^ofacilla cinerea nrojyygio 
et jjodice flavo cauda hm- 
gissima Saituni vulgo (-h Calobates melanope, Pali. 

» > 78 f. 5. Uropggium, candidum fe- 

mina (Noe cit. da Benoit). . Saxicola Oenanthe, Limi. 

» » 74 t'. l. Cauda alba mas .... id. stapazina, VieilL cT 

» » 70 f. 2. Lyngi afflnis vulgo Cudu- 

russuni Monticola saxatìlis, Lin. 

» » 71 f. L Pseudo-Tuì'dus moschafus . Menila nigra, Leacli. 

» » 27 Merulus alba macula in g Il- 
la (•^) id. torqnata, Limi. 

» » 4'J Turdorum Rex sive Turduli- 

cus Tnrdns pilarìs, \Àw. 

» » 73 f. 3. Tiiì'dus enigineo-candidima- 

culis id. miisicns, Lin. 

» » 8G f. 2. Tuì-dus viscivorus vulgo 

Turdorici (^) id. viscivorus, Lin. 

» » 31 f. 1. Lìisciniarum Rex vulga. . Aèdon Lnscìnia, Lin. 

» > 04 f. 1. Pectirubrum Erithacns rnbeciila, Lin. 



(1) Senoit, p. 87, riferisce questa e la successiva figura .alla M. alba; siccome mancano 
entrambe della caratteristica macchia nera del petto, ed anche per altri caratteri, riporto 
la prima al B. flanis e la seconda al B. einnrcicapìlhis, ai quali si avviciuano di ] iù. 

(2) Il Saituni dei Siciliani corrisponde precisamente alla C. melanope {M. boari da ) : il 
Benoit erroneamente lo riporta al B. cinereicapillns. 

(3) Doderl, 1. e. Gap. IV. Aggiunte ed annotazioni ecc. p. 335, cita questa specie del 
Cupani, riportandola però come tav. 53, secondo cioè la primitiva numerazione dello ta- 
vole, fatta da un lato e dall'altro. 

(4) Il Prof. Doderlcin, 1. e. p. 107, riporta questo nome di Tttnlurici, sec. dipani, al 
T. pilaris; la figura però si riferisce evidentemente al T. risr-irorns, al quale la rijiorto. 
Al pilaris riferisco invece col Benoit e col Maliicrbe , il Tardalicas precedente, che vi 
si assomialia abbastanza. 



— 3G — 

Voi. Tir 1;av.84 f. ,'». Cauda nthra waftO) . . . Rnticilla phoeniciiriis, [iin. cT 

• » 142 f. 3. Camìe rubra ^ . O 

» » 139 f. 1. Caudcrubraruw JRt'gitta . . » titys, Scop. 

* » 4G Bacnlaseit sepcs cacans vul- 

go 7ìias Pratincola riibicola Lin. 

» > 87 f. 5. Badila seti sepes cacans foa- 

Ttiina id. id. 

» » 8 f. 3. Sepes seii haculum cacans 

transitoria id. rnbetra, Lin. 

» > 44 f. 2. Ficedue species Eostrmn lon- 
gum dieta pizzu long te 
vulgo *•') Sylvia orphea, Temm. 

» > 87 f. 4. Oculi minti veraces vulgo . id. cinerea, Beclisl. 

> » 85 f. 3. Oc\di rainti vulgo (^) . . id. id. 

» » 100 f. 4. Oculi minti vulgo mas . . id. currtica, Liii. 

» » 100 f. 1. Incipri vulgo W .... id. conspiciiiata, LciMann. 

» » 8 f. 4. Ficedula cinerea recto rostro 

» seii nostratis ('') .... Jtfanachns hortensis, Boclist. 

» » 8 f. 5. Viridaceolum minus . . . Phylloscopns sibilatrix,Bcchs. 

» » 78 f. 2. Alhidus vulgo maior . . . id. trochiliis, Limi. 

» > G7 f. 1. Regulus non cristatus . . id. id. 

» » 08 f. 1. Albidus minor alter ciucra- 

ceus (") id. Bonella, Vieill. 

> » IG f. 3. Regnlus viridaceolus maior id. id. 

(contiìiiia) 

. (1) Benoit, p. (58 e 06, riporta erronoaiiieiite la Canlrnibrarìiin. reginn alla lì. phocni- 
ciiruR, mentre evidentemeute si tratta della 1!. /iti/s; e riporta a questa specie la Cmnlp 
mhra che è E. jìlioeniciirns. 

(2) Doderlein 1. e. p. 120. 

(3) Ibìd. p. 121. Malh. p. 79. 

(4) Ibid. p. 122. 

(5) Benoit, p. 30, la riporta alla SUla europea ; secondo me non ha nulla a che fare 
colla specie in parola. 

(6) Benoit, p. G3, la riferisce alla S. uìclanocephala; ebbi anche io questa idea ma esa- 
minando bene la tìs-ura dovetti ricredermi. 



— 37 — 

CONTRIBUZIONE ALL' ENTOMOLOGIA MARCHEGIANA 

Gli Ortotteri del territorio di Osinao 

PER 
LEONELLO SPAUA 



DUE PAROLE DI PREFAZIONE 



In tutte le provincie italiane, sì nei passati come nei tempi più vicini, 
vi furono ingeg:ni eletti che sebbene ricchi di beni di fortuna, pure non 
sdegnarono occuparsi dello studio delle produzioni naturali del loro paese, 
lasciando fama imperitura di dotti e profondi osser\ atori. I nomi di que- 
sti sarebbero troppi a tutti registrarli, uè questo sarebbe il caso di farlo. 
Solo le Marche , paese atto quanto altro mai a questi studi per la sua 
varietà di produzioni , solo questo paese, non ebbe la sorte di avere un 
Naturalista, Sebbene in questi ultimi tempi , di risveglio delle Scienze 
Naturali, salvo di pociii che si sono dati o allo studio della Geologia o 
della Botanica e ne sono valentissimi professori, pure la Zoologia, come 
quella scienza che per i suoi molteplici rami presenta più risorse e più 
attrattive , salvo di qualche dilettante di Ornitologia e Conchigliologia, 
non è sorto ancora alcuno che la professi e a quando a quando , sulle 
varie parti di essa ne renda di pubblica ragione le osservazioni fatte. 

Tal fatto, io non so se chiamarlo col nome di disgrazia, o con quello 
di noncuranza, il fatto palese si è che tutti o quasi tutti nel nostro paese 
fanno se non il viso arcigno, almeno quello fanno di compatimento, com- 
piangendo coloro che il tempo perdono in queste inutili (essi dicono) oc- 
cupazioni. Eppure qualche volta hanno bisogno di ricorrere all'Entomo- 
logo od al Zoologo per spiegarsi dei fatti che col loro corto ingegno non 
potevano chiarirsi; e via una volta questo malvezzo, si rispetti anzi si 

favorisca chi di questi studi si occupa ! Di questa stregua di uomini 

parassiti e di puri speculatori non era però quel valentuomo che fu, il 
venerando Prof. D. Leopardo De Angelis morto venticinque anni or sono. 
Profondo Botanico quanto insigne zoologo , il tempo che non era occu- 



— 38 — 

pnto noi suo ministero, lo spendeva in questi studi. Gli scritti che lasciò, 
(giacché nulla pubblicò per le stampe) fanno fede abbastanza quanto sa- 
pesse oltre in Botanica e lo prova ancora il bellissimo Erbario Osimano 
compreso in 24 cartelle e ricco di più che mille esemplari, ora la mag- 
sior parte avariati per il molto tempo in cui era stato lasciato inosser- 
vato tra la poh^ere degli scaftali della Biblioteca del Collegio. Da questo 
Erbario si rileva la classificazione Linneana che seguiva il compilatore 
e la pazienza e lo studio che vi pose avendo ciascuno esemplare fornito 
di osservazioni pratiche molto accurate. Aveva ancora dato principio ad 
una piccola raccolta di Conchiglie, ma per la morte la lasciò disordinata 
ed andò sparsa qua e colà. Si occupò ancora di Ornitologia e di Ento- 
* mologia come si può arguire dai moltissimi appunti lasciati nei suoi li- 
bri prediletti del passaggio o della comparsa di questo o quell'animale. 
Ad ogni modo se per gli scritti il De Angelis nulla consegnò alle stam- 
pe, da questi però emerge e la profonda scienza e la gran pratica che 
aveva. 

Altri dopo il De Angelis , che io mi sappia , non si occupò in Osimo 
di Zoologia seriamente, ali" infuori di qualche Signore (il Mazzoleni e 
rOrsi) che hanno una bellissima raccolta Ornitologica , importante dal 
lato tassidermico e locale, del resto non vi fu alcuno. Onde io, nell'idea 
di contribuire dal canto mio almeno in parte alla compilazione della 
fauna marchegiana , dopo essermi occupato parecchio di Zoologia gene- 
rale, volli tentare , ad esortazione di alcuni amici e di vari giovanetti 
dilettanti di Entomologia, di pubblicare un lavoretto che per passatempo 
composi sugli insetti del territorio Osimano e che intitolai Entomologia 
(Jsimana. Non appena fatta la pubblicazione, mi accorsi che le ricerche 
che aveva fatte per il passato non erano state sufficienti dopo le ultime 
di quest'anno, per cui detto lavoro mi sembrò mancante e mi accinsi a 
rifarlo, aggiungendovi il prodotto delle ultime caccio e dando al lavoro 
un aspetto più scientifico e pratico allo stesso tempo. 

Richiesto gentilmente per lettera dal valentissimo Entomologo di Pa- 
lermo il sig. Enrico Ragusa , di pubblicare qualche mio lavoro entomo- 
logico sul pregevole pei'iodico il Naturalista Siciliano da Lui diretto, ac- 
consentii e gli consegnai la presente Nota sugli Ortotteri finora trovati 
nel vasto territorio Osimano: a questa nota terrà dietro quella sui Le- 
pidotteri. 

Possano (piesti due miei lavori incontrare il favore dei lettori del Na- 
turalista Siciliano, alla cui benignità ed al cui sapere io mi rimetto pie- 
namente. 



30 — 



ORTHOPTERA 



Suliordo I. — O-en-u-ina, 
Fani. I. — Forfìcularìa 

Gen. 1. — Anisolabis, Gene 

A. moe.stn, Gene. — Estate ed Autunno in tutto il territorio per i campi 
e sotto i detriti di foglie nei boschi e nelle siepi. 

Gen. 2. — Labia, Leach 

L. minor, L. — Autunno in tutto il territorio sui letamai. 

Gen. 3. — Forficula, Lin. 

F. nuriculdt-m, L. — Primavera, Estate ed Autunno in tutto il territorio 
comune sul gelso e sulla vite. 

Fani. IL — Blattodea 

ECTOBIDAE 

Gen. 4. — Ectobia, Westw. 

E. vittiventris, Costa. — Estate: dintorni di Osimo, due soli individui tra 

l'erba del mai'gine di un fosso. 
E. lapponica, L. — Primavera ed Estate. In tutto il territorio nei luoghi 

incolti e sui prati, 
E. nkeens'tSjVìYÌiì. — Estate: in tutto il territorio frequente sotto i detriti 

di foglie nei boschi. 

PHILLODRCMIDAE 
Gen. 5. — Loboptera, Germ. 

L. decipiens, Germ. — Primavera : M. Ragalo e Selva Simonetti sotto i de- 
triti di foglie. 



— 40 — 

Fani. III. Feriplanetidae 
Gen. 6. — Periplaneta, Burm. 

P. orienfalis^ Fab. — In tutte le stagioni nel territorio ed in città sotto i 

focolari nelle case e nelle stalle. 
P. americana^ L. — In tutte le stagioni, non però comune: nelle stalle. 

Fam. IV. — Mantide a 

Gen. 7. — Mantis, Lin. 

3/. reUfi'ìoxa, L. — Estate ed Autiuino. Frequentissima nei Monti di S. Ste- 
fano. 

Gen. 8. — Empusa, Charp. 

E. egena, Chai'p. — Estate ed Autunno nelle stesse località della prece- 
dente. 

Fam. V. — Phasmodea 

Gen. 9. — Bacillus, Fab, 

B. Possii, Fab.— Estate ed Autunno; sulle mura e sugli alberi non però 

comune. 

Fam. VI. — JLcridioidea 

TRYXALIDAE 
Gen. 10. — Tryxalis, Lin. 
T. nasata, L. — Estate ed Autunno in tutto il territorio nelle stoppie. 

Gen. 11. — Paracimena, Fisch. 

P. f ricolor, Thunb.^ — Estate : in quasi tutto il territorio nei prati umidi. 

Gen. 12. — Crysochraon, Fisch. 

C. bradi i/pf era Sj Ocyh. — Estate : un solo esemplare nella stoppia a M. 

S. Stefano. 



— 41 — 

Gen. lo. — Stenobotrus, Plsch. 

iS. ritfìpe.s, Zett. — Estate ed Autunno in tutto il territorio sui eampi e 

sui prati. 
S. bicolor, Cliarp.— tastate .• in tutto il territorio sì nei prati come in co - 

lina. 
ò'. viridutus, L. — Primavera;, Estate ed Autunno. Selva tìimonetti, M. S. 

Pietro, e prati di Rig'o : sui prati. 
iS'. hìguftulus, L. — Estate. M. Fiorentino e ^[. Ragalo sui prati;, non però 

frequente. 
S. lineatila, Panz. — Estate, un solo individuo sulla stoppia a M. Torto. 
S. petraeii>>^ Bris. — Estate, un solo individuo a M. S. Stefano nella stoppia. 

Gen. 14. — Gomphocerus, Tunb. 

G. rufas L. — Estate : in tutto il territorio sui campi e sui prati. 

Gen. 15. — Epacromia, Fiscli. 

E. iStrepen/^, Latr. — Estate ed Autunno : in tutti i campi e prati del ter- 
ritorio. 
E. fkalasdua, Latr. — Comune come la precedente in tutto il territorio. 

Gen. 16. — Oedipoda, Latr. 

O. coeruleacensj L. — Estate ed Autunno. In tutto il territorio nei campì 

aridi e nelle stoppie. 
O. gratiom, Serv. — Comune come la precedente. 

Gen. 17. — Pachitilus, Fieb. 

P. nigrofasciatiDi, De Geer. — Estate. Frequente sulle mura erbose della 

città. 
P. chieraficens, Fai). — Più comune del precedente nelle stesse località. 

Gen. IH. — Acridium, Geort". 

A. aegyptium, Latr. — Estate ed Autunno: in tutto il territorio per i campi 
e sulle siepi. 

Il Nuiaralisla Siciliano Anno XII 6 



— 42 — 

Gen. 19. — Caloptenus, Burm. 

C. italkmy L. — Estate : in tutto il territorio sui trifogli e nel foj-mentone. 

Gen. 20. — Pezotettix, Burra. 

P. pedestris, L.~ Primavera ed Estate: M. S. Pietro, M. S. Stelano, M. Ra- 
galo, M. Torto, Casenuove e Prati di Rigo: nei prati. 

Gen. 21. — Platyphyma, Fisch. 

P. Giornae, Rossi — Estate, frequente nel territorio sui prati. 

TETTIGIDAE 
Gen. 22. — Tettix, Cliarp. 

T. depressus, Bris. — Primavera, Estate ed Autunno : in tutto il territoi'io 
sui campi e prati, 

T. nabidalus, L. — Estate: fi'equente in tutto il territorio come il prece- 
dente. 

Fam. VII. — Liocustidae 

PHANEROPTERIDAE 

Gen. 2o. — Phaneroptera, Serv. 

Ph. phalcata, Scop. — Estate ed Autunno in tutto il territorio nei luoghi 
incolti. 

Gen. 24. Tylopsis, Fieb. 
T, Ulipliolia, Fab. — Estate: un solo individuo sul rumex ai prati di Rigo. 

LOCUSTIDAE 
Gen. 25. — Locusta, De Geer. 

L. viridLsdnia, L.— Estate : comune in tutto il territorio si al piano co- 
me in collina. 



— 43 — 

DECTICIDAE 
Geli. 26. — Racocleis, Fieb. 

Jt dtscrepan.^, Fioh. — Estate: M. dei Cipressi, M. Rag-aio, fossi del Giiaz- 
zatore e di S. Valentino, nelle siepi. 

Gen. 27. — Decticus, Serv. 

l). alUfì'om, Fai).— Estate ed Autunno : in tutto il territorio nei eampi 
assolati. 

Gen. 28. — Thamnotrizon, Fisch. 

T. Chahi'ìeri, Charp.— Priinavera ed Estate: M. S. Stefono e Casenuove 
sulle viti. 

EPHIPPIGERIDAE 
Gen. 29. — Ephippigera, Latr. 

E. ritium, Serv. — Primavera ed Estate: M. S. Pietro e Casenuove non 
comune sulle viti. 

STENOPELMATIDAE 
Gen. 30. — Troglophilus, KoU. 

T. ciii-icohi, Koll. — Estate. In Osimo quattro individui in una ji'rotta in 
casa Costantini. 

Fam. Vili. — Gryliodea 

OECANTIDAE 

Gen. 31. — Oecantus, Serv. 

O. lìellucen^, Scop.— Estate : comune nel territorio sui campi e sulle viti. 

GRYLLIDAE 
Gen. 32. — Nemobius, Serv. 

N. ^ijh-e>^frìx, Bordi.— Estate : comunissimo in tutte le selve ed i campi 
del territorio. 



44 — 



(leu. i)-). — Gryllus, Liii. 

G. ccDupefìfrin, L. — Primavera ed Estate : in tutto il territorio sui eainpi 

e prati. 
G. dornestficu!^, L.— Estate : in città e campagna nelle case. 
G. arvemis, Ramb. — Primavera ed Estate comune in tutti i pi-ati. 

Gen. M. — Gryllomorphus, Fieb. 

G. (ìahììatinus, (Jcsh. — Autunno: in città, nelle cantino fra i deti'iti di 
leg-na però non frequente. 

GRYLLOTALPIDAE 
(len. o.'). — Gryllotalpa, Latr. 

G. vìth/aHii, Lati'. — In tutte le stagioni nei campi umidi e grassi e ne- 
gli orti dove reca danni rilevantissimi. 

Subordo IT. — DPsei:Ld.o3aevroptera 

AMPHIBIOTICA 

Fam. IX. — IjihellulicLae, Westw. 

rien. oB. — Libellula, Lin. 

L. depreiisa, L. — Primavera ed Estate : in tutto il territorio nei luog-hi 

soleggiati. 
L. fìaveola, Fon.— Estate. M. S. Pietro, Monti di 8. Steftmo e M. Rag-aio, 

nei luoghi stessi della precedente non però frequente. 
L. l'crnici'nìea, L. — Estate. M. S. Pietro sopra un cespuglio di quei'cia. 

Fam. X. — A.grionì(les 

Gen. 37. — Lestes, Fab. 

L. vh'idh, L.— Estate ed Autunno: in tutto il territorio sull'erba dei mar- 
gini dei fossi dove perenne scorre l'acqua. 

(xen. 38. — Agrion, Vandl. 

A. jiueJ/a, L.— Autunno: in tutto il territorio nei luoghi freschi. 



— 45 — 

A. cijatlgeruw, Cliarp. — Estate. Due soli individui in copula sopra un ce- 
spuglio di pioppo sul lìiargine del tosso di Scaricalasino, 

Gen. o9, — Calopterix, Lin. 

C. ftplemìenfi, L. — Estate : in tutto il territorio sui cespuijli bagnati dalle 

acque nei rig'ag:noli. 
C. virgo, L. — Estate : comune nelle stesse località colla precedente. 

Fam. XI. — Ephemerìdae 

Gen. 40, — Ephemera, Lin. 

E. vulgata, L. — Estate ed Autunno: comune in tutto il tori'itorio sui prati 
freschi, e nei margini dei fossi lung-o le strade. 

Subordo III. — :E=liisopod.a. 

TEREBRANTIA 

Fam. XII. — TJtiripsidae 

Gen. 41.— Thrips. Halid. 

T. urffcae, Fab. — Primavera ed Estate : in tutto il territorio frequente 

sulle ortiche. 
T. cerealium, Halid. — Estate : dannosa alle spigfhe di grano , non però 

comune nel territorio. 

Gen. 42. — Sericothrips, Hall. 

S. iitaphilinns, Hall. — Estate : Monti di S. Stefano e prati di Rigo, due 
soli esemplari l'uno sulla ginestra e l'altra sul Crisantemo. 

Gen. 4o. — Coleothrips, Hall. 

C. fasciata, L. — Primavera : prati di Rig-o sull'Amorino silvestre. 

Gen. 44. — Physapus, Degeer 

Ph. ater, Deg. — Primavera ed Estate: Monti di S. Stefano e prati di Rigo 
sul Crescione e sull'Ortica. 



— 4G — 

CATALOGO SINONIMICO E TOPOGRAFICO 

DEI 

C un e UL.IONID I di Sicilia 

por Vitale Francesco Ag-ronoiiio 
di Messina. 



)('(irit. vpil. Niim. [iror.l. 

Oonere ANISORRHYNCHUS Schoeiiherr. 

hajuhis 01. Cio.-Vit. 

curfus Perr. monaclius Gerin. — S. comune— De 

V. harbarus Rohm. — S,P.-M. — M.a)-De B.-Fa.oj-De St.-Cio. 

De B.-De St.-F;i .a )-Cio.-Hcy . Vìt.-Bau. 

-Vit.-Bau. V. siculus Bolim. — S. — Seli.-De 

* V. rnfelitnafMs Dosb. — S.— Hey. M.rt)-Do B.-IIey.-Bau. 
mo-mi Bohm.— S.T.I.-M. — DeB. 

Genere LIPAKUS Olivier. 

(lìì'us Tlerbs. laevigatus Gyll. 

(jldhnifìts Fabr*— T. I.— Ciò. coronatus Goez.— To. — \'it. 

Genere PLINTHUS Germar. 
Sub-gen. Meleus Lacordaire. 

* Megerlel Panz. * graualipenni.s P'air. — S. — Lac.-Hey. 

V. Tisc lievi Gerni.— S. — ¥&..h) partheìiius Costa 

Genere LIOSOMA Stephens. 

* scrobiferum Rott.— S.-Rott.-De B.-De St.-Hey.-Fa./>>Bau. 

* Stierllni Tour. — fS. — Lac.-De B.-Hey. 

Genere ITA Tournier. 

* crassirostrls Tour. — S. — Hey. 



— 47 — 



Genere STYPIILODERES Wolkiston. 



e.Tculptus Bohm. (1)— S.— Sch. 
littoralis Mots. 



Tribù HYPERINI Capioiiiont. 
Gen. IIYPERA Geniiar. 
Sub-gen. Pachypeka Capiomont. 



* cijrta Gcrni.— S.— Cap.-llcy.-Baii. 
turbata Boli tir 



Sub-geu. IIypera s. str 



* iìiterniedia Bollili. 

Q fuacescens Bolini. 
V. marmorata Gap. — M. Amautca 

— Vit. 
philanta 01.— S.-M.-T. I. — Cai).- 
De B.-Fa.rO-Cio.-Vit.Bau. 
limbata Dahl. 
lateralis Dejan. 
V. austera Bohiii. — S. — De B. 
fuscata Bohm. 
tigrina Walt. 



itu'.rixlioiialis Villa 

corpulenta Sehauf. 
cornata Bohm.— S. — De B. 

paltimharia Dejean. 
ohlonga Bohm.— 8.— Cap.-De Ma.fv)- 
De B.-Hey. 

salviae Sch. — S. — Gap. 

Q latipennis Bohm. 

globosus Dej. 
Brucki Gap.— S.— Bau. 



Sub-gen. Brachypeka Ga|)iomont. 

circumvaga Bohm. — S. — Gap. -De B.-Hey. 

turgida Dej. 
crinita Bohin.-S.-P.-T. I.-M.— De B.-Fa.oj-De Sl.-Ciuf.-Vit.-Bau. 



(1) Schoenherr avea posto tale insetto nella legione seconda dei Mecorrliyìichi nel ge- 
nere 444" Tracltodcs Gennai- (SchiippclJ. Però il Lacordairt» notava come il poxto conve- 
niente per tale insetto era nel groppo dei Cossonidi , dicendo che era il tipo del nuovo 
genere Cote*-/t'y Mots. Nella divisione del detto genere Co/nslcr. Vcsrti/ptNs divenne il tipo 
dell'attuale genere Shii)ldii(h'rcs Woll. e ritornò vicino il primitivo genere Tracltudctì da 
dove era stato molto allontanato. 



- 48 - 



Sub-geo. Phytonomus Sclioeiiherr. 



puìictatun F.— .S.-P.-M.— Fa.r/y-De 
Sl.-Vit.-B;iu. 
picfiis Four. 
austfiaciis llerbs 
medius Murs. 



fanclcuìatus Ilf.rbs — S.-M.-S. \ii\'\- 
iieri-Scopi)0— ViL-Baii. 

da uri 1 i V . — S . — Koi u . 

ffiflegatits Badi. 
V. htìiatiis WolL— S.—De B. 



meles V. — S. — Bau. 
tri folli llorbs. 
horealis Gerni. 
straminea Mars* 



Sub-gen. Dapalinus Capioinont. 



Suf^-gcn. TiGKiXELLUS Capioniout. 



marallpeuìiix Fair. — S. — Cap.-Hey. 
pastiaarac Rus — S. Fa.o)-Ban. 

setosa Bollili. 
V. tigrinxs Bulini. — S. — Bau. 
V. allncaiiii Gap. — 8.— Fa.nrj — Bau. 



Sub-gen. Phytunomus Capioniout. 



arato)' L. 
jìolygoni L . — 8. - M.-iAIa. — R(j.-Vi- 
tale-Fa./>;-Bau. 
pedastris Payk. 
■mlles Payk. 

s asplcios US Herbs . — I . — Fa . /)) 
meles Gyll. 
murinus F.— S.-M. -Ko.-Cap.-Vit. 
Fa./;)-Bau. 



/;/.s iodiosus Boll in . 
carialnlis Herl)s. — S.-I\I.-'J\ I . — Ciò. 
Vit.-Bau. 
suturalis Reitt. 
V. siculus Cap. — S.-I\l. — Cap.-Hey. 

-Vit.-Bau. 
plaittaginis De Geer. — ]\L — Vit. 
V. posticus Gyll. (1) — 8.-M.— Vit. 
Bau. 



il) II MUOVO cMtalo.iio (li I>('HiiK) , j)oiie (jiif^tii variclù al P. raritiliili-v ncrl)s., mentre 
il Ca[>i(>iiiont , scMimu di injstirii^ ne avesse^ visto, nel r(irìabili)> Ht'rl)s., nel cicac Uyil., 
e nel plantaginis Dclt. pure lo trovo mollo più aliint' a cpiest' ultima specie, e ne lece 
una varietà, come dilalti deve essere. 



— 49 ^ 
8ub-g-cii. ]'iivT0X0MiDiu8 Gap. 

tvillneatm Marsh.— S.-P.-T. l.-M. *.y/«r<uir?;f*- Gap.— S.— Bcl.-Cap.-Hey. 

— Fa,f/)-Uc 8l.-Cio.-Vil.- 13a. * scohjmi Gap. — S. — Gap.-Hcy. 

repandus 01. =^= roMsto/w Bohm.— S.— Gap.-lIey.-Ba. 

V. plagintHs (1 ) Rodi.— S.-P.-M.— ha/trafiis Ghcv.— S.— Gap. 

De 8t.-Vil.-Fa./0 Incomptm Bolun.—M.— Vitale 

iiigriro.sfrìs V. — S.-P.-M. Gap.- * cicae Gyll. — S. — De Sj. 

Vit.-Fa.ò)-Bau. Jaticoì/if< Hoccli. 

V. G. — M.— Vit. (jriseus Dej. 

Geu. LIMOBIUS Sehoeulierr. 

boreaìis Payk. 

dis-simiUs Herbs.— S.-P.-M.— De B.-Fa.a) De St.. Vit. -Bau. 
glohicoUis Keicli . 

Geli. GOXIATUS Gerniar. 

tamarisri F.— S. coiiume — De St.-Fa.a)-De St.-Gio.-Vit.-Bau. 
repandus F.— M. — Vitale 

Sub-geii. Baguides Gapioiiiont. 

sua vis Gyll. — S. — Gap. 

Tribù ERIRRHININI Slieriin. 

Sul)-Tribù DEUOLO^JIXA Weise. 

Geli. DEKOLOMUS Selioetilierr. 

chamaeri/pis F. — S. — De B. 
Antùjne Keitt. 

Sub-Tribù ACENTRINA Weise. 
Geu. ACEXTKUS Sehoeulierr. 
ìiìstrio Bolim.— S. — De B.-Barg". 



(1) Il uuuvo catalogo porta quesita varietà come siuouiuio della specie; ciò è im errore. 
Il j\aCuralid(a iìiciUanOj Anno XII 7 



— 50 — 



pini Liu. — S. — Ko. 



Sub-Tribù nSSODlNA Weise. 
Geu. P18S0DP:S Gcrm. 

Sub-Tiibù EHIURHININA Wei«e. 
Geli. PAGllYTYCHIUS Jekcl. 



Siib-geii. Styplotychius Jckcl. 



* Pì,cteti Tour.— 8.— De M.a)-De B.-lIey. 

* sellatus Lue. — S. — Hey. 

Lucasi Jekel— l.-P. — De St. lley. 

* haematoceplialns Gyll: — 8. — Bau. 
Kifschi Tour. — S. — Rag'usa. 
sparsittus 01.— M.-P.— Vit.-Fa.a)-Ko. 

pernix Gyll. 

Sub-g'eu. Bakytvohius Jekel. 

hord^ii Bruì. -8. -M.— De B.-Fa.r<)-Vit.-Bau. 

GeD. AUBEONYMUS Duval. 

carinicoUis Lue — 8.— Lac.-De B.-Fa.rt)-IIey.-Bau. 
pulchellus Duv. 

Gen. DORYTUMUS 8tepliens. 



long imanus Fors t . 

vorax F. — S.-P.-M. - Fa.r^-De 
St.-Vit. 

Frivalchzkiji Tour. 

aurìpennis Desb. 
taeniatus ¥. 

maculatila Mars. — 8. — De B. 



hituhavculafati Zeli. 
Silbermaan i AVeucli . 
* occalescens Gyll. — 8. — De B. 
piratiis Dej. 
domai is L.— vS. — Ko. (1) 
sanr/uinolrntus Bedel 



li) Il Iloinauo ravca ])uslu nel gi'ii. h'hijnclnicmis Latr. 



SuI)-TrilHi SMICRONYCHrNA Weise. 
Gen. SMICRON YX 8clioenlierr. 

cì/aìU'ìi.v Gyll. — S. comune — De B. variegatus Gyll. 

Fa. rt)-De St.-Cio.-Vit.-Bnii.- pimcticoUis Tour. 

jMinA. ^ nebulosHs Tour. 

Jiii>t/rì-m<nniiap Ivoicli.— S. — De B. .'' modestiis Tour. 

cicìi)- Gyll,— AF.— Vit. * cretacem Tour.— S.— Bnu. 

Sub-Tribù BAGOINA Weise. 

Gen. BAGOUS Schoenlierr. 

Sub-o-en. llELMiDOMonrnus Cuss.nc. 

* petvo Herbs. 

Auhpì. Cuss.— S.— Fn.?>; 

Sub-g-en. Lyprus Selioenherr. 
ry/iiìdrìis Payii. — S. — Ro. 

Sub-o-en. Ragous s. str. 

liifìdosìiti Gyll — S. — De B. inaortfus Gyll. 

fnnnicfitorum Duv. luilophllus Redt. 

d,>rs<(lh Pcrr. ? _S.— Fa-/>) 

(t)'()illac('ii>i Gyll. ^ 7-cosfafus Chev, — S. — Bau. 

en<-((iist(is Bohm.— S. — Fa.ò) 

Gen. PSEUDOSTYPHLUS Tour. 
Sub-g-en. Oryx Tour. 

nitidns Chev.— S.-P.— De B.-Fa.a)-De St.-Hey.-Bau. 

Gen. ALAOCYBA Perris. 
Sub-gen. Raymoxdia Aubé. 

* sieìil<( R(jtt.-S.-Rot.-De B.-IIey. 

Sub-Gen. Alaocvba s. str. 

* carì.nulata Perr.— S.— De B.-Hey. 

(continua) 



F. MINA-PALUMBO 



(Rettili ed (Anfibi Mebrodensi 

(Cnlll. V. Atl. XI. .\. 11) 



Genere Elaphis Bonap. 

Due scudetti in'eoeulart, e due postoculari , squame del dorso g-raudi a eou- 
torno ovale a romboidale, nel mezzo del dorso sono spiccatamente carenate ne- 
gli adulti e nella et<\ media, e piane nei lati, lisce nei giovani, disposte in ven- 
ticinque serie, i scudetti marg-inali della mascella superiore sono otto per parte, 
hanno costumi consimili alle specie precedenti, vivono in terreni umidi. 

Elaphis quaterradiatus Gmel. 

E. capite ovato ohtiiso, scutrlto m-ficali hrcvi , ponticc pat-nm a/igu/ato, riffa 

postocAilari nigra : caiida (/iiadraiifa/i. t'^cud, ahcl'/m. 200-214, sruf. satt- 

rau. par. 68-80. 
Jiirtntis. Aìbo-cinerrus obsolete qi(adrilineat((s^ pileo lìigro: dorsi tnaculis nigri 

rliombeis triseriaìihiis- laterilxis irreguìarifer ìngro-macniatis : sttlttus ni- 

gro-chaUjl)aeus casfaiteo all)id(KjUe rarins. 
.Iunior. Castaiieo rufesceìis; maeuìis fnscessenti1)ns triseriatibas obsolefis, lineis 

quatuor ìoiigitadinaìibìis evideutiorifnis : sul>tvs allùdo c/ialgbaeqiio viar- 

morata. 
Adxltits. Olivaceo coriieus, lineis tifrinque duabiis fiiscis lougitiidinalibiis, siib- 

tì(s stramineus, pileo concoolore. Bnp. 

Sinonimi 

Colaber (jnadriliiieatifs Lat. Ela}>hi,s (juadrilineatus Bonnp. 

— Elaphis Sliaw. — quaterradiatus Dum. Bib. 

Natrir Elaphis Bonap. Tropidonotus elaphis Wagler. 

Nomi volgari 
Elafe (luadrilineato— Cervone— Cravociza Dalraacia— Runco, e quando è grosso 
S(n*pente Sicilia Rafinesque— Mpastura-vacchi, Sic. Scannavacclii, Catania. 

Bibliografia 
1814. na fi nesqu e— Fvodromo Erp. Sic— Specchio delle scienze voi. 2 , p. 10.'). 
1874. De Betta— Vcmmi Italiana— Rett. ed anfibi p. 44. 
1881. 7Jorfer/em— Rivista Panna Sic. Vertebrati, p. 41. 
1891. Camerano—'Monog. Otìdi Ital. p. 37. 



Iconografia 

IH.'M, Jìftnnpaì'fe—lconng. Fauii.i I(,;il., voi. II, punì. 'M T;iv. 71, 71 />is. 

IS'll. (W)Upmj?o— Molino-, Otldi Ital. Tnv. li, Fio-. ;5 scngUa del dorso ìii,ot,iii- 
dita, F. 7 dei contorni di Ronin, il c;ii»() di adulto— F. 8 g-iovino dei 
contorni di Napoli— F. 9 giovine poco dopo bi nascita di Napoli. 

Kafìnesque enumerando i serpenti siciliani riporta il Cohihcr flaplils Laccij 
e SliaAv-Uunco e quando è grosso Serpente ; il Dodcrlein posteriormente par- 
lando di questa specie cosi esprimesi « ricorre abbastanza frequente Eiaplils 
quadì-iìiiieatus Lat. Cohihin- clapliis Lin. Ratinesque, ^pastura vacclii Sicilia, 
Scanna vacclii Catania 

11 De Betta si limita a dire che è frequente in Sicilia , e finalmente il Ca- 
merano lo riporta di Sicilia secondo il Doderlein. 

Non ho trovato nelle Madonie questa specie, i nostri pastori donano il nome 
di Mpastura-vacchi ad un serpente che vive nelle alture delle Nebrodi, ma che 
in fine nessuno ha veduto, o ucciso, ed ho fatto delle avvertenze per procu- 
rarlo; ma futilmente. Credo che negfli alti monti si trova il Zamoììls gemononsis 
tipo , che g-iunge ad una grossezza che mai trovasi nel piano , e sarà il ser- 
p>ente tanto temuto che succhia il latte alle vacche, che si attorciglia alle gambe 
delle vacche. 

Mentre nessun saggio siculo r stato descritto dai nostri erpetologi italiani, 
che hanno avuto occasione di avere molti serpenti dell' Isola , opino di ritor- 
nare alla ricerca di questa specie, per darne la descrizione precisa del tipo che 
si trova nella Sicilia; jìcr avere una guida, dono la descrizione degli esemplari 
italiani secondo il Camerano. che differisce da ijuello del Ronaparte in alcuni 
dettagli. 

Capo distinto dal trom-o , ovale poc(j ingrossalo posteriormente, muso ottuso 
più sporgente la parte superiore, i lati del capo dairocchio all'apice del muso 
sono incavati nel senso trasversale. Due preoculari, la superiore molto grande 
ed incavata, la inferiore più piccola incassata fra la 3 e 4 sopralobiale: posto- 
culari due (juasi eguali: sopralobiali otto, delle ([uali la 4 e 5 sotto l'occhio: 
per lo pili tre temporali in prima linea di vari(j sviluppo. P'rontale dilatata an- 
teriormente di diametro trasversale massimo meno del massimo diametro tra- 
sversale di ciascuna parietale. 

Collo distinto , il tronco si assottiglia in avanti, e molto ingrossa posterior- 
mente, e diviene carenato sul dorso: le scaglie in linea transversa obliqua sono 
25, una volta 2tì. Scudetti ventrali da 200 a 234 e possono variare anche in 
meno. Scaglie dorsali carenate meno nei lati di forma, ovale o rombica. Coda 
non molto lunga , nelle femmine diminuisce bruscamente dalla base e grada- 
tamente nei maschi : le scaglie dorsali a metà della coda otto , scudetti sotto- 
caudali da 65 ad 80, ed anche 90. 

CbZorasiOiie— Superiormente olivastro più o meno bruniccio, nerastro o gial- 



— 54 — 

lo.o-nolo , le lineo dorsali nere per lo più continue corrono sul dorso e fianchi 
dal cai») ''"•'^ ^'*^'^'' ; sfumandosi alla base di tpiesta colia tinta, fondamentale. 
Ai lati del capo vi sono due larg-he fascio nerissime che partono dall' angolo 
posteriore dell'occliio sino all'ottava sopralalnale : due altre strisce bruno-nera- 
stre più o mono spiccate vanno dall' ang-olo anteriore dell' occhio fino alla ro- 
strale risalendo sull'alto del capo si riuniscono in fascio trasversalo sulle In- 
ter nasali. 

Parti inferiori color g-iallo-i)agiia , giallo verdognolo o g-iallo-rossiccio senza 
macchie, negli angoli laterali deg-li scudetti ventrali vi è una serio di piccole 
macchie bruno-olivastre. 

Lunghezza da M. 1, 40-1, 50 a M. 2, CO. 

^TW?'aw/— Parti superiori di color conorog'nolo, fianchi bruno-grigiastri. Il capo 
dall'avanti all'indietro ha una striscia nera sulle intornasali; che si collega da 
ambo i lati con quella che va ag-li angoli anteriori degii occhi : una macchia 
somilunare chiara sulle intornasali ed in parte sulle prefontali , altra serailu- 
nare più grande nera sullo intornasali si continua sui marg^ini delle sopraocu- 
lari : una seconda fascia più o meno semilunare chiara sta nella parte anteriore 
delle sopraoculari e della 'frontale; la parte posteriore della frontale, sopraoculari, 
e parietali sono coperte di una macchia nera più o meno intensa, che si continua 
sino alla, nuca e collo con duo strisce nero, che or si uniscono inferiormente fra 
loro e delimitano uno spazio chiaro allungato , ed ora vanno ad unirsi colle 
macchie del dorso. Dall'angolo posteriore dell'occhio parte una fascia nera che 
giunge all' angolo dell' apertura boccale : sul dorso e fianchi vi sono sei serie 
di macchie nere o nero-brune, le due mediane sono generalmente fuse insieme 
formando una sola serie di grosse od irregolari macchie nere , che van mino- 
rando dal collo alla coda, or queste si uniscono alle seguenti irregolarmente, 
e costituiscono una linea nera a zig-zag. Parti inferiori nero-grigiastre, ai lati 
della regione ventrale vi sono duo serio di macchio nero-grigie da simulare 
due strisce. 

Dalle diverse descrizioni ho trovalo che (luoste macchie variano nei diversi 
esemplari per disposiziono, od intensità di colore, che colla età tendono a scom- 
parire, si fanno più pallide, mentre nel dorso e lati compariscono le linee lon- 
gitudinali scure , che sempre van divenendo più nere e spiccate , che poi co- 
stituiscono il carattere principale del serpente adulto. 

Questa specie manca in Sardegna, si trova in Sicilia fréciuente secondo Do- 
derlein, comune nei dintorni di Roma, non raro nel Nizzardo, nella Toscana, 
e presso Bologna secondo il De Betta , noi Napoletano , Terra di lavoro , ad 
Otranto la riporta il Peracca, Lecce nel Museo Zoologico di Napoli il Costa, il 
Bibron e Dumeril lo riportano anche di Bologna , per quanto è a mia cono- 
scenza non ì- stata trovata a Pantellaria, nò il Sava la riporta nella Fauna del- 
l'Etna. 



— Ò5 — 

Geuei'c Zamenis "Wag^ler 

Capo oblung-o-(iiUKlrato, narici rotoudatc poste nelle fessure di due scudetti 
nasali, occhio non circondato lateralmente ed inferiorinente da una, serie di pic- 
cole squame, ma due soli ])re()culari e due postoculari. Denti sopra mascellari 
superiori piìi g-raudi de^^li anteriori separati da (jnesti ultimi da un intervallo. 
Tronco lung'o eguale terete , coda lunga e sottile , scaglie del dorso uiiilbrmi 
lisce a contorno quasi ovale , disposte iu diciannove serie , preanale divisa in 
due. 

Zamenis gemenens's Laurenti 

Z. sqnnmis nitklis rhombeo-sexa ng iilia, latcìrtlihux calde ìndjofilnis, capite di- 

stincto ; focato verticali anjinsto^ anf ice pani iti lai iure ^ ma.riUa rarie(/ata^ 

maìidibida immaculata cauda trientali, tenui. 
Scut. abdom.. 200-220. Scutel. subcau. par. 100-115. 
Adulto nigro-virescens , lineoUs ftavis crebris adaperHua, aubtua ftavidiis : piìeo 

flavido liturato. 
Juvenìs plumbeo-olivaceus , immaotlatus , ai/hti/a pallidi' sf ritmi neuf< , pileo et 

cervice fuscis flacido-lituratis. 
Junior brunneo-olivaceus , liìteolis cinerei(< variegatus subtus fiacescens ; pileo 

flavido Ut ti rato — Bonaparte. 

Sinonimi 

Natrix geìnonensis Laur. Coluber viridipavus Lacep. 

— atrovirens Mer. — atrorirens Slnnv. 

Zamenis viridiftavus Wagler — .ran.thuruf< Ha fin. 

— atrorirens Giiunt. — perfionatiis Daudin 

Nomi vou^ari 

Saettoue, Frastaccliione , Serpente uccellatore, Milordo, Bello (Italia mi-i-id.ì 
Bessa (Modena) — Milord, Milo, Suiirold (Lomb.)— Anza, Scorzon, Bisson , I\Ia- 
gne (Veneto)— Anza, Anda (Trentino)— Coluro puzzonargio, Colura puzzonargia 
(Sardegna)— Se urzuni, Scurzuni niuru— Cmlara o Cudagiama Katin. (Sicilia;. 

Bibliografia 

l'SlO, liafìnesiiue—C. Xanthurus Kaf.— Carattei'i di nuovi generi e nuove spe- 
cie di ainmali della Sic. pag. 1», sp. 24. 

1814. Ra fi li e ì<qu e— Vvodvonio d'P]ri)et. Sic— Specchio delle Scieii. v(»l. II, p. lUtì. 

1814. Rafìnesque — C. melaneapis Rat". — Precis. des decuvertes et travaux se- 
miologiques p. 15, sp. 13. 

1833. Bonaparte — Iconog. Fauna Ital. voi. II, }iunt. 25. 

1841. Sava—YÌOYSi e Fauna deirp]tna p. 21. 

1853. Du mer il — eolica historicpie sur la Menagerie tles reptiles. Archives du 
Museum de ilis. Nat. voi. VII. 



— 5G — 

1872. Doderhii il— jS^lcnm' generalità intorno la Fan. Sic. rk-i Vei-tebrati [>. '25. 

1871. Ih' Beffa — Viìuuiì d'Italia Rettili ed Antìlji p. 41. 

1881. J )odci-/eiìi — Kiviaiii della Fan. Sic. dei Vertebrati, p. 40, 

188:;. noetf(jer—liei)t. auf. Sieilien llonicht Senkenl). Ges. Frandbrte p. l.'JO. 

ISIU. Camemììo—MoBOi^-. Otidi Ital. p. 41. 

ICOXOfiRAFIA 

ITI."). Ciipaìii—l'amphjjfoiì >SicH/Hm. voi. HI, Tav. 137. lAlatrinioninin sejnn- 
;i>-ens vulg-o. Il Rigg-io— Corrispondenze scientiticlie moderne deg-Ii ani- 
mali tìg'urati nel Pam. Sic. Nat. Sic. 1892 p. 164 lo riferisce al Za- 
menis virkU-ffavu>< Latr. 

18;'):). B(tnaparf<'~\vin\. Fanna Ital. v, II, i)unt. 25, Tav. 63. 

1891. rw»irm?</y— Monog-. Oti<li It-d. Tav. II, F. 5 di Roma, F. 6 ^ di Pie- 
monte, F. 28 s(piaina del dorso ing-randit;i. 

Per la Sicilia il l\;iHncs(|ne descrisse ([uesto siu'pente come nuovo e lo de- 
nominò Coliilnn- XaìiflniiUis con 220 scudetti addominali e 58 paja di scudetti 
sottocaudali, cor[»o nerastro, venti'e cinereo, e sottocoda giallastro. Sotto (jue- 
sto nome 1' ennnier.i nel Prodromo, ma posteriormente lo descrive sotto altro 
nome «li Scr/ii niiira, ('o/idti-r mrìanesjx's Rat". 

Il Bona])arte Io desciMsc di Sicilia. Il Sav;i lo enumera fra i Rettili dei con- 
torni dell' FAnn. Il Dnmeril parla della varietà ner;i cIk' Blancliard portò vi- 
vente dalla Sicilia nella Men;ig-ei'i;i, del Museo , e. lo descrive tutto nero d' in- 
chiostnj superiormente, il c;ipo )ioii [torta le maccliic gialle ordinarie, o qual- 
cheduna sohiniente , le sanarne preoculari e ])o.st<)culari ed il centro delle sot- 
tolabiali sono giallo-pallide, in sotttj (piesta medesinni tinta, chiara non si trova 
che sotto la gola, , e lungo la regione nu-diana del ventre , che sui lati è con 
la regione inferioi'e della, coda di nn grigio di acciaio, egli crede secondo l'o- 
jtinione di (ieott'ro>' Saint lliraire che questa colorazione in nero si deve attri- 
Ijuire ad una secreziom' itiù abbondante del pigmento nero, ad uno stato di 
melanisnjo e considei';i <'on fù^ottVox- , come nn melanismo le grandi macchie 
ocellate dei grandi Fdis. 

Il Doderlein lo <'enna, sotto il nome di Zaìiiciiia vlridi/iavus, Wagler larga- 
mente diffuso <'olle note sue varietà , ed aggiunge per sinonimi le due specie 
descritte dal Ixatìnesque. Il De Betta dice che si trova nelle Isole, il Doderlein 
in altro lavoro l'ipetc la medesima osservazioni'; Boettger riporta la, specie colle 
due varietà coìnmìinis e caH)onaria di Sicilia,, ed il Camerano dona le misure 
di un mnscliio e di una femmina di Modica, il maschio aveva la lunghezza del 
cai)o dal muso all' angolo della mascella 0,037, la femmina 0,035 — larghezza 
del capo d' 0,017, la Q 0,016, lunghezza della coda cT 0,35, la Q 0,30, lun- 
ghezza totale o' 1,2-1, la, Q 1,08. 

Continua) 

Mnrico Ragusa — Direttore resp. 



DEC 28 1892 



tiiiiiHuiiiHiìniiniiiinuMiiiniiiniiMiiiiiiiiiiiiiiniinninniiMiNniMiiiiiiininiiniiniinniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiitiiitiiiimiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii- 



1 ANNO XII. oQ)0/^ DICEMBRE 1892 



N. 3. 



IL NATURALISTA SICILIANO I 



GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE 



abbonamp:nto annuale 



E llAl.lA 



PakSI COMPRF.Sl NELL'uNIONF, POSTALE 

Altri paesi 

Cn nùmero separato, con tavole . 
» senza tavole. 

Gli abbonamenti cominceranno dal 1° d 



ottobre di ogn 



L. 10 » i 



>) 12 » 
» 14 » 
» 1 25 
»i 1 » 

anno 



i Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione 

I al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 

I ' SOMMARIO DEL NUM. 3. 

= .RajE^usa E. — Vu nuovo Larinus di Sicilia. 

1 L. ^Yuadm— Contribuzione alla Fauna Marchegiana. I Lepidotteri finora trovati 

= nel territorio di Osinio. 

= F. Vitale — Catalogo sinonimico e topografico dei Curculionidi di Sicilia {cont.) 

E G. Riggio — Corrispondenze scientifiche moderne degli animali figurati nel 

E Pamphyton siculum del Cupani (cont.). 

I A. De Gi"e,2,ori«) — Intorno 'a taluni Celeuterati mediterranei viventi. 

E F. Minà-Palumbo — Rettili ed Anfibi Nebrodensi {cont.) 

I F. Minà-Palumbo — Cenni bibliografici. 



PALERMO 

Stahiliviento TÌ23ogTafico Virzì 



^^1892 



niiiiuuiiiiiiiiiiiiiiiMiiiMiiininiiinMiiMiiniiiMiiiiiiiiiiiiiniiiiiiiiiniiMiiiiiiiiniiiiiiiiMiiiiuiniiHiiiiuiiHiiiininiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii iiiiin 



OFC 38 1892 

ANNO XII. DICEMBRE 1892 N. 3. 

Un nuovo LARINUS di Sicilia. 



JLarinus vìllosiventris Dcsbroehor^; (1). 

cT Long". 8; hit. 4 mill, — (n-(ifiis, ìi'njer. pulte /Idfeòreìife in inedia thoracis 
angiistius, in ìctfi'rihns hitiiis, in e! //tris niacuìatini co mi e usai a , orna 
ftis. Capti f niinns c<ntc<\ruiii, fronte far colata. Rostrum basi plicatuìn, 
((pive j)(ii(/(> an(i)ìi((f/(n/, s((hrect(i in . ralidiiin, thorace non loìitjitis, sub- 
fds ionge (jriseo-ltirsdfd m. Antenna' rufescente.s^ clava ob.scura, articnlis 
f'i(niv((H 'J-priinis stil>ii'ii((((HI>iis , l((titi(dine palilo longiorilnis , caderis 
subtransrersis; ciani ovido-elliptica. Prothorax siihconicuti, antice tran- 
■iversiin iinj)ress(is, angtilis jìostici.s palilo acufis, dense rarioloso-puncta- 
tiis. Eli/tra ininiis ìn-evia, apice rotiindata, inieqnaliter miniis profiinde 
pnnctafo-striata. Saldas longins pilosus^ pilis suberectis. Feniora intus 
hwije villosa. Tihid' antica' ((renata', indistlncte intus denticulatace. 

Sicilia, un solo o della collczioiic Tariiici' che oggi fa parte della mia. 

Si avvicina assai al L. Jaceae, per il suo sistema di colorazione; è più 
oblong-a , il rostro o' è un poco più grosso che nel medesimo sesso nel- 
l'altra specie, piuttosto allargato che attenuato verso gii occhi, munito 
di nna fina carena mediana, con qualche solco alla base; il protorace è 
coperto di punti più grossi e marcato fra questi, di rugosità salienti; le 
tibie non sono distintamente denticulati, come lo sono nel L. Jaceae; e 
tutto il di sotto è ricoperto di una lunga villosità, più lunga sotto il ro- 
stro, le coscio, l'estremità dell'addome. Nel L. Jaceae, la pubescenza è 
assai corta sotto il rostro e non distintamente sollevata sopra l'addome. 

E. Ragusa. 



(1) Le Frclou. AoiU et f^epteiubrt' N. 5, 6, pag. 90-Ul. 
Il Naiaruli^ca Sicilia/io Anno XII 



— 58 — 

CONTRIBUZIONE ALLA FAUNA MAROHEGIANA 



1 LEPIDOTTERI 

finora trovati nel teiM itorio eli Osimo 

PER 
LEOXKLLO SPADA 



Al Chiarissimo Entomologo di Palermo 
Si»-. ENRICO RAGUSA. 



Illnstrissimo Signore, 

A chi altri, meglio ci te a Lei, Chiarissimo Signore, jjosso lo 
dedicare questa nota sul Le-pldotterl da me trovati nel territorio 
di Osimo f Basandomi sulle più recenti classificazioni l'ho di nuovo 
rifatta, ampliata e ridotta, in modo che alla serietà scientifica 
unisse e l'utilità pratica ed il diletto, dimodo che il da ine fatto 
adescasse ancora i più sellici a questi studi. Per tal fine, e per- 
chè ai lettori apparisse in nim, lozza veste, ho voluto porla sotto 
i suoi auspici: di certo a petto al suo incov trastabile valore nella 
Scienza Entomologica , queste jf avere pagine sono cosa assai me- 
schina e da farne hen poco conto, però d'altro canto il suo ani- 
m.o squisitamente gentile mi lusinga a sperare il favore dei lettori 
del Naturalista Siciliano che Ella con tanto sapere e disinteresse 
dirigge. 

Accolga III'"'' Signore questa espressione di stima profonda 
per la sua persona e mi abbia inalterabilmente per 

Della S. V. Ut'' 

Osimo, Ottobre 1892. 

Suo Dev.'""* Servo ed Ammiratore 

J-.EONELLO ^PADA. 



— 59 — 



LEPIDOPTERA 



Kd £1 e r o 1 e x^) i ci o p t e r 61. 

RHOPALCCERA 

Fa m .1. — P apili oni da e 

Gen. l.^Papilio, L. 

P. podalirius, L. — Primavera ed Estate: comune in tutto il territorio 
nelle ore calde per / campi, sugli alberi e nelle siepi. 

Bruco ^\x\V Amig dalli X coiinmis, A. persica, e Prumis cerasus. 
Crisalide ibernante. 
P. machaon, L.— Primavera, Estate ed Autunno : M. di S. Stefano, prati 
di Rigo , M. Torto, M. S. Pietro e Vescovara sulle Ombrelli- 
fere. 

Bruco ^w\V Anetum foeniculum, Daucas carota. Crisalide ibe- 
nante. ^ 

Fam. IL — JPieridae 

Gen. 2. — Aporia, Hb. 

A. crataegi, L. — Primavera ed Estate : in tutto il territorio, frequente 
negli Orti e nei frutteti. 

Bruco siilV A migdalus comunis, A. persica , Pgrus comiiuis, 
P. malus, Prunus domestica, P. cerasus e Crataegns oxyacan- 
tha. 

Gen. 3. — Pieris, Schrank 

P. brassicae, L. — Primavera, Estate ed Autunno : comunissima in tutto 
il territorio in ogni pianta. 

Bruco sulla Brassica oleracea , B. rapa , B. oleracea v. bo- 
trytis. Crisalide iberante. 



— 60 — 

P. rapae, L. — Piimavera, Estate ed Autunno: in tutto il territorio eo- 
me la precedente. 

Bruco sulla Brassica oleracea, B. oleracea r. hoffyfis, e AV- 
seda odorata. 
p. » V. leucotera, Stepli. — Estate : un solo individuo assieme al tipo 
in un Orto dei dintorni di Osimo. 
Bruco come il tipo. 
P. V. minor, Costa — Estate un solo individuo in un orto assieme al tipo. 

Bruco ignoto. 
P. daplidice, L. — Estate ed Autunno in tutto il territorio sui campi e 
sui margini dei fossi erbosi sulle ombrellifere. 

Bruco sul Thlanpi arce^ise, Erysmium cheìrantJioides. Crisa- 
lide spesso sotto i sassi. 

Gen. 4. — Levicophasìa, Steph. 

L. synapis, L.— Prinicivera ed Estate : M. Fiorentino , fossi del Guazza- 
tore e S. Valentino sulle Crocjfere. 

Bruco sul iMtas cornicili atus, Vida cracca. Lati/rin^ praten- 
sis, e Brassica oleracea r. hofri/fis. 
L. » V. erysimi, Bork. — Estate : due soli individui ai prati di Rigo 
assieme al tipo siil Latiriis prateììsis. 
Bruco forse sulle stesse piante del tipo. 

Gen. 5. — Colias, Fabr. 

C. edusa, Fab.— Primavera, Estate ed Autunno: in tutto il territorio sui 
campi e sui prati. 

Bruco sulla Medicai/o satira , Lotus cornicnlatus e Vida 
craccae. 
C. ab. minor, Failla — Estate: due soli individui assieme al tipo l'uno 
a S. Stefjxno e l'a'.ti-o nei dintorni di ( )simo , sempre sopra i 
prati. 
Bruco forse degli stessi costumi del tipo. 
C. » ab. Helice, Hb. — Primavera ed Estate ; prati di Rigo e della 
Vescovara prevalente al tipo (1889) sui prati. 
Bruco come il tipo. 
C. hiale, L. — Primavera, Estate ed Autunno. Prati della Vescovara un 
solo individuo assieme al tipo. 

Bruco sulla Coroni Ila varia ^ Medìcago satira ^ e rida crac- 
cae. 



— 61 — 

C. chrysothemcj Esp. — Estato : un solo individuo a M. Toi'to in un campo 
di Medicago mtica. 

Bruco ignoto , probabilmente secondo il Curò sullo Log'u- 
minose erbacee. 
C. myrmidone, Esp. — Estate : Un solo individuo a S. Stefano in un prato. 
Bruco secondo il Curò come il precedente. 

Gen. 6. — Rhodocera, Bdv. 

Rh. rhamni, L.— In tutte le stagioni, salvo Tinverno, frequente lìol ter- 
ritorio sulle siepi. 

Bruco sul Fhammis alaternus, Eh. frangula. 
Rh. Cleopatra, L. — Primavera ed Estate. Dintorni di Osimo, Vescovara 
e Boschetto Simonetti sulle siepi ed i cespugli di Ei-oni/inux 
europeiis. 

Bruco sul liJiammts alatermis ed Evoui/nius europeu.^. 

Fam. in. — Lycaeniclae 

Gen. 7. — Thecla, Fab. 

Th. betulae, L, — Primavera : Fosso di Scaricalasino un solo individuo 
sopra un cespuglio di Betula. 

Bruco su Popidus nigra e Betula alba. 
T. Spini, Schiff. S. V. — Primavera ed Estate : comune in tutto il territo- 
rio nei luoghi sterposi. 

Bruco sul Crafaegi(.s o.vyacantha e Priinui^ spinosa. 
Th. ilicis, Esp. — Pi-imavera ed Estate : Selva Simonetti in tutto il ter- 
ritorio nei luoghi sterposi. 

Bruco sulla Qnercus rolnw ed Uliiìiis campestvls. 
Th, » V. aesculi, Ilb. — Estate un solo individuo assieme al tipo nella 
selvci Simonetti sui cespugli di quercia. 

Bruco sulla Quercus rohur ed Ulmus caìnpestrls. 
Th. pruni, L. — Estate : in tutto il territorio sul pruntis spinosa e quercus 
ilex. 
Bruco sulle stesse piante. 
Th. quercus, L. — Estate ed Autunno: dintorni di Osimo e nel fosso del 
Guazzatore tra i cespugli. 
Bruco sulla Quercus rohur. 



— 62 - 

Th. rubi, L— Primavera, Estate e principio di Autunno : in quasi tutto 
il territorio nelle selve e nei prati. 

Bruco sul RnìntK f'ruticosus, Spartium ^copar'mni, S.jiDiceuìu, 
Ctjtisus làburnuììì, Vaccinium lonchijUs. 

Gen. 8. — Polyommatvis, Latr. 

P. phleas, L.— Primavera, Estate ed Autunno: in tutto il territorio nei 
prati e nei giardini. 

Bruco sul Bumex acetosa. 
P. » V. Eleus, F. — Estate : frequente sulla Lavandula vera e lìumex 
acetosa. 

Bruco sulle stesse piante. 
P. amphidamas, Esp. — Estate un solo individuo al fosso del Guazzatore 
sul Rumex acetosa. 

Bruco sul Ruiìiex acetosa e Folijgonuni bistorta. 

Gen. 9. — Lycaena Fab. 

L. argus, L. — Primavera, Estate ed Autunno : in tutto il territorio sui 
campi e sui prati. 

Bruco sul .Lotus cornìculatus, TrifoUiun pratense e Spartium 
scopar ium. 
L. Icarus, Rott. (Alexis S. V.)— Primavera, Estate ed Autunno sui campi 
e sui prati. 

Bruco ^wìYOnoms spinosa, MecUcago falcata, Fragaria vesca 
e Spartium scopar i uni. 
L. Argiades, Pali. (Amintas F.)— Primavera. Estate ed Autunno sul mar- 
gine del fosso di Rigo sulla Medicago falcata. 
Bruco sul Trifolium pratense e Lotus corniculatus. 
L. cyllarus, Rott.— Primavera ed Estate: valli del Musone e dell' Aspio 
nei prati e nei boschi. 

Bruco HuWOnohri/cJìis satira. Trifolium pratense e Medicago 
falcata. 
L. Meleager, Esp. — Estate ed Autunno : M. Fiorentino, M. S. Pietro e 
Monti di S. Stefano sui campi e prati aridi. 

Bruco sul Thi/mus latifolius, T. serpillum ed Orobus niger. 
L. Boetica, L. — Estate ed Autunno. M. Fiorentino, M. S. Pietro, Selva 
Simonetti e M. Ragalo sui prati. 

Bruco sullo Spartium Scopar ium, Collutea arborescens e Ge- 
nista tinctoria. 



— 63 — 

L. argiolus, L. — Primavera: dintoi'iii di Osimo, frequente nei giardini e 
nei campi. 

Braco sul lihaninus franyula, Hedera lieUx e Calluna cul- 
garis. 
L. Telicanus, Lang-. — Estate ed Autunno : frequente nel territorio sui 
prati e qualche volta nei giardini. 

Bruco sul Lythì'iim saUcaria e Calluna vulgaris. 
L, Orion, Pali. — Primavera ed Estate : frequente sui tetti posata sopra 
il Sedum. 

Bruco sul Sedum theìepliium. 
L. Eros, 0. — Estate: due soli individui a M. S.Stefano in copula sopra 
un Dtjpsacus sì/lvestris. 
Bruco ignoto. 
L. Dolus, Hb. — Estate : un solo individuo in un prato di >^ulla. 

Bruco snìVOnohrfjcJtis .satica. 
L. Bellargus, Nott. (Adonis Hb.)— Estate, Primavera ed Autunno : valli 
del Musone, dell'Aspio sulle siepi. 

Bruco sul THfòlium pratense^ Lotus corniculatu.s e Curoìiilla 
varia. 

Fani. IV. — Lybiteidea 

Gen. 10. — Lybitea, Latr. 

L. celtis, Esp. — Primavera ed Estate : M. S. Stefano un o ed una :t da 
due crisalidi raccolte sopra un ciliegio. 

Bruco sul Celtts australis e Prunus cerasus. 

Fani. V. — Erycinidae 
Gen. 11. — Nemeobius, Stph. 

N. lucina, L. — Estate : M. dei Cipressi e Vescovara nei luoghi erbosi. 
Bruco sulla Primula offici nalis e Rume.v acetosa. 

(^continua) 



- 64 - 

CATALOGO SINONIMICO E TOPOGRAFICO 

DEI 

CTJRCXJLiIONIDI di Sicilia 

per Vitale Francesco Agronomo 
di Messina. 



(Coiit. ved. Nuli). ]ii-cc.). 

Tribù CO<=;SON!NI Stierl. 
Gen. DRyOPUTlIOKUS Schoenlicrr. 



rnrfiaiUs Payli. 

lijme.rijìon F. — M . —Vitale 

Gen. CHOERORRHINUS Fairniaii-u 

siiuxdldna Fair. — i\I.—Vit. -Bau. 
hn'vi)-(jstrif< Cliev. — S. — De B. 

Gen. PENTARTHKUM AVoll. 

.^ — T. I.— Ciò. 

Gen. CODIOSOMA Bedel 



spadLv Herb. — S. — Fa .r^) 
sculptas Gyll. 
scalpi US Bollili. 
pUosHs Bach. 



Gru. EREMOTES Woll. 



pundatidus Bohm. — M. -Naso— Vii. 
punctulcdus Reit. 



Gen. RHYNCOLUS Stepliens 



Sub-g-eii. IIexarthruìM AVoll. 



siibmuricalum? — S.— Bau. 



- 65 - 



Sub-g-eu. Khyxcolus s. st. 



cijliììdricus Bolnn. — S. — De- B. ?- IntitarsLs Thoms. 

njUndriis Koitt. gracilis Redt. 

longicolUs Bohm. (/racilis Ros. — S. — Bau. 

gt-andicoUis Bris. aiigustiis Fair. 

Tribù CRYPTORRHYNCHINI Stieriin 

Geu. CAMPTORHHINUS Schoeuhcrr 

* simph'X Sdd.— 8.— Fa.?>) 

Gen. CRYPTORRHYNCHUS Illiger 

In patii i Lin. — S. — Ro (1) 
carbonai'ìus Scop. 
frhnanilafifs Voet. 

Geu. ACALLES Sclioeulierr 

denficol/is Gcnu. — 8. — De B.-Fa.?>) L'ollcfi Gerui.— S.-M. -Itala — Scli.- 

rufiro.sfri.s Boliui. De M.fO-De B.-Vit.-Bau. 
camelns F.— S.— Ro. (2) * JJiock'tlanas Germ, — S. — De B.- 

quercìis B(j1iui. Fa.rt)-Bau. 

feto- Bohm. — S. — Seli.-l)e M.«)-De dromedavias Bohiu. — M. -Scoppo — 

B.-Hey.-Bau. Vii. 

harbanix laic. fai^ciculatus Boluu.— S. — Scli.-De 

BellieH Reicli.— S. — De B.-Fa./>)- M.a)-De B.-Fa.6). 

Hey.-Bau. plaglatofasckdns Cost. 

variegatns Boliui. — S.— Sch.-De M. bnpressicollis Lue. 
a)-De B.-Fa.6>Bau. 

Geu. TORNEUMA AVoUaston 

deplaìiatam Hampe — S.-P. — De M. net ifer avi Bris. 

d{-T)e B.-Bar.-Rag.-Hey.-De nomliae Rott.— P. — Rott. 

Stef. * slcuìam Ragusa — S. —Rag.-Bar. - 
platiidoì'sc Fair. Hey.-Bau. 



(1) Vi è (la dubitare molto della esatta deteniiiuazioue di tale specie. Per noi, è stata 
coufusa con VAculka L'u/lcii Cerni., dal Romano. 

l'Jj II Romano l'avea posto nel geu. Tylodes ? 
Il NutaralLsfa Siciliana^ Anno XII 9 



— 66 — 

Tribù MYORRHININI Sticrlin 
Geu. :MY0RRH1NUS Schocnherr 

alholineatns F.— S.— Ro. 

complicatus Gemi. 
slciilns Kraatz.— S.— Scli.-I)c-M.o)-De B.-Hey. 

Tribù CEUTHORRHYNCHININI Sticrlin 

Sub-Tribù CEUTORRHYNCHINA Weise 

Gen. MONONYCHUS Germ. 

■pseudocori F. — S. — Bau. 
punctum-albnm Herbs 
salviae Germ.— S.— De B. 

Gen. COELIODES Sclioenlierr. 

zonatus Gerni.— S.^De B. rii/irostris Stepli. 

ìnii-abUls Villa quercus Oliv. 

ruher Marsli.— S.-M.— Vii. pìiflicm Eott.— S.-M.a)— Rott.-DcB. 

Mmnerlieimì Gyll. Hey.-Vit.-Bau. 

Sub-g-en. Stenocarus Tliomson 

cardui Herbst.— S.-M. -De St.-Vit.-Bau. 
guttida Fab. 
carduelis Meg". 

Sub-g-en. IIypurus Rey. (1) 

Bertrandi Perris— li. Vi(. 

carneus Perris 
acallo ides Fair. — Trapan i — Rey . -Bau . 



(1) Nel Catalogo di Berlino quos^to 8uì)-gen. era posto in fondo ai Ccntorrlnjnclins, ma 
nella Corrigenda era sitato trasposto nel Cocliodes sedio. A noi pare che il vero sixo po- 
sto sarebbe i)resso il Gen. Orchestes , giacché di tntta la famiglia, la Sub-Tribù Rhyx- 
CHAEXIXA sola ha insetti con facoltà saltatoric, come precisameule sono quelli del Sub- 
gen. llypuias. 



— 67 — 

Gen. RHINONCUS Stephens 

pericarjjius L.— M.-T. L— Vit. 

Gen. AMALUS Sclioenlierr. 

haeniorrhoits Herbs. 

scortillum Herbs.— T. L— Ciò. 
agrìcola Payli. 
rubicuìidus Panz. 

Gen. CEUTORRHYNCHIDIUS Duval 



* horridus Panz.— S.-T. I.-Pal.— Ciò. 
Fa.6) 
spinosus Germ.— S. — Bau. 
urens Gyll. — S.-M. comune— De B. 
-Vit.-Fa.&)-Bau. 
albohispidus Fair. 
troglodytes P\— S.— Fa.?>) 
spiniger Herbs. 
pus io Panz. 
terminatus Herbs.— S.-M.— De B.- 
De St.-Vit.-Bau. 



apicalis Redt. 
sii Gyll. 
aiialis Panz. 
uniguttatus Marsh. 
haemorroidalis Panz, 
Waltoni Bohm. 

* apicalis Gyll. — S. — Bau. 

* vielanarins Steph. — S. — Bau. 

cf conve.vicollìs Gyll. 
2 glaucus Bohm. 
camelinae Bohm. 



Gen. CEUTORRHYNCHUS Germ. 



Sub-ffon. Phrydiuchus Gozis 



topiarius Germ.— S.— De St. (l)-Ba. (2) 
coarctatus Duv. 



Sub-sren. Ceutorrhynchus s. str. 



geographicus Goeze — S. — Bau. 

echii V. — S. comune — Ro.-De B. 
-Fa.a)-DeSt.-Vit. 

gliphicas Sellali. 
vocifer Rott.— S.— Rot.-De M.a)-De 



B.-Hey. 
aspeì'ifoliarmn — S. — Fa.?>) 
intersectus Knocli. 
congener Scup. 
oleaecus Scop. 



( 1) Nel catalogo dei sigg. De Stefani-Riggio tale specie è posto nel gen. lihinmcus 
Sch. 

(2) Anco il Bandì ce la segnava nel gen. Marmorophus Schoenherr. 



— 08 — 



crucift-r Ol.-S.-Ro.-Fa./O 
ti-imacìtiafus fìyll. 
4-macuìatìis Gyll. 
cì'iiciger Herb. 

* Auhei Bohm.— S.— Scli.-Baii.-Dc M. 

a)-De B. 

* pereyrinus Gyll.— S. — Bau. 

uroleiiciis Bohiu. 
T.-album Gyll.— M. -Scoppo— Vit. 
oruatits Gyll. 

Andreae Gemi.— H.-T. I.— Fa.r/V 
Cio. 
lltuva F.— S.-M.-Vit. 

ovalis Mars. 
trimaculatus F. — S.— Do B.-Fa-/v)- 
Baii. 

* Diccki Bi-is.— S.— Bau. 
rarù'gatus 01. 

cavipestriti (tvII. — M. — Vit. 

Iepi((it>< Gyll. 

^. 2 _S.— Bau. 
inoìifor Gyll.— S.-M.— Sclì.-Dc M. 
r/)-Do B. -Vit. -Bau. 

triaiu/iilnm Bolini. 

vici lì US Kr. 
clii-ijsaìdemi Germ.— S.— De B.-Ba. 
vKgidotiKs Ilcrbs.— S.-M.— Vit.-Ba. 

(jnUicns Gyll. 

melanostigma ]\Iar.s. 

clnerens j\Iars. 

scnteUntuti Stepli. 
qaadrldens Panz.— S.-P.-T. I.-M.— 
De St.-Cio.-Vit.-Bau. 

horaginns Gyll. 

qaarclcola J\lars. 

■palildactilas Mars. 
macula-alba — S. — De B. 

ificriatus Bollili. 

cai'dul llei'hs. 



* Ragusae Bris.— S.— Hey. 

* pUosidlm Gyll.— S.— Bau. 
poUinarius F(ì1'S t . 

dentatus Mars. 

caUgiiiosus Steph. — S. — De B. 
picitarsis Gyll. — S.— De B.-Bau. 

farsalls Bollili. 
pUu rodigina Mars. — S. — Bau. 

xnlcicollis GylL. 

alauda F. 

affiu-is Stepli. 

* n uva li Bris.— S.— Bau. 
clialgheus Gerni. — M. comune— Vi- 

tale-Bau. 

roerulescens Gyll. 

snhcganens Scop. 
aeìiicollis Gemi. — S. — De B. 

metaUiuus Fair. 
ergsimi F.— S.-M.— Vit. -Fa-?)) 
alhoviffafus (Jcrin.— S. — De B. 
suturai is F.— M.— Vit. 
(/uerceti Gyll.— M.— Vit. 
sgrifes Gerni. — S.— De B. 

? alauda F. 

ahsfricficus Slcpli. 

alpiiis Pan/. 
assimili^ Payli. — 8.-M.— Vit.-Bau. 

b r assira e 

* V. falla.c Bolini.— S. — Bau. 
fuloitarsis Bris. —S, —Bau. 
atomus Bollili. 

setosus Bollili. — S. —Bau. 
cóchlariae Gyll. 

* V. ?— 8. Bau. 

* algirieus Bris.— S.— De B. -De M.^O 

Hey .-Bau. 
«rt«H.s Gyll.— S. - De B. 

* ìiig rote rm inai US ì — S. — Bau. 

(continua) 



* ■i»^ • 



G9 



DOTT. G. RlGGIO 



CORRISPONDENZE SCIENTIFICHE MODERNE 



DEGLI 



Animali figurai nel P4MFSTfQI SICULUM M Cspanl 

(Ciint. V. X. pr.) 

UCCELLI 



Aegitoguathae 

Passeres-Oscines 

Voi. ITI tav. 142 f. 2. Albldus minora). . . . Phylloscopns rntns, Beclist. 
» » 78 f. 4. Viridacoohtm maius vulgo. Hypolais polyglotta, Vieill. 

> » 76 f. 3. llodi'iDii loìii/am minns . id. streperas, Vieill. 

(A, arundinacea. Naiiii].) 



» > 



32 f. 1. Rosi rum longum vulgo om- 
nium maximum . , . Acrocephalns ariindinaceus , 

(A. turdoides Meyer) fLill 

» » » f. 4. Carahedda valgo dieta ma- 

ior <^) Calamodas schoenobaeniis, L. 

(Calam. phragmitis, Bechst.) 

» » 57 f. 1. Sepes jierfomni^) .... id. id. 



(1) Benoit, p. 6.3, lo riporta alla S. currnca, a me pare piuttosto il Plnjll. rufuf:. 

(2) Benoit, p. 72, e Doderl., 1. e. p. 112, riportano la Carahedda (Carnibeddii, Dod.) di 
Cupani alla Saxicola. Icueura alla quale non somiglia afliatto; dalla ispezione diretta della 
figura ed anche dal nome stesso trovo che si deve invece riferirla, secondo me, alla Ca- 
lam. pìtragmitis. 

(3) Benoit riferisce questa specie alla .S'. rufa ; àal nome attribuitogli dal Cupani, e 
dall'aspetto suo particolare, mi pare piuttosto riferibile alla 8. phragiititia. 



- 70 — 

Vul. ITI l;iv. 187 f. 1. Caraìu'dda vulgo miìior^^). Cistìcola. cnrsitans, P"'r.ankl. 

I » 44 f. 1. Passer TroglocUtes vulgo 

Riiddu di roccaJ^^ . . . Troglodytes parviiliis, Kocli. 

y > 80 Ispidae aliud geuus . . . Cinclns aquaticns, Beclist. 

» > 39 f. 1. Pluheulis vulgo ghiumma- 

rola Accentor modnlaris, Linn. 

> > 50 f. 1. Regnlus cr hiatus mas seu 

crista erica Regalns cristatns, Kocli. 

» » 76 f. l. MonaceUa vulgo mas i'-^K . Parus major, Linn. 

» > 16 f. 1. Monachella vulgo foemina . id. id. 

» » 76 f. 5. Parus minor coeruleus Jon- 
ston monacedda vadda 
cauda vulgo Cyanistes caeruleus, Linn. 

» > 149 f. 1. Gay ulus mas seu fior idedigs- 

sima aliis alis et cauda 
nigris Meropi par . . . Oriolns galbnla, Linn. cf 

» » 149 f. 2. Gayulus foemina seu Avis 
lutea fuscis Meropis ma- 
gnitudiìie id. id. Q 

» > o2 f. 2. Lanius maior vulgo Gur- 

gana f^) Lanins minor, GmeL 

> » 79 f. 2. Lanius minor Jostoìi testa 

grossa vulgo ('') . . . . id. anriculatns, Mlill. 

[ . rufus, Bris.) 



(1) Il nome di Curralx'dda in Sifiliano è riservato alla C cur.-iifa/is ; il Benoit , p. 86, 
riporta la figura al P. pciuluNu/is, al quale, indipendentemente dal nome, somiglia assai 
poco. Osservo però che il Benoit dice C(irnd>eddu vìiìgo minor, e quindi potrebbe trat- 
tarsi di altra citazione da me non riscontrata. Infatti trovo riferito al P. afrr un (kuli- 
menchi vulgo mas, che non ho trovato disegnato. 

(2) Malherbc, 1. e , p. !)2. 

(3) Doderl. 1. e. p. VM\. IMalli. 1. e, p. 110. 

(4) Il no;no di (larudiid si da in generale jille giovani Averle. Il Benoit, p. 23, Doderl., 
1. e. p. CS, riportano l;i fiin^jf/mi [Ourgana] iW Cupani al L. e.cuhtfor: daUa ispezione della 
figura ini j)are piuttoslo il /.. niiunr, il quale, essendo più comune in Sicilia, più facil- 
mente potè capitare nelle mani del Cupani. 

(.")) E notorio come in Sicilia il nome di Testa grossa sia particolarmente riservato al 
L. rufus; tuttavia il Benoit, stando al nome adottato dal Cupani, lo riporta impropria- 
mente al L, minor. 



— 71 — 

Voi. Ili lav. 100 f.5. Laniìis minimus mosdmtiis Lantns anricnlatiis,^\\x\\.'^\o\ 

(Non cit Ben.) 

> » 10 f. 1. Alepicte mas Muscicapa collaris, Beclist. 

> » 75 f. 1. Alae pictae vulgo foemlna . id. icl. 

» » 24 f. 3. Alae pictae mas vulgo Ali- 

pùiti di li masculi . . id. atricapìlla, Liun. 

(Non cit. Ben.) 

» » 14*2 f. 4. Muscicapa cinericea . . . Bntalìs grisola, Linn. 

» » 11 f. ]. Hirundo sglvestvisJoustou^^^ Chelidon urbica, Limi. 

» > 84 f. 1. Hiruìido pectore iwopyaro 

albis pedibusque hirsutis id. id. 

» > 11 f. 3. Hirundo Moìiavella vulgo 

dieta (-J Clivicola riparia, Linn. 

» » 00 f. 1. Apus niger et minor vulgari^-^) Cypselns apns, Liun. 

» » 148 f. 1. Apus fuscus llirundiitus ma- 

gnitudine rostello 2)arvo ('^J id. id. 

» » 21c85f.l. Stultos fallenti Caprimalgus europaeas, Liu. 

Saurognathae 

Pici 

Voi. Ili Uiv. 13S f. 2. Ficus minor varius capite 
vertice chermesinus colo- 
ris Ficus minor, Liu. 

» » 16 f. 4. Lynx cinerea deluta vulgo 

lingua longa di heccaficu lynx torquilla, Liu. 

(Non cit. Ben.) 

» » 7(i f. (]. Lynx cinerea fusca vulgo 

lingua longa di turdi . id. id. 



(ì) Benoit, i>. 39, la ritioiie H. nipcstris; a me pare piuttosto H. t(r(i/ca. 
(2 I Doderl. 1. e. p. 140. 
{?>) Malh., 1. e, p. 102. 

(4) E riportato erro iica mente dal Uciiuit, p. Jl, iil C. inclba; mentre alla .semplice \^{>e- 
zione della figura si rileva subito trattarsi pure del C. apim. 



Desmognathae 

Coccyges 

Voi. Ili tav. 8'.) f. 2. Cnculns ti-nnsituì-Uis IJarhe- 

rie Cncnlns canoriis, Limi. 

Anisodactilae 

» » 65 Avis divi Jovannis seu az- 

znrreo colore pietà loiigo 
crassoqiie rostro . . . Aleedo ispida, Li il. 

» > 53 l'ira marina Castaneo ma- 

rini et c.j/anei color is . Coracias garrula, Limi. 

Striges 

» » 48 Bitho sicidns .srilìcet aure ni 

cineree mactilMus. . . Strix dammea, Lin. 

> > lo f. 2. Valila {(Jlulaj Bvn.) muste- 

liìia f'asco striata viiU/o 

Fault n Syrniuni alncco, Lin. 

t » 150 f. 1. Buho Jaeol>i similis (') . Asio otiis, Lin. 

> » 19 Aluctis alias pallidns Orva 

valgo id. accipitrinus , PalL 

> » 6.^ f. 2. Jacohas Jacaratas {Jacala- 

tus, Ben.) JoastA-) . . Scops giù, Scop. 

Accipitres 

> » 51 Smiriglias alter maior . . Circns aeruginosns, Lin. 

(Non cit. da Beiioit). 

» > G Lagoruia valgo .... id. id, 

» » Xie^l t'.2. Alhaar'Jlas eragiaM> f'ascasi'^ì id. cyaneus, Lin. 



(1) IJouoit lo liticuc riferibile ili />'. maxiiiius: :i me a tlir vero uoii .sembra tale. 

(2) Ueuoit, non .so con quanta poca ragione, riporta il Jacobas allo S. al ics , (]uaiiao , 
tanto pel nome, quanto pel diseguo che di.screlamente raffigura VAsiolo, va riferito allo 
X uiii. 

(oj Evidentemente per errore tipografico Benoit scrive crariiicrfuscm. 



— ?:{ — 
Voi. Ili tav. 79 f. 1. Acclpìter crisfaredda foemi- 
na [fé m minarci, Ben.ì rtil- 
go dieta Cfrciis cyaneus, Limi. 

> » 12 Aquila minor sen notha (ii . Aquila chrysaètos, Liu. 

> » 1 f. 1. Accipifcr minia e ni (jo dieta {') Bnteo viilgaris, Lcach. 

» » 5 f . 2. Falrìi<'tf((s Hypotriorchis snbbateo, Lin. 

» > rtCt f. 2. Falco moìitanns sicnlns '^' id. id. 

» » 18 Smirii/ìins rnli/o .... Aesalon regnliis , l'ali. 

» » 132 i'. 1. Arripitrr crit<tarc'dda vnigo 

dieta Cerchnefs tinnnncalns, Lin. 

» » Kì f. 2. Aceipiter cristarcdda tuni- 

sina cera vulgo dieta . id. vespertinus, Liu. 

(Non cit. da Rcnoit) 

> » 50 f. 2. Smirighin cnlgo .... Aceipiter nisiis, Liuu. 

» » 2.'i f. 2. Aceipiter fringillarius, Jon- 

xton vulgo Spraveri . . id. id. 

» » 77 f. 1. Aceipiter fringillarius Tu- 

nesinus W id. id. 

» ') 2 lo f. 1. Ossiphagus foemiiia larvatus 

harhatus Gypaetns barbatiis, Lin. :f ad. 

» 5 » f. 3. Ossijjhagus mas sicc muscJia- 

fu.^ (5) id. id. g-iov. 

» » 52 Vnltur einereus eollaratus Gyps hilvns, Gliiel. 

(continua) 



(1) Sulla fede del Benoit riporto (|ue.sto ucct-IIo u\V Aquila fuira. Confosso che questa 
figura è difficile ad identificarsi e che dal becco parrcbl)e piuttosto un avvoltoio anziché 
nn^iquila. 

(2) Benoit, con evidente errore, riferisce la Minia di Cu[)ani al F. inilvas ; invero la 
coda, che è caratteristicamente forcuta nel F. milcus, è invece (piasi tronca nell'uccello 
figurato dal Cupani II nome di Minia in Siciliano si dà più spesso al Falco cappone. 

(o) Benoit riporta il Fakltefln.<t ed il F. monlanus, al F. prnyrinns ; ne l'uno ne l'al- 
tro secontlo me, si possono riferire alla specie predetta, la (piale se non è scarsa, di certo 
non è nemmeno comune in Sicilia. Essi invece si riferiscono evideuteniente al i\ subbu- 
tco, come per la prima opina pure il Prof Doderlein (1. e. p. 37). 

(4) Secondo me, le tre figure sopra citate coi rispettivi nomi si riferiscono ad individui 
diversi di A. nisns. Il Benoit ripo.ta lo Sniirijlila, forse pel suo nome, al F. lithofalco 
(F. aesalon I, V Aceipiter fri ntj Illa rin.-i tnnctiiins al /•'. snblndcu, ed il solo Sprareri all'J. ni.sns. 

(.")) Benoit (p. 4), applica i due ajipellativi larratas e barbata^ a due cose diverse; io li 
ho trovati apposti alla stessa figura. 

IL Xiicura/ista Siciliano, Anno XII. 10 



— 74 — 

Intorno a taluni Celenterati mediterranei viventi 

Rhizostonia piilmo L. sp. 
= Rhiz. A Idro validi Per. 

Il giorno 2o settembre trovandomi in barca fuori alla lanterna del 
Molo di Palermo cioè all'iiìiboccatara del porto fai colpito dalla vista di 
molti grandi individui di ((uesta specie, che ordinariamente suole trovarsi 
in alto mare. 

Il mare cosparso qua e là di questi curiosi animali avea un aspetto 
caratteristico. Molti hanno veduto degl'individui di questa specie conser- 
vati nello spirito nei vasi , ma pochi hanno avuto agio di ammirarne 
proprio sul mare. Ra^^sembrano a tante cupole gelatinose fungiformi. Le 
otto diramazioni della base sono adorne di tubi, di cni quelli più svilup- 
pati sono circa 30 per ciascuna diramazione ; all'estremità sono coloriti 
di un bel blu , del resto quasi trasparenti. E curioso che attorno a cia- 
scun individuo erano molti pesciolini minutissimi. 

La maggior parte degli individui che io vidi aveano un diametro di 
venti centimetri. Costa dice che si sono trovati individui di questa spe- 
cie con un diametro lungo « più piedi ». È a notare che di recente non 
ci è stata alcuna tempesta né forte temporale che abbia potuto trasci- 
narli qui. 

Presso i nostri pescatori questo acalefo si chiama col nome di hroniu. 

Velella spirans (hnelin sp. 
== Holoturia spiniiis (Imelin ^ Velella liiiibosa Blainv. 

Anche questo graziosissimo sifonoforo non è raro nel Mediterraneo ma 
si trova ordinariamente in alto mare. 

Parecchio tempo addietro mi è accaduto di trovarne disseminata tutta 
quanta, la spiaggia di Romagnolo (fra Palermo e Acqua dei Corsari). Io 
credo che questo celenterato sia. una delle specie più gentili e graziose, 
però, come la maggior parte delle specie di questa classe, è impossil)ile 
conservarne degli esemplari, perchè atteso la loro struttura quasi gela- 
tinosa f^xcilmente si alterano e si disfanno. Che se anche si mettono su- 
bito nello spirito si deformano e perdono i loro vaghi coloriti , poche 
ore dopo morte diventano sovente lubriche e schifosi. 



— 75 — 

Costa dice che g-li antichi chiamavano questa specie Arrnmlsterìo. Ignoro 
se nel dialetto siciliano esista un nome per denotarlo, ma ci'edo di no. 

Carylbdea marsupialìs Per. 

:= Medusa luarsiipialis L. 

Tuffandosi in mare di està, in certi dati siti e in certi dati giorni ac- 
cade qualche volta di sentirsi un bruciore alla pelle molto sgradito, il 
quale perdura poi varie ore, e rassomiglia a quello prodotto dalle orti- 
che. Per lo più si formano sulla pelle dei segni bislunghi come tenue 
sgrafifìature quasiché dei filamenti caustici le si siano appiccicati. Evi- 
dentemente si tratta di una medusa. Però non sono sicuro della specie, 
perchè non mi è stato mai dato di averne ad esaminare alcun esem- 
plare. E probabile si tratti della specie citata ma non posso asserirlo. 

Presso i nostri pescatori si suole nominarla col nome di « Oggh'm a 
mari ». 

March. Ant. De Gregorio. 



F. MINÀ-PALUMBO 



gettili ed anfibi ^ebrodensi 

(Cont. V. N. prec.» 



Il serpente giallo-verde ha il capo dislinto dal tronco allungato , depresso , 
ottuso, con la mascella superiore sporgente sulla inferiore, con i due lati lon- 
gitudinali poco divergenti all'innauzi ed alcpianlo incurvati all'indietro. Ha due 
piastre temporali in prima tila, la superiore può essere piccola o mancare, due 
preoculari, la superiore concava e grande, 2 postoculari, 8 sopralabiali, di cui 
la 4 e 5 sotto l'occhio, questo con pupilla nera rotonda ed iride giallo-dorata; 
collo distinto , tronco allungato , uniforme più alto che largo sino alla coda : 
scaglie dorsali rombeo-allungate, piìi larghe nei fianchi ovunque lisce, disposte 
in 19 serie. L'addome piano, scudetti ventrali da 1114 a 250, scudetto preanale 
diviso, coda lunga tenue, assottigliata all'estremo con le scaglie in serie da G 
a 7, scudetti sottocaudali paja 99 e 125 , lunghezza dell' adulto, variabile da 
m. 0,90 a m. 1,20— 1.35— 1,. 37— 1,51 uu d" di Modena. 

La tinta generale del tronco varia dal giallo chiaro al rossiccio , al verda- 
stro, al verde cupo, verde nereggiante tutto variegato di giallo solfureo. 



— 76 — 

Capo macchiato di nero, le macchie nere predominano sulle gialle , spesso 
queste sono disposte trasversalmente in modo da dividere le macchie nere in 
strisce trasversali, di cui una sta attraverso alle sopraoculari ed alla frontale, 
l'altra attraversa le parietali, si estende alla regione temporale. Ai lati del capo 
le i)reoculari , e postoculari sono giMlle , la postnasale e soi)ralaterali sono in 
parte nere: la rostrale, internasali, i)ret'rontali sono orlate più o meno di nero: 
parti interiori del capo e sopralal)iali inferiori per lo pili giallastre senza mac- 
chie. 

Nella nuca e collo vi è una macchia nera allungata più o meno delimitata 
che dalle parietali va nella linea mediana del collo , ai lati di questa vi sono 
due macchie nere piriformi colla parte assottigliati voltata verso il dorso. 

Sul dorso e fianchi generalmente sei serie longitudinali di macchie nere se- 
parate fra loro da piccole serie trasversali di macchie gialle; le serie sono di- 
sjDOSte runa dirimpetto all'altra in modo che contro l'una striscia chiara sta 
una macchia, nera , e ciò alternativamente per tutto h^ serie. Talora le mac- 
chie nere e le bianche si fondono trasversalmente e si ha, una serie di grosse 
fascio nere trasversali separate da piccole strisce chiare. Sulla, coda le macchie 
nove e chiare si dispongono in strisce longitudinali jìaraiiele, le macchie nere 
occupano la parte mediana longitudinale delle scaglie, e le strisce nere occu- 
pano i margini laterali delle scaglie stesse , talora i margini delle scaglie es- 
sendo gialle , le strisce nere sono })ercorse da una sottile striscia a zig-zag 
chiara. Talvolta le macchie doi-sali sono in nunuM'o minore e i)iù grandi unite 
o separate. 

Inferiormente tutto il tronco è di un g;alh)-zoltigno, o giallo- verdiccio o pa- 
gliarino, gli scudetti ventrali sono con macchia verdastra tondeggiante da cia- 
scun lato, alcune volte il l)ordo anteriore delle piastre addominali è grigio, in 
alcuni esemplari di Sardegna le parti inferiori sono interamente macchiettate 
di grigio nerastro. 

Tra questa descrizione del Canierano e ([uelle di Honaparte e De Betta trovo 
differenze nella gradazione delle tinte , e disposizione delle macchie che pale- 
sano la variabilità di colorazione del tipo. 

Nelle Madonie questo tipo è rarissimo . una volta passando pel monte dei 
Mandarini a M. 1524: vidi esposto al sole attorcigliato un serpente molto grosso, 
che potei osservarlo, perchè molto tranquillo, tinta generale nera, molte mac- 
chie di un giallo soltigno sul capo, e tutto il tronco sparso di piccolo lince di 
un bel giallo a forma di C, che erano molto spiccate sul tondo nero. Nessun 
dubbio che era un esemplare vecchio del tipo, la lunghezza e la grossezzii in- 
dicavano che era un esemplare rai-o e caratteristico per le macchie gialle spic- 
cate. 

Var. Carbonarius Frtz. 

Coluher carbonarius Schreiber e Catullo. 
ColKber zantliuras Ivalinesquc. 



Questo è il tipo elio vive nolle Mndonic tanto nel ]ti;ui() cUf noi monte , ed 
è la specie più eoninne. 

11 colare di tutte le piastre cefaliche è di un bruno nero con alcuni punti 
o lineette irreg-olari di olivastro scuro , di raro g-iallastre , lo scudetto rostrale 
è gialliccio nel lx)rdo labiale, il contorno dell'apertura delle narici è piìi chiaro, 
lo scudetto nasi^ile anteriore ha il Iwrdo anteriore g-iallastro ; scudetto preocu- 
lare, due scudetti postoculari, ang-olo del labiale, che è in contatto con questi 
ultimi sono color g-iallo di paoiia , scudetti lal»iaii superiori colorati di "iallo 
nel bordo colle suture più o meno nere. Scudetti sottomascellari, e g-ola giallo- 
pagiino spesso sordido , le suture dei labiali sono lejj-g^ermente niarg"iuate di 
nero. Nuca lati del collo di un nero-olivastro, o nero verdastro, ed in ciascun 
lato vi è trattegg'iata una macchia pioiìiV)ina, che nella magg-ior parte manca. 
Tutto il tronco sui)eriormente è bruno-nero uniforme, e spesso morato lucido, 
nei fianchi il colore r \nii riiiaro. Goìn e collo sono g-ialli , nei scudetti addo- 
minali e sottocaudali il colore diviene giallo-terreo con alcuni puntini bruni , 
piombini ed anche neri, le estremità laterali deg-li scmletti addominali che con- 
finano con le S(|uaine dei fianchi hanno delle macchie nere nella parte ante- 
riore del tronco, che i^oi svaniscono partecipando al colore d«lle parti superiori. 

Scudi addominali 195 oltre l'anale che è divisa, scudetti sottocaudali IIG, 
serie di squame 1'.», apertura della bocca mill. -25, lun«,'-hezza totale m. 1, 6ó, 
di cui la coda 38. 

Questa colorazione varia, ancora , un esemplare adulto aveva tutta la parte 
superiore del capo nera, il bordo laVùale dello scudetto rostrale, dei labiali su- 
periori, anteriori e j)osteriori dell'occhio di color già Ilo- terreo oscuro^ le suture 
nere più grandi e dilatate, scudetti labiali inferiori giallo-paglino con suture 
nere, tutte le squamette laterali del collo, e prossime alla gola con bordi neri, 
scudetti addominali giallo-terreo punteggiato di bruno , il punteggiamento va 
sempre diminuendo sino alla regione anale, tutti gli scudetti sottocaudali sono 
giallo-bruni. 

Un altro esemplare era di forma più svelta, superiormente di un bel bruno- 
morato, il boi-do libero degli scudetti labiali superiori di un giallo-paglino con 
le macchie nere delle suture leggiere , per cui l' orlo del labin-o era paglino 
uniforme : lo scudetto anteriore ed i due posteriori dell'occhio coli' angolo del 
labiale confinante color giallo, tutto l'addome sino all'estremo della coda bianco- 
paglino molto lucido, senza punti, e secondo la luce ritìetteva i colori dell' i- 
ride, neir unione del bianco addominale, ed il nero del dorso era color d' ac- 
ciaio brunito ed iridato. Questo serpente divorava una lucertola viva. 

Un terzo saggio presentava tutti gli scudetti cefalici irregolarmente mac- 
chiati di giallo, spiccata la linea gialla, che dai scudetti postoculari passa sulla 
parte posteriore vicino l' apice dello scudetto verticale , e si estende all' altro 
lato dell'occhio , e termina nel bordo labiale ; le suture degli scudetti labiali 
superiori ed inferiori sono nerastre leggermente. Tutto il dorso è olivastry- 



— 78 — 

ssuro tr.itte^^giato trasversalmente di fas^le irro^-olari o^-iallo più o msno scure, 
og-ni S(iuanletta dol dorso ("• più scura nei lati, q cliiara nel mezzo, a ciascun 
ano'olo laterale vi è un puntino biancastro, che mancano nella metà posteriore: 
(piesta disposizione di calori dona rasi)etto di essere listato long-itudlnalmente. 
(ili scudetti sottomascellari, ^ola, squame laterali del collo sono giallo-pagiino 
con suture nere sfumate di l>lù : tutto 11 tratto Inferiore delTaddome è g-lallo- 
terreo punteg-gialo di hrmio-accialo })iù nel Ijordo superiore di ogni scudetto, 
i iìanchl partecipano del colore del dorso i)iù chiaro, vicino la reg-ione anale 
non vi è più punteggiatura, nella linea mediana vi sono del })urdlni neri più 
() meno confluenti e formano una linea a zig--zag-. 

Lunghezza totnle m. 0, 8H di cui la coda m. 0, 25 era un giovine. Queste 
varie colorazioni mostrano ehe il tiix) nebrodense è la va letà melanlca più 
. spiccata negli esem])lari adulti e vecchi, e non volendo Indag'are le cause, si 
può stabilire che la s[)ecie trova condizioni favorevoli nelle Madonle a modifi- 
care Il suo organismo, e subire nel pigmento le alterazioni melanlche. 

Dono la descn-lzione di un giovine, tutto 11 corpo cenerino-celeste chiaro cia- 
scuna squametta con una linea più chiara nel mezzo , che posteriormente si 
termina con un puntino bianco , le linee gialle avanti e dietro 1' occhio sono 
molto più chiare, suture del labiali superiori nere come lineette; dalla nuca, e 
per più (centimetri sul dorso vi sono tratteg-g-iate fascie trasversali più scure, ma 
questo colore nerastro sleguc la direz oue delle suture , mentre 11 centro con- 
serva il colore del fondo. Tutte le parti iuferiori sono bianco-pagfllno uniforme 
senza punti. Lunghezza totale m, 0, G8 , di cui la coda ni. 0, 25, ciò mostra 
che nei giovani la coda è più lung-a. 

In saggi alquanto più giovani , le linee del capo gialle sono più marcate , 
quella che parte dietro l'occhio, passa sul vertice, e va all'altro occhio è quasi 
continua; quella avanti dell'occhio molto spiccata, una terza trasversale si os- 
serva sngll scudetti frontali, nel due scudi occipitali vi ha un arco comune di 
puntini giallastri colla sommità In avanti, altra linea del colore medesimo cir- 
coscrive il bordo delle occipitali, che parte dagli scudetti labiali superiori an- 
che giallo-pagllna con suture nere. Sulla nuca, lati del collo, primo tratto del 
tronco vi sono macchie nerastre trasversali, tutte in seguito si van dileguando, 
e si confondono col colore del dorso olivastro-piombino più o meno chiaro , le 
stiuaiue nel centro sono sempre più chiare nel senso longitudinale. 

Gli scudetti labiali inferiori, gola, collo gialli, nello addome prende una sfu- 
nuttura d'acciaio senza punti, le due estremità degli scudetti sono piombino- 
celeste. Lunghezza totale cm. ,32, di cui la coda cm. 12. 

Questo serpente è comune In tutte le terre alberate di plano, di collina nelle 
terre boschive, non l'ho veduto nel sommi gioghi scoperti delle Madonle, ai 
])rimi calori esce dai suol quartieri d'Inverno, e si espone al raggi vivificatori 
del sole }»rlmaverlle, e resta per ore Immobile, sono allora molto secchi, e co- 
me avanza la temperatura si spogliano della vecchia epidermide, che talora la 



- 79 — 

lasciano intera uscendo dalla Locca, allora i colori sono più vivaci, e la pelle 
è lucida. Entrano presto in amore , ed il volgo crede che dopo una lotta ero- 
tica due si attorcigliano colla maggior parie del corpo rialzati diritti, e se sono 
disturbati insiegono l'uomo. Si nutriscono d'insetti, lucertole, piccoli mammi- 
feri, ed uccelli, e l'ultima specie che entra nei nascondigli in autunno, entra 
nei cavi di legni, nelle muraglie, sotto le pietre. 

Sui costumi di questo serpente ricorderò, alcuni fatti di certo interesse per 
la biologia. Un mio amico Pieri molto familiare a prendere questo serpente , 
lo prendeva pel capo, col pollice premeva sulla nuca, ed il serpente diveniva 
diritto come un bastone, rallentando la pressione si muoveva colla solila agi- 
lità, questo esperimento fu ri])etuto varie volte. Una donna di brutto aspetto 
con certi atteggiamenti e voci melodiose fermava questo seri)ente, lo prendeva, 
lo carezzava , e se lo metteva anche nel petto , ed il rettile era sempre tran- 
quillo e docile , questo esperimento lo rijieteva a suo })iacere , ])er sodisfare a 
chi aveva la curiositù. 

Un ultimo fatto, in un mio podere fu ucciso un serpente, ed aveva l'addo- 
me molto voluminoso, la dimani andai a trovare quella carogna in ottimo stato, 
ho aperto V addome nel ])unto voluminoso e sono rimasto sorpreso, ho trovato 
una donnola, Musiela vulgo vis Lin. col capo rivolto in basso, e la coda verso 
la bocca, l'animale era intatto , tutto il pelo in buono stato sino alla coda, la. 
statura di una donnola adulta. Questo fatto spiega di ([uanto è capace la bocca 
di spalancarsi, e comprova resi)erienza dei nostri campagnuoli, che questo ser- 
pente col suo sguardo rende immobili gli altri animali per farne la caccia, (pie- 
sta potenza magnetica deve essere molto patente per rendere stupido un ani- 
male carnivoro e molto agile con denti roV)usti da potersi difendere dagli at- 
tacchi di qualunque animale, sembra inverisimile , ma io ho studiato il fatto. 

Il tipo si trova nel lato meridionale della Sicilia, la varietà a preferenza nella 
settentrionale^ specie comune nelle Madonie, si trova in Sardegna, per l'Italia 
continentale in Piemonte, Liguria, Roma, Pavia, Ancona, Modena, Omegna, 
Foligno, Kivarossa, e nel Napoletano. 

Il Bottger descrivendo i rettili dell'Ungheria rii)orta il Z. viridifiacns var. 
iSardeus, non ho trovato i caratteri che la distinguono per conoscere se trovasi 
nelle Madonie. 

Genero Periops AVagler 

Corpo terete assai lungo , cajìo oblungo-ovato , piuttosto distinto dal tronco 
muso alquanto schiacciato, occhi circondati ai lati ed inferiormente da una se- 
rie di piccole squame che separano gli occhi dalle itiastre soi)ralabiali; le squa- 
me del dorso sono lanceolate-roml)OÌdali , piane senza carena longitudinale di- 
sposte in 27-28 serie hmgitudinali, la coda è di mediocre lunghezza. 



80 - 



Periops hippocrepis Waglcr. 

1S81. Dodcrlcin—lUviaUi Fau. Sic. Vertebrati p. 41. 
181)1. Caìiuii-ano — Monog". Otidi Italiani, p. 5'. 

Nessuno riporta ([ucsta specie di Sicilia , il D<xlcrlein scrive : « a ({uesti fa 
d' uopo ag-g-iung-ere il Colubro sardo P. hippocrcpin W., che recentemente mi 
fu dato rinvenire in tre esem[)lari superbi dell'Isola di Pantelleria, ove rappre- 
senta^ a ([uaido pare il comune (.'. vlfidifiai-ns.^ Il Camerano ripete le mede- 
sime i)arole, essendo una specie comunissima in Sai'deg'ua ed in Pantelleria è 
probabile che si trovasse nella nostra Isola interm«'(lia alle due sopracennate. 

Capo distinto dal corpo, piano largo posteriormente, piastra frontale allargata 
aideriormeute, occhio circondato inferiormente e nei lati da 7 o 8 piastre, so- 
l)ralabiali 10, tronco assottig-liato vei'so il capo, g-rosso nel mezzo. Squame dor- 
sali liscie ovali in 27 serie , piastre addominali 2/Ì2-24P , scudetti sottocaudali 
8(;-li8 paja, lungiiezza cent. 70-80, un sagg-io trovato da Cari-uccio m. 1 , 55 
altro dal Camerano m. 1. 50 tutti di Sardeg-na. 

Cai)0 giallo nei vecchi brunastro con fascie trasversali nerastre o nere, una 
macchia g-rande incavata anteriormente va da un occhio all'altro, altra i»iìi in- 
dietro ad arco anche g-rande , che si congiung-e di qua e di h\ con una fascia 
che parte dall'ang-olo inferiore della bocca, altra più g-raude suU'occipite, che 
anteriormente si insinua colla precedente, e dietro si confonde colla prima delle 
macchie dorsali, maggiori dettagli di (pieste macchie si possono leggere nelle 
opere di Gene, di Bonai)arte, di Camerano. 

Il colore del tronco superiormente è giallo-pag-Uarino più (; meno vivace o 
brunastro nei vecchi, WamXv al raiiciato nei lati del collo, dalla cervice, mezzo 
del dorso sino alla co(bi vi ha una lunga serie di macchie grandi, brune o ne- 
rastre, rotonde o ellittiche, contornale di nero marcato e disposte ad intervalli 
eguali ; nei fianchi altra serie di macchie più piccole, che alternano colle pre- 
cedenti. Inferiormente è bianco giallastro con una serie di macchie rettango 
lari nere collocate alle (\stremità drgli scudetti addominali, che unisconsi con 
altra piccola serie di nuicchie dei fianchi. 

Sin ora la specie è stata trovata in Sardegna ove è comune , ed in Pantel- 
leria. 

Genere Callopeltis Bnp. 

Ca[»() mediocre al(|uanto distinto dal tronco, muso corto, ottuso, uno scudetto 
prcoculare. due jìostoculari , corpo (piasi cilindrico, :-cag-lie dorsali romboidali 
lisce disposte in 21-27 serie, coda lunga assottigliata. 

Contiuuu) 



Hnrico Ragusa — Direttore rosp. 



iMinuiiuiiniiiiiMiiMiiiiinnuiiinMiMniiiiiiiiMiiiMMiiiiMiiMiiMiMniiiniiiiiiiiiiiiiiuiiiiuiiinniliiM!' HMiiniiiniiiiiMMiiiHniiiiHHiiii^ 
1 ANJMO XII. ^(oOL GENNAJO 1893 N. 4. 1 



IL NATURALISTA siciliano! 

GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 1 



= SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE = 

X = 

1 ABBONAMENTO ANNUALE 1 

1 Italia . , L. 10 » | 

I Paesi compresi nell'unione postale » 12 » i 

I Altri paesi » 14 » | 

I Cn numero separato, con tavole . » 1 25 i 

I » senza tavole » 1 » I 

I Gli abbonamenti cominceranno dal 1° di ottobre di ogni anno | 

I Indirizzare tutto ciò che riguarda 1' Amministrazione e Redazione | 

I al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 1 

I SOMMARIO DEL NUM. 4. ''"' V | 

I Deebrochers des Loges — Di tre Apion dì /Sicilia. | 

I F. Vitale — Catalogo siìionimico e topografico dei Curculionidi di Sicilia (fi,ne). | 

I L. Spada — Contribuzione alla Fauna Marchegiana. I Lepidotteri finora trovati | 

I nel territorio di Osimo (cont.) | 

= G. Riggio — Alcune osservazioni sulla nota del March. A. De Gregorio intorno | 

E a taluni Celenterati mediterranei viventi. = 

E L. Facciola — SuW esistenza di forme di passaggio da alcune specie di Lepto- E 

E cefalidi agli adulti corrispondenti (cont.) i 

= G. Riggio — Arenamento di sette Capidogli nello Stagnone di Marsala. E 

i 1 



1 PALERMO I 

E .... . 5 

I Stabilimento Tipografico Virzì 1 

E i'm = 

I 1893 I 

^inininiiiiinniinHiiiiiiiiiiiilntuiiiiiiiiiniiiMininiiiinmiiiiniininiiiiiiniiiiiiiiiiiiiiMiiiiiiiMiiiiinitniiniiniiniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiinuiiiiiE 



ANNO XII. GENNAJO 1893 N. 4. 

I L ^Wu rTiI stTs I G 1 TirNO 



Di tre Apion di Sicilia 



A M.' ENRICO RAGUSA 

Directeuì' dit Naturalista Siciliaìio. 

DtCoiisieur et cher collègue, 

Voici mon opinion definitive au sujet des Apion veridicceruleuni , Ra- 
gume et murinum, decrits et figurés par M.'' le Docteur Everts, et dont 
vous avez bien voulu me commimiquer les types uniques, taisant partie 
de votre collection. 

1. viridìcoeruluin. — L' exemplaire communiquè , bien que 
depourvu de téte, m'a néanmoins permis de reconnaìtre, sans liésitation, 
un Apion deirittim; je dois pourtant taire oliserver que cet insecte d'un 
noir presque mat, aussi bien sur les élytres que sur le prothorax et re- 
couvert d'une pubescence giisatre fine et peu tburnie, ne répond pas exa- 
tement à la description età la figure qu'en a donnèes l'auteur: La de- 
scriptioU; ainsi que la figure, de méme, du reste, que le nom attribuè 
à l'espèce, indiquant un insecte ayant une coloration dont je ne retrouve 
pas la trace chez l'exemplaire communiqué; on n'y retrouve pas non plus 
les petites soies blanchàtres, en series, courbéos, que fait ressortir la figure 
precipitée. 

2. Hagusae. — Si on compare cet insecte aux exemplaires presque 
glabres ou parcimonieusement pubescents de r.4. defrifuiu, on est, à pre- 
mière vue, amene à considérer cet insecte conime specifiquement distinct; 
mais les espècés de ce groupe sont extrémement variables, non seule- 
ment sous le rapport de la pubescence, mais aussi sous celui de la ponctua- 
tion, et j'en possedè présentant tous les passages; la varieté que j'ai dé- 
crite d'Algerie et de Sicile, sous le nom de !<ubsquamifer présente une 

Il Nataralista Siciliano, Anno Jvll. 11 



— 82 — 

pubescence bien appcirente ou les poils deviennents squamifonnes et blan- 
chàtres et semblerait fairo le passale à la varieté Raf/ume. 

3. murinum, — Cet exemplaire ne ni' a presente aucune- ditterence 
avec les Q de VA. seniculm, appartenant à la forme à pubescence assez 
longue et assez abondante; le rostre de cet exemplaire paraìt presque droit 
par suite d'une fracture vers le milieu. 

Tours, le 5 dicembre 1892. 

Votre devoué 

peSBROCHERS DES ]-iOGES. 



CATALOGO SINONIMICO E TOPOGRAFICO 

DEI 

C UFI C ULIOlSriD I di Sicilia 

per Vitale Francesco Agronomo 
di Messina. 



(Cont. e fine v. N. prec. 

Sub-Tribìi BARINA Weise. 
Gen. BARIS Gemi. 



timida Rossi picicornis Marsli. 

nitens F. — S.— De B.-B. abrotani Gerin. 

* memnonia Bohm.— S.-P. — De St.- jmnctata Gyll.— M.— Vit. 
spollaia Bohm.— S.— Dcr B.-Fa-^>) * v. viresrens Bruì.— S. — Ban. 

pictiirata Men. cribricollis Reicli. 

opiparis Dav.— S.— De B.-Fa.ò) coeruiescens Scop.— S.-P.-M. — De 

Bau. St.-Vit. 

rufa Bollili.— S.-M. —De B.-IIey.- chlorodia Bohm. 

Desbr./')-Vit. Villae Comol.— S.— Desbr./")-Vit. 



— 83 — 



cupr irosi ris F.— S.-M. — Desbr. /")- 

Vit. 
viridisericea Go«ze 
vii'idis Four. 
virens 01. 
gramniinea Lin. 
V. .s«cit/« Bohm. — S. — Scli.-De Ì\I. 

aj-De B.-Hey.-Desbr./") 



* siciliensis Desbr. n. sp. — S. — 

Desbr./") 
prasina Bohm. — S.-P. — De B.- 
Desbr/) 

* angusta Bruì.— S. — Desbr./") 

violacea Gyll. 

* V. ^Yi^rZmiTour.— S.— DeB.-Hey. 

janthina Bob ni. 



Gen. LIMNOBARIS Bedel. 



T.-album Liu.— M.— Vit. 

uniserlafa. Dufour 
V. pus lo Bohni. — S. — De B. 



Tribù CALANDRINI Stierl, 



Geu. SPHENOPHORUS Schoenherr. 



plceiis Pali.— S.— De St.-Fa.Z>>Ban. 

opacHs Stierl. 
parumpunctatus Gyll. — S.-M. — 

Vit. -Bau. 
opac.us Gyll.— S.-Ma.-P.-M.— AlL- 
De B.-Fa.a)-De St.-Vit. 
siculus Stierl. — S. — De B.-De M. 
rf)-Hey. 
abhrevlatus F.— S.-P.-M. — De St. 
Vit. 
paludicola Walt. 
decurtatus Lin. 
brachypterus 01. 



porculus Fab. 
V. Ilagusae Stierl. — S.-Leutini — 

Rag-.-Bar.-Hey. 
strlatopunctatus Goez. 

mutilatus Laidi. — S.-M. — Vit.- 

Fa.6) 
ardeslus Ali. 
helveticus Stierl. 
abbveviatus Herbs. 
fìmbi'iatus Lin. 
meridionalis Gyll. — S. — De B. 
V. uniseriatus Stierl. — S.-Castelb. 
Rag.— Bar. 



Geu. CALANDRA Clairville. 



granaria Lin.— S. -ovunque— Fa. a>De St.-Cio.-Vit.-Bau. 

segetls Lin. 
oryzae Liu. — S. -ovunque — Fa.rt)-De St, -Ciò- Vit. -Bau. 



— 84 



Tribù TYCHIINI Stierl. 



Gen. BALANINUS Gemi. 



elephas Gyll.— S.— FcV.òj-Baa. 
viantodont Jekel. 
•propinqvua Deshr. 
* Reichei Desi).— S.— Desb.fO-De B.- 
Hey. 
venosus Gemi. (1) 

glandimn Mnrsli. — S.-P.-M. — 



Fa.a)-De St.-Vit. 
ferruginens DeJ. 
nucuni Lio. — S. — Ro. 

gulosus Gemi. 
turbatus Gyll. 

fessellatus Foiirc. — S.-P.-T. I. 
Fa.rO-De St.-Cio.-Bau. 



Gen. BALANOBIUS Jekel. 



sallcivorus Payk. 

brassicae F.— M.— Vit. 
macrojjus 01. 
arcuatua Mars. 



cinerascens Lin. 
scutellaris Step. 
pirrhoceras Mars h . — M . — Vit. 
hnmneus Mars. 



Gen. ANTHONOMUS Gemi. 



rtthl Herljs.— S.— Fa-?>) 

obscurus Siepi 1. 

(iter Steph. 

cìavatus Mars. 
Chevrolafi Desbr. — S. — Bau. -Rag-. 
einctus Koll. 

2)yri Bollili. 
bifitberculafus Tlionis. 
almi Deo-ér (2) — S. — Bau. 

disi Inguendus Desbr. 
pedicularius Lin . — S. — Fa. 6) 

Schonherri Desbr. 



fasclafus Mars. 

melanocepliaìus 01. 

InversKS Bedel. 
ì-uf(ts Gyll.— S.-M.— Vit. -Bau. 

nltuUrostris (Rey.) Desb. 

9 ulmi Scli. 
ornatus Reicli. — S.-coiu. — Desb.a)- 
De B.-Fa.rt)-De St.-Vit. -Bau. 
spilotus Redt. 

V. lioberti Wencli (3)— M.— Vit. 
poìnorum Lin. — S. — Fa.b) 

incurvus Steph. 



(1) Nel nuovo Catalogo di Berlino, la sinonimia di questa specie è talmente confusa con 
quella del lin-hatiis (ìyll., che riesce imi)ossibile capirne un'acca. Noi quindi ci serviamo 
della sinonimia del Desbrochcrs. 

(2) Il nuovo Catalogo di Berlino, confonde il pp(ììrìdarins Lin. con Vnlini Degéer, spe- 
cie distintissime, e le fa sinonimi. J'jirla poi di un .1/^/. idiui l)esl)r. 434, che non è maj 
esistito, giacché a pag A'M della monugraiia del Deshr. vi è, al N. 13 la specie ìdiìii De 
Géer {Cnrcidin^. 

{?>) 1\ nuovo Catalogo di Berlino ]a poi'tn come sinonimo della specie tipo. 



— 85 — 



Gen. BRADYBATUS Germar. 

Creutzeri Gerni. — S. — Fa.a) 

Gen. ACALYPTUS Schoenherr. 

carpini Herb. 
* V. sericeus Gyll.— S.— Ro. 

Gen. TYCHIUS Germar. 



5-piLnctatas Lin. — S. — Fa. 6) 
polylineatits Gemi. — ^I. — Vit. 

* Schne ideri Kerhs. — S. — De B.-Baii. 

lineatulus Bolim. 
Grenieri Bris.— S. — De B.-Hey.- 
Fa-6)-Bau. . 

* nigricollis Chev.— S. — De B.-Hey.- 

Baii. 

mitratiis Cost. 

Scliaumi Stierl. 

hicolor Stierl. 
bicolor Bris. — S.— De B—Rag-. 
V, ?— S.— Rag. 

* auridialceas Gy lì. . — S. — DeB.-Hey. 

* faniciilai'is Bris. — S. — De B. 
tlioracicus Bohm. — S. — Sdì. -De M. 

r/)-De B.-Rag-. 

* laticollis Perr. — S, — De B.-Hey. 

sua vis Bris. 
argentatus Cliev. — S.-M. — Fa. «)- 
Vit. 

* siculiis Boliin. — S. — Soli. -De M.a)- 

De B.-Hey.-Rag. 

* gentilis Rott.— S.-P. — Rott.-De B. 

Hey. 
^avtco?//sSteph.— S.-M.— DeB.-Vit. 

squamulafiis Gyll. 

Kirlnji Wather 
venustus F. — S.— Ro. 
striatulus GvU. 



* V. fitscolineatus Lue. (1) — S.— De 

B.-Hey. 
clecoratus Bohm. 
V. belliis Kirsch.— M.— Vit. 

* aureolus Kirs. 

V. medicaginis Bris.— S. — Bau. 

* haematopus Gyll. — S. — Fa. 6) 

* junceus Bohm.— S. — De B. 

* femonilis Bris. — S. — De B. 

junceus Reich. 
canescens Marsh. 
curtus Bris. — S. — Fa./>) 
flavicollis Bohm. 
meliloti Steph — S.-M.— De B.-Vit. 
Bau. 
? Utigiosus Tour. — S. — Hey. 

* annatus Tour.— S.— De B. -De ll.d) 

Hey. 
comptus Tour. — M. — Vit. 
tibialis Bohm.— S.-P.-M. — Fa. «)- 
De St.-Vit.-Bau. 
il igr irosi ris Wal t . 
2)us ili US G erm . — S . — Bati . 
pggmaeus Bris. — M. — Vit. 
brevicornis Walth. 
tomentosus Herbs. — S.-M. — Vit.- 
Bau. 
plcirostris Gyll. 
Stepheni Sch . 



(1) Questa varietà è nel Catalogo di Berlino segnata come specie distinta, noi abbia' 
mo adottato il nio<lo di vedere del Dcsbrochers. 



8G 



Sub ffoii. IIypactus Toùrnier. 



de press us Desbr . — S . — He y . 

hypaefì-us Tour.— S. — De B.-Ra»-. 

Sub-g-en. Apeltarius Toùrnier. 

* nmplicollis Aubé— S.— De B.-Hey.-Rag.-Ban. 

* simills Tour.— S.— De B.-De M. fO-Hey. 

multUineafus Desbr. (1). 

Sub-gen. Miccotrogus Schoenherr. 



jnclrostì'is V. — S. — Ro. 
posticHs Gyll. 
* capiiclmis Bohm.- S. — De B.-IIcy. 
-Bau. 



cujìì'i/'er Panz.— S.M.~Vit.-Fa. h) 
Bau. 
proceruleiis Kies.— S. — Fa. a) 
* V. paralleAus — S.— Lac.-Hey. 



Geu. SIBINIA Germar, 



pr i m ita Herbs . — S . — Bau. 

siynata Gyll. 

arenarlae Steph. 
* phalerata Stev. (?)-S.~Bau. 

velnfifeva Desbr, 



attalica Gyll. — S.-P.-M. — De B. 
Fa.a)-De St.-Vit.-Bau. 
* fihieLia Gyll.— S.— Hey.-Fa-?v) 
pellucens Scop. 
V. Roeìofsl Desbr.— S.-Fa.?;) 



Sub-Tribù RHYNCHAENINA Weise. 

Geu. RIIYNCHAENUS Clairville. 

Sub-o-eu. Orchestes lUie-er. 



quercus L. — M. — Vit. 
viminalis F. 

setosus Miill. 
aliti Herbs. 



alni Lin.— S.-P.— Fa.-De St. 

inquinatus Voet. 
V. saltatoi' Four. 
fernujineiiH Mars. 



(1) II multilineatus h siuoiiinio ([gW ampli Collis nel nuovo Catalogi). Il Dosbrochers rot- 
ti fif<*) IVrroro. 

(2) Il nuovo Catalogo segna questa specie come varietà della priinita, mentre li una 
specie distinta. 



atricapilltis Mars, calcar F, 

nigricùUis Mars. fraijaviaa V. 

melanncephalus 01. — S. — V;\.h) rliodiKÌactyliis IMars. 

pal/ipe.s Deshr. i-hodopus Stepli. 

pilosus F. avcUanac Douav.— M.— A'il. 

ilicÌH F. — S.-To. — Fa. a) -Vii.- signifer Cretz. 

Bau. salicis Fabr. 

t'agì Lin.— S.— Fa./O Jiortorum 01. 

lìiteicovnìx Chev^ 

Gen. RAiAIPHUS Clairville. 

pulicarius Hcrbs. 

ftavicornis Clair. — S. — Fa.cf ) — Bau. 
Kiessenwefferi Tour.— S.-M.— De M.a)-I)e B.-Hey-Vit. 

Sub-Tribù MECININA Weise. 
Gen. MECINUS Gerniar. 

pìjraster Herbs.— S.-M.— Vit.-Fa-ò) hntguisciihis Bolnii. — ]\I.- Vii. 

Jiaemerroidalù Herb. filiformi^ Aiibé 

semicylindricm Gyll. Q teretinsculu.s Bollili. 

Q cerasi Payli. sctosus Kiesv.— S.— De B. 

denigrafor Lin. * luimcraUs Tour. ~S. (1) — De M.dj 

Geu. GYxAINETRON Sclioeulier. 

pascuormn Gyll. — M.— Vit. trico/or Gyll. 

V. bicolor Gyll.— S.— De B. * simum Key.— S. — De B.-IIey. 
ictericum Gyll.— S. — Fa. ò) biarcuatam Desbr. 

labile Herbs.— M.— Vit. haemorrJioidale Bris.— S.— De B. 

Sub-g-eii. Khinusa Stephens. 

aneli tini Grav. — S. — Fa. 6) pAoìi ican Scli. 

cylindrurosfre Gyll. nasutus Rosh. 

uncinatum Duf. veditum Geriu. — M. — Vit. 



(1) Il nuovo Catalogo di Berlino indica questa specie della Sjiagna (llij, ma ciw forse 
per errore tipografico invece di (Sii Sicilia. 



— 88 — 

spilotiiìn Gemi. — M.~Vit. yerbasci Duf. 

elUpticum Dej. v. amictum (jQi-m.—yi.Qom. — Vii. 

* &«^?<,sf?tZoiH,m Rossi— S.-P.— De St.- verbasci Rosh. 

Bau. V. plagiellam Gyll. — M. coni. — Vit. 

* depressum Rott. — 8i.— Rot.-I)e B.- v. anfirrhiìii Gemi.— Mandanici— 

Iley. Vit. 

teter F.— S.— Ro.-Bau. * herbarum Bris.— S.— Bau. 

Gen. MIARUS Stepliens. 

* micros Gemi. — S. — De B. 
plantarum Gemi.— S.-M.— Ro. (l)-Vit. 

V. ? — S.— Bau. 
niendionaUs Bris.— S.-P.-]\I.— Fa.rt)-De St.-Vit. 

Snb-Tril)ù CIONINA Weise. 

' Gen. CIONUS Clairvillc. 

scroplmlariaa Liu.— S.— Ro. hortulanvn Foni*.— S.-T. I.-M.- De 

blattarìae Voet. St.-Cio.-Vit.-Bau. 

verbasci Voet. a/atula llerìis. 

thapsus F.-S.— Ro.-Fa.a) blattarìae F. -S.-M. —De B.-Vit. 

slmllis Genim.— S.— Bau. blpustìilatm Mars. 

ucropìialarlae Lat. v. Vlllae Comol.— S. — De B. 

affinis Herhs. 

Sub-geu. Stereonychus SutìVian. 

fraxini Diì Géer— S.-Ma. — De B.- Géeri Lin. 

Fa.ò) glbbifroiu Kies.— S. — Bau. 

foetidus F. 

Suh-Tril)Li NANOPHYINA Weise. 

Gen. NANOPIIYES Sclioenlierr. 

Sub-geu. Nanophyes s. str. 

nlf/er AValt. slcalits Bolnn. — S.-]\I. — Scli.-De 

erlcetornin Duf. M.rt)-De li. -Vit. -Bau. 



(1) Il Ilomiinu, seguendo runticu elassiHeaziuiie, lo avea posto nel genere Cleupus Sulf. 
Botto il nome specitlco di summlcntas Villa. 



- 89 — 



(jlobalus Dujard. 
hafinisphaericus 01. — S -M.— Sch.- 
De M.rt)-De B.-Vit. 

* (/ìohidus .^ Gemi. — S.— Bau. 

.straminetcs Booli. 
ruhrinis Kosh.— S.-P.-M.— De B.- 

De St.-Vit. 
(/lobif'ormis Kies. — S. — De B. 

* ingritaì^ÌH Aiibé— S. — Hey. 
nitictiilus Gyll. — ]\[. — Vit. 

Cherrieri Bohm. — Ma. — Vi\. h)- 
Bau. 



y diffìciUs Tour. 
npretus Desb. 
helvèticus Tour. 
marmorat US Goez. 

lythri F.— S.-M.— Vit.-Bau. 
pygmaeus Herbs. 
a ng ustipe iiìi is Bach . 
rufìpes Tour. 
saUcariae 01. 
fasciatus Vili. 
transversus 01. 
leucozonius Lin. 



Sub-fi-en. Corinalia Gozis. 



langì'Jdìis Bohm.— S.— Soli. -De ]\[. 

a)-De B. 
f ristigma Rott.— S.-P.-T.I.— Eot.- 

De B.-De St. -Ciò. -Hey. -Bau. 
tamariris Gyll. — S. comune — De B. 

De St.-Cio.-Vit.-Fa.?>) 
paUidus 01.— Sic. — De Bert.-Bau. 
stigmaticus Kies. 



* centromaculatus Costa — S. — Hey 

Olivieri Desbr. 

* 4-virgatus Costa 

* V. 6-pitìictatus Kies. — S. — Bau. 

* melanocephalus Baudi ined. — S.- 

Bau. 
palUdaìus Grav.— S. — Bau. 



Tribù MAGDALIDINI Stierliu. 



Gen. MAGDALIS Gerraar. 



barbicornis Lat. — S. — Fa. ft) 

cT clavigera Kiist. 

o rJiiiia Gyll. 

Q trifoveoìata Gyll. 
aterrima L. — S.-P.-T. I.-M. 
St.-Cio.-Vit.-Fa.'/; 

armigera Bedel 

atraweììtaria INInrsh. 



— De 



stygia Gyll. 
carbonaria Steph. 
asphaltina Germ. 
cerasi 01. 
cerasi L. — S. — Bau. 
rf rhina Gyll. 
barhicoruis Steph. 



1/ Natii rdli.-itii Siriliiino, Anno XII 



— 90 — 

Tribù APIONINI Stierlin. 

Sul>Tril)ù APIONINA Weise 

Gen. APION Herbst. 

Sub-g-en. Oxystoma Dumeril (1). 

pomonae F. — S.-P.-I\ra.-Ì\r.— Ro.- opeflcum Bach.— S. — Ra<>-.-B?;u. 
Fa.r/)-De Sl.-Kag-.-Cio.-Vit.- DietricM Diet. 

Bau. e/" Marshami Boli ni. 

coent/escens Marsh. subulafum Kirby— S.— Bau. 
cyaneum Paiiz. 2 Marshami Steph. 

glahrum Marsh. e/' platalea Steph. 

cyanescens Kirby orìiropus Gemi.— S.-M.— Rag-. -Vit. 



CONTRIBUZIONE ALLA FAUNA MAROHEGIANA 

1 LEPIDOTTERI 

finora tro^^ati nel tori itorio eli Osinao 

PER 
LEONELLO SPADA 

(Cont. vi'il. Xiim. jtrep..) 



Fani. VI. — JSrymphalidae 

Gen. 12. — Lìmenitis, Fab. 

L. Camilla, Sch. S. V. — Primavera, Estate, rara in Autunno. Osimo, Ve- 
scovara, M. Rag-aio e Monte di S. Biagio nei giardini e nelle 
Selve. 

Bruco sulla Lonìcpra coprìfolium e L. xylostetim. 

(1) Phxndiaino 1' Illustre Prof. NW'ise, per il inaiitcnimciif i di questo sottogeuere del 
I>i.:meril, ginceiiè è \)v\\ e:ir:ittori//-;i1i), anzi lo è tanto da poter essere inalzato a genci-o. 

Il Wenclier non giustiticn in vermi in ido. In soppressione che ne fece n^Ila bella mo- 
nografia del gen. Apion. 



- 91 - 

L. Sybilla L.— Estate: fosso del Guazzatore e Vescovara sulle siepi dove 
nasco la Lonicera. 

Bruco sulla Lonicera capì-lfoliiiin e L. xyìosttum. 

Gen. 13. — Neptis, Fab. 

N. lucilia, Hb.— Primavera ed Estate: Monti di S. Stefono e M. Ragalo 
due soli individui sulle siepi. 
Bruco sulla f^pirea salicifoUa. 

Gen. 14. — Vanessa Fab. 

V. urticae, L.— Primavera ed Estate : in tutto il territorio nei campi e 
nei giardini. 

Bruco sull'0>'^/c<7 dioica assieme alla Crisalide. 
V. ichnusa, Bon. — Estato : M. Fiorentino, M. dei Cipressi e Fonte Magna 
assieme al tipo due soli individui in più di trenta crisalidi 
raccolte sulle Ortiche. 

Bruco e crisalide sulla Ortica dioica ed Ortica lì ispida. 
V. polychlors, L.— Primavera, Estate ed Autunno : in tutto il territorio 
sui campi, nei giai'dini e sui tronclii di Ólmo sul mezzodì. 
Bruco anWVlnius cainpestris. 
V. xanthomelas, E. — Estate : frequente nel territorio assieme alla pohj- 
cMora, ma più rara : quattro individui entro il cappanno della 
caccia di mio cognato Arnaldo Gariboldi, altri due in un cap- 
panno della caccia Simonetti tutti sei gi"individui aderenti al 
muro. 

Bruco sul /Salia' riniinalis e S. caprea. 
V. gamma, L.— Estate ed Autunno : valli del Musone, dell' Aspio e Ca 
senuove nei prati e sui salici. 

Bruco sul Salix ci minai is e >S'. caprea. 
V. Atalanta, L.— In tutto l'anno, salvo l'inverno, comune nel territorio 
sulle siepi e sugli alberi. 

Bruco e crisalide awW Ortica dioica e Sali.r caprea. 
V. Egea, Cr. (V. album Esp.i— Primavera, Estate ed Autunno: frequente 
nei boschetti e nei giardini. 
Bruco sulla Parietaria diffusa. 
V. L. album, Esp. (V. album F.)— Estate: un solo individuo a M. S. Pie- 
tro. Sopi'a un iSali.r purpurea v. lielix. 
Bruco sulla stessa pianta. 



— 92 — 

V. C. album, L. — Primavera, Estate ed Auttiniio: in tutti i boschi ed in 
tutti i giardini del territorio sutrOlmo, Pioppo e Ribes. 

Bruco (da sei individui due soli vennero alla luce) sul Ri- 
bes grossularia. 
V. cardui, L. — Primavera, Estate ed Autunno : in tutto il territorio nei 
luoghi aridi e sabbiosi. 

Bruco sul Dipsttcus si/lvesfris, Ortica dioica, (J. Uispida ed 
EcMum vulgare. 

Gen. 15. — Melitaea, Fab. 

M. Athalia, Rott. — Estate: M. Fiorentino, M. di S. Stefano e Selva Si- 
monetti nei prati freschi. 

Bruco sulla Planfayo lanceolata e ]'eronica agrestis. 
M. cinxia, L. — Primavera ed Estate : Monti di S. Stefano , Vescovara 
M. Ragalo o valle dell'Aspio : sui prati non però frequente. 

Bruco sulla l^lantago lanceolata , Achillea Mille foliuii/ , Ve- 
ronica agrestis. 
M. dydima, 01. — Primavera ed Estate : Valli del Musone ed Aspio, din- 
torni di Osimo, M. Fiorentino, M. S. Pietro e Selva Simouetti 
nei prati e nelle selve. 

Bruco sulla Veronica agrestis, Artemisia campestris^ Lina ria 
rulgaris, Scabiosa arvensis e Plantago lanceolata. 
M. trivia, Schiff. S. V. — PrimaVi'ra, Estate e principio di iVutunuo, M. 
Ragalo e dintorni di Osimo due soli individui sui prati. 
Bruco sul Vcrlìascuin thapsns secondo l'Ochsenheimer. 
M. maturna, L. — Un solo individuo in Estato nella selva Simouetti sulla 
Plantago lanceolata. 

Bruco ibernante sul ^<aliiv caprea o PUintago lanceolata : 
crisalide comune in primavera. 
M. dictynna, Esp. — Estate: M. Fiorentino o M. S. Pietro nelle selve sui 
fiori di pugnitopo. 

Bruco sul Unscas acnleatns e ['cronica Agr^'stis. 
M. phoebe, S. V. — Primavera ed Estate: frequente a M. Fiorentino e 
nella Selva Simouetti nelle selve. 

Bruco sulla Plantago lanceolata, Centaurea scabiosa e C. cga- 
nus. 
M. »• V. aeteerie. Hb. — Estate. Un solo individuo al M. dei Cipressi 
sulla Centaurea (da un bruco;. 
Bruco sulla Centaurea sccdio.sa. 



— 93 — 

Gen. 16. — Arginnis, Fcib. 

A. Dia, L. — Pi-iniavera ed Estate: prati di Rigo, valle dell'Aspio e ]\r. 
di S. Stefono nei prati vicino ai liioglii boscosi. 
Bruco sulla Viola odorata. 
A. Recate Esp. — Primavera : un solo individuo a M. Ragalo nel greppo 
di una siepe. 

Bruco forse nella Moia odorata. 
A. Ino, Esp. — Estate: un solo individuo nella selva di M. Fiorentino in 
un cespuglio di Orfica. 
Bruco sul RìihìiK idaeu.s. 
A. / phirape, Ilb.— Estate: nel boschetto Butteri e Simonetti sul ^>o%o- 

ÌÌUIII. 

liruco sul polygonum bistorta. 
A. Adippe, L. — Prati di Rig'o e Vescovara in Estate sulle siepi. 

Bruco sulla Cleii>a/f.is vitalba e Viola odorata. 
A. » ab. Cleodoxa, 01. — Estate : un solo individuo assieme al tipo 
in un giardino a M. Ragalo. 

Bruco sulla Clenuitis vitalba, Viola odorata e V. tricolor. 
A. Aglaja, L. — Estate : prati di Rigo, M. Ragalo e M. Torto sullo Scar- 
daccione. 

Bruco spesso sulla \'iola tricolor. 
A. Paphia, L. — Estate: in tutto il territorio; tVequente particolarmente 
sulle siepi di Rovo. 

Bruco sul Rubus idaeas e sul Cheirantiifi cheiri. 
A. Latonia, L, — Primavera, Estate ed Autunno: M. di S. Stefano, Ve- 
scovara,, e Campocavallo sulla. Lupinella. 
Bruco sulla Onobrt/chi.s sativa. 
A. Daphne, S. V. — Estate: M. di S. Stefano, M. Ragalo e Cannone nei 
luoghi boscosi sui hori. 

Bruco sulla CU^matis vitalba, Rulnis idaen-s e R. fraticosai<. 

Eam. VII. — Satyridae 

Gen. 17.^ — Arge, Bdv. 

A. Galatea, L.— Estate: M. di S. Stetano, M. Ragalo, M. S. Pietro e Bo- 
schetto Butteri sui prati erbosi. 

Bruco sul Trifolium jjraten.se ed Antojcanta/ii odoratiun. 



- 94 - 

A. Galatea, ab. 2 leucomelas, Sulz. — Estate: un solo individuo a M. S. Ste- 
fano assieme al tipo nel Boschetto Gallo. 

A. •» ab. galene, 0. — Estate: due esemplari a Campocavallo in un 
prato. 

Bruco di queste due aberrazioni forse delle stesse abitudini 
del tipo. 

Gen. 18. — Erebia, Bdv. 

E. Euryale v. aetiops, Hb. — Estate: in tutto il territorio, comunissima 
nei boschi e nei margini degli argini dei fossi. 
Bruco sulla Dactylis glomerafa. 

Gen. 19. Satyrus F. 

S. Circe. r.~ Estate: in tutto il territorio sì in collina che in pianura, 
sui tronchi di Fico e di Oppio. 

Bruco sul LoliiDìi tiumilentutn e Broutus .secaUnui<. 
S. Hermione, L. — Primavera ed Estate : ^L Fiorenthio, Selva Simonetti, 
Monti di S. Stefano, posata sulle stesse piante- 
Bruco sul LoUhiii perenne. 
S. Dryas, Sch. — Estate : due soli individui ai prati di Rigo. 

Bruco ^wìV Avena elatior. 
S. Semele L. — Estate : M. S. Pietro e Boschetto Simonetti due individui 
in copula sopra un tronco di Rovere. 

Bruco 'èwW Aira caespitosa ed A. cane.scens. 
S. » V. Aristeus. Bon. — Estate: M. di S.Stefano, un solo individuo 
sul tronco di un Olmo. 
Bruco forse come il tip(>. 

Gen. 20. ~ Pararge, Hb. 

P. Maera v. Adrasta, Hb. — Estate: prati di Rigo e Monti di S. Stefano 
pochi individui che pare si sostituiscano al tipo: nei luoghi 
paludosi e freschi sempre all'ombra. 
Bruco (un solo) sulla Poa annua. 

P. Megaera, L.— Primavera, Estate ed Autunno: comune nel territorio 



— 95 — 

sui prati e sui marg-ini dei fossi sopra i cespug'li di Rovo e 
sulla scabiosa. 

Bruco sulV Hordeum murinum e Plani ago lanceolata. 
P. Aegeria, L. — Tutte le stag-ioni in tutto il territorio sui prati umidi e 
paludosi. 

Bruco sul Triticuiìi repens e Poa praten.sis. 
P. » V. Meone Hb. — Estate : un solo individuo assieme al tipo a 

M. Radalo presso una fonte sopra un fiore di Rovo. 
P. » V. Aegerides, Stgr. — Estate: M. Fiorentino assieme al tipo as- 
sai frequente. 

Bruco delle due vai-ietà forse delle stesse abitudini del tipo. 

Gen. 21. — Epinephele, Hb. 

E. hyperanthus^ L. — Estate : in tutto il territorio, frequentissima sulle 

siepi. 
E. Tithonus, L. — Eslate: piati di Rigo, M. di S. Stefano, Casenuove e 
valli del Musone e dell'Aspio sui prati. 

Bruco sul Millium effuszcm, Poa annua e P. pratends. 
E. Janira, L. — Tutte le stagioni;, eccetto l' inverno, in tutto il territorio 
nelle selve e sui prati. 

Bruco ibernante : trovato sempre sulla Poa nemoralis, P. 
pratensis e P. annua. 

Gen. 22. — Coenonympha, Hb. 

C. Arcania, L. Amyntas, Scop. — Estate: in tutto il territorio sulle stop- 
pie, nelle selve e nei campi incolti. 
Bruco sulla Melica cillata. 
C. pamphUus L. — Primavera, Estate e principio di Autunno: in tutto il 
territorio nelle selve e sui prati e sui campi incolti. 

Bruco sul Cynosurus cristatus , Poa pratensis , P. annua e 
swìV Anthoxantum odorafum. 

(continua) 



— 96 — 



DoTT. G. RIGGIO 



Aleiine o&^»ervozion 



SULLA NOTA 



(ìel Marchese A. Ce QreEorio ' Intorno a taluni Celenterati mediterranei viventi 



Perdonerà il mio egregio atnico Marchese De Gregorio se sono costretto 
a rettificare talune inesattezze nelle quali egli incorse nel suo articolo : 
« Intorno a taluni Celenterati mediterranei viventi ». Dico costretto, poi- 
ché se mi sono deciso a farlo, non è già pel gusto di fare della critica, 
ma per il solo amore della scienza. 

Rhizostonia pillino, Lin. - Il ^larchese De Gregorio dice, nell'ar- 
ticolo predetto, di avere veduto molti grandi individui di questa spe- 
cie all' imboccatura del porto di Palermo. Intanto , da taluni dei ca- 
ratteri Importati, quali la presenza dei fuhi f raspa reufi coli' estremità bln, 
si rileva chiaraniente che le Meduse, vedute dal De Gregorio, non sono 
riferibili ;dla lihizostoma juiIdìo , ma bensì alla Cotilorhiza tubercolata , 
Eseh. {Cassiopea borbonica , Delle Cli.ì ; specie assai frequente nel mare 
di Palermo e che spesso ci viene portata nel nostro ]\Iuseo Zoologico. 
Con ciò non intendo escludere la possibilità che nel Golfo di Palermo 
si possa trovare la L'hiz. jìhìuìo, quantunque sinora non abbia visto in- 
dividui autentici di questa specie, provenienti dal mare di Palermo (1). 
Riguardo ai minuti pesciolini ai quali accenna il sig. De Gi'egorio, posso 
agg'iungei'e, che insieme alle Meduse portate in Museo, ho pure trovato 
talvolta degli individui molto giovani di l'rachurus trachiirns ^ eviden- 
temente presi insieme ad essi; alla stessa specie è probabile si riferiscano 
i pesciolini veduti dal Do Greg-orio. Se questo fatto devesi attribuire ad 
un caso fortuito ovn'ci'o ad un caso di mutualismo protettivo, è cosa che 
resta a vei-iticarsi. 



(1) Haeekel, System, der Medusen, voi. II, p. 591 , cita la lihix. {Pileiin/) pillino del 
mare di Messina. Della stessa località cita pure la Catllorhixa tubercolata. 



— 07 — 

(ìli osoniplai'i di Cotilorhiza che vengono portati al Museo, hanno di 
oi'dinario il diametro di 10, 12 centimetri; ricordo però che di recente 
fu poi'tato un esemplare che ne misurava una trentina e più. Rammento 
ancora che nel settembre 1875, in una escursione fatta nel nostro porto 
insieme al Prof. Doderlein e al Pi"of. Richiardi di Pisa, trovammo alcuni 
esemplari di media grandezza di Cofilofhiza e nessun individuo di altra 
specie. 

I pescatori di Palermo, oltre il nome di Bt-oniu, o Sbronni dato alle Me- 
duse, ag-giung-ono anche quello di Cappelli o Cappelletti dì mare. 

Velelia spirans, (rmel. — La Velella spirane ^ come giustamente af- 
ferma il ^larchese De Gregorio, non è rara nel Mediterraneo, ed io ri- 
cordo che nel 1879, in seguito ad una forte burrasca, ne furono portate 
in quantità nel Museo, raccolte precisamente dalla parte della spiaggia 
di Romagnolo , posta ad oriente della città. Ne conservai allora parec- 
chie, ma siccome erano già abbastanza malandate, non le potei ben pre- 
parare, poiché per tale opei'azione è necessario avere gli animali freschi 
e ben conservati, e meglio ancora se sono viventi. Nel Museo Zoologico 
abbiamo bellissimi esemplari di Velella, avuti dalla stazione zoologica di 
Napoli. Per <iuanto riguarda la loro preparazione e conservazione, ed in 
genere quella degli animali marini, basta leggere quanto scrive in pro- 
posito il Cav. Salvatore Lo Bianco nei Mittheilung della Stazione Zoo- 
logica di Napoli (1). Il Lo Bianco, maestro nell'arte di preparare gli a- 
nimali marini , ha in\ entato una tecnica tutta propria , quale è quella 
seguita nella Stazione predetta. Se qualche cosa si perde nella prepara- 
zione di questi animali, sono i colori, e chi sa poi, che non sia vicino il 
giorno in cui anche questi potranno essere conservati (2). 

Cliarybdea inarsupialis, Peron et Les.— Il Marchese De G-regorio 
dubbiosamente attribuisce a questa specie un fenomeno di urticazione, 
che si avverte tuffandosi in mare, in certi dati siti ed in certi dati giorni 
di estate. Io non so, in verità, sopra quah dati di fatto abbia potuto il 



(1) Metodi usati nella Sta/ione zoolu^iica i>ei- la conservazioue degli animali marini da 
Salvatore Lo Bianco. In Mitt. Aus der Zool. Station zu Neapel, Neuenter B.md, III 
Heft, Berlin ISOO, pag. 437 a 474 (Vclcìla pag. 457 . 

{•.lì Vedi P) .nettino del Naturalista collettore e Rivista di Scienze naturali, Anno XII, 
agosto 1891, p. 103. Alcune esperienze fatte nel nostro Museo sono siuora riuscite ne- 
gative. 

Il NataralisCa Siciliano Anno XII !•■* 



— 98 — 

sig-. De Gregorio dire , anche dubbiosamcivto , elio si trattava di questa 
specie non avendola, come egli stesso dichiara, né vista, nò esaminata. 
Eg'li infatti sa certamente che molti sono gli animali capaci di produrre 
urticazione e che tutti i Celenterati sono provveduti di vescicole urti- 
canti, per cui sono tutti quanti suscettibili più o meno di urticare, par- 
ticolarmente le Meduse e le Attinie, le quali per questo son dette co- 
munemente < hiiclie di iiKWe. 

Volendo intanto attribuire il fenomeno alla Oliar ijhclea, una prima dif- 
ficoltà sta nel fatto elio questa specie, nel Golfo di Napoli , secondo il 
Costa (0. G.) e secondo quanto mi scrive l'eg-reg-io Cav. Lo Bianco, ap- 
parisce oi'dinai'iamente \w'\ mesi autuiniali ed invernali, mentre il feno- 
meno accennato dal De Greg-ori<^ avviene in estate. 

Inoltre al Museo di Palermo, dove di tanto in tanto veng-ono portate 
delle Meduse, non è stata finora portata mai la Chanjhdea, la quale po- 
trebbe certamente trovarsi nel (iolfo di Palermo come si trova in quello 
di Napoli e nello stretto di Messina (1), ma se essa fosse la causa del 
fenomeno in parola, qualche individuo sarebbe stato certamente preso ed 
identificato. 

Per queste ragioni adunciue bisogna escludere la Chart/hdea come 
causa di tale urticazione. Ed allora, pei'chè il De Gregorio ha voluto fra 
tante Meduse pensare alla Chari/hdea , quando egli stesso giustamente 
dice che 1' animale di cui si tratta dai nostri pescatori è chiamato col 
nome di Ogcjh'ui a mare / Il quale poi non corrisponde affatto ad una 
Medusa ma ad una Attinia, e precisamente i\\V Anemonìa silicata, Penn. 
tanto comune nel nosti'o mare e capacissima di produrre, come difcitti 
produce, i fenomeni accennati dal sig. De Gregorio (2). Oltre VAnemonta 
predetta è pure comune nel nostro mare V Actinia equina, Lin. (Cula- 
rina di mari dai pescatori palermitani), ma questa specie, per la brevità 
dei suoi tentacoli, non credo sia capace di produrre una grave urtica- 
zione. 

Dal Museo Zoologico — Palermo, dicembre 1892. 



(1) Haeckel (E.) System der Medusem, II, p. 442. 

(2j Se il mio amico avesse pensato di tarsi procurare da un marinaro VOi/ij///// n inrin, 
si sarebbe certamente accorto esili st(>sso che si trattava di una Atfiiiiri. 



- 99 - 



Sull'esistenza di forme di passaggio da alcune specie di Leptocefalidi 

agli adulti corrispondenti 



N O T A 



DEL 



Doti. LUIGI FACCIOLA 



La scoperta di alenili individui in uno stato di transizione dai Lepto- 
cephaliis MoìtUì , KoUileri e Kaujìi alle forme definitive delle specie 
corrispondenti e dall' Hyopì'onis al Nettastowa , onde si dà annunzio in 
questa nota , viene finalmente a risolvere il problema sul destino dei 
Leptocefoli, se cioè sieno forme abortive di Congeroidi , insuscettibili di 
trasformarsi nelle specie compiute o giovani normali di questo gruppo 
di pesci. 

VHi/ojyi'onis è preceduto da uno stato più immaturo rappresentato dal 
Lepfocephalm lough-ostris. Questa cognizione tende a rischiarare un al- 
tro punto oscuro della storia biologica dei Leptocefali, imperciocché men- 
tre lo studio della loro organizzazione ha latto vedere che sono larve di 
Congeroidi, se non tutti la più gran parte, d'altro verso è restato senza 
spiegazione il fatto della esistenza di un numero molto superiore di for- 
me diverse di Leptoceplialus e generi affini in una località in confronto 
a quello delle specie di Congeroidi che vivono in essa. Ora questa dif- 
ferenza in parte può spiegarsi ammettendo che due o più forme diverse 
sieno ciltrettante fasi di sviluppo dello stesso animale prima di giungere 
allo stato perfetto. D'altronde non mancano esempii in altri gruppi di 
pesci in cui la forma definitiva è preceduta da due o tre stadii differenti. 

La forma del corpo nei Leptocefali varia da quella assai compressa 
come foglia a quella cilindrica. Le specie di forma cilindrica però in 
uno stato anteriore sono compresse , ciò che ha fatto credere alla esi- 
stenza di tipi diversi {Helinichtììi/.s puììi-fiifus Rai", e Lejjfocephalus Morrlsi 
Gm.). La struttura delle parti ci rivela die vario è il grado di compli- 
cazione organica in cui si trovano. Possiamo dire che per molti riguaixU 
sono esseri piuttosto immaturi che semplici , anzi taluni sono provvisti 



— 100 — 

di org-ani che mancano negli adulti, per esempio le pinne pettorali. Due 
foglietti muscolari rivestiti dalla pelle costituiscono i lati del corpo e ri- 
sultano da più strati di fibre primitive longitudinali divise in brevi por- 
zioni le quali si addentellano una con 1' altra senza tessuto connettivo 
intermedio. Le linee piegate ad angolo, disposte in serie sui lati del corpo, 
sono appunto gl'interstizii delle poi-zioni addentellate. Nelle forme com- 
presse il numero degli strati di fibre primitive è meno considerevole che 
nelle forme arrotondate. Tra i due foglietti vi è un tessuto gelatinoso 
il quale istologicamente è formato da una sostanza fondamentale omo- 
genea e da numerosi fili che sono trasformazione delle cellule mucose. 
In mezzo ad esso scorre la coi'da dorsale. Questa è divisa in segmenti 
cartilaginosi, compressi sui lati esterni e separati da lamine di tessuto 
connettivo. Nel tratto anteriore questi segmenti sono più alti che lun- 
ghi , posteriormente al contrario. Negli stati più immaturi sono intera- 
mente sprovvisti di processi neurali ed cniali. Nei più adulti, rappresen- 
tati dai Leptocefali cilindrici {Helmtchthijs) questi processi esistono e nel- 
l'ultima porzione della corda appariscono pure le lamine corrispondenti 
in cui si osserva un principio di ossificazione. Il difterenziamento della 
corda in taluni progredisce dall'estremità posteriore all'anteriore (Lepfo- 
cepfìalus Morris/ , ecc.). Nel Leptocephalus loìKjirosfris invece essa è più 
semplice in dietro che in avanti. Il canale digestivo scorre dritto e spesso 
è provvisto di un rigonfiamento .-i guisa di ventriglio e di un cieco. La 
vescica natatoria quando esiste comunica con l'intestino. Il sistema cir- 
colatorio e nervoso sono molto sviluppati. 

In alcuni nell'ultimo periodo dello stato di Leptocefalo succede un ac- 
corciamento considerevole del corpo, fenomeno invero strano essendo per 
legge che gli organismi si allungano sempre più avanzando in età fin- 
ché raggiungono la statura che è loi'o propria. Nondimeno esso non è che 
transitorio, perchè quando l'animale ha pi-eso i caratteri definitivi rico- 
mincia ad allungarsi. È stato quasi intraveduto dal Gùnthei' , il quale 
trovando che i più piccoli del Comfcr vul(i<u-}s perfettamente sviluppati 
sono meno grandi dei comuni esemplari di Leptocephalus Morr.'si fa os- 
servare che se l'animale è noi'malmente soggetto a metamorfosi, questa 
non è accompagnata da un corrispondoiitc accrescimento dell' intiero 
corpo. 

In altre specie il corpo impicciolisce in senso opposto , vale a dire si 
restringe senza accorciarsi. Ce ne ofiVe un esempio ì'H//oprorf(s nel (piale 
la massima altezza del corpo può scemare tino alla sua tredicesima 
parte e non viene più l'aggiunta nel consecutivo accrescimento. 



-101 - 

10 ho cercato di sapere se fuori della famiglia dei Cong'eroidi avesse 
luog-o lo stesso fenomeno di riduzione del corpo in altre specie di Te- 
leostei soggette ad emimetamorfosi, e mi sono persuaso che non è esclu- 
sivo di quella famiglia. E noto che in queste specie alcuni individui gio- 
vani con Taspetto degli adulti possono trovarsi più piccoli di altri indi- 
vidui non ancora trasformati. Ciò si è spiegato ammettendo una preco- 
cità un ritardo, secondo le circostanze , nell' epoca della metamorfosi. 
Invero quando si tratta di piccole differenze di statura questa supposi- 
zione non è improbabile. Ma (piando le propoi'zioni della forma giova- 
nile giungono a superare di molto quelle dei piccoli esemplari coi ca- 
ratteri della forma adulta si deve credere che la metamorfosi è accom- 
pcignata da riduzione. Una specie di Gadoide che io descrissi col nome 
di Fhipsiì'hf/nchus lu'paficiis ce ne dà un esempio rimarchevole. La sua 
larva con pinne ventrali molto allungate e il coi'po bianco trasparente 
arriva ad avere 9 centimetri di lunghezza totale mentre i più piccoli 
individui norjnali con ventrali più corte e il corpo castagno non sono 
lunghi che la metà. Abitiamo altri esempii nel Ducft/lopferus voìifauK, i 
cui giovani rappresentati dal Cephalocanthas sono alle volte più grandi 
dei giovani normali (Steindachner) , nella Moiella cotumunh il cui stato 
immaturo corrisponde al J3rosiiìiui< e.vicjuus , ecc. In questi casi l' impic- 
ciolimento del corpo avviene in tutto rinsieme delle parti \ì-ednctio fotìas 
coi-porls). Ma per lo più essa comprende soltanto alcuni organi, come le 
pinne ventrali, la dorsale, ecc. 

Nelle tre specie di Conger di cui ora faremo conoscere la metamoi'- 
fosi è degno d' attenzione il fatto della rarità della foi-ma di passaggio 
da quella di Lepfocephalns a quella dell'animale compiuto che sono invece 
comuni. Nel Xeffasfoina ò anche eccessivamente rara la fjrma eh- sta 
per prendere l'aspetto definitivo. 

1. Conger vulgaris Cuv. 

11 sig. Gill (li ha espresso l'opinione che il Leptocepha/iis Mon-is} (Jm. 
sia un giovine di Cour/er cuhjaris. Il Dr. Gùnther si dichiara pienamente 
convinto dell' esattez-^a di questo ravvicinamento ma pone il dul)l)io se 
il primo sia uno stato normale di metamorfosi del secondo o una forma 
arrestata nello sviluppo. Quest'ultima supposizione adesso non è più am- 
missibile. 



(1) Prue. Aciul. Nat. Se. Fluì. ISfil. 



- 102- 

Prìiito stadio o lariuile. — Negli iudivicUii più giovani del L. Morrlsì la 
forma del corpo è subcoiiipressa., noi più adidti, i quali non arrivano mai 
alla maggiore lunghezza dei pi-imi, è cJlindrica. La lunghezza del capo 
si comprende Ì'2-V] volte nella totale lunghezza. 11 muso è assai ottuso. 
Le mascelle sono quasi egtiali. I denti mancano o sono rudimentari. Ai 
lati dell'estremità del muso, sul contorno della bocca, sì aprono due na- 
rici con brevissimo tubo. La pinna dorsale comincia tanto più in dietro 
del capo quanto più lungo e meno rotondo è il corpo, vale a dire quanto 
è più giovane 1' animale. C^osì la sua distanza della fessura branchiale 
misura da 1 ^ .. a H volte la lunghezza del capo. Le pettorali sono me- 
diocremente ottuse. Lungo la linea laterale vi è un ordine di punti neri, 
due altri ordini scorrono lungo il ventre, altri tre ordini dietro l'ano, 
di cui uno alla base dell'anale e due ai lati. Il canale intestinale è dritto, 
dietro la metà della sua lunghezza oftre un rigonfiamento pilorico al 
quale si connettono un cieco semplice e la vescica natatoria che è bifida 
in avanti. Il fegato è formato da un solo lol)o allungato , stretto e ap- 
piattito coi due margini retti. La tige dorsale è coperta sui lati da un 
reticolo fibroso a maglie esagonali e risulta, di 154 vertebre provviste di 
processi neurali ed emali. I più lunghi dei miei esemplari misurano 
115 mm., i più corti H4 mm. 

Secondo stadio o semilarvale. — 11 corpo è rotondato, bianco semitra- 
sparente, il capo più lungo che nel L. Morrisi comprendendosi 7 72 volte 
nella intiera lunghezza, le mascelle sono munite di denti, la dorsale na- 
sce in direzione dell'apice delle pettorali. La parte superiore del capo 
è grigiastra per minutissimi punti foschi. Sui hiti del dorso scorrono due 
fascio dello stesso colore appena accennate. Ujia serie di punti scuri lungo 
la linea laterale , non ben distinti , due serie lungo il ventre , tre serie 
dietro l'ano, come nel L. Morrisi. Ho visto pochissimi esemplari lunghi 
da 75 a 79 mm. 

Terzo stadio. — Nei giovani di ('. rnìyaris aventi aspetto normale, lun- 
ghi da 76 a 120 mm., il capo è un poco più allungato che nel secondo 
stadio, l'origine della dorsale si trova allo stesso punto. Il corpo è affatto 
opaco, fosco in alto, biancastro in sotto. Noi più piccoli è più cliiaro con 
due fascie castagne limgo i lati del dorso molto spiccate , una serie di 
punti neri lungo hi linea laterale più o nieno regolarmente disposti e 
una lungo la l)asc della dorsale e dell'anale. 

La forma del secondo stadio mostra ad evidenza che il L. Morrisi si 
trasfoi'ina nel C. citlgaris. Essa si rattacca al primo pel sistema dei punti, 
quale non s'incontra in nessun altro Leptocefalo conosciuto, e al secondo 



— 103 — 

per la presenza delle due faseie del dorso. L' esistenza di individui nor- 
mali di C. ciilgaris più corti del L. Morr/si prova d'altra parte ehe du- 
rante la metamorfosi l'animale subisce un accorciamento e da ciò deriva 
la ditferenza nel cominciamento della dorsale e in parte la diversa lun- 
S'iiezza del capo in rapporto alla lunghezza del corpo. 

(continua) 



DOTT. G. RICIGIO 

Jk.renainento di sette CA.F'IlDOGrJLI 

(Ph(/scicr (Catodon) mao'occphalus, Liii.) 
nel mare di Marsala 



Benché V arenamento di Capidogli lungo le coste italiane, non si possa 
dire oramai nn caso veramente straordinario, pur tuttavia il fatto dello 
arenamento di ben sette Capidogii tutti in nna volta, costituisce un av- 
venimento interessante e degno sempre di speciale menzione. Perciò ho 
creduto bene di darne conoscenza in questo giornale, indicando breve- 
mente i particolari che lo accompagnarono e lo seguirono. 

La sera del 25 novembre , in Marsala , paco dopo il tramonto e con 
un mare assai tranquillo , alcune persone che si trovavano fuori Porta 
Nuova, lungo l'amena passeggiata in riva al mare del Capo Boeo, o Li- 
libeo , avvertirono , vAhi distanza di qualche chilometro dalla spiaggia , 
un insolito rumore ed il rapido passaggio di una massa nera sormontata 
da una specie di nebbia biancastra, che si dirigeva da ovest verso est. 
Al momento si credette fosse il passaggio di qualche nave da guerra 
per ignota destinazione. 

Presso a poco alla stessa ora, come si venne a sapere poi, da alcune 
persone dell' Isola Loncja , fu avvertito un fortissimo rimescolio delle 
acque ed un assordante rumore , che fu ritenuto allora per terre- 
moto. L'indomani 26 , dagli abitanti dell' isola predetta furono osser- 
vate, alla distanza di circa un chilometro, delle grandi masse, a guisa di 



— 104 — 

navi, che lanciavano di tratto in tratto dei g'otti di acqua (1) (vapor di 
acqua?) ad una discreta altezza. Capirono allora che si trattava di pesci 



(l) Dai sii;-. Aiitoiiiiìo Bortolini e Marco Luna, |)(jr,si)ne degne di fede e testimoni oculari 
del fatto cui accenno in (luesta nota, mi è stato raccontalo, che essi, recatisi per i primi 
a constatare l'arenamento dei Capidogli, osservarono che questi animali emettevano dal- 
l' unico sfiniafoio, dei forti getti di acqua, sopratutto quando venivano stimolati, e che il 
getto, il quale d'ordinario era diretto all'indietro, nel momento dello stimolo, si rivolgeva 
da questo lato, per cui, in loro presenza, due marinari vennero per bene bagnati. Ho sten- 
tato , e stènto tuttora a credere a questo fattf) , sopratutto nella parte riguardante la 
riversil)ilità del getto; ma insi^;tendo i(^ suddette persone sulla veridicità di quanto asse- 
rivano , bisognava cercare una plausibile spiegazione della cosa. Per la disposizione 
anatomica degli organi di questi animnli , il velo ])endo1o abbracccia la laringe, e ne 
impedisce la c()niunicazione colla fariiig(\ Per cui non si i)uò ammettere certamente che 
l'acqua venga presa colla bocca , ma Ijisognerelìbe sup})orr(' i-iie quc'^ti aiumali aspi- 
rassero l'acqua dallo stesso sfiatatoio e che poi , a mezzo di una potente respirazione la 
lanciassero con forza. A meno che poi non esistes.se in questi Cetacei una speciale disjio- 
sizione, per la quale, una parte dell'acqua presa colht l)occa, venisse espulsa dalle narici. 
Ma niente di simile accenna in proposito il De Sanctis nella sua Monografìa Zoologico- 
Zootomica del Cajiodoglio. La prima sii[>posizionc parrebbe intanto avvalorata dal fatto 
osservato dal sig. Bertolini che cioè, i Ca|)ÌLlogli , prima di emettere il getto, fjicevauo un 
movimento, col (juale procuravano di sommergere lo stiatat(»io onde asjtirare l'acqua. 

Ricorderò pure che diversi autori j»arlano di vere coloiuie d' acqua emesse da questi 
animali. Lo stesso De Sanctis nelhi sua Monogralia p. ],dicc appunto che il Capodoglio 
arenato a Porto S. Giorgio, emetteva getti d'acipia all'altezza di circa 70 cent. 

Tale supposizione è però considerata come erronea , e si dice che questi getti sono di 
vapore acqueo, }>roveniente dagli enormi polmoni di questi animali, il quale, condensan- 
dosi all'aria fredda, i)roduce il getto caratteristico dei Cetacei sofKatori. Tuttavia, se questo 
fatto si può ammettere per i Cetacei che vivono noi mari freddi, non è possibile ammet- 
terlo per quelli che vivono in mari caldi o temperati, nei quali si può produrre una spe- 
cie di nube, ma non un vero getto. Ho fatto osservare queste cose ai sopradetti Signori, 
ma essi insistevano .sempre affermando trattarsi di vera e propria acqua; tanto più che nei 
primi giorni dello arenamento dei Cai)idogli , il tempo era buonissimo e piuttosto caldo. 

Però, quando diverse persone atìermano la stessa cosa, non si può scartarla senz'altro, 
ma piuttosto discuterla, osservarla ed esaminare quanto di vero vi possa essere sul pro- 
posito, e solo allora dato un risultato negativo, rigettarla del tutto. 

Da parte mia intanto, non affermo niente, perchè niente di simile ho veduto ocularmente. 
Ho voluto tuttavia ricordare il fatto, affinchè vi si ponga attenzione da parte di coloro 
che avessero occasione di osservare Capidogli viventi. Il fatto, se fosse vero, sarebbe ad- 
dirittura interessante, poiché, ricorderebbe (pianto di simile fanno gli Elefanti, qua.ido, 
dopo avere assorbita acipui nella proboscide, la riversano addosso a coloro cha si fanno 
giuoco di loro e l'inquietano; ed una vera proboscide, ma immol)ile, [Mjfrebbe dirsi il ca- 
nale nasale del Capodoglio, che, per recarsi dal punto di origine alla i)arte anteriore, dove 
si apre, deve percorrere un paio di metri e anche più. 



— 105 — 

di smisurata grandezza ; ciò non ostante non seppero decidersi ad av- 
vicinarli, e fu solo l'indomani 27 che poterono avvertire del fatto una 
barca peschereccia, la quale, più ardita, si avvicinò e potè constatare che 
realmente si trattava dì ben sette grandi, anzi enormi pesci, che si di- 
battevano furiosamente in un basso fondo poco discosto dall'isola pre- 
detta. Nel tempo stesso , uno dei marinai (Mario Scardino Gerardi), ta- 
gliò ad uno degli animali un pezzo di pelle e la portò al Municipio di 
Marsala, Allora si recarono sul luogo peri primi, i sig-nori Antonino 
Bertolini, Direttore dell' ufficio Municipale di Igiene in Marsala ed il si- 
i^nor Marco Luna da Ti'apani , domiciliato in Marsala, i quali constata- 
rono che non si trattava di pesci , ma bensì di Cetacei, e precisamente 
di sette gi'cindi Capidogli arenati colà. I suddetti signori Bertolini e Luna 
mi assicui-arono, che i Capidoglio facevano sentire di tratto in tratto una 
specie di muggito carattei'istico. 

Lo specchio d'acqua, nel quale si dibattevano, era assai limitato;, e tutti 
i cetacei erano posti vicini l'uno all'altro, in un basso fondo, osciUante 
tra la profondità di uno ,-i due metri. Essi stavano coricati di fianco in 
modo, che solo una parte del loro corpo emergeva fuori dell' acqua. 

Il punto preciso dove avvenne lo arenamento è posto fra l'isola di 
Favignana e la spiaggia di Marsala, di fronte all'isola grande o Longa, 
che chiude il cosidetto Stagnone di Marsala, cioè l'antico porto di questa 
città, e precisamente rimpetto l'estremità dell'isola detta Frate Jaìini, 
dalla quale distavano circa ini chilometro , e 5 o H dalla spiaggia di 
Marsala. 

Accertato che si trattava di Capidogli, animali mai visti a Marsala, 
cominciò un via vai di persone in l^archette, per vedere i mostri marini, 
i quali sembrarono dapprima più grandi di quello che jion fossero (me- 
tri 14 a 10); ma più tardi, misurati esattamente, si trovò che non supe- 
ravano i 12 metri di lunghezza, ciò che prova chiaramente che si trat- 
tava di individui giovani (1). Due dei sette Cetacei morirono il 30 no- 
vemln-e, gli altri cinque nei quattro giorni successivi. 

Per ragioni di ufficio potei recarmi solo il 4 dicembre, unitameiite al 
mio collega sig. Tedosio De Stefani, in Marsala, dove la sera precedente 
era arrivato l'Illustre Prof. Kleinenberg di Messina, recatosi colà per in- 
carico del Cìroverno. E fu insieme allo stesso Professore che potemmo re- 
carci sul luogo dello arciuDuento: ma il mare era talmente agitato che ap- 



(1) Tre, dei quali potei avere le proci.se misure, eriino luughi rispettivamente met. 11,05; 
11,02; 10,60; quest'ultimo fu quello assegnato al Museo Zoologico di Palermo. 

Il Naturalista Siciliano, Anno XII I4 



— lOG — 

pena si potè constatare che si trattava di Capidogli. Dapprima si ritenne 
che 6 dei 7 animali fossero maschi, il 7" femina ; ma più tardi il Prof. 
Kleinenberg, clie restò sul luogo, potè constatare che erano tutti maschi, 
e che la pretesa femina era un maschio c(j1 ])ene completamente riti- 
rato. 

Il Governo intanto , naturale proprietario di (picsti animali , onde to- 
gliersi l'impiccio di questi ospiti insalutati,, li vendeva, per mezzo della 
locale Capitaneria di porto , ad una società di Marsalesi per la tenue 
somma di lire 570, coll'obbhgo però, di consegnarne gli scheletri al Prof. 
Kleinenberg, che li avrebbe distribuiti ai vari Musei, come ]5oi fece. Gli 
tissuntori però , provvisti di pochi ed inadeguati mezzi per tanta mole 
di lavoro , ed anche pel cattivo tempo che successe dopo fatto il con- 
tratto , poterono trarli a terra dopo diveisi giorni dacché erano morti, 
in modo, che quando si potè cominciare il lavoro, gli animali erano già 
in uno stato di avanzata putrefazione , per la qual cosa nessuna uti- 
lità scientifica potè trai'si dagli organi int'-rni di questi animali. Men- 
tre , se almeno uno fosse stato condotto subito a terra , avrebl)e potuto 
dare un prezioso materiale di studio per completare^ le nostre cognizioni 
anatomiche sopra questi curiosi ed interessanti animali, specialmente sul 
sistema nervoso, e si sarebbe completato così (juaiito fu fatto dal Prof. 
De Sanctis, sopra il Capidoglio arenato nei l''^74 a Porto S. Giorgio. 

Son noti pai'occhi casi di arenamento di Capidogli lungo le coste ita- 
liane. 

I Prof. Cornalia e Desanctis (liricordaiio quelli di Pesaro (1711)), Golfo 
Veneto (1715),YiUafrauca (17i^G), Pelles (1750), Kovigno (1764Ì, Zara (1^67), 
Fano (1768), Marotta (1775), S. Elpidio [\mò) , Chioggia (1810), Villa- 
franca, (1827) il cranio del quale si conserva nel Museo di Torino, Budua 
(1837), Cittamiova (185;), G indiv.), Ti'opea, (18(38) di cui lo scheletro è a 
Bologna. A questi si aggiunge (piello di Porto S. Giorgio (1874), studiato 
da De Sanctis, quelli di Pola ed Grbetello, i cui scheletri si conservano 
nei Musei di Roma e di Firenze. 

Come si vede, tali casi sono piuttosto numerosi, e certo lo sarei:)! )ero 
di più, se tutti quelli avvenuti fossero noti , mentre realmente è certo 
che alcuni di essi sono o sconosciuti del tutto o non registrati. Tutti 
questi fatti concorrono a provare come il Capodoglio sia uno degli a- 
bitatori ordinari del Mediterraneo. 



(1) Coni., Fiiuua italica. 1 Ma ni mi t'eri, [>. (3S ; Do f:>aiicl., Muiiug. Zuol. Zuot. «lei Ca- 
pidoglio, 1881. 



— 107 — 

Sulle coste della Sicilia non è qiK^sta ecM'taiìiento la prima volta che 
il Capodog'lio viene ad areuare. 

Il Monii'itoi'e (Sicìl. ricerc. voi. Il) ed alti'i scrittori antichi, parhiuo di 
mostri marini di smisurata grandezza, capitati in varie parti dell'Isola, 
e che verisimilniente potrebbero essere Capidoglio. Lo stesso Monglto- 
re, più oltre, nel medesimo voi. II, (p. 98) parla pure di 12 enormi pesci, 
arenati nel littorale di Mazzara , e dai eguali si estrasse molto olio ; la 
qual cosa fa supporre trattarsi con ogin probabilità di Capidogli. Nel 
Museo Zoologico di Palermo si conserva una mandibola di giovane Ca- 
podoglio, lunga metri 2, con IG denti per lato, conici , aguzzi e ricurvi 
posteriormente ed internamente; nella parte posteriore staccata della man- 
dibola si notano le traccio alveolari di altri 4 o ò denti; abbiamo inol- 
tre alcune vertebre, delle costole ed un omero, appartenenti certamente 
allo stesso animalo, con tutta proliabilità ai'enato nel nostro mare , ma 
non si sa quando. 

Per notizie raccolto a Marsala, mi l'isnlta ancora die nel 1801, un Ca- 
podoglio più grande di quelli tli Marsala, arenò a Mazzara presso lo Baia 
S. Vito, e dal (juale si estrasse una (piantità enorme di olio. Cinque o sei 
cinni addietro, un altro Capodoglio arenò presso l'isola di Favignana, ma 
non so cosa se no sia fatto. Più recentemente ancora , appena V anno 
scorso (1891) , presso il paesello di Sferracavallo, a pochi chilometri da 
Palermo, incagliò un Capodoglio, foi'so però morto prc^cedentemente ; 
esso fu veduto da alcuui pescatoli locali, i (piali, ossondo il mare assai 
cattivo , non poterono estrarne elio la sola mandiI)ola ed alcuni denti 
dalla corona assai corrosa, segno di individuo di certa età; il l'esto del 
corpo fu trascinato al largo, e nuli" altro si potè avere, ad onta delle 
promesse fatto. L^i mandibola, che ho acquistato pel Cabinetto di Storia 
naturale del R. Istituto tecnico di Palermo, è lunga metri 1, 98, e vi 
si possono contare 24 cavità alveolari nel lato desti'o e 2o nel sinistro. 
Infine il Prof. M. Lessona, nella Stoi'ìa naturale illustrata Parte I « I Mam- 
miferi » , ricorda anch' egli un caso di ai"onanieiito di ;"> giovani Capidogli, 
avvenuto in Sicilia il fobbivii'o 187;», sulla spiaggia di ^larza, presso 
Pozzallo. 

Dei sette scheletri di Capidoglio arenati a Marsala, uno andò a male 
perchè si disgregò prima di arri\are a tei-ra, e fu rinunziato dal Prof. 
Kleinenberg , gli altri sei furono distribuiti, col consenso del Ministero, 
in questo modo: uno al Liceo di Trapani, uno a Marsala, che lo richiese 
per ricordare il memorabile avvenimento, e gli altri 4 ai Musei Zoologii-i 
Universitari di Messina, Palermo, Napoli e Pisa. 



Il Capodog-lio e la Balena si possono dire i giganti del mare e della 
terra, essendo essi gii animali che raggiungono le maggiori diniensioni. 
La lunghezza a cui suole arrivare d'ordinario il Capidoglio, allo stato a- 
dulto, è dai 15 ai 20 metri; talvolta qualche maschio adulto arriva fino 
ai 2.'> , e qualche autore dice anche fino a 25 o 26 ! Quello arenato a 
Pesaro era lungo 18 metri e pesava 43000 Kg. (De Sanctis). I piccoli 
di questo animale;, appena nati, sono agili e misurano 4 metri; sono già 
quasi il doppio del Delfino comune adulto! 

Il Capidoglio è animale gregario, sopra tutto quando è giovane, ed è quasi 
cosmopolita. Si riscontra in quasi tutti i mari compresi fra i 60^' di la- 
titudine nord e sud; dà però, a quanto sembra, la preferenza ai mari del 
sud, e scarseggia piuttosto in quelli del Nord. Talvolta, e non di rado, 
a detta dei navigatori , se ne incontrano frotte di 200 o 300 individui; 
ciò spiega come talvolta avvengano casi di arenamento di numerosi in- 
dividui , sbandati dal gruppo principale, tutti in una volta , come ad 
esempio quello avvenuto ad Audierne, in Bretagna, nel 1874, di 31 indiv.; 
quello dell'Elba di 17 indiv.; quello citato dal Mongitore in Mazzara di 12 
indiv., ed in ultimo, senza dire di altri, () nello avvenuto di recente a 
Marsala. 

Non mi dilungo ulteriormente in notizie generali sopra questo Cetaceo, 
giacché, sia per la sua forn:a caratteristica e le sue dimensioni colossali, 
sia per tante altre particolarità, non vi è lil)ro di Storia naturale, anche 
elementare, che non se ne occupi , facendone una storia più o meno e- 
stesa e spesso anche figurandolo. 

Non posso intanto chiudere questo sommario articolo, senza rivolgere 
una cordiale parola di ringi'aziamento al mio carissimo amico signor 
G:. B. Simoncini, il quale, oltre; ad avei'mi fornito le indicazioni relative 
all'arenamento dei Capidogli, mi è stato largo, lui e la famiglia, di 
cortesie personali indimenticabili, in occasione delle mie diverse gite in 
Marsala. — Si abbia egli inoltre i miei ringraziamenti e (quelli del mio 
Direttore Prof. Comm. Doderlein, per le cure speciali e disinteressate, che 
si ebbe in Marsala per lo scheletro del Capidoglio destinato al Museo 
Zoologico di Palermo. 

Bai Museo Zoologico — Palermo Dicembre 1892 



Enrico Ragusa — Direttore resp. 



.-^ 



iJViMiiniiiMiHniHHiiiiiiini4iHiiniiMtiiiin4uiiiMiiiniiiniiiiiiHiiiiiiiiiniiiiNiiiinHiinhmuiiiiiiiiiiiii^:<ro:iiiiiiiiihK:!niiMiiiH 

1 ANNO XII. M)BÌ FEBBRAJO 1893 N. 5. 1 



IL NATURALISTA SICILIANO I 



GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE 



I , ABBONAMENTO ANNUALI-: i 

= Italia ' L. 10 » | 

i Parsi comfklsi nf.ll'unionk postali-: » 12 » i 

I Altri paf.si » 14 » 5 

i Un numero slparato, con tavole » 1 25 | 

5 » SENZA TAVOLE » 1 » = 

S Gli ABBONAMENTI COMINCERANNO DAL 1° DI O l'TOBRE DI OGNI ANNO = 

1 Indirizzare tutto ciò che riguarda T Amministrazione e Redazione | 

I al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 1 

I SOMMARIO DLLNUM. 5. | 

i s 

i L. Simàa,— Contribuzione alla Fauna Marcìiegiana. I Lepidotteri finora trovati | 

= nel territorio di Osimo icont.) | 

i (x. Riggio — Corrispondenze scientifiche moderne degli animali figurati nel | 

I Pampliyton siculum del dipani (fine). | 

= L. Facciola — SuW esistenza di forme di passaggio da alcune specie di Lepto- | 

I cefalidi agli adulti corrispondenti (cont.) | 

1 F. '^lìnk-Vsiìmwho— Rettili ed Anfibi Nebrodensi {cont.) | 



I PALERMO I 

1 Stabilimento Ti-pografico Virzì | 

I 1893 1 

niiMiiiiiiiiniiiiiiniiiiiiiniiniinininnnnMiinniniiiiniiiniiniiMHiniiniiiiiiHniiiiiiiiiiniiiiHiuiiiiiiiiiiniiniiiiiiiiiiiniiMiiniiMniMinniiir 



ANNO XII. FEBBRAJO 1893 N. 5. 

1 L N aWrTi JSTA SIGIiIaNO 



CONTRIBUZIONE ALLA FAUNA MARCHEGIANA 



1 LEPIDOTTERI 

finora trovati n.el tei-ritorio di Osimc:) 

PER 
LEONELLO SPADA 

((.'Diit. Vl'iI. XiiiM. iiri'C.J 



Fain. Vili. — Hesperìdae 

Gcn. 2;}. — Spilothyriis, Dup. 

S. alceae, Esp. (Malvae, Uh).— Tutte le .sta,i;-ioiu in tutto il territorio nei 
campi e sui prati. 

Bruco sulla 3f<(lca sijire-'itris. 
S. lavaterae, Esp. — Estate. Due individui in coi)ula sopra una pianta di 
Erba medica noi dintorni di Usimo. 
Bruco sulla SfacJìjs recfa. 

Gen. 24. — Syriclitiis, i'dv. 

S. Piolo, Esp.— Estato : M. Rag-aio, M. di S. Stefano, due soli individui 
sul marg-ine di un fosso, in copula. 
Bi'uco sul Phloniis Uchnitis. 
S. inalvae, L. (Alveolus Hb.). — Primavera ed Estate: Monti di S. Ste- 
fano frequente, i-ara nelle altre località sui iiori di JMalva. 
Bruco sulla PotentiUa carUi e Comaì'iim palastre. 
S. » V. Taras Meiy. — ^Estate : un solo individuo a M. Torto, proso 
volando. 
Bruco forse come il tipo. 

// IValurulisi'i Hiciìiano, Anni) XU. 



— 110 — 

9 

S. Sao, Hb. fSertorius, 0.)— Estate : M. di S. Stefano e M. Torto posata 
sulle ombrellifere, molto frequente. 

l^ruco sul Poferiam San (/u/ sorba , l'tihas /(Jaetis e L\ friifi- 
cosns. 
S. Orbifer, Hb.— Estate : un solo individuo in copula col S. Proto a "SL 
S. Stefcino sopra un'Ombrellifera. 
Bruco ig-noto. 

Gen. 25. — Nisoniades, Hb. 

N. tages, L.— Primavera ed Estate: M. Toi'to, :\ronti di S. Stefano e Can- 
none sui fiori dei campi. 

Bruco sulla Coronilla varia ^ ErijiHjinin aiiiatisflinnii, e J.o- 
ta.s corukulatiix. 

Gen. 20. — Hesperia. Txlv. 

H. thaumas, Hfn. (Linea, S.V). — Estate e principio di Autunno: frequente 
in tutto il territorio sui prati e qualche volta sulle siepi. 

Bruco suUM//7^ n/oì/faua, Festuca oràni, F. flultai/s e /'Jtlean/ 
pratense. 
H. comma, L. — Primavera ed Estate: Monti di S. Stefano e Casenuove 
presa sempre al volo. 

Bruco sulla Coronilla caria. 
H. lineola, 0. — Primavera ed Estate: comune sui i)rati e nei i^iaidiiii 
del territorio spesso posata sulla Lavanda. 
Bruco sulla Poa annua ed Holcas lanatas. 
H. sylvaiius, Esp. — Primavera, Estate ed Autunno: comuiiissima in tutto 
il territorio sui campi, selve, prati e siepi. 

P)ruco il)eraiite >^\\\V Arena elafioj-, A. s'ifira. Poa aìnniii ed 
llolcus lanatas. 
H. nostradamus, E. (Pygmaeus V\v.) — Estate e priiicipin di Autunno: 
frequente nel territorio nei prati associata ed in copula con 
17/. lineola ed H. thanmas. 



Ili 



H e t e r o e e 1' n 

SPHINGES 

Fam. IX. Sphiiigidae 

Gè lì. 27. — Acherontia, ( )chs. 

A. Atropos, L. — Pi'imavera (non oomnne). Estate ( froqnente), Antunno 
(i-ara) in tutto il territorio : nel ISOO fu talmente comune in 
alcuno località che il raccolto delle patate andò perduto. 

Bruco sul Solaniniì fuhero.'^inìì, Convolvulu>< ^aep'min^ Jai^mi- 
nimiì iiffìcinaìe, Liciiim europeuìii, e Datura Stramonium. 

Gen. 28. — Sphinx, 0. 

S. convolvuli, L.— Estate ed Autunno: in tutto il teri'itorio sui lìori di 
l'ctiDi/a, Datura. Couvohulus , Lon/cera e Verbena sul crepu- 
scolo. 

liruco sul Convoìculus cantahrica e C. saepiuìu. 
S pinastri, L.— Estate : Osimo : nel passeg-g-io di strada nuova e molte 
entro le lampade della luce elettrica assieme ad altri Lepi- 
dotteri. 

Bruco sul P/ììus piiiea, P. sylcestrìs^ P. unuutt/ijia e 7-*. aì>ie.^. 

Gen. 29. — Deilephila, Ochs. 

D. euphorbiae, L.— Estate. Un solo individuo assieme alla >^. convoli- u li 
nel boschetto Orsi sopra la Datura. 

Bruco snW Eujìhorlf/a ct/parissias, E. (rerardiana, E. esula, 
ed E. niceensis. 
D. Elpsnor, L. — Primavera ed Estate: frequente nei giardini e trovata 
pure entro le lampade della luce elettrica. 

Bruco ^\x\Y Epllolìhim palustre, Galliuin rerum, e Vttis vini- 
fera. 



112 — 



Gen. 30. — Smerinthus, Ochs. 

S. tilìae, L. — Primavera ed Estate : Bosclietto Belliiìi, Pctriiìi e Siinonctti 
posata sui troncLi di Tiglio. 

Bruco sulla- Tilia europea ed Ulimis campestri^,. 
S. populi, L. — Primavera ed Estate: frequente sui ti'ouchi di Pioppo nelle 
valli del Musone, Aspio, fosso di Rij;o e di Scaricalasino. 
]^ruco sul Pojmlii.s nigì-d, Betnla alba e Salix cuprea. 
S. quercus. Scliif. — S. V. — Estate : Osimo e Casenuove due soli indivi- 
dui uno suir"( )lmo e l'altro sopra il tronco di una Rovere, 
l^ruco sulla Quercus rohur, Q. ile.r, e Q. peduìtcuìafa. 

Gen. 31. — Macroglossa, 0. 

M. Stellatarum, L. — Tutte le stagioni in tutto il territorio nelle case e 
nei giardini, eliofila. 

Bruco sul (laUium rerum, G. Apariue , Rubia ìinctoruìu e 
li. peregrina. 

Fani. X. — Sesiidae 

Gen. 32. — Trocliilium, Scop. 

T. apiformis , L. iCrabroiirormis, S \'.i — Estate: tinoi'a un solo iìi(li\i- 
duo nel i)asseggio di Piazzaiiuox'a sulla Scaglionata drllc nini'a 
nuove. 

Bruco rioi tronchi di I*i>pulus nìgra e .SW7/.r cuprea. 

Gen. 3.3. — Sesia, E. 

S. crysidiformis Esp. ab. Calconemis, Stgr. -Estate: due soli individui 
al M. del (Cipressi sopra un cardo, in copula. 

Ijruco sul lUune.r crfsj)us ed Arfeuìisìa caìupesfrìs. 
S. conopiformis , Esp. (Nomodaeformis, Lasp.)--Estate un solo individuo 
sul passeggio di Strada nuova sopra un fiore di Saml)uco. 
Bruco sui tronchi di (luercus liobur. 
S. anthraciformis, Kbr. — Estate: cinque individui in un giardino a M. 
Ragalo sui fiori di Santonina presi col tubo di vetro. 
Bruco nnWEuphorìiia iitijrsinitex. 



— 113 — 

Fara. IX. — Thyrididae 

Gen. 34. — Thyris, 111. 

Th. fcnestrella . Scop. iMarlca, Cyi'.ì — Priniavoi'n in fino o principio di 
Estate: valle dol ]\[usoiie alle Cas3 nuove, un solo individuo 
sopra un ombrello di Sambuco. 

Bruco sulla Clsmaiis cìtalba , ìS(Iìì)!)/iciis n/gri e Dijpsucux 
si/lresfi-is. 
Th. diap'.iana, Stg'. ( Vitrina, H. S.)— Estate: M. Fiorentino nella selva 
un solo individuo preso alla caccia alla Lnnterna. 

Bruco sul rhaseolii.'i rnlgaris molto frequente, però non ne 
ho potuto mai ottenere l'insetto perfetto che però non credo 
sia raro. 

Fam. XII. — Zygaenidae 

Gen. 35. — Zygaeua, F. 

Z. filipendulae, L. — Primavera ed Esrate: in tutto il territorio sui prati. 
Ih'uco sul Ifieracitiìit pllosella e Trifollnìn prafen.'^-e. 

Z. lonicerae, Esp. — Estate: un solo individuo assieme al tipo alla Vesco- 
vara sul Caprifoglio. 

Bruco sulla Mela scitica, TrlfoIlKm pratem^!' , Lotux conil- 
ciikifKs' ed Hlppocrepls comosa. 
Z. scabiosae, Esp. iPhyth^a, Rossi) — Pestate: M. Fiorentino e Prati di 
Rigo, duo individui sopi'a una Scabiosa. 

Bruco sul Trlfollum pratense e Scahlosa arrensls. 
Z. trif lii, Esp. — Estate : frequente in tutto il territorio assiemo al tipo 
nei luoghi erbosi particolarmente sulle scabiose. 
Bruco sul Trlfollum 2i>'iftc»'^<' (" Lofttx coi-nlciihtfiis. 

Fam. XIII. — Syiitortiidae 

Gen. oG. — Syntomis, 111. 

S. phege?. L. — Estate: in tutto il territorio comunissima nelle siepi e 
nei prati. 

Bruco sulla rianfago major, liame.v acetosa , Scahlosa yra- 
muntla, >s'. co/uitìbarla, Quercus rohur e Prunus cerasus. 



— 114 — 

S. phegea. ab. phegeides, Spada — Estate: Boschetto Buttei'i assieme a molti 
iiidividiii del tipo sulla lavanda. .Un solo individuo trovai di 
([uesta aberrazione e da questo e dalle altre aberrazioni dif- 
ferisce per i seguenti caratteri. Nelle ali anteriori ha cinque 
soli punti disposti a modo di V rovesciato cioè 1. 2. 2. gli ul- 
timi un po' più grandi; nelle ali posteriori ha due soli punti 
ellittici assai schiacciati: la fascia anteriore poi del corsaletto 
è lineare ed in forma di piccola lunula con gli apici rivolli 
verso il capo. 

Gen. ;]7. — Nadia, lUlv. 

N. Anelila, L.-- Estate: tVecpiente nel tenitorio nello siopi od a ])icdi 
ai muli sul teriiccio tra le erbe ])articoIarmente sulle Eu- 
forl)ie. 

Bruco sul LfcJien pariefiìnis. 
N. punctata, F.- Estate e principio di Autunno in tutto il territoi'io a 
piedi alle siepi. 

Bruco sui Licheni degli alberi. 
N. » V. f.imula. Frr. — Estate: un solo individuo a M. Fioi'entino so- 
pra- una Euforbia a. piedi alla mura interna. 

iìruco forse sui Lichimi degli alberi come il tipo. 

B3MBYCES 

Eam. XIV. — JLitliosìdae 

Gen. :>8. — Lithosia, Eab. 

L. Muscerda, Hfn. (Perlella, Rossi) — Estate e principio di Autunno : Selva 
Simonetti due individui Sui licheni tra l'erba dei prati. 
]5ruco sui JJcheni. 
L. griseola, Hb. — Estate: M. Fiorentino e M. S. Pietro nelle siepi. 

Bruco sopra i Licheni ai piedi delle Querce, Pioppi o Pruni. 
L. deplana, Esp. (Depressa, F.) — Estate: un solo individuo nella selva 
di M. S. Pietro nei prati. 

Bruco sui Licheni delle Conifere. 
L. complana, L. — Estate: M. S. Stefano, M. Pagalo e M. dei Cipressi 
sulle Querce. 

Bruco sulle folle di Qnei-cas rohiw e pninus spinosa. 

(continua?) 



— 115 — 
DOTT. G. RlGGIO 

CORRISPONDENZE SCIENTIFICHE fylODERNE 

DEGLI 

ànMal Egiisay agi làMFSYf QI StOULUM; del Oiipaal 

((^litit. e line v. \. ]ii-.) 

UCCELLI 

Steganopodes 

\'(il. IH tav. lol McrijKs rosfricurcuf; ater 

ferus (') Phalacrocorax carho, Liu 

Herodiones 

» » .'jS Ardca Joìii>f Ardea cinerea, Liim. 

» » G7 f. 2. Airìect atdlaris tnaiar i-nbi-a 

alta vix crisfafa . . . id. pnipiirea, Liu. 

» » ]oI Ardca candida minor . . Egretta Garzetta, Liu. 

» » 413 f. 1. Ardea minor candida plii- 

via/i ^:'??r^?^n'rt;if/.s ac fia- 
rcntis aurore cirrata . Ardeola ralloìdes,^ru\). 

» » 81 t'. 2. Jr(?tY; minor fulvo fa^co co- 
lore id. ili. y 

» » ].') r. •_'. Ardca minor alia fiavcntis 
albi ^ubrup et cinerei co- 
lorif>, dorso ala et ccrtice 
nigris Ardetta niiniita, Lin. 

» » 1;>.") f. 1. Ardca stcllarifi altera . . Botanriis stellaris, Lin. 

» » 1.J ) Ardea minor fusca cinerea 
sat)rat>ra (cinerarins-ru 
lira, Ben.jC'i id. id. 

(1) Benoit, l'iiiorla pure al P//. Cfirbn, il iioiuc di Mcr>jfis rrnhieen-fiiseiis, minor rostri 
eitmis, che io iiuii ho trovato. 

rJ) Benoit riffi-i^ec VArdnt minor ecc. alla A. ratloides: a me i>are litrrilnle piuUosto 
al B. dcllaris. 



- IIG — 

Voi. Ili lav. b f. 1. Archici cim-rca mrca (greca ^. 

scc. B'jli.j dorso ciridnnic Nycticorax griseus, I>iii. 

» » oO f. 1. Ardi'(( minor riridacra riiic- 

nn k1. j(i. 

» " 117 Ard('(( rna.i-iina et nigrit ri- 

rkll pariniraiia rodro pc- 
dibasqnc rabris .... Ciconia nigra, Liim. 

Anseres 

» » 'V.) Senza nome (Non dt. b.ti.) . . Anser segetnm, nincl.y 

> » 15 f. 2. Anas fera doìii htlca/ia . . Tadorna cornuta, Giiicl. 

« » 82 f. 2. Anas dominieana mas (cfr. 

Ben.) (!) id. id. cT 

» > 8.'5 f. -4. Anas sylcestris colìum vi- 

ride vulgo dicto .... Anas boschas, lAu. rj' 

» " » f. 2. Anas syl cestì- Is iniperialis di- 
eta mascliiata ìiigromi- 
xta i ) id. id. Q 

» ' .')!) f. .■). Ajias ferri Serretfa ciilgo 

dieta ìuesoienea ^■'' . . . id. id. 'J ? 

• » Ili) f 2. Anas moseìiata pa/iens ") . Auas streperà, Limi. 

» » 8'.'c i;;,') r. 1 . Jy/r^s' eoelileari rostro . . Spatula clypeata, Limi. 

» j> 81 L 1. J;yr/.s silcestris omninm mi- 
nima '•') Nettion crecca, Limi. 



(1) Ik'iuiit, p. 21)."), e Dodcrlciu , p. 2i)^ , riiioituiio 1' .l//^/.s- /r/v/ lìdiniiiiciniit di ('u]i;iiii 
alla CIdiKjnlfi ijtiaiemn^ rifci-ciiilof^i fur.e al ikiiik' si'jiliaiio della six'cif. Io ikmi pos.-o es- 
sere dello stesso avviso di (juesti due illustri autori, poiiiiè, dalla is[)e/,ioue dii-elta e dai 
eoufn.uti die ho istituito eolla ligura del ru|iaiii, trovo die essa somiglia assai jHieo alla 
{'tioujiiìa , mentre pei eai-alteri del beeco e del eolorito va l'iferita iiiaiiiCestaiueiiti' alla 
7'. corniihi. 

(2j l^eiioit ritiene VAnas si/nsfris iii/peridlis eoiiie .1. sfrrjirrii: per jiarte mia, dall'e- 
same diretto die ho jiotuto lare della lìgiira, indino a ritenerla più l'aeilmente A. /msnis O, 
■/■>) l'iutlosto <liflieile riesce la determina/.ione di (piesla ligiira. ISeiioit la ritiene A. 
e/ijpeii/d ; però pei caratteri che ])reseiila e sojn-atutlo ]ier la forma del suo lecco, essa 
non è allatto ril'eiihile a questa specie; per parte mia la ritengo diibliianii nie riferiliile 
allM. h»sr/n>s. 

(1) l'x'Uoit ritiene VAi/'is ii/iisr//if/a (jiiale A. erceca: pii suoi caratteri mi jiare piutto- 
sto riieri!»ile allM. slii'iicni. 

\J)) Beuoit hi riporta allM. (pirrnuciliilu: a me pare [liuUuslo hi crecca. 



— 117 — 

Vul. Ili r.'iv. 2.S f. 1. ^ììKis crmruita pcdci^ rosfro- 

(jtw nihrls Fnlignla, riifìna, Pnll. 

» » 81 f. ;;. AiuiA inosrafd ruìi/o Zhìfia- 

riitta Fiilix ferina, Linn. 

» " 1:')0 t". 2. .1;/^.^ sylveMris Ziiìf/nroffa 

mas vulgo dieta. . . . Fnlix fnlignla, Lin. 

(F. ciistata, Lparli.) 

» » 2 f. 2. /. lììas T<')-tioIa imperiai t>i rnl- 

» » 02 f. .jj yo dieta ^^ Erisinatnra lencoce2}liala,'^co\). 

» » 2*.t f. 2. Meì-(jj;x longirostris , Joiìst. 

Serra vti/go Mergns serrator, Limi. 

«» » 141 1". 2. Mergns monia/is alti'r . . id. albellns, Linn. 

{Xoii cit lieti ) 

Schizognathae 

Cohimbae 

» t 88 f. ."). C'iliintha sglresfris l'/e>irri,i- 

valgo Taduni .... Colnmba palnmbns, Lin. 

» 1. 114 f. 1. l'ahiììtlxis sa.ìxitHis lliteea- 

loriL vìdg.) dietns . . . id. oenas, Gmel. 

t » 88 L 1. Ciilumba sglrestris raarim 

(Maritiina, lì(ivi.)mariiieda id. livia, Bonn. 

Hemipodii 

» » 71 f. 2. f'otiiriì'.r trinnguis . . . Tarnis: sylvatica, Desf. 



(1) Beiioit, p. 202, o Doderleiii, p. 204, riportano Wbns /^/-//o/a del Ciipani alla Q/irr- 
qìirdida r-rccca , hasaiulosi certamcnto sul nomo di Tcriiolci {Triwnìa sic), col qualo qno- 
sta specie viene indicata nel ver;iacnlo siciliano. Benoncliù il (-npani, coll'ao-olunta di iitì- 
prrialis jiaro abbia voluto indicare qualche altra cosa diversa diill'ordinaria 7'//-, •, o/r/. Ed 
invero, dallo attento esame che ho fatto varie volte delle due figure date dal Cupani, e 
principalmente p r la forma del becco, e per la notevole dimensione della tosta, trovo che 
entramlje le figure si debbono più opportunamente riferire alla E/'isn/rifura kìtcn'-cplKdfi, 
anziché alla Qiicniwilìda crocea. 

Il Naturalista Siciliano Anno XII 16 



— 1 18 — 

Fnlicarlae 

Voi. Ili (av. (U (Jd'/iiwla srrirti^ Jojtsfoii . Rallns aqnaticns, Liiin. 

» » !) f. 1. (/(tlliiiiihi :.i hi ))■ masrtita ì(;u- 

cosflrfa (X.in (it. ila n..nnii). Ortygoiìietta jwrzana, Lii). 

* » 20 f. 2. Galli II II la (irpuificii mùior 

lene osi i et a id. icl. 

» » 8ó f. 2. ('otiij-iii.e longa cri i>iti' farro 

vitl(/o He di Quagglìi. . Crex lyrateusis, Beelist. 

» » 100 f. 2. (lalliiiola imperiai ix vulgo. Gallinnla chloropns, Lin. 

» » 2 f. 1. (iaUinnla serica, Jonston. ( ) id. id. 

» » 74 f. 2. Fnlicis affi nls rostro pai ih II - 

sque riibris Porphyrio coernleas, Vand. 

» » Gì f. 4. Falica vulgo Fogla . . . Falica atra, Lin. 

Alcctorides 

» » 22 Affiigr e nula hi-rri ■:) . . Otix totrax, Lin. rj'' 

» > OS r. 2. J'ifarra focmina .... id. id. 

Liuiicolae 

» • 1.3 Jji'j!-a:.:iìiii i vulgo . . . Oo:Ucn3:niis scolopax, Gincl. 

(O. crepit -ns, l\i-:'< ) 

» » 40 Stirli'ttus Charalrius pluvialis, Lin. 

» » 90 f. l. l'iurialis a/ljis lììaculis (lisfiii- 

fa Sqnatarola he 1 ve tic a , Lin. rj' 

ab. estivo 

> » HI f. 1. Più via /is viridis minor al- 

ter (^) ...... . id. id. al), inverno 



(1 Sutto lo stosso nome ili (Idìliiioln srr/i-a, il Ciipiiui. indica cvidciiteiiu'ntc duo s|io- 
cio diverso: i! Ral/us riQuafieiis e la didUiiiiìn rldornjj/is : l);isfa osiuniiiaio il becco doi 
duo uccelli p r esserne imniedintaniente convinti. 

(2) Confesso che sono stato assai indeciso |)rima «li rifeiire tìWOtis tc/ru.r , VAl/ai/r di 
Cupaui; però non trovando altre sondglianzo dirette per classificare l'uccello del Oupani' 
valendomi dell'autorità del Bcnoit, l'ho riferito anche io aU'0//.s- (e/ra.r. 

(o) Questa figura, secondo Benoit, sarebbe riferibile al Oliar. lìiorinvlUis ; sccoudo me 
si avvicina maggioiniente alla Sq. hclcdiva. 



— 119 — 
Voi. Ili tav. 13'5 Trcchiìus maior sicxlia . . Endromias morlnellas , Lhi. 

(Non cit. Benoit) 

» » G8 f. o. Trocìiihis minor toi-quatns . Aegialitiis ciironica Gim-l. 

» j 78 f. 3. Tì-<)chUi!s medius .... id. hiaticnla, Lin. 

» » 81 f. 2. Capiìlla collo CHìio vul<io Xi- 

vai'ola Vanellua capella, SchJiff. 

(V. cristatus) 

» » loó f. 2. LtbrazzluHN brecirostris . Strepsìlas interpres, Liii. 

» » 58 f. 1. Gammatta maior jK'dihus et 

rostro rK(>ris .... Haematopns ostralegas, Liu. 

t » » f. 2. Gammdta cinerea scii exal- 
bida rostro e.v' croceo fasce 
desineunt id. id. 

» » 69 lìecìn-virodra minor criiris 

supi'rioriì)ns midis , . Recurvirostra avocetta, Lin. 

» » o6 Acus marina Htniantopns candidus, Bonn. 

» » 'JO f. 2. Fa/catelìa mas castanea ni- 

gris nndi(/ ne distinta notis Pelidna subarqnata, Gilld. 

» » » f. 3. Falcatella foemina marina 

maculis fiiscis .... id. id. 

» » 13'J f. 2. < Jcnliminti niariìia media e- 

Icgantissime rubella O. . id. id. 

» » 21 f. 3. Ornliminti marina Ochree 

colore f'ascis maculis (-) . id. alpina, Liu. 

> » 2G f. l. (Jcnliminti ìiiinima subni/i 

coloì-is ìnaciilis nigris . . Actodronias minuta, Lcisl. 

» » 8 f. G. (Jallinago marina Q ocnli- 

ininti marini dieta . . id. id. 



(1) Doderl. 1. e. p. 180. 

(2) Suir autorità del Tx-iioit ri[)(ii't() VOcitUiiniili imiriiKi ore. idla Pcl/i/na alpinic con- 
fesso però iViiiicamciitc chi" la figura mostra di essere tutt'altra eusa che un Tutuiuts, però 
sempre diffitllmeutc deliuibile. 



— 120 — 

Voi. Jll iav. 2 f. 2. (Idlliniiìa a(/aatira ^Scaccia 
inanjìii dieta omninm md- 
ilima (') Actodromas minuta, Lei si. 

» » 1.">1 f. 1. Oriiìhnlntl marina cinerea 

minor ('-) Calidiis arenaria, Li il; 

» » 47 f. 1. (Jammctfa minor C-^) . . . id. \d. 

» » 1-10 f. 2. (janiìnrtta Maclietes pngnax, Liii. 

!t> » 87 f. 2. (jallinago minor marina . Trin^òides hypolencnS, Lin. 

» » 72 f. 4. Gallili US aqiiaficns f') . . Totanns glareola, (Jincl. 

» » 140 f. 1. (k-iiìiminti marina media 

diiitfe viiiscltafa . . . id. stagnatilis, Brclisl. 

^ >•' '.) f. 2. Oclili-mincf orimi, marino- 

ì'um Rex Franvulìni foe- 
minae m,aculis .... id inscns, Liii. 

» » 31 f. 2. Oculi-miìicf orimi marino- 

rum Re.r (■') .... id. nebiilariiis, (iuiiii. 

(T. glotfs, r-cclist ) 

> » 142 f. 2. (lall inaila lu/ natica maior . id. id. 

» » r)7 f. 2. (htmmj'tta J\ei/a/is ('') . . id. id. 

(1) Il Cav. r)eii(>il od il Prof. 1 )n(lci]eiii, riIVriscoiio questa ligura colla annessa frase 
alla ror:ann parrà. Si cajìiscc che ([uesti ourcgi autori tcnneni conto più clic altro della 
frase del Cupani, poiché, conoscitori esperti di uccelli, si sarebbero senza dubbio accorti, 
soi)ratutto per la forma del becco e la dimensione delle dita , che si trattava di uu 7b- 
lanns, che \)n\ di tutti era riferibile all'.!, iinnnla. lìitoiiu-o anzi, che il Doderlciii non 
ebbe sott'occhio la iìgnra, e ripoilò la citazione sulla feile del ]>euoit. 

(2) Benoit riporta la specie suddetta alla 'l'rinyd a/p/j/n: Doderl., 1. e. p. Jn2, .alla ('. 
arenaria. Dillìcile invero i-iesce la determinazione di questa figura; tuttavia sull'auturità 
del Doderlein rijìorto questo uccello alla. Culiilrls aii'aaria , ma confesso che somigli;t 
poco tanto all'una che alTallra specie, supi'ntutto ]iei- la foi-ma del bect-o. 

(3) Secondo ]>euoil la Haiiunrlla iniiair, sarebbe 7'. nclirapax. 

(4) Benoit ritiene il Uall. a([aaficas riferibile al 7'. InuKilcacas. 

(5) Secondo P>enoit VOeali ìiiimluraiìi ecc. sarebbe w\\\Maiìi. ]>a(iintx. \av figura intanto, 
per la sua dimensione e per la lunghezza delle gambe parrebbe riferilule alla Limosa 
melaniira: senonchè la luughezza del becco essendo minore di (pianto dovrebbe essere 
iu questa specie, credo [uuttosto riferirla al T. itchularius. 

(()} Doderl. (1. e. p. ISS) cita un Ile di (jainiìiclle di ('u[)ain, e lo ri[)orla al Madi. jut- 
ijnu.r: forse si tratta dell'attuale s[)ecie, la (jualo, secondo me, si avvicina di più al T. ne- 
Ijularins, auzicchè al M. piajna.r. 



— 121 — 

Voi. Ili Uiv. .')!> f. 2. Xome illcgiblle .... Limosa melaniiraj Ia'ÌsI. 

» » 10 f. 2. GallinulaAvclrotta di Titnìi 

vulgo dieta C' . . . . Gallhiago major, (Jiiicl. 

>•> » <S f. 2. (Maìiinula arciroffa dieta di 

Becca fi cu ... . . id. id. 

» » 2S f. 2. Avcivotta oranium ma.rima 
sivf Gaìlinago mino)' Al- 
drov id. id. 

y> >^ 1 f. 2. Gal/ inula minima altera 
scaccia mavgiu di li grossi 
vulgo dieta id. gallinula, Lin. 

» » 1 f. o. Gallinula minima scavi- ia 

mavgiu dieta ^-) ... id. id. 

» » 75 f. 2. Gaìlinago marina maxima 

rostro falcato ^'^^ ' . . Nameuiiis teunirostris, ^'i<'ill 

» > Il t. 2. Ilirunda marina Jonst. . Glareola pratinoola, Liii. 

Gaviae 

» » 82 f. 2. Ilirundo marina media. . Thalasseiis cantiacns, Gincl. 

» » 92 t". 1. Larus minor niger ac ci- 

neri'us (') Hydroclielidon leiicoptera , 

[Scliinz. 
» » 37 f. 1. Larus cinerea, capite nigro 
alba fronte rostro et pedi- 

bus rubris , . . . . Chrooceplialns melanocopha- 

lus, Nati:, o' 'i-'j- nozzi^ 
» » ]3o f. 2. Larus einereus capite nigris 

ììiaculis signato ... id. id. 



(1) Col nome di Arrirotta di Turdi in sifili.'ino vanno intese onUnariameute la Lìiudsu 
iiirlduura e la L. riifa. Nel nostro caso però la fìgnni del dipani ìi riferibile eliiara- 
nii'iile alla Grdlinmjo ii/ajor: il Benoit cade evidentemente in errore, qnando riferisce la 
?l)ecie del dipani alla L. ìiiclmiunt. 

(■_') Benoit riporta giustamente la Gullinidu iiiiitiiiKi altcni ecc. alla Gali, f/aìti/uda: lun 
egli sbaglia quando riferisce la Gali, miniina scaccia inargin ecc. al T. (jtitrrola, poiché 
evidentemente le due figure rappresentano la stessa cosa. 

(.'!) Per Benuit sarel)l)e la Xitnicnias aniuata : a me pare piuttosto riferibile al .V. Ic- 
nuir.)slrts. Confesso però che è dittìcile pronunciarsi esattamente fra le due si)jcie. 

(4J Benoit riferisce il Lama minor uiyer ecc. alla eterna ni(jra, Lin., sinonimo della 
tcHcuplcra, t?cliinz. 



]22 

Voi. Ili tav. 138 f. 1. LarKs ina lor al/>o cinereo 
(«j natica tetragono adniifjo 
rostro {.^w c\y. h'-n.) . . . Larns cachinnans, J'all. 

(L. ar^entatus, nrilnii ) 

Tubinares 

» > 2:} f. 1. ilitactrns Pnifiinis Kiihli, Boie 

Pygopodes 

> » 'il) f. 1. Mcrgns cirraf/is alhoni;jerO) PocUceps cristatiis, Lin. 

> » 14.J f. 1. Coli/ìiibus corìintvs (-) . , id. id. o^ 'id- 

» » 15 f. 1. Mergns alho mcicidatus fn- 

scus ('■'') id. auritiis ? 

> » 21 f. 2. Coìgmbus minor criissafis 

(cinffatis, ]3en.) oculis . id. tìnviatilis, Tunst. 

(P. mino', Giiii'l ) 

i > -50 f. 2. Colgnibiis minor alter (') . id. id. 

Nlammiferi 

» » 20 Latra xicxìa Uria o Itria 

cnlgo Liitra vulgaris, Ei'xl. 

> t> 98 Martcs mas Martin-ina . . Mustela imxrtes, Lin. 



(1) IJenoit, j). \\y.^, ritbrisfe il Mn/n^ cirnilii-^ ;il Mr/yti^ nl/H'Ihi^, dA (|Uide non liu nes- 
sun ciiru'.ture e molto meno Im furniii del becco. Esso evidentemente è un l\nliccps. 

(2j Henuit lo riporta come /'. curnutn.s; evidentemente si tratta del /'. cristutiis <^ ad. 

(o) E ritenuto da Bcnoit uienteineno clie Coljiìnltus srjitcnlrionalis .' 

(J) I>enoit riferif^ce i due C'ohiii/hiis niiiKir di C'npnni al l'ini, (uiriliix. l\u;li inoltre ri- 
[)orla : Coliimlms niiniiiins al l'od. minor; Vultiiiilms major al l'od. vrislahi.'<. lo luin lio 
ritrovato queste due specie nella copia della ^saziounle di Palermo. 



— 123 - 



Sull'esistenza di forme di passaggio da alcune specie di Leptocefalidi 

agli adulti corrispondeìiti 



NOTA 

njtt. -,uiar fjlociol.\ 



2. Conger mìstax D 'lar. 

Io ora j4'iunto alla concliisioiie che il LeptiìcplciJus Kiìììil\'ì-i Kaup è uno 
stato iinniatui'o del (\>ì)f/er ìi//sfa.r, quando iu un opuscolo del Dr. IVd- 
lotti (1) trovai con })iacci'e che egii aveva già manifestato la stessa idea. 
Io sono convinto inoltre che il L. K(illil\'ri si trasforma nell' animale 
perfetto. 

Primo stadio o lari-ale.- lì L. Kollil\'ri comunemente ha il corpo cilin- 
drico, ma vi sono individui compressi, i quali occorrono meno di fre- 
quente e sono piì g-io\ani dei primi, sebbene possano essere più lunghi. 
La lunghezza del capj sta 7-10 volte nella intiera lunghezza. Il muso 
è conico. La mascella superiore è notevolmente più lunga della inferiore 
e termina in un lobo ottuso, il cui profilo è obbliquo. Dietro questo lobo, 
sul margine della bocca si apre da ciascun lato una narice con brevis- 
simo tubo. Non esistono denti. L' origine della dors^ile è più in dietro 
dell'apice delle pettorali. La sua distanza dalla fessura branchiale nei 
comuni esemplari uguaglia presso a poco la lunghezza del capo; nei più 
larghi è maggiore; nei più corti e più stretti è quasi la metà della detta 
lunghezza. Le pettorali sono ottuse. Dalla gola all'ano due serie di punti 
neri, lungo la base dell'anale un'altra serie di punti neri. Il tubo dige- 
stivo è conformato come nel L. Morrisi. Li tige dorsale è divisa in loó 
corpi vertebrali con prosassi nourali ed emali. L:i lunghezza totale del 
corpo è da 64 a 100 nim. 



(!_) I Leptocefali del unir di Messina. Atti Soc. It. Se. Nat. Milauo, 1S83. 



— 124 — 

Secondo stad/o o semtlarvale. — La forma del corpo o delle sue parti è 
identica, a quella del comune L. Kijìlil-eri. Il colore è bianco, lievissima- 
mente bleuastro , meno traspai-ente e soltanto il capo in alto comincia 
a prendere una colorazione fosca. Sui lati sono ancora evidenti le linee 
muscolari pieg-ate ad angolo. Sul margine del labbro superiore si scor- 
g'ono due lievi eminenze, che sono il primo accenno dei processi trasversi. 
Lung"o il ventre vi sono dei punti nei'i poco ordinati o mancano del 
tutto. Una serie di punti simili si ossei'va lungo la base dell'anale e della 
dorsale. Ma il capo è compreso iS volte nella intiera lunghezza , le ma- 
scelle portano denti, la dorsale nasce appena in dietro la base delle pet- 
torah'. Conosco due esemphiri lunghi 78 mm. 

Terzo stadio. — Nell'ultimo stadio della metamorfosi l'animale si trova 
mutato in C. mi.sfaji- , i giovani del quale, aventi l'aspetto degli adulti, 
non sono rari nel mar di Messina, sebbene meno frequenti del L. Kìil- 
Ul-eri. La forma del loro corpo, rotondata in avanti, si rende sempre più 
compressa in dietro. Il capo è conico e forma circa la 6'^ parte della 
intiera lunghezza. La mascella superiore si avanza non poco oltre la in- 
ferioi'e. Essa mascella termina in un lol)0 carnoso ed ha due labbri di 
cui r esterno è sostenuto da tre proc-essi ossei trasversi che l'endono il 
suo margine sinuato. I denti furnìaiio una stretta fascia in ciascuna ma- 
scella. Ve ne ha un gi'uppetto tra le narici, le (piali sono situate ai lati 
e al di sotto della |)unta del muso , munite di un brevissimo tubo. La 
dorsale s' inizia un ])oco dietro la l)ase delle pettorali. Queste sono ot- 
tuse. Il colore del coi'po è bleuastro. Persiste la serie di punti neri lungo la 
base dell'anale. Vi sono Lk") vertel)re. Oli esemplari cui lio accennato 
sono lunghi da 71 a 124 mm. 

Quando si hanno sotto gli occ'hi individui di L. Kollikerl e giovani 
normali di C. ìnista.v non si stenta, ad ammettere che sieno la stessa 
specie di animale, particolarmente per la forma del capo e del muso, 
la relativa lunghezza delle due mascelle, la posizione delle narici, ecc. 
A ciò si aggiungo la corrispondenza del numero delle vertebre. L' esi- 
stenza d'individui che partecipano dei caratteri delle due forme confer- 
ma la verità di questa supposizione. e dimostra ugualmente che il L. 
Kolliket'i si trasfoi'ma nel perfetto animale. La differenza esistente tra 
essi nel!' origine della dorsale si spiega , come pel Conger vnìgavis , con 
l'accorciamento che subisce l'animale passando dal primo al secondo 
stadio. Per la stessa ragione il capo in proporzione alla lunghezza del 
corpo è più breve nel primo che nel secondo e terzo stadio. Allo stato 
di LeptocepJialu.s il corpo dapprima cresce in lunghezza e larghezza 



— 1?5 — 

(esemplari lancili e appiattiti), poi si restringe soltanto e diviene subcom- 
presso e cilindrico (esemplari ug-ualmente lung'lii ma rotondati), in ulti- 
mo si accorcia e si restringe sempre più (esemplari corti e stretti). La 
più notevole diflerenza trovata nella grandezza di due esemplari è data 
dalle seguenti misure: 

Lunghezza del corpo Altezza del corpo 

0"', 10 0"^ 010 

0'", 0G4 0"\ OOnf) 

Perciò vediamo esenii»lari giovani di C. mi.sfa.r coi caratteri definitivi 
della specie più piccoli dei comuni esemplari di L. Ko/ìileri. 

.■^. Conger halearicus Delar. 

Primo stadio o larvale. — E rappresentato dal Leptocephalus Kanpi che 
descrissi nel 1883 (1), Questo somiglia molto al L. Kollil-eri ed occorre 
con la stessa frequenza. Il corpo è più rotondato e più stretto negli e- 
semplari più corti, più compresso e generalmente più largo nei più lun- 
glii che sono meno adulti. Il capo relativamente al corpo è più lungo 
nei più corti che nei più lunghi e si comprende da 8 'Yi ^ 1^ volte nella 
lunghezza totale. Sul!' estremità del muso esistono lateralmente due ap- 
pendici quasi impercettibili e sono il rudimento dei tubi nasali. La ma- 
scella inferiore è appena più corta della superiore, entrambe sprovviste 
di denti o sono quasi insensibili. L'origine della dorsale varia nei diversi 
individui secondo l'età. Come regola si osserva che quanto meno rotondo 
e più lungo ò il corpo, vale a dii'e quanto più giovane è l'aniniiile, tanto 
è più lontana dal capo. Cosi la sua distanza dalla fessura branchiale è 
da Va ^ 2 volte la lunghezza del capo. Le pettorali sono acute. Il si- 
stema dei punti ornamentali è identico a quello del L. Kdllil-eri. Il tubo 
digestivo coi suoi annessi è conformato come nelle due precedenti spe- 
cie. Lo stesso è a dirsi della corda doi'sale la quale è divisa in loò a- 
nelli. La lunghezza degli esemplari è da 74 a 102 nim. 

Secondo stadio o sem Hai' cale. — Conosco soltanto quattro individui in 
questo stadio, i quali allo stato fresco erano semitrasparenti. Essi si av- 



(1) Rivista delle specie di Leptocephalidi del mar di Messina. Atti R. Ac. Pelor. an.IV, 
Messina, 1888. 

Il Nutiu-alista Siciliano^ Anno XII 57 



— 126 — 

vicinano più all'aspetto del C. hjh'ayìcus die a quello del Lepfocephalui^ 
che gli corrisponde. Il capo forma '/- o poco o meno della totale lun- 
ghezza. La mascella inferiore è appena più corta della superiore , tutte 
e due provviste di minutissimi denti. La dorsale nasce sopra la base 
delle pettorali. Queste sono acute. I punti del ventre sono scomparsi , 
si conservano perfettamente quelli della base dell' anale , lungo la base 
della dorsale ne esiste un'altra serie meno spiccati e poco regolari. Il più 
breve dei quattro detti esemplari misura. 76 mm., il più lungo 96 mm. 

Terzo stadio. — Al termine della metamorfosi l'animale è il C. haleari- 
cus. Questo somiglia al C. ii/isfax, ma ha il muso più corto e più ottuso 
e la mascella inferiore più avanzata. Il capo forma Va o po^o meno della 
totale lunghezza. Sui lati dell'estremità del muso vi sono due narici con 
brevissimo tubo. La mascella superiore è un poco più lunga dell' infe- 
riore. Ciascuna porta una fascia di piccoli denti. La dorsale comiucia ap- 
pena più innanzi della verticale innalzata dall'angolo anteriore delle pet- 
torali, le quali sono acuminate. Vi sono 135 vertebre. Il più piccolo che 
conosco ha 81 mm. di lunghezza. 

I caratteri esteriori che più avvicinano il L. Kaupl al C. halearicus 
risiedono nella forma del muso, nella relativa lunghezza delle mascelle, 
nella presenza di un rilievo sulla estremità della mascella superiore , 
nella forma delle pettorali. Inoltre vi corrisponde il numei'o delle ver- 
tebre. Senza tener conto di uno stato intermedio, ciò basterebbe a far 
credere che il L. Kaupl appartiene al ('. halearicus. La differenza nel- 
r origine della dorsale dipende dall' età poiché si è visto che nel primo 
si avvicina sempre più al cai)0 a misura che il corpo si accoi'cia e si 
arrotonda di più. Quest'accorciauiento ci pei'suade come possano trovarsi 
individui giovani del comune ('. hali'aricus più piccoli dei più allungati 
del L. Kaupi. 

Nella metamorfosi dello tre sopraddette specie di Cowjer , alla quale 
abl)iamo l)revemcnte accennato, è da rimarcarsi che l'accorciamento del 
corpo succede allo stato di Leptocephalus e può continuarsi nel secondo 
stadio. Il capo dal primo stadio al principio del terzo stadio è compreso 
nella lunghezza del corpo un numero di volte sempi-e minore. La for- 
ma del nmso rimane inalterata. I denti nel primo stadio mancano o sono 
scarsi e rudimentari. La distanza della dorsale dal capo varia in questo 
stadio a norma dell'età degli individui e assolutamente presa anche se- 
condo la specie cui appartengano di modo che sia maggiore o minore 
in corrispondenza con quella che ha nello stato adulto. Così nel L. Mor- 
risl la sua origine può trovarsi più in dietro che nel L. Kóllikeri e 



— 127 — 

Kaupi j)erchò nel C. vulgaì-is è pure più in dietro che nei C. mistax e 
balearicus. Nel secondo stadio il principio della detta pinna si trova allo 
stesso punto in cui si osserva nello stato definitivo. I punti neri lungo 
la base della pinna anale nelle dette specie di Leptocephalus si conser- 
vano nelle forme rispettive del secondo stadio e persistono negii adulti 
del C. mista.r normale; in un C. haleavicus lungo 115 mm. non sono 
scomparsi e se ne osservano traccio in esemplari di maggiore lunghezza, 
ma in seguito si cancellano; si conservano pure nei più giovani normali 
del C vidgaris. Nel secondo stadio del C. mistax e balearicus apparisce 
una nuova serie di punti lungo la base della dorsale, meno spiccati però 
di quelli della serie anale e sono visibili negli adulti di queste due spe- 
cie. Xel secondo e terzo stadio del C. cnlgaris mancano. 

(continua) 



• -<♦►- 



F. MINA-PALUMBO 



Reitili ed (Anfibi Nebrodensi 

(Cont. V. N. 3) 

Callopeltis quadrilineatus Pali. 

Scaglie durriali contate in linea trasverso-olìUqiia a uietfi circa n. 27 per i 
saggi d'Italia. 

Sinonimi 

C'JÌuher (juadrii/neatKs Pali. Corondìa qnadrilineata, Jan. 

— It'opardinu^ Sclileg. Caìopeltls /6'o^A7r(?/«a, Schi'c. De Betta 

Bibliografia 

1814. Rafinesque — Prodromo Erp. Sic. Specchio delle Scienze N. X, p. 104. 

ISoG. Schleg. — Essai pliys. Serp. j). 168. 

1872. Doderlcin — Alcune generalità Fan. Sic. Vertel^rati 25. 

1874. De Betta— Faimii d'Italia. Rettili Antilii 38. 

1881. Dodevìein — Rivista Fan. Sic. Vertebrati 41. 

181U. Camcrano — Monoi?. Otidi Italiani 52. 



— 128 — 

ICOXOGKAFIA 

1834. Boìiaparfr—lwiwj;. Fan. Hai. II, pini. 38, T. (U, F. 1, -\ 3. 

18U1. CWm^ra?^>— Mono<^-r. Ofidi Kal. Il, F. llj S F. 27 scugiia in^Taudita. 

Il Katìiies(iue descrive un nuovo ivltile siculo « C<iliih>')' vlpcrintii Katiu. nero 
al di sopra ed al di sotto col dorso variata irreg'olarmente di fosco-fnlvo, circa 
IGO S(iuame addominali, e 50 pari caudali. Osserv. In siciliano vissena ninra 
assai simile alla mia Vipera vissuna^ ma senza denti uncinali, sen/ i mvccliit^ 
al di sotto , luno'liezza tre piedi , questa specie è prol)alnlmente la vipera di 
secco del Getti 'W 3, p. 45 ed Asuni T. 2, p. 79. 

Non comprendo con ([uesta concisa diagnosi, e confusione a (piale specie si 
possa riferire la descrizione data dal Rafincsque. 

Lo Schleg^el riferisce che Conlraine trovò questa specie in Catania. 11 Do- 
derlein riporta che trovasi in Sicilia « il leggiadro Colubro leopardino Cido- 
pets lieojMt'dinKS B^ils. che vive altresì nella estrema parte meridionale dell'I- 
talia » ed aggiunge per sinonimo il (^Iiihi'i- r/'iM'r/jiKs Rafìnesque. Il De Betta 
sotto il nonu' ('«lopeìfis , ìeopanlina Sdir, la ri[iorta. di Sicilia; il Doderlein , 
1881 , ripete che il leggiadro Colubro leo})ardino, Cwlopelfis Icopardinu.'i Sch. 
trovasi in Sicilia ed anche nella estrema parte meridionale del Continente Ita- 
liano. Il Cemerano hi riporta di Sicilia ed aggiunge che gli esemplari del Mu- 
seo di Torino provengono da Catania, e furono raccolti dal Capitano Bazzella 
in Catania, e descrive un giovine ed un maschio aduli») di Cuitania. 

^ Lung. del capo (1,028 larg. 0,017 lung. coda m. 0,18 lung. tot. m. 1,0-?. 

Giovine » ^ 0,017 » 0,009 . » » 0,OG » » ^ 0,42. 

Trovando delle lievi dift'erenze tra Bonajìarte, De Betta e Camerano ho cre- 
duto meglio seguire (luesto ultimo non avendo veduto esemplari siculi. 

Capo distinto dal tronco ovale, muso troncalo anteriormente, scudo frontale 
dilatato anteriormente , i)reoculare una , ])osloeulari du<' (piasi eguali , piasti-e 
temporali due in prima linea, sopralal»iali 8, collo assottigliato versoli capo, 
tronco rotondeggiante , parte ventrale piana , scaglie dorsali in 27 serie negli 
esemplari di Oitania , scaglie lisce di forma (piasi roml)oi(lale , scudetti addo- 
minali 232-244-248, scudetti sottocaudali ])aja 1)8-75-87-8',). 

Le })arli suix'i'iori sono col jr cenerognolo chiaro o giallognolo , cai)o color 
bruno-nocciola , una macchia nera trasversale nella, parie superiore della ro- 
strale e nella ])arle anteriore delle internasali , una seconda nera più anq)ia , 
semilunare avanti della frontale e delle so[)raoculari : due strisce nere i)art(mo 
dall' occipitale, -e divergendo si prolungano ai lati del capo sino al di là del- 
l'angolo posteriore della Ixjcca : varie macchie verticali sulle so])ralal)iali c()u 
una più svilupiiata sotto 1' occhio : altra macchia Y rovesciato nero che parte 
dall'angolo ixjsteriore dello occipitale, si continua sul collo coi margini esterni 



— 120 — 

neri di una gnìnde macchia bruna o liruno-rossa , e più o meno nctlanienlc 
anelliforme, che talvolta è ridotta a due strisce hrune contornate di nero non 
continenti fra loro da simulare la forma di ferro di cavallo. 

La regione mediana del dorso dal capo alla coda presenta una serie di mac- 
eliie brune o bruno-rosse contornate di nero di forma varial)ile ed irreg'olare, 
i liauchi del tronco presentano due serie di macchie nere più o meno g'randi, 
che spesso unisconsi alle nere addominali, le i)arli inferiori sono intensamente 
macchiettate di nerastro^ le quali van diminuendo nella g'ola , collo, e parte 
anteriore del tronco, come anclie nella reg'ione sottocaudale. 

Variando la disposizione delle macchie e della colorazione si sono stal»iliie 
due varietà costanti. 

V. leopardina Bnp. con due serie di macchie g'randi ellittiche C(»lor rosso- 
lu'uno orlate di un sottilissimo bordo flessuoso nero, che con.g-i ungendosi i)iù o 
meno completamente fra loro da una seiie all'altra costituiscono una sola mac- 
cliia bislunga posta obliqtiamente. Credo che è la varietà più frequente in iSi- 
cilia. 

V. qu.adrilinciita l'ali, clie ha ([uattro fascio longitudinali brune o fulve più 
o meno conq)letamente marginate di oscuro, e colle due interne talvolta assai 
rimarginate fra loro. 

Per la Sicilia è stata trovata in Catania , nella regione pedemontana delle 
Madonie non la ho trovata, per l'Italia in Gallipoli terra d'Otranto, Lissa, C(m- 
torni di Roma, presso Bologna, Toscana, versante Adriatico. 

Callopeltis longissimus Laur. 

C. branneo-olivaceus, lineolis albis sparsis, xìihiìis titramuvìis s<iiiaìnis itifùì/s 
nllyptico sexangulis, capite subdisfincto obfU'</ssinio, srufi^llo rrrfir/s aiitìre 
inulto latiore, cauda quadrautalL 

Jarcnis — fiisco cincreoqìie nebulosns, suhtu.s anterius ffanis, ficscus tef^si-llatas, 
posteriiis cJialìjbaeus front is crescente et i/nlne collare niyris. 

Senta abdom. 220-228. Scutel-subcaud. par. 74-86 Bnp. 

Sinonimi 

(ohiber longissimus Bonn. Xcdri.r longissima Laur. 

— fiavescens Gml. Callopeltis flavexcens I3onap. 

— Aesculapii Host. — Aesculapii Schre. 
Elaphis fiavescens Licht. Zamenis Aesculapii Wagl. 

BlBfJOGRAFIA 

1811. lia/inesqH'i^Frodvomo Erp. Sictila. Spocchio delle Scienze II, N. X, pa- 
gina 105. 
1833. Bonaparte — Iconog. Fauna Ital. Il, ]»uiit. 21. 
1872. Doderlein — Alcune generalità Fan. Sic. Vertebrati p. 25. 



— 130 — 

1881. Dock' rie in— Kivistii Fan. Sic. Verlel)rati p. 41. 
1801. Camera ìio^MonogY. Otidi Ilal. p. ól. 

Iconografia 

18.')o. Ronaparte — Icoiiog-. Ivin. Ital. Ta\', ()2, V. 1 ciix) (U'I T' //arrscens. 
1801. Camerano — Monof^. Ofidi Ilal. Tav. II, F. 1 jj;'i()NÌii(' , F. 17 q' adullo, 
Fig. 27 scaglia ingrandita. 

Nomi volgari 

Colul)ro Saettonc, Colubro d'Esculapio, De Betta — Auza Loiiili. — Angiò, Au- 
gia, Bisson, Veneto — Coluru, Col ara nùedda Sard. — Angiò Sic. 

II Rafinesque fra i serpenti siculi riporta il Cohiber Aescnlapu Lin., Sparti- 
matrimoniu, dal nome siciliano credo che non può riferirsi con certezza a (jue- 
sta specie. Il I5onaparte Io riporta di Sicilia abbondante. Il Doderlein così si c- 
sprinie « cui tien dietro in frequenza il Saettonc od Angiò Coelopeltis flave- 
scens Bnp., Coluher Aescidapii Boie, Angiò Sic. che talvolta vi raggiunge una 
notevole dimensione» questo poi Io ripete nella pubblicazione del 1881. Il Ca- 
merano ne riporta una femmina di Modica, che offre queste dimensioni. 

Lungh. del capo 0,027, largii. 0,014, lungh. della coda 0,20— totale 1,00. 

Capo leggermente distinto dal tronco, allungato ellittico, muso molto ottuso, 
(juasi troncato ; scudetto rostrale grande con leggiera, smarginatura nel l)oi'do 
laicale, ove è convesso : gli scudetti nasali presentano nella sutura mediana 
l'apertura delle narici rotonda. Otto scudetti hiltiali superiori per lato, che di- 
vengono più chiari verso la commissura della bocca. Scudetto frontale grande, 
dilatato anteriormente con bordo lievemente convesso: scudetti soiìraciliari pic- 
coli non sporgenti, una squametta sopraciliare, due postoculari quasi eguali: 
sondo mediano della mascella inferiore triangolare^ dieci scudetti per Iato, il 
sesto [)iìi grande. 

Tronco allungato più alto che largo, tondeggiante superiormente, piano nella 
superfìcie addominale, coi Iati leggermente angolosi; S(juame dorsali lisce^, lu- 
cide, ellittiche, disposte in 10 scrii', qualche volta negli adulti sino a 22. Scu- 
detti addomiuali lisci 234, ma variano sempre in ogni saggio da 220-226-230: 
scudetti sottocaudali joaia 65 in altri esemplari sino a 72 ;, la coda è breve a- 
cuta con le scaglie dorsali in sette serie. 

II colore superiormente ed ai Iati è bruno-olivastro, variabile in ogni esem- 
l)Iare ora tende al rossastro , al nerastro , o interamente olivastro senqirc più 
chiaro nei Iati. 

Estremità del capo giallastra col margine inferi» jró delle sopi'alabiali più chiaro 
ed anche una macchia nella- regione post-tenq)orale è jiiù chiara. Dietro la nuca 
vi sono alcuni freghi nerastri tra le suture. 

Dietro il collo cominciano a formarsi (juattro linee di color fulvo-bruno, che 
scori'ono ai lati del dorso, le mediane sino alla coda, le laterali sino all'origine 
della medesima, (piesle fascio sono sfumate nei l)ordi, aj)pena visil)ili sul collo, 
spiccate sul tronco, poco visibili nella estremità del corpo. 



— lai - 

Dal leinho infV'rioro o posteriore dell' occhio partono due strisce fosche che 
scg"nano la fìg'nra di un arc(> di qui\ e di \h del cnpo , (|Uella anteriore è più 
sottile , scorre nella sutura tra il (juarto e (plinto scudetto labiali superiori, 
e sci-ndoud fino agli scudetti guhiri, la posteriore pei- un tratto orizzontale 
verso i lati del capo, e si curva in basso passando per 1' ultimo scudetto la- 
biale sui)eriore , e sì dirige verso il mezzo della gola senza unirsi con (piella 
del lato opposto. 

11 di sotto di tutto il capo è color uniforme di paglia, anche nel collo, poi 
la base degdi scudetti comincia a puuteg'giarsi di cenerino, che aumentando 
g'radatamente sino all'estremo del corpo di intensità ed estensione, allora dalla 
metà dell'addome sino all'estremo della coda diviene di un ceneiino-piombino 
color di acciaio. Tutti gii scudetti addominali, eccetto (luelli del collo, anale 
e preanale portano a ciascun lato una macchietta bianca , che nello insieme 
formano due linee longitudinali una per lato, e propriamente nell'angolo for- 
mato dallo addome dove gli scudetti si piegano per unirsi colla estrema fila 
delle squame dorsali. 

Le squame della i)artc anteriore del corpo sono segnate nei margini esterni 
di Inanco , o di giallognolo , alcune hanno il margine più chiaro, la maggior 
parte delle sipiame, che nelle due strisce laterali corrispondono hanno i mar- 
gini laterali bianchi , che mancano nelle due dorsali , cpieste lineette bianche 
mancano nella ])artr posteriore del tronco. 

Lunghezza totale m. I, 28, di cui la coda 0, 20. 

Il giovine ha il capo più distinto dal tronco, la tinta del corpo grigio-fosca 
nei lati tende al giallognolo : scudetti frontali neri nel margine posteriore, un 
punto nero nell'apice dello scudo verticale, sutura mediana degli cccipitali nera. 
Le due strisce che partono dall' occhio per ciascun lato del capo sono nero- 
morato, quella del bordo inferiore dell'occhio non oltrepassa il bordo del lal)- 
bro superiore, (|U<ila di tlietro termina ai lati della gola allargandosi un poco. 
Dietro gli scudetti occii)!tali vi scino due macchie laterali separate nel mezzo 
del dorso , si prolungano indietro formando il principio delle macchie dorsali, 
ma spesso sono interrotte. 

Le parti inferiori del capo e lati sono giallo-canarino, gli scudetti del collo 
color paglia sudicio , e poi di acciaio sino all' estremo della coda : nella parte 
anteriore vi sono ai lati dell'addome delle macchie quadrate nere, che tendono 
ad ordinarsi in due strisce longitudinali, che gradatamente svaniscono quanto 
più il fondo diviene cenerino: lungo i fianchi le S( piarne del tronco sono tinte 
verso r estremità di macchiette fosche e color di paglia da accennare irrego- 
larmente tre linee longitudinali. 

Nei giovani la disposizione dei colori, e l'intensità di tinte variano in ogn^ 
esemplare, e talora esse si conservano negli adulti. I cerchi neri che sono ai 
lati del capo marcati nei giovani, più chiari negli adulti, svaniscono nella vec- 
chiaja. 



— 132 — 

Hi) (l'ovato <le<^li esemplari die lianno il (luinto anteriore del eorpo cenerino 
chiaro . e le lineette lattee delle S(juanie mu\U) apparenti , non ne ho veduto 
nello stalo di inelanisino. 

Questa specie prescegiie per sua dimora i luoghi asciutti , i coltivati , i bo- 
schi, si appiatta sotto l'erlia, insidia "-li uccelli nel nido, si nutre di rane, j^ic- 
coli ((uadrupedi, d'insetti e lu'uchi. E piuttosto solitario, diffidente, di naturale 
tran(|UÌllo, ina in(iuietato diviene audace si eleva sul tronco, sferza colla coda, 
e talora insiegue l'uomo. 

Si trova in tutto il grujtpo delle Nel)rodi nel piano e regione uemorosa, ed 
in altre località della Sicilia, non comune in Piemonte, rarissimo in Lombar- 
dia, Di' Filippi abl)ondante in Valtellina, De Carlini nel Bresciano, Beffoni 
lVe(iuente nella valle del Po e Veneto, comune nelle campagne di Roma, 3fa- 
fd.rà—ììon raro in Sardegna, Genr e Cavrìicrio. Il Bonaparte la riporta di Pom- 
liai'dia. Roma, Calabria e Sicilia, ed il Camerano di tutte le sopradette località. 

Genere Coronella Laur. 

Capo poco distinto dal 'tronco, ])upilla rotonda, uno scudetto oculare anterio- 
re, due postc^riori , setter scadetti labiali per lato , tempie coperte di squame 
senza scudetti. Denti della mascella superiore disposti in serie continua, piccoli 
acuti ^ gli ultinn due poco più lunghi e più grandi, della mandibola i)iù pic- 
coli e decrescenti, quanto più si avvicinano al fondo; i denti palatini inclinati 
indietro. 

Il tronco è cilindrico terete non molto lungo, coda breve, scaglie del dorso 
ellittico-romlìoidali, piane e liscie disi)osti in serie 19 a '21. 

W'V le specie italiane il Camerano ha dato la diagnosi dicotema. 

.4. Scaglie dorsali contate in linea transverso-obliqua a metà del dorso in 
num. di llb 

a. Scaglie sopralabiali n. 7. 

a. Rostrale poco sporgente, muso arrotondato C. austriaca Laur. 
^. Rostrale molto sporgente, muso notevolmente 

s})orgente sulla mandibola inferiore C. austriaca sub-sp. Fit- 

[zingeri Bnp. 

b. Scaglie sopralal)iali u. 8 C. cncnllata Dum. Bìbr. 

.-LI. Scaglie dorsali contate in linea transverso oltli- 

(^ua a metà del tronco n. 21. 
a. Sopralabiali n. 8 Cor. girondica Daud. 

(continua) 



Bnrico Ragusa — Direttore resp. 



lMMiniHiiMiininnMnMnnMiiiiiiiiniiiiiiiinHiimh(fhiiiiiMiiMiiiMiii;iiiiiiHHiniiiiiiiiinniiiiiMiiiiin!!::!i!MnniiiiMiiininiiniiii^ 



S(»€1. 



ANNO XII. OvKf/' MARZO 1893 N. 6. 



IL NATURALISTA SICILIANO I 

GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 1 






SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE 



E ABBONAMENTO ANNUALE . È 

= ' 1 

I Italia L. 10 » | 

E Parsi compresi xell'unionl postale » 12 » | 

I Altri paesi » 14 » = 

E Cn numero separato, con tavole » 1 25 | 

I » SENZA TAVOLE » 1 » | 

= Gli ABBONAMENTI COMINCERANNO DAL 1° DI OTTOBRE DI OGNI ANNO E 



Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione 
al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 



SOMMARIO DEL NUNL 6. = 

X 

L. Spada — Contribuzione alla Fauna Marcliegiana. I Lepidotteri finora trovati | 

nel territorio di Osimo {coni.) | 

L. Facciola — Sull' esistenza di forme di passaggio da alcune specie di Lepto- | 

cefalidi agli adulti corrispondenti {fine'). | 

F. Minà-Palumbo — Rettili ed Anfibi Nehrodensi (cont.) 

F. Minà-Palumbo — Cenni bibliografici. 



) 



I PALEEMO I 

I Stahilimento Tipografico Virzì | 

I ^^'1893. I 

TìininiiiiiininiiiinniiiiiiuiniiiiiiiiiniiinMiiiiiiiiiiininniiiiiinifmiiiiiiMiiiiniiniiiiiniMiiiininiiiiiniinniiiniinirMHMiiiinniiiiiiiiMiniE 



APR 12 1898 

ANNO XII. MARZO 1893 N. 6. 

CONTRIBUZIONE ALLA FAUNA MARCHEGIANA 

I LEPIDOTTERI 

finora trovati nel teri^i torio eli Osimo 

PER 
LEOXELLO SRADA 

(L'oat. ved. Xiiiii. [iroc.) 



Gen. 39. — Setina, Schrk. 

S. irrorella, CI. — Estate : Selva Simonetti, M. Fiorentino e M. S. Pietro 
sui Licheni dei prati nelle selve. 
Bruco sotto i sassi e nelle radici di molti Licheni. 

Gen. 40. — Nola, Leach. 

N. togatulalis, Hb. — Estate : Selva Simonetti e M. Fiorentino frequente 
sui cespugli di quercia. 

Bruco sui Licheni e Muschi alla base delle Querce. 
N. cucullatella, L. (Talliolalis, Hb.) — Estate : frequente nel terrritorio 
nelle siepi e nei giardini. 

Bruco sul Pyrus comnnis e P/jru.s inalns. 

Gen. 41. — Gnophria, Stph. 

G. quadra, L. (Deplana Lì. — Autunno e Primavera : Osimo e Prati di 
Rigo, appiedi ad un fabbricato sull'erba e sulle spallature dei 
fossi all'ombra sull'erba. 

Bruco sui Licheni degli alberi e qualche volta sulle foglie 
degli alberi da frutta 

Il Naturalista Siciliano, Anno XII 18 



— 134 — 

Fam. XV. — A.rctiidae 

Gen. 42. — Emydia, Bdv. 

E. striata, L. (Grammica, L.) Primavera ed Estate : Osimo, Monti di 
S. Stefano, M. Ragalo e Casenuove sulle graminacee. 
Bruco sul Taraxacum vulgare ed Artemisia campestns. 

Gen. 43. — Deìopeia, Stph. 

D. pulchella L. (pulchra Scliifit".) — Primavera ed Estate , frequente nel 

territorio sul Miosotide. 

Bruco sul Myosotis arveimii, M. palustris, Ileliotropium eu- 
ropeum ed Echlum vulgare. 

Gen. 44. — Euchelia, Bdv. 

E. Jacobea, L. — Estate: M. Ragalo in un giardino; un solo individuo 

sulla Cineraria. 

Bruco sulla Cineraria marittima e Senecio Jacobaea. 

Gen. 4;'). — Nemeophila, Stph. 

N. plantagìnis, L. (Alpicola, Scop.) — Estate: M. Ragalo e Casenuove sulla 
Piantagine e Tarassaco. 

Bruco sulla Lacfuca sativa , Piantago lanceolata, e Leouto- 
don taraxacum. 

Gen. 46. — Callimorpha, Latr. 

C. hera, L. (Plataginis, Scop.) — Primavera ed Estate : comunissima nel 
territorio sulle siepi di Rovo. 

Bruco sul Fuhtts idaeus e E. fruticosus. 

Gen. 47. — Arctla, Schr. 

A. villica L. — Fine di Primavera e principio di Estate in tutto il terri- 
torio sulle siepi. 

Bruco sull'Ortica dioica, 0. hispida, Fragaria vesca ed Ul- 
mus campestris. 



— 135 — 

Gen. 48. — Euprepla, H. S. 

E. pudica, Esp. — Estate: M. Fiorentino, M. Ragalo, M. S. Pietro e M. 
dei Cipressi sui Cavoli e nelle siepi. 

Bruco sulla Poa annua, P. pratensis, Briza media e B. ma- 
xima. 

Gen. 49. — Spllosoma, Stph. 

S. fuliginosa L. — Primavera ed Estate : Osimo, M. Ragalo; sulle mura e 
nelle abitazioni di sera attorno alla lucerna. 

Bruco sulla Lactuca satira, O.valis acetosella, Brassica rapa, 
B. napus, Ruhus iclaeit.s e Bosa canina. 
S. lubricipeda, Esp — Estate: Giardino Bellini, Giardinieri e Filippucci 
e sponde del fiume Musone sui Pioppi e i Garofani. 

Bruco sulla Lactuca satica, Brassica rapa. Cicorium intybus, 
Ortica dioica, 'Sanf/nicus niijra e Portnlaca oleracea. 
S. menthastri, Esp. — Prima\cra ed Estate : M. 8. Pietro, Selva Simonetti 
M. Ragalo e Monti di S. Stefano sulla Menta. 

Bruco sulla yfentha si/lcestris, Ortica dioica ed O. hispida. 
S. mendica CI. — Primavera : M. Ray^nlo e Osimo sulla Vitalba. 

Bruco sulla Clematis citafba, Lonicera capri foUum , Rumex 
acetosa. 

Fani. XVI. — Hepialìdae 

Gen. òO. — HepiaUis, F. 

H. humuli, L. — Estate: un solo individuo nei dintorni di Osimo sul Lup- 
polo. 

Bruco sul Bumej' acetosa ed Humtdus lupulus (più di venti 
bruchi tre soli incrisalidarono e fecero la farfalla). 
H. hecta, Estate: dintorni di Osimo e prati di Rig-o sull'Erba. 
Bruco sulla Prinnda offici ìiali.s e Calluna vitlgaris. 

Fam. XVII. — Cossidae 
Gen. 51. — Cossus, Fab. 

C. cossus, L. (ligniperda P.) — Estate : in tutto il territorio sugli Olmi, 
Salici, e Peri. 



— 136 — 

Bruco ibernante sul Popiilus nìgra, Ulmus campesfris, Py 
rus comunìs, Salix caprea e S. viminalis. 
C. cossus V. tenebra, Hofm.— Estate : un solo esemplare (privo affatto di 
punti e di colorito più intenso ) a M. Rag-aio sul tronco di 
un Olmo. 

Bruco polifago come il tipo. 

Gen. 52. — Zeuzera, Latr. 

Z, pyrina L. (aesculi L.) — Estate: frequente nel territorio sulle palizzate 
delle strade e suU'Ipocastano. 

Bruco sul Pijì'Ufi iitalu.s , P. comuni^ ed Àescalns hippoca- 
staili. 

Fani. XVIII. — Cochliopodae 

Gen. x)'ij. — Heterogenea, Hnocli. 

H. asella, Schiff. S. V. — Estate : un solo individuo sopra il tronco di una 
Quercia. 

Bruco sul JJrucus spinoi^a, Populus nìgra e Quercus rohur. 

Fam. XIX. — F'sychidae 

Gen. 54. — Psyche, Sch. 

P. graslinella, Bdv. — Fine di Estate e principio di Autunno: Selva Si- 
monetti ed a M. Cerno sulla Ginestra. 

Bruco suWHolcus lanatus^ Poa neiiìoralis e Spartium scopa- 
rìum. 
P. albida, Esp. — Primavera : quattro soli esemplari nei Monti di S. Ste- 
fano pure come la precedente sulla Ginestra. 

Bruco e saccule siiWHolcus lanatus e Genista juncea. 

Fam. XX. — Liparidae 

Gen. 55. — Orgyia, Ochs. 

O. antiqua, L. — Estate ed Autunno : M. Ragalo e M. Torto sulle Querce. 
Bruco sulla Quercas rohur, Tilia europea, e Posa thea. 



— 137 — 

0. trigotephros, Bd. — Primavera : M. Fiorentino una sola Q appiedi una 
siepe. 
Bruco sulla Quercus rohur, Q. ilex e Sparthim junceinu. 

Gen. 56. — Dasychira, Stepli. 

D. pudibunda, L. — Estate ed Autunno frequente nel territorio sull'Olmo 
e la Quercia. 

Bruco 'AwWUlnius aimpestris, Tilia europea e Quercus ilex. 

Gen. 57. — Leucoma, Steph. 

L. salicis, L. — Estate ed Autunno : Prati di Rigo , M. Ragalo , e valle 
dell' Aspio sul Salice. 

Bruco sul Sallx viminalis , S. purpurea e Populus nigra. 

Gen. 58. — Forthesia, Steph. 

P. chrysorrhoea L. -Estate : Boschetti Butteri e Frampoli sugli albori 
da frutto. 

Bruco sul Pijrus malus, P. comunis e Cidon'ia valgaris. 
P. similis, Frey. (Auriflua S. V.)— Estate : frequente nel territorio sulle 
siepi. 

Bruco sul Cort/Uuò avellana, Quercus robur, Crataegus oxija- 
cantha e Rosa canina. 

Gen. 59. — Ocneria, H. S. 

O. dispar, L. — Estate : Monti di S. Stefano, M. Ragalo e Casenuove; da 
quattro bozzoli trovati su di un Melo, nacquero tre Q ed un 
cf che mori prima di sviluppare le ali. 

Bruco sul Pfjrus comunis, P. malus, Prunus cerasus, P. do- 
mestica, P. armeniaca, Quercus robur , Tilia europea , Ulmus 
campestris e Salix viminalis. 

Fam. XXI. — Bomhycidae 
Gen. 60. — Bombyx, Bdv. 

B. rubi, L. — Primavera ed Estate : dintorni di Osimo e Fosso del Guaz. 
zatore due individui sulle siepi. 



— 138 — 

Bruco sul Eubits Idaeus, Rosa canina, Amigdalus persica e 
TrifoUum pratense. 
B. trifolii, S. V. — Primavera ed Estate : in tutto il territorio sui Trifogli. 
Bruco sul TrifoUum pratense, Medicago sativa e M. falcata. 
B. mori, L. — Primavera, Estate ed Autunno : si alleva per filarne il pre- 
zioso bozzolo. 
B. Quercus, L. — Estate ed Autunno. In tutto il territorio sulle siepi ed 
i cespugli; raro il o^ comune la Q. 

Bruco iìviW Ulmus campestris, Quercus robur, Salix caprea e 
Betula alba. 

B. » ab. (et V.) Spartii, Hb. — Autunno, frequente nelle abitazioni, 

attratta la sera dal lume della lucerna. 
Bruco degli stessi costumi del tipo. 

Gen. 61.— Crateronyx, Dup. 

C. Taraxaci. S. V. — Un solo individuo in Estate nei dintorni di Osimo 

sul Tarassaco. 

Bruco frequente sulla Lactnca sativa e Leontodon Taraxa- 
cum. 

Gen. 62. — Lasiocampa, Latr. 

L. potatoria, L. (Odonestis, Germ.) — Fine di Estate : prati di Rigo : tre 
individui sul margine di un fosso sopra le foglie di Crescione. 
Bruco sul Bromus sterilis e Dactylis glomerata. 
L. pruni, L. — Estate : Selva Simonetti, M. S. Pietro e M. Ragalo sull'Olmo. 

Bruco sul Pgrus nialus, Ulmus campestris e Quercus ilex. 
L. tremulifolia, L. — Primavera ed Estate : Valli dell'Aspio e del Musone 
sul Pioppo due individui ottenuti da due Bruchi uno d' ed 
una 9. 

Bruco sulla Betula alba, Populus nigra e Quercus robur. 
L. pini L. (Gastropaca, L.) — Primavera, Estate ed Autunno : in tutto il 
territorio sui tronchi di Cipresso , nelle case e nelle cantine. 
Bruco sul Pinus pinea, P. marittinia e Cupressus semperm- 
rens. 



— 139 — 

Fcim. XXII. — Saturnidae 

Gen. 63. -- Saturnia, Seluk. 

L. pyvi, L.— Prhmivcra ed Estate: in tutto il territorio, nelle Siepi, sui 
muri, sulle frutta e sull'Olmo. 

Bruco sul Pi/ì'H.s conmnii, P. malu.s ed Ulmus campe.stri.s. 
L. Pavonia, L. (Carpini, S. V.) — Primavera: in tutto il territorio nelle 
siepi di Pruno. 

Bruco sul Prunus spinosa , Fragaria vesca e Pulus idaeiis. 

Fam. XXIII. — JVotodontidae 

Gen. 64. — Harpyia, 0. 

H. Erminea, Esp. (Dicrar.ura, L.) — Primavera ed Estate: un solo indivi- 
duo ottenuto fra ì diversi bozzoli trovati ai prati di Rigo nei 
Salici. 

Bruco sul Populus nigra e Salix caprea. 
H. vinula, L. — Primavera ed Estate : comune nel territorio particolar- 
mente lung'o le sponde del Musone e del Fosso di Scaricala- 
sino sui Pioppi. 

Bruco sul Popuhis nkj)-a, Salix caprea e S. viininalis. 

Gen. 65. — TTropvis, Bdv. 

U. ulmi, S. V. — Estate : due individui entro una lampada della luce elet- 
trica. 
Bruco ^wW Ubiìus campestris. 

Gen. i^io. — Cnethocampa, Stph. 

C. processionea, L. — Estate : M. Fiorentino , M. S. Pietro , Selva Simo- 
netti, M. Torto e Monti di S. Stefano sulle Querce. 
Bruco sulla Quercus vohur e Q. pedunculata. 



— 140 — 

Gen. 67. — Phalera, Hb. 

Ph. bucephaloides, P. — Estate: un solo individuo a Settefenestre sull'ar- 
gine del fiume Musone sopra un cespuglio di Quercia. 
Bruco sidla Quercus rohur, Q. ilex ed Arhutus unedo. 

Gen. 68. Pygaera, 0. 

P. anastomosis, L.— Estate : un solo individuo entro una lampada della 
luce elettrica. 

Bruco sul Crataegu.s o.rijachantlia , ISalix viininalù. S. piir- 
purea e Popolus tremula. 

Fani. XXIV. — Cymatophoridae 

Gen. 69. — Cymatc::I:orr., Tr. 

C. octogesima, Hb. (Ocularis, Gn.) — Primavera ed Estate: Monti di S. 
Stefano e M. Ragalo sul Pioppo. 

Bi'iico sLd Poptilus nigra e P. tremula. 

Gen. 70. — Asphalia, Ilb. 

A. diluta, S. V. — Estate: tre individui entro una lampada a luce elet- 
trica con altri lepidotteri. 

Bruco sulla Quercus rohur. Q. ilex e Betula alba. 
C. lactucacj Esp. — Estate: due individui entro una lampada della luce 
elettrica. 

Bruco sulla Lactuca nativa. 



— 141 — 

NOCTUAE 

Fain. XXV. — JBojnbicoides 

Gen. 72. — Acronycta, Ochs. 

A. aceris, L. — Primavera ed Estate : M. di S. Stefano, M. Ragalo e Ca- 
seniiovc : sui trouclii di Olmo e di Acero campestre. 

Bruco sulla Cantanea vesca, Acer campestre , Ulmus campe- 
stris , Tilia europea , Qiiercus rohur , Fopulus nigra e Salix 
caprea. 
A. psi. L.— Primavera ed Estate: Valli dell'espio e del Musone, tre soli 
individui sopra un Ciliegio. 

Bruco siiW Uhmis campcstris e Prunus cerasus. 

A. rumicis, L.^ — Estate : in tutto il territorio nei prati, frequente sui muri 

delle case, sui pagliai e qualche volta sui tronchi di Salice. 

Bruco polifago : sulla Fragaria vesca , Rumex acetosa, Po- 
ly gommi peìsgcaria e P. acicularia. 

Gen. 73. — Bryophila, Tr. 

B. glandifera, S. V. (muralis Forst.) — Dintorni di Osimo : due individui 

sulle mura di Fonte Magna. 
Bruco sui Licheni dei muri. 

.4 — lNroct-u.ica.a,e Bdv. 
Gen. 74. — Agrotis, Ochs. 

A. segetum, Tr. — Primavera, Estate ed Autunno : in tutto il territorio 
sulle Fragole e sul Lampone. 

Bruco spesso sulla Zea. mays , Fragaria vesca e Brassica 
rapa. 
A. Comes, Hb.— Primavera ed Estate: comune in tutto il territorio sulle 
murciglie e sui tronchi di albero ombreggiati. 

Bruco sulla Zea mays, che danneggia assai nella pannoc- 
chia. 

Il Nacuralista Siciliano Anno XII ^^ 



— 142 — 

A. pronuba L. — Primavera ed Estate: in tutto il territorio^ nei prati 
freschi, nei g-iardini e negli orti. 

Bruco sul Phaseolufi vidgari.s' , Brassica rapa, lì. napus^ lì. 
oleracea e B. eruca. 
A. » ab. innuba, Tr. Estate: un solo individuo al fosso di S. Valen- 
tino sopra una pianta di Fagiuolo. 

Bruco forse delle stesse abitudini del tipo. 
A. interjecta, Hb. — Estate : Un solo individuo sul tronco di una Quercia 
nella Selva Simonetti. 

Bruco sulla. Lacfuca saiìva e Brassica eruca. 
A. orbona^ Hufn. (subsequa, S. V.)— Estate : Selva Simonetti e Casenuove 
sulle querce. 

Bruco sui teneri g'ermogli di Quercus rohur e (l. ìle.r. 
A. linogrisea, Scliiff. — Estate e principio di Autunno: M. S. Pietro, M. 
Fiorentino e M. dei Cipressi frequente nelle siepi di Rovo. 
Bruco si,il Ruhus idaeus. 
A. castanea, Esp. — Estate: un solo individuo a M. Ragalo appiedi una 
siepe. 

Bruco e crisalide dentro la- Spata éeWAruìii italìcum. 
V. crassa, Hb. — Estate : un solo individuo sotto lo stipite di una fine- 
stra in città (ottenuto dalla Crisalide). 
Bruco sul Triffcuìii sai ì rum. 
A. glareola, Esp. — Autunno: un solo individuo intorpidito sopra un tronco 
di Salice ai prati di Rigo. 

Bruco forse sul SalLv caprea, e S. viminaUs. 
A. polygona, Fab. — Estate: M, S. Pietro e M, Fiorentino tre individui 
sulla Primula. 

Bruco sulla Priniula vulgaris (da un solo individuo che al- 
levai con questa pianta ottenni la crisalide e quindi una far- 
falla ma molto imperfetta nelle ali, giacché si svilupparono 
solamente quelle dal lato sinistro). 
A. jantina, S. V. — Estate e principio di i^utunno : giardino Bellini e Si- 
nibaldi alle Casenuove sopra le primule. 

Bruco sulla Priuiula rukjarls. Aruiii nuiculatuin e Mafrica- 
ria camomilla. 
A. exclamationiSj L. - — Primavera ed Estate in tutto il territorio negli 
orti e sui tronchi di albero. 

Bruco fra le radici di Cicoria m imlivia, C. intylms r. satira m 
e Lactuca satira. 



— 143 — 

A. birivia, Hb.— Estato: un solo individuo a 8. Stefano sulla cicoria sel- 
vatica. 

Bruco ig'iioto. 
A. cos, Hb. — Estate : M. Fiorentino un solo individuo ottenuto da una 
crisalide attaccata alla Vitalba. 
Bruco forse sulla CLemath vitalba. 
A . fimbria, S. V. — Estate : comune sulla sera in tutto il territorio sul 
Pruno e qualche volta sui paglia j. 

Bruco sulla Priuuda culgaris e Solamim licopersicum. 
A. C. nigrum, L. — Estate ed Autunno: in tutto il territorio di sera sui 
camini, nei luoghi aridi e sui cespugli. 
Bruco sulla Spinacla ijiennis. 
A. vestigalis, Hb. — Estate: un solo individuo a M. Fiorentino preso al 
lume della Lanterna- 
Bruco ignoto. 
A. kermesina, L. — Estate: M. S. Stefano e M. Ragalo , sul Convolvulo 
delle siepi, due individui in copula. 

Bruco sul Convolrulus saepinrA e C. arvensis. 
A. plecta, L. — Estate : M. Ragalo, e Prati di Rigo sull'Erba. 

Bruco sulla Festuca rlgkhi e F. ovina. 
A. saucia, Hb. — Estate ed Autunno : Prati di Rigo e Casenuove sui prati, 
un solo individuo sopra una scabiosa. 
Bruco ignoto. 

Gen. Tó. — Neuroma Hb. 

N. popularis, F. — Estate: prati di Rigo e Campocavallo sull'erba dei 
prati. 

Bruco sul J. oli a in pevennne. 

Gen. 76. — Mamestra, Tr. 

M. brassicae, L. — Estate ed Autunno in tutto il territorio nei campi e 
negli orti. 

Bruco sul Papavev lìhoeos . Urtica dicica, Bra.^sica rapa, 
B. napus. 
M. oleracea, L. — Primavera , Estate ed Autunno : in tutto il territorio 
sull'erba. 

Bruco sulla Dalia variahilis e sul Itiihus idaeus. 

(contìnua') 



— 144 — 



Sull'esistenza dì forme di passaggio da alcune specie di Leptocefalidi 

agli adulti corrispondenti 



NOTA 

DEL 

Doti. JLUIGI FACCIOLA 

(Cijnt. e li le v. N. pr ) 



4. Nettasi orna melanurum Raf. 

Il sig-. Gill (1) ha manifestato l'idea che VHìj(yprorus mesmnemis Koll. 
sia una larva destinata a trasformarsi nel NettaHtonia melanurum Raf. 
La giustezza di questa veduta viene ora confermata da un caso analog'o, 
cioè dalla scoperta di un individuo in uno stato di transizione dall'/Z/yo- 
pì'Oì'us a un Nettastoma che è precisamente la specie descritta da Rafi- 
nesque col nome di N. melanuì'um, ma diversa da quella clie con lo stesso 
nome venne illustrata posteriormente da altri ittiologi. La specie cui al- 
ludo percorre quattro stadii nel suo sviluppo. 

Primo stadio larvale. — È rappresentato dal Leptocephalus longlroxtris 
Kaup. Questo ha il corpo foliaceo , assai largo dietro il capo , indi va 
mano mano stringendosi e termina a punta acuta. Innanzi al margine 
anteriore degli occhi vi è una piccola apertura allungata che è la na- 
rice posteriore. Non è evidente T esistenza di una narice anteriore. Il 
muso è piuttosto lungo, puntuto. Le mascelle sono eguali e portano una 
serie di denti acuti. Vomere inerme. Pettorali larghe e rotondate, costi- 
tuite da un' appendice carnosa che si attacca al corpo e da innumere- 
voli ed esilissimi raggi semplici che vengono fuori da tutto il suo mar- 
gine libero. Questa struttura è comune ad altri pesci in istato larvale. 
I raggi dorsali ed anali sono sostenuti da una piega trasparente del corpo 
in numero straordinariamente grande e sottilissimi come quelli delle 
pettorali. I primi cominciano a una certa distanza dal capo. La codale 

(1) Loi\ cit. 



— 145 — 

è molto piccola, affilata. Il canale intestinale scorre lungo il profilo senza 
piegarsi. Dietro il rigonfiamento pilorico porta un cieco digitiforme im- 
percettibile ad occhio nudo. In corrispondenza del suo terzo medio si 
osserva una macchia lattea forni ta dal fegato che è una lamella assot- 
tigliata in mezzo alla quale si trova la vescica natatoria semplice ed al- 
lungata. Il differenziamento della corda dorsale meno avanzato che in 
altri LeptocefEili è un altro indizio dello stato di grande immaturità del- 
l'animale non ostante le sue dimensioni. Essa è divisa in segmenti sui 
quali non si scorge traccia di processi neurali ed emali. Nella sua ultima 
porzione i segmenti divengono meno evidenti e poi scompariscono del 
tutto, sicché il loro numero non può essere stabilito con precisione. Gli 
esemplari che ho visto sono lunghi da 72 a 87 mm. 

Secondo stadio larvale. — In un secondo stadio di sviluppo il L. loug't- 
rostris si trasforma neìVHyojjroriis. La forma del corpo è la stessa. L'al- 
tezza è mo'to variabile secondo il grado di restringimento raggiunto dal 
corpo. In taluni è maggiore, in altri è minore che nello stadio prece- 
dente. Gì' individui più stretti sono più adulti dei più larghi. Il capo 
è più sviluppato, il muso più lungo, più ottuso. Le narici anteriori sono 
presso r estremità del muso, provviste di un' appendice. Le posteriori 
semplici si trovano sul margine antere-superiore degli occhi. La mascella 
superiore più lunga dell'inferiore, entrambe con minutissimi denti. Il vo- 
mere ha qualche asperità. Le pettorali negli esemplari più larghi, opperò 
meno avanzati di età, sono presenti, ma più piccole che nel L. longiro- 
stris; nei più stretti o mancano del tutto o sono ridotte a un vestigio. La 
dorsale nasce verso il termine del primo quinto della lunghezza totale 
ed è sostenuta da una piega membranosa del corpo come nel L. longi- 
rostris. U anale ha la st(issa disposizione. La cedale è piccola , affilata. 
L' intestino è disposto presso a poco come in questo e porta un lungo 
cieco. Il fegato e la vescica natatoria formano una macchia opaca nella 
stessa regione che occupano nel L. loìigirostris. I segmenti vertebrali al 
principio e verso la fine della corda sono provvisti di processi neurali , 
i quali nel resto o mancano interamente o sono appena accennati. Il nu- 
mero dei detti segmenti non può essere stabilito con esattezza stau teche 
r estremità posteriore della corda non è ancora perfettamente segmen- 
tata. 

Oltre alla somiglianza nella forma del corpo, nella posizione delle na- 
rici e dei visceri addominali, nella struttura della corda dorsale, ecc. vi 
è un carattere comune alle due forme descritte che stabilisce d'una ma- 
niera certa la loro identità specifica e consiste nella presenza di una 



— 140 — 

macchia nera interna , posta iuimediatamentc sopra il midollo spi)ìalo 
nel terzo posteriore della Imig-Jiezza del corpo. Essa occupa precisamante 
lo stesso pumo poiché nel />. ìoìiyiroxfì'is- come ncW litjopì'oru)^ si contano 
Si) peci muscolari sotto la corda tra la detta macchia e la fessura bran- 
chiale. La stessa maccliia è un ammasso di })ig'mento e si vede per tra- 
sparenza attraverso la spessezza dei tessuti anche negli esemplari con- 
servati in alcool. 

Le modificazioni più importanti che subisce l'animale in questo secondo 
stadio hanno luogo nella forma del capo , nel sistema dentario e nelle 
pinne pettorali. Per gran parte dello stesso stadio il corpo continua a 
crescere in lunghezza e lai'ghezza , in ultimo si restringe senza accor- 
ciarsi. Gli esemplari che ho studiati sono lunghi da 115 a 130 mm. 

Terzo stadio o seìullarrale. — In questo l'animale ha il corpo già molto 
stretto , subrotondo in avanti , posteriormente assottigliato come in un 
giovine Xeftastoìììa, ma conserva 1' aspetto di un Leptocephalus. Il capo 
somiglia a quello ÓìqW llyopì-orus ma è più stretto. Non si vedono narici 
né presso l'estremità d'el muso né presso gli occhi e se esistono devono 
essei'C molto piccole. Nondimeno la membrana pituitaria è sviluppata e 
forma un risalto longitudinale bianco da ciascun lato come neW'Hi/oijro- 
rns. La mascella inferiore è più corta della superiore , 1' una e 1' altra 
pi'ovviste di piccoli denti che pure si osservano lungo il vomere. Il ta- 
glio della bocca è orizzontale come nell' Hyopì'orus. Nessuna traccia di 
pinne pettorali. La dorsale nasce un poco dietro la fessura branchiale. 
La codale é esigua, affilata. Esiste la vescica natatoria. Sotto il ventre 
dalla gola all' ano vi sono cinque tratti neri. Nella spessezza del corpo 
si vedono per trasparenza sette macchie anco nere. L' unico esemplare 
che ho visto è lungo 118 mm., onde si rileva che V Hijoprorus passando 
al terzo stadio non sopporta accorciamento o di poco. Confrontando que- 
sto esemplare coi più stretti di ILijopì'orus si riscontra molta somiglianza. 
L'ultima delle sette macchie notate corrisponde al punto nero avvertito 
neWHyoprorus sopra il midollo spinale. 

Quarto .stadio o definitivo. — Il corpo conserva la forma presa nello 
stadio precedente. Non si vedono narici , non però tra gli occhi e 1' e- 
stremità del muso esiste da ciascun lato la membrana pituitaria che for- 
ma un tratto longitudinale bianco. La mascella superiore é più lunga 
all' inferiore. Entrambe e il vomere portano una fascia di denti. Il ta- 
glio della bocca è orizzontale. Pettorali assenti. L' origine della dorsale 
é un poco dietro la fessura l)ranchiale come nello stadio precedente. La 
codale è filiforme. Sui lati del dorso scorrono due fascie di punti foschi. 



— 147 — 

Li dorsale e ramile sul finire diveiig- )n ) nericcie insieme alla eodale. 
Negli esemplari, giovani dalla gola all'ano esist>^ una serie di punti neri 
di varia grossezza, che sono un residuo dei tratti dello stesso colore ri- 
marcati nella forma del terzo stadio. Lungo i Liti del corpo si osserva 
ancora per trasparenza la serie di macchie nere iiìterne del terzo stadio 
dell'animale. La vescica natatoria è singolarissima. In avanti forma una 
dilatazione ad ampolla dopo la quale si restringe in un filo tubuloso 
che oltrepassa l'addome e termina a breve distanza dall'estremità po- 
steriore del corpo. Vi sono 246 vertebre. Esemplari lunghi da 110 a 
233 mm. 

Questa appunto è hi specie che vide il Rafinesque e non l'altra cono- 
sciuta con lo stesso nome e finora creduta unica nel suo genere. Infatti 
egli dice che 1' ala dorsale nasce dietro 1' apertura bi\anchiale e tale è 
rappresentata nella figura. Ad essa deve sicuramente riferirsi l' ani- 
male del terzo stadio in cui la dorsale si orgina allo stesso punto. 

Se ora confrontiamo il L. longirosfr/s col Xt^ffasfoma completamente 
sviluppato troviamo una diversità così grande che sarebbe impossibile 
riconoscervi la stessa specie senza le forme intermedie. Il primo per 
qualche riguardo è più perfetto avendo narici e pinne pettorali che man- 
cano nell'altro. Il corpo raggiunge la massima altezza nell' Hijoprorux e 
si trova fortemente ristretto nel terzo stadio in modo che da foliaceo 
diviene elmintiforme. La forma del muso si altera dal primo al secondo 
stadio nel quale è definitiva. 

Annotazione. — La specie conosciuta in ittiologia sotto la denomina- 
zione impropria di Xeffa.sfoma mdanunim è contraddistinta dall' antica 
specie congenere precipuamente per i seguenti caratteri. Vi sono due 
narici anteriore tubulose presso 1' estremità del muso , e due posterioi'i 
semplici innanzi al margine anterioi-e degli occhi. La dorsale comincia 
sulla verticale innalzata dall' apertui'a delle l)rancliie. La vescica n;ita- 
toria manca del rigonfiamento notato nella specie compagna ed è molto 
più corta non oltrepassando il cavo addominale che per '/^ della sua 
lunghezza. Esistono 162 vertebre. Il colore del corpo è più fosco. Per 
distinguerla dall'altra le dò nome di Xettastoma mendax. 

Senza dubbio essa deve andar soggetta alle stesse metamorfosi di cui 
innanzi è cenno, quindi bisogna ammettere due forme di !.. longiro.stris 
come di Hì/oprorus che non è facile distinguere rispettivamente fra esse. 
A ciò basterebbe la diversità del numero delle vertebre, ma di questo 
carattere non possiamo avvalerci attesocliè l'ultima porzione della corda 
non offre ancora una segmentazione evidente. Del resto per questo stu- 



— 14R — 

dio bisog-nano più esemplari delle due forme ed io non ho potuto sacri- 
ficarne più d'uno di ciascuna. In quanto alle narici trovo che le poste- 
riori semplici in un esemplare di Iiyoprorus sono molto più strette che 
in un altro della stessa grandezza. Di più nel terzo stadio della specie 
precedente di Nettastoma \q narici, come abbiamo osservato, o non esi- 
stono sono piccolissime, p] da ritenersi adunque che la presenza delle 
naiici sia comune alle due specie di Nettastoma nella prima gioventù, 
ma in una di esse in progresso di tempo si restringono sempre più per 
obliterarsi completamente mentre nell'altra pei'sistono. 



!♦►—-• 



F. MINA-PALUMBO 



>^etiili ed ^Anfibi ^Nebrodensi 

(Coiit. V. N. 5) 

Coronella austriaca Laur. 
Sub-sp. Fitzingerii Bonap. 

C. cinereo-rufescens, dorsi macìilis aUernis, cUstinctis nigris, fascia oculari et 
macula occipitali f'uscis : siibtus subunicolor, squarais lucidis nitidissimis, 
ellypticis , capite ohlongo , apice rotondato plano / scutello verticali antice 
multo latiore, cauda quadraiifali. 

Scut. abdom. 159-188. Scutel. subcaud. 42-59 par. 

Àdullus macula occipitali evanida, ahdomine fuscescente. 

Junior macula occipitali cordata, nigra abdomine rubesceìite Bnp. 

Ho (;oiiS(a"vato la frase diag'uostica del Bouaparte , essendo stata dal Canie- 
rano accettata la specie come il tipo della sottospecie italiana. 

Sinonimi 

Zacholus italicus Fitz. Coluber austriacus Mctax. 

— Fitzingerii Bonap. Coronella austriaca De Betta 

Coluber pustulatus Raf. — laeiHs De Filip. 

Coronella austriaca v. a. Selire. — laecis seu austriaca Dum. 

Bib. 



— 149 — 

Bibliografia 

1814. Bafinesquc — Prodroiiio di Erp. Sicula. Specchio delle Scienze N. X, p. 104. 

183G. lìonaparte — Iconog". Fauna Ital. v. II, piint. 90-90* 

1840. Bonaparte — Icon. Fauna Ital. v. II. 

1854. Duìiieril e Blbvon — Erpet. gener. VII, p. 610. 

1872. Doderleiìi — Alcune g-eneralità Fauna Sic. Vertebrati p. 25. 

1874. De /iefto— Fauna Ital. Rettili Anf. p. 37. 

1881. Docln-k'in — Rivista Fan. Sic. Vertebrati p. 41. 

1891. Cainerano—^Umo<^. Ofidi Ital. p. 59. 

Iconografia 

1836. Bonaparte— \iio\wy. Fan. Hai. II, punt. 90, 00* Tav. 67, Fig-. 2, Sporta 

il nume di Colnbcr austriacus. 
1840. — Iconog-. citata voi. II, Tav. 75, f. 2. Zacholus Fltzingerìi. 

1891. Camemno — Monog. Otìdi Ital. Tav. II, F. 10 Coronella austriaca sub- 

sp. Fitzingcri sezione del tronco, Fig. 19 scaglia del dorso 

ingrandita. Fig. 23, 24, 25 9 di Resio, Fig. 26 giovine di 

Savona. 

Il Ratìuesque descrive un nuovo serpente col nome di « Colnhar pastiilatus 
Raf. Nero al di sopra, bianco al di sotto, par; ? superiore del capo, del collo e 
parte anteriore del dorso e tianchi macchiato di giallo, circa 210 squame ad- 
dominali, 80 pari di caudali. In siciliano Impastura, o Afferra v icchi, perchè 
si suppone che poppa le vacche, è alquanto simile al Cohtber m-cellator Raf. 
ed al Colnher atrovlrens di Lacep. e Sliaw, ma questa specie differisce da am- 
bidue , perchè ha il dorso senza macchie ed i fianchi tutti ricoperti di mac- 
chie gialle irregolari, lunghezza tre piedi e mezzo ». 

Per i caratteri dati di colorazione, numero di scudetti addominali e dei sot- 
tocaudali , e lunghezza totale , ai quali si aggiunge il nome vernacolo , opino 
che la specie non si può ritVrire alla Fitzingeriij o con molto dubbio. 

Il Bonaparte aveva osservato caratteri sugli esemplari siciliani molto diffe- 
renti dai tipi del Nord e della parte centrale dell'Europa. 

Il Doderlein riportando la specie di Sicilia così si esprime * ed il serpentello 
liscio Zacholus austriarirs Wagl. contrasegnato dagli Isolani col singoiar no- 
me di Sparti-matrimoniu » a.ggiunge in nota Coluber pustuìatns Rat"., che poi 
lo ripete nel 1881. 

Il Dumeril e Bil)ron fan menzioni' di questa specie di Sicilia. 

Il Camerano riporta con dublìio il sinonimo di Rafinesque, e dice che si trova 
in Sicilia. 

Il Bonaparte chiama ([Uesta specie Zacolo Siciliano, o dopo avervi portato 
attento esame crede di farne una varietà del Zacholus austriacus, che distin- 
gue col nome di Z. Fitzingerii perchè il Fitzinger lo aveva chiamato Zacho- 
lus Italicus , ed egli sul proposito così si esprime : « Quanto allo Z. Italicus, 

Il Naturalista Siciliano, Anno XII. 20 



— 150 — 

senza voler decidere se abbia o no la Sicilia nna distinta specie , diremo sol- 
tanto che i caratteri sui quali il Fitzing-er fondò la sua sono unicamente ses- 
suali » ma le osservazioni del Dott. Camerano stabiliscono che deve formare 
una sotto specie. 

Capo oblungo piramidale , h-o-^-or mente convesso al di sopra , rotondato ed 
assai smussato all' apice del muso , si distingue dal collo qnando allarg-asi ai 
lati a volontà dell'animale, quando la bocca è aperta il capo non si distingue 
dal collo. Occhi piccoli situati in un solco che scorre sino alle narici. L 'aper- 
tura della bocca si estende al di là degli occhi : la mascella superiore sporge 
assai più dell'inferiore, la piastra rostrale è molto sviluppata, scudetti margi- 
nali sette per parte, uno preoculare, due post-oculari, due temporali in prima 
linea, il sesto scudo del labbro superiore è il più alto di tutti, sebbene nel 
margine labiale è più stretto del precedente. Nel labbro inferiore lo scudetto 
mediano è triangolare, 1 due laterali sono più lunghi che larghi, ed unisconsi 
nel mezzo da comprendere il mediano, il secondo è piccolo, il quinto è il più 
grande;, poi vau minorando al punto che il nono è piccolissimo e corrisponde 
sotto del settimo sopralabiale. Gli scudetti sopraciliari sono reniformi, lo scu- 
detto del vertice è di figura pentagona allungata in un triangolo coli' apice 
posto allo indietro. 

Il collo è poco distinto, il tronco cilindrico uniforme, assottigliandosi un poco 
alle due estremtà , la coda è ben distinta dal tronco alla sua origine, conica, 
inferiormente piana verso la base. Le squame di tutto il corpo sono romboi- 
dale ellittiche, ordinariamente in fila piccolissime quelle del collo , più gran- 
dette ed equilatere (quelle dei fianchi. L'addome è piano, gli scudetti addomi- 
nali 173, i sotto-caudali 55 paja, estremo della coda molto acuto, tutto il cor^ìo 
è liscio, ma l'addome è alquanto lucido come imbrunito. 

Corpo superiormente cinericcio-scuro più o meno tendente al rosso-mattone 
che imbrunisce lungo il dorso, diviene più chiaro nei fianchi, e gialliccio nella 
ultima fila delle squame dorsali che confinano cogli scudetti addominali. 

Per tutta la parte superiore del tronco scorrono quattro serie di macchie di 
color marrone-scuro marginate di nero, le due serie mediane sono più grandi 
delle altre, e minorano in grandezza quanto più progrediscono verso la coda, 
sul principio si vanno alternando una serie coll'altra, poi divengono irregolari 
ora a lineette ora a semplici freghi riunendosi insieme, finche all'estremo della 
coda svaniscono del tutto. 

Una grande macchia nera si vede sul capo bipartita sulla nuca , le suture 
dei parietali col verticale si vedono nere. Una simile striscia dalle narici at- 
traversa r occhio e termina vicino il collo poco più indietro dell' angolo della 
bocca : da questo punto siegue una serie di macchie laterali , la prima è al- 
lungata, poi rotonde, finche svaniscono al di là della metà del corpo. Gli oc- 
chi bruni con iride gialla, più chiara la porzione non compresa nella striscia 



— 151 — 

che parte dalle narici e va all' angolo del capo. Gli scudetti sopralahiali sono 
Liauclii carnicini niarginati esternamente di nero con punti foschi. 

11 di sotto del capo e gola sono più httaniente punteggiati di nero: l'addo- 
me è di un bel violetto-scuro, le piastre sono poi variegate di bruno, di fosco, 
di giallastro cosparsi di punti nerastri e biancastri , ciascuno scudetto nella 
estremità ha uua macchietta gialla, che confina colla ultima serie delle squa- 
me dorsali, e nel bordo inferiore vi è una macchia nerastra, sicché i due bordi 
dell'addome sembrano dentati per tutta 1' estensione. Gli scudetti sottocaudali 
sono contornati di giallo-pallido con punti neri e cenerini : 

A. Ho trovato varietà di colorazione nei vari esemplari, ne ho trovato di 
un cenerino giallastro sempre più scuro sul dorso , meno nei fianchi e con le 
strisele longitudinali più scure o tendenti al fulvo, tutte le suture dello scudo 
verticale nere , gli scudetti labiali giallastri con suture nere : le prime mac- 
chie dietro quella occipitale e delle strisele' dietro l'occhio sono ocellate e ter- 
minano ad un quinto del corpo , le macchie laterali , ed a metà del tronco le 
dorsali presentano brevi freghi neri o nerastri, e delle squamette coi due bordi 
laterali neri con linea nel mezzo molto chiara : i fianchi giallastri poco pun- 
teggiati di scuro. Gli scudetti addominali hanno delle macchioline nerastre. 

Lungh. 0, 48 di cui la coda 0, 12, scaglie dorsali serie 19, scudetti addo- 
minali 178, sottocaudali 59. 

B. Un esemplare col capo molto più stretto ai lati non distinto dal collo, 
macchia occipitale come nel tipo, colla differenza, che invece di cominciare 
nel collo, le due serie di macchie dorsali trovansi due strisce parallele del co- 
lore medesimo, quella a destra vi può occupare tre macchie, quella a sinistra 
due, indi le macchie sono alterne. Dagli estremi della macchia occipitale parte 
da ciaccun lato una striscia che scorre lungo il collo nella direzione delle se- 
rie delle macchie laterali, quella a destra può occupare quattro macchie, a si- 
nistra tre, indi siegouo le macchie normali, il collo quindi è segnato da quat- 
tro strisce longitudinali. I fianchi sono color grigio cangiante in violetto molto 
punteggiati di nero: addome molto più scuro, il bordo libero di ciascuno scu- 
detto è più chiaro, e l'addome sembra anellato, il sottocoda è giallastro, ed è 
alternativamente ma'^'chiato come si alternano gli scudetti. 

Lungh. 0, 44, di cui la coda 0, 09, squame dorsali serie 19. 

Ne ho trovato colla gola, e collo j^co o niente punteggiati. 

Nei vecchi la macchia occipitale è più chiara, qualche volta manca; nei gio- 
vani il dorso è più lucido, il colore tende al rossastro o al grigio, gola bian- 
castra, addome e sottocoda color mattone più o meno scuro, alcune volte rosse 
con punti bianchi e neri, le macchie della nuca grandi e spiccate. 

Vive nei luoghi pietrosi , nei prati, nei boschi, nel piano e nel monte , non 
la ho veduto nella regione scoperta, nelle ore calde si alza sul dorso, con cielo 
umido e nuvoloso striscia lentamente da prendersi colla mano , minacciata si 



— 152 — 

difende .'on cnerg-ifi, e manda un odore speciale erlìacea, si 'nutrisce di inselli 
di ,i»'rilli, e locuste. 

Si trova nelle Madonie, Palermo, costa meridionale dell'Isola, a Noto, fVe(|uen(e 
in tutta Italia., valle del Po, Lii^'uria, non è stata trovata in S;irdeg-na. 

Coronella cuculiata Geoff. 

1879, 6r'/<7//o// — Beitrag-e sur Kenntniss der Wirbeltliiere Italica- Arcliiv, fiir 

Naturg-. p. 97. 
1891. Camt'rau(j—M()nog. Ofìdi Ital. }). C>d. 

. Non è stata ancora trovata in Sicilia^ ma siccome dal Oio'iioii y[on riferito 
che fu presa nell' Isol,-i di Lampedusa , prossima alla nostra, isola , l;i ricoi'do 
per f;inu! ncei'clie. 

Coronella g^irondica Daudin. 

187:?. Dodci-li'ln — Alcune g-enei'alità Fan. Sic. Vertebrali )). 2(). 
1871. De. lìcfta—VAmMi d'Italia. Pettili ed Anf. \). 37. 
1^81. 1 )()(}(' ì'I a in — l\\\\^iix Fau. Sic. Vert. p. 41. 

1891. Camerano — Monog'. Oftdi Italiani p. (U, Tav. II, F. 2 sca.o-lin, dorsale 
ing-raudita, F. 20, 21 rf di Modica, F. 22 parti ventrali. 

Non la ho trovato nelle Madonie, il Doderlein la riporta di Sicdia « del (|uale 
il corrispondente C'olnber Riccioli Matax;\ , che pur vi esiste non è forse che 
una semplice varietfi adulta alludendo alla Coroneìla austriaca. Il De Betta 
riferisce non )'ara in Sicilia. Il Doderlein la riporta nuovamente, « e 1' affine 
serpentello del Riccioli, ('. Riccioli Metaxa, ('. giromlinaa Daud. da parecchi 
autori ritenuto finora (juale semplice varietà della specie iirecedente Coronella 
aitstriaca » . 

Il Camerano ha esaminato un maschio preso in Modica , che aveva la lun- 
ghezza massima del capo 0,018, larg'hezza 0,012, lunghezza con coda incom- 
pleta 0, 62, scudetti ventrali 199. 

Questa specie è affine alla C. austriaca, ma ne differisce pei scudetti sopra- 
laLiali che sono 8 ed in «quella 7, le serie delle S(iuame dorsali 21, in (luclla 
19, lo scudetto rostrale è tanto alto che lungo nella, girondica, o nell'austriaca 
assai pili alto che largo. 

(continua) 



Mnrìco Ragusa — Direttore resp. 



JUN 8 1893 

iKiiKiiiiiiiniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiniiii iiiiiiiiiiniiiiiiiiiiiiHiiiiiiiiiiii Miiniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiitiiiiiiiiiiiiiiiiii(iiiiiiiiiiiiiiiiiiiii(i: 

I ANNO XII. ^jj APRILE-MAGGIO 1893 N. 7-8. | 

I IL NATURALISTA SICILIANO I 

— E 

1 GIORNxVLE DI SCIENZE NATURALI | 

. r § 

I SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE | 

I abbonam1":nto annuale i 

I Italia L. 10 » | 

I Paesi compresi nell'unione postale » 12 » i 

= Altri paesi » 14 » | 

5 Un numero separato, con tavole » 1 25 | 

I )) senza tavole » 1 » = 

I Gli ahbonambnti cominceranno dal 1° di ottobre di ogni anno | 

I Indirizzare tutto ciò che riguarda i' Amministrazione e Redazione | 

I al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 1 



SOMMARIO Dia NUM. 7-8. 



I Ed. Everts — Sopra tre jlpion di Sicilia. | 

§ PI. Bandì — Sulla specie Tritoma sicula Bandi. | 

= F. Vitale — Catalogo sinoniviico e topografico dei Curculionidi di Sicilia (fine). | 

= Ed. André — Sul catalogo descrittivo degli Imenotteri europei. | 

= F. S. Monticelli — Intorno ad alcuni Elminti dei Museo Zoologico della E. Uni- | 

= versità di Palermo (con una tavola) (cont ) | 

i L. Facciola — Tractatus per Epistolam Francisci Maurolici ad Petrum Gillium | 

= de piscibus siculis (cont.) = 

= L. Spada — Contribuzione alla Fauna Mar cliegiana. I Lepidotteri finora trovati 5 

I nel territorio di Osimo {cont.'). | 

i L. Facciola — Le metamorfosi del Conger vulgaris e del Conger mistax [cont.) = 



^«.«SJ^-**--^- 



I PALERMO I 

i . Stabilimento TÌ2Jografico Virzì | 

i 1893 5 

= a 

niuiiiiiuniiiiiiiiiiniiiiiiiiiiuiniiiiininiiiiiiiiiiiiMnhinihiiinintiiiiiiiMMiiniiiiniiiiiiiniMiiiiiiiiuiiiiiiinninininriiinuiniiMMiiiiiiiiiitiH 



JUN 8 1893 

ANNO XII. APRILE-MAGGIO 1893 N. 7-8. 

Sopra tre Apion di Sicilia 



A Mr. ENRICO RAGUSA 

Directeur du Naturalista Siciliano. 



Monsìeiir et cher Collégtie ! 

Dans le N. 4 de l'année XII de votre Journal M»" Desbrochers des Lo- 
ges donne son opinion au sujet des Apions vlridicoeriileum et Ragusae dè- 
crits et figurés par moi dans le Tydschrift voov Entomologie 1879 , et 
copiés dans le « Naturalista Siciliano » 1882 ainsi que de la description 
et la figure d' une troisième espèce de Sicile 1'^. murinum donne dans 
ce dernier journal. 

D'après l'exaraen de M"" Desbrochers VA. viridicoeruleuìn serait un A. 
detritum et l'exeinplaire ne semble pas répondre exactement à la descri- 
ption et à la figure que j'ai donne dans le journal Néèrlandais. 

Entr' autre M"" Desbrochers n' en volt pas la couleur bleu et n' y re- 
trouve pas non plus les petites soies blanchàtres en series sur les ely- 
tres. — De méme pour mes deux autres Apions, dont les exemplaires en- 
voyés par vous à M"" Desbrochers semblent donner lieu à des observa- 
tions qui parviendraient à faire douter de l'existence de ces espèces. 

Apres avoir regu de vous ces trois Apions pour voir si je siiis d' ac- 
cord avec les recherches de My Desbrochers, je vous donne ici le resul- 
tat de mon examen, 

En premier lieu je n'ai pas le moindre doute sur la détermination de 
My Desbrochers, mais j'ai raison de croìre que du moins pour 1'^. viri- 
ridicoeruleum il y a eu confusion d'exemplaire. — Je suis convencu que 
ce n'est pas le vrai type que M'' Desbrochers a eu sous le yeux; la cou- 
leur bleu y devrait étre aussi distincte comme dans la figure. Donc le 
vrai type est à rechercher ou bien s'est perdu de quelque manière. 

// Naturalista Siciliano ^ Anno XII Ì\ 



— 154 — 

Aussi pour VA. Ragusae il me reste à douter si c'est bien le vrai type 
car l'exemplaire est trop brisè pour en étre sur (1). 

Pour VA. murinum je veux bien accepter l'opinion que ce n'est q'un 
simple A. seniculus Kirby. 

Dono je vous engagé cher collègue de bien cliercher dans votre col- 
lection si vous ne retrouveriez le vrai A. vindicoeruleum (2) pour ne 
pas parler du murinum. 

La couleur bleu et les poils blanchàtres sont très caracteristique pour 
le premier. 

Je regrette que je ne possedè pas moi méme les types de ces trois 
espèces; l'auteur en deva^ait en avoir au moins un exemplaire pour re- 
nouveller à l'occasion ses recherches. 

Maintenant la certitude sur l'identité est perdue et personne ne peut 
avoir une opinion de l'existence de mes Apions. 

Agréez cher collègue l'assurance de ma haute considération. 

La Ilaye, 22 Mars 1893. 

Doct. Ed. Everts. 



Sulla specie Tritolila sìcula Baudi. 



Correzioni 

Nella puntata 6-7-8 dell' anno 1892 pag. 121 del Naturalista Siciliano 
ho descritto come nuova specie la Tritoma sìcula : il suo aspetto e la 
struttura dei suoi tarsi mi trassero in errore nell' attribuire questa spe- 
cie al Grenere Tritoma , mentre essa è invece V Eustroplius dennestoides 
Fabr. come a ragione dalla semplice descrizione ne presume l' identità 



(1) Rimandai al Dott. Everts l'esemplare che gli servi per la descrizioue, il quale na- 
turalmente per le lunghe peregrinazioni era ridotto in cattivo stato. 

(2) Gli esemplari erano due, uno mi fu restituito dal sig. Desbrochers come vircìis Q 
(deforme) e l'altro come defritum. 

Mi sembra assai difficile che sia successo confusione d'esemplari nella mia raccolta che 
è molto ben ordinata; ciò non di meno rivedrò tutti i miei Apion , appena ne avrò il 
tempo, e ritornerò sull'argomento. 

E. Kagusa. 



— 155 — 

il sìg. Reitter nel fascicolo Vili 1892 pag-. 239 delle Wiener Ent. Zei- 
tung-. 

L' ultimo Catalog-us Coleopterorum Europee, Caucasi et Armenia© ros- 
siccie in fine del Genere Cleonus nota il 0. labronicus Lopez coli' indica- 
zione Sic. 1889 p. 250 dalla quale parrebbe che detta specie fosse de- 
scritta nel Naturalista Siciliano : esso lo fu invece negli Atti della So- 
cietà toscana di Scienze naturali in Pisa voi. VI 1889 pag-. 217. Questo 
presunto nuovo Cleonus è identico al Lixus myagri 01. del che mi con- 
vinsi dall' esame di un tipo del Cleonus labronicus proveniente dai din- 
torni di Livorno , inviatomi dal sig. Vitale di Messina e dopo aver ac- 
curatamente confrontato detto tipo colla descrizione dell'autore. Il Lixus 
myagri non raro in Italia è più particolarmente ovvio in Toscana. 

Correggasi pertanto: Tritoma sicula Bandi = Eustrophus dermestoides 
Fabr. 

Cleonus labronicus Lopez =-- Lixus myagri Oliv. 

Torino, aprile 1893. 

Flaminio Baudi. 



CATALOGQ SINONIMICO E TOPOGRAFICO 

DEI 

CURCTJL.IOJSriJDI di Sicilia 

per Vitale Francesco Agronomo 
di Messina 



(Cont. e fine ved. Niim. 4) 



■X- 



tubiferumGylL—Q.-U.—^ag.-Yìt.-Bnu. 
V. sicanum Wen.— S.-M.— Rag.-Vit. 



— 156 



■Jf 



tainaricis Gyll. 

Gautardi Tour.— S.— De B.-De M.f?)-Hey. 
cT pumilio Eppels (1). 

•3f 



cardnorum Kirby — S,-M. — Rag.- 
Vit. 

cyaneuìn De Gèer. 

gibhirostre Gyll. 

sorbi Marsh. 
V. galactites Wenck.— M.— Vit. 
V. meridianum WsDck. — M. — Vit. 

dentirostre Gerst. (2)— S.— Bau. 
V. basìcorne Illig. (3) — S.-]\r. —Vit. 
-Bau. 

alliariae Herbs. 
scalptum Rey. — S.-M.— Rag.-Vit. 

semillinium Desbr. 

* penetrans Ger.— S. — Rag. 
rfe^riYitmRey,— S.-P.-Ma.-M.— Rag. 

-Fa.a>De St.-Vit.-Bau. 
vividicoeruleuìn Everts (4) — S. — 
Rag.-Hey. 

* V. Ragusae Everts. (5)— S. — Rag.- 



Hey. 
stolidum Germ. - S.-P.-M.— Rott. 
Vit. -Bau. 
confliiens- Gyll. — M.— Vit. 
confluens Kirby. — S.-M. — Wen. 
Rag.-Vit.-Bau. 
stolidum Gyll. 
Roelofsi Everts, 

* insolitum Desbr. — S.— Rag. 

* candidum Wenck. — S. — Bau. 
vicinum Kirby. — M* — Vit. 

loti Gyll. 

incrassatiim Germ. 
flavimanum Gyll. — M.— Vit. 

picìcorne Steph. 

millwm Bach. (6) 
dispar Germ. (7) — S. — Rag. -Bau. 

Beuthini Hoff. 

Brisouti Bedel. 



Exapion Bedel. 



hivittatum Gerst.— S.— Bau. 
fnniciilare Rey. 



fuscirostre F. 

St.-Vit. 



-S.-P.-M.— Rag.-De 



(1) Il nuovo Catalogo, porta erroneamente il PopoulUeri $ come sinonimo del tama- 
ricis. 

CZ) Il nuovo Catalogo, anco erroneamente, ne fa del dentirostre una specie distinta. 

(3) Il hasicorne è una varietà del carduonim molto vicina al gcdactites, e non una spe- 
cie distinta come è segnato nel nuovo Catalogo. 

(4) Vedi le osservazioni del Desbrochers fatte nel N. 4 di questo giornale. 

(5) Velli anco le osservazioni su citate. 

(6) Il nuovo Catalogo porta il viillum Bach., come sinonimo del cìncracciini Wenck. 

(7) Il dispar Ck-rm. specie distintissima, è portata nel nuovo Catalogo come sinonimo 
à^W Horkeri Kir. 



157 — 



melanopii m Marsh . 
albovittatum Herb. 
vemistum Herb. 



genistae Kirby. — S.— Bau. 
genistae Bedel (1). 



^ 



argentatum Gerst.— S.— Wenck. 
squamigeruni Duv. (2) — S.-M. — 

Vit.-Bau. 
semìvittaturti Gj^ll.—S.-M. — Rag.- 
Vit.-Bau. 
Gennari Wal. 
albopilosum Lue. 
centromaculatiim Betta 
pallipes Kirby. — M. — Vit. 
geniculatum Gemi. 
pallidipes Bedel. 
flavoferìixoratuin Herbs. — S.-M. — 
Raff.-Vit.-Bau. 



femorale F. 
V. croceifemoratum Gyll. (.3)— S.- 
M.— Wenck.-V.it.-Bau. 
urticarium Herbs. 

vernale F. —S.-M. — Rag-.-Vit.- 
Bau. 

fascìatum 01. 

lythri Panz. 

scalptor Herbs. 

concinnum Mars. 

jmlhjdactijlum Gyll. 
vìifescens Gyll. 

pall/'dulum Gyll. 



■^ 



aeneum F. — S. comune — Fa.«)- 

Rag.-De-St.-Cio.-Vit.-Bau. 
rad iol US Marsh. — S.-]M. — Rag".-Vit.- 
Bau. 
aterrimum. Marsh. 
compressum 111. 
ohscurum Gemi. 
albescens "VVoU. 
saeculare Goz. 

astragali Payb-S.-F .-M. — Fa.a) 

De St.-Rag.-Vit.-Bau. 
ergenense Bech. 
elegantulum Gemi . — M . —Vit. 
pinae Ros. 



incisum Bohm. 

cf coracinum Gyll. 

laticolle Perris 

? neglectum Gyll. 
striatimi Marsh.— S.-M.— Vit.-Bau. 

atratulum Gerra. 

pisi Kirb. 
pubescens Kirby— S.-M. -Rag-.-Vit. 
-Bau. 

civicum Gemi. 

salicis Gyll. 
cui'tulum Desbr. — M. — Vit. 

Curtisi Curt. — S. — Bau. 
seriatosetosulumWenck. — M. — Vit. 



(1) Il genistae Bedel, nel nuovo Catalogo è portato come sinonimo del biviitatum Gerst. 

(2) Lo sqiiamigenun Duv.. non è sinonimo àeW argcntaium Gerst., come è detto nel 
nuovo Catalogo. 

(3) Questa varietà del flavofemoratum Herbs. è riportata nel nuovo Catalogo come spe- 
cie distinta. 



— 158 — 



senìculum Kirby—S.-M.— Vit. 

tenue Gyll. 

pusillum Stepli. 

setosutn Wenck. 

plebejum Germ. 

palpebratum Gyll. (1) 

rìiurinum Everts (2) — S. — Kag*.- 
Hey. 
elongatuìu Germ. — M. — Vit. 

incanum Bohm. 



dentipes Gerst. — S.-M. — Wenck. - 

Rag.-Vit.-Bau. 
cT armiferuni Wenck. 
V. Q tuMcen Wenck.(3)— S.-M.- 
Wen.-Vit.-Hey. 
di/forme Ahi'. — S.-M.— Vit.-Wenck. 
Q tibiale Desbr. 
dissimile Germ. — M. — Vit. 
laevicolle Kirby.— S.-P.-M. — Fa. a) 

Rag.-Vit.-Bau. 
ononicola Bach. — S.-M, — Rag.-Vit.- 
Bau. 
ononidis Gyll. 
Bohemanni Thoms. 
varipes Germ. — M.— Vit. 
flavipes V. Gyll. 
Bohemanni Bob. 
apricans Herbs. — M. — Vit. -Bau. 



•Jf 



m,illum Gyll. 
fulvirostre Gyll. — S. — Rag. 

Q atritar se Gyll. 
rufirostre F. —S. -Naso— Rag.-Vit.- 
Bau. 

malvaruìn Kirb. 

trifola Marsh. 
V. De Stefana Vitale— M.— Vit. 
vicae Payb. — S.-M.— Rag.-Vit,-Bau. 



fagi Kirby. 

flavi femorat uni Kirby. 

flavipes Milli. 

* «wgns^icoZZeGyll.— S.— De B.-Hey. 

longimanum Rey. 
assimile Kirby. — S.-M. — Rag. -Vit. 

-Bau. 
trifola Lin.— S.-M.— Ro.-Vit.-Bau. 

aestivum Germ. 

flavipes F. 

Leachi Steph. 

flavi femowtum Kirby. 

* m. Linderi Wenck. (4) 

V. ruficrus Germ. (5) — S.-M. — 
Vit.-Bau. 
wz^ritorse Kirby — S.-M. — Rag. -Vit. 

Waterhausei Bohm. 
tenue Kirby. 



(1) Il pcdpebratum dal nuovo Catalogo è portato come specie distinta. 

(2) Vedi le osservazioni del Desbrochers fatte nel N. 4 di questo giornale. 

(3) Il nuovo Catalogo porta il tubicen come varietà àoiV apricans , mentre vi h molto 
distante. 

(4) Il nuovo Catalogo seguendo Weucker ne fa una specie distinta, mentre è una mo- 
struosità, cioè un individuo molto impicciolito del trifolii , con la testa convessa, liscia 
e brillante. 

(5j II 'Wenckor avoa preso il riiftcrus Germ. come varietà del trifolii, ma infine nelle 
aggiunte, lo distaccò come specie distinta, da mettersi dopo il irifolii; però, il nuovo 
catatogo, errò quando mise il ruficrus Germ. come varietà del trifolii dandogli per au- 
tori Germ. e Weuck. in qiiantoclie ; il ruficrus Germ. è benissimo una varietà del tri- 
folii, ma quello descritto dal Wencker poi a pag. 265 è una varietà doiVapricans; basta 
leggere la diagnosi. 



159 — 



■Jf 



pìinctigeniin Payh . — M. — Vit . 

silici frons Kirb. 

Paykulli Gozis 

in. cf Stierlini Desb. (1). 
virens Herbs. — S.-M. — Rag. -Vit. - 
Bau. 

aenocephahim Gyll. 

cf marchicwni Kirby. 
melnncholicwn Wench. — S.-Ficuz- 
za— Bau. 

hadrops Thoms. 
ononis Kirb. — M. — Vit. 

glaucinum Gyll. 

mecops Bohm. 

cf perplexum Gyllo 

cinerascens Germ . 

furvuvi Salilb. 

unicolov Kirby 
minimum Herbs.— M. — Vit. 

velox Kirby 

foraminosum Gyll. 
pisi F. - S.-P.-T. I.-M.— Rag.-De 
St.-Cio.-Vit.-Ban. 

gravidum 01. 

punctifrons Kirbj^. 

eratum, Steph. 

pasticum Gemi. 



mdniatum Germ. — S. — Rag. 

frumentariinn Herbs. 
frumentariumhin.—S.-'P.-ll.—'Ro. 
-Rag.- Vit. -Bau. 



^ 



p)ullum Gyll. 

aestimatum Faust. 
V. cyaneipenne Gyll.— S.— Bau. 
aetliiops Herbs.— S. -Naso-M.— Rag. 
-Vit. 

coeruleum Herbs. 

marcUicum Gyll. 

siibsulcatum, Mars. 

suhcoeruleuni Steph. 

stenocephalum Perris 
gracilicoUe Gyll. — S.— De B.-Rag.- 
Bau. 

leptocephalum Aubé 
m,eliloti Kirby — S. — Bau. 

angustatuin Gyll. 
loti Kirby 

aiigustatitm Kirb. — S.-M. — Rag. 
-Vit. -Bau. 

e/' languidum Gyll. 

modestum, Gerni. 

glabratum, Germ. 
vorax Herbs. — S.. comune— De B.- 
Fa.a)-De St.-Rag.-Vit.-Baa. 

o fuscicorne Marsh. 

paUicorne Gyll. 

Q villosulum Marsh. 



liaematodes Kirby 
purpiiveinn Latr. 
rubens Steph.— S.-M.— Rag. -Vit. 



■Jf 



malvae F. — S.-M.— Ro. -Vit. -Bau. 
flavescens Villa. 
niiniUum Four. 



(1) Lo stesso autore, corresse l'errore del nuovo Catalogo, riconoscendo nello Stierlini 
una mostruosità di un (f di pnncfigerum Payk, 



— 160 — 

violaceum Kirby. — S. comune — curvirostre Germ. 

Fa.a)-De St.-Rag-.-Gio.-Vit.- liumile Germ.— S.-M. comune- 
Bau. Rag.-Vit.-Bau. 

cyaneum 01. brevirostre Gyll. 

liydrolapathi Kirby— S.-P.-M. -De plehejum Steph. 

Sl.-Rag-.-Vit. aquilinum Bohra. 

coeruleipenne Steph. sedi Gyll. 

Sub-Tribù RHYNCHITINA Weise. 

Gen. AULETES Schoenherr. 

tubicen Bohm. — S.— Desb.&)-De B. 
meridionalis Duv. 
rhynchitoides Dej. 

Sub-gen. Auletobius Desbr. 

2wlitus Serv.— S.-P.-M.— Des.6)-De B.-De St.-Vit. 

ilicis Gene 

ater Dahl. 
maculipennis Dnv.- S. — Desb.&)-De B.-Fa.a) 

Gen. RHYNCHITES Schoenherr. 

betulae Lin.— S.— Ro. fagi Scop. 

olili Milli. popuU Scop. 

pupulneus Gmel. excoriatus Degéer. 

f'enioratus Latr. niger Degéer 

Sub-gen. Lasiorhynchites Jekel. 

puhescens F.— S.— Ro. Des.6)-Cio.-Vit. 

carinifrons Gyll. caligatus Halid ? 

cf eavifrons Gyll. sericeus Herbs. — S.-P. — Fa.a)-De 

9 cyanicolor Gyll. St. 

praeustus Bohm.— S.-P.-T. I.-M.— ophthalmicus Steph. 

Des.6 -Fa.a)-De St.-Cio.-Vit. azureus Dej. 

lividus Dej. splendidulus Elies. 
V, luridus Bohm. — S.-T. I.-M. — 



— 161 — 
(Coenorrhìnns Seidl.) 

inirpureus L. — T. I. — Ciò. 

aequatus Lin. 

bicolor Kos. 

ruher Four. 
ruber Fair (1 j—S.-P.-Ma.— Ues./>)-De B.-Fa.a)-De Stef. 

interstitialis Desbr. 



[involvnlns Schrank.) 



coeriileits Deg'éer. 

conicus IH. — M. — Vit. 
aUiariae Payk. 



Sub-g-en. Khynchites s. st. 



gigcmteiisKi'yn. — ^.-V.-'Mci.-T. I. — 
De B.-Fa.a)-De St.-Cio. 
rectirostris Gyll. 
2}yn Mots. 
auratus Scop. — S.-P.-T. I. — Fa.a)- 
De St.-Cio. 
bacdms Stcpli. 



rubens Dej. 
aurifer 01. 
Bacchus Lin.— S.-P-Ma.-M. — Ro. 
Fa.a)<.De St.-Vit. 
laetus Germ. 
auratus Scop. 



Gen. RHINOMACER Geoffroy. 



betulae 01. 

betuleti F.— S.-T. I. 

viridulus Woet. 
populi L. — S. — Ro. 

fulgidus Foni". 



-M. comune — Des.6).-Vit.-Bau. 



Gen. CYPHUS Thunberg-. 



nitens Scop. 

curculionoides Lin. 
coccineus Payk. 



■M.-Vit. 



(1) Non ci pare esatta l'osservazione del Desbrochers, nel 1° Anno del Frélon p. 3"2, 
e p. 44 che fa il ruber Fair, sinonimo del cribripennis Desbr. Per noi sono due sjjeoie 
distintissime e con caratteri tanto differenti da non poterli confondere in vciuu modo. 
Il Naturalista Siciliano Anno XII ?2 



— 162 — 

V. pulvinicoìlis Jek. — S. — De M.ò)-Hey. 
V. atriconils ]\Iuls.— S.-P.-M. — De St.-Vit. 



Gen. ATTELABUS Libiieo 
coryli L. — S. — Ro. 



Àddeoclei 



Durante la pubblìcazioue del presente catalo^-o , la fauna sicula si è arric- 
chita di altre specie, sia nuove per la scienza, sia nuove ])er la g-eog'ratìa. Ci. 
affretteremo a notarle qui appresso all'og'g'etto di far più completo che sia pos- 
sibile il nostro lavoretto. 



Gen. LIXUS Fabricius 

furcati(.s 01 . — M . — Vit. 

Gen. LAKINUS Germar 

villosiventris Desbr. u. sp. — Sic— Dcsb. /). 

Gen. BANGASTERNUS Gozis 

provincialis Fair. — M. — Vit. 

Gen. CEUTORRYNCIIIDIUS Duva 

riifiis Duf. 

frontalis Duv. — M. — Vit. 

Gen. CEUTOKRHYNCHUS s. str. 

ìnarg inat us Pay h . — M . — Vit . 



— 163 — 

Specie ciiJL'b'bie 

Non abbiamo potuto dar posto alle seguenti specie , giacché non avendole 
osservato de vlsu non abbiamo saputo trovarne le corrispondenti. 

lìrachìjcerus ohesus Fabr.— Romano — Power 

» verrucosits ? — Ro. — Pow. 

Lìjciis griseus Dej. — Ro. 

» elegaìis Latr. — Ro. 

» gramiueus 01. — Ro. 

Ar/iiniis novemlLnearis Sclioen. — Ro. 
Antharinus Zcmiiae ? — Ro. 
Jìravltijì-liintis splendidalìis Latr. — Ro. 
» hisphidalas eiusd. — Ro. 



ERRAXA^CORRiaK 



An. XI Pag. 210 lin. G entomologica . . 
» » » 19 cìiprirostri . 
» 224 » 9 S.-M.-Ca. . . . 
» * » 10 Stierl— DeB.-Vit.-Ba 
» » » 24: Bohm. — S.-Lac. ecc. 
» 227 " "~'0 uìidatits F. . 
^ 229 20-21 vnrecndus Rossi . 
vhloroloma Falirs. 
. 278 » 1-2 Jacae F. ... 
foveicoUis Gyll. . 
An.Xll > 24 » 11 Voll.-Sic. DeBert 
» 25 20-21 balteatus Cliev. . 
iìicomptiis Bolirn. 
50 » 12 Vit.-Fa.a)-Ro. 



— entomologica 

— cuprirostris 

— S.-M.-Ca.— De B.-Vit.-Baii. 

— Stierl. 

— Bohm.— S. — Lac. ecc. 

— undatus F. — S. — Ro. 

— verecundus Rossi 

— chroroloma Fahrs. 

— jacae F. 

— foveicoUis Gyll. 

— Voli.— Sic— De Bert. 

— balteatus Chev. 

— incomptus Bohm. 

— Yit.-Fa.a)-Bau. 



— 164 — 



Sul Catalogo descrittivo degli Imenotteri europei 



Il sig-. Ed. André di Gray facendo eco alla proposta da me fatta di 
un catalogo descrittivo degli Imenotteri d' Europa (1) mi faceva alcune 
saggissime obiezioni intorno al modo pratico di redigere questo catalogo, 
nel contempo però incoraggiavami a persistere nella mia idea nella spe- 
ranza che io avrei potuto vincere ciucile difficoltà che nella realizzazione 
di un simile lavoro devono incontrarsi. Se i signori imenotterologi si vo- 
lessero dar la pena di leggere quanto io ho scritto sul proposito nel Bol- 
lettino del Naturalista di Siena essi potrebbero di leggieri convincersi che 
queste difficoltà , tenuto presente lo stato attuale della Scienza imenot- 
terologica , non sono poi insuperabili. Io non ripeto qui quelle ragioni 
che sul soggetto ebbi a scrivere nel Bollettino di Siena , mi auguro in- 
vece che altri imenotterologi vogliano farmi altre osservazioni e cosi 
man mano andare discutendo la proposta e cercare di appianare tutti 
gli ostacoli che all' attuazione pratica della mia idea potessero essere di 
ostacolo. 

Intanto, per dare un esempio pratico del modo come desidererei che 
venisse redatto simile catalogo, pubblico la tavola della Fam. Larridoe, 
redatta dall' IH. André. Da questa tavola ognuno può convincersi della 
brevità e semplicità del catalogo da me proposto, solamente io, oltre al 
quadro dei generi , alla frase diagnostica delle specie con la sinonimia 
più importante aggiungerei poche parole di descrizione della famiglia , 
in tal modo oltre che al provetto imenotterologo sarebbe il lavoro di 
un' utilità grandissima pel principiante il quale così verrebbe ad avere 
una guida pregevolissima cominciando i suoi studii. 

Il bel catalogo del Kirchner, l'altro pregevolissimo in corso di stampa 
di Dalla Torre, l'opera magistrale degli Imenotteri d'Europa e d'Algeria 
dell'André ed altre importanti pubblicazioni non farebbero un duplicato 
col lavoro da me proposto, stantechè i primi due sono dei cataloghi si- 
stematici solamente, l' opera dell'André e di altri costituiscono dei lavori 
descrittivi di gran pregio ed amplissimi, il catalogo da me proposto in- 
vece sarebbe assai modesto, ma presenterebbe il vantaggio di potere es- 
sere portato a compimento in brevissimo tempo. 

T. De Stefani. 



(1) Rivista italiana di Scienze Naturali e Bollettino del Naturalista, 15 geiiu. pag. 5, 
15 lebb. pag. 21 e 15 aprile pag. 4S, 1893— Sieua. 



— 165 — 



Fam. Larrìdse 



Tabula, generui m 



Trypoxylon Latr. 
Pison Spin. 
N itela Latr. 



Miscophus Jur. 



Gastrosericus Spin. 



Dinetus Jur. 



7. 



9. 



10. 



Odili intus non emarg-inati 3 

• Oculi intus emarginati 2 

Alse anticse cellula cubitali unica, raro cellulis duabus 
distinctis 

- Alse anticas cellulis cubitalibus tribus 

Alas anticse cellula cubitali unica 

Alse anticae cellulis cubitalibus duabus 4 

Alse autiere cellulis cubitalibus tribus 6 

Cellula radialis non appendiculata; cellula cubitalis se- 

cunda petiolata 

Cellula radialis appendiculata ; cellula cubitalis se- 

cunda haud petiolata 

Cellula cubitalis secunda ambos nervos recurrentes 
recipit 

Cellula cubitalis prima recipit primum, secunda reci- 
pit secundum nervum recurrentem .... 

Pedes inermes; pyg-idium Q conicum, sine area distin- 
cta; ocelli posteriores rotundati et convexi 7 

Pedes distincte spinosi; pygidiura Q area superiori di- 
stincta 8 

Cellula cubitalis prima recipit priraum, secunda reci- 
pit secundum nervum recurrentem . . . Sylaon Picc. 

Cellula cubitalis secunda ambos nervos recurrentes 

recipit Solierella Spin. 

Ocelli posteriores rotundati^ convexi et distincti . Astata Latr. 

Ocelli posteriores elongati depressi et sa?pe indistincti ... 9 

Cellula cubitalis tertia supra latiore quani infra; seg- 
menta abdominalia contracta Palarus Latr. 

Cellula cubitalis tertia supra angustiore quam infra. . . .10 

Facies juxta marginem internum oculorum carina e- 

levata distincti praidita . 11 

Facies haud juxta marginem oculornm carinata .... 13 



— 1G6 — 

11. Mandibulpe ad marg-inera inferiorcm emarginatsB .... 12 

— Mandibulcic ad niarg-iiiein inferiorcm non emar- 

g'inatffi ......... Livls Fab. 

12. Tibijxj antica? extiis spinosele. Aiìcrea pyg-idialis 9 glabra Larva Fab. 

— Tibiai antica' extus inernies. Area pygidialis Q prui- 

nosa et ad apicem setis brevil)us spiniformil)US prse- 

dita ......... NotogoìiLa Costa 

13. Area pygidialis <SQ densi et breviter pvibcscens . Tachytes Panz 

— Area pygidialis cfQ glabra 14 

11. Abdomen fortiter piiiictatuin; fcniora antica a' non e- 

niarginata . . • Prososìgastra Costa 

— Al)domcn liand fortiter jfunctatnni , femora antica cf 

distincte emarginata TacUysphex Kolil. 



tìen. Trypoxylon Latr, 

(Préc, car. gén. iris 1796). 



A Corpus nigrum. 

a Pedes concolores. 

1. figiilns L. Syst. nat. 1758. 

Clypeus margine in medio truncatO;, mutico. Long. G-12 mill. 
Europa tota. 

2. attcnuaium Smith. List of the specim of Brit. Anim. in the coli, of the 

13rit. museum 1851. 

Clypeus margine anteriore in medio emarginato, sul)identato. 
— Long. 0-10— Europa prtccipue borealis. 

3. sciitatum Chevr. Hym. nouv. ou rarcr du Imssin du Léman 1867 

scili i(jcrnìii Tasch. zeitschr. f. d. ges. Naturwiss. 1881 cf- 

P'rons impressione scutiforme, distiuctissime marginata. - Long. 
9-12-mill.— Helvctia. 

h Pedes testacei seu argenteo-pubescentes 

4. clavicerum Lcp. et Serv. Encycl. meth. 1825. 

Tibi^e anteriores in parte antica, tarsi anteriores et gcuua te- 
stacea — Long. 5-10 mill.— Europa. 



— 167 — 

5. albipes Smith.— Cat. ITym Brit. Mns. 1S56. 

Facies, metathorax apice et laterilnis, pedesque dense arg-euteo- 
pubescentia — Long". 8 mill. — Albania. 

/> Alxlonien prò parte tcstcìceuni. 

6. ammoplnloideii Costa. Ann. miis. zool. nniv. Napoli 1>71. 

Nig-rnni ahdoniinis l)asis pedesiiue toti fnlvo-testacea— Long-. 5 
mill. — Sardinia. 

Ed. André. 



Fr. Sav. Monticelli 



Intorno ^cl alcuni K I^ IVI I N T I 

DELLA G()LLEZ10:NE DEL Mu.SEO ZOOLOGICO 
della R. Università di Palerino 



Questo scritto serve a dar notizia di alcuni Elminti della collozione 
del Museo Zoologico della R. Università di Palermo, che, grazie alla cor- 
tesia del Prof. Doderlein , Direttore del Museo , ho potuto studiare. Io 
mi occupo ora solamente dei Cestodi e Trematodi, fra i quali ho trovato 
delle specie interessanti e non comuni , ed anclie una forma del tutto 
nuova, nonché specificamente, ma anche g-enericamente distinta dalle 
finora note. Non è questo un elenco completo, quindi in esso non figu- 
rano tutte le specie di Trematodi e Cestodi della collezione , ma solo 
quelle che ho creduto meritevoli di essere ricordate. 

Ring-razio il Prof. Riggio della valevole cooperazione sua nella revisione 
di tutta la collezione elmintologica e dei preziosi dati fornitimi sugli o- 
spiti dei parassiti , di cui avevo bisogno per la esatta determinazione 
delle specie. 

Palermo, 22 deceinbre 1892. 



— 168 — 



Trematoda. 

1. Epibdella scìaenae Vau Beneden. 

Un bellissimo e tipico esemplare raccolto sulla pelle della Sciae/ia 
umbra. — Finora in Italia il solo che abbia segnalata questa specie 
è stato il Sonsino che l'ha anch'esso ritrovata sul medesimo ospi- 
te (1). Questa specie vive pure, come asserisce lo stesso Sonsino, 
sulla pelle della Umbi'ina cirrho^a, sulla quale il Prof. Richiardi, a 
Pisa, l'avrebbe trovata frequente. Per cortesia del Prof. Sonsino ho 
potuto esaminare un esemplare di questa specie di ciascuno dei 
due osjiiti Sciaeiia umbra ed Uinbrina cirr/iosa ; e questo esame 
mi ha fatto eliminai-e il dubbio sortomi che vi fossero differenze 
specificlie fra le Epibdella dei due differenti ospiti, come, d'ordina- 
rio, suole verificai'si 'per gli ecto|)arassiti, che diffei'iscono specifi- 
camente secondo l'ospite del (juale sono pai-assiti (es. Pseiidocotyle, 
Temnoccpliala) come io ho cercato di dimosti'are (2). 

2. Tristomum coccineum (.vie:. 

Dalle branchie dello X//)A/a.s (jladius. — Malard fra i parassiti del- 
VOrl/ia(joriscus mola (branchie) segna anche questa specie (3)^ come 
r indica pure il Sonsino (4) , senza dire , se trovata sulla pelle , o 
sulle branchie. Ma io non ve 1' ho mai raccolta , né so che altri 
ve l'abbia, almeno nel Mediterraneo. Il Ti'ist. papillosam, che vive 
pure sulle branchie dello Xiphias gladcas e del Tetrapturus belo- 



(1) Parassiti animali del Mugil cephalus e di altri pesci della collezione del 
Museo di Pisa, in: Proc. Verb. Soc. Tose. Se. Nat. Ad. 10 maggio 1891. 

(2) Di alcuni organi di tatto nei Tristomidi: Contributo allo studio dei Tre- 
matodi monogenetici^ in: Boll. Soc. Nat. Napoli, Anno V, pag. 128-129 (note 
ed osservazioni). 

(3) Catalogne des poissons des còtes de la Manche dans les environs de 
Saint Vaast, in: Bull. Soc. Philora. P'aris (8) Tome II, 1889-90, pag. 100. 

(4) Notizie di trematodi e uematodi della collezione del Museo di Pisa, in : 
Proc. Verb. Soc. Tose. Pisa, Ad. 16 nov. 1890 (dice esistere nella bottiglietta 
N. 639 un THst. coccineum proveniente dall' Orth. mola raccolto (ubi?) alla 
Stazione zoologica di Napoli. 



— 169 — 

ne (1), è sfato da qualche autore iudicato come vivente pure sulle 
branchie (]e]YO/'t/ia(/orisc{(s rnola, e, fra questi, dal Malard ; ma io 
non ve l'ho ti'ovato finora, quantunque numerosi esemi)lari di Or- 
tharjoriscas avessi esaminato. 

3. Trìstomum molae Blanchard. 

riaccolto sulle bi'anchie dell' Orthagoriscns mola (così il cartel- 
lino). — Io qui in Napoli l'ho l'invenuto sempre solo sulla pelle; ma 
molti A. sostengono che viva sia sull'una, sia sulle altre, indifferen- 
temente. Il Braiin, evidentemente per errore, lo indica come vivente 
esclusivamente sulle hi'anchie (2) ed il Saint-Remy^ invece , come 
vivente solo sulla pelle (3). Malard fa osservare che il T. molae, e 
T. Rudolpliia/ium sono la stessa cosa, e dice di aver da me questa 
indica/ione inedita! (4). Io non ricordo di avergli nulla comunicato 
in proposito e^ d'altra parte, questa identificazione non spetta a me, 
ma allo stesso Diesing (5), autore della specie, che fu il primo ad 
eliminare la confusione esistente fra le due specie il T. coccineam, 
Cuv. ed il T. molac, Blanch, (in: Régne Animai) e credette di non 
accettare il nome più antico di T. molae Blanch, creando, così , il 
T. Radolpìdanum. Innovazione non accettata, a giusta ragione, dal- 
l'Hesse e van Beneden che ripristinarono al Trìstomum deìVOrthac/o- 
riscas, bene caratterizzato dal Diesing, il nome più antico del Blan- 



(1) Sulle branchie del Tetrapturus alhidus il Verril ha trovati due Tristomi 
che ha indicati coi nomi di T. laeve e T. cornuium (American. Journ of Science 
ec. 1875, Tomo X, p. 40). Il Saint-Remy li cita solamente sulla fede del Linstow, 
percliè l'indicazione del Giornale data dal Linstow non era esatta, ciò che non 
gli ha permesso di poter consultare il lavoro del Verril. Egli giustamente si 
meraviglia di non trovarli da alcuno menzionati, ed, infatti, nessuno ne ha mai 
parlato: e neppur io, che da lunga pezza conoscevo 1' esistenza di queste dae 
specie, me ne sono occupato — inquantocchè meritano di essere meglio studiati — 
nella speranza di potermeli procurare e completarne lo studio ( v. Saint-Remy 
pag. 22). 

(2) Vermes, in: Broun's Klassen ec. Trematoda, pag. 529. 

(3) Synopsis des Trématodes monogénéses, in: Rev. Biolog. Nord Franco , 
Tome IV, pag. 19, (estratto). 

(4) op. cit., pag. 101. 

(5) Syst. Helm., Voi. I, pag. 431. 

Il Naturalista Siciliano, Anno XH. 23 



— 170 — 

chard (1). Malard segna pure fra i Tristomi dell' Orthagoriscus, ol- 
tre i due innanzi ricordati {T. coccineum e T. papUlosum), anche 
il T. cephala Risso. Ma questo Tristoma è la stessa cosa del T. 
molae, come sospettava lo slesso Diesing (2), come pensa il Taschen- 
berg(3)e come, infine, io, dall'esame accurato della quistione, devo 
concludere. Lo studio comparato della descrizione originale del 
Risso e degli esemplari viventi di T. molac , non lascia alcun dub- 
bio che appunto il Risso aveva innanzi questa specie (4). 

Il Malard (5) indica piu^e, come parassita della pelle àQWOriliogo- 
riscus, un Tristomum acaleatum J. Couch. lo lio potuto consultare 
quest'A., ed alla pagina citata dal Malard, ho h)tto che egli parla di 
parassiti àeW Oi'thagoi'iscv.s, ma non li indica, ed in una vignetta « B, 
Parasitic on the skin of the Suhn-fish » dà un pessimo disegno di 
Tristomum capovolto ,. nel quale si riconosce evidentemente il T. 
molae (6). Infine il Malard , fra i parassiti trovati nell'intestino ò.q\- 
VOrthagoriscris (7), segna il T. Radolpliiaiiuin, evidentissimamente 
per errore. 

Da quel che son venuto dicendo, ora ed innanzi, io devo, conclu- 
dendo, riaffermare che auW Oi'tago/'iscns mola vive un solo Tristo- 
miun (molae B\8inchard=T. Rudolphia/ì a m Diesing^T". cephalaR'isso 
= T. laculeatum. Couch.), né credo vi si possa trovare altra specie; 
e penso che, con molta probabilità, quei Tristomi trovati sulle branchie 
ed indicati come T. papillosum (Grube) e T. coccineum (Malard (8), 



(1) Recherei!, sur les Bdellodes ec, in: Mera. Ac. Roy. Belg. Tome XXXIV, 
1864, pag. 77. 

(2) Che scriveva in nota alla specie « species cum precedente probabiliter 
identicam » op. cit. loc. cit. 

(3) in: Zool. Anzeig. 1880, pag. 17. 

(4) 11 Risso infatti così descrive il suo T. cephala (Hist. nat. Europ. rae- 
rid. Voi. V, pag. 262, 1826). « T. corpore ovato , antice sinuato, albo ceruleo, 
lineis nigris transversis picto » . « Son corps est ovale coriace, échancré en devant, 
termine en point arrondi postérieurement , colore en dessus d'un blanc azuré, 
peint et traverse de lignes ramifìées noiratres : sa partie inférieure est grisàtre, 
gamie d'un disque chaniue à sept rayons au centre et d'un autre orifìce plus 
relevé »: descrizione che mirabilmente rende l'immagine del T. molae vivente. 

(5) loc. cit., pag. 100. 

(6) A Hist. of the Fishes of the Britsh Island, Voi. IV, 1868, pag. 3S0. 

(7) loc. cit. pag. 100; rubrica « parassiti dell'intestino » . 

(8) loc. cit.— V. innanzi a proposito del T. coccineum. 



— 171 — 

Sonsino?), non sono che dei T. molae mal determinati. Al quale 
errore di determinazione ha potuto indurre il fatto del colorilo 
rosisastro che pigliano i Ti-istomum inolae quando hanno ingerito 
del sangue, come osservano Hesse e van Beneden (1); ingestione di 
sangue che non può efTettuarsi che in quelli che vivono sulle bran- 
chie (2). 

4. Distomum gigas Nardo. 

Due grandi esemplari misuranti centimetri 8 in lunghezza trovati 
nell'intestino del Liwarus iinperialis. — Dopo il Nardo (3), che io mi 
sappia, nessuno ha più ritrovato in Italia questo gigantesco Disto- 
ma. Entrambi gli esemplari hanno la ventosa posteriore molto ri- 
gonfia e beante, cosicché la membrana pieghettata che orla il mar- 
gine interno della ventosa— che ricorda molto quella semplice e di- 
versamente disposta (ve la lì/) del Distoniuni veliporam {^), essendo 
entrambe sullo stesso tipo — è contratta e non visibile allo esterno. 



(1) op. cit., loc. cit. 

(2) II Lonnberg lia receutemente illustrato questa specie di Tristomum, in 
un suo scritto, sopra esemplari del museo zoologico dell'Università di Kristia- 
nia (Mitth. tiber einige Helm. aus dem zool, Mus. Univ. Krist. pag. 13). Egli 
cerca nella smarginatura posteriore del corpo , nella grandezza della ventosa 
posteriore e nelle ventose anteriori le caratteristiche differenziali dal T. cocci- 
neum. Se egli si fosse dato per poco la pena di leggere tutto il mio lavoro 
(Elenco Elminti Wimereux, in: Bull. Se. Nord. Frane, ec. T. XXII, pag. 418, Tav. 
XXII, tìg. 14-15), che egli ha letto in parte e male, per criticarmi a torto, come 
son stato costretto di dimostrargli in una mia risposta (Un mot de réponse à 
M. Lonnberg, in : Bull. Se. Nord. cit. Tom. XXVI, pag. 255-256), si sarebbe 
avveduto che la caratteristica più importante differenziale, che egli trascura af- 
fatto , sta, come io ho dimostrato, nella disposizione dei raggi della ventosa 
posteriore. Ciò dico per maggiormente dimostrare con quanta accuratezza (!) il 
Lonnberg ha letto e criticato quel mio lavoro, e mettere nuovamente in evidenza 
il suo modo di procedere nel citarmi solo quando gli conviene di criticarmi 
(e, malauguratamente per lui, sempre a torto) ed ignorare, o fingere d'ignorare, 
ciò che ho detto in tutt' altra occasione. (V. in proposito a ciò la mia noterel- 
la (1) a pag. 6 del mio lavoro sui Cestodaria, in: Atti R. Acc. Napoli, Voi V, 
(2), 1892). 

(3) Heusinger's Zeitschrifft ecc. 1827, pag. 68, ed in: Isis, 1833, pag. 527. 

(4) V. in proposito la nota l a pag. 132 della mia nota preliminare: « Di 
un Distoma àelV Acanthias vulgaris » , in: Boll. Soc. Nat. Napoli, Anno 1889. 



— 172 — 

Io ho riconosciuta questa specie nel 1889 in un esemplare raccolto 
ueWAusonia cuvieri ( = Luvaras iinpertalis \lat\u. =^ Pi'octostcf/afi 
proctostegits Nardo) delle coste inglesi, esistente nelle colle/iuni del 
Museo Britannico, e l'ho ricordata in un mio lavoro, dando pel 
primo una tigura (1) dello intero animale, ed una della ventosa po- 
stei'iore ingrandita tre volte, per mostrare la membrana pieglnMtata, 
della quale innanzi ho detto; riservandomi, ad altro tempo, do|)o un 
esame anatomico della specie — che si)eravo di poter ritrovare in più 
numerosi esemplari da permettermelo — di esporre il i'isnltament<j 
comjdeto del mio studio su questo distoma. 11 Blaneliard, che ha 
rivisto r esemplare da me esandnato ha creduto utile di dai-c ima 
nuova figura dell'intero animale, di farne la stoi-ia e di ridescriverlo 
per concludei'e che il D. gigas è una specie ben caratterizzata (2). 
Lasciando stare da canto l'opportunità e la necessità della nota del 
Blanchard e la utilità della nuova figura della specie , voglio os- 
servai'gli che, quantunque io mi sia solamente « Ijorné à le recon- 
naìtre comme une espèce distincte et à le figurer ». mentre egli solo 
l'ha « examiné avec soin »! (ciò che alcun documento ha j)er asse- 
rire), pure dalla mia figura della ventosa posteriore (tìg. 3) si ricava, 
assai meglio che dalla sua descrizione, la struttura di cpiesta, come 
l'ho accennata nelle precedenti righe. Imperocché questa, dal già 
detto, non è circoscritta « par un Cv>ntour largement et i('gnliéi'e- 
ment festonné » ma nel suo interno si osserva una membrana, certo 
omologa a quella de D. veliporum, il che un esame accurato, anche 
superficiale, dell' unico esemplare del museo di Londra basta a di- 
mosti'are; ciò che, ripeto, si rileva facilmente dalla mia figura 3. Inol- 
tre, se il Blanchard, nella suddetta sua nota, avesse voluto tenei- pre- 
sente il mio lavoro sul genere Apoblema, pubblicato assai prima 
del suo (3), si sarebbe facilmente avveduto come in questo io, in 
base alle mie osservazioni personali (v. pag. 7, nota 1, estratto) ho 
dimostrato come tanto il Dist. gigas , quanto il D. RayneiHaniiin , 



(1) Notes on some Entozoa in the collection of the British Museum, in : Pro- 
cced. Zool. Soc. Lond. 1889, pag. 322, PIat, XXXIII, fig. 2-3. 

(2) Notices helmintholog-iques (2'^ serie), in: Ménioires Soc. Zool. Frauce pour 
Panne 1S91, pag. 479-481. 

(3) Osservazioni intorno ad alcune forme del genere Apoblema, in : Atti R. 
Acc. Torino, Voi. XXVI, Adunanza 8 marzo 1891, 



— 173 — 

non sono delle Apoblema, come erroneamente era stato creduto dal 
Carns (1) e dal Juel (2). 

5. D. veliporum Crepi in. 

Degli esemplari tipici de\VEc/n/foi'/t(/nus spi/ws((s nel quale ospite 
anch'io l'ho raccolto in Napoli. — Sopra esemplai'i di questo ospite 
il Risso aveva fondato il suo D. Sciinna, da Dicsing poi chiamato 
D. insigne. Sulla identità delle due foi*me D. vcliporani e D. insigne, 
messa innanzi prima dallo Stos.sicli e poi dal Carus , vedi in pro- 
posito ciò che ho detto in altro mio lavoro, nel quale ho largamente 
dimostrato la giustezza delle conclusioni dello Stossich e Carus, 
aggiungendo che, come sinonimo del D. veliporani, è da ritenersi 
anche il D. niicrocep/iaUini del Baii'd (3); ciò clie altrove avevo pre- 
cedentemente accennato (4). Il D. insigne illustrato da V'illot, del- 
VEchinorhgnas spinosas (b), non è, quindi, altra cosa che il D.velipo- 
riun Creplin (6). È questo^ pei' le osservazioni fatte finora^ un Distoma 
comune a tutti i Plagiostomi e che s'incontra jìui'e negh Olocefali, 
nei quali (Chiniaera nioiìstraosa) lo ha riconosciuto il Wagener (7); 
ma hnora nelle Chiniaera da me dissecate, non l'ho rinvenuto. 



(1) Prodromns fauuae inediterraneae, Voi. I^ pag-. 129. 

(2) Beitriige zur anatomie der Treinatodengattung" J^wiZema Dujardhi, iu: Bi- 
hang tilt k. Sv. Vet. Akad. Ilaudl. XV, Afd. 4, n. 6, 1889, pag-. 6-7. 

(3) Di un Distoma ÒlqW Acanthias vulgaris, io: Boll. Soc. Nat. Napoli, Voi. .3, 
1889, pag. 132, nota 1. 

(4) Notes on some Entozoa, già citat. pag. 322. 

(5) Organisation et développemeut de (luelques espèces de Trématodes eudo- 
parasites marins, iu: Ann. Se. Nat. Zool. ^i) Tom. 8, Art. 2, pag. 2-18, PI. 5, 
fig. 8, PI. 6, 7. 8. 

(6) Il Braun (Vermes, in: Bronn's Klassen) riporta i disegni del B. velipo- 
rum Creplin e del D. insigne dato dal Villot [Tav. XXI, fig. 3 fD. insigne) 
fig. 10 (D. veliporum)]. 

Da ciò devo inferirne che egli li considera specie l'una dall'altra differente; 
ma ciò, evidentemente, a torto: V identità delle due forme è abbastanza dimo- 
strata, perchè possa rimaner dubbio, e se egli il Braun, esaminerà una A'olta 
viventi gli esemplari dell' Echinorliynus spinosus (il D. insigne ) potrà senza 
gran fatica convincersene a prima giunta. 

(7) Grube und Wagener . Ueber einen neuen in der Chimaera monstruosa 
gefundenen Eingeweide-wilrmer (Amphipiyches urna), in: Ardi. f. Anat. u. 
Phys. 1852, pag. 543, 



174 — 



6. X). macrocotyle Diesing. 

Parecchi esemplai'i pi'oveiiienti dal tubo digerente di un OrthafjO' 
riscus mola. — Nell'individuo disseccato mancava il D, /ligro/lavunij 
d'ordinario più comune del lìiacrocotyle , col quale può scambiarsi 
a primo aspetto. Per la più esatta determinazione di questa specie 
vedi il mio lavoi'o sui Distomi (1), nel quale ho studiato comparati- 
vamente le tre specie (\q,\X O riha go riscus: 1). contortiitn^ D. nigvofla- 
vani e D. macrocotyle, dimostrando falsa la conclusione del Son- 
sino (2) sulla identità dei due primi— ciò che altrove lio pure accen- 
nato (3) — , e che il D. l'ifei'ito dallo Stossich al D. macrocotyle del 
Lophius piscatorius {-i) ha con questo nulla di comune, ma , inve- 
ce, è specie distinta e nuova fD. mac/'oporw/»)- Recentemente il Son- 
sino l'ha anch'egli riti-ovata, e, natui-almentc, l'indica come macro- 
cotyle (5). 

Cestoda. 

Dibothridae. 

1. Bothriocephalus "Wagenerì Monticelli. 

Di questa specie, che ho identificata nel 1800 in altra mia nota, 
ho trovato numei'osissimi esemplai'i l'accolti nei ciechi pilorici del 



(1) Studii sui Treraatodi endoparassiti. Prima serie di osservazioni sui Di- 
stomi, in: Zool. Jahr. Suppl. Bd. Ili (in corso di pubblicazione). 

(2) Notizie dì Trematodi della collezione del Museo di Pisa, in: Proc. Verb. 
Soc. Tose. S. Nat. Ad. G \\ig\io 1892. 

(.3) Di alcuni organi di tatto nei Tristomidi ec. ec, in: Boll. Soc. Nat. 
Napoli, Voi. V, 1391, pag-. 110 

(4) Brani di Elmintologia tergestina — Serie V , in: Boll. Soc. Adr. Se. Nat. 
Trieste, Voi. IX, pag. 2, (estratto, 1887). 

Appendice al mio lavoro < i Distomi dei Pesci marini e d' acqua dolce », 
in : Progr. Ginn. Comunale sup. Trieste, XXV, 1887-88, pag. 8. 

(5Ì Studi e notizie elmintologiclie , in : Proc. Ver. Soc. Toscana. Se. Nat. 
Adunanza 4 maggio 1890. 

Parassiti animali del Magil cepìialus e di altri Pesci della collezione del 
museo di Pisa, ibid. Adunanza 10 maggio 1891. 



— 175 — 

Centrolophus pompilLus{V). — Ho voluto ricoi'dare così questa, come 
l'altra forma che vive pure uel medesimo ospite (A . ti/pica y.N. r^), 
perchè nella mia nota citata non ho potuto, per mancanza di dati, 
indicare in quale regione del tubo digerente ciascuna di esse si tro- 
va: ciò che ora rimane dal già detto stabilito, cioè, che \'una.(A. ty- 
pìca) si trova nell'intestino, e l'altra (B.Wageiieri) nei ciechi pi- 
lorici del Centrolophus poinpilius. 

2. JB, Tbelones Dujardin. 

Numerosi esemplari di questa specie raccolti nel Tylosurus ini- 
perialis. — Finora esso era stato trovato solamente nel Belones be- 
lones, dal quale provenivano gli esemplari del Dujardin e quelli illu- 
strati del Lònnberg (2) e da me (3). Per questo Cestode il Lònnberg 
ha creduto di fondare il nuovo genere Pti/choboihrium (4), addu- 
cendo le ragioni che a questa creazione lo hanno spinto. Io ho 
cercato di dimostrare (5) come questo nuovo genere non trova ra- 
gioni di essere, in quanto, la caratteristica principale, invocata dal 
Lònnberg per il suo n. g., non è esclusiva del Bothr. belones, ma 
si ritrova in alti'i Botriocefali ancora, e, fra i Botriocephalus a bo- 
tridi poco sviluppati e quelli che l'hanno esageratamente sviluppati, 
come il Bothr. belones, si può riconoscere tutta una serie di forme 
di transizione. Nò da questo mio apprezzamento, col quale coinci- 
dono le considerazioni del Matz (6), mi ha rimosso la critica poco 
cortese mossami dal D'" Lònnberg (7); nella quale egli non dimostra 



(1) Note elraintologiche, in : Boll. Soc. Nat. Napoli, Voi. 4, 1890, pag-. 196- 
199, Tav. Ili, fig-. 6. 

(2) a) Bidrag till kannedomen om i Sverige forekoramande Cestoder, in: Bi- 
hang till k. Svenska Vet. Akad. Handl. Bd. 14, Af. IV, n. 9, pag. 36, Taf. 2, 
fig. 21-22. 

b) Anatomische Studien tiber Skandinavisclie Cestoden, in: Kongl. Svensk. 
Vetenskaps. Akad. Haudl. Band. 24, n. 6, 1891, pag. 63-72, Taf. I, fig. 6-10. 

(3) Elenco degli elminti studiati a Wimereux nella primavera del 1889, in: 
Bull. Se. Nord. Frane, et Belg. Tom. XXII, pag. 428-430, PI. XXII, fig. 4-13. 

(4) loc. cit. (a). 

(5) loc. s. cit. 

(6) Beitrage zur kenntniss der Bothrioceplialen, in: Arcli. f. Naturg. 1892, I, 
pag. 116^ nota. 

(7) Bemerkungen zum Elenco degli Elminti ecc., in: Biolog. foreningens 
Forliandlingar in Stockohn, 1890, Bd. Ili, n. 1. Vedi mia replica: Un mot de 
réponse à M. Lònnberg, in: Bull. Scient. Nord France ec. Tome XXIII, pag. 
355-357. 



— 176 — 

nugiio la necessità della creazione del nnovo genere, insistendo sul 
carattere api^nito che, oi* oi' dicevo, non essere esclusivo di qnesta 
specie, e clic egli a torto refinta tale, non riconoscendo nella comune 
dei Bothriocep/ioliis che dei poco sviluppati botridii; ciò che è so- 
lamente vero in parte, come sopra ho implicitamente detto. Forse la 
forma del capo potrà essere una caratteristica valevole per uno 
smembramento dell'antico genere Bolliriocepìtalus, mai presa, però, 
isolatamente ; ma qnesta potrà solo allora essere giustamente ap- 
prezzata, quando saranno meglio conosciute, sia zoologicamente che 
anatomicamente, le specie dei Botriocefalidi finora note. 

3. JB. rugosus Rudolphi. 

Ilo riconosciuta questa specie in alcuni esemplai-i di pesce ignoto 
esistenti nella collezione. — Es^i corrispondono bene con quelli rac- 
colti dal Chiendìia nello stomaco di una motella (1). Le mie osser- 
vazioni su qnesta spècie concordano con quelle di Linstow (2) e di 
Matz (3). 

4. JB, peltocephalus n. sp. 

Chiamo cosi, questo botriocefalo di pesce ignoto, per la caratteri- 
stica forma, di un piccolo scudo capovolto, che offrono i suoi bo- 
botridi. — Esso misura circa due decimetri , è privo di collo, ed i 
segmenti cominciano subito dietro il capo : questi , meno gii ante- 
riori , che differiscono solo per essere più stretti , hanno la stessa 
forma rettangolare, o leggermente subtrapezoidale (le prime proglot- 
lidi). La foi-ma delle proglottidi e quella del capo, può ocne apprez- 
zarsi dalle figure che delle une e dell' altro io do (tìg. 7-11); quindi 
mi rispai'mio una piti minuta descrizione zoologica della specie, che, 
dalle cose già dette, resta abbastanza bene e facilmente caratteriz- 
zata, se s'aggiunge che le aperture genitali sono submarginali (se 
non vuoi dii'e che sono laterali, spinte molto sui margini)— vale a 
dii'e alquanto dal margine discoste— e^, di regola, irregolarmente al- 



(1) Elenco degli Ehninti raccolti dal capitano G. Cliiercliia ecc., in: BolL 
Soc. Nat. Napoli, Voi. 3, 1889, pag. 08. 

(2) Hehnintliologisches, in: Arch. f. Naturg. 1888, I, pag. 242-245, Taf. XVI, 
fìg. 15-28. 

(3) op. cit. loc. cit., pag. 113, Tav. Vili, fig. 23-20. 



— 177 — 

lernanti, or dall'uno, or dall' altro margine, e l'apertura dell'utero è 
ventrale e nella linea mediana. Nò della intima struttura anatomica 
intendo e posso occuparmi oi'a, in questa breve nota. La figura 11 
mostra 1' estremità di uno strobilo normale circa la disposizione 
delle aperture genitali, ma nelle figure 8, 9, 10 ho rappresentate delle 
porzioni di strobilo, comprese ciascuna fra porzioni normali — cioè ad 
aperture genitali irregolarmente alternanti — nelle quali si osservano 
sia delle ])roglottidi a duplici aperture genitali , sia delle incisure 
trasverse nelle proglottidi, più, o meno, evidenti; ora interessanti 
tutta la proglottide , ora la parte marginale di essa. Accenno ora 
semplicemente a questo fatto, del resto già noto, specialmente nei Bo- 
ti-iocefali delle foche, nei quali tanto la duplicità di organi genitali, 
quanto la divisione succeunata delle proglotlidi è stata illustrata 
dal Krabbe (1), riservandomi il darne la spiegazione ad altro tempo. 

5. A.jiiphicotyle typica Diesi ng. 

Numerosi esemplai-i grandi e piccoli provenienti dall'intestino del 
Centrolophus pompilius, del quale ospite l'ha pure indicata recente- 
mente lo Stossich (2). 

6. A.nchistroceplialus microcephalus Rudolph!. 

Numerosissimi esemplari raccolti tutti neìV Orthagoriscus mola. — 
Ho creato il genere A /ìc/iistrocephcdus per i due Bothrioceplialus, fi- 
nora noti, |)rovviyti di uncini sidla cupola terminale del capo (Bo- 
thrioceplialus microcephalus e polypieri vel macracanthus) (3) , 
perchè la presenza di uncini sul capo \vÀ è parso carattere equiva- 
lente a f|uello di una ventosa accessoria; e, se questa ha valore di 
caratteristica generica (Amphicotylej , anche gli uncini possono a- 
verlo: il genere A lìc/ìistrocephalus sarebbe, inoltre, caratterizzato dalla 
presenza di aperture genitali mai'ginali e sbocco dell'utero ventrale. 
NeW Amph icottj le , invece, le aperture genitali sono dorsali, submar- 



(1) Reclierches helmiutliolog^iques en Danemark et in Islande, 1866, pag-. 34 
e 35, e Diplocotyle Olrikii ec. ec. pag. 3 del riassunto francese (v. pure in pro- 
posito le mie note elmintologiclie innanzi citate). 

(2) Elminti veneti raccolti dal conte A. P. de Ninni, in: Boll. Soc. Adrìat. 
Se. Nat. Voi. XIII, 1891, pag. 8. 

(3) Note elmintologiche citate, pag. 190-202. 

Il Naturalista Siciliano, Anno XII. 26 



-178- 

ginali, e lo sbocco dell'utero è ventrale) (1). Io non ho potuto ancora 
pubblicare il mio lavoro completo su questa specie (2); ma il Matz 
mi ha preceduto in questo studio (3) e le sue osservazioni concor- 
dano con quanto io ho detto nella mia nota preliminare. Egli ti-ova 
inutile la creazione del nuovo genere da me fatta e ripristina il Bo- 
thriocephalus microcephaUis di Rud. È questo un apprezzamento 
personale, fondato sul valore dei caratteri da me ritenuti sufìficienti 
alla creazione di un nuovo genere, che io, naturalmente, non condi- 
vido , perchè credo, invece, contrariamente alla mia prima opinio- 
ne (4), che la presenza di uncini al capo è un carattere valevole ed 
importante e da tenersi in conto, e che autorizza alla creazione del 
nuovo genere. Né questo, come fa il Matz^ può considerarsi alla stessa 
stregua del carattere invocato dal Lònnberg per il suo Ptychobo- 
tlirium — contro il quale il Matz osserva, non essere esso esclusivo 
del B. belones, ma,, come ho detto innanzi, trovarsi pure in altri Bo- 
tliriocephalus — iiiquantocchò, mi perdoni il Matz, mi pare, che tra la 
presenza di uncini al capo, che è esclusiva di alcune forme, e lo svi- 
luppo maggiore dei Botridii, che non è altro che un'esagerazione di 
una caratteristica comune a tutti i Botriocefalidi, vi corra una bella 
differenza. Ma, il Matz, ha le sue vedute personali e valuta le cose 
da un punto di vista diverso dal mio , ed in ciò , io non entro; né 
vale la pena di polemizzare ora, sul mantenimento, o no, del genere 
A nc/iistrocephalus. A chi si addosserà, ed è desiderabile che vi sia, 
la non facile impresa di una completa revisione dei Botfiriocephali- 
noe (5j, spetta di derimere la divergenza. Ed in questa attesa, io 
contrariamente al Matz, come ho detto e peV le ragioni dette, con- 
servo e mantengo il mi.j nuovo genoi-e, che vale anche , come un 
l)rimo tentativo di snjenjbramento dell'antico genere Bolliriocepha- 
lus, così ricco di svai-iaie forme, al quale, chi si metterà alla suc- 



(1) V. mie note Elraint. gìh citate pag. 197-198. 

(2) Osservazioni sul Bollir iocephalus microcephalus Rud. Nota preliminare, 
Napoli, 1888. 

(3) Beitrag-e zur Kenntniss der Bothriocephalen ecc. già citato pag. 115-116, 
Taf. Vili, fig. 19-21. 

(4) Osservazioni ec. già citate. 

(5) Una delle sottofamiglie in cui può ripartirsi la grande famiglia dei Di- 
hothridae; v. mia nota « Sul genere Bothrimonus e proposte per una classifi- 
cazione dei Cestodi, in: Monitore Zool. Ital. Anno III, n. 31, pag. 100-108. 



— 179 — 

cennata revisione, dovrà certamente addivenire : e questi rintuzzerà 
al Matz la chiusa della sua nota critica., che non aveva alcuna auto- 
rità, né ragione di fare (1). 

Tethrabothridae. 



1. Calyptrohothrium Higgii n. g. n. sp. 

Con questo nome indico un Cestode rinvenuto nella Torpedo mar- 
morata e del tutto nuovo. — Esso trova il suo posto nel sistema accanto 
ai Phyllobothriam ed ai Monori/gma e specialmente a questi ultimi. 
I quattro esemplari interi della collezione presentavano tutti l'aspetto 
da me disegnato nella figura 1. Non ho misurato tutti gli esemplari, 
ma quello in esame è lungo mill. 57. Come si vede dalla citata fi- 
gura questo Cestode non presenta traccia di segmentazione e nes- 
suno accenno di organi genitali: ond'io ritengo che esso non debba 
ritenersi completo, ma rappresenti il solo scolice, e per esso la te- 
sta ed un lungo collo di un cestode ancora sconosciuto che è, però, 
tanto ben caratterizzato, da permettere e richiedere per esso la crea- 
zione di un nuovo genere, che io propongo chiamare Calyptrobo- 
thrium; dal perchè i botridii sembrano quattro cappucci, sporgenti 
ai quattro angoli della testa, che anteriormente incappucciano cia- 
scuno un grosso e robusto botridio accessorio ^ che ricorda lonta- 
namente e grossolanamente la forma di un ferro di cavallo, il quale 
appunto se ne giace in fondo alla parte anteriore del botridio che è 
qui molto rigonfio e profondo. La bocca, od orifizio dei quattro bo- 



(1) loc. cit., pag-. 116^ nota, pag. 121 nota 1,2. Il detto sig-. Matz, pag. 120 
nota 1 nemmeno accetta il mio n. g Piramicocephalus (creato per il Botlirio- 
cephalus pliocaruvi^= Tetrabothrium, anthocephalum nelle mie citate note elmin- 
tologiche a pag-. 202-205): egli non ne dice la ragione, ma s'intende il suo pen- 
siero dalle sue parole e dal rimando clie fa alla sua nota a pag. 116. Natu- 
ralmente io mantengo il genere da me creato, perchè esso mi pare abbastanza 
giustificato per le sue caratteristiche, che ho messo in evidenza nel prelodato 
mio lavoro, che gli danno un aspetto tutt'afifatto diverso dai Botriocefali. Io son 
sicm-o che se il Matz avesse avuto fra mano, degli esemplari di questo tipico 
cestode, non avrebbe precipitato il suo giudizio; e, del resto, anche il solo e- 
same delle mie figure è bastevole a dimostrare e come e quanto dalla comune 
dei Bothriocephalus esso differisca. 



— 180 — 

tridii, vedendo il capo di sopra rassomiglia ad una toppa, o ad una 
suola di scarpa (fìg. 3). La disposizione i'ecipro(^a dei botridii e dei 
boti'idii accessorii può ben ricavarsi dalla lig. 4; come, assai meglio 
di qualsivoglia minuta descrizione, vai-i-à a dare una idea coni|)lcta 
del nuovo cestode , l'esame delle figure che di esso ho dato, nelle 
quali (fig. 1-3) ho fedelmente ritratte le sue carattei'istiche lìrincijìali. 
Se il nome generico ho ricavato dalla caratteristica dei botridii iiicap- 
puccianti l'acetabolo ausiliario, il nome della specie è un tril)uto di 
amicizia al Prof. Giuseppe Riggio che la j-invenne. 

(continua) 



TRACTATUS 
per Epistolam FRANCISCI MAUROLICI 

AD PETRUM GILLIUM 

DE PISCIBUS SICULIS* 



Petro Gillio Franciscus Maurolicus 

Eecte animadvertisti huiusmodi negotli difficultatem ut potè quod a 
nullo veterum nec recentiorum sit satis discussum . Equidem arbitror 
naturam in nullis animantium, quam in marinis , fuisse tum varietate, 
tum magnitudine rairabiliorem. Potuisse tamen veteres scriptores dili- 
gentius, quam fecerint, pisciurn naturas, magnitudines, figuras, colores, 
caeterasque qualitates describere. Quod si fecissent non esset nobis la- 
borandum. Nunc autem, quum complurium, praeter nuda nomina niliil 
legimus, atque haec ipsa vario post modum loquendi usu mutata, diffì- 
cile est admodum quo singulae species vocabulo apud maiores nostros 
appellatae sint discernere. Quum ergo piscium , quorum in Mamertino 
freto piscatio frequens est, nomina et qualitates scire cupis, ut per lite- 
ras Joannis Bosii ad Joannem Lomellinum dataa significatum est, cona- 



* Codice manu auctoris exarato Aloisiua Facciola nunc primum edidit, 



- 181 - 

bor et LomellinO; qui mihi amicissimus est, miiltuinque me caussa tua 
rogavit^ et tibi morem gerere. Quum quidem rem praeclarara, nec mihi 
solum , secl omnibus etiam literatis gTatissimam faeturus videris , si ea 
quae de marinis animantibus, ab aliis paruiii a(bnirate tradita sunt auc- 
toribus, diligentissime complectaris, ego libentius non solum patriae meae, 
sed Insulae quoque totius piscationes tam marinas quam tiuviales , cc- 
tariis atque indigenis consultis , sum perscrutatus. Vei'um dabis veniam 
sìcubi grecorum aut latinorum defeetu cogar -uti sicanicis vocabulis : 
quanquam non exliibeo (1) liaec (2) absolutissima. Quidquid incuria niea 
fuei'it oinissum supplebit diligentia tua. Itaque ut tac.eam Orcas, Oi'yges, 
Balenas, Rotas, Pliyseteres, Pliocas , Delphines et caeteras belluas, qua- 
rum pleraque non in siculo tantum, sed in toto passim pelago nituntur, 
dicam in primis de spatho pisce. 

Spathus piscis ita vulgo siculis vocitatur qui a graecis ^i-fìx-, a 
latinis vero Gladius dici solet ob id , quod osseo telo, quasi ense acu- 
minato, sit armatus. Corpus habet longum ac teres, pinnas raras in ter- 
go , caudam lunatam, qualem delphinus, hunc Stiabo vocat Galeotam. 
Idem ait canes et galeotas thynnorum venatu pinguescere. Constat spa- 
thum piscem appendi libris COL , eius venationem exerceri in Mamer- 
tino freto, Scylleoque tractu hoc ordine. Speculato!' astat superne , sive 
in fastigio mentis pelago imminentis , quales multi sunt in Brutiarum 
littoribus, sive in summitate mali naviculae cuiuspiam ad id conductae. 
Hic piscem conspicatus signum dat scaphae sexiremi velocissime, in qua 
circiter octo sunt iuvenes quorum sex pluresne remigant, unus in prora 
stat , cum telo bastato paratiis , hastam esse longitudine XIIII pedum, 
ferrum vero hamatum , itaque constructum ut incussum coeat in acu- 
tum: tractum vero, dum repanditur, educi nequeat. Ille percusso comi- 
nus pisce, qui scaphae quasi lusurus propin([uat : basta simul cum ferro 
relieta in vulnero: funem iampridem hastae aliigatura irritatae ac suffu- 
gitanti bellua lentando protendit et tamdiu subministrat donec agitatam 
lassetur tum demum eam fune retractam rursumque fìscinis petitam in 
scapham recipi. Hanc nos venationem in freto nostro quotannis fieri vi- 
demus, sed eam esse antiquissima Strabo testis est: quippe qui in primo 
geographiae libro non multo ab is diversa refert. Sphatus piscis carnis 
candore et saporis gratia Thynnum superat. 



(1) In codice legitur oxibeo quod i^uto exhibeo erratura A. F. 

(2) Inter haec et absolutissima verbum est breve, cujiis litera erosa, alia vero adiccta, 
quasi legendum videtur. A. F, 



— 182 — 

Thynnus , vulgo Thrinnus dicitur^ piscis notissimus, antiquum ad- 
huc nomen servat , spatlio pisce brevior ac crassior sive corpulentior , 
postremo in aeutiiis tendente et eiusdem ferme ponderis. Thynnorum 
piscatio in gaditano freto celebratissima : sed et in plerisque Siciliae lo- 
cis exercetur per aestatem totam, videlicet Mylis, Thyndaridae juxta oli- 
verium castellum, Caroniae, Ceplialudii , soloente praesidio, Panormi et 
in aliis locis lateris septentrionalis quo id ob usuni sit piscibus ab her- 
culeo freto irrumpentibus. Ad Thynnorum venatura construitur ingens 
aerobustum rete , ex torto vimine ac canabe, eo includitur Thynnorum 
multìtudo : circumfusis undique scaphis , caeduntur passim pisces et in 
scaphas recipiuntur. Thynnus nigricantem ac cruentam liabet carnem, 
saporem ferinum: et perinde salsamente est multo aptior. Constat Thyn- 
nariam seu maris (1) cetariam Mylarum conficere copulas sive cadiscos 
salsamenti CCCC. Eam quoque locari aureis tricentis. Eumque proven- 
tum esse Nicolai Jacobi Saccani messanensis patritii. 

Dottus piscis est siculo freto peculiaris, longior aliquanto quam la- 
tus, colore subrufo séu leonino, molliori cute ac corpulentior quam pa- 
gurus , varii ponderis ut maximus tamen non excedat libras COL , huc 
expiscatur hamis duobus adeseatis pisciculo quoniam, quales suut Vopae, 
Acus, Haleces. Dottus esse Inter pisces si.porc praecipuos, carne candida 
ac tenerrima , et in Mamertino freto plurimura , constat. Petis liuius 
picturam : expectandus est aprilis quo tempore capi solet piscis, ut cap- 
tus a te pletore sistat. 

Fagurus, b Tia^'/oj/yc grece dictus , piscis est latus , longior tamen 
quam latus , minutis lucidisque squamis. Maximus non excedit libras 
XXXX. Ad ejus captionem paratur restis, seu funiculus, cum hamis cir- 
citer CL, in seriem dispositis (Concium vulgo vocant). Hami autem pi- 
sciculis, ut potè sardis aut vopis adescantur. Hoc ingenio capiuntur vi- 
ginti pluresne paguri. Et cum iis interdum Squillae, Congri, Muraenae, 
Cernuae, bestini. Pagurus carne tenera, nobilium mensis gratissimus. 

Halecula sive halecciola, ut vulgo hic vocant, piscis est longus ac 
teres , cum pinnulis quibusdam ac lunata cauda , squamisque minutis. 
Maximus non egreditur libras CL, capitur hamis, salubrior ac praestan- 
tior sapore quam spathus piscis. 

Cernua, graecis ó c^ocf ó; dictus ut Theodoro placet , hic vulgo Cer- 



(1) Ante cetariam est matiis , quod corrigendum ìnaris , ad Mylarum potius, quam ad 
cetariam referendum. A. F. 



-183- 

nìa vocatur : piscis est Dotto similis , sed colore obscurìori et ore am- 
pliori , ad summum ponderis L nec admodum gustili jocundiis quando- 
quidem tenaci carne est. 

Spinula nobis piscis est long-us ac teres , ad summum XXX libra- 
rum. Puto hunc esse tóv y.i'j^oLkj'j quem Gaza latine vocat capitonem et 
Joviiis mugilem, capitur hamatis resticulis, salubri mollique carne gratus. 

Lucius spinulae similis, sed exiguo capite ac rostro acuminato. Hunc 
inter pisces saluberrimum audio et maximum Vili librarum pendere. 

JLurata, graece è y.(^\jc6zyjiz , piscis est paguro similis, verum ali- 
quanto brevior ac squamis auro interlucentibus. Habet eundera cum 
paguro aut paulo inferiorem in meusis locum. 

Trigla, vulgo graecum nomen servat, nam 'il 'lityXa est graecis, la- 
tine Mulliis , piscis notissimus rubentibus squamis ac brevi corpore, no- 
bis nunquam libras duas ac semisse excedit, grato sapore. 

Squilla quam nos caepe vocamus, piscis rubentioribus quam Trigla 
squamis et aculeatis pinnis et multo maior, brevi corpore et immoderato 
capite, precio par Paguro. 

A.nguillae ubique notae, sed qiiae in Mamertino freto omnium no- 
bilissimae: ubi adipe insigni ac sapore jocu udissimo, quandoque in sum- 
mo fluctu gladio percussae , sed ut plurimum ad littiis, quod Messanae 
ac Peloro interiacet, eiectae capiuntur. Est oppidum quoddam haud pro- 
cul a Peloro, Pharum dìctum , huius incolae rustici dum Messanam ve- 
niunt redeuntne littorali itinere, retiatam ferunt perticam si ve retiariam 
penulam , convoluto bacillo insutam , cujus iniectu nisam anguillam ca- 
piunt. Haec nobis Inter pisces preciosissima et perinde aut divitibus aut 
gulosis familiaris , si decem sit librarum venit aureo, sed XV librarum 
pondiis ad summum aequat. Est Messanae intra murum littoralem, juxta 
aedem carmelitanum fons tribus canalibus effluens , aqua salubri vulgo 
puteum leonum vocant. In eo Anguillae minutissimae gignuntur : quas 
in mare vicinum cum aqua fontis delatas in magnitudinem preciumque 
crescere fama est. 

(sequitur) 



— 184 — 

CONTRIBUZIONE ALLA FAUNA MARCHEGIANA 

I LEPIDOTTERI 

finora, trovati nel territorio eli Osimo 

PER 
LEONELLO SPADA 

(('oiit. ved. Nimi. prec..^ 



Gen. 77. — Episenia, 0. 

E. glaucina, Esp. — Autunno. M. Torto : un solo individuo nella selva so- 
pra un cespuglio. 
Bruco ignoto. 

Gen. 78. — Ammoconia, Ld. 

A- caecimacula Dp. — Estate : Mi fu portata da un giovanetto che la trovò 
in casa sua sui vetri di una fenestra in Osimo. 

Gen. 79. — Dryobota, Ld. 

D. monochroma, Esp.— Autunno: M. Ragalo sopra un cespuglio di Quer 
eia sul crepuscolo. 

Bruco sulla Quercus robur. 

Gen. 80. — Liiperina, Bdv. 

L. matura, Hb. — Estate: M. S. Stefano un solo individuo sull'Ortica. 

Bruco sull'Ortica dioica. 
L. dumetorum, L. — Estate : M. Fiorentino presa alla caccia alla lanterna 
nella selva sulle fascine di Quercia. 

Bruco ignoto. 



-185 



Gen. 81. — Hadena, Tr. 

H. cleracea L. — Dintorni di Osimo negli Orti in Estate. 

Bruco sulla Portulaca oleracea e Bras.nca rapa. 
H. brassicae, L. — Estate : dintorni di Osimo comune negli Orti. 

Bruco sulla Plantago lanceolata. Portulaca oleracea, e Bras- 

sica napus. 

Gen. 82. — Brotolomia, Hb. 

B. metigulosa, L. — Primavera , Estate ed Autunno : dintorni di Osimo 
sulla violaciocca dove trovai tre crisalidi. 

Bruco sul Cheirantus cheyri , Ortica dioica, Priiìnila vul- 
garis ed Artemisia campestris. 

Gen. 83. — Trigonopliora, Hb. 

T. flammea, Esp. — Primavera ed Estate : in tutto il territorio sul Pisello. 
Bruco sul Pisum sativum e PJiaseohcs vulgaris. 

Gen. 84. — Taeniocampa, Gn. 

T. munda, S. V. — Primavera: frequente nelle selve del territorio sul 
Pungitopo. 

Bruco sul liuscus aculeatus. 
T. gracilis, S. V.— Primavera : M. S. Stefano : un solo individuo da una 
crisalide trovata sull'Ortica. 
Bruco ^m\V Ortica dioica. 
T. incerta, Hfn. — Primavera : Boschetto Simonetti , due individui in co- 
pula sopra un Evonimo. 
Bruco ignoto. 

Gen. 85. — Tapìnostola, Ld. 

T. Elymi Hb. — Fine di Estate: ambedue a M. Fiorentino alla caccia alla 

Lanterna. 
T. Thelmanni, Ld.— Bruchi ignoti. 

Il Naturalista Siciliano^ Anno XII V> 



— 186 — 

Gen. 86. Leucania, 0. 

L. putrescens, Hb. — Estate : frequente nei dintorni di Osimo nelle siepi 
massimamente .h1 Fosso di Fonte Magna. 
Bruco ignoto. 
L. impudens, Hb. — Autunno : Prati di Rigo, un solo individuo sul Ru- 
mice. 

Bruco ignoto. 
L. zeae, Dup. — Estate: da una crisalide e due bruchi trovati negli stel^ 
e nelle pannocchie di formentone ebbi due o ed una 9 , li 
rinvenni a M. Ragalo. 
Bruco sulla Zea mays. 
L. litargiria Esp. — Primavera ed Estate : dintorni di Osimo e Prati di 
Rigo, frequente sui prati umidi. 

Bruco sulla Medicago saliva ed Onohrychis sativa. 
L. L. album, L.— Primavera ed Estate : in quasi tutti i giardini del ter- 
ritorio sui fiori. 

Bruco ^xxWHolcus lanatus, Festuca rigida e F. fluitans. 

Gen. 87. — Rusina, Bdv. 

R. tenebrosa, Hb. — Fine di Primavera e principio di Estate: frequente 
nel territorio sul Cratego e sull'Ortica. 

Bruco siìW Ortica dioica e Crataegus o.ryacantha. 

Gen. 88. — Cosmìa, Ochs. 

C. abluta, L. — Autunno: M. Ragalo e fosso di Scaricalasino sull'Olmo ed 
il Pioppo. 

Bruco sul Salix caprea e S. purpurea. 

Gen. 89. — Scoliopterix, Germ. 

S. libatrix, L.— Estate : due individui a Fonte Magna sull'Ortica. 
Bruco iìwWEdera helix, Rosa tliea e R. canina. 

Gen. 90. - CucviUia, Schrk. 

C. lactucae, L. — Primavera ed Estate : comune negli Orti dei dintorni 
di Osimo sull'insalata. 

Bruco e crisalide sulla Lactuca sativa. 



187 — 



Gen. 91. — Xanthia, Tr. 

X. fulvago, S. V.— Autunno: M. Ragalo , un solo individuo posato sul 
tronco di un Olmo. 
Bruco ignoto. 

Gen. 92. — Oporina, Bdv. 

0. croceago, F.— Autunno, Inverno e Primavera : da quattro bozzoletti 
avuti da un contadino di M. S. Stefano ebbi in Primavera 
due 9 ed un cT, l'altro morì nel bozzolo. 
Bruco siiìV Acer campestre. 

Gen. 93. — Calocampa, Stph. 

C. exoleta, L. — Primavera: dintorni di Osimo e M. Fiorentino sugli A- 
sparagi. 

Bruco suìV Asparagus officinalis. 

Gen. 94. — Calopliasia, Stph. 

C. lunula, Hufn.— Estate : frequente in tutti i giardini del territorio sulla 
scabiosa atropurpurea. 

Bruco sulla Linaria vulgaris ed Anthirinum majus. 

Gen. 95. — Cleophana, Bdv. 

C. Dejeanni, Dup. — Estate : prati di Rigo un solo individuo sull'erba nel 
crepuscolo. 

Bruco sulla Linaria vulgaris. 

Gen. 96. — Lithocampa, Gn. 

L. ramosa, Esp. — Estate: un solo individuo a M. Fiorentino alla caccia 
con la Lanterna. 
Bruco ignoto. 



— 188 — 

Gen. 97. — Flusia, Ochs. 

P. triplasia, L. — Estate ed Autunno : dintorni di Osimo e M. Ragalo sulle 
siepi e negli Orti. 

Bruco 8uìV Orfica dioica ed Humulus luppulus. 
P. gamma, L. — Tutte le stagioni^ in tutto il territorio sui fiori e tra le 
erbe. 

Bruco sulla Zea mays, Spinacia inermis e Lactuca saiiva. 
P. gutta, Gn. — Estate : in tutti i giardini del territorio , comune sulla 
Lavanda. 

Bruco %\\\\' Ortica dioica e Matricaria camomilla. 

Gen. 98. — Heliotis, Tr. 

H. peltigera, S. V. — Estate ed Autunno : frequente nel territorio sui fiori 
di Cardo è di Carciofo. 

Bruco sul Josciamus albus e J. niger. 
H. armigera, S. V. — Estate ed Autunno: Monti di S. Stefano, M. Ragalo 
e prati di Rigo sull'Erba medica. 

Bruco sul Cicoriiun intybiis , Plantago lanceolata e Silene 
acaulis. 

Gen. 99. — Anarta, Tr. 

A. funebris, Hb. — Primavera: frequente nel territorio sulle siepi e sui 
prati. 

Bruco ^\\\V Eryìigitim amatystiìium. 

Gen. 100.— Acontia, Ochs. 

A. luctuosa, S. V. — Estate: comune nel territorio sul mezzodì sui ce- 
spugli di Ortica, Cardo e Lupinella. 

Bruco sulla Malva sylvestris, Plantago lanceolata e Oìiohry- 
chys saliva. 

Gen. 101. — Thalpochares, Ld. 

Th. velox, Hb, — Estate : dintorni di Osimo appiedi alle siepi di Rovo. 
]5ruco ignoto. 



— 189 — 

Th. parva^ Hb.— Estate: assieme alla precedente sul Rovo. 

Bruco ignoto, 
Th. arcuinna, Hb. — Estate : due soli individui in valle del Musone sul 
Ginepro. 

Bruco sul Juniperus comunis. 
Th. candidiana^ Hb. — Estate: frequente sul crepuscolo della sera sulle 
siepi in tutto il territorio. 
Bruco ignoto. 
Th. lacernaria, Hb.— -Estate : comune nel territorio assieme alle Acidalie 
sulle siepi di Rovo e Biancospino. 
Bruco sul Crataegus oxyacantlia. 
Th. carthami, H. S.— Estate: assieme alla precedente molte volte sulle 
siepi, più frequente sui prati ombrosi. 
Bruco sul Dypsacus sylvestris. 
Th. concinnala, Bdv. — Estate ed Autunno: Monti di S. Steftmo e M. Ra- 
galo sull'Erba medica e Biancospino. 
Bruco ignoto. 

Gen. 102. — Metoponia, Dpn. 

M. vespertalis, Hb. — Estate : dintorni di Osimo negli Orti. 
Bruco sulla Lactnca satica e Brasdca rapa. 

Gen. 103. — Agrophila, Bdv. 

A. trabealis, Hb.— Primavera ed Estate in tutto il territorio nelle selve, 
sui cardi e sui cespugli di quercia. 
Bruco sulla Mentha sylvestris. 
A. sulphuralis, L. — Primavera, Estate ed Autunno: in tutto il territorio, 
comunissima sull'Erba medica ed il Trifoglio. 
Bruco sul Convolvulus saepium e C. arvensis. 

Gen. 104. — Euclidia, Ochs. 

E. mi, L. — Primavera ed Estate: in tutto il territorio sull'Erba medica. 
Bruco sul Tri f oliti m pratense. 

Gen. 105. — Grammodes, Gn. 

G. algira, L. — Estate ed Autunno : in tutto il territorio nelle siepi, sotto 
le foglie dei cespugli di Quercia, e talvolta ancora posata sui 
muri. 

Bruco sul Salix viminalis, Euhus idaeus e Punica granatum. 



— 190 — 



Gen. 106. — Catocala, Sch. 

C. paranympha, L. — Estate: Monte S, Pietro, un solo individuo sull'A- 
morino campestre. 

Bruco (uno solo) sulla Reseda lutea. 
C. nupta, L. — Estate ed Autunno : in tutto il territorio sui muri delle 
case e sui cespugli di quercia. 

Bruco sul Salìx vìminalis, S. caprea e Populus alba. 
C. sponsa, L. — Estate ed Autunno : in tutto il territorio nelle selve sui 
tronchi di quercia. 

Bruco sulla Quercus robur. 
C. nimphea, Esp.— Estate : dintorni di Osimo e Casenuove, spesso sulle 
stalle. 

Bruco ignoto. 
C. puerpera, L. Estate :-un solo individuo alle Casenuove sopra un tronco 
di Gelso. 

Bruco ^wWUlmus campestris. 
C. elocata, Esp. — Tutte le stagioni : in tutto il territorio nelle case, sui 
tronchi di albero e sotto le foglie dei cespugli nelle selve. 
Bruco sul Salix vìminalis e Populus alba. 

Gen. 107. — Sphintherops, Bdv. 

S. spectrum, Esp. — Estate : due soli individui in una legnaja in città. 
Bruco sullo Spartium scoparium e jS. junceam. 

Gen. 108. — Toxocampa, Gn. 

T. craccae, S. V. — Estate : dintorni di Osimo , M. S. Pietro , M. Ragalo 
appiedi alle siepi. 

Bruco sulla Vida saliva. 

Gen. 109. — Herminìa, Latr. 

H, crinalis, Tr. — Estate: in tutto il territorio nelle siepi. 
Bruco suìV Onobrt/chis sativa. 



191 — 



Gen. 110. — Hypena, Tr. 

H. palpalis Hb. — Estate ed. Autunno: comune in tutto il territorio sulle 
siepi nella sera. 

Bruco ibernante : nelle case. 
H. rostralis L. — Estate e principio di Autunno in tutto il territorio sui 
muri. 
Bruco sulì'Humulus luppulm^ ed Ampelopsis hederacea. 
H. obsitalis, Hb. — Primavera, Estate ed Autunno: comune nel territorio 
nelle siepi. 
Bruco ignoto. 
H. radiatalis, Hb. - Estate ed Autunno: un solo individuo sulla Paiie- 
taria. 

Bruco sulla Parietaria offìcinalis nelle mura della città. 
H. antiqualis. Hb. — Osimo: un solo individuo in Estate in una cantina. 
Bruco ignoto. 

Gen. 111. — Thalamoges, Ld. 

T. turfosalis, Wk. — Estate : tre individui in una lampada della luce elet- 
trica. 
Bruco ignoto. 

Gen. 112. — Zanclognata, Ld. 

Z. tarsiplumalis, Hb. — Estate : un solo individuo sulle lampade a luce 
elettrica. 

Bruco ignoto. 

B — O-eoiirietrae, Bdv. 

Gen. 113. — Fseudoterpna, H. S. 

P. pruinata, Hufn. — Estate : frequente in tutto il territorio sulle siepi 
nella sera. 

Bruco sulla Coroìiilla varia e Spartium junceum. 
P. coronillaria, Hb. — Estate: un solo individuo perfetto e due altri mal- 
conci in una lampada elettrica. 

Bruco ignoto, forse sulla Coronilla varia ì 



— 192 — 

Gen. 114. — Geometra, Bdv. 

G. alinaria, L.— Estate ed Autunno: prati di Rigo, valli dell'Aspio e del 
Musone e Monti di S. Stefano, frequente suU' erba. 
Bruco sulla Betula alba e Corylus avellana. 

Gen. 115. — Evicrostis, Hb. 

E. herbaria, Hb. — Estate: un solo individuo nei dintorni di Osimo sul 
fiore di Robinia. 
Bruco ignoto. 

Gen. 116. — Fhorodesma, Bdv. 

Ph. plusiaria, Bdv.— Estate : M. S. Stefano due individui sulla vite. 

Bruco sulla Vitis vinifera. 
Ph. neriaria, H. S. Estate : un solo individuo ottenuto da vari bruchi 
trovato in un giardino di città sull'Oleandro. 
Bruco sul Nerium oleander. 
Ph. smaragdaria, F. — Estate : un solo individuo in una siepe di Rovo 
nei dintorni della città. 
Bruco ignoto. 

Gen. 117. — Nemoria, Hb. 

N. pulmentaria, Gn. — Estate ed Autunno: M. Fiorentino presi alcuni 
individui alla caccia alla Lanterna. 
Bruco snWOnonis spinosa. 

Gen. 118. — Timandra, Dup. 

T. amata, L. — Estate : frequente nelle selve del territorio sul far della 
sera sui cespugli di Quercia. 

Bruco sulla Quercus robur, Holcus lanatus e Poa annua. 

Gen. 119. — Acidalia, Hb. 

A . vittaria, Hb. — Primavera ed Estate : in tutto il territorio sui fiori. 
Bruco forse sulle Graminacee. 



— 193 — 

A. contiguaria, Hb. — Estate : M. Fiorentino , fossi del Guazzatore e di 
S. Valentino sulle siepi. 
Bruco ignoto. 
A. imitarla, Hb, — Estate : frequente in tutto il territorio nelle case. 

Bruco sulla Poa amma e P. pratensis. 
A. punctata, Tr. — Estate: un solo individuo sotto le foglie di un cespu- 
glio di Quercia a M. Ragalo. 
Bruco ignoto. 
A. nemoraria, Hb. — Estate: in tutte le selve del territorio sui cespugli 
di Coronilla e di Pungitopo. 
Bruco sulla Coronilla varia. 
A. degenerarla, Hb. — Estate ed Autunno: in tutto il territorio sulle 
Querce. 

Bruco ignoto. 
A. subserlceata, Hw. i Pinguedlnata, Z.) — Estate: M. di S. Stefano, M* 
Ragalo, due individui sul Biancospino. 
Bruco sul Crataegus oxyacantha. 
A . Incarnarla, H. S.— Estate : M. S. Pietro, M. Ragalo sulla Lupinella. 

Bruco auW'Onobr/jchis sativa. 
A. congruata, Z.— Estate : un solo individuo a M. Fiorentino sotto le fo- 
glie di un Evonimo. 
Bruco ignoto. 
A. emarginata, Hb. — Estate : comune nel territorio sulle siepi e nei prati. 

Bruco ignoto. 
A. muricata, Hufn. — Autunno: M. Ragalo, due individui presi al lume 
della Lanterna a piedi ad una Quercia. 
Bruco ignoto. 
A. litigiosaria, Bdv.— Estate: ignoro la località dove fu catturata. 

Bruco ignoto. 
A. Acqultanarla, Const. — Estate : M. Fiorentino, alcuni individui presi 
al lume della Lanterna. 
Bruco ignoto. 
A. inastata, H. S.— Pestate : Monti di S. Stefano e Casenuove, frequente 
sull'Avellana. 

Bruco sul Coryllus amllana. 
A. strigarla, Hb. — Estate : M. S. Pietro sui cespugli di Quercia. 
Bruco ignoto. 

(continua) 
}l Naturalista Siciliano Anno XII 2S 



-19i 



Le metamorfosi del Conger vulgaris e del Conger mistax 



NOTA 



del Doti. LUIGI FACCIOLA 



In altro mio opuscolo (1) ho fatto conoscere l'esistenza di individui in 
uno stato di transizione dai Leptocephalus Morrisì e Kóllikeri ai rispet- 
tivi Conger vulgaris e mistax. Ora debbo aggiungere che il L. Morrisi 
è preceduto da tre stati del L. inaequalis e il L. Kóllikeri dai L. ITaecle- 
lii , YarrèUi, Bihroni e Gegenòaiiri. Le fasi di sviluppo delle due nomi- 
nate specie di Conger si riassumono come segue. 

Conger vulgaris Cuv. 

Prima fase. — È rappresentata dal L. inaequalis che desciissi nel 188.3 (2). 
Questo ha il corpo molto compresso, la sua maggiore altezza ordinaria- 
mente si trova nella meta, posteriore della intiera lunghezza ove è doppia 
o pressoché di quella che esiste dietro il capo^ ciò che gli dà un aspetto 
caratteristico. Il muso nei giovani è acuto, nei lunghi è più o meno ot- 
tuso. Le mascelle sono eguali, armate sino all'angolo della bocca di una 
serie di denti acuti e prismatici. Nella superiore ve n'ha da sei a otto per 
lato in avanti, indi da venti a ventidue di quasi metà più piccoli , più 
avvicinati e di uniforme grandezza. Nella inferiore sono da quindici a 
diciannove per lato , più grossi dei sei od otto notati. Sull' estremità di 
ciascuna ve ne sono due più grossi degli altri e al di sopra di quelli 
della superiore, che hanno forma di zanne, due intermedi minori. Una 



(1) Sull'esistenza di forme di passaggio da alcune specie di Leptocefolidi agli adulti 
corrispondenti. Natur. Sicil. Ann. XII, n. 5 e 6, 1893. 

(2) Descrizione di n. sp. di Leptoceph. dello stretto di Messina. Atti Soc. Tose. se. 
nat. VI, fase. 1. 



— 195 — 

narice anteriore da ciascun lato dell' estremità del muso munita di un 
cercine membranoso, che è il vestigio del tubo nasale, e una narice po- 
steriore semplice innanzi l'occhio. Questo è più o meno ristretto sull'an- 
golo della bocca ed inclinato in avanti , specialmente nei giovani. La 
fessura branchiale è obbliqua. La dorsale è molto bassa e nasce nella metà 
posteriore del corpo tanto più in dietro quanto più giovane è l'animale. 
L'ano si trova nel terzo posteriore della lunghezza, ma la sua distanza 
dall'estremo corrispondente varia dentro certi limiti pure a norma del- 
l'età ed è tanto maggiore quanto più adulto è l'animale, il che dipende 
dal progressivo accorciamento del tubo digestivo. Nei più giovani è presso 
l'estremo posteriore. Sui lati del ventre scorrono due serie di punti per 
lo più disposti a paja obblique, i quali si fanno notare per la loro reci- 
proca distanza sempre più grande a misura che si va in dietro e si con- 
tinuano al di là dell'ano sopra i lati dell'anale. Lungo la base di questa 
pinna vi è un'altra serie di punti. Una serie comincia dalla base della 
cedale e si porta in avanti lungo gli angoli di mezzo formati dai fascetti 
muscolari dei lati del corpo , molto variabile per estensione essendo tal- 
volta limitata all' estremità posteriore e potendosi protrarre fino al 
principio dei punti del ventre che è un poco dietro la gola. Questo lepto- 
cefalo è molto comune nel mare di Messina, almeno in certe circostanze; 
io ne ho avuto più di trecento esemplari in una sola volta , perciò mi 
sorprende che altri non l'abbia descritto prima di me. I più piccoli, che 
sono rari , misurano 76 millim. e i più lunghi possono giungere a 140 
millim. Su di un esemplare ho prese le seguenti misure : 

Lunghezza del corpo 120 millim. 

Dall' estremità anteriore all' origine della dorsale . 75 » 

, Dall'estremità anteriore all'ano ..... 102 » 

Seconda fase.- -In una seconda fase di sviluppo l'animale si distingue 
da quello che era principalmente pel muso mediocremente ottuso , per 
un numero scarso di denti situati a distanze irregolari e variabili, l'ori- 
gine della dorsale un poco innanzi la metà del corpo, l'ano più o meno 
dieti'o il mezzo della lunghezza. Il corpo è tuttora di forma molto de- 
pressa e la disuguaglianza della sua altezza nella metà anteriore e po- 
steriore è meno pronunziata. Da un individuo ho tolte le seguenti mi- 
sure : 



— 196 — 

Lunghezza del corpo . . . . , . . HO millim. 
Dall'estremità anteriore alla origine della dorsale . 51 » 

Dall'estremità anteriore all'ano 77 » 

Terza fase. — In questa il mr.so è molto ottuso quasi come nel /.. Mar- 
risi, la mascella inferiore è alquanto più breve della superiore, i denti 
mancano completamente, l'ano è un poco innanzi la metà della lunghez- 
za , r origine della dorsale verso 1' unione del terzo anteriore col terzo 
medio della lunghezza. Il corpo è meno compresso, più uniforme. Da un 
esemplare ho ricavato le seguenti misure : 

Lunghezza del corpo . . , . . . . 112 millim. 
Dall'estremità anteriore all'origine della dorsale . . 54 » 

Dall'estremità anteriore all'ano 75 » 

Quarta fase. — Corrisponde al tipico L. Morrisi Gm. in cui il muso 
è ottusissimo , la mascella inferiore alquanto più corta della superiore, 
mancano i denti o sono scarsi , rudiraentari e di nuova formazione, il 
principio della dorsale è nel terzo anteriore, l'ano innanzi la metà della 
lunghezza, il corpo è cilindrico, più stretto e di uniforme altezza. 

Da un esemplare ho tolte le seguenti misure : 

Lunghezza del corpo 103 millim. 

Dall'estremità anteriore all'origine della dorsale . . 29 » 

Dall'estremità anteriore all'ano ..... 40 » 

Quinta fase. — E una fase intermedia al L. Morrisi e all'animale coi 
caratteri definitivi , rappresentata da individui semitras>>arenti , con le 
mascelle eguali, munite di denti, l'inizio della dorsale in direzione del- 
l' apice delle pettorali , 1' ano nel terzo anteriore della lunghezza e con 
minutissimi punti foschi sul piano superiore del capo e sui lati del dorso. 
Ancora non sono cancellati i punti che formano due serie lungo il ven- 
tre e tre serie dietro l'ano, meno evidenti quelli lungo la linea laterale. 
Uno di questi individui ha dato le seguenti misure : 

Lunghezza del corpo . 75 millim. 

Dall'estremità anterioi'e all'origine della dorsale . . 13 » 
Dall'estremità anteriore all'ano ..... 27 » 



— 197 — 

Sesta fase. — E ragg-iunta dai giovani normali del C. vulgaris nei quali 
il principio della dorsale e l'ano corrispondono allo stesso sito che hanno 
nella quinta fase ed è contrassegnata dalla scomparsa dei punti lungo 
il ventre e di quelli sopra i lati dell'anale, dall'apparizione di un ordine 
di punti lungo la base della dorsale e da colorazioue fosca del dorso 
preceduta da due fascio longitudinali castagne molto spiccate. 

Tra la prima fase di sviluppo del L. inaequalis e quella che corri- 
sponde al L. Morrisi non vi è nei caratteri esteriori altra particolare 
somiglianza che nel sistema dei punti neri. Infatti differiscono conside- 
revolmente per la forma del corpo e per quella del muso , per lo svi- 
luppo dei denti, per la posizione dell'ano e il sito ove la dorsale ha prin- 
cipio. Ma r esistenza di tutti gli stadi intermedi alle due forme, i quali 
si possono facilmente verificare quando si ]ia a disposizione un grande 
numero di esemplari , mostra chiaramente che queste differenze dipen- 
dono dall' età ed è la metamorfosi che dà allo stesso animale aspetti 
tanto diversi. D' altra parte lo studio della corda dorsale ci addimostra 
che nella prima fase del L. inaequalis è molto immatura rispetto a quella 
del L. Morrisi e che va a complicarsi sempre più nelle fasi intermedie. 

Se da un giovane esemplare si asporta il fascio assiale che scorre tra 
i due foglietti dermo-muscolari del corpo , si vede costituito in alto da 
un cordoncino opaco che è il midollo spinale, in basso da due vasi che 
sono un'arteria e una vena e nel mezzo dalla corda trasparente sulla quale 
da ciascun lato si osservano per tutta la lunghezza delle linee trasver- 
sali che sembrano le linee di segmentazione ma sono invece le radici 
dei nervi spinali. Tra le dette linee se ne scorgono altre minori anche 
trasversali le quali al microscopio risultano da altrettanti aggregati di 
areole limitate da tramezzi appartenenti alla membrana fibrosa esterna 
che involge la corda. In direzione di questi aggregati vi è internamente 
una serie di pieghe trasversali estese a tutta l'altezza della corda e col 
margine libero convesso, le quali sorgono dalla membrana trasparente 
propria della stessa corda. Dietro il capo sono semplici e più ravvici- 
nate , indi alle due estremità cominciano a dividersi in due pieghe mi- 
nori divergenti che non si congiungono a quelle vicine e a misura che 
si va in dietro guadagnano in estensione a svantaggio delle pieghe da 
cui prendono origine fino ad uguagliarle, onde risulta un sistema Idi ca- 
vità ottagono di cui il lato superiore e l'inferiore sono rappresentati dai 
due profili della corda e perciò non chiusi da parete. Questa struttura 
noi vediamo conservarsi in tutti gli stadi di sviluppo dell'animale finché 
non abbia raggiunto i caratteri normah. Nei giovani esemplari di L. inae- 



— 198 — 

qualis lunghi fino a 100 millini. lei corda si trova per tutta la sua lunghezza 
allo stato membranoso senza traccia di vertebre né di apofisi neurali ed 
emali. Nei più adulti appartenenti alla prima fase si trovano soltanto 2-4 
vertebre formate, sebbene ancora poco consistenti, a cui sui succedono in 
avanti a regolari distanze dei tratti longitudinali in corrispondenza del 
profilo superiore ed inferiore della corda, opposti e paralleli, formati da 
ispessimenti del suo involucro trasparente e sono il primo accenno dei 
corpi vertebrali. Proseguendo in avanti questi tratti divengono mano a 
mano più corti fino a che del tutto scompariscono. È da notare che i 
tratti inferiori sono più brevi e che si dileguano prima dei superiori. Sulla 
stessa corda esiste un numero variabile di apofisi neurali primitive (1), 



(1) Xelle forme non molto imuiature dei leptocefali vediamo da ciascnn lato della 
corda in alto nna serie di apofisi situate a regolari distanze, strette, più o meno acu- 
minate verso l'estremità superiore, dritte, verticali, le quali s'innalzano sino al limite su- 
periore del midollo spinale senza congiungersi a quelle del lato opposto. Cominciando 
dall'estremità posteriore ripetonsi dopo le vertebre formate per un tratto pili o meno 
considerevole di corda. In basso vi è un'altra serie di apofisi dai due lati, le quali co- 
minciando dalla stessa estremità appariscono più tardi delle opposte e perciò si trovano 
meno sviluppate e in avanti cessano molto prima delle superiori. La formazione di que- 
ste apofisi è anteriore a quella delle lamine vertebrali. Difatti prima che queste lamine 
sieiu) comparse esse apofisi si trovano sulle poche vertebre esistenti verso l'estremità 
caudale della corda e nel caso che un certo numero di lamine partendo da questa estre- 
mità sono già formate sulle vertebre , le stesse apofisi si possono seguire isolatamente 
più in avanti. Le dette lamine sviluppandosi al di sopra e al di sotto dei corpi verte- 
brali vengono a congiungersi al nuirgine anteriore e posteriore delle apofisi corrispon- 
denti fino all' estremità, le quali perciò lestano nel mezzo a guisa di pilastri e fauno 
parte di quelle sebbene se ne distinguano nettamente. Ma in seguito tendono a confon- 
dersi con la sostanza delle lamine. 

('io posto se negli altri Teleostei lo sviluppo delle due parti .segue la stessa norma 
sarebbe appropriato dare il uome di apofisi ai jìrocessi primitivi verticali della corda 
distinguendoli in neurali ed finali e conservare quelle di lamine o archi rerlebrali ai 
pezzi più larghi che a quelle si connettono e che prendono origine da cicleali già co 
stituiti. Ma nel linguaggio scientifico odierno i nomi di apofisi neurali ed einali eijui- 
valgouo a lamine vertebrali superiori e inferiori. Per che volendo esprimere con un no- 
me le produzioni succennate , le quali appariscono prima delle lamine, possono dirsi 
apofisi primitive o processi primitivi neurali ed emali. 



— 199 — 

ma sempre limitato all' ultima parte della sua lunghezza. Andando dal- 
l' estremità posteriore in avanti esse sono sempre meno sviluppate per 
ridursi ad una debole traccia che poi svanisce. Qaelle che vengono dopo 
le vertebre sorgono direttamente dai lari della corda e poiché se ne os- 
servano dei vestigi dopo che ogni accenno di vertebre rappresentate dai 
suddetti ispessimenti é cessato e possono trovarsi presso 1' estremità po- 
steriore quando nessuna- vei-tebra è abbozzati), bisogna ritenere che ap- 
pariscono prima che sia avvenuta la segmentazione deHa corda e indi- 
pendentemente dalle vertebre. Le emali soiio meno sviluppate , coi'te 
ed ottuse e in minor numero dello neurali e per solito non se ne con- 
tano che da quattro a sei circa sul termine della coi'da. 

Nella seconda fese dell'auimale il numero delle vertebre formate è di 
poco maggioi'e, gli abbozzi delle vei'tebrc e le iipotìsi neurali primitive si 
estendono più innanzi e qualche traccia di queste ultime non manca insino 
all'estremità anterioi-e della corda. Anche i processi cmali sono alquanto 
più numerosi. Nella terza fase la fbrmr.zione e lo sviluppo delle dette parti 
sono ancora più avanzati. Infine nel L. Morrisi la corda è divisa in tutta 
la sua estensione in segmenti cilindrici cartilaginosi , ma quelli presso 
la coda sono più maturi con principio di ossificazione; i processi supe- 
riori sono più evidenti dove prima erano poco accennati e si possono 
seguire fticilmente da una estremità all'altra della corda. Esse abbrac- 
ciano l'intiera altezza del midollo e sulle ultime sei vertebre o circa si 
connettono dai due lati ad' altrettante lamine che rappresentano gli ar- 
chi superiori e che mancano nelle fasi precedenti; le apofisi emali sono 
in numero maggiore e conservano il carattei'e di essere brevi ed ottuse. 

Essendo i singoli metanieri in cui si trova divisa la corda già netta- 
mente distinti fra essi si possono senza difficoltà enumerare con un de- 
bole ingrandimento al microscopio e si trova che sono 54 o poco più, 
secondo gì' individui , come nel C. valgaris. Ora per acquistare intiera 
certezza che il L. inaequalis appartiene al Morrui dovremmo riscontrare 
nel primo lo stesso numero di vertebre Se non che nella sua prima fase 
mancano o sono limitate all' estremità posteriore della corda e nella 
seconda e terza fase nemmeno hanno raggiunto il numero definitivo. 
Ciò non ostante vi è un mezzo facile per riuscire all'intento e consiste 
nel noverare al microscopio le radici dei nervi spinali o meglio i loro 
rigonfiamenti ganglionari. Questi asportando il fascio assiale rimangono 
attaccati alla corda e costituiscono una serie su ciascun lato di essa , 
collocati immediatamente dietro le apofisi neurali esistenti. Infatti risul- 
tano essere 154 paja o alcune di più in rapporto col numero delle ver- 



— 200 — 

tebre. Un altro espediente che conduce ugualmente allo stesso fine è l'è. 
numerazione dei foscetti muscolari di uno dei due lati del corpo poiché 
ogni fascette coincide con una vei-tebra o un tratto di corda corrispon- 
dente. La maggior parte, «i possono contare ad occhio nudo con un ago, 
ma per quelli al principio del tronco e sali' ultima porzione della coda 
si rende necessario l'uso del microscopio, essendo i primi meno evidenti 
e gli jdtri di più in più cosi stretti e ravvicinati che non si possono di- 
scernere separatamente. Questa operazione ripetuta sopra più esemplari 
in ciascuno dei tre primi stadi ha dato un risultato esattamente confor- 
me al precedente relativo ai gangli nervosi. Del resto io ho assoluta 
certezza che tanto i fascetti muscolari quanto le radici dei nervi devono 
corrispondere a un egual numero di vertebre perchè lo stesso rapporto 
ho trovato costantemente sopra parecchi esemplari del L. Morrìsi. 

Un'altra prova soddisfacente dell' identità specifica del L. inaequalis 
col L. Morrìsi viene offerta dalla forma e disposizione dei pezzi cartila- 
ginosi che si attaccano all'ultima vertebra o all'estremità posteriore della 
corda e costituiscono una placca verticale (ipurale) e dal numero dei 
raggi cedali che sostengono. In direzione della corda vi è un pezzo lon- 
gitudinale ristretto nella sua parte anteriore , allargato e col margine 
convesso posteriormente. .Al di sotto vi è un'altra lamina vei'ticale quasi 
della stessa grandezza , che non è omogenea come la predetta- poiché 
risulta di tre prolungamenti, uno sotto l'altro, che si dirigono in dietro. 
Il superiore e il medio di essi si partono dalla porzione ristretta del- 
l'altro pezzo col quale si connettono, l' inferiore è l'apofisi emale molto 
sviluppata dell' ultima vertebra e quando questa non è ancora formata 
si attacca al punto corrispondente della corda. Tutti e tre congiungen- 
dosi formano in dietro un altro margine convesso. Alla placca superiore 
s'inseriscono da cinque a sei raggi codali , da quattro a cinque alla in- 
feriore, ma nella somma sono nove oppure undici. 

Un' ultima corrispondenza vogliamo notare tra i due leptocefali ed è 
nella forma dell'estremità radicale dei raggi pettorali. Questa estremità 
a differenza di quelli di altri leptocefali non presenta una testa con a- 
poflsi, ma è semplice e come troncata. Tale è pure nel C. vulgaris. 

(contmua) 



Mnrico Ragusa — Direttore resp. 



|iiiMniHiiiniiiMMniiiinniiMiiiiniMiMuniwHintHiinnnniininHniiHniiniiMiniMHiMiiiiihiMiHiiiininiiiininiHiiiniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiu 
I ANNO XII. f^07 GIUGNO 1893 N. 9. I 



IL NATURALISTA SICILIANO j 

GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 1 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE 



ABBONAMI- XTO ANNUALE 



Italia L. 10 » 

Paesi compresi nell'unione postale » 12 » 

Altri paesi » 14 » 

Un numero separato, con tavole » 1 25 

» SENZA tavole » » 1 » 

CiM abbonamenti cominceranno dal 1'^ DI ottobre di ogni anno 



Indirizzare tutto ciò che riguarda 1' Amministrazione e Redazione 
al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 



SOMMARIO DKL NUM. 9. f 

s 

E. Ragusa — Catalogo ragionato del coleotteri di Sicilia (cont.) 1 

E. Ragusa — Xote lepidotterologiche (cont.) = 

F. S. Monticelli — Intorno ad alcuni Elminti del Museo Zoologico della R. Uni- | 

versità di Palermo (con una tavola) (fine). E 

L. Spada — Contribuzione alla Fauna Marchegiana. I Lepidotteri finora trovati = 

nel territorio di Ostino (cont.). = 

L. Facciola — Le metamorfosi del Conger vulgaris e del Conger mistax {cont.) = 

F. Minà-Palumbo — Rettili ed Anfibi Nehrodensi (cont.) | 



m 



I PALERMO I 

1 Stahilimento Tipografico Virzì 1 

I ^'"^"1893 I 

nHiiiiniiiMiiiiMiiiiniiiniiiiiiMiiiiniiiniiiiiinniiiiiiiiniiinniiniMiiiiMinuiiiiiiiiiiiiiiiiHiininiiiiiniiihiiiiiiiinnniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiuniiii^ 



i893 



ANNO XII. GIUGNO 1893 N. 9. 

lOATOlAlIsfAlclLMO 



CATALOGO RAGIONATO 

DEI 

COLEOTTERI DI SICILIA 

(Cont. ved. N. 1-2) 

GEUTRUPINI 

Bolboceras Kirby. 

gallicum Muls. . • . Il solo Bandi mi nolo e oomunicò un esemplare di Bol- 
boceras Q sp.? di Sicilia, trovato dall'Albera. Io ne 
posseggo tre soli esemplari un cf di Piazza Armerina, 
e due 5^? ini'^ tli Termini, l'altro dei dintorni di Pa- 
lermo. Quesia specie , che sembra tanto rara da noi, 
scava dei buchi perpendicolari nel terreno, rigettando 
attorno all'apertura la tei-ra est ratta, la quale trovan- 
dola fresca è siciu'o indi/io che 1' insetlo è nella sua 
tana. Pria di scavare per estrarlo è bene introdurre 
nel cavo un filo di paglia o ramoscello che serve poi 
di guida per trovarlo. 

Geotrupss Latreille (1) 

Typhoeus Lcach. 

Minotaurus Muls. 

Typhoeus L. . . . Ghiliani , Romano , Keiche , De Stefani citano questa 

specie che è poco rara da noi. Il cf che si trova più 
comune della Q, ed è assai varialjile negli appendici del 
protorace che sono spesso assai modificali , il corno 

( 1) Il sig. G. Jacobsoha ha pubblicato nel Horae Ent. Ross. 1892 pag. 245-257 un 
articolo sulla Sistematik der Oeotnipini al quale ha risposto il sig. Edm. Reitter nella 
Wiener Ent. Zeit. psg. 272-278. Io ho notato le specie di Sicilia secondo il sistema te- 
nuto nell'ultimo catalogo di Berlino. 1881; aspettando l'ultima pubblicazione del Reitter 
che è in corso di stampa, onde se ne sarà il caso, tornare suH'argomento. 

// Naturalista Siciliano, Anno XII, 27 



-202 — 

del mezzo diventa in alcuni esemplari piocolissirao , 
e quelli laterali si raccorciano a meno della metà. Si 
trova specialmente d'autunno, ed io, olire dei dintorni 
di Palermo, ne ho pure del resto dell'isola. 

Cauthotrupes Jekel (1). 



Douei Gory. 



Questa specie descritta ])ure col sinonimo di SLculus Er. 
è stata citata di Sicilia dal Romano (siculus), De Ste- 
iani, Steck e notala dal Bandi. Gli esemplari del'a 
mia collezione provengono da Cast<lbuono , Piazza 
Armerina e Castrogiovanni , dove però non sembra 
sia comune. 



Geotrupes Muls. 



spiniger Marsh. 



mutator Marsh. 



hypocrita Serv. 



Ghiliani , Romano, Reiche , Steck e De Stefani citano 
tutti questa specie tanto comune, sotto il sinonimo di 
stercorarius , ed il Bandi me la notò. Io la posseggo 
in numerosi esemplari, specialmente raccolti nei din- 
torni di Palermo, fra' quali alcuni di un terzo della 
grandezza ordinaria e con la tinta cerulea nelle elitre 
assai accennata. 

Posseggo un solo esemplare, di questa splentlida specie 
nuova per la Sicilia; l'ho raccolta nei dintorni di Pa- 
lermo. 

Ghiliani, Romano, Reiche, Rollenborg la ciiano ed il 
Bandi me la notò. E comunissima e varia moltissimo 
nella grandezza ; io suppongo che il Ghiliani e Ro- 
mano citarono la vernalis L. che non è stala ritro- 
vata in Sicilia, determinando cos'i i piccolissimi esem- 
plart di hypocrita. 



Thorectes Muls. 



laevigatus F. 



Ghiliani, Romano, Reiche, Rottenberg, Sleck e De S'e- 
fani la citano ed il Bandi la nota; è comunissima ed 
assai variabile; ad essa si riferisce certamente Vhemi- 
sphaericus citata dal Ghiliani. Io olire che di Sicilia 
ne ho pure esemplari dell'isola d' Ustica e di Strom- 
boli. 



(1) Essai sur la classification naturelie des Geotrupes ect. par. I. Jekel Ann. Soc. Ent. 
France 1865 pag. 513-618. 



-203 — 

var. areolatus Reitler var. nov. Ebbi determinati varii esemplari di laeviga- 

tus sotio questo nome , dallo stesso sig. Reitler che 
certamente la descriverà nel suo prossimo lavoro, co- 
me pure la varietà seguente. 

var. romanus Reitter var. nov. Altra varietà determinatami pure dallo Reitter 

che mi rimandò tre piccolissimi esemplari di laeviga- 
tus sotto questo nome. 

marginatus Poirel. . Per molti anni possedevo un solo esemplare di questa 

bellissima e distinta specie conosciuta oltre che d'Al- 
geria di Sicilici, anche dal Jekel {siculus); V ebbi do- 
nata dai fratelli Villa di Milano , ed è un esemplare 
grandissimo. Ne ebbi ultimameute altro esemplare si- 
mile da Messina assieme ad uno piccolissimo, uguale 
a quelli che il Jekel vide di Sicilia. Pare sia abba- 
stanza rara (1). 

DYNASTINl 
Penlodon Hoppe. 

punctatus Villers. . QueMa specie oomunissima è citata dal Ghiliani , Ro- 
mano (scarabaeus) (2), Reiche, Rottenberg, Sleck, De 
Stefani , e notata dal Baudi. È comunissima in tutta 
la Sicilia, e si trova che cammina nei viali in cam- 
pagna (3). 

m. testudinarius Ragusa. Posseggo un solo esemplare di questa mostruosità 

che molti entomologhi ritennero per specie nuova; 
r el)bi da Castelbuono e la descrissi in questo perio- 
dico. Anno I, pag. 279-80, Tav. XI^ fig. 5. Non ri- 



Ci) Eomano cita tre Oeotriipes sp. ? , ed il Ghiliani cita pure una specie che egli ri- 
putava nuova, da lui trovata sull'Etna proprio al cratere (?). 

Nel catalogo di Berlino al Thorectes Sardous Er. non so su quali dati , hanno posto 
pure per patria la Sicilia; ignoro assolutamente che sia stata trovata da noi. 

(2) Egli cita pure una varietà con un grosso punto impi'esso lateralmente sul corsa- 
letto. 

(3) Non noto il P. monodon F., citato dal Ghiliani, né Valgerinus Herbst. citato dallg 
Steck e che ha pure un monodon per sinonimo, fintantoché non sia accertato che questa 
specie viva realmente in Sicilia ; a me per quanti P. punctatus abbia raccolto , non ne 
ho ancora trovati con la sutura frontale unituberculosa, che è il carattere principale per 
distinguerla àaìValgerinus. 



— 204 — 

trovandosi è impossibile poter pronunziarsi su questo 
curiosissimo coleottero ;1/. 



Phyllognathus Esclischoliz. 

Silenus F. ... Specie comunissima special me:.: te nelle parti boschive 

della Sicilia. È citata dal Romano, Ghiliani, De Ste- 
fani e notata dal Bandi. Io la posseggo in molti e- 
semplari alcuni dei quali sono rimarchevolissimi per 
la piccola statura, di un terzo dell' ordinaria e la forma 
quasi liscia del corsaletto nei cTcT, mancante di quella 
specie di profondo cavo. 

m. cephalotes (Dej.) Lahoulbéne. Questa moslruosiià di Sicilia descritta negli 

Ann. Soc. Ent. de F'rance 1859 (2), è stata omessa 
nel catalogo di Berlino ; essa è la copia fedele della 
mia m. testudinarius del Pentodon punctatus. 

Oryctes lUiger. (3) 

nasicorais L. . . È citala dal G'.iiliani , Ro nano , Reiche , D.e Stefani e 

Steck; è comunissima prenderla al volo specialmente 
d'està verso rimbininire in campagna, ed in città atti- 
rata dal lume. Per me la ritengo una varietà della 
specie seguente (4). 

grypus III Romano e Sleek la citano e Bandi la nota. È comunis- 
sima tanto a Palermo quanto nel resto dell'isola. 

V. Ragusae Riggio . Ne posseggo un solo esemplare che ho descritto nel Nat. 

Sic. Anno I, pag. 289 (5), ed al quale poi il Riggio 
nell'Anno II, pag. 16, con gentile pensiero impose il 
nome di var. Ragusae. Si distingue dal tipo per a- 
vere nel centro del pronoto un piccolo corno. 



(1) Vedi mia nota Phijl. silenus m. cephalotes Dej. Nat. Sic, Anno VII, pag. 27-28. 

(2) Nat. Sic. Anno VII, pag. 27-28. 

3) Non è da attaccare importanza alla varietà descritta dal Romano ed alle esotiche 
specie Madayascaricus , Tarandus, Orion. 

(4) Piccioli e Cavanna hanno trattato lungameute questa questione nei Resoconti delle 
Adunanze del Bnll. Ent. Ital. pag. 4 a 10, dichiarandola essi pure, una varietà. 

(5) Un'anomalia di Oryctes grypus 111. 



— 206 



PACHYPODINI 

Callicnemis Laporte. 

Latreillei Lap. . . È citala dal Ghiliaiii, irovata all'arena di Calania , ma 

rarissima, sotto il nome di Pachypus truncatifrons Dej. 
Posseggo due soli esern|)lari di questa bellissima spe- 
cie e l'ebbi dal signor Vito Delirami che li raccolsi 
a Licala. 

Pachypus Latreille. 

caesus Er Questa specie è citata dal Reicbe, Rottenberg (ne trovò 

una 9 nel gennaio, presso Santa Maria di Gesù), De 
Stefani, ed è notata dal Bandi. In questo slesso perio- 
dico (1) ne ho stabilita la sinonimia; cosicché alla cae- 
sus appartiene il siculus, citalo di Sicilia, dal Ghi- 
liani (Coelodera). Il P. candidae Petagna notalo nel 
catalogo dal De Bertolini , è specie che vive in Cor- 
sica e non in Sicilia , e ne è sinonimo 1' excavatus, 
citato dal Ronìano. 

La P. caesus è comunissima a E^alernio dal 15 al 
25 ottobre, specialmente alla R. P'avoiiia nel viale 
fianciieggiato d'oliveti, dove ne ho raccolto delle cen- 
tinaia ; varia moltissimo nelle dimensioni ed io ne 
posseggo esemplari piccolissimi ed allri Ire volte più 
robusti. La Q che è attera, è assai rara, e bisogna cor- 
rere dietro ai cfcT per poterla trovare nei profondi bu- 
chi che essa si scava. Il colorito delle elitre dei c/cT, 
in alcuni esemplari è rosso bruno come quello del 
P. candidae Pet., ora per questi, io propongo il nome 
di var. intermedia. 



(continua) 



(1) Nat. Sic. Anno I, pag. 229-231. 



E. Ragusa. 



— 206 — 

NOTE LEPIDOTTERÓLOGICHE 



Stygia colchica HS.? 

Nella collezione di lepidotteri del mio amico Failla, da me acquistata, 
trovai due esemplari di questo rarissimo lepidottero , sotto il nome di 
Psyche muscella Hb. , cosi determinato dal Millière. Io ne possedevo 
sotto ristesso nome (1) un terzo esemplare assai rovinato e da me preso 
il 2 luglio 1871 sulle Madonie, nella località detta la Carbonara, donde 
proviene anche uno dei due presi dal Failla e che porta la data del 15 
luglio (6 di sera). 

Nell'ottobre scorso, avendoli comunicati al signor R. Piingeler, egli me 
li rimandava dicendomi che il Dott. Staudinger glieli aveva determinati 
per colchica, determinazione che il Piingeler però metteva in dubbio, trat- 
tandosi di specie tanto simili tra di loro {colchica Led., Aethiops Stgr., 
Tricolor Led. e Pst/chidioti Stgr.) e conosciuti solamente in pochissimi e- 
semplari assai mal conservati. 

In ogni caso la scoperta di una Stygia in Sicilia è interessantissima 
ed è sperabile che ulteriori ricerche diano degli altri esemplari freschi, 
onde potere pronunziarsi con sicurezza su questa specie. 

Eusarca Interpunctaria HS. 

Il signor MaxWiskott, ben noto lepidotterologo, ebbe la gentilezza di 
donarmi la rarissima Eusarca Interpunctaria HS., della quale il Failla scri- 
veva : « Specie propria della Sicilia, non sappiamo da chi fu raccolta, ci- 
tata nel catalogo Staudinger. Rarissima » . Ora pare che sia stato il Ka. 
den che la trovò da noi^, giacché l' insetto del signor Wiskott porta al- 
l'etichetta « Sicilia, Kaden ». 

Selidosoma Duponchelaria Lef. 

Assieme alla specie precedente il signor Wiskott mi comunicava 
pure una Selidosoma ambustaria Hb. 9, assolutamente diversa da tutte le 



(1) Pure determinatomi dal Millière. 



— 207 — 

mie amhustarie: è rosso-bruna con una fascia più chiara sulle ali superio" 
ri, nella quale vi è un punto un poco più oscuro che il colorito del resto 
delle ali; le due QQ, che io ho di amhustaria, differiscono dai cf cT per le 
sole antenne, avendo le ali brune-nerastre senza traccia di fascia sulle ali 
superiori in una, ed appena accennata nell'altra. Disg-raziatamente l'in- 
setto comunicatomi dal sig. Wiskott durante il viag-gio ebbe a soffrire 
dei guasti , ma io ritengo che questa farfalla sia la Selidosema Dupon- 
cJielaria Lef. Q, la quale oltre all' essere diversa dall' ambustaria Hb. Q, 
ha pure, secondo il Failla, epoca diversa d'apparizione, giacché fu presa 
dal Lefebvre in luglio 1824 nei boschi di Sperlinga (1), mentre V amhu- 
staria ha due generazioni, maggio e settembre. 

A.cidalia Consolidata Ld. 

Ho preso, nei dintorni di Palermo, due esemplari di questa specie nuova 
per la Sicilia; l'ebbi determinata dal sig. Pungeler. 

A.cidalia Ochroleucata HS. 

Altra specie nuova per la Sicilia e della quale il signor Pungeler, a 
cui la comunicai, mi scriveva che è mal collocata nel catalogo Staudin- 
ger, giacché essa va posta vicino della turhidaria HS. 

Ci darla In fi darla Lah. 

Questa specie, citata dal Failla, é dubbio che trovisi in Sicilia. Gli e- 
semplari così determinati nella collezione del Failla sono invece Cidaria 
salicata var. Euficinctaria Gn. 

Euplthecla nep etata Mab. 

Tutti gli esemplari della collezione Failla, notati per scabiosata Bkh. 
erano invece semigrapharia HS. {nepetata Mab.) ; cosicché é dubbio che 
la scabiosata si trovi da noi. 

(continua) 

E. Ragusa. 



(1) Al primo di agosto dell'anno scorso, mandai un giovane entomologo nei boschi dì 
Sperlinga, onde riprendere questa rara e bella Selidosoma; ma cinque giorni di accurate 
ricerche ebbero un risultato negativo. 



— 208- 
Fr. Sav. Monticelli 



Intorno ad alcnni KLIVriNTl 

DELLA COLLEZIONE DEL MUSEO ZOOLOGICO 

della R. Università di Palermo 

(Cont. e fine v. N. prec.) 



Tetracotylidae. 

1. Taenia taurìcoUis Chapman [1876]. 

Numerosissimi esemplari provenienti dall' intestino di un Nandù 
(Rhea americana), ritrovati nel novembre 1891. — Io li ho riferiti alla 
specie dello Chapman (1 ), perchè essi concordano con la descrizione 
data da questo A. .della sua specie. Se, per altro, la descrizione dello 
Chapman è in molti punti incompleta, completa ed accurata, invece, 
è quella che dà lo Zschokke della Tacnia (trgentìna, da lui pure ri- 
trovata nella Rhea americana (2). 

Nel determinare gli esemplari in pai'ola ho potuto facilmente ac- 
corgermi che la T. argentina dello Zschokke per nulla differisce da 
questa in esame, e per esso, quindi, ancora dalla Taenia tauricoUis, 
della quale, [)are, come si l'ileva dal contesto, lo Zschokke ignorasse 
l'esistenza (3). Dal che ho concluso che le due specie T. argentina 
e T. tanricollis sono la stessa cosa (4). E siccome il nome dato 
dallo Chapman è più antico (1876), quello dello Zschokke (1888) cade 
in sinonimia del pi-imo : si avrà quindi T. t.auricollis Chapman^:!". 
argentina Zschokke. Ma se a questo A. non può attribuirsi la spe- 



(1) Proceed. Acad. Nat. Se. Philadel., 1876, p. 14, con incisioni. 

(2) Ein Beitrag zar Kenntniss der Vogeltaenien, in: Centr. f. Bakt. u. Pa- 
rasit. II Jahr. 1888, pag. 41-46. 

(3) Linstow, per altro, la registra solo nel Naclitrag al suo Compendium d. 
Hehnintholog-. 1889, pag. 47. 

(4) Questa conclusione ha confermato Pesame di alcuni esemplari tipici di 
T. argentina che lo Zscliokke, con la sua solita cortesia, ha voluto, dietro mia 
richieéta^ inviarmi in esame. 



— 209- 

cie, a lui si deve l'aver data esatta e minuta notizia della organiz- 
zazione di questa interessantissima specie di Tenia. La quale, per 
tutte le sue caratteristiche anatomiche e per la presenza di una vera 
ventosa anteriore protrattile, aiMTiata sul suo margine anteriore di 
una corona di minutissimi uncini (ciò che pare sia sfuggito allo 
Zschokke), e differente assai da quella che si osserva incerti Tetra- 
cotylus (1), merita di essere distinta dalle altre tenie anclie generi- 
camente. Ed io propoi'rei che essa costituisse, perciò, il tipo di un 
nuovo genere di Tetracotylidae (2), che chiamerò Chapinania. Le 
caratteristiche di questa possono essere così riassunte : 

« Capo rotondato, piccolo, con una ventosa anteriore protrattile ed 
armata sul margine anteriore di una corona di minutissimi uncini. 
Ventose piuttosto grandi, robuste, inermi. Pi'oglottidi campanulate. 
Aperture genitali marginali, tutte da una sola parte. Testicolo unico. 
Ovario bilobo, ramoso». 

« L' unica specie del genere è la Chapinania taurìcollis Chapman, 
dell'intestino della Rhea americana y>. 

Fra i moltissimi esemplari esaminati uno ve n'era che presentava 
l'anomalia che ho disegnata nella figura 6.— Quest'individuo era com- 
pleto e misurava 18 cent, e 4 mill. e l'anomalia in parola consiste 
in ciò, che, a metà quasi della sua linighezza, si osservava uno sdop- 
piamento, dirò così, della catena, mia fenditm-a longitudinale che de- 
termina due branche, ciascuna costituita da ugual numero di pro- 
glottidi: quelle di una branca essendo più strette di quelle dell'altra. 
La branca più lai'ga foi'ma contiuuilà con la catena: la bi-anca più 
stretta posteriormente s'inserisce, insieme con l'altra, su di un anello 
normale della catena , ma, anteriormente, è libei'a e si vede chiaro 
che si è staccata dall'anello normale— col quale si articola il braccio 
largo — che è di tanto [)iù lai'go del braccio largo, quanto è appunto 
la larghezza del braccio stretto, libero anteriormente. 

Questa anomalia ricorda molto quella da me descritta, or non è 



(1) Notizie su di alcune specie di Taenica, in: Boll. Soc. Nat. Napoli, Voi. V, 
1891: v. a pag-. 168-172 di questo mio lavoro. 

(2) Famig-lia dei Cestodi segraentati (Taeniosoraa), secondo la classificazione 
dei Cestodi da me proposta : v. Monitore Zoologico Italiano, Anno III , n. 31, 
pag. 100-108. 

U Naturalista Siciliano Anno XII ?S 



— 210 — 

molto (1), nel Bothriocephalus microcephalus. Come questa anoma- 
lia si è determinata nella Cliapmania tàiiricoUis, si può s[)iegare, più 
che con la ipotesi da me messa innanzi, a proposito del Bolli, micro- 
cephalus, di una tinestratura preesistente — la rpiale non può aniuiet- 
tersi in questo caso, giacché, come ho messo in evidenza, solo nei 
Botriocefalidi si danno finestrature che interessano più proglottidi 
consecutive, mentre nelle tenie, la finestratura è circoscritta ad ima 
sola proglottide (2)— con quella recentemente emessa dal Monicz(3) 
di una intaccatura accidentale delhi catena, dovuta, p. e., ad un coi'po 
estraneo, che è avvenuta, nel caso in esame, da avanti in dietro, dal- 
l'articolazione dell'ultima proglottide integra ed antei-ioi'e allo sdop- 
piamento. Interpetrazione questa del Moniez , della causa detei'- 
minante la biforcazione accidentale della catena dtìi Cestodi che, al- 
tre mie osservazioni sopra altri casi di bifoi-cazione anteriore in al- 
tre Taenia {T.digonopora , T. ci'assicoUis) , uii fanno accettai'e. 
Rinunzio, quindi, alla ipotesi da me precedentemente emessa a pro- 
posito del Both. ììiicrocephalus; massime dopo, le giuste osservazioni 
a questa mosse, in riguardo della finestratura, dal mio collega Mo- 
niez. Ammessa la intaccatm*a, o laceramento, come la causa deter- 
minante la biforcazione della catena di un Cestode, sia d'avanti in 
dietro, che da dietro in avanti, che cosa avviene lungo le superficie 
di laceramento nelle due braccia della catena così deter-minatcsi 
Si determina un processo di rigenerazione per risarcii'o i mar-gini la- 
cerati? Io credo di no, e che, invece, avviene solamente una sutura 
per ravvicinamento dei due lembi dorsali e ventrali della superficie di 
laceramento nelle due braccia della catena. In altri termini , avve- 
nuta, p. e., la lacerazione, in una jìroglottide, le due metà, cosi foi- 
matesi, hanno ciascuna una sui)erficie di i-ottur-a beante; ora i mar- 
gini di questa cominciano a convergere e finalmente si miiscono ; 
l'ectoderma così non si riforma, ma si salda, in quel |nmto, quello 
del ventre con quello del doi'so della proglottidc (metàj, e non \i si 



(1) Di una forma teratologica di Bothriocephalus microcephalus, in : Boll. 
Soc. Nat. Napoli, Voi. 4, 1890, pag. 128-130. 

(2) loc. cit. 

(3) Sur la bifurcation accidentelle que peut presenter la chaine des Cestodes 
et sur les anneux dits surnuraéraires, in: Kevue Biol. d. Nord. France, 3. Anné^ 
N. 4, 1891. 



— 211 - 

osserva più soluzione di continuo: similmente la muscolatura soma- 
tica venti'ale, si fonde con la dorsale e forma continuità con quella. 
La muscolatura del corpo, che, nel momento della lacerazione forma 
un anello aperto verso la superfìcie di rottura, in ciascuna delle 
due metà della proglotide , col ravvicinarsi dei lembi della superfì- 
cie di laceramento di queste, tende a convergere verso il margine 
che si va l'icostiluendo : e, quando questo, con la sutura dei lembi 
(conseguente sutura ectodermica e muscolare somatica), si è rifor- 
mato^ si l'icostituisce ad anello completo. In questo modo, io spiego, 
avvengono le coso e si com|)Ietauo le due metà della catena, dopo 
avvenuta la lacerazione , senza pi'ocesso rigenerativo di parti. La 
stessa spiegazione può ap|)licai'si, con una certa restrizione, special- 
mente riguai'do alla muscolatura del corpo, nei casi di finestratura 
delle pi'oglottidi, per ispiegare la continuità dell'ectoderma nella fi- 
nestia senza pensare ad una rigenerazione di questa, che parmi , per 
la sua natura, anche volendolo, assai difficile ad ammettersi. 

Nella collezione esiste pure, tra lo altre Tenie che contiene, un lun- 
ghissimo frammento di Tue/iia, disgraziatamente senza testa, riferito 
alla T. soliu/ìì, emesso da una ragazzina di 10 anni, alla quale era 
stato somministralo im antelmintico. — Questo frammento presenta 
di |>articolare, che ha gli articoli triedri: in breve, è un tipico esem- 
plare di Tenia triedra (1). Se a|)partenga esso alla T. solium, od 
alla 2\ sa'jinata, io non salerei dire, stante l'assenza di capo: e tanto 
ciò è più difficile, in quanto il triedrismo è stato, a quanto pare, con- 
statato tanto nell'una {T. sctr/i/iata Trabut > (2), quanto nell'altra spe- 
cie (Zenker (3) T. soliam); uè a me è riuscito dalle sezioni ricavare 
la forma dell' uterij ^ che avi'ebhe potuto for-nii'mi indizio, a quale 
delle due specie il frammento i)otesse riferii'si. Ho voluto menzionare 
questo caso di T. triedra , perchè esso sarebbe 1' undecimo finora 
constatato nelle tenie dell'uomo, come risulta dalla statistica di Neu- 



(1) vedi in proposiro Leuckart. Mensch. paras. 2 Aufl. 1879-86 , pag. 573- 
578, e Blancliard. Zool. med., Voi. I, pag. 363. 

(2) Observations tératologiques sur un Taenia saginata h six ventouses et 
de forme triquétre, in: Arcti. Zool. exp. (2) VII, 1889, pag". X. 

(3) Secondo Davaine. Traité des Entozoaire, 2 edit. pag'. XLVII, 1873 (cito 
da Neumann). 



— 212 — 

maniì (1), clie, riassumendo i 14 casi finora noti di Taenia triede 

scrive <( dont 9 rapi^ortés avec plus o moins de certi tude au T. sa- 

ginata, 1 au T. soliuni ». E se questa statistica vorremmo invo- 
care , visto che la niaggioraiiza dei casi di T. triedre dell' uomo si 
rapportano alla T. saglnata, [lotremmo, con una certa approssima- 
zione , inferirne'', che anche nel caso, or ora riferito (11"), si tratti 
della T. saginata. Questo frammento di T. triedra presentava pure 
un'altra anomalia, che ho visto ii] una sola coppia di segmenti, e che 
ho rappresentata nella fig. 12. Si tratta di un segmento soprannu- 
merario (*), della forma oi'dinaria di simili segmenti, ed inserito nel 
modo solito, in uno dei segmenti costituenti la cojìiiia triedi'a. Come 
in tutti i casi osservati di tenia triedra, T apeilura genitale di cia- 
scuna coppia, si trova lungo il margine di congiungimento delle pro- 
glottidi, lo spigolo comune: l'apertura genitale del segmento sopran- 
numerario non ho potuto ben riconoscere ; ma a me sembra che, 
essa si trovi sul margine libero, e ciO) dico con molta i-isei'va, e non 
già lungo lo spigolo comune, disopra 1' aj)ertura della coppia di 
segmenti, alla quale esso appartiene. 

Tetrarhynchidae. 

Nella collezione vi sono pure molti cestodi a|)partenenti a questa 
famiglia — che io mi i'iserl)o di studiare ed illustrai'e largamente, ad 
altro tempo— raccolti: a. nelle carni del Luoat'us iii)pcrl(ilh{Dìbollirio- 
r/it//iclnis ■^p.), — b. nel fegato di Scyiiiniis llcìna (Dibotliriorhyncluifi^ 
e ch'è appunto il D. Scyinni rostrati del \A^agener) (2), che concordano 



(1) A propos d'un tènia trièdre de l'espèce « Taenia per fol lata » ,Goeze, in: 
Revue vétérinaire, Septembre 1800, a pag. 478 (pag-. 8 dell'estratto). 

Se si tratta di caso di tenia triedra, come pare, bisogna aggiungere alla sta- 
tistica quello recentemente menzionato dal Coats J. — A specimen of the pris- 
matic variety of the Taenia saginata {mediocanellata) , in : GlasgOAV Med. 
Journ., pag. 103-107. 

(2) Entw. d. Cestoden, in: Nov. Act. Ac. Leop. Bd. XXIV, Suppl. pag. 81. 
Tab. XVIII, fig. 222-224. Nelle collezioni zoologiche del Museo di St. Nat. di 
Berlino [ho trovato, nella collezione di Wagener], degli esemplari— che devono 
esser certo i tipi di questa specie — provenienti dal peritoneo e stomaco di uno 
Scymnus rostraius di Nizza dove erano incistati. Gli esemplari portano il no- 
me di Tetrarhì/nchm cisticus (N. 20001). 



— 213 — 

perfettamente con quelli trovati da me a Napoli nella Lamna cornubica 
e nello s\esf>o Sci/ mnas, — e. nella cavità del corpo della Raja oxyrhyii' 
chus (Dibothriorliynchas nìcgacepìialus), — d. nel Lagocephalus Pen- 
nanti, pesce raro nel mar di Sicilia, (J6'^rrt6oMr2o/*A///ic/i?^s,sp.) — e. nel- 
le carni di Brama raji (Tetrabothriorhynchus), {an Ant/wcephaUis 
gracilis Rud.? v. nota lap. 224)— /: nel fegato, infine, di Ortltayo- 
riscus /?io^a (il caratteristico Tctrabothi'lorhynclius elongatiis (1) cosi 
comune e frequente). 

A proposito di Tetrarhynchidi colgo Toccasione per ricordare che 
io ho i-iconosciuto in un esemplare raccolto dal D/ Carazzi, a Spe- 
zia, nel Carcharodon Rondeletii (XI, 1887), la foi'ma adulta del Di- 
bothriorhynchus niegaccphalasRud. (2), così comune nella cavità del 
corpo di differenti specie di Plagcostomi (3), e che finora, che io mi 
sappia, non era nota. 



(1) V. in proposito le mie Contribuzioni alla fauna elniintolog-iea del Golfo di 
Napoli, I. Ricerche sullo Scolex polymorphus, in: Mitt. Zool Stat. Neapel. Bd. 
Vili, Heft. 1, 1888, pag. 118, nota 1. 

(2) Entozoor. Synops, pag. 129, 447, Tab. 2, fig. 7-8. 

(3) Nel Museo di Berlino (Collez. Zoolog.) ho trovato un Dihothriorynchus 
adulto di considerevoli dimensioni raccolto, da Fischer in un Carcharias sulle 
coste d'Africa [12' 5 Br. 42« d. 0. Africa, N. 405, Fischer. T. von Carcharias] 
molto somigliante a quello in parola_, e che io credo, poter riferire al Dib. me- 
gacephalus. Nella stessa collezione ho riconosciuto pure il TeAvabothriorhynchus 
rugosum di Leuckart (1850), in un bellissimo esemplare, pure raccolto dal Fi- 
scher in un Carcharias [12" 5 B 42° d. Gr. Ostafrica, N. 1104— Tetrarhynchus 
von Carcharias, D'' Fischer]. Nelle collezioni, Wageuer (N. 13210) vi è poi una 
larva TetrarhyncJius megacephalus, trovata nello stomaco di un Charcarias, ma 
senza indicazione di località. 

Nel museo zoologico di Copenaghen, ricordo, a questo proposito, di aver tro- 
vato un grandissimo Tetrarhynchidae adulto, indicato come « Tetrarhynchus 
clavigera Leuckart af Haj. » che io credo di poter riferire, per tutte le sue ca- 
ratteristiche , al Dihothriorhynchus attenuatus di Rudolphi. In questo caso la 
determinazione della specie è esatta, inquantocchè, il T. claviger di Leuckart, 
è sinonimo, appunto, del T. attenuatus Rud. Ed a questo proposito, io voglio an- 
cora ricordare, che il Dihothriorhynchus (Tetrarhynchtbs) attenuatus e T. gros- 
sus Rud., devono ritenersi sinonimi. Questa specie è stata creata dal Rudolphi 
(Entozoor, synops, pag. 129-130, 447, Tab. II, flg. 9-10) per un individuo di 
ospite sconosci ato [pesce], raccolto dal Tilesius nei mari del Giappone. Già, lo 
esame della figura, lascia sorgere il sospetto della sua identità col D. attenua- 
tus, sospetto che T esame del tipo di Rudolphi convalida. Nelle collezioni di 



— 214 — 

Più voglio dire ora, che nello .stomaco di un Carcharias f/laaciis, 
pi-eso nel golfo di Napoli nel 1<S92 (maggio), ho trovato una forma 
larvale molto caratteristica di Tetrarhynchidae — proveniente certa- 
mente dai resti di Plagioslomi che si trovavano nello stomaco — di 
cui, con molta probabilità , sarà osjìite definitivo il Carc/iarias. Io 
lo riferisco con dubbio al Dibotli. carchariae Ro/ic/eletii\Yi\g. {!). In 
questo Charcliarlas, oltre a dei resii evidenti di C)rlhafjorisciis mola {2) 



Rudolphi a Berlino, io, infatti, ho trovato un « Tetrarhynchus poboscidibus re- 
tractis [poi corretto grossus Rud.]. In pisce Kamshatka vel Japonia niaris ani. 
Tilesins reperir, N. 1696 »— che deve ritenersi il tipo del T. grossus Rnàolphì—, 
che, studiato comparativamente ai tipi del T. attenuatus (N. 1697-1698), non 
mi ha lasciato dubbio sulla identità delle due forme. Al Dibothriorynclius Wa- 
generi, come propongo chiamare questa specie, (non potendo accordare la pre- 
cedenza ad alcuno dei due nomi grossus ed attenuatus) è, certamente, affinis- 
simo il Dìbothriorhynchu» ìlnguatula van Beneden del cavo addominale e del 
peritoneo del Laemargus borealis, per il quale, il Lonnberg-, ha creduto utile 
creare il nuovo genere Caenomorphus : sulla opportunità di un tal nuovo ge- 
nere ritornerò poi a suo tempo. 

(1) Entw. d. Cestod. ecc. p. 80, Tab. XVI, fig. 210. Anche di questa specie 
esiste il tipo nella collezione di Wagener a Berlino < N. 20019, Tetrarhyncìius 
(Ccstodeììblase Carcharias rondeletii), Nizza, 1^51 ». 

(2) A ciò dà peso il fatto che il Moniez ha riconosciuto il Tethrarhynchidae 
del fegato e dei muscoli dell' Orthagori'scus mola, in alcuni Cestodi di grandi 
dimensioni, trovati dal Barone de Guerne a Concarneau nell'intestino di una 
Oxyrhina glauca (Notes sur les Helmiuthes: le Gymnorhynchus reptans Rud. 
et sa migration, in: Comp Kend. Acad. Paris 1891. Seance 14 Dee. pag. 870) 
E qui mi permetta il mio egregio collega Moniez di osservargli che egli si è 
sbagliato nella determinazione della specie, inquantocchè non è il Gymnorhyn- 
chus {Anthocephalus') reptans Rud. che vive nel fegato e nelle carni dell' Or- 
thagorìscus , sibbene il Gymnorrhynclms [Aìithocephalus) elongatus Wag. Il 
primo, invece, è comune nelle carni del Lepidopus argyreus, dove io l'ho ritro- 
vato, e nelle carni della Brama raji, dove l'ha ritrovato il Wagener. Come io 
ho stabilito in altro mio lavoro, già citato nella nota 1 a p. 222, queste due 
forme larvali appartengono a due generi distinti^ la prima al g. Dibothriorhyn- 
chus, la seconda al genere Tetrahothriorliynchus. Cosicché si ha : 

1. Dihotliriorhynchus reptans Rud, ^GymnorhyncJius reptans Rad.=:^w^7<oc<3- 
phalus reptans Wagener , conosciuto solo allo stato larvale e che vive nelle 
carni di Lepidopus argyreus e della Brama raji. 

Il Gi/mnorynchus horrìdus Goodsir, trovato da questo A. ìieìV Orthagoi'iscus 



— 215 — 

[il che mi fa pensare essere probabile che, tanto il Tctrabotlirlorliynclìiis 
elonfiatus del fegato e delle carni, che il Dibot/trio/'/itjnc/tus rji'ocile (1) 
del fegato delle pareti dello stomaco di qnesto ospite, possano tro- 
vare il loro ospite definitivo nei Carcharias, od in altri grossi Sqnali, 
che mangiano gli Orthagoriscus 'titola], ho ti'ovato nello stomaco 



mola (fegato) e da Diesing (Revision pag. 114) riferito al G. reptaiis, è cer- 
tamente, invece, il Gyìnnorhynchus elotigatus "Wag. 

Il Gi/mnori/nchus reptans di Cobbold (Trans. Linn. Soc. voi. XXI, pag. 161- 
162, tab. 32, fig. 38-4(ì), trovato nelVOi-thag. mola, a parer mio, non è che il 
G. elongatus (Anth. el&ngatus), che egli nou ha ben riconosciuto: ciò io deduco 
dall'esame della figura e dalla breve sua descrizione. 

2. Tetrahothriorhynchus elongatus Wagener=Anthocephalus {Gymnorhijnchus) 
elongatus Wagener, che vive nelle carni e nel fegato, in grandissimo numero 
di individui, dell' Oiiliagoriscus mola. Moniez, ne ho trovato orala forma adulta 
nell'intestino àelVOxyrhina glauca. [h'Anthoceph. elongatus Rud. (Ent. Syn., 
p. 537-540, Tab. Ili, fig. \2-\l}^^ Fior ice ps saccatus Blanch, è la stessa cosa 
deir^. elongatus Wag.]. 

(1} È questo il Tetrarhynchus gracile Wagener , nec Rudolph! (v. Diesing 
Revision pag. Ili), che Wagener ha trovato nel fegato dell' Orthagoriscus mola, 
e che io ho pur ritrovato nel fegato e lungo le pareti dello stomaco, racchiuso 
nella sua caratteristica cisti. Questo verme pare fosse stato, veduto dal Rudol- 
phi, il quale col nome di Anthoceph. gracilis, ha indicati nella sua collezione, 
oltre al tipo della specie (N. 2203) proveniente dalla Bigama Baji, (vedi Synops 
pag. 540, 541, N. 2), altre 5 bottiglie contenenti Tetrarhynchi: 1^ e 2'' del mesen- 
terio di Centronoti glauci (N. 2212-1214, che sono certamente quelli di cui parla 
a pag. 539 della sua Synopsis, riferendoli all' Anth. elongatus, di che dubito), 
3" del fegato di Orthagorischus mola. (N.2213), 4* del fegato dello stesso (N. 2215), 
5' del mesenterio dello stesso (N. 2210). Io non ho trovato nella collezione i 
tipi dell' ^4. elongatus, ma, senza dubbio, i tetrarinchi del fegato di Orthagori- 
scus, (bottìgl. 3.4) quantunque indicati come A. gracilis e mancanti di capo, 
sono da considerarsi i tipi deirj;«f. elotigatus : quello contenuto nella botti- 
glietta 5, è, invece, certamente la stessa cosa del Tetrarhynchus gracile di Wa- 
gener. Cosicché : 

Dihothrorhytichus gracile Wagener =r Tetrarhynchus gracilis AVagener = 
Atithocephalus gracilis Rud. (partim) in coUetio, nec in Synopsis. 

II Tetrarynchns gracilis di Rudolphi (Synopsis, pag. 456) deir.4mody<es cice- 
relos è poi tutt'altra cosa: è certamente anch'esso un Dibothriorynchus, ed io 
ho altrove Ccspresso il dubbio, che possa essere la stessa cosa del Dih. tetiuis 
di Wedl (Elminti di Wimereux. in : Bull. Scient. cit. pag. 438). 



— 216 — 

numerosissime penne di quaglie {Cotui'iiix communìs) e dei ventricoli 
di queste non digeriti. È questo, certamente uno strano ritrovato che 
mostra da un lato, la grande voracità degli Squali, e, dall'altro, che 
esr^i non scelgono il loro nutrimento, ma si nutriscono di ciò che tro- 
vano [ciò che del resto si constata ancora per altri pesci (p. e. per le 
sardine Ciupea pilchardus) (1)], sia alla superficie, ciò che spiega an- 
che la cattura degli Ortìiafjorischus ^ sia al fondo (2). La cattura 
delle quaglie , fatta dal Carcharias in parola , è avvenuta , infatti , 
certamente, perchè ne ha trovate morte alla superficie dell'acqua. 



CONTRIBUZIONE ALLA FAUNA MARCHEGIANA 

- — «^« ♦ »« 

I LEPIDOTTERI 

finora trovati n.el territorio cii Osimo 

PER 
LEONELLO SPADA 

(Cont. ved. Niim. prec. 



Gen. 120. — Zonosoma, Ld. 

Z. lint.aria, Hb. — Estate : M. Fiorentino, un solo individuo preso al lu- 
me della lanterna. 
Bruco ignoto. 
Z. pupillaria Hb, — Primavera ed Estate: Selva Simonetti sulle Querce. 
Z. pendularia, L. — Primavei'a ed Estate : in tutto il territorio sui tron- 
chi di Betula. 

Bruco sulla Betula alba. 



(1) V. Pouchet G. « La Question de la Sardine « e le mie note elniintolog-i- 
che « Sul uutrimento e sui parassiti della X^lujyea pilchardus », in: Boll. Soc. 
Nat. Napoli, 1887, pag. 85. 

(•2) I Plagiostomi pelagici infatti , si cibano anche di animali di fondo che 
vanno a ricercare lungo le coste : v. in proposito il mio citato lavoro sullo 
Scolex polymorphus , pag. 149, nota 1 e 2, dove ho messo in evidenza questo 
fatto. 



- 217 — 



Gen. 121. — Macaria, Curt. 

M. signata, Hb. — Estate ed Autunno : prati di Rigo, valli dell'Aspio e 
del Musone sulle Graminacee. 

Bruco sulla Poa annua ed Holcus lanatus. 
M. notata, Hb. — Estate ed Autunno : M. Fiorentino, M. S. Pietro e Selva 
Simonetti sul Pungitopo. 

Bruco sul Euscus aculeatus. • 

Gen. 122. — Nychiodes, Ld. 

N. amigdalaria, Hb. — Principio di Estate : dintorni di Osimo e M. di S. 
Stefano sui tronchi di Mandorlo. 

Bruco frequente sulV Aìuigdahcs comunis. 
N. lividaria, Hb. — Autunno: un solo individuo sotto le foglie di Pruno 
a M. Ragalo. 

Bruco sul Priinus domestica e P. spinosa. 

Gen. 123. — Gnophos, Tr. 

G. sordaria Hb.— Estate ed Autunno: M. Ragalo un solo individuo in 
una siepe di Biancospino. 
Bruco ignoto. 
G. operaria, Hb. — Estate: M. Fiorentino, due individui ottenuti da vari 
bruchi trovati sul Caprifoglio. 
Bruco sulla Lonicera caprifoUum. 

Gen. 124. — Halia, Dup. 

H. vincularia, Trr. — Estate : frequente nei boschetti e nei giardini del 
territorio sull' Uva spina. 
Bruco sul Ribes grossularia. 

Gen. 125. — Eubolia, Bdv. 

E. pumicaria, S. V. — Estate: M. Fiorentino e Selva Simonetti sui cespu 
gli di Quercia. 
Bruco ignoto. 

Il Naturalista Siciliano^ Anno XII 29 



— 218 — 

Gen. 126. — Scodìona, Bdv. , 

S. emucidaria, Hb. — Estate : Fosso del Guazzatore e di Scaricalasino , 
quattro individui ottenuti da vari bruchi trovati sui Salici. 
Bruco sul Salix caprea e S. mminalis. 

Gen. 127. — Aspilates, Tr. 

A, gii varia, S. V. — Estate: M. Ragalo e Monti di S. Stefano sulla Gine- 
stra. 

Bruco sullo Spartium Scoparium e S. Junceum. 
A. ochrearia, Rossi — Estate : Valli dell'Aspio, Musone e fosso di Scarica- 
lasino sui margini dei fossi. 
Bruco ignoto. 

Gen. 128. — Eusarca, H. S. 

E. badiaria, H. S. — Estate : Boschetto Butteri, un solo individuo sul Bos- 
solo. 

Bruco sui Buxus sempervirens. 
E. interpunctaria, H. S. — Estate : dintorni di Osimo : un solo individuo 
ottenuto fra i tanti bruchi trovati sullo Spincervino. 
Bruco sul Rhammis catm'tica. 

Gen. 129. — Sterrha, Hb. 

S. Sacrarla, L. — Estate ed Autunno : M. S. Pietro e M. di S, Stefano 
sulla Robinia. 

Bruco sulla Robinia pseudoacacia. 
S. anthophillaria, Esp. — Estate : un solo individuo assieme al tipo a M. 
S. Stefano. 
Bruco ignoto. 

Gen. 130. — Triphosa, Stph. 

T. dubitata, L. — Estate: frequente nel territorio sulle siepi di Spincer- 
vino ma difficilissima a potersi prendere perfetta. 
Bruco sul Rhamnus cathartica. 



— 219 — 

Gen. 131. — Cheimatobia, Stph. 

C. brumata L.— Estate ed Autunno: su varie piante da frutto in tutto 
il territorio specialmente sul Pesco, Pero, Melo e Lazzeruolo. 

Bruco sul Prunus persica , Pyrus comtinis, P. malus e Me- 
spilus azzarolus. 

Gen. 132. — ridonia, Tr. 

F. fasciolaria Nott.— Estate : M.S.Pietro e Boschetto Siraonetti sui Pini. 
Bruco sul Pinus pìnea e P. maritima. 

Gen. 133. — Anisopterix Steph. 

A. aceraria, Schiff. — Estate: frequente nel territorio sull'Oppio. 
Bruco sotto la corteccia di Acer campestre. 

Gen. 134. — Uropterix, Leach. 

U. sambucaria, L. — Estate ed Autunno: M. Ragalo e dintorni di Osimo 
sul Sambuco. 

Bruco sul Samlucus nigra e S. ébulus. 

Gen. 135. — Pygmaena, Bdv. 

P. homocromata, Mal. — Estate: Boschetto Butteri e Simonetti sulla Lau- 
rina. 

Bruco sulla Daphne Laureola. 
P. fusca, Sch. — Estate: un solo individuo a Fonte Mag-na sull'Ortica. 
Bruco ignoto. 

Gen. 136. — Cimelia, Ld. 

C. marginata, Hb.— Estate: dintorni di Osimo sul Pero e sul Melo. 
Bruco sul Pyrus comunis e P. malus.. 

Gen. 137. — Lythria, Hb. 

L. purpuraria, L. — Estate: M. S. Stefano, M. Ragalo e dintorni di Osimo 
a piedi alle siepi di Spincervino. 
Bruco sul Rhamnus cathartica, 



— 220 — 

Gen. 138. — Eupithecia, Cui t. 

E. abietria. — Estate: M. Ragalo, Prati di Rigo ed in tutti i giardini 
e Boschetti sui fiori di Robinia. 

Bruco sulla Rohinia pseudoacacia e R. viscosa. 

Gen. 139. — Eugenia, Hb 

E. quercinaria, Hufn. — Estate : M. Fiorentino , M. S. Pietro , Monte di 
S. Stefano e Selva Simonetti , sotto le foglie dei cespugli di 
Quercia. 

Bruco sulla Quercus rohur e Q. ilex. 

Gen. 140. — Calamia, Hb. 

C. phragmitidisj F* — Primavera ed Estate in tutto il territorio sulle 
piante di palude e particolarmente sulla Canna palustre. 
Bruco sulla Medicago sativa e Phragmites comunis. 

Gen. 141. — Fellonìa, Dup. 

P. vibicaria, L. — Estate : Monti di S. Stefano , M. Ragalo , M. Torto e 
Casenuove tra le erbe. 

Bruco sullo Spartium junceum. 
P. » V. unicolorata, Esp. — Estate : un solo individuo a S. Stefano 
assieme al tipo sulla Ginestra. 
Bruco sulla stessa pianta. 

Gen. 142. — Rtimia, Dup. 

R. crataegata, L. (luteola L.). — Primavera ed Estate : in tutto il terri- 
torio nelle selve e nei giardini. 

Bruco sulla Quercus ilex e Crataegus oxyacantìia. 

Gen. 143. — Boarmia, Tr. 

B. consertarla, F. — Estate : in tutto il territorio nelle selve sotto le fo- 
glie dei cespugli. 

Bruco sulla Quercus pedunculata e Q. ilex. 



— ?21 — 

B. consortaria, ab. consobrinaria , S. V. — Estate : assieme al tipo nelle 
Selve. 

Bruco sulla Quercus ilex. 
E. punctularia, Hb. — Estate ed Autunno : in tutto il territorio sulle 
Querce. 

Bruco sulla Quercus robur. 

B. crepuscularia, S. V. — Estate : frequente nel territorio assieme al tipo 

sull'Elee. 

Bruco sulla Quercus robur e Q. ilex 

Gen. 144. — Ortholita, Hb. 

0. unicolorata, F. — Estate : Monti di S. Stefano, Prati di Rigo e Boschetto 
Simonetti sui prati erbosi. 

Bruco sullo Spartium junceum. 
O. plumbaria, F.— Primavera ed Estate : in tutto il territorio sul Trifo- 
glio. 

Bruco sul TrifoUum pratense e Lolium perenne. 

Gen. 145. — Eucosiuia, Stph. 

E. montivagata, Dup.— Estate : in tutto il territorio sulla Pastinaca. 

Bruco sulla Pastinaca satica. 
E. emarginata L.— Estate : Monti di S. Stefano ed in tutti i boschi del 
territorio sull'Avellana. 

Bruco sul Corylus avellana. 

Gen. 146.— Lygris, Hb. 

L. populata, L. — Primavera ed Estate : in quasi tutto il territorio sul 
Pioppo. 

Bruco sul Populus alba. 

Gen. 147. — Cidaria, Tr. 

C. scripturata, L. — Primavera ed Estate : in quasi tutto il territorio sui 

prati. 

Bruco sul Bromns mollis. 
C. malvata, Rdt. — Estate: in tutto il territorio sui fiori di Malva. 
Bruco sulla Malva sylvestris. 



— 222 — 

C. tristata, L.— Primavera ed Estate in tutte le selve del territorio sotto 
le foglie. 
Bruco sulla Betula alba e Galium verum. 
C. corylata, F. — Estate : M. Cerno e M. Bel Respiro sull'Avellana. 

Bruco sul Corylus avellana. 
C. bilineata, L. — Primavera in tutto il territorio : frequente sulla viola 
mammola. 

Bruco sulla Viola odorata. 
C. unungulata, Hfn.— Estate e principio di Autunno : due individui sulla 
Burbomaca. 

Bruco BxxWOnonis spinosa. 
C. niveata, Rbr. — Estate in tutto il territorio sulle siepi di Biancospino. 

Bruco ignoto. 
C. designata, H. S. — Estate : M. Ragalo e Monti di S. Stefano sulla Gi- 
nestra. 
Bruco forse sullo Spartium junceum. 
C. lugubrata, H. S. — Estate : in tutto il territorio sul crepuscolo ^ sulle 
Rose e Biancospino. 

Bruco sulla Eosa canina e Crataegus oxyacantha. 
C. fluctuata^ L. — Estate : M. Fiorentino, Guazzatore e fosso di S. Valen- 
tino sul Biancospino. 

Bruco sulla Rosa canina. 
C. rivata, Hb.— Primavera ed Estate : M. Fiorentino due cf ottenuti da 
bruchi trovati in un Cipresso. 
Bruco sul Cupressus sempervirens. 
C. albulata, L. — Primavera ed Estate : frequente nel territorio sul Lam- 
pone. 

Bruco ignoto. 
C. bastata, L. — Estate : comune in tutto il territorio sul crepuscolo, nelle 
selve e sui Pioppi. 
Bruco sul Popmlus alba. 
C. cuprearia, H. S. — Estate un solo individuo a M. Fiorentino alla cac- 
cia alla Lanterna. 
Bruco ignoto. 
C. gallata, S. V. — Primavera ed Estate: frequente nel territorio, nelle 
selve sotto le foglie dei cespugli e sui tronchi di Quercia. 
Bruco sul Galium verum. 
C. promixtaria, Hw. — Estate : M. Ragalo, un solo individuo alla caccia 
con la Lanterna. 
Bruco ignoto. 



— 223 — 

C. ocellata, L. — Estate : M. Fiorentino un solo cT alla caccia alla Lan- 
terna. 

Bruco ignoto. 

(continua) 
• ■^♦^ • 

Le metamorfosi del Conger vulgaris e del Conger mistax 



NOTA 

del Doti. LUIGI FACCIOLA 

(Cont. V. N. pr.) 



Gettando ora uno sguardo al complesso delle modificazioni che sop- 
porta l'animale nelle sue fasi di sviluppo si osserva in primo luogo che 
dalla forma molto depressa che ha primitivamente passa alla forma ci- 
lindrica. Esso si allunga per tutta la seconda fase, al termine della quale 
può avere raggiunto 140 millim. Nella terza fase comincia a rotondarsi 
e nel tempo stesso a restringersi e ad accorciarsi , e così continua per 
tutta la quarta fase. Alla fine della quinta fase è di circa metà più corto 
di quello che era nel suo massimo allungamento. Il muso puntuto e 
molto ristretto nei più giovani diviene sempre più ottuso. Ciò produce 
un mutamento nella posizione delle narici anteriori che da laterali che 
erano si trovano portate sul davanti del muso. Il sistema dei denti prov- 
visori, molto sviluppato anco nei più giovani, differisce notevolmente da 
quello dei denti permanenti che li sostituiscono dopo un lasso di tempo. 
Rimarchevolissima è la forma e disposizione dell' occhio nella giovine 
età. Progredendo lo sviluppo dell'animale esso mano mano si arrotonda. 
La pinna dorsale, come rilevasi dalle surriferite misure, si protrae sem- 
pre più in avanti e non raggiunge il limite definitivo che nella quinta 
fase, ma in questa e nella precedente il suo maggiore avvicinamento 
al capo in parte dipende dall'accorciamento del corpo. Cosi pure l'anale 
si allunga a misura che l'intestino si accorcia. Dopo ciò è da osservarsi 
che la forma depressa del corpo non comincia a trasformarsi nella ro- 
tonda se non dopo che l'animale ha di già assunto o è sulla via di as- 
sumere alcuni dei caratteri che lo avvicinano al L. Morrm, come Tot- 



— 224 — 

tusità del muso, la bocca inerme , la posizione più avanzata dell' ano e 
la maggiore estensione della dorsale. 

Fra tanti mutamenti il sistema dei punti ornamentali si conserva inal- 
terato. Abbiamo visto che nel L. inaequalis le due serie di punti che 
discorrono sui lati del ventre si continuano oltre 1' ano , ma divenendo 
sempre più distanti ed essendo l'ano collocato molto in dietro, pochissi- 
mi sono tuttora quelli che esistono al di sopra della pinna anale; in se- 
guito al progressivo accorciamento dell' intestino quelli che figuravano 
ai lati del ventre si trovano trasformati nelle serie di punti sopra i lati 
dell'anale. Questi punti si ftmno distinguere da quelli del ventre per es- 
sere più piccoli e poco discernibili perchè i singoli cromatofori ai quali 
corrispondono hanno perduto quei numerosi prolungamenti che caratte- 
rizzano i punti del ventre e della linea laterale. 

Conger mistax Delar. 

Prima fase. — Corrisponde al L. HaecJcelH Kaup. Questo ha il corpo di 
forma regolare, stretto e molto sottile, ma sulla radice della coda è un 
poco più spesso di quanto immediatamente innanzi , formando ivi un 
leggiero risalto. La sua maggiore altezza comprendesi 12 volte o all'in- 
torno nella totale lunghezza. Il muso è mediocremente lungo ed è a- 
cuto. Le mascelle di eguale lunghezza^ armate dall'estremità all'angolo 
della bocca di una serie di denti i quali per forma, numero e disposi- 
zione somigliano a quelli del L. inaequalis, ma i due dell' estremità in- 
feriore della mandibola sono più brevi e meno incurvi e talora dritti e 
quasi orizzontali. Una narice anteriore presso 1' estremità del muso su 
ciascun lato, una posteriore innanzi l'occhio , semplice e quasi indiscer- 
nibile. Questo è più meno ristretto sull'angolo della bocca ed inclinato. 
L'apertura delle branchie è un pochino distante dal mezzo dell' altezza 
come dal profilo inferiore, non obliqua. L' origine della dorsale e 1' ano 
sono difficili a scorgersi sulle due pieghe trasparenti che in dietro in- 
grandiscono l'altezza del corpo. La detta pinna si trova nell'ultimo quarto, 
l'ano nell'ultimo nono o decimo o undicesimo della lunghezza del corpo. 
La cedale è acuta. Due serie di punti neri sui lati del tubo digestivo 
dalla gola all' ano, posteriormente meno avvicinati che in avanti. Sulla 
base dell' anale mancano del tutto. In questo stato 1' animale può rag- 
giungere la lunghezza di 122 millirn. Gli esemplari piccoli, lunghi al- 
meno 52 millim., hanno il muso acutissimo, gli angoli mandibolari spor- 
genti, l'occhio più ristretto inferiormente, l'ano e il principio della dor- 



^ 225 - 

sale più in dietro. In un individuo di ordinaria grandezza ho preso que- 
ste misure : 

Lunghezza del corpo . Ili millim. 

Dall'estremità anteriore all'origine della dorsale . . 88 » 

Dall'estremità anteriore all'ano 100 » 

i!-)econda fase. — È rappresentata dal L. YarrelU Kaup , il quale si di- 
stingue dal precedente per avere il corpo più largo di un terzo circa ;, 
nel quale diametro può avere 13 millim. al massimo, meno assottigliato, 
l'ispessimento presso l'estremità posteriore più sensibile, il profilo del 
capo alquanto incavato fra gli occhi, da questo punto all'estremità della 
mascella più convesso, il muso meno ristretto sull' estremità , la narice 
anteriore con un lieve risalto all'intorno, la dorsale nel terzo posteriore, 
l'ano almeno nell'ultimo quarto della lunghezza del corpo, la cedale un 
po' ottusa, una serie di punti lungo l'anale oltre quelli del ventre. Da 
un individuo ho tolte le seguenti misure : 

Lunghezza del corpo 125 millim. 

Dall'estremità anteriore all'origine della dorsale . . 86 » 

Dall'estremità anteriore all'ano 108 » 

Terza fase. — Corrisponde al L. Bihroni Kaup , il quale ha il corpo 
meno compresso del precedente, l'estremità posteriore è anche più mu- 
scolosa e più stretta. Per grandezza comunemente lo somiglia, ma non 
offre mai le sue massime dimensioni. Delle due mascelle l' inferiore so- 
vente è più corta. I denti sono radi, talvolta ridotti a uno o due e pos- 
sono mancare in una mascella o in un lato di mascella. L'occhio, le na- 
rici, l'apertura branchiale, i punti neri sono come nel L. YarrelU, ma 
l'ano è più innanti , verso l'unione del terzo posteriore col terzo medio 
della lunghezza , la dorsale nella metà posteriore e termina innanzi il 
terzo posteriore. La cedale è più larga, più ottusa. Da un esemplare ho 
ricavato le misure seguenti : 

Lunghezza del corpo 113 millim. 

Dall'estremità anteriore all'origine della dorsale. . 53 » 

Dall'estremità anteriore all'ano ..... 68 » 

Quarta fase.— In questa è l'animale conosciuto col nome di L. Gegeìi- 
bauri Kaup. Il suo corpo è più spesso, più corto e più basso di quello 

Il Nataralitìta SiaiUano Anno XII 30 



— 22G — 

del Bibroìii. L'estremità posteriore è anche più robusta ma più stretta. 
Il muso più ottuso suir estremità , la mascella inferiore più breve della 
superiore, 1' una e l'altra interamente sprovvedute di denti (1), l'occhio 
meno ristretto sopra l'angolo della bocca, non inclinato o leg-germente, 
le narici anteriori con brevissimo tubo. La dorsale occupa più di due 
terzi della lunghezza, l'ano è innanzi il mezzo della lunghezza. La ce- 
dale è più larga e più rotondata , le porzioni adiacenti della dorsale e 
dell'anale più sviluppate. I punti neri come innanzi. Da un individuo 
ho preso le misure qui appresso : 

Lunghezza del corpo 99 millim. 

Dall'estremità anteriore all'origine della dorsale . . 25 » 
Dall'estremità anteriore all'ano 43 » 

Quinta fase. — E rappresentata dal L. KòUil-en Kaup , che ha il corpo 
cilindrico e più stretto del Gegenbauri. In quanto alla lunghezza vi sono 
esemplari lunghi come questo, ed esemplari più corti quasi di un terzo 
che sono anche i più stretti. Il muso è come nel Gegenbam-i, ma più ro- 
tondato, conico, l'estremità della mandibola più ottusa, non vi sono denti, 
l'occhio ora quasi circolare ora un po' ristretto inferiormente, col mar- 
gine superiore splendente di un bellissimo giallo d'oro, che anche si os- 
serva negli stati precedenti benché sia meno evidente. La doi'sale è più 
vicina al capo da cui dista quanto la lunghezza di questo e nei più corti 
anche di meno. L' ano è di poco più innanzi. La cedale è più larga e 
quasi troncata posteriormente. I punti neri disposti allo stesso modo , 
soltanto quelli del ventre in prossimità air ano sono in ciascuna serie 
molto ravvicinati. Da un esemplare ho preso le seguenti misure : 

Lunghezza del corpo ....... 89 millim. 

Dall'estremità anteriore all'origine della dorsale . . 19 » 
Dall'estremità anteriore all'ano ..... 36 » 

{coìitimia) 



fi) Giudico che il Kaup sia incorso in equivoco quando nella brevissima descrizione 
originale del L. Bibroni e del L. Gegenbauri scrisse che il prini<j è senza denti visibili 
e il secondo con denti appena percettibili. Invece quello lui scarsi denti visibili e questo 
è interamente privo di denti. 



99' 



F. MINA-PALUMBO 



gettili ed (Anfibi (Nebrodensi 

(Cont. V. N. 6) 



Per rigtvolare , e ctnipletare lo studio dell' Ofidofauna Sicilia trascriverò la 
descrizione data dal Dott. Camerano per guida. 

Capo relativamente piccolo, piano superiormente o leggermente inclinato da- 
gli occhi air apice del muso : allargato nella regione temporale , poco distinto 
dal tronco : muso più o meno arrotondato; la mascella superiore anteriormente 
pili lunga della inferiore. Otto sopralabiali, una preocnlare, 2 postoculari; pia- 
stre sopraoculari piccole; piastra frontale larga anteriormente, la rostrale meno 
alta, e meno ripiegata sulla j^arte superiore del capo della C. austriaca. 

Collo poco distinto, tronco rotondato, piano inferiormente con gli angoli dei 
lati poco spiccati , "?1 serie di scaglie , scudetti ventrali da 170 a 200 ; coda 
corta, scaglie dorsali 7, scudetti sottocaudali da 55 a 71 paia. 

Colorazione degli adulti. Tinte fondamentali superiormente grigiastre, grigio- 
biancastre, o grigio- brunastre ; fianchi rossastri per causa di molte macchie 
puntiformi rosse. Sui tianchi corrono spesso due fascio scure, di intensità va- 
riabile prodotte da molte macchie puntiformi nerastre : sul dorso alcuni hanno 
due fascio longitudinali analoghe a quelle dei fianchi. Parti inferiori di color 
giallo-canarino piìi o meno vivace. 

Sul capo una macchia trasversale semiluuare sulle prof ron tali , che piegasi 
ai lati del capo fino all'angolo anteriore dell' occhio. Nella regione della nuca 
e collo vi sono due macchie longitudinali più o meno estese, unite o separate 
fra loro, che sfumandosi si estendono sulle parietali, sul capo le altre parti 
sono più meno picchiettate di nerastro. 

Ai lati del capo una striscia nera va dall'angolo posteriore dell'occhio all'an- 
golo posteriore della bocca. Lati del capo, regione preoculare sono più o meno 
picchiettate di nero, le sopralabiali postoculari sono bianche. Sul dorso vi è 
una serie di macchie trasverso-oblique , che provengono dalla fusione di due 
serie di macchie alternate, talo:^a nella regione anteriore del dorso le macchie 
trasverse tendono a saldarsi in linea a zig-zag. Sui fianchi vi sono due serie 
di macchie nere alternate fra loro e colle dorsali, e talvolta le serie superiori 
dei fianchi si uniscono con le dorsali, e quelli della serie inferiore con quelle della 
regione ventrale. Nella regione del collo si nota lateralmente una macchia nera 
allungata , che si piega per un tratto più o meno lungo sotto la gola poco al 



— 228 — 

di là, dell'angolo della bocca, senza fondersi con la striscia nera die discende 
dall'angolo posteriore dell'occhio. 

Parti inferiori molto macchiate di nero, ora si dispongono ai lati degli scu- 
detti ventrali e lasciano una siriscia mediana chiara , talora si uniscono nella 
parte mediana, e restano le macchie chiare nei lati. 

Per la Sicilia si trova a Modica, per 1' Italia nel Piemonte , Canavese , nel- 
l'Alersandrino, Casalasco, Langhe, Susa, Andenuo, Valdieri, Cepponierelli, valle 
Anzasce, Veneto, Emilia, Toscana, Romano, Liguria, non è stata trovata in 
Sardegna. 

Così ho completato l'enumerazione degli Ofìdi Nebrodeusi, e profittando del 
lavoro del Dott. Camerano ho descritto più brevemente tutti gli Ofìdi trovati 
nella nostra Isola , perchè molto resta ancora a ricercare sopra questi Verte- 
brati^ così si avrà una buona guida. 

Ordine Anfibi ^= Batrachi Bnp. 

Gli Anfibi differiscono dagli Ordini precedenti, hanno quattro piedi il corpo 
è rivestito di pelle nuda , viscida senza squame , il corpo è corto depresso , o 
rotondato ed allungato con coda , testa unita col corpo senza collo apparente, 
palpebre mobili, nessun foro uditorio apparente all'esterno. Hanno il cuore con 
un sol ventricolo ed una orecchietta, due polmoni eguali, respirazione con bran- 
che nella prima età , polmonale nello sLaLo adulto , perciò provano una specie 
di metamorfosi nel loro sviluppo presentando forme ditterenti : le rane o rospi 
uscendo dall' uovo han forma e movimenti come i pesciolini e respirano con 
branche esterne, il corpo va ingrossando, e la coda si allunga in forma com- 
pressa, allora hanno il nome vc'lgare di girini. 

In seguito sviluppandosi il corpo compariscono gli arti posteriori e poi quelli 
anteriori , allora il capo si appiana , e la coda va diminuendo , le branche si 
obliterano, i polmoni cominciano a funzionare, il sistema saiiguigno si trasfor- 
ma interamente , vene ed arterie si dispongono altrimenti per completare la 
circolazione negli adulti, allora l'animale ha preso la forma definitiva. 

L ' accopiamento, la fecondazione delle uova, ed il loro sviluppo sono molto 
diff'erenti dagli ordini precedenti. 

Le salamandre ed i tritoni nel primo stadio rassomigliano ai girini nuotano 
colla coda come i pesci, il loro ventre non si fa rotondo, il collo è distinto, il 
corpo conserva sempre la forma stretta allungata, le gambe si sviluppano pri- 
ma le anteriori, e poi le posteriori, la coda si sviluppa sempre più e resta nella 
forma definitiva. 

Per la classificazione di questa classe si sono varie suddivisioni stabilite. 

Anfibi Anuri — Ranidi Bnp. 

Sono quelli privi di coda, corpo largo, piano, corto col muso rotondato, la 
pelle nuda, la bocca profondamente fessa , la maggior parte con lingua molle 



— 229 — 

attaccata al margine della mandibola e ripiegata all' indentro, piedi anteriori 
con quattro dita, piedi posteriori molto lunghi con cinque dita. L'occhio ha 
due palpebre cutanee, ed una terza sotto l'inferiore trasparente ed orizzontale. 
À. questi appartengono le seguenti specie. 

Genere Hyla Laur. 

Hyla viridis Laur. 

Hyla virens siibtiis alba, linea hinc inde flexuosa flava inargine externo nìgri- 
cante, dorso glabro, ventre granuloso^ tibiis longitudine femorum, plantis 
semipalmatis . 

Sinonimi 
Bana arborea Linu. Calamita arborea Risso 

Hi/la arborea Cuv. Hylaria viridis Raf. 

Dendrohgas arborea Tschu. 

Nomi volgari 

Riiganella, Raganella arborea, Italia — Ranella, Lombardia— Racola, Baracule, 
Veneto — Rana S. Giovanni, Trento— Rainela, Modena — Raena, Raena di limoiu, 
Genova — Arrana virdi, Sardegna — Giurana virdi, Girana d'arvulu^ Sicilia. 

Bibliografia 

1814. Baflnesque — Prodromo Erpetologia Sic. — Specchio delle Scienze X. 10, 
p. 105. 

1836. Bonaporte — Fauna Italiana, Fas. 22. 

1872. Doderlein — Alcune generalità intorno la P"'auna Sic. dei Vertebrali, pa- 
gina 27. 

1874. Be Betta — naìtm ed Anfibi, p. 61. 

1881. Doderlein — Rivista della Fauna Sic. dei Vertebrati, p. 43. 

Iconografia 
1836. Bonaparte — Fauna Italiana. 

Non ho potuto riscontrare il Camerano Anfibi Anuri. 

Capo breve , rotondato della larghezza del tronco, lo squarcio della bocca 
giunge fin sotto la metà del timpano , occhi protuberanti con iride dorata. 
Tronco larghissimo verso il capo , angusto posteriormente , più nel maschio, 
dorso leggermente convesso, ventre piano, piedi anteriori brevi, le quattro dita 
brevissime, i posteriori lunghissimi , sottili con cinque dita semi-palmate alla 
base. Pelle liscia superiormente, granulosa al di sotto. 

Il colore al di sopra è di un bel verde contornato da una linea gialla che 
comincia agli occhi, si prolunga sui fianchi formando un angolo sinuoso prima 
di giuug'ere ai lombi , termina nella parte inferiore delle gambe. Una striscia 



— 230 — 

g-ialla nel labbro superiore sino alle zampe anteriori , entrambi marginati di 
nero. Piedi superiormente carnicini più o meno' carichi, parti inferiori di tutto 
11 corpo bianco giallastro. 

Il maschio ha una linea nera che comincia dall' occhio e termina al di là 
del timpano, ho trovato saggi nelle IVIadonie, che questa linea è appena mar- 
cata, e si riduce ad un grosso punto rotondo. 

Questo colore varia secondo la stagione, epoca degli amori, il caldo, e quando 
è irritata dal verde-giallo al turchino , col fumo della combustione dello zolfo 
il verde cambia in giallo. 

Lunghezza del corpo 4-5 cent.,, piedi anteriori 2 %, posteriori 7. 

La raganella sente il freddo molto presto , tutto V inverno resta intorpidita 
nel fango o arena, in aprile entra in amore, il maschio che è di un bel verde, 
dopo Taccoppiamento diviene rossastro, cenerino macchiato in nero, poi turchino 
ed infine ritorna verde. Le uova sono deposte nell'acqua, i girini prendono la 
forma adulta nella fine di luglio , allora saliscono sugli alberi per far la cac- 
cia agli insetti saltando da un ramoscello air altro , avvertono i cambiamenti 
atmosferici di umidità, allora fan sentire il loro gracidare diverso da quello delle 
rane , particolarmente il maschio, che gonfia molto la sua gola da sembrare 
una mostruosità. Questa facoltà idroscopica da presagire la pioggia fu messa 
a profitto da un Parrooc, che ne fece un barometro vivente , egli riempì una 
bottiglia a metà di acqua, e vi introdusse una scaletta, vi imprigionò la raga- 
nella, ed osservò costantemente , che (quando il cielo era sereno si teneva in 
fondo, e saliva alla superficie per respirare, quando minacciava pioggia usciva 
dall'acqua e saliva sulla scaletta. 

Trovasi nella regione pedemontana delle Madonie sempre in vicinanza di 
acque e di ruscelli , particolarmente ove vegetano giunchi e felci. Si trova in 
Palermo, Etna, Noto, Messina, non l'ho mai veduta nelle montagne. 

Hylaria variegata Eafin. 

1814. liuflnesque — Prodromo di Erpet. Sicula — Specchio delle Scienze, N. X, 
p. 105. 

Olivastra fulva al di sopra , variata di grandi macchie fosche marginali , 
bianche senza macchie al di sotto , piedi anteriori con quattro dita sciolti, ed 
i posteriori con cinque mezzi palmati. Questa specie nominata in Sicilia Giu- 
rana di jardinu o di gebbia, comune nei giardini vicino di Palermo, e Mon- 
reale; vive nei serbatoi d'acqua, e sopra gli alberi, si mangia ed è lunga tre 
pollici. 

Pei costumi di salire sugli alberi si approssima alla specie precedente , ma 
il colore e le macchi ^ la fanno distinguere , io non ho trovato saggi identic^ 
nelle Madonie , né trovato raganelle che oltrepassano un pollice e mezzo ; la 
breve frase diagnostica è molto oscura. 



— 231 — 

Genere Rana Lanr. 
Rana esculenta Linu. 

Rana virens: cajnte longiore alquantuìn quam lato, apice acutmsculo, tjjmpano 
semioculo sesquigrandiore : spatio interoculari concavo, minori palpehrae 
superioris dìmidioj pugillis dentium palatinoruni perspicuis fere indivisis. 
Bop. 

Sinonimi 

Rana aquatica Gessner Rana maritima Risso 

— innoxia Gessner — alpina Risso 

— viridis Lia. Dum. — hispanica Fitzg^er 

Ranatra esculenta Rafinesque 

Nomi volgari 

Rana, Italia — Giurana di sciaimi, cirana — Curdarii Sicilia, Lavrunchi, Ca- 
tania. 

Bibliografia 

1814. Rafììiesqìie — Prodromo Erp. Sic— Speocliio delle Scienze N, 10, p. 104, 
182fi. Fitzinger — Nouvelle classification des Reptiles d'apres leurs affìnites na- 

turelle — in alemanno. 
1826. i?i.sso— Histoire natnrelle de l'Europe meridionale. 

1836. Bonaparte—¥siUU& Italiana Fase. 22, 

1847. De Natale— Mem. d'anatomia comparata dei Generi Rana e Bufo presen- 
tata all'Accad. Aspiranti Naturalisti. 
1872. Doderlein—AXcuxìG generalità intorno la Fan. Sic. dei Vertebrati 26. 
1881. Doderlein — Rivista della Fau. Sic. dei Vertebrati 43. 

Iconografia 

1837. Bonaparte — Fauna Italiana, Fase. 2. 

I sopradetti scrittori han parlato di questa specie di Sicilia , il Rafinesque 
credette di cambiare il nome del Genere, perchè poteva confondersi con altri 
consimili. Il Fitzing'er la descrive coi nomi di Rana hispanica e maritima 
trovate in Sicilia. Il Risso parla della R. hispanica Fitz. trovata in Sicilia. 
Il Bonaparte parlando della R. hispanica Fitz. fa conoscere che lo Schiudi 
vuol riferirla alla R. calcarata Michahelles, la quale invece è un Pelobates di 
Wagler od un Cultriplex di Mtiller, poi termina col conchiudere, che forse è 
identica alla tanto variabile R. esculenta. Il De Natale nel suo lavoro che fu 
premiato dona un cenno di questa specie. Il Doderlein la riporta di vari luo- 
ghi di Sicilia. Il Bonaparte parlando della R. alpina e m,aritima del Risso 
dichiara che potrebbero essere diverse dalla esculenta , ma poi in altro luogo 



- 232 - 

conchìude che la marìHma ò identica ?i\\' esculenta. Il De Betta (1) mette come 
sinonimi dell' esculenta la maritima , l'alpina , e la hisjKinica, e dice trovarsi 
in tutta Italia, ma non menziona la Sicilia. 

La ranocchia verde ha capo triang-olare , muso acuto , occhi sporgenti con 
iride g-ialla vicino la pupiUa., palpebra superiore più piccola : corpo allungato 
con piega rilevata sui lati, fianchi compressi. Dita dei piedi anteriori brevi e 
liberi, dei posteriori dita palmate sino all'ultima articolazione. Pelle levigata, 
lubrica da per tutto sparsa di piccoli tubercoli particolarmente sul dorso e fian- 
chi. Nei maschi vi è una fessura longitudinale ai lati della becca, che permette 
Tuscita dei sacchi vocali. 

Lunghezza media del tronco cent. 7, delle zampe posteriori da 10 a 12 cent. 
la femmina è più grande del maschio. 

Il colore superiormente è verde piìi o meno scuro , le macchie sono irrego- 
lari di un verde nero, una striscia di un verde chiaro scorre sul canale dor- 
sale, che comincia dal muso e termina ai lombi, questa spesso manca, ed al- 
lora le macciiie nere sul dorso sono più grandi e meno in numero ed il color 
verde tende al turchino. I due cordoni laterali sono gialli più o meno chiari, 
o dorati, più apparenti nei maschi. 

Il di sotto è di un bianco latte più o meno punteggiato di scuro , le cosce 
sono macchiate di nerastro a fascie. Questi colori variano molto d' intensità, 
le macchie nere irregolari sono piccole e molte, o grandi e rare, le lascie delle 
cosce mancano, ed allora i piedi tendono più al giallastro, queste variazioni 
dipendono dal sesso e dall' età, e si potrebbero costituire due varietà una col 
dorso tutto verde poco macchiato, ed appena tracciate le due strisce gialle dei 
fianchi, e l'altra con le strisce tutte tre gialle molto marcate, ed il verde più 
chiaro. 

La ranocchia verde è comune in tutte le acque dormienti, nei laghi, paludi, 
nelle notti estive è molto incomodo il continao gracidare quando sono in quan- 
tità, il perenne e monotono frastuono disturba il sonno di colui che disgrazia- 
tamente ha una casetta vicino un torrente o vasca di giardino. 

Entra in amore sul finir di aprile, depone le uova in pacchetti nelle acque 
stagnanti, sono timide al menomo timore si tuffano in fondo e colle zampe po- 
steriori agitano il fango ed intorbidano l'acqua per occultarsi, e restano al si- 
curo. I serpenti gli fanno la guerra , e si sono trovate sino a sette rane nel 
ventre. 

Si trova in tutte le regioni delle Madonie , sino nella regione subnemorosa, 
nei ruscelletti e sorgive dei sommi gioghi non ne ho trovato. Da noi non si 
mangia, anzi si crede la sua carne velenosa e questa forse è la cagione di tro» 
varsi in tanta abbondanza. 

È comune in Palermo, Trapani, Girgenti, Siracusa e coTitorni del Monte Etna. 

(cotit.) 
(\) Rettili ed Anfibi della Fanna d'Italia, p. 63, non canna trovarsi in Sicilia. 



Enrico Ragusa — Direttore resp. 



l 



iiiiiMiiriiiMiiiiiiiinMiuiiiiniiiMiiiiiiiiiiMiiiiMiinMiiiniMiiiiiiiHiiiMiMiMiiMMiiiiiiniiiiniiiinitnniuMinninniiiiiiiitiiMiiiuiniiiiMiiini^ 
1 ANNO XII. ^k)d/ LUGLIO 1893 N. 10. 1 



IL NATURALISTA SICILIANO I 

GIORNALE DI SCIENZE NATURALI f 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE 5 

ABBONAMENTO ANNUALE 1 

Italia L. 10 » | 

Paesi compresi nell'unione postale » 12 » 5 

Altri paesi » 14 ^ » | 

Cn numero separato, con tavole » 1 25 | 

» senza tavole. » 1 » E 

Gli abbonamenti cominceranno dal 1° di ottobre di ogni anno | 

Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione | 

al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 1 



SOMiMARIO DEL NUM. 10. | 

E. Ragusa — Catalogo ragionato dei coleotteri di Sicilia (coni.) | 

E. Ragusa— CoZeof^e ri nuovi poco conosciuti della Sicilia. E 
K. Escherich — -Ewe Excursion auf die Insel TAnosa Beitrag zur Fauna die- | 

ser Insel (cont.). | 

L. SiìSiàn— Contribuzione alla Fauna Marcliegiana. I Lepidotteri finora trovati | 

nel territorio di Osimo (fine). E 

L. Facciola— Le metamorfosi del Conger vulgaris e del Conger mistax {cont.) | 

F. Maurolici— Tractatus per Epistolam Francisci Maurolici ad Petrum Gillium | 

de piscibus siculis (cont). | 

F. Mink-Failximho^ Rettili ed Anfibi Nebvodensi (cont.) = 



I PALERMO I 

I Stabilimento Tipografico Virzì | 

I ^1893 \ I 

niiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiMiiiiiiiiiiiiiiriiiiiiiiiiKiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii 



ANNO XII. LUGLIO 1893 N. 10. 

fLMTURALlSTASTcìLTANO 



CATALOGO RAGIONATO 

DEI 

COLEOTTERI DI SICILIA 

(Cont. ved. N. prec.) 

MELOLONTHINI 
Pachydema Laporie. 
Dasysterna Fami). 

hirticollis F. . , . Questa interessantissima specie fu scoperta dal sig. Luigi 

Failla Tedaldi, in unico esemplare, nel maggio all'i- 
sola di Lampedusa, sotto una pietra, e fa parte della 
mia collezione. 

Rhizotrogus Lalreille. 

Geotrogus Guér. 

sicelis Blanch. ,' . Reiche la cita , Ghiliani e Romano col sinonimo di si- 

citlus Burm , e Bandi me la notò. Non è rara alle 
Madonie in giugno e luglio, ed anche sui monti presso 
Palermo d'inverno sotto le pietre, presso Trapani ed 
a Pantellaria. 

euphytus Bu(j. (1) . Rottenberg fu il primo che scopri questa specie in Sici- 
lia, Baudi la notò ed io l'ho trovata oltre che nella 
località ove fu scoperta, a Sferracavallo nell'aprile ed a 
Pantellaria. 

(1) var. pellegrinensis Brenske var. nov. Avendo comunicato tutte le specie di 

Wdzotrogus dì Sicilia all'illustre collega Brenske, egli 
mi scriveva quanto qui appresso traduco : « Il i2. eu- 
pliytiLs Buq. fu descritto dall' autore sopra esemplari 
di Algeria (Revue zoolog. 1840), poi pure dal Lucas 
(1849) e Burmeister (1855); Blanchard (1850) e Fair- 

II Naturalista Siciliano^ Anno XII ?1 



— 234 — 



Rhizotrogus Muls. 



aestivus 01. 



marginipes Muls. 
proximus Brenske 



Bandi mi notò (juesla specie, che io |)ure ho trovala in 
tre esemplari sulle Madoiiie ed uno all'isola di l*aii- 
lellaria. Il sig. BriMiske crede che questa specie, in 
Sicilia sia una \ai'ielà, non ancora descritta, la quale 
sarebbe desideratale trovare in molli esemplari per po- 
tersene accerlare (1). 

Bandi mi notò ipiesia spe(ùe , che io posseggo in soli 
(|ualtro esemplari avuti dal Failla-Tedaldi che li trovi') 
nel giugno presso Castelbuono nei boschi. 

Ho scoperto (piesta Itellissima e grande specie a Caslro- 
giovaimi lìeir agosto dove pare sia coniunissima. Fu 
descritla nella Beri. Ent. Zeil. 1886, pag. :?(l3-204. 
Essa varia ahpianto nella grandezza. Bandi me la 
notò) (2); 



inaire (1860 Ann. de France) la citano |)ure d'Alge- 
ria. Il Barone \'on Rottenberg fu il primo nelle sue 
contribuzioni alla fauna dei coleotteri di Sicilia (Beri. 
Ent. Z. 1870, p. 240) che la citò comcì cole.ollero eu- 
ropeo, avendone trovati il 24 diceml)r(^ 4 esemplari al 
piede del Monle Pellegrino in buchi sotto le pieire 
il capiiano Sclmllze la trovò alla .line di aprile 1871 
(Deulsche l'Ini. Zeit. 1876, pag. 162) pure nella mede- 
sima localiià soii(j pietre in cavi orizzontali, 10 Q 2 cT- 
Fin oggi nessuno ha contrastata l'identità dell' ew- 
pliytus siciliano coH'algerino, pur non di meno essi si 
devono separare, se non come due specie distinte, una 
come varietà dell'altra. La differenza più evidente sia 
nella pimleggialura del pygidio, che nell'insetto di Si- 
cilia non è lucido, ed è leggermente aggrinzila, mentre 
l'algerino è oltre di ciò ricoperto di grossi e forti punti. 



(1) Questa specie è stata citata dal De Stefani , sotto il nome di maeulicollis Villa ; 
egli ne ebbe vari eseni2>lari da Castelbuono, jircsi nel giugno e luglio. 

(2) Pria di (juesta specie andrebbe notato il B. laliascalus Schaufi'. , che io posseggo 
in un esemplare avuto dal Brenske, e proveniente come di Sicilia dalla collezione Che- 
vrolat. Bisognerà ritrovarla per accertarsi che realmente vive da noi, 



ciliatus Umiche 



tarsalis Reiohe 



— 235 — 

Per la s|)e('ie di Sicilia io scelgo il nome dì pellegri- 
nensis , per iiulicaie la localila dove questa specie è 
siala fin oggi trovata ». 

Questa specie fu descritta di Sicilia negli Ann. Soc. Ent. 
France 1862 , pag. 539-540. Io ne posseggo molti e- 
semplari tulli raccolti dal Failla nel settembre nei 
boschi di Caslelbuono. 

Non possepgo che quattro soli esemplari di ({uesta gra- 
ziosa specie; essi provengono da Messina (1). Reiche, 
la descrisse nel 1H62 assieme alla specie precedente, 
e l'ebbe di Sicilia dal sig. André di Beaune. De Ste- 
fani la cita ed il Bandi me la notò. 



pini Ol 



Javeti Stierl. 



Logesi Mnls. 



Amphimallon Serv. 

Questa specie nuova per la Sicilia mi fu mandata da 
Messina assieme ad altri coleotteri, in unico esem- 
plare. 

Fu descritia nella Beri. Knt. Zeit. 1864, pag. 147. Io 
ne posseggo molti eseuiplari donatimi dal Failla, che 
li raccolse nei boschi pre^^so Caslelbuono. 

Ho scoperto (piesia bella specie sulle Madonie allo Spar- 
viero nel luglio ove è comunissinui. Reiche la citò 
col nome di fiiscus Scap. colla quale é facilissimo 
confonderla. Xel 1872 avevo chiamalo <|uesto insetto 
R. Nehrodensis senza però descriverlo (2). 



HaplJdia ilope (3) 



transversa F 



De Stefani e Steck la citauo , il Reiche con dubbio, e 
Bandi la notò. Io non la posseggo ancora. 



(1) È facile prendere i Rhi^otrorjiis iu quantità dopo il tramonto del sole; essi escono 
allora e percorrono le arie durante il crepuscolo fin al cadere della notte; oppure la mat- 
tina all'alba fin verso le otto o le novo; vanno poi a nascondersi sotto le pieti-o o nella 
terra e la sabbia: le Q5 sono assai più rare <lei (/cf e trovandone sono un eccellente 
modo per potere prendere delle centinaia di j'o . 

(2) Romano cita il BìrUotrogns marilinuis. antcìmatu.^, haciiciis, dei quali non teniamo 
conto. 

(3) Revision der europ. Arteu der ;\Ielol. Gattnnj^- //^^^V/Zm Hopo, von Dr. G. Kraatz, 
Deutsche Ent. Zeit. XXVI 1882. Heft I, pag. 33-42. 



— 236 — 

hirtìcoUis Burm. . Posseggo clivei-si esemplari deleriuinali col nome di etru' 

sca Kmatz, che sareWie sinonimo della hirticollis, ma 
avendone comunicalo un cf di essi all'amico Brenske, 
questi mi scrive va che lo riteneva pure per etnisca, 
ma i)er lui <|nesla specie non era altro che una forma 
grande della vìUigera Burnì.; Reiche citò Vhirticollis 
e Bandi me la nolo (1). 

villigera Burm. . . È citata dal Reiche , Sleck e notala dal Bandi. Io la 

posseggo in molti esemplari trovati a Catania nel giu- 
gno verso l'imbrunire nella Piazza ("Cappellini, a Ca- 
slrogiovanni, sulle Madonie ed a Messina. 

Anoxia Laporte 

orientalis Kryn. . . Già Giuliani citava questa specie (Catalasis orientalis) 

di Sicilia, che troviamo pure citata dallo Steck e che 
il Bandi mi notò. Reitler nella sua rassegna delle 
specie del genere Anoxia (2) non citò per patria di 
questa specie, che l'Ungheria, la Grecia e la Siria. Io la 
])osseggo in numero in bellissimi esemplari robusti di 
Catania e d'y\lcamo. 

var, merldionalis Reitler. L'autore descrisse qiiesl' insello di Grecia e Siria, 

come specie distinta A'aW orientalis, à-à.\ quale io però 
non i>osso dividerlo. È nuova per la Sicilia, dove fu 
scoperta dal Profess. Filippo Re Capriata che ne rac- 
colse buon numero d'esemplari nel giugno a Licata. 
Si distingue ààW orientalis specialmente |)er i pdi del 
corsaletto che sono bianchi in questa varietà, mentre 
sono gialli uaW orientalis. 

* 

matutinalis Lap. . Questa specie fu citata dal solo Ghiliani che la trovò 

sali' Etna. Io la posseggo di Alcamo dove la trovò il 
De Stefani in pochi esemplari, ma pare vi sia comu- 
nissima. L'ho pure avuta \n molti esemplari dall'a- 
mico Dottore Federico Roccella che la raccolse a Piazza 
Armerina, però questi esemplari sono assai diversi da 
quelli di Alcamo ; cioè mentre le elitre ed il corsa- 



li) II genere Haplidia secondo me è troppo ricco in ispecie basate su caratteri non 
Bufficientì per dividerle fra di loro. 

^2; Wiener Eut. Zeit. 1890, pag. 105 e 175. 



— 237 — 

Ietto di quelli sono di color rosso-bruno , iu queste 
essi sono nerastri , ciò che dà all'insetto lutt' altro a- 
spetto, tanto che varii dei miei corrispondenti ai quali 
l'ho comunicata la ritennero una varietà della Sardoa 
Motsch. ; per questa varietà propongo il nome di v. 
Armerinae. 
australis Schonh. . Questa specie mi fu notata di Sicilia dal Bandi che mi 

scriveva che ne ebbe un esemplare trovato da Albera 
forse alla Ficuzza. Io non la posseggo ancora né so 
che esista in altre collezioni dell'isola. 

* 

Sicula Kr Questa specie esclusivamente di Sicilia (1) fu descritta 

dal Kraatz (2) sopra esemplari cTcT, essendogli rima- 
sta la Q ignota. Questa si distingue dal cT oltre che 
per la maggior grandezza e le antenne, per avere le 
elitre tutte ricoperte di peli-squame bianchi. Si trova 
comune, specialmente a Mondello presso Palermo, do- 
ve verso rimbrunire vola attorno ai bassi arbusti presso 
le sabbie, quasi in riva al mare; l'ho trovata pure la 
mattina presto, battendo i tamarix dove però ho sem- 
pre trovato solamente dei cTcT- Ne posseggo un esem- 
plare cT curiosissimo per avere un' antenna a tre ra- 
mificazioni. Questa specie è citata dal De Stefain", e 
notata dal Bandi. 

pilosa F Posseggo questa specie che nessuno ha citata di Sicilia, 

in un esemplare donatomi dal Bandi , che mi scri- 
veva che proveniva dalla Sicilia e l'aveva avuto dal 
Ghiliani. 

Polyphylla Harris. 

Ragusae Kr. . . . Questa bellissima specie creduta per tanti anni la Oli- 
vieri Cast. (3) fu descritta dal Kraatz in questo pe- 
riodico Anno I, p. 82, e citata dal De Stefani (al 
quale doijbiamo pure 'il celebre racconto, che narra 



(1) Nell'ultimo catalogo di Berlino per uu errore di stampa si pose per patria di que-, 
sta specie Sardegna, invece della Sicilia. 

(2) Beri. Ent. Zeit. 18G4 pag. 3. 

(3) Ghiliaui la citò sotto questo uome , dicendo di averla vista nella collezioae del 
Gargotta di Termini. 



hippocastani F. 



— 238 — 

come \iii contadino fosse stato messo in prigione, causa 
questo coleottero) (1), e notala dal Bandi ; non è ra- 
rissima specialmente nella provincia di Trapani nel 
giugno e luglio. 

Melolontha Fabricius. 

LuDiBRius Gozis. 

Posseggo un solo esemplare di questa specie, mal con- 
cio e lutto schiacciato, trovato da un contadino nella 
provincia di Palermo. È nuova per la Sicilia (2), 

Serica Mac Leay. 

Maladera Muls. 



mutata Gyl 



Questa specie nuova per la Sicilia , mi fu notata e co- 
municata dal Bandi in un solo esemplare , senza in- 
dicazione della precisa località ove fu trovala. Io non 
la posseggo ancora (3). 



(1) Tre mesi di carcere per la Polyphylla Ragtisae, Nat. Sic. Anno IT, pag. 271. 

(2) Nella monografia dei tabacchi del Prof. Alfonso Spagna a pag. 369 l'autore dice: 
« Un altro insetto pernicioso per la vita della nicoziana è la Metolontha vidgaris , detta 

dai nostri ortolani corìu forti, etc. etc In Palermo in cui la Melolontha si manifesta 

in tutti gli orti, etc. etc le larve uua volta che si riesce a carpirle bisogna guar- 
darsi di schiacciare coi piedi in piena terra , perchè essendo rivestite di una membrana 
coriacea molto dura resistono alla pressione e sopravvivono impunemente «. 

Non conosco l' entomologo che determinò al Prof Spagna , i suoi insetti dannosi al 
tabacco, ma è assai spiacevole in un'opera pregevole come quella, e che giustamente è 
stata premiata con medaglia d'argento e 1500 lire di premio, dal congresso agrario dì 
Caltauissetta, il vedervi figurare un grosso coleottero che non solamente noti vive da noi, 
ma che io sappia, in Italia, si trova solamente dalla Romagna in su , mancando anche 
totalmente nel Napoletano. Parlando della larva è facile, dalla descrizione che ne dà il 
Prof. Alfonso, capire che si tratta invece dell'insetto perfetto che i nostri ortolani con 
molto criterio chiamano coriu furti, ciò che significa insetto dal cuojo forte, giacché essi 
intendono parlare ù.Q\VOryctes ruisicornis e grgpus da noi tanto comuni, che uno di essi 
(grypns) fu descritto dal Kollar col nomo di sirulns, e la di cui larva è stata descritta 
in questi ultimi due secoli da una quantità di autori, fra' quali citerò il Frisch , Swam- 
merdaui, lloesel, .Talìlons, Cuvier , Latreille, Sliaw, Sturm , Khamdor, Marcel de Serrcs, 
Gaede, De Hahn, Blanchard, Westwood, Erichson, Chapuis et Caudeze etc. etc. 

(3) Ghiliani dice di aver trovata una specie ? di Ilomaloplta ? a Catania. Io non ho 
mai visto delle Hoii/aloplia in Sicilia nh so che altri autori l'abbiano citato. 



-239- 



Triodonta Mulsant. 



pumila Burm. 



Specie esclusivameute siciliana; essa Im figurato per molli 
anni come sinonimo di cinctipennis Lue. d'Algeria , 
e così fu citata di Sicilia dal Reiclie , Rottenberg e 
notata dal Bandi. De Stefani la cita sotto il nome di 
proboscidea Fabr. che è invece una specie di Tangeri; 
lo Steck cita erroneamente 1' unguicularìus Er. che 
è specie di Gran e che pure mi è stata notata e co- 
municata dal Bandi in due esemplari (^ Q ma che 
non ho potuto dividere dalla comunissima pumila 
dalla quale dovrebbe differire specialmente per la 
grandezza. L' unguicularis Er. è grande 7 mm. (1) 
mentre la pumila è 5 o appena 6 mm. Si trova nel 
giugno specialmente nella provincia di Trapani dove 
i fiori dei campi ne sono ricoperti. Varia molto per 
il colorito. 



Hymenoplia Eschscholtz. 



sicula Blanch. 



Questa specie descritta di Sicilia era rimasta invisae al- 
l'Heyden (2), io la ritrovai in due esemplari nel mag- 
gio 1871 a Bagheria ; e poi in grande quantità nel 
maggio 1881 ai piedi del Monte Pellegrino (3), ed alle 
Madonie (4) , nel luglio 1882. Fu citata dal Reiche, 
ed io ritengo che la strigosa lUig. che il Ghiliani dice 
di aver trovato a Catania era invece questa specie. 



(continua) 



E. Ragusa. 



(1) Reitter Revisioa der Arten der Coleop. Gattung Triodonta Muls. aus der palearcti- 
schen Fauna. Entom. Nachrichten N. 5, pag. 65-69, 1890. 

(2) RevisioQ der Europ. Hymenoplia Arteu-Berliu 1870. 

(3) Nat. Sic, Anno I, pag. 229. 

(4) Idem, pag. 250, 



— 240 — 

COLEOTTERI NUOVI POCO CONOSCIUTI 
DELLA SICILIA 

DI ENRICO RAGUSA 



Rhyssemus verme osus Muls. 

Avendo comunicato al signor Reitter l'esemplare della mia collezione 
che con dubbio citai nel mio catalogo ragionato , egli me lo rimandò 
determinato per arenaHus Costa , e cosi pure i due esemplari di sulci- 
gaster Muls. , (specie che pare sia sinonimo dell' arenarius) ed algiricus. 
Avevo dunque ben ragione di credere che vi era stata confusione nella 
determinazione delle tre specie verrucosus Muls., algiricus Lue, sulciga- 
ster Muls. che non erano altro che Varenarius Costa, 

Un altro esemplare di Rhyssemus pure comunicato al Reitter , me lo 
rimandò come R. Siculus Reitter nov. sj). , che egli certo pubblicherà 
quanto prima (1). 

Rhyssemus setulosus Reitter ìiov. sp. (2) 

Nero-bruno, convesso, lucente, i solchi del corsaletto densamente gra- 
nulati, non lucidi, le verruche trasversali pronunziate, lucenti, liscie, la 
prima verruca al margine anteriore più piana e poco marcata , la se- 
conda e terza ravvicinata fra di loro ed alquanto allontanata dal mezzo, 
entrambe nel mezzo interrotte; la verruca trasversale pria della base 
ad ambo le parti ribattuta; scudetto piccolo, allungato; gl'interstizii delle 
elitre ricoperte da due linee di piccoli granellini , dei quali i marginali 
più marcati, con gli interstizii alternanti appena più alti degli altri. 

Distintissima da tutte le altre specie per la superficie ricoperta di fi- 
nissime setole gialle; sulle elitre esse sono in righe regolari. 

Long. 4 mm.— Sicilia. 



(Ij È ora il 7i'. setulosus descritto nelle Bestimmungs-Tabellen XXIV, che vengo di 
ricevere il 10 giugno. 

(2) Bestimmungs-Tabellen XXIV Heft, pag. 25. 



- 241 - 

Bodiliis bediiiniis Reitt. nov. sp. (1) 

Tibie posteriori ricoperti di peli normali , le spatole del margine tra- 
sversale piuttosto corte, normali. Rosso-gialliccio, vertice e disco del cor- 
saletto bruno , la sutura delle elitre finamente annerita. Uguale al lu- 
gens, un poco più piccolo, di colorito più rosso-giallo o giallo bruno, te- 
sta e corsaletto più densamente puntati , le strie delle elitre assai più 
fini, con una leggiera punteggiatura intaccata, gli interstizii punteggiati 
finamente e sparsi, tutti un poco rigonfi. 

Lung. 8 mm. — Marocco, Sicilia. 

Amidorus dilatatiis Reiche. 
var. noi-, ampliatus Reitter (2). 

Corpo assolutamente identico coll'^. dilatatus Reiche; ma gl'interstizii 
delie strie delle elitre intieramente piane e da per tutto densamente 
puntate, le strie alla punta più leggieri; anche differisce pel colorito. 

Corto e compresso, largo, convesso, lucente, epistema davanti legger- 
mente, gli angoli delle guancie appena sporgenti, rotondi, corsaletto più 
largo delle elitre , ai lati arrotonditi , a ciglia lunghe sopra densamente 
puntato la base finamente marginata. Scudello triangolare, densamente 
puntato , davanti più largo dei due intervalli , le elitre solamente una 
volta e mezza più lunghe del corsaletto, leggei-mente striate. Nero-bruno, 
col disotto e le gambe rosse brune chiare. Tibie gialle ; anche le elitre 
all'apice di color più chiaro. Linea frontale del cf' con un piccolo tuber- 
colo spuntato. 

Lung. 6 mm. — Sicilia. 

Amidorus Ragiisae Reitter nov. sp. (3) 

Della grandezza e figura dell' unicolor 01. — Nero, base delle antenne, 
elitre e tibie rosso-brune. I tarsi più chiari, testa grossa, densamente e 
fortemente rugosa punteggiata, epistema davanti profondamente e larga- 
mente marginato, formante da ogni lato un angolo ottuso. L'angolo delle 



(1) Bestimmungs-Tab. XXIV, p. 55. 

(2) Id., p. 77. 

(3) Id., p. 78. 

Jl Naturalista Siciliano, Anno Z.U. 3? 



— 242 — 

guancie davanti agli occhi ottusi. Linea frontale poco appariscente con 
un piccolo tuberculo. Corsaletto trasversale , non più largo delle elitre, 
davanti più compresso, da per tutto ricoperto di una punteggiatura quasi 
uguale, densa e forte, ai 1 ti più sei'rata, la base leggermente marginata, 
margini anteriori senza linea marginale. Scudetto triangolare, liscio. Elli- 
tre lunghe, posteriormente allargate, le strie larghe, liscie, da ogni lato 
con un forte orlo marginale e così da sembrare a doppie strie , dietro 
fortemente approfondite, interstizii lisci , densamente punteggiate, all' a- 
pice quasi rugosi e più fortemente puntate. Le tibie posteriori oscuri, e 
sotto densamente puntate. Superficie rigonfia. 

Long. 6, 5 mm. — Sicilia (Collezione Ragusa a Palermo). 

Kybalus bigibber Reitter nov. sp. (1) 

I due tubercoli sul corsaletto sono posti anteriormente ad un terzo 
dello stesso; essi sono arrotonditi, sono ben marcati e separati uno dal- 
l'altro, e davanti ai medesimi il protorace è alquanto appianato fino al- 
l' orlo anteriore è più o meno puntato. Il corno della testa è semplice, 
abbastanza lungo , eretto. Il corsaletto della Q abbastanza punteggiato ; 
elitre finamente striate. Nero, il di sotto comprese le gambe di un bruno 
castagna. 

Lung. 9-10 mill. —Sicilia, Algeria. 

Questa specie è stata certamente confusa finora col rjlahi-atus, (jraecm 
ed altri. Essa è affine solamente colla ?;/>'e^Mò'Ms; ma questa ha il davanti 
del corsaletto caviforme infossato — la bigibleì' semplicemente piana; in 
quella i tubercoli sono uno vicino all' altro, — in questa essi sono uno 
dall'altro isolati ed il corno ha in quella specie, di dietro due tuberco- 
letti — mentre qui è semplice (2). 



(1) Id., p. 122. 

(2) L'autore dice in inriUiuotazioiKj \nvA di di'scrivere le varie specie di Ilybaliis: <■. Non 
è diffìcile, che le numerose specie, tanto somiglianti fra di loro, si proverà che non sono 
altro che razze di qualche specie. Per rispondere a questo quesito bisognerà avere un ma- 
teriale assai ben più ricco di quello del qnale dispongo io ».— Per parte mia ritengo, che 
questa nuova specie è una delle tante varietà da me citate (Nat. Sic, An. XII, p. 17-18), 
del glabrattis. 



— 243 — 

Thorectes laevigatus Fbr. 
var. areolatiis Reitt. var. nov. (1) 

Convesso con un forte tuborculo arrotondito ( non compresso ) sulla 
fronte ed all' orlo marginale del vertice due areole trasversali senza 
punti. 

Thorectes laevigfatus Fbr. 
var. romanus Reitt. rar. nov. (2) 

L'intiera superfìcie non lucida con leggiero riflesso sericeo, corpo più 
piccolo, nero azzurognolo, la testa, i lati del corsaletto e delle elitre più 
chiare, qualche volta, colorate viola, di sotto azzurro vivo o raramente 
viola; di sopra leggermente scolpito. 

Thorectes laevigatus Fbr. 

var. uitidiis Jekel (3; 

Lucentissima come verniciata , sopra nera , con debolissimi tubercoli 
frontali; corsaletto fortemente puntato, ai lati ruguloso, le elitre legger- 
mente puntate con gli interstizii debolmente rugulosi. 

Anthicus Sicìlìae Pie. (4) nov. sp. 

Intieramente di un testaceo rossastro quasi sbiadito, meno gli occhi che 
sono neri. Testa qualche volta oscurata, un poco terminata in cono e ar- 
rotondita posteriormente, a punteggiatura abbastanza densa. Protorace 
assai leggermente e diversamente punteggiato. Antenne non troppo lun- 
ghe col 3 al 4 ultimo articolo assai ingrossato e leggermente oscurato. 
Le elitre sono quasi ovali, con le spalle molto salienti, l'estremità è ar- 
rotondita, la punteggiatura abbastanza forte e sparsa, la pubescenza gial- 
lastra e sparsa. Le gambe moderatamente robuste, un poco più chiare. 

Lungh. 2 7-2 iiiilh 

Sicilia (colle/ione Reitter. Pie). 



(1) Bestinimungs-Tab. XXIV, pag. 151. 

C2) Idem. 

(3) Reitter dice, (loc. cit.), che questa varietà si trova pure iti Sicilia. 

(4} Tradotto daWÈchauffe Revue Liiincciiìie Anno IX, N. 100, Aprile 1803. 



— 244 — 

Eine Excursion auf die Insel Linosa 

Beitkag zue Fauna dieser Insel 

von K. Escherich aus Re g-ensburg (Baviera). 



Beinahe schon 14 Tage hatte ich mieli bei meinem verehrten Freund 
Enrico Ragusa in Palermo aufg'ehalten, imd willirend dieser Zeit mehre- 
re recht interessante Excursionen gemacht , ferner die prachtige , wert- 
voUe Sammlung Ragusas studiert , woriiber ich spiiter nodi genaueres 
mìtteilen werde , u. dachte schon daran , nacli Neapel zuriickzusegeln 
— da kam zafallig wahrend einer Spazierfahrt das Gespriich auf die pe- 
lagischen Inseln. Bekanntlich hat Ragusa sich uni die Erforschung der 
Fauna der genanntqn Inseln grosse Verdienste erworben , indeni er 
Lampedusa u. Pantellaria teils selbst bereiste, teils andere Sammler 
(Failla-Tedaldi) dortin entsande, uni sie entomologisch zu explorieren. 
Die sehr interessanten Erfolge , die sich hierbei er^aben und die be- 
geisterte Schilderung , die mir Ragusa von seinen Forschungsfahrten 
entwarf , erweckte rasch die mir innewohnende Abenteurer-Lust , so 
dass ich mich sofort bereit erkliirte , eine der Pelagischen Inseln zu 
besuchen. Ragusa riet mir die 3. Insel der genannten Gruppe, namlich 
Linosa, als Ziel zu wahlen, da auf dieser fiist nodi gar nicht gesammelt 
wurde u. daher besonders interessante Resultate zu erwarten seien. Idi 
war natiirlich daniit einverstanden u. machte mieli nun sofort daran, die 
nòtigen Vorbereitungen zu treffen, die versdiiedenen Netze, Spaten, Glii- 
ser u. Schachteln zusammenzupacken, Proviant zu besorgen ect. Es war 
keine Zeit iiiehr zu verlieren, da idi schon am nachsten Morgen uni 5 
Uhr abreisen musste; denn eine Verbindung zwischen Sicilien u. Linosa 
findet nur einnial in der Woche statt , u. zwar fiilirt jeden Dienstag 
Abend ein kleines Dampfsdiifif von Porto Empedocle aus nach Lampedusa 
u. legt bei dieser Gelegeiiheit auch an der noerdlich von dieser gelegenen 
Insel Linosa an. 

Am Dienstag den 11 Aprii verliess ich um V2 ^ U^^^" morgens , von 
deni heiligsten Eifer beseelt, das mir so lieb gewordene Palmen-Hòtel 
Ragusas; Punkt 6 Uhr entfuhr der Zug den Bahnhofhallen Palermos , 
zuerst an der Nordkueste Siciliens entlang fahrend nimmt er von Ter- 
juini ab siidhche Richtung u. durchquert die Insel in zièmlich gerader 



— 245 — 

Linie. Schon um 11 Uhr passìerte der Zug die Station Girgenti, u. bald 
sah ich zur rechten die anmutigen Gefilde , die ich vor 14 Tag-en mit 
Netz u. Kotscher durchstreift liatte, im Hiiitergrimd auf sanfter griiner 
Anhohe die malerische Stadt, im Vordergrunde die imposanten, gut er- 
haltenen Tempel der Griechen , die auf kahlem, felsigen Hiigel liegend 
einen uberaus ergreifenden, mit Welimut gemischten Eindruck maelien. 
Einige Viaduckte und Tunnele wurden nodi passiert u, der Zug lief in 
der Station Porto Empedocle ein. 

Oline Zeit zu verlieren, ging ioli sofort an das Gestade des Meeres, in 
der Hoffnung, die scliòne Cicindela trisignata var. siciliensis Horn, die 
Herr Ragusa im vergangenen Jahr in Anzahl hier erbeutete, anzutref- 
fen. Docli niclit ein Stiick sali idi fliegen , Avas wolil in der zu friilien 
Jahreszeit seinen Gruiid geliabt liaben diirfte; dagegen fing ich in Masse 
Cicindela littoralis u. fle.ruosa, die beide sdir konstant zu sein scheinen. 
Kaum batte ich mit der Jagd begonnen , als schon cine grosse Anzahl 
Knaben uni iiiich versammelt waren, mit Hiiten, Rockeii ect. die Hiich- 
tigen Tierchen jagten und mit freudestrahlenden Gesichtern zerquetschte, 
flilgel und beinlose Tiere brachten. Doch bald lernten sie sanftere Be- 
handlungsweise u. einige von ihnen zeigten sogar grosse Geschicklidi- 
keit. Ausser Cicindelen flng ich ini Sand Scarites, Tentyria, Erodius ect. 

Ira meinem Sammeleifer batte ich nicht bemerkt , dass unterdessen 
schwarze Wolken heraufgezogen waren u. das schòne Blau des sudiichen 
Himmels zum gròssten Teil schon verdeckten; bald liorte man schon den 
Donner rollen, feiner Regen riesdte herab u. maclite mit einem Schlag 
der Cicindden-Jagd ein Ende. Ich fliichtete in eine Trattorie, nahni hier 
eine kleine Mahlzeit ein u. erAvartete in zienilich missmutiger Stimmung 
die Abfahrt des Schiffes. Zu nieiner grossen Freude batte sich gegen 7 
Uhr der Regen etwas gelegt u. idi bestieg mit der zuversichtlichen 
Hoffiiung, dass iiiir morgen gutes Wetter bescheert werde, den kleinen 
Dampfer « Gorgona » . Hier stellte ich iiiich sogleich Herrn Kapp, deiii 
Capitain, vor u. iibergab ihm ein Empfehlungsschreiben , das niir Herr 
Ragusa mitgegeben batte. Mit grosser Liebenswiirdigkeit wurde ich da- 
raufliin von Herrn RapjJ aufgenommen u. idi bekam durcli scine Ver- 
mittlung ein sehr gutes Nachtquartier. Gegen 8 Uhr lichtete die « Gor- 
gona » die Anker u. bald konnte man infolge der eintretenden Dunkel- 
heit nichts mehr von Siciliens Kiiste gewahr werden. Ich begab mieli 
sehr fruhzeitig auf niein Lager u. versuchte zu schlafen. Dodi kaum 
war ich eìngeschlafen, als ich durch heftiges hin u. ber Schaukeln dem 
Traumleben wieder entriickt wurde. Es war ein heftiger Sturni losge- 



— 246 — 

brochen, der das kleine Scliiff nacli alien Seiten herumwarf; nur durch 
kriiftiges Anhalten mit beiden Ilanden gelaiiges rair, mieli aiif dem Lager 
ZLi behaupten. In dieser Situation brachte ieh die ganze Nacht zu. 

Schon um V2 ^ Uhr, als es nur ein wenig zu dammern anfìng, klet- 
terte ich, an den Wanden mich anlehnend, auf das Verdeck, um nacli 
dem Welter zu sehen. vSchwarze Wolken hingen tief herab , kalter 
Regen schlug vom Wind gepeitscht gegen das Scliiff, Sturzwelle nach 
Sturzwelle kamen iiber das Verdeck, u. unheiralicli lieulte der Wind in 
den Masten. In den Wetterinantel eingehiillt stand ich traurig da, den 
Kampf des Menschen mit dem Elemente betrachtend , fast jeder Hoff- 
nung auf Erfolg meiner Expedition beraubt. 

Doch gegen 6 Uhr bemerktc ich cine kleine blaue Stelle durch das 
Gewòlk schimmern, die immer gròssere Dimensionen annahm; die Wol- 
ken schwanden mehr u. mehr, der Regen horte auf, die Senne verschaffte 
sich Diirchbruch u. sandte ihre erwarmenden u. trocknenden Strahlen 
auf das Schiff. Welch dankbare u. glUckliche Gefuhle beseelten mich in 
diesem Augenblick ! Und wie uberrascht war ich, als ich plòtzlich ganz 
in der Nahe einige ziemlich hohe Berge aus des Meeres Fluthen empor- 
ragen sah ! Es war die Insel Linosa, die bisher, in Wolken verhiillt, un- 
seren Blicken verborgen blieb. Das ziemlich hohe u. stelle Gestade, an 
dem der weisse Gischt haushoch emporspiitzte u. der ganze Boden, der 
die Bergc bedeckte, erschienen in dunkelbrauner, ja fast schwarzer Far- 
bung u. liessen sofort auf cine vulkanische Beschaflfenheit des Eilands 
schliessen. Bald gewahrte man auch den Leuchtturm , der auf hohem 
Lavafelsen trohnt und sich von dem dunklen Hintergrunde prachtig 
abhebt. Dort solite ich, wie ich gleich erfuhr, die niichste Nacht zubrin- 
gen; es befand sich niimlich zufiillig an Bord der « Gorgona » Herr In- 
genieur Cucchiara, der zur Inspection des Leuchtturms nach Linosa fuhr. 
Dieser Herr, von Sig. Rajjp iiber moine Expedition unterrichtet, lud mich 
freundschaftlichst ein, mit ihm auf dem Faro zu iibernachten , welches 
Anerbieten ich natiirlich dankbarst annahm. 

Gegen ^/^ 8 Uhr gelangten wir an die Sudseite der Insel, wo das Dorf 
Linosa , aus 20 niederen flachen Hausern bestehend, gelegen ist. Hier 
liielt die « Gorgona » an u. cine kleine Barke beforderte uns an das 
Land. Ich verabschiedete mich von Herrn Cucchiara fiir den ganzen 
Tag. u. machie mich 11 un gleich daran zu sammeln. 

Bevor ich iiber meine Sammelthaetigkeit weiter berichte , sei es mir 
gestattet, einige Worte iiber die Lage u. die Beschaffenheit des Eilandes 
vorauszuschicken. 



— 247 — 

Die Insel Linosa (1), im Altertum iinter dem Namen Larniusa, Aegusa 
bekannt, bildet mit den Inseln Lampedusa, Lampione u. Pantellaria die 
Grappe der « Pelagisclien Inseln » . 

Die ersteren 3 geliòren zur sicilianischen Provinz Girgenti , ^valirend 
letztere der Regierimg der Provinz Trapani unterstelit. TJnosa ist 88 
Meiien von der Sildkiiste von Sìcilien circa ebensoviel von Tiinis ent- 
fernt. Ilir Boden ist ganz vulkaniscli u. setzt sicli zusammen aus Asche, 
Lava u. Tracliyt. Es erlieben sich 4 Bergriicken auf ilir, von denen der 
hòchste (Punta dello Strepito) 522 englische Fuss misst ( nach Smyth ). 
Infolge der geologischen Bescliaffenheit ist auch die Flora nicht beson- 
ders reich; die ganze Insel ist, soweit nicht bebaut, von liohen EupTior- 
hien bewachsen; in den Niederungen findet sich ausserdem nodi der 
Mastixhaum (Lenfiscus) sehr zahlreich; Olbaume sah ich wenig, Wein gar 
keinen. Nach den Berichten der Eingeborenen wird zwar Wein gebaut, 
aber nur in ganz unbedeutenter Menge, so dass nicht einmal der Bedarf 
der Bevòlkerung gedeckt wird ; es muss daher von Pantellaria Wein 
importiert werden. Angebaut werden hanptsachlich Erbsen u. Bohnen , 
die Felder sind von Opuntien , Agaven u. Indischen Feigen sehr dicht 
eingefasst. Die Bevòlkerung (circa 150 Einwohner:) lebt in ziemlich 
armlichen Verhaltnissen; ausser von dem Feldbau, suchen sie ihren Un- 
terhalt von Fisch u. Schildkròtenfang u. von Viehzucht ( namentlich 
Ziegen u. Schafe). Das Dorf Linosa besteht aus 20 fiachen Hausern, die 
in 2 Reihen stehen u. dadurch eine Strasse bilden. Ein grosser Raum 
mit einem Eingag u. einem Fenster bildet gewòhnlich die Wohnung 
einer Familie. 

Nach diesen kurzen Bemerkungen iiber die Verhaltnisse der Insel 
Linosa mòge mir der verehrte Leser auf meine Excursion welter folgen. 
Vom Landungsplatz ging ich zunachst landeinwarts^ an den Hàusern 
vorbei, u. machte ganz in der Nahe derselben Halt, um auf einem Ab- 
hang unter Lavaschlacken zu suchen. Dass die ganze Bewohnerschaft des 
Dorfes, Jung u. alt, Manner u. Frauen, mit erstaunten Gesichtern mir 
folgten, eine Zeit lang mieli umstanden u. durch vieles Fragen, beson- 
ders darnach, ob ich die Tiere zum « Essen » sammle, ihrer Verwunde- 
rung iiber mein Treiben Ausdruck verliehen , daruber war ich nicht 
mehr erstaunt. Ich traf das schon in ganz Sicilien; der Sicilianer kann 



(1) cfr. 1. Crociera del Violante, Aunali del Mus. di storia iiat. di Genova XI, 1877, 
p. 133.— 2. Calcara, Eapporto del viaggio scientifico nelle isole di Linosa, Lampedusa e 
Pantellaria. Palermo 1846. - • 



— 248 — 

eben nicht begreifen, wie man sich mit solchem Gewiirm, das doch gar 
keinen Nutzen bietet, abgeben konne. Idi erbeiitetc hier ganz gute Sa- 
chen, an Kaferii : Masoreas Wetterhali , Stenosis obliterata (neu fuer Eu- 
ropa), LI. die seltene Tentìjria laevigata; an Reptilien fing ich eine raerk- 
wiirdige Varietat der Lacerta muralis , die mir leider spater abhanden 
gekommen ist, u. eine sehr dunkle Form von Chalcides (Gongylus) ocel- 
latus. Letzterer, von den Eingebornen «Tiro» genannt, ist auf der gan- 
zen Insel ziemlich haufig u. zwar tritt ei- ausschliesslich in der braun- 
schwarzen Fiirbung auf. Es handelt sich hier ohne Zweifel um eine 
Anpassung an den dunklen vulkanischen Boden. Die Ansicht unseres 
besten Herpentologen, des Herrn Prof. D: 0. Boetfger, uber die bezeich- 
nete Form des Gongylus wird unten noch mitgeteilt werden. 

Eine sanfte Anhohe iiberschreitend , gelangte ich in ein von 2 ziem- 
lich hohen Bergriicken begrenztes Thal , das in der Richtung von Sii- 
den nach N-Osten verlauft; Bohnen, u. Erbsen-Felder , von machtigen 
Opuntien u. « Pomidoro selvatico » eingefasst, sind hier angebaut, hohe 
Euphorbien wuchern hier, wie auf der ganzen Insci uberaus uppig. Ich 
sanunelte hier den ganzen Vormittag , obwohl unterdessen ein heftiges 
Gewitter mit starkem Regen u. Sturm losgebrochen war , musste mich 
aber infolgedessen lediglich auf das Umwenden von Steinen u. Lava- 
schlacken beschi'anken. Sehr haufig traf ich den Oc y pus olens Milli, in 
Liberraschend kleiner Foi-m, ferner Scaurus trisfis, Calatlms mollis Marsh., 
Conurus pedicularis Grav. u. puhesceìis , Tachyporus pusillus u. andere 
StaplìijUnen. 

Um 11 Uhr suchte ich unter einem vorspringenden Felsen vor Wind 
u. Wetter Schutz u. nahm mit grossem Appetit von dem mitgenomme- 
nen Proviant , der zum Teil vom Regen ganz durchweicht war , mein 
Mittagsmahl ein. Nach einer halben Stunde schon machte ich mich wie- 
der auf den Weg in ostlicher Richtung fortschreitend. Der Regen batte 
aufgehòrt , Avenn auch der Wind mit ungeschwachter Kraft sein Spiel 
fortsetzte. Unter Steinen fand ich meistens die oben genannten Arten 
an, nur ein totes Exemplar von Plìijllognathus s'ienus Fah. brachte et- 
was Abwechslung; die Gongylus u. Lacerten Avaren hier in Massen vor- 
handen, fast unter jedem Stein sassen mehrere der genannten Reptilien. 
Unter der Rinde eines alten Baumstumpfes (Olive) sass nebeu mehre- 
ren Opatroides punctulatus ein Parchen eines anderen Tenebrioniden , 
der mir vòllig unbekannt war u. den ich sicher fiir neu hielt. Wie ich 
jedoch spater durch Herrn Major D."" L. von Heyden erfulir, Avar es Hi- 
matismus villosus Haag., der bisher nur aus Aegypten u. Syrien bekannt 



— 2i9 — 

war. Wahrend ich eifrig den alteii Baumstumpf bearbeitete , kam ein 
j unger Mann von hiibschen schlaiiken Wuchs herangetreten, betraclitete 
liinger meine in seinen Angen hochst sonderbare Beschaftigung, u. fragte 
mieli endlieh nnter Laclien, ^vas ich denn hier triebe. 

(continua) 
4-*^^> 



CONTRIBUZIONE ALLA FAUNA MARCHEGIANA 

I LEPIDOTTERI 

finora trovati nel territorio eli Osimo 

PER 
LEONELLO SPADA 



(Cdiit. e line v. N. prer.) 

N/Iicrolepidoptera 

A — P=37"ralid.i3n.a, 

Fani. I. — Pyralidae 

Gen. 148. — Aglossa, Latr. 

A. pinguinalis, L. — In tutte le stagioni nelle abitazioni e nelle cantine. 
Bruco sul Lardo, Barro e defriti vegetali. 

Gen. 149. — Asopia, Tr. 

A. farinalis, L. — Estate, nelle caso contro i muri. 

Bruco sul Grano e sulla Crusca. 
A. silacealis, L. — Estate : in tutto il territorio sul Formentone. 

Bruco sulla Zea mat/s. 

Il Naturalista Siciliano Anno XII 33 



— 250 — 

Fani. IL — Crarnhidae 

Gen. 150. Crambiis, F. 

C. pratellus, Tr. — In tutto il territorio in Estate: nelle selve sulla Bo- 
raccina. 

Bruco sulla Poa cmniia e Tamarix gallica. 
C. rorellus, Tr. — Estate : in tutto il territorio sul Musco dei fossi. 

Bruco sulla Poa annua e Poa pratensi^. 
C. tristellus, Zeli. — In tutto il territorio nelle selve e sulle siepi. 

Bruco fra le radici dei Muschi. 
C. campellus, Curt. — Estate: M, S. Pietro e Selva Simonetti sull'erba 
dei prati. 

Bruco fra le radici dei Muschi. 
C. culmellus, Tr. — Estate : in tutto il territorio sul Tamarisco. 

Bruco suWHypnum crispum. 
C. hortuellus, Tr. — Estate in tutte le selve del territorio sul Musco. 

Bruco ^nW Hìjpnum crispum ed H. serpetis. 

Fara. III. — JPhycidae 
Gen. 151. — Ephestia, Gn. 

E. elutella, Hb. — In tutte le stag-ioni sulle sostanze alimentari dolci. 
Bruco nelle Pasticcerie e nel Cioccolatte. 

Fara. IV. — Galleriae 

Gen. 152. - Galleria, F. 

G. mellonella, L. (cerella) — Primavera ed Estate in tutto il territorio at- 
torno gli alveari delle Api. 
Bruco nell'interno dei favi delle Api. 

Gen. 153. — Acroea, Hb. 

A. grisella F. (Alvearia F.) — Estate : in tutto il territorio negli alveari 
delle Api. 

Bruco nell'interno degli alveari e specialmente nella cera. 



-251 — 

B — Tortricina 
Fani. V. — F'iatyomidae 

Gen. 154. — Tortrix, Tr. 

T. bouloniana, Fab. — Estate : un solo individuo sul tronco di un Lazzc- 
ruolo. 

Bruco sul Mespllus azzarolus. 
T. viridana, L. — Estate : M. Ragalo , Prati di Rigo ed in tutte le selve. 

Bruco sulla Quercus robur. 
T. crataegana, Frol. — Primavera : Selva Simonetti e Boschetto Butteri, 
sul Biancospino. 

Bruco sul Crataegus oxyacantlia, Salix caprea e S. viminalis 

Gen. 155. — Carpocapsa, Tr. 

C. pomonella, L. — Primavera : in tutto il territorio sul Pero e Melo. 

Bruco sul Pyriis comunis e P. malus. 
C. amplana, Hb. — Estate ed Autunno: in tutto il territorio sulle Querce 
e le Avellane. 

Bruco sui frutti di Quercus robur e Corylus avellana. 

Gen. 156. — Cochilis, Tr. 

C. albipalpana, Z. — Primavera : in tutto il territorio nelle selve sui 
cespugli. 

Bruco ignoto. 

C — TiaD-eina 

Gen. 157. — Tìnea, Z. 

T. tapezella, L. — Estate e principio di Autunno nelle case sulle stoffe. 

Bruco sulle Stoffe di lana, Pelliccie e Piume. 
T. granella, L. — Tutte le stagioni sui granai. 

Bruco sul Triticum sativum, Hordeum vulgare e Secale ce- 
reale. 
T. pellionella, L. — Estate ed Autunno : nelle abitazioni sulle Pelliccie. 

Bruco sulle Pelliccerie^ Tappeti e Mobiglie. 



— 252 — 

Gen. 158. — Tineóla, H.S. 

T. bisseliella, Tr. — Primavera, Estate, ed Autaniio nelle case e nei Ga- 
binetti di Storia Naturale. 

Bruco sulle Lane, Crini e Peli. 

Fam. VI. — A.delidae 

Gen. 159. — Adela, Latr. 

A. Degeerella, L. — Estate: M. di S. Stefano, valli dell'Aspio e del Mu- 
sone sui Salici. 
Bruco sul iSalix cuprea e S. mminalis. 
A. brassicae, L. — Primavera ed Estate : M. di S. Stefano e M. Ragalo 
sui prati. ' 
Bruco ignoto. 

Gen. 160. — Nemotois, Hb. 

N. metallicus , Poda — Estate un solo individuo a M. S. Stefano sulla 
scabiosa. 

Bruco sulla Scabiosa arrensis. 

Fam. VII. — Hypanomeutidae 

Gen. 161. — Hyponomeuta, L. 

H. padellus, L (variabilis Z.). — Estate : in tutto il territorio sulle siepi 
di Biancospino sui Frutti in genere e sul Pioppo. 

Bruco sul Crataegus o.njacantha, Prunus cerasus e P. !<pi- 
nosa. 
H. malinellus Z. — Estate: in tutto il territorio sulle Mele. 

Bruco sul Pt/rns maltis. 
H. cognatella (Z. cagnangella Hb., evonymella Se.) — Estate : in tutto il 
territorio nei boschi, giardini e siepi di Biancospino. 
Bruco s\x\VEvonf/niu^ eiiropeus e Crataegus oxyacantha. 



— 253 — 

Gen. 162. — Prays, Hb. 

P, oleellus Fab. (Oecophora Latr.) — Primavera, Estate ed Autunno sul- 
r Olivo. 

Bruco suirOZea europea non frequente. 

Fam. Vili. — Gelechidae 

Gen. 163. — Sitotroga, Hein. 

S. cereatella, Oliv. — Estate : in tutto il territorio sulle Spiche di fru- 
mento. 

Bruco sul Triticum sativum. 

D — ^teroplìorina 

Gen. 164. — Cnaemìdophorus, Wallgr. 

C. rhododactylus, S. V. — Estate in tutto il territorio nei boschi , sulle 
siepi e sui fiori nei giardini. 
Bruco sulla Rosa canina. 

Gen. 165. — Mimaesoptilus, Waligr. 

M. pterodactylus L. — Estate: prati di Rigo e M. Ragalo sulle vie erbose. 
Bruco sul Convolvuliis arvensis. 

Gen. 166. — Aciptilia, Hb. 

A. tetradactyla, L. — Estate: in tutto il territorio sul Vilucchio e l'Erba 
S. Maria. 

Bruco sul Convolvulus arvensis e Gfeum urhanum. 
A. pentadactyla, L. — Estate : M. di S. Stefano e dintorni di Osimo sul 
Susino. 
Bruco sul Prunus domestica e Convolvulus arvensis. 

Gen. 167. — Platyptilia, Hb. 

P. acanthodactyla, Hb. — Autunno : un solo individuo ai prati di Rigo 
sulla Mentha. 

Bruco sulla Mentha silvestris. 



— 254 — 
E — -A.l"u.cìtiii-a 

Gen. 168. — Aliicita, Z. 

A. xylostella, L. — Estate : in tutto il territorio sulla Vitalba. 

Bruco sulla Clematls vitalba. 
A. hexadactyla, L.— Primavera ed Estate : M. di S. Stefano; M. di San 
Biagio, Vescovara ed in tutti i giardini e boschetti del terri- 
torio sul Caprifoglio. 

Bruco sulla Lonìcera caprifolium. 



Le metamorfosi del Conger vulgaris e del Conger mistax 

NOTA 

del Doti. LUIGI FACCIOLA 

(Cont. V. N. pr.) 



Sesta fase. — In questa l'animale è semi-trasparente, leggermente bleua- 
stro, il margine del labbro superiore lievemente sinuato per la presenza 
di processi trasversi rudimentari, la dorsale nasce appena dietro la base 
delle pettorali, la caudale è più stretta, i punti del ventre sono disordi- 
nati e meno numerosi e possono mancare, però una nuova serie se ne 
osserva lungo la base della dorsale. Nel resto somiglia al L. Kollikeri. 
Da un esemplare ho tolte le seguenti misure: 

Lunghezza del corpo 79 millim. 

Dall'estremità anteriore all'origine della dorsale . . . 15 » 
Dall'estremità anteriore all'ano 28 » 

Settima fase. — È raggiunta dai giovani aventi l'aspetto del C. mistax 
adulto , i quali poco si differenziano dallo stato precedente. Il corpo è 
rotondato in avanti , posteriormente assottigliato. La mascella superiore 
è più lunga dell'inferiore ed ha due labbri di cui 1' esterno è sostenuto 
da tre processi ossei trasversi che rendono il suo margine sinuoso. I 



— 255- 

denti formano una fascia in ciascuna mascella e un gruppetto tra le na- 
rici anteriori munite di un breve tubo. L'origine della dorsale si trova 
nel sito notato. Questa pinna e l'anale più alte in avanti si restringono 
posteriormente. Nel L. Gegenhcmri e Kollìleì'i, al contrario, assai basse 
in principio s'innalzano verso l'estremità posteriore. La cedale è ristretta. 
La colorazione del corpo è bleuastra più evidente. Sulla linea mediana 
del ventre alle volte si osservano alcuni punti neri grossetti e irrego- 
lari che sono il residuo delle due serie primitiv^e di punti , le quali si 
avvicinano e si congiungono per riduzione di quella porzione corrispon- 
dente di pelle che separa inferiormente i fascetti muscolari piegati ad 
angolo. I più brevi che ho visto in questa fase misurano 71 millim. 

Tra r animale della prima fase e quello che ha preso i caratteri de- 
finitivi vi è molta differenza e ninno che li abbia sotto gli occhi può 
immaginare che sieno la stessa specie , mentre il più maturo di essi è 
notevolmente più corto. Ma 1' esistenza d' individui che offrono tutte le 
gradazioni intermedie non lascia dubbio sulla loro determinazione. Il 
principio della dorsale per isviluppo di nuovi raggi in avanti e 1' ano 
per accorciamento dell'intestino vengono mano mano ad occupare tutti 
i punti della distanza tra la loro posizione primitiva e quella ove si fer- 
mano. Analogamente avviene per la forma del corpo e del muso. Da 
ciò si vede che la divisione dello sviluppo in diverse fasi non può essere 
precisa. 

Ma se togliamo ad esame la corda dorsale nelle varie forme di lepfo- 
cephalus sotto cui si presenta 1' animale troveremo che dalla prima al- 
l' ultima la sua complicazione progredisce sempre più. In tutte offre le 
stesse pieghe limitanti coi due profili di essa spazii ottagoni e lo stesso 
reticolo a maglie più piccole che abbiamo osservato nel L. inaequalis e 
nel corrispondente L. Morrlsi. Dietro il capo le pieghe trasversali sono 
semplici, più avvicinate, col margine convesso, indi suddivise ai due e- 
stremi per una estensione sempre più considerevole fino a che costitui- 
scono un sistema di cavità limitate da tramezzi presso a poco eguali 
tra essi. Ora quanto più immaturo è l'animale tanto più in dietro co- 
mincia questa divisione e quindi tanto più numerose sono le pieghe tra- 
sversali semplici. In un esemplare di comune grandezza del L. Haeckelii 
se ne contavano circa diciassette. 

La formazione delle vertebre procede dall' estremità posteriore della 
corda. Nei piccoli del L. Haeckelii questa è affatto membranosa in tutta 
la sua lunghezza e manca ogni principio di segmentazione; manca pure 
ogni traccia di processi superiori ed inferiori. Negli esemplari di ordì- 



— 256 — 

naria grandezza dello stesso leptocefalo si trovano soltanto uno o due 
corpi vertebrali cilindrici immediatamente innanzi la cartilagine dell' i- 
purale, a cui seguono due o tre ispessimenti sul limite superiore e infe- 
riore della corda; le apofìsi neurali sono quattro per lato al più, due sulle 
vertebre e due sulla corda; nessuna apofìsi emale. Nel successivo L. Yar- 
relU le vertebre formate sono da sette a dieci, un poco ristrette nel mezzo 
ma di meno in meno cominciando dalla prima; seguitano due o tre in- 
complete, indi circa undici ispessimenti in alto e sei in basso rappresen- 
tanti le estremità superiore ed inferiore dei futuri segmenti ; le apofìsi 
neurali s'impiantano innanti la metà della lunghezza del corpo della ver- 
tebra e s'innalzano fìno al limite superiore del midollo; le emali nelle 
prime vertebre che succedono all' ipurale sono sviluppate come le neu- 
rali , indi di meno in meno fìnchè si riducono ad una traccia ; in tutto 
se ne contano da cinque a sette per lato; esse sono opposte alle neurali; 
soltanto l'apoflsi neurale della prima vertebi'a posta innanzi all' ipurale 
è sostenuta da una lamina quasi completa , quelle delle tre vertebre 
successive hanno la lamina ristretta, le altre susseguenti e le emali ne 
mancano. Nel L. Bihroni il numero delle vertebre formate è diciannove 
presso a poco. Le apofìsi neurali dopo quelle che sono in rapporto coi 
corpi vertebrali si ripetono per una porzione considerevole di corda, dap- 
prima in coincidenza con le sue placche superiori indicate sui lati dai tratti 
longitudinali che conosciamo, poi isolatamente sulla corda non segmen- 
tata ; in tutto se ne possono contare ottantasette paia seguite da deboli 
traccie; le emali vengono meno prima dei corpi costituiti delle vertebre 
e sono quattordici per lato al più ; le lamine che rappresentano gli ar- 
chi superiori si trovano già formate sulle ultime otto vertebre incirca 
e si allungano sino ai due estremi di questi corpi ; le lamine inferiori 
sono sei o circa per lato. 

Nel L. Gegenhauì'ì le vertebre formate sono poco di più noverando- 
sene da ventuno a ventitre, ma le apofìsi neurali esistono per tutta la 
estensione della corda sebbene verso 1' estremità anteriore si facciano 
sempre meno evidenti ; di esse soltanto tredici o quindici , cominciando 
dalla coda, portano lamine; le emali sono ventitre o all'intorno per cia- 
scun lato; di esse soltanto nove o all'intorno hanno lamine. 

Nel L. KOUlkeì-i la corda è segmentata in tutta la sua lunghezza; in 
dietro sono circa trentacinque vertebre più lunghe che alte, di forma quasi 
definitiva e con principio di ossifìcazione. Più in avanti sono segmenti 
cilindrici di pura cartilagine , così lunghi che alti e nel resto un poco 
più alti che lunghi; i processi neurali primitivi si possono seguire senza 



— 257 — 

difficoltà fino al capo, ma verso questa parte il loro sviluppo è ancora 
debole; sulle ultime quindici vertebre caudali o lì presso s' inseriscono 
innanzi il mezzo della lunghezza delle vertebre, indi nel mezzo fino al- 
l'estremità anteriore; cominciando dall'estremità opposta si arriva a nu- 
merarne ventitre per lato con larghe lamine o archi superiori compren- 
denti tutta la lunghezza della vertebra; procedendo nella stessa direzione 
si contano fino a ventisei vertebre con processi emali sempre meno svi- 
luppati in avanti, opposti ai processi neurali e provvisti di lamine nelle 
prime tredici vertebre. 



Stati larv. progress, 
del C. niislax 


Corpi 
vertebrali 


Apof. nenr. 
IM'iiiiiiixc 


Apof. em ili 
l>riiiiiti\'(^ 


Lamine 
ver tei u". 
superiori 


Lamine 
vertebr. 
inferiori 


L. llaeckolii juw 

















» » adul. 


2 


4 paia 


() 








» ^'a in 'Ili 


IO 


20 » 


7 paia 








» Bil)roiii 


19 


87 » 


14 . 


8 paia 


6 paia 


» Gegeiibauri 


23 


lllllC 


23 . 


15 » 


9 . 


» Kollikeri 


tutti 


Lille 


26 » 


23 > 


13 . 



Nel C. mistax definitivamente trasformato la colonna è divisa in 135 
vertebre, di cui 44 addominali e 91 caudali. Le apofisi emali mancano 
soltanto sulla 1'''' vertebra e sono opposte alle neurali; nei giovani que- 
ste ultime si mostrano tuttora costituite di due parti ben distinte , ma 
intimamente connesse , cioè 1' apofisi primitiva e 1' espansione laminare 
che ha sui lati. Muovendo dall'estremità caudale sono intorno a quindici 
le vertebre in cui la stessa apofisi sorge un poco piti innanzi la metà 
della loro lunghezza, in seguito sorge dal mezzo, come nel L. Kollikeri. 

Le neurospine risultano evidentemente dalla congiunzione e dal pro- 
lungamento di ciascun paio di apofisi neurali primitive, non punto dalle 
lamine corrispondenti. 

La perfetta somiglianza nella forma delle apofisi neurali primitive dal 
L. Haeclelii ai successivi , in quella delle vertebre più mature presso 
la coda dal L. Yarrelli al giovine C. mistax e specialmente delle lamine 
superiori dal L. Bìbroni allo stesso Conger , lo quali hanno il margine 

// NtiCuralisCu Siciliano^ Anno Xll 34 



— 258 — 

anteriore convesso vei'so la base e superiormente incavato e piegato 
verso la coda, e in altre particolarità che sarebbe lungo descrivere mi- 
nutamente, conferma l'esattezza di ciò che sostengo. 

Un altro punto di corrispondenza si trova nel numero dei segmenti 
in cui è divisa o deve dividersi la corda. Nel L. KoUikeri questa essendo 
già interamente divisa possiamo contarli direttamente facendoli passare 
uno a uno sotto gli occhi attraverso un debole ingrandimento del mi- 
croscopio dopo opportuno trattamento della corda. Invece dei corpi 
delle vertebre si possono contare le apofisi neurali primitive , ciò che 
riesce più spedito. Nel L. Gegenhauri possiamo ancora avvalerci di que- 
st'ultimo mezzo ad onta che la corda per gran parte della sua lunghezza 
non offra anelli di segmentazione e il risultato che si ottiene è confor- 
me al superiore. Nei L. Bìhronl e YarrelU questo stesso mezzo ci viene 
meno essendo incompleto il numero delle apofisi neurali e nel L. Hae- 
ckelii quasi nullo. Quindi dobbiamo ricorrere a quello di enumerare i 
gangli spinali o i segmenti muscolari come si è detto a proposito delle 
forme più immature del L. waeqiialis. Questi gangli e segmenti in tutti 
e tre i leptocefali or nominati è appunto di 135, quale numero pure si 
rileva nel L. Kóllikeri. 

Un'altra non meno evidente dimostrazione dell'appartenenza dei cin- 
que leptocefali suddescritti al C. mistax è data dalla forma dell'ipurale, 
diversa da quella del C. vulgaris e perfettamente identica in ciascuno 
dei detti leptocefali a quella che ha nel C. mistax. Essa placca risulta 
di un pezzo superiore e di un pezzo inferiore. Il primo si trova in dire- 
zione della corda o della colonna vertebrale a cui si attacca con la sua 
porzione ristretta sormontata da due creste opposte tra cui passa il mi- 
dollo e che sono evidentemente l'ultimo paio di apofisi neurali modifica- 
te; posteriormente si allarga ad incudine di cui però una branca corri- 
spondente alla superiore sia più lunga e più stretta che non 1' altra che 
è più ottusa. Il pezzo inferiore , che è una lamina , si congiunge col di 
sotto della porzione anteriore ristretta del suddetto, restandone separato 
posteriormente da un incavo profondo. Il suo margine posteriore convesso 
si trova un poco più innanzi di quello del pezzo soprastante. Essa lamina 
porta un forame anteriormente. Il midollo spinale nella sua ultima por- 
zione corrispondente al pezzo superiore dell' ipurale restringesi in un 
prolungamento o coda che si adatta nella concavità del margine supe- 
riore di questo pezzo e termina all'estremo superiore della sua porzione 
allargata. 

Un' altra particolarità comune al L. YarrelU e successivi e al C. mi- 



— 250 — 

stax consiste nell'essere sovente le due ultime vertebre normali saldate; 
in tal caso 1' unico corpo vertebrale che ne risulta porta due apofisi e- 
mali e due neurali, di cui la posteriore si trova alle volte sopra l'estre- 
mità anteriore dell'ipurale oppure tra questo e l'estremità posteriore delle 
due vertebre saldate. 

Nella corrispónilenza del numero dei raggi caudali abbiamo ancora 
una prova dell'identità specifica delle forme esaminate. Esso è in tutte 
costantemente di cinque nella lamina superiore dell' ipurale, di quattro 
nella inferiore. La loro estremità radicale è semplice a differenza dei 
raggi dorsali e anali che loro fanno seguito e che hanno una testa tri- 
condiloidea. (tIì ultimi raggi interspinosi offrono gli stessi rapporti con 
le parti adiacenti. L'ultimo superiore si congiunge con la cresta dell'ipu- 
rale che abbiamo considerato come un' apofisi neurale , quello che gli 
succede si frappone a questa apofisi e alla seguente omologa e così di 
seguito. L'ultimo inferiore giace tra il pezzo inferiore dell'ipurale e l'ul- 
tima apofisi emale, il penultimo si dirige tra questa e quella che le sta in- 
nanzi e così di seguito. È da notarsi che gli stessi due ultimi raggi in- 
terspinosi superiori e i due inferiori opposti sono avvicinati l'uno all'altro 
sull'estremità esterna ed articolano insieme con un solo raggio pinneale, 
che è r ultimo dorsale ed anale. I segenti corrispondono ad altrettanti 
raggi di pinna. {continua) 



TRACTATUS 
per Epistolam FRANCISCI MAUROLICI 

AD PETRUM GILLIUM 

DE PISCIBUS SICULTS 



(Cont. V. super, fase.) 

BoUaces sunt nobis quos graeci -épvatr vocant, parvi pisces, lati 
brevesque, rubris nigrisque in transversum lineis, et ore ampio et carne 
molli. 

Julìolae, quas graeci -òic ìo'jau^oc? vocant, nobis autem vulgo Judio- 
lae et Jocarellae hoc est iocaria dicuntur , parvi pisces sunt , sardarum 
fere magnitudine ac figura, sed variis picturati coloribus, rubris, nigris, 
croceis, viridibus, caeruleis, undulatisque in longum lineamentis distincti, 
carne molli, non minus gustui quam nisui grati, unde Regum raentulae 
dicuntur a quibusdam. 



— 260- 

Sargi , qui et graece ol rrocpYoi, nobis autem vulgo saracì dicuntur, 
inter latiores numerantur, sing'ulorum [)oncTus librae duae ac semis. 

Gaiulae suut sargìs ferme similes, sed argentatis squamis, nigrisque 
lineis in latura vergatae, et ore exiguo, et minores. 

MxLraena longitudine sim'lis Anguillae, sed colore obscuro, eroceis 
notis conspersa, maxima XX librarum, candida, molli carne ac sapida, 
graece ■'/] aópaiva, capitur in freto Mamcrtino , dum exustam solis fer- 
vore cutem mergere nequit, ut ait Martialis, quin et in quibusdam ru- 
pibus , dum muraenae laticantes de fora minibus caput proferant , forci- 
pibus apprehenduntur. 

Conger anguillae similis, sed ventre pregnante sapore quoque haud 
ingrato. Compertum est congrui equasse pendere L libras. Hunc Grun- 
gum vulgo dicimus. 

Beati sunt nobis plani brevesque pisces : quorum XII aequant pon- 
dero V libras. Ex horum nomine jocus ortus in piscatores : ut beatos a 
se captos dicentibus, elapsos fuisse beatiores respondeant. 

A.CVLS pisciculus longus ac teres , caerulea cute , ab aculeato rostro 
denominatus. A graecis r^ [ìsaòvvj vocatur. 

Haleces vulgo nostro Alaccie sunt pisces sardis omnino similes, sed 
majores, ut bini aequent pondero, abundant spinis minutissimis, putant 
esse al aaivlf^sc, et lialeculae Tà y.aivlf^ia, ut Theodorus transfert. 

Sardae pisciculi notissimi (juorum piscatio in gaditano freto, apud 
extremum Hispaniae promontorium frequentissima: cute caerulae , lon- 
giusculae, graecis dicuntnr yj. Tpix.Ì5C'., gregatim incedunt sicut caeteri pi- 
sciculi, sapore non infimae et salsamento aptissimae. 

Cicerellae, sic nobis vulgo dicuntur : seu potius circelli, quia con- 
voluti speciem faciant in aurium, pisciculi sunt quidam lubricis vermi- 
bus perquara similes , tei etes ad caput caudamque acuminatis , candidi 
argenteoque fulgore conspicui, ac sapore optimo, gregatim incedunt. Ho- 
rum in Mamertino freto littoril)usque Messanensis agri proventus copio- 
sissimus, ad horum captionem retia maculis minutissimis distinta laxari 
ac demum tempestate compertum. 

Minulae vulgo nostro , seu i-ectius menulae , sunt pisciculi longiu- 
sculi quam lati, hebeti colore, quaterni vel terni libram aequant, sunt 
in mediocri precio. 

Mxipì sunt Paguris perquani similes , sed multo minores: ut quator 
tresne libram perfìciunt, sapoi-e venusto. 

Zjuvari Mupis omniuo similes sunt, sed aliquanto miuores. 

Salpae, quae grece etiam a- nyj-v.i dicuntur;, longiusculi pisces, sin- 
guli duarum librarum ac semissis, aureis in longum lineis inscripti. 



— 261 — 

Sauri antiqimm etiam nomen servant, argentea cute, postrema cauda 
valde in acutum tendente, quaterni quinas libras aequant. 

Scoxnlbri a graecis etiam ol t/cóv.^ìooi, sauris similes , sed caeruleo 
colore, dorsoque nigris undulamentis distincto. 

Pelamides vulgo nostro palamati vocantur, à-ò -oZ --/jV/j, hoc est 
a coeno dicti, nigricantibus lineis a longum inscripti. Maximus non prae- 
terit libras XII et semissem. Hic notandum salpas, sauros, scombros, pa- 
lamides esse de numero ignobilium piscium et illaudati saporis. 

Smidirae , sic vulgo nostro , graece autem al Ty.apifJs? ut nostrum 
vocabulum a graecis traslatis literis factum videatur, pisciculi sunt sar- 
dis minores, colore maenulis similes. 

"Vopae nobis appellantur pisces smidiris similes, sed ut plurimum ma- 
iores ac deteriores. 

Muletti vel Burraces similes sunt spinulis, sed minores. Nani maxi- 
mus quinque libras non excedit, gregatim natant, arbitror hos esse mu- 
giles. 

Curanellae sunt sardae minutae , ac perinde viliores, sparsoculi 
piscium minutissimi. 

M^onachelli sunt pisciculi breves ac plani seu lati nigrentibus squa- 
mulis. 

Trachina piscis corpore longo et ore ampio, et carne candida, pen- 
dere sesquilibrae. 

Cornus graece b Kópa;, piscis longus , latusque ad summum quin- 
que librarum, fusco colore. 

DentatuSf ut opinor, is est qui latine clentex graece autem T-jvof^cov, 
a serratis dentibus dictus : caetera paguro similis , quanquam molliori 
carne. 

Arsela pisciculi a nostris dicuntur smidiris similes , colore ad rubo- 
rem declinante, gregatim incedunt. Quanvis asellus aliis alius sit piscis. 

Scorpaena piscis est brevis , latusque, vario fuscoque colore, acu- 
leatisque squamis armatus, carne moUissima. 

Squatina graece vj oi^r^, piscis cuius corium asperrimum buxo et 
eburi laevigando utile est. 

Lappava piscis latus, longiusculus, virenti colore, pingui mollique 
carne, inde fortasse nomen sortitus, quum graece -/j >.a-apa pinguedo sit. 
Minimus librae quadrantem. Maximus dextantem aequat. 

Liampretra piscis muraenae similis, habet tamen a lateribus novena 
foramina, rarus in nostro pelago a lambendis petris dictus. 

Calamarius qui loligo; et graece r, Tò-jOìì. 

Folypus graece ó -oav-oj;^ a moltitudine pedum. 



— 262 — 

Sepia graece -^ Gr^r:la. 

Totani calamariis mnjores ac durìor'es, et caeterae moUium species, 
qiiae atramento efflato aquam turbantes se tutantur. 

Item locustae, cancri^ cammari et caetera crustaceorum genera. 

Item ostreae, conchae, patellae, cochleae, huccinae, Umaces, echini, testu- 
dines et iimumerae testaceorum species tibi indagandae ac describendae 
reliquuntur, nec expectabis ut exponeam. 

Garum liquamen ex scombris, <•> Tapi./à, ex cephalis, caviarium ex stu- 
rionibus sive siluris confectum , ova thynnorum, sardas , aleccias, areii- 
gas et caetera salsamentorum genera. Consule super bis eos, quos gustui 
potius quam valetudini vacare ac sitis irritaraeuta querere delectat. Ve- 
niam ergo ad fluviales sive palustres pisces. 

{sequitur) 

1>-<|33>-° 



F- MINA-PALUMBO 



^Bttili ed (Anfibi (Mebrodensi 

(Coni. V. N. pr.) 
Rana temporaria Linn. 

1814. Rafinesque — Prodromo Erp. Sic— Specchio delle Scienze N. 10, p. 102. 
1872. Doderlein — Alcune generalità intorno la Fau. Sic. dei Verteb, p. 27. 
1(S81. DoderZem— Rivista della Fau. Sic. dei Verteb. p. 43. 
1874. De Betta — Fauna d'Ital. Rettili ed Anfibi, p. 67. 

Io non ho trovato questa specie nelle Nebrodì, mi limito a citare questa spe- 
cie come riportata dai sopradetti, di essere stata trovata in Sicilia. Il Rafine- 
sque le ha dato il nome di Ranaria temporaria. Il Doderlein scrive più rara- 
mente la Rana rossa Rana temporaria Lnn. Il De Betta dice semplicemente 
di trovarsi anche in Sicilia. 

Essendo una specie ben caratterizzata è utile farne ricerca in varie contrade 
della Sicilia, per noverarla con certezza nella nostra Fauna. 

Genere Discoglossus Otth. 
Discoglossus pictus Otth. 

Discoglossris cinereo-vìtfescens , maculis atrìs , rotundis nitidis , saepiiis fascis 
tribus albidis longitudinalibus pictus : rostro aciitiusculo : ociilis parvis : 
corpore eleganti vix granuloso. Bnp. 



— 263 — 

Sinonimi 

Pseudis pietà Fritz. Discoglossus pictus Ottii. 

Pseudis sardoa Gene. — sardous Schiidi 

Pana pietà Graven. 
Nomi volgari 

Discog-losso Siciliauo, Bup.— Rana acquajiiola, Getti— Rana, Rana d'acqua , 
Sardegna — Girana, Giuraua di passa, Sicilia. 

Bibliografia 

iS.... Noveaux Memoires de la Soc. Helvetique des Sciences Nat. v. I. 

183<'. O^f/j.— Memoires Soc. Helvetique, I, p. G, sp. 1. 

1837. Bonaparte — P'auna d'Italia, Fas. 23. 

1872. Dodevlein—A\cviX\& generalità sulla Vau. Sic. dei Verteb. 26. 

1874. De i?efto— Fauna d'Italia. Rettili ed Antìbi G7. 

1881. i)ofteWem— Rivista della P'au. Sic. dei Vert. 43. 

Iconografia 

1837. Bonaparte— Fsiwna. d'Italia Fas. 23, tipo e varietà. 
1837. Ottli. — l\Qm. Soc. Helvetique I, Tav. F. 1-8. 

Nelle Memorie della Società Elvetica si parla la prima volta della Pseudis 
lìicta di Sicilia, che poi Otth stabilì il suo genere Discoglossus. 

Il Bonaparte scrisse sul Discoglossus pictus e sardous dando le iigure di al- 
cune varietà, il De Betta lo riporta dalla Sicilia e Doderlein dice che con pa- 
recchie varietà surroga la Rana mangereccia del Gontinente. 

Il discoglosso ha forma depressa del corpo , muso piuttosto acuta , tronco 
svelto, cute liscia senza altra scabrosità, che alcune vescichette granelliformi. 
Capo breve non distinto dal tronco, timpano nascosto sotto la cute ; una spor- 
genza glandulosa nel tratto dietro 1' orbita sino alle spalle , gambe anteriori 
brevi, le posteriori con piedi lunghissimi, dita sottili riunite alla base da una 
membrana. 

Lungh. cent. 7, gambe anteriori 4, posteriori 9. 

Golore cinereo-giallo piìi o meno carico^, sulla fronte una macchia biancastra 
lanceolata , posteriormente a livello degli occhi si divide in tre rami dilatan- 
dosi a poco a poco , il medio invade la nuca sino alla groppa da foggiarsi a 
croce , i laterali interrotti passano al di sopra della membrana del timpano , 
contornano i fianchi, e terminano prima delle coscie; sui lati del capo, omeri 
e braccia si yedono macchie biancastre. Dalla punta del muso scorre per cia- 
scun lato sino all'occhio un tratto nero, dietro l'occhio una macchia auricolare 
allungata, prima lineare poi seguita da macchie nerastre sui fianchi; le fasce 
biancastre sono tramezzate da macchie nere verdognole più o meno estese o 
rotonde e numerose anche sul dorso. Sugli arti vi sono macchie consimili va- 
riabili di forma e grandezza. Parti inferiori bianco-lattee leggermente vermi- 
colate di verde cupo. 

I maschi sono più piccoli, più lisci e meno macchiati ^ la membrana tra le 



— 264 — 

dita dei piedi posteriori giunge quasi alla estremità delle dita, nelle femmine 
non giunge alla metà. 

Nelle Madonie ho trovato la varietà colle tre fasce longitudinali biancastre 
molto pronunziata da formare un bel tipo caratteristico , ma sempre in saggi 
piccoli ed ordinariamente maschi. 

Nel tipo comune la macchia triangolare della fronte chiara sempre molto 
pronunziata, e nei tre angoli un punto nero. Il colore generale è cinereo-ver- 
dastro di gradazioni diiferentissime dal cinereo al turchino, l'occhio ha la pu- 
pilla rotonda con una semplice impressione nella parte inferiore, l'iride è scura, 
ma la porzione che è al di sopra del bordo superiore della pupilla è gialliccia 
a riflessi dorati. 

Dietro ciascun occhio parte una macchia sottile, che poi si allarga un poco 
passando sul timpano e termina rotondata sul bordo della mascella superiore, 
ove si osservano piccole macchie nere irregolari. 

Ija macchia scura nerastra triangolare dietro la nuca si biforca posterior- 
mente, a ciascun estremo di questa biforcatura sieguono due serie di macchie 
scure quasi rotonde, ch^ si continuano sul dorso attenuandosi. 

Altra serie è disposta, a ciascun lato delle precedenti cominciando dietro l'oc- 
chio e terminando all'estremo del tronco. Una terza serie comincia dietro quella 
nera dietro l'occhio,, e termina nei fianchi , ma queste sono più irregolari, in 
tutto sei serie di macchie rotonde più o meno regolari a bordi nerastri, il nu- 
mero varia da 20 a 32 variabili dal nero al giallo scuro , di raro le macchie 
sono disposte irregolari. 

Sulle zampe le macchie talvolta sono disposte a fascie trasversali. Le parti 
inferiori sono di un bianco latteo, negli arti il colore è carnicino con papille 
bianche. 

I maschi hanno il colore della pelle più gialliccio o tendente al ruginoso, 
i cordoncini laterali sono giallicci e qualche volta marrone , le macchie del 
dorso sono meno scure e men pronunziate. 

Neir inverno si occultano sotto le pietre o nel terreno , con bassa tempera- 
tura le rane sono molto pigre, nella fine di marzo si ridestano, entrano in a- 
more, e tutte sono nelle acque stagnanti , e per questo si chiamano Giurane 
di passa, poi sparse in altre acque sembrano meno, perciò il volgo crede che 
emigrano. 

L'accoppiamento si fa nello acque dei ristagni, dei piccoli torrenti, nelle 
vasche dei giardini, ovunque le acque sono limpide e tranquille. 

È la sola specie mangereccia che abbiamo , e che alcuni credono di grato 
gusto. L'ho trovato nelle Madonie a Castclbuono, CoUesano, Petralia e Ceraci 
sino a più di RI. 1000 sul livello del mare ai Mandarini, mai nelle limpide 
sorgive dei sommi gioghi In Sicilia è stata trovata a Castrogio vanni nelle ac- 
que salmastre, a Catania in vicinanza del mare, a Caltanissetta. 

La sua estensione geografica è molto importante in Crocia, INIalta, coste me- 
ridionali dell'Africa. (continua) 



Enrico Ragusa — Direttore resp. 



i|j|iiniiiiiiuniiniiinHiiiuiiiiniiniiiihiiunuiiiiuitHiiiinMniuniiHiuHiuiMiininiitiitiiMiiUHuaiiuiiiiuiitiiiUiiitiitaMiiiUiiiiiiiiiiiiiiitiii. 



"^f 



1 ANNO XII. ì^icO i 



AGOSTO 1893 



N. 11. E 



I IL NATURALISTA SICILIANO I 

1 GIORNALE DI SCIENZE NATURALI 1 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE 



ABBONAMENTO ANNUALE 



= Italia 



Paesi compresi nell'unione postale 
Altiu i>aesi 



Cn NUMEI.M) SEPAItA'IO. CON TAVOLE . 
» SENZA TAVOLE. 

Gli ABBONAMENTI COMINCERANNO DAL P D 



IT(4BRE ni OGN 



L. 10 



» 12 » 

» 14 » 

.. 1 25 

» 1 » 

\NNO 



Indirizzare tutto ciò che riguarda I' Amministrazione e Redazione | 

al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 1 



SOMMAPJO DEL NUM. 11. 



E. Ragusa — Cataloijo ragionato dei coU,otte,ri di Sicilia (coni.) i 
K. Esclierich^ — Eine E.vcursion auf die Insel Linosa Beìtrag zur Fauna die- = 

ser Insel {fine'). = 

F. 'SleiMvoWco—Tractatus per Epistolam ad Petriini Gillium de piscipus sicu- = 

lis {fine). = 

F. Miiià-Palumbo— i?e^fi7i ed Anfibi Nebrodensi {fine) | 

L. Facciola — Le metamorfosi del Conger vulgaris e del Conger mistax {cont.) = 

F. 31inà-Palumbo — Cenni bibliografici. 1 



PALERMO 

Stalnlimento Tipocjrafico Virzì 



nuliiiiiiniiiiiniiMniinininiiiniiuiiiiiiinninnMMiniiiiiiiiinnnMniMniiiiiiiiiiiiitiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiHitiniiiiiiiiiir 



ANNO Xli. AGOSTO 1893 N. 11. 

ILNATURAÌISTÀ SIGILLANO 



CATALOGO RAGIONATO 

DEI 

COLEOTTERI DI SICILIA 

(Cont. ved. N. prec.) 

RUTELINI 
Anomala Samonelle. 

junii V. rugosula Fairm. Fu clescrilta di Sicilia dal Malsani sotto il nome di 

Doubliei'i, messo poi in sinonimia dal GangelbaLier(l). 
Io ne posseggo un solo esemplare trovato, nell'agosto 
dal sig. Amenla , in un'escursione da lui fatta per 
conto mio, nei boschi <li Sperlinga. 

ausonia Er. ... De Siefani citò questa specie, che è tanta comune, di Pa- 
lermo trovata nell'aprile e maggio, io l'ho in grande 
numero di esemplari trovati nel maggio sulle canne 
presso un torrente a Sicciara , nel giugno nell' Orlo 
Botanico di Palermo sopra una pianta rampicante 
che somiglia molto alla vite ; l' ho pure di Lentini 
trovata nel luglio. Ritengo questa sia la specie citata 
dal Romano come Euchlora aurata. 

var. sicula Gangbl. Questa bellissima varietà dell' Ausonia se ne distingue 

per il colorito azzurro che la ricopre interamente od 
in parte. Io ne ho gran numero d'esemplari quasi tutti 
trovati a Messina. Posseggo pnre esemplari bellissimi 
di colore ocraceo con riflesso metallico, azzurro , che 
meritano un nome e per i quali propongo quello di 
var. laetus. 

vitis F E citala di Sicilia dal Ghiliani , dal Romano (2) dal 



(1) Zur Kenntniss der europàischen Anomala-Arten Wiener Ent. Zcit. 1882, pag. 174- 
176, 241-249. 

(2) La cita pure come altra specie col sinonimo di Euchlora holosericea. 

IL Naturalista Siciliano Anno XII 3g 



— 266- 



solida Er. . . 



affinis Gangbl. 



Reiche e dallo Steck. Io ne ho un solo esemplare e 
l'ebbi da Caslelbuo'no trovato dall'amico Failla. 

È nuova per la Sicilia ed io la posseggo in molti esem- 
plari dei dintorni di Palermo. L'ebbi determinata as- 
sieme a quasi tutte le mie Anomale dal Ganglbauer. 

È nuova, non solo per la Sicilia, ma anche per la fauna 
europea, essendo conosciuta solamente da Smirne. I 
miei numerosi esemplari , determinali dallo stesso 
Ganglbauer , provengono dalle vicinanze di Messina. 



Anisoplia Serville (1). 



villosa Goeze. 



marginata Kraatz. 



tempestiva Er. 
sioula Reitler . 



Questa specie è stata citata di Sicilia dallo Steck e sotto 
il sinonimo di agricola Fabr. dal Reiche e dal Ro- 
mano. Reitter (2) le dà per patria la Francia e l'Eu- 
ropa centrale. Io dubito che questa specie si trovi da 
noi e che l'agricola citata dal Reiche sia invece la 
marginata Kraatz, allora non ancora descritta. 

Citai questa specie di Sicilia (3) ritenendola allora una 
varietà della villosa, dalla quale si distingue però fa- 
cilmente per la mancanza del solco longitudinale sul 
vertice. È assai comune ed io l'ho sempre trovata nel 
giugno, specialmente sulle Madonie nella località detta 
la Madonna dell'Alto, ad Acireale, Messina, Godrano 
e Ficuzza. È stata certamente citata sotto altro no- 
me (4). 

Citata dal Reiche, io ne ho pochi esemplari trovati sulle 
Madonie al Piano della Battaglia. 

Trovai questa specie comunissima alle Caronie e fra i 
tanti esemplari che ne raccolsi, ve n' è uno che di- 
stinguesi per il colorito delle elitre che è interamente 
nero. Io ritengo che questa specie esiste in molte col- 
lezioni determinata per tempestiva Er. 



(1) Romano cita di Sicilia il Dichelus dentipes che certamente non vive da noi. 

(2) Uebersicht der Arten der Coleop. Gattung Anisoplia aus Europa ect. Deutsch. 
Ent. Zeit. 1889 Heft. I, pag. 93-111. 

(3) Nat. Sic, Anno III, pag. 317-318. 

(4) Ghilìani cita con dubbio V Anisoplia fruticola ed il Bandi mi comunicava questa 
specie sotto il nome di depressa e arvicola, errore nel quale può benissimo essere anche 
incorso il Reiche che pure cita V arvicola 01. di Sicilia. Metto anche in dubbio che da 
noi si trovi la monttcola Er. che il Bandi mi scriveva di avere avuta di Sicilia dal Failla. 



— 267 — 

Hoplia Illiger. 

minuta Panz . . . Ebbi questa specie nuova per la Sicilia in pochi cTcT 

e 09 dal Failla che ne trova ogni anno rari esem- 
plari nelle vicinanze di Castelbuono; l'anno scorso ne 
ebbi pure un esemplare da Piazza Armerina trovato 
dal Dott. Roccella. 

CETONIINI 

Epicometis Burmeister 

Tropinota Muls. 

squalida Scop. . . Rottenberg la cita di Palermo, Catania e Siracusa ed 

il De Stefani la dice frequente nell'aprile e maggio a 
Palermo. È comunissima in tutta la Sicilia e special- 
mente in primavera dentro ai fiori; l'ho trovata pure 
a Pantelleria. 

hirta Poda .... Questa specie tanto comune quanto la precedente fu ci- 
tata dal Romano, dallo Steck e dal Reiche e De Ste- 
fani col si:^:onimo di hirtella L. 

Leucocelìs Burmeister 

OXYTHYREA Muls. 

funesta Poda . . . È la stictica L. citata dal Romano, Ghiliani , Reiche, 

Rottenberg, De Stefani , Steck e notata dal Baudi. È 
comunissima e si trova in tutte le varietà di colorito, 
dal nero e verde metallico al rosso-cupreo, con le sei 
macchiette bianche del corsaletto spesso invisibili. 

Cetonia Fabricius 

aurata L È citata dal Ghiliani, Romano e De Stefani. È comune, 

e si trova specialmente sui fiori in primavera assieme 
alle varietà seguenti. 

var. cuprifulgens Muls. L' ho in molti esemplari trovati specialmente a Mes- 
sina. Si distingue dal tipo per il colorito delle elitre 
che dal verde passa al rosso cupreo. Ritengo che que- 
sta varietà sia la v. purpurata Dahl i. litt. citata di 
Sicilia dall'Erichson I. D. Ili, pag. 605. 



— 268 — 



var. lucidala Fieb. 
var. pallida Drury. 

carthami Gory. . 



Questa varietà è citata dal Reiche e dal Romano. Io 
non la posseggo ancora. 

Alcuni esemplari della mia collezione mi furono deter- 
minati dal Reitter per questa varietà. Essi si distin- 
guono dal tipo per il colorito violaceo delle elitre. 

Cito questa specie, che io non posseggo ancora, perchè 
la trovo nolata come di Sicilia nell'ultimo catalogo di 
Berlino. 



Potosìa Mulsint. 



Potosia s. str. 



speciosissima Scop. 



Il solo Romano citò questa stupenda specie sotto il si- 
nonimo di fastuosa F. , Baudi la notò. Non è rara 
specialmenle sulle Madonie e Caronie; in alcuni e- 
semplari della mia collezione il verde metallico passa 
al cupreo dorato (1). 



* 
* * 



a£Qnis Andersch. 



var. mirifica Muls. 



floricola Herbst. 



È comune ed è citata dal Romano, Ghiliani , e notata 
dal Bandi. L'ho trovata nelle campagne specialmente 
dentro i fiori dei cardi. 
Riporto a questa varietà alcuni esemplari ricevuti da 
Messina che invece di essere di color verde sono di 
un bellissimo rosso-cupreo dorato. 
De Stefani la cita comune delle Madonie, ma io dubito 
ci sia stata confusione con la specie seguente. 

var. fiorentina Herbst. Questa varietà citata dal Reiche io non la posseggo 

e dubito sia stata invece una varietà della specie se- 
guente. 

metallica Fbr. . . Romano, Reiche e De Stefani la citano, io ne posseggo 

pochi esemplari essendo assai più rara delle varietà. 
Il di sotto è rosso-cupreo. 

var. incerta Costa . Baudi me la notò, ed io ne posseggo pochi esemplari 

raccolti nella provincia di Palermo. Costa descriven- 
dola disse di averla ricevuta da Noto dal Padre Li- 



(Ij Pi'ia di questa specie dovrei notare la Paehnotosia marmorata citata di Sicilia dal 
Romano assieme ad altre specie e varietà, che io fintanto che non sia accertato che si 
trovino da noi non noto, esse sono la cardai, viridis, ed assimilis, citata dal Ghiliani. 



— 269 — 

bassi e dall'Abate Brugnone di Palermo ed opina che 
questa varietà, da lui creduta sppcie, poteva essere la 
Sicula dei Dejean. Si distingue dal tipo per il di solto 
che è violaeo-purpurascens (1). 

var. cuprea Gory. . Romano citandola la riunisce alla Sicula Dejean, e credo 

sia nel vero, essendo la più comune delle Cetonie di 
Sicilia fu citata pure dal Reiche, Sieck e notata dal 
Bandi. Si distingue dal tipo per il di sotto che è vio- 
la , ed il sopra rosso-cupreo. 

squamosa Lef. ... È notala di Sicilia nel catalogo di Berlino sotlo il sino- 
nimo di tincta Germ. Non posso precisare chi l'ab- 
bia citata essendo pure possibile che il Ghiliani e Ro- 
mano abbiano inteso sotto questo nome la var. squa- 
mosa della floralis. Io ne ho buon numero d' esem- 
plari delle Madonie, di Motta Sant'Anastasia, raccolti 
nel maggio. 

sardoa Gory. . . . Rottenberg ne trovò a Taormina un esemplare all'anfitea- 
tro. Io non la posseggo ancora. 

oblonga Gory. . . . Reiche è il solo che cita questa specie, che io non pos- 
seggo né ho ancora vista di Sicilia. 

morio Fbr Romano citò questa specie che io posseggo in molti e- 

semplari trovati nel luglio nella provincia di Messina. 
Reitter descrive il sopra di questa specie « schwarz, 
matt, UMBEHAART » seuza peli, mentre le elitre sono 
ricoperti di piccole setole bianche , ciò che del resto 
troviamo accennato nella descrizione data dell'Erichson. 

Aethìessa Burmeister 

floralis F. ... Reiche, De Stefani e Bandi notarono questa specie tanto 

comune, ed il Rottenberg la citò col sinonimo di de- 
serticola Walt!, con il quale la cita il De Stefani co- 
me varietà. L'ho avuta dal Bellier sotto il sinonimo 
di refulgens, nome con il quale la cita lo Steck e me 
la nota il Bandi come varietà. 

var. squamosa Gory. Questa varietà è citata dai Rottenberg e notata dal Baudi. 

È assai comune e si distingue dal tipo per le elitre 
che sono specialmente sui bordi ricoperti di bianco. 



(1) E. Eeitter. Darstellung der echten Cetoniden-Gattuugen und deren rair bekannte 
Arten aus Europa ect.— Deutsche Ent. Zeit. 1891, pag. 49 a 74. 



var. elongata Gory 



— 270 — 

E citala nel calalogo eli Berlino, d'Europa, solamente di 
Sicilia. Essa si distingue dalla fioralis tipo, per la sua 
forma più piccola e stretta, con il corsaletto quasi 
rotondo , con le elitre per lo più prive di macchie 
bianche. Io ne posseggo varii eseiiplari. 



VALGIMI 



Valgus Scriba 



hemipterus L. 



Questa comunissima specie trovasi specialmente nel mag- 
gio sui fiori del biancospino. Ghiliani, Romano, Rei- 
che, Rottenberg, Steck e De Stefani la citano, il Ro- 
mano nota pure una varietà (?). 



TRICHIINI 



Osmoderma Servine 



eremita Scopo] i 



11 solo Ghiliani citò questa specie che è assai rara in 
Sicilia e che io posseggo in cinque esemplari trovati 
sulle iVIadonie dentro un tronco di vecchia quercia. 



Gnorimus Servine 



decempunctatus Ilelf (1). Questa bellissima specie esclusivamente siciliana è 

citata dal Romano, Reiche, De Stefani e Baudi. È pro- 
pria delle Madonie, ma sono sicuro che si deve pure 
trovare alle Caronie. Io l'ho trovata nel giugno den- 
tro ai vecchi tronchi d'albero, fra il fracidume del le- 
gno, e nel luglio ed agosto spesso al volo. 

var. velutinus Ragtisa. Descrissi questa bella varietà (2) che si distingue dal 

tipo per il colorito delle elitre che invece di essere 
ochraceo e lutto d'un bel nero vellutato. Il solo Ro- 
mano la cita credendola Voctopunctatus F. (variàbiUs 
L.). É assai più rara del tipo con la quale si trova. 



(1) Il Dottore Helfer di Praga (Boemia) nel 1832 visitò l'Italia e la Sicilia e dimorò 
sei mesi nella nostra isola. Da questa escursione egli riportò 32,000 coleotteri, fra i quali 
varie centinaja di specie nuove, sfuggite alle investigazioni del Lefebvre , Dahl e Bassi, 
che pm-e successivamente aveano visitata la Sicilia. 

(2) Nat. Sic. Anno I, pag. 250. 



— ^71- 



Trichius Fabricius 



zonatus Geim. 



(continua) 



Questa specie nuo\a per la Sicilia fu seopei'la da Luigi 
Failla Tedaldi uelle vicinanze di Caste'l)uouo e citala 
dal Reitter (1). Io ne posseggo pochi esemplari do- 
iialimi dal Failla. 

E. Ragusa. 



Eine Excursion auf die Insel Linosa 



Beitrag zur Fauna dieser Insel 



von K. Eschericli aus Reg-ensburg- (BavieraX 



(Cont. e fine v. N. prec.) 

Im Lauf des Gespraches lernte idi in ihra bald einen sehr intellig-en- 
teii u. liebens wiirdig-en Mann kennen u. bat ihn deshalb midi za be- 
gleiten. Er war sofort dazn bereit u. wurde mir spater sowohl infolge 
seiner Ortskunde als audi infolge seiner Geschicklidikeit , die er beim 
Sammeln zeigte, sehr willkommen.Wir erbeuteten noch eine Masse der 
oben genannten Kafer u. niehrere AjjJiodien, ferner viele Chalcides, Sco- 
lopendren ect. Plotzlicli sali idi Big. Buonadomia, so liiess namlicli niein 
Begleiter, erschreckt zuruckspringen u. liòrte ihn gleidizeitig einen angs- 
tlichen Schrei ausstossen. Idi lief sofort zur Stelle u, sali zu meiner 
grossen Freude einen reizenden GeJco in raschem Lauf fliehen; ich wollte 
das interessante Reptil nidit entwisdien lassen u. sdmell mit den Han- 
den darnach fassen. Doch mein Begleiter hielt mieli davon zuriick, in- 
dem er mir zurief: « O signore, badi, sono molto velenosi fanno molto male! » 
Ich liess mich natiirlich dureh diese Warnung nidit abhalten den harm- 



(1) Uebersicht der palaartktischen Arteu der Gattung Triehìiis Fbr Wiener Ent. Zeit. 
1890, pag. 143-144. 



— 272 — 

losen Géko zu fangen u. in sicheren Gewahrsam zu briiigen. Prof. Doct. 
0. Boettger bestimmte dieses Reptil als Hemidactylus turcicus (L.). 

Geg-en Abend veiiiess mieli mein Begleiter Buonadonna, nachdem ich 
ihm versproclien batte, ihn am nachsten Tag in seiner Wohnung auf- 
zusuchen u. setzte nun allein der Kuste entlang schreitend den Weg 
zum Faro fort. Es wurde mis hier noch eine grosse Freude bereitet; ich 
erbeutete namlich mehrere Exemplare der hiibschen Cymindis axillaris 
var. lineola. 

Mitterweile war es Abend geworden, die Sonne war bereits hinter den 
Bergen verschwunden u. man sali schon , wenn aucli noch undeutlich, 
einige Gestirne im dunklen Weltenraum funkeln; der Sturm schien noch 
heftiger zu werden u. peitschte die Wellen an die erstarrten, schroff in 
das Meer abfallenden Lavamassen, ein monotones, betaubendes Rauschen 
verursachend. Hier ara Ufer liess ich mich nieder u. merkte erst jetzt 
dass ich recht nitide war , was niir wahrend des Sammelns gar nicht 
zuni Bewusstsein gekommen war. Wahrend ich so dasass der Wogen 
Spici betrachtend, ubèrkam mich das Gefiihl der grossten Gluckseligkeit, 
fern von dem wiisten Getreibe der Grosstadt, u. von dem Kampf, den 
die Menschen in unseren Culturstaaten gerade jetzt in erbittertster Weise 
gegen einander filhren, fern von alleni Scheinwerk , von dem unwurdi- 
gen Strebertum , iiberhaupt unserer Ueberkultur, in dem reinen, unge- 
triibten Naturgenuss schwelgen zu konnen , hier auf diesem einsamen 
Eiland, bei dessen Bewohnern, unberuhrt von den schadhchen Einflussen 
unseres Culturlebens, noch Naturlichkeit, Uneigennutz, Aufrichtigkeit u. 
wahre Gastfreundschaft zu fìnden ist. Lang sass ich hier in Gedanken 
versunken, ganz entzuckt von dem Naturschauspiel, u. von dem Wun- 
sche beseelt , ewig hier bleiben zu konnen ! Unterdessen wurde es im- 
mer dunkler ; die Gestirne traten inimer deutlicher hervor u. der un- 
geschwacht wuthende Sturm wurde unangenehm kiihl, sodass ich allmah- 
lig daran denken musste, nach dem Faro aufzubrechen. 

Dort erwartete mich bereits Herr Ingenieur Cucchiara u. Herr De- 
marco, der Wachter des Leuchtturmes , der mir ein luxurioses Mahl, 
bestehend aus Fischen u. Vermicelh, vorsetzte u. ein gutes Nachtlager 
fiir mich bereitet batte. Die Unterhaltung an diesem Abend war sehr 
lebhaft; ich erziihlte den beiden Herren von meinen Erlebnissen u. zeigte 
ihnen die Ausbeute des heutigen Tages, wofur sie grosses Interesse zeig- 
ten; Herr Demarco brachte mir einen Bacillus Rossi, leider in ganz 
schlechtem Zustand. Nach der Mahlzeit bestiegen wir den Faro, uni die 
interessante Einrichtung des Lichtspenders zu besehen u. gingen dann 
bald zur Ruhe. 



— 273 — 

Am anderen Morgen machie idi mieli schoii selir friilizeitig wieder 
auf die Excursion ; leider batte der Sturm nicht nachgelasseii , sondern 
Avuthete im Gegenteil noch vie! lieftigcr als am Tag- voiiier. Ich koniite 
deshalb von dem Kotscher u. Netz keiiicn Gebrauch machen , sondern 
musste midi wieder darauf beschraiiken , Steine ii. Lavaschlacken um- 
zuwenden. Zunachst sammelte ich der Kiiste entlang, ii. wandte mich 
spater Landeinwarts direct, gegen das Doif zu, wo nm 12 Uhr Mittag- 
die « Gorgona » von Lampedusa ziiriicklcebrend ankommen solite. Jedoch 
versicherten mir mehrere Fischer , die ich zufallig begegnete , dass in- 
foile des Sturms das Schiff keinesfalls vor Abend eintreffen werde, wes- 
halb ich mich auch nicht im geringsten beeilte. Die Ansbeute war gròss- 
tenteils dieselbe wie bisher, nur ein Ofion-h(/?ichus^ ein Cardìophoriìs u. 
OUstoims glabì'icolUs waren iieu; Alis spinosa^ Scaurus tristis u. Ocypus 
olens traten hier in Masse auf, olienso der Crongyhis ocellatus. 

Mehrere Eing'eborne. dia gerade auf den Feldcrn arbeiteten, brachten 
mir 2 selir gut erhaltene Bronce Miinzen, die cine voni Kaiser Tlieodo- 
sio , die andere eine punische ; ich selbst fimd beim Ausgraben eines 
Gongylus eine ziemlich grosse Bronce-Miinze leider jedoch vòllig unkeii- 
ntlich. In der Nahe des Dorfes fi ng ich einen Scorpion, von den Insel- 
bewohners « surfizio » genannt u. sehr gefiirchtet. 

Gegen 4 Uhr kam ich in dem kleinen Fischerdorf an u. suchte dort 
sogleich nieinen gestrigen Begleiter Buonadonna auf. Idi wurde von 
ihm u. seiner hiibschen 16 jahrigen Frau sehr gastfreundlich aufgenom- 
ineii u. reichlichst bewirtet; man setzte mir einige gebratene Vògel, die 
meln Gastgeber frisch erlegt batte, u. Bohneii vor, guter Wein von Pan- 
tellaria bildete das Getranke des inir lukullisdì scheinenden Mahles. 

Als es zu dammern anfing , ging ich an das Gestade , uni nach der 
« Gorgona » auszuspàhen; dodi bis dahin, wo der Himmel das Meer zu 
berithren scheint, wurde kein Fahrzeug sichtbar. Wahrend idi so war- 
tete, hòrte idi plotzlich ganz in der Nahe des Ufers ein lautes , mehr- 
stimmiges Zirpen u. vermuthete sogleich, dass diese Musik von der gros- 
sen Grylle Bracliydripes megalocephala ausgehe; denn ich batte untertags 
schon den Kopf dieses interessante!! Tieres gefunden. Idi schlich mich 
vorsichtig heran u. hòrte das Gezirp schon ganz nahe dem Ohr , da 
plotzlich verstummte es, um nach einigen Minuten schon wieder zu er- 
tònen, darauf folgte eine langere Pause, dann wieder das Gezirp u. s. 
w. — Bei genauerer Untersudiung des Bodens entdeckte ich mehrere 
ziemlich geraumige Locher, die zweifellos von den Urliebern des Larms 
bewohnt wurden. Ich stellte mich bei einen dieser Lochen auf Anstand 

Il Naturalista StcilianOj Anno XII " 36 



— 274 — 

u. erwartete mit dem Messer in der Haiid die Grille; es daiierte nicht 
lange , da erschien sie schon mit dem maehtig breiten Kopf auf der 
Oberflache; sie blahte die Fliig-el auf u. begann iliren betaubenden Liebes- 
gesang. Diesen Moment beniitzte ich ii. stiess das Messer kraftig hinter 
dem Tier in die Erde u. vesperrte dadurch den Riickweg. Es gelang 
mir auf diese Weise , des grossen Orthopters habhaft zu werden. 

Es war unterdessen schon ganz dunkel gerworden n. immer nocli 
kein Schiff in Sicht ; ich ging deshalb nochraals zu meinem Freund 
Buonadomia , um dort die Ankunft des « Gorgona » zu erwarten. Es 
waren hier circa 20 Fisclier versammelt , die Karten spielten od. sich 
auf andere Weise die Zeit vertrieben. Unvergesslich wird mir dieser 
Abend bleiben, den ich in Gesellschaft dieser naturlichen, braven Insel- 
bewohner zubrachte ! Gegen 11 Uhr verliess der grosste Teil der Ge- 
sellschaft den Raum. Mein Gastgeber lud mich ein , in seinem Bett zu 
schlafen ; er u. seine Frau wiìrden wachen , bis das Schiff ankame u. 
mich rechtzeitig wecken. Ich war so miide, dass ich dieses riihrende 
Anerbieten nicht ausschlagen konnte. Endiich um 1 Uhr nachts kam 
die « Gorgona » an , mein treuer Freund weckte mich auf u. brachte 
mich auf einer kleinen Barke an Bord des Schiffes. 

Mit schwerem Herzen schied ich von dem eiusamen, gliicklichen Ei- 
land u. von seinen biederen , gastfreundlichen Bewohnern. Alien ihnen 
rufe ich an dieser Stelle nochmals « grazie tante » zu. 

In folgendem gebe ich ein Verzeichnis aller auf der Insel Linosa ge- 
sammelte Tiere. Die Determination ubernahmen in der liebenswiirdig- 
sten Weise folgende Autoritiiten : Hcrr Major Dì\ L. vonHeyden — ^Bo- 
ckenheim (Tenebrioniden:) , Herr L. Ganglbauer — Wien (Carabiciden:) , 
Herr Dr. Eppelsheim — G^enxiQv^hQUW (Staphyliniden) , HerrK Reitter — 
Paskau (Scarabaeiden), Herr Prof. Dì-. 0. Boettger— Frankfurt (Reptilien). 

A — Cole opterei! 

1. Cymindis axillaris var. lineola Duf. 

2. Olisthojms glàbricollìs Schaum. 

3. Masoreus Wetterhali Gyll. 

4. Calathus mollis Marsh. 

5. Blechrus minutulus Goeze 

6. Medon procofer Peyron. 

7. Oxytelus complanatus Er. 

8. — speculifrons K. 



— 275 — 

9. Atlieta picipennis Mannh. 

10. Conurus pedicularìs Grav. 

11. — pubescens Payk, 

12. 2'achyporus pusillus Grav. 

13. Ocypus olens Miill. 

14. Aphodiiis hydroclìaeris Fab. 

15* — granarius u. var. briiìinescens Reitt. 

16. Phyllognatus silenus Fb. 

17. CardiopTiorus ì 

18. ATx'is spinosa L. var. C. Kraaiz (Olicieri Sol.) (costis tnhus denti- 

cidatis) sehr klein (15 mm.). 

19. Scaurus tristis 01. 

20. Tentyriu laevigata Sol. 

21. Opatroides punctulatus Brulle 

22. Opatrum spec. 

23. Stenosis obliterata Sol. 

24. Himatisrmis villosns Haag". 

25. Otiorrhynchus ì 

B ~ Orth opterà 

1. Acridium aegyptium L. 

2. Brachydripes megalocephala 

3. Bacilliis Rossi Fab. 

E — Heptilia 

1. Hemidactylus turcicus (L.) 

2. Chalcides ocellatus (Forskal.) 

Prof. Doct. Oscar Boettger machie inir brieflicli felgeiide Bemerkung 
iiber letzteren : 

« Den Gongylus von Linosa mòchte idi von der Stammart nicht tren- 
nen, obg-leich er 32 statt vorschriftlich 28-30 Schuppen ura die Rumpf- 
initte bezitzt. Anderson keimt diese Form auch aus Tuiiis und hàlt sie 
ebenfalls fiir den Typus. d. A. Boulenger liat die Stiicke des British 
Museums von Linosa fiir var. tiliguga Gmel. genoramen , was icli fiir 
irrthiimlich balte. Die Farbung ist allendigs auflfallend dnnkel, aber das 
berechtigt nodi nicht zur Aufstellung eines Varietatsnamens, 



— 276 — 

Das belle Langsband an den Kosperseiten, das fiir var. tiligugu cha- 
rakteristisch ist, felilt der Form voii Linosa konstant». 
3. Lacerta ìnuralis var. ? 

Myriapoden und Arachnìden siiid nodi nicht bestimmt. 

Sehr interessant ist die Verschiedenartigkeit der Fauna von Linosa 
u. ihrer Nacbbarinsel Lampedusa. Einen eingehenden Vergleicb der bei- 
den Inselfaunen anzustellen, ist bei der hocbst ungenugenden Erforschung, 
die genannte Insehi bis jetzt eifahren haben, noch unmoglich. Auf einen 
Punkt mocbte ich aber jetzt schon aufinerksam rnachen : Auf Lampe- 
dusa kommt der fliigellose Carahus morbilloms ungeheuer zahb'eich vor, 
auf der Insel Linosa fehlt er ganz, Dieser Umstand allein liesse schon 
einen Schluss iiber das relative Alter u. die Entstehung der Inseln zu. 
Darnach wiìrde namlich Lampedusa einen Uberrest der Verbindungs- 
briicke swischen Sicilien u. Afrika darstellen (in beiden Landern komt 
genannter Carabus vor) wahrend Linosa erst in jilngerer Zeit, nachdem 
die Trennung der genannten Lander schon erfolgt war, entstanden sein 
durfte in folge einer vulkanisclien Eruption. 



TRACTATUS 
per Epìstolam FRANCISCI MAUROLICI 

AD PETKUM GILLIUM 

DE PISCIBDS SICULIS 



(Cont, et finis V. super, fase.) 

Aiosa, graece 'M rpiT^^oc ut Gaza trasfert, piscis alacciae similis, cae- 
ruleo colore sed latior et major quam alaccia. Minimus libram : Maxi- 
mus libras duas et dimidianì aequat. Horum frcquens piscatio in Pan- 
thaco fluvio, qui octo milliariis a Catana meridioni versus distat, eos e 
mari fiuviuin subire certuni est. 



— 277 — 

:Psil-u.d.es lE^elori 

Binae sunt paludes Inter Messanam et Pelorum, major et minor. Ma- 
jor abest ab ipso Pelori acumine , in quo turris est ad erigendas faces, 
milliariis quatuor, a littore maris iactu lapidis, a Messana milliariis octo, 
patet in longum paulominiis milliario, latitudine multo angustiori. Haec 
omnino sterilis. 

Minor vero ambitu ferme unius milliarii, abest a promontorio minus 
quam milliario , concliis sive conchulis planis non imbricatis abundat : 
vineis circumsepta. Ejusdem proventus est quorundam phari nomine in- 
quilinorum. Conchularum piscatio in anno toto continua est in ea pa- 
lude. 

Piscium vero aestiva, ceplialos enim et acus ibi capi certuni est: quo 
fit, ut non temere creditum sit , paludis alveum habere subterraneum 
meatum ad pelagus. Quam suspictionem auget delpliinus quoque in ea 
nisus et ejus in pelagi tempestate tumor observatus. 

Vivarium nobile est in Sicilia in ipso Leontino agro, abest ab oppido 
Leontinis millibus passuum duobus : a littore maris quatuor patet , in 
circuitu duodeviginti. Aqua profunda est pedes XIIII. Jacent in medio 
insulae duae , in quibus cygni nidificant. Vivarium ipsum potius lacus 
est nam fluvius in ipsum ingreditur et egreditur et in ingressu, obice 
manufacto , pedum XVIII crassitudine aquam retinente , defluit binis 
meatibus sive aquae ductibus , singulis latitudine duorum pedum , pro- 
fundis vero aliquanto minus vivario. In eo vivario anguillae sunt et in 
plerisque lacubus ac fluviis Insulae generantur. Ceteri pisces de mari 
subministrantur. Nam Mense Martio quotannis multitudo minutissimorum 
piscium de mari proximo capta et amphoris aquae plenis inclusa jumen 
tisque vectata vivario ingeritur. Vocant huiusmodi pisciculorum copiam 
menusam semen videlicet ad instaurandam lacus piscationem : Expensa 
huiusmodi laboris est ferme aureorum XXXX. Ex bis pisciculis succre- 
scunt quatuor species, quartoque anno jam maturae sunt. Capulati seu 
Capitones similes spinulis, qui XX libras non excedunt. Muletti quos 
mugiles esse diximus, multo minores Ginni, figura similes et adliuc mi- 
nores, yjpivoi siquidem graecis ranae parvae sunt, ne putet quis nomen 
nimium ab re diversum esse. Tencae de mollium genere, latae , caeteris 
ignobiliores. Horum piscatio retibus , quas bulesticas vocant , exercetur, 



— 278 — 

Verum ipsae retium maculae ad eam mensuram comparatae sunt , ut 
pisces octoDi (1) minores elabi possint una cum anguillis universis , sic 
pisces uunquam nisi maculae capacitatem excedant capiuntur, sed an- 
guillae crescente lacu trajiciuntur cum aquae decursu per memoratos 
ductus in exteriorem piscinam : (quam vulgo mortis domum vocant) 
tum aqua per arundinum raritates , sub ipsum piscinae ingressum , 
quasi per cribrum effluente anguillae in piscinam admissae in aquam 
non admodum profundam labuntur ubi servantur manuali reticulo ca- 
piendae. 

Cygni autem , qui in insidis dudum memoratis nidificant , piscibus et 
anguillis palustrìbus pascuntur. Pennarum quae usui sunt scriptoribus, 
proventus dat quotannis aureos quadragenos , verum totius vivarii an- 
nuus reditus excedit tria nummorum aureorum millia tanti enim loca- 
tur lacus conductoribus vivarii, dominus est Don Ambrosius de Sanctae 
Pace, lycodiae Marchio, nunc autem raamertinorum stratigus. 

:E=isc£itoria in.strij.3:a:ienta, 

Instrumenta, quibus pisces capiuntur, quanvis varia sint, ad. quincu- 
plicem tamen modum redigi posse puto. Eos enim aut retibus , aut ja- 
culis, aut hamo, aut concha, aut veneno decipi certuni est. Retium plura 
sunt genera : Maximum, quod Thinnis ac magnis piscibus capiendis pa- 
ratur. Proximum , qr.od per naviculam laxatum suberibus in summo 
fluctu natantibus, plumbisque subsidentibus extensum, in terram multo 
piscatorum conatu tractum confort multiplices piscìum species. Bolesticae 
sunt retia minora fortasse a-ó t/^; [ìoà-^c, hoc est a iactu vocatae , quae 
proiectae per aliquod spatium dimittuntur , et in scapham retrahuntur. 
Lampadaria nos vocamus naviculam, quae fert lampadas, seu facem in 
ferrea crate prominentem, sic noctu collustrato profundo, piscator nisos 
pisces fiscina percutit, spinulas, cernuas, mulettos, acus, beatos. 

Est aliud retiarum instrumentum , quod nostrates piscatores vocant 
gangamiim, forte quasi à/aaov quod /a|7.ai hoc est humì trahatur. Constat 
enim ex duobus semicirculis, uno ferreo, altero ligneo, quibus rete con- 
cavum insutum est : tum applicato fune ad capita semicirculorum len- 
tatoque, de navicula dimittitur donoc fnn:Umi attingat; raox acta in di- 
versum navicula per rudentem anchorae alligatum, instrumentoque per 



(1) Tu codice scni^tum oduneac prò uctonae, quod ipsum geuere erratum. 

A. F. 



— 279 — 

fundum maris raptato, ferreo semicirculo arenam algamque radente, li- 
gneo superstante. Confertur in reticulum multiplex piscium genus, cancri, 
cammari, bollaces, conchae, polypi et alii. (ìanclum vocant uncus hastatum 
quo mollium genera trahuntur. Polparia constat e quator hamis in quorum 
medio sarda vel alio pisciculo apposito, polypi, a quibus denominatur in- 
strumentum, praecipue capiuntur. Otranttun, ut opinor a verbo r^oaT-oy-ai 
quod est apprhendo, denominatum est aculeatura instrumentum habens 
plumbeum manubrium hamatis aculeis circumseptum funiculoque alliga- 
tura. Tum manubrio adipe peruncto, instrumentum demittitur in profun- 
dum. Quo facto lolligenes ac sepiae adipem circumvenientes tracto cum 
impetu fune, aculeis confixae producuntur. Conchae vìmineae, quas vo- 
cant nassas, restibus demisse intus inescatae (2) multas piscium species 
admittunt : quibus aditus ita comparatus est ut ingressis exitum neget, 
Reticulum circulo insutum demergi solet tribus circiter in profundum 
pedibus, proiectaque esca piscibus alectis, cum impetu fune tracto educ- 
tum affert multam capturam. Hamatae arundines, ac funiculi in altum 
proiecti et caeterae captiunculae notiores sunt quam ut expositione in- 
digeant. 

Demura in Sicilia sicut alibi fit infici solent fluviorum aquae herba 
quadam venenosa, quam taxum vocant, ad capiendos fluviatiles pisces. 

I=iscivL2:n. precia. 

Vis et audire piscium, qui nobis usui sunt, precia ? ut exordiar a pre- 
cioribus, scies, Dottos, Alecciolas, Lucios, Triglas, Alosas esse nobis post 
Anguillas nostri freti piscium preciosissimos. Horum rotulum venit gra- 
nis XII. Porro ut ponderura nostratium ac preciorum rationem perpen- 
das scito rotulum appendi unciis 30 hoc est libris duabus ac semisse, 
rotulis centenis perfici cantharium. Ipsam autem qua utimur libram equi- 
valere ponderi aureorum 90. Quoad precii vero divisionem, minimum de- 
narium esse numum aeneum quem parvulum vocamus : sex parvulos 
conficere granum : viginti grana acquare tarenum : tarenos XII aequi- 
valere aureo scutu , quo utimur. Praeterea tarenos oO vocari unciam. 
Quam precii divisionem ab auri partibus sumptam opinor, que apud ma- 
iores nostros auri portiuncula, quae grano tritici appenderetur, sex par- 
vulos valeret : et perinde pondus auri quod tarenum vocant , ac XX 



(2) In codice legitur adescatae, quod verbum sermone latino abest. 

A. F. 



-280- 

granìs tritici par est viginti quoque granis, hoc est tareno antiquitus 
venire. lincia clenique auri tunc tarenos 30, hoc est unciam, valeret. 

Post modum aurum indies (ut fit) evasisse preciosìus: divisiones ta- 
men precii servasse nomina respondentia antiquo auri valori. Sed redeo 
ad inceptum , in proxima dig-nitate esse Paguros , Spinulas , Muraenas , 
Squillas, Lolligenes, quorum rotulum venire granis X. Post hos Auratas, 
Juliolas, Gaiulas, Sai'gos, Congros, Beatos, Circellos, Menulas, Mupos, Lu- 
varos, Mulettos, Trachinas, Dentatos, quorum rotulum venire granis Vili. 

Quartos in ordines faciraus Spathos, Thynnos, Cernuas, Acus, Sardas, 
Salpas, Cornos, Scorpaenas^ Lapparas, quorum rotulum venit granis VI. 

Sub his Alaccias. Sauros, Pelamides, Scombros, quorum rotulum venit 
granis V, deinde Bollaces, Smidiras, Curanellas, Asellos, Vopas quorum 
rotulum venit granis IIII. 

Monacellos sparsoculos et alios piscicolos vilissimos quorum rotulum 
venit granis III. Verum hos canones non usquequaque servari. 

Intel salsameuta vero preciosissima esse ò) rapi/à quorum rotulum ve- 
nire tarenis quatuor. 

Proxima in precio ova thynnorum quorum rotulum venit tarenis tri- 
bus. 

Tertio loco caviarium : cujus rotulum vonit tnreno et granis 15. Quarto 
Anguillae fluviales, quae singulae libram excedunt, quarum rotulum ve- 
nit tareno et granis 4, post has Thynni et Anguillae minores: quorum 
rotulum venit granis XII. Postremae sunt Sardae quae singulae veniunt 
aeneo parvulo et Arenghae quae duplo non quia meliores sed quia ma- 
iores. 

ILvdlonstra, 

Denique tanta est ludentis naturae varietas in aquaticis animantibus, 
propter humoris exuberantiam , ut nonnulli Tritones, Scyllas , Nereides 
et caetera maris monstra minime esse fabulosa opinentur. Ea tamen in 
nostris maribus rarissima, tum innata versutia in profundissimis tutiori- 
busque locis degere. Vidi ego Messanae piscem mirabilis formae captum, 
ore horribili pinnisque quasi manibus praeditura. Retulit nobis Costanti- 
nus Lascaris vir grace latineque peritus, patria constantinopolitanus, se 
quondam ex urbe sua in euxinum pelagus profectum, ibique in oppido 
quodam in aedibus viri culusdam : primatibus loci susceptum ac caena- 
tum : cum post caenam de suavissimo esculento, quod appositum fuerat, 
percuntaretur , ab hospite ad aedium inferiora ductum vidisse monstra- 



— 281 — 

tum sìbì piscem , qui a capite umbilico teniis huinanam pene figuram 
referret , postrema parte piscera; huiic columnae alligatum, bacillo per- 
ciissum acutam voceni edidisse. Porro epuluiii (}uod in mensara gusta- 
visset ex eius speciei pisce fuisse confectum. linee habui , quae de no- 
stratibus piscibus ad te scribere. Ea tu nieliora facies. Habes Aristote- 
leni, Pliniiim, Oppianum. Habes Paulum Jovium, qui de Romanis pisci- 
bus scripsit non contemnendura. Postremo scies me non buie philophiae 
parti , sed mathematicis apprime disciplinis operam dedisse et perinde 
innutum ac non nisi jussu tuo compulsum haec utcunque fuisse scrip- 
turum. Hoc tamen Hexasticon, quod in laboi-is tui comraendationem lu- 
simus, spero non dedignaberis. 

FRANCISCI MAUROLICI MESSANENSIS 

EXASTICOX 

Diversae pelagi facies, et multa natantum 

Turba fuit coecis hactenus in tenebris. 

Gillius ingenio fretus penetralia priraus 

Audet sacraruni pandere Nereidum. 

Magnum erat alituum nidos, latebrasque ferarura 

Majus inaccessi noscere monstra freti. 

Vale 

Messanae in freto siculo 

Kalendis martiis 

M D XL HI 



Errata Coi'rige 

Spathus piscis : suflfugitanti bellua. .... suffugitanti belluae 

Dottus : adescatis (sic est in codice) . . . inescatis 

Pagurus : adescantur (sic est in codice) . . inescantur 

Haleces : Alacele Alacciae 

Cìcerellae : acuminatis acuminati 

Pelamides : lineis a longum lineis in longum. 



Il NaturaUsta Siciliano' Anno XU 37 



— 282 — 



F. MINÀ-PALUMBO 



(§ettili ed ^nfibi ^Nebrodensi 



(Coiit. o fino V. N. pr.) 



Bombinalor pachypus Cuv. 

1844. Sava.—^uUà Flora e Fauna delFEtua, p. 21. 

Il De Betta lo riporta come siuonimo di B. iyneits Merrem. 

Il solo Sava riporta questa specie dei contorni dell' Etna, io non lo ho tro- 
vato nelle Nebrodi. 

Genere Bufo Laur. 

Questo genere appartiene alla Famiglia Buionidi , che anche è stata suddi- 
visa secondo la couformazioue delle dita delle zampe posteriori più o meno 
palmate. 

Bufo vulgaris Laur, 

Bufo a S'ubcinereo-variaus : suhtus albido lufescens vel rubescens undique ver- 
rucosus, dorso plano, verrucis densis^ inordinatis^ saepe sabspinosis, para- 
tide hinc inde grandi, reniformi^ jja?»(/i' fissis^ plantis palmatis. 

Sinonimi 

Rana bufo Linu. Bufo ferruginosus Risso 
Bufo cinereus Schne. — tuberculosus Risso 

— rubetn Schne. — palmarum Cuv. 

— spinosus Daud. — ^ alpinus Schinz. 

— Roeselii Daud. Batrachus buffo Rafìn. 

— ventricosus Daud. — fuscus Rafin. 

Nomi volgari 

Rospo comune, Betta Italia— Orota, Zaxantou, Rospa, Rospazz, Save Veneto. 
— Sciatt, Satt, Lombar. — Zavaton, Rosp, Trentino— Baggio, Genova— Padana, 
Modena -Bnffn, Buffa niurn, Buffa siccagna, Buffa cu li capiddi, Sicilia. 



— 283 — 

BlBIJOGRAFlA 

1814. Rafiìiesque — Prodromo Esp. Sic. —Specchio delle Scienze N. X, p. 202. 

1836. Cuvier—'RQgìie. Animai. I, 4?7. 

1838. Bonaparte — Fauna Ital. II. 

1844. Sava — Lucubrazioni Fauna e Flora dell'Etna '21. 

1872. DocZe He m— Alcune gener. Fan. Sic. Verteb. 27. 

1874. De Se^fa— Fauna d'Italia. Rett. Anfibi 73. 

1881. Doderlein — Rivista Fau. Sicil. Verteb. 43. 

18.... Dumeril e Bihron — Erpetologia gener. Vili, 073. 

Iconografia 
1838. Bonaparte— Yscmi^ Ital. IL 

Il Rafinesque fa cenno di quattro specie della Sicilia, che denomina Batra- 
chus buffo Raf., B. pustulatiis, B. fìiscus, B. spinosus, che crede tutte diffe- 
renti , e sono sinonimi di unica specie. Il Cuvier descrive col nome di Bufo 
palmarum una grossa specie trovata nelle coltivazioni di palme, ma che viene 
riferita alla presente , può prendere uno sviluppo grande potendo vivere sino 
a 30 anni e sopportare lunghi digiuni, una volta nei sommi gioghi delle Ne- 
brodi ne ho veduto una più del doppio del Rospo comune della regione pede- 
montana. Gli altri scrittori sopracitati la riportano di Sicilia. 

Capo piccolo, ottuso depresso nella fronte, corpo breve , toroso leggermente 
arcuato , occhi regolari protuberanti con pupilla nera ellittica , ed iride rosso 
castagno vivace, timpano quasi rotondo più o meno cospicuo , secondo che la 
pelle che lo ricopre è più o meno tubercolosa, il grande squarcio della bocca 
giunge al di là degli occhi , parotidi grandi reniformi molto protuberanti , i 
fianchi sono avvallati, ma il ventre è voluminoso. Le gambe sono grosse e ro- 
buste, le anteriori con dita affatto libere, le posteriori più lunghe con dita de- 
presse e palmate sino alla penultima falange. La pelle del corpo non è attac- 
cata ai muscoli, e può gonfiarsi oltremodo, si attacca ai bordi delle mascelle, 
articolazioni e spina dorsale. È coperta di tubercoli piti o meno dilatati , ed 
elevati, terminano in punta, ora ottusi , ora bifidi, ed anco trifidi nei lati del 
collo, sulle zampe, nel ventre sono più piccoli, piani e più confluenti, nei fianchi 
vi sono delle verruche che segregano un umore. 

Lunghezza da cent. 12 a 15, IH. 

Il colore è variabilissimo secondo i luoghi dove abitano ed il calore, l'età e 
r epoca degli amori, or cenerino-nerasti'o, rosso sbiadito o fosco , ferruginoso, 
grigiastro, verdastro, piombino, ed anche nero. Tutto il corpo è sparso di mac- 
chie fosche variabili per forma, grandezza e distribuzione, nel margine esterno 
delle parotidi è bruno più o meno vivace II colore nelle parti inferiori è bian- 
chiccio più o meno cenerino o rossastro. 

Quando è minacciato si gonfia, elastico colle percosse, manda dalle parotidi, 
dalle glandule della pelle un umore fetido biancastro , e dall' ano schizza un 



— 284 — 

fluido limpido al di là di un metro di altezza -, per questi umori che segrega 
può passare sulle brace accese senza bruciarsi, come mi è accaduto di vedere 
una volta che passò sul fuoco per più di un metro e mezzo. 

Nelle Madonie vive nel piano , nei colli , negli ortaggi, boschi, regione ne- 
raorosa, nei sommi gioglii, e dentro le case umide; su questo Bufonide il volgo 
ha molti pregiudizi, si ha per cattivo augurio, e molto nocivo il suo sguardo, 
particolarmente quando le parotidì sono più voluminose. 

È una specie comune nelle Nebrodi ed anco in tutta Sicilia. 

La sua estensione geografica è positiva in tutta Europa compresa la Fran- 
cia^ Svezia, Inghilterra, Russia e vive anche in Algeria, Asia centrale, Giap- 
pone. 

Essendo una specie molto comune tralascio di parlare della sua riproduzione 
e costumi, basta cennare il suo utile per la quantità degli insetti che distrugge 
per nutrirsi. 

Bufo viridi» Laur. 

Bufo griseo-carneus, macuifs sììiaragdiìììs, atro-marginatis^ rubro veì^rucosus, 
tibiis, ulnis^ et laterihus capifls laeribus : dorso jìlano verrucis grandicu- 
lis : parotide Mnc inde trahiformi , pahnis pssh , plantis semipaìmatis. 
Bnpr. 

Sinonimi 
Rana vaìHabìUs Pallas Bufo sitibnndus Schne. 

— viridis Shaw. Batracus pustulatus Rafin. 

Bufo variaMlis Bory. 

Nomi volgari 

Rospo verde^ Rospo smaraldino, Italia— Sciatt, Loml ardo— Crota, Crotonzella, 
Fasolara, Veneto — Rana pubbeddosa, Rana pintada, Sardegna — BufiPa virdi, Buffa 
di casa. Buffa stizziata, Sicilia. 

Bibliografia 

18 i 4. Rafinesque — Prodromo Esp. Sic— Specchio delle Scienze N. X, 103. 
1836. Bonaparte—Ysiyxxìa, Ital. II, con Ta\ . 

1873. i)oc?erfem— Alcune gener. Fau. Sic. Verteb. 27. 

1874. De Betta— Fan. Ital. Rettili ed Anfibi 74. 
1881. Dodeìdein— Rivista Fau. Sic. Verteb. 43. 

11 Rafinesque riporta il Bntracus pustulatus Rafin., che il Doderlein riporta 
a questa specie, gli altri scrittori lo riportano di Sicilia senza alcuna osserva- 
zione. 

Capo quasi rotondo \)\ii largo che lungo, occhi piccoli con iride color d'oro, 
bocca grande giunge al di là del timpano; spazio interoculare piano, parotidi 



— 285 — 

lunghe e di eguale largliezza. Il tronco è breve quasi sferico, prominente nel 
mezzo del corpo^ nel resto schiacciato. 

Diti anteriori sottili , il terzo più lungo, 2" e 4° eguali tutti liberi ; i diti 
posteriori palmati oltre la metà, il quarto più lungo con le due falangi ultime 
libere. 

Lunghezza Cent. 6-8 gambe anteriori Cent. 4-5, posteriori Cent. 8-9. 

La pelle è seminata di verruche lenticolari forate da numerosi pori più o 
meno confluenti, eccetto dei lati del capo. 

Il colore del corpo è biancastro più o meno tendente all'olivastro, o al ros- 
sastro con molte macchie grandi, or separate, or confluenti e talvolta unite di 
color verde smeraldo, orlate o punteggiate di bruno o di nero. 

Molte pustolette sono sparse su tutto il corpo più nei fianchi e coscie. Al di 
sotto il corpo è bianchiccio spesso tendente al giallognolo con macchie scure 
verdastre. Il colore varia per intensità colla luce e col volere dell' animale, 
alcune volte il verde è molto vivace. 

Il maschio è più piccolo a corpo allungato, la femmina più voluminosa, con 
parotidi più sviluppate e le macchie più regolari e più grandi. 

Si trova nelle campagne, nelle strade^ dentro le case, il giorno si occulta 
sotto le pietre , o nelle muraglie, nelle sere umide se ne vedono in quantità. 
Nelle campagne alberate , e boschive V ho veduto di raro ; e forse perchè es- 
sendo di vita notturna è più diffìcile incontrai'la. Ilo osservato, quando si tro- 
vano questi rosici vivi, morti, ed anche secchi, i cani si strofinano sopra con 
tutto il corpo più volte, e se i cani sono diversi vanno a strofinarsi a vicenda, 
i cacciatori spiegano questo fatto, che l'umore che è segregato dalle verruclie 
essendo fetido allontana le pulci. 

È comune nelle Nebrodi, in tutta Sicilia, e nella Sardegna, si estende sino 
all'occidente dell'Asia, e del Nord dell'Africa. 

Bufo calamita Laur. 

1874. De Betta— Fauna Italiana, Rettili ed Anfibi 75. 

Non ho trovato questa specie nelle Nebrodi, alcuni ne hanno fatta una va- 
rietà della precedente, il De Betta la riporta di Sicilia come specie distinta, e 
si distingue facilmente per la linea gialla o giallo-dorata che scorre lungo il 
dorso, e per essere più piccola , è necessità fare nuove indagini per accertare 
se appartiene alla nostra Fauna. 

Anfibi Urodeli 

Continuo 1' enumerazione di altre specie di Anfibi che sono state trovate in 
Sicilia, e che non ho trovato nelle Nebrodi per completare il quadro della Er- 
petologia Sicula. 



— 286 — 



Salamandra maculosa Laur. 

1814. Rafìnesque — Prodromo Esp. Sic— Specchio delle Scienze N. 10, p. 102. 

1844. Sava — Lucubrazioni. Fauna e Flora Etnea 21. 

1872. Doderlein.—Alcnne gener. Fan. Sic. Vertebrati 27. 

1880. Bedriaga—Ueher die geog^raphische verbeitung der europeisclien lurche 

— Soc. des Nat. de Moscou. 

1881. Doderlein— Rivista Fan. Sic. Vertebrati 43. 

Il Rafìnesque riporta questa specie della Sicilia sotto i nomi di 8. vulgaris 
Daudin e Lacerta salamandra Lnn. Il Sava cita di aver trovato nei contorni 
dell'Etna delle salamandre, poi per lettera gentilmente mi avvisò di aver tro- 
vato la S. maculosa con due varietà per le macchie della pelle secondo i luo- 
ghi di dimora. Doderlein e Bedriaga la cennano di Sicilia , il Giglioli ed il 
Camerano la riportano con dubbio. 

Il Sava mi scrisse di ,aver trovato la S. Corsica Savi sull' Etna, per quanto 
è a mia conoscenza in questa ultima epoca nessuno ha trovato salamandre in 
Sicilia, né io sulle Madonie. 

Triton cristatus Laur. 

1844. >S'at;a— Lucubrazioni Fauna Flora dell'Etna 21. 
1872. Doderlein — Alcune gener. Fau. Sic. Vertebrati. 
1881. Z)o(ferfem — Rivista Fau. Sic. Verteb. 43. 

Il Sava cenna un Tritone trovato nei contorni dell' Etna , gli chiesi quale 
era la specie , mi rispose che era il T. cristatus. Il Doderlein sui cenni dati 
dal Sava e dal Rafìnesque scrive di trovarsi nelle pozzanghere del Monte Etna. 
Il Camerano dice di non trovarsi in Sicilia. 

Proteus anguinus Laur. 

1857. Storia Nat. illustrata del Regno Animale III, 449. 
1884. Camerano— Mono^. Anfìbi Urodeli 83. 

Nella Storia Naturale è riferito che Davy riporta questa specie di essere 
stata trovata nelle grotte di Sicilia, così ripete il De Betta. Il Camerano così 
si esprime : « Questa specie vive nelle acque sotterranee delle Alpi della Car- 
niola e in Dalmazia. Essa venne cit'->,ta come esistente in Sicilia dal Davy, ma 
la cosa non venne mai confermata » . Per completare la storia aggiungo che il 
mio concittadino P. Mercanti disse di aver trovato questa specie interessante 



— 287 — 

nelle Nebrodi, ed ebbe una onorificenza dall' Accademia di Mosca, io gli chiesi 
schiarimenti sulla forma dell'animale e non restai sodisfatto, visitai quel lo- 
cale ed è impossibile potervi vivere il proteo, perchè è un luog-o acquitrinoso 
all'aria libera ove vegetano molte piante palustri, non vi sono grotte, né acque 
sotterranee. 

Ecco completato l'elenco dei Rettili delle Nebrodi, e cennando le specie che 
trovansi in Sicilia, con questo primo lavoro, altri con maggiori ricerche ed os- 
servazioni potrà rendere piìi ricca la Fauna sicula dei Rettili. 



'h-e>SS^^^- 



Le metamorfosi del Conger vulgaris e del Conger mistax 

NOTA 

del Doti. LUIGI FACCIOLA 



(Cont. V. N. pr.) 



Stabilito ciò, esaminiamo più da vicino i cambiamenti che avvengono 
nella forma del corpo e nelle sue proporzioni in progresso dell'età. Nella 
prima fase esso cresce a preferenza in lunghezza , molto meno in lar- 
ghezza e spessezza, perciò è notevolmente stretto e depresso. Nella se- 
conda continua a crescere, ma più in altezza che in lunghezza. Fino a 
questo punto gli esemplari più lunghi sono più adulti. Nella terza, quarta 
e quinta fase al contrario quanto sono più brevi e più stretti tanto sono 
più innanti nello sviluppo e nell'età. Infatti nella terza fase il corpo co- 
mincia a ridursi nelle due dette dimensioni mentre conserva la forma 
cosi depressa che ha nella fase precedente. Nella quarta fase è più corto 
e più spesso e generalmente non è più ristretto. Nella quinta fase cor- 
rispondente al L. Kollikerl dapprima soltanto si restringe ed ingrossa , 
indi si accorcia e continua a restringersi, infatti troviamo esemplari ci- 
lindrici più lunghi ed esemplari della stessa forma più corti e più stretti. 
I più corti sono anche i più stretti, e riduconsi ad avere 64 millim. in 
lunghezza totale e 5 millim. in altezza, vale a dire metà della lunghezza 
e il quarto dell'altezza che l'animale può toceai-e nella fase di L. Yar- 
relli. Nella sesta e nel principio della seguente od ultima fase succede 
un arresto nell' accrescimento o continua una piccola riduzione della 
lunghezza. Allora il corpo perde la trasparenza e si colora e dopo in- 
grandisce fino alle dimensioni che gli sono assegnate, È da osservare che 



— 288- 

passando dalla fase di L. Gegenhauri, nel qua'^'è àncora notevolmente 
compresso , a quella di L. KoUikeri nel quale è cilindrico , si presenta 
in uuo stato intermedio non solo per la forma ma pure per la posizione 
dell'ano e per la distanza della dorsale dal capo , se non che il muso è 
già perfettamente identico a quello del L. KóLlilcerL Questo stato indicai 
nella prima nota quando dissi che esistono esemplari di L. Kóllikeri 
compressi i quali sono più giovani. Da ciò si vede che 1' animale ac- 
quista in parte i caratteri di questo leptocefalo prima che il corpo si 
arrotondi. Simile caso abbiamo notato a proposito del C. vulgaris. Anor- 
malmente la forma del corpo può mantenersi compressa e larga come 
nella fase di L. Yarrelli , quando per gli altri caratteri s' avvicina al 
L. Kóllikeri o lo somiglia. Ne rijDortiamo un esempio : 

Lunghezza del corpo 108 millim. 

Altezza massima 11 » 

Dairestremità anteriore all'origine della dorsale. . 37 » 

Dall'estremità anteriore all'ano ...... 53 » 

Il muso dalla forma molto acuta che ha in principio diviene da una 
fase all'altra più ottuso. Le mascelle hanno uguale lunghezza nelle prime 
fasi di L. Haeckelii e Yarrelli, in quella di L. Bihroni la inferiore è un 
poco più breve sebbene in alcuni esemplari questa differenza sia mini- 
ma. Nei seguenti L. Gegenbauri e Kóllikeri si accorcia di più. In que- 
st' ultimo r estremità del muso ha una forma caratteristica essendo al- 
quanto rigonfia e col profilo inferiore obliquo. I denti sono molto svi- 
luppati anche nei più giovani del L. Haeckeli e persistono completa- 
mente nel successivo L. Yarrelli. NeLi^. Bihroni ben pochi ne riman- 
gono e talora mancano completamente. Nei L. Gegenhauri e Kóllikeri 
sono assenti, come del pari abbiamo rimarcato in due fasi corrispondenti 
del C. vulgaris, cioè nella terza fase del L. inaequalis e nel L. Morrisi. 
La seconda dentizione apparisce nella sesta fase. Il carattere degli oc- 
chi di essere inclinati in avanti e ristretti a punta sull'angolo della bocca 
nei giovani del L. Kaeckelii si rende meno pronunziato nel successivo 
sviluppo , ma non è del tutto scomparso nel L. Kóllikeri. Nell'animale 
della sesta fase sono rotondi. Il dotto carattere comune coi giovani del 
L. inaequalis manca nelle altre forme di Leptocefalidi. 

(continiuz) 

Mnrico Ragusa — Dhettore resp. 



fO 



f.'Cy 28 

^'iniuiiMMiiiiiiiiiiiiniiniMinnniMiniiiiMiiiiiMiiiitiiiitMiniiinnMiiMMiniiiiiiniiiinniiiniinniitiinniiiiiiiiitiiiiiiiuiiiMiHi^ 

1 ANNO XII. .^^ SETTEMBRE 1893 N. 12. 1 



IL NATURALISTA SICILIANO 

GIORNALI^ DI SCIKNZl^ NATURALI 



3 



SI PUBBLICA OGNI PRIMO DI MESE 



ABB( )\AM1-:X'1'0 ANNUALI' 



1 Italia L. 10 » 

i Paicsi co.mi'i;i;si nlll'lnion'i: P(jSTALr; » 12 « 

i Altri parsi » 14 » 

E Un numkiìo sr.PARA'ro. con tavole « 1 25 

= » SHNZA TAVOLE » 1 » 

= Gli abbonamenti cominceranno dal 1*^ di tiTTOBiU': di ogni anno 



I Indirizzare tutto ciò che riguarda V Amministrazione e Redazione 

I al sig. ENRICO RAGUSA, in Palermo, Via Stabile N. 89. 

I SOMMARIO DEL NUM. 12. 

r ' * 

I E. Ragusa — Catalogo ragionato dei coleotteri di Siciiia (cont.) 

I C. Escherich — Sopra alcuni Meloidi di Sicilia. 

I L. Facciola — Le metamorfosi del Conger vulgaris e del Conger viistax {cont.) 

= E. Ragusa— /ncZice dei lavori originali contenuti nel volume XII. 

i — Catalogo dei coleotteri di Sicilia {cont.). 



I PALERMO I 

I Stabilimento T'qjoyrafico Virzì | 

I ^ ' 1893 I 

^iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii iiiiiiiiiiniiiiiiiiiiiiiiniMMMinMMiMiiHiiiMiiiiMiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiitiiiiiiiiniiinE 



ANNO XII. SETTEMBRE 1893 



N. 12. 



IL NATURALISTA SICILIANO 



CATALOGO RAGIONATO 



DEI 



COLEOTTERI DI SICILIA 

(Cont. ved. N. prec.) 

BUPRESTIDAE (i) 
CHALCOPHORINI 

Clialcophorites 

Chalcophora Solier. 

Fabricii Rossi ... È citala dal Ghiliani e notata dal Baudi. È assai co- 
nnine ed io l'ho oltre che della provincia di Palermo 
di diversi aliri punti dell' isola. Varia molto per la 
grandezza. La larva vive negli all)eri fruttiferi. Ro- 
mano cita la mariana Lap. che certo doveva essere 
invece la Fabricii, spefiialmente che la mariana vive 
nei pinoli e la larva nel pino selvaggio , albero che 
non credo si trovi in Sicilia. 



Lawsoniae Chevr, 



Psilopterites 

Cyphosoma Mann. 
CoECULUs La porte. 

Questa specie è riportata di Sicilia in tutti i cataloghi. 
Lo Sleck la citò sotlo il sinonimo di gravidum Lap., 



(1) Ho ordinati i Buprestidi di Sicilia non coi catalogo di Berlino, ma secondo l'Es- 
sai de groupement des Buprestides par Ch. Kerremans. Annales Soc. Ent. de Belgique 
Tome 37 III, 1893 pag. 94-122. 

IL Naturalista Siciliano, Anno XII ?8 



— 290 — 

ed il Bandi me la' notò, ed ebbe l'estrema gentilezza 
di cedermi il solo esemplare di Sicilia che egli pos- 
sedeva ed aveva avuto dal Gliiliani, che la ciiò sotio 
il sinonimo di Cyphonota inflata Dej. 

Capnodis Eschscholtz. 

cariosa Pallas . . . Bellissima specie citata dal Ghiliani , Romano, Reiche, 

Rottenberg, De Stefani e Steck, lo ne posseggo molti 
esemplari raccolti specialmente alla R. Favorita presso 
Palermo, sul Thynus viburnwìn Lm. che bordeggia il 
gran viale di centro. 

tenebrionis L. . . Meno comune della specie precedente fu citata dal Ghi- 
liani, Romano, Reiche, Rottenberg, De Stefarn", Steck 
e notala dal Baudi. 

tenebricosa Herbst. . In Sicilia è la più cominie Cajjnodis e la citarono il 

Ghiliain', Romano, Reiche, Roiienberg , De Stefani, 
e Steck, mi fu notata dal Baudi e dal Kerremans, il 
quale gentilmente mi comunicò una nota di tutti i 
Buprestidi di Sicilia esistenti nella sua <'ollezione. 

var. luj^ens Klist. . Questa varietà citata dal De Stefani e nel caialoiio di 

Berlino , secondo de Marsuel (1) differisce dal tipo 
per il pronoto più quadro e non più largo delle elitre 
Io ne posseggo varii esemplari che si distinguono an- 
che per il colorito delle elitre assai bronzato (2). 

SPHENOPTERINI 
Sphenoptera Solier. 

corecina Stev. , . . Posseggo un solo esemplare di questa specie citata dal 

Ghiliani sotto il sinonimo di Arnacanthae Godet; Io 
ebbi dal Dottore Dohrn, che lo tolse dalla sua splen- 
dida collezione per donarmelo. 

antiqua lllig. . . . Questa bella specie è citata dal Reiche e Sic k, e notata 

dal Baudi e Kerremans. Io ne posseggo un solo e- 
semplare trovato a Messina. 



(1) Abeillc. Monographie des Buprestides Tome II, 1865, p. 127. 

(2) Ronifino cita VAurigena [Perotis) lugubt-is F.; io non la noto se prima l'insetto non 
viene veranieute trovato da noi. 



— 291 — 

sicula Jakowl. . . Non conosco questa specie descritta di Sicilia nel Horae 

Soc. Ent. Rossicae. 

ardua Lap È citala dal Reiche, io non la posseggo ed è con dub- 
bio che la noto. 

gemellata Mannh. . Roltenberg la ti-ovò a Mondello , De Slefani sul Pelle- 
grino ed alla Favorita , lo Steck la cita ed il Baudi 
la nota. Io ne posseggo varii esemplari della provin- 
cia di Palermo ed anche di Girgenii, trovata sempre 
nel maggio. 

lapidaria Bruii. . . Il signor Kerremans mi scriveva di possedere questa 

specie di Sicilia, che io ho in un solo esemplare do- 
natomi dal Dott. Dohrii assieme ad altre Sphenoptera 
di Sicilia. Pare si trovi sotto le pietre in marzo ed 
aprile. 

rauca F Quesia specie descritta di Sicilia col nome di Bassii Lap. 

messo in sinonimia nel catalogo di Bei'lino, fu citata 
dallo Steck e notata dal Kerremans. Baudi me la notò 
pure, ripetendola poi come varieiù Bassii, che secondo 
il Marsuel, differisce dalla rauca per le coste delle e- 
litre più elevate e le strie composte di punti corti e 
poco numerosi. Io ne posseggo varii esemplari da me 
trovali nella provincia di Palermo, a Lenlini nel mag- 
gio, ed a Girgenti nel giugno. 

geminata Illig. . . Ghiliani , Rottenberg , De Slefani la citano, Baudi la 

noia. È comunissima specialmente in autunno nelle 
ore matuttine nel viale grande dnlla R. Favorita di 
Palermo, ove è facile r-ìccoglierne centinaja che si tro- 
vano posale a terra. Ghiliani cita una var. sulcipen- 
nis Dahl che non è accennata dal Marsuel. Rotten- 
berg dice che gli esemplari da lui trovati a Catania 
erano il doppio in grandezza di due esemplari trovati 
a Girgenti che misuravano solamente 7 raill. I miei 
esemplari variano dai 6 ai 10 mill. 

metallica F. . . . É nuova per la Sicilia, ed io l'ho trovata sulle Madonie, 

nel luglio , ove posava al sole sulle roccie e sul ter- 
reno. Ne ebbi pure un esemplare dal Dott Dohrn. 

parvula Lap. . . . Altra specie nuova per la Sicilia che il Baudi ed il Ker- 
remans mi notarono. Io ne ho pochi esemplari trovati 
pure sulle Madonie. 



— 292 — 

BUPRESTINI 
Dicercites 

Dicerca Esclischoltz, 

aenea L E specie coninnissima specialmente nel luglio^ ed è ci- 
tata dal Giuliani , Romano (1), Reiche, De Stefani e 
Steck (2). Vai-ia alquanto per la grandezza. 

alni Fisci] Questa specie fu citala dal solo Reiche. È rarissima ed 

io non ne ho che soli sei esemplari da me trovati nei 
boschi di (^astelbuono nel giugno e luglio. 

Poecilonota Eschscholtz. 

variolosa Payk. . . E nuova per la Sicilia ed è rarissima. Ne posseggo due 

soli esemplari trovati sulle Madonie. È facile confon- 
derla con la Dicerca Aenea. 

Lampra Lac. 

decipiens Mann. . . Il solo Steck la cita. Io ne posseggo cpiattro esemplari 

trovati nel maggio e giugno, al Bosco della Ficuzza 
dall'amico Failla Tedaldi. 

Buprestitis 

Buprestis Linné. 

Ancylochira Escli. 

haemorrhoidalis Herbst. Bandi mi scriveva di a\ere posseduto una Q di que- 
sta specie , di Sicilia. Io ne posseggo un solo esem- 
plare e/', donatomi dal mio carissini j aaiico Teodosio 
De Stefani al (piale schiuse dal Larice nel giugno 
188b. È nuo\'a per la Sicilia (3) 



(1 j Romano cita pure la Dicerea gemmata Lati", e laticollis Oliv. che noli noto. 

(2j La Dicerca sp.? dallo Steck, che io ho vi.sta, era questa specie. 

(.3j Romano cita pure V Ancylochira octoguttata Fab. che io non noto. Nel catalogo del 



— 293 — 



micans F. 



Eurythyrea Solier. 

Fu citala dal Romano, ed a questa specie io credo deb- 
basi pure riferire Vaustì'iaca Fab., citata dal Ghiliani. 
Non è rarissima, ed i miei esemplari provengono tulli 
da Palermo. Il mio primo esemplare l'ebbi da un sol- 
dato che passava davanti al mio balcone, portando in 
trionfo sn un legno il dorato insetto. Vedendo il mio 
entusiasmo me lo donò. 

ANTHAXINI 

Melanophila Escbsclioltz. 



decastigma F. 



aequalis Mannerh. 



Ghiliani citò questa specie {Pheanops decastigma Fab. 
Catania) che il Rott^nberg trovò pure a Lentini su 
dei pioppi spaccati, e che lo Steck cita. Io ne posseggo 
due soli esemplari uno dei quali oltre delie cinque 
macchie gialle sull' elitre, ne ha una sesta vicino la 
base delle medesime. 

Non posseggo ancora questa specie citata dal De Mar- 
seul pure di Sicilia e che il sig. Kerremaus mi notava; 
è indubitabile si trovi da noi. 



Anthaxia Eschscholtz. 



hung^arioa Scop. 



Croesus \".\ 



Nessun autore cita questa bellissima specie di Sicilia 
che io posseggo in dieci esemplari cTcT e QQ trovali 
nel maggio e giugno alla Fi(;uzza ed a Castelbuono, 
attaccati sugli steli del grano. Nei miei esemplari crcf, 
mancano quasi totalmente le due fascie oscure longi- 
tudinali ; delle QQ tre invece di verde sono ad elitre 
azzurre, come li vide il Marseul in alcuni esemplari di 
Algeria. 

Ro'ienborg citò questa specie sono -1 sinonimo di vhni- 
nalis Lap. \^'oli/mpica Ki?s\v. che lo Sieck Ciiò di Si- 
ciHa era invece, p;'r come io n'ebbi a convincere, que- 



de Bertolini ed in quello di Berlino, trovinmo pure la B. cnpressa Gemi, al sinonimo 
ìnidahilis Costa , citata di Sicilia. Dubito sia uu errore , avendola il de Marseul citata 
d'Italia, solamente di Sabina, presso Lecce. 



— 294 — 



praeclara Mannli. 
cichorii Oliv. . 

millefolii Filli. 
umbellatarum F. 



manca L. 



vittula Kiesw 



lucens Kiist. 



dimidiata Tiiuiib. 

salicis F. . . ^ . 
grammica Lap. . 

cyanescens Goiy. 



sta specie. Bandi me' la notò. Io ne posseggo un gran 
numero di esemplari, essendo specie comunissima in 
tulta la Sicilia, e si trova specialmente in primavera, 
nei campi sui fiori (1). 

. Non posseggo ancora cpiesta specie cilata di Sicilia dal 
De Marseul. 

. Questa specie fu cilata dal Romano , Reiclie e De Ste- 
fani. È comune ed i miei esemplari li ho trovati fal- 
ciando sui fiori a Mondello, presso Palermo nel giugno. 

. Citala dallo Sleck e notata dal Bandi. È comunissima 
nei dintorni di Palermo, sui fiori in primavera. 

. Questa specie cilata dal Romano , lo fu pure dal Ghi- 
liani sotto il sinonimo di inculta Germ., e notata dal 
Bandi. Ne posseggo pochi esemplari, alcuni dei quali 
avuti da Castelbuono dal Failla. 



* 
« * 



Posseggo sei soli esemplari di questa specie nuova per 
la Sicilia, li ho raccolti tutti alla Ficuzza, nel maggio 
sulle ombrellifere. 
Noto questa specie da me non ancora posseduta, sola- 
mente perchè mi fu scritto dal signor Kerremans, che 
egli la possiede di Sicilia. 

Rottenberg e Steck citarono questa specie che il Romano 
e Ghiliani notarono col sinonimo di candens Lap. 
Bandi me la notò. E comunissima a Girgenti dal 
maggio al giugno, sopra dei fiori gialli presso i Tempii, 
e le antiche rovine. 
Citata dal Reiche e notata dal Bandi col sinonimo di 
saliceti IH., IVlarseul e Sleck la citano e Kerremans 
l'ha di Sicilia. E comune, ed io ne posseggo molli e- 
semplari trovati spezialmente presso Castellniono. 

E citata dal Romano. Io ne posseggo un solo esemphire 



trovato nel maggio alla Ficuzza. 

Questa specie è cilata dallo Steck, Io ne posseggo varii 
esemplari trovati nel maggio a Caslellniono ed a Ca- 
tania; varia alquanto pel colorito e grandezza. 

È nuova per la Sicilia, ed io la posseggo in un solo e- 
semplare trovato nel 1870 presso Palermo. 



(1) \j' Antlinxia suturali^ Gene (?) citata dal Ghiliani , io riteogo sia stato un errore 
di stampa, deve certamente essere questa sjjecie che ha in sinonimia scuteUaris Gene. 



— 295 — 

hypomelaena 111. (1). Questa specie è nuova per la Sicilia, ed io ne posseggo 

otto esemplari, trovali nell^iprile alla Favorita, nel giu- 
gno alla Ficuzza, e nel luglio sulle Madonie. 

ferulae Gene . • . Marseul la cita di Sicilia, ed io ne ho quattro esemplari, 

da me trovati nel maggio alla Ficuzza sui fiori della 
Feria. 

funerula IH. ... È nuova per la Sicilia, ed io l'ho trovata in pochi esem- 
plari nel maggio, falciando nel bosco della Ficuzza. 

CHRYSOBOTHRINI 

Clirysobothrites 

Chrysobothris Eschscholtz (-2). 



afiìnis F. 



Solieri Lap. 



Questa specie è citata dal Ghiliani, Reiche, e notata dal 
Bandi. Io la posseggo in molti esemplari trovati nel 
giugno alla F'icuzza e nel lugHo alle Caronie e Ma- 
donie. 

Rottenberg citò questa spppi(> ohe egli trovò presso Sira- 
. cusa. lo ne posseggo due soli esemplari. 



ACMAEODERINI 
Acmaeoderites 

Ptosima Solier. 

fiavoguttata Illig. (3). Troviamo questa specie citata come 9-maculata F. dai 

Romano e Ghiliani, come flavoguttata 111. , dal Rot- 
tenberg e De Stefani. Bandi la nota. Varia in un 
modo straordinario per grandezza e colorilo, ed è spe- 
cialmente comune alla Ficuzza sul Pero selvaggio. 

var. 6-maculata Herbst. Questa varietà è tanto comune quanto il tipo dalla 

quale si distingue per la totale mancanza delle niac- 



(1) Romano cita VAnthaxia nitidula, che pria di u.ttare bisogna sia riconfermato che 
trovasi in Sicilia. 

(2) Non so veramente a quale specie riportare la Chrysohotltris sex-pimctafa Fabr. e 
impressa Oliv. Dej., Latr., citate dal Romano. 

(3) Io pongo il nome di flavo-guttata Illig., essendo VU-maculata Herbst. una varietà. 



— 295 — 

chiette gialle sul prolorace e sulla testa. Io ne pos- 
seggo pure un discreto numero senza le macchie sul 
prolorace, ma con la macchia sulla testa , per questa 
varietà io proporrei il nome di 7 -maculata. 

var. li-maculata Ilerbst. Questa varietà è citata dal De Stefani, è rarissima 

ed io ne posseggo soli pochi esemplari ; si distingue 
dal tipo per avere quattro macchiette gialle sul torace 
invece di due. 

var. confusa Vili. . È couiune assieme al tipo e se ne distingue per le mac- 
chie della base delle elitre che sono riunite alle me- 
diane. 

Acmaeodera Eschscholtz. 



convolvuli ^■\'alll. . Questa specie fu citata dal Ghiliani sotto il sinonimo di 
' cylìndrica Fab. e dal De Marseul. Io non la posseggo 
ancora, né l'ho vista in altre collezioni siciliane. 

degener var. Frivaldskyi Lap. È nuova per la Sicilia ed io non ne posseggo 

che due soli esemplari trovati, credo, presso Casfelbuo- 
no. Questa varietà si distingue dalla cZe^/ener Scop. per 
l'assoluta mancanza delle macchiette gialle sulla fronte 
e sul pronoto. 

pilosellae Bon. . . Questa specie è citata dal solo Reiche. Io ne posseggo 

un solo esemplare che presi al volo, verso l'imbrunire 
sulle più alte vette delle Madonie. 

flavofasciata Pili. . Reiche la citò sotto il sinonimo di taeniata F. e Bandi 

me la nolo. Io ne ho molti esemplari da me trovati 
nel luglio alle Madonie e Caronie. 

dermeatoides Friv. . Posseggo tre esemplari di questa specie, nuova per la Si- 
cilia; furono trovati nel luglio a Messina. 

adspersula 111. . . Bandi me la notò, rd il Marseul la cita di Sicilia, e dice 

che si trova in luglio sui fiori di mirto. Io ne ho po- 
chi esemplari che ho trovato nel luglio a Castelbuono; 
in uno di essi le macchiette gialle delle elitre sono 
in parte scomparse. 

virgulata Illig. . . A questa specie io riporto la Chevrolati Levr. descritta 

di Sicilia, e che il Marseul chiamò Levrati, essendo 
il nome dato dal Levrat, già adoperato |)er altra Ac- 
tnoedera del Messico. Due esemplari di vìrgulata della 
mia collezione per il loro corsaletto più globuloso a|j- 
parterrebbero certamente a questa sedicente specie. La 



-297 — 

virgulata mi fu notata da Bandi. È comune e varia 
aUiuanto pel colorito delle elitre (l). 

var. chrysanthemi Chevr. Posseggo un piccolo esemplare che per la mancanza 

della macchia scutellare , la terza e quarta riunita, 
apparterrebbe a questa varietà. 

var. nigra Ragusa . Presi nel giugno a S. Onofrio, un esemplare di virgu- 
lata totalmente nero, e mancante di (|ualsiasi mac- 
chie sulle elitre; la ritengo abbastanza caratteristica 
onde poterne creare una nuova varietà. 

discoidea F. . . . E VAcmoedera più comune che abbiamo in Sicilia, ed 

il Romano, Ghiliani, Rottenberg , De Stefani, Steck, 
la citano ed il Baudi e Kerremans la notano. Varia 
pure moltissimo per grandezza e colorito. 

lanuginosa Gyll. . . Citata dallo Steck e nel catalogo di Berlino al sinonimo 

cylindrìca Lap. è dato per patria, la Sardegna e la 
Sicilia. Baudi me la notò. Io la posseggo in moltissimi 
esemplari trovati nel maggio a Lentini e sul Monte 
Pellegrino, nel luglio, nella Valle del Porco, sui fiori 
dei cardi; quest'ultimi, sono assai più piccoli di quelli 
di Lentini. 

JULODINI 
Julodis Eschscholtz. 

pilosa var. Koenigi Manli. Que.^to stupendo insetto fu scoperto a Lampedusa 

dal Failla Tedaldi, che mi donò il solo esemplare che 
egli aveva trovato nella località detta Imbriacola. Si 
ritenne allora per Onopordì Fab. (2) 

AGRILINI 
Coraebus Cast, et Gory. 

rubi L Comunissima in tutta la Sicilia, questa specie fu citata 

dal Ghiliani, Romano, Reiche, Marseul, De Stefani, 
Steck e notata dal Baudi. 

elaius F Questa specie fu citata dal Ghiliani e Steck. Io ne pos- 
seggo soli cinque esemplari trovati nel luglio a Ca- 
slelbuono. 



(1) A questa specie riporto VAcmoedera variegata Dej. citata dal Ghiliani, di Nicolosi, 

(2) Escursione entomologica all'isola di Lampedusa, Nat. Sic. Anno VI, pag. 159. 
// Naturalista Siciliano, Anno XII 39 



— 298 — 

Melibaeus H. Deyr. 

saginatui Kiesw. (1) Questa specie esclusivamente siciliana mi fu notala dal 

Bandi. Io non ne posseggo che ire soli esemplari da 
me trovali falciando sulle erbe ed i fiori, sul Monte 
Pellegrino nel maggio. 

graminis Panz. . . Reiche, Marseul, De Stefani la citarono di Sicilia, dove 

è comune. Io la posseggo in numero da me trovati 
nel giugno a S. Onofrio e nel luglio alle Madonie. 

aeneicollis Villers. - Questa specie è nuova per la Sicilia, ed io la posseggo 

in tre soli esemplari trovali nella provincia di Palermo 

amethystinus Oliv. . È citala dal Ghiliani , Reiche , Marseul , De Sfefani, e 

Steck, e notata dal Baudi e Kerremaus. E comunis- 
sima sui cardi e varia alquanto pel colorito, or verde, 
or di un bellissimo azzurro. Ne ho trovati alla Fi- 
cuzza, nel giugno, degli esemplari quasi )ieri. 

violaceus Kiesw. . È citata dal Rotteiiberg e notata dal Baudi; è rara e non 
• ne ho trovati che pochi esemplari nel maggio alla Fi- 
cuzza. 

Agrilus Sieph. 

biguttatus F. . . . Questa bella specie è citata dal Romano. È assai rara, 

ed io non ne ho che pochi esemplari trovati nel lu- 
glio alla Ficuzza e nel giugno alle Madonie. 

sinuatus Oliv. . . È nuova per la Sicilia. Ne ho trovati Ire soli esemplari 

alla Ficuzza nel luglio, battendo gli alberi di pero. 

viridis L Romano la cita. Io la posseggo trovata in unico esem- 
plare sulle Madonie nel luglio, ed in molti esemplari 
trovati morti nelle loro gallerie alle Canonie in un 
grosso tronco d'albero che giaceva a terra, nel luglio. 

V. liaearis Panz. . . Tre esemplari della mia collezione appartengono a que- 
sta varietà per il loro pronoto, che è d'un cupreo-do- 
rato. Li trovai assieme al tipo alle Caronie (2). 

var. nocivus Rstzb. . Posseggo pochi esemplari di questa varietà, da me tro- 
vati alle JMadonie, ed alla Favorita nel luglio; si di- 



ri) Deutàch. Ins. IV, 115 nota 7, 1857. 

(2) Giuliani cita un Agrilus lineans?^ che nel dubbio a quale specie potesse apparte- 
nere, non noto. 



-299- 



var. ater Fab. 
lineola Hedl. . 

caeruleus Rossi , 

elongatus Herbst. 
angustulus Illig. . 
var. rugicollis Ralzb 
olivicolor Kirsw. 
graminis Lap. 
deraso Tasciatus Lac. 
liturus Kiesw. 
curtulus Muls. . . 
Solierl Goiy . . . 

grandiceps Kiesw . 
sericans Kiesw. . , 

aurichalceus Redt. . 

hyperici Crlz. . . . 

roscidus Kies\\-. . 



slingue dal tipo per il colorito che invece di verde è 
azzurro ed azzurro-viola. 
Trovai un solo esemplare di questa bella varietà nel giu- 
gno alla Ficuzza. 
Questa specie è nuova per la Sicilia, ed io l'ho trovala 
in pochi esenii)lari (5), nel luglio, alle Madonie e Ca- 
non ic 
Ho trovato due soli esemplari , di questa specie nuova 
per la Sicilia, nel giugno alla Ficuzza, battendo gli 
alberi di quercia. 
Questa specie, nuova per la Sicilia , la posseggo in tre 
soli esemplari da me trovati nel luglio alle Caronie 
Mi fu nolata tlal Bandi. È comunissima nel maggio e 
giugno s|)ecialmenle alla Ficuzza battendo le querce. 
Ebbi comunicata questa varietà dell' angustulus in due 

esemplari dal Bandi, che li trovò a Taormina. 
Trovai un solo esem|)lare di questa specie nuova per la 

Sicilia nel settembre alla Ficuzza. 
E nuova |)er la Sicilia, ed io ne posseggo tre soli esem- 
plari trovati nella pi'0\'incia di Palermo. 
(Questa specie è citata di Sicilia dal de Marseul , ma è 
abbastanza rara, io, non ne ho che tre soli esemplari. 
Posseggo due soli esemplari di questa specie, nuova per 

la Sicilia, li ho tro\ati alle Caronie. 
Altra specie nuova per la Sicilia che io posseggo in Ire 

soli esemp'ari da me trovati alla Ficuzza. 
Questa bella specie è nuova per la Sicilia. Ne posseggo 
quattro esemplari trovati battendo gli alberi nel bosco 
della Ficuzza. 
È nuova per la Sicilia ed io l'ho trovata in pochi esem- 
plari alla Ficuzza, nel maggio e giugno. 
Posseggo un solo esemplare di questa specie, nuova per 

la Sicilia, è conosciuta solamente del Caucaso. 
Questa specie fu citata dallo Steck , è da me posseduta 
in unico esem|)lare , trovato nel bosco della Ficuzza. 
Romano e Steck la citarono ; io la posseggo in molti 
esemplari trovati nei boschi presso Castelbuono, ed a 
Pergusa nel giugno. 
Questa specie comunissima fu citata dal De Stefani e 
notata dal Bandi, loia posseggo in gran numero tro- 
vata specialmente nel giugno battendo gli alberi nel 
bosco della Ficuzza. 



— 300 — 

TRACHYNI 
Cylindromorphus Kiesw. 

sabuliformis Mainili. Posseggo due soli esemplari di questa specie, nuova per 

la Sicilia ed anche per 1' Italia , li ho trovali in silo 
paludoso presso CastelI)uono, falciando. 

filum fivll Questa specie che sarebbe nuova per la Sicilia, il signor 

Kerremans mi scriveva di possederla di Sicilia. 

Aphanìstìcus Lair. 

angustatus Lue. . . Questa specie citata di Sicilia dal de Marseul e che il 

Bandi mi scriveva di aver trovala al Godrano, io la 
posseggo in pochi esemplari trovati a Sciacca, alla Fi- 
cuzza nel maggio, allQ Madonie nel luglio, ed a Piazza 
Armerina. 

siculus Muls. . . . 'Fu descritta di Sicilia (1863 Op. 24), e lauto il Bandi 

quanto Kerremans mi scrivevano di possederla. Io ne 
ho pochi esemplari trovati nel luglio alla Ficuzza sul 
juncus palustris. 

emarginatus F. . . Ghiliani la cita , io la posse.go in pochi eseni[)lari tro- 
vati a S. Guglielmo, presso Castelbuono, alla Ficuzza 
ed a Santa Ninfa, nel giugno. 

pusil]u.s Oliv. . . Non posseggo questa specie che il Bandi mi notava e 

comunicava. 

pygmaeus Lue . . Posseggo pochi esemi)lari di questa specie nuo\a perla 

Sicilia, li trovai falciando il 22 agosto a Mondello. 

Trachys Fabricius. 

minuta L Questa specie è citat.i dal Ghiliani. Io non la posseggo 

ancora. 

corusca Panz. . . Steck la cita, e sotto il sinonimo di pygmaea F., la cita 

Ghiliani, Romano, Roltenberg, De Stefani ed è notata 
dal Bandi. È comunissima ed io la posseggo in gran 
quantità da me travata a Palermo, alla Ficuzza, ed 
altri siti dell'isola nel giugno falciando, sulla malva. 

troglodytes Gyll. . È citata dal Rotlenberg. Io non la |)osseggo ancora (I). 

fragariae Bris. . , Posseggo pochi esemplari di fjui'sta specie, nuova per la 

Sicilia, li ho trovati nel maggio alla Ficuzza. 

(1) A questa specie si riferisce forse V Aenea Dej. citata dal Ghiliani. 



301 — 



Habroloma Thoms. 



nana Herbst. . . 
triangularis Lac. 



Notata dal Baudi. Io non la posseggo ancora (1). 

Questa specie è citata di Sicilia dal De Bertolini sotto i 
sinonimo di Pandellei Fairm. , ed io la posseggo in 
pochi esemplari trovati nei dintorni di Palermo. 



EUCNEMIDAE 



THROSCIXI 



dermesfoides L. 



carinifrons Bonv 



elateroides Heer. 



obtusus Curt. . 



Throscus Lalreille (2). 

Specie nuova per la Sicilia che ho trovata in due soli 
esemplari nel settembre alla Ficuzzti, 

Questa specie è citata dal Rotlenberg che la trovò a Ca- 
tania. Io non la posseggo ancora. 

Questa specie nuova per la Sicilia, io la posseggo in 
varii esemplari da me trovati nel maggio alla Ficuzza 
e nel luglio battendo gli alberi nel mio giardino a 
Palermo. 

Rotteuberg citò questa specie che egli trovò a Catania. 
Io ne posseggo sei ese.nplari trovati nella provincia 
di Palermo. 



biguttatus Piller 



Drapetes Redtenbacher. 

Questa I)ellissima specie, nuova per la Sicilia, l'ho tro- 
vata in tre soli esemplari, sotto la corteccia d'un al- 
bero morto, nel luglio alle Caronie. 



iMEL ASINI 



buprestoides L. 



Melasis Olivier. 
Citata dal Ghiliani CHtjpocoélus) delle Madonie e dal 



(1) Rottenberg cita una Trachys pusilliis Illig., che non so a quale specie riferire. 

(2) Reitter. Analytische Tabelle zur Bestimraung dar europ. Throscus — Arten Wiener 
Ent. Zeit. 1889, pag. 35. 



— 302 — 

Bonvonloir (1). Io ne posseggo due soli esemplari 
che trovai pure sulle Madonie. 

EUCNEMINI 



dubius Filler . 



Hylochares Latreille. 
Farsus Duval. 

Bonvouloir la cita di Sicilia dicendo di averne visto un 
solo esemplare nella collezione Mniszech , nel quale 
r ultimo segmento addominale non offriva traccia di 
fossetta. Io ho trovata questa specie comunissima sotto 
le eorteccie degli alberi, nel luglio alle Caronie, e sic- 
come tutti i miei esemplari non hanno la fossetta nel- 
l'ultimo segmento addominale, così io la ritengo una 

. varietà stabile che chiamerò var. siculus. Nei vecchi 
cataloghi questa specie è citata di Sicilia sotto il sino- 
nimo di alticoUis Villa. 



Nematodes Lai:eille. 



fllum F. 



Hypocoelus Eschsch. 
Non posseggo ancora questa specie citata dal solo Reiche. 
Phyllocerus Servine. 



flavipennis Guér. 



var. Grohmannì Spiu 



Questa specie citata dal Ghiliani, fu descritta di Sicilia 
sotto il sinonimo di fulvipennis Germ. Io ne posseggo 
un solo esemplare cf trovato sul Monte Pellegrino in 
primavera. 

Descritta di Sicilia si distingue dal tipo per il corpo che 
è tutto nero. Ne posseggo un solo esemplare cT, da 
me trovato nel luglio alla Favorita sopra un fiore (2). 



(1) Monographie de la famille des Eucnémides Ann. Soc. Ent. de France 1870, pag. 92. 

(2) De Bertolini cita rli Sicilia VHylochares cruentatus Gyll., che troviamo notato pure 
nel catalogo del 1863 dal de Marseul. Bonvouloir disse di averne un esemplare della 
Russia Meridionale, Curonia! che fosse stato della Caronia in Sicilia? Bisognerà trovarla 
pria di potere notare questa specie. 



— 303 



notodonta Lati*. 



ELATERIDAE 

AGRYPNINI 

Agrypnus Eschscholtz. 

Descrissi questa bellissima specie , che era conosciuta 
solamente del Senegal , come A. himereìisis (1). È 
comune iiell' agosto a Termini Imerese , sola località 
ove finora è stata trovata. 

Adelocera Latreille. 
Lacon Laporta. 



punctata Ilevbst. 



querce a Ilerbst. 



Questa specie è citata dallo Steck, De Stefani e sotto il 
sinonimo di carhonaria Schrank, dal Reiche e Rotlen- 
berg. Ghiliani e Romano la citarono sotto quello di 
Agrypìius atomarius Fab. lo ne posseggo un gran 
numero di esemplari 1ro\ati , dall'aprile all'ottobre, 
specialmente sulle Madonie. 

Trovai un solo esemplare di questa specie , nuova per 
la Sicilia, sulle Madonie , nel luglio , falciando sul- 
l'erba. 



Archontas Gozis. 
Lacon Auct. 



murinus L. 



crenicollis Mèli. 



Questa specie fu citata dal Romano (Agrypnus) e dal 
Rottenberg , che la trovò a Nicolosi. È rarissima ed 
io ne posseggo due soli esemplari trovati, uno a Piazza 
Armerina nel maggio , ed uno nel giugno , da me 
preso al volo, alle Caronie. 

E nuova per la Sicilia, ed io l'ho trovata solamente sulla 
strada che conduce ria Casleldaccia alla Naviirra, dove 
è co.uunissima sotto le pietre, nel novembre. 



(1) Nat. Sic. Anno I, pag. 8. 



— 304 — 

ELATERINI 

Aeolus Eschschokz. 

Heteroderes Lalr. 

crucifer Rossi . . E citala dal Ghiliani e dal Roitenberg, chela trovò co- 
ri) une a Catania ai piedi dei pioppi. Candéze la cita 
e Bandi la nota (1). lo ne posseggo varii esemplari 
da me trovati a Siracnsa nel maggio, ed a Licata nel 
dicembre; essi variano moltissimo pel colorito delle e- 
litre, che in alcuni esemplari sono qnasi senza macchie 
nere, mentre in altri il nero invade quasi l'intera elitre. 



Drasterius Eschscholtz. 

bimaculatus Rossi . • Romano (Elater), Reiche, Rottenbei'g, Sleck e De Ste- 
fani citano questa comunissima specie , che si trova 
sotto le pietre e fra i detriti , quasi tutto l'anno. Va- 
ria infinitamente. Bandi me la notò pure come var. 
paUipes Kiist , varietà posta in sinonimia nel catalogo 
di Berlino. 

var. quadrisignatus Klist. Posseggo questa varietà, che si distingue dalla bi- 
maculatus per la base delle elitre gialle, con un solo 
punto giallo all'apice; in alcuni esemplari havvi una 
altra macchietta mediana che ho denominato var. sex- 
maculata m. 



var. binotatus Rossi. 



Questa varietà distinta per le elitre nere con un solo 
punto giallo all' apice, è comune assieme al tipo, ed 
io r ho trovata specialmente nel maggio a Lentini. 

Elater Linné. 



cinnabarinus Esch. 



Ampedus Germar. 

Trovo questa specie citata dal Reiche sotto il sinonimo 
di lijthropterics Gemi. Io non la posseggo e dul)ito 
che fosse stata invece una delle specie seguenti. 



(1) Monographie des Elaterides, Voi. II, pag. 356. 



— 305 — 

praeustus v. aurilegulus Scliauf. Posseggo un solo esemplai" di questa varietà 

nuova per la Sicilia, 1' ho trovato nei boschi di Ca- 
slelbuouo battendo le querele. Mi fu delerminata dal 
sig. Schwarz. 

V. coccinatus Kye . Posseggo vari i esemplari di quest'altra varietà del p-aew- 

stiis F, li ho trovati nei boschi i)resso Castelbuono, 
battendo gli alberi. 

sanjuinolentus Schrank. (1). Questa specie nuova per la Sicilia , è comune 

alla Ficuzza, nel maggio, battendo gli alberi, special- 
mente quelli di pero selvaggio. Varia alquanto palla 
grandezza (2). 

Megapenthes Kiesen welter. 

tibìalis Lac. . . . Ebbi da Luigi Failla Tedaldi un esemplare di questa 

rara specie , nuova per la Sicilia , che egli trovò nel 
maggio a Castelbuono. Si dovrebbe trovare, secondo 
Lacordaire e Chevrolat, nei tronchi delle vecchie querce. 

lugens" Redtb. : . . Posseggo cinque esemplari; di quesi' alira specie nuova 

per la Sicilia, ciie il Candèze dice rara ovunque ; li 
ho trovati nel maggio alla Ficuzza ed a Castelbuono, 
battendo gli alberi. 

Betarmon Kiesenwetter. 

quadrivittatus Ragusa nov. sp. (3). Gliiliaui citò un Adrastus 4-maculatus 

Faljr. che io credo dobbiamo riferire a quesia specie; 
io ne posseggo due soli esemplari trovali presso Ca- 
stelbuono. Tanto l'amico Reitler , quanto il signor 
Schwarz ai quali comunicai questo bellissimo insetto, 
me lo rimandarono come specie nuova. 

(1) Vedi Ent. Nachr. 1889 pag. 110-116 e non Deutsche Eut. Zeit, come per errore 
è notato nel cat. di Berlino. 

(2j Ghiliani cita VAmpedus sanguineus L., che certamente deve riferirsi a questa spe- 
cie, essendo il sancjuineus una specie che vive nei tronchi dei salici, alberi i quali sono 
abbastanza rari ia Sicilia. 



(3) B. quadrivittatus Kagu^nnov. sp.—Niger, nitidus, cinereo-jnlosus; fronte 
convexa, medio acuminata, crebre punctata^ prothorace subquadrato, con- 
vexo, creb-e fortiterqiie punctato , angulis posticìs retrorsum productis, 

Il Naturalista Siciliano Anno XII 40 



— 306 — 
Hypnoidus Stepheus. 

Cnjptohypmcs Latr. Eschsch. 

ZOROCIIRUS Tboiiis. 

(^Quasiiìius Gozis) 

4-guttatus Lap. . . Citala dal Romano {Elater) e notala dal Bandi ; è co- 

muni^sima specialmente nell'aprile e maggio all'Oreto 
e presso tutti i torrenti dell'isola (1). 

V. bipustulatus Schilsky. Posseggo un solo esemplare di questa varietà del 4- 

guitatus; la macchietta alla base delle elitre è quasi 
sparila e quella aira|)ice delle medesime è assai sbia- 
dita. 

curtus Germ. ... È citato di Sicilia dal Candèze, Holtenberg, è notata dal 

Baudi. Non è rara sotto le pietre sui bordi dei tor- 
renti, in primavera ed està, in tutta la Sicilia. 

alysidotus Kiesw. . Questa specie citata dal lìottenberg è vicinissima della 

precedente dalla (piale si distingue p( r due caratteri 
essenziali. Uno consiste iiegli a::.goli posteriori del 

inius carinatis ; elylris punetato-siriatis , interstUiis rugose punctatis , 
testaceo-quadrivittalus. 

Long. 3 min. lat. 1 Ya 'i''l'- 

Allungato, nero , con le elitre ornate di due macchie testacee , la prinja più 
grande presso la spalla, oblunga, la seconda assai ])iù piccola, rotonda, (|uasi 
ad un terzo dell'apice, rivestito intieramenie d'una linissirna pubescenza cinerina. 
Fronte convessa e puntata. Antenne nere con i due primi articoli testacei. Pro- 
torace quasi quadrato, più ingrossato avanti che di dietro. Elitre paralelle, sub- 
acuminate all'apice, finamente puntate striate, con gl'intervalli rugosi puntati. 
11 di sotto del corpo nero, meno l'ultimo anello ventrale che è brunastro, con le 
gambe testacei. 

Si dislingue dal bishimacidatus Schk. ( 4-maculatus Fab. ) oltre che per le 
anienui' nere, ed il corsaletto intieramente nero, per il di sotto che è nero, in- 
vece di testaceo, come nel bishimacalatas, ed anche per le macchie delle elitre. 



(1) A questa specie riporto il Cry2)lo//i/pìius (Xcgastrìus Tlwms) pichhcUus 1j. chata. dal 
Ghiliani. 



— 307 — 

protorace, completamente sprovvisto di carena, Taliro 
nella natura della pubescenza, che è doppia, cioè co- 
stituita di uno strato di piccoli peli grigi, setosi, corti, 
coricati come nel curlus ed oltre per dei peli nerastri 
assai lunghi, sparsi ed irti, lo non la posseggo. 

meridionalis La[). . Bandi me la notò, ed il Rottenberg la citò sotto il sino- 
nimo di lapidicola Germ. È coniunissima ed io la 
posseggo in molti esemplari. Io ritengo col Candèze 
cne il pumilio descritto di Sicilia dal Kiesenwetter , 
sia sinonimo di questa specie , o ne sia appena una 
varietà. 

liliputanus Germ. . Questo elateride, esclusivo di Sicilia, è il più ])icco'.o che 

sia conosciuto; è comunissimo, d'està ed inverno sotto 
le pietre presso lutti i torrenti. L'ho trovato nel di- 
cembre al torrente che divide Casteldaccia dall'ex-feudo 
Navurra. 11 minutissimus Germ. citato dal Romano 
doveva certamente essere qui.-sta specie. 



(continua) 



E. Ragusa. 



Sopra alcuni MELO IDI di Sicilia 



La ricchissima collezione egregiamente conservata del mio amico En- 
rico Ragusa che mi fu data l'occasione di vedere in quest'anno, contiene 
parecchie interessantissime specie della famiglia dei Meloidi sui quali 
vorrei fare le osservazioni seguenti : 

Meloé tviccius var. corrosus Brdt. et Er. (Mon. p. 22). Punctis ely- 

trorum subtilms evanescentibus, punctis capitis tlioracisque varioribus. 

Di questa bella e rarissima varietà si trovano nella collezione del si- 
gnor Ragusa 13 esemplari assolutamente costanti. Le elitre sono lisce, 
lucenti e ricoperte di pochi piccoli punti, isolati; la testa ed il corsaletto 
è meno densamente punteggiato che nei tipici esemplari del tuccius. 



— 308 — 

La collezione dell'università possiede p^ire alcuni esemplari della detta 
varietà. 
Anch'io ne trovai nel mese d'aprile tre esemplari a Girgenti. 

Moloé tviccius var. scabrìcoUis Brdt. et Er. (Mon. 22). Punctis e 
lytronim obsoletis. 

Questa rarissima varietà si distingue dal tipo per le elitre intieramente 
lisce e per il corsaletto meno densamente punteggiato. Ne ho trovato 
due esemplari nei dintorni di Palermo. 

Moloé autumnalis var. Heydeni Escherich (Wien. ent. Zeit. 1889, 
p. 106). 

Questa caratteristica varietà, della quale conoscevo finora non più di 
4 esemplari (nella collezione del sig. von Heyden), ne vidi nella collezione 
del sig. Ragusa 11 esemplari tutti trovati alle Madonie. Gli esemplari 
sono molto costanti e assolutamente identici con quell' esemplare da me 
descritto « niger valde nitens , capite thoraceque perparce punctatis ; e- 
lytris laevigatis ». Anche Baudi de Selve cita questa varietà della Sicilia. 
(Deutsche ent. Zeit. 78, p. 352). 

Come il tipico tuccius così sembra anche il tipico autumnalis non tro- 
varsi in Sicilia. 

Meloé algiricus Escherich (Deutsche ent. Zeit. 1890, p. 283). Differt 
a Aleloe hrevicollis colore nigro, eli/tris obsoleto undulato-rugosis. 

11 sig. Ragusa possiede un esemplare di questa specie finora nota so- 
lamente dall'Algeria. È possibile che M. algiricus sìa, una varietà del 
Meloe hrevicolUs. 

Meloè luctuosiis Brdt. (Mon. 22). 

Di questa rarissima specie la quale si trova solamente in pochissime 
collezioni, nella collezione del sig. Ragusa ve sono nove esemplari. 

Zonìtis nana Ragusa (Nat. Sic. I, 43). 

Il sig. Ragusa ebbe la gentilezza di spedirmi due anni fa un suo e- 
semplare della Zonitis nana, che era perfettamente identica colla Z, im- 



— 309 — 

maculata Oliv. (=mutica Grib.); io l'ho citata perciò come sinonimo di 
questa specie nella mia monografia (Deutsche ent. Zeit. 1891, p. 240). 

Ma nella collezione del mio amico Ragusa vi erano sotto il nome di 
nana due specie diverse delle quali V una è differente dallo Z. imma- 
culata e identica colla Z. laticollis descritta da me dalla Siria (1. e. pa- 
gina 238). 

Essa differisce dal Z. immaculata per la testa liscia , finamente pun- 
teggiata , senza una impressione dietro gli occhi , per il torace molto 
transverso, egualmente convesso con gli angoli anteriori arrotondati , e 
per il colore nero dello scutello. 

Zonitis bìpiinctata Ragusa (Nat. Sic. I, p. 42). 

E una varietà della Z. 6-maculata Oliv. , distinta dal tipo per avere 
un solo punto nero , posto davanti il centro di ciascuna elitra , invece 
di averne due. La Z. sex-maculata varia moltissimo nel colorito ed io 
ne posseggo parecchi esemplari colle elitre affatto senza macchiette, che 
ho descritti come var. discolor. 

Zonitis Bellieri Reiche. 

Di questa bellissima e rarissima specie il mìo amico Ragusa ne pos- 
siede quattro esemplari trovati alla R. Favorita presso Palermo. 



Le metamorfosi del Conger vulgaris e del Conger mistax 



NOTA 

del Doti. LUIGI FACCIOLA 

(Cont. V. N. pr.) 



L'allungamento della dorsale verso il capo e lo spostamento dell'ano 
nella stessa direzione progrediscono per tutto lo stato larvale. Perciò la 
loro posizione varia non solo da una fase all' altra ma benanco da un 
individuo all'altro appartenenti ad una fase medesima sebbene in limiti 
più ristretti. Prendendo alcuni esempi del L. KolWkeri troviamo sul pro- 
posito le seguenti variazioni : 



— 310 — 



LmigliMza Lunghezza 


Distanza 
(Iella dorsale 


Disianza della dorsale 


del corpo 


del capo 


dal capo 


dal capo 


mill. 06 


9 li2 


5 


quasi 3 volte e 3[4 
nella distanza della 
d. dall'estrem. ant. 


87 


9 I[2 


6 


quasi 2 volte nella 
detta distanza. 


73 


9 


8 


2 volte nella detta 
distanza. 


65 


9 


13 


quasi 3 volte nella 
detta distanza. 



Distanza della dorsale 
dal capo 



Dist. dell'ano Distanza dell'origine della 
dall estremila I 

dorsale dall'ano 



anteriore 



quasi 7 volte nella 
lunghezza del corpo. 



quasi 11 volte nella 
detta lunghezza. 

quasi 12 volte nella 
detta lunghezza. 

13 volte nella detta 
lunghezza. 



39 

34 
27 

24 



quasi 2 volte e 1(2 nella 
lungh. del corpo. 

quasi 2 volte e ì\'2 nella 
detta lunghezza. 

quasi *2 volte e 3[4 nella 
dett^a lunghezza. 

quasi 2 volte e 3[4 nella 
detta lunghezza. 



Essendo varia la lung-hezza del corpo le differenze nella distanza della 
dorsale dal capo o dall'estremità anteriore del corpo potrebbero dipen- 
dere dalle proporzioni diverse del corpo. Ma in questo caso le dette dif- 
ferenze sarebbero meno ragguardevoli e il rapporto tra la distanza della 
dorsale dal capo o dall'estremità anteriore e la lunghezza del corpo non 
varierebbe come nelle riportate misure. Perciò il punto ove comincia la 
dorsale non è stabile e definitivo ma varia secondo il grado di sviluppo 
degli individui. Si rifletta che essendo nei più piccoli la distanza della 
dorsale dal capo minore ma il corpo più breve e nei più grandi la stessa 
distanza maggiore ma il corpo più lungo, le differenze nel notato rap- 
porto debbono risultare meno considerevoli. Ciò che abbiamo osservato 
per la dorsale vale anche per la posizione dell'ano. 

La seconda, terza, quarta, quinta, sesta e settima fase di sviluppo del 
C. mistax corrispondono alla prima, seconda, terza, quarta , quinta e se- 
sta fase del C. vulgaris : in altri termini il L. Yarrelli corrisponde al 
L. inaequalis tipico, il L. P/ibroni alli seconda fsìse à^ìV inaequalis, il L. 
Gegenbauri alla terza ftise dell' inaequaUs, il L. KolUkeri al Morrisii, la 
semilarva del C. mistax alla semilarva del C. vulgaris , il giovine nor- 
male del primo al giovine normale del secondo. Inflitti i L. YarreW e 
inaequaUs hanno il corpo assottigliato, le mascelle uguali ed armate da 
ciascun lato di una serie di denti acuti, l'ano e la dorsale molto indietro; 
il L. Bihroni e quello della seconda fase del Z. maeg-MaZ^'s hanno il corpo 
ancora molto compresso , scarsi denti alle mascelle, 1' ano e il principio 
della dorsale più innanzi; il L. Gegenbauri e quello della terza ftise del- 
Vinaequalis hanno il corpo meno compresso, le mascelle completamente 
sdentate, l'ano e il cominciamento della dorsale più innanzi; i L. KulWkeri 
e Morrisi hanno il corpo più o meno cilindrico , le mascelle senza denti, 
r ano innanzi il mezzo della lunghezza totale, il principio della dorsale 
in pi-ossimità del capo; le semilarve delle due specie hanno il corpo sub- 
diafano con qualche accenno di colorazione, denti di nuova formazione 



— 311 — 

alle mascelle, l'ano e il principio della dorsale nei siti definitivi; i giovani 
delle due specie nella successiva fase hanno g-ià 1' aspetto dell' animale 
adulto. Nel G. misfax si trova una fase di sviluppo di più ed è quella 
rappresentata dal L. HaecJcelii, la quale manca nel C. vulgaris o per dir 
meglio corrisponde ai giovini del L. inaequalis. Questi g-iovini dal corpo 
più stretto , dal muso più acuto e dall'ano e dalla dorsale più indietro 
che nel tipico L. inaequalis si trasfortnano in questo senza notevole ri- 
tardo. Invece i giovani più immaturi del C. misfax mantengono più a 
lungo i caratteri proprii, cioè crescono di più senza trasformarsi consi- 
derabilmente e cosi danno luogo a un'altra forma di leptocefalo ben de- 
finita. 

L'esistenza di parecchie forme larvali che precedono il C. vulgaris e 
il mistax conferma l'idea espressa nella prima nota a proposito del Net- 
tastoma che ogni congeroide prima di giungere allo stato perfetto passa 
per diverse fasi di sviluppo corrispondenti ad altrettante forme di lepto- 
cefali, onde si spiega la differenza tra il numero dei leptocefali diversa- 
mente caratterizzati e quello più limitato delle specie di Congeroidi co- 
nosciute nel Mediterraneo. Questa differenza appunto sembrava infirmare 
l'opinione manifestata dal sig. Gill che i leptocefali sieno larve normali 
destinate a trasformarsi nelle specie di Congeroidi cui appartengono. 
Un' altra circostanza che restava inesplicata nella storia dei leptocefali 
è la rarità o assenza di piccoli esemplari. Ma essendo dimostrata 1' esi- 
stenza di varie forme di leptocefali quali stadii di sviluppo d'una stessa 
specie si comprende che non si possono avere piccoli individui che della 
prima forma larvale soltanto e che debbono mancare quelli delle forme 
susseguenti. Cosi ad esempio dei cinque leptocefali che appartengono al 
C. mistax non esistono piccoli individui che del solo L. Haechelii. 

Abbiamo visto che le più immature delle forme larvali del C. vulgaris 
e mistax sono compresse ed assottigliate e che in avanzamento di me- 
tamorfosi il corpo si restringe e si arrotonda. Lo stesso avviene pel Net- 
tastoma e per 1' Ophichthys serpeìis. Il L. taenia Q. et G. e brevirostris 
Kaup e i due Tilurus, che hanno il corpo molto compresso, sono anche 
più immaturi dei leptocefali dal corpo cilindrico {Helmiclithys). Questi 
esempii ci conducono ad ammettere che tutti i leptocefali primitivamente 
hanno il corpo assottigliato, con la scorta della quale cognizione si può 
avere un avviamento alla determinazione delle singole forme , poiché 
quando troviamo un leptocefalo foliaceo siamo sicuri che gli deve corri- 
spondere un leptocefalo di forma cilindrica e viceversa. Come, ad esem" 
pio, ora conosciamo gli stati che precedono i L. Morrisi e KolUTceri cosi 



— 812- 

devono esistere quelli più immaturi del L. diaphanus e quelli più svi- 
luppati del L. brevirostris Kaup e dei due Tilurus, che ignoriamo. 

Un altro carattere di grande immaturità nello stato di un leptocefalo 
risiede nella forma del muso. Primitivamente questo è acuto e le ma- 
scelle hanno uguale lunghezza anco nelle forme che appartengono a spe- 
cie in cui è ottuso (C. milgaris) o la mascella inferiore è notevolmente 
più breve della superiore {C. mistax, Nettastoma melanurum) od un poco 
più lunga ( Anguilla vulgaris ). Essendo il muso acuto e le mascelle e- 
guali è costante la presenza di denti. Questi sono prismatici, acuti e of- 
Irono la stessa disposizione in tutti i leptocefali. Sull'estremità della ma- 
scella superiore ve n'ha un pajo a guisa di zanne e una serie sui lati 
in cui gli anteriori sono più grandi e più distanti fra essi ma s' avvici- 
nano e impiccioliscono alquanto d' avanti in dietro, e i posteriori sono 
più numerosi , più piccoli di una metà, più approssimati l'uno all' altro 
e di uniforme grandezza. Sulla punta della mandibola ne esiste anche 
un paio avvicinati alla base e divergenti verso l'estremità, sui lati una 
serie i quali vanno gradatamente impicciolendo, avvicinandosi tra essi 
verso l'angolo della bocca e sono molto inclinati in avanti. È a notarsi 
che i due denti dell' estremità della mandibola nascono dalla piirte in- 
feriore delle sue branche, come gli opposti dalla parte superiore, quelli 
dei lati sono marginali. Nei L. Haeclielii, YarrelU, inaequalis, longirostrls, 
bi'evirostris , affiìiis o taenia, Kefersteini e nei due Tilurus, chQ sono tutti 
larve molto immature , il loro sviluppo è completo sebbene sieno più 
meno numerosi secondo la specie. Generalmente cadono durante il pas- 
saggio del corpo dalla forma assottigliata alla forma cilindrica, perciò 
gli Elmitti ne mancano interamente, e sono rimpiazzati da nuovi denti 
quando 1' animale comincia a prendere l'aspetto definitivo. A quest' ul- 
timo riguardo fa eccezione il Nettastoma in cui la 2* dentizione avviene 
allo stato di Hyoprorus. Certamente il regime alimentare deve cambiare 
durante il periodo in cui l'animale rimane sdentato. 

Ciò che abbiamo osservato rispetto all' estensione della dorsale nelle 

successive forme giovanili dei C. vulgaris e mistax vale anche per gli 

altri leptocefali. Questa pinna a misura che il corpo progredisce nello 

sviluppo si allunga sempre più verso il capo per formazione di nuovi 

raggi i quali prendono origine dai fili in cui si trovano trasformate le 

cellule della sostanza gelatinosa del corpo. Però il punto che chiamiamo 

principio della dorsale è propriamente il suo termine, almeno nei Con- 

geroidi. L'anale si allunga nella stessa direzione. 

(continua') 

Muri co Ragusa — Direttore resp. 



Il g I I il I I I I Hill IMI • I I •' I I i I I I I MIMI I 1 I ;|ii| i|rrjM|ii|iij j iiiiiii mi i i ii ■ ii ■ tir 

ii..ii<ajiiHi,iiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii'i|iiiiiiii|ii|u|niiiiiiiiiiiiiii|iiiMiiiluiiiriiiiliiliiÌnfiiiiiliJiiliiliiiMfiiiiiiiiiiiii»liiÌiiiiifiiliiiiiiiiii 



INDICE 



DEI 



Laj^ori originali contenuti nel voi, XII 

del NATURALISTA SICILIANO 



André Ed. — Ta])ula generum Fani. Larridae, p. 1G5. 

Bandi Cav. Flaminio — Sulla specie Tritoma Sicula Bandi. Correzioni; p. 154. 

De Gregorio Marchese A. — Intorno a taluni Celenterati mediterranei viventi, 
p. 74. 

Desbrochers des Log'es. — Di tre Apion di Sicilia, p. 81 

De Stefani Teodosio. — Sul catalogo descrittivo degli Imenotteri Europei, p. 1G4. 

Escherich Karl— Eine Excursion auf die Insel Linosa, pag. 244, 271. 

— Sopra alcuni Meloidi di Sicilia, p. 307. 

Everts Dott. Ed. — Sopra tre Apion di Sicilia, p. 1.53. 

Facciola Dott. Luigi. — Sull'esistenza di forme di passaggio da alcune specie 
di Leptocefalidi agli adulti corrispondenti, pag. 99, 123, 144. 

— Le metamorfosi del Conger vulgaris e del Conger mistax , p. 194, 

223, 254, 287, 309. 

— Tractatus per Epistolam Fraucisci Maurolici ad Petrum Gillium de 

Piscibus Siculus, p. 180, 259, 27G. 



— 314- 

Minà-Paluiiil)o Dolt. F. — KcUili ed Anfibi Ncbrodciisi , p. 52, 127, 148, 227, 
262, 282. 

— Cenni l>il)lioj>'rnfici. p. n i). 1-20. 

Monticelli I^'i'. Snv.— Intorno ad alcuni I^^Jniinii della collezione del Museo zoo- 
logico della lì. Università di Palermo p. 107, 208. 

Rag-usa Enrico, — Catalo,o-o rao-ionato dei Coleotteri di Sicilia, p. 1, 201, 23.3, 
2 ('.5. 2s:t. 

— Coleotteri nuovi o poco conosciuti della Sicilia, p. 2(i, 240. 

— Un nuovo Lariuus di Sicili;i, p. i")7. 

— Note lepidotterologiche, pag-. 20G. 

— Catalogo dei Coleotteri di Sicilia p. a ]">. 41-50. 

Rigj;i<» Doti. (r. — Corrispondenze scientifiche moderne degli animali figurati 
nel Pamphyton Siculum del Cupani, p. .'il, 0<», 115. 

— Alcune ()Sser\'azioni nella nota del Marchese A. De Gregorio. Intorno 

a taluni Celentcìvili mediterranei viventi, pag. 90. 

— Arenamento, di sette Capidogli Ph^'seter (Catodon) macrocephalus 

Lin. nel mare di 'Marsala, p. 103. 

Spada Ijeonello. — Contribuzione all'entomologia Marchegiana. Gli Ortotteri del 
territorio di Osinio, ]). 37. 

— Contribuzione alla fauna Marchegiana. I Lepidotteri, p. 58, 90, I0^>, 

133, 184, 2;<;, 219. 

Vitale l'rancesco. — Studi sull'entomologia Sicula. Nota V. Oli Hyperini (Ca- 
piomont) Messinesi, p. 19. 

— Catalogo sinonimico e topografico dei Cnrculionidi di Sicilia, p. 4('>, 

04, 82, 155. 



= ^e>Xo^- 



(Spiegazione della ^Tavola 



Fig. 1, — IMg-Lira d'insieme del CaUjpfrohofhrium Riggii n. g. il, sp. (p. 179). 

» 2. — Ccìpo del medesimo da una preparazione in toto. Sist. Zeiss ^ , 
camera chiara Dumais'e (p. 171)). 

» 0").— Capo dello stesso visto da sopra, di molto ingrandito (p. 180). 

» 4. — Sezione trans versa del capo dello stesso. Sist. Zeiss ^q, camera 
chiara Duraaige (p. 180). 

» 5 — -Capo della Chapmania (Taenla) taurkoUis moltissimo ingi'an- 
dito : da una preparazione in toto (p. 208-209). 

» G. — Poi'zione di strobilo della stessa per mettere in mostra la bi- 
forcazione che vi si osserva; di molto ingrandita (p. 209-211 ì. 

» 7. — Capo del Ptothriocephalus peltocephalus. Sist. Zeiss — , camera 
chiara Dumaige (p. 176). 

» 8-9-10-11. — Porzioni di strobilo dello stesso per mettere in mostra 
alcune anomalie che vi osservano : 8 rappresenta V estre- 
mità posteriore di uno strobilo normale. Sist. Zeiss | , ca- 
mera chiara Zeiss (p. 177). 

ti), tasca del pene, ut. sbocco deirutero. r. v.agiua. 

» 12. — Porzione di strobilo di Taenia (sag inaia ?) triedra con un seg- 
mento soprannumerario (*) intercalato in una delle coppie 
di segmenti (p. 211-212). 



ANNO XII 



IL NATURALISTA SICILIANO 



Tav. J 




^sS?*^'*^""^'^ 



" l'T' 



-»>^j 



n 



JO 

5£SS 



•-V 



t 






7r.Sai;.Moiì}iceUi di's. 



Jl. Senno - Jfapoh' 



lErra.ta-corrig'e 

Xofa (hi ^0!<fìf{{ir.'<i a quella chi' si trova a pag. lO'i del f'a><('. IV (genn. lf^93). 

e 1 ) I sette Cai)idogli misurati dal sig. Marco Cialoua Preparatore nel Museo Zoologico 
dell'Università di Messina, erano lunghi rispettivamente metri 11, BO ; 11, 25 ; 11, 20; 
!1, 12; 11; (quest'ultimo fu quello assegnato al Museo di Palermo. 



3 2044 106 269 178