(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "I quattro libri dell'architettura di Andrea Palladio."

' Jt* 




«w«° 



iX>\ 



/ 



M#i( 

















FOLIO 




"NCE 

onod 



Glasgow School of Art Library 



Book 
Number 



Subject 
Number 



■SbQD 



Author/ 
Heading 



"7i.o^(us%mv. 



Pp\U-AJMO 



GLASGOW SCHOOL OF ART LIBRARY 



014 268 




Digitized by the Internet Archive 

in 2011 with funding from 

National Library of Scotland 



http://www.archive.org/details/iquattrolibridel01pall 



IX PR I MO LIBRO 

DELI/ARCHITETTVRA 

DI ANDREA PALLADIO. 






I Ht- GLASGOW I 
SCHOOL °p ARTI 

library: 




TXJDE7UIQ *4 I LETTO^l. 

A NATVRALE inclinatione guidato mi diedine imieiprimi anni alio ftudio 
dell'Architettura : epercbe fempre fui diopinione chegliAntichiRomanicomein 
molt'altre cofe,cofineifabricar bene habbiano digran lunga auanzato tutti quelli > 
cbe dopo loro fono ftati ,mi propofi per maeftro,e guida Vitruuio : ilquale e folo an- 
tico fcrittore di queft'arte;& mi mifi alia inueftigatione delle reliquie de gli Antichi 
edifici j, lequali rnal grado del tempo,& della crudelta de' Barbari ne fono rimafe: & 
ritrouandoledi molto maggiore ofieruitjone degne,ch'io non mi haueua prima penlato j cominciai 
a mifurare minutifsimamente con fomma diligenza ciafcuna parte loro: delle quali tanto diuenni fol 
Jecito inueftigatore , non vi fapendo conofcer cofa , che con ragione , & con bella proportione non 
fuffe facta, che poi non vna , ma piu e piu volte mi (on trasferito in diuerfe parti d'ltalia, & fuori per 
potereintieramente daqueIle,qualefuffeiltutto 3 comprendere,8cindifegno ridurlo. Laondeveg- 
gendo,quanto quefto commune vfo di fabricare,fia lontano dalle offeruatioui da me fatte ne i detti 
edifici;, & lette in Vitruuio,& in Leon Battifta Alberti,& in altri eccellenti fcrittori che dopo Vitru- 
uio fono ftati,& da quelle ancho, che di nuouo da me fono ftate praticate con molta fodisfattione , 
& laude di quelli,che fi fono feruiti dell'opera mia; mi e parfo cofa degna di huomojilquale non folo 
a fe ftefso deue effer nato , maad vtilita ancho de gli altri i il dare in luce i difegni di quegli edifici; , 
che in tanto tempo, & con tantimieipericoli ho raccolti,&ponerebreuementecio che inefsi m'c 
parfo piu degno di confiderationei & oltre a cio quelle regokj che nel fabricare ho offer uate, & of- 
feruo ; a fine che coloro , i quali leggeranno quefti miei hbri pofsino feruirfi di quel tanto di buono 
che vi fara,& in quelle cofe fupplire,nelle quali (come che molte forfe ve ne faranno) io hauerd man 
cato: onde cofi a poco a poco s'impari a lafciar da parte gli ftrani abufijle barbare inuentioni,& le fu- 
perflue fpefe, &,(quello che piu importa) afchifarelevarie 3 econtinouerouine,chein molte fabri- 
che fi fono vedute, Et a quefta imprefi tanto piu volentieri mi fon meffo,quanto ch'io veggo a que- 
fti tempi effere aflaifsimi di quefta profefsione ftudiofi; di molti de" quali neTuoi libri fa degna,& ho 
norata memoria Meffer Giorgio Vafari Aretino Pittore, & Architetto raro , onde fpero che'l modo 
di fabricare con vniuerfale vtilita fi habbia a ridurre, e tofto a quel termine, che in tutte le arti e fom- 
mamentedefideratoi&al quale in quefta parte d'ltalia par che molto auicinato fi fia : conciofia che 
non folo in Venetia, oue tutte le buoni arti fioriicono,& che fola n'e come efempio rimafa della gran 
dezza, & magnificenza de' Romanii fi comincia a veder fabriche c'hanno del buono , dapoi che Mef- 
fer Giacomo Sanfouino Scultore , & Architetto di nome celebre , comincio primo afar conofcere la 
bella maniera, come fi vede (per lafciare a dietro molte altre fue belle opere) nella Procuratia noua> 
la quale e il piu ricco , & ornato edificio , che forfe fia ftato fatto da gli Antichi in qua : Ma ancho in 
molti altri luoghi di minor nome , & mafsimamente in Vicenza Citta non moltogrande di circuito , 
ma piena di nobilifsimi intelletti, Sc di ricchezze afTai abbondante: & oue prima ho hauuto occafione 
di praticare quello, che hora a commune vtilita mando in luce , fi veggono afTaifsime belle fabriche » 
& molti gent il'huomini vi fono ftati ftudiofifsimi di quefFarte , i quali e per nobilta, e per eccellente 
dottdna non fono indegni di effer annouerati tra i piu illuftrijcome il Signor Giouan Giorgio Trifsi- 
nofplendore de'tempinoftrij&i Signori Conti Marc'Antonio , & Adriano fratellide"Thieni;&il 
Signor Antenore Pagello Caualier ; & oltre a quefti, i quali paffati a miglior vita nelle belle,& orna- 
te fabriche loro hanno lafciato di fe vn'eterna memoria j vi e hora il signor Fabio Monza intelligente 
diaffaifsimecofe > il Signor Eliode' Belli figliuolo che fu del Signor Valerio, celebreper Tartificio 
de'Camei, &dello fcolpire inCriftaUo, il Signor Antonio FrancefcoO!iuiera> il quale oltra la 
cognitionedi molte fcienzee Architetto, ScPoeta eccellente, come ha dimoftrato nclla fuaAle- 
mana, poema in verfo Heroico, & inyna fua fabrica a'Bofchi di Nanto, luogo del Vicentino t 

B & final- 



6 L I B R O 

& finalmente (per lafciare molti altri , i quali con ragione fi potrebbono in quefto numer o porre ) il 
Signor Valerio Barbarano,diligentifsimo offeruatore di tutto quello,che a quefta profefsione s'ap- 
partiene. Ma per ritornare al propofito noftro; douendo io dare in luce quell efatiche, chedalla 
mia giouanezza infino a qui j ho fatte nell'inueftigare , & nel mifurar con tuna quella diligenza , c'ho 
potuto maggiore , quel tanto de gli antichi edificij , che e peruenuto a notitia mia , & con quefta oc- 
cafione fotto breuita trattare delTArchitettura piu ordinatamente , &diftintamente, chemifufle 
pofsibile j ho penfato efler molto conueneuole cominciare dalle cafe de' Particolari : fi perche fi de- 
ue credere , che quelle a i publici edificij le ragioni fomminiftraflero , effendo molro verifimile , chc 
jnnanzi, l'huomo da per fe habitaffe, & dopo vedendo hauer meftieri dell'aiuto de gli altri huoraini, 
a confeguir quelle cofe , che lo poflono render felice ( fe felicita alcuna fi ritroua qua giu ) la compa- 
gniade gli altri huomininaturalmentedefideraffe,& amaife iondedi moke cafe fi fa cefTeroli Bor- 
ghi , e di molti Borghi poi le Citta , & in quelle i luoghi , & gli edificij publichi ; fi ancho , perche tra 
tutte le parti dell'Archittetura ; niuna e piu neceffana a gli huomini, ne che piii fpeflo fia praticata di 
quefta , Io dunque trattero prima delle cafe priuate , & verro poi a publici edificij : e breuemente 
tratcero delle ftrade, de i ponti, delle piazze, delle prigioni , delle Bafiliche , cioe luoghi del giudi- 
ciOjdeiXiftijedellePaleftrejch'eranoluoghi^ueglihuominifiefercitauano; de iTempij, dei 
Theatri, & de gli Anfitheatri } de gli Archi, delle Terme 5 de gli Acquedotti , e finalmente del modo 
di fortiricar le Citta , & de i Porti. Et in tutti quefti libri io fuggiro la lunghezza delle parole,& lem- 
plicemente daro quelle auertenze, che miparrannopiunecefIarie;&mi feruirodiqueinomi, che 
gliartefici hoggidi communementevfano. E perche di me fteffonon poffo prometter altro,che 
vna lunga fatica , e gran diligenza , & amore, ch'io ho pofto per intendere } & pratieare quanto pro- 
metto , s'egli fara piaciuto a Oio, ch'io non m'habbia afraticato in darno; ne ringratieio la bon ta fua 
con tutto il cuore ; reftando appreffb molto obligato a quelli, che dalle loro belle inuentioni,& dal- 
le efperienze fatte, ne hanno lafciato i precetti di tal'arte; percioche hanno aperta piu facile,& elpe- 
ditaftrada alia inueftigationedi cofe nuoue j edi moke (merceloro) habbiamo cognitione chene 
farebbono perauentura nafcofte . Sara quefta prima parte in due libri diuifa : nel primo fi trattera 
della preparatione della materia , e preparata } come , & in che forma fi debba metrere in opera dalle 
fondamenta finoal cogerto: ouefarannoquei precetti, chevniuerfalifono,&iideono otfetuare 
in tutti gli edificij cofi publici , come priuati ♦ Nel fecondo trattero della qualita delle fabriche > 
che a diuerfi gradi d'huomini fi conuengono , e prima di quelle della Citta , e poi de i fiti opportu- 
ni , & commodi per quelle di Villa , c come deono effere compartite . Et perche in quefta parte 
noi habbiamo pochifsimi efempi antichi , de' quali ce ne pofsiamo feruire ,* io porrole piante ,& gli 
impiedi dimolte fabriche da me per diuerfi Gentil'huomini ordinate : &idifegni delle cafe de gli 
Antichi, &di quelle parti, che in loro piu notabili fono, nel modo, che ci inlegna Vitruuio,che 
cofi efsi faceuano . 

QVALI COSE DEONO CONSIDERARSI, E PREPARARSI 
auantichealfabricarfiperuenga. Cap. I. 

E V E S I auanti che a fabricar fi cominci , diligentemente confiderare ciafcuna parte 
della pianta,& impiedi della fabricache fi ha da fare. Tre cofe in ciafcuna fabrka 
( come dice Vitruuio) deono confiderarfi,fenzalequaliniuno edihcio meriteraef- 
fer lodato ; & quefte fono , l'utile , 6 commodita , la perpetuita , & la bellezza : percio- 
che non fi potrebbe chiamare perfetta quell'opera,chevtilefuffe,ma per poco tem- 
po jouero che per molto non. fuffe coinmoda i ouero c'hauendo amendue quefte ; niuna gratia poi 
in fe contenefle . La commodita fi ham a , quando a ciafcun membro fara dato luogo atto , fito ac- 
commodato , non minore che la dignita fi richiegga , ne maggiore che Tufo fi ricerchi : & fara pofto 
in luogo proprio , cioe quando le Loggie , le Sale , le Stanze , le Cantine , e i Granari faranno pofti 
a' luoghi loro conueneuoli. Alia perpetuita fi haura rifguardo , quando tutti imuri faranno diritti 
a piombo , piu grofsi nella parte di fotto , che in quella di fopra, &hauerannobuone, &fofficienti 
le fondamenta : & okre a cio, le colonne di fopra faranno al dritto di quelle di fotto, & tutti i fo- 
ri , come vfci , e feneftre faranno vno fopra 1 altro : onde il pieno venga fopra il pieno , & il voto fo- 
prailvoto. Labellezzanfukerada]labellaforma,edallacorrifpondenzadeltuttoalleparti, del- 
le parti fra loro , e di quelle al tutto : conciofiache gli edificij habbiano da parere vno intiero , 
e ben fimto corpo : nel quale l'un membro all'akro conuenga, & tune le membra fiano neceffarie 

a quello 3 




P R I M O. 7 

aquellojche R vuolfare. Confiderate quefte cofe,nel difegno,e nel Modellojfi deue fare diligente- 
mente il conto di tutta la fpefajche vi pud andare : e fare a tempo proui/ione del danaro,e apparec- 
chiar la inateria,che parera far di meftierijaccioche edificando,non manchialcuna cofa,che impedi- 
jca il compimento deH'opera,effendo che non picciolalode fia dell'edificatorce noD mediocre vti- 
lita a tutta la fabrica > fe con la debita preftezza vien fornita, & che tutti i muri ad egual fegno tirati ; 
egualmentc calino:onde non facciano quelle feffure, ch*e fi fbgliono vedere nelle fabriche in diuerfi 
tempi,& inegualmente condotte al fine. E pero eletti i piu periti artefici,che fi pofTano hauere,accio- 
che ottimamente l'opera fia dirizzata , fecondo il loro configliosfi prouedera di legnami , di pietre , 
d'arena,di calce,e di metallircirca lequali prouifioni fi haueranno alcune auertenze,come che per fa 
re le trauamenta de' folari delle 5ale,e delle ftanze, di tante traui fi proueda, che ponendole tutte in 
opera* refti fra luna,e l'altra lo fpatio di vna groffezza,e meza di traue: medefimamente circa le pie- 
trejfi auertira,che per fare le erte delle porter delle feneftre; non firicercano pietre piu groffe della 
quinta parte della larghezza della luce,ne meno della fefta. E fe nella fabrica anderanno adornamen 
ti dicolonne,6 di pilaftri;fi potranno far le bafe,i capitelli,e gli architraui di pietra, e l'altre parti di 
pietracotta. Circa i muri ancora fi hauera confideratione,che fi deono diminuire fecondo che fi in- 
alzano : lequali auertenze gioueranno a fare il conto giufto , e fcemeranno gran parte della fpela. 
£ perche di tutte quefte parti fi dira minutamente a' luoghi loroj baftera per hora hauer dato quefta 
vniuerlale cognitione,e fatto come vn'abozzamento di tutta la fabrica.Ma perche oltra la quantita, 
fi deue ancho hauer confideratione alia qualita 3 e bonta della materiajad elegger la migliore;ci gio- 
uera molto la efperienza pigliata dalle fabriche fatte da gli altri : perche da quelle auifati j potremo 
facilmente determinare cio che a' bifbgni noftri fia acconcio , & cfpediente . E benche Vitruuio , 
Leon Battifta Alberti , & altri eccellenti fcrittori habbiano dato quegliauertimenti 3 chefi debbono 
hauereneU'eleggerefTa materia jionondimenoaccio chenienteinqueftimiei libripaia mancare, 
ne diro alcuni, reftringendomi a i piu neceflarij . 

DE I LEGNAMI. Cap. I I. 

LEGNAMI (come ha Vitruuio al cap.ix del ij.lib.) fi deono tagliarel'Autunno, 
e per tutto il Vernojpercioche allhora gli alberi ricupetano dalle radici quel vigore, 
e fodezza,che nella Primauera, e nella Mate per le frondi 3 e per li frutti era fparfo : c 
fi taglieranno mancandola Luna j perche quell'humore s che a corrompereilegnie 
attiisimoja quel tempo e confumato: onde non vengono poi da tignole,6 da tarli of 
fefi. Si deono tagliare folamente fino al mezo della midolla, e cofi lafciarli fin che fi 
fecchino.-percioche ftilandoivfcira fuori queH'humorej che faraatto alia putrefattione. Tagliati ; fi 
riporranno in luogo,oue non vengano caldifsimi Soli,ne impetuofi venti,ne pioggie: e quelli mafsi- 
mamente deono effere tenuti al copertOjche da fe ftefsi nafcono:& accioche non fi fendano,& egual 
mente fi fecchino jfi vngeranno di fterco di bue. Non fi deono tirare per la rugiada 5 ma dopo il mezo 
di : ne fi deono lauor are , effendo di rugiada bagnati , 6 molto fecchi j percioche quelli facilmente fi 
corrompono, equeftifannobruttifsimolauoro: Neauantitreanni faranno ben fecchi pervfode* 
palchije delle porte,e delle feneftre.Bifogna che i padroni 3 che vogliono fabricareis'informino bene 
da i perithelia natura de i legnami,e qual legno a qual cofa e buono,e quale non. Vitruuio al det- 
to luogo ne da buona inftruttionej & altri dotti huominij chene han fcritto copiofamente. 

DELLEPIETRE. Cap. II I . 

E L L E pietre altre habbiamo dalla Natura,altre fono fatte dallinduftria degli huo 
mini : le naturali fi cauano dalle petraie , e fono 6 per far la calce > 6 per fare i muri : 
di quelle , che fi tolgono per far la calce; fi dira piu di fotto I Quelle delle quali fi fan- 
no i muri , 6 fono marmi , e pietre dure , che fi dicono ancho pietre viue ; ouero fo- 
no pietre molli,e ten ere. lmarmi,ele pietre viue fi lauoreranno fubito cauate: 
perche fara piu facile illauorarle all'hora, che fe per alcun tempo f ulfero ftate all'ae- 
re, effendo che tutte le pietre ,quanto piuftanno cauate, tanto piudiuengono dure:e fi potranno 
metter fubito in opera .1 Ma lepietre molli , e tenere, mafsimamente fe la natura,e foficienza loro ci 
fara incognita, come quando fi cauaffero in luogo, oue per adietrononne foffero ftate cauate ;fi 
deono cauare la Eftate , e tenere alio fcoperto , ne fi porranno anzi due anni in opera : fi cauano la 
Eftate, accioche non effendo elle auezze a' vend, alle pioggie, &al ghiaccio ; apoco apocos'in- 
durifcano , & diuengano atte a refiftere a fimili ingiurie de' tempi . Et tanto tempo fi lafciano , 

B z accioche 






8 L I B R O 

accioche fcelte quelle, chefarannoftateoffefe; fiano poftenelle fondamenta, el'altre nonguaftc, 
come approuatejfi pongaho fopra la terra nelle fabriche.-perche lungamente fi manterranno. Le pie- 
tre , che fi fanno da gli huomini } volgarmente per la loro forma fi chiamano qua drelli : quefte deono 
farfi di terra cretofa , bianchiccia , e domabile : fi lafciera del tutto la terra ghiarofa , e fabbioniccia . 
Si cau<° ra la terra neH'Autunno 5 e fi macerera nel Vemo , e ii f ormeranno poi i quadrelli commoda- 
mente la Primauera . Ma fe la necefsita ftrigneffe a formargli il Verno , 6 la Eftate ; fi copriranno il 
Verno di fecca arenas la Eftate di paglia. Formati deonfi feccare per molto tempo,& e meglio fee- 
cargliall'ombra, accioche non folamente nella fuperficie, maancho nelle parti di mezo, fiano egual- 
mente fecchi : il che non fi fa in meno di due anni . Si fanno e maggiori , e minori fecondo la qualita 
de gli Edificij da farfi, e fecondo che dilorocivogliamoferuire: onde gli Antichi feceroi mattoni 
de i public! 3 egrandi edificij molto maggiori dei piccioli, epnuati , Quellichealquanto grofsifi 
fanno >fi deono forare in piii luoghi, actio che meglio fi fecchino , e cuocano . 

DELL'ARENA. Cap. Ill I. 

I RITROVA fabbia , ouero Arena di tre forti , cioe di caua , di fiume , e di mare . 
Quella di caua e di tutte migliore , & e 6 nera, o bianca , 6 rofla , 6 carboncino , che e 
vna forte di terra arfa dal fuoco rinchiufo ne' monti,e fi caua in Tofcana. Si caua an- 
cho in Terra di Lauoro nel territorio di Baia » e di Cuma , vna poluere detta da V i- 
truuio Pozzolana: la quale nelle acque fa preftifsimo prefa, e rende gli edificij fortifc 
fimi. Per lunga efperienza s'e vifto,che la bianca tra le arene di caua e la peggioi e,& 
che fra le arene di fiume la migliore e quella di torrente,che fi troua fotto la balza,onde l'acqua feen 
de :perche e piu purgata. L'arena di mare e di tutte l'altre men buona s e deue negreggiare , & effere 
come vetro lucidarma quella e migliore,che e piu vicina al litto 3 & e piu grofla. L'Arena di caua per- 
che e grafia;e piu tenace:ma fi fende facilmente:e pero fi via ne i muri 5 e ne i void continouati. Quella 
di fiume e buonifsima per le intonicature,6 vogliam dire per la lmaltatura di fuori. Quella di mare , 
perche tofto fi fecca , e prefto fi bagna , e fi disfa per lo falfo ; e meno atta a foftenere i pefi . Sara ogni 
fabbia nella fua fpecie ottima , fe con mani premuta 3 e maneggiata ftridera : e che pofta fopra Candi- 
da veftenon la macchiera , ne vi lafciera terra . Cattiua fara quella, che nell'acqua mefcolata la fara 
torbida, e fangofa, e che lungo tempo fara ftata aH'Aria, al Sole alia Luna , & alia Pruina : percioche 
haura affai di terreno, e di marcio humore 3 atto aprodurre arbofcelli 3 e fichifeluatichi,che fono di 
grandifsimo danno alle fabriche. 

DELLA CALCE, E MODO D'IMPASTARLA. Cap. V. 

E PIE TRE perfarlacalce,6ficauano^aimonti,6fipiglianodaihumi. Ogni 
pietra de' monti e buona,che fia fecca,di humori purgata, e frale, e che non habbia in 
fe altra materia , che confumata dal fuoco , lafci la pietra minore : onde fara miglioc 
quella, che fara fatta di pietra dunfsima , foda , e bianca , e che cotta rimarra il terzo 
piu leggiera della fua pietra. Sono ancho certe forti di pietre fpugnofe,la cake del- 
lequali fara molto buona all'intonicaturede'muri. Si cauanone i monti diPadoa 
alcune pietre fcagliofe,la cake delle quali e eccellente nelle opere che fi fanno alio koperto , & nel- 
l'acque: percioche prefto fa prefa , e fi mantiene lungamente . Ogni pietra cauata a far la cake e mi- 
gliore della raccolta , e di ombrofa , & humida caua piu tofto che di fecca , e di bianca meglio fi ado- 
pra,che di bruna. Le pietre che fi pigliano da i fiumi,e torrenti,cioe i ciottoli, 6 cuocoli; fanno cake 
bonifsima , che fa molto bianco , e polito lauoro : onde per lo piu fi vfa nelle intonicature de' muri . 
Ogni pietra si de' monti, come de' fiumi fi cuoce piu, e manco prefto fecondo il fuoco che le vien da- 
to : ma regolarmente cuocefi in hore feffanta . Cotta fi deue bagnare , e non infondere in vna volta 
tutta l'acqua, ma in piu h"ate,continuatamente pero accio che non l\ abbruci, fin ch'ella fia bene ftem- 
perata. Dipoifiripongain Iuogohumido,enell'ombra,fenzamefcolarui cofa alcuna, folamente dt 
leggiera fabbia coprendola : e quanto fara piu macerata , tanto fara piu tenace , e migliore , eccetto 
quella, che di pietra fcagliofa fara fatta, come la Padouana; perche fubito bagnata; bifogna metterla 
inopera: altrimentificonfuma,&abbruccia:onde nonfa prefa, ediuiene del tutto inutile. Perfar 
lamalta fi deue in quefto modo con la fabbia mefcolarejchepigliandofi arena di caua;fipongano tre 
parti di effa, & vna di cake: fe di fiume, 6 di mare} due parti di arena, & vna di cake. 

D E I 





P R I M O. . p 

D E I METAL LI. Cap. VI. 

M 6 T A L L I , che nelle fabriche fi adoperano; fono il ferro , il piombo, & il ranie. 
II ferro ferue per fare i chiodi,i cardini,i catenacci,co' quali fi chiudono le porte: per 
fare le porte ifteffe, le ferrate, e fimiii lauori. In niun luogo egli fi ritroua, e caua pu- 
ro: ma cauato fi purga co'l fuoco: conciofia che egli fi liquefaccia in modo, che fi pud 
fondere: e cofi auantiche fi raffreddi; fe glileuano lefeccie : ma dapoi ch e purgato, 
e raffreddato; fi accende bene,e diuenta molle, e fi lafcia dal martello maneggiare , 
c ftendere . Ma non pud gia facilmente fonderfi , fe non e di nuouo meffo in fornaci fatte per quefto 
effetto : fe infocato , & accefo non fi lauora , e reftrigne a colpi di martello ; fi corrompe , e confiima . 
Sara fegno della bonta del ferro, fe ridotto in mafia ; fi vederanno le fue vene continouate, e diritte, 
& non interrottere fe le tefte della maffa faranno nette,e fenza feccie : perche le dette vene dimoftre- 
ranno che'l ferro fia fenza groppi,e fenza sfogli; e per le tefte fi conofcera,qua!e egli fia nel mezo: ma 
fe fara ridotto in lamifte quadre,d di altra figur a,f e i lati faranno diritti;diremo ch'egli fia vgualmen- 
te buono,hauendo potuto vgualmente refiftere a i colpi de i martelli. 

Di piombo fi cuoprono i Palagi magnifici,i Tem.pij,le torri,& altri edificij publici : fi fanno le fiftu- 
le,d canaletti che diciamo da condurre le acque: e fi aff ermano con piombo i cardini,e le ferrate nel- 
le erte delle porte, e delle fineftre. Si ritroua di tre forti , cioe bianco, negro, e di color mezano , tra 
quefti due; onde da alcuni e detto Cineraccio : II negro cofi fi chiama, non perche fia veramente ne- 
gro , ma perche e bianco con alquanto di negrezza : onde a rifpetto del bianco con ragione gli Anti- 
chi gli diedero tal nome . II bianco epiiiperfetto,e piiipreciofodel negro: II cineraccio tiene tra 
quefti due vn luogo di mezo. Si caua il piombo 6 in maffe grandidequali fi ritrouano da per fe fenza 
altroj d fi cauano di lui mafTe picciole, che lucono con certa negrezza : 6 fi trouano le fue fottilifsime 
sfoglie attaccate ne i fafsi,ne i marmi,e nelle pietre. Ogni forte di piombo facilmente fi fonde : per- 
che con l'ardore del fuoco fi liquefa prima che fi accenda: ma pofto in fornaci ardentifsime non con- 
ferua la fua fpecie,e non dura: perche vna parte fi muta in litargirio, vn'altra in Molibdena. Di que- 
fte forti di piombo, il negro e molle , e per quefto fi lafcia facilmente maneggiar dal martello , e dila- 
tarfi molto , & e pefante , e grieue : il bianco e piii duro , & e leggiero : il cineraccio e molto piii duro 
del bianco, & quanto al pefo tiene il luogo di mezo. 

Di Rame fi cuoprono alcuna volta gli edificij publici , e ne fecero gli Antichi i chiodi , che doroni 
volgarmente fichiamano:i quali nellapietradifotto,& in quelladifoprafifsi, vietano che le pietre 
non vengano fpinte di ordine,& gli arpefi, che fi pongono per tenire vnite , e congiunte infieme due 
pietre a paro ; & di quefti chiodi , & arpefi ci feruimo , accioche tutto l'edificio , ilquale per necefsita 
non fi pud fare fe non di molti pezzi di pietra, effendo quelli in tal modo congiunti, e legati infieme ; 
venga ad eifere come di vn pezzo folo , e cofi molto piu foi te , e durabile . Si fanno ancho chiodi & 
arpefi di ferro,ma efsi li fecero per lo piii di rame,perche meno dal tempo pud effere confumato, ef- 
fendo ch'egli non rugginifca. Ne fecero ancho le lettere per le infcrittioni,chc fi pongono nel fregio 
degliedificij,efileggechediquefto metallo erano le cento porte celebridiBabilonia; enell'Ifole 
di Gade due colonne di Hercole alte otto cubiti.Si tiene per eccellentifsimo,e per lo migliore quel- 
16, che cotto,e cauato per via del fuoco dalle mineraliedi color roffo tendence al giallo,& eben 
fiorito,cioe pieno di buchi : perche quefto e fegno ch'egli fia purgato , e libero da ogni feccia . 11 ra- 
mefi accende come il ferro , e fi liquefa , onde fi pud fondere : ma in ardentifsime fornaci pofto non 
tolera le forze delle fiamme,ma fi confuma a fatto. Egli benche fia duro fi lafcia nondimeno maneg- 
giare dal ferro, e dilatarli ancho in fotti li sfoglie. Si conferua nella pece liquida ottimamente, e tut- 
to che non fi rugginifca , come il ferro ; fa nondimeno ancor egli la fua ruggine , che chiamiamo ver- 
derame,mafsimamente fe toccacofeacri;eiiquide. Diquefto metallo mefcolato con ftagno, d 
piombo,d ottone che ancor effo e rame,ma colorito con la terra cadmia ; fi fa vn mifto detto volgar- 
mente Bronzo : del quale fpefsifsime volte gli Architetti fi feruono : percioche fe ne fanno bafe , co- 
lonne, capitelli, ftatue , & akre cofe fimili. Si veggono in Roma in San Giouanni Laterano quattro 
colonne di Bronzo : delle quali vna fola ha il capitello: e le fece fare Augufto del rnetallo,ch'era nel- 
li fperoni delle naui ch'egli conquiftd in Egitto contra M. Antonio . Ne fono ancho reflate in Roma 
fin ad hoggi quattro antiche porte,cioe quella della Ritonda,che fu gia il Pantheone: quella di Santo 
Adriano, che fu il Tempio di Saturno rquella di S.Cofmo, e Oamiano, che fu ii Tempio di Caftore , 
ePolluce,d pure diRomulo,eRemo:& quella, che fi vede in Santa Agnefe fuori della porta Vi- 
minale , hoggi detta di Santa Agneta , fu la via Numentana . Ma la piu bella di tutte quefte e quella 

di Santa 




io L I B R O 

di Santa Maria Ritonda j nella quale volfero quegli Antichi imitare con l'arte quella fpecie di metal- 
lo Corinthio, in cui preualfe piu la natura gialla dell'oro: percioche noi leggiamo che quando f u de- 
ftrutto,& arfo Corintho 5 che hora fi chiama Corantosfi liquefecero,& vnirono in vna mafia l'oroj'ar 
gento,& il rame,e la fortuna tempro 3 e fe la miftura di tre fpecie di rame,che fu poi detto Corinthio: 
in vna dellequali preualfe l'argentcondereftd bianca,e ii accofto molto col fuo fplendore a quello : 
in vna altra preualfe l'oro, e pero refto gialla j e di color d'oro : e la terza fu quella , doue fu. vguale il 
temperamento di tutti quefti tre metalli; e quefte fpecie fono ftate poi diuerfamente imitate da gli 
huomini . Io ho fin qui efpofto quanto mi e parfo neceffario di quelle cofe , che fi deono confidera- 
re 3 & appreftare , auanti che a fabricar fi incominci : refta hora che alcuna cofa diciamo de' fonda- 
menti : da' quali la preparata materia fi cornincia a mettere in opera. 

DELLE QVALITA' DEL TERRENO, OVE S'HANNO DA 

ponerle fondamenta. Cap. VII. 

E FOND AMENTA propriamentefidiconolabafedella fabrka,cioe quella 
parte , ch'e fotto terra : laquale foftenta tutto l'edificio , che fopra terra fi vede. Pero 
tra tutti gli errori , ne' quali fabricando fi p uo incorrere ; fono dannofifsimi quelli > 
che nelle fondamenta fi commettono:perche apportano fecola rouina di tutta l'ope- 
ra 3 ne fi ponno fenza grandifsima difficulta emendare: onde TArchitetto deue poner- 
uiognifuadiligenzajpercioche in alcunluogofihannole fondamenta dallaNatura> 
e altroue e bifogno vfarui l'arte. Dalla Natura habbiamo le fondamenta , quando fi ha da fabricare 
fopra il faflo 3 tofo , e fcaranto : ilquale e vna forte di terreno , che tiene in parte della pietra : percio- 
che quefti fenza bifogno di cauamento , 6 d'altro aiuto dell'arte fono da fe ftefsi buonifsimo fonda- 
mento , & attifsimo a foftenere ogni grande edificio , cofi in terra , come ne i fiumi - Ma fe la Natura 
non fomminiftrera le fondamenta ; fara di meftieri cercarle con l'arte, & all'hora , 6 fi haura da fabri- 
care in terren fodo,ouero in luogo, oue fia ghiara, 6 arena, o terren moffo,o molle,e paludofo. $el 
terren fara fodo 3 e fermo; tanto in quello fi cauera fotto 3 quanto pareraalgiudiciofo Architetto, che 
richieda la qualita della fabricate la fodezza di eflo terreno . laquale cauatione per lo piii fara la fefla 
parte deli'altezza dell'edificio, nonvolendour far cantine,6altri luoghi fotteranei . Aconofcer 
quefta fodezza ; giouera l'offeruanza delle cauationi de' pozzi 3 delle cifterne, & d'altri luoghi fimili ; 
eficonofceraancho dalle herbe 3 che vi nafceranno , fe efle faranno folite nafcerefolamenteinfer- 
mi , e fodi terreni : & oltre a cid fara fegno di fodo terreno 3 fe effo per qualche graue pefb gettato in 
terra ; non rifuonera,6 non tremera : il che fi potra conofcere dalle carte de'tamburi mcfsi per terra, 
fe a quella percofTaleggiermente mouendofi non rifuoneranno;& dallacqua polta in vn vafo,fe non 
fi mouera . I luoghi circonuicini ancora daranno ad intendere la fodezza , e fermezza del terreno . 
Ma fe'l luogo fara arenofo 3 o ghiarofo ; fi doura auertire, fe fia in terra, 6 ne i fiumi : percioche fe fara 
in terra; fi offeruera quel tanto 3 che di fopra e ftato detto de* fodi terreni. E fe fifabricherane' fiumi; 
l'arena,e la ghiara farannodel tutto inutili:percioche l'acqua co'icontinouo fuo corfo,e con lepiene 
varia continouamente il fuo letto:pero fi cauera fin che fi ritroui ilfondo fodo,e fermo;ouero,fe cio 
fufie difficile; fi cauera alquantoneH'arena,&ghiara,e poi fi faranno le palificate 3 che arriuinoconle 
punte de'pali di rouere nel buono 3 e fodo terreno 3 e fopra quelle fi fabrichera Ma fe fi ha da fabricare 
in terreno mofTo 3 e non fodo; all'hora fi deue cauare fin che fi ritroui il fodo terreno,e tanto ancho in 
quello, quanto richiederanno la groffezza de' muri, e la grandezza della fabrica. Quefto fodo ter- 
reno 3 & atto a foftenere gli edificij e di varie forti: percioche (come ben dice rAlberti) altroue e cofi 
duro 3 che quafi il ferro non lo puo tagliare ; altroue piu fodo ; altroue negreggia ,- altroue imbianca 
(e quefto e riputato il piu debole)aItroue e come creta;altroue e di tofo. l3i tutti quefti quello e mi- 
gliore 3 che afatica fi taglia,e quello che bagnato non fi diflblue in fango. Non fi deue fondare fopra 
ruina,fe prima non fi fapra 3 come ella fia fufficiente a foftenere redifkio,e quanto profondi. Ma fe'l 
terreno fara molle 3 e profondera molto 3 come nelle paludiiall'hora fi faranno le palificate: i pali del- 
le quali faranno lunghi per la ottaua parte deli'altezza del muro,e grofsi per la d uodecima parte del- 
la loro lunghezza. Si deono ficcare ipali fi fpefsi,che fra quelli non ve ne poffano entrar de gli altri: 
&: deono efter battuti con colpi piii tofto fpefsi , che graui 3 accioche meglio venga a confolidarfi ii 
terreno,e fermarfi. Si faranno le palificate non folo fotto i muri di fuori, pofti fopra i canali; ma an- 
cora fotto quelli,che fono fra terra 3 e diuidono le fabriche: perche fe fi faranno le fondamenca a', mu- 
ri di mezoj diuerfe da quelle difuorij mettendo delle traui vna a canto dell'altra per lungo , & altre 

fopra 



P R I M O 



ii 



fopra pertrauerfo j fpeffe volte auerra , che i muri di mezo caleranno abaflo : e quellidifuoriper ef- 
fer fopra i pali ; non fi moueranno : onde tutti i muri verranno ad aprirfi : ilche rende ruinofa la fabri- 
ca, &e bruttifsimo da vedere . Pero fi fchifera quefto pericolo facendofi mafsimamente minore 
fpefa nelle palificate : pevche fecondola propoitionede^nuri,cofidette palificate di mezo ande- 
ranno piu (ottili di quelle di fuora . 



DELLE FONDAMENTA. 



Cap. VIII. 



E O N O eflere le f ondamenta il doppio piu grofle del muro } c'ha da eflerui pofto 
fopra: & in quefto fi douera hauer rifguardo alia qualita del terreno 5 & alia grandez- 
za deU'edificio ,facendole ancho pm larghe ne' terreni mofsi, e men fodi,e doue ha- 
ueffero da foftentare grandifsimo carico . 11 piano della fofia deue eflere vguale : 
accioche'l pel o prema vgualmente , e non venendo a calare in vna parte piu che nel- 
l'altra , i muri fi aprano . Per quefta cagione laftricauano gli Antichi il detto piano 
di Teuertino,e noi fiamo foliti a ponerui delle tauoie, ouero delle traui,e fopra di quelle poi fabrica- 
re . Si fanno le fondamenta a fcarpa , cioe che tanto piu decrefcano , quanto piu s'malzanoj in mo- 

irtefialafciato,quantodairaltra, onde il mezo diqueldi fopra cafchi a 




a 



do pero , che tanto da vna parte 

piombo al mezo di quel di fotto : il che fi deue oflTeruare ancho nelle diminutioni de'muri fopra ter- 
ra: percioche in quefto modo la fabrica viene ad hauere molto maggior fortezza,che facendofi le di- 
minutioni altramente . Sifanno alcuna volta ( mafsimamente ne i terreni paludofi , doue interuen- 
gano colonne ) per far minore fpefa le fondamenta non continouate , ma con alcuni volti , e fopra 
quelli poi fi fabrica. Sono affai lodeuoli nelle fabriche grandialcuni fpiragli per la groifezza del mu- 
ro dalle fondamenta fino al tetto 3 percioche danno efito a venti , che meno diano noia alia fabrica , 
fcemano la fpefa , e fono , di non picciola commodita , le in quelli fi faranno fcale a lumaca : le quali 
portino dal fondamento fino al fommo deh'edificio. 



DELLE MANLERH DE' MVRI. 



Cap. IX. 



ATT E le fondamentajrefta che trattiamodel muro diritto fopra terra. Sei appreflb 
gli Antichi furono le maniere de' muri; l'una detta reticolata , l'altra di terra cotta, 6 
quadrello: la terza di cementi, cioe di pietre roze di montagna, odi fiume : la quarta 
di pietre incerte: la quinta di fafTo quadrato: e la fefta la riempiuta. Della reticolata 
a' noftri tempi non fe ne ferue alcuno:ma perche Vitruuio dice,che a fuoi tempi com 
munemente fi vfauajho voluto porre ancho di quefta il difegno. Faceuano gli ango- 

lijouer cantoni della fabrica di pietra cotta, & ogni due piedi e mezo tirauano tre corfi di quadrelloj 

i qualilegauano tutta la groifezza del muro. 





A , Cantonate fatte di quadrello. 

B , Corfi di quadrello che legano tutto il muro. 

C, Ooera reticolata. 

D , Corfi de i quadrelli per la groflezza del muro. 

E , Parte di mezo del muro fatta de cementi. 

I muri di pietra cotta nelle muraglie delle Crtta, din altri molto grandi edifici] fidebbono farc 9 
che nella parte di dentro , & in quella di fuori fiano di quadrello,e nel mezo pieni di cementi infieme 
co*l copo pefto; e che ogni tre piedi di altezza vi fiano tre corfi di quadrelli maggiori de gli akri,che 

piglino 



il 



L I B R 



pigUnotuttalalarghezzadelmuror&nprimo corfofia in chiaue,cioe che fiveggaillitominoredel 
quadrello, ilfecondoperlungo, cioeco'I Iatomaggioredifuori,&ilterzoin chiaue, Di quefta. 
maniera fono in Roma i muri della Ritonda 5 e delle Terme di Dioditiano , & tqtti gli Ediiicij ami- 
chichevifono,. . 




E, Corfidi quadrelli che legano tuttoilmuro. 

F, Parte dimezo del muro fa ttadi cementi fralHincorfoeraltro&iq^^ 

I muri di cementi fi faranna , che ogni due piedi almeno vi fiano tre corfi di pietra cotta % e fiana 
Je pietre cotte ordinate al modo detto di fopra , Cofi in Piemonte fono le mura di Turino , lequali 
fono fatte di cuocoli di fiume tutti fpezzati nel mezo > e fono detti cuocoli pofti con la parte fpezzata 
infuori,ondefannodrittifsimo,epolitJ{simolauoro, I muri dell'Arena di Verona fono anchefsi 
di cementi , & ogni tre piedi vi fono tre corfi di quadrelli ; e cofi fono fatti ancho altri antichi edificijj 
come fipotra vedere ne' miei libri dell'Antichita , 



Fr:^a>; 




r 1 i ; 1 ^n 



Li r~ C 



■ i l l i 1— — t — -r-'T- 



G , Cementi, 6 cuocoli di fiume, 

H, Corii di quadrelli che legano tutto il muro, 

Di pietre incerte fi diceuano quei muri , ch'erano fatti di pietre difugualj di angoli , e latj jj & a far 
quefti muri vfauano yna lquadra di piombo, la qua! piegata fecondo il luogo>doue douea efler pofta 
ia pietra j feruiua loro nello fquadrarla : e cio faceuano , accioche le pietre commettelfero bene in- 
fieme , e per non ha uer da prouare piu , e piu volte (e la pietra ftaua bene al luogo , oue eisi naueua- 
no difegnato di porla . Di quefta manie.ra fi veggono muri a Prenefte s ele ftrade antiche fono in 
quefto modo laitricate. 




■r»t'". T?-£arm 



I a Pietre incerte . 



Di pietrq 



P R I M O. 



*J 



Di pietrc quadrate muri fi veggono in Rotna,oue era la pia7za, & il Tetrpio di Augufto : nt' quali 
inchiauauano !e pietre minori con alcuni corfi di pif tre maggiori. 







k i Corfi di pietre minori. 
L, Corfi di pietre maggiori.' 

La maniera riempiuta , che fi dice ancho a cafTa , faceuano gli Antichi pieHando con tanole pofte 
in coltello tanto fpacio , quanto voleuano che ruffe groffo i! muro , empiendolo di malta , e di pietre 
di qualunque forte mefcolate infieme , e cofi andauano facendo di corto in corfo . 5i veggono muri 
di quefta forte a Sirmion fopra il Lago di Garda. 




M, Tauole pofte in coltello. 

N, Parte didenr.ro del muto. 

O , Faccia del muro tolte via le tauole. 

Di quefta maniera fi poflono ancho dire lemuradi Napoli,ciocIe Antiche:le quali hanno due 
muri di faflb quadrato grofsi quattro piedi, e diftanti tra fe piedi (ei. Sono legati infieme qucfti mu- 
ri daaltri muri per trauerfo, elecaffe,cherimangono fra dettitrauerfi,& muri efteriori fono fci 
piedi per quadro , e fono empiute di fafsi e di terra . 




P , Muri di pietra efteriori . 

Q., Muri di pietra pofti per trauerfo. 

R, Caffepienedi pietre, edi terra. 



121 : 



Quefte in fomma fcrno le maniere , delle quali fi (eruirono gli Antichi, & hora fi veggono i velr.i 6 i 
dalle quali fi comprende che ne i muri di qualunque forte fi fiano , debbano fard alcuni corfi , i qua- 
li fiano come nerui , che tengano infieme legate l'altre parti ; ilche mafsimamentc.fi oiferuera, 

.: . ;■•'; Q ; : quando 




i 4 L I B R O 

quando fi faranno i muri di pietre cotte; accioche per la vecchiezza venendo a calare in parte la 
ftruttura di mezo ; non diuentino i muri ruinofi , come e occorfo > & fi vede in molte mura da quella 
parte fpecialmente ch'e riuolta aTramontana. 

DEL MODO CHE TENEVANO GLI ANTICHI NEL FAR 
gli edificij di pietra. Cap. X. 

[ E R C H E alcuna volta occorre che la fabrica tutta , 6 buona parte fi faccia di mar- 
mojo di pezzi grandi d'altra pietra ;mi pare conucneuole in quefto luogo dire come 
in tal cafo faceuano gli Antichirperche fi vede nell'opere loro effere ftata vfata tanta 
diligenza nel congiungere infieme le pietre,che in mold luoghi a pena fi difcernono 
le commeflure:alche deue molto auuertire chi oltre la bellezza delidera la fermezza, 
e perpetuita dellafabrica.E per quanto ho potuto comprendere>efsi prima fquadra- 
uano,e lauorauano delle pietre quelle faccie folamete che andauano vna fopra l'altrajlaflando l'altre 
parti rozej e cofi lauorate le metteuano in opera ; onde perche tutti gli orli delle pietre veniuano ad 
effer fopra fquadra,cioe grofsi,e fodijpoteuano meglio maneggiarle, e mouerle piii volte fin che co- 
metteffero bene } fenza pericolo di romperli,che fe tutte le faccie fuffero ftate lauorate; perche all'ho 
ra farebbono ftati gli orli 6 a fquadra , 6 fotto fquadra , e cofi molto debolij e facili da guaftarfi i & in 
quefto modo faceuano tutti gli edificij rozi,6 vogliam dire ruftichi:& eflendo poi quelli finiti, anda- 
uano lauorando,e poledo delle pietre (come ho detto)gia meffe in opera,quelle faccie,ch'andauano 
vedute. E' ben vero, che? come le rofe,che andauano tra i modiglioni,& altri intagli della cornicej 
checomodamentenon poteuano farfi, eflendo le pietre in operajfaceuano mentre che quelle erano 
ancora in terra. Di cio ottimo indicio fono diuerfi edificij antichirne' quali fi veggono molte pietre, 
che non furono finite di lauorare,e polire- L'Arco appreflo Caftel vecchio in Verona 5 e tutti queglial 
tri Archi, & edificij che vi fono furono fatti nel detto modo : ilche molto bene conofcera chi auertira 
a'colpide martelli,cioe come le pietre vifiano lauorate. LacolonnaTraianainRoma,erAntonina 
fimilmete furono fatte,ne altramente s'haurebbono potuto cogiungere cofi diligentemete le pietre, 
che cofi bene s'incontraffero le commelTurejlequali vanno a trauerlo le tefte, & altre parti delle figu- 
re;e il medefimo dico di quegli Archi che vi fi veggono. E s'era qualche edificio molto grade } come e 
l'Arena di Verona,l'Anfitheatro di Pola,e fimili,per fuggir la fpefa e tepo, che vi farebbe andato;la- 
uorauano folamete l'impofte de' volti,i capitelli,e le coi nici,& i I refto Iafciauano ruftico, tenendo fo 
lamente conto della bella forma dell'edificio.Ma ne'Tempijv& ne gli altri edificij,che richiedeuano 
delicatezzamorifparmiauanofatica nel lauorarli tutti,e nel fregare,elifciarefinoicanali delle colon 
ne 3 & polirli diligetemete.Pero per mio giudicio no fi faiano muri di pietra cottaruftichi,ne meno le 
Nap^pe dcCamini:lequali deono eiTer fatte delicatifsime:percioche oltra I'abufojne feguira,che fi fin 
gera fpezzato,e diuifo in piu parti qllo,che naturalmete deue efiere intiero: Ma fecodo la gradezza,e 
qualita della fabrica 3 fi fara 6 ruftica,6 polita;e no qllo chegli antichi fecero,necefsitati dalla gradez 
za delle opere 5 & giudiciofametejfaremo noi in vna fabrica 3 alla quale fi ricerchi al tutto la politezza. 

DELLE DIMINVTIONI DE' MVRI, ET DELLE PARTI LORO. Cap.XI. 

I D E V E olTeruare,che quanto piu i muri afcendono e s'inalzano,tanto piu fi dimi- 

nuifconorpero quelli che nafcono fopra terrajfaranno piu fottili delle fondamenta la 
metije quelli del fecondo folaro piu fottili di quelli del primo mezo quadrello, e co 
fi fuccefsiuamente fino al fommo della f abrica:ma con difcretione,accioche non fia- 
no troppo iottili di fopra. II mezo de' muri di fopra deue eafcare a piombo al mezo 
di cjuelli di fotto : onde tutto il muro pigii forma piramidale . Pur quando fi voleffe 
far vna fuperficie , o faccia del muro di fopra al dirkto d'una di quello di fotto ; doura cio farfi dalla 
parte di dentro: perche letrauaturede pauimenti,i volti, &gli altri foftegni della fabrica non lafce- 
ranno,che*l muro cafchi,6 Ci muoua. II relafcio, che fara di fuori Ci coprira con vn procinto, 6 fafcia, 
e comice,che circondi tutto l'cdificio : ilche fara adornamento, e fara come legame di tutta la fabri- 
C ir G r an ?°! i 5 P ercne participano di due lati,e fono per tenerli diritti , e congiunti infieme deono 
effere fermifsimi, e con lunghe , e dure pietre come braccia tenuti. Pero fi deono le feneftre , & l'a- 
priture allontanare da quelli piu che fi puo , 6 almeno laffar tanto di fpatio dall'apritura all'angolo » 
quanto e la larghezza di quella . Hora c'habbiamo parlato de' muri femplici j e conueneuole che 
pafsiamo a gh ornamenti,de'quali niuno maggiore riceue la fabrica di quello, che le danno le colon 
ne,quando fono fituate ne* iuoghi conueneuoli, e con bella propor tione a tutto 1'edificio. 

DE' 




P R I M O. 

DE* CINQUE ORDINI, CHE VSARONO 
gliAntkhi. Cap. XII. 



*J 





I N QV" E fono gli ordini de quali gli Antichi fi feruirono, 
cioe il Tofcano , Dorico , I onico, Corinthio , e Compofito. 
Quefti fi deono cofi nelle fabriche difporre,ch'el piii iodo fia 
nella parte piu baffa : perche fara molto piu atto a foftentare 
il carico, e la fabrica venira ad hauere bafamento piu fermo : 
onde fempre il Dorico fi porra fotto il lonico: il lonico fot- 
to il Corinthioj & il Corinthio fotto il Compofito. II Tofcano, come rozo, 
fivfa rare volte fopra terra, fuorche nelle fabriche di vn'ordine folo, come 
coperti di Villa.-ouero nelle machine grandifsime,come Anfitheatri,e fimi- 
li : lequali hauendo piii ordini quefto fi ponera in luogo del Dorico fotto il 
lonko. E fe fi vorra tralafciare vno di quefti,come farebbe,porre il Corin- 
thio immediate fopra il Dorico j cio fi potra fare, pur che fempre il piu fodo 
fianetla parte piu baffa per le ragioni gia dette . Io porro partitamente di 
ciafcuno di quefti le mifure,non tanto fecondo che n'infegna Vitruuio,quan 
to fecondo c^ho auuertito ne gli edificij Antichi: ma prima diro quelle cofe> 
che in vniuerfale a tutti fi conuengono. 

DELLA GONFIEZZA, E DIMINVTIONE DELLE 
Colonne,deglilntercolunnij,ede'Pilaftri. Cap. XIII. 

E COLONNHdi ciafcun'ordine fi deono formare in mo 
do chela parte di fopra fia piufottiledi quella di fotto, enel 
mezohabbianoalquanto digonfiezza. Nelle diminutioni 
s*oflerua,chequanto le colonne fono piu lunghe,tantome- 
no diminuifcono , eflendo chel'altezza dafe faccia l'erfetto 
deldiminuireperladiftanza:pero (elacolonnafara altafi- 
no a quindeei piedijfi diuidera la grolfezza da baffo in fei parti e meza , e di 
cinque e meza fifara la grolfezza di fopra: Se daxv.a xx. fi diuidera la grof. 
fezza di fotto in parti vi j.e vj.e mezo iara la grolfezza di fopra:fimilmente di 
quelle,che faranno da xx.fino a trentajfi diuidera la groifezza di fotto in par 
ti viijVe vijdi quelle lara la grolfezza di fopra: e cofi quelle colone, che faran 
no piu alte ; fi diminuiranno fecondo il detto modo per la ratta parte , come 
c'infegnaVitruuioalcap.ij.deliij.lib. Macomedebbafarfilagonfiezzanel 
mezojnon habbiamo da lui akro che vna femplice promelfa: e percio diuerfi 
hannodi cio diuerfamente detto. Io fono folito far lafacomadi dettagon- 
fiezza in quefto modo. Partifcoil fufto della colonna in tre parti eguali, e 
lalcio laterza parte da bafib diritta a piombo,a canto l'eftremita della quale 
pongo in taglio vna riga fottile alquanto, lungacome la colonna, 6 poco 
j>iu,e muouo quella parte,che auanza dal terzo in fufo,e la ftorco fin che'l ca 
po fuo giunga al punto della diminutione di fopra della colonna fotto il col- 
larinoje fecondo quella curuatura fegno:e cofi mi viene la colonna alquan- 
to gonfla nel mezo , e fi raftrema molto garbatamente. E benche io non mi 
habbiapotuto imaginare altro modo piu breue,& efpedito di quefto, e che 
riefca meglio ; mi fon nondimeno maggiormente confermato in quefta mia 
|nuentione,poi che tanto e piaciuta a mefler Pietro Cattaneo,hauendoglie- 
la io detta , che l'ha porta in vna fua opera di Architettura , con la quale ha 
non poco illufttato quefta profefsione. 

A, B, Laterza parte della colonna,che fi laleia diritta a piombo. 

B , i C, I due terzi che fi vanno diminuendo. 

C, II punto della diminutione fotto il collarino. 
Gli intercolunnij , cioe fpatij fra le colonne fi polfonofare di vn dia me- 
tro e mezo di colonna , e fi toglie il diametro nella parte piu bafla della co- 
' lonna; didue diametrij di due, &vn quarto ;di tre, &anchomaggiori: 

C a Ma 




■ 
■ 



& 




i$ L I B R O 

Manonglivfaronogli Antichimaggiori ditrediamctri dicolonna,fuorcheneirordineTofcano» 
nel quale vfandofi lo Architraue di legno : faceuano gli intercolunnij molto larghi j ne minori di vn 
diametro,e mezo,e di quefto fpatio fi feruirono all'hora mafsimamente, quando faceuano le eolon- 
ne molto grandi. Ma quegli intercolunnij piu de gli altri approuarono , che fuflero di due diametri 
di colonna,& vn quartoje quefta dimandarono bella,& elegante maniera d'intercolunnij. Et fi de- 
ue auertire che tra gli intercolunnij, ouero fpatij,e le colonne deue elTere proportione , e corrifpon- 
denzajperciochefeneglifpatijmaggiorifiporranno colOnnefottili,fi leuera grandif&ima parte del- 
rafpettOjeffendo che per lo molto aere,che fara tra i vani, fi fcemera molto della loro groflezza; e fe 
per lo contrario nelli lpatij ftretti fi faranno le colonne groffc, per la ftrettezza,& anguftia de gli fpa- 
tij faranno vn'afpetto gonfio*e fenza gratia. E pero fe gli lpatij eccederanno tre diametrijfi faranno 
le colonne grofle per la fettima parte della loro altezza,come ho ofleruato di fotto nellordine Tofca 
no. Ma fe gli lpatij faranno tre diametri jle colonne faranno lunghe fette refte e meza,ouero otto,co- 
menell'ordine Dorico:e fe di due,& vn quarto,le colonne laranno lunghe noue tefte,come nel loni- 
co:e fe di due,fi faranno le colonne lunghe noue tefte e meza,come nel Corinthio:e finalmente fe fa- 
ranno di vn diametro e mezo; faranno le colonne lunghe dieci t efte,come nel Compofito. Ne'quali 
ordini ho hauuto quefto rifguardo , accioche fiano come vn'efempio di tutte quelle maniere d'inter- 
colunnij : lequali Ci fono infegnate da Vitruuio al cap. iopradetto . Deono efijerfc nelle f ronti de gli 
cdificij le colonne pari:accioche nel mezo venga vn'jntercolunnio,il quale fi fara alquanto maggiore 
de gli altri,accioche meglio fi veggano le por te,e le entrate,che fi fogliono metsere nel mezo;e que- 
fto quaoto a i colonnati femplici. Ma fe fi faranno le Loggie co i pilaftri, cofi fi douerannodjfporre, 
che i pilaftri non fiano manco grofsi del terzo del vano,che fara tra pilafh o 5 e pilaftro: e quelli,che fa- 
ranno ne i cantoni; andaranno grofsi per li due tef zi; accioche gli angoli della rabrica vengano ad e£> 
ferefodi,eforti. E quando hauerannoafoftenraregrandifsimocarico,ccrnene gli edificijmoho 
grandi ; all'hora fi faranno grofsi per la meta del vano , come fono quclli del Theatro di V icenza , e 
deH'Anfitheatro di Capua ; ouero per li due terzi , come quelli del Theatro di Marcello in Roma ; e 
del Theatro di Ogubio: il quale hora e del iig.Lodouico de'Gabnelli gentil'hucmodi quella Citta. 
Gli f ecero gli Antichi ale una volta aneho tanto grofsi,quant o era tutto il vano, come nel Theatro di 
Verona in quella partes che non e fopra il Monte. Ma ndle fabriche priuate non fi faranno ne mena 
grofsi del terzo del vano,nepiude j due terzi 3 &dcuerebbono cfler quadri:rr.aperfcemarc)a fpefa, 
e per fare il luogo da pafleggiare piu largo fi:taranno manco grofsi per fianco di quello , che fiano in 
fronte,e per adornare la facciatajfi porranno rreJ mezo delle fronti loro mtze colonne,oucro alt ri pi- 
laftrijche tolgano fufo la cornice 3 che fara fopra gli archi della Loggia;e laranno della gi ofiezZa^che 
richiederanno le loro altezze4econdo ciafcun'ordine, ccmene i fegueti capitoli & difegni fi vedera. 
A intelligenza de'quali (accio ch'io non habbia e replicare il medefimo piu volte ) e da faperfi, ch 'io 
nel partire,e nel mifurare detti ordini non ho voluto tor cerraje determinata mifura,cioe particolare 
ad alcuna Citra,come,braccio,6 piede,6 palmo; fapendo che le mifure fonodiuerfe> come fono di, 
uerfe le Citta,e le regioni :Ma imitando Vitruuio, il quale partifce, e diuide 1'ordine Dorico con vna 
mifura cauatadalla groflezza delle colonna,laqualee commune a tutti, e da luichiamata Modulo j 
mi feruiro ancor io di tal mifura in tutti gli ordini,e fara il Modulo il diametro della colonna da baf- 
fodiuifoinminutifeflanta,fuorchenel Doricomelqualeil Modulo fara per il mezo diametro della 
colonna,e diuifo in trenta minutijperche cofi riefce piu commodo ne' compartimenti di detto ordi- 
ne . Onde potra ciafcuno facendo il Modulo maggiore , e minore fecondo la qualita della fabric*, 
feruirfi delle proportion!, & delle faebme difegnate a ciafcun'ordine conuenienti. 






DELL'ORDINE TOSCANO. Cap. XIIII. 

■ ■ . 
|'0 R D I N E Tofcano,per quanto ne dice Vitruuio,e fi vede in effetto,e il piu fchiet- 
to, e femplice di tutti gli ordini dell'Architettura; perciocheritiene in fedi quella 
primiera antichita,e manca di tutti quegli ornamenti,che rendono gli altri riguarde 
uoli,e belli. Quefto hebbe origine in Tofcana nobililsima parte di Italia,onde anco- 
raferbailnome. Le colonne conbafa,e capitello deono efler lunghe fette moduli,e 
fi raftremano di fopra la quarta parte della loro grofTezza.Se fi faranno di quefto or- 
dine colonnati femplicijfi potranno fare gli fpatij molto grandi: perche gli Archirraui fi fanno di le- 
gno,e pcro riefce molto commodo per l'ufo di Villager cagione de' Carri, & d'altri iftrumenti rufti- 
chi,& e di picciola fpefa;Ma fe fi faranno porte, 6 loggie con gli Archi ; fi feruaranno le mifure poftc 

nel 




P RIM Q. 



17 




IS 



L I B R O 



TE 




mMM£M2^L 



W\W^_ 



^ s 






TF 



J 




P ft I M O, 



19 



nel difegno , ncl quale fi veggono difpofte , & incatenate le piefre, come pare a me che fi dourcbbe 
fare, quando fi faceife di pietra : ilche ho auertito ancho nel fare i difegni de gli aim quattro ordini : 
e quefto difponere,e legare infieme le pietre ho tolto da mold Archi Andchi,come fi vedera neixnio 
libro de gli Archi: & in quefto ho vfato grandifsima diligenza. 

A, Architrauedilegno. 
1 B , Traui , che fanno la gronda. 

Ipiedeftilijchefifarannofottolecolonnediqueft'ordine^ia-rannoaltivn modulo, e fi faranno 
fchietti . L'Altezza della bafa e per la meta della groffezza dellacolonna . Quefta altezza fi diuide 
in due parti eguali: vna fi da all'orlo, ilquale fi fa a i'efta: l'altra fi diuide in quattro parti,vna fi da al li- 
iiello,il quale fi pud ancho fare vn poco manco; & altramente fi dimanda Cimbia* & in queift'ordine 
folo e parte della Bafa:perche in tutti gli altri e parte della colonna: e l'altre tre al torb^ouer baftone. 
Ha quefta bafadifporto la fefta parte del diametro della colonna. " IlCapitelloealtoancotjegliper 
la meta della groflezza della colonna da baflo :ediuidefi in tre parti eguali : vna fi da all* Abaco, il 
quale per la lua forma volgarmente fi dice Dado : l'altra all'Ouolo : e la terza fi diuide in fette parti . 
D'una fi fa il liftello fotto f ouolo , e l'altre fei reftano al collarino . L' Aftragolo kalto il doppio del 
liftello fotto l'ouolore il fuo centro fi fa fu la linea,che cafchi a piombo da detto liftello,e fopral'ifteC. 
fa cade lo fporto della cimbia : la quale e grofta quanto il liftello . Lo fporto di quefto capitello ri- 
fponde fu'l viuo della colonna da baflo . II fuo Architraue fi fa di legno taritb alto quanto largo , e la 
larghezzanoneccedeilviuo della colonna difopra: Le traui, che tannola gronda hannodi prog- 
gettura , 6 vogliam dire di fportcil quarto della lunghezza delle colonne . Quefte (bno le mifure 
deli'ordine Tofcano,come c'infegna Vitruuio. 

A, Abaco. , F, Viuo della colonna da baflo. 

B, Ouolo. G, Cimbia. 

C, Collarino. H, Baftone. 

D, Aftragolo. I, Orlo. 

E, Viuo della colonna difopra. Itj Piedeftilo. .__ 

Le facome pofte a canto la pianta della bafa, e del capitello fono delle impofte de gli archi. 

Ma fe fi faranno gli Architraui di pietra; fi feruara quanto e ftato detto di fopra de gli intcrcolunni j. 
Si veggono alcuni edificij Antichi , i quali fi poffbno dire effer fattidi queft'ordine : perche tengono 
in parte le medefime mifure , come e 1* Arena di Verona, 1' Arena, eTheatro di Pola, e mold altri : da 
i quali ho prefe le facome cofi della Bafa , del capitello , dell'architraue , del fregio , e delle cornice 
pofte nell'ultima tauoladi quefto capitolojcome ancho quelle deirimpoftede' void, edi tutti quefti 
edificij porro i difegni ne' miei libri dell'Antichita. 

A 5 Goladiritta. 

B, Corona. 

C, Gocciolatoio,e goladiritta. -■■— 

D, Cauetto. 

E, Fregio. 
p s Arifiitraue. 
ip, Cimacio. 

H, Abaco. 7 j i/- • 1. 

I, Goladiritta. ^Capitello. 

K, Collarino. .1 

L, Aftragalo. 
■ M, Viuo della colonna fotto il capitello. \ 

N, Viuo della colonna da baflo. :; ! | 

O, Cimbia della Colonna. • 
P, Baftone,egola. > , „„ n r 
Q^Orlo. . jdellaBafa.^ 

# d «tto dell' Architraue fegnato F , vi e la facoma dWArchitraue fatto piu delfcatamente. 

DELL'OR- 



■ ** • -■■*■* — — <■— 



I 



■-. 



50 



I I B R 




it 



': 






O 

A 



1 



i m iw i 



PR I M O. 




tl 



% I BR O 



D E LTORD IN E DORI QO. Cap. X V. 




s 'O R D I N E Dorico hebbe principle home da 1 Dori popoli Greci, che ha* 
bitaronoin Afia. Lecolonne fefi faranno femplici fenza pilaftri deono e(V 
ferlunghe fette tefte e meze,ouero otto . Gli imercolunnii fono pOco tneno 
di tre diametri di colonna, e quefta maniera di colonnati da Vitruuto e detta 
Diaftilos. Mafefiappoggierannoa ipilaftrijiifararinoconbafa, ecapitels 
lo lnngho dicefette moduli, & vn terzo ; & e da auertire } che (come ho dett© 
di fopra al cap. xiii. ) il modulo in queft'ordine fojo c mezpil diametro della 
colonna diuilo in minuti trentaj&in tutti gli altri ordinieildametro intierO diuffoin minuti 
feflanta. 

Ne gli Antichi non (i vede Piedeftilo a queft'ordine, ma fibene ne 5 moderni : perd volendoue- 
lo porre;fi fara" che'l Dado fia quadro,e da lui fi piglicra la mifura de gli ornamenti fiioi: perche fi 
diuidera in quattro parti vguali,e la bafa co'l fuozocco faraperdue di quelle j e per vna la Cima- 
cia,alla quale deueeftereattaccatolNDrlo della bafa della colonna. Di quefta forte piedeftili & 
vcdono ancho nell'ordinc Corinthio> come in Verona nell' Arco , che fi dice de' Lioni . Io ho pos 
fto piii maniere di facome , che fi ponno accommodare al Piedeftilo di queft'ordine: lequali tuttc 
fono belle,e cauate da gli Antichi,e fono ftate mifurate diligentiflimamente. Non ha queft'ordi- 
ne Bafa propria: onsle in mold edificii fi veggono le colonne fenza bafe, come in Roma nel Thea^ 
tro di Marcello.nel Tempio della Pieta vicino a dctto Theatro , nel Theatro di Vicenza, & in di- 
uerfialtriluoghi. MaalcunauoltauifiponelaBafa Attica :laqualeaccrefcemolto dibellezza, 
c la fua mifura e quefta . L'altezza e per la meta del diametro della colonna,e fi diuide in tre par 
ti vguali: vna fi da al Plinto 6 Zocco: l'altre due Ci diuidono in quatro parti , e d'vna fi fa il bafto- 
ne di fopra: 1' altre,che reftano fi partifcono in due,& vna fida al baftone di fotto: 1'alrra al Cauet* 
to co* fuoi liftelli: perciochc fi partira in fei parti : d'vna fi fara in liftello di fopra : d' nn'altra quel 
di fotto : e quattro refteranno al cauetto . Lo fporto e la fefta parte del diametro della colonna: 
La Cimbia fi fa per la meta del baftone di fopra facendofi diuifa dalla bafa,il fuo fporto e la terza 
parte di tiitto lo fporto della bafa . Ma fe la bafa e parte della colonna faranno di un pezzo; fi fa- 
ra la Cimbia fottile,come fi uede nel terzo difegno di queft'ordine , oue fono ancho due manierc 
d'impofte de gli Archi . i . • 

A. Viuo della colonna. 
Bi Cimbia. 

C, Baftone di fopra. 

D, Cauetto co' liftelli. 

E, Baftone di fotto. ; ... 
Plinto,ouero Zocco. 
Cimacia. ^ 

Dado. CdelPiedeftiK 
Bafa . S 



F, 
G, 
H, 
I, 



K t Impoftide gli archi. 



PRIMO, 




D * 



I l B R 





"-■ ,--■'■ 



^brs 



& 




PR.IMQ, 



*f 



■i i ii i 






j£ 1 y ^ 



3k 



t*N 



*r 



^=R 



V «y R 



51 r I y 



V 






i 1 - 



*£ 



M'muffi Co s<mo m>S^x % 



k 



\ 



r 



x<T 



Moouu 5/ witwflv 2/o 



H 



3 






r 






./ 



SSta 



f .' 



^ 



I 



"►IS" 



R 



■3? 



M 

M 



=£* 



I 






<. 7 



>J* ^ 



■j!* ,r 






If 



J-J1& 



ri 




A 



L 



s 






i i 



£=Bp 






16 LIBRO 

11 capitello deue effete alto la meta del diamerro delta colonna: e C\ diuide in tre parti : quella 
di fopra C\ da all'Abaco,e cimacio: il cimacio e delle cinque parti di quella le due, e fi diuide in trc 
partt ! d'una fi fa il Liftello,e dell'altre due la Gola • La feconda parte principale fi diuide in trc 
parti vgiali vna fi da a gli anelli, 6 quadretti: iquali fono tre vguali: l'altre due reftano all'ouolo, 
jlquale ha di fporto i due terzi della fua altezza. La terza parte poi fi da al collarino.Tutto lo fpor- 
to c per la quinta parte del diametro della colonna. L'Aftrologo,o Tondino e alto quanto fono tut 
ti tre gli anelli 3 e fporge in fuori al viuo della colonna da baflb . La Cimbia e alta per la meta del 
Tondino : il fuo fporto e a piombo del centro di eflo Tondino. Sopra il capitello fi fa I'Architraue, 
ilquale deue efTer alto la meta della groflezza della colonna,cioe vn modulo. Si diuide in fette par 
ti : d'una fi fa la Tenia , ouero benda j e tanto fe le da di fporto ; fi torna poi a diuidere il tutto in 
parti fei,& vna fi da alia goccie , lequali deono efler fei , & al Liftello , che e fotto la Tenia , che e 
per ilterzodidette goccie. Dalla Tenia in giufofi diuide il refto in fette parti ,• tre fi danno alia 
prima fafcia,equattro alia feconda II fregiova alto vn modulo e mezo ; il Triglifo e largo vn mo- 
dulo ; il fuo capitello e per la fefta parte del modulo. Si diuide il Triglifo in fei parti ; due fi danno 
a' due canali di mezo ; vna a' due mezi canali nelle parti di fuori ; e l'altre tre fanno gli fpatii , che 
fono tra detti canali . La Metopa,cioe fpatio fra Triglifo,e Triglifo deue effere tanto larga 3 quans 
to alta. La Cornice deue effere alta vn modulo,& vn fefto, e fi diuide in parti cinque, e meza : due 
fi danno al Cauetto,& Ouolo. II Cauetto e minor dell'Ouolo, quanto e il fuo liftello ; le altre tre 
c meza fi danno alia corona, 6 cornice,che volgarmente fi dice Gocciolatoio ; & alia gola diuerfa , 
& diritta. La corona deue hauer di fporto delle fei parti del modulo le quattro, e nel fuo pi ano che 
guarda in giii , & fporta in fuori per il Iungo fopra i Triglifi fei goccie , e per il largo tre co' fuoi lis 
ftelli , e fopra le Metope alcune rofe . Le goccie vannO rotonde , e rifpondono alle goccie fotto la 
Tenia.lequali vanno in forma dicampana. La Gola fara piu groffa della corona la ottaua parte s 
fi diuide in parti otto, due fi danno aU'orlo,e fei reftano alia Gola,la quale ha di fporto le fette par 
ti e meza . Onde 1' Architraue, il Fregio,e la Cornice vengono ad efler alti la quarta parte dell'als: 
tezza della colonna.E quefte fono le mifure della Cornice fecondo Vitruuio, dalla quale mi fono 
alqu an to partito altera ndola de'membri, & facendolavn poco maggiore. 

A, Gola diritta. 

B, Golariuerfa. 

C, Gocciolatoio. 
D } Ouolo. 

E, Cauetto. 

F, Capitello del Triglifo. 

G, Triglifo. 
H, Metopa. 
!.-> Tenia. 
K» Goccie. 

L, Prima fafcia. 

M, Seconda fafcia. 

Y, Soifitto del Gocciolatoio* 

Le parti del Capitello. 

N, Cimacio. 

O, Abaco. 

P, Ouolo. 

Q. Gradetti.' 

R, Collarino. 

S, Aftralogo. 

T, Cimbia. 

V, Viuo della Colonna; ,, 

X, PiantadelCapicello:&UModuIodiuifointrcn«miauti. 

DELL'ORi 



PR1 M O 




It? 



1 I B IV O 



D E L I/O K D I N E I O N I C O. CAP. XVI, 



'Orbihb Ionico hebbe ongine nella Ionia prouincia dell' Afia,e cliques 
-il'ordineixlegge»che fu edificato in Efefo il Tempiodi Diana . LcC^lonneco 
capitello, e bafa fono lunghe nouc tcfte, cioe noue moduli : perche tefta , s'in*. 
fendeildiametro dellacolonnada baflb. L'Architrane,ilFregio, e la Cor* 
nice fono per la quinta parte dell'altezza della colonna; nel difegno de* colon* 
nati femplici fono gii intcrcolunnii di due diametri , & vn quarto ; & quefta ej 
la piu bella , e commoda maniera d'intercolunnii : e da Vettruuio e dettaj 

Euftilos . In quello de gli Archi , i pilaftri fono per la tcrza parte del vano , e gli archi fono aki 

in luce due quadri. 




Sealle 



P RIM O. 



19 



-,o_- _.: r " r ~T-r~-^~ r~:i i^ l 




3° 



L I B R O 



:i>: 



~". :"■■■"' '.■■■'■■-- .V^S 



l w^,A^'^ ^ ^^V - ^v-t/-. ' A >AnA->^^.7-?^^ 






-535 




<0 










•\ 



1: 




'•^,.^, ,..„;.:., ,. tv .^;,. ,;•-•--• ■ ,-,^ ;v .:.7i ■;.:;„... ...»--. tea '* 



P RIM O, 3I 

Se alle eolonne Ioni'che fi porra Piedeftilo>come nel difegno de gli Archijegli fi fara aIto,quan= 
to fara la meta della larghezza della luce dell'Arco,& fi diuidera in parti fette e mezajdi due fi fa? 
ra la Bafa,d* vna la Cimacia,& qua ttro,e meza refteranno al Dado 3 cioe piano di mezo. La bafa del 
1'ordine Ionico e groffa mezo modulo , & fi diuide in tre parti : vna fi da al Zoccojil fuo fporto e la 
quarta,& ottaua parte del modulo,l'altre due fi diuidono in fette: di tre fi fa il baftone,l'altre quar. 
tro dl nuouo C\ diuidono in due, & vna fi da al cauetto di fopra , & l'altra a quellodi fotto : ilquale 
douerahauerepiu fporto dell'altro.Gli aftragali deono eiTere la ottaua parte del cauetto: la Cim- 
bia della colonna e per la terza parte del baftone della bafa: ma.fe medefimamente fi fara la ba- 
fa congiunta con parte della colonna; fi fara la Cimbia piu fottile, come ho detto anco nel Dorico. 
Ha di iporto la Cimbia la meta dello fporto gia detto . Quefte fono le mifure della bafa Ionica, 
fecondo Vitruuio: Ma perche in molti edificii Antichi fi veggono a queft'ordine bafe Attiche , $c a 
tnepiupiacciono; fopra il piedeftilo ho difegnatol* Attica con quel baftoncino fotto la Cimbia; 
non reftandopero di fare il difegno di quella s che ci infegna Vitruuio. I difegni L,fono due facos 
meditTerentiperfarel'impoftede gli Archi, &diciafcunavifononotate Ic mifure per numeri: 
iquali fignificano i minuti del Modulo, come fi ha fatto in tutti gli altri difegni. Sono quefte impo 
fte akela meta di piu di quel ch'egroflb il pilaftro,che tol fufo l'Arco. 



Aj Viuo della colonna. 

B, Tondino con la Cimbia,e fono membri della colonna. 

C, Baftone fuperiore. 

D, Cauetto. 

E, Baftone inferiors 

F, Orlo attaccato alia Cimacia del Piedeftilo. 

G, Cimacia a due modi-) 

H, Dado. y del Piedeftilo. 

I, Bafa a due modi. vj 
K, Orlo della Bafa. 
L, Impoftede gli Archi. 



-• 



E 



L 1 n R o 




TV 



<£ 



■ II in 



X 



. - 

H 



Modulo 



. ..' 



*» 
«> 



«-2 

i 



^ 



/ 



i» 



^ 



TJ* 



»« 



iC 






^ 



ffHtf- 



to 



P R I MO. 33 

Per fare il capitello fi diuide il piede della colonna in diciotto parti , e dicenoue di quelle parri e 
la larghezza,e lunghezza dell' Abaco:e la mcta e l'altczza del capitello con le volute-.onde viene ad 
etfer alto noue partite meza.Vna parte e meza fi da all' Abaco col fuo Cimacio:l' altre otto reftano 
alia Voluta:la quale fi fa in quefto modo . Dall' eftremita del Cimacio al di dentro fi pone vna par- 
te delle decinoue,e dal punto fatto fi lafcia cadere vna linea a piombo: la quale diuide la Voluta per 
mezo,e fi dimanda Catheto:e doue in quefta linea e il punto , che fepara le quattro parti e meza fu [ 
perion,e le tre e meza inferiori, li fa il centro dell' occhio della Voluta : il diametro del quale e vna 
clelle-otto parti:e dal detto punto fi tira vna linea,la quale incrociata ad angoli retti co'l cathetojuie 
neadiuidere la voluta in quattro parti. Nell' occhio poi fi forma vn quadrato,lacuigrandezza e 
il femidiametro di dei to occhio,e tirare le hnee diagonali ; in quelle Ci fanno i punti 3 oue deue efler 
meflb nel far la Voluta il piede immobile del compaflb : e fono , computatoui il centro dell'occhio , 
tredici centri: e di quefti l'ordine che d deue tenere ; appare per li numeri pofti nel difegno. L'Aftra* 
golo della colonna eal diritto dell'occhio della Voluta. Le Volute vannotanto groilenel mezoj 
quanto e lo fporto dell'Ouolo: ilquale auanza oltra 1' Abaco tanto , quanto e 1' occhio della Voluta . 
11 canale della Voluta , ua al paro del viuo della colonna . L' Afiragalo della colonna gira per fot? 
to la Voluta , e fempre f\ vede , come appar nella pianta , & e naturale che vna cofa tenera , co* 
me e finta efler la Voluta; dia luogo ad vna dura , come e 1' Aftragolo ; e C\ difcofta la Voluta da queL 
lo fempre vgualmente. Si fogliono fare ne gli angoli de' colonnati, 6 portici di ordine Ionico i capi 
telli,c'habbiano le Volute, non folo nella fronte , ma ancho in quella parte , che facendofi il capites 
Io,come fi fuol fare : farrebbe il fiancojonde uengono ad hauere la fronte da due bande , c fi diman- 
dano capitelli angolari:i quali come fi faccianojdimoftrero nel mio libro de i Tempii. 



A, Abaco. 

B, Canale 5 ouero incauo della Voluta. 

C, Ouolo. 

I>, Tondinofottol' Ouolo. 
E f Cimbia. 
F, Viuo della Colonna. 
G> Linea detta Catheto. 






Nella pianta del capitello fono i detti membri eontrafegnati con 1'iftefle lettere. 

S, L' occhio della Voluta in forma grande. 

Membri della Bafa fecondo Vitruuio • 

*, Viuo della Colonnat 

L, Cimbia. 

M> Baftone. 

K, Caucttoprimo, 

O, Tondini. 

P» Cauetto fecondo. 

q^ Orlo. 

R 3 SportOo 



L'Architraue 



LI BH 




P R I M Oi 35 

L'Architrauejil Fregio,e la Cornice fonofcome ho detto)per la quinta parte dell'altezza della co- 
lonna,efi diuide iltutto in parte dodeci.L'Archi trauee parti quattro:ilFregiotre,e la Cornice cin- 
cue.-L'Architraue fi diuide in parti cinque,e d'vna fi fa il ho Cimacio/e il refto fi diuide in dodici.*tre 
fi danno alia prima fafcia,e alfu6 Aftragaloj'quattro alia feconda, & all'AftragalOj e cinque alia ter» 
za.La cornice fi diuide in parti fette ? e tre quartudue fi danno al Cauetto,& Ouolo, due al modiglio- 
ne: <k tre,e'cre quarti alia coronate gola; e fporge tanto in fuori,qnanto e grotfa. lo ho difegnato la- 
tronte,il fiancoje la pianta del Capitello,e 1' Architraue,il Fregio,e la Cornice con gli intaglijChe k li 
Coduepgono, 

A, Goladirittai 

"B, GolariuerJa. --- 

C, Gocciolatoio, 

D, Cimaciodeimodiglioni, 

E, Modigtfoni. 

F, Ouolo, 

G, Cauetto. 
H, Fregio. 

I, Cimaciodell'Architraue. 
Jc, Prima fafcia. 
L, Seconda fafcia, 
M, Tenia fafcia. 

MembridelCapitello, 

W* Abaco, 

O, Incauo della Voluta. 

P, Ouolo. " 

Q, Tondino della Colonna,oucroAftragolo« 

R, Viuo della Colonna, 



Poue fono le Rofe cil Soffitto della cornice tra vn modiglioneje 1'altro. 



** 



DELL* Or, 



i€ 



d" 



1 IB R O 



8^ 



-gr 



— ~~.. J . — ,~. . — — —ifiiriri 



=** 



~ww 



^W^MW)frW^^« 



xa& 



CO 



< 



1/1 $j^fo&&^^ 




2- l£ 



I o 



£ 



mMMMmMmmmMMjam 






; ^MMM^^» MM^MMM^^ 



K 



ggassB^gragosEa sag sag aHg^ggaggaag an: sEE^Egssgaic^ i g sgg B 



^^^^^^^rj 



CT^sasagfiag! wn agraagaaEasaagg gBaaas gagrza^HS^pgaHsasszaBg a^ 




P RIM O. 
DELL'ORDINE CORINTHIO. 



57 



Cap. XVII. 



N CORINTHO nobilifsima Citta del Pclopomefofu prima rirrouarol'ors 
dine,che fi dimanda Corinthio:ilquale e piii adorno, e fuelto de i fopradetti . Le 
colonne fono fimili alle Ioniche , & aggiuntaui la bafa, e il capitello fono lunghe 
moduli noue emezo. Se fi faranno incanellata douranno hauere ventiquattro 

canali iqualiprofondinoperlametadellalorolarghezza.lpianuzzijouerofpaa 
tii tra l'vn canale , e l'altro , faranno per il terzo della larghezza di derti canali . 
L'Architraue, il Fregio, e la Cornice fono per il quinto dell'altezza delle colons 
ne . Nel difegno del colonnato femplice gli intercolunpii fono di due diametri , come e il Portico di 
Santa Maria Ritonda in Roma:e quefta maniera di colonnati da Vitruuio e detta Siftilos . Er in quello 
de gli Archi; ipilaftri fono per le due parti delle cinque della luce dell' Arco, el'Arcoein luce per als 
tezza due quadri, e mezo,comprefa la gro flezza di effo Arco . 




o 



F Sotto 



3S 



LI B RO 



^ ■ g»^i » r agA^/LA7u 5 5Sag^V» 'A . ^^^ A-.-T , ' jl ' A vi ' . 



k.*A!A ^'a'A-3TX^A | 'X i A.'JL'a; 



Ui t d. ted S Efc- >=ijf E3 Ld M «-* W £HT~ — H^ 



- ^WT-^-'-w^.,, -^ jjfi5ggS£>255gZS5Sg5£% :/^J-^^yv-y v '^ ^-"VSr V~Y '^~ '■Vv '.~"' 





innrcr 




■ 




m o i. 




■■*■ 




i-.p ii lW i n i J. iii 



■WM«H 



BBr4 



PRIMO. 




. 







F » 



4% L I B R O 

Sotto le colonne Corinthic fi fara il picdeftilo alto il quarto dell'altczza della colonna 5 e fi diuide* 
ra in otto parti: vna fi dara alia Cimacia , due alia fua bafa, e cinque refteranno al Dado . La Bafa fi di- 
uidera in tre parti : due fi daranno al Zocco , & vna alia Cornice . La bafa delle colonne e 1' Attica : ma 
in quefto e diucrfa da quella , che fi pone all'ordine Dorico , che lo fporto e la quinta parte del diame- 
tro della colonna . Si pud ancho in qualche altra parte variare,come fi vede nel difegno ; oue e fegna- 
ta ancho la impofta de gli Archi : laquale e alea la meta di piu di quel ch'e grollb il membretto , cioe U 
pilaftrojche tol fufo 1' Arco. 



A, Viuo della Colonna. 

B, Cimbia,&Tondino della colonna. 

C, Baftonefuperiore. 

D, CauettocongliAftragali. 

E, Baftoneinferiore. 

F , Orlo della Bafa attaccato alia Cimas 

ciadelPiedeftilo. 

G, Cimacia. } 

H, Dado. > del picdeftilo. 

I , Cornice della bafa. V 
K, Orlo della Bafa. 



La impofta de gli Archi e a canto alia 
colonna. 



Hcapftelto 



.■„■—-..■'■' . «» 



P R I M O. 



s\ 



^ZH 



11/ 



3BJ* 






^T^ ^^amsgrotF 




yiiuiwi^ 




x%|S= 



2,7 



^> 



WW 




hW 



7 



^ 



if 



^^^S^M^affl 



IT 








ffigBgMM!ggm?M^?ffi 




H 



J 1 WtH 



HW 



mitvufti 2,^« 



. 1 



A I - 

1 , s — . - . — -^ 




K 



A% L I B R O 

rllcapkcHo Corinchiodeue effercalto, quanto e grofia la colonna da baflb , edi piu la fefla parte y 
laquale ii Ha all' Abaco : il rcilo fi diuidc in tre parti vguali . La prima fi da alia prima foglia,la fecon^ 
daallafeconda^elaterzadinuouofidiuidein due, e della parte proflima all' Abaco fi fanno icauli- 
coli conle foglie,cheparcheglifoftentino: dallequalielfinafcono: eperoilfufto d'onde efcono , ft 
jfara grofio , & eiTI nc i loro auolgimenti fi andaranno a poco a poco affottigliando , epiglicrcmo in cio 
V eflcmpio dalle piante , lequal i ibno piu groffe doue nafcono , che doue finifcono . La campana , cioS 
il.viuodel capiteilo fottole foglie deue andare al difitto del fondo de'canali delle colonne. Afar 
1* Abaco, c'habbiaconuenicntefporto; fi forma vn quadrato : ciafcun lato delqualefia vn modulo e 
mezo : c fi tii ano in quello le linee diagonali 5 e doue s'interfecano , che fara nel mczo : fi pone il piede 
immobile del compaffo:c verfo ciafcun angolo del quadrato fi fegna vn modulo : e doue faratino i puri^ 
tifitirano 1c lince,ches'interfechino ad angoli retti con ledette diagonali ,c che rocchino i lati del 
quadrato : ecjuefte faranno il terminedello fporto^e quanto faranno lunghe : tanto fara la larghezza 
delle corna dell' Abaco . La curuatura, ouero fcemita fi fara allungando vn filo dall'frri corno all'alt ro,e 
pigliando il punf o,onde viene a formarfi vn triangol6,la cui bafa ela fcemita . Si tira poi vna linea dal- 
r eftremi t a delle dctte corna , all'eftremi ta deli' Aftragalo , ouero tondino della colonna, e fi fa che 1 e 
lipgue delle foglie la tocchinorouero auancino alquanto piu in fora,e quefto e il loro fporto . La Rofa 
deue effer larga la quarra parte del diametro della colonna da piedi . L' Architraue, il Fregio,e la Cars 
nice ( come ho detto ) fono in quinto dell'altezza della colonna.e fi diuide il tutto in parti dodici, come 
nel lonico : ma in quefto v'e differenza,che la Cornice fi diuide in otto parti e meza;d'vna fi fa l'intauo- 
lato,deU'altra il dentello,della terza l'ouolojdella quarta e quinta il modiglioneje dell'altre tre e meza 
la corona,e la Gola. Ha la cornice tanto difporro,quanto e alta. Le caffe delle Rofe,chc vanno tra i mo- 
diglionijvogliono effer quadre,& i modiglionigroifiper lametadel campodidetteRofe. Imesubri di 
queft'ordine non fono ftati contrafegnati coa lettere,come de i paffati : perche da quelli fi poflono que* 
Itifacilmenteconofcere. ... 



DlLLOR 



PRIM O, 



43 



3E 






f 



\ 



l-A 






■V 



'* ^p3zs^iz$3m&z^^ 



=a#* 



Lj^nk J ^A^^ , , _, ■ — - — 




J hobssbbssesi : nM 






44 



L I B R O 
DELL-ORDINE COMPOSITO. 



Cap, XVIII. 




'Ordine Compo(ito,ilquaievienanchodetroLatino,perchefuinuentionedc 
gli Antichi Romani ; e cosi chiamato , perche participa di due de* fopradett i ordis 
ni,& il piu regolato,e piu bello e quello,che e compofto di Ionico,& di Corinthio. 
Si fa piu fuelto del Corinthio , & fi pud fare fimile a quello in turte lc parti , fuori 
che nel capitello. Le colonne deuono efTer lunghe died moduli. Nel difegno 
delcolonnatofemplice, gli intercolunnii fonod'undiametro &mezo, &quefta 
maniera e dimandata da Vitruuio Picnoftilos. Et in quello de gli Archi i pilaftri fono per la nieta 
della luce dell' Arco^ gli Archi fono alti fin fotto il volto due quadri e mezo. 



■ 



• 






■ 






Etpcrchc 



I 












U I M O. 



4f 





tv'^/rrT,7:-^v^rr-t~^7r.,vn-,vx-.,j-v^^ 



^■.^ ■■ ^ ■-y ^ ,/ e g g =^==^^= gg 



i't'^'i'L'L f»m„- . T~Ti,*zn - ivrT- l f.'L'. iTt-ivL'UTiiu i CEgaagaaaaaa 5 [ mcpzgaai gacsaasgaagacc ccEm 



oxasagBaaaipaBn 







IP 



V 



It 



.•■ 



3> 




KO I £ 



■ » ■ ■■)■■ 





Jd ot i 





MP»4»MPWIM 






4<? 



L I B R O 




J H^M W B^^W^ttWW^ 



f 



^\nl*vmiiiminiuiiiiinvmviuiir!Wi\'i\iiii,i:uulumi\ij,mm'i\mNMUimiVA>KlJllMuivitj\iiinH n n».-Trajiumi*uii,itii """ »i.»i..n'j;i | |iiiijiii'nuii»n'p.j"ji M.m'ii'»'»'j.mn.in'iiinmm'iLnwin 




! 




N 



it 



bsbssbs 




assi^ssa 



-P RIM o; 47 

fiperche (come ho dctto > fi deue far queft'ordine piii fuelto del Corinrhiojil fuo PiedeAilo e per 
ilterzodell'altezza della colonna: efidiuide in parti otto,emeza. D'una parte fifalaCimacia, 
di quclla Bafa,e cinque e meza refranoal Dado. La Bafa del Piedeftilofidiuide in tre parti: dtie 
fi danno al Zocco,& vna a' iuoi Bafloni con la fua Gola . 

La Bafa della colonna fi puo far Atrica,come nel Corinthio.e fi pud fare ancho compofta dell' Attis 
ca,e della lonica,corae fi vede nel difegno . 

XaSacomadelPImpoftadegli Archie a canto al piano del Piedeftilp: clafuaaltezza£quantoe 
grolfo il Membretto s 

\ 



G a Ucapitcllo 



* v 




L 1 b; R :o-> 



IIUUUUUUCIR^ 



wh> ■$ 




K ^4Ufo&&^^ 



PMJUMllIll 



T 




I 



VJC> 



jy^m&'iuu: 







* v* 



15 




MO 



JOL 5>4« 



*II* 






i 



^t 




££ 



ftM^ 



.H\/W. ->>\A< 




s 




i 



: i> 












»MH 



P RIM O. 4$. 

'71 capitello Cornpofito ha quelle iftelfe mifure, che ha il Corinthio : ma ediuerfo da quello per la 
Voluta, Ouolo, c Fufarolojche fono membri attribuiti al Ionicoj& il modo di farlo e quefto. Dall' A^ 
baco in giii fi diuide il capitello in tie parti, come nel Corinthio . La prima parte fi da alia prima fo; 
glia,e la feconda alia feconda,e la terza alia Voluta;laquale fi fa in quell'ifteffo modo>e con quei me- 
defimi punti,co i quali s j edetto,che fi fa la Ionica : & occupa tanto dell'Abaco, che paia ch'ella nafca 
fuori dell'Ouolo appreflb il fiore , che fi pone nel mezo della curuatura di dctto Abaco : & e grofTa in 
fronte 3 quanto e lb fmuffo, che fi fa fu le corna di quello,o poco piu . L'Ouolo e groffo delle cinque 
parti dell'Abaco letreila parte fua inferiore comincia al dirittodella parte inferiore dell'occhio del* 
la Voluta:ha di fporto delle quattro parti della fua altezzaje tre: e uiene co'l fuo fporto al diritco del 
la curuatura dell'Abaco,6 poco piii in fuori. HFufarolo eper la terza parte dell'altezza dell'Ouolo, 
& ha di fporto alquanto piu della meta della fua groffezza, e gira intorno il capitello fotto la Voluta , 
e fempre fi uede . II Gradetto , che va fotto il Fufarolo, e fa l'orlo della campana del Capitello;e per 
la meta del Fufarolo. II viuo della campana rifpondealdritto del fondode i canali della colonna. 
Di quefta forte n'ho ueduto uno in Roma: dalquale ho cauate le dette mifure,perche mi eparfo mol- 
tobello, ebenifsimointefo. Si ueggonoanchocapitellifattiinaltromodo, che fi poffono chiamar 
Compofithde' quali fi dira,e fi poneranno le figure ne'miei libri delle antichita . L' Architraue, il Fre- 
gio, e la Cornice fono per la quintapartedeU'altezzadellacolonna, eper quello ch'eftatodettodi 
fopra ne gli altri ordini, e per li numeri pofti nel difegno fi conofce beniffimo il loro compartimento . 



PHI 



L 1 B R O 



b 



^MU&Zji^Z^J^ 



ii ^^^^^^^^^MISMMIESIP 



aMHBii 



Ea^SfePgSg^aaSBgg SISpES ^aS^Sg^E^Bg gffi^ fcB^Egp 







PR I M O. 



J» 






DE I PIEDESTILI. Cap. XIX. 




1 N QV I ho detto,quanto m'e parfo bifogneuole de' muri femplici,e de i loro ors 
namenti , e toccato in particolarc de i Piedeftili , che a ciafcun'ordine fi pofibno at^ 
tribuire : Ma perche pare che gli antichi non habbianohauutoqueftaauertenza di 
fare vn Piedeftilo d'vnagrandezza piu ad vn'ordine, che ad vn'altro, c nondimeno 
queftomembro accrefce molto di bellezza , & d'ornamento , quando eglie fatto 
con ragione , e con proportione all'altre parti ; accioche fe ne habbia perfetta cognitione » e fe ne 
poffa 1' Architetto feruire fecondo le occafioni ; e da faperfi che efli li fecero alcuna volta quadri , 
cioe tanto lunghi quanro larghi, come nell'Arco de' Leoni in Verona : e quefti ibho dati all'ordi- 
ne Dorico,perche fe li richiede la fodezza. Alcuna volta li fecero pigliando la mifura dalla luce de 
ivani,come nell'Arco di Tito a Santa Maria Noua in Roma, & in quello diTraianofu'l porto 
d* Ancona: doue il Piedeftilo e alto per la meta dellaluce dell'Arcore di tal forte picdeftili ho mef- 
{o nell'ordine Ionico . Et alcuna volta pigliarono la mifura dall'altezza della colonna,come fi ves 
de a Sufa Citta pofta al le radici de* monti,che diuidono la Italia dalla Francia, in vn' Arco fatto in 
honore di Augufto Cefare : e nell'Arco di Pola Citta della Dalmatian neH'Anfitheatro di Roma, 
nell'ordine Ionico,& Corinthio.ne' quali edificii il piedeftilo e per la quarta parte deli'altezzadcl 
le colonne, come ioho fatto nell'ordine Corinthio. In Verona nell'Arco diCaftel Vecchio,ilqua* 
le e belliffimo: il piedeftilo e peril terzo deli'altezzadellecolone,come ho meflb nell'ordine Cos 
pofito. E quefte fona belliffime forme di Piedeftilij c c'hannobellaproportione all'altre parti. 
Equado Vitruuio nel fefto libro ragionando de i Theatri fa mentione del poggio,e da fapere che'l 
poggio e il medefmo , che'l piedeftilo : ilquale e per il terzo della lunghezza delle colonne poftc 
per ornamento della fcena . Ma de' piedeftili , che cccedono il terzo della colonna fe ne vede in 
Roma nell'Arco diConftantinOjOueipiedeftilifono per le due parti emeza dell'altezza delleco- 

lonne . E quad in tutti i piedeftili antichi fi vede effere ftato ofleruato di farlabafadue volte piu 
groflajche la Cimacia,come fi.vedera nel mio libro de gli Archi . 

<■ DEGLIABVSI. Cap. XX. 

A V EN D O io pofto gli ornamenti deirArchitettura,cioe i cinque ordini, &inlc- 
gnato come fi debbano fare, & meffe le facome di ciafcuna parte loro,come ho tro- 
uato che gli antichi ofTeruaronomo mi pare fuori di propofito far qui auertito il Let 
tore di molti abufi , che introdotti da 5 Barbari ; ancora fiofleruano; accioche gli ftu* 
diofi di queft'arte nell'opere loro fe ne pofllno guardare , & nelle altrui conofcerli . 
Dico adunque, che ciTendorArchitettura (come fonoancho tuttele altri arti ) imitatrice del|a 
Natura,niuna cofa patifce , che aliena , & lontana fia da quello,che cfla Natura comporta , ondc 
noi ueggiamo.che quegli antichi Architetti i quali gli Edificii,che di legno fi faceuano cominciaro 
no a fare di pietre ; inftituirono che le colonne nella cima loro foflero manco grofle , che da piedi , 
pigliandol'efempio da gli arbori, i quali tutti fono piu fottili nella cima.che nel tronco, & appref- 
fo le radici.Medefimamente,perche e molto conueneuole, che quelle cofe , fopra lequali qualchc 
gran carico e pofto , Ci fchizzinojpofero fotto le colonne le bafe , lequali con quci loro baftoni , & 
cauetti paiono per lo fopra pofto pefo fchizzarfi , cofi ancho nelle cornici introduffero i Trighfi > i 
Modiglioni,&i Dentelli:i quali rapprefentaffero le tefte di quelle traui,cheneipalchi, e perfo^ 
ftentamento de i coperti fi pongono . L'ifteflo in ciafcun'altra parte fi conofcera,fe ui fi ponera con 
fideratione:il che cofi elTendojno fi puo fe nonbiafimare quella maniera di fabricare, la quale par 
tendofi da quello,che la Natura delle cofe ci infegna,& da quella femplicita , che nelle cofe da lei 
create fi fcorge,quafi un'altra natura facendofi ; fi parte dal ueio, buono , e bel modo di fabricare . 
Per la qual cofanon fi doura in ucce di colonne,6 di pilaftri,che habbiano a tor fufo qualche pefo, 
'poner cartelle,le quali fi diconocartocci,che fono certiinuolgimentijiquali a gli intelligenti fan* 

'Bobruttiffima uifta,& a quelli che non fe ne intendono apportano piu tofto confufione, che piace« 
re,ne alcro effetto producono,fe non che accrefcono fpefa a gli edificarori . Medefimamente non (1 
fara nafcer fuori dalle cornici alcuni di quefti cartocci , percioche eflendo dibifogno , che tutte lc 
parti della cornice a qualche effetto fiano fatte, & fiano come dimoftratrici di quello , che fi vede- 
rebbe , quando l'opera fofl'e di lcgname:& oltrc a cid effendo conueneuole che a foftentare vn ca- 
tV; l ricojfi 




|i LI B R O 

ricojfi richiegga vna cofa dura,& atta a refiftere al pefo; non e dubbio , che quefti tali cartocci noa 
fiano del tutto fuperfrui,peft:he impoflfibile e.che traue.o legno alcuno faccia reffetto,che effi raps 
prefenrano:& fingendoh" teneri,& molli 3 non fo con qual ragione fi poflano metter fotto ad vna co- 
faditra,& greueaMa quello , che a mio parere importa molto , e l'abufo del fare i frontefpici delle 
porre delle feneftrc,e delle loggie fpezzatinel mezo, conciofiache effendo effi fatti per dimoftra* 
re,& accufare i! ptouere delle fabriche , ilquale cofi colmo nel mezo fecero i primi edificatori am- 
maeftrati dalla neceffua iftelfa: non fo che cofa piu contraria alia ragion naturale fi poffa fare , ehc 
fpezzar qudla parte,che e finta difendere gli habitanti 3 &quelli 3 ch'entrano in cafa , dalle pioggie, 
dalle neui 3 & dalla grandineie benche il variare 3 & le cofenuoue a tutti debbano piacere,ncnu de- 
ne pero far cio contra i precetti dell'arte^ contra quello,che la ragione ci dimonftra:onde fi vede 
che ancho gli Antichi variarono:ne pero fi partirono mai da alcune regole vniuerfali , & neceffarie 
dell' Arte,come fi vedera ne' miei Iibri dell* Antichita. Circa le progetture ancora delle cornici , 6c 
altri ornarnentije non picciolo abufo il farli che porgano molto in fuori percioche quando eccedos 
noquello^cheragioneuolmertteloro ficonuiene,oltrachefefonoinluogochiufo j lo fanno ftrets 
td,e fgarbatojmettono fpauento a quelli,che ui ftanno fotto,perchefempre minacciano di cafcare. 
Ne meno fideue fuggire il fare le cornici,cheallecolonnenonhabbiano proportione, effendo che 
fe fopra le colonne picciole fi porranno cornici grandi,6 fopra colonne grandi cornici picciole , chi 
dubita che da tale edificio non debba caufarfi brutiffimo afpetto ? Oltre a cio il fingere le colonne 
fpezzate co'l far loro intorno alcuni anelli,& ghirlande, che paiano tenirle vnite , & falde , fi deue 
quanto fi pud fchifare,perche quanto piu intiere,e ford fi dimonftrano le colonne,tato meglio pa* 
iono far 1'eff etto.al quale elle fono pofte,che e di redere l'opera difopra ficura,e ftabile.molti altri 
fimili abufipotrei raccontare,come di alcuni membri, che nelle cornici fi fanno fenza proportione 
a gli altri, i quali per quello c'ho moftrato di fopra e per li gia detti fi lafcieranno facilmente cono- 
fcere.Refta hora che Ci venga alia difpofitione de luoghi particolari,e principali delle fabriche, 

DELLE LOGGIE, DELL'ENTRATE, DELLE SALE, 
e delle ftanze : & della forma loro. Cap. X X I . 

I S O G L I O N O far le loggie per lo piu nella faccia dauanti,& in quella di dietro 
della cafa : e fi fanno nel mezo,facendone vna fola : 6 dalle bande facendone due » 
Seruono quelle loggie a molti commodi 3 come a fpalfeggiare, a mangiare , & ad al- 
tri diporti e fi fanno e maggiori , eminori come ricerca lagrandezza,e il commodo 
della fabrica,ma per il piu non fi farano meno larghe de dieci piedi, ne piii di venti. 
Hanno okra di cio tutte le cafe bene ordinate nel mezo 3 & nella piu bellaparte loro alcuni luoghi: 
nC quali rifpondono 3 & riefcono tutti gli altri. Quefti nella parte di fotto fi chiamano volgarmen- 
te Entrate s & in quella di fopra Sale . Sono come luoghi publici,e l'cntrate feruono per luogho, 
cue ftiano quelli,che afpettano 3 che'l padrone efca di cafa per falutarlo, & per negotiar feco:& fo- 
no la prima parte ( oltra le loggie ) che fi offerifce a chi enrra nella cafa . Le Sale feruono a feftc,a 
couiti,ad apparari per recitar comedie,nozze,e fimili folazzi:e pero deono quefti luoghi efTer mol 
to maggiori de gli altri,& hauer quella forma,che capaciffima fia,accid che molta gente commoda 
mente vi polfa flare , & vedere quello che vi fi faccia . Io fon folito non eccedere nella lunghezza 
delle Sale due quadri-.i quali C\ facciano dalla Iarghezza: maquanro piu. fi approffimeranno al qua 
drato 3 tanto piu faranno lodeuoli,& commode. 

Le Stanze deono elfere compartite dall'una , c l'altra parte dell'entrata , e della Sala : e fi deue 
anertire,che quelle dalla parte deftra refpondino, efianouguali a quelle dalla finiftra:accioche la 
fabrica fia cofi in vna parte come nell'altra:& i muri fentano il carico del coperto vgualm ente:Per 
cioche fe da vna parte fi faranno le ftanze grandi 3 edaH'altra picciole 3 quefta fara piu atta a refifte- 
re al pefo per la fpeffezza de i muri,e quella piu debole,onde ne nafceranno co'l tempo grandiffimi 
inccmuenienti a ruinadi tutta 1'opera.Le piu belle e proportionate maniere di ftanze, e"che riefco- 
no meglio fono fette:percioche 6 fi faranno ritonde,e quelle di rado:6 quadrate; o la longhezzalo 
ro fara per la linea diagonale del quadrato della Iarghezza, o d' vn quadro & vn terzo i o d'vn qua* 
dro e mezo,o d'vn quadro»e due terzi 3 o di due quadri. 



DE' PAY I* 




P R I M 01 

DE' PAVIMENTI, E DE' SOFFITTATI. 



n 



Cap. XX U. 




AVBNDO veduto le forme delle Loggie 5 delle Sale,e delle Stanzeje conueniente 
cofa che fi dica de' pauimenti,e de' foffitati loro. I Pauimenti fi foglionofare 6 di tcr* 
razzo,come fi via in Venetian di pietre cotte,ouero di pietre viue. Quei terrazzi fb- 
no eccellenti,che fi f anno di coppo pefto,e di ghiara minuta,e di calcina di cuocoli di 
fiume,ouer Padouana,e fono ben battuthe deuohfifare nella Primauera s 6 nell'Efta- 
te,accioche fi poflano ben feccare. I pauimenti di pietre cotte,perche le pietre fi poC 
fono fare di diuerfe forme,e di diuerfi colori per la diuerfita delle crete; riufciranno molto belli,e va- 
ghi all'occhio per la varieta de' colori. Quelli di pietre viue rarifsime volte fi fanno nelle ftanze: per- 
che nel Verno rendono grandifsimo freddo : ma nelle Loggie, e ne' luoghi public! ftanno molto be- 
ne . Si auertira che le ftanze , che faranno vna dietro l'altra j tutte habbiano il fuolo , 6 il pauimento 
y<male,di modo che ne ancho i lottolimitari delle porte fiano piu alti del reftantedel piano delle ftaa 
ze: e fe qualche camerino non giugnera con la fua altezza a quel fegno ; fopra vi fi deuera fare vn me- 
zato , ouero folaro pofticcio . I foffitati ancor efsi diuerfamentefi fanno : percioche moltifidilettan 
d'hauerli di traui belle>e ben lauoratejoue bifogna auertire che quelle traui deono eflere diftanti vna 
dall'altra,vna grolfezza,e meza di trauerperche cofi riefcono i folari belli a]l'occhio,e vi refta tanto di 
muro fra le telte delle traui,che e atto a foftenere quello di fopra:ma fe fi faranno piu diftantinon rea 
deranno bella vifta:e fe fi faranno menojfara quafi vn diuidere il muro di fopra da quello di fottoron- 
de marcendoti, 6 abbrucciandofi le traui ; il muro di fopra fara sforzato a r uinare. Altri vi vogliono 
compartimenti di ftucchi,6 di legname,ne' quali fi mettano delle pitture:ecofi fecondole diuerfe in- 
uentioni s'adornano: e pero non li puo dare in cio certa,e determinata regola. 

DELL'ALTEZZA DELLE STANZE. Cap. XXIII. 

E STANZE fifannooinvolto,dinfolaro. Se in folaro :l'altezza del pauimento 
alia trauatura fara quantola loro larghezza : e le ftanze di fopra faranno per la fefta 
parte meno alte di quelle di fotto. Se in volto ( come fi fogliono fare quelle del pri- 
mo ordine 5 perche cofi riefcono piiibelle s e fono meno efpofte a gli incendij) l'altez- 
ze de' volti nelle ftanze quadre fi faranno aggiunta la terza, parte alia larghezza della 
ftanza. Ma nelle piu lunghe che larghe fara di bifogno dalla lunghezza, e larghezza 

ritrouare l'altezza, ch'infieme habbiano proportione.Quefta altezza fi ritrouera ponendo la larghez 

za appreflo la lunghezza , e diuidendo il tutto in due parti 




J 



vguali : percioche vna di quelle meta fara l'altezza del volto, 
come in efempio, fia b,c, il luogo da inuoltarfi:aggiungafi la 
larghezza a, c , ad a, b 5 lunghezza, e facciafi la linea e 3 b ? la- 
C|ualefidiuida in due parti vguali nel punto f, diremo f,b, 
efter l'altezza, che cerchiamo : ouero fia la ftanza da inuol- 
tarfi lunga piedi xij.e largha vj.cougiunto il vj. al xij. ne pro- 
cede xviij. la meta del quale e noue: adunque in volto doue- 
ra efler alto noue piedi . 

Vn'altra altezza ancora fi trouera c'hauera proportione allalunghezza,e larghezza della ftanza in 
quefto modo . Pofto il luogo da inuoltarfi c, b : aggiungeremola larghezza alia lunghezza e faremo 
la linea b , f : dapoi la diuideremo in due parti vguali nel punto e : ilqual fatto centro j faremo il me- 
zo cerchio b, g, f , & allungheremo a, c , fin che tocchi la cir- 
conferenza nel punto g:& a, gj fara l'altezza del volto di c,b. 
Ne i numeri fi ritrouera in quefto modo. Conofciuto quan- 
ti piedi fia larga la ftanza s e quanti lunga ; troueremo vn nu- 
mero c'habbia quella proportione alia larghezza, che la lun- 
ghezza hauera a lui: e lo ritroueremo mokiplicando il mino- 
re eftremo co'I maggiore: perche la radice quadrata di quel- 
lo che procedera da detta moltiplicatione fara l'altezza che J> 
cerchiamo ; come per efempio : fe'l luogo che vogliamo^ in- 
uoltare e lungo ix.piedi,e largo iiij.raltezza del volto fara Sd 
piedi, e quella proportione, c'ha ix.afei,ha anchofeia iiij. 
cioe la fefquialtera . Ma e da auertire , che non fara fempre 
pofsibile ritrouar queft'altezza co i numeri. $ L 




H 



\ 




4 


V'' : - 



L I B R O 

Si pud ancho ritrouare vn'altra altezza,che fara minore : 
ma nondimeno proportionata alia ftanza in quefto modo . 
Tirate le linee a,b : a,c ; c»d : & b,d j che dimoftrano la lar- 
ghezza, elunghezzadelU ftazajfiritiouera l'altezza come 
nel primo modo , che fara la c,e : laquale fi aggiungera alia 
a,c: e poj fifarala linea e,d,f,8c fi allunghera a,b:fin chetoc- 
° chila e>d,f,nelpuntof. L'altezza del volto iara labjf.Ma 
con i numeri fi ritrouera in tal maniera. Ritrouaro dalla lun 
ghezza,e larghezza della ftanza l'altezza fecondoil primo 
modojlaquale tenendo l'efempio foprapofto e il 9ifi col]o r 
cheranno la lunghezza, la larghezza, e l'altezza, come nella 
figura: dipoi f\ moltiplica i) g 3 co'l 1 2 3 eco'l "' 

6,&quello,cheproccderadali2,fiponga I2 a f. 
f fottoili2:&quello,chedaU,fottoil6,e Io8 » |*> 5 * 
pofciafi moltiplica il 5>co'l i2,e quel, che ne procedera; fi ponga fottojl 9: e quefto 
fara il 7 2, e ritronato vn numero , ilquale moltiplicato co'l 9, giunga alia fomma del 7 2, che nel cafb 
noftro farebbe YB, diremo 8, piedi efter l'altezza del volto. Stanno quefte altezze tra loro in quefto 
modo j che la prima e maggiore della feconda , e quefta e maggiore della terza : pero ci feruiremo di 
ciafcuna d i quefte altezze,fecondo che tornera bene per far che piu ftanze di diuerfe grandezze hab- 
biano i volti egualmente alti,e nondimeno detti volti fiano proportionati a quelletdalche ne rifulte- 
ra e bellezza all'occhioje commodita per il fuolo 3 6 pauimenro che andara loro fopra:perche verra ad 
efter tutto vguale. Sono ancora altre altezze di voltijlequali non cafcanofotto regola;& di quefte fi 
hauera da feruire l'Architetto,fecondo il fuo giudicio,& fecondo la necefsita. 

DELLE MANIERE PE' VOLTI, Cap. XXIIII. 

E I fono le manierede' volti cioea croctera s afafcia,a remenato (checofi chiamanoi 
VoIti,che fono di portione di cerchio,e non arriuano al iemicircolo) ritondi,a lunet- 
te^ a conca; i quali hanno di frezza il terzo della larghezza della ftanza. Le due vl- 
time maniere fono ftate ritrouate da' Moderni : delle quattro prime fi ieruirono an- 
cho gli Antichi. I volti tondi fi fanno nelle ftanze in quadro;& il modo di farli e tale. 
Si lafciano ne gli angoli della ftanza alcuni fmufsi , che toghono fufo il mezo tondo 
del volto:ilquale nel mezo viene ad effere a remenaroje quanto piii s'approfsima a gli angoli;tato piu 
diuenta ritondo. Di quefta forte n'e vno in Roma nelle Terme di Tito,e quando io lo vidi era in par. 
te ruinato. Ho pofto qui di fotto le figure di tutte quefte maniere applicate alle forme delle ftanze. 





DEL< 



P R I M Oi 



53 



DELLE MIS 



VRE DELLE 

fineftre. Cap. 



PORTE, 
XXV. 



E DELLE 




■[ON li pud dare certa , e determinata regola circa lealtezze , e larghezze 
delle porte principali delle fabriche , e circa leporte , e fineftre delle ftanze 
Percioche a far le porte principali fi deue l'Architetto acccmmodare alia-. 
grandezza della fabrica, alia qualita del padrone ^& allecofe,che per quelle 
deono efierecondotte » eportate . A meparechetomi benediuider lo fpa- 
tio dal piano, 6 fuolo allafuperficie della trauatura in tre parti, emeza, (co- 
me dice Vitruuioneliiij. lib. alvj. cap.)ediduefamelaJuceinaltizza , edi 
vna in larghezza, manco la duodecima parte dell'altczza. Solcano gli antichi far 
le loro porte meno larghe di fopra che da baffo, comefivedeinvnTempioaTiuoli , e Vitruuioce 
lo inftgna , forfepermaggiorforiezza . Si deue eleggereilhtogoperle porte principali, ouefacil- 
mentedatuttalacafafipoftaandare . Le porte delle ftanze non fi faranno piii larghe di tre picdi, & 
altefej,emezo sne meno di due piedi in larghezza,e cinque in altezza . Si dcueauuertire nel far le fi- 
lieftre,chenepiunemenodilucepiglino 3 nefianopiurarej6fperTediquello,che'lb!ibgnoiicerchi. 

Pero fi hauera molto rifguardo alia gradezza delle ftanze , che da quelle deono riceuere il Jume .* Per- 
cioche cofamanifeftaechedimoltopiu luce hi dibifogno vna ftanzagrande, accioche iia lucida,e 
xhiara, che vna picciola .re fefi faranno le fineftre piii picciole,e rare dique!lo»cheficonuenga ;ren- 
deranno i luoghi ofcuri: e fe eccederanno in troppo grandezza ; li faranno quafi inhabitubili : perche 
cfsendoui portato il freddo, & il caldodall'Aria j faranno quei luoghi fecondo le ftagioni ddl. # anno 
caldiilimi, e freddiflimi, cafo che la regione del Cielo, alia quale effi la ran no volti , non gli apporti al- 
quanto di giouamento . Per la qual cofa non fi faranno fineftre pm larghe della quarra parte della lar- 
ghtzza delle ftanze.-nepjuftrette della quinta.-efi faranno alte due quadri,ed; piu la fella parte del- 
la larghezza loro . E perche nelle cafefi fanno ftanzegrandi, mczane,e picciole,e nondimeno le fine- 
ftre ckonoeiTereruttevguali nel loro ordine, ofoiarc-amepiaccionomolto , per pigliarlamiiura 
delle dette fineftre ; quelle ftanze , la lunghezza delle quali e due terzi piii della larghezza , cioe ie la 
larghezza exviij.piedi,che la lunghezza fia xxx.e partifco la larghezza in quattro parti,e meza . Di v- 
«a taccio le fineftre larghe in luce,e di due alte,aggiuntaui la fefta parte della larghezza :e fecondo la 
grandezza di quefte faccio tutte quelle dell'al tre ftanze . Le fineftre di fopra , cice quelle del fecondo 
ordine deono eilere la fefta parte minori della lunghezza della luce di quelle di fotto, e fe altre fine- 
ftre piudi fopra fi faranno fimilmente per la fefta parte fideono diminuire . Debbonole fineftre da_, 
man deftra corrifpondere a quelle da man finittra : e quelle di fopra efliere al d i ritto di quelle di fotto: 
e le porte fimilmente tutte eifere al diritto vna fopra 1'altra : accioche fopra il vano fia il vano, e fopra 
ilpienofiailpieno : &ancorinconrraifi accioche ftando in vna parte della cafa, fi pofTavedere fiiu 
dairaltra.* ileheapporta vaghezza , efrefcola Eftate , &altricommodi . Sifuoiepcrmaggiorfor- 
tezza , accioche i fopradgli , 6 fopralimirari delle porte , e fineftre non fiano aggrauati dal pefo ,fjre 
akuni arthi , che volgarmente fi chiamano remenati , i quali fono di molta vtilitri alia perpetuita del- 
la f^brica * Deonolefintftreallontanarfidagli3ngoli , 6 cantoni della fabiica,comedi fopra eftato 
decto. -percioche non deue eftereaperta,&indebolitaquella parte, iaquale ha da tenerdiritto,&in- 
fiemetutto'lreftantedeU'Edificio. LePilaftrate, oueroErte delle porte, e delle fineftre non vogliono 
eflere ne mtno grofle della fefta parte della larghezza della luce,ne piii della quinta. Refta che noi ve. 
diamo dei loro ornamenti. 

DE GLI ORNAMENTI DELLE PORTE, ET D'ELLE 

fineftre. Cap. XXVI. 

O M E fidebbano fare gliornamenti delle porte principal! dellefabriche ; G pudfa- 
cilmenteconofceredaquello , chec'mfegna Vitiuuioalcap.vj. dcliiij. libro , ag- 
giungendoui quel tanto, cheinqudlucgo nediee , emoftra indifegnoilReueren- 
diflimoBaibaro , &daquelloch*iohodetto , edifegnatod< fopra in tutu i cinque 
ordjni .• pero lafciandoquefti da parte ; porrofolamentealcunefacomedegliorna- 
menti delle porte , edelle fineftre delle ftanze , fecondo che diuerfamente fi ponno 
fare,ediraoftreroafegnare ciafcun membro particolarmente c'habbja gratia, &ilfuodebito fpor- 
to . Gliornamenti, che iidannoalle porte, e fineftre fono TArchitraue, ilFregio,e la Cornice. 
L J Architraucgiraintornola porta , edeueefler groffo quanta fono lehrte , oner le Pilaftrare i 

H 2 lequali 




f€ I I B R O 

Je quaii h d'dettb non douerfi far meno della fefta parte della Jargbezzadella luce , nc piu della quirts 
ta;e 4a lui pigliano laloro groffezza il Fregio, & la Cornice. Delle due inuentipni che feguonp la pri- 
ma , cioe quella d i fopra ha quelle mifure , S\ partifee 1' Architraue in quattro parti, e per tre di quelle 
Itfaraltezzadel Fregio 3 e per cinque quejla della Cornice. SitornaadiuidereVArchirrauein dieci 
parti ? tre yanno alia prima fafcia,quattro alia feconda,e le tie che reftano fi diuidono in cinque ,' due. 
(\ danno al regolo, puer -orlo, e le tre che reftano alia Gob riuerfa , the altrarnente fi dice intauplato J 
il fuo fporto equan to la fuaaltezza.-rorlo fporge in fuori manco della meta della fua groffezza . L'in- 
tauola to fi fegna in quefto modo.;fi tira yna linea diritta ,Ja qual vada a finirc PC i termini diquello fo£ 
loTorlPje fopra la feconda fafcia .-efi diuide per mezojC fi la che tinfeuna di quelle meta fiala pafidi 
vn triangolo di due lati vguali , eneirangolooppcftoallabafafimetteil piede immobile del com-, 
paffo,efiriranolelineecuiue, lequalifannodettointauolato ,11 Fregio e per le tre parti dellequattro, 
dell\Architraue 3 e fi fegna di portione d' cerchio minore del mezo circolo ? e con la fua gonfiezza vie- 
ne al diritto del cimacio dell' Architraue , Le cinque parti , che (i danno alia cornice in quefto modo 4 
ifuoimembrifiattribuifcono.'vnafidaalcauetto col fuo li(tello,ilqualeeper la quinta parte del Ca- 
yetto.'ha il cauetto di fporto delle tre parti le due della fua altezza.*per fegnarlo fi forma yn triangolp 
di due lati vguali, e neirangplo C, fi fa il centre .-onde il cauetto viene ad efler la bafa del Triangolo , 
Waltra delle dette cinque parti ii da all'Quolo. Ha di fporto delle tre parti della fua altezza le due 3 e 
(i fegna facendofi vn triangolo di due lati vguali 3 e (i fa centrp del j 

oc^iolatoio,co J fuo 

,efal'incauodelG^, 
~iritta 3 ealfuoorlo, ilqualee per vna delle tre partis 
ellagola.Pet formarlacheftiabenej&habbia gratiajfi tira la linea diritta A, B,efidiuide in due parti 
ygualinelpunto C, vnadiquefte meta fl diuide in fetre parti , efi pigliano jefeinelpiinto D, efi 
formanopoiduetriangoli A, E, C, & C, B, F 3 e ne*punti E, & F, ft pone il piede i tnmobi- 
jedcIcompaffo 3 efitiranolepoitionidiceichioA 3 C, & C, B, lequali formano la Gola , 

L' Architraue fimilmente nella feconda inuentionefi diuide in quattro parti :editrefifaralte2Za 
del Fregio, c di cinque quella della Cornice . Si diuide ppi rArchitraue in tre parti , edue di quelle fi 
diuidono in fctte, e tre fi danno alia prima fafcia, e qu ... ttro alia feconda . E la terza parte fi diuide iiu 
nouevdi due fi fa il tondino.% 1 altre fette fi d'uidonoincinque:trefannol mtauolato,eduePorlo. L'al- 
tezza della cornice fi diuide in parti cinque eta quatti.-vnadiqueftefi diuide in feiparthdi cinque fi 
fa Tintauolato fopra ilfregiOjed'vnailliitello.H , di fporto rintauolatoquantpelafuaaJtezzaiecofi 
anco il liftello. Vn'aitra fi da aH'ouolo^ilquale ha d? fporto delle quattro parti della fua altezza le tre , 
II gradetto fopra I'ouolo e per la fefta parte deli'ouolo , e tanto ha di fportp . Le altrc tre parti fi diui- 
dono in dicefette 3 & otto di quelle fi danno al Gocciolatoio : ilquale ha di fporto delle tre parti della 
fua altezza le quattro: le altre noue fi diuidono in quattro.* tre fi danno alia Gola , & vna aH'orlo • I tre 
quarti che reftanojfi diuidono in cinque parti e mtza: d'vna fi fa il gradetto, e delle quattro , e meza i| 
fuo intauolato fopra il Gocciolatoio.Sporge quefta cornice tanto in fuori,quanto egroffa* 

Membri della Cornice della prima inuentione . 

I, Cauetto, 
k, Ouolo. 
L, Gocciolatoio. 
N, Gola. 
Q, Qrlo. 

Membri dell'Architraue f 

P, Intauolato^oucrGoIariuerfa, 
Q^ Prima fafcia. 
V, Seconda fafcia. 
R, Qrlo. 

S, Gonfiezza del Fregio. 
•J*, Parte del Fregio ch'entra nel muroij 
Co'l mezo di quefti ii conofcono arrco i membri della feconda inuen^one * 

P-iqueftc 



P R I M 0. 




5 8 L . I B R O 

Di quefte due altre inuentioni l'Architraue della prima , ch'e il fegnato F ., fi diuide fimilmente In 
quattro parti :di tre &vnquartofi ial'altezza del Frcgio, edi cinque quella della cornice . Si diui- 
de l'Architraue in parti otto.' cinque vannoal piano, etrealcimaciojilqualevaancoreglidiujfoiti 
parti otto." tre fi dannoall'intauolato, treal cauetto 5 edueall J orlo . L'altezza della Cornice fi parti- 
fce in fei parti •' di due fi fa la Gola diritta col fuo orlo,e di vna Tin tauolato . Si diuide poi dctta Go la_ 
in noueparti , e di otto di quelle fi fa il Gocciolatoio , e Gradetto . L'Aftragolo , o Tondino fopra_, 
ilFregioe^erilterzod'vna delle dette fei parti, equellojdie refta trail Gocciolatoio , eil Tondi- 
no fi lafcia al Cauetto . 

Nell'altra inuentione l'Architraue fegnato H, fi diuide in quattro parti, edi tree mezafi fa l'al- 
tezza del fregio,e di cinque l'altezza della cornice . Si diuide l'Architraue in parti otto .• cinque van- 
noal piano , etrealcimacio . 11 Cimaciofi diuide in parti fette, d'vnafifai'AftragolOjcV ilreftofi 
diuide di tiuouo in otto parti •• tre fi danno alia Gola riuerfa , tre al Cauetto , e due all'Orlo . L'akez- 
za della cornice fi diuide in parti fei , e tre quarti . Di tre parti fi fa rintauo!ato,il dentello , e l'ouolo. 
L'intauolato hadi fporto quanto egrolToril dentello delle tre parti della fiu aitezza le due : c l J Ouolo 
delle quattro parti le tre je de i tre quarti fi fa l'intauolato tra la Gola , e il Gocciolatoio : e l'altre tre 
parti fi diuidono in diciefette.- noue fanno la Gola , & l'Orlo ,• &otto il Gocciolatoio . Viene quefta- 
Cornice ad bauerdi fporto quanpel^fua groiTezza,comeanco le fopradette- 



:■••■. 



DE'CAMINI 



HIM O, 







I 

u 



■ 

DE* CAMINI. Cap. XXVII. 




5 ARONO gli Antichidifcaldarele loro ftanze in quefto modo. Faccuano i ca- 
mini nel mezo con colonne , o modiglioni , che toglieuano fufo gli Architraui : fopra 
i quali era la Piramide del camino , d'onde vfciua il fumo , come fe ne vedeua vno a 
Baie apprefib laPifcinadi Nerone; & vno non moltolontano daCiuita Vecchia. 
E quando non vi voleuano camini; faceuano nella groffezza del muro alcune canne, 

6 trombe per lequali il calor del fuoco, ch'era f otto quelle ftanze faliua, & vfciua fuo- 
ri percertifpiragli,6bocche fatte nella fommitadi quelle canne. Quafineli'ifteflbmodoiTrenti 
Gentil'huominiVicentiniaCoftozalorVillarinfrefcano l'Eftatele ftanze: Percioche eflendonei 
monti di detta Villa , alcune caue grandifsime , che gli habitatori di quei luoghi chiamano coualij & 
erano anticamente Petraie, delle quali credo che intenda Vitruuio , quando nel fecondo libro, oue 
tratta delle pietre, dice , che nella MarcaTriuigiana fi caua vna forte di pietra , che fi taglia con lajfe- 
ga,come il legno, Nelle quali nafcono alcuni venti frefchifsimijquefti Gentirhtfomini per certi volti 
fotterranei , ch'efsi dimandano Ventidotti ; gli conducono alle loro cafe , & con canne fimili alle fo- 
pradette conducono poi quel vento frefco per tutte le ftanze,otturandole,& aprendole a lor piacere 
per pigliare piu,e manco frefco, fecondo le ftagioni . E benche per quefta grandifsima commodita 
fia quefto luogo marauigliofo i nondimeno molto piu degno di elfer goduto , & vifto lo rende il car- 
cere de Venti, che e vna ftanza fotterra fatta dall'fccellenti/simo Signor Francefco Trento , & da Iui 
chiamata EOLIA: oue molti di detti Ventiduttisboccano: nella quale per fare che fiaornata,e 
bella,ecoriformealnome;egli nonhafparagnatone a diligenza,nea (pefaalcuna. Maritornandoa 
i camini > n6i li facciamo nella grolfezza de i muri , & alziamo le loro canne fin fuori del tetto : acrid 
che portino il fumo nell'Aria . Doue fi deue auertire che le canne non fi facciano ne troppo larghe > 
ne troppo ftrette : perche fe fifaranno larghe, vagando per quelle l'Aria ; cacciera il fumo all'in giu } c 
non lo lafciera afcendercj& vlcir fuori liberamente:e nelle troppo ftrette il fumo non hauendo libe- 
ra la vfcita ; s'ingorghera , e tornera indietro : pero ne' camini per le ftanze non fi faranno le canne ne 
meno larghe di mezo piede,ne piu di noue oncie,e lunghe due piedi e mezo:e la bocca delta Pirami- 
de doue fi congiugne con la canna fi fara alquanto piu ftretta.-accioche ritornando il fumo in giiijtro- 
ui queH'impedimento,e non poflavenir nella ftanza. Fanno alcuni le canne torte ? acci6 che'perquel- 
Iatortuofita,e per lo fuoco chelofpignein futbjnon pofta il fumo tornare indietro. I fumaruoli,cioe 
i buchi per doue ha da vfcire il fumo ; deono eflere larghi , e lontani da ogni materia atta ad abbru- 
ciarfi, Le Nappe, fopra le quali fi fa la Piramide del camino; dconO elfer lauorate delicatifsimamen- 
te» & in tutto lontane dal Ruftico : percioche l'opera ruftica non fi conuiene , fe non a molto grandi 
Edificij per le ragioni gia dette. 

DELLE SCALE, E VARIE MANIERE DI QVELLE, 
edelnumerojegrandezzade'gradi. Cap. XXVlil. 

I D E V E molto auertire nel poner delle fcalc : perche e non picciola difficulta i 
ritrouar fito,che a quelle fi conuenga , e non impedifca il reftante della fabrica. 
Pero fi affegnera loro vn luogo proprio principalmente; accioche non impedifcano 
gli altri luoghi , ne fiano da quelle impedite . Tre aperture nelle fcale fi ricercano : 
la prima e la porta, per doue alia fcalafimonta: la quale quantomeno e nafcofta a 
quelli ch'entrano nella cafa i tanto piu e da efier lodata ; e molto mi piacera fe fara in 
luogo , oue auanti che fi peruenga ; fi vegga la piu bella parte della cafa : perche ancor che picciola 
cafafuflTe jparera molto grande: ma che pero fiamanifefta,e facile da trouarfi. Lafeconda apertura 
c le fineftre,che a dar luce a i gradi fono bifogneuoli; e deono eflere nel mezo,& alteraccioche vgual- 
mente il lume per tutto fi fpanda . La terza e I'apertura , per la quale fi entra nel patiimento di fopra . 
Quefta deue condurci in luoghi ampij, belli, & ornati. Saranno lodeuoli le fcale , fe laranno lucide, 
amp ie,e commode al falire : onde quafiinuitino leperfonead afcendere. Saranno lucide,s'hauran- 
no U lume viuo,e fe,come ho detto,il lume vgualmente per tutto fifpargera. Saranno aftaiampie,fe 
allagrandezza,equalita della fabrica non pareranno ftrette, &angufte: ma non fi faranno giamai 
meno larghe di quattro piedi : accioche fe due perfone per quelle s'incontraflero j poflano commo- 
damente daffi luogo. Saranno commode quanto a tuttala fabrica,fe gli archi fotto quelle potranno 

ieruire 




6t 

feruire a riporre alcune cofe necefTarie ; e quanto a gli huomini , fe non haueranno I'afceia loro diffici 
le,& erta . Pero fi faralalunghezza loro il doppio piii dell'altezza . I gradi non fi dcono fare piualti 
di fei oncie di un piede, e fe (i faranno piii bafsi,maisimamente nclle (calc continouate ? e lunghe ; le 
renderanno piufacili : perche nell'alzarfi ; meno fi ftanchera il piede ; ma non fi faranno mai meno alti 
di quartro oncie . La larghezza de' gradi non deue farfi meno di un piede, ne piu d'vn piede e mezo. 
Oiferuarono gli Antichi di far i gradi difpari : afflne che cominciandofi a falire co'l deitro piede , co'l 
medefimo fi finifTe : ilche pigliauano a buono augurio,& a maggior religione , quando entrauano ne' 
Tempij. Per6nonfipaflerailnumerodivndici,6tredicialpiu:egiuntia quello fegno,douendoii 
jalire piu alto ; fi fara vn piano , che Requie fi chiama : accioche i deboli , e ftanchi ritrouino oue po- 
jarfi : & interuenendo che alcuna cofa di alto calchi ; habbia doue fermarfi . Le Scale , 6 fi ran- 
ao diritte , 6 a Lumaca . Le diritte , 6 fi fanno diftefe in due rami , 6 quadrate : le quali volta- 
10 in quattro rami . Per far quefte fi diuide tutto il luogo in quattro parti : due fi danno a gra- 
ii, e due al uacuodi mezo : dal quale, fefi lafciaflfe difcopertOieffefcalehaurebbono illume: Si 
polfono fare co'l muro di dentro , & allhora nelle due parti , che fi danno a gradi ; ii i-inchiude 
ancho efifo muro; e fi polfono fareancho fenza. Queftidue modi di Scale ritrouo la feliceme- 
moria del Magnifico Signor Luigi Cornaro, Gentil'huomo di eccellentegiudicio, comeii cono- 
fce dalla bellifsima loggia, & dalle ornatifsime ftanze fabricate da lui per fua habitatione in Padoua. 
Le Scale a Lumaca, che a Chiocciola ancho fi dicono i fi fanno altroue ritonde , & a'kroue ouate : al- 
cuna uolta con la colonna nel mezo , & alcuna uolta uacue , ne i luoghi ftretti mafsimamente fi ufano: 
perche occupano manco luogo , che le diritte : ma lbno alquanto piu difhcili da falire . Benifsimo 
rielcono quelle,che nel mezo lbno vacue : percioche ponno hauere il lume dal di fopra : e quelli, che 
fono alfommo della Scala ; ueggono tutti queUi,che falifcono,6 cominciano a falire : e fimilmente fo 
no da quefti ueduti . Quelle c'hanno la colonna nel mezo ; fi fanno in quefto modo,che diuifo il dia- 
metro in tre parti ; due fiano lafciate a i gradi , & vna fi dia alia colonna,come nel difegno A : ouero fi 
diuidera il diametro in parti fette,e tre fi daranno alia colonna di mezo , e quattro a i gradi ; & in que- 
fto modo a punto e fatta la Scala della Colonna Traiana : & fe ii facelfero i gradi torti, come nel dife- 
gno B; farebbonomoltobeUidauedere,eriufcirebbonopiulunghi,chefefifacefferodiritti. Ma 
nelle uacue fi diuide il diametro in quattro parti : due fi danno a i gradi,e due reftano al luogo di me- 
zo . Oltra le vfate maniere di Scale j ne ftata ritrouata vna pure a Lumaca dal Clarifsimo Signor Mar 
c' Antonio Barbaro Gentil'huomo Venetiano di bellifsimo ingegno : la quale ne i luoghi molto ftret 
ti feme benifsimo. Nonhacolonnainmezo,&igradipere(fertortijriefcono molto lunghi,& ua 
diuifacomelalbpradetta. Le ouate ancor erTe vanno diuifealmedefimo modo che le ritonde. So- 
no molto gratiofe, e belle da uedere : perche tutte le fineftre,e porte uengono per tefta dellouato ,& 
in mezo, e fono alfai commode. lone ho fatto vna vacua nel mezo nel Monafterjo della Carita in 

Venetia : la quale riefce mirabilmente . 

■ 

A, Scala a Lumaca con la colonna nel mezo. 

B, S cala a Lumaca cou la colonna,& co' gradi torti . 

C, S cala a Lumaca uacua nel mezo. 

D, Scala a Lumaca vacua nel mezo,& co" gradi torti . 

E, Scala ouata con la colonna nel mezo. 




F, Scala ouata fenza colonna. 



G, Scala diritta co'l muro di dentro . 



H, Scala diritta fenza muro. 



</ 



\ 



Vn'alrra 



r B R o 




V R I U O. 



*J 



n 



WIMHift! 



» 



hi.Tfrj "' ij .; , II 



lufTfrT 



i mil 



- 1 : -\Q^=¥± ! : 








:^2Msxs^^a£^^S 



»1 




s-iii i ill 




i± 



t I B R 



Vn'aUrabilhmanlera di Scakalumacafecc giafaica Sciamburg Uoco dclla 1-raneiall Magna 

nimollc branako in vnPalagiodilui fabricate in vn boko , &e in .audio medo. Sono quattro 

Scale j kqiuli Iv.mno quart roentrare, cioeciafcunala fua, cV afccndopp vna/opral'alrra, di modo 

thcfacendoliftci papjq dcllatabrica, ppnnpfeuiire a quattro appaitanxati, fenza che quell; , che 

inynolv.bitano , variano.ro la icaladcU'alno : c per cficr vacua ncj me :o j timi (? vejsono ) ? yn 

l'aicio lalirc, ec kendcre, lenza cbcfidianovnminimpimpedinienro : c pcrchee^Mlilfm.iinucn 

t'u iv\^MXHu } iorhppo{ta,&ccnlcttcrccpntraftgnatcle Scale ncllapian(a,&Pcll\i)7aro .- a€ciOe 

cbc u \ cd : cue cominciano, & come akcndonp . Eranoanco ne i Portici rli Pompcio, i quah ionq 

in Roo» pcrfndarc in piazza Giudca treicakalumacadinioltoIaudabiVmucntirnc : pcicic J c 

dkndotlk potk ncl mczo,ondcnon poteuanohaucr lumc, tenon di fqpra i eruno rattc (u le co'.on- 

iH,acLiodu-illunv liipargcik vgualmcntcpcrturto . Ad dempipdiqtidi; Bramameafuoi urn? 

pi fingolarij^mo Ari buetip , neivee vna in Bcluedere , c la feet knza gr..di, St yi vclji i quamo or- 

dun uia lonru ., cicc .1 lV«rko, lonicp,Corinth!o, & Compofito . A' iartak kale iidiuidc tmolo 

(patio in quattio pai ti -' due ii d..nr,p al vacuo di mezoj & vna per banda a'graii, & col< mic . Mol- 

Kaltrc manicrc di Scale ii veggy-no negli antichicdificij,comedcV>angpijfi, gcdiquifh lpitc^ 

fono in Roma le Scale che poitVno loprala cupola di Santa Maiia Rotonda e iono vacue pel me. 

z , ericeut noil lumc d. i pia . Eranoanco molto magnitude quelle, cheionoa Santo Apofto, 

lo i.d.idctu Ona ,etaglit no i'u'l mome Cauallo . Erano quelle Sc dedoppu: onde mold hanno 

Lrtlo pail'i.kmpio,&: conduct uanoad\ n Tcmpio poito in cima del Monte , ccmc dimoitronclmio 
ibiu dc j 1 cu pi» & di qucila foiie di Scale c 1'vkuno okgno. 



\ 



I M O. 




1 i'B R O 





r 



_L 



m 



5^"-;^-^-. 



3 ™~ r i— _ij r— . ^_ -'- 



Liilti;: 



^^HjL.-s^^^^^^i'' Jf i iX3^SirK§ 5 \^.^-_r-. : 1 is;;;-">' 



s^as| i ^r \ • :^i : _ JS^ro n-^g^^^y ? 
















.H"" 



:;-,v' 



.,?,. 



c ' § : I a 







ism^jj^ 









,. ^'^.-^ 






u 






~M^\ 






^''r^S^S^'CSrt. 



hS ' 



m& 






ggfggp 







: ■ii 

H 






1&!L_n| 



_H 



^Of^ 



S^:* 



r | [|| I 






^§' 






I 

^•'\<>N\V,w 1 -, 

is 




!>sir 



I 



-r- 1 " ^s^ 





i I ! «a |f yum 



' ;! 







Pi ML 



(A I 



- 



^^13 



A 



\ 



/ 



/ 



JS 



H. 



K 





P R I M O. 
DE I COPERTI. Cap. XXIX. 



<7 




alia fabrica, fcacck 



n S$ENDosi tirati imuri allafomita 16ro,e fatti i volti, mefle la trauamenta 
de folari , accommodate le fcale,e tutte quelle cofe, delle quali habbiamo par- 
latodi fopra j fa dibifogno fare il coperto : ilquale abbraciandociafcuna parte 
della fabrica ; e premendo col pefo fuo vgualmente fopra i muri: e come vn Ies 
game di tutta 1' opera,&olrra il defendere gli habitanti dalle pioggie, dalle ne= 
ui,da gli ardenti Soli,e dall' humidita della Notte ,• fa non picciologiouamento 
:iando lontano da i muri 1' acque,che piouono:lequali benche paiano puoco nuo 
cere,nodimeno in procelfo di tepo fono'jeagione di gradiffimi danni. I primi huomini,come fi leg= 
gc in Vitruuioifecero il coperti delle habitation loro piani:ma accorgendofi che non eranojdifefi 
dalle pioggie; coftreti dallaneceflitacominciarono a farli faftigiati,cioe colmi nel mezo. Que- 
fli colmi fi deono fare c piii , e meno alti fecondo le regioni oue fi fabrica: Onde in Germania per 
la grandiflima quantita delle neui , die vi vengono; fi fanno i coperti multo acuti,e fi cuoprono di 
Scandole,che fono alenne tauolette picciole di legno;ouero di tegole fottiliflime$che fe altramen 
te fi faceflTero:farrebbono dalla grauczza delle neui ruinatnma noi che in Regione temperata vi- 
uiamojdouemo eleggere quell' altezza , che renda il coperto garbato , e con bella forma , e pioua 
facilmente.Pero fi partira la larghezza del luogo da coprirfi in noue parti , e di due fi fara 1' altezs 
.za del colmorperche s' ella fi fara per il quarto della laarghezzajla coperta fara troppo rattaronde 

le tegole,ouer coppiuififermeranno con difficulta: efe fifara peril quinto;faratropopiana, on- 
de i coppi,le tauole,e le neui,quando uengonoiaggreueranno molto . Vfafi di fare le gorne intors 
no le cafe,nelle quali da i coppi piouono le acque , e per cannoni fono gettate fuora lontano da i 
muri. Quelle deono hauere fopra die fe vn piede e mezzo di muro : il quale oltra il tenerle faldc 
difendera il legname del coperto dall* acqua.fe elfe in qualche parte faceflero danno . Varie fono 
le maniere di difporre il legname del coperto : ma quando i muri di mezo vanno a tor fufo le traa 
uijfacilmente fi accommodano, e mi piace molto,'perche i muri di fuori non fentono molto cari« 
Co $ e perche marcendofi vna tefta di qualche legnomon epero la coperta inpericolo . 



IL FINE DEL PRIMO LIBRO. 



I 







VIRTV^gg 







S BifflEEBm - 




IL SECONDO 

L I B R O 

DELL'ARCHITETTVRA 
Di Andrea P.ilJadio . 

N E L £^ VA L SI CONTENGONO 

i difcgni di mo'.tecafe or dilate da hi 

dentro , e fitori dctta Ciitib . 

ET I DISEGNI DELLE 
caftantiche cie' Greet , & de' Latini . 





mm 



;.£ 







,*{)\ 



'% 



2T 








WfffMfffMW 

IN V E N E T I A, 

Appreflb Bartolomeo 
Carampello. 
r 58r. 





Hb"i\iiiiP riiffiljHit*t)nA VjT* 



-£:*■ 5/?:^ 



y,JJ>/j/~-/r^T!- L 




IL SECONDO LIBRO DELL/ARCHITETTVRA 

PI ANDREA PAJLJLADIO. 

DECOR O, O s CONVENIENZA, CHE 

ii deue offeruar nelle fabriche priuate, Cap. Primo . 

O efpofto nel paflato libro tutte quelle cofe,che mi fbno parfe piu degne di c5 
fideratione per la f abrica de gli edificij publici,& delle cafe priuatcondel'ope 
rariefcabella, gratiofa, e perpetua : & ho detto ancho, quanto allecafepri- 
uate,alcunecofepertinentialla commodita, alia quale principalmentelara 
queffaltro libro indrizzato , Eperche commodafi deueradire quellacafa, 
laqualefara conueniente alia qualiti dichi l'hauera ad habitare, elefue parti 
corrifponderanno al tutto , efrafefteflfe . Pero doueral'Architettofopral tutto auertire,che 
(come dice Vitruuio nelprimo, e fefto libro)a'Gentirhuomini grandi,e mafsimamente di Re 
publicafirichiederanno cafe conloggie,Gfalefpatiofe,&ornate:accio che in tai luoghi fipo£ 
ianotrattenere co piacerequelli,cheafpettarannoil padrone per falutarlo,6pregarlodiqual- 
che aiuto, efauorerEt a'Gentil'huomini minori fi conuerranno ancho fabriche minori,di mi- 
norefpefii, e di mancho adornamenti . A'Caufidici, & Auocati fi douera medefimamentefa- 
bricare,che nelle lor cafe ui fiano luoghi belli dapaffeggiare, &adorni:acciocheiclientiui 
dimorino fenza loro noia. Le cafe de' mercatanti haueranno i luoghi,oue fi ripongano le mer 
cantie,riuoltiaSectentrione,«&inmanieradirpofli,cheipadroninonhabbianoatemerede 
i ladri , Si ferber i anco il Decoro quanto all'opera , fe le parti rifponderanno al tutto , onde 
ne gli edificij grandi ; ui fiano membri grandi ; ne' piccioli , piccioli, e ne i mediocri,mediocri: 
che brutta cola certo farebbe, e difconueneuole,chein una fabricha molto grade foffero fale, 
eilanzepicciole ; eperlo contrario in unpicciola foffero due, 6 treftanze, che occupaflero il 
tutto. Sideueradunquc(come ho detto)per quanto fipoffa,hauerrifguardo,& a quelli, che 
uogliono fabricare , e non tamo a quello , che esfi poffano,quanto di che qualita fabricha lo- 
ro ftiabene;epoi che fi hauera eletto ; fi difporranno ha modole parti, che fi conuengano al 
tutto,e fra fefteife : & ui fi applicheranno quelli adornamenti, che pareranno conuenirfi : Ma 
fpefleuoltefabifognoairArchitetto accommodarfi piu alia uolonta di coloro , che fpendo- 
no , che a quello , che fi deurebbe offeruare, 

DEL COMPART IMENTO DELLE 
ftanze,&d'altriluoghi. Cap. I I. 

Ccioche le cafe fiano commode all'ufo della famiglia, fenza laqual commodita 
farebbono degne di grandisfimo biafmo ; tanto farebbe lontano che foffero da 
effcre lodate ; fi deuera hauer molta cura , non folo circa le parti principal^ , come 
fonoleloggie, fale, cortili, ftanzemagnifiche,&fcaleampie,lucide,efaciliafalire; 
ma ancorachele piu picciole,ebrutte parti fiano inluoghi accommodati per feruigio delle 
maggiorie piu degne: Perciocheficomenelcorpohumanofonoalcunepartinobili,ebelle, 
& alcunepiu toftoignobih,ebrutte,chealtramente, eueggiamo nondimeno che quelle han- 
nodiqueftegrandifsimobifogno, ne fenza loro potrebbono flare ; cofi ancho nelle fabriche 
deono efTerealcune parti riguardeuoli,&honorate, & alcunemeno eleganti: fenza lequali 
pero lefudette non potrebbono reftar lihere, & cofi perderebbono in parte della lor dignita, 
& bellezza. Ma fi come Iddio Benedetto ha ordinati queftimembri noftri,cheipiu belli fiano 
in luoghi piu efpofti ad effer ueduti, & i meno honefU in luoghi nafcofti; cofi ancor noi nel fa- 
bricare; collocheremo leparti principali, eriguardeuoliinluoghifcoperti, ele men belle in 
luoghi piu afcofi a gli o cchi noftri che fia po$fibile:perche in quelle fi riporranno tutte le bru- 
tezze della cafa , e tutte quelle cofe, chepoteflfero dare impaccio, & in parte render bruttele 
parti piu belle . Pero lodo che nella piu baffa parte della fabrica , lequaleio faccio alquanto 
fotterra; fiano difpoftele can tine, imagazinidalegne,ledifpenfe,le cucine,itinelli,i luoghi 
da lifcia, 6 bucata, i forni,e gli altri fimili , che all'ufo quotidian© fono neceffarij : dal che fi ca- 
uano due commodita; luna,chela parte difoprareflatuttalibera, e raltra,che non meno im- 
portase,che detto ordinedifopradiuien fano per habitarui, efTendo ilfuo pauimento lontano 

'"*"' AA 2 dal- 




4 L I B R O 

dall'humido dclla terra:oltra che alzadofijha piu bella gratia ad effer ueduto,&al ueder fuori. 
Si auertira poi nel refto della fabrica,che vi fiano ftaze grandi,mcdiocri,epicciole:e tune i'una 
a canto al'altra,onde poflano fcabieuolmenteferuirfi. Le picciole fi amezeranno per cauarne 
camerini , oue fi ripongano gli ftudioli, 6 le librarie, gli arndi da caualcare,& aitriinuogli , de* 
quali ogni giorno habbiamo dibilbgno,e non fta bene che ftiano neile camere,doue fi dorme,, 
mangia,efiriceuonoi foreftieri.Appartieneancho aUacomodita,cheleftanzeperla eftatefia 
noampie,elpaciore,eriuolteaSettentrioneiequelleperloinuernoaMeriggie,ePonete,e{ia- 
no piu tofto picciole che altramete.-percioche nella eftate noi cerchiamo 1 ombre,& i ucti, nel 
l'inuerno i Soli,& le picciole flazepiu facilmete fi fcalderano che le gradi . Ma quelle,dellec[ua 
li vorremo feruirci laPrimauera,e rAutuno;farano uolte all'Orietce riguarderano fopra giar- 
dini,e uerdure.A quefta medefima parte farano anco gliftudii,6 librarie:perchela mattina piu 
che d altro tepo fi adoperano.Maleftanze grandi con le mediocri , e quefte co le picciole deo 
no eflere in maniera copartite,che(come ho detto altroue) vna parte della fabrica corrifpoda; 
aH'altra,ecofi tutto ilcorpo deiredificio habbiainfeunacertaconuenienzadimembri,chelo 
reda tutto bello,egratiofo.Ma perche nelle citta quafi fcmpre,6 i muri de' uicini,6 le ftrade.e le 
piazzepublicheafiegnano certi,termini oltraiqualino fi puo 1 Architctto eftendere; fadibifo 
gno accomodarfi fecodo Toccafione de fiti:alche daranno gran lume(fe no m'ingano)le piate, 
€ gl'alzati che feguono: iquali feruiranno per efempio delle cole dette ancho nel palfato libro. 

DE I DISEGNI DELLE CASE DELLA CITTA\ Cap. III. 

O mi rendo ficuro,che appreffo coloro, che uederano le fotto pofte fabriche, 
e conoicono quanto fiadifficil cofa lo introdurreuna ufanza nuona,masfima 
mentedifabricare, dellaqualprofesfione ciafcuno fiperfuadefaperne la parte 
fua;io faro tenuto molto auenturato,hauendo ritrouato gentil'huominidi co 
fi nobile,egenerofo animo, & eccellete giudicio , c'habbiano creduto alle mie 
ragioni,eii fiano partiti da quellainuecchiataufanzadifabricarefenzagratia, 
e fenza bellezza alcuna 5 & in uero io non pofib fe non fommamente ringratiarelddio (come 
intuttelenoftreattionifideuefare)chem'habbiapr£ftatotantodelfuofauore,ch'iohabbia 
potuto praticaremolte di quelle cofe,lequali con mie grandisfime faticheper lilunghi uiaggi 
c'ho fatto, e con molto mio ftudio ho apprele. E perche fe bene alcune delle fabriche difegna- 
tenon fono del tutto finite; fi puo nondimeno da quel che e fatto comprendere qual debba ef 
fer l'opera finita ch ellafia; ho pofto a ciafcunail nome deH'edificatorc&illuogo douefono ; 
affine che ciafcuno uolendo poffa uederein effetto come effe riefcano . Etin quefta parte fara 
auertitoillettore,chenelponereidetti difegni ; io non hohauutorifpetto ne a gradi,nea di- 
gnitade'gentil'huominijchefinomineranormaglipofti nelluogho?, chemie uenuto meglio: 
conciofia chetutti fiano honoratisfimi.Ma ueniamo hormai alle fabriche, delle quali lafotto- 
pofta e in Vdene Metropoli del Friuli , & e ftata edificata da' fondamenti dal Signor Floriano 
Antonini gentil'huomo di quella citta. II primo ordine della facciata e di opera ruftica : le co- 
lonnedclla facciata,della entrata,e della loggia di dietro fono di ordinelonico.Le prime ftaze 
fono in uoltojle maggiori hano 1'altezza de' uolti fecodo il primo modo pofto di fopra dell'al- 
tezza de' uolti ne i luoghi piu lunghi,che larghi . Le ftanze di fopra fono in folaro,e tanto mag 
gioridi quelle di fotto,quanto importano lecontratture,6 diminutioni de' muri,& hanno i fo 
lari alti quanto fono larghe. S opra quefte ui fono altre ftanze : lequali poflbno feruireper gra- 
naro.Lafalaarriuacon la fuaaltezza fotto il tetto.Lacucina e fuori della cafa,maperd com- 
modiisima . I cesfi fono a canto le fcale , e benche fiano nel corpo della fabrica ; non rendono 
peroalcun cattiuo odore: perche fono pofti in luogo lontano dal Sole, & hanno alcunifpira- 
gli dal fondo della foflaper la groffczza del muro,che sbocano nella fommita della cafa . 




*)! ■ ;■*;; 1 ft > 



* k \ 



x 1 l , p 



Qv e s t a Linea e la meta del piede Vicentino , col quale fono ftate mifurate le feguenti 
fabriche . 
Tv tto il piede fif artifce inonciedodici, e ciafcunonciainquattrominuti. 



5 £ € O N D Q. 




$ L I B R O 

InVicbnza fopra la piazza, cheuolgarmente iidicei'lfolajha fabricate fecondo Iainuea 
tionejChefcgue,iiContcVa]erioChiericato^caualUer&geiitirhiiomohonorato diquellacit 
td-Haqueftafabricanella parte difotto una loggia dauanti, che pigliatutta la facciata: il paui- 
niento del primo ordines'alza da terra cinque piedi:ilchee ftato fat to fi per ponerux lotto le 
cantine,& altrilucghi appartenenti al commodo della cafa,iquali rion fariano riufciti fe foise- 
ro ftati fatti del tutto fotterra ; percioche il Hume non e molto difeofto ; 11 ancho accioche gli 
ordini di Ibpra meglio godeflero del be! fito dinanziXe ftanze maggiori hanno i uolti loro al- 
%i fecondo il primo modo dell'altezze de' uolti: le mediocri iono inuoltate a lunette 5 & hanno 
i uolti tanto alti quanto fono quelli delle maggiori . I camerini ibno ancor esfi in uolto , e fo- 
no am ezati. So no tuttiquefti uolti ornatidicompartimentidil^^ 

di MeiTerBartolameoRidolfi SclutoreVeronefej&dipitturedimanodi Melfer Domenico 
RizzOj&diMeiTerBattifta Venetiauo Jiuomini fingolari in quelle profesiioni.La fala edi fo- 
pra nel mezo della facriata:& occupa della loggia di lotto la parte di mezo . La fua altezza e 
Jin fottoil tetto:eperche efce alquantoin fuori; hafotto gli Angolile cblonne doppie,daU'- 
una e 1 akra parte di queftalalauifono dueloggie,cioe una per banda^lequali hanno i foffit- 
tiloro,ouer lacunar! ornatidibellisfimiquadridipittura,efanno bellislimauilia.il primo or 
<line della facciata e Dorico,&il fecondo eloftico , . 




S e g v e il difegno di parte della facciata in forma maggiorc . 



§ L I B R O 

I D i se g ni , che feguono ; fono della cafa del Conte Ifeppo de' Porti famiglia nobiliisima 
della detta Citta . Guarda quefta cafafopra due ftrade publiche : e pero ha due entrate, lequa- 
li hanno quattro colonne per ciafcuna , che tolgono fufo il uoko ; e rendono il luogo di fopra 
ficuro . Le ftanze prime fono inuolto . L'akezza di quelle, chefono a canto le derre entrate; 
e fecondo I'ultimo modo dell'altezza de uolti . Le ftanze feconde , cioe del fecondo ordine , 
fono in folaro : E coil le prime, comele feconde di quella parte di fabrica , ch'e ftata fatta; fo- 
no ornate di pitture , e di ftucchi bellisfimi di mano de fopradetti ualent'huomini ; & di Me£ 
fer Paolo Veronefe Pittore eccellentifsimo . II cortile circondato da portici , alquale fi ua da 
dette entrate per un'andito;hauera le colone ake tretafei piedi e mezo,cioe quato e alto il pri 
mo, e fecondo ordine . Dietro a quefte colonne ui fono pilaftri larghi un piede, e tre quartije 
grosfi un piede,e due oncie,che foftenteranno il pauimento della loggia di fopra.Quefto cor- 
tilediuidetuttalacafiindueparti:quelladauantiferuira ad ufo del padrone, e dellefue don- 
ne:e quella di dietro fara da metteruii foreftieri: onde quei di cafa,& i foreftieri refterano libe- 
ri da ogni rifpetto : alche gli antichi , e masfimamcntei Greci hebbero grandifsimo riguardo . 
Oltra di cid feruira anco quefta partitione in cafo che i difcendenti del fudetto gentil'huomo- 
uoleilero hauerei fuoi appartimentifeparati. Houoluto poner lefcale principalifotto'l por- 
tico, che rifpondano a mezo del cortile: accioche quelli, che uogliono falir di foprajfiano co- 
me aftretti a ueder le piu belle parti della fabrica;& ancho accioche eflendo nel mezo poflano 
{eruireairuna,eairaltra parte. Lecantine.ei luoghi iimilifono fotterra.Leftallefonofuori 
del quadro della cafa: & hanno Tentrata per fotto la fcala . De' difegni in forma grande ; il pri- 
me e di parte della facciata , & il fecondo di parte del cortile. 




S E C O N D O. 




* - mm * Wm * » f 




£B 



*Q 



L I B R O 




SECONDO. ,r 

| La fabrics chc fegue e in Verona,c fu cominciara dal Conte Gio.Battifta dalla Torre Gentil'huomo 
di quella Citta:ilqualc foprauenuto dalla mortemon l'ha potuta finire:ma ne e fatta una buona parte. 
Si entra in queita cafa da i fianchi,oue fono gli anditi larghi diece piedi:da iquali fi peruiene ne i Corti 
li di lunghezza ciafcuno di cinquanta piedi , e da quefti in una Sala aperta,laquale ha quattro colonne 
per maggior ficurezza della Sala di fopra. Da quefta Sala fi entra alle Scale: Iequali fono ouate , eua- 
cue nel mezzo. 1 detti Cortili hanno i Corritori,6 Poggiuoli intorno , al pari del piano delle feconde 
ftanzc. Lc altre Scale feruono per maggior commodita di tutta la cafa. Quefto compartimento riefce 
benifsimo in quefto lito: ilquale e lungo.e ftretto, & ha la ftrada maeftra da una delie facciate minori . 



rosTQg>»»i m ^ . wtnm« l 







B b a I difegni 



I.* -. . LIBRO 

1 P I S E G N I che feguono fono di una fabrica in Vicenza del Conte Ottauio de'Thieni , fu del 
Conte Marc' Antoniorilqual le diede principio . E' quefta cafa fituata nel mezo delia Citta,vicino al- 
ia piazza,e peso mi e parfo nella. parte ch'e ucrfo detta Piazza difponerui alcune botteghe : perciochc 
.deuc 1' Architetto auercire ancho all'utiJe del fabricatore,potendofi fare commodamente , doue refta 
fito grande a fufficienza.Ciafcuna bott^gaha fopra di fe vn mezato per ufo de'botteghieri ; e fopra ui 
fono le ftanze per i I padrone. Quefta cafa e in lfoIa 3 cioe circondata da quattro ftrade.La entrata prins 
cipale,6 uogliam dire porta maeftra ha vna loggia dauanti, & e fopra la ftrada piii frequente della Cic 
ta. Difopraui faralaSalamaggiore : laqualeufcira in fuorial par© della Loggia. Duealtreentrate 
uifonone'fianchi, lequalihannolecolonnenelmezo, che ui fono pofte non ranto per ornamento» 
quanto per rendere il luogo di fopra ficuro , c proportionare la larghezza all'altezza . Da quefte ens 
trate (i entra nel cortile circondato intorno daloggie di pilaftri nel primo crdine ruftichi, e nel fecon- 
do di ordine Compofito . Ne gli angoli ui fono le ftanze ottangule , che riefcono bene,fi per la forma 
loro,come per diuerfi ufi, a'quali elle fi poflono accommodare . Le ftanze di quefta fabrica c'hora fo* 
no finite; fono ftate ornate di bellifsimi ftucchi da Melfer Aleflandro Vittoria , & Mefler Bartolomeo 
RidoIfi;edi pitture da Mefler Anfelmo Canera,& Meffer Bernardino India Veronefi, nonfecondiad 
alcuno de'noftri tempi . Le Cantine,e luoghi fimili fono fotto terra:perche quefta fabrica e nella piu- 
alia parte della Citta,ouenon e pericQlo,cheracquadia impaccio * 



DE I DI* 






SECOHDO, 



i$ 





DE I DISEGNI che fcguono in forma maggiore ; ilprimo £ di pane 
della facciataj il fecondo di parte del Gorcile della foprapofta fabrica . 



HANNO 



tIBRO 




<$ 













rH53D 






ei 



2E 




iJJu^dL^ 3 



o 



E 




gzjgx xjir^^ icpri 




liT^JCJJEZ: 



3gi2Sig gcpo 3g 



J^3t£jE^3gStE3CtXH 



^ 



F. C ON D O . 




$8 I I BR O 

FRA MOLTI honorati Gentil'huomini Vicentini fi ritroua Monfignor Paolo Almerico huo<* 
modjChiefa>echefureferendariodidueSommiPonteficiPio II 1 1 3 & V 3 &cheperil fuo va- 
lors merito di efier fatto Cittadino Romano con tutta cafa fua. Qyefto Gentil'huomo dopo l'hauer 
vagato molt'anni per defiderio di honore j finalmente morti tutti i fuoij venne a repatriate per fuo 
diporto (iridulTead vn fuo fuburbano in monte y lungi dalla Citta meno di vn quarto di miglio : oue 
ha fabf icato fecondo l'inuentionejchefegue: la quale non mi e parfo mettere tra le fabriche di Villa 
per la vicinanza ch'ella ha con la Cittijonde fi puo dire che fia nella Citta iftefla. U fito e de gl i ame- 
ni j e diletteuoli che fi poffano ritrouare ; perche e fopra vn monticello di afcefa facilifsima , & e da 
vnapartebagnatodalBacehiglionefiumenauigabiIe,edaH'altra e circondato da altri ameniisimi 
colli , che rendono l'afpetto di vn moko grande Thearro ? e fono tutti coltiuati , & abondanti di frutti 
eccellenti(simi 3 & di buonifsime viti ; Onde perche gode da ogni parte di bellifsime viite 3 delle quali 
alcune fono terminate , alcune piu lontane, & altre , che terminano con l'Onzonte ; vi fono ftate fatte 
Jeloggieintuttequattrolefaccie:fottoil piano delle quali, edellaSala fono leftanzeper lacom- 
modita,& vfo della famiglia . La Sala e- nel mezo 3 & e ntonda, e piglia il lume di fopra . I camerini 
fono amezati . Sopra le ftanze grandi , lequali hanno i volti alti fecondo il primo modo , intorno la 
Sala vi e vn luogo da paffeggiare di larghezza di quindici piedi 3 e mezo . Nell'eftremita de i piede- 
ftili , che fanno poggio alle fcalc delle loggie , vi fono ftatue di mano di Mefier Lorenzo V icentino 
Sculsore molto eccelIente P 



\ ANCORA 




19 



, io LIBRO 

HA ANCORA i\ Signor Giulio Capra dignilfimo Caualiere , & Gentil'huomo Viccntino per 
ornamento della fua patria piu tollo che per proprio bifogno preparata la materia per fabricare,& coa 
minciato fecondo i difegni , che feguono in vn beliflimo fito fopra la ftrada prirrcipale della Citta. Ha- 
uera quefta Cafa Cortile,Loggie,Sale , e Stanze , delle quali alcune faranno grandi , alcune mediocri, 
& alcune picciole . La forma iara bella , & varia , e certo quefto Gentil'huomo hauera cafa molto ho- 
norata,e magnifica,come merita il fuo nobil'animo . 



C, Cortedifcoperta. 

D, Corte fimilmente difcoperta. 
L, Corale. 

S, Sala che nella parte di fotto ha le colonnc,c di fopra £ libcra,cioe fenza colonnc. 



feci' 



SECONDO. 




I I . < H 11 1 I U I . il I J I I M I 



It 



L I ■ B R O 





FECI al Conte Montano Barbarano 
per vn fuo fito in Vicenza la prefenre inuen 
tione:. nellaquale per cagion del fito non 
feruai l'ordine di vna parte , ancho nell'ab 
tra. Hora quefto Gentil'huomo ha coma 
praco il fito uicino; onde fi ferua l'iftefo ora 
dine in tutce due le parri ; e fi come da una 
parte ui fono le ftallc,e luoghi per feruito* 
ri,( corner! uedeneldifegno ) cofidall'al* 
tra ui uanno ftanze , che leruiranno percu* 
cina,e luoghi da donne,& per alrre commo 
dita. Sihagia cominciato a fabricare,&fi 
falafacciatafecondoil diiegno chefegu© 
in forma grande Non ho poito ancho il di~ 
fegno della pianta , fecondo che e ftato vU 
timamente conclufo, e fecondo che fono 
hormai Mate gettace le fondamenta , per, 
nonhauere potuto farlo incagliare atems 
po, che fi pocefle ftampare . La entrata: 
di quefta inuentione ha alcune colonne , 
chetolgono fufoil uoltoper lecagionigia. 
dette. Dalladeftra, e dalla finsitra parte 
ui fono due ftanze lunghevnquadroe me- 
20, &appreflbduealtre quadre, & okra 
quefteduecameririi. 'Ricontro all'entrata 
ui e vn'andito 3 dal quale fi entra in vna log- 
gia fopra la corte . Ha quefto andito un 
camerino per banda, e fopra mezati,a'quaa 
li ferue la fcalamaggiore, eprincipaledel-s 
la cafa . Di tutti quefti luoghi fono i uol- 
ti alti piedi vent'uno e mezo. La Sala di fo- 
pra,e tutte l'altre ftanze fono in folaro i ca* 
merini foli hanno i uolti alti al paro de i fo- 
lari delle ftanze . Le colonne della faccias 
ta hanno fotto i piedeftili, e tolgono fufo 
vnpoggiuolo: nelquale fi entra per la foffia 
ta ; non fifa la facciata a quefto modo ( co- 
me ho detto ) ma fecondo il difegno , che 
fegue in forma grande. 



DELL'ATRIO 



S E C O N T> O. 




ML I 



i!i H3& 



www 






j 



ypaD yj 



~5 Ft ( 5 p 




24 



L I B R O 
DELL'ATRIO TOSCANQ, 



Cap. 1 1 II, 




APOI c'ho pofte alcune di quelle fabriche , ch'io ho ordinate nelleCitta > emolto 
conueneuole che per feruare quanto ho promefib , pongai difegni di alcuni luoghi 
principal delle cafe de gli Antichi:eperche di quelle l'Atrioeravna parte notabi- 
lifsima ; diro prima de gli Atrij,&in confequenza del luoghi a lui aggiuntnpoi verro 
alle Sale. Dice Vitruuio nel vj.Iibro 3 che cinque fortidi Atrij erano appreflo gli An- 
tichi , cioe Tokano , di quattro colonne 3 Corinthio > Teftugginato , & Difcoperto, 
del quale nonintendoparlare. Dell'AtrioTofcano fono ifeguenti difegni. Lalarghezza dique- 
fto Atrio e delle ire parti della lunghezza le due , II Tablino e largo due quinti della larghezza del- 
1' Atrio ; e medefimamentelungo. Da quefto fi paflanel Periftiljo , cioe nel cortile con portici intor- 
no : ilquale e vn terzo piu lungo che largo . I portici fono larghi , quanto fono lunghe le colonne . 
Daffianchi dell' Atrio vi fi potrebbono far Salotti , che guardaflero fopragiardini : e fe coil fx facef- 
fero » corneli vede nel difegno ; le loro colonne farebbono di ordine Ionico lunghe venti piedi 3 & il 
portico farebbe largo quanto gli intercolunnij , di fopravi farebbono altre colonne Corinthie» la 
cmarta.parteminori di quelle difotto : traleqiiali yifarebbono feneftre per pigliareil lume . Sopra 
gli ainditi non vi farebbe coperta alcuna -• ma intorno haurebbono i poggi .: e iecondo il iito fi potreb- 
bono fare piu, e meno luoghi di quel c'ho difegnato, e feeondo che facefle dibifogno all'ufo? e corn- 
rnodo di chi yi haueffe ad habitare, , 



SEGVE 



SECOND O, 

JSSSSSSS 





Scgueil difegno di qucft'Atrio in forma tnagglore. 

B, Atrio. 

D, Fr egio , o uero traue Iimitare . 
G, Porta del Tablino. 
F, Tablino. 
I, Portico del Periftilio . 
K, Loggia auantil'Atrio, chcpotrcmochiamarcVeftibulo; 



DD PELL'ATRIO 



L I B R O 





S E C O N D O. 
DELL'ATRIO DI QVATTRO COLLONE. 



*7 



Cap. V. 




LDisegno che feguej ha 1' Atrio di quattro colonnerilquale e largo del- 
le cinque parti della lunghezzale tre . Le ale fono per la quarca parte della 
lunghezza. Lecolonnefono Corinthie:il lorodiametro eperlameta 
della larghezza delle ale : ll difcoperto e la terza parte della larghezza del- 
1' Atrio: il Tablino e largo per la meta della larghezza deHAtrio,& mede- 
fimamentelungo . Dah" Atrio per il Tablino li pafla nel Periftilio : il qua- 
le e lungo un quadro e mezo: le colonne del primo ordine fono Doriche, 
&iporticifbno tantolarghi, quanto fono dette colonne lunghe: quelle difopra,cioe delie- 
condo fono loniche , la quarta parte pi u fottili di quelle del primo, & hanno fotto di fe il pog- 
gio , b piedeftilo alto piedi due , e tre quarti . 

A, Atrio. 
B,_ Tablino. 

C, Porta del Tablino . 

D, Portico del Periftilio. 

E, StanzeappreifoT Atrio. 

F, Loggia per laquale fi entra all' Atrio. 

G, Parte fcoperta dell' Atrio co' Poggiuoli intorno . 
H, Ale dell' Atrio. 

I , Fregio della Cornice dell' Atrio . 
K, II p ieno che e fopra le colonne . 
L, Mifuradidiece piedi. 



DD a DELL'ATRIO 



L I B R O 




— p i c — © 



I 1 I I I ! I I I I I 



'© — P » c— I 




S E C O N D O, 
DELL'ATRIO CORINTHIQ. 



29 



Cap. VI. 




A Segvente fabricae del Conuento della Caritirdoue fono Canonici 
R egolari in Venetia . Ho cercato di asfimigliar quefta cafa a quelle de gli 
Antichi: e pero ui ho fatto 1' Atrio Corinthio;il quale e lungo per la linea 
diagonale del quadrato della larghezza . Le ale fono una delle tre parti, 
e meza dcllalunghezza : le colonne fono di ordine Compofito groffe tre 
piediemezo,elunghetrentacinque.Lo fcopertonelmezo e la terza par- 
te della larghezza dell'AtriorSopra ie colonne ui e un terrazzato fcoper- 
to al pari del piano del terzo ordine dell'Inclauftro , oue fono lecellede i Frati. Appreflb 
l'Atrio da una parte e laSacreftiacircondata da una Cornice Dorica, chetolfufo iluolto : le 
colonne, che uifi ueggono ;foftentano qu ella parte del muro dell'Inclauftro, chenella parte 
difopradiuidelecamere, ouer celle dalle Loggie . Serue quefta SacreftiaperTablino(cofi 
chiamauano il luogo, oue poneuanole imaginide'maggiori) angora cheper accommodar- 
mi ; io l'habbia pofta da un nanco dell' Atrio. Dall'altro fianco e il luogo per il capitolo:ilqua- 
le rifponde alia Sacreftia . Nclla parte appreflb la Chicfa ui e una Scala ouata uacuanel mezo, 
laquale riefce molto commoda, e uaga . Dall* Atrio G entra nell'Inclauftro: ilquale ha tre or- 
dinidi colonne unofopraraltro:ilprimoeDorico,.e colonne efconofuori deipilaftri piu 
che la meta : il fecondo e Ionico , le colonne fono perla quinta parte minori di quelle del pri- 
mo: il terzo e Corinthio,& ha le colonne la quinta paite minori di quelle del fecondo.In que- 
fto ordine in luogo de Pilaftri, ui e il muro continuo , k al diritto de gli Archi de gli ordiniin- 
feri ori ui fono feneftre che danno lume alTentrar nelte celle:i uolti delle quali fono fatti di ca- 
ne, acciochenonaggrauinoi mud. Rincontro all'Atrio&Inclauftro oltra lacaleiitrouai! 
Refettorio lungo due quadri, & alto fin al piano del terzo ordine dell'Inclauftro : ha unalog- 
gia par banda, e fotto una Cantinafatta al modo, chefi fogliono far le cifterne, acciochel'ac- 
qua non uipofla entrare . Daun capo ha la cucina, forni, cortedaGalline,luogo dalegne,da 
lauare i panni, & un giardino afTai bello : e dall'altro altriluoghi. Sono in quefta fabrica tra fo- 
reftarie,& altri luoghi,che feruono a diuerfi effetti, quarantaquattro ftaze,e quarantafei celle. 



DE I 



L It B R O 





De idifcgni chefcguono , ilprimo e di parte di quefto Atrio in forma 
maggiore , & il fccondo di parte dclllnclauftro. 



i . 



DELL'ATRIO 



S E C O N D o. 



3* 




**% 



^ m % 



#% 




L I B R O 





S E C -O N D O. $3 

DELL'ATRIO TESTVGGINATO, E DELLA CASA PRIVATA 
degliAntichiRomam. Cap. VII. 

LTR A lefopradettemaniere d'Atrijvn'altraappreflbgli Antkhi fumolto invfb, 
eda lorodettateftugginata reperche quefta parte e dimcilifsima per l'ofcurita di 
Vitruuio , & degna di molta auertenza , io ne diro quel che ne credo , aggiungendo- 
ui ancho la difpofitione degliOeci,6Salotti, CancellariejTinellijBagnij&altri 
luoghi in modo che nelfeguenre difegno fi haueranno tutte le parti della cafa priuata 
poftene'luoghi fuoi fecondo Vitruuio. L'Arrioelungoperladiagonaledel qua- 
drato della larghezza , & e alto fin fotto il traue limitare , quanto egli e largo . Le ftanze a che gli lb- 
no a canto , fono manco alte fei piedi : e fopra i muri che le diuidono dall' Atrio ; vi fono alcuni pila- 
ftri, che tolgono fufo la teftudine , 6 coperta dell" Atrio : e per le diftanze , che fono fra quelli egli ri- 
ceue il lume : e le ftanze poi hanno fopra vn terrazzato fcoperto . Rincontro all'entrata e il Tablino: 
il quale e per vna delle due parti e meza della larghezza deH'Atrio : e feruiuano'quefti luoghi , co- 
me altroue ho detto, a ripor le imagini, e ftatue de' maggiori . Piu auanti fi troua il Periftilio : il qua- 
le ha i portici intorno larghi quanto fono lunghe le colonne . Le ftanze fono della medefima lar- 
ghezza , e fono alte fino all'impofta de' volti , quanto larghe , & i volti hanno di frezza il terzo della 
larghezza. Piufortidi Oeci fono defcritti da Vitruuio, (eranoqueftiSale,ouerSalotte 3 neiqualifi 
faceuano i conuitij e le fefte, e ftauano le donne a lauorare ) cioe i Terraftili, cofi detti perche vi era- 
no quattro colonne: i Cbrinthij , i quali haueuano intorno meze colonne : gli Egittij : i quali fopra le 
prime colonne eranochiufidavnmuro con meze colonne al diritto delle prime, elaquarta parte 
minori : ne gli intercolunnij erano le feneftre , dalle quali riceueua lume il luogo di mezo : L'altezza 
delle loggie , ch'erano d'intorno , non paffauale prime colonne , e fopra vi era difcoperto , &yn cor- 
ritore,6poggiuolo intorno. Diciafcunodiqueftifarannopoftiidifegnidaperfe. Gli Oeci qua- 
drati erano luoghi da ftare al frefco la Eftate : e guardauano fopra giardini, & altre verd ure . Vi fi fa- 
ceuano ancho altri Oeci , che chiamauano Ciziceni : i quali feruiuano ancor efsi a i commodi fopra- 
detti . Le Cancellarie , e Librarie erano in luoghi conueneuoli verfo l'Oriente ; & i Ticlini , i quali 
erano luoghi douemangiauano. Vi erano ancho ibagni per gli huomini, per le donne :i quali io 
gli ho difegnati neli'ultima parte della cafa. 



EE A, Atrio. 



34 



L I B R O 

A> Atrio. 

B> TabJino. 

Cj Periftilio. 

Dj Saloti Corinthij . 

E> Saloti diquattrocolonne. 

F, Bafilica. 

G, LuoghiperlaEftate. 
H 3 Stanze. 

K, Librarie. 




it-njLEiiajfcwa^f .- 




IL DISEGNO chefegueediqueftoifteflb Atrio in forma maggiore. 

D, Atrio. 

E , Feneftre che danno lume all' Atrio. 

F, Porta del Tablino. 

G, Tablino. 

Hj Portico del Cortile . 

I , Loggia auanti TAtrio . 

kj Cortile. 

L , Stanze intorno all' Atrio, 

M, Loggie. 

N , Tjaue limitare, ouer fregio dell' Atrio. 

O, Parte delle Sale Corinthie. 

P , Luoco difcoperto fopra il quale viene il lume nell' Atrio . 



DELLE 






S E CO N D O. 




DELLE 



3 6 



L I B R O 



DELLE SALE DI QVATTRO COLONNE. Cap. VIII. 

L Segvente difegno e delle Sale,che fi diceuano Tetraftili; percioche haueuano 
quattro colonne. Quelle fi faceuano quadre , & vi fi faceuano lecolonneper 

! proportionarelalarghezzaallaaltezza,&per rendere iljuogodifopraficuroj il 
che ho fatto ancor' io in moke fabriche>come s'e veduto ne i difegni pofti di ibpra, 

; & fi vedera in quelli , che feguiranno . 




DELLE 



S E C O N D O 




3* 



IIBHO 
DELLE SALE COIUNT'HJE, 



Cap. IX 



E S a i e Corinthie fi faceuano in due modi,cioe 6 con le colonne, che nafceuano 
da terra,come fi vede nej difegno primo,ouero con le colonne fopra i piedeftiji, co; 
me nel difegno fecondo . Ma cosi nellVno , come nell'altro fi faceuano le colonne 



1 apprelfo il muro,& gli Architraui,i Fregi, & le Comici fi lauorauano di ftucco,oue- 
-w^m, ro Ci faceuano di legno , & vi era vn'ordine folo di colonne . 11 volco fi faceua , 6 di 
mezo cerchio, ouero a fchiffo, cioe,che haueua ranto di frezza,quanto era il terzo della larghezza 
della Sala , & fi doueua adornare con compartimenti d i ftucchi , & di pitture . I,a lunghezza di 
quelle Sale farebbe molto bella di vn cjuadro , & due terzi della larghezza . 




.*'v 



J- 



DEJLLE 



s E co n n: o. 



39 




LIBRO 




S E C O N D O. 

DELLE SALE EGlTTIE. 



41 



Cap. X. 




L D I S E G N O the %ue $ delle Sale Egtttre : le^uali erano molto fimili alle 
Bafihche , cioe lu'oghL, oue fiifendeua ragiqne jdelle^uali fi dira , quando fi trattera 
dellepiazze:percioche in quelle fale vififaceuavn portico fccendofi lecolonne di 
dentro lontanedal muro^comenelleBafilichejefoprale colonne Vefano gli Ar- 
chitraui,iTregi,eleCornici. Lo fpatiofra lecolonne, &ilmuro era coperto da 
vn pauimento,&queftopauimento era fcoperto,efaceua corritore, opoggiuolo 
intorno. Sopraledette colonne era murocontinuato con meze colonne didentro, la quarta parte 
minori dellegiadette,efragliintercolunnijv'eranolefineftre,chedauanolume allaSala, eperle 
!quali da detto pauimento fcoperto fi poteua vedere in quella . Doueuano hauer quelle Sale vna 
grandezza mirabile si per l'ornamento dellecolonne, fianchoperlafuaaltezza : Perciocheil foffit- 
to andaua lopra la Cornice del fecondo ordine , e doueuano riufcir molto commode quando vi fi 
ifaceuano fefte > 6 conuiti . 



FF BELIE 



42 



w ir n^»j 




£ 





SECOND O. 43 

DELLE CASE PRIVATE DE' GRECJ, Cap. XL 

G R E C I tennero diner fo modo di fabricare da i LatinI ; percioche (come dice 
Vitruuio) lafciate le Loggie , e gli Atrij fecero Ja entrata della cafa angufta, e ftrettaj 
e dall'una parte poferoleftaIlede'caualli ? edairaltraJeftanzeperliportinari. Da 
quefto pr imo andito fi entraua nel Cortile; ilquale hauea da tre parti i portici} e dal- 
h parte volta a mezo giornovi faceuanqdue Anti ? cioepilaftri,jChereggeuanole 
traui de i folari piu a dentro : percioche lafciato alquanto di (patio dall'una y e l'altra 
parte; erano luoghi molto grandi deputati alle raadri di famjglia } one ftefiero ,co i Joro ferui,e ferue. 
Et al pari di dette anti erano alcune ftanze : lequali noi pofsiamo chiamare Anticamera ? Camera 3 e 
Poftcamera 9 per effer vna dietro l'altra : intorno i portici erano luoghida mangiare s dadormire, e da 
al fre eofi fatte cofe neceffarie alia famigUa . A quefto edificio y e ne aggiungeuano vn'altro di mag- 
gior grandezza > & ornamento con piuampij cortili : ne' quali ouero fi faceuanoquattro portici di 
vguale altezza , ouero yno di maggiore , cioe quello ch'era volto alMeriggie, & ileorj ile jc'haueua 
quefto portico piu alto fidimandaua Rhodiaco 3 forfe per efleryenuta l'inuentionedaRhodi , Ha- 
iieuano quefti Cortili le loggie dauanti magnifiche, e le porte p reprieve yi habitauano folamente gli 
huominu Apprefroqueftafebricadalladeftraj&dallafiniftra^ 

le porte proprie partkolaria e tutte le commodita appartenenti airhabitarui } & in quelle alloggiaua- 
no 1 foreftieri; perche era quefta y fanza appreflo quei popoji, che venuto vn foreftierojil primo gior- 
no lo menauano a mangiar feco^e poi gli aflegnauano yno alloggiamento in dette cafe,e li mandaua- 
jio tutte lecofeneceflarieal viuere:onde veniuanoi foreftieri ad eflerliberidaognirifpetto,&ejOrer 
come in cafa fua propria. £ tan to bafti hauer detto delle cafe de' G r eci 5 & delle cafe della Citca. 

Le parti della cafa de i G r ecL 

A) Andho, 

B, Stalle. 

C, Luoghi per liporfinaru 

D, Cortile primo • 

E, Luoco per douefientrauanelle ftanze. 

F, Luoghi oue ftauano le JDonnealauorare- 

G , Camera prima grande ? che direfsimo Anticamera • 
H» Camera mediocre. 

I> Camerino, 

k , Salotti da mangiarui dentro. 

Lj Stanze. 

M, Cortile fecondo maggiore del primo. 

N , Portico maggiore degli altri tre dal quale il Cortile e chiamatoRhodiaco. 

O , Luogo per il quale fi paflaua dal cortile minore nel maggiore. 

P> I tre portici che hannolecolonnepicciole. 

<£j_ Triclini Ciziceni? e Cancellarie, ouero luoghi da dipingere. 

R, Sala. 

S, Libraria. 

T , Sale quadrate 5 doue mangiauano . 

V, Le cafe per i foreftieri. 

X , Stradelle che diuideuano le dette cafe da quelle del padrone* 

Y, Corticelledifcoperte. 

Z) Stradaprincipale. 



/ 



ff i DEL 



L 1 B R O 





S E C O N D O. 45 

DEL StTO DA ELEGGERSI PER LE FABRICAE 

di Villa. Cap. XII. 

E C A S E della Citta fono veramente ai Gentil'huomo di molto fplendore,e com- 
modita , hauendo in elfe ad habitare tutto quel tempo, che libifbgneraperla am- 
rniniftratione della Republica s egouernO delle cote proprie: Manon minorevtili- 
ta,econfolationecaueraforfe dailecafe di Villa, doue ilrefto del tempo li paffera 
invederej&ornarele fuepoffefsioni,econ induftria, & arte dell'Agricoltura ac- 
crefcerle faculta, doue ancho per l'efercitio, che nella Villa fi fuol farea piedi,&a 
cauallo , il corpo piu ageuolmente conferuera la fua lanita , e robuftezza , e doue finalmente l'animo 
(tenco dalle agitationi della Citta, prendera molto riftauro, e confblatione, equietamente potra 
attendere a gli ftudij delle lettere , & alia contemplatione ; come per quefto gli antichi Saui foleua- 
no fpefTe volte vfare di ritirarfi in fimili luoghi , oue vilitati da vertuofi amici , e parenti loro , hauen. 
do cafe , giardini , fontane>e fimili luoghi follazzeuoli,e fopra tutto la lor Vertu; poteuano facil- 
mente confeguir quella beata vita, che qua giu fi pud ottenere . Per tanto hauendo con l'aiuto del 
Signore Dio efpedito di trattare delle cafe della Citta ; giufta cofa e che pafsiamo a quelle di Villa : 
nelle quali principalmenteconfifte, ilnegotio famigliare,epriuato. Maauanti che a'difegni di 
quelle fi venga ; parmi molto a propofito ragionare del fito, 6 luogo da eleggerfi per eflefabriche j c 
del compartimento di quelle : percioche non effendo noi ( come nelle Citta fuole auenire) da i muri 
publici , 6 de' vicini fra certi , e determinati confini rinchiufi , e officio di faggio Architetto con ogni 
follicitudine , & opera inueftigare ,e ricercare luogo commodo , e fano , ftandofi in Villa per lo piu 
nel tempo della Eftate : nel quale ancora ne i luoghi molto fani i corpi noftri per il caldo smdeboli- 
fcono i & ammalano . Primieramente adunque cleggerafsi luogo quanto fia pofsibile commodo al- 
le poffefsioni , e nel mezo di quelle : accioche il padrone fenza molta fatica poffa fcoprire , meglio- 
rareifuoi luoghi d'intorno,eifruttidiqucllipofranoacconciamente alia cafa dominicaleefferdal 
iauoratore portati. Sefi potra fabricare fopra ilfiumejfara cofa molto commoda,ebella:percioche 
e le entrate con poca fpefa in ogni tempo fipotranno nellaCittacondurreconlebarche,eferuiraa 
gli xfi della cafa, e de gli animali , oltra che apportera molto frefco la Eftate, e fara bellifsima vtfta, c 
con grandifsima vtilita,& ornamento fi potranno adacquare le poffefsioni,i Giardini, e i Bruoli, che 
fono l'anima, e diporto della Villa. Ma non fi potendo hauer fiumi nauigabili ; fi cerchera di fabrica- 
re appreffo altre acque correnti , allontanandofi fopra tutto dalle acque morte , e che non corrono : 
perche generano aere cattiuifsimo : llchefacilmente fchiueremo, fe fabricheremo in luoghi eleuati , 
6c allegri:cioe doue l'aere fia dal continuo fpirar de' venti moffoje la terra per la fcaduta fia da gli hu- 
midi, e cattiui vapori purgata: onde gli habitatori fani, & allegri, e con buon colore fi mantengano; e 
non fifenta la moleftia delle Zenzale,& d'altri animaletti,che nafcono dalla putrefattione dell'acque 
morte,epaludofe« E perche le acque fono neceffariifsime al viuere humano, efecondo Ievarie 
qualita loro varij erfetti in noi producono ; onde alcune generano milza, alcune gozzi, alcune il mal 
dipietra,&alcun'altre altri mali;fi vfera grandifsimadiligenza,che vicino a quelle fi fabrichi,le quali 
non habbianoalcuno ftiano fapore,e di niun colore partecipino : ma fianolimpide,chiare 5 efottili 3 e 
che fparfe fopra vndrappo bianco non lomacchino : perche quefti faranno fegni della bonta loro. 
Moltimodi dafperimentare fe l'acque fonobuonc cifonoinfegnatida Vitruuio:imperoche quel- 
l'acqua e tenuta perfetta che fa buon pane,e nella quale i legumi prefto l\ cuoceno,e quel!a,che bol- 
litanon lafciafeccia alcuna nel fondo del vafo. Sara ottimo inditio della bonta dell'acqua, fe doue 
ella paflera non fi vedra il mufco,ne vi nafcera il giunco : ma fara il luogo netto, e bello con fabbia, 6 
ghiara in fondo,e non fporco, o fangofo. Gli animali ancora in quelle foliti beuere daranno inditio 
della bonta,e falubrita deiracqua,fe lar anno gagliardi,fbrti,robuiti,e grafsi,e no macilenti, e deboli. 
Ma quanto alia falubrita dell'acie,oltra le fopradette cofe; daranno inditio gli edificij antichi, fe non 
faranno corrofi, e guaflirfe gli arbori faranno ben nodriti, belli, non piegati in alcuna parte da' venti, 
e non faranno di quelli,che nafcono in luoghi paludofi.E fe i fafsi,6 le pietre in quei luoghi nate,nel- 
la parte di fjpra non appareranno putreratte:& ancho fe'l color de gli huomini fara na'turale,e dimo- 
firera buona temperatura . Non fi deue fabricar nelle Valli chiufe fra i monti : percioche gli edificij 
tra le Valli nafcofti,oltra che fono del veder da lontano priuati,e deU'efTer veduti,& fenza dignita, c 
maefta alcuna; fono del tutto contrarij alia /anita: perche dalle pioggie,che vi concorrono fatta pre- 
gna la terra ; manda fuori vapori a gli ingegni,& a i corpi peftiferi ; effendo da quelli gli fpniti inde- 
bolitije macerate le congiunture,& i nerui: e cio che ne'granari fi riporra per lo troppo humido cor- 

romperafsi . 




46 L I B R O 

j-omperafsi , Oltra di cio fe v'entrerd il Sole per la reflefsione de'raggi ; vi faranno eccefsiui caldi , c 
fenon v'entreraper I'ombra continua diuenteranno le perfone come ftupide, edi cattiuo colore. 
1 yenti ancora fe in dette valli entreranno , come per canali riftretti troppo furore apporteranno, e fe 
non vi foffieranno jraereiuiamaflatodiuentera denfo,emal fano , Facendodimeftierifabricare 
nel monte ; eleggafi vn fito,ehe atemperata regione del Cielo fia riuolto,e che ne da monti maggio- 
ri habbia continua ombra,ne per lo percuoter del Sole in qualche rupe vicina quafi di due Soli fenta 
J'ardore ; perche neH'uno 9 e neH'aitro cafo fara pefsimo l'habi tarui. H fina lmente neU'eleggere il fito 
per la fabricadi Villa tutte quelle confiderationi fi deono hauere, che fihanno neU'eleggere il fito 
per le Citta : conciofiache la Citta non fia altro che vna certa cafa grande 3 e per lo contrario la cafa 
yna citta picciola, 

PEL COMPARTIMENTO DELLE CASE 
di Villa, Cap. XUU 

I T R O V A T O il fito lieto , ameno , commodo , e fano fi attendera aU'elegante , e 
commoda compardtion fua . Due forti di fabriche fi richiedono nella Villa : Tuna 
per l'habitatione del Padrone s e della fua famiglia : 1'altra per gouernare , e cuftodi- 
rerentratej&glianiroalidellaVilla. Pero fidoura compartireil fito inmodoche 
ne quella a quefta, ne quefta a quella fia di impedjmento . L'habitatione del padro- 
ne deue eflerfatta,hauendori(guardoallafuafamiglia,econditione, e fifacomefi 
yfanelle Citta, ene habbiamo di fopra trattato . Icopertiperle cofedi Villa fi faranno hauendo 
rifpetto alle entrate , & a gli animali , & in modo congiunti alia cafa del padrone 3 che in ogni luogo 
fi pofia andare al coperto : accio che ne le pioggie? ne gli ardenti Soli della State li fiano di noia nel- 
l'andare a vedere i negotij fuoi : il che fara ancho d j grandifsima vtilita per riporre al coperto legna- 
mi,& infinite altre cofe della Villa , che fi guafterebbono per le pioggie 5 e per il Sole : oltra che que- 
fti portici apportano molto ornamento , Si rifguardera ad allogare commodamente > e fenza ftret- 
jtezza alcuna gli huomini all'ufo della Villa applicati , gli animali 3 le entrate 3 e gli iftrumenti . Le 
ftanze del Fattore 5 del Gaftaldo, e de' lauoratori deono effere in luogo accommodato, e pronto alle 
porte 3 & alia cuftodia di tutte Taltre parti . Le ftalle per gli animali da Iauoro , come buoi 3 e caualli 
deono effer dilcofte dall'habitatione del Padrone , aceioche da quella fiano lontani i letami: e fi por- 
ranno in luoghi molto caldi,e chiari. I luoghi per gli animali, che fruttanOj come fono porci,peco- 
re,colombi,pollami,e fimili,fi collocherannofecondole qualita,e nature loro: & in quefto fi deuera 
auercire quello,che in diuerfi paefi fi coftuma. Le Cantine fi deono farefottoterra,rinchiufe, lonta^. 
ne da ogni ftrepito,e da ogni humore,e fettore,e deono hauere il lume da Leuante,oucro da Setten- 
trione : percioche hauendolo da altra parte , oue il Sole poffa fcaldare ; i uini , che ui fi porranno dal 
calore rifcaldati ; diuenteranno deboli,efiguafteranno. Si faranno alquanto pendemi al mezo, e 
c'habbiano il fuolo di terrazzo , ouero fiano laftricate in modo , che fpandendofi il uino ; poffa effer 
raccolto . 1 tinacci,doue bofle il uino fi riporranno fotto i coperti,che fi faranno appreffo dette can- 
tine, e tanto eleuati, che le loro fpine fiano alquanto piu alte del buco fuperior della Botte ; aceioche 
ageuo lmente per maniche di coro, o canali di legno fi pofTa il uino di detti Tinacci mandar nelle bot 
ti . I Granari deono hauere il lume uerfo Tramontana : perche a quefto modo i grani non potranno 
pofi prefto rifcaldarfi : ma dal uento raff reddati j lungamente fi conferueranno , e non ui nafceranno 
quegli animaletti , che ui fanno grandifsimo nopumento . II fuolo , 6 pauimento loro deue effere di 
terrazzato , potendofi hauere , o almeno di tauole : perche per il toccar della cake il grano fi guafta . 
L'altre faluarobeancora perle dette cagioni alia medefima parte del cielo deono rifguardafe, Lc 
Teggie per li fieni guarderanno al Mezogiorno , ouer al Ponente : perche dal calore del Sole feccati 
nonfarapericolojche fi fobbollifcano , & accendano . Gliinftrumenti, chebifognanoagliAgri- 
cokori , fiano in luoghi accommodati fotto il coperto a Mezodi . L'Ara done fi trebbia il grano 
deue effer efpofta alSole ,fpatiofa,&ampia,battuta, & alquanto colma nel mezo , & intorno , 6 
almeno da una parte hauere i portici: aceioche nelle repentine pioggie fi poffanoi grani condurre 
prefto al coperto : e non fara troppo uicina alia cafa del Padrone per lapoluere ; netanto lontana, 
che non poffa effer ueduta . E tanto bafti hauer detro in uniuerfale dell'eletione de'fiti , e del com- 
partimentoloro. Refta,che (come io ho promeffo)io pongaidifegnidi alcUne fabriche, che fe- 
condo diuerfe inuentioni ho ordinate in Villa . 

DE I 



S E C O N D O. 



47 



DE £ DISEGNI DELLE 

nobili Venetiani. 



CASE DI VILLA DI ALCVNl 
Cap. XI III. 




A FABRIC A, chefegueeinBagnololuogoduemiglia lontano da Lonigo Ca- 
ftellodelVicentino, & e de* MagnificiSignoriContiVittore, Marco, eDanielefra- 
telli de' Pifani . Dall'una , e l'altra parte del cortile vi fono le ftalle , le cantinc , i gra- 
nari, efimilialtriluoghiperl'ufodella Villa. Lecolonne deiporticifonodiordi- 
ne Oorieo . La parte di mezo di quefta fabrica e per l'habitatione del Padrone : il 
pauimento delle prime ftanze e alto da terra fette piedi : lotto vi iono le cucine, & al- 
tri fimili luoghi per la famiglia . La Sala e in volto alta quanto larga, e la meta piu : a quefta altezza 
giugne ancho il volto delle loggie: Lc ftanze fono in fblaro alte quanto larghe:le maggiori fono lun- 
ghe vn quadro e due terzi : le altre vn quadro e mezo . Et e da auertirfi che non fi ha hauuto molta 
confideratione nel metter le fcale minori in luogo, che habbiano lume viuo ( come habbiamo ricor- 
dato nel primo libro) perche non hauendo efle a feruire,fe non a i luoghi di lotto,& a quelli dilbpra, 
I quali feruono per granari ouer mezati ; li ha hauuto rifguardo principalmente ad accommodar bene 
I'ordine di mezo : il quale e per l'habitatione del Padrone, e de" foreftieri : e le Scale, che a queft'or- 
dine portano;fono pofte inluogoattifsimo,comefivedeneidifegni. Eciofaradetto ancho per 
auertenza del prudente lettore per tuttele altre fabriche feguentidi vn'ordine folo : percioche in 
quelle,che ne hanno due belli>& ornati;ho curato che le Scale fiano iucide,e pofte in luoghi commo 
di : e dico due jperche quellojche va fotto terra per le cantine, e fimili vfi, e quello che va nella parte 
di fopra,e ferue per granari,e mezati non chiamo ordine principals per non darfi all'habitatione de' 
Gentil'huomini. 




|s ', 'mmSW^ Kv ..I l ^^'UWBlll ll WimW| lul »il>lillW M|MMiH> 




- ■ J ^%^m»lM««JM!!Ua 




H 

H 




LA SEGVENTE 



4 8 L I B R O 

LA SEGVENTE fabrica e del Magnifieo Signor Franeefco Badocro nel Polefittead vn Iuo 
go detto la Frata, in vn fito alquanro rileuato, e bagnata da vn ramo dell'Adige , oue era anticamen- 
te vn Caftello di Salinguerra da Efte cognato di Hzzelino da Romano . Fa bafa a tutta la fabrica 
vn piedeftilo alto cinque piedi 5 a quefta altezza e ilpauimento delle ftanze : lequali tutte fono in fo- 
laro 3 e fono ftate ornate di Grottefche di bellifsima inuentione dal Giallo Fiorentino . pi fopra 
hanno il granaro , e di fotto la cucina } Je cantine , & altri luoghi alia commodita pertinenti : Le co- 
lonne delle Loggiedellacafa del padrone fono Ioniche? La Cornice come corona circonda tutta la 
cafa . 11 frontefpicio fopra loggie fa vna bellifsima vifta ; perche rende la parte di mezo piu emi- 
nente de i fianchi . Difcendendo poi al piano fi ritro uano luoghi da Fattore , Gaitaldo , ftalle , & 
altri alia Villa conueneuoli , 





IL MAGNIFICO 



49 



SECO N D O. 
1 L M A G N I F ICO Signor Marco Zeno ha fabricate* fecondo la inuentione,che fegue'in CefaK 
to luogo propinquo alia Motta,Caftello del Triuigiano . Sopra vn baiamento , ilquale circonda tutta 
la fabrica,e il pauimento delle ftanze : lequali tutte fono fatte in volto : i'altezza de i voln delle mags • 
giorie fecondo il modo fecondo delle altezzede' volti. Le quadre hanno le lunette ne gliangoJi, ; 
al diritto delle fineftre : i camerini appreflb la loggia,hanno i volti a fafcia, e cofi anco la fata : il vol ' 
to della loggia e alto quanto quello dellafala,efuperanotutti due I'altezza delle ftanze. Ha que- > 
fta fabrica Giardini, Cortile,Golombara 3 e tutto quello, che fa bifogno all'ulo di Villa . 



..-A 




GG 



NON MOLTO 



5 o L I B R O 

NON MOLTO lungi dalle Gambarare fopralaBrentaelafeguente fabricadelli MagnifTci Si- 
enori Nicolo, e Luigi de* Fofcari . Quefta fabrica e alzata da terra vndici piedi, e fotto vi fono cucinc, 
tinelli, e fimili luoghi, & e fatta in volto cofi di fopra come di fotto . Le Pcanze maggiori hanno i volti 
alti fecondo il primo rnodo delle altezze de' volti . Le quadre hanno i volti a copula : iopra i camerini 
vi fono mezati ; il volto della Sala e a Crociera di mezo cerchio : la fua impofta e tanto alta da piano 2 
quanto e larga la fala : laquale e ftata ornata di eccellentiffime pitture da MefTer Battifia Venetiano . 

MeflTer Battifta franco grandifli mo difegnatorea noftri tempi hauea ancoreflbdatoprincipio adi* 
pingere vna delle ftanze grandi, ma foprauenuto dalla morte ha lafciata l'opera imperfetta . La loggia 
e di ordine lonico : La Cornice gira intorno tutta la cafa , e fa frontefpicio fopra la loggia , e nella parte 
oppofta . Sotto la Gronda vi e vn'altra Cornice, che camina fopra i frontefpicii : Le camere di fopra fo- 
no come mezati perlaloro baffezza, perche fono altefolo otto piedi. 





LA SOTTOPOSTA 



S E CON DO. yi 

LA SOTTOPOSTA fabrica e a Mifera Villa vicina ad Afolo Caftello del Triuigiano ., di 
M.jniignor Reucreadiflimo Eletto di Aquileia , e del Magnifico Signor Marc'Antonio fi atelli-de? 
Barbari . QjJella parte della fabrica,che efce alquanto in fuori,ha due ordini di ftanze,il, piano di 
quelle di fopra e a pari del piano del corcile di diecro , oue e tagltata nel monte rincontro alla.cafa 
Vna foiitana con infiniti ornamenti di ftucco,e di pittura.Fa quelta fonte un laghetto,che feme per 
j>efchiera:daqueftoluogopartitauTacqua fcorrenellacucina>&dapoi irrigati i giardini.chefono 
dalla deftra,c iiniftra parte della ftrada,la quale pian piano afcendedo conduce alia fabrica, fa due 
pefchiere co i lori beueratori fopra la ftrada commune, donde partitan\adacqua il Bruo!o,ilqualc 
t grandiflim3,e pieno di frutti eccellentiflimi,e di diuerfe feluaticine.La facctata della cafa del pa 
drone ha quattrocolonnediordine lonico. il capitellodi quelle degliangoli fa frontedadue pac 
ti:i quali capitelli come l\ facciano.porro nel libro de i Tempii. Dall* vna,e I'altra parte ui fono log 
gie,lequali neU'eftremita hano due colombare.e (otto quelle ui fono luoghi da fare i uini, eleltat 
le,egh altri luoghi per l'ufo di Villa. 




... i •■ ■ 



G$ t LA SEGVENTE 



■ji 1 1 BR O 

LA SEGVENTE fabrica e appreffo la porta di Montagnana Caftello'del P;tdcario 5 e fu edi 
ficata dal Magnifico Signor Francefco Pifano:ilquale paffato a raiglior vita hon la ha potuta finire. 
Lc ftanze maggiori fono lunghe vn quadro e tre quarti :i uolti fono a fchiflfb, alti fecondo il fecon- 
do modo dell'altezze de' volti,Ie mediocri fono qnadre , & inuoltate a cadino; I camerini, e 1'andi 
to fono di vguale larghezza,i uolti loro fono alti due quadruLa entrata ha quattro colonne.il quia 
to piu fottili di quelle di fuori,lequali foftentano il pauimento della Sala e fanno l'al tezza del vol 
to bdla,e fecura.Nei quattro niccht,che ui fi veggono fono ftati fcolpiti i quattro tempi dell* anno- 
xiaMelTer AleflTandro Vittoria Scultoreec.cellente,ilprimoordinedellecolonne e Dorico, ilfe- 
condo Ionico.Le ftaze di fbpra fono in folaro;L'altezza della Sala giugne fin fotto il tetto. Ha que 
fta fabriea due ftrade da i fianchi,doue fono due porte^fopra lequali ui fono anditijche conducon* 
in cucina,e luoghi per feruitori. • :j| 




Z • ] t 90 



LA FABRICA 



S E C" O'NDO. r > 

LA FABRICA, che fegue e del MagniSco Signor Giorgio Corriaro in Piombino luogo di 
Cartel Franco.il primo ordine dellc ioggie e Ionico. La fcala e pofta nella parte piii a dentro del- 
lacafa,acciocheu*alontanadalcaldo,edal freddo:leale ouefi veggono i nicchi fono larghelater 
fca parredella fua lunghezza,le colonne rifpondono al di'ritto dellc penultime delle loggie,e fono 
tamo diftanti tra fe,quanto alte : le ftanze maggiori fono iunghe vn quadro,e tre quam:i uolti fos 
noalti fecondo il primo modo delle altezze de' volti 5 le mediocri fono quadre il terzo piu alte die 
larghe.i volci fono a Iunette 3 fopra i eamerini vi fonomezati.Le Ioggie di fopra fono di ordine Co- 
rinthio.le colonne fono la quinta parce piu fottili di quelle di fotto.Le ftanze fono in folaro,& han 
no fopra akuni mezaci . Da vna parte vi e la cucina , e luoghi per maflare 3 e dall'aitra i luoghi per 
feruitori. 




LA SOTTOPOSTA 



54 £ IB R O ? 

LA SOTTO POST A fabrkae del ClarifllmoCaualierilSignor Leonardo Moccnic^ad 
vna Villa detta Marocco,che fi ritroua andando da Venetia a Treuigi.Le Cantine fono in terreno/ 
e fopra hanno da vna parte i granari , edall'altralecommodita perlafamigliax fopra queftiluo*. 
ghi vi fono le ftanze del padrone,diuife in quattro appartamenti,Ie maggiori hanno i volti alti pie: 
di ventiuno , e fono farti di canne,accioche fiano leggieri : le mediocri hanno i uohi alti quanto le 
maggiori : le minori, cioe i camerini hanno i loro volti alti piedi diecifette 3 e fono fatti a crociera; 
La loggia di fotto e di ordine Ionico;Nella Sala terrena fono quattro colonne,accioche fia propori 
tionata l'ahezza alia larghezza . La loggia di fopra e di ordine Corinthio,& ha il poggio alto due 
piedi,e tre quarti . Le fcale fono pofte nel mezo,e diuidono la fala dalla Ioggia,e c3minano vna al 
contrario deH'altra:onde e dalla deftra , e dalla finiftra fi puo afcendere , e difcendere , e riefconcj 
molto commode,e belle,e fono lucide a futficienza . Ha quefta fabrica da i fianchi i luoghi da fare 
iuini,ieftallejiportici,&altrecommoditaairvfodella Villa appartenenti. 





A FANZQLO 



. ; 



S E C O N D O. 



55 



A FANZOLO Villa del Triuigianodifcofta da Caftelfrancotremiglia,e IaTottopofta fa- 
brica del Magnifico Signor Leonardo Emo . Le Cantine, i Granari, le Stalle , e gli altri luoghi di 
Villafonodairuna 3 eraltra parte dellacafadominicale,eneire{tremita loro vi fonoduecolom* 
bare, che apportano vcile al padrone, & ornamento al luogo , e per tutto fi pud andare al coperto : 
ikhe e vna delle principal cofe, che fi ricercano ad vna cafa di Villa, come e ftato auertito di fopra . 
Dietro a quefta fabrica e vn giardino quadro di ottanta campi Triuigiani : per mezo il quale corre 
vn fiumicello , che rende il fi'to molto bello , e diletteuole . E' ftata ornata di pitture da M. Batti- 
fta Veneciano. 





DE f 



$& I IB R O 

DE I DISEGNI DELLE CASE DI 
Gentilliuomini di Terra Ferma . 



VILLA 
Cap. 



DI-ALCVNI 

XV. 



DVN luogo del Vicentino detto il FI N AL E, e la feguente fabrica del 
Signor Biagio Sarraceno : il piano delle ftanze i'alza da terra cinque piedi : 1 e 
ftanze maggiori fono lunghe vn quad ro,e cinque ottaui,& alte quanto larghc: 
e 1 ono in iolaro . Continua quefta altezza ancho nella Sala : i camenni ap- 
prcflb la loggia fono in volto: la altezza de* void al pari di quella delle ftanze : 
di fotto vi fono le Cantine, e di fopra il Granaro : ilquale occupa lutto il corpo 
della cafa . Le cucine fono fuori di quella: ma pero congiunte in modo che ne- 

1t> 1*1 •/* •■ I'll./ - ■ • — — . * J . ■ 



■^■iii ■ ■ ■■>■■■- ~i f -- v -^v^.w.iv^, in 

fcono commode . Dall* una,e l'altra parte vi fono i luoghi all'ufo di Villa necefTarii . 




^E^KB^SS^f^Nw^ ^«y"^^kajtA .^^ ' ^ r ^' ^n-g p^agai^s-i^iias 

(a 



ga^S^ ^g 8 ^ 




I DISEGNI 



SECON'DO. $ 7 

I DISEGNI, che feguono fono della fabrica del Signor Girolamo Ragoha Gentil' huo- 
rao Vicenrino fattada lui alle Ghizzole fua Villa . Haquefta fabrica la commodita ricordata di 
fopra,cioe che per tutto fi pud andare al coperto : il pauimento delle ftanze per vfo del padrone 
. e alto da terra dodici piedi: fotto quelle ftanze ui fono le commodita per la famiglia, edi fopra 
altre ftanze , che ponno feruire per granari,& ancho per luoghi da habitarui,venedo l'occafione: 
le Scale principal! fono nella facciata dauati della cafa, erifpondono fotto i porticidelcortile. 






l ^^u.MaAJim ^'nm M,mm ^^ u ^ l ' MSSS 



I 






© % © 




o 



ssssssasssstenaB 



a a « * « tf 



• 



-- 




HH IN POGLIANA 



5S L I B R O 

INPOGLIANA Villa del Vicentino ela fottopofla Fabrics del CaualierPogliana.-lc Tue 
tfanze lono itate ornare di pitrure,e flucchi belliflimi da MelTer Bernardino India, & MelTer An- 
felmoCanerapittoriVeronefi, c da MelTer Bartolomco Rodolfi Sculrore Veronefe : lcflanze 
grandi Tono lunghe vn quadro,e due terzi,e Tono in volto.-le quadre hanno le lunette nc gli aneo= 
li: fopra 1 camermi vi Tono mezati; la altezza della Sala e la meta piii della larghezza , ew'ene ad 

e(TeiealparJdeiraltezzadeIlaloggia:laralaeinuokataaTafcia,elaloggiaacrociera:ropratut= 
ti quefti luoghi e il Granaro,e Totto le Cantine, e la cucina: percioche il piano delle ftanze li alza 
cinque pscdi da terra: Da vn lato ha il cortile,& altri luoghi per le cole di Villa 3 dall'altr6 vn eiar 
dino.chc cornfponde a detto Cortile,e nella parte di dietro il Bruolo, & vna Pefchiera, di modo 
che qucfto gentil'huomo, come quello che e magnifico, e di nobilifsimo animo, non ha mancato 
di fare turn quegli ornamenti,&tutte quelle commodita che Tono poTsibili per rendere quefto 
Tuo luogo bcllo,diIetteuole, & commodo . * n 




A LISIERA 



-si 



S E' CO N D O. 
A 1 1 s i e r a luogo propinquo a Vicenza e la feguente fabrica ediflcata gia dalla fclice memo 
ria del Signor Gio.Francefco Valmarana . Le loggie lbno di ordine Ionico,le colonne hanno foe; 
to vna bafa quadra . che gira intorno a tutta la cafa; a quefta altezza e il piano delle loggie^e delle 
ftanze , lequali tutte fono in folaro ; ne gli angoli della cafa vi fono quatcro torri , le quali fono in 
volto : la lala anco e inuoltara a fafcia . Ha quefta fabrica due ccrtili 3 vno dauant i per vfo del pa^ 
drone , e Taltro di dierro , oue ii trebbia il grano, & ha i copertijne' quali fono accommodati tutti 
i luoghi perdnenci ail'vfo di Villa . 




nzn 



HH 



LA SEGVENTE 



Go LIBRO 

LA SEGVENTE fabricafu, cominciata dalConteFrancefco,eCQnteLodouicp fratcls 
ii de'Triifini, a Meledo Villa del Vicentino, II lico e belliflimo : percioche e fopra uno 
colle.il quale e bagnato da vn piaceuole fiumicello, & e nel mezo di vna multo fpaciofa pianura, 
& a canto ha vna aifai frequente flrada.Nella fommita del colle ha da eflerui la Sala ritonda r cir* 
condata dalle ftanze>e pero tanto alta che pigli il lume fopra di quelle. Sono nella Sala alcune me 
ze colonnexhe tolgono fufo un poggiuolo,nel quale fi entra per le ftanze difopra; lequali perche 
fono aire folo fetre piedi; feruono per mezati.Sorto il piano delle prime ftanze ui fono le cucine, 
itinelh,&alrri luoghi.Erpercheciafcunafacciahabelliffime uifte; uiuannoquattrologgiedior 
dine Corinthio- fopra i froncefpicii delle quali forge la cupola della Sala.Le loggie,che tendono 
alia circonferenza fanno vn gratiifimo afpetto,p:£i preflo al piano fono i fenilijle cantine, le ftal- 
le,i granari,i Iucghi da Gaftaldo,& altre ftanze per vfo di Villa •, le colonne di quefti portici fono 1 
di ordine Tofcano 5 fopra il fiume ne gli angoh del cortile vi fono due colombare . 




LA FABMCA 



SECONDO, 61 \ 

LA FABRICA fotropofta e in Campiglia luogo del Vicentino, & e del Signor Mario Re- 
peta,il quale ha efequito in quelia fabrica 1" animo della felice memoria del Signor Fracefco fuo 
padre. Le colonne de portici lono di ordine Dorico:gli intercolunii fono quattro diametri di cos 
lonna. Ne gli eftremi angoli del coperto,oue fi ueggono le loggie fuori di tutto il corpo della cas 
fa,ui uanno due columbare,& le loggie.Nel fianco ricontro alle ftalle ui fono ftanze, delle quali 
altre fono dedicate alia Continenza,aItre alia Giuftitia , & altre ad altre Virtu, con gli Elogii , e 
Picture,che cid dimoftrano,parte delle quali e opera di Meffer Battifta Maganza Vicentino Pitto 
re,e Poeta fingolare,ikhe e ftato fatto arfine che quefto Gentil' huomo,il quale riceue molto uo- 
lentieri tutti quelli.che vanno a ritrouarlo;poffa alloggiare i fuoi foriftieri,& amici nella camera 
di quelia Virtu,alJaquale efligliparerannohauerpiu indinatoranimo.Haquefta fabrica la co- 
moditadi potereandare per tutto alcopertoj e perche la parte per l'habitatione del padrone, 
equelJaper^'ufodi Villa fono divnoifteffo ordine; quanto quelia perdedi grandezza pernon 
effere piii eminente di qusefta; tanto quefta di Villa accrefce del fuo debito ornamento,e dignita, 
facendofi vguale a quella del Padrone con bellezza di tutta 1* opera. 









* 



LA SEGVENTE 



U L I B R O 

LA SEGVENTE fabrica e del Conte Odoardo,& Conte Theodoro fratelli de'Thiem, 
inCigogna fuaViHa,laqual fabrica fuprincipiatadal Conte Francefcoloro padre. LaSalae nel 
mezo dellacafa,& ha intornoalcunecolonneloniche, fopra lequali e vn poggiuoloal pari del 
piano delle ftanze di fopra . II volro diqueftafalagiugne fino fottoiltetto:leftanzegradi hanno 
i volri a fchiffo,e ]e quadrate a mezo cadmo,e fi aizano I modo, che fanno quattro torricelle ne gli 
angoltdella fabrica: icamerini hanno foprai Ioro mezati , le porte de' quali rifpondono al mezo 
delle fcale.Sono le fcale seza rnuro nel mezo,e perche la fala per riceuere il lume di fopra e lurni 
noiiifima, elfe ancora hanno lume a baftanza, e tanto piu che efTendo vacue nel mezo, riceuono il 
lume anchodi fopra; in vno de' coperti,che fono per fiancodel cortile vi fono le caiine,e igranari, 
eneli'alrro Ieftallc,eiluoLhiperia villa. Quelle due !oggie,che comebraccia, efconofuordella 
fabrica,fono fatte per vnir la cafa del padrone co quella di Villa,fono apprefTo quefta fabrica due 
cortili di fabrica vecchia co portici,l'uno $ lo trebbiar de* grani,c l'altro £ la famigliapiii minuta. 



ll':^'."'"«T v ^Y:. , -'!w , -7>y."-"»' :".'' '> -•■' ■^- w „" . "T>jmJj, : . •. 




g r—-^ ^u ^: 



LA SEGVENTE 



SECONDO. Cy 

LA SEGVENTE fabrica e del Conce Giacomo Angarano da Iui fabricatanclla iua 
Villa di Angarano nel Vicenrino. Ne i fianchi del Corcile vi fonoCanunc.Granari kioghi da 
fare i viniduoghi da Gaftaldo:ftalle,colombara, e piii ohre da vna parte il cortile per le cofe di 
Villa,edairaltra vn giardino : Lacafa del padrone porta nel mezo e nella parte di fotto in vol- 
to,&inquelladi fopra infolaro:icarnerinicofidi fottocoraedifoprafonoamezati: correap^ 
preffo quefta fabrica la Brenta Hume copiofo di buonifsimi pefci . E x quefto luogo celebre per i 
preciofi vinijcheviiifanno, eperlifruttichevivengono, e moko piu per la cortefia del pa- 
drone . 




I DISEGNI 






<; 4 L I B R O 

1 DISEGNI, che feguono fono della fabricadel ConteOttauioThieneaQuintofua 
Villa.Fu cominciata dalla feJice memoria del Cote Marc'Antonio iuo padre,e dal Gonte Adria- 
no fuo Zio:il fito e mol to bello per hauer da vna parte la Tefina 3 e dall' altra vn ramo di detto fiu 
roe aflai grande:Ha quefto palagio vna loggia dauanti la porta di ordine Doricotjp quefta fi pafs 
fa in vn' altra loggia,e di quella in vn cortilejil quale ha ne i fianchi due loggietdall'vna, e 1* altra 
tefta diquefteloggiefonogliappartamenti delle ftanze , delle quali alcune fono Mate ornate 
dipitture da Meffer Giouanni Indemio Vincentino huomo di belliflimo ingegno.Rincontro 
all' entrata fi troua vna loggia fimile a quell'a deirentrata,dalla quale fi entra in vn' Atria di quat 
tro colonne } e da quello nel cortile ,il quale ha i portici di ordine Dorico,e ferue per 1'vfo di Vil- 
la Nonui e alcuna fcala principale corrifpondente a tutta la fabrica : percioche la parte di fopra 
non ha da feruire,fe non per faluarobba,& per luoghi da feruitori. 



c a o\4v> o e 




IN LONEDO 



SECOND p.. 65 

IN LONEDO luogodelVicentinoeJaieguentefabricadelSignorGiroIamode'Godipo. 
fta fopra vn colle di belliisima vifta>& a canto vn fiume, che ieiue per Pefchiera. Per rendere quefto 
iito commodo per fufo di Villa vi fono itati fatticortili, & ftradeibpra volti con non picciola fpefa . 
J-a fabrica di mezo e per l'habitatione del padrone > & della famiglia . Le ftanze del padrone hanno 
il piano loro alto da terra tredici piedi, e fono in fo!aro> fopra quefte vi fono i granari '» & nella parte 
di fotto,cioe nell'altezza de i tredeci piedi vi fono difpofte le cantine 9 i luoghi da far e i vini>la cucina, 
& altri luoghi rimili. La Sala giugne con la fua altezzafih fotto il tetto , & ha due ordini di feneftre . 
Dall'uno e l'altro lato di quefto corpo di fabrica vi lono i cortili y & i coperti per le cofe di Villa # 
fc'ftata quefta fabrica ornatadi pitture di bellifsima inuentione da Mefler Gualtiero Padouano , da 
Mefler Battifta del Moro Veronefe , & da Mefler Battifta Venetiano > perche quefto Gentirhuomo» 
il quale egiudiciofifsimo>perredurla aquellaecceilenza &perfettione s che fia pofsibilc* non ha 
guardato a Jpefa akuna, & ha fcelco i piu ungukui > & eccelknti Pittori de' noftri tempi. 





II 



A SANTA 



* 



_V6 L" IB R O 

A SANTA Sofia Iuogovicino a Verona cinque migliae la feguentefabricacklSignorContc 
Marc'Antonio Sarcgo pofta in vn belhfsimo fito, cioe fopra vn colic di afcela facilifsima 3 che difcuo- 
prc parte della Citta,& e tra due Vallette: tutti i colli intorno fono amenifsimi, e copiofi di buonifsi- 
mc acque ; onde queitafabrica e ornata di giardini, & di fontane marauigliofe. Fu quefto iuogo per 
la fua amenita le delicie de i Signori dalla Scala,e per alcuni veftigij 5 che vi (i veggonodi comprende 
che ancho al tempo de' Romani fu tenuto da quegli antichi in non picciola ltima. La parte di quefta 
fabrica,che ferue all'ufo del padrone,& della tamiglia, ha vn cortile: intorno al quale fono i portici j, 
le eolonne fono di ordine lonico,fatte dipietre non politejcome pare che ricerchi la Villajalla qua- 
le ii conuengono le colepiu tofto fchiettejefemplici,che delicate: vanno quelle eolonne a tuor fufo* 
la eftrcma cornice,che fa gorna,oue piouono l'acque del coperto,& hanno nella parte di dictrojcibe 
fotto i portici alcuni pilaftii , che tolgono fufo il pauimento dellc loggie di fopra ; cioe del fecondo 
folaro. In queiiofecondo folaro.vi iono duefale ? vna rincontro all'altra : la grandezza d die quali e; 
moftrata nel difegno della pianta con le linee,che id interfecan6 3 e fono tirate da gli eftreml mini del* 
la fabr ica alle eolonne. A canto quefto cortile vi e quello per le cole di V illa,dali'una,e i'alrra par- 
te del quale vi fono i coperti per quelle commodita } che neile Ville fi ncercano. 



< 

H 



.---.. .-.-. - ^ ^.^ 



i \ 



LA FARIBCA 
II 






S £ C O N D O. 



67 




ajiiiw<,v,»»i».»tey» r | 



T' M r i 'i<fwftf 1 '6IWi l lliiiit*''ji'lliTfilMi'''t'i''iiliigl " ^ffl l HVmi'i"|W i ,ii' | «"iyfl'| l |H«T.n.i-iimiw i!!w y i2~Tj 

5 




I [ 



.<*"« L I B R O 

Lt\ FABRIGAj chefegue»edelSignorConte Annibale SaregoadvnluogodelColIo* 
gnefedetcolaMiga. Fabafamentoatuttalafabricavnpiedeftilo alto quattro pkdi,cmezo;& 
a quelta alcezza e j1 pauimento delle prime ftanze,fotto le quali ui fono le Cantme,le Cucincs 5 & 
alcre itanze percinenti ad allogar la &miglia:le dette prime ftanze fono in uolto, & le feconde in 
folaro:appreifoqueitafabricaui,eilcomleperle cofedi Villa,con tutti quei luochi die a tal ufo 
ficonuengono. 




DELIA 



SECOHDO. 



69 




DELLA CASA DI VILLA DE GLI ANTICHI. Cap.XVL 

O F I N Q V I pofto i difegni di moltc fabrichedi villa da meordinaterrcfta 
ch' io ponga ancho il difegno della cafa di Villa^che, fccondoquello , che ne 
dice Vitruuio; foleuano fare gli Antichhperciocheineffofi uederanno tutti 
i luoghi appartinenti all' habitatione, & all' vfo di Villa collocati alle region 
ni del Cielo,che a loro fi couegono: ne mi eftederd in referire quello,che ne 
dicePlinio: perchehorailmio principale oggettoe folamente di moftrare 
come fi debba intendere Vitruuio in quefta parte.La faccia principale e uol- 
ta a Mezo giorno , & ha vna loggia , dalla quale per vno andito fi entra nella cucina 5 la quale ri- 
ceue il lume fopra i luoghi a lei vicini, & ha il camino nel mezo . Dalla parte finiftra vi fono le 
italle de i Buoi,le cui mangiatore fono riuolte al fuoco,& all'Oriente : dalla medefima parte Co^ 
no ancho i bagni : i quali per le ftarize,che effi ricercano, fi allontanano dalla cucina al pari della 
loggia .Dalla parte deftra vi e il torchio,& altri luoghi per l'oglio corrifpondenti a i luoghi de i 
bagni , e vengono ad hauerc l'Oriente,Mezogiorno 5 e Poneute . Di dietro vi fono le cantine , le 
quali vengono a pigliare il lume da 5ettentrione,& efler lungi dallo ftrepito>e dal calor del Sole: 
fopra le cantine, vi fono i granari , i quali hanno anch'efli il lume dalla medefima region del Cie- 
lo . Dalla deftra,e finiftra parte del Cortile vi fonole ftalle per caualli,pecore, & altri animali; 
& i fenili , e i luoghi per li pagliari , & i piftrini : tutti i quali deono effere lontani dal fuoco. Di 
dietro vi fi vede l'habitatione del padrone,la faccia principale.della quale e oppofta alia facciata 
della cafa di Villa :Onde in quefte cafe fattefuori della Cittaveniuano adefteregli Atrii nella 
parte di dietro . In eflafiofleruanotutte quelle confiderationi, delle quali s'edcttodi fopra, 
quando fi pofe il difegno della cafa priuata de gli Antichi : c pero hora habbiamo folamente cos 
fiderato la parte della Villa. Io ho fatto in tutte le fabriche di Villa, & ancho in alcune del- 
la Citta il Frotefpicio nella facciata dinanti ; nella quale fono le porte principali:percioche que- 
fti tali Frontefpici accufano l'entrata della cafa,& feruono molto alia grandezza, e magnificenza 
dell'opera ; facendofi in quefto modo la parte dinanti piii eminente dell'altre parti: oltra che rie- 
fcono commodiffimi per le Infegne , ouero Armi de gli Edificatori , lequali fi fogliono collocarc 
nel mezo delle facciate . Glivfarono ancho gli Antichi nelle loro fabriche , come fi vede nelle 
reliquie de i Tempii , & di altri publichi Edificii ; iquali , per quello c'ho detto nel proemio del 
primo Iibro,e molto verifimile , che pigliaftero la inuentioue, & le ragioni da gli edificii priuati , 
cioc dalle cafe . Vitruuio nel fuo terzo ljbro al cap.vltimoj ci infegna come fi deuono fare . 



DI ALCVNB 



t J'lB.&.O 






I 








ia 



S -E C O ;N ;P O. 



7*. 




DIALCVNE INVENTIONI SECONDO DIVERSI SITI. Cap. XVII. 

1 A INVENTIONE era parlar folo di quelle fabriche , le quali oucro foflero 
compiute , ouero cominciate , e ridotte a termine che prefto fe ne potefle fperare il 
componimento : ma conofcendo il f>iu delle volte auefMre , che fia dibifogno accom- 
modarfi a i fiti, perche non fempre il fabrica in luoghi aperti ; mi ibno poi perlualb 
non douer effer fuori del propofico noftro , lo aggiugnere a difcgni pofti di fbpra al- 
cunepoche inuentioni fatteda 

me a requifitione di diuerfi Gentirhuomini , le 

quali elsi non hanno poi efequito per quei ri- 

fpetti j che fogliono auenire. Petcioche i diffi- 

cili fiti loro, & il modo c'ho tenuto nell'accomo 

daf iaquelli le ftanze,& altri luoghi c'haueflero 

trafecorrifpondenza, e proportione j faranno 

(come io credo ) di non picciola vtilita. 

11 fito diquefta prima inuentione e piramida- 

le; la bafa della Piramide viene ad efTer la faccia- B ■*■, 

ta princi pale della cafa : la quale ha ere ordini di 

colonne, cioe il Dorico,iI Ionico,e'l Corinthio: 

La entrata e quadra, & ha quattro colonne; le 

quali tolgono fufo il volto, e proportiano la al- 

tczza alia Jarghezza:daU'una,eraltra partevi 

f ono due ftanze lunghe vn quadro , e due terzi ; 

alte fecondo il pnmo modo dell'altezza de* 

volti: appreflo ciafcuna vi e vn camerinoj e fcala 

d a falir ne i mezati : in capo dell'entrata io vi fa- 

cea due ftanze lunghe vn quadro e mezo , &ap- 

preilb due camerini della medefima proportio- 

ne, con le icale, che portaflero ne i mezati: e piu 

oltra la Salalungavn quadro e due terzi conco 

lonne vguali a quelle dell'entrata: appreflo vi fa 

rebbe ftata vna loggia , ne i cui fianchi farebbo* 

no itate le fcale di forma ouale , e piu auanti la 

corte , a canto la quale farebbono itate le cuci- 

ne. Le feconde ftanze, cioe quelle del fecondo 

ordine haurebbonohauutodialtezzapieniven 

ti,e quelle del terzoxviij. Maraltezzadeli'una, 

e l'altra fala farebbe ftata fino lotto il copertq j e 

quefte fale haurebbono hauuto al pari del pia- 
no delle ftanze fuperiorialcunipoggiuoii,c'ha» 

• urebbono feruito ad allogar perfone di i iipett© 
al tempo di feftc,bancheui,eiimilifollazzi. 





FECI 




R O 

FECI pervnfitoinVenetiala fottopoia 
inuentioneda faccia principale ha ire ordircis 
di colonne , il primo e Ionico 5 il lecondo Co- 
rinthio,& il terzo Compofito. La eritrara ef ee 
alquanto in fuori : haquattro colonne vguali, 
e iimili a quelle della facciata. Le ftanze 3 c be 
fono da i fianchi hanno i volti alti fecondo il 
primo modo dell'altezza de' voki : olrra que- 
lle viiono altre ftanze minori,e came* ini s e le 
fcale j che feruono a i mezati . Rincontroal- 
l'entrata vi e vn'andito , per il quale fi entra m 
vn*altraSalarninore,laqualedavna parte ha 
vna cof ticellaj dalla quale prende lunie,e dal- 
l'altra la fcala maggiore 3 eprincipale di forma 
ouata s e vacua nel mezo > con le colonne in- 
torn o 3 chetolgonofuforgradi:piiioltre per 
vn'aliro anditoii entra in vna loggia ? le cui 
o'onne fono Ioniche vguali a quelle dcll'en- 
trata. Kaquefta loggia vn'appanamenro per 
banda 3 comequelli dcU'entrata: maqueilo, 
che nella parte hniftra viene alquanto cliim- 
ruito per ccrgion del lito : apprelTo vi e vna 
cone con colonne intorno, che fannocorri- 
tore 3 il quale ferue alle camere di dierro , o ue 
ftarebbono le donne 5 e vi farebbono le cuci- 
re. La parte di fopra cfimileitquelladi lot- 
to 5 eccetto che la ia la 5 chee fopra la entrjra 
non ha colonnaje giugne con la fua altezza li- 
no fbtto il tetto , & ha vn corritorc j 6 poggi- 
uolo al piano delle terze ftanze , che fer uirc fa- 
be ancho alle fineftre di fopra : perche in q ue- 
fta Sala ve ne farebbono due ordini . L a Sala 
minore haurebbe la trauatura al pari de i volti 
dellefecondeftanzese farebbono queftivohi 
altiventitre piedi :le ftanze del terzo ordine 
farebbono in folaro di altezza di diceotto 
piedi. Tutte le porte,e fineftre s'incontre- 
rebbono 5 e farebbono vna fopra l'altra > e tutti 
imuri haurebbono la lor parte di carico: le 
Cantine 9 i luoghi da lauar i drappi , & gli al tri 
magazini farebbono ftati accommodati lot- 
to terra. 



. fo i ' ;: '7»r j rT" ~ ^ 



FECI 



% £ G ON D O. ^ 

F EG I .git richiefto dalCote Francefco, & Conte Lodouico fratelli de'Triflini\per un loro fi; 
to in Vicenza la feguente inuentione : fecondo laquale haurebbe hauuto la cafa un" entrata qua- 
dra,diuifa in tre fpatij da colonne di ordine Gorinthio , accioche il volto fuo hauefle hauuto for- 
tezza,eproportione. Da ifianchiui farebbono ftati dueappartamentidifetteftanzepervno, 
computandouitremezati, a qualihaurebbonoferuito lefcale, chefonoa canto icamerini. 
U altezza delle ftanze maggiori farebbe (lata piedi ventifette: e delle tnediocri,e minori dicciot- 
to. Piii a dentro fi farebbe ritrouata la corte circondata da Loggiedi ordine lonico. Le colon; 
lie del primo ordine della facciata farebbono ftate Ioniche,& uguali a quelle della corte,- e quella 
del fecondo Corinthie . La Sala farebbe ftata tutta libera , della grandezza dell' entrata , & alta 
fin fotto il tetto:al pari del piano della foffitta haurebbe hauuto un corritore : Le ftanze maggiori 
farebbono ftate in folaro;lemediocri,epicciole in uolto. A canto la corte ui farebbono ftate 
flanze per le donne,Cucina,& akri luoghijfotterra poi le Cantine } i luoghi da legne, & altre com 
modiri. 






KK LA INVEN- 



L .1 B< & O 





LA INVENTIONE qui 
pofta fu fins, al Conre Giacomo An- 
g irano per un fuo fico pur nella detta 
Citti;Le colonne della facciatafono 
di ordine Compofito. Le ftanze a can 
to l'emrata fonolunghe un quadro , 
| e due terzi : appreflb ui e un cameri- 
no, e fopra quello vn mezato. Si paf- 
fa poi in una corte crrcondata da por j 
tici : Ic colonne fono lunghc piedi 
trentafei j & hanno dietro alcunipi- 
! laftri da Vitruuio detti Paraftatice , 
' die foftentano il pauimento della fe- 
ll conda loggia : fopra la quale ue nee 
{ vn'altra difcoperca al pari del piano 
deirultimo folaro della cafa , & ha i 
,■ poggiuoli intorno . Piu oltre fi ritros 
r.ua vn'altra corte circondata fimilme- 
I te da portici : il primo ordine delle 
f colonne e Dorico, il fecondolonico; 
i & in quefta fi ritrouano le Scale. Nel 
Ma parte bppofta alle Scale uifonole 
Iftallc, euifipotrebbonofarlecuci* 
ne, & i luoghi per feruitori .Quanto 
alia parte di fopra ; la Saia farebbe 
fenza colonne,& il fuo folaro giugnc 
rebbe fin fottoil tetto : le ftanze fa^ 
rebbono, canto alte quanto larghe , e 
ui farebbono cameririi , e mezati co= 
me nella parre di fotto . Sopra le co* 
lonne della facciata fi potrebbe fare 
un poggiuolo : il quale in rrtolte occa 
fioni tornerebbe coramodiflimo . 



S E: CO ^N p 0. 







J3-JL 




Kk * 



IN VERONA 



— * 






fi LI B X 

1NVERONA a' portoni detti volgarmcntc dellaBra , fito notabiliffirtto, il Ccnte Gio.Bat- 
tifla dalla Torre difegno gia di fare la fottopofta fabrica:la quale haurebbe hauuto>e giardino,e tut 
te quelle parti,che fi ricercano a luogo commodo,e diletteuole.Le prime ftanze farebbono ftate in 
volco , e fopra tutte le picciolc vi farebbono ftati mezati , a* quali hauerebbono feruito le Sale pic- 
ciole. Le feconde ftanze } cioe quelle di fopra farebbono ftate in folaro.L'alrezza della Sala farebbe 
aggiunta fin fotto il tetto,& al pari del piano della foffitta ui farebbe ftato vn corrittore, opoggiuo- 
lo,e dalla loggia, e dalle fineftre mefle ne i fianchi haurebbe prefo il lume . 











■A «' mil, i >|l< I \"" , .'" , ^. l -,.v l ''"^^ 






mm 



mil 



hi 



o 



TttiMTlPvi 



3D Cp^^gx^m 











® © 



4. o 




^•^ 6) t __©_^gj_© _© j^S^nm^^TmMThrr^W, 




FECI 






SECOND o; 



FECI ancora al Caualie 
ro Gio. Battifta Garzadore 
Gentil'huomo Vicentino 
la feguente inucntione,neJ 
la quale fono due loggie , 
vnadauanri, &vnadidie- 
tro di ordirte Corinthio. 
.Quefte Loggie hanno ifof 
fieri , e cofi ancho la Sala 
terrenarlaqualee nella par 
te piu a dentrodellacafa, 
.accioche fia frefca nella E- 
itate, & ha due ordini di fi \ 
neftre : Le quattro colon- 
jie , che fi ueggono, foften- 
:tano il foffitto , e rendono 
ibrte, eficuroil pauimen- 
to della Sala di fopra : la 
quale e quadra,e fenzaco- 
lonne , e ranto al a quanto 
larga, edi piii quanroela 
groflezza della Cornice . 
La altezza dei voltidelle 
ftanze maggiori e fecondo 
il terzomodo dell' altezza 
de' volti: i volti de i Ca^ 
merini fono alci piedi fedfc 
ci . Le ftanze di fopra fono 
infolaro: lecolonne delle 
feconde Loggie fono di or- 
dinecompofito; la quinta 
parte minori di quelle di 
fotto : Hanno quefte log- 
gie iFrontefpicii: i quali 
(come hodetto di fopra ) 
dannonon mediocre gran* 
dezza alia fabrica, facedo- 
la piu eleuata nel mezo , 
che ne i fianchi ,.& feruono 
a collocare le infegne. 



^ss^ 1 ^ 8 ^^^! 




, 4-© © ©' " fe^g^^ ^ ^i^^ r | 






. 



tess 




• 



I 

boi 
• I © 




^x^i. iC!^ 







■ 





_- 

i ■ 



FECI 

Is 

I ' 



r ■<* f*s ■' '' '\ ■— 8 

% ' L t" * * "0 1 - 

FECI drequifitiohedelClariff: CaualierilSig.LeonardoMocenicola inuent!one,chefegue 
pervnfuoiito fopra la Brenta. Quattro loggie : lequalicomebracciateftdono alia circonferenza; 
paiono raccoglier quelli,che alia cafa fi approfsiraano , a caco a quefte l&ggie ui fono le ftalle dalla 
parte dinanti,che guarda fopra il fiume$& dalla parte di dietro le cucine,& 1 luoghi per il Fattore, &t 
peril GaftaldoXa loggia che enel mezo della facciata,edi fpeffe.colonne , lequalipefche fonoalte 
xl.piedi; han.no di dietro a.lcuni pilaftri larghi due piedi,e grosfi vn piede;& vn quarto* cite foftera- 
no il piano della feconda loggia,epiii a dentro fl trenail cortile circondar<5 da loggie di ordine Ioni 
co : I portici fono larghi quanto e la lunghezza delle colonne,meno un diarrietro di colonna : Delia 
iftefla larghezza fono arteriole loggie, e leftanze, che guardano fopra i giardini : accio che'l muro, 
che diuide un membrodali'altro fia pofto in mezo per ioftentare il colmodel coperto<Le prime ftan 
ze farebbono rriolto commode aimangiare^quando ui tnterueniffe gran<juantita di perfone: e fono 
di proportione doppia; Quelle de gli angoli fono quadre,& hanno i uolti a fchiffo , aid alia impofla, 
quanto e larga la ftanza ; & hanno di freccia il terzo della larghezza . La Sala e lunga due quadri , c 
mezojle colonrte vi fono pofte per proportionare la lunghezza, e la larghezza,airaltezza, e farebbo 
no quefte colonne folonellaSalaterrena, perchequclladi fopra farebbetutta libera. Le colonne 
delle loggie di fopra del cortile,fono la quinta parte^>iu picciole d« quelle di fotto , e fono di ordine 
Corinthio. Leftanze di fopra fono tantoalte , quanto larghe . Le Scalc-fonoiri capo del cortile > 8c 
afce.idono una al contrario dell'altra. 

T. r<no\ 




BCO N qoefta inuentione fia a laude di D I O pofto fine a quefti due 1 ibn\ne' qnali con quel* 
labreuitache fi e porn t>mag^iore,mt fono ingegnatodi porre infieme, & in r egnare facilmenre con 
parol g,eXofln>jre,tutte quelle cofe,chemi fono parfe piu neceflarie, & pin imporranti per fabricar 
bene,& fpecialmente per edificare le cafe priuate,che in fe contengano bellezza 3 & fiano di nome,& 
dicommodita a gli edificatori . 

IL FINE DEL SECONDO LIBRO. 



\ 




AL SERENISSIM 6 ■; 

E MAGNANIMO PRINCIPE 

EMANVEL FILIBERTO 

Duca di Sauoia, &c. 

ANDREA PALLADIO. 

'"■'«. 
OVENDO Io fereniflimo Principe , mandare in luce 

una parte dellamia Architettura, nellaqualehopofto in 
difegno moltedi quelle fuperbe, e marauigliofe fabriche 
antiche,iueftigijdellequaliinuariepartidelMondo,ma 
piu che in ogn'altroloco fi ricrouano in Roma 5 ho prefo 
ardire di cofacrarla all'Immortalita del'chiaro,& Illuftre 
nome dell'A. V. come di quel Principe,il qual folo a tempi noftri con la 
Prudenza, e co'l ualore s'aflimiglia a quelli antichi Romani HeroiJe uir- 
tuoiiflime operationi de* quali fi leggono con marauiglia neirhiftorie,cx: 
parte fi ueggono neli'antiche ruine.Ne da ci6 m'ha potuto rimouere Pha 
uerriguardato all'humile mia fortuna, & alia piccolezza deldono : poi 
chelafomma,&incredibilehumanita, perlaquale TA.V^degnoinalzar- 
mi conl'honorata fua teftimonianzafopra i meritimiei , all'hora, che da 
lei fui chiamato in Piamontes mi porge ferma fperanza^h'ellajeffercitan 
do la grandezza , c uirtu delnobilifsimo animo fuoj nc a quella,ne a que- 
ftoriguardera: maiblo all'infinitaarTettione, ediuotion mia uerfo di lei, 
con la quale hora, perdimoftrarle in qualche parte la gratitudinedeirani 
mo miojle porgo quefto piccolo dono:fperando chefmerce della corte- 
liitima, Schumanitlima fuanaturajfenonle farain tuttocaro,almeno 
nonlo fprezzera : anziqualhorail trouera manco occupata da gli im- 
portantilsimi fuoi arTari , fi degnera per follazzo leggerla : perche in 
quella uederai difegni di molti antichi marauigliofi Edificii,& che io mi 
fonaflfaticatoaiTaiper illuftrarl'Antichita appreflbgli amatori di quella, 
narrando in che tempo , da chi , & a quareffetto fofTero fabricatij & per 
render utilita alii ftudiofi deirArchitettura,moftrando in figura le pian- 
te,glialzati,iprofili,etuttiimembrilorojaggiognendouilemiruregiu- 
fte,eusre, ficooiefono ftati dams con fommo ftudio mifurati • Dalle 
qu al co fe,e(Tendo 1' A. V. do tata delle pi u no bili ar ti, e fci entie; pigliera n5 
pocacontentezza, econfolationeconfiderandolc fottili,e belleinuentio 
ni deglihuomini, ela uera feienzadiqueft'arte, da lei molto beneinte- 

fa,e 



J9V 



la,cridotta a arara, eperfettaperfettioncjcomedimofh'anogliilluffri, 
c rcali cdificii fatti fare, c che tutta uia fi fanno indiuerfi luoghi cteli'am 1 
plifsimo, c felccifsimo fuo ftato . Rcucrentemente dunquela pregio co- 
me fuodeuoto, &affettionatifsimo feruitoreariceuer conla folitafcre- 
naiua fronte quefta mia parte d'Architettura; accio ch'iocon maggior 
prontezza fotto ilgloriofo nome di cofidegno, & alto fbggetto mi di- 
(pongaadarfuoriiIrimancntedeirincominciatafatica5 nelqualefitrat- 
tara di Theatri , d'Anflthcatri , c d'altrc antiche . e fuperbe moli . Ondc il 
Mondoficomcriconofcedallarnagnanirnitajcdalaliberalit^edeirA.V. 

tutto quello, chedeiranticaRomanamilitias J intcnde,es J ciTcrcita,- cofiri 
conofca anco dalla fua natural cortefia quel tanto dilume,che con le fa- 
tiche mic fara dato alia buona antica Architettura , & a lei di cio obligato 
rimanga* come a Tola, cpotiiTIma cagionedi taleffctto. 
Di Venecia del M.D.I,X£. 



jh ■ ■■ 



\Mk 



IL T'EK.ZO LIBRO 

DEL LARCH ITETTVRA 

DI ANDREA PALLADIO 




Proemio a i Lcttori . 



■• 



■■ 




A v h n d o io trattato a pieno de gli edificij priuati , e ricordato tutti quel- 
li piuneceffarijauertimeH che in loro fideuonohauere:&o!tt^ 
uendo pofto i difcgni di moltedi quelle cafe,che da me fono ftato ordina 
te dcntro.e fuori delle Citca, & di quelle, che(come ha Vitruuio)faceua- 
n,o gli antichi: e molto conueneuole che indrizzandq ilparlar mio a phi 
eccellenti , & a piumagnifichefabriche,pasfihora a gli edificij publichij 
tie' quali , perche di maggior grandezza fifanno,e con pju rari ornametj, 
cheipriuati, eferuono a ufo, ccommodo di dafcund ; hanno i Principr 
molto ampio campo di far conofcere al mondo la grandezza dell'animo loro; e gli Architteti 
bellifsima oCcafioriedidimoftrarquanto esfiuagliono nelle belle, &merauigliofeinuentio- 
ni.Perlaqual cofa in quefto libro,nel quale io doprincipio allemieantichita,&neglialtri,che 
piacendo Iddio feguiranno ; defidero che tanto maggior ftudio fia pofto nel confiderar quel 
poco, chefi diraj&idifegni, chefiporranno:quanto con maggior fatica,e con piulungheui- 
gilie io ho redutto quei fragmenti , che ne fono rimafi de gli antichi edificij , a forma tale , che 
gli ofleruatori dell'Antichita ne fiano(come fpero) per pigliar diletto;& gli ftudiofi dell'Archi 
tetturapoflano riceuerne utilita grandifsimateflendo che molto piu s'impari daibuoni eifem- 
pi in poco tempo co'lmifurarli, eco'luederfopra unapicciola carta gli edificij intieri , e tutte 
le parti loro; che in lungo tempo delle parole : per lequali folo con la mente,e con qualche dif- 
ficulta pud il lettorc uenir in ferma,e certa notitia di quel, ch'egli leggc, e con molta fatica poi 
praticarlo. Etaciafcuno,chenonfiadeltutto priuodigiudiciojpuoeffer molto manifefto 
quato il modo,che teneuano gli antichi nel fabricar fofl'e buono : quado che dopo tato fpacio 
di tempo, e dopo tante mine , e murationi di Imperij , ne fiano rimafi in Italia, e fuorii ueftigii 
ditanti lor fuperbi edificij,per liquali noi ueniamo in certa cognitione della uirtu.e della gran- 
dezza Romana, chealtrimenteforfe non farebbe creduta . Io dunquein quefto TerzoLibro 
nel porrei difegni di quegli edificij, che in lui fi contengono ;'leruar6 queft ordme. Porro pri- 
ma quelli delle ftrade,e de i pond, come di quella parte dell* Architettura,laqual appartiene al- 
l'ornamento delle Citta,edelleProuincie, e ferue alia commodita uniuerfale di tutti gli huo- 
mini.Percioche fi comeneHaltrc fabriche,chefecero gli antichi; fi fcorge,che efsi non hebbe 
ro riguardo ne a fpefa, ne a opera alcuna per ridurle a quel termine di eccellenza,che dalla no 
ftraimperfettione ci e conceflb:cofi nell'ordinarle uiepolero grandifsima cura,chefolTero fat 
tein modo , che anco in quelle li conofceffe la grandezza, e la magmficenza dellanimD loro . 
Ondeperfirlechefo(ferocommode,ebreui,foraronoimonti,feccaronolepaludi,econgi5- 
fero con ponti,e cofi relero facili, epiane quellcch'erano 6 dalle ualli.6 da' torrenti abbalfate. 
Dipoi trattero delle piazze(fecodo che Vitruuio ciinfegnachelefaceuanoiGreci,&iLatini) 
& di quei luoghi , che intorno lepiazze fi deuono fare : e perche tra quelli e di molta confide- 
ratione degno il luoguo,doue i giudici redono ragione,chiamato da gli antichi Bafilicajfi por- 
ra di lui particolarmente i difegni . Ma perche non bafta che le Region', e le Citta fiano beni£ 
fimo compartite,e con fantifsime leggi ordinate,& habbiamo i magiftrati , che delle Ieggi efe- 
cutori tcngano a freno i Gttadini ^ le non fi fanno anco gli huominiprudenti con le doctrine, 

cfortij 



6 P R O E M I O. 

e forti,e gagliardi co l'eflercitio del corpo;per porer eflfer poi atti a gouernar fe mcdefimi, e gli 
altri;& adirenderfidachi uolefle opprimerli:ilche epotisfimacagione,chegli habitatori dial- 
cunaRegione, eflendo diiperfi in moke, epiccioleparrijfi unifcano infieme,efacciano le Cic- 
tadi: onde fecero gli antichi Greci nelle lor Citta(comeracconta Vitruuio) alcuni edificij, chc 
chiamarono Paleftre,e Xifti,ne quali fi riduceuano i Filofofi a difputar dellefcienze,& i Gioua 
niognigiorno fi effercitauano ; & in alcuni tempi determinatiuifiraunauailpopoloaueder 
combattere gli Athleti; fi porranno anco i difegni di quefti edificij :ecofi far a pofto finea que- 
fto Terzo Libro : dictro alquale feguira quel de Tempi appartenenteallareligione, fenzala- 
quale e impofsibile che fi mantenga alcuna Ciuiiit£. 



$ i ' i \ * ' i i * :' : i k ■ ■ ■ * i i : xc i i f 






Qv utA lincaelamcta delpiede Viccntino,co'l quale fonoftatimifuratiifeguenti 

Edificij. 
Tvtto ilpiedefidiuideindodicionciej&ognionciainquattrominuti. 



ifim •■ ■ 

' - ■ 







T E R Z O. j 

DELLE VIE. Cap. Primo: 

EVONO le vie effer curte , commode , ficure, diletteuoli , e belle: fi faranno curre,e . 
commode fe fi tireranno d iritte , & fe fi faranno ampie , onde i carri , & i giumenti in- 
contrandofi , nons'impedifcano rvnl'altro i epero fu appreffo gli Antichi per leggc* 
ftatuito , che le vie non foifero meno larghedi otto piedijOueandauano dirittejne 
meno di fedeci , doue andauano piegate, e torte.- faranno oltra di cid commode fefi fa- 
ranno tuttevguali j cioeche non vifianoalcuniluoghi.ne'qualinonfi poffafacilmenteandarcon-. 
glieferciti,&fenon fu innoimpeditedaacque,ouerda fiumi :ondefikgge»cheTraianoImperado- 
re,hauendorifpettoaquefteduequalita,chenecefiariamentefiriceic nonelle vie,quandoriftau- 
*"6la celebratiffimavia Appiailaqualeeraftatainmoltep; rtiguafiadariempojafciueoilLioghipa- 
ludofi,abbafso i monti jpareggio lc va!!i , & facendodcuebifognaua, pontijriduffel^Tndarper efTa.* 
rnoko facile & efpedito . Saranno ficure, fe fi faranno per i colli, ouero fe, douendofi far per i campl, 
fecondoilcoftumeantico, fi fara vn'argine, foprailqualeiicamini; &fenonhauerannoappreiTo 
Iuoghi,nequalicommodamenteiladri, & gli inimxifipofononafcordere; percioche i peregrini, 
&glieferciti intaliffradepoifonoguaidarfidarorno,efaciImeDtedifcopriie fe foffeloro tcfaalcu- 
; *nainfidia. Quelle vie c'hannole tie giidettequaJita,fonoanconecerTariamenti. belle, & diletteuoli 
a i viandanti . Percioche fuori della Citta per la dritezza ioto ; per la commodita , che appot tano j & 
I per il poterfi in quelle guardar da lungi , & difcoprire molto paefe ; fi alJeggenife graa parte dtlia fa. 
' tica, etrouaranimonoftro (hauendonoiauantigliocchi femprenouoafpettodi paefe ) n -ltafo- 
i disfuttione , e diletto . Et nellc Citta rende belliflima vifta vna ftrada duitta,ampia e polita ,dali'- 
; vna , e l'altra parte della quale fianomagnifichefabriche , fatte con qitelli ornamenti , che fono 
| Iftati ricordati ne'pafiati libri . Etficome nelle Citta fi aggiognebelkzzaalle vie con le belle fabri- 
chej cofidi fuori fiaccrefce ornamento a quelle con gli arbori , iqualieflcndopiantatidallVna.,' 
e dall'altra parte loro , con Iaverduraallegranogliamminoftri , econi'ombranefannocommodo 
grandiifimo . Di quefta forte di viefuori della Cirtane fonomoJtc fu'l Vketino,etra Talrre fonoce- 
lebri quelle , che fon a Cigogna Villa del Signor Conte Odoardo Thiene j &a Quinto Villa del Si- 
gner Conte Ottauio dell'illefla famiglia , lequali ordinate da me, fono ftate poi abbellite, &orna- 
te dalla diligenza, &induftriade'dettjGentirhuomini.Queftecofi fatte vieapportanograndiffimo 
vtile, percioche per la loro drittezza , e per effere alquanto emmenti dal nmantnte de'eampi, parlan- 
do di quelle , che fono fuori della Citta , a tempo di guerra , fi porTono^come ho detto , fcoprir gi' ini- 
mici molto da lungi, ftcofipigliarquellarifoiutionechealCapitanoparramigliore i oltra che in 
altri tempi 3 perinegocij, che fon folitioccorrereaglihuominiper lalorobreuira, & commodita 
potrannofarinfinitibenificij , Ma perthe le ftrade, 6 fono dentro della Citta ,6 fuori. Diro prima 
particolarmente lequalita, che deuonohauer quelle delle Citta > e poi come fideuono far quelle di 
! fuori . E conciofiache altre fiano, che fi chiamano militari, lequali paflano per mezo le Citta, & con- 
duconodavnaCittaad vn'altra,&feruonoad vniuerfale vfode'viandanti , efonoquelle, perle- 
iqualivannoglieferciti, &ficonduconoicarriaggi.- & altre non militan; lequali dalle militaripar- 
tendofi , ouero conducono ad vn'altraviamilitare , ouero fono fatte per vfo , ecommodoparti- 
colardi qualche Villa ; natteid ne'feguenticapitoli delle militari folamente ,lafciandoda parte le 
non militarhperche quelle iideuonoregolarfecondo quelle, e quanto faran loro piu firriili, tamo fa- 
I ranno piu commendabili. 

DEL COMPARTIMENTO DELLE VIE 

dentro deile Citta . Cap. 1 1 . 




ijs EL compartirle vie dentro delle Citta B deue hauer riguardo alia temperio 
g^j dell'Aere, &alh RegionedelCicIo , fotto laquale faranno fituatele Citta . Per- 
cioche in quelle di Aria frig;da, 6 tempera ta , fideurannofarleftrade ampie , e 
larghe , conciofiache dalla loro larghezzanefia per riufcir la Citta piu fana , piu 
commoda , epjiibella : eflendo che quanto meno fottile , & quanto piu aper- 
tovienl'Aere > taino meno offende la tefta ; per il che quanto piu fara la Citta 

A A A 2 in 



$ L 1 B R Q 

in Iuogoffigido,&di aria fottile ,&fi faranno in queltagliedifTcij molto alti 3 tanto piu fi dou- 
ranno far le ftrade larghe, ace ioche pofTano clTere vifitatedal Sole in ciafcuna lor parte . Quan- 
to alia commodity non edubbio , chepotendofi nelle larghe molto meglio che nelle ftrette darfi 
luogoglihuomini, i giumenti 3 Sficarri , nenfianoquelkmoltopiucommodediquefte i &e 
etiandio manifesto , cheperabondar nelle iaighemnggiorlume , & per efler ancora Tvna ban- 
da dall'altra fua oppofita roanco occupata ; fi pud nelle larghe confiderar lavaghezzade'Tem- 
pij,&de'palaggu ondefenericeuernaggiorcontentcelaCittanediuiennepiuornata . Ma ef- 
{endolaCittainregionecalda, fi deuono far kfue vie ftrette, &icafamentialti : acciochecoru 
1'ombraloro , &conla ftrettezzadelkvie fi contemperilacaliditidelfito 3 perlaqualcofanefe- 
guiterapiufanita:ilche fi conofce conl'eiTempio di Roma > laquale (comefikggeapprefioCor- 
nelio Tacito ) diuennepiucalda , &men fana 3 poi cheNeroneperfarla bella , aljargok ftrade' 
fue . Nondimenointalcafopernuggior ornamemo , e commodo della Ottafideuefarla ftra- 
da piu frequentata dalle principali arti > & da paflaggieri fo reftieri 3 larga 3 & ornata di magnitlche , 
efuperbefabriche , conciofiacheiforeftieri , cheperquellapafieranno , fidarannofacilmentea 
credere 3 che alia larghezza 3 &bdkzzafuacorrifpondinoaneokaltieftradedellaCitta , Levie 
principali , chemilitarihauemonomate , fi deono nelle Citta compartire ? checamininodiritte » 
evadino dalle porte della Cittaper retta linea a riferire alia piazzimaggiore , & principal , & 
alcuna voka anco ( eflendone ad dal fito concetto ) conduchino cofi diritte fino alia porta 
oppofita : e fecondo la grandezza della Citta fi faranno per la medefima linea di tali ftrade 3 tra_. 
la detta piazza prinripale, &alcuna 3 qualfivogliadelleporte,- vna, opiupiazzealquanto minori 
della decta fua principale , L'altre ftrade ancor eile fi deono far riferire le piu nobili non folo 
alia principal piazza , maancoraaipiudegniTempij, palaggi, portici, &altre public he fabriche. 
Ma in quefto compartimento delk vie fi deue con fommi diligenza auertire, che ( comeciin- 
fegna Vitruuio al cap. Vl«del piimo Lib.) non riguardino per linea retta ad alcun vento ♦• accio- 
che per quelle non fifentino i Ventirurioli,evioknti!maconpiulanitadeglihabitatorivengano 
Tottijfoauijpurgatijeftancht ; nes'incorraneirinconuenicnte,nelquak anticamenteincorfero 
quelli , che nelllfoladiLesbo j compartironole ftrade diMetelino 3 dallaqual Cittahoratutta- 
l'lfolahaprefoiinome , Si deuono le vienella Cictafalicare,efikggechenelconfolatodiMeflei: 
EmilioiCenforieominciarono a falicare in Roma 3 oue fe ne veggono ancora alcuae 3 lequali 
fono tutte eguali 3 efonolaftricate con pietre incerte 3 ilqualmododilaftricare come fi faceifo 
fidirapiudifotto . Ma fefi vonadiiudereilluogo peril caminardeglihuomini, daquello 3 che 
ferueperi'vfode'earri » &delkbeftie , mi piacera che le ftrade fiano cofi diuife , chedaH'vna,e 
dall'altra parte vi fiano fatti i portici 3 per j quali al coperto poikno i cittadini andarc a far i lor 
nt»otijfenzaeikroiTeii dal Sole, dalle pioggk > e dalle neui, nel qual modo fono quafi tutte lo 
ftrade di Padoa Ci tta aniichnTima 3 e cckbre peril ftudio . Ouero non facendofii portici 3 ( nel 
qualcafok ftrade lieicono piii ampie 5 &piualkgre ) fi faranno daH'vna 3 edallaltrapartealcuni 
martini falicat; di Mattoni 3 che fono pietre cotte piu groffe 3 & piu ftrette de'quadrelJi ; perche 
nel caminate ncn effendono runto il pitde •• & la parte dimezoiilafciera peri earn* 3 eperigiu- 
meoti,e fi falkhera di felice 3 6dialtrapietradura . Deuono efferk ftrade alquanto concaue nel 
mezo, &pendent'j acciochel'acque, che dalle cafe piouono 3 corronotuttoinvno , &habbia- 
no libero , & efpedi to il lor corfo 3 onde lafcino la ftrada nctta 3 ne fiano cagione di cattiuo aere 3 come 
fono quando fi atfei mano in alcun luogo 3 e vi fi putrefanno , 

DELLE VIE FVORI DELLA CITTA 1 Cap. III. 1 



- 



E vie fuori della Ci^a fi deuono far ampie 3 commode , 8c con arbori d'amen- 
due le parti i daqualii viandanti l'eftate fiano difefi dall'ardor del Sole , epren- 
dano gli occhi loro qualche ricreatione per la verdura . Molto ftudio pofero 
in efie gli antichi onde accioche fteftero fempre acconcie crearono i prouedi~ 
tori j ecuratoridi quelle ; e molte da krone furonofatte , delle quali per la com- 
mcdita 3 &perlabelkzzafua 3 benche fiano ftate guafte dal tempo; fe ne fcerba^ 
ancora memoria . Matra tutte famofiffime fono laFlaminia & l'Appia:la prima fatca daFlami- 
nioraentreeraConfolo 3 dopo la vittoria ch'egli hebbe de'Genoutfi : cominciaua quefta via al- 
ia porta Flumentana 3 hoggi detta del Popolo 3 epafiandoperlaTofcana 3 e perl' Vmbria con- 

duceua 




t E ' R Z O. p 

duceua a Rimini ; dalla'qual Citta fu poi da M. Lepido fuo coilega tnenatafino a Bologna, & 
appreflb le radici dell' Aipc per giro ailargandola d'intorno allepaludi condottain Aquileia : 
L* Appia prefe il norne da Appio Claudio , dalquale fu con molta fpefa, & arte fabricata, ondc 
perlafuamagnificenza,&mirabile arrificiofudaPoeti chiamataReginadellcuie. HaUeua 
quefta ftrada il fuo principio dal Colif eo , &c per la porta Capena fi diftendeua fino a Brindifi : 
fu da Appio condottafolamente fino a Capua; da quello ingiu non fi ha certezza chi nefo£ 
fe auttore , & e opinione di alcuni che fofTe Cefare: percioche fi legge appreflb Plutarco , chc 
effendo data la cura di quefta uia a Cefare, egli ui fpefe gran numero di danari: Ella fu poi ulti- 
mamenteriftauratadaTraianoImperadore,ilquale(comehodettodifbpra)a(ciugandoiluo 
ghi paludofi,abbafifando i monti , pareggiando lc ualli, facendo i ponti doue bifognaua riduf- 
it l'andar per efTa fpedito , & piaceuolifsimo . E v anco celebratifsima la uia Aurelia , chiamata 
cbfidaAurelioCittadino Romano, chelafece, haueuailfuo principio dalla porta Aurelia 
hoggi detta di S. Pangratio, ediftendendofi peri luoghimaritimidi Tofcanaconduccuafino 
a Pifa . Furono di non minor nome la uia NumentanaJa Preneftina,elaLibicana ; la prima co 
minciaua dalla porta Viminale , hoggi derta di S. Agnefa,e fi diftendeua fino alia Citta di Nu- 
mentodafeconda haueua principio dallaporta Efquilina,c hora fi dicedi S.L6renzo; e la tcr- 
za dalla porra Neuia, cioe da porta Maggiore, e conduceuano quefte due uie alia citta di Pre 
nefte, hoggidettaPelleftrino, ScallaFamofa citta diLabicana. Vi furono ancora moke altre 
uie nominate, & celebrate dalli I crittori,cioe la Salara , la Collatina , la Latina,& altre, lequali 
tutteoda coloro cheleordinarono; 6 dallaporta, dalla quale haueuanoprincipio;6 dalluo- 
go doue conduceuano,prefcro il nome. Matratuttedoueuaeffer difommabellezza.&com- 
moditala uiaPortuenfe, laqualdaRoma conduceua a Hoftia; percioche (come dice l'Alber- 
ti di hauer ofle'ruato) era diuifa in due ftrade , tra Tuna, ef altra dellequali era un corfo di pie- 
tre un piedepiualto del rimanente, e feruiuaper diuifione : per unadi quefte uiefi andaua , e 
per Taltra fi tornaua, fchifando Toffefa dell'intrarfi : inuentione molto commoda al grandifsi- 
mo concorfo di perfone che a que tempi era a Roma da tutto il Mondo . Fecero gli antichi 
cjueftelor uie militariin due modi , cioe 6 laftrigandole di pietre , ouero coprendole tutte di 
ghiara,e di fabbia . Le uie della prima maniera (per quanto da alcuni ueftigi s e potuto coniet- 
turare)erano diuifein trefpacij: per quel di mezo.ilquale era piu alto de gli altri due, & ilquale 
era alquanto colmo nel mezo,accio racquepoteflero fcorrere & non ui fi affermafferojanda- 
uanoipcdoni,& erafalicato di pietre incerte, cioe, dilati, ed'angolidifeguali: nelqualmodo 
<li falicare,come e ftato detto altroue,ufauano una fqurdra di piombo, laquale apriuano, fer- 
riuano,come andauano i lati,& gl'angoli delle pietre,onde le commetteuano benifsimo infie 
me, & cio&ceuano con preftezza: gli altri due fpacij.ch'crano dalle bande; fi faceuano alqua 
to piu basfi,eficopriuanodi fabbia, &dighiara minuta,e per quelli andauano icaualli.Era 
ciafcuno di quefti marginilargho per la meta della larhhezza delfpacio di mezo,dalquale era 
no diuifi con lafte di pietrapofte in coltello ; & ogni tanto fpacio u'erano pofte alcune pietre 
inpiedipiualte delrimanente della ftrada foprakqualifaliuano , quando uoleuano montare 
acauallo,conciofiachegrantichi non ufaflero ftaffe.Oltra di quefte pietre pofte per l'ufo det- 
to, u'erano altre pietre molto piualte,nellequalifitrouauafctitto dimanoinmanolemiglia 
di tutto il uiaggio, e furono daGneo Graco mifurate quefte uie e conficatele dette pietre. Le 
uie militaridellafecondamaniera,cioefattedi fabbia, e di ghiara,faceuano glantichialquan 
to colmenelmezo,perlaqual cofa, nonpotendoui reftarl'acqua,& effendo elledi materia at 
taad afciugarfiprefto, eranod'ogni tempo polite, cioefenzafango, efenzapoluere. Di que- 
fta forte fe ne uede una nel Friuli,laquale e detta da gli habitaton di quei luoghi la Pofthuma, 
e conduce in Ongheriat&un'altrauen'efu quel diPadoua, laquale cominciando della detta 
Citta,nelluogo,chefidicei'Argere;paffaperrnezo Gigogna Villa del ConteOdoardo, edel 
Conte Theodoro fratelli de Thieni,e conduce all' Alpi.che diuidono L'ltalia della Germania. 
Delia prima maniera di uie e il difegno , che fegue,dal quale fi puo conofcer come doueua ef- 
ferfattalauiaHoftienfe. Delia feconda maniera non mieparlb neceffarioilfarne difegno al- 
cuno,perchee cofafacilifsima, neui ebifogno dialcunainduftriapur chefifacciano colme 
nelmezo, ondel'acquanon uifipoffaaffermare. 

A, E'il fpacio dimezo, per doue andauano ipedoni. 

B, Sonolepietre,chefaruiuano afalireacauallo. 

C, Sono i margini copertidi Arena c di ghiara, per iquali andauano icaualli. 

BBB 



xo 



- L I B R O 




T £ R Z 0. 



ir 




D I CLV ELL O, CHEN EL F ABRI C AR E I PONTI 

ii deue offeruare, e del fito che fi deue eleggere. 
Cap, IIII, 

Onciosiache moki fiumi per la lor Iarghezza,altezza, & uelocita non fi pof- 
iano paffare aguaz,zo,fu prima penfato alia commoditade ponti: onde fi pud 
dire che esfi fiano parte principal della uia, & che altro non fiano,che una ftra 
da fatta fopra deli'acqua.Queiti deuono hauer quelle iftefle qualita,c'habbia- 
mo detto richiederfi in tutte lefabriche, cioe che fiano commodi, belli, e du- 
rabiliperlungo tempo. Saranno commodi, quando non fialzeranno dalri- 
manence della uia, &alzandofi haranno la falita lor facile; & quando fi eleggera quel luogo 
perfabricarli, che fara commodifsimo atuttalaProuincia,ouero atuttala Citta,fecondo 
che fi fabricheranno 6 fuori,6 dentro delle mura: epero fi fara elettione di quel luogo,alqua- 
Je da tutte le parti faciimeiue fi pofla andare, cioe che fia nel mezo della Prouincia, ouero net 
mezo della Citta,comefeceNitocre ReginadiBabilonia nel ponte ch'ellaordino fopra l'Eu- 
frate*;e non in unangolo, oue pofla feruire folamente a ufodepochi. Saranno belli, &per 
.durar lungamente ; fe fi faranno in quei modi , e con quelle mifure, che fi dira particolarmen- 
xe'piu di fotto . Ma nelTelegger il fito per fabricarli, fi deue auertire di eleggerlo tale,che fi pof 
fa fperare, che debba efler perpetuo il ponte che ui fi fabrichera ; & oue fi pofla far con quella 
minor fpefa, che fiapofsibile. Onde fi eleggera quelluogo, nel quale il fiume fara manco pro- 
fondo, & hauera il fuo letto , 6 fondo uguale , e perpetuo , cioe 6 di faflb , 6 di tofo : perche 
(come disfi nelprimo Libro quando parlai de' luoghi daponer lefundamenta)il faflb,& ilto- 
ib fono fondamento buonisfimo nell'acque: oltra di cio fi deuono fchifarei gorghi.ele uora- 
gini, & quellaparte dell'alueo, 6 letto del fiume, che fara ghiarofa, 6 fabbionegna . Percioche 
Jafabbia,& la ghiaraper efler dalle piene dell'acque continuamente mofla,uariail letto del fiu 
me: & eflendo cauate fotto le fondamenta, fi cauferebbe di necesfita la ruina dell'opera . Ma 
quando tutto illetto del fiumefofle di ghiara,e di fabbia, fi faranno le fondamenta come fi di- 
ra di fotto quando trattero de pontidipietra.Sihauraetiandioriguardo dieleggcr quel fito 
nelqualeil fiume habbiail fuo corfb diritto. Conciofiachelepiegature, etortuofit a delle ripe 
iiano efpofte a efler menate uia dall'acqua,onde in tal cafo uerrebbe ilponte a reftar fenza fpa 
le, & in lfola;& ancho perche al tempo delle inondationi trahono l'acque in dette tortuofita , 
la materia, che dalle ripe, e dalli campi leuano; laquale non potendo andare giu al diritto, ma 
fermandofi piu altre cofe ritarda, & auolgendofi a i pilaftri rinchiude l'aperture de gli archi , 
onde l'opera ne patifce in modo che dal pefo deli'acqua uiene co'l tempo tirata a ruina . Si 
eleggera dunque il luogoper edificaruiiponti, ilquale fia nel mezzo della Regione, ouero 
della Citta, e cofi commodo a tutti gli habitatori ; & oue il fiume habbia il corf o diritto, & il 
letto manco pro fondo, uguale, e perpetuo. Ma conciofiachei ponti fifacciano odi legno,6 
di pietra.io diro particolarmentcdell'una,& dell'altra maniera,e neporro alquantidifegni co 

ii d Antichi, come di Moderni . 

» 

DE I PONTI DI LEGNO, ET DI Q.VELLI 

auertimenti,chenell'edificarlifi deuono hauere. Cap. V. 




|j|| I fannoi Ponti di legno, ouero perunaoccafionfola, come quelli,chefifanno 
per tutti quelli accidenti , che nelle guerre fogliono auenire : della qual for- 
te celebratifsimo e quello , che ordino Iulio Cefare fopra il Rheno . Oue- 
ro accio che continuamente habbiano a feruire a commodo di ciafcuno . Di 
quefta maniera fi legge che fu edificato da Hercole il primo ponte che fofle giamai fat- 
to fopra il Teuere nel luogo , douefu poi edificata Roma , quando hauendo egli occifb 
Gerionemenaua uittoriofo il fuo Arm ento per Italia, e fu detto Ponte Sacro: &erafituato 
in quella parte del Teuere,doue poi fufattoil Ponte Sublicio dal Re AncoMartio, ilqua- 
le era fimilmente tutto dilegname, ele fue traui erano con tanto artificio congionte, che fi 

BBB a poteuanq 



i2 L I B R O 

poteuano leuare, eporrefecondo il bifogno,neui eraferro,6 chiodo alcuno ; come egli folic 
fatto non fi fa.fe no che gli fcrittori dicono, ch'era fatto fopra legni grofsi,che fofleneuano gli 
altri,daqualiegliprefeilnomediSublicio , perchetai legni in lingua Volfcafi chiamauano 
fublices.Quefto fu quelponte,che con tanto beneficio dellafuaPatria, & gloria difefteflb,fu 
dif efo da Oratio Code . Era quefto Ponte uicino a Ripa,oue fi uedono alcuni ueftigi in mezo 
del fiume , perche fu poi facto di pietra da Emilio Lcpido Pretore , & riftorato da Tiberio Im- 
peradore , & da Antonino Pio. Si deuono fare quefti tai ponti , che fiano ben fermi,& incatc- 
nati con forti,c grolfe traui , di modo che non fia pericolo che fi rompano, ne per la frequen- 
za delleperfone,e de gli animali,ne per il pefo de'carriaggi,& deirartig!iarie,che paflera lorfo- 
pra 5 nepoflano efler ruinati dalle innondationi , & dalle piene dellacque. E per 6 quelli,che fi 
f anno alle porte delle Citta, iquali chiamiamo ponti leuatori , perche fi poffono alzare,& cal- 
lare fecondo il uolere di quelii di dentro , fi fuogliono laftricare di uerghe, elame di ferro,ac- 
cioche dalle ruote de' carri,& da' piedi delle beftie non fiano rotti,e guafti.Deuono efler le tra 
ui, cofi quelle che uano conficate nell'acqua , come quelle che fanno la larghezza e lunghez- 
za del ponte, Iunghe,& grofle iecondo die riccrcheralaprofonditaja larghezza,e la uelocita 
delfiume. Ma perche iparticolari fono infiniti.non fipuo dar diloro certa,e determinata re- 
gola . Ondeio porro alcuni difegni, e diro lelor mifure; da quali potra cia/cuno facilmente » 
iecondo chefe gli offeriraroccafione,eflercitandolacutezza delfuo ingegno;pigliarpartito , 
& far opera degnadi efler lodata. ■ 

DEL PONTE ORDINATO DA CESARE 

fopra il Rheno . Cap. VI. 

Avendo IulioCefare (come egli dice nel quarto Librode' fuo Commentarij) 
deliberato di paflar il Rheno , acrid che la poflanza Romana foflefentita anco 
dalla Germania;& giudicando che nonfofle cola molto ficura,ne degna dilui, 
ne del Popolo Romano,il paflarlo co barchejordino un Pote , opera mirabile, 
& molto difficile per la larghezza,altezza,&velocitadelFiume.Ma come que 
fto pontefofle ordinato ( benche egli lo fcriua) nondimeno per non faperfi la 
fbrzadialcuneparoleufatedaluineldefcriuerlo, e ftato uariamente pofto in difegno fecon- 
do diuerfeinuentioni. Onde perche ancorioui ho penfato alquanto fopra, nonhouoluto 
laflar quefta occafione di porrequel modo, che nella miagiouentu, quando prima lesfi i detti 
Commentarism'imagina^perchepermio creder molto fi confa con le parole di Cefare; & per 
cheriefcemirabilmente, come s e ueduto l'efletto in un ponte ordinato dame fubitofuori 
di Vicenza fopra il Bacchiglione. Neemiaintentionedi uolerincio confutarle altruiopi- 
nioni, conciofia che tutte fiano di dotifsimi huomini , & degni di fomme lodi per hauernela- 
fciato ne lorofcritti,come esfi l'intefero,&in quefto modo con l'ingegno,& faticheloro mol 
to ageuolato l'intendimento a noi . Ma auanti che fi uenga a i difegni porro leparole di Cefa- 
re , iequali fbno quefte . 

Rationem igitur Pontis hauc inftituit . Tigna bina fefquipedalia, paululum ab imo prseacu- 
ta,dimenfa ad alitudinem fluminis interuallo pedum duorum inter le iungebat. Rxc cum ma- 
chinationibusimmiflainflumine defixerat,fiftucifque adegerat, nonfublica? modo dire&aad 
perpendiculum,fed prona , ac fafligiata, ut fecundum naturam fluminis procumberent:his ite 
contraria duo ad eundem modum iun&a interuallo pedum quadragenum ab inferiore parte 
contra uim atqueimpetum fluminis conuerfaftatuebat.Hxc utraqueinfuper bipedalibus tra- 
bibusimmifsis, quantum eorum tignorumiun&uradiftabat, binis utrinquefibulisab extre- 
ma parte diftinebantur.Quibus difclufis, atque in contrariam parte reuin<5tis,tanta erat operis; 
firmitudo,atque earerum natura,ut quo maior uis aqua? fe incitauiflet , hoc ardtius illigata te- 
nerentur .Hascdiredainieda materia contexebantur, aclongurijs , cratibufq; conftreneban- 
tur.Acnihilofecius fublica? ad inferiorem partem fluminis oblique adiungebantur, quae pro 
Ariete fubiedta?, & cum omni opere coniun<fta? uim fluminis exciperent.Et alias item fupra p5 
tern mediocrifpacio , ut fi arborum trunci , fiue naues deijciendi operis caufa effent a Barbaris 
miflfc, his defenforibus earum rerum uis minueretur, neu Ponti nocerent . 

Ufenfo 




T E R Z O. 13 

II fcnfo delle quali parole e, chc egli ordind un Pontcin quefta manicra.Giiigneua macule 
due rraui, grofle un picde e mezo 1'una, diftanti duepiedi tra fe, acute alquanto nellaparte di 
Cotto,c lunghe fecondo che richiedeua l'altezza del hume:& hauendo con machine ail'crmate 
queftetraunielfondo delfiume, leficcau a in quelio co'l battipalo nondiritteapiombo, ma 
inchinate, di modo che fteflero pendenti a feconda dell'acqua . Ali'inconrro di quefte , nella 
parte difottodt^fiumeperfpaciodi quaranta piedi, nepiantaua due altre gionte infieme nel- 
lifteffa maniera, picgate contra la forza, &l'impeto delfiume. Quefte due traui, tnimeflcui 
altre traui grofle duepiedi, cioe quanto elle erano diftanti tra fe ; erano nell'eftremitd ioro te- 
nute dall'una, e daU'altra parte da due fibule, lequali aperte, & legate al contrario,tanto gran- 
ge era la fermezzadeU'opcra,& raleerala naturaditaicofe, chequanto maggiorfofleftarala 
forza dell'acqua, tanto piu ftrettamente legate infieme fi teneflero. Quefte traui erano teflute 
con altre traui, e coperte di pertiche, di gradici.Oltra di cid nella parte di fotto del flume fi ag- 
giogneuano palipiegati, iquali fottopofti inluogo di Aricte,& congionticon tuttal'operare 
iifteffero alia forza delfiume. Etmedcfimamentene aggiogneuano altri nella parte difbpra 
del Ponte Iafciatoui mediocre fpacio racciochefetronchi d'arbori, ouero uafcellifoffero da 
Barbari mandati giu per il fiume per ruinar l'opera,con quefti ripari fi fcemaflela lor uiolenza , 
di modo che nonnocefTeroalPonte . Cofi defcriue Cefare il Ponte ordinato daluifbprail 
Rheno> allaqual deicrittioneparmimolto conforme lainuentione che fegue, tuttele cui par- 
ti ibno contrafegnate con Iettere . 



-t> 1 



A, Sono le due traui gionte infieme, grofle un piede e mezo,aIquanto acute di fotto.fi- 

catenelfiume nondiritte, mapiegate afeconda dell'acqua: & diftanti tra fe due 
piedi. 

B, Sono le altre due traui pofte nella parte di fotto del fiume all'incontro delle giadet- 

te, e diftanti da quelle per fpacio di quaranta piedi , & piegate contra il corfo del- 
l'acqua . 
H, E x la forma da per fe di una delle dette traui . 

C, Sono le traui groffe per ogni uerfo due piedi, che faceuano la larghezza del Ponte, 

laqual era quaranta piedi. 
I, E v unadelle dette traui . 

D, Sono Iefibule, le quali aperte, cioe diuife 1'una daU'altra, & legate al contrario, cioe 

una nella parte di dentro , e l'altra neUa parte di fuorijuna fopra,e l'altra fotto dell©* 4 " 
traui grofle due piedi, che faceuano la iarghezza del pontejrendeuano tanto gran- 
de la fermezza deU'opera,che quanto era maggiorela uiolenza deU'acqua,e quan- 
to piueracaricoiIponte,tantopiuella fiuniua,efifermaua. 
M, E x una delle fibule. 

E, Sonoletraui, chefiponeuanopcr la lunghezza del Ponte, &ficopriuanodi perti- 

che, &digradici. 

F, Sonoipalipoftinella'partediibttodelfiume, iquali piegati, econgionti contutta 

f opera refifteuano alia uiolenza delfiume. 
G, Sono ipalipofti nella parte di fopradelPonte, r acci61odifendeflero,fedagliinimi- 

cifoflero mandati giu peril fiume tronchi d'arbori, ouernauiperruinarlo . 
K, Sono due diqueUe traui che infieme congiontefi cacciauano nel fiumenon direttc 

mapiegate. 
L, E v la tefta deUa traue,che faceualalarghezza delPonte. 



t I B R O 





M 



U 




T E R. Z 0. 



ctf 




DEL PONTE DEL C I S M O N E. Cap. VII. A 

L Cifmone e un fiume.ilquale fcendcndo da i Monti,che diuidonoja Italia dal- 
Ia Germania entra nella Brenta alquanto fppra baffano ; e perche c°li e uelo- 
cifsimo , eper lui i montanari mandano giu grandirsima quantita di lecrpami 
fi prcfe rifolutione di farui un Ponte, fenza portealtrimentipali netl aojua. 
Percioche le traui , che ui fi rkcauano., erano dalla uelocita del corfo del fiu- 
me , e dalle percofle de i fasfi,e de gli arbori , che da quello continuamente ib- 
noportatiairingiu,moffe,&cauate: Ondefaceuabifogno alConteGiacomoAngaranno, 
ilqualeepatrone del Ponte, rinouarloogn'anno. Lainuentionediquefto Ponteamiogiu- 

dicioenioltodegnadiauertimento,perchepptrareruheintutteleoccafioni,nellequaKiiha 
ueffero le dctte difficulty perche i Ponti cofi fatti uengono a effer forti, belli,e commodi: for- 
ti perche tutte Jeloro parti fcambieuolmente fi foftentano : belliperchc la tesfitura de' legna- 
xni e gratiofa; & commodi, perche fono piani, e fotto una ifteflalinea co'l rimanente della ftra 
da. Ilfiumenelluogo ouefiordino queftoponte,e largo cento piedi. Si diuifequeftalarghez- 
xa in fci parti eguali, & oue el termine di riafcuna partc(fiior che nelle ripe, lequali fi fortifr 
carono con due pilaftri di pietra)fi pofero le traui, che f anno il letto, e la larghezza delponte; 
fopra lequali, lafciatoui unpoco di fpacio neU'eftremitalorOjiipofero altre traui peril lun^o, 
lequali fanno lelponde : fopra quelle, al diritto delleprime fi difpofero dall'una, el'altrapar- 
te, i colonnelli (cofi chiamiamo uclgarmente quelle traui, chein fimili operefi pon^ono di- 
rittein piedi. ) Quefti colonnelli fi incatenano con le traui, lequali ho detto , che fanno la lar- 
ghezza delponte, conferri, chenominiamo Arpici,fattipaflareper un buccofattoaqnefto 
effetto nclletefte delledette traui, in quellaparte,cheauanzaoltrale traui chefanno lefpon-' 
de. Quefti Arpici; perche fono nella parte di fopra a lungo i detti colonnelli diritti , e piani, e 
forati in piulochi,& nella parte di fotto uicinoalledette traui grofsi, econun folforo aflai 
grande; furono inchiodati nel cplonnellp , e ferratipoidi fotto con ftanghettedifcrro fatte- 
a quefto effetto,onde rendonp in modo unita tutta l'opera,che le traui, chefanno la larghez- 
za, equelledellefponde fono come diun pezzoconicollonnellli,& in talmodo uengono i- 
colonnelli a foftentar le traui, chefanno la larghezza delponte ; e fono poi efsi foften tati dal- 
le braccia,cheuannodeuncolonnelloairaltro:ondetuttelepartirunaperrak^^ 
no, e talc uiene a effer lalor natura, che quanto maggior carico e fopra il ponte , tantp piu fi 
ftringono infieme, e fanno maggiorla fermezza dell opera.Tutte le dette braccia,e l'altre tra- 
ui, chefanno la tesfitura del ponte non fono larghe piu di un piede, negroffepiu ditrequar- 
ti. Maquelletraui chefanno ilietto del ponte, cioe che fono poftepexjllungho, fono mol- 
topiufottile. 



, 



i 



>i 





t6 I I $ R ° 

A, E v ilfianco del ponte. 

B, Ipilaftri,chefpnonelleripe. 

C, LeteftedeUe traui che fanno la larghezza. 

D, Le traui che fanno le fponde. 

E, lcolonnelli. 

F, Le tefte de gli arpefi con le ftanghette di ferro , 

G, Sono le braecia , lequali contraftando l'uno alfaltro foftentano tutta 1' opera . 
H, E' la Pianta del Ponte. 

I, Sono le traui chefanno la larghezza , & auanzano oltrak fponde, preflb alleiqualifi 

fanno i buchi per gli arpefi . 
K, Sono itrauicelh, che fanno la uia del Ponte. 

" • ■ . ■ 

DI TRE ALTRE INVENTIONI SECONDO LE QVALI SI PONNO 
fateipontidilegnofenzaporrealtrimentipalinelfiume. Cap. VIII. 

I ponno fare i ponti dilegnofenzaporrepalinell'acqu a, comeefattoilPonte 
del Cifmone,in tre altre maniere,delle quali, perche fono di bellifsima inuen- 
tione;non ho uoluto lafciar di porrei difegni : tanto piu che facilmentefaran- 
no intefe da ciafcuno , c'harra apprefo i termini ufati nel detto ponte del Cif- 
mon, perche ancor quefti confiftono di traui pofte per la larghezza, dicolon- 
nelli , di braecia, di arpefi, e di traui pofte peril lungo , chefanno le fponde. I 
ponti adunque,fecondo la prima inuentione fi faranno in quefto modo . Fortificateleripe co 
pilaftri fecondo che ricerchera il bifogno, fi porra alquanto difcofto da quelle una deile traui, 
che fanno la larghezza del Ponte, epoifidifporranno fopra dileile traui, che fanno le fpon- 
de, lequali con un capo loro aggiongeranno fopra la ripa,& a quellas'affermeranno:di poi fo- 
pra di quefte,al diritto della traue pofta per la larghezza,fi porranno i colonnelli.iquali flinca- 
jteneranno alle dette traui con Arpefi di ferro,e faranno foftentati dalle braecia affermatemol 
to bene ne i capi del ponte, cioe nelle traui che fanno le fponde; fbpra la ripa: dapoi, lafeiatoui 
tanto fpacio,quanto faraftatolafciatodalladetta traue della larghezza, alia ripa; fi porra 
l'altra trauedella larghezza e medefimemente s'incatenera co le traui, che fopra quelle fi por- 
rano peril lungo del p6te,& conicolonnelU, &icolonelhfarano foftentati dalle lor braecia: 
c eofi fi andara faeSdo di ordine in ordine quato fara di miftieri,offeruado fempre in quefti tai 
poti che nel mezo della larghezza del fiumc uega un col6nello,nelqual le braecia di mezo s'in 
cotrino : e fi porrano nella parte di fopra de' coionelli altre traui,lequali giognendo da un co- 
lonnello allaltro, litenirannoinfiemeuniti, e faranno con le braecia pofte ne capi del ponte 
portione di cerchio minor del mezo circolo. Et in quefto modo facendo ogni braccio f bften- 
ta il fuo colonnello,& ogni colonnello foftenta la traue della larghezza, e quelle, chefanno le 
fponde, onde ogni partefente il fuo carico . Vengono quefti cofi fatti ponti a efler larghi ne ca 
pi loro, efi uanno reftringendo uerfoil mezo della lor lunghezza. Di quefta maniera non ue 
n'e alcuno in Italia, ma ragionandone io con Meffer Aleffanro Picheroni Mirandolefe , egli mi 
difle di hauerne ueduto uno in Germania . 

A, E' 1'alzato del fianco del Ponte . 

B, Sonole tefte delle traui che fanno la larghezza. 

C, Sono la traui pofteper la lunghezza . 

D, Sono i colonnelli, 

E, Sono le braccia,che affermate nelle traui della lunghezza foftentano i colonnelli . 

F, Sono le traui che legano un colonnello con l'altro, fanno portione di cerchid. 

G, E'flfondodelFiume. 

H, E v La pianta del detto Ponte. 

I, Sono le prime traui, lequali da un capo fono foftentatedalla ripa, edall'altro dalla 
prima traue della larghenza. 

K. Sono 



T E R % O. 17 

K, Sonole fcconde traui, lequali fono foftencate dalla prima, c dalla feconda tra- 

ue delta larghezza. 
L, Sono le terzc traui, lequali fon foflentate dalla feconda, e dalia terza traue del- 



la larghezza. 



Sono poi quelle traui che fanno la larghezza(come ho dccto)fofi:entate da colon- 
nelli, a iquali fono incatenate ; & i colonnelli dalle braccia . 




f , • 

Uinuenrionedel ponte, ^^^^^^^^^^B^ 

to il carko; fatta di portione di cerch io minore del mezo x.rcolo, & halebiaGcia,cheuanna 

' da uo-colonnello alFaltro^ofi ordinate, che nel mezo de fpacn, chefono tra icolonnelM m- 

1 crocciano Xe traui,che fanno il fuolo del Ponte, fono incatenate a icolonnelk con arpefoo- 

menelleinuentioni, di fopra. Permaggiorfonezza fipotrebbono aggiogner due ^tram per 

ognicapodelpontclequali affermate ne' pilaftn con un capo, con laltro amuarterofottoi 

: jmmieoionnelli, perciochc aiuterebbono moltoafoftentarilcancodelpontc. 

A 




£CC A t EJ 



it I I B R O 

A, E'ildiritto del Ponte per fianco. 

B, Sonoletraui, che fannolefponde del ponte. 

C, Sono Ie tefte ddle traui , che fanno la larghezza . 

D, Sonoicolonnelli. 

E, Sono lebraccia,cioegliannamenti del ponte. 

F, Sono lc traui , che pofte fottoil ponte nei capi aiutano afoftentar il carico . 

G, Eilfuolo del ponte. 
H, E'ilfondo del flume. 

Qve st'vitima inuentione fi potra fare con piu, e con manco arco di quell o.ch'e difegna- 
to, fecondo chericerchera la qualita de' fiti,ela grandezza de' fiumLLa altezza del ponte,nel- 
la qual fono gli armamenti , o uogliam dir lc braccia, che uanno da un colonnello all'altro , fil 
fara per la undecima parte della larghezza del flume. Tutti i cunci che fono fatti da i colonnel 
!i rifponderano al centro,ilche far j l'opcrafortifsima: & i colonnelli foftenteranno le traui po 
fte per la larghezza , e per la lunghezza del ponte, comene fopradettiiponti diqueftequat- 
tro manierefi potranno farlunghi quantorichiederailbifogno,facendo maggioritutte lepar 
ti loro aproportione. 







A, E* il diritto del ponte per fianco • 

B, E v il fuolo del ponte . 

C, Sono i Colonnelli. 

D, Sono le braccia,che armano,e fbftentano i colonnelli .' 

E, Sono le tefte dcllc traui, che iannola larghezza del pont€« 
F, E'ilfondo del flume. 




T £ ft Z O. i 9 

DEL PONTE DI BASSANO. Cap. IX. 

Resso aBaflano terra pofta alleradici deirAlpi,chefcparano la Italia dalla Ma 
gnadio ordinato il Ponte dilcgname,che fegue,fopra la Brenta fiume ueloci£ 
fimo,chemettecapo in mare uicino a Venetia;efu dagli antichidetto Medua 
co , alquale(come racconta Liuio nella fua prima Deca ) Cleonimo Spartano 
uenne con l'armata auanti la guerraTroiana . Ilfiume, nelluogo doue eftato 
fatto il ponte, e largo cento e ottantapiedi. Queftalarghezzafidiuife in cin- 
que parti eguali ; percioche fortificdte molto bene tutte due le ripe , cioe i capi del ponte con 
traui di Rouere, e diLarice, fi fecero nel fiume quattro ordinidipali,diftantirunodall'altro 
trentaquattro piedi,e mezo.Ciafcuno di quefti ordini e di otto traui lunghe trenta piedi grot 
fe per ogni uerfo un piede e mezo , e diftanti l'una dall'altra due piedi ; onde tutta la lunghez- 
za del ponte uenne a efferdiui fa in cinque fpacij^ &lalarghezzafuadi u en tifei piedi. Soprai 
detri ordini fi pofero alcune traui lunghe fecondo la detta larghezza(quefta forte di traui cofi 
pofte uolgarmetefichiamano Correti) lequaliinchiodate alle traui fite nel fiume letengo no 
tutte infieme congionte, & unite, fopra quefti correnti al diritto delle dette traui, fi difpofero 
otto altre traui, lequali f anno la lunghezza del ponte, e giongono da un'ordine all'altro:eper- 
chela diftanzatradetti ordini e molto grande, onde con difficultale traui pofte perillungo 
haurebbono potuto reggere il carico,che lor fbfle ftato pofto fopra,quando foffeftato molto; 
fi pofero tra quelle &i correnti alcune traui, che feruono per modiglioni, efbftentano parte 
d el carico : oltreaccio fi ordinarono altre traui, lequali aftermate in quelle, ch'erano fite nel 
fiume , e piegatel'una uerfo delPaltra andaflfero a unirfi con un'altra trauepofta nel mezo del- 
1 a detta ■difta-nza fbtto ciafcuna delle traui della lunghezza. Quefte traui cofi ordinate rendo- 
no l'alpetto di im'arco,ilqualehabbiadifrezza la quarta parte del fuodiametro; &in tal mo- 
do 1 opera riefce bella per la forma, c forte , per uenir le traui,che fanno la lunghezza delPon- 
te ; a elfer doppie nel mezo . Sopra quefte fono pofte altre traui per trauerfo , le quali fanno il 
piano, o fuolo jdelponte, & fportano con le lor tefte alquanto fuori del rimanente dell'opera, 
epaiono imodigUonidi una cornice. Nell'una, el' altrafponda del ponte fono ordinate leco- 
lonne, chefoftengono la coperta, e feruono per loggia,e fanno tutta roperacommodisfima, 
e bella. 

4* E N la linea delle fuperficiedell'acqua. 

A, E'il diritto delfiancodelpontc. 

B, Sono gli ordini delle traui fitte nel fiume. 
J C, Sono le tefte de' Correnti. 

D, Sono le traui, che fanno la lunghezza del ponte, fopralequalifiuedonolcteftedi 

quelle, che fanno il fuolo. 

E, Sono le traui , che pendenti una uerfo l'altra, uanno a unirfi con altre traui pofte ne' 

mezo della diftanza,.ch'e tra gli ordini de'pali, onde nel detto luogo uengonoi 

eflerle traui doppie. 
F, Sono le colonn'e , che foftentano la coperta . 
G, E x il diritto di uno de capi del ponte . 
H, E v la pianta de gli ordini de' pali con i fperoni , i quali nonlafciano , che dettipali fia- 

no percosfi da i legnami , che uengono giu per il fiume . 
N I, E'lafcaladidieti piedi, con laquale e mifurata tutta l'opera. 

CCC ^ 



L I B R O 




DE I PONTI D I PIETRA, 

cheneU'edificarli fi deue ofleruare. 



D I QJV ELL 

Cap. X. 



O 



Ecero prima gli huomini i pontidi legno,comequelli, che alia lor prefen- 
tenecesfita attendeuano folamente: mapoiche cominciaronoad hauerri- 
guardo aH'immortalitade'lornomi; &chele richczze diedero loro anim/> , 
e commodita a cofe maggiori , cominciarono a farli dj pictra , iquali fono piu 
durabili; di maggiorfpe^, edi piu gloria a gli edificatori . Inquefti, quat- 
tro parti fideuonoconfiderare, cioe,i capi, chenelleripe fi fanno : i pila- 
ftri , che nel fiume fi fbndano : gli archi , che fono foftentati da detti pilaftri : & il Pauimento , 
ilqual fi fa fbpra gli archi . I capi de' ponti deuono farfi fermisfimi, e fodijconciofiache non io- 
lo feruino a ibftcneril carico degli archi,come gli altri pilaftri, ma dipiu tenghino unito tutto 
ilPonte,enonlafciano che gli archi fiaprano: epero fifarannooue leripefiano di pietra, 

ouero 




T E R Z O. . 2t 

ouero aim eno di terren fbdo, e non potendofi hauer cofi fatte ripe per lor natura fermifsime, 
fi faranno ferine, e forti con l'arte, facendoui altri pilaftri, & akn archi, ondefele ripefoffero 
dall'acqua ruinate, non rimaneffe lauiaalponteinterrotta.I pilaftri, che fi fanno perlalar- 
ghezza del flume; deuono effer di numero parijfi perche ueggiamo che la natura ha prodotto 
di quefto numero tutte quelle cofe, che effendo piu d una, hanno da ibftentar qualche carico, 
fi comele gambe de gli huomini, e di tutti gli altri animalinefanno fede : come anco perche 
quefto tal compartimento e piu uago da uedere, &rendel'operapiuferma:perciocheilcor- 
io del flume nel mezo, nelqualluogo naturalmente egliepiuueloce, pereflerpiu lontano 
dalleripe; elibero,enonfadannoa pilaftri co'lcontinuopercoterli. Deuono i pilaftri cofi 
cnercompartiti,cheuengano acadere in quella parte delflume , oueilcorfodeil'acque fia 
meno ueloce. U maggior corfo dell acque e doue fl adunano quelle cole , che fbpranotono , 
ilche nel crefcer de flumi fi conofce facilisfimamente . Le lor fondamenta fi faranno in quel 
tempo dell'anno, che I'acque fono piu fecche , cioe nell' Autunno : & f el fondo del flume fara 
di faifo,6 di tofo,ouero di lcaranto,ilquale(come ho detto nel primo Libro)e una forte di teiv 
reno, che tiene in parte della pietra ; fi harranno le fondamenta fenza altrafatica di cauamcn- 
to; perche queftetai forti difondi fono buonifsimo fondemento perfeftesfi. Mafelfondo. 
delflume fara ghiara,ouero fabbia,fi cauera tanto in quello,che fi troui il fodo terreno e quart 
do cio folic difficile, fi cauera alquanto nell'arena, ouer nella ghiara,e poi ui fifaranno lepali- 
flcate di pali di rouere , iquali con le punte di ferro , c.he a lor ii faranno , giongano nel fondo 
fodo,e fermo. Per fondare i pilaftri fi deue chiudere una parte del fiume ioiamenre,& in quel- 
la fabricare , accioche per l'altra parte lafciata aperta l'impeto dell'acqua habbia il corfo;e co~. 
fi andar facendo di parte in parte . Non deuono effere i pilaftri piu fottili dellafefta parte della 
larghezza dell'arco ; ne ordinariamente piu grofsi deila quarta . Si faranno con pietre grandi, 
lequali fi congiogneranno infieme con arpefi , e con chiodi di ferro , ouer di mettallo : accio- 
che con tali incatenamenti uengano a effer come tutti di un pezzo . Le fronti depilaftri fi fbr 
gliono far angulari,cioe chehabbiano nell' eftremita lor o l'angulo retto, e fi fanno anco alcu- 
na uolta a mezo cerchio 5 accioche fendino l'acqua , e facciano che quelle cofe , le quali fono 
dalfiumeconimpetoportateaH'ingiu,percotendo4n loro filontanino da' pilaftri, epasfino 
per mezo dell'arco . Gii archi fi deuono far ben fermi , e forti, & con pietre grandi,lequali fia- 
no benifsimo commefTe infieme; acciocheposfino refiftere al continuo paflar de' carri , ereg- 
gere al pefo , che per qualche accidente fara condotto lor fopra . Quelli archi fono fortisfimi , 
che fi fanno di mezo cerchio ; perche poiano fopra i pilaftri , e non fi urtano l'un l'altro: ma fe 
perlaqualkadelfito,eperladifpofitionde' pilaftri,ilmezo cerchio intiero per la troppoaltez 
za offendefle, facendo la falita del ponte difficile; fiferuiremo del diminuito, facendo gli ar- 
chi c'habbiano di frezzail terzo del lor diametro,e fifaranno in tal cafole fondamenta nelleri 
pe fortisfime. II pauimento de' ponti fi deuelaftricare, in quell'ifteflb modo che fi Iaftrxcano le 
uie , dellequali e ftato detto di fopra: onde effcndofi ueduto quanto fi deue auertire nell'edifi- 
carei ponti di pietra, e tempo chepasfiamo a difegni. 

DIAL C V NI PONTI CELEB R I EDIEICATI 
da gli Antichi,ede' difegni del ponte diRimino. Gap. XI. 

- •' ' 

0?ti pontifuronoediflcatidagliantichiindiuerfiluoghi;mainItalia,efpe- 

■cialmete fopra il Teuere affai ne ediflcarono,de quali alcuni fi uedono intieri,e 
d'alcuni altri fono rimafi i ueftigi antichi folamente . Quelli,che fi uedono an- 
cora tutti intieri fopra ilTeuere;fono queldi Caftel Santo Angelo,giachiama 
to Helio dal nome di Helio Adriano Imperadore, ilquale edified quiui la fua 
fepoltura . 11 Fabricio , edificato daFabricio , hoggi detto ponte quattro capi 
dalle quattro teftedi Giano, ouerdiTermine,Iequalifonopoftea man finiftra entrando in 
effo ponte : per quefto ponte llfola del Teuere ficongiogneallacitta. II Ceftio hoggi detto 

diSan 




2 j L I B ft O 

di San Bartolomeo , ilquale dall'altra banda dell'Ifola pafla in Trartfteuere. II Ponte cletto So 
natorio da Senatori , & Palatino, dal Monte che glie uicino , fatto d; opera ruftica ; che hora 
li chiama di Santa Maria . Ma quci ponti , de' quali fi uedono nel Teuere i ueftigi antichi fola-r 
mente, fono, ilSublicio, detto ancoLepido da Emilio Lepido, che eflendo prima dilegnolo 
fece dipietra, & era uicino a Ripa : II trionfale , i cui pilaftri fi ueggono rincontro alia Chiela 
di Santo Spirito : il Ianiculenfe, cofi chiamato per efler uicino al Monte Ianiculo, ilqualeper- 
che eftatoriftauratodaPapa Sifto II II. horafidimanda Ponte Sifto;&ilMiluiohoggi det- 
to Ponte Molle,poftonellauiaFlaminialontano daRomapoco menodi due miglia, ilquale 
non ritiene altro di anticho , che li fbndamenti, e dicono chefu edificato al tempo di Silla da 
M. Scauro Cenfore.Si uedono anco 1c ruine di un ponte edificato da Auguflo Cefare di ope- 
ra ruftica fopra la Nera fiume uelocifsimoappreflbNarni . EfoprailMetauroneli'Vmbriai 
Calgifene uede un'altro di opera ruftica fimilmenteconalcunicontrafortinelle ripe, chefo^ 
ftentanolaftrada,elofannofortisfimo. Ma tratuttii ponti celebri,percofa marauigliofa e 
ricordato quello, che fece far Caligola da Pozzolo a Baie in mezo del mare di lunghezza po- 
co meno di tre miglia , nelquale dicono ch'egli Ipefe tutti i denari dell Imperio . Grandifsimo 
anco,e degno dimerauiglia fu quello,cheperfoggiogarei Barbari edifico Traiano fopra il Da 
nubio rincontro alia Tranfiluania, nelquale fileggeuano quefteparole. 

PROVIDENTIA AVGVSTI VERE PONTI. FI- 
CIS VIRTVS ROMANA QJV ID NON DOMET? 
SVB IVGq ECCE RAPIDVS ET DANVBIVS. 

Quefto ponte fupoiruinato da Adriano acciochei Barbari nonpoteflero paflareadanni 
delleprouincicRomane, eifuoipilaftrifi uedono ancorain mezo del fiume. Maconciofia- 
che di quanti ponti io habbia ueduto , mi pareil piu bello , & il piu degno di confideratione fi 
per lafortezza, come per il fuo compartimento, quello , che e a Rimino Citta della Flaminia, 
fatto edificare , per quel chio credo ; da Augufto Cefare; ho pofto dilui i difegni , iqualifbno 
quelli, chefeguono . Egli e diuifo in cinque archi, itre di mezo fono eguali, di larghezzadi 
uenticinque piedi ; & i due a canto leripefono minori , cioe larghi folo uenti piedi : fono tut- 
ti quefti archi di mezo circulo, & il lor modeno e per la decima parte della luce de'maggiori, 
e per l'ottaua parte della luce de' minori. I Pilaftri fono grofsi poco meno della metta d ella lu- 
ce degli archi maggiorLL'Angolo de' fperoni, chetagliano T acqua, eretto, ileheho oflerua- 
to che fecero gli antiehi in tutti i ponti , perche egli emolto piu forte dell'acuto , epcro man- 
co efpofto a efler ruinato da gli arbori , ouer da altra materia , che uenifleportata allingiudal 
fiume. Aldiritto de pilaftri ne i lati del pontefonoalcunitabernacoli, ne' quali anticamente 
doueuano efler ftatue : fopra quefti tabernacoli per la lunghezza del ponte u e una cornice^ 
laqualeancorachefiafchietta, faperd unbellifsimo ornamento atuttal'opera. 

A, E v ladetta cornice che e fopra i tabernacoli per la lunghezza del ponte. 

B, EMafuperficiedellacqua. 

C, E'ilfondo del fiume. . 

P, Sono piedi died, con i quali emifurato quefto ponte. 

o 

DEL 



T E K % O. 




*4 



DEL PONTE DI 
Bacchiglione. 



L I B R O 
VICENZA ch'b: 

Cap. XII. 



SOPRA IL 




As s a n o per Vicenza due fiumU'uno de'quali e detto il Bacchiglione,el'altro 
il Rerone. IlRerone nell'ufcirdella Citta entranel Bacchiglione, eperdefu- 
bito nome. Sopraqueftifiumifono duepontiAntichi;diquello,ch'efopraiI 
Bacchiglione fiucdonoipilaftri,& un'arco ancora intiero appreffo la chiefa 
di S. Maria de gli angioli; il rimanente c tutto opera monderna. E x quefto pon 
tediuifo in tre archi, quel di mezo edi larghezza ditrentapiedi;glialtriduc 
fono larghifolo pi'edi uentidue , e mezo ; ilche fu fatto actio che'l flume hauefle nel mezo piu 
libero il fuo corfo . IPilaftri fono grofsi per la quinta parte della luce de' uoki minorii e per la 
fefta del maggiore . Gli archi hanno di frezza la terza parte del lor diametro ; il lor modeno e 
groflo per la nona parte de i uolti piccioli; e per la duodecima di quel di mezo, e fono lauorati 
afoggia di Architraue.Nell'eftreme parti della lunghezza de' pilaftri,fotto l'impoftede gli ar- 
chi, fportano in fuori alcunepietre, lequalinelfabncareilponte feruiuano per foftenerle tra- 
in', fopralequalififaceua I'armamento de' uolti : & in quefto modofi fuggiuailpericolochc 
crefcendo ilfiume non portafTe uiaipaliconruinadell'opera, iquaUfacendofialtrimenti,fa- 
rebbe ftato bifogno ficcar nel flume, per far il dett armamento . 




A, W Iafponda delponteJ , 

C, E v il modeno de gli archi. 

D, Sono lepietre, cheefcono fuori del rimanente de'pilaftri^eferuonoafarrar- 

mamentode > uolti. " a 

E, Sono i capi del ponte . 



DI V.N PONTE 
inuentione. 



T E R Z O. 
D I P 



2 5 



I E T R A D I 
Cap. XIII. 



M I A 




Eliissima a mio giudicio e la inuentione delPonte, chefegue; emolto 
accomodate. al luogo, oue (I doueuacdificare:ch'eraneimczo-d'unacitta 
laquale e delle maggiori, e delle piii nobili d'Italia;& e Mctropoli di moke al- 
tre Ckta ; e ui (i fanno grandiisimi rrafichi, quail di tutre le parti del mondo. 
II fiurne elarghiftimo, & il Ponte ueniua a elfer nel luogo aponto, ouefiri- 
du.cono i mercanti a trattarei loro negocii . Pero per ieruarla grandezza, e 
la dignka della detta Citta, eper accrefcerleanco grosiis(ima rendka,io faceualopradelpon 
te, perlalarghezza(ua;tre (trade: quelladimezo ampia,ebella:eraltredue, ch'eranouna 
perbanda;alquantominori. Dall'una, e dall'altra parte di quelle (trade iouiordinaua delle 
botteghe:dimodocheuenefarebbono ftatifeiordini. Okre accione'capidelPonte,enel 
mezo cioe fopraTarco maggiore , uifaceua le loggie; nellequaliii (arebbono ridottii merca- 
tanti a negociar infieme ; & harebbono apportato commodka,e bellezzza grandifsima . Al- 
le loggie, che (bno ne campi, (I farebbe falito per alquanti gradi;& al piano di quelle (arcbbe 
ftato il fuolo o pauimeto di tutto il rimanente del Pote. Non deue parer co(a noua che f bpra 
Ponti li facciano delle loggie: percioche il Ponte Elio in Roma, delquale s'e detto a (uo luo- 
go; era anticamete ancor egli coperto tutto di loggie con colonne di Bronzo,con ftatue,e c5 
altri mirabili ornamenti: oltre che in quefta occalione , per le cagioni dette di (bpra; era qua- 
il neceflario il farle . Nelle proportioni de' pilaftri ; e de gli archi s'e ofTeruato quell ifteffo or 
dine, e quelle iiteflfe regole, che fi (bno ofleruarene ponti poftidifopra;e ciafcunodaperfe 
potra facilmente ritrouarle . 

Parti della Pianta. 

A, E la ftrada bella, & ampiafatta nel mezo della larghezza del Ponte . 

B, Sonoleftrademinon. 

C, Sonolebotteghe. ' 

D, 5 o no le loggie ne'ca pi del Ponte. 

E , Sono le fcale, che portano fopra le dette loggie . 

F, Sono le loggie di mezo fatte&pralarco maggiore del Ponte, 

Lb parti;delI'^Izato corrhpondono a quelle della pianta, eperofenza altradichiaratione 

fi lafciano facilmente intendere . 

C, EMI dkkto delle botteghenelleparte'difuori,cioeibprail fiume: enelTaltratauo- 
la, ch'e all'incontro; appare il diritto delle ifteiTe botteghe foprale (trade. 

G, E'lalineadellafuperficicdellacqua. 



%' 



DDD 



, -;■ • 



L I B R O 




T E R Z O 



2 n 




DDD a DI 



iS 



L I B R O 



X> I V N'A L T R O 
inuentione. 



P O N T E D I 

Cap. XI III. 



M I A 




Icercato da alcuni gentil'huomini del parer mio circa un Ponte , ch'elsi di- 
fegnauanofardipietra, fecilorolafottopofta inuentione. II fiume nelluo- 
go , oue fi doueua fare il Ponte; e largho cento , e ottanta piedi . Io diuideua 
tutta queftalarghezza in treuani,efaceua quel di mezo largho feffanta piedi; 
& gli altri due , quarantaotto l'uno.I pilaftri, che rcggeno i uokijueniuano di 
groflezzadi dodici piedi; ecofierano grofsi per la quinta parte deluanodi 
mezo,eper la quartade' uani minori : io alteraua in loro alquanto le mifure ordinarie facers 
doli molto grofsi, e che ufciflero fuori del uiuo della larghezza del Ponte ; perche meglio po 
teflero refiftere aH'impeto del fiume , ilquale e uelocifsimo; & alle pietre & a i legnami,che da 
quello fono portati au ingiu . I uolti farebbono ftati di portione di cerchio minore del mezo 
circolo;accio chelafalitadclpontefofle ftata facile, epiana. Iofaceuail modeno de gli ar- 
chiper la decimafettima parte della luce dellarco dimezo, e per la quartadecima della luce 
de gli altri due . S'haurebbe quefto ponte potuto ornar con nicchi al diritto de pilafhi, e co n 
ftatue, c ui farebbe ftata bene a lungo i fuoi lati una cornice ; ilche fi uede che fecero alcuna 
uolta anco gli Antichi , come nel ponte di Rimino ordinato da Augufto Cefare, i cui difegni 
ibno ftati pofti di fbpra . 

A, E'lafuperficiedell'acqua. 

B, E'ilfondo del fiume. 

C Sonolepietre, chefportanoinfuoriperrufbfopradetto. 
P, E" la fcaladidiece piedi, con la quale emifurata tutta l'opera. 



T E R Z O. 




19 



L I B R O 



DEL P ON T E D I 
foprailRerone. 



I C E N Z A, 

' Cap. XV. 



C H" E s 




'Altro Ponte Anticho,che, come ho detto, einVicenzafoprailRerone;fi 
chiamauolgarmentcil ponte dalle Beccarie,perche eglieappreffo ilMacel- 
lo maggiore della Citta. E v quefto ponte tutto intiero,& e poco differenteda 
quel , ch'e fopra il Bacchiglione ; percioche ancor egli e diuifo in tre archi , & 
hal'arcodi mezzo maggior de gli altri due. Sonotuttiquefli archi diportio- 
ne di cerchio minore del mezo circolo,e non hanno lauoro alcuno : i piccioli 
hanno di frezza il terzo della loro Iarghezza ; quel di mezo e un poco meno . I pilafhi fono 
grolsiper la quinta parte del diametro de gli archi minori : & hanno neU'eftremita loro, lotto 
l'impofta de gli archive pietre, chefportano in fuoriperlecagionifopradette. Sonol'uno ^ 
1'altro di quefti ponti fatti di pietra da Coftoza,laquale epietra tenera,e fi taglia con lafcga co 
me fi fa il legno.DeH'ifrefle proportioni di quefti due di Vicenza ue ne fono quattro inPado- 
ua,tre de quali hanno tre archi folamente ; e fono , il Ponte Altina , quello di San Lorenzo , c 
quel ch'e detto Ponte Coruo ; & uno ne ha cinque, & e quel ch'e detto Ponte Molino:in tut- 
ti quefti ponti fi uede effer ftata ufata unafomma diligenza nel commettereinfiemele pietre, 
jlche(comealtreuoltehoauertito)firicercafornmamenteintuttelefabriche. 





T E R Z O, 3 , 

DELLE PIAZZA E DE GLI E D I F I C M, 

che intqmo a quelle fifanno, Cap. XVI, 

Ltra Ieftrade, delle qualieftatodettodifopra, fa di miftieri che nclleCitta 
fecondo la lor grandezza fiano comparrjtepiu , e manco piazze , nclle quali fi 
raunino le genti a cotrattar dellc col e neceflarie, & utili a i bifogni loro;& fi eo 
me a diuerh ufi fi attribuifcono , cofideuefi a ciafcunadar proprioluogo, c 
copueniente.X>ueftitailuoghiampij,cheperlcCit^afilaiciano;oltraladet- 
ta commodka, che ui fi raunano le genti a pafleggiare , a trattenkfi, & a con- 
trattare ; rendono ancho molto ornamento , ritrouandofi a capo di una ftrada un luogo bel- 
lo , e fpaciofo, dalquale fi ueda l'aipetto di qualchebella fabricha,e maisimamente di qualche 
Tempio. Mafi come torna bene che iianomolte piazze iparfe per la Citta, cofi molto piu e 
neceilario,&hadelgrande,edeirhonoreuole,cheueneiiai)naprincipalifsima, eche uera-. 
mente fipoflachiamarpublica. Queitepiazzeprincipahdeono farfi della grandezza, che ri- 
cerchera la moltkudine de' cittadini , accioche non fiano picciole al commodo , & all'ufo lo- 
ro ;ouero peril poco numero delle perfonenon paianodishabkatc.Neile Citta maritime fi 
faranno appreflb il porto : e nelle citta, che fono fra terra,fi faranno nel mezo di quelle;accio- 
che fiano commode a tutte leparti dellaCitta.Si ordineranno,come fecero gli Antichi;ku:qr- 
noalle piazze iportichilarghiquantofara la lunghezza delle lor colonne;l'u(ode quali e per 
fuggir le pioggic , le neui , & ogni noia della grauezza dell'aere, e del Sole : ma tutti gli edifi- 
cij, che intorno alia piazza fifanno ; non deuono efl'ere (fecondo i'Alberti)piu alti della terza 
parte della larghezza della piazza , ne meno della fefta :& a i Portichi fi falira per gradi , iquali 
li faranno alti per la quinta parte della lunghezza delle colonne.Grandifsimo ornamento dan 
no alle piazze gli archi, che fi fanno in capo delle ftrade,cioe nell'entrare in piazza, iquali,co- 
me fi debbono fare , & perche anticamente fi facefl'ero , c d'onde fi chiamaflero trionfali fi di- 
r a dift ufamente nel mio Libro de gli archi , e fi porranno i difegni di molti : onde fi dara gran- 
difsimolumeaquelli,cheuoleireroanoftritempi,eperraueniredrizzargliarchiaPrincipi, 
a Re , & a Imperatori . Ma ritoi nando alle piazze principali, deuono efler a quelle congionti 
il palazzo del Principe, oucr della Signoria, fecondo che farad Principato , 6 Republica : la 
Zecca, el erario publico ; doue fi ripone il Theforo , & il danaro publico : e le prigioni : que- 
lle anticamente iifaccuanoditreforti, I una per quelli ch'erano fuiati,&immodefti, chefi 
teniuano , accid che fuflero ammaeftrati , laquale hora fi da a i pazzi : 1 altra era de i debitori, 
& quefta anco fi ufa tra noi : la terza e doueftanno i perfidi, & rei huomini 6 gia condennati, 
6 per eirer condennati : lequai tre forti baftano, conciofia che i falli de gli huomini nafcono 6 
daimmodeftia, ouerda contumacia, ouero da peruerfita. Deuono efler la Zecca, ele prigio- 
ni collocate in luoghi ficurif simi,& prontifsimi,circondate d alte mura e guardate dalle forze, 
e dalle infidiedeifeditiofi Cittadini. Deuono farfile pregioni (ane, e commode: per che fo- 
no ftatentrouatepercuftodia,e nonper fupplicioepenadei fcelerati,6d'altrefortid'huo- 
mini :pero fi faranno leior mura nel mezq di pietre uiue grandifsime incatenate infieme 
con arpefi , e con chiodi di ferro 6 di metallo;e s'intonicheranno poi dall'una e dall'altra par- 
te di pietra cotta: perche cofi facendo l'humidita della pietra uiua non le rendera mal lane, ne 
perderanno della lor ficurezza . Si deuono anco far gli andidi lor intorno , & le ftanze de i cu- 
ftodi appreflb , accio che fi pofla fentir facilmente salcuna cofa i pregioni machineranno.Ol- 
trarerario, e le pregioni deuecongiognerfi alia piazza,la Curia laquale eilUiogo,douefi rau- 
na il Senato a confuitar delle cofe deilo ftato . Quefta deue farfi di quella grandezza, chepar- 
rarichiederladignita,emoltitudinede' cittadini ;e sella faraquadrata,quantohaueradi lar- 
ghezza aggiogncndoiii la meta, fifaral'altezza. Mafe lafua formafarapiulunga, chelarga, 
iiporrainiiemelaiunghezza,elalargezza,edituttalafummafipiglieralametta, efidaraal- 
l'akezza tin forto la trauatura . Al mezo dellaltezza fi deuono far cornicioni intorno a i muri 
iquali fportino in fuori : accioche la uoce di quelli,che difputeranno ; non fi dilati nell'altezza 
4eila Curia , ma rcb uttata in dietro meglio per uenga all'orecchie de gli audkori . Nella parte, 

uoka 



•>■*£ 



~£jz==-^=z 






=SS=SS= 




a£«l\ 


P8» 



3 a L I B R O 

uolta alia piu ealdaregione del Cielo a canto la piazza, fifara la Bafilica, cioeilluogodouefi 
rende Giuititia , e doue concorre gran parte del popolo, & huomihi da facende; dellaquale 
trattero particolarmente,poi c'hai o detto come i Greci,& come i Latini faceuano lelcr piaz- 
z.e, e di ciafcuna haro pofto i dilegni . 

DELLE PIAZZE D E I GRECI Cap. XVII. 

GREci(comehaVitruuione!primocap.delVXib.)ordinauanonellelorCit- 
ta Iepiazze di forma quadrata,e faceuano lor intorno i portichi ampij,e dop- 
pij,& di (pefle colonne, cioe diftanti Tuna dall'altra un diametro e mezo di co 
lonna;o alpiu,due diametri.Erand quefti portichi larghi quato era lalunghez 
zadelle colonne, onde,pcrche erano doppijjilluogodapafleggiarcueniua 
a efler largo , quanto erano due lunghezze di colonna, e cofi molto commo- 
do , & ampio « Sopra le prime colonne , lequali (hauendo riguardo al luogo , oue elle erano) 
per mio giudicio doueuano efler di ordine Corinthio ; u erano altre colonne , la quarta parte 
minori delle prime;quefte haueuano fotto di fe il poggio dell'altezza che ricerca la commodi- 
ta : perche anco quefti portici di fopra fi faceuano per poterui pafleggiar , e trattenerfi , & oue 
poteflero ftar commodamente le perfone a ueder i fpettacoli che neiia piazza , 6 per diuotio- 
ne , 6 per diletto fi faceflero . Doueano efTer tutti quefti portichi ornati di Nicchi con ftatue : 
perciocheiGreci molto di tali ornamenti fi dilettarono . Vicino a quefte piazze, bencheVi- 
truuio , quando neinfegnacome elle fi ordinauano. ; nonfacciamentionedi quefti luoghi:ui 
douca efler la Bafilica la Curia , le prigioni , e tutti gli altri luoghi , de quali s'e detto di fopra , 
che fi congiongono alle piazze . Gltra di cio perche(come egli dice al cap. VII. del primo Li- 
bro)ufarono gli antichidifareapprefl'o Iepiazze i Tempij confacratiaMercurio, & Ifide,eo- 
me a Dei prefidenti a i negotij , & alle mercantie; & in Pola Citta dell'Iftria fe ne ueggono due 
Ibpra la piazza > l'uno fimile all'altro di forma , di grandezza , & di ornamenti ; io gli ho figu- 
ratineldifegno diquefte piazze a canto la Bafilica : lepiante, egli alzatide quali con tutti i lor 
snembri particolari piu cUftintamente fi uederanno nel mio Libro de Tempij . 

A, Piazza. 

B, Portichi doppij. 

C, Bafilica, oue iGiudki haueuano i lor tribunal!. 

D, Tempiodilfide. 

E, TempiodiMercurio. 

F, Curia. 

G, Portico, ecorticellaauantilazeeca. 
H, Portico, e co rricellaauantile prigioni. 

I, Porta delTAtrio , dal quale fi entra nella Cum . 

K, Anditi intorno la Curia , per iquali fi uiene a i portici della piazza • 

L, Huokar dei portici bella piazza. 

M, 11 uoltar dei portici di dentro . 

N, Piantadeimurideicortili, dei Tempi], 

P, Anditi intorno la Zecca,ele prigioni. 

VA t z a r o, Ch'edietrola Pianta,edi una parte della piazza. 



PELLE 



T E R 1 O. 




EEE 



I B R O 





T E R Z O. 35 

DELLE P I A Z Z E D E' LATINI. Cap. XVIII. 

Romani, & gli Italiani (come dice Vitruuio al Iuogo fopradetto)partendo- 
fi dall* ufo de' Greci,faceuano le lor piazzepiu lunghe , che larghe : in modo , 
che partita la lunghezzaintreparti,diduefaceuano la larghezza:percioche 
dandofi in quelle i doni a i gladiatori,queftaforma riukiualor piu commoda 
della quadrata: & per quefta caufa anco faceuano gliintercollunnij dc'porti- 
chi, ch'eranointorno allapiazza;diduediametri dicolonna, &un quarto; 
ouero ditrediametri: accio chela uiftadelpopolo nonfoffeimpeditadallafpeflezzadelleco 
lonne. Erano i portichi larghi, quanto erano lunghe lecolonne;& haueuano fbttolebotte- 
ghe de'banchieri.Le colonnedi fopra fi faceuano la quarta parte meno di quelle difbtto:per- 
chelecofeinferiori,rifpetto alpefo,cheportano;deono efler piu ferme che ledi fopra, come 
e ftato detto nel primo Lib.Nella parte uolta alia piu calda regione del Cielo fituauano la Ba- 
filicaja quale io ho figurataneldifegnodiquefte piazze di lunghezza diduequadrirenella 
parte di dentro ui fono i portichi intornodarghi per il terzo dello ipacio di mezo.Le colonne 
loro fono lunghe quanto efsifono larghi, e potriano farfi di che ordine piu piacefTe.Nella par 
te uolta a Settentrioneio ho poftala Curia di lunghezza di un quadro e mezo ; la fua altezza 
e per la meta della larghezza, e lunghezza unite infieme ; era quefto il luogo, (come ho detto 
cfi fopra) oue ii raunauail Senato a confukar delle cofc dello ftato . 

A, Scala a lumaca uacua nel mezo , che porta ne' luoghi di fopra. 

B , Andito per il quale fi entra ne'portichi della piazza . 

C, Portichi , e corticella a canto la Bafilica . 

7?' ^Luoghi per i banchieri, eperlepiu honoratcarti della Citta. 

F, E N i luoghi per ifecretarij, oue firiponefleroledeliberationi del Senator 

G, Leprigioni. 

H, Eiluoltarde portichi della piazza. 

1 , Entrata nella Bafilica per fianco . 

K, E N il uoltar de' Portichi, che fono dclle corticelle a canto la Bafilica. 

T v t te Le dette partifono fatte in forma maggiore, c contrafegnate con l'iftcflc Iittcre . 

L'Alz ato j Che fegueinforma grande, edi unapartcdCportichidcllapiazza. 



■ „- 



EEE 



DELLE 



L 1 B R O 





| B y» w «a«»mvvm-%iMm'» 



AmvwaB 



... 



::■• • . 




T E 




3 




3 L I B R O 

DELLE BASILICHE ANTICHE Cap. XIX, 

I chiamano anticamcnte Bafiliche quei luoghi,ne'qua!i ftauano i Giudici a refl 
der cagione a coperto, & oue alcuna uolta fi trattaua di grandi e d'importan- 
tinegotij:onde leggiamo chei trib uni della plebefeceroleuard alia Bafilica 
Portia,cherain Roma preffoal Tern pi o diRomolo, eRemo,c'horaelaChie 
iadi S.Cofmo, e Damiano ; nella qualrendeuano giufhtia; unacolonna, che 
impcdiualorolefedie.DitutteleBalilicheantichefumokocelebre,etenuta 
fra le cofe marauigliofe ddia citta , quella di Paulo Emilio , ch'era fra ilTempio di Saturno,e 
quello di Fauftina; neiiaqual egli fpeie mille e cinquecento talenti donatigli da Cefare; che fo 
no , per quanto fi fa conto; circa noucccnto mila fcudi . Deono farfi congionte alia piazza,co 
me fu offeruato nelle fbpradettcch erano tutte due nel Foro Romanoje riuoke alia piu calda 
regione del Ciclo: acciochei negociatori, & ilitigati al tempo del uerno fenza moleftia de'cat 
tiui tempi poflano a quelle trasferirfi, & dimoraruicommodamenre. Sideuonofarlarghe 
nonmenodellaterzaparte,nepiudellametadellalorlunghezza, felanaturadelluogonon 
ci impedira, ouero non fi sforzera a mutar mifura di compartimento.Di quefti tali ediricij no 
cierimafbalcunueftigioantico:ondeio fecondo quel, che ciinfegna Vitruuio nelluogo ri- 
cordato di fopra , ho fatto i difegni, che feguono ; fie' quali la Bafilica nel ipacio di inezo,cioe 
dentro dalle colonne 5 e lunga due quadri . I portichi , che fono da lati , & nella parte, oue e 
l'entratata; fonolarghi per la terza parte del fpaciodi mezo . Lelor colonne fono tantolun- 
ghe , quanto efsi fono larghi , e fi ponno fare di che ordine fi uuole . Io non ho fatto portico 
nella parte rincontro alia entrata,perche parmi che uiflia molto bene vn Nicchio grandc;fat 
to di portion di cerchio minoredel mezo circolo , nel quale fia il tribunale delPrctore , oue- 
ro deiGiudicifefaranomolti&uiafcendapergradiacciohabbiamaggior maefta,egrandez 
za : non nego pero che non fi pofTano far anco i portichi tutto intorno ; come ho fatto nelle 
Bafiliche figurate ne' difegni delle piazze . Per li portici fi entra alle fchale,che fono da i lati 
del detto nicchio , lequali portano nei portichi fuperiori. Hanno quefti portichi fuperiori le 
colonnela quarra parte mino ri di quelle difotto ; il poggio, ouero piedeftilo, che e tra le co- 
lonne inferiori, ele difbprajfi deuefar alto la quarta parte meno della lunghezza delle colon, 
ne di fopra: accio che quelli , che caminano ne' portici fuperiori; non fiano ueduti da quelli,, 
che negociano nella Bafilica. Conaltricompartimentifu ordinata da effo Vitruuio unaBa- 
iilica in Fano , laquale per le mifure , che al detto luogo egli ne da ; fi comprende , che doue- 
ua effer un edificio di bellezza, e di dignita grandifsima; io ne porrei qui i difegni , fe dal Reue 
rendifsimo Barbaro nel fuo Vitruuio non foffero ftati fatti con fomma diligenza . 

D E ' difegni, che feguono; il primo e della Pianta; fecondo e di parte dell'Alzato . 
Parti della Pianta. 

A, E'l'entrata nella Bafilica. 

B, EMlluogoperiltribunalerincontroall'entrata. 

C, Sonoi portici intorno, 

D, Sono lefcale che portano difbpra. 

E, Sonoiluoghidelimmonditie. 

Parti dell'Alzato. 

F, ilprofilo del luogo fatto perporue il tribunale, rincontro all'entrata.^ 
G, Sono le colonne de'portichi difotto. 

H, E v il poggio alto la quarta parte meno della lunghezza delle colonne de portichi 
di fopra. 

U Sono le colonne de' detti portichi fuperiori . 

DELLE 



T E R Z O 



?<"» 




L I B R O 




DELLE 



T E R Z O. 



4 1 




DELLE BASILICHE D E NOSTRI TEMPI, 
ede difegni diquelladiVicenza, Cap. XX. 

I come gli Antichi fecero le lor Bafiliche,accio che'I uerno, e la ftate gl'huomi- 
nihaueflero oueraunarfi a trattar commodamete lelor caufe, & ilor negocij; 
cofi a tempi noftri ciafcuna citta dItalia,efuori fifannoalgune Sale pubhche; 
lequalifipoflono chiamar meritamente Bafiliche :perciochelorpreffo el'ha- 
bitationedelfupremomagiftrato,ondeuengonoae:flerpartediquella;epro- 
priamente quefto nome , Bafilica, fignifica cafa regale : & anco perche ui ftan- 
jio i giudici a render ragione al popolo . Quefte Baliliche de' noftri tempi fono in queito dal- 
l'antichedifferenti ; che l'antiche erano in terreno, 6 uogliam dire a piepiano : quefte noftre 
fono fopraiuoltijne'qualipoifi ordinanolebottegheperdiuerfearti, emercantiedellacit- 
ta; cuifi fanno anco le prigioni,& altri luoghi pertinenti a i bifogni publichi.Oltre accio, quel- 
le haueano i portichi nella parte di dentro , come s'e ueduto ne difegni difopra ; e quefte per 
lo contrariojO non hanno portichi, 6 gli hanno nella parte di fuori,fopra la piazza . Di quefte 
Sale moderne una notabiHfsima n e in Padoua, Citta illuftre per l'antichita fua,e per lo ft udio 
celebre in tutto il mondo;nella quale ogni giorno ft raunano i gentil huomini,eferueloro per 
una piazza coperta. Vn'altraper grandezza, e per ornamenti mirabilenhafattonuouamen- 
te la Citta di Brefcia magnifica in tutte le attion fue . Et un'altra ue ne in Vicenza , della quale 
folamente ho poftoi difegni, perche i portichi, ch'ella had'intorno; fonodimiainuentione: 
e perche non dubito che quefta fabrica non pofla cffer comparata a gli edificij antichi ; & an- 
nouerata tra le maggiori,c le pi u belle fabriche, che fiano ftate fatte da gli antichi in qua,fi per 
la grandezza, e per gli ornamenti fuoi: come anco per la materia,che e tutta di pietra uiua du- 
risfima; efono ftate tutte le pietre commeffe, e legate infieme con fommadiligenza. Non oc- 
corre ch'io ponga le mifure di ciafcuna fua parte , perche ne' difegni fono tutte notate a i fuoi 
luoghi. 

Nfi l l a Prima tauola e difegnata la pianta e l'alzato , con lapianta di parte de* pilaftri in for- 
magrande. 

Nfi 1 1 a Seconda e difegnata unapartedelTalzato in maggior forma. 



FFF DELLE 



L I B R O 




> HiIl i' il * Hlm it 



T e a z o 




l-tftf a L>iii.LE 




44 L l B R ° 

DELLE PALESTRE, E DE I XISTI 

de Greci. Cap. XXI. 

O i che s'e trattato delle uie,de i ponti,e delle piazze ; refta che fi dica di quell* 
edificij , che feccro gli antichi Greci , ne' quail gli huomini andauano a cicrci- 
tarfi : & e cofa molto uerifimile, the al tempo , che le Citta dclla Grecia fireg* 
geuanoa Reupublica, per ogni Citta nefoflc uno diqucfti tali edificij: oue i 
giouant:tti,oltra l'imparar de.le fcienze;elercitando i corpi loro nelle cole 
pcitinentialla militia,comea conofcer gl'ordini, alanciar ilpalo,a giocar alle 
braccia, a maneggiar Farmer natar con pefi fopra le lpalle; diuenitfero atti alie fatiche,& a gli 
acciden ti della guerra: onde poternopoico'llorualorc, edilciplina militate, eflendocfsipo 
chi, uincer eflerciti numerofilsimi . A' efempio loro hebbero i Romania 1 Campo Martio,nel 
quale publicamente la giouentu fi elfercitaua nelle dette militari attioni,dal che nafceuano mi 
rabilieffetti,e le uittorie delle giornate ; Scriue Cefare ne fuoi Commentarij, che eflendo egli 
all'improuifo aflalito da' Nerui,e uedendo che lafettima legione,ela duodecima erano di ma- 
nierariftrette, chenonpoteuano combattere; commando chefiallargaflero, efi metteflero 
1'unaafianchi dell'altra,acciochehauefrerocommoditadaadopetarrarme,&nonpotell"ero 
efler da nimici circondate : ilche con preftezza fatto da foldati , diede a lui la uittoria,& a loro 
fama c nome immortale di ualoroli 3 e di bene difciplinati ; conciofia che nell'ardor della bat- 
taglia,quando le cole erano in pericolo,epiene di tumulro faceflero quello,che a molti a tem- 
pi noftripar difficilifsimo dafarfi,quando anco gli nimici fono lontani, 8t fi ha commodita di 
tempo, e diluoco . Di quefti tai gloriofi fatti ne fono quafi piene tutte le Greche e Latine Hi- 
florie,enonedubbiochediloronon/ofrecagioneilcontinuoeflercitarfide'giouani.Daque 
fto eflercitio i detti luoghi , che(come racconta Vitruuio al cap. XI. del V.Lib.) fabricauano i 
Greci, furono da loro chiamatiPaleftre, e Xifti: elalor dilpolitioneera tale . Prima difegna- 
uano la piazza quadratadi giro di dueftadij, cioe di ducento , cin quanta paua; & in tre lati di 
lei f aceuano i portici femphci , e lotto queli alcune lale ampie , nelle quali ftauano gli huomini 
litterati,comeFilofofi , efimili; adilputare, edilcorrere. Nel quarto lato poi, ilqualeera uol- 
to al Meriggie ; faceuano iportichi doppij : acciochelepioggie da uentilpinte nonentraflero 
nella parte piu a dentro , nel uerno ; & 1 eftate il Sole fofle piu lontano . Nel mezo di quefto 
portico era una lala molto grande lunga un quadro, e mezo oue fi ammacftrauano gli Adole- 
icenti.Daliadeftra della quale,era illuogo,oue fi ammaeftrauano le Garzone: e dietro a quel- 
le illuogo,oues impoluerauano gli Athlethepiu oltralaftanzaperlafreddalauatione,cho- 
ra chiamaresfimo bagni di a cqua fredda; laqual uiene a efler nel uoltar del Portico. Dalla fini- 
flradelluogo degliadoleicenti erailluogo, oues'ongeuanoicorpipereflerpiuforti;& ap- 
preflb la ftanza fredda, ouefi/polgiauano :epiuoltrelatepida,perdouefifiiceiufoco, dalia 
quale fientraua nella calda:haueuaqueftaftanza da una parte illaconico(era quefto illuogo, 
oue fudauano) edall'altra la ftanza perlacaldalauatione . Perciocheuollero quei prudenti 
huomini, imitando la natura,laqual da un'eftremo freddo ad un'eftremo caldo con i iuoi me- 
zi ci conduce; che no fubito dalla ftazafredda fi entrafle nella calda,ma co'l mezo della tepida. 
Di fuori da dettiluoghi erano tre portichi, uno dal lato, doue era 1 entrata,che fi farebbe uer- 
fo Leuante, ouero uerlb Ponente. Gli altri due erano, uno dalla deftra , l'altro dalla finiftra , 
poftirunoaSettentrione,raItroaMezogiorno,Quello, cheguardauaaSettentrione,eradop 
pio, edilarghezzaquanro erano lunghelecolonne. L'altro riuolto a Mezogiornoerafem- 
plice, ma molto piu largo di ciafcuno de'ibpradetti, & era diuilb in quefto modo: che lafcia- 
ti dalla parte delle colonne, e dalla parte del muro dieci piedi, ilqual ipacio da Vitruuio e det- 
to Margine ; per due gmdilarghifei piedi fi difcendeua in un piano non meno largo di dodici 
piedi; nel quale al tempo del uerno gli Athletipoteuano elercitarfiftandoal copertojenza 
efler impediti da qu elli , ch'erano fotto il portico a uedere; iquali anco , per la detta baflezza , 
ou' erano gli Athleti ; uedeuano meglio . Quefto portico propriamente fi chiamaua Xifto. Li 
Xifti fi faceuano , che tra dueportici ui foflero felue, e piantationi , e leftrade tra gli arbori, la- 
ftricate di Mufaico . Appreflb il Xifto, &il portico doppio fi difegnauano liluoghifcopertida 

caminare 



r e ii z o. 45 

caminare dctti da Io ro Pcridromiderne' qualiil uerno, quando era fererio il Cielo ; gli Athleti 
(ipoteuano efercitare.LoScadioeraacanto quefto ediiicio, &eraluogo,douelainoltitudi- 
ne poteua ftar commodamente a ueder eombacter gli Athleti . Da quefU forte di ediiicij pre- 
fero l'efempio gli Imperatori Romani , chc ordinarono le Terme per dilettare , e compiacerc 
al popolcper eflcrluoghi, oueglihuomini andauano adiportarfi, & alauarfi : deilequaiine* 
libri che feguiranno , piacendo al Signor Iddio, ne ragionero . 

A, Luogo,pues'ammaeftrauanoiGarzoni. 
.-,- B, Ludgooues'ammaeftrauanoleGarzone. 
■•>. C, LuogOjdoues'irnpoluerauano gli Athleti* 

D, Bagnofreddo. 

E, Luogo, doue s'ungeuaho gli Athleti. 

F, Stanza fredda. : w . • , 
G, Stanza tepida per laqualefiuaal luogo dellafornace, 

H, Stanza calda, dettafudatione concamerata. 
I, Laconico. 
K, Bagnocaldo. 

L, Portico di fuori dauanti l'entrata . 
M, Portico difuori uef Co Settentrione . 
N, Portico di fuori uerfo Oftro , oue al tempo del uerno fiefercitauano gli Athleti det- 

toXiftos. 
O, Lefeluetradueportichi. 
P, Luoghifcopertidacaminar, dettiPeridromide. 
q^ Stadio,doueftaualamoltitudinedellegenciauedercombattergli Athleti. 
4., Leuante. 
O, Oftro. 
P, Ponente. 
v, Tramontana. 
i l i altri luoghi fatti nel difegno fono efedre, & fcole . 






• > 



4* 



L I B R O 



E^gfeggB gjBjgBEBgBaggggPflEggzqggB^ 



fV »< ' ! ' i -Tl ' . ■ ■ ' ■ ' »■ ' '■■ *< > I ■ ..J. . .. ^ 



e o o e o o a o o 9 ««ooeooco'c#oo. 6 

» o e o © • a o • oo«««ev « e ©,' c 

©.O&aoeoooo 

o • 6 a « 

o e e <9 

• eo 

e o a 



« o o o 

o « o a a 
s e e o 



C B «. O 



a 

o a » » 
« o ace 



oeaoeooa 
o o e o o o o 
oaceeeacceo 

o "o i • « *o o b • c s «. 




» o 3 9 a aA9*a»*« ••••*•»• • * 9 * 







9 o e o c o o 


© o c o o 


o c e o © 


e t> o o «. e © • 

■ 1 • 


e 








• 


6 




















e 


IS 








i ■! o 


c 

o 




z* 5 


l 




e 




o 




•J 



a 

a 

ti 



4 



•} 
c < 


> « O O «9 £ O 


1 

O 9 B & 


ft O O 


s 



-■ o 
i I « 

a 



o 


oooft«cea 




;oaas « a o a ae a 0090a » 




e c © o qcoa.ee e tt t o e o c o ooooooct 



g 3 Yir7uW- m rTOiifWTffiHg 



mraisar, 



U£.i re 













;* nd V / "",, ^/#^ £25^ W/^ 7fc£ 



/ 






/7 



/ /T 



UqznJs w&no !U&nc ~.jt"> nam*-- ■ yrtnu rw 




,-/ /,»;., JtC>-*> <s<^ / c ,„■«, "JV 






r- 



/ w-v> ; . &J/ y>< 

« /^- 'X//J? ^ /• / /- r w * 
I L FINE DEL TERZOL 1^^, 

DELL'ARCHITETTVRA 
DI ANDREA PALLADIO. 



/S 



/ 



fTHC' 

I SCHOOL c r-ART 
LLIBRaKy: 






/T/l 












fife**,™ 






S #<7?Qtt 



/ 



) 



' {.t-ttH^So ^r. n. .,_ /». 




^J<-i ivfr^ ^"bfl-/v**V!L ^0*^| 



•i 



^ 



<^ ^f*^ *****) K f'i rjj (t?7?&72.c> «&«&«* %>' A 



cO i a 



u 



a^-M'c , ; 



t 



L^K C-0 






2 



:M4-L 



S,6 

1 '/Vf^ ij. , nfo* 



j*. 



i t 






a 



'PZTjmze 













IRTV>! 








% i >-■ 



IL QVARTO LIBRO 

DELLARCHITETTVRA 

PI ANDREA PALLADIQ* 




Proemioa iLettori. 




E I N fabrica alcuna e da eiTer pofta opera, & induftria, 
accioche ellacon bellamifura, eproportione fiacom- 
partita,cio fenzaalcundubbio n* deUefareneiTempij, 
ne' quali efTo Fattore , e Datore di tutte le cofe D I O 
O, M. deue efTere da noi adorato , & in quel modo, die 
lefbrzenoftrepatiicono,lodato, & ringratiato di tanti a noi continua- 
mente fatti beneficii. Per il chefeglihuomininelfabricarfileproprieha- 
bitationi uianograndiflimacuraperritrouareeccellenti , eperiti Archi- 
tetti,& fbfficienti artefici,(bno certamenteobligati ad vfarla moko mag* 
giorenell'edirlcarle ChiefejEt fe in quelle alia commodita principal- 
menteattendono : inqucftealladignita, &grandezza di chi hadaetferui* 
inuocato, & adorato deuono riguardare jilqualeefTendo ilfbmmo be- 
ne, e la fommaperfettione; emolto conueneuole, chetuttelecofealui 
dedicate inquellaperfettione llano ridotteche per noi ii poiTamaggio- 
re, £ ueramenteconfiderandonoi quefta bella machina del Mondo di 
quanti merauigliofi ornamenti ella fia ripiena } &c come i Cielico'l con- 
tinue lor girareuadinoinlei leftagioni fecondo il natural bifbgno can- 
giando^&conlatbauiflimaarmonia del temperatolor mouimentoic 
flefli conferuino non posframo dubitare, die douendo eiTer flmili i pic* 
cioliTempii,che noifacciamojaqueftograndiflimo dallafuaimmeriia 
bontaconunafua parolaperfettamentecompiuto,nonfiamotenutia 
fare in loro tutti quelli ornamenti,che per noi liano poi!ibili;& in modo, 
econtalproportioneedificarli, che tutte le parti infieme una foauear- 
monia apportino a gli occhi de' riguardanti, & ciafcuna da per fe all'ufb, 
alqualefaradeftinata conueneuolmenteferua. Perlaqualcofa, benche 
di molta lode fiano degni di coloro,iquali daottimofpiritoguidati,han- 
nogiaalfommo DIO Chiefe,etempii fabricati, efabricanotuttauia. 

AAAA 2. Nondi- 



4 P R O E M I O. 

Nondimenononpare chefenzaqualche pocodi reprehenfionedebbia- 
nbrimanere, fe non lianno ancho ftudiato di farli con quella miglior e 
piu nobil forma, chelaconditionnoftra comporti Ondeperchegli An- 
tichiGrecie Romaninel far i Tempii a i lor Dei pofero grandiflimo ftu- 
dio, 6c con bellitfima Architettura li compofero . accioche efli con que' 
maggiori ornam'enti, & con quella miglior proportione foflero fatti, che 
alio Dio,alqualeerano dedicated conueniffejiofonperdimoftrarinque 
flolibrola forma,egli ornament! di mold Tempii antichi,de quali anco- 
rafi ueggonoleruine, efonoda meftattiridottiindifegno: accioche fi 
p ofla da ciafcuno conofcere con qua! forma debbano,& con quali orna 
menti fabricar le Chiefe . Et benchedi alcuni diloro fene uegga picciola 
parte in piedefopra terra, io nondimeno da quella picciola parte,confi- 
derate ancho lefondamenta, chef! fbno potuteuederesfonoandatocon 
ietturando quali doueflero effere,quando erano intieri . Et in quefto mi 
eftato di grandiflimo aiuto Vitruuio: perciocheincontrando quello, 
ch'io uedeua,con quello, ch'egli ci infegna,non mi e ftato molto difficile 
uenire in cognitione, e de gli afpetti > e della forme loro . Ma quanto a gli 
ornamenti,cioe bale, colonne,capitelli , cornici, e cofe fimili , non ui ho 
pofto alcuna cofa del mio,maforio ftati mifurati da me con fomma con 
fiderationeda diuerfi fragmentiritrouatine luoghi,oueerano efli Tem- 
pi]- E non dubito che coloro, che leggerannoqueftolibro,econfiderei a 
, jio diligentementei difegnijnon fiano per jkendere intelligenza di mol- 
tjluoghi,chein Vitruuio fbno riputati dirUciliflimi,& perindrizzarl'in- 
telletto al conofcer le belle,& proportionate forme de Tempii, & per ca- 
uarne molto nobilieuarieinuentioni,delle quali aluogo, etempo ferue 
dofi poflfano far conofcere nelle opereloro,come (i debba, e poffa uaria 
refenzapartirfi da , precettideirarte,& quanto fimil uariationefialauda- 
bile,egratiofa. Maauantf che fi uengaa* difegni, io breuentecome fori 
folitojdirb quelle auertenze,cheneiredifi care i Tempii fi deuono oflcr- 
uare,hauendoletratteanch'ioda Vitruuio e da altrihuominieccelenti£ 
fimi,i quali di fi nobirarte hanno fcritto; 

DEL 




CL V A R T O. 5 

DEL SITO, CHE SI DEVE ELEGGERE 

per edificarui i Tempij. Cap. Primo. 

A To s ca n a fu non fblo la prima a riceucre comeforeftiera I'Archketturain 
Italia , onde 1'ordine , che Tofcano fi chiama, hebbe lefue mifure ; ma ancho 
quanto alle cofe de gli Dei , che la maggior parte del Mondo , in cieco errore 
uerfando , adoraua; fu maeftra de'.Popoli circonuicini, e dimoftro qual forte 
di Tempij , & in qualluogo , & con quali ornamenti fecondo la qualita de gli 
Dii,fidoueffero edificare : lequali offeruationi,tutto che in mold Tern piifi 
ueda , che non fi fono hauute in cofideratione ; io nondimeno raccontero breuemente, fi co- 
me ci fono ftate dalli fcrittori lafciateiaccioche coloro, che delle Antichita* fi dilettanojriman 
ganoinquefta parte fodisfatti; & accioche fifuegli, & infiammi 1'animodiciafcunoaporre 
ogni conueneuol cura nell'edificar le Chiefe : percid che e molto brutta , & biafimeuol cofa, 
che noi , iquali il uero Culto habbiamo ; fiamo fuperati in cio da coloro , che neflim lume ha- 
ueano della ueriti.Etperchei luoghi, ne' quali s'hanno da porreifacriTempii, fono la prima 
cofa, chefideue confiderare, io neparlero in quefto primo capo . Dico adunque, che gli an- 
tichiTofcani ordinarono che a Venere, a Marte, & a Vulcan o,fifaceffero iTempii fuori del- 
la Citta , come a quelli, che fi mouefTero gl'animi alle lafciuie, alleguerre,& a gli incendii ; & 
nella Citta a quelli, che alia Pudicitia,allal :> ace > & alle buoneartieiano prepofli:& che a quel- 
li Dei, nellatutellade quali {pecialmentefoirepofta la Citta; &a Gioue,& a Giunone, &a 
Minerua , iquali teneuano che foffero anche esfi difenfbri delle Citta, fi fabricafTero Tempij in 
luoghi altifsimi, nelmezo dellaterra,enelIarocca. Et aPallade, aMercurio,&aIfide,per- 
cheagliartefici, &allemercantieerano prefidenti, cdificaronoi Tempij uicinoallePiazze, 
&. alcuna uol ta fopra le Piazze ifteffe ; ad Appolline , & a Bacco preflb al Theatro : ad Herco- 
le,uicinoalCirco, &allo Amfitheatro.AdEfculapio, alia Salute, & a quelli Iddii, per le me- 
dicine de' quali credeuano che molti huomini fi rifanaflfero,fabricarono in luoghi fommamen 
tefani,&uicinoadacquefalubri, accioche co'lueniredall'aerecattiuo, epeftilentealbuo- 
no , & fano , & co'l bere di quelle acque , gli infermi piu prefto, e con minor difficulta fi fanaC 
fero,ondefiaccrefcefTe,ilzelodellareligione. EcofialrimanentedeglialtriDeipenfarono 
conuenirfi il ritrouar i lu oghi da fabricar i lor Tempii , fecondo le proprieta, che a quelli attri- 
buirono,& allemanierede'facrificiiloro. Ma noi , che fiamo per la gratia fpecialdi Dioda 
quelle tenebre liberati , hauendo lafciata la lo r uana , e falfa fuperflitione ; eleggeremo quei fi- 
tiperiTempii,chefarannonelIapiunobile,& piu eel ebre parte della Citta, lontanida luo- 
ghi dishoncfti , e fopra belle , & ornate piazze, nellequali moke ftrade mettano capo ; onde 
ogni parte del Tempio pofla effer ueduta con f ua dignita & arrechi diuotione, & merauiglia a 
chiunque lo ucda e rimiri . E fe nella Citta ui faranno colli, fi eleggera la piu alta parte di quel- 
li . Ma non ui effendo luoghi riuelati, fi alzera il piano del Tempio dalrimanente della Citta, 
quanto fara conueniente ; e fi afcendera al Tempio per gradi: conciofia che il falire al Tempio 
apportifeco maggior diuotione, &Maefta . Si faranno lefronti de Tempii,cheguardino fo- 
pra grandisfima parte della Citta ; accioche paia la Religione effer pofta come per cuftode,& 
protetrice de' Cittadini . Ma fe fi fabricheranno Tempii fuori della Citta , all'hora lefronti lo- 
ro fi faranno , che guardino fopra le ftrade publiche, 6 fopra ifiumi, feappreffo quellififabri- 
chera: accioche ipafTaggieripoffanouederli, efare le lorfalutationi, e riuerenze dinanzi la 
fronte del Tempio . ' %„ 

DELLE 



6 



% I B R O 



D E L L E FORME D F TEMPII, 

ET DEL DECOR O, CHE IN QVELLI 
SI D E V E O S S E R V A R E. Cap. IE 




Te m p i i fi fanno ritondi ; quadrangular!; di fei,otto, e piu cantoni, iquali tutti 
finifcano nella capacita di un ccrchio ; a Croce, & di moke altre forme, e figu- 
re, lecondoleuarie inueutioni deglihuomini: lequali ogniuoltache fono 
con belle & conueneuoliproportioni, & con elegante, & ornata Architettu- 
radiftinte;meritanodieflerlodate. Male piu belle, epiuregolate forme, e 
dalle qualile altre riceuono le mifure; fono la Ritonda, & la quadrangularc; 
epero di quefteduefolamenteparla Vitruuio , & ciinfegna comefidebbano compartire; co- 
me fi dira quando fi trattera del compartimento de Tempij . Ne' Tempij, che ritondi non fo- 
no^ deue ofTeruarediligentemente; che tutti gli angolifiano uguali, fia ilTempio di quattro 
6 difei, 6 dipiu angoli, e lati . Hebbero gli Antichiriguardo a quello, chefi conuenifleacia- 
fcuno de'loro Deinonfolo nell eleggereiluoghi, ne' quali fidouefferofabri care iTempij,co- 
me e ftato detto di fopra, ma ancho nell'elegger la forma : onde al Sole, & alia Luna , perche 
continuamenteintorno al Mondofi girano,&con queftolorgirareproducono glieffettia 
ciafcuno manifefti,feceroi Tempij di forma ritonda; 6 almeno che alia rotonditafi auicinaf- 
fero , & cofi ancho a Vefta , laqual differo effer Dea della Terra ; ilquale Elemento fappiama 
ch'etondo. A" Gioue, come patronedell'Aere, & delCielo, fecero i Tempij fcopertinel 
mezo co'porticiintorno, come diro piu difotto. Negliornamenti an cora hebbero grandif- 
fima confideratione a qual Dio fabricaflfero ; per la qual cofa a Minerua * a Marte^ & ad Her- 
coIefeceroiTempiidioperaDoricarperciocheatali Dei diccuano conuenirfiper la militia, 
della quale erano fatti prefidenti , lefabriche fenza delicatezze, e tenerezze. Ma a Venere,a 
Flora, alle Mufe , & alle Ninfe, & alle piu delicate Dee, diflero douerfi fare i Tempii , che al- 
ia fiorita,etenera eta VirginaleficonfacelTero, ondeaquelli diedero 1'opraCorinthia: pa- 
rendo Ioro,chel'operefottili,efloride, ornate difoglie, &di uolute fi conueniflefb a tale 
eta . Ma a Giunone , a Diana , a Bacco , & ad altri Dei, a i quali ne la grauita de primi,ne la de- 
licatezzade" fecondi, pareuacheficonuenilfe;attribuironp l'operelonichejlequalitraleDo- 
riche, eleCorinthietengonoilluogo di mezo .Cofi leggiamo che gli Antichinelledificarei 
Tempii fi ingegnarono di feruare il Decoro,nelquale confifte una bellifsima parte dell' Archi- 
tettura.E per6ancoranoi,chenonhabbiamo'iDei falfi,perferuareil Decoro circa la for- 
ma de' Tempii , eleggeremo la piu perfetta,piu eccelente ; e conciofia che la Ritonda fia tale, 
perche folatra tuttele figure efemplice, uniforme, eguale, forte, ecapace, faremo i Tempii 
ritondi; a quali fi conuienemafsimamente queftafigura, perche efTendo effadaun folo termi^ 
nerinchiufa, nel quale nonfipuo neprincipio , nefine trouare, nel'uno dall'altro diftingue- 
re ; & hauendo le fue parti fimili tra di lorn, e che tutte participano della figura del tutto; e fi- 
nalmenteritrouandofiin ognifua parte l'eftrcmo egualmente lontanodalmezo, eattifsima 
a dimoftrare la Vnita , la infmita Effenza , la Vniformita , & la Giuftitia di D I O . Oltra di do 
nonfipuonegare,chclafortezza, eperpetuita non fi ricerchipiu ne' Tempii, chein tuttele 
altre fabriche, conciofia che efsi fiano dedicati a DlO O. M. &ficohferuinoinloro lepiii 
celebri , & le piu degne memorie della Citta ; onde , & per quefta ragione ancora , fi deue di- 
re, che la figura ritonda, nella quale non e alcun'angolo ; a i Tempii ibmmamentefi conuen- 
ga. Deuono ancho eflerei Tempii capacilsimi, accio chemoltagente commodamenteui 
pofla /tare aiDiuini officii; e tra tuttele figure, che fono terminate daequalecirconferenza, 
niunae piu capace della Ritonda. Sono ancomoltolaudabiliquelleChiefe, chefonofatte 

in for- 



Q_V A R T O. 7 

inforniadiCroce , Iequalinella parte, cb e farebbe ilpicdedclla Crocc, hanno l'entrata;& 
all'incontro l'ekar maggiore ,& il Choro : & nelli due rami , che fi eftendono dalI'uno,& I'al- 
tro lato , come braccia ; d ue altre entrate, ouero due altri altari ; perche effendo figurate con 
la forma della Croce rapprefentano a gli occhi de riguardanti quellegno,dal quale ftetepen- 
dentelafalute noftra. Etdiquefta forma io hofattolaChiefadiSan Giorgio Maggiorein 
Venetia. 

Deuono hauere i Tempij i portici ampij , & con maggior colonne di quello, che ricerchino 
le altre fabriche , & fta bene che esfi fiano grandi , e Magnifici(ma non pero maggiori di quel- 
lo , che ricerchi la grandezza della Citta) & con grandi , c belle proportioni fabricati . Impe- 
roche al Culto Diuino , per ilquale esfi fi fanno , h" richiede ogni magnificenza , e grandezza . 
Deuono efferfatticon bellisfimi ordini di colonne, efideue a ciafcun'ordine dare ifuoipro- 
prij , e conuenienti ornamenti . Si faranno di materia eccellentisfima, & della piu preciofa; ac- 
•cioche con la forma, con gli ornamenti, & con la materia lihonori quantopiufipuolaDi- 
iiiniti: efeposfibilfoffe,fidouerianofare, c'haueflerotanto di bellezza, chenonfipoteffe 
imaginare cofa piu bella; & cofi in ogni loro parte difpofli, che coloro che ui entrano fi mera- 
nigliaffero ,&ftefferocon gli animi fofpefi nelconfiacrarelagratia,euenuftaloro. Tratutti 
i colori niuno e , che fi conuenga piu a i Tempij , della bianchezza : conciofiachela purita del 
colore, cdellauita fia fommamentegrataa DIO . Mafefi dipingeranno,non uiftaranno 
bene quelle pitture,che con il fignificato loro alienino 1 animo dalla contemplatione delle co 
fe Diuine ; percioche non fi dobbiamo ne i Tempii partire dalla grau ita,& da quelle cofe , che 
uedute da noi rendano gli animi noftri piu infiammatti al Culto Diuino , & al bene 
operare. 



DE GLI ASPETTl DE I 

T E M P I I. C A P. I I I. 

S p e t t o sintende quella prima moftra , che fa il Tempio di fe a chi a lui fi auict- 
na . Sette fbno i piu regolati:e meglio intcfi Afpetti de i Tempii , de' qualimi e pa- 
ruto tome nec'effario,ilpor qui queltanto, che ne dice Vitruuioal capo primo 
del primo Libro ; actio che quefta parte , laquale per la poca offer uanza delle An- 
tichita, e ftata da molti riputata difficile, & da pochi fin'hora ben intefa ; fi renda facile,e chia- 
raper quello cheio nediro,&peridifegni, che feguiranno,iquali faranno effempio diquan- 
to egli ci infegna ; & ho uoluto ufare ancho i nomi de quali egli fi ferue > accioche coloro, che 
fiporrannoallaletturadieiTo Vitruuio; allaquale effbrto ciafcunojriconofcano m quello i 
medefiminomi,enonpaia loro dilegger cofediuerfe.Perueniredunquealpropoftto noftro» 
i Tepii fi fanno,6 coni portici, 6 fenza po rtici.Quelli,che fenza portici fi fanno;poffono hauer 
tre afpetti:l uno fi nomina in Antis,cioefacciain pilait,ri:percheAntefi chiamano ipilaftri,che 
iifanno ne gli angoli, ouero cantoni delle fabriche . De gli altri due , uno fi dice Proftilos, 
cioe faccia in colonne ; e l'altro Amphiproftilos . Quello , che in Antis e nominato , hauera 
duepilaftrinei cantoni, che uoltano ancho da ilati del Tempio, & tradettipilaftri nel mezo 
della fronte due colonne, che fportino in fuori,efoftengano il frontefpicio , che farafopra 
l'entrata . Quell'altro, cheProililos e detto, hauera dipiii del primo ancho ne i cantoni le co- 
lonne ricontro a i pilaftri , & dalladeftra , e dalla finiftra nel uoltar de cantoni due altre colon- 
he , cioe una per banda . Ha fe nella parte di dietro fi feruara lo iftefso modo di colonne,& di 
frontefpicio,ne rifultera l'afpetto detto Amphiproftilos . De' dueprimi afpetti diTempii a no- 
ftri giorni non fi hareliquia alcuna ; e pero in quefto libro non uifaranno gli efempi . Ne mi c 
paruto bifogno di fame idifegni, efseada di cigfeuno di queili afpetti figurata la pianta, e 1 fuo 

diritto 




8 L I B R O 

diritto nel Vitruuio commentato da Monfignor Reuerendifsitno Barbaro. Ma fe a i Tempii ft 
fanno iportici, all'hora, 6 fi fanno intorno a tutto il Tempio, 6 nella fronte folamentc.Quel- 
li c'hanno i portici folo nella facciata dauanti, fi puo dire che anch'esfi habbiano l'afpetto det- 
to Proftilos . Ma quelli, chc fi fanno con i portici intorno , poflbno farfi di quattro afpctti; 
perciocheo fi fanno con fei colonne nella facciata dauanti, & in quella di dietro ;& con un- 
did colonnene'lati, computandouileangulari; equefto Afpetto fi chiama Peripteros,cioe" 
Alato atorno : e uengono i portici intorno laCella aefferlarghiquanto un'intercolunnio. Si 
uegono Tempij Antichi , c'hanno fci colonne nella facciata , e non hanno pero portici intor- 
no ; mane muridellaCella , nella parte di fuori, uifono meze colonne, che accompagnano 
quelle del portico;& hanno i mcdcfimi ornamenti;come a Nimes in Prouenza:& di quefta for 
te fi pud dire che fiain Roma i! Tempio di ordine Ionico ; che hora e la Chiefa di Santa Maria 
Egittiaca. Ilchefecero quelli Architetti per fare piu larga la Cella,eper ifcemare lafpefaj 
rimanedo nondimeno il medefimo afpetto dell' Alato a torno a chi uedeua il Tempio perfian 
co. Ouerofipongono ai Tempij otto colonneper fronte, equindeci dailati conle angu- 
lari: quefti uengono ad hauere i portici intorno doppij,e pero I afpetto loro e detto Dipteros, 
cioe Alato doppio . Ouero fi fanno bene i Tempij , c habbiano, comeil fcpradetto; otto co- 
lonne per fronte ; e quindici ne' Iati ; ma i portici intorno non fi fanno doppij , perche fi toglie 
uia un'ordinedi colonne;onde esfi portici uengono ad effcrelarghi quanto fono due interco- 
lunnij, & una groflczzadi Colonna; & fichiamailloro afpetto Pfeudodipteros , cioe Fal* 
fo alato doppio. Quefto Afpetto fu inuentionediHermogine antichifsimo Architetto; ilqua 
lein quefto modo fece i portici intorno al Tempio larghi , e commodi altggeri la fatica , & la 
fpefa,enonleu6cofaalcunadall'afpetto . Ouero finalmentefi fanno, che nell'ima , &l'al- 
tra facciata ui fiano diece colonne,& iportici intorno doppii,comein quelli, channolafpet- 
to Dipteros . QueftiTempii nella parte didentro haueuanoaltri portici condue ordinidi 
colonne uno fopra l'altro,&erano quefte colonne minoridi quelle di fuori; il coperto ueni- 
ua dalle colonne di fuori a quelle di dentro ;& tutto lo fpatio circondato dalle colonne di 
dentro era fcoperto : onde Fafpetto di quefti Tempi fi dimandauaHipethros, cioe difco- 
perto ; Sidedicauano quefti Tempii a Gioue cornea Patrone del Cielo , e dell'Aere : & 
nelmezodelCortilefiponeual'Altare: Di quefta forte credo chefofleil Tempio, delqua- 
lefi ueggonoalcunipochiueftigi in Roma fopra Monte Cauallo; e che fofle dedicato a Gio- 
ue Quirinale,&fabricato da gli Imperatori : perche a i tempi di Vitruuio (come egli dice) 
nonueneeraalcuno. 

D I C I N QJT E S P E C I E D I 

TEMPI I. C A P. I I I I. 

• 

Sarono gli antichi (come e ftato detto di fopra ) di fare i portici a i 
loro Tempij per commodita delpopolo ; accioche eglihauefledouetratte- 
nerfi, e paffeggiare fuori della Cella ; nella quale fi faceuano ifacrificii:& per 
dare maggior Maefta, egrandezza a quelle fabriche . Onde perche fipof- 
fon fargliinterualli, che fontra colonna,e colonna, di cinque grandezze, 
fecondo quelle diftingue Vitruuio cinque fpecie,6 maniere diTempii : del- 
!e qualilono i nomi : Picnoftilos , cioe difpefle colonne : Siftilos,piu larghe : Diaftilos, anco- 
rapiudiftanti.-Areoftilos, oltra quello,cheficonuienelontane: & Euftilos, charagione- 
Uoli,& conuenientiinterualli . Pitutti iquali intercolunnij come fiano, &qualproportio- 
•nedebbano hauere con la lunghezzadelle colonne, e ftato detto di fopra nel primoLibro; 
&poftiidifegni : pero non mi occorre dir quialtro ; fe non, che lc quattro prime maniere 
fono difettoie. Lc duepnme;perchc effendo gli intercolunnij di undjarnetro, cmezo,6 didue 

"diametfi 





Q. V A R T O. 5> 

diamccri di colonna ; fono molco piccioli,e ftrettijondenon pcflbno due perfoneentrare nei 
porcici alpari^roa bifogna che vadino a fiJa,una dietro l'altra:& Ieporte,&iloro ornamenti no 
ii poflbno uedcr di ioncano:e finaimcnte pcrcheperlailrettczzadcgli/pacije lmpedito ll ca- 
mmare d'intorno al Tempio.Sono pero quelle due maniere tollerabili,quando u fanno le co- 
lonne grandijeome fi uede in quafituttii Tempij Antichi. Laterza,perehepotendofiporretra 
le colonne , tre diametri dl colonna;uengono ad efiere gliintercolunnij molto largbi; onde gli 
Architraui per la grandezza de gli fpacij ii fpezzano . Ma a quefto difetto fi pubprouederefa- 
cendo fopra I'Architraucnella alcezza del fregio, Archi,ouer Remenati,che fbnftentino il ca- ; 
rico,elafcino liberorArchkraue.Laquartamaniera,benchenonpatifcail difetto dellafopra- 
detta,perchenonfi ufanogliArchitrauidiPietra, nediMarmoimafopralecolonnefipongo- 
no le traui di legnojfi pub nondimeno dire ancor clla difettoia ; perche e bafla , larga, & humi- 
le,& e propria dellordineTofcano. Dimodo che la piu bella , & elegante maniera di terapij e 
quella, che Euftilos e detta : laquale e quando gli intercolunnij fono di due diametri di colon- 
na,& un quarto ; percioche ferue ottimamente all'ufcalla bellezza, & allafermezzadoho no- 
mmatolemanierede Tempij con qucgliiftefsinomi chemetteVitruuio, comehofatto an- 
cho gli afpetti;fi per la -cauia detta difopra;fi ancho perche tali nomipaionogiaefferftatirice- 
uuticiallanoftralingua,edaciafcuno s'intendono;cperb mi feruirb ancho di loroneidifegni 
de i Tempij, che feguiranno. 

DEL COMPARTIMENTO DE I TEMPII. Cap. V. 

E n c h e in tutte le fabriche firicerchi.che le parti loro infieme corrifpondano, 
& habbiano talproportione,che nefluna fia,con la quale no fi pofla mifurare 
il tutto, & le altre parti ancora: Quefto nondimeno con eftrema curafi deue 
oiferuare ne i Tempi), percioche alia Diuinita fono confacrati,per honore,& 
ofTeruanzadella quale fi deue operarcquanto fi pub di bello, e diraro.Effen- 
do adunquelepiuregolate formede' Tempi) la Ritonda,& la Quadrangula- 
re,io diro come ciafcuna di quelle fi debbano compartire;e porro ancho alcune cofe apparti 
nenti a i Tempij , che noi Chriftiani ufiaino.I Tempij ritondi fi faceuano anticamente alcuna 
uolta aperti,cioe fenza cella,co colonne chefofteneuano la cupola,come quelli,che fi dedica 
uano a GiunoneLacinia, nel mezo de' quali fi poneua laltare,e fopra quello il fuoco, il quale 
eraineftinguibile: queftiintalmodo fi compartilcono . Sidiuideil diametro di tutto lo fpa- 
cio,chedeucoccupareil Tempio in tre parti eguali: unafenedaaigradi,cioe allafalitafu'l 
piano delTempio,e duerimangono al Tempio,& alle colonne, lequali fi pongono fopra pie 
deftili,e fono alte con bafe,ecapitello,quanto e il diametro del minor girodei gradi,&grol- 
ie per la decima parte della loro altezza.L'Architraue,ilFregio, &glialtri ornamenti fi fan- 
no fecondo eftato detto nelprimolibro, cofiin queftacomein tutte l'altre forti di Tem- 
pij.Ma quelli,che fi fanno chiufi , cioe con la cella , 6 fi fanno con le ale a torno,ou ero co un 
portico folamente nella fronte.Di quelli c hanno le ale a torno le ragioni fono queftejprima 
a tornoatornoli fanno due gradi,c fopra fi pongono ipiedeftili>foprai quali fono lecolon- 
nede ale fono larghe per la quinta parte del diametro del Tempio; pigliando il diametro nel- 
la parte di dentro dei piedeftili.Le colonne fono lunghe quanto e larghala cella, e fono grot 
fe la decima parte della longhezza.La Tribuna,ouer la cupola fi fa alta fopra 1' Architraue,Fre 
gio,cCornice delleale, perlametadituttal'opera: cofi compartifle Vitruuioi Tempij riton- 
di.Ma perb ne Tempij Antichi non fi ueggono Piedeftili,ma le colonne cominciano dal pia- 
no del Tempio;ikhe molto piu mi piace ; ii perche con ipiedeftili fiimpedifce molto l'entra- 
re al Tempiojfi ancho perche le colonnede quali da terra cominciano;rendono maggior gra 
dezza,emagnihccnza.Mafe a i Tempij ritondi fiporrail portico folo nella front e,eghfifari 
lungo quanto la iarghezza della cella , b la ottaua parte meno:fi potra fare ancho piu corto , 
manon perb che giamai fia meno lungo di tre quarti della Iarghezza del Tempio;enon fi fa- 
ra piu largo deliaterza parte della fua Iunghezza. NeiTempijquadrangulariiporticinelle 
fronti fi faranno Ionghi quanto fara la Iarghezza di efsi Tempij : E fe faranno della maniera 
Euftilos,che e la bella,& elegantedn tal modo fi compartiranno,fei'afpetto fi faradi quattro 
colonne, fi diuidera tutta lalacciata del Tern pio, (lafciatifuora gli fporti delle bafe delleco- 
lonne,che faranno nelle cantonate)in undcci parti e meza; & una di quelle parti fi ehiamera 

BBBB modulo, 



lo L I B R O 

modulcdoe mifura , con la quale fi mifureranno le altre parti ; perdie faeendofi le colonne 
groife un modulo , quatro fe nc daranno a quelle ; tre all'intercolunnio di niezo;e qu attro c 
liiezo a gU altri due intercolunnij.cioe due,& un quarto per uno:fe la fronte fara di fci colon 
ne, 6 partira in diece otto;fe di otto,in uentiquattro e meza; & fe di diecein trent' una: dan- 
do fempre di quelle parti , una alia groffezza delle colonne, tre al uanno di mezo, 6c due, & 
un quarto a ciafcun de gli altri uaniX'altezza delle colonne fi fara fecondo che faranno 6 Io- 
niche,6 Gorinthie.Come fi debbano regolare gli afpetti delle altre maniere de' Tempij,cioc 
della Picnoftilos, Siliftos, Diaftilos, & Areoftilos s'e detto a pieno nelprimo libro , quando 
habbiamo trattato de gli intcrcolunnij: Oltrail portico fi troua l'Antitempio,e dapoila Cel- 
la ; Si diuidela larghezza in quattro parti,e per otto di quelle fi fa la lunghezza del Tempio , 
& di quefte,cinque fi danno alia lunghezza dcllaCella , includendoui le mura,nelle quali fo- 
no leporte; ele altre tre rimangono aU\Antitempio;ilqualedaiIatihadueali di mura conti- 
nuati alle mura della cella , nel fine delle quali fi fanno due anti,cioe due pilaftri grofsi quan- 
tole colonne delportico-.eperchepud eflere chetra quelle aleuifia,epoco, emolto fpatio : 
ic fara la larghezza maggiore diueti piedi, fi douranno porre tra i detti pilaftri,due colonne, 
cpiu ancora fecondo richiedera il bi!ogno,al diritto delle colonne del portico lofficio delle 
quali fara fepararel'Antitempio dalportico; & queitre, opiu uani, cheiaranno trali pilaftri 
(i ierreranno con tauole,6,parapetti di marmo:la{ciandoui pero le apriture,per le quali fi pof 
ia entrare nell'Antitempio; efe la larghezza fara maggiore di piedi quarantabifogneraporre 
altre colonne dalla parte di dentro all'incontro di quelle; chc faranno porte tra i pilaftri,e fi fa 
ranno dell'altezza delle efterioi i,ma alquato piu fottili;perche l'aere aperto leuera della grof 
iezza a quelle di fuori: & il rinchiufo non lafciera difcernere la fottigliezza di quelle di detro, 
c-cofi pareranno eguali:E bencheil detto compartimento riefca apuntoneiTempij diquat 
mo colonne,non pero uiene la medefimaproportione ne gli altri afpetti , e maniere , perche 
iafogna che imuri della cella fcontrino con le colonne di fuori, Sdlano a unafila, ondele 
Celle di queiTempij faranno alquanto maggiori di quello, che fi e detto . Cofi compartiro- 
nogli Antichii loro Tempij, comeciinfegna Vitruuio , euolfero chefi faccefleroiportici, 
fotto i quali ne i cattiui tempi poteflero gli huomini fchifar il Sole,la pioggia, la grandine,ela 
neuci ne i giorni folenni tratenerfi fin che ueniffe l'hora del facrificio:ma noi lafciati i portici 
intorno,ecufichiamo li Tempij,che fi afsimigliano molto alle Bafiliche,nelle quali.come e fta 
to detto , fi faceuano i portici nella parte di dentro,come noi facciamo hora nc i Tempij : il- 
che e auuenuto percheli primi chc alia noftra religion e fi diedero dalla ueritailluminati; era- 
no fbliti per timor deiGentili raccoglicrfi nelleBafilichedi huomini priuati.-onde ueden- 
dopoiche quefta forma riufciuamoltocommoda,perciochefiponcua conmoltadignita 
l'altare nel luogo delTribunale,& il Coro ftaua acconciamente intorno all'altare; & il rima 
jienteeralibero perilpopolo j non fi e piu mutata, e pero nel compartimento delle ale che 
noi facciamo nei Tempij fi auuertira a quello ch'e ftato detto quando trattiamo delle Bafili- 
che. Si aggiugne alle noftrc Chiefe un luogo feparato dal rimanente del Tepio che chiamia- 
mo Sacreftia, doue fi feruano le uefti facerdotali, i uafi, & i libri facri,& l'altre cofe neceffarie 
al culto Diuino,& doue fi apparono i facerdoti ; & appreffo fi fabricano le torri, nelle quali fi 
appendono le campane per chiamare il popolo a i diuini ufficij ; le quali non fbno ufate da al 
trijche da Chriftiani. Appreffo il Tepio fi fanno le habitationi per li facerdoti,le quali deono 
effer comode confpaciofi chioftri,e con bei giardini,efpecialmcntei luoghi perle facre Ver- 
gini deono eflere ficuri,alti,e lontani dalli ftrepiti,e dalla ueduta delle genti . E tanto bafti ha- 
uer detto del Decoro,de gli afpetti,delle maniere,& del copartimeto dei Tepij: Hora io por 
ro li difegni di molti Tempij Antichi , ne i quali ofleruero queff ordine;prima porro i difegni 
di quei Tempi;, che fono in Roma; dapoi di quelli , che fono fuori di Roma, e per la Italia, & 
ultimamcntediquelli, chefbno fuori diItaha;E per piu facile intelligence per fuggir la lun- 
ghezza, e'l tedio, ilquale potrei apportare a' lettori , s'io uolefsi dire minutamente le mifurc 
di ciafcuna parte, le bo poftate tuttc con numeri nc i difegni . 

Ii Piede Vicentino , co'l quale fonoftatimifuratituttiifeguentiTempij,enelSecon- 
do Libro a numero 4. 

Jutt il piede fi partifee in oucie dodici , e ciafcun oncia in quattro minuti . 




Q V A R T O. n 

DE I DISEGNI DI ALCVNI TEMPI I ANTI CHI, CHE SONO 
iu Roma, e prima di quello della Pace. Cap. VI. 

OMINCI EREMO adunque con buono augurioda i difegni dt 1 Tempin gj;i de- 
dicatoalla Pace,delqualefi veggonoi veftigijvicinoallaChieladi Santa Ma- 
ria Nuoua , ndla via Sacra , e diccnogli fcrittori , th'eglienell'iittrV luc go, 
doue prima ft) la Ciiria diRomolo > &Ho(rilia ; poilacafa diMenic ., I, Bafili- 
caPortia , elacafadiCefare , & il portico , cheAugufto gcttata a terra la det- 
ta cafa di Cefire parendogli m^china troppo grandc, e fuperba , fabric o, e 
chiamolodclnomedi Liuia Drufilla fua mogliera. Quefto Tempio fucommcLto da Ciaudio 
Imperatore , e condottoafineda Vejpefiano , poi ch'egli rorno vittoriofodallaGiudea , nel 
qiuieegliconferuotintii vafi , &ornamenti , chc pono nel fuo trionfo del Tempio diGe- 
rufilem •* Si legge, che quefto Tempio era ilpiugrande, ilpiiimagnifico , &ilpiuricco della 
Citta , everamentcifuoivefligijcofi rouinati,comefono, rapprelentanotantagrandt?23, chc 
troppo bene ii pud giudicare quale egli eraefiendointiero . Auantil'cntratav'cravna loggia 
ditrevani , fattadipietracotta , &il reftoera murocontinouoperquantoeralarga lafaccia- 
ta ; ne i pilaftri de gli archi della loggia nella parte di fuori v'eranocolonnepotte per orna- 
mento , rordinedellequalifeguiuaanconcl minocontinouo .' fopra quefta pr'maloggiave 
neeravn'altrafcoperta , co'l fuo poggio , &aldirirtodiciafcunacolonna vidoueaeflerpofta 
vnaftatua . NeJla parte didentro del Tempio v'erano otto colonnedi marmodiordine Co- 
rinthiogrorTe cinque piedi , e quattro oncie , elunghecinquantatreconbafe , ecapitello. 
L'Architraue,i] Frcgio , e la Cornice erauo dieci pied i e mezo , e folteneuano il volto della naue 
dimezo. La bafidiqueftecolonneerapiualtadellameradeldiametrodellacolonna , &ba- 
ueua rorlopiugroilo della terza parte della luaaltezza : ilche foi fe feu ro , parendoloro , che 
cofi poreffemeglioreggt re i!pei"o 9 che leandaua potto fopra : il fuofportoeraperla fefta par- 
te del diametio della coJonna . Lo Architraue , ilFregio, &laCorniceeranointagliaticonaf- 
faibellainuentione , il Cimacio deU'Archittaue e degnodiauertimentopereiTerdiuerfooa_. 
glialrri , e fatto moltogratiofumente ; La Cornice ha i Modiglioni in vecediGocciclatoio: 
LecalTedellerofe, che (ono tra i Modiglioni , fono quadie > &' cofi fi deuon o fare , come ho 
ofleruatointuttiglied/ficijantichi . Dicono gli fcritton,che quefto Tempio fibnggioal tem- 
j3odiCommodoImperatore;ikhenon veggocomepoila eflervero ,nonvi effendopaiteaku- 
jiadilegname , ma potria eflerefacilmente,ch'cghfofleftato ru;naroperterremoto,d per al- 
tro limiie accidente , & poi riitaurato in akro tempo che le cofe dell'Archittettura non ii inten- 
deuano cofi bene , come al tempo di Vefpefiano : ilche mi fa credere ilvcdere,che gli intagli 
non fono cofi ben fatti , &conqnella diligenza lauorati , che fi veggono quell i dtli'Aicodi 
Tito, ed'aJtriedifici; > chefuronofattiaibuonitempi > imuridiquelto Tempio eranoorna- 
ti di Itatue , e di pitture, & tutti i volti erano fatti con eompartimentc di ftucco ,ne viera parte 
alcuna chenonfoiTeornatiiTima . Di quefto Tempio ho fatto tre tauole. 

NELLA Prima vied ifegnata la Pianta. 

NELLA Seconda il diritto della parte di fuori , e di dentro della facciata , & della parte di den- 

tro del fianco . 
NELLA Terza vi fono i membri particolari . 

A, E'laBafa. ? 

C, Arim^utFregio. f dellecolonne, che foftengono la naue dimezo. 
& Cornice. x 

D, Compartimentodi itucco fatto nei volti . 



BBBB a 



II 



t I B R O 




■Adk 



Q V A R T O, 



1 1 





in 



I B R O 



»*-£*$* -E h I 4 | f-H& 




3> 




uu 



itfifr 



*L_^ 



r« 



ii-/. I 







1?*^^ 



^.^iS^iw^V- A K>;£ 




S^1SP;5P SSI 



111 



eaggg gssga^ fe 



sa 




:oes£: 



^ 



z. j=i 



Ni,,,---,.--^.— ..j. 



P J @ f 






Hii!iifnfiP 



feggggggaT 



PT '%% - 



igsimMt 





1 



£ 



^ 



an^ 



K 



'F^li 



-nt 



IPll 



M&#^w&fr&iL <>i^ 



j , \ < as air gg • - " ■' 



*|4 



19 








%^ 



M& * 



ill 



wmwm 



?TT7rc:i^r^ir3i£7 _< 






flfo 



*« 







t^r A R T O. ij 

DEL TEMPIO DI MARTE VENDICATORE. €a> ML 

P p it i $ $ o la Torre de Conti fi ueggono le niinedelTeinpio cdificato gia da Auga 
fto a Marte Vendicatore,pel voto ch'egli fece, quando infiemecon M. Antonio e£ 
(endo inFarfaglia contra diBruto,eCa{sioper far vendetta della uaortediCefarc 
fece fatto d'arme,& uinfe . Per quelle parti che To no rimafe fi comprendc, cheque- 
fto era un'ornatifsimo,& merauigliolb edincio,e molto piu mirabile lo doueuarendere il £i> 
rocheglieradauanti,nel quale, filegge, che portauanoleinfegne della uittoria,&trionfo 
quelli, che uincitori,e trionfanti tornauano nclla Citti; & che Augufto nella fuapiu bella par 
tepofe due tauole,nelle quali era dipintoil mododifarbattagUa,& ditrionfare, &duealtre 
tauoledi mano di Apelle,in una dellc quali u'eraCaftore, e Polluce, laDea della Vittoria, & 
Aleflfandro Magno; nell'altra una rapprefentatione di battaglia,& un' Aleflandro.V'erano due 
portici,ne i quali eflb Augufto dedico le ftatue di tutti coloro,che trionfanti erano tornati in 
Roma. Hora di quefto foro non fe nc uede ueftigio alcuno,fe forfe quelle ale di muro, che fo- 
nodailatidel Tempio non foflero parte di eflb , il che e molto uerifimile per li molti luoghi 
da ftatue, che ui fonoX'afpetto del Tempio e lo alato a torno, il quale di fopra habbiamo chia 
mato col nome di Vitruuio Peripteros ; e perche la larghczza della cella eccede uenti piedi , 
e ui ibnopofte le colonne tra le due anti, 6 pilaftri dellAntitempio rincontro a quelle del por 
tico come e ftato detto di fopra che fi deue fare in fimil cafo: II portico non continoua intor* 
no tutto il tempio: Et ancho nelle ale dei muri aggiunti dall'uno,e dall altro lato,no e oflerua 
to nella parte difuoriloiftefib ordine,benchedidentrotuttele parti corrifpondano . Ondc 
fi comprende che di dietro,& a canto ui douea efferela ftrada publica,& che Augufto fi uolic 
accommodare al fito non difagiare, ne tuore le cafe uicine a i padroni . La maniera di quefto 
Tempio e laPicnoftilos,i porticifbno larghi, quanto gliintercolunnij : Nella parte di dentro , 
cioe nella cella non fi uedeindicio ne ueftigio aluno,ne meno fono morfe nelle mura, ondefi 
pofla fermam ente dire, che uifoflero ornamenti,& tabernacoli; nondimeno perchee mol- 
to uerifimile che ue ne foflero, io ne hofatto di mia inuentioncLe colonne de i portici fono 
di opera Corinthia . I capitelli fono lau orati a foglie di oliuo,hanno FAbbaco molto maggio 
re di quello che fi uegga ne gli altri di tal ordine,hauendo rifpetto alia grandezza di tutto il ca 
pitello.Lc prime foglie fi ueggon gonfiare alquanto prcflb alloco oue nafcono, il che da loro 
grandilsimagratia:Hannoqueu^pordcibelufsimiioffiti, 6 uogliamdir lacunari, c perb ho 
fatto il lor profilo , &illoro afpetto in piano:Intorno a quefto Tepio u'erano muri altiisimi di 
Peperino, i quali nella parte di fuori erano di opera ruftica,& in quella di dentro hauea- 
no molti tabernacoli, & luoghi daporui dclleftatuc: Etaccibchefiueggaperfettimcnteil 
tutto , ne ho fatto fette tauole . 



,6 LIB R O 

N* l J- a Prima ui e in forma picciola turta la pianra, e tutto il diritto di quanto fi uede di que 
ftoedificio cofi nella parte difuori ? comeinquelladidentro> ' *. ■."'•.,-..■ - 

Ne l l a Secondau'eil diritto delfiaqco del portico,e dellacella. ~ 

Nella Terzau'eil diritto dimeza la facciata,c6 parte delle mura,che fono dailatidelTepio. 

Ne lla Quartaueil diritto della parte di dentrodelporj;ico,&dellacella,coagliornai]nieii- 
ti, ch'io ui ho aggiumi* 

Ne l l a Quinta ui fono gli ornamenti del portico * 
G, E' 11 Capitello , 

H, L' Architraue , il Fregio , & la Cornice . 
I, ILacunari del portico, cioe i Soppalchi. 

Ne i j. a Sefta e difegnato il Soffitto del portico, & come uolta nelleanti, opilaftri dell'anti- 
tempio . 
M, UfoffittodeU'Architrauetralecolonne. 

Ne l la Settima ui fono gli altri membri . 

A, E' la bafa delle colonne del portico.la quale corinoua ancho nel muro intorno al tepio. 

B, E"laCauriola,daliaqualecominciano le diuifioni de i quadri fatti per onamentonel 
muro forto iportici . 

C, E la pianta delle colonnepofto per ornamento de i tabernacoli nella cella. 

D, E N la ilia Bafa. 

E, E'il Capitello. 

I quali ornamenti di dentro fono ftati aggiunti da me,prefi da alcunifragmenti antichi trouati 
uicino a quefto tempio. 

F, E" la Co mice che fi uede nelle ale delle mura,che fanno piazza da i lati del Tempio . 







4>t0 1!) t>&) 



Q_ V A R T 0. 




CCCC 




—4 



Q^ V A R T JO, 




CCCC a 



tmi 



10 



L I B R O 




(^ V A R T O. 



*i 




%% 



L I B R O 



i 



l th TV, '.TO » «■• 



I 



fe5x= 



I 



Hr 



J 




,*lf 



PI© 8 







Ail 



% *\ 






iHI 



*Z22 



MJUfJfllF 



111 

Wa s 




> ""«» ff iii re* 




Q_V A R T O. 23 

DEL TEMPIO DI NERVA TRAIANO. Cap. VIII. 

Pp res soil detto Tempio ediflcatoda Auguftofi ueggono iueftigijdel Tempiodi 
Nerua Traiano , l'afpetto del quale e il Proftilos , la fua maniera e di fpeffe colonne. 
11 portico infieme con la Cella e lungo poco meno di due quadri : II fuolo di quefto 
Tempios'alzada terra con unbafamento,che gira intorno a tuttala fabrica, efa 
iponda a i gradi, per li quali fi fale al portico ; nelle eflreme parti di quefte fponde u'erano due 
ftatue, cioe una per tefta del bafamento . La Bafa delle colonne e Attica , diuerfa in quefto 
da quella che ci infegna Vitruuio, & che io ho pofta nel primo libro,che in lei ui fono due ton- 
dini dipiu , uno lotto il cauetto, & l'altro lotto la CimbiaXe lingue del capitello ibno intaglia- 
te a foglie di oliuo,e fono quefte foglie ordinatea cinque a cinque, come fonole dita nelle 
mani de gli huomini : & cofi ho offeruato , che Ibno fatti tutti i capitelli antichi di quefta forte, 
e riefcono meglio, & con piu gratia di quelli, ne i quali fi fanno le dette foglie a quattro a quat-, 
tro . Nell' Architraue fono bellifsimi intagli che diuidono una fafcia dall'altra , & quefti intagli, 
e quefte diuifionifono dailati del Tempio fblamente : perche nella facciata T Architraue, &il N 
Fregio furno fatti tutti a un piano per poteruiporrecommodamentelainfcrittione,deila qua- 
lefi ueggono ancora queftepoche lettere, benchetroncheancorefle,& guaftedaltempo . 

IMPERATOR NERVA CAESAR AVG. PONT. MAX. 
TRIB. POT. II. IMPERATOR II. PRO COS. 

La Cornice e molto bene intagliata,& ha bellifsimi, emoltoconuenientifporti.Sono 1' Archi- 
traue , il Fregio, & la Cornice tutti infieme per il quarto della lunghezza delle colonne. Le mu 
ra fono fatte di Peperino,&erano inueftite di marmo . Nella Cella lungo lemuraio ho pofto 
de i Tabernacol i con ftatue , come per le ruine p are che ui folfero . Era dauanti a quefto Tem- 
pio vnapiazza,neImezo della quale era pofta la ftatuadidettoImperatore,edicono gli fcritto 
ri che tanti erano, & cofi merauigliofi i fuoi ornamenti , che porgeuano ftupore a quelli, che li 
rimirauano giudicandoli fatturanondi huomini, ma di Giganti. Onde eflendo uenuto Co- 
ftanzo Imperatore aRomaprimafimerauigliodella rara ftrutturadi quefto edificio,poi riuol- 
toadunfuoArchitettodi{Te,cheuoleuafareinCoftantinopoUun Cauallo fimilea quellodi 
Nerua in memoria fua,a cui rilpofe Ormifida(cofi hauea nome quell' Architetto)che era prima 
bifogno farli una ftalla fimile moftrandoli quefta piazza . Le colonne che le fono intorno non 
hanno piedeftilo , ma nafcono da terra ; e fu molto ragioneuole , che'l Tempio fuflfe piu emi- 
nente dell'altreparti ; fono ancor quefte di opera Corinthia, & al dirittoloro foprala Cornice 
u'erano pilaftrelli , fopra i quali doueano efl'er pofte delle ftatue ; ne fi marauigliera alcuno che 
io ponga tanta copia di ftatue in quefti edificij,perche fi legge che tante ne erano in Roma, che 
pareuano un'altro popolo . Di quefto edificio hof atto iei Tauole. 

[Nella Prima u'e la meta della facciata del tempio. T, EMaentratacheglieperfianco. 

Nella Secondau'el'alzato nella parte di dentro , & appreflo u'e la pianta del Tempio,e del- 
la piazza infieme. S, E'illuogooue era la ftatua di Traiano. 

Ne l l a Terza u'e il diritto del fianco del portico , & per gli intercolunnij fi uede lordine delle 
colonne che erano intorno la piazza. 

Nella Quarta u'e la meta della facciata della piazza rincontro al Tempio . 

Nella Quintaui fono gli ornamenti del portico del Tempio. A, E'ilbafamentodi tuttala 
fabrica. B, Flabafa. C, L' Architraue. D, II Fregio. E, La Cornice. 
F, II Soffitto dell' Architraue intra le colonne. 

Ne l La Sefta ui fono gli oramenti ch' erano intorno la piazza . G, E v la Bafa. H, E v 1 Archi 
traue. I, UFregio,qualeeraintagliatoafiguredibaflbrilieuo. K, E" la Cornice. 
L, I pilaftrelli, fopra i quali erano pofte delle ftatue . M, Gli ornamenti delleporte 

quadre,che erano nellafacciata della piazza rincontro al portico del Tempio . 



*4 



L I B R O 



■AtasB&ss 




^^ 




DDDD 



26 



L I B R 




• HflA 



q. v a r r o. 




DDDD"a 



a. 8 



L I B R O 




ML' 



Q V A R T O. 



z 9 



I i. n> i ignr- »* «» 




■■:/ 

A 




39 L I B R O 

DEL TEMPIO D*ANTONINO, E DI FAVSTIKA. Cap. IX. 

|I C IN OalTempiodella Pace potto difoprafivedeil Tempio diAntonino, e, 
diFauftina ,onde eopinionc di alcuni,che Antonino foffepoftodagli Anti- 
chi nel numero de'loro Dei , pero che hebbe il Tempio , hebbe i Sacerdoti Sa* 
li j 3 & i Sacerdoti Antoniani . La facciata di quefto Tempio e fatta a colonnt- v 
lamanierafua ela Picnoftilos : il piano , ofuolo del Tempio s'alza da terra_. 
per la terza parte dell'altezzadeilecolonne del portico ^ , &aquellofi afcendo 
pergndi > aiqualifannofpondaduebafamenti 3 che continuano co'lloroordineintornotut- 
to il Tempio » La Bafa di quefti bafamenti e grotfa piu della metta della Cimacia , & e fatta piii 
fchietta , & cofi ho offeruato che gli antichifecerotuttii bafamenti fimili , &ancone'piede- 
ltilijcbe.fi pongonofottolecolonne , conmoltaragione , conciofia che tuttele parti delle fa- 
brichequanto fono piuappreffo terra , tantodebbanoeflerpiufode . Nell'eftrema parte di ef- 
fialdiritto delle colonneangulari del portico , v'eranoduettatue , cioe vna per tcfta di bafa^ 
memo. La Bafa delle colonnec Attica . IlcapitelloeintagliatoafogliediOliuo^L'Architra.v 
tie > il Fregio, & la Cornice fono per il quarto , & vn terzo di detta quarra parte dell'altem dells 
colonae, NellT^rchitrauefileggonoancora quelle parole, 

DIVO ANTONINO ET 
VIVJE FAVSTIN^E EX S,C 

* 

Nel Fregio fono intagliati Grifoni, i quali l'vno all'akro volgono la facda 3 e pongono la zan 
pa dauantifopracandcllieri della forma s che vfauanoneifacrificij • La Cornice non ha ilder 
telloincauato , &efenzaraodiglioni •• matra ildcntello , & il Gocciolatoio ha vn'Ouolo aft 
graade . Non fivede, che ndla parte di dentro di quefto Tempio virofieakunoornamento 
pure mi do a credere confiderata laMagnificenzadiqusgliImperatoii 3 che ve ne doueiiero e 
fere, e pero vi ho pofto delle ftatue . Haueua quefto Tempio vncortitedauanu » llqualeera 
fattodiPeperino : nella fuaentratarincontroal portico del Tempio v'eranobelliliimi archi , 
pertuttod'intornov'cranocolonne , & molpi ornamenti , de'qualihoranonitnevedevel 
gioalcuno : &ione vidieflendo in Romadisrarevna parte , cheancoraerainrftedi . Daila^ 
del Tempio v'erano due ahreentrateaperte , cioe fenza archi . Nel mezodi quefto cortile 
v'era la ftatua di Bronzo di Antonino a cauallodaqualehora e nella piazza del Campjdoglio. 

Di quefto Tempiohdfatto cinque tauole* 

NELLA Prima e l'alzato per fianco nella parte di fuori : per gli intercolunni j del portico 11 ve 
de l'ordine delle colonne 5 & gli ornamenti 3 che erano intorno il cortile . 

NELLA Seconda vi e il dirftto di meza la facciata del Tempio,& del voltarc del cortile. 

NELLA Terza e l'alzato del portico,e della cella nella parte di dentro . 

B, E'ilmuro, che diuideil portico dalla cella . AcantoviedifegnatalapiantadelTerft. 

pio,e del cortile. 
A> E'illuogodoue era la ftatua di Antonino; 
Q^ E' 1'entrata per fianco del Tempio . 
R, L'entrata ricontro al portico del Tempio . 

NELLA Quarta e l'alzato della meta dcll'entrata, che era a fronte del Tempio. 

NELLA Quinta fono gli ornamenti delportico del Tempio . 

A, L'jlbafamento. 

B, LaBafe. 

C, IlCapitello. 

D, L'Ai chitraue dou'e la inferittione . 

E, II Fregio . 

F, II Dentello non intagliato . 

G, E'vnaCorniciettapoftaneilati del Tempio nella partedi fuori. 



f— — ' 



CLCV A K • T O. 



mmwnmnnam 



W»" 



3* 



g v. : \ 



< I .JK f 







1 ' 





- Wt^iJ - 




I <r£4 





L I B R O 




CL V A R T 'O; 




EEEE 



L I -B ^R O > 




Q^-V A R T O. 




EEEE * 



\6 



L I B R O 




DEI TEMPII DEL SOLE, E DELLA LVNA. Cap.X. 

1 C I N Q aH'Arco di Tito nell'orro dj Santa Maria Noua fi veggono due Tempij 
di vnamedefima forma* e con gli iftefli ornamenti , l'vno dequalipeioche? 
poftoa Leuanteficre^e,chcfo0eilTempio del Sole : raltropeicheguardaver- 
foPonentedeHaLuna , furnpedificatiquefti Tempij , & dtdicatidaT, Tatio 
Jiede'Romani i e (i auicinano alia forma rtrpnd^perche fono cofj larghj corner 
lunghi i ilehefu fatto hauendorifpettoa! viaggiodedetti pianeti , ilqualeecir- 
colare intorno del. Cielo , Le loggie,ch erano aijanti Ventrata di qiiefti Tt.mpij fono time ruina* 
te , ne fi veggono altii ornamenti , che quelji a che fono ne i volti , i quali hanrio compartimenti 
di ftucco lauorati molto diligentemente , e con bella inuentione . ] muri di quefti Tempij fono 
grofliffimi ; &tra 1 VnTempio,el'altroperfiancodellecape]legrandi > kquali fonrincontro 
airentrata five o sonoi veftigijdialcunefcale , chedpueanopqitarefu'Jtetto, Io ho fatto 1? 
loo°ie dauanti , & gli ornamenti di dentro come mi fono imaginato , chedoueflino effere ha- 
uwa^oniideratione a quello, che fi vede hora fopra terra, & a quel pocp cheii epotuto vedere. cje 
i fondament i. Di quefti Tempij io ho fatto due Tauole . 

N E L L A Prima vi fpnole piantedi tuttidue,cpme fpnpcpngiunti infieme^efi vede doue fo-, 
no le Scale , che io ho dettpjcjie pprtauano fopra il tetto , Appreffp quefte piant? vi fono §li 
aJzati di fuori,e di cfencro . 

NELL A Seconda vi fono gli ornamenti ,c>equ.dli dc I vplMiChcglialtri fpnorpumati ,spph 
fene vede veftigio,&gli.alzatidi dentro per franco. 

A, Sono i compartimenti delle capelle , che fonq jicontrPalle pPtte , e fonQper cufc* 

fcunadodeci quadri . 
C EilprpfillOj&facomadidettiqyadri. 

B, Sorjoi compartimenti delianauegfande.,^edij«ifeian0^^wad|:i5 

D 8 eilp5QfiUQ 4 &niQckQQclQ4^tU.<iua4«;u A 



Q V A R T O, 



57 



"i-^"^^ 



P- 1 " 







I t B R O 








V 



DEL TEMPIO VVLGARMENTE DETTO LE GALLVCE. 

Capitolo XI* 



19 




Pp re s s o i Trofei di Mario fi ucdc il fegucnte cdificio di figura ritonda , il quale do- 
po la machina del Pantheon , e la maggior fabrica di Roma di Ritondita, Quefto 
.luogo uolgarmentc chiamano Ie GallHce , onde alcuni hanno detco , che quiui era 
" la Bafilica di Caio , & diLucio , la quale infieme con un bel portico fece fare Augu- 
fto a nome di Caio , & di Lucio fuoi nepoti ; il che non credo efler iiero,perchc quefto edificio 
non Ha alcuna di quelle parti, ehe fi ricercano nelle bafiliche, lequali come fi faceffero ho det- 
todifopranelterzolibro,quando fecondo quello che ne dice Vitruuiodiuifaiiluoghi dclle 
piarze;Eperoio credo ch'eglifufleunTempio. E" quefto edificio tuttodipietracotta,edo- 
ueua efTereinueftitp dimarmo, ma hora e tuttofpogliato. La Cella di mezo,laquale e ritonda 
perfetta, e diuifain diecifaccie , &in ciafcunafaccia ha una capellacacciata nella grolfezzadc 
imiiri,fuorche nella faccia oue el'entrata. Ledue Celle, chefono dailatidoueuano efTe- 
reornatifsime,percheuifiueggonomoltinicchi,& e uerifimilcchcuifufTero colonne, &al- 
triornamenti,iqualiaccompagnando idetti nicchldoueanofarebellifsimo cftetto . Quclli , 
che ordinarono a San Pietro la capella dell'Imperatorc, & quella del Re di Francia, le quali fo . 
no ftatepo.iruinate,preferorefempio da quefto edificio,il quale hauendo datuttelefue parti, 
membri,chefono in luogo dicontraforti, efortifsimo, & gia tanto tempo e ancora inpicdi. 
Di quefto Tempio perche(come ho detto) non ui fi uede ornamento alcuno , ho fatto una ta- 
Molafola, nella quale e la pianta,&l'alzato didentro s 



*« 



LI B R Q 





D| 



Q^V A R T O. 41 

L T E M P I O D I G I O V E. Cap. XII. 




E 1. Monte Quirinale , hoggi detto Monte Cauallo , dietro le cafe dei Signori 
Colonna fiueggonoi ueltigidell' edificio, che fegue, il quale fidimanda il 
Fronteipicio di N crone . Vogliono alcuni che quiiu fufle la Torre di Mecena- 
te, e che da quefto luago Nerone con tanto fuo diletto uedefle abbrugiare la 
Citta di Roma, fopra di che fi ingannano molto , percioche la Torre di Mece- 
nate era nel Monte Efquilino no molto lontano dalle Tcrme di Dioclitiano . 
Sono ftati alcuni altri , channo detto , che quiiii furono le cafe de i Cornelij . Io per me cre- 
do , che quefto fufle un Tempio dedicato a Gioue : percioche ritrouandomi in Roma uidi ca- 
uare doue erail corpo del Tempio , & furno trouati alcuni capitelli Ionichi , i qualiferuiuano 
alia parte di dentro del Tempio, &eranoquellideglianguli delle loggie,perche la parte di 
mezopermiaopinioneerafcoperta.Loafpettodi quefto Tempio erail falfo alato detto da 
Vitruuio Pfeudodipteros . La maniera fua era di fpefle colonne.Le colonne de i portici di fuo- 
ri erano diordineCorinthio.L'Architraue,il Fregio,e la Cornice erano per la quarta parte 
dell'altezzadelle colonne. L'Architrauehaueua ilfuo cimacio di molto bella inuentione.U 
fregio ne i lati era intagliato a fogliami , ma nella fronte , la quale e ruinata ui doucnano efler 
lelcttere dellainfcrittione . La Cornice ha i modiglioniriquadrati , & uno di efsi uiene al dirk 
to delmezodellacolonna.Imodiglioni,chefbno nella cornice del Fronteipicio fonodiritti 
a piombo , e cofi fi deono fare . Nella parte di dentro del Tempio ui doueuano eflere i porti- 
ci, come io ho difegnato, Intorno a quefto Tempio u'eraun Cortile ornato con colonne, c 
ftatue, & dauanti u erano i due caualli , che fi ueggono nella uia publica , da quali eflb montc 
haprefoilnomediMonteCauallojfurnofattirunodaPrafitele, el'altrodaFidia . V erano 
Scale commodiisime , che afcendeuano al Tempio , e per mia opinione quefto doueua eflere 
il maggiore , & piu. ornato Tempio , che fuffe in Roma . Io ne ho fatto lei tauole . 

Kb i la Prima u e lapianta ditutto ledificio conlapartedi dietro oue erano Iefcale,chefalen 
do una fopra l'altra portauano ne i Cortili , che erano da i lati del T empio . L'alzato di 
quefta maniera di Scale con la pianta in forma maggiore e ftato pofto da me di fopra nel 
libro primo doue io tratto delle diuerfc maniera di Scale • 

Ne l la Seconda u'eilfiancadel Tempio difuori. 

Nella Terzau'e Iameta^eHafacciatadifuoriderTernpior 

Ne l l a Quarta u'e la parte di dentro ; &intutte due queftetauole fi uedeuna particella.de 
gli ornamenti del Cortile. " ■' > 

Nella Quinta u'olfiancodella parted! dentro. 

Ne l l a Sefta ui fbno gli ornamenti. 

A, E 1' Architraue^ il Fregio, e la Cornice* 

C, E'laBafa. 

E, II Capitello delle colonne del portico I 

D, Labafadeipilaftri, cherifpondono ailc colonne. 

B, La Cornice che e intorno i cortilli . 

F, E IaAcroteria. 



rj 



FFF 



4* 



L I B R O 




Q_V ART O. 




FFFF 2 



CL V A R T 0. 



45 




4* 



L I B R O 




Q V A R T O. 



4? 







'■■ '• 



© 

4 



''■■f^.'-ffljpp.iii; 



- : , 



"W 



ft' 




4 S t I B R O i 

DEL TEMPIO DELLA FORTVNA VIRILE, Cap. XII!. 

[PPRESSO ilPonte Scnatorio 3 hoggi dettodi Santa Maria 5 fi vedequafiintegroil 
Tempiojche fegue, & e la Chiefa di Santa Maria Egitt iaca . Non fi sa certo come 
antjeamente fi dimandafle.' alcuni dicono ch*egli era il Tempio della Fortuna vi- 
rile 3 del quale fikgge per cofamarauigliofa 3 chebrucci3ndofi con tutto quel che- 
ra dentro,fola la ftatua di legno indorata , che vi era Seruio Tullo fu troua ta , faL 
ua^e da neffuna parte guafta dal fuoco.Ma perche regolarmente i tempi; alia For- 
tuna fi faccuano ritondiiakuni altri hanno detto, ch'egli non era tempio,ma la Bafilica di C.Lu.. 
cioifondando quefta loro opinione in alcune lettere 5 che vi fono ftate ritrouate jilche per mio giu~ 
dicio non pud effere>fi perche quefto edificio e piccolo 3 & le Bafiliche erano edifici j grandi necef. 
feriamente per la quantita delle perfone , che vi negociauano s fi anco perche nelle Bafiliche fi fa- 
ceuano i portici nella parte di dentro s & in quefto tempio non vi e veftigio alcuno di portico:ondfc 
io credo certo eli^egli foffe vn tempio « IlfuoafpettoeilProftilos , & ha rneze colonne nei muri 
della cella nella parte di fuorhcheaccompagnano con quelle del portico, &> hanno imedefimior- 
namenti .*onde a quelli>che lo veggono per fianco rende Pafpetta dello alato a torno. Gli intercom 
lunnijfonodi due diametri,&vn quarto, fi che la fua manieraela Siftilos .11 pa ufmento del tem- 
pio s^alza da terra {eipiedieme2o, eviiiafcende per gradi , aiqualifannopoggio ibafamenti,. 
i quali foftentano tutta la fabrica . Le colonne fono di ordine Ionico . La bafa e Attica , con tuu 
tochepaia, chedoueffeeflereanch'ellalonica, ficomeeilCapitello; maperdnonfitrouaiiu 
alcuno edificio , chegliAntiehififeruifkrodellalonicadefcrittada Vitruuio.. Lecolonnefo* 
no canellate a & hanno ventiquanro canali . Le Volute de'capuelli fono ouate, &i capitelli , che 
fono negliangoli del portico , &del tempio ianno fiontedadue parti i ikhe non sdd'hauer 
vedutoaltroue , e perche mi e paruta bella > egratiofainuentioneiomenefonferuitoinmoke 
fabriche s Sccomefifacciaapparera nel difegno . Gli ornamenti della porta del tempio lbno 
molto belli a e con bella proportione . Etutto quefto tempio e fatto di Peperino , &e coper.- 
to di ftucco. Io ne hofatto tre tauok * 

NELLA Prima v*e la pianta con akuni ornamenti. 
H, E'labafa, j 

I, 11 Dado. > del bafamentOiChe foftiene tut ?a la fabrica « 

K, LaCimacia. 'J ]-fci 

L, E'la bafa delle colonne fopra il bafamento » 

F, Gli ornamenti della Porta. 

G, LaCancllacudettaportainmaefta. 

NELLA Seconda tauola ve la facciata del Tempio,. 
M, EL'Archuraue a ilFregio a & la Cornice. 
O, Lafronte. ~t. 

p, Lapianta. f del Capitello . 

- Q^U fianco. X. 

R, llviuofenzalaVoluta.. JF 

N EL L A Terza v'e il fianco del Tempio . 

M, E'parte del Fregio,che gira con tali int3gli intorno tutto il Tempi© . _ 

S, E la pianta de i capitelU angulari , per la cjuak fi conofce facUrnente come efli fi fac- 
ciano. 



CLV A R T O. 




L I B R O 



r — i*. £_x-^> S 




<2L V A R T 0. 




GGGG a 



5 t C* 13 I B R O 

DEL TEMPIO DI VESTA. 



Cap. XII II. 




«p|Ji| Egvitando lungolariuadel Teuerc appreflbildetto Tempio fitroua un'al- 
tro Tempio ritondo , che hoggifidimanda Santo Stefano. Diconocheegli 
fu edificato daNuma Pompiiio,& dedicato allaDea Vefta,&lo.uoIfedifigu- 
ra riconda a fimiglianza dell'elemento della Terra,per la quale fi foftiene la ge- 
neratioae humana, & della quale diceuano, che Vefta era Dea . Quefto Tem- 
pio e di ordine Corinthio . Gli intercolunnij fono di un diametro e mezo. Le 
colonnefono lunghe con bafa, e capitello undid teite(tefta s'intende , come ho detto altroue, 
il diametro della colonna da piede.)Le bafe fono fenza Zoccolo , ouer Dado , ma il grado oue 
pofimo , ferae per quello : ilche fece l'Architetto , che I'ordino ; accioche l'entrata nel portico 
fuffe manco impedita , eflendo lamaniera fuadiipeflecolonne. Lacella computandouian- 
cho la groflezza de i muri ha tanto di diametro , quanto fono lunghe le colonne . I capitclli fo- 
no intagliati afogliedi OlufQ. La cornice nonuifiuede; ma eftata aggiuntadame nel dife- 
gno. Sotto il Sofhtto del portico ui fono bellifsimi lacunari. La porta,& le fineftre hanno mol- 
to belli ornamenti , & fchietti . Sotto il portico , & nella parte di dentro del Tempio ui fono le 
cimacicchefoftengono le fineftre, & girano pertutto intorno ,facendo la/petto di unbafa- 
mento, foprail quale fia fondato il muro, e fopra il quale pofala Tribuna, E'queflo muro 
nellapartedjfuorijcioefottoi portici, diftinto a quadridalla detta Cornice final fofiito ,& 
nella parte di dentro epolito; & ha una cornice al pandiquella de i portici, che foftentala 
Tribuna * Di quc/to Tempio ho fatto tre tauole . 




clv a & t o: 

Neil a Prima, cheerantepoftaedifegtnta la Pianta . 

NEtt a Seconla l'AIzato cafi ddlaparcedifaoricomedi quclla di dentro • 

Nb 1 1 a Terza fono i membri particolari . '~ 

A, E laBafadellecolorme . 

B, E'ilCapkello. 

C, L'Ai'chitraue,ilFregio,& la Cornice J 

D, Gli ornamenci dellaporta . 

E, G'tornamentidellefineilre. 

F, LaCorniciectadifaoriintomoIacella, dallaqualecomtiidano i quadri, 

G, LaComieiettadideatroropralacjualeelaroglu dellefineftre. 
H, Ufoffitco delportico . 



51 



•J* 




t \ t.% Q 





CL V A 11 T O. i jj 

DEL TEMPIO DI MARTE. Cap. XV. 

r^l Ll a piazza clctta uolgarmante de i Preti , la quale fi troua andando dalla Ritonda 
alia colonnadi Antonino,fiueggonolereliquie del feguenteTempiojilqualefccon 
do alcum fu edincato da Antonino Imperatore,&dedicato al dio Marte.Ilfuo afpet 
to e lo alato a torno.La maniera e difpefle colone.Gli intercolunnij fbno un diame- 
tro e mezo. I portici intorno fono tanto phi larghi d'uno intercolunnio quanto di piu fporgo- 
no fuora Ic rifalitc delle anti del rimanente de i muri. Le colonne fono di ordine Corinthio. La 
bafae Attica; &haun baftoncino jbtto lacimbiadpUacolonna; lacimbia, 6 liftello e fottile 
molto , e cofiriefce moko gratiofaj & fifa coil fottile ogniuoka, chee congiunta con un ba- 
ftoncino fopra il toro della bafa detto anch'ellb baftone,perche non e pericoio che ii fpezzi . II 
capitello e intagliato a foglie di Oliuo , & e beniisimo intefo . L ' Architraue in luogo di intauo- 
lato ha un mezo ouolo , & fopra un Cauetto , &il Cauetto ha molto belli intagli , e diuerfi da 
quelli del Tepio della Pace,& del Tempio che habbiarao detto>ch'era nel monte Quirinale de- 
dicato a Gioue. Ilfregiopendein fuori una delle otto parti della fua altezza,& egonfionel 
mezo . La cornice ha il modiglioneriquadrato, e fopra quello il Gocciolatoio ; & non ha den- 
tello i come dice Vitruuio, che fi de fare ogni uolta, che fi pongono i modiglioni, la qualrego- 
laperofiuedcefrerftataofTeruatainpochiediricij antichi. Sopra la Cornice ne i lata del Tem- 
pio,ui e unaCorniciettadaqualuiene co'lfuo uiuo,aluiuo dei Modiglioni,& erafattaperpor 
nifopraleftatue,accib li uedeflero tutte intieramente,enonfurferoipiedi,ele gambe loro 
afcofi dalla proiettura della Cornice . Nella parte di dentro delPortico u'e un' Architraue del- 
1'altezzadi quello di fuori , main quefto diuerfo , ch'egli ha tre fafcie . I membri,che diuidono 
l'unafafciadairaltra,fonointauolatipiccioli intagliatiafogliette, &archetti,& lafafciamino- 
re e intagliata a foglie ancor effa ; oltra di cio in luogo di intauolato, quefto ha un fufaiolo , fc- 
j>ra una goladirktalauorata a foglie molto delicatamente . Quefto Architraue fbftieneiuol- 
ti de i portici. L' Architrane , il Fregio , e la Cornice fbno per una delle cinque parti e meza del- 
la lunghezza delle colonne, ebenche fiano meno della quinta parte riefcono nondimenomi- 
rabilmente,& con molta gratia. I muri nella parte di fuori fono di Peperino,& dentro del Tem- 
pio ui fbno altri muri di pietra cotta,accib foifero piu at ti a foftenere il uolto,ilquale era fatto 
con belliisimi quadrilauorati diftucco . Erano. qucfti muri ueftiti di marmo , & ui erano nic- 
chi, e colonne intorno per ornamento. Si uede di quefto Tempio quafi tutto un fianco, 
nondimeno mi fono sforzato di farlo uedere intiero per quello c'ho potuto ritrare dalle file ro 
nine, & da quello che ciinfegna Vitruuio. Epe^one h o fatto cinque Tauole. 



5* 



JH09rI« 






I I B R O 



i*n 



m 



as 



»:7 



&•$ 



«^ 






4** 







IP" 



4^. 

IVi * 






in 






^5 






? 7 



&> 









^ 



u. 



.„„_u 



CLV ART O;- 

Hie t l a Prima che e la antepofta ui ho difegnato la pianta . 

Nje l l a Seconda l'lmpiede dclla facciata dauanti . 

Ne t l a Terza una parte del lato di fuori . 

Ne l l a Quarta una parte del lato del portico , & Tempio di dentro T 

Ne l l a Quinta ui fono gli ornamenti delportico . 

A, EMaBafa. 

B, IlCapitello. 

C, L'Architraue, 

D, IlFregio. 

E, La cornice. 

F , La cornicietta , che fa piede alleftatue. 

G, II Soffitto dell' Architraue tra le colonne .^ 

H, L'Architraue nella parte di dentro de i portici , che fofliene i uolti. 



$$ 




HHHH 



I* 




LI B R O 




Q_V A R T O. 



59 




rx 



— -Bgggag— , — T3g~S ,^1 




HHHH 2 



L I B R O 




Q. V A R T O. 



6i 




DEL BATTESMO DI COSTANTINO. Op. XVI. 

Diseosi, chefeguono fbno dclBattcfimo di Coftantino, il quale e a S. Gio- 
uanni Laterano . Quclto Tcmpio per mia opinion'c e opera nioderaa fatf a dcl- 
le fpoglic di edirlci; antichi, ma perche ebclla inucntionc, & hagli ornamenti 
molto bene intagliati, & con uariemaniered'intagli, ondeie ncpotral'Archi- 
tcttoferuirc in moke occafioni; mi cparuto come neceflanoilporloinfieme 
con gliantichi,&tanto piu, che.datuttietenuto per antico. Le colonne fo- 
no di porfido,& di ordinc Compofito . La bafa e compofta dell' Attica , & della Ionica:ha i due 
baftoni deli Attica,& i due Cauetti della lonica : main uece di due Aftragali, 6 Tondini, chc fi 
fanno tra i Cauetti nella Ionica,quefta ne ha un folo , il quale occupa quello fpacio , chc occu- 
perebbono tutti due . Tutti qucftimembrifono benifsimo lauorati, & haijno bellifsimi inta- 
gli . Soprale bafe della loggia uiibno foglie, die foftcngono if iifti dclle colonne ; il chc e dc- 
gno di auertenza,& e dalodarc il giudicio di quellArchitcttoal quale li feppe cofi bene accom 
modarc , non hauendo i fuftidellc colonne lunghi,quanto faceua bifbgno ; fenza leuare all'o- 
jpera alcuna parte jdella fiia bellezza , & maefta . Di quefta inucntione mi fon feruito ancor io, 
nelle colonne cho pofto per ornamento alia porta della Chiefa di S.Georgio Maggiore in Ve- 
netia :lequalinongiugneuano con la loro lunghezzafin douefaceua di meftieri;&lbnodi 
cofi bel marmo , che non meritauano di efler lafciate fuori di opera. ICapitelli fono compofti 
di Ionico, & di Corinthio , i quali come fi dcono fore e ftato detto nelprimo libro, &c hanno le 
foglie di Acanto . L'Architraue e benifsimo intagliato , il fuo cimacio ha in Iuogo della Gola ri 
uerfa unfufaiolo , & fopra un mezo auolo . II Fregio e fchietto . La cornice ha due Gole diritte 
una fopra l'altra,cofa che fi uederade uolte efler ftatafatta, cioe che fiano pofti due membridi 
unaiftefla forte l'uno fopra l'altro , fenza qiial.che altro membro di mezo oltra il liftello,6 gra- 
detto.Sopra quefte Gole u eilDentello, &poiilGoccioIatoio conlmtauolato,& ultimamen 
te la Gola diritta ; & cofi in quefta cornice ofleruo l'Architetto di non faruimodiglioni, facen- 
douiiDentclli. Di quello Tempiohofattoductauole. 

Nella Prima ui e difegnato la pianta , & l'alzatq cofi della parte di fuori, come di quella 
didentro. 

Ne l t a S econda ui fono i membri particolari » 

A, EMaBafa. 

B, IlCapitello. 

C, L'Architrauc,ilFrcgio,&IaCornicci * 

D, IlSofKtto dell'Architrauetraunacoloima, &faiiraj 

E, llpiedediuifomdodicionck. 



9% 



UHO 





6if 




h 1 B R O i 

DEL TEMPIO DI BRAMANTE. Cap. XVII. 

Oi c h e la grandezza dell'Imperio Romano comiricio a declinare per le conti- 
nue inondationi de Barbari ; lArchitettura , iicomcaU'hora auenne ancodi 
tutte l'akre Arti , & S cicnzc ; laf ciata la fua primicra bellezza , & uenufti,ando 
femprepeggiorando fin che non eflendo rimafa notitia alcuna delle belle pro- 
portioni , & della ornata maniera di fabricare, fi ridufle a tal termine,che a peg 
giornon poteua peruenire. Maperche,effendo tutte lecofe humane in per- 
petuo moto, auieneche horafalgano fin alfommo della loro perfettione, &chehorafcenda- 
no fin alleftremo della loro imperfettione; TArchitettura a' tempi de noftripadri, & aui,ufci- 
tadi quelle tenebre, nellequali era ftata lungamentecome fepolta;comincidalafciarliriue- 
derenella luce del mondo.PerciochefottoilPontificatodiGiulio II. PontificeMafsimo,Bra- 
mantehuomo cccellentifsimo y 8c ofleruatorede gli Edificij Antichi, fece bellifsime Fabriche 
in Roma j & dietro a lui fcguirono Michel' Angelo Buonarruoti , Iacopo Sanfbuino , Baldaflar 
da Siena, Antonio da San Gallo, Michel da San Michele, SebaftianSerlio, Georgio Vafari, 
Iacopo Barozzio da Vignola, & il Caualier Lionejde'qualifiuedono fabriche marauigliofe 
in Roma , in Fiorenza, in Venetia, in Milano , & in altre Citta d'ltalia ; oltra cheil piii diloro 
fono ftati eccellentifsimi Pittori, Scultori , & Scrittori infieme; & di quefti ne uiuehoggi parte 
ancora, infieme con alcuni altri, i quali per non effer piu lungo hora non nomino . Conciofia 
adunque ( per tornare al propofito noftro ) che Bramante fia flato il primo a metter in luce la 
buona , 3c bella Architettura , che da gli Antichi fin'a quel tempo era ftata nafcofa, m'e paruto 
con ragione douerfi dar luogo fra le antiche alle opere fue ; & pero ho pofto in quefto libro il 
feguente Tempio , ordinato da lui fopra il Monte Ianiculo : & perche fu fatto in commemora- 
tione di San Pictro Apoftolo,ilqualefi dice, che quiui fu crocirnTo , fi nomina S.PietroMon- 
torio . Quefto Tempio e di opera Dorica cofi di dentro, come di fuori. Le colonnefono di gra 
nito , le bafe , & i capitelli di Marmo , il rimanente tutto e di pietra Tiburtina. 
Io ne ho fatto due tauole. 

N 1 1 l a Prima u'e la Pianta. 

Kb j, l a Seconda u'c X Alzato della parte di fuori , 8c di quella di dentro. 



Q V A R T O. 

DEL TEMPIO DI GIOVE 5TATORE. 



6 7 



Cap. XVIII. 




R A ilCampidoglio 5 8dlPalatinoappreffojTForo Romano fiveggonotre colon- 
ne di ordine Corinthio , lcquali fecondo alcuni erano di vn fianco del Tempio 
di Vlcano,& fecodo alcuni altri del Tempio di Romolo>non manca anco chi di- 
ca , ch elle erano del Tempio di Gioue Statore , & cofi credo che fofle votato da 
Romolo , quando i Sabini hauendo per tradimento prefo il Campidoglio , & la 
Rocca, quafi vittoriofi s'erano inuiati verfo il Palazzo . Altri fono ftati, c'hanno 
de ttd , che quefte colonne infieme con quelle, chc fono fotto il Campidoglio, erano d'vn ponte, 
chefecef ar Caligula per palfare dal Palatinoal Campidoglio :laqualeopinione fi conofceeflerc 
inturtolontanadallaveriti , perchepergliornamentifivede, che quefte colonne erano di due 
diuerfiedificijj&perche il ponte,che fece far Caligula era di legno ,& paflauaa trauerfoil Foro 
Romano. Ma per tornare al propofitonoftro, forfero quefte colonne di qual Tempio fi voglia, io 
non ho veduto opera alcuna meglio,& piu delicatamente lauorata i tutti i membri hanno bellifli- 
ma forma , & fono beniflimo intefi .Io credo, che l'afpetto di quefto Tempio folfe il Peripteros, 
cioealato a torno,& la maniera la Picnoftilos.Haucua otto colonne nelle fronti,& quindeci nei 
latiannouerandouiquelledegliangoli.LeBafefonocompofte dell'AtticaA' dclla Ionica.Ica- 
pitelli fono degni di confideratione per la bella inuentione dc gli intagli fatti nelJ'Abaco . L'Ar- 
chitraue , il Fregio, & la Cornice fono per la quarta parte della lunghezza delle colonne. La cor- 
nice fola e alta poco manco dell J aichitraue,& fregio infieme, cofa che in altri Teropij non ho ve» 
duto. Di quefto Tempio ho fatto tre tauole • 

NELLA Prima v *e l'AIzato della facciata. 



NELLA Seconda v e difegnata la pianta." 

NELLA Terza i membri particolari. 

A, E'laBala. 

B, IlCapicello. 



C, L'Arch itraue, il Fregio, & la Cornice. 

D, E parte del Soffitto ddl'Architraue 
trait colonne. 




a 



h I B R 




Q^ V A R T O. 





?o " L I B R O 

DEL TEMPIO DI GIOVE TONANTE» Cap. X3X. 

VEGONO alk radici del Campidoglio aleuni veftigi del feeuente Tempfo , il. 
quale dicono aleuni, che eradi GicueTonantCj&cheiuedificatoda Affgufto 
per il pericolojch'egli pafsoquando nella guerra Canrabrica in vn viaggio ch'e- 
gli faceua di notte»fu la Lettiga doueeradePtro,percoflada vna faetta ,' dalla- 
quale fa morto vn ietuo, che v'era auanti > fenza far punto di offefa alia perfona 
di eflb Augufto-Del chciodubiro alquantcperche gli ornamenti, che vi fi veg- 
gonofonolauoratidelicatiffimamenteconbelliffimiintaglij&ecofamanifefta , chea i tempi 
di Auguftoleoperefitaceuanopiu fode,come fi vede nel Portico di Santa Maria Ritonda edifi- 
Cato da M.Agrippa,cheemoJtofemplice>&inaltiiedificij ancora . Vogliono alcuni cbele co- 
lonne^hefonOquiuijfofferodelpontejChefecefareCaligulajlaqualeopinionehdmoftraro, 
qui apreflo come e del tuttofalfa: Loafpettodiquefto Tempio era qucllo,chefi dice Dipreros, 
cioealaro doppio : c ben vero che nella parte verfo il Campidoglio non vi era portico . Ma per 
qudlojc'hoolieruatainaltri edificij fabricati vicinoa imonti,mi ddacredere 3 cheinqudta par- 
te eglifoflefatto come dimoftra la PiantaJcioech'cgli hauerTevnmuro grafliffimo^ilqualechiu- 
defle la Cella,& i porcici>& lafciatoui alquato di fpacio vn'altromuro co contraforti,che entrafc 
fcro nel Mote.Percioche in tai caii faceuano gli Antichi il primo muro molto groffo,accioche T- 
humidicanon penetraffe nella parredidentrodell'Edificioj&faceuano Taltro muroco c6rr.;for- 
ti, accioche foffe attoa reggere il continuocaricodel monte ; & lafua uano ildetto lpacio tra l'v- 
no,& Taltro deidemmuriipetxheracque,chedalrnontefcende(fcro iuiraunatehaudleroiibe- 
ro ileorfb loro,& in tal modonon facelferoakundannoallafabrica.Lt nuniera di quelto Tem- 
pio eralaPicnoftilos.Lo Archhraue,& il Fregio nella fronteeranoad vn piano,accio potehe ca 
pireHnwgliodell'inicrittionej&anLora vi ft veggonoalcunelertcre. L'ouolodella cornice fo- 
pra il fregio ediuerib da quanti io ne habbia ancora veduti , & quefta vai iera , eiiendoui m quc- 
ila cornice due mani di ouoli,e facta molto giudicioianunte . 1 Modigiion i di qutlta cornice io- 
nocofidifpoftijchealdirittodellecolonneviene vneampo, &non vnm( diglione>C( mcanca 
inalcunealtrecornici:tuttocheregolarmentefidebbarare jchcaldinttodel mczo dcllc colon- 
ne venga vn modiglione.Et perche per li diffegni de i pafiati Tempi] ii comprendono i diritti an- 
co di quefto;io ne ho fatto folo due cauole • 

NELLA Prima v*e la Pianta. 

A» E*lo fpacio traliduimuri. 

E> Sonoicontraforti» che entranonel Monte* 

C } Sonoifpacijtraicontraforti. 

NELLA Seconda i membri particolari del portico, 

A, ElaBafa. 

B, IlCapitello. 

C, L'Architraue,iI Fregio,& la Cornice I 
Dj 11 Soffit to ddl'Architraue tra le colonne - 



q. V A R T o. 



C a 




L I B R O 




■*5 k, 





I 




ofenfr^* 








si 



VWUA& 




■c 








Wlf 



s 



* 



<!w 







: 'F _ 



♦* 



X l l T.- lJ l l-l t , t J ; 



% 



jj 



ffr 



i i 



Ul 



^7 f 






t<f 



_J=»3 



A 







t 



v. 



CO 



I* 



Sfciil I I- J 



m i i ' ,1 MM 




/ 




QL V A R T ©, 73 

DEL PANTHEON HOGGI DETTO LA RITONDA. Cap. XX. 

R A .tutti i Tempi), che fi veggono in Roma niuno e piu eelebre del Pantheon hoggi 
dettola Ritonda ,nechefiarimafo piuintiero 3 e0endoch'eglifi vedaquafineli'efler 
di prima quanto alia fabrica , ma Ipogliato di ftatue & d'altri ornamenti . Egli fu 
edifieatoiecondoiaopinionedialeunida M. AgrippaeircaairannodiChrifto xiiij. 
ma jo credoche il corpo del Tempio fufle fatto al tempo della Republica , e che M. 
Agrippa vi aggiungefie folo il portico,; il che ficomprende dalli due frontefpicij che 
fono nella facciara . Fu quefto Tempio chiamato Pantheon 9 percioche dopo Gioue fu confecrato 
a tutti gli JDei : 6 pure s ( come aim vuole ) perche egli e di figura del Mondo 9 cioe R itonda s che can- 
to e la fuaaltezza del pauimento finoairaprituraondeeglirieeueil lume 9 quanto e per diametro la 
fua larghezza da vn muro all'altro ; e come hora fi fcende al fuo Jo , ouer pauimento , cofi anticamen- 
te vi fi faliua per alquanti gradi . Tra le cofe piu celebri , che fi kgge \ ch'erano dentro del Tempio 
v'eravnaftatuadiMineruadiAuoriofattada Fidia,& vn'altradiVenere 5 laquale haueaper pen- 
dente diorecchia la meza parte diquella perla» che Cleopatra fi beuue invnacena per fuperarela 
liberalitadi M. Antonio: QueftapartefoUdiqueftaperla,diconoch'ellafuftimata25o.miliadu- 
sati d'oro, Tutto quefto Tempio ediordineConnthio cofi nella parte di fuon,come inquelladi 
dentro . Le bafe fono compofte dell'Attica , & della lonica . I Capitelli fono intagliati a toghe di 
oliuo, gliArchitrauj, iFregijeleCornici hanno bdhfsimefacomevomodani, e fono con pochi 
intagli . Per la groffezza del muro, che circondail Tempio vi fono alcuni yacui fatti accioche iter- 
remoti meno nuocano a quefta fabrica , e per nfparmiare della f pefa , & della materia . Ha quefto 
Tempio nella parte dauanti vn bellilsimo portico , nel fregio del quale fi leggono quelle parole. 

M, AGRIPPA U F. COS. III. FECIT. 

Sotto le quali , cioe nelle fafcie dell'Architraue in lettere piu picciole vi fono queft'altre, che mo- 
ftrano come Settimio Seuero, & M. Aurelio Imperatori lo riftaurarono confumato dal tempo. 

IMP. CAES, SEPTIMIVS SEVERVS PIVS PERTINAX 
ARABICVS PARTHICVS PONTIF. MAX. TRIB. POT. 
XI. COS. III. P. P. PROCOS. ET LMP. CAES. MARCVS 
AVRELIVS ANTONINVS PIVS FELIX AVG. T R I B. 
POT. V. COS. PROCOS. PANTHEVM VETVSTATE 
CVM OMNI CVLTV RESTIT VERVNT. 

Nella parte di dentro del Tempio vi fono nella groffezza del muro fette capelle connicchi, nei 
quali vi doueuanoeflere ftatue; &travna capella, el'altravi evntabernacolo,dimodo,cheven- 
eono ad eiferui otto tabernacoli , E opinione di molci , che la capella di mezo , che e rincontro al- 
Fentrata, nonfiaantica, perche I'arcodiefTaviene a rompere alcune colonne del fecondo ordine: 
macheal tempo diChriftiani dopo Bonifacio Pontefice,il quale primodedicd quefto Tempio al 
culro Diuino, elk fia ftata accrefciuta come ficonuienea itempijdichriftianidi hauere vn'altare 
principale , e maggiore de glialtri . Ma perche io veggo che ella benifsimo accompagna con tutto 
il refto dell'opera , & che ha tutti i fuoi membri benifsimo lauorati , tengo per fermo ch'ella fufle fat- 
ta al tempo , che fu fatto ancho il refto di quefto editicio . Ha quefta capella due colonne , cioe vna 
per banda , che fanno rifalita , & fono canellate ; & lo fpacio che e tra vn canale , e l'altro e intagliato 
a tondini molto puliramente. E perche tutte le parti di quefto tempio fono notabilifsime, accid che 
jutte fi veggano j io ne ho fatto dieci tauole . 



KKKK 



: 



74 L I B R O 

NELL A Prima v'e la Pianta. Le Scale, che fi veggono dall'una, edall'altra parte dell'entrata 
portano fopra le capelle in vna viafegreta,che va per tutto intorno il Tempio , per la quale ft va 
fuori a i gradi per falire fino alia fommita deU'edificio per alcune Scale , che vi fono intorno. 
Quella parte diedificio che fi vededietro delTempio a &efegnata M, e parte delleTherme di 
Agrippa. 

Nella Seconda v'e la meta della facciata dauanti. 

Nella Terza vela meta della facciata fottoil portico. Come fivede in quelle duetauole, quefto 
Tempio ha due Frontefpicij j l'uno del portico , l'altro nel muro del Tempio. 
Doue e la lettera T , fono alcune pietre che efcono alquanto in fuorijle quali non mi fo imaginare 

a che feruiflero. 
Le Traui del portico fono fatte tutte di tauole di bronzo. 

Nella Quarta tauola , e l'alzato per fianco nella parte di fuori . 

X, EMa cornice feconda, che giratutto intorno il tempio. 

Nella Quinta e l'alzato per fianco nella parte di dentro. 

Nella Sefta vi fono gli ornamenti del Portico. 
A, E'laBafa. 
Bj HCapitello. 

C , L'Architraue, il Fregio, & la Cornice. 

D , E' la facoma de gli ornamenti fatti fopra le colonne , e i pilaftri nella parte di dentro 

del portico. 
T, I pilaftri del Portico , che rifpondono alle colonne. 

V, Gliauolgimentideicaulicolideicapitelh. £ 

X, II foffitto deli'Architraue tra vna colonna, e l'altra. 

Nella Settima v'e parte dell'alzato nella parte di dentro rincontroairentrata,oue fi vede come fiano 
difpofte, & con quali ornamenti le caj3elle,& i tabernacoli,e come fiano compartiti i quadri nel 
voko, i quali e molto verifimile che foffero ornati di lame di argento per alcuni veftigi, che vi 
fono,perchefefiuTero ftati tali ornamenti di bronzo 5 non e dubbio che farebbono ftati tolti an- 
cho quelli bronzi, che 3 come ho detto, fono nel portico. 

Nella Ottaua in forma alquanto maggiore vi e difegnatovnodeiTabernacoli in maeftacon parte 
delle capelle 3 che li fono da i lati. 

Nella Nona fono gli ornamenti delle colonne, e de i pilaftri della parte di dentro. 
L, E'laBafa. 
M, IlCapitello. 

N, L'Architraue, il Fregio,e la cornice. 
O , Gli auolgimenti de i caulicoli de i capitelli . 
P, Leincanellaturedei Pilaftri. 

Nella Decima vi fono gli ornamenti de i Tabernacoli , che fono tra le capelle ; ne i quali e da auerti- 
reilbel giudicio , c'hehbe l'Architetto, il quale nel far ricingerel'Architraue, il fregio, &Ia 
cornice diquefti Tabernacoli , noneflendo i pilaftri delle capelle tanto fuori del muro, che 
potefler capire tutta la proiettura di quella cornice , fece folamente la Gola diritta , & il rima- 
nente de i membri conuerti in vna fafcia. ^ 

E , E' la faco ma de gli ornamenti della porta. 

F , II difegno de i f eftoni , che fono da vn Iato , e dall'altro di detta porta. 

E C O N quefto Tempio fia pofto fine a i difegni de i Tempij che fono in Roma. 



a V A R T O, 




I I B R Q 




■"£» V! VWMH Ufc, 



Q. V A R T O, 




fi 



L I B R 



r...i.-rjx.-. yj^m' ^ a mmmmmHm 




Q^ V A ft ft O. 



79 




'SiW^JrM^^^^i^h^AL^ 







L \ BR 



<5GL 



P ©T5- 




Q V A R T O 




LLLL 



Q. 'V A R T O. 



85 




LL LL z 



Q^ V A R T O. 



§5 



DE I DISEGNI DI A1CVNI TEMPJI, CHE SONG FVORI DI ROMA, 
e per Italian prima del TcmpiodiBacco. Cap. XXI. 

VORI cJeMa Porta hoggi detta di Sata Agnefe,e da gli antichi chiamata Vimina- 
le dal nornedcl MotCjOiieella epolta fi vedeaflai intieroil Tempio, chc fegue, il 
quale e dedicato a S.Agnefe.Io crcdo 3 ch'egli foffe vna fcpokura,percioclic vi fi h 
tieiuto vn caffone gradiflimo di Poifido intagliato molto bene di vJti 3 e di faciul 
li.che togliono dell'vua:ilehe ha fatto creder ad alcuni 3 che e s IV (it il icpio di Bac- 
co,e perchequcftae la commune opinione,&horaferue per Chicia,iorhdpofto 
infra i tepij. Auati il fuo portico fi veggono i veitigi di vn cortile,informa ouata,iIqual crtdo 5 che 
foffeornato di colone,& negli intercolunnij rofleronicchi,nei quali doueano eficre le fuc fratub 





8£. 



L I B R O 



La loggia del tempioj per quello, che fi vede, era fatta a pilaftri , & era di tre vani . Nella parte di 
dentro del tempio vi erano lecolonne pofte a due,adue 3 che foftsneuano lacuba.Sono cu tre qui- 
lie colone di granito,8e le bafe,i capicelli,e le cornici di marmo. Le bafe fono all'A ttica,i captrelli 
fonobelliflioiidiordine Compofito,&hannoalcunefoolie,cheefcor»odal]a Rofa,dallequali par 
che nafcano le Volute molto gratiofamente.L'Architrauejil Fregio,&la Cornice non fono tro p . 
po ben lauoratijilche mi fa credere,che quefto tempio non fia ftaco fattoa i buoni tonpijma al te- 
po degl'lmperatori piu proflirni anoi.Egli e molto ricco di lauori,& di compartimenti varij,par- 
te di belle pietre,e parte di mufaigojcofinelpauimentoscomene i muri 3 & ne'volti . Di quefto 
tempio hd fatto tre tauole. 

NELLA PrimaelaPianta; 
Nella SecondarAlzato. 

Nella Terzafi vede come fono ordinate lecolonne che foflentano gliarchi, fcpra ioualiclatri- 
buna. r l 

A, E'laBafa. 

B, IlCapitello. 

C, L'Architrauejil Fregio y e la Cornice , 
D> Ilprincipiodegli'archi. 

E, H piede col quale foao mifurati i detti membru 



• 




Q V A R T O. 



8-r 




8S 



E I B R Q 




PEL TEMPIO I CVI VESTiqi SI VEGGONO VICINO AIL 

ChiefadiSanjoSe^aftjanQfopralaviaAppia, Cap, XXI I, 

V O R I cklla Porta a Santo Sebaftiano.laquale anticamente fu dettaA ppiadalli 
farnofiffirru via cqn jnirahile arte,e fpefa fatta da Appio Claudiodi veg^ono i vej 
ftigi del fegqete edificiQ vicinoa detta Chiefa di San Sebaftiano^Per qucllo,ch] 
fi pud, comprend,ere egli era tutto di pietra cotta. Del le loggie che fono intorno I 
cortile e vqapar^e in piedi • i,a entracain detto cortiJe haucua le loggie doppiej 
da vna partem daU'altra di detta entrata v^erano ftanzc, che dcueyano feruireau 
Mo de i Sacerdoti -il ternpio era nelmezodel cortile 3 & quella parte c'horafi vede, & fi alzad^ 
terra jfopra la quale era ilfuolodel tenipioje opera fodiflirna s e non piglia lumefe non dalle porte 
e da fei fincftrdle a cbe fono ne i :nicchi } e pero ealquanto ofcuiojccrne fono quail turti i tempijan 
tiehJ.Nelfa parte dauati di quefto ternpio rinedtro all'entra ta nel Cortjle vi fono i fodarnemi de 
portico a rna le colonne fono ftate legate viaiio nondimeno le ho pofte della grandt zza , & diftaza 
che per li de tlj fondamentj fi conoice che erano.E pei che di quefto tempio non fi vede ornamecc' 
aicunpjio ne ho frtto. folo vna tauola s ,nella quale e difegnata la Pianra , 

A 3 E 3 il piano , 6 fuolo del t$mpjo 4 & del portico , dalquale doueuano cominciare ac 
alzarfilecolonne, 

P, |.a Pianpdel ternpio3& del portico nella parte fottocjettopiano« 

B a Sono i pilaftriangulari deleorti.ie* 

Q, Sprio |ii al^ri pilaftri^he fan.no leloggie iotomo* 




MM MM 



t 



9 o L I B R 

DEL TEMPIO DI VESTA. 



Cap. XXIII. 




TIVOLI lunge da Roma fediclmiglia fopra la caduta del flume Aniene, hoggi 
dettoTeuerone , fi vede il feguente Tempio ritondo , il quale dicono gli habitatori 
di quei luoghi che era la ftanza della Sibilla Tiburrina ; la quale opinione e fenza al- 
cun fondamento , pero io credo per le ragioni dette di fopra , ch'egli fufTe vn tempio 
dedicate alia Dea Vefta * Quefto tempio e di ordine Corinthio . Gliintercolunnij 
fono di due diametri . II fuo pauimento fi alza da terra per la terza parte della lun- 
ghezza delle colonne. Le bafe non hanno zoccolo, accioche fuffe piii efpedito , e piu ampio il luo- 
go da pafleggiarfottoil portico, Le colonne fono tanro lunghe , quantoapunro e larga lacella, 
&pendono al di dentro verfo il muro della cella,dimodoche'lviuodi fopra della coionnabatte a, 
piombo fu'l viuo della colonna da baflo nella parte di dentro, 1 Capitelli fono benifsimo fatti, e fo- 
no lauoratiafoglie di oliuo,onde credo ch'egli fuffe edificato a i buoni tempi- La fua porta,&le fi, 
neftre fono piii ftrette nella parte di fopra,che in quella di fotto,come ci infegna Vitruuio che fi d eo™ 
nofarealCap.vj.del iiij. lib. Tuttoquefto tempio e di pietraTiburtinacoperta con fottilifsimo 
ftucco, onde pare tutto fatto di marmo. Ho fatto di quefto tempio quattro tauole, 

NELLA Prima e difegnata la Pianta. 

Nella Secondav'e l'Alzato, 

i 

Nella Terza fono imembri del portico, 

A , E il Bafamento che gira tutto intorno il Tempio, 

B, La bafa delle colonne. 

C, UCapitello. 

P , L'Architraue, il Fregio, e la Cornice, 

Nella Quartafono difegnati gli ornament! della porta, & delle fineftre. 
"" A » Sono gli ornamenti della porta. 
B 3 Gli ornamenti delle fineftre nella parte di fuOr i. ' 
C , Gli ornamenti delle fineftre nella parte di dentro. 

Lefafciede gli ornamenti della porta, e delle fineftre fono diuerfe dall'altre che fi fogljon fare . 
Gli Aftragali , che fono fotto le cimacie 3 auanzano oltra le dette cimacie , cofa da me non piu 
veduta in altri ornamenti. 



. 






Q,V ARTO, 



9* 







MMMM e 



L IB R O 




... 



Q^V.ARIO, 




Q^V A R T O. 



95 




DEL TEMPIO DI CASTORE, E DI POLLVCE; Cap. XXIIII. ■ 

N NAPOLI in vna bellifsima parte della citta infra la piazza del caftello , & la 
Vicaria fi vede il Portico di vn Tempio edificato , e confecrato a Caftore , e Pollu- 
ce daTiberioGiulioTarfoj&da Pelagonliberto di Augurkb,come parenella iua 
infcrittione fatta con qucfte lettere Greche. 



TIBEPI02 IOTAIOS TAP202AI02 KOTPOI2 KAI T H I 
IJOAEI TON NAON KAI TA EN T Q. I N A il I 

nEAArriN sebastot aoeaetgepos kai EniTPonos 

2TNTEAE2A2 EK T n N IAIUN KA0IEPO2EN, doe , 

TIBERIVS IVLIVS TARSVS LOVIS FILIIS, ET VRBI, TEMPLVM, 
ET Q.VAE IN TEMPLO. 

PELAGOM AVGVSTI LIBERTVS ET PROCVRATOR PERFICIENS 
EX PROPRIIS CONSECRAVIT. 

Lequali fignificano,cheTiberioGiulioTarfocomincid a fabricar quefto tempio, e quelle cofe 
che vi fono dentro a i figliuoli di Gioue , ( cioe a Caftore , & a Polluce ) & alia citta : & che Pelago'n 
Jiberto, e commeflario di Augufto lo fini co i proprij denari , & lo confacrd. Quefto portico e di or- 
dine Corinthio. Gli intercolunnij fono piu di vn diametro e mezo , e non arriuano a due diametri . 
Le bafe fono fatte all' Attica. I capitelli fono intagliati a foglie di oliuo , e fono lauorati diligentifsi- 
mamente. E' moltobellalainuenti6nedeicaulicoli,chefonofottolarola,iquali fi leganoinfie- 
me,eparchenafcano fuoridelle foglie che veftononella parte di fopra gli altri caulicoli,i quali 
foftengono le corna del Capitello : Onde cofi da quefto , come da molti altri efempi fparfi per que- 
fto libro fi conofce che non e vietato all'Architetto partirfi alcuna volta dall'ufo commune , pur che 
tal variatione fia gratiofa , & habbia del naturale . Nel Frontefpicio e fcolpito vn facrificio di.baffo 
rilieuo , di mano di eccellentifsimo Scultore e Dicono alcuni che quiui erano due Tempij vno Ri- 
tondo , e l'altro Quadrangulare : del Ritohdo non fe ne vede veftigio alcuno , & il Quadrangulare 
per opinion mia e moderno ; e pero lafciato il corpo del Tempio ho pofto folamente il diritto della 
facciatadel porcico nella Prima tauola, & Nella Secondaifuoi membri . 

A, EMaBafa. 

B, II Capitello. 

C, L'Architraue,ilFregk>,& la Cornice. 

D , II piede diuifo in dodeci oncie , co'l quale fono mifurati i detti membri. 



L I B R O 




Q_ V A R T O. 







■trm 




NNNN 




9§ JL I B R O 

DEL TEMPIO CH'E'SOTTO TREVL Cap. XXV* 

R A Fuligno je'Spoleti fotto Treui ,fi tro ua il Tempietto delquale fonpi difegnj ? 
che feguono . II bafamento che lo fottiene e a lro otto piedi 3 e mezo > a quefta alrez- 
zafi afcende per k fcale ppfte da i lati del port jco,lequali mettono capo in due por- 
tici picciolijche efcono fuori del rimanenre del Tcmpio.Lo afpetto di quefto Tem- 
pioeProftilos . La fua man iera e di fpefle colonne , La Capella ch'e rincontrp 
aU'entrata nella cella ha belliflimi ornamenti^e le colonne hanno lecanejlaturetor- 
te, e cofiquefte, come quelle de jporticifonodiordine Corinthiolauoratedelicatamente e econ 
bella varieta d'intagli jonde cofi in que fto 3 come in tutti gli altri Tempi j {i conofce apertamente che 
e vero quello,c'hd detto nel primo libro ,cioe che gli Antichi in fimij forte di edifjci j , e maifime ne 
i picciolijppferograndiflim^diligenza nelpolireciafcuna parte, e far loro tutti quegliornarnenti, 
chefofteropoffibili ,eche fteffero bene>mapellefabrichegralldicomeAnfitheatri,efimili, poli- 
rono folamente alcune particellejlafciando il rimanente rozo per fchifare la fpefa,&il tempo che vi 
farebbe andato a volerle polire tutte > come fi vedera nel libro de gli Anfitheatri ,che fperodoue£ 
mandar tofto fuori. Hd fatto di quefto Tempietto quattrp tauole . 

NELLA Prima v*e la Pianta doue e il fuplo del Tempio , fegnata A. 
B, E'la Pianta del portico fottp il detto piano . 

D L C' 3? ' H-delbafamento che circonda e foftiene tutto i| Tempio* 

E, La Bafa delle colonne della facciata dauanti* 
F 4 La Bafa- y 

g, II Capitellb,e £ delle colone e pijaftri de'porticj picciplijoue mettono f apo Jc fcalf 
ja Cornice, -t 

Nella Seconds y 'e il diritto di mezo la facciata nella parte di fuorie 
H> E TArchitraue il Fregio 3 e la Cornice, 

Nella Terza v'e il diritto della meta della parte di dentrOe 

L, HCapitellodelporticOo 
Hella^uastaento^clta^ 



CLV A R T O. 




w^^ 


f 










1 J[i 


G 




•— 


\ ^ 






7* 


V v ' ■ 







<&7a 



<= p s 



I 



d 7 4 



P.a* 



¥ 5 




NNNN 2 



•» r.O 



LIB R O 




Q V A R TO. 



ior 




loi 



L I B R O 




Q^V A R T O, 



103 



DEL TEMPIO DI SCISl. 



Cap. XXVI. 




L TEMPIO, che fegue e fopra la piazza di Scifi Citta dell* Vmbria, & e di ordine 
Corinthio . Sono in quefto Tempio degni di auertenza i piedeftili pofti fotto le co- 
lonne del Portico ; percioche come ho detto di fopra , in tutti gli alrri tempij antichi 
fi veggono lc colonne de i portici , che arriuano fino in terra j ne io ne ho veduto al- 
cun'akro che habbia i piedeftili. Infra vnpiedeftilojel'altrovi fono i gradi, che 
afcendono dalla piazza al portico . I piedeftili fono alti , quanto e largo l'interco- 
lunniodimezo 3 il quale e due oncie piii largo de glialtri. Lamaniera di quefto Tempio e quella 
che VitruuiodimandaSiftilos,cioediduediametri. L'Architraiie, ilFregio,&la Cornice infie- 
me fono per la quinta parte dell'altezza delle colonne , & qualche cofa di piii . La Cornice , che fa 
frontefpicio in Iuogo de modiglioni ha alcune f oglie , & nel rimanente e in tutto fimile a quella che 
camina diritta fopra le colonne. La Cella del tempio e lunga la quarta parte piii della larghezza. 
Io ne ho fatto tre tauole. 



NELLA Prima e la Pianta. 

Kella Secondal'Alzato della facciata dauanti. 

Nella Terza fono gli ornamenti. 

A , E il Ca pitello, l'Architraue, il Fregio, & la Cornice . 

B , II piedeftilo , & la bafa delle colonne. 

C, La cornice che fail frontefpicio. 

D , llpiede diuifo in dodeci oncie. 



97 



• ! 







B*-*- 





JL sum ' 

'■-..■ 

.-•' i ; ■ ■ ; 






■ 




• 




E«€^ 







fcs a 







T : 





} 'T 










< ooo 



Ic6 



L I B R 0. 




Q^V A R TO. 



io 7 




DE I DlSEGNI DI ALCVNI TEMPII,CHE SONO FVORI D'lTALIA, 

& prima de' due Tempij di Pola . Cap. XXVII. 

pprp N POLA dctadcirmria,oltraiITheatro ;) «&Anfitheatro,&vn , Arcoedificijbel- 
B^l J iftiini,diciafcuno de'qualiiidira,&fiponanno i difegniafuoluogojvifonofo- 
pra la Piazza da vnaiftefla parte due Tempij divna medefima grandezza,&conli 
medefimi ornamenti diftanti l'uno dall'altro cinq uanta otto piedi , e quattro oncie ; 
de'qualifonoidifegni,chefeguono. LoafpettoloroeilProftilos. La manierae 
quella,chefecondo Vitruuio hodifoprachiamataSiftilos,chehagliimercolunnij 
-di due diarnetri ; & lo intercolunnio di mezo e di due diametri , & vn quarto . Gira intorno a quefti 
tempij vn bafamcnto all'altezza del quale efsihanno il lor fuolo,6 vogliamdir pauimento,evifi 
afcendeper gradi pofti nellafacciafa dauanti , comeli e vifto in molti altri Tempij . Le bafe delle 
colonne fono all' Attica, &hanno forlo groflo quanto e tutto il rimanentedella bate. ICapitelli 
fono a foglie dioliuo lauorati molto politamente, lCaulicolifono veftitidi fogliediRouere,la 
qual varieta in pochi altrifi vede,& e degna di auertenza. Lo Architrauee diuerfoancor egli dalla 
maggior parte de gli altri, percioche la fua prima fafcia e grande, la feconda minore, e la terza fotto 
il Cimacio e ancho piu picciola : & quelle fafcie faltano in fuori nella pane infenore 3 il che fu fatto 
accioche I'Architraue veniffe ad hauerpoco fporto,&coii non occupaflele lettere,chefono nel 
fregio nella fronte , le quali fono quelle . 

ROMAE ET AVGVSTO CAESARIS INVI. F. PAT. PATRIAE. 

£t i fogliami fatti nel detto fregio intorno le altre parti del Tempio. La Cornice ha pochi membrij 
& e lauorata con gli intagli foliti . Gli ornamenti della Porta non fi vedono ; io nondimeno gli ho 
fatti in quel modo chemieparfochedouerferoeflere. LaCellaelunga laquarta parte piu della 
fualarghezza. Tutto il tempio comprefouiilporticoeccedeinlunghezzaduequadii. 
Di quefti tempij ho fatto tre tauole. 

NELLA Prima edifegnata la Pianta. 

B > E il piedcftilo fopra il quale e la bafa delle colonne. 

NellaSeconda v^e l'AIzato della facciata dauanti. 

E , E' I'Architraue, il Fregio , e la Cornice fopra le colonne. 
P , Sono gli ornamenti dellaportafatti di miainuentione. 

Nella Terza e lo Alzato del fianco. 

D j E' la campana del Capitello. 

F, La pianta di detto Capitello. 



OOOO % 



io$ : 



L I B R O 




Q_ V A R T O. 



109 






tio 



L I B R O 




CL V A R T O 



in 




DI DVE TEMPI I 15 f N ( M R S, E PRIMA DI QVELLO, 
chedectolaMazonQuarcc Cap. XX VI II. 

N MIMES Citta di Prouenza , la quale fu Parn'a di Antonino Pio Imperatore , fi 
veggonotra moke alee c belle ancichita,i due Tempi; , chefeguono. Quefto primo 
echiamato dagli habitatori di qudla cirra la Mazon Quaiee, perche e di forma 
Qiiadrangulare,ediconocheeravnaBaiilica (quai fuflero le Bafiliche,achefer- 
uiffero , e come fi faceflero , e ftato detro nel rerzo libro , fecondo quello , che ne di- 
ce Vitruuio) onde perche elleeranodiakra forma, credo ch'egh fuffeveramente 
vn Tempio . Quale fia lo afpetto, & maniera fua per quello che fi e detto in ranti altri Tempij e aflat 
manifefio. II piano del Tempio s'alza da terra dieci piedi, e cinque oncie ; gli fa bafamento intorno 
vn piedeftilo , fopra la cui cimacia fono due gradi , che foftentano la bate delle colonne , e potria ef- 
ferefacilmentejcheditaigradiintendefTe Vitruuio,quandoalfinedelii).cap.deliij.hb.difl[e,chefa- 
cendofi il poggio intorno del tempio /i debbano fare fotto le bafe delle colonne li fcamili imparl , i 
quali rifpondmo al dritto del viuo del piede(Hlo,che e fotto le colonne,& hano a liuello fotto la ba- 
fa della colonna, & fopra la Cimacia del piedeftilo; il qual luogo ha dato da confiderare a molti. La 
bafa di quefto bafamento ha manco membri , & e piiigrofTa della cimacia , come e ftato auertito al- 
troue che fi de fare ne' piedeftili. La bafa delle colonne e Attica, ma ha di piu alcuni baftoncini , on- 
de fi pud dire Compofita, &conuenienteall*ordine Corinthio. Icapitellifonolauoratia fo^liedi 
01iuo,& hanno l'abaco intagliato. II fiore pofto nel mezo della fronte del capitello occupa l'altezza 
dell'abaco , & Forlo della campana ; il che ho auertito che e ftato offeruato in tutti i capitelli antichi 
di quefta forte . L'Architraue, il Fregio, e la Cornice fono per la quarta parte della lunghezza delle 
colonne ,e fono tutti iloro membri intagliati con bellifsima inuentione. Imodiglionifono diuerfi 
da quanti io ne ho veduti , e quefta loro diuerfita da gli ordinarij e molto gratiofa; & benchei capi- 
telli fiano a foglie di oliuo 5 efsi nondimeno fono intagliati a fbglie di rouere, Sopra la Gola dirkta 
in vece di orlo v'e l'ouolo intagliato,il che fi vede in rare cornici. 11 Frontefpicio e f atto a punto co- 
me ne infegna Vitruuio al luogo fopradetto. Perche delle noue parti della lunghezza della cornice 
vna nee mefla in altezza del frontefpicio fotto la fua cornice , Le erte,6 pilaftrate della Porta fono 
groffe in fronte per la fefta parte della larghezza dellaluce. Ha q uefta porta molto begli ornamenti, 
e molto bene intagliati. Sopra la fua corniceal diritto delle pilaftrate vi fono due pezzi di pietra ia- 
uorati a guifa di Architraui, i quali auanzano fuori di detta cornice , & in ciaicuno di loro e vn buco 
quadro largo per ogni verfo dieci oncie,e meza, ne i quali credo che poneffero alcune traui,le qua- 
li arriuaffero fino in terra , & vi fuffe fatta vna porta pofticcia da poter leuare,e porrej la quale douea 
efferfattaagelofia,accio ilpopoloftandodi fuori poteffe vedere quello, che iifaceua nel tempio 
fenza dare impedimento a 1 Sacerdod. 5ono di quefto Tempio fei tauole. 



t*? 








<t i 



o 








N E L L A Prima ch'e la prc- 
fenteedifegnatalaPianta . 

KcllaSeconda il diritto deila 
iacciatadauanti. 



NellaTerzail diritto per fian- 
co. 



Nclla Quarta v e parte de i 
membri. 

A, F'labafadellecolonne. 

B, Lacnnacia. ) delpiedefli 
C> Laba(a. 3 lo. 

& apprc {To vi e difegnata la 
quai ta parte dell'impie , 
& ddla piantadel capi- 
tcllo. 



Nella Quinta v e l'Architraue, 
il Fiegio 3 e la Cornice. 



Kella Scfla ft no gli ornamen- 
tidellapoua. 

E 3 E : il pezzodi pietra fbra- 
to pofto fopra !a cornice 
del la porta al dritto dcl- 
kpilaftratejcheefcefuo 
ridiquella. 



1 fogliami che vi fono fo- 
pra , fbno del f'regio, che 
gira fopra lecolrnnein- 
tornotuttoilTempio. 



Q V A R T O 



l n 







w 

* 





J>4<§ 




PPPP 



1 14 



I* I B R O 




i 






d V A R T O. 



lit 




S|il§|l^^ 



^S^^S^^^^^^^^^^^^^^^ 




: ijg L I B R O 

DEtr AtTHC TEMPIO DI NI'MES Cap. XIX. 

IP BIS 
MM della 



J§| DI S E G N I, che feguono fono dclPaltro Tempio di NimesJIquale dicr noquelli 
a Citta che era il Tempio di Vefta, ilche per mio giiidicio non pud efiei c , ft i 




per- 
**^f che a Vefta ii fac-euano i Tcmpjj ritondi a firnilitudinc deft'elemcnto della 7\ ria del 
Ifttf la cjuak'diceuanoch'eJlaeta Dca : SianCopcrcbequeftoTempiodatre paitiha- 
H| ueagiiandidiintornochiullconmuricontinoui , neiqualierano leporredai lati 
~'^ della Cclia, & la portadi efta Cella era neila fronte; di modo ch'ella non poteua ri- 
ceuer lume da alcuna parte : ne fi pud adurre alcuna ragionechea Vefta fi doueflero tare i Tempij 
ofcuri ; e per quefto io credo piu tolto ch'egli foife dedicato ad alcunode i loro Dei infernali . N Jla 
parte didentrcdiquefto tempio vi fono Tabernacoli, nc iqualidoueanoefteredclleftatue.La r. c- 
ciatadi dentro rihcoutro alia portaediuifa in tre parti i iJ fuolo,dpauimento della partedi mezo @ 
ad vn piano co'l rimanentedel Tempio .Taltre due parti h-annoil loro fuolo alto all'alKzza dc i pie- 
deftilij&aquello fia fcende per due Scale che comincia no ne gli andidi,.iqualijCome ho dcttOj fono 
intornoqucfto tempio . I piedeftili fono altipoco piu della terzap^rtedella lunghezzadelle eo ton- 
ne. Lebafedi-liecolonnefonocompoltedeirAttica , edella ionica , &hannobelJ:rTi;na ficom.t. 
icapite.lli fonoancorerlicompofti,e lauorati molto poliramente . L'Architraue 3 il Fregio,ela Cor- 
nice fono fcriz.a intagli;& fono fimilmente fchietti gli Ornamcnti pofti ne i Tabernacoli, che fono in- 
tovno la Cella . Dietrolecolonne,che fonorinconrro a]l'entrata,e fanno, parlandoa noftro modo^ 
■kicjpellagfande,vi fonopibftri quadri, iquali hannoancoreffi i capiccJh compofti ,madiucrfi da 
quel iidellecolonne,e fono differentiancotradi loro ipercheicapitellidei pihftri che fono imme- 
diate appreffo lecolonne hanno Jntagli different! dagD altr; dueima hannotutti cofi bella,e gratiofa 
forma } e fono di cofi bclla inuenrione ,che non fo di hauer vcduto capitelli di tal forte megIio,e piu. 
Jgiudjciofamcnte fitti.Quefti pilaftri togliono fufo gli Archirr:.ui deilecapelle dalle bande,a]fc qua- 
h ii afcende , come ho detto per le fcale di gli Andyd i , e : perd f >no per quella via piu lai ghi di quel 
cheiiano grofle le colon ne 3 ilche edegno di auertenza • Le eolonne che fonointorno la Cella foften. 
tanoalcuni arcli'i fattidipietre quadrate, e da vnodiquefti archiall'altro fonopoftelepietre, che 
fanno la voltamaggiore del Tempio . Tutto quefto edificioefattodi pietre quadrate .,&ecoperto 
di lafte di pietra pofte in modo che vna andaua fopral'alrra ,ondela piogga non poteua penetrare. 
Io ho vfato grand iftima diligenza in qucfti due Ttinpjj, pcrche mi ft no parft ediheij degnidi molta 
confideratione 5 e da quail ft conofce che hi ccme propno di quella era 1 'intenderfi in ciafcun iuogo 
il buon modo di fabricare i Di quefto Tempio ho fatto cinque tauole . 

N ELLA Prima edifegnata la Pianta. 

Nella Seconda e la meta della facciaca che erincontro alia Poita } nclIa parte di dentro , 

Neh Terza v'e il diritcodi parte del franco. 

Nella Quarra , & Qainta, vi fono gli ornamcnti dei Tabernacoli 3 Jcile eolonne s &deifoffitti » 
iquals tutti fono contrafegnan con lettere. 

A, E'Architraue,il Fregoio,e la Cornice fdpra lecolonne. 
-, '• B, IlCapitellodelle Colcnne. 

i P> La fua Pianta. 

D, 11 Capitellodeipilaftri,chefonoa canto lecolonne. 

E, II Capitellode gli altri Pilaftri. 

E, La BafadelleColonne > & dei Pilaftri. 

G, E'i'l Piedeftilo. 

H_> Sono gli ornaments' dei Tabernacoli,che fono intornoil Tempio, 

S, Sono gli ornamenti che fono al Tabernacolo della C3pella grande. 

M, R, &0 3 Sono icompartimenti del fofhtto della detia cape* . 

La Sacomadisegnata appreftoil Dado del Piedeftilo cdeil'Arch it"-- i edella^ 

Cornicietta che fono fopraipilaftri,&^quella the neldi^ 



€, 



Q^ V A R T O. 



12,1 




QQQQ 




IV.. 



— "".TZiz-rji — ~. 






Q^ V A R T O. 



ILS 



W.fllSWil 








ii4 L I B R O 

DI DVE ALTRI TEMPI! DI ROMA, E PRIMA DI 
quellodejia Concordia. Cap, XXX. 

L T R A i Tempi) pofti di fopra,quando fi trattodi quelli } che fonoin Roma : fi ve- 
donoallerad'ci del Campidoglio,vicinoairArcodiScm'mio, oueeragiailprin- 
cipio del Foro Romano , le Cojonne del portico del Tempio , che fegue: ilqualo 
fupervotoedificatodaFCamiilo } & dedicacofecondoalcuni alia Concordia-.. 
In quefto Tempio fpeile volte fi trattauano le cure , e le facende del publico , dal 
cbeficomprendech'eglieraconfegrato ; perciochene'tempijeonfegrati folamen- 
tepermctteuanoifacerdori cbefipoteiTeraunareil Senatoper trattardelle cofepubliche ; & fob 
quelli fi confegrauano , cb'cranoedificati con augurio , onde queiti cofi fatu tempij fichiamauano 
anco Curie , TramolteUatuedellequalieglieraoinatorannomentiooeiScrittondiquella diLa- 
tona, chehaueuainbraccioApolo 3 eDJanafuoifigliuoli,diquelladiEfculapio,ediHigiafuafi- 
gliuola,di quelle diMartejdiMineruaidiCerereiediMercuriOjcVdjquelladellaVittoria , ch'cnL. 
nelFrontefpicio del Portico, laqualeiunekonfolatodiM.Ma!Cello,ediM. Valerio percolTadal 
fulmine , Per quanto ditnoftra Ja jpfcritticne che fi vedeancora nel Fiegio ,qutfto Tempio fu t ui- 
naic dal iuoco , e dapoi rifa tto per ordine ^l\ Senato , e del popolo Romano , onde io mi do a a cde- 
ie,ch*egli non foile ridotto alia btlle22a } & alJa perfcttiont di prima « La iua inicrittioneequefta. 

S. P. Q^R, INCENDIO CONSVNPTVM RESTITVlT. 

Cioeil Senato, & Popolo Romano ha rifattoquefto Tempio confumato dal fuoco. Gliln?er- 
colunnijfonomcnodidue diametri , Lt bafedeliecolonne leno tempi 'fie dell*Attica >edella lo- 
nca » fonoalquantodiuerfeda quelle che fi foglioiio fare ordinariamcnte a maperofonofatrecon 
bclla maniera » I Capifdli fi poflono dirantoi efli mefcolatidi Dorico , e di Jonico , fonobeniffi 
iftoj. uorati, L*Architraue,&il Fregionella pat ttdifuoHdellafacciatafonotuttiavn piano > ne 
viediitintionefraloro s ilthcfufattoperpoteiuimetterlainfciitrione ; Ma nella parte didentro, 
cioefjttoil Portico, fonodiuifij&hannogliintagli jchefivedononellordifegno . Lacornicee 
fcbietta , cioefrnza intagli . De imuridellactllunonfivede parte alcunaanticaimafono ftati poi 
rifatu non uoppo bene ; fi canofcenandiraeno comeelladaueuaeflere. Diquefto Tempio io 
ho fatto tre tauole . 

NELLA Prima edifegnata la Pianta . 

G> ETArchitraue,il Fregio a che fono fotto il portico . 

NELLA Seconda v'erAfeatodella fronte del Tempio. 

NELLA Terra fonoiMembri. 

A, E*il bafamento,che giraua tutto intorno il Tempio* 

B, E'labafadellecolonne. 
C E'la frame. 

le Volute. 
F ,ETArchitra«ejil Fregio,& la Cornice* 



\ 



.*V 



X ^J . 



I 




J/»-# 



1* 1 13 




^ A 







m 



mm, 




<QP 




p 7 6^§||§ 







|1 



*****■■ 



, ■ h ■■rtii W ^.iia i. u i* ■■ ■ ■ »■ ■ ! 



;.! 



Q^ V A R T O. 



12.7 




uq £ 1 B Jl O 






DEL TEMPIO D NETTVNO. Cap. XXXI. 




•4 



INCONTRO al Tcmpio di Marte Vendicatore , delquale fono flat! pofti i df- 
fegnidifopra: nelluogo, chefidiceinPantanojcheedrerroaMorfbrios eraari- 
tieamente jl Tempio , che fegue : lecui fondamenta furono fcopertc cauandofi per 
fabrkar vna cafa ; & vi fu ritrouato anco vnaq^antitagranmfTimadiMarmila- 
uorati tutti eccelkntemente . Non fi fa da chi cgli foile edificato : ncaqaal 
DiofoiTeconfecrato .• ma perche ne'fragmenti della Goladiritta della fu a corni- 
ce fivedonode'Delfmiintagliati , & inalcuniluoghitrarvn Ddfinoel'altrovi fono de'Triden- 
ti > mi ddacreder che eglifcfTe dedicate a Nettuno . l/afpettofuoeral'Alatoatorno .. La fua 
man iera era di fpeffe colonne . Gli intercolunnij erano la vndecima parte del diametrodeile co- 
lonnemenodivn diametro e mezo .*ikheiorepurodegnodiauertimento , pernonhauervedutj 
intercolunnijcofipkcioliinalcun'akrotdificioantico . Dj qutfto Tempio nonfivede parte alcu- 
na in piedi -• ma dalle reliquie fiie 5 che fono moke ; s*e pctuto venir in cogniticne de gli vniuerfali, 
cioe dt-lla Pianta ,& deirAlzato;& de'fuoi membri particolarijiquali fono tutti lauorati con mirabU 
Jeaitincio. lonehofatto cinque tauole. 

NELLA Prima, c la Pianta. 

Nella Seconda , e TAJzato della meta della fronte,fuori del portico • 

D, E'il modeno della porta . 

Nella Terza , eTAIzato della meta della fronee , fottoil portico, cioe leuate via le prime colonne. 
A> E>ilprofilode'pilaftri che fono intorno alia Cella dd Tempio, aH'incontro delle co- 
lonne dc'portici. 

E, E'jiprohiodel muro della Cella nella parte di fuori . 

Nella Quarta fono i Membri partieolari,, cioe gli ornamenti . 
A, E'labafa. 
) B, E'il Capitelkifopra ilquale fono rArchitraue,il Frcgio , e la Cornice. 

Nella Quinta fono fcompartimenti, &gliintaglide*foffittide'porticich'erano intorno alia Cell* 

F, E'ilprofilode'foffitti. 

G, E'lpiedediuifoindodicioncie. 

H, E'jI foflkso dellArchitraue tra vn capitelloje laltro » 






22. 

I 
-I— 






Q V A R T Q, 



Hit 




•■-■i 




*kr 



mi* 

B 






in;;:" 



11^-p^i-iPii 






^ ..<• 



itj 



/ 



: 



R R R K 2 



>1* 



L I B R O 




I 

i 



^^^^^^sms^sasm^sistssE^wx 



wmdmm 



WMtMM MWMMMm 



m,^m^M 



M\\:nJ-\ 



inrnniT 

unit i 






Q, V A R T O. 



»»J 




I 









flHn lie 

lliliiillili Hill uMlId 



ifllffi-Vilitll 



Glasgow ins l.l 
of architlcts 

LIBRARY 



^ 



, 



•>. 



%* 



% 



"a 



f 



« 



^w 



,• 



**i 









I 




aK 



1