(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Istoria civile del regno di Napoli"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 








*®s 




ir.ì^i^ 



> 




G CTAVià; WtEtlÀMiS ;tì'À 




hoogle 



/76 



Digitized by 



Google* 



Digitized by 



Google 



ISTORIA CIVILE 

, DEL 

REGNO DI NAPOLI, 

D I 

PIETRO GIANNONE, 

GIURECONSULTO, EiTaVVOCATO NAPOLETANO. 

EDIZIONE ACCRESCIUTA DI NOTE CRITICHE, 
R I F 1 ESS I O N I, M E D A G L I E, 

E MOLTISSIME CORREZIONI FATTE DALL' AUTORE, 

CHE NON SI TROVANO NELLE TRE ANTERIORI. 

TOMO SECONDO 

In cui contiensi la polizia del Regno sotto 
i^ormanni, e svevi. 




IN VENEZIA 

M D C C L X y I. 
PreflTo Giambatista Pasquali. 
CON LICENZA DE* SUPERIORI, E PRI^KLI^E^fi^Pglc 



\-. -, V '' '^^ "^ 






^ 

W 









3 ,*. rm 




^^ . . r 



' •* . ^ 



r 



'♦ 



< * 



vO^ 



/* 






^ 



Digitized by 



Google 



'\\ 






AVVISO DELLO STAMPATORE VENETO^ 

jtcei^ il Lettore fi» informato delle Addizioni delt Autore oeewfi in 
quefto fecondo Tomo , qui fatto 'oengemo indicati i luoghi dove fi at* 
trovano t quefti fono fempre fofii tra due Farentefi, 



'\\ 



\9 



\ 



\ 



Pag. IO. B^Ue Note (*)• 
Ivi col. feconda. 
13. col. feconda^ 
15. col. prima. 
^6. col. ptima. 
27. nelle Note » 
33» col. feconda • 
97. col. prima* 
ko8. col. prima» 
120. coK feconda» 
135. col. prima* 
i68. col. prima. 
183. col. prima. 
215. nelle' Note (♦). 
2 18. col. feconda* 
Ivi. 
219* col. primft» 

244. col. prima* 
252* coi. feconda* 

288. col. feconda « 

289. col. prima. 
290* col. prima • 
302. col. prima. 
30^. col. prima. 
508. col. feconda* 

314. coL feconda* 

315. coK feconda* 
320. col. feconda* 
33^. col. prima. 
339. col. prima. 
351. col. prima. 
355. nelle Note (•) 
33tf« col. prima. 

369. col. lieconda. 

370. col. feconda* 
377. col. feconda* 
J79. col. prima. 
387. col. feconda.. 
394* col. feconda* 
403. col. feconda* 
405. col. prima.. 
408. col. puma • 
413. col. prima. 
416. col. feconda» 

420. col. feconda. 

421. col. feconda. 
447. col* feconda . 



SigeWrto GemMacenfe ec^ 

Abbiamo indicato ec* 

in qiieft'aniio ec* 

Corrado appena ec. 

Sembra fra Scrittori ec» 

Hermannus ContraEius ec* 

L' Im^radore Errico ec* 

Alcuni fiimano ec. 

Girolamo Muzio ec. 

Dopa tutti coftoro ec* 

Gli antichi Scrittori ec* 

Dalle accufe peto ec» 

Qnefta Bolla ec* 

]J inflromento ec. 

Si conferma ec. 

Chiunque attender) ec. 

Qiiefte Provincie ec. e v) (ino alla p:^ 

224. al Gap. IL 
Le diAerenxe ec. 
Morì Errico ec* , 
La proflMffa ec. 
La pretenfione ec* 
Dalle varie ec* 
Tra Codici ec. 
Si le^c ec*^ 
Sigonio feguitò ee^ 
Contro quella ec* 
E' fingolare ec* 
Neiranno ec. 
Quefte Lettere ec* 
Matteo Patis ec* 
Pieffa Lunig ec. "- 
Strutvto fyntag. oc^ 
Oltre a ciò ec* 
Chi foile ec 
QueOo Tcftaracnto ec. 
Lunig nel foo Codice e«^ 
Prcffo Lunig ec. 
Quello Trattato» ec* 
.. Si leggono ec. 
Lunig rapporta ec* 
acmentc IV. ec* . 
Di quella Beatrice ec. 
Le Lettere ec. 
Oltre di quelle Letterestc» 
Di que^ Roberto ec. 
Qjiefto Federico ec* 
Non dee alcun ec* 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 




R 



t> E L V ISTORIA CiVI-LS 

-.DEL. • » ' 

E G%0 DI N A Pòi I- 





B R O H 



%" 



0. 



€> 



Nop^AM^ die ne^noftro 

KnmRggÌ2iilia|- altra fignf- 

fidp^ ^^iRumntm boreali 

•( r) 3ccople ìjGoti y m i 



ttzio4iÉ <JS; Mt fton e&#io ftt>bifbi»a 
atflPii Quefta Provincia , comiticia- 



tongobardi 9 noiv da dlt^ 



feddii^l 

roàoad iiryadere alMluogKrd* intorno 
con incendi .• e rapine fono ft.ollone*lor 
CapoV f^^ni^^) e valorofiifimo Diliga , il 
par(!^ del Settentrione ^-cRS ^u^e naU* ì&dh temp« » che i SaraCQ^i 
dalia Scandinavia uj^ironp Qon non minor crudebè inondavanp Ma 
ad inondare T Occidente . Elfi comincia- noftraCiftiberina Italia, egli co' Amì Nor- 
reno \^ prima volta a farli (èntii^ ne' li- manni travagliava miferamente , e c^ ìv^ 
di della Francia a tempo .di Carlo M. ver- audita barbarie l^rancia. Portarono <\v^ 
fo^-il fine dèi ÌìbqoIo ottavo \ e quaranta ili PoDoli r affedio infino a Parigi ,. inva* 
anni 4a poi , o poco meno cominciarono fero 1 Aquitania » ed altre parti ancora di 
a tiavagfiara i marittimi Fiaminghi » e' Quel Reahie ibtto il Regno di Caflo il 
f rigiflni , fotto 1 cui nomi fi comprende- (em^lice ; ondcf non potendo «uefto Prio^ 
vano^allora Trdl^tto al Reno, TOllaivla, cipe lefiAer.ioffo, pensò avergli peranÉK 
e la W^tcrìa, i;R^ 4iFrantia per ti^t- «i^ e pisr confedeBati*; onde^Bonveontio^ ' 
teaei^iMìtfon a É^iott fatto cpftrettineir che Carlo dovile usabilmente idegnàrlo* 
anno 882. ^kidbf loxt) la Frifia per abi- rQ la Neuftria» una dell^ Provincie della 
. Tomoli ■ ^ ^ A - Fwn- 

(a) Gaufredo MalMUrfà lAér.^.hìft.m ni dìnmiHrqHts lingue emtdhBo^as^Nomk 
row.j. Hifp.illuftr. Guglielmo PM§liefe 1.2. vocatur : homo V0N^ Man^ td eft hominoB 
dt geji. Norm. in Itéltm^ «• >r** Guglielma J^origUs, f^ ^d^minarìongm nuncupan$»f , 
CcmnMShcn/c /• 2. biJK^ortm* c^ Noftnmn- < b). (?n^« iu Proleg. jfd ''' ^'^ 



.Gh. 



Digitized by 



Google 



fi DEL i; I S T O 

Francia per loro fede , e dovetfe 9ar a Rei* 
Ione per itfeglieGislt fua figUuela» come 
Icrlve Difdone di S. Qjwino (^ ) » b fua 
fuentii 9 fecondo il parar ^erPellegitno 
C^), edail'i«cotitroll;c>HoM,depQfta V 
Idolafrid , ed il Gendlèfitno^ nei ^ualè 
quefti P6polt yiveano » àwtm abbraccia- 
re la Religione Criftunt • Cost fu èfe- 
gttito intomo Y anno 900. di .noftra falu- 
te ( r ) : a Roilone con titdcr di Duca fu 
dau fbbflmettt» laNenftrìa, e^fpofataGi- 
sla, il "quale fieli" iftetfo tempo fu daRo-. 
berlo Conte di Poitieifs tenuto al 4acn> 
fonte 9 dove infieme coi nome » fi fpoglift 
di quella (m crudeltà , e barbarie^ e vol- 
le nomarli Robcito dal nomerei fuo Com- 
pare ; e feg«enÌQ^* «fempio del lor Ca^ 
glt altri NoKMumi fi refero da. poi più 
culti y ed umani • Rimafa quefta Provin- 
cia di Neuftria fotto il lor dominio , le 
diedero dal lofl^ ìt nome ^ Normannia , 
che oggi giorno ancor ritiene. 

Da quefto Roberto pximoDuca diNor* 
mannia ne «acque Guglielmo , che* il pa- 
dre- creò Conte d' Altavilla ^ Città della 
fieifa Provincia* Coftui generò Riccardo, 
dal quale nacque un altro Riccardo : di 
quefto II.^Riccardo nacque Roberto IL 
ed nn altro Riccardo , che HI. diremo • 
£ da Robefto IL ne nacque Ohglielmo 
IL dal quale comunemente fi tiene ^ che 
Mk uAò Tmntftdi Codte d' <;\lt«villa / 
quMli che ci diede f;li Eroi^ per li quali 
queie noftre Provincie fofon lungo tem- 
po- fignoreggiate (iS<). 

Elite Tancredi di due mogli dodici fi- 
oliuoli triaichi , oki^ altipe femmine, def- 
lé quali una noiioffi Fredefinna , che fu 
•moglie di Riccardo Conte ' d* Averfa y e 
^Pri^fùpe di Capua, W altra fu maglie di 
.Gaufìredo Conte di MontefcaBliofo^, ed 
W altra ebbe per marito Volmando {e). 
I figliuoli della fua prima moglie nomi- 
nata Monella furono Guglielmo fopranno- 
aaato Brucàodifem ^ Drc^boe^ ed Umfre- 
do ( r quali , come vedr affi y fwone i tre 
primi Conti» doli a Puglia ) Gc^edo , e 
Serìone. Gli altri £e!tte gli e^ daTre- 

(a») L.2.hlfl.^rtm. (b) Inhìjl.long, 
in Stemma^ . ( oi^ Grò/, in Prohg0m^ loc* 
mt. (d) V. htvejges nel prìnc. della pan. 
3. dagli Annali di Palarne j -ave parta PAU 
baro di'Dmài di Narmiamia . i^) Pam^ 



RIA CIVILE 

definna fua feconda modie» il primogent* 
to de'^uali fu Roberto 7opranaoniatoC?KÌ- 
Jaarda^ eh* è lo iftetfo, ohe in antica favel- 
la Nortaamia, fcaltro^ tà attuto » e qflk- 
fti divenne Duca di Pu§lk ^ <c di Cak- 
luria^ il IL fìi Malgerio, il IIL Gugliel* 
' mo i il IV. Alveredo 9 il V. Umberto 9 
il VI. Tancredi , il VIL ed ultimo (u 
Roggiaro 9 iche conquiftò la Sicilia 9 «fia- 
bill la Monarchia (/) • , . . 
Quefti però tiou Àrono i primi 9 che 
. a noi ne vennero : effi 9 come vedremo 9 
feguirono le pedate di alcuni altri Nor- 
munni 9 che poco prima fi erano ftabiliti 
In Averfii 9 onde oifogna diftinguere gli 
uni dagli altri per non confondergli 9 co- 
me hau. fatto^ alcuni Scrittori • I primi 
vennero a noi intomo Tanno loitf. I fi- 
gliuoli di Tancredi calarono in Iti)ia in- 
torno r anno 1035. Ma non tutti , poi- 
thè due ne reftarono in Normannia 9 uè 
gli altri tutti infieme i:i verniero ^ ma fe- 
condo che le congionture furono loro pro- 
pizie , òr due , or tre 9 ed in altra fomi- 
gliante guifa incaM|iinaronfi a quefte no- 
ve parti*^ né maggiore fu il numero de* 
primi , come vdBremo ig)^ 

Ciò che apparirà di più portentpfo'ne^ 
loro fucceffi faHA).jfi|me pnjbrango d'uo- 
mini che ^ngo4(iR Frauci^^ tr^verfo 
di mille fciagnre ^biano potutof^renderfi 
padroni di tuj|p*de' più. vàt;Tii ^aefi^dol 
mondo.- come una fola famÌRlia«di Gen- 
tiluomini di Kaiinamlia ^ fqccoìfi foU- 
ìÉirnte da ^ ^ociol numera di fuoi com* 
ff atrioti 9 abbiano potuto ftabilirfi una Mqr 
• nawhia ne' confini de}rimpei# d'Oriei>> 
te 9 e d' Occidente : abbiano potuto con- 
tro due ^tenti inimici riportar tante > e 
si martiviglioiè vittorie 9 liberar IJ Italia 9 
e la Sicilia dall' iacurfioni 9 e dal giogo 
degr infedeli Saraceni 9 cHU che a Potenze 
maggiori non fu conceffe > e dope- avere 
debellati i Greci 9 ed i Principi LoQwbar- 
di 9 fondare in Italia il bel Reame Ili Na- 
poli 9 e di Sicilia . Gerratnente a niua' al- 
tra Nazione 9 fé ne togli i Romani 9 è sì 
iormnatamente awamito » che cosi baili 

grin. in Stemmate . ( f ) Malata"* M. u e. 
4. V. DHJfeéha in Stem. Ducum Apulia ad 
Hi/i. Comnen. (g) Malata Uà. 1. c.y.n* 
tf. 58* Cfi.Uà. a. cap. 6j. 



Digitized by 



Google 



DEL ItEOKO D 
frmci^ 9 ia ttntt Potenza » ed IctipttiD 
fiodero armati • Le altre Nazioni , come 
abbiam veduto de' Goti , e de' Longobar- 
di y non in forma di peUegriai ^ di vian- 
danti vennero in Italia , ma con eferciti 
ben numeroli y che innondarono le bo- 
Are contrade t. fi ftabiiirono ù Refno.^ 

Ali*^ incentra fé fi confideierà lo ftato 
infelice » nel quale erano ridotte quefte 
Boftre Provincie infra di lor divife 9, ed a 
tanti Principi fottopofte ; e T eftracNrdìna- 
riO' valore ). e bravnra-di quefta Nazione y 
non faranna per appostar maraviglia i lo- 
txy fortunati avvenimenti . Sì aggumfean-^ 
oora , che le maniere di guerreggiare uTa- 
te in que' tempi ^ non eran come quelle 
d! oggidì: i noa vi era allora quafi regola, 
alcuna per aflaltare» a perdimderfi» Uà 
efercito intero fi vedeva aknne fiate dis- 
^fitto^ fenza faperfi né come, né per ovai 
cagione , e la più* grande abilità coaufte- 
va } o in una gran fona di corpo, incom-^ 
parabilmente maggiore- de'' noifari tempi ^ 
poiché praticavano con maggior frequèn-^ 
za quegli efercizj fiche pofloa giovare ad 
acquiftarla ). a pure m una bravura eccef- 
fiva , che £aceva. concepire, a' combattenti 
tanu confidenza 9. donde fovente maravi- 
gliofi fuccefli fortivano , o alfa perfine in 
^cune «mptife orgogliofe y la cui condot- 
ta in a^ra guifa non. farebbefi potuto giu- 
ftificare „ (t non dall' avvenimento che ne 
feguiva. 

Quefio è quello 9 che pcod'uceva^ quei 
vantaggi ,. che noi rawiferemo ne' Nor- 
manni ,. i quali aveano quel medefimo lu- 
ftro». e grandezza,, che nell'azioni de' Ro- 
mani fpetfe fiate amnrinrvanfi .. Ed in fat-^ 
ti di poche altre Nazioni fi leggono tan- 
te conquiste y, quante de' Normanni .- effi 
pofero foctofopra la Francia y aMblti Re- 
gioni di quella conouiftarono • Guglielmo- 
Normanno» difcefo da' medefimi Dicchi di 
Neuftria,. acqmfi0ffi. il fioritiifima Regno» 
d' Inghilterra , e los tramandò alla fua po- 
ùetiA . La noftra Puglia», la Calabria , la. 
Sicilia y la famefa Gerufalemrae , e l' infi- 
sne Antiochia patfaron tutte fotto-la lora 
dominazione {a) . 

Ma come , e quali oeeafioni ebbero gli 

(a ) Roger. Oveden. apud Grot. m Prole*- 
gom. Audax FramU Nortmamwum milì^ 
tham exfert» delìtmt » Ferox AìiglÌA capti* 



l NAPOLI 1IB.IX- .^5^ 

uomini di quefta Nazione di vemre in que- 
- fte iM^ve Regioni eotaitto a lor remoie , 
e come dopa vari eafi& ne rcndeflero pà* 
dfoni r\ bene ^ che qui diftefimente fidar- 
ti } poiché non altronde potrà con chia- 
lezsa lavvifarfi 9 come tante y e si divile 
Signorie „ finalmente s' uniflero infieme 
fotto U dominaiione d' un iblo , e forgef- 
k quindi mi' si bel Re|no y che ftabìlito 
pofcia eoa provide leggi 5^ e mi^ìori infti- 
tHti y poterono i Normanni per Inngo^ tem- 
po mantenerlo nella loro pofterità^ né fé 
non per mancanza della loro ftirpe ma- 
fchile fi vide , dopa il Gorfa di m^ti anni ,. 
triq^aflato ne'^ Soavi y ì quali per mdzzo d' 
una Principerà del loff fiu^ue^. ad eiB im- 
parentata , vi fuGcederono. Non pottebhe 
ben intendarfi T origine delle noftre Papa- 
li inveftiture, e come feffe fiata i>oi ripu- 
tato quefto Regno Feudo della Ghiefa Ro- 
mana y, & non. fi narreranno con efattezza 
quefti .avvenimenti , donde s' avrà ben lar- 
ga campa di icorrire molte verità y che 
gli Scrittori y pafte ^^er dapjpocaggint 1 mol- 
ti a bello ftudia tennero, fra tenebre y ed 
errori nalcofe. 

Nel racconto delle loio^ venture , e di 
tutti gli altri avvenimenti di quefta Na- 
zione y non ho voluto attenermi y fé non 
a' Storici contemporanei, ed a coloro, che 

fùù efattamente ci defcrilfero i loro Catti» 
a cui teftimonknza non può edere fofpet- 
ta. I pia gravi, e più antichi fra' Latini 
iàranno Guglielmo Puglielè ,. Goffiredo Ma- 
laterra , Lione Oftienfe , Amato Monaco 
Caflinefe, Clerico Vitale , Lupo Proto- 
fpata ,. r Anonimo Caflinefe , Pietro Dia- 
cono > e Guglielma Gemmeticenfe . Elìra^ 
Greci ,. taPrincipeila Anna Comnena , Gio- 
vanni Cinnamo , Cedreno , Zooara » ed ai- 
tri raccolti neir Iftoria Bizantina , i quan 
li CarlO' Dufrefne iUuftrò colle fue note. 
Guglielmo Pugliefè rapporta in verfila*^ 
tini ,: ancorché poco eleganti , ma molto 
buoni per lo ftile del fecole in cui vivea^* 
le azioni , e*^ fatti d' armi de' Normanni 
nella Calabria • Quefti feri ve , non come 
un Poeta s' avviferebbe , ma come un Ift^*^ 
rico, che vuol folamente ad un racconto 
fedele infieme > ed ordinato aggiunger 4L 

va fuccubutt . Dives Jipulia/ortha refloruitm 
Hierofolyma famofa > d* infignìi AnÙQchh 
{t utfoqut fuppofuit - 



DigTtized by 



Google 



4 » E I L' S T O 

fltHQéto y ti il metto • Arriva il fuo #ac- 
coiito infioo alia morte dell' itinftie Ro- 
berto Gui£bardo 2tqfi^dmM circa T ano. 1085. 
DiegU alia luce ^ iihaza ili Papa Urba- 
no IL che. neli' aimo io8g,4ta iwialzatp 
al Ponteficato , e dedicogUa Rollerò fi- 
gliucJo y e fucceffore di Roberto Gui(c«rdo. 
Quefto fuo poemetto iftorico manuicritto 
fit i^cpvato da Gio: TiresMe iiauteneo 
Airvocat9 Fifca^e ^della Pioviaci«HÌi Roven 
Q^Ua libreria derMobafterìo di-Becohcl- 
vino vicino Argentina» 

Goffredo Monaco di cognome Malater- 
ra è un Autore più degno di fede : icritfe 
^1 in profr molto z lungo V Iftoria del- 
le Gonquifte fatte in Italia da' Normanui , 
p^r orcline di Rogiero Conte di Sicilia , e 
di Calabria , fratello che fu di Roberto Gui- 
fcardo ^ QntA' opera e&ndo ftata longo 
twipo fepoka in obblio , il di \et manu- 
fcrìtto fu ritrovato in Saragozza infra V 
iftoria' de' Re d'Aragona l'anno 1578. da 
Geronimo Purità , che la diede ajUa luce; 
ed ilSaroaio di q\j»^ ritrovamefito,co- 
m% d'un vero te(oro ne parla; quindi co- 
loro y che hanno fcritta l' Iftoria di Sicilia, 
.^r Qon aver letto queft' Autore, in mol- 
ti abbagli fono incorfi. 

Liqne Vefcovo d' Oftia è un Autore af- 
fai noto , e che va per. le mani d'ognu- 
no i effendo egli Religiofo di Monte Cafi- 
Bo fcriffe la Cronaca di quel Monaftero po- 
co dopo il tempo» di cui faremo per ra- 
rnarej^ ed ancorché il iuo impegno fof- 
di far apparire al Mondo la entità » e 
grandezza di ^uel Monaftero, nulladiine- 
no ci fomminiftra molti lumi per ben in- 
tendere le cofe de' Normanni , nel Regno 
de' quali egli fcrilfe.. 

Amato Monaco Caifineufe fiorì intor* 
no a quefti medefimi tempi: fu ancb'egli 
da poi fatto Vefcovo f ancorché non ù fap- 
pia qual Cattedra gli fi ibife data. Pietro 
Diacono (a) tra gli uomini iiluftri diC»- 
^fmo novera queft' Amato y , e rapporta ef- 
fer egli fiato intendentiffimo delle facre 
fcritture, e verfijScatore anmiirabile • Fra 
le altre fue opere , che compofe , fu quel- 
la de Gfjìh Apojiùlorum Péìrì , Ù- Pauli , 
indirizzata a Gregorio VII. ft* P« e l'Ifto- 
ria. de' Normanni {ò) divifainotto libri, 

(a) Petr. Dìacorms de Vms Iiluftri b.facri 
Cajpn. Archifterii . ( b ) Pett. Dìac^ lib. 3. 



R I A. CI VILE 

dMT dedicò a OidUerio, quei celebre Aba- 
te di Monte Cafmo, che aflunto da poi al 
Coptefìcato fii detto Vittore III. Queft* 
iftoria de' Normanni fcritta da Aniato , per 
quel che fappiamo, non ufci mai alla lu- 
ce del Mondo per mezzo delle flampe : 
Gio: Batifta Maro nell' annotazioni a Pie- 
tro^ Diacono rapporta , die a' fuoi tempi 
queft' iftwda fi confervava manufcritta nel- 
Biblioteca Caflinenfe , ove molte eoft tk« 
gpe da faperfi irtlomo alle gefta , ed aeri- 
ti de' Normanni evano accuratamente de- 
fcritte • Ma 1' Al^ite della Noce piange 
quefta perdita , e nelle note alla Cronaca 
Caflinenfe (r), rapporta effere ftata tolta 
da quella Biblioteca, ficcome motte altre 
cofe degne d'eterna memoria. Viffe queft' 
AutGHpe intorno l'anncT 1070. nel qual tem- 
po , fecondo ciò che comportava quel fe* 
colo , eitendo la letteratura , per lo pt^ 
pre£b a' Monaci , ne fiorirono molti altri y 
come Alberico , Coftantino , Guaifero , Al- 
fano, che poi hi Arcivefcovo di Salerno, 
ed altri , che poffono vederfi prefTo Pietro 
Diacono • # 

Scriifero ano^a de' Normanni qualche 
cofa Lupo Protofpata, V Anonimo Caffi- 
nefe, e Pietro Diacono ftefTo i*ma Orde- 
rico Vitale , e Guglielmo Gemmeticenfe 
molto più diftufamente , oltre di molti Scrit- 
tori Moderni, «he fono a tutti notiffimi. 

La Principerà Anna Cotfihe3a , detta an- 
cora Cefarena , fi refe più famofe al Mon- 
do per la fua mente, e per la fua erudi- 
zione y che per la fua qualità , e per li 
fuoi natali: ella fu ^liuola d'AleflioCo- 
mneno , detto il vecchio , Imperador di 
Goftantinopoli , e d' Irene . Zonara , e Ni- 
ceta ci amcurano , che quefta Principerà 
amava lo ftudio con un ardore eftremo , 
je clie-«||»Uua ordinaria occupazione eA su 
i libri. Non folo s'applicava all' Iftoria, 
ed alle belle lettere , ma ancoin alla Filo- 
fofia : ella icritfe in quindici libri la Ifto- 
ria d' Aleffio Comneno fuo padre, al qua- 
le il noftro Roberto Cui/cardo motk una 
crudeliflima guerra, che. fu parte del fog- 
getto della fua iftoria ; ed ancorché alcune 
fiate , fecondo il coftume della foa nazio- 
ne y manchi di rapportare con efattezza la 
verità > nuUadimanco deve etfer creduta y 

€. 3$. t» jiSuar. Chronic, Caffut. (e) JLiL 



Digitized by 



Google. 



DEL REGNO DI 

qiialort fi^ella in commendftziotte di Ro- 
berto OuUcardo, cui per cffer fiero inimi- 
co di fuo padre , grandeftiente odiava . Pro- 
mette eya nel proemio della &a Iftoria di 
non dir cofa , per la quale pofiTa effére ac- 
cofata di compiacenza, o d'adulazione^ e 
che non fia uniforme alla verità ; niente- 
dimeno fi vede, che ciò eh- ella fcrive di 
fuo padre , è un Elogio \x)ntinuato • Gli 
Autoti Latini non fono di queflo fentimen- 
to, poiché quefti non parlano d'Aleffio , 
che come d*un Principe furbo, e (imula- 
tore , dr cui il Regno fu più notabile per 
le file viltà, che per le fue belle azioni: 
ed in vero la ina ingiufta gelofia fece gran 
torto a' Franzefi , che crocefegnati milita- 
vano fotto il famofo Goffredo di Buglione 
per la conquifta di Terra Santa ; ma for- 
fè evvi troppa apprezza nelle Opere dc'La- 
tini , ficcome foverchia tede in quella d* 
Anna Comocna . Della fua Iftoria Hoc- 
fchelio ne pubblicò gli otto primi libri , 
eh' egli avea avuti dalla libreria Anigufta*- 
na . Giovanni Gronovio vi faticò da poi; 
é nel 1651. Pietro P<^ffinGiefuita gli die- 
de fuori colla fua traduzion latina , che 
abbiamo della ftampa del Louvre . Da poi 
il Prefidente Coufin ce ne ha ancora da- 
ta una traduzione in lingua Francefe , e 
finalmente Carlo Dufresne Tilluftrò colle 
iue note. 

Giovanni Cinnàmo viffè fotto V Impe- 
perador Emanuele Comneno , i cui fatti 
egli diftelè nella: fua Iftoria : egli è uno 
fcrittore elegante, tf fi ftudia imitare Pro- 
copio • De'noftri Normanni fovente egli 
favella ^ e va ora la fua ftoria. parimente 
illuftrata colle note di Carlo Dufresne * 
Cedreno , Zonara , e gli aitri Scrittori 
raccolta neir iftoria Bizantina , de'noftri 
Normanni alle volte anche favellano . 

L'occafione che fi diede a' Normanni , 
che fin dalla Neuihria fi portafTero in que- 
fte nofbe parti ,' non ^eve attribuirti ad 
altro , che al zelo , ch'ebbero quefti Po- 
poli della noflnReligion Criftiana, dap- 
poiché depofta r idolatria fi diedero ad ado- 
rare il, vero Nume . Correva allora appo 
i Criftìani il coftume 4' andar pellegrinan- 
do il Mondo ) non tanto come oggi , per 
veder Città > e nuovi abiti, e coftumi dì- 

( a ) Petlegr. in Serie Ab. Caff» in Aten»U 
fo : verpente A. Chrijìi millefimo . ( b ) O- 
Jiienf. /. 2. f. 37. Quadtaginta numero Nor» 



MAPOLILIB-BC • i 

verfi , quanto per divozióne di veder 1 
Santuari più celebri . Per tal cagione fi 
refero in quefta , e nella precedente età 
famofi in <)ccidente , ed appreffo di noi 
due celebri luoghi delle noftre Provincie, 
quello del Monte Gargano per V appari- 
zione Angelica , V altro del monte Cafino 
per la fantità , e miracoli di S. Benedet- 
to , e de' fuoi Monaci : . ma. fopra tutti i 
Santuari y com* era di dovere , éftolfe il 
capo neir Oriente G'crufalemme ; Città (an- 
ta , ove il noftro buon Redentore lafciò 
afperfo il terreno del fuo fangue , ed ove 
fu fepolto. 

Fra tutti i Criftiani del Settentrione è 
incredibile quanto a queft' efcrcizio di pietà 
fbffero inclinati i Normanni della Neuttria: 
ad effi, né la lunghezza dei cammino, né 
la malagevolezza de' paffi , né il rigor de' 
tempi, e delle ftagioni, né la neceiTità di 
dover fovente traverfar per m^zzo^di la- 
droni, e d'infedeli, né la fame, né lafe- 
te , né qualunque altro fi foife maggior pe- 
riglio, odifagio, recava terrore 1 Perrcn- 
derfi fuperiori a tante malagj^volezze s'uni- 
van a truppe , a truppe , e* tutti infieme 
traverfando que^ luoghi inofpiti, cflféndodi 
corpo ben grandi , robufti , agguerriti , e 
valorofi , valevano per un' intera armata , 
e fovéute fopra i Greci, e fopra gì' infe- 
deli diedero crudeliflìme battaglie , e rup- 
pero gli oftacoli . Solevano con tal occa- 
fione, o nell'andare, o nel ritorno veni- 
re a vifitare i noftri Santuar) di Gargano, 
e di Cafino. 

Nel cominciar adunque delf undecimo 
fècolo ia)y quaranta , come fcrbK Lioim 
Oftienf^ ( A ) , ovvero , fecondo 1 * opinion , 
d' altri , cento di quefti Normanni partiti 
dalla Neuftria s' incamminarono verfo O* 
riente , e fin che in Gerufalemme gìungef- 
fero, fecero nel cammino molta ^age di 
que' barbari • Nel ritorno tennero altra 
itrada , ed imbarcati fopra una nave fol- 
carono il Mediterraneo , e nella fpiaggia 
di Salerno ( ^ ) giungendo , sbarcarono in 
que' lidi^, ed in quella iCittà entrati , fiih 
rono da' Salernitani , forprefi dalla robuftez- 
«a decloro perfonaggi , onorevolmente ri- 
cevuti. Reggeva Salerno in quefti tempi, 
come fi é narrato > dopo la morte del Pria-* 

manni in habitu peregrino . ( e ) Ojtienf. 



Digitized by 



Google 



g nKtV IST O 

cipe* Ciowimi > Guatmaro HI. Tuo figliuo- 
lo ^ chiamato, come ft diffe > da-OftieaÌe 
ia)y il maggiore, per diftinguerto dall'ai* 
tro, Gtiaimaxo Aio f^Uuolo , che gli fuc- 
cediette • Quefto. Guaimara dalU anno> 994^ 
che morì Giovaani fuapadrc , rcffe il Prin- 
oipato di Salerno ora. folo,. ora con fuo fi* 
gliuolo infino all'anno 1031. nel quale il 
di lui fi|liuolo mori » Furono, per tanto da 

5(ttefto Prinqijpe inviuti a trattenerfi. in Sa* 
erno per rinorarfi dalle fatiche del. viag- 
gia ^ e per goder un^ poca V amenità del 
paefe • Ma ecco che fQpr;^iunre un acci- 
dente,, nel quale a quefti pochi Normanni 
diedefi. opportunità di moftrare il lor va- 
lore , e di. con^^enfare infieme eoa Guai- 
maro le accoglienze ,, che usò loro . Nel 
corìb di queir Iftoria ìbvente fi è narrato , 
che i Saraceni, noa mancaroa mai d' infe- 
fiare il Principato di Salerno > che ora dall' 
Affrica , e ipeflb dalla vicina Sicilia ibpra 
molte navi giungendo alla (piaggia di<)ueU 
la Città ». depredavana i contorni della, me- 
defima , ed a' campi , e Caftelli. vicini di 
molti danni , e calamità eraa cagione :. 
Guaimaro>, iMk avenda forze badanti per 
potergli difcacdare , procurava» pet gproffa 
•fomma di denaro comprarfi- la quiete , ed 
il minor danno . £fit ora ci vennero, fo- 
pra molte Navi ,, mentre quefti Norman- 
ni erano- ia Salerno . e fattili da pocifo Sa- 
lerno minacciavano iaccheggiamenti ,. e mi- 
ne ,. fé con groifa fonuna di denaro non (l 
fotfe riconqprata :. Guaimaro , cJie noaavea 
alcun modo da difenderfi,, fi difpofeacon- 
difcendere alle Lara richiefte ,. ed' intanto 
#k' egli^ 00' fuoi Ufficiali erafi occupato a 
tar contnbuire i fuoi vaifalli ,, i Saraceni 
^ calati dalle Navi in terra , riempiiono lo 
ipazio , eh' è tra il Mare ,. e la Città , ove- 
mpettai%do il rifcatto >, fi diedero alle era- 
poi e , ed alle diifolutezze • I Normanni ». 
che non erano avvezzi fof&ire 4ue(l' ob- 
brobrio ,, rimproverando a' Salernitani,, co- 
me lafciaffeco trionfare eoa tanta infoien* 
za i loro nemici ,. con difporfi piih toftòda 
fé medefimi a pagare le ipefe del trionfo , 
che .penfare a tufenderfi. ,, vollero effi eoa 
inaudita bravura vendicare i loro oltraggi , 
e pr^fe V armi,, mentre i Saraceni a tutto 
altro penfanda ftavana immerfi tra le era- 

( a ) Oftìenf. lìb. 2. cap.. 37. A Guaimaro 
ma/ ore > qui tunc Salemi ftincìfabatur^ 



RIA C I V ILE 

pole, eè.il ripoib, gli «riIalhM|ia tU* irn* 

Srovifa eoa tanta impeto, e valore , che 
'un numero confiderabilediloro fiuta ftra- 
pe crudele, gli altri fotjprefifimiferotoAa 
la fuga ^ e cosi cofternati ,. e diffipati ,. pea- 
farono rientrar ne' loro vascelli affai più 
prifta di «quella ne erana utciti , e pieni 
di feomo; ritirarfi da quella Piazsa » Un 
fatto così gloriofo portò a' Salernitani non 
minor allegrezza ,. che ammiaucione ,. ed il 
Principe Guaimara noa. fapeva in che mo- 
do dar fegna della fua rìconofcehza al lor 
merito : pregogli ,. chereftaifera nel paefe , 
offereada loro abitazioni ,. e carichi i più 
onorevoli ^ ma elfi. fi. protdbunmaiaqueir 
azione non aver avuta mira ad alcun lofo 
privato, interetfe ; e- che noa volevano al- 
tra ricompenfa, che il piacere* dT aver fod- 
dis&tto alla Iosa pietà, ia combattetido a 
fevor de' Criftiani contro degl' Infedeli • 
Del refto per corrifpondere alle cortefie di 
Guaimaro. ,. ed al. defio ,. che moffarava. d* 
aver wpo di fé uomini di tal fórta. ,. gli 
promikro ,. adi ritornare e(& medefimi , o 
d' inviargli de' giovati loro compatrioti di 
pari valore ( Aj • Si rifoUero per tanto di 
ritornar alla loro patria ,. per cui rivedere 
ardevano, di defiderio- . II. Pnocipe > non: 
potendo più arrecargli ,, usò loro tutte k 
oianiere' perchè almeno nel loro arrivo gì* 
inviaffero gente di lor nazione ^ e mentre 
imhaccaronfi per laNormannia,. fecegliac- 
compagnare da. molti fuoi Ufficiali eoabar- 
che cariche di. frutti i più fquifiti inGno al 
loro paefe- v. donò loro, ancora delle vefti 

Sreziofe d'oro, e di feta , e idcchi amefi 
i cavalli . I difegni di Guaimaro ebbero 
il loro' etfetta,. e queir aria di liberalità , 
e di magnificenza fu noa folo: un invito , 
ma bea anche una. forte attrattiv&^lla Na- 
zione Normanna, per farla veti^ire in que- 
lle noftre Regioni. Poiché giuati in J*^or- 
mannia ^ avendo. eipoAo il ^fideria de'no- 
firi Principi che aveaaadiloio* gente,, vai- 
fé molto a far prendi^re* qaefta cammino ad 
uà gran numero^ di pettone , e ben anche 
di ehiaciflimo^ fangue. Al cke diede mano 
un' occafiòne , che faremo per rapportare • 
Nella Corte di Roberto Duca di Nor- 
mannia fra gli altri Signori, che fretjuea- 
iavaao il fao Palazrat fiiioiv> <iugtkima 

Re-. 
( b^) Ofiienf. Iti. 2.- caf. 37. 



Digitized by 



Google 



BEL REGNOBi 

IR^epoftely éi OAoiMdoDrèngoti quefti of- 
fefo da Guglielmo v eh' erafi piÀblicatnen- 
te vantato d' aver ricertito de^ favori da ft» 
figUtiolft ) lo sfidÀ a fitigdlar teazone , ^e 
con tutto chtt Guglielino fi trovafie preflb 
del Duca Roberto, il quale colla fua,Cor« 
te prendeva^ il i^iaeere della caccia , s" ab*- 
battè col fuo nemico nel bofco, gli paftA 
«ttraverib del corpo la fua lancia , e V uc* 
cife • Il Duca Roberto ^ riputando ciò Tuo 
oltraggio , ^roccuravft averlo nelle mani per 
fame pubblica vendetta , laonde Ofmondo 
per fcappar via dallo fdegno del fuo Sovra^ 
no p falvoffi prima in Inghilterra ; ed alla 
fine veemodo aperta sì bella ftrada in Ita- 
lia t rifolfe quivi ritirarfi co' fuoi parenti , 
e proccurò ancora tirar altri con fe^per im- 

Kendere il cammino • Si portò in fatti que- 
> prode Normanno feco molti tuoi fratel- 
li, li quali, fecondo narra Oftienfe, furono 
Rainulfo , 'Afclittino , Osmondo , e Rodul- 
fo ) feguitati da' figliuoli , e nepoti , e da 
molti de' loro amici . Queflo Rainulfo fu 
il jprimo Conte d' Averfa, e poi Afclittino , 
chiamale da Ordorico Vitale {a) Jtn/chetillo 
de QjtadreUhy che a Rainulfo fuccedè, dal 
quale tiaggono origme i primi Normanni, 
che ebbero il Principato di Capua , come 
vedtemo * < 

^i^fefti iìppi di chiariflUmo lingue t^itt 
dalla «in-anci» con molta comitiva de' imrp 
Nornianffi) fiirono da noftri Principi ric^ 
vuti con 'j^legrezza , e con molti legni m 
ftima, memoria di ciò, che pochi anni pri- 
ma aveeno adoperato i loro nazionali in 
Salerno • Alcuni rapportano , eh' efii da pri- 
ora andarono in Benevento , altri che fi 
pofero al fervigio del Principe di Salerno, 
ed altri che vennero in Capua (^): tutte 

rfte ctfTe pofTon etfere vere, poiché que- 
novelli Normanni , poco men difinte- 
retfati di quelli , che aveano combattuto in 
Salerno , erano pronti di darfi al fervigio 
di -colui ^ che ^ aveffe meglio riconofciuti : 
ed i noÀii.Principi Long^ardi avendofi u- 
goatmente a difendere contro i Greci , e 
contro i Saraceni, ciaièumr dalla fua parte 
bramava d'aver appreffb di fé uomini così 
valorofi, per mezzo de' quali fperavano di 
confi^^imve qualunque vantaggio . tiomun* 
Me Ciò fiafì, egli è certo che ancorché non 
tofle appurato in qual anno precifamente 

(a)<Wwf.^/W./.5. ih) Ofiìenf.lecxh. 



NAPOLI LIB: IX. 7 

IpaffaÀ^o in Capua, prima però dell* anao 
1017. in quella Città fi fermarono , men* 
tre Melo fuggito da Bari aveva in quella 
Città jitrovato il fuo afilo , ed era ftat» 
accolto daPandolfo IV. il quale dall'anno 
1016. infieme con Pandolfo IL tagliuolo di 
Landulfe di S. Agata reggeva in quelli tem- 
pi il Principato di Capda ( e ) ^ Ciò che 
diede occafione a quefti novelli Normanni 
ìinitifi con lui di fegnalarfi in più nobili 
imprefe . 

I Greci the eoi nuovo Magiftrato di Ca* 
tapano > aveàno refo infopportabile il lor 
governo nella Puglia ^ diedero occafione , 
che in Bari principal fede di quel Magiftra* 
to nafceflero perciò nuovi difordini, e tu- 
multi } poiché i Barefi non potendo più 
fo&ire r afpro governo , che d' effi faceva 
Curcua nuovo Catapano , animati da Melo 
f rod^ , e valorofo Capitano , di fangue Lon- 
gobardo ^ che di inorava in Bari , ove da 
molto tempo aveva tcafportata la fua fami- 
-filia, fi ribellarono dall'Imperio Greco , e 
iperando dare alla lor patria^la libertà , fi 
^ mifero fotto la guida di Melo , che per 
lor- Capo ìnfieme oon Dato fuo cognato T 
-eletfero • Ma gì' Imperadoti d' Oriente av- 
Vifati di qnefta rivoluzione , mandarono to* 
fto in Italia Bafilio Bagiano nuovo Catapa- 
no , il quale gionto nella Puglia con buona 
compagnia di Signori ^ e di foldati di Ma- 
cedonia pofe r anedio* alla Città di Bari*. I 
Barefi vedutifi cosi ftretti , in vece di penfa- 
fare a difenderfi , attefero folamente a rap- 
pacificarfi co' Greci a cofto di Melo > ofle- 
rendo di daiip loro nelle mani ; di che ac- 
tortofi Melo , tofto fé ne fuggì furtivamen* 
te in Afcoli con Dato , ed ivi non tenen- 
dofi a laftanza ficuro, ritiroffi ben anche 
più lungi , ed intanto i perfidi fuoi Citta- 
dini , per ^uadagnarfi la buona grazia de* 
Greci, inviarono aCoftantinopoh Maralda 
fua moglie, e^l fuo figliuolo Argiro. Me* 
lo , che da Afcoli erafi ritirato in Beneven* 
to, indi In Salerno , era!i finalmente eoa 
Dato fermato in Capua , chiedendo a Pan- 
dolfo , ficcorae a' Principi di Benevento , e 
di Salerno fuoi Longobardi a volergli pre- 
:ftar afìuto contro i Greci ì. Arrivando ia 
Cai>ua ritrovò ivi i Normanni / che poc* 
anzi eranvi giunti : era egli già confapevo- 
le del lor valore , onde trovandogli oppot» 

tuoi 
(e) Peìiegr. in Sttm. 



Digitized by 



Google 



«' DtLV isr o 

tubi a' fnòi if£egnì , per le grandi promef- 
fé che lor fece , ridiedero al fuo fervigio, 
ed avendo arrolate e«cian4io altre truppe 
prefifo de' l^rincipi Longotyiid^^ delle quali 
ibllecitava il foccprfo» ragupiim' armata » 
che immanteiiente menò contro 1 Greci i 
ed avendogli aflaliti y furono in tre fuccef- 
five battaglie dis£atti , e fi refe padrone d' 
alarne Città della Puglia ; ma pofcia per- 
dette tutto il frutto delle fue vittorie nel 
quarfi) combattimento» che accad({e intor^ 
no 1 anno io 19. \treqo U Citt^ di Can- 
ne j luogo già rinomato per V antica disfat- 
ta de' Romani (j). Vinto Melo più tofto 
per lo tradimento de'fuoi, che per la for- 
za de'Greciy i Normanni gli fi mantenne- 
ro fedeli , combattendo con eftremo valo- 
re . Pensò Melo , veggendo il fuo partito 
affai debole, di chiedere foccorfo altrove 9 
ed avendo raccomandati tutti i Normanni 
che gli reftavano a PandoHb Princi|K£ di 
Capua, ed a GuairQaro Princ)t« 'di Saler- 
no , tofto partifli per .Alem^iia » ritrova- 
re l' Iraperado^Errico , a cui avendo efpo- 
fto lo (tato lagrimevole^ di quefte noftre 
Provincie , che per l^ingrandimento ik' 
Greci erano in pericolo d' eflei tutte fmem- 
brate dall' Imperio d' Occidente , lo confor- 
tava ad inviare una groifa armata contra 
de' Greci, o pure , che veniife egli fte(fo 
in pèrfona a comandarla: Errico, che tro- 
vatati diftratto in altre imprefe , e che al- 
1& promelìfe non ben^ corrifpondevanó i fat- 
ti f obbligò ben due fiate Melo a ripigliar 
quel viaggio per fo^lecitarlo a mandare i 
promefli loccorfi i nu nel mezzo di quefti 
affari fini Melo la fua vita preifo y Impe- 
rador Errico , tanto che i Normanni per 
la perdita di quefto lor yatbrofo Capitano 
fi diedero a prender altri partiti . 

Adinolfo fratello di Pandolfo Principe di 
Capua , ed Abate di Monte Cafino , era 
travagliato qu^fi fempre da' Conti d' ^qui- 
00, r^ali foyente facevano delle fcorre- 
rle fopra i beni 4^ quella Badia , onde pen- 
sò r AMtte per difendergli valerfi delP o- 
pra , e del valore de' Normanni ( ^ ) , i 
quali affai bene , e con ogni fedeltà adem- 
pierono .la commeflSohe , ch« loro era (la- 
ta data , guardando di continuo le Terre 
di quel Monafterò dk un Borgo appellato 
Pimatarie , noi^ lujigi dalla Città di San 

( a ) OJlhnf. A !• e. 37. ( b ) Ctflhn/. L z. o 



Rf A C I V I LJE 

Germano > ove s' eiaap fortificati • .Alti^ 
Normanjit fegpen^o Dato s' erano cjtii^ati 
fono gliaufpiCj di Benedetto VIIL^K* P* 
il quale aveva lofo dato in guardia laTof- 
re del Garigliano , eh' era del dominio del* 
la Chiefa ; parendo così a Dato d' effer fi. 
coro y pofciachè la Cina di Capua lo co^ 
priva dall' infulto de' Greci . 

Ma la perfidia di Pandolfo Principe di 
Capua cagionò nuovi fcancerti in quefte 
kegioni y che finalmente tutti terminarono 
a. maggior ingrandimento de' Normanni • 
Qiiefto Principe , ancorché moftra^e in ap* 

Siarenza favorir le parti di Errico Impera*; 
or d' Occidente come a lui foggetto , nul- 
ladimanco nudriva di foppiatto conBafilio 
Imperador d' Oriente una ftretta coitifpon- ' 
denza , ed amicizia , e s' avanzò tanto , che 
finalmente s'indufle a mandar inCòftantì* 
nopoli le chiavi d'oro , e fottoporre fé > 
la Tua Città , e l' intero Principato all'Im- 
perio d' Oriente , in quel modo eh' era pn* 
ma a quello d'Occidente (r). L' Impera- 
dor Bafilio , a cui per gì' inteveffi fiioi mol- 
to importava queft' acquifto , tofto ijyvifon- 
no Bagianor , al quate .commlfe', che per 
mezzo di Pandolfo proocuraH^e aver iama- 
no Dato co' Normanni , eh' erano infìtta di* 
fefa • Quefti efegui cén efficacia , ed efat* 
tezza il comandamento deLii^Jtrintìfie , 
e jiffchè Pandolfo non /ofiTe Jnuokv^ir 
Abate Adinolfo tuo fi^tello,^^;^^. tirare 
af fuo partito anche coftui , come lo f<;ce 
opportunamente per un mi^o affai *effiba-> 
ce , qual fi fu d' una gran donazione , che 
fece al fuo Monaftero dell' intera eredkà 
d' un tal Maraldo di Trani , oh' erafi de- 
voluta al Fifco id) \ ed avendo mandata 
una |roifa fomma di denaro a Pandolfo j 
lo priegò infieme , che fé veramente era^ 
fedele all' Imperadore Bafilio, gli permet* 
teife il palfaggio per gli fuoi Stati per aver 
in mano Dato . Gli fu ciò tofto accordato , 
e pofto in ordine un non picciolo efercito 
venne ad affalir Dato nel Garialiano: gli^ 
aflediati ancorché colti intprovik) fi difefe« 
ro con molto coraggio per due giorni j;iu 
alla fine bifognò, che il valore cedere al- 
la forza . Bagiano pr^fe la Piaata , e trat- 
tò con eftremo rigore tutti coloro» che:» 
trovò y fuorché' i Nopnanni in riguardo 
d'una calda preghiera 1 che T Abate. Adi- 

nolfe 
58. (e) Oflìc^f. /..a. ^.38. (A) OjiknÌ,Lc. 



Digitized by 



Google 



"DEL REGINO DI NAPOLI llfe. It. 



'ttotfo glie ne fece. Ma non usò pietà con 
Dato; e quefto difgraziato Capitano con« 
dotto inBari foftcnne il fiipplizio de' par- 
ricidi , effendo flato buttato in mare den- 
tro un facco . ^ 

L'-Impcra3ore Errico avendo ìntefa Fin- ' 
vafion de' Greci , la perfìdia del Principe 
Pandolfo , e la xrudeliffima morte di Da- 
to, reputando fra Te medéfimo,che per- 
duta la Puglia , ed il Principato di t*- 
pua, fé non affrettava i foccorfì , era iti 
pericolò di perder Roma , e tutra T Ita- 
lia , tardi avveduto di ciò chfe Mèlo tan- 
te volte ^yeagli prefagito>, fcdffo finalmén- 
te da 'tanti avvenimenti , avendo unito 
una groffa armata , e chiamstti i Norman- 
ni ( eh' erano flati a preghiere di Adinol- 
fo lafoiati liberi ) che militaffero fotto le 
lue infegne , toflo in quefl' anno 1022. 
verfo Italia incamminofu (a). Divife in 
tre corpi la Tua armata : ad uno compo- 
fio di unditifnila foldati prepofe per Ca- 
pitano Poppone Patriarca d' Aquileja, che 
mcamminoffi verfo Abruzzi , acciò che 
^r (Quella parte entnÉt ìittl dominio de' 
Greci : V altro corpo era di ventimila fol- 
dati comandato da Belgrimo Arcivefcovo 
^di Colonia ( poiché in quefli tempi non 
vi avea 'óuli^e di flranezza , che l ma&- 

{{iori Prelati della Chiefa fi vedeffero al- 
a tefla degli eferciti, tome ben toflo lo 
vedremo ancora praticare ^agli fléffi Pon- 
tefici Romani ) e queflo fu mandato per 
la flrada di Roma per aver in mano l'A- 
bate Caffinenfe col Princii>e diCapuafuo 
fratello, che ambedue venivano imputati 
preffo rimperadore della cattura, e mor- 
te di Datoì l'altro ritenne feco Errico , 
volendo egli in perfona per la Lombar- 
dia , e per la via della Marca venire a' 
-danni de' medefimi Greci •. 

V Abate Adinolfo Tubito , the fu av- 
vifato , che gli andava contaro un efercito 
intero , abbandonò il Mouaflero , e per 
falvatfi in 'QHRantinopoli ^ ad Otranto con 
gran fretta fuggiflene > dove imbarcato 
neir acque del Mare Adriatico , nel qua- 
le Dato era flato fommerfo, rotta la na- 
ve con tutti i fuòi affogò . 

Il Principe? fuo fratello quando fi vide 
.nflediato dentro Capua dall' Arcivefcovo 
di Colonia, dubitando d'effer tradito da' 
Tom. IL 
( a ) q/lìenf. ììb. 2. tap. 39. ( b ) Qfltenf. 



'9 



fiioi vaifalli , che V odhtmo 'a ^tHofte ^ ti 
diede in man del Prelato , acciocché 'il 
menaflè da Eitico^'in prefenza di tui prOf- 
mife provar 1a Tua innocenza (*) . «Lo 
ricévè Belgrimb fotto la fua cuflodia , fe 
menoUó da Errico ,*il g^^lc allora tene- 
va flrettamente affediata Trbja inl'uglì|> 
Città , che i Greci in queftò medt^mo 
anno aveano edifì(:atà , la quale pochi gior- 
da poi fi refe a lui. Rallegroffi T Ini* 



ni 



peradore , e fatti affembrare tutti i fuòi 
Baroni , cosi Italiani , coiìie Oltramoritav 
ni , perchè conofceffero delta Tua caùfa > 
fu con univerfal confentimentó fentenzia* 
to a morte j ma 1' Arcivefcovo Tottò la 
cui protezione s' era egli pofto > taritò Tep- 

P oprar con preghiere , e pianti préflo 
Imperadore , che la pena di mòrte la 
fece comhiutare fh |?filio perpetuo ; oiidc 
fattolo flrettamente incatetìare -, in^cotàl 
guifa fé lo menò feciò in Germania . 

Il Principato di Capua fu da Eifrìco 
conceduto a Pandolfo Conte ^i Tiano\ e 
neir ifteffo tempo inveflì di queflo Con- 
tado Stefano^ Melo , e *ietr» nipoti del 
celebre Melo, i quali erano fottentrati a 
foflenere quell'impegno medefimò ^cóntro 
i Greci, ^be promotìe il loro zio *(r ) . 
Ecco come gì Imptradori à' Occidentè^if- 
ponevano del Principato di 'Capua , e de' 
Contadi de' quali era trortipòftò . Ma ef- 
fendo flato obbligato Errico a ricliiatnar 
la Tua armata per cagione degli eccefflvi 
caldi della Puglia-, che gli Alefnani^ 
ond' era cofftpofta , non potevano più fof-* 
frire: confidò i difegni che avea fui' Ita- 
lia al valóre de' Normanni , lafeiandò a 
loro la cura di difcàcdar da Italia iG're- 
ci. Raccomandò loro fp'ezialthente di foci- 
correire, qualora il bilogno ilrichiedeffe» 
i nepoti del rinomato Melo, à^ quali dic- 
'de parimente in ajuto alcuni altri celebri 
Normanni : quefli , fecondo rapporta O- 
flienfe, furono Gifelbertò, e Gofmanno, 
Stigando, Turflino, Balbo, Gualtiero di 
Canofa-, ed tigone Fallucca con diciotto 
altri vaiorofi compagni. 

Raccomandò ancora V Imperador Erri- 
'co quelli Normanni a* Principi di Bene- 
Vento , e di Salerno , ed a Pandolfo di 
Tiano novello Principe di Capua , a'ouali 
ìmpofe doveflero di loro in tutti i bifo- 

^ B gni 

Hk 2. cap. 40. (e) OJìtenf. libj^. cap. 41. 



Digitized by 



Google. 



IO 



X>ELV ISTORIA CIVILE 



gni. Valeri! . Mj» quefti Principi tofto di- 
menticatiii dèlia grande obbligazione che 
aveano i Longobardi a' Normanni > da' 

auaii erano ftati tanto ben ferviti contra 
e' Greci , cominciarono pofcìa a difprez- 
zaigli; fia perchè credetfero di non aver 

Ì)unto bìfo^no di loro i fia perchè fentif- 
èro male, il vedergli intereflati nel fervi- 
gio deir Imperadore Errico • Gli lafciaro- 
no dunque errar pe^ bofchi fenza né pure 
conceder loro un luogo di ritirata j anzi 
giunfero infino a negar loro quel foldo ^ 
eh' era in coftume pagaffì a' medefimi • 

I Nonnanni, che non aveano gran fof- 
ferenza di ibpportar quefta in^iuftizia , 
prefero le armi contro gli abitanti del 
paefe 9 e giunfero ben toilo a fargli 
fiare a lor difcrezione \ e per ottene- 
bro più ficuramente ciò che volevano , 
crearonfì un capo dilla loro Nazione. Il 
primo eh' eletfero fu veramente abile a 
mantenere i loro intereifi : fu quefti Tur- 
(lino 9 uno di qUe' valorofi nomati da O- 
filenfe , uòmo di merito angolare per lo 
pofto^ a cui iuAalzavafi ^ e fopra tutto 
d' una forza di corpo preflfo che miraco- 
)ofa. Ma effendofi indi a poco queftJ^va- 
lorofoCapitano per fraude de' Pugliefi in- 
contrato con un dragone > ancorché V uc- 
cideiTe » reftò dal velenofo fiato di quel 
ferpente eftinto , come* rapporta Gugliel- 
mo Gemmeticenfe C^)* Non mancarono 
però fucceflbri valevoli a veudicarfi di fua 
morte » poiché i Normanni in luogo di 
Turftiiio concordemente fi eleifero per lor 
capo Raiaulfo prode > e fcaltro guerriero 
( ò ) y che giunfe il primo in Italia in 
qualità di Principe > e che fu il primo 
tra' Normanni a itabilirfi in quelle noftre 
Provincie certa f e ferma fede » come qui 
a poco vedremo. 

Intanto Errico , dopo aver regnato ven- 
tidue anni 9 finì i giorni fuoi io Alema- 
Sna neir anno 1025. fenza aver lafciato 
i fé prole alcuna } ed ora per la fua pie- 

(a) Guglìemo Gemmeu lì&. 7. cap. jo* 
C b ) Gemmet. toc. eh, CuiL App. lìb. i. 
(*) ( Sigeberto Gefliblacenfe ad Jln. 1024. 
Hekricus Imperatore confulentibus fibì 
Prìnctpibus fuper fubfiituticne Regni , defi- 
gìtans Conradum ... moritura Leo OftienC 
loc.cit. Chuonrado Duce , qui & Cono dì- 
Hus $fl 9 ejufdim Henricl eleciione in Regem 



tà, e più per la fingolar fua cai&tà, nac^ 
randofi , che. anche ammogliato volle fer- 
barla , gli preftiamo que' onori che a' Saa- 
ti fon dovuti • Egli edificò in Bamberga 
molte Chiefe , che fottopofe al Romano 
Pontefice. Principe prudentiflimo , iloua* 
le confiderando , che per non lafciar di ie 
figliuoli j avrebbero potuto nell' elezione 
del fuo fucceffore nafcere difordini , e con- 
fufioni , avvicinandofi alla morte , chia- 
mò a fé i Principi deir Imperio » e per 
fuo fucceflbre defignò (*) lóro Corrado 
Duca di Franconia detto il Salico y Prin- 
cipe faggio 9 e valorofo della illuftre caia 
di Saifonia (r). I Principi dell'Imperio 
acconfentendovi lo eleflero per Re di Ger- 
mania, ed Imperadore; onde non per e- 
redità , ma per elezione , com' era il co« 
ftume , fu innalzato Corrado al foglio , 
ancorché propofto da Errico fuo predecef- 
fore , come fc gli Elettori di comun coii- 
fenfo' aveffero nella perfona d' Errico ri- 
merà r elezione > quafi per un compro- 
meifo . Né fu oifervato nella fua elezio- 
ne ciò che Ottone IH. avea prefcritto ^ 
poiché non da' foli fette Elettori, ma da 
tutti i Principi fu eletto : fu molto tempo da 
poi , che conie fi diife , per evitar le tur- 
bolenze , ed i difordini , fi po(è in prati- 
ca ciò, che Ottone prefcriife. 

Morì in queft' ifteffo anno^iozs. Bafi- 
lio Imperadore d' Oriente ancora , e poco 
da poi nel 1028. Coftantino , e per lor 
. fucceffore fu eletto Romano , cognomina- 
to Argiro. 

( Abbiamo indicato adeffo la morte 
à' Errico fotto la data dell'anno 1025. a- 
vcndo fcguito in ciò V atteftato di due 
Autori degni di fede . Lione Oftienft lib. 2. 
<. 58. Defungo igitur augufla memoria Im^ 
peratore Herrico anno Domini M. XXV. ; ed 
Ottone Frifingenfe VI. e. 27. Afìno ab incar* 
natione Domini M. XXV. defunBo fine Fi^ 
tiis Herrico . Ma fecondo Lamberto Schaf- 
nabwtgenfe , Ermanno Conjjfatto , ed altri 

Ger- 
elato • Otto. Frifing. loc- cit. Conradum na^ 
tione Francusy conjllio Antecejforìs fui y cu- 
fus tamen dum adhuc viveret , gratia care- 
bat y ab omnibus eleclus y &c.) (e) yinto- 
ninuc a. part^ hijl. tit. i4. cap./^ §. i; Vir- 
tute militari flr£Huus , fapientia , O* fcien^ 
ria juris maxime ficrens , 



Digitized by 



Google 



__ DEL REGNO DI NAPOLI 

Germani Scrittori rapportati da Struvìo 
Syntag. Hifl. German. differt^ 
pag. 387. mori nel mefe di 
precedente anno M.XXIV.) 



15. §. 
Luglio 



28. 
del 



LIB. IX. CAP, L II 

maro-, e da* Normanni, aiutato anche da- 



GAP. L 



Fondazione della Città ^ Averfa , ed ifli* 
tuziont del fuo Contado nella perfona dì 
R A I Ku L F o Normanno I. Conte et A- 
verfa; 

It A morte d* Errico , e T elezione di 
A Corrado fecero mutar faccia agli af- 
fari di <juefle tioftre Provincie . Il novel- 
lo Principe di Capua Pandolfo di Tiano 
per li fuoi abbommevoli tratti, e più per 
la avidità delT altrui , e per la propria 
avarizia era da tutti abborrito . Aveafidif- 
gttftati i Normanni , i quali , vedendofi 
troppo indegnamente trattari , inquieta- 
vano gli abitanti del Paefe , riduccndogli 
a loro difcrezione : perciò appo i fuoi vaf- 
falli niedefimi era entrato in abbomina- 
zione . Erafi ancora difguftato con Guai- 
maro III. Principe di Salerno , e per li 
fuoi modi riduife le cofe in tale ememi- 
tà » che fe lo refe fiero inimico . 

Tutte quelle cofe portarono la fua mi- 
na poiché Guaicnaro morto Errico proccuvò 
con ogni sforzo entrar nella grazia del 
novello Imperadore Corrado , e feppe si 
ben portarfi , che fi ftrinfc con lui con li- 
gami affai ftretti dì corrifpondenza , ed 
amore . Teneva Guaimaro per moglie 
Gaidelgrima ibrella di Pandolfo IV- che 
frovavafi^ ancora in Alemagna dentro due 
carceri riftretto : il primo favore che ri- 
chicfe a Corrado fu di riporre in liber- 
tà fuo cognato , e riftituirlo nel Princi- 
pato di Capua ( /x ) . Corrado alle fue pre- 
ghiere condefcefe , liberò Pandolfo , ed 
al Principato di Capua , ordinò , che fof- 
fc reftituito. 

Rainulfo , che co' fuoi Noftttannì era 
ftato così indegnamente trattato da Pan- 
dolfo di Tiano , apertafcgli si bella oc- 
cafione di vendicarfi di lui , tofto s' uni 
con Guaimaro , ed alle forze di quefto 
Principe aggiunfe le fue per far rientrare 
Pandolfo IV. nel Principato dì Capua 



gli antichi fuoi fautori che teneva nella 
Puglia, e dall' ifteffo Catapano Bagiano, 
e da' Conti de'Marfi, pofc toftoTalfedio 
a Capua per dìfcacciarne il competitore. 
Dife(e couui per un anno , e fei mefi la 
Piazza } ma non potendo da poi più {6^ 
ftenerla, fu coftretto renderla aBagiano, 
il quale fotto la fua protezione , e cu- 
ftodia ricevutolo , il fece infieme con Gio- 
vanni fuo figliuolo , e con tutti i fuoi por^ 
tare a Napoli , ove da Seiigio che n era 
Duca fu cortefemente ricevuto . 

Pandolfo IV. entrato in Capua , e re- 
ftituito nel Principato , non contento, co- 
me fono gli uomini ambiziofi , dì eff?r 
ritornato alle fue priftine fortune , foffc- 
riva con animo maligno , che Painlolfo 
di Tiano avefle trovato appo Sergio fecu- 
ro afilo, onde cominciò a meditare nnO'*' 
ve imprefe fopra il Ducato di Napoli fot- 
to quefto pretefto. 

Co' Normanni nemmeno usò quella gra- 
titudine , che richedevano i fervigj rile^ 
vanti, che aveangli prcftatì in queflEa con- 
giuntura , tanto che penfarono .da lóro 
ftefil di ftabilirfi in un luogo di que' con- 
torni dove meglio poteffero, chefoffeba- 
ftevole per farvifi una comoda abitazio- 
ne ; e prefero da prima un luogo , il oua- 
le credefi effer quello , che oggidì chia- 
mafi Ponte a Selice , tre miglia fopra A- 
verfa , che pareva fertiliflSmo ( i ) ; ma» 
quando fi difpofero a fabbricarvi , rinven- 
nero il fondo della terra tutto paludofo; 
che perciò T abbandonarono per girne là 
vicino a fabbricar la Città , che pófcia 
fu chiamata dal loro nome ^ufr/i la Nor^ 
manna y la quale fu da Rainulfo pofiTedu- 
ta col titolo di Conte per le cagioni ^ 
che diremo. 

Pandolfo IV. non tardò che un anno 
a porre in effetto i fuoi difegni contro 
Sergio Duca di Nàpoli . Era in quefti 
tempi il Ducato Napoletano , dopo Ma^ 
rino , di cui favella T Anonimo òalemi-» 
tano , governato da qtrefto Sergio , ed an« 
corchè per antiche ragioni ftaflfe fottopo- 
fto all' Imperadore de' Greci , nulladiman- 
co fi governava da' Duchi con aifoluto ar- 
bitrio fotto forma, e difpofizione di "^^ 



Re- 



In fatti quefto Principe foccorfo da Guai- pubblica. Moife intanto Pandolfo contro 

B 2 Na- 

(a) Oftìenf, Uh. 2. cap. 58. (b) GuìL App.Vit. i. 



Digitized by 



Google 



Napoli il fwJ; cfercito ì^Scibìo. colto così 
air improvifo , e lontano d^li. ajuti de' 
Grecia da' quali, non ebbe akun fòcccMrfoy. 
fu tofto. obbligato ufcir. dalla Città , che 
4òpo. breve contrailo fi tcfe al Priqcipe. 
Pandolfo :. e fu la prima volta, che Na- 

?oli fbffe foggiogata da' Prìncipi Longor- 
;irdi, e che paflal&.fotto il lor. domìnio. 
dòpo gli sforzi, di tanti, altri ^ che non 
poterono. mai conquifbarla : Pandolfo di 
Tiano fcappato , , come potè meglio , fug- 
giilene inRoma ,. ove ben tofto finì L 
v^ta^in un miferabile efilip,. 

Scacciato , Sergiq * dal Ihicato Napoleta- 
no v, non ..polendo altronde ottener. focgor-^ 
fo per difcacciarne Tinvafore, con provi- 
do configlio fi. rivoltò agli ajuti. de Nor-. 
XQanni > i^uaii afficurò di volergli trat- 
tare atfai più generofamente di quello- , 
che fin allora i Principi Longobardi avcan 
fctto • Rainulfo ,^ che mal corrifpofto da 
queL Principe , prendeva tutte leoccafio*^ 
ni , per; le- quali poteffe maggiormente fta- - 
bjilirfi , e proccurare i fuoi maggiori a- 
T.an?i , fu quefte prpmeffe accetta l' invi- 
to , e. co\ fuoi Normanni uniffi con Ser- 
gio , e gli predarono si fegnalati fervigj » 
che obbligarono .Pando]fo abbahdonar Na- 
poli dopo tre anni » che fé n'. eraingipa- 
drpnito, e fecero rientrare il ^uel Duca-- 
tp. Sergio cpn. fua ..{ols^ma.gloria ^ ,e ftima • 
Seiigio non /eguendo gli efempj ile' Prin- 
cìpi ; Longobardi ) memore delle promeile 
fatte a Rainulfo v'ofTervò la, parola data^ 
e fece co' Normanni . una flretta alleanza , [ 
e. pervunirfi,coQ.più ftretti legami » fi fpò- 
sò una parente di Rainulfo j : ed oltre ciò 
perchè ftaife ficuro dagl'infultidel , Prin- 
cipe di Capua , tra quefta Città > eNa- 
5 oli fri^poieyi un ficurp riparo *, ^coftituen- ^ 
p Rainulfo Conte (opra, i fuoi Norman-. 
m (tf ), alquale diede col titolo di Con- 
tado tutto il territorio intorno . alla Cit- 
t^ , eh' elfi fabbricavano , .e. che -allora a- 
ve^op , cpminciato ad abitare > la quale 
veniva a coprir^ il t)ucato di.Napoliì e 
poiché egli ftaya. applicato a vinantenere i 
Normanai in una grande avverflóne col 
Principe di Capua, fi credit > che da eia 
quella Città fpflefi nominata Avtrfa. 



I S.T O RIA CI V I LE 

te», per T autorità. di. Giovanni ViUanT ^. 
dice I, che- la, ragione che poteva avere il 
Duca Sergio di dare- il: titolo di Conte a 
RainulfP) dovette etfere il dominio » eh' 
avea Napoli, in. quel territorio , non ef-- 
fendo dittante • più. che. otto migUa \ tanto . 
maggiormente che il Villani ( A ) nella 
fua Cronaca di Napoli, dice ». che i Nor- 
manni edificarono vAverfà , la quale* per 
innanzi era Caftello di, Napoli. Maque-- 
fto titolo ,^ come più innanzi ^ vedremo 9 
fini la. fii-conférmato da. poi a. Rainulfo dall' Im- 
pcrador. Corrado .. Ecco come i; Norman- 
ni, cominciarono, ad avere' ih quefte no- 
ftre Regioni' ferma Sede ,. maacquifti }f-~ 
fai maggiori feguirono in appreifo per 
quelle occafioni >. che faremo qui a poco^ 
a. narrare.. 



L Venuta de figliuoli di' TìiìiCKEDt Conte 

c^ Altavilla . Morte dì Corrado il 

S fi lieo yc/ue, leggi . . 

RAinutfo veggendòfi in cotal maniera* 
ftabjlito in Averla, attefe a fortifi-- 
caryifi, ed incomincidr.atrattarfi dà Prin- 
cipe : inyiò Apbafciadòri al Duca di Nor- 
mannia , in vitando J. fuoi. compatriotti ^, 
che venifTero a guidar con eflbJui l'ame- 
i\ità dèi ^aefe , .ove già^ifedéva un Con- 
tado: T invogliò a. venire colla fperanza 
di poter anch' efii.impadronìrfi di alcuna 
parte di. quello • A queftó invito evenne 
m Italia un numero affai più grande de' 
Normanni y .che per V addietro fc^evi giun- 
to : con queftiv vennero ?i figliuoli iprtmo- - 
geniti di Tancredi d' Altavilla capo della 
famiglia,, di cui poc'anzi fi narrò la nu- 
merofa prole,., onde >furfero gli Eroi ^ che 
conquiftarono-non pur .quefte ooftre Pro- 
vincie , ma la . Sicilia ancora • La <fpedi- • 
zione de'; figliuoli di Tancredi ; in quefte 
noftre Regioni .deve.collpcarfi nell' anno 
1035. .i quali non, tutti ,neir ifteffo tem- 
po ci vdlflero , .ma i priiiii furono Gu- 
glielmo , .Drogone , ed-.Umfredo • .Gli al- 
tri vennero da poi , e foli. due. rimafero . 
nella lóro patria * ( ^ ) . . 

Qjiefti prodi Campioni andati prima a 
tentar la forte in diverfi luoghi, alla per- 

Non è.inyerifimile.ciòche 'il Summon^- fine, cogli .altri Normanni tgiun&ro in Ita- • 

lia,,, 

( b ) Pellegr. i?i Stemmata An. 1030. 0- Je. Villani Hb:i. e. 6o.\ ( e ) Malat. fib. i. v 
Jlienf. libf 2» cap* . 58. . ( b ) Chronic. Vleap. cap. 9. .1 1, 19. <> 58. Pfi. lib: 2. cap. 67. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB. IX. CaP- I. 



&à>. ed in Salerno fono: la.piDtezione j ed 
a^',ftipendj di quel Prìncipe finalmente fi. 
fermarono •. Reggeva in quefli tempi il 
Principato di Salerno, Guaimaro IV. figli- 
uolo del maggìorGùainoaro , il quale fin. 
dair anno lo^i. avea fiiiito i i'uoi gior- 
ni .^ Quello Principe feguendo i veftigj di 
ilio padre ebbcgli cari , e riconofcendo 
quefli novelli Normanni per giovani, fo- 
pra.tutti gli altri della. loro.Nazione mol- 
to diftjnti j ebbegli in maggior conto i 
foffe ciò per Tua. inclinazione ^.o per po- 
litica i egli è (ferta.,.cKe in tutti i. fuoi 
aHkri vaievafì.di quell;ye ne faceva una 
grande: ftìma > proccurando i maggiorilo- 
ro ingrandimenti } e come Principe pru- 
dentillimo' reggeva ^ perciò con vigore , e 
magnificenza il fuoStato- 

Dair altro canto Pandolfo Principe di 
Càpua y che mal feppe conofcergli 9 era 
venuto per la ^ua crudeltà, ed< avarizia ^ 
ìvAV indignazióne di tutti : le frequenti 
fcprrerie, e rapine che faceva alMonafle- 
XD Cafilinenfe. erano così infopportabili^ » 
che fihaltnente obbligarono <]ue Monaci » 
per liberarfi. dalla Aia tirannia , di ricor- 
rere in Germania, all' Imperadoie Corra- 
do. , al quale avenèt) efpofto. con pianti ». 
e. querele iguafti. che dava a quel San- 
tuario, lo pregarono a calar in. Italia p<r 
liberarlo^ dalle mani di quel Tiranno ,. 
umunentandógli dover a lui. appartenere 
là. loro liberazione* , eifendo quel Mona- 
ftero fotto la tutela fua ,, come era ftato 
fotto li fuoi.predècefiori , e immediata-* 
mente ibtto la fua protezione («).. 
. S' aggiunfero ancora ,. per. affrettar la 
venuta di Corrado in Italia, le rivoluzio- 
ni : accadute - in . queft' iàc{[o tempo < in Lom* 
bardia ,4 autore dèlie quali . in gran parte 
era riputato l^Arcivefcovo diJMilano<é) . 
Per quefle: cagioni finalmente fu rifoluto 
Corrado « intraprender il cammino verfo 
quefte noftre parti, e nell'anno lo^^ò.con 
valido efercitd, avendo paflato T Al pi en- 
trò in Italia, ed a Milano fermofiii, ove- 
fedati i tuniulti colla prigionia de' rebel- 
li , . imprigionò ancora T Arcivefcovo dì 
Milano > autore di quelli • Pafsò indi a pò- • 
co in Roma,; ove afcoltò le querele, che 
coatro ilPiincipe diCapua gli furot» por- 
tate dagwtc;infinita:. volle, conofcere de' 



«r 



fuoi falli, eportttofi nelMonaAero diCa» 
fino ^ mandò Legati a Pandolfo per ridur- 
lo; dr buon accordo a reftituire ciò , che* 
ingiuftamente avea occupato « a quel Mo- 
nafteiD ^ ma oftinandofi nella fua perfidia, 
fdègnataCorrado venne aCapua.egli ftef- 
fo , e. Pandolfo fuggendo la fua indigna?" 
zipne ritiroffi nella Rocca di S. Agata •• 
L' Imperadore ricevuto in Capua con fo« 
lenne apparata, ed allegrezza, nel gior* 
no di Pentecofte fu quivi incoronato con 
gran celebrità , e colle confuete cerinK)* 
nie «. Era allor coftume degl' Impeeadori 
d' Occidente, dixeplicarfovente Quefle fun- 
zioni ne' giorni' più celebri dell' anno , 
nel che è da vederfi l' incomparabile Pel- 
legrino nelle gaftigazioni all' Anonimo 
Caifinenfe i poiché Corrado non. in Ca.*- 
pua fu la prima volta, incoronato Re , a> 
Imperadore : fu egli {nrima ^lutato Re* 
nell'anno 1026. ed Imperadore nell'anno 
feguente ,. quando la prima volta venne 
in Roma « 

(In queft' anno appunto , che fu il 1027;. 
fu coronato in. Roma da Papa Giovanni 
V Imperador Corrado , ficcome narrano iF/>« 
poni Prete pag./^^-}. Ottone Frìfingenfe VL . 
cap. 29. che dice : Anno ab Incarnatiotte 
Domini MXXVIL^ Conradus Romam ve* 
niens &c.a fummo Póntifice Joanne ^oro-» 
natusy ab omni Poputo Romano Imperatoris ^ 
tà^Augufti nonn» /ortitur\ Lo fteffa fcrif-* 
fero Ermanno. Contratto , .Lamberto Schafnom 
burgen/e , Sigeberto Gemblacenfe ^ ed il Cro* 
nografo Saffone ad An; 1027. Pafsò in Pu- 
glia , e da poi in Germania fece ritomo • 
Nella fine da poi dell'anno 103^. tornò 
di. nuovo in Italia.:* fedo i tumultiin Min- 
iano :: imprigionò queir Afciveicovo^ ed 
avendo celebrata la Pasqua. dell'an; 1057. 
in Ravenna , fedàti nel Tegnente anno x 03 8. 
iromorrTfli. Parma , tornò di nuovo in 
Alemagna • Così fcriifero (trippone J^rete 
pag. 440. & feqq. Ottone Frtfingenfe'VL, 
e. 31.. dicendo : Italiam ingreditur , . Nata* - 
leque D'omini celebrans , per Brixiam ac Cre* 
monam ^ . Medìolànum venit , ejufdèmque Ur* 
bis Epifcopum , eo ^ quod conjurationis erga 
ottm-faBa reus . diceretur j cepiiy acPupionì 
Aquilejenfi Patrìarcha cujiodìendùm commi* • 
fit cS>'f.. Concordano Ermanno Contratto ^^ 
gli : Annali . Ildesheimenfi , il Cronografo » 



( a ) Ofi. iib. 2. cap. 6^.. ( b ) Antonih. 2. pan. tii. 16. cap. 2; §. i. . 



Digitized by 



Google 



H DELV IST 

Ssffóne'^ Atbenet ^ t Lhne €^lenft lib.z. 

Intanto Pandolfo con tutti i mezzi proc- 
curava placar V ira di Corrado , chiedcn- 
dogli 'perdonò 1 finalmente gli offerì tre- 
cento libbre d'oro , la metà delle quali 
offeriva sborfar prontamente , V altra me- 
tà a certo tempo , promettendo frattanto 
iofmo all'intero pagamento di dargli per 
oftaggi una fua figliuola , ed un nipote : 
^li accordò V Imperadore V oflFerta , al 
^uale egli toflo mandò il denaro , e gli 
oftaffgi • Ma non molto da poi pentitoli 
quefto Prìncipie del fatto, e reputando di 
poter con facilità rientrare in Capua fu- 
bito che Corrado fé ne foffe partito , ne- 
gò finalmente , dopo molto prolungare, 
di mancargli il reflante dell'oro. Corra- 
do allora avendo fcorto V animo di oue- 
fto Principe , e che appena ^gli partito, 
farebbe col fuo mal talento ritornato ben 
prefto alle rapine ,. ed alle crudeltà, pen- 
sò di privarlo affatto del Principato di 
C^ua, e darne ad altri V inveflitura* 

Convocò per quefl' effetto un' affemblea 
di Proceri , e Magnati, e di molti fuoi 
Baroni , alla quale volle che intervenif- 
fero ancora i Magnati fleffi di Capua ,' 
acciocché anehe col loro parere , e confi- 
glio-il faceffe , e nel cafo di do verfi Pan- 
dolfo deporre dal Principato , più matu- 
ramente innalzarvi altro perfonaggio , che 
ne ibffe meritevole • Fu pertanto depoflo 
Pandolfo , e non ritrovandofi chi potetfe 
meglio fuftituìrfi in fuo luogo , del Prin- 
cipe di Salerno Guaimaro-, Principe pru- 
dentiflimo , e eh' era in fomma grazia 
dell' Imperadore Corrado , fu a lui con- 
ceduta : e furoii allora veduti quefli due 
Princi^ti uniti in un'ifteffa perfona. 

PanmiUb lafciato fuo figliuolo nella Roc- 
ca di S. Agata, andò inCoflaminopoli a 
chieder foccorfi dall' Itnperadore . Ma^ que- 
fti prevenuto da Guaimaro , in vece di 
iomlniniflrargii ajuto , lo mandò in efi- 
Ho , ove per due anni , e più infino che 
viffe r Imperadore , dimorò : morto co- 
ftui , dal Itro fuccefTore fu liberato , ma 
non potendo ricever alcun ajuto , fé ne 
tornò fenza alcun frutto {a). 

( a ) Oflìenf. lib. 2. cap. 65* ( b ) Oftìenf. 
Ut. 2, cap, 6*y. Rainulfum qu$que , ipjìus 
Guaìmarij fuggeftìmit , de Comstatu Aver fa- 
m inveftivìt. (e) Oflìenf. /. 2. f.55. ko* 



R I A C I V I L E 

Allora fn che Guaimaro riconofcente de" 
fegualati fervig;, che gliavean preflato i 
Normanni , non tralafciava occafion d' in-* 
grandirgli , e di moftrar loro il dellderio ^ 
che nudriva in efaltargli , proccurò dall* 
Imperadore Corrado V inveflitura del Con- 
tado d'Averfa a favor di Rainulfo (*); 
poiché fé bene ,• come abbiam narrato , 
Rainulfo da Sergio Duca di Napoli fofTe 
fopra i Normanni flato fatto Conte; nul- 
ladimanco quel, che fi fece allora, fufo» 
lamente un ooriceder in ufficio aRainulr 
fo quella dignità, cioè di coftituirlo Ca- 
pitano fopra i fuoi commilitonf , come 
dottamente fpiegò il Pellegrino. Gl'Im- 
peradori d' Occidente riputavano allora ad 
efii folo appartenere il concedere, ed in- 
veflire i Feudi in tutta Italia , ed eflTer 
queda, loro fingolar prerogativa : ad imi; 
tazion de' quali pretefero da poi i Ponte- 
fici Romani , che ad efIi foli s'apparte- 
neffero l' inveftiture de' Beneficj , di che 
ci tornerà occafìone altrove di favellare • 
Perciò Guaimaro , per iftabilire maggior- 
mente i Normanni nel Contado d' Aver- 
la , proccurò che Rainulfo dall' Imperado- 
re ne foffe invefìito, in virtù della qua- 
\t inveflitura fé gli concedeva non fola 
in ufficio y ma anche in Feudo la Città , 
ed il Contado, e tutte quelle regalie, che 
fogliono venir comprefe in fimili concef- 
fioni . 

Ma ben Guaimaro ne fu corrifpoflo da* 
Normanni , poiché non molto da poi co* 
loro ajuti prefeSorrento, e ritenendo per 
fé il titolo di Duca di Sorrento, concedè 
quefla Città a Guido fuo fratello • Con- 
quido ancora col loro ajuto Amalfi, che 
per fé la ritenne, ed al fuo Principato la: 
fottopofe {e) . S' ufùrpò poco da poi il 
titolo di Duca di Puglia, e di Calabrisr, 
in guifà che nella fua perfona s'unirono 
tanti Titoli, e Signorie, che non fu Prin- 
cipe alcuno veduto in quefli tempi , in- 
nalzato a tanta fubl imita, e grandezza in 
quefte noflrc Provincie, quanto luì* Per 
quefle ragioni in alcune carte rapportate 
dall' Uahello neUa fua Italia facra, fatte 
fotto il Principato di Guaimaro IV.fi of- 
fervano tanti tkeli > che a quefto Princi^ 

.pe 
dem umpote Guaimarìus^ , Nermannh fa^^ 
ventìbus , Surrtntum cepit , & fratrì fuù 
Gttidcnì contulU ^ Amaljim nihihnùnus fu^ 
domingtui fubdidit • 



Digitized by 



Google 



DEL 
te V attribuivano 



RÉGNO DI NAPOLI LIB- IX. CAP. I. 15 

come in una data in rimanendo p poteftà del coQctdonte » 



Y^ 9 ««.UlVOATflUV 9 VVAIi« Ali U»l<l U«L# lU 1 IKAiail^i^ItAW ^ ^/l«IMI UC4 V^pftUf««WUm J 

Melfi 9 Vtgefimo fexto anno Principatus Sèi- quando gli piaceva y^ ripi^liarfi la «oia da 



Unti Domini nofiri Guaìmarii gloricfi Prin* 
rijfis y & fexto ann9 Principutus ejus ^a^ 
fud^y & quinto anno Ducatus illius Amai" 
fis j & Sirrentì ; & fecundo anno fiipra* 
/criptwum Principatunm , & Ducatuum Do- 
mùm Gifùìfi exinUi Principisi & Dueìs filii 
xìus y Ò* fecundo anno Ducatus eorum Apu- 
Jia I & CalabrÌ4 » m^nfe Junìì duodecima 
Jndi6lione ( tf ) • 

Intanto Corrado » da Capua partito , 
fmtoffi a Benevento ^ indi per la Marca 
aiìdofTene oltre i Monti , portando jeco 
f;li oftaggi , che da Pandolfo avea ricevu- 
ti i ed appena fcorfo un' altio anno finì 
i ^orni luoi inAl^magna neiran. 1039. 
lalciando per fucceflbr neir Imperio Erri- 
co (bo fidinolo f detto il Negro • 
^ ( Corrado appena fcorib un' anno , che 
ritornò da Italia, mori nel mefe di "Giu- 
gno inUtrech nella Frifia in queft'anno 
1029. Ottone Frifingenje VI. cap. 31. Non 
multo pofireverfo ab Italia Imperatore ^ San- 
Bamque Pentecofles in inferiori TrajeÉlo Fri- 
fia urb£ celebrante , in ipfa folemnìtate in* 
firmatus jPVIL Regni , Imperii vero XIV. 
amto dìem ultimum claufit , Concordano 
IVippone pag. 402. Ermanno Contratto ^ 
Lamb. Schafnithurg • Mariano Scoto ^ Sige- 
berto Gemblacenfe y Corrado Utfperpeyife ^ il 
Cronografo Saffoue > e gli Annali Ildeshei- 
fnenji.) 

Fra le molte {derogative , onde era Cor- 
rado adorna > fta la perizia delle leggi , 
ed il fommo ftudio > eh' ebbe in iftabil ir- 
le : egli calando in Italia prefTo Ronca- 
glia > (iccome era il coftume de'fuoi pre- 
oeceiTori , molte M ftabill tutte pruden- 
ti, e fagge • Alcune (e ne leggono nel 
terzo libro delle leggi Lomobarde, altre 
ne* libri Feudali , e moltiffime altre ne 
raccolfe Goldafto ne' fuoi volumi ( é ) • 

Egli fu il primo, che alle Consuetudi- 
ni Feudali aggiungefle le leggi ferine per 
regolar le fucceffioni : infino ad ora la 
fucceffione de' Feudi fi regolava fecondo 
i coftumi de' Longobardi , che in Italia 
gì' introduflcro . I Feudi , fecondo che ab- 
biam veduto, per antica rnnjìiftudine nod 
iqlevan concederli fé non a tempo {c)y 



'•7 



(a) UgkelLdoArchiep.Amalf. pag.2$^* 
{\>)Goldafi. t.i.p.^iz. (e) Lik 



ta la Feudo. I>t poi fu introdotto , che 
per un' anno aveflero la lor fermezza : in 
apprefTo s' anipliò durante la vita del vaf- 
fallo , né a' ngliuoli s' eftendeva ; finale 
mente fu ammedb uno de' figli , ed era 
quando il Padrone al medefimo confirma- 
va il Feudo , che al padre era (lato con- 
ceduto : poi s' ampliò a tutti i fì^li , né 
oltre, per le Coniuetudini Feudali s'efte^ 
fé la lor fucceffione. 

Corrado il Salico , avanti che in Roma 
f^ungeife a prender la corona dell' Impe- 
rio, neir anno ioq6« in Roncaglia « le? 
coudo il coftume de' fuoi predeceilQri , 
nell'atfemblea de' Principi , e del Popolo p 
richiefto da' fuoi Vaifalli , che fofle con- 
tento d'ammettere alla fucceffione de'Feu- 
di non puri figli, come erafi pef IcCon- 
fuetudinì Feudali introdotto ^ ma anche i 
neppti nati da' figli, e quefti mancando, 
poteffero fuccedere ancora i fratelli del 
defunto, glie lo accordò, e fu perciò pro- 
mulgata legge, per la quale ftabili » che 
fé il Feudartario non avrà figli , ma nipo- 
te dal fuo figlio mafchio, abbia queftì il 
Feudo : e fé non avrà nepoti ma fratelli 
legittimi , abbiano quefti ancora il Feu- 
do 9 che fu del loro comune padre ( ^ ) • 

Quefta legge , che vien per intero rap- 

Srtata dal Sigonio ( e ) , ancorché i Compi- 
tori de' Libri Feudali non ve V ayeflero 
interamente in quelli inferita , fi legge 

Serò nel libro terzo delle leggi Longobar- 
e , ove tutte le altre leggi degl'Impera- 
dori d' Occidente come Red' Italia furo- 
no Mccolte , le quali non iblamente iti 
Lombardia > ed in tutte le altre parti di 
Italia , ma ancora in qiiefte noftre Pro- 
vincie, toltone quelle , che aU!.Imperio 
de' Greci erano lottopofte, ebbero Jtorza, 
e vigore , per cucile ragioni , che altre 
volte abbiam detto nel corfo di quefta 
iftoria , e particolarmente ne' tempi di 
Corrado , ne' ijuali V autorità degl' Impe- 
radofi d^ Occidente era nel colmo della 
fua grandezza ne' Principati di Capua , di 
Salerno , ed in quel di Benevento i eifen- 
dofi veduto > che effi deponevano i Prin- 
cipi fteffi , e de' loro Principati difpone- 

van 
I. Feud. tìt. !• 5* I* (d) Lib* ^.LL.Lon^ 
fob. tit.ZJe béìiejxciif , /.4. (e) Sig. A^ ioz6. 



Digitized by 



Google 



li 



DELL* ISTORIA CIVILE 



van a lor talea!» ; saitif (iecome vedraffi 
più innanzi quando bièlla Compilazion di 
quefle leggi , e detle Feudali tratteniifi , 
maggiore fu nel noftro Regno la forza , 
ed autorità delle leggi Longobarde , che 
delle Feudali.. 

Non è -però , che Gerardo de Nigris Se- 
nator di Milano nel primo libro de' Feu- 
di ( j ) non aveife rapportata la fentenza 
di guefta legge ; ed i Compilatori degli 
altri libri Feudali la tralafciarono d' infe- 
rire tra le altre Coftituzioni Feudali degli 
altri Iifiperadori , che a Corrado fucccdet- 
-tero , per queftMftefla ragione che ritro- 
vavafi già inferita ne' libri delle leggi Lon- 
gobarde., T ufo tde' quali era più freauente 
f)reffb i noftri >maG;giori , che quello de' 
ibri Feudali : fé bene da un luogo d'An- 
drea d' Ifernìa ( A ) fi raccoglie ^ che in 
alcuni Codici delle leggi Feudali, che al- 
lora andavano attorno , ancor che in mol- 
ti luoghi tronca , e mutilata ., era ftata 
pure trafcritta.. 

Altri Capitoli di quefto Principe abbia- 
mo nel libro fecondo de' Feudi fotto il ti- 
tolo de ^apìtulis Corradi , ftabiliti pari- 
mente in Roncaglia, ove de' Feudi pur fi 
tratta : né , per dir ciò dì paflaggio , è 
condonabile l' error di Carlo Molineo ( r ), 
il quale nell' ifteffo tempo , che biafima i 
noirfri Interpetri , i guali per l' ignoranza 
dell' Iftoria caddero m meriti errori , in- 
ciampa egli fteffo in ciò che ad altri bia- 
ìima j riputando quefti Capitoli di Cor- 
rado, effere non del Salico , ma dì Cor- 
rado IL quando quel Corrado di ch'egli 
parla, non fu mai in Italia, onde aveffe 
quelli prelTo Roncaglia potuto ftabiffre.' 

Quindi ancora fi convince l' altro error 
di Molineo {d ) , nel quale tion poffiamo 
non maravigliafci eflervi ancora caduto , 
oltre Cragio , ed Ornìo , il noftro diligen- 
tifiSmo Pellegrino (tf) , i quali per leg- 
giere cagioni reputarono Lotario I. nipo- 
te di Carlo M- autore di quella Coftitu- 
zione , che fi le^ge nel libro primo de' 
Feudi (/), per la quale la fucceflìon de' 
Feudi fu eftefa anche' al patruo ; tantoché 

(a) Tib. I. thA. §. 2. (b) Andr. hi 
Comm. in L omnibus pofttìt* de proVtb.Feud. 
alien, per Lothar. ( e ) Molin. de Feud. ». 
51. (d) Molinaus de Feud. »• .75. (e) 
rellegr. in differì, pag. 62. (f) I/^, ^ 



fé foife di quello Imperadore , non Col- 
rado il Salico verrebbe ad etfer il primo y 
che alle Cenfuetudini.Feudali aggiungei« 
fopra ciò leggi fcritte , ma Lotario L che 
più di 200. anni >prima di Corrado tenne 
l' Imperio d' Occidente . 

Ma fi convince quefta le|ge effere fi 
Lotario III. ( che altri con più verità ap- 
;pellanoiL poiché dell'altro Lotario, che 
per pochi giorni in tante rivoluzioni di 
cofe invafe 1' Imperio dopo Berengario ip 
•non dee averfi conto) non fjiì. di Lotario 
L per effere ftatapromulgata in Roma neir 
anno 1153. o 1137. fotto il Ponteficato di 
Innocenzio , non già 3' Eugenio , come 
fcorrettamente fi legge ne' Codici vtilg^ 
ti, neir Aifemblea (com'era il coftume) 
de' Sapienti , e Baroni di molte Città d' 
Italia; e fu confermata da Lotario la leg- 
ge di Corrado intorno alla fucceflione de'' 
Feudi ; ed oltre di ciò , ampliata la fuc- 
ceflRione anche a favor del patruo , lì clie 
Corrado non avea fatto , ficcome dotta- 
mente notò r incomparabile Ouiacìo (g) 
a torto dal Pellegrino riprefo . E ciò fi pa- 
nifefta con maggior cliiarezz^ponderan* 
do , che fé fino a' tempi di Lotario t. ì 
-patrui erano ammeffi alia fucceflione de' 
Feudi , farebbe ftata coft ridevole , con 
tanta prenmra , ed iftanza porger preghie- 
re a Corrado , come fecero allora i Feu- 
datari , perchè ftendelfe la fucceflione a* 
fratelli , quando ciò 200. anni mima fa 
conceduto da Lotario anche a fevor de' 
patrui • Convincono altri argomenti , che 
'deve quefta legge attribuire a Lotario HI. 
li quali poffono vederfi preiTo Schiltero , 
e Struvio ( A ) • Ma deve quefto abbaglio 
condonarfi • al dili^entifiSmo Pellegrino , 
che volle per quefta volta metter la fal- 
ce nell'altrui meffe, ma non già al Mo- 
lineo intendeutiifimo ideile noftre le&jgt 
Feudali* 



CAP. 

Feud. tir. i^. (g) Cujac. de Feud. tib. 
2. tit. 17. Nam quod Je^uitur de Juccef- 
[ione Feudi , confiat primum introduxijfe 
Ccnradum , tonfitmavìt antem Lotharius . 
( h ) F. Struv. hiftor. Jnr. Feud. §. i. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI KA^OLl LIB. IX. CAP. IL 



C A ?• IL 



tl^nquìjl^ de Normanni fopra la PUGJJjÌ . 

IN que' medefiml tempi , che da Corr;^- 
4o fi proccurava dar qualche provedi- 
mento. alle cofe d^ Italia » furfero in que- 
lle noftre parti ocpafioiu cotanto favore* 
voli per r ioerandimeato de' Normanni) 
che ricevute da efli con avidità gP invo- 
gliarono a cofe maggiori, ed a più alte 
imprefeà Que* prodi, e valorofi (lampio- 
ni, che in Salerno militavano fotto gli 
aufpicj di quel Principe , crebbero per va- 
rie cougiunture in tanta potenza , che co- 
minciò a renderfi fofpetta a Guaimaro iftef- 
fo : il credito > che s' acquiftavano fpeiial- 
mente i figliuoli di Tancredi , gli dava 

3ualche ombra , quantunque non oiade 
imoftrarlo ; onde per fottrarfi da que((i 
fofpetti , fi pofe a cercar modo d' allonta- 
nargli da fé con gualche onorevole occa* 
fione , temendo inueme fargli bene , o ma- 
le in fua Cafa ; ma ecco che gliene ven- 
ne ofterta una, la quale fu profittevole 
i^ual mente ad entrambi. 

L^ Imperio d' Oriente , che , come fi dif- 
fe, dopo la morte di Bafilio, e di Co- 
fiantino ) era governato dall' Impecador 
Romano Ar^jro, ^plr^ %equenti difor- 
dini, e rivoluzioni cirili,. andava aùfe- 
ramente decadendo dalla fua grandezza , 
e fplendore ; ed éifendo efpofto alle irru- 
zioni de' Saraceni, il furor de^ quali non 
erano baftanti que^l' Imperadori a teptì- 
mere, era patfato m gran fua parte lòt- 
to la loro dominazione. I Greci che im- 
putavano la loro declinazione alia dappo- 
caggine de' loro Sovrani, fovente tumul- 
tuanJdo fi facevano lecito ammazzare il 
proprio Principe, ed in fuo luogo fofti- 
tuirne un altro, ch'effi (limavano atto a 
poter reftituire l'Imperio nell'antica gran- 
dezza i ma da' fuccefli contrari > ^ fuori 
delle loro fperanze , fpeffo trovandoti de- 
lufi , reiterando imprudentiflimameixte i 
medefimi mezzi di tumulti, educciiWni^ 
cagionarono finalmente la total mina di 
sì -grande, e v«fto Imperio^ A quefto ri- 
guardo , avendo innalzato fu '1 Trono Mi- 
chele Paflagone , permiferO) che dacoftui 

Tom. IL 

(a) Curopalata hi fi. ftl. 109» Cedreno 
hìjl.fot. loy. Lupo Protolpata in Croi». JU>n^» 



V Imperador Romano fotfe 
uccifo. Qiiefto acooffto Principe per gitt» 
flificare appreifo iPnpoli la fiia tlevaziap 
ne^ e rendergli fieuci di non cCerfi , coni* 
altre volte ^ ingannati neUa fniefiUtasin- 
ne al Trono , pensò oon nna rilevaoct 
conquifta , accf^tarfi , e dìfegnò difcao» 
ciar dalla Sicilia i Saraceni , e riunkln 
come prima al Greco Imperio» onde ék 
que' Barbari era fiata fottratta : mandò p«r 
tal etfetto nell'ani^ 1037. nn'armau in 
Italia fotto la condotta di Gioi^ Mn* 
niace (Catapano, il auafo eCenéovi ginn» 
to, mife il tutto ali opra, per efeguire i 
diiègni del fuo Sovrano ( « ) • La fama del 
valore de' Normanni era ginnta fin nell* 
ultimo Oriente , onde Maniaee riputò qna*- 
fi che neceifario per agevolar Timprefii 
aver diquefti valorofi campioni : fece pen* 
ciò in nome dell' Imperadore pregare il 
Principe Guaimaro di fargU avew di qne« 
fti prodi foldati , che poc' anzi nel in» 
paele aveanfi acqniftata tanta ripntaz ione» 
afficurandolo , che notf mancherebbe o«- 
cafione di riconofcere, e ricompenfiire un 
tal fervigio • Ma egli non bifognava a 
Guaimaro far tante promeffe, per farlo 
confentire a ciò che cercava . Qiiefti affai 
più che Maniaee, defi^erava di dargli i 
Normanni , .a' quali avendo efpofta la co- 
fa > diraoftrolla di lor fommo vantaggio » 
e da non rifìutarfi , a^&^iuni^endo ancora 
per fé mednfimo prometfe moho vantag- 
giofe a quelle, cheavea loco fatte in no- 
me dell' Imperadore • 

I Normanni confiderando queft'o^cafio- 
ne poter loro portape non men gloria^ 
che maggior ftabilimento de' loro intevef- 
b, toilo accettarono il partito, e partinn 
no da Salerno in numero di trecento , 
avendo alla lor tefta Guglielmo, Drogo- 
ne, ed Umfredo figliuoli di Tancredi, 
che non avea molto, che dalla Norman- 
nia erano quivi venuti {b) . Furono da 
Maniaee oon molta gio)a ricevuti , ed im- 
mantenente , avendo anche filtro venir daU 
la Puglia > e dalla Calabria , Provincie che 
a' Greci ubbidivano, alquante truppe , fe« 
ce preparar la flotta ; e partito per dar 
fondo in Sicilia, giunto aMefiiou lacin^ 
ie di ftretto atfedio^: fe tale il valor de* 
Normanni in queft' im^fa , che refafi ben 

Q tofto 

/a. Cronaca B^Mfe #W. Péikgf* A.iqjIÌ. 

(b; Oftieni* lìb. %. cap* 67. 



Digitized by 



Google 



ff 



'Btir IdTbRtA ^CIVILE 



lièto ÌflpMtz:iv Maaiace a* Tali Norman* 
m dichiarà- tener obbligo di sì bella con- 
MÌib) e nddoppiaiido la ftima , in cui 
gU avea» fece loro de'prefenti cjpn nuo* 
f«rffome#è per animafi^i fempre più a 
taAoiofiimefite oonibatteré (a). Avanzóf* 
Ènei paeft , e fi refe padrone di un|nin 
itMiero di pofti rilevanti , portando mfi* 
tb a Siracvda l'atfedio. Comandava que-* 
Ai Piazti per li Saraceni un tal Arca- 
dìo 9 il ijiiale con cfftrano valore aflkltatt- 
do r aMHNi dé^Gtf««i , la^ mife in difer« 
ditte^ di cllegfóndefflente glo^iavafi » quan>* 
do ecGo che Guglielmo fcaricogli lopr^ 
^h fcffia uh colpo di lancia , cne io ro'« 
vefeiò morto a-itK>i*piedi. I Greci, e'Sa* 
raeetit ne reftaròno ugualmente ftupefat- 
ti^,- e tienfiy che in queft*occafióhe feife 
dito a Guglielnfo4t ióprannòme MBrac^ 
dhdifen0 4 

• iliiéiifono ben'toliò i Saraceni le lorc^ 
tMppe , ma efTeitdofi Guglielmo co* ftioi 
pdno ilia teftft de^ Greci i le diflSpò in 
nnniera, che i <^ci ruttarono padroni 
di4 Campo ; ma approfittandofi i Greci 
della vittoria a' Normanni fol dovuta f 
ftoich'eifi^ altra parte non v' aveano avu-^ 
tisi, che di fpettatori, fi prefero tutte le 
^gtie de' nemici , e le divifero infra lo- 
ro ^ fenza lafciar nulla a' Normanni, che 
l'avevano col lor valore acquiiftate . Eflì 
ancora col folito lor fafto y ed alterigia 
cominciavano a tener poco conto di que-> 
fta inclita gente , ed il comando delle 
Piazze a' Greci folamehte era dato j fen- 
za hme parte alcuna a loro , come furo-^ 
no le promede di Maniace . Mal fbddi-* 
sfatti di tanta ing#tftitudine penfarono far 
penetrare a Maniace- quelli torti, che lo- 
co ttfsvano i Greci , per ifcorgere com' 
egli la fentiva, e k approvava ciò 5 eh' 
era avvenuto . Erafi aecompagnato co' Nor- 
manni in que'fta fpedhiiòne un valentuo- 
«10 Lombardo della famiglia dell'Arcive^ 
fcovo di Milano , come narra OfKenfe (t\ 
appetì aiCD Arduino ; ma Curòpalata , eCe- 
dreno vogliono V che queft' Arduino foflc 
ftato Capitano della (quadra Normanna ì 
il quale fealtro , ed intendentiffimo dell' 
idioma greco, ferviva loro d'Interprete : 
mandarono cottili aManiace, affinchè ve« 

(a) Malater. Li. h. e 6. (h) Oftìenf. 
/• 4, €. dj. Piliegr. bi'eaifUgiiid Lup. Pròtop: 



nendogli in iicconcip gli rapprefentaffe le 
loro querele, come fu deftramente fatto ; 
nu auefto Capitano fi tenne otfefo di que- 
fte <K>glianze, e riconoicendole conte aii* 
attentato alla fua autorità, fé la prefe eoo 
colui, che glie l'efpofe. Di vantaggio a- 
Vendo Arduino prefo un bel cavallo da 
un Saraceno, CUI avea rovefciato a terra , 
vennegli richiedo da poi per parte di Ma* 
niaee) al quale egli coftantemente aven- 
dolo negato gli fu tolto a forza con mol- 
to* fuo rotfore, évergogna^ infino a ferfo 
frufbnrei Intorno al Campo Qc), Gugliel- 
mo Pugliefc ( ^ ) , e Cedreno (0) rappor* 
tano queAo aflronto elfere ftato fatto ad 
Arduino non già da Maniace , ma da Du* 
deone ; che a lui fuccedè nel comando . 
Comunque ^afiy reputando i Normanni 
gì' ignominiofi tratti effere ftati ufati non 
nten'aC'Iofo, che ad Arduino, che gli ri- 
cevette y fortemente irati , volevano fui 
Cfampo iftetfb incontaneme prendere le ar- 
mi contro de' Greci per ilcancellarc col 
loro fangue l'ingiuria, che dianzi aveano 
ricevuta; nla Arduino, che meditava ven- 
dicarti con più frutto y r impedì , e mo- 
fbrandofi più fcaltro ^ eh' i Noi'manni iflef- 
fi,' gP impegnò si diflimularicf , come lui » 
il fatto, iafino ch'egli adempieife un cer- 
to difegno j il qi^lè ^rebbe loro aperta 
ftrada a maggirfft , VpJfr grandi conquif^e . 

Vcnnegli in penfiero , che per lo ftato , 
nel quale erano léf fòrze de' Greci nelle 
Provincie di Puglia ,• é di Calabria , non 
era dadifperare^ che invafé da' Norman- 
ni non dòì^effero cedere fotto la loro do- 
minazione ; ed ih fatti non potevano efii 
afjpcttaf miglior tcntpo che quefto : poi- 
ché quefte Provincie , per l' impreia del- 
la Sicilia 9 che aveano allora i Greci per 
le mani aerano tutte sfomite di truppe » 
avendole Maniace fatte trafportar , come 
fi diffe, ki Sicilia a queir ìmprefa: né era 
da temer de' Provinciali j 1 qualf per V 
afpro governo de'C-atapani che le regge- 
vano , e pet il loro iafto , ed alterigia » 
fovente aveano ribellato , e fol la fohra 
gli ^fcnea riftretti : tanto era lontano , che 
fi voleffcro opporre a cbloro , che pròc- 
curavano di iottrargli d*' imperio de' 
Greci , cui efli abborrivano , e deteAavano 

in 

C e ) Oftienf. /. 2. e. 6j. Malater. /. x. cji. 

( d ) Gugl. Appul. /. j. ( e ) Cedr.;>. 62^^ 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB. IX* CAP. IL 49 



iìi goka , die per ibttrarfene aveano tea* 
tato di fottoporfi a Melo ch'era lor Na- 
zionale , e fatto Cittadino Barefe • Eraao 
aocora le lor forze indebolite per le guer- 
re , che fpetfo erano lor moflfe da'noftri 
Principi Longobardi; ma fopra tutto p^r 
le frequenti Scorrerie de' Saraceni , i qua- 
li fortificati nel Monte Galgano tenevano 
ia Puglia in continui timori ^ e fcoavol- 
gim^nti . 

Dair altra parte i Normanni fi vedevMi 
crefcere tuttavia in. gran- mimerò , venen*- 
done altri da giorno in giorno , o- dalla 
Normannia , ovvero da Terra Santa , ove 
aindavano^ in pellegrinaggio . Lo ftabUi^ 
inento di Rainulfo nel Contado d'Aver* 
fa conferiva molto a mantenere gli inte- 
reffi della Nazione ; poiché oltre la pa^* 
Antela, e l'alleanza con Sergio Duca di 
Napoli , teneva quefti'così ben efercitati 
nell' arte militare 1 funi guerrieri Norman*- 
ni, che non v'era imprefa grande » alla 
quale efii' non follerò adoperati • 

Ma ibpra tutte quefte 6ofe,non fi può 
credere quanto vi cooperaflero i fconvol- 
gimenti y e' difordini che avvenuero nella 
Città di Coftantlnopoli , àtt pofero ibf- 
fopra gì' iaterejffi di qnell' Imperio >, e di 
tutte le fueProviìicie.Qjlefte furono le 
congiunture più favofeyoli , che finalmen* 
te gli fecero venir a fine de' loro difegni 
iiella.maniera> che faremo qui a poco a 
narrare* 

Arduino per coprire fotto contrario ^ 
manto (}ueftl difegni, moftroffi con Mar 
jBÙace niente toccato degli ai&onti , ikco- 
me lo diifimulàrono i Normanni parimene' 
te , e come nulla di ciò foflegli avvenu- 
to, trattene vafi tranquillamente con tut- 
Ù i Gre^ fuoi conoicenti. ia breve fep^ 
pe cosi benfimnlare, che come narra Ma«> 
laterra («; , avendofi con doni guadagna- 
to il Secreurio di Maniacc, oprò tanto,, 
pfae euenne un padaporto per andar in 
Calabria goa alquanti de' fuoi . Lione O- 
ftieniè (iy^ narra , che per aver tal liceit«- 
za diede a fentire , che voleva andar in 
Roma per fua divozione, a vifitar que'luo- 
giù fanti : comunque fiaft, imbarcatifi uni 
noi^ i Normanni con lui , traverlarono 
il Faro col favor Ùkl paflaporto fenz'al- 



^un oftacolo • Appena sbarcati intCalfl» 
bria fi mifero a vovinar tutta- il paefe-^ 
e verfo la Puglia s'incamminarono, pea- 
fando di renderfene padroni, e ne aveal 
già coaceputa una ben fondata fperanza* 
Intanto Arduino portoffi in Averfa a fol* 
lecitare per la medefima imprefa il Co»* 
te Rainulfo ; gli efpofe i fuoi difegat^ 
la facilità della conquifia , e(fere la Pi^ 
glia iènaa difenfori,.t Greci all' iototl» 
edèminati , la Provincia ben ampia , ad 
opujientiifima , ed ormai doverfi vergogn»- 
re , ch'eifendo crefciuto il aumefo de' 
Nornunni iniqui nell' armi , e per unte 
vittorie illuftri, di tenergli più riftìretti 
tra le penurie, e difagi, e fra gli angu<- 
&i confini d'un picciol Concado (O-Pi^c*- 
qu^ a Rainulfo il configgo , approvando 
quapto Arduino aveagli efpofto, e feniè 
frappor dimora unifce alquante truppe.^ 
le difpoiie fotto dodici valorofi Capitani , 
e perchè fra effi non nafcetfe alcwta di- 
foordia, fu di buon accordò oonvemito > 
che gli acquifii fi £urebbero egulmeote 
fra di lor jpartiti }*ma ad Arduino prime 
.autor dell' imprefa fé |^i foffe data^law»' 
tà di tutto ciò che fi fiuebbe conquìOi^ 
ao, giurando cia&wio con'folenne facra>- 
mento d'oflervar eiattameote quel ehe&a 
4' elfi erafi concordato • Ne rimandò adui^ 
que Arduino con treoeaft>'foldati V il qu» 
le miitofi con gli altri Normanni adila 
Puglia, portò l'afTedio immaBOBiiente ia 
Melfi ^ ima delle Ciaà più confiderabUi 
allora della Puglia v Sorpsefi gliabtunti^ 
tofto re(eio la Piazza; indi immameBm^ 
te occuparono Venofa, alla quale bea 
tofta ae^iunforo Afooli , e Lavello. La 
Città di Melfi , che per lo fuo. fito natn^ 
rale era ben forte, avendola ^cia bea 
fortificata, e di alte torri munita, fi re» 
fé inefpugnabile ; quindi la coftituiroae 
Sede del loro donaimo ,- e Capo delie al- 
tre Città convicine da> effi- conquiftàar a 
CosX i Normanni readutifi.in quefl^anoo 
1041. padroni d' una confidèrabil -parte 
4lelia Paglia 5 cominciarono indi a p6oa 
a dilatar i confini della loro domiiiaaio^ 
ne fopra tutta qaeAa Pr<)vincia. 

I Greci forprefi per quefta perdita, ed 
impazienti per ripararla, furono impedi- 
re H ti 



(a) M^aiec lìKu (b) Oftì^ tìò.i. céf. 67. (e) OHj^ hcB dmo. 



Digitized by 



Google 



to 



DELL* ISTORIA CIVILE 



ti 4a' diibfdtni » chcopportuaMiente quafi 
fft farorive i Normamii accaddero iaO- 
nente^ e che pofero if| ifcompigUo tutta la 
Corte dì Coftantinopoli . L' Imperador Mi- 
chele (opra nominato Paflagone , cui flm- 
peradrice Zoe amò tanto, che in ricom- 
|Mifa del commercio , che feco avea avu- . 
lo> lo innaliò al Trono Imperiale, cad- 
icin una forte di mal caduco, che at* 
tediato del gevenay l'obbligò a renderti 
Monaco. Quefti kfciò l'Imperio al fuo 
BÌpote, chiamato parimente Michele , co- 
gnominato Calefato, fotto il governo di 
Giovanni fuo zio ; ma quefta novello 
Ccfàre fi fefe per le Aie crudeltà, e per 
aver diicacciato Giovanni , a cui tanto 
dovea, e niolto più per aver trattato in- 

fatanentt V Imperadrice Zoe , dalla qua- 
era fiato adottato per figlio, e che avea 
Mocurato innalzarlo alta dignità Imperìa- 
It y cotanto odk»lb , ed abbominevole pref- 
£> i fiK»i fudditi, che apertamente tumul- 
tuando nmifero Zoe nel Trono . CoOei 
toflo , òhe fii in quello riftabilita , fcaccìò 
Calefato, finendogli anche cavar gli oc- 
chi, e ipofoffi con C^tantino MmoiMro», 
che divenne ancóra cmiforte air Imperio 
( if ) • A cagione di qoefti torbidi , che pfe- 
cedefmio, e fisonirono da poi , gli zKtLti 
4elU Puglia, £lla Calabria, e delta Si- 
oilia givaa molto male per k Greci . Ma- 
mace pensò approfittarfene , e diede qual- 
che folcilo, che; voleffè p^r k occupar 
la Sicilia , ed «Éèndone ftato acculato al» 
ja Coite , fu ben toflo richiamato, e con- 
éesoato in una ftretta prigione • Quefte 
dìvexic eatalbofi impedirono la Corte di 
Coftantinopoli a poter arrecare i difegni 
dtf* Normanni , i quali in quel mentre 
Aveano felicemente efegnito in Puglia ciò, 
che Maniace diigraziatamente avea tenta- 
t^ di fare in Sidlia • 

Ma alla perfine i Greci ruppero ogni in- 
dugio , e r Imperadore unendo un valide 
•feicito , lo mandò in Puglia fotto il co- 
mando d' nn nuovo Generale Duclione ap- 
S^lato, per ripigliare le Città, ch'erano 
ate loro involate , con ordine di non 
far quartiere a' NomMOni , ma di ftermi* 



fa) GugTteK Aùpul.CedrenuSj P^g'^^9' 
^ fif9^ ( b ) Ofiien/. K 2. cap. 67. Gauft. 
M/Ul éu U.u caf.9^ Gu^lìtink App.Ma. 



nargli affatto • Ecco die fi pugna Atroce- 
mente pretfo il fiume Olivento ^ ma iti 
cotanta la bravura , e il valore de' Nor- 
manni , che ancor che di forze , e di nu- 
mero molto inferiore , ruppero i Greci , 
ne fecero ftrage immenfa , e Duclione ap- 
pena fcap^to potè awifame di sì infau- 
^ avvenimento T Imperadore in Coftan- 
tinodoli (A) . Quefto Principe fortemen- 
te crucciato fece unir altre truppe, e to- 
Ao le mandò a Duclione: fi pugnò la fe- 
conda volta preifo Canne, e pure i Gre- 
ci rdftarono vinti . Vollero di nuovo pref- 
fo il fiume Ofanto attaccar altra batta- 
glia, ma i prodi Normanni fempre for- 
ti , e maravigliofi lor diedero in quefta 
terza volta sì terribile rotta ( f ) , che 
fconfitti :^tto, fi refero padroni di mol- 
ti altri Caftelli di quel contorno , e del- 
le fpoglie de' Greci arricchiti , fi ftabiliro- 
no con maggiore potenza in quella Pro- 
vincia • 

(^uefti< valorofi infieme , e fcaltri Guer- 
rieri , temendo che la lor potenza non 
portafie gelofia avvicini Principi Longo- 
bardi , e per maggiormente readerfi be- 
nevoli gli animi (figlie gemi del paefe , 
Senfarono eleggerfi un fupremo Coman- 
ante , che fofle della lor Nazione , -al 
quale come commilitoni ubbiditfero • li 
Principe Pandulfo IIL che reggeva inque* 
fti tempi Benevento teneva un fuo frateK 
lo Adinolfo appellato : penfarono a co- 
ftui , e per lor Duca concordemente 1' e- 
letfero {d). 

Intanto la Corte drCoftantinopoli ^ cui 
quefta infelici (ucceffi aveano oltremodo 
torprefa, imputando a Duclione ogni di« 
fetto , tofto richiamollo , e fatto unire una 
più confidembile armata, là fecepaéàrin 
Calabria fotto la condotta d'un altro Ge- 
nerale • Quefti fu Exaugufto , fopranno* 
raato Annone da Malaterra , figtinolo di 
quel Bugiano , il quale^ nell' Imperio di 
BaClio fi era cosi egregiamente poruto 
contro il famofo Melo (e), ma quefti y 
che non ebbe miglior fortuna del tuo pre- 
decetfore, venuto a battaglia co* Normaa« 
ni fottir Monte Pilofo 1 a come rapportai 

r. 
(e) Guglìet. Ap. Ter GMs Uh vìSarìm 
cmtìgìt armo • ( d ) Ofiìenf. lìb. a. c0fi% trjm. 
(e) ApMÌ.iikuGiirmup.Jh^ 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO 151 NAPOLI LIB- IX. GAP. H. 



^l 



Cedretio (#) preflb Monopoli , ebbe si 
firaM , e terribile Sconfitta ( nella qoale 
fesnalòfS iòpra tutti Guglielmo Bratcio- 
d'rfsrro } che tagliata a pezzi la maggior 
parte del fuo efercito , fugati , "e totalmen- 
te diffipati i Greci fu ancor* egli mifera- 
mente prefo» e fatto prigioniero. I Nor- 
manni tutti allegri , e trionfiinti per un' 
azione cotanto gloriofa , avuto fra d' effi 
configlio che doveffeiro fare della perfona 
d' £]^ugu(lo , deliberarono di fame un 
dono al Duca Adinoifo ^ come fecero ; 
ma quello Principe lafciati i Normanni > 
avendolo feco portato in Benevento , e 
penfando poterne da quefta preda ritrarre 
grandi ricchezze , contro V efpettazion de' 
Nonaanni , to vendè a' Greci , e tratfene 
una rilevante fomma d'argento. 
^ Di che fdegnati fortemente i Norman- 
V ni 9 i quali né tampoco avevan avuto in 
tanti incontri gran fàggi del fuo valorv, 
furono rifoluti d' elegger altri per lor 
Duca 9 e concordemente eleffero Argiro 
figliuolo del ftmofo Melo , il quale po- 
co prima 9 ffaindo carcerato inCoftantino- 
poli y fuggì deftramente dalle carceri coli' 
^Kxafioae della morte di Michele Pafla-* 
gone y e rtcovratofi in Pnglia , fìi da' Nor- 
manni ricevuto con grande applaufo > e 
fiima^ li ^uali non arrifchiaMofi ancora 
per li motivi di fbpra addotti, far cade- 
re quefla elezione in uno della lor pro- 
pria Nazione , ftimarono meglio di por- 
tar quefti ad onore si grande , innalzan- 
dolo su d' uno feudo y fecondo la maniera 
«ifata in quel tempo da' po{ft>li -di Francia . 
La Corte di Coffaintioopoii , non fa- 
p^ado quai Capitani più eleggere i pensò 
Calefat» dì valerli di bel nuovo di Ma- 
niact> onde trattolo da prigione ^ lo man* 
dò tafto in Calabria contro i Normanni 
< 6 ) • Quefti. ìiiolle fegnalar fopra gli altri 
k fua venuta con «rudeltà inudita > ^ po- 
fe tanto terraie nd pa^efe , che i Nor- 
'^manni , «dendofi eoa Ini cimentati pref- 
fb Monopoli , e Matera ^ e fcorgendofi di 
fnme difuguali penfarono mq^io di riti- 
rarfi dent*o alcune Piazze tomi y atten- 
émè»' intanto ch^ qneftì gran fwia > e 
tanpofta per qualche piofpero awcAimeiv* 
to pitfifRi. 

( &;> Ceàten. fag. éoé^. ( b ) Gugl. Afp. 
im. pag. &u^ i «IS« Zmgfm^ 



Non andarono ingannati , perA che non 
pafsò molto tempo , eh' effendo fiato , do- 
me fi ditfe , r Imperador Calefkto depo- 
ftodair Imperio, e dall' Imperadrice Zoe 
innalzato al Trono Coflantino Monoma- 
co, a cui ella fpofbffi : Maniace fenteni- 
do di^iacere dell' innalzamento di Co- 
fbntino » de' tanti difordini della Corte 
pensò d' approfittarfi , e ribellando aperta- 
mente da Zoe, e Mouomaco , con dife» 
gno di favfi egli da' fuoi aderenti accla- 
mare Imperadore , perduta ogni fperanza 
di foccorib da Coflantino, s'intricò a più 
pericolofe imprefe , che lo tennero occu- 
pato y e diflratto in molte parti • Egli 
allora depofto ogni rifpetto, edubbidien-* 
za al fuo Principe , devaftò crudelmente f 
e barbaramente tutti i contorni di Mo* 
nopoli, di Matera : nell' iftefTo tempo » 
che dall' altra parte Argiro aveva prefo 
Giovenazzo , e pofto 1' atfedio a Trani : 
in^i etfendo flato dall' Imperador Coftan» 
tino mandato Pardo con un tefor grande 
d'oro, e d'amnto in Puglia 'fter nuovo 
Catapano , amn^di reprimere la perfidia 
di Maniace : qnefli che ne fu avvifato , 
fé gli fece incontro co' fuoi foldati , ed 
ammazzatolo miferamenie , gli tolfe via 
ogni cofa , fé medefimo arricchendone , t 
profondendone anoora molta parte all' e- 
iercito , fi fece gridare Augufto , veften- 
dofi di tutte l'infegne imperiali (r); da 
poi avendo in vano sforzata Bari , riti- 
roffi a Taranto , ove avea collocata In 
fua fede «^ Quivi da Argiro , e da' Nor» 
manni fu a^diato , ma giti vuoti quefti 
difegni , egli da poi in Otranto fermoffi ^ 
donde nnalmente nella Bucarla , travet- 
fando r Adriatico portoffi : quivi pugnali* 
do con Stefano Sebaftoforo, reflò in bat- 
taglia vinto , e prefo : fìigli troncato il 
capo , e mandato all' Imperadore in Co* 
flantinopoli ( ^ ) • 

I Normanni in tante rivolnioni non 
tralafciarono approffittarfene ; onde fenza 
molta fatica attefero a riacquiftare ciò 
che aveano abbandonato all' arrivo di Ma- 
niace . E rafibdate ori con maggior fer^^ 
me^za le loro fortune per altre cottqni«> 
Ae , che di giorno in giorno facevano ^ 
penfarono per mnggior ficurezza a non 

vo» 
W. I. (e) GugM. Aff. lìb. I. (d) C#* 



Digitized by 



Google 



M DE LU ISTORIA 

woler altri. Capitani ,, che della. loro Na- 
aùone i. e fé bene Àrgìroera da effi te- 
nuto^ in. molta fiima^ Bulladimeno aven- 
do fcorto f. che fono la di lui condotta 
mal aveano potuto foftenere gli sforzi di 
Maniace , e che le maggiori azioni ^ e 

S'ù gloriofe a CugUelmo Bracciodiferrù fi 
^veauo y credettero di far. iseglio ^i fot* 
tometterfi a lui ; . onde radnnatifi in . queft' 
aaoo 1043*. nella Città di.Matera ^ ove 
Maniace pochi mefi prima avea : efercita* 
to le più : grandi , crudeltà ^ T eletfero lor 
Comandante , e datogli per onore il ti- 
tolo di Conte f. fu perciò > eh' egli fotfe 
il primo-», il quale Conte, di Puglia fi 
nomade *. 



CIVILE ^ 
lo fimdardo ; quafi che fotte ftatd 



j^.L Dì Guglielmo Bìracciodi* 

.FCA&O h Conft dì Puglia y creati^ 

F' anno 10^^.. 



t 



QUefti fu il furimo Titolo > e prind- 
^pio di. tutti gli altri Titoli >> che la 
"^ r^pi^ caia* Normanaa ebbe* in Pu* 
la 9 e da poi in Sicilia >. il qiial non 
^ ebl»e t n^ P«r ^tttcMrità di PapaJknedet* 
to IX. né dair Impenùlor. Greco Còftan- 
tino XL che allor imperava in Oriente 9 
pui .y comt nanano Lupo Protofpata , e 
Lione Oftienfe , per dezione de' Capitai* 
ni» de'foldati» e del Popolo ^ cioè de'.Si- 
gnori Italiani > Lonflobardi 9 e Normanni 
Capi , e madori dell' ^ercito y i quali 
V&itifi a configUo y ^decretarono ,. che fi 
conferire il Titolo 'di Conte a Gugliel^ 
910 Braccìodiferro^ il qnal decreto appro* 

?ando tutti i Capiuni minori , e tutto 
efcKito Italiane» e Normanno > k foU 
datefca tutta l'acclamò Conte » che fii il 
meglio dato y e più legittimo , che fé o 
dagli Imperadori d' Oriente y e d' Occi* 
dente ^ o dal Papa lo ricevere • Egli è 
credibile , come fufpica Inveges {a)y che 
i Normanni in quefta elezione aveder u- 
late particolari cerimonie nel crearlo Con«> 
De, 9 e che oltre il fiiono de' timpani ^ e 
delle trombe, che comunemente accoftur 
na^rafi nella promozione de' Conti ( o^ 
me può vederfi preA> Ugone Falcando , 
quando Rioeardo diMandra fn fatto Coor 
le di.MoUft } r avetfero detto Conce 
coir antica cerimonia Italiana di dargli in 



(a) ^naL di Faìtm. pan. 3. An. 1043 • 



mano 

conftituito Gonfaloniere della, nofira lega 
Italiana , e Normanna contro 1' Impera^ 
dor Greco ; e che da ora fopra dell' ar- 
ale per fegno di Corona ufafife unfemplir 
ce cerchio fenza gioia > per diftinguerlo 
da' titoli di Marchefe y e di Duca y e fen^ 
za td^ìy per diftinguerlo da' titoli di Pri» 
cipe , ma così fcbietto y. com' era alloia 
deaerati. 

I Normanni adunque avendoli incotal 
guifa eletto per Conte di Puglia Gugliel* 
mo, acciocché pacificamente potetikro go- 
dere delle loro conquifte , ed infra di lor 
ro non poteffe allignare alcun femedidi*- 
fcordia, penlarono a dividerfi di buon ac- 
cordo le Terre conquiftàte > e quelle an* 
Cora che aveano in anioK) di ooaquifta* 
re« Elfi nel oominciamento della loro do- 
minazione nella Puglia iatroduffero una 
politia» e fosma di governo non diffimi- 
le a quella ^ che per dieci anni tennero 
i Longobardi y quando morto Clefi non 
curandofi di rifare un nuovo Re , diftri- 
buitefi infra di loro- le Città > del Regno» 
ciafcuno colle medefime lèggi »-. ed iftituti 
amnùniftrava il Contado a tfeconAmetfo» 
e nelle deliberazioni più' gravi 9 e dinto- 
meino in Pavia Città principale fiiilevan 
tutti convenire, ove aflembrati confoiu- 
vano degli affari . pia rilevanti della Re« 
pubblica « 

I Normaaaà apeoiehè.militatfero fotto 
un Capitano 9 cl^; l'eletfero per evitar le 
coafufioni ,^ ed i difordini^.che fbgliono 
accadere quando nell' knpreie - un m^ 
imperi; nulladìoMno ciafcuno^ più oune 
compagno , che come miniftro in guerra 
erafi adoperato y e molti v' aveano avuto 
nelle con^Ufe cgual parte « e Ibmmiai* 
ftraca ugual opra y e ioccorfi) . &atnulfe 
Conte di Avelia v' avea mandata mola 
gente folto dodici Capitimi : Guglieimo 
Braccfodiferro erafi eotanto in qnall' in»- 
prefii fefpialato : eranfi aiicora diftinti fo^ 
pra gli altri Drogone y e Umfinedo fooi fnn 
telli ; Arduino primo auior deli' impicfiis 
e molti prodi y e valorofi Campimi » i 
quali non lafoiaròno ancora m tante w^ 
cafioni c%orre le loro pe^fone in «gni 
pericolo y e cimento • Perciò oA Sm étk 
princ^io y che s' accinfero a si nobile im« 



Digitized by 



Google 



DEL R^JGNO'Dr IfAPOlT Elfe fX. CAP. II. ^^ 



, y £ buon ftccwdo convennero , che 
ciò che li farebbe conqntfbto y mm dg- 
▼elb ad un fole darli , che ne foife fbl 
-fKidione, ma «gualmenre infra dìlor par* 
tirfi • £ quantunque Guglielmo foffe nato 
«htti^ Conte , quéffo non fb ^ che a fol 
titolo d' onore , non che , come fu da pòi 
▼ariate, la Puglia cedefife fotto la domi- 
nazione d' un tok> . 

Por qnefte cagioni fti da efB introdoir 
to in Quefti ^ÌYicip) untai governo, che 
t' aoeomva più Air Arilioctktko y che 2i 
Moatrchico ; perciò confultando il tutto 
con G«iaimar0 Principe di Salerno lororair* 
tko alleato f intimarono una Dieta in Mel- 
fi , ove tutti per qiieft" etfetto doveffero 
convenire , alfa quak invitarono ancora 
Gnaimaro » e Rainulfb a dovervifi trova- 
re (ìt) • Elfi in ^uèfta guifa fi divifero 
te Città. A Rainulfo Conte dVAverfa fi 
diedis la Città di Siponto col Monte Gar* 
gatto con tutte le Aie Terre , e Inoght 
appartenenti a! medefimo. A Guglielma 
Bracciodiferro fi diede la Città d' Afcoli ^ 
confirmandogli il titolo di Conte ^ che di 
€(Knmi confenfo già gli fi era cooceffo « 
A Drogone Vetiofa . S^sMfegnò ad Amoli- 
no Lavello: Monopoli ad Tigone : Trani 
a Pietro t Civita a Gualtiero: a Ridolfo^ 
Canne : a Triftaitio Montmiiofo : Trigen- 
to ad Erveo: Acerenza ad Aiclittino: S. 
Arcangelo a Rodulfo : Minervino a Raim- 
frido : e ad Arduino, fecondo ciò » che 
aveano giurato, fugli ancora afifegnata la 
porziofi lìia . Cosi hx partito ciò eh' effi 
infkiora aveano cotrauiirato in Puglia . So* 
lo la Città diMeln, ch'era la prima, e 
kptìk forte Piazza ) che infino allora avea- 
no acquiflata > reftò a tutti comune , Effi 
St la ferbarono per aver un luogo ove 
pote^ero ragunarn , qualora doveano de-* 
liberare delle cofe più rilevanti delia lor 
Nazione: quindi* Melfi cominciò ad eftol« 
ì^rt il otpo fbpra V altre Città della Pu« 
glia , onde i R(»nani Pontefici la riputa^ 
von capace di potervi ivi rajgunar qual- 
che Concilio, ^ome fecero j ed effendofi 
anehe Amalfi refa celebre per la naviga^ 
zìene , quindi avvenne « che pretfo gli 
Scrittori^ Oltramontani » non bene intefi 
de^ noftri luoghi , fpelfb confondendo Tuna 
coir ikffa Città» prendono Tuna per T^* 

(a) Ojiienf. lib. i« céf.ój. 



tra , ingannati dall' unifbrnfltà del nome\ 
Ecco-corae i Normanni fi refero padrOh 
ni della maggior parte della noftr^ Vii* 
glia: né s'arreftò quf il corfo delle loto 
•coìiquifte, die poco da pòi portarono tó- 
pra V àhré Erovincie , come quii a poc6 
ravviferemo . Effi la tolfèro a' Greci , che 
la potfedevatio^; ancorché flmperador dfi 
Occidente vi pretendeffe avervi dritto , 
come -^e d* Italia , a* quaK nel Regno de* 
Longobardi fu fbttopofta , e da' Duchi di 
Benevento era amminiffarata per mèzzo 
de' CaftaMi , che vi mandava , e perciò 
ricaduta in poter de' Credi , aveano ne' 
tempi degli Ottoni fovcntc pretefo di fot- 
toporla air Imperio d' Occidente , ancor- 
ché i fucceffi non corrifpondeffero a' loro 
difegni . 

Intanto Argiro effendofi divifo dà'Nor- 
manni, veduto che da effi nella diflribu* 
zione delle Città non fé gli era àffegna- 
ta parte alcuna, avea rivolti i fuoi pen* 
fieri ad altre imprefe : egli non fi curò 
molto di queflo , poiché il fuo intento 
era di ferfi Principe di Bari, come Meld 
filo padre , ed avendo avute opportune oc- 
cafioni di renderfi neHa grazia deir Im« 
phcrador Coftantino Monmnaco, per avet 
ripreifa la fellonia diManiace, ed obbli* 
gatolo a fuggir in Bulgaria , ove fìi fatttf 
morire $ ottenne da queflo Principe non 
fol la fua grazia , ma gli concedè Bari 
col titolo di Principe, e di Duca di Pu- 
glia ) facendolo anche Patrìzio , affinché 
come Tuo dipendente mantcUefle i fuoi 
intereffi , che avea in queffc Provincie . 
Così Argiro in quefla altra parte della 
Puglia fermata, militando fotto gli aufpi- 
c) deir Imperador d' Oriente, diede prin- 
cipio ài Principato di Bari , che finalmen- 
te pafsò pure fotto la dominazione de* 
Normanni, come diremo. 

Intanto i Normanni ficcome andavano 
maggior forza acquiftando , cosi fi face* 
vano 'più anintofi , e poco men che info^ 
lenti con invadere i vicini^ . Quelli che 
fotto Rainulfo Conte d' Averfà militava- 
no ^ fovente moleihvano il Monafbro di 
Monte Cafino , e finalmente vennefi a 
manifefle iuvafioni} ma effendofi loro op-^ 
pofto l'Abate, era la cofa per terminare 
m una fiera guerra > (ir Guaimaro loro 

ccft* 



Digitized by 



Google 



Ri A CIVILE 
ào Afclittino timi dUcciéio ; uè hìtbmm 
<y»afi»adergli eoo gli altri NorauBui del- 
la Puglia 9 e della Calabria f che ftifoiio 
della razza di Tancredi Conte d' AIi^tìì* 
la(0.. 

Quefti ancora > per la mortie di GiigUel- 
vao 9 penlarono imnaantenente a fiiftitmic 
in lue luogo un aUfo , che potefTe ugual- 
mente lollenere le lue veci ; onde eletfe- 
ra per Conte diì?ugiuDre^t§f Tuo fraceU 
l9(/)» prode, e valorola Capitano, Pir* 
ri « su la credenza che Guglielmo ^avdb 
lafciato di fé figliuoli , librile , che ìotìutt^ 
to i Normanni , queui figliuoli ofclufi , 
avetfer^ in fuo luogo eletto Drogone (tm 
fratello , perchè (\ueft' era il lor ooftumc 
di preferire a' figli i fratelli maggiori del 
defunto i ma come benoflervò (^) , <iiie- 
fta è una ragione in tutto vana ; poiché 
j^pre(U> i Normanni medefimi il Ducato 
di Normannia fi trasferiva da padre a fi- 
glio i fi^ome il notano la Cronaca Kor- 
m^una, e Gordonio, e mancando la de- 
fcendenza del figliuolo , allora fucce^eva 
il fratello i ficcome al III. Riccardo, V. 
Duca già fterile, fuccedè il II. Ruberto» 
VI. Duca fuo fratello , come notò Govdo- 
nio nell'anno 1028. Onde è più verifimi*^ 
le , che in queft' anno al titolo di Conte 
fuccedetfe il fratello , e non il figliuolo 
di Guglielmo. 1 perchè quefti o non «eb- 
be moglie . in. Italia , ed in Francia ^ o ^e 
Tebbe, fu donna Aerile , ed infeconda » 
come crede Inyeges; ovvero che in que- 
fti princi{9 non per fucceffione , ma per 
elezione erano rifatti i Conti di Puglia « 

$• IL Di DaoGOKfi IL Conte di Puglia . 

MEntre Drogone governava la Puglia » 
fu incredibile T ardore , e T impa- 
zienza 9 che gli altri fuoi fratelli minori , 
ch'erano rimafi in Normannia, avcanodi 
venire a ritrovarlo } il loro padre Tan*» 
credi faticò molto per ritenerne almeno 
due appo lui , per mantenere la fua cafa 
in Normannia • Roberto , « gli alt» fuoi 
fratelli qui fi coaduAiero , teco portando 
molti altri gentiluomini della lorNasio- 



Z4 DELL'ISTO 

cpUeoto 9 ed infieme amico dell' Abate 
non fi foflie frappofto per pacificargli^ co- 
me fece. 

Ma in qtieft' anno zo4^. rimafero i Nor- 
gMnni imittiflimi per la morte accaduta 
di due loro lamofi Capitani , Quei di Pu- 
glia perderono il famofo Guglielmo , il 
jCondottiero di tutti i loro a&ri , nella 
'di cui periona s'univano con maraviglia 
r inirepidezza 9 ed il valore contro i ne- 
mici , ,e la dolcezza , e T attabiltti verio 
1 luoi . Egli , come icrive Guglielmo Pn- 
glielmo Pugliefe (^) fuo contemporaneo, 
era un Lione in guerra, un Agnello nel- 
la focictà civile, ed un Angelo nel con- 
figlio. Non regnò in .Puglia, che tre an- 
ni , ed abitò m Italia dal 1035. che vi 
venne , infino alla fua morte dodici an-r 
ni i e fu lèpellito nella Chiefa della Tri- 
nità di y eaoia , Cittì , la quale nella ri- 
ferita divifione era ftata aifegnata a Dro- 
gone luo fratello. Gli altri d' A vcrfa po- 
co da poi perderono il Conte Rainulfo , 
al quale, non avendo di fé lafciati figli- 
uoli , diedero per fucceifore Afclittino , 
che fu cognominato , fecondo Oftienfe {b)^ 
il Conte giovane , e da Orderico Vitale (r) , 
de Quadrelli^ . Qjicfti rcffe il Contado di 
Averla piccìol «tempo , poiché mprto neir 
anno 1047. ancorché avetfe di fé lafciati 
figliuoli, invafe tofto il Contado Rodol- 
fo , dà Oftienfe cognominato Cappello , e 
da Guglielmo Pi^hefe (^), detto Drin- 
canotto ; ma ben pr^fto ne fa coftui fcac- 
ciato dagli Averfani , i quali eletfero per 
Conte un altro. Rodolfo, Trinclinotte sl^ 
pellato ì e quefti , morto pocp da ppi , 
gli Averfani pofero in.fup luogo Riccardo 
figliuolo d' Afclittino , il quale trovandoti 
allora nella Puglia militando agli itip^n- 
d) di Drogone , che aveagli anche data 
per moglie una fua forella , fu da elfi ri- 
chiamato » ed al Contado d' Averfa pre- 
pofto • Q.uefti fu , elle nell' anno 105 S. 
avendo discacciato il Principe Pandolfa V. 
da Capua , fi ^fndè padrone di quel Prin- 
cipato , che poi trasmife a' fuoi pofteri , 
come diremo. T^nto che i primi Princi- 
ei di Captìa Normanni dai fangue dique- 

^- ne 

( a ) GuL Apn Vsb^ 2, r. 12. ( b ) Ofiimf. eelabratis , ftcmdus [fatar Drogo tctius Apu* 
lib. 2. cap. ó-j. (e) Orderic. Vital. lib.^. Ha dominatumfufip^. (g) Itn^eg^pMu^. 
(d) Gugl. Apput. Uh. i. (e) Pellegr. m A, lo^d. 
òtem. (,{) MétUm.lib^^eap.i2.JExejuiis , . 



Digitized by 



Google 



DEL HEGNO DI KAPOLI 
«e , 1 quaK ptdaTatt» in Italia noti arma* 
ti) con levata di fanti , e di cavalli ^ 
ma travediti in abito di pellegrini , col 
bordone in mano, e colla tafca alle fpal- 
le 9 come feandaffero a' Santuari de'Moti- 
ti CaTmo^ e Gargano , per non eflkr fat- 
ti (vigionieri da^ Romani , i quali veden- 
do in Puglia cotanto fiorire quella ftranie- 
ra Nazione^ già V avean per fofpetta, e 
nemica così degV Italiani ^ come de' Gre- 
ci (tf) • Stabilivano perciò > e augumen- 
tavanfi fempre più i Normanni nella Pu- 
glia i al che conferiva V accuratezza di 
JDrogpne » il quale per meglio ftabilirfi , 
fece crear Conte Umfredo III. iuo lirateN 
lo ^ e primogenito a riguardo degli altri 
fuoi fratelli minori ; ed a Roberto , che 
fu poi detto Guifcardo, il primo natodeU 
la feconda moglie di Tancredi , conoicen* 
dolo per un Cavaliero piii fpiritofo , ed 
intraprendentie degli altri , 1 impiegò ad 
imprefe più nobili « e generofe • Egli aven- 
do coaqniftata la FoFteua diS.Mai*co pò* 
Aa su la frontiera di Calabria , vi mifc 
Roberto dentro per guardarla , ed inde- 
me perchè poteffe fecondo le occafioai di- 
latar i confini (opra la Calabria. 

Ma mentre cosìDrogoue proccurav^agli 
avanzamenti 4ella fua Nazione , acca4<lero 
in quefti tempi altri fortunati fucceffi , 
che gli portarono maggior ftabilimento , 
e fermezza fopra la Puglia di recente con* 
quiftata. L'Imperador Emco IL che co- 
me fi dii&f a Corrado fuo padre eranell* 
Imperio fuccedato ^ etfendo diftratto per 
la guerra d' Ungheria , non avea potuto 
molto badare alle cofe d' Italia i ma dis- 
brigato come ^tè meglio di queir iropre* 
fa > fu per vane cagioni da dura neceflSr 
tà coftretto di calare in Italia. Lo richia- 
mavano in quefte parti il fentìre- i tanti 
ravvolgimenti > che alla giornata accade^ 
vano itt quefte noftre Provincie , fopra le 
quali egli come Re d' Italia non .voleva 
perdere quella fovraaità » e que' diritti , 
che V aveaoo efercitscto i fuoi predecefTo- 
ri } e ^ beno* non molt^ fi curaiTe deli' 
ingrandimento de' Normanni nella Puglia , 
e nella Calabria 9 riputando fuo vantaggio 
fe tutte intere quefte due Provincie fi to^ 
^ìietkfo a' Greci i nuUadimeno defidera- 

Tomo IL 



LIB. IX. CAP. IL 



va 9 che i Normanni foflero da le dipen" 
denti > e ficcome i Princìpi Longobardi lo 
riconofceyano per Sovrano » così efii do* 
vetfero riconofcer lui . Ma molto più l^ 
richiamavano in Italia i difcMPdtni > e la 
confufioni > e le deteftabili enormità di 
Roma nate per V elezioni de' Romani Pon- 
tefici ; poiché etfendo xlimimiita in Roma 
r autorità Imperiale > ed avendo il Popolo 
riaifunta l'autorità d'eleggere il Papa, ri- 
tornarono in quella Chiefa le confufioai» 
ed i difordini . Non fu mai veduta que- 
ila Città così miferameote afflitta ^ per 
l'avarizia, ed efecrandi coftumi dell'Or- 
dine Ecclefiaftico come in auefti tempi • 
Non facevano allora difficoltà i maggio- 
ri Prelati comprare sfacciatamente perda* 
nari i più alti minifterj , fino al Sommo 
Sacerdozio , e fcambievolmente vendere 
da poi le cofe più fante. Non avean al- 
cun riparo a vivaforzST, e colle armi alle 
mani mvadere la Cattedra di S. Pietro i 
e quando le fazioni, e le armi mancava- 
no , di ricorrere alle ambizioni , alle &> 
monie , a' veleni , a' tradimenti , ed alle 
uccifioni, poiché non s'-era ritenuto Be« 
nedetto vender parte del Pontificato a Sii* 
veftro III. ed un] akra parte a Gregorio 
VI. fedendo tutti e tre in Roma ia un 
medefimo tempo con molta confofione i 
mailimamente , che quefto Gregorio eltèn- 
dofi armato di foldati a piedi , ed a ca- 
vallo , e con molta uccifione avenclo oc- 
cupata la Chiefa di S. Pietro con le ar- 
mi » aggrandiva notabilmente la fua par* 
te • Erano ite in bando le lettere , e la 
dottrina de' Padri , e del Vangelo non avea 
in loro lafciato alcun vefligio* Non s'ar- 
roflivano i Diaconi » i Preti , ed i ycko- 
vi fitefli nelle loro cafe ^ ed in Roma me^ 
defima tener pubblicamente le concubine, 
ni fi. vergognavano ne' loro te lamenti la- 
iciar credi i loro figliuoli facrilegi ^ che 
da quelle avean g^naratl. In breve avean 
ridotta Roma in una Babilonia, né v'era 
fcelleraggiue » che non commettenfero , tan- 
to che que' pochi , che per la loro fom- 
ma virtù non furono contaminati > e che 
fcriifero delle calamità di quefti tempi , 
confefiano non aver parole baftanti per 
efprimere tante enorniità > e fcelleratez- 
D zei 



(a) Ordertc.VìtaK lìb.^. Sub fpecìe Pere^ìnotum petas^ & òmcuIos porrantes (»e fji- 
pfrentUT a Rormms) in Apulìam abhrunt , 



Digitized by 



Google 



%6 



DE tu ISTORIA CIVILE 



ze ; ed il celebre Abate Defiderio, che 
vifte in quefti.medefitni. tempi , e che poi 
. tflfìitito al Pontificato fu detto Vittore IIF. 
narrando in fpartequefti orribili ecceffi > 
teiliSca fgomentarfi di: rapportargli tutti 
per r orrore 9 che tante.enormitàaveanglt 
recato ( « ) . ^ 

Venne perciò :£rri€0 in Roma in queft* 
anno 1047. 

(Sembra fra Scrittori eflenri gualche va* 
rietà intorno a fififar l'anno di ouefta ve- 
nuta ài Errico in Roma. Alcuni la Mano 
nell' anno 1046. altri nel 1047. ma tutti 
però dicono lo^fteffoj poiché qué' Crono- 
grafi antichi , che commciavano a contar 
gli anni dalla natività del Signore , la 
coronazione :S Errico feguita in Roma per 
mano di Papa Clemente IL nel giorno di 
Natale la portano nell'anno 1047. Cosi 
Lione Oftienfe 1. 2. e. 79. fcriffe : Henrìcus 
Imperator Chuonraéft filius ^ tot de }Roma' 
na y & Apofiolica fede nefandis .auditis'.y 
calitus infpiratus ) anno Domini M.XLVIL 
italiam ingredìens^ Romam accelerai. Sic- 
come fé eziandio Ottotie Frìfingenfe VI. f.3 5. 
dicendo : Anyio ab incamatione Domìtiì Af, 
XLVIL Heìiricus Rex vitìorìofijfxmus , in 
die Natalis Domini à Clemente ^ronatus^ 
. Imperatoris & Augufii XC. ab Augujìo 
nomen fufcepit . Inde per Apuli am exerci* 
tum ducens , cum honore ,ad Fatr'iam rever^ 
titur • Ed Ermanno Contratto ad Ann. 
1047. In ipfa Natalis Domini dicy prafa- 
tus Suidegerus &c, ex more confecratus tà* 
nomine auClus , Clemens IL vocatuy efl .. 
Qui max ipfa die Heriricum Regem & Con-» 
jugem e/us , Agnetem , Imperiati Benedi-^ 
Bione fublimavit ,y &c. Altri Cronografi , 
che non fan comi^iciar F anno da Dicem- 
bre nel giorno di Natale » :ma<:he da Gen- 
naro feguente oda Marzo ^ collocano que- 
fti avvenimenti neir. anno precedente 104^* 
ficcome fanno Sigeberto Gemblacenfe ad 
An. ioa6. Alberico ad An. in^6. Mariano 
Scoto aa An. 1046. ed altri Germani Scrit- 
tori rapportati da Struvio Syntag. Hijior. 
Germ. difert, 14. §. 18. fag. 407. ) 

Ed ancorclià a tanti mali proccufaffe 
dar qualche rimedio , con fugare Benedet- 
to, mandarne via Silvcflro , e relegare in- 
GerHiTinia Gregorio ; con tutto ciò erano 
cotanto i coftumi degli Ecclefìafticì dete- 

(a) Defider. tib. 3. in prin. Ab.deNu* 
€4 in Exsurf hìfl. ad Oftienf lib. 2, cap. 79, 



(labili) e r ignoranaf» si grande, che do- 
vendofi eleggere il < nuovo Pontefice , eoa 
intenfo dolore efclama Oftienfe (^), che 
non fi potè trovare alcuna in Italia , che 
fotfe degno d'un tanto Sacerdozio; tan- 
to che per minor male bifognò , che fi 
'veniffe ad eleggere un Saffone , Vefcovo 
ch'era di Bamberga» il quale Clemente 
IL nomoifi. 

I Romani foddisfatti d' Errico per que« 
;fte cofe sì profperamente adoperate , Io 
.eleffcro-per loro Patrizio , ed oltre della 
Imperiale , lo fregiarono dell' aurea ^coro- 
na Patriziale. Disbrigato .Errico dagli af- 
fari di Roma, a fin di comporre le cofis 
di quefie Provincie , incammmoffi verfo 
le medefìme con Papa Clemente , e vi- 
fitato eh' ebbe Monte Gafino , in Capua 
fermoffi ( r ) . Il "Principe Guaimarò per 
nove anni avea tenuto il Principato di 
Capua , di cui da Corrado , tòlto che V 
ebbe a Pandolfo , ri' era fiato inveftito ; 
ma queftò Principe portava molta gelofia 
agli altri per tanti acquifti } egli dopo 
avere al Principato di Salerno aggiunto 
r altro di Capua , aveafi ancora tottopo* 
fio il Ducato di Sorrento , e l'altro più 
ragguardevole d' Amalfi : teneva per fuoi 
dipendenti i Duchi di Gaeta : ed oltre a 
ciò coir ajuto degli ifteffi Normanni , che 
Argiro tenendo afTediata fiari.^ aveagli 
mandati , aft>irava alla conquifta della Pu^ 
glia , e delU Calabria ; né s'era ritenuto, 
come fi diffe^^ per mofirar il fuo fatto ^ 
tra i fuoi titoli ufurparfi anche quello di 
Duca di Puglia , e di Calabria . 

Dall'altro canto Pandolfo , che da Cor- 
rrado era fiato (cacciato , e che dopo la 
morte di^Calefato, liberato dal SuccclTore 
dall' efilio , era dritomato in Italia ., coli* 
ajutò .de' Conti d'Aquino, e del Sefto co- 
%iinciò a penfare come potctfe riporfi nel 
fuo Principato ; laonde tnorto Corrado , 
il quale non potè mai per la fua crudeltà 
fopportarlo, e fucceduto Errico,, -entrò in 
migliori fperanze . In fatti venuto Errico 
a Capua per T inceffantì fue |»regl^ere , e 
ricchi doni , aggiungendofi ancora la gelo- 
fia della foverchia potenza di Guaimarò, 
r Imperadore fenza ufargli violenza , fi 
adoperò deftramente con Guaimarò per 
farfi renunciare in fue mani il Principato 
' di 

ih) Oftienf lìb. z. cap. 7^ ( e ) Oftienf 
lib. 2. cap. 80. 

Digitized by VjOOQIC 



DEt REGNÒ DI NA 

di Caipuft > ficoome^ ièguì i e con ciò fu 
da Ivi reftituìto a PaQdolfo,,«d a Landol- 
fo fuo figliuola (tf )-» 

§.. lU-jPr/W Invefihure date dairimfira^- 
j, dorè Errico a Nmaanni^^ 

COmpofte incotal guìfa le cofe diCa- 
pua , volle Errico afficurarfi de' Nor^ 
roanni , die' quali prendeva gran cura aver- 
gli per fuoi dipendenti. Non aveanptra* 
icurato intanto Drogoae Conte; di Pilglia,. 
e RainulfoConte d* Averfa-itibito-cfc'Er- 
rico ^iunfe a Capua > . di mofirarfegli ri- 
yeventi, e rifpettofi ; effi lo • viikarono 9 
e r^alafiono di molti. cavalli» e di grof- 
fa quantità di denaro «Allora, fu ch'Er* 
rico 'diede V inveftìtura a quefti Principi 
Normanni del Contado d'Averìà ( iicoo* 
me già Corrado avea fatto all' alt^ Rai- 
nulfo )j ed a Drogone di tutto ciò eh' 
egli . potfedeva nelU ^ Puglia ( ^ ) • • Cosi 
proccuravano quefti novelli Principi- fta* 
bilirfi con maggior fermezza in quelli 
Stati, eh' effi nuora poflfede vano non con 
altro titolo , fé 4;ion ^ per- quello f che^ vet 
niva lor fornito dalla ragion delia guer- 
ra • La Puglia , e la Calabria aacòrchè i 
Normanni l'avetfero tcdta a'.Greci ,*non 
ex però cbe gi' In^radori d' Occidente non 
pretendedèro apparteott^ a loro come Re 
d' Italia 9 a cui quefte Provincie ^ duran- 
te il ' Regno de' Longobardi y erano fotto- 
pofte ì perciò effi molte . guerre ebbero co' 
Greci per riacquiftarle > e per queftà eia- 
gione non deve parere ftrano y .le elfi an- 
cora di quefte Provincie in qualunque ma- 
niera che loro fi ^oSctìSt V occafiooe > ne 
iuveftitfero coloro, i quali a' óreci Caveau 
tolte ) .come fecero a^ Normanni • . 

Ma non pure Errico inveitigli di que- 
fti Stati , ma concedè loro ancora tutto'l 
Territorio . Believeatano , . per T occafio^ 

(à) OJìienfJìb: 2. cMp. io. (*) Ofiienf. 
kc. eh. •Dfo^mi Apiiiia . & Rahmlfo Aver- 
la Cwnmbus ad fé convenuntitus y \& équ9S 
Mi plurimos , ,& peamiam ' maximam offe^ 
fentibus , . univer/am , • ^uam tunc tenebant 
terramy 'imperiali hweflitma fitmawt . 

( HefMénmus Con$ra£lw ad An^ i^oofj. Im* - 
P^rator .vero Rffma egrejfua y nmnulla CafieU 
l^ fiii . rebellaìitia capìt \ Provincias ìllas 
prout vìdebatury di/pyuìty Duces Noftmai^" 



voti LlìL IX. GAP- 11.^ v 

ne, che diremo. Reggeva in quefti ttm^ 
pi il Principato di Benevento Pandolfj- 
IIL col fùo figliuolo Landolfo (b): Er- 
rico, da poi che in Capua ebbo inveititi 
i Normanni , partiifi/da quefta Città per 
portarfi in Benevento ^ i Beneventani • pe f 
ciò che potrà oiTervarii dàlie cofe prece** 
denti , . riputando aver ricevuto fempre de' 
maltrattamenti dagl' Imperadori d' Occi- 
dente , come avevano iperimentato fotto 
i due ultimi Ottoni,. di mal animo rice- 
vevano nella lor Città gr Imperadori ^uao* 
do eifi calavano in ìulia : ora che mte- 
fero la ^ venuta d' Errico , e che ivi fi por- 
uva insieme con - Papa Clemente IL gli 
refiftcrono ,. e chiufe le porte: della Cit- 
tà , e dentro ^ di quella fortificatifi non 
vollero riceverlo, ferrico- fortemente fde- 
gnato per quell'oltraggio,, né potendo al- 
lora colle armi venaicarTene , > fece fco* 
inunicar dal Papa tuqta la Ciuà, dalqual 
fatto , ficcome altrove fu avvertito , Qiag- 
giormente fi conferma j^jche molto prima 
di Gregorio VII. l'ufo degli inte^rdetti 

S generali d' una intera Ciuà foffe ftato 
ntrodocto nella «Chiefa; e non lattando* 
gli qiiiefto , . tolfe a' Beneventani tutto il 
lor territorio, , e que' luoghi aperti del 
Principato 9 ehe potevano di facile con* 
quiftàrfi „ ed a' Normanni per la fua au^ 
torità furono concèdati ( ^ ) . Così aven* 
do Errico mafggiprmente ftabiliti i Nor* 
manni ne' Contadi d' Averfa , e di Puglia f > 
e parte del Principiito di Benevento , ixt 
Germania fece ritorno , feco menando Cle- 
mente R. P. e Gregorio già Pontefice > 
che avea in Germania relegato . Inquell' 
anno adunque .iq47« la Regìa. CafaNor** 
manna cominciò a fottoporfi ad itrvejli^ 
tuta ,^ed infeudazipne non già da' Remani ' 
Ppnteifici , i quali a quefti tempi non fi 
fognarono di pretenderlo ; ma dagli Im- 
peradori. d' Occidente , che come Re d* ' 

D 2 lu- 

nis^y qm in par$ibu9 eommorantHr^ & aliìs 
eo loco Ifrbibus , [fonflìtuìt . ) ( b ) Peliegr» • 
in Stemm. ( e ) Ofiienf. loc, cit, Totam Ci* 
vitafema Romano Ponti fice , qui fum Uh 
Urne etat y axcomnwnìcart fecit ; funBam^ue 
Benevemanam Terram Normannis auBòrtta^ ■ 
te fma.emfirmans » ultra montes eumde eft 
reverfus , Gregorium Expontificem fecum #^ * 
fportans » • 



Digitized by 



Google 



^iX 



DELL* I S T O 



Itatia, per le cagioni altre volte ricorda- 
te > credeane quefte Provincie appartene- 
re al loro Imperio. 

Ma mentre F Imperadore d* Occidente 
così difponeva di (}uefte noftre Provincie^ 
r linperadore # Oriente , a cui era (lato 
rapponato, che Errico avea conceduta T 
inveftitura a' Normanni della Puglia , e 
che difponeva di queft» Frorvincia cotae 
fe apparteneffe al Aio Imperia, e non già 
a quello d'Oriente, com'era;^ e che perciò 
venivano i Normaajii a (hbtlirfi in ma- 
niera y che non vi farebbe poi fiata fpe* 
ranza di difcacciargli , pieno dì rabbia > 
e di cordoglio y fi rifolfe di mandar tofto 
in Puglia un nuovo Ufficiale i Argiro 
appellato, carico d'ore , e d'argento, e 
dì preziofi drappi , affinchè non potando 
colle fonte difcacciargli , s' ingegnale di 
£lrlo per quefto mezzo , e con invitar* 
gli in nome dell' Imperadore a pafTare- 
colle loro truppe nella Grecia , avendogli 
deftinati per Gai^kani d' una* guerra ch^ 
eSò intendeva di fare a' Perfiàni ,. nella 
quale n' avrebbono ritratto un gran van- 
taggio ( a) . l Normanni , che tòfto s' 
accorfero dell' inganna, gli rifpofero con 
libertà , eh' effi non mettevano mai il pie- 
dt fuori d'Italia, fé non quando ne fof- 
féro colla forza fcacciati • Il difpetto che 
n' ebbe Argiro di vedèrfi fcoverto ogni 
filo artifizio , lo fece rivoltare ad altri 
più fcellerati mezzi. Egli co'tefori, che 
avea recati da Cofiantinopoli , proccurò cor^ 
rompere molti Pugliefi , e' più familiari^ 
del Conte Drogone , e fra gli altri fi gua- 
dagnò un uomo appellato Rifo , eh' era 
anche fuo compare'(^) . Quefto tradito- 
re > mentre Drogone era in una delle- fue 
Piazze , appellata Montoglio , ed anda- 
va * fu '1 mattino alla* Chiefa , fi nafcofe 
dietro la* porta ^ ed avventandoièglifopra 
con* un pugnale r uccife ; gli altri con- 
giurati, i quali fi erano parimente nafco- 
fti con Riio , uccifero un gran^ numero 
di gente della guardia del Conte, e pre- 
ièro il Forte. Lo ftetfo fu efeguitoindi-^ 
vecfi luoghi della Puglia, oh' erano iute» 
£^ della congiura ; tanto che fu^de'Nor-^ 
manni fatta- maggior- uccifione per quefto 
tradirnento ,, cht non in tante guerre, di 
molti anni . 



R I A C I V I LE 

lila Umfredo , che vivente ancora Dro^ 
gone era ftato> fatto- Conte , fubito che 
con eftremo cordoglio ebbe ifitefiilamor'^ 
te Ai fuo fratello, ed il barbaro aifaffina- 
mento , che i Pugliefi aveano fatto alla 
fua Nazione , uni tutte le fue truppe, e 
vigorofamente avendo aifediato il Forte 
Montoglio , fé ne fefe dopa quefto aile*^ 
dio padrone ; ed avuto in mano l' af&fil- 
no ca'fuoi complici ,. fececdi morire con 
differen^ forti di rigorofimini fupplicj .. 
Volle opporfi Argiro, mettendofi alla te- 
fta d' alquante truppe^, che unì ; ma Unr* 
fredo gli fu fopra , Io disfece , ed obbli- 
galo a rìtirarfi confuti^,, e vinto , il che 
gli tirò fopra la disgrazia deli' Imperado'^ 
re , onde poco tempo dapoi ne mori di do- 
lore . Da quefto avvenimento y i Norman- 
ni per vendicarfi de' Greci rivoltarono tut- 
ti I loro penfieri' per difcacciargli dalla 
Calabna-, e cominciarono a ftar più cauti 
ce' Pugliefi , ed a trattargli con più rigo- 
re ^ i quali mal fofferendo perciò il lor 
dominio, cominciarono ad empire di que- 
rele il Mondo, ed inventare contro i Nor- 
manni le più atroci calunnie , con acca- 
gionargli (li mille delitti ì e qualificando 
il" loro dominio per tiranno , e per cru« 
dele, portarono le loro querele ad Erri- 
co, e poco da poi al Papa Lione , onde 
nacquero tante novità , e diforéini , coi- 
rne faremo ora a narrare .. 



C A P. 



ni. 



Origine delle mflf$ Papali Invefliture : fpe^ 
dizióne infelice di Lione IX. contri i- 
Normanni .* fua^ prigionia , ^ morte . 

IL foggetto che abbiamo oraper le ma-> 
ni , per la fua novità , e ftranezza. 
non ha bifogno di commendazione : con-*^ 
tiene l' intraprefe de' Pontefici Romani fo- 
pra quefto Reame, ed in qual maniera y, 
e per quali, deboli principi abbiano final- 
mente confeguito , che fia ora riputata 
Feudo della Chiefii Romana . Né' della 
ftrane«a farà niinore la maraviglia y co« 
me fenz' eferciti, e fenz' armate, unica-^ 
mente per/^la loro fomma accortezn , o 
continua vigilanza abbiano potuto ftabi- 
lirfi quefto diritto,. da effi acquiftatonon. 



(jx) Guglielm. Apf} liò.i. (h). Malaten- fa ij;. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAP 

^ come Capi <IeIIa Chiefa univerfale » 
o Patriarchi tf Occidente , ma come Prin- 
cipi del (ècolo , e fiano gitrati a confe^ 
giiire ciò che g^* ifteffi Imperadori d* Oc- 
cidente , e d* Oriente non poteiono con 
ioiighe guerre, e con eferciti armati fta- 
bilmeste otten^ . Ma le gare degli al- 
tri* Principi competitori , la ftupiderza , 
e fuperftizione de* Pòpoli, il fecolo igno- 
rante, e barbaro, ed all' incontro la loro 
femma accortezza , e diligenza ,. tutte que- 
fte coTe unite infieme , poteron toghere 
tutti gli oftacoii, ed impedimeoti • 

Dovendo/i da ora innanzi (peiTa parla- 
re de' Pontefici Romani j perchè non mi: 
s'imputi! a tcTncrità-, il mio proponimen- 
to è di fiavellame non come Sommi Sa- 
cerdoti , e Vicarj di Crifto**, ma come 
Principi del fecolo , ì quali per ppiTedere 
molti Stati , e Principati in Italia , fi e- 
rano attaccati agl'intereffi di quella, co- 
me tutti gli altri Principi , che nella me«» 
defima aveano dominio . DiftìnguerÒ be- 
ne in loro quefti due perfona^i : di effi 
come Capi della Chiefa , e Patriarchi 
d'Occidente, che hanno il governo delle 
noftre Chiefe, fi tratta quando della Pò- 
titkt Ecclefiaftica fi ragiona • Ora intrigati 
' negti afturì del fecolo , folamente come 
gli altri Principi rapprefenteranno la lor 
ngwat. Per tal elione non s' avrà diffi- 
coltà di vedergli » quefti tempi metterfi 
alla tefta d' eferciti armati , trattar leghe, 
ed arrotar ibldati • Qoiifdi refofi vie più 
irrecoiiciliabile la feifma tra' Greci , e 
Latini , diedefi occafione a^ Greci di chia-* 
oiare i Romani Pontefici , non già più 
Vefcovi , ma Imperadori j e Pietro Dia- 
cono ( tf > negli atti della difputa eh' eb- 
be avanti l'Imperador Lotario-, difefiper 
veri dati' Abate della Noce (b) contro il 
fentimenta del Baronio , narra , che ve- 
nuto^ in Italia da Grecia un Fìlofofo , orò* 
Mramì V Imperador Lotario*, e fra raltre 
6ofe gli dÌK : Romanum Ponti ficem , /w- 
peratorem , non Epifcopum- éjje i c rapporta 
quetfd^ med^fima Scrittore C^H che aven- 
do egli avuta difputa col medèfimo intor- 
no alla proceffione dello Spirito Santo dal 
padre , e dal figliuolo , fra V altre cofe 
gli rinlacciò il Gvèco, parlando' d' Inno* 

( fr) i4uclar. Chron. Caff. Hi. 4. cap. 1 1 5, 
(h ) Ai., de Nure. h Excurf. hiJK ad die}.. 



OLT LIB. IX. CAP. m, t9 

cenzio IL dicendogli : In Occidentali cli-^ 
mate nunc ìmpìetum vìdemuty quoi Domf- 
nus per Prophetam dicit , erit , mt Popu- 
lus j fic Sacerdor^ cum Ponfifices ad bella 
ruantj ficut Papa vefter Innocentius facìty 
pecunias dfjiribuioìt ,. mìlites eengregam y 
purpurea vejiimenta amicìuntur^ 

E^i è però anche vero , che nott po^ 
tenda fomminiftrargli i loro Stati forzf ., 
e denaro fufficiente per mantenere eferciti 
nuraetofi', univano iovente allearmi temr- 
pDraK le fpirituali , per le quali fi rende- 
vano a' Principi fuperiori , ed a*^ Popoli 
tremendi . S* aveano appropriata* la facol- 
tà di deporgli da' loro Regni , e Signor 
rie , d' innalzarseli , ed abbacargli a lor 
talento , crear Duchi , e Conti , ed infino» 
di crederfi facitori anche di Re , e di' 
Monarchi ; ^ la cofa fi ridiitfe Qegli'ulti-^ 
mi fecoli a tale eftremità, che non vi fu» 
Principe d'Europa , che come ligio nott 
preftafle omaggio alla Sede Appoftolica . 
In- fine- per quefti mezzi pervennero a^far 
credere , che miefto Regno fofle Feudo- 
delia lor Chiela, ed a trattare i poffeiTo* 
ri come loro fiidditi , e vaffalli • 

Quandi nacquero le tante rivolùrioni ,, 
e li tanti inviti di ffiranieri Prìncipi fatti 
da' Pontefici al- poflWTo di queftb Reame , 
onde germogliarono tante guerre , e di- 
ferdìni 'y e che in decorfo di tempo i Re 
di Napoli confiderando la* potenza de" 
Pontefici effere iftromento molto oppor- 
tuno a turbargli il Regno , il' quale per 
lunghifiimo fpazio confina col dominior 
Ecclefiaftico ; alcuni- , che non vollero 
fotfrire il giogo , furon loro- perpetui ne- 
mici , avendo moltiffitne volte- perfegui- 
tati con r arme i Pontefici , ed occupata 
più* volte Roma ; altri più plàcidi , che 
non vollero con quelli attaccar brighe y 
ricordandofi delle calamità* accadute per 
ciò* nel Regno de' Sucvi ,. e negli ultimi 
fecoli delle controverfie , le quali i Re* 
Alfonfo I. e Ferdinando fuo figliuolo avea- 
no» molte volte avuto con loro , ed effc^ 
re fempne pronta la miseria di nuove con- 
tenzioni per le giurifdizioni de' confini , 
per conto* de'cenfi , per le collazioni He' 
Benefìzi , per lo ricorfo de' Baroni , e per* 
molte altre differenze, proccurarono te* 

ner* 
lib. 4. cap. 8. Ce) Petr. Diac loc.dt. 
cap^ xi6\. 



Digitized by 



Google 



• IO J>ELV I ST O R 

nerfegli amici , ed cb])ero fempre per uuo 
de' faldi fondamenti della GcurU loro , 
che da fé dipcndeflero o tutti , o parte 
de' Baroni più potenti d^ltenitorio Ro- 
nK*no. (tf.).. 

Si parlerà adunque ora de' Pontefici Ro- 
mani, come Principi 9 ed io reputo trat- 
tar così meglio la loro caufa in quefto 
fojjflieito dell' Inveflmre , che d'. introdur» 
gU in ifcena con queir altro perfonaggio • 
I .Principi, del. {ecolo, fé riguarderanno i 
prin.QÌpi degli .acquifti de' loro. Reami, e 
Monarchie , pochi potranno giuftificaigli 
con, titoli legittimi • Edi uon.troreran- 
np,.che quello, loro arreca la ragion del- 
la guerra, e molti ^troveranno usurpazio- 
ni ». e rapine i.ma il lungo , e pacifico. 
poiTetfo di molti fecoli , gli fornifce di 
ftaft^te ragione , . e fa ora ^ che giufta- 
ment^ le pofiTeggano , ed ingiufti faranno 
gV Invafori . Così riguardando :i Pontefici . 
Rom^i in quefi' oc^fioue. come Princi- 
pi , ì ^uali • pofledendo in .Italia molti . 
Siati , , eranfi : attaccati agli interefli ,<Ii 
que^lìa , . ancorché, non potefTero . moftrar. 
titolo baftante, e legittimo di quefte in- 
veftiture , come qui a poco vedrafS , nul- • 
ladimanco' T. efTerfi per più fecoli .mante- 
nuti ;in quefto. pol&flb , fa che oggi non . 
poiTano reputare atfatto fpogliati ai que- 
fte ragioni * Ma all' incontro a'i Vicari di 
Grifto f , ciò che a' Principi del fecolo fi . 
reputa baftn^e , , forfè / ciò non farà fuffi- - 
dente : effi dovrebbero entrar in ifcrupo- 
lo , ^ed efaiqinajre non tanto il .tempo , ed 
il lu(ìgo.po0etfo, ma l'orìgine,^ e riguar- 
dar; le cagioni, i titoli, ed i principi de\ 
loro acqmfti . . 

Ma «prima , . che fi faccia paffaggio a > 
manifeftar quefte origini, e. come a que- 
lli tempi comiiiciaiiero i iRomani Ponte- 
fici per quefte in veftiture ad attentare fo- 
pra il temporale di quefte Provincie , con . 
rendejrf^le . finalmente Feudatarie , egli fa- 
rà a .propofito , che in accorcio fi faccia 
vedere lo ftato. di quelle, nel <}uale era- 
no a .qu^fti :tempi > je da que' Principi era^i t 
dominate. 

I tre Principati, di Bene^vento , ^di Sa- - 
lerno, e.di .Capua a' Principi JLongobardi . 
eran fpttopofti ; in Benevenfó -regnava • 
P^ndolfo III. ,cq1 figliuolo Xandolfo j in . 

( a ) r. (jmciard.:.hìfi. hai. lib. u, . 



I A CIVILE 

Salerno Guaiqiaro IV. ed in CapMPan*' 
dolfo • Il Ducato d' Amalfi infieme eoa 
quello di Sorrento f che prima a quel di 
Napoli, eran uniti , a Guaimaro ubbidii 
vano • Quello di Gaeta era governato da 
Giovanni : V altro di Napoli da Sergio 
era amminiftrato. La Puglia in gran par- 
te era pai&ta fotto la oominazione de' 
Normanni, e la Calabria n' era. in peri- 
colo, ma, infino ad ora all' Imperio d' O- 
riente s' apparteneva . I due Imperadori 
d'Occidente , .e T. altro d' Oriente ugual* 
mente: fopra tutti^qnefti Stati vi pretti- 
de vano la.fovranità , e alto dominio •. 
Qjiel d'v Occidente, come Re d' Italia io 
pretendeva fopra tutto > quel tratto di 
paefe, che era prima comprefo nell'anti- 
co Ducato di Benevento^ ed abbracciava 
3uafi tutto ciò che ora è il Regno ; quin- 
i è , che fopra i Principi Longobardi v' 
efercitava tutta la fovranità , e potenza 
con deporgli,difcacciargli. da' loro Stati » 
e ad altri .concedergli. Pretendeva lo ftef- 
fo /opra la Puglia, e la Calabria , che 
prima al Ducato. Beneventano furon in 
gran parte aggiunte ; e poiché l' ambizio- 
ne non ha. confini che la poffano circo- 
feri vere ,. non v' era angolo di quefte no- 
ftre Regioni,, che non pretendeffero effer 
ad' efilì Tottopofte ; quindi s'arrogarono la 
facoltà .d'.inveftire Rainulfo del Conudo 
d'Averfa, ancorché quefta Città foifefta- 
ta edificata nel territorio del Ducato di 
Napoli 9 il quale per antiche ragioni ael' 
Imperadori d\ Oriente, ,non già a quelli 
d' Occidente s' apparteneva . . 

All'i incontro : 1' Imperadore de' Greci 
forfè con >più ragione pretendeva . al fuo 
Imperio d'Oriente .appartenere tutte que- 
fte Provincie , donde. da': Longobardi fu* 
ron divette , ed ingiufi:amente/occupate , 
Le Provincie ; di Puglia , e di . Calabria 
edere ^ indubitatamente * a quello fottopo- 
fte: e li Ducati di Napoli, d'Amalfi, di 
Gaeta , e di Sorrento dal. fuo . Imperio 
effer . dipendenti. . ^ t 

Fra quefti due Principi fu contrattata» 
e combattuta la fovranità di quefte noftre 
Provincie , per .la .quale. nacquero ;ii^ fra 
di ioro le. tante guerne > .che abbiam nel 
corfo di .queft' iftoria narrate , luGop a4 
ora i Pontefici Romani non fi erano fognati 

d'eii^. 



Digytized by 



Google 



DEL REGNO DI tf AJOLIXIB. IX. 

Veùtxir per terzi , e pretender anck^ ef- 
fi fopra le medefime qualche ragione di 
fovranità • E(fi fé bene fopa le fpoglie 
d^ Longobardi-) che a' Greci T aveano tol- 
te » mercè di Carlo IVL e de'fuoi fuccef» 
feri, fi foffero refi Signori del Ducato Ro* 
mano , dellVEficrcato di Ravenna ,^dì Pen- 
tapòli 9 e d-alcune altre Città d'Italia , co- 
me fi è Teduto né* precedenti libri di que- 
fta Iftoria : fopra quefle Provincie però che 
oggi compongono il noftro Regno nonisfte 



CÀP. m. 



31 



fero -mai la loro mano; e fé bene fi leg-» m» che diremo 
ga preflb Oftienfe , che fopra Gaeta vi pre- '^ ' ^ 
tendeflero dritto , e che -alcun ttmpo la 
potfedefTero , iiulla3imenK> ben^tofto ritor* 
nò fotto .il ^dominio de' Greci , e pòi da* 
particolari'Duchi di quella Città fu gover- 
nata : e ^ueft* ifteffe pretenfioni , che fi 
leggono lol riftrette fopra Gaeta » mag- 
giormente 'convincono > chefopra tutte le 
Regioni dell' altre Provincie non vi era 
di che dubitare . Né potevano in quefii 
tempi tali pretenfioni nafcere dalla finta 
donazione di Coftantino , b da quella 3i 
Carlo M, o di Lodovico il buono ; poi- 
ché é coftante opinione -prcffo i più gra- 
vi Scrittori , che tutti quefti ifiromerrti e 
diplomi , nella maniera che ora fi veggo- 
no conceputi , furono fuppofti ne' tempi 
d'Ildebrando; e molto meno poteva for- 
gere quefia loro ivetenfione da ciò che 
nel privilegio di Lodovico HI buono , e 
degli altri Impcradori fuoi fucceffori fi 
legge di avergli quefti Principi conferm^ 
to il patrimonio Beneventano , Saletnita- 
no , Capuano , Napoletano , e gli altifl di 
Puglia, e di Calabria; poiché quefti pa- 
trimoni , ficcome altrove abbiam veduto , 
noiT era altro fe non che i beni che la 
Chiefa Romana per Li pietà de' Fedeli , 
chetile le a veano offerti , teneva inque- 
fte Provincie , e fi dicevano il Patrimonio 
di S. Pietro ^ onde mal fece il iioftro Chioc- 
cargli («), che per dar fondamento a que- 
lle inveftiture , fi valfe della donazione 
di Coftantino, e de* privilegi di Lodovi- 
co , e d' Ottone • Né fi é mai intefo , che 
i Principi di Benevento , que*di Salerno, 
o diCapua, e moltomeno iGreci, avef- 
fero infino ad ora riconofciuti'i Romani 
Pontefici per loro Sovrani , o che mai 
aveffero de' loro Stati ricercate inveftitu- 



re , con farfegli uoipini ligi 9 o gltiirargil 
fedeltà , ed omaggio . 

Non é dunque da dubitale che i Pòtt- 
tefici Romani ^fc^ra quefte noftre Provin* 
eie non v' aveano alcuna fuperiorità y né 
ragione alcuna » onde mai poteflero indurii 
a pretenderla ^ ma per le occafioni che 
loro fi manifeftarono a quefti ttempi , e 
delle quali , ricevute da elfi avidamente , 
con tnolta accortezza Teppero valerfi > fi- 
nalmeifte le V acquiftarono nella 'manie* 



Dopo la morte di Clemente IL 'acca« 
dota m Germania ^ dove nove mefi pri» 
*ma erafi unitamente coli' Imperadore por- 
tato ; Benedetto > il quale fcacciàto da £r« 
'ricoerafi ritirato, e munito né'fuoi prò*» 
*pr) Caftelli^ invafe ben tofto di nuovo il 
Pontificato; ma non potè più ritenerlo , 
che otto mefi , poiché l' Imperador Errico 
dalla Germania mandò tofto Popone Ve* 
fcovo di Brixen in Roma pfcr fuccéffore di 
Clemente , che fu Damalo appellato • E 

3uefti morto di veleno dopo -22. giorni 
ella fua efaltazione, i Romani cercando 
ad Errico , che gli manda'tfe per fuccef* 
Tore Bruno Vefòovo di Toul , uomo di Na- 
zione Tedefco , e nato da regal ftirpe > 
ma mólto più illuftre per la fua dottri- 
na, e fantitàdé'coftumi , lo elefferonfeir 
anno 1049. Romano Pontefice, e Lione. 
IX. fu appellato .^ 

Si credè allora , come rapportano i 
Scrittori (A)fuoi contemporanei, che per 
l'elezione di sì eminente foggetto , xhe in 
'tempi sì rei non fu poco rinvénirio , do- 
veffero aver fine ì tanti diloirdini del Cle- 
ro , e ripofarfi I' Italia in una tranquilla 
pace-; ma quantunque la ^ietà di Lione ^ 
e i fuoi coftumi incorrotti foffero tali r 
che finalmente f avefieiro meritato il ti- 
tolo di Santo i non é però che ndn tanto 
per lo fuo naturale -, quanto per f altrui 
iftigatione > non foffe ftato riputato per 
autore di molte novità > che portarono 
con fé difordini graviffimi^ e confeguen- 
M affai pemizioie • £e;li fu che nientre 
traverfava la Francia Veftìto con ahiti Pòn« 
tintali , incontratofi a Clùgnì con IMe- 
brando Monaco Cafiitiefe , tiomo di fingo* 
lar accortezza -f fi fece da coftui perma- 
nere » che depofti gli omanMnti pontifi- 
cali 



( a ) Chioc. tom. I . deir Itrvefi. ( b ) Defiderius Abb. Oflienf. lìb. ». r. 8 1 . . 



Digitized by 



Google 



jt DELL* ISTO 

«ali tmttslik ia Roma da pcllegritio j ed 
ivi dal Clero y e dal Popolo li faceife eleg- 
gere Pontefice » to^iendo T abula da ma- 
no laica ricever ouel Sommo Sacerdozio 
(a). Seme y che tu de' tanti difordini , e 
guerre cnltleli ^ che furfero da poi tra i 
Papi, e ^' Imperadori d' Occidente , in- 
torno alle inveftiture , i ^nalivedutiii coa- 
traftare ^uefta prerogativa» che per ]più 
anni fi aveano mantenuta, modero per 
ccttfervarfela eserciti armati y portando da 
per tutto incendi , e mine j e che all'in- 
contro i fuccetfori di Lione, e fopra gli 
Altri riftefi> Ildebrando, che tenne quel- 
la Sede ,. colle fcomunicbe, depofizioni, 
e congiure, infino a £ur rivoltar i fìgli- 
noli contro i propr; genitori , ponefleroin 
ifcompiglio Europa; onde perfuafi adai 
più dall' efempio di Lione, che dalla for- 
za della ragione renderonfi i Pontefici più 
animofi , e oftinati nelle loro intrapreie • 
Ma affai più pemìziofo, e di più ree 
confeguenze fii 1 altro efempio , che diede 
Lione di porfi alla tefta d'eferciti arma- 
ti • Altre volte abbiam veduto Giovanni 
VIIL e X. Romani Pontefici alla tefta 
d' armate , però quefti ebbero almeno il 
pretefto d' impugnar l' arme temporali con- 
tro i perfidi , ed infedeli Saraceni , e coa- 
tro coloro che s' cibano a'medefimi colle- 
gati; ma ora Lione l'impugna contro i 
più fini Criftitni, com'erano i Norman- 
ni, che in pietA, e nella Religion Cat- 
tolica non eran inferiori a qualunque al- 
tra nazione: T impugna fenza ragionevo- 
le cagione, o pretefto di Religione, ma 
per iolo -fine a ingrandire' le forze tem* 
porali della Chi^a, e d'arricchirla di be- 
ni mondani ; move un' ingiuftifiima guer- 
ra cotanto a Dia fpiacente , che coU'even- 
to infelice fece palefe la fua ira, ed in- 
dignazione . Se a queft' imprefa fi foffero 
accinti i fuoi predeceffori , che per iloro 
tbbominevoli coftumi eran riputati U pe- 
fte del Mondo , non avrebbe ne' fuoi fuc- 
ceffori portato quefio eièmpio tanto male ; 
ma edere iìztSL opera di Lione Santo Pon- 
tefice , fecegli più animofi , né fi ritenne- 
ro ^a poi avanzarfi in maggiori firanez- 
ze, e novità; non avvertendo ciò che 
Pier Damiani Scrittor contemporaneo par- 



Zi' 



a) Ottone Frifing. VI. cap. 3, (b) 



fa) Ottoni 



R I A C I V I LE 
landò di quefto fatto di Lione , ilice che 
l'Appoftolo Pietro fu Santo, non perchè 
negò Crifto, ma per l'altre fue infigni, 
ed incomparabili virtù , ficcome Lione non 
per quefti fatti , ma per la fua innocen* 
za, e per l'incorrotti Aioi coftumi, me- 
ritò quefto titolo . 

Lione IX. adunque per la. fm pietà , e 
divozione ebbe frequenti occafioni di por- 
tarfi in molti luoghi di quefte Provincie « 
Venne nell'ifteffo anno 1049. che fu af- 
funto al Ponteficato , e nel quale accad*^ 
de la morte di Pandolfo PriiKipe di Ca- 
pua , a vifitar il Santuario del Monte Gar- 
gano {b)x indi al ritorno portoffi a Mon- 
te Cafino, ove converfaudo affai familiar- 
mente con qlie' Monaci, di molte prero- 
gative ornò quel Monaftero, ed indi a 
Roma ritirofiii • Ma non £ece paffar mol- 
to tempo, che nell' anno feguente 1050. 
vi ritornò di bel nuovo: vi è chi feri ve, 
che in quefto medefimo anno teneffe un 
Concilio a Siponto ove depofe due Arci» 
vefcovi i ma di quefto Concilio Sipontiiio 
foli Wiberto e l'Anonimo di Bari ne fan 
menzione , ^ichè né i)reffo Oftienfe , né 
in altri ve n'è memoria: indi terminate 
le vifite de' Santuari , volle vedere le Cit- 
tà più cofpicue del Paefe, fi portò priiiu 
in Benevento, ove ebbe occafione di ben 
affezionarli que' Cittadini, e tirai^li alia 
fua divozione , poiché ftando ancora quel- 
la Città fottopofta all'interdetto di Cle- 
mente fuo predeceffore, egli lo tolfe. 

Da poi neir anno feguente volle veder 
Capua , indi ritornò la feconda volta a 
Benevento, né volle tralafciare diportar- 
fi in Salerno in quefto medefimo anno 
105 1 . Qucfta Città nel feguente anno 105 2. 
fu veduta ne' maggiori fconvolgimeuti per 
l'orribile affalTmamento di Guaimaro op« 
preffo da una congiura orditagli dagli A- 
malfit«ini , che avea egli indegnamente 
trattati, da' fuoi congionti, e da alcuni 
Salernitani, i quali preffo il lido del ma- 
re avendolo crudelmente uccifo, invafe- 
xo la Città . Ma Guido fratello di Guai- 
maro aiutato da' Normanni, dopo ilquin* 
to giorno riebbela, ed a Gifulfo figliuolo 
jli Guaimaro fu reia, che al padre fucce- 
dè nel Principato (^). 

Ma . 
Lione Ojlier/fe LìL 2, cafu 82. (e) OJiìenf. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB. IX. CAP- HL 



Ma netle dimore dbe frce^rt in qiiefte 
Città il Papa , piacevagli featire le quc- 
lele I che gli erano portate da' Pugliefi » e 
dagli fteffi Principi Longobardi contro i 
Normanni , i quali ricevendo tutto gior- 
no maggiore incremento per li nuovi ac* 
quifti che facevano nella Calabria» e nel 
Principato di Benevento » cominciavano ad 
infofpettire i Principi vicini , e Biolto più 
a Lione , il qmde y (iccome i fuoi prede- 
cdTori s' infofpettirono de' Longobardi , 
cosi egli mal fo£riva che i Normanni s' 
avanzaifero tanto y ed avendo icorto eh' 
erano uomui.non cosi facili da potergli 
ridurre a lafciare V acquift^te » e che io* 
vente facevano delle fcappat^ fopra i beni 
delle Chiefe y riputò non ben convenire 
agi' intereffi Tuoi y dell' Imperadere Errico 
fuo cugino, e dell' Italia 9 che quefta Na- 
zione più oltre s' avanzafle : deliberò per- 
tanto di pa&r in Alenuigna > come fece 
in queft' iftetfo anno .1051. e portatofi dall' 
Imperadore Errico , l' efpofe che i Nor- 
manni refi oramai infodribili agli abitan- 
' ti del Paefe y eftendevano i loro confini 
oltre i luoghi, de' quali fiircno da lui in- 
veftiti, e che tentavano di foggiogar tut- 
te quelle Provincie , e ibttrarle dall'Im- 
perio d' Occidente 'y che infoienti depreda- 
vano ancora le robe delle Chiefe : che 
non bifognava più foftérirgii , perchè avreb- 
bero portato maggiore ruina, ma cliedo- 
vetfero di Italia IcaCciarfi : che gli dava 
il cuore di' farlo , fé fornito d' un nume- 
rofo efercito , lo rimandaffe in Italia y .per- 
ch' egli ponendofi alla tefta di quello aVr^- 
be lotcciati quefti Tiranni • Furono cosi 
efficaci gli uffici di Lione apprefi> Erri- 
co f che lo perfuafe a dar mano a queft' 
impreia > ed avendo comandato , che s' 
unttfe un numerofo efercito d' Alemani , 
ne diede il comando a Lione iftetfb y il 
quale già aveva ordinato che marciale 
verfo Italia (a) . Ma Gebeardo Vefcovo 
di Eichfbt p il quale era in grande fami- 
liarità dell' Imperadof Errico y e eh' era 
fuo Gonfigliero-, riprovando un fiitto si fcan- 
dalofo 9 che i Pontefici Romani dovetfero 
porfi alla tefta d' eferciti armati contro i 
Criftiani > non potè non riprenderne acre- 
mente r Imperadore^ e tanto adoperoffi » 
che deliramente fece tornar indietro le 
Tom* IL 
( a ) OftUnf. lib. 1. r. 84. (V) Ditnuro J. 



iì 



tri^> fblamente alcnne rimmiaukme ap 
l^eflo Lione . Nà dee qu! tralafciarfi y che 
queft' iftefb Vefcovo fatto jpcù Papa , det« 
to Vittore IL mutò to&> ientenza y e fi 
doleva di qnefto fatto d'aver impedito a 
Lione sì numerofo foccorfo y ripàmndo fov- 
fe , che con quello meglio avrefa^ potu- 
to avanzar Lione gì' intereffi della fua Se- 
de y di ciò che non gli venne fatto ^ poi- 
ché per la fua prigionia li peggiorò. 

Non tralafciò allora Lione in quefta 
occafione di penfare anche agi' inte^ffi 
della fua Chiefa Romana per una com- 
mutazione. > nella quale xosi egli , come 
Errico trovavano i loro vantaggi . Erri- 
co I. da' Germani appellato IL avea in 
Bamberga a fpefe del projprio patrimonio 
edificata una magnifica Chiefa in onore 
di S.Gid|rgioi e volendola ergere in Cat- 
tedrale » proccurò da Benedetto Papa » che 
la coniécrafiTe » ed in ^de Vefcovile }a 
ergelfe : cosi fu fatto ; ma bifognò che V 
Imperadore ofteriife alla Chiefa di Roma 
un annuo cenfo ^ che fu ftabilitQ d'unge^ 
neroib cavallo, bianco con tutti i fuoi or- 
namenti , ed arredi y e di cento marche 
d'argento ogn' anno. 

( V Imperadore Errico il Santo nell'aiw 
no 1005. la Chiefa da lui edificata in Barn» 
beifga in onore di S. Giorgio y come (qvU 
ve Ofiienfey ma fecondo gli Scrittori Gerr 
mani chiamata di S. Pietro ^ da tm Sino- 
do tenuto in Frs^ncfort y precedènte il con- 
fenfo del Vefcovo di Érbipoli , dentro i 
confioi della cui Diocefi era pofta , Tavea 
fatta ergere m. Cattedrale» come fi legge 
aqgK Atti di quefto Sinodo preffo Dhma* 
ro ib) f Eptfcofatum in Bamberga y cum 
Itcentia Antìfiitss meiy fgfere bactenu^^Mt^ 
cupivì y & hodie perficere vélo dejiderium^ 
dando in ifeambio al Vefcovo a Erbipo- 
1ÌÌ alcuni Jmn . £ cesi V erezione y come 
quefla commutazione fudapoinelieguen- 
te anno 1006. confemaata per una Bolla 
di Giovanni XVIL che fi legge preffo Giet^ 
/ero nella vita d' Errico e. 40. Ènei 1007^ 
in un altro Sinodo di Francfort da tuui 
i Vcfeovi 9 che v' intervennero, fa di nuo« 
vo tutto ciò confermato j ed ordinato £- 
berardo per primo Vefcovo di Bambenp ; 
cmde opportunaiiiente afvvertl StruvioSyn* 
tag. Hip. dijferf. 13. §. ló.pag. 383. che per 

3E ciò 

ó.p.ìZi. 



Digitized by 



Google 



^4 DìEL risto RIA Civile 

tiò alcuni Scrittori confbnéetido la feti* 
^azìotie con cuefta confetìxi^zionc > fifla- 
fono la fonaatiotte neir anno^ 1006. ed 
nitri nciranno 1007. Fn da poi neir^n- 
^10 loii. fecondo MarÌMno Stoto , ovvero 
nìell'anno 1012. fetoiìdd gli Annalì^ Ein- 



fidtl^t , Ditmaro y e Schafnaburgeafe* > 
quera Chiefa con gran celebrità dedicsfta, 
e cònfecrata da Giovanni Patriarca di A 
quileia coli' intervento di 35. Vefcovi , Ce- 
tonie narra Dhmaró ad d. An. 1012. E 
da poi Emco di ciò non contento volle 
avere anche il piacere ^ che Benedetto 
Vili, veniffc egli di pcribna a confacrar- 
la , ed ergerla in Sede Vefcovile , del qnàl 
fatto parla Lione Oftìenfe iiò. 2. r. 46. tra- 
lafciàndo le cofe precedenti , polche que- 
fto feceva^ al fuo iftituto , eh' era di addi- 
tarci r Orìgine > e la cagione della com- 
mmatione , che poi da Errico if Negro 
li fece di qiìefte ragioni acquiftate per 
Papa Benedetto alla Chiefa Romana fopra 
quella di Bamberga , colla Città di Bene- 
vento. ) 

Voleva ora Errico il Negro liberar gue- 
fta Chiefa dal cenfo , e dalla foggezrone 
della Chiefa Romana , con renderla efen- 
te da tal pefo : Lione non ripue;nava di 
Yarjio ; ma non potendo ciò feguire , fé 
"vicendevolmente alla Chiefa Romana non 
'fi affegnaffe altra cofa , fi pensò a qual- 
ch' efpediente ., Fu tofto ritrovato un mo- 
do vantaggiofd per ^bedue . 

Errico per gì indegniflimi tratti de' Be- 
neventani , che avevano avuto ardimen- 
to di chiudergli in faccia le porte, odia- 
va a morte quella Città j e penfando che 
con difficoltà avrebbe potuta ridurla fot- 
*to il fuo arbitrio per vendicarfene > pen- 
sò tommutarla col Papa per quefte ragio- 
ni di Bamberga . Lo ftajp allora del Pritt; 
cipato di Benevento era , come fi è detto ^ 
che la Città fi reggeva dal Principe Pan- 
dolfo^ e Landolfo fuo figliuolo, ma gran 
parte di quello era già T)affato fotto la 
dominazione de' Normanni , a' quali 1' 
ìftelfo Errico avta in quella occafione , 
che fi diffe y conceduta tutta la terra Be- 
neventana ; né ì Normanni > che anche 

{z) Ojlienf. ìib. pL.chp. ^6. Poflwodtim 
'Leo IX. Papa vicarì'atioHÌs grafia Beneven- 
tum ab Hcnrico Corradi filio recipiensy pra^ 
diSium Epifcopum Bambergenfemfub ejus di* 



lènza quefto , Àpevs^no approfittar fi fopra 
le altrui fpbglie , aveane tralaiciaftò di 
farlo fopra il rimanente del Principato • 
Cosi Errico, che poco dava del fuo , fé 
non le tagicmi di jpvranità , che 'preten- 
deva fopra quelU Città , po^duta.%llora 
da Pandolfo , diede in ifcambio a Lione 
la Città di Benevento , eh' egli 9C Nor- 
tnaani non avea conceduta , né s' eftefe 
ijltre f poiché del territorio Beneventano 
ne aVea egli fteflb poco prima inveftko 
i Normanni . E farebbe Hata cofa pur trop- 
po incredibile , che queftà permutazione 
fbiTefi fatta coli' intero Principato di Be- 
nevento , che fé bene in qnefti tèmpi fi 
trovaife molto eftenuato per li Principa^ 
ti di Salerno , e di Capua divelti ; nul- 
Udimanco abbracciava più Città , e Terre 
d' una ben àmpia , e grande Provincia 
del Sannio, che comprendeva gli Abruz- 
zi , il Contado di Moliiè , e molte altre 
parti ancora dell' altre Provincie ; e fa- 
rebbe follia il credere, che il Principato 
di Benevento fi folTe cambiato per cento 
marche d' argent o , poiché il Cavallo bian- 
co non fu rimeifo ; né veramente può 
comprenderfi, come alcuni moderni Scrit- 
tori , chi inconfideratamente , altri però 
per malizia 5 abbiano potuto farfi ufcir 
dalla pNenna ftravaganea si grande fenza 
appoggio alouno di Scrittore contempora- 
nea, ed invece della Città di Beneven- 
to, fcrivere del Principato Beneventano; 
poiché noi non abbiamo Scrittore più an- 
tico, che parli di quefta commutazione, 
che Lione Oftienfe (tf), il quale chiara- 
niente rapporta, ficcome la cofa ifteflalo 
dimoftA , che tal commutazione fu del 
Vefcovado di Bamberga, colla Città di 
Benevento , non già del Principato j t 
Pietro Diacono (A), che |^o da poi di 
Lione aggiunfe al fuolnogo queftofqcoef- 
fo, pure della Città loia parla ^ nmi già 
del Principato : ficcome it colè ieguite da 
pdi lo fendono manifefto , poiché la Chie- 
fk Romana hjiritennta la Città fola, non 
già il Principato , fopra il quale non pre- 
tefe mai avervi particolar ragione, ma 
corfe la fortuna di tutte le altre Provin- 



cie. 



tìone remifity equo tantum , qutm prétdixi- 
mus^ fibi retentv . ( b ) Petr* Dìac. ad O- 
Jlienf. lib. 2. f • 84. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI 
eie ) «oim eA^rveraffi nel corfp 4ì V^ 
iftorìa>» Anzi né meno a qucfti levapi «bn 
be efecuzione tal permuta/ poiché Lion^. 
ternato in Italia colle truppe datagli dair 
Imperadore^ ancorché pei terrore deirar^ 
mi, il Principe Pandolfo col Tuo figliuo- 
lo» all'arrivo di Lione foifero. ftati efi-^ 
liati (4) da Quella Cittì > e foflefi eletto^ 
per Principe di Beneventx)^ un tal RodoU 
ù>y nuUadimanco ben predo vi ritornerò^ 
na » e tennero Benev^ento per molti an* 
ni » iafino che da Roberto non ne fo0et 
rofcacciati neirMAO 107^. dal qualtem-» 
pò per accordo fàno co' Normanni , la 
Città ^i Beneyento cominciò ^àd efler go- 
vernata dalla Chiefa Romana , ed ilPrin-^ 
cipato da'Nonnanmi come più innanzi 
diremo; onde il novello lAorico Napo^ 
letano li) y che con grande apparato dii 
parole narrsmdo (]uefti trattati avuti per 
quefto cambio > dice eflerfi fatto xol Prin* 
cipato di Benevento, erra d atfai , e fi 
vede non aver letto Oftienft > che parU 
della Città fpla di Benevento • ^ 

Lione intanto poftofi alla tefia d^una 
groflà armata fornita di i truppe Alemane > 
e d' un gran QUi;tero di truppe ^ Italiane « 
e compcila non meno di Laici ^ ohe di 
Cherici (e) diede il «ornando. deUe AIe«^ 
xnane> e di quelle' di Sue via a Guarae^ 
rio Suevo, e dell* altre ad Alberto Tra^ 
mondo > ad A4to, ed a Rodolfo poco in<^ 
nanzi da lui eletto Principe di Beneven^ 
to, e verfo la Puglia fece marciar Tefer- 
cito per dare (ion sì formidabili forze ia 
battaglia a* Normanni» i quali trovando* 
^fi allora di forze, ineguali > credè potere 
^leggermente vincere^ e difcaaciargh daU 
la ]^uglia , e da tutti i luoghi infino al- 
lora da efii conquiftati. 

I Normanni ibrprefi dalla novella di 
quefla marcia, ne concepirono grande ipa-^ 
v'ento 9 non £blo perch' eifi in quella coi^- 



NAPOLI LIB. IX. GAP. IIL 35 

^e qiiliure.' s' aggiuiageva il noA po«er<- 
fi fidare de^Pugliéfi per Tavverfione, ia 
cui erano appreiTo quelli entrati . Peafa- 
rono perciò a' modi come pote((ero fottrtf 
fi dalla tempefta, c^e gU^fopraflava '1, on- 
de fpedirono a tal effetto Ambafciadori al 
Papa per domandargli la pace ; offeriro- 
no d'ubbidirgli in tutte le fue coik^ eh' 
efii non pretendevano altro 9. che di pof- 
ièdere quelle Terre « che aveano acqui- 
itate co' loro travagli , e fudori ^ .e ^coUe 
armi alle mani : ene non avrebbero i^^va^ 
fé le robe 4ellà Chiefa, o&ntndogli il 
lov (èrvigio con ianta foipmifiioue, e ri- 
verenza , che non poteva farfi con più 
umiltà , e rifpetto • Ma Lione che credea 
per le fue forze aver tra le mani la vit«» 
tpria > (limolata anche d^gU Alemani, 
ehe dalla i^atura, baifa de' Normanni ne 
eoncepirono difpiezzo , ne rimandò |^i 
Ai^bafciadori con rirpolla pur troppo du- 
ra.; ch'egli non voleva «punto aver «pace 
con efii , fé non ufi:ivano d' Italia ; ma 
replicando coloro > ch'era quafi ch'impot^ 
fibite ridurre una sì gran moltitudine « 
cercar altrove uoa ritirata per efii, e per 
le loro famiglie ,^ furono fpavfe al vent^ 
le loro preghiere» e timendati iukzs^coo^ 
chiuder cos' alcuna . 

Olanda a' Normanni furona riportate 
sì dure rifpofte , voltatiti alla difperazio^ 
ne , rifolvettero infra loio > che più tofto 
bifognava finir di vivere gloriofamentct 
che lanciare con tanta indegnità , e ver* 
g<^|na ciò" ch'efll a cofto di taqti fudori» 
e travagli aveanfi aoquiftfitto ^ e non cu- 
randofi punto » che oltre la difuguaglianza 
delle forze , mancavan loip bea anche t 
viveri f fi rifdvettero di ricever toflo. la 
battaglia., ancorché con tanto loro difa- 
vantaggio » rifoluti , o di morir tutti » o 
di vincere* 

Divifero percià le loro truppe» che pò- 



giura ordtugU da Argiro areano perduto teiono radunai!^ in tre corpi > a* quali per 



I prmcipali lor Capi > e la maggior par- 
te de' prodi guerrieri , ma perchè avevne 
da combattere con un'armata non pnnto 
cdmpofta di Grecia e di Pugliefi^ ni^ <1^ 
Alemani, uomini di datura, e forza .^o- 
digjofa y pieni di coraggio > ed abili neir 

• fa) Ckrétf. ^DuciT & Pfìnr. Be/Oèv. apmd 
f^Ugr. pBg^ ztó. <st txiìimvfunt • ( b ) P. 



Comandanti prepofero i piìi celebri Capi« 
ni eh' efii aveanò, fra' quali erano allora 
fopra timi gli altri eminenti il Conte Um- 
fredo y Roberto » Guiicarde , e Riccarda 
Conte d' Averfa , figliuola 4! Aiclettino , 
il quale a Rodolfo era focceduto* 

. E z • Inr 

spud Baron. A. 105»^ nums 3- ^•?»« f''^^ 
quam^utet tamCicricQf^ qumm Lakgs i»r€ 



Digitized by 



Google 



ì6 DELL'ISTOR 

Imtnto refcrcite di Lione fi collocò iti 
atto di battaglia in una gran pianura pref- 
fo Civitade nella Provincia dì Capitana- 
ta (a) y ed avendo (otto i nominati Co- 
mandanti difpoAb le truppe y non v' era 
altro oftacolo per darla ) fé non una pie- 
ciola montagna , che divideva amendue 
gli eierciti. I Normanni furono i primi 
a montarla per riconofcere gì' inimici , e 
rawifata la fìtuazìone di quella infinita 
xnoltitttdine d' Italiani , che niente aveano 
di regolare nella maniera di guerreggiare^ 
ed un numero adai inferiore d' Alemani 
meglio difpofti y t molto più da temerfi » 
prefero tofto 4e loro mifure , e drvifero la 
loro picciola armata in tre corpi • Dieffi 
1' ala dritta ,a Riccardo Conte d' Averfii 
p^ incaricar fu gì' Italiani : Umfredo fi 
mife nel corpo di battaglia per aifaltar gli 
Alemani con quella cavalleria, ch'avea; 
t Roberto Guifcardo ebbe Tala finiftracon 
un buon numero di Calabrefi fcelti, che 
avea al fuo fervigio interetfati da poi eh' 
era ftato nel loro paefe. Egli avea ordi- 
Be di non molto avanzarfi , ma di fare 
come un picciol corpo di'riièrba fempr^ 
pronto a foftenere il refto dell'armata , 
•d a icmiirU ne' bifegni di truppe re- 
centi. 

Riccardo affaltÀ da prima gl'Italiani 
comandaci da Rodolfo ^ e caricogli im- 
proviiaraente y e con tanfo vigore y che 
non ebbero agio né pur di far h mini- 
ma refiflenza • La paura gli confufe in 
maniera , che ritirandofi a poco a poco 

SU uni opprimevana gli altri y e feguitan- 
ogli valorofamente Riccardo, fi diedero 
ad una fìiga vergognofa , tanto che que- 
iko prode Capitano a colpi dì fpade , e 
di dardi ne fé ftrage infinita ( ^ ) . 

Il Conte Umfredo ebbe più che fare 
dalla fua parte cogli Alemani, e fpezial- 
mente con quelli di Suevia . Egli fece 
f<^ra di loro una terribile fcarica di frec- 
ce, ma ellB ne fecero. una fimigliante fi>- 
pra di lot i onde biibgnò metter mano 
alla fpada , e 1' uccifione per Tuna, e V 
altia parte fu terribile • Allora Roberto 
GniloÙKlo credette , che fotfe tempo di 

(a) Malmena l. 2. e. 14. (b.) Oflienf. 
l.%.€.if. (e) Chm.Duc. & tirine. Be- 
w^. ajmd PtlUgf. pag. 166. ( d ) Gugliel. 
Apput.l.%. (e) qttim^. he. àt. Ommbus 



1 A CIVILE 
rttàxt al ibccorfo di fuo fratello : ii 2C^ 
corfe immantenente con Pandolfo , eLan« 
dolfo fuo figliuolo efiliati da Benevento 
(e 7, feguitato ancora da'fuoi Calabrefi , 
i quali fotto la fua difciplina eran dive* 
nuti prodi foldati : egli andò con furia a 
buttarfi in mezzo de' nemici • Si pugnò 
ferocemente , e furono incredibili le ardi- 
te azioni di Roberto in quefto combatti* 
mento ; finalmente fconfifle i nemici ( ^ ) , 
a con tanto empito , e vigore gli confo* 
fe , che dopo aver d' effi fìtta ftrage infi- 
nita , icorgendo che non erano in tutto 
fpenti , ricominciand# di bel nuovo a bat* 
tere il reflo , gli fin! tutti di tagliar a 
pezzi V')* 

Il Papa , che non motto lontano fu 
fpettatore di sì fiera tragedia , vedutofi 

auando men fé l'afpettavi in tali angu- 
ie , nrefe il partito di ritirarfi dentro 
la Città di Civitade (/) \ ma quefta non 
effendo un afilo per lui ficuro ,. tu imman- 
tenente affediata , e tantofto fu coftretta 
a renderfi . Pueffi comprendere qual fof* 
fé r imbarazzo del Papa , e la fua defola- 
zinne mentre cadeva m mano de' Nemi« 
ci, cui egli avea trattati con tanta durez* 
za, e feverità, e di cui e^li avea concet- 
to , ficcome avea^li dipinti pretfb l' Impe* 
radore Errico , di gente barbara , inuma* 
na^é fenza Religione. ^ 

Ma ben tofto s^ avvide quanto appretfo 
i Normanni foffe grande la forza della 
R^ligion Criftiana , e Quanto il rifpetto , 
che aveano di colui eh efil adoravano per 
Capo della Chiefa Criftiana , e Vicario 
diCrifto.. Efil avrebbero potuto, giacché 
come Princip)^ del fecelo li motfe guer« 
ra , Jurt beili , e iècondo le leggi della 
vittoria, trattarlo ficcome eflb vicompa* 
riva • Ma come groffolani non ben arri- 
vavano a capire quella diftinzione di due 
perfona^i in uno , che gì' ifteffi Ecclefia- 
ftici introdutfero nella fua perfona per 
non fiir con tanta tnoftruofità apparire al- 
cune azioni , che non ftarebbero troppo 
bene al Papa , come fuceffore di S. Pie- 
tro • Effi lo fq>utaron fempre per quefto 
ccceUb carattere degno d'ogni rifpetto, e 

yene- 
tandem in ipfo certamine Ptmìdatis Nor* 
tnofmi Dei judìcìo extìterevSRefes , ( f ) Mn'^ 
Utet^ lib. 2. cap0 14.- ifttra iMem Pfovincfa 
Cafi$éim$4 » ;a^ G0mmi$aui éUcitm^ 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB.IX.CAP. Ilf. 37 



▼enemioiie » che la fond delia Relitto- 
ne > di Oli effi erano rireieati y re V im- 
prede sì forte 9 che per qualunque altro 
non poterono perderlo ; perciò con inu- 
dita pietà , e profondo rilpetto lo conduf- 
iéro eoa ogni ibrte d* onore , e riverenza 
liei loro Campo. Non pure lo lafciarono 
in liberti > ma il Conce Umfredo rice- 
vendolo fotfo la fua parola , V accompa- 
gnò egli tìteth con gran numero di ftioi 
Ufficiali in Benevento (a) j prometten- 
dogli di vantaggio , che quando gli pia- 
cele ritornar in Roma , i' avrebbe egli 
accompagnato infino a Capoa ( ^ ) • Il 
Papa forpreib da quefte maniere sì one- 
fte^y e criftiane » cancellò dal fuo animo 
ogni fiaiftro concetto , che prima di lor 
avea, e pentitofi di quanto infino a queir 
ora avea coii4Kx:a accortezza , e contro 
ciò che ricercava il fuo carattere , ado- 
perato j pianfe amaramente le fue difav- 
venture. Indi entrato in Benevento nella 
vigilia di S.Giovanni di queft' anno 105 ^ 
vi fi trattenne infino a' 12. di Marzo dell* 
anno feguente 1054. giorno della feftività 
di S. Gregorio Papa ( ^ ) s e quivi per li 
txavagli iotfeiti y e per paffione d'animo 
caduto infermo , avendo a fé chiamato il 
Conte Umftedo , fi fece condurre a Capua , 
dove avendo dimoiato dodici §(iorni , in 
Roma fece ritorao . Quivi arrivato y per 
conciliare le diicordie » che a' quefti tem- 
>ì pia che nui eranfi refe im^icabili tra 
a Chieia Romana, e laCoftantinopolita- 
mt y fpedl air Iraperador Coftantino Mo- 
nomaco tre Legati , Pietro Arcivefcovo 
d' Amalfi y Federigo fuo Cancelliero , ed 
Umberto Vefcovo dìS.Rufina, unita poi 

Sueibi Chieia da Caiifto IL al Vefeova- 
di Porto; ma non ebbe quefta Lega- 
zione alcun fucceflb ; poiché Lione non 
molto da poi con molti fe^i di pietà , 
«dì ravvedimento fin) fantamente i gior- 
ni fuoi nel mefe d'Aprile di queft'anno 
1054. con lafeiar di fé perula iba pietà» 
e candidezza di coftumi titolo di Santo. 
In quefti rincontri fi narra y che Lione 
dopo aver aifeluti i Normanni dalle ceu- 
ùacy e daU'otfefe, che e' reputava aver 



z 



da effi ricevute, avelTe conceduto ad Um- 
ftedo, ed a'fuoi eredi Tinvefititura della 
Puglia, e della Calabria , ed anche di 
tutto ciò che potrebbe acqniftare fbprà la 
Sicilia, e che air incontro Umfredo avef- 
fé refo T omaggio di quelle Terre alla 
Santa Sede , come Feudi da lei dipenden- 
ti ; e che quefta feflfe la prima brveftitu^ 
féiy ch'ebbero i Normanni, come fra gli 
ahri ferine Inveges. 

In fatti GaufiraJo Malaterra {d) par* 
landò della fommeffione, e rtfpetto che 
i Normanni in queft' incontro portarono 
a Lione , dice che quefto Papa air incon« 
tro : Omneni terram , quam pervaferant , fir 
quam utterius verfus Calaòriam , <> 5*iV/- 
ìiam lucrati poffent de SanHo Petto h^edi-' 
tali Feudo fiSty tr kdtedibus fuis poffiden- 
dam coHceJfit . Ma quefto. non fu che un 
aflicurare maggiormente i Normanni del- 
la fua amicizia, perchè fenza fuo oftaco- 
lo profeguiffero le loro conquifte , bene* 
dicendo le loro arme , e dichiarando per- 
ciò le loro future intraprefe giufte ; ciò 
che i Normanni come religioudefiderava* 
HO, almeno per preteftodi giuftificare co* 
sì i loro acquifti , e per non - aver con- 
trari i Romani Pontefici , che s' erano al- 
lora per le cenfure, e fcomuniche refi a* 
Principi tremendi . Quefti furono i prin- 
cipi delle noftre Papali inveftiture, le 
quali fi riduftero poi a perfezione da Nic- 
colò II. per quelle , che diede a Roberto 
Gnifcardo de* Ducati di Puglia , e di Ca- 
labria , e di Sicilia , come diremo . 

Intanto i Normanni avendo disfatta V 
armata di Lione , ancorché 1* avelTero trat- 
tato con tanto rifpetto, aificurati che fu- 
rono di lui , non voHero perdere si op- 
portuna occtfione di flendere la loro do- 
minazione, e di portare altrove le loro 
armi . Niente refero al Papa di ciò , che 

C etendeva fopra Benevento ; poiché fé 
me Pandolfo Principe di Benevento , e 
Landolfo fuo figliuolo , alla venuta di Lio- 
ne fotfero ftari efiUati da quella Città, 
nulladimanco fconfitto Lione col favore 
de' Normanni , a' quali aveano dato ajuto 
in quella battaglia , tornarono di bel nuo« 

vo 



(a )jinmym. Bmrenf. apud FeUegtìn. ann. f b ) Ofiìenf. «*• ^^ciip. 87. ( e ) Malater. 
1052. Cmiptehemferunt Htum , & p^rtave- ìiò. 2. cap. 14. Qftienf* loc^ cit. (d) Ma- 
nmi Bemavantm , tamm eum ^ancribus « Aiftr. lii* 2. csf. 14. 



Digitized by 



Google 



va i reggere Bet^veoEta (tf) ;» %è f« non 
dopo molti anni comincia, a goveraarfi^ 
dalk Chiefa Romana » tanto cfaei la com« 
mutazione fatta eoa Eprico non ebbe il 
fna effetto {e nda molto da. poi > e più 
per muaifìcenza. de' Normanni , che per 
quelU d'Errico. Nel che non biibgnari« 
cercare altra miglior teftimpnìo della an* 
tichiffima. Cronaca de' Dochi ir e Principi 
di Benevento, il cui Autore fu- un Mo* 
naca del Monaitero di Santa Sofu di Be- 
' ne^ntO). che iì conferva neir Archivio 
del Vaticano ), e fu fatta imprimere dal 
diligentiilimo Pellegrino ,. a pui fu tras- 
melfa da Roma dall' Abate CoHantiiM^ 
Gaetano Monaco Caffinefe , che* da un 
antica Codice del Vaticano V tftrafle (^) « 
ta q^efia Cronaca (5 ) fi llgpe ^ che fé 
^ne reggendo, il Principato di Beneven-^ 
to Pandolfo*^ e Landolfo fuo figliuolo» ai- 
la venuta di Lione fodero fiati ediati da 
Beni^ventor, nulladimanco fi foggiunge» 
che da poi vi tornarono , « Pandolfo do* 
jjo aver regnato mplti anni in Beneven- 
to » finalmente abbandonò il fecolo, e fi 
refe Monaca nel Monaftera Ifteflo di S» 
Sofia y laiciando I^tndollbfua figliuolo per 
{uccefTore» il quale tenne il Principato 
per tutto if^tempo che vide infina airan-^ 
no 1077- >Onde fi convince con molta 
chiarezza y che la permuta con £rrico non 
ebbe etfetto.> ma le poi la Chieia Roma^ 
tta acqnifiò quella Città » tutto fi cke al-^ 
la liberalità de' Normanni > che per le ra- 
gioni che vi teoea -per queUa commutar 
zione fatu da Errico, glie la rilafciaro- 
no > come qui a i>oco vedrafii ^ 

Seppero ancora 1 Normanni ben ièrvir'- 
fi di que^a vittoria, fottopojnendo tMtta 
la Puglia .al loro deminio ,^ dopo tredici 
anni di guerra > da che Taveano inv^fa. 
Tolfero a' Greci Troia y Bari , Traifi , 
Venofa > Otranto ,. Acerenza , e tutte le 
altre Città di quella Provincia y, «mto 
che Giq[lielov> Piigliefe pota dire * ,. 

Jumquet rebcUìs^ ph Urbs ^ppula^ nJl- 
la remanfit : 

Omnes ft dedunt^ aut v^Stìgalìa fil'^ 

( a > Chrm, Due. Ó* Princ^ Btfhev. apud 
PelUgr. pag. 266. P^fin^um ^nm reverfi 
funt in Bencventum . (b) P^llegt. de<::hr(h 
nka Ducumy & Princ^pcn^ag. xóz^U^m 



l A CIVILE 

Qpàndlibrenp poi rivetti tnKÌ i letor 
penueri al)a imprefa 4«IU Calabria > la. 
conquida della quale faiiDema ora a naf- 
rare. <."..• 

GAP. IV. 

Conqmjle di Normanni fopta h Calabria :- 
. Papa Sn^^AìKkfue^ejJer di Lione w jfi 
oppone i. ma morta oppartunaniente m Fi^ 
raizf y, vangon rotti i /noi dìfegriì ^ 

LA morte di Lione IX. rinovòu in Ro- 
ma i difordini per 1' elezione del 
fucceflbrc ; e dappoiché per Je contrarie 
fazioik (lette quella Chiefa per uti anna 
fenza Capo^ finalmente il famofo Ilde*-^ 
brando » che dal Monaftero di Cugnl erafi 
portato in Roma , ove fu fatto Sottodia-^ 
cono di quella Chiefa , come uomo di 
ibmma accortezza y fu «adoperato a por fi* 
ne a tali confufioni .. I Romani , non tro* 
vandofi nella lor Chiefa perfona idonea 
per occupar quella Sede y mandarono lU 
debrando oltre i monti a dimandar air 
Iftiperado/e un fuccefibre, ch'egli in no^ 
me del Clero , e del Popolo Romano 
aveile eletto i àffeptl Er^co , e fugli di- 
mandata Gebeacdo Vescovo di Elichftstt y 
di cui fecefi poc' anzi menzione ^ Con fom» 
mo difoiacer d' Errico y che non voleva 
togliertela dal fuo lajto , venne eoftui in 
Roma,^ ed innalzato a quella Sede, Vit-- 
tore II. fu nomato (^)« Come fi- vide 
net Trono Pontificio toflo mutò feotimepr 
ti jli quanto prima avea fatto mentc'\era 
ia Germania , dove avea a Lione impedi- 
ti i domandati foccorfi, di che con gran 
pentimento amaramente fatto Papa fi dol* 
le * 'E fé il fuo Ponteficato non foffe fia- 
ta CMantó breve;, e la fconfitu preceden- 
te non aveéfegli fcemate le forze y ed in- 
grandite quelle de* Normanni, avrehbem 
quefti certamente fperimencaito in Vitto- 
,rt gr iftefili fentimenti di Lione . 

é Ma morto egli in Firenze nel 1057. 
due anni dopo la fua eialtazione , e rifat- 
to in fuo luogo Federico Abate di Mon- 
te Cafina>, e Cardinale,, che prefeil nof- 

fcflo 
in Stemm. & alibi plurìes. (e ) Chron.n^ 
g/ <&• 9. api^. PMegt. pag.^66^ (d) O- 
ftienji lib^i^ c^ig<^ 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAt>OLI LIB. IX. CAP. IV. 
feflo di quella Sede il pomo di S.Stefai» id pitfidid éeitearnit spirituali , e 



no» e perciò 'ptek il nome ài Stefano X. 
da akri per la cagione alctove tappòrta^ 
ta y detto Stefano IX. futono da coi^ui 
calcate it ntedefitne Teftigia àst' fuoi pre* 
decetfort . - Fu da' dHigenti imreftigatbrì 
delle gefta de' Pontefici eoa iftupore nota- 
to, che ancorché i loro Predeceffori ^ per 
foftenere le loronìntrapre^e ^ areiJCero fef- 
ferto moni, prMbnie> edaltvecalatnità; 
non per tatto eia gli ftRrceflbri fi ipaven 



-59 
, delie 
fconunuc&e, alle quali la forza della Re^ 



ligione avea dato tanto vigore, e fpaV'en* 
to , che non foto a' Popoli ^ ed a' Princi- 
pi- erano trèmeiKle^ ma quel ^h'è degnò 
di ftupore , «ano formidabili , e fpavenv 
tofè a' Capitini ^Ue milizie , ed a' f olda* 
ti fteffi , «otpitth^r lo più fcellcratiffi- 
mi ; i quali neir iftcflo t«mpo , che s* at- 
terrivano delle icontnniche , non aveano 
ttlcuna difficoltà di menare nna vita Tcel 



lavano di profeguicley :aizi viepiù forti ^ lerata, ed' ufurparfi quello delproffinn>> 



e vigorofi s'^ei^KHievano ad ogni maggior 
rlfchio, e cimento. Effi- eranfi ^tmafi^ 
che r ingrandimìeni» de' Normanni in que^ 
ùe noftre Provincie , era lo AetiTo che il 
loro abbafiCaraentó , e lo reputavano come 
loro declinazione > ficcome mefte medefi- 
me gelofie tennero co' Longobardi y quan- 
do gli videro troppo potenti in Italia « 
Gli accagionavano pereto di mille delit« 
ti y che rapivano le robe delle Chiefe y 
che defolayano le Provincie; ed in fine 
proccuravano rendergli odioC a* Provincia- 
li y per potere in cotal tpodo giuftificare 
le loro intraprefe > e renderle al Mot^do 
commendabili . E fé bene fopra qujeide 
Provincie non poteffero pretendervi ragio- 
ne alcuna di fovranità^ niemedimeno la 
loro grandifiima geloiia degli avanzamen- 
ti de' Normanni pofe coftoro in tal necef- 
fità , %he ficcome prima doveano reprime- 
re , ed opporfi alW forze degl' Imperadori 
d' Oriente , a^ quali finalmente quefte* Pro- 
vincie fi -toglievano : così ora aveano da 
contraihre co' Pontefici Romani y i quali 
come fé ad efli fi toglieffero, fi oppone- 
vano con vigore a' loro difegni , né v' era 
mezzo y che non adoperaffero per impedi- 
re i loro progrefllh 

Prima come fi i potuto offervare nel 
corfo di queft^ Iftoria y non avendo per fé 
forze tali, folevano iniplorare gli ajuti 
de' Pri ncipi ftranieri , ficcome per difcae- 
ciare i Longobardi ricorfi^ro a Frantefi ; 
«ra effendofi refi per lo dominio tempo- 
rale di tanti Suti più forti « lontani que- 
lli foccorfi, e mancata ogni fperanza di 
|K)tergli avere dall' Imperadwe.» e poten- 
dogli AnnminiArare i loro Stati forze fof- 
•ficìenti f io facevano per fé foli ; e qùan- 



fonz'alcuii riguardo d'offendere laMaeftà 
Divina v , 

Innalzato per tanto Stefano al Pontefi- 
cato Romano, fi difpofe immantenente a 
voler difcacciare d' Italia i Normanni* 
Traeva iegli origine da' Duchi di Lorena, 
t nato da Regal ftirpe > voleva nel Ponte* 
ficatQ fegnalarfi in opre grrf&di , ed illu- 
firii#Fu prima da Lione IX. fatto Can- 
celliero della Sede Appoftolica : inai fu 
Abate di Monte Cafino , e poi da Vitto- 
re II. fu fatto Cardinale. Affunto ora al 
Ponteficato Venaegli in penfiero y imitan- 
do Lione, di voler difcacciar d'Italia i 
Normanni ( a ) i anzi nato per cofe p8i 
grandi s' accinte ad una più illuftre im* 
prefa <• 

* Un anno avanti nel 10^6. era mo^tò 
in Germania Errico^ ed avea lafciato per 
fucceflore un fuo pìccolo figliuolo di fet- 
te anni, che fucceduto poi ali* Impèrio, 
fu col nome del padre lanche chiamato 
Errico • Fra gli Scrìttoti Germani , ed Ita- 
liani vi è gran confufione nel numero di 
quej(li Errichi . Errico il Negro da' Ger- 
mani vien 'diiamato III. gli Italiani lo 
dicono II. non tenendo conto di qudU'al- 
tro Errico, che non fu fé non (empìice 
Re di Germania^ né giammai tmperado« 
re • Noi fegujteremo gli Italiani > onde 
il fuccelfore d^' Errico 41 Negro lo diremo 
Errico III. non IV. Morì Errico dopo 
aver regnato diciaffette anni > e quattro 
mefi . Le file leggi Furon raccolte da GoU 
dafto il^) y t Cuiàcio nel quinto libro 
de' Feudi ne regiforò alcune a quelli ap- 
partenenti i. 

Per l'infMzìa del figliuolo governava 
L' Impe/adrice Agneia fua madre: Stefano 



do qnefte mancavano > folevao^ ricorrere valendofi dell'opportunità del tempo , ven- 



nc- 



Digitized by 



Google 



40 I>ELriSTOR 

negli inpenfieie d'ittntlztie al Turno Im* 
{seriale il DooiGoffiredo (ìio fratello» con 
rifoluzione, che unendo le fne forze con 

Snelle del fratello, potetfeno oon facilità 
ifcacciare i Normanni d' Italia > acquali 
egli portava odio implacabile. 

Ma intanto quefti v^oroli Campioni 
fotto il famofo Roberto Guifcardo, a cqi 
il Conte Umfredo fuo Fratello avea fom- 
miniftrate molte truppe » perchè Timpie* 
gatfe alla conquifta della Calabria > avea- 
no fatti progreffi -maravigliofi fopra que- 
fia Provincia (a) . Effi (£i poi che Rober- 
to per una fua ingegno(a aftuzia , erafi 
impadronito diMalvito, aveano ftefo fiù 
oltre i confini, e fotto la lor dominazio- 
ne poco da ^oi fecero pafTare le Città di 
Bifignano y di Cofenza , e di Màrtura . 

>Iè la morte del Conte Umfredo acca- 
duta in Puglia intorno l'anno 1056. avea.. 
potuto interrompere il corfodi untecon- 
quiftei anzi diede a quelle più veloce cor- 
io } poiché non lafciando Umfredo che 
due piccioli figliuoli , Bacelardo , ed Er- 
manno, lafciò il governo de'fuoi Stati a 
Roberto Aetfoy a cui raccomandò i figli- 
uoli y e fpezialmente Bacelardo fuo pri- 
mogenito; onde iucceduto Roberto nel 
Contado di Puglia dava terrore a tutti i 
Principi vicini , e molto più a Stefano R. 
P. dal quale era perciò ^aiulemente odiato . 
Ma a Stefano y cui non mancava ar- 
dire di cacciare i Normanni d' (talia , 
mancavano però le forze, e fopra tutto i 
danari : fìi perciò tutto intèib a farne rac- 
colta , e r impegno nel quale era entrato 
Illi fece penfare un modo pur troppo vio- 
ento» e fcandalofo. Egli, che csl Abate 
di monte Cafino fu innalzato alla Catte- 
dra di S. Pietro , volle nel Ponteficato 
fteffo ritenere quella Badia , né permife 
che in fuo luogp foffe altri fuflituito ; 
onde difponeva di quel Monaflero • per 
doppia ragione con tutta libertà , ad ar- 
bitrio (A). Per le molte oblazioni de' 
Fedeli in quefto tempo pur troppo per li 
Monaci profpero , aveano effi raccolto un 
ricchiflimo teforo d' oro , e d' argento , 
che in quel Monaflero i Monaci con gran 
cura , e vigilanza cuftodivano : Stefano 
vedendo che per neflun altio miglior mo- 

' (a) GuL Ap. lib.i. Roberto fra tri Ca- 
Ubras acquirm terras cwctdh . (b) Oflienf. 



I A C IV II E 

do poteva confeguir il fyo fine y pensA 
averlo in nuno, ed ordinò al Propofito 
di quel Monaftero , che tutto il teforo 
d*oro, e d'argento ch'ivi trova vafi Ta* 
vetfe fubito > e di nafcoflo portato in Ro- 
ma • Avea egli difpoflo di paffare con quel- 
lo in Toicana, ove era il Duca Goflfire- 
do fuo fratello , affinché conferito con 
lui il fuo difegno, potefferoda poi ritor- 
narfene infieme per difcacciare a Italia i 
Normanni. La cofternazione nella quale 
entrarono iMonaci per si iafaufta novel- 
la benciafcuno potrà inmaaginarfela : effi 
tutti mefti , e dolenti, tentarono invano 
colle lagrime rimovere il Papa; onde fi- 
nalmente da dura neceflità coflretti , aven- 
do ragunato tutto il teforo , in Roma a 
Stefano lo portarono . Il Papa quando lo 
vide, e vide infieme la meflizia » ed il 
dolore de' Monaci , che glie lo portaro- 
no, forprefo allora dalla moflruofità del 
fatto, ravvedutofi dell' ecceffo, toflo pen- 
tiffi d'averlo domandato, e lo rimandò 
indietro ( r ) . Ma poco da poi efTendofi 
incamminato per la Tofcana , fermatoti 
in Firenze , fu forprefo da una improvifa 
languidezza, che in pochi dì lo privò di 
vita in queft'anno 1058. (^). 

Così morto Stefano andarono a vuoto 
tutti i fuoi difegni , e fu la cofhii morte 
si opportuna a' Normanni, che non aven- 
do altri , che impediife i loro vantaggi > 
poterono indi a poco ftendere le lorocon- 
quifle , oon pur nella Calabria , ma fo- 
pra il Principato di Capua ancora % per 
un' oeeafione , che più innanzi fiiiemo a 
narrare • 

I. Roberto Guiscardo ì /aiutato LDi^ 
ca dì Puglia y e di Calabria. 

INtanto per la mcurte di Stefano tornò 
Roma di bel nuovo nelle confufioni<, 
e difòrdini; poiché Gregorio d'Alberico 
•Conte di Frafcati , ed alcuni Signori Ro^ 
mani 9 di notte , e eoo gente armata pò- 
fero per forza nella Santa Sede Giovanni 
Vefcovo di Velletri, che prefe il nome 
di Benedetto ; ma etfendofi oppoflo a 
quefl' elezione Pier Damiano uomo da 
bene ( il qual poco prima da Stefano ri« 

chia- 
lib. 2. cap. 98. ( e ) Oftienf. lib. 2. cap. 99. 
{à) qfinnf. lib.%. cap^ioo. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB. IX. GAP. IV. ^t 



chiamato dall' Eremo, era ftato fatto Ve- 
fcovx)^ d' Oftia )^ infieme con gli altri Car- 
diuail 9 fecero in guifa , che tornato Il- 
debrando dalla Germania , ove era ftato 
mandato da Stefano air Imperadrice Agne- 
fsif avendo intefo tali difordini, ferinoili 
in Firenze, da dove attefe a far ritrarre 
i migliori Romani dal partito contrario , 
e col favore del Duca Goffredo Marchefe 
di Tofcana oprò in maniera , che ragù- 
Dati in Siena que^ Cardinali , che non 
aveano avuta parte nell'elezione di Bene- 
detto, vi eleifero per Papa Gerardo Ar- 
civefcovo di Firenze. L' Imperadrice A- 
gnefa madre d'Errico, confermò relezio- 
ne , e diede ordine al Duca Goffredo di 
metter Gerardo in pofTefTo , e di cacciar- 
ne Benedetto. Quefti prefe il partito di 
rinunziare il Ponteficato; onde Gerardo 
portatoli in Roma , vi fu riconofciuto per 
legittimo Papa, e fu chiamato Niccolò 
II. il quale poco da poi nell'anno 1059. 
tenne un Sinodo di 1 1 j. Vefcovi , dove 
comparve Benedetto, dimandò perdono, 
e proteflò , che gli era (lata fatta violen- 
za • In quefto Concilio furono fatti rego- 
lamenti per la libertà dell' elezione del 
Papa , e fbbilito , che i Cardinali dovef- 
fero in quella avere la parte migliore \ 
poi T eletto fofle propofto al Clero , ed 
al Popolo , ed in ultimo luogo fi ricer- 
cale il confenfo dell'Imperadoré • 

Quefte reyoluzioni, che molto fpèflb 
accadevano in Roma, e molto più 1 di- 
fordini , che nell' illeffo tempo fi fenti^a- 
no nella Corte di Coflantinoppli , mara- 
TÌgliofamente conferivano ali' ingrandi- 
mento de' Normanni. Non temevano da 
parte alcuna di ricevere impedimenti ; 
poiché la minorità d'Errico III. gover- 
nando rimperadrice fua madre, non fa- 
ceva molto penfarealle cofedi quefle no- 
ftre Provincie . Coflantinopòli , per la 
morte accaduta nelT anno 1054. di Co- 
ftantino Monomaco , tutta era in difordi- 
ne, e confufionc ^ poiché fucceduta nell* 
Imperio Teodora forella di Zoe , e dopo 
un anno quella morta , Michele Stratiott' 
co fu dagli Ufficiali del Palazzo poflo ia 
fuo luo^o \ ma quefli , refofi poi Mona- 
co , lafciò volontariamente la corona Aeir 
Tom, IL 

(a) Quìi. Appul. lìb. u (b) Oftknf. 
Uh. 3. or/. x6. Et ex tunc cxftt Dw -»?'- 



anno 1057. onde inforfèro axxMna faztoof 
per l' elezione del fucce&re i mz acqui- 
flando nuggior forza quella di I/aacio C«- 
mnetiò, fu quefti falutatò Imperadore in 
qi^stl'anno io^8. 

I Normanni perciò con miglior agio 
attefero a dilatare i loro confini , e mie* 
di Puglia fbtto il famofo Roberto Gui^ 
fcardo gli diftefero fopra quafì tutta la 
Calabria. Quefto Principe , effimdo fuc- 
ceduto nel Contado di Puglia, era rico- 
nofciuto non già come Tutore di Bace- 
lardo fuo nipote , qual egli era fecondo 
che narra Guglielmo Pu^iefe ( rf^) , ma 
come affoluto Signore . Egli fembrava, 
che in queft' occafione non foffe difpoùo 
a contentarli d' una femplice tutela , fic- 
come da dovero. non fé ne contentò da 

Soi; anzi pretefe, che dovea egli fuoce« 
ere ad Umfredo , conforme Umfredo ent 
fuccedutp^ a' fuoi fratelli primogeniti; ed 
egli avea* già defig^iato ^r fuo fucceflbre 
Roggieri dtro ultimo fuo iirateHo, eoi 
quale avea divifo l' Imperio , e creatolo 
perciò come lui anche CoAte. Era per- 
tanto tutto intefo a difcacciar i Greci dal 
rimanente della Calabria, prefe Cariati, 
e molte akre Piazze d'intorno, e portò 
finalmente le fue armi infino a Reggio 
Capo di quella Provincia, alla qual Cit- 
tà pofe l'afTedio. Gli affediati non poten- 
do lungamente fbftenerlo fi diedero a Ro- 
berto i ond' egli rendutofi Signore di cosi 
illuflre, ed antica Città, non fi conten- 
tò più del titolo d!\Conte, ma con fb* 
lenne augurio e celebrità fecefi falotare, 
ed acclamare Duca di Puglia, e di Cala* 
bria. Lione Oftienfe (A) narra , che la 
gloria dell' efpugnazione di Reggio gli 
panorì quefto novello Titolo . Cuiopala- 
ta fcride , che lo produffe il governo tra- 
fcurato^ e puerile di Michele VII. [mpe- 
rador Greco ; ma il Pellegrino ( e ) fa 
vedere , che Roberto ad emulazione de* 
Greci , e per rinmzzare il lor iaflo lo fa- 
cefTe. Aveano effi coftituito Argiro Àvk 
Bari Duca di Puglia, ancorché quefb nel- 
la fua maggior eftenfione fotte paflàt» 
fotto il dominio de' Normanni : imj^roc- 
chè i Greci ancorché perdeffero 1' intere 
Provincie, non peKÌò lafciavano di rite- 

F ^ nere 

pellafi . ( e ) PeUtgf. Cafiigat. in Luf. 
Protofp. A. 10S3* 



Digitized by 



Google 



4% © B t U I S T 0. H 

neie almM» i hSùù titotif tài itemi tìt 
quelle ; tnsfefettdogli '{orente iit àltft 
parte > fiecoae-feccfo dtiraftticaCaUbm, 
k quale t come fii ne' precedènti libri of* 
fenrat«> paffata che fu f«tto la domina-' 
aione de* Longobardi > iffi trafportarono 
qattto nome di Calabria in un^ altra Pro- 
vìncia 9 che allora ancor ritenevano • 

Chi a Roberto conferire quefto nuovo 
Titolo ili Duca^ non è di tutti conforme 
il fentimento* Lione Veìcòvo d*Offiapar 
che accenni, che fit unacafuale acclama^* 
aione del Popolo; ma Curopalata dice, 
che i Stgnori , e Baroni Pugliefi fuoi vaf- 
falli, vedendo ch'egli allo Sfato di Pn« 
glia avea aggiunta la Calabria ^ con pub- 
bUco configìio, ritenendo per eili i titoli 
di Conti iopra k Terre che ^'aveano-di« 
vife, decretarono il titolo Ducale a Ro« 
bettor; donde fi convince Tetrore del Si- 

Elio (a)y ft quale reputò , chg infuper^ 
a Robei^o p^T effOignazione di^Reg* 
gio in Calabria , < poco da poi per 1' al« 
tra di Troja inPuglia, difdegnando Tan^ 
tico titolo di Conte , per fé fteifo , e di 
^ propria autorità s'iiititolaffe Duca di 
Puglia > e ^di Calabria . / 

Àgoftino. Inveges (3) va . conghiettu- 
rando, che nella creazione di quefto no-» 
vello Duca s' otfervafTerd quelle cerimo- 
nie , le ^nali a que' tempi s' offervavano 
in Francia nella creazióne del nuovo Du^^ 
ca di Norm^nnia , 4 fono defcritte nel 
Tornò degli Scrittid J|ntlchi -deir Iftoria 
de' Normanni} dovFu narra, che TAr- 
civefcovo dopo alcune Orazioni , ed il 

S'uraniento, che preftava il nuovo Duca 
difendere il Popolo a fé commeifo , e 
di ufar con quello ^iuftitia , equità , e 
mtfericordia , davagli V anello , e da poi 
gli cingeva la fpàda ; ond' è verifimile , 
«' dice , che il Normanno Goifcardo vo- 
lendo confacradS Duna di Puglia in Ita- 
lia, foKèfifervito delle medefime cerimo- 
nie. Avevano pure i Duchi jpartitolar Co- 
lina ^ Be^etino, Vefle, e titoli proprj . 
La Coiona^ Ducale, che pon'evano fopra 
le loro Arme > fecondo che la defcrive 

<a) Sìgon. Hiflof. deRsgn. ìtaìta /#3, 9. 
j*. 1059. Rhfgiù CéhMaVppìdo^ t> TV^- 
fa AfulU capto fuperbus ultro fé Vuèem 
^pulÌ4 affuè Caiahia ^ppellahat . (b) Inr 
Vint. Annui, dì Pater, pan. 3. A. 1059. 



IX CIVILE 

Seipipne Mazaellt C^)» €fs mi cevchìo 
fetiza ra^i, o dicàm punte difo(va ( le 
quali convengono fedamente ai Principe > 
ma in luogo delle pume vi ufavano al- 
cune perle , e d^ attorno alquante gic^e • 
Il BeretinO) feconda infegna de^ Duchi » 
Bartolomeo Caifaneo (/f) ce lo deferive 
in forma d^un cappello circondato d^una 
corona rotonda > ma non diritta , *ni a mo- 
do di zona) che circondi il cappello, co- 
me ufano i Re : e di quefb cippella Du- 
cale, cónfefTa Catfaneo, non averne po- 
tuto rinvenire T origine. La vefte Duca- 
le, fufpica Inveges, che foffe fimilc all' 
abito Arciducale d'Auftria defcritto dal 
Guazzi (er), cioè una veftedi diverfi co- 
lori , lunga fino a' piedi > ed ornata di pel- 
li d* Armellini . In cotal guifa adunque 
il Duca Roberto ih queffanno 1059. nel- 
le pubbliche folenuità apparve a' fudi fud- 
diti, adornandofi coir abito , e corona Du- 
cale ; e quindi è , che ne' privilegi , e ne- 
gli altri fòm diplomi cominciale a fer- 
virfi di quefto titolo: 'Ego Kobettus Dux 
Apulid^ & Calabria. 

C A P- V. 

Il Principato di Capua tolto à* Longo* 
bardi , paffa fitto la " dominazione 
de* Normanni d* Averfa . * 

NON meno de' Normanni di Puglia, 
que' che collocarono la loro Sede 
in Averfa diftefero fopra i pae/i contorni 
i loro confini . Riccardo Conte d* Averfa 
accrefciuto di forze intraprende d' invade- 
re il Principato di Capua a fé vicino* 
ed afpirandó a quel Soglio , di ftréVto ai^ 
fedio cinfe queila Città . Reggeva allora 
Capua Pandoifo V. il quale le bene per 
qualche tempo aveffe colle fue forze pfo- 
tuto difendere la Città, nulladimanco Ric- 
cardo vie più ftringendola , bifognò per 
llberarfene che offèrifTe al nemico fette- 
mila feudi d' oro (/) . Per quefta fomma 
Riccardo tolfe Tanedio, ma per qualche 
tempo; poiché morto Pandoifo V. nell' 

anno 
(e) MuTxel. defcriz. del Regm dì Napoli 
P^S' 3 74" ' (d) Chaffan. Catalog. glor. Métfd. 
part. I. conci. 9. pag. 8. (e) Guazzi hift. 
Moder. pag. 78. ( f ) Ojìienf. lib. 3, cap. 16. 



Digitized by 



Google 



DEL EBOM'O DI KA» 

qgliuolo, Rkeimfo «iva& 4i mmro Ca*^ 
puai eJn^dobi 4* mi pi& ilcetux af&dio • 
I Capiwu oflmìroao aUra maggior (ora- 
mu per liKerarfì % ma Ri«aurdo rifiuuto 
efinì aceofdoV. ^aok cb^ k Città fi reti- 
(b nelle Aie mtai « Mai iL{K>ft>ao indura 
ir i C«pumì s fiu fugjBiefite incetti per 
la hms^. «itteiKÌa> Lanéolfo > e lalciànda 
il Priocìpato ». fu Riccardo rkeiruio p. e pet 
Principe falutata in queft'Miio 1058.; 

Volle Riccardo, non altrimente che fe- 
ce Arechi primo Prfncipe di Benevento ,. 
fàrfi ungere coll'olio facro (a)^ il qual . 
coftume ritennero ancora da poi tutti gli 
altri Principi Normanni ,. che furono di 
Capua (b).. E fé bene i Capuani fra i 
patti della refa aveffer* ottenuta di ritene- 
re per elfi le Porte, e le Torri della Cit- 
tà , e di dover effere da loro guardate ; 
aulladimanco- diflimulando per allora il 
nuovo Principe Riccardo quefto lor van- 
tas;G(io , differì ai altro miglior tempo dì 
privargli anche di quefto . .(uiapto porta- 
toli in Monte Qnfino^ eiìvì ìjou molta 
folennità ricrviito da que' Monaci ^ £bC0 
ritorno nellarCamp?tspna,. la. quale «ft^n* 
dendofi infmoal fiume Sete ,^ tutta, fra tre 
mefi: la fottopctfe alla fva iqmiàzziojìt *^ 
ixìfJi z Capua t^ro^tto ;. avendo fatto Va- 
gunare tutta laNofcxJtà^ **^'1p^^ efferoo* 
ù, molto ragionevole^ che u eon£?gi^<Ce- 
ro» a. lui le Porte ^ e le Torri della Cit- 
tà ;. ma coftantemente avendo i Capuani 
ricufato di farlo > irato, il Pifinclpe ufcl 
dalla Città , la cinfe nuovamente dHltref- 
to aifedio , e^ la premè con dua farne . 

I Cittadini intanto^ mandarono iìloto* 
Arci vefcovo. oltre i monti a chieder aju- 
to air Imperadore Errico j ma quefto Prin- 
cipe , che non era ia iftato di penfar a 
quefte noftre parti ,. lo. rimandò indietro* 
con offerte grandi , e parole ,. ma fenza. 
alcun fatto ,. ed utilità . I Capuani allora, 
perduta ogni fperanza , né- potendo più. 
tefiftere ,. refero le Torri , le Porte , fé 
fteffi» e- tutte le loro» foftanzealla difcre- 
zione , e clemenza di Riccardo .. Così in. 
queft* anno 10^2^ dopo; eiferfi i Capuani 
per diece anni' bravamente oppofti agli 
ifoni de' nemici ^ paisò il Principato dt 

( a ) Oflìenf.. loc. cìt. ( b ) Pellegr. ht 
Sum. (^c)Oliienf.lib.i.cap.i6. (d).rì- 



OLI trB.t!c. cARnr. 4» 

CipiUL da^ontobardi VMbraiattni (r), 
puma fott9 il Pfìincipe Riccaido ^1 fan- 
gu« iTAfclmtno, poi ibtta gli altri fiioi 
imi9g&in del siedefima lignaggio , e A- 
iiilffieme pafsò forto U dominazione di 
quegli altri valoiofi Normanni delU raz* 
za di Tancredi Conte d'Altavilla, come 
9el ieguente libfo. vedremo. Per la qua! 
CC& iHJtt' è fciifakle 1' error del Sigonia 
(^>ft il quale reputò quefto Riccardo fra- 
ti^ di Roberto Guifeardo , quafi che fi- 
ì¥X dft «efto teauo il Principato di Ca- 
pua folle paffato fotto la dominazione de' 
Normanni di Puglia affiglinoli del Coa* 
te Tancredi^ 

Ecco il fine della dominazione de' Lon- 
gobardi nel Principato di Capua , che da 
Atenulfo con non interrotta ferie ditan^ 
ti anni finalmente nella perfona di Lan- 
dulfo V. s' eftinfe in quefta Nazione . 
Principe infeHcifllmo ,, che oltre effere fia- 
ta coftretta d' abbandonar il fuo Statò , 
donde ne fu fcacciato ,. avendo generati 
pia figligli, gli wHc con fuo dolore, e 
cordoglio andar raminghi per que'medeii- 
mi. luoghi^ ove ea;][t avea regnato • E nar- 
ra r Abate Dcfiderio. {e) ne'fuoi Dialo- 
ghi^ aver egjt nell'età fua veduti molti 
figliuoli di /Ufldolfp di ^uà, e di là efu- 
li,. e raminghi, andar mendicando per 
faftejìere^ la lor mife«iirile vita : il che 
egli attribuifce a /raftigo delle fcelleratez- 
ze , e Crudeltà ufate dal peffima Principe 
Pandcrtfo, IV. dal quale effi difcendèva- 
no. Donde pud ciafcunoper sèmedefimo 
cbnfid'eitrè,'che il fangue di quefti Prin- 

4ipi. L^^gobardi noa s' eftinfe affatto nel 
^ Vincipato* di Capua; poiché oltre che vi 
«rimaferoi alcuni Conti della razza di Ate* 
nulfo , de' quali per qualche tempo* per li 
loro Feudi che poifedevano fi potè tener 
conto ,. e moftrar la loro dipendenza in 
alcune ^nniglie ;. vi reftarono^ ancora i fi- 
gliuoli di Landolfo, da' quali per la loro 
eftrenia miferia ,. e povertà noa farebbe 
forfè incredibile , che ne foflero nati ed 
artigiani,, e lavoratori di terra, ed altra 
gente di braccia, e che forfè anch'oggi 
ancorché ignoti ,. infra di noi vi fiauo : 
documento' delle cofe mondane , e ddla 
loro, iacoftanza ,. e volubilità ,. e di noa 

F 2 dbver- 

g(m.. HA. 9. -4. 1059, ( e ) Dejld.. DiaL Hb^ 
!.. PelUgf. in Stem^ 



Digitized by 



Google 



OELr ISTORIA CIVILE 



^verfi molto iofuperbire ^r la nobiltà 
étl lìgaaggio fopia gli altri , i ouaii fe 
bene non la potranno moftrarc» rorfe fa- 
ranno diicefi da più illuftre^ t generofa 
profapia eh' effi non fono • Un fintile fuc- 
ceiTo narra Seneca al fuo Lucilio (a)^ 
ch'edendo in battaglia ftato Confitto V 
efercito di Mario , molti* uomini nati di 
gran parentado, e di faugue nobile ^ co- 
sì Cavalieri » come Senatori , nella fcon- 
£cta della fazione Mariana furono dalla 
fortuna atterrati , ed alcuni di quelli fii- 



ce paAorì » alcuni altri layoratoff A tap^ 
pa, ed abitatori di Capanne • 

Così i valorofi Normanni , debellati i 
Greci nella Puglia, e nella Calabria , de« 
bellati i Longobardi nel Principato di 
Capua, gli vedremo nel feguente libro 
( rimettendo i^i di narrar la politia £c* 
clefiaitica di quefto undecimo fecolo ) 
tutti trionfanti fottoporfi le rettami Pro- 
rincie , e ftabilirfi un ben ampio , e for- 
tunato Rcipno. 



( a ) Seme, ad Lutil. Efìji, 47. 




Digitized by 



PELL' 

Google 




DELL' ISTORIA CIVILE 
DEL 

REGNO DI NAPOLI- 

LIBRO DECIMO. ' 




L Duca Roberto > che non 
facendo vedere a Bacdardo 
fuo nipote il diritto della 
patema fucceffione , noir già 
come Tutore del.medefinio> 
ma come propr) amminiihra- 
va i Ducati di Puglia , e di 
Calabria y per mas^^iormente ftendere i con- 
fini del fuo dominio fopra T altre Provin- 
cie, e meglio afficurarn de^iiac^ifti fat- 
ti , proccurava con osmi fommeifione » 
ammaeftrato dall' efempio di Lione,. tener 
ibddisfatti i Pontefici Romani \ anzi re- 
l^tava per quefta via , avendogli per ami- 
ci , di giuftificare le fue imprefe , e ren- 
derle al Mondo commendabili , e fenza 
taccia d' ufurpazione . All' incontro i Pon- 
tefici rendutifì ora per le fcomuniche più 
tremendi a' Principi , non trafcuravano le 
•ceafioni di profittare dell' opinione , che 
a* aveaao preflo tutti acquiftata della*loro 
iuperiorità , e potenza . Perciò nel Pon- 
tencato di Nicolò II. fi ftabilirono ira 



noi con maggior fermezza le Papali in-, 
veftiture ; al che conferì moke una (bl- 
levazione accaduta in PugUa nel medefi*^ 
mo tempo , che il Duca Alberto trìoafi^' 
•va in Calabria. 

Baceìardo mal foddisfatto del ^ zio' 
Roberto fovente dolevafi eflerglì AatatoW 
tà la fucceffione de' paterni Stari , e-mé- 
vendo perciò la compaffiotie di moki ^ 
avea tirato al fuo partito moiri Pugliefi» 
i quali apertamente foUevandbfi invafero. 
alcune Piazze -della Puglia|. Ma la vigi- 
lanza di Roberto toftò ripre^ i mal con*, 
ceputi dilegui , perchè precipitoàmiente 
eflendovi accorfo , riduffe i luoghi folle* 
vati, e fpenfe fubito l' incendio ^ anzi con 
ul occafione fcorrendo nella più remota 
parte di Capitanata, ove i Greci fi nun- 
tenevan^ ancora in alcune Piazze , le 
forprefe , e conquido infra l' altre la Cit<>^ 
tà di Troia , che i Greci alquanti anni 
prima aveano edificata, ed aveanla oofti- 
tuka Capa di quella l^rovinciar 



Digitized by 



Google 



41 D K L l: I S X o 

VzMaifto delU CitU cU Troia diede 
fti ^IKi al. Paai^ifDk9iit j Pmi^ 
te^o. Romani mffio in queflj^tenìpi yre- 
teiiitoiie,4C^;qtii^fta^Città> iloiialtcamen- 
U^ che Benevemo » Iosa i afftfUtencfle. 
fpr àigolac diritte C^) •. Ma. tutti gllAu- 
lori t^cmonp y onde mai quefta. KtcticoW 
ragioACL 6sL.%ot vemna ; poictiiqiiefta Citr 
tà , feooMo. ^uel ctié «per T àlijwótà. di 
Lione O&wA ^^i^ da noi ijipportato^. 
eci. nel^ dominia de^Greci ^ wetm^U neK 
Vaanp i.a»2«; da' foudam^oti edificata fot 



RIACIVILE 

to la «^Nnkiasioaejde' inedefimiJilQrman^ 
f^4. eraa mólto debotr le forse di còloro^ 
di Salerno , e molto 'piik de^i altri di 
Benevento v. IMoko. metto era da fperare 
da!Grà;i^ iniipici implacabili de-' Pontéfi- ^ 
ci Romani ^ pet lo icisma Cunofo'^* ch^ ' 
avea fra ^v^ttt due Chìefe pofte già pto^ 
foòde cadici ». e che avea. alietufi i.Xjreci 
da Latini* 

* Paaqtte^oolì «eftava alerò a Nicolò II. 
die di riooriere alle armi i|kituaU ^ ed 
aUefcomuniche • IPohrefbi KMoiàìavea* 



tp*il Ctfapano.BagianovMia quale , per no gi^ comiaciato ad adoperarle' contro i 



«Kmoria. della fsmoik t^o^a «iella I^rigia 
minore ,j^iedero, notn^ di Troja,, e ripiì-^ 
tajoala ame una, Colonia. di quella. . 
E„ quamunque- qoanda £*ico. calò in 
J^ia eoa quelL' derpta formidabile y fi. 
fyik. accampato, (opra quéfta. Città y^ come, 
narra 1' iftefTo. Lione ( ^ )%, ed. avcfle co- 
Ibcetti i Troiani a. rendew a. lui ì. nulla- 
diraanco loro perdonò, poi (^d ) , ed abban- 
donando, que! luoghi 9 fece in. Germania 
ritorna ; né fi. legge, y che n' avefle fatto 
^no. alk. Chiefa. Romaiiii 9, qome fi leg- 

rt. di Benevento ^*^Ma. comunque ciò fia- 
y Nicolò. IL. il qual feguendo. il colan- 
te tenore de* fuoi predeCeiforì mal fotferl« 
Ta quefti vantaggi di Roberto , col pre- 
tefio ^, che apparteneffe quella. Città, alla. 
Sede Appoftolica,. gli fece intendere > che 
doiMb a Jué/mftiMrU .. IMoko. enm lon^ 
Vmk à yniÉwiiii di. feftkuiiv vilmeifite 
Mft^ ekk ef& am^oot aoqmAftto.fopraiGre?. 
cijPotteL lM0.4raii#,e con..<ante %khe » 
€ travajgli \ onde Roberto .poeo ciurandofiN 
49Ue dèoiMMle éel P^pe^ripigliò. H fuo camr^ 
«IMD< «rio U.'Calafaffia ^ 
' Non era in ìftafio* il Poateicer Nicolò. 
H*: é^^itando. V efenpio di Uone y di mo- 
xeigli, «nero un efeccito } eran lontani 
gli aiuti dML poteva, fperaie' dagL* Impera- 
dori d' OoDÌdente ;. ami quefti. cominoia-. 
yf»fì adi atiemMBfc da' 'Pontefid. Romani ^, 
od. nvcigli, ia. avverfionc: per cagione , 
eM contra^avan lom T elezione del Pa^^ 

£,, e l' inveilicnfie/ degli, altri benefici ,, 
Le 4ualì. erano: infin. allora Aati inpof*. 
fo0b • Né. era da. fperar ^bocorib. dagli al- 
tri: Principi Longobardi vieini y poidi' ef- 
fendo, il. ifrincipato. di. Cipna. patfato. fot- 

<a.) Fncdé à% S^ttià^ IH. 8. Sfecisti 
Ijfndamiwte fibi irindic€$ y ^m$ Mmsmmh 



Pàncipi r coipte . s' ^ veduto, ne- po^cedènti 
ljt>ri ; nulUdimanco s! erantj moìfi allora. 
per cagioni eh' effi almeno ctcdevano pia 
onefte , e favente per occafione ^^i Reli- 
gione , e per le loro deteftabili eicefie ; £s 
ne valfcro anche per rompere le cOùfe- 
derazioni y, che i Princìpi Crifliani fpefib. 
facevano con i Saraceni infedeli > còme 
fece Gio,. VIIL co! Napoletani > ed Amai* 
£taai y ciò che riteneva uno fpeziofo pre- 
teso, di pietà, y e di Religione- . Ma da. 
poi y come fuole avvenire , che il buon 
ufa degenera, in abufo ,, cominciarono a 
valerfene indifferentemente per mondani 
<i^P0^, o per gratificare qualche Princi- 
pe , o fopra tutto^ per confervare i beni 
temporali della. Chiefa >. ovvero per in- 
grandirgli con nuovi ac^uifti .. Coslabbi^^iL 
Medittto , che perchè i Benèventai;ii noni 
vollero, aprire le porte della, loro Xitcà 
air imptradore^rcico ^t quefti gii fece (co- 
municare da Clemente IL cm come va 
fiao eorteggiano.. lo; menava feco ia Ger- 
mania. V. . ' 

Le feonnmiche nella primitiva Chiefa %, 
ficcome allora tutta la cnra de' Prelati era 
fopra. leoofis fpirituali , cosi non eran ado^ 
perate^iè non. conerò gli eretici y ovve** 
so per la. torterione de^ pubblici peccalo* 
ri : il principal do era contro coloro , 
che non. ben fentiVano* della, noftra Rali^ 
gione >. i quali fé dopo le tante ammoni- 
2^ièm non. £ rawedevan de! loro, errori «. 
eran feparati dalla. Chiefa} ed: in fecondo 
luogo , per evitar gli feandali > eran ado- 
perate contro ì putèlici peccatori • Né 
era alno il loro-e&ttOf che di privargli 
dì, tutto ciò y che la. Chiefa. dava a* fimi 
• Ecdc '- 

tmm. ih)<ìfiitnf.L^.€.^. Cc)Oftim/^ 
$od.J$f..c. 39. (d) V^Mami.A.XfiiZn 



Digitized by 



Google 



l^BL ItBGl^O Di 

TcéAìik innMuiA s e d'akre cde %»- 
fituali. Ma da poi> e fgcxialriiente a^iCK 
j^i tempi 9 i^ndo diii^ittttita He^PieUtiia 
cura fpirkuale > ed air mimitio ctéiciuta 
jttU'Ofdtne EcdeiiaftiGO T avidità de*bè<- 
. ni teiàporali , ficeome {«ima s' ù(avaa lo* 
lamence per la correzidoe de' pubblk^i pee* 
tatorl 9 e per gli eretici , così da poi eréil 
più frcqueatate- per li. beai temporali ^ 
così per difefa di meUi^ ^oifte per ricu- 
perarci > ^e jpeir ca«>4a poco €urade!pce« 
aecéObri pi av%it6/.h£ci|iti perckre • , 

Ma ^butilnieate fi- faìebbero adoperate 
queft^ armri ^ fe ini^eme aoh £ foffe finto 
credere W Popoli > che in qualiUMlue fna* 
niera lanciatf., fe.non fi reftituivano le 
robe y eraao i potfe£lbri irremiffibiloieate 
dannati'.^ imputando ci^ ad effetto della 
centra più, che del peccate* E perren^ 
derie pia formidabili aveano ancora ploc** 
curato mtrodarre nna nuova dotthoa, che 
i fcomunicati iion puf fodelo indegni di 
ciò , che la Chieia dava a' fuor Fedeli y 
qual era T etfetto della fcoiftunica , ma 
ancora che là fconumica difumanava > in* 
famava 9 gli rendeva abbominevoli ^ e(b- 
fi f vitandi 9 quafi appettati -> ed orribili ^ 
togliendo loro anche l'ufo della viu ci« 
vile 9 e del commercio 9 ftabilendo perciò 
molte Decretali > che nes potetfero far tè« 
fiamentiy contratti^ iffitaire aliène alcù* 
na'in giudizio 9 «dottate 9 e^far altri* atti 
legittimi > non pote^ero efercitar Uffici 
nella Repubblica 9, e mille altre co^ 9 dì 
i:he forfè ci farà data occafione altrove 
di più dii£ifan|ente ragionai . 

Per quefte cagioni non fi (i»uò eredere 
quanto, fotfe in quefti ten^i ilterroroK^ 
t fpavenfto delle cenfure non pur nella 
plebe, ma ne' perfouaggi di conto, e ne' 
Principi fteffi i, ed era veramente cofa da 
ftupire9 che iCapitanl9 ed i UMmì^ uo« 
mini per altro fcelleaatiffimi 9 e fienz' al* 
cun timor di Dio , e che feaz' alcun ri^ 

S nardo d' offenderlo s'ufurpav^no quello 
el proffimo , |per timore poi delle /od- 
munxciie guardavano con gfan rifpetto 1$ 
cofe della Chiefa , né vi era in qoefti 
tetopi da. poter ufare maggiore difeu pei^ 
Gonfervar i beni temporali ^ (t non di por* 
gli fotto )a cttilodia ) e protezione della 
Sede Appoftolica . 

Da ciò »e nacque ( eoow altrove fu av« 
Terti(o ) un' altra utilità grandiififfu psr 



ramaoto ^'bèiuteiiioMU detUG% 
ia9 poiché mi)ffi da ciò moki dipocepo» 
ymy e di deboli JbÉ^ze y ^e^ per & Aia* 
ìu>n^ eraa iiaftanù dicenfeivar il Iqéo dal£ 
altnd violènti^ «/ch|>eff la coèruttelà lUl 
fecolo eiran .creiciuite ^ dcfidemfi d^afficu^ 
Yar le lo^o fo^ae^ néfao^vjmòdettaaio^ 
ni alla Chiela Cfui condixioni) che rima>> 
tiejido àpprefCs di loto U Mba , eU^^ilie 
le dafife-. Ji^ Feudo ton ìàtfa k^gielra hcó* 
feiuàione^ poidi'en^tfi in i^oeftì tempi m> 
taodono il coSuiàè,<.ch4 1 pjrivaìi gliAl^ 
lodj mutavanQ in feudo , con fame doi^ 
tia^oni a' Principi da -ehi n* erano inve- 
ititi. E di quefta ferie di Feudi * chiama» 
ti Oilarì pur ne^^bbiaiako memerìa ne*' no» 
firi libri Feudali 9 e Ct^acio né tratta ben 
a lungo • QstG&o Ufficurava -li beni , ekt 
da' Potenti non erano toccati y coite quel» 
li 9 la di cui protezione^ e diretto doQiì** 
nio era della Chiefa > la quale tattavà 
perciò volentieri > nel cafp d^ invafione > 
alle cenfure per difendergli^: e dall'altra 
parte il vantaggio della Chiefa era gran-i 
diflimo.^ non tanto per la ricdgnizionèr 
che ne ricavava > aU peròhèv fé ben vi» 
vente il pofiTeflbre nea ne Scavava altro ^ 
nidladitifiàncó mancjindp ^ la fucceffie* 
)ie maicùlina de' Feudatari > come fpeffe 
accadeva in quéfti ^ernpi ^ le frequenti 
guerre ^ ^ fedizioni popolari^ i betti cade» 
vanp alla Chiefa > 

1 Normanni Do» meno, degli altri peen» 
devano delle feomuniche fpavènto e tef» 
tore i poiché venuti di Trèfeo alla ReU* 
Hioae Catt<>lica > ed etfendè di fonema pie» 
U f t ze}o vedo la tiledefinla ^ cethe ìm 
dimoftrano le frequenti lòtof^g^nezJiH 
Hi ne- più celebri Santuari d' Occidente ^ 
lei d'Or lenie àntoia ^ e divotiffimi delk.Se- 
de Appo£bli<a più the ógni altra Nazio^ 
ne i come fi Vide da^ trattamenti che fé» 
cero k PapaLioiieì ittal Volentieri vòje*^ 
yano èfporfi. 4 quefti fuio^inii ^ òui eifi 
aveanp il più gaaa terrore •«'Animato^ da 
ciò Niccolò XL Volle provarvifi ^ e ìify^ 
tando io. ^fta niaaki^à ^ tiò che Lioaè 
non ave^pMkto toa eferciti armati y di 
poter ottener egli eolle- eenfiire ^ Icòmn^ 
nicò foleaaemeutè Roberto to' fiioi Nofi* 
ìttaniìi V ^ . .^ . 

Furono però quefti fidmini laaciati t 
vóto ; poiché i Nonaaniìi poin medi eh* 
effi 9 fi iapevano molto bene confeihrlre 

:eìò 



Digitized by 



Google 



4» ©ELL* ISTO 

^ dit CB? Iwo Mori in mta^ a mille 
poiglt av^eanfi acquiftato )« e lor pareva 
ibmma viltà cedere quel che acqùUfatp 
CM tanti tfavaali pofTedevano ; e per ti^ 
Vflfrehti che feMro dgl Pontefici y e della 
Sècie 'Appoftotica > ntiUaditnanco quando 
fi trattava di lafciar ciò che avean prefo y 
Seguendo gli efemp) degli fteffi Pontefici, 
non «così volentieri fi^ perfuadevano a far- 
lo ; ed -ancorché delle cenfure fcagtiate 
contro di loro n^aved^ro fommo Tpaven- 
to e teri'ore , con tutto ciò'^non èra tan- 
to y che ripesandole per quefto fatto in- 
giuAe^, fi dovetferedifporré a, lafciare Alena- 
te di ciò che Aveano prefb . 

EfTendofi adiinq«e portate le cofe a que- 
fio fiato y liei quale non vi poteva eifer 
ripofo , e quiète tra T una parte y tV al- 
tra .* ^afcuna venne ieriamente a penfa- 
re , Come poteflero ufcir da tanti fefpetti y 
ett inquietudini per mezzo d' un. accordo , 
che foife per ambedue vantaggioib • 

Roberto fi'a (è medefimo canfiderava y 
che fé bene ftafie ficuro di non potere 
Scolla forza da' Pontefici Romani efièr co- 
Aretto lafciar le fue 'conquifte , nelle qua- 
li s' era per tante vie ftabHito } nulladi- 
nismco che non bifognava avei^li iniAli- 
ci , poiché quantunque fecondo Io fiato 
prelente delhe cofe non ^potcfiero ricever 
aiuti dagl' Irnperadori d' Occidente , né 
da altri Principi convicini ; nulladimanco 
erafi per lunga e^rienza veduto y che 
non larebbon loro mancate occafioni y 
quando l'opportunità d'altro tempo io 
ponaya y ai turbargli : che le maggiori 
in<]aieciidini ed oihcoli-hi fna Nazione 
gK avea foflmi da' Papi più , che da' Gre- 
ci fieifi • Lo fpaventavano le cénfure , e 
fììx gli eventi infelici, che aveano foven- 
te portato ^gli altri Principi : che preflo 
i Popoli , a cui eran in fommo orrore , 
wm poteiTe nafcere qualche foUevazione , 
e panicolaraiente appo i Pugliefi , che 
iion'^bM s'erano rafibdati : che i fuoi 
iKrqotfN eran recenti . \gt paefi ftranieri , 
ove bifognava jiiù toAò farfi depli amici , 
che degl'inimici: che ì tumuHi nati per 
Bacelardo fuo-mpote potrebbero eficr fo- 
mentati di nuovo , con porre in su quel 
partito, nel che i Papi fole vano ufare ogni 
•accortezza , tanto mamiorroente che fi 
portava opinioM e£fergli da lui fiata nfur- 
•'. < . 

( a ) GuiMm. AfpuL L t. 



RIA CITILE 

paia k fiK:ceffione ; finalmente che btfo* 
9iava aver amico il. Papa, non folo per 
ciò che s' era acqmfbto , ma «loito più 
per quel che rimaneva a conquifbre nell* 
altìre Provincie , affinchè per Taotorità 
che s' av^no i Papi -prefa , potetfe con- 
fermarlo nella potfefiione di ciò che^fpe* 
rava di avere . ~ 

Dall'altra patte il 'Papa xonfiderava , 
che co' Normanni erano inatili lefcptnu- 
niche; ch'efii non tran- gente dalafidare 
niente , fé non- s'adoperalo qu|'med«* 
fimi mezzi , -^he- avean tenuto per con- 
quifiaYle ; che quefie forze non éran da 
operare dagli Stati della Chiefa , o dagli 
altri Principi vicini , e meko meno da- 
gl' Imperatori d' Decidente, i quali effen* 
dofi da loro alienati per cagione dell' io- 
veftiture <, e per l' elezione de' Pontefici , 
ancorché Niccolò in un Concilio tenuto 
poc' anz' in Roma avetfe proccurato fod^ 
disfare ad Errico ; nuUadimeno per V av- 
verfione de' Romani erano vicine le 4:ofe 
a prorompere in aperte difienfioni , e guer- 
re crudeli : che per poter foftenere la cau- 
fa del Clero , e del Popolo Romano , e 
de' Sommi Pontefici centro gì' (mpeiado* 
ri , bifognava peniare da ora ad appoggiar- 
fi ad un Principe forte, e valoroio, per- 
chè dtrimenti farebbe riufcita Vana ogni 
loro imprefa: oh' egli non poteva- far mi- 
glior elezione* di Roberto, il quale colle 
fue forze avrebbe potuto opporfi efiicace- 
mente-, e reftituiie alk Chiefa Romana 
quella prerogativa , che gl'Imperadori s' 
aveano ufurpata'^ che finalmente vi poter 
va t&t modo , col quale la Sede Appo- 
ftolica accordandofi con Roberto più to* 
fio ne ritrarrebbe vantaggio, che nocu^ 
mento • 

Erano per quefie confiderazioni gli ani- 
mi ben ^ifpofti per mezzo d'un accordo 
di far terminare ogni contefa , e far na- 
fcere la pace in mezzo a tanti icon volgi- 
menti . Roberto volle prevenire il Papa $ 
ed efiendofi ritirato in Calabria , inviogH 
un Ambafciatore con ofièrte generofe di 
voler egli foddisfarlo in tutto ciò die de- 
fiderava , e che per tal eflSstto lo invita- 
va ad un congreflb, di cui gli promette- 
va , che avrebbe gran foggetto d' effere 
foddisfatto (if )• 

Il Papa , che non defidtrava altro , e 
> che 



Digitized by 



Google 



DEI REGNO DI WAPOLI LIBI X. 



die area ancora i (boi dHègni > ne fu 
contentiamo 9 e ricevuta qneft' offerta , 
coir occafione di dover tenere un Conci- 
lio per riformare in qualche parte idete* 
Ihbili coftumi degli Ecclefiafttcì , glimfin- 
dò a dire» ch'egli ouel Concilio l' avreb* 
be intimato in Meln, dove farebbe/i por- 
tato in perfona , ed ove uniti infieme 
avrebbero con foddis&zione comune com- 
pofla ogni contefa • 

La corruttela de' coftumi ch'era nelF 
Ordine Ecclefiaflico in queili tempi > era 
ài ecceife ; e fbpra tutto tolta ogni ver^ 
gogna non aveano né tampoco difficoltà 
tener le concubine pubblicamente* nelle 

firoprie cafe , ed i figliuoli nati da quel« 
e 9 come con dolore narra Pier Dania-» 
ni* Niccolò nel Concilio Romano diede 
contro tali Concubinari qualche provvi* 
denza ; ma in quefle noftre Provincie 
avea queflo vizio pofle sì profonde radi- 
ci, che non v'era né Vefcovo , né Pre- 
te, né Diacono, né minimo Chérico , che 
non fé ne provedetfe : Nicolò perciò in 
qued' anno 105 f. nella Città di Melfi 
tenne Concilio , ove condani^ò , e dtteftò 
r abufo , ponendo molte pene contM i 
Concubinari , e depofe ancora il Vefcovo 
di Tranì . Ma non percib potè fvellcrfi 
la mala radice ^ pareva quafi che.impof- 
libile 9 che i Preti potetfero diflaccarfene , 
e quindi é che ne' Concili tenuti da poi, 
non (i vide inculcar altro, che di toglier- 
le a^ Preti , ma fempre invano ^ anzi in 
quefte noftre Provincie era cosi pubblico 
queflo ufo delle Concubine, ed il nume- 
ro fu tale , che arrivarono fino a preten- 
dere l'efenzione dal Foro fecolare , e di 
non flar fottopofte alle pene , che i Prin- 
cipi fecolari contro i Concubinari avean 
ftabilite, dicendo > eh' emendo della fami- 
glia de' Preti , doveano non meno che 
Ìuefli godere del privilegio dei Foro • 
Ld é cofa maravigliofk il fentire y che 
Carlo IL d' Angiò ordinafTe ne' fuoi tèm« 
pi , che le Concubine de' Preti non flaf- 
fero fottopofte alla pena della perdita 
del quarto , come l' altre de' fecolari , an- 
corché non gli piaceffe efèntarle dal Foro > 
come i Preti pretendevano. 

Etfendo adunque il Papa ^al Concilio 
in Melfi y fopraggiunfe ivi il famofo Ro« 
berto, che portò feco il Principe Riccar- 
do con tutta la nobiltà Nonnanaa 3 leal« 
Tom. IL 



legrezze, e Uaecogliense fimmi iprandii 
ma fi venne da poi a quel cbe più i»> 
portava. 

I Normanni per ai&curar nHgUo i lon 
ro Stati, proccuiavano impegnare i Papà 
nella loro difeia , particolarmente connro 
gì' Imperadori , i quali avean ragione di 
ricuperargli, poiché adeffi fi toglievano: 
la Puglia , e la Calabria era cofa ftioxt 
di controverfia , che agi' Iniperadori d* 
Oriente fi toglievano , non già a' Ponte^ 
fici Romani , i quali non v^ aveaoo alcun 
diritto . Dall' altra parte gì' Imperadori d* 
Occidente pretendevano , che ciò che t 
Normanni pofledevano in qu£#e noftre 
Provincie, lo tenetfero da km> in Feudo, 
avendogli inveflito Errico IL e che come 
vaffalli deli' Imperio doveffero riconofcer-» 
gli per Sovrani : Riccardo che aveainvo* 
lato il Principato di Capua a Landolfo » 
doveflfe riputarfi come lor vaflallo , non 
altramente che vi furono g^i altri Princi* 
pi di Capua Longobardi fuoi predeceflbri» 
eflèndo quel Principato fottopofto agi' Im- 
peradori d' Occidente come Re d'Italia ^ 
pretendevano quefte ifteffe- ragioni fopra 
1 Principati di Benevento ^ e di Salerno ^ 
che Roberto intendeva d' invadere • Do-» 
veano adunque impegnaifi i^Papi contro 
quefti due potenti nemici , fopra i cui 
Stati finalmente fi raggirava 1' accordo • 

Si pensò per tanto un modo , nel qua« 
le ciaicheduno trovava il fuo vantaggio • 
Era già , conie s' é detto , introdotto co- 
fhime ) che ciafcuno per coitfenrar meglio 
i fuoi beni gli la«n>poneva alla Chicftì 
Romana^ alla quale, obbligandofi i pof- 
ietfori con una leggiera ricognizione , fi 
dichiaravano ligi 9 giurandole fedeltà . I 
Pontefici Romani in quefti rincontri fem^ 
pre v' aveano i loro vantaggi , poich' efli 
niente davano del loro, ed all' incontro » 
oltre della fedeltà giurata | ed il cenfo » 
nel cafo di mancanza di prole legittima» 
e mafchile , i Stati fi devolvevano alla 
Chiefa , ed era in loro arbitrio d' inve- 
ilime da poi altri • I Popoli, ed i Prin* 
cip! poco curavano d'efaminare fé potef* 
fero tarlo, o no, e donde venifle quefto 
lor dritto d' inveflire , farfi giurare ledei* 
tà , e di conceder anche titoli di Conti » 
e di Duchi : baftava ad effi che foflèro 
difefi colle fcomuniche 9 delle quali fi ave* 
va tanto fpavento, offervan^Oj che i lo* 



Digitized by 



Google 



BELL* ISTO.IIA CIVILE 
ArrcntK s' aAeoevano 4Ìi oiovcf titolo di D^ca i ed ia fine » die a Kìe* 

cajrdo Princip» di Capua 



5* 

VO M 

iMft gueMi per naa eTpoxfi k' fitlmioi del- 
. k Chiefa . S' iggiungeva ancora il fede- 
le la mteiita dr Pontefici Romani efiTere 
in si fuUJsie grado lydotta y che sbarro* 

girano la poteftà d'idflMrere i loro vàf« 
li da^ giuramenti » e di poter ancora de- 
ponete gr Impvntdori > ed i più grandi 
Monarchr della Terra \ onde molto me- 
no recava Joto maraTÌc^ia (epoteflferodar 
titoli di Conte ^ e di I>uca> quando pre- 
fumevano di &r effi pi' imperadori fieffi 
d* Occidente > e trasferire l'Imperio da una 
Nazione in un'altra» 

Ma quello » che veramente portava^- 
pore era il vedere > che s'erano perfuafi> 
che non folo poteffero i Romani Ponte- 
fici inveftire ) e farfi dar giuramenti di 
fedelfà di quelle Terre » che erano a lo- 
to oftrte a quefto fine; nu anche di Pro- 
vincie > e Regni) che doveano ancora con- 
quiftarfi • £ predo coloro che sS^aocin^- 
vano alla conquida ^ trovava ciò facile 
credenza , percn era cofa per loro molto 
acconcia ) di poter in cotal guifa. etfere 
non pur animati all' imprefa > ma afficu- 
rarfi ddle future conquifte , perchè volen- 
doli opporre i potfeflbri y che erano fpo* 
gliati, doveano ancora efporQ agli fulmi- 
ni della Chiefa ) che loro fi opponeva. 

Fu dunque coia jnolto facile venire a 
capo di queft' accordo y come quello che 
finalmente fi raggirava, come meglio fo- 
pra gU Stati altrui poteffe eiafcuno prò* 
fittare . Niente importava che (opra le fpo- 

gie de' Greci ^ è dé'^ngobardi fi pattuif^ 
. Niente ancora fi badò al Principe Ba- 
oelardo) che fi teneva dal zio fpc^liato* 
Niente al Principe Landolfo difcacciato 
da Capua ; ma ciascuno rimirando a'fuoi 
propr) comod»^ e difegni, conchiufero di 
buon accordo il tutto in cotal guiia . Che 
Roberto co' fuoi Normanni fonerò allu- 
ri da tuHe le éenfute . Che a Roberto fi 
confermaie il Ducato di Puglia > e di Ca- 
labria > ed oltre a ciò , che cacciando i 
Greci ^ ed i Saraceni > che in gran parte 
tenevano occupata la Sicilia , dovene il 
Papa inveftiflo anche di quell' iibla con 




fi confermale il 
Princii^ato , che a Landolfo avea ufurpato • 
All'incontro fu convenuto, cheRob^r^ 
to, e Riccardo, ed i loro fuccelfori fimet« 
tederò fotto la protezione del Papa > il 
quale confermava loro la polfemone di 
tutti i fta^ che aveano in Italia , e del- 
la Sicilia quando effi 1^ avetfero conqui- 
itata fopra i Saraceni: che gli preftajElero 

Srciò il giuramento di fedeltà come Feu- 
tari della Santa Sede , alla quale dovef- 
it Roberto per dafcun anno pagare i^ 
cenfo, di dodici denari di Pavia per ogni 
paio di buoi ; ficcome narra Lione Oftien- 
le (t), e Fr. Tolomeo di Lucca aggiun- 
ge , che Roberto non s'obbligò a queft' 
annuo cenfo , o coftretto , o ricercato dal 
Papa^ ma di fua fpontanea, e libera vo- 
lontà • 

Quefto fu ^abilito in Melfi in que(F 
anno to5,9« ed ancorché alcuni icrìvano, 
che ciò anche fu confermato nel Conci- 
lio dal Papa ivi tenuto j liulladimèno non 
effendo queft' affare appartenente al me- 
defimo , eh' erafi fol ragunato per rifor- 
mare i coftumi degli EcclefiafticI , altri 
non ardifcono di dirlo, ma folamenteche 
mentre il Papa coll'occafione del Conci- 
lio fi trovava in Melfi , aveffe ricevuto 
da' Normanni il giuramento della fedeltà, 
e data r inveftitura • Che chenefia, egli 
è certo , che fi efcgul il trattato fedeliflì- 
mamente da una parte , e dair altra ; e 
i^oberto preftò il giuramento di fedeltà » 
che il Baroaio dice aver egli trovato nel 
Codioe del Vaticano detto Lìberctnjuum^ 
ove vien riferita la fbrmola, colla quale 
il Duca Roberto giurò al Papa fedeltà » 
che comincia : Ego Robertus Dei gratia , 
t> S. Petri DuxApulìaf & Calabria y at" 
gueuttoqut J'ubvenientefuturus Sicilia . No- 
ta il Sigonio , che il Pa^a non il confer- 
mò Duca colla cerimoma Francefe ufata 
da"Duchi diNormannia , e di fopra rap- 
portata ) cioè con dargli l' anello nel di- 
to , il berettino in tefta , e col cingerli 
la fpada al fianco : ma colia cerimonia 
Italiana, dandogli lo Stendardo nella de- 

ftra 
tiem Sacrametttp « fidelitate Romtna Eccle* 

nec non Ì7rvejliti(h 

anms , per fmguU 

gaaa , denauos duodecim • 



Digitized by 



Google 



DEL REG NOMITI kAPOtI LIB.X- 



tbtTiy e hcAiolo Gon&lonìero di S. Chie- 
(ai ondeCttifcaido da qiieft*ahito comin- 
ciò a Talerfi d^uefto titolo Ducale: Dmc 
JlpHlUi Calmene j & futurus SicitU. 

Alcuni anche rappottòio y che Roberto 
allon avrffe reftituita a Papa Niccoli la 
Cuti di Benevento, e la Città diTroJa; 
ma lo dicono fenz^'^alcun fondamento di 
verità \ poiché in quefti tempi la Città 
di Benevento era in potere di LandòMb 
Principe di Benevento, e 4i (no figlino-^ 
lo Pandolfo, i quali erano ftati giàrefti^ 
tùiti nel loro Principato , come rapporta 
r Autore contemporaneo della Cronaca 
de'X>uchi» e Principi di Benevento \ né 
fc non molto tempo da poi fu alla Qiie- 
fa Romana , per le ragioni , che Vi pre* 
tendeva > da Roberto reftituita % quando, 
vinti ch^ebbe i Prìncipi Longohtodf , che 
tennero quel Principato , gli cacciò da* 
loro Stati > come diremo più innanzi . Né 
della Città di Troja preffo ghivi , e vec- 
chi Scrittori fi ha memoria alcuna y che 
fi folTe al t^apa reftituita y non cóftando 
come mai v^avcflcro potuto avere diritto 
alcuno, quando poc'atmi da poi, che fu 
da' Greci edificata > fu a' medefimi tolta 
da* Normanni \ e par die i fucceffi , e quel 
cVie anche oggi gmmo vee^eiiamo , confer- 
mano quanto ù dice , poiché folamente 
Benevento fi vede edere della Chiefa Ro- 
mana ^ ma di Trofa non (ì legge , che 
fotfe fbu in alcun tempo fotto il di lei 
dominio • 

Ecco il fondamento del diritto , che 
pretendona ì Pontefici Romani fopra i 
Reami diNapcdi^ e di Sicilia: fondunen- 
to ancorché a quefti tampi dìebole, e va- 
cillante y nulladimanco i|i pro^reifo di tem^ 
PO renduto pia fermo , e (labile t potè per 
r accortezza denFucceflfori di NiccoI4 IL 
foftenere fabbriche sì grandi , ed eccelfe» 
che arrivarono a difporre di queti Ré- 
^ni a lor piacere y ed arbitrio , ed a tras« 
erirgli di Gente in CttiUt , come s^of&r^ 
vera nel corfo di queft'tftoria. 

Edi 4pBm» quello benefìxio , e quella 
parte » coafiderabile della loro grandez- 
za temporale a* Normanni « i quali per 
impesTiUfli nella loro difefa y o partico- 
larmente contro gflmpen^liifi d* Oriente y 
ì quali potevano pretendere y che una gran 

(a) FrcccÌM de SubfeuJ. lìb. u fag. 53^ 



i 



parte di ciò di che qwftr Coaqniftatori 
s'erano impadroniti^ loto s* aMtrtenetf^i 
ovvero che lateneflero da qued^ Occiden- 
te in Feudo y da chi n'aveaso pcìnu n^ 
cevute TinveAiture: effi non fecero pun^ 
to di difficoltà didkkiararfi ligi de' Pon- 
tefici Romani-, a -fin che loro non fi p#- 
teffe far guerra fenz' efj^orfi a' fulmini del- 
la Chiefa. 

Quefti fiiroBO i primi femi^, che coki- 
Vati da poi da cfperce mani , pifero coi 
correre degli mm% radici cosi prdbnde , 
ed inaizarono piante eofd Medie ^ che fi- 
nalmente fe riputato il Regno di Sìdlìt 
effère fpezial patrimònio di S. Pietro y e 
Feudo della Sede AppoAolica Romana • 
Quindi nacque , che preffo i noffart Soitv 
tori fofte fhto crediico, che U Ckiefa Ro^ 
mana come 610 pairimomo n* avotfe ìb- 
vefhto i Normanni -, chi allegando pei- 
ciò la donaiionr di Coftantino M. e chi 

3 nella di Pipino , e di Carlo M. e chi le 
onazioni degli altri Iniperadori d'Occi- 
dente . Videro cofbm in qvefte tenebre 
per r ignoranza dell' ifèoria , infino che 
Marino Freccia ( « ) non cominciò fra'no»» 
ftri ad aprir gli occhi, ed a ricever lame 
datr Iftoria y con ifcoprhre T inganno , e ad 
avvertire y che quefle inveftìtare nonr pof* 
fono fbndarfi in altro che nella confuetin 
dine , in vigor della quale la Chiefa Ro- 
mana è ftata folita inveftire • E parlando 
di queft'invefhtura di Niccolò IL e deir 
altre fegnitt in apprefte , non ebbe diffi*- 
coltà di dire : EccUfiu tum dtdit , fed éf^ 
npit i non tfafiftulit , fei ab alio occups» 
tum rocepìt ; compaffionando ilfuo affine 
Matteo d' Afflitto , che fcrtfe aver Co^ 
ftantino M* donato quefto Regtio alla Chie- 
fa, condire, affimsmeu$hijioricms no» ^^ 
audìtu percepìt , <>r. 
^ Q}iefU prima inveftitura , per ciò che 
riguarda la perfena di Roberto, non ab- 
kraoeiava altro che il Ducato 'di Puglia^ 
e di Calabria , come cantò il nc^boG»- 
gllclmo Puglieìè ( 6 ) • 

Robtrtum donat Nicolaus hemf9 Dtf 

cali , 
Unde fibi Calaber conctffmsy Ù^Affèh^ 
lu^ ornms* 
£ per Rioiardo -abbracciava (blancntie 
il Pnncipato di Capua . Ma v'erano fe- 

6 a mi 

(b) GuiLApulJib.2. 



Digitized by 



Google 



1^2 rD E E r ISTORIA CIVILE 
imi tali f che ben poteri comprenderfi , denaro di S. Pietro; anzistton Tiiuqaa« 
cbe il medeiimo fi farebbe fatto per tut- fi Principe d' Europa , ch^ non fbtto{io- 
-te le altre Provincie , che infino a que- neffero a tributo i loro Regni alia Chie- 
do teApo non «rano ancora pafitte (otto (a Romana ; tanto che Cujacio parlando 
la dominazione de' Normanni : fii inve- di ouefto coftume^ renduto a quefti tem- 
Aito Roberto anche della Sicilia » che do- pi frequentiffimo , eb|)e a dire y & qui 
▼ea ancora toglierti a' Greci » eda'Sarace- non Reges olim ? I Pontefici Romani ia 
•ni che la tenevano invafa . IS iftetfo cer- quefti principi fi contentavano del fblo 
tamente dovea crederfi del Principato di cenfo per render foave II giogo , ma tan- 
Salerno , dell' altro di^ Benevento > d' A« to baftò, che in decorfo di tempo potef- 



nialfi 9 di Napoli , di Bari , di Gaeta y e 
di tutto ciò che o^i toB^K>ne il Regno y 
-ficoome Tefito lo comprovò; perchè con* 
Ottiftati che furono da' Normanni , e di- 
cacciati interamente i <7reci , ed. i Prin- 
cipi Longobardi , vollero anche da' Pon» 
•tefici edeme inveftiti y i qnalt di buon 
gufto lo fiicevano, niente a lorcoftando, 
anzi il vantalo era per ej(fi atfai mag- 
*giore y che di coloro che lo defideravano • 

I Normanni all'incontro non molto fi 

curayano di farlo , perchè oltre que'van- ^^T^Erminato in Melfi in cotal guifa il 



fero per la loro accortezza aprirfi il cam- 
po a pretenfioni maggiori y come lo fep« 
pero ben fare nell* opportunità , che fi no- 
teranno più innanzi nel decorfo di que^ 
fta Iftoria* 

C A P. I. 

Il Ducato dì Bàri pajfa /otto la domina* 
zione di Normanni • 



«iggi , che fi fono poc'anzi notati , efli 
per allora niente di danno ne fentivano ; 
^chè toltane quella jpicciola ricognizio- 
ne del oenfo y appreflo loro rimanevano 
le fupreme regalie y governando i loro Sta- 
ti con adbluto y e libero imperio , come 
iìipremi y ed indipendenti y e fi riputava- 
no più tofto tributar) della Sede Apofto- 



lica» che veri Feudaurj ; poiché in quefti tezza , e valore y lafciò il medefimo 
tempi l'effere uomo ligio y non era prefo Calabria per finire quel che reftava > 

in quel fenfo, che ora fi prende preffo i ~ ^ ' "" i «• • 

«o(bi Feudifti y ma denotava una torta di 
-confederazione y e lega y che l' inferiore 
con aftringerfi a giuraigli fedeltà y pro- 
metteva aUuperiore di accorrerlo in guer- 
la, ovvero pagargli ogni anno certo tri- 
fcuto , o cenlo {a). Ciò che tra' Principi 

iftefil era folito praticarfi 9 ficcome fece , , 

Roberto Conte di Namur con Odoardo per tanti Stati s'era Còpra tutti gli altri 
IIL Re d' Inghilterva ( ^ ) , il Duca Guel- 
drio con Carlo Re di Francia, ed in fra 
ài loro Filippo di Valois Re di Francia, 
ed Mffmfo re di Cartiglia (e). 

Co' Pontefici Romani per le cagioni di 
Ibpra rapportate era più freauente il co- 
fhime • I Re d' Inghilterra s obbligarono 
alia Sede Apoftolica pagare il tributo y 



X congrego con foddisfazioiie d' amen- 
due le parti , il Papa tornotfene in Ro- 
ma , e Roberto in Calabria , per finir di 
ridurre alcune altre Piazza, che erano 
ancor rimafe in potere de' Greci . Tofto 
fé ne refe padrone ; e fcor^endo che il 
Conte Roggiero fuo fratello in quell' im- 
prefe s' era portato con eftraordinaria for- 

itt 
. co- 
me fece valorofamente , ed egli intanto 
in Puglia ritornato y ^pensò nuovi modi 
per iftabilirfi meglio le conquifte , e nell* 
ifteifo tempo aprirfi altre vie per maggio- 
ri acquifti. 

Pensò per tanto d'acquiftarfi alleanze, 
e parentadi co' Principi Longobardi , ed 
avendo fcorto, che il Principe di Salerno 



avah^tato , mandò Ambafciadori a Gifulfo 
II. che aGuaimaroIV. fuo padre era in 
quel Principato fucceduto , a chiedergli 
la forella per ifpofa . Il partito fé bene 
non dovea rifiutarfi da Gifulfo , pure vi 
trovava qualche difficoltà , cosi perchè 
conofcendo il genio della Nazione , che 
pur troppo fapeva profittare fopra i Stati 



il quale fopra quel Regno fino a' tempi altrui , temeva non per quefto parentado 
d' Errico Vili, fu «fatto , chiamato il gli venifle qualche danno , come anco- 



(a) f^. Pratejumt, Lex Jurid. 
JUpubL lH.i. 



ra 



(b) Frojfard. hifi. lib. l. caf. 14. (e) V.Bodiu. da 



Digitized by 



Google 



DEL RÉGNO DI NAPOLI LIB. X. CAP. L 



ra perchè nell'ifteflo tempo che Robe^o 
gli chiedeva fua forella, egli avea Alve- 
rada per moglie > dalla quale avea gene* 
rato lì famofo Boemondo . Ma replicando 
égli che aveala ripudiata , e credeva aver- 
lo potuto fare per effere iua parente , al 
che allora fi (limava non poterti rimedia- 
re colle difpenie del Papa , le quali non 
erano cosi frequenti : per non difguftarfi 
con lui sì apertamente > GifuHò non osò 
di rifiutarlo; laonde diegli in maritaggio 
la primogenita delle fue forelle appellata 
Sicelgaita (a) . E nel medefimo tempo 
fposò un'altra fua forella minore , Gaidcl- 
grima nomata» ad un altro Principe Nor- 
manno , dandole in dote Nola , Mariglia- 
no » Palma , Sarno , ed altri luophi con- 
vicini y i quali non furon mai lotto|jofti 
a' Principi di Capua , ma a' Principi di 
Salerno (B) . Quefti fu Giordano L fi- 
gliuolo di Riccardo Conte d' Averfa , il 
quale dopo aver tolto a Landolfo ultimo 
de' Principi Longobardi il Principato di 
Capua, ne avea' fatto Principe Giordano 
fuo figliuolo . Avealo ancora fatto Duca 
di Gaeta, come lui; non è però che Gaeta 
nonaveffe anche fotto fuetti due Principi 
i fuoi Duchi particolari ; ebbe Goffredo, 
ovvero Loffredo Ridello nell'anno 1072. ed 
altri; ma fi diceano cosi , non altrimente , 
che fi diffe Pandulfo Conte di Capua, al 
quale Gio. VIIL Tavea conceduta , con 
tutto che vi foife Docibile Duca , che a 
Pandolfo era fottopofto , ficom'era ora 
Goffredo a' Principi di Capua Normanni . 

Roberto intanto facendo ritorno i« Ca- 
labria con quefta novella fpofa, s'acòinfe 
alla magnanima imprefa della Sicilia ( <* ) , 
e dopo aver quivi col fuo fratello Rog- 
giero fatte molte conauifte, che fi diran- 
no in più opportuno luogo , in Calabria 
fece ritorno ; e poiché i Greci ancora fi 
mantenevano in Bari, in Otranto, ed in 
alcune altre Piazze deir antica Calabria, 
a difcacciargli da queft* angolo, e princi- 
palmente da Bari , ove tenevano raccolte 
tutte le loro forze , drizzò tutte le fue 
cure, eftl ogni fuo penfiero. 

Ma pria che s' accingeffe a quéft' impre- 
fa bifognò che difiipafle una nuova con- 
giura, che Goffredo, e Gocelino princi- 
pali Cavalieri Normanni, col pretefto di 



iì 



riporre Bacelardo figliuolo d'UmUredo nel 
Contado di Puglia , dei quale n' era ftaio 
fogliato da Roberto, aveano ordita • To- 
no che quefio valorofo Camptoiie a'ebbc 
notizia , diflipò in maniera i Congiurati » 
che molti ne imprigionò , e fece punirt 
con eftrcmo rigore, difperdendo il reflo; 
Gocelino per afilo fi ritirò appo de' Gre* 
ci inCoftantihopoli ; Goffredo in una for<> 
tezza > e r infelice Principe Bacelardo fai* 
voffi in Bari , donde dopo alcun tempo 
portoffi in Coftantinopoli a dimandar foo? 
corfo air Imperadore Coftantino Duca » 
che nell'anno loóo. ad liaacio era fuc« 
ceduto y per impegnarlo contro Roberto a 
riporlo ne* fuoi Stati . 

Erafi mantenuta la Città di Bari infi« 
no a quefti tempi fotto la dominazione 
degl' Imperadori d' Oriente , e come Capo 
di quella Provincia riteneva ancora la Se- 
de de* primi Magiffarati Greci -, anzi in 
quefti tempi gì' Imperadori di Coftantino- 
poli l'aveano innalzata ad efferMetropo* 
li d'un nuovo Principato , che di Bari 
fu detto , ed era prima chiamato Ducato » 
poiché v' aveano coftituito Argiro per Du- 
ca, ed anche fecondo il folito iùio de^ 
Greci , Ducato d' Italia lo appellammo • 
In quefta Città effi tenevano raccolte tot* 
te le loro forze , ed A maggior loro pre- 
fidio} per la qual cofa per molti anni era 
ftata la forgiva delle fedizioni contra i 
Ibrincipi Normanni , ed un afilo ficuro per 
li fediziofi : Il che fece medkar per lun* 
go tempo al Duca Roberto il 'difegno d' 
affediarla . 

Ma avvifati appena i Barefi de' difegni 
di quefto Principe , ne mandarono tofto 
la novella in Coftantinopoli all' Impera- 
dorè, il quale ftimolato anche da uoce- 
lino , mandò tofto per difefa biella Cit* 
tà un nuovo Catapano , Stefano Patera- 
no, ovvero Sebaftoforo nomato • Quefti 
venuto in Bari fi difpofe ad una forte di- 
fefa, ed intanto Roberto avendo unito il 
fuo eferctto, non reputandolo allora fuf- 
ficientc per l' affedio di quella Capitale^ 
andava (correndo i luoghi vicini , e pri« 
ma di portarlo in Bari , lo mi(t in O- 
tranto , e tanto affiitfe quefta Città infino 
che gli venne reia (d): indi avendo fat- 
to venire molti vafcelli dalla Calabria ^ 

acere- 



ta) OJÌimf. I.3.C. 16. (b) Peli in Stcm. (e) Ojinnf.l.c. (a) OfiUnf. L 3. e. ^é. 



Digitized by 



Google 



H D E L r l S T O 

i ocf dfei iito il fuo efercitQ d'altre truppe ^ 
fi àifpok finalmente ia-^ueft'anno 1067^ 
« cingere Bari di ftretta atfedia per raa-^ 
ttf e per terra (a). lEìx queft* affedio af* 
fai memorabile ^ e pieno a ationi glorio^ 
(è cosi per Tuna» come per F altra par^ 
te 9 che riftituta della mia opera mi co<« 
ftringe a doverle tralaiciare » «pme fo yo« 
kntieri ^ non mancando Scrittori % che 
minutamente le rapporuna (^)^ 

Durò queft^aflèdio « come narrano Gu« 
glielmo PugUefe (r) e Lione Qfti^nfii 
(^)t poca meno che quattro anni^ e fa 
guerreggiata con eftremo valore ^ ed ugual 
ferocia • La difeia che fece il nuova Ca« 
tapana fii oftinata , e valorofe » ficoòme 
gU aggreffori intraprendenti > ad arditi i 
ed avrebbe V ìmprefa de^ Normanni forti- 
to infelice efito ^ fé non fetfe fiata, foc-i^ 
Corfa r armata di R6herta da Roggiera 
fuo fratello ^ il quale refofi padrone di 
buona parte della Sicilia , mandogli di 
là un' altra armata in foccorfo • Vinife al- 
la perfine Roberta V oftinazione degli af^ 
feduti y e gli conftrinfe a render quella 



mefe 
aper* 



importantiffima. Piazza i otide nel 
d' Aprile dell' anna 1070. gli furono 
te le porte t dandofi fenz^ alcuna condizio- 
ne in potere della fua clen^nza,, evalo^ 
re («); U Duca Roberta entrato nella 
Città s trattai iBarefi con tutta umanità : 
onorò il Catapano » al quale pofe in Tua 
trbitria fé volefle co,^fuoi Greci rimaner 
in Bari y che farebbera fiati da. lui bene 
impiegati y ovvero. tomarfene liberi in dy- 
fiantinopoli ,, ficcome rifolvettero di fare i 
t dopo etferfi fermata per molti giorni 
nella Città fpendendogli in pubbliche fe*^ 
fte , ed allegrezze n, fc^ ne parti dopo tre 
mefi con un'armata di 58. vafcelli» che 
conduce feca io Sicilia, ali* efpugnazione 
di Palermo (/). 

Ecco, come il famoia Roberta trionfa 
di Bari > Città la quale dopo eflTerfi man-^ 
tenuta si lungamente fotto il dontinia 
de- Greci , e per varie vicende ora. tolta « 
ed ora riprefa, finalmente in oueft' ulti- 
ma volta ufcì dalla, lora dominazione ,l 
e con e((a la. fperanza di più riaverla j 
poiché fenz.' effere mai più. ritornata, in 

(z) Gqfreda Mataterra lìb. a^ cap^ 43. 
ih) BefxLIflor.dìBarìy liKz. (c)G«/7. 



RIA CIVILE 
lor potere t ancorché altre volte avetferc» 
tentato di -ricuperarla « ma fempre inutiU 
mente s fi mantenne fotto il dominio di 
Roberto» che la tramandò a^fuoi pofteri «. 
Ed ecco come il Ducato di Bari da* Greg- 
ei pa&ò a' Normanni fotta Roberto ) il 
quale per amminiflrarla . vi creò un nuo-^ 
va Duca» fotto il quale fi reggeva . Co- 
sì tratto tratta s^anidavan unendo qucfte 
Provincie in una fola perfona , come ^i 
fortunaumente avvenne al Conte Roggie^ 
ro» direbbe la^gloria di porre uniu fo- 
pia il fuo capo la Corona di Sicilia » e 
del Regna di Puglia • 

GAP- IL 

Conqulfit de NormaTmi {opta U Sicilia « 

INtanta efienda accaduta in Firenze 
neiranno iodi, ne' priiicip). di Luglio 
la morte di Papa Niccolò IL che per due 
anni » e mezza tenne il Pontefìcato {g) ^ 
inforfero in Roma i foliti difordini ^ e 
tumulti per reiezione del fucceiibre • Il 
iamofa Ildebrando per fedargli ^ unitofi 
co' Cardinali ^ e con la Nobiltà Romana ^ 
dopa tre mefi ^ eleifero finalmente il Ve^ 
fcovo di Lucca di patria Milanefe ^ che 
Alellàndro IL appellofli . Neir elezioae 
non vi fecera aver parte alcuna all' Im« 
peradore> il quale perciò fortemente fde-^ 
guata fece eleggere il Vefcovo di Parma 
fua Cancelliero per Papa , che Onorio IL* 
chiamarono, per opporla ad' Aleflandro^ 
e non baflandogli quefta y lo mandò in 
Roma con molte truppe jper difcacciame 
il fuo Competitore. Cominciarono quia«^ 
di le difcordie tra i Pontefici Romani» e 
pL'Impecadori d'Occidente a proronipere 
in manifefte guerre,, e fazioni ^ eciafche* 
duna fi ftudiava d' ingroflare il fuo parti- 
to «. Né mancarono dalla parte dell Im- 
peradore griftefil maggiori Pretati della 
Chiefa y e' più infigni Teologi di queir 
età y che foftencfiero la. fua paufa. ; ma 
contro, tutti quefti con inaudita arditez'> 
za , e vigore faceva tefta Tintrepido II- 
debrando ^ il quale, perchè T Arcivefcovo 
di Colonia, avea. riprefo. Aleflàndro , che 

fen- 
Uter. Ii6. 2. cap. 42^ (f ) Gmìl. Ap^ M. 2^ 
Lupa Pftrfp. (g) Ojlhnf. Vii. j. csp^ zr^ 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI KAI?0L1 LIB. X. «A?. IL )$> 

feiìzt il canienfo di Cdave tontfo ciò the uarraiio Lioné^ e Pietio Diaocma » 
eh* enfi dinanzi praticato « aveva avuto, non cfTere mai ftato lùiglior tempo ^ e 
1* aidire di ricevere il Pómencato : egli con più accettabile per que"^ Monaci (^)« Qpc^ 
il vigore f ed intrepidezza ^ gli ri- flo Principe oltre di molti Camelli 



totto 



vigore 9 ed mtrepidezza > gii ri- ito Frmcipe oltre m molti Calte Ih , à 
fpofe in faccia) che quella era una cor^ luoghi vicini a quelMonaftero> aÙ don^ 
ruttela dannabile , e cattiva più tofto ^ che il Caftello di Teramo > the perla fello^ 
confuetudine , contro i Canoni delia Ghie* xìiia del Conte > etfendo ftato prima fecun* 



hi t che né il Papa» né i Vefcovi) né 
i Cardinali , né gli Arcidiaconi > né chi 
fi voglia altro potevah farlo : etfere U 
Sede Appoftolica libera > e non ferva: che 
le Niccold^ IL r aveva fatto > A(^tan|ente 
portofli) né per Fumana ftoltizia dovei 
la Chiefa perdere la fua dignità : che 
non fi farebbe mai per l'avvenire foffer'* 
U tanta indegnità y che i Re di Alema- 
gna potefTero coftituire i Pontefici Ro« 
mani » 

Crebbero perdi , e maggiormente s'efa- 
cerbarono le Contenzioni « ma crefciuto 



dum Longobatdofum legem > com^ e' dice nel 
Diploma riferito dal P. della Noce ( r ) | 
aggiudicato al Fifix)> ^sh a quelMona^ 
itero • Molte altre Chiefe dono al mede* 
fimo ) effendo allora le Chieìè in com« 
mercio ^ e £ra T altre Quella di Caler 
na pofia nel Galgano vicuò la Città di 
Vefti; poiché fecondo la divifione fatti 
in Meln^ Siponto col Monte Gargano a 
Riccardo toccò in forte » Perciò Defide* 
m Abati ancorché di fangne LòngobaT'' 
do » s* attaccò a* Normanni ^ e fu loro di^ 
pendente t né molto curavafi della depref* 



ceroarono le contenzioni , ma creiciuco penoente^ ne moito curavau nella deprel* 
il partito d' Aletfandro per la accortezza » fione de* Principi Longobardi > ancorché 



e vigore d'Ildebrando > reftòdepretfo quel 
lo d' Onorio > il quale in «queft' ifteifo an* 
no, che s'intrufe nel Ponteficato, fu da 

?jiello depofto, e condennato nel Concia- 
io di Mantua , ma però non volle mai 
deporre T infegne Ponteficali « 

Nel Ponteficato d' Aletfandro IL per 
r accordo poco prima (atto col Alo prede- 
ceiTore, non vi furono occafioni di con« 
teTe tra lui , e' Principi Normanni ; anzi 
Aieifandro confermò a Roberto ciò, che 
gli avea conceduto Niccolò IL e mandò 
al Conte Roggiero , nel mentr* era per 
àccingerfi air imprefa di Sicilia , lo ften- 
dardo per la conquifta di quella; efiTendo 
allor coftume , come narra il Baronia 
(tf), che i Papi quando volevano ecc^ 
tare alcun Principe Criftiano alla conciui* 
fia d* un nuovo Regno , di mandargli lo 
fiendardo, dichiarandolo Gonfaloniere di 
Santa Chiefa • I Normanni perciò proc* 
curavano i loro vantaggi nell ifteflb tem<> 
pò, che moftravano avere tutto il rifpet^^ 
to alla Sede Appoftolica ; né mancavano 
intanto lafciar di loro monumenti di pie* 
tà , e di munificenza verfo le Chiefe , e 
precilamente verfo il Monafiero diMon« 
te Cafino, nel quale 
Defiderio , Riccardo 
gli fece donazioni si 



prefidendo T Abate 
Principe di Capua 
larghe, e generofe, 



( a ) Barone. 1066. n. 2 
W.3. cap. iz-CS^* 18. (e) 



Abb. de NMt 



prima moftrafle per la fua Nazione con« 
trarj fentimenti» 

Ma quefto Princi^ Riccardo , fenten^ 
do i progredì, che 1 Normanni della ftir* 
pe di Tancredi d'Altavilla, avelioo fatto 
nella Puglia, e ndla Calabria^ e che oia 
facevano in Sicilia^ imputando a fua co* 
dardia il non cotrifponder egli a quel va* 
lore , punto da si acmi ftimoLi > non fu 
contento del Principato di Capua , che 
avea tolto a Pandolfo ^ ma ad imprefe 
più generofe > e grandi fi Volle accingere * 
Egli penfava profittare delle gravi difcor** 
die, che paffavano tra^l Papa, t l'Impe* 
rador Errico per le cagioni efpofie , e per 
ciò non ebbe alcuno ritegno d' invadere 
la Campagna di Roma, e di avviciuarfi 
pretfo Roma iftefla per prevenire ad Er- 
rico, che intendeva do^erfi portare aquel« 
la Città per ricevere dalle mani del Pa« 
pa la corona imperiale (^)* Com'egli fii 
avvicinato prefibRoma, tentò tutti i mez* 
zi co* Romani s perché gli dafiero il Pa« 
. triziato , eh' era un fommo onore , e ch^ 
foleva precedere all' altro dell' Imperio / 
ma Errico avendo avuta tal notìzia , non 

Jerdé un momento di tempo a calar to« 
o in Italia con grand' efercito > portane 
dofi ancora in fuo foccorfo Goflredo Mar« 
chefe di Tofcana » I Normanni , conofciu^ 

tifi 
ad Oflìenf. tii. 3^csp,ì8. ( d ) O/lienf. H^^ . 
3* cap» 25. 



Digitized by 



Google 



tifi di impAri forze» furono corretti ab- 
bandonar 4' imprefa , eritirarfi dalla Gam- 
pagna : e dopo al<]uante fcaramuccc » fi- 
nalmente etfcndovifi frappofto Papa Alef- 
fandro, Riccardo accordoffi conGo£(redo, 
e fece a Capua ritomo. 

Il Papa eifendo poco da poi ftato in- 
vitato dair Abate Defiderio per confecrar 
la Chiefa di M. Cafino, da lui magniti^ 
camente rifatta, vi fi condufle con Ilde- 
brando, e molti Cardinali , ove con fo* 
lenne cerimonia , e grande apparato , ce- 
lebrò la funzione , mtervenendovi dieci 
noftri Arcivefcovi, e 4g.Vefcovi. E per 
renderla Defiderio più magnifica v' invitò 
anche tutti i noftri Principi cosi Norman- 
ni, come Longobardi che tenevano allo- 
ra quefte Provincie , come ancora i Du- 
chi di Napoli , e di Sorrento • Vi venne 
Riccardo Principe di Capua con Giorda- 
no fuo figliuolo , e col (rateilo Rainulfo • 
Fuvvi Gifulfb Principe di Salerno co'fuoi 
fratelli : ma ciò che dovrà notarfi al nor 
ftro propofito farà, che inquefta celebri- 
tà, come narra Oftienfe C^i), intervenne 
anche Landolfo Principe di Benevento^ 
confermandofi per Tocular teftimonianza 
di Lione che vi fu prefente , e trovavafi 
allora Bibliotecario di Monte Cafino , 
quel che fcriffe l'Anonimo Beneventano 
nella Cronaca de' Duchi , e Principi di 
Benevento, che Landolfo fu reftituito al 
Principato di Benevento , né fé noi^ol- 
to tempo da poi s' eftinfe il Principato 
de' Longobardi , paiTando la Città fotto il 
Papa , ed il refto di quello fotto i Nor- 
tnanni . V'intervenne ancora Sergio Du- 
ca di Sorrento; poiché Sorrento erafi di- 
ftaccato dal Ducato di Napoli, al quale 
prima era fottopofto) come molto tempo 
prima aveà fatto Amalfi ; e ^uefti due 
Ducati, elTendo Amalfi già paflata fotto 
i Principi di Salerno, in forma di Re- 
pubblica co' loro Duchi , e Confoli fi go« 
vernavano , ancorché dependenti dall' Im- 
jjerio Greco (^). Furonvi anche i Con- 
ti di Marfi, e molti altri B^aroni Longo- 
bardi, e Normanni, de' quali fin da que- 
fti tempi era un buon numero in quefte 
Provincie • 

(a) Ojlienf. lii.^. cap.3. (b) V. Ca- 
f^L BcrreL inVindk.Neap. Ptregr/tnCam* 
pan. circa fin. ( e ) Ojiienf. lib. 3, cap. 16. 
Sicqui fratrcm Roggerium de ma invejìiens 



r A CIVILE 

Solo* il famofo Duca Roberto Wiri 
non convenne • Ritrovavafi egli inneme 
col Conte Ruggiero fuo fratello* in Sici* 
lia , ove air attedio di Palermo avea ri- 
volti tutti i fuoi penfieri, e le fue for« 
ze • Queft' Ifola , che caduta fotto il gio- 
go de' Saraceni , er^fi fotto Maniace , coir 
ajttto de' Normanni , reftituita in buona 
parte all' Imperio d' Oriente , difguftati i 
Normanni, e fucceduti a Maniace Go« 
vemadori poco abili, era ftata ripigliata 
di bel nuovo da' Saraceni , i quali avea- 
no difcacciati i Greci da tutte le Piazze, 
e folo Meffina era loro rimafa ; ma alla 
fine furono coftretti nell'anno «1058. an- 
che abbandonarla , e lafciare tptta i^uell' 
Ifola alla difcrczione , e balia di queft:* 
infedeli • Roberto Guifcardo col fuo fra- 
tello minore Ruggiero V invafe y e dopo 
aver foggiogate quafi tutte le fue più prin- 
cipali Città , era folo rimafa Palermo da 
conquiftarfi ^ Piazza la più forte , e prin- 
cipale dell' Ifola., ove i Saraceni aveano 
ripofto tutto il loro prefidio ; ma V afte- 
dio che vipofero queftidue valorofi Cam- 
pioni fu così ftretto , e vigorofo , che 
non paftarono cinque mefi , che furono 
obbligati i Saraceni a renderla nelle ma- 
ni di Roberto, il quale infieme conRug* 
giero entrarono nella Città con infinite 
acclamazioni de' popoli . Roberto conqui- 
ftato ch'ebbe Palermo, per cattivarfi gli 
animi de' Saraceni renduti ormai Sicilia- 
ni, diede loro libertà di Religione, fa- 
cendogli intendere, che ftafte in loro li- 
bertà , o di farfi Criftiani , ovvero rima« 
nere nella loro Religione Maomettana • 
Allora fu che Roberto inveftl ( ^ ) di tut- 
ta queft'Ifola Ruggiero fuo fratello, crean- 
dolo Conte di Sicilia, colle forze ed egre- 
gie virtù del quale aveala acquiftata • Ri- 
tenne per fé la metà di Palermo , di Val- 
le di Demona «e di Meffina; e lafciato 
in Sicilia ftio fratello, in Puglia fece ri- 
torno , ed in Melfi fermofli ( ^ ) . Quin- 
di è che Ruggiero non ricercò inveftitu- 
ra dal Papa , perchè la teneva da Robert 
to fuo fratello . 

Così quefti due Principi ^ regnando uno 
in Puglia col titolo di Duca, l'altro in 

Sici- 
In/ula , & medtetatem Panarmi , & Demo^ 
nay ac Meffana fibì retine?às . (d) Mala^ 
terra M^ a. cdp. 4* V. FazxelL Hi/K SìchL 



Digitized by 



Google 



DEL RtGNO Dì WA1FOH LIB,X. GAP. IL 

Skilia cdn titolo di Coste » pone van ter- fratiilaroéto om «iTo Itii ddla 
Alcuni , perciò cheRobcr- 



rorc a vicini 

to inveftl della Sicilia Ruggiero fuo fra* 

fello 9 han voluto dire , che quefti rico- 

nofcendo da luj. il dominio , ed il titolo 

di Conte di Sicilia, queft' Ifola folle fùb- 

ordinata a* Duchi di Puglia i e che il 

.titolo Regio ) ch'ebbe da poi Ruggiero 

da Anacleto Antipapa, di Re di Sicilia » 

eonferfliktogU da Innoceiizio lì. come di- 

lemO) s'intendefie dì ^uefto noftro Re- 

Sno 9 che fi difle Regno di Puglia , e ndh 
eirifola di Sicilia (a). Altri |icr con- 
trairio, come Inveges (^), dicono , che 
quefte noftro Regno foife fubordinato all' 
Ubla di Sicilia • 

Ma* da ciòcche abbiam narrato , e moi« 
ta più pi quello che faremo per notare ^ 
fi couoiceci chiaro , che né il Regno ^di 
Puglia fu fubordinato ^a quello di Sicilia, 
né la SiciUa alla Puglia, ayendb' avuto 
ciafc\mo fue leggi , ed iftituti particolari , 
ed efiendó flati governati da' propri Un- 
ciali • Egli è vero, che riguardandofi , 
che. i' Normanni dopo aver conquistata la 
Puglia, e la Calabria, fi refero padroni 
di q^uella IfoU , e cte come aggiunta al 
Ducato 41 t'uglia , e di Calabria , he a- 
veffe da poi Ro)>erto inveftito Ri^gieco , 
par che la Sicilia doveffe dirfi fubordina- 
ta a^Duchi di Puglia; nulladimanco avén* 
do "RobertQ fermata la fua Sede, in Pu- 
glia , e. Ruggiero in^ Sicilia, e governati 
qnefti due Stati ìndeBendentemente Tnno 
dairakfo, non può afiblutamcnte dirfi » 
che l'uno flaffe fubordin^ito dL'^ltro* E 
quantunque morto Roberto » Rusperò fvo- 
ceduto anche nel Ducato di Puglk, e di 
Calabria javelfe fermata ia fua Regia Se- 
de in Palermo \ ove la tennero anche i 
Re Kormanni fuoi lucceflbri , non è però 
che il Regno di Puglia foife ftata ftt}>or- 
dittato a quel di Sicilia, ftia .come due 
Regni per fejdivififi governavano, né che 
fofif flato mai 1! uno ropuutb <ome Pro- 
vincia dell' altro ) come fi farà chiaro nel 
pròfeguimento di quefl' Iftoria • 

Roberto intanto ritornato in Melfi fu 

ricevuto con grande applaufo , e giubilo 

da tutti i Baroni di Paglia , e di Cala- 

• bria, t quali come, loro Sovrano, fi oon< 

T^mo IL 

(%) Tuttno de' Cmtefiabtlì del Regno. 

( b ) Irrveges ifior. . dì Palermo , tom. a. 

U) Gul. ApfuL lib. i. (d) GhL App. 



ff 

.^ cotfqdCa 
di Palermo ( e ).. Solamente Pietro figli- 
uolo del Conte di Trani non volle mai 
rendergli (]ueft' onore, affettando queflii 
un'intera ihdependenza, ed avca perciò 
rifiutato di dargli foccorfo per la fpedi- 
zione di Sicilia ( ^ ) « Sde^aéb perciò 
Roberto lo condannò a rimettergli in fue 
mani la Città di Trani , ed alcune altre 
Terre , che erano fotto di luì ; ma Pie- 
tro opponendòfi con intrepidezza, cagio- 
nò a le. medefimo la fua mina , poiché 
Trani a^ediata , e ben preflo prefa , l'al- 
tre Piazze di fua dipendenza , xome Bi- 
fcefilia, Quarato^ e òfèvenazzo feguirono 
tolto l'cfempio di Trani .-Ritiroffi pfer 
tanto Pietro in Andria , ove egli ^teva 
difender^. aflu lungo tempo; pia avendo 
avuto bifogno di viveri, ed effendo ufci^ 
t»^ con una buona fcona per andare a cer* 
carne nella cailipagna , porte ia fua &• 
srazia, che nel ritorno f>fleprefo daYol* 
dati del Duca» Roberto vergendolo cod 
depreffb, u&gli grand' indulgenza j po^ 
che avendqfi fiitto preftar giuramento di 
fedeltà , gli reftkul generofemetite^ tuttt 
le Piazze, rifeAandofi (blamente Trani « 
Intanto per la morte d^ A leandro IL 
accaduta nel mjefe d' Aprile di qiMfi' anno 
1073. Pontefice che menando nna vita 
tutta folitaria, e privau, avea comfne^ 
il governo ddUa Santa Side al femofo Il- 
debrando: qnefti <^£kiza farne ricercare V 
Imperadorè , fece^fte unire il Clero , ed 
il Popolò Romano per reiezione del fue- 
cetf^rei e neir iftefib giorno nel quale 
morì Aletfàndro fi| acdamato egli per 
Pontefice • Domandò Ildebrando all' Im- 
perador Erriflo la cònfemu di fiaa elezio- 
ne i ma Wìéto Principe flette qualdw 
tempo a molvere , e mandò il Conte E- 
beraiodo a Roma per jprendere informazio- 
ne in qnal pMniera trae fiata fatta tin' 
elezione tai^ follecita. Ildebrando fece 
tante eareza^ al Come , che V indufie a 
fcrivere in fùo fiivore ; ed Errico veden* 
do ch^ Topporfi all' elezione già fiitta. 
n^n avrebbe avuto alcun efietto ,' peith 
era Ildebcando di lui più potente in Ro«- 
ma, vi diede il confenfo* Cosi fii egli 
oedmato Sacerdoie, e poiVefcovo diRo- 

H ma 

Dm P0tr0 fufpt^us erat^ quia prorfus eun^^ 
$i ad finis Sm^lw vtros adbibefe na^ 
garat* 



Digitized by 



Google 



^ 



^Ei.r isTOUTA h:itiie 



«M nel méfe drGSogtM M medtfinAiÉs 
ao 1077. e ndU £u «tdinaxioae preiè il 
nome m Ongorió VH. 

C A IP. III. 

Conquifte di ROBERTO fifra il Prìnttpm» 
dì Saiemo, 6* Amatfi. 

• 

Roberto dòpo aver domata la Sicilia 
entrò tono inpeitfiero d'unire fono 
la fua dominàzMine r altre Provincie > che 
rimanevatio in i^uefte noftre parti } e per 
un' opportuna tKxafione che airemo > gli 
venne Catto di cenauiftare il Principato 
éi Salerno ibpra Giiulfo ftio cognato • 

'GK Amalfitani ^ ^e , come fi difle , ca^ 

im fettò la dominazione del Principe di 

Salerno Guaimaro^ aveano fperimentato 

pm* troppo' afpro il di lui governo y "per 

fitttrarfi dal gmgo iirraféto la Città , t 

preflb il lido del Mare infiertie con gli 

sàbfi congrurati crudelmente V uccifero ; 

-mt rìjifem da Guido fuo Iratello ; dopo 

il quinto giorno fedati i tumulti, riebbe 

la Cittì, ed a Giiulfo iuo nipote figliuo* 

lo diGuaimaro fufeftituifa\ Ma con tot- 

. to ciò Gtfulfo affù più afpramente , che 

•il f adre trattava gli Aimlfitaiii j i quali 

penfarono dì- ricorrere al Duca* Roberto 

^penchè interponohdofi Con fuo cognato , 

impetraffe da ItH qualche umanità , e^ cle- 

menca per loro • Il n^ca motìh da oue- 

fti ricorfi, inviò Am^fciadori^ a Giiutfo 

pregandolo di rilafeiare* tanto rigore; con 

cui trattava ^i AmtHfeani ; ma il Prin» 

cìpe tiguaMMMdr^' qu^la pr#ghie1ra qual 

knportuiu rimoftranza, ricevette di mal 

garbo coloro, che glie k vennero a fa^- 

9ti e cercando occà^dne ti querela, pre*^ 

te(e i che la Cofta dopo .Salerno infino al 

Porco del Fico appartenelTe a lui : ^hia-* 

'raffi ancora di voler 6r rietitrafe nei Aio 

dominio Areco , e Simta Eufemia, di cui 

il Dncft etafi inuxadronito. lloberto alia 

prima pMccnrò di guadagnare fuo cogna* 

to per le vie ^elle ddcezie ^ ed accoma* 

dar amichevolmeata kcofe (tf); ma Gì-* 

fulfo rifiutò ogni trattavo > maro forfè al 

feecotfo che fperava «ki Riccardo Principe 

diCapoa, il qual' era entrato a parte ne' 

fuoi intereffi, etfendo allora in difcordia 

- (a ) Matat. Uè. 3. €9/^%. ( b) GuÌ. Ap 
puL li^*}. (e) Paul. Diacon. l.^. e 45^ 



con Roberto OmScatòo • Cofltti per nòtt 
aver da combattere con due nemici , tcat* 
tò fecretatiqente d' aggiuftarfi con Riccar* 
do, ficcome^ fattegli offerte atfai vantag- 
gioie > r indu^ a prend^jre il fuo partito 
contra del Principe di Salerno (^)« Egli 
ancora firmò un trattato particolare can 
gli Amalfitani) e gli prefe fotto la fua 
protezione, ed avendo meffa la guarni- 
gione dentro la loro Città 9 fi'^fpofe a 
venire, feguito dalle fiie truppe > ^ lia 

?uelle del Principe di Capua^ a mettere 
affedio alla Città di Salerno* 



'Tutti coloro , che prendevano^ parte 
liegl* interelii di Gifulfo , V avvertivano a 




grand' 

amico, lo -confi^iavano ad averpaoe con 
Roberto (e-); ma egli oftinato né meno 
volle dar lororifpofta« Né perciò defiftet- 
te Defiderio , ma fapendq che Roberto 
avea già ailèditto Salerno , impegnò il 
Principe Riccardo a venire eon etfo lui 
a difpòrre Gifulfo ; ma né meno potero- 
no cohfegutre cos' alcuna , anzi non ce£Gi« 
va di pubblicare con alterigia mal fonda* 
ta, che non prezzava punto l'amicizia 
del Duca, alla* quale per fempre rinun- 
ziava . 
^Roberto fdegnato, non guardò più alle 
maniere d<^ci, ma ftrinfe T affedio , e fer- 
rò quella Città si da preffo , che nel fine 
di cinque^ tnefi ) fu ridòtta ad una eftre- 
ma carestia* Quelli che la comandavano 
veggendo > che non poteva più mantener- 
li , penfaroho alla loro Scurezza Cd). 
Uno de* principali eh' erano dentro fa Piaz- 
za eraBacelardo figliuolo d'Umfredo, il 
quale dopo aver inutilmente afpettatogli 
ajuti defr Impetadore di Coftantinopoli 
tornomne in Puglia, e cercava per ogni 
parte di vendicaHi di fuo zio; eperque- 
fto motivo egl! era entratq in Salerno ^ 
affine Ài fooóorrere Gifulfo ; ma temendo 
^ iperimentare il rigore del Guifcardo ^ 
s' egli cadeva nelle me mani , fuggiffene 
la notte, ed andò aricovrarfiinunaPiaz* 
za vicina ^ chi^rmata Sanfeverino y che gli 
aprì le porte • Il Duca fcriffe al Conte 
R4iggiero, che veniffe al ^iù preAo -da Si- 
cilia ad affediar Sanfeverino , fin tanto 

eh' 
^d) Méilén. iii. 3« cap. 4. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO D^I NAP«£I UB. }& CilP. Ut 
dir edi Mfe vanito a fine dclki tp^ékior 
m £ Sftlenio • Ma non fi tasdò iBoha 
td e^u^arlo> jwichè le mura jdcUaCiiH 
tà ccmiBciaroiKi ad apfirfi p^ tutte 4e^ 
parti» e gli abitanti AtfEL^tnmro adins^ 
nàtar Roberto'^. eatiace pesala pitt-lae« 
«a brcceia^) -affine di penieuiae aùora Le 
Rigrazie d' una Piaaza pee&i pet atfalto . 
Glìulfo intanto .non fi. reìe pes quefte > 
ma fi difefe «ella CktadMla; ma' abilito 

£'\i feffocemebiie dal Gniùsuday alla pcB- 
le fu €d>hligai» di mù&tzm altretMztì| 
{boiafiiftDne , quanta >fierestt ama pvSfltt 
moftrata ; egli fi cefe alla demena del. 
vincitore » e dimandali per ogni grazia 
quella della fiia libeAà: fugli conceduta^ 
oèndofi prima ritirato in Monte Cafino» 
da poi r fi ricovrò fotte la pcotead^iie di 
Papa Ckegorio VII. il quale nella Cam- 
pagna Romana gli sl^^^oò alcune Terf&y 
óve poim^ abitare» non lafciando intan«^ 
to egli di appellata Principe, di Salerno »* 
Duca di Puglia,: e diCal^$na> come fua 
padse GwimarO) non già di Sicilia, co- 
me per isbaglio fi legge nello Stemma de^ 
Principi di Salerno del Pellegrino. 

Il Duca fece -di bel nuovo fortificare^ 
&dcmo y ma fenaa dimorarvi molto tM»* 
pò , marchiò - tofto contro Bacelardo per 
t€^ieigli H tompo' di fortificarfi in Saiue- 
vefiaa..£glt vi giunfe poso dopo fiiofra^ 
Dello Ruggiero , che già avea attaccata la 
Piazza y onde cintala più Arettamente » 
fa forza renderfi a patti , ciocché fece che 
Bacelardo infieme col fuo^tello Erman* 
no penfaftro di nuovo di nticarfiinCo« 
ftantinopoli : dove quefli infelici Principi 
menarono il redo della lor vita ingra»* 
de miferia » nella quale dopo molti anni 
morirono » - 

' Ecco Gome in queft^anno 1075* fecon* 
do r Anonimo Caffiaele , Fr. Tolomeo» 
di Lucca V e Camillo Pellegrino, ilPrin* 
cipato di Salerno s' unì al DucaM di Pa* 
glia, di Calabria., e di Sicilia, in poter 
de' N<Mrmanni„ fotto il facnofa Duca Ro*- 
b^rtti. > il quale te^tenda aitcbe> Amalfi 9' 
già minacciava T altre partii che'veftava-^ 
no , di farle paifare aiùxrfa ibfeo- il fito 
dominio* Ed ecco come imSaiemo s'eiiift^ 
fero i PriAcipi I«aii>4obafclì^ ma non pe*-^ 
tà reftò in tutto ettiuta quella Nazione i 



{sLyjPilUgf^-^ Amm »mc. Salmip^ 



, non» jitiaiiwte Aend? 
PrinGÌp«ca'4iCapua, rsuAtm fendale di41^ 
ìAe£b fangue ne' Contadi viejm («i)« Ri^ 
mafeM Gntìpana Conte di Caf^ccio ; 
]^(adolfo^ girale di CoiiMto> ; Giordano 
Sìgnm^ del CaAitto diCoraeto delCìlw 
to nipote dal PaUwpc Guaìmtro ; Aftòi* 
fo figlinolo 'del Conte Gifiilfoì RomuaU 
do %liiblo di Pietro Conce diAtenoHb^ 
CaAelnmìna figUnolòil' Adelferio Cont^ j, 
B^retigaeio &[liiiob d' Alfeno Conte ; 
Giovanni , e kmdnlfo iìglinoli d' A^dema* 
ro Conftey che lii detta i)<Ro^ ; Giovati* 
nà ^ittdo di Gtttfmara Come \ Glorio^ 
ff^' ^yiolor di Pandolfo Conte ì i quali 
erano ancor viventi negli anni itTO.<€ 
1114. E Sicdgiita figliuola di Gldfciofo 
vedova di Marinoe Cacapecc dt Napoli 
ancor vivea neir anno ti 55 ('^) . Còsi' 
aMora da' Conti Guaiferio , ed Alberto* 
di qui^D (sBEBgmy nana Pellegrino, eflfer 
derivata. in Sdamo U nobile femigha di. 
Poeta^ la di eni poAentà con ordine oer^ 
tot infitto air anno i^ìi^ fi rRro^ ìiell^ 
antiche- carte: ficcomr dimoiti alM Con- 
ti Salernitani per fette, e oicogenerazio* 
ni infino»^a qnlel tempo effervi' ne--vétidli^ 
DumuaKttti rifeontro , atteAn qnefto me* 
defira»Aiko0e^. E feo^i per ordine c^f^i 
t» fesài quafi ohe impmthile «K>va^ la-fe- 
rie de' tfìidefeni ,N9on è per^, ehe-feA?" 
in quefto*Principato eftintt- aAtto il fan* 
gne hongBbardby e4b«fe ancKe jd prefen* 
te ifawà nafcoto fetfe. ruvidi panni di gen« 
te ruAicamt'^ e falvig^a . Documemn ,' 
niente etfere la nAiità delfangue, quan* 
do la fptendoie » t lo #icheaze dh lei & 
dipartono « 

CrA F W. 

. fatta la daminazimtà Je^ ìmmafmi -^ e^ Ib 
Gmà Ji JBmuvemta Ma CUtfit R»fmns • 

Ih dìfeaotiamento det Piinc^ Gifulfo 
da Sflilemo » e da Amalfi , diede a 
Gre9o»ia VII. molto da temete per l* 
ingrandknentx>> «he in confeguenza ve* 
deva ^ ne? Principi Noimànni .; ma fopra 
Hmo defidnnuido di riporre GiinHb y cui 
tanto amava » nella fede donde 4i^ era fta« 
Ha to 



Digitized by 



Google 



D'I £ L* VS T ©> 



im^e Ultacìarlefofse di oud& Principi ^ 
a^etUYA opfpgt tuiità di farlo • Fu Mcora 
l^tt vohe iftig^to dì metctNT (tk un «Imo par- 
tito cotttioRoborto» e dipKMggtre ilboi 
QfKti dircacGiati; maaoAttidò'giimcbc 
Tifteft) Rohctto iiifiemecon Rioomb gii 
aprirono una ben larga ftrada alle con- 
tenzioni , e brighe . Non erano quefti 
Princìpi foddisCatti d' av^r caecìato Gifiil- 
lo da Salerno » ma vedendo che* queftt 
av^a fono Gregorio trovato nella Cam- 
pa^ Romana mcovoio, penfarono infe* 
puirlo fin dove era , é con tal oeeafionfe 
invadere la Campagna ; laonde &infero 
incontaiienir verfo quella v^a le loro 
truppe » ed occuparono parte della Marca 
d' Attoona ( ). Ma da che in Roma eb* 
beii la novella > ch'agli , e Hiccardo s' 
avanaavanò nelle Terre dellarChiefii , Gre- 
gocio che fopra tutti i Pontefici non era 
per. fofferife un fìmil afiponto , e die 
noi^ a&etuva altio che qoefto per dìchìa- 
sarfi loto inimico ) ragunato in Roma un 
Gottdlio con pubblica cerimonia^ e fole»* 
nkà fcoQuuMoò qucfti ihw Principi , e' 
loio adorniti (i) . M\ feoigeBdo ch'effi 
nm moko ouNiMofi di quefti Mmini ^ 
adoperò neU' ifte|b tempo un mexao più 
officace : egli inviò contra dì effi una 
teona arnitca , che Cm loto ^éb vol- 
tar cammino .^1 Duca « od il Princi* 
rper non peider occafione dipMccurav*» 
in altri hioghi aitié conquiAe , venne- 
ip nell'ife^b ten^o a poetar Taiedio 
alla Città di Seaovenao , ed a Napoli . 
U Duca ttr\iA Brn^vento^ ad il Pnnci* 
pe Napoli. " 

La Città di Benevento hifino a qnefti 
tempi era fiata ^vernata da Landplfo 
VI. Qpefto Principe ancorché avcffc ge- 
neiau «nolti figliuoli , noiladìmanco fii 
a) Mwdo padre infelice ^ poiché pianfe 
ia loro morte eflg vivente • PaadoUb 
eh egli avea al Principato aflbciato , fii 
MH'amio io74«0Gciro da' Normanni pref- 
10 Montelàrchio : onde fopprawivendo a 
^ueft' unico fidinolo eh* eragli rimalo , 
tenne il Principato fino ali anno 1077. 
ma efTendo già d'età grave , t cadente^ 
dopo avea renato in Benevenab 39. an- 

tn fi^ hi Epiji. Gnam «f- Ceieérmif 
^jmédumK^ma^ in faa eumnumìcm^t ì^ 



RIA CIVILE 
ni ftil i giorai fuoi in qneft'anoo 1077. 
né hfeiando di fé altra {mie, nuncò iia 
lui la fiicc^ione de' Principi di Beno* 
Vento. Eceo il periodo dì quello P^lnci- 
pato} e veicli intanto l' inviabile cotidizio* 
ne dette cofe mondano . ilbieito Principa- 
to che fi>pm tàtri gli altri fteiie i iuot 
oonfinì) e che ià tempod' Arechì abbrae- 
ciava qiìafi tutto ciò » che al prefente è Re- 
gno di Napoli i om s'eftingue «atto , il ^ua* 
le infortunio non ebbero gli akrì Principati 
#CapayediSafomo9 poiché fe bene in 
qnefti oMncatfero i^rPcìocipi Longobardi ^ 
non pacò ti efhnfero i Principati » ma padkti 
lotto i NcNrmanni, fi mantennero lungamen* 
te 9 e Ruggiero ancorché riducefic quelle 
Provincie in fiArma di Regno» non perciò 
reftiofe t aAimendo fra gli altii titoli 
anche quelli di Principe dì Capua » e di 
Salerno, e ne onorò anche i fuoi figlino* 
li . Ma quello di Benevento mancò ali' 
intutto i poiché ricaduta la Città in po- 
tere del Romaiip Pontefice » V altre Ter- 
re 9 e Città del Principato paflbiono fotto 
la dominazione de' Normanni t che all' 
altre Provincie da efii conquiftate V aggiun« 
fero ; e quindi é.ehe ne' loro titoli non 
abbiano nenuneno ritenuto quello di Prin- 
cipe di Benevento, come amitto -eftinto «. 

Per là morte adiinque accaduta di Lan- 
dolfo VI. ultimo Principe di Benevento 
lenza prole , mancando la fucceffione di 
quel Principe, t»fto Gregorio pretefe do- 
verti la Città reftìtuire alla Chielà Roma- 
na * All' incontro RobeKo , che 'molte 
Terre di quel Principato avca occupate , 
pretefe ridurre anche Benevento fotto la 
tua dominazione , come avea fatto dì quel* 
le Terre le quali riconofcevano per loro 
Capo Benevento . Perciò dando il pen- 
fiero a Riccardo Principe di Capita deU' 
afledio di Napoli, egli a quello di Bene- 
vento fu ti^tto rivolto • Ma queftc due 
Città > quella di Benevento p^ l'opera, 
e vigilanza di Gregorio , l' altra di Napo- 
li per lo valoce de' fuoi Cittadini, difenr 
demlofi vjdoiofiHMnte, portaiono in Ina* 
go gli aiedi • 

Intanto ammalofil Riccardo , il quale 
avendofi piDocniita la grazia di Gregorio » 
atfbluto da colini delle cenfuie , poco da 

poi 
bertnm Guifiardum Dme$mApulÌ£^ & C#« 
léhiM^ <st Skilia $9m mmlèus fmforibma 



Digitized by 



Google 



DEL RECNO DI NAPOLI LIB. X. €AP. Hf. 



foi ne Hiort. Giordano (ho figliuolo , idie 
gli fuocetfe y nudrendo diverfi fentimenti 
éa foo padre, levò tofio Tatfediò da Na< 
poli, e ftaccatofi dalla lega cheluo pirdre 
«uva fetta eoa Guifcardo , s' uni col Pa- 
pa . Roberto ancora^ avendo laiciato al- 
quante tmppe alFatfedio di Benevento , 
cfali ritirato in Calabria ; onde Giordano 
per r aéènza fua , unìtofi col Papa , portò 
tanto innanzi la cofa , che ricevuta da' 
Beneventani grofla ibmma di denaro , fé- 
ce togliere immantenente V a^dio da quel- 
b Città , mandando a terra tétti gli or- 
degni, e macchine, che il Duca Roberto 
a:vea ai^areccbiate per ridarre t]uella Cit- 
tà qelle fue mani . ** 

Tanto baftò , che Roberto fortemente 
lilcgnato de* portamenti, di Giordano , tor-. 
liafle tc^ dalla Calabria in Puglia , 
ovéri^btteAfcoli, Monte Vico, ed Aria- 
no, andò contro ii Principe fopra il fiu- 
me S^no per prefentargli batta^ia ; e 
i*ebb»> fra di loro venuti alle mani , 
fé r Abate Defiderio non fi fotfe firàppo- 
ilo per la pace , il quale feppe con tanta 
efficacia, e deftrezza placare T animo fde- 
gnato di Roberto , che lo piegò a farla , 
rimanendo quefti Principi come primsFnel- 
la ftetfa amicizia {a) . Proccurò ancora 
Defiderio , che Roberto fi rappacificafTe 
0on Papa Gregorio , e feppe così benpor- 
ftarfi che andate in Roma proccurò che 
fotk dal Papa aflbluto dalla fcemunica , 
ficcome ottenne, ed ebbe la gloria di por 
pace tra quefti Principi , neir iftetfb tem- 
po che le gare , e difcordie loro s' eran 
«Tacerbate in maniera , che fi temeva 
non dove&ro prorompere in più crudeli 
guerre. 

Così ì Normanni pacificati col Papa 
ottennero da lui V ailoluzione delle cen- 
fure , ed air incontro Roberto ridotte le 
Terre di Monticulò, Carbonara, Pietra- 
palumbo, Moàteverde, Genziano, eSpi- 
nazzola , fotto il fuo deminio , più non 
curò «di rmovare V a|||dio alla Città di 
Beaevctto ; ma lafcuttda cesi libera a 
Gregorio come la pretendeva , dall* ora co* 
Mnciò quefta Città a reggerfiperlaChie- 
k Romana 9 la quale in^rodueendovi nuo- 
va polma 9 per Rettori , che per k> più 

wm. in Ckr.DM.<srPrìnc.B€n.n.i^. Mfnd 



erano Cardinali , fi governò in tpevet 
fo(A). 

Ecco come la Città di Benevento paf« 
so in dominio dell^Chiefa Romana, pri-* 
ma che quefte Provincie foKbro ridotte » 
ti unite in ferma di Regno ; e per m^ 
fisi ragione neir inveftitnre , che diedeve 
da poi i Papi del Regno di Napoli , fi ri- 
ferbavaito la Città dU Benevento , come 
quella che nonr era ivi comprefa , ma ino* 
n di. quello, ed alla Chieia Romana fot* 
tepofta \ quindi è che i Beneventani fia« 
no repittati come foraftieri , e non natii* 
rali del Regno. 

£ vedi intmto come queftenoftrePro» 
vincie ch'erano a tanti Principe fottopo- 
fte fi unifeono pian piano infieme nella 

Srfona df Roberto , le quali finalmente 
tto Ruggiero Conte di Sicilia s* unirono 
in forma di Reame . Ora niente reftava 
a Roberto di conqniftare che il picciolo 
Ducato di Nanoli . Quefto Dotato , an- 
corché ricono(cetfegr*Imperadòri d'Orien- 
te per ibvrani , fcor||endofi dalle fcritture 
anche di queft' ultimi tempi, che fi pone- 
vano i nomi di quegl' Imperadori , come 
fi ofTerva in quella portata dal Summon- 
te , la quale fi legge fatta fotto il nome 
d' Aleffio Comneno ; nulladimanco man- ^ 
tenevafi in forma d una picciola Re^ub- ' 
blica retta da'fuoi Duchi , e Confolt, i 
ouali per la declinazione de' Greci in que- 
ne partii aveano quuii che fcotfaognidi* 
pendenza , t fubordinazione , che prima 
aveano cogl' Imperadori d' Oriente • Tut- 
to il rimanente era pacato |;ià fotto U 
dominazione de' Normanni : lotto Rober- 
to Guifcardo la Puglia , la Calabria , il 
Principato di Bari, di Salerno, Amalfi ^ 
Sorrpnto , e le Terre del Dneato di Be- 
nevento. Sotto Riccardo il Principato di 
Capua , ed il Ducato di Gaet» \ la qual 
Città ancorché aveffe i fuoi particolari 
Duchi , era p«rò fuberdinata al Principe 
di Capoa. 



CA. 

PéUt^. Pùfl cu)m Prìncìpìs •bUum , f^ 
éfi Civitsf f€t Rrnm^m Ec^Ufiam • 



Digitized by 



Google 



i^ 



UMLi: ISTQUIA CIVILE 



C A K V* 



litis/^ ^h^ ^l^c r Imfi^ndwp Eiuuca con Pa^ 
pA GK£GQRia ). il quaU ricorre al Ducs 
. SAB£&to , che k UberA dal tarmi deiC 
Impera tote ^ 

LA pacfr che Defidierio» proccurÀ tra il 
Papa 3 ed il Duca Robeirta fu si o^ 
portuna per ambedue y cbe . ciafcuno n^ 
ricavd per quella moki vantaggi ,, ma £ok 
pr:i tutta Gregorio ». die ia altra gHÌia &-^ 
rebbe fi trovato in anguiUe più, gravi » ed 
iofuperabili i poiché certamente ftaza f^ 
ajuti di Roberto ^ farebbe £aia da Enrica 
opprefifo « Le difcordie tra lui , e Firn*» 
pera dorè eranoefacerbateinmaoiera^ che 
prorompendo in manifefie contenzioni % 
nnalmente terminafonaiafedizioni ^ gucr^ 
re», e foismi oftinati . I primi feou di tan-^ 
te difcordie-fiirono le impedite inveftitu-^ 
re > ed il vederli efclufe T -Impetadore 
n^ir elezione del Papa ; s'a^giudfe ancora 
il difpettò ^ che la Contesa Matilda gli 
fece» per aver donate molte Terre» eCa- 
ilelli della Liguria » e della Tofcana alla 
Sede ApoAolica (a) . Gregoria all'incon* 
UQi accagjm&ando Errico», che per denaro,, 
e. cpn privata autorità invettiva i Vefco^ 
vi», ed Abati» lo riprefe prima aeremen- 
te »f ma da poi nell' anno 1076^ venne aU 
le cenAure ^ Errico effendo (lata ancora 
ofièfo per uua fuperba Ambafcieria » che 
Gregorio gli avea. mandata» fecetoAora-^ 

!»aat, un Concilio inVormazia» net qua- 
e a^cu£ua Gregorio di molti delitti » ed 
eaomiitài^ fa depofto ; da poi mandià egli 
ila Roma i fuoi Amhaiibiadori con lettere 

Kene di difprezzo» e di contumelia », per 
I €fià9M fé eli uotLfioava di dover depor^ 
te il Fonteacato •> Ali' incontro. Gregorio 
ngunata in Roma un akro>Concilio ico-. 
»ttnic^ tutti i Vefcovi » ohe alla fua de^ 

£>rizione in Vormazia avean confentito.;^ 
pofe Errico del Regno di Germania» e 
di Quello d' Italia » ed atfolfe tutti i fuoi 
fudaiti dal giuramento di fedeltà » che gli 
ayeaa dato ». proibendo loro di predargli 
pi» ubbidienza » ed efortanda tutti i Prin- 
cipi a prendere T armi contra Errica . t 

fa ) AuaMf. P. DiacJn Qftìenf. t. j. rw^9. 
(b) Aua,Hari.P..I>iacJ.^x;ap.^9^(^c\H^-: 



Principi d'Alemanna omfidetwdb ^ 
ter la guerra che i Satfoni allora aveano 
moda ad Emco ^ non esa.pnmo tempo 
da nudrire quefie contefe » perfuafero aÙT 
Imperadore di proceurar la pace eoi Pé.« 
pa » e nell' iftetfo tempo proccnrarono » 
che il Papa venifle in Alemagna» ove fi 
darebbero riconciliati » e accordato il tut« 
to « simulò Gregorio di volervi andare , 
ma e£Gsndo giunta a Vercelli » ritirofli a 
Canofla eh' eca un Caftello pofto net di« 
ftretta di Reggio . Errico^premucn da'Saf^ 
foni volerla m ogni fuo cotto aver pace 
col Papajt onde tottopaflandaT Alpi ven« 
ne ivi a Qrovarla » e chiedergli perdona 
(é) • Gregorio non volle prima ammet^ 
terlo t nu dopa averlo fatto per tre gior- 
ni afpettare fcalzo alla poru di q^Ca« 
ftello» edendofi interpoftì li faottuari dd 
Papa » e' Principi dell Imperio ^ finahn en-^ 
te gli concedette il pendono .. 

Ma comprendendo», che per lafuaacei^ 
bità » Errico maggiormente fi farebbe ir* 
ritato » ed avendogli ancora Matilda av- 
vertito » che r Imperadore ^i tendeva in«^ 
Udie per averlo in fue mani» tofta fé ne 
tornò in Roma» ove neiranno 1080* con 
maggiore celebrità di nuovo fcomuniooL» 
lo » lo depofe delia Corona dell' Imperio» 
fciolfe i fuoi vaffalli dal giuramenta » vie«> 
tò a tutti i CriftianL il predargli ubb^ 
dienza y e diede il Re^na d' Alemagna a 
Rodplfa Duca di Suevia» efortando tteti 
i Principi di (jermaniar ad eloapeslo Im« 
peradore . Qiiando Errico riU^pe che i 
Sai£bni aveana eletto Rodolfo Imperado*^ 

Eopporlo a lui > lafciò V Ittd^ » e 
in Francia prefentò a Rodolfo la 
^ iia i pugnoiU la prima volta fenK 
cernente da ambedue » e fu&tta ftrage in- 
finita K, ma non baftando il tempo » fi ri» 
ferbò ad un' altra giornau ;. fi tornò a com* 
battere » e finalmente cedendo la fmt di 
Ridolfo ». venne fatta ad Erriao. di disfiir* 
io ^ Retto in qncik pugna Rodolfo, mife- 
ramente uccifo » i^. quale in prefenza de' 
(boi Capitani mottrando la fua mano tut- 
ta bruttata di iangue per le ferite ». avan« 
ti di morire si gli diflle (r) : Vedeèeque* 
Jla mia mano, tmt^ brucata di famgm p 
cpifik qutfiék U giurai, ai. mio SìgfioH Értiatà 

di 
m^ldaaCJ^rmfi Sc^voirHmiià. i.aiaf^z^^ 



Digitized by 



Google 



DEL RECATO DI NAPOLI LIB-X.CA1^.V. 4i 

JH nm mfiSért atta /uà vita » ìfd aita faa PrincipeHk ^a cadnu techi nni da pòi 



I 



gloria; ma il Pbm^fice Romano mi riduffe 
a tfàfgftdirt i gìutamenti dati ; e aJt ufut- 
fonai qaalP wncta vha a me nom era devu*^ 
te. Saat fine io i/f abbia tonfeguito voi già 
H vedete : io vedranno ancora quetti the m 
tanno iftigato a queflo^ 

Errico 9 fcoafito) ilfoòrìnle, memoffe 
degli oltraggi > ed ingiurie riceTute da Gire* 
gorio> tofb Titwtìò in Italia; ed avendo 
fatto convocare prima in Magonta > e da 
poi in Breslavìa un Concilio di Vefco- 
vi) fece de^rreGr^orio, ed in fuo luo- 
go eleggere per Papa T Arcivefcovo di Ra«> 
venna^ che Clemente III. appelloflS: in- 
di calando in Rom^con una potente ar- 
mata ,'difcacciato Gregorio, collocò Cle- 
mente inanella Sedè (^ )> dal quale vol- 
le anche ricevere la Corona Imperiale ^ 
Gregorio intanto erafi ritirato nel Gattel- 
lo di S. Angelo co* iuoi , ove non poten- 
do riceveiT* aiuto da* Romani » né volen- 
do altri fòccorrerloy effendo le forze dell' 
Imperadore pur troppo grandi > può ere*- 
derfi in quanu coftemazione viveflc . S' 
a^iungeva ancora che Giordano Prìncipe 
idi Capila co' fuoi Normanni > temend» che 
Errico da formidabili eCetciti circondato^ 
non gjii difeatciatfe dal Principato > pro- 
cnrSrond imìrii con hu contnf Gregorio 
C^)f pndle Je cofe del Papa erano ridot* 
te in iftafo pitf troppo lagrìmevole • 

Non vi reftava «Itro^ che il tiifcrreré 
agli ahiti del famofo Roberto « Ma qnefti 



in uno ftrano ecceflb di miferia; poiché 
NiceforoBòtoAiate avendo difcacciato Ktì* 
chele dall' Ittipetio d' Oriente > avea confi* 
nata Tutta la fua famiglia in un Mona* 
itero > e coìi inalidita inumanità aveafat* 
to caftrare Coftantino matko della Prin* 
tipeffa EleAa . Un' ingiuria sì crudele f 1^ 
dondava in molto difprezzo ancofa dèi 
Duca Roberto, il ijuale non poteva far 
di manco di nonfentirìa; ma d'altronde 
riguardava con occulto pincere T occafio- 
ne di portare le fue armi in Oriente. 

Per la qual cofa egli afcoltò benigna^ 
Inente un Greco > che comparve alla fua 
Corte, e fi fpacciava per l' Imperadore 
Michele fteiTo , il quale per dar credenza 
air impoftura > minutamente narrava il mo- 
do, col <]uale era fcappato via dal Mo« 
naftero , in cui era ftato racchiufo in odio 
folamente, come e' diceva, dell'alleanza 
che avea contratta co' Normanni • Il Du- 
ca fece tee a quefto perfonaggio onori 
ftraordinarì, come fé enettivamente fbfft 
ftato r Imperadore (e); contuttoché mol* 
ti Signori, ch'erano ftatì a Coftantinopo^ 
li, ed aveano veduto Michele, confefla- 
vano, the non lo rawifavaho per detfo^ 
o che bifbgnava che foffe mólto cangia- 
to « Ma Guifcardo non voleiTa entrar in 
queftD dibattimento, fé qnefti foflfe il ve* 
ro, o il faUb Michele.* tutto eragli una 
cofa per giugnere al fuò intento % Egli 
pretendeva folamente ricondutlo aCoftan* 



trovare molto lontano per accórrerlo » tinèlli alla tefta d' un' armata ^ t di re* 
Avea qoéftó Principe ne^ precedenti anni ftituirio al Trono Imperiale > difegnando 



collocata in matrimoniò una delle fue fi 

fliuole chiamata Elena , col figliuolo dell' 
mperator Michele Ducas , appellato Co* 
ibntino, Principe di tanta bellezza, e si 
ben difpofto , che la Principerà Anna Com- 
nena non fa punto £ difficoltà di chia* 
marlo una principale opera della mano 
dì Dio. Coftei ancora non ^ò trattene* 
re il fuo fdegno cofi^ dell' Imperador 
Michele , per aver dato un figliuolo si 
bello alla /i^liuola d'un uomo come Ro« 
berto , cui ella tratta > fecondo il fafto ^ 
ed alterigia de' Greci , qual miferabile la- 
<hone , ed indegno d' imparentarti con gì' 
Iniperadori d' Oriente \ nu Elena infelice 



Ca.) AuBuar. P. X>w. 
6- 5j. (b) AuSl. 



ÌU.3 
P. Diac. IH. 



tap. 50. 
3. oap. 



forfè d' innalzarvi^ egli fUedefimo > fé fi 
trovalTe che qnefti non feffe il vero Mfi» 
chele • In fatti non fi dubitò , che foffe 
un giuoco per allettare piò facilmente t 
Grecia e per aver un pretefto più plaufi* 
bile d'imrigarfi negli affiifi dell' Imperio 
d' Oriente : qualunque fi fofle il fuppofto 
Midhele, che Anna Comnena dice eflè* 
re ftato un Monacò Greco > appellato 
Rettore^ non lafciò Roberto di profittare 
del carattere ^ che j^li fece foftenere • 

Ma mentre che il Duca avea apparec« 

thiato tutto ciò , eh' era neceffarìo per una 

fpedizione tanto importante ^ ebbe awi« 

-fe) che in Coftantinopoli era nata ufla 

nuo- 

};o. (e) Maiat. ito* }• jirtna Comnen^ 
i6*4^ 



Digitized by 



Google 



L" 



Al »ELr ISTO 

mova reTolonotte^ che avea mcfi) fuori 
la Principerà Ele&a dallo ftato miferabi- 
le f in CUI ella ftixfUL fi trovava ; poiché 
Aleffio Comnwio etfendo fiato poc' anzi 
dalle Legioni pro^amato Imperatore in 
Tracia, avea depofio dal Trono, e latto 
tofare Niceforo Botoniate , ed egli era en- 
trato trionfante in Coftantinopoli, ove 
avendo fatto ufcire dalMonaftero laPrin- 
cipq^a Elena la trattava con grand* ono- 
re , difegnando così guadagnam il Duca 
Roberto, cui grandemente filmava , evie 
iù temeva , che non gli contraftafle sì 

' principi • 

Ma tutto ciò non badava per arrefiaie 
j difegni di Roberto, il quale avendbgià 
tutto air ordine per quella fpedizione , 
non volle perder tempo a darvi ^principio ; 
ond' etfendofi a tal effetto ^rtato in O- 
tranto, ove dovea imbarcarfi con tuttala 
fua armata, prò vide prima al governo de' 
fuoi Stati eh' e' lafciava in Italia. Lafciò 
il governo de' medelimi nelle mani di 
Ruggiero foprannomato Burfa fuo figliuo- 
lo fecondogenito , eh' egli avea generato 
da Sigelgaita fua feconda moglie, dichia- 
randolo erede in preienza del Popolo del 
Ducato di Puglia, di Calabria, e di Si- 
cilia (t). Quefti era un Principe di tut- 
to garbo, e di eftremo valore i e gli la- 
iciò per Miniftri il Conte Roberto diLo- 
litello fuo nipote, ed il Conte Girardo 

E^rfona di ibmnu eiperienza, e di cono- 
iuta integrità. 

Egli s' imbarcò infieme colia Duchetfa 
Sigelgaita, che volle feeuire fyio marito 
come un' Eroina alla temi delle fue trup- 
pe • Portò feco ancora il valorofo Boe- 
mmtdo luo figliuolo avuto dalla prima mo- 
glie Adelg|rita , ed alquanti Baroni Nor- 
manni. Giunti che furono nell'anno io8i. 
nell'Iibla di Corfii, comhiciarono ad in- 
vadere quelle Piazze , ^r ridurre quell' 
Ifola ibtto la loro dommazione : Aleffio 
Imperadore awi&to della molla di Ro« 



RIA CIVILE 
berto, tc^ fece apparecchiar im* armate 
per reprimerlo ; e quindi cominciò fin 
quefti due Principi una ^erra- sì crude* 
le, che ebbe avvenimenti sì grandi che 
feinfero la PrincipefTa Anna Comnetia 
figliuola dell' Imperadore Aleffio a tetfer* 
ne r iftoria , nella quale , con tutto che 
€efcaflè ingrandire le gefta di fuo padre, 
non potè però parlare di Roberto , fé non 
con elog) d' eftremo valore, e fortezza • 
£ condennandomi il mio iftituto a trala* 
fciare si illuftri avvenimenti , rimetto i 
cufiofi all' Iftoria di queftaPrincipefla, ed 

-a ciò che Malaterra , e Guglielmo Pu- 
gliefe ne fcriffero • In breve dopo aver 
Roberto efpugnata la Città di Durazzo fi 
refe jpadrone di quell' Ifola , ed afpirando 
a cole maggiori , f^infe da poi le lizecon- 
quifle nella Bulgaria , fiicetido tremare 
tutto ouel paefe del fuo nome fino alle 
porte di Coftantinopoli • 

Mentre che quefto gleriofo £roe eri 
intrigato in quefta guerra con Àleflio 
Comneno, ebbe preffanti, e calde lettere 
dal Pontefice Gregorio {a)j il quale nelF 
iftetfo tempo, che fi rallegrava delle fue 
vittorie , che riportava in Oriente , gli 
efponeva 1' urgente bifogno che. avea la 
Sede Appoftolica del fuo foccoifo, e \é 
ftato lagrimevole in cui trovàvafi per le 
forze d' Errico . Il Duca era ftato un da 
che i>artì da Otranto avviato de'sfi>rzi 
d'Eràco, il quale non etfendo ancor par- 
tito da quella Città , gli avea mandati 
Ambafciadori |^r tirarlo dalla fua parte; 
ma Roberto rimandatine tofto gli Am« 
bafciadori, n'avea anche avvifi^to il Pa« 

SI , con fentimenti sì obbliganti , fine a 
chiararfi, che fé non fofie già fegnito 
r imbarco delle fue truppe , l' avrebbe egli 
medefimo condotte alla volta di Ronu| 
ma con tutto che lo ftato de'fuoi ztìacn 



lo chiamatfero neceflariamente altrove 



f 



(t) Gul. Afp. lià.4. 
Mvenit $B$iria Gm^un , Cùmtifqué 
togati , 
* Egregìam fiòolem mult9 /perènti Ro^ 
gerum. 
Accjjtfit PoptJc^ 9m$Stìfqmi viimtìtus 
iUumf 



non perciò lafciava di raccomandar gì 
intereffi della Saau Sede al Conte Ro- 

ber- 

. Haredem Jiatuh , propanit & omnìlms 
illum , 
Jus proprium Lttìi ftìus^ & Appul^ 

quaqut^ 
Cum Calairis^ Siculi fque locs DmM 
dat haòefuU Rogtrìo. 
(a) MaUt. lib. 3. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NA*OL:I UB. X f:<P. V. éf 

nifMe > ed ai Cottte Girasdo folo fug.ò le nemiche truppe , ma portjV P 



bette filo 

fuo giamfe amico ( # ) • 

Ma Ola ch'erafi disbrigato dalla 
quitta di Cofiu» e che iu Bulgaria ave» 
portare le fue vittoriofe tfini> aveadaiiH 
tela fun^eiiza del biiogno, om- tuttoché 
i crovaiTe nel colmo delle fae conquide ^ 
le interruppe per girne a prefiar al Papa 

Jueiraiutoy che g^i avea prometfo: jsla^ 
riandò il sverno della armala al fuofi* 
gliuolo. Boemoiido» ed al Conte di Brìen* 
na y tipaisò in Italia (opta due rafcelli oo» 
un piscio! numero delle Yue genti » evcn* 
le ad approdale in Otranto. 

Per bramoso eh* e' fi ftntifle di marcia- 
re immanrenente verib Roma» non potè 
farlo si prelloy e fi concerno mandare al 
Papa una groCÉi fomma di denaro » afpet- 
tando che foffefo temùoati nella Pi^a 
gli atfari, che richiedevano indiipeniabil* 
mente la (uà prefenza ; poidiè alcune Cit- 
tà» prela T opportunità della fiia lontanan- 
za, aireano proccurato iottrarfi dal filo do- 
minio , e poco dbpo la Aia puccnza da 
Otranto ^ gli abitanti di Troia» e d^fco- 
Uaveano incominciato i primi adamnui- 
tinarQ y ricuiando di. pagar i tributi «l Aio 
figliuolo Rug^tevo» ed alcune altre Cit- 
tà» e molti Barom «veaoo feguitato que- 
fio malvagio efempio » e. nel tempo me- 
desimo ch^e^li sbarcava in Otranto» Gof* 
iceda Conte di Coaretùao andava adaf* 
odiare la Città d'Oria • Ma appena vi 
gi}m(e il Duca» che diffipò- gli ^flalito- 
ri y i quali abbandonando l' imprefa A die-» 
dero a «la fuga. Colla ftefla facilità» col- 
la quale fece togliere V atf<fdio d'Oria » 
punì la Città di Canne» diftruggendola 
interamente » per efferfi ammutinata con 
più oibnaziocie dell* altre . Quelle glorio^ 
le fpedizioni acchetarono ne fuoi Stati 
tutti ì movimenti fiediziofi » che dianzi 
tnmo fimi. jt^ 

Nulla dìu avrebbe impedito d'andate 
a Roma»^-fe non Giocdano Principe di 
Capua« Quefto Prìncipe» avendo, come 
fi dii!è » prefo il partito d' Errico contro 
del Papa 9 Signoreggiava la Campagna col- 
le fuetruppe » onde bifogMva a Roberto » 
per pacare in Roma » di toglier (^ueff'ofta-' 
calo : ma cnefto valorofo .Campione non 
Tom. II. 

(a) GhL AfipuL lià.^ Rfihno C^mti 
wnmi$titur ^ atfue Gkofdo. Àltn frane 



atfedio alla Città d' Avèrta per ridurla 
nelle Aie mani • Giordano però difefe U 
Piazza valorofamente » onde Roberto ve- 
dendo che non cori preAo poteva fperar* 
fene la refa» ibUeciundo il Papa, il foc- 
corfo» abbandonò Tatfedio» ed in Roma 
portoni» ove trovò Gregorio erettamen- 
te aflèdiato nelCaftello di & Angelqneli; 
ifteffo acmpo che V Imptradove e 1 ^(om 
Antipapa tacevano tranfuillo fc^ora* 
ael Palagio di Lataiano.. Errico che fi 
trovava in Roma eoa picciolo preiidio» 
pensò ufcir dalla Città i Roberto -all' i»^ 
contro cinle Roma colla fua annata» # 
accoftatoiì Ail bel mattino alla Porta di 
S. Lorenzo » che vide efler own gnaid»» 
ta delle altre» fc^ appoggiar le (cab alle 
mura» e montandovi fopra» apri ioMnaa» 
tenente a tutu Tarouta le porte * EiU 
paisò fenia difficoltà per le flyade diRo» 
ma» e giunta al Ca(b^l di S. Angelo» ea^ 
vò fuori il Papa, e la condudè onorevo^ 
n»nte al Palagio di Laterana ( i ) « 

I Romani del partito d' Errico reftaro^ 
no forprefi d'una aosi valorofa azione | 
e quantunque da poi riprefo un poco di 
cora^io, aveifero proccurato d' ordire con* 
tro 1 Normanni una congiura» ìoÀq Ro- 
berto v' accorfe, e la lipretfe in guiAi^ 
che i Romani cofternati » rifolv^ettero cer- 

.car pace al Papa» che loro la conce- 
dette. 

II famoA> Guifcardo disbrigato da si 
flloriofa imprefa, e (èdati i tumuki» fece 
da poi ufcir di Ronaa le fue truppe per 
rite^nar in Puglia» ma Gregorio non fi» 
dandoft ancora de' Romani» e temendo d! 
efporfi un'altra, volu a' loro kiAiIti» ri» 
folvette di feguire V arnuta de' Norma»- 
ni, ed il Duca Roberto. Partifli intanto 
egli da Ronu feguitato da' Cardinali,, o 
da un gran numero di Vefcovi , e iermar 
tifi per .alquanti giorni nel Mom^&uo di 
M. Cafioo, ove dall'Abate Defiderio Ai^ 
rono fplendidamente.tratuti» ritiroffi io 
Salerno » fei^ voler gìamoui ritomay 
più in Roma » la cui fedeltà gli fu fem«* 
prc fofpetta. 






I. I». 



Digitized by 



Google 



Blir ISTOHIA CIVILE 



; L Im>^kiM Ì0H ia GuBGO&iD VII. 

: > #/ Dmcm RoK&10« 

IH quiOo TUgBiO^i dit ine il Vaptcol 
Duoa Robert», ii diunrau daureio- 
ho ridveffituva, •che^iicAo Prtac^ 4a 
Nicoolè IL « db AUmidro Tuoi pnée- 
cdflbri ama aviM 4el IXicaM di Puglia, 
• di Calabria, e di Sicilia, la ^ual filag- 

fe nelle EpiÉoU < * ) Decretali 4k ^^fn/t&o 
ontefioi , e perù la 4ata di Gepperano, 
Iumo, che fi lendè poi celebre, per lo 
iMdiaieino, che quivi il Conte dtCaicr- 
«a lece al Re MuAcdi* Io qu^b iiMri- 
Ibtura è daammiiaie laforteaza deirauì* 
WÈK^^ e ìntfepidezta d' Ildebrando , il qua» 
le non oftmte ì eos) ftgiialati , e recenti 
beatfcf, cke ama Ticemti da Robefco, 
non volle però ac^nfentite , eoa tuno 
eke ù tromte in^ meezo deir eArcito de* 
-Mbraiaam, dt anpliare Tiovettitura al 
Principato di Salerno , al Ducato d'Amal- 
fi» e parte della Marca Fimana, che ama 
ftoberto oonquiiUio dopo V inveftitora di 
Papa Niccolò , e che allora péikdeya i 
na ibUiaente ^le ini^eftirto di ciò die 
t iìioi pfedecéflbri Niccolò, ed Al^andro 
aveatilo iwmftico y lafciando Mpefa V in« 
mftitura per queft* altri luoghi • 
. E perchè per queft'atto non s'ioferìtfe 
prejpnidicìo alle preteofioni delle jparti, 
ciaicuna efpreflàmeiite riferboffi le lue ra« 
giont • Roberto nel giurafaento di fedel- 
tà, che died^ a Gtvgorio, promettendo 
d' aiutare la Sede Appc^lica , e di difen<^ 
dere la regalia, e le Terre di S. Pietro 
comò tutte le petibne , né invaderle , né 
cercare d' acquiftarle , ne eccettuò ^pref* 
fiunente Salerno » Amali, e parte della 
Marca Firmana, Ibpra le quali, com'è* 
dice) sdkiK faàa nm igfidìgmtk. AlPin- 
contro Ciborio nell' jnveffiilura dichiaift 
iblamente mmfkirlo di ciò , che i foni 
pfedeeeiTori 'Niccolò , ed Aletfandfo gli 
avean conceduto, fog^ongendo, de ÙU 
^fk$€m tetta , qmm i^ufle^^iifms ^ ficut eft 
SéUmrfm^i & .AméiplÀa^ Ò* fmrs Matchìd 
FitwténMy nunc tepattentet fuifiìmo incwh 
fidentiaÙei omnìpotentts ^ Ó* tué bonìtatis ^ 
ut tu pojlea exinde- ad /jenatem Dei , & 

(^)yoL3, Epiji; d^erétid. Cteg.nj. V 
Invejittuta data da>Qtegetio VII. iti Duca 



S^mBi Pitti ^ m ta haboM , fian ^ te 
mgete f & nte fufeipere dacet^ fina pericuU 
anima tuM , c^mr/r. Ciò che moAraquai»- 
to fofle nocorto queflo Pontefice ,^ il qua* 
le nell'iftedb tempo, ciie laiciava in lo* 
ipefo Roberto» volle tenerlo anche afipe* 
mo, per lo bifogno nel quale io lafciava 
«di Im, e dc'fiioceifiMri moi per aver di 
qjiefti iuofllii V inveftitura } e di vancan- 
fio volle inoftrare etfure de' Uiì Ponte& 
ci Romani dare > e togliere gli Stati al* 
ami, e di giuftiikare , o riprovare le co»^ 
'qutAs de^ Principi feookri m lor vo^ia , 
ripuundogli gittfti , o ingìufti a lor talei^ 
to } tiovando ancora un mezzo afiu in* 
Mgooib tra gli acquifti fhifti, ed Jmn« 
Ai 9 cioè di ioAenere |1' ingiufti poCMfori 
40 cmfidamia Dei ntmmfotenfts ^ ^acriochè, 
ficoome coloro fi portavano colla .Chieia 
Romana, coeì ì Pa^ fi regedatfero di di- 
chtafatgli ^ul|i, t) ingiufti Conqiiilblorì. 
E vedi intuito a ch^era g^unu in quo* 
ili tempi l'autorità de'Roffl«iiPomenci| 
« la ftupideaza de' Principi del fiso^, i 
quali per timore ctf efii aveano <klle cen« 
me, per tema di non etfere depofti, ed 
aUblttti i loeoTaflàlli da' giuramenti, non 
fi curavano di pendere dal loro ariutrio, 
e ricono&ere in effi tanu autorità, per 
non vedete in dedizioni , e ruine fconvol* 
ti i loto Stati, atterriti dall' efempio por 
troppo recente liell' Impemdor Errico , che 
avea veduto ardere di cradel guerra la 
Germania, perch'ebbe poco amico Gre- 
gorio. 

GAP. VI. 

Canquifie del Buca Roosaro in Orienta: 

fua wmte y feguita poco da p^ da qtteU 

la di Gregorio VII. 



MBttre che Roberto impiegava 
tanta utilità le fi» armi in Italia, 
in ferverò della Sede Appoftoficavveni^' 
^a dall' akra parte ricompcnfatò di molti 
fiicceffi felici, che l' illuftre Boemondo fiio 
figliuolo fi proccuiava in Oriente. Que-* 
fio valovofe Campione nell' iftefib tempo 
che foo padre ebbe la gloria di fugare m 
Roma t' Imperador d* Occidente , venendo 

a bat- 
Kebettù thn Mncha rispettata ala Lmnig. nel 
CodkeDifhma$iaa d'Italia^ Tam.%.f.^i^ 



•Digitized by 



Google 



PEL REGNO DI KAPOLt^IB. X. tk^. VT. 



ndie la dorift di 






anche la giorift 
t n ip c i Mb i f d*Orkiite«. 

U amila. ch>bbe Rottert» 4i 
Mtooa ^^portaitai dt BommnmIo Rififli 1 
finpméMe Alefio ,. Tinv^iglid^ ai pttfure 
£ belflMvcK iaOriMte per condii ft ciò» 
efae fu» 1^*1» vt «rea A felicMmte 
HMoniiidafia. Ei^i da^ arar dati frovi« 
di atdim a' firn. UfSeudi far 1» g a ftm» 
di «liieftì Soiù cke lafcm^ k Italia, fi 
vufe mtautre* conaMia iKta ocmSdafabilc f. 
portando fèoo l'alti» ìIIìImiòI» Rugfiiva^ 
e moltt altri ivot Banmi priactipah ; ad 
andò ad jacoattate !& flotta de* Grecia 
cfie ere df ftne non ioferioie alla ina > 
edendefi. mita a quella de- VeneaiMii in-^ 
ftarBMediCoiflÉ>e diCefidonia. ?t 
cMabati^ con tant» Talote, die i deci 
m vece éi itufrii a froore, fi diedero tA^ 
ht (ofBtf e k&xoM'U'tMU de' Vene- 
ziani afinolbia: aHora t Normanni man- 
date a fendo n^rfce galere,, dtii^rono T 
armala nefnica> e fittendlm pie di 2)00- 
prigionieri > tcionfeiinio qnefia feconda yfoU 
ta decloro netnici in Oriente (0.}^, Bia 
]per nna gijpe corrazioae diaria acàdMa 
m queir onié» ittrerno > ehe obUigò far 
ripójGupe le Uuy y t » i mtìxfA ateiramiau 
un' infeiMitè coti cmmmaAy che menò* 
ifc merle jaà H ^&9e0 tnm pcarfeney e la 
pia Mia pMe di qaeUa i Boefliioodo ne 
m A FioldiKenicflte a tta cca to, che non fi 



tioird altro fine£o> «he di £wlo. ri^paibr 
m Italia per prendere «l'-tfia. migliore i 
e ri è chi Icriflé {i ) , che qnefia malat* 
tia dt Boemondo hit iato efttto delfat 
mahngia^ ynSmnA di Siige%aita' fna ma« 
drigna f la qaale avea riicrfoto £irlo 
rire ^ temendor che waA» Principe 
togllidfiè- a Ruggieri Ino proprio» figliuo*^ 
Io , dop» la morte del Dnca» i Stati di 
Paeli», e A <:aMria. Non fi feno trat- 
teaiitr imaara da ììok^ che Sjgelaaitay e£^ 
feodofi fcoTana tanta e n ormi tà dal Duca 
fa» auriaie » per fa ^ cet» che avea , die il 
Dnca ie me htt veadacato ^ aretfe dife«^ 

tot. Uè. 7. (t) Pfufp4nMy tAttmimo di 
Riry^ CMMrr, 1> OWmtt^ /'i FoffantVMf 
t9m. !«. Jutf/: ì'kitì. li^r^* cd^^. £# GroM*^ 
r# <ie* Dli^Ar dì BmmmU€^ fmFìfimìtt Lm* 
g9Ò^ del Ftltegrìm^ La Qrmisc€ ddit Am^ 



-d' avvrieoario , e che Taltné 
avendoi» éfegnko,. fé ne Afting» 
^ col fuo figlioelo Rnggieeo» ^ «on |p^ 
altri Signori ck'eiaiie» del fnapartito^ per 
mettere in poffeflb Rn^giero deali Stati 
d' Italia iapRgìodfari» di Boemonw*. Che 
che ae fia (p^Mchè gii Autori, chefaannio 
icaitta nel tempo ^ e nel paefe ftefb , ore 
legnarano i Norauaai> rapportano cofii 
aÈtea eoattarie delU ]>ocfaeffa Sìgdgài* 
ta ) da poi che Boe m o n d o fti partito , ik 
Daea inviò il fuo fecoadoaemco Rnuaero 
ad aftdtar Gcfeioaiat citctafi pocanei 
da Ini rihel hta^ 

Ma ecco mentre anello inTÌHo Eroe era 
tatto intento a qiKu'imprefa, aifalito il 
"Idaea nelr mafe di Luglio da una fUère 
•uwiite in cimretio* per curafiear a riti« 
ftrfi inCafepolr^ ntcciol CaAelIo poflirnel 
Hum rta to ria dell' tfeta di Corft . Vi ac* 
coife- immaatenealo S%dgaita , ma intan« 
ta 4Hrdore della febbre era direnato si 
violento, che beaaofto nell'età fua di 60» 
anat lo prive di vita- 

Sarà qneft' anno 106$ fempre al Mòn^ 
do memorando per l'infelice , e hittnofii 
diòrte di-queflf Eroe , e di due altri gna 
perfenaggi ^ Europa - Fa infentto "per i 
NoffOMnni aer la grave perdita di Robeiw 
to Gttifcaffdo . Fu Inttuolò per la Chie£a 
di Roma perla morte del femofe Ilde« 
brando. E* fii deplorabile^ la granBret^ 
ragna per la ^niita del celebre Gugliet» 
mo il ConMifiatoieDaea.^diNorauaniat, 
eRedM^iiherra(t). 

La molte diRoherta- Iparfii fia le tra^ 
pe Normanne in Ornate , pofe ia tata 
cpAemaatoae TaMiata y che non a' ttieflK 
deva ad altlo che a piangeelo $. onde Si« 
nelgaita,. ed il fua &^iuolo Ruggiero s'af- 
frettarono a-portar u corpo del Duca in 
ItaU^. Giuntt ia Otmtto^ s'^acoorfero,. 
che già cominciava a: putr^nrfi » it che 
feee rifolveiglì a. lafeiar in quella Città 
il cuore ,^ e rdaterìora y e dopo aver di 
bel nuovo imhalfàmato it reftodd corpo, 
lo traTportarooo in VeMfa , Inogi^ della 

\ % fe- 

ofHM* MmMco- ài S. Sùfia di Benevento . La 
CfWMnf Séermtamt nelU cìt^ hìft. L^n£oK 
V Anmhmoy Sìgenioy Fanvinie^ Gefdemof 
e Pirri y tutti quefii pmgmto U wtane di 
Guifirgfdù in g[tiefi^ anm 1085. ^ 



Digitized by 



Google 



m ^ D » ^X'* Itl-ÓltlA CIVItE 

la Cittì 4t Vcttd5i«, Tecondo^bf rappM^ 



ts Giiglielme' Pi^Iiefe (a) (il qttale qii| 
Vétmina i cinque libri' ridi fuo Poema la» 
tiao ) non meno |^ li natali cT Orazio, 
éiic per ièrbare le tombe di taati illtiftri 
CItpitani *, dere andarne altiera , e ftiper* 
ba fopra tutte V altre Città della Pngti». 
Quivi ancora ripofano oggi giorno le ce- 
fieri dì queAo Eroe, che merittmente lo 
IpiSanio foprannominare il ConqmJtìitoTt è 
^^t non ha doyuco che al fuo valore , 
«a alla* fua tnduftria il vantaggio d* efler 
pafTato da femplice Gentiluomo al nume* 
»o de' Sovrani , e d' un Sovrimo -ti più te- 
muto d^ Europa, C3pa(:e non folo ad im* 



ti k ttciiia #Rupiero iuo fratello, ^1^ 
la quale già in vita ne V avea itnreftho 
con titolo df Conte • A Boemondo fuo 
primogenito tatto ciò che avea con^At^ 
to nelT Oriente • Ed al fecondogenito Rug- 
giero natogli da Sigelgaìta il Ducato di 
Calabria, il Principato di Salerno, € tot* 
to ciò che podedeva ili Italia^ Rapporta- 
no ancora , che intanto avelie -trattati» 
fiieilìo4l feconda figliuolo del prìmo-^ 
oosi perchè nel far que^ fiio téftamcnto 
fi trovò prefente'Sìgeh^aita, che proccii« 
tò gli avanci di fuo figliuolo , 'pofpoaen* 
do il figitaftro, come perch'emendo nato 
Boemondo dalla prima moglie ^ eh' egli 



prendere contro i^rincipi più potenti dcf^ fuppofe non effer les^ittima, per effcr iua 
Mondo del fuo tempo, ma ancora di' vìn^. parente, riputava eifer meglio nato Rug- 
tefglt, i di dfr loro legge. Le yirtùfiiey giero, che Boemondo, e perciò aotepofo 



€ le fue perfezioni del corpo > e dell' at|ì<> 
rne fimmo così ammirabili , che i lilK>i 

Eiù grand' inimici , come fa la Principef- 
i%Anna Comnena, ancorché fecondo il 
folito fallo dei Greci parlaife con difpi«z-^ 
95 de'fuoi natali, non è però cfie fìcm 
Fattribuifca tutte qyeite eminenti quaii^ 
tà , che fi richiedono per àcquiftare il it 
tolo di Ccn^usfiame . E quantunque que* 
He file grandi aziona andaifevo accompa- 
gnate da fovercfaia ambizione di domina- 
te , eh* fovente V obbligò ad ofar^ crudel- 
tà, e diifimulazioni , quefti fon folitf di- 
fetti, da' quali niunConquiftatore al Moti- 
vo ne fu , o ne potè eflfere lontano . Dd 
rcfto egli colla fta pietà Verfo la Rdi- 
giott'Criftiana , colK confiderabili aititi, 
ohe predò alla Chìefie Romana, tfolUmu- 
«ificenza , che. praticò con molte Chiefe , 
e fingolarmente col Monaftet# Caffinefe , 
feppe ben coprire appreflb il volgo quefti 
difetti, clie per altra parte venivan^difcfi 
appreifo gli uominf di Mondo colIdRpMf- 
fime dell'umana politica» - r" 

Regnò |).oberm fotto il nome di Con- 
te di Pttg^a , e di Calabria quattro an- 
ni; fotto quello di 'Duca dodici; e quat- 
tordici fettó nome di Duca di Puglia , 
Calabria, di Sicilia, e di Signor di Pa- 
lermo . Vitfe in Italia dal 1047. infino 
a! 10^5. anni trentanove ; « lafeiò da due 
«logh due figliuoli mafchi. Alcuni rap- 

rrtano» che perchè tra' fuoi figliuoli non 
difputaife della, fucceffione de' Stati che 



quefti a quello. Ma-, o che non ftve^ 
egli fatto teftatfteica, come alcuni ne 
dubitano , o che quefti fuoè figliuoli non 
fbiTero contenti di quello ; Rt^giéro, e 
Boemondo pretendevano «ugualmente di 
fuccedere, ed. ebbe ciafcUno confiderabili 
fazioni ^ Ma V accortezza di Sigelgaita , 
ifdj^ghando a favor del prop^ figliuolo 
Ruggiero Conte di Sicilia fuo zìo , fece 
che il partito' di coftm refbtfe il più for- 
te; onde fuGceduto al Ducato di Puglia, 
e di Calabria, ed a tutti gli altri Stati 
d* Italia conquidati da Guiicardo , comin- 
ciò égli ad ammittiftrére quefte Provincie 
(à) Ed, avendo inoltre Ruggiero Conte 
di Sicilia mantenuto coneftb lai pici 'Aret- 
te alleanze, che con Boemondo, per siih 
fezioiiarfelo di vantàggio, gli cedette an- 
cora molte Piazze della' Calabria > che il 
Duca Guifcardo avea al Conte di Sicilia 
riferbate . Così dìchiaratofi manifeftamen- 
te il Conte del partito di Ruggiero > in 
tutte le occafioni s' aifaticò di fofieoerlo 
contro gli sforzi di Boemondo , il quale 
fpefie volte , ma fempre inutilmente , ten- 
tò di fturbare i fuoi Stati • 

Fu memorabile ancora queft'anno 1065; 
per la morte accaduta in Salerno del fa- 
mofo Ildebrando : morte per la Chiefa 
Romana pur troppo luttuofa e deploràbi- 
le. Ella perdette -cin Papa il più forte, 
ed intrepido -di quanti mai. ne fiorirono 
in tutti i fecolir egli non fi curava pun- 
to d' efporfi a' più evidenti pericoli , ove 

vi 



(a) GugL App.Ufbs Vcnufma nhct tan* tìs decorata /epukhris. 0))MaTater.l.^.c.i^zl 

.Google 



Digitized by ^ 



DEL RÈC5N0 DI NAteU tlB.X: CARVI. 



iri correva Ut fHéìio d«lla ^m Mnot ^ « 
ib^eiite delibi liberti , per difendere con* 
tro i maggiori Re delia Terra, eMonar- 
dii del Monde quelle prerogative , e pre- 
mineDie eh' e* riputava appartenerli alU 
Sede Appoftolica ; e ^rTuafe «che tutto 
ciò, eh' intraprendeva fofiTe appoggiato a 
Imdamenti giuftiffimi, rendevafi per ciò 
piò ^imofo , e forte (opra 1 Principi ftef- 
£• Egli fu che alzando il fuo. paftorale 
£3fpra feettri, e corone, come ik t'effer 
Capo della Chiefa unirerfale, portaife an- 
cora €on^fe e&r Monarca del Mondo, e 
Ré de^Re , ed Imperadore degP Imperado» 
ri , 'trattava 1 Principi , e gì' Imperadori 
ftéffi con tonto ftrapazzo , ed alterigia, 
ohe noh fi- riitenne di fcomunicargli , di 
deporrli da' loro Stati , trasferirgli in aU 
tre Nazioni-, e fcicMrre 
«o ubhidtein«. 



£ raofinado e#er perfuafo di poterlo 
fare , né moi^r/i iè non per zelo di giu- 
Aizia> e per difefa della Sede Appoftoli- 
ca , ac^iftÒ appreflfo molti gran piaufo di 
«elante, e di pio , di uomo ripieno di' 
Religione , giìàfto , dotto Canonifta ,• e 
buon Teologo, e difenfove intrepido de' 
diritti , e libertà EcclefiaAÌGhe • Alle celia- 
li co(e a^siungMido alcune altre virtii , 
delle quali era adorno ,.* come d'una vita 
agAera, e d'indeCf^a applicazione agl'in- 
terefli di quella Sede, d'un animo mife- 
ricordiofo verfo i poveri, di prender h 
difefa desili oppreffi, e di protegG;e/it gì' 
innocenti , acquiftonne- fama di Santo ; 
tanto che fé bene aveffe di sé laiciata 
prei!b alcuni Scrittori fiioi contemporanei 
fama diveda , dandogli alcuni il titolo di 
novatore, d'ambiziofo, di crudele, fenza 
fede , altiero , di perturbatore de' Remii , 
e di Provincie% d'autor di fedizioni»^ di 
morti , e di crudeli guerre , e d' aver vo- 
luto ftabilire un dominio infoflìribile tieN 
LtChiefa , tanto (opra lo fpirituale , quan- 
to fopra . il temporale ; non fono mancati 
però altvi^ fecondo che le fazioni porta- 
vano , di averlo per un -Pontefice tutto 
zelo per il ièrviaio di Die, tutto faggio, 
tutto pio , e 'mifèricordìofo : e che aven- 
do con rara unione infieme accoppiato 
alla famiri^ de' coftumi la fortezza ^ « l'n)> 
trepidezza d'animo fopra tutti i Princìpi 
.della Terra, abbia trov^a" negli ultimi 

(a) Fallirvi e. hìfi. del Conc. di Trenf* 



noftrl temii ehiX^) l'abbia èiff» ìh(o^ 
prannonie ai Gvande, non altriniente di 
ciò che fu appellato Gregorio I. ^detto 
Magnp* Ma niun altro più meglio, e piÀ 
al vivo ci diede il rigratto di quefloPon<« 
tefice ,* quanto quel giudiziofo DipintoM 
che lo dipinfe nella Chiefa di S. Severi- 
no di Napoli . Vedefi quivi i' immagine 
di auefto Papa , tra le altre de' Pontefici 
dell Ordine di S. Benedetto , avere nella 
finiftra mano il paftorale co' pefci , nella 
deftra , alzata in atto di percotere , una 
terribile fcuriada, e fotto i piedi fcet;tri| 
e corone Imperiali , e R^ali , in atto dj 
flagellargli. E do^ avere così moftrato 
tfkté ftato Gregorio il terrore , ed il fla- 
gello de' Principi, e calpeftare fcettri, e 
cafone, volendo ancora far vedere , che 
i vatfalli dalla Jo- tutto ciò poteva ben accoppiarfi colla fan- 
^ tità , * e mondezza de' fuoi coftumi , fopra 



il fuo capo fcritfe in lettere cubitali que^ 
ile parole : San^us Gregorius VIL • 

4^ C A P. VII. 

BomoìnìO -travaglia gli Stati di fuo fta^ 

fello ; Amalfi , e Capua fi foltevano ; 

ed erigine delle Crociate • 

LA morte di Gregorio portò dtiòrdini 
grandidinri alla Chiefa di Roma i 
poiché imbarazzati i Romani nell' ele- 
zione del fucceifore , a cagion^che 1' An- 
jtipapa iGilberto s' era impadronito d' alcu- 
ne Chiefe di Roma , e voleva farfi rico- 
nofcere per legittimo Papa : finalmente 
dopo un anno fi determinarono eleggere 
per fucceifore Defiderio celebre Abate'Caf- 
finefe, fecondo ciò che- Ildebrando ifteffo 
avea confìg^iiato , che dovendofi ricercare 
per li bifogni della Chiefa un Papa, che 
zvctìk mano co' Principi del Mondo , non 
s' appartaffero da Defidecio . Ma quelti s'op- 
po(e in maniera , e con tal refiftenza, 
che filialmente quafi per forza , e f\io mal 
grado lo acclamaiono Papa lotto il nome 
di Pittore IIL Ma repugnando eofli oftina- 
tamente, fu- di meftieri, che fr ragunaffe 
in Capua un Concilio, ove furono anche 
invitati il^rincipi Normanni » perche Vim- 
piegaffero » far accettare il Pontefieato a, 
Defiderio. Fu in queft' occafione l'opra 
di Ruggiero Duca di Puglia così effica^ 

ce. 



Digitized by 



Google 



3» DELL* ISTOn 

»> cbfi «kliiiclai adi accettare4 «r ccMiÉDt^ 
totoi ioi Rossa ), toUeAn a: fona a Gilbert 
UQi la. Cbicfit di Si. Pietro », e fececo. ovdì*^ 
sar Vittore . Ugome* Vdòovo» d» Die Le* 
tfta^ di GcegpcittkVILe pttmi0flb« ali* Ar- 
€»%.foavada di Lione ^ preiefl&va! pari« 
veote il Ponte&ato >. e fii. uno. di oAo^ 
» ^ che- piit foitemeate fioppofera air or^ 
dinawia A Vittore* I Romml deV pMr* 
lico> di Gilbetto. fi pofeio^ di. nuova in 
fotft^o, della, Chiefa di S. Pietro » e dopa 
nolti atti di.oAilità>. Vitto» foi coftret^ 
to. a. rìtifarfi: nel- fiio- MootAero^ di M». 
Catana», del quale^ «Tel nel «Mfe- d' Ago» 
fto/ per. tenere mtCoiKiiia m. Benevento» 
Qpmpofto} di Veicovi della, Puglia ». e del* 
tsu Calabria ». nel: quale* fece fast difoosfo. 
Qpfitro^Gilbeicta », e di nuova ftomunittl^ 
Io ^ y i fammaicò parimente V Arcivefco*- 
VO' di Lione», e ì^ Vefcovotii? Maifii^a ». 
e* vi: rinovò* i divieti di ricevere le- /»- 
Vfjìhure. de' Benefici, per le mani de* Lai- 
ci», Ma. nel tempo » in cui tenevafi: que«^ 
ito Concilio ». Vittore iniiennoffi », il ^lie* 
iTobbligò a tornarftne in. fretta a. M^Ca- 
fino» dovenlor^ it dì i6. di Settembre 
di queift' anno^ 1087. dòpo?, aver deftioato^ 
Ottone Vefcovo. d! Oftia. pet Hao, fuccef- 
Ibre^, 

Ricadde per talito^ per Jà omce cti Yit-. 
0>re di bel nuovo la. Chiefa^ Romana ia. 
anguftie per V elezione dcL fuceeflbfe ; fi* 
nalmence i Romani eletfera per Papa Òt-^ 
tone » eh! era um Franaefe^ di Cliaftillon. 
dèlia. Diocefl di Reno» ^ it quale tolta dai 
Monaftera di. Giugni? per etfeit Cardina*^ 
lie >. avea> preibta una: graa. ièrvitàb a Gre« 
goria VIL. che Tavea: iaviato*. Legata in 
Aiemagna. contro Errica*. Fiiektto; in un' 
Adunanza, di Canlinali ». e di Vefcovi te- 
nuta in. Tcrraciha».e nomata Uriano IL. 

Qucfto Papa fopra tutti gli al^ri fu il 
piàu ben affezionata a! Normanni ^. egli ve- 
dendo che Boemondo. mal; iofiiva ». che 
Ruj^iera fua fratello; fi godere tanti Sta* 
tiì in. Itali^».e cberttomiux^ in. Otrani^r 
j^^a: moffa per cìòl nuova, guerra aL faK 
teUo », fi frappofe fra* loro », e gli. accordò» 
eon\ quefte condizioni », che Boetnondo » 
oftt e di quello ». che pof&dea ». avrebbe di 
più la; Città, di MaidaV e. diCofenza», 

<0 ^//^- ad LufumPm. A. 1089- 
Chi Rormald. Are, Salerno apudBgmi. 



I A CIV ILE 



ma da p^i comiaiiiarwo ^nAeCiilà^ edl 
& BoeflBÌbnda in cMnbto di Cofenfta;Ìi 4ìe* 
de BagJÈn rimanmdo Cofenz» aLDucaRusr 
gieio. Potioft in. que&'^amm toS^^ Papa 
Urbana ittr Melfi; (a\ coli' occafiMe di 
celebrarvi uà Concilio ^ ove e^pofe il pfo*^ 
getta della, graa Cpo^ìmu » e fa eoo<diiik 
la lega, contm. gì' Infedeli t il Dnoar Rn^ 
niero ivi andà ad onocarla» e da. IMiatio 
fugli confemata. V Ime^ìpm y. finootte i 
fuoi predeceflbri aveana £Ma a. Robwcia* 
di luL padre C^>.. 

Intantox eflendogli rihaUka. CoftoM ^ 
il Duca, ricorfe al Come di Sicilia fisa 
zip », il qjiale tofia la riduce i^ ed allora 
&. .che Ruggherà », riconofeeate dì tanti 
benefici ricevuti dal zio » gU dond la me* 
ti della. Città di. Palermo », ove iL Conte 
dkUoffa cominciò^ a£arvi innalza«e it Ca^ 
fférlo ». che oggi giorno s. appelk il Pa» 
lazzia Regia C^}. Cosi iq^^Moda. T una 
]^uggiero^ in. Sicilia ». Taltro^ ini Puglia » 
vennera a ftahilirfi ooL volger degli anni 
Quefti due Regni „ che fra lor diviC», eia* 
fcuno. colk fue proprie iMgi ». ed iftitu^ 
ti,, e co' propri. Ufficiali Sgovernavano.. 

IL Conte iluggiero ». ù quale per. la. 
mofte di due fuoi frittoli ». Gofiredo , e 
Giordano ». erafi. rendnfeOr padre? inidlice 
al Mondo ». ebbe ^ in, qneft^anno. 1093. la 

Eioja di veder aalceredallaCòntdEiAde-^ 
lida fiuL ultima moglie' uà akra figlino^ 
lo », che Sìrmnc appelloili i Ciò. che lo^ 
mife ia iftato* di poter pa&oe più: deli*^ 
beratamente. ^Calabria perrepnmtre un. 
Auava tumulta». che cominciava a fiu^e^ 
re nella ina famiglia .. 

IL Duca Ruggiera. fuo> nipote avea fiata- 
ta ttorillttftre alleanza in ifpofandofi Ada-^ 
la nipote di Eilippa L Re di: Francia ». 
e figliuoh^di Roberto MaKhefe di Fian^ 
dra iiL)^ £^ n' avea avutidue figliuoli» 
Guplielmo ». e^l^uigi ». che doveano^ efet^ 
fttoii fuceeffori •. Ma^ndofii il|2uca. non 
molto teomo da: poi ammalatQ|pravemea« 
te in. MelnV eiafi ffs^xS^ anccum^ rumore ». 
che fede- morto .. BoenMmdacfae allon 
dimorava in Calabria ^.nòn. afpetiò aitii 
nkontri ;. immantenente* prenda le ar- 
mi »; ed invade le Terre di iua> fratello » 
proteftandanientedimeno » che lo fibceira in 

(e) BMé$. M.4f ^*iV ( ài àULn. liè^ 



Digitized by 



Google 



1>EL HEGNO DI KAFOtI rn.X,CAP.VlL 



énmedc^figlÌMli éelDuu» tnfiiio t étt 
fotìno ìb età di governare. Il Omte di 
Skàm j die «i*e i}iaeftD velo tm ib^- 
to , e «he fi idegnò peQchè wflfe di d« 

rsAi |iafi ftiim«DDÌ%iiavaelo> Vafeon»- 
coB «la potette «rmata^ « iìibito the 
▼i 111 giwttto , oUiIigò Boeraondo a rkir 
raffi . intanto il Duca efimdòfi viavato 
con perfetta diate tantfo togailperanuii 
Boe m—d o fi foitò lAGoananeiite in M^ 
fi per di«K>flrat|^ieae ^o]z 9 e per Yime^ 
fergii tutto il jMiefe •> di c«i erafi imp*- 
^IroiBCo , vilificando ^qnaniB 1^1 fii jfoC* 
fibile la coadotta » eh* egli atea teacfta • 
Ma non finìfono ^ì le tuirbolense \ 
nn'atara aAi pie periooloTa (e nefeorer- 
iè ih Amalfi. Il Daca Ruggiero fidando 
troppo de' Longobardi per la confiderazio- 
ne di Sipelgaita iìta madre ck'vra dtque- 
ttk Naj»one ^ tx>aie iquella che fa forella 
éeir ultimo Ptinoipe dì Salerno , non fa« 
cera dififeokà di commeCtere il gorenm 
delie ine PiazM a' Longobafdi fteffi t a* 
ouali «g^i , e fno padre V avean tolte : 
ira Taltie diedero Amalfi in guardia de* 
Comandanti Longobardi, i «nali vollero 
ken tofto pfofiture 4e^ difeniini laccadnti 
^oco prima inCofenEa^, poiché ap|Aicaii 
il Duca , ed il Conte fuo zio a tepnme- 
TC la -faUonia 4e' Coientiài , eficacciaro<- 
no ^a Amalfi tntti i parte^ani del Do- 
ca y e trapaiando ad aperta ribellione 9 .ti- 
cufarono 4i Tieevereloimedefioio . Il Du- 
ca fortemente irato di tanta fdlonia 9 "per 
-ridanre la CMà , pensò «lléttar Bomon- 
do Aio fratello 9 pfeoanriolo a ^ftai^li 
ibcGorfoy fiocome qnefto Principe lo fece 
con tatta la fua niiliiia^» dm dalla ¥iBir 
glia 9 e dalla Calabria teneva raaeolta t ^In« 
vite il Daoi anche Ruggiero Conte di 
Sicilia a ibccorrorlo ; ed in fiitti in fueft* 
anno 109& venne ilConfe con ventioùr 
la Saraceni , e con infinita nultitndiae 
d' altre Naaioni a i»orre V atfedioad Amalfi 



7» 



CiA xkM r obbligò a flfie^ier rOhèÈb 
fa una mntìtn impaefa che fi ofi^riè a Boe« 
mondo > <ed a^ faoi ifeldati 9 i qnaU tTcois 
4atifi deiri mfain o tuA '^uale erano 9 in 
^1 fiibko % voìtMono :dttove . fu ciò In 
ptibblicasrione i3eUe ^ rime Opocié$e ^ 1^ in* 
"venaion *èéit iquaìi 'devefi ad U^rbano IL 
^mo lor AMiofe <t('^. Qiieftitteiranno 
1095. avendo ragnaaito in Francia nellìa. 
Citdk Ài Oitaramonte ìui Concilio -9 ^ni*- 
mò WM i Principi d' Enn^ ;air impre* 
À -ài Teitafaiita -9 "e fa tanto V ardore 
«di qneéU Principi > flimoìati andhe dal 
Mitario Pietro ^ che i^ero > ytt ae- 
«et^eifi a si gloriofa imprefa^ in ifeompi» 
-glio tutta r Europa *; tna fopra tutte le 
altre Provincie 9 1' Italia , e kPrantia ab» 
4>ondò di igente ^ xhe anelavano "di 4arfi 
"cttMsefignate ^ e di -prender I' armi per 
qaeft' eipediaione • S^ armarono il Crande 
Ugone fratello di Filippo I* Re di Tran- 
eia 9 fteberco Duca di Noraiannia 9 'Gof- 
frtào Buglione Duca "di Lorena , edoi 
Conti di Fiandra , e di Tolofa . Ma fia i 
noftri Principi Nomunnì 9 Soemondo col 
fao nipote TgièfPèdì fiatinolo ^1 Dan 
Ruggero mftOgU -da Àlberada fua frima 
iQ»glie9 come fcrivono Pirri 9 ed ilSum* 
monte (poiché Ordcrico Vitale ^ry^^ « 
r Abate ideila Noce '( M ) portano Tancre- 
ndi .figliuolo. -d' una fotella di Boemonéo ) 
farono i ^vk accefi per 'queft* imprefii > 
Boemondo 9 fia ftato vero zelo > o dolove 
di non ^ere a baftanza diftinto tn Ita^ 
lia ^ ovvairo wr liifegno di contintialre le 
TonquìAe s «>e ^Mr^^ comintiatb cott fao 

) ladre in Oneate > inttnaiitenente lafeiato 
'alfedio d'Amalfi» fi tnile laCrtt|e toHa 
fopra i fiioi abitivi fattofi recare Sr*tnan- 
tetti di pbrpata» con gran apparecchiò in 
minuti |:ezzi dividendogli 9 ne fegnò in- 
cile i fnoi foldati ^ Il ino «femplo > e la 
cara 9 che fi preadelra a «promovere que- 
fia fila divo2tone9 fece sì che a IUÌ9 eda 
{a). La Piazza fa invaftmi da qtteAitm%..Tantfedi fi unitfe ìm grw ^numero di 



Principi eoa tutte le loro forze 9 o T a& 
k^io ni cosi ftre|to^ che fé nonfoCsAa- 
ta rimprefii attraveiiau da congionture 
aftii ^ttBBé^ certamente AmaUI fi farebbe 
reta « 

(a:> Teìlegr.MdLuf.J.1096. (b)Af#. 

Hiji. Ifnm. Tancredus Qdwis Bmi munH* 



jfnte per ie;niigli in ^ueft* imprefa • Fn- 
na C&gtÈÌti Ibpra tatti gli altri da molti 
Pugiiefi > Cal:dMfi 9 Siciliani 9 % d*altm 
Regioni d* Italia > tanto che tofio ne fa 
compofta una grotfa .alenata 9 efccegli gin* 

rare ^ 
Jii fiììus 9 & Comes de Rojjtvolo cum fuìs 
jratriki^. (d) M. de Nuee Chr. M. ^ 
emf. XI. 



Digitized by 



Google 



lAure cefi e^M iul campo di non fare 
Biuna guerra conerà ie' Criftiani infino , 
xhe BOQ fi fòdè conquiftato il paeie de- 
^' Infedeli • Il Duca Rug§uerQS il quale 
il vide posi bA un restio abbandonato in 
Amalfi, e che la nuova Crociata gliavea 
tolta la più bella parte delle, fue truppe ^ 
iìx neceffitato con gran rammarioo, e in- 
dignazione cohtra Bpemondo , col quale 
non valfero rimproveri > nèfcongiori^ co- 
prendofi fotto il manto delia Religione 9 
e del zelo, a tc^iere Taftedie -per avan- 
zato che fi fofife • Il Conte Ruggiero ve- 
dutofi ancora abbandonata da'fuoi , non 
potendogli impedirgli per un' e^pediziode 
tQ%\ fpeziofa, s'ebbe p«izienza, e piendi 
meftizia tornoflene in Sicilia {a) . AH' 
incontro Boemondo , e Tancredi meffifi 
alla tefta de'loro Pugliefi, eCalabrefi, e 
•d' infinito numero d' altre nazioni , imbap* 
catifi in Bari cominciarono a navigare 
verTo Oriente • Il no0ro incomparabile 
Torquato nel Aio divino poema , valen*- 
dofi di quella licenza a' Poeti conceda y 
isL Tancredi Capitano di ottocento uomi- 
.ni a cavallo, che finge aver feco condotti 
dall^ Campi|pia felice pretfo Napoli; ma 
in quefti tempi né a Boemondo , né a 
Tancredi ubbidiva queftaJR^egione ; tan- 
to è lontano che quindi avetfe potuto 
fcaccorgii . La Campagna felice in gran 
Tua parte allora era al Ducato Napoleta- 
no fettopofia , che fi reggeva da Sergio 
Duea, e Confole (òtto T Imperador Al^- 
•fio Comneno ♦ Solo Aveife nuova Città 
era in potere de'Normaaiu , ma d'altro 
.genere j come fi è detto , non già della 
jcazza^ Tancredi Come ii' Altavilla, di 
cui dfKeadevanoBoMlpMuk», cAuggiero. 
tECapua in quefto mentre tiovdlafi eiTerfi 
già ribellata da' Principi* Nonnanm; poi- 
tchè .morto in Pipemo nelf^anno -«90. 
4i Principe Giordano, ancorché avctfela- 
»lciatp Riccardo fuo figliuolo, di tenera età 
per fucceffore al Principato ( ^ ) , nuUadi- * 
mauco i Longobardi Capuani, fiibito che 
ffurmo avvinati della, morte di Giordano ^ 
cofpirarono contro. Riccardo , e contro 
Ja Pvincipetfa fua madre , ed avendofi po- 
Jfc in mano le fortezze della Città , ne 
diteacciarono tutti i Normanni ; tanto 

V ^*l ^J^^- tib* 4. ^* 2. Dun in Apu- 
hMm ftctdtty Conus inSìcHim revmitMt^ 



R I A CI V ILE 

che fu d'uopo a Riccardo > ed aiìia 
dre per afilo ricovrarfi in Averfa, ove fi 
trattennero infino che dal Duca di Puglia 9 
e da Ruggiero Conte di Sicilia, non fu- 
rano foccorfi, e reftituiti in Capua, 

Quefto ii^mofo Eroe ida poi che fi levò 
dall' affedio d'Amalfi , ritornato in Sici- 
lia, non peolava ad altrp , che di (labi- 
lire più fermo il dominio nella fua fa* 
miglia con illuftri parentele. I più «gran- 
di Principi della Criftiai>ità ncercavano 
a gara la fua amicizia , e la fua alleaiir 
za • In fatti erano già quafi> due aani » 
che la fua prima figliuola nell' anno 1093^ 
era ftata ricercata da Filippo I. Re di 
Francia, e la feconda nell* anno 1904.61 
(pofata a Corrado figliuolo dell' Impera- 
dor Errico III. Quefto Principe per k 
difeordie di Errico fuo padre con i Ro- 
nuni Pontefici , fu da coftoso fiiroo- 
lato a lafciare il partito di fuo padre , e 
non baftandogli d'eflerfi attaccjtta al con- 
trario , arrivò a tal eftremità , che non 
fii punto difficile di movere apertamente 
contro il padre le armi ; e pqrtato/i in 
Italia 9 col favore del Pontefice ., occupò 
molti luoghi, che dependevano dall lm« 
perio , e da lui fottratti ad Errico • Il 
Pontefice Urbano , e la Conteffa Matil- 
da, non trovando miglior modo per manr 
tenerlo , proccurarono farlo entrare nella 
famiglia del Conte di Sicilia con far^ 
fpofare la coftui figliuola ^ perchè lo lo- 
ftenefle contro. gli ^orzi di Errieo (r) , 

•Il Re d' Ungheria invidiandogli que- 
Aa alleanza , due anni dappoi maialò Am* 
bafciadori al Conte a. dimandargli un' al^ 
tra figliuola pei* ifpofarla ad Alemanno 
fuo figlittdo . Ruggiero non ricusò il par* 
tito, e con molta p<fmpa , e celebrità fit 
tofto nel 1096. condotta, la Principefla al 
nsarito . Quefta profperità sì eftraordina- 
ria nella famiglia di Ruggiero ^ ed i fuc- 
cefiS tanto illuftri del fuo Regno gli me- 
Mtarono ù Soprannome di Grgn Conte , 
ed intorno a quefto tempo cominciò ad 
viario ne'fttoi titoli^ 

. Agoftino Inveges, oltre a quofteragio* 
ni , raapcmt , che fu mo^ Ruggiero a 
chiamarfi Gran Conte , perchè egli ,avea 
creato Simone fuo figliuolo Conte di Bu-« 

tera, 
(b) PmU.Disf. iii.4. ^Mf.xo. (e) Ma* 



Digitized by 



Google 



DEf HttfNd D4 KA^OII Lllt IC^CAP. Vii: ^ 
i te tìMillicìMéDfi ' ^ ùi'SIcfliftai ^ibtf iwdb p^^«lo càgkiw , 'i^^ netM»- 
ìtMoèiatS Vistk de' Fendi , e de^Còfitaéi ^ «^ indietro ^ iiÌMtcKa«ratt^fiéM:iò Éirftìi» 
^ ^-._ . X . ^. w».. . .. . ^ .. j^ pwut© di >itia&>«8ea(^rgU . L^ affedi» 

fi'ftrinfe per oiò ftiii -ioitenieat»-^ ed lA* 
éio ia qttdl» punro fece a-I Colite di 8i# 
«ti^ l«gàatatt(Emi livovì s poiohk U Coik 
teila Adelaide f<ia ipofa, chò iiiqncirisi^ 
prefa avealo iegiiitttto, vi^divemie gravin 
da. Si (gravò del paito vi Melko -diCiF- 
l«bria ia X>ecemi>re di qudt* Mino 109^ 
oiMreii^ r com' akfi* ntppMaao , in i^b«^ 
braio daremo fegnmte , e illè ^lla lu- 
ce un %littolo, il quale ftt^amkttt» per 
mano di S. Brimone Fonditore deir Or- 
dine de* Gertofini > col- quale il Con- 
te 9 per la gran fama che teneva di fàn*- 
tttà, avea ibrectiffima amicizia y ed egU 
fit. il primo ) che AabiH.Mlla Citabria 

Quell'Ordine nafcente > di cui firnn^^ 
riapre Prottettore • 

-Al riancittll» lu p9fl|»,4MMiie Rttggiero^ 
qnagli -daie per 4e fiuoìofe fne ge4^ fa M 
L Re di Sicilia • Enraao • perciò- .il Ca- 
sello » che fccilfe qnefto Eroeefifer natd ia 
Salerno; ePirrif che aMicipa&do due a»- 
ni quafta nafoica, iitl j<ì9S< lo dM^naep 
ki-^cilia. U fecoadaiamra, che Rng^ 
giwo ricevette ^lal^Girio pet l^iaieffeeffio^ 
ne di sa Bninone fu-TetiTere ftato liberata 
d' ma t ia di i anta^ che vmtGwoQ appellai^ 
Sergia » aveanìii «licahiaato ; ma 1* aver 
il Conte ripNdk qnefta aongiura col fa»- 
gue de' Gongiiawti y intimorii in gpuiia gii 
aitfediati y chetoflo la PÌMaa kt r^ik \ e 
raftitttita al PfmBÌpe Riccardo/ usò gran 
clemenza co'medwmi fecondo', il c;on& 
glio ohe glie 'Ha diede ilCbnee, talmen- 
te «iàe A^^comnfiAjt ebggtie il filo {09- 
giafoo in una dell^Totri'^pìà'ako della 
óttadella , ov^- entffò tsiomame j onde 
iiifaiiNlito nel Principato ili Cap«a> rico- 
Btlbendo queA^'ùbpodante cotiqni#a da* 
d«e Ruggieri f ftce bvo in ièggo ^di- ^a- 
liMdèae ogai #nMe ^ e aome \10me ligio 
gìwò hHo omaggio . / 

Qficfti dw Principi ^dki da fneflf 
ìmptth & 4Nwntto finitamente ioSalécw 
■ó ove fi aittenBeio infieme per, ^nel- 
ahettittpo. Madittva il Dnea dkPii^, 
£9pm le tltve Città ik'fii(4 4mMm in 

p9lim 'y quéf fibì fimtlìter recalcUrabat , fi 
4c> J^<^JRMiE«^4r«.ao. 



ed* e#ere^ decorati 4i ^èfti titoli i n^n , 
i ndpM > e' Val&IU del Conte , perdi- 
l^ttgwnfè'élt' eóàofOy (somincifftire a (arta^ 
fertveJrii cMi qneftò nuovo titolo Magmus 
Oomes Gaiabrh , '&^Siri4U . 

Ma <Hi^ che Magm^meilte fe^ rilnee- 
ve la potenea^dTi Ruggiero G^ Conce <fi 
ftcithi'*^ fa l'initMila di Capua . Riccardo 
figliuolo ii^^òfàsLnoy che difeacciato da 
•Capua , eiaii< ritirai^ in Averfa y non po- 
tendo pec fé Mù' ricuperar Capna^ lo rir 
ehlélè di 4beceìrm y e della -tea iprotenio* 
ae : promèrtendogli , in riciKioicen^a di 
ftteifto importante aruto; di faWi fuoisma 
hgio y'* e fargli omaggio de' fiaoi ftatr ( tf ) • 
Ed ^gbmge MaUffterra (i)y ohe^ Ricr 
cardo ohre la ^pameffa &tf ar di p iofl argl ì 
omaggio , in Tiaolbpen& gli airéflfe anche 
oifeifta Napbfi , la qual Città dovea an^ 
«ora oonquiièàiii •' E molte a pitipnfico 
avvine Inveges y chcr non fi ià donde na- 
foefle a Riccardo' quefta i^agìone di co^ 
difporre di Napoli , che in qneAi tempi 
fi governava da'fuoi pitoprf Duchi infor- 
ma di Repnhèlica ; U Conte no» fu in* 
fenfibile a ^Ae offerte -, poitfiè ^o^ 
nkieiido una ina armata-, venne rmahC^ 
pua y ove il Duca di Puglia fiio nipote , 
e Riccardo eranfi gii miti perailediarta;: 
egli prima di cominciar T aftedio fece pre» 
dare* tutta la vicina Campagna : da poi 
ftrinfe la Città* minaociando auM abitan- 
ti la lor mina* fe non fi rendetfero (r ) • 
fn queAo avendo Urbano IL iniefo il 
pericolo de' Capuani , venne tofto al cata- 

Sov' etano quelli Principi per ottenefe 
eft ia pace, ed impedire la rovina di 
quella Città. Égli fu ricevuto maanifica- 
mente da que' Principi , i quali confenti- 
fono di mettere iloro intefcft nelle fae 
mani , purché i ribelli- vokéhFO far il 
mHi^miÉo y del che fu ay verrito il Papa , 
ehe non ^ebbero pimto • Con tutto dò 
foUe Urbano tentale di rida^i^ ed ea- 
fffato* nella Città ^ anooeebè gli dmeropi^ 
A>la di Valerio - fate, iyando fi venataU* 
iibtto ^ ^fimaiono da voler rendAa k 
Città a chi fi fia. IVPapa pcattco* d^ef- 
Tmo H. ... ♦ 

(») Malater. lib.é^ €ap. %6* Homo Afu^^ 
lu Duch féSms JHfnm. ( li^ Lm cit. ed 
jL 1097. caf. j. Viu f€€omp€i^mms Ntg* 



Digitized by 



Google 



S9 tnlciilUe» Sttltrat ptr fiM Ms «ìoActiti 
GvKiafda» raiiqi4ÌÌ>OT che i'fbb#i 
4r oD&iwd^ CicUMiarapoli, dm «kra^ 
UKAie , che K' vì^Uq iiguftBda la PalÌK 
liU Ec^efiaAaca » Mia £wa il PMtffie* 
Ciovaoai ^Ui. Pflfciò U fw pÌM ìnmg^ 
ée£deaM la faceva ki SaltrM (^) } il 
4i cui efkm^ìsi (tffiMooù chr poi i ùjm 
iuQCttfoci 
CaotdTa 
anzi fluitflili 
ne'fuoi MmBÌ« 



btmpisi kgiuioiio m poi 1 Uhm 
• Qltt. oiprzìà il^ ilio aio. oalia 
, t c»l pkciola fiflliypb»' MC* 

Sili 9 il VMeU gU M iÌMcaibMt 



Fiiiiciffi <li yiMcipar 4 ^igoaì ^deU» Sedb 
ApMftolica , ed mviékft par gl^ 
dalla medafeM ^ e ^fmàì pratfb «6. ^ 
chi fi ditfÌBfO ^4fQtìrif$afi$ j xwnraaa J R^fy m ^ 
les . Ma fu ancora da poi iaicod^tu uà' 
akia iofca di Legati , cIm fi ditamaMno 
Froviaciali . Qh«» per io ^ ewto V#» 
imri delle Praviocie iMe.pv# rriay» 
la iofo Cactedie-, a* qM yi l ii r ai » e Lo- 



GAP- Vili- 



gati. delia Sede ^Afpoftolica veniva data 
inolta ;#tt0rità» e ^iim^taioae» e oonca* 
duti jrav) |Mrivil«gi da fo^Aat vokaa 
co' loro PfOjrittciali , e ibvcMe la Lega- 
fi dava alla Cattadia » non aUa 



siooe 



U»BaiK> n. U M ^Vf^ ii ^^^ K.^*^ peribiia* Goal rArciveièoro d'Ailcs en 

' " Primate, 4 Legato delle Gallie io v^ 

«e dW» anticktAmo paivilagio coocoduta 
a ^Ua Sade » e cooiHoaaio da |m da 
Ormifiia , ìe da Gcegoiio L é dagli alta 
lowowi PoQCefici {€) M Cosi aMora 1* 
Arcivefiaovo di Cantorberì wn Primaiat 
e Legato d* Inghilterra per un privilegio^ 
che Inooeenio IL concedè a Tcohaldo 
Arciveficovo di quella Città ,1 tè a* fiioi 
^cceiori ; ood^ è xhe in loghtlirrraqMO> 
di etano appellati Xsegatt nati t wme ci 
«eftMDOfiia Midoeo Vic^iiio ^)^ fokfai 
aioA alla peribna 9 tna atta Catiedca fc 
tal- privUegio clmceduto • Siccome il Va* 
ficovo Al Pifa , ed i fiioi fuccetfori 9. da 
Gregorio VII. furono dichiarati Legati 
daUa SaMa Sede neiri^bla di Corfica. 
. Si da^rano ancora ^eÉe .Legazioni in 
alcnna Provincie dairOphaChlliano 9 non 
già alle Cattedae , ma alle perìbne y dcfti* 
nando i Sommi Ponteiici certe {lerfone 
per Legati in vari luoahi • Così Lione il 
Grande coAitui Anaftafio Vefcovo; di Tef« 
ialonica Vicario della Sede AppoAolifia 

SMT r Oriente , e ndle Regioni dell' A4- 
iea. Gefffio L per 1* Egitto aleffe A» 
ciò. Oitmlda pet la Batica^ e peff'tai.L» 
fitanta Salnftio Veioovo di Siviglia ^ o 
per le Gatke T ifteiib Poncefiea coÉmÉ 
wo Vicario Remigio di Rema, fattza do- 
rogare al privilegio dell' Arciveicovo^ d' 
Arita % Ormifik ifteffo eMfe il Veleoào 
Giovamn .per tmta la Spagna • Vigilia 
creò pei* T illirico > il Vefcovo di Locri* 



^ di Sifilié» . 

U Matto IL far eoograaiéarfiatt^ que- 
lli. Priacipi del buon fuoeeéir deU* 
loro fpedizione di Capua , venne a tro* 
iraigli in Salerno » e volando in ricotn» 
fania di tanti hanefizì preftati alla Sede 
Apj^oélolica' » moAvaefi loao grato , creò 
ituggieio fiioLe0HOf in Sicilia • In queÉ' 
anno lofg. ed inqiaaÉooangreftifniftio- 
anentatar quella Bolla » di cui non vi è 
«acnioria tàat, fia ftaia ooncoikM^ad alcun 
nitro Principe delia Criftiànità » per coi 
vanu la Sicilia lar fiia MMuichia 9 e per 
dCijL,s*è preteso. 9 tkt ì fiwnaferi del G. 
<rgim Rttggiaao folfeco padroni ne' loro 
Stati f cosi datié ipiritnale » come dal 
tamporalo^ 

Erafi intradotto ooftunae da'Pontofiat 
Romani di ^dir l<Mp Legati AppoéUlid 
in vario. Peovincte HirOifae Criftiano ; 
o n'ebbero di varie £Nte. Alani eh' era- 
no i più eminanai , ed a* quali ara con- 
ceduta pia ampia ^ e pactieotar ginrifili- 
niane 9 aran chianiati -Legati a- Ufewe , 
poichà^dal Ganciftor»', o Collegio de' 
Cardinali , che fedevaao a bto del Vmi- 
tdiee r ttaam piefiaelti ^ e peiciò Laterali 
dbiaaaogli 4vwie >Camoien4jlin una ké* 
aeta {è-) oh'e^ibri«(e a Pascale II. A4tm 
anno d^Vcicovi » o Diaconi detta- Chìe- 
h Roaaana ^ i quali erano deftinati dal 
Pancefice per Legati pretfo gì' Imperado- 



109. {^)AheJ.^..Attèi(i^Uk^9mf^^ « . v 



Digitized by 



Google 



DEL KEGKO DI HAf Oli la^TC. CA?. VIIL fi 



fttr^aMlnr empiÉio' Lj 

L cdfoil Omna^i Vtkaw^ 4i Pi« 

MeMb fM LcigMo mU' Ontim o mi c r f 

MDnoiilitì . E Ibft» tam ke jdtif' A**; 

fiivie hi FnuKia 6h*v iMlti dì ^mAì 

togati mt? ttfiMpi éi GjaIo Martello > di 

€trlo^fl Calvo ^ e me Wteii^M'qiidril 

AMd , fofloOiresmaVIi^ «d UjAm» IL 

MM^ elle fver èit fmqiieMMidi qmài Le» 

§Értì-sf eftàti$»M itt gnu paite le MfgNMÙy 

# wmtAaeate- di LegRV , e dK FrmMM 

ìieW Artìftkmo d'Aritsj e iMi féko i 

ftétMtii P^teficf vi vmàtvmiù Ltgm 

petchk frefiededéfo a «otta laGailiia^, mi 

ancora a certe Pfo^rit^cie vi maiidavano-par' 

ticolari Ledati , conte telF Aqaitamia » de' 

qualt Akeferra (4 ) ne rafpotu «ft nv^ 

mero ben grande • - 

Quefti Legati t^^ hnga efperìenta fi 
Conobbe, che. retavano alle Pfovincìet 
ev' erano dirizzati) éaobi , e moiette in- 
fopportabfli ( ^)f poiché oltre dilcemarfi 
don ciò rantofitJh, e la g|MriM2Ìone de' 
Vefcovi , e de' Metrraolitani , traendo a 
(e tutte le canfe j € fevente inqiMi^iido , 
e conoloendo 4eUe canfe t ^ delitti de' 
med^^ Fidati ^ per la ksAr avaiAitt , "è 
fkfto tetievainor depreffi i YeiÌMm > e tui^ 
lo rOfid&fi^£c6lefiaftiteo , onde Veìi#ieie 
in t»Bta aMotomauone a* Frovindali» 
che ricodèié a'Iotfo^Re^ perchè vi datfe^ 
rd ripafto* Per la qnsA cofa i Prineipi d* 
Europa proocuravano o 4i oott ricevergli 
alfateai, ovvero di non ricevere fé non 
^elli eh' effi volevano • Iw Inghilcerrf 
perciò fu fatta^convenemie fira Urbano H. 
ed Re GuglieHno , per la qnale fu Aabi« 
lito y che niun Legato- fi ricevere in quelli' 
Ifola, fe non colui che voleva il Re(^. 
In Francia i loro ecceffi fìiron tali y chn 
finalinente fi rilblvettero i Vefeovi di (np* 
plicare il Papa , che gli toglievi a&«te 

ET riAo#o delle loroDiocefi; ikeome-in 
ti ottenneio , die non pib ii mandatfck 
tu j onde rffuvTe la poteftà de' Metropoli- 
maiy e de' Primati in qoelk Provincia » 

(ai) Rer. AqnÌK Vtb.é^ egf* y* (*) )o. 
tMlhAerienfis Uè. i^.-cap. té. <^ Hb'.ó. eap\ 
^2. Sed n9C Lejfati Sédìt Apofh^a n^aniif 
fmastxèutitmt ab omnì muftefCy quìn mter- 
dum m Provi ritiis ita debaccantur ac Sathan 
ed EecUfiam fiavetìandam a fack domini 
Prwincìarum àmfitmft iftif0t ^ fi fbtfim* 



radorFedemo inAmna^ con fnoEérN 
i»,' O i dMi i ft y xh» Mft fi noeveiero atfttto . 
MeilaSK>tìé vi èlMge ftaWKlt se) nM; 
J if w t ata dÉ'Pontenct CMeoienie HL In^ 
Moanzìo IIL ed Onorio IIL che pmibr* 
ite peraratenno ivi eéteeitiie il diritto 
di Léj^ame^ k mnt fo0« SloilMft ; et 
il fimil» fi kmm per k SpaMef * 

IMKi^fob SSKfiia pur 1 Pipi ^eatM 
i* nfiMMa 9$af<jiatM Legati; e fi k^^d 
(r> «fae fin da'Mnpi diere^>ek> Làve^ 
k ^ueAoPMtcfiee omio MiAitktid Ve- 
ìbovo dr Sìaacufa Legato di SieiKa , tati* 
eedendo queih prerogativa alla fu« i^Ho' 
my non già aUaCattedm (d). Némme^ 
no ne fuioao eftnti queft' iftetffif t^ftré 
Pi^ìncie, a wa rcfcè tanto a^Roma vici- 
ne ; poiolibttrila Cronaca di Lioiré OfHen- 
teie) & legge ^ ohe Niccolò IL dopo 
«var lìMo<:aidinale Deiderió celebre Aba- 
te Caffineafe, lo creò jfucora fuei Legato 
w tutta ìz Campagna , nei" Principato , 
nella- Piglia 9 e nella Calabre , fé berte 
la 4ua aotontà Mkf^ Aata riAretta ^pra 
tutti i té&mAtri y e Monaci éi ^quelle 
Provincie, come fi fcorge dalle parole dd 
tfrivilegb» che rapporta ivi l' Abate ^• 
la NoG| • 

ITrMioi H. adanque volendo in quefti 
tempi, eiòdie i-fiioi predkeceiTori avean 
prima fatto, rinovar l'ufiinzadi crear in 
Sicilia un Legato, i4 nominogli W^và 
di Trama. Nen ben^ a'iiltefe'da*%ilrani 
ùmàa^fmm^ e tìHotlo più' fe ri* era offelb^ 
^ Conte Ruggiero y il quale tfOTeiìdofi co- 
ni ben diftinto per tanti fegttalati férvig^ 
preftati alla Santa Sede , con aver difeae* 
ciati i Saraceni infedeli da queir f fola» 
toke tutte le Chiefe al T^no Coftanti- 
nopòlitano, con reftituirle -al Romano, e 
feòtrorfa k Chiefìi nelle m&ggiori fne ca- 
lamità, riputava tko^ dover merlare que- 
Aa ricM^penfa. In' quèfto cOneireflb tenu- 
to io Salerno h ne dMfe còl Papa , e k^ 
cegti comprendere affai lìberamente quan- 

K 1 to 

fós Cratfi ftmdéain eof^arate . ( b ) K Ug9 
di Flavigm ytdSadniero lià, ^hjft^ {c)Gri* 
gffj Hb. 1. lìidit. IO. Epifl. 7* C à) Inveges 
Itb:^. Ftoinda fupra tuviBas Ecclefias Sict* 
Ha te Vice Sedis Apojiolica, miniflrare decer* 
nimuff quii fton hce tfibuimasy Jed-fetfo* 
ns^ - (e) Ofiioftf. W.-jv éap. ijf* ' ' ^ 



Digitized by 



Google 



t» flÉk «agK «U^mciuto, t di' 09!» Mi 
dMMniiMA a non P""^ fotfnilo.' 

Ma Ufbaao che fi featiim «Muiio ob^ 
UìgttR) a vinetto Prthcipt') « éàì ^lùsAt fi 
{uronxtteva anggiorì a|«eiper4a Sne^^ 
poftolica 9 'riputandolo il fii^. abile iàrn^ 
meato ia- qiaifti tmipi » «v^e iloitdW aippog*' 
giare Inatte le Aie ipeflmM coboo gì' Ini« 
peradorì d' Occtdeace , novtff^finè si bei^ 
k oceaiwie per maggiormeiate oàMigar- 
felo • Non iblaBMnte fii xfgteàm pncor. gli 
diede tmtìk la flkiijBfaatMii » -aimiilkiiido in 
queli'iftMif la Legaiioai^cbe «rea «hih 
ta.al Vefccy^o.di Tuama, mti qm mm 
elempio tuatferi al G. Come iindafima 
tutta qiieHa aatorìtàf^!lie. come dm La» 
«uo avta data a 4;uel VeToovo v creando 
lui> ed i Imi leffittim eradi, efaecetf»* 
fi Legati ttlti- della Sede Ap^oOolica m 
f iieir Ifola, prometteftdqgti^ii tira ineb* 
tetri ;gfiiiiniai akwi "altro «eanti» ùao gra- 
dO) e che tutto «iS t:h' egli era per fave 
per «a Legato > foffe facto per 4ui , e iuoi 
lÌKceiferi . Ne fu tofto fpedito i» Salerno 
jperJifiaao di Giovanni Diacono della Cbìe- 
ÙL Rofflana il prtvilagio , nel«M(ib di La* 
«lio^ iLTettimo dell' ladiiione y .e T un- 
«tocimo ilei Pontefioato di Pwa Uaba- 
no IL 

Qiielb avvenimento in cotal giuia lo 
narra Malatenra > il quale infiene potta 
la bolla d'Urbano, Scrittore graviimio, 
e di qne'^empi y il quale qui tarmìna . i 

Suattio lib» della, fua Latina Iftwia ; p 
i cui Orderico Vitale ( a ) antico Scrii^ 
tore delle coie Normanne fcrivc: IV^jmh 
wm ( id^ Dticis RoòeHi Guifcardi y ^ 
Cùmitis Rogerii ) ffobh aQìbus , O fire^ 
nuis if90ntiàus Cotifredus Monachus cògno^ 
mento MalaterPéTy" hortatu Rogerii Comitis 
Sieiltx ehgftntem libfHum nuptr edidit . 

Quefta fcrictuca si notabile meritava , 
eba fi -fotfc rapportata tutta intera ; ma 
riguardando la poKtia^di quel ReaiEie^ non 
del npftra, ei fiamo contentati «d'averne 
recato con nettezza ciò, obe x^ontiene , tan« 
to più , che non mancano Scrittori ( ^ ) , 
che la rapportano intera 9 e ben negl' ifteifi 
Annali del Baronio potrà leggeri! • 

Quefto è il fondamenta deUa cotaa^ 
famofa Monarchia di Sicilia t per cih i 

U)Òrden,V!t. hifi. JNarman. lib.^Sfid. 
4?3. ih} Famcl. Re,, JSistil. Inv€ges ^li^ 



RIA eiyiLE 



ri diibnggieffot e .iopratanr i ILe 
£ Aragona ^ che jfignonggianNio da poi 
queLiUame con Innfja mie d' awi 9 fi w* 
nrteaatanim noL poiUèflodi queftasì no- 
Ula., ecUilln^ paetosiativa contro tutti 
i sforzi 9 e' dibacainenti fnici fopra .que- 
iba- puftfto in pioceitb di tempo » Non ri* 
pntaada£ cola ioapiopaia y e ftrAia d' etfni^- 
fi poMMa a' Bnnctpì oonoedere tal facotdl 
di Legato della Sede AppoAolica , qnanda 
ìr^Papi fteft repntiMno qneflepertMiay co^ 
JHe/aeraae^ etfendofi già inttodocto il coftn- 
ped'imgarfioolfiuro olio» e non come aU' 
«atutta laici i ma partecipi ancora del Sacer- 
dozio gli nputarono > e fe non limarono 
Incompatibile alle loco perfone di crear- 
gli Canonia di S«. Pietro , con amsfietter* 
gli co'facri .abiti al Coro , e reodergU 
tìonfefti in tutte le altve finzioni » e ce- 
lebrità facre^ non .dovrà parere ftranoche 
pedano anaora ritener qnefte prerogative:, 
che finalmmte fi raggirano intotmo» alia 
£cclefiaftiea.giiuri((liaÌQiie^ non già intor- 
no ;air ordine. 

. Secondo le maffime- del dritto Gaiioni- 
co, e la pratica della Qorte <li.Ronia fi 
è i n < |iu ooea&oni veduto , che nii|(pttit- 
to la potette deUa'gi«nrirdiìui>ncvèdiftinr 
ta dalla potenza dall' ordinale ^e.qnefl^* 
jtUtiqiui è attaccata all' oidinev medefimo"^, 
e non può effei^ comunica:ta a quelli , 
che non l' hanno per loro caratteML* Ndn 
(i può commettere ad un Prete per iar 
r ordinazione v^ aè ad jun Diacono, per 
Gonlècvare, o.per atfolverej poiché la fa- 
coltà dell'ordinare è attaccata al caratte* 
re EpiTcopale , ed i\ potere ^di confecra- 
re, e d'aflblvere all'ordine Presbite rale: 
ma perciò, che riguarda la potenza della 
giurifdizione , ella può eilere comunicata 
a perfone , che non inno negli, ordinii, 
ancorché s' eferciti fopra quelli , che vi 
fono> o anche negli ordini più elevati, 
die .non fono quelli a chi fi è accordata 

Juefta «ihirifdizioae. Li Papi non banoo 
itto difficoltà* 4i praticarla in più cpcea- 
fioni , nominando Legati , i quali erano 
(empiici Diaconi per giudicare materie di 
fede, e caufe di Vcfcovi , anche per te- 
nere il lono loogo ne' Concili ^ e vdaudo 
privilegi ad Abati, e Monaci per efei«t- 

tar 
i.Vftn rappa9fa$a Mucbeda Lnmgy Tom^x^ 
C^hél.J)ifiem.fU^^/S^ 



Digitized by 



Google 



DEL REGiJO DI NAFOLl 

t:» U giwafilizloiie Eptfeopsile ;. r ciò éaià 

fiìiftcmante, anche ^e BadBtf&9 rke dkfi# 

sodioiidbne) hanno Afchidìaoóni , «d al* 

tri OjSciali> ed efercHsàita enttoaiò» oìk 

eppaitiene alla jpiurìidinkme Epi^pak.i 

ed ìaqiieft'ifteflo.noilr&JiLegQo og§i^ioi^ 

so mg^anc^y che k'Bade&^del Mona* 

Aero di Cpnveriaoo efetcka À>pfar i .iìioi 

Preti gìiiMÌidizi#ne , ed ha fiwikgio di 

Viilerfi di^ Mitra > e èà Paftoralr , cm^ i 

Vefcoyi faiMM, E GarblL d' Angiòhel- 

la Chie(^di S. Nioolò dijiaci ebbe^iuo- 

ga,'ì»,^|ieLCaiii'fopra gli .cUtri Canoai- 

ci 9 «e f» «pillata come di lor. eorpo^ ed 

ebbe giurifilizioiie (opra qae' Preti » come 

diremo al filo Inoco • 

Non è del aoftso iftitmo entrare ia 
que^dibattimeatt, ché>da.poi fiurlèro iur 

tomo a quefto pimto^ e nelle cofe che^^udenaa'di quel Rè 
ipno ftatjè icrute da' Spagouoli ^ e da al 



e 
tri diverfi Autori » comir laateria tibetana 
dal Aoftro propefito* Ma non potfb- tra- 
lasciasi di dire 5 -che il Cardinal Baronio 
con moka importunità , e poca verità ar« 
di d' impugnarla negli ultimi ten^ , da 
poi che squel Regno va' era ilato in poffef- 
.ù> per tanti fecoli. Stampò 4egli al prin- 
cipia deiranno 1605.11 iuo^^rnoXI. de* 
gli Aaaali Ecdefiafitiicì^ -e veatmido^di rap^ 
portar quefto fatto , inferì nella fua Ifto- 
ria un difcorfo iunghiiUm^ coatra la Mo- 
narchia, di Sicilia ) ove con isforaati y e 
lividi ar^meoti .«oi|. u^urò di movere 
ogni macchina p^ dibatterla . Ma ciò 
che aon deve coadonarfi alla memoria di 
queir uomo 9 fi è d'aver pieno quel fuo 
di&orfp di tanta maldicenza 9' ed acerbità 
contfa molti Re d' AragiPna di celebre 
memoria , e fpezialmente contro Ferdi- 
nando il Cattolica r riputandogli Tiranni, 
e che (otto quefto nome di Monarchia 
abbiaao voluto in quel Regno introdurre 
laTir^Wuùde^che camtato illibao in Na- 
poli 9 ed a- Milano , lu d^ que^ Miniftri 
JLegi proibito, e4%ofidinato , che non fi 
VMdeàe, iiè^^enede,. per rifpetto del lo- 
to Principe Filippo III. che>allQra^ regna- 
va , i cui progenitori paternierano (iati da 
qi^. Cardinal' s) inde^aameute trattati • 
Ma moArò il Baroyaio A gran rifenti- 
ineato 4i quefla proibizione del fuo li- 
bro, che avendone avuto Tavviìb quan- 
do pe^ la mo^e di Cli^menfie Vili, era 
la Sede vacante, fece unir tofto il Col- 



I:IB;38. CAP. VriL ft 

logì» de- Cardinali, da' quali feèe fi» un^ 
invsmva cositro que' Mmiftri ,] e non bar 
fkandogli aver omo quel Principe in quel* 
la guiiia , voUe toccarlo in un altro pun* 
to. non naen'gdofo di fua Regal ghirifdi* 
zione; poiché in (]udla apertaftieote bia? 
ismavanfi que' Miniftri , come nel proibi? 
il fuo libro avei]ht|K> pofto mano nellfau^ 
t(M«ià Eceèefiaftica^ ^iafi che a' Principi 
non fotfe leeiio )»er quiete dello Smq tìoi 
fimili pioihiaìoai .. E dof«» creato il Poa* 
teiee Paolo V. fece fcrive«e.al RéFili^* 
pò iotto li ì^. Giulio dì queft! iMTo an- 
no UB9 lui^ lettela. con grave. doglian- 
za, che in, vilipendio dell' autorità Eccle^ 
fiaftica*, ti Miniftri Regi in Italia av^or 
ro premito il fuo libro , quando .ci4 al 
Papa blamente s'apparteneva • Però la 
gtndieò mèglio di' 
rispondere co' £sitti ^ e lafciò correre la 
proibizione pubblicata da' fuoi Mìniftci-. 

Ma il Cardinale non fi, potè conceMB-? 
re^4b( nel i6qj. ftampando il XILTe^ 
mo non inferire poeo a propofito uà c^ 
fcorfo di queft' ifte&. materia, con mol- 
ta -acerbità, e livore declamando contij» 
i Principi,, che vogliopfi impacciare* a pcoi* 
hir libri , non ritenendofi ancorai di dire» 
che lo fanno perchè i libri riprendon(^ 
Ip loro ingiuftizie • Il ConfigUp di Spa- 
gna con la folita tardanza, e irrifoluzio- 
ne vi procede con lentezza ; non fi mof- 
fé nemmeno jpet quella terza otfefa , m» 
lafciò icorrere altri tre anni, e nel 16 io» 
il Re fece un editto , condennando , e 
proibendo quel libro dotn m^nieia cosi 
gi^ve,, che delbamente tocca > il Baronio^ 
cosi bene com' egli avea toccato li %^ 
fuoi progenitori • E ^r dargli maggior 
riputazione 9 e forza , /u V Editto fatto 
pubblicare in Sicilia, con decreto, e (ott* 
tofcrizione del Cardinal Ooria, e mandato 
per lo MonHo in iftampa • . In .Napoli fu 
mandato l'Editto al Conte di Lemosv<^he 
fi. trovava alloca Viceré, il quale a 20. Feh* 
hr^o dell'anno feguente- x^ii. fece pub- 
blicar Banno con molta pubblicità , f:ol 
quale fi condeunava il libro . La corte .di 
Roma reftò sbigottita tanto per V E4itto , 
quanto per l'elecuzione fatta dal Cardi* 
nale^ e d^ Banno pubblicatola fiK>u di 
tromba in Napoli. Però iii.Spaan^- non 
fi nioffero punto , e rEditto.refta'Oggi 
giorno nel fuo vi^ai* .1 



Digitized by 



Google 



Wu tfmim eooÉ^ ri ngW i au^ whK 
Jrffiu uà fortfiiegti nkonì noflri tMfif 
fttuidé Pafft CieiQe&{e. KL 9«<kiìdhy il 
lUgQ0 di Sicilia caduto in «ao M D«* 
ca di Savoia 9* cadette tempo oppoitiuio 
di profittare fopra la debolcna di ewl 
Wrmcìpei e àixSe Ut cab, ìm tale mmh 
wtà) die ocU'aMM) 17^5* nm fi rìtea^ 
M di pubblicar qm Botta > ceUa qmU 
abotì la MoiMwUsH «i*ite«b m on'al» 
t«a iti quel ite«ne una ummkEjode&adtif* 
d Gftafchia^ } ma riufeirooo nm tutti 
qii^sfeni 9 poiché «è U BoHe ebbevo 
akm efietco» né matta mumname o m^ 
▼MA a' iofiodutfe io ^a^AV Ilbla ; t molto 
mettOQuamlo poi quel Reaa» fece ftitoMo 
iMo^rAiigoiisflima^aaiiBlia Auftfàaca. 
, Sc^fle con qaieAi .tioo?a occaiiiie a 
dKeia delta ^MoMicliia il celebft «Teo^' 
lofo di Parigi Lodovico Bllies Dopino) 
dow fcee vodere duaoco iofiriiiiente 9 e 
vaao fia eie che ìtBamtfio av^ foftepu- 
to io cmitfaffeo, e ooel che ilPaoa^vea 
ofdinato io quella Ina- Bolla • Ufcl que^ 
iky Aio libro oeU'aniio 17 16. dove finar- 
Mitomitiutametite l'origine 5 edi progref- 
fi di ^«efia eoocela » ed i fncceffi di que* 
Ab briga^ con tanta diligetita ^ e dottri- 
M 9 che bifogna riportare il Lettore a 
ooanto egli ne ferifTe intorno a quello 
Aggetto. 

La Bolk di Urbano fii dirizzata al 
C^te Roggtei»^ e fiioi inccetfori, enoi^ 
compreìklea che i foci Stati-, che poflc- 
^va 'rìlottL , cioè la Sicilia , ed dlcune 
^ìazzés che e' tenete in Calabria , onde 
perciò ^ intitokva JH Cftpes Cataèrite , <r 

Ma non meno del Conte era- beneme* 
rito il Duca Ruggiero della Sede Appo- 
ftolica i pnd* era di dovere , che Urbano 
al Duca di Pujslia, ch'era prefente , di- 
htnùSt fuoi favori / ond' è da credere , 
Mt a quefto t^npo foffe it Duchi di Pn- 
^ia conoedum quel privilegio , di cui Pait- 
tica^ Glotfa Canonica , e molti de' più vec- 
chi Scrittori rapportano intorno alla col* 
kzbne de'Beneiic) del R^no. 

'^ '^9À tenipi per togliere rinvefti- 
bipi fecolari eranfi ragunati 
icilj y e per ultimo nel Con« 

Duarenw de Sacr. Eukf. min. 



ISTORIA CIVILE 




oelebM«oia UAiM Aoll? 
ao9^« pood pittna dt morire y «mfi 
di miovo feM» tertiiiìlì ^maMM vietato 
a«li ÀfaMÌ,-a'Pmpoficf ddk Oiiofe^ «d 

a fottio Eealofiafiici di ricevore beae^ 
òéf dalle mani éi Laici • Con tatto ci^ 
pMitfeio £m^M iPainoipi non Aover ofli 
wpucaifi- in GIÀ ponmame Laici , né pò- 
«trfiioao tagliere quelle foeaofoiìve ^ «!« 
Ì€mtà\ pmr tamoo^fempo a' eiaiib Ari oa 
ooMb. Ch'eiaoendiragioÉe^ choanren- 
é» efii feii4aie k Clii«fe, ed arrieehkole 
dbl loro paatimomo , eÉi ne dov^tfcM 
ave» l'imroftìture'i dioiiacome prima «eU* 
tlexbne de'^Minifiri detta Gbioéa v' avea 
parte il popolo , non doi^a * oavera Aro- 
Jto> £0 i Prittaipi 9 a* qoftli fc trtrfeiita 
ogni patefti r poceébro ora >fiirlo per ft 
ioli (ii). Che ciò fiMeodo ^ niénto dav»* 
no j^l'inMAiti di fpiritindità, ma laloi 
omcdftone & feflcii^ievn ^la temporali* 
tà, ancor ohe nell' inveftii^li irdeffe» 
ro ) fecondo era il xoftume , deir anello , 
e della verghetta . Cié die coormaggìòr 
ragione lo pretendevano i noAri Dachi 
di Paglia, i quali a^eano in quefte Pro- 
vincie motte Chiefe fin da* ibndaaaenti 
erejtp, e dotate di molti loro beni per 
k ìiA femma ^ietà invelo il ctdté deW 
la Religion Criftiana « Si aggumgeva an- 
cora d' aver debellati gì' infedeli Saraceni^ 
e d'avere reflkuite tutte 4eChkfe ai Tro- 
no Romano, che prima gli *eram> ftatt 
tdte (fai Patriarca di Coftantinopòli • 

I Pontefki Romani* per noflr contendo* 
re fu quefio punto eo' Principi amsici , e 
ben affezionati t a' quali fenza recatfipro* 
giudizio volevano gratificare , lovénteufa* 
vano di conceder loro per privilegio ciò 
ch'effi pretendevano per gtimzia: i Prin- 
cipi badatido foto all'elètto; necmandofi 
d' atoo , r accettavano « All' incontro i 
Papi credevano maggiomiènt* cosi i^bi* 
lire i loro diritti, acciocché fecondo 'che 
le congionture portavano, potetfero o ri* 
vocargli , o oóntraAafgU . Qitindi é che 
gli antichi Re di Sicilia invellivano élf 
benefici Ecclefiaftici in tutte le Chiefe 
dei Regno di Pil^ia, ficcome te rende 
a noi fedel teftimonianza l' antica Chio- 
fa Canonica C^) , la qàalé fé ^oiWtfo i 

Ca- 
(%) Ghf. €Uf. pkhHf^ hffim. ^ hk ci^. 



Digitized by 



Google 



DEL lEGNO »I MAV<^« tf », X. CAP. Ytll. 



Gaftont 4Militi ki «rati OmìIì rtfe ti A 

•ha i Duchi ét'Pu^ia éàmmo /V UHRtftH 

tuM de' kc&eficj ^ dìtfe che mò \p facevi* 

no per fd^tgìa del Papa, il ^Male .p^ 

fefa a^kùct coace dere qiiefta premÌQea<* 

sai e 1# tfftkiiMiiafte aacofa mcti -i no* 

Ari- pft aiitkhi Scrittori del Jle^ao 9 co* 

BM Marino^ dì Caramaliico 9 Andrea d^Ifer- 

aia, ed ditri (it}* E per qiftcfto privile^ 

gìo fi d^badeira Eederio^ II. qwt ii do Su 

§l' impuMira 9 ciie a fiio oiododava le ia* 

veftttufe deUe Cfaicic di quefte Provincie 

ié)x imMÌ fp[U il doleva ohe i Papi ten» 

tafano dk diwjfciire le ra^ioiii , eh& i Re 

di Sicilia arcano BelFeteione de'Piela- 

efta&tt il lor privilegio » il qua- 



le da lonbctazior Ili. non poCera mode 
rarfi , come fece ^xnm CoAanza 9 filando 
egli eia amcer Suicidilo. Ma di eiò piiìi 
•pportmiamefite ci tornerà occafioae di 
&vellare Quando jAdila politia Eoelefiaftiea 

trattefecno • 

« 

^ IL Ckntiih tmmf da lMMn§ in Bari j, e 
fmé moru 9 fygnka foe^ dspol às futi- 
la del Conte RtfOQfMta , e £ alm Prìn^ 



IHam» Ucbaoo dopa eCerfi ia &ier- 
Bo taicipMito eoa qae^i Pmcipi^ fé 
fte pùaisi ia Bari, ote area iatimato uà 
Conciliot di Padri Greci , erf^atini fier de^ 
terminale il Dogala delhi'^roeeflloBe del- 
lo Spirito Sanito dal Padre^ e dal Figlino- 
lo, nel che iOreci n<mcoa^eaivano* (e). 
IncerveaaerD ia quefto CoactUo 185. Ve- 
icod^ e volle aiffilbnri anche S. Aafel- 
m» AiieiTefcoTo di Qnrerhef) , che per 
etfari della AiaChie& fi trovava allora ia 
Italia; Vijbroaapercidr tia*Gteci, e La- 
ttai grandi dibastìaieati ; ma fiuóno fU 
S. Amelmo coloro eeiuriati , < deteimiaa:* 
» fecondo ciò iàtt teneva la Okiefii Lir 
tina {nmà non per 4iieA9 fini lo fèifiaa , 
ch^ idiennto con ardore^da amhe le ^ 
lioni ^ per Inago tempo tenne div^ ^ler 
ile dae Chìeic^ che bM vaUè maana di- 
ligenza perriaairle. 
fedita- Urbano da ^acto^Coadlio por- 

. < a > . y^adr. de ìfem in ptoe^ Cmflìu 
Rem. <h) Nauclerus generai. ^i. (c)K 
M/e;r. al Imf. A, 10991. (^ ) ^A* ^^ 
^^fp. A^iiQU Qbiit Mamrim Qemae ShUid 



«Hfi ij^Roma, o«e dafpeffhr „ ^ 

10 al Canciiio iUmaM ^ del ^mlc ftif 
anzirii diiit , aaa^ paiarpoa molct aiuifi^ 
ehe itt qaefia medeiimo anaa 10^ fia| 
in quella Città i scorai Arai * Mentò^a#- 
60 Pontefice edere aoaoìiwato oca i pih 
|;nadi Paprx;h*' ehhe la Chief^ Romaaai 
egli teoendp qaefta Sede poco men chf 
dodici any , ^diQftsaò molte areiche azio« 
ni, e fi refe celebre aUyloado- per La fpe« 
dizione de Crociati , efifeadone fltrn il |>ri-» 
mo autore . Egli fopra tuttigli altrf Pod^ 
t^fiu fu il pili i>en ajSeiciaaato a* ao&i 
Principi Normamiì ^ aè con affi ebbe oe^ 
cafioa alcuna di difturbo, ma gli amò t 
cerne padre i proprj figUnpli , e par quua* 
to $' apparteaeva a lai , proceurò i loia 
maggiori vaataaai . Per k di lai morte « 
fu. eletto Papa T Abate Rainerio. di To- 
iena» che P#fcale«U. i^ipellòffi ; .ed w 
qxieiki medefimo anno i noArì prefero Gè* 
rufalemme , e ne fu eletto Re^ il fiimofii 
Qoffiredo Buglione, al quale dòpo la fan 
morte fiiccedstte Baldumo fiio fratello > 
aveado intanto Boemondo- fmà Antie^ 
chia , e fattofeae Principe , c^ia tssiùù^ 
ie a^fuoi pofieri. 

La morte di Urbano fu non molto tei»» 
pò da poi feguita da quella* del G. Coa- 
te Ruggiero: egliefleado già molto avan- 
zato, in età , trovandofi in Calabria , refe 
chiara al Mondo la Città di Melito ove 
nv>rì nel mq^e di Luglia dell* anno iioi. 
(^). E non a ba(bnza pianto da' iùoi» 
fiagli nella maggior Chieia di* quella Cit- 
tà edificata da lui , eretto oii fep^lcro » 
«ire aacot oggi fi confervMo le fue glo* 
riofe olfa^ E^i vitfsfenanta anni, aven* 
doae regnato fedicidppo la morte diGui- 
fcardo^tto fratello. Ebbe piamogli, dalle 
quali avta avuti molti figliuoli^ mai tre 
ioli mafchia lui fopravvitfeco, nati dalla 
fua ultima fpofa Adekfia, la quale ^efp 
H governo ikgli Stati ìmmintenente do- 

f^ la morte del mari^ con. Roberto di 
orgogaa fuo genero (e). *Qtiefti tre fi- 
gliuoli furono Sindone , che morto poca 
Xrl padce, non ebbe ia Ibrte di fua- 
fb ttfel Contado iii Sicilia (/). Gof 

frede 
menfe Julii • ( e ) Maiater. M. 4. cap. \^ 
Romnald. Salemit. (f) Jlleff. Tele/, lib. 
I. cap^}.^& $.' 



Digitized by 



Google 



1>£ L V'ISltéìtr^tAC rviLE 



fhdd4ifpntmiankatto di Ragufa y ài cui V 
ultóriiftcm ci fonmiiaifttft alcm» rilcontro: 
«lciitit(v) éredono che fofle nansi dalla pri- 
ma moglie El'ttnbere^ / é-che iilfieifie cot 
fratello Giérdftio ftiffi^ al 'padre preiTtortoJ 
Ruggiero IL fu quegli;, al quale hfciò i 
fuoj StAì in una (knazione così illuda, 
e Tantassjibfa 4 che poco da poi «li pofle- 
èerte con titolo, e cor<ri)à di Re, e cht 
la fortuna T inna-liò ad ultime nel fua capò 
le- due Cdiroae di Pu^lfa, e di Sicilia , e 
che con- titolo Remilo fignoregstiò ancora 
fluefte noftre P)*ovÌQcie I coriie qui a poco 
airemo ;- Lafciò ancora il Conte Ruggiero 
due 'fìgliuole, Matilda, ed Emma: Matil- 
da fu moglie di Rainulfb Conte d' Avel- 
lino. Per la qoal cagione ne' difturbi che 
accaddero da poi tra il Re Ruggiero , con 
i^Imperadot Lotario IL ed ifPapa Inno- 
cenzio IL fu da Inifocenziò , Rainulfb 
coftihiito Duca di Puglia contro Ruggie- 
ro fuo cossnato nell'anno it??. Fu que- 
lla* Matilda quella che perfiiàfe ad AHef- 
fandro Abate Telefino di fcrirere V Ifto- 
na di Rujjglero fuo fratello , com' e' tefti- 
iìca ncl|TOYio libro della medefima. Em- 
nta altra figlinola fu moglie di Rodtilfb 
Maccabeo Conte di Montefcagliofo ( A ) ; 
non facendo allora guefti Principi diffr- 
coltà di dare le loro ^figliuole', o Ibrelle 
per ifpofe ^loro Baroni • i quali oer hi 
maggior parte erano 1deli illuftre (angue 
Normaìmo, o Longobardo, e potenti per 
molti ampi Stati, e ricche Signorie . Co- 
loro che fanno Coftanza moglie d'^Errico 
Impe.Adore figliuola di quefto Ruggiero , 
errano di granlfenga; fu ella nipote, lion 
già figliuola del G. Conte Ruggiero , co- 
me in^ta dal Re Ruggiéi^ fuo figliuolo , 
come diremò • 

Il principio di queflo duodecimo feco- 
lo, nel quale (iàmo, fuluttuofifiimo non 
fólo per la morte del Gran Cónte Rug- 
giero, ma di moki altri Principi , che 
lo feguiwncr. Mori poco da poi nel me^ 
fé di Gennaro dell' anno I106; Riccardo 
n. Principe di Capua , dòpo la cui mor- 
te non hfciando ài fé figliuòli ; gli fuc- 
cede al Principato Roberto fuo mÀello, 
che Io tenne infino al 11 20. nel qual an- 
no mori (0. NeiriftefTo anno 1106. nel 

(à) Malattr. lìb.^. cap. 10. n. d- jtf. 
f^ lìb. 4. €0p. 14. d- 18. (b) Peli, in 



ffftft d! Agiffto^ fin) anwra i «gTomì taoì 
rhnperador Eihrieo IIL a cui fìiccedecte 
Erfico W. ino figliuolo , il quale non 
nrwno che il padre, quafi ereditando co* 
Stati rodio contro i.Ponecfici Romatù^ 
fu atfai pia acerbo cei^kVafcale H. e co'- 
fuòi fucceifori di ciò eh' era ilato ino* pa«- 
drè con Greaorio VlLtEoli vt>hnido (b- 
ftenérecon masajior vigori le bigioni del- 
le invefiiture , rataaccìava di y^ter cala^ 
re con potenfe armata in I^atf» cotftw 
Pafcale. Q»icÌto Pontefice peV^ocaofrere 
ad un tanto periglio , vetine % Capila per 
follecitare il «Principe RxAfto;» ed il Du- 
ca Ruggiero, perchè V aiùtatfero contro 
gli sforzi d'Errico; ma Emco^vellllil» in 
Italia con valido ei>faito , e giqato iCI 
Roma, oye il Papa era ritornata , ed era* 
gli ( credendo cosi reprimeve' il fuo or* 
gogtiq ) col Clero^e*! Popolo - Roman* 
andato incèntro per rioeirerlo, lo face con- 
ducere con tutti i fuoi dentro l fuoi al- 
loggiatnenti , come pri^ioniero^| ove per 
forza gli-eAorfe le ragioui detr inveftitu^ 
re, e lo coftringe di va^ggio fecondo 
il folito rito , e cerimonie a farfi incoro-* 
nare Imperadore (/). Ma fubito cHeEr- 
flccK parti (f Italia , Pafcale in un Conci- 
lio tenuto àa poi in Lacerano ammllò, 
e c:Uisò tutti quegli atti , avendo intanto 
poco prima fbllecitato il Duca di C;da« 
brià , ed il Principe di Capoa con gli al-' 
tri* Normanni ,. % T ifMb Boemondo , per- 
chè unite le loro armate feccorretfero la 
Chlefa Romana contra le perfi^cuztoni » 
che, cóme" diceva, fofferiva da Errico. 

Ma la moi^e ^i que^ du^ Principi Boe- 
mondo, e Ruggiero accaduta l'una poco 
dopo r altra , frafbrnò tutti i' Aioi dife- 
gni . Mori Boemondo in quefl';Uin(3r ri io* 
in Antiochia', ed il itie cadavere trafpor- 
tato In Italia , fu fiiwo fe^Uire ar Cauo- 
fa nelh Chiefa di Si Sabino • Lafpiò'' di 
fé "ùù figliuolo nomato pur BoémoiKlo , 
cKe al Principato d' Antiochia , ed agli 
a-lm fuoi Stati fuccedè* l^afciò aKora un' 
«Itnr (ha figliuola) ed amendue raccoF- 
mandò a TanOredi fbb nipote. 

Ma piit deplorabile fil a qneAe naÉrs 
Provincie la morte accaduta in Salerno 
nel mefe^ì Febbraio delFante %iiu del 

'Cune* 
Stemm. ( e )' Pelbgr^ ìnSt^mm. ( e ) Pel^ 



Digitized by 



Google 



DEL KEGNO 1>I NÀPOLI LtB, X. CA^. Vili. U 



fiimoib Dnea Ruggiero (a). Fu egli eoa 
gran pompa , e molte lagrime fepoko nel- 
la maggior Chiefa di Salerno , edificata 
dal Duca Guifcardo fuo padre: Né lafciò 
di fe altra ftirpe Tirile > fé non Guglie^ 
ìtl^y natogli dalla PuchMTa Ala Aia fe- 
conda moglie, il ^uale morto fuo padre 
al Ducato di Puglia , ed agli altri fuoi 
Stati fuccedette. 

Il Duca Guglielmo , non meno che fuo 
padre, volle continuar col Papa riflefla 
amicizia , e xorrifpondfhza , né mancò di 
foccorrerlo nelle contefe che con più ar- 
dore fi profegui^ano con Enrica. Eranfi 
a quefti tempi cotanto efaeerbate quefte 
contenzioni , che Ulmperador'Aleffio Com-^ 
neno pensò prolhtame, fcrivèndo a Pa- 
fcaje II. che fé .voleva riconofcer lui per 
Imperadore d* Occidente , V avrebbe pre- 
ftati cofitro Errico validi aiuti (^). Ed 
intanto avendo Guglielmo ftabilito in più 
perfetta forma lo Stato , noa mancò di 
chiedere al Papa la conferma dèli' inve- 
ftitura del Ducalo di Puglia , e di C^ila- 
bria, come i fuòi predecrabri aveano ri- 
cevuta. Né Pafdtle mancò tofto di con- 
cedergliela , come fece neir anno 1114. 
mentre era in Cepperano X celebrar im 
ConcinoX*^ ove Guglielmo portoffi per ri- 
ceverla (€). Ma mentre quefto Pontefi- 
ce era tutto intefo per reprmiere gli sfor- 
zi d* Errico, oppreffo da gravi, e nojofe 
cure ammalofii m queft*anio tizS., nel 
quale a' 12. Gennaro finì di vivere (^). 

Morì ancora nel mefe d' Agofto del 
medefimo anno Aleffio Imperadore d'O 
rìente, a cui • nelF Imperio fuccetfe Gio- 
vanni Porfirogenito fuo figliuolo . Ben to- 
fto ci libereremo dalla cìira di tener con- 
to degl' Imperadori d'Oriente; poicfa'effi 
avendo perduto tutto ciò, che poffedtva- 
no in quefte noftre Provincie, eoa p^a 
fperanza di più riacquiftarlo , non vi fu 
occafione di più peniare, edintrigarfi ne- 
gl* intereffi di quefte Regioni . Niente^ ptJI 
era loro rimàfo che un'rnnbra di fovra- 
nità, che ancor ritenevano fopra il pic- 
ciolo Ducato Napoletano , il quale noi^ 
giari fi vedrà paifare altresì fotto la do- 
minazione del famofb Ruggiero I. Re di 
Tom/ IL 

( a ) Pellegr. in Stem. ( b ) P. Diac. lìb. 
4* ^-4^. (e j P. Diac. ^4.4. r.49. hroe- 
Pivìf d$ DucàtH Apuliét y & CaUàrÌ0 • 



Sicilia, e di Puglia . Si governava anc e* 
ra quefto Ducato fotto forma di R^pu b- 
blica per fuoi Duchi ,. e Confoli , ed in 
quefti tempi n' era Duca Giovanni , ifquft« 
le morto non molto tempo da poi, men« 
tre regiuva in Oriente Poi^firogenjto , fe- 
ce luogo a Sergio) ultimo Duca che fu 
df' Napoletani . Poiché paif)tta da poi Nà« 
poli fotto Ruggiero , ancorché non im- 
mutale la forma del fuo governo, vi crea- 
va egli nondimeno i Duchi a fuo -^arbi- 
trio, e vi coftitttìDttca, Anftiib uno de* 
fuoi figkuoli, come fi dina a più oppor- 
tuno luogo. 

C A P.^ IX. 

Lìtigf , eh* eòèe t Impersihr EftRico IV. 
coH Papa Gelasio II. Invefliture date 
da quefto Pontefice / nefirp Principi N^r* 
manni ; e fcìfma fra CiU.iSTO II. « Gr&- 
OORIOK Vili. 

INtanto dopo la morte di Pafcaie ,- il 
Cléro^ ed il Popola Romano ele^e*^ 
ro per filo fucceflbre Giovanni Gaetana 
Monaco Caffinefe, che Oelafio IL chia- 
moffi ( r ) . Tofto che T Imperador Erri- 
co feppe refezione calò in Italia, màn« * 
dando intanto fuoi Legati aGelafio, con 
ambaiciata , che fé ^gli era difpofto ad 
accordargli ciò che Pafcale aveagli prima 
conceduto intorno alle inveftiture , egli 
era per riconoicerlo per Pontefice, in al- 
tro cafo , avrebbe pofto un altro Papa nel- 
la Chiefa • Ma repugpando Gelafio > e 
vedendo che V ImperaoQre s* approffimava 
con potente armata a-Roma > ulcì da qae- 
fta Città , ed accompagnato da molti Ve- 
fcovi , e Cardinali , dal Prefetto di Ro- 
ma , e da molti nobili di quella , in Gae- 
ta fua patria ricovroffi : quivi ordinato 
Prete 9 emendo ancor Diacono , fu da qué' 
Vefcovi^ e Cardinali che feco «avea , e 
dagli. Arcivefceivi di Capua > di Beneven- 
to, di Salériio, e di Napoli ^ in prefen- 
za di molti Principi, ed Abati , confe-^i 
crato Pontefice Romano. 

I noftri Prìncipi Normanni , e fopra 
gli altri Guglielmo Duca di Puglia, Ro- 

L ber- 

(d) P. Diac. lib.^ e. Ó4. (e) P. Diac. • 
ìib. 4* cap. Ó4* 



Digitized by 



Google 



H 



E L r ISTORIA -CIVILE 



hcrto Pmcipe ili Cspiu , Riccardo dell' 
Aquila, e moltiffimi altri Baroni 'di que- 
fie Provincie, accorfero tutti a Gaeta of> 
CureBdogli ogni lor aiuto ( « ) • Gugliel- 
ino, ed il Principe di Capua preftafono 
i giucamenà <li ledekà come ligi della 
Sede Appoftolica eh' eramo , ricevendo efli 
la conlerma 'dell' inveftiture in quella gui- 
di «he i loro predeceflbri aveanle ricevute 
dagli altri Pontefici * Edè da notare , che 
i Principi di Capua iir^uefti teinpi pre- 
ftavaa Tomagio al Papa , nell'ifteKa tena- 
po, ch'erano ligi ^1 Duca di Puglia. 

Ma non è qu) da tralafciare ancora, 
cheGuglielmo, non badandogli aver avu- 
ta finveftitura da Pafcale, la volle an- 
che da Gelafio , dal quale non potè otte- 
ner altro,. che una-conferma riftretta fem- 
pre ^1 Ducato di Puglia, e di Calabria, 
guardandoti bene di fenderla al Principa- 
to di Salerno, ad Amalfi, ed« tutti que- 
gli altri Stati , eh' erano già paflati fotto 
la dominazione de'Duchi di Puglia * Così 
l^Bgi^^QAo imHa formola di quèfta invefii- 
tura rapportata dall' Abate della Noce 
Ct)y che Gelaib la diede a Guglielmo: 
QjéfmadmodMm Gregorius Papa ttadidit i/- 
lam ReAerto- Guifeardo Avo tuo ; & ficut 
Urbanus Papa tam Rogerio Pafti tuo prius^ 
^ pofiea- tibi tradidit ; fic C> ggo^ trado tibì 
éandtm Terram cum btmore Ducatus per il- 
lud idem danumy & canfen/um. Ma è da 
noure Terrore occorfo in quefta formo- 
la, e mancare* in etfa dopo la parola, 
fofteay il. nome di Paf calisi poiché Gu- 
glielmo non mai da Urbano ricevè invc- 
ftìtura, come quegli che premorì a Rug- 
giero Aio padre, e Guglielmo fuccedè al 
Eadre nel Ponteficato di Pafcale , dal qua- 
; , e non da Urbano la ricevette , come 
rapporta Pietro Diacono. 

Intanto s'eikerbarono le contefe tra il 
Papa, e Tìmperadore: ^uéfti tofto che 
ftppe efUrfi Gelafio partito da Roma , fe- 
ce el^ger Papa Maurizio Aicivefcovo di 
Brai^ , che fi fece chiaoure Gregorio VIIL 
Dall'altra parte Gelafio venuto a Capua 
fconiunicò V Imperadore , V Antipapa , e 
tutti i complici, ed operò che Roberto 
Principe di Capua ragunafle le fue trup- 
pe per opporle ad Errico, affinchè intro* 

{9i) P.DÌac.Ub.^c.6^ {h'ìAdChrQ^ 
me. Cali. Itb. 4. cap. 6^ (e ) Peltegr. in 



ducere lui' in Roma. Roberto, unita tana 
confiderabile armata ', prende il cammino 
Terfo il Monafterò Caflinefe , per quindi 
patfar in. Roma infieme col Papa , come 
aveagli promeifb; ma avendo mtefo che 
r Imperadore non era molto lontano cop 
forze fuperiori , non volle partirfi da Ca- 
lino, ed aveado quivi ricevuti gli Am- 
bafciadori d'Errico, che lo confi^liavaao 
a ritirarfi, egli abbandonando 1' imprefa 
a Capua tornoifene . Quindi Gelafio , do- 
po varie vicende di ^rtuna ,^ abbandona- 
to da' Normanni, finalmente non poten- 
do refiftere a tante forze , pensò andarfe- 
ne con alquanti Vefcovi , e Cardinali in 
Francia, e giunto nel Monafterò di Giu- 
gni , ftanco finalmente per tante cure mo- 
iette, e per tanti incomodi foSerti in quel 
penofo viageio , quivi iu^ermatofi fini la 
ina vita il di 29. di Gennaio dell' anno 
li 19. dopo aver non più che un anno, 
e cinque giorni con tanti tiravagli , e pa- 
timenti tenuta quella Sede. 

Tofto i Cardinal i, vedendofi privi d*un 
tanto Pontefice , e che mal potevano oppor- 
fi a Gregorio, fé immanteuente nonprov- 
vedeflfero al fucceflbrc , eleifero in quel 
medefimo Monafterò Guido Cardinale Ar- 
ci vefcovo di Vienna nato di Resal ftìr- 
pe, come quegli ch'era fini iuolo del Con- 
te di Borgogna a^Re di Francia per (an- 
gue cotanto vicino , eCalifto II. chiamof- 
fi , il quale fubito portofli in Roma , ove 
dÀ Clero , dal Senato , e Popolo Roma- 
no con fegni di molta ftima fu ricevuto. 
Il falfe Papa Gregorio Jafciando Roma 
fi fortificò a Sutrio, Gattello per fitoben 
forte , ove co' fuoi ritiroffi ( t ) . 

Intanto Cali/lo , per toglier dalle radi- 
ci quefto fcifma, pensò non eflervi altro 
rimedio , che il ricorrere agli ajuti de* 
noftri Principi Normanni , venne perciò 
a Benevento , ove fu yifitato dal Duca 
Guglielmo, da Roberto, e da tutti i Ba- 
ioni di quel contorno , i quali oiferendo- 
gli le loro truppe, tutti ftimarono dover- 
li Sutrio ftrinsrere di fttetto aifedio . In 
fatti non pafsò molto che fu quefto Ca- 
ftello ftrettamente aiTediato , tanto che 
finalmente bifognò renderfi : Maurizio 
venne nelle mani di Papa Galifto , il qua- 

Caftigat* ad Anon. Cajjf. A. iii^. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB. X. CAP. IX- 



le la foce ftrectameate cuftodire in itnt 
fòrte Rocca come fua prigioueio » E qìxì 
fial quefto fcifina di travagliare di van* 
taggia la Chiefa Romana > oellk quale 
cominciò a goderli qualche pace . 

Ma fuquefta pace interrotta dalla morte 
accaduta, in queft'anno 1120. di Roberto 
Principe di Capua ^ dal ouale Caiifto aven 
ricevuti sì importanti fervig> » Non la- 
liciò qaefto Principe > che un folo figlino* 
lo chiamato Riccardo IIL il quale al 
fuo padre nel Principato fuccefle • Ma 
quello Principe non pJù che pochi giorni 
tenne il Principato ; poiché appena con- 
fecrato fecondo il folito coftume de' Prin*- 
cipi di Capua. Normanni > che folevaa 
uiigerfi coi iacro olio per mano dell' Ar«> 
civefcovo j! fini tolto i giorni iuoi in Ca- 
pua V ^^ lafciando di fé progenie alcuna » 
f;li fuceedè Giordana H. fuO zio» frateU 
o di Roberto fuo padre (^)» 

Rélfe Giordano il Principato di Ca- 
pua fenza diilurbo ben fette anni » infino 
al 1127.. nel qdal anno morì . Sua mo- 
glie fu Gaitelgrima figliuola di Seroiio Si- 
gnor diiiorrento, la quale fin dall'anno 
mi. erafi con lui fpofata , e gli avea 
portato in dote Noceracon molti luoghi 
vicini foctopoili a «quella Città. Da que- 
lla fua moglie gii nacque Roberto IL 
che gli fuccelTe > e fu l'ultimo Principe 
di Capua della razza di Aiclettino j poi- 
ché dilcacciato dal Principato da Ruggie** 
ro L Re di Sicilia , ebbe la dilgrazia di 
vedere dalla fua cafa ùfcire quella gran- 
dezza » che i iiioL magi^giori per lo fpa* 
zio di tanti anni s avevano con tanta 
prudenza > e valore mantenuta > come di«> 
remo nel Regno di Ruggiero «. 
- Intanto Papa Caiiièo ^ iodate alquanta 
le diicordie > attel'e a comporre in quella 
miglior ibrma ^ che «potè io flato della 
fua Sedè > e lop|^ tutto proccurò di con- 
fervar col Uuca di Puglia Guglielmo quelP 
ìfiefla comlpoudeuza » ed amicizia che 
V.' avea tenuto ti iuo predeceilbre . Né 
-Guglielmo moitròrieiirimeati divertì , poi- 
die.. volle da lui > ficcome avean .fatto i 
fuoi prcdecelfori con Gelafio , e Paficale » 
ricevere Tinvellìtura del Ducato dì Pu- 
l^a 2 e di Calabria 1 fecendofi uom ligia 

(a) PelUgt. in Stemmate^ (h)P.DÌMf. 
lìb. 4 . cap. 68. ( e ) Ptllegr. in Caji. ad F0U 



della Sede AppoAolrea' ^ e ricevendo Mti 
lo flendarda i' inveftitura ; ed arrivato 
Califlo in Troia > egli lo ricevette in oueU 
la Città con ogni fegno di flima, e di ri* 
verenza ( ^) i ficcome fece nell' anno rt 2 1» 
in Salerno > ove venuto , trovandofi ivi 
ancora il Conte di Sicilia Ruggiero , fi 
da quefli Principi accolto con molto ri- 
fpetta, ed .oflequio ( e ) . 

Tenne da poi ncU' anno ii2;f.unCon* 
cilio in Laterano per dar rimedio a mol- 
ti difoidini , <:he nella fua Chiefa erano 
nati per le gare avute con ErÀco . Proc« 
curò aver pace col medefimo> edopo ave- 
re con molta prudenza quietate le cofe 
della Sede Appoflolica , finalmente nelP 
anno feguente 1124. fin) in Roma i fuoi 
giorni ld)y lafciando di fé gran dbfiderio > 
e molta afflizione i e fi vide ben toO» 
quanto folle riufcita grave alla Chiefa Ro- 
mana tal perdita » poiché appena morto , 
divifi i Cardipali in fazioni elelfeip due 
Papi> alcuni Lamberto Vefcovo d'Oflia, 
che Onorio II. chiamofli, gli altri Teo- 
baldo Cardinale di S. Anaftafia , che Ce- 
lellino II* fu appellato . Ma quefto fcis- 
ma ^ che- fi temeva non doveffe lungamen- 
te perturbar laClùefa, fu con^iftuporedi 
tutti. ben tofto reprcffo ^ poiché cedendo 
il partito di Celeflino » come più debo^ 
le , a quello d' Onbrio , i di lui partegia- 
ni ^'unirono con coftui , onde fedati i 
difordini Onorio fu da tutti avuto e vene* 
rato per vero Pontefice • 

C A P. X. 

Lotario Pi^r di Saffonia fucttd^ net 
Imperiù d" Ordente ptr la morte £ Er- 
rico \ ed unione di tutte quejie nc^he 
Prtyvincìe nella peffona di Ruggiero 
Gran Conte di Sicilia , per la merte' di 
GuGUELMO Duca di Puglia^ 

E difcordie» che nelPanno 1x25. ac- 
caddero in Germania per la morte 
di Errico IV. turbarono in gran parte 
lo flato delle cofe d'Italia; per non ave* 
lafciató queflo Principe di fé prole ma- 
fchiie , furlcro tra i Principi della Ger- 
mania grandi ditfenfioni per eleggere il 

L 7f fuc- 

Bè>iei>. ^..U2u Cd) ^*^- Dia^on. Kb. 4* 

4f0p.%i- 



Digitized by 



Google 



-«4 D E t U I S T O 

AioaBCrore : 4ue fops^ tuiti gli «Itri dfpift- 
▼ano .41' Imperio 5 e coamajMiiorcaateii* 
zione di.aQÌino: Conrado nipote d^£rrr> 
co t e Lotario D|ica di Saflbnia (« ) • I 
Priicipi deli' knperia ragunati per toglie- 
re i diTordini y che ne potevan tiafcere « 
6irono rifoluti di compromettere queft' eie* 
zione neir arbitrio dell' Arcivefcovo di 
Magonza, dichiarando che colui ^ ilqoa- 
le egti'av^tfe Amato degao dell' Imperio 
Romano \ fenza dubbio, avrebbero tvtti 
fletto • L' Arcivefeovo che portava odio 
' injipbicabile non pur' ad Errico , ma *a 
tutti àtlÌA fua razza } fenza. molto deli- 
bérare ne efclnfe toAo Corrado » e piopp- 
nendp Lotario come Capitano in guerra 
efercitatiffimo , pio > e prudeme » lo prepo- 
fe a tutti 9 giudicandolo il più degno» ed 
idoneo » che all' Imperiai ieggio potetfe 
ìnna^arfi : fo appjN>vata l' elezione, , e 
Lotario per loiperadore falutaio . Incoiai 
gui& per r indàftria > e deftrezZa di fue- 
tto Pk«latò palsò l' Imperio da' Tedefc^i « 
che* per tanti antii l' aveano tenuto » a'Saf- 
fimi nella perfona di Lotario^ che alcuni 
UL akri con più verità chiamarono IL 

Corrado imjpazieote dellar repulfa , uè 
potendo fotiBrire» che altri che egli fùth^ 
iato iurrogato in luogodi fuo^io , aven- 
do tirati al fuo partito alcuni Princìpi 
della Germania y fi fieoe 4a quefti coro- 
msutt per Re di -Germaoia • Così comin- 
ciarono le difcordie tra queft^ Principi » 
le quali a lungo andare. cagionarono nipU 
ti mfordini*) e confufioni nell' Imperio ; 
ma Lotario cocne «letto dalla maggior 

Ei9e.9 e ciò che piji importava » con- 
rmato da' Pontefioi. Romani y fu licono- 
Icinto per Impefadore per tutto Occi- 
dente . 

Ma ecco che mentre Onorio reggeva 
la Sede Appoftolica» e Lotaria.l' Impe- 
rio , mentreper la morte accaduta di^ior- 
dano, reggeva Capua Roberto fuofigftuo- 
io , e mentre Seipo ultimo Duca gover- 
nava il Ducato, di Napoli, accadde in Sa- 
lerno in quell'anno iizj. (t) la morte 
di Guglielmo Duca di Puglia , il quale 



R I A.C I VI L E 
dopo la morte di Ruggiero k» ptdre^ 
avea retto quefte Provincie per lo fpazio 
di Tedici anni (e).. 

La morte di qu^o Principe cagionò 
alla fin^) che imeramente tutte quefteiMH 
ftre Provùicie s'unitfero in una perrooa 
in forma di Regno , e che s introduceiTe 
per conièguenza nuova Politia > e {iù fta* 
bile, e perfetta forma di governo . Poi- 
ché -non avendo quefio Principe lafciato 
di fé figliuoli) s'eftinfe i^i Ini, enei fuo 
ramo la .progenie « di Roberto Guifcaitic^ 
id) . Non vi era altri*, che avefle potu- 
to fuccedere a' fuoi Stati, che il Conte 
di Sicilia RuggiciO fuo zio cugino, come 
qu^i, cbeera^gliuolo, ed erede diRug- 
giero, fratello del Guifcardo. Né poteva 
ricercarli ^lora altro Principe di forze 
più potente , di confanguiiutà cotanto^ ftret- 
to, efpertiffimo delle armi , accorto , 6 
prudente, quanto il G. Conte di Sicilia, 
il quale portandogli la fortuna^ un retag- 
gio sì grande, ne abbracciò avidamente 
l'occafione. In fatti perche non fotfe im- 
pedito da altri non tardò Ruggiero aa 
ammento a prender il poiTeffo vdi una 
tanta ecedità. 'Egli toùo imbarcatofi in 
Meffina fojgra una armata venne impro- 
vifamente in Salemo, ove fecondo il co- 
mune, e la folita cerimonia fi fe<;e dalT 
Arcivefcovo di tCapua confecrar Principe 
di Salemo (e) • Pafsò immanténeme a 
Reggio ) ove Duca di Puglia , e di Cala* 
bria fu falutato i e fcorcendo per quefte 
Provincie, fu da tutte 1^ .Città ricevutb, 
ed acclamato per loro Sovrano • 

Il Pontefice Onorio fubito, dfìntefe, 
che Ruggien^ eoa tanta celerità % f^nza 
fua faputa , c^ fenza richiederne da lui in- 
veftitura , erafi impofleffato , oltre della 
Puglia , e della Calabria , del Principato 
di Salerno, d'Amalfi, e di tutti queftt 
Stati , fé n' ofièfe grand^ente ; e temen- 
do che uniti colla Sicilia tanti doRMnj^ 
la foverchia potenza di Ruggi<MK> final- 
mente non teribinatfe in depreffione del- 
la Chieia di Roma , cominciò ad alienar* 
fi da lui> ed a peniar modo di tcatto^e- 

re 



i^)Pjf9.DìacJik.^€gp.%j, (b)CAiwi. €Ìu Affup in tpfo onmìs Rob$rti Guifc^/ii 

Romu aldi ArcK Salem. Falerni Benevent. familia , qua ex ipfo defcendant « finits 

jw. aiZ7. (e) P, DUa. lib. 4. cap. 96. efl. (e) Abb. Telnfin. lH.u 

rMegf. m Stemm. (d) Petr. Diae. ke. . » 



Digitized by 



Google 



DEL REJ3N0 DI NAPOLI LIB. X. 

te il oeefedi tanta felicità • Quindi ifiioi ti oftatoli^.che i 

fuoeetfori , coma fi vedrà più innanzi ^ 

iboif^ndo y che Rug8|iero y ciò che i Tuoi 

predece&ri Dacbi di Pu^tia non ^poterò* 

aor confegpiFe, avea.glonofaraente unità 

sei fm capo la corona^ di Pnèia > e di 

Sicilia, ebbero fempre por foipeira la fna 

potenza, e mutando ftile^ tomìnciarono 

ad efleigli avverfi, ed a frapporre mille 

impedinienti al. {ilo ingrandimento . Ma 

queftò Prinéipe col fuo valore, e pniden* 

za ruppe» gii oftacoli • e condiiife felice* 

mente a ttie i fiioi difegni ; poiché an« 

corchè i Principi di Capua mfkra> lig; 

a' Duchi di Puglia, amminiftrandofi'però 

quel Principato con piena libertà, e pò* 

tere da ÌLoberto IL Ruggiero dopo eCTer- 

ne ftato inyeftito da Anacleto, neir anno 

1135. ne diCiracciò.RotftTto, che fu llul- 



CAP. X. ^ 

Rftomani Pottfcefici , ^ 
Lotario Imperad<»e frapporrò a queftà 
(ila grandezza, come con nuove leggi ^ 
ed i&tnti ftabiliife meglio ouefto Reame , 
e i^ù perfetta forcna gK defTe , faannno 
ben atnpio foggetto Mei libro feguente ; 
ricercando intanto Tiftituto di queft'ope« 
ra , prima d' incominciarlo , che in breve 
diafi un faggio della forma , e difpofizio* 
ne nella ^uale trovò Ruggiero quefte no« 
ftre Provincie quando eraiitoUe,, nonfo^ 
lapctr ciò che .concerne il n\)mero de' ittioi 
Baroni, e la pólitia£ccIefiwica<,'ma..Ì0«^ 
pra tutto delle leggi t e delle lettere » dbe 
in queft' età in quelle fiorivano ^ 



C A k XL 



timo Pfiflcipe , ed a fé appiopriò ^ gran 
Principato-. Il Ducato Napoletano- ch'era 
F ultimo rimalo a paffar fotto la fua do- 
minazione-, e che per tanti fecoli sVera 
mantenuto in libertà contio gli s^rzi de' 
Longobardi, e de' Normanni,, finalmente 
oell'anno 1139. io ridutfe ^gli ibt«» il 
fuo A^minio • Tanto che niente reftaya 
in quefte noftre Provincie, che a Ruggie- 
ro non foife fottopofto . Ed in cotal ma- 
niera » avendo unito nella fua perfona 
tutte quefte. Provincie, vec^tofi ih tam4 
fublimità, fdegnando i titoli di Conte, 
e di Duca , volle piendere J|l . tìtolo. kIì 
Ke ^ e poic&è avea coftituito per capò 
del R^no di Sicilia Palermo, ivi trasa- 
lì fa fua Regra^ fede. Ed avendo fotto *Ia 
fin dominazione tut^ il Ducato, di Pu- 
glia, e di CalaKia (anche quelle Ter- 
re ch'erano fiate lafciate al Principe Boe- 
mondo ) tutto^ il Principato di Salerno , 
e irdL Capua , il Ducato d' Amalfi i ,r altro 
di Naj^li, e di Xj4eta, ed il Principato 
di Ban , voHe^rQÒ ne' pubblici Atti iit- 
fitolaiifi* RexSfcìlkBf ÙucatusJipulia y\& 
Principatus- CA/^a . Il qual titolo fu !da' 
.fimi Accetto)^ Itegaineiite ieirhato r fotto 
il nome di Re |li i^/ì^,. ovvero di Re 
dr' IfaHa tutte q^ejte Mftfe Provineie com^ 
pvendendo . 

Ma le fanoK gefta di Ruggieio L Re 
della Puglia , e dì Sicilia^ com' egli col- 
la fila pnidema , > valore fiiperàfls i mot- 

.^ ' . " ' 

(^^) Vedi Afchgia Tom.P. /^. 2. f0f^ 



^L^gg'^ Longobarde 



Normaìmi .Le 

Regno loro per gii Mowm^ì 

per gli Arabi iip Salerno .. 



e .Feudali ritenute 
dìjsìpline .rifcìrgmà 
' Cajfmefi 



da' 
nei 



I Normanni , ancorché feeondo le leggi 
della vittoria , opdquiftatewhe ebbero . 
quefte nqftre Provincie ,. aveiÒbro potnto 
impor ouelle^ leggio' vinci , 'ed introdurre 
neyuQghi.cooqufftmìqueUa forma di go- 
verno, che lor Mlt ftato p^ a grado; 
nulladimancc^ lafciaronò vivere i Provin- 
ciali con quelle Aefte leggi , ed iftitutt 
che aveano ; anii infino ad ora , nuove 
leggi da loro non- furono introdo^e , fio> 
come ^era i Longpbaidi., ma ben fttgjid 
dille leggi Longobarde, e Romane:, alo* 
ro; imitazic^e non fola tafetarqno viv.€«| 
i loro fiidditi nelle piòprie leggi , maew 
medefimi s' adattarono a quelle .* li fd^ 
-mo , chei nuove* leggi y' intfodutfe , In 
Ruggiero L R^ , come nel feguente libM 
diremo (*). 

Portò ciò in confeguenia , che niente 
ancora ttt^%qm intorno a' Feudi , 1# cui 
Confuetudini prp^edenti per la ; maggior 
parte dalle kggi Longobarde ^ reiiaroM 
^osi intatte, com' étmo , e le lé^i \^^t^* 
Imperadori fin ora fii di quelli ftabilice , 
finton da efH con non .minor rispettò ri^ 
ceuttte , e fatte offervare . Anai avendo^ 
difcacciari dàlia Puglia, dalla Calabria, e 
dalla Sicilia i Greci, ed J^'^^ceni , che 
Pendi ibn>oont»bbeio:iifcrój|^èffi, che in 
' - ' • Ta qac*-'^' 



Digitized by 



Google 



»^ DJULV IST o 

foc^ Bmmcie) ed ia queir Ifola rin^ 
troduifero ^ ad efempia dell' altre ^ che 
crana più lungalneate durate (otto la do- 
minazxQne de' Loogphardi ;. Quiadi multi^ 
plicoiU il numero de' Baroni ^ ed oltre -di 
fx>lora eh' erano ne'Arincipati di Beneven* 
tay di Salerno, e di Càpua, il fentirooo 
vche da poi nella Puglia i Conti di Con» 
vttÙLXkOf di Tram 9 di Lecce ^ di Mono» 
poli y di Andria Ca)y e mpltiflimi altri i 
e nella Calabria que? di Catanzaro, di 
Sinopoliy di Squillace, e di Coienza, di 
«Tarda ,^ di Bifimano y di Girace ,, di Mel- 
lito ^ di Policaftroy e molti altri*. 

£ Te bene qùefte ,due Provincie ritol^ 
te a' Longobardi da' Greci , aveflcro fpe- 
rixnentato. per lungo tempa la loro domi- 
nazione , nuUadimanco coaquiftate da'' 
Kioirmannii furono bea toflole- leggi Lon-. 

riarde; in .effe intrpdotte^ e. tutte le Cit- 
delle medefime iecondo i lor dettami 
il reggevano ; .anzi Bari che fa La princi^ 
pai Sede ,, ^rima depli Straticò , e da poi 
de' Catapani > più di tutte le altre , alle 
leg^ Longobarde s' attenne , .e leConfue- 
tuaini di quefta Cìttà^ noa altronde de- 
rivano, fé noa dalle leggi Longobarde;. 
EtAsi qual cofa Ruggiero I.. ^.c di ^ci^ 
t y dopa aver prda ,: ed efpugnata queK 
la Città ,, volendo rìo^inarlaidi buone leg-^ 
gi , fia. da' Bareli richiedo j^ che lafciaKegli 
vivere eoa le proprie loro Confnetudini ,, 
e particolari Coftituzioni «. che tenevano, 
mtte dalle leggi Longobarde, effendofta-» 
ta lun^. tempo- la lor Città, fotta i Len- 

«baitdu co»e iotto Ajoue, Melo,.Me-^ 
ldi?;o,. Grijtnoald9,/ed altri^^rincipl di 
£^fifiufi I^utgobflf dp ^ e* Raggiera avwdo- 
le lette, e como^ndate^fotdinò che quel- 
le, s' oifervaifero >, ùcfiome Imigamiente. da. 
poi ebbero vigore^,, ed infino a? noftriteoa^ 
pi s'^ (^er vana ( b) . 

I^v^re i. Nojrmanni pej lo fpazia po- 
co mba d' uà fecola % d^ che conauiftaror 
«o la.P^lìa infino, a RuggiefoL R^ i 
tfmuto tanto contP» delle leggi Longobar^ 
de^ ^ r averle prepofte a tutte Je aUre , 
fece sl^-che paifaifergi in quefte Provincie 
ver legge comune ; ed i aoftri Pro£edbri 
iKKi indrizzafaao ad altro il loia &idio ,, 



,i 



( a ) ,P^iJ9£f, ;^ C^ig0U ad M.. Calf. 
JL 11.^2. (,b) Con/ueuBar. in prommìo. 
JU muald. AfcbÌ9f.:Saler. in Q/^iKiM^, 



RIA CIVILE 

che a wefte per ajpptrftric» oooie ^elle ^ 
c^e pofle in maggior ufo, se! Tribunati 
avèana tutta autorità y e vigore^,. e per 
quelle folamente le liti eiaa decife ^ 

Le leggi Romane erana ,, come più 
volte fi è notato ,. folamente ritenute co^ 
me una » tradizione ; e preflTa la plebe ^ 
eh' è r ultiou a deporre |;li antichi iftitu* 
ti erano rimafe come antica ufanza, non 
già come lègge fcritta . La Romàna Giù- 
riibnidenza ^ ed i libri di Giuftjaiano ^ 
ne quali era contenuta C ficcome tiitte V 
altre difcipline > erana andati in dimieii<« 
ticanza,^e d'eili rara era la notizia in 
quéftr tempi « ed ia quefte noftre parti , 
e molto mencH Ip ftudio , e r.applicazione * 

Ma ppn dobbiamo* fraudar qui' della 
mecitatai4ode i Monaci Cafllnefi, i'qua* 
li ftircmo i primi^ che cominciarono ia 
mezza di tanta .ofi:uxdtà a. reca^ qualche 
lume a tutte le profeffioni in' quelle no- 
ftre Provincie • La diligei^ca del famofo 
Defiderio' Abate* Caffinenfe , che innalza- 
to ai Ponteficato Vittore IIL fo detto , 
fece che fi cominciale ad aver notizia di 
qualche libra di quelli: di Giuftiniano^ 
ficcome deglialtri d! altre facoltà • Quefto 
celebre Abate dopa aver ingrandito quel 
Monaflero d' eccelfe fabbriche , diedefi a 
ricercare molti libri .per fornirlo d' u;ia 
nnmerofa Biblioteca ;, e non efiendo anr 
Cora in Italia introdotto Tufa della ftam- 
pa ,. con. jB^ndiffimO' ftudio , e- molta 
fpefa , avutr che gli ebbe , fecegli tra- 
fcrivere in buona fomiA • Fra gli altri 
Codici furouo le Iftituzioni di Giufti* 
niana , e Le fue Novelle ( e) .. Ma 
quefti libri come cofe Iture fi reputava- 
no alloca» né giravana attornaper Le ma- 
ni d' ogni uno ,. come ora ;; ma fi cuAo- 
divano ,: eome co(a di molto pregia in 
qualche' illuftre Biblioteca «. &»1q nella 
Ghiefa Requma. era più l^quente U ufe 
di <)uelli , ed anche. prefTo afcuni Iisapera* 
dari d' Occidente , i quali alle voke ftar 
hikndajqualche loro^Coftituftion^ fi ripo»^ 
lavano a. quelli .. Del Còdice di queft'Im- 
pe^ad^ie, ancorché ia quefti t!«ip»pi per 
fa Francia ( come è chiaro dall' EpiAole 
d! Ivone Camoteafe X e pM V Italia an- 

CtìlMi 

^.BeatiL^.diJbri^JiiuA. ieìGArm. 
Caffìn. lib.^. €ap^ 63. Inftituta Jufiinìani^ 



Digitized by 



Google 



DEL X.EGNO DI KAfOLI LIB. X; €AP. XL 



\ cora ( com'è mafnifisAo da atcane leggi 
' degl' Imperadori d* Occidente y particolàf^ 
' mente d'Errico II- (tf ) e. dalle Decretali 
di alcuni Papi ^ «he allegano alctiné leg- 
gi dei mè<fefimo) ne giraffe .^ualdi' efem* 
piare ; nuUadimanco a pochi «ra in ufo ^ 
eziandio agli llefii Profeffori , i quah 
la trafcuravano per non aver quella for- 
za , « vigore nel Ferro, ch^acquiAò da 
poi. 

Le Pandette non s'erano ancora fco« 
verte in A Aalfi , in modo , che i noftri 
Profeffbri n' aveffero potuto aver notizia • 
Ve n' era ben^ qualch' efempiare in Fran- 
cia;, iiccóme dimoftrano V Epiflole di vo- 
ile > nelle 4}uali dovente s' allegano alcune 
^ggi ( * ) de' Digefti ^ ppichè in quella 
Provincia, per le faraofe (uè Biblioteche , 
non vi era cotanta ignoranza di 'quefti 
libri , e del Còdice Teodofiano , t del 
fuo Breviario ne girava attorno ancora 
più d'un efempiare. 

Preffo di noi nella fola Biblioteca Caf- 
finenfe- potevan vedèrfi le Iftituzioni , e 
le novelle di Giuftiniano,- tanto è lonta- 
no che r ufo delle medefime a quefti^ tem- 
pi foffe così frequente ne^ Tribunali del- 
le Città di quelle noftre Provincie , rome 
iora . 

Solo le leggi Longobarde eran le do- 
n||Aanti , e ciafcun Tribunale fecondo 
quelle diffiniva le £ue caùfe , e fecondo 
le medefime fi regolavano Te fucceiConi, 
i teftamenti,.^ contratti, lapurtizioji.de* 
delitti, le confifcazidni , e tutti i giudi- 
ci . Sono fra monumenti delle* noftre. an* 
tichità aocor'i noi rimafi alcuni veftigi^ 
che i Giudici appoggiavano le^.lorò' feo- 
tenze fopra quefte leggi ; e Lione Oftien- 
iè (e:), il litigio inforto intórno Tanno 
1017. tra il Monaftero di^M. Cafino con 
i Duchi di Gaeta , e' Canti di Travetto , 
narra , che fu decifo non meno per le leggi 
Romane , che per le Longobarde • CamHIo 
Peilegrióo (d) rapportaun diploma di Ric- 
cardo II. "Principe di Capua , per cui fu^at-^ 
ta donazione alIaChiefa di S. Michele Ar- 

(2t)' Con/ih. Henrìctn IL Longobar. Itb. 
2, tìt* Ò7. /• II. dove fi ricorre alla /. 25. 
C. de Epifc. eh* è di Marciana ; ed alla L 
1» C, de jurefi^r, pfepter. calumn» eh* è di 
Giujiinìafuy. Ih) Ivo Epìfl. 46. Ufide O* 
in lib. Pandeclarum eontìnetut ^ allegandoji 



vangelo in Fornii» di molti beni , e te 
gli altri'd' alcuni , che a Riccardo fuo avo 
erano pervenuti per alcune corìfifcàzioni 
fcguitc JteundHm-Lon^batdùtum legem * E 

3uefto medeiifiio Scrittore ( è ) rappcnrtà 
uè fentenze profferite anche dopo (]ueftt 
tempi) vna jiell'anno 1149. fotto il Re 
Ruggiero, e l'altra nell'anno 1171. sfot- 
to il Re Guglielmo, nelle quali ^\ vede 
per le Leggi Longobarde effere' le caufe^ 
decifè ; 

Né in- iquefti tempi , ìiel decider le 
taufe , ricercavano i Giudici tanto" appa« 
rato , e tanta pompa ^ conl^ oiferviamo a* 
tempi noftri. Effi credevano che quelle 
fole poteffcro baftaire , t ciò anche proce- 
deva perchè non fi dava luogo a tante 
lunghezze , a tanti raggiri , e (bttigliez* 
ìze. Ogni Cittì -teneva il fuo Tribunale , 
ed i fuoi Giudici: e le liti fenza molto 
apparato preftb eran terminate ; quando 
accadevano controverfie intorno a'confini, o 
t:he in altra maniera vi fi richiedere Tifpe^ 
zion oculare, li portavano fu la faccia 
del luogo, ed ivi prefto la caufa fi fini- 
va j né eran difpéìidiati i litiganti di ri- 
correre a' Tribunali Yemeti^ inanella lo- 
ro Città avanti i loro Giudici le contro- 
verfie eran tofto terminate. 

§. 1; Prime Raccolte delle Leggi Ìo«- 
gobarde y e -loro Chiofatori . 

A Vendo dunque ^ particolarmente in 
quefti tempi, acquiftaia tanta forza 
ia qnefte Provincie le leegi Longobarde , 
i' noftri Profeflbri tutti. s'applicavano al- 
lo ftudip delle medeffime; nèeffendo fia- 
to fin <jul , chi r avéfle in un <o\ volu- 
me raccolte^ nel quale e le le|gi da* Re 
Lpngot>ardi, e -quelle che dagl' Imperado: 
ri d' Occidente , come Re d' Italia , erano 
ftate finora promuligaté> foifero ftate uni- 
te infieme per ufi) del- Forò , e per mag-^ 
gior agio, e comodità degli Avvocati, e* 
de' Giudici: finalmente intorno a quefti 
tempi ne fu fatta la Compilazione , per 

la 1.7. II. 11^. ì). de fponfalib. E nelPEpift. 
69. s allega la l.li. e 14. D. eod. tit. de 
fponfalib. ( C ) OJlienf. lib. z. cap. 35. 
(d) Fellegr, in Stem. Princ. Longoba/d. p. 
288. ( e ) Pellegr. hffi* i^rine. Longob. pag. 
251. <y 25^. * . 



Digitized by 



Google 



»Ktr ISTORIA CIVILE 



là quale in un fel ^rokàjait fiirom tiMb 

quefte leggi faccolte . * ' 

La prima Raceblta, che nei pt^Aamo 
^fiioftrase di quefte leggi ^ ^ * qu^JA àt€ 
ancor ù confetta neU^ Afchivib cteiMo- 
fiaffero' delia Trinità ddb Cava, ove in 
nti volume membranaceo fcritt^^in tette- 
re Longobarde, fi vedono inlèriti tiitti 
gli Editti de' Re d^ Italia , in€bmindan- 
do da Rotar! , che fii il primo a dar 
leggi fcritte a* Longobardi . Dopò' T Edit- 
tò di Rotari, fiegue Taltrt) di Grimoal- 
do: inllr fiegùono le legc^ di Luitpràndd; 
poi ausile di Rachi ve ^finalmente quelle 
d'Aitoifo', che fn T ultimo ReLongobar- 
da, cheavetfe ftabilite-leggì ; poiché, co- 
me fi diife, Defiderio* Tuo fucceffo^e, ed 
nliimo de' Re Longobardi , intricato in 
continue guerre, non- potè penfare alle 
leggi. Ma jpoichè, non oftante che' Car- 
iò M. avene difcacciato Defìdérìo, ed il 
Regno d'Italia dà' Longobardi (olTe trasfe- 
rito a' Frahzefl , non' dsfsò' la dominazio- 
ne de' Longobartf^ in quefte noftre Pro- 
vincie fotto i Prmcipi 'di Benevento , i 
quali ad efempio* de' Re LongòGardt , fta- 
bilifbno tnolte léggi, le '^uali lungamen* 
fé nel Priheipatojdi' Becieveoto , che in 
que'tempi abbracciava qua(r tuttpciò che 
ora è Regno, di Napoli , s' oiTervarono : 
pértfò il Compilatore fiiddetto , che in- 
rraprefe quefta fatica per comodità de'no- 
itri, in <^uel fuo volume inferi ancora i 
CapìtoTifci d' Arecht p;f imo Principe diBe- 
tìevento, è ij^el d'' Adelchi fite iutcefTo- 
rej e dopo- averfe framezzate in* xjudlo 
alcune fue òpcrettef , fa una breve fpofl^- 
2ÌQne d'alquante leggi per ufo ife'Behe- 
l^ntani^ e molto più' pet gli Capuani, 
per li quali moftra' aver fetta quella fati- 
ca; tanto chcLWiFciò,*e per alcune altre 
conghietture , Iwpica Camillo Pellegrino 
(i/),.che rÀutore foflfe ftato Capuano* 
In^ qiìefta Raccolta* a^giunfe egli ancora 
alcune fne "Operette legali fotto queftilcon* 
ci , 15 groffi titoli . Quantas cauffa^ àebet 
effe judìcata fine Suetamentum . ìtem qua^ì^ 
tas caufas fieri debet per pugna indicata . 
MenwratQrium pto fuiius caufis filii ab ha* 

• "( a ) Pellegr. in Appenda Uh. i. hìfl. Princ. 
Longob. pag. 300. (b) Lìb. i. Feud. io. 
<S? ììb. 2. ai. 6^ 28. Struv. Hift. Jur. Go- 
t/jif. & Longob. §• 2« ( e ) Conring, de erig. 



ffJ^aie paerU eshredati fieri débet.- Cliiti* 
donò in fine il libro- i Cartolari di Cario 
M. di Pipino i di Lodovico^ , e ^gli ài- 
tri Imperadori, i squali diicaoctat^ i Lon- 
gobardi per Carlo M. ^roox) Re d'Italia • 
Quefta è la più antica Raccolta , che 
noi abbiamo delle leggi Lon^barde fat- 
ta da un Capuano, il cuiSiome è a noi 
ignoto, la quale non mai impreffa , fi 
conferva nell'Archivio Cavenfe* Il tem- 
po nel Oliale fu fatta , iiifpiea il Pelle- 
grino eilere nel principio di queftb unde- 
cimo fèceio intorno all'anrio iodi, o -po- 
co da -pòi ; poiché* 1' Autore v' inferifde 
un Catalogo de' Duchi ,' e Principi di Be- 
nevento , e de' Conti tli Cipua , e lo' ti- 
ra fino al detto aftno , jino "al' l^rincipe 
di Capna Adimaro » Moftra divantaggio 
aver conofciuto f^néoKf^Caf^HifetroFYinr 
cipe di Capua , il quale mori- tfsiV anno 
981. E quefto è* ancora"il primo ed il 

Siù antico Autore , che noi pofiSamo tnor 
:rare avere fcritte opere legali adattate 
a quefti tempi, ne^ quali^ tutta fa cura, 
ed applicazione de* iK^i Profetfbri era 
intomo alle leggi Longobarde. 
Chi fotfe l'Autore di quell'altra vuK 

Sata Compilazione divifa in tre libri, e. 
iftihta in più titoli, che ora fi legge in- 
ferita "nel volttttie deir Autentico , non è 
di tutti conforme il fentimento. Chefof^ 
fé ella' antica, fi dimoftn da' Libri Feu- 
dali ('b)y dove fi allegano molte leggi 
Longobarde, che ella racchiude. Alcuni 
( r ) credono , che foflfe fatta ne' tempi di 
Lotario IIL ovvero IL «kiiperadore da 
Pietro' piacono Monaco Caffinefe , ancór-> 
che per privato ftudio, trta con impulfa 
però delio fteifo Iiri^rador 'Lotario , non 
potendofi dubita», che Pietro fotfe flato 
IttO'Logoteta in Italia, e*«oftituito da lui 
Cartulario , e Capellano nell'Imperio (d) • 
Lo argòmentimò dalvédeffi, che dopo Lo- 
tario non* fi. leggono in quefta Compila- 
zione altre Coftituzioni d' Imperadori po- 
fteriori; poiché fé bene nelle - ultime edi- 
zioni^ di' Llndenbrogio, e.n^le vulgate fi 
legga una Coftituzione di Carlo IV. fi 
vede chiaro , che quella vi Al aggiusta da 

poi, 
/«r. cap. 1^. JEdit. ColleS. Confi. & legmm 
Imp; in proltgom. Stnn\ fpc, cit. ( d y-Chron. 
Iib./^.cap.t2^. ^ 



Digitized by 



Google 



DEL R^GNO 

poi , non ieggMdefi n«lla Riccoka di Mel- 
chior Golcbfto ,' eh' è pie antica* dell' edi- 
zione di Lindeilhrogto ; né quella fi ftp* 
partiene punto ' al Renio d' Italia . Stni- 
vio (ir), aggiunge mi altm conghiettuia 
dal vederfi) che alcuni efemplftri portano 
anche il nome M' Fietio Diacono • . • 

Akri per contrari ^rgomesiti di. ciò non 
s-'afficurano, ed il luo Autore dicono ef* 
fer incerto. Dubitano etferneftato Pietro 
Diacono, poiché qoefti nella Cronaca CaA 
finente ( A) noverandtf minutamente tut* 
te le iue opere che compilò dopo eflèrfi 
fetto Monaco, e facendo^ di efle minuto 
Catalogo, fino a porvi i proemi che. fe- 
ce ad' alcttoi libri non fuoi > ed a riferire 
due Inni che compofe a Santa Giufta, ed 
alcuni fermoni > ed altie mmuzzerie : 
di quefta Compiiamone non ne £aTella 
a£&ttoi. quando ^^ egli ne fofTe fiato Au- 
tore , non avrebbe mancato di hmc pora^» 
pa , parlando egli delle fue coiè , ancor- 
ché di Recioto- rilievo ) con eftraoidinario 
compiacmiento . Si aggiunge y che Carlo 
di Tooeo antichìffimo noftro Giureconiìil- 
to, nel ppoemio delle CMofe che fece a 
quefti libri , parlando de' Compilatori > dir 
ce che per la loro antichità > non avea 
potuto (apeme i nomi ^ e pure Carlo di 
Tocco ta molto vicino a' tempi di Lota- 
rio , poiché vide nel Regno di Gugliel- 
mo Re di Sicilia, ed avrìebbe potnto fa- 
pere fe ne folle fiat» Aittore Pietro Dia- 
cono. 

Che che ne fia , egli é certo che <|ue- 
fta feconda Raccolta divifa in tre libri » 
ancorché cmal fatta, fenz' ordine di tem- 
po, e con grande confufione , ebbe miglior 
fortuna, che la prima più metodica , e 
doì^e Ascóndo T ordine de' tempi furono 
iaccolti tutti gli Editti de" Re i^ngobar^ 
di , ed i Capitolari de0i akri fanperado-' 
ri Ri^ !d' Italia • Quefta non Àiai imprèffa 
giace ancor fepolta ìieir Archivio ^ella 
Cava; air incontro quella, di cui^fatfene 
Autore Pietro Diacono, ebbe molte edi- 
zioni , alcune leparate , altre unite al vo- 
kme deir Autentico j e Baiilio Giovamii 

. TonK IL . 
r > ( a ) Strùv. Joc. eh. ( b yCtmi^tib. 4. c£p^ 
669 (e) CaroL de Tocco gtof. in /. i. i>ii- 
#•&. de StaniaL L ^fi fms 6. ài m qui fo^ 
iuL lib. I, ( Ji) J^ Long.. L yfi quisr ftm»^ 
Umy de ìnjuu mulicr. /• fi qui$ alìisy do 



Drr NAPOtt EIB.X.:CAP. xh $f 

Zràild oojle leggi Saliche , Àlemmné^ 



.f» 



Satfoae, Brittanne , e d'akie Nazioni , 
fecek riflampare in Bafilea nell'anno 1 5 57* 
Melchior Goldafto ne fece fare un' altm 
edizione y e fédenco Lindenbkogio la fe- 
ce di nuovo riftanq^re , e T nnl al Codi- ^ 
ce delle leggi aiitiche • 

L'.ufo> ed autorità, che diedero i no^ 
ftri maggiori à quefti libri fu tale , che 
fecondo quelli etan decife le liti ne* Tri- 
bunali^ perciò f più antichi noftriProfef- 
fori v'impiegarono le* loro faticfe in com- 
mentargli, e farvi delie note. 1^1 primo 
che impiegale i fuoi talenti foprft quefti 
libri , e che con ben lunghe chiofe gì' il- 
Ittftrade fu Carlo di Tocco. Qjnefti nacque 
nella Terra di Tocco poèta fu 'IBeneveu'^ 
tano^ donde-, come era Tufo di qne'tMh- 
pi, prefc il4»gnome; « feguenda tfcfertf- 
pio de' fuoi maggiori , per eifer nato , co- 
m' egli dice 5 dì padre fimilmeme Dottor 
di leggio fi portò giovanetto m Bologna 

Sr apprendervi ragion civile ; ed ebbe fai 
ree d'avere per maeftri PkcMtino (0, 
Giovanni (d)y Ottone Papienfe (#), e 
Bagarotto (/)y difcepoli-, che furono del 
femofo irnerio* Ritornato poi nelRegn^ 
61 fatto Qiudice in Salerno- (^)} ed ef- 
fèndo ancor giovane , fu fotto il Re G«- 
glielmo L nell'annO' 11^2. creato Giudi- 
ce della G. (porte (A). Fu riputato nno 
de' pia infigni^ Giureeonfulti de' Tuoi tem- 
pi .^ e fra noi eftde la fua fama anche 
prfffo coloro, che ^ gli fctecefrero. 
• L'^oecafione che fo. data a quefto Giù- 
reconfulto d'impiegare- i fuoi talenti fo- 
pra le leggi Longobarde, non fu altra fìsv 
non quella, ch'ebbero Ermogeniano, e 
Gregorio - a compilare i loro Codici • Que* 
ili due : Giureeonfulti, vedendo, che per 
le nuove* leggi de' Principi Criftiarii^ l* 
antica Oiurifprudttiza de' Gentili «RonuK^ 
ni minava , vollero per niezzo de' lord 
Codici , quanto ^iù' foffe paflRbile ripavar^ 
la, peliché almeno 4i confervaflè in quel^ 
li. Cosi ne^ten^i di Guglielmo, eflendo^ 
fi già ritrovate le Pandette in Amalfi » 
ed etfendofi coóiiaciate ad infegnaee nell^* 

Adubmié (e ) X.. fi fui^ 4* ^ ^^*) 9^ à 
viro . ( f ) £. 4. </e ultim, volunt. ( g ) X. 
fi fùis am aiterò 9 doT^ìBi (\k)\CÌ0 flint. 
Ut. 4. stif. ti. Tj^pfìÀe ofig. Trih. M.O^ 
cÉf^ IP. ♦ . . . ......... ^ 



Digitized by 



Google 



^ DEL r rs.To 

.AMMkiiiift <r Italu» i Giuneonihha cK 
que' tempi ^raa tratti tlaila loro «legan* 
ji«, « ^HM^vità ad apftenderle ) « wa ciò 
CQiniiiciaiido a riputar barbare, ed incol- 
te euelle de' Longobardi ^ Io fl^dio delle 
nfktM&mt tfa tralafeiato. Era fiato aftioi 
dì da Imerio, Bulgaro y Martino, Gìa^ 
irnno, Ugone, Pileo, RiittÌ6ri> e da al- 
tri chioiato tutto lil corpo IMU ragion ei« 
vile y ed al ooftoro efenq^o tutti gli altri 
abbandonavano lo ftudio delle Longobar« 
de, donde potea ricavarfi maggior utile 
nelFc^. A quello fine Carlo di Tocco 
per fitme di toglierne il difprezzo , come 
già erafi cominctato > e per invogliaigli 
ad apprenderle , avendo fatto fomtno ftu* 
4Ìio fu le P«ndecie, proccurò illuftrar le 
XjOi^barde ^ colìFermando , o illuftrando 
4Ìò che difponevano colle leggi Romane» 
^ome fece per meno delle me Chiofei 
le quali per la maggior parte noncomen- 
gono 'dtro , che fpetfe citazioni delle leg* 
gì Romane j acciò che per queAo mezzo 
^'invoglialRero i ProfeiTori a midiarle , per- 
chè con più utilità ipoteffero fervirfene per 
ufo del Foro , appo il quale le Pandette 
non fecenrano ne' {noi tempi alcuna auto^ 
ntà, come diremo a più opportuno luo^ 
gp. Fu quefia fua fatica cotanto utile, e 
commendata da' pofteri , che acquìftò for- 
u^ e vigore pòco meno delle leggi ftef- 
fei ed Andtea d'I^amia parlando dique- 
fta Chio£ei del Tocco 4atta alle Longobar- 
de, dice, che tlmìmum in Regno appro^ 
batuf^ la) Colla medefima loiJe ne par- 
lano Ltca di Penna, Matteo d'A<flitto, 
•ed dkri noftrì antichi Autori » , 
• Per Queft' iftefla cagione ne' tempi deir 
Imperador Fedeiico IL innalzandofi^ ailai 
più lo ftttdio' delle leggi Romane , che 
traeva a fé tutti i Profeffori , i quali fcor- 
datifl con poet^ loro militi delle leggi 
{longobarde, ch'-erano quelle, per le qua» 
U potevano vincer le caufe ne' Tribuna*^ 
li, erano tutti intefi alle&omane, fuda« 
«IL ocoafione ad Andrea Amilo da BxrUu 
tà di far alcuni Commentar) fopra le Lon« 
i^bafde^ perii quali nàto tutte le di^ 
renxft> che vietano tra l'une, e l'altre 
ieggr^ .affiate ndl' a-venire, com'egU 

Xsl) Andr. de t/er. Da àis^ mi Feudi, 
dar. poff: $. & fata « (b^ Jba Cemfiìu éÌA 
mrib. dejuft Balli ^ (e) /» aademJCottjiw 



EIA CtVlXE 

dice, non fi daie tecàfioae ^'ercare aplx 
Avvocati , i 9xali mentre «lano tutti in- 
^ ad. apparate le leggi Romane, tr^bn- 
«avanò le Longobarde i onde fovettte ael* 
le caufe eca forza di foggiaoere , e d* ef- 
fec-vmti da* Profetfori. d'Jinferior grado , « 
dottrina « Cosi egli narra efler Accaduto 
ima volta ad un grande Avvocato , il 

3 naie oon ben grandi apparati d^nden* 
una caufa, av^do alkgate a ^rò del 
filo Ctienfeolo moke leggi Romaac \ {or- 
fo airincomvo certo Avvocatello fuoOp* 
^ofitore, il ^le portando nafcofto forco 
il numello il libro delle leggi Lom^obar* 
de , dopo averk) fatto arringare n lua po« 
ife, cacciò fuori il libro , dal quale reci« 
tate alcmie leggi , che decidevano a fno 
favoce il xafo f riportò , la vittoria con 
Brande foomo del luo Awerfario» il qua- 
le pien di rofTofe vinto andò via • 

Fu Andcea Avvocato Fifcale fotto f 
Imperador Federico IL ed avuto in mol- 
ta ftinta da quefto Principe , il quale per 
fuo configlio iftituì la Curia Capuana . Fu 
un Giurecoofulto molto rinomaiD nella 
fua -età, e preflb i fuoi fucceffori avuto 
in molta riputazione • Andrea S Ifemia 
(^) lo chiama valente DottìKrcy I^atteod' 
Afàitto (e) gran Giurifta ^ ed altri non 
lo nominano, fé non con grandi elogi. 
Compofe, oltre a queft' opera utiliflima, 
e necetfaria per faperfi le differenze dell' 
une T-e dell'altre leggi, altri Conamenta- 
rj fopra le leggi Romane , fovente allega-* 
ti da Napodano , e daAfflitt^^; e poiché, 
oltre di quefti Autori, non fi ba riiccm- 
tro che fotfeco allessati da altri , fi crede 
ohe foffero da poi difperfi } ficcome le fue 
Chiofe fo^a le noftre Coftituzionr , &ro* 
no per poca diligenza de^Copifti confiife 
con quelle di Marino di CaranaanLco , tal 
che ora mal fi poffima difcemere. 

Bia/e da Marcone , che viffe a^ temipi del 
Re Roberto, e fu fuo ConfigUeffe^ e £a- 
miliare ^ .pure fopra le leggi LóMobarde 
impiegò ifiioi talenti, commentanaole. (4 
Né compilò un srofTo volume , che ma- 
nuferitto fi contervava àppmffo Marino 
Freccia, come egli dice nel libro ^de'Suf- 
fottdi » Frattoeièo (Vivio (e) Uh chinnu 

-• •- ^ . .^ ' . '. uo- 

in ptinc.-. (àyCiaelai^. .del Saunia iib,é^ 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO 01 XAPaf £ LIB. !• CAt. XL 



itfma a grand* autorità nel Regno, efpe- 
mialnwBte pel fiio trattato delle dUftten^ 
se del dritta de* Romani^ e furilo de' 
Ijoagobaidì i fa egli coetaneo , ed" amko 
di Luca di Penna , e dilcepolo di Benve* 
nuto di Milo Vefcovo diCaTecta» ciii^o* 
kikwz gBandiefabJighi per afeàlo da nien« 
te rkblta a quello tbio • Hicedà JSWrm 
Mift impiega le fne àeicbe fepra qnefte 
leggi . E ne^li nltimi tempi foto V luh- 

Eafdor Caria V. GìambaiiJU Nmnm di 
ri faniofo Giuieconfiilto della fua età^ 
oompofe nor libro fbpra ouefle leggi , con 
una fpìega per alfabeto tlelle oaioleaftnH 
fé de* Longobeidi ^ che fec# ftampare in 
Venezia ndrannoi5)7. (a). Ma inde«^ 
corib di tempo foenundofi ftn^ve più la 
forza, e T autorità pielb noi di quefte 
leggi,, ed andate, finalmente indifnio, fi« 
nirono i noftp Profeébri d* ìmpiegarri piii 
i lovaftod; , e rinaangono ora a&ttoo&n^ 
te, ed abbandonate^ 



cyper« de* Momscè Cajpnefi^ 



fÈOé f^ 



NEL prinàpto di qiaefto iècolo rifve^ 
gelati gV* ìntgitgni dal fenno,. in cm. 
erano fiati nel pteoedente > fi applicarono 
^le difidpUne i ed i cootiaii che vi fvt^ 
Iona non meno fia gjl^Imperadori d* Oc- 
adente, ed i Romani Pontefici, che fra 
i Greci , ed i Latini t eecìtarono gli ani^ 
mi a' ftuc^,. e diedero occafione a coloro,, 
cbe s'erano attaccati ad nn de* partiti, e 
cbe aveano qualche capacità ^ d* efercitare 
le penne ,. e di far comparire il lor fape-^ 
re. La fcifma, che in quefti tempi tene«^ 
▼a diviià la Chiefa Greca dalla Latina v 
e particolarmente la contenzione fopra il 
Dogma della proceffione dello &>irito San«^ 
to , tenera ancora efercitatt gì* ingegni , 



Lo india della Teologia^ e d^Ue altre 
locnze, che nel fecolo precedente era fia- 
to poAo in dimenticanza, fii tra di noi 
nnovata per opeia de* Monaci, ma fiipra • 
ogni altm per quelli di Monte Cafina. 
Hel prindipib ogni uno comentavafi diie- 
gntre 1* antico metodo» e di riferire l*efpli- 
cazione de* Padri fopra la Scrittura Sacra ; 
né tratuvano dt^ Dogmi che dipaflmgiot 
e per accidente . Ma fui fine di quc^fe- 
colo fi cominciarono a fare delle Leaioni 
di Teologia ibpia ì Dogmi della Religio* 
ne^ ajifo^era varie quiftioni (opra ino« 
fili mifterj, e a rifolverie per vìa di ra- 
gionunend, e fecondo il metodo della 
Dialettica . I libri d* Ariftotele comincia- 
vano a fatfi ièntire per gli Arabi che a 
noi gli portarono ; e credettero i noftri 
Teologi aTenebiiogno perle difpute con- 
no i Giudei > e contro gli Arabi fiieffi , 
onde r aoGOmodariMia alla noftra Religio- 
ne ,. i ati Do|mi » e Morale fpiegarono fe- 
condo i principi di ooeflaFilofelo, etrat-' 
tarooo la dottriìu nella Scrittura, e de* 
Padri coU* ordine, e con gli organi della 
Dialettica, e della Metatìfica tratta da* 
fuoi ferità • Qiieftafii Porigine della Teo- 
logia SnAr^^tf » che divenne poco da ^i 
la principale^ e quafi T unica applicazio- 
ne de* noftri Monaci , e delle noAre Scuoite. 
I Monaci Cafilnefi fi diftinfero fira noi 
in quefto lecolo fopra tutti gli altri : ef& 
s* applicarono a anefti fiud; \ e mantenne- 
ro prsffo di noi le Scuole facre con mol- 
^a cura , e dove il Catechifmo era eoa 
molta diligenza fpiegato da valenti Teo- 
logi X de* quali era in quefii tempi il nu- 
mero grande. Oltre il celebre Abate Defi- 
deria cotanta nota nell* iftoria ,, hxyvìAI* 
fanoj che da Monaco Caffinefe pafsò poi 
alla Cattedra di Salerno , e compofe moU 
te opere,, delle quali Pietra Diacono, e 



perchè pik del fiirfita a' applicafierO' a* fhi- Gio. Batifia Maro t^erono lunghi Cata- 



di Sacri , e della Teologia . Alcuni imi- 
taroaa aliai bene gli Antichi ,. o vello fti-^ 
le, o. nella maniera di fcrivcre,. ma per 
la mwfsgiot: parte adendo fènza cognizione 
diluagOTy. e d'ifbria,. fentirona della bar- 
àarie ,. e della rozzezza dkt fecolo prece^ 
dente ; ed alcuni cadetttto nella maniera 
di forivcre ftcca^ a forile de* Dialettici « 

' UygeUif: hìfi. dì Betti. r$lK 4. (b> 
r. T#ffì y e Nie9d.^m BìblUt^ Neafoliu 



loghi (b) .. Fuvvi Albcrìta dì SeUtfrMti 
Terra jofta nel Ducato d^ Alvito ^ Mona- 
ca Camnef e , che parimente fi fegnalà e 
per la fea pietà, e per le molte opere, 
che&i^ìffe (e). Odnifi^ de* Conti dtMai»« 
fi , di cui Pietro Diacono , e Maro rajp* 
portano le opere che compofe* Panduffa 
Capuano » che fiori in Cafina fotta 1* A« 

M X bate 

C ò) ^^ da^tmu dd Sm. lib. j. ^•34* -, 



Digitized by 



Google 



fa ©EX VIS T^ R 

hftte Pdì^euo neiraiino 1060. e die fi 
diftin^ fapra gli altri per la letteratura 
noh tainq (aera che profana, come ftve- 
Y de dal Catalogo delle fue opere > che ci 
lafciò Pietrg Diacono (,a)* Il Monaco 
Aifnato , Giovaìini Aiate di Capua y dì cui 
il Diacono, e'I Maro luneamente rai^ 
nano . L' ifteCTo Pietro Diac^mj e tanti al"» 
tri, che ci lafciarono per le loro opere, 
di loro non ofcura memoria • 

Ma non pure in quefti ftudj , che per 
altro dovean edere loto proprj, i Mona^ 
ci Caffinefi fi iegnalaimiOt ma fi diftin- 
i(jro ancora per le buone lettere, èvaiia 
erudizione i e quel poco che fifapevapref* 
fo di noi a quefti tempi, in loro era ri- 
(betlo , e qualche cognizione , che fé n* 
avea, ad efjl la doveano le noftre Pro* 
vincie • Così ofTerviamo nella Croaac^^ 
[b) di quel Monaftero , che Alberico com- 
pilò un libro de Mufica^ ed un altro d^ 
iDiale^ica . Pandulfo Capuano TcrifTe de 
ù^lcuiatiwu , e d^ Ltma ; altri fopra con- 
finali foggetti , come può vederfi preflb 
Pietro Diacono (r), da i Cataloghi del- 
le loro opere, che teisè} ed altri impie- 
garono la loro induftria a ricercar libri di 
varie erudizioni , e fcienze , e fargli tra- 
fcrivere , come fece Defiderio , che oltre 
i libri appartenenti alle coiè Sacre, cdEc- 
defiaftiche , fece trafcrivere V Iftorià di 
Giorn^nde de' Romani , e de' Goti : L' ifto- 
ria deMjongoWdi , Goti, e Vandali: V 
iftoria di Gregorio Turonenfe: quella di 
Giufeppe Ebreo de Bello Judaico : V altr^ 
di Cornelio Tacito con Omero : L' iftoria 
d' Erchemperto : Crefconio de BellisUbi- 
às^ Cicerone de Natura Deorum: Teren- 
zio, ed Orazio . I Fafti d' Ovidio : Sene- 
ca.- Virgilio con TEcloghe di Teocrito: 
Donato , ed altri Autori . Né minore po- 
co da poi fu la cura, e la diligenza di 
Pietro Diacono , il quale oltre alle fue 
opere 4 raccolfe T Aftronomia M più anti- 
chi libri. Ci diede Vitruvio abbreviato 
de ArcbìteSura : un libro de Genefibus la^ 
fidum pretioforum , ed altri moltiiSmi , de' 
4uali egli ne teisè un lungo catalogo . 



( a ) P.D#V 4e Viris illnfir. c.z6. ( b) 
Menac^ Caffin. 



r A C I V I LE . 

'I ♦•.'•: *-^ 
$• III. Della Scupta di Salerno famofa s 

quefti tempi , per lo fyidio. della Filòjofia'^ 
' ' t della ^edic'twa iatrodette. quivi dagli 

Arabi . 

GLI Arabi , non già perch' exan Mao- 
mettani, è da dire, che abbiano fat- 
ta fempre' pro^ffione d'ignoranza, come 
comunemente fi crede : fuvvi tra loro un 
gran numero d' uomini infigdi per lor £1- 
pere > gli fcritti de' quali riempirebbero 
grandiiume librerie^ Prinu di quefto nn- 
decimo fecolo, erano più di treomte an- 
ni , che ftudiavano con applioazione ; ed 
i loro ftùd; non furon mai tanto forti , 
quanto allora, che prelfo di noi furono 
più deboli, cioè nel nono, e decimo fe- 
colo • In qualunque paefe dove* per tante 
conquifte fi ftabilivano, effi coltivavano 
due forte di Audio : V una lor propria ri- 
guardante la lor Religione , eh' è quanto 
dire r Alcoirano , e le tradizioni che at- 
tribtnvano a Maometto, ed a' primi fuoi 
difcepoli ed efpofitori, onde ne uicirono 
le quattro fette da noi nel libro fefto ram- 
mentate ; r altra riguardava gli fludi , eh* 
efli avean prefi da' Greci, e quefti eran 
più nuovi , rifpetto a quelli de' Mufulma- 
ni, i quali erano tanto antichi , quanto 
era la lor Religione. 

Quefti Popoli, come altrove fu narra* 
to, avendo foggìogate molte Regioni del 
Romano Imperio , e depredate molte Pro- 
vincie dell' Afia, infra le prede , ed i bot- 
tini fatti in Grecia, avendovi perav ven- 
tura trovati alcuni libri, fi diedero con 
fervore non ordinario agli ftudj delle let- 
tere; e fé ne invogliarono in ^ifa, che 
verfo l'anno 820. fecero daCalifo Alma- 
non dimandare all' Imperadore di Coftan- 
tinopoli i migliori libri Greci , ed avuti 
gli fecero tradurre tutti in Arabico. Ma 
di qupfti libri, di quelli della Poeiia noa 
facevano alcun ufo, perchè oltre d'effere 
dettati ialmia lingua ftraniera, e d' un 
gufto tutto differente dal loro , vi era aii- 
Cora il rifpetto della propria Religione » 
laqual facevagli abborrire l'Idolatria, on- 
de giudicavano non efler loro permeflbdi 
leggergli, e contaminarfi per tanti nomi 

di 
Qbrw. IÌÒ.4. e. 3$. (e) i>« . Ktfif illufir^ 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NA 
ài falfi Dei) e per tante favole^ ond'era- 
no ripieni, hfi medefiipa fuperAizionegli 
fece ancora abborrire i libri dell' Iftorie » 
fprezzandofi da loro ciò eh' era più anti- 
co del loro Profeta Maometto* De' libri 
Politici non poteva» certamente averne 
ufoy perchè la forma del loro governo era 
tutta altra delle Repubbliche più libere : 
elfi viveano fotto un Imperio aiTolutamen* 
tedifpoticoy ove non bifognava aprir boc- 
ca fé non per adulare il lor Principe ; e 
di upn ricercare altri mezzi, che d'ubbi^ 
dire al volere del lor Sovrano «> 

Noti trovaroho adunque altri libri ac- 
comodati al loro ufo^ che quelli de' Ma- 
tematici , de' Medici , e de' FiloTofi . Ma 
come non cercavano né politica » né elo- 
quenza: cosi la lezione di Platone non 
era lor .convenevole ; tanto più , che iper 
bene intenderlo era necetfarjl la cognizio- 
ne de' Poeti , ^he trattano la Religione , 
e la Iftoria de^ Greci • Abbattutili perciò 
nell'opere di Arinotele , d'Ippocrate^ e 
di Galeno 9 & diedero co]à fervore a ftu- 
diarle* Piaoque lor molato più Ariftotele 
colla fua Dialettica 9 e colla fua Metafì- 
fica, ftudiandolo con tutto il fervore, e 
con incredibile ailiduità . Si applicarono 
anche alla fua Fifica, principalmente agli 
,otto libri 9 che non contengono quella fé 
non in generale;, imperciocché la Fifica 
particolare, che ha bifognp d'efperienze, 
e di ofli^rvazioni , non la riputavano tan- 
to neceÀaria. ^ 

La Medicina fu fopra ogni altro Ha ef- 
ù tenuta in pregio , e la ftudiavano fopra 
i libri d'Ippocrate, e di Galeno; ma la 
la fondavano principalmente fopra gene- 
rali difcorfi delle quattro qualità del tem- 
peramento de' quattro umori, e fopra le 
tradizioni de' rimed; , fenza farne alcun 
efame , ma mifchiandogli con infinite fu- 
perftizioni; e perciò non coltivavano 1' 
Anotomia ricevuta da' Greci molto im- 
perfetta. Ma non cosi fecero della Chi- 
mica, la quale fé non é fiata da efli in- 
ventata , ricevette al certo da effi. molto 
ingrandimento ; ma vi framifchiarono an- 
che tanti vizj , che fino ad oggi é fom- 
mamente difficile di feparargli: tante va- 
nità di promeife, tanu. ftranezza di di- 
fcorfi, tanta fuperftizione di ppjcrazioni, 
e tutta ciò, che pofcia generò^ iCiarlata- 
;ii» e gl'Im^ilort. Pafi&yaop quindi, agc; 



POLI LIB. X- CARXl. 9? 

volmente dagli ftudj della Chimica aoilel'* 
li della Magia , e di ogni forta di ntvi* 
nazione , alli quali gli uomini' naturai* 
mente s'arrendono, quando non fanno U 
Fifica , la Storia , e la vera Religione # 
Ciò che lor diede molto ajuto in.quefte 
illufioni , fu r Aftrolo&ia , eh' era il fine 
4)rincipale de' loro ftud) di Matematica • 
Infatti coltivarono quefta pretefa fetenza 
fotto r Imperio de' Mufulmani con tanto 
fervore, «ch'ella era ormai divenuta la ' 
delizia de' Principi , regolando fu tal fon* 
damento le.imprefe ioro più grandi. Lo 
ftaifo Califo«Aimaaon pr^fe a calcolare le 
tavole Afhronomiche , che furono ta^KO 
celebri ; e bifogna confefi&re , che hanno 
molto fervito per le fue oifervazioni « e « 
per le altre utili parti della Matematica, 
come per la Geometria, e l'Aritmetica.' 
Lor deefi l' Algebra , e lo Zero per mol* 
tiplicare per dieci ; il che poi rendette le 
operazioni degli Aritmetici tanto facili. 
Quanto all' Aftronomia aveano il vantag-^ 
gio tnedefimo, che a¥ea (limolato, gli an- 
tichi Egizj , e Caldei a bene applicarvi* 
fi, perthé abitavano i medefimi paefi , ed 
avevanq di più tutte le olfervazioni degli ^ 
antichi', e tutte quelle aggiunte da'Gr^ci • 
Quefti Popoli adunque inondando le 
Provincie d' Europa ne' tempi più barbai 
ri , ed incolti , e nel colmo dell' ignoran^^ 
za , e ftupidezza : ne' paefi ove arrivavano 
fi conciliavano, o col nome de' loro fa- 
mofi Maeftri , fotto i quali aveano ftudia*^ 
to , o per li -^an viaggi da efli^ fatti, o. 
per la Angolarità delle loro opinioni , una 
ftima , ed^ un credito grande • Si sforzava* 
no di renderfi diftinti con qualche nuova 
fottigliezza di {.ogica , o di Metafifica, 
e non s'applicavano, chetai più maravi-v 
gliofo, al più raroi al più malagevole a 
fpefe del gradimento , del comodo , e delP 
utile ancora • Furono perciò in Europa 
ammirati:, ed i loro fav; tenuti 'in gran» 
pregio . I libri di Mefue , d' Avicenna , 
d' Averroe (che il Commento fece ) del 
£amofo Rafi , e di tanti altri , furono avu« 
ti appo noi in fomma ftima ^ e ri^utazio^ 
ne . E Carlo M. fece i loro libri Arabi- 
ci tradurre in latino iufieme con alcuni 
Autori Greci, ch'erano ftati da elfi iti 
Arabico tradotti, affinché la loròdottri- x 
na fi ditfondefTe per tutte le Provincie del 
jfuo Imperio^ QiUQdijiYvenMe^y^cheiFrati« 

ZCÙp 



Digitized by 



Google 



f 4 E L r I S T O R 

tA%^ gii iltri Criftòni Latini apprefe- 
fo daglp Afabimelio,. che gli Acabi ftef-^^ 
fiL.aveana appreux da'^Gveci,. cìoìl la Filo- 
Umilia d' Aiiniotele ,, la Medicina y e le Ma^ 
tematiche « {prezzando, la lor lin|«a y la 
foro. Iftoria). e Poefia^. flccome gU Arabi 
lizzate aveano, quelU de* Greci .. E fio- 
come- ^i Ar«d>ì aveano contaminate queU 
le difciplme ^ così da noi fìiron ricevutei 
tutte imbrattate i la Filoibfia^ tutta, vana», 
td, mutile ), pecche: lontana, dalla Fifica. 
particolare 9 che. avea bifognò^ di fperien* 
le, e^4i jpàiexvazioni:. T Aftrologia piena 
4' illnfiom»^ e di vane- divinazioni ; ma. 
SpfVL tutto; la. Medicina, piena di fpfopo«. 
fttij e di fuperftizionì •. 

I primi libri adunque y che fopmquefte 
iKoltà. fioominciarono. a ftudiare y furono, 
qnelli degli Arabi, e per U medicina fra 
gli altri quelli diMefoei e di Avicenna ; 
ed i ^imi che- gli ftudiafleroi furono 1 
Cheijci 9^ ed i Monaci y perchè la lettera^ 
tura- fra. quefli era riftvetta j. perciò aque- 
fti tempi effi; foli erano, i Filofofi y effi. 
foli i Medici. Quindi leggiamo,, che in 
f rancia Fulberto VeCcovo. di Chartres, 
td' il Maefboi delle femenze^ erano» Me-^ 
dici : Obizos ReligioToy di S. Vittore era 
Medico, di Luigii ilGrofTo : Riccardo Mo- 
liaco di' S*. Dionigi ,. che- fcrifle la. vita di- 
Filippo^ Augnilo ,. lo era parimente. EcL 
mr quefte* noftre- Provincie i migliori Me- 
dici erana i maggiori Prelati ,. ed' i pii^. 
celebri MonaciCaifinefi,. come- vedremo;^ 
ed. erafi: nell" ordine* Ecclefiaflico. cotanto 
sadicata quefta profeffione y che- un Con- 
cilioi dAt Laterano. tcnutOr fotto Innoeenzio 
IL. nelL'anna 1159* confiderà, come- un. 
abufo' di gii invecchialo^, che i Monaci , 
«d: i. Canonici Regolari ,. per procacciarfi 
xicchezze faceflero.profeffione d! Avvocati , 
e di Medici : e- perchè* il Concilio non, 
furiava che di Religiofi profelfi ,. la me- 
dicina non. lafciò d* eiTer efercitata dà' 
Gherici per loi fpazio. ancora di trecento^ 
altri anni.. 

Quante occafibnr fi fofTèro. date a* noftri 
P]Qovinciali di.comunicare con^ qnefti Ara-- 
bi ,. donde poterono, apprendent queftè fcien- 
ze, bea fi. è veduto ne^ precedènti, libfi di. 
quefta Iftoria,. e- dalle varie^ abitazioni,, 
che ebl«ero i Saraceni in quefle noftre Re- 

S'oni , ndi Garigliano ,. nella Puglia y nel 
^ [onte Galvano I io. Bori,, in Salerno, in 



lA CIVILE 

Pozzuoli ,. ed in tanti altri luoghi^: m 
gaiik che ancora oggi a noi nella conui^ 
ne favella ci rimangono molti loro vo- 
caboli, come altrove fa. no^rto; ed ia 
Pozzuoli fi. ferbano* ancora quattro marmi 
con ifcrizioni in rilievo di caratteri Orien* 
tali Saracinefchi . Si aggiunfe ancora sl 
quefti tempi maggior comunicazione con 
gli Arabi per la vicinanza della Spagna , 
oi cui aveano effi pia- d una metà i, ed il 
continua commercio per li viapgi inque- 
fti tempi freqoentiffimi in. Oriente ^ per 
cagioa delle Crociate «. 

Ma come- pretfo/ di nói nella Città di 
Salerno la loto dottrina , e fpezialmente 
la Medicina , foflefi così ben radicata , sì 
che quefta Città ibpra tutte le altre del«^ 
le noftre Provincie, a' andane altiera per 
la £unofa Scuola quivi fondata ^ non è 
fbto ,. per q*nto io* mi fappia y fra tanti 
noftri Scrittori fia qui' inveftigseto .. Colo- 
ro ,. che: credettero la Scuola Salernitana 
e&rfi^ da Carlo M.. iftituita infieme colla 
Scuola di^ Pari^ , e di. Bologna ,, vanno di 
gran lunga errati , etfendofi altrove in qneft'' 
iftoria: moftrato ,. non. aver potuto. Carlo, 
ia Quefta. Città, fendare Accadèmie ,, come 
quella che noa fii. mai fotto> la fna domi- 
nazione 'y anzi, ia que' tempi ,. che fi" nar- 
ra la: fondazione delle Scuole, di Parigi ,. 
e di Bologna , tra. Carlo. M«. ed il Prin- 
cipe Arechi furono^^ueere cotanto, oftina- 
te|, che noa fa poflibile ridurlo ;, ed Are^ 
chi avca. cosi bea fortificato Salerno 9. cIm 
fii; riputato^ il più. ficuro afilo de' Principi 
Longobardi^ contro gli sforzi di Carlo , e* 
de' Ittoi figliuoli ^ 

^ la tempi adunque meno lontani bifogna 
riportar T origine ''di quefta Scuola, la 
quale ne' fuoi princip). non fu- iftituita per 
legge di. qualche Prmcipe , e percid^^ non 
acquiftÀ. nome d! Accademia , o di Colle- 
gio,, ovvero d! Univerfità-, ma di fempli- 
ce Scuola ., Cominciò, a ftabilirfi in miet- 
ilo ,. perchè' in quefta Città y come marit- 
tima ,. vi emnO' ^efle occafioni di sbarco 
di. ^ente Orientai» y ed Africani • I Sara- 
ceni, in. tempo^ degli, ultimi Principi Lon- 
gobardi la. vietavano, fpeffo , onde gli A- 
rabi ebbero, occafione di. farvi lunghe , e 
fpefifé dimore . Si èr veduto^ nel preceden- 
te- libro ,;che* i &iraceni« ora dair Aftica » 
e fpeflb dalla vicina: Sicilia fopni- navi 
ginngeado^ alla Spiaggia di quella Città ^ 



Digitized by 



Google 



1>EL REGNO DI HA^OLt tI3. X. (TAl^- XL « 

> i viali Città > h ^qiide daHoberto Gnifcthlo «A 



per libenrfi, di' làochcuiaiiittiti > t ib' 
dami ) che ioletiTaao «e' loio cam^ ^ e 
:aiAelli yìcbiì > moa "iveiido fefse beanti 
per fottfjl^ tlilcai:cia0r9 pattuiramoon eifi 
ticgna» ed aocoidaraiio la fomma percolar 
peiarfi la ^quiete : per imire il tioUiio vi 
ToleTa tcflftpo > «noe i Sasaficm.t:aIavaii0 
ésLÌÌt nari in terra ^ e «ella Città > ed 
aipm^vano , fin cke dagli Ufficiali defti- 
jaati 'èfl Prind^e ^ fv faentribaiie da'£aoi 
VaéEsdli le tMtaac udùefie» woa ù fodà 
unito il tiSsano • QneAe invafioni erano 
moko SpeSk » tanto che i Salemitaoi vi fi 
ci erttio jftcoomodati ; né le non a' tempi 
di Guaimaro il «lagi^ore Jie fiuono» co- 
■»e fi dttfe , da' valarofi Nònnanpi liberar 
ti . Or con qndfe nceafioni -convttiando 
ipefio i fialeinitam con gli Alabi , Uppre- 
Mfo da effi la Filofoia y ma ibnra ogni 
altro fi diedero agli ftndj della Medicina» 
nella qwle ri«rcirano eminenti . 

Ma infra gli altri ) che refero illuàre 

la Senola Satemicana » fii Cojimtìno jif- 

firicàno , Qfiefti oriundo di Cartagine » 

per le ine pevegnnuiom in molte parti 

éàV A£a , e dell' Afiriea avea appreio da 

snelle Karàmi varie fcienxe y ma Ibpca 

.tutto fi 'diede alla Medieina y ed alla Fi- 

lofiMt. Egli navigò in Babilonia ove ap- 

prefe la Grammatica > U Dialettica > la 

Geometria > l'Aritmetica y la Matematica, 

rAÉronomia» e la Fificade^ Caldei ^ degli 

Arabi , de' Perfi > de' Saraceni > degli £• 

gi«l, e degrindi; e dopo aver nel torio 

di J9. -anni qnivi finiti quefti ftudj , tot- 

nodfene in Afiica » Ma gli A&icani che 

mal {borivano di' eSkr da lui ófcurati per 

Tecceffo di tanta dottrina » penfatono d' 

ammazzario « Il che avenm penetrato 

Orfllnitno > imbarcatofi di notte tempo 

ish4i una nave:», in Salerno fi portò : ove 

tempo in forma di mendico 

,EM > Qome altre volte fi è detto nel 
coifi>^ queft'iftoria > la Città di Saler- 
no^ fre^nenuta da' Popoli di quefte Na- 
sioni^, *^mfe non pafiiò guari che vi capi- 
lafle il firmelio 4el Re di Babilonia » ti* 
rato £»tfe dalla enaiofità di' veder quefti 
# 

(m) Ckrtm.Caff. Iit.3.€.si, (b) CAr. 
Ca/.lié* j^.csp. ^^. V.Maurum in notìs ad 
P. Diac. d€ vir. illufif. ( e ) F, Pttr. Diac. 



frtta innaluu ;a Metropoli^ ed ove aveft 
tras£erita la fua lefidenza, e la anale pe'l 
«ontintto isa(Eco> e commercio d' inénilfe 
Nazioni a qnelPotto, enfi reia l'empia 
^io d' Occidente n. Ba quefto Principe fa 
Coftamino fcoveno, e celebrando al D^ 
ca Roberto le fue eccelfe prerogative, fe^ 
ce al cheGuifcardo lo accòglidBte con forni- 
rne cortefia > e gli rendefle. tutto queir 
Doore > che ad uomo 4i quella qualità fi 
conveniva . Si trattenne terciò '^i in Sa* 
iemOy Bve ebbe campo di maggiormente 
piomovere gli ftudi di^Filofofia » e fopra 
tutto di Medicina, nella ^uale fopra tut^ 
te le altre facoltà era eminente ; dopoef- 
ièrfi per molti anni tratMiui^ in Sdemo ^ 
ritifoffi a M.Cafiko> ed ivi fi fece Mo- 
naco ; ed in tutto il tempo the dimord 
in quel Monallero, non attefe ad altro > 
che a tradurre varj libri di diverfe lia- 

Sue , ed a comporre ìosolti trattati di me- 
Lcina , de' quali Pietro Dia^o ( £ ) te&è 
m lungo catalogo. 

Crebbe. perciò la fama della Scuola Sa^- 
lemitana , la qnaìe in gran parte la deve 
a' Monaci Caffinefi , i quali la pcomofifero 
gli ftttdj aflidui ) rhe Fatevano fooft 
medecina. Sin da' tempi di Papa Gio>* 
vanni VI IL quefti Monaci eranti dati à 
tali ftudìi e Bafiacio loro Abate, diMe« 
dicina ejfpertiffiiìio , ne compofe anche aU 
cuni libri ( r ) > dove dell' utilità ed ufo 
di molti medicamenti trattava^ non ripn^ 
tandofi* a que' tempi > come fi ì detto > 
co(a difdicevole > che i Cherici s ed i Mo*- 
baci ^rofeflàifero medicina • Quindi pfeìBo 
di noi nella Città di Salerno , ed altrove 
non fi fdegnavano di profefTarla i piùin«> 
figni^ e nobili p6rfonaggi . Alfano Arci- 
veicolo di Salerno barra Lione Oftienfe 
(^) y ch'età efperàffindo in medicina, e 
dio la fua maggior applicazione era di cu«> 
rare gl^ Infietmi % Romualdo Gùarna pur 
Arciyefcovo di quella C)f^ ^ non ifdegna- 
va di profedaria^ ficcomé tutti i nobili Sa- 
lernitani riputavano fommo lor pregio d' 
etfsme inftnàtti ^ e di praticarla ; e quo* 
fio coftume durò in Salerno per molti an* 
lù appreflb : tmd'è the alcuni Uon ben 

intefi . 
àe vir. illujtr. céf* 13* & ibi Marum. V. Ah^ 
df Nuce adChrQn.Cuf. Li. r. 23» (d) Cht^ 
liò. 3. f . /• 



la r 



"Digitized by 



Google 



^ ftELriSTO 

intefl di Quefta afkiiza y adatttado i co- 
ftumi preienti agli antichi , riputarono 
efler altri quel Giovanni diProcida, che 
iti celebre IVIediéo y da quel famofo Gio- 
vanni nobile Salernitano autore della ce- 
lebre congiura del refpro Siciliano , quali 
che mab.fi convenifTe ad un nobile profef- 
fitr medicina. 

RilufTe perciò la Scuola di Salerno af- 
fili più per tanti -ìnfigni ^rfonaggi che 
profedavano quivi la medicina ^ ertputof- 
h a quefti tempi la più dotta , e la più 
eulta di quante mai ne fìoritfero in Euro- 
ropa • Quindi awrenne , che da Salerno 
fi chiamavano i Medici , e che i più gran- 
di parfonaggi caduti in gravi infermità fi 
portavano ivi* per curarfi y ficcome fece il 
celebre Abate Defiderio , il quale come 
narra Lione , per guarirfi d' una fua malat- 
tia , alla quale le molte vigilie, ed atti- 
nenze Tavean condotto y portofli^in Sa* 
lenio • £ ne' tempi , che ieguirono, pur 
'fi narra y cht, Gu|;lielmo il malo , am- 
malatofi in Palermo , e <:refcendo tuttavia 
il male y fece venire Romualdo^ Guarna 
Arcivefcovo di Salerno ailai «dotto in Me- 
dicina per curarfi) il quale benché glior- 
dinaffe molti rimed) valevoli al fiio ma- 
le 9 egli nondimeno non poneva in ope- 
ra^ (è non quelli che a lui parevano , per 
la qual cofa s' accelerò la morte {a) . 
Qiiindi ancora fi legge , che i migliori 
farmaci erano in Salerno fabbricati ; on- 
de fi narra y che Sigelgaita da Salerno 
faceife venire i veleni per attoscare il 
figliaftro , ed il fuo niarko Roberto . 

Ma quello , che diede maggior nome 
a quefta Scuola fu V opera , che compilò 
Giovanni di MiUm , famofo Medico in 
Salerno, la quale ebbe T approvazione di 
tutta la Scuola Salernitana y e che^ fotto 
11 nome della medefinu al Re d' Inghil- 
terra fu dedicata. Ciò che intorno a que- 
fti medefimi tempi ) ne* quali fiamo y accad* 
de per un' oocaflbne y che bifogna Rappor- 
tare, affinchè non paja ftranocomei Jkde- 
dici Salernitani per «in Re cotanto lon- 
tano , e col quale effi non aveano alcun 
attracco, avéflero voluto pigliarfi tanta pe- 
na d'unire in quel libro dettato in.vecfi 
lionini i precetti donde potefife confervarfi 
•lu falute , ed a lui 4€dicarlo • 

( a ) Qapifehtr. hji. L 2. pAg. xo% 



RI A C IVI LE'' 

Ma cederà ogni maraviglia fe fi tenrà 
conto di quanto nel prendente libro di 
queft'iftoria fu narrato intomo alla venu- 
ta de' Normanni , e de' pinoli di Tao*- 
credi in quefte noftre parti : rampolli tiot- 
ti di Roberto Duca di Normannia ; e fe^ ri* 
puarderaffi , che negl' ifteffi tempi , che 
t Hèftri iNormanni conquiftarono la Pu- 
glia , e^ la Calabria , ed indi il Prin* 
ciptfto di Salerno , gli altri Normaniii 
che rimafero nella Neuftria y fotto Gu- 
glielmo Duca ài Normannia invafero V 
Inghilterra , e dopo innumerabili vittore 
finalmente intomo 1' anno 1070. ridutfero 
quel Regno fotto la dominazione del &« 
mofo Guglielmo, che perciò fu ^praa^ 
nomato il Con^iftatore • Cosi regnando in 
Salerno , ed in Ingilterra Principi d'un' 
ifkffo iangue , e tutti della razza di Rol- 
lone primo Duca della Neuftria, fii cofii 
molto connaturale, che fra di loro , e.* 
loro fudditi vi fotfe amicizia, e buon'ai*» 
leanza . 

Ma a qual Re d* Inghilterra i Medici 
di Salerno dedicaffero in quefti tempi 
quel libro , e con <}ual occafione è bene 
che fi narri . Guglielmo Duca di Nor« 
Siatmia dopo aver conquiftato il Regno 
d' Inghilterra , lafciò di fo tre figliaoU , 
Guglielmo Rufib , Roberto , ed Emco • 
A Guglielmo primogenito fu ceduto il 
Regno d'Inghilterra; ma quefti morì fé n- 
za figliuoli neir ifteifo tempo , che Gof» 
fredo Buglione infieme con Roberto fi 
trovava ueìl' efpedizioue di Gerufalemme • 
Avea Roberto, cui il padre aveaooftitui* 
to Duca di Normannia , dopò aver cedu* 
to il Regno d'iTughiherra a Guglielmo 
Ruffo, voluto féguitar, ad efempio degli 
altri Principi , Goffredo in quella fpedi- 
zione , e dovendo paffare in Paleftina 
venne in Puglia per imbarcarfi con tutti 
gli altri ; ma etfendo quivi giunto nel ri*-* 

Sor dell' inverno , pafsò tutta l' invernata 
ell'anuo 109*. preffo" i Principi Nor- 
manni della Puglia , e di Calabdria fuoi 
parenti , da' quali con tutti i fogni d* af* 
tetto fu ricevuto , e accarezzato • Sopprag* 
giunta da poi la Primavera tragittò il ma- 
re , ed in Paleftina col famofo GoSheàm 
all' imprefa di Gemfalemme s' accinfo . Fu 
9[uella finalmente prefa , ma neU' ìfteiTa 

. tem- 



Digitized by 



Google 



DEL RÉGNO ©r UT Af Oir hit. X. €AK IL 



tempo fa amareggiata a Roberto tal vit* 
toria per la Amefla nomila della morte 
di Gi^ìetmo fao fratèllo fenza figliuoli , 
ftt qttle egli^ihrvfea fiiceeArfe. £lt fc<^ 
•ferto-^jl Regno dì GieraTakiiinie , aia 'egli 
rifintcdto , Prendo rkoraane in ittghil* 
rena a prender poiTefro di quel Reame » 
di 'cui égli €KttL pia Ticino evede N Mei 
titorno eM>e a pattar di nuovo perquefte 
parti 9 t>nde in^Sakmo /ta da quel Princi- 
pe iìiD congionfo eonc^^rH^ftrmat edon^ 
re accolto \ E poiché^ nell' adedio di Gè* 
¥ufalemffie «Ma ìriceTUtft' una^ita nel 
braccio disftfo y.^h, qliale, etfsitdofi -mal cu- 
i«t& era.^^eiienita in'i6bta«v cote&ltft 
quivi i Mediai di' Selenio che d<yvetfe A»- 
jre per guinrfela • .^e^ Siedici ^erran*» 
do ', die quella fenta^ era- procedila 4e 
fina fréccia aWelfcnata > f;li diftro / ^he 
tmar ri èra iittrò modo pct^iQéìtfaat ^ 
fé non 'li fiAetTe iutdiiare* da^queHa il"^^ 
leno f the Veira ♦ Nota Tolfe a ci* ce* 
ftntirè i¥ ^etofo Ihrincipe pcir non pòi» 
in TÌ&Hif^ dolùi <he dovea Succhiarla ; isia 
la FrfucTpdfir fua flKrgtie«cM tàéo ^tmr- 
fi&à^ »Mitel non H:urò ella jifporfi $i p#- 
ngHo , e* mentre -RdbefWiìòniiira^Se»* 
M '^he ^orcitfe acoef^^ffene -fece tant#% % 
si fpeft tolte re^jcft Jt- fucchia«e , che 
tutto ifraffe il vrieno 'dftl!iS*fcritaj crefo- 
f Atcuni' Armami (stvòìèf^ queftor rac- 
conèo del iu^ltiameìm> èel^rrd^no-. Ed 
iittomo' alta fttccéftone de^ftglhMlU di 
Gùpflielmo^eònqtifftKor^ delR6gn<^ d' Ifh 
ghiìtefra?; devtFrtO- vedértr gli acciir3*i Sw>- 
tìd Inglefr, a^qUarlr dee fH rtdT«^rfi^à 
fede, diea!^uahHiqùraltii9*Seiittdre'ftre- 
niercr/J , • - ' • '' * 

' Volle da pei Roberto, che qae*»l*èdW 
^ prefcriveffero wia norma *, c^V^o^thR 
vitto, perchè poteiTe ceilf<er';^ai^'inqtteRt 
Ikluté , nella quale V areano feflituito • 
Tv^ per ciò con tal occafioue com^'Aó 
il libro, il quale ^ beti^ ;JFoire Aato codi- 
yofto da ttóo di qué' Mediie!) , porta pei^ 
:ia fiorite M nome di tuttala Scuola , «ofi 
fkrftnente t!i tàè »^chc vetgìamotetf«fi 
latto dalla Sènòla Conknjbriceide 4#> i}u^ 
la fuè opcia fllofolio^ . A' dédjcataa Re- 
ferto, chianlaftdblo /(^<^ InghHtemt: -noh 
]perdtè ^tfeflo Mntif^^^rffeiaato da poi 
m natta Re di quel Regno ^ ma perchè 
tornando dalla PaleftiM per p^atM» il 
T$mù U. 



f&Éàk ) -^óiaa %^hd #vMe 9 Mn pth 
«eriho aìrer difSeoltà di cbiamaifa Km 
di quetiUgno a lui appartenente > Ma* il 
fnr fratebo Errico » tro^vÉndofi egli iia 
inghilceifa itf^vsié accadde la mòrte Ji 
^i^ialmo^R^ , irstendoi dell' occaiono 
per l' affeùt di Roberto-y in^aff A ReN 
gno, e per fe eccnpolio, fe bea Roberto 
ieée giunto iwi.eon nunmioioefereito^ 
ricuperarlo , In però da Errico disfatto y 
'er^fùpMCto , onde-ieflò tkìjxfù di ^vel 
lUomie /Perchè fbtfe a quel PHaeipe V 
opera ^h^ gradita , e poteflfer meglio oue* 
pretsttti ridwfi a awsmdria, isi.cofimjeio 
m véffi leonini ^ nella cui oc^^urioòo 
in quella ^ eonfifleW mttd il pre&io , 
ed eceellemra de*^PoetÌ4 e pDf6tièla«di- 
eaiMò ad un Principe Mbrcdanno y pi«f« 
"fo i iiualt %tteflo -gemere di wctù e^a It 
pili giocondo , e'geadito} nèappretfo di 
efffi n fjfbevf eofa tneMMrabile , Aw oxm. 
Mfe dettata m^ì^ào mètro -v 'Tutti gli 
èìogi'; i Marmi > ^ ^U ^itafi iie'kro 
principi V d comgpaevMO in ^ei^i ver- 
£ ; rosi fti dettato refàtafio del lom 
primo Ducer Ròllóne ; e cosi ancora nM» 
ti gli ahri de' nojfri Principi Nornùmni « 
Ptt pubblicata' qtteff infigne -t>perà nell:' 
anno 1100. 1^ quale rdi^^ata. per tutta 
Euiopa V ^ incredibile iguanta gloria , e 
fama ìip^rtatfè aSHkdiciSalerÉitani • £W 
be m<Vlti Chiofatori ^ e il più antico fa 
Jbrmidodi Villawtht^ ^000(0 IVfcdico di 
Carlo K^'d' Angiò? l'due Giacomi Ca- 
fkf t OfMif r" impiagatonér pure le loi^ 
'Atiches ed' ultiittamenfe^ Renato Morean^ 
^^^a^ SiMb^h iiluArarOQO colle Ìo- 
To'Oienràiioiii ^ tii^uindi per 4npki ftdo- 
li^ff^yenne^ <^ là Scuola di Salerno per 
i^eccelkaza deila Medicina fu^ Ibpra tut- 
te Taltte, chiara > e imninofa nell'Oc- 
eMente: 

Cosi hi bakna Scuola^ che dopo la de» 
cadehsa detr Imperio Romano , e lo ica« 
diment^ dell'Accademia di Roma , fodi& 
ftata iftituita^ in queAe noftì^ Arovincio 
fu quella di Salerno ; ma con tal ditfe- 
reaza,«che ficcome in quella della Medi» 
Cina, non 'fi tenne molto conto , cosi itk 
auefta , tcafcurate V altre profeflioni per 
1 ignoranza del lecolo , la Medicina che 
non potè andar difgiunta dalla Filofofia 
fii il principal fcopo, e foggettoj poiché 
eoloto ake te rintrodutfero non d'altro 
N fcien- 



Digitized by 



Google 



fi AEiriSTO&IA 

no con nv^ior KiKÌio> ik feffvore, dieU 
Medicina» e la Filofofia« E pefchè dagU 
Arabi T appcefera » pretfo i qnali foiosi 
libri d'Ippoeracct d^. Aiìftótele » e di Ga- 
leno erano tenuti inlbniniop9egi«9 i)uttt- 
di avvenne » che nelle Scuole t per la 
Medicina 9 Galeno y fopra tutti gli altri 
era prepofto perMaeftro» e perlaFiioib- 
fia Ariftotele, il quale con fortunati fucr 
ceffi ebbe fra noi per molti fecoli il pre- 
gio à\ edere riputito il Principe di tutti 
gli altri FilofotL* 

Ma in quefti teoipi non era quefto 
Studio ) che femplice ScuoU ,. poiché non 
fu fondato da' Principi , né per molto 
tempo ricevè leggi » o regolamenti da' 
medefimi , perché potefle dirli Collegio > 
ed Accademia , 9vvero Univerfiti • Da 
poi che r f bbe.> prefe anche quefti nomi i 
ed il grimo fu Roggierò LRe diSiciiia.^ 
il quale edèndo ftato anch^ il primo^tra' 
Normanni a darci mojte TegRi , infica 4* 
altre , che promulgò fu quella ( ìt } » per 



CIVILE 

GAP. XIL 



eie ^ tutto t undecìnmfes^h-^ infino a 
JSUJOoiERa I. R$ di Shilis « 

I- Pontefici Romani fi videfo in quefto 
fecolo in un maggior fpleiidore » e la 
loro potenza grandemente crekiuta> cosi 
iopra il temporale y come, (opra lo'i^ir^ 
tuale delle noftre Ghiefe > e fi renderono 
molto più a^ Po(R>li tremendi , ^td a" Pria» 
cipi fofpetti. La deppfizión^ d' Errioo 
Imperadore » le fcottiuoiche che (enza zi- 
guardo , anche fopra Prìncipi coronati , 
erano inequentemente fulminate ; le <fpe* 
dizioni per Terra Santa , IVintcoduzionc 
delle Crociate , e 1 oontraftare 11 in««ftituR 
a' Princìpi Secolari fece loroacquiftare nm 
OQttor ricciiezza).chepot»zaiopiiaimag« 
giori Re della Terra. Ed inSNPno adiften* 
dere- la loro autorità ^rituale fopra tutte 
le Chiefi: d'Occidente» non fu veduta la lo- 



«uii^c « wifc prviuuigu ILI «]ucu« \^»Jf por as %>iucis u v(;%;iucucc > nvuftu.¥ciMRKiAi«r 

la quale proibì che iiiuno poteiìe eferci- ro potenza più atfoluu » e mamiorexbe in 
tar Medicina » fé prima da'Maj^ftrati» e qoefti tempi, particolarmente &to il Pon* 



da' Giudici non farà ftato efiiminato , ed 
approvato • Ma più fawre cicevé ai)efta 
Scuola da federico IX. il quale ordinò t 
che niun s*arr(Maflè titolo di Medico » o 
ardiffe di profenar Medicina , £e non fo& 
fé. ftato prima approvato da' Malici di 
Salerno » o di Napoli » e i;on avede da 
quefti ottenuta la licenza di medicare • 
,£ ne' tempi menoma noi lontani» avendo 
gli altri noftri Re fucce&ri di Federico » 
e panicolaimenie II Re Robi^no y la&e* 
gina Giovanna L il Re Ladislao , Gio- 
vanna IL ed il Re Ferdibando L conce- 
duto a quefta Scupla.alui onori , e pri- 
vilegi 9 fu- finalmente eretu. in Accade- 
mia, ed innalzata a dar graài di Dotto- 
re particolarmente per lo ftudio della 
Medicina , nel quale ^riva ^ ancorché 
£ Mk poi in Qu^Ua introdotto d'ileo- 
goaifi akic.fiMolu. 



teficato di Gregorio VII. Si mandavana 
L^iafi a laiere in tutte le Provincte di 
Europa^; fi mandavano da Roma i Vice* 
f}*: fi chiamavano 1 Veieovil a Roma jpor 
render conto di lor condotta •* fi confer* 
mavano, o riprovavano le knro «lezioni: 
fi ricevevano le app«Uazioni delle lori 
fiìntenze» ammettevano le ^querele de' lo- 
ro Dioc^ani , o deoideodole in, Roma , 
ovveio aflegnando Giudici a tutti 4 Ino* 
gbì^ In brtw «entravano al oooofceie nel* 
le |»rticQÌ;uEÌtà di quanto fuocedeva nelle 
loro biocefi .^Traflero perciò una infiniti 
di c^Mife ìa Roma, ovvero ^deftiuando 
Commetfui ne' luoghi da efll nominati-, 
gU facevano operare ^oUa loro autoriti. 
Si proccurarono introdurre nuove maf- 
Urne , ed 'idee del Ponteficato Rpmano $ 
e. ftabilirt quafi per .articolo di fede , cbe 
il Romano Pontefice abbia autorità di 
4eporre i Rei, ed i Principi de' loro Re* 
«pi , e Domini , fé non* ubbidivano a* 
iuoi eomandamenti , e fciocae i toro vfS^ 
iatlis dall' ubbidienza r che il -Papa non 
oieno dello fpirituale , che del temporale 
Code Principe- »•«€ ASnoarca ^ e che tMW 






Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB. X. GAP. Ttt. 9f 



V OiHmt Ecclefiaftico fia a^tto libero , 
ed imniunt ib ogni poteftà » e giurifii- 
zionc di Principi fecolàri , anche nelle' 
cofe civili , e temporali , e ciò per dirit- 
to mm umano , ma divino • E poiché 
a quefit tempi i foli Eccleliaftici , e' Mo« 
naci, ma fapra gli altri quelli della Re- 
gola di S. 3eaedc«o , pofledevanp lette* 
re y ed il Popolo èra in ^ una profenda 
ignoranza , per^ tutto quello , die Ipr 
reniva da* Moftàci ", e 'Preti dato ìrI ' in- 
iend^e^" eome oracolo era riceimtd; quin^ 
di -come narra GiovanG^r/o^f , riputavcff 
il Papa efifer^tinDio, e' che teneva ogni 
f^teftà i#pra il Cielo, e fopra la Terra • 

La Chiefa Greca-, che in ciò non con- 
veniva eolia Latina > e che perciò ripeta* 
va il Pontefice Romano, non Vefcovo $ 
ma Imperadore: venne in una più aperta 
divisone , feparandofi atfstoo dalla Lati* 
na, e perchè l'erano ftate tolte- da' Nor« 
manni tutte le Chiéfe, che prima erano 
^ttopoAe al Tfono Coftantinopcriinifio , 
€ reftituite al Romano , non ebbe più che 
impacciarli cotte noibe Chi'efe « Quindi 
non ci Tara data da qui innanzi occafio- 
fiè di favellare più del Patriarca di Co- 
iftantinopoli , la cui autorità , non' meno 
che il Greco 'Imperio , andava alla gior- 
nata fcadéndo. I noftrivaloVofi Norman- 
ni avendo difcaeciati afetto dalla Sicilia , 
e éà quefle oo#re* Provincie i Greci , re- 
ftkuifono al Pontefice Romano tutte le 
fioAre Chiefe ^^ e perchè iin%KÌormente 
fi iMnifeftaffe quanto fotTe* gracKie il be- 
neficio ^ ebe i noftriPriifcipi aveano per- 
ciò refo alla Chiefa Romana , Nilo Do^ 
sopatrio i die 4i tròviva allora ATchiman* 
drita'^itt Sicilia , fcrMfe un trattato delle 
cinque Sedi Patriarcali , che a quéfto fine 
dedicò a Ruggiero I. Re di Sicilia , iiel 
gnale, come fti n^nrcato nel fefto libro di 
queft'Iftona , noverò' fo Chiefì; ch'era- 
no ftate reftituite- al Trono Romani^ 
da'' Normanni , e tolte al Goèantino* 
polttano. X 

Per quefte cagioni , e per*altri fegria- 
liti fervici preliati da' Normanni alla Ghie- 

( z^&ofi€^ffacuìt^ in prmtip. ^ in cap. 
Elimini Regum 16^ f. 17. ( b ) Archìd. Ba^ 
M#>C apid Baro», ad an. 1091. JS/^o Elia 
m AnltUpiffpum BarìSj voluntate , afque 
•w^tnfu Dttcis Rogmi > filii^ Ihécis- 9Mtr* 



ùk Romardi^ oltre alla Monarchia fondata 
in Siciliar: a' noftri Principi , nel Regno di- 
Puglia y furono fcrbate intatte le ragioni 
delle inveftiture , e che nelf elezione de*^ 
Prelati , fenza la' lor permiffione , ed af- 
feofe , da poiché erano (taci dal Clero , 
e'Ail Popolo eletti-^ non potefTe alcuno 
orAnarfi • Onde la Gló& Canonica {a\ 
diffe'y'^he nel Regflo di Puglia ciò coftu- 
ms^vafi per facoltà i che n'aveano i Rè 
dalia Sede Appoflolica . Sia per quefte 
ragióne, fia per le molte altre rapportate 
da noi altrove ad altro propofito , egli 
è 'evidente , che nel Regno de' Norman- 
ni , neir ordinazione di tutti i Vefcovi % 
e Prelati di quefte noftre Provincie , era 
riputato neceflario^' a^enfo del Re, fen- 
sa il' quale era inutile ogni elezione • 
C'Osi abbiam veduto , ohe il Duca Ruggie* 
ro, reftituìta la Chiefa drRoifano al Tro- 
no Romano , é tolta al Greco , nominò 
egli il V«ic(m> in luogo dell'ultimo , 
ch'era allora mcnrto i ma perchè quegli 
era del rito Latino , f Roifanefi , che era** 
no alfuefatti sì rito Greco , ripugnarono 
di renderfi al Duca , -fé prima non con* 
cedeiTe loro un VVfcovo del rito Greco, 
fiocome gli compiacque • E nell' elezióne 
d' Elisa Arcivefcovo di Bari ifeguita neir 
anno it)89* quello medefimo Principe vi 
diede il fuo aifenfo, dopo il quale fu con* 
fccrato in Bari da Papa Urbano II. (&) 
liccome^ ancor fu praticato nell'elezione 
del Vtfco^iO d' Avellino a tempo del' Re 
Ruggero, dandovi il fuo affenib Roberto 
G. * Cancelliero di Sicilia in nome dèi 
Re {cX. E vi è chi (crifTe {d) , che il 
Re Ruggiero fra l'altre cagioni, onde fi 
difguftò con Papa InnpcenzioIL ed ade« 
ri ad Anacleto, una fi fu, che Innocen« 
lio s'era ofliefo di lui, perchè s'abufafk 
troppe , ed audacemente di quella parte > 
che avea nell'elezioni de' Velcpvi , ea 
Abati , impedendo lalibertà di quelle ^ ed 
il Cardinal Baronio {e) rapporta ancora 
iPmal ufo, che faceva Ruggiero di que* 
fta poteftà ; e che una fiata a tre perfo- 
ne diverfe avea per prezzo , fecondo che 

N 2 gli 

ri. PMegf. in Lup. Pmofnat. mtn. 1089* 
(^) Jo. Sétresier. de Nu^s Curialium . Cape-^ 
ceUtt.hifl. /. I. e. 61. \^à^yizarius In/iitHt» 
mar. p, z. /. 5« r. 44, $. Innoc. ì( e ) Baron. ai 
mm. 1097. tmm. % ufol. ^94. ^ 



Digitized by 



Google 



9^tU ISTORIA CIVILE 



▲vclUiia ^^«^ poi ki clicde at qastì^ , &t 
mm U p^teiiieiKi/«Mi il QaioiuD^ malfii 
iaiB£> iK queda fatto, pevebè ttoo ^lll^> 
ma Roberto fuaG«Caii0eUieio fece efeUK 
dere «• tee coma fimoaiaà $ e voleodo 
fchefQiife la lòro^ malvagità ) psMvì «oa 
tutti e tift^ itpaitcaiUQte ^ «'foi rife^ife 
i( dc^aio , gU. ddttfii y e f^ce cfeggeie 
fer Vefcovo im pevera FMnr £ buona 9 
e iiukca YitsL » e che puato & cii non iStgi?»^ 
«lava i coia» nanp Qovaiiai (fi ^aUsbiurl 
¥tfcovo. di Sffìjwtw$ (^X- Mea neao i 
nofiri Re Nòommu » ehe !« Svevi litai* 
nero quefta prerogativa ), oode arreoni j 
€he |taada]MenwJi; iboo il BaLùM^ 
d'inQoi^sisfM^ IBI.<a tmito i'ofezioiù» 'A 
Papa ftetfo ètea Itatf^ofi^^ ma vké^^gia ^ 
ause Balio eh* egliera à^ giov«peito* PÌàM 
«qc'i come diramo no' iea^^ . 

«Riteoneco ancora i noibiPiJMàpiNof^ 
manni la RegalU neUe noftre Chiefis ^ 
non altmainte che xamfe in Francia, i 
pokhi dopo^ U motte de' V^icovi > fina 
«fae^fofiTe a^ato il^ fiicceifoin» elfenddcuc-* 
te'IeCIùefQ dntRegho«4 « particolamien^ 
«e quelle.», che fonof^e di PaftoTé ^ iot- 
lio la poteftiRegia , eftdtrpenevanodeir 
cntaate* delle medeTuney e peicid em&ìn» 
tpodotto còftnrae che- morto IL Prelato ^ 
i Raglivi del Pfeinnipè prefideTanè^ U <^^ 
WLf e ramminiftrazwme delV entrate del» 
k medeiinK , infida «he le ClmC^-MC^ 
» pfoviile ^ iificoom io te|ki6ea Vsftcio 
B.e Ruggieri L in finn iim CotttnnnK 
ne (éK 

i. I: MmoiUy, # ^«ni <fni||Mir/i«. 

*1^0n meno dille Chiefe, che fòpUL i 
•tS UouàAin y che mittawia andavano 
di iMiovo eiEgenda. fotta altm regola y. e 
nuove rifi^mr, ftendevanor i nofiii Prin-. 
tipi NomuuMii la loco potdkà y e pnM^ 
xiono . La lora pietà » e Religione^ fie- 
nome lu cagione che lo Stato MonaAko 
in. quefta fecolo- ricevere glandi ^necie&i* 
menti , o riccheue, cosi meritava ^ che 
a^v^ndone effli molti arricchiti y ed altri 
da.'^ibadamenti eretti^ csbe Aconfewatfeio 
mtte la loro co» y e peotoffone. Le co* 

(b) Cènfth.Reg^ m. dtMminifin 



tanta rirdtennr , ed il 
lyfcMiflwl dea* Ordine di & Benedetto ^ 
e le? gieandi facoltà , che fiuwn e quella 
date^ ifitrochidtro nelL* Ordine Monaftìco 
xfkjffàn rilafriamentm • I Monaci, ftaé^ 
SMÌo. a^ diUa ripntaaione di iaotità, e 
& pitica» adatto la difciplÌAa» «d o^r* 
vanam «Bgplaie lin' MooaAeeì (. pokhè s"^ 
. intvomi^Bfone^niQgoùdiSn^^t ^ diOuev* 
M. , feeqùent^vwa k Coati^ e a' imnc»- 
vana- . gmadenwitn neir impiefe de* P<ni* 
tefici Gontiso i Pjrinetpi • Tanm vUSsisk^ 
mento fpinfe moki ad abboacciape-ium. 
vita/ piai aufteva > onde A diede principio 
alk «bilimento di muovi Oedin» > i qnv 
ìi tutti £ieevana peoieffiose di fiqsnirc la 
Regolar di S» Benedetto, benché avetferar 
qual4&e nAnaa^» ediaftitete panùcolaire. 

In Italia, y. nel piiocipio di oueAo ie« 
colp y RsmuéU» riti rato£L «elle JoUtttdim 
fi%ieini^). menando» vita erermtiea y nella 
campagna d* Arezzo ,. ove abitando in ima 
. Caia y£ un casto^ uomo tH^m»MJHsidoy 
iftituì Utta^Congregaaione di Monaci f. 
che dal lufgp ove ptima ahkaiono ^ ftH 
JKHW ùiìuoAÙCam^ldoUfi (r)» Si muki*^ 
plicacona da eoi i» gian qnmero i Mon^ 
naikij* di queft* «Ordine ^ ia tutta italk y, 
e peoctrareno ancóra In* ^eAe noftae 
Pcovincie. Piei^Damiano iftitufpafime»^ 
te. una Congmgaaóone di Romiti del me» 
defimo gaiem ; e Gievenni Cmdben» 
di Bìienze ev^do- tacciato il ko' Mi> 
naAeaa |nmi abbmcciate uiiarvite ^i^ a»^ 
fleia.^ e.rtiplare^ fi ritio^ inVallembror 
^y ^ vi'gittò i fondamenti d^une-inm^' 
vn Congregazione. 

Ma fimofinnM|ggiori i pr ogreifi a|»prei^ 
kf noi deU**Dvdinc^ de' Cenofim iftituit» 
da SJ^atmm neli* anna id^6. Bwioiie fia 
naaiyo di»Colenk> tf montr^eia CanonK 
to di Rem& 9 tisoUe Mtirai£ infieme con 
ki de'koi eonquitfii nelk folicndinedeU 
k Cmòfg ^ che toc fu augnata da Ugoi»^ 
deVekomdtGranoUe. Neiremm 1090W 
Urbano IL io chkmò in Italia.», dove fi 
xitiaò in. una klituikke deUe Cakkrie 
nommaiaf k Tome «. La fcnNifrddik ftm 
fantitir invogliar Ru^ro G. Conte Bi 
Sicilia ad av^ con Ini ftnttìt eniMUia ;, 
o^etfendofi: fgcavaaa kConeatfnAdekkk 

^ finn » 
Essk pefi rmttém fndm., (cX 
iÌ4tfk Im« Li emuipofw 



Digitized by 



Google 



DSL R£<;M0JD|iNi|^LrbIB4X. CAF. XIL im. 

(m% tnoalie io Mclito » e dato alla luce 
un figliuolo» lo fece battezzare permaao 
di Brunone: a Tua iatcrceflfeae ricevette 
dal Cielo Ruggiero maG^^tori hvori • e 
fegiulitiflimo fo quello d elTerc ibto li* 
tento da un tradimento » che il Greco 
Sergio aìre^li oiacchioaro ^ perciò ui 
Cabbriai fi vide queft' Ordine elfere ilato 
|pe& noi prìtna ftabtlitat a cut i noftri 
^iocipi Normanni concedcrotto di gran* 
dì prerogative » e ri(xheiie . I Re Aiigioi- 
fti poi in Napoli arricci iroao aitai più 
isii lor Mona/ìero fondato nel Moute -dr 
&, Eramo (cnto il nome di S. Martino > 
per una Chiefetta > clw era vi prima de- 
aic2ta a queil« Sa tuo ; ed in progrcflb 
dì tempo crebbero le loro ricchezze in 
tanto ccceffo , quanto ora It vede . 

Si videro ancora a qudii tempi iti Fran- 
cia lordare akre Riforme fotto altre Re* 
fole^ dofiJe poi vennero a noi , DueGen- 
iiluonwni di Vieaoa, Gaiione^ e Gicon- 
do ^ avendo votate le lor pcrfone ^ e le 
lor facoltà al ioccorfo di coloro f ch^era- 
fto affai iti datr mfeimità della Rifipok , 
tvvcto^Fuoco facro^ che andavano ad im- 
f kit tre r iQtercellimie di S. Antonio in 
Vievina , diedero principio airiihtiizioae 
dell' OrdÌEtQ di S- Am^nio » compofto da 
principio di alcuni Uiici^ e poi di Reli- 
gioni ^ i quali fecero- pit>*diiotie della Re- 
Sola di S, Agoitino * X^'atino lo^-i- Ro- 
erro Aèate di Molesmo ii ritirò in Ci- 
Éellt pcUa Diocefi di Scialoti fopra Sao-* 
ma con alcuni Reiigioii , in numero di 
ventuQO^ vi fondò un Monaftero » e vi 
klciù alcuni Relupofì , i quali vi re{bn>- 
■o d^ p9i cli'e'fu ritornato in Molesmo . 
QueiaJHHiatt ftft-«pp«Mmu neir tm0 
1 loou ^pWapsi ^ e Starna AnbngO'^paib 
MeU'airiÌ#j»MfK)« la.|riim mtiM» alla par- 

Ma^riiiiitdljiDiviBiife albh pìènel 
pMngifiy JMii Éi^tìisau ^•ct^iatpra» V aa^ 
sa 9mikvéknmr^Étmggitm> L Rer di Sicilia 
«HI MMFft^JllfAmr-dvUVOfdiiie d^ 

mL i^p^Sti^ ^FxioàAnin éàV Ordina 
d^Ai#r UnMmU'^knme y A, foale per k 
feiM^;èbll»v&iMkèudi&lttji vka lii mtd^ 



( ai) J^; diN^f.L ìL.f. jx.. 



^ G. AnmùiigMt » odhifiiiddi 
jMb ;^mU^ QMe del R^rper li bìfogoir 
diUiMu Fiati y «esa da nioki^C»valieM (u^ 
la Gaia Scale Ìlfiaata> e jiimrito per Sm»- 
ta^ RjigiìfiBa perciò filmar) il fao Ordi« 
Dc ,, id a^sicchì molta il MaaaAn»* bo« 
V3cUa«im|ie da lui fondato io Moiue Vern 
gi«^> non molto da Napoli lontaw* Gìo». 
mnni di. Nufco Frate del ftio ordine , cbe 
vifle a &i0i Mapi i e tht (ctìtìk. la Vis» 
dal ^aato", la quale ieoende teftifica FraiK 
Qi^ca (Sa^pàcclati» («) , dritta iu. cafc% 
liMOff^ Gon cafidteri LopgoMrdi fi cdlif<ns 
va neU* Avchivior del M^naftafo^ di Moiv» 
te Ver^ue , poeta uà privilegio^ (pedito 
dal Re Raggierp in Palermo^ aifli 8. di 
Siieembre Mi'aAiio 1140. netqaaleilRe 
per la ialute dell' auinaa d^l CoAta Rag» 
giero iW padre >* per quella dèlia Ragioa 
Adalaida iui^nudre, e ^lAlbiria fuaroo« 
gtie^ coacede-a' Prati di Monte Vergine 
la Ckìefa di S* Maùa di JB>uffiaiia« «oa« 
fermando^ loro panmente per lalMnribH^ 
tura» tutti i poderi, e Jefeadite» elieat^ 
lor tCBeano, e torte qsetle,^ che|ȏ#ra>vw 
vanire fodero loro -<oiH;edaf!e^ ilqualpri*' 
vifegio è i^ttoicntto iirntfnit del Re dal 
PrinoipeGugléeima^ figliaoki. Crefbbe 
i» dederf» di tempo T* Ordine , e.neU* 
ftmib del Seggio di .Nilo> In erette ìA 
whMO Mnnafteao con CMcia , la quale Al 
da poi aoipliata dal famofe f è ceiebr^éi 
Gnaeeoniulto Bortolpmea di Capuay rdo-- 
ee al fadfafe^gtacciònn 4' oda deli* akfo^ 
nnébp' iaineé^ GÌMaortifiikcK Matteo^» è^ 
gli Afflim; 

hti. ejpili è-baa da netatr t cHt ^defle 
riibfnM 4all' Oidkbe di S. Btned^to iBàc^ 
quero per lo filaféiamemo della difcìpli^ 
nar'adodeavanza regataupe^ cagionata datiti 
tante rieckezze , checomipper0'O|^i buè^ 
no eoftume. Ma'cÌNcrederefabr« eheqoe* 
fte ìÙxSq RiÌM«e fondate pridfi^ntefM* 
fepra il di^z9# de^'ieni ìnondani^ foC" 
£00 ftaie eagfoni di aaaggioÉi acquici a!F 
Ordine Moonftico età beni temporafli ^ i 
en^dnli deveti edificati dalla vita auftenr 
de' primi Fondatori , e prafi dalla loro £ui>* 
akà , e da' miraoali , <:he fe ne4rtMtaTà^ 
Bo 9 non ga»i tafdamno ajprofondere t 
loro benif con ime ampli&iedòaanow 
nà alk Chieii» 1» e a.' miMi Monafteri ,^ ehe' 

aVaUf^ 



Digitized by 



Googte 



to^E L L* IS't O 

s'aiièmat«|t4db^ tantoché ìadtcodb 
dii ttmfo fi videro le loro riccliezzeTidli 
iiifisriofi a quelle de'firmii) come fivi<k 
chiaro ne' Certofiai y nelFrati di Monte 
Vefgine, e ne' Camaldolefi ancora^ onde 
lufogna» riferma j ed in cotal -maniera 
ximafero i primi aequifti ^ e feapre più 
k ne £icevatto de' nuovi ^ E non iènsa 
%pore fa veduto ne'feguenti fecoti» che 
&ìlero nuovi Ordini fondati ootasito in 
quefto 4irpr6zao de' beni mondani :, che 
peiciò piefero jyi nome di Mgiulìcmtl , a 
tre voti aggiungendo il m|irto di vivem. 
ìa mendicità » e d' elemoune } eppure fcor- 
gendoii y che quefta aufterità gli accredi^ 
tava. tanto ^reflb i popoli , che gì' invo- 
gliava mugiormente ad arricchirgli i^ per 
«on mandar a voto iloradefiden^ fitro» 
xò modo di rendergli capaci di nuovi ac- 
quici ,^ onde jn decorìb ditenlpo le quat* 
tro Religioni Mendicanti fi videro intan- 
t^ ricchczn^ che cagionando rilafciameii- 
to ,. bifomò peniàre a nuove Riforme • Ma 
che prò r i Domeincani Riformati per qual<* 
«he ttmpB fi mantennero, ma dapoi tor- 
narono a quel, di priafia . Ust'Carmeiitam 
ne furfe itegli ultimi fccoli una più ao^. 
4ep Rifofìaa di CanHelttani Scalzi y che 
3M' primi loro inftituti non prefief&vano 
^tro, che mendicljtà) ed un totakabbor* 
tunento de' beni temporali ^ ma da poi 
fi trovò modo di rendergli capaci di (uc- 
OiiQone, d'eredità, e d'ogn' altro acqui- 
m^^y unto che piB^ di-noi aipebbetp le 
Ipro ricdtf zae inique! grado, che oggi ognun 
vede. Ma quello che fupera ogucredm** 
«fi è il veim r che a tempi del Pon- 
tjfice Paolo IV, furfe.im.nuow Online 
m Qhtmci RegUarì chiamate ora òt'-Tea^ 
tifkty i quali non pure do veano vivere pò- 
weti , e mendici , ma per ioro iftituto ^ 
^quafi efpulaiido gli altri Ordini fondati 
Julia tnendicità, ed ajggiimgendo tnaggio- 
n rigori,, fu loro^ proibito che Aon pòtet 
hxo ncouneno andar lìnwfinando -; 4na 
«nfiderando che i gigli del campo, egli 
uccelli dell aria , fenza né filare , né èa 
altto modo travagliare vivono , e vedo* 
»n> cosi tifi dovefTeio totalmente abban- 
donarfi nella Divina Piwidenza, h qua- 
k ficcome ^rovede a qudlli, avrebbe an- 

€0 di loro prefa mn , e penfieroj e pu- rkevevano bm la^ofo^ ptotcsÌM» ^4»* 

k 
X«3 Pi MkbeL dìMmtagna ni/noi faggi , /• !• e. 40. * 



KlA CIVILE 
KHMeote tane ciò 4ia sbfttte ; pordiè 
non fono m^cati chi correndo k>fo die* 
tn> ^abbìan ^uto con^ larghe donazioni » 
ed^sreibtà^^pcchixgli quali a lof di&et* 
te; ma- cffi niente curandofi di^ueft- oi« 
tsaggi , non han rieufato riceverle ; e 6 
è trovato ancor mo4p di rende«^i cfipsei 
di Ugatà , e ^ fucceffioni in guifii , che 
U loro ricchozse fono ginitte afti^io » 
ohe pieib noi hanno innal^uti edifiq ce» 
tanto ma^ifici , e Anpendi , che le love 
abitazioni ncj^ femSrano più MonaAerì , 
msL CafteUi^ e s'Iian pòAo addietro i più 
fiipevbi Palagi , ed Edifici dette piìr illu» 
ftri Città del Mondo . ' 

Vi furono in quefto feoolo , e nei fe^ 
niente mofte altre oc^fionj , onde. V Or« 
dine Ecclefiaftico fece grandi acquifti . La 

gindpaU f^ la Milizia di Terra Sanu: 
veramente pofii èi Jlupife il vedere , 
quanto iotfera^ àccefi gli animi , non pu- 
re delle perfooe volgari , ma de' Principi 
fteffi perquefte fpedizieni : hi divozioa, 
che &' ayea de' luoghi fanti ,. e- fofìra 091* 
altra <ti qua' di Genifalemme , fu cosi ia« ' 
tenfi , che non cuxando né difaggi y né 
pericoli ^ l' efponevan a viaggi -hinghfffi* 
mi , ^eni d^aguati , e didadoDur : leii^re^ 
ze> li rigori , e le aAìnense die ibffirivano^ 
riufi^vano loro di piacere } e nanrafiTlb) , che 
Folco Conte- di Angiò :mdò fino a Geru« 
ralemme,jper &rfi quivi fiageltareda^ue 
fiioi ièrvklpri f con la fiine al écHo da^ 
vanti, al Sepeloio diNeftro Sigpom. I^u& 
ciafcun immj^inàrfi da ciò , guanto' foffe 
intenlb iL fervore di andare, e di contri* 
huire all' «cquiAe^dl oue^Sahtuar) , e Yin« 
dicargli <ialle mani degnnfedèli. Non ^ 
teneva conto delle robe , delle mogli , e 
de' figliuoli 4 ma i mariti, ed i padri , 
abbandonando ogni cofa , e vendendorquan- 
to avevano j s' afcrivevano a qnéfia Mili- 
zia, epafiàvàno il mare ; nel ohe fi-anoi 
fi diélinféro fopra "tutti- gli Pi^liefi, ed i 
Calabrefi , i auah fotte Boemonda , e Tan« 
credi, abbandonande le *lofo Mfe^ f^ fe- 
guiroho; anzi le donne ifeUe, fenzaaver 
riguardo a' propri figliuoli , vendevane t 
beni lor rimafi, per ibvvenire aHa guer« 
re ^ I Pontefici Romani , ed* i V>dfeovi 
delle Città , per oecae dcMoro Irevi ^ 
ricevevano ÙKm la^ofo^ ptotcsi 



Digitized by 



Google 



DEL-REG»© DI NAPOtI tlR X. CAP. XIL loj 



) le > ed i a^z; ÀeCnafypmtl , e q&eib 
) «pport4 aU« loKQ Chìeict quell' aeerdcr- 
[ meato» che fuol ^yn^^^fi^^f ^ ^' ^^ I'v^<^ 
I tty Curvine, o Procqnratore di wdave^ 

C pilli » e nunari^ né iLMagidratP (eco* 
% {Ofiev« pia difeodore' «Ibutio ^per le 
I tenere delle fcomaniche y che a que* 
! td tempi fi adoperavano fenza riiparmìo. 
S aggiuofe ancora , che Eugenio III. co* 
fiitui y che ogni uno potefle per quefla 
pjetofa impffefa alienare eziandio i f en- 
di^.e fé il padrone diretto non voleva 
egli ripeverfi^i ,. peteffero ^ «aiicheo cpntm 
il voler fuo > etfer pigliati dalle Qhiefie» 
il che. apri la fbada a acquiftaie molto 
lai^nnente • 

Avvenne anco, ^e li Pontefici^Ui^a- 
ni fi valfero* delle afmi prepataie per T^ip* 
rà Saota a qualche impela , coa!che au-, 

fumeotarotto il tènmprale detta ChjgAk 
.omatia \ ed anche li L^S^ti Bontefii^ r^ 
e li Vefcori de'luc^ dev^ le fuddenc'' 
armi fi congregavano ptruntirfìafiir vìag^ 
g^o y fi valie/o di éife per diveifi aumen- 
ti delU laen^cvralità éille kra-Chiefe . 
Ma fopra o^i altro cjGebberoglÌ4wqaifti^ 
perchè fu introdotto^ phe^chi vfyvk, poteva 
an^ <li perfona dila facra-#ierra« per &« 
fciolgevfi foi:fe dal noto.fiUto y .pa||«va in 
denari i^impq^ar della ^efa del viaggio, 
e con ciò '^ non folo veniva* icidto dal vo^ 
to fatto y ma <n otteneva anche iudalgen- 
ze 9 ed altare coneef&oni , e s' aVea come 
le peribnalmente vi fotfe andato . Le of- 
ferte ^ e raccolte, che p^ctò Sfacevano, 
imi>ortavan molta qnantitì^ di denari ca- 
vati da' fedeli , e più a&i dalle donne , 
e da altri, ch'erano inetti a fervire al- 
la guerra in piopria perfona r Quefto de« 
naro noa tutto ù fpendeva per la guerra ;* 
di qualche cofa ne parteoipò .fi^nza dnb* 
bio qualche Principe \ ma notabile parte 
ancora rdiò in mano de' Prelati , laonde 
le oofe Ecdefiaftiche fecero mokoanmentOi 
Da ciò* ne ^nacque una nnova ^ezie d' 
Ordini Regolari, e ftorono queftr gli or- 
dini Miliuri ^ la qual « eofii iè ben nuof 
va, vedendofi iftitnite Religioni perfpac^c 
ger fangue > fu pcrò-neevuu con tanto 
ardore » che in breviffirao temp» fi vide* 
rp in gran niuneto ^ ed acqniitaie grandi 
ricchezze . U primo & qmnlo di Sl Gio^ 
ranni £ Oeinfalemme » ovreio degli i>#- 



ditlhf* y ftakliiD per rkeV^m i Pellegri- 
ni, che andavano in qnella Città. Il fe« 
-condo iu quello de' Tempìar/ iftituito^l* 
anno i ii8. V impiego de' quali era di prov-» 
vcdeie- alla Scurezza de^ Pellegrini , com^ 
battendo contro coloro , ^he a* Ideile* 

Srini eran tnolefiir L'ultimo fu T Ordine 
^Tetoonìci , li quali facevano proreffio* 
ne di foddis&re all' uno , e ali" altro di 
quefti impieghi i e quanto quelli Ordini 
crercetfero in ricchezza , e fpczialmente 
gli Spedalien^ ed i Teutonici^ è a tutti 
paleie • 

A lofo ioutazione furfero poi quelli di 
S. Giacomo ^ e di Calatn/va ^ li qiidì fu«~ 
soqo iftituiti in Ifpagna per li pellegri- 
naggi a S. Giacomo di Galizia y e per 
occafion confimile fi videro altri Omni 
in altri paefi « U fervore così inttofb , 
«he s' avea^a quefti tempi 4i 'qoeflf niso- 
yì ^antuarj , intièpidirom> alquanto la 4B* 
voMojie , che pnou s' avea più ferverò** 
ÙL^ dì quello di M. Cafinò , e dell'altro 
del M. Gasilo *; ma crebbe 'però qnd* 
lo di S« Niccolò di Bari , per cflère a que- 
£tì tempi , come nuove ^ più Agli altri 
frequentate . 

. , Turóno aneora a quefti tempi fcovètfi 
a^tri modi per dar \Kcrefcimftnto atfai no* 
tabile a' beni Ecciéfiailfci • Il riveder bè- 
ne la materia delle Decime ; lo ftàbilire 
le Premizie>y ed il dirkto delle Sepoltut&ì 
ed il ricever ogni cofa da ^ualcmque fet- 
ta di pedone • Le Decime da voiontarte 
orendure giàneceifai^ , ^ando non fi pa- 
gavano ,^ erano per >ia" di renfure coti 
molta acerbità efatte ; e fu ftabilito, che 
fi pagaffero non folo le Prediali de^ frutti 
della terra , ma le Mifie ancora , cioè de* 
frutti degli animali ; ed ancora le Per/o^ 
naliy della induifaria, e fatica umana. Ed 
in decorfo. di tempo Ale£Dindio Ili. de« 
ttrminò jafi^no Tanon 4170. che fi prò* 
cedeife eb^Sdmuniche per fer pagare in- 
t^amente le Decime de'Molini, Pcfchie* 
re. Fieno, Lana j e delle Api, e che la 
Deetma fe^e d' ogni cofa pag^f^ vrimsL ^ 
che fetfero detratte le ipefe fetfe nel rac* 
cogliere li frutti i e Celeftino IIL nel 
1195. ^^ul , che fi pfocedeffe con fcò« 
mnniche per fer pagar le Decime nonfo* 
lo del vino^ grano , frutti degli alberi^ 
delie peoore» degli orti, e delle mercan* 

xìet 



Digitized by 



Google 



t 



^e» ntt ao^ dello ftip^ndfo ck'J#Mati» 
4clla caccia, ed apco^ de'molkii i yent- 
to i e tutte q«eiW cofe fono djpcflc ncN 
le Demtalì de' Pontefici Romani . Ma a' 
Canonici ciò ncnìmen baftft, i pàffiurbno 
più oltre , dicendo' , ibe* il povero è ob- 
bligato a pagar la Decimi di qi^ellò ,. che 
;iccatt;^lido trova per elemofina alle Por- 
ti\ t che la meretrice fia tenuta pagarla 
deciipa del guadagno meretricio, ed altjFC 
tali cofe. i che il Mondo Aon ha mai fi- 
nito ricevere ili ufo* * [^ ^ .\\ 

Alle Pecime aggiunfcrt) le Primizie ^ 
Ip quali ftrom primieramente inftituite 
da Aleflancba II. imitando in ciòMa lecj- 
ge Mofaica,' nella quale furono cófnaùda- 
te a quel Popolo : la quantità di effe da 
Mosè non fu ftabiliA , ma lafciata in ar* 
bima deir offerente : H Rabbini da poi , 
come teftifica S. Cirolamo , determinaro- 
no , che non forfè minore della ieffagefi- 
ma, né maigiore della quarenteflma j il 
che fu ben imitato da'noftri ne! più prò- 
fittevol modo ^ avendo ftatuito la quarcn- 
tefima , che fi chiamò poi II Qiwtcfé. 

Non minori emolumeTiti fi ritraevano 
ialle SepiU^ff , ♦ dall' altre ftirtayofti :Ec- 
clcfiadiche .:' prima le^DAiìhe èrano jw- 
jate a' Curati "per l^atnmlntftr^ione « 
Sacramenti, per le Sepolture; * per* ahf e 
lorp fimzipni , onde per quelli jHiijifterj 
non fi. pagava cos' alcuna i ma poi qual- 
che periona v'ià^t '^^'^^^ ,^^^^^y? l % f^ 
piaceva , per k fepoltura de. ftfoi dualche 
coiai 4 E^à 4:0^1 innanzi «^ùefriBo^ che 



i^ cortefia fti cmvcrtha inv^ ^ é s' ia« 
trodttfle aftéhe in eonfiwctìdine il <)Qaitto 
fi doveéfe pi^rè. *Si venne poi alle con- 
frovériìe , negando ti Secolari* di voler 
pagaK'Oos^ dcynat perchè perciò pagava- 
tio le'Dedlnft , e gli EcclebalGci ^negava- 
no df voler far le funzioni ^ (è non fi 
tlava loro quello 1 ch'era in tifanxa. In- 
nocenzìo IIL poi neirannb 1200. ftabi* 
1) , che j;li*Eeclefi&ftici frceffero le frm* 
zioai, ma dopo quelle^ Ibflfero i Secola- 
ri con cènftire Ibrzafti % ftfv&re la lode- 
vole ^tronfu^udihe 4Ji j^^gar quélto , eh' 
èra folito • ^ ' 

' Tu itftrodort* ancóra un' altra ffovità 
cpntra i Canoni vecchi , la qhsA giovò 
nioltb^per T ac^nìftò* di maggiori ricchez- 
ze ^. era proibito ì^' li Canoni di rice- 
ver coS^àjtuna^per donazione ,0 per tc- 
ftam^to da* pùbblici peccatorf *, Ma' facri- 
; leghi i da d)l-«ta In difcordia col. fitìtel- 
lo , (falle rieretriici , ed altre *taK perfo- 
fic\* fùfmicr tet^afti affetto^ cjuéftirifoetri , 
c-Wfcev^wrinditferentaTiente- dà tutti j an* 
-zf appunto^! ma|giori e-pid frequenti le- 
gati y e thmaxìoiti efttiJo*^*tnerèrrìci , e 
di ^erfonc , ché^ j>er disgirili co'*liiai > la* 
Yciavaho ,aIJc Cliiefe\ In cotal; goiìTa i Pon- 
tefici Rònsahi nfavéijó ogni^iligenza per 
^jtìtare gli acouiftii 5 di confermare Tac- 
qtiifbitoj' al <:né'per ^proprio ìptcreffe, tut- 
to T Ordine ^ccltfiam<5o"nòn' folo'accon- 
fehtivSt', pia colla iferina ; e tìfln le predi- 
che* dava mano y (id inculcava • 



A 




Digitized by VjOOQIC 



lOj 




DELL' ISTORIA CIVILE 
DEL 

REGNO D I N A P O L I- 

LIBRO UNDECIMO. 




^JoigìttOf ohe da qui a po^ 
co lo diremo I. Re <li Si* 
cili^9 e di Puglia 9 avendo 
con taEdl celerità, e feaza 
richiederne inveftitura dal 
Papa , prefo il pofTetfb di 
quelle noftre Provincie ^ alle quali per la 
morte di Guglielmo fenza figlinoli era 
Aicceduto , efacerbò. ia maniera TTlnimo 
d' Onorio y che non fu poflibile , né co^ 
Legazioni , né con offerte che gli fi fece- 
ro della Città di Troja, placarlo *, né fi- 
nalmente il timore di perdere Beneven* 
to , potè rimoyerlo . Egli fcpmunicò Rug- 
giero tre volte (-0)^ e vedondo cheque-» 
fti ftilmini erano infhicti|o(amente lancia- 
ti, fi rivolfe alle armi temporali; e ^er 
per maggiormente accalorare la fpedizio- 
ne , che intendeva fare contro qiiefto Prin^ 
cipej portoflSL immantenente in Beneven- 
to , ove incoraggiò molti a prender T ar- 
Tom. IL 
(a> ^i. Telefin. 



mi per vendicarfi dell' offefa, che riputa 
va aver ricevuta ; e quelle gi^ ragunate y 
Taftetta a tutto potere verwr la Puglia^ 
ove Ruggiero col fueefercito erafi accam- 
pato . Ma quefto accorto Principe fcorgen« 
do , che r armau del Pi^pa era compofta- 
di truppe fomminiftrategli tfia alcuni ribeK 
lauti Baroni, e che (^ficcome T ica^ e lo 
fdegno i! Onorio ) non poteva hingameit*^ 
te durare in aueir unione , non ^li pa!)r-. 
ve d'ufargli oftiliià^ ma fchivando ogaV 
incontro , lafciò pafTar ^ucU' eftà fenza 
combattere ^ Nel ^cominciar dell' inverno 
fi dileguò tofto queir unione, e reftò il 
Papa lenza geate^ quindi abbandonando 
Timprefa tofto in Benevento tornotfene « 
ftuggielro che non voleva con lui brighe ^ 
gli fece richieder di nuovo la pace, ed 
abboccatifi infieme pretfo BeneveAto fopra 
un ponte che fecero drizzai^e nel fiume. 
Calore > fu quella iubita conchiufa nel^ 
O '^ prin- 



Digitized by 



Google 



loS 



DELL' ISTOHIA CIVIL1E 



Ifincipio di ^left'aDno ii28« (a) ed i 

S^tti' fiirono f che Ruggiero y ficcome i 
3Ì predeceflTori ^iveano fatto , ^^iuraìTe fe- 
deltà al Papa 9 con pcemettergli il folito. 
cenfo ; ed all' iacoatro Onorio gli deffe 
r inveftitura del Ducato di .Puglia , e di 
Calabria ) fecondo il tenore dell'altre pre- 
cedenti , iicGome fu ^efeguito ( é ) ^ 'Riufcì 
cotanto profittevole per la Chief;^ Roma» 
na (^uefta pace , che ribellando/! ^co da 
poi 1 Beneventani , Ruggiero che ^on buo- 
na armata -fi trovava nella Puglia , toAo 
v] accorfe^ e ridu& quella Città nelFub- 
bidtinza della Chiefav 

Ma ^uefio Principe avendo con tanta 
fua gloria compofteiecofe di quefte Pro- 
vincie, ed acquiftata r amicizia del Pon- 
tefice Onorio , xitiroili in Palermo ; e ver 
déndofi.'par "tante profpeiità> e^ benedizio- 
ni Signore di tante Provincie , reputò mal 
convenirli piii a lui i titoli di G* Conte 
di Sicilia 9 e di Duca di Puglia; ma un 
più fublime di Re dovertene ricercare . 
Al che diede maggiori (limoli Adelaida 
fua madre, la quale elfendo ftata moglie 
di BalduinoRe di Genifàlenune, ancor- 
ché da poi ripudiata^ riteneva il titolo 
.Regio , ed alla conquida di quel Regno 
iftie;ava il figliuolo Ruggiero, che mo- 
veiTe rarnii; aggiungendofi ancora il ri- 
flettere, che coloro, i quali anticamente 
aveano dominata la Sicilia, con titolo di 
Re aveaula rignoreggi;tta. ( r ) ; ftiniò dun- 
oue prender'quefto titolo, ed avendo co- 
tmtdu Palermo Capo del Regno , He dì 
'Sicilia^ del Ducato di Puglia , e di Cala- 
briA , e del Principato di Capua, >oUe 
chianiarfi ; ed in cotaL guifa da' iuoi fud- 
diti per Re falmato, ne' diplomi, e nel- 
le pubbliche fcritture quefti furono i ti- 
tob^che aifuafe: Rex Sicilia y Ducatus^ 
Apuliit^y PrtncìpatusXlapua^ Quindi il Paz- 
aello narra , che nel mefe di Maggio^kli- 
anno 1 1 29. correndo allor il coftume , che 
i Re dall^e- mani de' loro Arci vefcovi ri* 
eevetfero la Corona, e runzione del fa- 
oro Olio, fi facefTe égli in Palermo in* 
|refenEa de' principali Baroni, di molili 

'( a ) Falc^ Bmw. ( b ) P^r.Discm. L 

-A,^ e. ^6. ( e ) Ai. Tekf. Qu'fitolim fub pti^ 

>Wtf t9mpctìbus*/wfm' hune ìpfitmProvinciam 

ReMmnHÙllof bdbuìjft tradìtur. E nella 

ihlla, p fia broejììtura i In, IL fi dijfe ^ 



Vcfcovi , ed Abati „ e di tutta la no1>iV 
tà, e popolo 9 coftonare per Re di Sicilia ^ 
e di Puglia da quattro Arcivefcovi j da 
quelli di Palermo , di Benevento > di Ca«- 
'pua,*c di Salerno: il che non* poteva ef- 
fere più Icgittiraam'eate , e con piàavve* 
dutezza^ e con maggior celebrità fatto. 
Altro non fi ricercava perchè Ruggiero a 
tal fublimità s iunfilzaiie , e legittimameir- 
te il titola di Re ricevetfe . Al volere 
del. Principe concorreva ciò che principal- 
mente, anzi unicamente farebbe baftato, 
cioè la volontà de! Popoli, che lo accla- 
marono , la quale prinia d' efferfi introdot- 
ta la cerimonia di iarfi ungere , e coro- 
nare da'Vefcovi, era. riputata fufEcientif* 
fima • Cosi fu da noi altrove ofTervato, 
che Teodorko Oftrogoto fu gridato Re d' 
Italia , é così gli altri Re Longobardi • I 
riti, eie cerimonie furon femore varie, 
fiocome le Nazioni, alcune ufavano in- 
nalzare l'eletto fopra uno feudo; altre fi 
fervevano dell' afta , ed altre d' altro fe- 
gno (a). 

Ma trovandoli ora introdotto il cofiu- 
me, chequefta celebrità £1 faceva per ma- 
no de' Velcovi , li quali ponevano ali'elet* 
to la Corona fui capo, e l' ungevano colT 
Olio facro : non futràfcurato in queft'oc- 
cafione da Ruggiero; poiché eifeado fta- 
to egli acclamato Re,: oltre della Sicilia, 
anche del Ducato di Puglia, e di« Cala- 
bria , e del Principato di Capua , e di Sa- 
lerno , che- abbracciava quefte noftre Pro- 
vincie^ furono perdo adoperati que'quat- 
tro Arcivefcovi , a' quali per antica ufan- 
za s'apparteneva d'ungere, e coronare i 
loro Prmcipi; i quali rapprefentando per 
le loro Provincie, delle quali erano Me* 
tvopolttani, tutta la Sicilia, e tutta que- 
fta noftra Ciftiberina Italia, veoivan a 
coronarlo quafi dì quattfo corone in uà 
iùt&o tempo, cioè* l'Arci vefcQvo di Pa*i 
lermo per la Sicilia^ ed 1 ooftri tre Ar- 
civefeovi per tutte quelle Provincie , che* 
anticamente eran comprefe ne' Principati, 
di Benevento, di Capua ^ e di Salerno: 
.il che non fi fece fenz' efempio , poiché: 

avea- 
Fkgnum Sicilie^ ^'^uoi utìque prout m antu 
quìs refettur hijiariis^j Ragpiun» fuMe^ itoj». 
duiium e/i^ ( d ) V.Pamc^ m MafteiGsU 
lieo. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI 

i sretno *poMle '<»dervare cbe gli altri He 
I folevaoo di tante corone coronarli di^iiuii*-^ 
I ti Regni eiil aveaaa>*- aèr pefciò. dx uà 
S fole Vefcovo, ma da più era folito farfi 
I incoronare », ficceme Hincmaro* Vefcovo di. 
' lìems. narra della.; coronazione di.Carlo il 
t CaJ^o fatta, a Metz nell'anno. 869». 

Non poteva. dunque- eifeie' più legitti- 
mamentc' fetta 1^ coronazione di Ruggie- 
ri», né poteva: alcun, dolerli ^ che quefto 
Principe fen«a. ricercar altro, lo facetfe • 
Ma. i Pontefici Romani ,. come il è altro- 
ve notate , fro^ le^ alcre. Ion>^ magnanime 
ihtraprefc ,,onde- proccuravaa. d* ingrandi- 
re la. loro4 autorità ». erana eniarati^ nella 
pretenfiòne, che iiiun Principe Criftiano 
potefTe. affumere il titolo di Re fenza lo- 
ro^ conccfllìone'^ e pernaelfo •. E, tanto prk 
5! erano refi^ animoff a pretenderlo , guan- 
to che r ifteffa. autorità- s* arrossavano^ nel- 
1! elezione desili ImperadorL d^ Occidente , 
pretendendo >. che icnza. di elfi niun- pò- 
tclfe- innalzarli^ a. <}uella fublimità;^ e che 
dalle- loro- mani dipendefle V Imperio >. né 
^, arroflivano di dire che- 1' Imperiò,- fic- 
come- tutti fjll altri Regni ,, dipendetfero 
da. loro, come credettero Clemente V. ed 
Adrlano^• Né- mancò* chi; fcrlvendo all' 
ìffeffo- Imperador Federico I^ non- ave((è 
difficolti di dirgli; in faccia, che Tlmpe» 
rio fofTe un benefìcio^ de^ Romani: Ponte- 
fici , di che Federico ne fece- quel- rifen- 
timento checiafcun sà> obbligando quel 
Papa >«per emendare la fua jattanza. a ri- 
correre- a guifa di pedante- a' (piegar la 
parola beneficio , ed in. qual fenlbegli.aveC» 
ièla prefa ». Edi. adunque- co' Prìncipi fi 
vantavano di poterlo^ fare,, e. d'aver tal 
poterti come Vicari di. colui,, per- quem 
Rej^es regnante. Ed i Principi: all' incontro 
n!er»ioo* ben^perfuafi, «credevano ,, che 
£cconie i Re d' Ifraele erano con. molta 
iblennità unti^ da! Profeti,, così effi per 
effer. riputati Re dovean* da. loro farfi un- 
gere*, e coronare*. Quindi nacque: che mola- 
ti Prtiicipr della: Criftianità- nonaveano 
difficoltà di: promettergli: perciò trilMito, 
o rendei^ Feudatari delta. Chtefà. Roma** 
na .. Còsi fin. dall' anno* 846^ Etelulfo- Re 
d' Inghilterra pottatofi in Roma ,, e fatto- 
fi. confermare it titolo di Re dà Papa Lio- 
«e IV*. refe: i 'mi Regni tributar; alla Se? 

(a) V.Bodìn. de Rep. e. 6:. 



NAPOLI IIB. XI. 107 

de Appoftolica. d' anno in anno d' una flier- 
lino per famiglia , e coteAo tributo , che 
jdenominoffi. il denajo di.S. Pietro fu da 
poi pagato, per infiiio- al teti\po. d' Errico 
Vili- E vie più ne' tempi pofteriori cre^ 
icendo la loro ignoranza, e^ ftcvpidezza, 
il videro» altri Principi^ feguitare quella 
efempio^ e fendergli tributo •. Nel 11 78. 
Alfonfo Duca, di Portogalli , avuto da 
^leffandro IIU il titolo Regia per ^ 
epftg; fStti da lui acfoperati contro i Mxah 
st di. Spagna, gli promife il cenfo >. Lo 
^elfo fece^tefano Duca, d': Ungheria , quel 
di Polonia,.. d'Aragona;, ed altrt Prìncl** 
pi i, tanto che Viécffo Bodino (r) noa 
ebbe difficoltà di dire, i Re di Geruia** 
lemme,, d' InghiUerra ,., d^ Iberaia , di Na«> 
poli , Sicilia ^ Aragona ,, Sardegna , Corfi» . 
ca^ Granata, Ungheria, e dell'IfoleCa»» 
«arie e0ere Feudatari della Chiefa Romani 
jfta» E. r accortezza, de' Pontefici Romani 
fu tanta ,. che per confervarfi con que* 
Principi, quefta fovranità^,. ancorch' effi fot 
fera veri Re, e così da' Popoli/ iàlutati> 
e dagli altrL Principi di Europa reputa*^ 
ti , nulladimanco v;edendo che non È cv^ 
ravano di ricever da effi querti fteffi ti^ 
toli,,cott facilità perciò loro gli davano^ 
e quelli coiriftelTa facilità, gli accett?ava* 
no V ^>on badando all' arcano die fi nafcoii^ 
deva '«fotta quella, liberalità : così negli 
ultimi, tempi a Paolo IV. noftro Napo«^ 
letana gli venne fantafia d'ergere Tlber- 
nia in Regno,, e (è bene Errico- VI IL 
r avefle. prima fatto , e quefto^ titolo fotfe 
continuato da: CMoardo ,. dI'Màf ia , e dal 
manto V ntrilàdimanca' dffiiìiiulando il Pa* 
pai di faper: il' fatto, d Errico ,. voile* fati 
apparire "eh' egli ergeffe quell' Ifola in Re-» 
gno,, perchè inj quella- manierai il Mon* 
do credeiTe , che de' foli Pontefici Roma* 
ni. fofTe- r edificare, e^lpiantar.- ReiHÙ.) t 
che. il titolo^ ufato. dalia Regina fofiTe cth^ 
me donato dal Papa,, nonr come* decreta^ < 
tf>; dal: padre *. Lo: fteifo i noftri inag-^ 
giori videro^ nelUi pèrfona. del* Duca di 
Tafcana ,. innalzato da' Pontefici, con ti^ 
tolo: di G* Dtoca». E fé la cola fi fbflTeri"- 
ibretta a' ioli. Pontefici Romani,, farebbe 
fiata forfè*' comportabile ,. ma fi giunfe » 
che fino g^i Arcivefcovi di Milano a' ar- 
xoffirmo l'autorità di ht effi i Re d'ha*- 



CTìgitized by 



Google 



168 



DEXi; I S TO R I A e I V I L È 



Ila 9 come £ è vednto ne' precedenti libri 
di qutff tnona . 

Ma dair altra parte non era meno Ara- 
ila la pretenfione , che aveano gì' Impc- 
radori^ d*" Ocmdehte , di poter effi aoncora 
^ar titoli di Re, ed ergere gli Stati in 
Heami: effi lo pretendevano perch'effen- 
^o riibrto V Imperio d' Occidente nella 
]>erfona di Carlo M. ed eifendo fucceilb- 
ri di queir Augufto Imperadore,^crédeii^- 
fio ben come tali di poterlo fere in tut- 
to Occidente ; e fé il Senato Romana in- 
traprendeva ben quella pot^ftà* nello Sta- 
to popolare di fere Re , molto più effi 
Credevano a loro'appartenerfi. Sopra tut- 
ti gl'In^radorì Federico I. ebbe quefta 
lantafia: egli mandò la fpada, e lacorp- 
. na regale a Pietro Re éi Danimarca , at- 
tribuendogli il nome di Re per titolo d' 
<ftióre (blamente, con efprefla riferva (co- 
me rapporta Tritemio (a) ) della fovra- 
àità del Tao paefe all' Imperio i il che fu 
ilanaoTo alio ftétCo Imperio, poiché per- 
4:iò li Re di Danimarca prefero a poco a 
poco eccafione di fottrarfi dalla foggezio- 
aie deli' Imperiò , e da poi fi fono refi 
affatto Sovrani in confeguenza ' del titolo 
di Re. 

(Girolamo Mhzjó ChrDn. Gcrm. lib.20. 
Cr«y?»^ Annal. Suevic» paft.3. lib. 2.' cap, 
2. Bodin. de Rép, lib. I. cap. j^, ciiTattri- 
feuifcono a FedeHco IL non ài I. vedafi 
Sigonio de Regno Italia Lio. 15. che rap^ 
porta il fatto di Bari/otié creato Re di 
Sardegna ad iftanza, e con denari (fe'Ge- 
ìiovefi ) . •■ ^ * 

L*iftetfo (mperadore diede titolo di Re 
al Duca d'Auftriai i^^ki a coftui avvenne 
tutto il contrario che a' Re di Danimar- 
ca, poiché avendo ottenuto quello titolo 
con egual riferba della fovranità, volle 
troppo pretto allontanarfi dal fuo Sovra- 
»>, ed ayendo rifiutato d'ubbidirlo, ne 
fu inrivato' dodici anni da poi di quefta 
qualità di Re, e coftretto . chiamarfi fola:- 
mente Duca . Quefto medefimo Imperado- 
re diede ancora titolo di Re al Duca di 
Boemia con ìst medefima ritenzion diSo^ 
granita : nel che non d ebbe da poi al- 

( a > Trìtem. e. tj. Ottone Frifingen/g L 
2. ile sefiis Federiti L e. 5^ Sodino deRep. 
Li. €.3. ( b ) Cn/tf<v 1.1. de Fend. tit.z. 
S. O quia vidimus. (c> Artur. de auth. 



cuna mutazione , sì per la picciolezza de! 
fuo l^eame vicino alla Sede Imperiale , 
come perchè quefto Re è uno degli Elet- 
tori . 

Altrove fu notato; che alcuni credet- 
tero , r Inghilterra avere un tempa ancor 
ella falutato l' Ihipeeadore come Feudata- 
ria, come fra gli altri fcriffe Cujacio ib\ 
la Francia riort giammai. /Ma gl'Inglefi 
glie ne danno una mentita, ed Arturo 
Duck ( r ) dice , che Cujacio fenza ragio- 
ne ciò feritfe; poiché nell'lfteflo fecolo, 
che la Francia (coffe la dominazione delF 
Imperio , la fcoife ancora V Inghilterra , e 
che- non meno i Franzefi , che ì Brittan- 
ni fono indipendenti dalf Imperio . 

Da quefte pretenfioni , che il Papa 9 e 
rimperadore tennero dì poter creare Re, 
e che tutti i domini dipendeifero da loro, 
ne furfe da poi preffo i noftrì Dottori» 
fecondo le fazioni, un ofiinato contrafio, 
e chi fofteneva fecondo i fentimenti di 
Clemente, e d'Adriano, che l'Imperia, 
e tutti i Regni dipendeflero dal Papa : 
chi all'incontro dall' Imperadore ; e^Bar- 
tolo {d) foftenitore delle ragioni dell'Im- 
perio , s' avanzò tanto in quefla opinio- 
ne , e pafsb in tale eftremità , che non eb- 
be difficoltà di dire eifer eretico chi nie- 
ga r Imperadore etfer Signore di tutto il 
Mondo .' ciocché meritò h riprenfionc 
di Covarruvia ( e ) , ed' altri Scrittori' , 
che riputarono cotal propofizione degna 
di rifo. 

Ma fé bene erano fra lor divifi in fc»- 
ftenere le pretenfioni , o dell'uno, o dell' 
altro: furono però d'accordo indire, che 
tute le Sovranità del Mondo Criftiano di- 
pendeifero , o dal Papa , o dall' Impera- 
dore. Propofizione quanto falfa, altrettan- 
to repugnante al buon fenfo , ed a quel 
che offerviamo negli altri Regni, e Mo- 
narchie; poiché la Sovranità non proce^ 
de altronde , che o dalla conquifla , o dal- 
la fommeffione de' Popoli ; né il Papa > 
fecondo quel che fi fera potuto notare in 

1>iù iuoghi di queff Ifloria , come fuccef- 
ore di S. Pietro y o Vicario di Crifto ha 
ragione di poterlo pretendere, non eflen» 

do 
fur. Rom. libi 2. àe AngL num. r. (d) 
Bart. in /. hofiesj de Captivis ^ (e) Ce^ 
var» praS. quaft, t. num* i« 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO D! 
io (bita queftala poteftà data a S. Pietro 
da colui y che fi*4icniarò il Regno fuo non 
elfer di quefto Mondo, ma quella fu tut- 
ta fpiritnale , e tutta djAzata al Cielo , 
come a baftanza nel prino libro , quando 
della politla Eccleiiaftica ci fu data occa- 
£oae di ragionaae., fii dimoftrato . £ fé 
oggi io vediamo Signore di tanti Stati , 
ed aver si belle ed iivCgni prerogative ne- 
gli Stati altrui , tutto hi o per conceflìo- 
ne de' Principi , e loro tolleranza , o per 
•confoetudine , che col tempo introdptte , 
per la loraerquifita diligenza, ed accor- 
tezza, avendo a lungo andare pofte pro- 
fonde radici, non poteron poi in molte 
parti pii^ fradicarii , come ne può efferben 
chiaro efempio quefto noftro Reame , che 
per volontaria efibizìone de' fuoi Principi 
fu refo a quella Sede Feudatario, i -quali 
o per loro conceifiòne , o tolleranza mol- 
te cofe fu di eflb le permifero : delle qua- 
li avremo molte occafioni di notare nel 
corfo di queih Kloria . 

E molto meno gì' Imperadori d' Alema- 
gna potean ciò pretendere; poiché fé fi 
parla di que' Regni, che da Carlo M. non 
furono conquidati , come le Spagne , e tan^ 
ti altri , non vi può cader dubbio aleufio , 
che rimafero vere Monarchie, e dairìm- 
perio independenti • ^è refticuito V Impe- 
rio d' Occidente nella peHboa di queir Au- 
guAiifi^o Principe , fi fece altro , che fic- 
come egli parte per fucceffione, parte per 
conqui&t, fi vede ic^andito di tanti Re* 
gni , e Provincie , onde meritamente po- 
teffe dariegli titolo d' Imperadore , così ef- 
fendofi 4a poi in tempo de' fuoi fuccefiTo- 
ri .molti Regni, e molte Provincie per- 
dute, e fottratte dall'Imperio, ritornaro- 
no efii cosi come erano prima, che Éar* 
lo M. aflumeife quel titolo ; e per con- 
quida , o per fooimeffione de' Popoli , ef- 
ieado paflatiibtto la dominazione d'altri 
iprìncipi , qiiefii come veri Monarchi, e 
veri Re iùdependenti gli poifederoiio , fic- 
come fu r Inghilterra , ed il Regno di 
Trancia ; «d i Fraozefi pretendono , che la 
Francia non folo non fu unita da Carlo 
M. all' Imperio , ma vogliono , che più 
tofto. r Imperio fotfe ftato membro della 
Monarchia Franzefe • 

Cosi Ruggiero, per quel che s'attiene 

(a) P. Diac. I.^ciiy. ^, 



NAPOLI L-IB.3Cf. ro9 

alla Sicilia, come quella ede non mai fu 
da Carlo M. conquiftata, nèairknperio 
d'Occidente ibttopofta , ma più tofto ^ 
quel d'Oriente^ nofi avea alcun bifogpo 
volendo ridurla in forma (^. Regno', co- 
me fu. anticamente, di ricorrere airim* 

, peradore d' Occidente . E fé bene ^ per 
quel che riguarda a quefte noftre Provin- 
cie, v'avei^ro avuta i medefimi in al* 
cune d' effe la Sovranità , e per fovrani 
da' Principi Longobardi foifero riputati , 
come furon quelle « che nel Ducato Be^ 
neventano, quando era nella fua maggior 
grandezza, erano comprefe; nulladiman- 
có i Normanni ie fottralTero da poi total- 
mente dall'Imperio, cosi dall' Occidenta- 
le , come , jper quel che riguarda la Puglia , 
e la Calabria, dall'Orientale, e còme in* 
.dependenti da queft'Imper) le dominare* 
no . E quantunque dagl' Imperadori d*Oc- 
cidente avéffero nel principio "ricevute l* 
•iiiveftiture della Puglia, mentedirtieno ,. 
come fi è veduto , ciò non^ ebbe alcun 
effetto, perchè i Normanni da poi pia 
tofto fi contentarono effere Feudatari oeN 
la Sede Appoftolica, che dell* Impèrio . 
Né gì' Imperadori d' Occidente molto le 
ne cubarono. Egli è però vero, che cosi 
Lotario IL com^ gli altri fuoi (uccelli , 
quando le occafioni loro fi p^fentavano, 
non fi ritennero di movere quefte loro 
pretenfioni di Sovranità :^ cosi Lotario ^ 
quando s' ebbe ^da inveftir Ranulfo del 
Ducato di Puglia, e di Calabria contro 
il noftro Ruggiero^ pretefe volerlo egli 
inveftire i e pretendendo il Papa Inno* 
cenzio IL ali incontro ciò appartenerfi a 
lui : per non far nafcere infra lor difcor* 
die, delle ()uali fé n' avrebbe potuto prò« 
iittar Ruggiero inimico comune: fi con* 
venne che tutti due infieme 1' inveftitfe^ 
ro , come fecero inveftendolo per lo ften- 
dardo* E del Principato di Salerno, e d^ 
Amalfi , ^el quale i Papi non fi trovava* 
no aver ancora fatta alcuna inveftituraa' 
Normanni, vi fu tra Innocenzìo IL e 
l'ifteffo Lotario contratto ; pretendendo 
Lotario doverlo inveftir egli : al che s'op* 
pofe fortemente il Papa, onde nacquero 
fra loro quelle difcordie , delle quali fi 
feppc ben valere il noftro Rugg^iero {a). 
E per queft' iftefle pretenfioni in tempi 

meà 



Digitized by 



Google 



<«^ 



RE 1 V listo RIA- CI vile: 



jRCA^a^ MI. lòattni^ Errico- VII., jìl prtino<^ 
Isnperadore/Xhe favella, illuftre- cada, di 
lucembnrgo>..citÀ Hoheno. Re ÓL Napo- 
li^ e Come- di Frarenza. avanti^ il fiio 
TribuBale a ..Pifr , perchè: {nretcndera xàm 
il Rjegna di- Kapoli fotfe Feuda deli" Im- 
f^io : c«ine. ia.iatti 1q bandì ^. e lo .da-. 
]me. dal- Reatae , ,dek qiiale^ ìmrefti Fede- 
rico Re»diSìcilia»^ilqualerìn.efiktto ven*- 
fte in . Calabria, per oonqmftarlo f. e fgéSt 
Hepgio 9. e-tnoite; ahre^ Piazze di; qnelk. 
miera..Ma eflèndo poco, da poi morto* 
Errico 9 , frani: K itofinÙL ^ ed ^L delnlb^ 
IBI .Sicilia. Iece« ritorno .. 

Ma etféndofi. da poi f bnperìa di co*- 
ftòro riftrettoc nell' Alenagna , . ed: o^ 
giorao cottfidmtidofi: coB&^femplici Prin- 
cipi 9 fcntsb che- potfan pketender (b vrani- 
tà. neir iJleHb^ Imperio ^ dove in. dfetto^^ 
ttiella rifiede 9,. come ha ben« provato Bo-- 
aino ; ,ed air ittcontro^ efimdofi gli altri . 
Principi per. lùngo^ corfo- di anni ben* fta- 
kiliti ne? loro'. Stati , C: Reami . con. totale- 
ladependenzà.dair'hBpeiio : . vantano oggj^-. 
con bensì forte, ragione: e^re^ i< loro Stati! 
yere'Momuchie^.ficGome: fé ne. vanta il 
Apftro - Reame 9^ non*, oftànte? V in veftitnre - 
che- i noftriv Principi, ricevano, dà^ Sómmi' 
pontefici;^ le* quali 9,. coinè- vedraffi.; neii 
codb di. queft^iflòria , non^derogana pun<^- 
to air indépendénza. 9.. ed- alki toVranità^, 
•d alle . fuìpreme- regalie 9 delle quali: fona 
adorai ^ e- per le quali. fon. repi^ti 9, coi- 
rne lo fono I , verr Monarchi .. 

Mai ritornando» Mst Coronazione del' 
aoftro Ruggiero 9,/e- bene - in : quefti . tem- 
pi : gV Irai^radórL d\ Occidente pretendef- ^ 
fero fiivranità< fopra^^flei noftrer Provin- 
cie i.nullàdimanco^ 1 Pontefici, Romani, 
r aveaoo di. Éittot^ efdufi , efolamcnte era 4 
loro rìmafa% là pretenfione .. I Principi Nor- 
manni non. fircuravano' pecciò. aver da. 
^v 1* ihveftiture 9. e^ niun « penfiero ^ fé ne 
prendevano :. Ma air incontra, «a. in ciò 9 , 
ed as.q<iefti\tempi cosi grande 1! autorità, 
de! Papi >^cfae i Prinopi fenza, dL loro fti- 
navaao non poter aflùmer ni: titolo* di. 
Re 9 , nà altro., piùr fpeziofo y, che vi . fofle , . 
« fepra gif akri. ne- ftàvana. ben. perfuafi: 
ir Principi : Normanni 9..e' Rugp^ieio^ Aefib ». 

Anzi non: fono» mancati^ diligenti Auto? - 

i9^ì Pelligr, ìh^Caflìgat: éd'.FaU. 9c».. 
A 1 130^ ( b i CAr., CaQ^ tiò: 4^ sap^ 7.. 



n ). che fcrìncpQ* w nggietO' non, wrjivec 
avuto, queft' ardimento^ per. fe- folo* d' in* 
ooronariLRe9j|d'adrttnusttquel titoloCen* 
za loro pe muMn e 9 e beneplicìoei;e chr 
ima.foUa voltare feffe AatO' incoronato da 
Anacleto neir auno* 11 jo* non. già due., 
una. da fé iolo. nell* anna x 1 29. T altra da 
Anacleto nel feguenteaano'.^Nelche ncm 
VìcgliainD.* miglior, teftimonio deiràccura- 
tiwno Pellegrino 9 (a) il quale per T an- 
toritàj di. Fakone.. Beneventano 9. e ^ell*^ 
Abate.Teleiino ^ Ibftiene 9 , che fai una voi- 
ta^ Ruggiero* fi faceife incoronare 9. e ciò 
per^Mmrità.d' Anaciata :. poich^ effendo 

Kr la morte d'^Onorio^^accadutain Feb- 
ajo delUanno 11 penato lo icifma tra 
Innocenzio IL. ed Anacleto IL eletti am- 
bedue nel!' ifteflb. giorno dàdue contrarie 
r&zioni. per Romanr Pontifici 9 piacque a 
Ruggiero &guire il. pactito d! Anacleto,. 
ìL quale- riputando, ciò* a fna Ibmma ven- 
tura >^ perchè mimito^ di si valido >' appog- 
gio potetfe. refiftete* aL partito , d'. iMioceo- 
zio 9. proQcurav»« di nom aegaigli- colà» 
che gli cercale i in fatti venoto^nade- 
to in^ Avellino, nel mefe di Ott<rf>ie di . 
queft' iftetfa anno ,.^ qui vi^s'^pnntò dico-- 
ranatlo ,., ficcome nelr ifleiTo mefe; ritorna*- 
to. in.Benevento 9^ini queftà Città* gli fpo- 
dì ìx: Bolla 9, che fi. legge^ prelfo » il Baio« 
nio ; ed avendo • Anacleto, mandato, in Si- 
cilia un. fuo. Cardinale: peechè* lo \ incoro- 
naife 9 . fu. Ruggiero. dal medefimo cotona* 
Uy in Palermo net nefe di Dexxmbie dell' 
ifteflb:' anna^ nel ' giorno^ di.. Etomenica. del- 
la^ Natività di N..S^ con mella^ celebri- 
tà, ed apparato 9 che cLdelcrivetl'. Abate 
Telafino<.Scrittor contemporaneo 9,; che vi 
fo prefente 9 o.'che' fu . molto- famigliare , 
e^ÀStznta. caro a.. Rù^ieco • . Falcone Be- 
neventano , Pietro 'Diacono ( 4 ) 9 ma (cP' 
pra . tutti . più. minutamente. V Abate. Tele- 
finot (c)y^t tutti- gli antichi ,. parlando di 
quefta. coronazione, la^tunrano: come la 
prima, e Tùnica v. né. fanno memoria al* 
cuna..d' altrai covonazioner cher Ruggiero 
perfe.fteilb aveffefi'paocciifattL nelr anno 

Scedénte*.£d:a diril veroyfe mai vi 
e ftatay^cerumenter Abate Telefino 9 
che cosi a minuto fcriflé i.£itttdi queAo 
Principe 9 . e con tanta, efiittezza qneUf > 

che 
(c)^^: Tiléfin.Mb: %. 9ép. 1^ 



Digitized by 



Google 



^HI UXONO D'I NiffOnLl Lift m. 



Ili 



' ^che legai per AMdeto, non avea itaoti* 
^vo di tvtkfctap la* piìaia';> 'poiché avvebiMr 

» f&ppoicaio QQ fatto ch'egli oocne cotantot 
benevolo^ ^familiare 'di Ruggiero , avreb- 
be approVa»rv »è in gfaxia di RttMien» 
r avrebbe taefeito . Né ^vitbbe tialaiciatfa 
di riferirr tanta celebrità y 'e pompa y"^ 
il conftnA> ài tanti inligni Prelati , e Si* 
giiori che narrafi 'effere dntervenwo ^^ 
quefta prima corommone -9 celebrata in 
tempo, che non "vi era fcifma alcuno ^nel- 
la Chiefa, ansi i^nando'Onorìo per la pa- 
ce fatta con Rijggiero » <irimafe con ^fuetto 
Principe amiciffime^ 

Il primo che di tiil coronazione «legni- 
ta con mnta celebrità per mano di quat- 
tro Arcivirfbovi^ ci <^fle rìfcontri ni il 
FaszeUo ( ìt ) , dacui forfè il Si^onio. l'ap* 
prefe • Ma quefti con tanu incoerenza 
unifce infieme molt^ cofe 9 'che non ci 
dee fer moka autorità « 'Altri y^ dar cre^ 
dens» » queAo ireK:coiìto , iìUpLìib una 
CroMoa (^)^non ancor impréffad^ un tal 
Mafal<)p' Monaco'Camiiliano ; ma noti di- 
cono di 'qvahta* antichità foffe} néMaral- 
do fa meniiìone'che d*una fola corona^ 
zione . Pcr^quetti argomenti -, e., pewhè 
tutti gli Antichi la tacciono^ né. d'élTa 
fanno alcuna l»(froom : ni Pellegrino por- 
ta opinione che Ruggiero *ìion b fece co- 
ronare fo non una ibla voh»., e ciò 'per 
autorità di Anacleto*, cW egli in rquello 
Scifma riputava, come lo riputavano àU 
lora npn folo i fuoi Refi;ni , "ma gran par« 
te d* Italia , ed i Romani ftéffi , :vero Pon* 
teftce, come colui che ebbe la maggior 
parte> de' Cardinali che rdefrero> fé be- 
ne Innotenzio un poeo^^pià prima di -lui. 
fotfe ftato eletta dalla miiiw "parte » So 
ohe Inveges. noni acquetandòfi a quefti ar* 
gomenti del Pellegrino, 'porta opinione 
contraria ; narra , die Ruggiero , effendofi* 
coronato per propria autorità , eletto chr 
fu Inoocenzio , aveflegli richiefto , che 
con fua Bolla gli confèrmaffe quefta co*» 

( a ) PI Eaz. d$eutL i. L 7» ( b) Chwn. 
ÌAS.di^S.StefamJ€l Bofco. (t) Botla £ 
JthacL Ccrmiam ^Regni Sicilia , & Cala* 
érUy & Apuli jty &c. Donamus etiatttj Ci)* 
0*f&9rizamus tiiiy &^ tnis haredtbus Prìn* 
mfatum Cap$mn$t9m cum o^mmius^ tenimetttit 
fi*i^ % gu$ma4Bmdum Pm$cif0s:CapHafiofum 
M» U fi^emt'f pmm in ftautit^ uuut^ 



nnnttciowé ;^ ma *clie pei» notf aMndo^ fpoi' 
Yuto. ridmvs Innoéàneùo a confermarla •; 
abbatBJMaBdd 41 paitito d- Innocenzio-^ 
fMfii ricorfa ad Anacleto , il «quale volen^ 
aieri gli compiacque ^^Che che ne fia , «o- 
fotfe fiata* quefta Ua|nrima> ovvero la fe^ 
'conda^coronaiioivs di Ruggiato, egli 'é cer^ 
to ,' che 'quefto Principe ^ri^utò^ non be^ 
ne > né ftabilmentcs ' o kgitrimamente po^^ 
ter affuttfere quel titdo , Tié ergere i (uof 
Stati in ileami^ fé non vi fode ^tiMo 11- 
pBrmetfb^ ' o conferma ài Anacleto ^h' egli 
Teputaya^ero Pontefiee., al quale avea- 
rendutii fuoi Stari 'tributar}, e de'qual^ 
i fuoi ma^iori*^ne«4iveanocrìcevute ^rin- 
veftiture^ 

'I. lìm/iittifM 3* Anacleto data a^ìitt^ 
OICR0 J. Re di SìcHia . 

ALlora fu che Anacleto , cui tanto pire» 
meva- T alleanza*, ed amicizia di 
Ruggiero, oltre ad averlo coilituito Re, 
ed onlinàto-a tutti t Velcovi^ ed Abati 
de' fuoi ^Dentini) , che lo ridcynofcefTero per 
tale , e gli tgiuraifero fedeltà ^ concedè a 
^quefto Pnncip^ una più ampia in veftitu* 
Kty che i fuoi predecefiTori Duchi di Pu* 
'^glia non aveanO potuto inai ottenere *, poi* 
che oltre ad kiveftirio del la Sicilia, del« 
la Puglia , e della Calabria -, gli diede 
fticora Tinveftitura Bel Principato diCa-' 
pua , e quel ; che parrà ' ftrano , altresì del 
Ducato Napoletano*, 'come fono le parolof 
della Bolla ( + 3 , e come eziandio rappor- 
ta Pietro Diacono ( *.) . 

Che glie le daffe del Principato diCa«> 
pua , ancorché pure fo(fe cofa molto ftra^ 
na , che neli' ifteiTo 'tempo > che quella 
veniva po&duto da Roberto , il qual vl 
eraf rincipe, voleife inveftirnealtri ; "pò- 
■^ irò fofteherfi il fatto -, ed era leu- 
perche aren3o i Principi- di Ca- 
pna iuoi predecetfori dà^ Papi tic^vùta r 
^mveftitura di quel Principato , tal the ve* 

nivan 
'funt • Ranmrtm quoque NeapoHs , ejufquìf 
fertinentiarumy &c. (*) P^Dìac. lib. 4« 
e. 97. Petfuspneterea Catdinalif Roberto T>u^ 
ti Apulta cormam trìbuens y & pét privile*^ 
.Mum Capuanum Prirttipatum^ &pttì:atum 
ISIeapolìtdnum rum ApìiUa , Calabria , tJ^^ 
Sicilia ìllixonfitmans j Regemfuexm^HtMma^ 
ad fuam fortam amaxit^ 



Digitized by 



Google 



lu D R L r I S T O 

luvaa rf.putati Antor effi* Feudauri della 
Sede Appoftolica ^ ^on altrimenti che i 
Duchi diPuglia» e di Calabria » ed*aven- 
do voluto quel Principe fe^uitare il par- 
uto.d'Innocenzio fuo inimico , avrebbe 
potuto forfè così colorirli » e darli al fat- 
to comportabile apparenza.. Ma del «Dur 
cato Napoletano » ch'era dall' Imperio d^ 
Oriente dipendente » e che in forma di 
Rc^pubblica fi governava dal fuo Duca > 
che io quel tempo era Sergio , con qual 
appoggio poteCTe farip Anacleto j non fi 
fa veramente comprendere j e fé pure i 
Napoleunì , ciò che lor s' imputava y fe- 
guivano il partito d' Innocénzio , ciò non 
recava a lui ragione di difporre di quel 
Ducato , che per niuno pretefto poteva ap- 
partenergli • Ma tutte quefte confiderazio- 
ni niente impedivano allora a' Pontefici 
Romani di far ciò che poteva ridondar! 
in maggior loro grandezza : erapo gii av- 
veiLzi d'inveftire altrui di paefi che efii 
non poffedevano , e fopra de' quali non 
vi avean che pretendere » come fecero 
della Sicilia > e di queft* altre noftre Pro- 
vincie . 

Né a Ruggiero motto premea dUndar 
efaminando cotali diritti ^ baftavaconciò 
aver un minimo appoggio, affinchè quel, 
che il Papa gli concedeva colla voce , e 
colle fcritture , poteiTe egli conquiftaxlo 
con le armi } credendo così giuftifiqar^ 
le fue conquifte » ficcome ben feppe fare 
poco da poi, ohe difcalciatq Roberto da 
quel Principato , e molla guerra a' Napo- 
letani fi rese padrone così dell'uno , co-, 
me dell'altro Stato» 

Ma potrebbe per ^avventura recar ma* 
raviglia come in qucfta occafione non fof* 
& ftato inveftito Ruggiero anthe del Prin- 
cipato di Salerno . Ciò avvenne perchè i 
Pontefici Romani pretendevano cìMÈuA, 
Principato interamente V appartenCT^R^ 
U Chiefa Romana, fé bene non fi feppia 
per qual particolar ragione . Perciò Gre* 
gorio VII. perciò tutti eli altri fuoi fuc- 
ceiTori lo eccettuaron tempre nell'inve- 
fiiture , come abbiamo oflervato • Ed in 
Unì , quando Lotario , avendolo tolto a 

(a^ P. DìacJ.^.€ap. iiy, (t) Bulla 
Anack Concedimus igitur , donamus , & 
éuRorìz^mus tiiiy & fiUo tu9 Rigetto j & 
éliis filìis tuìs fecundum tuam ordinatÌB' 
nem in Rignum fubjiìtutndìs ^ & hésndi* 



RIA CIVILE 
Ruggiero iène refe padnme, e irolleap 
própriarfelo , Innocenzio fé ne offefe , ed 
acremente fé ne dolfe , dicendo , tlie 
quello s' apparteneva alla Chiefa Roma- 
na , che fu motivo di difcordia tra il 
Papa y e Lotario ^ come rapporta/ Pietro 
Diacono ia) V inveftitura fu data a Rug- 
giero , a' fuoi figli , ed eredi di quelli /i^- 
re perpetuo • Ed il ^cenfo, fu ftabilito di 
feicento fchifati T anno ( t ) • 

GAP. L 

Pdpa Innocenzio IL collegatofi cdF Imftra* ' 
doir Lotario move guerra al Re Ruggiero • 
Il Principe di Capua , ed il Dùca di 
Napoli x' mJfcòm con Lotario\ , /oh» 
dìn0tti y e Ruggiero occupa i loro Stati . 

i^Ttanto -Jnnocenzio , vedendo « che il 
partito d'Anacleto , a cui Ruggiero 
erafi unito , era più potente del fuo , e 
che egli dentro Roma non poteva coi|tra« 
dargli la Sede y come quegli y ch'^ fi- 
gliuolo di Pier Lione , ricco , e potente 
Cittadino Romano , erafi partito nafcofta- 
mente da Roma con que' Cardinali , che 
r avean creato Papa, ed andolfene a Pi- 
fa , «ove fu da Pifani come vero Pontefi- 
ce ricevuto con tutti i fegni di ftima, e 
d'ofiequiOk Pifa in quefti tempii infra le 
Città d' Italia, erafi molto diuinta perla 
potenza , e valore de' fuoi Cittadini , ma 
iQolto più per le forze, ^ed armate marit- 
time , che manteneva i onde Innocen- 
zio , imbarcatofi di là ad alcun tempo su 
le lor galee , fé ne pafsò in Francia per indos* 
re il Re Lodovico a prender la fua pro- 
tezione contro agli sforzi del fuo rivale. 
Qpivi giunto ragunò un Concilio nella 
Città di Remsj, ove fcomunicò Anacleto ^ 
e tutti coloro, che feguivano la fua par- 
te ; ma vedendo , che il Re di Francia non 
poteva fomminiftrargli quegli aiuti , de^ 
quali allora aveabifogno, proccuròimpe" 
gnar Lotario Imperatore alla fua difela » 
nel quale trovò maggior difpofizione , e 
I«ontezza , che in Lodovico • Afpirava 
egli di togliere a Ruggiero quefte Pro- 

vin- 
bus fuis coronam Regni Sicilia , & Calete 
ùria y & Apulìée , ^d. Tu autem cenfum , 
Ó» haredes tui , videlicet fexcentas fchifa^- 
tos y quot annis . fingulis Romena Ecclefim 
perfolvere deèes^àrc. 

Digitized by VjOOQIC 



DEL REGNO DI NÀPOLI LIB. XL CAP. I. 



f, vincie) che credeva eCTergli ftate ufurpate 
^ da Quefto Principe ; t con tal opportuni- 
^ tà cu indurre ancora il Papa a conceder- 
^ gli le cotanto contrattate inveftiture . In 
^' effetto la prima cofa che cercò » edotten- 
^ ne da Innocenzio forono le inveftiture ^ 
t le quali tofto le furono accordate, come 
^ icfiVe Pietro Diacona (*) Autor contem- 
>' poraneo • Il Baronio dando una mentita a 
quefto Scrittore, dice, che avendo Lota- 
rio ciò pretefo, gli fu fatta refiftenza da 
Bernardo Abate di Chiaravalle , il quale 
conOgliò Innocenzio, che non v^aflentif- 
^ fé , e che fecondo il fuo configlio Inno- 
( cenzio ne Tavetfe efclufo , allegando lo 
• Scrittore della vita di quefto Santo, che 
» fu Bernardo di Bonavaile Scrittore di 
t tempi più baffi. 

Che che ne fia , Innocenzio difpofe V 
Imperadore a calar tofto in Italia , e giun- 
to in Roma infieme con lui , trovandoti 
occupau la Chiefa di San Pietro da A- 
nacleto , Innocenzio albergò nel Pala- 
gio di Laterano , e ì'Imperadore con fuoi 
foldati s' attendò* alla Chiefa di S. Pao- 
lo • Frattanto al partito d' Innocenzio 
eranfi aggiunti molti Baroni della Puglia 
mal foddisfatti di Ruggiero * I più fe- 
gnalati fra gli altri fìirono Rainulfo Con- 
te d' Airola , e d* Avellino , Roberto Prin- 
cipe di Capua , e Sergio Duca di Napo- 
li • Rainulfo ancorché cognato del Re , 
come quegli che teneva per moglie Ma- 
tilda fua iorella , erafi di^uftato con Rug- 
giero per cagion, che trattando egli trop- 
po feveramente la moglie, obbligò Rug- 
giero a togliergliela , e fattala venire a 
lui, rinviò in Sicilia con un figliuolo di 
lei , è dei Conte chiamato Roberto ; ed 
avendo intimata al Conte la guerra gli 
tolfe Avellino, e Mercogliano, ed oltre 
a ciò , venuto in fuo pDtere Riccardo fra- 
tello di Rainulfo, il quale parlava baldan- 
xofamente contro di lui , gli fece cavar 
gli occhi , e tagliar il nafo • A Raiaulfo 
uniib Roberto Principe di Capua mal 
foddisfatto degli andamenti del Re , il 
^uale apertamente afpirava a togliergli il' 
ino Principato , del quale , non oftante 
che Roberto ne foffe m pofletfo , fi fece 
da Anacleto dar rinveftitura • In quefti 
Tom, IL 



"i 



medefimi fofpetti per lemedefime cagioni 
era entrato Sergio Duca di Napoli , il 
quale fé bene (fé deve preftarfi fede ali* 
Abate Telefino , poiché V Arcivefi:ovo 
Romualdo , e Falcone Beneventano non 
fanno in quefto tempo menzione alcuna 
di tal fatto) dimorando il Re in Salerno 
dopo la vittoria ottenuu fopra gUAmaU 
fitani, atterrito dalla fua potenza , edeftre^ 
mo valore , venitfe a fottoporre la Cit«^ 
tà di Napoli al fuo dominio ; mtlladiman* 
co tal fommeffione , fé vi fii ^ non ebbo 
alcun effetto y poiché da poi volle ibfte- 
nere con tutto lo fpirito^la libertà delln 
fua Città , e fugli fiero inimico coogiu« 
randofi infieme con Roberto, e RainuUb 
in favore del partito d' Innocenzio ; e noia 
baftando a quefti tre aver infra di lòfi» 
fermata que(h lega , foilevarono ancore 
molte altre Città della Puglia, e traflera 
con loro molti Baroni , che ribellando» 
contro il lor Sovrano prefero le armi 
contro chi men doveano e contro il pro« 
prio Principe le rivoltarono , ponendogli 
fotfopra quefte Provincie di auà del Faro. 
£ maggiore fu la baldanza ai quefti con« 
giurati , quando feppero che Lotario in« 
fieme con Innocenzio in queft:' anno 1 13^^ 
^ra entrato in Italia , e giunti a Roma » 
~ad una nuova, e più vigorofa fpedizione 
contro Rug&iero fi apparecchiavano ; on^* 
de per accelerar V imprefa tofto fi porta*» 
rono in quella Città il Principe Roberto ^ 
il Conte Rainulfo , e molti ^Itri Baroni di 
quefte Provincie infieme con molta altrat 
gente per difcacciar Ruggiero aftatto àm 
tutta la Puglia • 

Accadde allora nel mefe di Giugno d£ 
queft' anno 1153. la coronazione diLota-^ 
rio feguita in Roma con molta i)ompa petL 
le mani d' Innocenzio , nella cui celebri* 
tà eflèndo concorfi molti Duchi , Marchefi » 
e altri Baroni d' Italia , fu data occafione 
a Lotario , ficcome i fuoi Maggiori foleva«* 
no fare in Roncaglia , di ftabilire a Lora 
zichiefta alcune leggi Feudali , onde dopa 
Corrado il Salico , fu egli il fecondo , cho 
su i Feudi promulgale leggi fcritte ; e f la 
allora da lui confermata la celebre leggtt 
di Corrado intomo alla fucceifione de'ne« 
poti, e de' fratelli, della quale fi fece da 
P noi 



il^)Ctm.G0jfJ.4.i.97. 



Digitized by 



Google 



fi4 D E L r ISTO 

noi metizione iK^jprecedetiti» libri , quella 
appunto che vedeu regiftrata nel fecondo 
libro de' Feudi (a) ^ t che m^ameitte fu 
ési Molineo , e dal Pellegrino attribuita 
a Lotario I. dando occafione all' «rrore , 

Cr vederli per incuria degl' Impresti in 
o§o d' Innocenzio effenrt ftato poflo il 
HOflEie d' Eugenio , come avverti fagg^ia- 
fnente Cujacio . Né dovea moverfi Tav* 
^edutiffimo Pellegrino a credere , che non 
poteffe tal Coftituzione eltere di quefto 
Lotario , poiché nell' ifcrizione che porta 
fi legee : Confiitutìones Fcudales Domini 
Lotarìt Imperatorìs , quas ante januam B. Pe^ 
tri in Cìvitate Aomana condidh: quali che 
' «on potetfe fentirfi di quefto Lotario , il 
quale non potè con Innocenzio ftabilùre 
quelle le^i ante januam B. Petri , quan- 
do liccoine narra Ottone Frifingenfe (ò)j 
il Palazzo di S. Pietro veniva allora oc- 
cupato da Anacleto ' ; poicliè > o T inlcri- 
zione è viziata ^ liccome in vece d' Inno- 
cenzio f«i per ignoranza ancora po.io Eu- 
jgenio , o pure non è incredibile , clie Ana- 
cleto avelTe ciò permeiTo a Lotario , quan- 
do ciò niente dovea importargli ; tanto 
nupiormente che pretfo appurati Scritto^ 
xi u legge (e), che giunto Lotario inRo* 
ma 9 per mezzo d' uomini faggi ^ e reli- 

ISiofi ebbe molti trattati con Anacleto di 
erar così ^rave fcisma nella Chiefa , e 
iiea ]K>tè in quefto mentre feguire quella 
celebrità avanti la porta del Palazzo di 
S. Pietro . 

Ma non minore fu in ciò V errore del 
iioftro Andrea d'Ilèrnia^ il quale re^tan« 
do , e con verità, che le Coftitutioni , 
che ftabili Lotario in queft' anno in Ro- 
ma » non potevano obbligare quefte noftre 
Provincie » le quali da Ruggiero s* erano 
ft&tto all' Imperio fottratte » non potè 
darli a credere che fra i Sapienti delle al« 
tre Città di lulia , che intervennero in 
queir Atfemblea co' Duchi , Marcheii 9 ed 
altri Baroni della medelima, come di Mi- 
lano , Pavia , Cremona , Mantova, Vero* 
nz.y Trivigi, Padua , Vicenza, Parma , 
Lucca, e Pifa , vi avelTero potuto anche 
intervenire quelli della Città di Siponto, 
Mine li Ic^ge in quella Coftituzione: Cit- * 
tà t queftì tempi ancor celebre della Pn« 



RIA GIVI t E 

glia f come da' pifecedentì Uhri di quefii 
Iftoria s' è potuto in pia occaliom notar 
M, la Quale al dominio ài Ruggiero era 
fottopofta : ende fi diede ad indovinare , 
4» che il lùoco fotfe corrotto , ed in vece 
di Syponti , dovefle legger£ Senarum , o^ 
vero ( ciò che deve condonarli alla roz- 
zezza di quel fecola nel quale fcrifle ) che 
vi fofte un' altra Città in Lombardia , 
nella Tofcana chiamata ^ipomo • Poiché 
niente ftrano deve fembrare , che vi fef* 
fero in quella Radunanza intervenuti aii« 
cora i Sapienti di Siponto, a chi conlid^ 
ra, che quella li tenne in tempo nel qua- 
le , fé bene quelle Provincie , che oggi 
compongono il noftro Regno , foifd» ftate 

g'à da Ruggiero all' Imperio fottratte ; nul< 
dimeno per la congiura in «quefto tem- 
po ordita da' Baroni contro quefto Pi inci' 
pe, i quali feguendo il partito di Robert 
to Principe di Capua, e di RainuUb Cofl« 
te d'Avellino eranfi ribellati, ed aveaao 
coftretto Rudero ad^ abbandonar la Pu* 
glia , e di ritirarli in Sicilia per unire le 
lue armate , e xepcimere la ribellione , 
conie da poi fece: non potè Ruggiero im- 
pedire la loro andata in Roma , li quali 
tanto più fi refero animofi contro diluì, 
quando intefero che Lotario era colà giun- 
to per movere , inlieme uniti , guerra con» 
tro di lui : e perciò non poterono i Sapieft» 
ti di Siponto, allora ribelli, recar pregia- 
dicio a Ruggiero , in maniera che fcmèro 
obbligati i di lui vaflalli oflervare^ quella 
Coftituzione di Lotario fuo inimico, co- 
me diremo ad altro propo%> « 

Ma tanti apparati di guerra , e tanti 
inimici di Ruggiero infieme aggiunti, non 
poterono mai cofternar l'animo di quefto 
invitto Principe : egli tornato da Sicilia 
con poderofe armate , dopo varia fortu- 
na , che lo refe ora perdente , ora vincen- 
te , finalmente diffipò i fuoi inimici : ob- 
bligò Lotario atornarfenefenza alcun frut- 
to in Alemagna : coftrinfe Innocenzio a 
ritirarfi di nuovo in Pifa , ove celebrò un 
altro Concilio • 'Abbattè T orgoglio di Rai- 
nulfo , e di Roberto ; e repreiU la ribel- 
lione de' Baroni di Puglia , reftitui quefbi 
Provincia alla fua ubbidienza : e niente 
altro rimaneva perchè tutto quefto Rean&e 

paf^ 



(a) lìb.i. deFiud. tìt.i^. (b) Frìfing. I.7. f. 18. (e) Cafec.latr. tìi.i.p.x^^ 

Digitized by VjOOQIC 



DEL REGNO DI ITAPOLI LIB.XI. GAP. L W^. 



a jfaSbéit (ottohfm dominazione^ foofdiè 
a Napoli 9 B en even to» e Capna» e gli Stati 
», del G>nte Rainalib ;, onde fisroaata in Szr 
H lerao » alla cotiquifta di qusfte Città fa 
Il totalmente rivolto » e fi>^ ogni altra di 
t^ Capila 9 e di Napoli i code a tal fine fé* 
Il ce ntomo in Sicilia per approntar nuore 

fbrze per conquiftarle» 

2 ^ IlPriacipe Roberto ^ che ben ptev^ea 

1^ il male» che gli (apKziksun^ non trakfcià 

p Ogni sioizo per impediarlo » s' unì co' Pi« 

f uni y e gito in Fifa ottenne da* medefimi 

, valido foccorfo di molte navi , e fbldati 

( if ) . Proccurò anche che a'Pifani fi uni£- 

fero in fuo aj^to iGenovieii» ed i Vene^ 

ziani i onde ritornato nel Principato di 

CapuA , andoflene in Napoli » ove fu ca^ 

ramente ricevuto da Sergio» e dal Conte 

, Rainulfo che in qoefla Piazza erafi riti« 

rato. Eipofe a' medefimi U lega» dv^ nuo'- 

vamente area condiiufii in Pi£k in pre* 

feuza. d'Innoceiftzio co^Piiani, Genorefi» 

e Veneziani » e come avea protoedb a' Pi* 

fani » acciocchì foffero venuti in fuo foc» 

corfo » tremila libbre d' argento • Fu con 

gran giubilo intefa da Sergia.^ e da' fuol 

confederati qnefia novdla > onde fenza 

frapporvi dimora» toUèio aoibedue gli ar-^ 

genti delle Chiefe di Napoli, e diCapua» 

e fattane qi»lla (cmma, di monca > pre^ 

fiamente la mandarono a' Pìfani * 

Ma ècco che mentre coftoro così fi 
sforzano di refiftere a Ruggiero, cheque» 
ilo Principe ritornando da Sicilia confef* 
fanta galee , giunge in Salerno» e tofto 
fopra Nj4K>li^poiÌBi l' aifedio ; ma difenden^ 
dofi quefta Cauìl con efiremo valore , ab- 
bandonolla» e verfo Capua drizzò lifuoi 
eferciti; ed avendo preia Nocera, emoU 
ti altri Caflelli di quel contorno , fu Ca-- 
pua afGiUta» la quale iacontanehte gli fi 
refe (*). Il Re entrerò in quella, vi fu 
a grande onor ricevuto, ed avendo dopo 
breve contratto conquidati gli altri luo- 
ghi del*Principato » tomò^ di nuovo a cin- 
ger Napoli di ftretto afledio • 

Ecco come in queft'anno 1155. Rug- 

gieio dopo var) cafi unì a^i altri fuoi 

I HxMti H Principato di Capua » del quale 

aveane già avuta rinveftitura daAnacler 

I to. Egli poco da poi ne invefti Anfuf^ 

(a) Falco Benev. (b) Abb. Teltfin. L 
3. r. 27. PttT. Diac. L ^f.97. ( e > PtUf. 



ftto figliuolo » dandogli di fua mapo lo 
Stendardo» ch'era a quefti tempi la ceri« 
monia» ch^s*accoflumava nelle in veftitu- 
re ; e fu perciò Anfutb da' Capuani per 
lor Prìncipe falutato, giurandogli fedeki. 
Ma egli è ben da notare » che i Capuani 
g^nrarono fedeltà ad Anfuro»y}i/T;4 tamm 
Righ f & fiUi Éfus Régerii ( Ducis Apup» 
Iht) fidelhatt^ qui et in Rignum fùcctffu^ 
rus ergt^ come rapporta l'Abate Teìefi* 
no ; poiché avendo Ruggiero al fuo Re- 
gno unito il Principato dì Capua » ancor* 
che ne avefté inveitito AnfuTo, non vol- 
le però che lo reggeife independentemen- 
te dalla Corona, e da lui» e dal fuo fi- 
gliuolo Ruggiero Duca di Puglia, dichia- 
rato fuccefìbre del Regno* 

Avea il Re Ruggiero dalla fua prima 
moglie , che fu Alberia figliuola d' Alfon- 
fo Re di Spagna, generati cinque figliuo- 
li . Il primo » che dovea fuccedergli al 
Regno» ed il quale il padre l' avea per- 
ciò iftituito Duca di Puglia » fta chiamato 
Rjiggtera { e ); ma quefti effendo a lui 
premorto nell' anno 1 148. diede luogo agli 
altri fuoi fratelli fecondogeniti alla fuccef^ 
fione. Da quefto Ruggiero narrafi, che 
foffe natp Tancredi , quegli , che fuccedi 
al Regno di Sicilia , riputato fuo figliuoL 
baftardo,, come fi dirà più innanzi. Ufe*- 
condo fu Tancredi , al quale il padre avea 
aifignato il Principato di Bari» o vera- 
mente di Taranto , perchè allora non avea 
acquiftato ancora quel di Capua: e quefti 
pure prima di tutti j;li altri fuoi fratelli 
premorì al padre prima dell'anno ii44«- 

Il terzo fu quefto Anfufoy o come al- 
tri dicono Alfufoy onde Girolamo Zurita 
fufpica che lo diceifero cosi dal nome d' 
Aifonfo Re di Spagna fuo avo materno ^ 
ma Wolfgango Lazio (^) è -di parere», 
che fia nome Goto, derivato da Idelfon^ 
foy t quefto da Hildibrunzfl ,. vocabolo Go-» 
tico, a favore fcìlicet & amore^ fted^ts^ 
Coftui da Ruggiero in queft' auno ix35«^ 
fu creato Principe di^apua; il quale po- 
co da poi nell'anno 1 139- effendo già paf- 
feto il Ducato Napoletano fotto La fua 
dominazione , fu fatto aacheDuca diNa* 
poli , , fecondo che forivi il Pellegrino j 
ma qtiefti feguitò la forte degli altri fuoi 

\ P a , . , ira- 

ìn Stemm. ( d ) Wolf, Laz. de migrai ^genu 
Iti* IO, 



Digitized by 



Google 



rtU DELL' IST OR 

fratelli ma^iorit IK)ichè prcnio«n<b m»» 
se al padre» finì li giorni Cuoi nelmede* 
fimo anno ii44* 

Il quarto fii Guglielmo I. quegli 9 che 
dopo la morte tfAnfufo creato dal padre 
Principe di Capua, e Duca di Napoli» e 
morto da poi Ruggiero altro fuo fratello > 
btto Duca di Puglia in fuo luogo ; final- 
mmte nell'anno 1 151. fu da Ruggiero af* 
fnnto per fuo Collega al Regno» e inco- 
ronato , e dichiarato fuo fucceffore } ficco- 
me morto fuo padre gli*fuccclfe ^ e per 
più anni tenne il Regno di Sicilia > e di 
Puglia; poiché Errico altro fuo fratello 
mori giovanetto virente il padre avanti 
la morte di Ruggiero fuo ms^ior fratello. 

Ebbe Ruggiero altre mogli : Sibila fo* 
rella del Duca di Borgogna, dalla quale 
prcflb i più diligenti Scrittori non fil^- 
gè che avclTe procreati figliuoli: Beatri- 
ce y dalla ouale gli nacque Coftama » quel- 
la che deftinata a cofe più grandi con va- 
rie vicende fi vide moglie d' Errico VL 



Imperadore » e dalla quale nacque il fa- 
mofo Federico IL le cui gefta faranno ben 
ampio foggetto di queft' Iftoria . E vi fo- 
no chi a quefte tre mogli di Ruggiero 
aggiunge la quarta» che dicono eifere fia- 
ta N. forella d'Anacleto» della famiglia 
di Pier Lione ; e la quinta chiamata Ai^ 
tolda figliuola del Conte de'Marfi (if). 

Ma mentre Ruggiero tenendo aifediata 
Napoli» per mare travagliava quefta Cit- 
tì, fcorgendo» che per Tefiremò valore 
de'fuoi Cittadini non era per renderfi ce- 
si fubito» partifil dall' atfedio» lafciando 
a' fuoi Capitani la cura di quello » ed egli 
in Salerno fece ritomo » ove imbarcatofi 
fopra la fua armata pafsò in Sicilia per 
poter nella vegnente Primavera ritornar 
con efercito più numerofo ad efpujgnarla» 
ficcome narra Aletfandro Abate di S«Sal- 
vatore della Valle Telefia» il quale «qui 
termina i quattro libri della fua latina 
ìftoria Normanna . 

Intanto il Principe di Capua Roberto 
era andato in Pifa a cercar ioccbrfo j ma 
aon fii a tempo » poiché tornato da quel- 
la Città» ritrovò Capua già prefa» e fu- 
fono inutili tutti gli altri fuoi sforzi» che 
fece da poi per riacquiftarla ; onde vedu- giero l'avi 
te difperate le fue cofe » fece di nuovo in cidente » e 



1 A CIVILE 

Pifa ritorno. Il Duca di Napoli Sergia 
ancora» vedendo in tale Grettezza la fiia 
Città» temendo dell'ultima fua mina» fé 
non avea prefti ajuti» imbarcatofi fopra 
un naviglio pafsò anch' egli in Pifa per 
foccorfo» ma non avendolo potuto otte- 
nere» tutto afflitto fé ne tornò indietro a 
Napoli • 

Ma il Principe Roberto avendo ritmi 
vato in Pifa Papa Innocenzio » fu da co« 
ikii ftìmolato a paflare in Alemagna» e 
a chiedere in fuo nome» ed in nome del 
Pontefice foccorfo a Lotario Imperadore* 
Giunto egli inLamagna fu caramente dall' 
Imperadore accolto » il quale lo rimandò 
tofto in Pifk con certa promeèa di veni- 
re nel feguente anno in Italia a liberar 
la Chiefa di Roma dallo fcifma» ed are- 
ftituire Roberto nei fuo Principato • la 
quefti tempi per la fua dottrina» e pia 
per la bontà de'coftumi Bernardo Abate 
di Chiaravalle aveafi acquiftata in Euro- 
pa gran fama di fantità ; onde non maio 
preuo r Imjperadore » che del Papa Inno- 
cenzio era in fonrnia ftima tenuto » ed 

fuoi configli erano di grande autorità» 



ed avendo proccurato Innocenzio in que- 
fto fcifma trarlo alla fua parte contro A- 
nacleto » non può dubitarfi che fu uno de' 
mezzi più adoperati » ed efficaci a fiivor 
d'Innocenzb» e che prendendo lefuepstf* 
ti con ardore non gli portafle molto a)u« 
to» e conforto* Egli non fi ritenne in 
quefie congiunture fcrivere calde» e pref- 
umti lettere all'Imperador Lotario» che 
come Avvocato» e^Difenfore. della Chie- 
fa» calaffe tofto in Italia a reprimere V 
orgoglio de' Scifmatici » ed a vendicarfi di 
Ruggiero. Ed il fuo zelo fu tanto» che 
in una lettera che ferine a I^tario» non 
ebbe alcun ritegno di chiamar Ruggiero 
. ufurpatore » e che ingtuftamente aveafi ufur- 
pata la Corona di Sicilia» non altrameii- 
te » che Anacleto ia Sede di S* Pietro : 
Cafarìs 4r^»^' diceva a Lotario» ^kùprìam 
vifìdicare Caronam ab ufurpatwe Siculo • Ut 
enim conftat Judaicam fobolem Sedem Petti 
in Chrifio occupaffe infuria s fi^ proctddu^ 
bìo ioimìsy qui in Sicilia Regem fa facit^ 
ecnttadicitCafart y come fé la Sicilia Rug- 
r avetfe fottratta all' Imperio d^ Oc- 
Lotario dovetfe reputarfi come 



^4») Orderic. VitaL Caroh Dufrefin in Stemm^ ad tift^ CommVé 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB. XI- CAP. L 



I te altHo-Ottanano Augufto a riguardo di 
t ^^^ '^ Provincie del Mondo • 

Furono però queft' inviti cotanto effi- 
I caci 9 che finalmente Lotario fi difpone a 
I calar la feconda volta in Italia con efer* 
citi più poderofi) e con forte deliberazio* 
ne di abbattere lo fcifma» e difcacciar 
Ruggiero da quefte Provincie ; fcriffe per- 
ciò ad Innocenzio» che nella feftività di 
S. Jacopo di queft'anno 113^* fi farebbe 
egk partito diLamagna {a). Papa Inno* 
cenzio tantoflo invio tal novella al Duca 
di Napoli Sergio , ed il Principe Rober- 
to con cinque navi cariche di vettovaglia 
andò a foccorrer Napoli, che grandiffima 
fame pativa 9 per tenerla i fbldati del Re 
cosi eretta 9 che da niun lato per terra 
potevano introdurfi viveri. E fatti certi 
Sergio 9 ed i Napoletani della venuta dell' 
Imperadore» ritornò preflamente il Prin- 
cipe Roberto a Pifa» e di là n'andò ad 
incontrar Lotario > il quale ritrovò aver 
già paffate le Alpi 9 ed efferfi attendato a 
Cremona* 

L Lotmrto cala la ftcmda volta in Italia y 
ed aòbatte le forze di Ruggiero . 

FU nel declinar di queflo anno 1x^6. 
nel mefe di Novembre , che queflo Im« 
peradore fermato in Roncaglia (che come 
altre vulte abbiam detto > è un campo 
piano 9 e largo poflo fopra il Pò non mol- 
to lontano da Piacenza) (é) ra^^nò fé* 
coudo il cofhime de'fuoi maggiori una 
Aflemblea di tutti gli Ordini così Eccle- 
fiafiico di Arcivefcovi > e Vefcovi 9 cotfie 
de' Nobili 9 di Duchi, Marchefi, Conti > 
ed altri Baroni 9 e de' Magiflrati delle Cit- 
tà d'Italia 9 ove a richiefla de'medefimi 
per mezzo d' una fua Coftituzione ftabill 
alcune «Itre leggi Feudali , che riguarda- 
no principalmente la proibizione di poter 
alienaire i Feudi* Quefta Coftituzione noi 
l'abbiano nel libro fecondo de' Feudi (r)^ 
ed anche nel libro terzo delle leggi Lon- 
gobarde (d).ììhV ifteffo Pellegrino (e) 
può negare che fk di queflo Lotario ; on- 
de da ciò ancora ficonvince», che il Com- 
pilatore delk leggi Longobarde 9 imi le 

Xa) ÌFalc0 Betulia (b) Othe Frifing, #» 
Frid. /. 2. f, 12* Gunther. /. 2. (e) X/^.z, 
sìt. 52* de pTobib. Eeud. alìen^ per Lothar. 



tt7 



Coftituzimii degl' Imperadori come Re 4* 
Italia 9 cominciando da Carlo M. fino m 
quefl' ultimo Lotario (poiché quella di 
Carlo IV. fu aggiunta molto tempo dn 
poi di quefla Compilazione ) perchè gli 
altri Imperadori che dopo Lotario tenne-* 
ro l'Imperio d'Occidente 9 e che fovente 
calati in Italia preffo Roncaglia flabiliro* 
no altre leggi, attefo che quefte ri||uar- 
davano folamente i Feudi : i Compilato* 
ri delle Confuetudini Feudali , che fiirona 
a tempo di Federico L non ftimarono unir- 
le alle le^gi Longobarde 9 ma facendo una 
Compilazione a parte, l'unirono al Cor* 
PO delle Confuetudini Feudali, onde ne 
lurfe un nuovo Corpo di leggi dette Feu* 
dali, che ultimamente da Cujacio fu di- 
flinto in cinque libri 9 come trattando di 
auefla Contpilazione a fuo luogo più di* 
uefamente diremo • 

Non vide Ruggiero più fiera procella 
di quella, che gli moffe Lotario in quc- 
Jh feconda volta , che calò in Italia . Si 
vide in un baleno fottratte dai fuo Regno 
le più belle Provincie 9 com' erano quefte 
di qua del Faro : al fuo arrivo fi rinvi- 
gorirono le fperanze de' fuoi nemici 9 ed 
i malcontenti fi refero più animofi apro* 
rompere in aperte fedizioni ; poiché in 

£rima non mancò Lotario, avvifato del- 
anguftie, nelle quali era ridotta la Cit- 
tà di Napoli, e che i fuoi Cittadini per 
le cafe, e per le piazze perivan di fame, 
di mandar lettere 9 ed Ambafciadori a Ser- 
gio 9 ed a' NaiK>letani 9 confortandogli a 
durare per piccid tempo nell' affedio 9 eh' 
egli tantofto farebbe venuto, in lor foccor- 
fo • Ed in fatti non tardò guari 9 che s' 
incamminò verfo ApruzzÌ9 e pervenuto 
al Fiume Pefcara , valicatolo 9 foggiogò 
Termoli con molti luoghi di quella Pro- 
vincia; e patfato in Puglia, prefe la Cit- 
tà di Siponto 9 ed atterri in maniera i 
Pugliefi9 e gli pofe in tanta cofternazio- 
ne 9 che tutte le Città di quel contorno 
infioo a Bari 9 ove Lotario era paffato^ 
fi diedero in fua balia. 

Intanto Innocenzio 9 che dimorava a, 
Fifa, erafi già partito di colà 9 e paffato 
a Viterbo per mcontrarfi con l'Impera* 

do- 
(d) LL. Longob. tìt. uh. /. 3. (e) Peh 
legr* ad Anonim. Cajfm. ^.1135, 



Digitized by 



Google 



ll« 



D E I r I ^ t k t A C t y I L E 



^ore, il qual intefa 1^ vcmita del Papa 
in quella Città, gl'iaviò tofto Enrico fuò 
genero con treiiùla. foldati , e gli mandò 
a dire che proccuratfc dì conquiftare le 
Terre della Campagna di Roma» e dire* 
ftituire il Principato di Capua a Rober- 
to , pcrch* egli per altro cammino avreb- 
ìc proccurato di toglier a Ruggiero T al- 
tre Provincie della Puglia : ondt Inno-^ 
cenzio con altro cfcrcito venn« a S. Ger- 
mano I che tantofto fé gli diede . Indi 
patfato a Capua,. non vi eflendo chi po- 
teffe rcfiftergli, tofto fi refe padrone di 
. quella Città, e ripofe in effa, e nel fuo 
\ Principato il Principe Roberto ( tf ) . E 
fcorfo da poi in Benevento, dopo breve 
contratto , i Beneventani fi refero a lui . 
Indi partiffi per girne a ritrovar Lotario 
in Puglia, il quale avea già prefa Bari 
( é ) , e fol gli reftava d' efpugnare la fua 
forte Rocca , la quale Rugeiero avea edi- 
ficata , e digroffo , e valoroso prefidio mu- 
ffita; ma quella finalmente efpugnata y* 
portofii r Imperadore ed Innocenzio fopra 
Melfi di Puglia; ed avendola per alcun 
tempo tenuta afiediata , V ebbero alla fine 
in lor balJa.. 

Fu in quefto anno 1137. che Lotaria 
avendo tolta a Ruggiero la Puglia pensò 
di crearne un nuovo Duca , ed avendo 
fatto in Melfi a tal. fine ragunare un Par- 
lamento , ove fece chiamare tutti i Baro- 
Mi di quella Provincia , trattò ivi della 
creazione di quefto nuovo Duca, mandan- 
àp in tapto i fuoi eferciti verfo Salerno 
per affediare quella Città . Inforfero per 
tal occafione gravi contefe tra Lotario ed 
Innocenzio intomo a queft^elezione ( r ) : 
pretendeva Innocenzio perle ragioni altre 
volte addotte , che ficcojoie i moi prcde- 
celfori aveano inveftito i Normanni del 
Ducato di Puglia, così ora effendofi tolto. 
a coftoro , fuo dovefle eflere il potere di 
inveftirne altri • Air incontro Lotario pre- 
tendendo eifer quefte Provincie dipenden- 
ti dall' Imperio d' Occidente , effere dcgl* 
Imperadori la facoltà dell' inveftire altri 
C^), ficcome di fatto Tlmperador Errico 
ne avea inveftiti i Normanni . La difcor- 
dia s' accefe in maniera , che fé non. fof-- 

( a ) P. Dlac. L 4. f.105. (b ) P. Diac. 
lii./^. e. 106. (e) P.Dìac. tib.^. e. 106. 
<d ) Otho Fri/mg. in Chron. ( e ; Talco Be- 



fé flato il timore conceputO) cheRuggie* 
ro lor cpnunùne 4^mico iioa fé ne pro-^ 
fittaifes farebbe tebninata in aperta gixcr^ 
lU ^ A quefto fine fi pensò un efpediente 9 
col quale proccuroifi di non recarfi pre- 

giudizio alle ragioni deir Imperio , ni del* 
Chiefa ; e fra lor fi convenne cbe il 
nuovo Duca' fi doveife da ambedue iave« 
ftire (e). Fa elettoRainulfo Conte d'A«* 
vellino di nazione Normanna ^ |ion Ger- 
mano, come credette ilSigonio (/), to* 
guato del Re, e figliuolo del Conte Ro- 
berto , il quale era nato dal vecchio Con« 
teRainulfo fratello germano di Riccardo I« 
Principe di Capua (^). 

Fu adnnque Rainulfo creato nuovo Du- 
ca di Puglia, e gli fu dato lo fténdardo, 
eoa cui fu inveftito del Ducato per mano 
d' ambedue , d' Innocenzio , e di Cefare • 
E Falcone Beneventano aggiunge , che a' 
5* di Settembre l' ifteifo Papa Innocenzio 
nella Chiefa Arcivefcovile di Benevento 
wife Rainulfo in Duca di Puglia , efìendo 
a quefta unzione prefenti il Patriarca di 
Aquileia, molti Arcivefcovi,yelcovi, ed 
Abati . Così infinò a quefto punto i due 
più fieri nemici di Ruggiero ^ i quali fi 
erano così ben diftinti afavor di Lotario , 
e del Papa , riceverono i prem; de' loro fu^ 
dori , e travagli ; Roberto fu reftituito nel 
Principato di Capua , e Rainulfo a più fu- 
blime dignità fupromoffo. Rimaneva l'al- 
tro, eh' era Sergio co' fuoi Napoletani, i 
<]uali finora avéan con inaudita coftanza 
in mezzo a tante calamità , e penurie fo- 
ftenuto l'affedio della loro Città; perciò 
Lotario , ed Innocenzio verfo quefte parti 
rivoltarono, tutti, i loro sforzi , e tenendo 
i loro eferciti preffo Salerno, penfaronodi 
efpugnar prima quefta Città , e da poi paf- 
fare a levar l'afledio di Napoli, aipettan- 
do in tanto il fofpirato foccoifo di Pi&, 
fenza il quale non, poteva per via dim^ 
re portarfi foccorfó alcuno in quella. Cit- 
tà , e fenza il quale non era da fj^iare di 
poter ridurre Amalfi , e gli altri, luoghi 
marittimi d' intorno , fotto la dominazio- 
ne di Cefare . Ma ecco che pur troppo 
opportunamente i Pifàni con cento legai 
armati , ficcome avean promefib , giunfe- 

ro 
aev. {{)Sigùn.dt]^eg.ItaLì.iu (^)Pel^ 
légr. in Sum* 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI tlB, Xt CAP. IL 



tì^ 



Ito in Napoli > ed introdotto foccorfo in 
quc/h Città) tanto che non vi era più ti- 
more di renderli ^ non guari da poi fu lo« 
IO da Celare comandato > che paflafTero in 
Amalfi affin di ridurre quella Città co' 
luoghi vicini y iiccome vi. pacarono eoa 
quaranta lei galee , e quivi giunti , efpu* 
goaroao Amalfi, Scala, e Ravello, e fa- 
cendo gran bottino in quella Città, e nel- 
la fua riviera , riduflero Amalfi (otto la 
dominazione dell' Imperadore « 

C A P. IL 

Ritrovamento delle Pandette in Amalfi ; e 
rìnovellamento della Giuri/prudenza Ro^ 
mana^ e de^ libri di Giuftìniano nelPAc^ 
C0demie d* Italia. 

FU in queft' incontro , che la Città d' 
Amalfi ancorché efpugnata , fi refe 
Inminofa , e chiara ne' iecoli feguenti fo- 
pra tutte le altre Città d'Europa; poiché 
alla fila gloria d^ aver un fuo Cittadino 
trovata la budbla , s' accoppiò quella d'ef- 
ferfi con tal occafione trovato in quefta 
Città il volume delle Pandette di Giufti- 
niano Imperadore da taluni creduto , che 
Coffe propriamente quello iftetfo , che que* 
fio Imperadore fece compilare • Gli eiem- 

J>lari di queflo volume erano ^uafi che 
epolti per le molte Compilazioni feguite 
appreso de' Bafilici , e per le molte altre 
cagioni , che fi diàero nel fettimo libro 
di quefta Iftoria: folo per la Francia, co- 
me fu altrove notato , ne girava attorno 
qualcheduno, poiché oderviamo che Ivo- 
ne Carnotenfe , che fiori attempi di Pa- 
fcale ILverfo l'anno 10919* nelle fue epi- 
flole allega fovente le leggi delle Pandet- 
te ( ^ ) • Ma in Italia n' era affatto per* 
duta ogni memoria : folamente , come fi 
difle , il Codice , le Iftituzioui , e le fue 
Novelle erano conoiciute , più per dili- 
genza de' Romani Pontefici , e per li Mo- 
naci , appreifo 1 quali era allora la lette* 
ratura, che per altro. 

In fatti molte leggi itW Codice vedia* 
mo noi da' Pontefici Romani rappovtate 
nelle loro Decretali , come in quelle di 
Gregorio III. e d' altri Pomeficr ( ^ ) : del- 

(a) Ivo Eptfl. ^6. 69. &c. (b) Cap. 
lator^ dePìgnorìb.erve ilP.fi rap fotta alla 



le IfiìtHxionì , e delle Novelle non era co^ 
rara la notizia, poiché abbiam veduto che 
il celebre Abate Defiderio nella fua Bi« 
blioteca Calfinenfe né confermava gliefeiil* 
plari ; ma la più bella parte , eh' era quel* 
la delle Pandette , ed ove racchiudefi il 
candore, e la pulitezza delle leggi Roma-^ 
ne , era a noi molto più nafcofta , e rara 
la notizia. In Ravenna non é ancor de-^ 
tifo il dubbio , fé veramente fé ne con* 
fervaffe qualche parte • Guido Pancirolo 
ic) rapporta V opinione d' alcuni > che> 
credevano nell^anno iiz8. in Ravenna in 
un^ antica Bibioteca effere fiate ritrovate 
le Pandette , le «quali offerte a Lotario , 
avendole riconofciute per legittimo parta 
dell' Imperador Giuftiniauo , aveife ordina- 
to , che pubblicamente fi fpiepaffero nel* 
le Scuole . Ma l' iftefib Panclrolo riputa 

}riù vera 1' opinione di coloro , che (crif^ 
èro, in Ravenna il Codice diGiuftiniano 
efierfi ritrovato, non già le Pandette y la 
quali in Amalfi in queft' anno 1157. ?^t 
r occafione già detta furono fcoverte . Alle 
Città dunque di Amalfi non molto da Na« 
poli lontana fi deequefla gloria; non già 
a Melfi di Puglia , come alcuni Oltramon-* 
tani fcriifero , i quali non ben intefi de! 
luoghi particolari , e delle Città di que- 
fte noftre Provincie , hanno fovente prefb 
abbaglio in confonder T una coli' altra Cit- 
tà ; ficcome per contrario , il Concilio ce- 
lebrato in Puglia a Melfi nelP anno io59« 
fotto Niccolò II. difTero che fi foffe ce-^ 
lebra.to ad Amalfi » Alcuni altri , forfe 
tratti dair amore della gloria della lon> 
patria^ non fi ^ritennero di dire, che non 
m Amalfi , ma che in Napoli 1 Pifani 
mentre entrarono a foccorferla , 1' aveffe- 
ro trovate , e che toltele a' Napoletani ie 
Pifa le trafportafiero ; della qual creden- 
za ancorché vana , e che non ha alcua 
appoggio, e ripugnante a tutta V iftoria^ 
è gran maraviglia , che aveffe trovato chi 
ne relftife prefo ^ come fu il Summonte , 
eFrancefco de' Pietri, il quale fra gli al- 
tri fuoi delirj , onde tefsè la fua ittoria^ 
non tralafciò inferirvi anche quefto * E 
novellamente un moderno Scrittore Pu- 
gliefe pur fognò che né in Amalfi , né 
in Napoli fi foifero tìrovatc le Pandette , 

ma 
/. qui filiosó. e. Qua fes pignot. otlig.po/. 
(e) Pancir. de Clar. II. Interpn l. %. <-. ij* 



Digitized by 



Google 



Ilo 



DELV ISTORKà CIVILE 

per altra ragio- Rainerot^Grachia Pifaao antichiifimo Iflo« 



ma in Molfetta y e non 
ne 9 fé non per la fomiglianza del nome , 
€ fé non perchè Molfetta era la patria del- 
lo Scrittore : così oggi ( non altramente , 
che della patria d' Omero , e del Taflb ) 
contrattano molte Città per. appropriarfi 
la gloria di quefto ritrovamento • 

Ma oltre agli antichi Annali y non de- 
ve ciò parer cofa ftrana a coloro y i qua- 
li dal corfo di quefta Iftoria avranno ap- 
prefo quanto gli Amalfitani foiTero ftati 

f>er le navigazioni celebri , e quanta foife 
a freouenza de' traffichi , e del commer- 
cio, che avean nelle parti d'Oriente , e 
nella Grecia y ciocché non V ebbero quel- 
. le Città y le quali ancor effe afpirano a 
quefta gloria ; onde fu cofa molto pro- 
pria , che gli Amalfitani fra le altre cofe 
che da Levante portarono nella loro Cit- 
tà , v' aveifero anche portate le Pandette , 
volume così raro , e nel quale era ripo- 
so il candore delle leggi Romane } ed in 
£atti comunemente fi narra (a)y che per 
opera d'un Mejccame paefano» navigando 
in Levante, ravefl^ quivi comprate , e 
nel fuo ritorno ne aveflTe fatto un dono 
alla patria . Né può recarfi in dubbio , 
che i Pifani fra le altre prede, cbe fece- 
fo in Amalfi , fu quefta delle Patidette , 
e quefta fola , in premio delle loro fati- 
che fotfèrte in quel!' imprefa , cercarono 
ardentemente a Lotario Iroperadore , il 
^uale gliele concedette di buona voglia ; 
onde trafi)ortate da loro inPifa, acquifta- 
tono perciò il nome di Pandette Pifane, 
che lo ritennero poco men di tre fecoli 
infino all'anno 1416. nel quale furta guer- 
ra fra i Pifani , e' Fiorentmi , Guido Ca- 
ponio Capitano de' Fiorentini avendo cfpu- 
gnata, e prefa la Città diPifa, come una 



rico ^ ch^ fcjitfe fono più di 300. anni de 
Bello Tu/co in cotal guiia narrano quefto 
ritrovaihento' infieme » e trafportamento 
da Fifa in Firenze , e Plozio preffo Tau- 
re^o afferma, aver tenuto egli in cafaua 
antico iftromento di quefta donazione che 
Lotario fece a' Pifani delle Pandette Amal- 
fitane • Così ancora lo rapportano il Si- 
gonio (ò)y Raf£iel Volaterrano ^ Angelo 
Poliziano ( r ) , Antonio Gatto id)y Fran- 
cefco Taurello ( ^ ) , Arturo Duck (/) , e 
tutti gli altri Scrittori , innno a Burcardo 
Struvio ( ^ ) , eh' è l' ultimo fra i moder* 
ni a conjfermarlo • 

(Dopo tutti coftoro , ultimamente Er^ 
rho Brencmanno nejla fua Hijìorta Pande^ 
Barnm , impreffa ad Utrech 1' anno 1722. 
efaniinando quefto punto d' iftoria tolfe 
ogni dubbio, con far imprimere paggio. 
le parole della Cronica antica , o fiaoo 
Annali Pifani , eh' egli trafcriffe da un 
antico Codice Manufcritto , che fi confer* 
va nella Biblioteca de' Domenicani dì Bo- 
logna: dove parlandofi della guena, che 
VsLVSL Innocenzio , e Lotario coU'ajuto de' 
Piiani , modero contro il Re Ruggiero di 
Sicilia , fi leggono quefte parole : Li Pi- 
fani pridie nonas Augufti armorono 46. Ga^ 
lee y & forono a la co/la di Mal fi , ^ quel^ 
lo di per forzia lo prefero €on feptt Gallet 
^doeNavey in la quali ritrovorono UPan* 
dette €ompofie dalla Regia Maeflà di Jufti* 
niano Imperatore , e dopoi quella òruforo^ 
no &c.) 

Lotario fé bene aveffe a' Pifani conce- 
duta una cofa di tanto pregio , effendo 
egli un Principe dotto , e fopra tutto ripu- 
tato faggio facitor di leggi, non trafcurò 
di oflervarle , e fcorto che in effe v' era 



gan parte del fuo trionfo , trovate in quel- il candor delle leggi Romane , pensò non 
le Pwdette , le trasferì in Fiorenza , doverfi trafcurare V utile poteva da quel- 
: _• ' ne* e '' -^^-^-/^ -1 



e co- 
nel- 
di- 
Hate 
, come 
Gli an- 



0Vt og^ giorno con venerazione 

jme cofa di gran pregio fi conferà 

)a Biblioteca de' Medici in due~ 

ri(ti onde quando prima erano 

Pifane ù diflero da foi Fiorentine 

oggi giorno ritengono il nome . 

tichi Annali di Pila appreifo Plozio Grifo , 

(a) CapeeeLatrJ. uhifi.p.^^. (b)i'i- 
fnn. de Regn. Ital. Hi. 1 1 . ^ 270. {e) Po- 
Ut. Mifcel. cap. 41. (d) Ant. Gatt. hijl. 
Gjmnaf. Tisin. aa(. u,p. 92. ( e ) Taurel. 



le ritrarfi , e che non doveano ficcome 
prima rimaner così tra le tenebre nafco- 
fte , e fepoFte . Evvi gran contratto tra i 
Bologneu , e gli altri Scrittori , fé Lota- 
rio avcffe con fuo Editto ftabilito , che le 
Pandette pubblicamente fi leggefTero in Bo« 
logna , ovvero per privato ftudio d' Irn«- 

rio 
in Prjtfat. PP. Fior. ( f ) Artur^ Li. f ^ S- 
num. 13. (g) Struv.hifi.Jur.Ji^, rejlaur* 
cap.^. §.8. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DM WAP40L1 LIB, XI. CAP. ir. nr 



ftantiuopoli le avdle apprefe ^ indi a Ra^'' 
venaa tornato , aveCfeie quivi infegnate g. 
ed acquiftafife gran fama d' nomo di lette* 
re . Ma difmeflb j^i lo ftudio. di Rairen-i^ 
na^ fu da' Bolognefì chiamato nella lop 
Città , dove fi pole a leggere Filofofia w 
Erafi in Bologna ftabilita una Scuola t 
ove ,V ingegnava anche Giurifprudenza • 
ed imi Pepone che la profetava j ed ci* 
iend^ tra' Profeflbri inforta difputa fopra 
la parola JS denotante le dodici oncie » 
Irnerio con tal occafione fi diede a ftu- 
diare i libri di Giuftiniano , e divenne fa-« 
moib Giurifta, tal cbe'ofcurò la fama di 
Pepone. Fece fommo ftudio fopra il Co- 
dice , e fopra le Inftituzioni , e le No- 
velle di Giuftiniano , accorciandole , ed 
adattandole poi alle le^^gi del Codice » 
perchè fi conofcefTe in che le ^velle di* 
fcordavan da quelle ; fece ancora le pri« 
me fue chiofe a auefti libri ì ed egli fe 
il primo che nell anno 1128. commentaf* 
fé le leggi Romane • Coloro che icridera 
in Ravenna in queft' anno etferfi trovato 
un altro efemplare de* JDigefti , oltre di 
quello , che correva per la Francia , di- 
cono che Ijrnerio prinaa che fodero in A- 
malfi trovate le Pandette ( che Angelo 
Poliziano (r ) credette effere quelle iftef- 
fé che pubblicò Giultiniano , n^l che di<« 
fcordano Andrea x\Iciae» ( ^ ) , ed Anto- 
nio Auguftiuo (e) 9 e dalle quali egli è. 
almen certo, per eflece antichiflime , che 
furon tratti eli altri efemplari ( / ) J impie- 
gaffe i fuoi talenti anche (opra i Digeft^À' 
e che infieme con sii altri libri di Giù-' 
ftiniano le infesnatfe in Bologna , e vi fa- 
celfe le prime Àie chiofe . NÌa gU altri ^ 
che ciò niegano » e dicono che i primi 
eiempLiri delle Pandette fotfero ufciti ia 
Italia da queie d' Amalfi , foftenoono , ch& 
Imèrio fpiesaiTe in quella Accademia i Di- 
gefti da poi che furono ritrovate in Amal- 
n, ma non gii per autorità , e comanda- 
mento che ne avefle avuto dall' Impera- 
dor Lotario ^ ma per privato fuo ftudio ^ 
ficcome prima in Bologna faceva fopra gU 
altri libri di Giuftiniano» e fopra T altro 
dilciplxne « feuza ordine dell' Imperadore • 

Q. , Né 

ante Letharti Imperìum € vita mr^ravh ., 
{q) Polii, lib.io.^p.i^ {A) Alctau4ì'^^ 
!w eo taman^ àp^tt fatfus ^ quaà' Mi^ìldU fpun&. Hi. 3. fap. 12. (e) Au^i.Emen* 
$QSMtH idjkfctfìfft nHinnis aity gud muho i<^/./.i.«*i. (f} SHtn).kÌJi*J^^^^S^^*^^: 



rio fi fodero ivi infegnate infieme con gli 
altri libri di Giuftiniano . Li Dottori Bo- 
lognefi narrano ,'cfae Lotario diede ordi- 
ne ad Irnerio , il' qlliale in Bologna leg- 
gevi Filosofia 9 che pubblicamente le oi- 
cbiarafle^ il che egli cominciò a fare nelf 
anno 1128. ciò die farebbe accaduto pri- 
ma 9 che le Pandette fi foffero trovate in 
Amalfi . Corrado Urfpergenfe dopo aver 
narrata r ìftoria di Lotario , dice che Ir- 
nerio lo faceffe a petizione della Conxeila 
Matilda ; e negli Argomenti dell' ìftoria 
di Bologna , che s'attribuiscono a Carlo 
Sisonio, nell'anno 1102. fi legge che la 
Conteifa Nfotilda ad Irnerio, che ivi leg* 
geva Filofofia , aveife impofto fpiegarle, e 
che vi facefte le prime chiofe . Ma Bur- 
cardo Struvio {a) ftima favol«fo ciò che 
Corrado narra dìella ContefTa Matilda ., 
che mentre imperava Lotario averfe ciò 
impofto ad Irnerio , eifendo indubitato » 
che Matilda mori nell'anno 11 15. prima 
dell' Imperio di Lotario , e l' ifteflo Sigo- 
nio riprova ancora ciò che Corrado dice^ 
per <}uefta iftefla ragione (^) . Quindi 
Struvio crede , che quegli Argomenti, che 
fi leggono dopo l' Ìftoria di Bologna non 
han potuto efler mai opera del .Sisonio , 
il quale manifeftamente nella fua ìftoria 
del Regno d' Italia dice il contrario , e 
riprende Corrado , che l' ayea fcritto . * 

I più gravi Autori perciò -condannano 
per favolofo quefto racconto , -e rapporta- 
no 9 che Irnerio » <iè per autorità Hella 
Conteda Matilda , né per comando di Lo- 
tario aveffe nella Scuola di Bologna inter- 
pretati i libri di Giuftiniano 9 ma per pri- 
vato ftudio , e per foddislare la fua am- 
bizione • 

^ Irnerio aqueftitenpi, ne^ quali la Giu- 
rifprudenza infieme colle altre difcipline 
cominciavano a rtforger^ fii riputato uno 
de' migliori Giureconful^. Della fua pa- 
tria contendono i Germani , ed i Mih- 
nefi 9 ed i Fiorentini pur -ne vogliono la 
lor parte : egli prima fu dato a' ftudj di 
Filofofia y e delle lettere umane fecondo 
che comportava l' uib di que' teiApi , e fi 
crede che navigale in Levante 9 ed inCo- 
Tom. IL 
{z^Struv. hifl.Jur.Juft. reftaur. e. 5. §.io. 
b) Sìgùn.de Reg^i. ItaL lììb. 12. pag. 272 



ì 



Digitized by 



Google 



mr .to^xr rsnro 

>}è aucli* Accademia in quefti tempi Ai 
ì^ktnlìa da Lotario ) né pejr^fua^editto fi. 
ìtm^i che aveffe coiaandato ^ che quivi 
fi^dwetfero spiegare ^ ed mfegtiare pe« fua 
aitfolriiì i libri (H Giuftìniand , ficcoime 
feuiene Federico Lifìdetibrogio ( ^ ) i 'fog* 
fungendo Eimanno Coiirinsjio (*)> che 
ff Lotario avéffe ciò ordinato , e glr^fof- 
fe (lato tanto- a oiore la Scuola di 'Efelo- 
ffxsi y trovate che furono : n Amalfi le Pan* 
4ettey non aVPifaìii, ma a* Profeffori Bo* 
togtìefi ne avrebbe fatto dono . 

- Mz quantunque, fopra ciò noti fi leg* 
geflc particólar editto di Lotario , non è 
però > che quefto Principe non favorilfe 
ooefti ftud), e che a*fuòi tetnpi la Seno* 
la di Bofogttà non fioriffe molto più che 
ue'paiiftti, avendovi Irnerio fopra le leg- 
gi^ Romatvi Éatti prògreffi rtiaravigliofi ; 
onde «vveilne che qttefti Ihidj 'fuR)il col- 
tjf^tr> e promoffi, e molti vi s applica- 
jtfno ii^oifa, che dalla Scuola d\Imerio 
ne ofcirono poi valenti Dottori , i quali 
o in voce , e per mezzo delle loro chio- 
fc milcritto, illuftravono le lesesi dfiGiu* 
ftiniano > e ditftifeTO i) loro Audio , non 
pure in Bologna , ma per tutte le Aoca* 
demie d^ Italia. Surfeiro quindi Marthio da 
Cremona : Bulgato , che a' tempi di Fede- 
vico Barbtroffa fiorì cotanto in Bologna : 
Vgone y t Ghcoma^Ugolino , Rugateti , Ot* 
ttfne^j e Plàctnthio , che fi refero cotanto 
celebri nelP AccadeHiia di Montpellier iiì 
Francia, Pileo difcepòlo di Bulgaro , che 
io^ Bolo|?rìa ^ ed in Modena fi refe illu* 
ftre per le fue Qui/lioni Sabbatine ^ Albe- 
fico della Porta di^ Ravenna ; ed. il di lui 
4ifcepolo. jhxme-^ 'Il quale fra i Giurecon- 
felti della fua età tenne il primo luogo, 
niaetHo del aoftro Rofftedo Beneventano > 
di Bàlduìm^ e di tanti altri . 

- Da queftò riforgittientò deMibri di C?ì** 
ftiniano nelT Acfcademie d^ Italia, e dnlla 
Stuoia d' Ifnerio tomunertiente fi crede , 
the avéffero origine le folennità da poi 
praticate in creare i Dottori , attribuen- 
dofi ad Irnerio , che per autorità di Lo* 

- ' ( a ) Dndeìihtog, in Prelegom. in Cod. IL 
Antiq. (b) Confìng. de Orig» Jur. Germ. 
€Mjy, ir, ( e ) P^. ItteriuYn de Gradib. Acade^ 
mìeisy cap. 5- §. 9. (d) Morena de Rib. 
Laitdenf, afhid Leibnitium y torH. l. fiq. 118; 
{^)t^r^h0.ÓP^^^ S> 13- /(f) é$mÌHg, 



R t k-C r V 1 L E 

tario concedei^! a' Ptofitffofet dì fens il 
gi*ado dei Dottbraco > lefigendofi y che egli 
fofife flato ir primo the ave^ diohiarati 
Dottori fiulg&ro , Ugolino , Majn:m<» , e 
Pileo ( <? ) . E narra Acétbq Morena ( rf ) ^ 
che eflftndo Irnerio nell' ultimo di ftia vi- 
ta, fé gli accoftaroho i fuoifcòlari, egli 
domaadarono , chi voleva , che dòpo U 
fila morte fbÓe il lor Dottore , ed egli 
lor nominò Bul^iro, Martino, e Ugone» 
ma che tene&ro Giacoitio in fuo luogo, 
onde quefti fa coftituitò lorDóttocc* Ma 
Itterio ie) y t Conringio (/) reputwio , 
che quefte foleuhità in conferilerii gradi 
di Dottore nell' Accademie t traeffe erigi- 
ne da\Francefi> dbnde poi Tappreièro gt* 
Italiani-. 

Credette» il Sigonio (g)y Arturo Dock 
(A), ed altri, che Lotario, oltre d'aver 
comandato , che i libri di Giuftimano il 
leggeffero per fiia autorità nelle pubblicfac 
Accademie, ordinò che anche ne' Tribuf 
naii % allegaiffero , e che tralafciate le le^ 
gi Longobarde, quelli folamente i Giudi** 
ci feguiffero . Ma la coildro opinione ncHi 
ha fondamento veruno d'ift6ria,^noiile$- 
gendofi, noa pure editto alcutì0.di hau* 
rio , come farebbe ftato. neceffano , che 
ciò comandaffe > ma nemmeno litorico con-» 
temporaneo , che lo fcriveife *^ ond' è .che 
i pni gravi Scrittori ( # ) > e lungamente 
Lindenbrogio (*) riprufifvano il ooftoro 
errore. Quel che pòi inanifeftatneute con- 
vince il contrario ,, è il vederfi , che le 
leggi Longobarde in Italia, e più inque-^ 
fte noftre Provincie lungamente da poi fi 
mantennero, e ne' Tribunali fecondo quel- 
le fi decidevano L litigi , e la leoa^e Ro- 
mana come per tradizione era nuritenu- 
ta da' Provinciali ; né a.queffi tempi da' 
libri di Giuftiniano era alleis^ta , i quali 
'iion aveanò antottr acquiftata nel Foro au« 
torità alcuna, ficccorae tratto tratto l'ac- 
qùtftà'ron da poi per ufo più , e per for- 
za della ragione , che per legge d' aleuti 
Principe . 

Ma fé mai di Lotario foffevi ftata ìeg- 

de Antìquitat. Acad. dilf. 14. p.i ?4. ( h ) ^^r- 
gon. de Reg. ItaL lib. 11. ( h ) Art ut, de ufu 
d)* aucl.Jur.Civ. lib. i. r, 14. ( i ) V. Srruw 
hijì.Jur.JuJì.r^llatir.ca'y. 5. §. io. St9kmaiU 
devi/. 1. num. i8« ( k ) Li-ndtìim ic€* cit. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NATALI 

^> duellò comandailb , quella certamen- 
te nette ttoAtc Provincie , cK* erano fotte 
la dominazione del Re Ruggiero ino ini- 
•fnico ) non avreste avuto, alcun, vigore •, 
Quefto . Principe , *còmè qui a gf co vedre- 
mo, recuperò ben tofto tutte quelle Pro- 
vincie , cfee Lotario avea invafe , e de- 
bellò tuvti i fuoi nemici , riunendole al 
fao Regno di Sicilia ^ chie ftabilito in for- 
nui ài ver^ Monarchia non ubbidiva al- 
tre leggi,. fé non quelle, che i Longobat- - 
di v' introdufftro , e quelle che egli fta- 
bill da poi. E. ciò nom. pur accadde impe- 
rando Lotario , e durante il Regno ^i 
Ruggiero , ma anclie nel tempo de' Re. 
Normanrifi fuoi fucceffori , i quali. conti- 
nuando perpeQyi guerna con Corrado i e 
Federico L che a Lotario fucceffero, non. 
permifcro mai ^die le coftoro leggi foffe- 
ro in quefte: Provincie, offeriate , e che 
avetfero alcuna forala , ed autorità i ed in 
fatti come più innanzi vedrrffi,, non per 
le leggi Romane contenute • in quelli Li- 
bri f ma per. le leggi Longobarde , e per 
le Romane , che come per tradizione era 



Ltfe. XL CAP. IL «5 



C A P. IIL 

Il Re Ruggì èro. fmfiegut la guerra am Ifh 
uocenzìo : morte d* Jinacleto , feguUa poto 
da poi da quella di Lotario Imperadore ,<f 
e dì Rainulfo Duca -di Puglia : Ruggìè' 
ro ricupera le Città per iute ;,e tutte fue* 
Jie Pr&vimìe col Ducato l^apoletano atfuo 




vejtitura del Regno • ; 
\ ^ 

Espugnata da' Pifani Amalfi, e gli al- 
tri, luoghi ^di quel contomo , ordinò 
Lotario a' medcfimi , che andaflero ad o- 
fte a. Salerno, alla quale jmprefa fece an- 
che Venir da Napoli: il Duca Sergio , e 
da Capua il. Principe Roberto , ed egli 
v' inviò il Doca Rainulfo i con mille de' 
fuoi Alemanni ; , dalle quali genti infieme 
unite ,,fu Arettamente- Salerno affediato « 
Era quefta Città difefa da Roh|urto Cafl- 



, _ ^ celliero del Re Ruggiero , il quale non 

no ritenute da qnefti popoli, .fi decideva- teneva altra, milizia per difender queft* 



\ 



no le lìti.Nè apprello di noi vi fo an- 
che Qccafione che quefti Libri fi potcffero 
leggere nelle noftre pubbliche Scuole ; poi- 
ché infino a Federico IL gran fautore del- 
le lettere , che T introduce in Napoli , 
noi non avevamo Accademie ; né fé non. 
ne' tempi più baffi ,.etfcndo gli. ultimi a 
feguitare Tefempio delle altre Città d'Ita- 
lia, cominciarono in. quefte Provincie gli 
ftudj di quefti libri , e ad allegarfi nel 
foro più per forza di ragione , che di 
legge , come fi vedrà nel corfo di queft\ 
Ifiòria . 



'^ 



importante Piazza , che folo quattrocento 
foldàti con alcuni Baroni . de' circonvicini 
C^ftelli i ma al piccini prefidio fuppli^^a 
la. fede , e 1' amor de* Salernitani verfo 
Ruggiero , i quali per etfere ftati lungo 
tempo fotto il dominb 4i (]uel Re , gli 
erano come a. loro. amico Signore fedclif- 
fimi. S\ aggiungeva ancora la gratlmdit^ 
per la quale erano tanto obbligati àquè> 
fto Principe , da cui fopra tutti gli altri 
erano ftimati, ed in gran pregio tenuti , 
avendo fcelta , tra tutte le Città di qufe- 
fto Regno , Salerno per fede della fua Re- 
gai Corte ; e ficcome neir Ifola di Sicilia 
cgU avea pofta la fua refidenza in Paler- 
mo, cìosì quando era obbligato per gli af- 
fari di quefte Provincie di. paffare 11 Fa- 
ro , non, altro ve , che in Salerno fecèva 
dimora . Per le' quali cagioni con molto 
valore fi difendevano dagli infulti degli 
affalitoris, tanto che i Pifani fperimentaita 
la loro fortezza , per vincer la loro' co- 
ftanza fecero comporre una macchina per 
ìsforzar le mura delia Città , della quale 
e^r tanto fpavefito i Salernitani , che 
trinciarono a difperar della difefa ; òti- 
de «ffendo fopragaiunti all' atfediata Città 
il Pontefice , e V Imperadore ^ i Salewti- 
Q^ 2 tani 



Digitized by 



Google 



h24 . DEir^lSTORI A CI V ILE 

tani iaviaodo a Ccfarc loro Mcflaggi fi piuao ,«oa mola altri Ufficiali péfctó p©^ 



Ibttopofero a lui , con condizione > che i 
Ibldati ftranieri potetfero girne ove lor 
meglio gradiva > ondo alcuni d' effi iparti- 
ffono^ ed altri infieme co' Baroni, e Ca- 
pitani , che colà erano , fi ritirarono alla 
Rocca della Città, valorofamcnte mante- 
nendola fotto il dominio del lor Signore, 
I Piiani avendo faputo efferfi i Salernita- 
ni refi air Imperadore , ed cffere ftati da 
lui ricevuti fenza dirne nulla a loro ,^ (de- 
gnati fieramente di tal difpregio , aricro 
tantofto le macchine , che avean compo- 
ne per cfpugnar Salerno , ed apprettati lor 
legni volevan ritornare a Fifa ; • V avreb- 
ber pofto ad efecuzione. fé il Pontefice , 
cui molto pxemea la loro alleanza , non 



tefler opporfi a Ruggiero, e mantener gli 
acquìfti fatti, fé ne andò col Pontefice ia 
Roma , e di là per la via di Tofcana pre- 
fé il catiimino per Alemagna (b) . Ma 
Ruggiero , che mfino ad ora cedendo ali* 
impeto di tante procelle , afpettava tcta* 
pò migliore per riacquiftar in uno tratto 
tutto il perduto, appena ebbe avyifo , dhe 
Lotario trafi dalla Campagna partito , che 
ragunò in Sicilia una groifa armata ; e 
come intefe'ch*egli era in Roma perpaf- 
far in Alem;«na^ calò prettamente in Sa- 
lerno colla fua armata (r) . Tofto, fi re- 
fe quella Città al fuo antico padrone , e 
di là gitone ad ofte a Nocera ; la ripofe 
tantofto fotto il iìio dominio , ed il fomi- 



gli avcffe con «lolte preghiere, e coniar- gliante fece di tutte le Terre colà d' ia- 



ghe promeffe trattenuti ; ma sì fatta di- 
scordia cagionò , che non s' efpugnaffe la 
Rocca , la^ quale perciò rimafe alla divo- 
zione' di Ruggiero. 

Maggiori furono le difconfie, che nac- 
^uero Bpr quefta ftefla cagione tra T Im- 
peradore , ed Innocenzio , pretendendo 
• qucfti la Città di Salerno appartenere al- 
. la Romana Chiefa , e fé bene finora non 
li fappia per qual particolar ragione , con 
tutto ciò fi vede che Gregorio VII. non 
volle in conto alcuno ioveftirne Ruggie- 
fo , ficcome né tampoco gli altri fuoi fuc- 
ceffori , per queft' iftelfo che pretendeva- 
no quella Città aUa Sede Àppoftolica ap- 
partenerfi ; ma Lotario opponendoti forte- 
mente a tal dimanda , fece che Innocen- 
zio s'acchetaiTe (a)^ non volendo queft' 
accorto Pontefice romper con lui in van- 
taggio dì Ruggiero, il quale da queftedi- 
. Icordie avrebbe per fé ritratto maggior 

})rofiao : noti fii però che Innocenzio non 
enti{£e di ciò grave difpiacere , e che. non 
. jcominciafiero perciò gli animi ad alienarfi 
. da quella concordia , nella quale prima 
arano uniti • 

Partirono alla fine ( credendo aver ter- 
minata la loro fpedizione ) da quefte no- 
fire Provincie Innocenzio , e Lotario , il 
quale avendovi lafciato Rainulfo fuo Ca- 

(a) P.Dìac. //&4. r. ii7, gua res ìntet 
P€ntificem^& de/arem dìffentìonem maximam 
mhiijlravìt , Papa dtcente , Salernìtanam Ci- 
vhatem Romana Ecclefia aninere ; Imperate* 
fecconttay non Pmtfià ^ fed Imperatori ptf 



torno , di cui eA Signore il Duca Rainul- 
fo . Indi andò fopra Ca^a , e fieramente 
fdegnato col Principe Roberto per effere 
ftato il primiero iftrumento della venuta 
di Lotario in Italia , quella prefe a for- 
za , e vi fece dare uno fpaventevol fac- 
co • Andò pofcia col vincitore efercito in 
Avellino , e quello prefo con tutti i cir- 
convicini luoghi , verio Benevento av»- 
zofli. I Beneventani sgomentati anch' effi 
per la felicità di Ruggiero mandarono pa- 
rimente a fottoporfi a lui, e lafctando il 
partito d' Innocenzio , al quale poco anzi 
aveano giurata fedeltà , aderirono ad Ana- 
cleto per far cofa grata al Re , il quale 
venuto a Benevento , pa&ò poi a Monte- 
farchio , che tantofto (e gli refe : indi en- 
trato nella Puglia cominciò con molto va- 
lore a fottoporfi niolte Città della inede- 
fima. Il Duca Rainulfo, come vide Rug- 
giero entrato nella Puglia , ragunò dalle 
Città di Bari, Trani, Melfi, e da Tro- 
ja 1500. yalorofi foldatì, e s* avviò con- 
tro Ruggiero, difpofto di voler più tofto 
morire combattendo , che cedere vilmeiv* 
te al nemico. -.^ 

Intanto^ erano perwtìuti a notizia d* In- 
nocenzio ì progreffi di Ruggiero , e ve- 
dendo lontano 1' Imperadore , e che noa 
vi era da fondar molta fperanza né nel 

*- Duca 
tìnere debere y dtcente • (b) P.Dìac.lib.^. 
cap. 1 2Ó. ( e ) Fate, Ben. Audìens Rex Ro* 
gerius Imperatorem viam redeundì arrtpuijfe , 
exerchu convocato , Salemum venìt . 



Digitized by 



Google 



»Et REGNO DI NAPOtI LIB, XL CAR Ut 
Duca Rainulfo, né m' Capitani di Ccfa- finto dàlie ragioni di Bernardo , 



«5 
il Re 




in concordia il Re coi Duca ; ma rinfci 
te vane le pratiche di Bernardo in oue' 
tempi molto riguardevole e per la fua dot- 
trina , e- molto più per la fantità della vi- 
ta , vennero il Duca ^ ed il Re alle ma- 
ni , e pugnatoli vigorolameate , reftò in 
quefta incontro Ruggiero -perdente ; ma 



Icrno ,* e di ritornare in Roma • Che che 
ne fu y Ruggiero fenza conchmdet nien- 
te k ne parti ancora-, e falendo fu la fua 
armata andò in Sicilia , per ritornare in 
Puglia con eferciti più numerofi . 

Ma ecco mentr' egli dimorava in Sici.» 
lia, in oueft'anno 1138. a' 7. di Genna*' 



niente però importamlogli tal perdita , ri- ro accadde ij» Roma pur troppo opportu* 
tirato in Salerno , rinvigprifce le fue trup- namcnte la morte d' Anacleto , la qual 
pe per di nuovo invadere la Puglia. Non fece, che quefto fcifma, che per otto an- 
laftiava però T Abate di Chiaravalle di ni avea travagliata la Chiefa, fi fpegnef- 

fe . I figliuoli di Pier Lione , e gli altri 
feguaci d'Anacleto tofto avvifarono al Re 
la morte del lor Pontefice , con diman- 
dargli fé e' reputava efpcdiente, che fé gli 
creaife fucceflore . Ruggiero , a cui pre- 
meva di nudrire fimili difcordic , perchè 
il partito d' Innocènzio al fuo contrario 
non molto s' avanzaffe , rifpofe die tofto 
lo creaffero : ficcome in fatti i Cardinali 
del partito d'Anacleto unitifi infieme , e*- 
leifero per fucceffote Gregorio Romano 



però 
Trattar continuamente col Re per ridurip 
in pace ^bl Pontefice » e finalmente otten- 
ne da lui, chp venilfero tre Cardinali d' 
Innocènzio , e tre altri d' Anacleto innan- 
zi a lui, perchè udite le ragioni d' amen- 
due , avrebbe poi deliberato quel che gli 
fotfe paruto più convenevole ♦ In etfetto 
Innocènzio gli mandò il Cardinale Alme- 
rico Cancelliere di S. Chiefa, ed il Car- 
dinale Gherardo uomini di molta autori- 
tà, infieme ajr Abate Bernardo; ed A- 
nacleto gli mandò fimilmente tre altri fuoi 



Cardinale de' Santi Appoftoli , a cui po- 
Cardinall , quali furono Matteo parimen- fero nome Vittore IK Ma in queft' incon- 
te fuo Cancelliere , Gregorio , e Pietro tro fu tale l'opera dell'Abate Bernardo, 
tifano uomo riputato in quefti tempi di che alle fue perfuafioni cosi Vittore, co. 



molta eloquenza , e dottrina , e molto 
verfato nella Sacra Scrittura (a). Giunti 
in Salerno , volle il Re per più giorni 
fentirgli j indi ragunato tutto il Clero Sa 



me i fuoi Cardinali che 1' eleifero , fi fot- 
topofero ad Innocènzio , ed avendo depo- 
fto Vittore tutte le'infegne del Papato a' 
fuoi piedi , s' eftinfe del tutto lo i'cisma 



lernitano , e buoni parte del fuo popolo ,(^), laonde i Romani cotanto fi lodaro- 



coir Arcivefcovo Gugliemo , e gli Abati 
de'Monafteri, poftafi la cofa in delibera- 
zione , ed in ifcrutinio , non fi venne mai 
a conchiudcr per opra di Ruggiero , il 
quale, fecondo narra Falcone Beneventa- 
no , proccurava tirar in lungo quefte ra-^ 
gunanze per trattenere con queui trattati 
di pace Innocènzio , ed il Duca Raiuul- 
fo , affinchè intanto potetfe egli rifarfi de' 
danni patiti, ed unir nuovo efercito . L' 
Abate di Bonavalle , ed il Cardinal Ba- 
ronio narrano altrimenti il fatto di ciò 
che ne fcritfe Falcone Autor contempora- 
neo : dicono aver folo Bernardo con Pie- 
tro Pifano trattato queft' accordo con Rug- 
giero , e che febbene Pietro redaffe con- 

-' (a) Sigon. di Regn. hai. lib. 12. ìnfignl 
per ea tempora eloquentìa , fii%gulartque do" 



no di Bernardo, che per onorarlo qìì die- 
dero perciò il nome di" Padre della lor 
patria ; ma egli che faceva profelfion di 
Santo, avendo a noia gli onori di quefto 
'Mondo, partendoti di Roma in Francia, 
al fuo Monaftero di Chiaravalle fece ri- 
torno . Pietro Diacono (?) che appunto 
aui termina la fua Giunta alla CroKaca 
i Lione Oftienfe narra in altra guifa il 
fatto : dice che Innocènzio per mezzo- 
d' uno grofib sborfo di denari che diede 
a' figliuoli di Pier Lione , ed a coloro che 
gli aderivano , gli traffe alla fua parte : 
onde i Cardinali, che aveano eletto Vit- 
tore , deftituti d' ogni ajuto , per dura n«- 
ceflTità fi fottopofero ad Innocènzio. Vie 

chi 
Strina • ( b ) Falc. Beìiev. ad ann. 1138. P7- 
ta S.Bernardi, (e) JLié,4* c0p. ultn 



Digitized by 



Google 



^^ -BBLU I.STÒRIA CIVIL1E 

<;|IÌ ld\fcu& > ^tttche ammeft) ciò per ^- 



xo, dalle colpe^ firaonfa, jllegando kl- 
mjìgMirtmili,e£mfìi\ cffmt%cc TAba^te. 
àSlh Noce in quèttà luogo .-, ' 

ìnnocenzio veduti rgcdietatii gUjiffari. 
di Rania»'< libero da tali.difcòrdie y ri-, 
volfe tutti i fiioi penfieri oontto Ru|gic- 
Wy tà' alla guerra della Puglia ; onde gi- 
tone ad Albano ragunò groflb efercitp per 
Itnirfì coi Duca Raìnulfo : ^ dall' altra parte 
il Re ai^endo parimente unite le fue trup- . 
pe, pafsà dalla Sicilia a' costui della Pu- 
glia per. riporre fotto.il dominio le rima- 
dienti Città di quella Provincia . ^ Non man- 
cò il Duca. Raiiiulfo d' opporfi , ma inva- 
ilo, onde- il Re all' imprefa . di Melfi . vol- 
tò tutti . i peniieri , ma non potendo efpu- 
i^arla per la valida difefa y prefe tutti i 
Camelli d* intorno , e dopo ciò tornato a 
Salerno, quindi partiffi di tiuovo per Si-, 
cilia,. — 

Accadde in queft'ifteffo anno 1 138. nel- 
la Valle di Trento la morte di Lotario 
Imperadore : Principe oltre al valor, delle 
armi, dotato di molte, virtù, e foprattut- 
to amator delle lettere , e. del giufto: e 
merita efler.fopra tutti gli altri, rinoma- 
to, per eflerfi a'^^fuoi di reftituito in Ita-, 
lia . lo fplendor delle leggi Romane , e 
permetfo che. quellc.fi infegnaffero nell'Ac- 
cademie d' Italia. .Cagione , che da poi 
col correr, degli anni riacquiftafTero tanta 
autorità, ^ che fi rendeifero cotanto chia- 
re, e luminofe, che ofcurate le altre leg- 
gi delle altre Nazioni , oggi fono la nor^ 
ina di tutte le Genti , e nell'Accademie 
meritamente tengono il. primo luogo , e 

Sr le quali la più^ illuminata parte del 
ondo fi governa . Ed è ben degno*, che 
dagli. amatori della legai difciplina fopra 
tutti gli ^ altri venga d' immenfe lodi com- . 
niendato • ' 

Fra gli Elettori dell' Imperio occorfero 
gravi contefe per rifar, il fucceffore . Afpi- 
ravano al .foglio Corrado Duca di Suevia 
fuo nepote, ed Errico di Baviera fuo ge- 
nero ; ^a finalmente efclufo Errico fu 
Corrado innalzate a sì grande dignità , e 
fu falutato Imperadore da' Duchi , Princi- 
pi , Marchefi y e da tutti i Grandi dell' 

(a) P, Diac. lìb.^. c.iij. (b) Falc. 
Benev. an.11^9. Otho Frtfingenf. ( e ) Falc. 
Benev. {à) P. Diac, Uh. 4. cap. 1 16. pr^g- 



Itnperio , non ei&ndofi ancora riftreCti 
oueft' autorità^ a' foli fette , come fi fece 

Dall'/altr^^^Mrt» ìnnocenzio , cui tion 
altra cura.preitneva , cbe di abbattere il 
partito di Ruggiero , avendo nell' entrar 
dell'anno 1139. fatto convocare un Con- 
silio in Roma , . fbomunicò ivi di nuovo 
R-uggiero, e tutti coloro , che avean fi^- 
guite le parti d' Anacleto. (^) . Ma fui-' 
miae afui -pia ruinofofopravivenaè «(ì ìn- 
nocenzio non guari da poi ; poiché nell* 
ultimo giorno d'Aprile il Conte d'Avel- 
lino , e Duca . di Puglia , ^fae con sì fiera, 
e continua guerra, ave^i travagliato il «Re 
fuo cognato , axnmalandofi d'. una grave 
malattia mori in Tro)a di Puglia , e fa 
dai fuo Vefcovo Guglieln\p , e da' fnoi 
Cittadini , dolorofiffimi della fua morte, 
con . molte . lagrime nel Duomo fepolto . 

Pervenuta jn Sicilia . la noVeila della fua 
morte, quanto contento apportale al Re 
Ruggiero non è da dimandare : egli allo- 
ra tenue per finita la guerra ; onde uniti 
prettamente i fuoi foldati pafò in Salerno 
( r ) ; ed ivi congregati tutti i Baroni , 
che fegiùvano lafua parte, andò aBene^ 
vento, indi avendo .toggipgati molti luo^ 
ghi del Conte d'. Ariano , il quale fugg^ 
aTroja, prefe parimente in breve tempo 
tutte le Città , e Caftelli di. Capitanata. 
EU)e il Re , come dicemmo , tra pli al- 
tri fuoi , figliuoli natigli da Alberta fua 
prima moglie, Ruggiero primogenito , il 
qual perciò fu da lui creato Duca di Pu- 
glia: quefti. pareggiando il valor del fuo 
padre , eh' era j^aflato all' affedio di Troja , 
foggiogò da. poi tutti gli altri luo^i del- 
la Puglia , tanto que' pofti . infra terra , 
quando quegli eh' erano alla riviera del 
mare (^) : la fola Città. di Bari, ch'era 
allor valorolàmente difefa dal Principe Gia- 
quinto non potè avere in fua balia ; on- 
de egli difperando della refa , prefe con- 
figlio d'andarfene al Re fuo padre , che 
flava campeggiando la Città di Troja . 
Era quefta Città difefa da Ruggieri Conte 
d' Ariano , che colà con groffo numero di 
foldati erafi rifugiato , difendendola egli 
con molta oftinazione , obbligò il Re a 

par-. 
ter Barum , Trojam , atque Neapolìm , omnem 
Terram quam facile amìferat , facilius cte^ 
pit recuperare. 



Digitized by 



Google 



DEL R^GN^O DI MAPOLI LIB. XL CAP. IIL tif^ 



ttrtufi Adii' atf^io » il quale imitoii CfA bi£>gaa in ipodo , che tir rotte, e^ 

ngliuob volfe i (vpi tj^erciti verfo Aria- io'ftJLga le genti Papali » ed Innoo 

lU) ) facendo pifiepàràr mct^^okccfaitie' di ' '^ 

legno per efpùgiaaffa. . *. 

lataato Papa Iniioceiizio avendo inte* 

fa ifl rea novella della morte del Duca 

Rainulfo, ed i felki progreffi del Re in 
Puglia > non volendo lafciar que' luoghi 
fcnza difcÉi >' ragunate le fise truppe , e 
jneflòu alla tefta delle mede&ne > vtfà da 
Rotna^'e venne a S. Germano . JR.uggie« 
ro che per quefta fpedizione d' Intiocen* 






iftefTo non^fenza ingiùrie > e difprcgi ,_ 
condotto prigioniero al Re inficme col 
Cancelliere \Mitfcerico, e con molti Car- 
dinali y ed "altri uomini di conto , ponen« 
dofi anche i vittoriofi foldati a rubar i 
ricchi atnefi del Pontefice > ove fu ^itróm. 
vata groéa fomma di moneta , fai vandoà-, 
folo colla fuga Roberto Principe di Ca,^* 
pua . 
Ecco a qaal fine infeliee han femprìl^ 
zìa veniva fraftotaato nel 'meglio de* terminate le fpedi^ioni de' Pontefici con-^ 
fuoi progreffi tenti > prima di venir con tro i noftri Principi , ed ecco il frutto*^ 
lui alle armr^'^fe potefferiufcirgli di pia- che han fempre ritratto , quando depofto 



cario con diAiàhdargli pace > inviò a que^ 
fio fine fuoi Meffi oifetendofi "pronto ad 
ogni fuo volere /I Meffi'fuìrono ricevu- 
ti cortefemente da Inno^osio » il quale 
mandò ^tresl a Ruggiero due Cardinali 
ad invitarlo > ch'egli veniffe a S. Germa- 
no per pptere eon etfetto pacificarfi infie-- 
me. Il R)^ era allora tornato di iiuovo 
airaffedio di Troja, ed avendo ricevuti 
onorevolmente i Cardinìili > levatofi da 



il proprio meftiere ^ lian voluto a gùiim 
de' Principi del Mondo alla tefta d' efer- 
citi armati coprirfi d'elmo , in vece di 
tiara , e yeftir di corazza , in vece di fto- 
la y e di dalmàtica • 

Quefto memorando avvenimento {ucce* 
dette li ventuno di Luglio di qneft'anno 
IIJ9. (A) come ben pniova ravvedutili 
fimo Pellegrino (r) contro quello che il* 
Barónio/e D.Francefco Capecelatro fcrif- 



queir atfedio iniierae colDuca. fuo figli- fero, i quali non intendendo il* laogo di 

uolo ^ avviò preftaihente a S. Germano : Falcone, fcriffero la prigionia d' Iiinocen« 

61 per otto giorni (Vi) mane^iato queft' zio effer fucceduta a' dieci di quefto me*- 

_/<-_ .__ ^ _jy T :_ . /!• f^^ 2^^ lafcierò qui di dire, conforme 

molto a propofito avvertì il medefimo- 
Capecelatro nella fua iftoria de' Re Nor- 
manni, eh' è tra le moderne la più accu- 
rata di quante mai narrano i fucceifi di 



affare ^ ma etfendofi Innocenzio oftinato 
a» pretendere la reftituzione del Principa- 
to di Capua al Principe Roberto, e non 
volendo il Re a cotal £itto in modo al- 
cuno confentire, fu difciolto os^ni tratta- 



to, ed avendo ragunati i fuoi foldati par- ' qiiefti Re, eifer manifefto l'errore di co- 



ti da S. Germano • Il Papa intefa la fua 
partita fé ne andò colle fue genti al Ca- 
fiello di Galliiccio , cingendolo di ftretto 
aifedio: laqual co£i venuta incontanente 
a notizia del Re ,' ritornò veloceririente in- 
dietro, e giunfe imptjjvifo a S. Germa- 



loro, che quefta rotta , e prigionia d' rn*- 
nocenziò fcrilTcro effer avvenuta nel prin* 
cipio del fuo Pontificato , e tutta altri* 
mente di quel, ch'ella a-vvenne > e. che* 
perciò fi ca^ionaffe lo {cifm^ d' Anacleto/ 
poiché «li Autori conteinporanei , e que* 



no; per la cui prefta venuta il Poiitefi- che poco da poi mand irono alla memo-» 
ce, ed il Principe Roberto , ch'era con ria de' pofterì quefti fucceflS , in queft'an- 

no, e nel modo'che s'è narnto la rap- 



ini , fur percoffi da fubito fpaveuto in 
guifa tale , che iènza alcuno induQ(io fi 
t#lfero dair affedio del Cartello di Gal luc- 
cio per ritìrarfi in Ino^o 'ficuro ; ma il 
Re inviò fubito il Duca di Puglia fuo fi- 
gliuolo con bea mille valorofi foldati, 
acciocché tendendogli asuati aff^iltaffe per 
lo cammino, il Pontefice .. La qual, colà 
<jnandata felicemente ad etfetco^ andò la 

. ( a ) Falc. Benev. (b) Fa le. Bemtv. ami. 
^^39- C e ) Pellegr. in Cafiìg. ad Falc. 



portano,* come la Cronaca di Falcone an- 
tichilfino Scrittor Beneventano , l'Anoni- 
mo Callinenfe, le iftorie' dell' Arci vel'co- 
vo Ro.nnaldo, è di Ottone Frifin^enfe, 
e le molte lettere fcritte fopr» tal mite- 
ria da S. Bernardo A bi te di Chiara vai le : 
per l'autorità di_sl sgravi, e vecchi Scrit- 
tori il Cardinal Baronia, il riferito Ga^. 

pece- 
Baneif. ann. zi 39. 



Digitized by 



Google 



I* D E L L' I S T O R I A e t V I L £ 

pccclatro , t V incomparabile, critico de' dre , i qtiali con tanti fudori, e triva^ 
noiW fatti Camillo Pellegrino in tal gui- aveano dtirpato da^a Sicilia , e da qoe- 
fa rap{K>rtano quelli avvenimenti . ftc PfDvincie 4 Saraceni implacabili nemi- 

Ma- non meno per quefta prigionia d' ci del norne Criftiano , s' grano refi degni 
Innocenzio* che per quella di Lione, ri- d' immortai famai gii confermava perei jy 
luffe la pietà de' Normanni verfo la Sede il Regno di Sicilia tt lui dal fuo mtectt" 
Appoftolica ì ancorché Ruggiero , fecondo fore Onorio invertito , con la preminenza 
ciò che* dettavano le leggi della vittoria , di Re, e con tutti gli onori , « d igniti 
«veffe potuto trattar Innocenzio come fuo Regali j aggiungendo ancora il motivo, e 

"prigioniero, come fi farebbe fatto ad ogni la ragione per la quale doveafi Russiero 
altro Principe del Mondo j nuUadiman- 
eo non f^endo egli diftinguere digerenti 

jperfonaggi nel Pontefice , gli refe tutti 
quegli onori , che fono dovuti al Vicario 
di Crifto : gli mandò fuoi Ambafciadori 
a chiedergM perdono, e a pregarlo che fi 
foffe pacificao con lui. Innocenzio vinto 

^più da quefta eenerofità, e grandezza d' 
animo di Ruggiero, che dalla fua forza, 
confentl volentieri alle fue dimande ; e 
ben prefto dopo quattro giorni (a) nel di 
che il celebrava la fcftività di S. Giaco- 
mo fu preffo Benevento la pace cónchiu- 
*i . Per parte del Papa fi tolfero tutte le 
fcomuniche fulminate contro Ruggiero, 
e contro i fuoi aderenti ; onde il Re col 
fuo figliuolo Ruggiero aiidaronoa metter- 
li a^fuoi piedi, e a riconofcerlo per vero 
Pontefice y e gli giurarono perciò ambe- 
due fopra i fanti Evangeli fedeltà così a 
lui , come a tutti i Pontefici fuoi fuccef- 
fori legittimamente eletti , e gli fi refe- 
so ligi, con promettergli A (olito cenfo 
di 600. fchifati l'anno, e di teftituirgli 
Benevento . All' incontro il Papa confe- 
gnandoglr di fua mano lo ftendardo , co- 
me allor'fi coftumava, l'inveftì del Rea- 
me di Sicilia , del Ducato di Puelia , • 
del Principato di Capua, riconoibcndola 
^r Re, e confermandogli tutt^LigiiegU 
onori, e dignità che a'Re s'appartengono « 
L' inveftitura fpedita dal Pontefice fo- 
pra ciò , fu traiportata da' regiftri della 



poffeflore di queir llòla innalzare al tito- 
lo di Re^ e la Sicilia in Re^no, che è 
queir ifteffa che rapporta T Abate Telf fi- 
no, perchè anticamentar^queirifola ebbe 
le prerogative di Regno, e' propri fuoi Re 
che la dominarono .• Rtgnum Sicilia ( fo- 
no le fue parole ) i^uod -utifue , prout in 
antiquis rejertur hijtoriis ^ Regnum fuìffe^ 
non dubium eji ^ ubi abeodem anteceffore no* 
Jirù concejjum cum integritate honoris Rej^iì , 
eb- dignitate Regibus pertinente j Excellentie 
tua roncedimus , O jipojiolica autkoritate 
firmamus'y reputando con ciò fra le altre 
poteftà de' Sommi Pontefici effer quella 
d'ergere, o reftituire i Reami, e* Resi, 
€ tanto maggiormente in quello di Sici- 
lia, della quale i predeceflori di Ruegie- 
ro dalla Sede Appoftolica ne furono in- 
veftiti . 

Gli conferma l'inveftitura del Ducato 
di Puglia, che dal fuo predeceffore Ono- 
rio eragli fiata data j e del Principato di 
Capua, vivente ancora il Principe Ro- 
berto, che ne fufpogliato; e quando pri* 
ma avea ufati tanti sforzi per farglielo 
reftituire, ora ne dà TinveAitura a Rug« 
giero , foggiungendo : Et infuper Prìncipa^ 
tum Capnanum integre nihìlominus noftrì fa* 
voris fvbcre communimus , tibique concedi* 
musi ut ad at^rem^ atque ob/equium B. 
Fetri Apojlolorum Principisi & nojirum^ 
ac JucceJJorum mjirorum vekementer adftrin- 
garis: pretendendo in cotal guifa giuftifi- 



Libreria di S» Pietro di Roma dal Cardi-* care per legittimo l'acquifto fatto ^ique 



nal Baronio, e fi legge ne' fuoi Annali 
ib)i nelU quale occorrono più cofe de- 
gne d' eflfere offervate . Primieramente di- 
ce Innocenzio , eh' egli calcando le me- 
defime pedate de' fuoi predeceffori , ed 
avendo avanti gli occhi i meriti di Ro- 
berto Guiscardo, e di Ruggiero fuo pa- 

(a) wAw». Cajpn. (h) F rapportata 
0f9fii U Mia M quefia hrvefiitura da Lu^ 



fto Principato da Ruggiero Jure beliti e 
non per altro fine, affinchè fiano Ruggie- 
ro , e' fuoi fucceffori più riverenti -y ed of- 
fcquiofi alla Sede Appoftolica , .non altri- 
mente di quello, che fi dichiarò Grego- 
rio VII. nella fua inveftitura. 

l.Il 
nìg. Cod. hai. Dìplom. Tom* 2, pag. 850* 



Digitized by 



Google 



<4) {cfitfe^ chi Anacleto, oltre al Prin- 



I. If DifcaP» Napoletano ^ Sari , Brìndìfi ^ 

e tuttt h altre Città del Ragno fi 

/oitomettom al Re KvGGiERO ^ 

MErlta ancora rifleffione di non eA 
feffi in quffta inveftitura fatta men- 
zione alcuna del Principato di Salerno^ 
richè i Pontefici Romani , mcorcbè non 
. fapeffe^ per quii paiticolar ragione , 
Tempre pretefero quéfto Principato appar* 
tenerfi arila Sede Appoftolica, non altri* 
mente , che BeaeFenta * Non fi vede nel** 
la medefima «è pur nominato il Ducato 
Napoletano, onde v^nno di gran lun^a 
errati coloro, che fcriilero Iniu>cenzio 
avere inveftito Rugaeiero anche di Napo- 
li : né poffiamo non niaravigliarci quai^ 
do neir [ftorla Napoletana altimamenre 
data fuori dial P. Oiannettafio (a) lep^ 

Siamo , che da quefto punto Napoli oa 
bera Repubblica ^aflàfTe fotto la Regia 
dominazione di Ruggiero ; e l'Autore 
quafi dolendofii di quefto fatto pe '1 ienti- 
mento -che moftra d' aver perduta la fua 
patria il pregio di edWeJibera, ^ccac^io- 
na Innocenzto^ come 'i permettelfe , quanp 
éo quella jCittà appanea^va a^Imoerl^i 
d\ Oriente ; quafi che anche (e wffe^atd 
véro il fatto, fofle jx^fa nuova de' Ponte- 
fici Romani inveftire de' Stati , cbe loro' 
aon s' appartehevano \ e ie ciò parsegli 
novità , come non forpreoderiene , quan- 
do vide da' Papi inveftire i Normanni 
deila Puglia , e della Calabria , Provin- 
cie , che a' Greci s involavano , e ibpra 
le quali v' ^veano non minoct ragioni , 
che fopra il Ducato Napoletano» Qi^edo 
Duca^ paisò a' Normanni non già per io* 
veftitura datagli da Romaiii Pontefici « 
ma per ragion di cop<^uifta, e per (bm* 
sneflione de' Napoletani , come qui a po- 
co diremo. Solo nella Bolla d'Anacleto, 
dopo r ioveftitura del Priocip^tp di Ca- 
Mia jfi foggiunfe ; Honorem quoque Neapo^ 
sis , ejufyue fertinentiatum \ .che non de- 
notava, altro che l'onore d' efièrne Duca , 
con reftare la Città con l' ifteffa forma , 
e politia \ e iblamente Pietro Diacono 
Tom* IL 
{t)HiJìor.NapolJib. II. (b) P.DiW. 
iìò. 4« eap, 97. f e ) Falc. Benev. In bis 
àìabus Ches Noapolitani venerunt Beneven* 
Ikm, <3r CivitatemNféifQlim 0d fidcfitatem 



cipato di Capila, inveftifle anche Ruggie* 
ro del Ducato di Napoli; ma ciò che fe- 
ce Anacleto , non volle Ruggiero dopo 
la pace fatta con Innocenzio , che ali giùn 
vaile i e del Ducato di Napoli | uccome 
di quello d'Amalfi, di Gaeta, del Prin*» 
cipato diTaranto,, e di Salerno, ndSi vol- 
le altri che ve n'avetfe parte fé non la 
ragion della conquifta, e la fommeffione 'r 
de' popoli • 

In effetto , ritornando ià donde ci^ di«. 
partimmo , avendo Ruggiero dopo quefta 
pace, liberamente lafciata al Papa laCit« ^ 
tà di Benevento , mentre quivi dimora- 
va , vennero i Napoletani fgpmentatr anchT 
elfi delia felicità di Ruggiero a fottometì» 
tere la loro Città al fuo dominio , come 
già ftim^ awa fatto Sergio lor Duca y 
Quefto Duca, fé dobbiamo preftar fede 
ad Al^andro Abate Tajefino^ molti aft* 
ni prima avea fottomelfa lar Città .di Na« 
poli a Ruggiero , ma da poi pentitofi del 
fatto s'unì col Principe Roberto, ^ c^ . 
Conte Rainulfa di lui nemici , e lunga^ 
mente gli fece guerra .* tornò poi al par* 
tito di Ruggiero , unto che militand<^fot« 
to le di lui infegqe , nella battaglia che 
perde Ruggiero preffo Salerno, reilòmor* 
to con altri Baroni dalle genti di Rai* 
nulfe , 

In ^ueft'anao adunque Ji39«fperimen« 
tando 1 Napoletani il valor di Rug^iec» 
fi fottopofe^ (labilmente al fuo dommios 
ed etfendo fimifi per la mor^e di Selcio 
fenza Duca , eleverò ^col confeotimento 
del RfC in lor Duca Ruggiero Tuo figlino* 
}a (r>. Inveges pruova Ruggiero > noa 
Anfofo elfere ftato eletto Duca. IlPelle« 
gffino vuole , che foffe Anfufo . Che che 
ne fia> ancorché quefto Ducato pafTafié 
.fotto la Regia doniinazione di Ruggiero ^ 
n^n volle perb egli che fi alteraffe la fer- 
^a del fuo governo, e la fua politia, fu- 
' r^o i medefimi Magiftcati , e le mede- 
firne leggi ritenj^té , e confermò alla Cit- 
tà tutte quelle prerogative , e privilegi 
che avea, quando fotto gli ultimi Du- 
chi , attratta all' intutto dall'Imperio d* 

R Orien- 

Domini Regìs traJenteSf Dueem fiUumjfjua^ 
dixeruni , & ejus fidelitati eolia fumiti 
$unt • , 



Digitized by 



Google 



»,♦ deh; i.sto 

Oricttjs , avta prefa forma di libera Re* 
pubblica; e per quefta ragione offer via- 
mò y che anche dopo Ruggiero infmo all' 
anno 1190. come ilCapacio («), o qual 
tlcro fi foife r Autore della latina iftoria 
Napoletana , rapporta , vi fiano ftati al- 
tri Duchi di Napoli , come un altro Set* 
gtoi ed un XTXAliemo^ in tempo del qua- 
le fu conceduto a' negozianti d'Amalfi di- 
moranti in Napoli, quel privilegio rap- 
portato da Marino Freccia^ e di cui faffi 
anche menzione nella riferita iftoria . 
Non è pcrò^ com» (limarono alcuni^ che 
Ruggiero gli lafciafTe Finterà libertà , a 
guifa d' uno Stato libero^, ed indipendea- 
fc . Credettero cosi , perchè rapporta Fal- 
cone Beneventano , che Ruggiero dopo 
la prefa di Troja , e di Bari nel fegucn- 
te anno 1 140. fece ritomo in Napoli , 
dove narra , che fu dà' Napoletani lieta- 
BKnte, e con m»lta fefta accolto, e con 
tanta pompa, e celebrità, che niunoRe, 
ftè Imperadore fu giammai in etfa con 
lauto onor ricevuto : che il feguente gior- 
no cavalcando per la Città , falito in bar- 
ca pafsò pofcia al Caftel di S. Salvatore 
poftQ fopra una ifoletta dentro de] mare 
non guarì da Napoli lontana , che dicia- 
mo oggi il Caftel deir Uovo per \z faa 
figura., ed ivi eflendo, avendo a fé chia- 
mati li Cittadini Napoletani, con quelli 
ie lìbertate Civhatis , & uttlitate traBavit , 
come fona le parole di Falcone , dalle 
quali, ingannati credettero, che i Napole- 
tani quivi trattaffero con Ruggiero della 
libeiti della loro Città, quando , come 
ben dimoftra T avvedutiffimo Pellegrino 
( £ ) , di niente altro trattò il Re , fé non 
deir immunità , e franchigia , che preten- 
devano da lui i Napoletani, che fu loro 
tofto da Ruggiero accordata i . ed avrebbe 
{)Otuto toglierfi da queft' errore il Capac- 
cio per queir iftetfo privilegio , eh' egli 
•adduce, dove i Napoletani concedenda. 
libertà a' Negozianti del Ducato d' AmaU 
41 commoóranti in Napoli, per liberr4non 
incendoRio'akroY che una nrlforo^ dtfraii^ 
-chigia'^ied immunità, come da quelle pa- 
lale : Ut ficut ifla Civitas Neapoth privile' 
gÌ0 UberÈatis prxfulgety ita & vos negotia- 
t99ff^ ramp/ores , five spethicarii in perpe* 

( a ) Capac. lib. \. cé$p^ii. ( b ) Pelleg. 
§d Fate. JBen, ann.ii^. (e) T, Fellegr. 



tuum gaudeatis ^ ma di qnal libertà patw 
lafi nel privilegio? ut nulU i^mii&io^ co» 
me fiegue, de perfenìs^ vel nbus veflris ^ 
five haredum , & fuccefformm tnjiròr^m ne* 
gotiatorutn in Neapoli habìtantium nquira'* 
twt ; ficut nen requiritut dt Civibus Nea* 
polttanis. . 

Non fu dunque che laiciò Rtiggiero il 
Ducato Napoletano ali' intutto libeio , ed 
indipendente ; lo lafciò bensì colle mede- 
(ime leggi, e Magiftrati , e con queU' 
ifteffa forina di Repubblica ; il che non 
denotava altro, fé non la Comunità, noa 
la dignità delle pubbliche cofe, xx)mend 
primo libro di .queft' liloria fu notato; 
nell'ifte^fa guifa appunto , che lafciolU 
Teodorico, quando ordinò , che godeds 
di quelle ftefle prerogative , che avea ; 
"onde fi ha che Ruggiero lafciaiTe la giù* 
gÉfdizione intorno ali'aunooa a' Nobili, 1 
ed al Popolo, c^e fotto nome d' Ordini 1 
di Eletti , o Decnrioiti , ovvero Confoli 
venivano defknati ; e la giurifdizione io» 
torno alle cole della giustizia , il Re la 
volle per fé , come appunto, fece Teodo* 
rico^ che mandava i Corniti ad ammini* 
ftrarla, coftituendovi ora Ruggteio ilCa« 
{titanio mA Giudice , ficcom^, nell' altn 
Città , e Caftelli del Regno, fi praticava • | 

Egli è però vero , che Ruggiero non 
usò tanta cortefia, e gentilezza in ninna 
altra Citrà del fuo Reame , quanto che 
in Napoli; poiché oltre di laiciar intatti 
i fuoi privilegi , a ciafcun Cavaliere die- 
de in Feudo cinque moggia di terra con 
cinque coloni a quella asccitti , promet- 
tendo ancora di maggiormetlle gratificar* 
gli, fé ferbando a Ini quella fedeltà , che 
gli aveano giurato , raanteneifeio la^Cit* 
tà quieta, ed in pace fotto il fuo domi- 
nio ( r ) ^ Nel^ che npn poffiamo non ma* 
ravigliarci del Fazzello (<i) , il quale 9 
non badandogli d' aver malamente coufu« 
(b intorno a quefti fatti le cofe , i tem« 
pi, e le perfone, ags^iunge ancora di fuo 
Cervello, che dopo ederii conchiuia lapa* 
ce tra Innocenzio, eRu<>giero, fofleque- 
fti entrato in Napoli con gran plaufo, e 
che in quel giorno aveife creati cento 
cinouanta Cavalieri, e che quivi per due 
mea in fefte , e paffatempi fi fodé tratte* 

nuto, 
Cafi. ad Falc. Benev. ann. 1 140. (d^ Fét» 
xaL fofter^ decada Ui^.ji • 



Digitized by 



Google 



DEL ITECND D f BT A PO t T ET B; XT. C A P: UT. rjt 



ttHtot coiitfo^hitta Tiftofia 9 e contro* ciò 9. 
die Falcone Rsneventfano rapporta, imor- 
iu> a queAi luccefii. 

Moftrò ancora Ruggiero- un' ahra par^» 
ticolave affezione vcrfo i Napoletani , per* 
cbè fece mifurar di notte le mura dèlta 
Città per faper la Tua grandezza , e quel- 
la ritrovò etfere di giro ^36^. paffi. ; ed^ 
effendo nel feguente giorno innanzi a lui 
lagunato il popolo Napoletano , domandò 
amorevolmente loro, fé* fapevanO' quanto 
era il cerchio delle lor mura , ed elfèa- 
dpgli riipofto di n09.il Re loro il diffe: 
di che ebber maraviglia , e rim afero in? 
fietnemente lieti dell* affezione di lui (^7). 
£ vedi intanto le vicende delle cofe 
mondanej.quefta Città, che in' tempo di 
Ruggiero a riguardo delle altre > che era- 
no in quelle Provincie , era ài cosi bre- 
vi recinti, ora emula dell' ifteffeProvia- 
eie, noti, folo fi: è reTa Metropoli, e Ca- 
va di Ha sì vafto Reame ; ma la fua gran- 
dezza è tale^, che agguaglia le Città più' 
kiiigni l e maravigliofe del Móndo.. 

Ma-priqia. che Ruggiero entraife in.Na- 
poli quella feconda volta con tanto plau- 
6> y e giubilo., aveft già reftituita tutta la 
Provincia di Capitanata fotto il Tao do^ 
minio 9 avea prela Troja Capo della mc- 
defima 9 nella qual Città, non volle mai 
entrare, ancorché il Vcfcovo Guglielmo,, 
ed i Cittadini per lorormeffi lo pregaffe^ 
m. che v' entraife ; ma riipondendo egli 
che finchò quel traditor di Rainulfo fra 
di loro dimoraiTe non voleva vedergli , 
temendo- i Troiani Tira del Re >, fecero 
preibmente rompere il fepolcro di Rainul- 
fo, e ne tra£fero il fuo cadavere già cor- 
lotto 9 e- meflqgli una fune al collo lo 
ftral'cinarpno per lepubbliche ftrade della. 
Città ,. e pofcia il gettarono in un pantar 
no di brutture , il qual mifcrabil eafo ve- 
nato in notizia del figliuolo Duca di Pu*^ 
5 Ha 9 e di Napoli, andò a ritrovar fuo. pa- 
Ire , e tanto s' adoperò col mede fimo , che 
& aRaÌRulfo data dinuovofepultura(*). 
Avea ancora dopo quefta efpedizbnc 
efpugnatst Bari 9 e latto miferamente mo- 
rire il Principe Giaquintoi e ritornato dà 
poi in Salerno toMe tutti gli Stati a co- 
loro 9. eh' erano ftati fuoi nenHci ,. dando 



giònieri inSicilia Ruggiero Conte d'Aria^ 

no infìeme colla fua moglie . Scacciò an* 
ohe- affatto Tancredi Conte di Cònverftno » 
e gli tolfe- Brindifi , ed* akre fue Terre r 
tanto che fu coftretto d' andarfene oltre*' 
mare in. Gerufalemme . Ed effendofi *ia, 
cotal gulfa con preda , e maravigliofa fos^ 
tuna , reflituite tutte quefte Provincie fot* 
to la fua dominazione ,. paisò in Sicilia 9. 
donde mandò i Giudizieri , e Governadori. 
in ciafcheduna Provincia , acciocché i Po? 
poli fos^^etti godeifero una tranquilla pa« 
ce ,. ftabilendo altresì nuove leggi per lo 
ben del Reame , dellf quali quindi a pò* 
co farem. parola . Ed entMto pofcia V slxl^ 
no 1 140. avendo- radunato un nuovo efer- 
cito , inviò quello^ forto il comando del . 
Principe Aufufo fuo fii^Uuolo , acciocché- 
aveife foggioaata quella parte d' Abrazzt 
pofta di là del fiume Pefcara , che fpetta» 
va al Principato di Càpua ; ove tantollo- 
che giunfe il Principe prefe molti luoghi 9. 
diftruggendone anche molti altri , che gli 
avean fatta refiftenza : nella qual Provine» 
eia poco appreflq il Re inviò parimenti' 
il Duca Ruggiero con groflb numero di ibi- 
dati , il quale conriiuntofi col Aratello ,. 
fóggios^arono interamente que* luoghi fino< 
a' confini dello Stato della Chiefa,.aflic«i« 
rando il Pontefice , che ne temeva , che 
non farebbero per infeftare- in conto alcu- 
no i confini del fuo Stato . Intanto il Re 
era colla fua armata, tornato di nuovo in: 
Salerno , e di là paffuto in Capua 9 eci 
avendofi richiamati i fuoi figliuoli , per 
afficurar meglio Innocenziò, pafsò pofcia. 
ad AYiano ,. ove tenne un- Affemblea ,. che- 
fu la prima, die quefto Re unitìé in Pu* 
glia 9 nella jguale intervennero due Ordi- 
ni, quello oL Baroni, e l'altro Ecclefia* 
ftico de' Vefcovi ,. e Prelati per mettere 
in migliore* ftato lecofe di quella Provine 
eia . Indi fece battere una nuova mone* 
'ta d- argento mefcolata con molto rame,. 
che fu chiamata Hucato ; ed un'altra pt% 
picciola ,. AtttTiFoilare , tutta di rame , U 
qual volle che valerfe la terza parte d'uii 
Roma fino ,. che valeva dodeci grana , e 
mezzo^ dèlia comunal moneta* di rame ,. 
che OJ2S5Ì corre; ed otto /^/w^/8»i facevaf- 
Ho il Ducau èsi Itti ftampato*, proibendo 



loro bafido;4à'fiiai Reanu ì ed Ànviò pri- fpcto gravipeiie, che non (i fpead^ffe ne' 

R. X fuoi 



Digitized by 



Google 



%3i t>v.LV xbro 

luoi Reami U montisi antica affai miglior 
della fuà, con prave danno» e de' Popoli 
foggetti ^ e di tutta Italia • Andò poi a 
^Napoli , ove trattò co' Napoletani cori 

3 nella magnanimità f e cortefia , che fi 
iffp poc'anzi; ed indi tornato in Saif^« 
no, imbarcatofi su la fua «armata fece di 
nuovo rhomd in Palermo , lafciando al 
Governo dì Puglia il Duca Ruggiero, ed 
in Capua il Principe Anfufo , cotoe narra 
Talcone- Beneventano , il quale qui pon 
^nnc alla fua Iftoria , ficcome poco prinu 
finì la fuaAlelfandrq Abate Telefino. 

Ecco come Ruggiero , dopo 'avere col 
valore , e vieni (ua^fuperati tanti ^ e si 
potenti nemici > uni ftabilmente tutte que- 
^fte noftre Provincie fotto il Regno d'un 
^ Colo . Si videro ora fuori d' ogni altro ti- 
more d'etfer di nuovo da ftranieri nemi- 
ci ailalite, o da interne rivoluzioni Jfcon* 
\plte , avendovi il Tuo valore introdotta 
tma più iicura , è più traivquilla pace ; tan- 
t6 che cedendo i rumori delle battaglie» 
e delle armi, gli fu dato fpazio di potè* 
re in miglior forma ftabilire il fuo Re- 
gno , e di nuove leggi » e più falutari prò- 
redimenti fornirlo , in guifa che fopra 
tutti gli altri Reami d' Occidente n' an- 
dane altiero , e fuperbo • 

C A P- IV. 

1/ Regfio ? flaiilho , e riordinato ccn nuih 
^tf legsi\ ^à Ufficiali. 

FU in cotal puìfa ftabilito il Rep:no , 
e quefte noftre Provincie pria divife 
in più Dìnajiie , e a varj Principi fottopo- 
ite, ora s'unifcono in una ^i^ ampia, e 
Jiobile Monarchia fotto Ia*^ominazione 
d' un (blo . Il Ducato di Prolia , e di Ca- 
labria i il Principato di TarJhto , di Ca- 
Bua, e di Salerno; i Ducati di Bari , di 
Napoli, di Sorrento, di Amalfi, e di Gae- 
ta, i due Abruzzi 7 ed infine tutte le Re- 
gioni di qua del Tebro infino allo ftret- 
to Siciliano, ecco come in forma di Re- 
gno s' unifcono • 

Ma i Siciliani non fenza forte ragione, 

Jretendono , che non ancora foffero que- 
e Provincie unite informa di Resino per 
& folo , ed indipendente dal Regno loro 

.({a) Conjiìt^ ÒtcHfatity lib. u . » 



niA crvriTE 

di Scilla •' Dicono , che rittiafero. 
membri dipendenti dalla Corona di Sicilia ^ 
eh' era il lor Capo , e preciiamente da Pa- 
leriiia^ ove ilRe Rugaiera avea colloca* 
cata, e dichiarata la fua Sede Regìa > ed 
ove^era la Cala Regale , ed ove i più fu- 
premi Ufficiali della Corona rifiedevaao » 
de' quali era la cura, ed il governo anco* 
ra di quefte Provincie. 

Ed in vero fé fi vogliano confidenue 
i princi{^ di quefto Regno > e la Bolla 
d'Anacleto, che fu il primo a fondarlo» 
è chiaro, che* un foloRegtio fu ftabilito» 
che abbrnicciavv.come capo' la Sicilia , e 
come membri la.Calabria , e la Puglia, e 
r altre Provincie di qua del Far» , cofti* 
tuendo e&K per capo di s) ampio Reame 
la Sicilia 5 come fono le parole della Bol- 
la : Et Siciliam caput Regni cenjiituimuì « 
Quindi aticora fi vede , che prima Rw^« 
giero ne'iuoi titoli iiS appellava Re di Su 
cUiay del^ Ducato di Puglia y e del Priìtcì'- 
pato di Capua ; come fé uno fotfe il Re- 
gno, ma che abbracciale cosi C(uèir Ifo- 
la , come quefte altre Provin(:ie di qua 
del Faro. Ciò che manifeftamente fi ve- 
de dalle Coftituzioni^dft Federico IL ^com- 
pilate «dà Pietro delle Vinue , dove per. Re- 
gno di Sicilia non pur intefe la fola ifo- 
la , ma tutte' l'-altre Terre di qua del Fa- 
ro \ e più chiaramente fi fcòrse dalU Co- 
ftituzione Occupatis (tf ) , dove Feerico, 
aifeanando a ciafcuna Cittì del Reeno ^i 
Sicilia un folo Giuftiziero , ed un Giudice» 
ne eccettua tre fole Città , cioè Napoli, 
Capua , e Meffina-, nelle quali pet la lo- 
ro grandezza ne ftabilifce più; e Napoli » 
e Capua le chiama Città del Regno di 
Sicilia . Ed Andrea da Barletta , che fi] 
coetaneo di Federico [[.dicendo, che per 
vecchia confuetudine' />2 Re<?no ifio Sicilia 
le leggi de' Longobardi derogavano alle 
leggi Romane , chiamò Reano di Sicilia 
quello, che ora diciamo Regno dìNapo» 
li , non potendo intendere dell' Ifoli di 
Si<;ilia, dove i Longobardi non poier mai 
piede , e le loro leggi non fiiron ivi giam- 
mai offervate . Donde fi convince , che i 
Romani Pontefici non introdu^rON novi- 
tà, prendendo ilRe^ho di Sicilia noh fa- 
lò per rifola, ma per tutte ^' altre ffrtv 
viiicie di ^ua del Faro » che lo compone^ 



Digitized by 



Google 



f DSL REGNO DT NAPOLI LtB.XL CAP.IV. fjj 

mio; ma (blamente per meglio fpieeare pendevano tutti gli altri minori » diftri- 

Suanto quefto Regno ai Sicilia abbracciar* buitr non (blo nelF Ifola » ma anche in 
^ » neir inveftiture date da poi agli An- quefte nollre Provincie . In fatti fi vede, 
gioini introdufTero di dire Rej^num Sicilia^ che avendo quefto gloriofo Principe ad 
eitray <5r ultra Pharum , ed il primo che 
ff valetfe di quefta formola fu Clemente 
IV. il Quale nell'anno 1065. avendo in- 
veftito del Regno di Napoli,^ di Sicilia 
Carlo d' Angiò > cl^iamollo Return Siàltje 
€Ìtra , <S)' ultra Pharum . Così egli fu il 
primo , che per maggior chiarezza usò cune- 
tta ditlittzione 9/ non già che prima di lui 
per Regno di Sicilia non veniffe iatefo co- 
si r unOj> cpmie T altro Reame ; onde è , 
che il FazzeI lo ( ii ) , Arnifeo ( A ) , ed al- 
tri 9 maiamentis di ciò ne facciano Autori 
iRomaoi Pontefici ) quafichc contro l'an- 
tica deicriziohe d' Italia , e contro tutti 
^li Storici, e Geografi antichi , de' quali 
li FazzeI lo teife ^n lungo catalogo , clke 
per Sicilia la folaiirfola intefero, aveifero 
voluto trafpOrtar anche quefto nome alle 
altre Provmcie di oua delFaYo. 

H medefinfio fii^a poi ufato da' futfe- 
guenti Pontefici ; e Gregorio XI. ciò non 
ballandogli, avendo nell'anno nó^.con* 
chiufa la pacetr» Giovanna R^oina dfNa- 
poli, e Federico lU. Re di Sicilia ^ chia- 
inò nel fuo diploma col nome' di Sicilia 
il Regno di Napoli , e cofi quello di Trìna^ 
cria il Regno della Sicilia . E Martino Re 
di Sicilia nominò pure ne'fuoi diplomi il 
. Regno Napoletano Siciliam citta Pharum , 
«d il Siciliano Siciliam ultra Pharum ; e 
finalmente efTfiWofi queili due Regni riu- 
niti nella perfona di Alfonfo (. eeli fu 
il primo , che ufafTe intitolare Rfx utrìuf- 
^ue Sicilia; del qual titolo poi fì valfero 
i Re fuccctfori , i quali di amendue que- 
^i Regni fi^rono poireifori. 

Fa forza ancora un'altra ragione a fa- 
vor de' Siciliani , che pretendono quefte 
'Provincie effere fotto Russeiero rimafe an- 
cora come membri a riguardo del Resno 
éi Sicilia , dal vederfi,,che Ruggiero in 
Palermi ftabilì la fua fede , e quivi la 
lor refidenza aveano coftituita ancora i 
primi UflSciali della Corona , da' quali xli- 



( a ) FarxjtU de reb. Sìcul, dee. i. lib. i. 
aap. 2. (b) Amìf^ tom. 1. t>ai^. 510. & 
^66. num. 6. ( e ) A^imym. Ca(Jin. an. 1 208. 
Con/iitutis Ma^iflrìs JujìitiariÌ9 Anulix y O 
Terra JLaboris Comite Petto Celano , & Ri* 



emulazione del Regno di Francia , da cui 
traea l'origine , introdotto nel Tuo i G^ 
Conteftabili, i G. Cancellieri, i G.Giu* 
ftizieri, i G. Ammiranti, i p. Camerari t 
i G* Protonotari, e i G.Sinifcalchi ; que* 
fti fupremi Ufficiali della Corona rifiede^ 
vano^reiTo laRegal fua peribna inPaler* 
mo., ed ali' incontro in quefte noftre Pro« 
vincie erano mandati i Giuftizieri , i Ca« 
merari, i Contefbbrli , ed i Cancellieri 
particolari , a ciafcheduno de' quali fi da« 
va il governo d'una Provincia, corneali^ 
Provincie di Terra di Lavoro, della Pu^ 
glia (e), ed altre , i quali erano fubor« 
dinati a quelli fette eh' erano nella Cafa 
Regale 9 ed i quali perciò acquiftarono il 
nome, prima di Maeftri (d) Giuftizieri ^ 
ovvero Maeftri Cancellieri, e poi lo mu* 
tarono in Grandi Giuftizieri , Grandi Am- 
miranti , e G. Cancellieri ; e leggiamo 
perciò. in una carta dell'anno 1 142. della 
Sicilia facra (f) , rapportata .ancora da 
Camillo Tuftni (/), che il celebre Gìof« 
gio Antiocheno G. Ammirante del ReRug^ 
giero , dicevafi Geor^iu^Admintcrum Ad<^ 
miratus ; c'd il cotanto rinomato Maione 
di Bari G. Ammirante del ReGu<?lielmo> 
in una lettera fcritta dal medefimo Re « 
Papa Adriano [V. vien chiamato Majo^ 
Ma^nuf Admiratus Admirat<ruw ,* ed egli 
medefimo nelle fue fcritture fi firmava x 
Majo Ma^nus Admiratus A. Im'fratorum (f), 
come diremo apprcflb più diftefamente , 
quando di quelli Ufficiali dovremo ragio* 
nare . 

Ma le rasioni , che in contrario con* 
vincono, quefte Provincie fotto Run;i;iero 
eiferfi unite in un Re?no feoarato | ^d in« 
dependente da quello .delia Sicilia , noa 
fono men forti , né d' inferior numero 
delle prime . Ciò che Anacleto fi t^ceife 
in quella Tua Bolla, della quale 1' ifteifo 
Ruggiero, fatta la pace con Innocenzio, 
fi curò pocoi egli 'è certo, ohe il Ducato 

chardo Fundano^ &c. (d) Camill. Pellf 
gr.in Calli ^. adAnonym.CnlTm. ann, t 'oS- 
( e ) S'/Vì/. ^ojcr. tom. ?. To/. 27.5. ( f j T^tifu 
deir Ujfic. del G. Ammir. ( g ) Seatitl. HiJI. 
di Sari 1 M* Z« p. lOi* 



Digitized bV 



Google 



f j4 R E t L" I s T a 

éi Puglia , fotto il qual nome t teinpa 
4e' Normanni fi denotava tutta* la Ciftibc- 
«ina Italia y fu non altrimenti che il Con- 
tftdodi Sicilia eretto in Reanae indipen- 
dente T uno dall'altro Reano j e preffo 
gli Scrittori di quefto duodecimo feeolo , 
e de' feguenti, era per ciò chiamato il Re* 
gno di Puglia » ovvero d' Italia , non al- 
tramente che r altro ,. Reano. di Sicilia ; 
(rd i loro Re fi appellarono non meno di 
Sicilia , che di Puglia , o. d' Italia . E& eb* 
Ijero ancora quelle noftre Provincie la.Se- 
dc Regia , ficcome a quefti tempi era Sa-, 
fernd y ed anche la Città di Bari fii un 
tempo riputata Metropoli , Regìam Sedfm ,, 
^ totius Regioni f Principem , come 1 \ qua- 
liffica Marino Freccia ( ^ ) . Donde nacque 
la favola , che in B^iri fi. foffe introdotto 
ìk coftume di coronarfi i Re di Puglia col*. 
Ili corona di ferro ^onde il Baraeo nellà« 
ipaSiriade di Bari parlando, diife : 
'..•»• primi unde ìnfignia Regni 
Sceptraque , purpureosque habitus , yi«^ 

cramque tiaraniy 
Sumere tum RegesySiculìque ,, Italique 
folebant • 
fd il noftfo Torquato. ncUa'fua Gerul^^ 
lemme conquiftata (é) cantò pure: 

E Bari ,. ofoe a fuoi Regi albergo fcel/e 
Fortuìia y e die corone , e infegne eculfe • 
Ciò che a quefti Poeti , intendendo for- 
h degli antichi Re Tarantini , o favoleg- 
giando , è permeiTo , non è condonabile 
ad alcuni Storici (r) , i quali fi diedero 
a credere , che veramente i Normanni ^ 
ed' i Syevi Re di Puglia s' IncoronaiTero* 
ia Bari colla corona di ferro • ScrifTero 
perciò che Tlmperadòre Errico,. e Còftan- 
•aa fua moglie s' incoronaflfero a Bari ; e 
che in Bari anche fi foffe incoronato il 
Re Manfredi. Racconti tutti favolofi, poi- 
ché l!<^ome fi vedrà nel corfo di que'ft' 
Iftoria , e come pruova luveges ( J ) , que- 
fà Principi in Palermo , non già in Bari 
fi coronarono . E narra Marino Frecci^ 
( e ) ( alla cui fede dovea acquietarfi il 
Qeatillo , e non appartarfene femca ragio- 
ne ) che non avendo egli letto in alcuno 
Scrittore , che i Re di. Puglia fi coronaf- 

0*.) Freccia de Subfeud. Iib.,u pag,/^^. 
num.6. (b) Taffo Geruf, conquifi. cant. i, 
Ce) Gilberto Bononienf. in defcrtpt. ItaL Re- 
gjione X.fol. ai4. BeatiU. Hift, di B0TÌ , . /.i» 



RIA C I V I 1 E 

fero, a Bari , efCeiidofi egli fOiittòiMU'lifiif 
m> 15 SI* in quella Città., ne dimandò ahi 
quefta coronazione i Barefi , i quali con. 
maraviglia intefero la dimaacU , come coÌk 
nuova ,. non avendo effi tradiiione alciH^ 
na, che' nella loro Città fi folfè nHii n^' 
paifati, fecoli praticata tal celebrità. 

Ma non perchè in. Bari Città Metro*. 
poli della Puglia, ovvero in. Salerno Se«. 
de Regia de' Normanni , non fi foffero in*, 
coronati quefti Re , ma in Palermo , noo; 
perciò non. amavano e/li effer intitolati 
non meno Re di Sicilia, che di Puglia ». 
ovvero d' Italia • Fra i monumenti dèlie 
noftre antichità, ci reftano ancora molto 
carte, nelle oliali il ^e Ruggiero, cGa-* 
glielmo fuo figliuolo così s' intitolavano • 
Nel tomo terzo della Sicili:i Sacra fé ne 
legge una , nella quale a Ruggiero daifi 
, qilefto titolo : RpgeriUs JPiex AfHili^ , &c^ 
Ed in altre rapportate . dall' Ughello pur 
fi legge lo fteifo ; ed Agoftino Inveges. 
(/) , che reputò quefte neftre Provincie 
membri del Regno di^icilia, dalle moU 
te carte, ch'egli ftellì> rapporta, ove leg^ 
gendofi titoli conforma, avrebbe potuto di' 
ciò ricrederfi ;. e nell' Archivio del Mona« 
fiero della Trinità della Cava abbiam noi 
veduto un diploma del Re Ruggiero fpe* 
dito nel 1 130. primo anno del fiio Re- 
gno, che ha il fuggello d'ocD pendente,, 
nel quale Ruggiero così s' intitoli : Roge* 
y$us Dei Gratia Sicilijej Apuliaytìy Cala", 
brix ReXy Adjutor Chrijlianorum , & Cly* 
peus j filius , & htgres Rlf^erii^Migni Co*- 
mitis: quindi è, che nelle Decretali (g^ 
de' Romani Pontefici i noftri Re vengono, 
chiamati Re di Puglia. 

Ma merita magsiorrifleftioqt^tin.diplo-- 
ma rapportato da Falcone Beneventano , 
dove quefto titolo dafili. a Ruggiero: Ro* 
gerius Det grafia Sirilix , & IT ALIJE 
Rexy Chrijiia^rum Adjutor ^ & Clypeuf • 
Nel che , ajffin di evitar gli errori' , ne*' 
quali fono molti, inciampati , è da notar- 
fi, che la Puglia,. la quale fìi fempre di*, 
moftrata per quella Regione d' Italia di 
qtlà.di Roma, eh' è bagnata dal mare A- 
driatico ,. e che fecondo la defcrizione d*' 

Ita- 
OMlla Vita di S. Niccolò di Bari . (à')In*. 
veges Hijlor. di Paler. tom. ^. ( e ) Freccia* 
toc. cit. num.^. (f) Ihvtges hifl. PaUrm^, 
t^m.^.. i%) Caf*vmtaù$^^d^ ffin^wr.. 



Digitized by 



Google 



DEI IIE<SN0 »I KAPOtI 

Zkri&i 'tìotk ^racGunra pie die U X. Pro* 
ìCfocia di quella , fu da poi iècoado il fo* 
Iko fallo de' Gioeci da eili chiamata aifi> 
lutameate Irn/iii. ; poidbè domioaado effi 
prima tatta V Italia , ed avendo da poi 
perdute -quafi tuite le ^ovincie -di quel- 
la, con eifeigli Begli iiltiiiii tempi rimap 
fa la (bla Puglia; diedero alla medcfima 
il nome dì Italia i perchè pofietfero nte<- 
ner almeno nel nome quel faÉo di diia- 
«narfi ancora Signori d' Italia.» Così ab- 
biam veduto > die avendo eili perduta Tan- 
tica Calabria , e ritenendo ancora il Bru- 
sio >, t parte della Lucania > perchè non 
£ fcemaàero i loro titoli > continuarono 
ancora jl creare gli Straticò di Calabria ^ 
i quali lenendo prima la loro refidenza 
in Taranto y perduta la Calabria ^ gli man- 
darono a rifedene a:Re^0 9 e quindi am- 
siitliftratt<to il firuzio , e quella parte dtf^ 
la Lucania y ctie era lor rimala , diedeii 
•perciò il nome di Calabria a queller Pro- 
vincie che ora ancora il ritengono • Per 
^efta ragione da Lupo Protofpata viene 
chiamato Argito Principesse Duca d" Its^ 
dia^ non intendendo certamente dell' Ita- 
lia , fecondo la fua maggior eftenfione , 
circondata da amendue i Mari 5 e daU* 
Alpi» ma della foìo.^ Pugiia ^ di cut aUo^ 
TM era Capo Bari / Parimesrte <meà* ifteflb 
Scrittore ne^* inno 10^^ 9. ea^^rotre « 
•chiama Cofiantino Protoìpata Cata^anw 
baị (a), ' 

( Gli Antichi Scrittori però ^ chiama^ 
¥ano Italia .queir ultima punta , the. dal 
Golfo di S. Eufemia > e dì £quiUaci fi di'* 
fiende fino allo Stretto Siciliano y idetta 
poi firuzia ^ ed ora Calabria • Ciò pruo- 
va cpn alcuni paffi di AtiJiotiU , di Dìo- 
mfio Alicofnaffep , e di Smab&ne , Samuel Bo^ 
^arto Geogr.Svcr. inCanaamy Lio. i,c.^:j,) 

Intorno a che ne abbiam noi un altro 
diiariffimo documento in un diploma gre* 
co , il quale neir anno 125^. in- tempo 
lieir Imperador Corrado Re di Sicilia, fu 
£irto tcadnnre in Latino , che fi lea^ pref- 
fo Ughelló (ò)y nel qi»le nwi effendofi^ 
quando fu quello inAromentato ^ ancora 
quefte Provincie innaiizate in Reame 9 il 
Conte Rnagiero così s^ intitola : Hoc efi 
figillum faSum a Rogerio Duce Itali égy Ca- 



( a ) F. Pellegr^ ad Lup. Prot. mm. 1042* 
( b ) UghelL tctth .9, JtaL *J#it. pag. óyu 



LIB/Xf. CAP. IV. ti$ 
lai^ria^ & Sicilia: ove fi vede eliiaroclit 
per Italia i Greci non intendevano altr<> 
che la Puglia . E nella viu del Beat^- 
Nilo^ che dal greco fu tradotta in latina» 
da Cariofilo , fi legge che Niceforo reger 
bat utramque Ptovìnciam , Italìam^ & Ca^ 
labriam nojiram , non intendendo altro pefef 
Italia y fé non che la Puglia , da' Greci 
allor poifeduta; e per queila medefima r^ 
gioiie da' Greci Scrittori , e fra gli altri 
da Niceforo Gregora vicn fempre appel* 
lato Carlo d' Angiò Rex Italia y il quate 
da'^Latini y ficcome allora volgarmente fi 
parlava, era àttto Rex Apulia . Anzi*quer 
ho greco idiotifmo di chiamare la Puglir 
Italia y non folo ,fu ritenuto da' Scrittori 
di quella Nazione y ma fu ufato ancora: 
da'.noftri Autori Latini , ficcome preif^ * 
Falcone Beneventano s' incontra rnolt^ 
fpeflb y dove parlando 4^11' efpugnazione 
fatta da Lotario ImperadoVe del Cafiel^ 
lo. di Bari) dice^ de tali tantaqùe viElorilt 
tota Italia y & Calabria y SicìUaque iutih' 
num{c)0 

Cosi infino che la Puglia fu rltenuttr 
da' Greci , acquiftò anche il nottie d' lu- 
lia , col quale non fi denotava altro , ch^ 
quella ibla Provincia ; ma da pòi per o« 
pra de Normanni avvenne y che il nome 
;dì Puglia ofcurò i nomi di tutte le altre 
P#e»vincie a fé, vicine > le quali per que- 
fta cagione fotto quefto nome eran anche 
defignate . Ciò aVvcnne , perchè i Nar«« 
mannr le lóro prime gloriofe imprefe 1' »» 
doperatonp nella Puglia ; e da poi y che 
quefta Nazione ne' fece aequifto con t^if 
ta loro gloria r ^ vanto , ìk ne fpar/e la 
fama per tutto l' Occidente , onde rifonau»' 
do il nome di Puslia frequentemente pet 
le bocche de' (Iran ieri , rimafero' quafi del 
tutto ofcuri i nomi dell'- atre congiunte 
Ref>ioni : e fii bene^fpefTo , fpezialtnente 
da' foreftieri > in lor cambio unicamente 
ufurpato il nome di Puglia pertutte l'aU 
tre Provincie adiacenti; quindi avvenne ^ 
che per la Pu'^lia s' intendeva non (blo 
quella Provincia /ma tutta l'Italia Cifti» 
berina, e tiitte quelle Provincie, che og- 
gi compongono il l^t^wo di Napoli j iioft 
altTimente di ciò , che prelTo i Popoli O- 
riemali dell' Afia veggiamo ufarfi> i quali 

per 
( e ) f^ Peti, ad Lt^. Mn». 966. 



Digitized by 



Google 



JJtf 



©EtV tSTORFA CIVILE 



par le ^tlorlofe gefta de' Franzefil , tutti 
gK-Qccidentali , non con altro nome chia- 
mano > fé non dì Franzefi ; la qual glo- 
ria non i nuova di quefta Nazione ; poi- 
ché fin da' tempi di Ottone Frilìneenfe , 



preffo gU Autori dt'quefti tempi atfohitt^ 
mente per Italia intendevano quefta par* 
tei ^n quella guifa appunto , che avven^ 
ne, quando per le Provincie d' ItaKa af- 
foluumeote erano deiv>tate quelle fole ^ 



per le frequenti fpedizioni di Tèrra San- ch'era^o fottopo(}e al Prefetto d' Italia , 



ta , onde lì renderono in Oriente rinoma* 
tiiliifìi , leaaiamo prefTo quefto Scrittore , 
che gli Orientali s e Angolarmente i Gre- 
ci , ogni uomo Occidentale y lo chiama- 
vano Franzcie (r) • Perciò intitolandofi 
Ruggiero Rex Jipulia ^ non della Puglia 
prefa nel fuo ftretto ,, e vero fenfo , dee 
mtehderfi , jpfia di tutto ciò che ora for- 
ma il noftro Regno. Per. queft'iftetfa ca- 
gione molti Scrittori, ancorché n#minaf- 

fero la fola Puglia , intendono però di 
ii^ ^^ j» T-.«i:« ^:Cm« 



non quelle , che ubbidivano al Prefetto 
delU Cini di Roma > ancorché VeniiTero 
comprefe nella deicrizione dell' Italia pre- 
fa nella fua più larga eftenfione. 

Si conoice da ciò chiaro , che intito« 
landofi Ruggiero- non meno Re di Sici« 
lia, che d'Italia, ovvero di Puglia, che 
due Regni furono ftabiliti independenti 
l'uno dair altro , qon un folo in guifài 
che quelle noftre Provincie aveffero avu- 
to a reputarli come membri , e parte dd 



tutta quella gran parte d' Italia , come Regnp di Sicilia. 

preflb. Pietro Bibliotecario, nella vita di ^i dimoftra ciò ancora iklle ieggi pro« 



Pafcale , ed altri Autori fpetfo s' incontra 
( « ) . Quindi* avvenne ancora , che comu- 
nemente pretfb i noftri popoli quelip Re- 
gno , prima che da' Romani Pontefici così 
QpeiTo le gli dalTe il. nome di fiicili^ di 
qua del Faro , e cbe negli ultimi ^empi 
acQuiftafJfe quello di Regno di Napoli , 
foflefi appellato Regno di Puglia * 

Fu perciò molto jfacile, cheficcqmeda' 
Greci era ftato dato il nome d* Italia al- 
la Puglia, che non abbracciava piìr, che 
ima fola Provincia , fi folTe quello dato 
da poi con maggior ragione a tutte l'al- 
tre Provincie di qua del Tebro , che pu^ mai oltre il* Faro • Cosi ciafcun Regno 



frie , che ritenne , le (yaii non (urooo 
comuni cBtk quelle' della Sicilia j che fi 
governava con leggi particolari ; poiché 
Quelle noftfe Provincie anche da p«ì <^ 
furono ridotte in forma di Regno fotto 
Ruggiero , non riconobbero alire legei , 
che le Longobarde) e fec^pdo le m^efi* 
me fi anuniniftravano , le quali non eb- 
bero aotóritè, né alcun ufo nella Sicilia, 
che non fu da' ijongobardi mai acquiftà- 
ta ) per non aver avdte quefia Nazione 
forze marittime , ficcomrf V ebbero i Nor<> 
onde il lor vigore non s' eftefe 



manni 



re fotto^nome di Puglia erano denotate; 
onde fi fece che a Ruggiero riufciife me- 
glio cbiamarfi Re d' Italia ^ che di Pu- 
glia ,5 così per eifer un titolo più fubli"» 
me, e fpeziofo , riforgendo nella fua per 



avea leggi proprie , e fecondo le medefi- 
me .oiafcun fi regolava independentemea* 
te dall' altro ^ e ciafcuna di quèfte Pro- 
vincie avea il «^fiio Giuftiziéro co^ fuoi 
Tribunali , né^ le caufe quivi decife fi 



ibna* quello de' Re d' Italia , del quale fé portavano, per appellazione in Paleipio , 



n' erano fregiati i Goti , ed i Longobar 
di , come anche perché fopra la Puglia 
&on ritrovava queft» titolo di Re, ficco* 
me lo trovò Ibpra la Sicilia; fé pure non 
«vefle voluto ricorrere a quegli antichif- 
fimi Re de'Dauni, de' Lucani, t di Ta< 



quafì che ivi vi ioft un Tribunale fupe« 
fiore a tutti gli altri , ma reftavano tut- 
te in effe , come diremo più partitamente 
quinci a poco , quando^ degli uffici della 
Corona farem parola. 
E fé tra le noftre antiche memorie non 



ranto , de' quali Freccia {e) tratta ben a abbiamo , c|^e Ruggiero , p altro, fua fuc- 
lungo , ma pur troppo infelicemente • Re- cetfor Normanno avelTe mandato nei Re* 
Hurò- adun(}ue Ruggiero intitolarli non men gno di Puglia alcun Viceré., che avetfe 
9:e di Sicilia , che d' Italia 9 per Italia non avuto il governo generale di tutto il Rea* 
intendendo altro che laCiftiberina,ficcome me 9 come fi p/aticò 4a poi negli ultimi 

tempi 



(a) Ottho Ffif. lib.7.c.4. (b) V.Pel- 
Ugt. ad Caft. F0L 0m. 1 1 17. (e ) Freccis 



de Subftud. IH. u pag. 44. 



Digitized by 



Google 



T>EL HÉCNO t>ì NA1>OLl LlS.Xt. CÀP. IV. t^f 



Jtempì cla^ Principi d* altre Nsizioni : ciò 
non fu per altro , fé non perchè Ruggie« 
ro , e' dde Gaglielmi foci Aicceffbri -foie- 
Vano molto ipetfo in Salerno venire a ri' 
federe ^ ed anche perchè il lor coftume 
tra., di creare i fìgliUoli delk lorCafjiRe* 
gale , o Duchi di Puglia > o Principi di 
Capua , Q di Taranto ^ ^d a* medeiimi per- 
ciò commettere il ^oTerno de' Ducati , o 
Principati- a lor conceduti )~ (kcome fece 
appunto Rucekro , il 'quale . ri|Mato(i a 
Palermo, lafciò il ^overuo di quéftePro» 
vincie.aVdjnè (noi figliuoli , a R>uai>iero 
Duca di Pogliir) e ad ^Anfufe Principodi 
Capua . 

Ma iìccoiAe è vero y che il-Rei^no di 
Pufi;lia fu- independente da quello di Sici- 
lia 9 e che avea le^i , e MagiArati pa«i* 
ticol^ri , "cosi ancona nOn può neesarfi ^ che 
le \eugi cké Ruggiero ftabitt in queftó 
tempo , ed i Supremi U^Seiali deHa Co- 
tona, y che a fomi^lfahsa del Regno di 
Francia v' introddfe ,*fàrono conmni ad 
ambedue^ effèndo noto, éhe eli Ufficiali 
della Corona erano deftinatì così per t^noy 
che per T altr<? Rean^e ;- e cosl'ftì oflerva*- 
to finché r [fola di Sicilia d fettraffe da' 
Re Angioini, e fi diede fetto^il «{ovarno 
de" Re Aiaaonefi ^ «eome vedremanèl ù9t* 
(o di .queft' làòxu . 

C A P. V. 

i^eUe uggì i» R uocrERp L R0 
di Sicilia • ■ ,f 

Ruggiero adunque efiendo in*cotal gul* 
fa con prefta , e macjivigliofii forni* 
na divenuto tante, e s) potente Re ^ 9^ 
Tendo debellati i fuoi nemici , e ridotte 
ibtco la fua ubbidienza le Provincierib^k 
hnti 9 t^nsò per via di molte utili , e 
provvide lec^i ridurle ili quiete > dalla 
quale per le tante, e continue guerre era* 
no 'ftate afiài tempo lontane . 

Si governavano queftè Provincie 9 come 
tante volte fi è detto, colle antiche leg* 
gi Romane già quafi (pente , e ritenute 
per tradizione più tofto, e come antiche 
ufanze , che per leggi fcritte • Le donai* 
nauti erano le teg^i Longobarde, le quali 
appreifo i Normanni refUrono intatte $ e 
Tom. IL 

(a; PelUf^^ fgg. ajl. 



oott molta «el^ione oflTervate ; e con ttrt* 
to che fi fodero in Amalfi ^ritrovate Itn 
Pandette , ed in. aloune Accademie' d* Ita* 
lia, e precifamente in Bologna fi corniti*» 
ciaffero per opra d* Irnerio a leggerà , ed 
il Codice còlle Novelle df Giuftinian(» 
non foifero cotanto ignote ^ nulladimano^ 
Rii^iero non permife , che ne* fiioi Dom 
miuf quefti libri aveflero autoriti alcuna t 
ma alte leggi Longobarde era dato tutt« 
il vigore, e quelle foie s* Rilegavano net 
Foro, è* per -effe fi decidevano le contro* 
verfie : di che n- abbiamo im illuftre ma* 
nuQunto^ che mette in chiaHI quefta ve- 
«ìlè^ perch'emendo inforta in queft'iitefi 
tempi ' di RUfigiero neH' anno 1 149. lit« 
ititr il Monaftero di S. Michele ^frcange« 
ÌO'Trd Fvrmam preflb Capua ^ e Pietro Ci* 
rardi di Madatoni , pretendendo i Mon»< 
ci di quel Monaftero averfi il (uddett«» 
Pietro occupata un territorio ne* lor còw 
fini, che dicevano afpartenerfial Mona« 
ftero , fii prima la caufa conofciuta tfal 
Riccaido ^ e da Lioae^ Giudici di Mada^ 
ìdtù , e da poi fu dectfa in £apua ^ àà 
effi, e da* Giudici Capuani , fecondo ciò 
che Ebolo Regio Camerario df Capiia 
avea ordinato ; e la fentenza fu nrotferi^ 
ta a favor del -Monaftero dopo efferfifat^ 
to I* accetfo fui luogo controvertito ^ do« 
pò prodotti ^li ifhpmanti , e dopo «fami* 
nati alcuni teftimon; ; e fu trattata fecon^ 
do ciò che le. leggi Longobarde ftabiliva« 
no, e decifii a teuor delle m^defime leg^ 

£, come può otfèrvarfi dall* iftfomenté 
Uà fentenza, che a futura memoria de* 
poflerì , com* era allora il txiftume , fi 
fece ftipulare , il quale vien rapportato 
per intero da Camillo Pellegrino nella 
liia iftoria de* Principi Longobardi ( ii ) . 
Ma vedendo ora quefto favio Princi* 
pe ,.che*il fiio Regno per le tante tur** 
bttlenze^ e mutazioni -accadute, avea bi« 
ibgno di nnojre leggi per riparar i molti 
difordini che vi aveano .lafeiati le tante ^ 
e continue guerre , fi diede il penfie- 
ro di ftabilirle ; e fé ben prima di hii 
Roberto Guifcardo , ed il Conte Ruggie« 
ro filo avo v* avetfero introdotte alcu* 
ne lodevoli Confuetudini , delle quali 
non è a noi rimafa altra memoria , fé 
non quella che leggiamo prctfo Ugone 



Digitized by 



Google 



D E L L* I S T O 1. I A e I V l L E 

nulladimaii«o ^i fu il MU Vigne pel volame. delle GoftxtiBzÌQr 

die iCOQEipUò per cocnaadamento d^ 



13? 
Calcamid Ct) i ^ ^ .. ^ .^ ,^ 
primo , chfi knitando Rocari Re de Lonr 
0obacdi mol^e ne itafaiU , le.quili fft i&e.z# 
zo d'uno fuo editto promulgò jiel R^gaa 
àf, Sicilia, e di Pus^iia» voleodoche qucl^ 
le kcrei. s' ofl^ervaffero - in tutti du*^ •quettì 
Heami , . e foffero_ coiuuai ad atmbedue . 
Qucfte fono k prime leggi del Re^o^ ^ 
(phe volgarmente chiamiamo. X2fi(ìitutton\ ^ 
le qnali da Federico IL Imperatore «ipo- 
te diRu28Ìero^ ìnfieme^ cen lèfùe, e de- 
gli altri Re fnoi predecelTori furono da Pie» 
tro ddleVkae unite in un volume , c^me 



tederico^L e!!Upcinu è<iuelU^ che s' in* 
xmxtsL ciel libro primo fotto iltnolpquai^ 
to dcSMfriUjio fCe^m « Fu per la «mede* 
lima riputato 0oiiie delitto:^ di facril«gio 
il porre in di{^uti;^i £itti 9 i configli yt 
le dclibetauoni del Re i U quale Rug» 
RÌeró ,' ritenendo qi^fi le mtdelime tparo» 
le .» rolfe 4aUa leme del Codice fiitto il 
tìtolo de Crifów ^amttgìi^ ove ^ Impe- 
radorìCraxìanq^y Valente^ e Teodafio fta^ 
biliipao il inedefinia ; uè Ruggierd fece 



più partitamienrc diremo quando di^que* idtro che di mutar ài opme d' Impendo^ 



]fta Gomptlaxioae dovremo ragionare • Xeo* 
ne Ruggiero nello ftabilirle il medesimo 
modo ^ che.4!eimei:o i Re Lom^obardi t 
cioè di ftatulirle nelle pubbliche Aflem- 
Weé osHvocate a qupfto fine degli Ordi- 
Itf de^Batoai, ed Ufficiali , de' Vefcovi'» 
m d* altri Pr^ati . Agoftino Invéges {b) 
Tpatz opinioae y ch( Rus[fl[iero , quando 
Heir anno- 1 140. prinu di patfar la (econ- 
da vòlta in N^^polt » fermata m Ariano ^ 



re 9 e porvi quello di Re • Ove è. degno 
(Ha not^ffi f che le leggi del CiNÌiee di 
Gioftinianò a tempo di Ruggiero non a^ 
veano Wgore , o autorità alcuna ne' funi 
Domini } ma eglir le leggi » che pnfe da 
^uel vdmme 9 volle i dke s**o0erfadéi0 
come leggi proprie ^ e non di. Principe 
ftraniero > non altrihiestì .che i Goti R« 
di Spagna >. ancorché dal Codice di Ijìu* 
ftitiiano avellerò preib molte leggi 9 vol« 



lenpe ivi. la primiera AfTembl^a di Bam< leroche il lóro Codice 9 ooa ^tlo » x^ 



tkiy e Vefeovi i ed altri Prelati £cclefia< 
^ci y ave^e decretate quelle CoAituzio* 
ni^ che abbiamo tra quelle diFederico IL 
le quali furono comuni per tutti i fuoi 
Sxkxx 9 coatro V opinione di RanK>ndetta 
(^) ^ il quale coB.maoifefto errore ere- 
dette^'cbe quelle nop foffeio ftatutte per 
4i Ifoia di Sicilia » £ narr^ Falcone>^(*). 
Beneventano » che in queft' Atfemblea prò* 
4t|iul8atfe anco un editto , col quale fu 
^^ibito di^ poterfi più (pendere certa mo- 
lieta Romiiia, cYàmnztxRoTmfina'y facen? 
dò coniare in fuo luògo altre nuove mo« 
Oete, ad una delle quali « come ii diife y 
diede nome di Ducato^ di valore d' otto 
Roraafine , la <tu;4e' avea più miftura* di 
ftme, che d' arsento ; ficcome fece conia- 
re i foilarii onde non purè i tarini d'A- 
malfi y ma quefte nuove moneterebbero 
(orfo jiel Ree;ao . . 

Delle leggi di quefto Principe noi fo- 
lamente 39. n' abbiamo, fparfe da Pietro 

( t ) U/^o FaL parlandofi di Gugliemo L 
Vt his , aitìfque pemicsofis Ugìbus antiqua^ 
tis j eas re/ihitat Con/tutttdines , i^uas: avus 
^MS Roì^eriits Comes a Roberto Gui/c/trdo 
prius introducasi obfervaverìt ^ & obferviri 
frd€eperit . (a) Inveg. biji. Paltrm. t9. 3. 



veffeautpriti neMoro Stati. f 

Abbiamo r altra di quefio Principe fotf 
to il titolo che. 6eg4K de arbìtrio Regis 9 
ove fi comanda doverfi didl' arbitrm del 
Giudice temperare quelle leg^i 9 che cxh 
tanto feveramente j^nivana ì faerile9hÌ9 
purché non .fi. tratti di manifefta^ deftni- 
zion di Tertipi , o violenta frattura d' ef- 
fi , ovverò' di furti di notte ;tempo prati- 
catitaU vafi facri 9 ed altri doni fatti alle 
ChiSI:} ne' quali cafivuol cfa%^ pratichi 
la p^na capital^. 

n Summont^ vw^e che U terza legge 
di Ruggiero fia V altra ^ che fiegiie fotto 
il. titolo de Ufurariis , e cosi ianche fa il 
Éko' traduttore Giannettafio, ma' cnn ma- 
nifefto errore ;. ppicbè quella non è di 
Ruggiero ; ma^ di Cìugltelmo' II. fuo ni« 
pote 9 attefochè ft^bileudofi in eifa 9 che 
le quiftioni degli ufw^irì riportate alla 
Aia Curia 9 debbiaop termiparfi conforme 
al decreto del Papa ultimamente nella Ro« 

mana 
( b ) Ramond. 1. 1. c.6. ( * ) Falc. BentVm 
Monetam fuam introduxh , unam rul Duca* 
tus nemen immfuìt ., nSo Ron^afinas valen* 
tem y qu£ mafis area ^ quanp ar^enteu pwbM-^ 
ta tenebatut : hidu^ìt etiam tresfrUares éerco0 
Romafm0m unam 0fg9et^»^^ 



Digitized by 



Google 



BEL REGNO DI NAFOtI 

imti^ Curia pnmmteato , noa fi ^m in* 
tendere fe mm del dbcreta fita> ^a Papt 
Àt€&ndfoIiL nel Concilio di Laferano^ 
che fii a tempo di Go^littmò IL non dì 
Rugj^'efO) come pidr ditfii£iiiiettte diremo 
ptrltodo delle lesgi di quel Principe ; 
ood'è che nelle e<nzipai ^iùcòd^Kte por- 
ti in fronte <jueflaCofttdlzione(»WMmMr^ 
e ilon Rogjsrt^s * 

Z^ terza è ^oella; die fi legge Ibno il 
titoYo de Rap$u\ fit K&lentÌM mmig^tus 
Ulctta y .pef la guaJe viene impoAa pena 
capitale a'rattori delle Veteiàra Dio (a- 
crate ^ ancorcbè non anconrvelate ^. o an^ 
che fé per motivo di matrittìonio Tavef 
Ùtó upite : fii ancor quefta prefa dal Co» 
dicà^ièiullihiano (irj ove qaeli''Inipe» 
ra«>re ftabilt il nièdefimo. ' 

Se ne Temono duealne fotto il tìtolo 
de Oficialìbus'Réip. Per la prhnà fi fta- 
tólifce , che girufltóali , che in ^|mpo 
della lor ammirfitfrazfone avranno fottrat- 
tò il pubblico denarb , ffano puniridi-pe' 
na capitale * Per la, feconda vìcn ordina- 
to >. che ^Ufficiali che per loìr net»ligen. 
M faranno ^dere , o diminuire le poh- 
Miche facoltà , fiano aftretri creila pcrfo- 
na , e ne' beni a tcfatcircil danno , ri- 
metteado loro per la fua pietk regia al* 
tre pene , che meritereMtero ^ 

La f^ Kabbiamo fbcto il titolo/le Cf- 
fido ÉUgifirorufh Camerafiorum \ & Baftr^ 
forum j ove s* ordina a* Giuftizierr^- Carnea 
, CaftefUìity e BagKvf ^ ^ktfoWtci- 



rarti^ 

ti a fbmmmHIiar ^Secreti della Dogana^ 
ed a' Maeflrt Queftefì , ovVera loro Uffi- 
ciaK ogni lor cotifiplio , ed a}nto^ fempfie 
che ne iaranaaricluftr;. la quale fu ooU 
le meAefiìfie prole rìnovata da GuglieU 
mo fotto il titolo de' Officio feimi. 

Ijsi fisttima è colloca^ta fetto il titolo^ 
tejthttéi9ne mulierum nel libro fecondo ;. 
poiché qnetla che fi legge nri libro pri^ 
mo fono» Untolo de Advoctttìr&rdmmdify. 
fé bene m àkuneldizioni portatfe in firon*- 
te il ncmie di Ruggiero , élla però è di 
Federico II. come fi Vede chiaro dallo -fK- 
le, e dalie cof^ che trattar OAde è^ che 
in altre edizioni pièi corrette , non fi lea-» 
gè : Rè» R^geriur y mar Idem ,, denotando 
Federico autor della leggepcecsedente • In 
que^ legge ordina Rt^eM^ a^^fiioiUA-^ 

(a) L. KMfHa ^ C. ék Rìqfht Vìn 



LIB. XL CAP. V. t^f 

eiali, che debbano ,^quando' il bifogno l& 
richieda , e fia comreniente, fovvenire aU 
le donne non ieo^giermente gravaite : la 
qnale étfetldo molto generale, ed olcura; 
Federico II. volle dichiarar i cai? , né 
quali alle donne debba darfi a)uto, onde 

Juefto Imperadòre promulga un' altra Co* 
ituzionet che fi lec^ge fotto il titolo d9 
in ìntegntm reflkmkne mmlhrurH al lfbfo-fe<9 
c6ndo; ove éRtc: Obfiufìtutem Itgìs Dhd 
R^s Roperii avi nefirr de rtfihùendìs mu* 
timbus eaìtam declorante f^ &c^ 

L'^oftava, e la mma fono pofte fimo il 
titolo de Pcertajudiàh f^Hijnafe/ifdtcai^té 
Nella ^rtma fi condannano i Gioditi a 
nota d'^^uifiinifa , e pubblicazione de' lord 
bcntv. éi alla perdita delP ufficio, fé cotf 
frode , e con ingamlo avranno giudicato 
contro le Icgr^i; e (^ pe^ ignoranza , I» 
pena fi rimette ali* arbitrio detRe • Nel-' 
la feconda s'impone pena capitale, fc'pef 
denaro avran condennato alcuno a morte . 
La decima , che abbiamo fotto it titolo' 
primo de Jurìbus ''rerum rewaltum del libhf 
terzo , meirita ma^s^or rineffione di tutte 
r^Strei poiché è la prima legge Feudale ^ 
che abbiano i noftri Principi Normanni 
ftarbiKta nel Regno. Chi prima su TFeudì 
aveffe promulgata le^gefcrilta, fu,, come 
fi è detto, rfmperador Corrado irSinlico»' 
che riguarda la lor fucceffione : V Impe- 
rader Lotario alcune altre ne promulga ^ 
éà una fra T altre molto conforme aque* 
fia di Ruggieri r de Feude non' aìtenandoj 
ma fkcome leleggi degl* Imperadori d'Oc* 
cidente infine- a Lotario , come tutte le 
akre leggi Longobarde comprefe in quel 
volunie non isdegnd Ruggiero che s' ofler- 
vafferb nel fuo Regno^ anche dappoi ch^ 
f«ifoctratto> e reftÒ indepentfente dairim- 
perio' , cosi non voHe mai^fotfrìre , che 
le leggi di Lotavio fuo inimico avetferd 
alcuna ao^rità ne' fiioi Pomin) ^ perciò 
fé bene Lotario preflb Roncaglia M)X an«* 
no ii5<-aveffe proniulgata legge,, per la" 
quale veniva proibito a' Feudatar) aliena*" 
re i Fèudi ,. non avendo quelb autoritìf 
alcuna nel Regno di Sicilia, e di Puglia 9 
bifogndr che queflo Principe, provvedendo . 
alle fue Regalie , ne flabilifle una parti* 
colare , eh' è quefla , per la quale ftretta- 
meute fi proibifbe non fòle a tatti iCoa»- 
S a ti. 



Digitized by 



Google 



^4» ' i)i.zv ìsm 

ti, bàrotaì, Arcive(cftri , Vcfcovi, Ab»* 
ti, ed altri qualfivoglia che tcneffero Feu- 
éi /o Regalie gratidi,-o piccole che fifof* 
fero , dì poteig)i in alcun modo alienare , 
«tonare , vendere in tutto , o in parte , o 
Su qualunque maniera diminuire.; ma an* 
che' lo proibifce a' fuoi Principi fteffi , che 
erano allora i {udì propr) figliuoli , cioè 
Eug^ero Duca di Puglia , Anfufo Princi- 
pe di Capua , e Tancredi Principe di Ta« 
ranto , non^ i)otendo in quefti tempi , co^ 
me rapporta Ugone Falcando (a ) niùno 
Afpirare a.qu^i titoli di Principe-, o di 
]Dtica , falvo che i figliuoli^ del Re ; e 
l|uindi*è che Ruggiero in quella Coftitu- 
zioné gli ehhm^ Pfiffvipes iiq^ro> »* E que- 
lla è quella Coftitiizióne cotanto da Fede- 
rico' comnaendata , é che poi- gli piacque 
ftm^liare-in*t««É'gn altri contratti, alie- 
nazioni , traufazioM , arbitramenti , le per- 
tnntazioni , dando poteftà a coloro che 
fenza il fuò confenib i e licenza alìenaf- 
lèro di poter /ute proprio rivocargli , fic- 
come oggi giorno tuttavia fi pratica , e 
va per la bocca '^e' noftri Forenfi , appo 
5 quali è rtolto celebré '^efta Coftkurio- 
«er di Federico ('i ) , che comincia : Cow- 
fiitùtionem dhit memoria Regis Fioghiì avi 
moftri fuper probi bfta diminutìbneTetnlorkm ^ 
^ rerum, Feudaiium ampliantefj &c.' 

Non merita minor rifleffione la unde- 
cima , che fi legge fotto il titolo terzo 
4leir ifte^To libro terzo ; poiché fi vede per 
^quella cffere ftato fcmpre lecito a*Piinci- 

Ji di por freno a* loro ^fudditi , ed impe<* 
ii^li , Tempre che fi recafiè. danno alla 
Repubblica , ed alle loro Regalie » dtafeen-^ 
^ere al chericato • Così ^bbiam veduto , 
che Coftantino M* proibì a' beneftanti di 
istrlo i e rifnperador. Maurizio vietò a' 
&ldati di farfi Monaci, di che tanto Grifr- 

5 Orio M. fi doleva,- noà perchè-^riputaffc 
i non etfer in poteftà degl' (mperadori 
Ài poterlo comandare , o che k legge fof- 
fé ingiufta , come egli ftefCb con ingenui- 
tà confefTa , ma ^er etfer di pemiziofo 
«fempio chiudere in tal maniera la via 
dello fpirito per mondani rifpetti . Rug- 
giero in quefta Aia legge temperando un' 
^tra fua Coftituzione > per la quale fi proi- 

(a) l^ù Tale, fol.ó^.&jo. (b) Con* 
fitUlLegn. lib.i. tiu^. (e) JffliS. dectf 
a^5. a. col. loffr^ in parttph. cap. 8. col. j. in 



It I A C t V ! L « ' 

biviMSffattd a' villani , fenza licenM c^ 
lor padroni , di poter aCTumere T ordine 
chericak ; ftabill , che folamente que' vil- 
lani non poteifero afcendere al chericato ^ 
ì quali per rifpetto della lor peifona fot 
fero obbligati fervire , cmne fono gli afcrit* 
tizi , i fervi addetti alla gleba ^ ed altri 
confimiti \ ma que' ch& fono obbligati fer- 
virr per riguardo del teninìento , ovvero 
benraci&del quale furono invéftiti, non 
gì' impedifce che -ancly feaza licenza de* 
lor padroni potfano farlo^ , ma in tal ca« 
So devont^ràfTegnarpritea il beneficio nel* 
le mani de' loro padroni , e poi farfi cherici • 

La duodecima legge di Ruggiero , che 
è ibtto il titolo -^e dotario confiifuendo ^ 
riguarda ancora i'Feudi, ed è Fa fecondai 
Iche quefto Principe promulgò fopra diéffi. 
In quefta fi permette a' Baroni , ed. agli 
altri Fetid^ar), non ottante la proibizioa 
di alimare^ di pofer foprsh i Feudi cofti« 
tuire alle loro mogli il dotario , a pio- 
porziott de^ Feudi ,. che poife^gono, e (t* 
condo il lor numero, e qualità* A'Con« 
ti, eBarofti, che tengono più Caftelli, fi 
permette ancora di poterne uno afiSgnare 
alle lor mogli per dotano , {Hirchè perà 
non fui quel Caftello, donde la Baronia, 
ovvero il Contado prenda il nome • Così 
a' Conti diCaferta non farà lecito darCa* 
ferra per dotaria, ma- bensì m altro Ca* 
ftello del filo Contado ì donde i noftri Au« 
tori (e) apprefero, che l'^f^nfo fempli- 
cernente conceduto, non s'eftende mai al 
Capo della. Baronia', o del Contado « 

La decim^terza , che abbiamo fotto il 
titeio^tf matrimoniìs contfahendis {d) me* 
rita ancora rifiefiione • Si vede chiaro per 
lamedefima, che a' tempi di Ruggiero non 
fu reputata cofa impropria de' Principi » 
fiabilire leggi intomo a' matrimoa) } tA 
Giovanni Làunojo la tiafcurò- nel iuo trat« 
tato: Reità in^matrimanium potefias ie)i 
ficcome non fi dimenticò delr altra di Fe- 
derico II* che incomincia : Honorem noflri' 
diadematis , a quefta aonfomte • Non aa- 
cora i Pontefici Romani s'avean appropria* 
ta quefta autorità ^ la quale da poi da In- 
nocenzio III. (/) e più dagli altri fuoi 
fucceifori fu reputata lor propria » e tolta 

. a'Prin. 
trìn* & in cmf. 39^ nwnf* 30* ( d ) Confitta 
ìib. 3. cap. I . ( e ) Laun. S.par. ari. %• r. JL 
(f) CHf*iÌ!kf9:(telCtg9.deJponf. 



Digitized by 



Google 



DEL HEGSO t)I KAf OLI LTB! XI. CAP. V. i4t 



«^Prnidpi iecòlari • Sono pieni i Codici 
di Teodofio ) e di Giuftiniano di quefte 
leggi y ed infino V tempi di Teodorìco Re 
d' Italia 9 e di Luitprando leggiamo > che 
ef& non iblo ci diedro* le leggi intorno 
'9^ modo , e fonfia di cont^aergli > ma di 
vantaggio ci ftabilirono i gradi » ne' quali 
cranvieutiv ed alPrinciiÉ s* apparteneva 
di di&enfargli ; e Cafliodoro ne' fuoi libri 
ci laiciò letormole ditali difpenfe. Riigr 
giero in quefta legge comandò , che i ma-* 
trìmon} dopo gli (^nfali » e la bènedizion 
facerdotale ^ fi dovetfero irelebrar folenne- 
mente ) e i^efemente y proibendo à^tto 
i matrimoni dandeftini , in .maniera ^he 
Xx figliuoli nati da tali matrimoni noi^ fi 
debbano reputa^ -legittimi , né fuccedere 
{>erciò a' loro padri ^ ni per teftamento 9 
né ab inteftato : le donne > che perdano 
le loro doti > quafi che né dote ^ né ma* 
trimonio poda confiderarfi ih quefti c<;||^ 
tratti, coatra la ^la-leg^r celebrati. Vuo« 
le però che 4 quefto. rigpce non foaniac- 
ciano le vedove; né abbia luogo ne'ma- 
trimoB) contratti pnma del tdmpo della 
promulgazion di qttefta fiia legge . iait- 
jrico IL tggiuòfe da-poi a' Cont^ , Barn* 
ni , *td a tutti gli a^ Feodàtajri un akro 
legame t'^che non potefTero prender mo- 
glie fenxa fìia permiifione ; ed-eifendofi 
ainmetfe alla fucceffion Fendale le femmi- 
ne.,, vietò a' Baroni fotto .pena della^ per* 
dita de' U>io Feudi, di cafare le figliuole, 
o nipoti ,>ovvero forelle* fenia fea ticen»* 
sa , affinché i I^udi non patfaffero a f^ 
miglte incognite^ della cui fedeltà il Pi4n« 
cipe era dovere, che ne foTe informato, 
come lo ftabili nella Coftitinione Honorem 
vojìrì diadematfs ibtto il titolo , de Mkùre 
non ducenda fine promiffione Regis , 

Andrea d' Jfernia , che fii^ GuelfoN , e 
perciò perpetuo detrattore delle gefta di 
Federico , fcrivendo fottd i Re Angioini 
in unfecdlo dovecorrevan altre maffime, 
biafvnando Federico , allecoAui parole Ho-. 
norem. nojltì dìadcma^is « aggiunge : imo 

(a ) V» Aìtìinas di/puuSeud. rap. 5. §. 8. 
num.^ó* (b)Ranu>s adL.Jul.& PapJ.^. 



dtfiruStìmem'Snìmét iftìusi Fredéria Impeté^ 
taris pfohìbenùs per obliquum matrimonié 
ìnJiitHta 4, Dto in Paradt/o . Come fé all' 
economia del Principe non s' appartenevi 
far leg^i ibpra i matrimoni, e molto pia 
in quelli de fuoi Baioni ( 4 ) ,* ed impè* 
dirgli (bvente , fé fi conofcetfero perniziofi 
allo Stato , ovvero cagione di difcordie 
interne tra famiglie nobili , e di numerQ^ 
fé fazioni j di che i noftriAutori , e Fran- 
oefcoRamos (Ofra gli altri,, hanno trat- 
tato ben a lungo. E pur è. vero, che non 
Al Federico il primo , che ftabili quefta 
leme, egli la trovò nel fuo Regno , ed 
il ìlio primo autore fu Guglielmo detto il 
malo. I Baroni non fi dolevano della leg« 
gè 9 ma dell' .abufo , che ne faceva Gu- 
glielmo , poiché quefto Principe , perché i 
Feudi ricadefiTero al fuo Fifco , npn mai 
concedeva la licenza di poter cafare le lo- 
ro figliuole , ovvero Ja differiva tanto j 
finché fatte già vecchie , divenivano fte- 
rili , ficcome pretfo Ugoti Falcando ( t >fe 
ne lagnavano i Grandi del Regno di Sici- 
lia , tumultuando pecciò contro Gugliel- 
mo . Quelt^ legge fu otfervata in Sicilia 
iofino al Regno del Re Giacomo , avendo- 
la quefto. Pjrincipe, in un Parlamento ivi 
tetfuto , fatta abolire (e) . £ preiTo^di 
noi^lucò infino .al Regno di Carlo II. di 
Amuò , il quale in un de' fuoi Capitoli 
(:/> ftaUliti nel pianò di S. Martino la 
venpe a riformare • - - 

Non meno confiderabile é la leg^e quat» 
tokbci di^uggiero , pofta ibtto il 'titola 
dex/idminijirMti<»ùbus rerum Ecclefiafiìcarum 
p9ji m^nem PrslatùTum ; poiché in lei più 
cofe conMerabilì fi incontrano • Primie- 
ramente merita riflefiìoiio ciocché dice 
Ruggiero ^, ef&re tutte le Chiefe del fuo 
.Regno., e particolarnTeme quelle , che io* 
no prive. àA lor Paftore , fotto la fua po- 
teftà , e protezione • Seccmdo , che periziò 
erafi introdotto coftume non mai inter- 
rotto, o impugnato, che morto il Prela- 
to , i Baglivi del Re prendetfero la cura f 

ed 
impetratam , ut alias quìdem fune demurm 

^ „^. .,. liceret nuptui dare , cum jam^ mnem fpem 

^ap. é^9.^a, Cb* SI. ( t) 1^5?^ Falcand hifl^-^/obolis feneBus ìnqruens /HÒfinlifìet , alias 
Sic^ Filias fuas innuptat domi vita tenmfre ^ero perpetua virginitate damnatas fine fpe 
{permanere ; nec enim inter eas aò/queyh- con/ugii deceffvje. (e) Cap. Regn. SicH. 
miffione Curt^ matrimonia p§ffe contraki ; eaf.zi. in matrimoniis . ( d ) Cap. itemfia* 
0d€oque dkS^cile permijfionem hanc haBenur tnimnSf de matrim. conndh^ 



Digitized by 



Google 



1411 0EL V ISTOR 

éà aoimmiftrazione deirentiate delle me« 
itefime» iafino che le Chxefe fofiTero 4>ro« 
vifte j e per terza wa adempifodo i Ba*- 
gUvi la lom inaimbeaza^ fecondo le ve^ 
iazioni^ che ne avea avute- \ avca. ftima^ 
ca ftabìlirlegge , coll^'^quale comandava » 
che dQjpo la morte de' Prelati ». .non ^iù 
ai' Bagùvi fi commetteffe V amminiftrazio-* 
1^) 6. cuftodiaa delle Chiefe^, ma SLtrtéé^ 
imglìqri,. .piùfedelr>/e fàpienti delUChie*^ 
ia y, i quali debbano invigilare ^^ e cùftp* 
dirU infine che fiusmno- quelle pcovifte i, 
eoa diftribuire iotanto^ delle wndite una. 

Srzione a coloro che fervono aileaàede-- 
ne dhnoranda in effe ^ e Taltra per le 
£ibbriche^ a altro biibgùo della Chieia ;. 
ed eletto, il Paftore , reftituire il rimaneù*. 
te a lui ovvero dargli* conta > dell' arami-- 
niftrazione patfata « Gli ipogli «. che- fi vi* 
defO' da poi introdotti dalla. Corte Romag- 
na per tira&-iv|ognirdenaro,, erano, inau- 
diti ). e iarebberoltati repuaiti come de- 
finittori ìKMt meBfr;ulella. difcipltna Eccle* 
fiaftica ) che dei 6uoa governo» dclRegnd r 
tutta, era. deità Chie&,. e fi. /pendeva per 
«ui^Ua^ e quel che fopravvanzava ». era ri«- 
iefrbato al lucceilbre». Non. vi eran N«i»^ 
%jf a Collettori ) oComme&rì, che ap*- 
^na fpiiatp: iJL Parlato. dbtféÀ>^ il facootUa. 
di lui cafiir^ con preyenido fovcnte {urima 
che quegli fpirafle- (ìt ) ». Quindi i nii^ffi 
Ke'HÒa mena che quelli- di Francia» jm»^ 
tavanoi h Regalia ^ conae vaine gli- akii la. 
pretefe il Re Corrado (h) ; er auiodi de*^ 
livat che abbiano fempré preTa* ta^ euct » 
ed invigilata», che r eatrafe delle Chiti^ 
900 capitino jnale^ e fi^venteavetfefo ór«^ 
dinato ,1 che delle meAefime fi iiparaftio 
Ije fabbriche » & fequeftraflèra Jb queOo fi'» 
ne ) e diedero percià molti utili» e faln- 
tari pcovedimeati y ficcome ne^ tempi men 
a noi lontani' fecero Ferdinanda L d!Am«- 
Mfta». il Re Federico,», il G. Capitano-, il 
Duca d*'Alcalà» ed altrr^. che potfono ve* 
derfi ne Volumi giurisdizionali preffo Chioc-^ 
carello (r). 

Né deve tralafciarfi quel » che Andrea 
d* lièmia (*^) notò ibpra ^eita Coflttu-^ 

(a) K D.Juan: CBumaatOj y Carri lte ^ 
Memori fiL cap. 8. e- 9. num. 61^ ( b ) Hfp 
fhma Gflrradi apudMath.Parìf. in hift. An^ 
ifiie. Ce) Cbioc.t.17^ i'^) Andrea Slfer^ 
Non erat cQmpìlatmm volumat decretalium^ 



I A CIVILE ■ 

sione di Rjiiggieio; la qual egli coti ma^ 
nifefto errore crede » che fotfe di Gu^liet» 
mo,.. dicendo,, che quatìllosella ftl ftahili^ 
ta parve giufta ,. e cegobce ^ perchè alk^ 
ra non era ancor compilata il volume de* 
Decretali ;. e che febbebe Roggien cott 
tanta utilità diede .qnefta providenza , pe» 
rò da poi iCanonifti non^ hahna voluta 
ricever quefte l^gi d^' Principi feoolari ^ 
etiam fi* prò* eis: eohdantur , quìa nolunt ^ 
ut pananP- falcgm in meffem alienam • Ma 
prima, ' che ufcifle il volume de' Decreta- 
li , non ara ftiraata cofa impropria de* 
Smcipi di (labilir tali leggi , e partico*^ 
larmieme .de^ noftri Principi , li quali aven* 
di^effi fondate quafi tutte le Chiek del 
Regino di. loro ^ patrimon jp , era giufto » 
che foffero nella lo{o. poteilà ,. e prote* 
zione«. -^ ^ • • 

La decimaquinta Coilitntione di Rug*^ 
akra r abbiamo nel libro- terzo fottoil 
tilQJio de-^robiòita in.tt^fi demanii cm/iru" 
litM^ Gaftrorum., Proibi&e ne' luoghi de* 
man/ali del- Re » che ninna potfa fbtro co» 
lore. dimigtipr di^iàf-ergerTorri , e Roc*^ 
che ;:. ddveiido baAirgii per lor ficurezza 
qntfUe delRe, o.Jàfua^Regal' protesione. 
Latdftcìmalefta'è fotte il titolò ^^ in/krìia 
CutialiAu^/fer/onis^ irrtmoiia'y' "per 1^ quale 
viene a' Guidici^ impcpo S che net punir 
r ingiurie notina dil%cnteflfiente la qua*^ 
lità.4Ule perfone» aMe q^i. fi fimno ,-da 
chi 9 ini.qual luogo, ed m die vmpo; e 
ie éa^tmo otfefi 1 fuoi-U£Gtciali » fidichia**^ 
ra etfeffi' i^ta ingiuria «non foIaHieiite a 
coAoro » ma anche la dignità fita regale: 
aimanenie ol&ù, •. 

La legge 1 2'- che è fimo it tifek» da^ 
prebabUn estpertentia Medièomm è la^primaf. 
che pre^ó di bch fo& ^abilita ». inrorno 
ad ev^itar^auto fiofTc-poffi^lè,. que'ma- 
li, che l'imperizia de' Medici» poteva ca«^ 
gionare .. Prima i prudèutiffimi Romani 
reputarona, che T elezione, ed approva* 
ztonedè^ Medici^ ^^^ ^' Prefidi delle Pro- 
vincie ,. ma* agli Ordini» o Decurioni del- 
la Cittì s* ap^Qletietfe per quella sragione , 
che Ulpiano, (à'>«efprefle con qùeÀe eie- 

fjan- 
ft quamvìt uuliter fiatuat prò Ecelefih j 
tamtn Canonifia nam recipiunt leges Prineì* 

^ ilarium , etidm , è)'c. ( d ) Uifi 1. 1< 

^err. abm ord. (adendo 




Digitized by 



Google 



DEI REGNO DI NAJOLT LlB. XI. CA?. V. 14Ì 



puolé : tó terti Jk pr^két$ 

rM»» & ptrèiis émis^:itiigatn ipfij 'qui- 
éus jt^ Metffifmg fàt in .^g^tudine cor/fo* 
fiA mmnNUsmt * ^uggicfo in WMifia Ìvol 
k^e ardinò 9 che nimio ^Kildle noedica» 
ve ^ Jè prima non fi proemerà vivami i 
SaoiVfàcàMy e Ginflicrper cffeffe. eAmi*- 
nari , e dichiarati abiti a queir eierazìo) 
ilnpmieniio^eaa ìii cavceie , e Còiififeaaiaa 
deMofo beni, fé pèt fe foli iìniza qnéflo 
efame temerarianenre 'pfeftttneranno di 
medicafe . Fédèfko IL 'da^-poì dichi^an* 
do pKl a uyain enie ^qwfta léftge d# fno 
avo j 'mohe^^tre l^i ibhifì wtorùo lì 
Medici, ]per le ^qnali la^&iola 4i Salerno 
fii eretta in Accadoolia > ficcoivie altresì 
quella di Napoli , ove pìat^ a qiiefto 
Prtocipe fondarne nn' altra |>ià faiwifii 1 
ed iUnftre, come direno* quando de' fatti 
di qpeftcf Tgl^Mó Angnflo ci tofnefà oc* 
caikin di ingìonare* 

Leggcù ancora' fottù» li tìeolo ^ tuv» 
wmlhiét nn'tfifiaCoffitnxioiie diUnggieio » 
die è k 18» per k quale Tien proibito , 
che ninno ^raa ^fléraiaiìtto iUa'^milisky 
là nbn deriveià ^ mùlitaie IbUàtta } • e 
farifotnte che mnno potfa éStt Giudi^^ 
e Notaio-; fe \ xajkn toro non fiM^o ftati 
di fimifet«^ln<»nc» Qjmfb legge da Fe- 
derico nelk Cofimaimie^'tiegoMte vien 
eonleniiata> ed aggionéo )Micora> xheniu* 
ao di vii «oodiMNié polGi etfrr aferkto 
a qoefti Infici > né pofla snilìt^fy > 'le non 
fia per kto. paterno difoendetite da folda* 
fu. £gli è peffò vero, che Bartolomeo di 
Capoa ci attefta> che queAe Cbftirazioni 
a* fuoi tempi non erano in ofTcrvanza nel 
Ae^pft >di Sicilia y avea peri^ inteib , ^he 
così fi pratkava* nel R^no di Francia , 
doadeituggiero , per emular gì' iftituti di 
"^quel Regno, T apprefe . E molto a propo- 
fito nmb il Summonte , quella feconda Co* 
ftituaione Tffer di Federico , non già di 
Ruggiero , come porta rifcrizione nella 
▼uig^ta edizime^/vedeiSdofi chfaramente, 
che ptpr quciU vien confermata quella di 
Ruggiero dal fuo nipote Fetlerico : poiché 
fi é menzione della precedente con quel^ 
le parole , contra ptohibitìvnem diva memo* 
fix avi nojtri . Oìttt a ciò , fi conlernia 
da quel , che rap|orta Riccardo daS.Ger- 
mano^ nella iiia Cronaca ^ ove dice, che 

(a) Tmin. (hig. deSeg* cap. 14. 



Federico nel Parkmento che tenne a S» 
XSeMuno nel mc& di Febbraio dell' anno 
113 a. tra T altre fue Còftitnzionì che fé* 
ee,-vi fu anche quella de militiÒMf ; coi- 
rne otfèrvò anche Tutini {a) deli' origi- 
ne de' Seni r . < 
"^ La i%\ quella che aMbiamo fetto il 
mxAo'deFéit/Mriisy per la quale (i punifbe 
xon pena capitale colui , xhe ialfincafle^> . 
o mutaffe le lettere del Re , o il- Tuo Aig- ^ 
gcUo 0^ La ventefima è fotto il titolo fe« 
guaite dé'^^uiemtiòus mtkeuni étduherinàm ^ 
ove con pena di morte, e di confifcazio» 
ile, fi punifimio, non iblamente colofo^ 
i quali eoniaifero moneta falfa > ma ;ia« 
ihe quelli che fetentemente k ricevono» 
o in alcun modo confentono a tanto de- 
litto . La ^entefimaprima è fotto il tito- 
lo, che' fiegue-^ rafiotie moneta ^ per U 
i^le ven<>on a morte parimente danna- 
ti, e 'eon€fcati i beni di coloro, che ar^- 
n di t a|pir dr lolare , o in qoalnntiiie mod# 
dhnmuire lemoMte d'o^, d'atgenté«. 

Se ne^ leisgono da poi ^tte ^tre fotto 
fette diverfi titoli 'difpofte V ^ le quali 
varie ^vkt s' impongono a' falfar) . La prì* 
iha fcufa coloro , che ignorantemente ^ 
iranno ferviri d' ifbomenti falfi . La fe* 
iBonda pnniibe eon pena di fatfoi , chi fi 
vale ditmÀnon; fdlfi. Laterza colkme^ 
deiima peni condanna quelli the nafcom* 
dono, tolgono , Tadono , o cancellano f 
^Ujlicr tefkmenti . La quarta priva dell* 
eredità natemacolui x che cancella , o na* 
fcot^de il teflamento del padrrper fucce» 
dergli^ab'mteftato-» La quinta dichiara » 
che k qualità dalla perfona astiava , • 
miifirifoe la pena del .falfo ^ La fefta po- 
mice di pena, capitale-eoloro , che avtan^ 
no, a ▼elMkr'anno * veleui , o medicamen- 
ti nocivi per alienar gli animi \ e per la 
'fèttima fi difpone, che non farà in tutt# 
fìior di pena colufi, che porgerà altrui pO» 
culi amatori , o cibi nocivi, antorctàper 
quelli non 'fiafi recato alcun danno : le 
quali Coltituzioni furono da poi da Fed^ 
vico approvate , f più ampiamente diftefe 
ne' titoli fegueirti. 

Nelle leggi , che fieguono jr quefto 
Principe, fi vede chiaro quanto fra Tal- 
tre virtù fne ebbe cura drìl' òheflà , ed 
onor delle donne • Nelk 29. che abbii^k 

mo 



bigitizedby Google 



l&o fotta il titolo de fùtna aduh^Hf fi 
toglie a' mariti di poter ia giudicio4K:cfi* 
iàre d'adulterio le loro mogli > fé in lor 
prefenza pcnnetteraimo a quelle di tra* 
iluUarfi co' loiro 0{udi .con atti laftivi ^ e 
difotiefti i e nella trentefima > che Gegue 
fotto il titolo me prohibha quafity^t femmi- 
na y oltre d«ir infamia t minaccia peM 
grave > e degna de' fùoi tempi a que' ma- 
riti 9 che permetteranno alle mogli Gom- 
mettere adulteri* 

Non .hieno- piene dVoheftà koo l'altre 
iei , che ficgueno ; proibifce- ner la prima 
alle donne pncfte la conirer(axione colle 
pròftitute; alle quaU però yietS , che fi 
poifà uiar violenza. Per la fecoiida ^ dM 
r^pudiis conc^dendis > fi permetta al rnari^ 
to di poter dimandar il libello del repu-* 
dio alla nio^ie, mejitre che giuftamente 
r accufa d' adulterio . Per la terza de Je-K 
nis ) fi punifcono collie pene ifte& deir 
julultere quelle., che uferanna ruffi^ii^niW 
per corrompere la caftità delle donne .«>fia 
^quarta, coiUermata dàt>oi da Federico, è 
terribile contro -le madri , che ^follitui- 
fcQUO le loro fie;liuole vergini ^ oltre del* 
la petia de' rufQani 9 vuol che lor -fi troit* 
chi il nafo , fpggiungendo quefte gravi pa- 
iole r Cafiitatem enimfuorjtm-vlfcefum ven^ 
Aere^ inhumanumy O'' crudele; ma«fe mai 
fer fefteffa alcuna fi farà proftitulta , e la^ 
madre avrà follmente dato ilfuo confea- 
fi) 9 fi lafcia air arbitrio del Giudice di pn- 
olirla • Per la qi^inta fotto il titolo dèptzna 
jtxorìs in adulterio ^eprehenfa j fi permette 
fil marito V che pofla uccidere fa moglie, 
• l'adultero ritrovandogli fui fatto , fen- 
xa però interporre intervallo alcuno, -di 
tempo alla vendetu ; e nella fefta fotto 
il titolo de pana mariti ubi ^^idultef- aufu*^ 
gitj fi ftabilifce , che fé il marito lafcit- 
fa fuggire l'adultero , e ritenerà la mo- 
glie , debba effer punito coinè ruffiano , 
^rchè fenza fua colpa l'adultero Xcappaife * 

Cosi Ruggiero avendo pcif quefte leggi 
|UK>vveduto air Qae(^ delle ^onne , con 
«noti minar faviezza provede alla ficilrtà 
degli uomini ; fi leggono perciò tre altre 
lue leggi , che fono V ultime , che abbia- 
mo di quefto Principe , e che compifcono 
il nuinero^di trentanove • Per la pritna 
/otto il titola ^tf vendi tione liberi hominis^ 
fi riduce in fervitù colui, il quak fcien* 
fementt venderà uà uom libero . Per la 



IL I A CIVILE^ 

feconda fotto il titolo ifc ine^ndianh , ^ 
impone pena capitale contro coloro , i 
quali fraudolenteraente porninop fuoco nei» 
le cafe aterui . .£ nell' ultinu , s' im^pcMM 
la medefima pena j|i chi fi (hrà precipita» 
to da alto , averà tneaato:- ui» fatfo , o uà 
ramo. fenza gridare , >>avvifare , ondeJitefi» 
/<& ammazzato aku^ upmov il risoredel^ 
la quale fe poi' da Federico temperato nel- 
la ColUtuzione fegueote • 

Ecco come* Ruggiero, dopo avere ftabi« 
lito .il ììio Regno , lo riordinò con slpro» 
vide"*,' ed utili leggi. Ancorché per alcn* 
ftef 4i ^^ fi 4^^ providenza su i Matrix 
moni, stt-rAmminiftrazione delle Chie« 
fé , fopra i Repud; , e fopra i Cherioi , non 
perciò erano -ripi^tate improprie , a queftì 
temipi,, de' Principi focolari •, Non ancora 
s' erano intefe quelle querele , che nàcque* 
ro dar poi de' Pontefici Romani *d' ^rfi 
otfefa la loro immunità,. e che fotfe que« 
ftooin. metter la Alce nella nieflè altrui • 
Cominciarono effi poco da poi pian^ pia* 
no a prefendérlxx, e vi diedero T ultima 
mano quando Gregorio^ IX. ridotti in un 
Corpo tutti iNcefcritti , che fervi vano alla 
grandezza Romana ,* ed eiftefo ad afo co* 
muneoqoello , che per un ìuogp partico* 
lare , *e forfer in quel .folo caAi^ Speziale 
era ftatuito, ed aboliti tutti gli altri, ca* 
vò fuori ilDecrei^e, che principiò a fon* 
dare , e ftabilire la Monarchia Romana • 
Ecco .parimente , «coinè in quefto noftr» 
Reame , alle leggi antiche Romane rite« 
unte più percolbime , <fae per \t2ffi fcrit« 
te , ed alle leggi Longobarde , fi fodero 
aggiunte da Ruggiero quefte fue Coftituzio* 
nt, le quali a riguardo delle Romane, e 
Longobarde erano riputate leggi partico^ 
lari , ficcome quelle comuni , ed untverfoli • 



M^ 



,L Delle leggi Feudali f articolari 
Jet Regtw» 

A etfendofi , come altre volte ab« 
biam notato, mnltiplicate in que* 
ile Provincie , le Baronie , ed i Fendi , fic* 
come in tutta Italia , ifurfe anoHra una 
nuova legge, Feudale appellau * Qjiefta 
nella fua origine fu introdotta per le co* 
ftumanze de' Longobardi nelle Città d' Ita* 
lia, le quali furono varie, e diverfe^ fé-» 
condo varie eran le ufanze di cìafcuna 
Città ^ tanto che la ragiau Feudale ^ pari- 

ma 

ÌDigitizedby Google 



DEt UGNO DC NAPOLI LIB. XL GAP. V, 14^ 

<:rebbe da poi daGu^ltehiio 9 e più da Fè« 

derico ^ e che col correr degli anni da 

tutti gli altri Re , che reflinrar quefto Re» 

(Do y fii in quella forma | che oggi fi vì^ 

le 9 ampliato per tante Ceftituzioni, Ci-* 



ma noti tiotrrachiaiiiarfi, fé non che kg- 
^e Bon Kritu de' Longobardi , onde è ^ 
^be alcuni faTiamente la ditf«ro ^iadel 
tempo 9 e da' Longobardi introdotta in Ita* 
iia^ non per ifcritto , ma per coftume ; 
•crebbe in cotal guifa da poi , infino che 
Corrado il&lico> che fu il primo ^ non 
peniaife colle lèggi fi:ritte ad accrefcerla; 
itccome al di lui efempio fecero da poi 
gli altri Imperadori fuoi iucceffori ;.onde 
tutto ciò , che d» quefte Confuetudini Feu- 
dali introdotte da' Longobardi •, e dalle 
leggi fcritte degli Imperadori furfe, fu ri- 
.putato la ragion comune, de' Feudi ) poiché 
m tutta Italia 9 e da poi Ì4i tutta Europa > 
adattandofi a lei Y altre Provincie > furo- 
no quelle <:onfuetudini^ e leggi ricevute > 
ed abbracciate • E per qutfta ragione a 
riguarda de' Feudi , non vi «ra differenza 
alcuna tra quelli , ch& viveaho eolle leg- 
gi Longobarde , e quelli che fi governava-^ 
no colle leggi Romane ; poiché i Roma* 
ni non conobbero Feudi, e le alcun Ro- 
mano era inveftito di qualche Feudo , era 
tenuto oflfervareia legge Longobarda, che 
de' Feudi difpo'neva> già che dalle Roma- 
ne niente potea ritrarfi. 

Quefta ragion comune Feudale » primr 
4i Ruggiero ^ ficcome era egualmente c(^ 
iervata in* tutta ^kalia , cosi ancora «bbe 
forza j ed autoriti in quefte noftce Provin- 
cie • Ma ridotte ora da Ruegiero in for- 
gia di' Regno , e fottratte dall' Imperio -^ 
£ccome alle legsi comuni Romane, e Lon- 
gobarde y a^&iunfe qnefto favio Principe le 
proprie « ftabilite particolarment e Jc r li 
iuoi Domini y così ancora alla yKm ^* 
mune Feiiftiale , volle afligiiingervi^am^ fue 
leg^i Feudali particolari , che doveifero of- 
fervarfi nel fuo R^gno , ficcome tra le fue 
Coftituzioni che fono a noi rimafe > due 
ne abbiamo offervato attenenti a' F^MM * 
Seguitando le coftui pedate aggiunfero da 
poi i due Guglielmi fuoi fuccedbri altre 
leggi Feudali' i e finalmente Federico IL 
mohifilme altre ne ftabifì y che fi leggo* 
no nel volume delle Coftituzioni ; onde 
fi fece y che nel noftro Regno altro foffe 
il Jus comune Feudale , che è quello com- 
prefo ne' libri Feudali , ed altro quello par- 
ticolare per quefte fole noftre Provincie, 
chQ «icominciandofi da Ruggiero 9 $' ac- 
Towf. IL 

(jl) UgoFaUand. 



pitoli, Grazie, e Prammatiche 9 come di- 
remo ,2L più opportuno luogo . Nel mì^ 
dovrà avvertirfi y che rifedendo nella pef* 
fona di Federico IL la dignità Imperiale^ 
e Regale di Re di Sicilia, quelle fue Co- 
ftituzioni, che fi veggono ne' libri de'F«tt« 
di , ibno quelle appartenenti al JusComu^ 
ne dei Feudi ; quelle, che fono nel vola- 
me delle uoftre Coflitttzioni , appartengo*- 
no al Jus Feudale particolare del Regno di 
Sicilia . 

Rusigiero dunque , ficcome fu il primo « 
che alle Romàne , e Longobarde aggiunge^* 
fé nuove leggi, go$1 ancora fu il prime» 
che alla Ragion comune Feudale asgiun^ 
geffe nel iuo Regno nuove leggi Feudali 
particolari , per le quali fu mtt<Àotto nuo« 
vo coftiime di fuccedere a quelli contro 
le Longobarde i e fu pevciè, che intro« 
dufle il ^povo ìus Francorum , onde da poi 
preifo di noi fi refe celebre quella diftii»^ 
zione de* Feudi de^ Jure Lmgobardmmtù^ 
Ttancofum^ 

^X2l gli a|tri pA^i di quefto Prìneipé , 
è Jiodato cotanto dafdi Scrittori quel fue 
coftume di voler eilere inforjHatò delfe 
leggi , e coftumi detk attre Nazioni ^ 0. 
ciò che reputava commendabile , intro* 
durto nel Regno fiio; ma di ninna altre 
Nazione era esli più amante, quanto del« 
la Franzéìe , donde egli traea^origine ; per« 
ciò fu più inchinato d' introdurre nel fue 
novello Regnò tutte qlielle ufanze , e tut* 
ti quegl' iftituti , che oflervava in quel 
floridifilmo Reame ; per ijuefta ifteffi ca- 
gione, come ofleryeremo quindi a poco# 
v' introduife egli i fette Uflicj della Co- 
rona , che ivi erano ; ed amante pur trop- 
po de'Franzefi , diede gelofia, e cruccio 
a' Siciliani , e a' Pugliefi , che fi yedevan 
perciò pofpofti negli onori a' foreftieri {a) • 

Quindi y come fi è detto , traflero l'ori- 
gine nel noftro Regno ì Feudi JurhFran'^ 
corum , poiché Ruggiero facendo venir fpef- 
fo dalla Francia Òipitani ed altri foldati 
Franzefi , fi fcrviva di loro in tutte fe^fue 
ardue inuprefe , eflendo ftata fempre que- 
T ftk 



Digitized by 



Google 



^4< DE L r TST O 

^ frante iJtr valer militarfe Tipiittta lo- 
pra tutte le altre ; tmde Ugone falcaiuto 
<Ik:c , che perciò foieva Riiggiero fargli 
•venire, TrenìJ aìpìnos "mamme y cttm abNor* 
wannis ùtigìnem duferet , fcnttqué Franco^ 
rum gemeva MH gloria Xi$tms dnttferri ^ 
flurimum d'tlìgwndos eìegerat , tS* propfmo" 
-dum homrandos . 'E ^uefto coftutne fu ri- 
teirato ancHl da poi da' due Guglielmi 
iiroi fucceffori , attti ne^ principi del Re- 
fno diCUglielffio II. fu cotanto nella iWa 
Cotte •il^ favore de' Franzefi , che non £ 
fitennc di ci^r fuo G. Cancel1fcn> un 
fx^nx^ ^ onde fr refe^ numerofa la .fua 
Corte di quefta gente. con indignazione 
graiklifCma de' Nazionali (<»)* 
* Per quefto awctme , che militando^'va- 
fero^mente tjuefti Capitani fotto l' infegne 
4iÀu9gtero , e deMueGu^lieltni, fìiroiio 
'i^ elfi ìnveftiti di tnolti Feudi > onde £rb- 
banéonando la Francia, fermarono in (]ue- 
ftc Prcrrincic le loro fajnigliè, non lafcian- 
éfy intanto di vivere fecondo impropri lo* 
focofiumi, che da Francia portarono; ed 
infìno a' tempi di Federico II. lor fi pef- 
fnjfe, che ^oveifero cosi ne' ^mdicj, co- 
ltele in altre occorrenze > effer giudicati fe- 
condo i loro patrj iilitutì , e cèfhimi ^ 
tfra' quali il più confiderabilejpra, chene' 
feudi dovede fuccedere il "primogenito , 
^lufi tutti gli akri fratelli minori , non 
già , come con molta imprudenza fi p^« 
ticava da' Loilgobardl, fecondo i quali vè- 
fiivan nitti ammeffl^alla fucceffione-, di* 
videndo con tanto difcapito dello fplendó- 
re delle loro famiglie i Feudi ; una delle 
principali ragioni, che, fu delia rovina de' 
tnedefimi in ^efte noftre Provincie , co* 
me altrove fu da nói offervato- In tutta 
la Francia, come ne rendono a noi tefti- 
monianza Ottoi>e Frtfingenfe , e Cujacio 
( ^ ) , con ppovido configlio fu iftituito > 
che^ifoli primogeniti Yuccedetfero neTeu- 
di , reputando così poterfi conlcrvare lo 
fpleìidor delle famiglie . Così tuttr que' 
Capitani-^ e ibi dati Franzefi, che furono 
ìnveftiti di Feudi in quefte noftre Provin- 
cie, ritennero quefto coftume; e Ruggie- 
ro, ed i due Guglielmi , ifon folamente 
loro il permiièro, ma anche che ritenef- 
fcro tutti lor altri iftituti , tanto che Fe- 



R r A CIVILE 

Gerico IL .|^r togliei' ìe confiorfioni y cliE 
fi cagionavano -per ciò ^n queflo Reame 
per ^uefte leggi infra- 'di lor difformi ^ eb* 
bt bifogAo ^i ilabilire una Còftitnzione 
fpeziàle -, che è quella che fr^legge fotto 
il titolo de Jure Frane, in judìc. fuh{. per 
la quale tolfe , che ne^ giuiic) potettero 
più fervirfi di que' loro particolari iftitu- 
ti } e tólfe ancora quelP altro lor barba* 
ro coftume del duello > pert^uella fua ce« 
lebre Coftitusioue Mommach$am • 

Non però tolfe' , anzi approvò il ìof 
coftume^ come^tnolto commendabile , che 
ne' Feudi fuccedelTe il primogenito ; quìoio 
di avvenne .che ppfeffo di noi tutti iFen- 
datar) fi. diftinguedero in Franchi, e Lon- 
gobardi : per Franthi ihtendeo^o coloro 
che viveanò ihtorno alle fucceffioni de' 
Feudi Jiort Francortrmj e per Longobardi) 
quelli che viveano fecondo la* lor antica 
nfanza , d' ammetter tutti i* figliuoli alta 
fucceffione de' loro Feudi . Era però il ]u5 
Frarìtorum re^mtato come fpeziàle* a ri- 
gnardò del Jus Longoi'ardorum y ch^ era il 
comune > tanto che fcriffe Andrea d* Ifer- 
nta ( f ) , eirftìi cW dice eflfer Francò , e 

I)erciò n^u ddver divid^e* co* fratelli, al- 
egando una ragione fpeziàle : fuo dee ef- 
fet il pefo di provarlo, già che comune* 
tneme tutti fi prefumono vivere fecondo 
il Jks tommune de' Longobardi , che fabi- 
Hfoe i Feudi doverti tra fratelli dividere. 
' Fu adunque in tempo di Ruggiero^ che 
s* intrDduffe nel Regno quefta ragion fpe- 
ziàle di foccedere ne' Feudi all' ufo de' 
Franji^S^ il ouale' non foddisfatto d' aVet 
conVJ^vide leggi ftabilito il fuo no* 
y'elloTCcame , e dalla Francia introdotto- 
vi nuòvi coftumi , ed iftituti per dargli 
forma più nobile : volle ancora illuftrar- 
lo^ e renderlo piùmaeftofo con introdur* 
vi nuove dignità, e piùilluftri, che pri- 
ma nod ebbe , onde ad emulazione di quel* 
lo di Francia, l^adornò^' principali Uf- 
fic) della Corona, che in quel Regno da 
mólto ttm^ erano ftati introdotti^ 



C!\- 



( a ) Ug9 Falc» - ( b ) Cujac. lib. i. de Feud» tìt. 9. in fin* ( e ) Atìdr. Ifer. ìnConJì.frtH 
Jequentes. 



Digitìzed by 



Google 



e A P. VI. 
Degli Uffidi della Corona ^ 



DEL REGNO Di NAPOLI LIILXL CAP. VL Ut 

Re» ma del Regno : e Ruggietty ibhilita 
cWebbe il fiiai ve grimroduflfe iilficn» 
con gli altri Ufficiali ftiinori fubordinati 
a|niedefinii^ Prima, quefte noftre Provin* 
eie non gli conobbero,, e le loro funzio** 
ni venivano dèrcirate fono altro flomt 
da diverfi altri Ufficiali j. e fé ben fottd \ 
Goti fé ne foife avuta <)ualche oopofcea- 
za , avendocene Càfliedoro lafciata qual- 
che netizia , onde è da crederli , che i 



DÀpoi che inFc^ncia^ nella ftirpe di 
Uga Ciappetta , reftò eftinta quella 
fiiblime dignità di Maeftrò del Palazzo > 
che come ruinofa a' Principi fteffi , come 
fi vide chiaro nel Regna di Chilperico , 
fu. ripunto fagaio coùfialio di que'Re di Francefi da' Goti ^liapprendiefrero;. mA\^-» 



fpegtìerla a&tto, fi videro da quefta fup* 
prellìone grandemente acc^efciuti quattro, 
altri Uffici di quella Corona, le cui fun- 
zioni cranfi prima trasfufe .in^quello di 
Maeftro delPalaMd,,che per la fua gran- 
dezza, e futìlimità. avea a'flbrbiti tutti gli 
altri ^ Egli era perciò detto Capo de* capi 
di tutti gli altri Ufficiali : Duca 4^', Du- 
chi : e non iènza. ragione era aifomigl ia- 
to, al Prefetto Pretorio, fottp gli ultimi Im- 
peradori Romani . A lui non. meno fi ri- 
portavano le cofe della guerra, che della 
giuftizia: fovraftava alle Finanze, cdalla^ 
Cafa delRe; in breve,, era il fuperior ge- 
netaU di tutti g^i Uffciali del Regna lea- 
za: eccezione. 

Dalla fuppreffione iìunque di queft' Uf- 
ficio ripigliarono gli altri Uffizi della Co- 
lìotia la Uiro 'antica autorità i non ricono- 
fcendo poi «^Itri per lor Capo ,• e fuperio- 
re , che il Re iftcflb ; onde perciò i. fu- 
premi vennero con- titolo di Grandi deco- 
rati . Surfe il G. Conte^abile ,, che ebbe 
la foprantendenza delU guerra , ed il co^ 
mando degli eferciti ia campagna • Il G.. 
Ammiraglio capo dell' Armate navali, ch« 
ebbe il comandò fopra mare in guerra ,, 
ed in pace . Il G^^ Cancelltera per la fo^ 
prantendenza della giuftizia ,. capo di tut- 
ti gli Ufficiali di pace , e Ma|iftcato de^ 
Magiftrati ^ dipendendo da. lui i Giuftizie- 
rì, i Protonotar) , e,ti:|tti gli altri mino- 
ri Caliceli ieri . Il G. Teforiero , ovvero 
G. Camerario, capo dell» Camera deX3oa- 
ti , ed Ufficiai fopremo delleFìnanze ; jed 
il G* Sinifcako, oweraG indice della Ca- 
fa del Re , poichà ebbe il gavernamento 
della medefima-^ 

Tutti quefti Uffic) erano*- chiamati del- 
ta Corona , ovvero del Regno , perchè non 
riguardano il fervigio delia, perfona. del 



(a) Martn. Frecc.deSubfeud* ^ìt^.^x» 



dimahco éCtendo (hti quefti difcacciati 4a' 
Greti, ed i Greci da' LoQgobardi,, fi ve* 
de éhe n'i gli uni , né gli altri in tutta 
il tempo v<:be dommaronaqiiefteProvtn** 
eie , -V ufarono ( tf ) . I Greci le governa* 
rono per Straticò , e Cataj>ani l onde è >. 
che o^ ancora pretfo di, noi Sa rimaftd 
qualche veftigio di quefti Ufficiali . In Sa- 
lerno ancor fi ritiene il nornc di Stfaticò ^ 
come in Meffina. . In Puglia i Catapant 
furono atfaipriltenati ^ -onde è che pet 
quefto nome dc^agiftrato ritenga oggi il 
nome di Capitanata, una Provincia del Re?» 

Èna. Ebbero ancora i Greci altri Ufficia^ 
i,. come i Maeftri de' Cavalieri , per li 
quali luiigamente resero il Ducato d^a*^ 
poli. Ebbero i Patrizi^ t 1 Protofpata, ed 
altri mqltiffiimi ;. né mai ufarono i fopra-^ 
nomati. Solaipente è chi dice, che l'Uf- 
ficio dì Psotonotario foffe d^ origine Gré^ 
co, tiu di ciò ne parieremo al'fuo luogo. 
I Longobardi certamente non gli co* 
nobhero i. pffi prima Jivifero i governi in 
Caftaldati^ a ciafcuno preponendo uqCa* 
ftaldo per reggerlo *„ al quale ^ appartene*^ 
van cosile cofe della guerra*, come della 
giuftizia, . Da poi crearono- i Conti ,, che 
nella loro origine non etano, piti,, che Uf« 
ficiali , e non Signori ; ciafcuno avendo il 
governo -del Coiitadò a fé cómmeffo fin 
tanto, che poi col correr degli anni co- 
minciaifero a mutargli ^ e da Uffici 9 ridurr 
gli in jFèudi, e Signorie, come altre voi* 
te abbiamo ofTervata.. 

Piarono adunque i Normanni , e fopra 
tutti il famoib Ruggiero , che avendo- rì^ 
dotti i fuoi Domini in un ampio y e po- 
tente Reame ,. era di dovere che vi intro* 
ducelfe quefti Uffici , che in altri Renni, 
e particolarmente in quello" di Francia , 
etano riputariproprj della Corona Regale t, 
Ti e co- 

M ien 



Digitized by 



Google 



>v 



14S DEiriSTOklACIVILE 

tcomt tftttti lttmi> che facelTero maggior- 
mente rifplefidere il fuo Regal diadema . 



§. I. Def G. Conte/latile . 

Quello , che meritamente, e' fecondo 
il comnn rendimento degli Scrittori 
' s* innalza fopra tutti gli altri , e tie- 
ne il primo luogo > è il G. Conteftabile • 
Kclla feia origine, appreffo i Franzefi era 
chiamato il G. Scudiero del Re, e perciò 
8a Aimone (a) viene appellato iie^/?//K»> 
Prtepofitus Equorum , come parimente V at- 
tera il fuo nome latino Comes ftabuli , 
molto frequente negli antichi libri , di cui 
Caronda {b) fiferifce molti be' pafli , < 
feftiene Loyfeau (r) contro 1* opinion d' 
filcuni moderni , e fpezialmente di Cu|a^ 
ci© (ii ), eh" è di contrario fentimento. 

Ha due grandi prerogative : Turni, egli 
)t cuftode della {bada del Re , poiché quan- 
do vien nromoflo a sì fiibìime^dignità, il 
!Re ^li da! tutta nuda fa iol fpada lielle 
mani , per la quale egU alP incontro in 
queir ifiante gU dà la fede, ed omaggio, 
come appunto fi narra dell* Imperador Tra- 
iano , il quale dando la fua fpada nuda a 
Sura Licinio Prefetto Pretorio , gli diffe 
ouefte memorabili ^^pìti Acdpthuneen* 
fem ^ ut fi quidem re£le Retp. imperavem ,y 
frv mej fin autemfecus^ in me utaris. Per- 
ciò r infegna di quefta. dignità è la ipada 
Buda j ficcome il uoftro Torquato feppe 
ècn efprimefc neHa pcffona del G. Con- 
teftabile d'Egitto, collocandolo perciò in 
i|uella raffegna alla deftra del Re, appar- 
tenendo a lui il primo luogo fopra tutti 
gli akri Ufficiali della Corona , e dando- 
gli la fpada nuda per fua iniegna . 

• • alza il più degiu 

La nuda fpada del rigor minifira\ 
. L' altra prerogativa è , che uegli eferci- 
éi egli ha il comando fopra tutte le per- 
fette , anche fopra i Principi del fangue : 
difpone gli alloggiamenti , iftruifce le fqua- 
^dre, diftribuifce le fentinelle: fono a lui 
lubordinati i Masefcialli, e tutti gli altri 
Ufficiali minori : in breve ha il fupremo 
comando negli eferciti mentre fono in cana- 
ta ) Ai/hm. Irò. 5. €ap. 7. ( b ) Carond. 
0Ì u dtUe Jue Pandette , «• pen. ( e ) Xcy/. 
/ìi«4. degli Uffic} della Ccrofiaj cap.2. nu* 
mer. 15. (d) Cujac. L un. C. de C^omìtìK 



pagna , onde di queft' altra prerogativa par« 
landò il Tatfo cantò : 

Ma Prence degl* eferciti , e con piena 
PoffaTtza i P altro ordinator dt pena . 

Ma tutta quefta fua autorità , ed alto 
imperio potea efercitarlo ne^li eferciti in 
campa<;na, non già nelle Piazze ,. né fo« 
pra i Governadori delle Provincie; onde 
mal fanno coloro , che vogliono far para- 
gone de^G. Conttftabili co' prefenti noftri 
Viceré , -li quali non folo hanno il co- 
mando degli eferciti in campagna, ma an- 
che in tutte le Piazze, fopra tutti i Go- 
vernadori delle Provincie, cosi in terra, 
come in mare , e fopra tutti gli altri Uf- 
ficiali della Corona . Egli è però vero che 
prefTo i Viceré rifiedono le prerogative del 
G. Conteftabile ; poiché le cofe di guer- 
ra a lji]i s' appartengono , ed egli difpone 
gli eferciti m campagna , a cui ubbidifco- 
no tutti gli altri Generali , e Marefcial? 
li ^ ma quando il Viceré fia atfente dal 
Regno , «né foffer altri dal Re deputati à 
queft' impiego , potrebbe ne* cafi repeatini, 
e quando la neceffità lo portaffe , il G. 
Conteftabile fervìrfi della fua giurifdizio- 
ne, e riaifumere ciò^ che prima era deU 
fa foa incombenza , come dice Marina 
Freccia {e). 

Il primo Conteftabile , che tra le me- 
morie antiche abbiamo nel Regno di Rug^ 
giero, fu Roberto di Baffavilla Conte di 
Convecfano {f\ . Quefti fv figliuolo d' un 
altro Roberto parimente Conte di Con- 
verfano , e di Giuditta forella di Ruggie- 
ro : fu adoperato da Ruggiero nelle im- 
prefe più ardue , e meritò per la difcipU- 
na militare , nella quale era molto verfa- 
to , da quefto Principe effer. innalzato a 
sì fublime dignità. Nel Regno di Gugliel- 
mo I. fi refe più rinomato , e da quefto 
Principe fu inveftito del Conudo di Lo- 
ritello } ma dk poi etfendoft da lui ribel- 
lato , gli pofe fottofopra il Regno infiemc 
con altri Baroni , onde Guglielmo toltit- 
gli <}uefta dignità, la diede a Simone Coo- 
te di Policaftro fuo cuc;ino, che fu il fe- 
condo Conteftabile » di cui ci farà data 
occafione di più lungamente ragionare nel 

Re- 
& Tribun. Scolar. ( e ) Freccia de Sub^ 
feud. de O^c^M. Comeji. n. 23. (f ) U^ 
Pale, ijìor. SiciL foL zu 



Digitized by 



Google 



BErRÉCNO ì)!' NAPOLI LÌR. Xt. CAP, 



Regno dì Guglteltiio; e ne' tempi diGu* 
glielmp IL fu Conteftabilc Roberto Coa- 
te di Cafcrta (a). 

Merita rifleffione, che quefti Còntefta-» 
bili , ficcome tutti gli alt»i fupremi Uf- 
ficiali, che prima fi diffcro MaeftriCon- 
teftabiii, e poi Magni Conteftabili , era- 
no comuni così a quefte noftre Provin- 
cie, come alla Sicilia, infino che quefta 
Ifola fofTe ftata dagli Aragonefi tolta agli 
Angioini; e fé bene folèvano. a quefta di- 
gnità innalzare i noftri Baroni , come 
^uelK , che per ampiezza di Domini , e 
Contadi , e per le parentele f che aveano 
co* Principi fteffi , i quali non fi fdegna- 
Vano allora imparentarfi con loro., face* 
vano la principal fiaura fopra tutti gli al- 
tri Baroni di queir Ifola •, e fpcffo fole- 
vano rifedere ne* loro Stati j nulladime* 
ìio , a,vendo i Re Normanni fertnatà* l* 
loro fede Regia in Palermo , folevano re- 
golarmente in quella Corte apprelfo la per- 
dona del Re rifiedere , dal quale erano 
impiegati ne*piii rilevanti affari ds-lla Co- 
rona. Perciò non bifogna confondergli co* 
xninori Conteftabili , i quali erano, marf- 
dati ad una particolar Provincia , ed a* 
squali o era commeifo il governo di Qual- 
che Città , o gli era dato il comando d* 
alcuni reggimenti , o di fanteria , o di 
cavalleria j poiché fé bene quefti erano 
fure chiamati Conteftabili , il loro rofto 
però era molto diverfo , e di era«i lunga 
inferiore a' prandi e priini ConteftabilK, 
i quali perciò erano chiamati /?f •»/ Come- 
ftabuH . Cosi nella Cronaca di Not. Ric- 
cardo di S. GermaiK) fcritta ne' tempi di 
Federico II. leggiamo, che Filippo di Ci- 
terò, eratCemeflabulusCapua. E ne* tem- 
pi poftcriori fi leggono molte carte rap- 
portate dal Tutini (i) , nelle quali la 
Conteftabilia era riftretta al governo d' una 
Città fola • e ad una particolare incom- 
benza : COSI fpeifo s* incontra nelle fcrit- 
ture del Ree^io Archivib^ella Zecca : 
Hvifìcits Comp.jiabulns Foqoij^ : ed in al- 
cuni iftronienti del medefimo Archivio , 
pur fi legge : Francìfcu^ Garis Come/ìaòuz 



VI. t4^ 

la Cafa Reale . E parimente li Capitan? 
delle milizie , eh* erario in ciafchedum^ 
Provincia del Regno, che. oggi fi dicono 
Capitani del Battaglione , erano ancora' 
Conteftabili. nomati . Offervramo perciò 
Pietro della Marra Conteftabile di Terra 
di lavoro ; Gualielmo Ponciaco Contefta- 
bile in BafiHcata ; Mattia Gefualdo Can- 
teftabile nel Principato , Gualtieri del 
Ponte Conteftabile in Capitanata , Ada- 
mo Mbrerio Conteftabile in Terra d' O- 
tranto , e Gentile di Sàngro Conteftabile 
neir Apruzzi . ' 

Nel Regno degli Anc|ioini queft* UfR^ 
cìfy non perde niente del fuo antico fplenr 
dorè; anzi, coqìe fcrlflfe Marino Freccia , 
Carlo L d' AnaiìJ foleva concederlo colle 
medefime preroaative , ed aU' ifteflb modo^ 
del Regno di Francia , ordinando che in 
ouella guifa appunto divelle efercitarfi nel 
ino Regno di Sicilia . .E Carlo ti. fuo 
fucceffore ftabill molti Capitoli attenenti 
a* G. Conteftabili , rapportati dal Tutino , 
a* quali fottopofe tutti i Marefcialli del 
fuo Regno . Ma ora queft' Ufficio , per 
le casrioni , che fi diranno uel prosretfo 
di queft* Iftoria , è a noi rimafo fol* a ti- 
tolo d* onore , e fenza funzione , effendo 
la fua autorità paffata in ^ran parte nel- 
la perfona del Viceré; e folo i G. Con-^ 
teftabili ritengono la. precedenza nel fede- 
re in occafion di. Parlamenti , e nell* al- 
tre pubblidie celebrità , con moire altre 
preminenze, come il veftirfi di porpora » 
e d' armellini con berettino r^ ed ultima- 
mente j ancorché ali foifero ftati lafciatì 
ouefti onori , fé gli è pure levato il fol- 
do , che prima godevano. 



D 



§. IL Del G. Ammiraglio^ 

Ovrebbe occupar il fecondf>lu<y2[0 tra* 
Uffici- della Corona qù^'Io del G. 
Cancelliere, ficcome s*ufa ^reffo i* Fr^m- 
zefi ; ovvero quella di G. Giriftiziero ^ 
ficcome ora fi oftei^a preifó di noi •, ma 
due ragioni mi foin^oiio dopo il G*C^h- 
eftabile a -faveltare del G. Ammir:^fl^0 : 



lus vi^intìquatmr BaUlifarum^ cdaltroitf: ^■ima per la grande miìfontiità , che '^p\i 

Fra^cifcuf de Diano Come/iahlu9 ^M^^(* wìie col G. Conteftabile; poiohè avendo 

Così ancora venivano chiamati TaSfe- ambedue la foprauten^eiìza della guerra, 

fiabuli Regfi Hofpitii { Maftridìftalla del- il pri«BO fopra gli efcrciti in Campa«Hia, 

( a ) Noutiajudicatì apud PelUgr.p^ 256. <.bf> Tuthis d$lt Uffic. de' Otntejl. nel funi. 



Digitized by 



Google 



tjoi D E L L: I S T O 

e qocftor fecondo foi>ra rannate di mare ^, 
mi muove 9 innanzi che fi- faccia palfag- 
gio agli Ufficiai di pace, ed a quelli di 
giuftizia , a dover del G.Ammir;iglio ra«^ 
gionare :. V altra più. potente fi è il vede* 
xe, che- a' tempi di quefti Re Normanni j 
ne* quali fiamo > fu la dignità dei G. Am^ 
miraglio riputata atfai più di quella del 
G. Cancelliere 9 e. di qualunque altro Uf- 
ficiale di giuftizia ; perchè. e0èndo quefti 
Re potenti in mare xoranto i che per le 
loro armate fi^ reitro. gloripfi , e tremendi 
per tutto. Oriente , portando, le- loro vit- 
toriofe. infegne infino* alle porte di Co-, 
fiantinopoli^é neir Affrica fecero mara- 
vigliofi acquifti ; il loro imperio, fopra il 
mxtt era^più.ampio«. econfidecabile» che 
quello, di terra'; onde avvenne ,. che ne' 
lempi di Ru^iero , e de' due Guglielmi 
ftioi fu^eflbri,. Vetkt G. Ammiraglio del 
Kegnodi. Sicilia. > era il più. alto grado,, 
nel quale alcuno potefTe maieifere innal- 
zato. In fatti vediamo che il famoib Ma- 
gone di Bari , che a." tempi di Ruggiero 
era G. Cancel'iere ,. entrato da poi iafom- 
ma grazia del Re Guglielmo , fu da co- 
flui , per dargli un faggio della, grande 
ilima , che faceva della. Aia. perfona %, ia-^- 
nalzato. ad effer G«. Ammiraglio ;. ed U- 
gone Falcando. , narrando lo ftato. della. 
Xorte ne* principi, del Regao di Gugliel- 
^ mo IL nel qual traupo reggeva^ V ufficio 
di G. Cancelliere V Eletta di'Ciracufà, e 
quello, di G. Camerario del palazzo Ric- 
cardo. Mandra , dice che Matthaus Notih 
tÌhs cum fciret: Admìratum, fi. non pojfe fi^r 
ri y où multam eJM$ nominis bv^ìdìam^.Qan* 
celiar} atum. totis. nifibus. appetebat •. »! 

Se riguardiamo rimpiego > e k funzio^ 
ni di quefto Ufficio , non h. da porfi in 
dubbio , che non fotte antichiffimo , co-^ 
nofciuto da' Romani', e più dalle Regio* 
ni d' Oriente bagnate dal Mare \ poiché 
preiTo Livio abbiamo i Prefetti delle claifi 
marittime , e aeir ai|tica Gallia prefTo Ce- 
fare ipeib s' incontrano i Prefetti marita. 
XMà , fra quali fopra tutti fi diftinfe ^ì^ 
mio^ Ma; il fuo nome jcertSimente non lo 
ritroveremo preffo i Romani j ed io aiK 
cOnfentO; all' opinione di coloro >^'che &i^ 

. Ca) Mun. F^Vé del Mtm^numer* 542» 
(b> FazsL lìb. 6. pojl. Decada (c) Vinr. 
Tear. deG^Ammu net prìnc^ (^d ) Tuiin^ 



R TA C IVfLE 

tomo quella voce ei£»re non giiProiren*. 

zale ,. come credette l' Alunno ( ^ ) , ma 
Saracena ; come ben pcuovano da molti 
paffi deli: iftoria del fazzello (^ ) , Pie* 
tro Vincenti ( r ) ,, ed il; Tutini( ii ) . El 
in vero i Saraceni furono molto potenti 
in mare , ond' ii che neir iftorie loro (peC^ 
fo s' incontrana quefti nomi d^ Ammira* 
gli ,. poich! ingombrando eili T Oriente | 
e gran^ parte dell' Occidente ,, come la Spa- 
gna,, T Affrica, e la Sicilia , luoghi nella 
maggior loro eftenfione. bagnati dal ma* 
re, ebbero perciò molti Generali di ma* 
re , da eili Ammixagli. chiamati •. 
. Gli conobbero' ancora i Greci-, egli 
ultimi Imperadori d' Oriente , i quali per 
opporfi agli, sforzi de* Saraceni biJTognò , 
che fi. provedefTero d! armate marittime 
eifi ancora , e non è fuor di ragione il 
credere « che in. queftie noftre provincie 
gli aveflero i Greci prima introdqtti, poi- 
ché non. el(e;iadogli negli ultimi tempi ri-^ 
mafix altra , che molte Città, nella rivie- 
ra, del mare, come quelle della.Calabria« 
e. pa^te della Lucania ,. Amalfi , Napoli , 
e Gaeta , tutti luoghi marittimi , biibgaò 
provederfi. d! armate-, per confervargli da^ 
Saraceni,. i quali ficcome ave van loro tol« 
ta U. Sicilia , cos) j>a(ravanOjpericolo()ueft* 
altre Città- ancora, di. qua del Faro di cor* 
rere la: fteilà fortjina. In fatti ofTerviamo» 
che gli Amalfitani fi. refero, potenti ia 
mare , e neir arte nautica: efpertiffinii , 
tanto che i Greci gli ebbero per valido 
prefidio ,, ed. in efli per le cofe marittime 
fondavano le maggiori fperanze j e come 
altrove fu avvertito, s'avanzaroi^ò tanto 
ia queftcKJneftiere , ^e oltce alle&equenti 
navigazioni. per tutte le parti Onestali i 
furono riputati arbitri delle controverfie 
marittime ; e ficcome a' tempi de' Ronia« 
ni, i Rodiaiù fi lafciarono in. dietro tut^ 
te le altre Nazioni ,. unto^ che* le legai 
Rodie^ erano la norma di tutti i popoli 
deir Imperio ^ per le quali le liti inforie 
fu la nautica venivaa decife ; cosi preflo 
di Noi , tutte le liti , e tutte le contro- 
verfie furte intorno alla ruvigazione , fi^ 
decidevano fecondo le leggi , ed inftituti 
4Mx »4malfitani ì e Marino Freccia {e) 

^- atte* 

delP Uffic. deirjimmir. nel prìne. ( e ) Frecu 
de Subfeud. lib. i. de Offie^jAdmìr^ »•&«. 



Qigitized by 



Google 



DEI^ REGNO Dr MACOLI LlB. XI. CAP- VL 151 

Hftefta 9 che infino V^oi tempi quefti lì- ri ibibilite fu la nautica -^ onde le liti ft 
^•_- — : — ^-^^.v^.^! w- t. Il * decidono i tanto che ficcome per li Fcù-» 

di è^'furto un nuovo corpo di leggi "Feu* 
dati ) così ancora per la nautica , ut ùuò« 
▼o corpo di leggi nautiche abbiamo, del 
quale qui a pOcò farem paròla ^. Ritiene 
ancora pfeitfo di noi per fua infegha il Fa* 
naie 5 ficcome anticaflftoite alKa il G.Am« 
mir^lio di Fran^fa , il quale ora non piii 
il Fanale > ma V Ancona ha per infegna * 
(^)tìa purpurea vlefte^ e né* Parlamenti 
fiede alla parte' deftra Mei *Re ^ dopo y tà 
al lato del G.' Conteftabile . . 

Il primo, che Rincontra nel Regno di 
I^uggiero, fu Giorgio Antiocheno : fuco* 
fini da Ruggiero per la fua eminente vif- 
tu i ' ed efpetienta nelle cofe marittime 
chiamato un da Antiochia, e fu da que- 
fio Principe creato Ci Amttiifaglio , del 
cui configlio, e prudenza valevafi Rug« ' 
giero , così nell' imprefe di Mare ; come 
di Terra. ( ^ ) , avendo avuto per còftume 

3uefto gloriofo Principe di chiamare a fe 
a diyerfe Regioni del Mondo uomini 
efperti, non «meno neir armi, che nelle 
lettere é Riportò Ruggiero per qùeft'in* 
vitto Capitano iftolte vittòrie in Grecia^ 
^rtiaindo le Tue vittoHofe infe^ne infino 
alla Porta di Còftafitinòpoli . Liberò Lo« 
do vico Re di Francia, the tnèntfe ritor- 
nava dalla Paleftina fu da* Greti prefopef 
preièntarlo airimperador di Cpftantino^ 
poli , poiché incòntrandofi colle navi de*^ 
Greci le toinbattè, è vinfe> é liberò to* 
fio il Re- Francefe , il quale da Ruggieril^ 
fa con tholtò onor ^ricevuto in Sicilia^ 
donde pòfcia in Frància fece ritorno * Egli 
fii il pr?mo che nelle fcritture pubbliche 
fi ibttoferiyeire : Geofgìus Admitatorum Ad'- 
miratus , come dalla cairta , che porta il 
Tutini j perciocché fecondo il numero 
delle Ariftate , convenendo teùer più Am- 
miragli indiverfe parti dèi Régno , il pri* 
Mo meritamente s'appellava Ammiraglio, 
degli Amtifiifagli • 

Il fecondo, che iabbìamo pure nel Re- 
Sno di quefto Principe , fu V Eunuco Fi- 
lippo, il quale non altrimenti di ciò che 
Claudiano narra d' Eutropio ^ che da Eu- 
nuco fu innalzato ad t&t Confble> cost 

bnn, 9. nnme^. 2^t* (e) Loyfeau Des Off. 
de la Cour^ f. !• (d) Ckr.RomuaUGuat» 
na M* S. 



tigi venivan terrtiitlati fecondo le leggi 
Amalfitane . Quindi avvenne-^- che per ei- 
fcrer gli Atìialntìani tutti dediti alla Aavì- 
«azione, ed efperti nella nautica , riiifc) 
finalmente a Flavio Gifia Amalfitano , ne^ 
tempi di Carlo IL d^Angiò, uomo faga- 
ciifimo, di rinvenire la Buffolà tanto ne- 
teflaria per le navigazioni • 

Ma avendo ora i Normani difcacciati 
dalla Sicilia i Saraceni , e da quefti no- 
ftri. luoghi i Greci, per potergli difende- 
re dair invafioné così degli uni , come 
desili altri , bifognò che parimente fi ftr- 
tificaifero in Mare • E quante^ ini ciò i 
Normanni s^avanzafifero , e precifamente 
a tempo del famofa Ruggiero , e de* due 
Guglielmi , ben è chiaro dall' Iftoria d^ 
Rcgiii loro . Per quella ragione rUflBcio 
di G. Ammiraglio a i^uefti tempi fu re- 
putato il più rinomato, edilluitre:; onde 
afvénne , eh' etfendo' il numero delle lo^» 
ro armate ben grande , e perciò conve- 
nendo tener piò Ammiragli , il primo » e 
capo fopra di tutti , fi fo'fìe appellato Am-- 
tniraglh degli Amnìirìtgli * • 

Avea egli perciò le più infignì prerò- 
«ative , che mai poffono immaginarfi in- 
tomo air Imperio^ del Marci egli coman- 
dava fopfa mare in iKicc^ ed in guerra ^ 
era fua incombenza la coihutione de' va* 
fcelli y e delle navi del Re , reparargli , 
e difporgli per mantener il commercio ; 
tener li Porti in ficurezza Ih tutta 1' e** 
ftenfione del Reame , e confervare i lati 
marittimi (otto l'ubbidienza dèi Re *, ed 
«rano a luifubordihati tutti gli altri Am- 
miragli delle Provincie -^ e de' Porti , -i 
Protontinì , i Calefati , i Gomiti , i Car- 
pentieri, e tutti gli altri minori Ufficiali 
marittimi («)> 

Prefentemente il noftro G. Ammiraglio 
TÌtiene fa c;iurifdizionè cost civile , come 
crimifiale fopra tutti gli Ufficiali a lui (ii- 
bordinati > e fopra tutti coloro , che vivo- 
no dell'arte marinatefca (A): tiene per- 
ciò un particolar Tribunale , ove i Giu- 
dici creati dal G. Ammirae-lio ammini- 
ftratip giufiizia a tutti coloro , che fono 
ad elfi fubordinati, ed ha leggi particolare 

( a ) Freccia' IJò. i. toc. rìt. n. t. ( b ) P^ 
Tapp, de Jur. Rei^n. de Offic. 11. Adm. nu- 
mer. 2, Tajj\ 4e Amef. verf. ^. cbf^ J. ..TW- 



Digitized by 



Google 



jjj D^L VISTO 

«gli da Ruggiero fu creato G. Ainmira- 
glio. Coftui, come narra Romualdo Ar- 
civefcovo di Salerno (a}^ fu dalla fua 
giovajjezza allevato nella caia Reale di 
Ruj7S[iero; era dicoftumi non diflimilida 
ouelli d' Eutropio » e covrendo il vizio 
fotte il manto di virtù, s'avanzò tanto 
nella beotvo^nza del Re, che fu riputa- 
to degno d'efler innalzato all'onore di 
Macino del Palazzo Reale ; da poi il Re 
àovendo in Turchia far V imprefa di Bon- 
Aa, trafcielfe Filippo al maneggio di quel- 
la guerra ^ e nell' anno 1 149. lo creò G. 
Aramira'^lio, il quale poftofi ajla teftad' 
una QrDfTa armata di vafcelli , prefe la 
Citrale carico di molte prede, fé neri- 
torno trionfante in Sicilia, o\re per lungo 
tempo fece dimora; ma vedutofi da poi 
kk tanta grandezza, mal potendo coprice 
la fua occulta Religion Saracinefca, che 
fin ora avea celata fotto il manto della 
Criftiana , fi fcovrl poi , eh' egli odiava in 
eftremo i Criftiani, ed oltremodo amava 
eli Ebrei, ed i Maomettani, mandando 
tovente meffi, e doni in Lamecca al Se- 
polcro dell' iraooftore Maometto . Ruggie- 
ro avendo fcoperte quefte fcellerasigini , e 
dubitando, che fé con memorando efem- 

Sio^ non fi corregge^Te la malvagità di co* 
;ui,'era da temere, che non ripullulafTe 
la Religion Saracinefca in quell- Itola , dal- 
la quale con tanto ftudio , e fatiche avea 
*proccurato cacciarne i perfidi Saraceni: 
iece prender di lui afpro, e fevero cafti- 
go ; poiché fatto fubito convocarci Sa- 

5 lenti, e i Baroni del fuo Configlio, fu 
a coftoro condennato aila pena del fuo- 
co, ed avanti il Palazzo Regio fu al co- 
atto di tutti fatto buttare ad ardere nel- 
le' fiamme . 

Succeffe da poi nsl Regno cti Gugliel- 
mo a quefU carica di G. Ammiraglio il 
iamofo Majone di Bari , i cui fatti per ciò 
che eoncerne all'iftituto di queft'Iftona 
faranno ben ampio foggetto dici libro fe- 
guente. Cofiui intialzato da Guglielmo a' 
primi onori del Re^no, efercitava il po- 
so di G. Ammiraglio con maggior fafto , 
e con una totale independenza • Ancora 
egli , per eifere eziandio cosi chiamato dal 
Re , fi firnuva : Ma/o Admiratus Admi- 



EIA CIVILE 
miragli del Regno la fiiprCttA autorità » <4 

il fo Viano comando* 

Nel che dovrà avvertirfi , ficcome altre 
volte fu detto, che ne' tempi de' Norman* 
ni , e Svevi, infino che quefto Resioo fii 
divifo da quello di Sicilia, quando pal'sò 
fotto la. dominazione degli Aragonefi per 
quel famofo vefpro Siciliano, uno era il 
G. Atnmiraglio , che avea la fopranten« 
denza fopra tutti gli altri Ammiragli del- 
le Provincie cosi dell'uno, come dell'ai* 
tro Reame ^ a differenza del Regno di 
Francia, nel quale da poi, che quella 
Myiarchia ebbe acquiftata la Provenza , 
fu divifo in quattro i poich' era uno Am- 
miraglio in Guiennai l'altro in Bretta- 
gna i il terzo in Provenza i il qual fc be- 
ne non avelfe liome d' Ammiraglio 1 n&a 
di Generale delle Galere , com' è ora queU 
lo di Napoli I nulladimanco savea i'ìflrifa 
potenza degli Ammiragli , dimpdochè all' 
antico Ammiraglio non rimafe fé non U 
fuo antico lato di Normannia, e Piccar- 
dia col titolo d'Ammiraglio di. Francia 
indefinitamente (b) . Non così nel Re- 
gno di Sicilia , ove uno era il G. Ammi- 
raglio, e teneva fotto di fé tutti gli altri 
Ammiragli , detto perciò Admiratus Ad^ 
mìratorum^ poiché nelle altre parti delHe- 
gi)0 di qua, e di là del Faro, non fola* 
ment^ le Provincie, ma anche le Citd 
aveano i loro particolari Ammiiagli, fu- 
bordinati tutti al primo, e G* Ammira- 
glio. In. fatti in (juefte noftre Provincie 
erano molti Ammiragli in un tempo iftef* 
fo, ficcome ce ne accerta la Cronaca Ca(^ 
finefe ( r ) , ove di alcuni di efili fovente 
accade farfi memoria j e quafi in tutte le 
Città marittime vi rificdeva un Ammi- 
raglio per ciascheduna, e quefti per lo 
paflato eran creati dal Re, ed aveano cu- 
ra de' legni , e de' vafcelli Regj • £ ne' 
tempi pofteriori de' Re Angioini, veniva- 
no chiamati Protontini, i quali ammini- 
ftravan giuftizia a tutti coloro che vivea- 
no dell'arte marinareica, che rifiedevano 
in quelle Città, e Riviere. Cosi il Tu- 
tino rapporta molte carte, nelle ouali mol- 
ti vengono nomati Ammiragli di diverfe 
Ci^tà di Mare, come Landulfo Calenda 



Animiraglio di Salerno , Lifolo Seriale Am- 
tMtorumi avendo foprà tutti gU altri Am- miraglio, e4 altri molcifiiaii. la quella 

ma* 
(a) ChroTK Romualdo M. S. (b) lojfeau Uc. eh. (e) Zìi. 3. c^. 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAP 

iMtiielra avendo i noftrì Re Normanni » 
non meSio per ter^a , che per mare proc^ 
curato ftabiUre il knro^ Imperio , -ed aven^ 
do perciò iltmiito var) Ufficiali, «'quali 
il gov«rno', e la iicurezza del mare> de' 
porri ) del éÀnmercio y delle narigazioni » 
e de'traffichr era commeflb , procturarono 
perciò ftabilire ancora molte le^gi , dalle 
faaii in decorib di tempa) furie, nonal** 
trimentì xhe i fece de' Feudi , un nuovo 
corpo di legs^ , Nautiche appellate ; e che 
col correr degli anni , ficcome abbiam ve«* 
dato I dopo il Jus comune Feudale , for« 
gere una nuova ragione Feudale non coi* 
mune, ma fpezialé per quefto noAro'Reft' 
me : cosi aueopa per la nautica , oltre il 
Jus xomune > una nuova ragion particola* 
re per quefte nc^e Provincie. 

Delle leggi Navali • 

LE Ie^i>l appartenenti alfa Nautica pref- 
io i Romani non erano altre, fé non 
quelle , che da' Rodiani apprefero : perciò 
la legge Rodia fu. cotanto rinomata , e n' 
andò cotanta chiara^ e luminofa in tut« 
to quel vaito Imperio, ohe gì' [mperado-< 
ti Tiberio, Adriano, Antonino^ Perti* 
-nace, e Lucio Settimio Severo ibbil irono 
molte leggi approvandole , e dando lofiO 
forca, e vigore per tutto l' Imperio $ on* 

i de ne iurfe il Jus Navale Roiìanoy trat- 

I to dall' undecimo libro de^ Di^efti C^ ) « 
il quale dalla Biblioteca di Francefeo Pi« 
teo, dove lungo remoo giacqiie Sepolto, 
fu fìnalrnente pubblicato al M w Miu Ma 
da poi avendo gl'Imperadori d'Oriente, 
in Coilahtinopoli» Città per tre Tuoi lati 
bagnata dal mare , fermata la loro fede , 
e le maggiori loro forze collocate nelle 
armate navali , attefero molto piurper 
mezzo di quefte, che d'cferciti terreilri 
a confervare i loro Dominj) e le Regio- 
ni di quei cadeQte Imperio , le quali cir- 
condate nella maggior loro eilenfbne dal 
Mare , più dall' armate , che diagli eierci- 
ti ponevano teneri! . in (icurezza ; perciò 
di queili ultimi Imperadoii d'Oriente ab- 
Tom. IL 

. (a) Digeft. tie.'^. Nauta ^ Caup^ flaè. 

Tit. I. de Exercitoria aH, Ad L Rhodiam 

^ • de JaElm. Tit.^ de^htcend. ruin. Mattfrag. 
; (t) Freccia de Subfeud. de O^c.Admìrat. 
n. 7* Hinc m ReginQ nw lege Rhodia m»ri^ 



OLI LIB. XI. GAP. VI. lij 

biamò più leggi attinenti allana«lica, edl 
al commercio del triare , ed alla iicurez« 
za de' Porti , e delle navigazioni , le qua» 
li furono raccolte parte da Leunclavio , e 
da. Pietro Peckio, e parte ultimamente 
dall' incomparabile Arnoldo Vinnio , 41 
quate ebbe la cura d'impiegare gli alti fuot 
talenti anche intorno a quefte leggi , e fo» 
pra l'opera del Peckio aggiungere le fu« 
oifervazioni> 

Ma quefte leggi degl' Imperadori d' O^ 
rìente patirono in quefte noftre Regioni 
qael medeiìmo infortunio, che tutte l'al- 
ice loro Compilazioni. PreiTo di noi 111 
Tavola Amalfitana , come dice Marion 
Freccia (t) era quella donde s'apprende- 
vano le legai attinenti alla nautica ; né 
i inveriiùnik , che gli Amalfitani per te 
fpe#c navigazioni, e continuo traffico ♦ 
che areano cogli Orientali , dalle leggi d£ 
quegl' Imperadori , e più dalla lunga efpe^ 
rienza, e da' pericoli fotferti in Mare, l' 
apprendetfero. E poiché ne* medefimi tem* 
pi i Catalani, gli Aragonefi, i Pifani, f 
Genovefi , ed i Veneziani parimente g^ 
erano renduti potenti in mare , e celebri p 
non altrimenti che gli Amalfitani > peri» 
navigazioni nelle parti Orientali^ ed aU 
trove , ne hacque perciò un nuovo corpcf 
di ilatuti , e coftumanze, che ora riftret** 
to in un picciol volume , va attórno ibt* 
to nome di Canfolaf del Mare^ donde t 
Naviganti prendon la norma per termi» 
nare le lor coiHeiè, il che producendoi 
buon effetto ne'ittdditi, da ciafcun Brin« 
cipe vien approvato; ed i regolamenti ita 
quello ftabiliti, come loro particolari fti^ 
tuti , e coftumanze vengono inviolabiU 
niente oifervati . 

Qpefti Capitoli , onde f compone it 
Conjolato del Mare y furono approvati da* 
Romani , da' Pifani , dal Re Lui^i di Fran- 
cia, dal Conte di Tolofa, e da molti al- 
tri Principi, e Signori ;. ed i Re d'Ara- 
gona, ed i Conti di Barzellona ve neag;- 
giunfero degli altri ; ed Arnoldo Vihnio 
non s'allontana dall'opinione di. coloro, 
che narrano quefta Compilazione eflerii 

V fat- 

tima decemuntur y fui tabula^ quam Amah 
fitatiam vecant^ wBftes controverfix^ omnes 
Ihesy T)9C 0mnia maris àìfcrìmirìQy ea leqe^ 
ea f ansime y ^fi^e ad h:tc temjfeta finiuu* 
tfìr. 



Digitized by 



Google 



xH B « L r .1 S T o a 

flftu tÌL Umfi di S« Lodoviico ^ tlil^fia- 
cu« Fu data poi alle ftampe iti Veaesia 
da CiovasibaciAa Pedrenno , ^11 'quàk ìih 
titolò queifai Raccoha : Il libro M Confa-' 
taso de'Ménrinari^ t lo dedicò a M. T^ 
tfksSo Zarmora Confole allom in Venezia 
fer r Imperador Carlo V. £a da poi nell* 
tono 15^7. riftampato in Venezia ftefla^ 
«d è. anello, che ora va attorno per le 
mani d'ogni uno; e che nel Tribbiale 
éel O. Ammiraglio del sottro Regno ha 
ttttta r autorità^ e'I vigore. 

Ma i iioftri Prtacipi di ciò non foddiso 
fimi^ vollero per ^àtào^ Régno fishiltm 
f^3L gli atfari nnrittimi^ paiticolarileg- 

E« L' Iinpeiador Federico fi. oltre di queU 
che furono inferite nel Codice (a)^ 
Éahill molti Capitoli attinenti airuificio 
deir Ammiraglio 9 ne'^uH fi preicrrreal 
nedefimo xiò che deve efler della fua in* 
combenza, anello che fé gli appartiene*» 
t fin dove seftende F autorità fiia^ Ne* 
tempi de' Re Angioini fnrono aggiunti a* 
meérfimi molti altri Capitoli^ per liqua« 
)i fu in iniovo modo prefcritta la fua au« 
torità» come s'oderva in (jnelli ftabiliti 
da Cado IL d*Angiò a Filmo Principe 
d' Acaia ^ « di Taranto fi» figliuolo i}tiar- 
tegqiito» quando lo creò G. Àtmnicaglio , 
che vengnn trafcritti dal Tutini* Da poi 
i Re Aragonefi accrdibero molte altre co- 
fé a' Capitoli de^loropredecetfm, cbedo« 
«et edervar T Ammiraglio, e molti ne 
Ag^aofe Ferdinando L a Roberto S. Se- 
4Pertuo Conte di Marfico , quando oeU' 
«nno 1460. lo creò Ammiraglio , pur rap* 
portati dal Tutiao. Ed in tempo degli 
Auftriaci molte Prammatiche fi promul- 
garono atticientiaqueft' Ufficio^ delle qua- 
li quando ci tornevÀoccafiotie) non fi tra- 
lafcerà fame memoria « 

Tanta, e tale era la dignità del G. Am- 
miraglio ne* fecoli andati , e cotanto era 
E inde U fua incombenza, che per redo- 
la vi fu uopo di unti provvedimenti 
fincbè ne furie una nuova ragione, nau» 
fica appellata • Ma si fublime Ufficio nel 
noftro Regno fin da' tempi di Marino 
Freccia cominciò a decadere dal fuo fplen- 
dore, e molto più ne' tempi itioR a noi 
lontani, ed oggi appena ferba qualche ve- 
ggio della fua grandezza, nteneodo, ol- 

(a) 'Cod. de FurtU Collat. X. l. nuvigia 



lA CI V IL* 

tre gU onori^ Je wemtnenie,, mi Tiiki 
naie a p««ie é^ At dipendente t o k sto* 
rifdisùoM jbpra saohxo che vivono '4ell^ 
afte marinarnba . Le cagimit di ttl dccli* 
nazione l>en s" iatendemmio nel onrfib di 
iqudfta IftoriiL, ove ficonofcoà^ tIk fin 4 
^cafflco, che :i n«ifari Jle furono fotoiti .in 
Mase^ edinfifiDcfae iNocniittm) gliSv»- 
vit « fnpm tutti «ti Angìotisi maiftenae* 
IO nwloe amate naFali ^ xreUe nel fiio 
maggior ^^dendore ; .ma da poi dtmbttttB 
ramate, e paflato il Regno fotio la do- 
minazione degli Atfftriaol, eiemloS intiD* 
dotta mmvaLtorma.^ e «uovo tegobmen» 
to dipendente ila ^Ib di Spagna^ man* 
co. tanta aotorità, e {Mifsò in :pafte a'Ge* 
iMorali delle ISalee , k bene «oa coirifl^ 
fa potenza) t fremgacive del G. Amo»* 
raglio^ 

$. lÌL Del G. Canceffiero • 

NON dovrl fembmr eoafiafo» « per- 
turbato r ordine ch'io tengo mno* 
veeando gli Uffic; deUaComna, e fenon 
ièrbaudo quello tenuto dagli- akei Scrit- 
tori, yengo a parlafe^» dopo il*G. .Am* 
miraglio^ del G. Canoelliero • Sorcfae Ma- 
rino Freccia iliede a qodft'ìUfficio V ulti- 
mo luogo, fe belle non fi iappia per orni 
ragione il facefle, gtacch^i^ raedemo 
ne' Parlamenti, « neir altre ifimrionipub* 
bliche, gli dà il Moluogo^ e lo £ipfe- 
tsdere al G. Sinificalco, il quale non fit* 
de a lato, ma appiedi del Re • Ahri per- 
ciò lo cdiiocano nel fefio hiogo; do^ il 
G. Proconotark) ; e cosi quefti , coinè Frec- 
cia danno il fecondo luogo al^G. Gìufti* 
ziem dopo il G« Coutenfaìle^ 
. Li Frana^efi però dopo il G. ConteAa- 
1»ile , collocano il G. Canoelliero ; ed io 
dico, che gli uni, e ^li altri atfai bene 
han fiitto di dilporgli con queft' ordine . 
Altro è il G. Cancellier di Francia, al- 
tro fii il G. Cancelliem di Sicilia a'ton- 
pi de' Normanni, ed akro è, e^nur trop- 
po diverfo il G. Canoelliero dei Regno 
di NaiH>li, pfeciiaaaeme fé fi riguardano 
i tempi , ne' quali fcrif!éro il Freccia , e 
gli altri Autori, e più £s avrem mira a' 
tempi noftri. 
Hamo le dignkà ieooado il volere de' 

Pria- 



Digitized by 



Google 



'D.EL REGNO DT WA.V 

Bfihfiipr, le loro dedin^ziom > ed i: lofo> 
imaànaitim :. il Pciiieipe flccome è TQ* 
ceaao di tmr le* dignità., così è anche-la 
lor regola., r lai lor nMma ; , e ficcomehea 
a^ propofitti dii& Gioisgto Codino (^ ) de* 
gli* UÀciali del Palazzo, egli è: Lecita a' 
Pdiicfpì ìaBsmre così le cofe, cohk i 
nomi a. loit modo , ed: iimalziare , ed ab-- 
bfltfu» feooiido Loso. aggcada . 

Il GanceUieio pcetf> i Franzefi età V 
ìftcfh.j c^e il Queflore preflb i Romani 
Della, maniera ,^ che Simmaco (b)y eCaf*- 
fiodoro ce lo defcsif&co: Quajhipresy le^ 
gum. comditot^ regalisi confilii pÉMtceps^ fu^ 
jììtìjt arbitgr.. Era per ciò. il Opo.de4!a 
giuftizia), come il Conctibbile Capo del- 
Ls acmi: Principe di tutti gliUfEciali di 
pace; MagiftratO' de^ Magiftrati , e fonte 
di tutte le dignitlL-- 

PejKdxè foffe chiamato Cànce^liecD^ non 
è. di tutti conforme il fcntimerifo^. Il Vec- 
chio GloiTaiio dice, che (oSe così detto, 
percjiè^appartcnerido a lui T efaminate tnt.-. 
ti i memoriali , che fi danno al Principe, 
area.poteftà di fegnate dò^ che panerà; a 
lui, che poteffe avercamnnnOf^edicaa^ 
celiare le ioiportune dimande, ^nido di 
penna fu;i memoriali con tirar linee fe« 
poa di quelli per lungo , e per. tia\Qecfo a 
guifit di caitcetli. . Ma <|uefta è una moA^ • 
to ftmna rtiraojogiat che dovere prende* 
te il Cancelliere il féosism» pià.toAo4la. 
ciò , di' egli disfà,, che da «(nelle, che fa. . 
Megifo inee^acetaaDwr^GàffiodorO' i^)y er 
Agatia (^), che l0.deiiv:^tDiio. ^.Càne^ 
lis\ poiché dovendo ^uefto. UificiaUs fe* 
prantendere alla, fpediaone^ dì tutti i le-^ 
icritri . del Principe ^ fentiie tnici coloro , 
che gli. prefeotaTano i memonali , . aecìoe- 
che non. fotfe pcemiRo- dal Popolo^ edtall* ' 
incontro (k tutti fotfé volato , fc^a fiac- 
re fnL Cancelli , : ficeome fi praticava in. 
Roma, edunFitiKàa.; omf è: therTécCBl- 
liano foleva.dire :, C^mefiàs: nm\ aiwo y^ 
fubfellia twn amtundù •, 

Tiene egli perdo per- fiia infegna il 
fttggello dei Re> owjb amrefTo i Franaefi. 
è- anche nomato Guavdàft^Ho , poiché per 
le fue mani patfàho tuttt i nrìTtlen , e 
tntte le ipediaìottt dolRedi eg^t.fujs^lr- 

CavTC«lm. cép.i..nu.%..LangUù 7. Se^ 
mwft.j. (:by Simm. Efi/L 17, Hi. t. (e). 
Cajfiod. lìb. II. Ep.6. (d>j%»n //*.$. 



ari L1B-. XI., CAt. VL, tjj- 
la; dando titobo , ov^cero letteti di prò*** 
vifione- a., tutti gli. Ufficiali ,. le quali pttà»^ 
egli rifiutare , o- differire come gli piace . 
non fuggellandole • Quindi il nofti« Torw- 
quato al G« Cancelliere^ d' Egitto^ gli dà 
per fila infegna- il fuggello . 

L'altro hikUfiffiU del fuèU3wm 
figno .: 

Gode perciò moke: iafi^ prerogative ;. 
ha \% prfffidenza al ConfigUo di Srato ne- 
gli afguei civili, del Regno ,. onde il Taf^ 
10: foggiunge : 

Cuft^As un, d^f^emì ,. al Ba minìfirm^ 
O^a.civU ne ffandi agafdd RÌgn9.. 

Ha r efpedizion degli Editti , e oyii 
altro comandamento^ del Re • Ha la (o^ 
piancendcttaa della, giuflazia, ed egli è il 
Giudice delle difÈòrenze-, cheaeeadonoio* 
pra ^Li uffici,. ed Ufficiali , regolando le 
lor precedenze ,. e diftribuendo a ciaicutt. 
Magiftrato ciò che è della, fua inoomhen-f 
za , perchè V uno non attenti fopraT altro . 

Qiiefte eranoJe gaandi pi^rogative et 
Cancellieri dì Francia ,, donde T appiefe 
Ruggiero, e del Regno di Sicilia a tem^ 
pò. de' Normanni.. Dignità, pur troppo e« « 
minenteve che gareggiava quafi. con quel- 
la de' Principi, fèeffi : onde meritamente: 
era a: coAoro^.dopo il Conteftabile , dato, 
il fecondo luogoc.. 

Il primo. Gtocelllero', che s' incontra, 
nal^ Regno di Ruggiero far Guarino Càtu- 
zoiiao moltoxelebre predo. Pietro Diaco- 
no nella. Ginnta. alla. Cfonaca.Càfibienie^ 
( e )i. di coAui Ri^iero iKalevafi ne' pitL 
gravi atfari della. Cofenit, e gli diede la. 
lopnHitendenza , ed. il fiipcemo comando^ 
di. quofte noflle Provincie-. . Hacrafi , che 
Gnaàno-per loibfpctto, cheareà de* Mo*- 
nici Caifinefi^ohe non.slunitfero al par^ 
tito di Lotario , eiafi finalmente rifekito » 
fattffi. venire da Benevento , dallaPngliat. 
dalla Calabria,. e da Bafilicata molti ibi* 
dati , ed alcune macchine di gnena., di 
e^mgnare Monte Cafino ; naa che non 
gnari da. poi infiermatofi'iiLÌSalemo,\giua^ 
to^ air eftremo di fua vita , mentr' era per 
u&irgli r anima dal corpo , . gli - foffm u» 
fdte di bocca gridando quefie parole : Ahi 
Bamdem. e Mauro perchè m uccidete ìom^ 

Vi de 

(e) Petr. Dìac. lib,^ r, 98. & loi. Gr- 
peutam. Uh. .t; f^r4^^ 



Digitized by 



Google 



»5« 



D E L r I S t OrR I A> C I V I L E 



<le narra Pfefro Diaconof (rf) > che. net 
SBedèfimo tenuK) Crefceazio Romano Mo- 
naco di quel Monft#era per noa elfer ri- 
putato meno degli, altri, tatto sbigottito , 
e tremante diceflTé a' fuoi Mortaci , eh' avea 
ftVuta vifione , nella quale gli apparve 
UBO fpaventcvòte lago tutto di fuoco, le 
cui orribili ónde s' innalzavano fino al 
Ciclo; e per ctfe vedea ravvolgcrfr l'ani- 
ma del G. Cancelliere : che era^li fenr- 
bnito parimente di vedere due Frati alla 
riva del lago , e dal più vecchio di loro 
elfer dimandato fé fapca dfi foffe colui , 
che vedea cosi dall' onde trav^liato , e 
7Ì4^ndenda egli del ho* , gl|;^ dal me- 
deumo manifeftato effer V anima di Gua- 
rino , ch^ era condennata a sì fktta pena 
per. aver travagKatO' i Monaci di MMte 
Cafino , il quale richiedo chi egli fi fof- 
fe , rifoofi» eh' era Frate Benedetto ; ed 
in quello deftóffi Creftenzió | e la vifioti 
difpai^è • 

li' altro Cancelliere* • che ne* tempi di 
Ruggiero eferdtò quefF Ufficio , fu Ro- 
berto di legnaggk) Ingtefe (i) . Ruggie- 
•i"^, come ahre volte fu notato , nel go 
vertio de' (boi 'Reami fi fervi fempre di 
Miniih'i di molta dottrina , e pntdenxa , 
facendogli venire anche da Jiemote^ parti; 
e fipcome innalzò adeffet" G. Ammira- 
gHo Giorgio d'Antiorchia, così anche fiu 
dà Inghilterra chiamò quefto famofo Ro- 
berto, che oltre averlo impiegato agliai- 
fari più rilevanti nlell» fua Corona, e di 
cMnmettere a hii la difefa di- Saremo , 
quando da Lotario , dal Principe di Ca- 
pua , e da' Pifaai fu affediata , gii commi- 
la ancora A governo della Puglia , e dèl- 
ia Calabria •>. e fu cotanto kminofa la fa- 
ma della fua faviezza , ed integrità , che 
Giovanm Saresberienfe VefcoVo de i Car- 
jmti Cr) , nana di lui ufi - avvenimeAto- 
da non tmlafdarfi ih queft' Iftorfa : Go- 
vernando quefe) G.Cancelliero laPuglia, 
e la Calabria , avvenne che per morte 
del fuo^relato vacaife laChiefa d'Avel- 
lino . Neil' elezione del fucceffore , era di 
mefiieri ricercarfi la volontà, e 1' a^nfo 
del Re , ficcome coftumavafi in tutte* le 
Gèiefe Cattedrali: Roberto che in nome 
dd Re dovca darlo, ne fu ricercato iftan- 

U) Petr. Dìac. lib.^. c.xot, (b) Ca^ 
pecehtf. Uh. i .^ag. 60. ( e ) /oi Saresb. lìb. 



temente da molth; infra gli altri eb6e tré 
forti pretenfori , «n Abate , un Arcidia* 
cono , e un fecolare della Caia del Re , 
che teneva \m fratello Cherioo , t quaK 
fecero con Robertt» grandi impegni , e 
ciafcun- di efii gli pcomife grotfa fomma 
di mofieta fé àvefle fatto crear il Vefco- 
vo fecondo il fuo intendimento^: ilCaa^ 
celliere volendo fchernire la loto malva-^ 
ita ,' pattuì <ron tutti tre ieparataraente ^ 
landò loro ad intendere , che fatto avreb* 
be quello che ciafcuud' efii chiedea ; ed 
avuti pegni , e ficurtà de' promeffi/ paga- 
menti j venne H giorno fbbilito alla eie- 
zion del Vefcovo , nel quale ragunato il 
Clero /tf Avellino . con molti Arcivcfcovi ,. 
Vefcovi , ed altri Prelati y e perfone di 
ftima , raccontò Roberto la frode , che 
coloro commetter voleado;'ed avendogli 
cerne fimoniaci' fatti efcludere dalla prela- 
tura per fentenza di tutti coloro che co- 
là erano ^ e riicoflo in pena AA lor fallo 
il danaro xonvenuto , è adoperò pofcia , 
che foffe eletto Vefcovo unpoveto Frate 
di buoina, e^fànca vita, i^a die punto a 
ciò non badava,' a cui diede l'afTenfo. 

Il terzo G. Canceliete, che incoatria- 
mo nei Regno di Ruggievo fi fu il co- 
tanto rinomato Giorgio Majoiie« Nacque 
coftui in Bari d' afiai umile condizione , 
ma dotato dalla natura d' una maraviglio- 
fa facondia , ed «accortezza , fece tanto , 
ch'èffendo ^liucdk) d'un ^povero venditor 
d'olio {d) , ebbe nredo d'^er pofto ia 
Corte nella Re^l Can<»Uéria > ove dai Re 
Ruggiero fu prima creato fiio'Notaio : ^a 
poi avendo occupati atltri minori Uffic; 
della Cancelleria , fu ^tto Vicecancellie- 
re , e finalmente innalzato ad effer fuo 
G. Cancelliero, e fu cotanto carola quc- 
flo Principe , che fmckè riSt 1' adoperò 
negli a&ri più rilevanti dei foo Regno*, 
e morto Ruggiero ^ con rtK> efempio , per 
le fue arti fu còsi caro a Guglielmo Aio 
figliuolo , che oltre ad averlo, creato G. 
Ammiraglio ,. {)ofìe anche in fua mano tut- 
to il governo del Regno • Sotto i due Gu- 
glielmi tennero qnefi' Ufficio i primi per- 
fonaggi di que' tempi r ^teonelo l'- Eletto 
di Siracufa , e da poi< Stefano di Parzio- 
Arcivefcovo di Palermo . 

Co- 
de Nugìs Ctirìglkim^ CafùPelain loc. ciu 
( d ) Ugo Falcmk, 



Digitized by 



Google 



DEL REGKO 01 UkfOtt tììi. Xt. 
-' Cofani» m quelli tempi era la.grandci:- 
sra , e dignità <li quefto fùpremo Ufficio 
così in Fraàcia > come in Sicilia apptef- 
fo i Normanni ; né min<Jri cran fé fue 
premineiTze nelle Coiti d" altri Principi • 
Ma da ^ fu riputato fatio configlio de"* 
Principi di togliergli tante ,, e così emi- 
nenti prerogative , con . rìunirle ad dK 
donde procederono ; del che n* abbiamo 
un beAchtafo ed IHuftre dempio nel Can- 
ceiliero della Santa Sede di Roms . Ne' 
tempi antichi ebbe quefta Sede uit- Can- 
celliere,* r autorità- dd quale era si gran- 
de , che gareggiava col P^a iftefTo j^ ve- 
niva perciò occupato da' primi • perfonag- 
gt j e da quefta pofto re(>olarmente fi fa- 
ceva paflaggio.al Ponteficato. Così Papa 
Celnfio Ih fecondo porta l'^epitafio com- 
porto da Pietro Pittavicnfc , aventi tf et 
fcr Pafpa, Archilennta fuit ^ ^CanceUirìus 
Urbis ; e narrafi ancora , ehtf Alefl5mdro y* 

3uando fu detto Papa era Cancdliere 
ella Sede Romana. 

Ma da poi Bonifacio VIIL v^édendo 
Y autorità del Cancdliero in Roma m tan- 
ta grandezza, sì che, come dicono -mol-' 
ti Scrittori (i/) , qua fi de par} cum Papa 
ctrtabat , abolì qjiefto Ufficio di Càtìc^l- 
liefe in Roma, ed attribuendo la Cancel- 
leria a fé medelimo, vi ftabjH (blamente 
uà Vicecancdliere ; onde è che in Roma 
quefio Ufficio di Yiceeancelliere non ri- 
conofce altro per fuo maggiore nella me- 
defima sfera , poiché il Canedlieràto al 
Papa è attribuito; ed etfendoftpefciò pri- 
ma queft' Uffiéio dato a eoldro , che nìon 
erano Cardinali , fi différo fempre Vice- 
cancellieri ; ma da poi ^endofi tornato 
a darlo a' Cardinali , ritenne ancora que- 
fto medefimo nome* di Vicecancelliere , 
aticorchè fofle eftimo quello dd Cancel- 
liere-; non altrimenti che chiamano Pro- 
datario, e Vicedatario quel Cardinale che 
è Prdétto alla Datarìa del Para , quan- 
tunque non efercit^ffe le veti tf altro Mi- 
niftro^-a fé fuperiore; pcwhè la eanccHfr- 
ria, e- Dataria fu al Pà^ attribuita^. 

Per <;ueib medefima rai^ione foto ntì 
Sejìo Decretale fi fa menzione d<fl Vice- 



CA^. VL t'ir 

Gomefio fopra le regole della Cancelleria S^ 
fc- bene Onofrio Pan vinio allibro de' Pdn* 
tcfici dice, che. dal tempo d'Onorio II L 
non -vi furono più Cancellieri iti Roma.r 
ma folamente un .VicecanceHicre . 

Non altrimenti accadde nel noftro Rea»^^ 
me a qtiefto luprcmb Ufficia di G* Can- 
celliere ; poiché a tempo dfcl Re Cattoli- 
co , e ddl' Imperador Carlo V. la Can- 
celleria tu attribliita al Re ( r ) , e fu e»* 
retto perciò un nuovo Tribunale amtimu- 
ftrato da' Reggenti détti perciò dì Cancel^-. 
leria , i quaìì efercitano tutto ciò , che 
prima era dell' incombenza del G. Can-^ 
celliere , perchè effi fottofcrivono ,i me- 
morìalt , chie fi danno al Principe , efl! 
pongono mano a' privilegj. ,' effi limìn<r 
r efpedizione degli Editti, e d^'comman- 
damenti.del Re. Effi fono li Giudici del» 
le differenze , che accadono tra gli Uffi- 
ciali , decidendo fe precedenze y e diftri* 
buendo a ciafcun Magiftra^ ciò , eh' è 
ddla loro" incombenza •; preifo di effi ri- 
fiedela Cancelleria, e con effa ifcrigni,. 
i re^ftri , e tmto ciò che prima ei^ pref^ 
fo il G. Cancelliere : hanno perciò un Se# 
cretario , e molti altri Ufficiali minori y 
che il dicono perciò di Cancelleria , di che 
altrove, quaSndo d toccherà di trattare di' 
qeefto Tribunale , ragioneremo , 

Quello, cheos[gi4 nella Caft de' Prin- 
cipi d' Avellino , non è che un Ufficia* 
dipendente da quefto , di cui ora trattìa» 
mò ; poiché le fue prerogative fi riftrin- 
gono- folamente fopra il Collt?HTodp' Dot- 
tori , e le di fui fimzioni non altr? fo-^ 
no> chr di promovere al strado del Dot- 
torato, tener Collegio di Dottorila que- 
fte-fine^perefatiiinare i Candidati, aopro* 
vargliy riprovargli, e far altre cofe a ciò 
attinenti ; poiché preffo noi il dare il gra- 
do- di Dottore non è dell' Univerfità de- 
gli Studi , ma deb Prìncipe , il quale, ne- 
ha dclegiita qudta fua poteflà al G.Can- 
cdKere ;, e fua Coliéc^io .. Molti di quefh 
Cancellicrì ebbe la Frància, come il Can- 
ceHiere dell' Utiiverfità di; Parigi , ch'era 
anticamente un Ufficio di tale importan- 
za, cheBomfccìtf^VilI. per li flrrandi af- 



dMicelliere i c«ne notò la Glofrar4A^.,.e^^CfjMri,. ct'egH aveva in Francia- fé l'aporo- 

' , V!£j '.. ' - *^ Prìò. 

(à) Zabarelì. in Clem. Romania mEle- na , verb. Vice-Canrellariuf . (e) FreccU 
Sìonii. frmia^M. y. àt Offic. M^^ancet. l'tb.i. àrM. CancelL num.2^^ 



Digifized by 



Google 



i^yS: DELL* 

ptìò affili d^ avete T autorità 
fópra qùelL' Univcdìtà, principalmttate ver* 
fo- i Teologi , i quali dal Owoellicre han- 
np. i gradi > la bencdiyiùiiip % e comfneflfeH 
ne di predicare per ti^o. il Moodo.^ ma 
dòpo la morte, di Bonifacio:, rilniveifità 
di Parigi fece tutti: gli sfeai per- riaver 
pucff UflSeìo , . tanto . che da Benedetto XL 
fuo ftJcceffore^ Te fu rendnto;, onde per 
evitare per T avvenire fiftiile làurpazione, 
fu dato ad una Canonia della CbiefaCatr 
cedrale di Parigi^ C ^ ) -, 

E per qnefta caffioneNftrino Freccia 
trattando di qucfti Uffici, avendo avanti 
fsli occhi fòlamente ciò che fi praticava 
a' Tuoi tempi,. pofe il G. CatweHiero nell* 
ultimorliiogOo poi^plie il G. Ganoelliero 
d' oggi , che vien reputato-uno.de' fette 
UÌSc)'(kl Régno » non è -die un rivolo, 
di quel fonte:, non efetcita,. che una deU 
le molte, prerogative , che prinu adoma* 
VJtno quella dignità^ efifendofi oggi qnafi 
<h' eftinto , e attribuita la. Gancelteria al 
B^e ,. che perciò per efereitarla. vi erefle 
im, nuovo Tribunal fuprsno , dette di 
Gftficellena , ammìniftrain ,. com$ s' è det«^ 
to, da'R-eggenti.. 

Non è però da tralasciare >. che in tem- 
po, delFImperadore Federico»!!, e del Re- 
Carlo d' Angiò, ancorché -^eit Ufficio « 
fo0è' molto . decaduto dair antico iuoiplen- 
doro', riteneva però la giurifdiiioneibpra. 
tutti i Cherici del Palavo. Reale , e fo* 
pra tutti i Cappellani Regi.: di chcmol*. 
tp fi maravigliava Marino Freccia. (b) , 
come un Laico, fbpra.. i. Cherici pote£fe. 
Itender la fua giarirdizione , ffuandii.qtte'^ 
ili , e. per ragion Divina , Canonica , od 
Imperiale fono . da' Laici efentt ; onde per • 
togliere quefta , che a lui fémbrava ftìra-. 
nezza , volle ricercarne le- cagioni. DiKe 
che ciò era , perch' 'effendo qpeflo Regno . 
dei patrimonio di S.Pietro, biiògnava cre*^ 
dère , che i Re anche fo&ro Aati itfve* 
Aiti dalla Sede Appdiolìca di quefta pn«^ 
negativa , e perciò fi defabiano reputare , 
come Miniftri, e Delegati della Sedè A p*. 
I)eftolica • Né ciò deve fembrar ftiano , 
endice, perchè i Re non éemm» confide- 
rarfi> come^meri. laici , poichè^s' un^no , 
H prima . erano anche Sacerdotjr* E ciò non . 



ISraR I A CI VILE: 
pai^oolarr ba^ndogU ioQfstimie 



( a)Zox/fifi*4DwOj^r. for. r/r.. (b) Ff^A. CSK25. (e) 
€Ì0 de SubftHd.lib. I. de Off. M» Cam. nu. 24. numi ì.^Ukit. egfk i4« num. 6^ 



_ ^^ die SedevMO* i €r 

Carlo ebbero lìpeciaimenfietalavjtoriiàdaU. 
la Sede Appoftolica, ai;cioochè depuiaffe^ 
ro .un Giudice (opok tutti i. Cfaeriist. della 
Cafa. Regale; e che^da. poi panado ooAr 
difiiicevole , e non. decproia ,^ che- unXai* 
co coese- Delegato, della Sede Appràoliea, 
efeicitaife giunfdìzione fopsa ì Cherici ,» 
da. AlfonOy I^ fi fede deflinato ut^de' Tuoi. 
Cappellani pct Giudice , il quale ^uci^ 
tando. ^urifilizione fopra tutti gli altri. 
Cappellani , e Cherici della Cappella del 
Re, fi fo& perciò detto Cappellano Alag* 
giore , e ciò con licenza della Sede Ap>* 
pofiolica; onde fi foce che non fb£fe pia 
del G. Cancelliere quefta inoombeoza ,, ma», 
del Cappellano. M^sggiore •. . 

Ma. non: dovea cotanto maravigUarfl 
Freccia , le a quefti tempi il CappieUae 
maggiore era. fubordinÉco • al ' G. . Caocel* 
Ih^ , ed afiiAdfe alia fua. Cancelleria i 
poiché^ in, Trancia , come rapporta Pietro, 
di M#irca (^), pratica vafi lo ftdb neHa: 
lince de' Re Carolingi ; nel quii tempo, 
nei: Belttso* Rogale; precèdevano il ^ Mae*> 
fiso del Palazso.. per-le co&dtir !m|)e- 
rie. , , ed il Cappellano. Maggiore > detto . 
aeoora A^^cappellano per le cofe Ecdè^. 
fiaftiche , e del Sacerdozio , il quale , co* 
me avverte Inemaro , Vice Rè^§An cen^. 
f^uEpifc9pemm d- Preetrunh/0S dicebat^ 
nifi caufitgrmfkéfS emgerH 
E noft. gft^ a* tempo, d' Alfen(e . L d* Ara- 
gona, mt molto. tempoftriouL fi vede etf^rfi. 
diftàcca^ quefta pceminensa dall' Uficio. 
di. G. Cancelliero i e fu quando , aìKnda« 
C^A&:h d' An^iiò coUoGata U fua Sede 
Regtac in Napoli > fa deftinaft) une de' ftioi. 
Cappellani per Giudice , il quale eferci- 
taffé g\urifdizìone independememeote dal 
G. Cancelliero, fopra tutti gli altri Cap«^ 
pellani, e Cherici deUa. Cappella Regia; 
onde peefe ilncnyie di PrafprjiffefUno Re^o^ 
ovvero di A&r.e^ della Cappella lUgea^ 
e finalmente ài/Capp^lan^ Maggióre ì del 
cui ufficio , ficcome de' fimiglianti intfo* 
dotti. da Carlo L d'Angiò nella fua Ca- 
fa Regale di. Napoli ^ (bvremo nel Regno, 
fue fi^^^^re-. 

CosJf3«|Q decorfo . di tempo , pa&te le 
Ìfan<fc^-;'e"molte. prerogative di queft* UfB- 
' ciak* 

Marea^ Cemmd^ lià^ 4. atft^y.. 



Digitized by 



Google 



DEL MCNODI WAPDlI 

j OiaceUem jM Be ^ «pi&ta ciò 

^qudP^ttra nel C^Nl^ Ntaegìo- 

j 'tMaie JMÉiyeudinu ; oggi Ihmi tì« 

lino al Gb CadcbìImo^ ckeilcte* 

ieiir i-gmli ^4fel I>MttMio> infigge , 

Ttotagia-, Fil»<bflB^ e BAuliGiaÉ» « lafio* 

pitaxaéanz ad Coltagio «le* Ooccori 

(a). iÙtisK bensì T^noie ^Ib potpo- 

jt, ili fcAeiie ne'Fgrlamettti^ e nelle al« 

tre iBMtttom y ii bblk li e we uimvieiìe il 

Re V tna nel. feflo luogo, tà é nua fini* 

Ara allaro ^1 ile dapa il G. ProtpM|ft- 

^,« tM i lètte 'Viicìiltidlte^iolllii 

'ancbe 



i. w. Md €. ekfti 



^ ^ Uficb dd G. Ginftiatero fé bene 

X^ FkC» ifvmei Uk JU>aedinato al 

C. CancelIiefO) eh* era il Magiftrato de' 

'Magi«Riti re Ca^ ér^lAci gli Ufficiali 

^i pafti»a,-e ióna ilRegne dìRiggicro 

la ittA iMontà ^aon Me-coomo 4impia*ì 

tniHadiaMio avendo G^g^lmo tao fnc- 

yBtfbftiìBiaàm il Tfe^Mbal della GiaaCor- 

le , e' da poi FedMco IL avendo ibèilitt> 

^ pìàGoMM^oni ént il Maaftxo Giaftt^ 

ateio>, <liea i^aAl Tnkanale fo^raftaf^a^ fef- 

ìb il cafo, % ibpmMi Ìa|^tu(ti gK altri 

tGittftiaieìàJilkPforiBae^ £ fecedie^ne^ 

ifto Ufid^noo iòlo ^o(k «patata un de* 

-maggiaii > e più graadi del Regao > ma 

-che ocoipaft il m»ndo kiago dopo il 

C. ConieAibik : per tqaefta cagione édi 

^de il priflEio rila £nitlra del Re > ▼ette 

ìU. porpora > ed ha pee^ iua 'panioolar in* 

4tgDia^lo flendaido^ di che fidh noi è 

ancor rittiafoveAìgio> ipaickè ia cangiane' 

'tura di doverli c£agutre lacxmdafuia di al- 

mao fenteoaiato a niolte> fi taccia q«e- 

Ao fteadardo inori di un balcone > in (t*- 

gno deir autorità del G. Ciofttaiefo . E 

3uanto pih da Federico II. iìi ianaìtato 
Trilmnal delia G. C. coAitueadolo fu- 
premos e foperioie nel Regno fopea tutti 
gli ^kriy on do^eieio tmtairii non fola* 
mente ie caafe. cvrili > e criìiiinali , ma 
aodie le caufe Pendali > delle Bvonie , de' 
Coataidi ^ de' Feudi quatctnati > e di più 
tutte 1^ canfe d' appellatìoni; ed oltre a 
\ 
.( a ) l?L Tmppìa de Jure Reg. tit. de Of* 
§c, M^ déme^ wmm. 9. Tgffmé de Jinfrf. ver/I 



IIB. Xr. CAR Vt. »5^ 
fi>lo ToUe che fi riportiftro ^ae^ 
V» d* appi&lla^ione quelle , che fi eran» 
agttate ne' Tribunali degli altri Òiùftiaie- 
rÌH delle Itevincie» ma anche le caufe de- 
legete dal Re} «vendo 'iótto|ipfti alla Tua 
giuuidààNie tutti i Duchftlel Regno j -i 
Principi» ie tutti gli ahri Baioni ; ed in 
t>ltre che póteflè conoTcere anche de' é^ 
litri di Maeftà leia; tanto ilGiuftiti^p 
che avéa la fepnmteàdenzà di quèfto Ò* 
Tribunale, cìrebbe fopta tatti gli altri Uf- 
liciali della^ Corona , e G. Giuftizìéro me- 
latamente, ai^offi } . a^ Federico in unii 
fua CaftitUzione C^) lo t:htamò '^rci^ 
ìumìnaremajus^ per lo fplèndor del quala 
'fi ofcurano gli altri minori , onde è che 
vistando egli k Provincie» ce&no glial<- 
tri Giuftitieti • 

Nel '^che dovrà notarili , che fin daqufr- 
fio tempo de* Re Normanni fi comiiitàE^ 
qnella divifione delle Provincie , che oggi 
in gran.'partfe «kicor riteniamo > le nudi 
in ^efti teitipi nonaveano nome diPià* 
vittcìe , ma di Giuihzierati prefo da* Giù* 
ftiaieri » da* quali venivano governate (e) ; 
non ateimenti che ne* temipi de' Longóni' 
bardi > fi diflero Caftaldati da* Caftalm » 
che n*aveadd il govèrno. In fatti abbia* 
mo ne'tem^i del Re Guglielmo IL Tan« 
credi Conte di Lecce , Giuftitietò della 
Pi«lia> e di Terra di Lavóro; il Cont» 
Pietro Celano^ e Riccardo Fondano , eft* 
1pe ftati Giuftizieri dèlie ftefle Pròvincio 
{d) . Così Inventi^ ne* temjM pòfi^rioti 
leggiamo ne* regiAri rapportati dal Tuti« 
Ho ( e )> che mandandofi qùèfti Giuftizie^ 
ri nelle Provineiè » fi nomitia^nò perciò 
non Magìfttl Gtuftiaieri) o Magni Giufti* 
sieri > a di&renza del Giuftiziero del Re^ 
gno , saa di quèUe fole Provincie delle 
quali aveano avuto il governo . Cosi Gio- 
vanni Scotto fi difTe Giaftiziere d'Apruz- 
w>^ è Oagliekno Sanfclicè Giuftìziere di 
Tena di Lavoro » donde le Provincie prè« 
%no qaefle denominazioni > ^ furfe lo/a- 
ftiz}afÌMto di Calabria > lo Jujiiziatiato di 
Puglia ^ di. Tèrra di Lavoro > ed altri > 
the oggi Pifòvincie fi chiamano ; anzi in 
^ueft' iOefli tempi de^ Normanni > e deV 
Svevi jmcora^ fovente atta Provincia era 

go- 
henorem liè.t. {e) Peìlegr. in difjer. Due^ 
S.p.jS. (d) PeH, ad jin.Caff.an. iioSé 
(e) Tuikhdi MaeJiuGhffth. iìi frinii. 



Digitized by 



Google 



^ D E t L* Z S T O 

^vernata dalxlue Qiuftizierì^ ficoome ne^ 
tempi 4i Guglielmo IL nella Provincia di 
Salerno vi craao due Giuftizieri , Luca 
Gu^rna , « Filippo da Cammarota . E «lalP 
aurio II 97. abbiamo (a) ^ che Roberto 
di Venofa yg Giovanni^ Fraifineto fti- 
rono ambedue Giuftizicri della Terra di 
Bari . E nel 12x5. Pietro d' Eboli , e Nic- 
colò Cicala furono Giuftizieri di Terra 
di Lavoro (b). Il chp da poi da federi- 
co li. fu in miglior^forma mutato ^ e fta^^ 
bilito , che' per ciaicuna Provincia \ (oSk 
uno Giuftiziero , il quale doycffe avere 
un folo Giudice , ed unNotajo.di atti , 
che oggi diciamo Maftrodatti) ficcomefta* 
-bill nella Coftituzionc Occupath al libro 
lyricio * Ciò che iii Japoi ritenuto dagli 
Aoeioini, li quali in ciafcuna P-rovincia 
mandavano uu, lòlo Giufiiziero, che oggi 
^a noiPrefide 4'. appella. 

Chi foifè A^xo nel Regno di Raggiero 
Maeilro Giuftiziero j no» abbiamo, che 
un fol rhcontro nell'Archivio della Trini- 
tà di \ eiiol'a , io un iftromento rapporta- 
to dàlTutini, ove fi legge, che ndl'an- 
.no 1140. tu Giuftiziero del Re ErricoOl- 
lia . Ego Enrkus >Ollia Dei grafia Rfgalis 
Ju/ifiiarius 3 ma ne^ tempi de'dueGugJiel- 
.mi fuoi fuccelTori , così prefTp Romualdo 
Arcivclcovo di Salerno, come nella Cro- 
naca di^^otar Riccardo da S. Germado , 
£e ne incontrano molti ; conje Roberto 
Conte dì Caferta , Ruggiero Conte di An- 
dria I e Lu9a Guarna , carne direme ne' 
, Regni di quefti Principi ; onde fiffi chia*- 
jo V error di colore , che .reputarono que- 
llo Ufficia averlo intro<Ibtto nel Regno 
Federico IL Fu sì beile da t}uefto Imp*- 
.radore in più fublimità, e ia miglior for- 
ma ftabiiito per .mezzo delle fue molte 
Coftituz ioni attinenti a queft' Ufficio., npn 
già che egli fofTe ftato il primo ad intro- 
durlo f come dalle, medefime fue Coftitu- 
zioni ciafcuno potrà cojiofcer chiaramen- 
te • Altire leggi furono da poi promulgate 
attempi degli Angioini intorno all' Uffi- 
cio del. G. Giuftiziero , e molti. Capitoli 
abbiamo fopra ciò di Carlo IL che tratta- 
no della fua giurisdizione, ed incuoiben- 
za i ma dovendo di queft' Ufficiale trattar 
più ampiamente , quaildo del Tribunale 



(a) NelP^rf bivio della Certo/M di Cafri infirumSig.V.1197. 
CrQì9» i« . ^ 



RI A CI VILE, 
della :G« C deHa Vicarìa farem farob » 

*<ri£pfbiam pdrciò' in quel luogo di difcoì^ 
rere così del fua incrementa » come 'del- 
la fua declinazione '; pakhè e^ndofi ia 
decorib di temrpo, lòtto i ErincipiAraf^ 
nefi , ^d ^uftriaci eretti altri Trìbunali , 
ficcome quello ^della G..C. pei:dè fua an- 
tica autorità , .e dignità , cosi ancora il 
G. Giuftiziero reftò iugran parte fpoglia- 
to de^ fuofplendore,-^ delle fue premi- 
nenze < unto che oggi * è rimafo. folo a 
xi^o a onore i tHk ritiene altro 4e. non la 
fMrédènza. jopra gli Mtii Ufficiali- dopqiiil 
G. Conteftabile , di coprirti <li "pcirpoRi nel- 
le funzioni , e celebrità pubbliche ^ e di 
godere «quelli ouori , e pfsminenxc che go* 
dono gli altri Ufficiali della Corona. 

^ V. Dtt G. Cameratìo • 

e Io che nel^egno Òi Francia era clin* 
mato il G. Tdbiùéro , per la fopras- 
teadenza^ elle teneva delle Einanze ,'pitf- 
£0 ài noi G. Camerario appdloffi, effi» 
do egli il Capo Ufficiale della Camera de' 
conti del Re . Prima la fua incombenft 
era- di aver cuftodia delibi perfena «del Re» 
dentro la foa Camera aocpmodare il fua 
letto, aver la eura, e It penfiem di prov- 
vedere il R^, e i fuoi figkiiioli di abiti: 
difponere le fentineUe per cAodia della 
perfona del Re nella fua Camera, ordinar 
re gli ufcieri , diftribuire le vefti per la 
famiglia del Re., e cuftodire le gioye , ed 
altri monili prezioir> T oro , T argento , 
ed i panni di lana , o di fera . Ma la fua 
principal incombenza eia di ricevere tut- 
to il denaro , che fi manda alla Camera 
del Re j foprantendere a tutti gli- altri Te- 
forieri del Regno, levargli, ed in lor luo- 
go ^foftituire altri . Era ancora fua incon^ 
benza di aver notizia, di tutte le ragioni 
appartenenti al Regio Fifco, delle Rendi- 
te , delle jòabelle , e di tutti gli Ufficiali . 
Aveaperciò giurisdizione fopra tutti li Te- 
forieri, eCommeffari 4clle Provincie, fo- 
pra tutti gli Erarj , e Percettori dell' en- 
trate del Regno , e tenea conto del dena- 
ro del Re , che a lui per qualunc^ue ca- 
gione era da' Percettori inviato , 1 quali 
doveano a lui render conto di tutte 1 efa- 

zio- 
( b ; Rice, di S. Cera* 



Digitized by 



Google 



DEL RECNO'DI NA 

iioai y ed entrate • Quindi avvenne , che- 
ficcome in Francia , effendo li Teforieri di- 
iperfi in tutto il Regno y e la loro carica 
divifa per le Provincie , fu riputato «e- 
cefTario ergere un Tribunale Supremo , e 
generale delie Finanze , dove fì formalfe 
lo. 'llato iutiA-o di quelfc , e fé ne facef- 
fé il riparti mento a ciafclmó de' Tribuna- 
li particolai:i delle Provincie , e dove fi- 
naln^nte tutto fi riportaife ; così .pi^flb 
di noi furfe perciò- un nuovo Trihiinalc 
fupremo, e generale bielle Finan«c j» ove 
tutto fi ripartaife : Capo del quale era il 
G. Camerario ^ effendo egli il Aiprerao 
ibpra tutti gfi altri Ufficiali, che fono im- 
piegati intorno alle cofe Fifcali , a' dirit- 
tìyy ed alle 'cfazioni y rendite , e- gabelle 
del Re , con;[e fono i Catnerarj delle Pro- 
vincie , i Portolani ,.' i Secreti , i Doi^anie- 
ri, gli Erari, ed osni altro, da' q^iali egli 
riceve i conti ; apde perciò fii appellato 
Capo UflSiciale del la Camera de' conti,* che 
ka molta fimigrianza al Comes facrarum 
largitionum preflo i Romani ^ è ficcome 
preffo coloro più erano gli Qji:eftores pecu- 
niarumi^ così ancora preifo noi più furono 
i Teforieri tninori , i Gamerar), i Porto- 
lani , i Secreti ^' i Doganieri , ed altri , 
de' quali era incotlllenza di raccogliere il 
denaro del Re . Quello Tribunale in tem- 
po di Federico IL e Àt Rè xlella Cafa di 
Angiò' fi reggeva per li Macftri Razionati 
nella Corte àtìlk Regia ZUctd ; i quali era- 
no detti Maeftri Razionali , perchè la mag- 
gior, loro incombenza era di invigilare -y 
affinchè i minori Camerar) , Teforieri , 
Doganieri, ed altri rendeifero ragioni^ del- 
la loro amminiftrazione , e ricevevano per- 
ciò da effi i conti dell' efazioni fatte , e 
del denaro che mandavan alla Camera 
del Re. 

Grandi privilegi , e prerogative furono 
concedile dal Re Lodovico d' Angiò , e da 
Giovanna L a quefti Maeftri Razionali 
(tf) , li quali erano anche chiamati M. 
Razionali della G. Corte , ed a' tempi de' 
Re Angioini da' perfoaaggi , che foftene- 
vano quefte cariche, fi vede quanto chia« 
Tom* II' 

(a) V.^apece Gateot.refp. fife. i. w*5i. 
tb) CojìtiTno hifl. Ut. i8. (e) Lue. de 
Pewia L fi quando la ^m C. de Bonis va- 
cantib. liò^io. coLz. (d) Freccia de Sui' 
feud, de O^c. M. Camer. num. 4. V. Sur* 



POLI LIB.XL GAP. VL i6t 
ra , ed illuftre foffe quefta dignità ; poi* 
ehè fi legge, che il tamofo Andrea d'Ifer- 
nia , il celebre Miccolò Alunno d' Alife», 
ed altri infigni Giureconfulti fotto il Re 
Carlo IL Roberto , ed altri Re fuoi fuc- 
ceifori furon^ Maeftri Razionali . 

A' tempi pofteriori degli Aragonefi, il 
Re Alfoufo IL a qffefto Tribunale unt 
r altra da lui eretto dalla Summaria , il 
qual fi reggeva per quattro Pxefidenti le- 
gifti, e due idioti, dandogli un capo ^ che 
vi prefedefle in luogo del G. Camerario, 
onde prele il nome àxfxxoLitogotenente{b)^ 
Si vide per ciò quefto Tribunale in mag- 
gior fplendore , ed autorità ^ poiché oltre 
alla cura del Patrimonio Regale ,. gli fu 
data anche la cognizione delle caufe Fen- 
dali , le quali prima s' appàrtenevanaalU 
G. Corte. Surfe quindi il nome della C^- 
mera Summaria^ q Préfidenti' della ^«/i>w;/- 
riay prendendo tal denominazione (fenza 
che ci andiamo lufiiis;aiyio con etimolo-* 
gie più fpezioic ài fumma rei y ovvero rtf- 
tiqnis y come vaneggia Luca di Penna (e)'^ 
lèguitato attorto da Marino Freccia (i), 
di cife a ragione ne fu riprefo dal Reg- 
gente Moles) dalla cognizione fommaria, 
che dbvcano prendere fopra i conti , de- 
claratorie, o fignificatorie, che da' M. Ra- 
zionali fi fpedivano , Onde ficcoraè ap- 
preffo iFranzefi quefto Tribunale Cappel- 
la IsL Camera de"" conti y ovvero delle FiWw- 
%e : cosi preifo di noi per V ifteifa cagio* 
ne fu àtXXdK2amera della Summaria . Ciò 
che maggiormente fi conferma da un pri- 
vilegio dell' ifteflfo Re Alfonfo inferito nel- 
le noftre Prammatiche (e) , dove il Re 
chiaramente dice , efTerfi quefto Tribunale 
chiamato della Summaria , quod rationes 
ipfie in Camera per PrafidenteSy & Ratio^ 
nales ibidem ordinatos SIJMMARIE vide* 
rentur: dì ^ che ritornerà occafione di par- 
lare più ampiamente , quando dell' iAitu- 
zione di quefto Tribunale della Camerar 
feguita nel Regno d' Alfonfo L ci tocche- 
rà di favellare • 

Quefto fupremo Ufficio di G. Camera- 
rio, ficcome è vero ciò che dice Freccia, 

X ' che 

gent. de Neap. iUuflr. cap.7. num. 2. & 3^ 
€> cap. 26. num. 24. in fin. ver/. diSa e fi 
autem Summaria. (e) Pragm.i. deOffic. 
Procura Cafar. 



Digitized by 



Google 



i6a 



DELL' ISTORIA CIVILE 



che fu da Carlo L d' Angiò riftabilim in 
miglior forma y . a fomiglianza di 'quello 
di Francia •: non è peràr che foflfe ftato 
Carlo il primo ad introdurlo, éffendofta- 
td conofciuto da'noftri Re Normanni , e 
Svevij e di molti Camerari faffi nel Re- 
gno di quelli Principi -memoria : mólti fé 
ne le:?gouo nel Regno di Ruj^giero iftefTo , 
ma i loro nomi eflendo ftati a noi invo- 
lati dair-antichità deltempo, nonabbiam 
potuto qui rcgiftrargli . Beh ne' tempi di 
Guglielmo I. fuo fucceiTore infra gliakri 
leggiamo Maeftro Camerario deh Palagio 
Reale, Gaito Joario; dopo la morte del , 
quale fu creato -Maeftro Camerario Gaito 
Pietro Eunuco ,, ambedue Saraceni {a). 
Era prelTo quelli il nome di Gaito , nome 
di Ufficio , che non voleva denotar altro , 
che .Capitano (ii) . 'E nel Regno di Gu- 
glielmo IL -pur leggiamo , che Gaito Ric- 
cardo fu Maeftro Camerario del Regal Pa- 
lagio (r); e ch^Gaito Martino avea cu- 
ra delle rendite della Regal Dogana . E 
fotto il medefimo Re pur abbiamo men- 
zione de' Camerari di Calabria, che rife- 
devano in Reggio, fra i quali fuGi^an- 
ni Colomeno , di cui ci tornerà occafio- 
ne di parlare nel Regno di quefto Princi- 
pe (^) • Così ancora ne* tempi de' loro 
AiccefTori Svevi , . e nelle Coftituztoni di 
Federico ( e ) lì leggono molte.leggi atti- 
nenti a cjueft' Ufficio , cosi del Maeftro 
Camerario, come degli altri Camerari in- 
feriori delle Provincie ,' Doganieri , Mae- 
ftri Secreti, ed altri , de' quali il Toppi 
Icfsè lungo catalogo . 

Carlo d'Angiò lo. ridufle in miglior for- 
ma a modo del Regno di Francia , ftabi- 
Icndo un folo G. Camerario , al quale 
tutti gli altri Camerari delle Provincie ub- 
bidiflero, ed a cui tuttofi riporralTe, co- 
ftituendolo Ufficiai fupremo di tutte le Fi- 
nanze . E ci diede molte leggi fcritte , e 
ftabilimenti intorno alla fua incombenza-, 
formandolo un particolar regolametito di 
quefto Ufficio, nel quale non potè né me- 
no dimenticarfi de' vocaboli Franzefi ; poi- 
ché ftabill , che /offe dell' autorità del G. 

(a) Ugo Falcand. (b) Capecelatr. 1.2. 
fag. 107. (e) Capecelatr. lib. ^. P^g'ii9» 
( d ) Capecelatr. Iti. 3. pag. 128. ( e ) Con- 
fi r. fi quando forte y [nb ttt. de forma qua* 
littr Jint IwanddB rcs Fi/cales Confihut. Au- 



Camerario di deputare ,.Tuftitaire> e toT« 
reggere ; i Graffieri j de' quali V incomben- 
za era feri vere , e notare • , ficcome degli 
Ant$graffierV:àì contrófcrivere , e notare , 
^che noi *t>ra nel Regno thiamiama'Cre^m- 
zieri j 'affinchè non ii commettelfe ^pde 
'Hell'efactoni. Stabili ancora iMaeftride* 
gli Arrefiìj onde' è che. ancora prefTo noi 
{offe rimafo quefto vocabolo Eranzeiè , e 
diciamo perciò gli .«^Avv^i *delU Camera^ 
ficeome -eili chiamano-'le determinazioni^ 
e fentenze de' loro Parlamenti (/) . 

'Ne' tempi poftefiori , e men a noi lon- 
tani ^ xonfinciò il'G. Camerario a perde* 
re quefte tante iue prerogative , ma non, 
già il Tribunale della Camera ; iierchèreg- 
gendofi <^ucfto dal fuo Luogotenente , co* 
Prefidenti , e Jtazionali della niedefima> 
come che il crearlo non s'^appartiene piò 
a lui , ancorché fi chiami fuo Luogoteneo* 
te » ma al Re j quindi è nato che fé be- 
ne quefto Tribunale fi fofle innalzato al 
pari degli altri Tribunali fupremidel Re- 
gno, il G. Camerario però è -oggi rima- 
fo per folo titolo di onore , né più s' im- 
paccia degli affari del medefimo , né è 
della fua incombenza d'intrigftfi nelfca- 
trate della Camera delfte ^ ma tutto fi fa 
dal Luogotenente , e Mbi Minifiri, i qua- 
li al Viceré , «che è in luogo del Princi- 
pe, fon obbligati dar conto della loro in- 
combenza , avendo un particolar Teforic- 
ro da chr viene confervato il denaro del 
Re. Ritiene però le fue preminenze, così 
nel federe alla parte finiftra del Re dopo 
il Giuftiziero (g) ^ occupando il quarto 
luogo, come nelle congiunture folennì di 1 
nozze , o altre funzioni pubbliche , di ve- 
ftirfi di porpora, e tra L fette Uffici della 
Corona é ancora annoverato y ed infmo 
agli ultimi tempi fé gli pagava il foldo« 

§. VL Del G. Pròì9ììotarh- , 

Pietro Vincenti, che diftefe nn libret- 
to de' Protonotarj del- Regno, più to- ' 
fto tefsé uà catalogo di coloro,: che efcr- \ 
citarono quefta carica nel Regno, che ci I 

thorstatem Magi/iris . Confth. Magifiris Fro- 
curatoribu^ y Ór. (f) V. Freccia loc. cit, 
Hum. II. & 1%. (g) Freccia loc. cit.num» 
II. Ó* 12. 



Digitized by 



Google 



DEE REGNO DI NAP 
dèlcritfé il loro Ufficio ^^ ed. impiego. • Il 
Frotoaotario y ovvero Logoteta non. vi è 
diibbio che prefibdinoi prefe il' fuo prin- 
cipio da'. Greci , ficcorae-dcnata la vocfi 
ifteffa ; ma ciò aon fa che queft' Ufficio 
non. fotfe conofciuto da' Romani fotto al« 
tro, nome. Nell'Imperio, eflendo egli il 
Capa de! Notai era perciò chiamato. Pr/- 
micerius Natariorum^.eàitrsL decorato dcl^ 
la dignitLProconlolare , e dopo due anni 
dlefercizio divenivai//«/Zr<?.. Avea nell'an- 
tico Imperio^fotto dife tre forte,, o aradi 
di. Notai ,. che fono apertamente, diftinti. 
liei Codice Teodofiano (a)..l primi era- 
no intitolati Tribuni PrMoriani y ^ Nora' 
riì ytà anche v.cbme^ V attcila. Caffiodòro 
( A ) , erano.-chianuti; Candidati ; e quefti. 
avevano la, dignità de' Conti . I fecondi 
erano femplicemcnte, detti Tribuni , & No- 
tarili; t quefti. aveano la. dignità, de' Vi- 
cari} . Finalmente i terzi erano chiamati. 
Notarii familiares , ovvero domejiici ,' li 
quali avevana l'ordine y o dignità biella. 
Can/yJarità <.. ^ 

Ma ^ non. bilpgna . confondere quefti No- - 
mi con quelli . d' òggi , ohe i Romani ap- 
T^lisitoao.Tabellìones^ i quali y conie di- 
remo,, aveano funzioni diverfe, ed erano 
Uificj ditferentiflTimi . Siccome non. bi fo- 
gna confondere l'Ufficìo^del G. Protono- - 
tario 2L tempi de' noftri . Re. Normanni y . 
Svevi, Angioini,, ed^Aiagonefi, con quel* 
lo., del. Viceprotonotario^d' oggi ,. riftretta • 
alla fola. creazione de!- Notai ,n e Giudici, 
cartulario ed alle legittimazioni*. 

V Ufficio del G. Protonotario era ne* * 
tempi di. quefti Re* cotanta. illuftre, che* 
in. gran parte fomigliavafi a quello del 
Primicerio de' Notai, preffo i Romani.. 
Quefti , fecondo ce lo defcrive Caffiodò- 
ro (r), e Giacomo Gottofredo *(</), era 
del Gonciftoro del Principe , ,avea il pen- 
fiero, e la. cura di notare ^tutti gli atti,, 
ed i fecrettidcl Principe ,' che fi facevano- 
nel fuoXòncifiòro:.per lui ufcivan fuori, 
i Refponfi, ed'i Decreti imperijy> e fo-- 
vente le Orazioni degl'* Imperadori fatte 
al Senato >fi recitavano dal Primicerio : in. 
breve egli era il Secretarlo fedele delPrin- 
eipe, a cai non. vi era . fecreto , ^ o confic- 
ca) Cod. Th. /.j. de Prìmic. & Notar. 
( b) Caffiod. lìb. 4. Epift. 3. ( e ) Caffiad. 
6. var. 3. IO. & 16. & lu var. 18. (d) 



OLI LIB. XL GAP. VI. i6f 

glio,.chenon. Il confidale 9 e perciò l'ob* 
bligo della, fua carica lo aftringeva conti- 
nuamente ad affifterlo, e con indefcflaap- 
plicazioneatteudepe • alle rpedizioni de' fuoi 
imperiali comandamene.. Tene va, perciò 
fotto di. fé que'tre gradi di Nota),, che 
ridotti 1^ forma, di Milizie, o di Colle- 
gio ,. militavanofotto di lui , J quali avea- 
no molta, fomiglianza a'Secretarj d'oapi 
di Stato, o del Gabinetto, e della Cafa 
del Re, de' quali favelleremo, nel- Regno 
di. Carlo. II. d'Ansio'.. 

Uguale era l'Ufficio, e pofeftà del^G. 
Protonotario* ne' tempi di quefti Re. Il 
fuo principal impiego non i era già della 
creazione^ de'- Notai , .. e de' Giudici.cartula- 
r j , , ma ; d' affiftere continuamente • appre(!b 
la perfona deLRe, ricevere le preci, e i 
memoriali , che fi portavanp a; quello, 
fcntire nell' udienze coloro ,, che aveano 
al Re. ricorfo ,. «e ^f ame al medefimo rela- 
zione: per le fue mani paifavano tutti i 
diplomi, e dalai s'iftromentavano.. Tut- 
te le nuove Coftituzioni , . gli. > Editti >^ e le 
Prammatiche^ che ir Re ibbìliva, erano 
dal - JPn>tonotario 'dettate j e firmate v Ciò 
che il Principe , o nel fuo Gonciftoro , o 
in ogni altro iuo Configlio ^ fentenziava , 
o..decretava, egli riducevdoa|ìi forma di 
fentenza, p di. deccetov ovvero in forma 
di diploma, o privilegio '(e), E fi vide 
nel Regno di Cartoli, d' Angiò inquan* 
ta. eminenza arrivale V quando queft'' Uffi- 
ciò era efercitato' da Bartolomeo di Ca- 
pua, per* man(\<>del quale paffavano i più 
gravi , . e rilev^nti^ aitar i' della \ Corona . 

Ma ficcome ihdecorfo di tempo il Tri- 
bunale ' della G. Corte delLi .Vicaria -ab- 
bafsò . il G. Giuftiziero , riducendolo in 
quello ftatoi^che oggi fi vede, cosi l'ere- 
zione del Configlio di ,5.: Chiara a' tempi 
d' Alfonfo I. Ré ' d' Aragona fece quafi che 
fparire il G. Protonotario ^ e quantunque 
Alfonfo concedendo*' al Prefidente di quel- 
lo- ugual '' poteftà , "fi dichiarale , . eh' egli 
non intendeva pregiudicare alle preminen* 
ze del G. Protonotario , tanto che o e^li , 
o il fuo Vlc'nroconotario era ammeflo a 
prefiedcre in quel Configlio, e fovente a 
commettere le.caufe ,. non altrimenti che 

X 2 fa* 

Goth. L I. 2. C. Th. de Frimic & Notar. 
( e ) Freccia de Subfeud. de Offic Logot. & 
Proton. num. \. & 2. 



Digitized by 



Google 



t^4 D E L r I S T O 

Éiceva ilPrcfidentc ; nuUadimanco a poco 
a poco r Ufficio di G.PrQtonotario fari- 
dotto poi a titolo d' onore , e rirnafie fuo- 
ri di quel Configlio; e s'arrivò a tale, 
che dovendo il G. Protonotario affiftcre 
di perfona, né fenza nuova permiffione 
del Re potendo elegger altri per Vicepro- 
toQotario y che aflifteffe in fuo nome , non 
CQiicèdèndofi pii^ dal Re tal facoltà ^ fic- 
c^e fi legge Ca) efferfi conceduta da Car- 
lo IL a Bartoloniep.di Capua; il Vicc- 
protonotario non più fi creava daini» ma 
a dirittura dal Re , come fi pratica tutù- 
via . Per quefta cagione fu» introdotto, 
che il G. Protonotario, quando era dal 
Re, eletto, .pigliava con moka folennità 
il. pofleifo ilei Configlio di S. Chiara, 
con intervenire ittfieme. col Prefidente, e 
tutti gli altri Configlieri in tutte le fen- 
tenze , ch©^ fi profferivano q^iella giorna- 
ta ; e per quefta coerenza s' introduce an« 
Cora, che il- Re creava Viceprotonotario» 
r ifteffo Prefidente del Gcnfiglio , onde 
quafi fempre fi videro' quefte cariche unir 
te in una medefima p^fona , come più 
diffufamente diremo nel^egno d' Atfoa- 
fòl. 

In decorfo di tempo effendo innalzati 
a queft' Ufficio i primi Baroni , non più 
Giureconfiilti , come a' tempi di Bartolo- 
meo di Capua : i G. Protonotarj ,. come 
perfonaggr d' alta gerarchia , jjuafi fdegnan- 
ao d' intervenire di perfona nel Configlio 
di S. Chiara , i Viceprotonotarj venivano 
ad affiftervi ; ma quefti p^i non eifèndo 
più creati da cffi, ma dal Re, vennero 
per ciò affatto i G. Protopotarj ad effer- 



nc efclufi , e di non aver poi parte alcu- 
na in quel Configlia. Dall'altra parte i 
Prefidenti del Configlio , T autorità de' 
quali era grandiffima, efclufero poi iVi- 
ceprotonotarj dalle commeffe delle caufe, 
e da tutte V altre preminenze , che rappre- 
ièntanda la perfona del G. Protonotario 

E rima aveano ; onde venne a reftringerfi 
i loro autorità alla fola creazione de'No*^ 
tai, e de' Giudici Cartulari , ed alle legit- 
timazioni ,. che ora gli rimane . 

Ma quantunque V Ufficio di Viceproto- 
tiotario fi foffe riftretto a. quefte tre fole 
incombenze : portando la creazione de' 



(a) Frec. lou cìt^ num. 17. (b) 
Igì^is in PP. 



RIA CIVILE 

Notarì , e de' Giudici , il vifitare i loro 
privilegi, e protocolli, grandi emolumen- 
ti ; furferp gravi contefe fra i G. Proto- 
liotarj, che pretendevano quelli a loro do- 
verfi , ed i Viceprotonotar; y che come dc- 
ftinati dal Re, tutti ad effi fé gli appro« 
priavano: intorno a che Marino Freccia 
Xb) rapporta una fiera lite , . che a' fuot 
tempi pe|[^ ciò s' accefe fra il Duca di Ca- 
ftroyillari G. Protonotario', ed il famofo 
Cicco Loffredo Viceprotonotario • Prcfcn- 
temc'nte tutte quefte qpntefe fon finite , 
paichè il Viceprotonotario aoa ricoQo- 
fcendo da altri, che dal Re quefta cari* 
ca^.fe l'appropria folo, ed ora 1' Uificia 
dì G. Protonotario è rimafo ^a fol titolo 
d'onore', iènza foldo , e fenz' emolumen- 
ti ; ritiene però «gli onori di veftire ^ 
porpora , e di federe ne' Parlamenti nel- 
la parte deftrà del Re dopo il G. Am- 
miraglia. 

Ma egli i ben da avvertire, che iNo- 
tari d'oggi, lacreazion de' quali s'appar- 
tiene al Viceprotonotario, non hanno con- 
formità alcuna con .c|ue' Notati , delti qua- 
li '«fi parla nel Codice Teodofiano , e di 
cui parla Caffiodoro <; ì ^ùali , còme fi è 
detto, aveano piùfomigUanza con gli Uf- 
ficiali della Secretaria , • o Cancelleria del 
Re*, li quali hanno il penfiero degli at- 
ti , e delle fcritture del Re ,. che co' No- 
tari prefonti , la cui incooibenza fi raggi- 
ra agl'iftromentii^edatti de' privati, an- 
corché U lór Ufficio pubblico fo{{p. Han- 
no coftocO'più coerenza oxiTabelticnì.àt- 
gli antichi Roijpani , V UIEcia de quali 
era a quefto fomigliantiffimo y con vlxìx 
fola differenza , che nella perfona de' No- 
tati d' oggi fi vedono uniti infieme V Uf- 
ficio de' Tabularii , e quello de' Tabellioni 
Preffo i Romani coloro, ch'erano dc- 
ftinati gd aver lacuftodia de' pubblici Ar^ 
chi vi >. ove fi confervavano i pubblici iftto- 
menti, ed i monumenti delle eofe. fatte, 
fi chiamavano Tabularti , poiché .il luo^ 
go, dove^ quelli fiferbavano, era appella- 
to sTirÀ«/jrn^m^ ed i Greci lo chiamava- 
no Grammaxophytacium y ovvero Archìum 
(r ) j e fovente la cura di queftr luoghi 
era commeffa a' fervi pubblici, cioè com- 
prati con pubblico denaro delle Città , a 

«• del- 
FnfJof. eit. num* Z2* (e) Budeus in anmt. ttt^ 



Digitized by 



Google 



DEL RECTNO DI NA 
delle Provincie ; e quefti Tabular) , per- 
chè pubblici, non fofo per la Repubblica , 
ma anche per ciafcheduno privato poteva- 
no intervenire , e ftipulare , acquittare , e 
in lor nome prender anche la pólfeffiòne 
(a). L' Imperador Arcadìo poi difcacciò 
dal T^òulafio i fervi pubblici^ , e coman- 
Àò che i Tabulari folfero uomini liberi 
C^), i quali come perfone pubbliche po- 
♦teffero ftipulare per altri , non ahrimènti 
che il Mapiftrato ( e ) . Ma T Ufficio di 

Suefti Tabular) non era altro, checufto- 
ire neir Archivio i pubblici iftromenti , 
e' monurtlenti delle cofe fatte , e comfe 
perfone pubbliche di poter intervenire , e 
ftipulare per altri . - 

Li Tìibellimi eirano qvelli , i quali à< 
vanti a' Tabular) dettavano , è fcriveva- 
no i teftamenti , e ftendevano i contrat- 
ti , facendone pubblici iftromenti (.^7, 
che fi davan poi a cònfervare a' Tabula- 
t) . Quefti Tabeljio.ni erano ancora ofaia- 
isxztC Nomici ^ cioè JurisJiud^Ji^ perchè in 
quelli per concepir bene , e dettare gì' iftro- 
menti , ovvero teftamenti , vi fi ricercava 
ancora qualche perizia delle leggi ( e ) . 
Altri interpretarono la voce A7ow/r»r, cioè 
Legiùmus , perchè egli rendeva legittimi 
tutti c^li atfi. Che che ne fia egli è cer- 
to , che i Tabellibni , che oggi noi ap- 
pelliamo iVi?rtfW, erah tutto altro da' Ta- 
bular) , i quali erano prepofti all' Archi- 
vio , ficcome fra di loro vengon diftinti 
da Giuftiniano nelle fue Novelle ^/)', e 
non tlifogna confondergli , tome fiy:ero 
Accurfio C^) , Goveano ("A>, e Forca- 
tolo ( / ) . 

Quefte due funzioni però s*unlron poi 
nelle perfone de' noftri Notari ; poiché 
ficcome prima i Tabellioni avanti a'Ta- 
bularjr fcrìvevano el' ifljromenti , e preflb 
quefti nell'Archivio fi confervavano : poi 
fu introdotto , che gì' iftromenti , o tefta- 
menti avanti a' Tabellioni fi- fcrivcflfero , 
lenza piò ricorrere a Tabular), e ch'elfi 
medéfimi gli confervafTcro , facendone pro- 

( a ) P^. Aulìf. in Commeyit. ad tìt: ^B^b^ 
Oblig. ۈp, 2, qu. 2. ( b ) I. generdi^ml. iS^ 
Tabutar. tib. io. (e) Inflitut. §. almkb^ 
tem , de Adepf. (d ) Nm). 44. dt Ta^efL 
Ncn}.<)j. de inflrum. raut. L i. C. Th. de Crìm. 
falfi • ( e ) Nov.. 6&. §, t . /?i prÌ7tc. ( f > N<yv. 
44-* ( g ) AcfHff. L fi pufrliut abjfeìH f JX 



POLI LIB. XL GAP. VI. 1^5 

tocollì, e cuftqdendoglì non più ne' pub* 
blic) Archivi ; ma nelle proprie cafe^ . 
Quindi nacque , che confondendofi queft* 
Uffic) , fofle il Notato riputato perfona 
pubblica , e che ficcome i Tabular) pote- 
vano ftipulare per altri , poteflero anctf 
cflì farlo ., 

Divenne? perciò 1' ufficio de' Notari di 
maggior fede , e confidéiiia ; ond' è che i 
Principi nel creargli vi ffabilirono certe 
leggi, e ritercarono molti requifiti , d'ef- 
fere incorrotti , e'di buona fama , fedeli , 
ed ifitelligenti ; che fappiano fcriver- be- 
ne , ben intendere fe convenzióni 'delle 
parti per poterle pòi nettamente ridurle 
m ifcMto : fiano fecreti , Jibgri , Criftia- 
ni , conofcana i contraenti , e perciò na- 
zionali ^e' luoghi, ove defiderano efeiti- 
tare . Quindi richiedendo queft' Uffieio 
uria fomma fedeltà, fi vide ne'ten^pé an- 
tichi efercitarfi preffo di noi doj' perfooe 
nobili ; e ficcome' un tempo non fi fdc- 
gnavano i nobili , particolarmente i Sa- 
lernitani, efercitar Medicina , cosi anco- 
ra molti nobili ^dé' noftri Sedili , non fi 
fdegnarono ne' tempi antichi farfi Notari ; 
e Marino Freccia (*) teftifica aver egli 
veduto niolti. iftromenti , régiftri \ inven- 
tar} , ed altri antichi monumenti fcritti 
per mano di Notari nobili , le cui fami- 
glie, egli dice, non voler nominare , per 
non dar difpiacere a' loro pofteri leggen- 
dole-. Quindi nacque ancora. preiTo. i no- 
ftri Autori la maffima, che per l' eferci- 
zio del Notariato, non -fi pendano 1 pri- 
vilegi della tiobikà , e che non debbano 
i Notari noverarfi fra gli artegiani ( / ) . 

§. VIL Dei G. Sinifcatèo.^ . 

Siccome pretfo i Franzefi , dopo la fup- 
preffione de' Maeftri del Palazzo , 
quattro Uffic) della Corona furono aran- 
demente accrefciuti , che ri<»uardavano la 
Guerra , la Giuftizia , le Finanze , e la 
Cafa dèi Re j e per qucl^che ft attiene 

; ^^'\ alla 

iRem pupi Lfidv. fere y &l.nonaHtery D,dt' 
^ Adoptfon. ( h ) 6€vean. 2. leB. io. ( i ) For-» 
vat. Dialog. 98. w. 3. ( k ) Freccia de Sttè^ 
feud. lib. I. tif. de Offic. Lùg§t. numer. 14. 
i\) V. Tapp. de Jur. Regn. de Offic. No- 
tar* num. 6, 7. 8. 



Digitized by 



Google 



tà(k 



DELL*^ ISTORI A CIVILE 



jMiGuerHi, forfè il C-.Cootcftabile ,. per 
b*Giuftizia il G.CaricclIitrre , e per le 
Finanze. ilG^.Teloriero. Capo, Ufficiale^ 
della. Cambra de' conti : così ancora per. 
quel:, che- riguarda la. Cafit. del Re-., in- 
nalzofll il or Macftro di Francia , anti-. 
camente chiamato Conte del Palazzo , 
cioè Giudice. della. Cafa^delRe , eh' ebbe_ 
U govcrnamento .della medefima. 

Noaaltrimenti nella Corona, di Sici- 
lia , oltre gli altri Ufficiali annoverati , 
fi vide ad efempio 4i quello., di Francia 
iLG.,Maeftro.di Sicilia , chiamato. ,coa. 
tfocabolo, ancor Franzefe SinifcalcO: , ov- 
Tero^Maggiordomo della, Cafa^ del Re, il 
quale aveàmil goyernamento> della mede- 



iima, 
defe 



la, cura > ed il penfiero- di prove- 



veri 



il Regio. Ofpizio di ogni forte divi- . 
, fecoado il bifogn^ richiedeva : era 



ancora della» fua incombenza di. provede* 
re delfc biade, ed altre vettovaglie perii 
cavalli della,, ftalla- del Re y. tener, cura 
delle Foreftc, e delle caccie riferhate per 
divertimento 'debKc , de'^ familiari , ed 
altri feryldori della Cafa Reale., foprai 
quali teneva giurifdizipné di correggergli, 
e caftigargli , eccetto che fopra i Ciam- 
bellani , i quali per eflcrc intimi fervido- 



non abbiamo fra le reliquie dell* antichis- 
ta, chi fofli ftato fuo G-Sinìfcalc(x: egli 
è pero, che in- tempo di Guglielmo L fuo 
fucceffpreL: leggiamo fuo. G: Sinifcalco Si- 
mone-cognato delfM]iofoMaione,..di q^i 
abbìaiao.' anche memoria preflb il Pelle- 
grinò (A), al quale anche Gugliemo die- 
de il governo della Pualùi (e ); oiiienoa 
è da. dubitare , che queft' Ufficio infieme 
con gli,, altri fofllf da^ Normanni ihtrodot-. 
to fra» di. noi.. 

Ma (icc.gme ciò è vero , così anche è 
ceftiffirno^.che in tempo dcgli.'Angioini, 
e particolarmente di Cariò, IL. ricevè mi- 
glior^ forma,, e fu U. quale furono dati va- 
rj provedimenji, e. ftabilito^auovo modo^, 
e 4j^tegli altre > iaconibenze , fecondo la 
Tabella.ftabilita per- queft' Ufficio ,. che 
rapporta Freccia *i,pod' è che in .Napoli li 
videro • fprgere quegli altri .Uffic) minori 
della Caia .del: Re ,^Tlipendenti dal G. Sk 
nifcalco : . e la r^igione - fi fu , ..perch*. avca* 
do Carlo I. d' Àngiò fermata la. fua Re** 
già Sede in Napoli , , il G« Sinifcalco fi 
diftiniè fopra tutti. gli. altrL Ufficiali del- 
la Cafa Reale, che furono molti riabbia- 
mo perciò, nel . Regno, di -quefti^ Angioini 
fovente memoria . de' Maggiordomi della 



ri, eXubicularj del Re, che pongono il, Cafa Reale,. de' Maeftri.,deV cavalli regi , 



Re, in letto , e: Io fcalzano , e. fono nella 
Camera . fecrcta. del Ré , perciò furono . 
eferizionati dalla giurifdi^ione del G. Sir , 
nifcalco , ficcome. li Collaterali del Re. , 
che erano pajtecipi dfel co.nfiglio fccrcto » 
del Re , e rilutati come parte, del jcorpo -. 
del Re {m).: 

Era egli -^rciò" il Giudice^» della* Cafa, 
R^ale , e fotto la. cura fua era tutta là 
famiglia del Palazzo regio , e tutti gli al- 
tri Ufficiali minori della, cafa del -Re , i 



de' Maeftri Panettieri, regi , de' Maeftride* 
Palafrenieri , e della Scuderia Regia , àt 
Maeilri dell'. Ofprzio Regio-, de' Macftri 
delle 'Razze Regie, de* Maeftri^Mailari t 
e de' Sinifcalchi dell' Ofpizio -Regia-, fic- 
conM- ne' tempi di Giovanna !• lei^amo : 
Phicf/illus Gaetanus Re£Ìnalis /jo/phii Se^ 
nefcallus'^^ e. fotto Carlo IIL.fil^ge ; No* 
iilhvir Batthalomeus T^mactllùs mtlesRe* 
gii hoJJpitiiSene/caUus'y e fotto Ladislao fi 
trova Paolino ' Scaglione Sinifcalco dell' 
Ofpizio di detto Re , ed altri rapportati 



quali fecondo i, particolari loro impieghi . 

alfuuTero vari nomi.;, onde furfero molti, dal Tutini ( J ) . Così ancora Ufficiali della 

Uffici : detti non già della Corona , ma Cafa del Re fubordinati al G. Sinifcalco era* 

folamente. pct quefto fine. , dclla^Cafa, no il Pfepofito della Cwckia.del Re : il 

del Re . ' .. Prepofito della Buccellari^ Regia . Il Giù- 

Noi a temp» de' Normanni non abbia? dice dell' Ofpizio Regio;..! CiambelUni 

mo. rifcontri di quefti mi^«ft. Ufficiali , Regj . I Valletti della Nappa del Re . l Cac- 

ma sì bene del G. Sinifcalco-, che fi dif^ ciatoriRfgj .11 Cuftode degli Uccelli del 
fé cosi pereffer il maggiore, e fopra tutti ^Rc^I Falconieri, del Re , ed ahti , de 

gli altri Siijifcalchi minori deirOl^izio qi»Jnci. tornerà occafione di favellare nel 



xegio ; e f e^ bene a' tempi di Ruggiero 

(a) Freccia de Subfeud. lib. i. Offic.M. 
SentfcaL ( b ) Pellegr. in Notitia Judicat. 



Regno, di queftiPrincipi più diftefamente • 

Ma 
^^^•257. (.e) Capecelatu Uh. 2. pag, 77* 
( d ) fuim. degli Offie, del Kegn. infrìuc^ 



Digitized by 



Goqgle 



Ì)EL RFGNO 01 NAPOLT tlB. %l. 

'Ma ficcomc ne' tempi d^gli Angioini il 
'G. Sinifcalco per li tanti Ufficiali a fé 
fòftopofti fu nel maggior incremento , '6 
fnblimità, e furono le fue prtrogative ri- 
tenute ancora ne* tempi ctegU Aragonefi, 
per cagtone che quefti Re 'mament^ero la 
loro tefidenza in Napoli ; così da poi paf- 
lando quefto Regno fotto la dominazione 
degli Auftriàci , e perdendo quefta Città 
il pregio d' efRr Sede Regia , fi fcemaro- 
no in gran parte le prétogative del G. Si- 
nifcalca , e mancarona molti de' fopranno- 
mati Ufficiali dellaCafa del Re, e^nal- 
mente iper ^queft' iftelfa cagione in pflitef- 
ib di tempo reftò preffo noi a Coi titolo d' 
- onore , fenza funzione , e fenz' efercizio • 

Per quefta fuppreffione s^ innalzarono 
molti di quegli Uffici dipendenti da lui, 
€ ad eifer riputati ( fé bene non delli fet- 
te della Corona) almeno de' maggiori del 
Regno ^ e ad altri non Subordinati , jco- 
me il MaeftiD delle Razze Regie ^ che 
chiamarono il Cavallerizzo del Re . Il 
Gran Montiere maggiore , ovvero il Mae- 
Aro deHa Caccia del Re, chefopra i Cac- 
ciatori Regf , e fopra tutte fé Forefte del 
Re , e caccie ha la foprantendenza ; ed 



GAP. VL i6f 

e iWe neir ultimo luogo a' piedi del Re , 
e- tra' fette Ufficj d^la Corona è anno* 
verato . 

, Ecco come Ruggiero ft^bilifli il fuo 
Regno i ecco anali foifero le leggi , e Ja 
politia ,xhe V introduife , glj Ufficiali 
per i quali veniva amrainiftrato , e come 
dopo tanti travagii lo riducete in una 
ben ferma % e tranquilla pace • Ma neu 
contento il magnanimo fuo cuore d' ave- 
re ftabilira in cotal giiifa la Monarchia > 
fa da poi tutto intefo agli acquìfti de 
nuovi Reami, e Provincie, ancorché pò- 
fte nelle parti più reihote , e lontane 
dell' Afirica. 



C A P, VII. 

SpedÌTÙMg di RuCGTfiRO in jtffrìca 

virtù , e /ita morte ^ 



fut 



INtanto il PonteìSce Innocenzia dop^ 
aver governata Quattordici anni la 
Chiefa Romana , il dì 24. di Settembre 
dell' anno 1 143. mori in Roma molto af- 
ffitto per li travagli , che gli diedero gli 
Amaldifti ^ ed i Romani , i quali eran^ 



altri de' quali ci tornerà occàfione di par- entrati nell' impegno di voler* riporre laf 
lare a-pìti opportuno luogo, Nelchenon lor Patria ncU* antica Tua liberti , e di 



dobbiamo tralafciar d' avvertire , che fic- 
come di quafi tutti gli Ufficiali finora an- 
noveratf poffiamo far qualche paragone , 
ed aver qualche rifcontro tra gli Ufficiali 
nella Notizia dell* Imperio : de' .Gran Mon- 
tieri però non bifogna cercarne de' fimi- 
glianti , poiché gì* Imperàdori Romani 
non erano inclinati alla caccia ,tfCome fu- 
rono i noftri 'Re , cJie reputando queft' e- 
fèrcizio proprio della profieffione delle ar- 
mi , alle quali erano inclinati , e che (o* 
vente pcrcrA non per miniftri , ma per 
effi ptuerreff^iavanò : ftimarono per la cac- 
cia così renderfi efperti de' fiti ^ e pofitu- 
re de' monti, valli, po^eiì, piani , ^ fiu- 
mi , che repolarmente hanno l' ifliéffe po- 
fture , e fiti in tutta la terra . 

Cosi 09>3:\ preflfo di noi l'Ufficio del G. 
Sinifcalco per la lunaa aifenza de' noftri 
Re dal -Reame , tenendo altrove colloca- 
ta la Règia loro Sede , è quafi eftinto , 
ed è fol rimaib a titolo d'onore : ritiene' 
bensì nelle consfionture di qualche Parla- 
mento, o pubblica celebriti le fue prero- 
gative, e preminenze: velie di porpora. 



antica lua iioerta , e 
>iftorare in Roma 1' antico Ordine Sena- 
torio , ed Equeftre per abbaflate 1' Ondi- 
ne Ecclefiafticò , e per tal cagione face- 
van continui tumulti contro il Pontefice. 

Fu in fuo luogo eletto Guido Caftello? 
Cardinale del titolo di S. Marco , ed ac* 
clamato P^a fotto il nome di Celeftino^ 
IL il quale , 'appena erano fcorfi fei meli 
del fuo Ponteficato , che infofpèttito -del- 
la grandezza ài Ruggiero, tentò di rom- 
pere la pace fatta dal fuo predecefifora 
con quefto Principe; ma fopraggiun topo- 
co da poi , il di 8. di Marzo dell' anno 
iè£;uente 1144. dalla morte , non potè 
farlo . Crearono i Cardinali per fuo fuc- 
ceflbre Gerardo Caccianemico da Bologna: 
Cardinal di -Santa Croce , che fi nomò^ 
Lucio IL 

Quefto Pontefice , fcguitando le pedate 
di Celeftino, ebbe animo non ben paca- 
to con Ru^aiero, e proccurando quefto 
Principe d' averlo amico , s* abboccarono- 
infieme nel Monaftero Caffinenfe ; ma 
non potendo riufcir l'accordo per le diffi- 
coltà , che frapporrò 1 Cardinali t ^1 K.d 

tntrÒL 



Digitized by 



Google 



léS 



OEL^' ISTORIA CIVILE 



entrò oftilmentcn^llo Stato della Chiefa, 

f^refc Terràdaa, e molti altri luoghi dcl- 
a Campagna di Róma ( ^ ) : noii ci bifo- 
gnò altro percliè.i Cardinali tofto ccdcf-, 
fero aUe, diflì<x)ltà frappofte : venne il Pa- 
pa fubito a concordia , il quale avendo 
conceduto a Ruggiero molte prerogative , 
gli fu reftituiia Terfacina con gli altri 
luoghi perduti . Allora fu che <Juefto Pon- 
tefice per maggiorm'etite ftibilir la Mo- 
narchia di S«:ilia, olt;re di quello, che a 
Ruggiero era ftato accordato da Urbano 
IL gli concedette l'Anello., i Sandali, 
lo Scettro , la Mitra , e la Dalmatica , e 
che non potefle inviar ne'fuoi Reami per 
Legato fé lion colui , che egli voleffe (b) 
( quantunque il Sit»onio (e) dica , che que- 
ftì ornanientì furAìo conceduti a Ruggie- 
ro nell'anno feeuente 1145. da Onorio 
IIL non da'Papa Lucio IL) onde è che 
in Sicilia-i Re vantano d' etfer Signori 
non .raen del. temporale , che dello fpiri- . 
tuale; ed in fatti nelle monete) che fece 
batij^re Guglielmo L/ dall' un de lati fi 
vede il Re coronato con corona di quat- 
tro raggi, avere la Verga in mano, la- 
Stofa, o Dalmatica avanti il petto incro- 
cicchiata, ed affifo nqj Regio Trono Vó^ 
Arare i Sandali (^0. 

(Dalle accufeperò, che i Romani por* 
taìono all' Jmperadore Corradfi contro jR«^-* 
fiero , rapportate da Gvldafto (e) y fi vede ,' 
che la conceffione della Verga , Sandali^ 
ed Anello s attribuilcè a Papa hmoceyi. 
IL neir anno 1140. non già a Lucio IL 
t molto ^meno ad Onorio IIL "fecondo il 
parer del S^igonio^) 

Gli Arnaldifti, che contipua vano a tra- 
vagliar Roma fotto il famofo Arnaldo da 
Brefcia lor Capo, che era ftato conden- 
nato da Innocenzio IL nel Concilio di 
Laterano , accufarpuo Lucio a Corrado Re 
de' Romani, fignificandogli > che il -Papa 
per mezzo di molta moneta, dvea con- 
ceduto a Ruggiero quefte prerogative, e 
che s' era perciò, con lui , eh' era fuo ini- 

(a) PctUg. in Anon. Cafftn, ann. 1T4?. 
Cron. di Foffanovay an.11^4^ (b) Otho 
Frìfmg. de reb. gpfl. Frid. liù. 2. cap. 27. 
28. (e) Sigon. de Regn. ItaL L 11. (d) 
Jnyeges L 3. hijì. Pater. ( e ) GoldaJLCon- 
ftitut. Imperiai. Tom,L pag.261. (f) O- 
tAo Fri/mg. de gefi. Frid. lib. i. e. vj. 28. 



mico, collegato a fuo danno (/)» 

Fece da poi Ruggiero ritorno in 'Paler- 
mo , ed^ia quefto medefimo -tempo gli 
mori Anfuib Principe di Capua fuoiigliuo* 
lo , il cui Pfiincipato egli concedette a Gu- 
glielmo, che -fece* anche Duca di Napo- 
li i e che gli fu poi fucceffore ne fuoi 
Reami. Agoftino Inveges ('^), e Camil- 
lo Pellegrino {h) rappòreaao, chefr^^ué- 
fti due anni i r42.^ e 4^. gli foife morto 
anche Tancredi filò fccondogeniro „ Prin- 
cipe di Barif e di Taranto , che fu il 
primo^tde' figliuoli che>tnorì,, e poi An* 
fulb4K|2ogenito in queft'anno- 1144. Rug- 
giero in quefto medefimo anno tornò ià 
Capua, ove* celebrò la primiera Centra- 
le AifMnblea; ppichè quella, che avea 
guari innanzi celebrata in Arianp, fi) fo- 
to di Prelati 4 e flàroni di Pui»li^ :* inter- 
veune nella m^defima fra gli altri faGt 
figliuoli il nominato Guglielmo con ^li 
Atcivcfcovi, Vefcovi, ed Abati, ed altri 
molti Conti, e Baroni; ndla quale die- 
de molti provvedimenti per lo buon go- 
verno del Regno, ecompofe altresì varie 
liti ,. e particolarmente una , eh' era nm 
fra Giovanni Vefcovo di Averfa, e Gual- 
tieri Abate di S. Lorenzo della medefima 
Città fopra la pefcas(ione ^dd lago di Pa- 
tria </)>\ed-il diploma è rapportato dal 
Chioccarelli ( * ) . ^ , 

Morì poco da poi nelPanno ft45. in 
Roma Papa Lucio IL e Bet-nardo Abate 
di S. Anaftagio , difcepolo di S. Bernar- 
do, fu eletto in fiio luogo da' Cardinali > 
fono nome di Eugenio IIL il qual^ con 
tutto ch% i Romani , e ^i Arnaldifti non 
ceffaffeib di inquietarlo, avendo avvifo, 
che in Soria le cote de' Criftiani^Anda va- 
no di male in peggio, fi.-rivolfe afoccor- 
rere que' fanti luoghi, e per mezzo delle 
(uè lettere , e delle perfuafioni di S. Ber- 
nardo .moffe r Imperador Corrado , e Lo- 
dovico Re di Francia a gire con grande, 
e poderofa armata in Terra Santa. Rug- 
giero non volle entrare a parte in quefta 

le- 
Etficulus dedit eimultam pecuniam prò de- 
trimtnto vejiro , ' & Rom. Imperi i . . ( a ) J«- 
veg. hìfl. Pai. tom.^. (h) PelUgf. pbrt. 
I. in Stem. Pr. Capua. (i) Capecelatr. 
hijl. lìb.i. pag. 51. (k) Chiocc de Jr-^ 
ehiep. Neap. ami. mi. in Marino* 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB. XL CAR VII, 169 
lega^, perchè fi Éoreva per confervare a di Corinto, po& a ferro, e fuoco tutti 
Regno di Geniiklmiine a Balduino IIL QW* campi; indi diede il guafto in tutu 
quando egli, come fa detto, eraftatofem* PAcaja, e minò Tebe, né lafciò luogo 
pre iftigaR> da Adelaida fua madre alia alcuno ne' contorni ài Negroponte, né di 



da Adelaida fua madre alia 
èoaquifta delmedefimo; cmde avendo pò* Beozia, che uovi 
iti i fuoi Regni in tranquilla, e iicufii 
pace 7 per effer egli d'animo grande, ed 
avido ai regnare^ ^nsb ftendere le fiie 
conquifte in altre più remote paiti • Si 



u 11 • ^ danneggiaffe ; donde ^ 

• £? *nS "^?'**^ P"*^» ^^^^^ parimente 
1 Maeitrx, che iàpeano comporre drappi 

•* j^^^ Jf *^ P^^^'^ i« Sicilia , ed in 
quefie noftre Provincie gli condutfe, non 



non fode 
i quali ti* 
erano 



acdnfe pertanto air imprefa dell' Aftrica, elTeudo prima di ^ue* tempi pervenuta no« 

j A :« c:^i: ti^ia di tal arte in Italia; e fé 

ftato impedito da' Veneziani , 
chicfti dall' Imperador Emanuele 
vcnlJti con ictfanta galee in fuofoccorfo, 
e 1 obbligarono a tomarfene in Sicilia, 
avrebbe portato le fue vittoriofe infegne 
mlìn fotto le mura di Coftantinopoli . 

Ma tutti quefti trionfi furono contur- 
bati dalla morte d'Errico fuo quintoge- 
nito, rimanendogli ora, di tanti figliuo* 
li, fol due, Ruggiero Duca di Puglia, e 
Guglielmo Duca di I^poli, e Principe 
di Capua. Camillo PeTOgrino dice, Er* 
rico efler morto in età molto infantile , 
ma con manifefto errore, poiché fc fo 
figliuolo della Regina Albina, e queft» 
morì nell'anno 11 34. per certo Errico a 
quefto' tempo era almeno giovanetto di 
14. anni. E s* accrebbero i travagli, quan- 
do fcoverfe, che l' Imperador Corrado in 
J|ueft'anno 1149. s'era a fuoi danni con* 
ederato coli' Imperador Emanuele , e quan- 
do poco da poi nel medefimo anno gli 
mori Ruggiero Duj^a di Puglia; veden- 
doli tra pochi anni privo di quattro fi- 
gliuoli, rimanendogli éblo Guglielmo, al 
Ìuale per la morte di Ruggiero diede il 
bucato di Puglia (r). Pensò il vedovò 
Re cafarfi perciò di nuovo, e prefe per 
moglie Sibilia forella del Duca di Borgo-» 
gna; ma quefta Principeffa nellj anno . fé-» 
guente 11 50. trapafsò anch' ella in Saler* 
no, e fu fepolta nella Chiefa della Tri- 
nità della Cava, dove ancor ora s'addits 
il iuo tumulo (^)« 



ed avendo ragunata in Sicilia una gpran 
de armata fé ne paisò con^efi nel Rea- 
me di Tunifi> ed afTakato ^uei Re, gli 
tolfe la Cina di Tripoli, AAJca, Stace, 
e Caffia, e'I travagliò di «odo anche 
negli altri luoghi del Regno, che il co- 
ftrinfe , pacificandofi con hii , a pagargli 
ogni anno il tributo {é)^ che per tren- 
ta anni ooqainui cosi a lui , come al fuo 
figliuola Guglielmo fu pagato ; ónde av- 
venne, come rapporta Inveges (A), che 
la Chiefa Topoiitana d'Affirica fi rendef- 
fé ftttfraganea a -quella di Palermo , Rug- 
giero tutto gloriofo per averfi refo tribu- 
tario il Re di Tripoli, per fua imprefa 
militare fi fervi di quelverfo, che io fe- 
ce anche fcolptre nella fiia fpada: 

Appulus ^ O Caiaòery Siculus mthì 
fercit , & Afer . 
Portò ancora le foe vittoriofe armi in 
Grecia ; poiché effendo a quefti tempi 
morto r Imperador Caloianne , e fuccedu- 
to nell''Imperio Enunuele fuo figliuolo « 
quefti inviò fuoi Ambafeiadorf al Re , ri* 
chiedendolo 4' i m patt il taffl feco , e^ Rug- 
giero , per porre in efletto tal domanda ^ 
inviò in Coftantinopoli altresì fuc^ Mef- 
faggieri; naa il penido Greco cangiatofi 
di penfiere , dopo avergli on peiao tenu- 
ti a bada, lece anche porgli m prigione; 
di che fortemente fdegnatofi Ruggiero, 
pofto infieme grodb ftuolo di vafcelli in 
Otranto, gl'invio con molti fuoi Baroni 
in Grecia, fotto il comando di Giorgio 
d' Antiochia fuo G. Ammiraglio , il qua- 
le prela la Città di Mutine , atfaltò V 
Ifola di Cordi i e pafTato quindi colla fua 
armata alla Morea, e da poi fcorrendo 
nel feno Saronico appreso CÌencrea Porto 
Tomo IL 
(a) Anon.Caffìn, tfwt. 1145. Fr. ToUm. 
di Lucca Chron. tom. 3. Hifp, illuftr. foL 
375- Cb) In'veg. hift. Pater, tom.j. (e) 
Romuaid. in Chron. (d) AjMn^Cgffm.MTU 



Y §. L 

1150. Obìtt Sibilia Regina y Re» Rogerius 
conJiitMt GuitelmumDmem filium fuumA^ 
pulsa Regem. 



Digitized by 



Google 



I70 



DEH' 



. I. ^oronazìoffe di GuGLiBl.'MO I. e nwt^ 
tt'^dì Papa EoOEKTO , e dtlP Impetado^ 
Corrado, m cui Jueced6n$ Fedcmco 
Barbarossa. 



Ruggiero vedutofi così folo atfunfe per 
fuo Collega Guglielmo , e lo fece 
coronare , ed unfi(cre Re di Sicilia* in Pa- 
lermo in ^ueft' iftetfo anno i i^o. la qual 
cerimonia fi fece da Ugone Arcivefcovo 
di Palermo; onde Inveaes la) rapporta , 
che fé bene la famiglia Caravella preten- 
da elTer di fuo diritto il coronare \ Re 
di Sicflia, i Palermitani però 'glie lo con- 
trattano > dicendo <]uefta ragione non effer 
d'altri, che del loro Arcivefcovo, Che 
che ne fia, -dal 1150. nelle fcritture fi no- 
verano gli atini del Resino di Guglielmo , 
nel qua^e il padre ralTociò. E Ruggiero^ 
morta Sibilla cosi di repente , fenza che 
yi aveife potuto ^nerar figliuoli , tornò 
a maritarfi , e pme per moglie Beat/ice 
foreria del Conte di Retefta ^ U quale do- 
po la fila moite rimanendo gravida gli 
partorì Coftanza» che tolfe per marito , 
eifendo d' anni ^o. e non -mai ftata mo- 
naca y come <:on errore hanno fcritto mol- 
ti Autori ^ Errico di Svevia ^ che per fua 
cagione divenne po£cia Re di Sicilia, co- 
me al filo luogo più difTufamente diremo; 
quindi fi vede quanto foffe favoh>fo ciò 
che fi narra di Ruggiero , e delle richic- 
ftc da lui fatte all'Abate Gioachimo in- 
torno a' vaticini, che fi contano farti dal 
medefimo fopra Coftanza ; t>nd' è , xhe al- 
tri , come il Villani, non a Ruggiero, 
tna a Guglielmo rifenicono quegli avve- 
nimenti , 

Mori nel feguenteanno 1151. T Impe- 
rador Corrado in Alemanna nella Città 
diBamberga, non fenza rofpetto , che fof- 
fe ftato avvelenato per opra di Ruggie- 
Jro , per T inimicizia che fempre tennero 
fra di loro, ficcome tutti gl'Imperadori 
ebbero co' Re di Sicilia, per conciliar i 

?uali non baftarono le interpofizioni di 
ietro Abate di Giugni, uomo in quefti 
tempi per la fua bontà , e dottrina aflai 
celebre, e rinomato. Fu eletto fucceflbre 
il fuo nipote Federico Duca di Svevia det- 
to BarbafoOa pradc, t ikvio Principe, 



ISTORIA CIVILE 

xui fatti ci femminiArerati&o bra .ampio 
fi>ggetto i^el feguente libro • 

Fu fegoìtata ^nell'anno feguente 115). 
ila morte 'di Corrado da quella d* Euge* 
n^ , il quale dopo %rtx racdìetate le co- 
fe di Roma , efifendo ihxo in tjuefta Cit« 
tà lietamente accolto , anch' egli poco da 
poi fé ne morì , ed in fuo luogo fu nel 
1153. creato Pontefice i| Cardinal Cor<i 
rado Romano, e fu nomaito AtiaftafioIV* 

Ruggiero intanto , dopo aver per opra 
•de^ fuoi Capitani conquiftata in Atfìrica ia 
Città d' IppiDua icelebre ^1 Mondo per aver* 
tì in quella Cattedra feduto il grande 
Agoftino , mefifi da parte i penfieri drilt 
guerra, fermatofi in Palermo , laifciò ia 
quefti altri due anni di vita che gU ri* 
mafero, monumenti perenpi, non meno 
della fua magnificenza, che della fua pie* 
tà \ poiché t>ltre aver edificato un masni* 
fico Palagio in Palermo , jcd aver ivteret* 
ta una nobil Cappella regia ibtto il tito« 
lo di S. Pietro; ed in Mefllna un'altra 
Chiefa dedicata a S. Niccolò : fondò ia 
Bari un magnifico Tempio a Niccolò Ve^ 
fcQvo di Mira* 

Eranfi , t:ome fi diffe , fin dall' aotio 
1078* traisferite in Bari* l'offa di qùefto 
Santo; ed ora fi refero diftupore al Mon- 
do, per lo liquore che fi vide grondar da 
loro : crebbe la fama del portento , ed in 
quefti tempi fi refe perciò quefto Samuft* 
rio, e Bari cotanto celebre in Oriente » 
che portava venerazione agPiftefli Impc- 
radori Greci, come fi -^e dell' Impera** 
dor Emanuele , il t]uale 3ielie Tue Novel« 
le fece ancor memoria of sì infigne mi- 
racolo. Ruggiero > tratto da divozione 9 
fovente porta vafi in Bari, ond' è, chegn< 
:KÌofamente confermale a'Barefi le loro 
Confuetudini ; ed ereife quivi al Santo 
quefto magnifico Tempio , conr dichiara^ 
lo fua Cappella Reale (A), né volle, 
che foflc fottopofto all' Arcivefcovo della 
Città I ma aHolutamente al Pontefice Ro- 
mano, creandovi il Priore, e molti Ca- 
nonici: r arricchì di molte rendite, di 
Caftelli , ed altri poderi : la qual cofa fi 
fcorge da una fcrittura in marmo , che 
colà fi vede , benché il Beatillo , che ha 



fcritta r Iftoria della Città di Bari , e la 



i Vita di detto Santo, non £»ccia menzio- 
ne 
( a ) Inveg. hifl. Pah tom. 3. ( b ) Capecelatr. Uà, u fV* 59. 



Digitized by. 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI 
Be!^cùn& di tal fatto, datidaa detta Chie« 
(a, e Priorato, più. antico, e diverfo prin- 
cipio • Altri vogliono , che Carlo. d'An- 
giò>. non Ruggiero. iftituifTe quel Priora* 
. to , e dichiarafle Cappella Regia quel Tem- 
pio }, di. che altrove, ci tornerà, occaiione: 
di ragionare ». 

Donò ancora Ruggiero, molti, nobili ar- 
redi d' oro ,.x tf argento alla. Cappella di 
S*. Matteo in Salerno, ed il doniinio di 
molte Terre j ed altri ricchi doni, al Mo- 
naftcro della Trinità, della. Cava; ed an- 
corché non, gli piaccife. ufar la forza co* 
Saraceni ,. e Giudei, eh! erano in Sicilia per 
la. loro, converfione ,. ufava però ^rau di- 
ligenza, ed induftria, che uè' Cuoi Reami 
il convettilfcro alla, fede di Crifto •, 

Ma ecco,, che quefto Principe ,. dopo 
efTerii refe, cotanto (:hiaro ,. ed iliuftre al 
Mondo per li fuoi fatti egreg),. ammala-^ 
tofi nel principio, di queft.'anno 1154. nel. 
Bicfe di Febbraio lafciò in Palermo la^er- 
taxsL fpoglia. in. età di 58. anni di fua vi- 
ta (tf): breve età. alle magnifiche cofe 
da lui adoperate ; la cui mòrte fu poco 
da poi nel mefe di Dicembre del medefi- 
mo anno feguitata da <)itella del Pontefi^ 
<e^ Anaftafio, nel cui. luogo fu eletto. A-- 
drianO) IV^ 

Principe- veramente ^ndè , egloriolb , , 
^è le fue magnanime imprefe- lo innal- 
zarono ad edere uno de' più potenti, e 
grandi. Re della Terra,. che pofe terrore 



LIB.XI. GAP. Vir.. 171 
in lui dabiafimare;, poiché usò tutte quel* 
le arti,, eh! eran proprie , e neceflfarie ad 
un- Principe ,, che intendeva, ftabilire. un 
auovo^ Regno «. 

So che S. Bernardo,, e T Imperadore- 
Emanuele parlarono, di lui come d' un 
Tiranno , e d' un, ufurpatore j. ma il pri- 
ino., feguendo' il partito* d' Innocenzio , e 
di Lotario ,fecefi lecito di quelle- eofe, 
che gli dettavano allora la fua fazione: 
come Tl vide- chiaro,, che pacificato^ Rug- 
giero con Innocenzio „ finirono^ T ufurpa* 
zioni,. e le tirannidi , delle^ quali prima 
xlalla fazione d' Innocenzio e di Lotario era 
incolpato i ond* è che- fi leggana^ dell'iftcf- 
ib. Bernardo, molte- lettere fcritte da. poi 
a Ruggisrp' piene di molte lodi ,^ che dà. 
a quefto Principe.. Ed il noftro. moderno 
Iftorico Napoletano.,, non. prima, di. quefia 
pace , dice che Ruggiero da peffimo Sfe- 
ce buono ;, poiché.- preflb gli. Scrittori di 
quefta tempra,. il. Principe pelfimo è co- 
lui,, che per difendere le fupreme fue re- 
.galie, fi oppone a' PouteficLRomani, Tic- 
come il. buono, è quello t. che s'umilia » 
e. che cedendo,, proccura.con loro- aver 
pace *. Dair Imperador Emanuele non po- 
teva afpettarfene: il contrario per efferiuo^ 
capital inimico^, ficcome- furono- tutti i 
Principi: Normanni: agli: Jmperadori d' 
Oriente per le- continue- guerre- che* arfe- 
ro infra. dL loro ;, quindi. fu , che laPrin- 
cipeifà. Anna. Comnena. trattò' come* un 



non meno agi! Imperadori, d' Occidente ), iadroner iL famofo: Roberto Guifcardo per 
che d'Oriente,, echefeppe in mezzo a. lacrudel guecra, (he. moCTé. ad.Alefilo 
quefti due potenti Imperi far forgere il Tuo « Coinnenov fuò padre-* 



Regno, a'medefimi di {pavento .% egli prò- 
vido di. configlio,, cl vatorofo# nelle armi ,. 
usò non men fommacoftanca.neir.avver* 
fa fortuna, che mMerazione nella prorge* 
-ra *. Ajniciffimo non meno d'uomini va> 
lorofi, ncir. arme , che nelle- lettele , che 
fm da' remoti ,, e: lontani, pacfi fattigli a 
fé venire, gì! innalzò, a' primi. onori, dei. 
Regno; Egli; faggio facitore di nuove leg- 
gi governò con fòmmagiuftizia i fuoi; 
Stati.. Careggiò,^ ed' amò fommaniente i 
Francefi', traendo di Francia i fuoi mag- 
giori il. legnaggio ». Della, fuai pietà lafciò 
ben chiari, monumenti,. e fé bene altri V 
incolpa d' aver ufata^ troppa crudeltà, con 
fuoi nemici, e rubelli:. ciò. però: non. era. 



So ancora, che altri riprendono» quefto 
Principe* per aver* feguito le • parti d'Ana» 
cleto falfo Pontefice ,.e rifiutato Jnnoeen«* 
«io i- ma. dovrebbero avvertire,, cheim* 
putando^ciò a Ruggito,, vengono anche 
ad. incolpare- quafi tutto, il Mondo Catto* 
lieo , , che ' credettf allora. Anacleto , non 
Innocenzio «eifer il' vero Papa .. Furono 
creatii amendue^ nel r ifteffo giorno , e ft 
henc Innocenzio fode fi^to il primo elet* 
to , . nuUadimanco) Anacleto^ ebbe- maggior 
numero di voti ; né poterono giovare ad 
Innocenzio . i fuffragii. de'Càrdinali', . i qua- 
li dopovaver eletto Anacleto paffarono al 
filo, partito .11 Popolo ^ Romano , ed i 
prineipaii. di quella. Città,. fe bene prinu 
Y 2 ade? 



2 



Digitized by 



Google 



D E L r I S TORIA CIVILE 
Innoccnzia , nullàdimsftico S. Vincenzo Ferreri del Aio iiied9(hn<yOi^ 




ficc. I Monaci Caffinefi col loro Abate 
per tale anche lo tennero :*niolti Vefco- 
vi , e Cardinali , ed i maggiori Prelati 
della Chicfa, favorivano le parti d'Ana- 
cleto. Così anche fecero molti altri Prin- 
cìpi, e Regni; e la Francia prima del 
Concilio ragunato a Stampis, Città pofta 
tra Parigi, ed Orleans, che determinò a 
favor d^Innocenzio, n'era in gran dub- 
bio . Errico- Re d' Inghilterra , avea gran 
timore fe riconafceva Innocenzio per Pon- 
tefice, ed in fino che S. Bernardo non lo 
aflicurafle in fua cofcienza , non volle ri- 
ceverlo per tale (a) . E fe la Germania 
fegut le parti fue, fu moifa più dall' im- 
Tpegno ài Lotario, che dal non averne 
dubbio . La verità non poteva allora por- 
fi in chiara luce fra le tante , e si con- 
trarie fazioni che l' avean tutta involta : 
fo il Mpndo allora fpettatore d'una la- 
firimevol tragedia : Innocenzio da uncaur 
to fcomunicava Anacleto co' fuoi aderen- 
ti: dall'altro Anacleto fcomunicava In- 
nocenzio co' fuoi &guaci r cóntendevan in- 
sieme Bernardo y e Pietro Pifano , e que- 
lli era non men del primo riputato favio, 
e dotto w Molte difpute inforfero tra ipiù 
gravi Teologi di ^ue' tempi , tanto che 
per r impegno di ciafchedana delleparti , 
yimafe la cofa almen dubbia preffo le gen- 
ti. Nel qual dubbio^ com6 ben- dtffis S. 
Antonipo (6) parlando dello fcifma acca- 
duto tra Urbano VI. e Clemente VII. 
ancorché fianeceffario di credere y che fic- 
eotne è una la Chiefa Cattolica , e non 
più, così ancora uno debbe 'ciTere il fuo 
Capo, e non più; con tutto ciòcie acca- 
de per qualche fcifma crearfi in Un me- 
defimo tempo più Papi « non è necel&rio 
per la faiute di credere affblutamente que- 
ito, o quello, ma folamente uno d'effi, 
che foife legittimament'C eletto: e l'in- 
dagare chi delti due fofle legittimamen- 
te etetto , non fiam obbligati di farlo ^ 
né di faperlo : ed i Popoli in ciò devo- 
no fegu ire i fuoi maggiori , e ciò che fan- 
no i Prelati delle loro Regioni; ondeque- 
fto fteif o Scrittore non imputa a peccato a 



ferita la fua Corte, aocordiè §l' Italiani , 
e con eflì molte altre Nazioni, lo repu* 
taffcro Apoftata , e Scifmatico , avendo 
Urbano per vero Pontefice ; poiché fu 
per errore , ed ignoranza di fatto , che 
gli fece- credere , che Benedetto- foffc ta- 
le ; ed on femplice errore non fa niuno 
né eretico , né icifntatico : tanto più in 
cofa cotanto intrigata , e dubbia » e fo- 
vente molte c^e ti poffiam far lecite 
quando Ha dubbio , che non dovremmo , 
quando la cofa folle efpofta in chiara lu- 
ce . Se alcuna ombra di colpa rendè men 
chiari i pregi di quefto Principe, fu folo 
perché , anche da ppr die ijuafi tutto à 
Mondo riconobbe Innocenzio per vero 
Pontefice , ed anche da poi morto Ana- 
cleto , volle pertinacemente mantener Tiinr 
pegno , con far in fuo luogo crear altri-; 
ma ben è chiaro che non lo fece per al- 
tro , che per fini di Stato , non- dir Relir 
gione : voleva tenere per^cotal via deprct 
K> Innocenzio fuo inimico imphcabiie f 
coth mantener ancor viva la fazion con^ 
traria, affinché Innocenzio fi riducefl&ad 
aver con lui pace . Ma ciò non baftò all' 
oftinato Pontefice , il quale volle egli poi^ 
alla tefta d' eferciti armati per fargli guer- 
ra , e ruinarlo . Ma tutto al ròvefcio an« 
dò la bifogna , fu egli prefo in battaglia , 
e fatto fuo prigioniero. QueA(> fatto ma^ 
giormente fece rilucere la pietà, di Rug*^ 
giero , che con tutto che aveffe potuto 
ufar fopra di lui le leggi della vittoria , 
lo riverì e lo riconobbe allora come Vi- 
cario di Crifto , con 4tri volle aver pace , 
e fu da poi il maggior difenfore , eh' a*- 
vetfe la Chiefa Romana contro gif-sforzi 
degl' Imperadori non meno tf Oriente ♦ 
che d' Occidente ; ficcome lo era ftata il 
famofo Roberto Guifcardo, e lo fufono i 
due Gugliemi fuoi fucceffori • 

Non iafciò altri figliuoli queftoPrinci- 
pe dalle tante mo^li ch'ebbe, toltane. Co- 
ftanza fua poftuma , che Gugliemo , fuo 
fueceffore nel Regno , e prevedendo , che 
ficcome Io lafciava erede. ne' Regni , non 
poteva fperarne <:he da lui ecedicaffc la 

fuc 



(a ) AuH. vhéc S. Bernardi . ( b ) Anpo>ì. 3. fapt. HK az* caf. a. rit. a« 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB. XL GAP. VIL 173 



fne vlrtii > vedendoli con iuo cordoglio 
mancare tutti g^i altri (aoi figliuoli ^ e 
che la morte togliendo i migliori, lafcia- 
va ilare i rei 9 PafTociò ancor vivente al 
Regno, e volle averlo per collega, affin- 
chè regnando infieme, appfendeSe da lui 
r arte di ben reggere i Popoli a fé da 
Dio commefii. 

Lafciò bensì dalle quattro concubine , 
che ebbe in vàr} tempi , alcuni figliuoli . 
Erra il Fazzcllo , che fcrilfe , che Tan- 
credi Princii^e di Bari , o di Taranto fbf- 
fe figliuolo d'una concubina di Ruggiero 
(tf) ; poiché quefti come fi diffe fu fuo 
figliuol legittimo , natogli da Albina fua 
prima moglie. Né T altfo Tancredi , che 
fu il quarto Re di Sicilia , fu figliuol di 
quello Ruggiero Re , fu bensì fuo nipote , 
nato da Ruggiero (no primogenito Duca 
di Puglia ; onde quali figliuoli da quefta 
prima concubina Ruggier lafciaiTe ,-non 
fé ne ha niente di certo • Dalla feconda 
ebbe Simone, al quale il padre lafciò in 
teflamento il Principato di Taranto ; ma 
il Re Guglielmo fuo fratello glie lo tol- 
fe , e gli diede il Contado dì Policaflro . 
La terza fu madre di Clemenzia Contef- 
fa di Catanzaro ^ che prima fi maritò con 
Ugone di Molino Conte di Molife , e 
da poi fu pretefa da Matteo Bonello ge- 
nero del G. Ammiraglio Majone « La quar- 
ta fu madiie di colei, che la Regina Mar- 
gherita moglie del Re Guglielmo L caso 
con Errico ftio fratello baftardo , con do« 
te del Contado di Montefcagtiofo • 

Né deve fcmbrar (Irano , fé quefto Prin- 
cipe cotanto religiofb, avefle anche tenu- 
te nel fuo Palazzo le concubine : non era 
in queili tempi il concubinato un nome 
cotanto vergoguofo, come oggi fi fente . 
Prima preifo i Romani, come altrove fu 
notato, era riputato una congiunzion le- 
gittima , e le concubine erano quafi che 
mogli ^ ficcome U concubinato era chia- 
mato Jemimatritmmto • E quando non fi 
faceva difficoltà a' Preti di poterfi ammo- 
gliare , er» anche a coftoro permeifo d'a- 



ver una, o fia moglie, o concubina, co^ 
me fi legge nel Concilio Teletanol. Quin- 
di poi nacque che no^i avendo la Chiefa 
Latina voluto permetter a' Preti le mo' 
gli, come la Greca, fi ftabilirono da poi 
tanti Concili per testiere ancora a' me- 
defimi r ufo delle Concubine , il qual 
coflume però bifc^nò per più fecoli tra- 
vagliare per eflirparlo , cotanto avea po- 
fte profonde radici , come in altre occa- 
fioni fi diffe; ma neMaici durò il concu- 
binato per molti fecoli ; e fé bene in O 
riente Lione per mezzo d' una fua No« 
velia lo proibì affatto ; la qual fu da poi 
rinovata da Coftantino Porurogenito : ìtk 
Occidente però i Longobardi Ìo ritenne-» 
ro, ficcome molte altre Nazioni ; e Cu- 
iacio rapporta, che fin ne' fuoi tempi , al- 
cuni Popoli della Francia prefTo i Pirenei 
ancor lo ritenevano . I Normanni che fu- 
rono efatti oflervatori delle leggi , e co- 
ftumi de' Longobardi , anche lo ritennero ; 
onde non dee recar maraviglia , fé Rug- 
giero oltre alle mogli , avefle nel fuo Pa- 
lazzo avuto anche delle cQncubine in tem- 
pi diverfi; non effendo flato maifermef- 
fo , che in u^ ifteffo tempo aveftè alcun 
potuto avere , e moglie , e concubina t 
ovvero due mogli , o due concubine in- 
fieme} fé non preflb gli Ebrei, ed i Tur- 
chi , appo i quali la poligamia non fu 
vietata ; onde ficcome era loro permèffo 
tener più mogli , così anche fi face vari 
lecito aver più concubine . Fu ne' tempi 
pofleriori dalle leggi civili tolto affatto il 
concubinato , e da più Concili tenuti da 
poi indifferentemente a tutti proibito , e 
vietato ; tanto che oggi è riputato non 
già , come prima , una congiunzion legit- 
tima, ed oneila, ma vergognofa, ed ojh 
probriofa , in maniera che ora affi più la 
orrore il tener la concubiiKi , che com« 
metter adulteri 9 incetti , e ftupri , e con* 
taminarfi d*^ altre più nefande libidini • 
Così il tempo muta le cofe , e fa che 
quel , che prima era onefto , rendafi poi 
biafimevole, e vergoguofo» 



' f 



(t) V. Inveges lìb. 5. hìft. Put. 



DELL* 



Digitized by 



Google 



t?4: 




DELL! ISTORIA CIVILE. 
D. E L. 

R E G N Q DI N A P O L I- 

LIBR D U D £. C I M 0., 




L; Regno dlGuglielmo I. noti« 
tanto per, le forze, d' eftcrior 
nemico j . quanto per T inter- 
ne riyoluzioui.de' fuoi Ba- 
roni, fii tutto, perturbato ,. 
€ fcoavolto i e fi refe me-^ 
morabilepiù per le congiure > e fedizio- 
ni contro Ja Aia perfona, e de' maggiori 
perfonaggi della, fua Corte ^ che per guer- 
ze» e battaglie .^Cagione di tanti mali fu 
r aver voluto . quefto. Principe difpregia- 
le le azioni dell'ottimo padre^ e permet- 
tere, che lo Stato-* della Corte, con tan« 
ta induftria. da colui riformato in meglio,; 
andafTe. in mina y. avendo egli, que'- perfo- 
naggì , che Ruggiero avea. tenuti per fuoi 
famigliari , parte^ condennati in, efilio , e 
parte imprigionati ., Ma aflai più che con- 
veniva , . avendo^ innalzato, Magone di Bari 
a' primi onori del Regno , e fattolo fuo G* . 
AmPliragHo , pofe anche in fua mano tut- 

(a) Invegts lìb.}. h'tft. Paler^ 



to il governo del Regno : e gli fu sì ca- 
ro, che dóve agli altri era cupo , ed au?^ 
ftero , a coftui< folo era aperto , . e trattabi,- 
le :*di che oflfefi i principali^aroni s* a- 
lieparono da lui in maniera , che gli pò^ 
fero foifopra il Regno , come, di qui a po- 
co diremo .^ 

Egli,, morto il padre, ancorché poco men , 
che- (juattro anni aveite regnato in (uà com- 
pagnia, fece tofto convocare tutti i Prela- 
ti, e Baroni del Regno,, e fi. fece- di nuo- 
vo folennemcnte incoronare- in Palermo 
nel giorno di Pafqua.di:«queft' ifteflbanno 
1154. £ non. guari.' dopo, tanta celebrità , 
fuccederono. le -pompe , e le fefte per la 
nafcita di Guglielmo fuo fecondo figliuo- 
lo ,. natogli in. qucfto medefimo anno dal- 
la RjBgina Marstherita fua moglie , figliuo- 
la che- fu di Garzia II. Re di Nayarra ; 
poicliè .Ruggiero fuo primogenito era na- 
to già in vita dell' avolo (a). Cosi nella 

Cafa 



Digitized by 



Google 



Dtt REGNO DI NAPOLI LIB. XII. 



'Cafa Regpde non ▼' erano altri Principi 
iti fangue > che Ruggiero ^ e Gugliemo IL 
ancor lattanti • Coftanza loro zia » poftu-» 
ma di Ruggiero ^ ancor era bambina . Tan- 
credi > e Gugliemo figliuòli di Ruggiero 
Duca di Puglia aucor giovanetti , erano 
per ragion di Stiito tenuti carcerati » e cu* 
ftoditi nel resal Palazzo in Palermo : re* 
ftò adunque ^olo Guglielmo in età di 34. 
anni, (enz* appoggio di parenti al gover- 
no , non meno de* Regni di Puglia» e di 
Sicilia ) che dell' altte Provincie , è Città 
della Gretia , e dell' Affirica . 

S' aprì penanto largo campo al G. Àtn- 
miraglio Majone di porfi in mano iloio* 
re del Re , e di governare con affoluto ar- 
bitrio i Tuoi Reami ^ eflendo egli dotato 
di tutte quelle prerogative > che polTono 
innalzar un privato al Principato « Egli 
era di pronto » e vivace ingegno ^ ed abile 
a qualunque più dura » e difficile impre- 
fa :.aifai facondo nel dire y dotato di li- 



«7i? 



figliuolo d* una forella /nominato Simo^ 
ne f lo fece G. Sinifcaloo del Regno , tà 
una Tua figliuola la caso con Matteo Bò^ 
nello uno de' principali Baroni del ÌLt^ 
gno i e Lione > e Curazza fuoi parenti ^ 
^rfone per T innanzi viliffime , vennero 
a sì fotta grandezza, chiedendo morti in 
vita del figliiiolo > da* Monaci Hi Montò 
Cafino furono regiftratL i giorni de' loro 
tranfiti in un libro , nel 'quale notavano 
iblamente la morte de' Papi , Imperadori^ 
Re y Duchi di aflbluto dominio, e fimili 
^rfohaggi , con quelle parole : Curazza 
màiér Madii Magni Admtratì Admiratorum 
Mit VII. Kal. Atig. Et Leo pater Admirati 
Admiratorum obiit VI. Id. Septembrìs {a)\ 
Ed il Cardinal Labòrante , che' in quéftt 
tertipi era riputato il più dotto , ed uno 
de' migliori letterati , che fiorilTe in Ro* 
ina , avendo compofto un libro de Juflì > 
^ JuJittU ratienibus , che ancor oggi fi 
ritrova divifo in quattro parti > lo dedica 
beralità regia , fimulatore , e diflimulatore a quefto ndftro Magone , còme ad un per« 
efpertiiTimo , ed avrdiffimo di dominare ; fonaggio in quefti tempi il più illuftre > 
per la qual cofa rivolgea continuamente e rinomato in tutta Europa ^ 
in fé ftetfo vari t>enfieri diyifando, tome Vedutofi perciò in tanta fublimità ven^- 
giunger potefle al fommo delle dignità , negli penfieto , come finalmente potede 
e degli onori ^ ma celava il tutto con una giungere al difegno d'iifurpare il Régno; 
gran ferenità^ t allegrezza di volto ; trat*^ « fcorgendo non recargli ora altro , che 
lava col Re gì' interi giorni degli atfari fare , fé non torfi dinanzi tutti coloro ^ 



del Regno, ed efcinfb oi?ni altro , a lui 
folo fi comunicavano i fecreti più ripofti 
di Stato, e le fue parole , e^ fuoi configli 
*erano folo fedeli, ed accettati. Né man^ 
cava eeli, per T autorità che avea, d'ac'» 
quiftarfi da per nitto amici , e partegia- 
ni , donando a fuo talento i governi del- 
le Provincie, le guardie delle Fortezze , 
ed i carichi della milizia , effendogli Gu- 
glielmo tanto alla m^tio, che mai cos'ai- 
cuna , ancorché erande , e malagevole , 
purché da lui gli foffe chieKb > non eli 
neeò : corruppe ancora ( per torfi via o* 
gni oftacolo , che aver poteffe ) V oneftà 
della Regina, di cui fi finfe innamorato > 
e traffe parimente dalla fua parte tutti gli 
Eunuchi Saraceni cuftodi del Palazzo rea-i 
le . In breve egli era il Moderatore del 
Re^no , e feppe cotanto ingrandir la fua 
Cafa, che un fuo ^fratello , ed un fuo fi- 
gliuolo , chiamati ambedue Stefani , in- 
nalzò a' primi gradi della milizia , ed il 

( a ) Libro mortuale di Monte Cajino ♦ 



che potevano impedire il fuo difegno , a 
Quefto folo drizzò tutti i fuoi talenti , ed 
ì fuoi peufieiri . 

Temea egli più degli altri in tal ini« 
prefa Simone Conte di Policaftro figlino^ 
lo baftardo, come fi diife , del Re Rug« 
giero , Roberto di Baflavilla Conte di Lo** 
ritello confobrino di Guglielmo, ed Ebe^ 
tardo Conte di Squillace^ la cuivi^tùert 
affai nota a ciafcuno , e fapea certo non 
poterfi. né con premio, né con fraude cor- 
rompere la lor fede , e conófcea , che fai* 
vi coftoro, es!li s' atfaticàva in darno . In* 
cominciò adunque a maneggiar lalorrui<> 
na , e conofcendo eflfer^li mèftiere avef 
per compagno de' fuoi ronfiali Ugóne Ar- 
civefcovo di Palermo ^ acciocché col fuo 
ajuto poteffe recar più agevolmente a fi- 
ne il fuo intendimento , cffendo 1' Arci- 
vefcovo uomo avveduto, e di grande ani* 
tno, ed atto a qualfivòslia grande affare ^ 
ed anob'egli arido di comandare : comin« 

ciò 



Digitized by 



Google 



gnore di Sicilia j pretendendo che non po« 

t^ egli nomarfi Re , efTendofi dopo \z 

morte di fuo padre fatto incoronare fen« 

fua concemone, ed autorità (^). Ma 



lyi D E 1 L' I S T (VR lA CIVILE 

ciò pTindeTàmettte V Ammiraglio , a fco- gK dava jl trtofo dì Re , ma folo di SU 
prìrgli pian piano il fuo penfiere, dando- 
gli a vedere , ^che lólta la vita ai Re , 
come uomo non alto al governo, e maK 
vagio , farebbe pòfcia agevolmente venu- 
ta in lor potere la cura de' piccioli figli- 
uoli , per la tjua! cofa farebbero efli ft^iti 
Signori del tutto , infin che xjue' fanciulli 
fotfero a perfetta età pervenuti . Non vol- 
le fcoprirgli r animo , eh' egli avca di 
«furparfi il Regno , acciocché colui noti 
fi fmarriff? per la grandezza della malva- 
gità , fperando , fé potcffe divenir Tuto;c 
<ie' figliuoli del Re , non potergli niuna 
cofa più impedire il fuo defiderio . Strin- 
fe per tanto T amiftà con V Arcivefcovo 
con ftrettiffimo giuramento d' ajutarfi Y un 
r altro egualmente in ogni fortuna, e fe- 
ce sì ch'egli divenne prettamente amico , 
e famigliare del Re , acciocché approvaf- 
fc , e difendcffe appo luì qualunque cofa , 
ancorché fccUerata, ch'ei faceffe. 

Quefti furono i fondamentt, che gettò 
Majone per dovervi fopra appoggiare^ le 
fabbriche eccelfe della fua ambizione : in- 
tanto furfer nuove occafioni , delle quali 
fcppe r Ammiraglio opportunamente va- 
lere per ruinare i fuoi Emoli , e coloro 
che potevano fargli oftacòlo nel fuo dife- 
.gno* Era, come s'è detto, morto in Ro- 
ma Papa Anaftagio , e creato in fuo luo- 
go Adriano IV. Inglefe . Quelli otfefo , 
che Guglielmo eraii fatto incoronare Re 
in Falernio fenza richiedernelo , fecondo 
ciò che i Pontefici pretendevano nelle nuo- 
ve incoronazioni de' Principi loro F^uda- 
tar) , avendogli il Re , intefa la fua eie- 
«ione , mandati fuoi Ambafciadori per con* 
fermar con lui la pace , che avea avuta 
col fuo predecefTore , egli glieli rimandò 
in dietro fenza conchiuder niente . Onde 
pafTatò poi Guglielmo da Palermo a Mef- 
lina, e di là a Salerno, avendogli Adria- 
no , mentre dimorava in quefta Città , 
mandato il Cardinal Errico con fue let- 
tere , non folo il Re non volle ricever- 
lo , ma gli fece ordinare , che tantofto 
fgombraife dal fuo Regno , ed in Roma 
ne ritomaife; irritato ancora perché nel- 
le lettere, che a lui recava, il' Papa noi 



(a) RomuaL Are. dì Saler. Ee qmd in 
Literis Apoftolicisy quas Re^i portabat ^ Pa- 
fa eum nm Regemy fed iViUelmum Dmi- 



«a 

Guglielmo riputando a fuo fcorno , che 
dqveife richi«lere da lui ciò eh' era in 
^uo arbitrio , fieramente fdegnato , dopo 
aver celebrata la Pafqua in Salerno in 
queft' anno ii5J- avendo creato fuo G. 
Cancelliero Allettino Arcidiacono di Ca- 
tania , gli diede il governo della Puglia, 
con ordine di ragunare .un groffo efercito 
pcl^ campeggiare Benevento, e dar il gua- 
ito al fuo territorio , e di forprender quel- 
la Città ad onta del Pontefice . All' in* 
contro Adriano fcomunicò il Re, il qua- 
le, oltre d' aver comandato al G.Càncel- 
liere l'afTedio di Benevento , ordinò an- 
cona , che niuii Vefcovo de' fuoi Regni 
riconofceffe^ii Papa,,né che alcuno rìcer- 
caffe da lui più la confecrazione • Indi 
partiffi da Salerno , e. con Majone in Pa« 
lermo fece ritornò. 

Intanto il Cancelliero , dopo aver da- 
to il guafto al territorio di Benevento fi- 
no alle mura della Città , tentò di for- 
prenderla ; ma difefa con molto valore 
da' Beneventani , i quali uccifero il lor 
Arcivefcovo per averlo fcoverto amico , 
e partegiano di Gugliemo, obbligarono il 
Cancelliero a cingerla di flretto adedio ; 
il quale tuttavia durando , alcuni Baroni 
mal contenti del governo prefente , ifti* 
gati ancora dal Papa , fi ribellarono da 
lui , ed entrarono dentro Benevento , ed 
altri fenza tor commiato fi partirono dal 
campo ; per la qual cofa dividendofi V e- 
fercito , fi tolfe l' affedie ( A ) . Il Conte 
Roberto di Baffavilla pieno d' irà , e di 
mal talento ritornodene a dietro in Pu« 
glia , poich' effendo ftato , mentr' era il 
Re in Salerno, per vifitarlo, fa per opra 
di Majone si mal veduto , ed accolto 9 
che il Re né meno volle parlargli . On- 
de il Cancelliero con la gente che gli era 
rimafa , e con altra che afloldò nuova- 
mente , paffoifene in Campagna di Ro- 
ma , dove prefe , e brugiò Cepparano , 
Bacucco , Frufinone , Arce , ed altri luo« 

num Sicilia nomìruthat • ( b ) Ugo Falcaru 
Capecelatr. Hi, 2. 



Digitized by 



Google 



I 

W^ 



DEL REGNO Df NAPOLI I,lB* XH. 17^ 

Tidai ; e j^cia ritornando nel Re- fé,: eh' egli non poterà iUfinrafar di iN 

P«fc y come ambedue 1* Etiopie ^ la M&u^ 
ritania / la Perfia , la Siria , la Parzia » 
ov£ Marco Craflb ( che lo chiama fuo 



,. fece abbattere le mura d^ Aonìno , 
^ntecorvo , ed altre Caftella it Padri 



.. Monte Cafino («) partegiani del Pa- 
pa, e cacciatine altresì tutti i Frati, ec*> 
cetto dodici, che vi lafciò alla cuta de)** 
la Chiefa , fece ritorno in Capua , ore 
fermoffi in compagnia del Conte Simo* 
ne y con intenzione di ftar colà in gnar- 
. ^a del Regno , cosi per impedire ogni 
movimento , che aveffer potuto fare i Ba-* 
roni » i quali eran da pertutto fieramen- 
te' turbati dalla potenza>4eil' Ammiraglio', 
non. ben difcemendo fé f^glo o Gngliel- 
010 era Re di Sicilia; sha pie ancora per 
iinpedire nn nuovo turbine di guerra , 
che fopraftavagli , poich'era precorra vo- 
ce , che rimperador FeJlerico Barbarotfa 
con grande ofle 4i Alemàgna calava in 
lulia . 

§• L rimperador FEDERICO L fa U^ 
ga con Emanuel Comneno Im- 
f madore S Oriente ^ « mffoe guerra coi Pa* 
fa al Re GuoLiElMO. 

ERa Federico «on altriaenjtr , che i fuoi 
I 4?redec<^orì «nimico implacabile de* 
normanni. , e non meno che- furono Lo- 
tario , Errico , e? G>rrado contro Rué^e^ 
jpo , così ^li avea drizzati i fuoi penBeri 
per diA:acciar Guglielmo dalla Pusdia , e 
dalla Sicilia, riputandolo come ufurpato- 
re delle Provincie dell' Imperio . Niun 
Imperadore ebbe sì alti concetti dell* Im- 
perio reilituito da Carlo M* ia Occiden- 
te, quanto coftui.: egli fi reputava tm al- 
tro Ottaviano Augnilo i t che tutte le 
Provincie , eh' erano ^ima di quel vafto 
Imperio , fodero pure deir Afia , o nell' 
Affrica , o in qualunque altra più remota 
parte del Mondo , appartenetfero al fuo 
Imperio ,' e che perciò av^e IxdUnte drit- 
to di cacciarne gì' Invafori; e fi vide chia- 
ro , quando avendo il Saladino occupati 
molti luoghi della Siria, non.fi ritenne, 

{rima di movergli guerra , di minacciar* 
[> fé non reftituiva que' luoghi , con una 
terrilHle letteza^ che volle feri vergLi , rap« 
portata negli Annali d'Inghilterra di Rug* 
giero , e di Matteo Paris , nella quale fra 
gli altri vanti , e rodomontate gli icrif- 
Tom. IL 
(a) jim9. Offf^ m Qbr. fai 141. 



Dittatore ) morì , la Giudea , la Sama» 
ria, l'Arabia, la Caldea, eTifteflaCgibr 
to, ove Antonio effeminoffi con Cleopa* 
tra , r Armenia , ed innumerabili altro 
Pfovincie , erano ibggette ài fuo Impe« 
rio • Ma il Saladino gli rifpofe con non 
minor arroganza , ed orgoglio del fiio » 
ficcome fi vede dalb rifpofta , che vieft 
anche rapportau da* medefimi Scrittori « 
"Conobbefi ancora , che niun' altro Irn^t* 
radort prima di lur ebb^ quella fafttafim 
di crear tanti Re onorar; , come fece e« 
gli^ il quale inviò la fpada, e la coromK 
Regale a Pietro Re di Danhnarca, attri* 
buendogli il nome di Re» al Ducad'An-» 
ftrla , ed al Duca di Boemia , qome ab* 
biam narrato nel precedente libro • 
^ E fu cotanto a lui perniziofa quefta bo« 
ria di crederfi Signore di tutto il Mon« 
do, anche delle Città, e luoghi partico- 
lari , che per aver , fecondo quefte ideo 
( fomentate ancona daUbfingator Marti* 
no noftro GiureconfultT) voluto impor« 
re leggi, e condizioni molto rigorofe al« 
la nobiltà, ed alle Città d' Italia, fé gli 
ribellò -centro tutta la Lombardia , ondo 
nac<^e la ruina di Milano , come qui o 
poco vedremo. 

Per quefte maffime eelì reputava Gu- 
glielmo invasore , ed insriufto ulurpatoro 
non meno della Puglia, che della Sicilia» 
proccurava perciò tatti i mezzi , ed hn* 
piegava tutti i fuoi sforzi per difcacciar 
queftò inimico della fua Sede; ma confi- 
derando che per fé iolo non poteva conh 
feguirlo; poiché fé bene per la conquifia 
del Regno di Puglia potéìflfe unire un con« 
veniente efercito, e &r l'imprefa per ter- 
ra } nulladimanco , non avendo armato 
di mare, era impoflibile tentar V impre* 
fa di Sicilia: perciò fin dall'anno prece- 
dente 1154. <lopo av«r intimata una Die« 
ta a Ratisbona avea mandari Ambafcia- 
dori aU'Imperador Emanuele Comneno» 
affinchè ronchiudeife con etfb lui la lego 
contro Gu9lielflK> (') • Qjtefti non me« 
no che Federico mal fo£B:iva V ingrandi* . 
mento de^ Re Normanni , i quali noncoa-«i 

Z tcnu 

(b) Sìgm, tk Riiffi, Ud» f**%7» 



Digitized by 



Google 



'?y* 



D E L r ISTORIA C I V I L X 



lenti cT avergli tplta U Sicilia » -ponevan 
anche nella Grecia il lor piede , ed infi* 
40 alle porte di Coftaminopoli s' erano 
fte6 . Guglielmo fi vide in mezzo a due 
potenti inimici infieme uniti, e collega- 
ti . Ed era~ cofa veramente da ammirare, 
che Federico da un canto -milantava al 
filo Imperio d' Occidente appartenerfi i 
Regni di <jugliclmo ; e dall' altra parte 
Emanuele minacciava , ch'egli., ed i fuoi 
Komani non fi farebbero -mai aftenitti di 
portar guerra in Italia , infino che quel- 
la , e T intera Ifòla di Sicilia non faran- 
no reftituite ài fuo Imperio, d9nde furon 
^ivelte (tf) . Proccurò' ancora Federico 
€ollea;ajrfi.cò'Pifani potenti allora in ma- 
re , che parimente -contro Guglielmo fi 
moirero ; il^ual implicato ancora nella 

Sierra , che avca oioira al Papa , ed in- 
fpettito della fedeltà de' fuoi Baroni , fi 
vide in tanta xofternaxione , e malinco- 
nia, che abborrendo diiunque veniva da 
lui ,, ftava fempre folo racchiufo nel f«ò 
Palazzo , trattando folamente con Mago- 
ne , e con r Arcivefcovo , da' quali inten- 
'deya gli .a^ri d|yieame , noncome con- 
^rvn'iva , ma -com? meglio a* loro difegni 
fi confaceva . E Ma)one intanto vedendo 
non poterfi afpcttar miglior tempo , che 

J nello che correa per condurre a fine i 
loi lunghi divifiimenti : fece credere al 
Re , che il Conte erafi ritirato in Puglia 
pien di mal talento , non per altro , fé 
fion perchè afpirava al Regno in virtù di 
gerto Nettamento di Ruggiero , ove dicea 
che fuccedeife coftui in cafo che il figlino^ 
lo Guglielmo non foife ftato atto a go- 
vernare i fuoi Regni ; e perciò fcritfe ad 
Afclettino , che lo chiamaffe a Capua , e 
giuntovi il faceffe prigione , inviandolo 
ibttp buona cuftodia a Palermo ^ Ma in- 
ibfpett^to prima il Conte di tal chiama- 
ta , e poi avvedutofi dell' inganno , refiftè 
al Cancelliero , che in nome del Re gli 
comandava , che aveffe confignati tutti i 
fuoi (oliati al Conte Boemondp , dicen- 
dogli tutto crucciofo, che quel comanda- 
mento era di matto , o di traditore , e 
non volendone far nulla, fi partì di Pu- 
glia , e con tutta la fua gente n' andò in 
Aprozzi • Proccurò ancora Majone riell* 
i&flb tempo , non baftandogli quefto ^ 



4 

(ioni 



che il Conte Simone i>arsiiiente mmaiS!) 
poiché fatta ad arte inforgere tra kii, 
il Cancelliere gara , « nato tumulto fra j 
(bldati., tal avvenimento in Corte noi! 
com' ^ra fiato , ma come* a lui piacque ^ 
deferire ^ aggiungendovi , che il Conte 
era cagione di que' difturbi , e eh' e* trat- 
tava ncgoz) di molta importanza col Con- 
te Roberto , a eui egli mandava perciò 
fecreti meffi : quefte lettere badarono a 
Maione di far credere al Re che il Con« 
te Simone infiéme col Conte Roberto eoa 
molti altri congiuraffero contro la fua per- 
fona per torgli il Regno ; onde Guoliel« 
mo , eh' era fempre in fofpctto de' fuoi 
pia ftretti parenti ^ chiamò il Conte in 
Palermo , e fenza dargli tempo da pote- 
re addurre cola alcuna in difefa della fua 
innocenza , lo fece imprigionare con in* 
dignazione di tutti contro l' Ammiraslio^ 
per opera -di cui ogni malvagità fi vede* 
va avvenire . 

Accadde^ in quefto medefimo tempo , clic 
il Re, o per grave infermità foprassiun- 
tagli , o per altra cas^ione , fi racchiiifc 
in modo nel regal Palazzo , che per al- 
cuni giórni non fi faceva né vedere , né 
parlar da niuno , fé non dall' Arcivefco- 
vo , e da Majone : il perchè fi fparfe fa^ 
ma per li fuoi Regni , eh' egli fctfe mor- 
to avvelenato dall' Ammiraglio . Quefta 
fama divolgata in Puglia cagionósi sgra- 
vi movimenti , che fi videro in un fubi- 
to molte Provincie fconvolte ; poiché Pa- 
pa Adriano non fi lafciando fcappar tal 
congiontura follevò tofto i Baroni della 
« Puglia contro il Re , e quelli che Gu- 
glielmo avea difcacciati ( À ) • Nel che f 
per r alienazione ^ ed abborrimento che 
aveano col Re per cas^ion di Ma'ione f 
non vi volle molta induftria per tirargli 
alla ribellione . Si videro perciò in un fu- 
bito ardere la Calabria, la Puglia, e Ter- 
ra di Lavoro in una crudeliffima guerra ^ 
e piene di tumulti , e di fedizioni . Il 
Conte Roberto , avendo tofto ragunato 
un numefofo cfercito ne' contorni d' A- 
pruzzo , forprefe molte Città della Puglia 
pofte in riva del mare , infino a Taran- 
to : e pre(a Bari fece s col confcntimento 
de' fuoi Cittadini, (pianar la Rocca fatta- 
vi non molti anni prima edificar dal Re 



Rug 
( a ) /(v Cimègìms hift. C^mnena , /ì*. 4^ ( b ) Invi^es lìb. j, hifi. PmIìt^ 



Digitized by 



Google 



ITEt REGNO DI 
Knggtefo ; tà avendo altresì iafietne col 
Pontefice allettato T Imperador Emaaue^ 
le ad accompagnare le fue forze contro 
GugiieiinO) potlendo^o in fìcura fperanza. 
di ricuperar la Puglia , e fottoporla co- 
me prima al Aio Imperio d' Oriente , n' 
ottenne molta gente gnidata da nobiUfCr 
mi Capitani , e molta moneta , che gli 
inviò fino a Brindifi, a' quali fi refe quel- 
la Piazza affai confidcrabile pel fuo Pòr- 
to, ove Emanuele defignava mandar più 
mimerofa armata.. 

Né minori fconvolgimcnti cagionò la 
fama" della morte del Re in Terra di La- 
voro ; poiché il difcacciato Principe di 
Car»ua Roberto ^ che .finora avea menati 
i fuoi giorni in Sorrenta- in vita privata ^ 
diffimulante Ruggiero , onde per ciò lo 
ditfero ancora- Roberto di Sorrento (a) ^ 
non avendo bifoguo che il Papa lo fti» 
inolaffe , fubito fé ne venne in Capua , 
ed. occupò^ tantofto la fua antica Signo- 
ria , e poco da poi non folo interamente 
.fi. fottopo^e tutti i luoghi, del fuo antico 
Principato , mapatfata anch' egli in Pu- 
glia avea (bggic^ato ^uafi tutto il rima- 
ncnt]5 , eccetto: Melfi , e Troya .E ne' Pi- 
centmi , ed in Terra di Lavoro andaron 
le cofe del Re cosi male ,. che non era 
rimafto in fua balia altro , che Amalfi y 
Naftoli ,. e Salerno j ed alcuni altri pochi 
fcrti , e muniti Caftelli ; perciocché Ric- 
cardo deir Aquila Conte di Fondi ayea 
prefa Seffa , e Tiano ^ e '1 Conte Andrea 
da Rupe Canina il Contadod' Alife. 

S'accrebbe il timore di difordini mag*^ 
glori ; perchè in queft* ifieffo* tempo Fé-* 
derico Imperadore di Alemagna era giun- 
to^ in Roma, ove era ftato da Papa A- 
driano ricevuto con. molta pompa , ed in 
S. Pietro folennemente coronato ; ed il 
Papa^ptima della fua coronazione, s'a« 
Tea da lui4atto promettere,. oltre di ca- 
lar in Puglia: contro Guglielmo , che 
fenz'il fuo invito- per fua propria inimi- 
cizia che avea con lui 4' avrebbe fatto y 
di deporre; ancora i Senatori in quella 
Città cteati, e di ridurla, come prima ^ 
atirttbbidienza del Pontefice ; Ma Federi- 
co per nuove ^ -cagioni' n<m potè * efeguir- 
k) ìl'perehè'fopraggiiiAta nel fuo efercico 
una gran peftilenza j , bifognò tornarfcne 

(a ) Camiti. Peli, in Sttm,. 



NAPOLI LIB: XIL lyr 

in Alcnaaana , e fu d'^uopo partirfi anco» 
ra , per fedare nelpaifaggio 1 difordini 
nati in alcune Città di Lfl«ikardia,,fen- 
za che , . dopo effere - flato coronate - ,< avetfe 
voluto far nulla di quanto al Papa avea 
promeifo y fé non fdo d' aver alfrettato 
il foccorfo, e fpiuta IV armata de' Pliant 
coutro Guglielma. 

Il Papa, ancorché delufd da Federico, 
non per .qucfto volle perderfi d' animo 
4)ra che il tempo era a^ lui. cotanto favo-- 
revole i poiché avendo radunato , * come 
potè meglio , un grotfo- efercito , . poftofi 
alla tetta di quello , entrò nel Regno , e 
torto s'unirono a lui il Conte Andrea di 
Rupe Canina , ci mal fbddisfatti ' Baro-* 
ni : fé gli nnifce ancora Roberto , che 
poc' anzi avea occupato il Principato di 
Capua, il quale giunto in Terra di La-* 
voro ,. pafsò poi a Benevento , ove fu a ^ 

. grand' onore ricevuto da'. Beneventani : 
dall' altra parte T Iraperador Emanuele • 
volendofi vendicar dell'ingiurie ricevute 
da Ruggiero ,> nel figliuolo -Guglielmo ,. 
avea mandati in Puglia Paleologo , Co* 
minato, Sebaflo,. ed altri iliuibi , e va^^ 
lorofi Capitani con groflb ftuolo ' d' arma- 
ti , e con 'molta moneta in foccorfo (kl 
Conte Roberto ; ed avea altresì mandato 

- a dire al Pontefice,. che l'avr'^bbe aiuta- 
to a disfare interamente Guglielmo , pur- 
ché aveife poi lafciatein fuo potere tre 
Città i pofte in riva ' del mare di quella 

: Provincia , . con « li. cui foccorfi il Conte 
Roberto sfaceva àfpra guerra in Puglia , e 
n' avea già buona parte ' occupata {b). 

Ecco in quale ' ftato deplorabile fi ri- 
duifero quefte - noftre Provincie Mn queft^ 
anno 1 1 S 5* ed in quanti- fconvol^imenti ; 
la novella de'quali pervenutala Palermo f 
non batto a- fcuotefe 1- infingardaggine del 
Re , .il quale *, rincrcfceiidogli d' ufcir da* 
gli agi del Palazzo , avea data occafione 
alla falfa. voce della fua morte ; perchè 
Magone coprendo^còn la^tranquillitàdel 

. volto l'interno affanno,, non fece accor- 
gere né ir Re , né altri del fuonimore y 

. onde reputò allora aoneffervi di bifogno 
d' altro fe' non che il Re fcrivcfle a co- 
loro y che ancor duravano nella: fua fe- 
de, y . eh' era ; ftata (alfa , - ed ' inventata da* 
fuoi.rubelli lafama ufcita fuoci della fua' 

Z. 2' mor- 
{\>yCdpecelatr. lìb. z.z 



Digitized by 



Google 



i8d DEir ISTO 

morte f e che foflero con gente armata 
lifciti contro di loro. 

Ma fé nonbaftarono i tumulti di que- 
ile Provincie per opra di Majone a tor- 
ve il "Re da quel ù tnfigo, e profondo 
letargo y furono befisì fumcienti que'che 
vide nella Sicilia, e nell' iftetfa Città di 
Palermo poco da poi; poiché ribellatofi 



Ut A CI Vite 

e travagliando il Re quella Città eoa coti* 
tinuia£uklti» co9Ì dal lato di mate , come 
da quello di terra, alla fine la prefe a 
forza , facendo prigionieri tutti i Capita*^ 
ni più ftimati de* Greci con molti altri 
di minoìr conto > e buona parte de* Baro« 
ni di PugUa con altri lor feguaci , de'qua^ 
li molti fece niorire impi<;cati per la gp* 



il Conte Giufeedij^ e fcoverta da lui la -Ja, ed altri fece abbacinare, conquiftan» 
congiura diMajone, ancorché il Re non, do parimente tutte le ricche ipoglie dc^ 

* ^ ^ '- -■ — -*•- -*-"* ^-^ Greci, e groifa fomma di moneta, che 

ivi avean condotta per gli bifogni della 
guerra ( A ) • 

Pafsò poi il Re col vincitor efercito a 
Bari, ed i Barefi vedendo .che il Papa, 
ed il Conte , che avean proccurata la ri^- 
bèllione , non maudavan loro foccorfo aN 
cuno, penfaroho direnderfi alla pietà del 
Re -, e per mitigar la fua^ ira gli andaro- 
no incontro difarm^ti a chiedergli mercè} 
ma Guglielmo vedendo le ruine della 
Rocca, che éolà.il padre Ruggiero avea 
edificata, la quale noni guari prima i Ba- 
refi avean fatta abbattere i rifpofe: lornn 
perdonerh alle vojire cafty no?i avendo voi 
avuto ri/petto alla mia (c)\ indi coman- 
dò , che fra -due giorni con tutti i lor be- 
ni irpartiiTeroi la qualcofa pofta imman« 
tenente in efecuzione , fece primieramen- 
te il Re diroccar le mura della Città &• 
no da' fondamenti , indi disfar tutti gli - 
edifici sì fattamente , che ogni cofa fu rr- 
dotta in rovina, Jtd adeguata al fuolo^. 
Così rimafe atfatto diftrutta^Barì , laquai 
Città' per la ricchezza , e nobiltà de'iuoì 
Cittadini, per lo'npmeroib &t[} Popolo f 
per la bellezza de' fuoi Palazzi , e per la 
fortezza delle mura, fra tutte le altre di 
Puglia, era potentiflima, e riputau un 
tempo la fede de' più gran perfona^i del* 
la Grecia . Quindi fi convince V error ài 
cobra,, che vogliono Bari , in tempo dei* 
la Regina Cofianza, e di Manfredi, tt- 
(ere iìata riputata fede regia, dove que* 
fti Principi furono incoronati ; poiché Ba- 
ri^, dopo queft' avvenimento, firidufiè is 
più Ville , né fé non molto ten^K» da poi 
riprefe forma di Città. E vedi intanto k* 
incoftanza delle mondane cofe, e come 
tìitte quefte vicende- férvirono ad utnal» 
2ar Napoli fopra tntte^ le altre Città di 

quc- , 
(b) Cafectlatr, hìfi. Ut, i. (e) Anonìm. Cajptu. 



la credere; e per la tirannia deirAm* 
miraglio foUevatifi i Siciliani y. occupai^o- 
no Butera; e tumultuando gravemente il 
Popolo della Città ifiefCa di Palermo con- 
tro Majone per V ingiufta prighonia del 
Conte Simone : tutte quefte cofe , ed al- 
tre unite infieme ,. finalmente traflero il 
£e dagli agi del Palazzo , dettandolo in 
maniera , che con impeto a' maggiori pe- 
sicoli efponendofi , racchetò il tumulto di 
Palermo con far fprigionare il Conte Si« 
mone , ricuperò Butera , ed avendo réfti- 
tuita queir Ifola nell'antica quiete , fi ri- 
iblvette di venire egli in Puglia a debel* 
lare i luoi ribelli , e porre quiete a que- 
Ao Regno; pafsò perciò immantenente a 
Mefiiua per valicai* il Faro; è portatoti 
colà in quel mentre il Cancelliere,, gli 
furono date gravi querele dal Conte Si- 
mone, per non aver difefà come fi con- 
veniva Terra di Lavoro i e volendo egli 
audacemente difenderti , non fu intefo, 
anzi fu di prefente chiufo in prigione, 
ove di là ad alcuni anni miferamente fi** 
ni fila vita. Ragunata Guglielmo come 
potè meglio una armata, partitofi daMef^ 
una, venne in Regno, ed a Brindifi ac- 
campoffi in quello nuovo anno 115^* («), 
ed avendo mandato T Eletto di Catania 
al- Pontefice, per chiedergli pace , con oU 
ferirgli vantaggiofe condizioni , fu per opra 
4*' alcuni Cardinali partegiani dell' Impe- 
xadòr Federico rimandato indietro fenza 
conchilider nulla ; laonde il Re veggen- 
«lofi efclufo d^ ogni fperanza d' accordo , 
fenza. far piùparole , campeggiò virilme»»« 
te Brindifi , ove erano i Greci , ed ove s' 
cvan ragunati la ntaggior parte . de* Baro- 
m rebelli; e La ftrinie si fattamente » che 
Roberto: di Baflavilla eh' era in fua dUe- 
ta, Igomentato fiiggl via a Benevenm^; 



(a> Infueget Hi. 3. h0. FaK 
gnn. 11^6. 



Digitized by 



Google 



DSL REGNO DI MAPttLI LIB, XIL 



r?r 



i|tleftQrICeftnfé ; poiché, (e albta vi rima-' 
M Salerno, non dorranno pafiar molti an« 
ni, che vedremo ancora quefta Città pa- 
rimente minata , e diftrutta per l' ira , ed 
indignazione d' Errico marito diCoftanza. 
Prefe da poi il Re Taranto con tutti 
gli altri luoghi di quella ^Provincia , che 
Il Conte Roberto, ed i Greci aveano oc- 
cupati; e di là fi conduife a Benevento, 
ove era il Papa Adriano co^fuoi Cardi* 
aali , e buon nmnero d* altri Baroni , che 
V' erano fuggiti ; e cingendola di ifaretto 
affedio, afflifTe di.modo quella Città, cbt 
il Papa , fcordatofi a£fatto de' Baroni del 
Regno , che avea pofti in tanti travagli , 
e pericoli^ yeggendo il perigKo, iri cH' 
era incoHo per non etferfi m prima , ciuan-* 
do *^li offeriva vantaggiofe condizioni ^ 
Reificato con Guglicfmo*, gì* inviò tre 
Cardinali per fuoi Legati a chiedergli pa* 
ce . ^Furono quefti Ubaldo Cardinal di San- 
U Pratfede, Giulio Cardinal di S. Mar^ 
cello , e Rolando €ancellier di Santa 
Chiefa , e Cardinal di S. Marco ( tf ) , i 

Juali non altrimente che fece Gregorio 
L quando fcriffe tre lettere a Pipino in 
nome di S. Pietro, così effi in nome del 
Principe degli Appòftoli gli chiefero , che 
ceffafle da' danni, che faceva al Romano 
Pontefice , e che confervafiTe le ragióni 
della Chiefa di Dio; ^ 

§• II* erticeli di pare ftabVhì con Papa 
Adriano, ed invefihura datd dal me- 
defimo al Re Guglielmo .- e pace indi 
Segaìha eolP Imperadore Emanuele. 

Furono i Legati dal Re cortefemenle 
ricevuti , ed intendendo da efli di 
buon animo le propofte di pace, deftìnd 
egli dal ino canto cinqye altri fqoi Pie* 
iiipotenziari per accordare gli articoli di 
«nella • Quefti furono il G. Ammiraglio 
degli Ammiragli Majone,. UgoneArcive* 
Icovo di Palermo^ Romualdo ArcivefAo- 
vo 4i Salerno y Guglielmo Vefcovo Cala- 
no, e r Abate Cavenfe Marino; ij|uali 
nnirifi con i- tre Cardinali, fermarono gli 
articoli di pace, che nella* jnaniera^ dhe 
di qu! a poco diremo-, ii - leggono prefb 
il Baroni!» * ndlaj qnal pace non ^ftjmnr 
con^cefi i Baroni, m^ tutti efclufi, efol 

Ca) Gugl.. Tirso apud Baron. 



fra il Papa>^d il Re fu quella conchiufa;» 
Venuto poi Guglielmo alla Chiefa dr 
S. Marco fiofta fuori le mura di Beneven- 
to, s'inchinò appiedi d' Adriano , da cui 
effendo ftato affoluto dalle pa&te cenfa«- 
re , egli all' incontro in prefènza di mol- 
ti Cardinali , e Baroni , ed akra gen^e in 
gran numero iviconcprfa, glifuce romag<« 
gie del Regno , e giurogli fedeltà , reci^^ 
Undo le parole del giuramento Ottone 
Frangipane, ed il Papa ponendogli kco^ 
rona Tinveftl, prima con dargli unoften« 
dardo del Regno di Sicilia , e pofcia eoa 
dargliene un altro del Ducato di Puglia » 
ed un altro del Principato di Capua . 

L' inveftitura , che in queft' occafione fa 
da Papa Adriano conceduta a Guglielmo ^ 
fu la ^ ampia, e di gran lunga vantag« 
giofa di quante mai foifero dagli altri Pon^ 
tefici concedute a* TPrincipi Normanni ; 
fu non folo del Regno di Sicilia y del Du* 
c^o di Pij^ia , e Principato di Capua con 
tutte le fue pertinenze, come furono le 
precedenti j nta ciò che Gregorio VII. e 
;li altri fuoi fuccetfon non vollero in mo- 



do alcuno fare, fece Adriano, perchè an** 
che l'invefti di Salerno, d'Amalfi, e di 
Napoli colle lor pertinenze, della Mar- 
ca, e di tutte le altre Terre che potfe- 
deva* Quefta inveftitura fu conceduta non 
pure a Guglielmo, ma anco a Ruggiero 
flio figliuolo y che nell'anno precedeóter 
II SS* mentr* era di quattro anni Tavea 
il padre oreato Duca di Puglia^ e di Ca- 
labria^ ed a tutti i fuoi eredi; i quali 
per volontario fuo ordmamento avrà egli 
deftinati per fuoi fucceilàri nel Regno co* 
me fono le parole della ìfcrittura rappor*»* 
tata anche dal Baronio ; ProJeSlo vos no^ 
ùisy & Rogerio Dnci fitio nofiroy' & hj^e^ 
dibus noflris , qui in Regnum prò volunta^ 
ria otdìnarìone ìioflra fitccefferinty ctfucedetìs 
Fiegimìn ^icilijtj Ducapum Apulia , Prin^. 
cipatum CapiMy ^cum omnibus pertinentih 
fuìs ; Neapolimy. Salertìum ^ C^ Malphiani 
cuìf^ pertinentiis /uis- r Marchìam ,. Cr alia- 
qu^uttra Mar/ican^ debemus habercy &re^ 
ììf^a tenintentHj quét tenemfts a- predecaffa*. 
ribus mjirip ^ommibus SaerofanBa Romaua. 
Ecclf^a jwfe detenia , d* contnt omnes h^* 
mifffi adjuvabitis, bonarifico' mÉntuenere * 
AlV incontro promife il Re pagargli il 

'. *•-' .cca* 



Digitized by 



Google 



t82i 



DELL* ISTORIA CIVILI 



ceaib per la Paglia, e per la Calabria fei- 
cento ichifati l'anno, e per la Marca aa- 
qnecento. 

. ( Quefta Bolla dcir inveftitura , e con- 
cordato tra Adriano IV. con Guglitlim L 
è, rapportata anche da Lunig (ix)*) 

Furono in queft' occafione accordati an- 
cora molti, articoli intorno alle appèlla- 
aioni , elezioni , ed altre cofe appartenen- 
ti alla politià, e governa. Ecclefiaftico di 
qtiefto Regno di Puglia. Pèr^ T appellazio- 
bì fti convenuto,, che fé alcun Cherico 
nella Puglia, e nella Calabria, e nell'al- 
tre Terre vicine , contro alcun altro Che- 
rico, avrà querela intorno alle caufe Ec- 
clefiaftiche,.e dal Capitolo, o dal Vefco- 
vo, Arcivefcovo, o da altra perfoiia Ec- 
clefiaftica di quella Provincia non poflfa 
emendarfi , «li fia lecito , fé vorrà , appel- 
larne alla Chiefa Romana . Che fé la ne- 
ceilità , o utilità della Chiefa lo ricercaf- 
& , pollano farfi le Translazioni da una 
in altra Chiefa . Che la Chiefa Romana 
polfa liberamente far le vifite, e le con-* 
aerazioni nelle Città della Puglia, e di 
Calabria , ìs luoghi adjacenti , eccetto pe- 
rò in quelle Città, nelle quali fia preferi- 
te la perfoua del Re , o de' fuoi eredi , 
fenza volontà de' medefimi . Che nella Puj 
glia, e nella Calabria, e nelle Regioni 
vicine poifa la Chiefa Romana, liberamen- 
te aver fuoi Legati, i quali però debba- 
Apportare con ogni moderazione^ fenza 
invadere, e devaftare le pofTeflloni . della . 
Chiefa . 

Che anche nella Sicilia abbia la Chie« 
la Romana le vifite , e le confecrazioni ; 
e che fé il Re, o fuoi fucceffori chiame- 
ri dalla Sicilia le perfone Ecclefiaftiche , 
e per ricever la c(A-ona , o per altro bi- 
ibgno ,.. debbano quelle ubbidir alla chia- 
mata, e poffa fallii reftare , e ritener quel- 
li che ftimerà dover ritenere . Intorno all' 
altre cofe, avràja Chiefa. Romana nella 
Sicilia tutto ciò , che tiene nelle altre par- 
ti del fuo Regpo, eccetto che le appella- 
zioni, ed il poter mandar Legati, li qua- 
li non fi permetteranno , fe non à pcti- 
asipnc del Re , e fuoi eredi . Nelle Chi^- 
fc^ e Monafterì del fuo Regfto-pòffa ri- 
tenere la Chiefa Romana*. ciò, che ìfitie-* 

( a > Lunig Cod. ItaL Diphm. pag. ^50. 
1^0 Fahan.. 



ne iieir altre Ctóefe, cé«e I« Mite eoa* 
fecrazioni , e benedizioni , alla quale pa-ì 
gheranno i folitì, e ftabiliti cenh. 

Intorno alle elezioni fu ftabilito , che 
liCherici ragunati debban eleggere la per-* 
foqa che riputetanno degna , la quale ter- 
ranno in.fecreto, infiii6 che al Re farà 
palefata y il quale darà il (ìio aflènfo, 
quando, però non la giudicasfTe o del par« 
tito de' itioi trajditori , o de' fuoi nemici , 
e de' Atoi eredi , o pure non fia a (t odio* 
fa, o per altra cagione , per la quale non 
la ftimaife degna del fuo affenfo. 

Tali furono gli articoli di quefta pace 
firmati pretfo Benevento nel mefe di Giu- 
gno dell'anno iij<5. de' quali, come ap- 
partenenti airo Stato Ecclefiaftico, citor* 
nera altrove occafione di JiaTlare • 

I Baroni del* Regno di Puglia, veden* 
dofi contro ogni lor credenza abbandona- 
ti dal Pontefice , e lafciati in preda ali* 
ira del Re , sbigottiti di tale avvenimen* 
to , preftamente fuggirono . Il Conte Ro- 
berto da Baffavilla , ed il Conte Andrea 
da Rape Canina, con alcuni altri ne an- 
darono in Lombardia, ricovrandofi colà 
folto la protezione deir Imperador Fede* 
rico , il quale gli adoperò nella, guerra 
che allor tenea co' Milanefi ; ria Roberto 
Principe di Capua. volendo anch' egli con 
altri fuoi partigiani ufcir del Reame, et 
fendofi avviato per lo Stato di Riccardo 
deir Aquila. Conte di Fondi fuo vaflallo , 
per dove credea poter ficuramente paffa- 
re, fu per ordine del Conte infidiato, e 
con. tutti i fuoi prefo ai valicar del Ga- 
rigliano , e dato prigioniere in poter del 
He (A); con la qual malvagità U Con- 
te Riccardo ritornò in grazia di Gugliel- 
mo, ma non potè fog^ire; l'infamia del 
tradimento . Fu il Principe infiemercoa mi 
fuo figliuolo, ed una %liuola,. di: volon- 
tà dell' Amnrùraglio inviato prigione al^a- 
lermo , ed. ivi fei abbacinato , ove- poco da 
poi in carcere ~ morh Ed ecco il fine di 
Roberto figliuol di Giordano II- Princi- 
pe di Capua, nato di nobilifllma fchiatta 
di fangue Normanno » dopo aver tante 
volte perduto.;^ e'.rìcnperatt) > ii fuo Princi- 
pato, che in. luì* afl&tto s'eftinfe, rinia>' 
tiendo. unito coi Resme di Puglia-, come 
. ■ : .. .'. 1 .,.>*-■ è an- 

(b ) Camili Peli, ad Mm. Caff. ann.11^6.. 



Digitized by 



Google 



BEL REGNO ©I HAPOII LIB. Xlf. iJj 

Rt tutti qnefti felici fucceffi alla fua con» 
dotta t e prudenza y era gionto V Ammi« 



ÌMGOfSi al pfefeUtei un altro fuofigtiuo- 
lo chiamato Giordano » dopo queft'Jnibr* 
tanie del padre iicappò in Coftantinopoli , 
efotto la protezione dell' Imperador Ema« 
nuele fimife) il ^ual Imperadore loman*' 
dò da poi Legato ad Àletfandro IIL neli' 
anno ii66. coinè di qui 4i'póco dire* 
mo (ir). 

Dopo le 9uali oofe il Papa ne andò in 
tampina di Roma y ed il Re avendo vin« 
ti i Greci y e parte 4e' fuoi nemici caccia* 
ti yia dal Reame » e parte pofti in prigio* 
ne , ed altri o fatti morire , o ritornatiin 
fua grazia 9 diede il governo della Puglia 
a Simone G. Sinifcalco cognato di Ma* 
)one y ed egli avendo in cotal guifa feda* 
ti i tumulti. del Regno iaPalermo ritor* 
novene. 

Non minor felicità fperimhitò Gugliel* 
mo nella guerra, che poca da poi motfe 
air Imperador Emanuele ; poiché avendo 
ragunata una grande armata fbtto il co* 
mando di Steiaoo fratello di Ma^ne» 
quefti alle riviere del Peloponefo com- 
battè con tanta felicità quella del Greco y 
che n' ottenne piena vittoria • Per la qual 
cofa sbigottito Emanuele proccurò aver 
pace con Guglielmo, ed avendogli man- 
dati fuoi Ambafciadori , alla fine T otten- 
ne , e furon ripofti injibertà tutti i Gre* 
ci eh' erano in Sicilia '; ed Emanuele , ciò 
che prima egli , ed i fuoi ptedeceffori non 
vollero in conto alcuno mai fare, daque- 
fto tempo in poi riconobbe, e chiamò 
Gi^lielmo Re ( ^ ) } e fii fra di loro ila» 
bilita pace sì ferma, e coftante che da 
ora innanzi non fi fentiranno più guerre 
tra i noftri Re Normanni, e gl'Impera* 
dori d' Oriente . 

Cosi Guglielmo racchetati i tumulti del 
Regno, e pacificatoti col Papa, e coli' 
Imperador d'Oriente , fi acquiftò in que- 
lli principi del fuo Regno il titolo di Ma- 
gno; e poteva fperarfi, che lungamente 
durar doveffe queftapace, fé Majonenon 
la avetfe turbata» perchè attribuendo il 

( a ) jiSa e/u/dem Ponti fich apud Baron. 
Camiti. Peli, in Stemm. ( b ) ]o. Cinnam. 
de reb. gefiis Jo. & Emanuel. Comn. lii.^ 
Paulo pojìy <> Regem eum appellavìt y rum 
ffìus non effet^ (e) Epifl. apnd Inveges 
lib.^. htft. Pater. Hacy & alia ut potè de 
concordia Bufgcrìi^^ & IVtllelmi Siculi ^ d* 



vaglio a tanta potenza, che fembrava'pili 
tofto egli il Re , che Ammiraglio di Si« 
cilia y .Qnde dieflÓi nuovo 'fomento a' mài 
foddisfatti Baroni 4i porre in campo quel^ 
le (edizioni, e tumulti ^''che più innanil 
(arema a xunrare. 

c A >. r. 

V Imperador. VEpÈkKOi* /degnato eoi Papa 
della pace fatta con GuotiELMO caladi 
nuovo in Italia : tiene una Dieta in Rtm* 
caglia y e rejiituifia in Italia le Regalie. 

^Ntantjo r Imperador Federico informa- 
JL to dal Conte Roberto , dal Conte An- 
drea, e dagli altrrribelli del Re, li qua- 
li dopo la pace fatta nel precedente an- 
no, erano fuggiti in Lombardia, coni^ìl 
Papa con occulte condizioni avea conchiu- 
fa la pace con Guglielmo , ed avea efcln» 
fi tutti gli altri: s'adirò fortemente con- 
tro Adriano, ed anco fé ne querelò coni 
tutti i Principi , e Prelati Tedefchi ; don»» 
de i Vefcovi di Germania non fi tratten- 
nero ibpra di ciò fcrivcre una lettera al 
Papa, ove fra l'akre cofe gli rimprove- 
xarono quefta pace (<r). 

Ni tralaiciò l'ifteiTo Imperadpre coti 
altra fua lettera dolerfene con Eberardo» 
Arcivefcovo Salcsburgenfe (^); e jpercift 
da queft'anno ti 58. l' Imperadore fi di- 
chiarò nemico del Papa, ficcome lo era 
di Guglielmo ; e temendo che quefti du6 
infieme uniti eftinguefiero affatto in Ita- 
lia l'autorità del iuo Imperio, comincila 
ad effer più terribile/colle Città di Lom- 
bardia y onde deliberò di paiTar tofto iti 
Italia , come fece ; ma con fpiriti molto 
elevati , e bizzarri ; e calato in Lombar- 
dia , avendo vinti i Milanefi , e fottopo*» 
ftefi le Città della medefima, affegnò fe- 
condo il coftume, de' fuoi maggiori, una 
Dieta in Roncaglia per fermare gli arti^^ 

coli 
aliis qua tn Italia faEl^e funt convention!'^ 
bus y qua ab ore Imperatoria audivimus , C>r* 
( d ) Inveges toc. cit. Nequè eam pacem te^ 
nercy ncque ea teneri vellemus ; quoniamipfa 
prior viotalJet in Sìculo ,^ cum sf/e fitte no^ 
Ihs recmectiiafi non debuijfet • 



Digitized by 



Google 



««4 



O E L r •! « T O R I A CIVILE 



coli della pace, e per dare alami prov- 
vedimenti intomo alio flato di <yiella Pro* 
vincia. Allora fu, clie «krontrandofi per 
via ad un bel Caftello > avendo dimanda^ 
to di chi quello fi^e, ed etfendogli ftato 
detto il padrone, alenai adulatori gli ri- 
feofero ch'era fuo, poiché dell' Impera* 
dorè era il dominio di tutto il M^udo, 
« delle cofe particolari ancora : altri , che 
erano della comitiva di Federico, non po- 
tendo fofirire un* adulazione cosi sfaccia-- 
ta I a oppofero a tal rifpofta | per lo che 
fra loro ne nacque un gran contratto : V 
Imperadore ordinò che in Roncaglia fi 
foffedeciia ul difnuta da' Sapienti, e Gin* 
reco.rfulti della Città di Lombardia, che 
dòveano intervenire a quella AlTemblea. 
L'etferfi negli anni precedenti, impe- 
rando Lotario, ritrovate le Pandette in 
Amalfi, e tr;^portate in Pifa, e l'aver 
Irri^riO) come fidilTe, in >3ologna impie* 
^ati tutti i fuoi talenti fopra di quelle, 
^on efporle , e pubblicamente infegnarle » 
ne avvemie , che dalla fiia fcuofa ne fof- 
iero forti molti , i ^uali feguitando le fue 

Sidate a nuir altro intefeit)» che allo fin* 
o delle medefime , e degli altri libri di . 
Giuftmiano • Quindi nacque , che nelle 
Città dTtalia, molti tratti dalla novità, 
e dalla eleganza, efapienza di quelle leg*^ 
gt , v' impiegavano tutto il loro Audio per 
apprenderle } onde dalla fcuola d' Irnerio 
n' ufciroucjj^me dal Cavallo Troiano, 
molti Giureconfiilti, e loftudio della Giu- 
rifprudenza Romana era frequentatiflimo 
non meno per gli afcokatori , che per co* 
loro che l' infegnavano ; ma perchè que- 
llo ftudio furfe in un fecolo pur troppo 
incolto, e che fenza T aiuto degli altri 
libri latini, e dell' Iftoria Romana , e dell' 
erudizione , non potevano quefte leggi ben 
intenderfi : quindi nacque, che i primi, 
che r infegnarono , a cui mancavano taa« 
ti aiuti , in molti errori , e puerilità in- 
corfero : vizio loro non già , ma del fe- 
colo ^ poiché all'incontro alcuni di efii 
furono d'ingegno mera vigliofó; e fé man- 
cò l'erudizipne, e l' iftoria, fi vede, che 
gì' ingegni sX Mondo non fono mai man- 
cati, perchè la natura con coftante teno- 

( a } L. de precario y D. ad L* R. de Ja^ 

eiu. e b ) W>. /. Barbarìus , D. àeoff. Fra* 
tot. ( e ) X. bene a Zenone ^C.da Qìtadrìen. 



re ferba le fue leggi , ed ha uguahnaite 

a tutti diftribuiti i talenti. 

. . Per ^uefte cagioni leggendo e(fi ia al- 

cune leggi, delle Pandette , che l' Impera* 

dor Antonio {a) fi chiamava Signore dell' 

univeifó Mondo : e che Ulpiano {b) fcri£i 

fé , che ficcome il Popolo Romano pote« 

va dar la libertà a' fervi de' pairticalari , 

così anche poteva farlo. T Imperadore j e 

leggendo ancora nel Codice ( r ) quel che 

Giuftiniano difle, che tutte le cofe erano 

del Principe: credettero che l'iftelTò pck 

tetfe dirfi di Fe'derico ; onde fa cofa mol* 

to facile di perfuadere , effere e^li Signo« 

re del Mondo, e delle cofe ancora de'pri« 

vati • Erano jn quefti tenipi dalla Scuola 

d' Irnerio ufciti molti Giurecpnfulti . Su^* 

fé Piacentino in MontepelTulo , il qm\t fu 

il primo chi da Italia propagò lo ftudio 

della Giurifpntdenza Romana in Francia* 

piorivan in Bologna Bagarono^ e Giova»» 

ni Bafiano, ed in Padova Antonio L/oi 

ma fop^a tutti a quefti tempi fi diftinfe* 

ro in Bologna dove infognavano, quattro 

Giureconfulti , i quali eranfi refi per la 

loro dottrina così celebri, e rinomati, 

. che r Imperador Federico nelle delibera* 

zioni più gravi gli chiamava al fuo con* 

figlio , ed aveagli per fuoi Affetfori , co* 

me fcrive Radevica C^)» non altrimenti 

che fecero gl'/antichi Imperadori Romani 

de'noftri Giureconfulti. 

Furono quefti Bulgaro , che nato in Pi* 
fa, infegnò nel principio legge in Bolo* 
gna, dove poi dair Imperador Federico fu 
creato Prefetto di quella Cittìi: Ugolino^ 
che fiorì parimente in Bologna, Autore 
della decima Collazione y e Collettore de^ 
libri de' Feudi , e delle Coftituzioni dì 
Corrado, Lotario, e Federico, le quali 
aggiuufe alla nona Collazione dell' ^x- 
• tentico , come di qui a poco diremo : 
Martino ancor celebre in queft' ifteflb tem« 
pò , il quale fcriffe alcune chiofe alle Pan- 
dette , le quali però furon fovente da' pò* 
fl:eri rivocate in dubbio, e rifiutate; e 
Giacomo y che Federico pur ebbe nel fuo 
Configlio. Ebbene ancor in Milano in 
quefti tempi due altri: Obertp deOrtogma 
Avvocato nella Curia di Milano, e Ge^ 

rar* 
prafcript^ omnia^ Principis^Jfe . ( d } Rade* 
vicMS 1. 1. de gefi. Fed. e. 5. Cujac. Hi. u 
di Feudm tìh za. Alteferra hb.^n caf. 14* 



Digitized by 



Google 



DEL HEGMO DI NAPOLI 

tarde Negro i ovvero com' altri ìo chia« 
mano C^apìfto^ da' quali le Confuetudi- 
{li Feudali furon compilate > e ridotte in 
ifcritto con altre leggi tlcgl' Imperadori 
jlttenenti a^ Feudi , come diremo . 

Giunto r Imperadore**edcrioo in Ron- 
caglia , Bitlgm^y e Martino {mono depu^ 
tati nella Dieta per fdftenitori di quella 
difputa.* J?«/^tfro condannò i lufingatolri ; 
ma all'incontro Martino fia per timore 9 
per amore, foftenne le parti di Federi- 
co con dire che Tlmperadore era Signor- 
re non meno del Mondo > che di rottele 
cofe particolari; ed in fatti"' appi^iaftdofi 
federico alKv Tua opinione, fu la difputa 
decifa a favor di Martino (a). Ne nac 



rr^xiL cJfp. 



fu predi la. ruinò Federico da* fendamene 
ti riducendola in Ville, ed infignoritofi 
fletto di tutta Xombardìa, la pofe pciw 
ciò in una grandiflima fervitù. 

Fu ancora in quefti tempi , che oltre 
di aver più rigorofamente^ che non fece 
Lotario , proibita V alienaziòn de' I^eudi 
per quella fua Coftituzione ( ^ ) , che an- 
cor legggiamo ne' libri' Feudali: volle re* 
ftituire in Italia le Regale , e le ragioni 
fue Fifcali, che gran tempo s*eran per- 
dute , ed andate in difufó j Coftringendo 
perciò i Vefcovi, i Procerip^ e le Città 
d'Italia a metterle in piede ,, ed a lui 
reftituirle (J). 

Tutto ciò , che prelTo i Romani fi con- 



que perciò che i Giureconfulti de' tempi: teneva ivt quella* divifione di beni , che 

'pofteriori foftcnnero l'opinion di Marti- altri foflfero comuni ^ altri pubblici, altri 

Bartolo . arrivò in tale eftremltà , ^ "" '' ' '"^ ...... 

eifer eretico chi teneva altri- 



no, e 
che diiTe 
menti . 

» Qtiefta difputa , che s' avrebbe ^tuto 
facilmente decidete ^on quel che. dice Se- 
neca» diftinguendo il dominio privato, 
dalla dommazione pubblica, ed emineìl' 
te, decifa così alfolutamente a favor di 
Federico cagionò a lui, ed atutta la Lom- 
bardia perùizioliilirai effetti; poiché fecon- 
do quefta maffima in quella Dieta impo- 
{er ito%\ , e condizioni molte rigoroiè alla 
Nobiltà , ed alle Città di Lombardia « 
Proibì loro ogni affemUea, e corpo di 
Città, e fopra tutto, tolfe loro il pote- 
re , che aveano di crear Magiftrati , met- 
tendo in quelle Ufficiali del fuo partito 
contro ciò^ che per T addietro fi pratica- 
va : impofe molte pene alle Città, ed uo- 
mini che violaffero quefte leggi: e loro 
concedette una molto dura , e gmyofà pa- 
ce , come fi vede dalla fua Coftitazione 
che ftabilì in Roncaglia, e che noi ab- 
biamo al quinto libro de' Feudi ib). 
' Ma non potè molto goderfi di quella 
pace, ch'agli -intendeva ftabilitf con con- 
dizioni sì dure; poiché appeùa ritornato 
inAleraafitna, fi rivoltò la Lomb^dia ben 
prefto , onde fu obbligato di nuovo calar 
in Itaha^, ed aflediar Milano > la quale 
dopo un lungo affedio, in cui valorofa- 
mente fi difefero i Milanefi, finalmente 
Tom. IL 
(a) GtoJ. in Lbene aZanone^ &-mpra- 
fat. dig^ ^ b ) Conjiit, hac fdiSlali de pace 
tencfìday /. 5, F^ud. (e) Cwf/if. Fed. de 



delle Univerfiti , ed altri di niunoy fi fta- 
bilì che s' apparteneffero al I^incipe 1 re* 
ftando ibloSiglì altri q^beni> che acia« 
fcuno fingolarhente s' ^Sirttngono . Per- 
ciò i Principi s' hanno attribuito la pro« 
Srietà del Mare , de' Fiumi navigabili^ 
elle ftrade, de* campi, delle muraglie » 
e foffi della Cktà, e generalmente ogni 
Gofa, eh' è fuori del commercio, ed an- 
cora quello eh* è nel commeitio , ma che 
non ha padrone . E Federico , fé bene non 
annoverale tutto ciò nella fua Coftitu- 
zione de Regalibusy noverò bensì le piife 
^ fegnalate , e rilevanti Regalie , come le 
' fabbriche , e pubbliche armerie , che chia:- 
mò Armannicy le ftrade pubbliche, i fiu« 
mi navigabili, e quelli da' quali fi fauna 
gli altri navigabili, e tutta 4*litiHtà che 
perviene dal decorfo di effi. I porti: i 
ripatichi: i veftigali: le monete: le mul- 
te: i beni vacanti t k pene: gli Angar;» 
i parangarj : le preftazioni di navi , e di 
carri : le eftraordinarie collette : le minie- 
re d' argento : le faline : le miniere , dal- 
le quali fi cava la pece , poiché anche » 
fecondo fcrive Plinio (^), fi trova la pe- 
ce foffile; le pefcagioni : le cacci e: i te- 
iop: il crear Magiftrati per amminiftrar 
giuftizia / ed altre ragioni fue fifcali , le 
quali non nominò tutte in quefta fua Co- 
ftituzione ^ ma folamente quelle , eh' era- 
no le più principali, e le quali in Italia 

A a per 

Feud. non alien, lib. J. ^ ( d ) Guntherus Ab" 
bas UC^genfis Radevicus^. c^u ^4. r.s» 
Ce) Birt^ht^. '" 



Ut. 160 €ap. tz. 



Digitized by 



Google 



fét ììmgo t«mpf ef8Ui0 gii andate (i| iU folte V€u<to deUt Chìefa» mt t¥U 
6àù 



fntk 



liaaxa. 

Dal che ne nacque r che ^uel che Fé** 
deVìco fece nelle C^à Aie 4 Atalia , volr 
lerb da poi imitare gli altri Princif>i oe' 
loro Reami» ed in alcune cole ufaroQÒ 
^Maggior ri^cwe^ come fece il noAro Gu*- 
glielmo , il quale non baftandogli ciò che 
federico avea ftabilito de' Tefori , i:onfor- 
Ine jlia Coftituzione d' Adriano , che ero* 
vati' in luow ,pi^blico, o relis^iofo per 
Qualità, fbffe la metà dell'inventore : 
pabili uo» pìp dura legs;e, che in qua^- 
lunque IviQga» e ia qual Svoglia modori^ 
trovati j, tutti s* apparteneffero al Re » co* 
mkda una Aia Coftituzione, della qua- 
le, padando delle altre leggi di quefto 
Prìncipe, farem parola* 

In tale fervitù avendo Federico ridot- 
ta La Lombardia , e nudrendo si alte , e 
kizzarfe idee, ,diGmfta(ofi col Papa per la 
pace, cbequefti J|^a.ferra$lt conGugliel- 
SQo; avvenne, che quefti difenili prorup- 
per poi in una -più grave diicordia ; poi- 
4[:hjè natntfe ritornava da Roma in Ale- 
magna r Arciveicovo 'di lA>ndon, fu per 
ordine dell* Impcradore quefti prefb : A- 
driano, che non men che teneva Federi- 
ca .dell' Imperio, avea egli del F^nteftca* 
to alti concetti, intefa la cattura dell' Ar- 
ciyeicovo , gli feriflf alcune lettere , che 
glie le £rce recare dal Cardinal Rolando 
Caocellier di S. Chiefii, e da Bernardo 
Cardinal di^S* Clemente, nelle quali T 
ammoniva , che dovere riporre in liber- 
ta r Afcivefcovo., e fra l'altre eofe , 
tammentandogli i benefici , òhe da lui 
avea ricevuti, gli fcriifè ancora che egti^ 
l'Imperio lo dovfa ricouofeere dalla Chle- 
fa di Roma , come btntjicìo ài quella • 
Ciaicuno può imraaginarfi con quanto fto- 
maco^ e Aizza Federico (tvktì^t tal pro- 
pofizione; (t ne fdegnò in maniera, ed 
entrò in tanu rabbia, che non folo non 
volle far nulla di quaiHo fé gli doman- 
Aftva , ma rimproverò con tanta acerlità 



<)Uella parola èwffido^ prp honù , & féSp 
fun&Mm (a) . In fttti qae- Cardinali eb* 
bero iBoho , che fare per laccfaetarlo ; e 
fé bene pioco da poi ioKefo di nuovo di- 
fmflati per cagìmi , che Federico ferente 
imttadiva a'Miniftri del Papa di raccor 
le rendite JEcclefialliche , volendo di più 
clie s'eléggeife per Vefc<yvo lii Ravenna 
^n tal Gnidone , zV che il Papa non vo» 
len eonfentire, nulladimanco dopo var} 
(cattati, :^uoQo un'altra volta pacificati « 
Ma Adrifno poco da poi ^ menti^era 
in Alagna, fini i giorni fuoi nel primo 
del q(iefe di Settembre di queft'anoo 115^ 
(A), La di cui morte recò gravi inco- 
modi , e fconvolgimenti in Roma per lo 
fcifma^ che accadde neir elezione dehfuo 
fiicceifore ; poiché avendo la nugi^ior par* 
te de'Cardmali eietto Papa il Cardinal 
Rolando Cancelliero di S. Chiefa , che4 
nomò Aleflàndro UL di patria ^nefe , 
nel medefimo tempo coli' ajuto di Otto- 
ne Conte di Piacenza , e di Guido Con» ' 
te Broccarenfe Amba£:iadori di Federico, 
che alloir dimoravano in Roma , Gtovan* 
ni Pifano CaiKiinal di S. Martino ,* e Gni* 
do^ne da Crema Cardinal di S. Califto , 
-crearono Antipapa Ottaviano di S. Ceci* 
lia , e gli pofér nome Vinore i V. e paf« 
sÒN^anto innanzi la loro arroganza ,« che 
affediarono Aletfandro col Collegio de* 
Cardinali dentro la Torre dì S. Pietro 1 
avendofi T Antipapa con mólta moneta, 
«he lor diede , e col favor dell' Impera* 
dorè acquietato molti partigiani in Ro« 
ma: onde Ottone Frangipane, con altri 
nobili Rpmani , fdegnati dell' indegnità di 
tal fatto f cavarono fai vi di colà il Pa« 
pa» ed i Cardinali, e condottigli iìior di 
Roma in bogo fìcuiro, fecondo il folito 
coftume nipronarono folennemente Alef* 
fandro ; edOttaviano rimafe in Roma : ove 
ritornato 410Ì nel fecondo atino del fua 
Ponteficato Aleifandro , e vedendo not\ 
potervi jdimorarficuro |)erla potenza dell' 



il Po4Uefice , che fu quefti obbÌi|ato man- Ancipa(ft , laiciato in fua vet^e Legato in 



dargli due altri Cardinali per placarlo; 
e bifognò, che fi ritrattaffe di quanto 
avea fcritto , con dire , che^ egli non avea 
per quelle parole intefo, che l'Imperio 



quella Città Giulio Vefcovo Prcneftino, 
ie ne andò a Terracina per navigare in 
Francia • 

CAP- 



(a) F. Sigan. de Regn. Itai L u. am. I158. (b*) Gugl. Tir. de belh fétcr. iib.%%^ 
f^devic. de. vita Fri4. Imp*\ "*-•., 

.Google 



Digitized by ^ 



J)Et REOMO PI 
C A P. IL 



/ Burnii dei Regm dì Puglia cufpkam 
fontro Ma JONE; AJatteo BdNci4/> T 
uccide: e s^ ordifit. imeva cmgiura eonm 
il Re Guglielmo per targlì il Regno^^ 
t darlo a RuGOiS^O, fuo figliuolo di m* 
i^ gtmi • 

INtanto il Re Gugli^lpw pv opporfi 
a' difegai deiP Imperador Federico Tuo 
inimico , fubito che ebbe udita l' elezion 
d' Aletfaadro > mandò fuói Aflibafciadori 
a dargli ufaibidieiiza > ricouoicerlo per ve- 
ro^ e kgittiiiio Poacèfice} ed intenden- 
do poì!^ che il Pa^ vtAtr^ andare a Ter- 
racina per falere, in Francia t' fece trova- 
re in quella Città quattro Galee ottinia- 
mente armate; acciocché fi io^e fcrvito 
di quelle a fuo piacere ^ nelle quali ap- 
pena fu falito infieme co' Cardinali , che 
turbatori il mare ibéferfe tcmpeftofa pro- 
cella. Fn qoefta alleanza, ed ami<;izia di 
Guglieliha con Aletfandro si poStterole 
alRe, che lo liberò da un grave intri- 
go » nel quale cercava porlo Majone, poi- 
ché queftì meditando tempre^ come potef- 
fe porte in etfàto i fuoi ambiziofi dife- 
gni , tentò per mezza d* uomini malvagi 
corrompere per via di molto denaro Alef- 
fandrO) perchè ad elkapìo di Zaccaria 9 
timoveife dal Re^np Guglielmo csomeRe 
inutile, e malvagio 9, odiofo a^ Popoli, e 
non atto a tanto pefo , e ne ave(te inve- 
fiito lui^ non altramente che fu fatto di 
Chìlderico in Francia ^ il quale fu depo- 
rto di ^uel Regno , e4 Jn iua vece forro- 
gato Pipino (if >. Ma il Pontefice Alef- 
iandro fcoigendo* fa 4hpid2gi% di regnare , 
e la malvagità $Ii Majo^e , tfete A&; V ar- 
dimento: e fpar£iifi la* fama di tale fcel- 
leratezca , eh' avea ' teatato||£ coinniette- 
re , e di volgata per la SicK , e per la 
gli accelerò la cuiy ; poiché di% 



cominciailei^ ) fieiaBieRte-fdegnMe di tal 
lama» a. tumultuare m9lte Città tu Fu? 
glia,X^)% La prima fu Melfi, alta qti^ 
le non -molto da poi' s'unirono le altre 
Città 9 ferme di non volere più ubbidirt 
né lettera ) né cos* alcuna ordinata da Ma* 
toaCf e di non voler né «che ricev-èif 
nelle Terre i Capitaci f che egli vi {fé* 
diva. Fecero laraedifiraa rifoluzimieiBoIf 
ti Conti, Or Baróni, a' quali/era foibettii 
la potenza del Tiranna , premettendod 1^ 
un r>alj^ro di proccurare con li maggiori 
lorc^slforzi di far morire V Ammiraglio t 
e di non raochetarfi mai fin eh' eg^i non 
fotfe o morto , o..«iandaro in bando . Uni- 
rono a q4teft'e&tto groffoftuolo d'arou- 
ti, fcorrendo per tutta la Puglia, eTet^ 
ra di Lavoro, per obbligare -tuctp le altre 
Città a doveri! con eiTo loro unire ^.ro« 
me feeero in e&tto • Capi di tal congin* 
ra furono Gionata di Valvano Conte dì 
Confà, Boe^ondo Come di Manopcilot 
Filippo Conte di 'Sawro , Ruggieri da ^ 
Sanfeverino Conte di Tricarico, Riccar- 
do dell'Aquila Conte di Foàdi» Ruggie- 
ri Conte delia Cerra , e 'l Conte Gilber- 
to cugino della Regina^ a cui avea no- 
vellamente donatb il Re il Contado di 
Gravina^ C^). Vi fu ancha Mario BorreU 
lo uomo di maravigUofa eloquenza , il 
qual vi traile la Città di Sj^lerno , over 
egli albergava > e vi avea groifo numero 
di partigiani ^ e viconcorfe ancora laCit« 
tà di Napoli « Il Conte Andfìofa di Rupe 
Canina, -ti qdU dimorava in Campagna 
di Roma, coiroccafio^ di tali rumosi 
entrò .con molti foldati in Campagna^ e 
prefe Aquino^ Alìfe, e San Germano, 
Città pofte alle falde di Monte Cafino> 
e falito. il Monito cpmbattè alpiamente il 
Monaftero; ma iie fii ributtata" da' fuot 
difenfori (J). 

Era fM^rvenuta intanto alla>- notizia del 
Re la congiura, de' Baroni y e delle Città 
del Regno di Puglia , il quale fé ne adi- 
fi grandeniente y poiché amando tenera- 



Puglia, gli accelerò la cmy ; t 

cendofi pubblicamente ,^e V Ammifa^ . - ^ , 

glio , o avrebbe faao mÉrire il Re den- gioente Majone ^ éd"^ avendo gran confiden* 
tro il proprio Palagio ^ oraftrebbè pollo ^^, in' lui , non poteva «ai perfuaderfi 
in prigione ,. o ^i>n<ìnÉtola m qualche Ifo- tanta mglvaftità , .eh' egli — '-^ -iuUki 



la, per torgU H Regno: f» cagbne, che monte torgU k vita,, el 



. ( A ) Ugo Falcami. Ut amotàx Rjfge Si* 
cìlÌ4e ^ Almìratus in ejus^ Iocq Juccederet ^ 
Baron. ad ami. 1160^ ( b ) Ùge Fal-^ 



Aa. 

C499d. (e > Cafeeelatn 
Falcfndé^ 



voleffe disleal- 
Regno • Per U 



2 
lìk 



Z« 



qua! 
(d> t^ 



Digitized by 



Google 



ttS DELLM 

qual cofii con particolari meifi 



e 
a^ 



_ ^ con 

/ne lettere comandò efpreffaniente a' Ba- 
roni, e Città tumultuanti, che fitoglict- 
fero da tal proponimeQlOi imperoch' egli 
tcnea T Ammiraglio per uomo a lui fe- 
deliifimo , e che altro non procacciava 
che il fuo frigio ; ma quelli mefli , e 
quefte lettere non partorirono effetto al- 
cuno, poiché credutale dettate dall' Am- 
miraglio f fi dichiafarouo apertamente col 
JRe, di non volere a verun patto foffri- 
re, che Majonc aveffe di lor governo, o 
più gli comandaffe • Né minore era l odio 
de' Siciliani , i auali come più proffimi al 
pericolo, nonolavano ancora didifcoprir- 
£,^ ancorché aveffero molto a grado i ru- 
mori de' Baroni di Puglia . 

Or r Ammiraglio , vedendo contro ii 
creder fuo, che le forre de' congiurati ri- 
cevevana ogni giorno nuovo accrefcimenV 
to , cominciò per tutti i lati a darvi ri- 
medio : fece fcrivere dal Re alle Città 
d' Amalfi , e di Sorrento , che ancor di- 
moravano in fede : il fimile fece fare ài* 
le Città di Taranto , Otranto , Brindifi , 
€ Barletta, ammonendole, che non fimo- 
veffcro per tali rumori , né credeffero al- 
le dicerie di ^ue' falfì Conti , né fi mi- 
fchialfifro perciò fra la turba de' fuoi ru- 
belli • Ma né anche cotai lettere furono 
ricevute , riputandole fatte per mano 4i 
traditori, e che fi fcriveva il» quelle-P in- 
tendimento di Majoae , e non T titile , 
e 4 fervigio del Re • Scriffe ancora l' Am- 
miraglio a Stefano fuo fratello <, eh' era al 
{^refidio della Puglia , che fi opponeffe va- 
orofaraente a' moti del Conte Roberto , 
e che proccuraffe con larghe promeffe ac- 
quiftarfi partigiani. Inviò di piùrlVefco- 
vo di Mazzara Ambafciadore a Melfi di 
Puglia in nome del Re per racchetar quel 
popolo ; ma il Vcfcovo fece tutto il con- 
trario , perché V animò a mantenerfi nel 
lor proponimento contro il Tiranno, nar- 
rando di lui fcelleragini affai maggiori di 
<iuelle ch^ efll Capevano . E cominciando 



STORIACrVILE 

turamente penfato , giudicò effer huotio 
per tal bifogno Matteo Bonello . Era co- 
ftui per nobiltà di fangue affai chiaro , e 
Splendido -per molte ricchezze ; ma cij 
cne più in lui s' iimmirava era la beltà 
del volto , la ipobuflezza del corpo , e più 
il valor de4 (no aiùmo « - Il perché non 
folo in Sici^a , ma ancora in Calabria » 
ove avea nòbili (limi parenudi , era affai 



chiaro, e famofoj ed era per sì lodevoli 
parti grandemente amato dall' Ammira- 
glio, dal quale per ciò era ftato deftiaa- 
to per marito d' una fua figliuola ancor 
fanciulla (e) . Ma adombcavano queile 
fue eccelfe doti , V effer d' animo incon- 
flante , ed agevoliamo a cangiar peafie* 
ro , audace f e temerario a promeiferfi di 
fé qualunque co& 'y e benché foffe egli 
cotanto amato dall' Ammiraglio , 1' odia- 
var nondimeno acerbamente per cagion y 
che per volere dargli per moglie fi» fi- 
gliuola, gli aveva ftuvbate le nozze, che 
intendeva di fare ( fdegnando V ignobili- 
-tà di Ma;òne ) con Clemenzia Conceda 
di Catanvro , figliuola baftarda , come 
fi diffe i del Re Ruggiero , e rimafa ve- 
dova di Ugoue di Molino Conte diMo- 
life , la quale per effer di vago , e gea- 
tile afpetto , era da Bonello focoiamente 
amata, ed egli vicendevolmente rìamato^ 
da lei^ ; onde impedendo Ma;one il lor 
concorde volere , mt era tanto maggior- 
mente da entrambi odiato. 

Ricevuti intanto il Bonello gli ordini 
opportuni per la fua partita > eaccommia* 
tatofi dal Re , valicato il Faro , fé n' an- 
dò in Calabria , ed abboccatoi» colà in 
un giorno flatuito co' Baroni dellaProvin- 
cia , fi sforzò con molte r^idni ( fima» 
landò altro di quel Ihe ^Vea nel penfiero ) 
di perfuader loro,^ ^he T Ammiraglio er^ 
innocente di tutto quel male, die fé gli 
o|>pone via * ìi/ifr furto fra que' Baroni Rug- 
giero di Ma^rtorano della, famigli» Sanfe* 
uomo, faviflimo, e di grande fii-* 



verino, uomo. lavammo, e 
mar, gli rifpof<^ i^ nome di tutti con tan 
in quefto la Calabria a tumultuare anch'ita forza ed energia, che non folo lo traf- 
ella con r efempio della vicina Puglia ^ fé al fuo putito ^ nta di vantaggio ina- 



!K)fe maggior terrore in Maione> laonde 
giudicò inviar colà uomo di tanta ftima , 
che gli foffe ftato agevole con la fua au- 
torìià fedar que' rumori , ed avendovi nto- 

(a) Ugo Falcani. 



nimandolo, ciie niOQ altro meglio di lui 
poteva porre tutti in libertà con toglier 
la vita al Tiranno ; colla certezza che 
gli diedero , che tutti fi; iàrebbero ado* 



*igitizedby Google 



DEL REGKO DI NAPOLI LIB. XIL CAP. IL I89 



^fAti, morto Majone , acciocché avede 
per moglie la ContefTa di Catanzaro : 
fi unì per tanto ftrettiffimaniente con lo- 
ro , e promife fermamentt di dar morte 
fra breve fpazio all'Ammiraglio. 

Ma accidente più grave accelerò la* mi- 
na dì Majone; poiché avendo eglidifpo- 
fte tutte le coie, per mandar ad elettola 
morte del Re, avvicinandofi pia il gior- 
no di sì funefta tragedia , prima d' efe- 
gUirla volle concertare con V Arcivefco- 
vo Ugone del modo che avean da tene- 
re , perchè il popolo non tumultuaffe 
<]uando il cafo fi foife divolgato , ed in- 
fieme del modo che atean da tenere per 
reggere per F avvenire il Regno ( j ) ; fo- 
J)ra di che inforfe fra di loro grave ^i- 
fcordia, poiché T Ammiraglio prétendea> 
che la Tutela de' piccioli figliuoli del Re , 
e la<uftodia de' Tefori , e di tutto il 
palagio reahe a lui commetter fi doveffe : 
all' incodtro 1' Arcivefcovo la pretendea 
per féy perché dicea, che in taL maniera 
il popolo non avrebbe tumultuato , fic- 
come avrebbero fetto certamente y fé a- 
veflcro veduto 1' Ammiraglio prender la 
cura della cafa negale , di cui di leggieri 
avrebber fofpettato , che i figliuoli dovef- 
fero capitar male , già che da tutti fi te* 
Beva per cofa ficura > eh' egli afpirava al 
Regno : la qual cofa non fi poteva dubi- 
tare de' Prelati , né d' altre perfon^e di 
Chiefa , che a ciò non potevan afpirare , 
il perché era di dovere , che in lor po- 
tere fi deife la cuftodia de' figliuoli!; e 
oc tefori del morto Re ; ma contraddi- 
cendo apertamente 1' Ammiraglio , come 
a cofa y eh' era atfatto contraria al fuo in- 
tendimento y con dire , eh' egli ciò non 
meritava da lui , il quale per fua opera 
era pervenuto a tanta grandezza y final- 
mente dopo altre affai acerbe parole > fi 
dipartirono fcovertamente nemici • Cagio- 
ne che non pafsò guarii che 1' Ammira- 
glio il pofe in difgrazia del Re , che ere* 
dea tutto quel che Magone dìcea y al qua- 
le avepdo perfuafo che fi faceffe pagar 
dall' Arcivefcovo 700, oncie d' oro y il cui 
gli era deE^tore, il Re, effendo oltreino- 
do avaro, agevolmente acconfentì; ónde 
r Arcivefcovo riconofcendo il tutto da* 
mali ufficj di Majone cominciò feriamen» 

(a) U^o Falc. 



te ad odiarlo , e di ftretti amici *y che pri« 
ma erano y divenuti veri nemici , cerca- 
vano entrambe di far r un 1' altro mal 
capitare . L' Ammiraglio propofe di av- 
velenar r Arcivefcovo , e 1' Arcivefcovo 
•fofpettando diciò fe nrguardava con gran 
diligenza , e nel medefimo tempo confor- 
tava la plebe, i foldati, e gli uomini il- 
luftri a far movimento contro Majoqe , 
e dargli la morte . Intanto Matteo Bo- 
nello ritornato in Palermo, ed aflicurato 
l'Ammiraglio che erafi giàdiluiinfofpct- 
tito , dandogli ad intendere che aVea com- 
pofti felicemente i moti della Calabria , 
fe ne andò fccretamente a. ritrovar l' Ar- 
civefcovo Ugone, il qual dimorava infer- 
mo in letto, e gli die conto diciò, che 
fi* era fatto infino allora, e 1' Arcivefco- 
vo il configliò, che di prcfcnte aveffe po- 
fto ad efecuzione il fatto , perciò che sì 
importante negozio malagevolmente fi po- 
tea più differire fenza gri^ pericolo di 
fcoprirfi 'j onde il Bonello , già al tutto 
rìfoluto , cercava con molta diligenza tem- 
po opportuno per compfrlo -, e la fortuna 
volendo accelerar la morte dell' Ammira- 
glio , non guari pafsò , che gliene porfe 
opportuna occafione . 

Ayea p[ià Majone , per opra d' un fa- 
migliar dell' Arcivefcovo da lui corrotto 
con doni , e con larghe promeffe , fatto- 
gli dare il veleno , dal quale era ftato^ 
cagionato il fuo male; ma perdi' era fla- 
to leggiero dubitava , che per mezzo d* 
opportuni rimedi ricovraffe fuafalute-, ed 
impaziente eh' ei tardaflfe tanto a morire , 
ne fece preparare un' altro affai più po- 
tente, e di prefla operazione ,'del quale 
empiuto un vafello , recandolo feco an- 
doffene a ritrovar 4^ Arcivefcovo , ed af- 
fifofi vicino il letto, in cui giaceva , co- 
minciò amorevolmente a domandargli del- 
la fua falute ; indi foggiunfe , che fe f 
creder voleffe al eoi^giio de'fuoi amici, 
agevolmente eiuarirebM del (uo male eoa 
torre una medicina ottima per la fua in-» 
difpofiziooe , eh' egli in fua preftnza per 
l'amor, che gli portava, a vea fatto com- 
porre, e feco recata aveaj ma l' Arcive- 
fcovo accortofi dcU' inganno , rifpofe ef- 
fer tanto infiebolito dal male , ed il fuo 
Aoma» così debilitato , che non iole ab- 

bor- 



Digitized by 



Google 



yfd » E L r I S T a 

tfbrtlvZ: quaFùnquc bevane» > fiia il ciba- 
ancora > che con gran difficoltà nipendea; ^ 
r foUeatandolo- sfacciatataefite t' Ammt'i^ 
jeaglio , non ottante tal ri^&i ^ a pren* 
der il medicamento , per non dargli ad 
intendere, che s'^ra avveduto dcj tradii* 
snehtò, ri^pofe che fì ferbade quella me* 
dicina per un altro giorno, che ravreb*- 
{^e pre(a : iridi ragionando» intkme paro- 
le di molta confidenza , ed amore > cer« 
-eava 1' un 1' altro tradire , e condurre a 
morte con Ceciata fimulazione, e Volle 
la fortuna, che amendue otteneffero illor 
volere; poiché Majòne per opera dell' Ar- 
tìyefcovo fu la medefima ferauccifo, co* 
me ora diremo \tX Arci vefcovo noa gua- 
xt da poi morì per lo veleno datogli pri- 
ma per opra dell' Ammiraglio , benché 
foffe in ciòUg^ne piùr felice, perchè vi- 
de morire il fuo nemico prinu di lui • 
Avea r Arcivefcovo , mentre teneva in 
parole TAmn^raglio, inviato per mezzor 
dei Vefcovo di Meflina , che gli fedeva 
a lato preiTo al letto , a dire a Matteo 
Bonello, che quella fera eca il lenipoop- 
portutto , nel quale poteva porre felice- 
mente in effetto il roo difegno ; per la 
qual cofa il Bonello y già risoluto al mi$- 
£itto, raunò prettamente alquanti uomini 
amiati, e quelli rincorati a tale a&rein 
varj luoghi difpofe , acciocché non aveflìe 
potuto da parte alcuna (campar Majone > 
ed egli con buon numero di quelli fi po- 
h fu la porta di Santa Agata , .di dove 
più ragionevolmente dovea patfare per ri- 
tornar nel Palazzo Reale : ed avendo fi- 
gnificato air Arcivefcovo etfer tutto aìK 
ordine > elfeudo già foprawenuta k not- 
te ofcura , attendeva il ricomo dell' Am- 
miraglio , il quale alla fine toglietulo coa^ 
Hiiato dair Arcivefcovo , di colà fi partN 
Ma in quefto paffando pe» lo luogo , ove 
avea tefe l' infidie il Bonello , alcuni del 
filo feguito s'avvide^p della fua intenzio" 
ne^^ ed incontanènte gironoa ritrovar Ma* 
jone , ed incontrandola per lo cammino i^ 
che verfo là veniva , gli narrarono- tal 
fitto i onde egli fmarrìto delpioffimo pe- 
riglio comandò , che fi dicefle al Bonel- 
lo , che veni(fe a lui, il quale conofcetv- 
éo effcr giàfcovcrto, e QonetGorpiJktem^ 
pò da fingere , cavata fuori la fpiìda » va- 

( a ) jinn. 1 i<5o. _CamiL Feìt. in Caftigat. 



R I A c r V I t E 

loèoftmeùte r aXalt dicendo ; TtaMtwéyfm^ 
qui per uecidertì » e per metter pHe colla tue 
fmrté alle tua mahagità , e tor via dal 
MandQ r adultero del jKe \ ed avendo fjria- 
to r Ammiraglio il primo colpo che gU 
> trafR Bonello , cadde a terra moribonda 
trafitto dal fecondo ^ e di prefente finì i 
fuoi giorni (tf) , ponendofi vergognofa- 
mente ih fuga , fènza dargli ajuto veru* 
no , la folta turba ,de' fuoi partigiani , che' 
lo feguiva • Ecco dove andarono a termi^ 
nare gli ambiziofi defideri di Mafone da 
Bari G. Ammiraglio di Sicilia ,.il quale 
nato di viliffima fchiattà* , fu dalla for* 
tuna /L grande altezza foU^arp , e fé ne 
fia lecito alfe grandi le piccole cofe pa- 
ragonare , fu egli aliai fimigliante a St^ 
iano. L'uno^ e l'altro umilmeate nato^ 
per^ mezzo del favor de' padroni in grande 
fiato lungamente viffe : amendue «olmi 
di grandiffime malvagità afflitfero ilReal 
legnaggio, ed i nobili uomini de* Reami 
de' loro Si^ori> amendue elfead^ adulte* 
ri della Cafa Reale procacciaiono con il 
confentimento delle mogli jle' Padroni f 
il priooko di far morire , come in e^tto 
avvenne , il figliuolo del fuo Imperadore f 
e l'altro ( benché noi poteife recare a fi- 
ne ) il proprio Re y ^amendue tentarono 
d'i:durparfi la Signoria. che goremavano^ 
ed amendne alla &e morirono di malva- 
gia morte ; diVerfi si bene furono nel 
moda del morire ; imperocché Sejano , ef- 
fendofi Tiberio per la fua fàgacità avve-: 
dutin^el tradimento, fu fatto morire per 
man di Boja , e Majone per la fhipidirà 
di Guglielmo, che di nolla curava ^ mo-^ 
ri uccifo da' congiurati > che le fuefcelle^ 
raggini foftir pia non potevano • 

intanto il Bonello ', non fapendo quel 
che s' avrebbe fatto il Re , né teneadofi 
perciò ficuro in Palermo , fi ricovrò a 
Cacabo fuo Gattello , e colà con tutti i 
fuoi fi fortificò ; ed il Popolo Palermita- 
no intefa la morte dell' Amniiraglio, (co- 
prendo apertamente il gravifitmo odio y 
che gli portava,, cominciò a ttraziare vii* 
mente il iuo cadavero , rtnovancbgli al- 
tri le ferite 9 ed altri facendogli mille 
ignomiiiiofi fchemi ^ Il Re Guglielmo > 
eìfendo già molte ore della notte paifate p 
fi maravigliava diell' iaufitato tumulto^ p 

die 
ad Amìk^ CJ^hu 

Digitized by VjOOQIC 



©Et REOMO DI NAfOtt LIMCIL CAP. H. ^9t 



«he d«I Ìti9 Palagio nellt Città s'udivi , 
ma e^endo^i da Odone Maeftro delU 
ftalla reale ^ che perciò a luì veniva , aar*^ 
rato il tutto, fi (àegfxt gravemeate dita* 
le a\rvenimeato > dicendo, che fé r Am* 
«miraglio avea contro lui fallato, toccava 
a lui , e non ad altri di darji^li eaftigo ; 
€ la Regina più gravemente dbl Re fde* 
gnata per T amore , cKe-port^a all'adula 
4ero , fi accefe di^ graviffima ira contro il 
Bonello , e gli akri congiurati • Ma il 
Re tismendo non fuccedefle noiaggior ri*- 
voltura per tal cagione nel Popolò Paler* 
mitano , e che non malmenaifero i pa- 
renti del morto , e mandaffero a ruba le 
lor eafe , e quelle del medeiinto Ammi- 
raglio, fece tutta la notte da groflb ftuo- 
io d'armati circmr la Città, e guardarla 
^x>n molta diligenza • Venuto poi il nuo- 
vo giorno il Re diede la eara d'efercitar 
rUffido d'Ammiraglio, fin ch'cgliavef- 
4è altro dKpofto, ad Errico Ariftippo Ar- 
cidiacono di Catania filo famigliare ( ^ > ^ 
nomo di piacevole, e raanfueto ingegno, 
€d alfai dotto nelle latine , e nelle gre- 
che fcritture , col cui con^Iio-cominciò 
^ guidar gli afiari del Regnov; ed aven<* 
dos>li 11 nuovo- Ammiraglio , ed il Conte 
Silveftvo palefiita la congiura , che avea 
latto condro di luiMajone, cercarono con 
varie perfuafiont raddolcire il Tuo anim^.- 
fieramente (Secato contro il JSonétlo , 
benché giammai poterono indurlo a per- 
donargli , fin che fra i tefoti del morto 
non for trovati lo fcettro , il diastèma , e 
r altre infegne Reali ; le quali facendo 
manifefta fede della fua fcelleraggine , fur 
cagione, ch'ei racchetale il fuo fdeguo , 
e faccffe tautofto porre in prigione i due 
Stefani, T un fratello, e T altro fii^liuolo 
di Maione , e Matteo Notaio fuo ftrettif- 
fimo amito , facendo parimente condurre 
nel Reale Oftello tutti i tefori del mor- 
to • che ritrovar fi poterono , e facendo 
collare A ndrea^unuco, e molti altri fa- 
migliari deir Ammiraglio per rinvenire 
ove erano afcofi gli altri , e (paventare 
infiememente con gravi minacce il figiiuo* 
lo Stefano , (e non palefava anch' egli <)uel 
che ne fapea ; per detto del quale fu ri- 
trovata groflfa fomma di n»>neta in balia 

( a ) £/f FaJc. (b) Ugo Fate. ut eadem 
in KaL Januàrii flrinarum nomine | jux^a 



òA Vefcovo di Tropea , ebe richieftow 
dal Re preftamente glie la recò • Dopo 
laqual cofa ÌMÌÒ Guglielmo fuoi mdHI 
H Cacabo a dire al Bonello , che per le 
malvagità che dell' Ammiraglio novella* 
mente avea udite ., g^ era fiata a grad» 
la morte a lui data , e che perciò ne ver 
niÀe ficuramente a lui • Ricevuta Bonel- 
lo tale imbafciata , confidato anccMa neLT 
amor de' Baroni , * e del popolo , e nel 
prefidio di molti fuoi ibldati , che kcm 
condofTe, tautofto venne in Palermo, do* 
ve entrando fé gli fece all' incontro innu«' 
merabil torba così d' uomini , come di 
donne , che con gran fefta V accolfero « 
ed infino al Palazzo naie T accompagM-* 
rono, ove fu lietamente accolto dal. Re ^ 
che il ricevette in fua grazia • E da lui 
partendófi , fu da' maggiori perfonaggi del* 
la Corte con la medefima frequenza ' di 
Popolo infino a fua cafa onorevolmente 
condotto , e non folo in Palermo , ma 
per tutta la Sicilia , e per gli altri Stati 
ancora del Re G'i^lielmo , fi refe cosi . 
chiaro , e iWofo il Bonello, che acqui- 
ftonne l'amore, e'I buon volere di tutti. 
Ma vedi 1' incoftanza delle cofe moti^ 
dane : queft' iftefla grande fua felicità ,• 
preftamente fi converti in fua grave rui« 
psti poiché gli Eunuchi del Palazzo rea* 
le , eh' erano /|ati compagni di Majone 
nel congiturar contro il Re, infieme eoa 
la Regina , difpiacendogli grandemente? 
tanta grandezza di, Bonello , e temendo 
non alla fine contro a loro fi convcrtif- 
fe, cominciarono in varie maniere a p6r« 
lo in odio al Re , con fargli fofpetta la 
.potenza di lui \ dicendogli che aperta* 
mente afph-ava afarfi Signor di Sicilia 9 
e che perciò 1' a«or de' Popoli , e de' Ba- 
roni s' acquiftava jt oè ad altro fine ctfer 
ftato da lui uccifo innocentemente l'Ani* 
miraslio, che per torre di mttzo colui ^ 
che fempre vigilava per la ficurezz:» , a 
grandezza del R¥ , efTendo ftate manìfer 
fte falfità tutte le cofe, che fé gli erano 
appofte i e che il diadema , e 1' altre re» 
gieinfesne, che s'erano ritrovate fra' fuoi 
tefori, l'avea fatte fare il morto, perdo- 
narle a lui nel principio del proflimome* 
fé di Gennaio per ofiferu {b). Era il Rt 

fra 
€9nfu$tHÌin€m ^ trMtmitteret • 



Digitized by 



Google 



,^/ 



191 P E L r I S T O 

fra gli agi del real Palazzo » ed il lunga 
ozio venuto iu tale infiagardaggtne ^ e 
fiupidezza > che toltone la cura^ alla qua- 
le era dalla fua avarizia ftimulato di cu- 
mular tefori , imponendo perciò curavezze 
intollerabili a' fum vaflalli ^ onde ripor- 
tonne il titolo di malo , era alTai diverfo 
da quel di prima divenuto; e già comin- 
ciava a fentir dello fcemo » onde di poca 
lavatura avea meftiere pecche fofTero cre- 
dute da lui tutte quelle cofe che s' impu- 
tavano a Bonello y onde cominciò ad o- 
diario , ed a credere y che non per altro 
àveife tolto di vita Majone » che per po- 
tere anche poi uccidere più liberamente 
li|i . ,£ benché e' fotfe facile ad incrude- 
lire /pure fopraftette in procedere contro 
Bonello , temendo delT amor « che gli por- 
tava il Popolo di Palermo , il oual vede- 
va ancor tumultuante , e non bene rac- 
chetato. Incominciò sì bene a richiedere 
al Bonello grofla fomma di denaro , del 
quale era per addietro debitore alla Real 
Corona ^ ma come gpenero di Majone » 
non rapendolo il Re, non s'*era rifcofTo. 
Il perchè il Bonello vedendoli chiedere 
improvife un debito vecchio , e già di- 
menticato, e di rado chiamare in Corte, 
e non effer colà ricevuto con le primie- 
re accoglienze, cominciò a maravigliarti, 
ed a gir ripenfando onde si fatta muta- 
zione cagioiur fi potefTe , accrefcendogli 
il fofpetto 9 e '1 timore il veder molto fa- 
vorito dal Re Àdinolfo Cameriero già 
cariifimo a Magone , e tanto coftui , quan- 
to gli altri fuoi nemici moftrargli con 
molta audacia apertamente V odio , che 
gli portavano * Ed emendo in que' giorni 
morto TAreivefcovo Ugone per lo vele- 
no datogli per opra dell'Ammiraglio, ri- 
mafto privo del fuo configlio , e del fuo 
aiuto, era più fcovertamente perfeguitato 
dap;li emuli fuoi; le quali cofe giudicava 
ttkx fegoo aflai chiaro, che T animo del 
Re era cangiato verfo ài lui, e che perr 
ciò i fuoi nemici avean prefa audacia d* 
infidiargli anche la vita. P^r la qual co* 
fa fi rifolvè di fignificare il tutto aMat* 
teo Santa Lucia fuo confobrino , ed a 
molti altri Baroni Siciliani , i ^uali chia* 
mati per fue lettere eran venuti a Paler- 

(a) Ugo Fale. Maj^rmn e/uf filium Ro* 
gerium Ductm ApulU , mvtmùm fert pu9» 



RIA CIVILE 

mo , dando loro* a vedere , die iii vtce 
d' efler largamente premiato , per aver 
con la morte data air Ammicaglto falva« 
ta la vita al Re , veniva ora da collui , 
per aggradire alla Regina fua moglie , ed 
agli Eunuchi del Palazzo ^^coftrem) a pa* 
gare i debiti vecchi , e in molte altre 
guife gravemente perfeguitato , e condot- 
tola periglio di dover perderne la vita j 
onde gli pregava, che non Taveffero ab^ 
bandonato in ^1 gravi tra vaali , perchè fé 
foffero ftati uniti ftrettamente infieme , 
non gli farebbe mancato il modo da far 
generofamente difefa cóntro chiunque^^li 
avetfe voluto o£R;ndere • Quefte parole di 
Bonello cagionarono negli animi di qu^ 
Baroni effetti molto più vantaròiafi di 
quel che s' avrebbe egli mai potuta pro- 
mettere, perchè trovandogli molto difpo- 
fti a' fuoi defideri, dopo vari difcorfi*alla 
fine conchiufero di tor via il capo di 
tanti mali e congiurarono contro il Re, 
coxL intendimento <i' ucciderlo , o di porlo 
in prigione, e crear Re il fuo figliuolo, 
nomato Ruggieri , fanciullo ora di nove 
anni , il ^uale per la memoria dell' avo« 
lo , e per la virtù , che in quella tenera 
età dimoftrava , ftinMvano dover riufcire 
4>ttimo Principe ( j ) ; ma perchè non giu« 
dicavano convenevole porfi efiK foli a cosi 
gran fatto, traifero parimente nella con- 
giura Simone -figlino] baftardo del Re Rug« 
gieri , che odiava fieramente il fratello 
per avergli coftui tolto il Principato di 
Tarante lafciatogli dal padre , e datogli 
in vece il Contado di Poi icaftro • Vi traf- 
fero ancora Tancredi figliuolo di Ruggie^ 
ro Duca di Puglia , uomo benché alquan- 
to cagionevole della perfona , dotato non- 
dimeno di grande avvedimento , e di fom- 
mo valore , il quale era d' ordine di Gu** 
glielmo tenuto a guifa di prigioniero dea- 
tro il Palazzo reale ;^ e Ruggieri dell'A- 
quila Conte d'Avellino parente anch' egli 
del Re per cagione dell* avola Adelafia \ 
ed era il loro intendimento di crear Re 
il fanciullo Ruggieri, acciocché fi vedef-» 
le da' Popoli di Sicilia , «he non volean 
torre il Regno alla fchiatta di GuglieU 
mo , ma torlo a lui , che con tirannide 
il reggea. Infatti avendo corrotto Gavaf* 

««(to 
rum Rtgtm onuttnt • 



Digitized by 



Google 



DEL IIEOIO PI NAPOLI IIB. XIL <?AP. 
9 éhe avea in foo potere le chiavi ppfti m libertà i pr|^iofii 
delle prigioni , e che ftrvcftte ^a Mal^ 



rio era lafdató in fuo loogo alla guardia 
liei Callello , >rimafero feco d' accordo » 
che ift uno ftatuito giorno i^nétfe in li* 
Wd tutti i prigioni y xh' dfi volevano 
che fofler nella conginrii 9^ e pro^edvcìgli* 
d* arme 9 aveffe lor fignificato , conìin 
^Bgno fra di lorowdinato , elTere il fatto 
in cMrdine • Dopo la ^nal colà Matteo Bo- 
nello ne andò a Mìftrettó Tuo Gattello 
maa guari da T|3enno lontano , per ri» 
|K>rvi vittovaglie , e munirlo di foldati 
enfiente con dconi altri Tuoi loo^iy ac- 
ciocché ave^ potuto ficovrarfi m quel- 
lo in- ógni finiibo avvenimento, dicendo 
Vfnoi compagni 9 che fino al fuo ritorno 
ócn avrlTer finto nulla , ed aveilèvp ii(«h 
greto €(m prudensa cuftodito , e fe cofa 
adcuna jmponante fofle improvifametite 
avvenuta ^ l' aveffero con lor lettere dùa» 
mato , cire «rebbe di prelenM 'ritornato 
alla Ciba con gi^o ftuolo «d'^arrmati «' Or 
dimorando nelle fue Terre il Bonelloav- 
venne che un de* congiurati palesò il ne« 
«Olio ad^ un tibldato tuo amico fceicando 
di trarlo nellaconginra , e '1 feldato aven* 
do con motta diligenza vacenho il tutto 
gli refe grazie , is prefe tempo ^ daj^i 
ffifpofta di qnel y che av#ft ràUuto difa* 
jne infino al tisguente ^orno. ; nidi fé ne 
andò a ritrovar un altro foo amico^ che 
«ra ano de' congiurati , *al quale coiiindi* 
gpaaiooe comunicò tal fatto, con TÌfelu- 
ninne di doverlo rivelare al ÌLe per ì^* 
pedire tanta fcelleraggine , che avrebbe 
portata grand' infamia «- Siciliani , dove 
m si fatta guifa faceflèro mal menare il 
lor Signore • Quefti diflimulandp il fiot- 
to, e moftrando anch' egli fdegiìarfi di tal 
cofa , tofto andò a ritrovar il Conte Si-- 
BU>ne, e gli altri capi del trattato, egli 
riferi tutto ^uel che per. poca accortezza 
de' compagni era avvenuto , con dirgli , 
che deliberato avefEnro Quella notte di 
iquella che a fare aveano^ perche lamat* 
tina fenza fallo Guglielmo a^ebbe avuto 
contezza di tutto. Il perchè fmarriti del 
viciit perìcolo , conchiufero di porre pre- 
fiantente ad efecuzione il negozio , non 
etfeodovi tempo di far venire il Bonello . 
AvvifiN» duiKfue il cuAode delle carceri , 
che nel (ep;uente giorno ,.già cher* non fi 
potea attendere il preMo' tcmno , aveffe 
Tom IL ^ 



, ebber da tal 
cifpofta «fiere air otdme per efeguire il 
'tutto bella terza Ora del di , mentre fl 
Re fuori delle fue ftanze iniin luogo patw 
Yicolare, ove Tolea, ^aré ^audienia, faréb* 
be fiaU) trattando con T Ammiraglio At^ 
cidiacono di Catania degli alfori del Re^ 
gno , ed ivi fenza tumulto., ed impedi- ^ 
«lento atcuno fi potea ^ uccidere ^ b hf 
prigione , come meglio avéifer voluto $ 
laonde con la certezza di tal '£itto detto» 
f li coel fedelmente daf Gavarsetto , ^« 
{rancarono i congiurati gU animi gii 'ék 

rte fmarriti, si per TalTenza dì BoneK 
, e degli altri ^ che n' erano feco giti 
a Miftretto , come aq^prà , perchè bifcK 
gnava far frettolofainehte ^uel che eoa 
maturo configlip , e con t)ppmtttno/tem'- 
po avean concniufo di fere . ^ 

Or venuto il nuovo d) , il Gava/rttfO 
neir ^ deftinata efeguì con molta ac« 
cortezza 'la bilogna a lui commeiTa , ca^^ 
vando di prigione Gugliemo ^Conte di 
Principsano con .tutti gli altri uoftiiiii no- 
bili , che colà cranìD, i quali -avea prima 
proveduti d' armi > e gli condliflè nel luo* 
go gve intvoiiotti arca dffuora i lor com- 
pagni , li quali poftifi appreiTò* ai Conte 
Simone , eh' era lor guida > che per eiferin 
allevato colà tlentro lapea tutte le vie <!eir 
Oftello , giunfero ove il He Gugliemo ib^i , 
Va cagionando con Errico A riftippo. Msl 
il Re veggtòdó venire il Conte Simona 
filo fratello , e Tancredi fuo nipote , ft 
idegnò y che fenza Tua licenza gli veuiA 
fero innanzi , maravij^liandofi come le 
guardie gli av^er lafciati entirate ; pure 
come ^ avvide eh' eran Teguiti 'da grotfa 
fchiera d'armati , immagin^ndofi quel che 
veniadiq per fare , fga^ntato -dal timor 
della mqfte fi^ Volle poR'e in fuga , ma 
fovraìggiunto preftam^te da molti di ef* 
fi, rimafe ptefo, e mentre gli era da lo^ 
ro con aterbe parole rimproverata la fut 
tirannide ,' vedendo venìrfi fopra con le 
foade sfoderate Guglielmo Conte di Le^ 
nna y e Roberto Bovenfe uomini feroci , 
e 'crudeli ,- pregò <!oloro , che lo teneva- 
no, che non^ l' aveffer fatto uccidere , eh* 
egli «avrebbe ìucoutanente lafeiato il Re- 
gno 'y tenendo per ficuro , che i, congiu- 
rati -gii vóletfer torre la vita } la -qual 
eofe gli' farebbe agevolmente avvenuta > 
fr Riccardo Mandta ponendofi in mezze 

^^igitizedbyGetogle 



t94 » E L r 1 1 T O 

non gli artìffe ra&cnati , ximaneado per 
fua opera in vita il Re, il quale fu po- 
flo.'ftcettanjente m prigione j ed avendo 
^tta anche in una Camera guardare one- 
Aaniente'la Reina, ed i fi^iuoli, fi pò- 
fero a ricercare i luoghi più ripofti del 
Palagio ponendo il tutto a ruba , e pre- 
ian<i^ le più pregiate gemme ^ e le più 
preziofe luppellettili che v' erano ^ non 
fìfpanniaodo né anche T onore delle va- 
l^e damigelle della Regina (a) .'Ucci* 
kro parimente tutti gli Eunuchi , che lo- 
fo aHe mani capitarono , ed ulciti pofcia 
nella Città faccheggiarono molte ricche 
merci de'^Saraceni , che teneano nelle lor 
botteghe , o nella /eal Dogana • Dopo i 
quali avvenimenti il Conte Simone , ed 
i fuoi feguaci prefero Ruggiero Dnca di 
Puglia primogenito di Guglielmo , e ca* 
Vandolo fuori del Palagio il ferono ca.- 
valcar per Falerno ^ra un bianco de- 
Àriere^ e moftrandolò al popolo , il gri- 
alarono con allegre voci Re, effendo lie- 
tamente ricevuto . da tutti per la nemo- 
ria deir avolo Ruggiero , e fovraftettero 
M coronarlo folennemente , fin che giun- 
gei£e il Bonellcl^ che a momenti s' appet- 
tava . (hialtieri Arcidiacono di Ceifalù 
Maeftro del fanciullo , biafimando in que- 
ifto mentre le crudeltà , e V altre malva- 
gità (li Cuglielmo pubblicamente > e con- 
vocando le brigate dicea loro , che giù- 
^atfero d' ubbidire al Principe Simone , che 
cosi efTo il chiamava , il quale avrebbe 
retto , e governato il Regno infino che 
il fanciullo Re foife giunto all' età ido- 
nea; per opera del qua! Gualtieri fecero 
molti tal giuramento , ed altri negarono 
coftantemente di farlo y benché niuno a- 
veffe ardimentojT opporfi a' congiurati i 
perciocché de' wlfcovi , eh' erano allora 
Aella Città, ed av^àn- molta autorità nel 
governo del Reanie, alcuni lodavano tai 
cofe apertamente 9 ed altri l'approvavano 
col tacere y iUndo cheta la plebe per in- 
tendere , che il tatto era avvenuto per 
opra del Bonello • Ma tardando eflb a 
venire 9 fi partirono di Palermo Gugliel- 
mo Conte di Principato, e Tancredi Con* 
te di Lecce 9 é ne girono a Miftrettopejr 

Cz^U^Féflcand. (b) UgoFalcaifd^h^ 

dìgntm effe , faùfque miferakile , Regem 4 

^Mcis, tradpniàus turfhn faptum > m fojh 



R I A CI V IL E 

condurlo nella Città con fuoi foldati ar» 
mali , temendo non^ alla, fine , c<Hne ap- 

Jiunto avvenne , cominciale il popolo Pa« 
ermitano a favoreggiare il Re ^ e lo 
riponeife in libertà « 

Efiendo intanto pacati tre giorni ia 
cotai pratiche, e che il Re dimorava in 
prigione , non comparendo altrimenti il 
Bonello , cominciarono Romualdo Arcx- 
vefcovo di Salerno , Roiiertp Arcivefco- 
vo di Mefilna , Riccardo Eletto di Sin- 
cuia ., e Giuftitto Velcovo di Mazzara a 
perfnadere a' Palermitani , che faceffero 
Sprigionar il Re , dicendo eh' era laida , 
e fconvenevol cofa a {b£frire , che il loi 
Signore fofTe cosi opprobriofamente tenu- 
to in prigione , e che i tefori acquiftad 
con molta fatica per la diligenza cT otti- 
mo Re , e bifognevoli per la di&fa^ del 
Reame fofTero in sì fatta guifa rubati, • 
ridotti a nulla (^1 • Quefte parole det* 
te, ed afcoltate priihief amente fra pochi, 
fi fparfero pofcia tantofto fra tutto il vol- 
go i onde come foffero ftati a ciò chia* 
mati da Divino Oracolo, o fé feguitadÌB> 
ro un fottiffimo Capitano , armatifi tot- 
ti , atfcdiarono il Palagio , richiedendo 
con fiere voci a coloro eh' eran colà ea* 
tro , 7:he aveffero prettamente liberai» il 
Re • I congiurati attmiti, e fmar riti per 
sì fubita mutazione , cominciarono da pri- 
ma valorofamente a difenderfi, ma cono* 
fcendo tutto efler vano, non etfendo ba- 
ftevole il lor numero a difenderfi contro 
moltitudine sì adirata > coftrecti da dura 
neceflità ne girono al Re, e trattolo di 
prigione patteggiarono con lui , che gli 
aveffe lafciati gir vi^ liberi , ed indi il 
conduifero ad Mn verone a vifta di tutti • 
Ma veduto i Palermitani in taleftatoil 
loro Re , vennero in maggior rabbia $ 
volendo in tutti i modi gittar le porte a 
terra , ed entrar a prender vendetta de' 
congiurati , i quali vi farebbero fenza fal« 
lo mal capitati f fé Guglielmo facendo lor 
cenno con mano , non gli avede racche- 
tati, dicendogli, aver baftevolmente fatto 
conofcere TU lor fedeltà , con averlo fatto 
porre in libertà , e che riponetfevo 1' ar« 
mi y e ne lafciaiTero gir via liberi oAo^ 

ro, 
cere detìmri f mfme Fppulmm id Mere fé* 
ri dim$$Hs • 



Digitized by 



Google 



BEL REGNO 1>I MÀOP'Otr EIB. XIL CAP. IL rg^ 

tO) cfce Tavcan prefo, avendo così loro del fuo Piazzo , ove egli* difcefo f refe 
promefTo; alle cui parole ubbidendo , tut- 
ti atMlarono vìa, lafciando libera l'ufcita 



del Caftello y ed i congiurati ufcendo dì 
là, tantofto ù partirono da Palenna» e 
ntiiaronfi a Cacabo. 

C A P. -IH. 

Il Re GuGi.tBi.MO pofle in libertà rìpr- ^ 
glia il gtyuemo ^el Regno: morte dì Rug^ 
giero fuo primogènito ; e nuovi tumulti in 
Palermo y ed in Puglia-;* che finalmente fi 
quietano per la morte del Bonelh ^ e des 
gli altri congiurati^ r 

Apportò quefto avvenimento in breve 
tempo afprifiime calamità alla Sici- 
lia V» perciocché non folo molti nobiliffi- 
tni Baroni per tal cagione mal capitaro* 
no 9 e ne andarono a male buona parte 
de* tefori reali , ma ne morì parimente il 
Duca Ruggieri , che fin d' allora dava 
chiari fegni d* aver a riufcir ottimo Prin- 
cipe , il quale mentre nel tumulto fatto 
dal popolo con poco avvedimento fpor- 
f»eado il capo in fuori d'una fmeftra guar- 
dava coloro , che atfediavano il ¥i^tzo , 
fu ferito d'una^faetta tirata , (ìcénBtélftt 
allora coffante fama , da Dario portìero 
del Re ; la ferita per^ non farebbe ilata 
baftevole a farlo morire, fé il padre Gu- 
glielmo veggendofelo gir lieto dmanzi dok 
pò effer fiato pofto in libertà, fde^nato, 
che r aveifer antepofto a lui , non badan- 
do 9 che il figliuolo non vi aveva colpa 
alcuna, non Taveffefconciamente nel- pet- 
to d*un fiero calcio percoffo ; onde rac*- 
contando Ruggiero quel che gli era col 
Re avvenuto alla Regina fua madre ^ non 
guari .da poi ufcì di vita. 

Ravveduto Guglielmo della vergogna 
del misfatto ^ e degli altri mali , che pa- 
titi avea, dimehticatòfi d'eifer Principe , 
e depofta la vette reale vilmente piangen* 
do traeva dolorofi guai , ed uicito quafi 
di ie fteifo non fanqeva, che iòìttù ama-» 
ramente , e con le porte aperte a ^iun^ 



primieramente lor grazia della fedeltà dt- 
mottrata r indi gii efortò a durar rielU 
medefima fede, e riputando effergli tutto 
ciò accaduto da giufto cattigo , che gli 
dava meritamente Iddio, farebbe da indi 
innanzi altrimenti vivuto j né pMOtendo , 
impedito dal dolore, e dalle lagrime , dir 
più oltre ; Riccardo Eletto di Siracufa i 
uomo di fomma dottrina , e di mara^i'- 
gliofa eloquenza, manifeAò a queUe turs* 
bé più apertamente quanto il Re ave;^ 
detto , e ^er teftimonìanzft del fiio buon 
volere concedette allora a* Palermitani 
molti privilegi, e franchigie; la qnal co* 
fa tanto più fu lor gratiflima , quanto che 
ottenuta in tempo ,'che men le'l penfa*- 
vano • 

Avea intanto il Boftelto intefa la no- 
vella della liberazion del Re, e fé bene 
fimulando il contrario mofìraife al mede- 
fimo il fao difpiacere, e che egli non vi 
avea tenuto parte , ed il Re parimente- 
accomodandofi al tempo , lo diffimulaffe ; 
pure r unione fcoverta a Cacabo di mot- 
ti Baroni infieme con lui, non potè piil 
diffimularfi , poiché il Conte Simone i 
Tancredi Conte di Lecce , Guglielmo Con- 
te di Lefina , AlelTandro Come di Con- 
verfano, Ruggieri Sciavo, e tutti gli al- 
tri che ave^n pofto il Re in prigione, fi"* 
erano uniti a Cacabo con BonelFo , ed 
avean con loro «roffo numero di gente' 
armata: il perchè Guglielmo inviò meflì' 
al Bonello a- dimandare che volea dino-^ 
tar queir unione , e que' foldati , e fé egli 
non s'era mischiato co' confiali de' Con- 
giurati , conte poi gli arca albergati nef 
fuaCafiello: alla qual ambaijciataeeli ri- 
fpofe , che farebbe fiata graii^ crudeltà la 
fua a (cacciar tanti grandi del Repno % 
eh' erano ricorfi da lui per non efporff 
alla fua indicazione , e che non poteva 
lafciare di dirali , che fé brn efaminaflc' 

fatti fuoi fi farebbe maravisfiato , come- 



poteffero tanti uomini illuftri foffrire if 
giogo di tante leg»i gravofe , che avea im- 

, _ - - ^ -^- - - pofte-, per opprimere la loro libertà' : e; 

que entrar voleffe, raccontava lafiiafcia* fra l'altre, come poteflfero foftirevederfl^ 
f»ura ; onde traeva lagrime eziandio^da^ le It^on fij^liuole in tutto il tempo- deU)a' 

lor vita rimanere nelle loro cafe conper^ 
petua virginità* , non dando loro il per- 
mefTo di poterle maritare , fc noti quan-. 
do fetfero^ fenza fpecanza di prole , at^ 
Bb 2 ^ioc- 

Digitized by VjOOQIC 



fuoi^oemici medefimi . Ma alla fine av 
yrettho da' fiunigliari , e< da molti Prela- 
ti , ch'Iran venuti a €onfol;lrio^fece un 
giorna coavocav^ il Popolo^ nella Cort» 



^A 01 Lf ISTORIA e I VltE ^ 

dbcch^ i Feudi rìcadctfero a toi: laonde nali ddU Skiiia ebbcfe 

& voleva eh' egli iniicme con li congiu- 

lati* viveffero (eco in pace , che toglieffc 

via le tante leggi > che nuovamente avea 

fatte per opprimere la loro libertà, e re- 

fdt^iSk le' lodevoli coftumanze , vche fìi* 

rouo nel Regno introdotte dagli avoli 



fine > pwàtk 
Ruggiero Sciavo fif(liuolo del CoQte Si** 
mone, e Tancredi Conte di Lecce, con 
molti altri lor partigiani, i ^joali oMa^ 
veano' voluto conconlarfi col Re , comia* 
ciarono ad occupare molte Terr» > ed a 
far danni graviffimi ne* vicini Territori 
di SiracuTa, e*|pCaCanift. La novella del 
qual fatto capitata a Palermo, empiè tan* 
vajfTe , perchè altrimenti- effi* avrebbero ^ tofto di nuovo terror la Corte, olld€pe^ 
procacciato di fargliele otfervare per for^ ' fiiafo il Re , che non fenaa iateadiraea* 
za d' armi (4). Difpiacque al Re sì aK to del Bonello tutti qUefti travagli acca* 
dita rifpofta. , -facendo- loro irfcdntanentt devaho , lo ftte porre in prigione ; ed 
%aificate, eh' e^li prima £1 farebbe cour- ancorché da. prima il Popolo Palermitano 
tentato/ peraere il Reame , e la vita ap- per tal prigionia tumultuai S ^ ceicaiTe 
pre^ , che per tema di loto avetfe a far di liberarlo j nulladimanco tantofio , co* 



fuoL Ruggiero Conte di Sicilia ,. e dal h)- 
mofp Roberto Guifcardo , e quelle ofTer- 



cos' alcuna, di quel , che chiedevatto ; ma 
fé depofte le armi , e rimeflliL al fuq az^ 
hitrio ,, dimandaflero cofe ragionevoli , e- 
gli agevolmente glie le avrebbe accorda- 
te . Al che non volìendo efii in modo al* 
cuno c^fentire ,, s' avviarono arcati ver« 
fo Palermo ,, ponendo que' Cittadini in 
grandiffimo terrore pet la tema , eh' avea- 
DP non impediifero il venite delle vetto- 
vaglie nella Città . AH' incontro il Re 
cagunati molti foldati , delufe ogni lóro 
sforzo;. pure volendo ad' ogni moda rac- 
chetar tal rivòlturà , inviò, di nuovo al 
Bonella Roberto, da S^ Giovanni Canoni- 
co 4j Palermo , uomo di chiaro nóme , 
e d' lOcorrotta fede , il quale colla fna ef- 
ficacia j^ e deftrezza , poie il tutto in con- 
cordia , perdonando il Re a coloro , e 
dando loro galee aniute , con le quali 
poteflèro liberamente ufcir fuori del Re- 
gno , onde alcuni d' effi , ed il Conte Si^ 
mone ne girono^in Grecia , ed altri oktè 
mare in Gerufalemme • Ricevè in fua gra- 
fia BoneMoV perdonò altresì a Ruggiero. 
dell'Aquila Conte d'Avellimi, sì peref- 
fe^e adai giovanetto , e per ciò più me- 
rjjtevole jU perdono, si anche^per K prie^ 
ghi, e per le lagrime dell' avola Adelafia 
a>nrobripa del Re, la quale , non efien- 



me è là natura del volgo varia , ed ia- 
Goftante , cominciò a perderti d' animo > 
ed a noto curar più di lui, temend^l'ifà 
del Re ^ il <(uale htto porre Bonello in 
una ofcutiffima prigione i^erra , lo fe« 
ce da poi abbacinare, e tagliatigli ì ne^ 
vi fopra i talloni , fo condsumato a per* 
petua carcere , ove non guari da poi , 
piangendo lavano la fua fventura , tutte 
dolente fé ne mori • Debellò aoche il Re 
gli altri congiurati , ed in breve raffettò 
non^ ifteno le cofe di Palermo , che di 
tutta 'i^liell' Ifola . 

Ma tettava ancora a Ga^elmo- di fé* 
dare le revoluzMìi della Puglia moA 
per opra d' alcuni Baroni partigiani , che 
iuroiiD dell' AÀimiraglio M^fone , e fopra 
tutti da Roberto^ di Baflaviila Conte di 
JLoritello, il qude unitefi col Conte Gi- 
liberto , e'I Codte Boetttondo , oonainciò 
ad" occupare in Puglia molte Tene del 
Re Gno ad Ondo Caftéllo pofto tra t 
confini di Puglia , e di Calabda • Pa&ò 
poi in Terra di Lavoro , dove tentò d' 
occupar Salerno ;. ma non edéndogli rio- 
Icito U filo difegno palsò a Benevento , 
che tantofto fé gir diede ; ed indi ritor« 
nato, in Puglia prefe Taramo . Travaglia- 
vaG parimente in Calabria 



^ , _ ^ , _ .„ parmiente m Calgbna , ove tntn 1 

cole rimafto altro erede di ^uefto Conte, pi& potenti Baroni etano aperti nemici 
teneranjuente V amava ; e Riccardo Man- del 



dra che lo campò da morte , volle tener- 
lo preilb di fé, Creandolo Gran Conte Aar 
Uhi di Sicilia (A> . Manott per ciò i 

( a ) U!go Fate. Ut hìs , d'tìfque permeìth 
fis Ugìlms antìquatis^ eas feftituat Cónjtt» 
tMdincs , f0tas^ avUs tfm Rj>g€rìui Comis 



Re , ed aderivano al Conte Roberto, 
^' quali ClemenziaCoate^ di Catania* 
rò avea afforzato Taverna di groflb pre- 
fidio per fiur contro 1' armi del Re Inu^ 

Kshtfto Guì/cafdojfrtus htroduQas , ^bpBfvmi 
fraceperìm. (b^) Ug9Falc.Pimù9mÌ9etimHt^ 
mlitibus fuìs Comefinbulum fnife$k * 

Digitized by VjOOQIC • 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB. XIL 
sa f f glgU^rdat difeia . Ma itneiukado che commeiro avea, 



i»GugIie}aK> mete le Proryincie del .Regnò 
di Puglia MI tale ftato efier ridotte > pen- 
sò lum attiimeiici pocef racchetare quefte 
tarbuleiize , che une,ndo uumeiofa arma- 
ta di preftnte in perfona. pacarvi» emrE 
alla tefla di qttclla : e prima del fuo p:i|r- 
tire > per toru dinanzi un .grande oftaiio- 
lo y fece Tenir a Te » fotte altvo pretcm » 
Raggiero SaikieTerìno detto di Martora-- 
no Barone di raoka Aima^ in Calabria y 
il quale egli tenea*per fuo. fiero inimico » 
per aver graveolente «krito al Bonello 
ae^paffati tumulti > e (cftXA altra pruova;^ 
di teUoqia il fece preOamente porre in 
prigione > e cecaie ^ 

Paisj^ intadio* Guglielmo in Calabria >. 
e airé£ò ftrettamente Ta^rema. per tutti 
i lati ) e benehè la ContelTa Clemenzia 
con fua madre > e con Alferio ^ e Tom- 
mafo (noi aùi fi. difendc&ro infieme co' 
tertasUatii yalofo£^mente : e' pure final- « 
«nente k pre(ie a ibrza ^ e diAroife » ed 
cffèndo venute in fuo potere la Contesa» 
e fua madre > le mandò prigioniere aPa* 
lenaiio» ove fece ài prefente impiccar per 
la gola Tommafo , ed Alferio «11 Com» 
Roberto rifaputa la prefura di Taverna ^ 
ie Quando taal»flo in Taranto , e confor- 
tati \tte' Cittadini alla difefa 9 e muniti-^ 
^i di nuovo prefidìo > pafeò prettamente, 
in Abbruzzi per diluojgarfi dalle forze di 
Guglielmo. Ma quefti gitone immante^ 
sente in Ta,raMo > i impadronì preflamen'^ 
te di quella Città > e fece impiccar per 
la gola alcuni foldati del Conte Rober- 
to > che colà ritrovò • Ricuperò poi con 
la medeilraa agevolezza» con la quale per- 
duti gU avea» tutti i luaglù di Puglia > e 
di Campagna. Intendendo poi, che Ro- 
berto di BafiTavilla fii n'era con parte di 
fua gente andato in Abbruzzi, inviò in* 
contanente eon groifo (hiolo d'armati Ric- 
cardo di Soria per £irlo 'prigioiìo ^^ma il 
Conte avendolo nenetrato, ufcl dal Re* 
gno, e fe oe andò in AUmagna a ritro- 
vare r Imperador Fedserico • Gli altri Ba- 
ioni vedendo le continue vittoi^ie del Re^ 
fi fuggirono tantofto via, alcuni in Ro- 
magna , ed altri in Abbruzai • Salvoffi an- 
che con la fuga Ruggieri dell' Aquili 
Conte d' Avellìjcio , il quale benché ^i 
ave^Ce in prima jperdonato il Re ,' teraea 
al prefente di lui per un nuovo erfose. 



CAR IIL 197 
eflendofi ienza fut 
licenza ammogliato con la forella di Gu- 
glielmo da Saafeverino, il quale ancbe 
egli per paura dello fdegno del Re fiyig|l 
via per tal cagione» Andò dopo quello il 
Re alla Città di Salerno., che afflifle gian* 
demente, rifcotendo da' Salernitani groffe 
fomme di moneta ; e quindi imbarcatofi 
fu le Galee y in Palermo fece ritorno • 
Così Guglielmo avendo col fuo rigore 
laccfaetati i fuor Stari, fianco de^paflkti 
toavagli^ fi diede pofcia a più tranquilla > 
e ripoiàta vita : ed avendo data la cura 
del governo del fuo Kegno^ a Matteo No-^ 
tajo di Salerno ,. e ad Errico Vefcovo di 
Siracuia Inglefe, tra gli agi, ed ozio, 
nel Palagio tinto intento a' piaceri fi na- 
fcofe, fenza volere udire più nulla degli 
affari del Regno. 

C A P. IV.. 

Pj^a AlessamdìioIIL riconofcìuto da tut- 
ti per vero Pontefice , morto P antipapa 
Vittore, r'uoma in Roma ; ed il Re 
Guglielmo , dopo aver fedatì ntwvi tu* 
mutti accaduti nelyjuo Palatx»^ fé ne 
muore in Palermo t anm 1166. 

INltanto ttientre* quefi^i avvenimenti ac- 
caddero aelli Regni di Sicilia, e di 
Puglia , altri alfai più notabili avvenne- 
ro in Francia, ed in Italia fra il Ponte- 
fice Aletfandro ^ e T Iipperador, Federico ;; 
poiché Aletfandro, dopo eifer dimorato 
m Alagna , palsò a Genova , ed indi im- 
barcatofi (e ne andò in Provenza: la di 
cui partita intefa dall' Antipapa Vittore , 
che dimorava a Segna , /u cagione , che 
fé ne paffafiTe prefiamente in Lombardia a 
ritrovar Federico , col quale per alcun 
tempo dimorò, a fargli iapere, Aletfan- 
dro èifer già paffato in Francia : 1' Impe- 
radore ciò intefo , temendo non fofle co- 
là ricevuto da Lddovico Re di Francia* 
coinè v^ro Papa , v' inviò il Conte Er- 
rico filo Ambafciadore , perchè trattafle 
tra di. loro un abboccav^entò preffo la 
Città d'Avignone pfr potere darfefto, e 
riforma agli a£fari della Chiefii. Cercava 
r Imperadore con qneft' occafione , veden- 
do che r Antipapa non «vea quel fegui- 
to che Aleffandro, almeno che fi dovef- 
fe deporre l' uno , e T ;dtro , e creare un 

Digitized by VjOQQIC 



^ D E L r I ST O 

nuovo Pontefice, acciò che Aleffiifidro fuo 
ftoverto inimico noti fotfe alla fine ftato 
come vero Papa, da tutti adorato ; ed 
avendo peHuafoal Re Francefe , uoma 
d'animo fchietto , e facile ad eifier ingan- 
nato , il ridutfe eoa pochi de' fuoi a ve- 
nir per tale effetta al luogo desinato ^ e 
Federico con grande efercito vi giunfe il 
giorno feguente; e pofe col fuo venire 
cosi poderofo- di foldati in grave angufUa 
al Pontefice, ed il Re, ehe s'avvidero 
tardi del Tuo in^amtevol penfiero ; e ùr 
jBebbero mal capitati* fé Errico Re d'In- 
ghilterra prode, e Criftiauiifimo Princi- 
pe , prefeutjt? i difegni di Federico , non 
lode accorfo in Francia con groffa arma- 
ta a foccorrere Ateffandro, ed il Re Lo- 
dovico • La cui opportuna venuta pareg- 
g'ando le forze di Federico , fece- che H 
o penfiero non ebbe effetto alcuno , on- 
de dopo var> trattati , fdegnato V Impera- 
dore d'effer riufciti vani i fuoi penficri, 
iè n'andò col fuo Antipapa in Alema- 
gna ; ed Aletfandro rimafto libero^ di co- 
si grave* periglio , fii dal Re d' Inghilter- 
ra, e dal Re Lodovico, e da tutti i lor 
JReami ,. come vero Pontefice riconofciu- 
to, e riverito. E paffato poi in lorcom- 
Jiagnia 'a Parigi, racchetò, e compofeal- 
€mie di&renze , eh' eran tra Quelli Re , 
facendogli far infieme lega ,. e compagnia. 
Celebrò parimente in queft'anno 1163. 
un General Concilio in Turone , ove in- 
tervennero tutti i Prelati d' Inghilterra > 
tli Scozia, di Francia, di Spagna, e d' 
Ibernia , co« alcuni Prelati Tcdefchi , e 
riordinò in cth molte cofe, e tolfe altri 
abufi appartenenti al governo della Chie- 
fa • Intanto V Antipapa , non oAante l'im- 
pegno di Federico ) gito con lui in Ale- 
aiagna, non potè nemmeno efere ubbi- 
dito dà que'Vefcovi; onde ritornoffene 
in Italia, ed andato st Lucca ivi dimorò 
infino alla fua morte , che poco da poi 
gli fopravvenne . Ma non per quefto s' 
eftinfe lo fcifma : poiché per opra di Ri- 
naldo Cancellier di Federico, the colà 
dimorava, gli fWubito dato fucceiibre , 
e fu rifatto in fuo li}ogo Guido^ da Cre- 
ma,, che Pafcalè II L nomoflli. I Roma- 
ni avendo udita la morte dell' Antipapa , 
inviarono- preftamente loro Ambafciadori 

(a) Romualdo Arcìv^ di Salirti^ Oonk^ 



RIA CIVILE 

in Francia a richiamare Aletfandro, pre» 
gàndolo che fé ne foffe ritornato in: Ro^ 
ma, che T avrebbero con ogni amor ri* 
oevuto i onde il Pontefice conofcendo ef* 
fer utile alla fiia Cbiefa , eh' egli rifedef- 
fé nella fua prineipal fede , imbarcatofi fti 
i vafcelli di Francia, campando dalle in- 
fidie , che tra via per opera di Òefare gli 
aveano con lor galee tefe i Pifani per 
farlo prigione , giunfe a falvamento con 
tutti i fuoi Cardinali , e con Y Arcivefco^ 
vo di Magonza , che '1 feguiva , alla Cit« 
tà di Meffina : la cui venuta fignificata 
al Re Guglielmo, che allor dimorava 2 
Palermo, il nnndò prettamente a vifitar 
per fuoi Ambafciadori, che gli recarono 
m filò nome ricchi doni ,*e cinque galee 
armate, fu le quali hnbarcatofi il Ponte* 
fice , andò prima a Salerno , e di là ne 
venne colle fteffe galee fino al Tevere, 
ed alla Chiefa di S* Paolo, ove gliufci- 
.rono all' incontro tutto il popolo, ci 
Cherici di Roma , i quali con nobil pom- 
pa al iatecauo il condutfcro (^r). 

Ma ecco che il Re Guglielmo , men*^ 
tre :fi credea etkte d' ogni parte fictiro , 
per cagione ehe men fi peniava corfe gra- 
viamo periglio di perder la vita ; per- 
ciocché alcuni pochi prigioni, difperaad(^ 
di poter più ricuperar la loro libertà per 
la malvagità di Matteo Nocajo, che 9' 
era (coverto non men crudele, etirann» 
di Majone ; e faftiditi delia n(^a , che lor 
recava l'orror delle prigioni, tentarono 
di metterfi in libertà , ovvero- di dar fine 
con la morte a i lor mali . Per la qual 
cofa corrotti i cuftodi, quando era men 
frequentato il Palagio, meirono fuori, e 
benché foffero picciol numero y diedero* 
nondimeno con difperato ardimento fopri 
i cuftodi delle, porte, ed entrati più 1 
dentro nel Palagio, pofere in ifcompigli<^ 
tutto £pftello regale, eoa intendimento 
d' avenn loro mani il Re , ovvero i fuor 
figliuoli } ma al rumore eflendo accorfo 
groffo numera di foldati con Odone Mae^^ 
ftro della ftalla del Re , furono dopo-qual- 
che refiftenza, alla fine tutti l'tin dopo* 
l'altro uccifi, ed i lor cadaveri d'ordine 
della real Corte dati a mangiare a' cani , 
vietando che lor fi daffe (epoltnra . Sr 
fmarrì grandemente il Re di ul -cafo, e 

; coifc- 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO 

imtfi(lefaiidl> che due &ite i priponi del 
Caftello Taveau condotto a giran rìifchìo 
di perder la vita; fece tantoAo cavar (U 
ià que'che vi eran rimafi» e trasferì le 
carceri in altra Roo^a preflb al mare, ed 
in altre Fortezze deirifola. E dopoque- 
ùo £ diede ^ fattamente all'ozio, ed al- 
la quiete , che vietò efprefTamente a* fiioi 
famigliari , che non gli fignificaflero cos* 
akuna , che no|a , e travaglio recar ^li 
poteife ; onde (U quefio Tuo non volere 
udir nulla degli affari del Regno (ì ca- 
gionò y che Gaito Pietro , e gli altri £u« 
nuchi del Palagio con molti lor partigia- 
ni , afiBiffero con rapine , e con ftraziar- 
gli nelle perfone, grandemente i Cicilia* 
ni ì onde pretfo i medeiimi acquiftò il no- 
me di Guglielmo il maloy che tanto più 
fi refe divulgato , quanto che fperimenta-' 
rono poi il fuo fucceflore altrettanto buo- 
no . Il Re tutto intento a' fuoi piaceri , 
ripenfando che fuo padre Ruggiero avea 
edificato due Palagi di diporto in Paler- 
mo, volle egli fabbricarvi il terzo, fu- 
peraodo di gran lunga quegli del padrtf 
non folo nella magnificenza, e ricchezza 
deiroftello, ma anche ne' vaghi giardini, 
e ne' dilettevoli fonti, e pefchieFf, che 
da tutti i lati il cingevano. Ma appena 
fu terminata quefta opera , che gli ex vie* 
tato il goderne da quella 9 che tutti gli 
umani difegni termina, ed interrompe; 
poiché nel principio di Qtiarefima di queft' 
anno II óó. fi ammalò difluffo, che gran- 
demente il travagli, il ^ual crefcendo 
tuttavia , prefi con divozione i Sacramen- 
ti della Chiefa, fece liberare molti di co- 
loro , che tenea in prigione , e levò via 
parimente una nuova impofta tii moneta , 
che avea fatta porre fopra le Città , e 
Terre di Puglia ; ed avendo a fé chia- 
mati tutti i Magnati della Corte, e gli 
Arcivefcovi di Salerno, e di Reggio, det- 
tò , elfi prefenti , il fuo teftamento , nel 
Quale laiciò erede del Reame Guglielmo 
fuo maggior figliuola, e confermò all'al- 
tro nt>mato Ercigo il Principato di Ca- 
pua , del quale già prima avealo invefti- 
te (ff); ed alla Reina fua moglie lafciò 
la cura , ed il baliato del Regno , finché 

j(a) Pell^. in Cajligau ad Awmymum 
Cif/Ji». oMn^ityi. ex Ugane Falcando ^ & 
RonmaldQ. (b) JU Ortmica di F^ffamma 



01 NAPOLI LIB^XII. GAP. IV. ìm 



X figliuoli fcM^ro ffhmti a peifelte età i e 
1 mipofe, che fifo^'^e in tutti gli itfaridC 
quello valutt der^ configlio del Vefcovo 
di Siracufa^ di Giuo Pietro, e di Mat- 
teo Notaio i e crefcendo tuttavia il malo 
fece venire a fé Romualdo Guarna Ar* 
civefcovo di Salerno fuo ftretto parente » 
ch'era fecondo l'ufo di que' tempi aìfai 
dotto in Medicina, il quale, benché gli 
ordinafle molti rimedj valevoli al fuo ma- 
le, e' nondimeno non ponea in opera fb 
non quelli, che a lui parevano j per le 
qual cofa s'accelerò il morire, poiché if 
Sabato che va innanzi all'ottava di Pas- 
qua (é), fu affalito da una grave febbre» 
per la quale non guari da poi ufcl di vi- 
ta d' età di 4^. anni , dopo averne regna- 
to fcdici, due mefi, e tre giorni, dachd 
m vita dei padre fu incoronato Re di 
Sicilia ^ 

La Regina temendo , che fpatfa tra*P«- 
lermitani la novella improvifa della fus 
mone noQ cagioiyiffe alcun perigliofo mo* 
vimento, il fece fegreumente riporre en« 
tro il Palagio, fimulando- che ancorai- 
vea , fin che io^to giunti i Baroni , eh* 
eranc^ fiati già chiamati, e eh' eran di 
meftière per incoronare il novello Re ^ 
La qual cofa pofta in eifetto ^a pochi 
giorni, fi pubblicò pofcia in unmedefim» 
tempo, che Guglielmo era morto, e ci^c 
'1 figliuolo regnava ; e tolt« il cadavere 
con molto onore il portarono alla Cap- 
pella di Se Pietro , ed ivi gli celebrarono 
per tre giorni continui nobili, e pompo^ 
fé efequie , ove intecyeni;Lero tutti i Ba- 
roni , e Vefcovi , che in Palermo fi tro- 
varono ^ ed in procedo di tempo fu tra- 
fportato il fuo corpo dentro la Chiefa di 
Monreale , eh' edificò pofcia il Re fuo fi- 
gliuolo , ove la Regma fua moglie gli 
erede uq ricco avello di porfido, il qual 
fino ad oggi fi ved% fenza iicrizione aU 
cuna. 

Fu Guglielmo, come iianra Romualdo ^ 
un Principe di nobile y e fignorile appet- 
to , oltre modo cupido d' onori , e valoro- 
fiifimo in guerra: vinfè più volte in ma- 
re, ed in terra i fuoi nemici; ma nella 
pace fu di poco avvedimento, ed oltre 

mo-* • 
dÌ€9^ che fu il meft di MaggÌQ , Fms^salio al 
9. Ma^t9. 



Digitized by 



Google 



DELL' ISTO 
modo MMO deiroziot ed^nfingaido. L' 
aver incUaato alla crudeltà, e retfstefta* 
lo troppo bramoib 1d* accuniiiUr dettero , 
ed avaro in ifpéodeflo, lo fece parer cat^ 
livo eppretfo i popoli } del rimaaente Ai- 
alò , e careggiò i faoi umici > e gli efaltò 
a grandi onori > e largamente premiò } ed 
ali incontro perTeguitò afpramente i (noi 
nemici » de' /quali molti fece crudelmente 
morire, ed altri cacciò fuori, e sband) da* 
fuoi Stati : ht atfai religiofo , ed amator 
del culto Divino^ e riverente a' Pontefici 
Romani , co^ quali , toltone Adriano nel 
principio dèi fno Regno , aon ebbe con 
altri coBtefe, 

C A r. V. 

L^ì del Re GucustMO L 

LE leggi *di quefto Principe , ancorché 
alcune fembraflero gravofe a' fuoi 
fudditi per T avidità di cumular tefori , 
httlladim^nco tutte l'altre furoìi aflài prò* 
vide , ed utili , tanto che Federico II. le 
inferì nel volume deHe^^e Co/ihmìmi^ 
che fece compilar da Pietro delle \iigne , 
e volle cheinfieme con quelle di Ruggie- 
ro s' otf^rvaflero • Ventvna ne abbiamo di 
^«e6o Principe nel volume delle Coftitu- 
nioni, le quali biTogiia feparare da que^ 
le , che promulgò da poi Guglielmo «II. 
ino figliuolo, non (;oofenderle , comehau 
fatto i noftri Scrittori, che tutte kripu* 
tafotto di Guglielmo I. 
' Quella, che tengiamo nel libro primo 
(ceto il titolo de Ufutariis pufiiendh ^ e che 
porta in fronte in alcune edizioni il no- 
ne di Ruggiero, ed in alcune altre quel- 
lo di Guglielmo 9 non è, come fi di#e , 
|iè di Ruggiero , né , come credettero An- 
drea d'Ifernia, Afflino, e gli altri noftri 
Scrittori^ di queAo Qugiielmo L Fu queU 
la promulgata molto tempo da poi daGu- 

Slielmo IL fìio figliuolo j perciocché ivi 
> flabilifce, che tutte le quiftioni, ches* 
ugiteNHino nella fi)a Corte appartenenti^- 
le ii&re , s'abbiano nella medefima a dif- 
inire , e terminare fecondo il decreto del 
Papa ttoveliamence promulgato in Roma } 
intendendo Guglielmo IL del decreto , 
che nel Concilio Lateranenfe celebrato in 

* 
(a) Decret. lìb. 5.' m. 16. eap.6. 



RIA CIVILE 

Roma da Aletfandro IIL iti Aabilitbt 
tro gli ufurai , inferito anche da Gregorio 
IX* ne' iiioi DacretMti < « ) } onde non .po« 
tè eflìame Autore Gtìglielmo L Miche 
quefto Conalio fa cétthnxo Sa Alefàndro 
in Roma neiranno u8c. <ome tvppona 
Antonio d' Agoftino, come i fìk acai* 
rati* Scrittori nell' anno 1179. mì qual 
tempo era già motto (ìttglielmo il «iaIo> 
che fini i giórni fuoi , oome fi è vediate 
fin dairanao néfó^ e tignava in Sicilia 
GuglieVno IL itqnale Mtfo diveffo dal 
pa<lre, abbonripando T avidità «^degli bAi- 
vai , ói i loro deteftahili acqutfiij virile 
cfie le-quiftioni d'ufun^ fi terminaffero non 
già fecondo la lagion civile 4t' Romani ^ 
ma fecondo i Canoni del Concilio di La- 
teiano. Merita rifle/fione^ che in que^ 
tempi i delira d^nfiua erano conafciu^ 
da' Giudici fecolari , né ap^rteneva' h o&- 
finizione de^ med^fimi ^ti Eccle&uftid, 
come pietefero da pei, avendo ibk» G«« 
glielmo comatidato , che dòvi^m i fuoi 
Giudici terminar Jtftli «ontroverfie #on gii 
colle lepgi Romane 9 ma isooodo q«et de- 
creto , il quale fenaa ^fta CoHirnzioffe 
non avrebbe potum ébmiffat i fvMki de' 
fiioi I^gni , non avendo ancota i ingoia- 
menti Écclefiafixi acquiAato ae^Ttibumn 
li quella forza , ed autoriiAr che da* pei 
ccd lungo ufo acquiUaicmo ne* nuovi Se- 
mini de Principi CriAiani ; im perchè s^ 
otfervaffero nel Foro, ed in vigor de* qua* 
li le liti fi decideA!ro« era bifogno che fl 
Principe lo comandait. 

Parimente T altra Coftituzioffe, ebe1eg« 
giamo nel medelihio li^ prinio , fotto 
il titolo, Ubi'Clèrkus ia miiefirìis deteéi 
eorroeniriy al IL Ougliehfio , non* già al 
L dee attribuirfi. Fu quella iafierae con 
un'altra , che fi legge nei libro terzo fet- 
to il titolo De adultmìs coeKendis ^ ftabi- 
Ika da Guglielmo IL a richiefta di Gual- 
tieri Arcivefeovo di Palermo ( £ ) , colla 
quale fuiono. Intorno a' delitti, le perìb- 
^ne de^ Cherìci del fiio Regno, fottratte 
dalla giurifdiaione laicale, ordinando per 
quella ^ che la cogniaioue de' medefimi ^ 
per qi|anto «* attiene alle loro perirne , 
fia della Chida , e che debbano da lei 
effer giudicati fecondo i Canoni, e fecon- 
do iforitto Ecclefiaftico ; eccettuando foh- 



( b ) Tuiini degli -Ammìr* pug. 41 • 



men- 



Digitized by 



Google 



r*. 



DEL REGNO DI NAP/)1I tm.Xn; CAP. V. Mt 



iBtào» ì delitti dì fellonia » e quelli che 
per la loro atiocità fpetta£fefo alla Mae* 
ftà del Re 9 ne'quaU volle che la cognìr* 
tione fotfe della fua Co9te • 

Sono si t(ene diGuglieltnQ> I. le altre» 
die fieguono nell'iileflb libro primo fot- 
to var) titoli collocate. La prima fi leg- 
fé fotte il ' titolo $9. per la quale vien 

Iroibita a^i Ufficiali efercicar pcr^^altri 
t loro cariche 9 tpgliendofi a'M« Giufti- 
tiefi , ed agli altri iGmftizieri jxiinori il 
poter per mezzo de'loro Vicarj efercita- 
re i. lofo vÀ^y ìmponeado con fbmmo 
rigore pena capitale a. chi contravenifTe a 
tal divietp^^ ta feconda, i fotto il titolo 
De fHfamentis nen remttendh jt Bajulisj 
ove punifce^ con pena pecuniaria d'ima 
libbra d' oro gli/cceiE de' Binivi y i qua- 
li per .favole; o per denaro riiHetcefierd 
i ^ittraineAtiv| ed altre pruove nelle liti^ 
che i' Giudici fentenziauero doverfi', pre- 
ftare; La terza fotto il titolò ^D^ Officio 
M^gijiri CMmtrarii ^ fii ibbilita ^er toglie-^ 
re le conftifioni tra gli Ufficiai: > e di* 
ftriblfiifceraciaicuiio dVeffi cid ^hefia del- 
la fua incombenza* Vuol j>er ciò, che i 
Maeftri Camerari potfanp couofcere delle 
caufe civili iblamente) e non delle feu- 
dali, che s'aj^rtenevano' alla. Gran Cor- 
te, ed a' Gran Gioftizieri; e diffinire le 
caufe, che nafcetfero tra' Bagli vi , ^ Ga-^ 
belloti alla fua giurifdizione fogaetti , e 
che ad effi 6 riportaffero le appellazioni 
delle caufe ^deciie da' Giudici ordinar) in 
prefenza de' Bagli vj^ li quali poflanocon* 
fermare^ o rivocare i loro decreti, o^n* 
tenzey iiccoiMe il dtoitto loro detterà: da* 
quali pòi pofla appellarfi> non gii come 
prima al G. GiuiLtziero, ma al R« fola« 
ihente. . ^ 

La 4^arta , pofta fotto il tnedefimo ti- 
tolo, pedina a' Maeftri Camerar) delle Re- 
gioni a (e commefTe ; che col configlio de* 
Baglifi mettano- effi t'affife .delle colève^ 
nali per ''ciafcttna Città 9 e luòghi a fe 
ibggetci . - • . 

La quinta ^ che fi le^^ fotto il titolo 
de O^io Secreti^ è locale, e, riguarda la 
Pfovmcta della Calabria^ perula quale è 
ftabilito^ dhe ia quella Provincisf 1' Uffi- 
%io' di Secreto ^ e di Qtieflore , per V av-» 
Xi^nm *s' eferciti da' Cameiai^ detla^^Md^ 
Tom. IL 
(a) Tof. di erige Jlf^C» a io* 



fusa. E nella fefta , che fiegtte, fi dt 
particolare incombenza a'fuddetti Secre-* 
ti , e- Queftori d' invigilare a' tefori , cho 
fi ritrovatfero per incorporargli a comodo 
del Fifco, e di conofcere fópra i naufra*' 
g^9 che accadeflèro, perchè, offendo .raor» 
ti i padroni, né lafcian^Io legittimi fuo^ 
ceflbri, poflfano le robe appropriare alFt 
fco . Còme ancora' dà loro incombenza d* 
invigilare, e conofcere fopra i beni va* 
canti di colofo , che morendo fcnza fa* 
teftamentP non abbiano (u€ctSon legitti- 
mi , ordinando che la terza parte d^l 
prezzo delle robe ereditarie fi difpenfi V 
poveri pei» V anime *de' defuriti , e tntto Ù 
retto s' applichi al Fifco . 

La fettiipa, pòfta fot«o il medefimo ti- 
tolo, comai^da a' Giuftifferi,.. Camerari | 
Caftellani, ^ Bagli vi che fiano^foHecitt 
in t)reftar ogni ajut<J,, e cdnfiglio a'fud-^- 
dcttiSecfcti, e Queftoriju %uRociò, ch^ 
concerne il comodo jB^lla. fua Corte. ^ 

L ottava, che fi legge fotto il titofo^ 
De pfé^sndù Sacrame>ìtò Bafulhy Ó* Ca^ 
merariis^ merita tutta la riflèfi[ioiie:| pòi« 
che in efla fi prefi:rive a' Campar;, e<i 
a'Baglivi il modo di dover amminifbac 
giuftizia a* fuòi fudditl • Q^manda, cto 
debbano «nminiftrarla fecondo le «fue C<^ 
ftituzioni, e quelle di Ruggiero fiA pa- 
dre , ed in ditetto di quelle , fecondo le 
consuetudini approvate^ ne' fuoi Stati ,* e 
finalmente fecondo le leggi comuni , Leu* 
gobarde^ e Romane; onde fi convince ^ 
che a' tempi di queftò Principe le leggi 
Longobarde erano in tutto il vigore , ed 
offervanza in quefto Reame , e riputato 
leggi comuni, nffi meno che lo Roma^ 
ne • Quindi avvenne f che le prime fati« 
che, che abbiamo de'tiottri Giuredonful^ 
ti foflero indrizzare alle medefime, e elio 
Carlo di Tocco contemfotÉjpeo di quefto 
Gugliehnp, da cui neìranno 1161. fu 
fiitto Giudice della" G. (5> *( * ) > fi pren* 
detfe il penfiero , • e la cura di cómmen« 
urie : nel che fare ferviOi delle Pàndet* 
te, ed altri libri di-Giu^iiìianoy non per» 
che guefti àvètfcro acquiftata ^orza alcu« 
na^di légge in quello Regno, ma perchè 
non. fi riputaffero le Longobarde cotaittd^ 
barbaje, ed incolte; giacché molte di e£o 
iè eran^coÀfornu alle leggi delle Pandet^ 

Ce te» 



Digitized by 



Google 



MI DEL ìf I S T 

«^9 le ^wli Aireodo tirata a (klo^Aaiìo 
di molti , qucfti cohiiaciavano . ad -aver 
in difprexzo le Longobarde -^.Nè Gugliel- 
ttio intcfe altro -per le leggi Hcomuni->Ro- 
Aane , fé ^loa quelle ,vche;yprima là' effer- 
fi ritrovate le^Patìdettejn Amalfi, erano 
ximafte .come -per ^trsldizìone -pvetìo i no.- 
ftrt Provinciali i poiché ; iofino a quefti 
tèmpi y^fe ìbenc nel!' altre Città .:d' Italia , 
comeche pubblicamente infegnate ^nelle 
loro Accademie ^cominciaflero ad jillegar- 
fi nel Foro; nullaidìmanco in ^^e dio- 
ttre parti , non effendòvi ancora pubbliche 
Scuole intr<»lotte, fé non a' tempi , di Fe- 
derico :IL non folo -non laveano .acqdiftà<* 
ta autorità alcuna di legge , *nè s' allega- 
vano Jiel :Foro , -ma /lè ^cno jjcrapo Jnfe- 
Eate> ^ed ^fpoft* .come in *Bológ;na > e 
ilano y e neir altre Città i' Italia : je le 
liti -per lo più ;decidevanfi fecondo le leg- 

E' Longdbaiatlel^ ' ficcome'^ chiaroi^a quel- 
due ^fentehu ^ramrnentate .da^ói» «^c 
{apportate dal Pellegrino, una -in tempo 
di Ruggiero, 'T altra <li Guglielmo IL Ed 
è ciò «cosi vero, -che «non era*lecito né 
S&eno ricorrere alle leggi delle Pandette 
in difetto delle Longobarde ; come è el)ia« 
jo da' Commfmar; del ^medefimo Carlo 
di Tpcco (4), «ove Rimandando fé, vfic- 
.comevl^giiublo «fuccedeva alla>inadre« 
«osi pote& ^ncor i^ madre fuccedere a* 
i^lli^oli.: dice,.j:he le leggi Longobarde 
dì fio niente ftabilirono , onde la madre 
come^cogfiata dovrebbe efcluderfi, -poiché 
Kcondo quell^ «iuccedono i foli ragnati; 
e che^ perciò vi ^farebbe J>ifogno A' una 
nuova elegge , xbe V amitiettetfe alla loro 
(ucoeffione, nónoicram^te di quello pra- 
ticavafi rpretfo -i «Romani , appo i i]uali 
perchè vja madre .poteife fuccedere , ^ me- 
^er che ^1 Senatusconfulcb Prficiano lo 
fiabiliCe/ (Chcj^bìfegno dunque vi. farebbe 
flato di «quefta nuova legge, fé ^^aveflis 
alla legge de\Longofoardi i)otuto /upplire 
colle léggi .delle Pandette ? Ne' tempi dun- 
que di iquefto ;Guglielii|o Je leggl^omu- 
ni de'Jiomani inon eran /juelle^ «ck^eran 
wmprefe /klle pandette , ma quelle , eh' 
erano ^iixuiftè .pretfo i fopoli > che, dopo 
attinto r Imperio Romano » ìt ritennero 
più tpfto come jintiche xoftumanze , che 
per leggi fccitte» non .efTendò ftati i libri 

<a) GnW. ir Toec0 h L fifomes 25, 



RIA <.l VI VIS. 

' di Giùjftiniano wquefteii^rti^ le nond^r 

• pp jbolti ^coli jconofciuti >«c molto rtaiw 

di riacquìftaronoJn éCfe J' ant|,ca loro au« 

e torità j ve vigore rper i' ufo più , xhe per 

qualche "Coftituzione di Principe , che lo 

cocnagdaiTe y*ycome Jx vedrà xbiaro joel.cor* 

«io diquefta^Iftoria. 

I«a nona '^Coftituzione di tSugUelmo^ 
.che fi iegge ibtto lo iletfo .titolo^ tutta fi 
> raggira dintorno àir.incombenza de' Ma»» 
;(lri Camerari , ^ de^-JBaglivi . Si pre&rive 
Jl^iumero de'Bàglivi y e dé'.Giudidin 
.ciafcuna ?Città,ve juogjb 4plle JProvincie} 
e s'impone a' Camerari) ^J^ì non reuden 
venali :.quefti :tXffic}9 ona di 4iftribuirgli 
a peribne jneritevoli , < fedeli ; «che iari- 
gilino fopra'i jxiedefimi con ^vedere i lo- 
:ro proceffi ; e dà 4ltre jvovidenze atti- 
nenti alla retta amminiArazione dellagitt* 
.ftizia^ ^fld al buon jovemo jdélle ^ro- 
vvinci*^ 

rLa' decima) che abbiamo fottó il tito« 

lo di fUéeJìioniòus irù^r Fìfium^ & fm^ 

tum , prcfcrive ,a' Maeftri «Camecar; xbe 

.eccettuatene le caufe feudali > abbiano a 

tconotere^i jtutti i giudic;, così «ali^ 

come pcrfonali^tra il.FifcO) ed i priva- 

;ti) colli Ciuftizieri aggiunti, e Mirin* 

vtervento dell'Avvocato Fifcale> 

L' pi^decima ) sfotto il titolo àe cogmthh 
ne caufa^-i^ofam .Bajatis^ dà facoltà a' Ba» 
glivi ^di poter conofcere ne' luoghi dove 
tono prepofti ^ di rtutte le xaufe civili^ 
.Cosi reali) come perfonali) eccettuateoe 
le caufe ^feudali: di conofcere ancora de' 
furti ^minimi, e d'altri minori delieti 9 
vche non portano pena di ^^utilazixm .di 
membra* La duodecima, che.fi legge fot- 
to il titolo df fure jcaf^fi ftrrBi^iUum^ 
prefcrive a' Baglivi , xbe prendendo Qual- 
che ladro foraftiero , il' abbiano inueme 
colla roba rubata, a confignar in mano de' 
Giuflizieri: de farà del luo^O) ovjs fono 
prepofti ) ^pariqiente. lo debbiano4x>nijgna- 
re a' Giuftizieri^ ;nu le robe mòbili del 
medefimo JloVranno efli applicarle al f i* 
(co di ^qoel iluogo • 

La decimaterza ) fotto il tcitolo de Offi^ 
xìoBajulorum^ impone à' faglivi di dover 
invigilare intomo al -giufto prezzo, delle 
ccofe venali^ e la Joro incombenza parti*^ 
xolare edere 1 d^efigert irremiflibilaicata 

. le 
verh. fi ptQpinqHi in fi^, de Meif. /a. r//.i4« 



Digitized by 



Google 



DEL HEGNO DI NAPOXI LIB. Xlt CAP. V, xoj 



tt, pene a- quei ^ ché^- vendìeranno contro 
l'amfe, o pure fe:^troveraimb mancanti t< 
ioropeiiy e.mìfare^'Làdecìmaquarta, che 
fieglje fotto^^iltitero de Pana- negunth d?f 
fsjìfum y nki' mutuum y punifce^ feveraniea- - 
teii àepofitar) > e que'clie o^per mutuo > - 
o^ per comodato ne^heraana a' padroni di . 
fcèituire la. lòro^^ ibba . . 

La .deciiiiaquinta^^ che fi jeggc-foìtto il 
titohr Jel'-Clericis: convitìfendh' prò potTeffìo-' 
ni bus Y quas' non tenent éb- Ecelefia ^initTl* 
tz nwisf^ior riflcffione- che tutte* T altre . - 
Inveifa fi^ determina ^ che^ fé i Chcrici fa- • 
yanno«coiìtreQutr per qualche^ ereditavate-* 
nimento ^ o altra rob^ di lór patrimonio ,' 
ch^e non datla^ Chiefa y.ma' da- altri fia ad- 
effi^' pervenuto r la cognizione^^ di quefte ' 
caufe ^tti alla Corte -fecolare del luo- 
go ^ nel diftretto del quale fono le lor pof- 
feifioni , e quivi dovranno effi rifpóndere 
^.giudizio, fé avran cofa in contrario : 

Sroibetidofi folamente-* a' Giudici, fecolari 
u poter: prendere- le loro* perfone , ovve-^ 
ro- carcerarle : ma non già cfeguire in vi^ - 
gor della farfenza» che la> lor> Corte pro- 
ferirà, le robe ii^dotte in giudicio .^Que- 
ftà. legge, di- Gi]||pelma nel tempo >; die 
fu, promulgata,, non: parve^iriente irrego- 
lare , e ftrana y ficcome- àncora da poi ne* 
ttfmpi di Marino' di^ Caramanico antico • 
gloflatore di quefte Coftituzfoni ,Vche glof- 
iandola, niente trovò che riprendere* Ma 
ne'fecoli pofteciori, quando il dritto^ Ca- 
nonia de^ Decretali)) cominciò-^ »: ftabilire ^ 
nelle: ndenti. de* noftri Giureconfuki^ altre " 
maifime ,> parve^ atfai^ ftrana , e moftruofa* 
Andrea,^! Ifernia,- che "fcriffe in^' aueftì 
tempi , man- ebUfe- per ciè^ difficoltà-' ai di- • 
re che tal Coftituzionef- niente \ valeffe > - 
anzi doveife reputarli nuf la, ^ ' vana , co- 
me quella eh* è Contro le perfone' ecclc- 
(iaftiche^ e contro l' ecclefiaftica* libertà* 
Aggìugne ancora etferfi ingannato il Le-^ 
gislatpre ,vche vuol* che fi doveffe atten*^ 
dere- la qualità y^y. condizione delle robe ^ ^ 
non^ delle perfone ,. quando' tutto il con* 
trario , lt\ robe prendòno^ualità* dalle per* ' 
fone , e qièfte^ fono convenute y non queU- 
le • Chiama eziandio' imperitr coloro v* che ^ 
dicono aver il . Papa , t lalChièfa^' Roma- 
na i approvate quefte* Gòftitazioni j. poiché -^^ 
di€e' n«n' apparirfte la cdafemuf^ % fé pu- ' 
re apparile generalmente fiatta, non per-^ 
ciò fi dtl^aver per approvata qndfta Co- 



IlituzfatieMal Papa i il quale fé fofie fto* 
to^ riehicfto di' particolafmcnte'confewiiar'i 
la , non l* avrebbe conceduto ; Ma dà qijan* 
to fi è detto' ne* precedenti libri, -quando 
della^ politia^ Ecclefiàftica" c^ toccàjfavella^ 
re , ben fi potrà comprendere , quanta po# 
ca verità contenga quefto difoc^tfo-' d' h 
femia' . - 

La decimafefta , eh* èr l' ultima di quefto ' 
Principe , collocata da Pietro- delle^ Vi- 
gne . nel libro primo^ delle Coftituzioni del 
Regno lotto- ìVtxtoXiy de Officiò Cafiellan^ 
r«»^y.non contiene" altro »-fe non^che fi 
comanda a' Caftellani ^ ed altri loro'- (ubai* 
temi ,*che^aientetèfiganÌ3^*a' carcerati ^ - 
che^non^ pernotteranno^ nelle carceri^; ma 
fc arriveranno^ z^ pernottarvi \ - nel tempo - 
della lor liberazione uon^efigano più che * 
un mezzo tarino * 

Nel libro^ fecondo ^ non abbiama'^ le^ ^ 
del Re Guglielmo, ma nel' terzo- la 'deci"^ 
mafettima, che^ prima s' incontra,^ è quel- 
la fotto il titolone Dotariis conjittuendis ^ 
ove s' impone: alle mogli ,. dopo: la mor- ■ 
te- de ioro^ mariti , di> dovere afiicursre gli ^ 
eredi di' quello del dotario ^ che tengonp 
nella Baronia , e preftar giuramento di 
fedeltà. a colui,. che farà rimafto padiòn? 
della medéfima • - 

La j^ecimaottava', che: abbiamo fotto it 
titolo* dg Fratribus^ obligantibns. parfemfeu* 
di prò dotìbus foTorum , permette a' fratelli » 
fé non avratftiO' mobili Vo altri" beni ere- 
ditar; i di poter: coftituire^ in^ dote' alle fò- 
fo> forelle , e obbligare perciò- parte del 
feudo ^ e disvantaggio , fé avranno tre 9 
6 più^ feudi, che poflaW uno-* d' effi dar- 
ne in dote allemedefimé) maVhé in^ tutti 
i cafi.fuddetti , e' qu^ndd s'obbliga il feu* 
do, e quando- s-idiena, o^fi co^ituifce in 
dote ^-fempre's' abbia da- ricercare^ k li- 
cenza deU Re . E di vantaggio , che i ma- 
trimoapnon^poCTan contraerfi^fenza Aio 
pefmeflb V.ed àfTenfo ^\ed alti:imentiffacea!P 
dofi , tutte le^' con veaziow'fiano'' nulle , e 
invalide :* ciocché i cofiie fi diife ,* diede mo* 
tivD a^Baironi del Regno • di doglianza » 
che pct quefte leggi , per: le' quali^fenza 
licehzaideila^fua Corte non potevano Col- 
locar in* matrimònio ^ le lor- figliuole t o 
forelle , fi "ejra- loro» impòftp> diira^ giogo ; 
ma Federico'^ cio^- non^oftante i volle con^ 
fvmarla per quelle ragioni \ che fi fono 
dette > fiiaado delle leggi di Ruggiero 

^* DigitizedbyGSogle 



ao4 



DELr ISTOHIA CIVItE 



•arloffi ; poìchh la legge non era gravt>- 
UL per quello , che ordinava , ma {fer lo 
mal ufo , che d' eifa Guglielmo faceva-; 
il quale per avidità i che i feudi ritor- 
naifero -al Fifjo , era infleffibile a dar il 
fuo pcrmeflb ne' matrimoni , onde fi mof- 
fero quelle querele de'Barorl e queidi- 
fordini , che nel Regno di q\; fto Princi- 
pe fi fono raccontati #* • 

Merita la decimanoha legge di Guglie!* 
idù pofta fotto il titolo de Adjutorììs.exì^ 
gendis ab homìnìbus ^ Ìmxxtl la confiderazio- 
aè; poiché in effa più cofc ^egnc da no- 
tare s' incontrano • Primierametite fi raf- 
fretta l' avidità de' Prelati delle Chiefc , 
^' Conti, de' Baroni, e degU altri Feu- 
datar) y i q^uali per qualunque occafiotle 
eftorqtieano da' lori vafTalU «fdrbìtantiW- 
^utorji onde Volendo togliergli da quefta 
òppreffione j ftabilifce i cali , ne' quali pof- 
fanó i medefìmi giaitameiite pretendergli . 
I cafì fono . L fé fi «ràttaffe di reditnere 
la perfona de' loro padroni dalle mani de* 
nemici , da" quali foflero flati prefi mili- 
tando fotto le infegne del Re . II. fé il 
Barone dovefle afcriveré un fuo figliuolo 
alla n\iUzia. Ill/per collocare la Tua ft- 
glinola, o forella in matrimonio • IV. per 
tompra di qualche luogo , che ferviile per 
lervizio del Re, o del fuo efercitq. Me- 
rita ancora rifleffione ciò , che fi fbbili- 
ice per li Prelati delle Chiefé , a' quali 
anche fi prescrivono alcuni cafi , ne' qua- 
li pofTano legittimamente cercar gli adju- 
ton da' loror vafTalH • I. per la loro con- 
fecrazione . IL quando dal Papa faranno 
chiamati ad intervenire ini qualche Con- 
cilio .. Ilir per fervizio dell 'efercito del 
Re y fé effi faranno in quello v IV. fi; 
feranno chiamati dal Re ,; ove è da -no- 
tare, che in ouefli tempi non cadeadub- 
fcio alcuno , fé i Principi póteffero chia- 
mare i Prelati y ììè qucfti^ facevano^ diffi- 
coltà d] ubbidire alle chiamate , come fi 
cominciò a pretendere negli ultimi tem- 

In i fé bene nel Regno i lioflri Principi 
empre fi fiano mantenuti in queflo pof- 
feflb , con difcacciar i renitenti dal Re- 
gno nel cafb non ubbidtffero . V. fé il Re 
fer fuo fervigio gli mandava altrove , fio- 
come indiAréntementc'foleva fare , kn- 
f legandogli fòvente negli atfari della Co* 

m 
( a ) Sa9dì tùm. 3. Crm. foì. 3^3^ 



rona ; e per ultimo fe V oocafione portaf- 
«•fé, ch'il Re'^dovefTe ofpiziare nelle loro 
Terre . In tutti quefli cafi fi permette a' 
Prelati poter rifcuotere da' loro vaffalli gli 
adiutori , ma fi fo^iunge nella medefitna 
Coftituziòne y die debbano farlo modera- 
tamente • 

-Queir dtra , che fi legge fotto il tito^ 
lo dt novis edtficiis , fé bene in alcune 
edizioni portaéfe in fronte il nome dr 
Ruggiero , ed in altre quello di Gugliel- 
mo, è chiaro però, che non fia he deli' 
uno, né dell' altro* L'Autore ^lla me^ 
defima fu Federico IL come è mauifeib 
da quelle ^parole ^ ab ébìtu diva memém 
Regts Gulielmì confobrìni mjlriy intendett- 
do Federico di Guglielmo IL-' che iti fuo 
fiateilo cònfobrifto , come nato ^a '6u« 

flielmo t. fratello di CoftaA^a madie di 
%derico . 

la vigefima è fotto il titolo- de firmi 
& aneìUìs fughìvìs • Proibifce per quella 
•Gufi;Helmo , ritenere t fervi fuggitivi ; ed 
ordina nel cafo fian piiefi , che immaote- 
nenter: fi reftittiifchino a' padroni ^ ie fi fa* 
pratmo : (t faranno ignoti , impone , che 
debfc^tto confegnarfi J^a«;livt ; i quali 
toflo dovrannq trafmettergli alla fua G. 
C. e facendo altrimenti , s' impone pena 
a' trafgretfori y anche agli fteffi BagUvr , 
della perdita di tutte le loro foftanze da 
applicarfi alFifco; ma Federica nella Co^ 
flituzione de Mancipììs , dà mi anno di 
tempo a'padrocH di ricnperaigli , da poi 
che alla Ù.C. faranno tiafineffi» 

L' ultima è <}uella che fi legge fotto- il 
titolo ^de pecunia inventa m rebus alienis • 
Se r altre leggi ài Guglielmo finora an- 
noverate moflrano V avidità , <:b' ebbe quc* 
ilo Principe di cumular denari , e d' im- 
porre tante pene pecuniarie , onde s' a^ 
ricchifiTe il fuo Erai'io y maggioratiente lo 
rende manifefto quefb , che fiamo ora a 
Botaifc. Guglielmo fin dall'anno iiòi. a» 
vea fhbilita legge 9 che'chi'trovatfe un 
teibro , lo trovava per lo Re Ca) . In 
quella ora ordina che chiunque ritrovale 
oro , argento , pietre preziofe y ed altre 
fimili cofe , che non- fiano fiie ^ debba im- 
m'antenéntei portailé a' Giufbzieri , o*Ba<* 
gliyi dei luogo , «ove faranno tfovaete y i 
filali u>Qxk debbano tnÉMtMde^iàUa fua 



G,C- 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI NAPOLI LIB. XIL CAP. V. 



G. C. altrimente cooie 4adr<v farà punì-* 

U> . Dichkraudò ancora ge?|eraln}ehte^ y 
che tutto, ciò che nel fuo^egno farà tre» 
vate y del quale non apparila il padro- 
ne > al fuo Fifco ipecialmente s* apparten- 
ga. Vwtl, che alla fua pietà fi debba ciò 
che foggiunge , ci^ che fé fra lo fpacio 
d'urt ^nno taluno ìprcrv^erà ef&rne di quel- 
le il verp padrona , dejbbanfi a lui i;efti- 
tqiro 9 ma quello ^afcorfo ilabilmente al 
Rfco V aferivano . Federico IL nella fé- 
guente Coftituzionc approva la legge*, e 
quefto folo .aggiunge , che le jrqbe trova- 
te s' ^bbiaup arco nfervare^ da' Giuftizieri ^ 
e Bagllvi delle Regioni >~,'p ve fi travaro- 
110, non già ti:afportarfi nella G. C^ non 
parendogli giufto , che i padroni di Quel- 
le per giuftificaw, e provare efler loro , 
e per ricuperarle , da lontani, luoghi ab- 
biano con molto loro difpendio , e tra- 
vaglio da ricorrere alla. G* C. da eifi fé- 
mota • 

Quefte fono le leggi del Re Gugliel- 
mo L che a Federico piacque ritenere , 
e che v^Ue unire cplle foe,rc eoa quel- 
le di Ruggiero fuo Avo^ poiché V altra , 
che fi legge fotto il titolo de adulteriis 
€oerce?idis , dove , quando non vi fia vio» 
lenza, fi commette a' Giudici Ecclefiafti- 
ci la cognizione delF adulterio , a cuiuni- 
formofll r Imperadrice Coftanza per una 
fua carta ra^ypprt^ta dall' UghcUo , none, 
Bè di Ruggiero > né di^ueAq Guglielmo r 
ella è di Guglielmo HI. fuo figliuolo , 
conv fi vedrà Chiaro quando delle leggi 
di quefto Principe farém parola. 

Faiii ancora da alcuni Guglielmo smo- 
re della. G. C. e ch'egli fpffe ftatoilprit 
mo a ftabflir quefto Tribunale i né può 
dubitarti , che nell' anno iiét^. uno de^ 
Giudici di quefta G^ C. fofte .ft^ Carlo 
di Tocco CommcntatQre delle ^Phreleg- 
gi Longobarde • Ma fì(:come ciò è viero , 
cosi non poftànegarfu,. che la C* C. a' 
tempi di Guglielmo era quella eretu ili 



lÒ^ 



Palermo, ove teneà collocata la fua fede 
regia , non già ^quella., che a' tempi di 
Federico IL e più di Carlo L d'Angiò> 
vcggiairao'ftabiMta in Napoli # In temp« 
di Guglielmo , Napoli non era riputata 
più di qualunque . altra Città del noftro 
Reame , anzir,Salerno , e ( prima d' aver- 
la egli coj^;mal menata ) Bari fopra le 
altre eftolwro il capo . E. fé bene alcuni 
rapportano , phe quefto Principe di due 
famoRCaftélli avene munita Napoli , cioè- 
di quello di Capuana- «contro gli aggreiTo- 
ri di terra, e delli^ltro dell' Uovo , per 
que' di mare , ancorché altri ne facéflero 
pure autore Federico : niun però potrà uè* 
gare, che quefta Città da Federico IL cor 
mintiaife pian piano a farfi Capo , e Me- 
tropoli di tutte r altre , cosi per V Uni* 
' verfità degli Studj , che v' introduce , co- 
me per li Tribunali della G. C. e della 
Zecca, chiamato poi della Camera Sum-^ 
maria; e che non prima de' tenìpi di Car- 
lo L d' Angiò foife fede regia , ove fi ri- 
portavano tutti gli aftari del Regno , e 
che finalmente la refero Capò , t^ Metro- 
poli di tqtte le altre , come fi vedrà chia- 
vo nel corfo drqueft' Iftoria - Ne' tempi 
di quefti ultimi Re Normanni , non vi 
era in quefte noftreProvinde Città, che 
poteffe dirfiCapo fopra tutte l'altre. Ciar 
icuna Provincia teneva i fuoi Giuftizie- 
ri , Camerari , ed altri particolari Ufficia- 
li, né l'una s' impacciava degli affari dell^ 
altra . Né in quefti tempi il* numero del* 
le medefime era moltiplicato in dodici » 
come fu fatto da poi ( fé debbiamo pre*- 
ftar iede alSorgente)(tf). ne' tempi di Fé-» 
dericoj ma le noftre R^egioni erano divi* 
fé fecondo i Giuftizieri, che fi mandava* 
no a Teggerle , onde prefero il nome di 
Giuftizierati , e poi di. Provincie , gpvcr- 
liandpfi , da' Prefidi , comi: s' intenderà me* 
glior ne Ubci che feguiraono di quefta 
Iftoria • 



i ■ t *i 



?a) Surg. Neap. Illuflr. cap^tJ^ n.z. 



, DELr 

Digitized by VjOOQIC 



20^ 




D E L L* I S T Q R I A C I V I L E . 
DEL 

R: E G N 0> D: I. N A P O L I 

LJ RRO: D E CI MOT E R Z 0. 




A morte:, di Guglielmo I. e - 
r innalzamento al Trono di:. 
Guglielina.IL. fuoifigliuoior 
fece mutar tantofto in.tra»»v 
quillità loxftato^ delle^ cofcr 
de l R egno ; poiché V avve- 
nenia del fanciullo ». e la fua. benignità ; 
traile di modo a. fc, Famon!* ,.c la beni-, 
volènza di tutti ^ chfc ancor» quelli y eh' e- 
nnob ftatL acerbi ^lemici dei padre^ , fece-^ 
TO. proponimento < dì: téetgìU ^deliffimi , ., 
diceiido baftare conciai morte dcU. vecchio ^ 
Re effcrfi tolto di mezzo, l-autoc*^ di tutti 
i inali , né, dpverfi .all' ' innocentcvfanciul**^ 
lo< imputar la colpa vdellav tirannia del pa- 
dre • Intanto^ la Reina.Mai^herita fua ma-r 
dre , ^ fatti convocar^ tutti, i ^Prelati ,\ e' Ba- ^ 
ioni del Regno iJo fecefolennementeco-^ 
fonare -^ nel^ Duomo n di ' Pakrmo,t da Ro- 
moaldo Arcivefcovo di SàleHM : alla-^qual^ 
Cilebrità , oltre i Prelati ^ edr i Baioni » 

(a) tjf, Fdfcan., 



ftiwi innumerabil concorfo delm^Io AtU 
la Città ,^ che- accorapagnollo , . finita T in^ 
coronazione , infino al\Pal:(^io.; reale coa^ 
molti. fegni.dVamore,, e d'allegrezza * £ 
la Reina) la qualeTper la tcnent.età del 
figliuolo ) che. appena. dodicL anni, compi- 
va ^^e non era, atto a governare* il Re* 

Sno y avea di. quello prelalacurai volen« 
o , come fa^a > accrefcer V amor del pò* 
poli v^jjfip^di lui ,. fece porre- in libertà 
tutti* i^tigioni y ^Éd^vòcò.dal bando quel* 
li / che, v* erano;> fflRi mandarirdal'Re Gu^ 
glielme , richiamando ^Tancredi. Conte di 
Lecce >.€ togliendo^ parimente via molte 
gravezze impofte^ da lui , fcriife a tutti i 
Mae%ii, Camerari, della Puglia , e Terra 
di Lavoro-,., che. per 1', avvenire non efi- 
getferapiJtqùeir. infopportabile pefo , chia- 
mato redemptìmis , che avea ridette all' ul* 
dma difperazione quelle Provincie ( ^ ) ; 
Reflui i Baroniggi a cui erano dati 



Digitized by 



Google 



PEL HEGNO DI NAPOlt LIB. XIH. 



207 



poteffe jpor 'quiete alle cofe di Puglia 
Ma:^umi inoti del Regno , a iriguardo 
di que^inaggiori, che fi vedeano iuLom« 
bardia , ed a petto di ciò , che allora paf« 
fava tra il Pontefice Aleflariaro III, cdir 
"llmperadore Federica Barbaroifa 



eran» 



^t»!li, é ae «oncedè. molti altri di ftaovo 
a di verfe perfone;» donando ancora '^on 
larga mano ^molti ìbeni va varie Chiefe - 
. Ma l'aver eHavoluto^ contro quel che 
fuo marito avea * difpofto ^nel -fuo teda- 
mento 9 innalzar foverchioGaito Pietro $ 

e farlo fuperiore. nel governo a'^Matteo (^ piccola confidetaziohe , e riputati ccn 
Notaio »; ed ali! Inietto di Siracufa J^ dan- ' me di facile comi)onimentò : eccome noft 
doali tutto 'il tzovernq .nelle tìiani 5 • ca- 
gionò nuovi difturbi nel' l^alazzo Teale ; 
poiché gli altri Cortigiani invidiofi della 
fila grandezza ,'prefa*bàldanza 'dellà^faur 
cinllezza*delJR.e> e poco ftimando ilìion 



pafsò guari v che il tutto fu pofto in pa^ 
Hie , e tranquillità . -Erano gli -occhi di 
tutti rivolti all' Imperatore iFedérico ,*il 
; quale <:on grande 9 e . poderofa òfte era ca- 
lato in Italia, per far guerra al Pontc£- 
fermo imperiò della.donna ,"€omlutiaroir ce Aleffandroy-^^ed a*llomani, i quali 'a« 



no di nuovo a porre in rivoltuia la Ca* 
Ùl del Re y -configliela 'biella ^uale "[fu Geo** 
tilc Vefcovo d' Agrigentp^^ il xjuàle , re- 
ibfi cariffimo àll^ Arcivefcovo di^Reggio » 
cominciò/ a tender infidie all' Eletto di 
Siracufa ved a ^corrompere infiemf Mat- 
* teò Notaio ^ esportarono la cofk invale 
fconvolgimento , che obbligarono ancora 
a Gaito Pietro di fiiggirfene in A^arocco 
fotto la protezione -ài quel .Re - Ma fé- 
dati ( ^dopo var} avvenimenti , che 4>en a 
lungdr^fngon narrati 'dal Falcando ) 'que- 
fti rumori , 'ed -èffendo Timafo T Elètto nel 
lue luogo, come/primavera, giunièro PO* 

co da poi in Palermo 'gli Ainbafciador; „ . - - 

mandatr <la Emanuele Imperadore :d' 0« 'tè pofcia la Chiefa di S; Pietro 9 'e 

riente , «il 'quale avendo vavuta xx>nttzzz, *^potendola agevolmente prendere 

della morte di 'Guglielmo^ inviò a rino* 

var la pace iól iciuovo He , e ad x>fi(erir^ 

gli per moglie 1' unica fua figliuola con 

r Imperio in dote ; li ^ui Ambafciadpri 

furon lietamente accolti , e tinovoffi di 

prefente la pace ^ ma il pazéntato "non fi 

)K>tè conchiudere allora per le molte xdif** 

ficoltà , che HKcorfero nel trattarlo •• 

PaifaroQO nel 'Secondo anno del Regnd 
dì Guglielmo ^ non meno in Sicilia > che 
in Puglia alcune ^turbolenze ^cagionate » 
non da^ forze efteriori , ma dalle difcor- 
die di qué' del Palazzo , e di alcuni Ba« 
toni del iRegno 5 che obbligarono al Gran 
Qancelliero^xh^erà allóra. Stefano di Par- 
sio f figlio del Comf di Parzio psirente 
della Regina ( che lo chiamò di Francia, 
ed a cui la fotAma <del governo dopo mol- 
ti avvenimenti era t:aduta ) di perfuadere 
%1 Re, che paitiffe da Palermo^ e lofe-- 
oe ancbre a Mcfiina , «ve fiù da pretfa 



(a) Bmon^à4émn.ii6j^ 



vendo doluto combattere fenz* ordine al* 

cuno , e con troppa baldanza , furono da 

Federico pofti^n rotta /uccidendone ^.'ìt 

^ fa^ndone prigioni groffo numero y eflen« 

dofi '^i "altri appena "'potuto con la fugs 

falvare «ntro le mura della loro Città * 

•Il Papa y e tutto il Popolo ^fi Tide iit 

"grande/afiSizioae y e T Impera<3òre avuta 

'contezza del felice iucceBo y avendo già 

^prefa Ancona ^ e ftando in penfiero di 

pafTare dn Puglia f<^ra gli Stati ^el Re 

Gi^iemo ) venne preftamehte anch' ìegli 

•col tinùmènte'del fuo efe?cito a Roma 

'Ì0)y tà avendo dato un «gagliardo à(falt<» 

alla Porta del Caftél *S. Angelo, combat* 

VI fec^ 
attaccare ti fuoco : il perchè , f marrìti i 
defenibri» la diedero in fua balia » ed A« 
leffandro temendo della^furìa di lui , "ab« 
•bandooato il Palagio di Laterano ». fi xU 
^covrà Isella 'càfa de' Frangipani, e colà fi 
afforzò con tutti i Cardinali entro una 
Torre della Cartolarla • 

L'Imperadore nella vegnente Dpmenica 
fece dai fuo 'Antipapa Guidone da Cre« 
ma cantar fòlennemente la Meffa nella 
Cbieia di 'S. Pietro, e fece coronariS coU 
la Corona Sleale , ^el luneclì ^ in 'c«b & 
celebrò la fefta di S. Pietro in Vincola ^ 
"ii fece dal'medeftfno Antipipa con nobii 
pompa coronare ^Imperadore ìpfieme eoa 
Beatrice lua 'moglie. 
. U noftro Gug^ieliùo , che feguitando in 
ciò r efempio di fia> padre continuava 
con AleiTandro la medefima còrrifpònden* 
za , ed unione , tanto che còftiii non s** oS* 
£eÌ6 pttitto > xhe Guglielmo li foffe fati^ 

incQ- ^ 



Digitized by 



Google 



Mt 



DELL' ISTORtA «IVILE 



ÌAcoromre Re ftnza fua fapura^, come gU 
altri fuoi prfdccctfori avean pretefo : a* 
vendo inteib V anguftie nelle quali fì ri- 
trovava il Papa , e Caputo il peufìero di 
Federico di paifare in Piglia fopra i fuoi 
Stati , ritrovandofi , come fi è detto in 
Meffina ^ mandò ^tofto ad AlefTandro d\x^ 
fue ealee con mólta moneta , acciocichè 
aveife potuto fopra' eife partir di Eoma > 
le quali eiunte impronfo al Tevere , con- 
ciarono eftremamente con la lor venuta A- 
lefTandro ; il quale non volendo per al- 
lora partirli "dalla Città ^ trattenuti "feco 
gli Ambafciadori del Re; otto giorni , gli 
rimandò indietro, rendendo molte grazie 
al loro Signore di così opportuno (occor* 
fóy e diede parte della moneta a' Frangi- 
pani , e parte a Pier Leoni , acciocché 
con- maggior coftanza f ' e valo]:e aveìfer 
difefa la Città « Ma vedendo pbfda^, che 
l' Imperadore tentava di farlo de])orre dal 
Papato, e che i Romani cominciavano a 
mancargli di fede ; veftitofì da peregrino-, 
ufcì con pochi de' fiioi affiftenti tii Ro- 
ma , e C ricovrò a Gaeta , ove «(fendo 
. prettamente feguito da' Cardinali , ripre- 
fe r abito Ponteficale > fé n' andò a Be- 
nevento. ' > / i 

Ma non pafsò guari , che Ifederico fu 
obbligato tomarfene in Alemagna \ per- 
ciocché eifendo flato aifalita iV^uo efer- 
cito da mortifera peftilettza , fra lo fpa- 
cip di otto giorni morirono quafi tutti i 
fuoi foldati , é^ i.^uoi maggiori Baroni che 
avea feco , fra' quali furono Federico Du- 
ca di Baviera , il Conte di Va(bne , Ber- 
, cardo Conte d' Arlemonte , il Conte di 
Sefia , Rinaldo Arctvefcovo di Colonia 
con un fuo fratello , «d il Vefcovo di 
Verdun; ond' egli con pochi de' Tuoi arri- 
vò in Alemagna ì 

Intanto nella Sicilia eran, accadute nuo- 
ve "turbolenze , e nuovi tumulti , pure per 
le medefime cagioni di cortisiani , e de- 
gli antichi familiari della, dafa del Re / 
che per no^,app^rtenere all' iftituto dell' 
Iftoria preferire ^olto volentieri le trala- 
fcìamo ; tanto pi ii che minutamente fu- 
^ iono alia memoria de' poderi tramandate 
da Ugone Falcando , e modernamente con- 
molta diligenza raccolte da ÌFrancefco Ca- 
jpecelatro nella Aia lOoria de' Re Nor^- 

(a) V.C/jtSttaf. d€ Archìep. Neapjmn.x i6%. 



mannt , e àa AgoftiuQ Inveges nella fur 
Iftoria dr Palermo . Segui ancora in que- 
fti medefìmi* tempi lafamofa ccmaiura fat^. 
ta da' Siciliani contro il CanceHier Stefa- 
no- di Parzio , che finalmente 1' obbliga- 
rono a partirfi da Palermo , e ricovrarfi 
in Paleftina , ove mori , fcritta in più 
luoghi' da Pietro di Blois Arcidiacono di 
Battona , uomo ch^j^iriflimo , il quale, 4» 
Francia pafsò con lui nell' Ifola , ed infe* 
gnò per un anno lettere al Re GueilieU 
mo,' e fu fuo Segretario» e 'Configliero , 
ed clfendo ftato eletto Arcivefcovo di Na* 
pk>li per opera de' fuoi nemici per allon* 
tanarlo oon sì fatta cagione dalla Corte, 
rinunciò il Vefcoyado . E dimorato per 
cagioh della fua infermità , dopo la par- 
tita del Cancelliere, per alcuno fpazio ìa 
Sicilia , quantunque .pregato da Guglid« 
mo a jeftarvi perfempre , promettendo* 
gli di tenerlo in grande (lima> perchè a* 
vea.prefo in- orrore i coftumi de' Sicilia* 
ni per ciò che aveano fatto al Cancelle- 
rò Stefano : non volle a patto alcuno ri- 
manervi . Di lui abbiamo oggi giorno 
molte fue òpere , ed un volume^ d' dpifto« 
le , e fu uno de'. maggiori letterati , che 
fioriilero in quefto fètolo (tf ) . Fin qu2 I 
^iftefe la fua iamolà Iftoria Ugone Fal- 
cando Siciliano ^ il quale avendo, cornili- | 
ciato la fua narrazione dalla morte del 
Re Ruggiero ieguita nel principio del 
1 1 54* e dandole fine nel predente anno 
1170. égli ordì un' erudita iftoria di 15. 
anni , con tanta eleganza , eh' è veramen* 
te cofa da recar maraviglia, come in tem- 
pi così incolti , egli si politamente la 
tcrivetfe . 

Era: in quefto mentre morto in Roma 
Guido da Crema Antipapa ^ detto Pafca* 
le III. eh' era ftato creato in luogo d' Ot- 
taviano per òpera dell' Imperador Federi- 
co ^ e perchè, non vollero i fuot feguaci 
cedere al Pontefice Aleifandro , ne crea^ 
rono in .oueft' atino 1170. tatitofto xl ter- 
zo, che fu un tal Giovanni UngaroAba* 
te di Strumi, che Califto III. chiamaro- 
no ; benché Aleffandro che dimorava a 
Benevento , fotfe ftato intanto riconofciu- 
to come vero Pontefice d& tutti i Criftia- 
ni , fuor che da Cefiire , e da alcuni Ìuoi 
Tèdefchi • Partiffi «pofcift Aletfaadro da 

Bcne- 
P. TÌTtn. tpm. 3 . mS, Script, m indite Au8. 



Digitized by 



Google 




DEL REGNO X>t 

• Bnievento pet andar in Roma ^ sua li 

Romani fdegnau con lui, perchè sive^i ri- 

jcevuto iu Ina grafia il Conte di Ttifco* 

lo^o fcoveno nemico , 11011 lo voli prò 

icevere, laonde ritornò in diecm aCae* 

i, e quivi moho tempo li trarcenne ; in- 

li fi parti per Alagnà. o7c fermò fua re* 

Idenza . 

Inviò iu qucfto V lniperador ^ 
luovi niefli a Gui^l'^^^'^^^^ • ' . 

ehtufero con lui il ma €* 

iliuola Domata Icor 
il tempo da condurr 

id il Re poco alante col imtcilD Erri co 
?citìcipe di Capua , fé ae pafte^ a Taran- 
per rìc€ver coli la tiovétla ipofa : tnn 
perfido Greco^ non fapeiidofi U cagio- 
ie , ipregiando le patto vite noi e e , non 
puro d' inviar la fanciulla * Altri (a ) ninn- 
ici ivono di querto fatto , aniJ r a in^ (d'- 
ino , che GuqUelmo per noti 
il Papa , ricusò quelle nozze ^ ^jic cuc 
|e fia > Guglielmo partirti da Taranto , 
gitotene a Benevento inviò i' pe 

(luo fratello s ch'era infermato u ti- 

, a Salerno^ accioccHè imbarcandoli fu 
Galee paffalfe più agiatamente a P.iler- 
per ricuperar ftia falute , la qml co- 
nou eli ^iovò i perciocché «iìfiai^era- 
lo dì modo il male» che giuntovi appe- 
, fé ne mori nrf ^^^iw del- 

la ina V i ta , e nel ]'«,*,,... . i . ^. del f ama- 
la Redeniione • Fu con nobil pompai fc{)- 
tllito nel Duomo pretfo il fer " "11' 
[Àvolo Ru.Tr» lem y e di là poi ito 

iella ChiL'Oi di Moure.'ìle > ove li veJe 
iiiora il ino Avello f ^)* 
In quflto Frcico finimno i Principi di 
'Capua Nor-^ ■ '■ '■'.■■ • ■ --'l. 

Principato 
primo , fy l neir 

^iitio 1058, à......-..r »., .. .....uolo di 

Clli^ielmri L in queif armo 1172, nel qaa- 
lé maricò h ' '' -^ . - ^ 

rlfeiiao a 

non potè ad ekmptu lii Ino padre , e del 
fuo Avolo Ruggieri continuar qudl* illi- 
tuto^ che coloro tennero di crear uno de* 
loi^ figliuoli Principe di Capua ; e ^um- 
Tom* IL 
( a ) Pitti rappcrtatg iì : /?. 

PaL ReM n ec Em anueii i ^ . . ■ . rh 

fitiam^ Icgramiiifiam nunùns ^ dia f, 

(b) Cernii P^§gfm, m S$m9* Prìm\ C^p. 



NAPOLI LIB. Xlir, 



M^ 



tunque del Re Tancredi > che a Gugliel« 

nio r ' lette, Ij dov "^ , che 

avre' rinttiito il n. ■ -tume; 

nuli io que^h tempre ira- 

p'^' . ^ . , -^ guerre j e mancando^ 

ioli ma^izion ^ prevenuro eqli pò-* 
coda pai dalla morte, non i : ,r- 

lo . E SÌ! :i!tr! Kf? poftenor f* 



b;ito il 

■ ,1 efì 
R egno 



E 2.h .ihrì Kf? poftenor 

ro ^ e Di/iajuj , 
/^. olici Atti aveflei^^ ,.,- 
Principato , come s'of* 
/ino air anno 14 fj, 
IL (f j , miila- 
dimanco > to itone quello nom'e , fy in tut- 
to il retìo il Principato eftmto , e colon» 
che ne* feiQiuenti anni tennero Capua » noti 
devoUo cr ^ jila dimoiti, come nel do^ 
miuio f ..qonati a quelli Prihcipi^ 

aVquali (ufouo di molto miert^allo infe- 
riori . ; 

ìortc d' Errico rc?ò a Guglielma 



* 



: ^i da ] 

. .■ e ne 

una ^ro{fì ar* 

ìth d' Egitm 

are i Cri- 

lotto it co- 



gi.iv ituiìio r: ' ^ - , ' 
poriollì and: 
anno 1174. avendo 
maraT hi inviò in 
contro il Saladiuo , per i 
ftiatii, che colà militava 
mando di Gualtieri di Moac , che pnchi 
attui da poi fu creato fuoAmmin 
E volendo it medelìmo Re nell: , u 

perare i fuoi masi^^iori ^ parte de* tefori , 
che aveano efTì accumulati^ inr^"^^'^ *"eU 
la fabbrica d'un ftiprrbo Tempi' la- 

ri da Palermo lontano in un culle chia* 
maro Momi^^jle^ che crnoUo di hiperbi la- 
vori di marmo , e co y ed aven- 
dolo arricchito di Ri-ul rcndue confiden- 
ti in molte Città, e Caftelli » ed iu rie** 
chi poderi^ e fornitolo di arredi Restali ^ 
e preziofi , lo dedicò a noiìjm Sjauora » 
fotto il nome di S* Maria Nuova , dan- 
dolo a^ PP, deir Ordine dt S. Benedetto • 
Né qui deve tralafciadiV che i pr:mi cK* 



la Cava j che 1»» d* 

quefte noftre piti.. .,^.. .....^ -: -icilia ; 

perchè per la fama della lor fanti tà ^ ef- 
knda fpària dà per tutto 1 erano da* Pria- 

Dd cìpi 

Nortm* ^ in CaJHg, ad Amnywi. Calfiu. &nn^ 
lìjz. C e ) Camiti, Ptdegr. in di§€ft. in ^, 
par. ( d ) CépHtlan* hiji. HA, $. 



u^ed by 



Google 



D E L V 

^spi Normanni, e fopra tutti da Giigliel* 
friD in fonimo predio tenuti . CrfhHe mi 
il Santuario , poiché oltre U ! ^' 

Moi. "^ 'M per li di 



IS TOH I A CTITILE 



per 



atteo G. Prr 



di isicilUj cteiito , come fc cardo 

da S* Germano , già Vicccix.ro del 
Re^no I Guglielmo impetrò di Papa A- 
lertnndro IH. che la CT ' ' ^ ^ n-a non 
forte fottopofta a niuno , Ve* 

,{cova , o altra perfona Uca ^ ma 

iahimefite al Pontefice ), ed indi 

da Lsjcìo IH. la fece erae^e in Arcive- 
icovado * ir tutto fi fece da Matteo per 
dtfpetto di Gualtieri Arcivefcovo di Pa- 
lermo t nelll cui e: ''^^nì: ella era ^ 
il quale per le gare Iella Corte era 
fuo fiero nemico^ e Gualrietì in procedo 
jt tempo i^*' ^^^'"c vendicaflene , e llie 
ne refe il ^ imbio, come diremo, 
ri 1 primo A Mto di 

• Monreale ti co del 

Monartero delia Cava, che n'era flato m 
prima Priore . Quefto luog^o , per^aaion 
del f^Ètnoib Tempio quivi edificatdP, con* 
correndovi ad abitare molta gente, diveti- 
ne in breve una ianiofa , e ricca Ciaà ^ 
ed ora II ftio Prelato per le iiumerofe ren- 
dite , eh' e(>li tiene , è un de' maggiori, 
e più Aimati della\Sicilia . 



C A P. 



!, 



.jyf^isze del Re Guglielmo IL eo^C^av^M- 

-* NA fi^lin&lii /i' Errico IF- R^ A'' In^hd- 

terra ^ Xr,: ^ V. ' ' ^1 itane fi air efét' 
rito deir ì ^-O 1 € pace- hi- 

di emù hi li Jet dal medffjimQ con Pepa ALES- 
SANDRO in. 

INranto T Imperador Federico dì Svevìa 
era calato di nuovo in Italia con gran- 
de ^ e podemfo efercito , ed avea comin- 
ciata crudel guerra in Lombardia ^ e men- 
tre quella con vari avvenimenti fegurvà ^ 
confìderando Federico di quanta potè ma 
*forte il Re di Sicilia ^ t^inò di diiìorlo 
dair amicizia» e confederazione del Pon* 
tefice» e trarlo dalla i'ua parte; onde per 
mezzo di Triftano fuo Cancelliere esl* in- 
viò in queft' anno itjó, ad offerire la li* 

( a ) RomuaL Arcìv. dì Satern. apud B(ì* 
ronìiim : Ut ipfe^Imperatorh fiiism in um- 



gHuola per moglie » ed a perfuadergIF, 
che avene fatta parimente con lui perpe- 
tua lega ,,e compagni* (A) . Ma^l Re 
^^ ^""'-r^ndo » che quefto niarita^D j e 
, ace non farebbero piaciute act A* 
kiìandro, ed avrebbero recato grave daa- 
no agli atfari della Chiefa , ributtando V of- 
ferta deir Imperadore non ne volle ùtt 
nulla • Sdegnato fommam-*^*^-^-~-'-r!co del 
rifiuto ^ torto fcriffe in / r nuo- 

vo foccorfo di gente da g^ue.Ta per doma- 
re i Lombardi j che gli facevano valoro- 
fa refiftenza, e foUecitò Trillanofuo Can- 
celliere , che calafle col fuo ef^^-'"^ ad 
aflalire il Reame di Puglia* G A 

principio della Siate Filippo Arcivelcovo 
di Colonia , con molti altri gran Baroni 
Tedefciri , e groffo ftuolo di valoroC ibU 
dati, co' cpiali unito f'^ r^fir^ t.^.^itrf r Al- 
pi, calò nel Milau- if^oc' 
' " ' ; ed affirontatoii co:i 1 triercito de' 
li» che gli andò ali* incontro» vi 
cominciò crudele , ed opinata battaglia ^ 
t^Aì'^ nuale furon rotti,, ed occ'^ ^'^ la 
. parte . gli ' Itlemaui^ e co 
ro da cavallo c*^r* jo di 
j anch^ elfo la ^ , UvA « 
gtran fatica , fuggendo con pochi de' fuoi 
dentro Pavia ^ ove giunto conit^^''^ ^' 
peradrice fua moalie ^ che per qu 
ni » non aven^ df lui novella , 
pianto come morto { i J • Trirtano , eh' era 
già venuto con un altro efcrcito ad aCa- 
il Renme * ed ave^ r^ninf-r^MPa (a 



r- 

i avea 



lire 



Terra di, Celle ^ cffeudi ti^ 

tro Tancredi Conte ' ^ ^ li:c nvo- 

cato dalTefilio, erù i^ ricevuto in 

grazia del Re, e Ru^meìo Conte d' An* 
dria con molti altri Baroni, e buona ma* 
no di foldati Regnicoli , ributtato da lo- 
ro fé ne ritornò anch' egli addietro feiua 
poter far elfetto alcuno . 

Intanto Giiglieln^ avendo avuto 

alcun effetto il m.if ;o mane^^iato 

colla figlruolr-r dell* Imperador d* Oriente, 
ed avendo rifiutato T altro della figliuola 
di quello d'Occidente, trovandoS in età 
di ventitré anni, e foioi pensò feriame li- 
te a non dover dillerire di vantagf?io il 
fuo ammobiliamento ^ onde per conCvalto 
del Papa inviò Elia Velo^vo di Troia » 

Ar- 
re??? ét€Ccptans » rumm pactrn pfrpetHam faCf^ 



i 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO Di NA 
Araulfo Vcfcovo di Capaccio, e Florio 
Camtrota Giuftiziero^ ad Errico IL Re 
d'Inghilterra, a chiedergli Giovanili fua 
fìglìttola pernio<»Uci li quali ii 
lamcate dit Re, € ragunatac ;>.,.... 
bkà de* Tuoi Baroni , con il di loro coti- 
S^a gradi la dimanda degli Ambafda-^ 
mR^ e conchiufc il parentado (a) . E 
tancoito da ir Arcivelcovo d' Eborace i e 
da akfi Signori Iriglefi fece coniiirfc la 
figliuola infiao alla Città di S. Egidio, 
ovG fi tr .;v",.. = ■ "^ ' vetla Alfa- 

no Are. cardo Ve- 

fcovo di Siracufai e Roberto Conte di 
Caferta con venticinque g^lee condotte 
dal r Ammiraglia Gualtieri di MoaCf eia 
condu(fero a Napoli, ove, celebrarono la 
Pafqua di Rcfurrezioner Ma infcifttdiula 
fanciulla dat mare* per la via di Sater- 
uo , e di . Calabria n' andò per terra , e 
pafTato il Faro» in Palermo fi condnffe, 
dove fu pompojimente accolta dal Re fuo 
tBarito ^ e fatte le nozze fu coronata Re- 
gina di Sicilia. 

AlloiM fu. che Cu:i!tieri Arcìvefcovo 
* 1 di cui padarono 

1 u^iLt! luutiuu. j |iiv'ttuiandofegli si oppor- 
tuna'tcongmntura , .^ àhiete al Re» che i 
delitti n ^ ìliHcro cailigatì da' "ffe- 

fcovi jij ove eran comraeffi j 

e che i deiitri de' Cherici foifero cono* 
fciuti da' loro Prelati ; ond' è , che a fua 
richieitx foifc ftata da GuglìelnfKi fatta 
quella r ' , che ancor • T^g- 

giamo j delle nnP^ tu- 

zioni fotro il titolo de '''j- 

diry h quale con errore -^ aui..; -^ «ari- 
buifce a Guglielmo t* Tuo padre . Ma fé 
dev ' :i{] fede ad fi ' ' \ quc* 

ili - ^ 4 mi privile. ^lielnio 

fatto akùui anni prima colla data in Apri- 
le t^ ^ t r a mia 1 1 7 2 * e drizzato Com'ìtìàu^ , 
/Ìj , Baromòus f Cb" univerfis Baju* 
' ' "^ -jjy& Dmcefì Ar- 
oi'e il Re coman- 
da» clic il delitto i ■■^ fia della 
E i Ufi fd il ione di Gu::.,!. . L;\.ivefcovo di 
o . Ed in fani nel Regno della 
xvc^irja Coftanza vedeG ^ cbe la conofcen^ 

(a) Ru^gìcr^ ^ AnnaLA igli* 

uji. (t) Qi£^jh ijir^iinemo dit Dotarh 



POLI LIB. Xtn! CAP. t tir 
la di quefto delitto per privilegio de'n«*- 
ftri Ré s';ì' ; EceleUaftici» 

cjot'cliè poi . . , e foUmente 

rimafc la cooofcen^a fopra i delitti 
s.. Cherici delle loro Diocefi . 

Era a qucfti tempi coilumei cheanclie 
i Re folcano coilituirc i dotarj alle lom 
mogli ,o ad e Gn^lielnio coftitut alki Pe- 
f2Ìna Giovanna il fuo* e nelle adk^ 
fatte dair Abate Giovanni alle CrQ-.vp-. 
di Sigeberto abbiamo Ja fcrìttura» nella 
quale quefto dotar io (t) fucoftituìto (r), 
concedcndofi alla Re^irui a quefto nome 
la Città dì Monte S, Angelo, la Città 
diVeili con tu^' i fuoitenimeiiti, e tut* 
te le loro pertinente ; ed in fuo fervigìo 



le 
teC 

prino * 
che il C 
do 
le r 
Cait. 
oltre 



ancora de'tenimeiiti del Con- 
Lefina s Perchici , VicO| Ca- 
re! la, e tutto ciò 
. teneva del Conta- 
di Monte S.- Angelo . Di t^anraagio 



^ :■ . Santo Chierico « 
. 10 5 e Conavo . In 
li Munafttro di S, Giovanni in 
Lama , ed il Monaftero di S. M. di Pul- 
fano con tutti, i teni menti , che i fuddet* 
ti Monailerj tenevano del Contado fud- 
dctto di Monte Sant'Angelo. 

L' Imperador Federico , dopo rìceTiita 
si grande fcon fitta da*Milaneiì, feriamen- 
te penfando, che mal poteva foftenere la 
guerra cqntra i Lombardi nelT iftelfo tem- 
po, che avea per fuoi nemici il Papai 
ed il Re Guglielmo, fi dìCpofe , ef^ 
anche da' fuoi Baroni j che fi prot.. 
no non volerlo più feguìrei fc non li ri- 
conciiiava col Pontefice ^ di chiedere fchiet- 
tamenre, e fcnxa fraude alcuna la pace 
ad Aleflandro ; e poiché ì maneggi di 
quefta pace, e T andata del Papa in Vi- 
neeia, variamente fono (tati narrati da' 
moderni Scrittori j i quali avendo di mol- 
te favole riempiute le loro iftorie, die- 
dero anche la fpinta a' dipintori di preti- 
derfi qtiefte licenze ; però feguitanqo le 
orme H mr Scrittori, e fopra 

tutto de-... ^.^^;;. biffimi Capecelatro , ed 
Agoftioo luveges , t quali con più dili- 
gcnw degli altri rintracciarono quelli fuc- 

D d 2 cef- 

leg^i pa/rmfnti mì Tom* z* di 1 
hàLDiplomat. pa£.Ì^%, (e) / = 
Af$H* *f In^hihtrra * Cafi€tUtf. hiJLIti^}* 



Digitized by 



Google 



512 ifE L V ISTO 

ceflì dagli Autori cotTtemporatiei , e fpe- 
aiialmcnte dall' iftoria di RomualJo Arci- 
Vcfcovo di Salerno | il quale a tutto per- 
fonalmente iatervenn^ ^ come Atnbafcia- 
àore dei Re Guglielmo, non dovrò aver 
fincrefci mento di partitamenre'narfarpli > 

!mali realmente avvennero , giacché nou 
araiino riputati ertrauei, e lontani dal 
polirò iftituto , anzi a quello moho pro- 
ff] f e CQuhicenti . 

Dtfpofto pertatito Federico d' unìrfl con 
'Alerfaiidt-Di inviò ad. A lag lU, ove dimo- 
rava» fuoi Ambajciadori a th ledergli la 

Sace : quedi furono il Vefcovo di Mad- 
ebuf!^ 5 r AVcìvcIcovo dt^Magotiza , V E- 
letto diVormaiia^ e'I Protoiiotario deli' 
imperio, uomini rurtì quattro di grand rf- 
fiiìia iti ma , e pia volte adoperati da lui 
in fimilì affari . fluefti avendo efpollo k 
lorocommelfioui al Papa» dopo v;iri trat- 
tati, che durarono quindici giorni conti - 
iiui > finalmente diedero qualche fefto al- 
le diftereuEc tra il Tapa , ed il loro Si- 
ignore ^ ma premendo aflai più per la pa- 
ce d'Italia, che s* accomodaffero gli af* 
/ari de'Milaneii, e delle altre Città di 
Lombardia^ li quali non era convenevo^ 
)e j che fi rrattaflero in loro affenza ^ e 
coniiderandófi ancora, che non potevafi 
dar perfetto compimento ad una ficura 
pace fenza la pedona delV Imperadore» e 
«Deputati tlì quelle Città, ch^ v\avea- 
no da intervenire; fu perciò corichiulb, 
'«he il Papa pa(fl\fle tantofto in Lombar- 
dia | per abbocCcÉrfi con Federico, e che 
perciò fi daffc libero il paflaggio , e fat- 
Toconiiotro da ciafcuna delle parti di po- 
tere chiunque vole{fe liberamente andare 
©ve dovea ragmiarfi tal^ AlTemblea , e di- 
morarvi, e partirri a fuo piacere. A tal 
effetto inviò jl Papa il Cardinal Ubaldo 
Vefèovo d' Oftia » Rinaldo Abate di Mon- 
te Cafino Cardinal di S. Marcellino» e 
.Pietro del Hgnaq^io de' Conti di Marfi a 
ricevere il giuramento di lerbnr tal iicu- 
rezza da Cefare, e dagli altri Collegati, 
€ ad' eleggere il luo^o j ove s* avéa a far 
l'abboccamento; e fu ftabilito di confen- 
timento d'ambe le parti , chetbffe la Cit- 
tà di Bologna . Inviò anche il Papa fuoi 
meflì al Re Guglielmo a fi|inificargli , 
che aveffe mandati alcuni de' fuoi Baroni 

(a) Rombai, ^fcìv, di SaleuNifu^uam 



R I A C I V T L "E 

per afTiftere a tal bifoguo in nome dtliii; 
perciocché non intendeva conchiudere pa- 
ce alcuna con rimperadore, ove'nonfof- 
fe comprefo anch^egli, che cosi coftan te- 
mente avea femprè favoreggiati gli aflari 
delta Chiefa (^); la quale ambafciata 
. tidita dal Re^ v' inviò di prefente Ro- 
mualdo Arcivefcovo di Salerno, autore 
di quefla relazione, e Ruggiero Conte d' 
Andria^G. Conteftabile ; acciocchì: inter- 
venirtero in fuo nome a tutto quello^ che- 
folfe flato meftiere- E dopo quefto, par- 
ti il Pontefice d' Alagna, e per la viadi 
Campagna venne a Benevento ^ e di là 
pafsò a Siponto > ed a Veftì , ove s* im- 
barcò fu le galee fattegli appreflare dal 
Re Gut^lielmo con molti Cardinali» che 
girono in luacom^p^gnia, e con ì fuddetti 
Ambafciadori navigò felicemente a Vine- 
già, ove a grand* onore ricevuto, alber* 
gò nel Mona fiero di S* Niccolò del Li* 
to,.e nel feguenfe giorno fu dal Doge, 
e dai Patriarca , e da numerofo /luolo di* 
Vefcovi con gran concorfo di Popolo con-^ 
dotto nella Chiefa di S. Marco, e di là 
fé ne pafsò al Palagio del Patriarca, eh' 
era flato apprdkto con gran pompa per 
&a allog^amento., ^,. ^ \ 

L* Impeìrador Fed^^po intefa k veniita^ 
de! Pontefice a Vinegia inviò colà il Vc- 
fcovo di Maddeburg , T Eletto di V'orma-- 
zia, e*l fuo Protonotario a chiedergU, 
che gli forte a grado diftabiUre altro luo- 
go per r appuntato abboccamento , aven- 
do la Città di Bologna ifofperta , pere/Ter 
colà entro moki fuoi nemici. Alla qual 
dimanda rifpofe Aleffandro, eh"* elfetjdoJ^ 
quel luogo ftatuito non Colo dà lui , mi 
da' comnni Ambafciadori , e da tutti i 
Collegati bombardi ^ non poteva fcnza il 
voler di ciafcuno d' eflì cambiarlo in al- 
tro j ma che non perciò s'impedirebbe b' 
comune concordia v onde previamente fc* 
ce convoca? i Deputati di tuttt le parti 
a Ferrara, e gitovi anch' egli ragunò un* 
Affemblea entro la Chiefa maggiore di 
quella Città dedicata a S. Giorgio ,- ove 
convennero tutti , ed egli ragionò lunga- 
mente fopra gli affìif i della pace . Ed eU 
fendo fopraggìunti fette Legati da parte 
di Cefare, fr de[)utart>na dal Pontefice al- 
tri fette Cardinali ; e pfer lalegfl de^Lom- 

fcar- 



Digitized by 



Google 



DEL REGNO DI-WAF'Otl tlB. Xlff. CAP. I. 113 



SardLiIbron dteffinati il Vefcovo di Tu*» 
fino y e quelli di Bergamo 9 e di Como , 
r Eletto d'Afti, Gerardo Pefce Milana^ 
fé, Goezzo Giudice da Verona,, ed Al- 
berto Gampiavd Brefcraao , i quali dopo 



ti di CeGire , eh' elfo venifle Infìtto a Chioz- 
2a luogo quindid fole miglia lungi da 
Vinegia, e. che di là.non pafltalfe avanti 
fenza efprc^Ta fu*rliceuza. Ma venuto che 
vi fu federico , ne girono alcutù de' po- 



var; contratti, intcrven«nclovi parimente polani diVinegia a ritrovarlo ,. e dirgli 



gli Ambafciadori del Re Quglielmo-, di 
conùia confenrimento ftatuirono, che 1' 
abboccameuta fi facefle a Vinei^ia . 

Il Pontefi(^, prèttamente fpedl Ugone 
da Bologna, e Ranieri Cardinali con al- 
cuni* altri Xombardi al Boge , ed al ^Po- 
polo Vinegiano (eifendo a quetti tempi 
ia potettà pubblica prefTo L Nobili > ed il 
Poj^olo infietoe, nqii come oggi,, ne' foli 
Nobili xiftretta ( -f ) ) a chieder loro , che 



che non indugiafle ad entrare nella* Git^ 
tà, perchè colla fua prefenza avrebbero 
ficucamentc fatta la pace infuo vantag- 
gio, edeffi avrebbero adoperato ogni sfor- 
zo per farlo coltrare . 

Aveva niandato in quefto mentre Alef- 
fandro aChioz7;a fuoi Legati a dire aCe- 
fàre, che fé ^gli era rifoluto di far trie- 
gua per fei anni con f Lombardi , e per 
quindici col Re Guglielmo « il giura^fe 



avetfer data ficuranza, che potefs egli, e nelle ìor mani, perchè pofcia con la fua 



tutti gli altri , ch'éran foco per lo. detto 
trattato di pace entrar nella loro Città, 
e dimorarvi , ed ufcirne "a lot talento fen- 
za ricever noja alcuna , aggiungendo , che 
non coafe^tiflero , . che Cefarc contro il 



benedizione farebbe potuto entrar nella 
Città. Ma. Federico, a cui eran piaciute 
r offerte 'de' popolari, ed afpettava, cheT 
aveffer recate ad effetto, fimulando effer- 
gli nuovo il trattato , e confumando il 



voler del Papa vi pò telfe venire ; ed aven- tempo in varie confulte^ trafportava di 

do i V^inegiani ie^za molto riflettere^ a giorno in giorno la rifpotta; ondefofpet- 

J[ueft'ultÌAia dimandarconceduto.a^ Alef- tando i Cardinali, che T Imperadore mac- 

«idro quel che chiedeva, fi, parti egli chinaffe qualche inganno, erano entrati 

knnvanteneqf e. da Ferrara,; ed a Vinegia' in gran coufufione, né fapean che farfi : 

ritornò . Si diede quivi per tanto princi- tà l popolani di Vinegia volendo porre; 

pio a' negotiati della pace , ma riufcendo* in opra 1§ promeffa fatta a Federico , fi 

per le molte difficoltà ,. e differenze in- ragunarono iufieme nella Chicfa di San 



ibrte, malagevole a. poter fi. conchiudere , 
perchè non andade a vuoto tutto ciò, 
che fin allora erafi adoperato , pensò Alef- 
fandro, che almeno- dovefle conchiuderfi 
Kna tregua,. che duraflc fei anpi con i 
lì-ombardi , e quindici col Re-, di Sicilia ; 
nel che .eflendo venuti gli altri,. s^ atten- 
dava foie il confenfo Si Cefare per itta- 
bilirlaj e gito jil. Cancelliere all' Impera- 
dore con tal proposta , prima fi tdegnò ; 



Marco , e tumultuando contro il Doge ^ 
gridavano , eh' era cola molto biafimevp- 
le, che Cefare dimoraffe travagliato dal 
calor delhttagione, da' pulci, edallezan'- 
zare fcnza potere entrare in Vinegia , la' 
qual ingiuria riferbando egli nel fuo ai\i- 
mfo , r avi-ia pofcia sfogata a più oppor- 
tuno .tenipo contro tli loro , e contro i 
Idjr figliuoli ; . perlochè volevano , che in- 
vitatovi dalla Repubblica, e di voler dì 



ma da ppi acconfentì con condizione , che loro .y' entraffe di prefente : le quali cofe 
il Papa^ reftituiflfe all'' Imperio lo Stato -avendo con molta baldanza fignificate al 
della Conteffa Matilde ^ ma ciuefta^pro- Doge, fu da lui rifpofto , che s' era giii- 
|)ofl» non fu accettai» da Alc(r*dra;,on- rato al Pontefice di non far entrare ript» 
de dilung^mdofi l'affare, perchè l'Impe- peradore fenza fua licenza; ma nulla gio- 
ndore era 9, Pómpofa , luogo di piacere vandogli predo ijl popolo tumultuante que- 
prjcffo Ravenna,, e vi -voleva molto tera-^ ftafcufa*, alla fine l^ifognò cedere , cman- 
pa ad andare «' e ritornare i meffi,, che dare alcuni de-'medefimi a dir^ al Papa-, 



ch'èralort) intendimento di far entrare* 
tefare in Vinegia , i quali ritrovandolo 
cbe dormiva, fenza voler fopraftare na«- 
aomo tempo I irreverentemente l^fveglia- 

ib)Pkdi kSquhtirm deJh lièittìk Veneta dr M, Velfero^ 



gli s* inviavano per gli affari, che .occon^ 
fcvaQo intal broglio', fi contentò Al^ef- 
faadrd p^ agei^olare il trattato a richie- 
ib del Canceltieve, e degli «litri Deputa- 



Digitized by. 



Google 



ai4. DE tr ISTOILI A, C I VI LE 

tono, ed cfpcrflagli con ariroganza fam. aon avcan ricevuto comodi* alcuiio ^ fi 

bafciata, a gran pena^ ff contennero per fatefle nimiftà ,. fdegnando in cotal guii^ 
le parole del Pontefice >d* indugiare .'fino . i*fuoi Legati,. col Re. Guglielmo, .da* cui 
al- vegnente giorno a- fa»lo. venire • - Stati straean. continuamente. tahte utilità , 

Sparfafi di repente per laXittà la no- arrifchiando' di più la vita,. ed i beni de^ 
velia di tal fatto, e temendo"^ i Lbmbfiir- lor parenti^,, che colà diniaravano; ,c che 



di , e^ elf altri , eh' erano ivi per lo trat- 
tato, della, pace , che^ fé Federico entraffe 
contro il voler del Papa , . non gli faceile 
prigioni, avendo già fofpctta la corta fe- 
de deV Vinegiani , .. ^ombrarono . tantofto 
via , e ne eiirono a Trivi^i . Ma gli Am-. 
baiciadori del Re Guglielmo niente fpa- 
VfatitatL di' tal fatto , f. furono . prettamente 
a^ ritrovare il Papa ad avvalorarlo , e dar 



lor palcfaflfe- chi erano ftati coloro, eh', 
avean configliato a far. entrar ^ V Imiterà- 
dorè in Vinegia prima di concliiud&r l;t 
pace col Pontefice, ch^ erano apparecchia- 
ti con . r armi . alle mani Mi farne ven« 
dette.- ., 

Vedendo il Doge , ed il Senato si ofii-^ 
nata rifoluzioue, e temendo non fi tao* 
velfe grave (edizione, e fi veniiTe dentro 



gli animo ,: c^e di nulla temcflfe , . poich'ef-. la Città all' armi ,' . inviarono - prettamente 
fi avcan'quattro, galee, bene armate;, fu le- perfone -di niolta ftima ;^ a . pregare ' il Pai 



quali r avrebbero eziandio - contro il vo- 
lere- de* Vinegiani trafportato . ove gli fof- 
fe .flato a gradò; .e avrebber \faputo - farli 
attendere lafede.dtta da' Vinegiani ; do- 
JK> di che ne girono a czùl .del Doge ,^ e 
ritrovandolo con molti Vinegiani , .comiti- 
ciarono à rinfacciargli i benefic}, che il 
loro «^ Signore avea lor. fatti, che non me 



pa, che lor 'perdonaife la no;a, die gli 
aveanxdata,,e che faceflfe ogni sforzocon 
gli Ambafcigdori di Guglielmo,, di. non 
fargli partire : ma mofirando di ^ ftar (al*, 
di nel loro proponimento noti ottante le 
preghiere del Papa, e^del Do^e , fur ca- 
gione, che nel feguente mattino fi pub-« 
blicafie ' ima grida ^in Rialto d' ordine deU 



ritavanoquefto tratto', e che fefapeflero, .,la Repubblica,' che. ninno avefle più ar- 



che efll' permettevano di' far centrare Fé 
derico nella lor Città, fenza ^licenza del 
Pontefice , eflì non avnano attefa tal ve- 
nuta , ma . che fuBito fé ne .fariano . anda- 
ti via in Sicilia, ed avriano detto al lor 
Principe ciò che, ne conveniva ger ven 



dito^Ji favellar dell' eiltra|a, di Cefare 
nella Città, fé in prima non Taveffeco^ 
mandato^il Poihtefice. - . 

Pervenuta a Federico in Chiozza que- 
fta novella, vedeiidofi fallita ognifperan« 
za, cominciò a parlar .benignamente co* 



«-dlicaV quefti torti .Ma non montando nul- ^ Cardinali ,. che colà dimoravano, degli af 
la tai parole' col Do^e , ancor chVegli con fari ..della pace \ .ed effendogli : altresì aperr 
dolci rifpofte^ s'ingegnafle di tjargli al fuo tameute detto dal fuo Cancelliere , e dagli 
volere, con afilcura^gli^ che non ' aveffer / a^tri Baroni Tedefchi, che bifognav^i fi- 
niun timore. della venuta dellMmperado- -• mrla.'con. Aleffandro» e riconofcerlo per 
"re, fdegnofamente ritornarono al loro al- legittimo Pontefice, finalmente alle pcr« 
J>érgo, e differo fui partire alDoge, che ' fuafioni de*medefimi s^ìndufie ad inviar 
avrebber procacciato, che^ il lor Signore addietro a Vinegia co^ Cardinali il Conte 
fi vendtcaffe'cph convenevoi cattigó dell' Errico da Dieffa a prometter con giurai, 
ingiuria ,. che riceveva j e fecero appre-* - mepto , che toAo ch'egli vi foffe enta« 
ilare i legni per partirfi nel feguente mat« to avrebbe giurata, \e confermata la tre* 
tino . La, quaf cofa foarfafi traVVinegia- , gua con la Chicfa , «pi Re' di Sicilia 



ni, recò loro grandifiima. paura , temen- 
do, fé coftoro fi foffero andati via così 
fdegnati ^ non v aveffe coti tal . cagione il 
Re Guglielmo &tti prigionieri tutti iVi- 
negiani^ che dimoravano 7Ìel fuoReatbe. 
Il perchè groffo ttuolo di coloro, ch'erajB 
congionti di fangue ' a que* chV éf ano in 
Puglia, moffi a tumulto t^gifiono' al Do- 
ge a dirgli , che non era convenevole, 
che per aggradire a Cefare, dal qiudemai 



co' Lombardb nella fteffa . guifa .H^punto , 
eh' era ftata trattata, per . li Deputati . H 
aml)e le parti • . . 

La qual cofa ppfta' ad effetto dal Con* 
te^ ^ne. girono d' órdine del Pontefice i 
Vmegiani con fei galee a levar T Impe^ 
radore , e ì ctmdufJTero infino . (|1 Moi^a* 
ftero di S/ Niccolò,' e nel fégueate .gior^ 
no , avendo Alefiandro udita^ la fua ve- 
fliiu , ff ^ n'^àadò eoa tsmi i CanUo^li % 

eoa 

Digitized by VjOOQIC 




DEL REGNO DI NJl 

con gli Ambafciadorì del Re > e co' De- 
ptit^ti de' Lombardi allaChicfa di S- Mat- 
to , ed inviò tre Cardinali con alcuni al- 
tri a Federico, i qualianolvettcrDjni ,p 
miti i fuoi Baroni a;il le ceniure della Ghie- 
fa* Dopo quefto andarono il Doge^ e'I 
Patriarca accorri paglia ti co' primi Nobili 
di Vìnesia a S. NlÉcolò» e fatto falir V 
Imperadore fopra i toro legni > con moU 
ta pompa il cnnduflero iiifino a S* Mar- 
co i ove per veder sì famofo fpcttacolo 
era radunata immenfo moltitudine di po- 
polo : e Federico diicefo dalla Nave n'an- 
dò tantofto a* piedi d' Alcffandro ,' il qua- 
le co* Cardinali, e con molti altri Prela- 
ti era Potitìfical mente afllfo ^el portico 
della Chiefa, e depof^^ l'alterigia della 
Maellì Imperiale, levatoG il mantello, 
li proftrò innanzi a Ini con il corpo difte- 
fo in terra limilmcnte adorandolo: dal 

3ual atto cQmmoffb il Ponte fipe lagnman* 
o, da terra il folle ve, e baciandolo il 
benedirfe : e poi cantando i Tcdeichi il 
T0 Denmj entrarono ambedue in S. Mar- 
co, donde T Imperadore , ricevuta la be- 
nedlxione dal Papa , ne andò ad alberga- 
re al Palapio del Doge, ed il Papa con 
tutti i IqoI ritornò al foli to oftel lo . 

Cosi ne' princip; d'Agofto di qaeft' an- 
no 1177- fu conchiufa, e confermata la 
tregua (*J data da Federico a^ Lombardi 
per fei anni, ed a Guglielmo per quin* 
dici, che fu giurata da Federico, ed an- 
che dal Conte di DieUa, e da dodici Ba- 
jroai. dell' Imperio in nome d* Errico fpo 
figliuolo. La giurarono ancora dalla lor 
parte r Arcivefcovo Romualdo , e \^ J - 
ro Conte d' Audria Ambarciàdorì 
promettendo, che fra due meli V avrebbe 
Guglielmo confermata, e fatta altresì gin- 
rmre da diece altri fuoi Baroni : ficcomc 
per u\ etfetto furono da Federico man- 
dati fuoi Amb.ìfciadofi in Sicilia, i qua- 
li fiutiti il nono giorno d' A aborto di queft* 
anno 1177. a Barletta, qumdi fi porca- 
ro tto t n Pa ler mo , . ove ftictifio l leta mente 
accolti dal Re , il eguale per Ruggiero dell* 
Aquila in nome di lui, e per unden al- 
tri fuoi Baroni diede compimento al do* 
vmo giuramento i e farro fmit^tiante eìu- 
ramerito da' Deputati delle Cini-diLom- 

( • ) V ijì fomento di y ne/fa tregua a f cor- 
data per quìndici anni tra f Im^mtore Fé- 



POLI LIB. XIIL GAP. L ti; 

bardta , fcioftafì V .4JIemblea , ritornò cia-^ 
fcupp lieto al fuo albergo , 

Stabilita in cotal guifa la concordia fra 
il Papa , e Federico, ne corfe tantoftola 
novella a* fe^uaci deir Antipapa , i quali 
aneli' e^n cedendo, ne vennero appiedi d' 
AleiTandro^ rinunciando lo fcifma, e fu- 
ron da lui benignamente ricevuti in fna 
graiia: e Giovanni da Struma Antipapa > 
detto da' fuoi feguaci Califto III. neU' 
anno feguente iiy^. ufcendo da Monte 
Albano, ove s* era ricoverato , cfl"endogià 
il Papa Aletfandro partito da Vinegia^ 
ed andato a Tufcolo, venne anch' egli z 
porli a' fuoi piedi,* e T adorò come vero 
Pontefice, dando fine allo fcifma , che? 
per diciaflette anni continui* era durato^ 
e ne fu Giovanni dal Papa creato A^i- 
vcfcovo , e Goveraador di Benevento , 
ove poco da^'poi^orl di dolor d'animo, 

-Ed intanto il Papa , e V Imperadore 
erano già partiti da Vinegia, ertcndofene 
Cefare, che fu il primiero, andato a Ra- 
venna, ed il Pontefice ibpra 'quattro ga- 
lee de'Vinegiani paffato a Siponto , e di 
là per lo cammino di Troja , e di Bene^ 
vento portóffì ad A lagna : e poco da poi 
cfiiamato da' Romani nella lor Città, vi 
entrò il giorno della feda del B, Grego- 
rio , e vi fu con nobil pompa ricevuto . 
E r Impetadore dimorato non guari a Ra» 
venna, fé n*andò m Lombardia , e di là ^- 
palsò in Alemagna. ^ 

Ed in coiai ^uifa termniarono qnefti 
iucceili, che variamente ferirti da' moder- 
ai rftorici , e particolarmente da a*cuni 
Stciliani, a'quaìì rifeifo Agoftino Inve- 
ges da Palermo non potè predar fede al- 
cuna , aveano di mille favole riempiuto 
1 lor volumi . Noi intorno a ciò non po- 
tevamo aver ^ miglior téftimonio, che Ro- 
mualdo Arcivelcovo di Salerno della re* 
qal Ichutta de' Normanni, e Prelato di f^ran* 
dejfmia» il quale come Ambafciador del 
Re Guglielmo peribnal mente intervenne 
a tutto .e che nella fua Cronaca lo tra» 
mandò 'alla notizia de* pofteri , al quale 
pm che ad o^ni altro Scrittore deve pre* 
ftarfi indù biuta fede* 



deruo L e Guj^lieìmo IL ? rapportato da 



gle 




zt4 



DELL* ISTOR 



F'^Avoln duaquc è tutto ciò» e' 
ra d^effer Aleffandm gito a . .- 
folto meiìtìto Abito di peiearino , e 
eh* è più degno di rilb , che qr 
molto tempo fi fofie trattenuto , . 
fto con far il tticftì^re di cuoco . F^v^a, 
parimente dee riputarli di^ .che fcriffSb 
delle parole d^tte da Al ^ 

Federico fu ^i inchinarle jn y r 
fle da coftui «Iit^-al medefiuio, ' i 

Navale, che fi figatò tral\in Vi- 

ne^jauì con quella finta di F: , che 

non avea allora armita di mare , e quel 
eh' è più, d* avervi prepofto per Capitano 
Qltone fuo' fi|i]iu©!o ^ che fecondo il Si* 
^mio f I10U pctea aver più , clic cinque 
anni, e mille itzn fognati avv^euimenti. 



infcliceiTi 



U-nuri da Cornelio Fian- 



ctpaiie m ■ijucil.t iiil^gazmie f che il vede 
ora impreffa nel fé ilo tomo deli* opere del 
P. Paolo Servi ta- 

Ma tion inenq deve ripiitarff vano quel 
che parimeiuc fcriflero, che in queft' in- 
canrro Papa Aleflandro aveffe conceduto 
A* Vmfgiani ampliflimi privileg; della fu- 
perioriti, e cufìodia del Mare Adria ri co, 
e che quindi fia nata quella celebrità , 
che ogni auoo cofluniafi *in quella Città 
nel dì deir Afcenfìone dj fpolar Ìl mare^ 
quafi che ad Aleflandro appartcìiefle con- 
ceder il dominio de'niari, ficcóme gli al- 
tri Pontefici Io pretefero della terra, Dali- 
la m ne à^ Ateffaadro tali eforbi- 
tanxe i,.:.. ,ioveano crederfi, e gran torto 
fi è fatto dia memoria di quel Pontefi- 
ce^ che conofceva i confini della ina po- 
tetti , € fé Federico gli fu avvedo , e fo- 
vente ebbe a contender con lui , non fu 
per altro , fé non perchè i* torto non vo* 
leva riconorcerlo per ver ice, del- 
la qual difcordia approfitt.iiiuua le Città 
di Lombardia, quindi f u , che furfero le 
tante confeie , e travat>li i che 17* anni 
tennero miferamentc afAitra la Chiefa di 
Roma. 

^ Conobbe quefta veritì quel graviflìmo 
iftorico Francefco Guicciirdino (a) ^ il 
quelle parimente fcrive di tal conceffione 
cf Aleflandro non apparire né in iilorie , 

(a) GkiVr. li&*2, iijì, ItaK 



J A CIVILE 

te ili iUiiuiire memoria, o fede alcuni ^ 
ct-cetco ti tcrtimoniodc' Vinegiant, il qua- 
le in caufa lor propria , e si ponderofa 
jfTeT pur troppo fofpetto- Ma i Vi- 
li Oeflì più Ug^i , ed inten delle 
uh andate , beh l- 

la 4 licita fai fa credéu^^ ,^v j^ìv. L*,Mi*y^ct- 
trioti^ ed il lor, famofo Teologo, e Coti- 
iklief'di Staro , Fr. ' ' -t 

ben a lun^o dipruovare , ^la- 

ni ill"'^ r^rlr.FìJ J^l GOi I ■ - ■»■'.. j.*d pCf 

conct: iTaudro, o d' altri Pori- 
tefici j Q lmf:cr:tclón, ma, co. 
fierae cotb Hrrtibblica, per » 
che da* m reconiultì Vr chia- 
mato prò ,.. ^ pretendenJ.-^ . He 

gli ultimi Tmperadori d'Orieorc i 

Tn varie imprefe , noi ' r 

m:incanz>ì dVàrmare j. ,1 

del Ci II dona tono, nulla curan- 

do ci; v ^^ -^* * .ccupaife, e quindi effere 
avvenuto, che i Vincejiant refifi da poi 
potenti In mare , trovando il pofTeffo va- 
cuo, e non effendo allora il Golfo \oìto 
il dominio dValcuno» fé ne foflero impa- 
droniti | e contraitatolo d-t rini rnntr.^ rKiun- 
que ha voluto tentare d^ i. 

'Ma fé mail ficcomc deuj terra, poteA 
fé acquiihrfi dominio alcuno del marti 
e non ripugnaflV la natura jftefla» coinè 
ben a lungo proovo IJ incomparabile tJgoa 
Grò zio in quel fuo libro che a tal fìtte 
intitolò Marriihrkm*^ e vof -*' -rir r* 
terfì ciò che in contrario fcr :- 

ni Seldeno in quelF altro ih e 

per opporlo a quello di Grò _. .ò 

M^fs cl4ufum\ pure con maggior ras ione 
pretcfero i noitri maggiori , che il domi** 
nio del Mare Adriatico dovcffe più tofto 
appartenere a*nofln Re di Sicilia » che al- 
la Repubblica dì Vinegia ; non per ouel 
titolo al quale invano ricorrono i Vme- 
§iani y poiché ni un Principe ebbe quel 
Golfo per abbandon^^to , tenendo fempr« 
in animo di racquiifarlo, quando te ior- 
zc potexMn fbmminiiìrari^li il modo j ma 
per rj^ìion diconqmlta, che i nostri Nor- 
manni fecero fopra i Greci, i quatta de* 
clinando T Imperio d' Oriente, iurono pa- 
droni di ttittj quelli Golfi j che circonda- 
no quefte (loflrt Regioni ^ qoa potendo 

C fc- 



igitized by 



Google 



DEL RÉGNO Ì>1 NAPOLI LIB. XIIL CAP. t. 117 



(fecondo ches*^ potuto notaic né" prece- 
denti libri di qaeftalftoria) porli in dub- 
bio ^ che fino attempi di Carlo M. p^l' 
Imperadori Greci eran Signori dell'Adria- 
tico^) e che quivi fpefTo mandavano le 
loro armate per mantenere in Paglia la 
loro dominazione 9 contro T invafione del- 
le Nazioni ftraniere ; anzi fovence i Vi- 
negiani s* univano co' Groci coltro gli sfora- 
si di Carlo M« e di Pipino fuo figliuo- 
lo^ che cercavano diihirbàrgli dal domi» 
nio dell' AdriatiaD^i^ di che una volta fde- 
gaato fieramente Pipino > per eifere iVi- 
negiani concorfi a favorire» e Soccorrere 
di denaro » e di geni^ li Greci : dopo a- 
vergli fcacciati dall' Adriatico » e diftrut- 
ta la lofo armata, fi inoltrò negli ulti- 
mi recefli del Golib contro i Vinegiani, 
e prefe una gran parte delU loro Città ,. 
ciak fi componeva allora di molte Ifol^t- 
te i ed avrebbero i Vinegiani patito Tul- 
timo fterminio , e farebbero paflati fotto 
la dominazione di Pipino Re d' Italia , 
fé Carlo M. fuo padre non avetfe tofto 
ripiovato il fatto, e data loro pace, in- 
colpando i Duciitoro d'eflerfi uniti co^ 
Greci, non già iVinegiaai la). La«ual 
guerra però fu a' medefitiii' profittevole , 
perchè una gran parte di quelle eenti, 
che per tutti que" (lagni , e lidi diverfi 
abitavano (xb* erano pure a Vinegia 6^- 
gette, e come parte, e membri ditfuefik 
Città ) lafciando le ftànze loro , je ne 
vennero ad abitaìre fopra feffanta ifolette 
picciole , ch'erano intorno a Rialto , .giun- 
gendole infieme con ponti, alle quali poi 
fu dato afpetto d' una gratide, e magni*' 
fica Città , e ftabìlitavl la prcfidenza <dé^ 
Duchi, ed il configli!) pubblico. . 

£d avendo da poi i Normanni difcac- 
ciati i Greci dalla «Sicilia » dalla Fu^ia, 
e dalla Calabria, non può dubijrarfi, che 
i noftri Principi fcorxevano,^ lor pofta 
cott poderofe armate l'Adriatica, e tra- 
lafciaudo cento altre ocxafioni , ch'ebbero 
di navigarvi con armate, nell'anno 107 1. 

Suando il famo& Duca Rjoberto Guifcar- 
o, iu chiamato in aiuto da Ruggiero fua 
fratello roentr'era neiraffedio di Paler- 
mo, v*acQor(e egli con poderoft armata 
di 58. navi traverfando.1 Adriatico., «0^ 
Toim Il„ 
(a) r. PauL JErnìl. direi. Frane. /.}• 
( b ) w^;»* 107 (« mjtnji Julii » Dux Pfa^nMa^ 



me fcriffe Lupo Protofpata (<)• E ne* 
tempi , che feguirono , eflendo pjflate fot^ 
to la dominazione di efii Normanni tut« 
teiinefle «loftre Provincie , il famofoRug*. 
gicro L Re , non contento di tanti , e si 
terminati acquifti , refofi potente in ma« 
re affai più che non erano gì' imperadori 
éfteffi d'Oriente, portò le fue vittoriose 
infegne non pur in Dalmazia, nella Tra* 
eia., e fin alle , porte di Coftantinòpoli » 
ma corfero le iue poderofe armate infine 
all'Africa, ove fece notabili conqeiftedt . 
Città, e di Provincie. Né vi fu Princi- 
pe al Mondo in quefti tempi , che lo fu« 
peraffe per forze marittime, e d* Armate 
navali 9 le quali fo vente combattendo cor 
quelle dell' Imperadore d' Oriente , anche 
^tente in mare , ne riportò fempre trion* 
n^ e piene vittorie. Ciò fi ^ potuto an« 
^he conotcere dalle tante armate , cìms 
manteneva , tanto che non baftando u« 
Ammiraglie per averne cura , fu d" uop» 
crearne naolti, a' quali prepofe «un folo^ 
che perciò fu chiamato Admìratus Admi-» 
ratoi^m ^ AcCome era appellato Giorgie 
Anciocheno G. Anuniraglìo ne' tempi di 
Ruggiero , e Ma)one ne' tempi di Gugliel- 
mo fuo figliuolo. E fu ne^ tempi di que- 
fti Re Normanni così grande la loro po- 
tenza in mare, che non vi era lido , o 
porto ne' loro Domin; , che (oltre- d'efler 
prpvifta ciafcuna Provincia d' Amipira- 
ttie) non avelTero queftì ancora altri Uf* 
fidali minori a lor fubordinati, alla cu^ 
ra de^qnali fi apparteneva la coftruzioné 
de'vafcelli, e delle navi, ^ di reparargli # 
e difporgli per mantener libero il com^* 
mercio , e di tener li Porti in ficurezza ^ 
e Ciò in tutta Teftenfione de' loro Rea- 
mi ,. e ia tutti 4 lati marittimi \ ed aven* 
do l'Adriatico molti Porti nella Puglia , 
e per tutta queir efteofione, ch'i la più 
grande di quel Golfo ( ne* quali ibvente 
anche 1* armate ^ che venivano da Sicilia 
folevano ricovrarfi ) nei Regno di Rug- 
giero, de' due Guglielmi, e degli altri 
Re fuoi fucceflbri, fu quel Golfo fempre 

Suardato , e ripieno di navi , e d* armate 
e' Re di Sicilia ; anzi in congiunture di 
viaggi , e d' efpedizioni navali , i Porti 
pia frequenuti) « fcelti a ul fine erano 

Ee que' 

vh Adriatici Maris felagus ^ perrexìtqHC Si* 
(iliam firw 5$* nn^ns. 



Digitized by 



Google 



21% DELriSTORIACIVILE 

oWdi Vcfti • di Barletta, Trani , Bifcc- durU effi colla loro armata, ftatferoficn^ 



f'ilia, Molfetta, Giovcnazzo, Bari, Mo- 
a, e di Monopoli^ oltre a quelli diBrio- 
difi, d'Otranto, di Gallipoli, e di Ta- 
ranto pofti quafi tutti nell' Adriatico ; ed 
i pellegrinaggi per Terra Santa iirSoria, 
fovente per T Adriatico fi facevano. L' 
armate di Federico, e d'Errico. Impera- 
dori indifferentemente ne' Porti dell'Adria- 
tico fi fermavano: per l'Adriatico frtra- 
fportava V ofte per Soria , ed in fine tut- 
te l'altre imprefe della Grecia, e di Le- 
vante per queflo Golfo fi difponevaao . 

E fé bene nel Regno degli Angioini 
non foife ftata tanta ia potenza in mare 
de' Re di Sicilia, »nulladitnanco non è , 
che i due Carli d' Angiò , e gli akri 
Re di quella ftirpe, non aveflero manter 
ante poderofe armare di mare',;,3|anto che 
non aveflero potuto difporre di' quel Gol-* 
fo a loro arbitrio, e piacere , ficcome 
quando dall' occafione fi richiedeva il fa- 
cevano. # 

Ne' tempi pofteriori , e particolarmente 
fotto gli Aragonefi, per effere a'nòitri 
Re mancate tante forze di mare, ed 'air 
incontro crefciute quelle de' Vinegiani , 
nacque, che navigando effi nel Golfo a 
lor piacere , fenza temer d' armata di 
Principe vicino, aveffero effi pretefo il 
doipinio di quel Golfo, ed aveffero da poi 
pretefo d' impor legge a coloro, che vi 
navigavano : di non permettere , che en- 
traffero in quello armate navali : di ven- 
dicar le prede, che in effo fi facevano, 
e con loro licenza permetter/I il trafpor- 
to delle merci ^ e per la debolezza de' 
Principi vicini,' giunfero infino a non 
permetter che altre armate poteiTero na- 
vigare il Golfo, ficcome con non picciol 
(corno de'Spagnuoli avvenne, quando ef- 
fendofi cafata Maria con Ferdinando Re 
d'Ungheria figliuolo di Cefare, ibrella 
del Re Filippo IV. e con numerofo ftuo* 
lo di galee, e con pompa degna di tanti' 
Principi , giunta a Napoli , per paCfare per 
r Adriatico a Triefte con la fteifa arma- 
ta Spagnuola: i Vinegiani per non pre.- 
S'udicare al loro pretefo dominio di quei 
[are , s' oppofero con tal oftinazione , 
«he fi dichiararono , chir iè gli Spagnuoli 
non accettavano la loro offerta, di con- 

(a) Né$ni ijior. Veneta y L 8. An. itfjo. 



ri , che conterrebbe alla Reina tra le bat* 
taglie, ed i cannoni patfare «Ile nozze; 
tanto che hifogoò v^erg^giiofnaeiue cede* 
re, e la Reina per la ftrada d* Abruzzi 
giunu ia Ancona , £i ricevuta da Anto* 
ttio Pifani con tredici galee ibttilì , che 
la sbarcò a Trieie (tf )• In tanta decli- 
nazione fi videro le i»oAre forze maritti« 
me a tempo degli ultimi Re di %agna { 
ma fflk fi voglia aver riguardo a'iecoli aa« 
dati, e fpezialmente a' qiiefti tempi de* 
Re Normanni , con maggtfM* ragione po« 
tevano vantar il dominio dì quel Mare i 
Re di Sicilia, che i Vinegiani^ Qnindi 
i che predo di noi , tra* maaufcritti della 
regal Giurifdizione lapportati dal Chioc- 
carello {b)^ à trovi notato per uno de* 
punti controvèrtiti, fé il dominio deIMa« 
re Adriatico fia de' Vinegiani , o piùtoflo 
de' Re di Napoli. 

(Si conferma tutto ciò dalvederfi, che 
le fcritture , che uscirono a' tempi del Re 
Filippo IIL de' Veneziani per fbftenere 
quefto Dominio , fioqune quella del P« 
Paolo Servita ( dove iiHi' ultima fiarre fi 
rifponde a' Dottori Napolitani , infra i 
quali ai Reggente de Ponte) e del Fran^ 
cipane , furono compofte per rifpondere ad 
alcune fcritture date fuon in contrario da* 
Napolitani; ficcom'è manifiefto dall'ulti* 
ma Edizione dell' Qpere del P. PWoftam- 
pate in Venezia in 4» ancorché colla da- 
ta di Halmflat^ dove nel fronti^izio dell* 
Allegazione àtì Francìpane fi legge: eoa* 
tra alcune fcritture de' Napolitani • ) 

$. II. I Veneziani fono flati Soggetti degli 
Imperadori d^ Oriente e J^ Occidente. 

( Chiunque attendere lo ftato delle co- 
fe di que' tempi , fecondo che ce lo rap- 
prefeutano non meno gli antichi Annali , 
e Monumenti^ eflratti dalla voracità del 
tempo , che gli Storici contemporanei , G. 
accorgerà, che le Provincie di Venezia » 
e d'Iftria col Seno del Mare Adriatico^ 
che le bagna , nella decadenza del4' Im* 
perio di Occidente, ubbidivano agi' Ini<> 
peradori di Oriente . Quando GiHJiiniano 
jEmperadore riunì al fbo Imperio di Ociea- 
te tutta l'Italia per lo valore di que'due 

cc- 
(b) ChiòcHMr. in Indiae tò.iu var.^. 



Digitized by 



Google 



DEL RECATO 1>I NAPOLI LIB. XHL CAP. L 2it 



cdeSri Cstfit^ì Belifarìo y tNarfete^ aoti 
è dubbio, che riftrìa, e le Regioni de* 
Veneti erano appartenenze dell' Orientale 
Imperio. Le Regioni morittinie de^Ve* 
neti dair Iftria fi ftèndevano fino alla 
Città di Ravenna; ficcome ce n'aflktìra 
Procopiù fcrittor contemporaneo , il qnale 
defcrivendo quefte Ref^ioni , così ne tfeir* 
la (tf): S^quhur^y cui Dalmati^ nomeny 
^ qué cmm tpfa Occidentalts Imperi i fini" 
àus tomprehehduntuf : prùxìma Vtbumìa ; 
tuie IJiria ; dein Re/^io Vene$prum ^ ad Rd'^ 
vennam utbem potf^a^ 

Oliando la prima volta j Francefr (ot- 
to que' loro famoii Capitani Leutario , e 
Buccellino invafero qyefta parte d^ Italia , 
ed occuparono i luoghi terrcftri de* Ve- 
neti, tenendo i Greci \ luoghi maritti- 
mi y ficcome ci rende teftimoniania. lo 
fie^ Procopìo' (^); Naffett mandato da 
Ciujiinianù in Italia in luogo di fielifaria 
gli icacciò d» tutti que*^ luoghi terreftri 
del tratto Veneto , ficcome fece anche dal- 
la Liguria y avendo Confitto interamente 
t Francefi : a fegna che ia Italia non gti 
jreftò né pnr un picciolo Caftello. 

Quefte Provincie dopp la. morte di Giù- 



itiniano patfaron^HÌl 'iuo fucceifòr Gìuflì^ 
no^y t quefti aV^noo iftitnito itv Italia V 
Efarcato di Ravenna ^ non vi è dubbio^ 
che gran parte del territorio Veneto fof- 
ft porzione deirEiarcato 9^ giacché Proco- 
pio ci defcrive ^ che la Regìon Veneta fi 
diftendera %x^ adia Città di Ravenna : Re- 
gìo Venetoruni ad Ravennam urbem porre* 
iia^ Ciocché per antichi monumenti fin' 
air ultima evidefiza dimoftrano Girolamo 
Rubeo (f ) e Ludewig (d)^ il quale nel- 
la vita di Gfuflsnìarw M. ( e ) ^ non ebbe 
difficoltà di dire efler cofa chiara : Vene*- 
$um agrum vel terrìtotium portìenìm fuiffe 
£xarcbattts nm infimam.. 

Ma avendo <b poi C^rfo ÌW. intera- 
mente Scacciati da quefta parte d' Italia 
non meno i Greci ^ che i Longobardi , e 
fatto Re d* Italitt Pìpììio fuo figliuolo y le 
Venezie fottratte dair Imperio d'Orieo- 
te, fttroQ refe Provincie del Regno Ita- 
lico , ficcome con verità fcrifle Coflamino 

( a ) Lib. I. de belto Getb. eap. 15; f b ) 
LìL^. de belto Goth. eap.t/^ &z6. (e) 
Lib.^ Hifl. Raveimat. pag. 195. (d^ In 
Shgularibus Jur. tubL Tom i. fop. %. J, 



Porfiregeneta (/) , dicendo , che d' indi in 
pof le Venezie non ibggiacquero all' Ò* 
riente, ma furon fette Provincia Italici 
Regni . Qpindi gì* Imperadori d'Oriente 
par reintegrare all' Impèrio , da quefta par- 
te , .i lor confini , ebbero con Carlo M. 
or guerre , or tre^iue > or convenzioni , e 
paci , per le quali finalmente y ficcome rap- 
porta £«inardo ( ^ ) , fu convenuto y che a 
Carlo fotfero aggiudj^cate le due Panno- 
nie , r Iftria ,. le~ Venezie > la Libumia , e 
là Dalmazia , lafciandofi all' Imperadore 
Coftantinopolitano le Città marittime del* 
la Puglia, la Calabria, e la Sicilia. Ca* 
rolusy fcrive Eginardo,. utramque Panno^ 
nìamy & appofitam in attera Daymbìì ripa 
Daciamy Hijìriam quoque & Libuntìam ^ 
atque Dalmatiam y ^xeeptìs marUimìs Civi* 
tatibusy quas obamicinamy ù'/un£iumcuin^ 
eo fctdus Canftantimpoiitaììum Imperatorem 
habere permifity adqnifivtt. 

Ma per i luoghi terreftri di quelle Pfo- 
vincie rimafti a Carlo, e per le Città 
niarittime lafciate a gì' Imperadori Gre- 
ci ,. non durò fra medefimi ed i Re Fran- 
cefi lungo tempo buona armonia ; poichk 
neirail^ 8oé. i^/xo/o~ Principe di Z^r^r, 
ed i Legati jii Dalnratia ,^ non meno che 
i Duchi di^^Venezìa , che riconofcevao» 
per loro Sovrani gì* Imperadori di Orien- 
te , mal fofierendo la potenza de' France- 
fi, come troppo lor vicina, ricorleio all'" 
Imperadore Niceforoy perchè gli preftaiTe 
a^o per non effere da quelli oppre/Ii y 
ficcome leggefi negli Annali Laurisheimen- 
fi ad An. 8otf. de' quali noa fi dimenti- 
cò Simone StanL Hiflor, Germ. in Carolo 
M. che ne rapporta var) pezzi; Statine 
pofl Natalem Domini (fi leg^e ne' mede- 
fimi ) veneru7it IVilharius & Beatus Duces 
Venetia , nec non & Paulus Dux J adora y 
atqtte Dbnatus y efufdem civìtatìps Epìfcopus ^ 
Legati Dalmatorumy ad prie/entiam Impera* 
tcris ctun magnis donesy & faEla efi ibi «r- 
dinatio ab Imperatore de Ducibus & Popu* 
lis tam Venetia , quam Datmatia . 

Ed in e&tto T Imperadore iVifre/òro no» 
tardò in Gennaro del feguente anno 807. 
di mandtf una claife marittima ne' Poni 

Ee 2 di 

17. p^2ì$. &zi6. (e) Cap.S. §.46. in 
»9r..944'. (f) DeAàmìnifirat.Imp.Òrient. 
cap.zi. (g) Cf^.i5. 



Digitized by 



Google 



Mo • DELL' I^TO 

Si Venezia fotte il coniando di Nìeeta^ 
per ricuperar la Dalmazia, ficcome fiag* 
giunge negli Annali fteffi : CUaJfis u Ni- 
€ephoro Imperatore , cui Niceta Patricius 
fraeratj ad recuperandam Dalmatìam miu 
tìtur. ÌAsl giunta che fu quefta Flotta ne* 
Porti di Venexia, Pìpi^io coftituito Re d- 
Italia da Carlo fuo padre ^ fiuta tregua 
con Niceta fino al mefe d'Agofto, tanto 
fece ficchè rindutfe^aritornarfene, come 
aggiungono gli Annali fteffi ad An. 807. 
Nceta Patrìcius y fui cum ClaJJe Coflanti^ 
nopolitana in Venetta fé confmebaty pacefa^ 
Ba cum Vicino Re^e y & t^uciis ufquead 
Auguflum conflitut4s y regreditur. 

Ma i Veaeziani^y -e i Dalmatini, che 
defideravano, chefeflfiprefofle accefa guer- 
ra tra' Greci e' Franzefi |. per profittare nei 
torbido,, nutrendo per ciò fra di loro ca- 
ve > e contenzioni, indufTero Tlmperado- 
re Niceforo nel 809. che mandaife la fe- 
conda volta in Dalmai&ia , e Venezia un' 
altra armata fotto Paolo i la quale fpedi- 
zione ebbe var) fuccéffi : nel principio 
giunta Tarmata a Venezia, ù refe padro- 
na ddir Ifola di Comiaclò y ma attaccata 
feri Tarmata da Pipiìw e fugata, ùi ob- 
Ugata ritirarfi ne' Porti di Venezia, co* 
me dicono gli Annali fuddetti Laurishei- 
menfi ad An. 809. Clajfis de Coftantinppo* 
a mìffay frìmo Dalmatìam y deìnde Vene* 
tìam a^uìity cumque ìbihiemaret /farse/us 
Ccmiaclum InfuUm aceeffity commijfopràp 
ìio y vìRa atque fugata Venetiam recejfit . 

Paolo PrdFetto delT armata y vedendo 
non poter refiftere aHe forze di Pipino^ 
cominciò a trattar di pace col medefimo; 
ma^i Duchi di Venezia IVilharioy e Bea* 
toy i quali di mala voglia (bffirlvand , che 
Paolo volefTe trattar di pace con Pipino , 
fecer'ogni sforzo per impedirla, anzi con 
frodi , ed inganni tentarono d' infidiar la 
di lui perfona: ficchè avendo Paolo co- 
nofciute le loro infrdie, e frodi Tobblin 
garono a partire; come fbggiungono gli 
annali fleffi : Dux autem , qui Claffi pra* 
arat , nomine Paulus , cum de pace inter 
ÌFranaas Cb* Gracos conflìtuenda y quafi fibi 
''hoc ejfet ìnjunBum , apud Pipinum , Italia 
Regem , agere moliretur , fVilbario & Bea- 
to Venetia Ducibus y omnes^ conatus ejus im* 
ftditntiAuSy atque ipfi etiam iììfidias pa* 
tanftibus , cognita illortfm fraude difcejfit . 

Il Re Pipino conofciuta la perfidia de^ 



RIA CIVILE 

Duchi di Venezia, i quali procuravano 
fomentar gare, e guerre irreconciliabili 
tra Greci , e Francefi per fbttrarfi in que- 
lli torbidi dagli uni y e dagli altri , fi ri- 
foUe di foggiogarlfi adatto ; e motfa la fua 
annata per mare , ed il fuo efercito per 
terra, K>ggiogata Venezia, li obbligò a 
retldeifi ,. e di paflàre , come tmti gli al- 
tri popoli d'Italia, fotto il fuodoorinia, 
come narra il Monaco Egolifmenfe pag. 
65. fcrivendo.' Pipinus Rexy perfidia Du* 
0um Veneti arum incitatusy Venetiam bello y 
terra marique fujfxt adpetere , fubfeStaque 
Venetìay ae Dutibus e^us indedititmem ac^ 
eeptis -Oc. 

Ma il generofb^ 9 magnanimo Carlo 
fuo padre , non volendo rompere gli an- 
tichi patti y e convenzioni per le^uali s' 
erano lafciati <|uefti luoghi marittimi di 
Dalmazia , e di Venezia alT Imperio Gre- 
co, trattò egli la pace colT Imperadore 
Niceforo^ e nel feguente anno 81 a^ gli ri- 
ftitui Venezia , ficcome rapportano gli 
Atoali di Francia ad An« 810. Camus 
pacem cum Nicepho^ Imperatore f ecity & 
ei Venetiam reddidit . E di vantaggio , 
zvet^o bxta impfigionaFe y e privato di 
tutti gli onori lViU)am^ per U fua perfi^ 
dia» dovendo mandare fifbi Legati inCo- 
ftantinopoli a confermar quefla pace y néX 
anno feguente 811. co' Legati fuddetti fe- 
ce condurre fVilhario Duca dì Venezia 
alT Imperadore , perchè come fuo Signo- 
re il riconofcetfe y ficcomaf^rtano- gli An- 
nali Laurisheimenfi ad An% S-i r* dicendo : 
Pacis confirmattda gratta Legati Cojiamìno* 
polim mittuntur • . . <^ cum eis... Wilha^ 
riusy Dux Venetorum... qui fropter perfi- 
diam honore Jpoliatus-y Conftantinopolhn ad 
Dominum fuum ducr jubetur • 

Quindi è, che degl'Imperadori d'Orien» 
te fucceifori di Niceforo y e fpezialmente 
di Lione V. Armeno reftano ancora mo« 
numénti d'aver efercitata la loro piena 
fovranità fopra i Veneziani y ridotti ad 
abitare in quelle Ifolette negl* ultimi re* 
ceffi di quelle Lagune: i quali febbene 
aveffero loro Duchi , che gli governava- 
no, quéfti'però non eran riputati » che 
Ufficiali delT Imperadore , decorati delT 
onore à'IppatOy ch'era una dignità Im- 
periale } e tutte. quelle infegne, come il 
Manto , il Como Ducale , e gli altri or- 
namenti y onde fono fm[tati , tutti era- 

^igitized by VjOO^.^ ^^ 



DEI REGNO DI NAPOLI LIB-XIH. CAP, I. tu 



no onori , che gli provemìrano dalla Cor- 
te di Coftantinopoli • ^ 

Quindi i Veneziani veftivano alla gre- 
ca con abiti talari, che ancor ritengono , 
a differenza degli altri popoli d* Italia^ 
come air Imperio d'Oriente fottopo(li« 

Onde quel Monumento y che prima fi 
confervava nell'Archivio del Monafterio 
delle Monache di S. Zaccheria di Vene-^ 
2ia 9 e che ora infiemé con altri confi- 
mili leggiamo imprefTcy in \m libro ftam- 
pato in Venezia fteffa con licenza de" Su- 
periori nell'anno 1678. intitolato ; ti fi- 
ìtnzio dì S, Zaccheria fnodato*. non dee 
iembrar cotanto ingiuriofo a' Veneziani : 
ficchè feveramente proibifcano il tenerlo 
procurando di fopprimerlo ^ perchè non ne 
reflj veftigio . 

In quefto Libro fi legge un Attediato 
di Gìuftìnìano Partìcìpatìo Doge di Vene- 
zia, a' tempi dell' ImperadoreÌ/o»#K jÌt* 
menoy che fede meli Imperio d'Oriente 
dopo Niceforo intorno 1' anno 815, nel 
quale la fondazione , o fia ampliazione di 
quel Monafterio fi attribuifce a Lione y 
chiamato dal Doge fuo Signore, con ob- 
bligo alle Monache, d' iuceffantemente 
pregare Dio per la falute dell' Imperado* 
re , e fuoi Eredi : Ecccone le parole : Co- 
gnitum fit omnibus^ CHRISTIy & San(ii 
Romani Imperi i Fidelibus tam pra/entibusy 
quam ex illiì , ^m pojl ms futuri erunt , 
tam Ducibuty quam Patrìarchisy a$que £« 
pi/cepisy feu cateris Primatibus . Qu^d ego 
Juftinìanus Imperialis Hìppatus^ & Venetia* 
rum Dux^ per reveUtionem Domini nojìri 
Omnipotefìtis y CJ)* /uffione Domini Serenijjì-^ 
mi Imperatoria pacisy feuy & Confervasori^ 
totìus Mundi LEONIS : Po/t multa hobis 
beneficia conce ff a , feci hoc Monajlerium Vir-» 
ginum hic in Venetia , fecundum quod ipfe 
iuffn edificare de prepria damerà Imperia^ 
iiy & Jecundum quod fuffit mihi y fiatim 
eunEla neceffaria auri y five argenti dariJMf-- 
fit. Tum etiam nobis Reliquia^ SanSi Zac* 
caria Propheta , Cb* . lignum Crucis Domi^ 
ni y atqtie SanBa Mati^ pannum , five de 
veflimentis" Salvatoris , Ó alias reliquias 
San&orum nobis ad Ecclefiam S'anSiam con» 
fecrandam dati fecit » Ad neceffaria hujus 
operis etiam Magifiros tribttit , ut cicius 
^P^ ^xflerenty &, expleto epere cmgregatio 
fan^a tnceffanter prò falute Sereni ffimi, Im^ 
peratoris & fuorum heredum erarent . De 



The/auro vero , quod manff efiat fua carta 
cum imeris aureis , C> totum donum , quod 
in hoc loco ipfe tranfmifit y in ipfa Came- 
ra falvum effe fiatuìmus : Tamen ipfam 
cattam in Camera nofiri Palatiì volumusy 
ut femper permamat , <^ ut^ non valeat ali- 
quìs hoc dicere , quod illud Mo?ìàflerium 
SanSli Zaccaria de alicu/us Thefauro effet 
confiru£lum , nifi de SanEliffimi Domini no* 
firi Imperatoris LEONIS. 

Né l'avernundato l'Imperadore quel- 
le reliquie , perchè^ fi riponeffero nella 
Chiefa , adombra punto l' autenticità^ del* 
la' fcrittura , cóme (t ciò non poteife at- 
tribuirfi à Lione V. creduto Iconoclafta; 
perchè i Greci aveano tutta la' venerazio- 
ne a reliquie ccftanto infigni \ ma vale- 
vano, che per ciò non fegli preftatfeCi^/- 
to Religtofo ; oltre che ^opo il Concilio 
IL di Nicea celebrato nell' anno 787. fa- 
vorevole alle Reliquie e Imagini , i Gre- 
ci furon divifi > e chi ftava per lo Con* 
cilio Coftàntinopolltano , che le proibi- 
va , chi per quefto II. Niceno > e Lione 
fi adattò al coftume d* Italia , dove non 
foleva confecrarfi Chiefa fenza qualche Re- 
liquia di Martire, o di Santo. 

I favj, e dotti Veneziani , che non fi 
lafciano trafportare dall' enfatico filile de* 
loro moderni Storici, e fingolarmente del 
Nani, con quelle ampollofe frafi di X/^er* 
ti nata colla Repubblica fie(fa , non ripu- 
tano tali monumenti, apocrifi , o ftrani , 
anzi riguardandofi a'paifati tempi , fono 
ben propri > ^ conformi allo ftatò delle 
cofe d' allora: poiché ad una Repubblica 
nuoya ftabilita negli ultimi tempi , non 
può certamente adattaipfi quella innata Li- 
bertà y che vantano .* fé non foile caduto 
dal Cielo in Terra un pezzo di Luna » 
o d' altro Pianeta , fopra il quale da' 
nuovi uomini fi fofte ftabilka libera ;. 
ma fempre che fi parla di nuova Repub- 
blica fondata nell' Imperio , duopo è che 
ricoaofcano i loro naggiori la fubordina* 
zione degl' Imperadori fian d' Oriente , 
ovven^ d' Occimnte • 

Aliti i Veneziani non meno degli unr 
che degli altri devono confeflarla ; poi- 
ché in decorfo di tempo fenspre pia de- 
cadendo le forze dell' Imperio Greco in 
Italia , i Succeffori di Carlo M. profittan- 
do della fua mina» tornarono ad aggiun* 
ger Venezia al Regn0 Italico » ficchi X0- 

Digitized by VjOOQIC 



tti © E L r I S T o 

dovieoj e lotarìcf fene réfcr padroni, eV 
efercitarono fovranità, (Tao a far battere 
le lofo monete col ilome di Veneciaf^ 
come facevano delle altre Città d* Itaik 
da lor pofTedute. 

Di quefte Monete più MuTeì ne con- 
ièrvano le originali d' indubitata fede 9. 
ed antichità . L* Autore dello Squìtttnìo 
delta Libertà Veneta y nella Giunta non <e 
me dimenticò . Il Sig. Petan Configliere 
sei Parlamento di Parigi ,. fece imprime- 
te quella dell' Imperadore ZoViww ìlBuo* 
noy dove da una. parte fi legge ULVDO* 
VICUS IMP. e dall'altra VENECIAS. 
Il Sig. le Blanc ha altresì fatto ftaropa- 
ve una moneta di Lotatto , ehe porta di 
una parte VFNECIAS • Ecco quella di 
lx>dovico «. 




^ Ma da poi nella decadenza dèir Impe*^ 
fio d' Occidente ne' Succeflbri di Carlo M. 
ì Veneziani cominciarono y non effendi! 
ehi poteiTe vefiftergli , a fbbilire la So» 
TranHà fopra la lor Città y e luoghi ma^ 
vittimi intomo fopra le mine deir Impe- 
rio d' Oriente y non meno che di Occi- 
dente y decaduto 9 ed avvilito anche effe 
He' fucceffori di Carlo M. prima che fa- 
ceffe paifaggio a' Germani fotta il gran- 
de 9 e poderofo Ottone» 

Quefto Imperadore riftabilendo Tlm- 
pena d' Occidente nello ftato primieiD y 
e volendo effere riputato non. meno che 
Carlo M. Signore di tutte quelle Provine 
eie y che coftituivano il Regno Italico : 
i^fftz i Veneziani efercitò pure la Sovra- 
nità y e tutte le alte y ed Imperiali fue 
preminenze : concedendo privilegi , ed im- 
munità alle loro Chiefe co' loro precetti y 
ehianiati a que' tempi Mundiburdf ^ a ri- 
chfiefta de' Veneziani fteffi. 

Quindi non dee fembrargti Arano y fe 
Bel Jibro medefimo del Silenzio di S. 
Zaccheria fnodato , fi leggono de' confimi- 



R I A C I V I L E _ -^ • 

E Mundìbwrdf , comeduti a petbume di 
quelle Monache da vari Imperadori Cef* 
mani d' Occidente ^ continuati àzOttonel^ 
fino air Imperadore Fedemo Barbaroffa-^ 
Trafcriveremo (blamente quello di Ott<h- 
ne y iftromentato nell' anno 96^. poiché 
gli altri futfeguenti non fono che confor* 
mi di quefta primo y fecondo il coftumr 
di que' tempii che le Chieie y, fecondo fi: 
rifaceva un nuovo Imperadore r ricorre- 
vano dal noedefirao perottener 1^ coafer*- 
ma de' precedenti : Eccone le paiole. 

In nomine San£ljB & individua Trinità^ 
$is. Otto, divina (avente Cletnenùa y. Im^ 
petator Augufius • 

Si petitionibus Servorum y & Ancillarumy, 
jiiflis & rationaJiSus acquiefcimus^y ad. ani* 
mje nojira falutem proficere non diffidimus •- 
Jdcirce omnium fidklium SanSa EcclefianO' 
firorum prafentìum y ae fututorum devoth 
noverit . Qualiter Joanna Abbatiffa de Mo^ 
najierio SanSli Zacharìa in finibus Venetia* 
rum eon/lruSo ,. prope Ptdacium de RhìoaU 
iOy& Joannes Presbpery & Menachusno* 
fier Fidelis fuggejferunt nojinc Glementia y. 
quatenus prò Dei amore y & remedie aninut 
nofira , cum cunEtis^ faeultatibus y. rebufqut ' 
mobitibus y & immobilibup y feu fàmtiiìa 
utrìufque fexut ad eundem Menajierium San^ 
8ì Zacharia Jujìe pertinentièus , fcilieet in^ 
fra dithenem Regni nofiri eonfifien$ìbus y tan^ 
per loaa denominata y qua tèi €)m$^li( per 
Cartiiìas ojfferitionis Ingelfnedus Comes f /- 
tiu/que Grimaldi y & lldeburga Comìtijjf 
Uxor Adalberti Còmitisy rum fuis- hsredì^ 
bus y fteut in textu if^um CartuU legitury. 
Videlieet y Curtem unam cum omnibus fuis 
pertinentìis y in finibus Montìs Sirìcanl po^ 
fitam in villa quét Petrìolo nuucupatur yji^- 
militer ,. & in Cona > & in Sacco y & in 
Lupa y & im Liquentia y & Laurentiacay una 
Qum Terris , Vineis , Campis ^ Olivetisy Pratisy 
Majfarìtiis yPifcariìs ySilvis y^ Cafisy Capei* 
lisy Pafcuisy Aquis y aquarunifue decurfi* 
bus y Monti bus y Valli bus y Servis y O An* 
cillis y Md ipfam Curtem de Pesriolo a/pi* 
cientìbus in integrum y ut pars pnediSi Ce* 
nobii y cui .nunc Joanna Ravetmalis^ Venera*^ 
bilis Abbatiffa pr^effe videtur y cum emni 
integritate in ufuy & fumptu M^acharum 
inibi per tempora. Deo famulantium perpe* 
tualker permaneam y & fub nofira tuicìonis y 
ac defentionis MufidUundio coofifiaftt . 

Nos au$em faluberrimas earum petìsiomas 

Digitized by VjOOQIC 



DEL HEGNO DI NArOLI IIB. XIIZ. GAP. I. 219 



in/pitiaHs iocfufifm immmnkstis ffwetptum 

^ri JuffimMS y per fmà fawcìmus ^ ut jgm 

Mclum MofUj/lerium , eum fuis reèus mobì^ 

Ji&us f & immobilibus 9 owMÌbufyue munci* 

fiis , O* Cohmis 9 Aiventinis & Peregri^ 

nis , S$rvis & Ancill^^ Juper twram ipTtus 

pféediQi Mmaficfii , mfrs Regm nojhn Jmeg 

refidenàbusy fub noftra mmntMt immunìtatìf 

-dcfmnfione ; ita m^nulhts Mawbio , Com^T^ 

'mei quislìbet ftUfltrus JtBknatius^ fé» gtia^ 

fnagnay pMtyaque perfina^ ex reims/kpe dU 

•&i Moneflerii mede fufte 9 & l^liter ve* 

fitta eQe vìdetur j atu m antea ibidem divi* 

na pietas ampli ficare voluerit^ aèflrahere a* 

(iiquody atttminuere^ amandoqae pfsfmmam % 

fed ìicem fuptadiOi mmtafimi Abbatlffa » 

-e^u/que Sneeefforibut in Perpetmtm res efuj^ 

-dem Monafierìi y fiib mfira immunìtatis de^ 

fenfiene y piiete -ndha poffidere y eum omni* 

'bus ad fé pemnentibus ^ tW a/pieientibus y 

tam fAus y quamque & mancipiie liberis y 

<y faffyisyfuper tesjam diBi Maltétfierii w 

fidentHus^ Nullufque audiat eas in^ufte dì^ 

firingerej tteque ab eis ullas ìUicitas redìbi* 

tienesy éut pmbticas amgarìas esigere • */f«iv 

^mmma ataem Abbatiffa ^fufdem Menafleriiy 

efufque 'Sueceffùres y ty emnes Menachs ìbì^ 

.dem Deo fetvientes y fub noftra defenficnis 

-mtt^tte peremii vivoFe permaneant . N'ullufque 

JÌ,eipublica Miwìfìer eas perpladta ventila» 

4tt pertemptet y nifi in prajentia Abbatiffét 

qum per tempera ibi praeffevìfajuerit y qua^ 

tenus ipfas Aacittas 'Dei y qua ibidem Dee 

fttnutUmtury ph nobìs .y fiatufque Regni no^ 

Jiri fMÌter exerare deleBent^ Si quis igitur 

J)ùe nèjtr»e jOuBoritatis praceptum & Mundi- 

J}urdìum infregerit y fciatfecompofiturum au- 

ri optimi libras centum y medìetatem Camera 

noftra ^ & medìetatem prodiga Abbatijja 

Jcanma , vel ejus Succefforibus . Quod y ut 

verius credatufy Cb* diligentius ab hominibus 

mbfervetwt y menu propria foborames y Annu' 

io nofito figilUri juffxmus • Signum Domini 

O T T o )M s tnviiiijfimi » ae Magni Impe- 



T--T 



(a) JUA. ne ir Keffifi halié pag. 100. 



Lpmgerius Cancellarìus ad wcem Vid&m§ 
Epifeopi Barda y Caneellarii reeegnevì Ó» 
fubfcripfi^ 

AEla 7. KaL Septembfis . Anne DominU 
ta Inearruniems 963. ImRSione 6. Anno Im* 
peni Ottonis Magni Imperatoris Augu* 
pi fecundo ; ABum Mente Feretrano ad r«« 
trum 5. Leenìs • 

Dopo gli Ottenì , fotto gli Errici , av> 
me (bno varie le vicende mondane y go« 
minciò l'Imperio Occideotale altra volta 
a decadere • V Imperadore Federico Barbai 
^ff^ 9 penfava riftabilirlo ; ma diftratt» 
nella guerra diSoria, e dalle brighe, cha 
gli diedero le città 4/i Lòngobardia , ed i 
Pontéiici Romani > non potè ridurre a fi« 
ne Ja magnanima impre(a ; e molto me« 
ne poteron tentarla i di lui fucceffpri » 
Errtto y e Federico IL per le gare , e con- 
tenzioni y eh' d>bero colle Città medefi** 
fne , e co' Papi y « co' loro Emoli delT 
Imperio • 

Morto Federico IL e contrattando i 
Germani fra di loro per V elezione del 
fucceflbre: fi vide nell' Imperio quellun- 
^ interregno y che ciafcun sa ; ed allora 
1 più Potenti , e più Città d' Italia comiti» 
^iarono a (enotere il giogo ^ e porfi ia 
libertà y poiché non era chi potefle vali- 
d«nente opporfi • Cost i Veneziani che 
ne aveano gettati già i fondamenti , fta* 
bilirono ia Sovranità ibpra la loro Citt& 
t luoghi marittimi intorno, la quale poi 
col correr degli anni con lunga preferì* 
xione fé la refero più ftabile , e ferma ^ 
non aitrimente che fecero gli altri Pria^ 
cipi d' Italia fopra le ruine dell' Imperia 
d' Occidente • ideile mondane vicende re» 
carono a* Veneziani la loro libertà y noa 
già patto y o convenzione alcuna y ficco- 
me alcuni fognarono, ederfeguita tra gP 
Imperadori Greci , e que' di Occidente deU 
la knea di Carlo M.y dicendo y che. que- 
fti per porre fra di loro un confine ftabi« 
le^ e fermo , avetfero dichiarati immuni , 
e liberi i Veneziani dall' mio , e dall' al- 
tro Imperio , liccome fcrille il Sigonio ( h )f 
Venetos interutrumque Imperium pofitos y li* 
beros atque immunes y <^ ab utroque Impe^ 
retore fecuros vixifje : e nell'anno 812. «o- 
110 paào libertati atque immunitati Veneto» 
rum imprimis eautum : Né fin quì~ è ftato 

chi 
& 103. 

Digitized by VjOOQIC 



124 



DELL' ISTORIA CIVILE 



chi avetfe potuto moftrarci documento al- 
cuno di quefta nuova oonvenzione , e pat- 
to . Né tante Collezioni > Cronache , ed 
antichi Annali , che a* tempi noftri fono 
itati impreffi ; né. Scrittore alcun contem* 
poraneo (a memoria d* una tal convenzio- 
ne patfata tra gì* Imperli d' Oriente p e 
Sue' di Occidente } ni fi sa il Sìgonìo on* 
e rabbia tata») 

GAP- IL 

Spedizione de Siciliani in Grecia : Ne^ze 
ira Costanza , ed Errico Re di Ger^ 
mania } e morte del Ra GUOUCLMO » e 
A* leggi* 

MA ritornando al noftro Guglielmo ) 
molto poco ci rimane da notare 
de' fatti di quefto favio Principe^ poiché 
terminando qui T iftoria dell* Arcivercovo 
Romualdo , e non effendovi altri Autori 
di que^ tempi., fuor che la Cronaca dell* 
Anonimo Caffinenfe » che fi conferva io 
Monte. Cafino, alla quale Camillo Pelle- 
grino fece alcune note, T altra di Riccar- 
do da S. Germano , Roberto del Monte , 
e Niceta Autor greco , che alcune cofe 
bitevemente fcrivono di Guglielmo , ri- 
mangono tutti gli altri avvenimenti del 
Reame con 1* opere di si buono , e glo« 
riofo Re per lo fpazio d* undici anni (>o- 
co men che nafcofe fra le tenebre dell' 
antichità . Alcune cofe andarono rintrao- 
ciàndo con fomma diligenza Capecelatro,\ 
€ r accuratiffimo Inveges , Torme de' qua- 
li come più ficure , a noi piace di.fegui- 
tarc . 

Intanto il Pontefice Aleffandro riftabi- 
lito in Roma , volendo dare a' difordini 
pafiati qualche riparo , nel feguente anno 
1179. come notarono 1* Anonimo Cafli- 
nenfe , e '1 Pellegrino ( ^ ) , fece convoca- 
re in Roma un general Concilio nella 
Chiefa di S. Gìo. Laterano , ove interven- 
nero ben trecento Vefcovi , oltre a^li A- 
bati e groifo numero d* altri Prelati ( ^ ) . 
Si dannarono in efib molte erefie , . che 
eran furte fra* Criftiani : fi fecero molti 
decreti attinenti a reprimere 1* avidità di 
coloro , che davano denari in preftanza 
con pattuir groffe ufure> fiabilendo i mo-. 

( a ) Pellegr, in Cajiig. ad Anon. Cajftn. an. 
' *79* ( b ) GugHelm. Tirie HA. 21. cap. %6. ^ 



di legittimi in quefte contrattazioni ; ed 
altri decreti fiiron ftatuiti bifogoevoli a 
riftorat^ delle pa^te confufioni la Chiedi 
di Roitia. 

Ma nell'anno feguente 11 80. ad impre* 
ia più gloriofa rivolfe Aleffandro i Tuoi 
penfieri : egli fcriife a tutti i Principi Cri- 
ftiani , ed a' Vefcovi , e Prelati della Chie- 
fa , efortandogli a paffar in Paleftioa , e 
contfaftàr con l'armi in que' fanti luoghi 
al Saladino Soldano di Babilonia, Princi- 
pe non men favio, che v^loròfo» ch'era 
al padre Saracone nella S^noria fuccedu- 
to , e travagliava i Criftiani che colà di- 
moravano • I primi , che fi difpofero eoa 
grande , e poderofii ofte a paifar oltre ma- 
re , furono Errico Re d' Inghilterra ) e 
Filippo Re Ài Francia i ma Aleffandro , 
che cosi lodevolmente avea mofil iPria- 
cipi Criftiani a queft' imprefa , non potè 
vederne i fucceffi \ poiché verfo la 6ne 
deir anno feguente iiSi, U iettimo gior- 
no di Settembre pafsò di quefta vita ia 
Roma , dopo aver per ventidur anni ret- 
to il Ponteficato « Fugli tautofto dato il 
fucceffore , che fu Ubaldo da Lucca Car- 
dinal d'Oftia, il quale fi nomò Lucie IIL 

Era poco prima in Coftantioopoli acca- 
duta parimente la morte dell' Imperador 
Emmanuele , e gli fuccedette nell' Impe- 
rio il fuo figliuolo Aleffio. Ed intanto il 
noftro Guglielmo avendo per l' occafione , 
che rapporta Roberto del Monte (0 , fat- 
ta tregua per diece anni col Re di Ma- 
rocco , fé ne pa&ò nell' anno 11 8.?* da 
Palermo in quefte noftre parti ^ ed aven- 
do vifitato Monte Cafino, ritornando in 
S« Germano, andò da poi inCapua> don- 
de poi a Palermo reftituifii (^). 

Intorno a quefti tempi nacque itTAftiil 
Città dell' Umbria da Pietro Bemardone, 
uomo d! umil condizione , Francefco , qu^* 
gli che acquiftoifi fama d' un gran Saiv 
to , e diede ftabile fondamento alla Reii- 
gion de' Frati Minori , e che fii pianu 
cosi fertile j che in pro^reffo di tempo 
empiè il noftro Reame di tanti Mooafie- 
ri di Frati del fuo Ordine , che non fu 
il lor numero inferiore a quelli che vi fi 
erano già fondati per la fama , e (antità 
de' Monaci di S. Benedetto ; di che ci fa- 
rà data occafione di ragionare » quando 

della 

(e) Roberto de Mtnte sd ann. ilio 
^(d) Peli CaJi.adAnw. Caffin. ann. ii8i' 



DEL REGWp PI MA 
tSella politia Ecclefiailit;^ di quefi» Recete 
tratteremo . 

Mori pooD l^tnpD da poi in Falefmo 
DeU'ifteilo ainiQ 1183. la Reina Marghe- 
rita) la quaTe effendo fiata donna di mol- 
to avvedimento) ebbe gran parte nel go- 
verna del Reame , cpsF mentre viife il 
marito > come da poi che gli Succedette 
il figfhioio . Fn tll2 cMi nobil^ompa fat- 
ta feppelire dal Re Guglieltho À Mon- 
reale natfai Chiefa novellavate da lui 
edificala » lato alle fepolture^ de' fuoi due 
figliudfl Rli^iero ^ ed Errico • Donna d* in- 
comparabile pietas che oltre avéf> fonda- 
to un^ Badia inSicilia alle falde de^Mon* 
te Etna , che arricchita di molti beni 
diede a' Padri di S. Benedetto » accolfe ca- 
ramente in Palermo i compagni di Tom- 
«nafo ArcivefcoYO di Cantaaria , i quali 
erano ftati dal Re d' Inghilterra sbanditi 
dal Tuo Regno « 

Intanto il Saladino fhiageva afpramen- 
te i Crìftiani in Paleftina) avendogli con 
la continua guerra ridotti in peffimo fla- 
to ; onde vennero in Roma il Patriarca 
di Gcrufaleinme ,* éJfrArcivcfcovo di Ti- 
ro 5 con altri Ambafcìadori del Re Bal- 
dovino ) e degli altri Prìncipi ^ che -colà 
dimoravano, a chieder prefto, e ^lotenté 
foccorfo contro si fiero nemico . Quefti 
effendo flati caramente ricevuti -dal 'Pon- 
tefice Lucio y furono da lui con altre fue 
lettere inviati per tale ^tto ad Errico 
Re d* Inghilterra , ed a Filippo Re di 
Francia , i quali avendo prefa la Croce 
bandita dal Papa per opra si pia , fi po- 
fero di prefente all'ordine con Guglielmo 
Re di Scozia , e con altri gran Signori , 
e Baróni di Francia , e d' Inghilterra jper 
paffare in Siria . ]\^a mentre il Papa 1q1- 
lecitava ciafcun giorno frettolo/amente il 
pafTai^gio , forprefo ^a grave ^infetmità 
pafsò da quefla vita in Verona li fette di 
Dicembre del 1185. e fu nel 0uomo di 
quella Città onorévolnvsnte fittplto j ef- 
lendo flato tantoflo eletto ^rluo fuccef- 
fore Uberto Crive4Io Milafflèfc/il quale 
fi nomò. Uro ano II L 

Eran« feguiti intanto i^l^ Città di Co-* 
flantinopoli gravi movimenti , e revolu-u 
zioni contro 1 trotini , cl^| v' albergava- 
no , pier opra di Ayidroiùco Tiranno , il 

Tom. IL 
• ( a ) Qronica d'i Foffanmoa tom.j^ ItaL Sacr. 



P O L I W B. XTIL JCAP. ir. la j 

quale tolt» di voler de^ Greci T Iniperi^ 
ad AléCo y entrando con ofle armata den» 
tro la città, inveftì furiofamente i I^iti* • 
ni, facendone flrage grandiflim^ ,.ved ia« 
te;iidiando i loro tìbefghi > -ove perirono 
Crudelmente abbruciate le donne ^ i veC** 
chi, ed i*fancuiHl, fenza perdonar nen^« 
mena alleChicfe> né a*Pren\ né a^Fr*% 
ti , il tutto mandan(|p indifferentetijente * 
a fuoco , ed a fiamma . Quefti avvMÌ« 
menti *, ed oltraggi jfatti dal Tiranno i 
Latini , molTero il noftro Guglielmo a 
prender vendeHa d'Andronico j-'il quale 
non contento di ci^ , aggiungendo fallar a 
fall«, avea fatto morire flrangolato con 
una corda d' arco il giovanetto Aleffio » 
e n' avea occupato Y Imperio j pecoiò Gu- 
glielqno In queft' anno 1185. ragunò una 
ben grande armata in Sicilia, e v'ordinò 

3 editano . £t ^nte Tancredi , che fu il 
Arto Rt'^dJ "Sicilia (^ ) , .inviandolo a* 
anni della Grecia fotto la fcorta di Mar- 
garitone fuo Ammiraglio , il quale pre- 
fé , e faccheggiò Durazzo ^ e TeffaUmicv 
con ^o^lti. altri luosihi ib)^ ove gli adi- 
rati JK^iani .commifero ogni forra di cru- 
. delfS^nza aver riguardo a cos* alcuna ^ 
^on aviendo ardire Andronico^* ufcir lo-' 
ro ali* incontro» e porger akun riparo a 
tanti danni . I Greci vedendofi cosi cru- 
delmente da^ Siciliani affaliti , e che Ari- 
dronìco moflrava di nou molto curarfi de* 
loro travagli , cominciirono ad odiarlo iia- 
maniera, che tumultuando in Coftautino* 
poli y tofto lo depofe^iSi-dair Imperio , e < 
l' irata moltitudine , che non sa rattenec|^ 
fino che non ptrveni^a air Aiitima eftre- 
mità, non contenta c^«^verlo depofto ^ av* 
veifkofle«li furiofamente -fopf a , e coni- 
vi tormenti obbBobrfr>:^mente V uccife • 
Surfe toflo ad occupar la Signoria Ifaas 
Angehy il qualib. radunate , come, potè nfie- 
glioy le 4przc de' Greci , diede fopra i Si- 
ciliaai con tanto impeto , che pofiisti in 
fu^'j gli difcacciò al]^ fine da quelle Re« 
gioni, come rapporta Niceta Coaiate lor 
fcrittore • 

TiDvavafi però il Re Guglielmo affai 
più;tofflitto , eh* effendo già paffati nove 
► annr dacché fpofofli la Resina Giovan- 
na f -né per la di lei flcrilità vedendo di * 
Quella * pròle alcuna , cominciò a penfac 

cpl. 471^ ( b ) Ukcta in J/ac. Imfttf 



Digitized by 



Google 



nò • '-. D E^rL* ms t o 

ikrìammte a' «Hi % -che d(J# Ift iìA jiiaw 
te, farebbero jiccadiiti MiVÀ^^nlt^ fé m« 
ticMtamM^e nm {^oTèdefe , e pcnfaife 
ak Ulcerare # Non vi tn ^Itro del fuo 
fangue legirtinip de' Re Ndtmanni 9 cbe^ 
CoftanzjL poftuma del. Re- Riupiero iìuf 
avolo ,' poiché di Tan«redi., eh egli rtiol- 
ti a»iii prillfàavea rrchiamato dalla Gre- 
cia ^ed inveftito dU Contado di Lecce % 
dh# fu di Roberto fuo avolo materno , 
.mu'fi' teileva alcua Conto , riputandolo 
baftardo, come nato da Rucgiero figlUip- 
lo sì der Rt Ruggiero « ma d' illegittimo 
nfetrìmonio» come ft% detto. Perciò qu«- 
fta Principena era'^a molti ricercata!»; e 
narra.il Sigonio, che 9, queftMftefTo anno 
1185. Federico IiAperadore i il quale fin 
dall'anno 1177. *v^^ ^^^ Guglielmo fer- 
mata pef 15. anni |^ pace pipando a ri- 
chiederla per Errico fuo fi^Prto , e ^e 
di Germania . Quglielmo , trfie fi vedea 
fenza fpefanza d' aver figliuoli , piegò 
r animo alla dimanda > confortato ancora 
da Gualtieri Arcivefcovo di Palermo ; il 
quale' covando odio grandiffimo oc^ntro 
Matteo Vicecancelliere della Sicitì|^9 per 
Ta cui opera era ftata fottr^tta da» fua 
giurifdizioA la Chiefa di Monreìile dal 
Re Guglielmo , conte dicemmo , pensò 
non d' altra maniera potergli venit fatto 
di porre a terra la potenza di Matteo &o 
emolo ) come fcrive appunto Riccardo da 
^* Germano , fé non che dovendo il do- 
minio del Regno^affare ad altra famiglia 
per mezzo di Cdftinza 9 a cui di ragion 
MfcCtiVSL y di 'proccurare che le nozie ^à 
Gli liberate j 4G conchiudefKro con Errico 
di St^evflR Re^d' iUrmagna figliuolo dell* 
Imperadore Federica 9 acciocché avendo 
egli-a (ju:cedefe nélb^Sicilia > riconofcef- 
(e tal beneficio da lui, é pone(fe»a terra 
la Dofenza di Matteo . fift e&tto V ado- 
pero egli tanto , che finalmeniK in<{tt(fe 
Guglielmo a pattpvir le nozze conflErri« 
co , ed in queft' anno ii86.*ftahda Co- 
ftanza cuftodita nel pàlagi^reale , non a- 
vendo più che trentuno anno > fu fat|f 
partir da Palermo > e condotta in Mila 
no y ove c'^ Errjco f ivi con /idbil j^m 

( a ) Gìo, Villani ifl. Hi. ^ e. i^.^Fìtlftc^f 
Petrarca inlUn^ugu. Bócca^o^eClar.mu^^ 
iier^ Tolomeo di Lucca y Fir, Alberto ^Paolo 
Reggio y Fazzelhy Maurolicoy S* ./fl|»cM/»o 



R-WC.ÌPl¥I4-E 
fÈ (tMiip le noz# ^bsate • 

Ma eflehdo .<^efto lin patfo^d' ifleria ^ 
ode ^ii 'Scrittovi moderni i' h|a intralcia- 
to di moke ftvole , Tara bene > che per 
maggipr chiareiza fi icuopratio qui tutti 
i loro errori • Alcuni nSirrano y che Co^ 
ftanza fii Monaca ^ngo fpazio d' anti nel 
Monaftero di San Mr|tore in Palernio , 
poftayi dal padre Ituggitro per unl^ro« 
fezia fhrétale 4^1 cotanto fiiiHOfo ^alte 
Giovachina 4i!al^brefe y alla quiflk'> effèn* 
do ella ancorf|nciulla , difle, OTJ|erca- 
gion di^lei fi farel^be accefo Qii^pMbo- 
co in Europa 9 e che ^ei^be flati lami- 
na della Aia fchiatta • 

Altri (a)y confiderando, che qneflo 
racconffl^al^ s'adattava a ciò <;he gli Au- 
tori di ^"tfim \empi concordementér fcritfe- 
ro, che Coftanza nacque dopo la morte 
di Ruggiero ) onde non poteva l'Abate 
Giovachino predir nulla di lei a richie* 
fta di Ruggiero y (juando non era ancor 
nata : differo , che U prefagip fn fatto non 
già a TÌchieAa del padre, ma di Gugliel- 
mo r. fuo fratello , in quale atterrito dell* 
infaufto vaticinio ,.;ptn$o pef ifchivarlo di 
chiuder la fat^ciullatielfopranàdmatoMo- 
haftero* 

Bernardo Giuftlniano ( 6 ) nipote del 
Beato Lorenzo., pur' diffe, che il Re ma- 
ritò Coftanza con Errico 'pef inftigazto- 
ne , e comandamento 3i /ijetfandro IIL 
.quando Alelfanìlro era già morto fin dati] 
anno 1181. S. Antonino Arcivefcovo di 
Fiorenza (e) y non oftante che Clemea* 
te' III. non era ancor Papa , e cominciò 
a feder 1' anno 1 188. fcriife , eh' eilendo 
Coftanza invecchiata nel Monaftere , ii 
Pontefice Clem. IIL per efclùder Tancre- 
di dalla fucceiiione dici Rbgno, e f;rati- 
ficar "ÉTTÌaS y V avefle fatta cavar di fur- 
to 4ìfi Monaftero , '^ drfpenfando al Mo- 
nacato , 4^vetfé marinata già vecchia con 
Errico ^ torre il Regno a Tancredi . 
Peggiore M" V 'error del Fazzello , che rap- 
porta, neirAp:hivio Romano, e ne' pub- 
blici decreti , ieggerfi' «Incofa i diplomi y 
ed i dcdreti di Celeftino Papa, co' quali 
difpensò al Moifacato , e voto divirpini- 
^ ^ j tà 

Arcìv. ctt Ffóp0za , ed altri rapportati da 
ìnveges. ann. 1 154. tì)* 11S5. (b) Ifo Vit» 
B, Laur. apud Suritir^. in 8. Januar» ( C ) -4»- 
toììin» par. fé tit* i^. cap. ^. • * 



Digitized ^y 
\ 



GooqIc 



DEL REGNO D? NAP<ILI 

ti fatto, da 'Coftanza f quande Ceie^lino ^m 
^Gtefr a} Pboteficato nt)k antu^ ii^i» ed con 
il Vzsft/^'bmotì feoi^re X^^^^^'' ^^^^^ 
£rri«0/9rCome di»iho da quìapoy>,. Mx 
7^ù racconti ben. (TconviiicMo 



3i!efti 
i mejuffónft tial confidesare , ch% niun# 
degli A^ort di que' DeHi|i fan iHen24ai|k 
<li*^^M^attt , peraltro da non tacerii't 
Jg%^ F«kando , fftvellndo due volte 
l^iQoftanzas ih un kioga parie tli4efto* 
«le ecTticata, e nudrita nel DefyilJ^alagio , 
non eia in alcuù Monàftcra: Sic &Con" 
jiantìa: pttmts i xur^èuHs in deliciarum tua^ 



A 



rum àf^uentla diuttus educata , tuìf^ue h^ 
diruta ""doBrìnìs , ^ '^^mà ^^f^^^àta > tan- 
dem opièus fms Miriaróifì^taiufa ditefiit . 
E ncU' altfo luopò deliaTua i^f»-» nar- 
rando che 1 Mtf ^liefi credè vand\'quaaa# 
fi rttró^tairono contro O^ae Querelloj, T 
fji dièder morte 9 che f partigikalMtl 
Cancelliere Parzio la voleffcr éare per 
tnòelié a Callido l'arzio^ fratello del 
CancdHere , per dargli convcnevol cagio- 
ne di i^ccuptre it Bjeamc , dice : EfCon^ 
fiantiam R^gerti Regìs filiam uxorem duce- 
re^ ÌKe fibì danSam.ùccafimtm .exiftinmns , 
«> ^taeretfuf RegnugÌ'jm/iius ofcufuine ;- né 
dice troj** alcuna del iWon^catp, del quale 
ie fotfè ftato , era iinediere favellaA ik 
amendue i luoghi ». 

Arnaldo Abate autor dfque* tempi, che 
fcriflfe particolarmente la magnificenza , 
con che furceleb^Kte quefte^zzeinMi* 
lano , nemmeno he fa pypl*3 L' Arcive 



LIB. XIIL CAP. IL ta7 
« c^jéfEeffi fltaiit^iRL di , trenta apm 
ìrbMitxKP' eccidi inoAVerfi: 
• 'fimP4gis Sifuli fitia fpt^a ^fiii ..\ .. 
.JfSf^j0 Mi Jè^^^ »''»''^ ». Cofiantìa 

FojfhtÈma: pqflr pattern É^aternof^vei^i 
' '^Kliclay 
J'aii$que trìcennalìs^ tempore i4rga* 

*. ■ . /*'^- :» .« * .^ 

f, WXo il conto dairanna, nel qi^almo^ ; 
ri Ru^ie^, che fu|d,i Crifto il 1154^ 
come icriye Roberto Abate y, ed il Faz* ' 
zello , védefi, eh' effendo ella nata dopo 
la. morte del padre « quando prefe mari- 
to |. che fu in ^eft' tiXììì$K^6, non pò* 
teva avere > che tipntMno.anno in circa « 
E iecoado il contti < kivigéli , che neir 
auho 1^85* dice ellbr ^son^hiufe :^ue^ 
nozze ^ non ^ a vMgpik che^ent' ann 1 « ^ 
. E &Q4lvmnttì£xm$ti^ da S. Germano» 
la cui Cronaca ilpn^pìlò alle mani del 
Baronio». parlando di tal marìcag^, dici 
i:hiaramente.Coftanza e0er ^iiiK>IMft nel 
real Palagio, e non 4iel Monaftero di S. 
Salvatore, né favella cOs' alcuna del Mo- 
nacato C^ dice etfere ftata data ad Erri- 
co= per bpera dell' Arcivefcovo Gualtieri, 
e non del Papa: ecco lefiie parole : Erat 
ipfi Regi amita qttieàam inJ^atatio Pamr- 
mitanoyquam idem Ref^y de rmifiiìo, jam 
diBi jirchiepi/copiyMemico Alamann&rum Re- 
gi fili^ federi^in^manorum^ Imperatoris iie 
(onJMgtm tradtdit . Il qual ÀutCf e .a§glun- 
gt, che persynfiglio <bir iftetto Arti ve- 



icolo Komualdcf, il Nemiricenfe, le-Ap- fcovo Gualtieri anche ff fta^iìi la èlote, 



pendici alf; Abate U^ergenfc ,, Papa In 
nocenzio nel 3. libro dell^ file Epiftole ,, 
ove più volte fa menzione di Coftanza , 
di ciò non ne dicon parola ; e pure •co- 
irle cofa (cMiveneiroIe , Àè mai intefa , 
che una Monaca prendeiTe mariKi ) era 
meftiepi-, the ne favellafléro . Al cjuaHat- 
to apertamente anche %pugna il dire, che 
fi faceffe il jnatrimonio di voler del Pon* 
teflfce, ritrovando^ tutto in contrario ^ per- 
ciocché il Pontefice- favoreggiò Tancredi 
alTacquiflo del Regno j^e non diiappro- 
vando il fatto de* Siciliani*^ che T iifcoro- 
narono Re , glie 1^ die toSo T invxftitu*- 
ra , come innanzi vedremo .. 

Goffredo da Viterbo autor di vedute , 
parlando di Coftanza , per cagionnbt 
pace fatta tra Cefare , ed i Lom*barai , 
dice efTer^ fiata poftuma del ik fiio pa- 



che fu r indubitata fuccefiione del Regno 
di Sicilia : Quo ifiam procurante fa^yme^l y 
ut ad- Regisì^tuf maìidatumy errAesRgnì 
Comites Sacraméntum praflìterìnt , quod fi 
R^gemjtpfum nbfqi^e tiberts rigori contiìtgi^ 
¥et , amodo de faElo Regni tanqttam fidelei v 
ipfi f uà Anima teHerenturfÙ' dtSie Regi 
Alemannia viro ejus . Dtlde il Re man- 
dò Cbftanzar da Palermo a Rwtl , accom- 
pagnata xon. gran corteggio di Conti , e 
Baroni f ove il Re Errico >er fuoi Am- 
bafciadoif pjpmpofamentela ricevè^ "e con- 
dotta a Milano , fu ivi dall' *Iàiperador 
Federico fuo fecero ricevuta, e negli or- 
ti di'S. Ambrogio con fpleà^^iifimo ap« 
parata fecero* celebrare le nozze in quel¥ 
anno i\%6. •^ ^ 

Cosi avendo Guglielmo conchiufe que- 
fte nozze con Errico , credette Iver dato 

Ff 2 msX' T 

Digitized by VjOOQIC 



aaS D E L U I S T a 

"qualche fedo afte coft del fi|o Rean^i' 
xna d* altra più remota trarre venne#que- 
ftc difturkate y coU* mfaufte -tovelle' de' 
progreffi , che Saladit» ficeva n«Um Si- 
ria. Qiafti avendo ragunajoi un'immenfa 
maltiiudine *i foldati prefc * forza la 
Città di Tiheriade ; ed indi aiRontatidoft 
con r cfercito Xlriftiano il rupfc , e mfe 
•in fugft, e preie|J fanto legno della C^- 
ce . Fece prigioniera i^ Re di Gerufafcn^ 
me con orribil »«ccìfione . m Gstvalieri 
Tcitiplag, e deir Ofpedale , e di altri fol- 
dati minori) .campandoTà gran fatica ^con 
la fuga Fr^Tcrrico Gran Maeftro de' 
Templari , % C>)nte ii Tripoli , e Rinal- 
èo 3a Sidon^, con alcuni altri pochi 
foldati . Gol fèvor J^lla qual vittoria nre- 
fe il Soldano Accone ( * ) , Cefarea, Na- 

r zarette, BettelemtTi#,^ tutti gli altri ctr- 
«mvicini luoghi ,. ^d^ affedi^ ^rottamente 
la Città di Tiro ; Vd indi a poco divifo 
^1 fuo efercito , n' andò con una parte d' 
efTo fopra la Città fanta di Gerufalemme 
e quella prefe il fecondo giorno d'Otto- 
bre dell' anna di Crifto 1187. Ed ecco 
cóme r giudiz) del Signore ibno ^arriva- 

. bili : quefta Città , che da Goffredo Bu- 
glione , con arltri iUu%i Càpicani Italia- 
ni t TedefcW , e Franceii erafi coft tanta 
gloria fotttatta djir indegna fervitù ' degl' 
Infedeli , ora dopo lo fpazio d' ottanta 
fette anni, ritorna di nWv'o in mg^n de' 
barbari , /enza che abbiafì fperanza mai 

5iù HbeMre dall% loro dutgt y e crudela 
oroinazione • * 
Né terminarono quf i mali f Oriente 
ma^piir maggior danno lle^ Fedeli, fi col- 
legò Saladino con Ifaac Angelo Impera- 
dore di Coftantinppoli , il quale ricjjven- 
do in dono i,da lui tutta la Terra, di prò» 
miffiont, gli promife all'incontro d' aiu- 
tarlo nella guèrra con cento galee arma- 
te ^ e di ddre impedimento a tutti i La- 
tini , che ^affavano per guerreggiare in 
Siria V ond^ il Pontefice Urhano udita la 
rea novella <fclla perdita del Seftolcro. di 
Crifto , e, del fanto legno di^lH Croce y 
della prefura del Re di Gerufalemme , e 
della lega del Soldatio coll'Imperador di 
Coftantinopoli ^ fi affliife si gravemente , 
d'effercio avvenuto a' fuoi tempi, che 
ne cadde perci^ ii^^na grave nialattia , 



RIA CIVILE 
della guftlr in br^e fi mof4 in Fentra 
il decimo^ fefto «giorno di. Novcmbr<u(tf)v 
44^ giorrm a^^punto dojpola perdi^t4liGe- 
rufalen|ttke« e nel di feguente fuiió% ìie^ 
fm 4«oga creato Papa. Albeito Carainal 
^i S. Lovenzo in Lucina » e dl^eUiere 
4k Santa Chiefa^^nato in Be»eVe%to della 
famiglia Mora,^che fi volle-' luAfói^ C^r^ 
gorio Vili. FtT quefti un nom faniffllffio y 
tvf'A'no fece in quel breve tempo V^lì^ 
e' vitfe ^^ > che follecitare i *)^tiq£ipi 
Criftiani j, che con grotti armata gi£ro 
in PaleAina a foccorre|e i Latini ì e men- 
ir' era tutto rivol^ a cosi lodevole. ope* 
ra fi morì anc^^gli in Fifa , ove dimo- 
rava -, avendaiBen di*dttc nvfi retto ij 
Pontefitato \ e* venti giorni dopo la fua 
^orte fu cfttto Pontefice ncU? me- 
efima Città Riolmo Scolari Ro||ift«o > 
iiaiih d>iimil condizione. Cardinal di Pa^ 
kftrina s che fu. detto Clemente )UL 

Quefto Pontefice*, cakuHido le medefi- 
me orme de' fuoi predeceÀsri y «'a<Ìoperà 
efficacemente > che con e&tto fi^gif[e al 
ibccorfo di Terra Santa, y con£ermjiiulo V 
indulgenze , cl;e pes. tal^ cagione cdì^do- 
te avea Papa Gregó^jAkf aonde , e perla foa 
diligenza ,. e per qneflatti Guglielma .Arci- 
vefc^vo di Tiro , ch'era andata in Francia > 
fi rngunò un'Aflfemblea tra Giforzio , e Trie, 
ove convennero Filippo Re di Francia « ed 
Errico Re-d- Inghilterra ca' Prelati ^ e Baro- 
ni de' lor &Kgni, e F^Umo Conte di Fian- 
dra 5^ quali opefa daFle manr dell' Ar- 
ciì^fcovo .Guglielmo la» Croce , AtbifO 
nell'aiitio iiSà^.s'incantminanMio per co- 
sì fahta,-e lode voi imprcfa ,' e ^j^ìr cono- 
fcerfi fra di loro con particolar fegRo , 
prefero., il Re Filippo, ed i fuoi Franze- 
fi la Crpce rotfa , il Re Erfko ,, e gì' Iiv