(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Key to the Italian Conversation-grammar: A New and Practical Method of Learning the Italian Language"

This is a digital copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legal copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the original volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we have taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the files We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legal Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
anywhere in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 



EducT 
OS 770 



METHOD GASPBY-OTTO-SAUBB. 

AMERICAN ORIGINAL EDITION. 



KEY 



TU THE 



ITALIAN 
CONVERSATION-GRAMMAR 



BY 



CH. M. SAUER. 

SEVENTH EUITION 
HEVISEU BV 

PIETRO jMOTTI. 



1 



BRENTANO'S 
254 Fifth Avt^tiue. 



NEW YORK. 

THE IWTERNATIOKAL NEWS COMPANY, 



G. E, STECHBRT. 
^> En^t UV^" Street, 



25 liiik Hlacc. 



BOSTON. 

C A.KOEHLEff & Co. t4^^ A Tremont Stieet. 

HEIDKLBERG> 




\«V\^.^"5^'"11C> 




t>arvarb Colleoe Xibrari? 

FROM 

lr> jXjtjtfiL^AjLA^ hutoi^ittdL 

^^^-^ 




3 2044 102 868 932 



METHOD QASPBY-OTTO-SAUER. 

AMERICAN ORIGINAL EDITION. 



KEY 

TO THE 

ITALIAN 
CONYERSATION-GRAMMAR 



BY 



CH. M. SAUER. 



SEVENTH EDITION 

REVISED BY 

PIETRO MOTTL 




NEW YORK. 

BRENTANO'S THE INTERNATIONAL NEWS COMPANY, 

5—9 Union Square. 83 and 85 Duane Street. 

F. W. CHRISTERN, G. E. STECHERT, E. STEIGER & Co., 

254 Fifth Avenue. 9 East ^6^^ Street, 25 Park Place. 

BOSTON. 

C. A. KOEHLER & Co., 149 A Tremont Street. 

HEIDELBERG. 

JXJ3L.IXJS OROOS. 

1903. 



V— -O-^L^ 



;<\>n. 



6-:i.-|-lo 



V-'JT^n-^^ 




The Gaspey-Otto-Sauer Method has become my sole property by 
right of purchase. These books are continually revised. All rights, 
especially those of adaptation and translation into any language are reser- 
ved. Imitations and copies are forbidden by law. Suitable communications 
always thankfully received. 

Heidelberg. Julius Oroos. 



Preface to the new edition. 



A great many English students, for want of a good 
master, being obliged to learn Italian either partly or 
entirely by themselves, a Key to my Italian Grammar 
will, I trust, prove acceptable. This Key contains the 
translation of all the « Reading Exercises », <Traduzioni» 
and «Letture» both of the first and of the second part. 
The words in parenthesis indicate that the respective 
turn may also be translated otherwise. 

The newest edition of the Italian Grammar having 
undergone some changes, especially in the Reading- 
Exercises and Translations, the Key also has imdergone 
corresponding alterations, so that is it now exactly adapt- 
ed to the Grammar. 

Prof. MoTTi of Piacenza and Dr. J. Wright of Ox- 
ford have revised the text with the greatest care, endea- 
vouring to give to the translated phrases a regular Italian 
turn without prejudice to the rules. 



FIRST PART. 



(The stress is laid on the penultimate. All exceptions and 
difficult forms are indicated by the accent '). 

Lesson I. 
Reading Exercise. 1. 

I have the rose. I ha ve a rose. Thou hast the book. 
Hast thou a book? He has a looking-glass. The father 
has the garden. The mother has the bread. The child 
has the looking-glass. The sister has a looking-glass. 
The aunt has a goose. My brother has a dog. The king 
has the scepter. The king has a scepter. We have a 
flower and a pear. You have the honour. They have a 
horse. Have they a dog? Have you a flower? She {or 
you have) has a hat. The child has a brother and an 
aunt. 

Traduzione. 3. 

lo ho un libro. lo ho una rosa. Tu hai il cappello. 
Hai tu un cane? Hai tu uno specchio? Egli ha Tabito. 
Mio padre ha Tuccello. Ha ella una pera? Ha egli il 
pane ? Noi abbiamo un cappello. Abbiamo noi lo schiop- 
po ? Voi avete Toca. Eglino hanno un giardino. Hanno 
esse un cavallo? II re ha un cavallo. Hanno eglino 
una ciriegia? EUeno hanno Tonore. Hanno essi uno 
schioppo? II fanciullo ha un libro. La regina ha una 
rosa. Mia zia ha un uccello. Mio fratello ha il cane. 
Mia madre ha una penna. 

Lesson II. 

Reading Exercise. 3. 

We had a knife. You had two knives. My brother 
has the penknives. The house has two doors. Had you 
the trees? Yes, we had the trees. The king had two 

KEY to the Italian graminar. 1 



castles. The queen has the palaces. My uncle had seen 
three stoves. Here are the pictures and the looking- 
glasses. We have seen four mice. The children had 
three pears. The dukes and the monaxchs had the lands. 
My aunt had a stove. The duke had three horses. The 
aunts had the cats. My mother has two sisters. Here 
is the palace of the duke. 

Traduzione. 4. 

lo aveva tre fratelli. II duca ha la spada. I fanciuUi 
hanno i fiori. Gli u6mini avevano gli dei. Noi avevamo 
veduto anche i quadri. Ecco i giuochi, i lapis e gli 
4biti. Ecco anche le case, i castelli ed i palazzi. Aveva 
essa i cappelli? No, essa aveva gli abiti. I paesi hanno 
i canali. Mio padre ha tre sorelle. Avevi tu un medico ? 
Si, io aveva un medico. lo ho veduto i giardini e gli 
&lberi. Avevano esse (elleno) tre cani e quattro gatti? 
No, esse avevano quattro cani e tre gatti. Le mogli 
hanno le uova. L'6cchio fe grande. Io ho due occhi. 
Ecco la casa del poeta. Vi e (or C'6) un Dio. 

Lesson III. 
Beading Exercise. 5. 

The father of the child. The mother of the sons. 
The door of the house. The doors of the houses. The 
windows of the palaces. The cat is an animal. The 
cats are the enemies of mice. I give the portrait to the 
friend (f.). I give the roses to the cousins and to the 
(f.) cousins. You give the chests to the friends (m.) 
and to the friends (f.). The enemies of the men. The 
sheets of the books and copy-books. The leaves of these 
flowers. The windows of this house. I come from the 
town. 

Traduzione. 6. 

1. II fratello del cugino. Le sorelle della cugina. 
Le porte della citta. Le case delle cittk. Le finestre delle 
case. Dio e il creatore del mondo. II cane e il nemico 
del gatto. Io do i ritratti ai fratelli ed alle sorelle. II 
cane h Tamico delVuomo. 

2. Io do il libro al fratello. II sonno del fanciullo. 
Delia morte del mio amico. Le f6glie delle rose e degli 



alberi del giardino. Ecco gli dbiti dei fanciuUi. Noi 
parliamo degli alberi e delle piante della terra. lo 
vengo dal palazzo del duca. 

Lesson IV. 
Beading Exercise. 7. 

I am in the court-yard of the neighbour. The bird 
is on the roof. The cat is behind the stove. Art thou 
in the garden? Are you in the kitchen? Lewis is at 
my father's. The horses are at the gate. After the rain. 
During the night. Before the day. The child is under 
the tree. This book is for the master and for the pupil. 
This pear is for my aunt. The dog is in the water. My 
aunt is at (the) church. Without moneiy. With the horses 
of my uncle. With the friends of my cousin. My cousin 
(f.) lives in Paris in the house of my aunt. I have the 
faiife in my hand. He had his (the) hands in his (the) 
pocket. The book is in the pocket of the father. 

Traduzione. S. 

1. Nel cortile. Durante la pidggia, lo sono da- 
vanti la casa del m6dico. Luigi h nel (in) giardino. La 
serva h nella stanza. I maestri sono in iscuola. Avanti 
la notte. Gli uccelli sono sul tetto della chiesa. lo parlo 
deirabito, — dei fieri — di mio padre — di mia madre. 
Mia sorella h a casa. 

2. I due coltelli sono suUa tdvola. Dove sono i 
gatti? Essi sono nella (in) cucina. I tre figli di mio 
cugino sono in cittk. I cavalli sono nell'acqua. U tem- 
perino del ragazzo 6 suUa t&vola. Senza mio padre. Sono 
andato con mia sorella. lo vengo coll' amico di mio 
fratello. 

Lesson V. 

Beading Exercise. 9. 

I shall have some bread and flour. Will you also 
have (some) salt? The kings will have gold and silver. 
They will also have money. Thou wilt have some 
cheese. Lewis will have paper and ink. This merchant 
sells oil and vinegar. Lewis will also have books and 
pencils. Had they any (f,) flowers? I give to thy cousin 



pears and prunes. In the yard are the geese and ducks. 
There are geese in the yard, but no ducks. The for- 
eigners will have money. We shall have soup and meat, 
but no fruit. In the garden there are trees, fruits and 
flowers. 

Traduzione. 10. 

1. Noi avremo del butirro (burro) e del formaggio. 
Voi avrete del latte e delle uova. Ecco il pane. Ecco 
del pane. Mio padre aveva del piombo e del ferro. 
Questo fanciuUo aveva dei fiori. Mia cugina avrk della 
farina e del pane. Vi 6 (C e) della minestra, dell' olio 
e deir aceto. II mercante aveva dello ziicchero e del 
caffe. La regina aveva dell* oro e deir argento. lo do 
ai ragazzi dei libri, delle matite (dei lapis) e delle penne. 

2. Eglino avranno anche della carta e dell' inchio- 
stro. Mio zio vende carta, matite, penne ed inchiostro. 
Luigi ha cavalli e cani. Abbiamo veduto dei cavalli, ma 
non dei cani. Tua sorella avra delle scarpe e delle calze. 
(lo) do a tuo fratello degli abiti e dei fiori. Avrete voi 
degli amici? Esse avranno delle amiche. Questi uomini 
sono forestieri. Da tuo zio vi sono libri e quadri. 

Lesson VI. 
Reading Exercise. 11. 

There is a bottle of wine. We have bought three 
kilograms of sugar. He has sold two hundred weight of 
coffee. The queen had a great number of horses. I 
think of (Dat,) gold and of (Dat.) silver. Thou thinkest 
always of (Dat.) balls and concerts. I have received 
these books from friends. My aunt will have a dozen 
stockings. You will have a sheet of paper. They had 
nothing good. The peasant had five oxen, ten horses 
and a great many pigs. He has drunk too much wine. 
You will have a gold watch. The neighbour has bought 
ten kilograms of chocolate. I have received a letter 
and a box from my aunt. We have seen a multitude 
of persons. 

Tradnzione. 13. 

1. lo avro delle penne. Tu avrai un foglio di carta. 
Ella avra dei lapis (delle matite). Noi avremo un bic- 



chiere di vino. Mio fratello non avra niente di buono. 
lo avr6 anche una bottiglia di vino. lo aveva bevuto 
due bicchieri di acqua ed una bottiglia di birra. Noi 
avevamo ricevuto due chilogrammi di zucchero, sei 
chilogrammi di cafffe e dieci litri di vino. Voi avrete 
una quantita di specchi e molte scatole. II contadino ha 
comp^ato dieci buoi e una casa di legno. 

2. In questa scatola vi sono sette metri di panno. 
Queste persone hanno venduto una dozzina di stivali. 
Avevamo un orol6gio d'argento ed un anello d*oro. 
Avrete una t&vola di legno o (una) di pietra? Quante 
persone avete vedute?*) Abbiamo veduto tre — sei 
— nove persone. Egli ha ricevuto una moltitiidine di 
lettere. Noi avremo nove metri di panno. Avete voi 
bevuto una bottiglia di vina? Noi non abbiamo bevuto 
una bottiglia di vino, ma una tazza di caffe. Datemi 
un foglio di carta. Mia sorella ha comperato due anelli 
d'oro e tre cucchiai d'argento da dei mercanti inglesi. 
Che cosa avete fatto? 

Lesson VII. 
Beading Exercise. 13. 

I had a large saloon with two large windows. He 
was a bad physician. Where are the books of this bad 
poet? Where does this poor child (boy) live? He lives 
in that tiny house. I have bought a parasol for my 
mother. What does this little old man want? The giant 
had a ridiculously little beard. He was a poor despi- 
cable monk. The foreigners were in the little boat of 
the young peasant. Is this smart young man your cou- 
sin? Yes, Sir, he is my cousin. This poor teacher with 
his old hat on his head, his enormous book under his 
arm and his large spectacles on his little nose, is very 
ridiculous. 

Traduzione. 14. 

1. Avete veduto il fanciuUino dello straniero? Egli 
era un giovinotto di molto splrito. Questa contadinotta 
ha due vezzosi fanciuUetti. Questa donna ha una vez- 
zosa ragazzina. Voi avrete tre libroni. Questo medicastro 

*) See Grammar p. 31 the Note. 



era molto ignorante. Date questi libriccini (libretti, li- 
brettini) al ragazzino. Tu eri molto infelice, poverettol 
2. Date al povero vecchietto (vecchierello) un pez- 
zetto di pane. Chi fe qiiesto giovinotto? Vi sono molti 
medicastri e poetastri in questo paese. Questo cagnolino 
fe del mio fratellino- e della mia sorellina. Avete veduto 
il palazzotto del principino? Chi e quelle signorina? 
(Ella) 6 la sorella del contino. 

Lesson VIII. 

Reading Exercise. 15. 

Here are the fables of Aesop'*). I have seen the 
castle of the king of Saxony. Give the box to Sophia. 
Give the pen to Henry. Where is Mr. Ambrosi ? Where 
are the children of Mrs. Brown? Here is the house of 
Mrs. Camozzi. Yesterday we were in Florence. Were 
you in Vienna? My cousin is in America. The course 
of the Rhine is long. Here is a map of Germany. I 
was at James* and Peter's. Thy brother has arrived 
from Venice. Lewis Philipp, King of France, died in 
England. Here are the horses of Charles. Where were 
the looking-glasses of Louisa? Have you read the works 
of Goethe? 

Traduzione. 16. 

1. Mio padre h a Parigi. Mio zio fe a Vienna. Parigi 
h la capitale della Frdncia e Vienna h la capitale del- 
TAustria. Tuamadree in America. Dove era mia sorella 
Emilia? Dove sono i guanti di Sofia? Dove sono ilibri 
di Federigo? La Francia fu sempre Tamica della Sviz- 
zera. Ho veduto le Alpi della Svizzera ed i Pirenei tra 
la Francia e la Spagna. 

2. lo vengo da Firenze. leri io fui da Guglielmo e 
da Sofia. Ho ricevuto questo libro da Luigi. Questo 
poeta e morto a Milano. II re di Spagna e la regina 
d' Inghilterra sono a Parigi. II corso del Po h luiigo. Io 
conosco r Italia, la Francia e la Germania; io conosco 
anche Roma, Parigi e Londra. 



*) In this exercise the Saxon Genitive is avoided. 



Lesson X. 

Beading Exercise. 17. 

I have a friend. Thou hadst a house. He had two 
visits. Will you have a new book to-morrow ? A clever 
master will have many pupils. The pupils will have 
good masters. Have you seen that amiable child? The 
amiable little boys had three lovely little sisters. This 
unhappy (man) had lost much money. Who is the father 
of the boy? The gentleman whom you have seen yester- 
day at my cousin's. These gentlemen had a large for- 
tune. We had the good luck to have very nice neigh- 
bours. I should have eaten the soup, if I had been 
hungry. We should have drunk the beer, if we had been 
thirsty. What hast thou given to the tailor? Some 
money for the clothes of my brother. Have the kindness 
to tell me where Mr. Verdi lives. Have patience 1 Do 
not be afraid (lit.: have thou no fear). 

Traduzione. IS. 

1. Avevate (degli) amici ? Si, avevamo molti amici. 
Avra (Ella) del danaro? Avrebbero cavalli e carrozze. 
Questa sera avr6 una visita di mio cugino. Ho scritto 
quattro lettere. Voi avete buoni genitori. Questi ragazzi 
(fanciuUi) avranno dell' inchiostro e delle penne. Egli 
avrebbe un calamdio. Eglino avrebbero della carta, dei 
lapis e delle penne. Che (cosa) avete (voi) avuto? Ebbe 
(Ella) dei nemici ? I fanciulli hanno fame e sete. Questo 
povero uomo ha perduto la sua sostanza. Voi avreste 
avuto litili libri. leri abbiamo mangiato pane e frutta. 

2. Questo diligente scolare aveva scritto molte tra- 
duzioni. Avrai domani il tuo danaro. Egli aveva avuto 
infelici amici. II quademo dello scolare aveva dieci fo- 
gli. Avemmo la fortuna di avere buoni maestri. II sarto 
ha portato gli abiti per Carlo e Guglielmo. Voi aveste 
ieri la visita del conte. Noi avremo veduto il giardino 
del principe. Questo lodevole scolare ha avuto una 
grande fortuna. Egli dice che (Ella) ha perduto gli 
occhiali. Abbiamo avuto una traduzione. Voi aveste 
amabili sorelle. Abbiamo pazienza! Egli aveva scritto 
un libro sui doveri degli uomini. Non aver paural 



Lesson XII. 

Beading Exercise. 19. 

The emperor is magnanimous. The lieutenant has 
been (Def.) courageous. The cupola of this church will 
be very fine. The columns will be high. Have I been 
afraid? No, thou hast not been afraid, but cautious. 
If he is rich, he will have friends. If he were rich, he 
really would have many friends. If our general had not 
been clever and courageous, the enemy would not have 
lost the battle. The wolf, the hyena and the lion are 
cruel animals. The soldier would not have died. Why 
have you not been at school yesterday? Because we 
were ill. The ladies have been in the cathedral. The 
gentlemen have been on the steeple. In this town there 
are few hotels, but many taverns and coffee-houses. 
To-morrow we shall be at the hunt with the huntsmen 
of the count. The time is too short. How long was the 
prince in Paris? He has not been long in Paris. Be 
quiet, your father will not be ill long. Nero wa^ a cruel 
emperor. Napoleon was the greatest general of modem 
times (age). 

Traduzione. 20. 

1. Fummo a Roma, a Milano, a Venezia ed a Ra- 
venna. Sar&i tu*) stato c&uto? Grimperatori di Roma 
erano crudeli tiranni. Sark tranquillo questo crudele 
tiranno? Gli stranieri (i forestieri) saranno all' albergo. 
Se fe ammalato sara a casa. Se fosse ammalato, sarebbe 
a casa. FanciuUi, siate quieti in iscuola. I soldati del- 
Tesercito sono stati coraggiosi. Non fu (Ella) a Costan- 
tin6poli? Non avrebbe (Ella) danaro? Non saremmo 
noi ricchi? Se io fossi principel Dov'^fe (Ella) stata? 
Non fe (Ella) stata nel giardino dell' imperatore? La 
scala era alta e larga. Le scale non erano cosi {or erano 
meno) alte. Quanto tempo sono (eglino) stati in Inghil- 
terra? Chi fe qnesto signore? Chi sono questi signori? 
Questi signori sono i cugini di qneste signorine. 

2. II duomo di Milano non fe cosi alto come il cam- 
panile di Santo Stefano a Vienna. Saresti tu stato con- 



*) You will be sometimes rendered by tu. 



tento? Sarebbero c^uti ifanciuUi. Se (egli) fosse onesto, 
sarebbe stimato. Gli uomini onesti sono sempre stimati. 
Siate ckuii nella scelta dei vostri amici. Ecco i sigari, do- 
ve sono gli zolfanelli ? Non avendo amici, sono sempre 
solo. Dov'fe (Ella)? Dov' era (Ella)? Non fe (Ella) stata 
(-o) soldato? Egli 6 stato (luogo)tenente. Se (Ella) aves- 
se arfiici, (Ella) sarebbe contenta. Mio fratello dice che 
(Ella) fe stata ammalata. Era (Ella) questa primavera 
in Italia od in Francia? II generale e stato molto tempo 
in Ispagna. £ (Ella) stata dal generate? Essendo stato 
diligente, ha ricevuto un bell'orologio da suo padre. 

Lesson XIIL 

Beading Exercise. 21. 

This glass. This apple. This man. These stockings. 
Those boots. This box (near you) is very high. These 
children are poor. The brother of this boy. Two kilo- 
grams of that coffee. I come from that house. What 
is that flower called in Italian? Pink. And that? Violet. 

I have brought some nosegays, one for my sister and 
the other for my cousins (f.). The same colour. The 
same person. We have bought the same pens at the 
same merchant's. I have seen those dogs. Which dogs 
have you seen? What (a) fine picture! What beautiful 
gardens I The leaves of that tree are very fine. We 
have seen the large square of San Marco in Venice. A 
good book is a good friend. Have you read these books 
or those? What o'clock is it? It is one o'clock. It is 
ten o'clock. 

Traduzione. 23. 

1. Questo re e ricco. Anche questa regina e ricca. 
Quest' uomo e p6vero. Questi u6mini sono poveri. Quel 
fanciuUo non fe felice. Quella donna non 6 contenta. 
Cotesto albero non h alto. Quegli alberi sono molto alti. 

II colore di quell' &bito non fe molto bello. Conosce quel 
signore? Si, signore, si chiama Bianchi. Che gran cam- 
po! II campo di quest'uomo e molto grande. Non ho 
letto questo libro, ho letto I'altro. 

2. Avete bevuto del buon vino? Si, il vino era 
buono. In quella piazza vi sono due belle fontane. 



10 

Questi bu6i sono piu grossi di quelle vacche. lo do 
questa penna a quel ragazzo. lo do i libri a quel ra- 
gazzi. I genitori di questi fanciuUi sono molto buoni. 
Sono ammalati quei ragazzi ? No, signoi'e, non sono am- 
malati. Che bella mela! Che bel mazzo di fieri I Quei 
mazzi di fiori sono molto belli. II piacere di queste ra- 
gazze fe grande. Le uova di quelle oche sono molto 
grosse. Che ora e? Sono le cinque (ore). Abbiamo 
letto i medesimi (gli stessi) libri. Le stesse (le med6- 
sime) signore 6rano ammalate. 

Lesson XIV. 
Beading Exercise. 23. 

My father has departed. My mother is at home. 
Thy brother is tall. Thy sister is not tall. Our uncle 
has been rich. Your aunt is poor. Their parents are 
satisfied. My (female) cousins and (male) cousins have 
arrived. The fathers love their children. Our grand- 
mother has lost her pocket-book. Our nephews have 
sold their house. I have met one of your nieces in 
Milan. Your father has departed with a friend of mine. 
Come, my son! He writes to his cousin and to her 
children. My native coimtry is Italy. We have written 
to your cousin and to his children. 

Traduzione. 24. 

1. II mio libro e la mia penna. I miei libri e le mie 
penne. II nostro campo b grande. Dove e Suo nipote? 
£ partite ieri col suo maestro. Ha tre errori nella sua 
traduzione. Mia zia ha perduto la sua valigia. Le 
nostre zie hanno trovato le loro lettere. Questi fanciuUi 
hanno perduto il loro padre. Dov'6 la sua signora ma- 
dre ? La nostra anima e immortale. I generali avevano 
le loro spade in mano. 

2. Ho incontrato un suo (vostro) cugino a Roma. 
Avete i vostri libri in tasca? Abbiamo comperato un 
baiile pei nostri figli. Le sue engine sono state nel loro 
giardino. Abbiamo ricevuto questi stivali da nostra zia. 
Le nostre engine saranno domani a Milano. Ho trovato 
il temperino di suo (del di Lei) padre. Mia madre ama 
sua (la di lei) sorella. II mio fratellino 6 a casa. 



n 

Lesson XV. 

Reading Exercise. 25. 

I have ten pounds sterling in my pocket. You have 
received fifty-five francs. My uncle has had ten children, 
six boys and four girls. The peasant had 35 oxen, 42 
cows, 88 calves and 76 swine. At the market we have 
seen 30 hares. I (have) had six mistakes in my exercise. 
We have shot 23 hares and 14 does. Seven and eight 
make fifteen. 24 and 36 make 60. 4 times 8 make 32. 

— 7 times 9 make 63. — 21 times 32 make 672. I 
was born in the year 1827 and my father in the year 
1796. My mother was bom in the year 1801. The poet 
Leopardi died in the year 1837 in the 39th year of his 
age. The city of Vienna has more than 1,500,000 in- 
habitants. The city of London has 9000 streets, 500 
churches, 199,500 houses and nearly 5 millions of in- 
habitants. Lycurgus lived 800 years before Christ. 

Traduzione. 26. 

1. Mio cugino ha ventiquattro franchi. Mia cugina 
ha comperato una dozzina d*uova al mercato. Questi 
contadini hanno venduto dieci buoi e tredici vitelli. 
Nostro zio ha tre case. Vostro nonno ha dieci cavalli e 
(fuattro carrozze. Mia sorella ha una casa vecchia, ma 
io ne ho una nuova. Trenta giomi fanno un mese. D6- 
dici mesi o (owero) cinquantadue settimane fanno un 
anno. Un anno ha trecentosessantacinque giomi. Sono 
(lit.: era) nato nell* anno milleottocentoquarantanove ; 
ho trentasei anni. Mia sorella fe nata nelVaimo mille- 
ottocentocinquantadue ; ha trentatr^ anni. Quanto fa 
tre via nove ? Tre via nove — ventisette. Sei via otto 

— quarantotto. — Trentacinque e quarantadue fanno 
(sono) settantasette. 

2. Quanto fa centoventicinque e duecentosessanta- 
quattro? Mia madre ha avuto la febbre per sei setti- 
mane. Noi fummo tre volte a Roma. II giomo ha 
ventiquattr' ore, e Tora (ha) sessanta minuti. Date a 
Carlo ventisei franchi ed a Luigi diciotto lire sterline. 
Ecco 80 (ottanta) penne. Ecco duecento chili di ziic- 
chero. II nostro re ha ottantasette cavalli. Fummo ieri 



12 

a c&ccia. Abbiamo ucciso d6dici capriu61i e settanta- 
quattro lepri. 

Lesson XVL 

Reading Exercise. 27. 

I am in ray 6 P* year. Yesterday was the 6^^ of May; 
to-day is the 7*^. Charles is the first of his class; Lewis 
is the 9*^, Henry is the 18^^ and Julius is the last. Pope 
Gregory VII. was the enemy of Henry IV. Petrarca 
lived in the 14*^ century. Romulus was the first, Numa 
Pompilius the second king of Rome. What day of the 
month is it to-day? To-day it is the thirty first, or it 
is the last day of July, and to-morrow is the first of August. 
January is the first, March the third, June the sixth and 
December is the last month of the year. (The) A week 
is the 52°^ part of a year. My sister Lucy (was) bom 
on the 25*^ of July 1835. I have received 8^/2 pounds 
of sugar and 5^/2 pounds of coffee. Charles XII. was 
king of Sweden. I have bought half a dozen shirts. 
On the 27*^ of September 1729, in Constantinople a great 
fire destroyed 12,000 houses and 7000 persons perished 
in the flames. 

Traduzione. 28. 

1. Un mese fe la dodicesima (la duod6cima) parte 
d'un anno. Quanti ne abbiamo (del mese) oggi? Oggi 
ne abbiamo ventotto. lo sono il terzo della mia classe. 
Mia sorella Lucia fe la ventesima seconda (la ventidue- 
sima). Prendete la trentesima, la cinquant^sima, la ses- 
santesima e la centesima parte. Una lira italiana ha 
venti soldi o cento cent^simi. Un soldo h la ventesima 
parte d*una lira. Napoleone primo mori a Sant* Elena 
il cinque (di) maggio milleottocentoventuno. 

2. Luigi decimosesto*) di Francia fu decapitato a 
Parigi il ventuno gennaio millesettecentonovantatr^. Ecco 
dieci libbre e tre quarti di caffe ed una libbra e mezzo 
di ziicchero. Mia nonna fe adesso nel suo sessantesimo 
settimo anno. Pietro il grande di Russia mori a Pietro- 
burgo Totto (di) febbr^io millesettecentoventicinque, nel 



*) With the names of sovereigns the form in — Ssimo is sel- 
dom met with. 



13 

cinquant6simo terzo anno di sua eta. L'imperatore Fran- 
cesco Giuseppe d' Austria nacque a Vienna il diciotto 
agosto milleottocentotrenta. leri fu il sedici m&ggio. 

Lesson XVII. 

Beading Exercise, 29. 

No man is without faults. Our music-master gives 
six lessons every day. Several persons have (are) arrived 
from Vienna, God is the father of all (the) men. Every 
age has its sorrows and its joys. Every man is mortal. 
We have drunk some beer. Everything has its time. 
That whole country is poor. I know some wealthy fa- 
milies in this town. I do not know any officer. I have 
no pleasure. No joy is eternal. We have received sever- 
al letters to-day. Several persons (men) have the 
same name. Different undertakings were spoken of. Do 
give me some books I No man is always satisfied. My 
father has been ill several weeks. Answer something I 
This plant is to be found in all warm countries. A 
certain Mrs. Schiavini has arrived. 

Traduzione. 30. 

Parecchi paesi sono molto freddi. Ogni fanciuUo 
ama il giuoco. (Ella) ha diversi errori (sbagli) nella sua 
traduzione. Carlo non ha nessuno sbaglio. Un certo 
signer Belli ha mandate questo libro. Ogni uomo e 
soggetto air errore. Mio cugino ha trovato alcuni lapis ; 
di chi sono? Tutta la notte fu fredda. Ambedue i sol- 
dati sono morti. Ambedue le sorelle sono partite. Ogni 
state ha le sue gioie. Certi libri non sono buoni per la 
gioventu. Ogni rosa ha le sue spine. Tutti gl' impresari 
hanno perduto (del) danaro in tali affari. Mio padre 
parla di certe imprese. Nessuna regola fe senza ecce- 
zione. Questo padre ha perduto tutti i su6i figli. Tutte 
le case di questa cittk sono bellissime. Una tale tra- 
duzione sarebbe facile. Parecchi signori e parecchie 
signore sono arrivati da Venezia. EgU ha avuto diversi 
motivi. £ rare d'avere molti buoni amici. Ha (Ella) tro- 
vato qualche cosa? Abbiamo trovato diverse penne. 
Datemi alquanto vino! 



14 



Lesson XVIII. 
Reading Exercise. 31. 

I have not received that fine red ribbon which my 
aunt has bought for me. The colours of Austria are 
yellow and black, those of Italy white, red and green. 
Do you see the little swallow in the air? French music 
is not so beautiful as (less beautiful than) Italian mu- 
sic. I prefer German music. Grerman authors are dili- 
gent. English poetry is famous. The novels of Boc- 
caccio and the sonnets of Petrarca are magnificent. 
The streets of the ancient cities are not large. The 
father, cousin (f,) and aunt have (are) departed. I love 
the sweet song of the nightingale. The swan is a white, 
big bird with a long neck. The black-bird is black. 
Many Germans have a red beard. I do not like too big 
a dog. We have eaten very sweet grapes. What beauti- 
ful blue eyes ! Men and women are liable to the same 
passions. Give me white paper and blue ink. He is a 
learned and celebrated man. The Spanish and Portu- 
guese ambassadors have departed. The Italian clas- 
sics are admired in all the world. Our walk will not 
be very agreeable ; the weather is too bad. 

Traduzione. 32« 

Queste oche sono grosse e grasse. Quel signore 
non e cosi grande come questo. Michelangelo*) fu un 
celebre scultore e Eaffaello Sanzio un grandissimo pit- 
tore. Queste penne d'acciaio sono troppo grosse e pe- 
santi. Che case e che giardini magnificil Questi libri 
sono litili ed aggradevoli. L*uva italiana fe molto dolce. 
Mio cugino sta (abita) in una citta distante. Gli occhi 
azzurri di questa ragazza sono bellissimi. Molte piante 
hanno sempre foglie verdi. Le canzoni italiane sono 
allegre. I cappelli neri di quei signori sono troppo bas- 
si. II ferro h un metallo pesante. Vede (Ella) quella 
gran casa ? Vede (Ella) anche quei portoni ? San Pietro 
in Roma fe una chiesa magnifica. Chi h quel signore 
coUa barba grigia? £ Tautore di un ifamoso romanzo. 
II nostro maestro sta in quella casa alta, ma molto stret- 

*) Michael Angelo. 



15 

ta. Sulla piazza rotonda vi fe una plccola casa. La mii- 
sica modema italiana fe meno bella della musica tedesca. 

Lesson XIX. 

Beading Exercise. 33. 

Europe is smaller than Asia. Germany is more fer- 
tile than Holland. The bee and the silk-worm are very 
useful insects. The wise man is happier than the fool. 
My sister is taller than I, but she is also older. This 
beetle is larger than that (one). The roof of the church 
is more high than broad. These saloons are more wide 
than long. This servant (maid) chatters more than she 
works. He knows more than he says. The palace of 
the duke is very large and (very) beautiful. He was 
a very poor boy. The elephant is the biggest of all 
terrestrial animals. The horse is finer than the camel. 
Our garden is as large as yours. My aunt is younger 
than my mother, but is taller than she. The city of 
Venice is finer than the city of Triest. It was a very 
bad business. These apples are better than those pears. 
These plums are (the) best. (The) metals are very useful 
to man. The months of July and August are very warm. 
The richest man is not always the happiest. 

Traduzione. M. 

Questo vino fe peggiore (piu cattivo) dell' acqua. 
Quella birra e meno cattiva. Dicembre e Gennaio sono 
i mesi piu freddi dell' anno. ' Anche Novembre 6 spesso 
freddissimo. La lingua italiana h ricchissima. I cani 
sono 1 pii fedeli di tutti gli animali. Ella (essa) e una 
ragazza molto povera (poverissima, povera p6vera). Tuo 
fratello e piu vecchio (maggiore) di tuo cugino. La sem- 
plice natura e piu amabile dell' arte. II palazzo del 
conte e piu alto che largo. Questa casa fe meno alta 
(non 6 cosi alta). Questi libri sono meno buoni di (non 
sono cosi buoni come) quelli. II ferro e \m metallo uti- 
lissimo (molto utile) ; fe piu utile dell' oro e del piombo. 
Gl'insetti piii litili sono Tape ed il baco da seta. I figli 
dei poveri sono spesso piu felici che i figli dei ricchi. 
Emilia fe una bellissima ragazza; ella (essa) e anche 
minore di sua sorella Lucfa. Questa montagna e altis- 



16 

sima (molto alta) ; 6 piu alta di tutte le altre montagne 
di questo paese. £ la piu alta montagna che io conosca. 
II ventidue (di) Giugno fe il giomo piu lungo; il venti- 
due Dicembre il (giomo) piti corto dell' anno. II*) 
signor Calamari 6 un uomo cortesissimo (molto cor- 
tese); e piu cortese di suo fratello. La rosa fe il piu 
bello di tutti i fiori. II signor A. fe un uomo integerrimo. 

Lesson XX. 

A father and three sons. 

A rich father distributed his goods between three 
sons; he only reserved for himself a precious ring 
and said : "This one will be given to him amongst you, 
who will be able to perform the noblest and most 
generous action". The sons set out and returned after 
three months. The first said : "A stranger entrusted me 
with a chest full of gold, without taking for it any 
security. I should have been able to steal it without 
any risk, but instead, at his return I gave it him back 
faithfully." The father answered: "You have done well, 
but nevertheless you have only done your duty; you 
would have been the most wicked man in the world, 
if you had stolen it. Everybody must return faithfully 
that which belongs to other people." The second said : 
"One day I passed close by a fish-pond; I saw a boy 
plunge into it. Without my help he would have (been) 
drowned. I ran quickly and drew him safely out of 
the water." "Also your action is good", answered the 
father, "but you also have but done your duty. We are 
all obliged to assist each other in danger mutually." 
The third then said: "One day I found an enemy of 
mine asleep on the brink of a precipice. On turning 
round he would have fallen in; I have delivered him 
from the danger." "Ah, my sonl" said the father, 
embracing him tenderly. "To you must be given the 
ring. Doing good even to enemies, is the noblest and 
most generous action." 



*) If a person is not addressed, one uses the article before 
signore, signora and signorina. (With Madama, Madamigella, how- 
ever, it is omitted.) 



17 

Exercises on the three regular Conjugations. 

I. Conjugation. 

Parlo italiano. II nostro maestro parla sei lingue, 
ci ha raccontato che ha vissuto parecchi anni all* estero, 
Avrei parlato col forestiero se lo avessi incontrato. 
Questi mercanti lavorano molto, ma guadagnano poco, 
perche la concorrenza h grandissima. Quanta persone 
invitera (Ella) a pranzo? lo inviterd dodici persone; 
mia sorella desidera che io inviti anche alcune sue 
amiche. Tasso ha scritto la Gerusalemme liberata; in 
questo poema racconta come \m esercito composto di 
cristiani di diverse nazioni ha liberato il santo sepol- 
cro. Carlo, porta la lettera alia posta, e ritomando a 
casa compra delle frutta per questa sera. Signorina 
Maria! Ella canta tanto bene, canti un'altra volta (an- 
cora una volta) la canzone napoletana «Santa Lucia !» 
II mio maestro di musica cant6 ima bellissima canzone 
italiana. Vi manderemo le merci che avete ordinate. 
Ringrazia tuo zio del bel libro che ti ha comprato. 
Quanto tempo rest6 Sua madre in campagna? Rest6 
soltanto un mese e noi avevamo desiderato e sperato 
che ci resterebbe tutta Testate, poichfe il medico le aveva 
ordinato un cambiamento d'aria. Quando arriveranno le 
signore ? Arriveranno alle quattro pomeridiane. II gene- 
rale ha comandato che i soldati restassero in caserma. 
Scusi se non Tho salutata, non Tho veduta. 

II. Conjugation. 

Ricevo una lettera da mia madre ogni settimana. 
Anche mia sorella mi scrive spesso. Scriva al suo amico 
che leggerd con piacere il libro che mi ha mandato. I 
soldati combatterono valorosamente per la patria e ven- 
derono cara la loro vita. Molti non credono in Dio, ma 
essi sarebbero piu felici se credessero in lui. Non te- 
mere, caro fanciullo, io scriverd ai tuoi genitori che sei 
innocente. Morde questo cane ? No, non morde mai, se 
mi mordesse lo batterei. Temo che Ella cada. Temeva 
che Ella cadesse. Non credo che ritomera (ritomi) cosi 
presto dalla Russia. Non ripetere quel che ho raccon- 
tato. Questo povero giovinetto perd6 i suoi genitori 

KEY to the Italian grammar. 2 



18 

quando era ancora in fasce. Se lo vedo gli racconterd 
quel che ho letto in un giomale forestiero sopra la sua 
invenzione. Se lo vedessi Tinviterei. II nostro vicino 
vende il suo giardino per tre mila cinque cento mar- 
chi. Per cinquanta mila franchi venderebbe la casa. Be- 
viamo alia salute dell' imperatore. 

III. Conjugation. 
Bolle Tacqua? Non ancora, ma boUira subito. L'ac- 
qna bollita non ha sapore. Chi cuce questa bella cami- 
cia di lino? Le mie sorelle la ciiciono. lo cuciro una 
mezza dozzina di fazzoletti pel babbo. II tempo vola e 
non ritorna. Oggi non esco, il tempo e troppo cattivo. 
Quando partira (Ella)? lo partirei domani se non fossi 
indisposto. Sent! (Ella) la schioppettata? Dormiva tanto 
profondamente che non sentii la schioppettata. Senti 
rimportanza di qpiesto passo. Se avesse servito il suo 
padrone con fedelta e zelo, avrebbe adesso una migliore 
posizione. Segua Tesempio dei suoi superiori. Servendo 
la nostra patria serviamo noi stessi. II signor Rossi fe 
un uomo molto caritatevole, veste ogni anno parecchi 
poveri. I suoi amici lo awertirono che tutto era per- 
duto. Le nazioni soffocano il dolore in modo diff erente ; 
il Tedesco lo beve, il Francese lo mangia, lo Spagnuolo 
lo piange e Tltaliano lo dorme. Dorma bene, signore. 

Lesson XXI. 

Beading Exercise. 35. 

Do you prefer white paper or red paper? Why do 
you not pay your debts ? I shall pay my debts, as soon 
as I shall have my money. I shall not fail to do my 
duty, A volume of this work is wanting. Why doest 
thou not eat these cherries ? I do not eat them, because 
they are not ripe. The books which you sent me, are 
not those I 'want. When you write to your sister, do 
not forget to remember me to her. Why do you not 
advise me to buy this garden? Because it is not fine. 
Do you imderstand this woman? I understand her, 
when she speaks slowly. Give the book back to your 
school-fellow. Why do you not prepare the supper? I 
shall not let myself be moved by your prayers. Every 



19 

man prefers youth to old age. He who does not flee 
vice, does not love virtue. A great many fine flowers 
bloom in our garden. The sciences flourished in Italy 
in the 17th century. Do your pupils obey? The master 
wishes the pupil to obey. In the morning I prefer tea 
to coffee. What art thou looking for? I am looking 
for a pencil. I shall ask your brother to send me the 
comedies of Goldoni. I shall not forget to greet your 
mother. I give you my compliments. 

Traduzione. 36. 

Preferisci questo lapi3 a quella penna? Al contrario 
preferisco questa penna a quella matita. Non spiare 
le azioni del tuo prossimo. Questi scolari non ubbidi- 
scono. La ragazza arrossi (arrossiva). Ogni uomo fugge 
il pericolo. Preferisce (Ella) il tb al caffe o il caffe al 
tfe? Tu non consigli bene i tuoi amici. Non dimenti- 
care di comprare un portafogli per me. Ubbidisci 
alia voce del tuo cuore I Colui che (Chi) or : «colui che» 
ubbidisce alia voce del suo cuore, sara sempre felice. 
(Noi) cerchiamo la berretta di Carlo ed il cappello di 
Federigo. Cerca e (tu) troverai ! (Noi) cercheremmo, se 
avessimo una candela. (lo) non capisco questi libri. 
Capite voi {or: capisce) (Ella) questa parola? La le- 
zione finisce oggi alle quattro. Finiscila una volta o la- 
scer6 la stanza. Questi fiori fioriscono ordinariamente 
tre volte alFanno. (Tu) cercherai le tue penne e (tu) 
non le troverai. Apparecchierai il pranzo? Paghi tu 
questi libri ? Abbraccia tuo padre, figlio mio (figlia mia) ! 
Perche non restituisci il libro al tuo compagno di scuo- 
la? CoUe tue preghiere annoi i tuoi superiori, finisci- 
la una volta. La preghiamo di salutare nostro padre. 
Paga il sarto? Domani pagher6 il sarto e il calzolaio. 
Avro presto Tonore di vederla e intanto la riverisco. 

Lesson XXIL 
Beading Exercise. 37. 

I have not thought of thee, poor boy. We shall 
think of you — of him — of her — of them. Do (thou) 
not send the money to me ! Who has been here, he or 
she ? Come with me, with us. He does not resemble me. 

2* 



Is it you who has written this letter? Yes, it is 
I who have written it. Who is reading this book? 
I. Have you handed the letter to him or to her? 
I have handed it to him. Have you dined with 
your parents? Yes, I have dined with them. Who will 
sup with us this evening? A friend of mine. Will you 
play with me a little ? Yes, I shall play the piano and 
you the violin. Do you go to your mother? Yes*, I go 
to her. Do you come to-day to us ? No, I am invited 
my uncle's and I am going to him. The egotist only 
thinks of himself. Has he heard the noise? Yes, he 
also has heard it. 

Traduzlone. 38. 

Mio fratello ed io abbiamo sentito il rumore. Chi 
avra la palla, tu o lui? Federico, il tuo maestro ha 
veduto che (tu) hai battuto un fanciuUo (ragazzo). Chi? 
Io? Si, tu stesso. £ Ella che suona il pianoforte? Si, 
sono io. Chi parte domani? Io. Va Ella (Lei) da suo 
zio ? Si, vado da lui. Ha chiamato me o lui ? Ho chia- 
mato lui, perche egli ha desiderato di sonare il vioHno 
con me. Perche viene cosi di rado da noi? Mia madre 
e indisposta da alcuni giomi, e perci6 (io) resto a casa 
con lei. Vuole giuocare con me (meco) aJle carte? Se 
vuole. II vostro fratellino era in cortile coUa nostra 
sorellina; ha giuocato molto tempo alia palla con lei. 
Per chi 6 questo piatto? £ per Lei, se cenera adesso 
con noi. Saluto Lei e i suoi cari figli. Parliamo spesso 
di Lei e di sua moglie. Chi viene? Sei tu Guglielmo? 
Si, sono io. Avete pensato ai miei guanti? Si, ho pen- 
sato ad essi. £ vero che il re b morto? Io stesso ho 
letto qnesta nuova nei giomali. Chi non fe per me, e 
contro di me. 

Lesson XXIII. 
Beading Exercise. 39. 

I listen to you. Listen (you) to me I Do (thou) not 
listen to him! Please, show me the book which you 
have bought. Show me where one buys the tickets for 
the theatre ! Alfred has lent me an instructive book. Do 
tell me a story ! Have you counted the money that was 
sent to you? Give (thou) me a pen. I shall give you 



21 

mine. Bring us a bottle of wine and two glasses. If the 
boys are hungry, give them some bread. Do give me 
your steel-pen. I shall give it you directly. He wears 
that fine white hat which was bought for him by his 
uncle. If you want a hundred frajics, I will lend them to 
you. I recommend you this tailo;-; I have always been 
satisfied with his work. If you wish to read this news- 
paper, I will give it you. Honour me with one of your 
visits, and I shall relate you the whole (story) {or: 
relate you ^alV). I communicate to you that in a few 
days I shall liave the pleasure of seeing you in this 
town. If it is you who have my book, I pray you to 
give it back to me. Have you paid the butcher and the 
baker? I have not yet paid them, because they have 
not sent me the bill. Do write to me soon and send me 
your portrait. I never meet her nor her aunt. Asking 
you to expect me on Saturday evening at the station, 

I greet you and am your friend James. 

Traduzione. 40. 
Mi ascolti (tu)? lo ti ascolto. (lo) non ti (f) ascol- 
to. Mi accompagnerai ? Accompagnami I Non mi ac- 
compagnare. Gli hai ^etto tutto? Non glielo hai detto. 
Non ho il tuo libro. Non me lo avrai imprestato. Im- 
prestaglielo. Non glielo imprestare. Datemi dieci bot- 
tiglie di vino e venticinque bicchieri. Ho ricevuto un 
beiranello; te lo mostrero. Se il mio amico ha questo 
libro, glielo domander6. Ho sentito che tua sorella e 
arrivata e vengo per salutarla (riverirla). Questi anelli 
non sono cari; li comprer6. Queste ragazze sono dili- 
genti e attente ; i loro genitori le lodano e le premiano. 

II falegname non ha lavorato quest*anno per noi e 
(tuttavia) ci manda un conto; si sbaglia di certo. Che 
pane vi ha portato il fomaio? Ci ha portato del pane 
ben cotto. Mi avete (ha Ella) dato duecentocinquanta 
lire? (lo) non le ho date a Lei (a voi), ma a Suo 
(al di Lei, a vostro) fratello. (Egli) non ha raccontato 
questa storiaavoi, Tha raccontata a noi. Egli ha del de- 
naro, ma non lo impresta ne a me ne a te. Ho il piaceredi 
comunicarle (parteciparle) che il suo amico Magni mi 
ha onorato della sua visita. Pregandola di scrivermi 
presto, la riverisco con tutta stima. 



Lesson XXIV. 
The braye soldier. 

During a war fought in our days, a soldier strays 
from his company in the heat of the fight, and goes to 
a place where there were no fighters. The captain sees 
him, and believing that he was absenting himself so as 
to withdraw from the danger, he calls him back and 
with a severe coimtenance he ask him: "Where are 
you going?" The latter, showing him a mortal wound, 
which he had just then got in the breast, answers quiet- 
ly : **I am going a little aside to die for my native coun- 
try; I do not wish that my body, after becoming a 
corpse, should be an impediment to the fighters.** 
Beading Exercise. 41. 

Here is my pocket-book and that of my father. We 
met last night your family and that of your neighbour. 
Which books do you want? I want these, not those. 
Here are three birds. Which will you buy? I shall buy 
two (of them). What fruits are these? They are app- 
les, pears and apricots. Do you go to the theatre to-day? 
No, I shall not go (there) ; I am not well. History praises 
those who have done good to humanity. On what do 
those birds nourish themselves? They feed on insects. 
What does this one want? I do not imderstand what he 
says, he does not speak Italian. Who is this one (f,)"i 
She is the servant of our aunt. What are you thinking 
of, good woman? Of my children. He who finds a 
friend, finds a treasure. To whom did this palace be- 
long formerly? To count Negri. Julius Caesar and Alex- 
ander the Great were great conquerors; the latter died 
young, the former was murdered. Which of your hor- 
ses will you sell? I shall sell those two which I 
bought two years ago. From which country are you? 
I am a Grerman. In which town of Italy will you stay 
the longest? In Florence, because I have relations there. 
At which stations does the express-train stop? I do 
not know precisely, but it stops at very few stations. 
Traduzione. 43. 

(lo) vendo la mia casa e quella di mio cugino. Co- 
lui che e diligente {or : Chi e ) avra un libro. Chi 



{or : quelle [colui] che) h in buona salute, 6 felice. Questo 
inchiostro e piu nero di quelle. Questi guanti sono 
bianchi, quelli sono gialli. A che ora arriva il diretto? 
AUe dieci di notte (alle ventidue). Rispondete a chi 
chiama. Chi ha fermato il cavallo? Egli parlava col- 
Taria di chi h awezzo a comandare. (lo) dar6 questo 
orologio a chi (colui che) lo paga subito. Sono questi 
i suoi (i di Lei) stivali? No, non* sono i miei stivali, 
Di chi sono ? Sono di mio fratello. Con qual (che) treno 
e Ella arrivata ? Col treno delle otto. (lo) preferisco la 
bellezza delFanima a quella del corpo. II re promette 
una ricompensa a quello (colui) che {or : a chi) denun- 
ciera il ladro. L'agricoltura ed il commercio sono egual- 
mente utili alPuomo; quella ci nutr(ise)e, questo ci ar- 
ricchisce. Dante e Tasso sono i piu grandi poeti ita- 
liani; questi nacque a Sorrento, quegli a Firenze. Se 
avete del buon vino, portatemene una bottiglial Ha 
(Ella) del butirro ? Si, (io) ne ho. Me ne dia un poco ! 
Ha (Ella) pensato ai miei guanti ? Si, ci ho pensato. Fu 
(£ stata) (Ella) ieri al teatro? Si, (io) vi (ci) fui (sono 
stato). Viene (Ella) dalla citta? Si, (io) ne vengo. 

Lesson XXV. 
Beading Exercise. 43. 

My garden is as large as thine. His roses are very- 
fine, but they are not so fine as mine. Our friends are 
as faithful as theirs. Here are my books and his (hers) ; 
where are yours? Every flower has its property; the 
violet has its (own), the pinks have theirs. It is the 
duty of every father to chastise his own children when 
they deserve it. All nations extol their heroes, and we 
also extol ours. The young man with whom you arri- 
ved last week, has died to-night. The boy, whose 
father departed for Italy yesterday lives now with us. 
The customs of the ancients (ancient nations) were very 
different from ours. The town has its amusements, but 
also the country has them {liter, its). The merchant, 
whom you saw at my house yesterday and with 
whom my friend B. hves, will soon depart for Paris. 
Here is the house of which we have spoken. The lady 
whose son I have recommended to you is a relation of 



u 

my wife. This man is such as you have described him 
to me. The emperor of Austria, as king of Hungary, is 
possessor of the crown of St. Stephan. 

Traduzione. 44. 

(lo) trovo il Suo giardino piccolissimo. Mi scusi, 
^ignore ; non k piu piccolo del Suo ; h cosi (tanto) grande 
come (quanto) quello di mio cugino. Dove sono i miei 
fiori? I miei sono qui, nxa non so dove sono i Suoi. 
L'ammiraglio inglese che ha riportato questa vittoria, e 
Nelson. I bagni dai quali (egli) aspetta la sua guarigione, 
sono lontani di qui. II pranzo al quale fui invitato, mi 
ha fatto male. (Ella) ha perduto tutto quel che (ci6 che) 
aveva guadagnato (vinto). Le mandero le carte che ho 
promesso di mostrarle. II fiume le cui acque {or : le ac- 
que del quale ; or : le acque di cui ; or : le di cui acque) 
fertilizzano TEgitto, chiamasi Nilo. Questo h un male 
a cui (al quale) (io) sono soggetto. I possessori degli al- 
berghi, in cui siamo stati, erano Tedeschi. Che cappello 
fe quello? £ il suo (il di Lei) o quello del Suo (del di 
Lei) amico ? £ del mio amico. La signorina Bianchi di 
cui si parla molto adesso nei giomali, cantera un di que- 
sti giomi nel nostro teatro. Ho portato la storia di que- 
gli antichi popoli, dei quali ha parlato il nostro maestro. 
leri le nostre zie sono arrivate. La mia venne col bat- 
tello a vapore; la sua (la di lei) coUa strada f errata 
(coUa ferrovia). 

Lesson XXVI. 

The of Giotto. 

Giotto was a famous painter and architect of the 
fourteenth century, and already a pupil of Cimabue, the 
restorer of painting in Italy ; in his time, the Pope, wish- 
ing to have the church of St. Peter at Rome painted, 
sent courtiers to all the principal towns of Italy to col- 
lect proofs of the best painters of his time, to entrust 
aftei^vards this labour to him, who would show the 
greatest merit. The courtiers, arrived at Florence, enter- 
ed also at Giotto's, who was already famous for having 
painted in different towns of Italy and explained to him 
the design of the great Pontiff. Giotto seized the brush, 



25 

described offhand on a sheet of paper a perfect 0, and 
gave it to the ambassadors saying : here is what I can 
give you, take it to the Holy Father. The courtiers 
brought with other models also this to the Pope, and 
having reported how Giotto had drawn it without any 
compasses, it was judged (as) a proof of great ableness 
and Giotto was appointed to paint at St. Peter's. From 
this fact is derived the proverb : "You are rounder than 
the of Giotto", which means: you are of short in- 
telligence. 

Beading Exercise. 45. 

Do not to another that which thou wilt not that it 
be done to thee. Thou shalt not steal. Yesterday we 
were invited to Mrs. Romani; some have danced, 
others have played, all were merry. Each will be right, 
none will be wrong. Some believe that the world will 
soon end. If I knew somebody in this town, I should 
stay here some days, but I know nobody. Have you 
eaten anything? I have eaten nothing. What do you 
want? Nothing. Whosoever does not obey, will be cha- 
stised. These friends heartily love and help one another. 
These poor people have lost everything in a fire. Every- 
one acts according to his principles and opinions. Who- 
soever may protect you,. I am not afraid to tell you that 
you are a rascal. Someone has been here to ask for 
you. Whosoever wishes to speak to me may come to my 
house at noon. 

Traduzione. ifi. 

Si chiama guastamestieri chi guasta gli affari altrui. 
In questo mondo Tuno e ricco Taltro h povero^ e nessu- 
no e contento della sua sorte. Non conosce nessuno in 
questa citta? No, non conosco nessuno. Perchfe siete 
gelosi Tuno dell'altro? I veri amici si amano e si aiu- 
tano Tun Taltro (gli uni gli altri). E state qui qualcuno 
(alcuno) ? No, noni e venuto nessuno (nessuno e venuto). 
Molti biasimano per gelosia i lavori altrui. Questa po- 
vera gente ha ricevuto qualche cosa da mangiare? No, 
non ha ancora ricevuto niente. E peccato che non vi aiu- 
tiate gli uni gli altri, perderete tutto. Molti avevano ven- 



duto tutta la loro roba. Questa notte ho veduto uno en- 
trare in chiesa. Nessuno 6 senza difetti. Prestami una 
delle tue penne; le mie sono tutte guaste. Tutti sono 
soggetti alia morte. Saluta tutti di cuore. 

Lesson XXVII, 

Beading Exercise. 47. 

My son Theodore is loved and praised by his teach- 
ers, because he is diligent and attentive. Gustavus Adol- 
phus, king of Sweden, was killed at the battle of Lutzen. 
Wolfgang Amadeus Mozart, a very famous composer, 
was (is) bom in Salzburg and died in Vienna. If you are 
virtuous, you will be loved and esteemed by everybody. 
Take care that the laws be punctually observed. Who- 
ever transgresses them, shall be punished. The soldier 
who was wounded, has died. The house which has 
been demolished, will be rebuilt That poor dog is treated 
roughly by his master. Yesterday a gentleman was as- 
saulted by two robbers; money, watch and chain all 
were taken away from him. Have these gentlemen arriv- 
ed from Florence? Yes, they have travelled the whole 
night. What books are these ? They axe books which one 
never reads. When our exercises are finished-, they will 
be corrected by our professor. What is there said of 
the war? Where are these plants (to be) found? One 
sees nothing in that room, because there is no light. Is 
the door shut ? No, it is being shut by the footman just 
now. One is mistaken if one thinks that men are all 
good. From my window one sees two churches. One 
does not see the staple of the church; the mist is too 
dense. I was told that you were not at home. They say 
that the queen will depart for Rome. 

Traduzione. 48. 

Sono amato dai miei genitori. Si dice che Cristoforo 
Colombo sia nato a Genova. Si b detto che il nostro 
vicino e schivato adesso da tutti i suoi amici, perchfe 
non ha trattato onestamente. Molte lettere furono tro- 
vate {or si sono trovate) in questo armadio. E Ella stata 
of fesa ? Si, sono stato off eso. Gli adulatori non sono sti- 
mati da nessuno ; sono al contrario disprezzati da ognu- 



27 

no (tutti). La gente (uno) s'inganna se crede che questa 
famiglia sia ricca. U principe ha viaggiato molto in sua 
gioventu ; era accompagnato dal suo maestro di famiglia 
in tutti i suoi viaggi. Una povera donna e stata morsa 
da un cane arrabbiato. £ vero che il capitano fe stato 
f erito ? Credo di no. NelFultima battaglia cinquanta sol- 
dati sono stati uccisi e duecento feriti. Questi quadri 
saranno ammirati {or si ammireranno)yi ma non si trovera 
nessuno che li c6mperi. II viaggiatore sarebbe stato as- 
saUto senza dubbio, s'egli fosse stato solo. Ci sono dei 
libri che non si leggono mai. I Promessi Sposi del Man- 
zoni sono un eccellente romanzo che si leggera sempre 
con piacere. Roma fu distrutta cinque volte e sempre 
riedificata. 

Lesson XXVIII. 

Beading Exercise. 49. 

You are mistaken, Sir*), I was also mistaken. My 
sister will have been mistaken in counting the money. 
Next week I shall repair to Paris, and it is probable that 
I shall stay three or four months in that town. Do not 
forget to greet my brother, and tell him that if he does 
not listen to my advice he will repent it later. The ego- 
tist separates himself from man (kind) ; he goes astray in 
the labyrinth of life. It is a good while since we have 
seen each other. General Osterman distinguished 
himself much at Culm. If he had not defended himself 
so bravely, the confederate army would have been shut 
(inclosed) in the mountains of Bohemia. One has preser- 
ved the word which Napoleon pronounced in a battle; 
holding fast to a cannon, he exclaimed: the ball that 
shall kill me is not yet cast. Why did you get up so 
late? I got up at 7 o'clock. Do not be so sorry, dear 
friends; accustom yourselves to bear the evils of life 
with courage. You would have been saved, if you 
had not been so imprudent. My son, beware of bad 
companions 1 

*) Literally: You mistake yourself ^ Sir. As the two languages 
often differ greatly in their expressions, we prefer, here and else- 
where, to translate the Reading-Exercises freely, whereas we trans- 
late the Tradiizioni literally, in order to give the pupil the verbal 
signification of the Italian words. 



28 

Traduzione. 50. 

Mi rallegro molto di vedervi. Egli si e distinto ; per- 
cio egli sara anche ricompensato. Alz&tevi 1 Perche non 
si e (Ella) alzata? Non vi affliggete, figli miei, esclamo 
(egli), saremo tutti salvati. Si 6 ingannato, signore! I 
miei fratelli non si saranno ingannati. Ci separammo 
presso alia piccola cMesa, e ci ritrovammo presso al- 
Tarsenale. Awicinatevi fanciuUi e guardate il bel qna- 
dro. M'inganno? No, non m*inganno, e Leil Si sarebbe 
salvato se si fosse aggrappato alValbero. leri sera fui 
al teatro oon im Francese; io mi sono divertito bene, 
ma egli si fe annoiato perch4 non ha capito niente. Come 
si chiama? Si cMama Berger. Ci siamo smarriti (per- 
duti) nelle contrade (straxie) di Vienna. Non si e (Ella) 
sbagliata, signorina Maria? Mi ricordo benissimo di 
lui. Quando lo salutai si fermo, mi guardo, ma non si 
ricordo del mio nome. Mi sono awezzato ad alzarmi 
ogni giomo alle sei. £ nn pezzo che non si e recato in 
patria? Due anni. 

Lesson XXIX. 
And yet it moyes. 

Galileo Galilei, born at Pisa in 1564, was the creator 
of modern philosophy and great promoter of all scienti- 
fic progress. When still a young man, he deducted the 
theory of gravity from the movement of a lamp which 
he saw swaying in the Dome of Pisa; destined later to 
study medecine, he divided his time between this last ' 
and mathematics. At 25 years of age, being university 
professor at Pisa, he began to publish the ideas of the 
new science in opposition to those until then professed 
under the authority of Aristoteles and confirmed his new 
theory by public experiments. Hated by clergymen and 
lay men because of the new doctrine, he left Pisa to 
go to Padua, where the republic of Venice offered him 
a chair at that university. It was there that he invented 
the thermometer, and constructed the telescope, with 
which he succeeded in discovering the mountains in 
the moon and the satellites of Jupiter and other stars. 
Recalled to Florence by the Medici, he was laden with 



29 

honors and with a rich stipend. But he had embraced 
the system of Copernicus, that the earth turns round 
the sun, and had confirmed it in one of his works. This 
theory of his was condemned as contrary to the Scrip- 
tures and, by instigation of some priests more zealous 
than learned, he had to abjure his opinions. Watched 
for some time in the palace of the inquisition, it is said, 
that at the act of abjuration, he could not help lowly 
murmuring: And yet it ^loves. He died at the age of 
77 years at Arcetri and his body was brought to Flo- 
rence and deposited in the church of St. Croce, where 
later they erected him a sumptuous monument. 

Beading Exercise. 51. 

It rains. It drizzles. I think, it will rain to-morrow. 
I hear the thunder (lit. it thunders). Indeed it thunders. 
It snowed on the mountains, it will be cold. There are 
men who are never satisfied. It is warm; it was too 
warm in his room. There were neither men, nor women, 
nor children. One (we, you etc.) must depart. You must 
depart. We were obliged to finish the work for 4 o'clock. 
Our brother William in Rome is ill. It will be neces- 
sary to write to him and to ask him if he wants any- 
thing. Do you succeed in learning the Italian language ? 
Yes, I succeed, but it needs time and patience to learn 
it properly. I am sorry that I have not succeeded to find 
the book that you wish. It happens often that the 
innocent suffers for the guilty. Accidents happen from 
which men cannot withdraw. I am very anxious for 
this letter to depart to-day. I want a coat; later I shall 
want also a great-coat and a pair of boots. I have writ- 
ten to my parents that I want money. It seems to me 
that I have seen your sister, and I regret not to have 
bowed to her, because I did not directly recognise her. 
I am sorry not to have spoken to the proprietor of the 
house. 

Traduzione. 53. 

N^vica? No, non n^vica, piovo. Cessa di tuonare, 
comincia a pi6vere. Fa troppo freddo oggi ; 6 meglio re- 
stare a casa. Se fa bel tempo, partiremo domani col 



30 

primo treno. Tira vento, questa notte gelera. leri ha 
(e) nevicato tutto il giorno. Impara la tua lezione come 
si conviene. Ci preme (importa) che questa cambiale sia 
pagata. Neir Italia settentrionale accade spesso che gela 
ancora nel mese di marzo. II mio denaro non k bastato 
(stato bastante), bisogna che scriva a mio padre che me 
ne mandi ancora (di piu). Non occorre (non fa d'uopo) 
di scrivergli. Non merita la pena di parlame. In iscuola 
bisogna essere attento. Pare che abbia bisogno di de- 
naro, altrimenti non venderebbe la sua casa. Ci rin- 
cresce di non avere comperato questa casa. Ci vuole 
molto denaro per fare questo viaggio. Non siamo riu- 
sciti a capire questa lettera. La passeggiata ci e pia- 
ciuta moltissimo, ma un'altra volta bisogna che pren- 
diamo con noi i nostri fucili e i nostri cani. 

Lesson XXX. 

The toad and the hen« 

What a noise I hear And he (said): Believe me, 

Inside that nest .... T'is not convenient 

The devil is snorting! ... To make such a noise 

What's up? For so small a thing". 

From out of a fetid „And you who croak 

Moat nearby And are never silent 

Thus asks a toad With so much noise 

(Of) a chicken. Tell me, what are you 

doing? 

"Nothing", she answered A similar answer 

him 

(0), nothing new; Can have he 

(Just) as usual Who criticises all 

(I) have laid the egg. And does nothing. 

Beading Exercise. 53. 

Respect God's law, if you wish to be eternally 
happy. This man has spoken very well, he speaks al- 
ways very eloquently. Idle people work the least. Your 
brother lies, and what displeases me most in him, is 
that he never confesses to have been wrong. Deal well 
with your enemies. God has wisely distributed his 



31 

gifts. Speak modestly of your merits. Henry IV was 
constantly occupied with the welfare of his subjects. 
The robber entered very gently; he certainly believed 
that nobody heard him. The Italians easily learn La- 
tin; they learn French easier than German. I shall al- 
ways punctually fulfil my duties. The best you can do 
is to stay at home. Do not go so quickly! My father 
is now in France. The young men who love game pas- 
sionately, often neglect their duties. Charles has been 
blamed most of all. Clean these boots very well, then 
bring them directly to my room. 

Traduzione. 54. 

Parli forte I Parli francamente ! (Ella) lavora troppo 
adagio, lavori piu presto. II re ha generosamente per- 
donato ai suoi nemici. Nessuno e costantemente felice 
in questo toondo. II Inome di Shakespeare vivra eterna- 
mente. Quest'artista suona divinamente il pianoforte. 
Ho ricevuto raramente (delle) lettere di mio fratello. 
Cerc6 tastoni la porta. Mia madre e gravemente amma- 
lata; bisogna che ritorni a casa al piu presto possibile. 
Conosco i vostri fratelli molto bene; specialmente il 
maggiore che veniva spesso da me. Partiamo certa- 
mente lunedi prossimo, e giacchfe non ci fermiamo in 
viaggio, saremo probabilmente martedi a Firenze. Suo 
cugino non scrive meglio di Lei, e il suo amico scrive 
peggio di tutti. Siamo arrivati molto per tempo. II 
ferito giaceva bocconi suU'erba. Venite presto 1 Siibito, 
siibito 1 La casa era mezzo abbruciata. Sf ortunatament^ 
abbiamo perduta tutta la nostra sostanza. Osservate 
puntualmente le leggil Adempisca (Ella) fedelmente i 
suoi doveri. Questi giocatoli oostano meno di tutti. 
Questo 6 lo scolare che ha piu spesso i suoi temi senza 
sbagli. Ha cantato troppo piano e anche il maestro di 
miisica che Tha accompagnato, ha suonato falso. Final- 
mente ho finito la mia versione. 

Lesson XXXI. 

Beading Exercise. 55. 

Where do you live? Now I live here behind the 
theatre. Now that we no longer live far from one an- 



32 

other we shall often see each other. An ItaUan proverb 
says : He who arrives late is badly lodged. To-morrow 
or the day after to-morrow I shall probably have the 
opportunity of speaking to your uncle, and I shall then 
directly commimicate to you his intentions. Take that 
dog away, or turn him out I The gentlemen were behind, 
the ladies were in front. When shall I have the pleasure 
of seeing you at my house ? Now I am in the country, 
but when I come back, I shall not fail to call at your 
house. Our friends expect us down-stairs, let us go 
down. Did you speak of me perhaps? Yes, we just 
spoke of you. I expect an answer from you shortly, and 
meanwhile I greet you heartily. We received your hon- 
oured letter lately, and we shall soon send you, that 
which you have ordered from us. He has enough mo- 
ney: as he is accustomed to a simple life he has less 
wants than we. In Sicily wine and oranges are cheap. 
Formerly there were many princes in Italy; now there 
is only a king there. He is at the most twenty years 
old and has already finished his studies. He has de- 
ceived me; I will see him no more. This evening, as 
it is already late, we shall sup and sleep at the foot 
of the mountain; but to-morrow we shall get up early 
and we shall breakfast up there. 

Traduzione. 56. 

Nelle scuole italiane s'imparano a memoria molti 
canti della divina commedia. Anche le storielle italiane 
cominciano di solito coUe parole : Cera una volta un re. 
La Francia ha piu navi da guerra che V Italia. La nostra 
villeggiatura non h lontana dalla citta, ci andiamo spes- 
so a piedi. Le scrivo in fretta queste due righe per in- 
formarla (awertirla) che sua madre 6 arrivata qui in 
questo punto. Questo signore parla tedesco, ma a sten- 
to; di solito parla inglese con noi. Le impresto volon- 
tieri la somma desiderata, e me la restituira con como- 
do. La nebbia 6 sparita a poco a poco. Gli ho scritto 
apposta. Non mi ha nemmeno risposto. Non credo gia 
quel che dice, ma la cosa in se non 6 improbdbile. Ho 
perduto il mio anello^d'oro, non lo trovo in nessun luogo. 
Lo cerchil L'ho gik cercato dappertutto. Spero che 



33 

pranzerk con noi dopo domani. Suo zio ha cenato piii 
volte con noi. Ho veduto sua (la di Lei) zia alcuni 
giorni fa; (ella) sta benissimo. Ecco del pane e del for- 
maggio. Ne vuole di piu? Mangerd questo pezzetto a 
poco a poco. II mio amico non restera qui. Nfe anche 
io I Vada pure, il lavoro fe finito. 

Lesson XXXII. • 
Croesus and Solon. 

Croesus asked Solon one day, if he had met in 
his travels a perfectly happy man. "I have known 
one", answered the philosopher, "he was a citizen of 
Athens, called Tellus, an honest man, who has passed 
all his life in agreeable prosperity, seeing his country 
always flourishing. That happy mortal has left sons 
generally esteemed, he has seen the sons of his sons 
and died gloriously fighting for (his) country." 

Croesus, surprised to hear a man belonging to me- 
diocrity quoted as a model of happiness, asked him if 
he had not found men happier still than Tellus. Yes 
answered Solon. They (there) were two brothers Kleo- 
bis and Bithon of Argos, famous for their fraternal 
friendship and filial love^. 

Beading Exercise. 57. 

I send you by means of the railway a hundred 
bottles of Marsala wine. She has not been polite to 
the foreigners. During the Oriental war the French 
augmented their naval forces. Next year I shall go to 
Italy, and I shall not return before the Carnival. The 
singers of the German opera are usually absent from 
Vienna during the Italian season. While you are writing 
I shall read the newspaper. In my opinion the Hugue- 
nots of the master James Meyerbeer is a master-piece of 
modern music. To-night I shall take a walk along the 
river. The table was near the bed. Do stay with me! 
The honest man has always God before his eyes. The 
National Hotel is situated opposite the mole 'St. Carlo. 
Near that door there is a deep well. (The) lie always 
hides behind (the) truth. Before the harbour we see 
the light-house. Instead of working he spends the time 

KEY to the Italian grammar. 3 



34 

in playing and drinking immoderately in the taverns. 
By means of recommendation he obtained the place he 
occupies now. We live outside the town at the foot of a 
fine hill. Is the hotel you speak of on this side of the 
river or on the other? It is on this side, opposite the 
town-hall. This poor girl has been blind (already) from 
her infancy. 

Traduzione. 58. 
Vi 6 un lungo viale tra il giardino e la foresta. 6 
arrivata avanti o dopo le quattro ? Sono arrivato verso 
sera. Dove erano Loro durante la guerra? Eravamo su 
una coUina, non lontano dalla citta. Mentre Ella man- 
giava, io ho letto i giomali. Va (Ella) con sua sorella 
o senza di Lei ? Vado con Lei ; malgrado il cattivo tem- 
po non vuole restare a casa. Carlo Alberto re di Sar- 
degna abdic6 in favore di suo figlio Vittorio Emma- 
nuele. La sua casa e al di qua o al di Ih del fiume? 
Adesso sto al di la del fiume in quella casetta accanto 
al teatro. Mi aspettava appie della coUina. Conforme 
al vostro ordine vi mando una botte di vino vecchio e 
spero che ne sarete contento. In quanto alia vostra cam- 
biale, vi comunico che fu pagata puntualmente. Si 6 
dato un concerto in onore del re. Ottenne la sua liberta 
a forza di preghiere. Davanti la chiesa vi sono tre altis- 
simi pioppi. Non so ancora niente di certo circa il mio 
viaggio. La Francia non si stende piu dairOceano At- 
lantico fino al Reno. La terra gira attomo al sole. Com- 
pra un'ombrella invece d'un bastone. Mi deve circa 
duecento marchi. II prefetto sta (di casa) dirimpetto al 
palazzo ducale. Una sentinella stava non lontano (lun- 
gi) dal campo. Fin da quel giorno non ho piil veduto 
il mio amico. 

Lesson XXXIII. 
Esercizio di lettura. (Gontinuazione.) 

On the day of a solemn festival, seeing that the 
oxen, which should lead their mother to the temple of 
Juno, did not arrive, the sons put themselves to the yoke, 
and drew the carriage for some miles. That priestess, 
filled with joy and gratitude, prayed ardently to the 
Gods to bestow on her sons the very best which man- 



35 

kind could desire; she was heard. After the sacrifice 
both her sons sunk in a gentle sleep, ended quietly 
their lives. Statues were erected in their honour {lit. 
to them) in the temple of Delphi. 

"Then you do not count me among the number of 
the happy (beings) ?'* said the king. "Sire", answered the 
philosopher, "in our country we profess a simple philo- 
sophy, without pride, and little known (common) at the 
court (s) of (the) kings. We know (of) the fickleness of 
fortune and (have) little esteem (for) a happiness more 
apparent than real and mostly transitory. A man's life 
lasts about thirty thousand days. Not one of them 
resembles the other (one) and as we adjudicate the 
crown only after the fight, thus we (also) judge of the 
happiness of a man only at the end of his life." 

Beading Exercise. 59. 

If he is rich, he will certainly pay his debts. If he 
were rich, he would certainly pay his debts. They say 
that he has earned much money in America. Why do 
you not answer immediately the letter of your mother? 
Because I have no note-paper in the house. While we 
were sleeping it rained. Though we have no longer any 
relations in our native country, yet we like to return 
to it. Dear children, I give you these rings ; one to each 
that you may remember your mother. Why has your 
nephew not come with you ? He speaks neither French 
nor German and therefore he preferred not to come. One 
does not believe the liar, not even when he speaks the 
truth. Italy, since it is united under one king, has made 
great progress in industry and commerce. However beau- 
tiful this house may be, I should not buy it, because it 
is too far from the town. As my father is very ill, I 
cannot leave the town before I see him on the way of 
recovery. As soon as he arrived at home, he laid him- 
self down and before the physician arrived he felt very- 
bad. And yet it moves. 

Traduzione. 60. 

Se volete essere felici, amate la virtii e fuggite il 
vizio. Ho veduto e suo fratello e sua sorella. Se io 



36 

avessi avuto degli amici f edeli, non sarei in questa condi- 
zione. Non sapendo dove sta il suo amico, Le mando i 
libri affinchfe glieli restituisca prima che egli lasci la 
cittA. La accompagno, affinchfe non si smarrisca nel 
bosco. Egli aspettava tranquillamente finche il suo 
amico ritomasse. Sono pronto a venire da Lei tostoche 
avr6 finito il mio tema. Se il tempo fe bello (Se fa b. t.), 
sar6 a Parigi fra otto giorni. Mangi pure queste mele 
finchfe ce ne sono. Dacche le ferrovie (strade ferrate) 
ed i battelli a vapore uniscono le differenti citta d' Euro- 
pa, si viaggia dappertutto coUa piu grande sicurezza e 
prestezza. Perche non mangia came? Perchfe la carne 
mi e proibita. Restai a Parigi finchfe (fino a tanto che) 
ebbi denaro. Mentre Ella (Lei) fa una passeggiata, io 
scriverd una lettera. Sono ammalato, perci6 non posso 
uscire (di casa). Benchfe Tabbia piu volte pregato di re- 
golare questa partita, non mi ha neppure risposto. Non 
abbiamo nk danaro, nh amici, quindi non siamo con- 
tenti della nostra condizione. mi paghera, o pren- 
der6 la via della giustizia. Quantunque non abbia so- 
stanza, ha dato per6 una buona educazione ai suoi figli. 
Vuole, ma non pu6. Questa non k la mia penna, ma la 
tua. Chi mi vuole imprestare un libro ? Sono felice, pur- 
che Lei sia felice. (Ella) Sara felice, purchfe faccia il 
suo dovere. Per ricca*) che (Ella) sia, io non la invidio. 
Faccia asslcurare la sua lettera, affinchfe suo fratello 
sia certo di riceverla in persona. 

Lesson XXXIV. 
The sophist convinced. 

The philosopher Diodorus pretended to prove to 
the surgeon Herophilus, that there was (existed) no (such 
thing as) movement, with the following argument: if 
a body moves, either it moves in the place where it is, 
or in the place where it is not (situated). In the place 
where it is, it does not move, for, in the time (so long 
as) it is there, it reposes, and that, which reposes does 
not move. (Besides) Then it does not move where it is 

*) Adjectives and Participles used with Ella (Lei) ought al- 
ways to agree in gender (fem.J with this pronoun. 



37 

not (situated), for where it does not exist, it cannot 
exercise any action : therefore nothing is in movement 
Our philosopher fell from horse (back) and dislocated 
an arm. He called Herophilus, that he might replace it. 
"Either your bone", said the surgeon to him, "has mov- 
ed in the place where it was, or in the place where it 
was not. In the place where it was, it could not move, 
for there it was in repose (= rest) ; in the place where it 
was not, it could not move, as is apparent. Therefore 
your bone has not moved, neither a little nor one bit, 
and therefore (is) not even dislocated." Diodorus then 
said: "Let us leave aside these sophisms and free me 
from this pain." 

* Beading Exercise. 61. 

Courage, my friends! Let us swear vengeance I 
Alas, let me alone ! Begone, hypocrite I Hush, hush, do 
not speak I Alas, wretched man, why did you believe 
that idler Andrews I Hush, girls I Long live our queen I 
Well, what shall we do? By Jove, I should never have 
believed that you are such a clever lawyer. Hallo, boat- 
man, come hither with your boat I Courage, it will not 
be so difficult as you think 1 Capital, I can do what I 
like with my money. Quick, quick I I cannot wait I Fie, 
what an ugly face 1 Good gracious I What a misfortune 1 
Well, gentlemen, make haste I Hark! Listen! What a 
beautiful song I Well done all! Encore! Encore! God be 
thanked, we are saved ! Help ! a boy is drowning. Ah, 
what a miracle ! How do you do ? Indeed I thought you 
were ill. Why did you not show yourself the whole year? 

Traduzione. 63. 

Animo, amici, e vinceremo ! Posslbile, che un uomo 
sia cosi ardito! Aiuto! L'infelice si anneghera! Quel- 
rimpudente di Guglielmo m'ha detto una bugia! Via di 
qua, o io chiamero il servitore! Guai, se ardite dirgli 
una parola! Quel pazzo d'awocato m'ha pure detto, che 
(Ella) voleva parlarmi. Oh, gFinfelici! Saranno perduti 
tutti ! Zitto la, ciarlone ! Sai (sapete) bene che non ti (vi) 
credo! Bravi! ragazzi! Zitto, impostore! Non vedete, 
che c'e la mamma? Per Bacco! Non avrei mai creduto 
che (Ella) fosse un si grande oratore ! Per I'amore del 



38 

cielo I Non m'abbandoni in questa disgrazia. Presto ! II 
cocchiere non ha tempo di aspettaref Ewiva i nostri 
amici I Questo sciocco (d*un) facchino mi ha portato la 
cassa d*un altro signore. 

Traduzione. 63. 

Dove vai ? Vado a casa. leri andammo al teatro, e 
domani andremo al concerto. Vada pure ! Posso andare 
con lei? Dove vanno, signori? Andremmo in giardino 
se avessimo tempo. Se andaste con lui vi darei una 
mancia. Andatevenel Andate (Vidano) a destral Noi 
andremo a sinistra. Come sta Sua madre? Starebbe 
meglio se facesse piu caldo. Sta li, e non parlare I Dove 
stanno Signori? Stiamo fuori della citta. Perch^i non 
mi dai il libro ? Mi scusi 1 Glielo ho gia dato da molto 
tempo. Dammi il mio cappellol Non mi dare tanto 
danaro I Ne ho abbastanza I Mi dia (datemi) la mano I 
Gli davo ogni giorno tre marchi. Se le dessi del denaro, 
anche suo fratello me ne domanderebbe. Questi signori 
danno troppo danaro a] servitore. Non voglio che gli 
diano tanto danaro. II fiume circonda la citta da tre 
lati. I cortigiani circondarono il re e la regina. Mi 
ridiede il danaro che gli aveva dato. Quanto costa que- 
sto cappello ? Mi cost6 sette marchi. Contrast6 Teredita 
a suo fratello. Contrastammo il terreno al nemico fin- 
che potemmo. Andando a casa riando le parole che 
aveva sentite contro suo padre. Stia bene, signore. 

Tradnzione. 64. 

leri caddi dalla scala e oggi non posso bene cam- 
minare. Cadrai, se non badi. Le foglie cMono dagli 
alberi; Tautunno si avvicina. I prodi caddero per la 
loro patria. Sei caduto, ragazzo? Su questa ferrovfa 
sono gia accadute diverse disgrazie. Mi duole di do- 
vere darle questa nuova. Mi duole la testa. Si 6 do- 
luto {better lagnato) della tua scortesia. Non si dolga 
d'ogni bagatella. Dovete fare quel che vi ho comandato. 
Gli uomini devono amarsi gli uni gli altri. Tutti devono 
ubbidire alle leggi. Non so infatti se io ci vada. Do- 
vessi (io) morire, non posso parlare diversamente. Pare 
che non sappia quel che deve fare. Mi parve che Tuscio 



39 

fosso chiuso. Tacetel Tacil Taccial Perche ha ta- 
ciuto la veritk? Parli pure! lo tacer6I L'orologio che 
gli diede, gli piacque molto. Se questi fiori le piaces- 
sero, glieli darei. II libro mi piacerebbe se il racconto 
non paresse tanto inverosimile (improb^bile). Puoi ve- 
nire con me. Non potei venire ieri ; dovetti stare a casa 
presso mia madre che 6 ammalata. Se anche potessi- 
mo fare quel che vogliamo, non saremmo contenti. I 
miei compagni di viaggio rimangono a Firenze; io ri- 
marr6 a Roma. Rimanga dove e I Mio fratello h rimasto 
fino alle undici. Sa ella che cosa egli ha fatto? So 
solamente ch'egli non ha mantenuto la parola. Sap- 
piamo piu che non diciamo. Sappia che non soffrir6 la 
sua impertinenzal Dove siede (fe seduta) sua sorella? 
Siede la dove sono sedute le altre signore. Mi siedo ac- 
canto a mia madre. Questo bravo giovane mantenne 
per molti anni la madre col proprio lavoro. Se ottengo 
questo posto, rimango sempre qui. Sa Ella a chi ap- 
partiene questo palazzo? No, non so a chi appartenga. 
Si segga, signorina! Mia madre vena presto. Tenni la 
promessa che Le avevo data. Mi valgo di quest*occa- 
sione per scriverle alcune righe. Quanto vale questo 
biglietto di banca? Vedi quella niivola? La vedo ades- 
so, ma prima non la vedevo. Vidi ieri Suo fratello ; vo- 
leva venire a trovarla. Questi (stolti) pazzi non vedono 
che cosi non riusciranno mail Non hai visto che io 
era qui? Vuoi (Volete) darmi il tuo (vostro) lapis? Ve 
lo dar6, ma dovete restituirmelo. Non volli fare quel 
che mi chiese. Sapeva Sua zia che voleva venire con 
me in campagna? Certo, lo sapeva. Vorrei scrivere al 
mio amico a Milano, ma non so il suo indirizzo. 

Tradazlone. 65. 

Che cosa bevi ? Bevo un bicchier di birra. Ieri be- 
vetti anch'io questa birra, e mi fece bene. Abbiamo be- 
vuto della cioccolata. Berrk (Beverk) un bicchier di vino 
con me ? Berro volontieri un bicchier di vino. Beviamo 
alia salute del nostro re. Che cosa dice ? Non dico niente 
e non ho detto niente. Dite alia cuoca che pranzeremo 
oggi alle due. Mi disse che suo fratello era giunto (arri- 
vato). Dicendo queste parole trasse la lettera di tasca e 



40 

la mostro a noi tutti. Dio benedica il vostro lavoro. 
Facciamo quel che possiamo; che volete di piii? Gli 
feci dei rimproveri, ma tutto fu inutile. Mi faccia il pia- 
cere di dirmi quale stoffa ha scelta. Ha fatto la sua 
traduzione? La sto facendo in questo punto. Questo 
dopo pranzo far6 il resto. Ponga qua il vaso di fioril 
II sindaco porrk la prima pietra del nuovo municipio. 
Deponga il suo cappello e il suo sopr&bito e si siedal 
Quali guanti sceglie? Sceglier6 i gialli ed i neri. Ho 
scelto parecchi libri; ma vorrei sapere prima quanto 
c6stano? Spensi la candela, quando si fece giorno. Che 
faremmo se nostro zio non ci traesse da quest* impac- 
cio? II suo sigaro si 6 spento; ne vuole un altro? II 
negoziante trasse tre cambiali su Londra e due su Ber- 
lino. Gli abbiamo esposto come sta la cosa (faccenda), 
adesso deve dirci quel che dobbiamo fare in queste 
circostanze. 



Lesson XXXV. 

Tradnzione. 66. 

Che cosa fece? Che cosa faremo? Dove vanno 
queste signore? Andrebbero al teatro se non facesse 
cosi cattivo tempo. Poichfe c'e si poco spazio nella sala, 
solamente le signore sederanno. Se vuole che io faccia 
qualche cosa per Lei, deve mandarmi una procura. Non 
so se venga qui; ma se venisse gli offrirei Tospitalita 
in casa mia. leri abbiamo visto la celebre Ristori e fra 
breve ud(i)remo la Patti. Diciamo cio che abbiamo udito. 
Questo non pud essere vero, chi gliePha detto? Ditegli 
che manterr6 la mia promessa. Suo fratello h un pol- 
trone; ma verrk presto il tempo che si pentira della 
sua pigrizia. Io rimango a Venezia, ed Ella rimarra a 
Milano. Egli rimase a Trieste (durante) (per) due mesi. 
II teatro mi piacque molto (assai). Le place questo can- 
tante ? Taccia (Ella) I Le sue parole non mi piacciono. 
Io posi {also Fres, pongo) questi libri sugli altri. Una 
lapide fu posta sul luogo dove il prode era morto. Per 
Tanniversario di Michelangelo Buonarroti gli artisti te- 
deschi deposero ima corona d'argento sul suo sepolcro. 



41 



Tradnzione. 67. 



I profeti predissero la venuta di Cristo. II Maomet- 
tano non beve vino. Un uomo 6 caduto nel fiume, ma 
quando fu tratto fuori era gia morto. Da questo docu- 
mento trassi delle notizie importantissime. Socrate bev- 
ve la cicuta e mori. Che libri ha scelto ? Che avete be- 
vuto ? II lume si e spento. La pioggia spense le fiamme. 
Egli ha scelto le poesie del conte Leopardi. Chi semina 
vento raccogliera tempesta. La lampada muore, non 
vi sara piu olio. II cavallo spar6 un calcio e colpi il 
povero cocchiere al petto. Trarra una cambiale su Pa- 
rigi. Nel medio evo i catt61ici er^ssero molte belle chiese. 
Domattina salgo il coUe per vedere il levar del sole. 
Dacchfe esco regolarmente ogni giomo, il mal di testa b 
scomparso. Un angelo gli apparve'daH'oriente. Goffredo 
apparve co'suoi guerrieri davanti le mura di Gerusa- 
lemme. Vengo con tutta la mia famiglia. Cesare venne, 
vide e vinse. L'anno veniente (venturo) sara fertile. Chi 
e venuto? Muoio di fame. Mori lungi dalla sua cara 
patria. Morra la morte del traditore. Ho adempiuto il 
mio dovere. Egli ando disopra. Esco subito. Non uscia- 
mo oggi. Avete aperto la porta? Un italiano ha sco- 
perto r America. 



Sonnett to Italy. 

Italy, Italy, oh thou to whom fate made 
An unhappy gift of beauty, whereby thou hast 
A funeral dower of endless woes, which thou 
Bear*st written on thy forehead by great pain: 
Oh wert thou less beauteous, or at least stronger 
So that he, who for the glory of thy beauty 
Seems to long, and yet to death defies thee, 
Might fear thee more, or love thee less I 
For now I would not see torrents of armed men 
Sweep down from the Alps, nor Gallic flocks 
Drink (from) the wave of Po dyed with blood. 
Nor would I see thee girt with a sword not thine 
Fighting with the arm of strange peoples 
To serve eternally, conqueror or conquered. 



42 

Traduzione. 6S. 
Dante nacque a Firenze. Quando il maestro entr6 
nella scuola, gli scolari tacquero e si alzarono. Ho chiu- 
so le finestre perchfe fa freddo. Ho persuaso il mio 
amico di rimaner qui ancora quindici giomi. Nel mio 
ultimo viaggio in Italia ho speso trecento marchi. II 
lume (si) e spento. Gli Unni invasero la maggior parte 
deU'Europa. Le piacque la nuova opera? Non mi 6 
piaciuta. Conobbi lui e suo zio. A questa risposta tac- 
que e rise. Accese i sigari con uno zolfanello. Udii in- 
fatti lo strepito, ma mia sorella non Tha (udito) inteso. 
II servo prese una candela e scese in cantina. Gli ha 
Ella reso il suo denaro ? Non mi sono accorto della sua 
presenza. Ho inteso con dolore che la settimana scorsa 
hai perduto la tua cara madre, e ti faccio le mie piu 
sincere condoglianze. I nemici si ritrassero al primo 
colpo di cannone. Mi ha espresso il desiderio di fare 
la sua conoscenza. Ha riflettuto il suo amico alia mia 
proposta? 11 re Vitt6rio Emmanuele Secondo succe- 
dette (. . . cesse) a suo padre Carlo Alberto. Ho corret- 
to il suo tema. II professore corresse i temi de' suoi 
allievi (scolari). Lessi la sua lettera; mia madre non 
rha lettia ancora. Addusse delle buone ragioni per giusti- 
ficare la sua condotta. Mi ha scritto sovente, ma non 
gli ho mai risposto. Non distinguevamo le case; era 
troppo biiio (oscuro). Garibaldi si e distinto assai nella 
guerra contro i Borboni. Che (quale) artista dipinse 
questo quadro? Fu dipinto da Cimabue. Ho vinto due- 
cento franchi (lire) al lotto, Mio padre fu costretto a 
partire. Dacche ha stretto amicizia con questo sciope- 
rato, ha negletto i suoi doveri. Si discorse del viaggio 
della regina in Italia. 

69. 

Dove mi conducete ? La conduco alia stazione. Mi- 
lano fu distrutta piu volte. I Medici hanno protetto le 
scienze e le arti. Mi ha promesso una visita, ma non 
ha mantenuto la (sua) parola. Sorrise una volta ancora 
e mori. In questa parola e omessa una vocale. Si per- 
mise di ridere in faccia al giiidice. Molti fanciuUi fu- 
rono uccisi dai soldati di Erode. Dove ha (Ella) messo 



43 

il mio orologio? V6glio che (Ella) lo metta nel cassette. 
Le permise sue (il di Lei) padre di venire con me a 
teatro? Carlo Magno sottomise i Sassoni pagani. Pro- 
mise d'ora innanzi fedelta ed ubbidienza. Volsero per 
Tultima volta i loro (gli) sguardi suU'amata citta. (Ella) 
ha pianto, perchfe? Ho letto la descrizione del terre- 
moto neU'isola d'Ischia e dovetti piangere. Fino a che 
eta ha vissuto suo zio ? Scrissi a Venezia, ma i miei 
amici non mi hanno ancora risposto. Non fui accolto 
troppo bene nella casa di mio cugino. La signorina 
colse rose e gar6fani. Chi mi sciogliera questo diib- 
bio? Alessandro Magno sciolse il nodo gordiano. Vor- 
rei togliere mio nipote da questa scuola, se ve ne fosse 
una migliore. Tutto fu tolto airinfelice viaggiatore. Alia 
vista della nostra armata (esercito, m.) i nemici presero 
la fuga. Questo cane ha morso la di Lei f iglia ? La vidi, 
ma non la riconobbi. Nessuno mi ha soccorso durante 
la mia malattia. lo m'accorsi benissimo della sua cattiva 
intenzione, ma Ella non si e accorta di niente (nulla). 
Le porse la mano b pianse. Ha (Ella) preso il suo da- 
naro? Prese soltanto due marchi. 

70. 

Oppresso dal dolore, il padre accompagnava il suo 
ultimo figlio al sepolcro. Ha (Ella) assistito alia festa? 
Scegliemmo alcuni bei quadri per regalarli a nostra zia. 
Tutti questi popoli furono vinti da Cesare. Fui profon- 
damente commosso. Egli indusse il suo amicof a scriver- 
gli. I Prussiani mossero alia volta di Parigi. II fuoco 
distrusse la maggior parte della citta. I Francesi espul- 
sero (il) re Carlo d6cimo dalla Francia. Napoleone primo 
assunse la dignitk imperiale. II loro cugino giunse final- 
mente. £ egli giunto finalmente? Si punse il dito col- 
Tago. II generale soggiunse : avr6 cura che i ladri ven- 
gano (siano) scoperti presto e arrestati. Tosto che ebbi 
inteso del suo arrivo, corsi ad abbracciarla. La lettera 
qui acchiusa deve essere rimessa in tutta fretta al suo 
indirizzo. Le sue parole mi confusero affatto. Le h 
piaciuto il libro che le ho mandato? II suo arrivo inter- 
ruppe la nostra occupazione. L*infelice proruppe in la- 
grime. Lo schiavo che ha rotto le sue catene 6 da te- 



44 

mere assai. Nessuno ha assistito ai nostri esami. Non 
potei fare quel (ci6) che ella voleva da me. Napoleone 
nacque ad Aiaccio e mori a Sant* Elena. II caldo di 
questi giomi ha nociuto al vino? Piowe ieri? Questi 
due fratelli vissero sempre di buon accordo. Un buon 
albero produce buoni frutti. Ho tradotto il mio tema. 

From ^Le mie prigionF 

by 
Silvio Pellico. 

On Friday, October 13 1820, 1 was arrested at Milan 
and taken to St. Margherita: It was three o'clock p. m. 
I underwent a long trial for all that day and for several 
others. But of this I will not say anything. Like a lover 
who is illtreated by his mistress and firmly resolved to 
pout, I leave politics where they are and (will) speak 
of something else. 

At nine o'clock at night, on that unlucky Friday, 
the clerk consigned me to the gaoler, and after having 
lead me to the room destined for me, he made me give 
up, upon his polite invitation, my watch, money, and 
everything else I had in my pocket, only to give it all 
back to me in due time, and wished me respectfully 
good night. 

"Stop, my friend", I said to him, "to day I have not 
dined; order up something for me." 

"At once; the tavern is here close by, and you will 
see, sir, what good wine!" 

"Wine, — I don't drink any." 

At this answer, Mr. Angiolino looked (at me) 
frightened, hoping that I was jesting. The gaoters who 
keep taverns are horrified at abstemious prisoners. 

"I do not drink any, really!" 

"I am sorry for you. You will suffer (from) solitude 
doubly!" 

And seeing that I did not change my proposal, he 
went out; and in less than haJf-an-hour I had my dinner. 
I ate a few morsals, gulped down a glass of water and 
was left alone. 



45 

Continuation of ^Le mie prigionF. 

The room was on the ground floor and looked 
down on the court yard. Gaols right and left; gaols 
above (me), gaols opposite. I leant against the window, 
and stood a little listening to the going to and fro of the 
gaolers, and the frantic singing of many prisoners. 

I was thinking: a century ago, this was a convent; 
would ever the holy and penitential virgins who in- 
habited it, have imagined that their cells would resound 
to-day, no longer with women's sighs, and devotional 
hymns, but with curses and shameless songs, and that 
they would contain men of all kinds, and mostly destin- 
ed to the gaols or gallows ? And in one century, who will 
breathe in these cells? Oh, fUght of time! Oh, per- 
petual mobility of things I Can he who considers this, 
be sad because fortune no longer smiles upon him, be- 
cause he is buried in (a) prison, and menaced with the 
gallows ? Yesterday I was one of the happiest mortals of 
fiisi earth, to-day I have no longer the sweetness 
which comforted my life; I have no longer liberty, no 
longer the society of (my) friends, no longer hopes I No, 
to flatter myself would be folly. From here I shall de- 
part only to be thrown into the vilest dungeons or given 
over to the hangman. Well, the day after my death 
will be as if I had died in a palace or had been car- 
ried to the grave with the greatest honours. 

Thus my reflections on the flight of time streng- 
thened my soul. I thought of father, mother, my two 
brothers and two sisters, of another family which: I 
liked nearly as if it had been mine ; and the arguments 
of philosophy lost their weight I became sentimental 
and wept like a child. 



46 



SECOND PART. 



Lesson II. 

Tradnzione. 71. 

II re e la regina parl&rono al (col) conte e alia 
(colla) contessa. La signora Maria 6 una ricca erede. 
La sentinella arrest6 la spia e la sua guida. Un vendi- 
catore nascera dalle nostre ceneri. La signora M, e 
milanese, 6 una celebre cantante. Nel serrdglio vi erano 
leoni e leonesse, elefanti e elefantesse, pavoni e pavo- 
nesse. La critica st6rica non ammette che una papessa 
Giovanna abbia vissuto. La pulcella di Saragozza fu 
una grande eroina. Gli antichi pagani av6vano molti 
dei e molte dee. Le cagne sono ordinariamente piu fe- 
deli dei cani. La contessa fu sempre una gran bene- 
fattrice dei poveri. Questo monaco e francese, e questa 
m6naca 6 inglese. Alia fiera si vedono giganti e gigan- 
tesse, artisti e artiste, indovini e indovine. In questa 
cittk vi sono delle poetesse, delle pittrici e delle scrit- 
trici, ma non delle dottoresse. In ogni professione vi 
sono dei guastamestieri. II fiume scorre per valli amene 
e irriga fertili campagne per mezzo di parecchi canali. 
Sono arrivato colla dottoressa e coU'ostessa. La sua 
cognata fe Tautrice del nuovo romanzo. 

Beading Exercise. 73. 

Our Native Land. 
The house where we were born, the place where 
we were brought up; where we scampered about as 
children, that tree whose birth we saw, that meadow 
where for the first time we picked daisies and violets, 
how dear they become for us to resee I How we like to 
return there after remaining away a little. native 



47 

country I In it are concentrated our first remembrances, 
(which are) so sweet! it nourishes our parents while 
alive, and covers them when dead, as also the com- 
panions of (our) first pastimes, (our) acquaintances; 
there one hears the language with which our mother 
consoled our first sufferings and taught us how to 
call our father and that other Father who is in Heaven; 
the language in which we began to speak, to caress 
those who had given us life ; the language in which we 
received the first counsels, the first teaching, the first 
friendly words. How natural it is then to love one's 
country. Even the swallows from far-off countries 
where they have passed the winter, return faithfully 
to their nests. And never (Norever) does one feel love 
to one's country (so much) as when one is obliged to 
leave it. Did you ever happen to remain far from your 
native country? all the more if you were separated 
from your parents ? How your heart beats (jerked) on 
return(ing), how you (pressed forward) (the look) look- 
ed eagerly, to see the cross on the belfry or on the 
tower of your (birth) place I 

Now think of (those) who are separated from it 
for years and years, by seas and mountains (by mounts 
and seas)! Never to see known faces, never to meet 
friends, relatives, the curate whose advice we so often 
asked (for) ; never to come together, at the sound of our 
bell(s), to church, to sing (to) God, and to invoke him. 

Traduzlone. 73*). 

1. II secolo decimo ottavo ha prodotto dei buoni 
poeti in Germania. Egli diresse le fila di tutta la con- 
giura. Alcuni tempii pagani furono convertiti in chiese 
dai cristiani. I soldati francesi portano calzoni rossi. 
Nel ritratto d'un dotto tedesco raramente mancano. gli 
occhiali. L'accademia della Crusca si compone di mem- 
bri attivi e di onorari, ha la sua sede a Firenze e si 6c- 
cupa principalmente di questioni di lingua. Quante teste 
tanti cervelli. Quando (AUorche) entrammo nella casa, 

*) As the Reading-Exercises in the second part are sufficiently 
explained by the notes, we give henceforward only the translations 
of the Tradtizioni, 



48 

sentimmo terribili grida. I tempii degli antichi Greci 
erano magnifici. Perchfe nondite laveritk? Sapetech'io 
6dio le bugfe. C*erana molti forestieri negli alberghi 
della citta. Tutte le nazioni hanno imparato qualcosa 
dai Greci. Preferisco i vini spagnuoli ai greci. Gli av- 
volt6i appartengono agli uccelli di rapina. Ha veduto i 
vapori austriaci? Le mura di Troia protessero la citta 
per dieci anni contro gli eserciti greci. 

2. Le gesta di Alessandro Magno empirono il mondo 
di stupore e d*ammirazione. I frutti del suo lavoro gli 
procurarono una vita aggradevole. Perchfe non ha messo 
delle frutta suUa tavola? Non mi esporr6 alle loro risa. 
In ;iiolte provincie d* Italia si trovano o nella lingua o nel 
sangue o nei costumi della gente, vestigia di popoli stra- 
nieri. Adesso le distanze non si calcolano piu a miglia, 
ma a chilometri. Colombo voile seco i suoi ferri nella 
tomba. Una dozzina di uova costava settanta centesimi, 
la settimana scorsa. Di uno sciocco si suole dire in Ita- 
lia : non sa nemmeno quante dita (quanti diti) egli abbia. 
Nella casa che ti mando troverai un paio di calzoni nuo- 
vi, due paia di lenzuoli (-a), una forbice e i libri di cui 
abbisogni (che ti occorrono) pei tuoi studi. I tre re magi 
seguirono la stella che li condusse a Betlemme. La 
scienza ha fugato le tenebre dell'ignoranza e scoperto la 
frode degli or^coli e dei maghi. Mori col nome di Dio 
sulle labbra. 

74. 

(Continuation of Native Land.) 
Oh how we fix then our (the) look(s) on the moun- 
tains or towards the sky in the direction of our country ! 
(How full) of (what) worth seems every tiniest thing, 
which recalls us the idea of (our) (the) country! I 
have gone through (proved) these bitter feelings; and 
when I heard anybody speaking the language of my 
native land, my heart (beat) (leapt) (within me) as if I 
had heard my father. And when under rigid cUmates I 
saw in a garden mulberry trees (to) grow(ing), with 
what bitterness I embraced and kissed the plant, the 
long rows of which (bring) give the land(s) in Italy such 
beauty and wealth. 



49 

Unhappy he who is obliged by necessity to depart 
from his country I If you meet an exile, do not insult 
him, pity him, as an equivalent of the brothers, the 
country he has left behind (him), and which he loved 
so much. 

And we love our country; we love Italy, this 
smiling sky, this temperate climate, this rich soil, this 
language so harmonious, spoken by so many citi- 
zens, united (to) (with) us in the lovef for (of) (our) 
mutual country, in our sufferings, in our joys, in our 
hopes. 

Lesson III. 

Tradazione. 75. 

Napoleone si fece incoronare imperatore dopo es- 
sere stato prima nominato console. Coriolano fu dichia- 
rato nemico della sua patria. II re ha fatto il signor N. 
consigliere di stato. L'assemblea mi ha eletto presi- 
dente. Si dice che Dante aveva il naso lungo, i capelli 
neri e la camagione bruna. Gli Italiani imparano facil- 
mente il francese. II giovinetto disse : Mi faro uffiziale. 
Demostene era un grande oratore. Mai generale 6 stato 
onorato (tanto) quanto Turenne. Chiunque 6 buon cri- 
stiano non sara mai cattivo cittadino. II mio cocchiere h 
francese e il mio servitore fe tedesco. Mia madre 6 in- 
glese. Imparo Titaliano da sei mesi; prendo due lezioni 
per settimana il lunedi e il giovedi e benchfe non osi 
leggere Dante e Tasso, sono per6 in grado di capire libri 
facili. II mio fratello maggiore e awocato, il minore e 
medico. Alessandro, figlio di Filippo, di Macedonia, s'im- 
padroni di Tiro, capitale della Fenicia. Esopo era oriun- 
do di Frigia, provincia dell* Asia minore; era schiavo di 
Xanto, filosofo passabilmente rinomato. Quest'uomo e 
un abile artista; e italiano. Napoleone si fece protet- 
tore della confederazione del Reno. Faraone fece Giu- 
seppe suo vicer6, benche questi (egli) fosse Ebreo. Molti 
negozianti europei si sono stabiliti al Cairo. Ad Aquis- 
grana si vede la tomba di Carlo magno. II re d* Olanda 
risiede all'Aia. 

KEY to the Italian grammar. 4 



50 

Traduzione. 76. 

Abbiamo compassione degrinfelicil Ha ragione, 
amico mio ; Federico ha avuto torto. L'uomo pusill&nime 
(pauroso) ha paura sin della propria ombra. Gli dbiti 
bianchi sono il simbolo deirinnocenza. Non avra mai 
motivo di lagnarsi della mia condotta. Monumenti, troni 
palazzi, tutto perisce, tutto cade in rovina. Venga a 
trovarmi dopo pranzo. Vecchi e gi6vani, donne e fan- 
ciuUi, tutti fiirono rapiti dalla peste. Approdammo al- 
Tisola di Cipro. Ha; (Ella) fame? No, ho sete. Vuol 
(Ella) venire meco (con me) ? La ringrazio di tutto quel 
che (Ella) mi ha dato. Lo struzzo ha le gambe lunghe, 
il collo lungo e le ali cortissime. Fece mostra di dormire. 
(Ella) cone rischio di perder tutto il suo danaro. Non 
ha (Ella) vergogna di agire cosi (in tal modo). Leggiamo 
la Sposa di Abido, poema di Lord Byron. La volpe ha 
le forme piu svelte del lupo. I miei figli hanno gli occhi 
azzurri ed i capelli biondi. La paura produce la super- 
stizione. La modestia 6 una gran virtu. Le faccio questa 
proposta per metter fine alia lite. In questa cittk si ve- 
dono delle persone sane e robuste che non hanno ver- 
gogna di domandar Telembsina. Abbiamo letto i Pro- 
messi Sposi, gioiello della letteratura romanzesca ita- 
liana. Saro qui Sabato. Mia madre fe arrivata (per) la 
prima. L'aio usci (per) T ultimo. 

Beading Exercise. 77. 
Christopher Colambus. 

' Christopher Columbus, an Italian from Genoa, bom 
of (from) poor parents in the year 1441, convinced that 
the best riches consist in (are) to leam(ing) something 
applied himself eagerly to study(ing), where not only 
he profited by the lessons that were given to him, but 
he reflected on everything he saw or heard. 

Columbus learned from his masters, or read in 
some book that the earth is round. Therefore he reflect- 
ed (that), as it is inhabited up here, it must be inhabited 
also on the other side. He heard ttiat the compass is a 
needle, which continually turns towards the North. 
Then he reflected, however far I may go to sea, I shall 
always have the means of know(ing) where I must turn. 



51 

I shall therefore be able to launch (myself) into very 
distant travels, and as the earth js round, I may sail 
round about it. One of his relatives showed him a tree- 
trunk, quite different from those of our woods, which 
had been thrown ashore by a storm. Therefore he 
concluded: there are certainly other lands with other 
forests, probably other men. 

From this consideration and from others more in- 
genious still, he became convinced, that there were 
other lands and he proposed to set out in search of 
them. But how (was he), to execute so grand a design, 
he alone, (and) (he) poon? He saw himself therefore 
obliged to look (for') help from others: but to him 
who seeks there happens often the mortification of a 
refusal. 

Lesson V. 

Traduzione. 78. 

Un bicchiere d'acqua limpida (chiara) vale piu di 
una bottiglia di vino cattivo. Mi mandi un chilo del caffe 
che vanta tanto. Un uomo di senno e stimato dapper- 
tutto. Ha un oriuolo d*oro o d'argento? Ho portato le 
gazzette d*ieri alPambasciatore di Fr&ncia. La citta di 
Monza presso Milano possiede la famosa corona di ferro. 

II Lago Maggiore h piu bello del lago di Garda. II mini- 
stro ottenne il tftolo di conte per i (in premio dei) grandi 
suoi m6riti. A chi sark dato il posto di segretario? La 
repubblica di San Marino esiste da piii di mille anni. 
Sa (Ella) di certo che la signora vestita di nero k inglese ? 
E ella contenta della sua posizione? Le porte della for- 
tezza si chiiidono (v6ngono chiuse) alle dieci di sera. 
Egli mi diede uno scellino di piu. Mi diiede un doUaro 
di meno. Sa (Ella) qualche cosa di nuovo ? La sua con- 
dotta mostra poco rispetto. Ha piu acqua che vino nel 
suo bicchiere. Perchfe viene sempre di notte ? Non puo 
venire di giomo ? La f errovia del Gottardo f avorisce le 
relazioni commerciali tra 1* Italia e la Germania. Ho in- 
contrato ieri un compagno di scuola che e in procinto 
d'intraprendere un viaggio in Italia e in Grecia. £ ri:cco 

4* 



di denaro, ma non di cognizioni. La nave era ca- 
rica di merci. 

Traduzlone. 79. 

II negoziante di cavalli fe stato a Berlino e ha com- 
perato parecchi cavalli da sella e da tiro. Ho messo (po- 
sto) la lana da calze neirarmadio della biancheria, e la 
carta da lettera nel mio portafoglio. Molti papi discen- 
dono da origine oscura. Un uomo pio (timorato di Dio) 
pacifico (alieno dalle risse) e coscienzioso (fedele ai pro- 
pri doveri) h Tideale della perfezione cristiana. Come 
ha passato la sera? Abbiamo giocato a scacchi e le si- 
gnore hanno ricamato e chiacchierato assieme. La lat- 
tivendola viene da noi alle sei di mattina. Non sarei 
alieno dalFimpresa proposta, se potessi disporre attual- 
mente del capitale necessario. In varii articoli di com- 
mercio il lavoro a m^cchina e meno pregiato del lavoro 
a mano. Molte merci sono esenti da dazio. La chiesa e 
vicina al municipio. Sua sorella suona il pianoforte? 
No, ma sa rammendare, ricamare e cucire a macchina. 
Devo parlare con lei da solo a solo. £ awezzo a dor- 
mire dopo pranzo. Si vede spesso il principe andare a 
spasso con nn tiro a quattro. Quest'abito 6 fatto alFin- 
glese. Don Chisciotte ordin6 al suo scudiere Sancho 
Pansa di parlargli alia turca, a capo chino e coUa ber- 
retta in mano. 

Beading Exercise. 80. 

Continuation of Christopher Columbus. 

At first Columbus exhibited his design (work) at 
Genoa, then at Venice, then to the Portuguese, to the 
Enghsh, to the Spaniards; he exhibited them nothing 
less than a new world, and he received in answer only- 
repulses and mockery, as they said that he was a pro- 
ject making fool. For there are too many (of) those who 
laught (at) everything new, and beheve that nothing is 
good and true but that which our fathers knew and did. 

(The) poor Columbus meanwhile saw himself ne- 
glected and despised ; yet he did not lose (his) courage 
and (his) perseverance, which is the true character of 
(the) great men. In fact, he begged again and again ; at 



53 

last a woman listened to him (lent him an ear), Isabella, 
queen of Spain. 

She confided to Ck)lumbus three ships, (and) with 
these and only 90 men, on the 3rd of August 1492, he 
set out in search of lands, whereof nobody knew where 
they were, what they were, but which he was persuad- 
ed to find. 

They set out; they reached the high sea; they lost 
sight of land, they saw sea and sky. Days passed, 
weeks passed, but the expected land did not appear. 

Over the immensity of those waters (waves), the 
calm (weather) followed the storms, prosperous winds 
followed the contrary (ones) ; they advanced eternally, 
but the (long-) expected shore did not appear. 

Lesson VI. 

Traduzione. 81. 

Napoleone fu esiliato all'isola di Elba; ma egli ri- 
tomo in Francia e s'impadroni della citta di Parigi. 
Schiller e Goethe sono i Sofocli della Germania. Chi 
non conosce la lotta degli Orazi e dei Curiazi ? La caro- 
vana venne dal Cairo e si rec6 per Suez alia Mecca. La 
regina d'Inghilterra era in guerra coU'imperatore di 
Russia. Carlo d* Austria era padrone (signore) dei reami 
di Spagna, delle due Sicilie, dei Paesi Bassi e del nuovo 
mondo. Gritaliani sanno i versi del Tasso a mem6ria. 
Sant'Uberto e il patrono dei cacciatori. Le manifatture 
inglesi sono piu stimate di quelli che vengono dalla 
Francia. Quest*oratore fe il Demostene de' nostri tempi. 
Questo ritratto rassomiglia al famoso Raffaello. II Tele- 
maco di Fenelon e un eccellente libro di lettura. L*ar- 
mata dell'Inghilterra si distinse in Crimea. Ha veduto 
I'armata della Spagna (spagnuola) ? I due Corneille nac- 
quero a Rouen. I vini di Francia, la tela d'Olanda, la 
lana di Spagna, il ferro di Svezia e Tacciaio d'Inghil- 
terra sono molto rinomati. L*imperatore del Brasile ha 
sposato una principessa di Leuchtenberg. La Pasqua b 
passata. La Pentecoste s*awicina. Non si trovano molti 
Napoleoni nella storia. La Spagna si vanta (fe orgoglio- 
sa) di aver dato la vita ai due Seneca. 



54 

Beading Exercise. 82. 
Continuation of Christopher Columbus. 

However the companions of Columbus began to 
murmur under their breath, then aloud ; and (after hav- 
ing) united themselves, they told their chief that his was 
mere nonsense ; that he had load them to the middle of 
the sea only to have them die far from their country, 
that they had more than enough and that they wished 
to return. 

Now was here Columbus, after having done so 
much, acted, studied, thought, and suffered; there he 
was, being sure that he was nearly seizing the new land, 
there he was reduced to lose the fruit of his pains, and to 
have to return to Europe, where he would be laughed at 
(because) of his dreams and the, unsuccessful entreprise. 
With what passion he passed from one ship to the other, 
entreating, persuading, menacing. 

To some he promised prizes; to others pu- 
nishments; to all he painted this new earth, and the 
glory which they would assure for themselves by being 
its discoverers, and the merit of having gained so many 
peoples to the true rieligion. Thus he succeeded in 
calming them somewhat; and he began again (return- 
ed) to observe the stars, the compass, the winds; but 
land did not come in sight (appear), and new seditious 
cries arose, and the Italian hero had to begin once more 
to quieten them. 

Sometimes he used to climb in person up to the 
top of the main-mast, if he could not (perhaps) see some^ 
thing far off; he looked and looked again, but all was 
water and air; land did not appear. Once he be- 
lieved he had discovered it, he showed it to the sailors 
who were beside themselves with joy; but ah me I 
it was only a cloud, and the sun dissipated it, 
and land did not appear. 

Lesson VII. 

Traduzione. 83. 

Mio fratello ha venduto il suo giardino ed il mio; 
ha anche venduto la casa di mio zio e la sua (propria). 



55 

II tempo fugge ; la perdita ne e irreparabile. Ha sacrifi- 
cato la sostanza di sua sorella e la sua (propria). II 
nostro povero fratello ha perdutto tutta la sua sostanza. 
Si diede un ballo in suo onore. Lo vidi co' miei propri 
occhi. Ricevetti ieri la sua lettera e quella del di Lei 
padre. Fra pochi (alcuni) giomi avrk la mia risposta e 
quella di mio padre. II soggiomo in campagna ha le sue 
delizie. Questa cittk sorprende (eccita sorpresa) per la 
magnificenza de' suoi edifizi. Guarda (mira) questi sti- 
vali ! Che did della loro forma? Che bel fiume 1 Quanto 
son vaghe le sue xive (ne son v. 1. r.). Ho dimorato* 
soltanto otto giomi in questa cittk ; non ne conosce tutte 
le vie. Non amo Tuva spina; il suo gusto 6 troppo acre. 
Se questa carrozza fosse mia, la farei dipingere di nuo- 
vo. Quel suo allievo ha rotto la finestra. Dal canto mio, 
non ho niente da dire. La di Lei {better Sua) sorella non 
poteva venire. Parliamo dei nostri figli e dei vostri. 
Carlo 6 un mio amico; spero che sark anche il vostro 
(suo). Lo far6 per amor vostro. Faccia a suo piacere 1 
Chi sono quelle signorine? Sono mie allieve. Vedo con 
mio rincrescimento che non posso mantenere la mia pro- 
messa. La povera donna mi si e gik gettata ai piedi. 
Fra pochi giomi avr6 il piacere di rivedere i miei (geni- 
tori). I giomali commentano le misure severe prese dal 
governo; tutti vogliono dire la loro; io per parte mia 
sono convinto che sono ragionevolissime. 

Reading Exercise. 84. 
Continuation of Christopher Columbus. 

And now they were (already) two months at sea; 
they had sailed (run) two thousand miles since they 
had touched the last known islands, and they did not 
see anything new; all lost heart and hope, all, except 
Columbus. At last his companions protested firmly that 
they would not advance any further: where-upon he 
(in) despair(ing) had to promise that if in three days 
they would not see land, they would return towards 
home; the evening of the second approached, and it 
did not yet appear. And yet Christopher was confident 
he would find it, for he did not let anything pass un- 



56 

observed. He had remarked that the wind did not blow- 
any more so straightly and evenly, a proof that some- 
thing interrupted its course. He saw some tree-leaves 
floating, and they had not been seen for long : he saw 
(some) birds and, convinced that they were steering for 
their nests, he followed their flight. And so land had 
not yet appeared, but Christopher was already sure of 
it, and said to the sailors : "To-night you all remain up, 
and then at day break you will see the longed for coast". 
The sailors laughed at him and intimated (to him) 
that on the morrow he should return towards Spain, or 
they would throw him to the fish. But at dawn, there 
indeed was something dark on the horizon; all cry: 
land, land 1 All prostrate themselves at the feet of Co- 
lumbus nearly adoring him ; but he, humble in the midst 
of so much glory, invited them to prostrate themselves 
before the Lord, who gives light and courage for (the) 
great enterprises. 

Lesson VIII. 
Traduzione. 85. 

Enrico quarto fu uno dei piii grandi re. Ecco Totto 
di cuori. L' America venne scoperta neiranno millequat- 
trocentonovantadue. Partimmo in trenta. Pranzo ad 
un*ora e mi corico dopo mezzanotte. Fra sei mesi andro 
in America. Questo poUastro e jnezzo bruciato. Oggi a 
otto avro venti anni. Fra quindici giomi partir6 da Vien- 
na. Fummo in quaranta persone a pranzo. Ho da dirle 
due parole. II mio maestro di miisica viene ogni due 
giomi (un giomo si e un giomo no). Paolo e Virginia 
erano molto ignoranti. La casa e il cortile sono piccoli. 
Mi dia una mezza hbbra di butirro (burro) e due lib- 
bre e mezzo di pane. Che cosa ha trovato, amico mio ? 
Come erano vestite le due dame? La zitella aveva un 
vestito ed un cappello bianchi. La vecchia signora por- 
tava una ciiffia bruna. Mia nonna buon'anima mi ha 
sovente raccontato questa storia. Lessi nei giomali che 
domani la casa di Pietro Cossa del fu Antonio, sara 
messa in vendita. II signor Malatesta ha Taria molto 
biirbera oggi. Ecco il signore che giunse (arrivo) verso 



57 

le sette (ore). Luigi e un bel giovanotto. Francesco 6 
un uomo piccolo, ma molto robusto. La Spagna e un 
paese fertile, ma male coltivato. Feci oggi la conoscen- 
za d'un uomo dottisimo. Una vita s6bria, semplice, re- 
golata e laboriosa fortifica (rinvigorisce) il corpo e Ta- 
nima. Tutta la mia; vita fu dedicata alio studio. Le 
monache escono di solito a due a due. Avendo cer- 
cato inyano la sua fortuna in grandi imprese, ritomo 
alia sua antica occupazione. 

Exercise. 86. 
The birds at Constantinople. 

Constantinople has a gaiety and a grace of its own, 
which it derives from an infinite quantity of birds of 
all kinds, for which the Turks entertain a lively feeling 
of simpathy and respect. 

Mosquees, woods, old walls, gardens, palaces, 
everything sings, cooes, clucks and pipes; every-where 
one hears a fluttering of wings, every-where there is 
life and harmony. 

The sparrows enter boldly in the houses and pick 
from the hands of children and women ; the swallows 
build their nests on the doors of coffee-houses and 
under the vaults of the bazaars; the pigeons, in in- 
numerable swarms, kept by legacies of the Sultans and 
private people form white and black garlands along the 
cornices of the cupolas, and along the terraces of the 
minarets ; the seagulls whirl merrily around the tops of 
the towers; thousands of doves make love among the 
cypresses of the grave-yards; around the Castle of the 
Seven Towers; blackbirds croak and vultures whirl 
around ; the halcyons come to and fro in long rows bet- 
ween the Black Sea and the Sea of Marmara; and the 
storks clapper on little cupolas of solitary mausoleums. 

For the Turk each of these birds has a gentle sense 
or a benign virtue ; the doves protect love, the swallows 
keep off fire from the houses where they build their 
nests, every winter the storks make a pilgrimage to 
Mecca, the halcyons bring the souls of the faithful 
to heaven. 



58 

So he protects them and feeds them out of gratitude 
and religion, and they taake his house lively (f anno 
festa intomo alia . . .), on sea and among the graves. 

In every part of Stambul one is flown over, and 
around, grazed by noisy swarms, which spread through 
the city the mirth of the country and freshen continually 
in one's mind the feeling for nature. 

Lesson IX. 
Tradozione. 87. 

Gli scriver6 io stesso. Devo a Lei la mia liberta e 
la mia vita. Parlate delle mie 6pere? Si, ne parliamo. 
£ questa la sua casa? Si, 6 la mia casa. Questo gio- 
vanotto fe adesso meno forte di quando lo vidi a Vienna. 
Sono veramente infelici quelle ragazze? Si, lo sono 
Vede quella donna col cestino in^ testa? E la sua cuoca? 
Si, 6 la mia oouca. Siete gli operai (lavoranti)? Si, 
siamo dessi, or siamo i lavoranti. Ha i suoi occhiali 
seco? Si, non esco mai senza di essi. £ con Lei il suo 
amico ? Sa (bene), che non esco mai senza (di) lui. Son 
venuto con (esso) lui. Lo trovai cola. QuelFuomo, (Caro 
voi) venite qui, per piacerel Felice lui (colui) che ha 
trovato un vero amico I Quelli (coloro) che non sanno 
niente, v6gliono burlarsi dei lavori altrui. Quest*uomo 
e cosi povero come dice? So che ha piu danaro che 
(non) pensate. La virtu fe tanto (cosi) necess&ria al- 
Tuomo che non pu6 vivere senza (di) essa. Ha danaro 
seco? Non ne ho (meco) ma i miei fratelli ne hanno. 
II cane k sotto il letto? No, non vi e. Quanti pianeti 
vi sono? Ve ne sono piu di cento. Vedra tosto me e 
mia sorella. Lo disse a me e non a Lei (voi). Se (Ella) 
ha tanti libri, abbia la compiacenza d'imprestdrmene 
uno. Se f ossi Lei I Sarai punito come me. Non sono nh 
come Lei nfe come lui. La virti h jtmabile per sfe stessa. 
Sei tu (siete voi, h Lei) Alfredo o il nostro vicino che 
ha piantato quest'albero ? Son io che I'ho piantato. Tu 
e lui non foste attenti. Fa freddo oggi? La pagheral 
Siete soldati? Si, lo siamo. 

Reading Exercise. 88. 
My prisons. Chapter 58. 

It is bitterly hard (acerbissima cosa), after having 
said good-by to so many objects, when we are two equal- 



59 

ly unfortunate friends together, ah yes! it is bitterly 
hard to part. Maroncelli, on (nel) leaving me, saw (in) 
me (a) sick man, and mourned over me (= compiangeva 
in me) (as over) a man whom he probably would never 
more see; I mourned in him a splendid flower of health, 
torn away perhaps for ever from the life-giving light of 
the sun. And indeed that flower, how it withered! He 
resaw light one day but oh in what a state ! 

When I found myself alone in my prison and heard 
them shut the horrible chains, and distinguished, in the 
twilight — which came down from the tiny window' — 
the bare bench given me for bed and an enormous chain 
in the wall, I sat trembling (with fury) on that bed, and 
after having taken that chain, I measured its length, 
wondering whether it was destined for me. 

Half-an-hour afterwards, the keys creaked ; the door 
was opened ; the head gaoler was bringing me a pitcher 
of water. 

"This is to drink", said he with] a rough voice, "and 
to-morrow morning I shall bring you the loaf." 

"Thanks, my good man." 

"I am not good." 

"So much the worse for you", I replied indignant- 
(ly). "And this chain", I added, "is it perhaps for me ?" 

"Yes, sir, if ever you were not quiet, if you were 
to become furious, if you were to say insolent things. 
But if you are (will be) reasonable, we shall only put a 
chain to your feet. The smith is preparing it." He walk- 
ed slowly up and down shaking that horrible bunch of 
great keys, while I with; an angry eye looked at his 
gigantic, thick, old body; and notwithstanding the not 
vulgar features of his face, everything in him seemed 
to me to be the most hateful expression of brutal rigour. 

Lesson X. 

Traduzione. 89. 

Quali paesi conquist6 Alessandro Magno? Ecco due 
grammatiche, quale preferisce (Ella). Di che cosa si 
occupava durante le lunghe vacanze? Qual eroe fu piii 
grande, Cesare, Alessandro e Napoleone? Come, (Ella) 



60 

ebbe tanta arditezza di dirgli questo? Chi vuol venire 
meco, Lei o Sua (la di Lei) sorella? Che cosa fe la vita 
Timana? Un filosofo ha risposto: un sogno. Chi arrivo 
oggi dalla Turchia? Mio fratello. Quale? Carlo. La gio- 
vane signora, la (di) cui madre ci diede queste buone 
nuove, si chiama Maria. Che c'e di piu importante per 
Tumanita che la civilizzazione universale? Che c'e di 
nuovo? Chi sostiene questa nostra terra neirimmenso 
sp&zio deiruniverso ? Di che potr6 fidarmi? Un poco 
piu di gloria, un po* piii di ricchezze, che cosa b tutto 
cio? In onore di chi eressero gli Egiziani le loro pira- 
midi? In onore de' loro re. Quale di queste ragazze le 
piace di piu? Quella dai capelli biondi e dagli occhi 
azzurri. Qual e la voce divina che} parla a noi in questo 
mondo? Sei tu, coscienzal Tu sei il giiidice infallibile 
del bene e del male. 

Traduzione. 90. 

La sorella del mio amico, la quale arriv6 ieri, b par- 
tita oggi per Parigi. La figlia del medico, della quale le 
parlai ultimamente, si e maritata alcuni giomi fa. I 
mezzi di cui Tomicida fece uso, sono abbominevoli. La 
casa dalla quale (donde) esco, fe di mio suocero. I tuli- 
pani, i cui colori sono magnifici, non hanno odore. Lo 
state (la condizione) in cui mi trovo, e quasi insoppor- 
tabile. L*imperatore Nerone, della cui crudelta parla 
uno storico romano, si diede la morte nelPanno sessan- 
totto dopo Cristo. Non c'e niente. a cui io pensi (Cong.) 
piu sovente che alia sorte infelice del mio aniico. Cre- 
diamo quel (cid) che vediamo. Quel che e vero e anche 
buono. La virtu e la liberta sono le condizioni senza le 
quali non si puo essere felice. Quel che desidero di piu, 
(si)*) e di vedervi felici. Vediamo (a) chi saltera piu di 
tutti (meglio di tutti) (meglio). Ecco di che voleva par- 
larle. La oosa alia quale (a cui) Tavaro pensa meno'^ e di 
aiutare il povero. Non I'ho ancora veduto dacche io 
sono qui. II signore che suo padre ando a trovare, e il 
mio piu intimo amico. La signora di cui le raccomando 



*) Si is often added pleonastically. 



61 

il figlio fe una nipote di mia moglie. Mi disse alcune 
parole brusche, il che mi offese molto. Un certo non so 
che mi disse di noa andarvi. 

Beading Exercise. 91. 
My prisons. Continuation of Chapter 58. 

Oh, how unjust men are, when they judge from ap- 
pearances and according to their haughty precon- 
ceptions I He, who, I thought, was shaking merrily his 
keys, so as to make me feel his base power, he whom I 
took for impudent by a long habit of being cruel, had 
thoughts of compassion, and certainly spoke in that 
way, with a rough ring in his voice, only to hide this 
feeling. He would have hidden it from me so as not to 
seem weak, and fearing that I was unworthy of it; but 
at the same time, supposing that perhaps I was more 
imhappy than criminal, he would have liked to show 
it me. 

Annoyed at his presence, and more at his air of a 
master, I thought it convenient to humihate him, saying 
to him imperiously, as to a servant : Hand over to drink ! 

He looked at me, as if he would say: Insolent 1 here 
you must lose the habit of commanding. 

But he remained silent, bent his long back, lifted 
the pitcher from the ground, and presented it to me. 
When taking it, I perceived that he was trembling, and 
attributing that tremor to old age, a mixed feeling of 
pity and reverence tempered my pride. 

How old are you? I said to him in a gentle voice. 
Seventy four. Sir: I have already seen many mis- 
fortunes, both mine and those of others. 

This hint at his misfortimes and those of other 
people was accompanied by another tremor, at the mo- 
ment when he was retaking the pitcher; and I doubted 
whether it were the effect, not only of old age, but of 
a noble perturbation. A doubt of this kind blotted out 
of my mind the hatred which his first appearance had 
caused within me. 

What is your name? I said to him. 

Fortune, sir, has mocked me, giving me the name 
of a great man. I am called Schiller. 



62 

Then in a few words he told me what his coun- 
try was, his origin, what wars he had (seen) been 
trough, and the wounds he had received. 

He was Swiss, of a peasant family, had fought 
against the Turks under general Laudon, at the times of 
Marie Th6rese and Joseph the Second, then in all the 
wars of Austria against France, up to the down-fall of 
Napoleon. 

Lesson XI. 

Tradttzione. 92. 

Ogni p6polo ha i suoi eroi e ogni religione i suoi 
dei. In questo mondo ognuno deve procurare di occu- 
pare degnamente il suo posto. Vado ogni quindici giomi 
da mia nonna, e di tanto in tanto (di quando in quando) 
anche da altri parenti. Secondo il calendario Tinvemo 
comincia il ventuno (di) Dicembre, ma la festa d'Ognis- 
santi e spesso il principio della fredda stagione. Espron- 
ceda entr6 nella cittk di Lisbona senza avervi alcun ami- 
co, alcun conoscente. £ stato qui qualcheduno ? No, non 
vi h stato nessuno. Tutte le mie fatiche sono state nuUe. 
Finisca colle sue storie ! Sa bene, che nessuno Le crede I 
Conosce qualcuno di questi signori? Non conosco nes- 
suno di loro. Ha qualche parente a Milano ? Si, ne ho 
molti. C'6 qualche cosa di meglio che Tamicizia d*un 
uomo virtuoso ? Chiunque Le abbia detto questa storia 
— 6 un bugiardo. (Ella) pu6 essere sicura, che non Le 
vuol bene. Per quanto khile (egli) sia, non sara (pero) 
capace di far questo. Fummo tutti quanti affatto sor- 
presi. Per quanto amabili siano queste signore, hanno 
(per6) i loro difetti. Ognuna di queste parole ha il suo 
significato. II saggio non teme gli uomini, per quanto 
possenti siano. Gli uomini, per quanto grandi o piccoli 
siano, sentono bene che hanno bisogno Tuno dell'altro. 
II conte aveva dato 6rdini di acc6glier bene chicchessia 
durante la sua assenza. Regolo rimase fermo, per 
quante f6ssero le promesse che i Cartaginesi gli face- 
vano. Tanto gli amici quanto i nemici di quest'uomo fu- 
rono commossi dalla sua sorte. Per quanto gli dica, egli 
fa quel che vuole. Mi dia un poco piu di birra (ancora 
un po' di birra). Le sue parole mi piicquero tanto che 



63 

non potei resistere alia sua domanda (preghiera). Se 
avesse tanta esperienza in commercio quanta ne ho io, 
si sarebbe astenuto da tali affari, Quanto mi 6 odioso 
quest'uomo I 

Beading Exercise. 93. 

My prisons. Chapter 57. 

We arrived at (the place of) our destination on 
April 10th. 

The city of Briinn is the capital of Moravia, and 
there resides the governor of the two provinces of Mo- 
ravia and Silesia. It is situated in a smiling valley, and 
has a certain aspect of richness. Many (of) cloth (manu-) 
factories were flourishing there then, which afterwards 
lost their importance; there was a population of about 
thirty thousand souls. 

Near its walls, on the West, arises a little moun- 
tain, and upon it is situated the ill famed rock of the 
Spielberg, formerly the residence of the princes of Mora- 
via, to-day the severest prison of the Austrian monarchy. 
It was a very strong citadel, but the French bombarded 
and took it at the time of Ihe famous battle of Auster- 
litz (the village of Austerlitz is [at a] little distance). 
It was not restored any more so as to be able to serve 
as fortress, but a part of the wall was rebuilt, that 
which was rocky. About three hundred prisoners, most- 
ly thieves and assassins, are kept here, some in "severe 
prison", some in the "very severe". 

The "severe prison" means, to be forced to work, 
to have a chain at one's feet, to sleep on a bare wooden 
couch and to eat the most wretched food. The "very 
severe" means, to be chained up with a ring of iron 
around one's waist, and with the chain attached to the 
wall. The food is the same, although the law says: 
bread and water. 

Lesson XII. 

Traduzione. 94. 

Voi altri Francesi volete sempre burlarvi delle altre 
nazioni. Mi dica, Signore, quanto c'fe da Venezia a Ve- 
rona? Quattro ore di ferrovia. Pii d'una madre ha per- 



64 

duto suo figlio. Molti credono non aver altro da fare che 
divertirsi. Di tanto in tanto place leggere poesie. Quando 
ritornera (Ella)? Spero di ritornare quanto prima (pre- 
sto). Non voglio aver da fare con altri, ed oltre a ci6 il 
mio tempo non mi permette di ricevere visite. Gesu 
Cristo disse : Amatevi gli uni gli altri. Tutti e due (am- 
bedue, Tuno e Taltro) fiirono eccellenti generali; ma 
Tuno fu piu fortunato delFaltro. La maggior parte degli 
u6mini v6gliono mietere senza seminare. E per lo piu 
mera immaginazione, se crediamo che una perdita sia 
irreparabile. Molti vedono non voglion credere. II conte 
tale ha parlato coUa marchesa tale. lo che ho sempre 
fatto il mio dovere, sono da te negletto e disprezzato. 
In tale jnaniera non riuscirk mai. Non dire mai agli 
altri (ad altri) i tuoi piu secreti pensieri. Tant' e, non vo- 
glio. Un certo signore ha domandato di Lei. Piu d*uno 
volendo ingannare altrui resta ingannato egli stesso. 
Non lo crederei, se altri (un altro) lo avesse detto. 

Beading Exercise. 95. 

Walking up the slope of that little mountain, we 
turned back our eyes to say good-by to the world, un- 
certain whether the abyss, which swallowed us alive, 
would ever open itself for us. Externally I was calm, 
but within (me) I was raging. In vain I wanted to apply 
to philosophy to quieten myself; philosophy had not 
enough reasons for me. 

Leaving Venice in bad health, the journey had tired 
me to death. My head and body ached. I was aglow 
with fever. The physical evil contributed to keep me in 
a state of rage and probably my anger rendered worse 
my physical illness. 

We were given over to the superintendent of the 
Spielberg, and our names were written down by him. 
The imperial commissary on leaving embraced us and 
was moved: I recommend to you gentlemen especially 
docility, he said; the least infraction of discipline can 
be punished by the superintendent by severe pains. 

After this Maroncelli and I were lead into a subter- 
ranean hall, where two separate rooms were opened. 
Each of us was shut up in his den. 



65 

Lesson XIII. 
Traduzione. 96. 

Parii schiettamente con me, se desidera che Le dia 
iin consiglio. Non posso dire precisamente che egli sia un 
truffatore, ma ho motivo di temere che m'inganni. Non 
neghiamo che ci abbia fatto parecchi favori, neghiamo 
solamente che abbia il diritto di esigere questa somma. 
Quelli che non sanno scrivere diritto si servono di mia 
falsariga. Non voglio vino in bottiglia, voglio un vino 
leggero nostrale che non costi troppo care. Perch6 parla 
piano ? Se vuole che gli altri capiscano quello che dice, 
deve parlare piu forte. Non posso cantar cosi basso mi 
guasterei la voce. Vostro fratello s'6 offerto di vendermi 
i suoi libri a buon mercato, ma gli dissi di no, perche 
so che li vende di nascosto. Ogni colta nazione cerca 
di tener alto il suo nome. Se ha contato giusto il denaro, 
avra trovato che mancano due scellini. II forestiero pri- 
ma mi guardd fisso, poi mi diede la mano. Crede (Ella) 
quel che Le ha detto ? Oh no, non lo credo punto. Ha 
Ella rotto il mio orologio? lo no. Rispose pronto alia 
mia lettera. Temiamo che piova domani e che non pos- 
siamo far la nostra gita. Dar6 da mangiare e da b6re, 
ma denaro no. Ella e piu abile di quel che credeva (che 
non credeva). Quando vedemmo awicinarsi il tempo- 
rale ritomammo presto (frettolosi) a casa. Suoni questa 
marcia ancora ima volta. II re va di solito a passeggio 
alle tre. Piu d*una parola detta per ischerzo ha cagio- 
nato un gran male. 

Beading Exercise. 97. 
Tlie miracle of tlie nuts. 

Oh, you must know (now) that in that convent there 
was a (one of our) father(s) of ours, who was a holy 
man, and he was called Father Macary. One winter day, 
passing through a lane, in a field of a benefactor of 
ours, he too an honest fellow, Father Macary saw this 
benefactor near a nut-tree of his ; and four peasants, 
with (the) pickaxes in (the) air, beginning to uncover the 
tree, to expose its roots to the sun. — *What are you 
doing to that poor plant?* asked Father Macary. — 

KEY to the Italian grammar. 5 



66 

*0h 1 Father, it's years and years since it has given me 
nuts, and I am going to turn it into firewood.' 'Leave 
it alone', said the Father, *know that this year it will 
make more nuts than leaves.' The benefactor knowing 
who it was, who had said (that word) those words, 
ordered the workmen at once to throw back the 
earth on the roots and having called the Father 
who had continued his way — Father Macary, he 
said to him, half the harvest will be for the con- 
vent. The news of the prophesy spread (far and 
wide) and everybody came to see the nut-tree. In fact 
in the springtime (came) flowers in abundance. The 
good benefactor had not the consolation of shaking 
ttiem; for, before harvest, he went to receive the prize 
for his charity. But the miracle was all the greater 
as you shall hear. 

Lesson XIV. 
Tradnzione. 98. 

Scrivo a mio fratello. Sono da mio fratello. Va 
dalla crestiia? Andiamo incontro a nostra madre che 
ritoma dalla passeggiata. Si ricorda delle promesse 
che mi fece? Sono state quattro anni a Francoforte 
sul Meno. Al ballo trovai im signore la cui conoscen- 
za aveva fatto, or di cui aveva fatto la conoscenza a 
Roma. Siamo vestiti secondo la stagione. Presso i 
Turchi si tr6vano costumi assai strani. Arrivammo di 
notte a Ven6zia. Non lottiamo contra la verity ed il di- 
ritto, ma (bensi) contro il torto e la caltinnia. Verso le 
quattro pomeridiane trecento persone all'incirca erano 
giunte (arrivate). II poeta inglese Chatterton mori in 
verde eta. Che cosa f ara di tanti libri ? Non fe contenta 
di quelli che ha? Si mise a cantare un'iria (d'6pera) 
ad alta voce. Quest'anno partiremo per 1' America. 
Quanto ho da pagare per questi fiori ? A piacere. Egli 
disse che presto o tardi otterrebbe il posto. Oggi a otto 
avremo Pasqua. Mandava un messaggero dope I'altro. 
Per I'amore di Dio, vada da banda (si faccia in dis- 
parte) 1 I libri giac6vano tutti alia rinfusa sul sofa. Dal 
d6dici di Luglio sar^mo in campagna. Era fuori di se 
dalla gioia. Ha offeso persino i suoi amici coUe sue 



67 

parole spensierate. Secondo (A) quanto si dice, questo 
signore dispone di fondi (capitali) considerevoli. Spe- 
rando che sarete contento (i) del mio invio e mi favo- 
rirete presto di nuovi ordini, sono con tutta stima vostra 
devotissimo .... 

Beading Exercise. 99. 
Continuation of The Miracle of the nuts. 

That good man had left a son of quite another 
stamp. Now, at the harvest, our gatherer went to 
request the half which was due to the convent; but he 
feigned to ignore all and had the insolence to say 
that he had never heard it said that capucins knew how 
to make nuts. (Now) do you know what happened ? One 
day, (just hear this) the rascal had invited some friends 
of his of the same stamp, and during the feast he told 
the story of the nut-tree and laughed at monks. These 
young rogues wanted to go and see this enormous heap 
of nuts, so he lead them up to the bam. But, just hear 
this : he opens the door, and (just) while he is saying : 
(Just) look!, he looks himself and sees .... what? A 
nice heap of leaves. (Now) was not that a (good) ex- 
ample (once for all) ? And the convent, instead of los- 
ing credit, got the best of it [ci guadagno]; for after 
such a great deed, the gathering of nuts brought so 
much that a benefactor, pitying the poor gatherer made 
the convent the present of an ass, to help to carry the 
nuts home. And we made so much oil that every pauper 
could come to take some, as much as he wanted; for 
we are like the sea, which receives water from all sides 
and again distributes it to all the rivers. 

Manzoni. 

Lesson XV. 

Traduzione. 100. 

Desidero che (Ella) venga con me (meco). Di che 
cosa si parla (parlasi) in cittk ? Si dice che la pace sia 
stata conchiusa a Parigi. Non diibito un istante che 
ognuna delle sue parole sia la piu stretta verity. Rice- 
vuta che ebbi questa nuova, partii inmiediatamente. 
Benche Socrate non aveva (avesse) commesso- nessun 
delitto, fu per6 condannato a morte. Cerchi il libro e, 

5* 



68 

trovato che Tavrk, me lo porti. Gli abbiamo dato volon- 
tieri la somma che ci ha chiesta; a condizione per6 
che la restituisca fra tre mesi. L*ho tratto due volte 
dairimpiccio, eppure ha rimpudenza di dire che non 
gli ho mai fatto nessun servizio. Perchfe non prende 
parte a quell' impresa? Perch6 so per esperienza che 
tali affari non riescono bene. Spesso bisogna punire i 
fanciuUi, affinchfe si em^ndino. Sono perfettamente con- 
vinto che il suo progetto (piano) riuscira. Non che man- 
dargli il denaro, non gli risponder6 nemmeno. Poichfe 
non vuol parlare, non posso nemmanco darle un con- 
siglio. Mi scriva di tanto in tanto, affinchfe (acciocchfe) 
sappia, come (Ella) sta. Siccome, ero stanco degh eter- 
ni suoi rimprdveri, presi il cappello e me ne anddi. Se 
(Ella) non viene, Le scriver6. Se la fortezza di Sill- 
stria fosse stata presa, la guerra d'Oriente avrebbe 
avuto un altro 6sito. Se (Ella) sapesse quanto L'amo, 
non dubiterebbe della mia sincerity. Se volesse, po- 
trebbe venire con noi. Non so, se Goethe sia (un) poeta 
piu grande di Shakespeare. Cristo nacque a Betlemme, 
allorchfe Erode regnava in Giudea. Mentre (Ella) dor- 
miva, un ladro mi ha rubato Toroldgio d'oro coUa (con 
la) catena. Mentre gli uni si perdono in speculazioni 
infruttuose, gli altri godono lietamente la vita. Dunque 
non vuole ubbidire alia volontk (ai desideri) de' suoi 
genitori? Dunque continuerk nella sua cattiva condot- 
ta, mentre essi fanno continuamente dei sacrifizi per 
il suo mantenimento e per la sua educazione ? Egli non 
mi scrive, perci6 (laonde, cosi) non la posso informare 
(non posso informarla) della sua situazione (condizione) 
attuale. Vada pure, non le sara fatto niente. 

Beading Exercise. 101. 

Captain Lanfranc. 

Captain Stephan Lanfranc might have been fifty 
years old or thereabout. He was dressed in black, 
according to the fashion of our old sea-captains, and 
he too had his handkerchief of black silk wound in 
two circles round his neck, hiding completely the shirt- 
front, not letting even a white thread be seen. 



69 

The white was seen however a little higher (up), 
in a hem of grey beard which he had in the shape 
of a wimple mider his chin and jaws, while his face 
was shaven like Christopher Colimibus, sailor like him- 
self. Shaven, I say, but not even, for the face of Cap- 
tain Lanfranc was furrowed at the temples and the 
corners of the mouth with many creases, all the 
more apparent, the more his aspect was florid. These, 
with two bushy eye-brows vainly endeavoured to give 
him an air of roughness; for, under those eye-brows 
there appeared two blue eyes with friendly expression, 
and these creases used only to deepen, so as to ac- 
company the frankest laughter in the world and show 
two rows of white and very strong teeth, arrayed in 
perfect orders. 

Lesson XVI. 

Traduzione. 102. 

Insegna Suo (il di Lei) fratello Titaliano alia di Lei 
sorella, owero la di Lei sorella al di Lei fratello? M'in- 
segno a 16ggere ed a scrlvere. I soldati elessero il ser- 
gente (a loro) capitano. Lo fece fare a (da) suo fra- 
tello. Ha fatto prendere il pane dal servitore ? Permise 
alia p6vera donna di prendere la legna. Lasci fare a 
me, Signore 1 Glielo (. . la) far6 intendere io ? Perchfe ha 
fatto venire il sarto, se non gli vuole far fare Tabito? 
Ha egli fatto fucilare i soldati ? No, ha fatto fucilare la 
spia dai soldati, or: ai soldati fucilare la spia. Ha 
veduto cadere il povero ragazzo ? No, ma vidi I'operiio 
soUevarlo da terra. leri vidi partire il mio amico. Udii 
lodare il quadro da molti signori. La signora udi dire 
da suo marito (or ; udi suo marito dire) che voleva par- 
tire oggi stesso. Ha veduto suo fratello a dipingere? 
Ecco il ritratto del conte; lo fece fare da un celebre 
pittore. Io feci portare immediatamente la lettera alia 
posta dal servitore affinchfe fosse spedita a tempo. 
Quando vidi venire questa persona noiosa (questo noio- 
saccio) feci chiudere le porte. II denaro non Tho rice- 
vuto, ma la sua lettera e giunta. I mercanti fanno ve- 
nire parecchie merci (prodotti) dall* Italia. Udii lo sfor- 



70 

tunato pregare Dio di finire (por fine a . . .) la sua 
miseria. 

Beading Exercise. 103. 
Laboar(s). 

The more society advances, the more arts grow 
and labour varifies. It would be bad if the same man 
had to work (at) the wool until it is wrought into a suit. 
Hardly a year would be enough ! On the contrary you 
see the shepherd tending the sheep and then shearing 
them; that woolen fleece is given to the wool carder, 
who anoints and beats it; a dresser combs it and cards 
it; another one spins it; another one dyes it; then those 
threads are disposed on a loom by the weaver. The 
joiner and the turner have already prepared the loom, 
the combs, the treadle, the loom's extracts, the beam, 
the spindle, with which the woolweaver manufactures 
his bit of cloth. Then the tenter makes the threads 
even : the fuller cleans it and prepares it, fulling it un- 
der the fullingmill; another one folds it, then it is 
disposed (of) in the shops, or goes to the retail mer- 
chant, who sells it by retail to the tailor, who cuts 
out of it a fashionable jacket. . 

Suppose a single man had to make pins : He would 
have to dig the stones which contain the metal, separ- 
ate it from other bodies, mix it with the so-called ochre 
so as to give it the colour of brass; then make it red- 
hot, beat it, pass it through a metal sieve to make it 
round and thin, then cut it to bits ; then how much pa- 
tience to make each one pointed, or — even worse — 
the pin's head. How many do you think a man would 
finish in one day. Twenty at most: and then, how 
(would they be) made! Now dividing the (different) 
work(s) so that each one executes a distinct part of it, 
ten persons united make in one day fourty eight thous- 
and pins. Each one being occupied in the same way, 
becomes perfect in it, and it is possible to buy one thous- 
and for thirty "sous". That man, working alone, would 
not earn a sou per diem; these ten earn more than a 
florin each. 



71 

Lesson XVII. 

Traduzlone. 104. 

II mio no equivale al suo si. Questo tocca a (spet- 
ta a) mio fratello, non a me. Non c'6 niente di piii 
doloroso dei genitori che soprawivono ai loro figli. Chi 
insegna Titaliano a Sua sorella? Rifletter6 in ogni caso 
alia proposta che mi fece. Ho sempre proweduto ai 
bisogni della mia famiglia. Uno degli operdi cadde ieri 
dairimpalcatura (dal ponte). Mi dica, perchfe non si 
sbriga (libera) da amici che abiisano della sua bontk? 
Da qual parte ha cominciato a leggere? Sarei conten- 
tissimo, se fossi dispensato (esonerato) da questarespon- 
sabilita. Mi asterr6 dal fare osservazioni intorno alia 
sua condotta. £ provvista di fiammiferi ? I parenti non 
potevano prowedere meglio alFeducazione dei p6veri 
orfani. II giudice giusto distingue i colp6voli dagl'in- 
nocenti. La maggior parte delle parole italiane sono de- 
rivate dal latino. Tutti i suoi difetti prov6nnero (derivi- 
rono) dalla sua mala (cattiva) educazione. Chi Le ha 
insegnato il francese? II signor Brown, che lo insegne- 
ra anche al mio condiscepolo. Non parli piii, o egli 
si smascellerk dalle risa. 

Traduzlone. 105. 

Mi ricordo sempre con gioia delle ore piacevoli (ag- 
gradevoli) che ho passate nella casa della contessa. Si 
maravigli6 della leggerezza del giovinetto. Dubiterei 
piuttosto della mia pr6pria esistenza che della giustezza 
di questo principio. Se (Ella) s'incirica di questa com- 
missione (incombenza), se ne pentira certamente. In- 
contrai suo fratello, ma non mi degn6 nemmeno d'uno 
sguardo. Di che (cosa) si occupa tutto il giomo? Mi 
occupo adesso di una traduzione delle melodie ebraiche 
di Lord Byron. Benvenuto, amico mio I Godo assai di 
vederla. L'impiegato abus6 del suo potere; perci6 il 
principe non poteva piu fidarsi di lui. M*accorsi siibito 
della sua intenzione ed arrossii di tanta sfrontatezza. 
Guai al giovine che si burla della vecchi^ia! Si avvi- 
cini senza paura, signorinal Sua Maesta si degna d'a- 
scoltare la sua preghiera. L' Austria abbonda di ric- 



72 

chezze natural!. Convenimmo del luogo dove volevamo 
disc6rrere della faccenda. Profittai della presenza di 
mio fratello per informarmi di alcune famiglie che avevo 
conosciute a Verona. 

Tradnzione. 106. 

Assist6tevi Tun Taltro (gli nni gli altri) nella dis- 
gr&zia. Chi mi ha chiamato? Voleva domandarle se 
vuol suonare il pianoforte con me. Convenne col suo 
awersario delle condizioni del duello? La modestia 
conviene ad un gi6vine. Non credo punto quel che mi 
ha detto ; lo domander6 al mio maestro. Mi domand6 se 
volessi accompagnarlo. A che giuoca ordinariamente, 
aJle carte ovvero a (gli) scacchi ? Si fidi del mio amico, 
non manchera certo alia sua parola. Ha risposto alia 
16ttera che Le scrisse il colonnello ? Servo il mio duca 
da servitore fedele. A che Le serviranno tutti i suoi 
sforzi ? Non credo piu a nessuno di voi, siete tutti bu- 
giardi. Giu6cano di danaro, Signori miei? Di chi do- 
manda? Domando del signor marchese. Comandano 
(V6gliono) Lor Signori vino o birra? Creda a me, che 
sono Suo sincere amico, che Le ho sempre voluto bene. 
Credi in Cristo, nostro Redentore? Credo in Dio, crea- 
tore del cielo e della terra. Questo giovinetto attende 
appassionatamente alio studio delle scienze naturali. 
Non tocca a me ad ammonirlo. L'esito non corrispose 
alle nostre aspettazioni. 

Beading Exercise. 107. 
Joacliim Marat. 

This was the end of Joachim in the fourty-eighth 
year of his life, in the seventh of his reign. He was 
bom at Cahors of poor and modest parents; in the 
first year of the French Revolution, while still a youth, 
he became soldier, and colonel. Brave and indefati- 
gable in war, Bonaparte singled him out, and placed 
him at his side; he became general, marshal, grand- 
duke of Berg and king of Naples. 

He obtained great honours (rather in the second 
rank than in the first) in Italy, in Germany, in Russia 
and in Egypt; he was compassionate to the conquered 



73 

(enemies), liberal towards the prisoners, and he used 
to be called the Achilles of France, being as brave and 
invulnerable as the ancient (hero); he received the 
crown, as a sort of dowry of the sister of Bonaparte; 
he lost it, for his ignorance in governing. 

He was twice faithful to France, in the year 1814 
with a provident decision, also in the year 1815 (this 
time) imprudently. Ambitious, indomitable, he lead (at 
the same time) the arts of politics and war. (He was) 
great in adversity, bearing its burden, he was not 
great in fortun(-ate times), being intemperate and bold. 
He had (the) wishes of a king, the head (of) a soldier, 
the heart of a friend. He was of decorous aspect, 
pleasant appearance and more in the camp than at 
court. And so he had (an) adventurous life, as to 
virtue and fortune, an unhappy death, (though) brave 
and lamented. 

Lesson XVIII. 
Traduzlone. 108. 

A queste grida tutti sono accorsi ; ma i ladri erano 
gia fuggiti. La bella stagione e giunta, e io mi preparo 
a passare alcune settimane in campagna. Questi tempi 
sono passati, caro amico, siamo invecchiati ed il mondo 
con noi. Si dice che i Romani odierni (i modemi Ro- 
mani) siano molto degenerati. Perchfe ha arrossito ? Per- 
chfe mi fe parso di aver offeso questo signore. Ho in- 
contrato Suo cugino poco fa, e sempre di buon umore, 
ma trovo che fe invecchiato. Gli uomini onesti fuggono 
perfino Toccasione di far il male. Dopo che avra preso 
notizia di questa lettera, La prego di restituirmela. Ab- 
biamo ballato fino a mezzanotte, ed erano gia sonate 
le due quando siamo ritornati a casa. Questa cambiale 
e scaduta. Quest'uomo non ha cessato di importunarmi 
coUe sue preghiere. Devo confessarle che la Sua con- 
dotta mi h spiaciuta assai. Le k piaciuta la musica? 
Non molto. Questo poeta ha (e) vissuto in Germania o 
in Francia? Mi pare in Francia. Che cosa h successo 
durante la mia assenza? Un piccolo vascello e nau- 
fragato. Ho scorso tutto il libro, ma non sono riuscito 
a trovare il passo in questione. 



74 

Beading Exercise. 109. 
Man. 

1) Oh man, ineffable work of the divine immortal 
finger, form and receptacle of spirit, and perishable 
and frail dust, 

2) Who can sing your beauty (beauties) ? The bo- 
som lacks (in) breath, and verse reaches not so high, 
as thou (reaches t) in my high conception (of you). 

3) (Thou) face (forehead) which looks and turns 
to heaven; hair which, falling over the shoulders, now 
blond, now brown adorns and protects the head; 

4) (Thou) eye eloquent interpreter of the soul with- 
out which love would not have arrows and quiver, 
neither wings, nor ardent look (face) 

5) Mouth, from which bursts laughter penetrating 
to the heart(s), and (from which) drop the words 
(accent), which now command severely, now sweet- 
ly plead, 

6) Foot, on which the human body props itself 
and sets out and returns, and now qui,et and now 
moving, crosses plains, and surmounts rugged mounts, 

7) And astonishment in my heart pervades me 
throughout (all my person) and speaks to me of that 
high knowledge which formed it 

8) Heaven and earth were silent around them, 
thrilled by their love; and I, it is I who have formed 
you the most lovely of created beings. 

Vincenzo Monti. 

Tradozione. 110. 

Tuo cugino dice dappertutto che Tho ingannato; 
digli che non posso sopportare questa calunnia. Sto per 
scrivergli che proceder6 legalmente contro di lui. Quan- 
do i fanciulli si videro scoperti, si misero a piangere. 
L'esposizione dei fiori sta per chiudersi. Stia seduta, 
signorina, prenderemo il the a quella tavola. Mi porti 
domani il libro che Le ho prestato sei mesi fa. Non 
dimenticare di venire domani mattina e conduci teco an- 
che tuo fratello. Dove ha fatto fare questo bell'abito? 
L*ho comperato bell' e fatto. II servo che mi ha procu- 
rato, non fa per me. L'ho fatta aspettare. Spero che 



75 

mi perdonera questa mia incivilti, se le dico che la 
contessa N. non mi ha lasciato partire prima. Chi non 
sa maneggiare armi da fuoco, non deve toccarle (pigliar- 
le in mano) quando sono cariche. Sa parlare italiano, 
signore ? Lo so soltanto un poco, se lo sapessi meglio, 
avrei ottenuto un buon posto in Italia. Carlo, vorrei 
here qualcosa, va a prendenni un bicchier di birra. A 
quest'uomo ognuno dovrebbe far di cappello. Ti prego, 
figlio mio, di ascoltare i consigli dei tuoi maestri, e di 
fare in modo che siano contenti di te. Non tardare a 
scrivermi e ricevi la mia patema benedizione. 

Lesson XIX. 
Traduzione. 111. 

I Francesi stentavano a credere, che il loro grande 
imperatore fosse morto a Sant' Elena. Come pu6 (Ella) 
dire che io non faccio niente (nulla)? Non vede (Ella) 
che sto lavorando tutto il giomo? Chi sta (Ella) aspet- 
tando ? Suo zio ? Tarderk a venire ; perchfe si k recato 
ad un convegno che durerk parecchie ore. Quando gli 
esposi le funeste conseguenze della sua leggerezza, si 
mise a pi&ngere come un fanciullo. Tu cominci col dir- 
mi delle insolenze e vuoi che io faccia qualche cosa per 
te ; sei (un) pazzo. II treno tarda a venire, bisogna che sia 
successo qualche cosa. Vo cercando il mio portafoglio, 
ma non lo posso trovare. Mi si dice che il mio pic- 
colo cugino h molto diligente (diligentissimo) in iscuola; 
e amato e lodato da tutti i suoi maestri. Cosi va fatto ! 
disse Tubbriaco, volendo saltare (sopra) il fosso, e vi 
cadde dentro. II marito di questa donna fa il falegname 
e suo figlio fa il calzolaio. Dov'fe suo fratello? £ in 
citta e sta facendo il suo esame. Non ricevetti risposta 
alia mia prima lettera ; una settimana dopo tomai a scri- 
vergli e lo pregai di venire a trovarmi alia mia villa. 
Neanche le piii grandi ricchezze possono rendere il sa- 
vio intieramente felice. 

Reading Exercise. 112. 
Other peoples judgements. 

A high-souled man does not care for the judge- 
ment of the world; he has within himself one judge 



76 

only, which is his conscience. You will understand, 
however, that, to use this right, one must keep 
very high one's moral standard. To satisfy one- 
self, one must be rich, and only he who has a wealth 
of high feehng and of generous plans can do without 
the plaudits of the crowd. 

If you see anybody who seeks other peoples* praise 
and approbation, you can safely say that he is a petty 
(fellow); he may be honest, but without doubt he is 
feeble. This longing for applause, this vanity in suc- 
cess is really nothing (else) but poverty, insufficience, 
impotence. In the ancient saying: virtue satisfies it- 
self, is contained a deep knowledge of the human in- 
tellect, which is all the more satisfied, the more it 
nourishes itself. The great thing is, not to go over to 
the wrong side. Insults, malignity, all (that) is noth- 
ing when we are right. The best answer one can give 
to a low word is a magnanimous action. The insult 
clings to those who speak or act them. We alone are 
masters of our words and actions. To be discontent 
and tormented by other people's behaviour is a vulgar 
weakness. The only suffering I wish you not to un- 
dergo is to be discontent with yourself. 

Neera. 

Lesson XX. 
Tradnzione. 113. 

Dante Alighieri, il poeta della maestosa epopea T In- 
ferno, il Purgatorio e il Paradiso, e non soltanto il padre 
deiritala favella, ma anche uno de' piu grandi poeti che 
il mondo abbia mai veduti. DaH'immortale suo poema 
usclrono le ammirabili figure di Francesca da Rimini, di 
Pia de' Tolomei e Torribile Mirra, a cui I'ingegno di 
Adelaide Ristori inspire nuova vita a* tempi nostri. 
Dante fu poeta insieme e guerriero, come Camoens, I'au- 
tore della Lusiade, e Cervantes, I'autore del Don Chi- 
sciotte. Le sue terzine fiirono mai sempre la gloria 
d* Italia, e sebbene (benche) gli attirassero I'bdio de' 
suoi contemporanei, nondimeno coronarono d'immortali 
allori il capo del r6 dei poeti. Torquato Tasso, il poeta 
della Gerusalemme liberata, viveva alia corte di Alfonso 



77 

di Este, a cui dedico il suo bel poema. Pochi giomi 
avanti la sua morte venne incoronato al Campid6glio 
quale primo tra i poeti d' Italia, ma ohimel Talloro che 
il papa mand6 al poeta moribondo venne soltanto in 
tempo per omare la sua bara. Le strofe del Tasso spl- 
rano un'armonia che nemmeno (neanche) la miglior tra- 
duzione puo rendere. 

Traduzlone. 114. 

La mia patria e stata ingrata verso di me ; benchfe 
(io) le abbia prestato i piu grandi servizi. II re mi ha 
fatto la piu grande ingiustizia; mi ha spogliato di tutta 
la mia fortuna, mi ha persino privato de' due miei fedeli 
servitori. Fui costretto a fuggire per salvare la mia vita, 
che era seriamente minacciata. Che doveva (avrei do- 
vuto) fare? Dovevate (Avreste dovuto) soffrire ogni 
ingiuria piuttosto che venir meno alia grandezza della 
vostra casa. Se eravate perseguitato, potevate ritirarvi ; 
era (sarebbe stato) meglio essere povero ed oscuro, che 
volger le armi contro la vostra propria p&tria. Nemme- 
no nella poverta e neU'esilio la vostra gloria non sa- 
rebbe stata perduta. I Tirii si erano coUa loro sup6rbia 
attirato lo sdegno (Fira) del gran re Sesostri che reggeva 
allora TEgitto ed aveva conquistato molti redmi (regni). 
Le ricchezze che avevano guadagnate nel loro commer- 
cio, e la posizione forte della loro citta, situata sul mare, 
avevano reso orgogliosissimo quel popolo, Avevano ricu- 
sato di pagare il tributo che Sesostri aveva loro im- 
posto; avevano fomito truppe al fratel suo (a suo fra- 
tello) che al suo ritomo lo voleva uccidere in mezzo 
alle gi6ie d'un gran banchetto. Tostochfe Sesostri ri- 
seppe cio, si propose di umiliare la loro sup6rbia e di 
rovinare il loro commercio marittimo. 

Beading Exercise. 115. 
The crusaders at Jernsalem. 

1) All have wings in their hearts and feet, and 
therefore do not remark their rapid advance (i. e. : 
"how rapidly they were advancing"); but when the 
sun bums the dry fields with fierce hot rays, rising 
higher (and higher) lo! they see Jerusalem appearing; 



78 

you might see (lit.: one sees) them pointing out Jeru- 
salem; lol one hears Jerusalem saluted by one thous- 
and voices jointly. 

2) Thus a bold troop of sailors, advancing to seek 
a foreign shore, both in unknown seas and under un- 
known skies, has experience of (proves) treacherous 
waves and wrong winds, so as to discover at last the 
coveted land, salutes it from afar with joyous cries; 
and the one points it to the other, and meanwhile he 
jforgets the troubles and evils of the past journey. 

3) There followed upon the great pleasure which 
that first sight sweetly inspired to every bosom, a deep 
contrition, mixed with timorous and reverent affec- 
tion; they hardly dare to lift their eyes towards the 
city, the chosen sojourn of Christ, where he died, was 
buried, where later He resuscitated. 

4) Lowly voices and quiet words, broken sobs and 
trembling sighs from that host which laughs and weeps 
at one time makes a murmuring sound in the air, as 
one often hears in thick forests, when perchance the 
wind blows among the leaves, or like the sea when 
beating among the rocks and near the coasts in a 
hoarse roaring. Tasso. 

Lesson XXI. 

Traduzione. 116. 

I mezzi di comunicazione sono oggidi tanto svilup- 
pati, che si pu6 saper dappertutto quello che succede 
nel mondo. La carita cristiana vuole che si ami il suo 
pr6ssimo come se stesso. E molto tempo che ho awer- 
tito Suo fratello che il signore col quale era in relazione, 
non aveva buona riputazione (godeva buona fama), e 
mi maraviglio che non abbia troncato la sua relazione 
con lui. Napoleone implor6 sul suo letto di morte che 
le sue ossa f6ssero riportate a Parigi. Le leggi v6gliono 
che un sol uomo serva colla sua sapienza e coUa sua 
moderazione alia felicitk di molti, ma non che molti 
u6mini servano ad adulare la sup6rbia e la mollezza 
d'un solo. La Provvidenza permise che i bdrbari di- 
strugg6ssero rimp6ro romano e vendicdssero cosi Tuni- 



79 

verso conquistato. Basta (£ abbaetanza) che sia p6- 
vera; prowederd per Lei {or: a* Suoi bisogni). M'in- 
crescerebbe se (Ella) partisse senza dirmi addio. Non 
si trov6 nessuno che volesse uccldere Mario. Le leggi 
proibiscono che si porti danno al prossimo. Ogni padre 
d^sidera che i suoi figli slano ubbidienti, imparino nella 
scuola e si f&cciano strada nel mondo. Godo che abbia 
vinto il processo (la lite) ; del resto non ho mai temuto 
che non avesse esito favor6vole per Lei. Mi mandi un 
servitore che sappia servire a lAvola. Mi nomini (no- 
mindtemi) un maestro il cui insegnamento sia cosi utile 
come quelle dell'esperienza. La gioventu e il solo (I'li- 
nico) tempo della vita, in cui Tuomo possa correggersi 
facilmente. L'uomo fe la sola (riinica) creatura che si 
distrugga in uno state di libertk assoluta. Vorrei tro- 
vare un libro che mi servisse di guida nei miei viaggi. 
II Don Chisciotte di Michele Cervantes de Saavedra fe il 
piu bel libro che Tumorismo abbia mai inspirato al ge- 
nio. Espronceda, Zorrilla e Hartzembusch sono i piu 
grandi poeti di cui la Spagna moderna (odiema) si pos- 
sa gloriare. 

Tradnzione. 117. 

II mio corpo, disse il maresciallo di Biron ai suoi 
giiidici, non ha vena che non abbia sanguinato per voi. 
Vittorio Emmanuele secondo 6 il prime re d' Italia che 
fu (sia) sepolto a Roma. La Bibbia 6 il miglior libro 
che si possa leggere. Roma possiede le piu ricche bi- 
blioteche che ci siano nel mondo. E una vergogna che 
ci sia ancora tanta superstizione tra questo popolo; sa- 
rebbe tempo di sradicarla. £ tempo di andare a casa, 
perchfe (giacche) comincia a pi6vere. £ chiaro (eviden- 
ce) che la Grecia non si poteva piu difendere tanto era 
decaduta allora. Crede (Ella) ch'egli eseguisca i Suoi 
6rdini ? Non credo che lo f^ccia. Basta dirglielo (or : 
basta che [Ella] glielo dica). £ peccato che (Ella) non 
sia venuta con noi ; si sarebbe divertita molto {or : avreb- 
be avuto molto piacere). £ Ella sicura, che sia cosi tardi ? 
Sono sicuro che sono gik le d6dici. I contemporanei di 
Colombo non sapevano che vi fosse una quarta parte 
del mondo. Gli Americani erano convinti che Colombo 



80 

ed i suoi compagni sapessero produrre il fulmine ed il 
lampo. Dlibito che le ricchezze p6ssano dare la felicita. 
Questo fe il libro pii dilett6vole che io abbia mai letto. 
Si dice che rultima guerra sia stata progettata da molto 
tempo. Mi creda che Tho fatto soltanto per amor Suo. 

Traduzione. 118. 

Non mi posso fidare delle sue parole a meno che 
(Ella) non mi faccia una formale promessa. Quel- 
r(uomo) impudente non ha cessato d'importunarmi coUe 
sue lettere, benchfe sapesse, che io non poteva fare 
niente (alcuna cosa) per lui. Un uomo spensierato non 
trae alcun vantaggio dai suoi studi, ad onta del tempo 
che vi impiega; nella stessa maniera moltissime per- 
sone restano ignoranti, benchfe abbiano viaggiato nei 
pa6si piu colti. Far6 una vlsita a suo zio, prima che 
parta. Nostro cugino e ricchissimo ; in caso che muoia 
senza figli, la sua sostanza tocca a noi. Non vi posso 
perdonare, a meno che non {better: prima che) mi ab- 
biate francamente confessato i vostri difetti e mi ab- 
biate dato la promessa di correggere la vostra condotta. 
Purchfe mi dia la menoma notizia del suo stato, non mi 
lagnero piu del suo silenzio. Aspetti finchfe veniamo. 
Aspetter6 (fin) che Ella abbia finito. Mio cognato ver- 
ra oggi, a meno che non ne sia impedito. 

Promlscnons translations. 
119. 

Non neghiamo che abbiate ragione, ma dubitiamo 
che possiate vincere la vostra causa. Temo che non 
mantenga la parola, benchfe (io) non dubiti che abbia 
avute le migliori intenzfoni. Suo padre non dubita, che 
Ella fara ogni sforzo per corrispondere alle sue aspet- 
tazioni. Non nego che Ella mi abbia scritto, ma io non 
potei risp6nderie per cagione di malattia. Volesse Id- 
dio che i miei presentimenti si awer&ssero. Quel gran- 
d'uomo 6 morto a un'etk molto avanzata; riposi in 
pace! Si nascose, perchfe temeva di essere trattenuto 
per forza. Chiunque sta in piedi, badi di non cadere 
{or : che non cada). I Musulmani non negano che Gesu 
sia un gran profeta, ma n6gano che sia il figlio di Die. 



81 

In caso che non possa venire, mi awerta, affinche non 
Taspetti invano. £ in casa il signer dottore ? Si, favo- 
risca entrare in questa stanza e si sieda. 

Traduzione 130. 

Un grosso formaggiaio che aveva il vezzo di parlare 
fra sfe andava un giomo alia cittk suUa sua cavalla. 
Faceva caldissimo ed egli aveva sete. Presso la strada 
vide un ciliegio cdrico di ciliege mature. Ebbe voglia 
di mangiame alcune, benchfe in generate non fosse 
amantissimo delle ciliege. Per potervi arrivare si mise 
in piedi suUa sella. II ciriegio stava in mezzo ad im 
gran roveto. II brav'uomo, guardando attorno a se, 
ammirava la pazienza della sua giumenta. Sarei in xm 
beirimbarazzo, pensava (egli), se qualcheduno adesso 
gridasse «arril» al mio cavallo. Per disgrazia pronun- 
zi6 la parola cosi forte che la giumenta si mise al trotto 
e lasci6 il formaggiaio in mezzo alle spine. 

Traduzione. 121. 

Anass&mene salv6 con uno stratagemma la sua cit- 
ta natale da un gran perlcolo. Gli abitanti di L&nsaco 
avevano sempre favorito la parte di Dario contro Ales- 
sandro. Dopo aver vinto Dario, Alessandro, pieno di 
sdegno, andava a prendere una vendetta terribile sui 
Lansaceni. Anassamene, che era stato il maestro di 
Alessandro, gli and6 incontro coirintenzione d*impe- 
dire, se possibile, la distruzione di Lansaco. Alessan- 
dro istruito di quel disegno, si volt6 verso la sua armata 
e giur6 per tutti gli Dei di voler fare appunto il oon- 
trario di quel che Anassamene gli domandasse. Infor- 
mato di questo giuramento, Anass&mene si present6 ad 
Alessandro e venne, come al solito, cortesemente ac- 
colto. Domandato dal re, quale nuova egli recasse, e 
che fosse risolto di fare, egli disse: Vengo, o re invit- 
tissimo, a pregarti di fare distniggere Lansaco infino 
dalle fondamenta, di far saccheggiar ogni casa, di non 
aver riguardo ne a* templi, ne agli uomini, ne alle donne, 
n6 aireta, ma di mettere tutto a ferro e fuoco. Si dice 
che Alessandro, sorpreso da questo stratagemma e cos- 
tretto dal suo giuramento, generosamente perdond (fece 
grazia) ai Lansaceni. 

KEY to the Italian grammar. 6 



82 



Reading Exercise. 122. 

^ d'Azeglio to his 
lexandrine. 

Rome, February 5*^ 1848. 



Letter of Massimo d'Azeglio to his daughter 
Alexandrine. 



Dear Rina, 
In your last letter one point especially gave me 
much pleasure, that is to say, you confess: not to 
have done that which you might have, so as to cor- 
rect your character. This is a very fair confession, but 
it is not enough, and I wish you would seriously think 
of seeking the natural consequence. In the past I have 
always noticed that you have periods in which it seems 
that you forget all the plans you made, and instead of 
advancing, you lose ground. So long as you were (a) 
baby, it was possible to explain the fact, but at fifteen 
years of age, it begins to become strange. I, your dear 
mamma and the mistresses, we always had to sound a 
note of amiability, of friendliness with your girl-friends, 
a note of pliability, of docility and of all those good 
qualities destroyed by haughtiness. So long as you 
were a baby, I repeat, it could be stood, but now that 
you are old enough to understand, it begins to become 
at least very ridiculous. You must know that we live 
in a period in which pride, even in a queen, is ridi- 
culous, and what is more, hateful. And you, for your 
luck and mine, are far from being a queen. You are 
(the) daughter of one who has (the) fame of being (an) 
honest man, and, if you like, is fairly respected and 
considered; but all that does not give you the right 
to consider yourself more than any other girl or any- 
thing great. Even supposing that in the esteem with 
which many honour me, there lay justice, and not, as 
I believe, indulgence, and that I really deserved any- 
thing, it would be completely a private matter of mine, 
and you would have nothing to do with it. And re- 
member that honour is gained by one's deeds, and not 
by being either daughter, or sister, or wife of him who 
has deserved it. Think of all that, my Rina; and if 
you do not imderstand the full meaning of my words, 



83 

have it explained to you by your governess, and pro- 
fit by it, (and) may God bless you. 

Lesson XXII. 

Traduzione. 123. 

Leggere e non intendere fe come cacciare e non 
prendere. II cantare rallegra i cuori. Chi (chiunque) 
non fa il dover suo, non fe degno del nome d'uomo (di 
essere chiamato uomo). £ (Ella) sicura di ottenere il per- 
dono de' suoi genitori, se non e capace di prendere una 
ferma risoluzione ? La p6vera mia madre era contentis- 
sima di rivedermi. Non poteva ricordarsi di avermi pro- 
messo le opere deU'Ariosto. L'arte del ballare era gi^ 
nota alle nazioni piu antiche. E vergognoso di (r)ubbi- 
dire alle sue (proprie) passioni. II desiderio di parer 
savio impedisce sovente di divenirlo. Napoleone aveva 
rintenzione di riunire tutta TEuropa in una gran con- 
federazione contro Tlnghilterra. II segno piii sicuro di 
essere nato con grandi qualita e di non conoscere 
rinvidia. £ inutile di fargli rimpr6veri. £ il destino 
di tutte le cose umane di 6ssere soltanto di breve du- 
rata (stabilita). A forza di lavorare di notte, i miei oc- 
chi si sono indeboliti. Cesare non aveva mai creduto 
Bruto capace d'intraprendere qualche cosa contro dilui. 
Ho sempre sperato di vederla a casa mia, percio pregai 
mio fratello di comunicarle questa nuova. 

Traduzione. 124. 

L'intera sua vita fu un beffarsi di tutto quello che 
ogni cuore umano reputa santo. Non 6 una vergogna 
il non saper nulla, ma fe un'assurdit^ il v61er sapere 
tutto. II nobile modo di pensare del principe lo ricon- 
cilio persino coi suoi nemici piu esaoerbati. Sul fi- 
nire delFanno si osserv6 un sensibile decrescere delFepi- 
demia. Al fare del giomo levammo Tancora e discen- 
demmo il fiume. Bisogna essere cautlssimo nel parlare : 
un vecchio proverbio dice: parlare fe argento, ma ta- 
cere fe oro. Credendolo un ladrone, presi le mie pistole 
e montai il cane. Che giova scusarsi, quando fe troppo 
tardi per riparare il danno ? Supponendola arrivata, mi 

6* 



84 

sono affrettato di farle una visita. Chi sono i due si- 
gnori che vedo venire laggiii ? Sono due Inglesi che s6- 
gliono andare a spasso a quest'ora. Non occorreva dir- 
gli che sono a casa, perchfe (Ella) sa benissimo che non 
voglio vederlo. Prima di stringere amlcizia con uno, 
si dovrebbe con6scere perfettamente il suo car&ttere. 

Traduzione. 135. 

Mi diede da mangiare e da here, benche non avesse 
che il puro necessario per se stesso. Che c'e da fare in 
un tale caso? Non c'e niente da fare con un uomo cosi 
pigro. Bisogna farlo quest'oggi; domani non fe da spe- 
rare che I'occasione sari (sia) ancora cosi favorevole. 
Sarebbe a desiderare, che finalmente la pace ritomasse 
fra noi. Che c'6 da vedere? Ci sono dei quadri da ve- 
dere, essi sono anche da vendere. Mio caro amico ! £ 
molto da compiingere ; ha un tempo duro da passare: 
ma non perda il coraggio. No so che ho da dirgli, quan- 
do verra (viene). In Italia si dice che tre cose sono dif- 
ficili da fare : far cu6cere un novo ; fare il letto al cane 
e insegnare qualche cosa a un Fiorentino. 

Traduzione, 126. 

Sia (stia) attenta (pronta) a profittare della buona 
occasione. L'uomo giusto h lento a punire, ma pronto 
a ricompensare. £ (Ella) disposta a farlo ? Si, se crede 
che la somma che a ci6 destino, basti a coprire le spese. 
Sto scrivendo una 16ttera al mio calzolaio che tarda a 
portarmi i miei stivali nuovi. Awezzatevi in tempo a 
vedere deluse le vostre piti belle speranze. Perche non 
mi aiuta a salire in carrozza? Che fare? Vi consiglio 
di rinunziare a questo progetto. Si affretti a finire la 
lettera, perche il corriere parte fra mezz'ora. Perche 
siete venuto cosi tardi? Di s61ito siete il primo a com- 
parire. Sono awezzo a so.ddisfare la sua domanda. 
Perchfe non si mette a scrlvere? Sciupi il tuo tempo 
col 16ggere insipidi romanzi; non sai che il 16ggere cat- 
tivi libri guasta (corrompe) il gusto dei gi6vani? A 
vederlo non si direbbe che si ha da fare con un truf- 
fattore. 



85 

Tradnzione. 127. 

Badi di non cadere. Dopo aver inteso il mio rac- 
conto mi disse che non credeva una sola parola di 
tutta questa storia. Devo adesso soffrire gli ingrati, do- 
po essere stato io stesso ingrato. Dopo che Ant6nio fu 
vinto, i suoi partigiani furono perseguitati e proscritti. 
La vitt6ria piii bella che un uomo possa riportare su se 
stesso fe il perdonare un'ingiuria. II generale ordin6 a' 
suoi uffiziali di non dire una parola di pii sul malaugu- 
rato accidente. Chi ha abbastanza coraggio per salvare 
i disgraziati ? Sarebbe meglio essere infelice che colpe- 
vole di un delitto. Voglio che abbiate piu (un poco piii 
di) pazienza. Vorremmo avere piu danaro. II dormire 
6 tanto necessario quanto il mangiare, ma dormire 
troppo 6 cosi nocivo come mangiare troppo. Mi 
permetta, Signore, di presentarle il mio amico. La 
persuasione di aver fatto torto ad un infelice gli 
cagiono dei momenti amari. Galilei fu costretto a do- 
mandar perdono d'aver spiegato il movimento della 
terra attomo al sole. La corte del re d' Italia 6 a Roma 
dal 1871; prima di risiedere colk, egli aveva la sua 
residenza in Firenze. 

Reading Exercise. 12S. 
Tit for Tat, 

A young gentleman just of age, married a young 
town lady rich in possessions, but poor as to that which 
forms true riches, that is to say, goodness of heart. 

I do not wish to tell you either their name or their 
country, for it would be indiscretion ; and even when I 
am obliged to reveal to you somebody's faults, I do 
not wish you to be hard-hearted against sinners. 

The father of this young gentleman was far ad- 
vanced in years, and he had worked hard all his life, so 
as to leave this his only son well-situated. But different 
infirmities had reduced him to so bad a (state of) health 
that he seemed nearly maudling. The son and the daugh- 
ter-in-law ought to have had pity upon him, lighten him 
with their love the weight of the years and of his hard- 
ships ; and render him the attentions received from him 



86 

in former years. But would you believe it? Instead of 
this they only ill-treated him. If the poor old man sat 
at the fire-place, and, after taking off his shoes, warmed 
his feet, they called him a fool, and thrust him aside. 
If he did not understand what was said to him, they 
laughed in his face, they called him maudling and child- 
ish ; then, at table, if a little soup fell on his napkin, or 
if he overturned a glass on the tablecloth, they set up 
a hallobaloo (a noise not to say). 

And so far reached the inhumanity of this couple, 
that they did not tolerate (= wish) him at table any 
longer, but they placed him at a little desk in the kitchen 
abandoned to the jeers of the servants and of one of 
their little boys. For I must tell you that they had a 
little boy, between four and five years, quite smart and 
lively; but who from the bad example of (his) (the) 
parents had learnt to treat (his) (the) grand-father badly 
and to mock him. 

Now one day this child ran into the hall, where his 
father and mother were eating gayly, and he told them 
that the old fool had let fall his pan and broken it to 
pieces. These in their anger roughly scolded the poor 
old man and ordered, that, henceforth, they were to 
give him to eat in a wooden platter as to the dogs. 

What sad teachings these must have been for the 
child, and I am sorry to say he profited by them. 

A few days afterwards his parents found him in 
(the) garden, busy putting together -the pieces of the 
broken pan of the grandfather: he -joined them, and 
piercing them with a nail, as the tinker does with the 
bore, he sewed them together with (a) wire. 

Laughing and joking the parents approached him 
and asked: 

What are you doing here, little one ? — What I am 
doing? answered he. — I am repairing this pan from 
which to feed you when you will be old. 

The two look at each other in their eyes (face) and 
became pale. They very well understood that: "every 
one must expect to be treated by his sons, as he has 
treated his parents." 



87 

Lesson XXIII. 

Tradnzione. 129. 

Ho visto la statua rappresentante T Apollo del Bel- 
vedere. Siamo felici di poterle partecipare che la nostra 
impresa ha avuto un 6sito corrispondente alle nostre 
aspettazioni. Si dice che Apelle dipingeva Tuva si al 
naturale che gli uccelli, ved6ndola, le beccavano. Leg- 
gendo, io fumo ordinariamente un sigaro. M6ntore 
udendo la voce della Dea che chiamava le sue ninfe, 
risveglio Telemaco. Avendo distrutto Tr6ia, i Greci ri- 
tomarono in patria. Non avendo danaro non posso par- 
tire. Andando a scuola lo incontrai. Incontrai suo fra- 
tello che andava a casa. Dovendo partire domani, son 
venuto a dirle addio. Quando il delinquente fu arrivato 
sul palco lev6 le mani tremanti al cielo e disse le se- 
guenti parole; Signore, abbi pieta di me. 

Tradnzione. 130. 

Franklin, vedendo iniitili tutti in suoi sforzi, ritom6 
in patria per sfidare la burrasca coi suoi compaesani 
(compatrioti). Vedendo un giomo un piccolo pesce nello 
st6maco d'un grande, egli disse : Oh, poichfe voi vi man- 
giate Tun Taltro, non vedo perchfe noi ci asterremmo dal 
mangiare voi. Dopo aver cercato dappertutto dell'oc- 
cupazione, Franklin si acconci6 di nuovo presso lo 
stampatore Keimer. Essendo (CoU'essere) Mili alia no- 
stra patria, siamo nell'istesso tempo litili a noi stessi. 
Napoleone vedendo che la battaglia di Waterloo era per- 
duta, sguain6 la spada per gettarsi disperatamente nel 
tumulto della battaglia. Odiando il vizio, ci confermia- 
mo nella virtu. Leggendo attentamente buoni autori, 
impariamo a scrivere con chiarezza ed eleganza. Gli 
uomini esprimono la loro gioia in diversi modi incon- 
trando parenti o amici: La gente colta (civile) saluta 
levandosi il cappello, stringendosi la mano, abbraccidn- 
dosi e baci&ndosi. Ci sono dei popoli che hanno Tuso 
di salutare cavandosi le pant6fole, altri stropicciandosi i 
nasi insieme, e altri facendo scricchiolare le dita Tuno 
contro Taltro. Ve ne sono persino di quelli che si av- 
voltolano per terra ed emettono grida di gioia. 



S8 

Beading Exereise. 131. 
Benjamin Franklin. 

In the land discovered by the Italian Columbus and 
named after the Italian Amerigo Vespucci, was laid the 
foundation of the town of Boston where, on January 
17th of the year 1706, Benjamin Franklin was bom, — 
the last of seven brothers. His father, not being able 
to afford to send him to school, got him to learn his 
own profession to make soap and candles, when 
he had just learnt to read and write. The young man 
applied himself to it, yet from that tender age he was 
so eager to read, that when he could not do it in (the) 
day (time), he sat up at night, happy whenever he could 
obtain any fine or useful book. 

Seeing such dispositions in him, one of his brothers, 
who worked as printer took him to the printing-office, 
where Benjamin, minding everything attentively soon 
learned this new art to perfection. He worked more than 
the others and doing it with pleasure, he succeeded 
better and had time left to write and speak with people 
who knew more than he ; for time is like money; he who 
does not throw it away has plenty of it. 

Disgusted with the rustic and rude manners, with 
which his brothers treated him, he determined to go to 
seek his fortune and went to Philadelphia. 

Philadelphia is the American town, that afterwards 
became the capital of the United States, where Franklin 
some years later, was received amidst the thunder of 
artillery and the acclamations of a whole nation. But 
then the young man entered quite alone not knowing 
anybody, and not being known to anybody, ill-dressed, 
with five francs in his pockets and three loaves, one 
under each arm and the third in (his) hand, eating it 
by bits. However he brought with him the wish to work 
and put aside ; thus, having taken a situation at a prin- 
ter's, he earned enough to live honourably. A good 
worker is a treasure to (the) his) master, if he reason- 
ably appreciates him. 



89 

Lesson XXIV. 
Tradnzione. 132. 

Abbiamo incontrato una moltitiidine di persone che 
ci hanno salutati, ma non le abbiamo riconosciute. I 
signori che ho invitati a pranzo non hanno accettato 
perche oggi sono aspettati altrove. Abituata a tutti gli 
agi della ricchezza, ella non potra mai accomodarsi ad 
una vita semplice. Gli allievi che abbiamo intesi leggere 
ieri, hanno provato che si sono data ogni premura per 
acquistare una buona proniinzia. Certi animali sem- 
brano essere creati solamente per Tuomo. La notizie del 
naufragio della «Germania» sono state tutte smentite. Le 
ricchezze che avevano guadagnate, furono presto dissi- 
pate. Dopo la prima sconfitta delle truppe americane 
tre commissari furono mandati al generale Howe, ma 
tosto le trattative furono troncate. Poco dopo Nuova 
York venne presa, le due Jersey occupate, Filadelfia mi- 
nacciata, e senza gli sforzi incredlbili di Washington, la 
cui armata era ridotta a quattro mila u6mini, la causa 
deirindipendenza era {or: sarebbe stata) perduta per 
sempre. Cleopatra si e data la morte. £ un pezzo che 
non ci siamo veduti, ma ci siamo scritto sovente. 

Traduzione. 133. 

Raramente le cose aspettate da lungo tempo, corris- 
p6ndono all* idea che ce ne siamo formata. II lungo 
silenzio serbato da voi, ci ha fatto pensare che vi foste 
scordati affatto della vostra promessa. Non fare mai 
alcuna cosa che sia contraria ai principii che ho cer- 
cato di inculcarti {or : non f accia mai .... inculcarle, 
or : non fate mai .... inculcarvi). La flotta che abbia- 
mo veduta arrivare, appartiene a' Francesi. Conosce 
(Ella) questi vascelli? Li conosco bene, li ho vedu- 
to (-i) costruire. Guardi quegli alberi, li ho veduto pian- 
tare dieci anni fa. La societa che vi ho veduto frequen- 
tare, e adesso sciolta. Questa riflessione impacciando 
molto il buon upmo, egli disse: Non si pu6 dormir 
bene, quando si ha tanta intelligenza. 

Tradnzione. 134. 

La ringrazio dei libri prest&timi e tosto che li avr6 
letti {or : e lettili) glieli restituir6. Passate le vacanze, 



90 

partiro per Roma. Morto il padre, i figli scavarono il 
campo per trovare il tesoro. Ucciso Eurimedonte, la sua 
flotta venne presa e bruciata. Rimossa la causa del con- 
tagio e divisa (-o) la sp6glia (il bottino), procederono al- 
I'elezione d'un re. Gli &biti che ho fatto non mi vanno 
bene. Un carrettiere aveva caricato alcuni agnelli vivi 
sul suo carro. I p6veri animali ammucchiati Tuno sopra 
Taltro, coi piedi arrandellati e coUe teste pendenti em- 
plvano Taria di belati lamentevoli. La storia c'insegna 
che molti popoli, dopo esser giunti all'apice della gloria, 
cominciarono a declinare, ed altri che dai loro vicini 
erano destinati alia schiavitu, seppero rialzarsi. Soggio- 
gati, maltrattati e awiliti da barbari e da colte nazioni, 
gli Italiani languirono per secoli; ma finalmente col 
loro coraggio, coU'aiuto morale e materiale di nazioni 
amiche e col favore delle circostanze, riuscirono a spez- 
zare le odiose catene, ad acquistare la tanto sospirata 
unita e a fondare il regno d'ltalia. 

Reading Exereise. 135. 

Continuation of Benjamin Franklin. 

But Franklin was young and inexpirienced ; there- 
fore he let himself be seduced by one of those rascals 
who are profuse in words and poor in deeds. This 
person, promising him mountains of gold, took him 
away from his quiet business, to take him to London 
in Engand, assuring him he would make there his for- 
tune and lead a delightful life. Franklin went there, 
but all those castles in the air vanished, and (being) 
thousands of miles away from his country, the passage 
having consumed his few farthings, he would have been 
reduced to starvation if he had not taken once more 
to print books. (Being) industrious and sober he pleas- 
ed his master, and obtained a (good) reputation and a 
certain authority over his companions. These never 
knew how to put aside a cent, caroused all day long, 
spent whole hours in playing in the tavern. Benjamin 
on the contrary drank water, he had not to leave work 
on Monday, worked overtime, earned more, ever ad- 
vaoicing, and being better in health and money. He 



91 

helped himself also by teaching to swim, by boating, 
and by all kinds of honourable work which fell under 
his hands. 

Afterwards (being) perfectioned in his art he re- 
turned to America, where, known as an attentive and 
temperate young man, he found people who assisted 
him with money to set up a printing-office and pro- 
cured him work. 

Wishing to do good to others, he printed sometimes 
little books and almanacks for the use of all, where he 
expressed his principles of good behaviour and endea- 
voured to accustom his fellow-citizens to parcimony, 
to exertion, to think justly and to do good. 



Julius Groos 

Heidelberg. 



Brentano's 

New- York, Washington, 
Chicago. 




Edneational Works and Glass-Books 

Method Gaspey-Otto-Sauer 

FOR THE STUDY OF MODERN LANGUAGES. 

PUBLISHED BY JuLIUS GrOOS. " 

American Original Edition. 



•With each newly-learnt language one wins a new soul.* Charles V. 

•At the end of the 19^*' century the world is ruled by the interest for 
trade and traffic; it breaks through the barriers which separate 
the peoples and ties up new relations between the nations.* 

William II. 

„tfuliu8 GrooSf Publisher, has for the last thirty years been devoting his 
Special attention to educational works on modern languages, and has published 
a large number of class-books for the study of those modern languages most 
generally spoken. In this particular department he is in our opinion unsur- 
passed by any other German publisher. The series consists of 160 volumes 
of different sizes which are all arranged on the same system, as is easily 
seen by a glance at the grammars which so closely resemble one another, 
that an acquaintance with one greatly facilitates the study of the others. 
This is no small advantage in these exacting times when the knowledge of one 
language alone is hardly deemed sufficient. 

The textbooks of the Oaspey- Otto -Sutler method have, within the 
last ten years, acquired an universal reptUatianf increasing in pro- 
portion as a knowledge of living languages has become a necessity of modern 
life. The chief advantages, by which they compare favorably tvith thousands 
of similar books, are lowness of price and good appearance, the happy union 
of theory and practice, the clear scientific basis of the grammar proper com- 
bined with practical conversational exercises j and the system, here 
conceived for the first time and consistently carried out, by which the pupil is 
really taught to speak and write the foreign language* 

The grammars are all divided into two parts, commencing unth a 
systematic explanation of the rules for pronunciation, and are again sub- 
divided into a number of Lessons. Each Part treats of the Parts of Speech 
in succession, the first giving a rapid sketch of the fundamental rules, which 
are explained more fully in the second. 

The rules appear to us to be clearly given, they are explained by examples^ 
and the exercises are quite sufficient. 



Method Gaspey-Otto-Saner 

for the study or modern laoguages. 



To this niethod is entirely due the enormous success unth which the 
Gaspew^OttO'Sauer textbooks have met; most other grammars either 
content themselves with giving the theoretical exposition of the grammatical 
forms and trouble the pupil with a confused mass of the most far-fetched 
irregularities and exceptitms tvithout ever applying thenh, or go 
to the other eoctreme^ and simply teach him to repeat in a parrot- 
like manner a few colloquial phrases without letting him grasp the 
real genius of the foreign language. 

The system referred to is easily discoverable: 1, in the arrangement of 
the grammar; 2. in the endeavour to enable the pupil to understand a 
regular text as soon as possible, and above all to teach him to speak the 
foreign language; this latter point was considered by the authors so particu- 
larly characteristic of their works, that they have styled them — to distinguish 
them from other works of a similar kind — Conversational OrammarSm 

The first series comprises manuals for the use of Englishmen and 
consists of 38 volumes. 

Our admiration for this rich collection of works, for the method dis- 
played and the fertile genius of certain of the authors, is increased when we 
examine the other series, which are intended for the use of foreigners. 

In these works the chief difficulty under which several of the authors 
have laboured, has been the necessity of teaching a language in a foreign 
idiom; not to mention the peculiar difficulties which the German idiom offers 
in writing school-books for the study of that language. 

We must confess that for those persons who, from a practical point 
of view, wish to learn a foreign language sufficiently well to enable them to 
turite and speak it with ease, the authors have set down the grammatical 
rules in such a way, that it is equally easy to understand and to learn them. 

Moreover, we cannot but commend the elegance and neatness of the type 
and binding of the books. It is doubtless on this account too that these 
volumes have been received with so much favour and that several have reached 
such a large circulation. 

We willingly testify that the whole collection gives proof of much care 
and industry, both unth regard to the aims it has in view and the way in 
which these have been carried out, and, moreover, reflects great credit on the 
editor, this collection being in reality quite an exceptional thing of its kind." 

. . . . t. 

(Extract from the Literary Review.) 



All books bound. 



Jvllu Oroos, Louden. ParU. lUme. St. Petonbvrgk. Heidelberg. 



Method Gaspey-Otto-Saner 

for the study of modern ItDgnages. 



EngUsh Editions^ 

ARMENIAN: Elementary Modem Armenian Grammar by Gulian 

DTJTCH* ^^^^ ConTersation-Qrammar by Valette. 
* Key to the Dutch CoDvers.-Orammar by Valette 
Dutch Reader by Valette. 2. Ed 



2. Ed. 



OERHAN* Ooni^ui ConTersation-Orammar by Otto. 28. Ed. . 

^jjABUM. • ^^y ^^ ^^^ German Convers.-Grammar by Otto. 20. Ed. . . 

Elementary German Grammar by Otto. 7. Ed 

First German Book by Otto. 8. Ed 

German Reader. I. 7. Ed.; II. 5. Ed.; III. 2. Ed. by Otto k . . 
Materials for tr. Engl, into Germ, by Otto- Wright. Part 1. 7. Ed. 

Key to the Mater, f. tr. Engl. i. Germ. I. by Otto. 3. Ed 

Materials for tr. Engl, into Germ, by Otto. Part II. 8. Ed. . . 

German Dialogues by Otto. 4. Ed 

Accidence of the German language by Otto- Wright. 2. Ed. . . 

Handbook of English and German Idioms by Lange 

German Verbs with their appropriate prepositions etc. by Tebbitt 

FRENCH* French ConTersation-Orammar by Otto. II. Ed. 

* Key to the French Con vers. -Grammar by Otto. 6. Ed. . . 

Elementary French Grammar by Wright. 2. Ed 

Materials for transl. English into French by Otto. 4. Ed. . . . 
French Dialogues by Otto-Corkran 

TT ATiTAN : Italian ConTersation-Grammar by Saaer. 8. Ed. . 

* Key to the Italian Convers. -Grammar by Bauer. 7. Ed. . . 

Elementary Italian Grammar by Motti. 2. Ed. . 

Italian Reader by Oattaneo 

Italian Dialogues by Motti 

PERSIAN* Modem Persian Con¥ersation-&rammar by St. Clair- 

■ Tisdall 

Key to the Mod. Persian Conv.-Grammar by St. Clsir-Tlsdall 

FORTTTGUESE: Portuguese Conversation-Orammar by Eordgien 

* and Eunow 

Key to the Portug. Conv. -Grammar by Kordglen and Kunow 

RUSSIAN: ^^^ian ConTersation-Orammar by Motti. 2. Ed. . 

* Key to the Russian Convers.-Grammar by Motti. 2. Ed. 

Elementary Russian Grammar by Motti. 2. Ed 

Key to the Elementary Russian Grammar by Motti. 2. Ed 

Russian Reader by Werkhaupt and Roller 

SPANISH* Spanish ConTersation- Grammar by Sauer-de Artea<]ra. 

* 7. Ed, 



Key to the Spanish Convers.-Orammar by 8auer-de Arteaga. 5. Ed. 

Elementary Spanish Grammar by Pa via 

Spanish Reader by Sauer-RSbrich. 2. Ed 

Spanish Dialogues by Sauer-Corkran 



Swedis h. Elementary Swedish Grammar by Fort .... 

Aya.l>ic Edition^ 
QEBMAN; Xlelne deutsohe Spraohlehre f. Araber von Hartmann 

A.rm€^TkisLrk Edition^ 
ENGLISH I Elementary English Grammar for Armenians by Gulian 



05 

75 

60 

05 



50 

70 
45 

85 
85 

60 

85 
50 
45 
60 
35 

50 

70 
85 
65 

50 

70 
85 
70 

50 

70 

75 

60 

10 
70 
70 

35 

70 



60 

70 
80 
65 

70 



05 



Method Gaspey-Otto-Saner 

Tor the stady of moderD languages. 



Greirma,!! Editions, 

ARABIC: ^^^^is^l^o EonTersations-Oraminatik v. Harder 
* Schliissel dazu v. Harder 

CHINESE: 



Chinesisclie EonTersations-Orammatik y. Seidel 

Schlussel dazu v. Seidel 

Kleine chinesische Sprachlehre v. Seidel 



Schlussel dazu v. Seidel 



DANISH* Bfinisclie EonTersations-Oraiiimatik v. Wied 

' Schiasael dazu v. Wied 



Schlttssel dazu v. Valette 

Niederlandisches Konv^-Lesebuch v. Valette. 2. Aufl 

Kleine niederlS^ndische Sprachlehre v. Valette. 2. Aufl 

ENGLISH* Bnfirlische EonTersations-Orammatik von Gaspey- 
Runge. 23. Aufl. 



!i I>- ( c. 



3 

1 



DUTCH* Niederlftndische EonTersations-Qraiiimatik v. Valette. 
2. Aufl. . 



II 



Schlttssel dazu v. Bunge. (Nur fflr Lehrer und zum Selbstunterricht.) 8. Aufl. 
Englischea Konversations-Lesebuch v. Gaspey-Runge. 6. Aufl. 

Kleine englische Sprachlehre v. Otto-Runge. 5. Aufl 

Englische GesprS^che v. Runge. 2. Aufl 

Materialien z. t^bersetzen ins Englische y. Otto-Runge. 3. Aufl. . | — 

. Englische Chrestomathie y. Siipfle- Wright. 9. Aufl ; 1 

FRENCH' ^ransdsisohe EonTersations - Grammatik yon Otto- 

1 Runge. 27. Aufl ; 1 

Schlttssel dazu v. Runge. (Nur fttr Lehrer und zum Selbstunterricht.) 4. Aufl. 
Franz. Kony.-Lesebuch I. 9. Aufl., II. 5. Aufl. v. Otto-Runge. k . 
Franz.Kony.-Leseb.f.Madch8ch. y. Otto-Runge 1. 5. Aufl., II. 3. Aufl. k 

Kleine franzQsische Sprachlehre y. Otto-Runge. 7. Aufl 

FranzOsische Gesprache y. Otto-Runge. 7. Aufl 

Franzfisisches Lesebuch y. Supfle. 11. Aufl 

TT ATiTAN : Italienische Eonyersations - Qrammatik yon Sauer. 

* 11. Aufl 

Schlttssel dazu v.Cattaneo. (Nur fttr Lehrer und zum Selbstunterricht.) 3. Aufl. ii — 

Italienisches Konyersations-Lesebuch y. Sauer. 5. Aufl 11 

Italienische Chrestomathie y. Cattaneo. 2. Aufl j — 

Kleine italienische Sprachlehre y. Sauer. 8. Aufl ' — 

Italienische Gesprache y. Sauer-Motti. 4. Aufl || ~ 

tlbungsstucke z. tubers, a. d. Deutschen i. Ital. y. LardellL 4. Aufl. || — 

GREEK: l^eugriecliische Eonyersations - Orammatik y. Petraris I 2 

_^__ 1 Schlttssel dazu v. Petraris [ — 

Lehrbuch der ueugriechischen Volkssprache y. Petraris . . . . li 1 

11 U NG ARI AN : Elelne ungarische Sprachlehre y. Nagy . . . I' 

POLISH' Polnische KonTersatioDS-Grammatik y. Wicherkiewicz. i 

I 2. Aufl \ I 

Schlttssel dazu v. Wicherkiewicz. 2. Aufl I _ 

FORTITGITESE: PortagiesischeEonTersations-Grammatikyon j 

Kordgien. 2. Aufl j; 1 



Schlttssel dazu v. Kordgien. 8. Aufl. . 

Kleine portugiesische Sprachlehre y. Kordgien. 



3. Aufl. 



50 

80 

35 

70 

30 

60 
60 

70 

60 

05 

70 

30 

60 
05 
60 
65 
65 
40 

30 

60 

85 
85 
65 
65 
05 

30 

60 

30 
85 
65 
65 
60 

10 
70 
05 

70 



60 
70 

70 



70 



Jalitts Oroos, London. Paris. Roue. St. Petersbnrgli. Heidalberg. 



Method GFaspey-Otto-Saner 

for the study of moderD lanKoages. 



8chl(i88el dazu v. Ruppert. 2. Aufl. . . . 
Spanisches Lesebuch v. Sauer-RShrich. 
Kleine spanische Sprachlehre v. Sauer. 
Spanische Gesprache v. Sauer. 3. Aufl. . 
Spanische Rektionsliste v. Sauer-Kordgien 



2. Aufl. . 
5. Aufl. 



STXTR'nTSH* Sohwedisohe KonTersations-Grammatik v. Walter 

iJwwjjj^xtJAx. g^jijiiigggi ji^jju ^ Walter 

Kleine schwedische Sprachlehre v. Fort 

SUAHILI 



Saahili EoliTersations-Graminatik v. Seidel 
SchlUssel dazu v. Seidel 



Suahili WOrterbuch v. Seidel 

TIIKKISTT* Tttrkisohe KonTersations-Grammatik v. Jehlits^hka 
~2__.-_ SchlUasel dazu v. Jehlitschka 



D. 



Gi-eirma.li Editions. 

"RTTSSTAlir* Bussisohe Eonyersations-Grammatik V. Fuchs-Wycz- li 

liAski. 4. Aufl i; 

SchlUssel dazu v. Fuchs-WyczUnski. 4. Aufl 

Russischcs Konversations-Lesebuch von Werkhaupt 

Kleine russische Sprachlehre v, Motti. 2. Aufl 

SchlUssel dazu v. Motti. 2. Aufl 

SPANISH * Spanische EonTersations-Grammatik v. Sauer-Buppert. 
8. Aufl. 



French Editions. 

GEBMABT* Grammaire allemande par Otto-Nicolas. 17. £!d. . 
• Oorrig6 des tb^mes de la Orammaire allemande par Otto- 



Nicolas. 6. £d. 
Petite grammaire allemande par Otto-Verner. 9. 
Lectures allemandeu par Otto. I. part. 6. Ed. 
Lectures allemandes par Otto II. part. 5. fid. . 
Lectures allemandes par Otto. III. part. 2. i^d. 
Erstes deutsches Lesebuch von Verrier .... 
Conversations allemandes par Otto. 4. '&d. . . 



^d.. 



ENGLISH* Grammaire anglaise par Mauron- Verrier. 9. £d. . 
* Corrig6 des themes de la Grammaire anglaise par Mauron- 

Verrier. 4. Jld. . . 

Petite grammaire anglaise par Mauron. 5. Ed 

Lectures anglaises par Mauron. 2. £!d 

Conversations anglaises par Corkran 

TT ATiIAW ' Grammaire italienne par Sauer. 10. fid. . 
' Corrig^ des tbimes de la Gramm. ital. par Sauer. 

Fetite grammaire italienne par Motti. 3. fid 

Chrestomathie italienne par Cattaneo. 2. Ed 

Conversations italiennes par Motti 



6. £d. 



L 



DUTCH' ^r&nunaire neerlandaise par Valette. 2. fid 

* Corrig6 des tb^mes de la Grammaire neerlandaise par Valette . 
Lectures n^erlandaises par Valette. 2. fid 






Julias Qroos, London. Paris. Rome. St. Petersbnrgli. Heidelberg. 



Method Gaspey-Otto-Saner 

for the study of modern langiages. 



FyencJi Editions^ 

POBTITGTTESE: C^ralllmai^e portugaise par Armez . . 
....^.^._^.^.,_^_ Corrig^ de la Grammaire portugalse par Armez 

BUSSIAN: C^ralIllIlaire rnsse par Fuchs. 3. fid 

, Corrig^ des themes de la Oramxii. roBse pur Fnchs. 3. £d. . ! — 

Petite fframmaire russe par Motti 

Corrlg^ des thftmea de la petite grammaire russe par Hot ti . 
Lectures russes par Werkhaupt et Roller 



SPAITISH: ^ammaire espagnole par Sauer-Serrano. 5. fid. . 
.^^_.^^..... Corrlgi d. themes de la gram, espagn. p. Sauer-Serrano. 4. JS^d. 

Petite grammaire espagnole par Tanty 

Lectures espagnoles par Sauer-R6hricli. 2. fid 



D. 


1 c. 


' 1 


60 


— 


60 


1 


75 


1 __ 


70 


1 — 


70 


— 


30 


! — 


70 


! 1 


40 




60 


1 - 


70 


1 


30 



SWEDISH: Petite grammaire snedoise par Fort 
Grreet: Editions. 



! — ' 70 



GEBHAN: J^oin® deatsche Sprachlelire ftlr Griechen vonMaltos i^ i 85 
— ^— — Deutsche Gesprache fur Griechen von Maltos . .'.!—! 70 

Italian Editions^ 

GERMAN: Grammatlca tedesea di Sauer-Ferrari. 6. Ed. . 
— i— .^^-.-. Chlave della Orammatlca tedesea di Sauer-Ferrari. 8. £d. 
Grammatica elementare tedesea di Otto. 5. Ed 



Letture tedesche di Otto. 4. Ed. 

Antologia tedesea di Verdaro 

Conversazioni tedesche di Motti. 2. Ed. . . . 
Avviamento al trad, dal ted. in ital. di Lardelli. 



ENGLISH: C^^ammatica inglese di Sauer-Pavia. 4, Ed. . . 

— Cbiave della giammatlca inglese di Sauer-Pavia. 2. Ed 

Grammatica elementare inglese di Pavia. 3. Ed 



Ii - 



FBENCH: Grammatica francese di Motti. 2. Ed. 

Chlave della grammatica francese di Motti . 
Grammatica elementare francese di Sauer-Motti. 3. 



Ed.. 



SPANISH: C^rammatica spagnnola di Pavia. 2. Ed. 
, Chiave della Grammatica spagnuola di Pavia . 
Grammatica elementare spagnuola di Pavia. 2. Ed. . 



PiitchL Edition, 

GEBMAN: Klelne Hoogdnitsche Grammatica door Schwippert 
— 2. Dr *^, . 

Folisli Edition, 

GEBMAN: Klelne dentsche Sprachlehre fttr Polen von Paulus 



— 70 



70 



Jalius GrooB, London. Paris. Rome. St. Peteraburfh. Heidelberg. 



Method Gaspey-Otto-Saner 

for the study of modern langaages. 



Fortngxiese liId.itioii.8> 

GEBMAN: Orammatioa allema por Otto-Fr^vdt. 2. £d. 
* Chave da Grammatica allema por Otto-Prevot . . 
Qrammatica elementar allema por Otto-Pr^vot. 2. Ed. . 

FRENCH: C^rftmmfttioa ft'anceza por Tanty .... 
* Cbave da Grammatica fraoceza por Tanty . . 



ItOXXJXlSLTL liIditioYis. 



G-EBMAN: Gi^ftn^&ticS, germane, de Leist . . 
* Cbeea gramaticii germane de Leist 
Elemente de gramaticii german& de Leist. 2. Ed. 
Gonversa^iuni germane de Leist 

FBENCH: C^ffti>^fttic^ frances^ de Leist . 
Cheea gramaticii francese de Leist 



Elemente de gramaticS* francesS, de Leist. 2. Ed 

Conversa^iuni francese de Leist 

JRixssiari. Editions* 

ENGLISH.' ^uglis^ Orammar for Rnssians by Haufif .... 

' Key to the t^nglish Grammar for Russians by Hauff . . . , 

GERMAN .' ^outsche G^rammatik filr Bnssen von Hauff . . 

' Schliissel zur deiitschen Grammatik fur Russeo von Hauff . , 

S-y^eqisli Edition* 

GERMAN I Eleine deutsche SpracMehre fttr Schweden von Walter | 

Spanish. Editions, 

GERMAN I CFi^ftiii^^ca alemana por Ruppert. 2. Ed 

' Clave de la Gram&tlca alemana por Ruppert. 2. Ed. . . . 

Gram^tica elemental alemana por Otto-Ruppert. 6. Ed 

ENGLISH^ Gram&tica inglesa por Fa via 

' Clave de la Gram&tica inglesa por Pavi^ 

Gramdtica sncinta de la lengua inglesa por Pavia. 4. Ed. . . . 

FRENCH.' C^i^ftii^^tica francesa por Tanty 

' Clave de la Gram&tica francesa por Tanty 

Gram&tica sncinta de la lengaa francesa por Otto. 4. Ed. . . . 

Libro de lectara francesa por Le Boucher 

ITALIAN' 6i^ftiii4tica sncinta de la lengua italiana por Pavia. 
1 3. Ed 

Tnyl^isli Edition, 

GERMAN' ^®u^o deutsche SpracMehre fttr Tttrken von 

— ' Wely Bey-Bolland 

ConTersation -Books by Connor 

in two languages: 



I 



English-German 
English-French 



Julias ftroM, London. Paris. Bomo. St. Potertburgli. HeidolboTg* 



Method Gaspey-Otto-Saner 

for the study of modern langiages. 



ConYersation-Books by Connor 



in two langroages: 



— 60 

- '60 



Knglish-Italian 
English-Spanish 

Deatsch-FranzSsisch i. — 70 

Deutsch-Italienisch i — 70 

Deutsch-Rum&nisch [', — 70 

Deutsch-Spanisch ,1—70 

Fran9ai8-Italien — 70 

in three lan^nages: I 

EngUsh-German-French. 12. Ed i — | 85 

in four languages: 

English-German-French-Italian i, 1 ■ 30 

cAs long as Bellamy's 'state of the future' is no fact yet, as long as 
there are millionaires and Social Democrats, until every cobbler can step 
on to the scene of his handicraft, fitted out with an academic education, 
so long will private tuition be a necessity. 

Since no pedagogic considerations fetter the private tutor, one should 
think that the choice of a classbook could not be a difficult matter for him ; 
or it is understood, and justly so, that any book is useful if only the 
teacher is of any use. But the number of those who write grammars, from 
the late respected Dr. Ahn down to those who merely write in order to 
let their own small light shine is too large. Their aim, after all, is to 
place the pupil as soon as possible on his own feet i. e. to render a teacher 
superfluous, and to save time and money. 

Then the saying holds good: «They shall be known by their works », 
and for that reason we say here a few words in favour of the books of the 
Gaspey-Otto-Sauer Method which have been published by Mr. Julius Groos. 

Valuable though these books have proved themselves to be for the 
use at school, it is for private tuition that they are absolutely indispensable. 
They just contain what 1 claim for such bdoks, not too much and not too 
little. The chapters of the various volumes are easily comprehended and 
are arranged in such a way that they can well be mastered from one 
lesson to the other; besides, the subject-matter is worked out so as to lead 
the pupil from the commencement to converse in the foreign tongue. 

What success these books have met with will best be seen from the ever 
increasing number of their publications which comprise, in different groups re- 
lating to Englishmen, Germans, Frenchmen, Italians, Spaniards, Russians etc. etc. 
not less than 160 works the following volumes of which I have successfully 
used myself and am still using for the instruction of Germans : — the French 
grammar (24^\ edition), the English grammar (21'\ edition), the Spanish, 
Italian, Dutch, and Russian grammars ; for English and French students: — 
the German grammar, not to mention minor auxiliary works by the same firm. 

It is surprising what splendid results one can obtain by means of this 
method in a period of 6 to 12 months. After such a course the student 
if«- enabled to instruct himself in commercial correspondence in a foreign 
language without a master^s helping hand.» ( . . . . ) 

The Publisher is untiringly engaged in extending the range of educa- 
tional works issuing from his Press. A number of new books are now in 
course of preparation. 

The new editions are constantly improved and kept up to date. 

I '"^^^'^ 1 

Jnling Oroos, London. Paris. Rome. St. Petorsbnrfli. Heidelberf. 



1