(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "La Civiltà cattolica"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 



ItalZS.14, 




l^arbatH College ILiiiraro 



...i2?tt-u/-.. 





LA 



Civiltà Cattolica 



Beatus populus cuius Daminus Deus eiu9. 
Ps. 143, 16. 



Anno 59°-I908 



VOL. I. 



ROMA 

DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE 

Via di Bipetta 2éS 

1908 



Ita/a6./* 



V 



Harvard College Librr.ry 
^ Aprii 2.j. 19:3. 
Tr insferred f rom 
Harvard Law Library 



BOUND OCT 21 1913 



PROPRIETÀ LETTERARIA 



' kocu, tifT. ti. tietani. Via Gelsa fi, 7. 




AJ>ERNO I381. 4 GENNAIO I908. 

Civiltà Cattolica 



xr. y 



"* Btaìui populus C^ius Dominus Deus eius. 
(Ps. 143, 15). 



"V 



Anno 59^ - 1908 - y ol. l 



INDICE DI QUESTO QUADERNO 



1. AUocuzioiie delia SaothA di Hoetto Signore Papa Pio X pronim- 

xiata oel Concistoro del 16 decembre 1907 Pag. 3 

2. L'amo Qiobilare del Santo Padre » S 

3. 11 modemismo teologico 19 

4. Uà nnoTO criterio di estetica » 35 

5. Donna antica e doma noova. Sune di domani. — 46. La costituente del 

femminismo » 51 

6. Una « Storia sociale della Chiesa » » 68 

7. 1 « Carmim scriptnrarum » nella Htnrgia » 74 

S. La « Storia de' Papi » di Lodovico Pastor » 82 

f . BIMIografia. Studi biblici. Teologia » 8/ 

Ba5tien P. 94. - Bazzocchiai P. 91. - Bclscr J. E. 92. - Ciippcllazxi A. 97. - 
Crampoa A. 89. - DeUttre A. J. 87. - Haine F. 96. - Hejcl J. 88. • Lehmkuhl A. 
96. - Mansoai C. 93. - Martin M. 94. - Mechineau L. 87. - Piscecta A. 96. - Schin- 
dler M. 95. - Suarn R. 97, - VcrJunoy. 90. 

10. Cose romane » 98 

11. Cose italiane » 109 

12. Notizie generali di cose straniere » 114 

13. Austria Ungiieria. Nostra Corrispondenza » 115 

14. L'Obolo di S. Pietro raccolto dalla « Civiltà Cattolica » neiranno 

del Qinbileo sacerdotale di S. S. Pio X. 2^ serie - 2^ lista. . . » 123 

15. Opere pervenute alla Direzione » 126 

ROMA 

' DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE 
Via Ripttta 246. 



ESCLÉE E C} EDITORI PONTIFICI 

E DELLA SACRA CONGREGAZIONE DEI RITI 
r f^ ROMA — Piazza Grazioli (Palazzo Doria) — ROMA 

HARTMANN GRISAR S. L 



storia di Roma e dei Papi 

dEL MEDIO EVO 

esposta secondo le fonti con particolare rìganrào alla civiltà ed all'arte 



VOL. L 

ROMA ALLA FINE DEL MONDO ANTICO 

SECONDO LE FONTI SCRIHE ED I MONUMENTI 

Con 224 illustrazioni storiche e piante fra cui una Forma Urbis 
Romae aevi Christian! saec. IV-VII a colori 

TRADUZIONE DALL'ORIGINALE TEDESCO 

Edieione seconda a cura del Sac. Dr. Prof. Angelo Mercati 
Voi. in-8 gr. di pag. LIV-800 rilegato alla Bodoniana 

h. 25,00 

Wilpert G. mons., protonot. Roma sotterranea. Le pitture 
nelle catacombe romane. Due splendidi volumi in foglio 
legati, di cui uno di tavole ed uno di testo. Netto L. 375 — 

Pastor (Dr. Lodovico) Storia dei Papi, compilata con l'aiuto 
dell'archivio secreto pontificio e di molti altri archivi. Tra- 
duzione italiana del Rev. D. CI. Benetti. 3 voi. in-8 gr.: 
Voi. I. (esaurito). 

Voi. II L. 7,50 

Voi. III. Storia dei Papi dalla elezione di Innocenzo Vili 
fino alla morte di Giulio II. Pag. XXIV-840. . . L. 10 — 

— Storia de; Papi, compilata con l'aiuto dell'archivio secreto 

pontificio di molti altri archivi. Nuova traduzione del Prof. 
Angelo Mercati. 

— Voi. I. I 

— Voi. IV, 1. Dì prossima pubblicazione. 

— Voi. VI, 2. ) 



ALLOCUZIONE 

DELLA SANTITÀ DI NOSTRO SIGNORE PAPA PIO X 

prooooziata nel Coocfstoro del 16 decembre 1907 



Yenerabiles Fratres, 

Relicturus Ecclesiam, quam sanguine suo acquisiverat, 
ac transilurus de hoc mundo ad Patrem, Chris tus dominus 
id nobis, nec semel nec obscure, praenuntiavit, fore nos 
insectationibus inimicorum perpetuo premendos, neque un- 
quam in bisce terris carituros adversis. Scilicet hoc sponsae 
debebatur quod Sponso obtigerat; ut quomodo Huic dictum 
fuerat; < Dominare in medio inimicorum tuorum » *, sic illa 
per medios hostes mediasque pugnas a mari dominaretur 
usque ad mare, donec, promissionis terram ingressa, pe- 
renni tranquillitate feliciter potiretur. — Quod utique divini 
Reparatoris oraculum, ut nullo non tempore, sic modo im- 
plepi ad unguem videmus. Alibi quidem acie apertaque di- 
micatione, astu alibi abstrusisque insidiis, attamen ubique 



Venerabili Fratelli, 

la proci Qto di lasciar la Chiesa, acquistata col sangue suo, e di 
far ritorno da questo mondo al Padre, Cristo signor nostro, più volte 
e senza ambagi, pronunziò che noi saremmo sempre in balla della 
persecuzione dei nemici, e mai su questa terra non saremmo liberi 
da tribolazioni. La sorte cioè dello Sposo doveva essere riserbata 
eziandio alla Sposa ; talché, come all'uno era stato detto : Tu regnerai 
nel mezzo dei tuoi nemici ^ cosi T altra attraverso ai nemici ed alle 
lotte dominasse dall'uno all'altro estremo della terra, finché posto 
il piede nella patria di promissione godesse il felice acquisto d' in- 
defettibile tranquillità. E questo oracolo del Redentore divino, come 
già d*ogni tempo, noi oggi lo vediamo avverarsi a capello. Dove ad 
oste schierata e con aperte battaglie, dove con arti subdole e con 
coperte insidie, dappertutto scorgiamo la Chiesa pigliata d'assalto. 

1 Ps. CIX. 2, . 



4 ALLOCUZIONE DELLA SANTITÀ DI N. S. PAPA PIO X 

Ecclesiam oppugnar! conspicimus. Quidquid illius est iu- 
rium impetitur ac proculcatur: leges vel ab iis despiciuntury 
quorum esset earundem tueri auctoritatem : impia interea 
impudentique ephemeridum colluvie fidei sanctitas morum- 
que nitor maculatur, detrimento animorura maximo, nec 
minori civilis consociationis damno ac perturbatione ; quod 
ipsi, ut alias saepe, sic non ita pridem vel inter nostrates 
vestris fere oculis usurpastis. 

Sed bis aliud modo additur malum piane gravissimum : 
sollicitum quoddam, studium late increbrescens novarum 
rerum, disciplinae omnis ac potestatis impatiens; quod Ec- 
clesiae doctrinas ipsamque adeo revelatam a Deo verilatem 
impetens, nititur religionem sanctissimam a fundamentis 
convellere. Eo nimirum ducuntur (utinam pauciore nu- 
mero!) qui eius, quam vulgo scientiam et criticen et pro- 
gressionem et humanitatem dictitant, audacissimas opi- 
nìones cocco fere impetu amplectuntur. Hi quidem, spreta 
tum Romani Pontiflcis tum Episcoporum aucloritate, me- 
thodicam invehunt dubitationem impiissimam circa ipsa 



Quanto essa ha di diritti si combatte e si misconosce : le sue leggi 
sono fatte segno al disprezzo pur dì coloro che ne dovrebbero tu- 
telare Tautcrità : e intanto con una colluvie di stampe empie e spu- 
dorate si gitta Tonta sulla santità della fede e sulla purezza del co- 
stume, con somma rovina delle anime, né minor danno e sconvol- 
gimento del civile consorzio ; ciò che voi, come soventi altre volte, 
così non gran tempo indietro in queste nostre stesse contrade avete 
visto coi vostri occhi. 

Ma a tutto questo si aggiunge ora un altro male fuor di dubbio 
gravissimo: uno spirito che largamente diffondesi. smanioso di no- 
vità e insofferente d'ogni disciplina e comando; che, pigliando di 
mira le dottrine della Chiesa e fino la verità da Dio rivelata, si ar- 
gomenta di scrollare dai fondamenti la nostra religione santissima. 
Da siffatto spirito sono agitati (e piacesse a Dio che in minor nu- 
mero 1) coloro, che con cieco impeto abbracciano le audacissime aspi- 
razioni di ciò che volgarmente esaltano siccome scienza e critica e 
progresso e civiltà. Volta in dileggio ogni autorità cosi del Romana 
Pontefice come dei Vescovi, pongono costoro in voga un dubbio me- 
todico pieno di empietà circa le basi stesse della fede; e special- 



PRONUNZIATA NEL CONCISTORO DEL 16 DECEMBRB 1907 5 

fidei fundamenta; ac, praesertirn sic vero sunt, calholicae 
theologiae studia aspernati, phiJosophiam, sociologiam, lil- 
teraturam e venenatis fontibus hauriunt; lum vero con- 
scientiam quandam laicam catholicae oppositam pieno ore 
concrepanl; sibique ius simul ofBciumque adrogant calho- 
licorum conscientias corrigendi ac reformandi. 

Lugendum piane foret si homines eiusmodi, Ecclesiae 
gremio relieto, ad apertos hostes convolarent : verum longe 
magis dolendum est quod eo devenerint caecitatis, ut se 
adhuc Ecclesiae filios reputent et iactent, eierato quamvìs, 
factis etsi forte non verbis, fidei sacramento, quod in Ba- 
ptismate edixerunt. Sic porro, fallaci quadam animi tran- 
quillitate ducti, Christiana etiam sacra frequentant, sanctis- 
simo Christi Gorpore reficiuntur, quin et ad altare Dei, 
quod piane horrendum, sacrificaturi accedunt: inter haec 
tamen, quae praedicant, quae agitant, quae pertinacia 
summA profitentur illos a fide excidisse deraonstrant, dum- 
que se navi duci autumant foede naufragium fecisse. 

Decessorura Nostro rum exemplo, qui vigilantia maxima 



mente se fanno parte del clero, sprezzato lo studio della cattolica 
teologia, traggono la loro filosofia, sociologia e letteratura da fonti 
ammorbate; e spacciano a gran voce una coscienza laica in opposi- 
zione alla coscienza cattolica ; e si arrogano il diritto insieme ed il 
dovere di correggere e raddrizzare le coscienze del cattolicisnio. 

Sarebbe certamente da deplorare se siffatti uomini, abbandonata 
interamente la Chiesa, passassero ad arrolarsi fra i nemici dichia- 
rati di lei: ma assai più lagrimevole è il vederli caduti in tanto ec- 
cesso di cecità, da credersi tuttavia e dichiararsi figli della mede- 
sima Chiesa, benché, coi fatti se non forse colle parole, abbiano 
disdetto quella promessa di fedeltà, che nel Battesimo pronunzia- 
rono. E così, cullandosi in una falsa tranquillità di coscienza, man- 
tengono tuttora le pratiche cristiane, si cibano delle carni sacro- 
sante di Cristo e, ciò che è orrendo, montano altresì all'altare di 
Dio per offrirvi il sacrifizio: e intanto ciò che proclamano, cloche 
fanno, ciò che con la massima pertinacia professano, mostra che 
essi han perduta la fede e che, mentre si lusingano di trovarsi ancor 
sulla nave, hanno fatto miseramente naufragio. 

Seguendo l'esempio dei Nostri Predecessori, i quali con somma 



6 ALLOCUZIONE DELLA SANT1TÌ DI N. 8. PAPA PIO X 

constantissimoque pectore sanam doctrinam lutati sunl, 
solliciti ne quid ei labis aspergeretur, Nos quoque, apo- 
stolici praecepti memores « Bonum depositum custodi > * 
decretum « Lamentabili > nuper edidimus, mox vero Lit- 
teras Encyclicas ^ Pascendi dominici gregis^: atque Epi- 
scopos gravissime commonefecimus ut, praeter cetera a 
Nobis praescripta, sacra praeserlim sena inaria diligentis- 
sime custodiant, caveotes ne quid capiat detrimenti insli- 
tutio adolescentium, qui in spem sacri cleri educantur: 
quod, gratulantes dicimus, a plerisque omnibus et volenti 
animo exceptum est, et strenue perficitur. 

Paterno tamen huic studio ad correptionem animartim 
errantium quo pacto ab ipsis errantibus responsum sit non 
ignoratis, Yenerabiles Fratres. Alii quidem, in hypocrisi lo- 
quentes mendacium, ad se quae dicebaraus non pertinere 
professi sunt, callidis argumentis animadversioni se sub- 
ducere conantes. Alii vero insolenti superbia, bonorum 
omnium luctu, apertissime restiterunt. Quare, quae sugge- 
rebat caritas incassum adhibitis, canonicas demum irrogare 



visrilanza e con petto fortissimo tutelarono la sana dottrina, solleciti 
che punto non se ne alterasse la purezza. Noi pure, ricordando il 
detto dell'Apostolo: Custodisci il buon deposito ^ pubblicammo, non 
ha guari il decreto LameìiUMÒili. e poco stante le Lettere encicliche 
Pascpììfli dominici grpgis: e con gravissime parole ammonimmo l'Epi- 
scopato che, oltre alle rimanenti Nostre disposizioni, vegliasse con 
somma attenzione sopra i seminarli per impedire che non si recasse 
danno alla formazione della gioventù, che quivi si educa nella spe- 
ranza di entrare un giorno nel clero: e, godiamo qui dirlo, tutti i 
VcFcovi accolsero con animo volenteroso Tammonimento e l'esegui- 
scono con zelo. 

Però alle paterne Nostre premure pel ravvedimento degli animi 
fuorviati voi non ignorate, o Venerabili Fratelli, in che modo si sia 
risposto dai fuorviati stessi. Altri, con ipocrita menzogna, protesta- 
rono che le Nostre parole non facevano per loro, con astuti eaviUi 
studiando di sottrarsi alla condanna. Altri, a gran cordoglio di tutti 
i buoni, eoa audacia insolente opposero apertissima resistenza. Per 
lo che, usate inutilmente le arti della carità, fummo iìnalmente eo- 

1 TinL 18. 



L. 



PRONUNZIATA NEL CONCISTORO DEL 16 DEGBMBRE 1907 7 

poenas, moerore animi maximo, coacti fuimus. Deum tamen, 
luminum ac mìserìcordiarum Patrem, rogare impensis- 
sime non desistimus ut velit errantes in viam revocare 
iustitiae. Idipsum et fieri a vobis, Venerabiles Fratres, ve- 
hementer optamus, illud minime dubitantes omnem operam 
Nobiscum vos impensuros ad hanc luem errorum quam 
latissime prohihendam. 

Nunc autem ut hodierni conventus vestri rationem at- 
tingamus, hoc primum monere vos volumus, postquam 
iteratis postulationibus dilecti Filii Nostri losephi Seba* 
stìani Neto de resignando olysipponensi patriarchatu diu 
amantissimeque restitimus, resignationem ipsam demum 
Nos excepisse. Patriarcham novum, qui in eius locum suo- 
cedat, mox in decreto et schedulis consistorialibus desi- 
gnabimus. Post haec, S. R. E. Cardinales creare ac renun- 
tiare egregios viros quatuor decrevimus, quos sua quemque 
virtus et variorum administratio munerum dignos proba- 
vere, qui in amplissimum GoUegium vestrum cooptarentur*. 



strettì, con sommo strazio deiranìmo, a fulminar le pene canoniche* 
CoD ciò, non cessiamo dai pregare con le più grandi istanze Iddìo, 
Padre dei lumi e delie misericordie, perchè voglia richiamar gli er- 
ranti sul sentiero della giustizia. E questo stesso, o Venerabili Fra- 
teUi, chiediamo insistentemente che facciate ancor voi, certissimi che 
insiem con Noi adoprerete ogni sforzo per allontanare il più possi- 
bile questa peste di errori. 

Ed ora passando al motivo per cui vi aj^biarao oggi raccolti ,* vo- 
gliamo innanzi tutto farvi noto che, avendo lungamente e con ogni 
affezione resistito alle replicate istanze del diletto Nostro Figlio Giu- 
seppe Sebastiano Neto circa il rinunziare al Patriarcato di Lisbona, 
abbiamo finalmente accettato cotal rinunzia. 11 nuovo Patriarca, che 
succede in suo luogo, sarà subito da Noi designato nel decreto e 
nelle schede concistoriali. 

Dopo ciò, abbiamo determinato di creare e proclamare Cardinali 
di S. R. G. quattro egregi personaggi, tutti per la loro virtù e pei 
vari ufficii sostenuti provati degni di essere annoverati nelTamplis- 
simo vostro Collegio. 

* Vedi le Cose Romane dei presente quaderno. 



L'ANNO GIUBILARE DEL SANTO PADRE 



L 

Poco più di un mese dopo il fatale 20 settembre 1870, 
Tangelico Pontefice Pio IX rivolgeva ai giovani del Circolo 
di S. Pietro, andati ad ossequiarlo in Vaticano, le seguenti 
parole : « Se la rivoluzione non avesse causato tanti danni 
alla Religione e tante piaghe alla società e alla morale, con- 
verrebbe quasi benedire Dio come di un beneficio, di aver 
fornito l'occasione a tanti milioni d'italiani e di stranieri 
di mostrare il loro figliale affetto verso la Santa Sede, in- 
viando tanti begli indirizzi e proteste al trono di S. Pietro. » 
Pensiero sublime, degno dell'anima grande e santa dalla 
quale usciva! Noi per verità non sapremmo formarne altro 
meglio appropriato alle mondiali esultanze, che il prin- 
cipiar di quest'anno 1908 ci arreca, per l' anniversario cin- 
^juantesimo, che il 18 settembre si compirà, della consacra- 
zione sacerdotale di Nostro Signore Papa Pio X. 

Onde infatti tanto commovimento non pur di Roma e 
di tutta Italia, ma dell'orbe cattolico intiero, e così univer- 
sale gara di onoranze, dì oblazioni, di doni, di personali 
sacrifizii, in ogni classe, dal sommo all' imo della scala so- 
ciale, dalle Corti ai tugurìi, afiBne di rendere più bella al 
Papa la sua festa giubilare, se non da intensissima fiamma 
di amore? Ma è un amore che vuol prorompere e farsi co- 
noscere non soltanto dall'Augusto Personaggio, che ne è 
l'obbietto proprio e precipuo, ma il più che sia possibile 
tla tutti e massime da quelli che sono indifferenti o av- 
versi. È dunque veramente, conforme al concetto espresso 
già da Pio IX, una dimostrazione ed una protesta; dimo- 
strazione grandiosa della pietà di milioni e milioni di figli, 
che sentono irresistibile il bisogno di consolare il Padre 



l'anno giubilare del santo padre 9 

comune, amareggiato da altri, i quali dovrebbero pure es- 
sergli figli e gli si schierano contro da nemici; grandiosa 
protesta della fede di milioni di cattolici nell'autorità di- 
vina, nel magistero infallibile del Vicario di Cristo, oltrag- 
giato impudentemente da altri e trascinato nel fango. Cosi 
si verifica anche questa volta che, per mirabile disposi- 
zione di Provvidenza, ancor le volontà più ribelli son fatte 
servire alla glorificazione della giustizia e della verità e che 
da un male orrendo, qual' è l'apostasia del mondo ufficiale 
dalla Chiesa cattolica, proviene incremento nei popoli di 
unione affettuosa alla Chiesa stessa ed al Papato. 

Principalmente a motivo di quelle malignità e di quei 
continui dileggi dei tristi, l'attenzione dei cattolici di tutto 
il mondo è tenuta desta; né loro sfugge alcuna congiun- 
tura o data o ricorrenza, che in tempi tranquilli sarebbe 
forse trascorsa inosservata, la quale offra opportunità di 
contrapporre all'inestinguibile odio dei settarii l'indoma- 
bile amore dei figliuoli devoti del dolce Cristo in terra. 
Perciò il giubileo sacerdotale di Pio X fu di lunga mano 
prevenuto e segnalato e in ogni angolo anche più remoto 
sì vennero preparando dimostrazioni di riverenza al Papa 
buono, che in meno di un lustro seppe guadagnarsi tutti i 
cuori; perciò la celebrazione del cinquantesimo anniversario 
della sua prima Messa va ogni dì in guisa più splendida 
e magnifica improntando il carattere di solenne afferma- 
zione mondiale della fede, passata trionfatrice sempre fra 
le battaglie di venti secoli, a grandi caratteri immortalata 
intorno la cupola gigantesca che fa da padiglione al se- 
polcro del Pescatore di Galilea: Tu sei Pietro, e su questa 
pietra edificherò la mia Chiesa, Le porte delV inferno non 
prevarranno. 

II. 

Simiglianti affermazioni si fecero frequentissime dal dì 
che le sette, smessa la maschera, lanciarono contro il 
Papa il loro ultimatum^ ingaggiando guerra di sterminio, 



10 LXSSO GIUBILARE 

e strettesi intorno al suo Trono gli attraversarono in tanti 
modi la libertà del suo ministero universale di verità e di 
rarità. Questo è un fatto di cui moltissimi di noi sono te 
^timonii oculari e parte- 
Durante il pontificato di Pio IX e massime nel terzo 
e più calamitoso periodo di esso, gli omaggi del mondo 
cattolico al Vicario di Cristo divennero così numerosi come 
non erano stati mai. In meno di dieci anni furono cele- 
brati con pompa fulgidissima il giubileo sacerdotale, il ven- 
licuiqaesimo anno del pontificato romano, il giubileo della 
coasacrazione episcopale di «^uel singolarissimo Pontefice, 
che rese il papato immensamente popolare: e gli omaggi, a 
lui prodigati da tutta la cristianità, rivestirono anche Tin- 
liole specialissima di culto alla persona di lui. che parve 
SI Tolesse tuttora vivo venerare come santo. 

Sotto Leone XIII. le S43lennità, indirizzate a celebrare 
qualche fausta ricorrenza della vita del Papa, si succe^Jet- 
tero quasi senza intermissione, e in particolare i pellegri- 
naci chiamarono in Roma ai pieiii del Supremo Gerarca 
4^4 cattolicismo e sotto le volte maestose di S. Pietro, 
*i DMÒ dire, tutta la terra. E certo dovrà ricoaos»?ersi da 
»|U4*s:as: a:ecte non pre^:u»l:cata. che tutte queste ma- 
tufesUzioQÌ di grandi consorzi d'ogni spfsrie. di società na- 
zionali ed internaziocali. di popoli intieri, mosse sempre 
da un doppio sentimento di amore al Paire trìl:M:»Iato e di 
d<*t^st azione de "e beste:itmie correnti contr»? la fe<le catto- 
lica, torr.ar'^iio etri/aoissiiiie a ritardare i pn^gressi della 
S4'r^^t:3.^.:zzaz:orle con ta:ì*o ar i^^re prop^ossa dalla masso- 
H'^na cos:::opoI:ta. e nel deplorevole abbandono dei go- 
lerri e dorile rappreseritaii::e naz:oria!i. a st^icv^^re con vin- 
ctC; più te:ia :i «li ubbidienza e di amore le anime alla Cat- 
te ira di Pietro. 

Ora ii-^i oi preL ariamo a festeggiare, oine si è tatto per 
Pio IX e per Le«?::e XIII. il g:ub:>».^ s^ìoerì^taV di Pio X. 
Senza dubbio, nessun divisximento più bxievole di questo 
e insieme più proprio all'ora tristissima che volge. Peroc- 



DEL SANTO PADRE 11 

che se le afflizioni del Papa, invece di scemare di numero 
e dMntensità, si sono accresciute, non può e non deve 
punto diminuire nei figli lo zelo di lenirle con quelle di- 
mostrazioni stesse di amore e di fede, le quali sappiamo 
essere ai due predecessori di Pio X tornate sì care; e se 
l'opera nefasta degli implacabili nemici della nostra Reli- 
gione ha accumulato in quest'ultimo scorcio di tempo 
maggiori rovine, se il pervertimento non ha fatto che di- 
latarsi, l'odio di ogni santa idea e di ogni santa istituzione 
che invelenirsi e diventare nei suoi sfoghi più petulante, 
nelle sue minaccie più terribile, se ormai Colui che noi 
veneriamo per rappresentante di Dio in terra è pubbli- 
camente ogni giorno coperto di fango e gittato in pascolo 
alla sozza plebaglia della strada, non dovremo noi con 
più ardore appigliarci a tutte quelle cattoliche manifesta- 
zioni che furono sperimentate sì salutari in passato? 

111. 

Non crediamo necessario dì enumerare fatti, i quali 
stanno sotto gli occhi di tutti, e col frastuono che menano 
ed il fetore che tramandano, proverebbero la realtà dello 
espresso testé da noi in forma dubitativa eziandio a coloro, 
i quali non avessero occhi. Nella gravissima Allocuzione 
concistoriale or ora recitata dal Santo Padre, che noi pub 
blichiamo immediatamente prima di questo articolo, si rive- 
lano con accento dignitoso, ma pur pieno di lacrime, tutte 
le tribolazioni presenti della Sposa di Cristo crocifisso. La 
meditino quell'Allocuzione gravissima i cattolici : sentiranno 
scendersi in cuore a ricercarne tutte le fibre il grido di 
Paolo: Omnem tribulationem passi sumus: foris pugnae^ 
inlus timores^. Il Vicario di Cristo, pur sentendo indomita 
la forza che Cristo stesso gli dà dall'alto di sovraneggiare, 
a imitazione sua, la bufera, si vede dentro e fuori preso 
in una fitta d'implacabili nemici e manifesta al mondo 

' f . Cor. vu, 5. 



12 l'anno giubilare 

cattolico la stretta in cui si trova, diventata ora più spa- 
ventosa, così perchè sono enormemente cresciuti gli assalti 
antichi contro i dogmi, le leggi, la santità della Chiesa, 
con somma rovina delle anime, secondochè dice di sua 
bocca il Pontefice, né minor danno e sconvolgimento del 
civile coìisorzio, come perchè la nuovissima peste del mo- 
dernismo serpe nelle vene medesime della Chiesa, a met- 
tervi in voga un dubbio metodico pieno di empietà circa le 
basi sfesse della fede. 

Nella qual condizione disastrosa di cose qual sia il do- 
vere di ogni vero cattolico, ecclesiastico o laico, di qua- 
lunque classe o grado sociale, qual sia il dovere delle as- 
sociazioni, dei giornali, dei periodici e in genere della 
stampa che ancora si fregia del glorioso titolo di cattolica, 
non vi sarà, pensiamo, un solo, il quale chiarissimamente 
noi vegga. E quindi la prossima ricorrenza del giubileo 
sacerdotale di Nostro Signore Papa Pio X vuol esser colla 
con accesissimo impegno da tutti per promuovere una ge- 
nerale riscossa di tutte le energie e rannodarle in un vigo- 
roso plebiscito di amore, che compensi il venerando Capo 
della Chiesa di tante sofferenze. Ma il Papa non soffre 
soltanto; combatte altresì con tutte le sue forze, senza posa, 
per respingere gli assalti di tanti e così fieri nemici insieme 
congiurati e serbare incolume la Fede. Bisogna dunque 
che da questa generale riscossa nasca una unione univer- 
sale di volontà, risolute a schierarsi contro l'oste nemica, 
e che le schiere si ordinino difatto numerose per ogni 
dove e scendano in campo con un grido solo prorompente 
da lutti i petti: andiamo e moriamo con luil Solo così 
potrà fiaccarsi la tracotanza di quelle orde, invase da un 
vero delirio anticristiano, le quali d' innanzi a tanto ordi- 
namento di forze cattoliche e papali saranno costrette a 
ricredersi, ed a riconoscere, che la loro impresa di scri- 
stianizzazione non è né sì agevole, né sì prossima al suo 
compimento, siccome avevano pensato. 

Ripetiamo che la celebrazione del giubileo sacerdotale 



DEL SANTO PADRE VH 

del Papa si porge opportunissima a questa necessaria ri- 
scossa ; e avvaloreremo il nostro asserto coir autorità dello 
Enaìnentissimo Cardinale Lorenzelli arcivescovo di Lucca, 
che eccitando i suoi diocesani a concorrere di gran cuore 
con tutti i cattolici alle feste giubilari, scriveva molto sa- 
pientemente: 

« Voi darete al forte e mite Pontefice un attestalo di 
indomabile amore, d'inalterata fede e di viva riconoscenza. 
Aduniamoci tutti! Le persecuzioni de' nostri nemici ci 
spingano alla solidarietà nella lotta e nel dolore : la ricor- 
renza soave ci chiami e ci raffermi nell'unione della ca- 
rità e della gioia. Più patetica è la festa in quest'ora, cui 
l'inferno circonda col sinistro rumore delle sue tempeste; 
e noi perciò sforziamoci di rispondere pari alla grandezza 
della cosa e alla profondità del significato. Mostriamo da 
parte nostra, che se i figliuoli del mondo non hanno mu- 
tato nelle loro pessime vie, neppure i figli di Dio hanno 
abbandonato le vie della verità e della virtù, di cui Gesù 
Cristo è principio e fine. » 

IV. 

Dalle notizie che leggiamo nell'apposito BuUettino, che 
si pubblica in Roma per cura del Gomitato Centrale, costi- 
tuito dalla Società della Gioventù Cattolica italiana affine 
di promuovere le feste giubilari, abbiamo potuto inferire, 
essere questo medesimo qui espresso dall' Eminentissimo 
Arcivescovo di Lucca il pensiero animatore degli apparec- 
chi, che si fanno con grande operosità non solo in tutte le 
nazioni d'Europa, ma e nella Siria, negli Stati Uniti, nel 
Canada, nel Brasile, nel Messico, e persino nell'India e nella 
Cina. La Francia cattolica merita una speciale menzione per 
le prove durissime, a cui l'anticlericalismo massonico la tiene 
in modo selvaggio soggetta: essa, non ostante le sue angoscie, 
dimostra uno zelo fervidissimo per la celebrazione del giu- 
bileo del S. Padre e come esprime vasi il signor Blanchon 



14 l'anno giubilare 

ìiqW Eco di Fourvière, trae eccitamento al suo zelo appunto 
dalle ragioni flagranti che ha di attestare a Pio X la 
sua gratitudine e di riparare alle ofifese gravissime venu- 
leyli dal governo francese. <( In questo momento special- 
monte, i francesi provano il desiderio di manifestare la loro 
riconoscenza verso Sua Santità Pio X, che ha assunto la 
loro difesa in una maniera sì energica, pubblicando le ire 
encicliche che formano l'ammirazione del mondo intiero. 
„, Le circostanze si prestano alla manifestazione di questa 
«gratitudine, ed è nostro vivo desiderio che il cuore di Pio 
X possa essere consolato dalla pietà figliale dei buoni fran- 
eerfi, dopo gli oltraggi ricevuti da parte di figli indegni e 
ciechi ». 

Or questo ragionamento, che vale per la Francia, non 
pnlrebbe colle debite proporzioni applicarsi anche all' Ita- 
liii? — Intanto è certo, che l'augusto Pontefice, nella sua 
Allocuzione ai Cardinali poc'anzi mentovata, fra i sacrile- 
{ilii attentati dell'empietà alla santità della fede ed alla 
purezza del costume, onde ha il cuore infranto, novera 
specialmente quelli di cui noi siamo stati testimoni non 
gran tempo indietro in queste nostre stesse contrade; e il Papa 
vuol dire delle contrade tutte d'Italia e anche di Roma. 
Fu uno sfrenamento di passioni ignominiose, una vera ub- 
ili iacatura anticlericale, che espose per mesi a tutti i lu- 
iiibri cose e persone di chiesa, preti, frati, monache, ve- 
scovi, cardinali, nella stessa Roma, sotto la vigilanza im- 
tiiediata del Governo; di guisa che, cessata la personale 
sicurezza, dovettero per ordine del Pontefice sospendersi 
molti pellegrinaggi itahani e stranieri, già stabiliti per il 
st^tlembre e i seguenti mesi del 1907, in onore del giubi- 
leo sacerdotale. Poi si ebbe, è vero, un po' di tregua; ma 
gli effetti di quei torbidi plebei e commovimenti di piazza 
non cessarono del tutto ed anzi, come è noto, qui in Roma, 
nelle elezioni comunali del novembre furono portati in 
Campidoglio i più scamiciati anticlericali, compreso lo stesso 
direttore de\V Asino, ove ogni settimana sono nel più or- 



DEL SANTO PADRE 15 

rendo modo vituperati i misteri sacrosanti della Fede e 
r inviolabile persona del Papa, e a sindaco venne istallato 
Tex Grande Oriente della Massoneria ed ebreo Ernesto 
Nathan. 

Per tutto questo si fa troppo evidente quanta ragione 
avesse Sua Eccellenza Rev.ma monsignor Bisleti di scri- 
vere al Conte d'Ursel presidente del Comitato dei pelle- 
grinaggi belgi, in una lettera del 9 die. 1907, comunicata 
al Comitato centrale del Giubileo di Sua Santità per nor- 
ma di tutti i pellegrinaggi, che « lo stato presente non 
è favorevole a giocondità ne propizio a dimostrazioni 
di fede pur dentro la città di Roma ».' Laonde TEccmo 
Maggiordomo di S. S. faceva conoscere che < Sua Santità 
preferirebbe che i suoi figli celebrassero il felice avveni- 
mento nei loro propri paesi, raccolti nella preghiera e intesi 
ad opere di morale e materiale sollievo dei loro fratelli ». Ad 
ogni modo, conchiudeva, direttori ed organizzatori di pel- 
legrinaggi badino a prendere tutte le precauzioni necessarie 
per guarentirne la tranquillità e la sicurezza K 

Dacché il Papa sta chiuso in Vaticano, è la prima volta 
che egli deve sconsigliare i pellegrinaggi, per tema d'in- 
sulti attraverso le contrade italiane e in questa medesima 
Roma, assicurata già al cospetto delle nazioni da parola 
sovrana sede tranquilla e rispettata del Pontificato. Qual 
rammarico per il dolce Pio X, come Capo dei fedeli di 
tutto il mondo e come italiano, di dover confessare tanto 
scadimento delle condizioni religiose dell'Italia e di Roraal 
Ma* i sinceri e fervorosi cattolici d'Italia e di Roma deb- 
bono ritrarne, anziché scoramento e sgomento, lena mag- 
giore a gareggiare con i fratelli stranieri ed a superarli 
ancora negli omaggi al veneratissimo Pio, per la sua festa 
giubilare. Invece di note di gioia, saranno note intensifi- 
cate di tenerezza figliale, che manderanno dal cuore af- 
flitto col cuore del padre, stretti intorno a lui a piangere 
ed a pregare. E sarà per noi occasione soprammodo propizia 

1 V. L'Osservatore Romano del 15 die. 1907. 



^^ 



16 l'anno giubilare 

di contarci e di accertare la realtà delle stragi fatte dall'in- 
sano spirito modernista nelle nostre file. Un nuovo soffio 
scenderà dal Trono di Pio ad attizzare il sacro fuoco che 
si venne affievolendo, perchè con rinnovato entusiasmo 
religioso torniamo a combattere strenuamente per la nostra 
fede, il nostro Capo Supremo, l'onore della nostra patria. 

V. 

Un giornale che si stampa a Roma in mediocre fran- 
cese e che in certe sue divagazioni vaticane di quinta e 
sesta colonna viene da un tempo in qua facendosi sempre 
più pettegolo, con qualche pizzico altresì d'insolenza, ricor- 
dava gli splendori delle feste del 1888 per il giubileo sacer- 
totale di Leone XIll e la magnificenza della mostra vati- 
cana di allora, affine di motteggiare sui festeggiamenti di- 
visati dai cattolici per il giubileo di Pio X. Sembra che per 
l'ameno scrittore non possa darsi altro modo degno e no- 
bile di celebrare un fausto anniversario anche del Papa, 
fuorché il fulgore abbagliante di tutte le pompe e le solen- 
nità esteriori, fulgore che, nel resto, non mancherà pur in 
questa occasione, benché per le luttuose ragioni accennate 
debba forzatamente alquanto scemarsi. Ma non son dunque 
nulla gli apparecchi, che ad invito caloroso dei Vescovi, di 
comitati e delegati, di soci cooperatori e promotori, si fanno 
per ogni dove ; apparecchi di luminarie, di funzioni magni- 
fiche, di missioni popolari, di largizioni ai poveri, d'isti- 
tuzioni durevoli, soprattutto per provvedere agli emigranti, 
per istruire nella religione la gioventù, sbandire l'ignoranza 
religiosa dalle plebi, raccogliere in leghe e società catto- 
liche le moltitudini dei lavoratori a riparo dall'invadente 
socialismo? Non son dunque nulla i sacrifizii che da mi- 
lioni di cattolici si fanno non solo per raccogliere l'obolo 
da offerire al Santo Padre nel giorno auspicatissimo, in 
cui rinnoverà sotto la cupola di Michelangiolo, da Papa, 
la prima Messa che egli celebrò or sono cinquant'anni, da 



DEL SANTO PADRE 17 

giovane prete di uà giorno, nella chiesa parrocchiale del 
suo nativo Riese, ma altresì per rendere stabile in avvenire, 
con annue ordinate contribuzioni, il soccorso del mondo 
cattolico all'augusta povertà del Vicario di Gesù Cristo? 
Non è nulla la fervida emulazione di mìgUaia di giova- 
netti e di fanciulle in mettere assieme, coi risparmi sot- 
tratti dai loro svaghi innocenti, l'oro richiesto a farne un ca- 
lice, con cui il Papa celebrerà la sua Messa per il mondo 
cattolico? E accanto a queste stupende dimostrazioni di 
aflFetto degli umili e dei piccoli, come raddoppia il suo splen- 
dore la pietà edificantissima del Re di Spagna, che affida 
alla sua diletta sorella, l'infanta Maria Teresa, l'incarico di 
organizzare comitati, i quali preparino ogni sorta di arredi 
sacri da offerire al Papa per strenna del giubileo, acciocché 
egli possa conforme al suo cuore arricchirne gli innume- 
revoli altari e tabernacoli abbandonati del Re dell'Euca- 
ristia! L'esempio del Re Alfonso non dubitiamo che avrà 
imitatori tra i Sovrani ed i Principi del mondo cristiano. 
Un conserto dunque magnifico di affetti, un concerto ar- 
monioso di inni si leva dai dispersi lidi, nel giubileo sacer- 
dotale del Padre di migliaia di uomini, qual dimostrazione 
di gioia d'una immensa famiglia, che festeggia le nozze d'oro 
del genitore, risalendo alle sorgenti arcane della propria 
vita spirituale. Che era allo sguardo della Provvidenza, or 
sono cinquant'anni, il modesto levita celebrante in lacrime, 
nell'umile villaggio del trevigiano, fra l'ammirazione di sem- 
plici agricoltori, la sua prima Messa? — Era il destinato Padre 
di cento popoU, i quali un giorno da lui colla mente e col 
cuore avrebbero attesa, da lui avrebbero ricevuta la vita 
dell'anima, nel supremo magistero del credere, nella suprema 
sovranità della grazia che fuga la morte e corrobora per l'im- 
mortalità, nella giurisdizione suprema delle chiavi che aprono 
e chiudono le porte del cielo. Paternità sublimissima, la quale 
iniziavasi il 18 settembre 1858 colla ordinazione sacerdotale e 
manifestasi ora nel 1908, con tutta l'ampiezza possibile a rag- 
giungersi, nell'uomo salito per i singoli gradini della eccle- 

tOÙ8, voi. t fiMC. 1381, 2 24 dicembre 19€7. 



18 l'anno giubilare del s. padre 

siastica Gerarchia al vertice supremo di Vescovo del mondo 
cattolico I Paternità universale per l'influenza, universale 
per l'estensione del benefizi, universale per lo spazio, uni 
versale altresì per il tempo; giacché nel succedersi di cento 
e cento pontefici sulla medesima Cattedra, per il corso dei 
secoli, b sempre ad un solo, a Pietro, che Cristo dice : Pasci 
i miei agnelliy pasci le mie pecorelle! 

Nella paternità del Papa l'Italia ebbe sempre la sua 
prima e più fulgida gloria e Roma la sua verace grandezza 
di città eterna e universale. E l'ha e l'avrà ancora in quella 
paternità medesima del Papa; benché segga ora in Cam- 
pidoglio chi, la mercé della cazzuola e del compasso, pre- 
tende raccoglierne l'eredità, raggiando di lassù, qual sole 
oriente, ad illuminare ogni italo commune e ad indicare la 
via da seguirsi. Il giubileo sacerdotale di Papa Pio X, Vi- 
cario di Cristo in terra, é venuto in buon punto a mostrare 
la goffaggine di quelle massoniche e bloccar de pretese ed 
a dischiudere a noi, che fidiamo nei destini del Papato, un 
più sereno orizzonte. 



IL MODERNISMO TEOLOGICO 



Da quanto abbiamo ragionato, sebbene in rapido com- 
pendiOy intorno al modernismo filosofico ^ «- mentre se ne 
fa evidente la ripugnanza assoluta ad ogni forma di reli- 
gione, naturale o soprannaturale, come ad ogni filosofia 
razionale e allo stesso buon senso, che è pure filosofia pe- 
renne del genere umano — ne appare insieme, e per molte- 
plici rispetti, r irrimediabile dissidio e Fincompatibilità radi- 
cale con tutta la teologia cristiana e cattolica» Ma ciò in 
generale : conviene ora vederlo nelle particolari applicazioni, 
e, se non in tutte, che sarebbe un troppo lungo trattato, 
in alcune almeno principali. Cominciamo dalle applicazioni 
della filosofia modernistica alla fede e alle dottrine che 
immediatamente si attengono alla fede : vedremo purtroppo 
anche qui come il modernismo, oggettivamente considerato 
nella sua essenza, non è credente, se non a parole o per 
antifrasi ; anzi è per diametro opposto e ripugnante ad ogni 
fede divina ed ai suoi fondamenti, checché sia poi sogget- 
tivamente considerato negli individui, per una possibile e, 
vorremmo sperare, non rara incoerenza. Noi seguiremo anche 
qui i modernisti su le tracce dell'enciclica non solo, ma 
anche delle loro dirette affermazioni, raccolte da lungo 
tempo nei loro scritti, e non attenuate ora, ma aggravate 
più che mai dair insolente linguaggio delle loro risposte 
all'enciclica, siano esse di critici aperti, come quelli del 
Rinnovamento di Milano, o di coperti e anonimi, come gli 
autori del famigerato Programma di Roma. Che se di pre- 
ferenza recheremo citazioni italiane, sarà da rammentare 
tuttavia come più che altrove in Italia il modernismo è 
psittacismro: onde i modernisti nostri appaiono tanto più ciar- 
lieri, quanto più novellini e più gloriosi dell'imparaticcio 

^ Vedi quaderni 1377-1979. 



20 IL MODERNISMO 

che da tempo ci vengono ricantando, senza forse scorgerne 
— speriamolo ancora — tutto il veleno esiziale. 

1. 

E anzitutto — non diremo un paradosso, ma una verità 
incontrastabile e per ogni buon intenditore chiarissima — 
il modernismo è avverso alla fede per ciò stesso che 
mostra di volerla troppo esaltare, deprimendo oltre misura 
* l'intellettualismo >, la ragione e le sue prove. Esso ha 
fatto proprio il detto del filosofo di Kónisberg, che è il 
motto del proemio alla seconda edizione della Critica della 
ragione pura e tutto il fiore di essa critica: <( Rimuovere 
il sapere per dar luogo al credere > {Uas Wissen atifh^ben 
um zum Olauben Platz zu bekommen). Esso accetta quindi 
la critica e del Kant e dello Spencer: protesta di più 
che per lui < la ragione ragionante non esiste », né ra- 
gione speculativa, né ragione pratica, la cui testimonianza 
rigetta come aprioristica *: altre vie addita * altre forme di 
conoscenza finora poco apprezzate », in cui la fede trionfa, 
né la contraddizione con la ragione fa difficoltà o inciampo, 
ma diviene argomento e pietra miliare di progresso. Quindi 
poi, a costo di contraddirsi subito, i modernisti ricorrono alla 
ragione ragionante, alle sottili disquisizioni, agli avvolgi 
menti, ai sofismi, pur di snervare tutte le antiche prove 
razionali che si recano sia delle dottrine preliminari alla 
fede e della' stessa esistenza di Dio, sia delle verità che ne 
dimostrano prudente e obligatorio l'assenso, cioè dei mo- 
tivi tutti di credibilità e anche del fatto stesso della rivela- 
zione divina, che della fede divina é necessario presupposto. 
E in ciò parecchi mettono uno studio così accanito di sotti- 
gliezze e di astrazioni, una tanta voluttà di distruzione 

* Programma dei modernisti. Risposta all'Eaciclica « Pascendi » (Roma 
IflOS), p. 9697. 

' Ausonio Franchi, Ultima critica. Parte prima. La filosofia delle scuole 
ilaliane. (2* ediz.) Milano Palma, 1890, p. 55. La seconda parte è Del Seti- 



TEOLOGICO 21 

degli antichi argomenti, che maggiore non se ne vide forse 
negli increduli antichi e moderni : se ne differenziano solo 
nel pretendere che quest'opera di distruzione sia tutta 
di edificazione: sia una «nuova filosofia», una nuova 
apologia della fede. Noi possiamo ben credere che in al- 
cuni questa Ulusione sia stata sincera. Ma ciò — giova ripe- 
terlo — nulla toglie né aggiunge alla questione oggettiva, 
alla somiglianza, diremmo quasi identità, del loro atteg- 
giamento con quello del vecchio naturalismo e razionalismo, 
molto meno alla gravità funesta delle conseguenze. 

Di che recheremo un argomento troppo dimenticato, 
ma tale che può bastare per molti e anche servire di esem- 
pio ai « chierici nuovi », e cioè quello datoci da Cristoforo 
Bonavino, prima sacerdote, poi uno tra i razionalisti del neo- 
criticismo italiano più accaniti sotto il nome di Ausonio 
Franchi, infine illustre convertito. Egli nel primo suo libro 
scritto da razionalista — La filosofia delle scuole italiane — 
finiva appunto dove i nostri modernisti cominciano: appli- 
cava una critica spietata alle dottrine capitali della meta- 
fisica, particolarmente a quelle dell'esistenza di Dio e di 
altre verità previe alla religione cristiana. Non negava però 
quelle dottrine come false, ma soltanto come non filoso- 
fiche: ]e rimoveva in nome della ragione pura, perchè ra- 
zionalmente non dimostrate né dimostrabih: né pure amava 
di ammetterle in nome della ragione pratica, sebbene caldo 
ammiratore del Kant perchè l'antitesi kantiana fra le due 
ragioni non gli sonava bene, ed egli preferiva quella fra 
ragione e sentimento : ma intendeva che tali dottrine <^ per 
altra parte dovevano tanto più mantenersi in nome di un 
intuito sentimento spontaneo, di una fede naturale, perchè 
psicologicamente e moralmente radicate nella vita stessa del- 

Hmenio; la terza 11 rasionalismo del popolo; tutte e tre corrispondono 
ad altrettante ,opere del razionalista, e ne sono vittoriosa confutazione, 
ma sono insieme un'anticipata condanna del modernismo e dei modernisti 
filoi<ofi. Forse perciò questi yi hanno fatto intorno quasi una congiura 
del silenzio: ma Dio voglia che Io imitino piuttosto nel ravvedimento, 
come l'hanno purtroppo imitato nel traviamento. 



^ IL MODERNISMO 

l'intelletto e del cuore ^. Cosi egli, accordandosi fin nelle pa- 
role con l'assunto dei modernisti, come nessuno potrà 
negare *, e preludendo in certo modo alla nuova « metafisica 
dei bisogni» ; e aggiungeva egli per maggiore rassomiglianza : 
* Quinfii voleasi negare il valore filosofico di quelle dottrine 
non ^\k per distruggere, ma per salvare e raffermare il loro 
valore reale e morale » *. Nel che il razionalista Ausonio 
Franchi era meno audace dei nuovi metafisici, e nominata- 
mt^nte di qualche pragmatista, maestro della nuova scuola, 
il qiiak si contenterebbe dei valore morale. 

Kppure odasi come il Franchi dopo ^c trentasette anni tra- 
scorsi a continuare incessantemente lo studio della filosofia, 
e massime della sua storia », dopo ^ le lezioni dell'espe- 
rien^ia propria ed altrui, la pratica della vita privata e pub- 
blica -^, aggiuntesi allo studio incessante, confessava il 
HUo inganno e giudicava severamente il suo assunto: « Per 
me il primo disinganno cadde appunto su Io scopo gene- 
rale della mia risposta al Bertini {Idea di una filosofia 
(ìdia vìia). Quella critica severa, spietata delle prove con 
cui sogliono dimostrarsi le dottrine metafisiche del teismo 
e spiritualismo cristiano, ebbe effetti tutto opposti a quelli 
the io me ne riprometteva. In luogo di convalidare la ve- 
rità naturale delle tesi abbattendo la validità razionale 
delle pTOve, portò a giudicare false le une come le altre. 
In luo^m di ehminare la scienza per esaltare la fede, riuscì 
ad abolire l'una insieme con l'altra. Non risuscitò il sen- 
timento religioso dalla tomba delle teorie metafisiche, ma 
vi sei>]ielll anche quello sotto di queste. Potè fare degli in- 
rrt^HuIi. ma non un credente » ^ 

C,m\ egli con una commovente sincerità, che ravvicina 
il suo linguaggio a quello appunto onde Tenciclica rim- 
provera ai modernisti l'esiziale frutto della loro critica kan- 
tiana e^ agnostica. Né meno calzanti per i modernisti sono 

^ ^ro^mmma dei moriernisH, specialmente a p. 96, e di nuoTO a p. 98, 
a p. UìZ, 104 e altrove. 

" finma Critica, p. 68 s. — » Ivi, p. 67, 58. 



TEOLOGICO 23 

le prove che reca il Franchi della sua disdetta: « Ec- 
cetto quei pochi amici cui era troppo noto T intimo mio 
pensiero, coloro da cui mi ebbi pubblicamente e privata- 
mente, congratulazioni e lodi amplissime, eccessive; coloro 
che mi si professarono debitori della loro emancipazione 
da tutti i pregiudizi della famiglia, della scuola, della chiesa, 
erano o atei e materialisti dichiarati, o liberi pensatori e 
razionalisti, che volea dire scettici in filosofia e miscredenti 
in religione ». 

Siamo certi che molti dei modernisti potrebbero far pro- 
pria questa confessione dolorosa: della contraddizione cioè 
dello scopo a cui mirano o dicono di mirare, e dell'efifetto 
a cui giungono miseramente. 

E questa contraddizione è conseguenza necessaria del- 
l'assunto, anche quando ai due termini dell'opposizione 
kantiana, di ragione pura e di ragione pratica, si sostitui- 
scano quelli tra ragione e intuito, tra scienza e sentimento, 
come voleva il Franchi e come vogliono i modernisti coi 
neo-critici o neo-kantiani: nell'un caso o nell'altro si 
vuole affermata una verità, mentre sì nega il valore delle 
prove e fin lo stesso fondamento, che è la veracità naturale 
della ragione, come delle altre facoltà conoscitive. 

Ora non è diflBcile scorgere — e ben lo notava lo stesso 
Ausonio Franchi — che « il proposito di chi afferma una ve- 
rità maitre nega ogni valore deUe sue prove, equivale in 
ultimo costrutto a voler affermare quel che si nega o a 
negare quel che sì afferma >. Perchè l'affermare indubita- 
bilmente presuppone la certezza; la certezza, i motivi che 
la determinano, e i motivi non sono altri che le prove della 
verità. Dunque negare le prove di essa verità è togliere alla 
ragione ogni possibilità di affermarla e perciò di conoscerla: 
è un dire propriamente che quella verità non è verità; ov- 
vero con una versione più esplicita, equivale a discorrere 
in questa forma causale: Affermo che la tal cosa è vera 
perchè la ignoro ; o in quest'altra forma illativa : Non posse 
affermare che la tal cosa è vera: dunque l'affermo. 



2i IL MODERNISMO 

Ora, conchiude il razionalista convertilo, non è egli con- 
tradditorio in se stesso un simile discorso? *. 



II. 

E la contraddizione cresce quando il modernista col suo 
criticismo rigetta gli argomenti dell'esistenza di Dio, le prove 
del fatto della rivelazione, i motivi di credibilità non solo 
come insufficienti, ma come falsi, come sofistici, come pe- 
tizioni di principio, e via via, al modo, per es., del Le Roy 
in Francia, del Tyrrell in Inghilterra, dei loro pedissequi 
e più o meno « franchi discepoli » in Italia. Poiché se T in- 
sufficienza delle prove ci ritira dall'affermazione della ve- 
rità, la falsità di esse ci spinge naturalmente alla nega- 
zione. Tanto più che il modernismo sovente non giudica 
solo falsa l'una o l'altra prova, ma tutte generalmente 
quelle che furono proposte finora, anzi dichiara impossibile 
trovarne una vera* : non vuole altro che l'intuito o il senti- 

* Ivi, p. 59, 60. Secondo Igino Petrone, nel lìinnovamento (selt.-ot- 
tobre 1907, art. L'enciclica di Papa Pio X) dovrebbe invece essere questo 
un discorso profondo ; giacché, biasimando Tenciclica, egli leva a cielo i raoder- 
nisli, i quali escluse le altre prove e seguendo «direzioni idealistiche e vo- 
lontaristiche... prossime al ciiticismo (kantiano), hanno affermato Tevidenza 
probante della certezza interiore e spirituale deiresistenzadi Dio », «hanno 
inaiatilo sul valore criteri alogico della credenza, come atto e come abito 
dì affermazione o posizione reale deiresistenza di Dio > : in altre parole per 
ttiLio argomento hanno allegato la loro fede o persuasione istintiva, non 
appoggiata su prova qualsiasi razionale. Poiché, come c'insegna il Petrone 
stesBO, « la credenza di cui parla la scuola del dogmatismo morale (e a cui 
ath ibuisce tutto il valore criteriologìco) è Tatto di affermazione esistenziale 
detroggetto stesso della speculazione razionale: un potere dello spirito che 
accede alla stessa ragione e traduce la necessità ideologica delle deduzioni 
di ijuesta in una posizione di esistenza reale»; cioè, in termini spicci, si 
conTonde con un assenso cieco spiegato alla kantiana, siccome quello che 
senza altra prova afferma esistente ciò che sarebbe pura necessità ideolo- 
gica senza oggettività alcuna I — Che sapienza! 

* « Noi non possiamo più accettare — essi scrivono — una dimostrazione 
di Dio che s* innalza su quegli « idola tribus » che sono i concetti aristo- 
leiìci di moto, di causalità, di contingente, di fine. Anzi... se la dimostra- 
zione di Dìo dovesse essere essenzialmente vincolata a questi concetti, il 



TEOLOGICO 25 

mento spontaneo che esso confonde con la testimonianza 
della coscienza, né l'ammette già quasi valevole a dimostra- 
zione deiresistenza di Dio ma a mera « giustificazione della 
fede nel divino». Così si esprimono gli autori del Programma S 
sebbene altrove parlino anche di dimostrazione e di argomen- 
to, ma estraneo alla ragione: «l'argomento della coscienza 
operante che porta nelle contingenze della sua vita fittizia il 
bisogno ansioso del divino, e riesce a vivere più nobil- 
mente la sua vita solo a patto dì percepire questo bisogno 
e di soddisfarlo in quella esperienza religiosa che l'ambiente 
e la formazione storica in cui si trova a vivere naturalmente 
gli impongono» *. A questo girigogolo di parole buone a giu- 
stificazione di una fede qualsiasi, fosse pure politeista, non- 
ché maomettana o buddista, si riducono tutte le prove del- 
Tesistenza di Dio, dei motivi di credibilità, di tutte le verità 
preambole alla fede, secondo i modernisti. 

Ma chi ha occhi in fronte vede tosto quanto sia arbitra- 
rio e incoerente anche questo argomento per chi ha negato la 
ragione ragionante, anzi generalmente la veracità delle fa- 
coltà conoscitive, il valore obiettivo della cognizione, nonché 
la dimostrazione fondata sui concetti di moto, di causa- 
lità, di contingente, di fine, come nega il modernista re- 
cisamente '. Con ciò egli si costringe a non uscire dai feno- 

pensìero critico contemporaneo avrebbe aperto definitivamente le vie all'atei- 
smo». Programma^ p. 103 s. 
« Ivi, p. 99. 

* Ivi, p. 104. 

* V. p. es. il Programma a p. 95, e da capo a p. 98, a p. 103 e altrove 
ripetutamente. A questo proposito è da rammentare come tutti i modernisti 
inquanto fautori deWirnmaneìteat benché digradino in mille sfumature — 
dal puro empirismo della cosciema religiosa di William James al contatto 
mistico del Fogazzaro o airesperienza emozionale dei modernisti del Pro- 
gramma — convengono nella sostanza dell' immanentismo psicologico, che 
é non solo attenersi all'argomento psicologico e morale esclusivamente o 
quasi, ma presumere di trovare Iddio e generalmente le verità metafisiche 
nei fenomeni interni e soggettivi dell'anima. Ora questi, studiati in sé, non 
ci conducono che ad un mero empirismo positivista. A trovarvi Iddio e in 
generale verità metafisiche è necessario risalire alle cause, studiare cioè 1 
dati intrìnseci non solamente in sé, ma relativamente alle loro cagioni pros- 



26 IL MODERNISMO 

meni o « bisogni >^ interni e soggettivi in quanto tali, né 
può di essi ricercare o arguire una causa prossima o remota 
f'he sia. Dunque per trovarvi il divino dovrà supporlo o iden- 
tificato con la coscienza ovvero suo naturale compimento 
(panteismo) o a lei presente come oggetto immediatamente 
conosciuto (ontologismo), ovvero rappresentato per un'idea 
specie intelligibile congenita o innata (innatismo), che è 
una forma più mite di ontologismo. 

Dell'ultima di queste tre supposizioni non debbono 
contentarsi i modernisti, non tanto perchè essa ha troppo 
del l'arbitrario e ripugna ad ogni fondata esperienza non 
meno che alla retta ragione, ma più perchè avrebbe ancora 
troppo d'intellettualismo. Dalla prima, poi, che è l'ipotesi 
panteistica, sembra che i più finora rifuggano apertamente 
con orrore delle conseguenze se non dei principii. Non resta 
dunque che la seconda, alla quale danno una forma molte- 
pliee, secondo i gusti, e generalmente al tutto soggettiva 
e capricciosa. Ma non è essa perciò nuova nella sostanza, 
cioè nel tentativo di ricorrere slW intuizionismo mistico, 
ad una certa fede d'istinto, anzi al senso stesso e all'espe- 
rienza del divino, come fonte prima di certezza: tentativo 
sovente ripetuto da altri in forme e sistemi diversi, dopo 
intorbidate le fonti genuine della certezza e oscurato il criterio 
dell'evidenza dallo scetticismo cartesiano e dal conseguente 
criticismo kantiano. 

III. 

Già infatti, per isfuggire alle rovine dall'uno e dall'altro 
accumulate, dottori cattolici e protestanti vollero ricorrere 
alle vie della fede; onde la ragione dichiarata impotente a ri- 
trovare per dimostrazione rigorosa la verità, non avendo 
d obito né potere di cercarla come cosa ignota, l'avesse 
di riconoscerla e d'intenderla come cosa affidata o tra- 

sime e remote. Il che non si può senza qualche uso di raziocinio, o almeno di 
j.-ijgnizione mediata ; né con ciò sì resta neìV ì mmanema ; ma si passa alia tra^ 
^eendema. Cfr. Ballerini, Il principio di causalità {FìT^nu^X^Q^^ p. 288 ss. 



TEOLOGICO 27 

smessa. E più oltre, dovendo spiegare donde l'intelletto ri- 
ceva la verità, o donde gli sia tra:?messa — mentre altri im- 
maginarono una rivelazione esterna, cioè il linguaggio e il con- 
seguente magistero, come in Francia particolarmente, i tradì 
mnalisti — altri l'immaginarono interna, psicologica; onde 
la visione di Dìo del Malebranche e dei susseguenti ontologi, o 
piil espressamente tra i mistici, i pietisti, i sentimentali di 
varie scuole o gradazioni, il senso del divino, senso spiri- 
tuale intemo, di gran lunga più nobile del corporeo, cioè 
percezione immediata del mondo soprasensibile, supposto 
presente allo spirito, come il sensibile è presente ai sensi 
del corpo, secondo la filosofìa del Jacobi e di altri prote- 
stanti di Germania. La persuasione poi che quindi s'in- 
genera nell'anima, fu per essi chiamata fede, ma fede al 
tutto naturale, e stabilita come fonte prima di certezza. 

Con ciò, ad es., il pietista Jacobi pretese opporsi al cri- 
ticismo e al panteismo, screditando ogni uso di logica, di 
speculazione o di critica naturale, esaltando solo il senti- 
mento dell'uomo dabbene e a lui attribuendo una intui- 
zione immediata delle verità che non si possono raggiun- 
gere se non per via di ragionamento o almeno di cognizione 
mediata, come la verità dell'esistenza di Dio. Ma egli con 
siffatte esagerazioni di dogmatismo, che molto si appressano 
al dogmatismo morale dei modernisti, col ricorso continuo 
alla fede naturale, al sentimento e alla coscienza morale 
riaprì per altro verso Tadito allo scetticismo, raccostandosi 
al Kant, ch''egli presumeva combattere col suo intuizionismo. 

Infatti questa e tutte le precedenti forme di fede sogget- 
tiva, di ontologismo o di intuizionismo che si dicano, da una 
parte accennano a confondere l'ordine naturale col sopran- 
naturale : e dall'altra, escludendo ogni uso previo dì ragione, 
come ogni valore dì argomentazione e il criterio stesso del- 
Tevidenza, non valgono a fondare niuna certezza di proprio 
nome, neppure quella del testimonio della coscienza, come 
già fu accennato: possono fondare solo una cieca affer- 
mazione, ossia la persuasione di un allucinato : l' illusione. 



28 IL MODERNISMO 

E illusione è appunto la loro pretensione commune, di 
ricercare come necessaria ad ogni cognizione, non più la 
somiglianza intenzionale della mente con l'oggetto — sa- 
rebbe questa dottrina degli scolastici — ma un immediato in- 
timo congiungimento e quasi identità della mente stessa con 
l'oggetto intelligibile in sé; un afferrarlo insomma, non già 
intenzionalmente nella sua ragione formale, ma fisicamente 
per un'apprensione concreta di esso nella sua propria e reale 
entità; ovvero, secondo il nitido parlare di altri modernisti, 
« uno sforzo dello spirito che cerca di possedere meglio il 
reale e di più utilmente servirsene attraverso gli schemi men- 
tali. » Ciò rispetto alla cognizione degli oggetti sensibili è 
assurdo per una parte, e per l'altra è distruttivo di ogni 
cognizione intellettuale; poiché si rende così affatto sogget- 
tiva, supponendosi non più conforme a realtà, bensì a schemi 
o forme kantiane a priori. E non meno é assurda questa 
supposizione rispetto alia cognizione della esistenza di Dio, 
degli attributi divini, e generalmente delle verità soprarazio- 
nali, giacché qui sopratutto né l'unione fisica immediata 
con l'oggetto né l'intuito non può ammettersi da mente 
cattolica se non nella visione o cognizione beatifica di Dio, 
con cui cessa la cognizione naturale analogica e quella so- 
prannaturale di fede. 

Ma quando pure si concedesse questa immediata ap- 
prensione, questo contatto sensibile e spirituale del divino, 
questa « esperienza interna ed emozionale del divino pre- 
sente in noi » S secondo il diverso parlare dei modernisti, 
non potrebbe escludere lo scetticismo né dar luogo a cer- 
tezza, di scienza o di fede che sia, stando al sistema kantiano 
e a quello degli intuizionisti modernisti. Poiché se la cogni- 
zione intellettiva astratta non é ammessa, se non si può 
ritenere conforme all'oggetto, o se tale conformità non è pos- 
sibile a verificare, come dicono, perché non si potrà dire 
altrettanto, e a pari diritto, dell'esperienza o intuizione 
supposta? Che se essi oppórranno il testimonio della co- 

' Programma cìt. p. 98. 



TEOLOGICO 29 

scienza o il criterio dell'evidenza, si condanneranno da sé; 
poiché questo ci assicura egualmente il valore certo e obiet- 
tivo, che essi negano, delle altre cognizioni fuori della intui- 
zione sperimentale, come accennavamo nel precedente arti- 
colo a proposito della fratellanza tra criticismo e agno- 
sticismo, kantiano e spenceriano. 

dunque ammettere il valore di quelle o negare anche 
il valore di questa : non c'è mezzo. Ed è ciò sì chiaro che i 
kantiani più conseguenti non riconoscono oggettività neppure 
all'intuizione: per essi la cognizione non tocca l'oggetto 
reale, non attinge altro che se stessa. Perciò appunto é chia- 
mata fede, in quanto non pretende negare l'oggetto —se lo 
crea anzi o se lo foggia « attraverso gli schemi mentali >, 
cioè secondo le sue forme soggettive — ma non iscopre, 
non sa nulla della realtà oggettiva. 

IV. 

Quindi s'intende come la fede dei vecchi e dei nuovi 
kantiani abbia per suo oggetto ciò che è inconoscibile; 
ed è inconoscibile tutto ciò che esce dai limiti dell'espe- 
rienza e perciò è sbandito dalla scienza, o vogliasi dire 
dalla conoscenza; giacché il costei valore tutto dipende 
dalla esperienza dell'oggetto, secondo i filosofi moderni 
dopo il Kant: dalla esperienza esterna dei sensi, secondo 
il positivismo materiahsta; dalla esperienza interna della 
coscienza, secondo il neo-positivismo e il neo kantismo. 
Una fede sifl^atta è dunque meno di un'opinione qual- 
siasi; non è affermazione propria, né vera adesione biella 
mente, né pure cognizione propriamente detta: è, come di- 
cono, uno « stato d'anima », un sogno di poeta o d'illuso, e 
nulla più. « Per usare il linguaggio kantiano — ascoltisi di 
nuovo Ausonio Franchi — la ragione sa che l'anima, il mondo 
e Dio non sono enti reali, cose in sé, ma semplici idee, a cui 
non corrisponde nessuna realtà oggettiva, e pure nei suoi 
pensamenti e nelle sue deliberazioni deve comportarsi come 



30 IL MODERNISMO 

se (als oh, ìq carattere distinto anche nel testo) quelle idee 
che non rappresentano alcun oggetto reale, s'avessero la 
massima realtà * '. È un'illusione insomma — e l'esempio è 
del Kant nella sua Appendice alla critica trascendentale — 
simile a quella che ci fa vedere gli oggetti dietro lo specchio: 
sicché bene interroga il kanlista convertito, e noi con esso: 
che fede può mai esser quella ? o non dovrebbe essere così 
finta la fede come è finto l'oggetto? — Ora è tale appunto 
la fede del modernismo filosofico, quella su cui egli stabi- 
lisce la dimostrazione di Dio e tutta la sua teologia fon- 
damentale: fede che si vuole valevole come fatto speri- 
mentale, non come dottrina. 

Ma il modernismo teologico, pur consentendo in così 
fatta filosofia, vi ha trovato un riparo: ha trovato che questa 
fede si può conciliare benissimo, anzi è tutt'uno con la fede 
cattolica, con la fede soprannaturale e divina. E come? Con 
un ripiego semplicissimo: quello di ridurre anche la sua 
fede soprannaturale, di credente e di cattolico, ad un ge- 
nere di esperienza interna, ad una intuizione della co- 
scienza o del cuore, ad una emozione di tnto vissu,ìa^ o 
simile senso interiore, secondo la varia e inesauribile loro 
dovizia di « formule » o di « gergo > anti intellettualiata. La 
quale esperienza tuttavia si dice succedere < in maniera che 
sfugge alla analisi » ', eppure essere di un ordine totalmente 
diverso e perciò lontana affatto da ogni incontro o possi- 
bile contrasto con quella di ordine scientifico; sicché essa 
verrebbe a rendere assurda l'idea stessa di accordo o di 

^ Ultima critica, p. 68 s. Dal sacerdote cattolico, neokantista convertito, 
non 4ì^i!orda in ciò gran fatto il neokantista più ostinato e più bellicoso, il prò- 
te^^tante Paulsen, come si può vedere da parecchi suoi articoli, — partioo- 
lannente da quello intitolato * Kant U filosofo del protestantesimo i» — che 
reccntt^mente furono voltati con uno siile da ostrogoto in italiano e pub- 
blicati dai Bocca nella loro Piccola biblioteca di scienze moderne, col titolo 
molto scientifico Contro il clericalismo (Torino 1907). Questo infatti — il 
clericalismo — è Tav versarlo più inesorabile della filosofia e della fede kan- 
tiana, secondo il Paulsen; e anche in questo gli consentono 1 modernisti, cosi 
feroci aaticlericali. 

* Programma, p. 106. 



TEOLOGICO 31 

contraddizione tra scienza e fede : tale sarebbe la fine — ci 
annunziano — del concordismo. 

La soluzione è radicale, è spedita: non si può negare; 
ma, disgraziatamente, è anche la più malefica e la più in- 
coerente nell'apparente sua facilità. E l'incoerenza, come 
osserva bene l'enciclica, balza fuori ad ogni tratto dall'espo- 
sizione stessa del modernista credente, e fin dal bel primo 
nell'opposizione in che egli si mette con se stesso, con- 
trapponendo al filosofo, al dotto, allo scienziato il cre- 
dente. Basterà una rapida sintesi delle teorie modernistiche 
su questi punti, per giudicarne. 



Noi abbiamo veduto che in forza del suo scetticismo 
si dica esso criticismo kantiano o agnosticismo spenceriano, 
— riaffermato l'uno e l'altro nelle varie risposte all'enciclica, 
quanto al punto sostanziale * — il modernista nega di fatto la 
oggettività della cognizione, quindi la veracità stessa delle 
facoltà conoscitive che ammette, della ragione non meno che 
deUa coscienza, in quanto si riferiscono all'oggetto este- 
riore e ne affermano l'esistenza reale. Quindi anche, per 
ciò che riguarda la fede e l'oggettività del credere, come ben 
dichiara l'enciclica, il modernista, in quanto filosofo, non 
può né si cura di affermare, molto meno dimostrare, se 
l'oggetto di essa fede, cioè la realtà divina, esista altrove 
fuorché nell'animo del fedele. Ma in quanto credente, eglr 
l'afferma come esistente in se stessa, mettendosi in contrasto 
col filosofo o, per usare il termine modernistico, « superan- 
dolo, oltrepassandolo » : per fondamento poi della sua asser- 

' Cf. p. es. Programma, I. e, p. 96, 97 ecc. Diciamo ora solo della sostanza, 
di esso criticismo e agnosticismo ; perchè i modernisti non potendo negare 
questo, vi sorvolano, esagerando in quel cambio le loro differenze che sono 
meramente accidentali o secondarie, anzi, d'ordinario, meramente apparenti. Dì 
che non ebbe sospetto Igino Petrone nel fi innovamento, mostrando un'i 
Krtoranza della quistione, pari solo all'orgoglio con cui bistratta renciclica 
<ia lui totalmente fraintesa. 



32 IL MODERNISMO 

zione assegna l' esperienza individimle, cioè una certa in- 
tuizione del cuore, che ingenera una sì profonda persua- 
sione da vincere ogni altra persuasione o esperienza ra- 
zionale. 

E per meglio intendere ciò, è da ricordare come, secondo 
il modernista, l'uomo urtando al confine doppio da cui si 
trova limitato — il mondo esteriore e la coscienza inte- 
riore — s'imbatte di fronte a l'Inconoscibile, o come altri 
dicono con parola non meno vaga, l'Assolulo, sia che questo 
suppongasi al di fuori, quasi incarnato nel fenomeno, sia 
che dicasi interiore, profondato nelle latebre della subco- 
scienza: quindi una commozione, un sentimento, un « biso- 
gno ». Questo inchiude o apprende la realtà del divino, e 
tuUiivia (notisi bene) < non come idea che si deve pensare, 
ma come realtà che si deve vivere >: una ^esperienza» in- 
somma emozionale, o come anche, parlano, una coscienza 
(piuttosto un atto della coscienza), una intuizione interna: 
con questa si trova per un « contatto diretto » (il contatto mi- 
stico del romanziere) neW immanenza la trascendenza, nell'io 
Iddio. Questa esperienza del divino è fede per il modernista 
credente, in quanto è sentimento e coscienza, o più esatta- 
mente si dovrebbe dire, atto o intuizione della coscienza: 
in quanto è atto del manifestarsi divino, o il divino stesso 
man ifestan tesi, è rivelazione; giacché la rivelazione è « parte 
integrale della coscienza ». La communicazione poi della 
esperienza originale, fatta ad altri mercè la predicazione 
pei mezzo di una forinola intellettuale, diviene la tradi- 
zione, e ad essa va attribuita, per via della formola, una 
virtù rappresentativa non solo, ma anche suggestiva, atta a 
ravvivare e ingenerare il sentimento e la esperienza reli- 
giosa. Che se questa vive, è vera; perchè è vero ciò che 
vive: verità e vita sono una cosa. 

Di che si vede tosto come anche per questo solo ri- 
spetto, secondo che nota l'enciclica, tornano vere quante 
religioni hanno vita. E quindi appare altresì, ciò che già fu di- 
mostrato* per altri capi di argomenti, come un tale moder- 



TEOLOGICO 33 

nismo — meaire tende socialmente a sottomettere le se- 
colari dottrine della Chiesa all'opinione corrente, alle idee 
fuggevoli dei sistemi filosofici della moda — mira indivi- 
dualmente a sottomettere la verità oggettiva, filosofica e teo- 
logica, alla coscienza individuale, al privato sentimento; 
corre insomma ad un soggettivismo pienamente naturalistico, 
al quale non giunse mai il vecchio naturalismo dei liberali. 

Segue a ciò la supposta separazione totale, assoluta, tra 
fede e scienza. Poiché quella riguarda un oggetto che questa 
ha per inconoscibile, cioè le cose divine. E anche quando Tog- 
getto è del mondo sensibile, poniamo fatto storico come 
la vita umana di Cristo, la fede lo trasforma e lo svisa, tra- 
sferendolo dal mondo sensibile al divino, non più conside- 
randolo secondo la realtà storica, ma secondo quella indotta 
e, come dicono, vissuta dalla fede e per la fede : una specie 
insomma di apoteosi o divinizzazione del fenomeno ossia 
fatto storico, separata perciò in teoria dalla scienza e dalla 
storia. Ma in realtà, la supposta separazione si fa riuscire 
infine ad una vera subordinazione della fede alla scienza; 
giacche nel dominio della scienza cade anche il fatto reli- 
gioso, massimamente le « formole > o i dogmi — anzi vi cade 
pure l'idea divina, se non la realtà di Dio (la quale è solo 
oggetto delVesperiema di chi crede, esperienza sottratta alla 
scienza) — e di più il credente ha bisogno, per evitare un dua- 
lismo doloroso, di accordare la sua fede con la scienza. Quindi 
Tevoluzione religiosa segue e si accommoda alla evoluzione 
intellettuale e morale, siccome a lei subordinata. — Nel che 
da capo si mostra un pretto naturalismo che finisce da ultimo 
ad un evoluzionismo radicale, come il simbolo-fideismo 
di Augusto Sabatier, di Giorgio Tyrrell, degli anonimi au- 
tori del Programmai dei modernisti. 

Tale è la sintesi della fede modernistica, in quanto ri- 
sulta condannata dall'enciclica, cioè in una delle sue forme 
più risolutamente audaci: travolgimento intero delle dot- 
trine cattoliche intorno al concetto di fede, e quindi di 
rivelazione, d'ispirazione, di tradizione: separazione o piut- 

1008, voi. l fase. 1381. 3 26 dicembre 1907. 



34 IL MODERNISMO TEOLOGICO 

tosto opposizione tra fede e scienza, e infine una vera su- 
bordinazione della prima alla seconda, cioè una effettiva 
soppressione della fede stessa. La fede non più essenzial- 
zial mente assenso della mente, o atto intellettuale, ma con- 
senso di volontà, atto ^c emozionale » : derivata non più da 
rivelazione divina ma da un senso psicologico, ridotta al- 
l'intuizione, all'esperienza o coscienza interna: la rivelazione 
supposta parte integrale di questa esperienza stessa e sua 
espressione spontanea; la ispirazione un impulso a «for- 
mulare > l'esperienza ; la tradizione una trasmissione di 
esperienza; il dogma, formulazione pratica o provvisoria 
di esperienza; e brevemente, tutto spiegato in ordine alle 
esperienze interne, o come anche dicono, alle coscienze, 
individuale e collettiva, in questo nuovo positivismo che si 
vanta positivismo spirituale. Di tutto questo sistema di fede 
nuova si possono ben antivedere di primo tratto le applica- 
zioni necessarie e le conseguenze estreme rispetto alle rela- 
zioni della fede con la ragione e la scienza, rispetto al dogma, 
al rito, alla società ed autorità religiosa, alla Chiesa ed al 
Papa, a tutta la religione insomma; applicazioni e conse- 
guenze così estreme che a molti cadrà il sospetto esservi 
forse esagerazioni nell'esposizione dei principii. 

Ma noi restringendoci ancora all'idea modernistica della 
fede, che è fondamento delle altre nella nuova teologia, ve- 
dremo facilmente la triste realtà e insieme le vecchie origini 
della sintesi qui sopra abbozzata su la traccia dell'enciclica 
e su le fonti modernistiche: dopo il che si chiarirà anche 
meglio sotto nuova luce, quanto già appare dalle precedenti 
dimostrazioni: assurdità filosofica, empietà teologica, ipo- 
crisia pratica del sistema : « sintesi di tutte le eresie » ; non 
professione di fede, ma d'infedeltà. 



UN NUOVO CRITERIO DI ESTETICA 



I. 

Intorno al libro di Benedetto Croce sopra VEstetica S 
uscito qualche anno fa, molto s'è discusso e parlato: e 
conviene che anche noi ne diciamo qualcosa, specialmente 
ora che si tenta dall'autore e da altri di rinnovare la vieta 
filosofia su cui la nuova estetica dovrebbe fondarsi. Lode 
e biasimo, men di questo che di quella secondo i sistemi 
e i criterii estetici, si versarono sopra il libro: segno che 
esso esce dalla volgare schiera, e può far un gran bene 
o un gran male. 

Noi non ci facciamo paladini né avversari del Croce, 
coraggioso vessillifero d'un programma estetico radicale. 
Vogliamo solo nell'esame del suo libro dir al pane pane e 
cacio al cacio, non schivi d'accogliere quanto di buono ci 
verrà trovato. 

In quest'impresa altri già sono andati al palio, tra gli 
altri, Mario Pilo e Manfredi Porena. Al primo l'esame del- 
l'Estetica del Croce mise « in fermento tutta una provincia 
del cervello, tutta una categoria di cognizioni, tutto un 
gruppo d'idee, anzi, e meglio, tutto un sistema organizzato 
e quasi cristallizzato, di dottrine intorno ad un vasto sog- 
getto di ricerche, di meditazioni e di discussioni lunga- 
mente ed amorosamente seguite >, materia che rappresen- 
tava, dice lui, « la parte maggiore e migliore del mio patri- 
monio intellettuale, messo insieme con lungo studio e con 
grande amore in ormai quindici anni di letture e di espe- 
rienza immediata. > Di tale scossa data al proprio edificio* 
il Pilo seppe grado al Croce, benché a scongiurarne il to- 

^ Estetica come sciensa delV espressione e lìnguisfica generale. Teoria 
e storia, 2* ed. riveduta daU'autore, Milano-Palermo, Remo Sandron, 1904. 



36 UN NUOVO CRITERIO 

tale sfacelo e la rovina, si parasse dinanzi all'amico, perchè^ 
diceva a' suoi leggitori, « né la sua critica è in tutto ac- 
cettabile né indiscutibile la sua teoria » \ Meno rassegnato 
e disposto a tanto disastro e ad assidersi sui ruderi della 
propria casa, fu il professor Porena, il quale, dopo aver 
inalzato il suo particolare sistema d'estetica, edificio assai 
diverso da quello del Croce, non seppe annidarvisi o an- 
darsene in pace, e, coU'arco dell'intelletto teso al riparo» 
armeggiò disperatamente contro l'insorgente nuova teoria 
crociana che sembrava uccidere la sua pur nelle fasce. 
Perchè, soggiungeva, è quel « recente sistema così singolare 
e, ad un tempo, così semplice, così freddamente ragionante 
e così terribilmente rivoluzionario, così sicuro di sé e così 
convinto della falsità fondamentale di tutti gli altri che a non 
sbarazzarne il terreno si risicherebbe di esser preso da qual- 
cuno per tardivo solutore d'un problema ormai sciolto senza 
più. » Il Porena sfidò ogni pericolo, da campione sicuro del 
fatto suo, assaltò il campo nemico, e, per usar la sua audace 
imagine, aflFerrò per il petto l'eroe avvolto nell'oscurità delle 
sue dottrine, gli accese il lume sotto il viso e ne svelò il fatuo 
eroismo, in quella che, diceva lui raccontando l'aneddoto < i 
deboli, i timidi, gl'irresoluti, gl'impreparati, gl'indifferenti» 
tutti i rettili, tutti i molluschi, tutti i parassiti, tutti gli 
eunuchi del pensiero si lasciano imporre da tale piglio spa- 
Valdo; e gli cadono alle ginocchia o si tengono a rispettosa 
distanza > *. 

Peccato che all'eroe non restò bruciata la barba, do- 
v'era il velen dell'argomento; e il prof. Porena ne sentì 
poco dopo tutto l'amaro ^ Né fu il solo, perché un poco- 
lino ne provò anche il Bertana ed altri che aveano criticato 
l'opera dell'eroe. Essa invece era piaciuta al collaboratore ed 

* Una nuova concezione dell' Estetica nella Nuova Antologia, 1902, 
Sett. Olt., pag. 516 e seg. 

* Che cosa é il bello 1-^ Schema d'un' estetica psicologica, Milano, Hoepli, 
1905, pag. 407, e 483. 

3 Vedi La Critica di Napoli, 1905, pag. 416. 



DI ESTETICA 37 

amico del Croce, il prof. Giovanni Gentile, il quale encomia- 
tone prima la Tesi fondamentale, come « una delle opere più 
importanti prodotte dalla nostra letteratura filosofica dal '60 
in qua » \ all'apparir del libro che più ampliamente la svol- 
geva e chiariva, ne lodò l'autore siccome quegli che aveva 
« soddisfatto un desiderio comune a quanti sono in Italia 
stanchi ormai dell'indagine minuta de' singoli fatti, senza la 
luce e il calore di un' idea che, piccoli e grandi, li irraggi 
dall'alto e rischiari e rianimi di quella vita spirituale che 
compete a tutto nella mente dell'uomo > *. 

Quel desiderio veramente c'era, e più o meno lo sen- 
tivamo anche noi. Vari tentativi s'erano già fatti per trovar 
una via d'appagarlo e il Valensise n'avea additata una si- 
curissima '. Che poi l'idea del chiaro professor Croce, per 
quanto proposta a mo' di trattato scientifico, d'Estetica, come 
a dire, prima, ossia come una Metafisica dell'arte quale già 
Tavea intraveduta e tentata il MoUière S sia alcunché di 
meglio che un poderoso « tentativo teorico », come egli lo 
chiama \ per toglier tutti i dispareri particolari colla distru- 
zione dialettica di tutte le differenze fin qui introdotte e 
ammesse bene o male da' dotti, la è questione di logica, 
d'osservazione e di prova di fatto. Anche La Critica, pe- 
riodico diretto dal medesimo autore, fornisce assai chiari- 
menti alla sua teorica estetica. Ma a valutarne il peso e l'ef- 
ficacia è da aver l'occhio più particolarmente alle asser- 
zioni formali del libro, codice e norma della critica crociana, 
come di leggieri si pare da' suoi scritti. 



* Giornale storico delia leti. Hai,, v. 87, pag. 437. 

* Ivi, Tol. 41, pag 89. 

3 MoNS. D. M. Valbnsise. DelVEstetica secondo iprincipii delV Angelico 
Dottore S. Tommaso, 2^ ediz. riveduta e ritoccata, Roma, Desclée, 1903, 2 
Tolumi. 

* MoLLiÈRE, Métaphysique de Vari, Nouvelle édit., Lyon, Scheuring, 
1868. 

» Estetica, pag. Vili. 



38 UN NUOVO CRITERIO 

li. 

Uno de' punti capitali per noi e pel Croce si è questo: 
con quali criterii va fatta la critica di un libro d'Estetica, 
Se guardiamo al sottotitolo dell'Estetica del Croce, che 
manifesta la ragion formale, sotto cui egli la considera, 
cioè 4( come scienza dell'espressione e linguistica generale», 
convien concedere che a giudicar di una scienza si richie- 
dono criterii scientifici, a voler che la critica sia proporzio- 
nata alla scienza. E la critica scientifica, dice il Croce*, 
si fa allo stesso modo della critica del giudizio estetico. 
Orbene come si fa il giudizio estetico? E, anzitutto, che 
cosa significa giudicare? 

È questa una domanda, sopra la cui risposta bisogna 
accordarsi prima di muovere un passo: altrimenti si risica 
di pigliar lucciole per lanterne. Giudicare un'espressione 
bella, scrive il Croce, significa riprodurla in sé. Per intender 
bene qtiesto fatto ^ supponiamo che un individuo A sia 
riuscito ad esprimere con certe parole e frasi un suo con- 
cetto, per esempio, che V Estetica è la scienza ddV espres- 
^ione. 4c Se ora un altro individuo, soggiunge il Croce, che 
diremo B, dovrà giudicare quell'espressione e determinare 
se sia bella o brutta, egli non potrà se non mettersi nel punto 
di vista di Ay e rifare, con l'aiuto del segno fisico prodotto 
da A, il suo processo. Se A ha visto chiaro, B (che s' è messo 
nel punto di vista di lui) vedrà anch'egli chiaro ; e sentirà 
quell'espressione come bella. Se A non ha visto chiaro, non 
vedrà chiaro neanch'egli, e la sentirà, d'accordo con lui, 
come più o meno brutta » *. In altre parole, il giudicare 
se altri col suo cannocchiale ha visto un bel panorama si 
riduce a mirare per entro i^ medesimo cannocchiale la stessa 
cosa, e riceverne l'imagine sulla propria retina. Per tal 
modo, essendo un medesimo lo strumento, un medesimo 



^ Op. cit. pag. 121. 
« Op. cit. pag. 119. 



DI ESTETICA 39 

Toggetto, un medesimo il punto di vista, è impossibile che 
i due curiosi non vadano d'accordo, e non dicano il me- 
desimo; ossia che l'uno vegga chiaro o brutto ciò che l'altro 
ha veduto buio o bello e viceversa. « Questi due casi », dice 
infatti il Croce, « filosoficamente parlando, sono impossibili 
L'attività espressiva, appunto perchè attività, non è ca- 
priccio ma necessità spirituale. Un medesimo problema 
esletico non può risolverlo se non in un sol modo che sia 
buono » •. Così pure, egli aggiunge, per dare un giudizio mo- 
rale, 4c solo rimettendoci idealmente nelle condizioni mede- 
sime in cui sì trovò chi prese una data risoluzione, noi possia- 
mo giudicare se quella risoluzione fu morale od immorale-^ \ 
In breve, secondo il nostro autore, giudicare è ripresen- 
tare in sé la cosa qualunque sia, e entrar nell'orbita della 
veduta altrui. Noi quindi, a voler dare un giudizio scien- 
tifico dell'Estetica del Croce, dobbiamo ri presentarcela in 
noi cioè rimetterci idealmente nelle condizioni scientifiche 
medesime in cui si trovò il dotto e valente professore quando 
scrisse le sue pagine, o, meglio, metterci nel suo punto di 
vista e guardare dove egli guarda. Ciò facendo, anche noi 
vedremo chiaro come lui, e bujo come lui, e giudicheremo 
per tal modo la trattazione dell'Estetica « come scienza del- 
Tespressione e linguistica generale > quale l'ha giudicata e 
pesata lui, non « scarna, ma anzi ben più larga di quelle so- 
lite > per essere stata l'Estetica « studiata da lui in ogni 
parte > '. Saremo, per usar la sua frase, « d'accordo con 
lui > pienamente. 

III. 

Ma, di grazia, è proprio questa la genesi e natura del 
giudizio? Se così fosse, ogni critica e giudizio si ridurrebbe 
all'accordarsi con l'autore, a lodar quel eh' egli loda e bia- 

» Ivi. 

• Op. cit. pag. 121. 

' Op. cit. pag. 142. 



40 UN NUOVO CRITERIO 

simar quel ch'egli biasima: a una specie d'amicizia: idem 
velie atque idem nolle ea demum firma amicitia est. 

Perchè posto che al giudizio si preesiga l'immedesimarsi 
intellettualmente con l'autore, ne segue che s'immedesimino 
anche i giudizi e per « necessità spirituale » critico e au- 
tore dovranno vedere e pensare « d'accordo » all'unisono. 
Ciò segue logicamente, vale a dire, legittimamente, dalla 
definizione e spiegazione crociana del giudizio; ed è espli- 
citamente ammesso dall'autore. Ma perchè questo sia, come 
vuole il Croce, un fatto^ ossia conforme a verità, è neces- 
sario che sia un fatto reale e non ipotetico quell'antecedente 
della definizione del giudizio come riproduzione. Il che non è. 
Il Croce infatti piglia un'analogia per un'identità, e scambia 
un modo di dire de' critici per una definizione inappuntabile. 
Di qui l'ammettere che fa senz'altro come un fatt^ consi- 
stere il giudicar un'espressione nel riprodurla in sé. Ma 
egli non ne indaga l'origine e gli basta per tutta prova 
di fatto che così rispondano « quasi a una voce i critici 
d'arte, e rispondono egregiamente >. 

Che i critici parlino a quel modo, sta bene; che essi ri- 
spondano egregiamente e intendano ed estendano proprio 
la cosa nella forma che schematicamente la rappresenta il 
Croce, qui sta il busillis. Certo è che parecchi critici si op- 
posero e oppongono a quell'interpretazione della loro frase. 
Poi, il Croce stesso nel fatto contradice alla sua teoria. Se 
egli invero leggendo l'opere de' numerosissimi esteti di cui fa 
una critica severissima e distruggitrice, le avesse giudicate 
col riprodurle in sé e mettersi nei panni de' loro autori e 
al loro punto di vista, avrebbe veduto vero e scientifico quel 
medesimo che parve ad essi, e sopra le varie teorie del 
bello e dell'arte si sarebbe accordato con quanti ne trat- 
tarono da Platone al Lanzalone e al D'Ovidio. Anzi, il suo 
teorema sopra il giudizio estetico e scientifico avrebbe do- 
vuto imprimere tutt'altro indirizzo al suo periodico La Cri- 
tica, e farne ai tutto uno strumento ripetitore e risonante 
delle idee altrui, sempre giuste e sempre belle. E ciò tanto 



DI ESTETICA 41 

più che, essendo peranco vivi parecchi autori de' libri e delle 
sentenze criticate, sarebbe stato tanto agevole V interrogarti 
sulla via percorsa per arrivare a quel loro speciale punto di 
vista. Così sarebbe accaduto a lui, quel che avviene a chi 
guarda una prospettiva, puta caso, la famosa volta del Pozzo 
in S. Ignazio a Roma, dal punto prospettico centrale; che di 
lì tutto toma a posto, ritto, bello, magnifico, e le curva- 
ture, gli allungamenti e le spezzature delle linee e delle 
figure svaniscono, e l'illusione del vero è completa, tanto 
da poter dire col poeta 

Non vide me' di me chi vide il vero. 

Per simil guisa il Croce avrebbe dovuto giudicare i suoi 
avversari e i dissenzienti da lui dal loro punto di vista ab- 
bracciando le idee di tutti. Sarebbe insomma dovuto intuarai, 
immiarsi, inlujarsi, se non come i beati spirti del paradiso 
dantesco, almeno più che gh fosse stato possibile, sve- 
stendo ogni preconcetto e idea contraria perchè la riprodur 
zione del giudizio altrui riuscisse quanto mai perfetta. 

Ma il bravo professore adoperò altrimenti. E a salvar 
la libertà del giudizio dalla necessità spirituale di veder 
sempre il bello cogli occhi altrui, quando trattasi dell'opere 
del prossimo, vi oppose una riserva, cioè « che la riprodu- 
zione ha luogo, tutte le altre condizioni restando pari » *. 
Il che viene a dire che, caso mai questa parità fosse affatto 
impossibile, la riproduzione non si darebbe mai. Orbene il 
Croce confessa essere < un fatto che lo stimolo fisico si 
altera continuamente e così anche le condizioni psicolo- 
giche » '. Di qui la varietà de' giudizii rispondente alla va- 
rietà delle condizioni fisiche e psichiche. Come vincere e 
superare codesta varietà? come rattenere codesto flusso 
perenne delle cose e del loro apparire e svanire? C'è un 
mezzo, risponde l'accorto filosofo, ed è 1' « erudizione sto- 
rica, diretta a rimetterci in comunicazione con le opere del 

* Op. cit. pag. 123. 

• Ivi. 



42 UN NUOVO CRITERIO 

passato e a servir di fondamento al giudizio estetico ». Di 
che viene, se la cosa è vera, che l'erudizione storica potrà 
sopprimere il flusso de' tempi e delle circostanze, e dalla 
distanza di parecchi secoli noi potremo retrocedere e ripro- 
fondarci lesti lesti nel passato al punto di vista in cui l'opera 
si creò dall'artista o dallo scienziato. E quanto maggiore 
sarà l'erudizione, minore diverrà la divergenza delle opi- 
nioni e de' giudizii, dovendo essere la diversità di vedere 
fra il critico e l'autore in ragione inversa dell'erudizione 
del critico rispetto alla conoscenza dell'autore, per forma 
che il colmo dell'erudizione sarebbe l'annullamento d'ogni 
discrepanza e il conseguimento dell'identità di veduta e 
giudizio da parte del critico e dell'autore. Ove quindi tutti 
gli eruditi giungessero coi loro studi e colle loro indagini 
a quella medesima cima, o punto di vista storico e psi- 
chico, a cui nella sua ascensione artistica o scientifica si tro- 
vava levato l'autore d'un'opera, quando la componeva, colle 
medesime cognizioni, co' medesimi affetti, co' medesimi in- 
tenti, un coro unisono di giudizii, anzi un giudizio unico 
echeggerebbe da tutte le bocche; pari né più né meno a 
quello dell'autore sepolto e sparito da secoli. 

Torniamo quindi all' identità del giudizio per necessità 
spirituale, e alla negazione d'altri criterii superiori da- 
vanti ai fatti estetici e scientifici. Questo non sarebbe un 
male, anzi un gran bene, per la pace e la concordia uni- 
versale. 11 guaio è che un tal modo di giudicare non ha 
luogo se non là dove la verità non ha velo, dove Dante 
dice a Folchetto: 

Dio vede tutto e tuo veder s'inluia. 

Ma quaggiù, ove alla verità e alla sua manifestazione 
non si giunge se non per il sentiero dei fantasmi e delle 
impressioni sensibili, l'unità del giudizio va cercata non 
nell'identità del punto di vista individuale e soggettivo, ma 
nell'identità della luce intellettuale, ossia de' fermi principii 
forniti dalla comune natura razionale. E uno di tali prin- 



DI ESTETICA 43 

cipii verità ammesse da tutti è che quaggiù sotto la luna 
il giudicare è qualcosa altro che un puro riprodurre in sé 
Topera altrui. 11 giudizio è un'affermazione o negazione li- 
bera o necessaria d*una cosa rispetto ad un'altra, non il 
ripetere o rifare materialmente l'affermazione o negazione 
altrui. 

IV. 

Ma il Croce potrebbe opporre che, riproducendo in noi 
Topera dell'autore, se questi fece un giudizio, anche la no- 
stra riproduzione sarà un giudizio, cioè affermazione o ne- 
gazione d'una cosa rispetto ad un'altra. Una tal spiega- 
zione non approderebbe a nulla, perchè verrebbe a ridire 
che il mio giudicare dev'essere una seconda edizione del 
giudizio altrui. 

Se tutto il mio studio e la mia erudizione deve a ciò 
riuscire, di farmi dir sì o no, come diceva l'autore, che 
importanza o valore ha il mio giudizio intorno all'opera 
d'arte? Non è forse meglio risparmiarsi quella fatica improba 
e noiosa, e cercar subito d'accordarsi coU'autore, se egli è 
il solo giudice in causa propria? 

Ma no, soggiunge il Croce, l'erudizione storica è diretta 
« a servir di fondamento al giudizio estetico ». Sta bene. 
Ma in che modo riesce a servire? 

In questo, ripete il Croce, che l'interpretazione storica 
* ravviva il morto, compie il frammentario, ci dà il modo 
di vedere un'opera d'arte (un oggetto fisico) come la ve- 
deva il suo autore nel momento della produzione » *. Siamo 
dunque alle medesime; il fondamento del giudizio estetico 
si riduce al concorso dell'erudizione per la riproduzione in 
noi dell'opera. 

Codesta riproduzione viene dal Croce altra volta rag- 
guagliata al procedimento éeWintelligere^ e della compren- 
sione, « ufiScio proprio > della critica. Il giudizio estetico, 

1 Op. cìt. pag. 126. 



44 UN NUOVO CRITERIO 

ad esempio, di un sonetto del Petrarca vuol consistere in 
ciò che si cerchi « di comprendere il sonetto, cioè farne la 
critica » *. 

Parrebbe di qui che la comprensione equivalga alla cri- 
tica. Nel fatto però la critica del Croce non si ferma alla 
comprensione e all'intelligenza, ma di questa si vale a 
mo' di piedistallo per una vera critica. Egli comprende il 
Pascoli, ma non s'accorda nel giudizio estetico col Pascoli 
né co' pascoliani. Ma di questa discordanza pratica parle- 
remo poi. Ora tornando all'esame filosofico della teorica 
in sé considerata, ci pare che la sua pecca originale stia in 
sostanza nel confondere la cognizione della materia del 
nostro giudizio estetico o scientifico col giudizio stesso che 
noi intorno a quella dobbiamo dare. Una tal confusione si 
origina forse da questo che alla verità del giudizio si esige la 
sua conformità colla cosa giudicata, conformità oggettiva 
che per essere vera deve manifestar l'opera, quale uscì 
dalle mani e dal cervello dell'autore in una data situazione 
psicologica. Ma non è necessario che s'accordi col giudizio 
che ne fece l'autore. Perchè oggetto di critica è non solo 
l'opera, ma anche il criterio e il giudizio estetico del suo 
autore. Quindi è che talora, dopo tutte le nostre ricerche 
piti fortunate, rimane ancor sospeso il nostro giudizio este- 
tico, come potrebbe restar sospeso il mio giudizio scienti- 
fico dopo aver intesa e compresa ne' suoi principii e nelle 
sue conseguenze la nuova teoria del Croce. E la ragione 
sta in ciò che questo intendere e comprendere non è altro 
che un percepire la cosa com'è in se stessa e nelle sue 
cause senz'affermare o negar nulla per tale atto. Per esso 
infatti noi possiamo conoscere non solo le cose semplici, 
ma e le composte e intiere proposizioni e storie. Ad esempio, 
io intendo che cosa significhi questa proposizione: I versi 
pvhhlicati dal Pascoli sono in numero pari, ma coll'inten- 
derla non affermo o nego che la cosa stia così. Allo stesso 
modo imparo dalla storia del risorgimento italiano, com* è 

^ Letteratura e critica, Bari, Laterza, 1908, pag. 63. 



DI ESTETICA 45 

narrata dagli scritlori palriotti, che il plebiscito romano 
per l'annessione fu qimsi unanime e nella votazione contro 
40,785 sì stettero solo 46 no; ma con ciò non affermo che 
quelFunanimità fosse del popolo romano. 

In una parola la riproduzione o comprensione crociana 
non è altro che la prima operazione dell'intelletto, la quale 
Della logica aristotelica va sotto il nome di intelligenza 
delle cose semplici e delle complesse, ossia di semplice 
apprensione, non il secondo atto mentale vale a dire il 
giudizio. Questo risponde non alla conoscenza della cosa, 
quale potrebbe averla uno studiosissimo avvocato, ma alla 
sentenza affermativa o negativa, assolutoria o condannatoria 
del giudice. Qui sta la critica, la quale anche secondo la sua 
etimologia suona giudizio, non pura comprensione e intel- 
ligenza. Quando il Gentile afferma che l'Estetica del Croce 
è una delle opere più importanti prodotte dalla nostra let- 
teratura filosofica dal '60 in qua, s'atteggia a giudice e dà 
sentenza: paragona cioè il libro del Croce con tanti altri 
più o meno importanti e, secondo il suo modo di vedere, gli 
attribuisce la migliore nota. Questo suo atto di critica è 
qualcosa di più del riprodurre in se l'opera del Croce, e del 
comprenderla. L'attività giudicatrice del Gentile non è la me- 
desima attività del Croce che produsse il libro. La conoscenza 
che il Gentile ha delle condizioni in che l'opera fu scritta, 
gli dà il modo di vedere il trattato dell'estetica crociana 
come lo vedeva il suo autore nel momento della produ- 
zione; tuttavia io non posso presumere se non maliziosa- 
mente che il suo giudizio intorno dell'opera del Croce sia 
il giudizio che il Croce diede della medesima, perchè po- 
trebb'essere che nell'uno o nell'altro ci fosse da questo lato 
un punto di vista diverso per elevatezza locale e purezza 
di luce. 

Comunque sia, contro l'uniformità del giudizio sta il fatto 
del diverso modo di vedere che s'incontra tanto nell'or- 
dine estetico, quanto nell'etico e nello scientifico. Da che 
dipende? Da certi principii, da certi lumi, da certi criterii, 



46 UN NUOVO CRITERIO 

cui ciascuno è venuto acquistando coU'educazione, collo 
studio, colla convivenza sociale e co' tempi che corrono. 
Sarà filosofia e metafisica aristotelica o platonica, tomistica 
o hegeliana, sarà un miscuglio di un po' di tutto o anche 
una novella rivelazione scientifica; sempre però sarà una 
norma, una guida, una misura, una regola, consciamente 
inconsciamente eletta e seguita nel nostro giudizio. Tale, 
per esempio, è il presupposto teorico della critica del Croce, 
ossia il « concetto dell'arte come pura fantasia e pura espres- 
sione * * da lui esposto e difeso nel libro che esaminiamo. 
Qui quel presupposto sgorga a mo' di conseguenza dal- 
l' identità del giudizio colla riproduzione e della riprodu- 
zione colla produzione artistica. Ma tra la critica crociana 
e la teorica aleggia un so che d'incoerente da non vedersi 
cliiaro come l'una nasca dall'altra e si spalleggino a vicenda. 
Anche l'autore pare se ne sia avveduto, e, pur di soste- 
nersi e appoggiar la critica alla teorica, è sempre suU'av- 
vertirci (perchè difficile è persuadersi di cosa urtante contro 
al concetto comune) che comprendere vuol dire giudi 
tare e far la critica; che il risultato dell'erudizione sto- 
rica ed ermeneutica è « l'esposizione o ragguaglio critico, che 
fJica semplicemente (e, nel dir ciò, ha insieme giudicato) wie 
es eigentlich geschehen, come sono andate propriamente le 
cose; secondo la definizione — geniale nella sua sempli- 
(ità — che Leopoldo v. Ranke dava della storia. Perciò 
critica d'arte e storia d'arte, a mio vedere, (è il Croce che 
parla) coincidono: ogni tentativo di critica d'arte è il ten- 
tativo di scrivere una pagina di storia dell'arte (intendendo 
la parola « storia > nel suo senso alto e compiuto, cioè 
e ome deve intendersi) » ^ 

Da queste parole si vede come siasi veramente alterato 
il concetto di critica rispetto alla concezione normale e 
ricevuta. Ma posto quel principio della trinità sostanziale 



^ Letteratura e critica, pag. 44. 
- Letteratura e critica^ pag. 45. 



DI ESTETICA 47 

psicologica: giudixio, riproduzione e produzione S anche 
l'alterazione di concetto non fa più specie. 

V. 

Ma ogni erba si conosce per lo seme. E nulla manifesta 
meglio a quali conseguenze riesca codesta teorica Crociana 
dell'applicazione che se ne faccia nel campo scientifico, 
secondo il diritto che ce ne dà il medesimo Croce, là dove 
afferma che « allo stesso modo > dell' estetica * si fa la 
critica scientifica, economica, etica », valendo per ogni altra 
attività e per ogni altro giudizio ciò che s'è detto del giu- 
dizio estetico *. Poniamo, ad esempio, di dover fare la cri- 
tica scientifica delle teoriche di Aristotele e di Kant intorno 
alla conoscenza delle cose. Se il mio giudizio scientifico 
dev'essere sostanzialmente identico alla riproduzione e pro- 
duzione delle due teoriche, poiché l'una è contraria all'altra, 
necessariamente il giudizio e la produzione scientifica del- 
l'una saranno contrarii a quelli dell'altra; ed io concepirò due 
giudizii tra loro diversi delle due opere. Ma poiché le due pro- 
duzioni scientifiche, aristotelica e kantiana, alla mente dei 
loro autori apparivano come spiegazioni unicamente vere e 
ammissibih del fatto della nostra conoscenza empirica e razio- 
nale; tali devono pure apparire, secondo la filosofia del Croce, 
alla mia intelligenza riproduttrice e giudicatrice: io non sarei 
un buon critico, se coi miei due giudizii scientifici non an- 
dassi d'accordo con l'uno e con l'altro. E poiché un giudizio 
è un'adesione, ne viene che io simultaneamente aderisco alle 
due teoriche contrarie, di Aristotele e di Kant, come vi ade- 
rivano i loro autori. Per tal modo io colla mia mente vengo 
a concedere poter essere simultaneamente vere due pro- 
posizioni o giudizii universalmente contrarii, perché con Ari- 
stotele affermo che tutta la nostra conoscenza si origina 
dal senso; con Kant per contro che la medesima procede 

^ Esfeiica, pag. 311. 
* Op. cit. pag. 121. 



48 UN NUOVO CRITERIO 

dallo schematismo trascendentale della ragion pura. E se 
dieci, se cento, se mille fossero i sistemi contrarii, io tutti 
dovrei così giudicarli e riprodurli in me. Altrimenti, se io 
affermassi il rovescio della produzione di un qualunque au- 
tore, contradirei al principio dell'identità sostanziale tra il 
mio giudizio o riproduzione e la produzione dell' autore. 
Di qui la logica conclusione che tutti i sistemi sono e ac- 
cettabili e veri, e, per conseguente, l'identità degli opposti 
ossia de' contrarii e de' contradittorii. 

Eccoci quindi all'idealismo trascendentale di Hegel, alla 
sua dialettica che identifica gli opposti in un terzo termine 
comune. Nel quale, dice il Vera, avvien la metamorfosi dei 
termini distinti ed opposti, perchè scompare ogni differenza 
e opposizione e si compie la loro conciliazione. Per con- 
seguenza, il limite che lì separava è distrutto, ed essi non 
formano più che un solo e medesimo termine, dove non 
v'ha né affermazione né negazione, o, ciò che è lo stesso, 
che s'afferma e nega allo stesso tempo ^ 

Il Croce, ci affrettiamo a dirlo, accoglie codesta dottrina 
dell'Hegel, e la loda ed esalta come « la sola soluzione pos- 
sibile > del problema degli opposti, perché integra i fram- 
menti di verità fondendoli in un'unica verità. « E l' unica 
verità è, che l'unità non ha di fronte a sé Vopposizione, ma 
Vha in sé stessa; e che, senza l'opposizione, la realtà non 
sarebbe realtà, perché non sarebbe svolgimento e vita. 
L'unità è il positivo, l'opposizione é il negativo ; ma il ne- 
gativo é anche positivo, positivo in quanto negativo; e 
se tale non fosse non si comprenderebbe la pienezza del 
positivo >. La dialettica degli opposti, scrive il Croce, 
é « una parte vitale y^ della filosofia hegeliana, cui bisogna 
serbare. Perché « gli opposti non sono illusione, e non è 
illusione l'unità. 6h opposti sono opposti tra loro ma non 



^ Introduction ù la philosophie de Hegel, 2^ édit., Paris, Ladrange, 
1864, pag. 157-158. 



DI ESTETICA 49 

sono opposti verso l'unità; giacché l'unità vera e concreta 
non è altro che unità, o sintesi di opposti » ^ 

Egli chiama codesta scoperta di Hegel « principio sem- 
plicissimo e che par tanto ovvio da meritar d'esser messo 
con gli altri che si simboleggiano nell'uovo di Colombo » '. 
Ma è una scoperta rancida e da musei, già sfatata dallo 
Stagirita due mila anni fa contro i solisti e i sofi Protagora 
ed Anassagora. « È chiaro, scrive il Filosofo, che se le con- 
tradittorie, dette dello stesso, fossero vere, si farebbe di 
tutte le cose una sola. Giacché sarebbero lo stesso e trireme 
e parete e uomo, se d'ogni cosa si può affermare o negare 
qualunque altra. £ di qui non s'esce, chi ragioni alla ma- 
niera di Protagora (e noi aggiungiamo di Hegel). Di fatto 
se a uno pare che l'uomo non sia trireme, é chiaro che non 
è trireme; di guisa che l'è anche, se la contradittoria è vera. 
E ne vien fuori quello d'Anassagora: ogni cosa insieme 
{ò\i6o icàvta jjf7^\i7.za) : di maniera che non ci esista nulla dav- 
vero. Pare adunque che parlino dell'indeterminato, e figu- 
randosi di parlare dell'ente, parlino del non ente; giacché 
quello che è in potenza e non in atto é l'indeterminato 
per l'appunto ♦ \ 

Coincidendo quindi con questa sentenza vecchia la nuova 
trovata dell'Hegel, valgono contro lei tutte le argomentazioni 
lanciate dal Filosofo contro l'antica, e ognuno le può vedere 
al luogo citato, e specialmente nel magistrale commento del- 
l'Aquinate. 

È dunque un hegeliano il Croce? 11 titolo d'hegeliano 
garba poco a lui, e lo rifiuta * o, meglio, l'accoglie al 
par d'ogni altro, per rifiutarli tutti ^ Ma poco monta il ri- 



' Ciò che è vivo e ciò che è morto della filosofia di Hegel, Bari, La- 
terza, 1907, pag. 19 e 196. 

< Op. cìt. pag. 18. 

3 Metafisica, I. 4, e. 4, n. 12. Traduzione del Bonghi, Torino, 1854, 
pag 175. 

« Vedi La Critica, anno 1904, pag. 264. 

' Ciò che è vivo ecc., op. cit. pag. 207. 

1908. voi. 1, fase. 1381. 4 20 dicembre 10(/7 . 



50 UN NUOVO CRITERIO DI ESTETICA 

cusar il titolo quando si ritiene la cosa, e se le fa buon 
viso. Estetica e filosofia nel pensiero del Croce, si dan la 
mano. * Non è la filosofia contemplazione come la poesia f 
Perchè al pensiero filosofico, analogo in tutto all'espres- 
sione estetica, dovrà mancare questa perfezione che ha 
l'altra, questa potenza di risolvere e rappresentare l'unità 
nell'opposizione? > K Qual ella sia, parole non ci appul- 
ero, direbbe l'Alighieri. 

Ma è tempo di chiudere questo articolo. Nel criticare 
il Croce, il nostro pensiero sarà, secondo la sua frase, per 
avventura ingenuo, cioè non filosofico alla maniera di Hegel 
e de' suoi ammiratori, sibbene germinalmente filosofico se- 
condo r istinto naturale. Ad ogni modo « è certo cattivo 
segno, quando una filosofia è in contrasto con la coscienza 
ingenua». Così c'insegna anche il Croce ' e vuoisi far te- 
soro della lezione. « Ma il più duro è qui. (Facciamo no- 
stra una sensatissima riflessione dello Stagirita e la diamo 
per frutto del fin qui detto). Se quelli cbe hanno meglio 
esaminato ciò che potea essere il vero (e, di certo, son 
coloro i quali piti lo cercano e l'amano), hanno di tali 
opinioni e s'esprimono di questa maniera sulla verità, 
come non s'hanno di ragione a scoraggire i principianti 
in filosofia? Di fatto il cercare la verità dovrebbe equiva- 
lere a un correr dietro agli uccelli > ^. 

(Continua) 

1 Ivi, pag. 18. 
• W, pag. 17. 
^ Metafisica, 1. 4, e. 5, n. 8. Traduzione del Bonghi, pag. 186. 



DOMNA ANTICA E DONNA NUOVA 

SCEINE DI DOMANI 



XLVL 
La i^atitumte del femminismo. 

La grande commozione, prodotta in casa Storni dalla 
strana avventura della Ida e dal terribile pericolo ond'era 
stata sì maravigliosamente salvata, fu presto attutita e dis- 
sipata dalle gravi e molteplici cure che imponeva alla con- 
tessa e alle sue cooperatrìci la prossima prima adunanza 
generale della nuova ^Heanra nazionale, e dal lavoro feb- 
brile che si richiedeva a preparare debitamente ogni cosa. 

Ben sapeva la contessa di quanta importanza fosse la 
felice riuscita di codesto congresso, a cui dovevano inter- 
venire con suffragio deliberativo ledelegate delle varie pro- 
vince d'Italia, per costituire definitivamente la nuova -41- 
leanza nazionale, discutere ed approvare lo statuto, eleg- 
gere le cariche dei tre gruppi in cui l'opera era divisa e 
quelle della presidenza generale, e determinare con altri 
provvedimenti stabili ed efficaci l'andamento e il lavoro 
della nuova organizzazione, a fine di corrispondere degna- 
mente al grande favore, all'immensa fiducia, al meravi- 
glioso entusiasmo, ond'era stata accolta dalle donne italiane, 
e spiegare ordinatamente, universalmente, costantemente la 
sua attività a loro vantaggio. 

Laonde, come aveva fatto sempre per l'addietro nel suo 
mirabile lavoro di organizzazione femminile, si diede anche 
adesso a considerare, prevedere, disporre e ordinare tutte 
le condizioni e circostanze del prossimo congresso, per 
guisa ch'esso ottenesse sicuramente il suo scopo e riuscisse 
di comune sodisfozìone. E tale lavoro di preparazione le 



52 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

andava per così dire crescendo tra le mani, perocché quanto 
piti vi s'inoltrava, tanto meglio vedeva il molto che le ri- 
maneva ancora a farsi. 

Una relazione accurata intorno alla nuova istituzione 
doveva nella prima parte esporne l'origine, i progressi, la 
natura e lo scopo; nella seconda indicarne lo stato pre- 
sente in tutti i suoi particolari; nella terza determinare i 
varii capi di un programma pratico, concreto e fecondo di 
azione, a cui V Alleanza nazionale avrebbe dedicate le sue 
cure, fino ad estendere e perfezionare la sua organizzazione, 
in maniera da diventare l'unica legittima rappresentanza 
corporativa degl'interessi femminili in Italia. 

In quanto allo statuto che doveva essere discusso e vo- 
tato dall'assemblea, conveniva prepararne il disegno, chiaro, 
semplice, brevissimo. Ma appunto perciò era arduo, lungo 
e penoso il lavoro dell'allestirlo felicemente, occorrendo di 
pesarne attentamente le singole parti ed anche le singole 
parole, prevedere e prepararsi a sciogliere tutte le difficoltà, 
i malintesi e i dissensi che potessero insorgere da qua- 
lunque parte; apprestare ragioni, motivi, espedienti e ri- 
chiami, per chiarire, illustrare, sostenere e condurre a porto 
ogni cosa. 

Argomento capitale, cioè condizione sommamente ne- 
cessaria pel buon andamento della nascente istituzione na- 
zionale, si era la scelta felice delle persone, da destinarsi 
ai varii uffici dei tre gruppi in cui l'opera era divisa, e so- 
prattutto della segretaria generale. Doveva pertanto la con- 
lessa, come colei che aveva ideato, ispirato, creato e pro- 
mosso la grande impresa e sola era in grado di conoscere 
pienamente la natura dei singoli uffici e il valore delle per- 
sone capaci di esercitarli, designarle anticipatamente, prov- 
vedersi di tutte le informazioni richieste, per proporle alla 
nuova presidenza colla sicurezza che verrebbero approvate, 
ed insieme istruirìe ed avviarle con opportuni inchrizzi e 
r^egolamenti nella pratica dei loro doveri, talché, appena 
costituita definitivamente la nuova organizzazione, essa an- 



XLVI. LA COSTITUENTE DEL FEMMINISMO 53 

dasse, a dire così, coi suoi piedi e tutto procedesse ordi- 
natamente. 

Dovevasi pure preparare il bilancio consuntivo, cioè 
render conto air assemblea generale delle entrate e delle 
uscite, occorse nello stato provvisorio della nascente orga- 
nizzazione generale; come pure allestire un bilancio di 
previsione delle rendite e delle spese nel nuovo stato di 
cose, determinato dall'ordinamento definitivo delV Alleanza 
nazionale, specialmente in quanto al grande edifìzio da co- 
strursi per collocarvi gli uffici della presidenza, e agli sti- 
pendii da assegnarsi alle varie ufficiali che dovevano pre- 
starvi l'opera loro. 

E acciocché l' inaugurazione della nuova istituzione riu- 
scisse veramente ordinata, solenne, grandiosa e lasciasse 
in tutte le intervenute la più grata e lieta impressione, con- 
veniva prendere in tempo le disposizioni e fare i prepara- 
tivi necessarìi, per l'accoglienza e per l'alloggiamento delle 
delegate e delle altre socie che in gran numero sarebbero 
accorse alla festa inaugurale, per la funzione religiosa da 
celebrarsi prima del congresso, per la pubblica sfilata del 
corteo, pei varii convegni particolari, che si sarebbero te- 
nuti in tale occasione, e pei feste^iamenti, banchetti e 
trattenimenti, che dovevano allietare e rendere più solenne 
r inaugurazione del nuovo organismo nazionale. 

Quanto più si avvicinava il gran giorno del congresso, 
tanto più l'animo della contessa era occupato in queste ed 
altrettali gravissime cure ; talché per lei e per le sue fedeli 
cooperatrìci il tempo si faceva sempre più scarso al bisogno 
e si era costretti di supplirvi colla intensità e celerità del 
lavoro. In che la contessa era ammirabile. Come aveva pre- 
veduto e prestabilito ogni cosa, in se stessa e nei suoi par- 
ticolari, così con calma ed energia inalterabile affrettava, 
concentrava e condensava la sua attività direttiva e rin- 
forzava i mezzi di esecuzione, per guisa che a tempo debito 
lutto fosse in pronto e dovesse farsi per così dire a scatto 
di molla, cioè con ordine, prontezza e precisione. 



M DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

Venuto finalmente il giorno della grande assemblea^ 
pareva che la città avesse smesso ogni altra cura, per ac- 
(^ogliere e celebrare solennemente l'inaugurazione della 
Huova Alleanza nazionale. Alle stazioni della ferrovia e 
delle tranvie, donde i treni riversavano in città ampie 
iorme di gente; per le vie e per le piazze, tappezzate di 
manifesti e cartelli a varii colori, col programma e con 
iltre indicazioni concernenti il congresso; alle finestre e 
alle botteghe, parate e addobbate con emblemi, arazzi e 
handiere; nelle chiese, negli alberghi e nei ridotti, riboc- 
canti di forestieri; dappertutto era un affollamento, un andi- 
rivieni, un rumorìo incessante e vertiginoso, eppur gaio, 
pacifico, lietamente fragoroso e sereno, come se tutti fos- 
sero una sola famiglia e si accingessero a celebrare la più 
hella festa domestica. 

Argomento obbligato di tutti i discorsi era naturalmente 
il congresso e il nome della contessa Stomi correva per 
le bocche di tutti. Pareva che tutta la città giubilasse e 
andasse altera dell'essere stata la culla della nuova istitu- 
zione e del divenirne il centro e la sede suprema; talché, 
in mezzo alla generale esultanza, gli avversarii erano co- 
stretti a nascondersi o a dissimulare il loro mal animo. 

Si die' principio al congresso colla funzione religiosa. 
Nel vasto tempio si accalcavano migliaia e migliaia di per- 
sone appartenenti alle varie classi sociali, tutte animate 
*Ja un solo sentimento di fede e di fratellanza cristiana, 
tutte atteggiate a pietà e divozione, tutte raggianti di gioia, 
ispirata alla solennità di quel giorno memorando. Quando 
poi il sacro oratore rivolse dal pergamo brevi parole di 
saluto, di felicitazione, di augurio e di benedizione alle 
ìdunate; quando toccò a tratti maestri delle vicende, delle 
lotte e delle vittorie déiV Alleanza, e illustrò l'importanza 
*lel congresso, dimostrando che quel giorno segnava una 
(lata capitale nella storia sociale d'Italia; quando adombrò 
la missione redentrice che la nuova istituzione avrebbe 
(esercitata in tutto il paese a vantaggio della donna, della 



XLVI. LA COSTITUENTE DEL FEMMINISMO 55 

famiglia, della società, e spingendo lo sguardo nel futuro 
presagi una patria moralmente una, libera, forte e felice 
perchè rifatta cristiana coU'apostolato délY Alleanza, spesso 
ripetendo Tepifonema « salva la donna, la patria è salva » 
e conchiudendo con rivolgersi alla SS. Vergine, la benedetta 
tra le donne, e pregarla fervidamente di stendere il suo 
manto celeste e di acccgliere nel suo Cuore immacolato la 
nuova associazione e tutte le ascritte; allora la commo- 
zione si dipinse su tutti i volti e l'entusiasmo non potendo, 
per la santità del luogo, sfogarsi in acclamazioni ed ap- 
plausi, apparve nelle lagrime e in un fremito universale 
onde fu accolta la chiusa del sermone. 

Benedetta dal vescovo la bandiera sociale e impartita 
la solenne benedizione col Venerabile, si mosse il corteo 
dal Duomo al Politeama, ch'era il luogo del convegno. Pro- 
cedevano a due a due, dietro alla banda cittadina, tutte 
le ascritte alla nuova Alleanza nazionale, distribuite in 
gruppi, secondo le varie associazioni particolari a cui ap* 
parteaevano. Ultima tra queste veniva la lunghissima fila 
delVAlleanza locale, ch'era seguita dal gruppo delle dele- 
gate provinciali, schierate dietro al nuovo stendardo so- 
ciale, e dalla contessa col suo stato maggiore, a cui era 
affidata la direzione della festa inaugurale e la presidenza 
della prima adunanza solenne fino alla elezione della nuova 
presidenza. Chiudeva il corteo una rappresentanza del Co- 
mune, che aveva deliberato d'intervenire ufficialmente al 
corteo e di assistere dal proprio palco all'adunanza inau- 
gurale. 

11 passaggio di quella schiera interminabile di donne 
attraverso le vie principali della città fu come una marcia 
trionfale; si vive erano le manifestazioni di simpatia e i 
segni di affezione onde venivano accolte da ogni parte. 
All'apparire poi della contessa e del suo stato maggiore, 
scoppiavano battimani, piovevano fiori dalle finestre e le 
donne del popolo non finivano di benedirla. Nessuna re- 
gina avrebbe potuto raccogliere dal suo popolo maggiori 



56 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

dimostrazioni di affetto di quelle che si ebbe la fondatrice 
deWAlleanza nel giorno in cui s'inaugurava solennemente 
Fopera sua. Vestita semplicemente di nero, procedeva ella 
calma, modesta e sicura in mezzo a quel continuo trionfo, 
visibilmente commossa a tante e sì spontanee e sincere 
manifestazioni di universale entusiasmo; mentre le delegate, 
che la precedevano ed accompagnavano, apparivano pure 
commosse in vedere il favore straordinario che incontrava 
la nuova istituzione nella città che doveva esserne il centro, 
e gongolava la nostra Ida, che amava la contessa e VAl- 
leanza più di se stessa e perciò in tutto quel plauso rico- 
nosceva la sua gloria più ambita. 

Quando la contessa giunse colle ultime coppie del corteo 
al Politeama, il teatro era sì gremito di gente in ogni sua 
parte che un gran numero di ascritte, sebbene munite della 
tessera sociale, non vi trovarono posto. La platea e il log- 
gione stipati di sole donne; i palchi affollati di signore e 
qua e là anche di signori; il proscenio era riservato alle de- 
legate che, sotto la direzione della presidente déìV Alleanza 
cittadina, la quale provvisoriamente reggeva anche V Al- 
leanza nazionale, dovevano eleggere la nuova presidenza 
e costituire definitivamente la nuova organizzazione. 

Non vi ha penna che valga a descrivere quello che av- 
venne allorché di dietro alle quinte comparve sul proscenio 
la contessa e dietro a lei il suo stato maggiore e lo stuolo 
delle delegate, occupando ciascuna il suo posto in due ali 
disposte a semicerchio a destra e a sinistra della presi- 
denza. Gli applausi, le acclamazioni e lo sventolare dei faz- 
zoletti, onde tutto il pubblico al primo apparire della con- 
tessa sorse unanime a festeggiarla, continuavano e si ripe- 
tevano con tanta insistenza, da sembrare che fosse quello 
l'unico scopo tutto il programma dell'adunanza. 

Bastò però uno squillo di campanello, partito finalmente 
dal banco della presidenza, perchè si facesse come per in- 
canto il più profondo silenzio. 

Sorse la contessa e con voce limpida, sicura, vibrata, 
disse : 



XLVI. LA COSTITUENTE DEL FEMMINISMO 57 

— Signore, amiche, sorelle ! 

Se i nostri antenati avessero potuto quest'oggi ritornare 
tra noi, affacciarsi a vedere la vita e le opere dei loro ne- 
poti, sarebbero stati certamente colpiti dal più alto stupore 
dinanzi allo spettacolo singolare e per loro stranissimo che 
ha testé offerto a tutti la nostra città, e che noi conti- 
nuiamo ad offrire in questa prima adunanza generale del- 
V Alleanza femminile. Le donne che da sole si associa lOt 
da sole si organizzano, da sole compaiono in un pubblico 
corteo, da sole discutono, deliberano, votano e si costitui- 
scono in un grande esercito sociale che abbraccia e si estende 
a lutto il paese! E quello che renderebbe loro più singolare, 
più strano anzi più mostruoso codesto fenomeno, sarebbe il 
fatto ch'esso non viene offerto da una piccola minoranza 
di donne italiane, le quali calpestando la natura e la tradi- 
zione, vogliono attuare il tipo della donna ntwva con emanci- 
parla dai doveri del s-^sso nell'ordine privato e pubblico, per 
mettersi in guerra aperta contro l'uomo e carpirgli la parità 
di tutti i diritti e di tutti gli uffici; bensì dalla grande mag- 
gioranza del popolo femminile, che si protesta e si vanta 
di mantenersi fedele all' ideale della donna antica, ereditato 
dai proprii maggiori, e pretende di unire insieme i prin- 
eipii, le tradizioni, le costumanze cristiane della famiglia 
italiana con programmi, metodi e mezzi di azione e di or- 
ganizzazione, che spingono la donna ad uscire dal san- 
tuario domestico per gettarsi nell'agitazione della vita pub- 
blica e difendervi i proprii diritti. Quale aberrazione, quale 
danno non parrebbe questo per la stessa donna, per la fa- 
miglia e per la società! 

Né in condannare sì severamente l'opera délV Alleanza 
i nostri buoni vecchi avrebbero torto, per la semplice ra- 
gione che, vissuti in altri tempi, quando cioè la donna aveva 
nella famiglia e dalla famiglia pane, educazione, occupa- 
zione e diritto, e vivendo in essa vi svolgeva tutte le sue 
attitudini e raggiungeva sicuramente il suo fine, non sa- 
rebbero in grado di apprezzare adeguatamente le condi- 



58 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

zioni dei tempi nostri, in cui la donna, per la rivoluzione 
avvenuta nei metodi di produzione e per l'anarchia intel- 
lettuale e morale determinata dall'individualismo, se non 
vuole soccombere all'egoismo dell'uomo, se vuole mante- 
nere la sua dignità e rendersi idonea alla sua missione do- 
mestica e sociale, deve abilitarsi a pensare e lavorare da 
sé, deve in molti casi uscire di casa a guadagnarsi il suo 
pane, deve istruirsi non solo dei suoi doveri, ma anche 
dei suoi diritti, per poterli difendere contro l' invasione del- 
l'uomo ; deve insomma esercitare la sua attività come per- 
sona e non come semplice cosa, per bastare a sé stessa 
quando ai suoi bisogni e ai suoi interessi non sia provve- 
duto né dalla famiglia né dalla società. 

E perché oggidì la comunanza dei bisogni e degl'inte- 
ressi conduce all'associazione e questa è il mezzo più po- 
tente a provvedervi, anche la donna, come l'uomo, deve 
organizzarsi. 

Fu questo il concetto che ci guidò in fondare prima 
V Alleanza locale e poi V Allea/ma nazionale, che oggi si co- 
stituisce definitivamente e inaugura con tanta solennità la 
sua azione a benefizio della donna itahana. 

Stimolo e sprone all'ardua impresa avemmo pure dal 
fatto evidente che l'organizzazione femminile ésì fattamente 
richiesta dall'indole dei tempi, da non darsi alcuna forza 
umana che la possa impedire; ondechè, se non si fosse 
creata una istituzione, antica nei principii e nuova nei 
metodi, in cui raccoghere le donne itahane, queste sai-eb- 
bero necessariamente rimaste in balìa di altre imprese, 
nuove nei principii e nei metodi, cioè del radicalismo, dei 
socialismo e del femminismo esagerato e anticristiano, con 
danno e rovina della donna, della famiglia e della società. 

Quale effetto abbia avuto l'opera da noi iniziata, e come 
il frutto del seme da noi sparso nel cuore della donna ita- 
liana si sia moltiplicato in modo superiore alle nostre piti 
ardite speranze, lo dice a noi e a voi, lo dice a tutta Italia 
il numero delle ascritte e lo spettacolo di questo giorno 



XLVI. LA COSTITUENTE DEL FEMMINISMO 59 

memorando, che segnerà una data veramente storica n^li 
annali della patria nostra. 

Nulla più aggiungo, perchè avrei troppo ancora a dire, 
se dovessi esprimere quello che il cuore mi dice in questo 
momento. Non aggiungo nemmeno i ringraziamenti pel fa- 
vore, onde fu accolta, diffusa e sostenuta l'opera nostra; 
né per quel plebiscito grandioso, onde di primo lancio due 
milioni di donne italiane corsero ad arrotarsi sotto il nostro 
vessillo; né per questo universale entusiasmo, onde tutta 
la cittadinanza pare non abbia oggi altra brama che di 
esprimerci LI suo affetto, di festeggiare e applaudire alla 
nostra impresa. No, non aggiungo i ringraziamenti, perchè 
il meglio che io mi sforzassi di dire in esprimerli sarebbe 
troppo insu£Glciente a manifestare V intensità della nostra 
riconoscenza. 

Quello però che non posso tacere e che mi contento 
solamente di accennare, come visibile agli occhi di tutti, 
si è il fatto che ormai la donna itahana ha neìV Alleanza 
nazionale la facoltà di decidere le proprie sorti e non può 
deciderle che con adoperare tutti i mezzi del progresso 
moderno a rendersi più profìcuo, per sé, per la famiglia e 
per la società, il patrimonio inalienabile delle antiche tra- 
dizioni. £ perchè la donna è il cuore della patria, V Alleanza 
che lo mantiene sano e gagliardo, sarà perciò stesso il 
centro vitale, da cui V Italia attingerà la sua forza e la sua 
grandezza. 

Dopo ciò, qxiale presidente 6e\V Alleanza locale, a cui 
rimase finora afi&data la direzione provvisoria deìT Alleanza 
nazionale, dichiaro aperta l'assemblea costituente e prima 
adunanza generale della medesima. — 

Finito il discorso della contessa, spesso interrotto e in 
ultimo coronato d'interminabili applausi, fu letta dalla no- 
stra Ida la relazione sull'origine e sviluppo passato, sullo 
stato presente e sul programma dei lavori futuri della nuova 
organizzazione nazionale. Anche qui gli applausi fiocca- 



60 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

Vìuio tanto che la presidente dovette pregare il pubblico 
di moderarsi, per non mandare troppo in lungo l'adunanza. 

Poi si venne all'atto piti importante del congresso, cioè 
all'elezione della nuova presidenza, che la contessa accor- 
tamente volle si facesse nella solenne adunanza inaugu- 
rale, non solo per dare maggiore splendore all' insedia- 
mento delle nuove cariche, ma specialmente perchè, avendo 
intenzione di non accettarne per sé alcuna, sperava di tro- 
vare appoggio nel pubblico, composto in gran parte di sue 
concittadine, con dichiarare che ricusava di entrare nella 
direzione dell'^Hean^ra nazionale per poter dedicare tutta 
se stessa alla sua cara Alleanza cittadina. 

Aveva però fatto male i conti e fu vinta in astuzia da 
una delegata, la quale aveva avuto qualche sentore della 
sua intenzione e del suo stratagemma per mandarla ad 
elTetto. 

Alzossi pertanto la contessa e annunziò che si doveva 
lirocedere in primo luogo all'elezione della presidente ge- 
luirale, dopo la quale si sarebbero elette le presidenti dei 
tre gruppi principali, riservando ad altre tornate succes- 
sive la designazione e scelta delle persone che dovevano 
entrare nelle giunte e nei varii uffici dipendenti. Dichiarò 
Glie, volendo consecrare tutte le sue forze sdVAlleanza cit- 
tadina e dare con questa formale dichiarazione una nuova 
testimonianza di affetto e di riconoscenza alla sua diletta 
città natale, che l'aveva in tante maniera favorita ed aiu- 
tata in ogni impresa, era fermamente risoluta di non ac- 
cettare alcuna carica neìV Alleanza nazionale, qualora le ve- 
nisse offerta. Invitò quindi le delegate a scrivere e deporre 
nell'urna il proprio voto, anzitutto per la nuova presidente 
generale. 

Sorse allora la suddetta delegata e, in mezzo al pro- 
fondo silenzio di tutta l'assemblea, disse con voce com- 
mossa e solenne: — Se V Alleanza locale è opera della con- 
tessa Storni, V Alleanza nazionale è il suo capolavoro. Pro- 
pongo pertanto ch'ella sia eletta per acclamazione prima 



XLVI. LA COSTITUENTE DEL FEMMINISMO 61 

presidente generale, e invito tutta l'assemblea a confermare 
con unanime plauso tale elezione. 

A queste parole tutte le delegate balzarono in piedi e 
battendo le mani gridarono in coro : — Viva la nuova pre- 
sidente ! - grido e battimani che furono ripetuti fragorosa- 
mente dall'intera assemblea. 

Sebbene visibilmente commossa, tentò la contessa più 
volte di parlare per insistere nella sua anteriore dichiara- 
zione e pregare l'adunanza di passare ad un'altra elezione; 
ma ogni volta la sua voce veniva coperta d'acclamazioni 
e d'applausi; ondecbè dovette rassegnarsi a rimanere in 
quel posto, che indarno aveva sospirato di cedere ad altri^ 
e continuare a presedere l'adunanza. 

A scrutinio segreto furono poi elette le presidenti dei 
tre gruppi, in cui era disti-ibuito il lavoro della nuova or- 
ganizzazione. Dall'urna uscirono a voti unanimi i nomi di 
quelle che, nei previi abboccamenti avuti colle delegate, erano 
state designate come le persone più idonee alle cariche che 
dovevano esercitare. 

Quindi una ragioniera fece l'esposizione del bilancio 
consuntivo e preventivo, fermandosi in particolare a spie- 
gare il disegno del vasto e magnifico edifizio, che si vo- 
leva costruire per collocarvi gli uffici di presidenza della 
società. 

Finalmente si venne all'ultimo punto dell'ordine del 
giorno : osservazioni e voti delle convenute. La presidente lo 
annunciò dicendo : — Poiché questa prima adunanza, in cui 
si è solennemente inaugurata V Alleanza nazionale, è pub- 
blica, prima di chiuderla si concede la parola a chi la do- 
mandi per fare qualche osservazione o esprimere qualche 
desiderio, che sia conforme all'indole della nostra asso- 
ciazione e possa giovare ad attuare il suo programma e 
raggiungere il suo fine. Avverto però che, per ragioni di 
discrezione, a nessuno si permette di parlare più a lungo 
di cinque minuti. 



62 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

— Domando la parola! - si udì esclamare da un palco 
di prim'ordine. 

— Parli pure ! - rispose la presidente, che aveva veduta 
alzarsi in piedi la principessa Astoifi e affacciarsi, appog- 
giandosi sul davanzale del palco in atto di parlare. 

Fra la più viva maraviglia e attenzione del pubblico, 
questa disse: 

— Dopo il grande plebiscito delle donne italiane, che 
con due milioni di voti si sono dichiarate per V Alleanaa 
nazionale, VAssistefiza femminile^ che ho l'onore di prese- 
ci ere, ha dovuto affrontare e ventilare seriamente la que- 
stione del nuovo stato, in cui veniva a trovarsi per effetto 
di tale plebiscito, e delle risoluzioni da prendersi per prov- 
vetlervi nel miglior modo possibile. Proposto l'argomento 
alta discussione del consiglio direttivo, questo si vide aperte 
dinanzi tre vie di uscita: continuare come prima ad esi- 
stere e lavorare secondo il proprio programma e perciò 
stesso rivaleggiare e contendere aìV Alleanza l'organizza- 
zione nazionale della donna; sciogliersi definitivamente e 
lasciar libero il campo 9\V Alleanza; oppure fondersi con 
essa facendo proprio il suo programma, giacché non si po- 
teva trattare di fondere insieme i due programmi per foi^ 
marne un terzo che partecipasse di entrambi. 

Dopo lunga e matura deliberazione; visto che l'unità 
dell'organizzazione nazionale h necessaria o certo almeno 
sommamente vantaggiosa a raggiungerne più efficacemente 
e più largamente gli scopi; visto che la grande maggio- 
ranza del paese ha chiaramente manifestato di preferire alle 
altre organizzazioni quella déìV Alleanza; visto che da un 
confronto accurato dei programmi è apparso chiaramente 
non darsi differenza sostanziale tra Y Assistenza e VAUeanea, 
e le differenze accidentali doversi riconoscere tali che fu- 
rono saviamente adottate da questa per rendere l'associa- 
zione più acconcia alle condizioni dei tempi presenti; il 
consiglio direttivo deìV Assistenza femminile ha deliberato 



XLVI. LA COSTITUENTE DEL FEMMINISMO 63 

a voti unanimi dì fondersi coW Alleanza femminile nazio- 
nale e di convocare quanto prima l'adunanza generale per 
comunicarle tale risoluzione, invitando tutte le proprie as- 
sociate ad ascriversi aWAlleanza, per attuare in essa con 
maggiore facilità e sicurezza il programma dfHV Assistenza 
e meglio conseguirne il fine. Sono lieta di partecipare tale 
deliberazione all'assemblea, anche per attestare pubblica- 
mente l'alta stima che professo alla creatrice deW Alleanza 
e festeggiare la sua elezione a presidente generale. — 

A questa dichiarazione di persona sì cospicua, quale era 
la principessa Astolft, che aveva scelto l'occasione e il mo- 
mento più solenne per offrire dXV Alleanza e alla contessa 
Stomi un nuovo trionfo, le acclamazioni e gli applausi pro- 
ruppero nuovamente da ogni parte con tutto l'impeto del 
più vivo entusiasmo. 

E si ebbe tosto un altro trionfo. 

Non aveva ben finito la presidente di ringraziare la 
principessa Astoifi della sua dichiarazione, che si udì da 
un palco di terz'ordine una voce argentina esclamare: — Do- 
mando la parola! 

Era la studentessa Clelia, una recente conoscenza dei 
nostri lettori, che disse: — A nome mio e di altre due stu- 
denti deiruniversità, già ascritte alla Lega femminista ilor 
liana, dichiaro che, dopo aver attentamente seguito lo svi- 
luppo déìVAlleanaa e considerato il suo programma, nei 
principii e nei metodi, ci siamo persuase di poter meglio 
raggiungere in essa quej^Ii scopi per cui ci eravamo aggre- 
gate alla Lega, specialmente in quanto alla difesa dei veri 
diritti femminili. Per conseguenza tutte e tre abbiamo presa 
la determinazione di abbandonare la Lega e di entrare nel- 
Y Alleanza, proponendoci insieme di adoperarci presso la 
Federazione universitaria femminile perchè faccia atlo di 
adesione sdV Alleanza e si dichiari con essa solidale, invi- 
tando le sue associate a darle il proprio nome. — 



61 DONNA ANTICA B DONNA NUOVA 

Nuovo scoppio clamoroso di applausi e nuovi ringra- 
ziamenti della presidente, ch'ebbe parole elevate e calde di 
affetto per la gioventù femminile e in particolare per quelle 
che battevano l'aspra via degli studii superiori. 

Seguirono parecchie altre adesioni , osservazioni e pro- 
poste, a cui la presidente rispose nel modo più garbato, 
più destro e più sicuro; finché, nel momento in cui si ac- 
cingeva a chiudere l'adunanza, risonò dal loggione una 
voce risoluta che gridò: — Domando la parola! 

Come per lo scatto di una molla, tutte le teste si alza- 
rono, tutti gli occhi si volsero a guardare dond'era uscito 
quel grido. La presidente, appuntato il binocolo, riconobbe 
Olga Fioroni che, ritta in piedi, stava fiera e impettita 
aspettando di poter parlare. Sorrise e disse con calma: — 
Signorina Olga Fioroni, segretaria della Lega femminista? 

— Sissignora. 

Mormorio universale ed esclamazioni di meraviglia pel 
fatto che le era riuscito d' introdursi colà dentro, mentr'era 
noto a tutti che all'ingresso c'era un servizio rigoroso di 
vigilanza, per non lasciar entrare se non le persone munite 
della tessera sociale o del biglietto personale d' invito. 

— Sappia, signorina - ripigliò tranquillamente la presi- 
dente - che non potendosi qui oggi entrare che o colla 
tessera o col biglietto personale, ed avendo io la certezza 
ch'ella non ha avuto legittimamente né l'uno né l'altra, 
dovrei non solo negarle la parola, ma anche il diritto di 
trovarsi presente all'odierna adunanza. Tuttavia le permet- 
terò di parlare, s'ella prima mi prometta di attenersi leal- 
mente a quanto é stabilito all'ultimo punto dell'ordine del 
giorno, cioè di fare soltanto qualche osservazione o espri- 
mere qualche desiderio conforme all'indole délV Alleanza, 
al suo programma e al suo fine. Favorisca rispondere si 
o no. 

— Ma la libertà di parola... 

— SI o no? 



XLVI. LA COSTITUENTE DEL FEMMINISMO 65 

— In un pubblico comizio... 

L'assemblea si agita, il mormorio cresce, si odono escla- 
mazioni di sdegno e si vedono gesti d'impazienza. 

La presidente scampanella e poi dice : — Questo non è 
un comizio, non è un'adunanza pubblica, nel senso che 
l'accesso sia aperto a tutti e nemmeno a quelli che non 
sieno stati chiamati. Questa è bensì una grande, solenne 
festa di famiglia, in cui la padrona di casa, sostenuta da 
tutti i membri che l'hanno eletta, ha diritto e dovere di non 
permettere che sia turbata 

— Rinuncio alla parola I - gridò la Fioroni con gesto di 
rabbia e di disprezzo. 

— Che non ha mai avuta ! - la rimbeccò la presidente 
con una gaia risatina, a cui rispose tutta l'assemblea con 
uno scroscio di risa e di applausi. 

Ricompostasi la calma, la presidente avvisò che l'ordine 
del giorno era esaurito e perciò si doveva chiudere quella 
solenne adunanza inaugurale; che il congresso delle dele- 
gate avrebbe continuato nei giorni successivi i suoi lavori, 
occupandosi principalmente nella discussione dello statuto, 
nella elezione delle tre giunte permanenti e delle vicepre- 
sidenti, nella scelta delle persone da nominarsi ai varii uffici 
dipendenti dalla presidenza generale e dalle presidenti dei 
gruppi, e nella compilazione dei regolamenti ed ordini di 
servizio. Con commozione visibile a tutti ringraziò l'assem- 
blea, le delegate, le associate vecchie e nuove, gli ospiti, la 
cittadinanza, l'autorità, il Comune e tutti che avevano dato 
il loro appoggio a\V Alleanza e cooperato a rendere sì lieta, 
splendida, solenne, grandiosa la festa della sua inaugura- 
zione. Finalmente conchiuse: 

— Signore, amiche, sorelle 1 

D sfiniti vamente costituita, oggi la nostra associazione 
prende giuridicamente il suo posto nella vita del paese come 
la più vasta e numerosa istituzione nazionale. 

1908, voi. 1, fase. 1381. 5 28 dicembre 1907. 



66 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

Ferma e irremovibile sul terreno del diritto costituzio- 
nale, cioè della libertà eguale per tutti, nata gigante con 
due milioni di ascritte, essa è così forte che, sebbene non 
partecipi direttamente alla vita amministrativa e politico, 
senza di essa o contro di essa nulla si potrà mandare ad 
effetto dai pubblici poteri e rappresentanze, che riguardi 
gr interessi e i diritti femminili. Assicurataci per tal guisa, 
mlhi forza del numero e dell'organizzazione generale, la 
libertà e indipendenza della nostra azione contro ogni so- 
pruso, potremo tranquillamente attuare il nostro programma 
ed esercitare l'opera nostra, nelle sue varie diramazioni, per 
offrire alla patria il più efficace contributo, anzi il fonda- 
mento inconcusso della sua unità morale, ch'è il vero prin- 
cipio, la fonte genuina e perenne della sua forza, della sua 
prosperità, della sua grandezza. Unità morale tra il passato 
e Tavvenire, determinando nel presente una corrente di vita, 
informata a tutto che vi ha di grande, di prezioso e di fe- 
condo nelle tradizioni del genio e del popolo italiano, te- 
soreggiarlo nel cuor della donna e trasfonderlo nel sangue, 
neiranima della nazione, per renderla capace di meglio con- 
seguire e godere i vantaggi della moderna civiltà, senza 
risentirne i danni. Unità morale tra i varii organi della 
compagine sociale, con affratellare insieme tutte le donne 
italiane in un programma di azione che, egualmente alieno 
in ogni ordine di cose dagU estremi dell'eccesso e del di- 
letto, sempre antico nei principii e sempre moderno nei 
metodi, saviamente ordinato a raccogliere in un gran centro 
latte le forze vive e sane del paese, abiliti la donna alla 
fiiseiplina di un ideale comune, per esercitare la sua ma- 
iernità sociale alla rigenerazione e unificazione morale della 
patria. 

\/ Alleanza nazionale non è pertanto un partito di guerra 
che, spingendo le donne a lottare contro gU uomini per la 
perfetta parificazione dei diritti economici, civili e politici, 
renrlii più larga e profonda la piaga sociale del moderno 



k ^ 



XLVI. LA COSTITUENTE DEL FEMMINISMO 67 

proletariato, bensì una milizia di pace che colla sua forza 
difende la sua libertà e della sua libertà si serve soltanto 
per beneficare l'uomo e la donna, la famiglia e la società, 
mediante l'esercizio perfetto, costante, universale della ma- 
ternità sociale. — 

Appena la presidente ebbe finito di parlare, l'entusiasmo 
dell'assemblea, ormai giunto al suo colmo, proruppe nova- 
mente in un grande trionfo di applausi e di acclamazioni, 
che si rinnovarono dall' immensa folla accalcata sulla piazza 
allorché la contessa fu veduta uscire dal teatro e saUre in 
vettura colla sua fida segretaria, la nostra Ida. 

— Me l'hanno fatta! - le disse la contessa, quando la 
carrozza ebbe pigliate le mosse. 

— Chi la fa l'aspetti! - rispose la Ida, baciandole la mano, 
piangendo e ridendo insieme per la piena del giubilo onde 
si sentiva tutta commossa e come inebbriata. 

— Ma io la farò a te di pepe - ripigliò la contessa. - Da 
oggi sei la mia segretaria generale e domani dai la tua ri- 
Dunzia all'ufficio telegrafico. 

— Lodato Dio! io tw' far or per allegrerà un salto! 



RIVISTA DELLA STAMPA 



1. 
Una « STORIA sociale della Chiesa » *. 

Fra tanto risveglio di studi sociali, lodevole certameiile ma 
spesso misto a traviamenti non pochi anche fra cattolici, non 
è raro ai nostri giorni vedere ignorata, misconosciuta, o negata 
anche protervamente la parte benefica e salutare avuta in 
ogni tempo dalla Chiesa nelle vicende della società civile e nei 
progressi della sua civiltà. Cosi ancora ci risuona agli orecchi la 
voce ingiuriosa di alcuni pretesi rappresentanti di « cultura > 
come dei modernisti nel loro programma, i quali da figli indegni 
della Chiesa, la calunniano « di inerte isolamento » e le rinfac- 
ciano di avere smarrito la sua efllcacia sociale. Stolti! Nulla è 
così splendido nella storia, anche per l'osservatore profano, 
quanto la perenne, mirabile efficacia della Chiesa rispetto alla 
stessa prosperità temporale, che è il bene proprio della società 
civile: efficacia che la Chiesa va continuando al mondo in ogni 
età, anche nella nostra, anche su quelli dei nostri contempo- 
ranei che la osteggiano. Allo studioso credente poi nulla ap- 
pare più necessario, e diremmo anche più semplice e più na- 
turale, di questo fatto: poiché la Chiesa, appunto in quanto 
è società perfetta e divinamente istituita da Cristo come suo regno 
sulla terra, intende a perfezionare l'uomo in ogni sua parte, in 
ogni sua relazione, e come «individuo e come membro della so- 
cietà. Di più, come la vita soprannaturale si aggiunge alla natu- 
rale non distruggendola, ma quasi compiendola e perfezionan- 
dola oltre ogni suo debito ; cosi la società divina che congiunge 
in un vincolo spirituale tutti i figli di Dio sulla terra, non di- 
trugge, né pure ristringe o attenua l'essere della società umana, 
ma Io consolida e lo innalza. La Chiesa insomma può dire, come 
il suo Fondatore divino, di essere venuta perchè gli uomini 

^ Mons. U. Benigni, Storia sociale della Chiesa. Voi. I. La prepara- 
zione. Dagli inizi a Costantino Milano, Tip. Vallardi, 1907, 8«, pag. XXIV-450, 
Lire 10. 



UNA STORIA SOCIALE DELLA CHIESA 69 

abbiano vita e l'abbiano con divina sovrabbondanza, anche nella 
terra delFesiglio : veni ut vitam habeant et abundantius habeant ' . 

La dimostrazione storica di queste verità, come già accen- 
nammo altre volte, scende quasi corollario dalla semplice espo- 
sizione dì tutta la storia generale od universale della Chiesa. 
Ma essa poteva tuttavia ricevere assai più chiara luce e più po- 
tente rilievo da una storia speciale « organica », la quale racco- 
gliendo insieme ciò che nelle altre storie è disseminato e disperso, 
svolgendo ciò che è implicito e spesso inosservato anche nei fatti 
più notorii, ne illustrasse di preferenza i punti che toccano la 
vita sociale. 

Ciò che era sommamente desiderabile, né da altri finora ten- 
tatosi con qualche ampiezza, vediamo ora attuato, almeno in 
parte, nel primo volume della « Storia sociale della Chiesa », che 
MoQs. Umberto Benigni, tra le sue molteplici occupazioni, è 
venuto pubblicando in quest'anno: opera insigne, ch'egli può 
dire veramente « nuova nell' intuizione sintetica del tema » ; 
poiché in verità « una organica storia sociale della Chiesa an- 
cora non esisteva afTatto ». E che debba giovare tale circostanza 
presso r intelligente benevolenza dei lettori, nessuno può dubi- 
tarne. Onde l'autore ha ben diritto di pretenderlo, come l'ha altresì 
d'appellarsi a quell'antica sentenza che in arduis voluisse aat 
est (p. IX). 

Né è meno giusto l'avvertire che egli fa, come non sia questa 
sua opera una « laicizzazione » della storia ecclesiastica, quale ad 
esempio la vorrebbero i modernisti, riducendo la storia stessa, 
come ogni scienza, a studio di pretti fenomeni e di fenomeni na- 
turali, con isbandirne ogni cognizione di cause, ogni nozione di 
fatti o d* intervento soprannaturali. No; è uno « studio del lato 
laico, o meglio misto ed esterno, della storia della Chiesa, dal 
quale ancor più deve rifulgere la vita ecclesiastica, intema, spi- 
rituale di lei ». 

Così l'elemento spirituale e divino spicca da sé e risalta nella 
storia della Chiesa, narrata con critica sincera, spassionata e 
serena, quando cioè non si escluda a priori il soprannaturale, 
come di fatto si usa da razionalisti, si dicano essi pure prote- 
stanti liberali o cattolici modernisti. 

E assai facile ci sarebbe il dimostrarlo anche con una rapida 
corsa attraverso le erudite pagine di questa Storia sociale della 

* Io. X, 10. 



70 UNA STORIA SOCIALE 

Chiesa. Ma dobbiamo contentarei di acceDname scberaatieamente 
il disegno, l'ordine e il contenuto. 

In un'ampia introduzione generale l'autore anzitutto passa 
in rassegna i concetti filosofici e sociali, che egli presuppone 
a fondamento della trattazione: chiarisce la nozione di vita so- 
ciale in genere, come partecipazione attiva e passiva alla vita 
della società, e l'applica in ispecie alla Chiesa, non solo in 
quanto essa vita si svolge in mezzo alla società umana, ma 
soprattutto in quanto riguarda la società stessa e la sua civiltà: 
la distingue in vita politica, vita etico-giuridiea e vita economica; 
e da questa triplice divisione prende l'ordine e la trama nella 
ripartizione della materia, che è la sintesi cosi complessa della 
vita sociale della Chiesa. Quanto alla « divisione di tempi », 
giusta la specialità della materia, ci dà una divisione crono- 
logica speciale, e in essa ha pure la sua parte una ragionevole 
scelta. Così l'autore distingue — secondo lodevoli criterii, seb- 
bene con divisione personale — sette periodi, che daranno 
luogo ad altrettanti tomi. Il primo, che abbiamo sott'occhio, 
abbraccia l'epoca antica anteriore a Costantino, il periodo ro- 
mano-pagano, che va dagli inizi al 31!^, ed è giustamcRte 
chiamato dall' autore « periodo di preparazione »; mentre da 
Costantino ha principio Yascenaione sociale della Chiesa. L'au- 
tore vi considera anzitutto (parie prima) « la base evangelica » 
della vita sociale della Chiesa, cioè prima Y inaegnamento di 
Cristo rispetto alla triplice vita sopra distinta, politica, etico-giu- 
ridica, etico-economica, di fronte alla vita sociale del giudaismo 
contemporaneo; ìndi V insegnamento degli Apostoli similmente 
teorico e pratico, applicazione e svolgimento della dottrina del 
Maestro; onde il ministero ecclesiastico di carità attiva, anche 
materiale, e quindi la costituzione del diaconato, in cui già si 
mostra la missione sociale del clero creata dal cristianesimo. 

Appresso (parte seconda) descrive l'autore, giusta la sua tri- 
plice divisione, la vita sociale della Chiesa, divina famiglia di 
Cristo, a contatto insieme e a contrasto continuo con la guasta 
società pagana, la quale aveva omai per unico concetto morale 
della vita il piacere nelle varie sue forme, espresso come in una 
sintesi d' ideale epicureo, nel noto grido Fanem et Circenses, o 
nel motto della famosa tabula lusoria * : Yenari, lavare, hidere, 



I Tavoletta da giuoco, a guisa di scacchiera, scompartita in quadi-etti, 
o caselle contrassegnale ciascuna da tante lettere, che formaYano le parole 



DELLA CHIESA 71 

ridere, hoc est vivere. Per mettere così a raffronto l'una e l'altra 
società, lo storico deve stendersi, più largamente che non com- 
portino gli altri metodi di storia ecclesiastica, a tratteggiare la 
vita sociale dell' impero contemporaneo sotto il triplice rispetto, 
prima della politica, poi del diritto e della morale, e infine della 
economia sociale. Né crediamo che alcuno sarà per dargliene 
biasimo, quando pure credesse qualche conclusione dell'autore 
piuttosto ardita, qualche circostanza aggravata, o anche certi 
fatti storici ritratti a colpi troppo risentiti e fieri, da caricare 
le tinte già per sé tetre del fosco quadro della civiltà pagana. A 
far una giusta ragione di siffatte impressioni, converrà anche 
dar la sua parte alla « forma scorrevole e vivace >►, della quale 
ben dice l'autore che ha cercato Y « opportuno connubio con 
la sostanza scientifica » ; perchè essa « non solo rende più ac- 
cetta, ma anche più sentita, più « vissuta » la materia esposta ». 
E la forma scorrevole e vivace del Benigni é di chi sa le 
battaglie della penna e scrive non tanto per la scuola, né per 
la umbratile palestra critica dello scienziato, quanto per la vita, 
secondo il celebre detto dell'oratore romano *. 

Quindi in luì certa libera audacia e novità della parola e 
della frase, propria dell'antico pubblicista, che dà aria di no- 
vità alle conclusioni, rapida movenza e spigliatezza alle discus- 
sioni del critico e alla narrazione dello storico. 

Notiamo tuttavia che il fondo delle conclusioni resta bene as- 
sodato storicamente, quantunque non sia possibile sempre esclu- 
dere ogni probabilità di dissenso. Così quando l'autore scrive, che 
< la vecchia retorica contro V impero distruttore della romana 
libertà va lasciata alle disquisizioni delle farmacie da villaggio, 
finché non ne vorranno anch'esse più sapere, lasciandola al- 
l'ultimo sicuro rifugio negli articoli di fondo della stampa gia- 
cobina » *, noi crediamo che solleverà protesti anche nelle far- 

deUa sentenza citata : Cacciare, bagnarsi, giuoeare, ridere, questo è vivere. 
Eccone lo schema: 



VENARI 
LUDERE 
HOC EST 



LAVARI !l 
RIDERE I 
VIVERE ! 



^ Non scholae sed vitae discimus: il che pur troppo malamente dimen- 
ticano molti studiosi e scrittori di parte nostra ; mentre gli avversarii ne 
fanno loro prò a trionfo deirerrore e oppugnazione della verità. 

• Pag. 214. 



72 UNA STORIA SOCIALE 

macie di città, per non dire nelle scuole ed università d' Italia, 
« in ispecie di Roma. Ma è ùoto che da gran tempo storici 
insigni hanno portato l'opinione espressa qui dal Benigni, seb- 
bene in fonna più incisiva e risoluta, « che T imperialismo nel 
suo complesso e prescindendo dalle persone... fu il programma 
tanto inevitabile quanto salutare per lo Stato romano e per la 
civiltà che in questo allora si imperniava » ^: onde « molte colpe 
e molti errori deir imperialismo spettano alla responsabilità del- 
l'opposizione quiri tarla, senatoriale, stoica ». E ciò perchè il 
senato, non potendo riafferrare il potere, impedì ai cesari di te- 
nerlo pacificamente, obbligandoli perciò a tatare sempre in al- 
larme ecc. Sicché esso sarebbe « veramente il padre della odierna 
opposizione parlamentare, specialmente dei paesi cosidetti la- 
tini »; la quale sta nel « cercare non già la correzione del vero 
o supposto male nell'interesse del paese, ma anzi l'aggrava- 
mento del male stesso per tentare una crisi governativa ». Né 
sarà facile rifiutare la gran parte di verità, che si contiene in 
questo giudizio. Ma con questo dovrà anche riconoscersi d'altro 
lato la difficoltà e quasi impossibilità morale di quella « lucida 
intuizione della realtà » e più della conseguente decisione, che 
avrebbe dovuto, secondo l'autore, piegare il senato « ad accet- 
tare l'unico posto possibile e conveniente per lui nella nuova 
costituzione, il posto di un subordinato cooperatore del princi- 
pato per il controllo e l'equilibrio della pubblica amministra- 
zione » ; insomma una specie di consiglio di Stato, che poteva 
poi divenire ad ogni modo, come divenne per l'opposizione im- 
periale, un semplice consiglio municipale di una città abban- 
donata. Sarebbe stato quello un miracolo d' intelligenza specu- 
lativa e di eroismo pratico, nelle idee dei padroni di ieri, dei 
conquistatori del mondo, non immemori ancora del regere im- 
perio popiiloa. 

Ma checché sia di ciò, il fatto certo che qui spetta alla storia 
sociale della Chiesa, è l'adesione perpetua dei cristiani al potere 
costituito e quindi all'imperialismo romano. E la dimostra lunga- 
mente il Benigni, analizzando le dottrine politiche dei cristiani, 
sino al conchiudere per ultimo, nel riassumere tutto questo suo 
trattato della vita politica della Chiesa nell'età precostantiniana, 
come i cristiani dell'orbe romano erano stati e rimasero impe- 
rialisti, anche dopo che l'imperialismo divenne cristiano, anzi 

^ Pag. 213-215. 



DELLA CHIESA 73 

4 gli unici imperialisti, i quali trascendentalmente vedessero in 
quel programma un istru mento di civiltà ». 

Anche più importante e più attraente ci riesce l'altro trat- 
tato della vita etico-giuridica, quella cioè che riguarda gli usi, 
ì costumi, le leggi della vita morale, sia privata sia pubblica dei 
cittadini, esclusane la parte politica ed economica, sebbene 
anch'essa per altro riguardi un lato speciale della vita mede- 
sima etico-giuridica. Qui noi vediamo nella vita pubblica del 
cristiano, il suo' rispetto e la sua obbedienza alle leggi, il suo 
contegno nelle liti e negli arbitrati, la sua fedeltà e riserba- 
tezza nel giuramento, il suo concetto di diritto e di dovere 
sociale nelle persecuzioni, il suo modo di partecipazione agli 
uffici e alle dignità civili, alla milizia ed alle onorificenze mi- 
litari, i suoi criterii generali su la vita pubblica, che sono tanti 
punti, copiosissimi certo e complessi, toccati dall'autore. Altri 
similmente assai utili occorrono per rispetto alla vita domestica, 
nelle questioni concernenti la doniia e la famiglia, l'indipen- 
denza del matrimonio religioso, il divorzio e le seconde nozze; 
quanto alla vita professionale, comprendendovi le professioni 
libere e la clientela; quanto alla schiavitii, venutasi di tratto 
mitigando e poi mano mano sopprimendo presso i cristiani; 
quanto alle arti, alle scienze, alle lettere, e simili, che l'autore 
abbraccia col titolo di « vita estetica ed intellettuale »; e da 
ultimo quanto alla pietà verso i defunti, quasi continuazione 
di vita sociale d'oltre tomba, espressa nel domma consolante 
della comunione dei santi. 

La trattazione della vita economica della Chiesa, dopo trac- 
ciato il problema economico-sociale delle due società e l'am- 
biente storico, cioè vita economica-sociale dell' impero con le 
sue influenze, — influenza ebraica ed influenza etnica segnata- 
mente — ci mostra la dottrina da prima e poi la pratica eco- 
nomico-sociale della Chiesa nell'età anteriore a Costantino; indi 
Teserapio delle chiese tipiche — chiesa povera di Gerusalemme, 
centrale di Roma, primaziale di Cartagine, patriarcali di Ales- 
sandria e di Antiochia — da ultimo « episodii e figure >. Solo tra 
queste osserveremo che quella del cristiano onestamente indu- 
striale e operoso non si può tuttavia raffigurare cosi nei pochi 
tratti, verisimilmente travisati, che ne dà il fiero scrittore dei 
Philosophiimenay probabilmente l' iracondo Ippolito, mordendo il 

1 Pag. 214. 



74- UNA STORIA SOCIALE DELLA CHIESA 

SUO avversario Callisto, diacono fiduciario e poi successore di 
Zefirino. 

Giunto al termine della sua corsa, certamente fluttuosa benché 
rapida, « attraverso alla vita sociale della Chiesa precoslanti- 
niana », l'autore può bene raccogliere « la formula sintetica di 
quella intensa, per quanto poco appariscente, vita sociale dei 
primi cristiani ». Essa sta nella conclusfone : che la lotta del cri- 
stianesimo contro il paganesimo, nel campo sociale, fu vera lotta 
per la civiltà e per il suo reale progresso ; che il cristianesimo offrì 
la soluzione, non solo della profonda crisi religiosa, ma anche 
delia non meno profonda crisi sociale, politica, etica ed econo- 
mica; che la vittoria religiosa e sociale fu un vero miracolo, 
miracolo sintetico che resta quando pure si dessero dei sìngoli 
fatti le ragioni umane, resta cioè come « una risultante supe- 
riore al totale delle singole spiegazioni umane », a quel modo 
che sarebbe un miracolo l'uscire illeso di un uomo restato lun- 
ghissima pezza tra continuo grandinare di palle, scoppiare di 
bombe, squarciare di mine, sebbene queste appaiono sempre re- 
golate da leggi nel loro moto ; perchè resta sovrumano il fatto 
del come tutte siano cadute così per l'appunto intorno a lui, 
inoffensive. 

Né questo miracolo esclude, anzi importa il concorso o la 
cooperazione dell'attività umana; e l'autore l'addita infine con 
calda parola ìq tre doti che egli attribuisce meritamente ai 
primi cristiani nella lotta gigantesca; essi furono cioè coscienti e 
decisi, furono disciplinati, e finalmente furono equilibrati, cioè 
lontani in genere dagli eccessi. Non sarebbe forse troppo ardito 
l'aggiungei'e qui la dimanda, se ai contemporanei, e specialmente 
a quelli che più presumono di riformare il mondo, si possano 
attribuire eguali doti di guerra, e con ciò eguale certezza di 
vittoria. 

II. 

I 4< Carmina scripturarum » nella liturgia ^ 

Sotto il bel titolo di Carmina scripturarum mons. C. Mar- 
bach, vescovo titolare di Pafo, offre agli studiosi della sacra 
liturgia un'opera del tutto nuova nella forma, d'inestimabile 

* Carmina Scripturarum sci licei antiphonas et responsor la ex sacro 
Scripturae fonte in kbros liturgicos Sanctae Ecclesiae Romanae derivata 
collegit et edidit Gakolcs Marbach, episcopus tit. paphiensis. Argenterà ti. 
Le Roux, 1907, S^, 596 p. M. 8 (L. 10). 



1 « CARMINA SGRTPTURARUM » NELLA LITURGIA 75 

pregio in se stessa e di tanto aiuto agli studii, che al primo 
scorrerla vi si deve mettere sopra la scritta : mdispeìtsabile ad 
ogni liturgista. Essa raccoglie tutti i testi liturgici, che sposati 
alle soavi melodie della Chiesa^ vengono proposti a pascolo della 
nostra pietà nelle varie solenni funzioni del culto e si trovano 
prescritti nel messale, nel breviario, nel pontificale e nel rituale 
romano, come dire le antifone della messa e dell' ofBciatura, i 
versetti, i respoosorii, i graduali, i tratti. Sono le voci, ora di 
confidente ed affettuosa preghiera, ora di mestizia e di dolore, 
ora di gaudio e di giubilo intenso, onde la Chiesa nel compiere 
il mistero eucaristico e nel celebrare Tofficiatura parla al suo 
Sposo divino. Or siccome, salvo poche eccezioni, tutte codeste 
voci sono tratte dai libri della Scrittura e solo in alcuni casi 
i libri liturgici ne danno la citazione, sorgeva sempre più insi- 
stente il bisogno di avere alla mano un'opera di consultazione, 
che agevolasse le ricerche comparative e desse modo di rendersi 
conto al primo sguardo, non pure del libro e del verso a cui 
deve riferirsi ogni testo, ma eziandio della fwma che la parola 
ispirata prende nella liturgia^ del senso che le viene dato^ della 
frequenza ond'è ripetuta, delle varietà che talvolta in queste 
ripetizioni si scorgono. 

Tale è il lavoro del revilio autore. Tutti i libri della S. Scrit- 
tura sono disposti per ordine come stanno neiredizione Volgata 
e ad ogni loro capitolo, ad ogni verso, risponde il testo litur- 
gico, quasi sempre riferito per disteso, mentre del passo corri- 
spondente seiitturale si dà soltanto la citazione in margine. 
Perchè poi il lettore ne colga più facilmente il senso, in prin- 
cipio dì ogni capitolo della Scrittura e quando occorre nel suo 
decorso, ne è indicato brevemente il senso letterale. I testi li- 
turgici, rispondenti ad una stessa citazione, ricompariscono na- 
turalmente Tun sotto l'altro, e cosi si riconosce subito quante 
volte ritomi il medesimo tratto scritturale nella liturgia e con 
quali differenze letterarie. Neppure mancano i testi^ presi dai 
libri apocrifi (dall'Orazione di Manasse e dal 3*^ e 4® di Esdra). 
Come bene osserva il revtìio A. (p. 26*), assai probabilmente essi 
appartengono tutti ad oCKciature antichissime, quando ancora 
quei libri erano da alcuni tenuti in conto d'ispirati. Né la Chiesa 
stimò poi di dover sopprimere tali testi bellissimi, come sono tra 
gli altri il Requiem aeiernam pei defunti ed il grandioso vei-setto 
della vigilili di Natale: Crastina die delebiiur iniquità^ ierrae 
et regnabit super nos Salvator mundi (4 Esdr. II, 34, 35; XVI, 53). 



76 I * CARMINA SCRIPTURARUM > 

I testi liturgici così ricordali neiropera sono in tutto 4346 ; 
in realtà il loro numero è di gran lunga maggiore, appunto 
perchè uno stesso testo ricorre in circostanze diverse e sotto 
diversa forma, di antifona, di versetto, di responsorio e simile. 
Vi si riscontrano adoperati tutti i libri della S. Scrittura, ad 
eccezione di 8 sopra 72. Sono quindi rimasti fuori TEcclesiaste, 
le profezie di Abdia e di Nahum, la 2* lettera ai Tessalonicesi 
e quella a Filemone, la 2* e 3* lettera di S. Giovanni e quella 
di Giuda. Di più non si riscontrano i salmi 81 e 100. Ma par 
bene che le omissioni si debbano a puro caso; forse la brevità 
di alcuni di questi libri od anche il carattere del loro con- 
tenuto non parvero oflferire buona materia a testi litui^ci. Certo 
è ad ogni modo che questi stessi libri vengono letti pubblica- 
mente nelle lezioni ordinarie dell'officiatura (p. 13*). 

I salmi fornirono alla liturgia il massimo tributo; dei 4346 
testi notati, 1565 sono presi di là. Poi vengono gli altri libri 
con quest'ordine: Vangelo di S. Luca, 350; Vangelo di S. Matteo, 
315 ; Isaia, 257; Vangelo di S. Giovanni, 255 ; Epistole di S. Paolo, 
180; Ecclesiastico, 127; Cantica, 124; Genesi, 105. Gli altri libri 
offrono un numero di testi inferiore a 100 (p. 15* ss.; 122*). 

Però il compositore liturgico ricorse talvolta anche fuori della 
S. Scrittura, ai Padri della Chiesa ed ai poeti cristiani. Così 
ad esempio troviamo il communio Frumentum ChrisH sum di 
S. Ignazio, il versetto Senex puerum portdbat, l'usitatissima 
antifona S, Maria succurre miseria che leggiamo in sermoni 
attribuiti a S. Agostino, l'introito Salve aanda parens di Se- 
dulio ed altri parecchi. Il revtìio A. non volle omettere questi 
canti venerandi, e sebbene non appartengano propriamente ai 
Carmina Scripturarum, ne diede l'elenco ift una speciale ap- 
pendice. Forse per la stessa ragione di veneranda antichità 
avrebbe potuto tener conto altresì delle offlciature, prese dagli 
Atti dei Martiri, come sono quelle di S. Lorenzo, di S. Martino, 
di S. Lucia, di S. Cecilia, di S. Clemente, di S. Agnese, di 
S. Agata ; ma non ne dà alcun riscontro e neppure ne dice 
mai verbo. Inoltre sarebbe stato opportuno, a piena interezza del- 
l'opera, il raccogliere insieme, sia pure citando sommariamente, 
i pochi testi rimanenti che non possono essere collocati nelle ca- 
tegorie accennate, o perchè finora l'A. non ne ha trovato il ri- 
scontro o perchè sono di composizione interamente libera. Tali 
ad esempio sarebbero il principio del grande responsorio Aspi' 



NELLA LITURGIA 77 

ciena a lange per la prima domenica dell'Avvento *, varie parti 
deirofflciatura di S. Elisabetta regina di Portogallo, il versetto 
Dignare me laudare te^ le grandi antifone mariane e simili. 

Le principali questioni che quest'ammirabile lavoro compa- 
rativo viene di mano in mano suscitando, sono trattate dal 
revflio A. con particolare competenza negli undici capitoli del- 
l' Introduzione (p. 1*-135*). Peccato che siano scritti in lingua 
tedesca e non in latino, come il resto del volume! Ne spigo- 
leremo alcuna cosa, sia per migliore conoscenza dei libri liturgici 
che abbiamo continuamente alla mano, sia particolarmente per 
quei documenti che se ne ritraggono intorno alla composizione 
tradizionale di un'offlciatura liturgica. Gli antichi vi si attene- 
vano assai scrupolosamente; ma i compilatori più recenti di 
messe ed ofBcii e perfino gli stessi correttori, incaricati a più 
riprese nei secoli scorsi della riforma del messale e del breviario, 
non vi badarono gran fatto, non certo per negligenza o disprezzo 
delle regole, ma semplicemente perchè se n'era perduta ogni me- 
moria. Oggi codeste regole si vanno di nuovo raccogliendo ed illu- 
strando * e quel che più monta si procura di metterle in pratica, 
per quanto è possibile, nelle riforme che ora si stanno allestendo, 
ad esempio in quella dei libri liturgici gregoriani, dove la cor- 
rezione del testo letterario diviene necessaria per bene ristabi- 
lire l'antica melodia gregoriana. Sotto questi rispetti l'opera di 
mons. Marbach giunge molto opportuna e serve di sussidio im- 
pareggiabile. 

Percorrendone le pagine, si scorge subito che non tutti i 
testi liturgici rispondono alla lezione della nostra bibbia Vol- 
gata. Com'è noto, quando S. Gerolamo fornì questa nuova lezione 
latina, non si vollero toccare i testi già in uso nella liturgia, 
particolarmente quelli della messa, che seguivano lezioni più 

^ Sebbene VAspiciens a long» sia composto assai liberamente, vi si 
sentono però le allusioni scritturali (Cfr. Hebr. XI, 13; Eccli. XXIV, 6; 
Matth. XXV, 1* Lue. VII, 19 etc.). 

* Cfr. A. Grospbllier, Eiudea sur les textes liturgiques (Rev. du chant 
grég. 1905 p. 119); De introitihus missarum (Ephem, liturgicae 1907, 
p. 27) ; De prophetiarum et episiolarum lectionibus in missa (ib. p. 345) — 
A. De Sakti, TI Cursus nella storia letteraria e nella liturgia (Roma, Be- 
fani, 1903), dove sono minutamente illustrate le regole tradizionali per la 
composizione metrica delle orazioni liturgiche. — V. Maurice. La revisione 
del testo liturgico delle parti di canto (graduale) al XV e X VI secolo 
(Boss, gregor, 1905 e. 49, 107). — P. Piacenza, De textu Labri gradnalis 
novae editionis vaticanae (Ephem. liturg, 1907, p. 51, 599). 



78 I « CARMINA SCRIPTURARUM > 

antiche, massimamente della cosiddetta Itala, cioè della prima 
versione della bibbia, latta nel secolo 11; cosi rimasero sino 
a noi, e non è più lecito di modificarii od alterarli e molto meno 
di ridurli per intero alla lezione Volgata. Pio V volle rispettata 
Tantica costumanza nella riforma del messale dopo il Concilio 
di Trento, e Clemente Vili nella Bolla Cum sanctiasimutn del 
7 luglio 1604 consecrò per sempre la regola tradizionale, con- 
dannando coloro che s'erano arditi di cangiare i testi del messale 
[>er uniformarli con quelli della Volgata e ridare unità di testo 



lUa salmodia della messa e dell'ofiìcio ^ 



Al qual proposito è da notare che la prima ccMrrezione del 
salterio, fatta da S. Gerolamo nel 383, conserva il testo del- 
l'antica Itala, salvo lievi ritocchi, e forma il cosiddetto psal- 
lerium romanum, introdotto subito da Papa Damaso nella li- 
turgia della messa e delle ore canoniche. Più tardi però S. Ge- 
iolamo intraprese una seconda correzione del salterio, accolta 
anzitutto nelle Chiese della Gallia e designata perciò col nome 
ili psalterium gallicanum. Il testo dei salmi che leggiamo oggi 
nella Volgata è appunto quello del psalterium gaUicanum, che a 
poco a poco passò dalle Gallie nell'uso comune delle altre Chiese, 
non però per la salmodia della messa, ma solo per quella delle 
ore canoniche ^ Esso penetrò anche in Roma, ad eccezione della 
basilica di S. Pietro, dove i canonici, fermi alla più antica tra- 



1 Dopo avere ricordato la 8oUeeita cura del Romani Pontefici per re- 
stituire il messale romano ad veterem et emendatiorem normam, Gle- 
inente Vili si lagna fortemente, cheprogre&8u temporis, Bive typographorum^ 
aive aliorum temeritas et audacia effecii, ut multi in ea qui in proxi' 
tni^ annis excusa aunt missalia, errores irrepserint, quibus vetustissima 
fifa sacrorum BihUorum versio, qtiae etiam ante S. Hieronymi tempora 
relebris habita est in Ecclesia, et ex qua omnes fere Missarum Introitus 
f^t quae dicuntur Gradualia et Offertoria accepta eunt, omnino eublata 
est.. Cuius rei pretextus fmisse videiur, ut omnia ad praeacriptum #a- 

< iorum Bibliorum vulgaiae editionis revooarentur ; per la qualcosa, per 
ìik pastorale sollecitudine, qua otnnibus in rebus oc praecipue in sacris 
Bcdesiae ritibue oplimam eamque veierem normam studemus tu&ri, proir 
tiìeoe severamente tutti i messali cosi alterati e vuole siano restituiti uni- 
rormemente alla loro propria ed antica leaione. 

* Un esempio curioso nelle nostre ore canoniche è quello del salmo 94 
Vanite exultemus. Lo recitiamo ogni giorno in principio del mattutino se- 

< ondo la lezione del psalterium romanum, mentre nel 8<^ notturno deU*Epi- 
fania il suo testo è preso, come di regola, dalla Volgata. La ragione dovrà 
^enza dubbio cercarsi nella popolarità della più antica lezione. 



NELLA LITURGIA 79 

dizione, vollero mantenere in tutta rofiSciatura rantieo psalte- 
rium romanum e lo mantengono ancora ^ 

La prescrizione di Clemente Vili riguarda propriamente la 
parte delle versioni più antiche già introdotte nella liturgia. 
Per la qual cosa rimase facoltativo di prendere dalla Vol- 
gata i testi che occorrevano per le nuove messe, come già pa- 
recchi se n'erano presi prima di Clemente nei secoli antecedenti. 
Non può negarsi che V ideale deiruniformità liturgica richiede- 
rebbe che tutti i testi della Volgata fossero quivi ridotti alla 
antica versione e solo a questa si ricorresse da qui innanzi per 
le nuove compilazioni. Ma l'ideale trova spesso ostacoli nella 
pratica esecuzione, e primo e massimo ostacolo è quello che non 
esiste ancora un'edizione compiuta dell'Itala. Ad ogni modo, 
questo almeno può con ragione richiedersi, e ne conviene anche 
l'A. (p. 41*), che se un testo antico è già accolto nel messale, 
non si dehba ripeterlo in altra occasione secondo la Volgata* 
Ad esempio : nell'antifona al Magnificat e nella Comunione della 
domenica fra l'ottava dell'Epifania si legge secondo l'antica 
lezione: ego et pater tut^\ invece nelle oflSciature più recenti 
della Santa Famiglia e di S. Giuseppe si legge secondo la V ol- 
^ta: pater tutta et ego. 

Non di rado incontrano differenze di altro genere e quasi 
.sempre nelle officiature più recenti. Il lihro del Marhach le 
mette di necessità tutte in mostra l'una sotto l'altra, onde tor- 
nerebbe oramai facilissimo il correggerle, se cosi si credesse. 
Ad esempio l'antifona : Quare ergo rubrunt est indumentum 
tnum et veatimenta tua, sicut calcanUum in torculari? è presa 
alla lettera da Isaia (LXIII, ^) pei vesperi del Preziosissimo 
Sangue e ricorre poi altre tre volte: nei vesperi della S. Co- 
lonna, nei mattutino delle SS. Cinque Piaghe ed in quella della 
S. Sindone, ma sempre diversamente. Nell'una è detto et ve^ 
«timentum iuum^ nell'altra è tralasciato Vergo, nella terza è 
tralasciato quare ergo, cadendo insieme la forma interrogativa 
del testo scritturale. Parrà cosa di poco momento ; ma trattan- 
dosi di liturgia si deve procedere con qualche motivo in ogni 
menomezza, e qm non se ne scorge proprio nessuno. Si con- 
sideri che il compilatore deve avere innanzi agli occhi che scrive 
UQ testo il quale dovrà essere cantato nelle funzioni liturgiche. 

^ I canonici di S. Pietro neppiire accettarono la riforma degli inni ec- 
elesiastiei, fatta da Urbano Vili, e continuano a cantarli nelF antica loro 
lezione. 



80 I « CARMINA SCRIPTURARUM » 

Or se r identico testo di un introito, di un graduale, di un of- 
fertorio, di un'antifona, ricorre più volte, dovrà essere più volte 
cantato, ma sempre, almeno di regola ordinaria, con la stessa 
melodia. Quando dunque il compilatore, ripetendo uno stesso 
testo, ora toglie ed ora aggiunge parole e sillabe, che si farà 
delle note o superflue o deficienti della melodia ? 

Col dire tuttavia che un medesimo testo deve essere ripe- 
tuto secondo una medesima lezione e sempre uniformemente, 
non si toglie la libertà al compositore liturgico di adattare pel 
primo il testo scritturale in maniera più conforme allo scopo 
suo. In questo gli esempii delle antiche oflBciature sono molti 
e bellissimi. Si aveva allora costantemente un duplice ri- 
guardo: anzitutto al canto pel quale i testi erano destinati, 
poi air intrinseca nobiltà e bellezza della poesia liturgica. Pren- 
diamo le comuni antifone. Non basta mettere giù alcune parole 
come vengono ; convien riflettere che l'antifona ha una melodia 
semplice sì, ma soavissima, opportunamente divisa in treo quattro 
brevi emistichii, quasi fossero piccoli versi ; e però il testo che le 
si presenta dev'essere breve, così suddiviso, con accenti bene di- 
sposti, perchè diano un ritmo scorrevole e spontaneo. Sia ad 
esempio da adoperare come antifona il passo Lue. IV, 40: Omnes 
qui habebant infirmos varila languoribus ducebant illoa ad eutn. 
Ai ille 8inguli8 manus imponens curaòat eoa. Assai probabil- 
mente un recente compilatore prenderebbe il testo così com'è 
e lo porrebbe nel breviario, come si è fatto nell' intera officia- 
tura di S. Giuseppe con simili testi presi alla lettera dal Van- 
gelo. L'antico estensore invece, dovendo scrivere l'antifona al 
Magnificat per la feria V dopo la terza domenica di quaresima, 
rimaneggiò il testo di S. Luca in questo modo : Omnea qui ha- 
bebant infirmoa, ducebant illoa ad leaunt, et aanabantur ; tre 
piccoli membri, con ottima disposizione ritmica di accenti ed 
una chiusa veramente solenne, invece del più prosastico curabat 
eoa. Un altro esempio tra i citati dall' A. (p. 38*) è l'ammirabile 
communione nel sabato dopo la 3* domenica di quaresima, tutta 
brevità, dramatismo ed efficacia poetica: Nemo te condemnavit 
mulierP Nemo Domine, Nec ego te condemnabo: iam amplius 
noli peccare (Cfr. Io. Vili 10, 11). 

Dove però gli antichi liturgisti dimostrarono maggiore abi- 
lità si fu nella composizione dei responsorii dopo le lezioni. 
Specialmente in argomento storico è necessario saper rimaneg- 
giare con avvedutezza il testo biblico, anche per le ripetizioni 



NELLA LITURGIA 81 

che ricorrono dopo il versetto e dopo la dossologia, le quali 
devono essere disposte in modo, che per lo meno non diano 
un senso illogico col versetto e soprattutto non urtino col Gloria 
Patri che segue o precede. Il revtìio A. non tralascia d'indi- 
carne alcuni meno felicemente disposti, anche tra* più antichi, 
come ad esempio il responsorio S" nella 3* domenica di qua- 
resima: Rever»u8qus Ruben,., scidit vestimenta sua et dixii: 
Gloria Patri etc. Fuer non comparet et ego quo ibo ? Così pure 
il responsorio 7° nella festa della Purificazione: Senexpusrum 
portabat... Gloria Patri etFilio et Spiritai saneto. Quem virgo con- 
cepii, virgo peperit eie. (p. 82*). Ma forse l'autore avrebbe potuto 
notare a scusa degli antichi che la dossologia fu introdotta nei 
responsorii soltanto nel secolo IX \ la quale cosa trasse con sé 
un'alterazione nel modo primitivo di disporre e suddividere le 
varie parti del responsorio e quindi anche qualche incongruenza 
nel senso. 

Mons. Marbach si estende largamente nello studio dei respon- 
sorii, come pure delle altre singole parti della messa e deiroflScio, 
determinando per ciascuna il carattere proprio e la forma tra- 
dizionale e spesso abbandonandosi ad osservazioni e conside- 
razioni molto utili di estetica liturgica. Non diciamo che la 
prefazione non abbia bisogno di essere qua e colà meglio com- 
piuta, specie per la parte storica, e forse anche meglio disposta 
e proporzionata; ma è certo che lumeggia assai bene la pre- 
ghiera della Chiesa e richiama l'attenzione del lettore sopra 
tante bellezze della nostra liturgia, che spesso non avvertiamo, 
per l'uso continuo, od anche perchè le mutate circostanze 
tolsero ad alcune parti della liturgia quello splendore che eb- 
bero in altri tempi. Ma la bontà loro intrinseca rimane pur 
sempre, e lo studiarla ed il rendercela familiare ed il farla co- 
noscere ai fedeli sarà tanto di guadagnato per la pietà nostra e 
per riaccendere in altrui un più vivo amore alle sacre funzioni. 
Chiudendo l'opera Carmina Scripturarumj sentiamo più in- 
timamente la verità di quei versi del Cathemerinon di Pruden- 
zio, citati qual motto dal revtho Autore: 

Te mente pura et simplici, 
Te voce, Te cantu pio. 
Rogare curvato genu. 
Fiondo et canendo discìmus. 

^ Amalabii De ordine anfiphonarii, cap. 1 : « Priscis temporibus non 
eantabatur Gloria post versum, sed repetebatur responsorium... A modernis 
Tero apostolìcis additus est Hymnus post versum » (Migne P. L. GV, 1247). 

1908. voi. 1, fase. 1381. 6 28 dicembre 19€7. 



82 LA « STORIA de' PAPI > 

IH. 

La 4c Storia de' Papi » di Lodovico Pastor. 

L'opera gigantesca di Lodovico Pastor pix)cede innanzi di gran 
passo. Nel corso di un anno appena riusci egli con la sua in- 
stancabile attività a pubblicare un grosso volume di ben 1400 
pagine *. Quale ingente lavoro vi adoperasse intorno si potrà de- 
durre anche solo dairaoiplissimo registro delle opere più fre- 
quentemente citate (p. XXVII-XLVII), mentre la serietà e pro- 
fondità del suo metodo di studio si può raccogliere dalla lista 
dei 92 archivi e biblioteche da lui consultate e dalla scelta di 
150 documenti inediti pubblicati nelle appendici, oltre le nu- 
merose note che accompagnano il testo, dense di materia e di 
sostanza sempre importante. 

Or tutto codesto materiale non è una massa inerte, senz'a- 
nima e senza vita, si bene corre innanzi con una narrazione piena 
di brio e di vigore, ove splendono un pensiero sempre strin- 
gato e nondimeno lucido e chiaro, giudizii equilibrati, belle 
descrizioni, e quadri condotti con arte e finezza plastica. 

Ed il Pastor scrive storia vera. Non si propone punto di 
tracciare dei suoi eroi un quadro, come direbbesi, d'impres- 
sione e di eflfetto; così pure è ben lontano anche ne' giudizii 
più severi, da quel fare altezzoso, dietro cui pur troppo assai 
spesso si nasconde, una mal repressa irriverenza, Vodiumpapae. 
« Non abbiamo paura della pubblicità dei documenti », ebbe a di- 
chiarare nel 1884 Leone XIII ad una schiera eletta di studiosi catto- 
lici di storia ; la migliore difesa del papato è l'esposizione della sua 
storia reale, anche quando sopra questo o quel pontefice in par- 
ticolare dovessero gittarsi ombre profonde. Anche nel presente 
volume, che tratta della fine della rinascenza e dei gravissimi 
avvenimenti della cosidetta riforma, il Pastor ha seguito since- 
ramente e lealmente codeste norme fondamentali, come gli è stato 
riconosciuto dagli stessi studiosi di parte contraria. 

Né però il eh. autore perde mai di vista il suo concetto 
strettamente cattolico. Per appunto il grandioso ideale del pa- 

* Ludwig Pastor. Geschichie der Patiste seit (lem Ausgang des Mittel- 
altcrs. IV Band. Geschichie der Pflpste im Zeitalter der Renaissance und 
der Glattbensspaltung von der Wahl Leos X. bis sum Tnde Clemens' VII. 
(1513-1534). 1. Abt. Leo X; II. Abt. Hadrian VL umì Clemens VII. Frei- 
burg i. B., Herder, 1906-1907, 8^ XVIII-609; LXVIl-799 p. 



m LODOVICO FASTOR 83 

pato^ che gli sta sempre^ mnanai agli cechi, FobUiga tal 
Tolta a dare di qualche pontefice uà giudizio, che ranimo cat 
ioUco iK)n può rìpeteipe se non con raHimarico, e la penna ncm 
sa registrare senza rincrescimento. Al contrario si ravvisa subito 
la sua gioia, quando sulla fede dei documenti gli riesce di 
sgombrare la via dalle pietre non poche, che sulla Chiesa e sul 
papato ebbero a gittare gli studiosi oaaleyoli, o certo meno cono- 
scenti deUe reali condizioni storiche delFuna e dell'altro. 

In particolare il Pasto? mantiene in principio .la legittimità 
dello Stato e della Chiesa» Qual^ contrasto con te declamazicmi, 
ad esempio, di un Gregorovius, contro il potere temporale, det- 
tate sempre da cieco fanatismo partigiano 1 E sebbene qua e colà 
i mezzi adoperati talvolta per condurre ad effetto certe imprese, 
diano occasione a qualche dolorosa riserva, esse però appaiono 
Bella loro sostanza perfettamente giustificate. 

L'autore non si propose d' investigare lo svolgimento interno 
€ psicologico di un Leone X, di un Adriano VI, di un Cle- 
mente VII ; invece mette innanzi 11 loro carattere, già bello ed 
improntato, come appare alla luce dei documenti originali da 
lui studiati, ritraendoli con le loro parti buone o cattive, con le 
loro qualità favorevoli o perniciose all'adempimento del loro alto 
e delicato officio, e presentandoli con ogni vivezza entro il quadro 
delle condizioni del loro tempo, in tutte le loro attinenze e con 
rispetto all' intera civiltà di allora, specialmente degli stati ita- 
liani. A volte essi imprimono il movimento, a volte sono come 
trascinati e portati via da correnti impetuose. 

Come ben s'intende, non possiamo qui seguire 1 singoli pnv 
cessi storici, le cui numerose vicende il Pastor con la sua arte 
propria va suddividendo e descrivendo con delicata finezza. Le 
singole lotte mondiali durante i conclavi, che ricevono una luce 
interamente nuova, massime dalle relazioni degli ambasciatori ; 
^ avvenimenti che condussero all' incontro in Bologna di 
Leone X con Francesco I; la guerra pel possedimento di Ur- 
bino, nella sostanza legittima, ma deplorabile nelle circostansoe; 
la congiura del cardinale Petrucci; l'ardente entusiasmo di 
Leone X per la crociata nel 1518, la quale dovette passare in 
seconda linea a cagione delle complicate ed in parte egual- 
mente deplorabili trattative per relezione ad imperatore di 
Carlo V ; lo scoppio della riforma protestante in Germania ma»^ 
slrevolmente descritta, la cpiale non può certo giustificarsi in 
alcuno modo, ma pure può essere spiegata dallo stato degli 



8i LA « STORIA de' PAPI » 

animi io tutta l'Europa media e pur troppo eziandio, almeno 
in parU», dai gravi disordini che allora si ebbero a lamentare 
nella Cìiiesa, nella stessa Roma, centro della cristianità, e nella 
corte papale; poi la convenzione di Leone X con Carlo V; l'in- 
terna aUività ecclesiastica sotto Leone X, trascurata alquanto, 
ma pure non priva d'importanza; inoltre i tentativi di seria 
riforma del nobile Adriano VI, il quale, dotto per sé solo, non 
iutesD e non sostenuto dai suoi familiari, e tenendo troppo poco 
iu conto il carattere di quanto lo circondava, si vide dalla forza 
delle circostanze e contrariamente ai suoi principii trascinato a so- 
stenere la lega imperiale; l'unione di Clemente VII con Carlo V, 
poi con Francesco I, e il conseguente sacco di Roma; la prigionia 
del papa in Castel S. Angelo; il suo accostamento a Carlo V; le 
trattative perpetuamente contrastate a motivo della convocazione 
di un concilio generale; in fine la perdita dei regni settentrionali 
ed il ribollimento nel mezzogiorno — tutti questi sono avveni- 
menti (l'importanza mondiale, che il Pastor descrive maestrevol- 
mente ì^opra un fondo storico contemporaneo, messo insieme 
con infinita accuratezza, dove tutte le persone dalla prima al- 
1 ultima e le condizioni civili nel loro complesso vengono ri- 
tratte sulla fede d'irrefragabili documenti. 

Non poteva mancare un'ampia descrizione, fatta con vero 
amore, dell'attività scientifica, letteraria ed artistica dell'epoca 
medìcea, cbe comprende creazioni immortali, le società di ar- 
tisti e di dotti, in ispecie le relazioni di Leone X con Raffaello 
e dì Clemente VII con Michelangelo. In più di un punto il 
eh. autore ha passata la nostra aspettazione, sebbene qua e 
colà riruarranno ancora diversità di opinioni. 

Noteremo qui alcune cose di maggiore importanza. Rispetto 
alla que^itione, in qual misura Leone X siasi lasciato guidare, 
nei provvedimenti politici, dai riguardi verso la sua famiglia, 
non si può rispondere con assoluta certezza nel presente stato 
deir in\ estigazione storica. Sembra nondimeno che Leone X sia 
stato Rssai più ritenuto di quello che finora si credeva sulla 
fede de' suoi contemporanei. In vero, come già ebbe a notare 
il Ni ti, pare che nella mente di Leone prevalessero interessi 
più generali: come dire, la tradizionale politica dei papi di non 
permettere che Napoli e Milano cadessero nelle mani di uno 
stesso principe, la stabilità e l'ingrandimento dello Stato della 
Chiesa, in fine l'amore di patria come allora concepì vasi nella 
formola della libertà d'Italia. 



DI LODOVICO PASTOR 85 

II pensiero di Leone X rimase costantemente rivolto alla 
crociata. Raffaello stesso vi allude nell'affresco della battaglia 
di Ostia e nella Trasfigurazione. La tetterà che Leone X spedi a 
tutti i principi d'Europa esprime ancora, sebbene alla vigilia 
di una nuova èra, l'idea medioevale della solidarietà di tutti 
gli stati cristiani nella guerra contro gli infedeli. Sempre affan- 
nosamente sollecito per l'indipendenza della S. Sede, Leone X 
combattè fino all'ultimo l'elezione di Carlo di Spagna ad impe- 
ratore tedesco. 

Se ad alcuno può forse sembrare troppo ampia la parte dal 
Pastor consacrata alla riforma protestante, ov'egli tocca delle 
sue cause, del suo primo scoppiare e della forte lotta di oppo- 
sizione da parte della Chiesa e dello Stato ; bisogna per altro 
capo convenire che questo periodo di storia è gravissimo a 
cagione delle conseguenze che recò la riforma sull' intero ordi- 
namento storico delle Chiese e degli Stati di Europa. Forse 
anche il eh. A. ebbe riguardo speciale al comune dei lettori 
fuori di Germania, i quali non cosi facilmente possono avere 
alla mano l'immensa ricchezza letteraria che gli studii storici 
del periodo della riforma produssero in Germania. 

Con la soppressione della prammatica sanzione francese, 
ottenuta a Bologna in occasione dell'incontro con Francesco 1 
e solennemente promulgata nel Concilio lateranense, venne ter- 
minata in favore della S. Sede una lunga lotta di ottant'anni 
contro.tendenze scisnaatiche; « senza codesto concordato sarebbe 
avvenuta senza dubbio la separazione da Roma della Chiesa di 
Francia »; ma tale risultamento fu comperato a forza di così 
grandi sacrifizii — il diritto di nomina concesso alla corona — 
che quasi quasi il pensiero ricorre mestamente alla vittoria di 
Pirro. 

A Leone X mancavano il coraggio, la grandezza, la profon- 
dità dei suoi predecessori ; non era egli l'uomo meglio acconcio 
a mettere in esecuzione i salutari decreti del concilio latera- 
nense; non riuscivano a farsi strada neppure i tentativi e le serie 
proposte di riforma messe innanzi da nobili personaggi, e non 
ultimo impedimento era l'esempio della corte romana. Con un 
ottimismo senza pari Leone X guardava il futuro senza punto 
prendersene pensiero, e s' ingannava interamente intorno alla 
condizione delle cose che pure si mettevano serie assai. I nego- 
ziati politici lo occuparono con sempre maggiore intensità; e 
però gli affari ecclesiastici trascurò malamente e talvolta pospose 



86 LA ^ STORIA de' I>API > 

uì toin|K)rali. « Molti erano di opinione che la Chiesa si trovasse 
i\ THiI partito, poiché il suo capo si dilettava di giuochi, di 
musica, di caccia, di oomfhedie, aneichè pensare ai bisogni del 
jfri'irtf"* *^ piangere la sua ^isgraaia >. Scoppiò finalnjente in Oer* 
Ulti n il ([ nella tempesta, a scongiurar la quale sarebbe dovuto 
inMHiìsi sulla Cattedra dì S. Pietro, non un principe della Gasa 
dv\ M^^ilicL, ma un Gregorio VII. 

Iii'l i^sto Leone X personalmente era pio, di retti costumi e 
^;nniih'fjunite caritatevole, accorto, amabile nella conversazione; 
vonw politico era prudente, ma incerto, doppio, chiuso, duro. 
l*rninnsH^ sì le scienze e le lettere, ma si devono dire esagerati 
^rli vU\\n che gli si diedero; invece il suo tieVo per Varie produsse 
Il atti niei^lio duraturi, sebbene egli non raggiungesse Timpor- 
1 «11/^1 ili an Giulio IL Egli non fu avvelenato, sì b«ie morì di 
si^nplii'i' malaria. 

A'iriaiio VI nel breve suo governo di un anno e mezzo, non 
riiHri a riparare quei gravi danni che un secolo e mezzo areva 
ii('( uiniilato. Ma gli resta sempre il merito immottale d'essere 
t^\z\\ sialo il primo a mettere il dito sulla piaga con eroico co^ 
raj^u'ìi^ 1^ ad indicare ai posteri la via da seguire. 

I IrMtiente VII era moderato, sobrio, pio, amico delle lettere 
r iH\v arti; e contuttooiò il suo pontificato è nno dei più in- 
MU'Ì iÌM* ricordi la storia. Il sacco di Homa, la prigionia del 
(wm,u la triste sorte da lui procurata a Firenise sua città natale, 
li» htiHM^) dalla Chiesa di una terza parte di Europa, e quindi 
bi hìUiiru di quel legame che nonostante tutte le lotte poli- 
1itlu\ nazionali e sociali, aveva mantenuti insieme i popoli cri- 
?.hiMu; questi erano i quadri tristissimi che si affacciavano alla 
^sfii*-* guardo di Clemente VII. La cagione principale di tante 
sci*tiimv è pur troppo da ricercare nelle incertezze e nella man- 
i,iiiii^4 iti energia di Clemente VII. Perdette subito il coraggio e 
si U\^^^\à si^ìvolare >ia il timone dalle mani. Quanto uno spirito 
vtTiiniriite principesco, come quello di Giulio II, pieno di ardita 
U*rmi*fj^ e di forzii erculea avrebbe potuto ideare, a fine di diri- 
v'H» riUUa nella lotta coutvo il dominio degli stranieri e strap- 
(Mf^ \{ p;)pato dulie strette in cui tentava ridurlo la potenza 
lfV<*Hi1ÌLile della Spasrna, non poteva dav\-ero riuscire ad un uomo 
llii'i^rltìv pusillanime e di piccolo cuore, quale era Clemente VII. 
\iiTi M «leve però qui tralas^Mar di notare, che se il pontefice 
l^'nli'tìi* presto il cofaJ^^o, lo ritrovìS poi nel sostenere con di- 
sili U Ili sua disgrazia; sarebbe ingiusto di prendere la figura 



DI LODOVICO PASTOR 87 

gigantesca di un Giulio li a stregua assoluta di un pontificato; 
ed al postutto se Clemente VII non era pari ai gravissimi do- 
veri che quei tempi difficilissimi esigevano, la disgrazia nondi- 
meno che piombò sulla Chiesa durante il suo pontificato, aveva 
il suo fondamento in cause anteriori al governo di lui. 

L'A. nel conchiudere ricorda i molti inizii di riforme eccle- 
siastiche, che contenevano i germi di un avvenire migliore. Au- 
guriamo che gli sia concesso di descriverci questo migliore av- 
venire con pari scienza e nobile forma nel seguito della sua 
storia impareggiabile. 



:bi:bi:^ioo:r.a.im.à 



L'idée du livre inspìré. Bruxelles, Sche- 
L. 1,25. Si vende presso il Deposito di 

zione lungo i secoli; da prima se- 
condo r Antico Testamento ; indi se- 
condo il Nuovo e secondo le dot- 
trine dei Padri; appresso, nei teo- 
logi cattolici fino al concilio di Tren- 
to, nei protestanti fino ai giorni 
nostri, e da ultimo nei teologi cat- 
tolici dopo il concilio di Trento fino 
alle più recenti controversie. È que - 
sta dunque un'operetta di recensione 
insieme, d'informazione e di critica, 
utiUssima agli studiosi. Con essa tutti 
potranno applicare nelle moderne di- 
scussioni la regola giuridica di ogni 
tempo : audiatur et altera pars. 
A. J. DELATTRE S. I. — Le Criterium à V usage de la nouvelle 

exégèse biblique. Réponse au R. P. M. J. Lagrange. 0. P. Liège 

DesBain, 1907, ir, p. 88. 



L. MECHINEAU S. L - 

pens, 1907, 8^» 124 p 

libri. Via del Seminario, 120. 

È una storia ben accurata e una 
analisi acuta, penetrante, quella che 
che fa qui U eh. autore, dell' idea più 
vitale e feconda di tutta l'esegesi 
biblica, cioè deU'idea stessa di libro 
ispirato: storia ed analisi che egli 
£&, non solo esponendo ma chiarendo 
e compiendo in non pochi punti e 
talora anche rifiutando ciò che ne 
dissero, fino ai nostri giorni, gli 
scrittori più noU. Così il eh. pro- 
fessore di Scrittura, nell'università 
Gregoriana, ci mette sott'occhio, a 
grandi tratti e rapidamente, lo svol- 
gersi successivo dell'idea d'ispira- 



La genesi di questo opuscolo non è 
da dissimulare, massime dopo le esor- 
bitanze dettene dal sac. Minocchi ul- 
timamente. Nel 1903, il R. P. Lsr 
grange pubblicava il suo volume as- 
sai noto : La méthode historique sur» 
toutàpropos de V Ancien Testament 
L'anno appresso, il R. P. Delattre 
confutava tale opera col suo libro 



non meno conosciuto: Auiour de la 
question Biblique. Une nouvelle école 
d'éxégése et les autorités qu'elle in- 
voque. Non guari dopo un opuscolo 
— il quale non fu messo in com- 
mercio per motivi che a noi non oc- 
corre spiegare — andava attorno per 
Roma e altrove, sotto questo titolo : 
Bolaircissement sur la Méthode hi- 



88 



BIBLIOGRAFIA 



storiqiie, àpropos d'un livredu R, P. 
Dslaftre S. L. pur le P. M. J. La- 
grange, dea F/'ères PrC'cheura, con- 
sulteur de la Commission Bihliqiie, 
Ora a quest'opuscolo appunto ri- 
sponde ioti ne il P. Delattre. 

Non è poBsibile esporre qui il 
tenm ài que=ìta importante contro- 
versia fra due consultori della Com- 
missione bìblica, i quali si direbbe es- 
sersi intesti a giustificare la defini- 
zione data dei consultori stessi dal 
recente Mofu proprio del 18 novem- 
bre 1907 : • e dootis scientia theologiae 
Bibliorumque Sacrorum delecti. na- 
Uooe varlì, siudiorum exegeticorum 
mei h odo atqiie opinamentis dissimi- 
los ^ . Ma non si potrà meglio cono- 
scere rin tento dell'autore che da que- 
ste sue parole: € V Eclaircissement 
ci tira in una faccenda troppo lunga. 
Ma perchè del nostro silenzio si abu- 
sava in alcuni circoli e in altri per 
questo moti?o se ne moveva lamento, 
noi ci slamo appigliati ad un termine 
di mezT^o. Restringeremo il nostro 
esame ad alcune pagine dell' Eclair- 
cJ^itefnt'nt, e lo citeremo largamente. 

Dr, J. HEJCL, Prof, an der theol 



Sceglieremo le pagine più importanti 
e quelle che al tempo stesso pare corri- 
spondano meglio al titolo deiropuseo- 
lo. Il R. P. Lagrange si è immaginato, 
e si vedrà su quale fondamento, che 
gli scrittori biblici non iscrivano sem- 
pre per essere creduti. Ma quando 
essi esigono credenza? V Eclaircis- 
sement dà la risposta in forma di 
criterio a u?o della nuova scuola 
per la i nterpretazione generale della 
storia biblica ed evangelica. Come il 
R. P. Lagrange, per la forza delle 
cose, arrischia tutto su questo suo 
criterio, su questo appunto è forza se- 
guirlo ». {Le criterium, p 15). E ciò 
avviene di fatto : il criterium messo 
innanzi dal P. Lagrange vi è discus- 
so, criticato, confutato in tutte le sue 
parti. 

Noi non entreremo più avanti 
nel l'analisi di questo libretto corag- 
gioso. Ma possiamo ben dire ai no- 
stri lettori che è molto attraente, 
vivo ed elevato : né manca della nota 
gaia; ma sopra tutto ci fa gustare 
una scienza solida, una dottrina sana 
e pura. 

. Lehranstalt in Kòniggratz. Das 



altt està mentii che Zìnsverbot im Lichte der ethnologischen Juris- 
prudenz Bowie des altorientalischen Zìnswesens (Bìbl. Studien. 
Xn, 4). Freiburg i. B. Herder, 1907, 8^ VIII-98 p. M. 2,80. 



Donde hanno attintogli ebrei le 
loro opinioni in tomo al censo ed 
all' usura f Taltì questione viene qui 
eianiinata con ogni diligenza ed ec- 
cone brevemente la conclusione: non 
te attinsero dai babilonesi o dagli 
assiri, presso e quali era diffuso un 
sistema assai complicato di censo, di 
capitalismo e di usura; si bene il 
divieto del censo (interesse) dato 
neir Antico Testamento si fonda nel- 
l'obbligo naturale di venire in aiuto 
dei propri connazionali in tutte le 
loro dilfìcoM. Così considerato, quel 



divieto è antichissimo ed antecedente 
alla legislazione mosaica. Nella so- 
stanza altro non è che un'espressione 
della giurisprudenza etnologica; ma 
ciò che costituisce il suo valore mo- 
rale è l'alto motivo che lo guida: il 
timore di Dio e non il guadagno, la 
misericordia verso il fratello biso- 
gnoso e non il ricco frutto del capi- 
tale devono essere i motivi del pre- 
stito. Tale altezza di valore morale 
si rende ancora più chiara dalla cir- 
costanza, che la legge prescrive per- 
fino con quale spirito interno e con 



STUDI BIBLICI 



89 



quale atteggiamento si deve fare il 
prestito: «astienti dal gittare uno 
«guardo maligno sul povero tuo con- 
nazionale — nel dare non devi essere 
4l*animo increscioso » (Deut. XV, 9'^ 
secondo la lezione ebraica). 

L*antica legislazione ebraica è 
contenuta in Exod. XXII, 24; Deut. 
XXIII, 20-21; Lev. XXV, 36-37. D 
-commento del eh. À. a questi passi è 
<degnodl essere attentamente studiato, 
poiché dimostra il progressivo svi- 
luppo dell' istituzione (p 64 ss.). 
Permettendo di ricevere il censo da- 
gli stranieri si eliminava ogni peri- 
colo economico nel commercio degli 
israeliti; Fuso infatti di dare ad in- 
teresse ebbe origine dal commercio e 
•dal traffico. In particolare si notino 
le osservazioni intorno alla voce 
ebraica tarbU (p. 83 ss.) nel senso 
di aumento di somma o di pagamento 
aggiunto e di multa convenzionale 
<p. 89). Finora il senso comunemente 
ammesso era quello di un censo in 
natura; ma è ora dimostrato chiara- 
mente che tanto non basta. Molto 
interessanti sono i numerosi testi 
delie iscrizioni cuneiformi intorno al 
esterna del censo presso i babilo- 
nesi e gli assiri (p. 22-56). Esistono 
scritture di molti contratti, che mon- 
tano su fino al terzo millennio e 
però ai tempi anteriori ad Abramo; 
il libro delle leggi di Hammurabi 
parla del censo, come di cosa uni- 
yersalmente conosciuta ed assai dif- 
fusa. L'antico diritto privato babilo- 
nese dà per consueto nei prestiti Tin- 
teresse del 20 ^o s® trattasi di dena- 



ro, del 25 ^ ,j-33 ^ q se di cereali (p. 35). 
Però s'incontrano interessi ancora 
più alti ; ad esempio per ^/^ mina si 
deve pagare ogni mese 4 schekel, 
cioè ogni anno 160 ^ o (P* ^1) In As- 
siria il contratto di prestito richiede 
la somma relativamente piO grande 
del 25 ^/o (p. 91). Le massime richie- 
ste vengono fatte per i prestiti sui 
tesori del tempio; vi ha l'esempio 
che per un prestito di tre mesi fu 
richiesta la metà, e però in un anno 
il 200 ^ (p. 55). La cosa andava di- 
versamente neirAlto Egitto; il pre- 
stito ad interesse vi fu introdotto 
legalmente soltanto nel sec. Vili da 
re Bolcchorìs, pel denaro il 30 *\„, per 
i cereali il 33 V/^ ^ o (p. 21); il tosso 
massimo cadeva sul prestito degli dèi 
vale a dire dei tesori del tempio ; si 
richiedeva il quadruplo del censo le- 
gale e quindi il 120 ^ o, rispettiva- 
mente il 133 V'3 ^'0 e per giunta nella 
cedola del debito si doveva ancora 
convenire sul!' inleresHe dell' interesse 
(p. 21). Il sistema a-^siro-babilonese di- 
mostra senza dubbio un alto grado 
di sviluppo nazionale-economico ; ma 
per rispetto al principio morale il 
popolo ebreo è in questo unico al 
mondo; nella letteratura assiro-babi- 
lonese non s'incontra mai il consiglio 
di prestore ai poveri nel nome di 
Dio (p. 95). 

Il libro che abbiamo brevemente 
esaminato è una prova eloquente 
della diligenza e della grande erudi- 
zione del eh. A. ed offre agli stu- 
diosi una vera ricchezza di notizie 
ed importonti dilucidazioni. 



Abbé A. CRAMPON. — Le Nouveau Testament de Notre-Seigneur 
Jésus-Christ traduit sur le texte origlDal avec ÌDtrodu<^tion, notes, 
divisìons logiques et sommaires. Paris-Rome^ Desclée, 1905, 8°, 
316 p. L. 2. 
La traduzione francese di tutto ginali dall'abbate Grampon è ormai 

la Bibbia condotto sopra i testi ori- conosciuto e giustamente pregiato in 



90 



BIBLIOGRAFIA 



Francia e fuori. Essa rende i mag- 
giori Bprvigi, segnatamente a quelli 
che per riscontrare Inesattezza della 
nostri! Volgata qualche volta un poco 
larga e anche qua e là difettosa, non 
po^^ono valersi, o con difficoltà sola- 
mente^ dei testi originali, greco ed 
ehraico. [ passi poi che potrebbero 



destare qualche difficoltà nelFanimo 
del lettore, vi sono chiariti con 
note molto assennate, molto dotte e 
sempre a notizia dei progressi degli 
studi biblici moderni. Con vivo pia- 
cere quindi raccomandiamo questo 
Nuovo Testamento, che è la seconda 
parte della Bibbia del Grampon. 



Abbé VERDUNOY. — L' Évangile Synopse. Vie de Notre-Seigneur. 



Commentaire. Parts, Lecoffre, 
Noi abbiamo in questa sinopsi la 
vita di Nostro Signore, tutta intiera 
comporta sui testi dei quattro Van- 
gBÌ.L ordinati su due colonne paral- 
lele. 11 testo vi è in francese, tra- 
dotto sul greco dall'autore: conta 
19r> numeri, e ogni numero è seguito 
da note e spiegazioni assai opportune 
a fare conoscere Tordine degli avve- 
nimenti tì risolvere le difficoltà che 
corrono. 

Ma tuttavia si potrà forse muo- 
vere biasimo all'autore di non aver 
sempre atteso baste volmen te a met- 
tere ogni cosa in suo luogo. E per- 
chè, ad esempio, rimettere gli undici 
primi capitoli di S. Giovanni e tutti 
i fatti die vi sono raccontati, alla 
tlne dei terzo anno di vita pubblica, 
immediatamente prima della grande 
settimana della Passione? Nessuno 
intenderà come l'autore di una si- 
nopsi non abbia introdotto questi 
fatti a loro luogo nella vita del Si- 
gnore, Similmente ci sembra che 
il dotto autore troppo facilmente abbia 
fatto guitto degli sforzi tentati dai 
più grandi esegeti, dopo S. Agostino 
Ano ai tempi nostri, per la soluzione 
delle antinomìe che appaiono nei 
racconti evangelici. Vedasi, p. es., a 
pp. 5, 11, 223, quello che concerne 
1 ciechi di Gerico. Sopra la questione 
della morte del Salvatore il Verdunoy 
segui una migliore ispirazione cer- 
cando, non ostante il suo orrore per 



1907, 12% XX-380 p. L. 3,50. 
1 « procédés harmonistiques » , di por- 
gere almeno (pp. 303-304) una so- 
luzione probabile a una difficoltà 
grave che potrebbe turbare 1* animo 
dei lettori. Poiché vi sono pure mol- 
ti lettori, i quali con ragione ammet^ 
tono che non si possa dare contrad- 
dizione, per minima che sia, tra due 
testi egualmente autentici ed ispirati. 
La sinopsi del Verdunoy è prece- 
duta da una introduzione (p. 1^1), 
su r ispirazione, la formazione dei 
Vangeli, i loro autori rispettivi. Io 
scopo differente che ciascuno di loro 
si proponeva, eccetera. È questa una, 
buona idea, e conviene lodarne il 
eh. autore, sebbene tali questioni sia- 
no d'ordinario trattate a parte nelle 
introduzioni al Nuovo Teetamento. 
Ma faremo anche qui alcune osserva- 
zioni. Non ci piacque punto questa 
definizione deirerroie (a p. 4) : « L'er- 
rore, quale s'intende qui, è una pre- 
posizione che lo scrittore avrebbe 
avuto rintenzione d'insegnare come 
vera e che in realtà sarebbe falsa » . 
E allo stesso modo non possiamo ap- 
provare tutti i eoitintesi insinuati in 
questa proposizione (p. 5), che viene 
attribuita al P. Prat, ma di fatto è del 
P. Lagrange (Hevue biblique, 18^, 
p. 506) : € Dio insegna tutto ciò che 
è insegnato nella Bibbia, ma non vi 
insegna nul l'altro che quanto vi è 
insegnato dallo scrittore sacro, e que- 
st'ultimo non insegna se non ciò che 



STUDI BIBLICI 



91 



vi vuole insegnare». Questa neces- 
sità di ricorrere aUa intenzione, allo 
intento generale d'uno scrittore per 
sapere ciò ch*egU ha voluto ailér- 
mare, può stringere in certi casi 
oscuri : ma quando un'affermazione è 
chiara e hene assodata, non é da ri> 
gettarsi per il futile pretesto che non 
sia racchiusa nell'intento generale 
dell'autore. Ora certi esegeti moderni 
ragionano così: Gli scrittori sacri 
hanno Tunica intensione d'insegnare 
le cose religiose: dua^e noi non 
abbiamo necessità di stare alle loro 
affermazioni, quand'esse toccano ma- 
terie non religiose. — Ma questo è un 
ristringere l'ispirazione alle cose della 
religione, dottrina riprovata daUa 
Chiesa e che certo il Verdunoy non 
ha io mente d'insegnaM. Si opporrà : 
È tanto comodo, quando s'inconbano 
difficoltà nella Bibbia, poter rispon- 
dere che l'autore non ha avuto l' inten- 
zione d'insegnare l'astronomia, la 
geolegia, la storia ecc. — Certo, to- 
plicheremo aoì, è oommodo, ma forse 



è anche troppo commodo. Gli avver- 
sari! dei nostri libri santi, che cono- 
scono la dottrina della Chiesa sopra 
l'ispirazione e l'inerranza amo luta 
dalle Scritture, non ammetteranno 
cotali risposte, le quali sono vere scap- 
patoie. 

Ancora usa o due crìtiche leg- 
gere che potranno giovare per le 
edizioni avvenire. Non è la revi- 
sione gerominiana delia Volgata (p. 
IS) quella che S. Agostino accettò 
suUe prime con difficoltà, ma al con- 
trario la versione nuova che S. Gi- 
rolamo aveva preso a fare su l'ebraico 
dopo la sua recensione sui testi greci. 
Altra particolarità. La divisione della 
Bibbia in capitoli non è di Ugo da 
S. Caro (p. 13, nota 1), come un 
tempo fu creduto, ma di Stefano 
Langton, allora professore alla Sor- 
bona, su l'entrare del secolo XIII. 

Fatte queste riserve doverose, noi 
raocomandiamo ben volentieri TJ^- 
vangii-e Synopse del eh. abbate Ver- 
dunoy. » 



B. BAZZOCCHINL 

8% 160 p. 

Dove porre r£flimaus di S. Luca, 
quella terra che rammenta una delie 
apparizioni più graziose del Reden- 
tore risuscitato? Tale questioBe ha 
accalorato in questi ultimi tempi i 
nostri migliori palestiaologi. U P. Ben- 
venuto Bazzoechlnl l'afl^Mita a sua 
volta con serenità — di che bisogna 
lodarlo — ma insieme con tutta la 
scianza e preparazione richieste. Ba- 
sta gettare un'occhiata su la prima 
parte del suo lavoro, parte tecnica, 
ove sono discusse le diverse opinioni 
venute fuori suU'aEgoraenlo; e si ri- 
scontrerà non aver ^11 trasandato 
alcuno degli atti di questo processo. 

Emmaus — per non parlare qui se 
non delle opinioni più ricevute — è 



L'Koimaus di S. Luca. Boma, Pustet, 1906, 



stata identìAoata dagli uni con Co- 
losiieh, situata all'ovest di Gerusa- 
lemme, a distanza di trenta e più 
stadii, o di cinque in sei chilometri; 
dagli altri eon la presente Amoas, 
antica Nicopoli, anch'essa a ponente 
di Gerusalemme e lungi un censes- 
santa stadìi, un poco più di trenta- 
due chilometrL Da ultimo una terza 
opinione, che rappresenta la tradi- 
dizione fimncesoana, colloca la nostra 
Emmaus a Qobebe, al nbrd-ovest della 
città santa, in distanza di sessanta 
stadii, poco più di undici chilometri. 
Il eh. A. sta per Emmaus-Qubebe. 
Considerando la questione sotto 
il rispetto critico, solo le due ultime 
opinioni si possono disputare il cam- 



92 



BIBLIOGEUFIA 



pò. S. Luca infatti ci dice (XXIV, 13): 
« Ed ecco che duo di essi andavano 
lo stesso di a un castello chiamato 
Emmaus, lontano sessanta stadi! da 
Gerusalemme » . Cosi portano i più 
dei manoscritti; ma una minoranza 
importante reca pure altra lezione: 
« dls^tante da Gerusalemme cento ses- 
santa 8tadii*\ il che ai fautori di 
Emmaus-Nicopoli giova per mante- 
nere il loro punto. Resta a esaminare 
Targomento della tradizione, la quale 
da una parte e dall'altra appare flut- 
tuante, incerta. 



Noi lasceremo ai nostri lettori, de- 
siderosi di conoscere il prò e il contro 
di questa importante questione, la cu- 
ra di consultare per loro stessi la 
discussione assai bene condotta dal 
P. Bazzocchini: e quando preferiscano 
la soluzione di Emmaus-Qubebe, sa- 
ranno pure contenti di trovare, su la 
fine dell'opera, una descrizione par- 
ticolareggiata delle scoperte archeo- 
logiche e dei lavori di ristauro, ini- 
ziati dai RR. PP. Francescani per 
consecrare a Qubebe la tradizione che 
loro è cara. 



JO. EV. BELSER, ord. Prof, der TheoJcgie an der Univ. zu Ttt- 
hingen. — Die Briefe des Apostels Paulus an Timotheus und 
Titus ttbersetzt und erklàrt. Freiburg i, Br., Herder, 1907, 8«, 
VIlI-302 p. M. 5,60. 



L* instancabile esegeta di Tubinga 
ci offre un altro nuovo e prezioso la- 
voro. Una s[)iegazione da parte cat- 
tolica delle cosiddette lettere pasto- 
rali è da accogliere con tanto mag- 
ì^mr piacere, quanto più quelle let- 
tere tornano , particolarmente impor- 
tanti per la storia della Chiesa nelle 
su« origini e nella sua primitiva co- 
si li azione. Questione di fondamentale 
importanza è qui il sapere a qual 
tempo esse appartengono e se con 
buon diritto debbano ascriversi al- 
l'Apostolo Paolo. Ora appunto sotto 
tale duplice rispetto il eh. A. ci dà 
lume prezioso. Da parte protestante 
venne negata 1* autenticità paolina 
delle due lettere anche per la sola 
ragione che vi si veggono combat- 
tuli errori, non proprii del secolo 
primo, ma d«l secondo, come quelli 
che si riferiscono agli gnostici. Contro 
tale affermazione il eh. A. ha il me- 
rito principale di avere illustrata con 
profondità la questione a chi deb- 
bano riferirsi le dottrine erronee, quivi 
confutate. Già gli antichi Padri per 
Xq più non ne chiamavano eretici gli 



autori, mettendo invece in rilievo la 
costoro origine giudaica. Di fatto nelle 
tre lettere si vanno indicando mae- 
stri di dottrina, che insegnano cose 
inutili, ma che pure sono tuttavia 
nella Chiesa ; soltanto per i tempi fu- 
turi viene predetta la comparsa di 
veri eretici. 

E quali sono codeste cose inu- 
tili? Le troviamo indicate subito al 
principio della 1 Tim. 1, 4: ut de- 
nuntiares quibusdam, ne aliter do- 
cerent. neque intenderent fahiUis et 
genecUogiis interminaiis, che solo 
conducono a controversie sottili ed 
infruttuose. E nella realtà non man- 
cano esempii presso gli ebrei di si- 
mili favole, leggende e genealogie, in 
relazione ai racconti ed alle genea- 
logie dell'Antico Testamento, mesco- 
late ad ogni sorta d'invenzioni fan- 
tastiche. Se ne riferiscono parecchie 
a p. 38, tratte dal Libro dei Giu- 
bilei (detto eziandio Genesi minore). 
E le prove di questa spiegazione ven- 
gono poi riconfermate con nuovi ar- 
gomenti lungo il corso dell' opera 
(p. 6,17 ss., 33, 99 ecc.). Per Tautenti- 



STUDI BIBLICI - TEOLOGIA 



93 



cita delle lettere il Commentario reca 
non pochi indizi! che riguardano la 
lingua propria dell'Apostolo, le sue 
proprie dottrine ed altri piccoli tratti 
caratteristici, che aggiungono forza 
alle testimonianze esterne già cono- 
sciute in favore della provenienza Pao- 
lina. Circa la difficoltà che TApostolo, 
scrivendo ad un discepolo di sua fi- 
ducia, tanto insistesse sulla sua di- 
gnità apostolica, osserva con ragione 
il eh. A. che l'Apostolo intendeva 
dare alla sua lettera un carattere of- 
ficiale , come suol dirsi; certo è ch'egli 
parla qui\'i deiramministrazlone della 
Chiesa e delle condizioni nelle quali 
pe* suoi doveri di officio si trovava 
il vescovo di Efeso; inoltre a Timolro, 
giovane ancora ed in circostanze dif- 
ficili rispetto agli avversarli ed alle 
contrarietà che pativa, tornava molto 
opportuno nell'adempimento del suo 
officio il potersi riferire al testo me- 
desimo dello scrìtto apostolico. Cosi 
pure Timoteo conosceva da lungo 
tempo la vocazione di Paolo ad apo- 
stolo delle genti, e questa afferma- 
zione, ripetuta con tanta solennità 
(1 Tim. II, 7), non era certo per lui, 
ma per gli avversarli giudaici, che 
vedevano le cose da un lato solo e 
che appunto nell'apostolato fra le 
genti trovavano motivo di scandalo, 
fino ad accusare l'Apostolo di men- 
zognero (p. 19, 59 ss.). 

Contro l'esegesi dei protestanti 
l'A. dimostra egregiamente che la 
prescrizione unius uxorie vir, fatta 
al vescovo, già dagli antichi fu in- 
tesa con ragione nel senso di proi- 
bire la successiva bigamia (il mede- 



ammesse al servizio della chiesa, 
1 Tim. V, 9). Non è punto detto che 
il vescovo debba avere una moglie ; 
ciò sarebbe in contraddizione stri-» 
dente con la dottrina dell'Apostolo 
(1 Cor. VII, 7). Merita pure d'essere 
particolarmente ricordato quanto è 
detto a proposito della condizione e 
dell'attività degli epìscopi (p. 78 s ). 
Parimente sono degne dì nota le os- 
servazioni a 1 Tim, V, 9-16 intorno 
alle vedove: non si tratta qui delle 
vedove bisognose di soccorso, ma di 
quelle a cui si venivano assegnando 
certi offici! nella comunità cristiana, 
istituzione che viene ricordata anihe 
più tardi nelle lettere di S. Ignazio 
e nel Pastore di Hcrmas. Alcuni tro- 
vano singolare il detto dell'Apostolo: 
ntulier aalvabiiur per ftliorum gè- 
nerationem (1 Tim. II, 15). Il eh. A. 
dimostra che il pensiero dell'Apo- 
stolo, quale è dato dal contesto, è che 
per la donna il campo proprio in cui 
esercitare il cristianesimo, non è la 
vita pubblica ed il magistero eccle- 
siastico, si bene la vita di famiglia, 
dov'essa trova i mezzi alla salute. 

Pregio particolare del lavoro sono 
eziandio le molte o bene appropriate 
illustrazioni sulle lettere pastorali, 
tratte dalle omelie di S. Giovanni 
Crisostomo ; alia stessa guisa tornano 
molto opportune le numerose cita- 
zioni dalle opere di Efrem, di Teo- 
doreto, dell' Ambrosiaste, di Agostino, 
di Gerolamo, di Tommaso d'Aquino 
e di altri. 

Siamo grati all' illustre autore d'a- 
verci indicato tanto buon tesoro ese- 
getico, tramandato dagli antichi espo- 
sitori cattolici. 



«imo si dica a proposito delle vedove 

C. MANZONI. — Compendium teologiae dogmaticae. Voi. II. De Deo 
Uno-TrlDoCreante-Elevante. Laudae, ex tip. Quìrico et Camagni, 
1907, 8^ VIII-436 p. L. 4,50. Rivolgersi all'Autore. (Seminario 
di Lodi) ovvero alla Libreria del S. Cuore (Torino). 



9t 



BIBLIOGRAFIA 



Di quesi^ opera ampiamente lo- 
dammo ti primo volume nel primo 
fa^picolo del gennaio 1907. L'autore 
, mantiene lo «sleHSO metodo e però me- 
rita le 8tes^ lodi. È conciso ed esatto, 
si che tuff ni professore, valendosi del 
lesto datti dal Manzoni, avrà campo 
di svolgere la materia bene accennata 
nel lìbrOp e gSi scolari dovranno stu- 
diare e pensare con molto ' profitto. 
E in tutto conforme alla dottrina 
deir Angelico, e cosi fornisce quel cibo 
eli' è vi tal ntitri mento, e fa stabili gli 
intellelti contro il diverso sofQar dei 
venti, per le opinioni di giorno in 
giorno ^^ari^enti. È ricco di erudizione 
con molte citazioni di scrittori re- 
centi, e più tli Dottori e di Padri, sì 
che il lettore abbia le indicazioni 
delle fonti alle quali può attingere 
nuo%e cono.*t:enze, e assicurarsi di 
quello dio veramente ci vier? dalla 
tradizione cattolica. È originale, quan- 



to può essere un corso, dove è espo- 
sta la dottrina antica net modo proprio 
deirA., che meditando Tha fetta sua, 
eapplicandola alle nuove questioni, di- 
mostra come gli eterni principii e le 
verità rivelate restano immutabili, fra 
le novità dei trovati e delle ipotesi an- 
che più recenti. 

Vedasi p. es. come, riguardo alla 
cresima, sieno proposti secondo TAn- 
gelico gli antichi insegnamenti, e co- 
me sieno risolte le questioni moderna- 
mente mosse intorno all'antichità del 
mondo, al trasformismo, all'unità del- 
la specie umana. 

Con particolare attenzione abbiam 
letto il trattato de Deo Trino, e ci 
è sembrato molto ben fatto, pel lu- 
cido ordine, per la scelta degli ar- 
gomenti, pel prudente riserbo ad af- 
fermare quello eh* è certo e eh* è ne- 
cessario insegnare ai giovani eccle- 
siastici. 



B. M, MARTIN 0. P. — De necessitate credendi et credeudorum, 
seu de Fide salutari. Dissertatio theo logica. Lovami, tip. Uyst 
pruyst. 1906, 8S 142 p. 



E'^cco un tyel frutto deirordinazio- 
ne fatta nel Capitolo generale dei 
Domenic^mi . celebrato il 1901 in 
Gami, nella quale si prescrive che il 
laureando in teologia presenti una 
db^ erta scio ne scritta, come si usa ge- 
neralmente nelle università. Questa 
è appunto la dissertazione teologica 
a volta dal P. Fr. Raimondo M. Mar- 
tin, e giudicata a ragione da" supe- 
riori deg^na delia stampa. 

La trattazione delPargomento, co- 
me manifesta il titolo, ha due parti: 
necessità della fede e necessità delle 
e CI se da credere. L*autore segue TA- 



quinate, e fondandosi sopra la Scrii- 
tura, i Padri, le dichiarazioni della 
Chiesa, la natura dell'ordine sopran- 
naturale, e particolarmente dell'atto 
di fede salvifica, combatte Topinione 
del Gutherlet, che talvolta basti a 
salute Tatto di fede in senso larga, 
cioè la cognizione di Dio e della sua 
rimunerazione ottenuta per lume di 
ragione sotto l'influsso della grazia. 
Dottrina e bontà di metodo sono il 
pregio di questo lavoro, ottimo te- 
stimone de' forti studi dell'autore e 
preludio di migliori frutti a difesa del 
vero e de' sani principii. 



BASTIEN 0. S. B. — De frequenti quotidìanaque communione ad 
normam decreti « Sacra Tridentina synodus ». Accedunt variae 
appendi^^ess praecipua documenta conti nentes.fiotwae, Desclée, 1907, 
8^ XVI'240 p. L. 2,50. 



TEOLOGIA 



95 



L*opera è divisa in due sezioni. La 
prima, che può dirsi storica, espone 
succintamente l'uso della comunione 
frequente e quotidiana attraverso i 
variì secoli della Chiesa, cominciando 
dai tempi apostolici sino all'età no- 
stra (pp. 1-72); la seconda tratta del 
modo di fruttuosamente riceverla, giu- 
sta i principii inculcati nel decreto 
« Sacra Tridentina Synodus » (pp. 73- 
133). Segue un'ampia appendice dove 
sono raccolti non pochi documenti ec- 
clesiastici sulla questione, dal cap. IT 
della Sess. XIII del Concilio di Trento 
air istruzioni al clero dei vescovi prus- 
siani, convenuti in Fulda il 20 dee. 
1905 (pp. 135-221). 

Il Bastien con questa monografia 
ha fatto opera accurata, e veramente 
utile al clero e ai direttori delle ani- 
me soprattutto, che nell'esercizio del 
delicatissimo ufficio abbisognano di 
soda dottrina intorno a simili materie, 
e ricevono non mediocre vantaggio 
dal possedere un buon fondo di sacra 
erudizione in proposito. 11 suo breve 
commentario storico, cosi possiamo 
chiamarlo, venne compilato sopra au- 
torevoli fonti di prima mano. Forse 
riesce troppo digiuno, o meglio la- 
cunoso» nel periodo del rinascimento; 
che l'autore accenna appena quali 
fossero le opinioni professate e le nor- 
me pratiche seguite dagli ascetici e 
mistici dei sec. XV circa l'accordare 
o negare la comunione firequente. Una 
ben meritata lode gli va attribuita 



perchè non ripete, come tanto spesso 
si ascolta, che nei primi tre secoli 
dell'era cristiana i fedeli comunica- 
vano quotidianamente; e più ancora 
perchè dimostra in poche parole che 
i noti testi degli Atti degli Apostoli, 
di san Paolo ai Corinzi), e dei Canoni 
degli Apostoli provano bensì la pra- 
tica della comunione, non già i ter- 
mini della frequenza (pp. 4-U). 

Anche più pregevole della prima 
sezione ci pare la seconda, vuoi per 
la solidità e chiarezza delle dottrine, 
vuoi per un sapore d'unzione, frutto 
della domestichezza che ha il Bastien 
con le opere dei ss. Padri e dell'arte 
che possiede in usarle. A chi poi 
avesse qualche peculiare opinione 
contro la comunione frequente, anche 
quotidiana, crediamo sarebbe molto 
da raccomandare la lettura di questa 
parte del libro. Posto che egli non sia 
di coloro che ad ogni ragione ante- 
pongono il proprio giudizio e l'idee 
una volta propugnate, crediamo che le 
pagine del Bastien T indurrebbero di 
leggieri a cambiare avviso. Segna- 
liamo infine, come degno di speciale 
ricordo, il commento della seconda di- 
sposizione ricercata dal decreto € Sa- 
cra Tridentina Synodus » in chi si 
comunica assiduamente (pp. 86-99). 
Sicurissime sono le norme che in esso 
ci porge circa la retta intenzione dei 
comunicanti come a' fatti potrà spe- 
rimentare ogni illuminato direttore 
di coscienze. 



Dr. Fr. M. SCHTNDLER, Prof, an der k. k. Univ. in Wien. — 
Lehrbuchder Moraltheologie. Erster Band. Wien, Opitz Nachfolger, 
1907, 8^, VIII-312 p. K. 6,50. 



n eh. dott. Schindler dell'Univer- 
sità di Vienna, dopo lunghi anni d'in- 
segnamento, deliberato di lasciare ai 
vogliosi discepoli un caro ricordo 
della sua scuola, pubblica ora un 
dotto manuale di morale cattolica, 



studiandosi specialmente di chiarirne 
e dimostrarne i principii ed i fonda- 
menti por mezzo della speculazione 
filosofico-teologica sulle tracce del- 
l'Aquinate e de' più insigni moralisti. 
Stabilito nella dotta introduzione l'og- 



96 



BIBLIOGRAFIA 



getto e M carattere della teologia mo- 
rale, dal iato cattolico, e determina- 
toàe il metodo e le fonti e accenna- 
tane la storia^ nel primo volume testé 
uscito discorre del tlne soprannaturale 
dell'uomo, e de' mezzi che ha per rag- 
giungerlo, poi passa a trattare de' re- 



quisiti generali dell'agire etico-cri- 
stiano, del peccato, del probabilismo 
e del merito salutare proveniente 
da' carismi divini. È lavoro nella 
sua brevità copioso e profondo, e se- 
condo lo scopo dell'autore più teore- 
tico che pratico. 



A, PiSCETTA, soc. S. Francisci Salesii presbyt. S. Facultalis col- 
ìegii doctor etc. — Theologiae moralìs eleiiienly. Ed. altero. 
Voi. Ili. De iustitia et iure, de iniuriis et rcstìtulione, de con- 
tniclibu^, de obligationibus peciiliaribus. Augustae Taurìnorum, 



Salc-tìlaiia, 1907, 8^ 500 p. L. 

È un libro che a buone e parche 
dlmostrajcloni unisce copia d'appli- 
ca^ìonì e d'esempi quotidiani. La 
chiarezza e Tardine accrescono pre- 
gio alla sicurezza della dottrina e 
al!a conveniente larghezza dì tratta- 



zìo no, come agevolmente se ne per- 

AUG. LEHMKUHL S. 1. — Casus conscientiae, ed. Ili 
Brig.. Herder, 1907, 2 voi. 8*, XVI-1160 p. M. 12,80 



3,50. 

suaderà chiunque scorra, ad esempio, 
il trattato intorno alla giustizia ora 
uscito nella seconda edizione. Valga 
anche per questo volume quanto già 
scrivemmo de' precedenti (Cfr. Civ. 
Catt. 1906, 1. 75), tutti commende- 
voli anche dal lato tipografico. 

trihurgi 



EcGo la terza edizione de' notis- 
simi casi d[ coscienza del Lehmkuhl, 
utilissimo^ per non dir necessario, 
complemento di ogni studio teoretico 
morale. Fame le lodi sarebbe un por- 
tar legna al bosco; e basta il nome 
dell'autore per ogni raccomandazione. 
Solo, anche per questa novella edi- 
zione valgano le osservazioni che noi 
facemmo or fa un anno alla seconda 
(Cf. Ch\ rati., quad. 1343, pag. 610 
e eegg.) non avendo l'autore potuto 
tenerne conto, perchè, come egli av- 
verte il lettore, la presente edizione 
era g^ià quasi compiuta. Tuttavia, co- 
me un bravo artista che va di con- 
tinuo perfezionando il suo quadro, il 
P. Lehmkuhl, oltre la giunta di nuo- 
vi casi e di più esatte espressioni di 



concetto al primo volume, si studiò 
con ogni cura d'introdur nel secondo 
que' miglioramenti, che esigevano i 
novissimi decreti delle Congregazioni 
romane. Ebbe quindi con diligenza a 
ragguagliare le soluzioni de' casi alle 
disposizioni pontificie intorno alla 
comunione frequente o quotidiana, 
alla permutazione degli stipendii del- 
le messe coi libri e con altre merci , 
all' unica unzione nell' amministra- 
zione dell'Olio santo in casi urgen- 
tissimi e alla nuova disciplina per 
la celebrazione del matrimonio in 
tutto il moderno impero germanico; 
sicché, si può dire, qui nulla v* » 
omesso, perchè la pratica risponda 
alla scienza e s'accordi coi progresso 
teologico e positivo. 



P. ROMUALDO SOUARN, des Augustins de TAssomptìon. — Me- 
mento de la théologie morale a Tusage des missionaires. FariSr 
Lecoffre, 1907, 16^ 260 p. 
Ai mi8sionarii cattolici, a codesti farà, a' barbari rimpiangere le loro 

eroi di un verace progresso che non selve e le loro men civili abitudini 



TEOLOGIA 



97 



il P. Romualdo Souarn, agostiniano 
dell* Assunzione, pone in mano que- 
sto utilissimo libriccino, quasi un 
ricordo della teologia morale per tutti 
i casi pratici che nell'amministra- 
zione de* sacramenti, nell'esercizio e 
nella comunicazione de* sacri riti pos- 
sono occorrere a chi, ministro di Te- 
nta e di salute, viene a contatto con 
cattolici e protestanti, con infedeli e 
scismatici, con persone di rito latino 
e di rito orientale. Un dubbio che 
nasca, una prescrizione che vogliasi 
richiamar alla mente, una prova che 
sia da addurre de' propri diritti e 
doveri, e tant'altri casi ne' quali lì 
per li convenga pigliare una pronta 
risoluzione, hanno in] questo ma- 



nualetto una risposta, un consiglio, 
una norma, una legge sicura, perchè 
quanto vi si afferma non è campato 
in aria, ma s'appoggia sopra gli usi 
riconosciuti, il diritto de' vari paesi, 
e specialmente sopra i decreti della 
Santa Sede, i responsi della Propa- 
ganda e la costituzione di Leone XIII 
intorno ai riti orientali, costituzione 
importantissima che qui trova un 
breve e pratico commento. Un libric- 
cino tanto denso di cose, dov'è stil- 
lato il sugo del diritto canonico e 
della morale, sarà il compagno di 
viaggio e la gradita lettura de' tempi 
interrotti in mezzo alle stanchezze 
delle gravi fatiche dell'apostolato e 
della cura de' popoli neo-convertiti. 



Sac. A. CAPPELLAZZI. — Spiritismo vecchio e misticismo nuovo. 
Sietia, tip. S. Bernardino 1907. 

— Il Sillabo di Pio X e le contraddizioni delPalta critica. Cre- 
ma, 1907. 



I due nuovi opuscoli dell' infati- 
cabile pubblicista cremonese ci danno 
raccolti parecchi articoli di attualità 
e di polemica, già pubblicati sui gior- 
nali, con la vivacità insieme e la ra- 
pidità propria di tali scritture. No- 
tiamo particolarmente nel primo sma- 
scherate le insidiose proposizioni del 
Murri, intomo al suo « nuovo catto- 
lieismo » nella nota polemica col 
Renai, intorno alla supposta « crisi 
della teologia cattolica » e infine, ac- 
cennata benché sommariamente, la 



forma estrema del misticismo nuovo 
nell'intuizionismo religioso. 

Nel secondo sono toccate rapida- 
mente molte questioni e sunteggiato 
ordinatamente l'autorevole decreto La- 
mentabili sane. Nel che siamo lieti 
che il eh. autore abbia potuto gio- 
varsi del nostro articolo del 3 ago- 
sto, scritto esso pure al dimani del- 
l' importantissimo avvenimento per 
mostrarne l'importanza e insieme la 
connessione e l'ordine delle proposi- 
zioni, negato da lettori superficiali. 



1908, voi, 1, fase. 1381. 



28 dicembre 1907. 



CRONACA CONTEMPORANEA 



Roma, 13-30 dicembre 1907. 
I. 

COSE ROMANE 

1. Concistoro segreto e creazione di quattro cardinali. — 2. Cenni intorno 
al nuovi porporati. — 3. Il Santo Padre impone loro la berretta: suo 
discorso. — 4. Concistoro pubblico. Provvista di Chiese. — 5. Conse- 
crazione episcopale di mons. Giacomo Della Chiesa. — 6. Il Consiglio 
Comunale e i cappuccini. — Breve di Pio X al Rmo Gasquet, abbate 
dei Benedettini inglesi. 

1. Nei giorni di lunedi 16 e giovedì 19 dicembre si tennero da 
S. S, Pio X in Vatìcjino due concistori, secreto il primo, pubblico 
il secondo per la nomina delle più alte dignità della Chiesa, quella 
dei Cardinali e dei Vescovi. Nel concistoro del 16 il Pontefice, pre- 
messa un'allocuzione, da noi riportata a principio del presente qua- 
derno, nominò ì seguenti cardinali di S. R. Chiesa. 

Deir Ordine dei Preti : Mons. Pietro Gasparri, Arcivescovo titolare 
di Cesarea di Palestina, — Mons. Lodovico Enrico Lu^on, Arcivescovo 
di Reims, — Mons. Paolino Pietro Andrien, Vescovo di Marsiglia. Del- 
rOiiDiNE DEI Diaconi: Mons. Gaetano De Lai, Segretario della Sacra 
Congregazione del Concilio. 

Quindi Sua Santità propose le seguenti Chiese: 

Chiesa titolare arcivescovile di Traianopoli, di rito latino, per mons. 
Augusto Giuseppe Due, promosso dalla sede cattedrale di Aosta. — Chiesa 
tifolare arcivescovile di Anazarbo, di rito latino, per Mons. Raimondo 
Ingheo, promosso dalla sede cattedrale di Iglesias. — Chiesa metropolitana 
di Cfiambéry, per mons. Francesco Virgilio Dubillard, promosso dalla sede 
cattedrale di Quimper. — Chiesa metropolitana di Bologna, per mons. Gia- 
como Della Chiesa, di Genova, prelato domestico di Sua Santità, dottore 
in sacra teologia ed in ambe le leggi, commendatore del sacro sovrano or- 
dine di Malta, sostituto della segreteria di Stato di Sua Santità e segre- 
tario della Cifra. — Chiesa metropolitana di Lima, pel R. D. Pietro Ema- 
nuele Garcia Naranajo, della stessa arcidiocesi, dottore in sacra teologia, 
canonico tesoriere della metropolitana. — Chiesa titolare vescovile di 
Pmconneso, per mons. Alfonso Maria Giordano, della Congregazione del 
SS. Redentore, traslato dalle sedi cattedrali unite di Calvi e Teano. — 
Chiesa titolare vescovile di Sebastopoli, per mons. Sante Mei, traslato dalla 
sede cattedrale di Modigliana. — Chiosa titolare vescovile di Lampsaco, 



COSE ROMANE 99 

per mone. Giulio Serafini, traslato dalla sede cattedrale di Peseta. — Chiesa 
cattedrale di Bobbio, per mons. Luigi Morelli, di Milano, prelato domestico 
di Sua Santità, provicario generale di Milano. — Chiesa cattedrale di 
Pescia, pel R. D. Angelo Simonettì, arcidiocesano di Firenze, parroco di 
S- Pietro in Mercato. — Chiesa cattedrale di Tarentaise, pel R. D. Gio- 
iranni Battista Bielloy, della stessa diocesi, canonico onorario della Catte- 
drale e parroco arciprete di Albertville. — Chiesa cattedrale di Budweis, 
per mons. Giuseppe Hiilka, della stessa diocesi, cameriere segreto sopran- 
numerario di Sua Santità, esaminatore prosinodale, provicario generale e 
canonico della cattedrale. — Chiesa cattedraXe di Pasto, per mons. Adolfo 
Perea, arcidiocesano di Popayan e vicario generale. — Chiesa titolare ve- 
scovile di Sebaste, per mons. Dionisio O'Connell, diocesano di Richmond, 
dottore in sacra teologia, prelato domestico di Sua Santità, rettore della 
Università cattolica di Washington. — Chiesa titolare vescovile di Adrior 
napoli^ per mons. Tommaso Kennedy, arcidiocesano di Filadelfia, dottore in 
sacra teologia, prelato domestico di Sua Santità, in Roma, rettore del Col- 
legio Americano del Nord. — Chiesa titolare vescovile di Cestro, per Mons. 
Barnaba Pìedrabuena, diocesano di Tucuman e vicario generale. 

2. Mons. Pietro Gasparri nacque a Visso, provincia di Macerata, dio- 
cesi di Norcia il 5 maggio 185!^. Fece i Buoi studii in Roma e gio- 
vanissimo nominato professore di diritto canonico all'Istituto Cat- 
tolico di Parigi, occupò quella cattedra per diciannove anni, nel qual 
tempo diede alla luce varii volumi meritamente celebrati promovendo 
altresì durante la sua permanenza a Parigi T Opera cattolica degli 
Italiani. Nominato arcivescovo di Cesarea di Palestina il 2 gennaio 
1898, e consecrato dal Card. Richard, andò Delegato apostolico nel- 
r America del Sud per le repubbliche del Perù, di Bolivia e delKE- 
quatore dove rimase quattro anni riuscendo a migliorare le relazioni 
fra la Santa Sede e quei governi. Alla promozione di Mons. Cavagnis 
al Cardinalato fu chiamato a succedergli neirufQcio di segretario della 
Congregazione degli Affari ecclesiastici straordinarii . Per la sua grande 
competenza come canonista Pio X gli affidò la direzione della commis- 
sione istituita per la codificazione del diritto canonico. 

L'arcivescovo di Reims Mons. Ludovivo Errico Luqou nacque 
il 28 ottobre 1842 a Maulévrier nella diocesi di Angers. Studiò nel 
seminario diocesano ed ascese al sacerdozio nel 1865. Laureatosi 
io Roma dottore in diritto canonico, dopo otto anni di ministero, 
venne preconizzato vescovo di Belley nel concistoro del 25 novem- 
bre 1887 e. consecrato da mons. Freppel il dì 8 febbraio 1888. Per le 
qualità che possiede di valente organatore egli diede nella sua diocesi 
un vigoroso impulso alle opere religiose- sociali ed alla stampa, che 
trovò sempre in lui uno strenuo collaboratore, e per la quale vien 
conosciuto autore di varie opere apologetiche: né va dimenticato Tim- 
pulso che spiegò nelle feste per la beatificazione del Curato d'Ars. Nel 



100 CRONACA CONTEMPORANEA 

concistoro del 21 febbraio 1906 fu promosso all'arcivescovato di Reims, 
eri m UQ anno appena ha saputo guadagnarsi particolare autorità 
presso i suoi confratelli nell'episcopato in un tempo di perigliose 
vicende, come quelle che ora attraversa il caltolicismo in Francia. 

Anche figlio della grande e travagliata nazione francese è il car- 
dinale ^Paolino Pietro Andrieu, vescovo di Marsiglia, nato a Seyssel il 
giorno 8 dicembre 1849. Fece i suoi studii con bel successo a Tolosa, 
ogni anno conseguendo il premio d'onore. Ordinato sacerdote il 
p^fi maggio 1874, alla fine dell'anno scolastico fu nominato Vicario di 
fttims, e poco dopo segretario particolare dell'arcivescovo di Tolosa, 
il al quale ufficio passò ad essere indi a non molto Vicario generale 
della archidiocesi, e vi durò sotto i cardinali Desprez e Mathieu e 
poscia sotto mons. Germain. Preconizzato vescovo di Marsiglia nel 
eoncistorq del 18 aprile 1901 fu consecrato il 24 luglio dello stesso 
anno, e per un settennio di episcopato non ha fatto che dimostrarsi for- 
nito di una grande saggezza ed esperienza amministrativa, di vasta cul- 
lura In dritto ecclesiastico e civile, di prudenza e fermezza d'animo 
congiunte a spirito di sacrificio. Per aver, in un discorso pronunziato 
a Marsiglia, difeso tutto l'episcopato francese oltraggiato dalla per- 
fìdia del Gombes gli furono tolte le temporalità, ma ì suoi discorsi, 
W àu^ allocuzioni e lettere pastorali sulla separazione non lasciano 
di essere manifestazioni di un animo intrepido e universalmente am- 
mirai «. 

L'Eifio Gaetano De Lai ha cinquantaquattro anni essendo nato il 
30 luglio 1853 a Malo provincia e diocesi di Vicenza. Ordinato sa- 
cerdote il 16 aprile 1876, si consecrò all'apostolato della gioventù 
dalla quale fu tenuto sempre in alta stima per le sue qualità semplici 
ed attraenti. Ebbe la cattedra di dritto nel seminario romano, ed in 
seguito assegnato alla Congregazione del Concilio vi passò per varii 
gradì fino a quello di segretario. Serbò per qualche tempo la carica 
dì Vicario del capitolo di S. Maria ad Martyres e S. Maria in Tra- 
stevere e di deputato del pontificio Seminario romano. In tutti gli 
ufTleli da lui esercitati, compreso l'ultimo di consultore della com- 
missione del dritto canonico, si dimostrò uomo di competenza straor- 
dinaria, di virtù e zelo degni dell'onore cui è stato testé innalzato. 

3. Nelle ore pomeridiane del mercoledì seguente. Sua Santità impose 
la berretta cardinalizia agli Eifii Gasparri, Lu^on, Andrieu e De Lai. 
LViula concistoriale in cui si compiè la cerimonia era stivata da nu- 
merosi rappresentanti delle diocesi e luoghi natali di ciascuno dei 
lì uovi principi della Chiesa, membri delle famiglie, deputati dei ca- 
pitoli, del clero, del laicato, officiali della Congregazione del Con- 
cilio e molti invitati, tra i quali in posti riservati, alcuni vescovi e 
h> t^ccitie sorelle del Papa. Pio X in mozzetta e stola, accompagnato 



COSE ROMANE 101 

dalla corte giuase nelPaula scortato dalle guardie nobili e dagli sviz- 
zeri, e sedutosi ìq trono ammise al bacio dei piede e della mano 
ciascuno dei novelli porporati, ai quali dopo Tabbraccio porse la 
mozzetta e la berretta cardinalizia. Terminata questa cerimonia 
il card. Gasparri in nome anche degli eminentissimi colleghi rin- 
graziò il Santo Padre della dignità eccelsa cui si era degnato di 
innalzarli costituendoli principi della Chiesa. E « poiché nobiltà 
obbliga » soggiunse il cardinale oratore, « noi tutti sentiamo con 
l'onore conferitoci cresciuti i nostri doveri: noi sentiamo che spe- 
cialmente in questi tempi così ostili alla Chiesa, la sacra porpora 
di cui siamo rivestiti è simbolo di una vita, non già di pompe e di 
agì, ma di lavoro e di sacrifizio spinto, se ve ne fosse bisogno, fino 
allo spargimento del sangue, per la causa santa di Cristo, per il 
trionfo della verità e della giustizia. » Ed ha terminato protestando 
r indissolubile attaccamento loro alla persona del Pontefice con pro- 
messe di fedeltà e raddoppiato zelo e dicendosi felici se in qualche 
modo varranno a consolare le sue pene e alleggerire il peso ' del- 
l' Apostolico ministero. A tali proteste Sua Santità rispose col se- 
guente nobilissimo discorso: 

« Vi ringrazio. Signor Cardinale, dei sentimenti di devozione e 
di filiale amore, che mi avete significati in nome vostro e dei vostri 
diletti confratelli per Tonore a cui foste chiamati. La sacra porpora, 
che è premio alla virtù e alla scienza, non solo onora quegli egregi 
che avendo prestato segnalati servigi alla Santa Sede sono chiamati 
a cooperare col sommo Pontefice al governo universale della Chiesa, 
ma onora pure quei luoghi, dove i nuovi eletti hanno rapporti di 
origine, di parentela e di spirituale governo, i quali giustamente ri- 
guardano come un benefizio e una grazia speciale T avere uno dei 
loro figli nel Sacro Collegio. Io provo in vero la massima compia- 
cenza tutte le volte che mi è dato di corrispondere al desiderio di 
questi popoli, come sarebbe per me la più cara delle soddisfazioni 
se potessi appagare i voti di tutti. Mi congratulo pertanto con voi, 
diletti figli deir Umbria e della Venezia, perchè i cari vostri, dopo 
di avervi seguiti col pensiero, mentre eravate occupati in delicati 
uffici e importanti missioni anche in lontani paesi, ora finalmente 
vi salutano con gioconda letizia e godono del premio concesso al 
merito dei tanti servigi prestati alla Chiesa. Mi congratulo con Voi, 
diletti figli della Francia. Mi tardava Tanimo di offrire ai cattolici 
delia vostra patria un nuovo argomento della mia particolare atten- 
zione; e per dare questa testimonianza mi si presentavano al pen- 
siero tutti quegli insigni Prelati che, obbedienti alla mia parola, con 
anione mirabile, con tranquilla, ma forte resistenza incontrarono la 
persecuzione, di cui erano vittime, e alle subdole offerte di un Go- 



UH CRONACA CONTEMPORANEA 

venie)» che con aperta ingiuria a tutte le leggi divine ed umaae 
ii%i'vn sacrilegamente usurpate le cose più sante, preferirono le an- 
j^usHe, ÌB. povertà e la miseria, il qual fatto, mentre infonde in tutti 
i huoni la fiducia, è caparra di sicura vittoria. Copì chi voleva di- 
tìtniKt^*Te ha invece edificato, chi voleva per ogni maniera bandita 
iìMn Krancia le religione di Gesù Cristo, ne ha invece rinvigorita 
Ja fp^io eccitando tutti i fedeli a ripetere coi loro Vescovi le parole 
di (ihida Maccabeo: Melius est nos mori in bello quam videre mala 
ifmtiiH ttostrae et satictorum. Ora a tutti questi campioni, che meri" 
furono ÌJ plauso e rammirazione del mondo, mi è dolce manifestare 
anclm in questa occasione la mia gratitudine. Che se non posso uf- 
terìtv [i lutti, come vorrei, un pegno della mia riconoscenza, son 
certo |H-rò che tutti faranno plauso oltreché ai meriti vostri parti- 
coìni'i, ai pensiero che mi indusse a preferirvi a tutti gli altri ottimi. 
Mar^il^lla è il porto, a cui dopo il sacrificio divino del Calvario, ap- 
prodò non solo il discepolo, ma Tamico del divin Redentore ; e Mar- 
siglia, {he fé tesoro della parola di vita dispensata da Lazzaro b la 
venera rincora come speciale patrono, dev'essere riguardata dalla 
Franeìji con speciale venerazione. Reims conserva il fonte battesi- 
nmit* «tonde é uscita tutta la Francia cristiana e giustamente é chia- 
iiììxìA per questo il diadema del regno. Era un'ora tenebrosa per la 
Chteifiri tJI Gesù Cristo, che combattuta per una parte dagli Ariani e 
assalii J^ per l'altra dai barbari, non aveva altro rifugio che la pre- 
j^hìera per invocare l'ora di Dio. E l'ora di Dio suonò a Reims nella 
fmìik dì Natale dell'anno 486, perché il battesimo di Clodoveo segnò 
la naHi'ìta di una grande nazione, della tribù di Giuda dell'era no- 
vella, i'he prosperò sempre finché mantenne l'alleanza del sacerdozio 
f d^l pubblico potere, finché non a parole, ma coi fatti si mostrò 
ftjflb primogenita della Chiesa. A Reims pertanto ed a Marsiglia de- 
vono rivolgersi gli affetti dei cattolici della Francia, perché se a 
Mttrsiglia fu portato il primo germe della fede, della parola venuta 
d«U (lolgota, caldo ancora del sangue di Gesù Cristo, a Reims fu 
gglennumente proclamato il Regno di Cristo in tutta la Francia pel 
R6 ehB senza parole, ma col suo solo esempio indusse i popoli, che 
lo bit^gufvano, a ripetere alla di lui presenza e ad una sola voce : 
tsm rinunciamo agli Dei mortali e siamo pronti ad adorare il Dio 
IjDiuortale predicato da Remigio; provando così un'altra volta, che 
1 |io(M>U sono quali li vogliono i loro Governi. Mi congratulo per- 
ttiola t'CiQ voi, Venerabili Pastori di Reims e di Marsiglia, che ritor- 
tìciidt> alle vostre Sedi adorni della Sacra Porpora, sarete accolti con 
gioia V avrete il saluto affettuoso dei vostri confratelli e la venera- 
zione di tutti i cattolici della Francia. Che se in questa letizia non 
ho jMiluto fare a meno di rammaricarmi pensando alle persecuzioni 



COSE ROMANE 103 

alle quali è fatta segno la Chiesa, confido però molto anche in voi, 
che, cominciando oggi una vita di lavoro più assiduo e di maggior 
sacrificio, come per lo passato, continuerete a sostenerne i diritti e 
ad aiutarmi nello spirituale governo. E a questo fine impartisco con 
effusione di cuore TApostolica Benedizione, a voi, al Clero ed al po- 
polo delle vostre Diocesi, ai diletti che decorarono colla loro pre- 
senza questa ceremonia, ai vostri ed ai loro parenti, e questa Bene- 
dizione sia fonte per tutti delle grazie più elette e delle più soavi 
consolazioni. » 

4. Nel seguente giovedì 19, neiraula delle Beatificazioni il Santo 
Padre tenne concistoro pubblico, al quale assistettero i membri del 
Corpo diplomatico, del patriziato e della nobiltà romana, il Gran 
maestro deirOrdine di Malta con i commendatori e cavalieri del con- 
siglio, e in tribune e recinti speciali moltissimi invitati tra parenti 
ed amici dei novelli porporati, le deputazioni del giorno precedente 
e numerose persone appartenenti alla colonia straniera. Dopo l'omag- 
gio consueto ebbe luogo la imposizione dei cappelli ai nuovi cardi- 
nali nonché agli eminentissimi Aguirre e Rinaldini creati e pubblicati 
nel Concistoro del 15 aprile 1907, ceremonia compiuta da Sua Santità 
mentre i cantori interpretavano alcuni mottetti del Palestrina ed il 
Tu es Petrus del Perosi che ne dirigeva l'esecuzione. Nel concistoro 
segreto che ebbe luogo dopo nella solita aula il Santo Padre propose 
le Chiese seguenti : 

Chiesa patriarcale di Lisbona, per mona. Antonio Mendes Bello, pro- 
mosso dalla sede cattedrale di Faro. — Chiesa cattedrale di Faro, per 
mons. Antonio Barbosa I/eao, traslato della sede cattedrale di Angola e 
Ck)ngo. — Chiesa cattedrale di Guadix, pel R. D, Timoteo Hernandez 
Mnlas, diocesano di Zamora, laureato in diritto canonico, canonico dotto- 
rale della cattedrale di Cuenca. — Chiesa cattedrale di Aìmeria, pel R. 
D. Vincenzo Casanova, diocesano di Tarazona, licenziato in sacra teologia, 
in Madrid parroco della chiesa del Buon Consiglio. — Chiesa cattedrale 
di Segorbia, pel R. D. Antonio Maria Massanet y Verd, diocesano di Ma- 
iorca, professore di filosofia nel seminario vescovile di Palma. — Chiesa 
«aitedrcUe di Beja, pel R. D. Sebastiano Leite de Vasconcellos, di Oporto, 
fondatore e direttore della Officina dì S. Giuseppe. — Chiesa titolare fé- 
scovile di Martiropoli, pel R. D. Antonio Alves Ferreira, diocesano di Por- 
talegre, licenziato in sacra teologia e in diritto canonico, professore di sa- 
cra teologia nel seminario di Santarem, canonico della chiesa patriarcale 
di Lisbona, deputato coadiutore con successione di mons. Giuseppe Dias 
Correia de Carvalho, vescovo di Viseu. — Chiesa titolare vescovile di 
Olimpo, pel R. D. Prudenzio Melo y Alcalde, di Burgos, dottore in sacra 
teologia e in diritto canonico, provicario generale e canonico letterale della 
metropolitana di Burgos, deputato ausiliare deirE.mo e R.mo Sig. Card. Ci- 
riaco Maria Sancha y Hervas, Arcivescovo di Toledo. — Chiesa titolare 



104 CRONACA CONTEMPORANEA 

vescovile di Antldone, pel R. D. Raimondo Barberà y Boada, arcidioce- 
s&no di Tarragona, dottore in sacra teologia e licenziato in dritto canonico, 
<5anonico arcidiacono della Metropolitana di Tarragona. 

Quindi Sua Santità pubblicò le seguenti Chiese, già. provviste 
per Breve: 

Coadiutoria con successione nella chiesa cattedrale di Parma, per 
mons. Guido Maria Conforti, arcivescovo titolare di Stauropoll (ora è suc- 
ceduto). — Chiesa titolare arcivescovile di Sardica, per mons. Pio Alberto 
del Corona, dei Predicatori, promosso dalla sede cattedrale di S. Miniato. 

— Chiesa titolare arcivescovile di Pessinuntey di rito latino, per mons. 
Costanzo Lodovico Maria Guillios, promosso dalla sede cattedrale di Le Puy. 

— Chiesa metropolitana di Avignone» per mons. Gaspare Maria Michele 
Latty, promosso dalla cattedrale di Ghàlons. — Chiesa metropolitana di 
LinareSf per Mons. Leopoldo Ruiz, promosso dalla sede cattedrale di Leon 
di Messico. — Chiese metropolitane unite di Acerenea e Matera, per mons. 
Anselmo Pecci, benedettino, promosso dalla sede cattedrale di Tricarico. — 
Chiesa metrojìolitana di Bombay ^ pel Rev. P. Ermanno JQrgens, della Com- 
pagnia di Gesù. — Chiesa titolare arcivescovile di Eraclea, pel Rev. P. An- 
drea Francesco Frtthwirth, dei Predicatori,* diocesano di Seckau, maestro in 
sacra teologia, consultore del S. Uffizio, nunzio apostolico in Baviera. — 
Chiesa cattedrale di Uberaba, recentemente eretta da Sua Santità per 
mons. Edoardo Duarte Silva, traslato dalla sede cattedrale di Goyaz. — 
Chiesa cattedrale di Piince Albert, recentemente eretta da Sua Santità , 
per mons. Alberto Pascal, degli Oblati di Maria Immacolata, traslato dalla 
chiesa titolare vescovile di Mosynopoli. — Chiesa cattedrale di Leon del 
Messico, per mons. Giuseppe Mora, traslato dalla sede cattedrale di Tulan- 
cingo. — Chiesa Cattedrale di Chilapa, per Mons. Francesco Campos, tra- 
slato dalla sede cattedrale di Tabasco. — Chiesa Cattedrale di Curytiba, 
per mons. Giovanni Francesco Braga, traslato dalla sede cattedrale di Pe- 
tropolis. — Chiesa titolare vescovile di Cina, per mons. Carlo di Gesù 
Mejia, della Congregazione della Missione, traslato dalla sede cattedrale di 
Tehuantepec. — Chiesa cattedrale di Acireale, per mons. Giovanni Bat- 
tista Arista Vigo, della Congregazione deirOra torio, traslato dalla chiesa 
titolare vescovile di Nissa. — Abazia nullius di Monserra o nel Brasile, 
recentemente eretta da Sua Santità, per mons. Gerardo van Caloen, del- 
l'Ordine di S. Benedetto, vescovo titolare di Focea. — Chiesa cattedrale 
di Venosa, per mons. Felice del Sordo, traslato dalla chiesa titolare vesco- 
vile di Claudiopoli. — Chiesa cattedrale di S, Miniato, per mons Carlo 
Falcini, traslato dalla chie^ titolare vescovile di Aretusa. — Chiesa cat- 
tedrale di Ibarra, per mons. Ulpiano Perez y Quifiones, traslato dalla chiesa 
titolare vescovile di Aretusa. — Chiesa cattedrale di Mfmteflascone, per 
mons. Domenico Mannaioli, diocesano di Todi, prelato domestico di Sua 
Santità, dottore in sacra teologia ed in ambe le legge, correttore della S. Pe- 
nitenzieria e canonico de!ld patriarcale basilica liberiana. — Chiesa cai» 
tedrale di Città della Piece, pel R. D. Domenico Fanucchi, arcidiocesano 
di Lucca, esaminatore sinodale, canonico della metropolitana e provicario 



COSE ROMANE 105 

generale di Lucca. — Chiese cattedrali unite di Corneto Tarquinia e Ci- 
ciiavecchia, pel R. P. Beda Giovanni Cardinale, iienedettino, di Genova, 
Abate del Monastero di Fraglia presso Padova. — Chiesa cattedrale di 
Amelia, pel R. P. Francesco Maria Berti, dei Minori Conventuali, diocesano 
di Pistoia, commissario generale di Toscana e rettore di S. Croce di Fi- 
renze. — Chiesa cattedrale di Grosseto^ pel R. D. Ulisse Bascherini, ar- 
cidiocesano di Pisa, licenziato in sacra teologia, esaminatore prosinodale, 
arciprete della metropolitana e provicario generale di Pisa. — Chiesa caU 
tedrale di Borgo 8. Donnino, pel R. D. Leonida Mapelli, di Milano, pre- 
vosto parroco di Sesto Calende nella stessa arcidiocesi. 

Chiesa cattedrale di Lacedonia^ pel R. D. Gaetano Pizzi, diocesano 
d*Isemia, dottore in saera teologia, esaminatore sinodale e canonico della 
cattedrale d^Isernia. — Chiesa cattedrale di Caltanisetta, pel R. P. An- 
tonio Augusto Intreccialagli, dei Carmelitani scalzi, diocesano di Frascati, 
maestro di filosofia e sacra teologia, visitatore apostolico in Roma e in 
varie diocesi d*Italìa, consultore della S. Congregazione dei Vescovi e Re- 
golari e di varie commissioni Pontificie, nel suo Ordine già Definitore e 
provinciale, postulatore delle Cause dei Santi. — Chiesa cattedrale di Ce- 
fali^, pel R. P. Anselmo Evangelista Sansoni, dei Minori, diocesano di Arezzo, 
lettore in filosofia e sacra teologia, in Arezzo esaminatore prosinodale, pro- 
fessore di teologia dommatica e sacra Scrittura e direttore spirituale nel 
Seminario. — Chiesa cattedrale di Angouléme, pel B. D. Enrico Arlet, dio- 
cesano di Cahors, Professore emerito del Seminario e Vicario Generale di 
Cahors. — Chiesa cattedrale di Le Puy, pel R. C. Tommaso Boutry, dio- 
cesano di Moulins, dottore in sacra teologia e in diritto canonico, canonico 
teologo della cattedrale e vicario generale di Moulins. — Chiesa cattedrale 
di Pamiers. pel R. D. Martino Izart, diocesano di Perpignano, ivi canonico 
arciprete della cattedrale. — Chiesa cattedrale di Troyes, pel R. D. Lo- 
renzo Mounier, diocesano di S. Claude e canonico arciprete della catte- 
drale. — Chiesa cattedrale di Blois, pel R. D. Alfredo Giulio Mélisson, 
diocesano di Le Mans e canonico arciprete della cattedrale. — Chiesa cat- 
tedrale di Santorino, pel R. D. Michele Camilleri, arcidiocesano di Corfù, 
parroco in Smirne. — Chiesa cattedrale di ìiiohamba, pel R. P. Andrea 
Machado, della Compagnia di Gesù, ministro provinciale dell'Equatore. — 
Chiesa cattedrale di Portoveochio, pel R. D. Giovanni Maria Riesa, dei 
Predicatori, ministro provinciale nell'Equatore. — Chiesa cattedrale di Tu- 
ianeingo^ pel R. D, Giovanni Herrera, arcidiocesano di Messico, dottore in 
filosofia, sacra teologìa e diritto canonico, in Messico rettore del Semina- 
rio arcivescovile e prefetto degli studii. — Chiesa cattedrale di Tehuan- 
tepee, pel R. D. Ignazio Placencia, arcidiocesano di Guadalaxara, ivi pro- 
segretario della Curia arcivescovile. — Chiesa cattedrale di Derry, per 
mons. Carlo Mac Hugh, della stessa diocesi, prelato domestico di Sua San- 
tità, dottore in sacra teologia, rettore del Seminario e vicario generale. — 
Chiesa cattedrale di Fall River, pel R. D. Daniele Francesco Feehan, dio- 
cesano di Springfield, Parroco di S. Bernardo e Consultore diocesano. — 
Chiesa cattedrale di Poona^ pel R. P. Enrico Doring, della Compagnia di 
Gesù, Diocesano di Mlinster, Missionario in Poona. — Chiesa cattedrale 



106 CRONACA CONTEMPORANEA 

di Nagpur, pel R. P. Francesco Stefano Coppel, dei Missionarii di S. Fran- 
cesco di Sales, diocesano di Annecy, professore e rettore del collegio di 
Nagpur e provinciale della sua Congregazione. — Chiesa titolare vesco- 
vile di Acmoììiay pel R. D. Pietro Marty, diocesano di Pórigueux, dottore 
in sacra teologia; decano del Capitolo di Périgueux, deputato Coadiutore 
con successione di mons. Adolfo Fiard, vescovo di Montauban. — Chiesa 
titolare vescovile di Aita, pel R. D. Carlo Maria De Grostarzn, del Semi- 
nario delle Missioni estere di Parigi, deputato vicario apostolico dello Yun- 
nan in Cina. — Chiesa titolare vescovile di AntifellOy pel R. P. Giovanni 
CalLins^ della Compagnia di Gesù, deputato Vicario Apostolico della Già- 
maica. — Chiesa titolare vescovile di Damar a, pel R. D. Nicola Ciceri 
della Missione, diocesano di Nola, procuratore in Shanghai, deputato Vi- 
cario Apostolico del Siam-Si meridionale. — Chiesa titolare vescovile di 
Pilionte. pel R. P. Pietro Munagorri y Obineta, dei Predicatori, diocesano 
dì Vittoria, deputato Vicario Apostolico del Tonkino centrale. 

Chiesa titolare vescovile di MUeto, pel R. P. Adeodato Witner. dei 
Minori, diocesano di Strasburgo, deputato coadiutore con successione del 
vicario apostolico dello Sciam-Ton orientale. — Chiesa titolare vescovile 
di ParnassOj per mons. Lodovico Giuseppe Lagraive, arcidiocesano di Ma- 
lines, prelato domestico di Sua Santità e vicario generale, deputato ausi- 
liare dell'Emo e Revmo signor Card. Desiderato Mercier, Arcivescovo di 
Mal Ines. — Chiesa titolare vescovile di Amata, per mons Paolo Rosario 
Farrugia, diocesano di Malta, protonotario apostolico ad instar parteci- 
pantiutn, dottore in sacra teologia, esaminatore prosinodale e canonico 
della cattedrale, deputato ausiliare di mons. Pietro Pace, arcivescovo ve- 
si^ovo di Malta. — Chiesa titolare vescovile di Selimbria, per R. D. Gio- 
vanni Klunder, diocesano di Culma, dottore in ambe le leggi, canonico 
della cattedrale di Culma, deputato ausiliare di mons. Agostino Rosentre- 
ter, vescovo di Culma. — Chiesa titolare vescovile di Sura, pel R. D. 
Antonio Augusto de Assis, arcidiocesano di Marianna, in Porto Alegre 
canonico arciprete della cattedrale, deputato ausiliare di mons. Giovanni 
Battista Correa Neri, vescovo di Porto Alegre. — Chiesa titolare vesco- 
vile di Cernia nicopoli, pel R. D. Giuseppe Maria Kondelka, diocesano di 
Cli^veland, deputato ausiliare di mons. Ignatio Horstmann, vescovo di Cle- 
veland. — Chiesa filolare vescovile di Elenopoli, per mons. Rocco Vucic, 
diocesano di Segna, protonotario apostolico ad instar participantiiim^ li- 
cenziato in filosofia e in sacra teologia, canonico della cattedrale di Segna. 

Nello stesso concistoro il Papa diede ranelle ai nuovi cardinali 
eJ assegnò loro le proprie chiese titolari: alPEifio Aguirre il titolo 
Prtfsbiterale di S. Giovanni a porta Latina; quello di S. Pancrazio 
air Emo Rinaldinì; quello dì 5. Bernardo airEmo Gasparri ; quello 
di S'. Maria Nuova airEino Lu(^on ; quello di S. Onofrio alTEifio 
Audrieu; e la Diaconia di S. Nicola in carcere alTEiìio De Lai. 

Fu pure fatta a Sua Santità la postulazione del Sacro pallio per 
la chiesa Patriarcale di Lisbona, per le chiese metropolitane di JBo- 
ì^na, Acer enea e Matera, Lìnares, Avignone, Chambéry, Bombay, Lima 



COSE ROMANE 107 

e Bostofi (per successione) non che per le chiese cattedrali di Puy 
e Coutances (per privilegio). 

5. In attestato di benevolenza non comune verso rilliTio e Rilio 
Mona. Giacomo Della Chiesa, e di stima per Tarchidiocesi di Bologna 
il S. Padre si degnò conferire personalmente al degnissimo preiato la 
consecrazione episcopale. La maestosa cerimonia si svolse nella cap- 
pella Sistina domenica 32 decembre alla presenza di parecchi cardinali, 
arcivescovi, vescovi, deli* ambasciatore di Austria, dei ministri di Prus- 
sia, Belgio, Russia, Baviera, Brasile e di molti addetti al corpo diploma- 
tico, dì numerosi invitati, tra i quali i parenti di Mons. Delia Chiesa ed i 
rappresentanti bolognesi e genovesi del clero e del laicato. Il Pontefice 
assistito dai due arcivescovi mons. Balestra di Cagliari, e mons. Val- 
frè di Vercelli compiè la ceremonia augusta della consecrazione, 
dopo la quale e mentre si cantava il Te Deum il novello arcivescovo 
si recò fino al fondo della cappella impartendo secondo il rito la 
sua prima benedizione pastorale agli astanti. 

Doni in gran numero furono offerti in questa occasione al nuovo 
arcivescovo, tra i quali spiccano una magnifica croce pettorale tem- 
pestata di grossi brillanti e un pastorale regalatigli da Sua Santità 
Pio X. . 

6. La nuova amministrazione comunale da poco insediata in Cam- 
pidoglio per mostrarsi fedele al suo programuia giacobino, dal quale 
traspare anche la grettezza di che è brutta Tanima bloccarda, appena 
le fu possibile decretò la soppressione d*una pietosa opera. Antica- 
mente dal Comune di Roma era affidata a preti, poi a frati cappuc- 
cini, tre in tutto, la incomoda missione dì accompagnare i cadaveri 
nel trasporto notturno dagli ospedali e parrocchie al cimitero. Ogni 
giorno TufiBcio d* igiene mandava ai cappellani il foglio sul giro 
da compiersi prima dell'alba, ed il povero religioso accompagnava 
airultima dimora i trapassati salmodiando dal suo luogo sul carro 
dove avea posto coi becchini. Il nuovo assessore d* igiene dichiarò 
con un decreto della giunta esonerati i frati dal loro ufficio, 
risparmiando cosi al bilancio del Comune il dispendio, nientemeno 
di 1800 lire annue equivalenti a 150 mensili da dividersi fra tre 
o quattro cappellani. Chissà se si può essere più tristi e lerci 
di cosi. Però il poco destro colpo, che voleva essere colpo di 
genio, destò, come era da prevedersi, T indignazione generale, e più 
dei cattolici che deploravano la sorte dei poveri di Roma privati 
perfin delle preci della Chiesa dopo morte. L'assessore da uomo sa- 
gace ritornando sulla deliberazione fece sapere per i pubbbici fogli 
che ai frati non era tolta la facoltà di compiere il loro caritatevole 
ufficio, purché volessero esercitarlo senza stipendio alcuno. Non in- 
dugiarono nn momento i cappuccini e con sorpresa forse del censi- 



108 CRONACA CONTEMPORANEA 

gliere bloccardo si dissero fin dal domani pronti a prestar Tantica 
opera gratuitamente. Ma la cittadinanza commossa sottentrò al 
Comune e per mezzo del Corriere d'Italia mise insieme una somma 
maggiore del bisognevole per venire in aiuto dei frati, sicché po- 
tranno tuttora i poveri volontari non abbandonare gli abbandonati 
dalla fortuna. 

7. Il giorno 3 di dicembre venne dal Santo Padre diretta una let- 
tera di congratulazione e di nobile incoraggiamento al P. Aidano 
Gasquet presidente della Commissione dei lavori circa la revisione 
del testo della Volgata. In essa Pio X mostra la fiducia che nutre 
di vedere coronati di felice successo i lavori del dotto Benedettino 
e de' suoi soci! intorno ad unMmpresa assai ardua e alla quale illustri 
autori e gli stessi romani pontefici si consecrarono felicemente : dicesi 
sicuro della diligenza con la quale i Padri Benedettini versati nella 
scienza paleografica ed ìstorica non lasceranno inesplorato alcun co- 
dice antico che possa trovarsi nelle biblioteche di Europa senza por- 
tarlo alla luce e alio studio affin di restituire fedelmente il testo 
geronimiano della Volgata. Prosegue esortando quelli che ne hanno 
il potere a favorire gli studiosi onde si rendano benemeriti della 
religione e della santa scrittura. L^ lettera nel suo testo originale 
è la seguente: 

Delatuin sodalibus Benedictìnis munus pervestigationum Studiorumque 
apparandorum, quibus nova innitatur editio Conversionls Latinae Scriptu- 
rarum, quae Vulgatae nomen invenit, adeo equidem arbitramur nobile ut 
gratular! vehementer non tibi modo, sed sodalibus universis tuis, ila ma- 
xime, qui adiutores clari operis erunt, debeamus. Operosum et arduum ha- 
betis propositum facinus, in quo sollerter, memoria patnim, colebres enidi- 
tione viri, ipsoque e Pontiflcum numero aliquot, felici haud piane conatu, 
elaborarunt. Adiungentibus vobls rei illustri animum, non est dubitationi 
locus, flnem vos concrediti muneris fore aesecuturos, qui finis restitutione 
continetur primiformis textus Hieronymianae Bibliorum Gonversionis, con- 
sequentium saeculorum vitio non paullum depravati. Explorata, qua Bene- 
dictini Sodales pollent, paleographlae historicarumque disciplinarum scientia, 
eorumque compertissima in pervestigando constantia, certo securoque animo 
doctos esse iubent perfecta vos investigatione antiquos Godices universos 
Latinae Scripturarum Interpretationis, quotquot adservari in Europae Bi- 
bllothecis ad haec tempora constat, esse examinaturos ; idque praeterea ha- 
blturos curae, Godices ubique conquirere in lucemque proferre, qui usque 
adhuc Incomperti lateant. Has vero conquisitiones valde exoptandum ut, quo 
minore fieri negotio possit, persequi cuique vestrum fas sit; ideoque prae- 
fectis tabulariorum bibliothecarumque studia vestra impense commendamus, 
nihil ambigentes quin, prò sua in doctrinas Librosque sacros voluntate, 
omnem vobis gratiam impertiant. — Singularis praestantia rei, et concepta 
de vobis ab Ecclesia expectatio; Ingeniimi item horum temporum, quibus 
illud certe dandum est laudi, pervestigationes istiusmodi ita perflcere ut 



COSE ROMANE 109 

nulla ex parte reprehendendae videantiir: talia haec profecto sunt ut aperte 
inde appareat, oportere id opus ad absolutioneni piane ac perfectionem af- 
ferri, diictuque conQci normarum, quae plurimi apud disciplinas Id genus 
aestimentur. Equidem inteiiigimus longo vobis opus esse temporis spatio, 
ut munus exitu fausto concludatis; talis namque agitur res, quam animis 
aggredì et perflcere necesse est curarum et festinationis expertibup. Neque 
vero perspicuum minus Nobis est, quam multa pecuniae vi tam ampio exc- 
quendo Consilio sit opus: ob eamque rem spem libet amplecti non defuturos 
immortali operi qui de svls fortunis adiutores velini se dare, bene de Sacris 
Litteris ac de Christiana Religione merituri. Eos Nos, perinde atque vos, 
initio egregi! facinoris, hortatione prosequimur, velint Nobiscuni adiumentum 
operi aiferre ; quandoquidem qui bona impendunt studia, liberalibus debent 
manihua fulciri. Auspicem luminum gratiaruraque coelestium, inilicemque 
praecìpuae dilectionis Nostrae Apostolicam Benedictionem tibi ilsque uni- 
versis ac singulis, qui studium opemve praestantìssimo facinori contulerint, 
peramanter in Domino impertimus. Datum Romae apud S. Petrumdie IH De- 
ccmbris anno MCMVII, Pontiflcatus Nostri quinto. PIUS PP. X. 

II. 
COSE ITALIANE 

1. L'esposizione finanziaria alla Camera. Dichiarazioni deIi*on. Bertolini — 

2. La questione dell'arresto delKon. Nasi risoluta affermativamente. — 

3. Uno scoppio spaventoso di polvere a Palermo. — 4. Le manifestazioni 
per Oberdank. 

1. L'esposizione finanziaria fatta dal ministro Carcano il 7 dicembre 
fu giudicata un documento sincero, ma senza ampiezza di vedute, l 
conti consuntivi del 1906-907 si chiusero con un notevole avanzo di 
quasi 10^ milioni, i quali come vero beneficio recato al tesoro si ri- 
ducono a 68.8, dovendosi il resto di eccedenza al prelevamento 
dall'avanzo deiresercizio 1905-906. A tale risultato contribuirono le 
spese riuscite inferiori alle previste e le entrate effettive superanti 
di 72 milioni e mezzo la previsione. Inoltre il Carcano calcolò che 
l'esercizio corrente si chiuderà con 51 milioni (da ridursi a 29 qua- 
lora si riferiscano le spese straordinarie all'esercizio cui spettano) . 
e previde pel 1908-909 l'avanzo di 43 milioni, che anch'esso portato 
all'effettivo si ridurrà ai 24 soltanto. Annunziò inoltre una riforma 
bancaria che si riduce a già note proposte parte discutibili, parte 
accettabili, e lodata fu dai tecnici quella da lui fatta di assegnare 
60 milioni di oro a rinforzare il fondo metallico dei biglietti di 
Stato, necessità già difesa dalfon. Luzzatti. L'accenno al bilancio 
ferroviario fu uno dei punti più interessanti dell'esposizione finan- 
ziaria. L'on. Carcano parlò di diminuzione del T mcrewenio nei redditi 
netti e l'accenno non sembrò chiaro, poiché dalla esposizione si rile- 



110 CRONACA CONTEMPORANEA 

verebbe che questi non diminuissero, sibbene aumentassero lenla- 
meute; come non sembrò chiara la giustificazione del prelevamento 
di IO milioni dal fondo di riserva per le spese impreviste, apparendo 
questo come un artificio per non diminuire i redditi netti ferroviari!. 

Il consiglio dei ministri riunitosi più volte nella prima metà di 
di( (*mbre prese le ultime determinazioni circa l'aumento dei bilanci 
stiìhilendo che, quello dell'interno sarà accresciuto di 8 milioni, 
^juf! Ilo delle poste di SO, quello di grazia e giustizia di poco meno 
di 7, quello degli esteri di lire 850,000, e quello della istruzione 
fii 4 milioni e mezzo. 

Notisi che gli avanzi del bilancio sono in gran parte destinati al 
iin^ltoramento economico degli impiegati dello Stato, ed il relativo di- 
segno di legge, come risulta dalle tabelle, provvede a 19,000 funzionarli : 
cu ri viene quindi opporsi una buona volta alle pretese di quei di- 
pendenti dello Stato, i quali cavando dalla potenza delle organizza- 
zioni audacia ogni dì più, mirano a strappare condizioni di privilegio 
di fronte a quelle di altre classi lavoratrici con una perenne mi- 
!iaccja alla integrità dei bilancio. Di questa necessità parve convinta 
la maggioranza degli italiani, a giudicarlo dall'eco che fece alle di- 
chiarazioni del ministro dei lavori pubblici on. Bertolini in risposta 
al Ite interpellanze del Turati. Questi svolgendo la sua tesi sullo sciopero 
f<?rro viario di solidarietà pei fatti di Milano che, cioè, non si può con san- 
/juiif punitive impedire il movimento collettivo di una classe, come una 
I urza inevitabile ed irresistibile la quale solo, secondo lui, può trovare 
un freno negli arbitrati obbligatorii, e deplorando perciò le inflitte puni- 
zioni invocò un'amnistia generale, la sola valevole a pacificare gli animi 
f disarmare gli eccitati. Magistralmente l'on. Bertolini, rispose affer- 
mando l'assoluto ed imprescindibile diritto dello Stato, il quale non 
pciìrebbe non applicare la sanzione della legge contro una mino- 
ranza prepotente e soverchiatrice senza la propria abdicazione, e 
proseguì ragionando sulla intollerabilità dello sciopero nei pubblici 
servizi da parte di qualsiasi Governo né quale mezzo di Rivendica- 
zione di classe, né quale partecipazione di solidarietà ad agitazioni 
allrui. Alla proposta di un arbitrato obbligatorio osservò con chiara 
logica, equivarebbe questo ad un esautoramento del potere legislativo 
spogliandolo delle attribuzioni proprie, quale quella di stabilire le 
condizioni di contratto dei dipendenti dello Stato, compensarli della 
rinunzia al diritto di sciopero e tutelarli contro ogni abuso da parte 
del governo, sostituendolo con un potere estraneo irresponsabile, il 
\]Uì\\e al tempo stesso potrebbe stabilire di proprio arbitrio l'am- 
montare delle pubbliche gravezze. Quanto alla proposta di un con- 
dono generale di tutte le pene non fu meno esplicito rigettandola, 
ijunle alto di imperdonabile leggerezza valevole, non a disarmare, si 



'JCSL ITALIANE 111 

ad inanimire ì turbolenti a nuove agitazioni ; e quindi esser anzi 
necessaria un'azione di « difesa sociale » contro le teorie tendenti a 
scuotere le basi della società e piombarla nella anarchia. Il discorso 
col quale Ton. Bertolini si dimostrò vero uomo di Stato non privo 
di energia fu coronato da applausi vivissimi della Camera ai quali sì ^ 
associò tutta la nazione. 

2. Una controversia molto vivace svoltasi alla Camera venne oppor- 
tunamente a scuotere dal torpore i sonnolenti deputati, e da quella 
uscì vittorioso il buon senso e la retta coscienza politica. L* impu- 
tato Nasi aveva domandato alla Camera la revv^ca, o almeno la di- 
chiarazione di illegalità incorsa dal presidente delFAlta Corte, nel- 
Temettere contro lui, deputato, Il mandato d'arresto, e la Camera 
doveva dare la sua sentenza. Nella discussione si era trafugato più 
dì una questione adiafora, come quella delle prerogative parlamen- 
tari, della moralità e perfino dell'opportunità politica, laddove il nodo 
propriamente si trovava nell'articolo 47 dello Statuto. Le preroga- 
tive parlamentari erano fuori discussione, né venivano contestate : il 
caso non era di guarantire un deputato contro l'azione del potere giu- 
diziario, cioè contro un potere estraneo al quale la Camera può dai e 
o no il suo consenso, così per la citazione in giudizio, come per 
l'arresto ; ma di stabilire se la Camera accusando un membro del 
Governo e traducendolo avanti al Senato costituito in Alta Corte può 
riservarsi il diritto di limitare i legali effetti dell'accusa e ristrin- 
gerne la giurisdizione. Ma gli amici del Nasi portarono la battaglia 
proprio nel campo delle prerogative parlamentari comprese nelTar- 
ticolo 45 dello Statuto, ed ebbero nella lotta il solo risultato con- 
forme a giustizia, la sconfitta. L'accusa lanciata dai Nasiani contro 
i difensori del potere sovrano della Camera, di essere illiberali e an- 
tidemocratici, perchè il deputato, quale rappresentante della sovrana 
volontà popolare, è sopra della legge e non può essere arrestato, fu 
vittoriosamente respinta dal Turati, il quale provò che nel diritto di 
accusa della rappresentanza nazionale è contenuta la vera sovranità 
popolare. Il voto (sancito con appello nominale) che affermò il diritto 
sovrano del parlamento nell'accusa, e il dovere di rispettate la giu- 
risdizione competente all'altro potere, sovrano anche esso, rimarrà 
memorabile nella storia parlamentare, perchè ha stabilito un prece- 
dente esemplare. L'arresto dell'on. Nasi fu mantenuto con !239 voti 
contro 91. A stornare questo voto il comitato prò Nasi avea minac- 
ciato il finimondo, e nei varii comizii anteriori protestando contro 
l'arresto era sceso a tutti gli espedienti, non escluso quello di un 
inqualificabile procedimento presso tutti i collegi elettorali della Si- 
cilia affinchè imponessero ai propri deputati di far causa comune 
con l'ex ministro. Ma ogni sforzo sia del famoso comitato, sia del 



112 CRONACA CONTEMPORANEA 

Nasi stesso, sia dei suoi difensori fu vano, e pare finalmente as- 
sodato che si verrà fra non molto ad una soluzione definitiva, quella 
appunto per evitar la quale parvero escogitate le vane complicazioai 
nelle quali si è andato ravvolgendo il malaugurato processo. 
^ 3. Il giorno SO dicembre a Montecitorio la politica passò in secondo 
luogo: rargomento principale dei discorsi fu il grave disastro di 
Palermo. La sera precedente era avvenuto in quella città uno scoppio 
terribile di polvere pirica e di altre materie esplodenti che produsse 
il crollo del caseggiato in cui era nascosto il deposito frodolento, e 
quello del caseggiato fronteggiante, ricovero di poveri emigranti, con 
ripercussione in quasi tutta la città. Dall'esplosione si generò un 
incendio minaccioso nel fitto, delfabitato, e le spire prepotenti delle 
fiamme abbracciavano le case circostanti, mentre da un mucchio im-^ 
mane di rovine venivano voci di infelici sepolti chiedenti mercè. Nod 
ostanti i frequenti rimbombi e i getti di faville che si sprigionavano 
dalle viscere di quelfammasso informe molti generosi corsero all'o- 
pera di salvamento : quasi un centinaio di feriti e 72 morti secondo 
le notizie dei giornali locali, vennero dissepolti dall'immensa rovina 
e portati negli ospedali tra episodii di eroismo e di terrore. 

Le prime notizie diffuse rapidamente in Roma fecero crederò il 
disastro assai pi Ci grave, poiché in un dispaccio da Palermo all& 
Tribuna parlavasi di mille morti i quali lasciarono supporre Dio s& 
quanti feriti e un disastro immenso. I siciliani che formano in Roma 
una vera colonia, accorsero al ministero dell'interno, dal quale per 
l'ora tarda non poterono cavar migliori novelle, e si rivolsero dap- 
pertutto dove potevansi attingere informazioni precise; le quali giun- 
sero man mano a determinare la verità, sempre dolorosa quantunque 
meno grave di quanto si poteva temere dai primi telegrammi, pur 
confermarono tutti nel convincimento di un gravissimo disastro piom- 
bato sulla capitale dell'isola. Generalmente si accusano d'insipienza le 
autorità locali, e si biasima forte la negligenza della questura, la quale 
avendo contezza di un deposito di polveri nel mezzo dell'abitato e po- 
tendo supporre che vi si tenesse in quantità maggiore della consentita 
per legge, e forse di nascosto la dinamite, non abbia provveduto con 
debita sorveglianza mentre ora le incombe gran parte della respon- 
sabilità del disastro. 

4. Il fare il Sindaco di Roma è un bell'onore, ma è anche un im- 
piccio, perchè le corbellerie che si commettono dal sindaco di Roma^ 
gli attirano maggior vergogna e maggior biasimo quanto è più alta 
la carica che occupa e la responsabilità che incorre. Il signor Nathan 
pare che abbia cominciato assai presto a scappucciare, se si deve 
credere a un comunicato della Stefani a proposito di gazzarre re- 
pubblicane e antiaustriache, e ai commenti pepati che vi fece l'ujffi- 



COSE ITALIANE 113 

CÌ08& Tribuna del 23 dicembre sotto la rubrìca « Le maDifestazioni 
per Oberdaok » che noi trascriviamo di peso : 

< L' Agenzia Stefani ha trasmessa la seguente nota della cui im- 
portanza, ufficiale od officiosa, lasciamo al pubblico il giudizio. 

« Boma, 21. — Le manifestagioni politiche isolate avvenute ieri in 
qualche Università ed in qualche assemblea amministrativa non pos- 
sono che essere deplorate dal Governo italiano, come il Governo austro- 
ungarico ha recentemente deplorato qualche manifestazione isolata ostile 
air Italia, poiché è fermo volere dei due Governi non solo di rimanere 
lealmente fedeli alValleanea, ma di rafforzare sempre piit quei rapporti 
di cordiale ed intima amicizia che intercedono tra i due passi e che 
nessuna manifestazione di piccole minoranze riuscirà a turbare. 

< Una delle Università in cui avvennero le manifestazioni politiche 
a cui si accenna nel comunicato, è 1* Università di Roma, dove la 
commemorazione per concessione del rettore assunse il carattere di 
funzione solennemente autorizzata. Una delle assemblee amministra- 
tive in cui si inneggiò a Oberdank è il Consiglio comunale di Romti, 
dove il repubblicano dottor Musanti mandò un saluto ali* « ultima 
vittima generosa delfunità italiana », il pubblico bloccardo applaudi, 
i consiglieri monar<;hici o applaudirono o stettero spettatori silen- 
ziosi, e applaudirono socialisti, repubblicani e radicali e dove il sin- 
daco Nathan prese atto della dimostrazione e deirapplauso che qua- 
lificò « il segno migliore del sentimento dei colleghi al saluto pro- 
posto dal Musanti » e non rilevò nemmeno che per dimostrazioni di 
tal fatta i corpi amministrativi non sono i più adatti. Il comunicato 
ufficioso è dunque una smentita o un severo ammonimento al ret- 
tore della Sapienza e al nuovo sindaco di Roma? Non vogliamo dire 
che sia solo rivolto contro gli atti loro, ma certo il biasimo insito 
tocca anche a loro. 

« E certamente nella grande maggioranza della popolazione romana 
fatto del Consiglio municipale e del sindaco di Roma, non potè a 
meno di essere giudicato per lo meno inopportuno. Non si siede sul 
Campidoglio, di fronte al Quirinale a cui si è inteso di rendere 
omaggio, di fronte a un governo costituzionale, del cui appoggio si 
ebbe cosi manifesta prova e si ha tanto bisogno, per fare atto scon- 
veniente e ostile airuno e alFaltro. Il blocco è salito al sacro colle 
per fare della politica antimonarchica od antiaustriaca? E allora lo 
dica: sapranno i cittadini e le autorità come regolarsi. Ma se questo, 
come vogliamo ancora sperare, non fu e non è, lealmente, il suo 
proposito, perchè commettere manifestazioni cosi imprudenti, che se- 
minano attriti fra Governo e Municipio della Capitale e diffidenza 
nella cittadinanza? * 

1908. voi. 1, fase. 1381. 8 28 dicembre 1907. 



114 CRONACA CONTEMPORANEA 

HI. 

COSE STRANIERE 

{Notizie Generali). 1. Spagna. Ricevimento del nuovo nunzio apostolico. La 
legge per la nuova flotta. — 2. iNOHiLTBaHA. Morte di lord Kelvin. — 
3. Stati UxNiti. La crociera della squadra nel Pacifico. — 4. Persia. Con- 
flitto costituzionale. 

1. (Spagna). £1 19 dicembre, moDs. Vigo nuovo nunzio apostolicu, 
ricevuto io udienza solenne cogli onori dovuti agli ambasciatori straor- 
dinari presentò al re le lettere credenziali. Erano presenti i membri 
del Governo, il corpo diplomatico, e Talto personale di palazzo. Il 
nunzio pronunziò un discorso nel quale ricordò le speciali e cordia- 
lissime relazioni che corrono tra il Sommo Pontefice ed il re di Spa- 
gna, e fece voti per la felicità del sovrano, della famiglia reale e 
della nazione spagnuoia. Alfonso XIII nella sua risposta ricordò esso 
pure con piacere che il Papa aveva degnato essere padrino al prin- 
cipe ereditario di Spagna, consolidando cosi i vincoli tradizionali che 
legano la nazione spagnuoia alla Santa Sede. Dopo Tudienza il nunzio 
fu ricevuto dalla regina Vittoria, dalla regina Cristina e dalla fa- 
miglia reale. 

La politica delFon. Maura comincia a portare i suoi frutti nelle 
relazioni internazionali. (Jn atto molto importante è il trattato stretto 
fra la Spagna e la Francia da una parte e la Spagna e Tlnghilterra 
dall'altra, col quale si obbligano a non alienare i possedimenti la cui 
ripartizione assicura T equilibrio attuale del medi terraneo occidentale 
e della vicina regione atlantica. Benché tali accordi abbiano un ca- 
rattere conservativo, essi hanno un enorme valore in caso di guerra. 
Il presidente del Consiglio, discutendosi alla Camera il bilancio della 
marina faceva sentire la fiducia nelle nuove condizioni politiche escla- 
mando: Non saremo forti per noi stessi, ma se dovessero nascere 
complicazioni non saremo lasciati soli come pur troppo è accaduto 
altre volte, fi Tassemblea con un entusiasmo patriottico votò un 
assegno di duecento milioni per metter mano a ricostituire nei minor 
tempo possibile le forze navali. 

2. (Inghilterra). La scienza ha sofferto una grave perdita colla 
morte di lord Kelvin, più conosciuto sotto il nome di sir William 
Thomson. Nato a Belfast nel 18!S4, nel 1845 era già redattore capo 
del Cambridge and Dublin maihematical Journal. L'anno appresso 
gii fu data la cattedra di fisica airUniversità di Glascow. La teoria 
dinamica del calore, le misure elettrostatiche, i fenomeni elettrici la 
bussola, i canapi sottoraarìni furono oggetto dei suoi studi che at- 



NOTIHE GENERALI 115 

tirarono 1^ ammirazione dei dotti e gii valftero i più grandi onori 
dalia nazione. Fu fatto pari del regno nel 1892. 

8. (Stati Uniti). Il 16 dicemtjre la flotta «alpò dalia rada di 
Hampton Roads, passata in rassegna e salutata dal presidente Roo- 
sevelt con una solennità drammatica non proporzionata alla partenza 
per una crociera nel Pacifico. Erano sedici coraezate ed alquante navi 
di carico per vìveri e carbone necessario a un giro veramente co- 
lossale. Un incidente molto geloso turbò la vigilia della partenza: 
vennero rimandati tutti i marinai giapponesi iscritti negli equipaggi 
della flotta, per sospetto di spionaggio. — Ed il Giappone è vera- 
mente nelle menti di tutti lo spauracchio» al quale è diretta la mostra 
delle forze formidabili delFUoione, monito o minaccia, prodromi certi 
di qnel conflitto che pur troppo si prepara inevitabilmente per Tege- 
monia del commercio orientale. 

4. <Pbrsia). Un vento di reazione ha messo a tumuilx» il regno. 
Lo flcìah subornato dai partigiani det vecchio regime, si era proposto di 
sciogliere il Parlamento e sopprimere la costituzione, il Parìamento 
ed il popolo si sono ammutinati. I principali ministri arrestati per 
ordine dello eciah e minacciati di morte furono poi per iutromis* 
sione del rappresentante inglese mandati in esilio. Altri ministri 
furono surrogati, la calma pare ritornata. 

AUSTRI A'UNGUERJA (Nostra Corrispondema). 1. Il nuovo compromesso 
austro-ungarese. — 2. Parlamento austriaco ; rimpasto^ ministeriale ; 
nuovo successo dei cristiani-sociali. — 3. Parlamento ungarese; discus- 
sione del compromesso ; ostruzione croata. — 5. Sessione autunnale delle 
Diete prorinciali; disordini universitari. — 5. Il congresso eattolico di 
Vienna, e il oongreaso del libero PeosSero a Praga. 

1. Finalmente il giorno 8 di ottobre, dopo parecchi annidi con- 
tinue tergiversazioni e dieci buoni mesi di trattative imbrogliatls- 
sime Ara Vienna e Budapest, i due governi dell'Austria e dell'Un- 
gheria vennero a capo d'un accordo per il nuovo compromesso, 
valevole per dieci anni. Gravissime le difficoltà da superarsi per giun- 
gere a tale accordo, ma gravissime del pari le conseguenze, quando 
l'accordo non fosse stato raggiunto. Il merito principale è da attri- 
buirsi al Wekerie, all'Andrassy, e al Kossuth per 1* Ungheria, e per 
l'Austria all'abilissimo presidente Beck, sorretti dalla matura espe- 
rienza e dalla saggia remissività dell'ottimo vecchio Imperatore e Re 
Francesco Giuseppe. 

Kota. — La Oirwrione del periodicn, nel pubblicare le illazioni de* suof cArrispon- 
daatì «tteri, eonie m attda alla Mrìetà delle lor» Imlònnaziaiii e tispeUft la oMvemimkto 
libertà de* loro apprezzamenti, cosi lascia loro la responsabitiU de* fatti e delle opinioiià 
tooiimicate. 



116 CROxSACA CONTEMPORANEA 

Più volte, anche da ultimo, nel lungo corso delle trattative ne 
venne annunziata la rottura definitiva,? ed apparve impossibile qual- 
sivoglia componimento. E nessuna meraviglia per chi non ignori la 
niolteplicità e la portata delle questioni complicatissime assommate 
nel compromesso, ossia nel patto fondamentale stabilito nel 1867, 
quando V Ungheria dalla torma di^semplice provincia austrìaca venne 
elevata al grado di Stato autonomo nel nesso della monarchia austro- 
ungarese. È da sapere che quel trattato abbracciava due compro- 
messi distinti, Tuno politico, irreformabile, l'altro economico-finan- 
ziario, da rinnovarsi ogni decennio colle necessarie modificazioni. Il 
primo riguardava il nesso politico fra le due parti della monarchia, 
ponendo a fondamento T un ita; statuale delle medesime nella guerra, 
negli affari esteri, e nelle finanze comuni. 11 secondo regolava fra 
le due parti la quota delle spese comuni, le tariffe del dazio sul co- 
mune territorio doganale, la valuta comune, e Tamministrazione della 
Banca austro-ungarica. Questo in poche parole era il compromesso 
del 1867, cardine di tutta la vita politica deif Austria-Ungheria. 

Ora quali sono innanzi tutto le principali modificazioni stipulate 
fra i due governi nel nuovo compromesso finanziario-economico? Si 
riassumono in quattro disegni di legge, de* quali accennerò soltanto 
quello che può maggiormente interessare i lettori d'oltre confine, 
cioè la legge sulla quota di contribuzione alle spese comuni, della 
quale andò occupandosi da un paio d'anni non solo la stampa au- 
striaca, ma anche il giornalismo estero. Adunque finora, ossia per 
quarantanni, l'Austria di poco più che cinque milioni d'abitanti supe- 
riore all' Ungheria si rassegnò a pagare dapprima il 70 7of dipoi da 
pochi anni il 65 e Vio % delie spese comuni, con una sproporzione 
evidente a vantaggio dell'Ungheria, alla quale toccava solo il 34.4 Vo 
in cambio del 42.4 7o, che avrebbe dovuto contribuire a ragione del 
numero de' suoi abitanti, considerevolmente aumentato in questi ul- 
timi anni. Ora nel nuovo compromesso la quota ungarese verrà bensì 
aumentata, ma solamente del 2 7o9 di guisa che mentre alt' Ungheria 
toccherà il 36.4 7o, l'Austria dovrà accollarsi il 63.6 ^/o. Ecco una 
prima concessione di innegabile vantaggio economico strappata dagli 
Ungaresi, di tanto non ancora contenti, ai buoni Austriaci. 

Un'altra, d'indole politica, è il carattere di semplice trattato o 
contratto decennale fra le due parti della monarchia (Vertrags-ZoU- 
tarif) considerate non più nella loro unità statuale, ma come due 
siati indipendenti, sebbene sia mantenuto comune per ora il terri- 
torio doganale. Ed ecco una seconda concessione, apparentemente 
di sola forma, perchè per i prossimi dieci anni, come si disse, nes- 
suna barriera doganale separerà l'Austria dall' Ungheria, ma non in- 
differente nelle sue conseguenze pratiche, quando, spirato il prossimo 



AUSTRIA-UNGHERIA 117 

decennio, V Ungheria darà forse rultimo colpo per ottenere la sepa- 
razione del lerritorio doganale, voluta dai quarantottisti del partito 
dell'indipendenza, come pente di passaggio al definitivo distacco po- 
litico e militare dell* Ungheria dall'Austria. Anche nei trattati col- 
Testero, in forza del nuovo compromesso, V Ungheria farà un passo 
avanti come Stato autonomo, dovendo essi recare la firma non solo 
del ministro comune degli esteri, ma anche quella de' ministri un- 
garesi. Fra le altre innovazioni volute dagli Ungaresi e' è pure l'isti- 
tuzione di un nuovo « Giudizio arbitrale » incaricato di decidere 
sulle controversie che potessero sorgere fra le due parti nella pra- 
tica applicazione del compromesso. La questione della Banca austro- 
ungarica e della sua divisione voluta dagli Ungaresi resterà insoluta 
fino al 1910, quando scadendo il privilegio della Banca si tratterà 
di rinnovarlo. Tale nelle sue linee principalissime il nuovo compro- 
messo, che sta ora discutendosi nei due parlamenti per la necessaria 
approvazione. 

Per quanto riguarda il compromesso politico più sopra accennato, 
il quale essendo di natura sua immutabile, e toccando direttamente 
i diritti della Corona, non poteva entrare in discussione nelle recenti 
trattative ministeriali, corse voce nella pubblica stampa, che gli Un- 
garesi siano riusciti ad ottenere dalla Corona qualche concessione 
sul terreno delle cosiddette guarentige costituzionali, e come dicesi 
anche nella delicatissima questione dell'unità di lingua, d'insegne 
militari ecc. nell'esercito. 

Questo sarebbe stato l'oggetto de'ripetuti colloqui, naturalmente 
secreti, dei ministri ungaresi con S. M. l'imperatore, e coll'arciduca 
ereditario, che in tale circostanza il sovrano volle al suo fianco. 
Checché ne sia, sta il fatto, che il Kossuth in un pubblico discorso, 
che sollevò molto rumore di qua e al di là del Leita, potè affermare 
fra gli applausi dell'uditorio magiaro, che il nuovo compromesso 
deve considerarsi come favorevole all'Ungheria anche perchè i mi- 
nistri ungaresi nello stipularlo « non rinunciarono ai criteri! della 
maggioranza nazionale, cioè del partito dell'indipendenza ». E quali 
sieno questi criteri sarebbe superfluo ripetere. 

2. 11 16 ottobre venne riconvocato il Parlamento austriaco, allo 
scopo precipuo di discutere il compromesso di pari passo col Parla- 
mento ungarese. Le dichiarazioni colle quali il presidente Beck ne 
accompagnò la presentazione alla Camera incontrarono un accogli- 
mento in complesso favorevole, del resto già predisposto dal Beck 
nei suoi colloqui della vigilia coi capi dei partiti'della Camera. Ma ap- 
pena passato il compromesso allo studio d'una grossa Commissione 
parlamentare arieggiante ad un parlamentino, scoppiò improvvisa- 
mente una crisi ministeriale, provocata dalla incoercibile rivalità 



118 CRONACA CONTEMPORANEA 

medievale fra tedeschi e czechi i^iella questione del T urgente rimpasta 
ministeriale. L'accanimento fra i cacciatori di portafogli giunse a 
ta] punta, da arrestare per alcuni giorni la macchina parlamentare, 
e da tpinacciare a dirittura di prossima caduta ii gabinetto. Se non 
che anche questa volta T accorto ed instancabile presidente Beck 
seppe mettere d'accordo tutte le parti dissidenti nella sostituzione 
di cinque nuovi ministri: il Dott. Fiedler (tedesco) ai commercio; 
atragricolUira il dott. Ebenhoch» e al nuovo Ministero del lavoro 
lUdcora da erigersi il dott. Gessmann (ambedue dell'unione conser- 
vativo cristiano-sociale); e analmente il Praschek (un contadino 
ex-capo raie dell'esercito, capo degli agrari, preponderanti fra i par- 
titi czechi) e il Peschka (un semplice campagnuolo tedesco) il prima 
rBinistro nazionale senza portafoglio per gli Czeehi, il secondo per 
ì Tedeschi .Resta ancora vacante il posto di ministro della difesa del 
paese, lasciato dal generale Latscher, troppo compromesso nella que- 
stione dei maltrattamenti dei soldati nell'esercito, e da confermare 
ai posto di ministro nazionale polacco^ abbandonato dal conte Dzie- 
duszyskì per le discordie interne del suo gruppo parlamentare, il 
neo-uoDi inalo Abraharaovic, inviso a molti, specie ai liberali tedeschi, 
come colui che a'tempi dell'ostruzione tedesca recò alla Camera lo 
sfregiojdi chiamarvi dentro la polizia. 

L ^accoglienza fatta dalla Camera al nuovo gabinetto non fu troppo 
lusìjighiera, anzi non mancarono 1 fischi massimamente all'indirizzo 
della nuova Eccellenza ex-caporale Praschek (ohi il saflfragio uni- 
versale!) da parte dei giovani eradicali czechi rimasti soccombenti 
nelle prime elezioni a suJSragio universale. In complesso il partito 
cristiano-sociale fu quello, che come nelle elezioni cosi nel rimpasto 
ministeriale riportò la palma, ed è da rallegrarsene; i socialisti, i 
quali tengono per numero il secondo posto nella Camera, si appar- 
tarono in attesa di tempi migliori; ed i capi degli Slavi meridionali 
aspiranti pure ad un posticino nel nuovo gabinetto dovettero partir- 
sene a mani vuote, con gran dispetto della loro truppa croata e 
slovena. La nomina dei due ministri cristiano-sociali è un vero 
trionfo ili codesto partito, il quale vent'anni fa riducevasi ad una 
piccola patiaglia assai male in arnese, comandata da un certo dot- 
tore Lueger, in quei tempi oscuro avvocatuccio del foro viennese, 
ed ora da parecchi anni dopo una lotta veramente epica contro il 
lìberaiierao giudaico padrone dispotico della capitale, borgomastro 
glorioso del municipio di Vienna, capo del più potente gruppo par- 
lamentare, e l'uomo di Stato più influente a Vienna, nelle province 
limitrofe ed alpine. Pur troppo egli è da qualche tempo colpito d'una 
malattia che non perdona, e che risparmiandogli finora la vita, ha 
tuttavia allentato i nervi della sua energia ed attività meravigliosa ; 



AUSTRIA-UNGHERIA 119 

ma il doti. Lueger ha saputo a tempo crearsi d* attorno un forte 
drappello di valorosi collaboratori, come i due nuovi ministri dot- 
tor Gessmann e dott. £benhoch, il principe Liechtenstein, mare- 
sciallo provinciale della Dieta de]!* Austria inferiore, con allato Mona. 
Scheicher e il dott. Pattai, membri della Giunta, il presidente della 
Camera austriaca Weiskirchner, ed altri uomini politici del partito, 
forniti di non comune talento amministrativo ed organizzatore. 

Lia commissione per il compromesso ha già approvato i primi ca> 
pitoli del trattato, la cui approvazione finale nella Camera, se non 
succede qualche rivolgimento impreveduto, si dà come sicura. È vero 
che c*è per aria qualche minaccia di ostruzione da parte degli Slavi 
meridionali e dei vecchi Ruteni ; ma si può ben credere, che al mo- 
mento critico il presidente Beck saprà trovare Toffa da far tacere il 
cerbero. In questo breve scorcio di sessione fino alle ferie natalizie 
non si tratterà di proposito d'altro affare che del compromesso ; tutto 
il rimanente entra solo in se<*4>nda linea, non esclusa Tapprovazione 
del bilancio provisorio, il quale non ostante le spese aumentate di 
60 milioDÌ, presenta (almeno secondo le cifre logismografìche del 
ministro di finanza Koritowski) un attivo di due milioni, da aggiun- 
gersi ai 146 milioni (sempre a detta di S. E.) sopravvanzati sul bi- 
lancio dell* anno scorso. Purché la logismografia non sia stata sug- 
gerita in questo caso dal bilancio militare, imposto dall* insaziabile 
nostro Stato maggiore colle sue enormi pretese di sempre nuove 
spese per 1* esercito e per la marinai 

3. Nella Camera ungarese il compromesso, fino dalla sua prima 
presentazione incontrò un'accoglienza poco lusinghiera, segnatamente 
in punto all'aumento della quota, non solo da parte dei Croati, già 
passati all'opposizione estrema ed all'ostruzione contro il governo 
per la questione della loro autonomia, ma anche per opera degli altri 
partiti antimagiari, romeno, slovacco, e sassone della Transilvania. 
Né al compromesso fecero miglior viso alcune fra le diverse frazioni 
della stessa coalizione ministeriale, nelle cui file un grosso stuolo 
di avventurieri malcontenti, la frazione quarantotti sta intransigente, 
e il partito popolare (cristiano-sociale in fieri) che aveva minacciato 
il suo esodo ancor prima della riapertura del parlamento, non dis- 
simularono i loro malumori. Ciò non ostante la maggioranza dei 
partiti della coalizione di fronte al pericolo d'una crisi ministeriale, 
che avrebbe gettato il regno in balìa del caso e del disordine estremo, 
fini per accettare in massima il compromesso, la cui finale approva- 
zione, quantunque attraversata dall'ostruzione croata, sembra ormai 
assicurata anche in Ungheria. 

Frattanto della spinosa questione della riforma elettorale, che dà 
tanto sui nervi al magiarìsmo minacciato a morte del suffragio uni- 



120 CRONACA CONTEMPORANEA 

versale, nessuno parla, e malgrado l' impegno assunto dal Wekerle 
di fronte alla Corona di occuparsene ancora in quest'autunno, non 
se ne parlerà probabilmente più entro Tanno corrente, se non forse 
per pigliare una nuova proroga fìno al venturo. 

i. La sessione autunnale delle Diete provinciali fu quest'anno 
lirevissima, e non meriterebbe di essere mentovata, se non vi fosse 
siala discussa V applicazione del suffragio universale alle elezioni 
(Ht^tali delle singole province. Precedette colla sua approvazione la 
Dielii delT Austria inferiore, dove la maggioranza è cristiano-sociale, 
furando i passi ai socialisti rossi, che montarono sulle furie perchè 
volevano farsi belli della nuova riforma; e malgrado che facessero 
di Lutto, anche a pugni col loro programma medesimo, per impe- 
dirne la votazione, la riforma proposta dai cristiano-sociali passò a 
grande maggioranza di voti, tuttavia colle modificazioni volute dai 
Beck, Il quale, ammettendo il suffragio universale per il parlamento, 
che p un corpo di natura politica, stimala riforma del tutto disadatta 
ai corpi essenzialmente amministrativi delle Diete provinciali, doven- 
dosi in queste tener conto delle difficoltà d'un'assoluta abolizione del 
sÌBtemu delle curie, della misura e qualità delle imposte pagate, e 
finalmente anche dei rapporti fra città e campagna. 

L unica Dieta che non potè lavorare nemmeno quest'anno fu quella 
del Tirolo, il cui regolare funzionamento fu ed è impedito da un cumulo 
dì difficoltà, create da un secolo di oppressione della parte italiana 
legata in ìbrido connubio alla tedesca da Francesco I sul principiare 
delTotlocento, in seguito alla mediatizzazione ed all'invasione napo- 
leonica dell'antico principato vescovile di Trento. Alla vecchia ingiu- 
alizia ^'aggiunsero più recentemente le note sopraffazioni e violenze 
con Hiì rn.it e ad Innsbruck contro gli italiani dai fanatici pantedeschi 
tirolesi, colla distruzione dell'università italiana ivi appena inaugu- 
rata, ed abbandonata al furore teutonico da quello stesso governo 
4jhe l'aveva fondata. Da ultimo i rapporti fra le due frazioni della 
provincia divennero ancor più difficili, grazie alle nuove gravis- 
sime provocazioni italofobe fattesi in nome del Tiroler Volksbund 
da due sudditi esteri della grande Germania, i quali aiutati dagli 
frredenliati pantedeschi di Innsbruck e di Bozen, più o meno con- 
nivente \ì governo, vennero a piantare la bandiera germanica sul 
liuolu ìialìano, provocando una violenta reazione da parte del tren- 
titìU col pericolo d'una questione diplomatica fra l'Austria e la Ger- 
mnnht» La stampa tedesca, ingannata sulle prime dalle false rela- 
zioni pantedesche, aveva dato tutto il torto agli italiani; ma ap- 
pit>na venuta a galla la verità dei fatti, la parte più seria ed onesta 
della detta stampa, come p. e. la Bórsen Zeitungdì Berlino, il Va- 
terland di Vienna, le Tiroler Stimmen di Innsbruck, ecc. non esita- 



AUSTRIA-UNGHERIA 1l1 

roQO a riconoscere da qual parte stava il torto, biasimando a do- 
vere la sfrontatezza dei pantedeschi invasori e calunniatori. Resta 
pur troppo r inasprimento degli animi, e lo strascico dei rancori, 
onde sempre più malagevole riuscirà Topera di riconciliazione, la 
quale, come scrissi altra volta, era cosi bene avviata qualche anno 
fa, primachè il luogotenente Schwarzenau venisse sacrificato al Mo- 
loch germanico. Ad aggravare ancor peggio la situazione sopravven- 
nero nel p. p. novembre le violenze brutali degli studenti tedeschi 
delle università di Vienna e di Graz contro gii studenti italiani, i 
quali in mancanza d*una propria università nazionale, reclamavano 
per ora almeno Teguagllanza dei diritti coi tedeschi nelle università 
austrìache che sono costretti a frequentare come ospiti. Questi fatti 
deplorevoli ebbero un'eco nelle dimostrazioni degli studenti di Mi- 
lano, di Roma, e d*altre città del regno italiano, le quali sebbene 
poco encomiabili sotto certi riguardi, aiutarono il governo austriaco 
ad imporre ai rettori delle università un trattamento più equo verso 
gli studenti italiani e slavi, ponendo così un termine, almeno per 
ora, ai disordini universitari. Resta pur tuttavia inadempita la pro- 
messa fatta dal ministro dell' istruzione DJ Marchet di provvedere 
parzialmente alla mancanza d'università italiana coli' istituzione d'una 
facoltà legale in terra italiana, e col riconoscimento condizionato dei 
diplomi universitari e politecnici del regno d' Italia. E mentre gli 
italiani del Tirolo e delle province orientali stanno aspettando la 
promessa soluzione della questione universitaria, si aspettano eziandio 
a sentire i loro organi di stampa, che il governo dopo tanta inespli- 
cabile debolezza, mostrata finora di fronte all' irredentismo tedesco, 
riduca alla ragione i fautori del più sfacciato pangermanismo, che 
si annidano nel « Volksbund » tirolese, e tuteli i confini dell'Austria 
dalle invasioni del protestante « Schulverein » germanico e della pan- 
tedesca « Sìldmark » due società potentissime di danaro e d' in- 
fluenza, le quali scimiottando il gran Bismarck, vorrebbero far trion- 
fare nel Tirolo la cosiddetta politica di penetrazione da esso inau- 
gurata contro gli infelici Polacchi della Posnania. È veramente da 
augurare, che si trovi per intanto almeno un modus vivetidi, che 
renda possibile il funzionamento della dieta tirolese, spianando la 
via a quella definitiva separazione ammipistrativa della parte ita- 
liana, la quale basterebbe a riconciliare fra di loro le due nazioni 
di quella provincia tanto dilaniata dalle discordie nazionali e poli- 
tiche. Frattanto si dà per certo, che la Dieta attuale sarà sciolta 
e che !e nuove elezioni saranno indette nel p. v. gennaio. 

5. Sotto i migliori auspici quest'anno venne convocato a Vienna, 
il 16 novembre, il sesto congresso generale de' cattolici austriaci. 
Mentre i passati congressi si aprivano sotto l'incubo d'un brutto 



122 CRONACA CONTEMPORANEA 

dissidio fra i diversi partiti cattolici, quest^aDuo già fino dalie prime 
giornate del parlamento erasi felicemente eompiuta la fusione dei 
vecchi conservatori coi cristiano-sociali in un solo circolo parlamen- 
tare, ed il « Pius-Verein » sviluppatosi meravigliosamente in breve 
tempo oltre ogni speranza, era già riuscito a togliere di mezzo il per- 
nicioso antagonismo fra ì due maggiori giornali cattolici di Vienna, 
il conservativo Vaterland e la Beichspasi organo dei cristiani-so- 
ciali, ottenendo un accordo amichevole nelle loro pubblicazioni, e 
fornendo loro i mezzi da poter in tempo non lontano gareggiare coi 
maggiori organi liberali ed anticlericali della capitale. 

Anche in Ungheria qualche cosa di bene si è fatto al congresso 
annuale di Budapest. Se nonché rimangono tuttora pendenti alcune 
questioni d'altìssimo interesse per i cattolici del regno di S. Ste- 
fano: in primo luogo la questione già vecchia e rancida dell'auto- 
nomia della Chiesa cattolica nel regno ungarese, che il ministro del 
culto Apponyi ha promesso di fare sciogliere air attuale governo e 
parlamento della coalizione, per far entrare nelle sue file i cattolici 
del partito popolare, che ora minacciano la secessione. Altre riforme 
di grande portata per T indipendenza della Chiesa sarebbero quella 
della nomina dei Vescovi, dei canonici, degli abati ecc. usurpata in 
fatto a detrimento dei diritti della S. Sede e della Corona dallo 
Stato laico e massone; quella delle istituzioni e fondazioni origina- 
riamente cattoliche, come ad es. T università, snaturata ed abusata 
a tutt'altro scopo da quello voluto dai fondatori ; quella dei diritti 
della Chiesa nella scuola, e va dicendo. Quanto resta a fare nel 
regno di s. Stefano, per liberarlo dalle catene impostegli dalla si- 
nagoga e dal grand 'oriente massonico. 

Non istanno frattanto colle mani alla cintola i figli delle tenebre, 
nemici di Dio e della sua Chiesa. Nel p. p. settembre essi tennero 
a Praga il congresso generale del Libero Pensiero. Atei dichiarati, 
apostoli di tutte le religioni, ebrei, socialisti, anarchici e massoni, 
soprattutto massoni d'ogni colore convennero in quella bolgia cosmo- 
politica, facendo a gara, non ostante la babele del pensiero e della 
parola, a chi le sballasse più grosse: innanzi tutto abolizione di 
tutte le religioni, e quasi ciò non bastasse, abolizione del catechismo 
nelle scuole, del matrimonio cristiano, del giuramento, dei funerali 
religiosi, degli ordini religiosi ; incameramento dei beni ecclesiastici, 
la cremazione obbligatoria ecc. Insomma il nichilismo religioso! 
Convien però dire che quella congrega di mattoidi fanatici, che per 
giunta vennero più volte a baruffa tra di loro, da disgradarne quella 
dei diavoli della Divina Commedia, non venne presa sul serio da 
nessuno, sbandandosi sotto il peso del ridicolo, per tornare a far 
ridere di sé il mondo a Bruxelles nell'anno venturo. 



L'OBOLO DI S. PIETRO 

RACCOLTO DALLA CIVILTÀ CATTOLICA 
nell'anno del GIUBILEO SACERDOTALE DI S. S. PIO X 



Dalla lista qui sottoposta i nostri lettori possono scorgere 
come al primo nostro invito * pel giubileo sacerdotale del S. P. 
Pio X abbiano corrisposto molti nostri amici con slancio ge- 
neroso. Le loro offerte tornano tanto più gradite al Padre co- 
mune dei fedali, perchè mentre rendono omaggio alla suprema 
autorità, muovono dal delicato peoi^iero di dargli modo d'alle- 
viate le sventure che sopravvengono ogni giorno ad affliggere 
la grande famiglia cristiana. 

Abbiamo voluto ricordarlo anch'oggi per norma dei noveUi 
lettori e dei aoir pochi nuovi assoetati, che con Taimo entrante 
hanno voluto apportarci Y incoraggiamento della loro benevo- 
lenza. A tutti vada la parola della nostra gratitudine e Faugurìo 
delle benedizioni celesti. 

1 Fu pubblicato nel nostro quaderno «lei 7 decembce 1907, pagp. 637. 



2- SEFHE - 2» LISTA 



Somma precedente L. 7.915 82 
Cav. Giuseppe I>el Chiara, Segretario della Direzione della 

Givtlià Cattolica, Roma » 10 - 

S. E. Rifta Mons. Giovanni Volpi, vescovo di Arezzo, il 
Clero e 1 fedeli della sua diocesi. « Al Santo Patfre 
per i danneggiati éKÌ recente terremoto in Calabria 

(2^ offerta) » 1 .000 — 

Raccolta dal Ritio Arciprete Pranceéco Andriulìf cK Mon- 

tescaglioso per i poveri caiabresi » 109 25 

Signor Giacomo Blafae e Simiglia, Minneapolis, S. U. A., 
« professando profonda venerazione pel Vicario di 

Gesù Cristo » » 50 — 

Rev. Ermenegildo Baccolo S. I., Venezia .... » 20 — 

La famiglia Brando, Roma » 10 — 

11 Collegio Convitto Fontano alla Conocchia, Napoli, 

« Omaggio di devozione e filiale affettto »... » 1 .000 — 



Da Hportarsi L. 10.109 07 



12i l'obolo di S. PIETRO 

Riporto L. 10.109 07 
Alcuni religiosi di Napoli implorando per sé, per le loro 
opere e per i fedeli oblatori T apostolica benedi- 
zione » 3.000 — 

Una Signora di Roma . • . . » 12 — 

Cav, Giuseppe Orioles, del fu Barone Carlo, Palermo. » 5 — 

Sac, Pietro Mazzini, Soresina » 5 — 

Prof. Cav. Giuseppe Biroccini, Roma » 12 — 

Can. Pietro Todde, Oristano {offerta mensile) ...» 5 — 
Signora Maria Pia de Gresti-Lavis, Tirolo .... » 5 — 
Il Rettore del Collegio Convitto di Strada, Casentino implo- 
rando una speciale Benedizione per tutti i convittori » 20 — 

Chiesa di San Giorgio, Bologna » 2 — 

Conte Saverio Capris di Cigliè, Torino » 30 — 

N. N-, Nardo » 10 — 

Sig. Luigi Bissetti, Seminario di Pinerolo .... » 5 — 
Offerte raccolte prò Calabria dai Riìii Parroci nelle par- 
rocchie della Diocesi di Sora, per mezzo del Can. Do- 

metvlco Fortuna » 302 75 

Sac. Gaetano Strazza, Milano » 4 85 

Un Sacerdote romano » 10 — 

Rev. F. T., Locamo {offerta metisile) » 3 — 

Avv. Gaetano Coppola, Foggia » 1 — 

Signora Maria Marchetti, Bolbano, Trento .... » 5 — 

Sig. Luigi Trotta prò Pontifice » 20 — 

* * » prò Calabria ...» 10 — 

Mademoiselle G., Roma. « Al Santo Padre per le vittime 

delia persecuzione giacobina in Francia» ...» 1.000 — 
U Rettore e gli alunni del Collegio De Filippi di Arona, 

Lago Maggiore, prò Calabria » 100 — 

Can- Ambrogio Galbusera, Arona, Lago Maggiore . . » 20 — 
La Peter s Pence Society della Chiesa di S. Ignazio nella 
città di S. Francisco, California, per mezzo del 

R. P. Giuseppe Sasia S. I » 2.575 — 

Rev. D. Giovanni Schlenk, Parroco, Ronco Briantino im- 
plorando TApostolica Benedizione » 10 — 

Colonnello Paolo Lallai, Firenze » 10 — 

Un Sacerdote di Vercelli » 100 — 

S. E. Rilia Mons. Balestra, Arcivescovo di Cagliari . » 10 — 

Mone. Francesco Emanuelli, Cagliari ; » 5 — 



Da riportarsi L. 17.406 67 



SECONDA SERIE - SECONDA LISTA 125 

Eiporto L. 17.406,67 

Sac. Francesco Leca Cagliari » 1 — 

Sac. Antonio Vargiu » » 2 — 

Sac. Raimondo Aresti » » 2 — 

Sac. Edmondo Fenu. » » 2 — 

Diac. Aurelio Nonnis » » 1 — 

Chier. Giuseppe Cogoni » » 2 — 

Rev. Pietro Larghi, Milano » 5 — 

RevAo Arcip. Giuseppe Franceschi, Maserno ... » 10 — 

Sig. Patrizio Kiernan e famiglia. Nuova York, ft. U. A. 

«Al gran Sacerdote e Padre dei poveri »... » 750 — 
Signora Giuseppina Fontana, Crema, implorando per sé e 
per i suoi cari defunti la Benedizione Apostolica. 

Sig. Francesco Pellizzoni, Coricizza, Udine » 

Dott. Pozio Eduardo, Cisternino » 

Dott. Tommaso Lettieri, Bari, « Al Santo Padre per i po- 
veri calabresi » » 

Can. Michele Pizzitola, Bisacquino 

Sac. Giuseppe Brincat, Valletta, Malta » 

Sac. Raffaele Metto, Muro Leccese » 

Rmo Mons. Giov. Batt. Inama, Preposto del Capitolo Cat- 
tedrale di Trento. Pel Clero perseguitato in Francia » 

Arcip. Saverio Gandolfo, Borgomaro 

Sac. Prof. Carlo Decani, Gorlaminore >► 

Sig. Ingegnere Giuseppe Locatelli, Bergamo. . . 
Rtfio Angelo Marchica, Vie. Generale, Girgenti. . 
Rev. Giuseppe Gasoli, Missionario neir Australia « In segno 

di filiale devozione » » 

Cav. Luigi Santangelo, Polena, Napoli » 

Avv. Giuseppe Bontempi, Darfo » 

Sac. Prof.. Giovanni Paranzini, Gorlaminore. ...» 

Sac. Fortunato Auzzi, Paganico » 

Sac. Ettore Delfabbro, Vienna » 

Sac. Onofrio Mastrom, Palo del Colle » 

Totale L. 
28 dicembre 1907. 



2fi- 


JO — 


5 — 


20 — 


2 50 


23 45 


50 - 


7 95 


37 10 


5 — 


5 — 


10 — 


1.000 — 


50 — 


50 - 


5- 


10 - 


5 — 


50 — 


lft.5P3 67 





AVVERTENZA 

Il Santo Padre, grato a' suoi figli per l'obolo registrato 
nella presente lista, invia a tutti gli offerenti e ben di cuore 
l'Apostolica Benedizione. 

La terza lista delle offerte sarà pubblicata nel 1.® qua- 
derno del prossimo mese di febbraio. 



OPERE PERVENVIE ALLA DIREZIONE * 



Aiti epìBOopali. 

llaffl P. card, arciv. di Pisa. Lettera al 
vett. Clero delle diocesi di Pisa e di S. Mi" 
nialo. Pisa, 8«. 10 p. 

Camini N. arch. epinc. lassiens. Epistola 
Pastoralis ad ven. clerum De cristiana dO' 
ctrina tradendo. Mutinae, iyp. Ima. 007, 
8». i4p. 

Angolini S. vescovo di Avellino. Discorso 
letto nella inaugurazione del seminario 
centrale di AveUino nel 3 noe. 1907. Avel- 
lino, Maggi, 8», 36 p. 

Scienge sacre. 

Maxlmlllanus, Prlnceps Baxonlae. — 
Praelectiones de liturgiis orientalUnts ha- 
bitae in univeraitote friburgensi Helvetìae. 
Tonas primus, continens : 1. Introductio- 
neni generaleui in omnes Liturgias orien- 
talea : 2. Apparatum culius necnon annum 
ecelesiasticum Oraecorum et Slavorum. Fri- 
burgi Br., Herder, 1908, S\ ViiI-242 p. M. 5. 

Poggi P. sac. Il Cuore di S. Paolo. Stu- 
dio sulle lettere delPapostolo. Torino. Sale- 
aiana, 1908, 16>, M p. 

L^^n M. Christologie. Commentaire dea 
propositiona XXVII-XXXVIII du Décret du 
Saint-Office « Lamentabili ». Paris, Bea«- 
chesne, 1908, 16». p. Fr. 1,20. 

BancM J. sac. Questioni moderne da- 
vanti alla morale cattolica. Manuale scien- 
tifico teorico-pratico per parroci e coafeasori. 
Vicenza, Galla, 1908, 8», 260 p. L. 3. 

EuBObluB Werke. Zweiter Band. Die Kir- 
chengeschichte, herausgegeben iin Auftrage 
der Kirchenviiier-Gommission der kdnigl. 
preussischen Akademie der Wisaenschaften 
v. Dr. Ed. Sciiawrtz. Die lateinische tfòer- 
seteung dee Rufinus, bearbeitet im gleichen 
Auflrage v. Dr. Th, Mommsen Zweiter Teil. 
Die Biicher VI bis X Uber die Mdrtyrer in 
Paldstina (Die griech. christl. SchriftsteU 
ìer). Liepsig. Hinrichs, 1908, 8«, p. 506-1040. 

Vermeerach A. S. I. De Religiosis et mis- 
sionariis supplementa et monumenta perio- 
dica. Decembris 1907. Brugis, Beyaert, 16», 
p. 149-192. 

Falabruzzl L. sac. L'insegn am em t o del 
Catechismo. Osservazioni pratiche. Mace- 
rata, Unione calt. tip., 1906, 8<», 48 p. L. 0,60. 



l^etiure» 

Dolx Th. abbé. "La vérité religieuse mise à 
la portée de tous. Paria, Relaux, M«, MI y. 

De la PaamMte J. L. Apologie tf a m a w - 
taire. Dieu et la Religion. (Èlétnents d'a- 
pologAtique). Parìa, Bloud, 1906, 1^, 676 p. 
Fr. 4,89. 

Jleport of the Proceeéings and Addresaea 
of the fourth annual Meeting Milwaukee, 
WIs. july 8, 9, 10, 11, 1907. iThe Oatholie 
Educ. AsBooimtion BmUoNm^^v, iO07>. Co- 
lumbus (Ohio), 8>, XiV-398 p. 

Faccenna E. mons. Armonia e bellesea 
della X^esa CattoUea neìia sua liturgia, 
Roma, Filiziani, 1906, 212 p. L. 1,50. 

Debó E. La condanna del modernismo. 
Appunti polemici. Roma, Desclée, 1908, IO», 
196 p. 

Matoao mona. Un po' di coerenaa. Sag- 
gio di logica e di religione modernista. 
Roma, Istituto Pio IX, 16*, 1«0 p. L. 1,50. 

Meschler H. S. i. Ersieìmmo wnd fifi»- 
ranbilduthg dee Leibes. (Estr. « Stimmea 
aus Maria-Laach » 1907, n.° IO). Freiburg i. 
B. Herder, 8», p. 5»-»5. 

ZocoU Q. S. I. Nel giornalismo catiolioo. 
Correnti diverse. Conferenza letta in Roma 
nelPaula massima del palazzo della Cancel- 
lerìa. Prato, Qiaobetti 1907, M*, 32 p. L. 0,50. 

Marini C. Le dieci prediche al vettto di 
Don Muso Duro. 3» ed. con aggiunte, nao%'e 
appendici e più < I quattro noviasimi ■ del 
conte Monaléo Leopardi di Reéanati. Roma, 
Filiziani, 1908, 16% 256 p. L. 2. 

Don Musone. L'avvenire della stirpe la- 
Una. Roma, Fìfiziani 1907, 8>, 80 p. 

Soeioloffia, e acienge, 

Lvgan A. L'^nseignement sodai de Jé^ 
sus, Paris, Bloyd, 190S, t«S XXVi^2 p. 

Almerld L. Democrazia cristiana o lega 
democrcUica nasionale? (Questione ceae- 
nate). Lettera aperta al sig. march, aw. G. 
Chini. Pesaro, Federici, 1907, 8«, 42 p. 

Drlllon P. n oòmpiio eo-fiale dtUa carUà. 
(Sciensa e Religione). Roma, Desclée, 1907, 
16», 64 p. L. 0,60. 

ThoaTOnln L. Oeuvres agricoles. Diffi- 
cultés : objectioDS. (L'action popmUUre, n.* 
166). Paris, Lecoffre, 1907, 16», 96 p. Fr. 0,25 



' Non essendo possibile dar conto delle molte opere, che ci reagono inviate, eoa quella 
sollecitudine che si vorrebbe dagli egregi autori e da noi, ne diamo intanto un aanunzio 
sommario che non importa alcun giudizio, riserbandoci di tornarvi sopra a seconda dell'op- 
portunità e dello spazio concesso nel periodico. 



OPERE PERVENUTE ALLA DIREZIONE 



127 



fiiuiitiìa> J. chu. La théarU òb fvMlM- 
lion. Étude critique sur 1m € Premiers prin- 
eipea » de Herbert Speooer. Bruxelles, Dewit, 
i«8» », 488 p. 

Girerà y BaleeUa S. 1. IEMmcMo ds una 
rveientepertorbociofli cotmica regiairtÈdaen 
•1 ob mr f f tttorio del Ebro. <£slr. de U R&9. 
comtercimi Prograam) 4», Ì0 p. 

9toi*ia e bio^ralla. 



nea il» jtoria ètolkm*. Teru 
aorìe. Tom. XIL (R. DeptOamùme sovra ffli 
jtadt 4i» atorki poirta per le antiche pro- 
vi acie e la Lombardia) Torino, Bocca 1807, 
?*•. XX-400 p. Tab. V. 

Muratori L. A. /^accolte di storici ita- 
liane. Nuova edizione. Fase. 52. Città di 
Cfttftello, Lapi, 1907, 4^ p. 170^271 L. 10. 

Ollsar H. S. I. Bowm alia fime del mondo 
antico aeoomdo le fonti eeriUe ed i «nomm- 
imentù Con 224 iilustr. storiche e piante fra 
eoi urna « Forma ITrbis Romae aevi diri- 
eaec. Vi- VII » a colori. Trad. dall*ori- 
tedeeco. Bdiz. seconda a cura del 
dr. prof. Angklo Msrcati. Roma. De«clée, 
1908, 8*, gr* LJV.8Ì8 p. L. i5. 

Basfligarten F. M. Aua Kanelei umd 
Knmmor . Erorterungen sur Kurialen-Uof- 
und Verwaltuogaiseschichie im XIU. XIV. 
«ad XV. Jahrhaadert ^ BulhOorm Toma- 
lorea, CWrtoret. Freibarg im Breisgau, Uer- 
dor, 1807, di, XVm-412 p. M. 20. 

MuBil A. Arabia Petraea, li JSdom. To- 
pographiaeher Reiseberìehi. 1. Teil. Mit 1 
VmgeJmngskarte von Wadi Mòaa, (Petra) uad 
170 Abbild. iiH Texte. 8* X li 344 p. 2. Teil. 
Hit 1 Ucberuchtskarte des Oreieckaetxes und 
Idi Abbild. im Texte. {Kaiaerlieke Akad. d. 
Wmeenckafìen). Wieo, Htfldcr, 8^ X-SOO p. 
^GrieeMselM Imeckriften omo Arabia Pe- 
traea, Wien, (SoBdez-Abdruck aus dem An- 
meiger d. philoe,-hiet. Klaeee d. K, Akad. 
d. Wneenoch. 1907, p. 135-142) in 8*. 

XrM8«r G. Namareth éin Ze»ge far Lo- 
reto. Hislorìsche Untersuchungea. Graz a. 
Wieo, «Stjria» 1908, MI», 84 p. K. 1^0. 

Rubino L. La Ckieea di S. Anionio abaie 
im Sa9»eeeero» Monografia etor. con documen- 
ti ioedìlL Sansevero, Morrico, 1907, 8*, 128 p. 

Sortals Q. Il proeeeeo di Galileo. Studio 
storico e dottrinale. (Scienea e Religione, 
48). Roma, Oesciée, 1907, 16^, 64 p. L. 0,80. 

SouUlon A. M. O. P. SainU Hèltne. Avee 
préface du T. R. P. M. J. Ollivibr 0. P. 
Parìa, Leeoffre, 1907, 18-, Xll-178 p. Fr. 2. 

LedM a. Santa GeUrude (1256 f • 1303). 
Balla I* ediz. franeeae. (« l Santi ») Roma, 
Desclée. 1907, 16», 208 p. L. 2. 

(ktfoUo O. Dieiamarèo biografico unieer- 
. MIUbo, Hoepli, 1907, 18^ 2U8 p. L. !«. 



Francesla O. B. «ae. Brevi cenni e%U eoe. 
Secondo Ettena, parroco di Bueeano Cana- 
veae. Torino, Letture cattoliche, 1907, 24*. 

Lettere ed Arie. 

Xavrlcl A. Il nome di Dio nella lingua 
italiana. Notarella letteraria. Palermo, tip. 
poatiiicia, 1906, 1««, 16 p. 

Teronsi A. La Deoadaei prometta. Rac- 
conto indiano. Rooia, Filiziaai, 1907, 8», 
236 p. L. 2,60. 

POffCi 17.Pa^Maai0 al ««Nto.8onetli e metri 
diversi. Bologna. Garagnani 1907, 16», 64 p. 

AfltORi A. M. Ckieea abbaeiaU di Cam- 
pofilone. Onni descrittivi della decorazione 
latta per cura ed a spese delPillAo e revAo 
abb. mons. Mancia iSalviai con appendice di 
cenni biografici degli abbati predecessori. 
Fermo, tip. sociale 1907, 8^, 18 p. 

Vita di Maria. Xilografie di Alberto DQ- 
rer. Torino, Mossa, 1907 f.» 

Qamberlnl 8. can. Afefodo feortco-proftoo 
di canto liturgico gregoriano, Ediz. sesta 
riformata. Roma, Salesiana, 1907, 8», XVI- 
148 p. L. 1.25. 

Fradiche a Conferanxe. 

L. Francesco di Sales. Del metodo di 
predicare. Lettera a mons. A. Frómiot, ar- 
civ. di Bourges. Siena, S. Bernardino, 1908, 
16», U p. L. 0,40. 

HetUnger Fr. Aphoriemen iiber Predigt 
und Prediger. Zweite Auflage herausgege- 
ben V. I>r. Peter HUls. Freiburg, i. Br., 
Herder, 1907, S», XVl-554 p. M. 4,50. 

Ungaro E. can. arcid. Eiter o sia la Fa- 
vorita della Provvidenza. Lezioni scritturali. 
Cerreto Sannita, Lerz, 1908, 8°, 188 p. 

Leroy H. S. 1. Jéeue-Christ. Sa vie, son 
temps. {Legons d'Écriture Sainte). Année 
1907. Paris, Beauchosne, 1907, 16», 360 p. 
Fr. 3. — Detto. Premier Sèrie. Vie cachée 
et vie publique. Annóes 1804 à 1906. Indax 
et table. Id. 1U07. 16«>. 88 p. Fr. 1,25. 

Frasslnettl Q. sac. Spiegazioni del Van- 
gelo al popolo. Voi. IL Dalla Domenica in 
Albis alia Domenica XXIV dopo Penteco- 
ste. Roma, tip. Vaticana, 1908, 8», 516 p. 
L. 3,50. — Detto. lalmeioni catechistiche 
al popolo. Voi. II. Sul Decalogo, salPora- 
zione e Pater noster ed appendice con Ì!<lru- 
zioni sul Sacramento della (lonferisione* 
Roma, Vaticana, 1907, 8«, 360 p. L. 2,70. 

Oraslano L. parr. Cotrone reUgioea, [Pei" 
ncgirici di Maria SS. di (Zapolonna e di 
S. Dionigi l'Areopagita]. Cotrone, Pinozzi, 
1907, 16», 48 p. 

Janfler E. Le vice et le péché. 1. I^ee ea- 
ractére qui en font la malice et tee pro- 
éuieent. Cìonfiérences et rctraite. Caréme, 



128 



OPERE PERVENUTE ALL4 DIREZIONE 



Ì9Cn. (Kcpoa. d« la morale cathol. V). Paris, 
Lethìetlcuit, 8*, Mi p. Fr. 4. Cfr. Civ. Catt. 
1907, :i. ;11H nyr^. 

Kuhn B. n. p, Ter* la vie divine. Paris, 
LHlìitilIriiv. ItìtiH, it>, 144 p. [Conferenze!. 

Burraacaao M. can. Colloqui e discorai. 
Mi-afi-ma, Trinthér-w 1907, 16«, 15* p. L. 1,50. 
Rivnlgerdi ulTA, in Castroreale (Sicilia). 

Da MarcliL A. Fervorini per la novena 
del .S. datale. Vicenza, Gallo, 24», 70 p. 

Schùller Im^L^i tonfesitione iacramentale. 
Idlru£Lc>ii( |tuj>olari itd uso dei predicatori e 
dei cal8[;kiÌ8Li arricchita di 158 racconti ed 
esempi sl/triirì. f~ ed, Koma, Desclée, 1908, 
8^, J(X.Xil-u7i p. L. 4. 

P'ietà. 

t, Aifonflo Rodriguez. La via sicura 
delia cristianfi tirtit e perfegione. Raccolta 
di lirf'vì triiUaii. Torino, libr. del S. Cuore, 
Itìo:, Ity*, m [t. 

LvL Santa Iteasa. Pesaro, Federici, 1907, 
3i', luì p 

FrasBlnettl J. Le Banquet de l'amour 
dicin^ TruiJ. pur E. Cuuct. Tourcoing, 1907, 
41^, XVU^'^»* p. 

Di Martino D. ^^c, Apologia dell'amor 
dì ìùu {tii^mniti di Paradiso, n" 1). Paler- 
mo » Botcotit^ del Povero» 1908, i4», 48 p. 

L. U,lLJ. 

Druzbickl G^ ^^ U Le C>eur de Jéaus 
idé^t dea Cfeurn pftientè ò l'amour de 
lOH^. Trsiduit iiar A. Hamos. Paris, Beau- 
theatu.-, 1W7, tì*, XVI«tìO p. Fr. 1. 

fiUirèeliaux H, ubbé de Si. Fran^uise ro- 
ma! a^-. L^s Itianks du Sainl-Nom de ]é- 
tu» (.xplitjiiées. Puris, Beauchesne, 1907, ltt«, 
VilUlTi p. Fr. 1,50. 

Coiifìt E. La Hyats sacerdotale euchari- 
sttip^e. (CungiiVrt HucliaristiquedeMetz). Dru- 
selkf*, 11*07, 6*, Jfi i>. 

Quelli £. Mi^t. Iiift$$siont e pii esercizi- 
ud IMO dti sac&rdutL 2* ed. Roma, Desclée, 
iy08, i^\ XIV 400 p. L. 0,75. Cfr. Cto.CaU. 
XV n, (ì tl«^) =^»* 

11 mese cJ'oUohrc^ dedicato all'angelo cu- 
Bkìd^. {Lc«. Catt.}. Torino, 1907, 24», 96 p. 

Kestt dì iiia^i^riu 11^1 uso degli cremili ca 
nuiidoletii d^iJu Cuni^nìgazione di Monte Co- 
rona, JKLiiliJKH, Jii^.Ht^.uu, 1907, i¥y 106 p. 

Memorie. 

Curi A. parr, Ekt^ia funebre del sig. card. 
Domenico Smimpa firciv. di Bologna letto 
neiia parrocchiale dei SlS. Filippo e Gia- 
como* Fermu, ti]K ejjuiiLle, 1907, 8*», 3i p. 

Fiori sparsi huI ten^tro di Cluido Barone 
r&ccoJtJ d^l padre suo per coloro che gli 
volìpro bent*. Avellino^ Pergola, 1907, 8^, 68 p. 

8> B> A la metrsotre venèree de M. l'abbé 
Jaan^Th^dore Foatel. {L'Echo d'Auvers 
n, li, 190t>. Piers, Impr. catholique, 16», 16 p. 



Barbati L. Ricordi. Maddalonì, De Si- 
mone, 1907, 16% 38 p. 

I RapalleBl alla Madonna di Montallegro 
nel 1907. 7* cinquantenario dell'apparizione. 
Rapallo, Devoto, 1907, 8% 90 p. 

Branda V. mons. Da S. Domenico di 
Soriano alla Certosa di Serra S. Bruno. 
li-16 ag. 1907. impressioni ed appunti. Na- 
poli, cooperativa, 1907, A4», 16 p. 

Rendiconto delle elemosine raccolte a 
beneficio delFopera pia internazionale delia 
Propagazione della Fede dal consiglio cen- 
trale per r Italia in Roma per l'anno 1904. 
Roma, Filiziani, 1907, 8», 40 p. 

Periodici e strenne. 

II Papa. Numero unico, pubblicato pel 
Giubileo sacerdotale di S. S. Pio X. Milano, 
libr. ed. milanese, f», 8 p. L. 0,25. 

Scuola italiana moderna. Rivista d'in- 
segnamento primario. Prezzo d'abbona- 
mento, per un anno L. 6 ; per un trimestre 
L. 3,50; per un trim. L. i. per l'estero 
L. 8, e L. 4,5U per un semestre. 

n Traduttore. Giornale bimensile per lo 
studio dalla lingua tedesca e italiana. La 
Chauxde'Fonds (Svizzera]. Prezzo di asso- 
ciazione per un anno L. 5 ; per 6 mesi L. 2. 

Ore liete. Periodico quindicinale illu- 
strato per fanciulli. Brescia, palazzo S. Paolo, 
Anno 1. n. 1. Prezzo di associtizione L. 3,50 
annue. Estero L. 5. 

Flores del campo. Pubblicocion semanal. 
Viedma (Rio Negro, Repubblica Argentina). 

Bu}l)tin trimeslriel de l'Archiconfrèrie de 
Notre-Dame de compassion. Paris, Lecoffre. 
Prezzo di associazione Fr. 3,75. 

n Benadlr. Periodico trimestrale. Roma, 
Procura generale delle Missioni del Benadir.. 
S. Crisogono. Prezzo di associazione, L. 1. 

Almanaque 19U8 de los amigus del Papa, 
publicado por la Reviata popular de Bar- 
celona. Barcelona, lib. cattolica, 8«, 56 p. 

Calendario illustrato di « La Stella di 
S. Domenico » 1908. Torino, Convento di 
S. Domenico, 24«, obi. 144 p 

Almanacco illustrato delle famiglie cat- 
toliche per l'anno di grazia 1908. Roma, 
Desclée, 8*, 128 p. L. 0,50. 

n Qalantuomo. Almanaccorstrenua illu- 
strato^ offerto agli associati alle « Letture 
cattoliche » di Torino. Torino. 1908. 24«, 128 
p. L. 0,50. 

Sicut Rosa... C4ilendario domenicano. 
Anno decimo. Firenze tip. domenicana, 1907, 
8* 112 p. L. 0.60. Rivolgersi, via Pie di Mar- 
mo 12, Roma. 

Calendario del Corazón de Jesus para el 
aflo bisiesto del Seflor 1908. Manila, Santo» 
y Be. 16», 48 p. 



iOHA ' UBRERU SiLESIilli EDITRICE - ROMA 

Via Porta S. Lorenzo 42 
Mons. P. DCJPANLOUP 



METODO GENERALE DI CATECHISMO 

tratto dalle Opere de' Padri e Dottori della Chiesa 

Seconda edizione ifailana rivedufaf correffa ed ampilata 

dai Teoi. Coli. PAHTC MUNCR^^TI Saieslano 



Tre eleganti volami in'16 grande di pag. 1294 L. 5 

EacoioiatA dal S. Padre con lettera del Card, di Stato e dal Card. Fer- 
rari arciv. di Milano nell'ultimo Convegno catechìstico tenutoBÌ a Milano 
oello scorso Novembre, è uscita la nuova edizione. Dire dell'eccellenza 
iell'opera sarebbe cosa superflua, dopo che tanti Catechisti Tbanao espe- 
rimentata. Basti ricordare che è una vera miniera di suggerimenti, in una 
materia tanto importante. In questi giorni in cui si fa tanto diffìcile Parte 
del catechizzare, sono preziosi gli insegnamenti di coloro, che furono Maeitri 
insigni. La nuova ediz. poi si avvantaggia per la saggia revlBlone del 
Teol. Munerati, noto per altri lavori di Teologia e Diritto, e giù Profes- 
sore alla Scuola di Religione di Parma. Speriamo quindi che resa così 
più maneggevole, tornerà anche maggiormente pratica allo scopo. (Nota 
dell'Editore). 

" Il Contenzioso Ecclesiastico „ 

RIVISTA PRATICA QUINDICINALE IN MATERIA ECCLESIASTICA 
B DI GPBRB PIB 

Questa Rivista conta sette anni dì vita ed è fra le più autorevoli, essendo 
diretta da giureconsulti particolarmente versati nella materia. — Ebbe le più lusin- 
ghiere approvazioni e gli incoraggiamenti di S. S. Papa Leone XllI e tM Ifegnante 
Pio X. — È assai diffusa nel Clero a cui rende segnalati servigi. 

'' Il Contenzioso Ecclesiastico ,, si pubblica in Oeaova - vìa s, lo^ 

nazo, 23, — Esce due volte al mese in fascicoli dì 32 colonne in ottavo. 

fibbonamenfo annue L. 5 — Semesfre L. 3 



I seguenti libri sono vendibili presso TAniniinistrazione della 
" CIVILTÀ' CATTOLICA „ — Via Ripetta 246, Roma. 



SALVATORE M. BRANDI S. L 



HOTC GIURIPICHe. 

1) Del regio patronato sulla Chiesa Patriarcale di Venezia. Ri- 
sposta all*on. A. Rinaldi, deputato al Parlamento. In-8 di pag. 55. L. 0,60. 
f) Di chi sono le Chiese? Tn-8. Quarta edizione. L. 1. 

3) Le bandiere in chiesa. In-8. Terza edizione. L. 0,50. 

4) Un quesito al Consiglio di Stato a proposito delle bandiere in chiesa* 
In-8. L. 0,25. 

5) Il matrimonio cristiano dinanzi al Senato del Regno. Roma, Ti- 
pografia A. Befani 1900. In-7. L. 1. 



I seguenti libri sono vendibili presso l'Ammim^^trazione delta 
«CIVILTÀ' CATTOLICA » — Via Ripetta 246, Rom. 

Novità 

GIOVANNI BUSNELLI S. I. 



L'ORDINAMENTO MORALE DEL PURGATORIO DANTESCO 

2^ edizione riveduta ed ampliata, Roma Civiltà Cattolica, 1908. 

Opuscolo ÌQ-8 di pagg. VI-110. L. 1. 

È il necessario complemento del lodato studio del medesimo autore intomo 
alla CoHceaione del Purgatorio dantesco, e insieme un largo e scientifico com- 
mento della teorica deiramore e de* vizi capitali esposta dair Alighieri nella seconda 
cantica. Con sodezza di dottrina e con sicura nuova indagine di fonti sono chia- 
riti i punti più oscuri e discussi delFargomento, e fornita la ragione deirordinata 
pena delle colpe e della meditazione de' vizi e delle virtù ne* vari gironi. E un 
vero e pregevole contributo al serio progresso degli studi danteschi. 

Il TADEHECDM DEL CATTOLICO 

Brevi risposte alle moderne obbiezioni contro la Chiesa Cattolica 

di P. Saverio Brors S. L 

Roma, «Civiltà Cattolica», 1908. 

Un bel volume in 16 di pagg. 472. L. l.SO 

Elegantemente rilegato in tela, L. 2.2S. 

È una vera novità nel suo genere; novità, intendiamo, per T Italia, 
non già per la Germania, che già sin dal 1903 la vedeva correre a diecine 
di migliaia di esemplari. Il pregio singolare di quest*economico manualetto 
di apologetica è riposto nella sostanza non meno che nella forma. La prima 
è tutta sodezza di argomenti che mettono a nudo la vacuità di tante e tante 
obbiezioni (255) solite portarsi in mezzo per iscreditare la religione ed at- 
tìnte dalla filosofia, dalla sociologia, dalla storia e via dicendo; la seconda 
poi è ràpida, chiara, concisa eminentemente popolare non senza una fine 
punta 'l^ umore a tempo e luogo opportuno. S* aggiunge la novità della 
diepoidzione della molta materia per ordine alfabetico che rende il libro assai 
facile a consultarsi. 

L*opera, come T indica lo stesso suo titolo, è destinata a divenire il 
prontuario di ogni colto cattolico che vuole egli stesso avere alla mano 
l'antidoto a tanti e tanti de' più divulgati eri ori e desidera di mostrare 
alle occasioni la ragionevolezza e nobiltà della sua fede. Per questo mo- 
tivo, non che per l'oppottuno rimando ad altre fonti indicate alla fine dei 
capi, il Vademecum riuscirà graditissimo ai predicatori, ai catechisti, ai 
pubblicisti, a quanti in una parola hanno a cuore di opporsi al dilagare 
della miscredenza ed irreligione, spargendo tra il popolo la sacra dottrina. 

Per dìfFondersi e moltiplicarsi pella nuova veste, come già pure ha ot- 
tenuto nella sua natia, non ha bisogno se non d'essere conosciuto, impresa 
che vorremmo in i speciale maniera affidata ai direttori delle Congregazioni 
Mariane e a quanti altri si occupano delfeducazione della gioventù dell'uno 
e dell'altro sesso. 

PREZZI P'JISSOCIJIZIONE ALLJI CIVILTÀ CATTOLICA 

ITALIA. . . . Anno Lire 20 — Seiìestre 10 — Trimestre 5 — Un fasoloolo L. 1- 
ESTERO Franohl25- .. 13 — ... 6.25 „ „ 1.2S 

Bfinia, Tip. A. Befani, Via Gelsa 0, 7. ^ ì ASPARE CALABRESI Gerente reapoHMbile. 



Quaderno 1382. 18 gennaio 1908. 

La 

Civiltà Cattolica 

Btatus populus ctiius Dominus Deus eius, 
(Ps. I43> 15)- 

ANNO 59^-1908 -VOL. I. 

INDICE DI QUESTO QUADERNO 



I. Verità storiai e coitora popolare Pag. 129 

Z. 11 modernismo teoli^co » 14é 

3. I ouirtirolofl storici del medio evo » 161 

4. Douia antica e donna nnova. Scen$ di domani, — 47. Dopo la rotta 

— 48. n grande secreto » 177 

5. Kavi e navisatione » 193 

é. Ra88Q:na artistica » 207 

1. DI Caterina Volpicelli» istitntrice delle Ancelle del Sacro Cuore (i8^(^- 

1S94) » 213 

ft. MilOfralia. Attualità; Storia; Letteratura; Musica » 219 

André G. 211. - Arrigoni R. 230. - Bartolini A. 227. - Cambiaso D. 2t^. - Chiap- 
pelli A. 222. - De Fercnzy O. 220. - Dupuif Ch. 221 - Gcndry J. 226. - Geronimi E. 
229. - Giannini G. 251. - Kurth G. 222. - Lanzalone G. 229. • Pecbenard L. 220.- 
Rossi V. 224. - Savini F. 22). - Yaughan H. M. 226/ - Vita religiosa. 219. 

9. Cose romane » 232 

10. Cioè itafiane » 238 

U. Notizie seneraii di cose straniere » 242 

12. Russia, inoltra Corrispondtnxa » 244 

B. Anstralia. Nostra Corrisponden'^a . . . / » 251 

14. Per l'Olwlo di S. I^etro. Awertmx^a ...» 254 

15. Opere pervenute alla Direzione ..'...» Ivi 

ROMA 

DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE 

Via Ripetta 246. 






Od 

t; 

O 

-S 

■5 

a» 
ai 

ti 



o 
> 



o 
a 
o 



1 

e 
o 



1 

ex 

69 



CU 



Ar DONO flOLIJBpONflTI ^ 

La CASA EDITRICE DESCLÉE et C. di Roma, 
offre a tutti gii abbonati della ** Civiltà Cattolica „ 1 
premi semi^ gratuiti sotto descritti. Oli abbonati dO' 
vranno indicare i premi che desiderano e accompa^ 
gnare la richiesta da relativa cartolina-vaglia: le spese 
postali saranno a carico della Casa Editrice. 

'■ MiSSale Romanum (J^X^y) — Ricca edizione ornata di quindici grandi 

. : ,,^^^^^^^ incisioni, diciotto grandi testate di pagina, otto vi- 

lineile ecc. — In brochur^t in modo che vi sl possano a comodo legare! 
PropfJÌ delle varie Diocesi: Prezzo di catalogo L. 35,00. — In questo Mes- 
sale trovjis! snclìc il Nuo'ì-ir i\into ufficiale ordinato da Sua Santità Pio X, e che 
dìt solo costa L. 4,00. — Prtizzo totale di catalogo L. 39,00. — Come dono, 
nette L. 12,00, 
\\ B. hi escj^Liisct^ una h gntura in pelle rossa taglio giallo per nette L. 8,00 in più. 

I^' Breviarium Romanum O7X7V2) - Un volume in- 32, rosso e nero a 

jasctcoh staccati per viaggio. Edizione piccola ed 

elegaiuissima in carta indiana. Legata in pelle zigrinata nera, taglio oro. Prezzo 
dì cai.Uoi^^o L. 20jOo. — Come dono, nette L. 10,00. 

^^^' Breviarium Romanum ^ ^o^- *°-4 (28X19V2) — Edizione da scrittoio 

■ e da coro in grossi e bellissimi caratteri, ornata 

dì numerose incisioni^ e sacre immagini intercalate nel testo che è in rosso e nero 
con fikttaturu ro^isa. C^rta hellissima. — Prezzo di catalogo L. 48,00. — Come 
dono, nette L. 15, OO. 
Si est:guisce una lei^^ntnra in piena pelle solida e piani in tela per nette L. 10,00. 

IV Breviarium Romanum ' \o,»- ^*"-J?.07X io'/,) - a fascicoli stac- 

Cati — Edizione da viaggio n grossi caratteri, ar- 

ricchìtii da numtTose incisioni e conforme del tutto agli ultimi decreti della S. C. 
dei Riif. — IVez^n Jì c:italogo — Legato in pelle zigrinata, taglio rosso L. 30,00, 

— Come Dono, nette L, 12,00. 

^- Breviarium Romanum 4 volumi in-32(i2 X 7 'W- — Edizione da tasca. 

testo rosso e nero, riquadratura rossa, caratteri 

elzeviri nitidissimi e dì E^fcilu lettura. La sua altezza non sorpassa 120 millimetri 
ed il suo spL'ssore ^o. Molti. sdirne sacre incisioni illustrano il testo che è completo 
con tutti i nuovi UiIÌlÌ al loro posto. — Sciolto — Prezzo di catalogo L. 15,00. 

— Come dono, nette L» 6,60. — Legato in pelle zigrinata taglio oro, 
angoli arrototsd.itN — Prezzo dì catalogo L. 28,00. Come donO, nette L. I0,60. 

VI^ S. Alfonso M. de' LigUOri Lettere pubblicate nel primo, centenario 

^ delia sua beata morte da un Padre della Con- 

gregazione del SS. Keikntore. Quest'opera comprende : — Parte le IL Corrispon- 
denza generale. — Due grossi volumi di 600 e 690 pag. — Parte III Corrispon- 
denza specLilc. — Un voi. Ìn-R, di 750 pag. — Prezzo di catalogo L. 20,00. — 
Come dono, nette L» 10,O0- 

^^i Giacomo Poletto - Commento alla Divina Commedia Jre volumi 

^^^^^^^^^^^^^^.....^i.-..-.—-—.^...-..----.— — in-8 gr. su 
carta di lusso^ con tipi nitidissimi e con riquadratura rossa. Arricchito delle bel- 
lissime tavole in cromoUtogr^ifta del chiarissimo Duca di Sermoneta e di note 
marginali inedile del Giuliani. Prezzo di catalogo L. 20,00. — Come donO, 
nette L. 12,00, 

Vili Un abbonamento per ii 1908 i^\ ^^^ importantissime collezioni 
L « Scienza e Religione » e « I San- 
ti ». — Di ciotto volumi del prezzo di L. 19,20. — Come dono, nette 
L. 14, 00 comprese II^ spese postali dei dicìotto inviì. 

'^- Abbonamento per il 1908 ^"^.^^^ iniportaiiti pubblicazioni di Canto Gre- 
L goriano secondo la riforma di Fio X, la « Ras- 
segna Gregoriana « itireita dal Revmo Mons. Respighi e il « Repertorio 
di Melodie Gregoriane « accompagnate con organo ed harmonium del Maestro 
Giulio Bas. — Prc/zó dei due abbonamenti L. io,oo. — Come dOnO, nette 
L. 7,50 comprese le ?*peie postili. 

X Opere dell'E.mo Card. Capecelatro Sei volumi a scelta tra i 23 pub- 

__!_ L bhcati. Prezzo di catalogo L. 24,00. 

— Come dono, nette L, te,00. 



TERITÀ STORICA E COLTURA POPOLARE 



I. 



Tra i varii mezzi, adoperati dalla rivoluzione e dal 
laicismo anticristiano per dare l'ostracismo alla Chiesa 
dalla vita pubblica moderna e mandare ad effetto l'apo- 
stasia delle classi civili dal cattolicismo presso le nazioni 
latine, il più efficace e funesto è stato certamente quello 
di alterare e falsare la storia, per dimostrare che la vera 
libertà, eguaglianza e fratellanza ebbero origine dalla pro- 
clamazione dei diritti dell'uomo nel 1789, e che conseguen- 
temente tutta l'azione sociale della Chiesa, nei diciotto se- 
coli precedenti, aveva mirato a favorire il dispotismo, il 
privilegio aristocratico e il servaggio delle classi popolari. 

Or tale studio di sostituire alla storia la leggenda e la 
favola, cioè le menzogne e le invenzioni convenzionali alla 
realtà dei fatti, trovò pur troppo nella società contem- 
poranea tanta fortuna che il Thierry, sebbene imbevuto 
anch'egli di pregiudizii rivoluzionarii, ebbe a dire: « J ma- 
nuali di storia accoppiano d'ordinario alla più grande ve- 
rità cronologica la più grande falsità storica che si possa 
imaginare... In argomento di storia l'opinione pubblica o 
è radicalmente falsa o è viziata di qualche falsità... La per- 
suasione pubblica in fatto di storia dev'essere del tutto 
rinnovata *. » 

Il peggio poi si è che la leggenda anticattolica della 
rivoluzione si è difiFusa così universalmente, è penetrata sì 
addentro nelle classi civili e, col moltiplicarsi continuo dei 
mezzi di coltura, va ormai per guisa conquistando anche 
le grandi moltitudini del popolo, che contro di essa si mo- 

I TjeUres 8ur Vhistoire de Franco, avertissement. 

1008, voi. 1, fase, 1382, 9 8 gennaio 1908. 



l'ÌO VERITÀ STORICA 

islraiH) di fatto impoteati i risultati più certi degli studii 
euinpiiiti dagli storiografi e critici moderni. 

Si sperava che in Francia i lavori del Tocqueville e del 
Tuine sulla leggenda rivoluzionaria, e quelli di tanti altri 
auiori non settarii, che nel secolo XIX risalirono più o 
meno alle fonti della storia per ristabilirne la verità indi- 
pctnleritemente dai pregiudizii giacobini, dovessero riuscire, 
specialmente dopo il rinsavire della pubblica opinione de- 
ternnrjato dai disastri militari del 1870, a sbugiardare in 
mezzo al popolo e dissipare per sempre il funesto errore, 
ondo si crede che la vera libertà abbia avuto principio 
cui 1789 e tutti i secoli precedenti si disprezzano e si 
odiano come una lunga epoca di oppressione e dì tiran- 
nide. Ma purtroppo codesti lavori rimasero simili a una 
polla montana, a cui non si accostano per dissetarsi che 
i ptH^lìi conquistatori dei gioghi alpestri; Terrore invece 
^mantenne il suo dominio e lo andò sempre più allargando 
iti mezzo al popolo traviato, come una fiumana fangosa 
ehe dilaga nella piana ed aperta campagna. Né ciò può far 
maraviglia a chi consideri che, quando un pregiudizio è 
poiiehato universalmente nel popolo, esso diventa una 
sipeeitì di tradizione dogmatica, che non si può altrimenti 
estirpare se non con lungo e costante lavoro di volgariz- 
Ku^iniie della verità contraria. Correggere un pregiudizio 
gitorito popolare è come fondare una nuova religione. 

Eppure tanto è necessaria quest'ardua ed immane ira- 
presiu di risanamento intellettuale del popolo, quanto è evi- 
AìHxW che la sua avversione alla Chiesa e perciò stesso 
anrlH alla religione, colla progressiva apostasia dalla fede 
rrìstiaaa, troveranno nella persuasione che la rivoluzione 
lo ha emancipato dal despotismo gerarchico un ostacolo 
ìuviiicibile contro ogni tentativo di liberamelo, se prima 
non sia stato persuaso del contrario. Donde chiaramente 
apparisce come e perchè la diffusione di una sana coltura 
jstorica, specialmente per mezzo della stampa popolare, co- 
sitituisea oggidì l'apostolato più urgente e più santo; senza 



E CULTURA POPOLARE 131 

di cui un popolo, nonostante l'operosità inesausta del mi- 
nistero sacerdotale, può in poco tempo perdere la fede e 
rinunciare alla vita cristiana. 

Un esempio veramente classico, per le sue intime atti- 
nenze collo sviluppo storico della vita pubblica moderna, 
varrà a meglio illustrare il nostro proposito. 

M. 

Oggidì è dimostrato a tutto rigore di critica storica, fon- 
data sopra innumerevoli documenti, che l'origine, lo svi- 
luppo e la costituzione organica delle libertà pubbliche nel- 
r Europa civile col movimento comunale e municipale del 
medio evo, vanno attribuiti all'azione educatrice e civilizza- 
trice della Chiesa; — che cotale regime era eminentemente 
democratico e corrispondeva ad una organizzazione sociale 
sì vantaggiosa alle classi popolari, la quale non fu mai né 
superata né raggiunta nei tempi posteriori; — che i principi 
temporali, aiutati dai loro legisti cortigiani e favoriti dalle 
idee pagane del rinascimento, si adoperarono a restringere 
e rimuovere dalla vita pubblica l'azione della Chiesa, per 
sottoporre i popoli al giogo dell'assolutismo monarchico, e 
che pur troppo vi riuscirono fino alla totale distruzione 
delle franchige comunah ; — e che la rivoluzione, colla ri- 
volta del terzo stato contro il potere monarchico e le tra- 
dizioni feudali, ha bensì distrutto l'assolutismo dei principi, 
ma vi ha sostituito quello del governo centrale rappresen- 
tativo, sostenuto dall'onnipotenza della maggioranza co- 
stituzionale, a danno dell'autonomia comunale e delle fran- 
chige popolari. 

Vero è che l'immenso cambiamento, avvenuto nelle con- 
dizioni economiche e politiche della società, per effetto della 
macchina applicata alla produzione e alla locomozione e del 
continuo perfezionarsi dei mezzi di comunicazione, che vanno 
trasformando lo Stato in una famiglia e tutto il mondo in 
un solo paese, esclude anche la possibilità di un ordina- 



132 VERITÀ STORICA 

mcnlo ri vile e sociale quale era quello della democrazia 
comunale nel medio evo. Nondimeno, com'è evidente che 
tuie differenza di tempi non menoma punto l'incompara- 
bile valore dell'opera sociale compiuta dalla Chiesa otto 
secoli fa, anzi lo accresce grandemente per aver cambiata 
una società barbara in una società eminentemente civile; 
COSÌ lertamente nulla vieta di inferirne legittimamente che 
lu stesso principio di giustizia^ di carità e di libertà cristiana, 
onde si valse allora la Chiesa per creare il regime comu- 
nale, cjuaado fosse stato applicato alle condizioni dei tempi 
presenti, ci avrebbe dato un nuovo ordinamento sociale e 
politico, in cui il concerto tra le esigenze del potere cen- 
trale e le franchige dell'autonomia di classe, di corpora- 
zione, fli comune, di provincia e simili, si sarebbe felice- 
menle compiuto e conservato, preservando i paesi civili 
dalle continue convulsioni in cui si agitano disperatamente 
ai noshi giorni, col pericolo imminente di qualche cata- 
slniie o conflagrazione universale. 

Perchè invece l'ostracismo, dato alla Chiesa dalla vita 
pii!4>!ica per opera del dispotismo monarchico, fu ereditato 
e reso più crudo e più accanito dal dispotismo collettivo 
della rivoluzione, perciò l'utopia del socialismo fu abbrac- 
ciala come la soluzione più ragionevole, più giusta e più 
vantajr^nosa della questione sociale, dalle classi popolari 
educate alla scuola della rivoluzione anticristiana, e il di- 
spotÌBnio del proletariato sovrano si presenta quale forma 
le^'itlima di governo di un non lontano avvenire. Così i'Eu- 
rojia civile è come la Francia «simile a un viandante che 
ha smarrita la via e la cerca nelle tenebre, ha perduta la 
tradizione delle sue libertà nazionali e va cercandola da più 
di un secolo in un avvenire chimerico, senza neramen so- 
y|>ettare ch'essa possiede nel suo passato le istituzioni più 
libere che un popolo abbia mai avuto > *. 

Ovkì in tale stato di cose, se il popolo conoscesse la vera 

' Pk.mouns, Le mouiement communal et municipal au moyen àge, 
\\U\\v\\ l*arÌ8 1875, próface. 



E COLTURA POPOLARE 133 

storia delle libertà comunali procacciategli dalla Chiesa nel 
medio evo, e del benessere che ne provenne alle classi la- 
voratrici, specialmente colla ifloridezza delle corporazioni 
d'arti e mestieri; se sapesse che l'assolutismo monarchico, 
rivale della Chiesa e ostile alla sua azione sociale, lo ha 
privato di codesti vantaggi, per condannarlo al pauperismo; 
se potesse confrontare le condizioni delle classi operaie, du- 
rante la tenebrosa e feroce barbarie del medio evo, col mo- 
derno proletariato della rivoluzione e colla tirannide col- 
lettiva dell'utopia socialista ; non vi ha dubbio che sarebbe 
per lui sfatato il più grave e funesto pregiudizio storico 
onde lo hanno imbevuto gli apostoli anticristiani e, rista- 
bilita la fiducia tra l'anima popolare e l'azione sociale del 
catlolicismo, questo potrebbe, sotto altra forma, più ac- 
concia alle nuove condizioni dei tempi, applicare la virtù 
taumaturga del lievito evangelico a riabilitare le classi po- 
polari e ristorare l'ordine sociale turbato, rimovendo i pe- 
ricoli di qualche grande catastrofe. 

Dal che appare novamente confermata l'importanza e 
la necessità di diffondere in mezzo al popolo la sana col- 
tura non solo intorno alla storia in generale, ma partico- 
larmente in quanto* alle istituzioni specifiche di libertà, di 
agiatezza e di prosperità, svoltesi, sotto l'azione sociale 
della Chiesa, a vantaggio delle classi popolari, mediante il 
regime comunale del medio evo. 

III. 

Queste riflessioni venivamo facendo in percorrere una 
recente pubblicazione dell'^cWon Populaire, che tratta ap- 
punto del regime municipale in Francia nel secolo XII *, 
e contiene un confronto particolareggiato tra le condizioni 
delle classi lavoratrici a quei tempi di schiavitù e di barbarie 

* A. DcTBOUBGniBR, Travaìlleurs de France. Servitude et liberté au XRo 
aiècle et au XX« (Publìcations de !'« Action Populaire»). Paris, Lecoffre, 1907, 
8», XII.Ì36 p. 



J34 VERITÀ STORICA 

e lu shiio del proletariato nei secolo XX, per dimostrare 
coti documenti autentici ed incontestabili che <* le riforme 
ed isitituzioni, di cui giustamente si gloria il nostro secolo, 
non sono in realtà che un ritorno a istituzioni già create 
dalla (lliiesa, e un ristabilimento dell'organizzaiione sociale 
cb'estìa aveva già fondato »; ch'esse « sono pure, nell'anima 
pop(*lare della Francia, un'aspirazione vaga, indeterminata, 
ma ctM'la di ritorno alle istituzioni dell'alto medio evo ed 
ai ^nandi principii di giustizia, di buonafede e di hbertà, 
che ìc lianno per così dire impregnale e ne hanno assicurati 
alle popolazioni i benefici effetti pel corso di più secoli e 
perfino in parte fino alla rivoluzione > \ 

(Quindi lo scrittore osserva a buon diritto nella con- 
ilusioTie del suo libro: < Questo lavoro dimostra, in modo 
pLHt 11 Iorio ed irrefragabile, che la Chiesa ha già potuto sta- 
bitirr l'equilibrio delle forze sociali sui principii della giu- 
stizia e della libertà, senza rivoluzione, anzi pacificamente. 
Ehisn al tosta che i riformatori deìVancien réffinie, senza il 
Vimfrelo e contro la Chiesa, non riuscirono, cogli orrori di 
sansoni rtose sommosse, che a costruire edifizii senza consi 
i^lunssa £5ulle rovine delle antiche libertà, sì care ai nostri 
padri. Quello che la Chiesa ebbe fatto col suo Vangelo e 
cuiraiuio del potere sovrano sotto il regime municipale^ 
puu lailo ancora pacificamente » ^ 

ì\ noi soggiungiamo con tutta sicurezza che chiunque 
pf*niirra con animo imparziale questo pregevole libro, ion- 
i\i\\i\ sullo studio dei documenti medievah, anche se non 
conn?^f'ii d'altronde la verità slorica in esso illustrata, ne 
dovrà ritrarre la persuasione che le condizioni delle classi 
popijlari erano in generale ben più vantaggiose quali le 
a>evu fuggiate anticamente la Chiesa colla sua forza mo- 
i^alts di quello che non sieno al presente per effetto della 
forx.a materiale, adoperata dalla rivoluzione e dal sociali- 
Hino i'oiilro l'assolutismo politico ed economico delle classi 
sup(*riori. 

' Armìt'propos p. IX. — * Pag 212. 



E COLTURA POPOLARE 13» 

I due documenti principali di cui si serve il eh. Autore 
nella esposizione dell'argomento sono: 1.^ La carta o di- 
ploma di Vervins, concessa nel 1163 agli abitanti di questa 
città da Raoul de Goucy e divenuta poi comune ad altri 
domÌDÌi della stessa famiglia; confermata quattro secoli 
dopo da un altro documento autentico, sotto il nome di 
Charte de Jacques de Ckmcy col titolo : Déclaration des ai- 
sances, franchises et privilèges qu'ont les bourgeois de Che- 
mery^. 2.** La legge di Beaumont, di cui scrisse già il con 
vmsionale Merlin: « La sua pubblicazione fu per l'umanità 
un'epoca memoranda, perchè gli uomini vi sono conside- 
rati nella loro dignità. La libertà e la proprietà, queste due 
divinità tutelari, ne informarono la composizione. > Essa 
fu accordata nel 1182 da Guglielmo di Sciampagna, arci- 
vescovo di Reims e zio di Filippo Augusto, agli abitanti 
di Beaumont in Argonne, di cui egli era signore feudale; 
divenne bentosto la le^e comune delle campagne di Sciam- 
pagna e di Picardia; anzi per quattro secoli un gran nu- 
mero di diplomi, concessi principalmente ai comuni rurali 
nel nord- est di Francia, contengono la dichiarazione che 
il signore e gli abitanti sono soggetti alla legge di Beau- 
mont. Il Bonvalot ', che ha esaminato i diplomi ed altri 
titoli di più di 500 città o villaggi soggetti alla medesima 
dal XII al XVI secolo, dice che ad essa la classe servile 
deve la sua emancipazione e che nessun regime moderno 
e soprattutto i regimi contemporanei non possono essere 
paragonati al maraviglioso regime municipale stabilito dalla 
legge di Beaumont. 

Oltre questi due diplomi o carte di libertà comunale, 
negli ultimi decennii furono o scoperte o tolte dalla di- 

* Defourny, Le regime municipal d'apròs la loi de Vervins (Revue 
des queatìons historiques, 1883, pp. 553-575). 

* Bonvalot, Le Tiers Elat d^après la charte de Beaumont et sea fi- 
lialeSy Picard, Paris 1884. Cf. Defourny, La Loy de Beaumotìt.coìip d'oeU 
mr les lihertés et les institutions du moyen age^ Reims, 1864. 1d. Le Tiera 
Etat d'après la Charte de Beaumont (Revue des questiona historlques, 1884^ 
pp. 126-240). 



136 VERITÀ STORICA 

menticanza in cui erano cadute molte altre consimili, spe- 
cialmente per merito della École dee Charles, fondata in 
Francia appunto per lo studio e per la pubblicazione di 
codesti documenti. L'effetto fu singolare e solenne. 

Prima di codeste pubblicazioni era universalmente ac- 
cettato in Francia, anche tra i dotti ammiratori del medio 
evo, i! pregiudizio, divulgato specialmente dal Thierry, che 
le frauchige comunali si fossero ottenute nei secoli XI e XII 
colla rivoluzione del popolo contro i signori feudali e l'au- 
torità temporale dei vescovi, e che il clero si fosse dap- 
pertutto opposto alla costituzione dei liberi comuni. Ora 
invece è criticamente dimostrata la realtà del contrario, 
perchè tutti i diplomi o furono accordati dai vescovi, come 
la le^^gre di Beaumont, o furono dettati e informati dallo 
spirilo evangelico della Chiesa, anche quando alcun vescovo, 
per motivi di egoismo personale, vi si volle opporre; e quasi 
dappertutto il grande passaggio delle popolazioni dalle ser- 
viti! feudali all'autonomia comunale si compì pacificamente. 

La Chiesa insomma, colla inesausta vitalità del vangelo, 
come aveva, senza scosse sociali, abolita la schiavitù pa- 
gana e barbarica, così, senza rivoluzione, creò e mantenne 
in vi^^>re il regime municipale, finché non fu sopraffatta 
dal cesarismo del rinascimento e della riforma. 

Degno pertanto di encomio è il eh. Dubourguier che, 
col suo ritato lavoro, si è proposto di divulgare in mezzo 
ai lavoratori francesi la vera storia del regime municipale 
durante il medio evo. Ed è appunto questo carattere di divul- 
gaxiiiiìe popolare del libro, che gli conferisce ai nostri occhi 
una speciale importanza e ci ha indotti a parlarne nel pre- 
tìeutc articolo, per la speranza ch'esso serva di esempio a 
molli altri lavori consimili. 

Quando il popolo sarà in grado di giudicare del pre- 
sente e dell'avvenire da ciò che la Chiesa ha fatto per lui 
in passato, non tarderà certamente a riconciliarsi colla sua 
madre e sovrana benefattrice. 



E COLTURA POPOLARE 137 



IV. 



Una rassegna sommaria della costituzione e delle fran- 
chige comunali, principalmente secondo i diplomi di Ver- 
vins e di Beaumont e l'esposizione che ne ha fornita il 
Dubourguier, varrà a meglio chiarire e confermare il nostro 
apprezzamento. 

Premesso l'abbozzo generale del governo municipale nel 
secolo XII, come di un regime nuovo di libertà delle per- 
sone e delle terre, d'indipendenza e sovranità amministra- 
tiva, ferma e stabile, di fronte ai signori feudali e sotto la 
prolezione immediata del sovrano; dimostrato che tale go- 
verno fu una emanazione del vangelo, onde ordinariamente 
una croce monumentale di pietra (franche-croix, croix de 
Iffierté, croix de Beaumont) era il segno delle libertà e fran- 
chige municipali ; e illustrato il carattere di evoluzione pa- 
cifica, e non già di rivoluzione, ch'ebbe la fondazione dei 
comuni, talché i diplomi furono detti patti di pace (pactes 
de paix); il eh. Autore espone compendiosamente l'orga- 
nizzazione municipale di quei tempi, per porre in rilievo i 
vantaggi che ne ritrasse e godette per più secoli la società 
del medio evo. 

Carattere essenziale della carta era la mutualità o soli- 
darietà tra il signore ed il popolo o la borghesia, in forma 
di un contratto bilaterale, confermato con giuramento da 
entrambe le parti, onde il comune diventava una famiglia, 
i cui membri si dovevano reciprocamente fede, aiuto e con- 
siglio ifoi, aide et conseil). Se il signore violava la carta, 
incorreva in gravi pene d'ordine religioso, feudale e civile: 
scomunica, sequestro del feudo, perdita dei suoi diritti. 
Contro la carta nulla poteva il signore feudale, nulla il po- 
tere centrale del sovrano, per guisa che ciascun comune e 
ciascun cittadino erano indipendenti da qualunque onere 
che venisse loro imposto contro di essa, anche se la mag- 
gioranza lo avesse accettato. Quale differenza tra questo 



138 VERITÀ STORICA 

diritto (iella minoranza e la moderna onnipotenza della 
maggioranza! 

Ai servi, divenuti liberi cittadini per effetto dei diplomi 
di V^ervins e di Beaumont, viene riconosciuta la piena pro- 
prietà privata delle loro abitazioni e delle terre coltivate, 
campi, prnti, giardini, col libero uso delle acque e dei bo- 
schi; il contadino è padrone nella sua casa e vive agiata- 
mente, sicché solamente quando sia ridotta all'indigenza 
una eoiiladina è senza anello al dito e senza croce d'oro 
o d'argento al collo \ 

Pel ritardo nel pagamento delle imposte non vi ha il 
flagello moderno della eviziane, ma solo una tassa di sup- 
plemento; il ritorno della terra al signore avviene soltanto 
se il contadino la lasci incolta per sette anni; la detenzione 
preventiva dell'imputato non ha da durare più di un giorno 
e una notte, e gli schiavini debbono fare tosto giustizia. 

Preservativo efficace contro il pauperismo e la diser- 
zione delle campagne era la proprietà pubblica e l'uso col- 
lettivo o comune dei boschi, dei prati e delle paludi, che 
offrivano gratuitamente a tutti legna, pascolo ed orto o 
giardino, non già come elemosina o carità benefica, ma in 
forza di un diritto concesso, stipulato e giurato, e in nome 
della giustizia e della pace sociale. Altro vincolo del con- 
tadino alla campagna era la mercede dei giornalieri, che 
rtrrivava a dodici denari quando bastavano quattro pel vitto 
(juotidiano, oppure si costituiva del nono covone pel mie- 
titore e del diciassettesimo del grano battuto pel trebbia- 
tore, cioè di un sesto della raccolta. 

Così ciascun lavoratore dei campi aveva la sua casetta, 
la mm vacca e il suo maiale (la maisonnette, le lait et le 
pot-an-feu), la famiglia agricola era numerosa ed agiata e 
si eia raggiunto quello che il Ruskin chiama « la risultante 
finale e l'ultimo termine di ogni ricchezza, ch'è di produrre 
un gran numero di creature umane, dal petto robusto, dagli 
occhi brillanti e dal cuore giocondo >. Quanto inferiore e 

* BOSVALOT, p. 509. 



E COLTURA POPOLARE lo9 

degna di pietà non è la condizioDe odierna del contadino 
francese, educato colla dottrina del motto : le clericaliame, 
voilà Vennemi! 

Fra i minatori di Francia converi-ebbe diffondere i rego- 
lamenti delle miniere del secolo XV \ contenenti le deter 
minazioni di diplomi ben più antichi, per far loro conoscere 
le ragioni onde la condizione antica era ben più agiata 
della presente. 

Libero per ogni membro della comunità era in tutto il 
territorio e in tutte le foreste il diritto, di cacciagione, come 
pure quello di pescagione dove poteva esercitarsi : e l'uno 
e l'altro diritto erano universali nel secolo XII. Quindi il 
vescovo Giona d'Orléans riprovò severamente la prepotenza 
di certi signori, che riservavano per sé la caccia, colle pa- 
role riportate dal Thomassin: Miaerabilis piane et valde 
deflenda res est, quando prò ferie, quas cura hominum non 
aiuti, sed Deus in commune mortalibus ad utendum conceasit, 
pauperes a potentioribu^ spoliantur *. 

Or queste franchige, come tante altre, furono abolite dal 
secolo XV in poi, quando cioè il cesarismo pagano venne 
a soppiantare l'azione sociale della Chiesa, talché il diritto 
di caccia divenne il privilegio del ricco e i beni comuni si 
cambiarono in beni comunali, dipendenti dall'arbitrio dello 
Stato onnipotente! 



Semplicissima era l'organizzazione delle imposte : poche 
contribuzioni dirette fisse e nessuna indiretta. 

La le^e di Vervins riconosceva a tutti la proprietà delle 
loro case verso una capitazione di 12 denari all'anno (circa 
2 franchi). La decima dell'agricoltore nel secolo XI 1 non 
oltrepassava il tredicesimo e mezzo del prodotto ; oggidì, 
sotto altro titolo, egli paga l'ottavo e le imposte indirette 

^ Retine des questiona historiqttes 1877 pp. 195 sg. 
* Ib. 18S3 p. 530. 



140 VERITÀ STORICA 

hanno portato al decuplo l'antica decima. La legge di Beau- 
monl riconosceva a tutti la libera facoltà di compera e di 
vendila, senz' alcuna imposta di commercio o di circola- 
zione* e non imponeva nessuna tassa di successione. Nel 
YcrniJindois vigeva il principio: pueri, mortuis parentihus, 
nihii thtìit. Era poi assicurata la stabilità delle famiglie colla 
perni [Utenza del patrimonio e colla indivisibilità dell'asse 
erediUirio. 

(Mi esattori delle pubbliche gravezze venivano eletti dagli 
abitanii e dovevano determinare le gravezze secondo la stima 
comune {commune renommée); il sequestro contro i renitenti 
noti poteva colpire né i mobili né il bestiame, cavalli o 
attrezzi di lavoro; le prestazioni o contribuzioni di vassal- 
laggio (iaille et corvée) furono soppresse dalle carte di Ver- 
vins e di Beaumont. Gratuita la riscossione delle imposte; 
nei easi controversi la religione del giuramento bastava 
eojne |)rova sicura; pene severe colpivano l'esattore e il 
oonirihiiente infedele. 

T.a cosiddetta banalità, per cui gli abitanti erano obbli- 
gati a far macinare il grano al molino del signore e cuo- 
cere il pane nel suo forno, era più un vantaggio che un 
oof re, perchè munita di clausole che assicuravano la bontà 
del patie; la legge di Vervins permetteva a lutti di aver 
mulinu e forno proprio. 

Per lo spaccio delle bibite non esisteva alcuna tassa e 
!c frodi erano punite. 

Contro il cavaliere, che non pagasse il suo debito ad 
un uomo del popolo, si decretava il divieto di prestito e 
perlirio di compera in tutto il comune. Un vero, boicottaggio 
generale 1 Per impedire poi che alcuno aggravasse coi pro- 
prii fh^iiiti i suoi eredi e successori, era escluso il prestito 
con itjoteea. 

La costituzione politica del comune era essenzialmente 
democratica, fondata sulla elezione popolare dei magistrati 
meiliiuite il suffragio universale. Ma questo non consisteva, 
eonie iii nostri tempi, in una confusa agglomerazione di 



E COLTURA POPOLARE 141 

unità atomiche, sibbene in una armonia organica di enti 
sociali, raggruppati in potenti associazioni, con mandato 
omogeneo e voto proporzionato alla natura e importanza 
degl'interessi rappresentati, confederati insieme senza an- 
tagonismo di class'i nel corpo municipale. Il popolo assem- 
brato eleggeva gli elettori del sindaco, degli schiavini e dei 
quaranta giurati, che costituivano il corpo o consiglio mu- 
nicipale, cioè una specie di consiglio di Stato e di alla 
corte di giustizia. 

La giustizia si amministrava dagli schiavini anche nelle 
cause tra il signore e i cittadini; il giuramento era sì sacro 
che suppliva alla mancanza di testimonii. La legge di Beau- 
mont dice che, in caso di conflitto tra il signore ed il bor- 
ghese, questi si purgherà col solo giuramento fjuramento 
proprio sepurgabitl). La disposizione della magna charta di 
Inghilterra, per cui nessuno può essere punito che dal giu- 
dizio dei suoi pari, era in pieno vigore nel regime muni- 
cipale del secolo XII. 

Da tali istituzioni sociali e politiche sorse una nuova 
classe di uomini liberi che, a fianco della nobiltà e del 
clero, dirigeva le sorti del paese e, coli' applicazione della 
sua forza fisica e mentale allo sviluppo dell'agricoltura, 
dell'industria e del commercio, salì poi a tanta prosperità 
nelle corporazioni d'arti e mestieri ed a tanta potenza nei 
governi popolari del medio evo. Il Bonvalot riassume l'ar- 
gomento del suo libro in queste parole: «La classe ser- 
vile deve la sua emancipazione alla carta di Beaumont... 
Essa la conquista non colla forza e colle armi, ma con 
pacifici accordi... Ha una patria nella città nuova che abita ; 
questa patria assicura all'individuo la libertà e la proprietà, 
al cittadino l'elettorato e il governo libero per mezzo dei 

suoi pari, che sono suoi amministratori e suoi giudici 

Ha una legislazione particolare, il cui carattere specifico 
e dominante è l'eguaglianza nella città e nella famiglia; 
nella città, dove tutti i membri sono eguali sotto la so- 
vranità di un signore e sotto il governo di magistrati elet- 



142 VERITÀ STORICA 

ti vi... Sotto l'egida dei diritti di città e di famiglia, questa 
classe si dà con ardore e perseveranza ai lavori dell' agri- 
coltura, del commercio e dell'industria; coltiva le lettere, 
le sciejize e le arti. . arriva al benessere e all'agiatezza, 
quarifln non raggiunge la ricchezza >> '. 

Vi. 

M;ì il nostro riassunto, per quanto sommario e imper- 
lai In, sarebbe troppo monco e difettoso, se non ricx)rdas- 
ìsiiiio ancora un diritto degli uomini liberi, durante il re- 
gi rn** comunale del medio evo, che ai cittadini dello Stato 
morlerno può sembrare una utopia: quello cioè di non 
poier essere chiamati alle armi che per la difesa del paese 
e iji una guerra riconosciuta giusta. 

Nella carta di Vervins si dice: «Non avrò il diritto di 
condurli a battaglie, che nel caso in cui alcuno mi abbia 
mitiacciato con arroganza di venire colle sue forze a chiu- 
iUn^. me e i miei in alcuna delle mie fortezze o di deva- 
stare il mio territorio. Allora potrò condurti insieme per 
difcTìdere il mio onore. Se nasca una guerra tra me ed 
altri, avrò facoltà di condurti, a spese loro, per un giorno 
e una notte; e se rimangano più a lungo per lo stesso 
atTiu <\ dovrò provvederli di mantenimento, oppure potranno 
essi si'iiza delitto ritornarsene alle case loro » '. Le stesse 
clausole, onde il signore non poteva chiamare ii popolo 
alle armi che in una guerra giusta e per la difesa del paese, 
8*iniHntrano in parecchi diplomi figliali della legge di 
Beauujont, citati dal Bonvalot: ad equitationem, exeroitum 
et (jìicrram non ibunt, nisi causa iustissima et manifesti^- 
Htìiii incumhente — homines dictae villae nunquam ibunt (in 
i*xercUam) nisi prò patria defendenda. Fra le cause legit- 
tiine si annovera pure quella ad recuperandam praedam^ 
cioiN [KT ritogliere al nemico le cose da lui ingiustamente 
rapile ^ 

' |1|), 554-555. 

' linme dea quesU hisU 1883, p. 565. — ^ n,, i883, pp. 568-569. 



E COLTURA POPOLARE 143 

La Chiesa aveva già prima, colla tregua e colla pace 
di Dio, mitigato gli orrori delle guerre barbariche e, colla 
sua severa disciplina, crealo il nuovo diritto cristiano delle 
genti, che fu poi sancito nel III Concilio Lateranense (can. 
Innovai:: wì\ per la protezione delle donne e dei fanciulli, 
dei pellegrini e dei viandanti, dei mercanti, artigiani e agri- 
coltori, col loro bestiame ed attrezzi agricoli, delle cose e 
persone sacre, estranee alla guerra. Ora poi il servizio 
militare, detcrminato nei diplomi comunali, fu ristretto alla 
sola difesa del paese come obbligo comune del signore e 
dei cittadini, per una causa giusta riconosciuta da entrambe 
le parti; di guisa che, se mancava tale condizione o non 
veniva provveduto al mantenimento conveniente dei com- 
battenti, questi potevano o ricusare il servizio o ritornare 
alle loro case. 

Singolare a tale proposito è il fatto del vescovo inde- 
gno di Liegi, Enrico di Gueldria, deposto poi da Grego- 
rio X a' concilio di Lione, il quale, volendo arrotare un eser- 
cito per una causa non riconosciuta giusta, gli fu risposto 
dalla cittadinanza, dietro proposta del borgomastro Enrico 
di Dinant, colla risoluzione seguente: il denaro e il sangue 
dei Liegesi appartengono al passe e devono essere versati 
per la sua difesa^ non già per contese che sono ad esso estra- 
nee. E la gran carta di Liegi, che legittimava codesto rifiuto, 
fu concessa nel 1195 dal principe vescovo Alberto di Cuyck 
,ad un popolo, che il Vangelo aveva già preparalo a non 
abusare di tale beneficio ^ 

Severe erano poi le penitenze che s'imponevano a coloro, 
i quali avessero combattuto in una guerra non evidente- 
mente giusta, e spesso i vescovi venivano ad impedire la 
effusione del sangue cristiano con placare le ire dei com- 
battenti. 

Dopo ciò, non è punto esagerato il conchiudere che il di- 
ritto internazionale non fu giammai più contrario al dispo- 
tismo militare e più conforme alle libertà e franchige popola- 

» Ib. 1884, p. 239. 



I4i VERITÀ STORICA 

rincorile all'epoca gloriosa del regime comunale e municipale- 
Né fu ([uindi certamente esagerato il protestante Urquhart 
che, risalito collo studio alle fonti cristiane del diritto delle 
genti, pubblicò nel 1869 il suo famoso appello al Papa, colla 
proposta di ristabilire rautorità della Chiesa nelle questioni 
internazionali. Nei tempi barbari, se la guerra non era rico- 
nosciuta giusta e se non si trattava di difender la patria, 
il ciUadino poteva ricusare il servizio militare. Oggidì in- 
vece non appartiene certamente al soldato di risolvere colali 
questioni ! 

VII. 

L'autore già citato di un pregevole lavoro sul movimento 
comunale e municipale del medio evo * ci ha descritto nella 
prefazione l'impressione profonda, da lui provata in risalire 
collo studio alle fonti della storia dei secoli di mezzo ed 
accorgersi di dover correggere gli errori e rinunciare ai 
pregiudizii dell'insegnamento universitario, riconoscendo 
che il medio evo, per opera della Chiesa civilizzatrice, è 
stato l'epoca classica della vera libertà, e che questa fu 
confiscata al popolo prima dal cesarismo e poi dalla rivo- 
luzione. Aggiunge poi che tale impressione gli fu resa piti 
amara dal fatto che molti autori cattolici, intimiditi dalla 
fama e dall'audacia degli avversarli, ebbero a fare non poche 
concessioni inutili e dannose alla rivoluzione, concorrendo 
in tal guisa a screditare la storia della Francia cristiana. 
Il saggio sommario che ne abbiamo dato ai lettori nel pre- 
sente articolo, sulla traccia della recente pubblicazione po- 
polare del eh. Dubourguier, basta certamente a porli in 
condizione di giudicare quanto sia giusta codesta impres- 
sione del Demolins e leale la sua dichiarazione. 

Or quanto si è detto delle libertà comunali, svoltesi in 
Francia durante il medio evo sotto l'azione educatrice della 
Chiesa, è pure avvenuto, sebbene con forme più o meno 
diverse, negli Stati italiani e germanici e generalmente anche 

^ Ehmond Demolixs. Le mouvement communal et municipal au moyen 
tSge, Didier, Paris 1873. 



E COLTURA POPOLARE 145 

negli altri paesi dell'Europa civile, talché il detto del Thierry : 
le moyen àge est la véritable epoque des libertés bourgeoises ^ 
ha UQ valore storico universale. 

Laonde a tutti i popoli, civiHzzati dalla Chiesa, si con- 
viene l'ammonimento dello stesso Thierry ai Francesi: « Non 
temiamo di rimettere in luce le vecchie storie della nostra 
patria: la libertà non è nata ieri. Non temiamo di dover 
arrossire in rivolger lo sguardo ai nostri padri ; i loro tempi 
furono difficili, ma le loro anime non furono vili. Uomini 
della libertà, noi pure abbiamo i nostri avi! )► 11 che vale 
non meno, anzi assai più pel popolo italiano, il quale già 
nel secolo XI godeva la libertà municipale, svoltasi, senza 
moli violenti, dall'autorità dei vescovi * ed estesa poi alla 
Francia col nome di diritto italiano (ìms italicum) ^ 

Ma com'è certo che questo povero popolo, se conoscesse 
la vera sua storia, si manterrebbe fermamente attaccato alla 
fede e alle tradizioni cristiane dei suoi padri, e da esse at- 
tingerebbe, al par dì loro, la forza della sua riabilitazione ; 
così è manifesto che oggidì se ne va sempre più allonta- 
nando, perchè la sua storia gli fu falsata dalla coltura anti- 
cristiana, e la pubblica opinione delle classi popolari non 
ammette altra libertà che quella della rivoluzione né altra 
riabilitazione o riforma sociale che quella del socialismo. 

Donde appare con tanta evidenza la somma importanza 
e necessità della volgarizzazione storica popolare, per mezzo 
di pubblicazioni economiche di grande diffusione, che ci 
sembra di poter qui chiudere il nostro articolo, lasciando 
a quanti amano la Chiesa ed il popolo di trarne l'ultima 
conclusione. Senza di che, le grandi opere moderne di critica 
storica continueranno bensì ad adornare le nostre biblio- 
teche; ma basteranno, pur troppo, le leggende anticlericali 
dell' Inquisizione, di Giordano Bruno e del Galileo a com- 
piere l'apostasia del popolo dalla Chiesa e dalla fede cri- 
stiana. 

' Lettres sur Vhistoire de France^ lett. 1. 

* Hbgbl, Storia della cosHttizione dei tnunicipii italiani. Guigoni, 
Mìlano-Torìiio 1861, p. 438. — > Demolins, p. 161. 



1908, vai. 1, fMO, 1382. 10 8 gennaio 1908. 



IL MODERNISMO TEOLOGICO ' 



[ntorno alla sintesi della fede propria del modernità 
eredente, tracciata dall'enciclica e da noi abbozzata breve- 
mente nel precedente quaderno, conviene anzitutto esclu- 
dere due contrarie opinioni: l'una che ne attenua o nega 
a^ffatto la triste realtà; l'altra che ne rileva o esagera fuor 
di raodo l'originaria novità. 

È noto infatti non esservi mancate per una parte anime 
buone, piene di tenerezze per gli erranti, se non d'indul- 
genza per gli errori, le quali si dettero a credere che la 
sintesi della fede modernistica, tracciata dall'enciclica, fosse 
puramente \mdi sintesi ideale^ e il credente in essa descritto 
un ens rationis, con qualche tenue fondamento in re, ben 
inteso, ma non esistente come tale in natura rerum. Altri 
per contrario stimarono le dottrine riprovate dall'enciclica 
eosì proprie dei modernisti, come fossero un parto del loro 
ingegno, col pregio almeno di una novità sottile, ingegnosa. 
Ne dell'una cosa né dell'altra sarà, crediamo noi, potuto 
cadere in mente ai nostri lettori il sospetto: tante volte ab- 
biamo dovuto, in questi ultimi tempi segnatamente, ripro- 
vare per una parte cotesti falsi indirizzi dei modernisti con 
le loro conseguenze e per l'altra mostrarne la vecchiaia co- 
dente, nelle remote e nelle più prossime loro origini di filo- 
sofia e di teologia eterodossa. 

Tuttavia ne aggiungeremo qui ancora qualche conferma : 
e ci restringeremo ora al primo punto, cioè dire alla realtà 
della sintesi, ma considerandolo insieme sotto il rispetto 
filosofico, di cui il teologico è naturale continuazione. 

1 Continuazione. Vedi quad. 1381, p. 19-34. 



IL MODERmSXO TEOLOGICO 147 



Una sintesi piena della fede filosofica e teologica del mo- 
dernista, per \ia d'esempio, noi la troviamo sino dal 1905, 
compendiata oscuramente, ma tanto più crudamente in un 
opuscolo di propaganda, e quasi di programma da chi si 
propose di trattare della « psicologia > della fede e della 
religione, exprofesso, lo pseudonimo italiano Sostene Gelli, 
amico intimo dello pseudonimo inglese Ernesto Engel e 
amici araendue della xìosira, società nazionale di cultura *. 
Costui, o piuttosto il suo nebuloso maestro anglosassone, 
come già fu spiegato altra volta *, riduce la religione tutta, 
nonché la fede, ad una sua esperienza dì sentimenti d' at- 
trazione e di ripulsione ecc. « a cosa di sentimenti e Ai 
affetti >, quantunque non possa escludere affatto l'ingerenza 
secondaria di qualche elemento intellettivo. Nel che ha con- 
corde la schiera dei modernisti, pei quali, se vi ha ritorno 
alla religione ai nostri giorni, è anzi tutto in nome del sen- 
timento, senza ingombro di « metafisica >, cioè di verità 
speculative, razionali o soprarrazionali che sieno, essendo 
il « sentimento religioso il più primitivo e il più nudo dei 
sentimenti >► ^. Ma il Gelli va più avanti, ricercando^ qual è 

* Dott. SosTBXE Gelli, Psicologia della Religione («Piccola Biblioteca 
della Cnlfnra Sociale pubblicata da R. Murri »). Roma, Società |nazio- 
nale di cultura editrice, 1905. Noi ci riferiamo specialmente ai primi pa- 
ragrafi: sentimento e religione; Vasaoìufo e In conoscsma di esso eoe.; 
ma è da notare che la piena intelligenza delle teorie accennatevi suppone 
la conoscenza di tutto il sistema delio pseudonimo inglese. A questo più 
volte allude senza dubbio l'enciclica, snebbiandone le tenebre che d^i troppo 
tempo ne occultavano a molti la reità, sì che tali dottrine, come i'opusook) 
del Gelli, erano citate anche in libri ascetici, che noi potremmy nominare. 

■ Cf. Civ. Oatt., quad. 1«66, p- 427 e.; quad. 1876, p. 137. 

3 Cf. Cultura Sociale, 16 giugno 1905: « Forse mai come oggi si è pro- 
vata altrettanta smania di liberarsi da ogni sussidio di metafisica religiosa 
per lasciar libera l'interna vista rìmpetto all'eterno, all'infinito, a Dio... Ri- 
chiamo a religione si ha e gagliardo e frequente, ma è prima dal senti- 
mento che dalla ragione, dal sentimento religioso che è il più primitivo e 
nudo dei sentimenti». 



148 JL MODERNISMO 

rcioiiiento della nostra esperienza, al quale tali affetti si ri- 
tcMìscono, in altre parole, quale ne è l'oggetto. 

K risponde, lucidamente, così: « Non è un elemento che 
posali essere staccato a forza e messo o fuori o sopra al 
resIfK ma uno che pervade ed unisce tutti $?li altri; è il reale 
(ii>n<le come e perchè di ogni essere e di ogni moto, in cui 
il tifjstro essere e il nostro moto non è che una frazione 
ÌHÌinilesimale. Prima di essere tradotto in qualsiasi distinto 
luìnetto della mente intorno a Dio o a dii, questo dato 
ffùue come confuso nella nostra esperienza collettiva, per- 
cepìio insieme con altre percezioni, ma non a parte, e 
— eij^ualmente — può modificare nel senso di religiosità le 
nosire azioni senza dar luogo ad atti distinti di religione » *. 

Le parole sono bene di colore oscuro; ma per chi non 
i\ nuovo al gergo modernistico, di non oscuro né dubbio 
fcsiyuificato; come non oscuro né dubbio é l'arbitrario e lo 
aj^surdo che esse contengono: il distillato deW immanenza 
vhv potrebbe essere benissimo immanenza panteistica. 

Ma a noi basti qui notare quanto esse confermino, an- 
che troppo, le parole dell'enciclica, segnatamente intorno 
alla spiegazione della religione per via d'immanenza vitale, 
e Hi^Il'oggetto di essa, V Inconoscibile, di cui i modernisti 
IH I loro Programma hanno il coraggio di dire « che nessuno 
parla **. Su questa teoria del « dato confuso nella esperienza 
l'ulleLtiva e percepito così confusamente con altre perce- 
zioni 1* — diciamolo di passaggio — é poi fondato il senso 
tli certa religiosità e fede subcosciente o subliminale, at- 

' Psicoloffia della Religione, p. 10 ss. 

■ Il programma dei modemiaii, p. 113. — Si noUno in particolare 
queJli' parole deirenciclica che della religione, come di ogni fenomeno vi- 
Mi\ juHma moiio ex indigenfia quapiam seu impulsione est repetenda' 
lirfnt<*rdia vera, si de vita pressius loquamur, in mota quodam cordis 
qui ."^i^nstis dicitur, con quel che segue (p. 8 ss.): vi si troverà indicata la 
tietMih>aa teoria modernistica, qua sopra accennata, come, ad esempio, «in 
quuJ .sentimento, appunto perchè egli è sentimento e non cognizione (pro^ 
prh utente detta, secondo il modernista). Dio si presenta bensì alTuomo, ma 
in ]i lamiera cosi confusa che nulla o a mala pena si distingue dal soggetto 
eresiente». 



TEOLOGICO 149 

tribuita anche all'ateo dichiarato, di cui abbiamo altre 
volte fatto cenno. Ora ascoltiamo quale sia questo « senso ». 
« Noi — continua il modernista — possiamo chiamarlo 
il senso dell'assoluto, il senso del valore finale ed indipen- 
dente della verità, della bontà e della bellezza, separata- 
mente da qualsiasi loro conseguenza o vantaggio. In ultima 
analisi ciò significa: senso della nostra subordinazione a 
un ordine e a un interesse generale > *. Fin qui non c'è pan- 
teista od ateo che non sia disposto ad accettare questa fede ^ 
ne occorre mostrarne l'insussistenza e V apriorismo senti- 
mentale. Eppure in essa pone il modernista l'inizio o il 
fondamento, della fede e della religione, anche sopranna- 
turale; e questo per l'appunto giustamente gli rinfaccia 
l'enciclica^. 

II. 

Vero è che questo « senso > può essere, come gli altri, 
coltivato e rafforzato con l'attendervi, o attenuato per di- 

• Psicologia cit., p. 10, 11. 

* Ecco ad esempio come parla il Paulsen, uno dei più fervidi Icantiani 
di Germania: « Fichte... dichiarò per vero Dio Tordine morale dell* uni verso... 
fede in Dio quella certezza morale che ogni azione veramente buona ha del 

suo successo, come della sua eterna realtà e importanza £ con questa 

fede si collega necessariamente la felicità». Perchè chi ha una fede cosi 
fatta «crede che Tordine morale dell* universo (il Dio di Fichte) sia legge 
assoluta della verità e vive nella certezza che solo il bene ha una reale 
esistenza; mentre tutto il rimanente non è per lui che una fallace parvenza. 
Questo è adunque Iddio : Tunità del bene col reale. Il concetto è però effi- 
cace solamente nella fede viva e operosa, non nelle definizioni teoriche. Ogni 
teoria è relativa». Contro il Cìeìicalistno (vera, di L. Guguelmjnotti, Tori- 
no 1907) p. 108 s. Per questa fede viva che esclude come relativa ogni dottrina, 
il Paulsen soggiunge che 11 Fichte ebbe ragione di riferirsi alla sacra Scrit- 
tura e alla dottrina di Gesù Cristo, che «manifestò i suoi pensieri molto 
più chiaramente di Kant » ; ma che solo per ragioni estrinseche « gli stessi 
pensieri in Kant passarono quasi inosservati, sebbene questi fosse molto 
meno reb'gioso di Fichte» (ivi p.Ul) ecc. Non troppo dissimile è la fede 
▼iva e operosa, nuda di ogni teoria anche dogmatica, perchè relativa, fede 
che piace ai modernisti, unanimi col Paulsen contro il clericalismo, 

^ « Est porro hic sevsus quem modemistae fidel nomine appellant, estque 
illis religionis initium. Sed non hic philosophandi seu potius delirandi 
finis »... (p. 9). 



\:À> IL MODERNISMO 

^UHo o p<?r positiva violazione; ma quanto più si vorrà fare 
ititt»ii«o, e tanto più si dovrà ricorrere all'uso dell' intelli- 
genza, * il cui ufficio è disegnarci in piccolo e con l'aiuto 
ili ^irnlxili la vastità della nostra disordinata esperienza». 
(lu^ì a ^(fìrvizio subordinato del senso e dopo il senso, 
v.mi* tu t^rado affatto secondario si ammette l'intelligenza, 
ikLii solo come disegnatrice in piccolo, di una «"vastità > di 
i Npi'ri<*rj/,a disordinata, e disegnatrice a norma dei suoi 
|jr(i|n]i s<4kemi artiiìciali, o forme soggettive alla kantiana, 
u ^lusci di simboli onde foggiarsi, non già scoprire, la realtà. 
A in Top era siffatta di « disegno in piccolo » riducendosi 
UlUu il lavorio della intelligenza, non si vede come possa 
ilar ìuve al sentimento né avere corrispondenza o riscontro 
roii la vutìlità della nostra esperienza, la quale per giunta 
hÌ su[i|HMie così disordinata e ronfusa. Tanto più, se si ri- 
linjj.'-a, vìa che è solenne al modernista odiatore dell'cpi- 
s-ilrmnhfijia scolastica, non darsi cioè nella cognizione in- 
li'lliMiiate vera oggettivitày ossia conformità del pensiero 
TOH la ( osa pensata, né perciò criterio alcuno di veracità, 
rumi* altrove si è detto. 

Vt;r notisi di più — per qual fine si fa cosi disegaa- 
li'ii r - \ìì pìccolo > la nostra intelligenza. 

Hispniide il modernista: «per la migliore guida della 
nositra ^-ondolla e per aumentare la naturale antiveggenza 
l'ol t'*»ti^re di una più o meno scientifica e certa visione 
Ot^lTussonle o del distante. — Quindi, prosegue egli, il nostro 
ìstMisu itrllo^vo/Mfo cerca di conoscersi traverso i simboli 
dotrdtlolligenza, e Vassoluto diviene un oggetto, il primo di 
Juttl, liei nostro sapere, ed ha un posto centrale e sovrano 
liei nt»55tri schemi artificiali della realtà*.» 

U\ «jiiesta conclusione, sebbene avvolta in una nebbia 
iraulunno londinese, ci balza innanzi tutta una serie di 
futili antilogìe e di assurdità ìnlollerabiU : aHiiveggefiza 
iiaiuntlr. che é aumentata dairinlelligenza, nra non è in- 
letlt^ert^a; una visione dell'assente, del distante, e noa 



TEOLOGICO 151 

del presente alla facoltà visiva o intuitiva, come vorrebbe 
la definizione di « visione » ; un « senso )^ che non conosce, 
mentre cerca di conoscersi ecc.: da ultimo, per farla breve, 
la forma più arbitraria dell'ontologismo o piuttosto dello 
pseudo-misticismo protestantico, aggravata dal pramma- 
tismo e simbolismo dell'autore anglosassone, da cui ritrae 
tutto questo abbozzo della fede modernistica *. 

Tale forma di simbolismo mistico si scorge anche meglio 
dal passaggio repentino che dopo i tratti sopra citati il mo- 
dernista fa dal senso dell'assoluto ai nostri concetti intorno 
a Dio, il quale sarebbe per l'appunto Vassoluto menzionato 
sopra, dandoli come simboli, « atti a guidare più o meno effi- 
cacemente la nostra condotta nel retto senso » ; e parago- 
nandoli ai nostri schemi della natura fisica. Conciò li deprime 
senz'altro a creazioni soggettive e simboliche, secondo la 
nuova filosofia, benché utili alla pratica, perciò buone e 
in questo solo senso (prammatistico) vere, « coordinando ed 
unificando un più grande campo d'esperienza possibile »^: in- 
somma li fa mere ipotesi, che servono a spiegare l'espe- 
rienza- Sicché infine tutta la loro verità, o piuttosto il loro 
valore, si confonde con la opportunità dell'ipotesi assunta 
o escogitata dal fisico; diremmo anzi con la pretta versati- 
lità delV opportunismo o deìV utilitarismo, che ora chiamano 
umanesimo o prammaiismo: quindi verità mutabile e pie- 
ghevole, essendo un mero simbolo del vario atteggiarsi del 
sentimento religioso. In questo senso conchiude il Gelli, par- 
lando della verità religiosa e della sua utilità per la vita dei 
rapporti con V assoluto : « La vita è il criterio della verità > '- 

' Ivi, a pag. 11. — Vedi a questo proposito tutto il passo dell*eaciclica 
che spiega la parte data dal modernista filosofo ali* intelletto : Habet autem 
et ipse... 9ua8 in actu fidei partes... Mene UH sensui (religioso) adveriiens^ 
in eundem se in flectit, inque in eo elaborcU pictoris instar ecc. (p. 18)- 

• Ivi, p. 11. s. 

^ Si raffrontino anche qui le parole stesse neir enciclica : € vivere au- 
tem modernistis argutnenium veritatis est : veritatem enim et vitatn pro- 
miscue hàbent. Ex quo inferre denuo licebit: religiones omnes quotquot 
exiant, veras esse, nam secus neo mverent» (p. 18). 



162 IL MODERNISMO 

Il lettore attento ravviserà bene espressa anche su questo 
punlo la genesi della fede modernistica fatta dairenciclìca; e 
come perciò questa sia bene tutt'altro che esagerata o 
ideak\ Da essa la conseguenza che tutte le religioni vive 
sono vere, sono buone tutte, perchè corrispondenti a qual- 
che forma di sentimento, scende inesorabile evidente. 

III. 

Ne i modernisti lo ignorano, benché cerchino di dissi- 
mularla, oscillando per es., col Gelli, così: «Una reli- 
gione od una teologia può come teoria essere incom- 
pleta od anche erronea, e pur tuttavia non essere affatto 
(inzione arbitraria, in quanto come principio di operosità, 
come guida dell'anima alla sua eterna vita {cioè alla suddetta 
vita dei rapporti con Vassoluto) può contenere il vero, al- 
meno in rapporto alle condizioni ed alle attitudini del- 
Tanima» ^ È vero che ciò si vuol detto delle «religioni 
imperfette », non del Vangelo, « del quale ora non ci occu- 
piamo », dice il modernista; ma egli ha tosto cura di soggiun - 
gere per ogni buon intenditore: « quel che è solo una fase 
passeggera può apparirci come una Ipnga e quasi intermina- 
bile durata». Il che insinua perTappunto l'indole provvisoria, 
relativa e mutabile della legge evangelica avviata verso una 
forma più alta di rehgiosità, come già il giudaismo verso 
il crì.stianesimo, secondo la dottrina dello pseudonimo in- 
glese, noto eterodosso, di cui l'italiano è qui più guardingo 
pedissequo e traduttore. In ogni caso però resterà costante, 
giuria la conclusione modernistica, che « Dio come distinto 
HI corsivo è anche qui del Gelli) dai suoi effetti ed attributi 
intelligibili, non può esserci presentato con nozioni sem- 
plici o complesse, le quali abbiano maggior valore che di 
verità pratiche ed equivalenti: egli appartiene in tal modo 
a quell'ordine di fatti o di cose, con le quali la volontà è 
in rapporto diretto, a quello che vien chiamato il mondo 

i hi, pag. 12. 



TEOLOGICO 153 

dei valori della volontà, al mondo della storia e della vita, 
non della scienza >*: ecco tutto. 

È inutile fermarci a dichiarare che è questa una pro- 
fessione di fede agnostica la quale potrebbe conciliarsi 
bene con qualsiasi forma di religione, anzi pure con la 
negazione della personalità divina o della divina infinità, 
con una sorte di panteismo o di ateismo, come altri di 
questa scuola, con un passo più avanti, ha già tentato. E 
siffatta professione è quella che severamente ma non infon- 
datamente espone e biasima in piti luoghi l'enciclica, anche 
in ciò ben altro che ideale. 

IV. 

Ne vi fa riparo l'opposizione supposta qui dal moder- 
nista credente, e accennala anche dal QeUi murriano, tra 
il valore della volontà, o il mondo della vita, e quello 
della scienza. Questa opposizione, che ritornerà spesso a 
proposito di dogmi, sì fonda nella finzione di una doppia ve- 
rità, o più propriamente, doppio valore, come dicono; re- 
ligioso l'uno e pratico, l'altro intellettuale e speculativo; 
questo relativo e variabile, quello assoluto e immutabile. 
Perchè, lo speculativo appartiene al mondo delle appa- 
renze, dei 4c fenomeni », è collegato a un fatto storico, o 
ad una concezione scientifica o filosofica; perciò di ordine 
intellettuale; l'altro, il religioso, appartiene al mondo delle 
volontà, è indipendente da fatti o concezioni determinate, 
quindi d'ordine pratico: il valore religioso sarebbe la ve- 
rità spirituale; l'intellettivo la verità letterale. Così nel dom- 
ma della Risurrezione, verità letterale direbbesi il fatto 
in sé considerato; verità spirituale la glorificazione e sopra- 
vivenza mistica del Maestro nei suoi fedeli. 

Pur troppo siffatta distinzione è un assurdo : conseguenza 
pessima della peggiore ignoranza o falsa interpretazione del- 
l'analogia che interviene in ogni nostra cognizione di cose 

' Ivi, p. 14. 



154 IL MODERxVISMO 

divine. Essa, mentre scinde in due la verità dogmatica, la 
stravolge non solo, ma la distrugge. Ed è chiaro che, una 
volta ammessa, dovrà stendersi a tutti i dogmi, anche a 
quello delle* personalità divina, peggio di quanto abbia fatto 
it noto Le Roy di questa scuola, lasciando loro nulla più che 
Tattitudine (valore religioso) a dirigere l'azione, a nutrire la 
pietà, indipendentemente dalla verità o falsità dei fatti sto- 
rici o delle nozioni filosofiche implicate nel dogma: il che è 
manifestamente — ripetiamolo pure — distruzione del cri- 
stianesimo, anzi di ogni religione positiva; avviamento al- 
r ateismo. 

Tuttavia il modernista, passando a considerare « l'asso- 
lutu nel mondo della volontà», dopo molte enormezze 
sa cui ora non possiamo indugiare, confessa almeno che 
noi « non possiamo giammai smarrire il convincimento del 
carattere assoluto ed imperativo di questi rapporti di vo- 
lontà né dubitare del nostro dovere di consentire con gli 
uomini di buona volontà », e soggiunge che « questo carat- 
teri^ imperativo dell'assoluto non è altro che la forza di 
quella suprema eterna, indeclinabile volontà che noi chia- 
miamo Dio ». 

Ma, lasciando stare la improprietà, dei termini, ond'egli 
falsa ciò che è di vero nel suo concetto \ il modernista 
trascorreda ciò all'assurda conclusione che in un certo 
senso si potrebbe vivere religiosamente, senza alcun de- 
finito e separato atto di religione, interna od estema, 
80I0 con l'obbedire alla coscienza e seguire il senso inte- 
riore della volontà assoluta. Ciò è un dire che si può 
vivere religiosamente senza religione alcuna; perchè, co- 
m'egli stesso concede, la religione comincia solo quando 
questa volontà che pervade e governa tutto, è concepita 
separatamente al di fuori e al di sopra delle altre*, cioè 

' Il carattere assoluto ed imperativo, nell'antecedente, diviene nel con- 
aoguente « carattere imperativo delFassoluto » ; e questo, che in termini più 
ohUrì e più esatti dovrebbe essere il dettame della legge naturale, diviene 
< Ia forza » della volontà stessa di Dio, la legge eterna. — Attenti alla logica I 

* Psicoloffia della religione^ p. 19. 



TEOLOGICO 155 

quando Dio è conosciuto come distinto dai suoi effetti. Ora 
un tale riconoscimento è, del resto, il primo e più indu- 
bitabile dei nostri doveri, né può dirsi « obbedire alla co- 
scienza » chi non ne segue questo dettame che è il più 
fondamentale. 

V. 

Eppure, stando al modernismo teologico, senza questo 
c'è fede: precede il senso o l'esperienza di un * dato confuso 
nella esperienza collettiva percepito insieme con altre per- 
cezioni; ed è fede: segue il senso o la persuasione che 
sopra il mondo della materia — fenomenico — si dà un altro 
mondo ben più reale, quello della volontà, come lo chia- 
mano; ed è fede; succede il senso della nostra relazione 
con queste altre volontà, ed è fede iniziale esso pure — anzi 
in questa relazione sentita, dice il Gelli, consiste la vita e 
l'interno essere spirituale nostro ; il che è tutto dire, ma 
sa bene di panteistico — infine il senso della volontà asso- 
luta, o come anche dicono il senso dell'infinito, del divino, e 
via, con attenzione a non nominare il nome di Dio invano. 

Perciò questo sentimento molteplice di fede non vuole 
essere ne senso morale, né senso estetico, né senso esterno 
sperimentale o scientifico, ma un senso intemo sui generis. 
Per esso alfine entriamo in contatto immediato con Dio e 
prendiamo conoscenza della sua esistenza, come della no- 
stra propria, e ciò con alto intuitivo « emozionale » della 
coscienza. Questo atto ultimo, congiunto però all'interessa- 
mento della coscienza che vibra all'unisono e fa centro 
della sua vita le realtà superiori, più propriamente i mo- 
dernisti chiamano fede. 

Né intendono essi solo una tale fede filosofica alla kantia- 
na; ma teologicamente, un vero inizio, o piuttosto essenza, di 
fede soprannaturale e divina. Perocché questo sentimento del- 
l'infinito o dell'assoluto diviene a grado a grado per l'anima 
esperienza o presentimento del cristianesimo, cui Tanima in 



156 IL MODERNISMO 

luUe le sue potenze, aspirazioni, esigenze o « bisogni » come 
dicono, postula necessariamente. Sicché il cristianesimo può 
dirsi in un senso immanente all'anima, come è immanente il 
sentimento religioso, non essendo altro che svolgimento di 
es.^a, come tutte le religioni sono « semplici esplicazioni 
d<*ir anzidetto sentimento», secondo l'efifato modernistico 
ricordato dall'enciclica: insomma il deismo è «cristiane- 
simo in germe » e il cristianesimo è « deismo svolto o evo- 
luto ^, mentre esso pure a sua volta si avvia verso una « forma 
superiore di religiosità» che ora solo in germe contiene. Tale 
è in sostanza e spoglia delle sue astrattezze la teoria mo- 
dernistica, p. es. del Gelli, e di altri suoi franchi discepoli, in- 
torno a « sistemi religiosi e religioni positive ». 

Quindi si fa evidente, anche per questo capo, come siffatta 
teoria, filosofica e teologica insieme, corrisponda per Tap- 
punto alla sintesi che ne dà l'enciclica, a proposito del mo- 
dernista filosofo prima e poi credente, massime in ciò che 
spetta ad uno dei capi di maggior rilievo nella dottrina dei 
modernisti, all'origine cioè e alla natura di fede e di dogma. 
Essa ne giustifica fin troppo la severa sentenza: ^clnfinito 
cumulo di sofismi che abbatte e distrugge ogni religione !... 
Oli veramente ciechi e conduttori di ciechi che vaneggiano 
fino al segno di pervertire l'eterno concetto di verità e il 
genuino sentimento religioso!... Essi, da parte loro, messa 
fra i ciarpami la vecchia teologia, si adoperano di porne 
in voga una nuova, tutta ligia ai dehramenti dei filosofi ». 

VI. 

Quindi s' intende pure come, anche parlando della fede 
BO[>rannaturale, i modernisti, quali il Gelli - Engel - Tyrrell 
e j>iinili maestri, non accennino mai, se non escludono posi- 
tivamente, il concetto cattolico, di assenso fondato sopra te- 
stimonio estrinseco; ma la definiscano sempre in ordine a 
un senso, ad un intuito, ad una esperienza interna. Così 

* Psicologia della religione, p. 20 ss. 



TEOLOGICO 157 

nella famosa Lettera confidenziale*, che lutti i modernisti co- 
noscono, massime gli italiani, la fede vien definita in forme 
varie e vaporose, ma non mai con nozione netta e catto- 
lica. Ora fede è ^c un atto per cui facciamo sostanza della 
sostanza nostra un mondo di speranze... tanto indetermi- 
nato da potersi definire un sogno di poeta, una visione di 
profeta e non più » : ora è « una visione di Dio, non a faccia 
a faccia, ma nella creatura come in uno specchio fosco *; ad 
ogni modo visione nostra, e non credenza suggerita da pa- 
role altrui (che è sentenza ereticale, siccome contraddittoria 
alla definizione del Vaticano). E più sotto ^c è un corret- 
tivo del ragionamento, come questo lo è della sensazione 
immediata » ; indi cessando di essere un atto o un abito, 
diviene « una facoltà rudimentale che ci fa communicare 
con un mondo trascendente » ; ma è sempre una visione, 
che « si chiama soprannaturale perche non dipende dal- 
l'arbitrio nostro » ; e ancora « visione trascendente della 
quale partecipano i veri membri della Chiesa unica e invi- 
sibile » ; e infine anche « un cotale entrare a parte della 
visione divina, un levarsi sopra i confini delle facoltà in- 
tellettuali umane per una comprensione meno chiara ma 
più vasta, ma sovnimana della suprema Realtà ». — Ibrido 
mescuglio di misticismo e di naturalismo razionalistico! 
Non parliamo poi di altre definizioni così mistiche venu- 
teci di Francia, come quelle del Laberthonnière, al quale 
la fede, per es., è « un atto per cui l'uomo si apre a Dio per 
essere e vivere realmente ed eternamente in lui » : è un appog- 
giare il proprio essere al suo per trovarvi salute *, è un « far- 
si Dio in qualche modo » e simili. Nelle quali definizioni, 
— applicabili, se mai, del pari alle altre due virtù teolo- 

* Cr. p. 25, 26, 35 e altroye. 

* Vedi Psicologia cit., particolarmente, p. 20 ss. 

^ Le Réalisme chrétien, p. 98. 123 eccCtEssais de philosophia reli- 
ffieuse, p. 67, p. 74 ss. e altrove. Di quest'ultima opera, proibita come la 
prima, usci poco dopo il decreto delia S. Congregazione dell'Indice, una tra- 
duzione italiana « autorizzata », senza nome di traduttore, dall'editore Remo 
Sandron, 1907. 



158 IL MODERNISMO 

galt e anche alla virtù della religione in genere, quel poco 
Ijiirliime di vero che cela Terrore appare avvolto e travi- 
i^ato nella caligine del misticismo sentimentale e pietista. 

Né pure ci fermeremo alle nozioni fluttuanti dei moder- 
nisti anonimi nel loro Programma, per cui « l'adesione alle 
rraltà soprasensibili... è il prodotto di una interna espe- 
rita /.a », esperienza religiosa che « esce appunto dall'iute- 
^B^^ìamento della coscienza e dalla vibrazione dell' essere 
nif>ni!e all'unisono con la parola del divino ». — Cara de- 
fìrìizione che ricorda quella del diaframma della coscienza 
vi Idrante all'unisono con la coscienza contemporanea. — 
Molto meno recheremo il concetto del romanziere, per cui 
hi fede divina è assimilata ad una forza speciale diffusa 
uvWii natura come tante altre; o le nozioni del pari strane 
(hI eterodosse sparse in altri libri e periodici modernisti 
Huirti moribondi, e massime nel Rinnovamento, il quale 
Beili Irra aspirare al non invidiabile vanto di rinnovarle tutte, 
eote^te vecchie aberrazioni dell'infedeltà e dell'eresia. 

!*^olo vogliamo far notare come i modernisti, rìnnovaiulo 
silTrilte vecchie aberrazioni, le aggravino sempre con T in- 
sislf^re nella pretensione di ridurre primieramente la fede 
tul un intuito di ordine sentimentale, alla coscienza od espe- 
rìeyua interna di una « emozione » : perchè da questo esce 
si i"É volta la ragione o essenza deìVatto, assenso intellettuale 
r*Ttf>, ma oscuro; delVoggetto, verità esteriore rivelata, non 
ifitnita; del motivo, testimonio estrinseco, o autorità di Dio 
rivolente, non visione o sensazione intima della coscienza >* 
luf^vnmente ne va stravolto tutto quello che concorre all'es- 
seii/.a della virtù soprannaturale, sia come atto, sia come 
al)it<> di fede divina: che è appunto la negazione di ogni 
nistianesimo storico, anzi di ogni religione positiva. 

VII. 

Così da ciò, come già accennammo, è necessario ^altresì 
che esca alterato il concetto di rivelazione, la quale diviene 



TEOLOGICO 159 

cosa tutta individuale, partecipata immediatamente alla co- 
scienza di ognuno; e con essa il concetto d'ispirazione, di tra- 
dizione, di dogma, di teologia. E neppure in ciò credasi che l'al- 
terazione rimproverata dalTenciclica ai modernisti, sia una 
conclusione tratta dai loro principii logicamente, se si vuole, 
ma da essi, che sprezzano la logica, non antiveduta né vo- 
luta espressamente. Anzi il Gelli insegnava ricisamente, 
parecchi anni prima deirenciclica, che * a ciascuno di noi 
è largita di quando in quando una certa misura di rivela- 
zione » ; che «^ da questa rivelazione sgorga come naturale 
conseguenza il desiderio e lo sforzo di una nuova forma 
d'espressione (dogma) che può essere chiamata ispira- 
zione >; anzi, più avanti, che « anche alle più povere co- 
struzioni religiose primitive non manca una qualche ispi- 
razione, quantunque il mito o la leggenda o la teoria 
scientifica che servì come mezzo alla manifestazione divina, 
sia rozzamente umana e puerile ». E qui il modernista reca 
Tesempio stesso che reca l'enciclica a simile proposito: 
« Su questo rozzo canevaccio — egli dice — {quello cioè del 
mito leggenda ecc.) Dio dipinge la sua immagine di età 
ÌQ età, toccando e ritoccando... e sono questi ritocchi che 
costituiscono l'elemento inspirato di ogni manifestazione 
profetica e ci rivelano il divino » *. 



* Psicologia p. 24 s. — Sì confrontino queste aberrazioni del Gelli mur- 
riano, (cioè anglosassone) con quelle di Giorgio Tyrrell, suo intimo, che scrive 
alfine soUo il proprio nome nel Hintiovamento (ìugUo-ai^osio 1907).., per ìa 
sincerità: « Lo studio dell'antropologia ci vieta di aflermare... che Dio non 
si riveli progressivamente, nella vita morale e sociale dì ogni anima, quan- 
tunque soprattutto in quella di Cristo, nella vita di tutte le religioni, sin- 
golarmente e collettivamente, quantunque soprattutto nella vita del Cristia- 
nesimo.... Ck>8i la religiosità del futuro dovrà essere il regolare prodotto 
delle religioni del passato, la continuazione e diffusione dello stesso pro- 
ce:»o>. E poco avaati egli si dichiara nel senso stesso, affatto naturali- 
stico e distruttivo di ogni genuina rivelazione, quantunque in termini sempre 
vaghi e nebulosi: «La religiosità del futuro sarà il risultato della rifles- 
sione induttiva sulle forme passate e presenti della religione, di un esame 
di esse in quanto sono ispirate dalla Luce di Verità che illumina ogni 
uomo veniente in questo mondo, e in quanto rappresentano ognuno in modo 



160 IL MODERNISMO 

Con ciò si conferma che tutte le religioni sono buone, 
divine, rivelate; sebbene « come teologia » sieno « frutto di 
uno sforzo puramente umano, come l'etica e la logica », o 
per dirla più spiegatamente, « un tentativo che l'intelletto 
fa per sistemare un determinato elemento della nostra vita 
multiforme, per costruire una teoria di esso e quindi de- 
durne regole pratiche per la nostra condotta » ; una crea- 
zione cioè affatto soggettiva e meramente utilitaria, come 
dicemmo sopra, o prammatistica. 

Non ha dunque esagerato l'enciclica: ha semplicemente 
smascherato l'errore. Non ha colorito il pericolo : l'ha sve- 
lato nella sua nuda realtà, squarciando il fìtto velame che 
vi aveva addensato intomo la mala fede degli uni, la ine 
sperienza, la leggerezza, la semplicità degli altri, abbagliati 
da una vanità che par persona. A conferma di ciò noi ab- 
biamo qui abbondato in citazioni modernistiche, vincendo 
il tedio nostro e affrontando quello dei nostri lettori ; per- 
chè esse da sé mostrassero e quanto sia pur troppo reale 
la sintesi della fede del modernismo, fatta dall'enciclica, e 
quanto con essa, come si esprime l'enciclica medesima, 
« siamo lontani dagli insegnamenti cattolici » e per contrario 
vicini ai vaneggiamenti dei vecchi filosofi scredenti, già con- 
dannati dal Concilio Vaticano. 

Le vecchie origini infatti degli errori del modernista e 
segnatamente del modernista credente, sono cosa omai ri- 
detta e indubitata. Ma non sarà inutile ritornarvi sopra, 
brevemente, in un prossimo quaderno, per chiarire infine 
novamente l'opposizione della fede modernistica con la ra- 
gione umana e con la fede cristiana. 

speciale, lo sforzo del Divino Spirito di rendersi intelligibile neiruomo, in 
armonia con gli altri gradi del suo sviluppo morale, mentale e sociale ....» 
' Ivi, p. 21, 22. — Il Gelli murriano, come il Tyrrell, qui giunge a dire, 
fondato sulla doppia verità, speculativa e pratica, cb*egli distingue nella 
religione: «Si può immaginare una religione praticamente utile e specu- 
lativamente falsa. Più ancora, essa potrebbe essere speculativamente vera 
e praticamente falsa per anime moralmente e mentalmente immature; per 
esse quel cbe è falso in teoria può essere più sovente vero per gli effetti 
pratici » . 



1^ 



I MARTIROLOGI STORICI 

DEL MEDIO EVO 



I. 

Si dicono storici quei martirologi che oltre ai nomi dei 
martiri indicati nei giorni della loro festa, danno qualche 
notizia sulle qualità del martire, sul luogo e su altre cir- 
costanze del martirio. 

Nel periodo anteriore al Medio Evo si può dire marti- 
rologio storico, almeno in un senso lato, il martirologio 
pseudo-gerolimiano, composto verso l'anno 460, il più an- 
tico ed anche il più autorevole, sebbene giunto a noi in 
uno stato tale di confusione, che lo rende bene spesso in- 
decifrabile. Dopo il martirologio gerolimiano, il primo mar- 
tirologio storico sembra essere quello di Beda (verso 720), 
poiché quello che si dice martyrologitim romanum parvum 
e da alcuni si vorrebbe scritto anche prima del martiro- 
logio di Beda, vedremo tra poco essere di molto posteriore. 
Dopo Beda, quasi tutti i martirologi storici, giunti fino a 
noi, appartengono al secolo IX, a quel secolo in cui, mercè 
l'opera iniziatrice di Carlomagno, sorsero e fiorirono tutte 
le varie ramificazioni delle scienze sacre. Allora composero 
dei martirologi Floro diacono di Lione, Vandelberto mo- 
naco del monastero di PrQmn, Rabano Mauro, Adone, 
Usuardo e poco dopo Notkero. 

Tra siffatti martirologi, scritti nei secoli più antichi del 
Medio Evo, v'è questa notevole differenza, che mentre al- 
cuni rimasero poco noti, né esercitarono influenza sulla 
composizione dei martirologi posteriori, altri si collegano 
coi martirologi seguenti con una relazione e un legame 
necessario, di guisa che i martirologi posteriori non sono 
per lo più che riproduzioni di martirologi anteriori con 

1908, voi. 1, fMC. 1382. 11 10 gennaio 1908. 



162 I MARTIROLOGI STORICI 

aggiunte. Alla prima classe appartengono il martirologio 
poetico di Vandelberto e quello in prosa di Rabano Mauro; 
alla seconda i martirologi finora più noti di Beda, di Floro, 
di Adone e di Usuardo; ai quali ora si deve aggiungere il 
martirologio che fu composto poco prima del 806 da un 
contemporaneo di Floro, e servi d'anello di congiunzione 
tra Beda e Floro. Bèda perciò sarebbe il primo anello di 
questa catena martirologica; dopo di lui verrebbe l'ano- 
nimo lionese anteriore a Floro; poi Floro, indi Adone; i 
quali tutti riprodussero l'opera dei loro antecessori, e vi 
fecero delle aggiunte. In ultimo venne Usuardo, che si 
prefisse soltanto di ordinare e rendere uguali nella di- 
eitura le notizie del precedente martirologio, assai am- 
plificato da Adone ma in maniera disuguale. L'opera di 
Usuardo parve tanto opportuna e adatta ai bisogni litur- 
gici, ch'essa fu comunemente accettata, finché con alcune' 
aggiunte e correzioni si trasformò poi nel martirologio 
per cosi dire ufficiale della Chiesa romana. 

Essendo i martirologi da noi citati qualche cosa più che 
semplici predecessori del martirologio romano, poiché l'ul- 
timo di essi, cioè quello di Usuardo divenne (eccetto non 
gravi correzioni ed aggiunte) il martirologio stesso della 
cbiesa romana, ognun vede di quanta importanza sia uno 
studio destinato a valutare la genesi e quindi il valore sto- 
rico dei martirologi, da cui provenne, come tarda derivazione, 
il martirologio romano. 

Tale studio fu pubblicato testé da un alunno dell'in- 
clito ordine benedettino, tanto benemerito dell'erudizione 
ecclesiastica, il eh. P. Don Quentin dell'abazia di Soles- 
mes, che vi impiegò attorno ben sette anni di ricerche pa- 
ssientissime, sopra un'infinità di codici conservati nelle città 
priacipali d'Europa *. Dalla lista che ne dà alla fine del suo 
libro si vede che i codici da lui consultati furono ben 443, 
dispersi in 50 città diverse d'Europa. 

^ Dora Henri Quentin, Lea martyrologes historiques du Mogen Age, 
étude sur to formation du marlyrologe romain. Paris, Lecoffre, 1908. 



DEL MEDIO EVO 163 

I risultati ottenuti da siffatto lavoro di pazienza e di 
erudizione sono del tutto inaspettati e nuovi, e destinati 
a produrre un vero rivolgimento nella scienza agiografica. 
In effetto egli ha potuto stabilire i testi finora incerti di 
alcuni martirologi, fissare l'età e gli autori di altri, e de- 
terminare il valore storico di tutti. Quindi noi incliniamo 
a credere che, dopo V edizione critica del Martyrologium hie- 
ronymianum fatta nel 1894 dai due sommi maestri di eru- 
dizione ecclesiastica, il comm. De Rossi e monsignor Du- 
chesse, e dopo gli studi relativi al medesimo pubblicati 
da essi in quell'occasione, non sia venuta fuori nel campo 
agiografico, altra opera di tanta importanza per le sue conse- 
guenze, quanto questa di cui parliamo. I nostri lettori ne 
potranno meglio giudicare dal saggio, che qui intendiamo 
di darne. 

II primo risultato ottenuto dal eh. Don Quentin fu di 
aver fissato definitivamente i testi di tre martirologi, di 
Beda, di Floro e dell'anonimo lionese intermedio tra i due. 

Beda, come dice egli stesso*, compose un martirologio, 
nel quale indicò sotto il giorno della loro morte tutti i 
martiri di cui ebbe notizia; ma non avendo trovato tanti 
martiri quanti sono i giorni dell'anno, lasciò vuoti di santi 
molti giorni del suo martirologio. 

Parecchi di questi giorni vacanti, secondo la concorde 
attestazione di Adone e di Usuardo* furono poi compiti 
nel seguente secolo IX da Floro, diacono della chiesa di 

1 « Martyrologium confeci de natcUiciis sanctorum martyrum diehns, 
inquoomnes qrws invenire potui^ non solum qua die, rerum etiam quo 
genere certamims vei sub quo indice ntundttm vicerini, diligenter annotare 
studui » . 

^ Adone spiegando i motivi che lo indussero a comporre il suo marii- 
solo^ìo, si esprìme cosi: < Primum fuit imperium oc iusaio tfanctorum 
virorum, ut ^uppilerentnr dice, qui absque nominibua martyrum in mar- 
tyroiogio quod venerabllia Fiori studio in labore domini Bedae accre- 
veral, tantum notati erant*. Presso Qurntin, pag. 5. Usuardo dice dei 
nurtlrologt deMo psenéo^^erobuno e di Beda : « multa inveniuntur prae- 
teriese neoesmiria. Quos tatnen seeutus, censni et Fiori viri venerabilie 
latiora iam in eo ipso negotio sequi vestigia ». Quentin, pag. 5-6. 



164' I MARTIROLOGI STORICI 

Lione. Ma non avendo Floro voluto, nonostante tali ag- 
giunte, togliere a Beda il merito e la paternità del marti- 
rologio, e questo avendo nei codici continuato a portare 
il nome di Beda, fu sempre impossibile distinguere quali 
aggiunte avesse recato Floro all'opera di Beda. 

Nel 1668 i bollandisti Papebrochio ed Henschenio cre- 
dettero finalmente d'aver trovato i due martirologi in un 
codice marlirologico, che oltre al portare il nome di Beda 
(Kvplkit martyrologium Bedae presbyteri) ed avere dei giorni 
vuoii di santi, essendo scritto con due caratteri diversi, 
sembrava contenere scritto con carattere più rilevato il 
martirologio di Beda, e con carattere più minuto il mar- 
tirologio di Floro. 

Le laboriose indagini ed i raffronti del Quentin hanno 
messo in sodo che i due bollandisti ebbero veramente la 
fortuna di trovare il martirologio di Beda (quanto alla sua 
parte sostanziale), ma non furono altrettanto felici nell'as- 
segnare a Floro le aggiunte, che stavano nei loro codici. 

Una prova che queste aggiunte non sono di Floro, (e 
ciò era già stato notato da un altro bollandista, il P. Du 
Sollier)S sta nel fatto che esse non sono riportate nel mar- 
tirologio di Adone, che pure si sa essersi proposto di ri- 
ferire tutto il martirologio di Beda con le aggiunte di Floro 
e le sue proprie personali aggiunte. 

La sorte di scoprire il genuino martirologio di Floro è 
toccata ora meritamente al Quentin, qual premio alle 
lunghe, laboriose e minute sue ricerche. 

Secondo le deduzioni del Quentin, il pensiero di fare 
delle aggiunte a Beda era già stato attuato, prima di Floro 
e nella stessa chiesa di Lione, dove poi Floro si rese ce- 
lebre pei suoi scritti, da un ignoto, che compose il suo 
martirologio poco prima dell' 806. Tale martirologio del- 
ranonimo lionese sta nel codice 3879 della biblioteca na- 

*■ Nella prefazione al martirologio di Usuardo pubblicato da lui nel 1714 ; 
tomi VI e VII degli Ada SS,; Prolegomena art. 2, n. 168; Migne, P. L,r 
CXXm, pag. 512. 



DEL MEDIO EVO 165 

zionale di Parigi. Le aggiunte di costui al martirologio di 
Beda fecero sì che mentre i Santi o gruppi di Santi della 
seconda classe dei codici bedani erano 158, per mezzo suo 
si elevarono a 387, ed i giorni vuoti, che (nella stessa fa- 
miglia di codici) sommavano a 181, furono ridotti a 129 *. 

Questo martirologio però non è il martirologio di Floro, 
come altri forse potrebbe pensare, ma un martirologio in- 
termedio tra Beda e Floro. L'autore di esso si dimostra 
tanto digiuno della conoscenza dei SS. Padri e della let- 
teratura ecclesiastica, che non può aflfatto essere identifi- 
cato con Floro, il quale in questa parte fu tra i più eru- 
diti del suo tempo. 

Questo carattere dell'erudizione patrìstica ed ecclesia- 
stica è visibile al contrario in quei martirologi, nei quali 
il Quentin ha riscontrato l'opera di Floro. Tali martirologi 
egli li divide in due classi; la classe M (da un codice di 
Macon che lo rappresenta), e la classe E T (da due codici, 
l'Eptemacese e il codice di Toul). Nella seconda classe 
vi sono certe aggiunte che non si trovano nella prima, ossia 
alcune notizie prese dalla storia della persecuzione van- 
dalica di Vittore Vitense, alcune notizie sopra nove Apo- 
stoli o gruppi di Apostoli, e alcune notizie prese dai Gesta 
SS, Nerei et Achillei. L'archetipo della prima classe fu scritto 
tra Tanno 806 (in cui si trasferirono dei martiri Scillitani 
a Lione) e l'anno 837, in cui avvenne la traslazione dei 
SS. Severino, Esuperio e Feliziano *. L'archetipo della se- 
conda classe è posteriore all' 837 ed è anteriore all'episco- 
pato di Adone (859-860). La loro composizione pertanto 
coincide col periodo dell'attività scientifica di Floro, che, 
per quanto ci è noto, comincia neir827 incirca e si estende 
fino all' 860. 

In questi martirologi, divisi secondo il numero maggiore 
o minore di aggiunte in due classi, il Quentin riscontra 
l'opera di Floro, e ad essa crede si riferisca un carme 

1 Quentin, pag. 138. 
* QuBNTiH, pag. 394. 



Mj6 I MARTIROLOGI STORICI 

dello tìtestìo Floro, con cui egli offre alla chiesa di S. Ste- 
fano un suo libro, che nessuno finora aveva mai ben de- 
tenniatito, ma che il Quentin giustamente crede sia il mar- 
tirologio. 

11 caiiue^ che incomincia coi versi 

Nane Ubi, prime pii testis fortissime ChrisU, 
offerimus vario rutilantem flore coronam 

formava nella sua massima parte una specie di prefazione 
al martirologio, e gli ultimi versi lo chiudevano. Tale ipo- 
tesi è confermata dal fatto che i versi di chiusa si trovano 
realmente in alcuni esemplari del martirologio di Adone, 
(nel quale sta rifuso il martirologio di Floro). 

Il trasporto intero dei martirologi M ed E T nel mar- 
tirologio di Adone (che risulta dal confronto tra loro di 
detti martirologi) è prova evidente che i martirologi M ed 
E T rapprt^sentano il martirologio di Floro, poiché Adone, 
come dicemmo, si propose solo di far delle aggiunte al 
marfèjrologmm quod venerabilis Fiori studio in labore domni 
Bedat^ (marmerai, 

li. 

Trattando di Floro e del suo martirologio, il Quentin 
non poteva tacere di Vandelberto, monaco di Priimm, con- 
lemporaneo ed amico di Floro, il quale volle porre in versi 
un martirologio. Per compiere il suo lavoro Vandelberto 
circa r84S (quando non esisteva ancora la famiglia E T)* 
ricorse a Floro, il quale gì' imprestò dei codici vecchi ed 
emendati *. 

Ora il Quentin, confrontando il martirologio di Van- 
delberto eoi martirologio M (che sarebbe, come dicemmo, 
la prima edizione di Floro) ha trovato che sopra 500 Santi 
gruppi di Santi, di cui parla Vandelberto, 400 erano nel 

^ QtTKVTlì*! pag. 455. 
* QCKNTis, pag. 399. 



DEL MEDIO EVO 167 

martirologio M * ; il che vuol dire eh' egli compose quasi 
tutta l'opera sua sul martirologio di Floro. Gli altri 100 
Santi o gruppi di Santi li derivò Vandelberto parte dal mar- 
tirologio gerolimiano, parte da notizie locali. 

Di qui però nasce una difficoltà. Vandelberto non dice 
mai che o l'uno o l'altro dei martirologi ricevuti in pre- 
stito da Floro, fosse opera dello stesso Floro. Perciò si po- 
trebbe dubitare che veramente i martirologi M ed E T rap- 
presentino il martirologio di Floro. 

Questa difficoltà si spiega assai bene con la modestia 
di Floro, il quale, con tutte le aggiunte fatte al martiro- 
logio di Beda, non volle mai che questo lasciasse il nome 
del suo primo autore. Onde ne è avvenuto che nessun co- 
dice, contenente il martirologio, che sappiamo essere stato 
composto o, se si vuole, aumentato da Floro, porta il suo 
nome; ma tutti i martirologi, che hanno un nome, portano 
quello di Beda *. 

Il silenzio di Floro sul suo nome fu imitato anche da 
Adone nella prima edizione del suo martirologio (di cui 
egli fece tre edizioni); onde poi nacque pochi anni dopo 
uno strano equivoco in cui cadde il suo stesso compendia- 
tore, Usuardo monaco del monastero di S. Germano dei 
Prati preso Parigi. 

Com'è noto, Usuardo si propose di compendiare il mar- 
tirologio di Adone riducendo ad una dicitura concisa e, per 
quanto gli fosse possibile, uniforme, le molte notizie stese 
da Adone per lo più troppo prolissamente e spesso in modo 
ineguale. 

Ora sebbene il fatto della dipendenza di Usuardo in 

* « Ope et subsidio praecipue usus sum sancii et nominatissimi viri 
Fiori, Luffdunensis ecclesiae subdiaconi, qui et no^stro tempore reitera 
singulari studio et assiduitate in dioinae scripturae scientia lìoìlere, ita 
librorum authenticorum non mediocri copia et verifate cognpsdtur aburi' 
dare. Ab hoc ego, sumptis veteribus emendatisque codicibus, martyrolO' 
gicum librum a Kalendis Januarii ad fine ni anni per dierum singnlorum 
occurrentes festivUates metro edidi». Presso il Quentin, pag. 3d6. 

• Quentin, pag. 406. 



168 I MARTIROLOGI STORICI 

Adone sia ora ammesso da tutti e reso evidente dal con- 
fronto dei loro martirologi, il fatto è che Usuardo nella pre- 
fazione, dove enumera le fonti principali del suo lavoro, 
tace affatto di Adone. Al contrario egli parla d'una 2» edi- 
zione di Floro notabilmente diversa dalla prima, di cui nes- 
suno finora aveva mai avuta conoscenza *. 

Ora se noi supponiamo che Usuardo avesse in mano un 
esemplare del martirologio di Adone senza il nome dell'au- 
tore, la cosa si spiega benissimo. 

Siccome Adone nel suo martirologio fece entrare tutto 
il martirologio di Floro, a cui poi mise delle aggiunte, si 
capisce assai bene come Usuardo, non vedendo in testa a 
questo martirologio il nome di Adone, e d'altra parte ve- 
dendolo tanto rassomigliante quanto al fondo al martirologio 
di Floro, lo credesse una seconda edizione del martirologio 
di Floro, cioè il martirologio di Floro accresciuto di nuove 
aggiunte e correzioni. 

111. 

Fin qui i risultati ottenuti nelle sue laboriose ricerche 
dal eh. Don Quentin sarebbero già tali da ricompensarlo 
della fatica e delle noie impiegatevi. Ma assai più impor- 
tanti sono le conclusioni a cui egli è venuto riguardo al 
così detto martyrologium romanum parvum, (da non con- 
f Oli df irsi col Martyrologium romanum oggi in uso nella 
Chiesa) ed al grado di fiducia che meritano Adone ed il 
suo martirologio. 

Finora, seguendo l'opinione del De Rossi, i più degli 
eruditi credevano che la composizione del Martyrologium 
rometnum parvum si dovesse alla sollecitudine di qualche 
Papa e rimontasse ai primi anni del secolo Vili. Sarebbe 

1 t Quos tamen secutus (lo pseudo Gerolamo e Beda), eensui et Fiori 
iHri metnorabilis latiara iam in eo ipso sequi vestigia, praesertim in se- 
citmti* eius libro. Ibi enim multa quae in priore omiserat et eorrexit et 
adijtidii » . QoENTiN, pag. 403. 



DEL MEDIO EVO 169 

quindi stato contemporaneo del martirologio di Beda, ma 
avrebbe avuto di più una specie di consecrazione ufficiale 
da parte del Papa e della Chiesa romana. Il De Rossi, e 
quei che lo seguirono, fondavansi per la loro opinione sul 
fallo che nel Parvum non è indicato nessun Santo poste- 
riore al 700, e di più essi fidavansi interamente dell'assicu- 
razione di Adone, il quale pubblicando, primo tra tutti, 
quel martirologio in testa al suo, protestava d'averlo co- 
piato in Ravenna, dove gliel'aveva dato in prestito un 
monaco di colà, affermando esser quello un martirologio 
che anticamente un Papa aveva mandato ad un vescovo di 
Aquileia. A dir vero, non erano mancati prima, del De 
Rossi degli eruditi, ì quali avevano sospettato o anche di- 
chiarato esplicitamente, che Adone era stato ingannato dal 
monaco ravennate. Così per es. credette il Valesio, il quale 
considerando che Fautore del Parvum prese molto da Ru- 
fino, lo credette composto ad Aquileia, e pensò fosse una 
bugia del monaco ravennate il dirlo mandato da un papa 
ad un vescovo di Aquileia ^ Altri poi come il Saussaio, il 
Frontone e il Fiorentini lo credettero un compendio di A- 
done scritto assai tardi, cioè nel secolo XI. 

Ma ora il Quentin ha fatto un passo assai più avanzato, 
poiché dagH studi e confronti suoi sembra risultare in modo 
ineccepibile che Adone stesso avrebbe composto di sana 
pianta il martyrologium parvum, e che nella composizione sì 
di questo che del martirologio cui prefisse il suo nome non 
sempre mirò soltanto alla semplice ricerca e manifestazione 
della verità, nia più d'una volta mirò altresì a far preva- 
lere nel mondo ecclesiastico alcune idee ch'egli si era fisse 
in mente. 

Chi consideri come Adone abbia portato un contributo 
nuovo e notevole di notizie ai martirologi preesistenti, vedrà 
tosto la gravità eccezionale delle accuse mosse dal Quentin 
ad Adone, e l'obbligo quindi ch'egli aveva di sorreggere le 

* Presso il Sollerio nei Proles^omeni ad Usuardo, capo 2<>, art. l"», n. 83; 
MiGNE, P. L„ GXXIII, col. 602. 



170 I MARTIROLOGI STORICI 

accuse COI] solidissime prove. Né queste mancano nel suo 
lavoro. 

tJapprima egli sostiene che l'autore (qualunque siasi) del 
Parvam ha attinte quasi tutte le sue notizie da Floro. L'aifer- 
nvdnone si può facilmente verificare nel libro del Quenlin 
dove i testi dei due martirologi sono posti di fronte. 

In effetto il Parvum contiene 595 menzioni di Santi o 
di K'uppi di Santi e di esse solo 120 sono state aggiunte 
<iìi lui. Le altre 475 sono prese da Floro *. Qui a dissi- 
pare ogni dubbio di chi pensasse, che Floro potè prendere 
dal Parvum e non questo da quello, sta il fatto dei 120 Santi 
che si trovano nel Parvum e non sono in Floro. Se Floro 
fosse posteriore, avrebbe registrati anche questi 120 Santi. 
Di pi il, nota il Quentin che il Parvum prese tanto da Floro 
vhv ne prese persino degli errori. Così Floro copiando il 
martirologio gerolimiano in luogo di scrivere Constantinopoli 
& Avelli et alibi Hermelli martyris, tralasciò la frase Acelli et 
alibi, e scrisse: Constantinopoli Hermelli martyris. Questo 
cnoie si trova pure nel Parvum *. 

Così dicasi dell'errore d'aggiungere addì 24 ottobre un 
AtUìHcius nella notizia di S. Felice vescovo di Thibiuca in 
Alrira, errore provenuto dal ricordo dell'Adauctus marti- 
ri/.xalo a Roma col martire S. Felice (30 agosto). 

N^ basta ; ai IV kal. aprilis il Parvum ripete l'errore di 
Klort* che leggendo la storia della persecuzione vandalica 
di Vittore Vilense credette nome di persona il nome archimi- 
m§i»$K nome di mestiere che ivi l'autore da ad un certo Ma- 
scula^ e così ne fece un S. Arcliimimo '. 

Secondo i raffronti del Quentin, il Parvum dipende non 
già dalla prima edizione di Floro (classe M), ma dalla 2*, 
nella quale soltanto Floro introdusse i martiri della per- 
secuzione vandalica. Perciò essendo la 2* edizione di Floro 
|M%^teriore al Tanno S18, ne viene che alFanno medesimo sia 
|Hi^lerìore anche la composizione del Parrum. 

^ \)vtxtis^ op. cìt.« psg. 451. 

* QiKNTiw pag. 4^, — * IK. fvag. 4r>5. 



DEL MEDIO EVO 171 

Ma se il Parvum fu scritto dopo l'848 ne segue essere 
del tutto falso il racconto che fa Adone sull'origine del 
medesimo, cioè che mentre egli stava in Ravenna gli fu 
imprestato da un monaco di questa città detto martirolo- 
gio antichissimo {perantiquum) e venerando, che da un Papa 
era stato mandato ad un vescovo d'Aquileia, e che egli se 
Jo copiò \ Non essendo possibile ammettere che Adone 
fosse vittima d'un inganno, in guisa ch'egli giudicasse an- 
tichissimo un martirologio composto, tutt'al più, un sette 
od otto anni prima del suo (Adone avrebbe composto il suo 
tra 850 e 859), bisogna per forza accettare la conclusione 
che fl Martyrologium Parvum è opera sua e che egli volle 
con una storiella di sua invenzione dare un carattere di 
molta antichità e di molta autorità al martirologio sud- 
detto. 

IV. 

Per quanto questa conclusione possa parere novissima 
e strana, essa però è resa molto verosimile da tutta una 
serie, assai numerosa, di libertà, che si prese Adone nei 
comporre iJ suo martirologio e di cui, sulla scorta del Quen- 
lin, daremo ora qui un saggio ai nostri lettori. 

Egli vid« peres. una chiesa in Roma dedicata a S. Adriano 
martire di Nicomedia, nella quale forse si venerava qualche 
sua reliquia; e ciò gli bastò per dare come certa la trasla- 
zione del corpo di S. Adriano de Nicomedia a Roma '. Nello 
stesso modo ai 6 giugno egli affermò la traslazione di S. Bo 
nifacio a Roma da Tarso ' e di altri ancora *. 



' « Huic operi, et cUes martyrum versione notarentnr, qui confusi in 
Kalend{BXÌ)is satis inveniri solent, adiiivU venerabile et perantiquum Mar- 
tyrologium ah urbe Roma Aquileiam cuidam sancto episcopo a ponti- 
fice romano directum, et mihi postmodum a quodam religioso fratre ali- 
quot diebus praestitum. Quod ego diligenti cura tranecriptum, posifus 
ojmtl RavennatHj in capite huius operis ponendum curavi ». Cosi Adone 
nella prefoz. al suo Martirologio: Migne, P. L., GXXIIl, col. 144. 

' Qdentin, pag. 487. 

3 Pag. 490. — * Pag. 504. 



172 I MARTIROLOGI STORICI 

Sul solo fondamento, troppo leggero, dell'analogia dei 
nomi egli identifica Santi che vissero assai lontani Tuuo 
dall'altro e per età e per luogo. Così il monaco Ilarino 
morto ad Ostia, del quale parlano gli Atti di S. Gallicano, 
egli l'identifica col monaco Ilariano, di cui gli Atti di 
S. Donato dicono che morì e fu sepolto ad Arezzo K Alle 
none d'ottobre identifica Marcello compagno di Apuleio, 
martirizzati secondo i loro Atti al tempo di Giuliano apo- 
stata, con un Marcello, di cui parlano gli Adtis Petri ed i 
Gesta SS. Nerei et Achillei come di un contemporaneo di 
S. Pietro. Un Publio, già notato da Floro ai 21 gennaio 
come vescovo di Atene, è dato da Adone come quel Pu- 
blio che ospitò S. Paolo naufrago nell'isola di Malta. Iden- 
tifica S. Cristina martire di Tiro con S. Cristina di Boi- 
sena *; Paolo vescovo di Narbona con Sergio Paolo procon- 
sole (ai 22 marzo) di cui si parla negli Atti degli Apostoli; 
Trofimo vescovo di Arles (29 dicembre) col Trofimo, di cui 
scrive S. Paolo nell'epistola a Timoteo. S. Gorgonio mar- 
tire di Nicodemia, venerato il 12 marzo, è identificato da 
Adone con un S. Gorgonio martire di Roma ed ivi sepolto 
ad duas lauros e venerato il 9 settembre ^. Un Ippolito mar- 
tire di Antiochia, registrato ai III Kal. fébruarii da Floro, 
diventa per Adone il celebre Ippolito, prima antipapa poi 
martire (l'autore dei Filosofumeni). Identifica con S. Timo- 
teo d'Efeso, discepolo di Paolo, un Timoteo onorato a Co- 
stantinopoli il dì 9 maggio, che, secondo gli eruditi, sarebbe 
il patriarca omonimo di quella città, morto nel 385. 

Eusebio di Cesarea dice di Sagari vescovo di Laodicea 
alla fine del secolo li, che visse sotto il proconsole Sergio 
Paolo. Adone non pensò o non volle pensare che al Sergio 
Paolo proconsole contemporaneo di S. Paolo, e così di Sa- 
gari fece un discepolo di S. Paolo *. 

Parecchi personaggi, che negU Atti dei Martiri sono sem- 
plicemente nominati, oppure dei quali si dice solo che furono 

' QuENTiN, pag. 514. — « Pag. 580. — s Pag. 618. 
* QuENTiN, pag. 609. 



DEL MEDIO EVO J73 

esiglìati o imprigionati, per Adone diventano tanti martiri. 
Tali diventano quelle 47 persone, che diconsi convertite da 
S. Pietro in occasione dell' acqua fatta sgorgare prodigiosa- 
mente nel carcere mamertino *. Tali quei cristiani che se- 
condo la Passio S. Sebastiani, si ritirarono da Roma in Cam- 
pania per fuggire la persecuzione. Martire sotto Diocleziano 
è detto Gabinio, che negli Atti di S. Susanna figura solo 
come prigioniero. Così mette tra i martiri (ai 22 ottobre) 
Marco vescovo di Gerusalemme \ 

Non meno arbitraria è l'assegnazione a parecchi mar- 
tiri della persecuzione nella quale soccombettero. 

Fa uccidere S. Giustino prete sotto Gallo e Volusiano 
(succeduti immediatamente a Decio), probabilmente perchè 
dagli Atti dì S. Lorenzo rilevò che Giustino sopravvisse a 
Decio. Qui il criterio da cui partì Adone non si può dire 
del tutto inverosimile, quantunque sarebbe stato più ve- 
rosimile far morire Giustino sotto Valeriano e Gallieno 
(257, 258), che furono persecutori dei Cristiani, mentre Gallo 
e Volusiano non si sa che perseguitassero. Ma altre volte 
l'assegnazione della persecuzione è totalmente fantastica^ 
come nel far morire un S. Faustino martire di Milano al 
tempo di Aurelio Commodo {VII idtts atigusti) \ 

Quanto all'assegnazione del martirio di S. Cecilia al 
tempo di Marc' Aurelio e di Commodo (Passa est beata 
virgo Marci Aurelii et Commodi imperatorum temporibus), 
essa dipende da uno sbaglio di Adone, che è spiegato dal 
Quentin nella seguente maniera. 

Gli alti di S. Cecilia la fanno contemporanea del papa 
Urbano. Ora la cronaca di Beda, molto adoperata da Adone, 
dice che il papa Urbano fiorì sotto l'imperatore Aurelius 
Alexander. Questi è certamente l'imperatore Alessandro 
Severo, sebbene Beda gli attribuisca il prenome Aurelius, 
che mai non ebbe. Il suo predecessore Eliogabalo è detto 
da Beda Marcus Aurelius Antoninus, e il vero e proprio 
Marc' Aurelio è chiamato Marcus Antoninus Verus. Siccome 

* QuBNTiN, pag. 565. * — Pag, 605. — ^ Pag. 583. 



174 I MARTIROLOGI STORICI 

Adone vide negli Atti di S. Cecilia che il papa Urbano, vi- 
vente sotto Aurelius Alexander, sopravvisse a S. Cecilia, di 
cui egli curò la sepoltura, perciò pose il martirio di S. Ce- 
ciìhì, sotto l'imperatore precedente, quello che vide detto 
(ia Reda Marcus Aurelius Antoninus, e ch'egli identificò 
col celebre Marc'Aurelio filosofo. Inoltre, poiché gli risul- 
ta vu che Commodo, figlio di Marc'Aurelio, fu associato nel- 
riiii|>ero dal padre, ne conchiuse che S. Cecilia fu martire 
tìi)ltu Marc'Aurelio e Commodo. 

Qui non si arrestano ancora gh arbitrii di Adone. Egli 
cambia talora capricciosamente il luogo di sepoltura di certi 
niarliri. Dà come seppelliti in Roma i SS. Claudio e Prepe- 
dijriia, che Floro indica ai 18 febbraio come morti ad Ostia, 
dove furono gettati nel fiume ^ I SS. Tolomeo e Lucio, di cui 
pnrhi (riustino nella sua seconda apologia, come di cristiani 
uccisi in Roma, Adone li fa morire ad Alessandria, e ciò 
senz*altro fondamento, che il nome di Alessandria, messo 
fuori incidentalmente da Giustino nel suo racconto. Talora si 
altontana dagli Atti per errore. Per es. negli Atti di S. Deme- 
I ria essa è detta figlia di Fausto, e non già di Flaviano, come 
scrive Adone ^ Dice S. Nemesio sepolto sulla via Appia, men- 
tre ^^li Atti lo dicono sepolto sulla via Latina ^. S. Gorgonio, 
dio da Floro è detto sepolto in Roma sulla via Labicana, 
Ad<nie lo dice sepolto sulla via Latina \ Forse ad una con- 
fus^iooe, fatta dalla sua memoria, si deve ascrivere l'attri- 
buire ad Egesippo quel che Giustino afferma essere suc- 
ceduto a sé stesso (7 aprile) '\ 

Al contrario si deve credere voluto da lui il nome dato 
a certi martiri, che nelle loro fonti storiche non l'avevano, 
o che ne avevano un altro. A quel cristiano, che in Nico- 
lutnlia stracciò l'editto imperiale della persecuzione, egli 
dà il nome di Giovanni •. Un ignoto Eleuterio, martire di 
Nicomedia, registrato nei martirologi precedenti ai 2 ottobre, 
ti i venta per Adone il primo martire cristiano di Nicomedia, 

' Qlentin, pag. 577. — « Pag. 495. — » Pag. 576. — * Pag. 6U. — 
l^tg, «2». — « Pag. 613. 



DEL MEDIO EVO 175 

ucciso dopo l'editto di persecuzione *. Un soldato detto 
Besas da Eusebio, che volle sottrarre agli oltraggi dei pa- 
gani i corpi dei martiri, da Adone vien detto Alessandro. 
Pei Santi dell'Antico e del Nuovo Testamento Beda e 
Floro si erano generalmente attenuti alle indicazioni del 
martirologio gerolimiano o a documenti greci •. Adone, che 
non conobbe il martirologio gerolimiano (una volta solo 
che lo cita lo cita dietro a Beda) procede in questa parte 
senza freno alcuno. Primieramente, quanto ai giorni in cui 
li collocò nel calendario, il Quentin osservò che per parecchi 
di loro. Adone segui l'ordine stesso con cui li trovò nominati 
negli Atti degli Apostoli, come si può vedere dal seguente 
specchietto : 



Capi degli Atti 


Calendario di Adone 


Anania 


IX 


Vili Kai. febr. 


Cornelio centurione 


X 


IV nonas febr. 


Agabo profeta 


XI 


Idibus februarii 


Lucio Girenense 


XIII 


II nonas Mali 


Manahen 


» 


Kal. iunìi 


Sosteoe 


XIX 


III iduB lunii 


Sosipatro 


XX 


VII Kal. lulii 


Mnaaone 


XXI 


IV idus lulii 3 



Alcuni poi li fa vescovi delle città stesse dove li vide no- 
minati negli Atti degli Apostoli o nelle epistole di S. Paolo. 
Aristarco (4 agosto) diventa vescovo di Tessalonica, Cor- 
nelio il centurione vescovo di Cesarea, Epafra vescovo di 
Colossi, Erasto vescovo di Filippi, Lucio vescovo di Cirene, 
Onesimo vescovo di Efeso. 

Potremmo prolungare con altri esempi la serie delle 
licenze, assai gravi come ognun vede, che si prese Adone 
nella composizione del suo martirologio. Ma il saggio da- 
tone ci pare che basti per dar un'idea del metodo seguito 
da questo scrittore e quindi anche del grado di confidenza 
ch'egli merita. Chi abbia seguito il Quentin nell'analisi 
minuta di molti altri analoghi esempi del metodo arbi- 
trario e capriccioso di Adone, dovrà necessariamente ac- 

* QuBNTiN pag. 615. — » Pag. 688. — ^ Pag. 589. 



167 I MARTIROLOGI STORICI DEL MEDIO EVO 

celiare la conclusione dell'erudito critico moderno, che dove 
Adone è solo, o primo nel dare una notizia, bisognerà es- 
sere mollo guardinghi nell'accettarla. 

Ciò si deve osservare in guisa particolare nelle date nuove 
eh' egli assegnò a molli Santi, non tenendo conto o mettendo 
in seconda linea quelle che risultavano dagli Atti o dai mar- 
tirologi precedenti. Qui è dove Adone si mostrò più che 
mai libero; né noi staremo a recarne gli esempi, che in 
gran copia sono addotti dal Quentin. Qui spesso, per giu- 
stificare il cambiamento di data egli inventa delle trasla- 
zioni di martiri da un luogo all'altro della stessa città, affer- 
mando che la data scella da lui, è la festa più celebre per 
ragione di detta traslazione, come dice, per esempio, nella 
notizia di S. Ponzìano di Spoleto: Celebris vero dies ipsius 
agilur XIV kal, febr., quando iterum sacrum eius corpus 
mutatum est \ 

Questo anzi, secondo l'opinione assai ragionevole del 
Quentin, fu uno dei molivi principali che indussero Adone 
a compilare il martyrologium parvum e a darlo come anti- 
chissimo e proveniente dalla mano dei Papi, senza parlare 
dell'altra storiella del monaco ravennate che gliel'aveva 
imprestato per pochi giorni. Egli slesso pubblicamente pro- 
testò che dove il martyrologium parvum l'avea aiutato di 
più era nel fissare la data vera di molti martiri : « Huic 
operi ut dies martyrum verissime notarentur, qui confusi in 
kalend(ari)is satis inveniri solent, adiuvit venerabile et pe- 
rantiquum Martyrologium ab urbe Roma >► ecc. 

La condotta quindi che s'impone a chi voglia di qui in- 
nanzi intorno a questo o quel martire, indicato nei marti- 
rologi, conoscere la tradizione antica, sarà primieramente 
di ricorrere ai martirologi anteriori ad Adone, e solo in 
mancanza di questi, ricorrere ad Adone, al martyrologium 
parvum e ad Usuardo compilatore di Adone, ma sempre 
con cautela e cercando sempre le fonti cui Adone attinse. 

* QcENTiN pag. 564. 



DONNA ANTICA E DONNA NUOTA 

SCENE DI DOiVlAINI 



XLVII. 
Dopo la rotta. 

Gli ultimi avvenimenti, che avevano preceduto e accom- 
pagnato l'inaugurazione trionfale delVAlleanza nazionale, e 
che si prolungavano ancora in varie adunanze e festeggia- 
menti solenni del consiglio generale e delle nuove cariche, 
tenevano non solo il campo avverso in uno stato sempre 
piti angoscioso di accoramento e di costernazione, ma spin- 
gevano disperatamente i due personaggi più esposti in quel 
tristo negozio ad affrettarne la conclusione definitiva. 

La povera presidente della Lega femminista non poteva 
più star nella pelle, tanto la sua condizione era divenuta 
intollerabile, e la si sentiva consumare per la smania di 
uscirne a ogni costo. 

La lunga ed aspra guerra tra i due eserciti della Lega 
e à^V Alleanza era ormai finita : quella giaceva sbaragliata 
e disfatta per sempre, questa era rimasta padrona del campo 
e andava di trionfo in trionfo. 

Ed ella doveva accrescerne lo splendore della finale vit- 
toria, renderne i trionfi più grandiosi col confronto, col con- 
trasto della propria rotta, della sua opera distrutta. Doveva 
stare sempre rintanata, per non vedere coi proprii occhi 
la glorificazione dei suoi nemici, per non essere mostrata 
a dito come un generale sconfitto; doveva leggere in ogni 
volto il dileggio del suo scorno, sentire dappertutto l'eco 
dei plausi che si profondevano alla sua rivale. 

La contessa Storni era l'idolo del popolo, la regina dei 
cuori, l'ammirazione di tutti; di lei invece o non si parlava 
o si faceva menzione unicamente per pigliarsene spasso. 

1008, voi. 1, fiMSO. 1382. 12 10 gennaio 1908, 



178 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

Dopo averla tante volte e con tanto rumore provocata 
alla guerra; dopo tanta pubblicità di sfide, di mostre, di 
armeggi, di assalti e di proclamate vittorie; mentre l'altra, 
col suo non rispondere agli attacchi e lavorar di straforo, 
sembrava confessarsi incapace di tener fronte al nemico; 
come si era tutto improvvisamente cambiato! 

Vedersi la Lega ridotta uno sfasciume, mentre V Alleanza 
sorgeva colla sua mole gigantesca, grandiosa, a renderne 
piti squallide le rovine, piti vituperosa l'ignominia! 

Già il più e il meglio del suo esercito si era sbandato 
o era passato al campo nemico; di mese in mese la riscos- 
sione delle quote precipitava all'ingiti; un nuovo censimento 
avrebbe spalancato l'abisso; fedele ormai non le rimaneva 
che un gruppo, e questo era la feccia del socialismo e della 
mala vita. 

Che fare? Prolungare l'agonia? Condursi al verde di 
tutto per sostenerne le spese? Rimanere al timone di una 
nave disfatta, che stava per essere inghiottita dalle onde? 
Comparire in pubblico, mostrarsi agli uffici, trattare con 
ogni specie di persone quale presidente della Lega, per in- 
contrare ad ogni pie' sospinto le tracce della sua disfatta, 
per leggere in ogni volto la propria condanna, per bere a 
goccia a goccia il tossico della disperazione e dell'esterminio? 

Quando il plebiscito nazionale di due milioni a favore 
deìVAlleanza le aveva chiaramente rivelato che ormai la 
Lega era spacciata per sempre, e perciò la si sarebbe cer- 
tamente tolta la vita, se un pensiero più alto, quello cioè 
del rinfacciare alle sue cooperatrici l'ingratitudine, l'egoi- 
smo, il tradimento, ond'erano venute meno delle loro pro- 
messe, non ne l'avesse trattenuta, un estremo barlume di 
speranza era balenato a rompere le tenebre della sua di- 
sperazione, pensando che, con fare una solenne ramanzina 
al consiglio direttivo e coU'aiuto del suo fido Brandini, forse 
si poteva provocare una crisi salutare e racconciare le cose. 
Ma, dopo quella famosa adunanza, in cui le consigliere, 
colla Lisardi alla testa, avevano colmata la misura della 



XXiVIl. DOPO LA ROTTA 179 

petulanza e delia fellonia, fino a riversare addosso a lei 
la colpa del loro tradimento ; dopo quel briUto giuoco fat- 
tole dal Brandini, con attirarla alla Casina della comare per 
rimanersi poi col danno e eolle beffe ; dopoctìè le sue pro- 
messe di rimettere, con provvedimenti pronti e radicali, in 
buon assetto la Lega, non si erano punto avverate e, seb- 
bene da lei sollecitato più volte, coi suoi punti legali non 
faceva che menare il can per Taia, senza venir mai a una 
conclusione; ormai anche quel barlume di speranza si era 
dileguato per sempre. 

E la solenne inaugurazione della nuova Alleanza, colla 
elezione della Storni a presidente e della Piumetti a se- 
gretaria generale, con tanta pompa di pubbliche dimostra- 
zioni, con tanto apparato di feste, di spettacoli, di trionfi, 
con tanta baldoria di popolare entusiasmo, era, nel suo 
significato più evidente, la sentenza irrevocabile che con- 
dannava a morte la nemica àéiV Alleanza, la Lega. 

Non c'era più scampo: la Lega era morta. 

Dunque doveva morire anche la sua presidente, come 
aveva già prima risoluto, sospendendo l'esecuzione del sui- 
cidio solo per non mostrarsi codarda con abbandonare il 
campo di battaglia, prima di aver chiamato a' conti per 
l'ultima volta il suo stato maggiore? 

Strana contraddizione I Ora che tutto sembrava spin- 
gerla al suicidio, madama Schwitzer n'era più lontana che 
mai e non vedeva la salvezza che nella fuga improvvisa e 
nascosta. 

L'Italia, ch'era stata sempre il suo giardino incantato 
per le meravigliose bellezze di natura e di arte, e in cui 
aveva sempre sperato di chiudere poeticamente i suoi giorni 
dopo impressavi l'orma incancellabile del suo genio, ora 
l'era diventata sì odiosa, che non voleva lasciarle nemmeno 
il proprio cadavere. — Verdammtes Bigottenland I (Maledetto 
paese di bigotti !) - diceva imprecando. - No, non avrai le 
mie ossa, non accoglierai le mie ceneri, per appestarle colla 
putredine della tua barbarie. Via, via di qua, lontano da 



180 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

questa terra esecrata, da queste orde fanatiche, da quest'aria 
improgaata di feticismo ! Lungi da te, voglio morire tran- 
quilla. Ho voluto redimerti, rigenerarti, sollevare le tue 
donne dall'abbrutimento, dall'idiotismo, dalla schiavitù al- 
l' ideale piti alto della libertà, del diritto, della dignità. Mi 
hai fellonescamente ingannata e tradita; non bai inteso mai 
altro femminismo che quello dei miei quattrini. Verdamnites 
Befftvì'land! (Maledetto paese di accattoni!). Non avrò pace 
elle quando ti avrò voltate le spalle, quando, passati i tuoi 
co ti li Ili, potrò mandarti l'ultima maledizione. Saprai forse 
allora quel che hai perduto! 

Ferma nel proposito della fuga, che le sembrava il mezzo 
più spicciativo, più sicuro e più conforme alla sua dignità, 
per uscire presto e bene da uno stato che le sembrava un 
itiferuo, prese tosto a mettere in iscritto le disposizioni, da 
eseguirsi dopo la sua partenza, intorno a tutto ciò che la 
riguartlava e alle cose che le appartenevano, talché ella pò- 
lesse scomparire improvvisamente, senza farne motto ne 
prender commiato da nessuno, senza dover liquidare ella 
stessa i suoi interessi e definire i suoi affari, senza le noie 
e le amarezze inevitabili di un distacco sì doloroso e si 
umiliante. 

1 ali disposizioni abbracciavano: una dichiarazione for- 
nuile al consiglio direttivo generale della Lega, con cui ri- 
uuiKiava irrevocabilmente all'ufficio di presidente e si scio- 
glieva da qualunque impegno verso la stessa; istruzioni 
particolareggiate alla segretaria e alla cassiera, sul modo 
con eui dovevano chiudere le loro aziende fino al giorno- 
delia sua rinuncia e riferirne al consiglio direttivo; una 
esposizione specificata di tutte le sue largizioni alla Legar 
elle iuiimontavano a più di 150.000 lire e di cui non do- 
mandava alcun rimborso; un inventario di tutti gli oggetti 
di sua proprietà, che lasciava dietro a sé così all'ufficio 
come nell'abitazione, coli' indicazione per ogni singolo di 
ciò che se ne doveva fare; un memoriale al consiglio di- 
rettivo sulla sua attività come presidente della Lega, dalla 



XLVU, DOPO LA ROTTA 181 

fondazione fino alla rinunzia, e sulle ragioni che l'avevano 
determinata a dimettersi. 

Per non comunicare a nessuno il suo segreto, nemmeno 
al Brundini o alla Fioroni, die' di mano ella stessa a sten- 
dere di suo pugno codeste carte, anche perchè avessero 
maggior valore come autografi; onde, volendo portarne 
seco una copia nella fuga, spinta, come se avesse la febbre 
addosso, dalla smania di venir presto alla conclusione, lavo- 
rava anche di notte, mentre pur di giorno era invisibile a tutti. 

L'altra persona che aveva il diavolo addosso per la 
smania di liberarsi da uno stato di agonia insopportabile, 
era la nostra comare. 

Si figuri il lettore come rimanesse senza sangue e scor- 
bacchiata in quella famosa sera, quando, aspettando nella 
sua Casina dì campagna, col Brandini e colla Schwitzer, 
l'arrivo della vittima, e sicura di aver già in mano il topo 
per poterlo straziare, si vide comparire la trappola vuota 
e per giunta senti narrarsi dai suoi cagnotti il modo on- 
ci' era stato loro carpito. Una lupa affamata, che si vegga 
strappato di bocca un agnello da latte e pestato il muso 
e rotti ì denti nel momento del pasto, non potrebbe sen- 
tirne maggior rabbia e dolore. 

Accomiatò bruscamente i suoi malcapitati due ospiti e 
complici, facendo loro, col timore di essere scoperti, gran 
pressa di salire nella vettura, in cui avevano indarno aspet- 
tato di vedere arrivare la Ida. Quindi in fretta in fretta 
chiuse tutto, spense i lumi e se n' andò anch' ella, a piedi, 
colla sua manutengola, rientrando in città e facendo un 
.gran giro per vie e vicoli meno frequentati, finché arrivò 
a casa a notte inoltrata. 

Per alcuni giorni rimase come istupidita, forsennata, 
a mangiarsi l'anima e, quando era sola, a delirare contro 
se stessa e contro tutti per la sua maledetta sorte, di cui 
già vedeva imminente la catastrofe. 

Sentiva di condurre con la Piumetti un duello mortale, 



182 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

e le pareva di trovarsi ornai atterrata ai piedi della vinci- 
trice, in atto di riceverne l'ultimo colpo che doveva finirla. 
Intanto vennero i grandi preparativi per la prima adu- 
nanza generale della nuova Alleanza, e la solenne gior- 
nata inaugurale, colle dimostrazioni e feste straordinarie, 
di cui andò piena tutta la città e che si prolungarono an- 
che nei giorni seguenti. 

Si vide allora sola e inerme di fronte a un esercito ag- 
guerrito e invincibile. 

Il Brandini colle sue vanterie e spacconate, la Schwitzer 
colla sua Lega già moribonda, la vecchia strega coi suoi 
oracoli falliti, tutti si erano mostrati impotenti ad aiutarla 
nella lotta; non rimaneva ch'ella sola sul campo contro 
la sua rivale. E questa, dopo averle già date tante scon- 
fitte, sostenuta da una organizzazione che aveva conqui- 
stato la città e tutto il paese, e di cui come segretaria ge- 
nerale aveva in mano ogni cosa, ebbra delle sue vittorie e 
dei suoi trionfi, ora non penserebbe soprattutto che a va- 
lersene per darle l'ultimo crollo. Su di che non aveva il 
minimo dubbio. 

Come infatti dubitarne, dopo il primo colpo da lei avuto 
colla liberazione della Giannina Maglioni, dopo che in con- 
segnargliela le aveva solennemente promesso di raggiun- 
gerla colla vendetta, dopo che in ciascuno degli attacchi 
fattili la Ida aveva certamente riconosciuto la vera mano 
che li ebbe orditi? 

Ora pertanto ch'era al colmo della potenza e della glo- 
ria, ninna cosa più le starebbe a cuore che l'abbattere 
colei che le avea giurato vendetta e, con ripetuti atten- 
tati, aveva mostrato di stare sempre coli' arco teso per 
colpirla; ondechè, se non l'avesse ridotta all' impotenza di 
nuocerle, doveva necessariamente aspettarsi qualche nuovo 
attentato, che poteva riuscirle irreparabile e fatale. 

E che la Ida potesse facilmente trovare il verso per le- 
garle le mani a rigor di legge, per farle interdire T eser- 
cizio della sua turpe industria, per darie lo sfratto, per 



XLVII. DOPO LA ROTTA 183 

mandarla in galera, n'era persuasa la comare più di chic- 
chessia, per testimonianza diretta della sua coscienza. 

Anzi, sapendo benissimo che scopo precipuo dell'^i- 
kanza si era di combattere a tutt' uomo la professione da 
lei esercitata, vedeva chiaramente che la Ida, prescindendo 
da qualunque ragione di sicurezza o di risentimento perso- 
nale, non poteva non adoperarsi, per principio e per do- 
vere di coscienza, a rovinarla intieramente. 

Dunque si era alla porta co* sassi; era giocoforza pren- 
dere subito una risoluzione decisiva. Quale? 

La comare non si vedeva aperte che due vie. rinun- 
ciare alla sua professione, chiudere il suo ridotto e cam- 
biar domicilio, con trasferirsi più lontano che potesse dal 
campo della sua sconfitta; oppure gettarsi all'estremo, per 
vendicarsi con un colpo disperato. 

Al primo partito non si fermò che nell'istante necessario 
ad escluderlo come intollerabile, tanto ribrezzo le faceva il 
pensiero di doversi ridurre alla povertà, alla miseria e di ri- 
nunciare alla vendetta; oltreché ben sapeva che ad esso era 
sempre in tempo di rassegnarsi, quando dall* eseguire il se- 
condo non potesse aspettarsi che maggiori sciagure. 

A questo pertanto si volse con tutta l' intensità della sua 
scaltrezza, con tutto l'acume della sua inventiva, per archi- 
tettare un assalto, in cui la Ida dovesse soccombere, l'ili- 
leanza uscirne col maggior danno, ed ella rimanersi quanto 
era più possibile immune dal pericolo di dare poi nelle 
branche della giustizia. — Per bacco, diceva seco stessa, ella 
deve morire ; altrimenti, finché la è viva, io non fo che mo- 
rire di rabbia e di disperazione e trascinare una vita d'in- 
ferno eh' è peggior della morte. Se non posso farla cre- 
pare che colla mia morte... in malora!... creperò anch'io o 
andrò in galera, ma non avrò più addosso quel canchero 
che mi divori, quel diavolo che mi strozzi. Però... se si può 
mandarla a ingrassare i cavoli senza andarne col capo 
rotto... tanto meglio I il guadagno é doppio. Chi sa? forse 
mi potrebbe riuscire... vediamo! 



184 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

Qui si fece ad esaminare i varii modi, onde avrebbe po- 
tuto spacciare e mandare nell'altro mondo la sua rivale, 
e a cercare insieme le persone di cui servirsi per dare ese- 
cuzione ai suoi atroci disegni; premendole soprattutto di 
cavare la bruciata dal fuoco coDa zampa del gatto, cioè di 
ordire una trama, in cui potesse esporre più gli altri e meno 
se stessa al pericolo di pagare il fio del delitto che meditava. 
Or tra coloro che le si affacciarono alla mente come stru- 
menti idonei della sua vendetta, la piti facile a raggirarsi, 
per indurla a pigliare sopra di sé il mandato del delitto le 
parve la Schwitzer. 

Certamente in quei giorni, dopo l'inaugurazione trionfale 
della nuova Alleanza, doveva trovarsi fuori di cervello e 
macchinare anch' ella qualche colpo disperato. Se pertanto 
le si offeriva destramente l'occasione di dare sfogo al suo 
furore, inorpellando l' atrocità del delitto colle lustre della 
legittima difesa, del giusto castigo, dell'azione diretta perla 
giustizia sociale e simih, era sperabile ch'ella desse nella 
ragna e si accollasse il carico di quel pericoloso negozio, 
anzi ne pagasse anche le spese. Ottenuto il suo assenso 
all'impresa, la comare le aveva il morso in bocca, e l'a- 
vrebbe governata a proprio talento, lasciando a lei tutti i 
rischii e pericoli del misfatto e serbando a sé tutte le scap- 
patoie. 

Persuasa di aver imberciato nel segno e di poter facil- 
mente trarre a capo il suo disegno, disse: — Or che ab- 
biamo attaccato l'asino a buona caviglia, non perdiamo più 
tempo. Alle mani! Mettiam mano alle carte e vadane ciò 
che vuole. 

Mandò subito a vedere all'ufficio della Lega se e quando 
avrebbe potuto abboccarsi colla presidente. Avutone in ri- 
sposta che in quei giorni ella era quasi sempre assente ed 
anche quando compariva in ufficio non riceveva mai nes- 
suno, la comare, non che perdersi d'animo, ne trasse anzi 
buon presagio pe' suoi disegni, giudicando che il ferro ancor 
caldo meglio si poteva battere, e le scrisse in tono di gran 



XLVII. DOPO LA ROTTA 185 

mistero, non per domandarle, ma per offrirle un colloquio, 
dandole ad intendere che c'era un buon partito da pigliare 
per cavarsi d'ogni travaglio. 

La Schwitzer abboccò subito l'invito e le diede la posta 
pel dì seguente ad un'ora di notte. 

XLVIII. 
Il grande secreto. 

Dopo presa la risoluzione irrevocabile della fuga, la pre- 
sidente della Lega per verità era del tutto cambiata e non 
si riconosceva più ella stessa. 

Dominata da un solo pensiero, quello del sottrarsi presto 
e per sempre allo spettacolo intollerabile della sua scon- 
fitta, non vedeva l'ora di lasciarsi dietro alle spalle la città, 
l'Italia, la Lega, con tutte le persone e cose che potessero 
richiamargliene il pensiero, rinfrescarle la piaga dell'umi- 
liazione, dello scorno avuto pel fallimento della sua impresa. 
Per ciò affrettava segretamente i preparativi, non voleva 
vedere né parlare con nessuno, sentivasi per così dire scottar 
la terra sotto i piedi, opprimere e soffocare dall'aria che 
respirava. 

Quando pertanto ebbe ricevuto il biglietto della comare, 
subito si propose di non lasciarsi prendere ad alcuna of- 
ferta di ricatto o di rivincita contro Y Alleanza e di non farle 
trapelar nulla del suo disegno. Si acconciò tuttavia a darle 
l'appuntamento richiesto, innanzi tutto perchè, sapendola 
colpita non meno di sé dal trionfo deìVAlleonza, non aveva 
di che parere dinanzi a lei umiliata e, quando occorresse, po- 
teva rinfacciarle lo smacco avuto dalla Ida in vedersela uscir 
di mano allorché, con lei e coi Brandini, l'aveva aspettata 
nel suo villino per pigharne vendetta; oltredichè, non rifug- 
giva da un ultimo colloquio colla comare, per la curiosità 
di risapere quale nuova impresa macchinasse quella volpe 
vecchia, e per procurarsi la soddisfazione di mostrarsi non- 



1W DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

t tirante dei trionfi conseguiti dalV Alleanza e sicura di poter 
provvedere ai fatti suoi senza risentirne alcun danno. 

Or tale condizione d'animo della Schwitzer era affatto 
ignota alla nostra comare, la quale anzi credeva di trovarla 
hI colmo della disperazione e aveva fatto assegnamento su 
ili ciò per carpirla in buona e trarla al suo intento ribaldo, 
laonde, quando si trovarono a quattr'occhi, secondo il 
convenuto, la comare rimase non poco maravigliata in ve- 
dersi accolta con una certa disinvoltura e indifferenza che 
juireva volesse dirle: — Son qui ad udirti, tanto per sapere 
<iuali sono i tuoi disegni ; ma, se credi di cogliermi al boc- 
cone, questa volta hai fatto male i tuoi conti. 

Dissimulò tuttavia il rammarico del suo disinganno e, 
ivroponendosi di andare col calzare del piombo per non 
rapitar male, volendo anzitutto tastarla e vedere dove la 
trovasse, disse: — Siamo sconfitte e sbaragliate. 

— Finora non me ne ne sono accorta. Che intende di 
dire? 

— Diavolo! La Lega è spacciata. Il femminismo è 
morto. 

— Ghisa...? 

— Dopo l'ultimo trionfo deW Alleanza... ! 

— A tutto è modo, e il diavolo non è brutto come si 
dipinge. 

— Bene bene - ribattè ironicamente la comare - Bene, 
liene, dice il proverbio, e... la mattina era morto! 

— Ma noi intanto siamo ancor vive, e finché c'è fiato 
rè speranza. 

— Voglio sperare anch' io che ci riesca di trovare qualche 
rimedio. Sperar ben si deve sempre. Ma, s'ella è verità che 
ì\rì presente si argomenti il futuro, temo che, per quanti 
ripari facciamo, pur si vada ancora di male in peggio. 
Hra per chi ama come me la Lega e il femminismo, gli 
i' questo un pensiero che fa perder la bussola. Dover ri- 
mmciare a un ideale sì nobile, a una impresa sì gloriosa, 
;i un'opera sì necessaria di risorgimento della donna ita- 



XLVIIL IL GRANDE SBCRETO 187 

liana! Lasciare tutto il movimento femminile in mano alla 
tirannide teocratica, all'assolutismo clericale, al farisaismo 
deWAlleanza e permettere che il vero femminismo sia sof- 
focato dall'egemonia di quelle pinzochere travestite! Ve- 
dersi costretti a cedere il campo, a deporre le armi, a 
prender la fuga, a farsi calpestare da un branco di bacia- 
pile e di pinzochere ! Oh Dio del Cielo 1 Mi vengono i bri- 
vidi in sol pensarci! La Stomi e la Piumetti, due bindo- 
lone gonfianugolt, che ci bastonano d'una santa ragione e 
noi che,., paghiamo il boia perchè ci frusti ! No, no, ella è 
troppo ostica e non si può ingozzarla I Rivincita ci vuole o 
almeno vendetta! 

Mentre andava così soffiando nel fuoco, calcando le pa- 
role, alzando gradatamente il tono della voce e fingendo 
di sempre più incalorirsi, la comare stava attentamente 
studiando sul volto della Schwitzer, per vedere se vi ap- 
pariva il desiderato effetto. Né tardò ad accorgersi che i 
colpi non andavano a vuoto. 

Per quanto ferma nel proposito della fuga e perciò ri- 
soluta di non piti avventurarsi ad alcuna impresa per sal- 
vare la Lega, quel sentirsi rimestare con tanta abilità la 
dolorosa realtà della sua sconfitta le faceva rimescolare 
il sangue e le rinfrescava le piaghe del cuore, già temperate 
dal pensiero della sua prossima improvvisa scomparsa. 

Ondechè, alle uHime parole della comare, fattasi scura 
in volto, non potè più trattenersi e le domandò : — Quale 
sarebbe la sua pensata? 

— Qui sta il duro delFosso! Delle pensate ne abbìam 
fatte tante finora, e tutte andarono in fumo. Ella, madama, 
dacché ha creato la Lega, che a lei deve tutto, non ha mai 
cessato un istante dal prodigarle il suo genio, la sua at- 
tività, le sue ricchezze; ha fatto l'impossibile, ha sacrificato 
il suo tempo e la sua vita, per sostenerla nella lotta contro 
VAlleafwa. Io, nella mia modestia e oscurità, ho cercato di 
darle di spalla dove ho potuto; ma, purtroppo, siamo ri- 
maste noi due quasi sole a combattere contro un esercito. 



188 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

forte di tutti i pregiudizii tante volte secolari dell'atavismo 
clericale. 

— E tanti e tante che mi avevano promesso mari e 
monti... 

— L'hanno lasciata in asso, pur troppo! Vigliacchi e 
vigHacche ! Gli è appunto perciò che, se io fossi in lei, non 
mi fiderei più di nessuno e o farei tutto da sola, come va 
fatto, o non farei nulla e lascierei andar tutto in malora. 

— Oh questa sì che ci calza! Ma allora conviene chiu- 
der bottega, poiché da sola io non ci posso nulla. Le pare? 

Qui la comare non rispose subito, ma stette alquanto 
sopra pensiero, tentennando il capo, e poi disse come se 
parlasse seco stessa: — Certo conviene andar sul sicuro e 
dare nel segno, altrimenti meglio è non impacciarsi. Tutto 
consiste in trovar la retta via e questa non può essere che 
una sola. Ma, chi sa se non sia forse meglio che io gliela 
lasci indovinare... perchè... non vorrei che mi credesse una 
briccona... 

— Oibò! s'io so ch'ella ha il capo a compiacermi ed 
aiutarmi. 

— E perciò non posso nasconderle la verità. 

— Me la dica pure come la intende. 

— Gliela do fuori alla buona: percosso il pastore, di- 
sperse le pecore. 

— Ma il pastore non si lascia cogliere. Lo ha pur pro- 
vato anche lei più volte, specialmente in quella sera... 

— Non me ne parH, madama! La colpa è mia, che non 
ho saputo andar per la più corta. 

— Per la più corta? Vuol dire...? 

— Insomma - riprese la comare con risolutezza - io vorrei 
dire che a' miei occhi vale più un grande ideale che una 
o due persone volgari. 

— Qui ha ragione... 

— Più un'opera immensa di riforma sociale che la vita 
di qualche miserabile. 

— Anche qui ha ragione... 



XLVIII. IL GRANDE SECRETO 189 

— Più la rigenerazione delle donne italiane, coll'unico 
vero femminismo della Lega, che la pelle della Storni e della 
Piumetti. 

— Qui pure non ha torto.... 

— E allora? 

— E allora? 

— E allora conviene eliminare l' ostacolo per salvare 
l'istituzione. 

— Eliminare l'ostacolo! Vorrebbe dire...? 

— Mandare tra i più la Storni e la Piumetti, o almeno 
quest'ultima, senza di cui V Alleanza non può reggersi contro 
la Lega. 

Quantunque non avesse ancora penetrato tutto il signi- 
ficato della proposta fattale dalla comare, tuttavia in sen- 
tirsi parlare della morte delle sue nemiche, la Schwitzer 
rimase atterrita e disse, come se avesse franteso le parole 
della sua interlocutrice : — Non intende mica di propormi 
la morte... 

— Ma se non vi ha altro mezzo di salvare la vita della 
Lega? . 

Qui s'interruppe un istante e poi riprese con solennità: 
— Se alcuno mi vuol piantare un pugnale nel petto, non 
ho io diritto di ritorcerlo contro di lui? Ora la vita della 
Lega, ch'esse voglion distrutta, vale ben più della vita mia; 
ondechè, per diritto di legittima difesa, ed inoltre per do- 
vere di giusta pena e risarcimento dei danni immensi che 
elleno hanno cagionato alla riabilitazione del proletariato 
femminile, all'opera più benefica dei tempi presenti, io posso 
e debbo dar di piglio a qualunque mezzo per eliminarle. 
Non vi ha evoluzione sociale senza lotta per l'esistenza, né 
questa può concepirsi senza l'eliminazione degli uni per la 
sopravvivenza degli altri. 

— E come penserebbe ella di ottenere tale elimina- 
zione? 

— Coll'azione diretta. 
-Di chi? 



190 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

— Di quelli che rappresentano legiltimamente la giu- 
stizia sociale, cioè gì' interessi del femminismo. 

— E sarebbero...? 

— La creatrice della Lega come mandante, la sua serva 
fedele, che sola non l'ha abbandonata nella sventura, come 
esecutrice. 

— Insomma io dovrei ordinarle di uccidere la Stomi 
e la Piumetti, ed ella penserebbe a dar loro la morte? Pos- 
sibile? - disse ansiosamente la Schwitzer, sentendosi sempre 
più crescere il terrore per quella proposta. 

— Perchè no? - rispose imperterrita la comare - che dif- 
ficoltà ci ha egli a essere? Teme forse di essere scoperta? 
Ovvia, il rischio è tutto mio ed io non ho voglia di andare 
in galera. Se non fossi sicura di passarla liscia, non mi ci 
metterei... 

— Ma perchè vuole il mio mandato ? 

— Perchè senza di esso non si può armare la mano 
che deve infallibilmente colpirle. 

— La mano... di chi? 

— Diamine! Di un uomo. Io sono donna e la donna 
non ha occhio, polso e animo da ciò. 

— E codest' uomo vuole il mio assenso ì 

— Sissignora. 

— Perchè? 

— A questa sua domanda, non meno naturale che giusta, 
non posso altrimenti rìsponderìe che con rivelarle un grande 
secreto. Ma prima devo esigere da lei la promessa solenne 
di non rivelario mai a nessuno. Me lo promette sul suo 

. onore? 

— Sul mio onore glielo prometto. 

— Grazie. Ha dunque da sapere - continuò la comare, 
abbassando misteriosamente la voce e guardando intomo 
e verso l'uscio - che la mia professióne di levatrice mi ha 
aperta la via a scoprire una società segreta di anarchici, 
i quali non hanno altro programma che quello di eserci- 
tare l'azione diretta o la propaganda dei fatti, in nome della 



XLVm. IL GRANDE SECRETO 191 

giustizia sociale. La esercitano per conto proprio ogni volta 
che il loro consiglio abbia pronunciata sentenza capitale 
contro alcuno e la sorte designatone Tesecutore; la eserci- 
tano però anche per conto delle imprese sociali affini, 
quando ne vengano incaricate da chi le dirige o presiede. 
Vendette private non ne fanno, perchè prive del titolo giu- 
ridico della giustizia sociale. Questa è la ragione, per cui 
io non potrei ottenerne a nessun patto la soppressione 
delle nostre due nemiche; laddove basta un suo biglietto, 
madama, come presidente della Lega, per mandarle calde 
calde all'altro mondo. 

— A chi dovrei dirigere codesto biglietto? - domandò 
la povera Schwitzer, che se l'aveva bevuta e si sentiva 
mancare il respiro per la paura. 

— LfO dia pure a me; m'incarico io di ricapitarlo. Già 
le ho detto che prendo volentieri sopra di me la parte più 
rischiosa, quella dell'esecuzione. Ma se ciò non le garba, 
io posso metterla in corrispondenza diretta col comitato 
esecutivo, mediante un delegato che verrebbe qui a pren- 
dere i suoi ordini. Scelga pure, come le piace ! 

Ridotta così alle strette, la Schwitzer se ne stette muta 
per qualche istante, mentre la comare le teneva gli occhi 
addosso, quasi a carpirle la risposta. 

Con toccarla abilmente nel debole, questa l'aveva di 
leggieri infinocchiata a prestar fede e a pigliar sul serio le 
sue storiacce; ma indarno si aspettava di pigliarla al laccio, 
per gettarle addosso il carico del delitto che meditava. 

À colali nefandità, dobbiamo dirlo a sua lode, la Schwi- 
tzer sentiva una ripugnanza invincibile; tantoché, quando 
il Brandini le aveva proposto la famosa partita nel villino 
della comare a danno della Ida, non vi aveva ella altri- 
menti acconsentito che dopo essere stata rassicurata che 
si voleva ottenerne unicamente un atto di riparazione dei 
torti fatti alla Lega. 

Ora pertanto che aveva afferrato intieramente lo scopo 
di quella visita della comare, se ne stava silenziosa, non 



192 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

già perchè fosse dubbiosa della risposta, bensì perchè la 
rivelazione di un disegno sì feroce le incuteva raccapriccio 
e spavento, e d'altra parte temeva assai di rompersela colla 
terribile cospiratrice che le stava dinanzi, pensando che. 
come aveva osato macchinare di far uccidere le sue due 
rivali, così potrebbe fare anche a lei qualche brutto tiro, 
quando la irritasse con manifestarle il suo orrore e la sua 
ripugnanza a quella scelleraggine. Aveva insomma, come si 
suol dire, da un lato il precipizio, dall'altro ilupi; perciò 
continuava a tacere, cercando ansiosamente una via di 
scampo. 

La comare credette ch'ella nicchiasse solo per essere 
spinta ad acconsentire; onde, fattasi piti audace, rinforzò 
gli argomenti della sua persuasiva; ma non ottenne che di 
renderla più cauta e più restia a palesarsi e perciò stesso 
più intenta a trovar modo di uscirle di mano, senza urtare 
il capo al muro. 

Finalmente si accorse in buon punto la Schwitzer che 
il meglio si era tenerla a bada con qualche speranza e in- 
tanto affrettare la partenza, per farla poi restare con un 
palmo di naso. 

Perciò le disse : — Presa così all' improvviso, per ora non 
posso darle nessuna risposta. Mi lasci un po' riflettere e 
considerare ogni cosa. E, senza che si disturbi a ritornare 
qui inutilmente, aspetti un mio avviso intorno alla conclu- 
sione dell'affare. 

Indarno la comare rinnovò gli assalti e cercò di strin- 
gerla tra l'uscio e il muro, per conseguire il suo scopo. La 
Schwitzer fu irremovibile e la accomiatò graziosamente, 
promettendole su tutto il più geloso segreto. 

Da quel momento stette sulle spine più di prima e, non 
vedendo l'ora di fuggire, come se avessi i birri dietro, si 
fece a precipitare i preparativi della partenza. 



SCIENZE NATURALI 

NAVI E NAVIGAZIONE 



Da Liverpool a Nuova York in cinque giorni. Grandi dimensioni dei piro- 
scafi moderni: ragioni che le rendono necessarie. Distanze percorse e 
%'elocità. Gara fra le principali Compagnie di navigazione francesi, te- 
desche, inglesi. Un nuovo motore per le grandi velocità: la turbina. 
Suoi pregi, suoi difetti: riscontro colle macchine a stantufo. 

Una buona notizia per quelli dei nostri lettori che a sva- 
garsi, pognamo, delle birbonate sempre crescenti nella vecchia 
Europa desiderassero passare TAtlantico e dare un giro a vedere 
se per caso in America le cose andassero meno peggio. La Com- 
pagnia Cunard di Liverpool da poche settimane ha messo a loro 
servizio una nave gigantesca, la Lusitania, che può compiere 
la traversata in non più che cinque giorni giusti giusti \ Chi ha 
visitato Tanno scorso l'esposizione di Milano vi ha potuto vedere 
appunto nella sezione della marina commerciale inglese il ma 
raviglioso modello di quel colosso allora in costruzione. Nelle 
sue reali dimensioni esso misura da prua a poppa la bellezza 
di S40 metri e 37 di largo al baglio maestro, dove é la maggior 
cun^atura dei fianchi. La sua capacità o, per dirla alla marinara, 
la sua stazza lorda è di 35,560 metri cubi, e la sua portata di 
45,600 tonnellate. Il corpo della nave è diviso in otto piani 
de' quali Fultimo che è il ponte di comando si leva a trentatre 
metri al disopra della chiglia: è l'altezza di un campanile, ma 
l'altezza non fa disagio, perchè a scendere od a salire son sempre 
pronti undici ascensori, ed i posti telefonici disseminati nei cen- 
tri più opportuni presentano il mezzo di aver senz' incommodo 
lutto l'occorrente alla giornata. Neil' immenso labirinto di scale, 
di gallerie, di sale, di camere, di camerini che s'incrocia tra 
ponte e ponte sotto coverta, cinquecento cinquanta passeggeri 
di prima classe trovano tutto il lusso e tutte le agiatezze di 

^ Veramente nel suo primo viaggio spese cinque giorni e cinquanta mi- 
nuti, ma secondo le previsioni, guadagnerà anche più in avvenire. 
1908, voi. 1, faso. 1382. 18 11 gennaio 1908. 



19i SCIENZE NATURALI 

un sontuoso albergo metropolitano: non vi mancano neppure 
due ricchi appartamenti reali in punto di ricevere principi o 
sovrani in viaggio di nozze : l'acqua, il vapore, l'elettricità sono 
messe ad ogni servizio con quella pratica eleganza che è dote 
inglese. Più modesto ma pur confortevolissimo alloggio vi è 
altresì distribuito nei ponti inferiori per altri cinquecento cin- 
quanta passeggeri di seconda classe e per millequattrocento di 
terza, oltre ottoicento uomini di equipaggio, che tanto ne esige 
il governo della nave ed il servizio di tutto il popolo che si 
accampa tra le sue pareti. 

Per muovere questa mole e spingerla alla corsa con una 
rapidità che si lasciasse dietro tutti i piroscafi delle Ck)mpagnie 
rivali, gli ingegneri della Canard le applicarono la forza pro- 
pulsatrice di nientemeno che 72.000 cavalli, fornita da quattro 
eliche messe in azione da quattro turbine Parsons alla velocità 
di centoquaranta giri al minuto. Il vapore necessario alle tur- 
bine viene sviluppato da venticinque enormi caldaie cilindriche 
che hanno quindicimila metri quadrati di superficie di riscal- 
damento con centonovantadue fornelli di servizio ai quali ser- 
vono di fumaiuoli quattro torri di sette metri di diametro. Si 
capisce facilmente come, animata da sofQo cosi potente, la Lii- 
sitania possa percorrere i suoi ventiquattro o venticinque nodi *, 
vale a dire tra i quarantacinque e i quarantasei chilometri 
all'ora, divorando in cinque giorni con instancabile lena i 5300 
chilometri che separano le coste inglesi dalla metropoli degli 
Stati Uniti. 

Questa velocità, queste dimensioni, questa perfezione non è 
l'opera di un giorno, né di un uomo: è la meta raggiunta di 
un lungo processo, al cui svolgimento ha concorso l'esperienza 
e lo studio di un secolo intero ", verificandosi anche in fatto 

^ Il nodo praticamente si prende per miglio geograflco, o marino, equi- 
valente a un sessantesimo del grado medio del meridiano terrestre, vale a 
dire m. 1852,01 secondo il Bureau des ìotigitudes. Nella sua origine però 
il nome ricorda la funicella segnata di nodi a distanza di m. 15,40 uno 
dall'altro, la qual distanza è la 120°>» parte del miglio geografico. Gettando 
la cordicella in mare dalla poppa e contando quanti nodi scorrono in 30 se- 
condi, cioè nella 120°"^ parte di un'ora, lo stesso numero di nodi rappre- 
senta il numero delle miglia orarie e quindi la velocità approssimativa del 
bastimento. 

' La navigazione a vapore si può dire inizi&ta veramente col primo 
viaggio del Clermont di Roberto Fulton, sull'Hudson, il 17 agosto 1807. 



NAVI E NAVIGAZIONE 195 

di arte quanto della natura ci insegna un adagio comune: che, 
cioè, essa non va a sbalzi ma passo passo. Chi non ricorda il 
^eat Eastem di cinquant' anni fa? La Compagnia che lo fece 
costruire, aveva creduto tentare un colpo audace col raddop- 
piare le dimensioni fin allora usate, dandogli 207 metri di lun- 
gùezza (mentre i maggiori piroscafi del tempo di poco supera- 
vano I cento) ed applicando al nuovo mostro, al Leviatan ma- 
nuo, tutti i sistemi di propulsione, le ruote, l'elica, le vele 
variandone l'uso a seconda delle circostanze in vista della 
economia e della velocità. Ed è curioso leggere ora tutte le 
maravighe promesse ai viaggiatori, le speranze anche maggiori 
aegli interessati, le dissertazioni dei dotti, come il dott. Scoresby 
e Scott RusseU, nei cui cantieri la nave era impostata; mail 
(^eat Eastem, appena uscito dal Tamigi, alla prima tempesta 
Che incontrò ebbe rotto ruote e limone, perdette gli attrezzi, 
nmase m balìa delle onde che lo sconquassarono, ed a mala 
pena potè esser salvato. 

Le ripetute avarie incontrate novamente nei pochi viaggi 
che potè intraprendere, lo scoraggiamento, le spese e i danni 
cùe ne vennero agli azionisti, condussero la Compagnia aU'orlo 
del felhmento, sinché non s'affrettò a disfarsene vendendolo 
ali asta per meno di due milioni (era costato più di 22), senza 
Che mai compiesse neppure una volta quella traversata verso 
East, cioè verso l'Australia e le Indie orientali, da cui aveva 
preso 11 nome. Fu una prova fallita per mancanza di prepara- 
zione.^ Si dovette tornare ai cento metri e consumare altri cin- 
quant'anni di tentativi, di osservazioni, di graduale progresso, 
pnma di risalire e raggiungere di bel nuovo i duecento del Great 
AMfem che oggi vediamo trionfalmente oltrepassati dai 240 
deUa Lusiiania. E già si parla di 300 1 

Ma donde nascono tali fantasie d'ingrandimento, e qual bi- 
sogno VI è di dimensioni si gigantesche? può borbottare fra sé 
e se U cortese lettore. 11 bisogno c'è, e indeclinabile: e a pro- 
varlo basti riflettere a due ragioni perentorie. Sono appena volti 
due anni dalla guerra russo-giapponnse e nessuno ha certa- 
mente scordato fra le peripezie di quella lotta il titanico sforzo 
<ieua squadra di soccorso mandata da Cronstad attraverso due 
oceani con più di ventimila chilometri di navigazione, sforzo 
tolto poi così miseramente nelle acque di Tsushima. L'attenzione 



1% SCIENZE NATURALI 

allora vivissima del mondo intero seguiva con acuto sguardo 
le lìKiese di quel naviglio, scrutando con opposti interessi, 
eeeon(k> il partito favorevole od ostile, come saprebbe giun- 
gere tino al termine dell'immenso viaggio, non potendo per le 
rnnvtjìizioni di neutralità rifornirsi di combustibile in nessun 
porto delle nazioni non belligeranti. E risuonano ancora nelle 
oftHvhìe di tutti le alte querele del Giappone e le accese dia- 
[nbv tblla stampa anglosassone contro la Francia e le gelose pra- 
tiche della diplomazia francese per discolparsi di aver sommini- 
stralo carbone alla flotta russa esausta a mezza via e già messa 
htoii di combattimento ancora prima di impegnar battaglia. 
Questo è fuor di dubbio che senza la connivenza di qualcuno 
che rifornisse i carbonili delle navi, esse non avrebbero potuto 
compiere l'audace disegno di un giro cosi sterminato. Ed ecco 
\sì prima ragione che obbliga la moderna marineria a dare sempre 
maggiore sviluppo al corpo delle sue navi mosse dal vapore. 
yutuulo queste navi sono destinate non a servizio di cabotaggio 
lììa ki ^^randi traversate, sulla cui linea retta non si trovino 
dr|H>siti di carbone da cui possano attingere nuove provvisioni, 
è gio*«jforza che le na^i medesime portino nella propria stiva 
quanto basti al bisogno. Anzi quand'anche i depositi non di- 
tettu^seio, la prudenza fa prevedere che una ragione politica o 
unii rivalità commerciale può chiuderli da un giorno all'altro, 
e n^vi tiare ogni impresa. Rendersi dunque indipendenti dalla 
ti^ira p durarla navigando in alto mare colle proprie provvi- 
sioni, è un problema commerciale e guerresco che preoccupa 
Topi filone pubblica delle grandi nazioni marittime. Non per nulla 
nieudp si stampano queste pagine le corazzate americane, uscite 
da ÌInmpton Roads con un convoglio carboniero, fanno rotta 
|it*r doppiare il capo Hom e passare nel Pacifico a farvi quella 
nìi>^l*"riosa crociera, soggetto di fosche previsioni in Giappone 
ed allmve. È uno studio delle stesso tema. 

l/iittra ragione è il bisogno di velocità. Tutti cercano di far 
pnn^to: e il primo guadagno di cui è avido il nostro secolo è 
qufllt» di guadagnar tempo. Vediamo quanto av\iene pei treni di- 
iTtli e direttissimi sulle fenovie del continente. Ma perchè un 
pinisfafo possa accelerare la sua corsa e abbreviare la durata dei 
sm»i viaggi, la condizione capitale è quella di crescere il numero 
e la potenza delle sue macchine motrici, quindi le loro dimensioni 



NAVi £ NAVIGAZIONE 197 

e r ingombro del loro volume e ancora — di rimbalzo — il vo- 
lume e r ingombro delle enormi provvisioni di combustibile che 
esse devono consumare. Abbiamo detto, che la Lusit€mia per 
produrre la forza dei suoi 79.000 cavalli ha venticinque cal- 
daie e quasi duecento fornelli : ora per alimentare quei fornelli 
ci vogliono 1000 tonnellate di carbone ogni 24 ore: 5000 ton- 
nellate per la traversata da Liverpool a Nuova York. È il ca- 
rico dì cinquecento carri di ferrovia. Imimagini il lettore quali 
immeasi carbonili deve portare nei suoi fianchi il piroscafo^ e 
quali anche maggiore ne dovrebbe avere se dalle sponde del Ta- 
migi avesse a metter capo non a Nuova York, bensì alle Indie, 
all'Australia, all' Impero del sol levante. 

Noi sorridiamo ora al pensare che per muovere la pesante 
mole del Great Eastern non era stata applicata che la forza di 
11.000 cavalli: ma sappiamo che quella era l'infanzia delle 
macchine a vapore, eolla pressione atmosferica, coi lenti bilan- 
cieri: mentre le caldaie dei nostri piroscafi sono tutte a resi- 
stenza di 10 o 12 chilogrammi per centimetro quadrato. È curioso 
il raffronto dei progressi della velocità con quello della potenza 
delle macchine e dello spostamento nella marineria commerciale. 
Nel ì88oVEiruria di 8120 tonn. con 14.500 cavalli-vapore tra- 
versava l'Atlantico in sei giorni, tre ore e dodici minuti. Nel 1 897 
il Kaiser Wilhelm der Grosse di 14.350 tonn. con 28.000 cavalU- 
?apore non abbreviò il passaggio che di tre ore. Ci vollero 72.000 
cavalli della Lnsitania per guadagnare un giorno intero : vale 
a dire che si dovette crescere il quintuplo di forza per aggiun- 
gere un quinto di velocità. 

D'altronde la questione della velocità non è siolo importante 
in ragione di comodità preziosa a coloro che viaggiano per af- 
fari : ma anche in ragione di profitto per i costruttori e di si- 
curezza per la nave. Infatti, senza dilungarci in troppe discus- 
sioni tecniche, è mafjifesto che quando il piroscafo ha doppia 
velocità, farà doppio viaggio nel medesimo spazio di tempo, con 
doppio introito. Ed ogni giorno di meno che esso passerà in alto 
mare saranno tanti probabili pericoli di tempeste che avrà sfug- 
gito, tante deviazioni, tanti ritardi che avrà potuto evitare. 

Da queste considerazioni e da queste sperienze è venuto che 
tutte' le primarie compagnie delle varie nazioni a capo del mo- 
viiuento marittimo da venti anni lottano a tutto potere d'in- 



198 SCIENZE NATURALI 

gegno e di danaro per creare sempre nuovi piroscafi di mag- 
giori dimensioni che possano rispondere all'incessante incremento 
del commercio mondiale. 11 centro di quel movimento è il bacino 
dell'Atlantico tra le sponde dell'Europa e quelle dell'America 
settentrionale. 

Tra queste terre, dove la vita è più intensa, sono più nu- 
merosi e più rilevanti gl'interessi, più attive le relazioni: qui 
perciò si svolge il servizio più rapido e meglio ordinato da tutte 
le società rivali. Citiamone le navi maggiori e più recenti. 

La Francia vi concorre con tre piroscafi di cui due gemelli 
di pari dimensioni la Savoie e la Lorraine, ed il terzo recen- 
tissimo, la Provence; le loro note caratteristiche sono: 
per i primi, 

lunghezza totale, m. 177,55 larghezza al baglio maestro, ro. 18,28 

spostamento, tonn. 15,414 forza motrice, cav. -vapore 22,000 

velocità media, 20 nodi all'ora 1074 passeggeri. 

per il terzo, 

lunghezza totale, m. 191 larghezza al baglio maestro, m. 19,80 

spostamento, tonn. 19,190 forza motrice, cav.-vapore 30,000 

velocità media, 22 nodi all'ora 1502 passeggeri. 

Tutti e tre hanno due eliche di bronzo con tre ali di sei 
metri e mezzo di diametro che fanno ottantaquattro giri al mi- 
nuto in piena corsa. L' ultimo, a pieno carico pesca m. 8,15 ; 
ciò è il massimo che poteva permettere il fondo del porto del- 
l' Ha v re, capolinea di partenza. Questo della profondità dei porti 
dove i piroscafi devono entrare, è un altro ostacolo che com- 
plica il problema delle grandi dimensioni di cui trattiamo. 

La potente Germania, che per mandare ad effetto il pro- 
gramma di espansione commerciale ha bisogno delle vie del 
mare, con energica e perseverante operosità è giunta a porsi al- 
l'antiguardo, costruendo i più saldi e più grandiosi piroscafi che 
tennero fino a ieri il primato della velocità. Son noti a tutti 1 
viaggiatori il Kaiser mihelm II ed il Deutschland. Il Kaiser 
Wilhelm II ha per misura : 

lunghezza totale, m. 215 larghezza al baglio maestro, m. 21,96 

spostamento, tonn. 26,000 forza motrice, cav.-vapore 42,000 

velocità media, 23 nodi all'ora 1900 passeggeri. 

Questo piroscafo (a cui il Deutschland è di poco inferiore) 
anch'esso a due eliche di sette metri, mosse da quattro mac- 



NAVI E NAVIGAZIONE 199 

chine a quadrupla espansione, ha più volte traversato l'Atlan- 
tico sviluppando fino a 44,600 cavalli-vapore colla media ve- 
locità di 23,58 nodi e vincendo la gara della massima velocità 




nelFunità di tempo. Nella sezione germanica della marina alla 
mostra di Milano era messa in rilievo la grandezza di quella 
superba nave ragguagliandola alle dimensioni della piazza del 
Duomo che non la potrebbe contenere. Nella medesima sezione 
se ne vedeva una finitissima riproduzione di una sezione lon- 
gitudinale che rappresentava con maravigliosa pazienza gli infi- 
niti compartimenti di quella città galleggiante : sale da pranzo 
per centinaia di commensali, sale, da giuoco, fumatoi, sale di 
musica, di lettura ; palestre per ginnastica, stanze per bagni di 
luce elettrica, per bagni a vapore, per docce e massaggi ; cabine 
a centinaia con salottini di ritrovo, appartamentini mobigliati 
con lusso : immense cucine, dispense, ghiacciaie; farmacia, infer- 
meria, ospedale per cento malati; stanze per parrucchiere ; stam- 
peria di bordo, ufficio telegrafico Marconi. Una vera bellezza. La 
Germania nel costrurre il Kaiser Wilhelm II aveva voluto far 
onore al nome che gli sarebbe stato imposto. 

Albione gelosa non pativa in pace questa prevalenza della 
pericolosa rivale e non poteva contentarsi di giungere seconda 
nella gara, coi suoi due colossi, la Lucania e la Campania, che 
avevano già: 

lunghezza totale m. 190, larghezza al baglio maestro, m. 19,8G 

spostamento, tonnellate 20.000 forza motrice, cav-vapore 31.000 

velocità oraria, 22 nodi 1700 passeggeri. 



200 SCIENZE NATURALI 

11 Kaiser Wilhelm II e il Deutschland vincevano i piroscafi 
inglesi di un nodo o un nodo e mezzo, il che vuol dire una 
differenza di più di otto ore di mare. L'onore nazionale e la 
njncorrenza commerciale ci scapitavano: bisognava far più grande 
e più veloce. Ed ecco in pochi mesi impostarsi e galleggiare due 
vapori superiori a qualunque siasi nel mondo ; la Lusitania, di 
fui abbiamo già date le caratteristiche e la Mauritania che 
stazza 200 tonnellate di più e pare che alle prove abbia raggiunti 
i 26 nodi e ^/^. La Luaitania, dapprima più restia al moto, forse 
per la difficoltà di manovrare quegli inusitati colossi, finì però 
eoi filare tra i 24 e i5 nodi, come si disse nel cominciare. 1 
giornali anglosassoni ci riferirono a piene colonne la trepidante 
aspettativa, le discussioni ardenti, le gare delle scommesse, che 
agitavano gli abitanti dell'una e dell'altra sponda dell'Atlantico e 
le acclamazioni di trionfo colle quali fu salutato l'arrivo del pi- 
roscafo nel porto di Nuova York, perchè, vincendo poche ore di 
eorsa sopra i vapori tedeschi, rialzava la bandiera inglese al 
primo posto. 

A questo ritto c'è pur troppo il suo rovescio. Un viaggio 
veloce è un gran comodo, ma bisogna pagarlo. 1 piroscafi che 
possono correre i 22 i 23 nodi all'ora costano in media, secondo 
i calcoU del White, capo dell'ammiragliato inglese e presidente 
della Società degli ingegneri civili di Londra, dai diciotto ai 
venti milioni di lire: è il prezzo dei BetUschland e del Kaiser 
Wilhelm IL La Lusiiania per correre un nodo e mezzo di più 
all'ora è costata circa 37 milioni, quanto una delle più grandi 
corazzate. Ora si aggiunga al costo di costruzione tutta la spesa 
viva d'esercizio, e prima d'ogni altra quella del combustibile, 
[ja Savoie^ filando 20 nodi a tutto vapore consuma a un dipresso 
350 tonnellate di carbone in 24 ore. Nella stessa unità di tempo 
!a Campania per i suoi 22 nodi ne consuma invece 500. Per 
S3 nodi o poco più il Kaiser Wilhelm II sopracitato ne di- 
vora 700. Per ottenere la velocità di 25 nodi, si era preveduta 
la quota di 1000 tonn. al giorno pel viaggio della Lusiiania da 
Liverpool a Nuova York. Se il consumo fu un po' minore si 
deve all'uso di un nuovo motore di cui parleremo più innanzi. 

Con questo solo, senza entrare in più lunghi particolari, si 
i^apisce facilmente che le Compagnie di navigazione per rifarsi 
Uelle spese sono obbligate di alzar le tariffe ed esigere dai viag- 



NAVI E NAViGAZlOJNE 201 

gìalori un prezzo così salato che non può convenire certo alle 
borse smunte dell'operaio emigrante in cerca di lavoro. Sorge 
dunque un problema tecnico ed economico» proposto già allo 
studio de' costruttori, ed è quello della necessità di separare le 
navi di comunicazione in due grandi categorie. La prima dei 
piroscafi a massima velocità, e per conseguenza di alto prezzo 
di nolo, i quali facciano il servizio postale e possano albergare 
un sufficiente numero di viaggiatori che vogliano pagare i co- 
modi loro largamente distribuiti : l'altra dei piroscafi a velocità 
più moderata, i quali ammettano oltre i viaggiatori anche un 
grosso carico di mercanzie il cui nolo, vantaggiando gli introiti, 
permetterà di ribassare di altrettanto il prezzo d'imbarco. Tale 
è il partito abbracciato dalla GunanC aiutata in ciò dal Go- 
verno inglese, il quale, per voto espresso del Parlamento, prestò 
larghi capitali alla Compagnia ed aumentò la sovvenzione an- 
nuale (3.750.000 lire) senza cui la Società non potrebbe soste- 
nere tali dispendiose costruzioni. 

Un'importantissima particolarità venuta in tempo a favorire 
questo sviluppo di velocità e di potenza nella meccanica navale 
è l'applicazione dei motori a turbina, invece delle comuni mac- 
chine a stantufo. Che cosa sia una turbina non è certamente 
del tutto ignoto ai lettori, anche senza conoscere tutte le com- 
pUcaziooi dei suoi varii organismi. Il suo principio d'azione, 
del resto, si può mettere in evidenza con un congegno molto 
semplice adoperato già da Erone due mila anni sono per di- 
vertire, forse, istruendo i fanciulli di Alessandria e conservato 
tuttora nelle scuole sotto il nome di eolipila. È una sfera 
metallica vuota, girevole su un asse orizzontale, forata in due 
punti opp'>sti a egual distanza all' incirca tra i punti di so- 
stegno e l'equatore della sfera medesima. Ai due fori sono ag- 
i^iustati due cannelli oppostamente ricurvi nella direzione per- 
pendicolare all'asse. Ora se nella sfera si pone poca acqua e si fa 
bollire, lo zampillo di vapore, uscendo dai cannelli opposti, per la 
reazione sulle loro pareti curve le sospingerà in senso contrario 
ed imprimerà alla sfera un movimento più o meno rapido di 
rotazione. 

Un tal principio, rimasto infruttuoso per tanti secoli, eccolo 
ripreso d'un tratto e introdotto maestrevolmente nelle applica- 
zioni meccaniche per opera del Parsons che da venti anni ha 



202 SCIENZE NATURALI 

saputo fare della turbina la rivale fortunata di tutti i motori 
a vapore. Il nucleo della macchina, come si vede riprodotta 
nella figura, non è altro che un tamburo composto di più pezzi 
a differenti sezioni che nel presente modello vanno crescendo 
di diametro da destra a sinistra, tutti montati sopra un asse 
centrale mobile, che è l'albero stesso dell'elica del bastimento, 




e chiusi poi in un manicotto fisso, esattamente modellato sopra 
le loro dimensioni. La superficie dei vari pezzi del tamburo non 
è liscia, ma sopra di essa sono piantati tanti ordini di lami- 
nette in cerchi successivi, trasversali con una eerta incli- 
nazione. L' interno del manicotto è anch' esso armato nella 
stessa guisa dì ordini di laminette, ma inclinate in senso ro- 
vescio: e le une e le altre sono cosi aggiustate e precise da 
non lasciare altro spazio se non quello necessario perchè il 
tamburo giri liberamente. 

Ora si apra la valvola del tubo a destra per dar passo al 
vapore tra il tamburo e il suo manicotto. Il getto nel suo en- 
trare va a battere sulle laminette della guaina e da esse si ri- 
percuote su quelle del tamburo di inclinazione opposta, succe- 
dendosi cosi una serie di ripercussioni e spinte man mano che 
il vapore va espandendosi, finché la parte mobile, che è il tam- 
buro, cede all'impulso ed entra in rotazione. 

L'effetto utile della macchina sarà tanto maggiore quanto 
più grande sarà la differenza fra la pressione iniziale e quella 



NAVI E NAVIGAZIONE 203 

di uscita del vapore: e precisamente per aumentare quella 
differenza si accresce il diametro del tamburo, affine di impe- 
dire il troppo rapido efflusso del vapore e dargli spazio e 
tempo di spiegarvi la sua forza espansiva, sino a passare 
poi in un condensatore od in una seconda turbina a pressione 
più bassa e perciò di diametro superiore. Non intratterremo i 
lettori colla particolarità dei diversi accessorii della macchina 
e del suo funzionamento, che qui non importano gran fatto: 
ma vogliamo invece indicare i vantaggi che questo recente si- 
stema motore vanta sopra gli altri suoi predecessori. 11 primo 
sorge spontaneo dalla descrizione che abbiamo fatto. In verità, 
di quale specie di movimento ha bisogno V ingegnere navale 
per la propulsione di un bastimento, sia esso ad elica od a 
ruote? * — Del movimento circolare. Quale movimento per Top- 
posto producono le macchine ordinarie a stantufo? — Un mo- 
vimento rettilineo. Occorre dunque sempre una trasformazione, 
ed ogni trasformazione meccanica importa una perdita di energia. 
La turbina all'incontro, secondo abbiamo esposto, fornisce diret- 
tamente un moto di rotazione e lo imprime all'asse dell'elica 
sul quale essa è saldata e col quale fa corpo. Per sua stessa 
natura dunque la turbina è più adatta a questo lavoro, veri- 
ficandosi un'economia di vapore e quindi di carbone fino del 
15 per 100. Inoltre per la stessa soppressione della trasformazir ne 
di movimento viene semplificata la costruzione di tutto il mec- 
canismo propulsore, la sua manutenzione, il suo regolare anda- 
mento. Chi ricorda le delicate funzioni e quindi la precisione 
richiesta al buon servizio di uno stantufo, colle sue bielle, col 
suo cassetto di distribuzione del vapore, lo spazio che esso 

* È cosa nota che il sistema delle ruote fu gii da un pezzo abbando- 
nato per la grande navigazione marittima e non si trova che sui batteiii 
sai laghi o sui fiumi. La stessa avventura toccata al Greai Easten, ricor- 
data più sopra, mostra già un difetto gravissimo di quel sistema che espone 
l'organismo motore, relativamente debole, ai colpi sempre incalzanti dei 
marosi nella tempesta. Ma anche senza il flagellamento dei marosi, la sola 
oscillazione di barcollamento impressa alla nave dal vento e dalle alte onde 
& sì che una delle ruote si immerga quasi totalmente da un fianco mentre 
Taltra sul fianco opposto sorge quasi interamente fuori deiracqua : la prima 
trova un massimo di resistenza e Taltra invece un minimo e questo squi- 
librio fa soffrire gli assi con perìcolo della loro solidità. Ce n*era a suffi- 
cienza per sbandirle dalla navigazione sul mare. 



404 SCIENZE NATURAU 

o<*cupa, il peso di tutto il materiale neeeseario alla solidità 
il ella &ua installazione, la cura continua che richiede, le ripa- 
razioni che spesso esige, si capaciterà senz'altro del guadagno 
che- si fa sostituendovi il solo tamburo della turbina, di volume 
COSMI ridotto e di manutenzione relativamente così semplice. 

Di più eolia soppressione dello stantufo vengono pure di- 
niiriuite le pressioni sull'asse, ma sopratutto, vantaggio note- 
^ r>lissimo e molto apprezzato dai passeggeri della nave, vengono 
anauliate le incessanti vibrazioni che si trasmettooo nelle im- 
palcature delle macchine e nelle traverse del bastimento pcF 
ìi molesto scotimento prodotto dallo stantufo ad ogni inver- 
sione del movimento alternativo di va e vieni. Ed è questa la 
prima e piacevole sensazione che ì viaggiatori della LusUania 
^ degli altri piroscafi a turbina hanno riportato: il silenzioso 
r placido scivolare sull'acqua senza quasi acx^orgersi del movi- 
li ferito. 

Dirimpetto ai vantaggi, per esser giusti, dobbiamo porre i 
difetti: e la turbina ne ha due specialmente che te scemano 
valore nell'uso della marineria. Uno è che il senso ddila sua 
I Qtazione non può essere rovesciato, come invece facilmente si 
(attiene collo stantufo. Se si riflette che la rotazione è cagionata 
dalla spinta del vapore condotto tra le laminette della guaina 
Lontro le laminette del tamburo oppostamente inclinate, si vede 
vite per quella data inclinazione la turbina si moverà sempre 
nella stessa direzione. Ora per le navi è una inevitabile neces- 
sità di poter rovesciare il moto delle loro macchine specialmente 
nell'approdo per raUentare la corsa e non oltrepassare lo sbar- 
<*;Uoio, o per abbrivare all' indietro quando il fondo non per- 
nietta di girar largo di prua ed obblighi a rifare un tratto di 
-itrada. Quindi i piroscafi a turbina sono costretti di avere delle 
macchine speciali per il moto a ritroso : e la Lusitania infatti 
ire ha due a bassa pressione montate sopra alberi distinti e 
colle proprie eliche adattate a tal moto. 11 secondo difetto non 
è così sensibile, almeno per ì colossi navali, come il nostro^ i 
quali, destinati a traversare l'Oceano senza fare scala in alcun 
finrto intermedio, non hanno altra preoccupazione da un capo 
all'altro del viaggio che darsi a correre colla massima velocità 
[ler guadagnar tempo e moneta. Ma bene spesso i piroscafi dei 
servizi minori devono variare la loro velocità e raUentare i loro 



NAVI E NAVIGAZIONE 205 

inoTimenti : al cbe si adattano assai agevolmente le macchine 
a staiìtufo senza svantaggio sensibile nella proporzione tra il 
laToro e la forza impiegata a produrlo. 

La turbina invece mal si adatta a quel rallentamento e 
quando è ridotta a piccola velocità subito consuma proporzio- 
nalmente assai più di vapore e per conseguenza di combusti- 
bile; donde una perdita economica. Il motore Parsons non ottiene 
tutto il suo vantaggio sopra il vecchio sistema se non quando 
può spiegare ampiamente la sua potenza imprimendo all'elica 
una notevole rapidità. 

Anche allora, d'altronde, non mancano le difficoltà : ed ecoone 
ana del tutto impi"evij?ta e scoperta appunto nello studio del 
nuovo motore. Quando la velocità della turbina oltrepassa certi 
limiti e la rapidità dei giri dell'elica è tale che le sue ali alla 
periferia compiono più di cinquanta o sessanta metri al secondo, 
Telica non è più utile alla propulsione. L'acqua respinta non 
ha tempo di riprender contatto colle ali giranti, non ne seguita 
il moto né produce la reazione necessaria sull'elica stessa, la quale 
perciò finisce col girare come in un vortice vuoto, in una cavità 
(donde il fenomeno prende il nome di incavamento) il cui volume ci- 
lindrico aumenta coU'aumentare della velocità di rotazione, co- 
sicché le estremità delle ali deirelica scorrono carezzando Tacqua 
che la circonda, senza utilità. Al qual difetto finora nc«i si è 
trovato altro rimedio che diminuire il diametro dell'elica, e con 
ciò la velocità periferica x)er lo stesso numero di giri, modifi- 
candone inoltre il passo e la forma. 

Del resto nói conosciamo ancora cosi poco le turbine che 
non é punto maraviglia se \ì sono dei tentennamenti e degli 
«contri nella pratica applicazione. Ma il favore con cui T In- 
ghilterra, competentissima nella materia, le adottò nella sua 
marina di guerra e di commercio, prova la fiducia che si pone 
nell'avvenire di questo motore. Non sono ancora quindici anni 
da che il Parsons adattò. nel 1894 il suo trovato a una piccola 
torpediniera, appunto perciò chiamata Turbhiia, e poco dopo a 
due altre, la Yiper e la Cobra, sempre di piccola portata, che 
sotto queir impulso filavano fino a sessanta chilometri all' ora. 
Dopo quei primi saggi quasi ogni anno si vennero moltipli- 
cando le applicazioni a navi di dimensioni sempre maggiori 
fino al Dreadnought, la più formidabile delle corazzate che esi- 



206 SCIENZE NATURALI - NAVI E NAVIGAZIONE 

.stano, la cui comparsa da due anni ha provocato tante discus- 
sioni e minaccia un nuovo orientamento navale in Europa. 

Mentre però si veniva già usando a fidanza del nuovo mo- 
Inre, non si smetteva di studiarlo sagacemente, indagandone le 
|H*uprietà e i difetti. E perchè le prove fossero più palpabili e 
<lì mostrati ve, parecchie Compagnie si assunsero di costrurre 
t< rie coppie di piroscafi in tutto simili fuorché nel motore, 
ailoperando per uno la macchina a stantufo, per l'altro la tur- 
hìim Parsons, sicché il consumo e la produzione della prima ser- 
\ isse di riscontro alla produzione e al consumo della seconda. 
Cobi la Società del Midland Railway fece varare quattro piro- 
st-afl, V Antrim, il Donegal, il Londonderry e il Manxman di 
|iiiri lunghezza — 100 metri — di pari larghezza — metri 12,84 
— con uguali caldaie e altrettanti fornelli, ma nel!' Antrim e 
nel Donegal due macchine a stantufo, e negli altri invece una 
iurbina ad alta e due a bassa pressione per ciascuno. — La 
('.unard medesima per ottenere lo stesso scopo costrusse due 
iltii suoi più bei vapori transatlantici il Caronia e il Carmania 
ili !207 metri di lungo e :i2 di largo, circa 30.000 tonnellate, 
^rlOOO cavalli vapore, al primo lo stantufo, la turbina al secondo. 
1^ di sommo rilievo per il progresso tecnico e industriale della 
t marineria il seguire, quasi direi giorno per giorno, l'andamento e 
1 (isito parallelo di queste coppie prese ad esame; e dalle osserva- 
zioni dei giornali di bordo vennero già ricavate e presentate all'I- 
^Ututo degli ingegneri navali di Londra parecchie conclusioni 
a conferma di quanto abbiamo già notato più sopra dei van- 
taggi economici che procura l'uso delle turbine ad alte velocità. 
A?^pettiamo che il tempo e l'esperienza dicano anche qui « l'ul- 
lima parola ». Finc^a però é comune avviso degli esperti che 
isì turbina non isloggerà del tutto la rivale già scoronata, ma 
le due macchine avranno due distinte sfere di azione, secondo 
il vario profitto che da loro si intenda ricavare. 



RIVISTA DELLA STAMPA 



L 
Rassegna Artistica. 



1. A. Venturi. La pittura italiana del trecento. — 2. W. Rothes. La 
Madonna neWarte. — 3. Kempf ASchuster. La cattedrale di Friburgo 
in Brisgovia, — 4. F. Geiues. Le vetriere dipinte delta medesima oat" 
tedrale. — Panicoxi. Il monumento del card, de liraye in Orvieto, 

1. Diamo principio a questa rassegna coi quinto volume 
deUa Storia delFarte italiana, arditamente intrapresa dal pro- 
fessor Adolfo Venturi e condotta rapidamente innanzi con cre- 
scente favore degli studiosi *. Sono 1100 pagine incirca, occu- 
pale in buona parte dalle 818 incisioni, che illustrano la pit- 
tura italiana del trecento, lo splendido mattino dell'aile nostra. 
L'insolita ricchezza di materiali, adunati dalla rara conoscenza 
che il Venturi ha dei prodotti artistici del suolo italiano, fa di 
questi suoi volumi degli strumenti preziosi di studio, anzi in- 
dispensabili anche a coloro che avessero ragioni da dissentire 
in qualche giudizio dell'autore o neirattribuzione di alcuna tra le 
opere esaminate. In ogni caso è grande benemerenza aver messo 
alla mano di tutti tanti monumenti poco conosciuti o per la 
difficoltà dell'accesso, o perchè le riproduzioni fotografiche non 
sono in commercio o per somiglianti impedimenti. Ecco per es. 
gli affreschi scoperti nel 1904 a s. Maria Maggiore, riprodotti in 
eccellenti fotografle del Sansaini ; indi i disegni del codice Bar- 
berìniano lat. 4006 della Vaticana, che ci hanno conservata me- 
moria di alcuni affreschi dell'antico s. Paolo; poi quelli del 
codice manoscritto di Jacopo Grimaldi (Barb. XXXIV, 60) che 
ritraggono varii dipinti del quadriportico di s. Pietro esistenti 
ancora nel secolo XVII. Questi ultimi sono fotografati dal Gar- 
gioUi, che ha per tutto il volume una dovizia delle sue egregie 
riproduzioni, come gli affreschi di Grottaferrata, di s. Ce- 
cilia, di Subiaco, di s. Maria Donna Regina a Napoli, di As- 
si.si, di Tolentino, i mosaici del battistero di Firenze. Uniti 

* A Venturi. Storia dell'arte italiana, V. La pittura dei trecento e 
le sue origini. Milano, Hoepli, 1907, p. XXXl-1093. L. 30. 



RASSEGNA 

ai disegni deirUfficio regionale de' monumenti di Firenze, qui 
cppportunamente pubblicali dal Venturi, i detti mosaici escono 
forse la prima volta dalla penombra della cupola, dove stanno da 
secoli non so se esposti o nascosti alla vista del mondo, e dove ri- 
masero nove anni mascherati dall'impalcature di restauri final- 
mente terminati. Tale è la sorte d' un' infinità d' altre pitture, dei 
minuti particolari massimamente, che molto meglio si studiano 
sulle fedeli riproduzioni fotografiche, anziché nei loro inaccessi- 
bili domicilii; e nel presente volume ne ricorro una gran copia. 

Siffatto intento veramente scientifico muove il Venturi a rin- 
tracciare e riprodurre i frammenti delle nostre cose belle sparsi 
per le gallerie d'Europa e custoditi a grande onore, per es. le 
formelle della pala d'altare dipinta a Siena da Duccio di Buo- 
nìnsegna. Ora, che bel compimento a tale diligenza sarebbe 
siato uno schizzo di ricostruzione, fosse pure in forma sche- 
matica, di quest'opera famosa I 

Quanto all'illustrazione, se le fotografie summentovate e 
quelle dell'Anderson, dell' Alinari, del Braun, dell'Hanfstangel, 
del Lombardi e d'altri, hanno fornito degli eccellenti originali, 
la fattura della zincotlpia è buona in generale, ottima in non 
jioche figure, mediocre in alcune. perchè l'editore non si ri- 
solve a volerla assolutamente inappuntabile in tutte senza dis- 
fi azione? Perchè non esigere dal Danesi che in non pochi casi 
adoperi un retino più fitto, e non istorpi certi quadri dove 
la piccolezza delle figure richiede già essa di per sé un tratta- 
mento più delicato? Si direbbe, per esempio, che le famose 
allegorie, dipinte nella crociera della basilica inferiore d'As- 
sisi, sièno state trattate da mano matrigna. Eppure qui ap- 
punto si richiedeva maggiore nitidezza per riscontrare gli ar- 
gomenti e i confronti onde il Venturi s'adopera di spodestare 
(fiotto dai diritti d'autore su quei dipinti, e sugli altri del- 
rinfanzia di Cristo, dei miracoli di s. Francesco, della Crocifis- 
sione. La critica, finora, non sembra disposta di accettare tali 
ronclusioni, eccetto forse per una delle quattro vele, cioè il 
trionfo di S. Francesco; troppo incerto essendo, nella man- 
canza di documenti scritti, il procedere per via di puri raffronti, 
<'he finora si dimostrarono insuflBcienti persino a definire se 
quegli affreschi sieno anteriori o posteriori a quelli dell'Arena 
in Padova. Ma, dopo tutto, nel volume del Venturi la pittura 
italiana del trecento ha oggi la sua storia più accreditata, con- 
giunta alla più ricca galleria de' suoi monumenti. 



" ARTISTICA 209 

2. Le varie monografie artistiche sulla Madonna, pubblicate 
in questi ultimi anni non hanno punto esaurito il vasto arjyo- 
mento. Quella del Venturi infatti (Milano 1900) non esce d'Italia 
né oltre il secolo XVI; e quella del Muftoz (Firenze 1905), seb- 
bene abbracci nella sua limpida brevità maggior campo e non 
escluda le scuole straniere, nondimeno rispetto a queste special- 
mente riesce sempre troppo succinta. Eppure si tratta d' un ar- 
gomento che non ha cessato d'occupare l'animo degli artisti 
d'ogni tempo e d'ogni paese. Rimaneva adunque ancora luogo 
ad altre rassegne, a quella per es. del Rothes *, che in un vo- 
lume di poche pagine ha condensata una ingente quantità di 
materia. Essa dimostra subito il suo intento internazionale col 
portare in capo all' elegante volume rinarri vata Concezione del 
Murillo. Il simpatico pittore dell'Immacolata ha meritamente 
larga parte in questa galleria, come larga la prendono pure Alberto 
Durer, il Lochnor, il Craaach sen., e oltre i nostri maestri italiani 
più famosi, molti alemanni e fiamminghi, anche moderni, delle 
scuole dei Nazareni e di Dusseldorf o di Monaco: Overbeck, 
Steinle, Fuhrich, Schrandolf, Deger, Carlo Muller, Ittenbach, 
Sichel, Sinkel, ecc. tutti nomi che non possono assolutamente 
essere passati sotto silenzio, mentre rappresentano tanta parte 
nella storia dell'arte religiosa del secolo XIX. 

Potrei fare un appunto al Rothes d'aver lasciato da parte le 
stupende rappresentazioni di Maria che gli potevano fornire le seol- 
ture delle grandi cattedrali gotiche, s' egli si fosse proposto di 
fare un'inconografia storica compiuta. Tuttavia anche per modo di 
saggio, r Vnnunciazione e la Visitazione d'.Amiens, l'Incorona- 
zione di Parigi, la morte di Maria di Strasburgo, e qualche altro 
esempio ancx)ra, potevano prendere posto molto opportunamente, 
e servire appunto all'intento espresso nella prefazione, di riu- 
scire utile anche ai giovani artisti. Avrebbero questi tanto da 
imparare a quelle fonti scaturite da un'età cosi profondamente 
cristiana I 

L'autore non entra in disquisizioni critiche; tuttavia oc- 
correndogli alcuna volta qualche accenno, è naturale che 
si desti nel lettore il desiderio di piena luce. Perchè non ripor- 
tare la figura dell'Incoronazione rappresentata sul vaso di bronzo 
nel museo provinciale d'Hannover, allegato già dal Kraus e qui 

• Walter Rothes Dr. Phil. Die Madonna in ikrer Verherrlichunf/ durch 
die bildend» Kunst Koln a. Rh. J. P. Bachem (a. d.), 8«, XV-160 p. con 
119 flg. e 10 tav. M. 5. leg. 

1908, voi. 1, fase. 1382. U 11 gennaio 1908, 



210 RASSEGNA 

rammentato a p. 148, riferendo pure le ragioni che lo fanno 
■cosi in confuso ascrivere al secolo XI o al XII al più ? Forsechè 
verrebbe a scuotere l'opinione che la più antica Incoronazione fin 
ora conosciuta sia quella scolpita sul cancello del coro (Lettner, 
jubé) della campestre chiesetta di Vezzolano in Piemonte, che 
porta la data esplicita del 1189? Noterò ancora che il mosaico 
di s. Maria in Trastevere, non raflSgura Tatto stesso dell'inco- 
ronazione, bensì Maria già coronata, sedente accanto al Figlio; e 
quello di s. Maria Maggiore non si può annoverare tra i più anti- 
chi esempi essendo del 1295, mentre alla cattedrale di Parigi se 
ne vede una del 1210, e ad Amiens un'altra del 1225 incirca, e 
altri altrove. 

Ma se il caldo affetto, onde è scritto questo volume, sosterrà 
l'autore nell'ardua fatica di ampliarlo, svolgendo la grande copia 
di materia condensata, illustrando molte opere antiche e mo- 
derne di altre nazioni appena enumerale, scegliendo nuove fi- 
gure, riducendone altre a minori dimensioni, egli potrà darci 
l'iconografia della Madonna più completa e meglio intesa di 
quelle fin qui pubblicate. 11 primo saggio promette bene. 

3. Una veneranda cattedrale, che conserva i lineamenti delle 
diverse età del suo accrescimento, che possiede la più perfetta 
torre gotica di tutta l'Allemagna, che contiene scolture, dipinti 
e vetriere di gran valore: il glorioso Miinater di Friburgo in 
Brisgovia, era stato già oggetto di dotte e suntuose pubblica- 
zioni, ma aspettava sempre una monografia meno costosa e 
non meno sicura, che portasse alla mano di tutti le eru- 
dite conclusioni dei solenni volumi in folio. Oggi v'hanno 
provveduto l'architetto del duomo stesso, Federico Kempf, e 
il pittore Carlo Schuster con un volumetto maneggevole, gen- 
tile come l'arte che deve illustrare *. Dell'insigne monumento, 
fatto e rifatto e ampliato, non s' hanno memorie scritte anteriori 
al 1301, quando già il coro romanico, la navata gotica e la 
grande torre di facciata erano compite nelle parti essenziali ; 
sicché volendo rimontare più addietro nelle date, forza è ricor- 
rere ai criteri intrinseci, all'analogia col duomo di Basilea, con 
la chiesa abaziale di s. Ursanne nel Giura bernese, col duomo 
di Strasburgo. Cotali riscontri insieme con gli avanzi antichi 
hanno guidate le sapienti ricostruzioni, che in nitidi disegni 

^ Dos Freiburger Mùnster. Ein Ftthrer fOr Einheimische und Fremde 
von Friedrich Kbmpf, MUnsterarchitekt, und Karl Schuster, Kunstmaler. 
Mit 93 B.ldern. 12«(VIII n. 232) Freiburg i. Br. 1906, Herder Af. 3 leg. 



ARTISTICA 211 

ci fanno passare dinanzi il graduale trasformarsi della navata, 
della crociera, delle torrette ottagone, del coro. Le piante della 
torre maggiore, prese a differenti livelli, ci danno modo di stu- 
diarne la poderosa struttura e l'ingegnoso passaggio dal qua- 
drato all'ottagono, che s'innalza sempre più leggero, levando 
a 116 metri la stupenda cuspide traforata. Notissima è l'ico- 
nografia del portico che s'apre all'entrata sotto la torre; no- 
tevoli non poche delle statue allogate in vari punti della chiesa 
o nei tabernacoli su pei contrafiforti ; in alcune anzi non si sten- 
terebbe a riconoscere l'influenza della statuaria francese, di 
Reims in particolare, per es. nella Madonna e nell'angelo a 
p. 116 e 117, come nel grazioso S. Giorgio della p. 50. Forse 
i Freiburger Alunsterbldtter accoglieranno un giorno nuovi do- 
cumenti, che vengano a restituire i loro diritti storici a tanti 
anonimi, le cui opere belle figurano oggi accanto ai dipinti di 
Hans Baldung, dei due Holbein, del Cranach sen. ecc. Intanto 
quivi appunto, disotto la magnifica fabbrica che s'aderge tra 
i fronzuti colli della Selva Nera, il solerte editore che è l' onore 
della libreria cattolica tedesca, ha reso al monumento patrio 
l'omaggio d'un gioiello letterario circondato della più squisita 
eleganza tipografica. 

4. Prima di lasciare la cattedrale di Friburgo, ci vogliamo 
soffermare un momento dinanzi alle sue vetriere dipinte, insigni 
tra le opere consimili in Germania, dalle quali il prof. Geiges 
trae occasione ed esempi per illustrare tutta l'arte della pit- 
tura su vetro, e di dare in succinto una storia tecnica di que- 
st'incomparabile ornamento delle grandi chiese medievali. Il suo 
studio veramente è intitolato dal duomo di Friburgo in partico- 
lare *, ma quel tanto che finora è pubblicato non si restringe 
a questo solo monumento, anzi spazia più largamente assai, 
ricorrendo all'altre chiese di Germania e massime di Francia, 
come già avevamo notato per conto delle due prime dispense *. 
Nella terza, che frattanto è sopraggiunta, egli continua l'interes- 
sante argomento, entrando a trattare degli effetti della luce, che 
qui lavora per trasparenza, dei pochi colori adoperati dai pittori 
vetrarii, dei loro contrasti, degli effetti di diffusione e delle 

' Fritz Geiobs, Der alte Fensterschmuck des Freiburger Mùnsters, 
Ein Beitrag zar dessen Kenntniss und Wtirdigung. I. Teil 13 u. 14. Jahr- 
hnodert, 3 Lief. mìt 87 Abbild. u. 1 Taf. in Farbendruck. Freiburg i. Br. 
Herder. — M. 5. 

« V. 1904 voi. 4 p. 721. 



212 RASSEGNA 

conseguenti modificazioni che necessariamente bisogna intro- 
durre nel disegno, dell'influenza delle commettiture in piombo: 
tutti punti oggi studiati e ammirati negli antichi dipinti, seb- 
bene non consti nettamente se gli artisti del medio evo ne fos- 
sero veramente consapevoli, ovvero ci si dovessero adattare in 
foi-za delle molte diflBcoltà e dei legami imposti dagli stessi ma- 
teriali. Certo è però che tra quelle pastoie, essi seppero maneg- 
giarsi con rara destrezza e ingegnarsi d'ottenere il supremo in- 
canto dei colori. 

La descrizione tecnica e storica della lavorazione del vetro, 
il taglio delle lastre col ferro rovente, il disegno dei modelli, 
lo smalto nero da dipingere e la dipintura stessa, indi la cot- 
tura, l'impiombare e serrare tutta l'opera nei telai di ferro o 
di legno, formano una quantità di notizie interessanti, cui s'ag- 
giungono, riunite insieme in fondo ai capitoli, delle note im- 
portanti, piene d'ei-udizioue, con una copia di belle figure rica- 
vate da rilievi originali o anche da opere rare, che vengono a 
concorrere in un prezioso capitolo di storia delle arti industriali. 

5. La città d'Orvieto possiede nella tomba del cardinale Gu- 
glielmo de Braye, francese, ivi morto nel 1282, un monumento 
che oltre all'essere un'opera autentica di x^rnolfo di Cambio, 
ha un alto valore artistico in se medesimo. Ivi apparisce la 
nuova idea di collocare la figura del defunto su di un letto 
funerario sovrapposto al sarcofago stesso, e velato di cortine, 
che due belle figure aprono riverentemente ; mentre su tutto il 
monumento è una grande ricchezza di policromia, distribuita 
in lucidi mosaici cosmateschi sulle formelle del basamento, su 
per le colonnine tortili e su su fino al trono della Vergine, che 
sormonta ogni cosa. Ma tutta quest' architettura delicata nel 
trasporto del monumento avvenuto nel secolo XVII fu scom- 
paginata e poi ricomposta alia meglio, perdendosi e disperden- 
dosi varii pezzi, alcuni dei quali oggi si conservano al museo 
deirOpera. Tentare di restituirne la disposizione primitiva, iso- 
lando la cella funeraria, rifacendo l'edicola della Madonna, 
rimettendo il tutto sotto un grande ciborio a sest'> acuto, uti- 
lizzando i frammenti esistenti e argomentando dai cibori consi- 
mili di AiTiolfo a s. Paolo e a s. Cecilia in Roma, ecc. questo è l'ac- 
curato e interessante studio dell'egregio ing. Paniconi *, libero 

* Ing. Enrico Paniconi. Monumento al cardinale Gtiglielmo de Bray 
nslla chiesa di S, Domenico in Orvieto, Rilievo e studio di ricostruzione. 
Roma, 1906, in fol« p. 14, tav. 25. 



ARTISTICA 213 

docente d'architettura tecnica alla scuola degl'ingegneri in Roma, 
li quaJe, colle grandi tavole del disegno complessivo e coi par- 
ticolari minutamente disegnati al vero, fornirebbe gli elementi 
occorrenti a rendere ad Arnolfo tutto l'onore dell'opera sua, se 
mai si ponesse mano ad un restauro effettivo; e in ogni caso 
presenterebbe agli amatori dell'aile il modello d'un monumento 
funebre o con Ingerì ritocchi anche d'un altare, che oggi sa- 
rebbe una felice rievocazione delle più belle tradizioni italiane. 



IL 

Di Caterina Volpicelli 

istitutrice delle axgelle del s. cuore. 

(1839-1894). 

A sentire certuni si direbbe de' santi quel che dei poeti, che 
cioè santi si nasce, non si diviene. E l'opinione tanto più vo- 
lentieri s'insinua, quanto è più ricca di lusinghe per tutti, mas- 
sime pei tanti tepidi amici della virtù, cui niente meglio sorride 
come il poter fare della virtù medesima un privilegio solo di 
pochi, nati sotto propizia stella. 

Ma il fatto è che il virtuoso sentiero è in santi aspro e forte 
come a tutti gli altri mortali. La santità è eroismo, e l'eroismo 
non si dà senza asprezze e lotte da eroi. Solo che i santi l'eroismo 
lo fanno, non l'ostentano, e questo fa pensar di loro quel che 
non è. Ma S. Ambrogio che se ne intendeva ebbe tutt' altra 
opinione e scrisse che i santi non furono « di più insigne 
natura, ina di più osservanti costumi, che non ignorarono i 
vizi, ma li corressero ». Questo sì che fu loro privilegio, 
privilegio di sapersi vincere e di sapersi guidare: privilegio 
quindi non di natura inconsapevolmente portata al bene, ma 
di volontà risolutamente e faticosamente lottatrice pel bene. 
Paà8i pur dunque l'equivoco quando si tratti di quelli tra i 
santi-, in cui uiia sti'aordinaria precocità di portenti fa quasi 
scomparir l'uomo dietro i carismi del soprannaturale, ma l'equi- 
voco non è più possibile rispetto ai tanti altri in cui la santità 
pare che conquisti a palmo a palmo U suo terreno e, pur splen- 
dida come il sole, col passo graduale del sole cresce e s'innalza 
e non arriva al meriggio se non cominciando dall'alba. 

Ecco la donna mirabile che dà il nome a queste pagine. 



214 DI CATERJNA VOLPIGELLl 

Fu donna santa, ma d'una santità che non parve davvero 
nata con lei, né infusa per vie straordinarie e tra vicende 
portentose. Fu una santità che ella si lavorò colle sue mani 
lentamente e laboriosamente, per il sentiero comune degli ordi- 
nari doveri, salendo sempre sì, ma un passo dopo l'altro, e in un 
tenor di vita all'apparenza così semplice che la sua storia po- 
trebbe essere quella di molte altre anime. Semplicità però non 
vuol dir facilità, e se fu semplice la vita della Volpicelii, non 
fu semplice e scarso il merito, e il valore delle sue virtù : basta 
sfogliare qualche pagina della sua storia *. Ma c'è di buono che la 
semplicità se non altro ha le apparenze della facilità, e questo 
è un vantaggio, perchè così gli esempi virtuosi non sbigotti- 
scono la nostra pochezza, ma l'allettano e l'incoraggiano. 



* 



Innocente e buona sempre, non andò scevra, giovanetta, dalle 
tendenze proprie del sesso e dell'età. Fu vana, fu orgogliosa, 
amò il mondo con lo slancio di fanciulla dagli spiriti ardenti, di 
buona società, di ricco censo, e di pregi di avvenenza, di brio, 
e di coltura. Soprattutto era di una calda sensibilità di affetto, 
che volto poi a più nobil segno, fu la molla possente della 
sua ascensione. Ma ora non vagheggiava che le nozze. 

Ella, benché gelosissima del suo abbigliamento, sempre vaga 
di far bella pompa di sé, tuttavia le sue cure non le esauriva fra 
i fronzoli della toletta. Apprezzava gli ornamenti del corpo, ma 
non sì che non tenesse in gran conto quelli dello spirito. E la 
prontezza e la perspicacia dell' ingegno sortito da natura, gliene 
agevolavano il modo, e gliene accrebbe il desiderio la guida 
illuminata d'un famoso maestro Leopoldo Rodino, della scuola 
del Puoti. Sotto la cui guida imparò a gustare le gioie serene 
dell'arte letteraria e in particolare della poesia dantesca, non 
senza una qualche predilezione per studii filologici e di critica. 

Quell'amore allo studio, accanto alle frascherie della vanità, 
rivelavano in Caterina un fondo di assennatezza, e questa già 
dava da sperare. Dicemmo quale fosse, in quegli anni verdi, il 
suo anelito più vivo. Ora avvenne che anche per le abitudini 
riflessive, favorite dall'applicazione allo studio, dovette forse, a 
lungo andare, ripiegarsi su se medesima. Interrogò meglio le 

^ Sac. Michele Ietti. Di Caterina Volpicelii, Istitutrice delle AnceUe 
del S. Cuore, libri tre, Napoli, tip. D'Auria. 



' ISTITDTRIGE DELLE ANCELLE DEL S. CUORE 215 

sue aspirazioni, gl'innati istinti di grandezza che la frugava, e 
si domandò se al suo cuore anelante non vi fosse, fuori delle 
cose mondane, un oggetto ben più alto, e più degno. E la ri- 
sposta il cuore suo medesimo non gliela fece attendere. 

La fiamma della pietà cristiana che, pur languida, ardeva 
sempre in quell'anima cristianamente allevata e cristianamente 
affrancata, a quell'intimo eccitamento, si ridestò, dette dei guizzi 
e il lume vivo agevolò la risoluzione e la risposta: si quel- 
l'oggetto più degno vi era, oh! se vi eral Ed ecco spuntar al 
suo sguardo quell'ideale divino, verso cui presto si orientò, 
come fiore verso il sole nascente, tutta la vita di lei. 

Ma ora, pur felice di vagheggiarlo, lo teme. Non per nulla vi 
sono le seduzioni del mondo, le lusinghe delle gioie umane, e Ca- 
terina si sente sempre donna. La nuova luce che rischiara la 
sua coscienza ne ritempra le energie e i propositi, ma non 
recide d'un colpo le ripugnanze della natura. E Caterina lo 
sente, e tergiversa, e piange, e vuole e disvuole e mostra che 
l'uomo vecchio, nonostante tutto, sta giù sempre vivo nel 
fondo della oscura argilla umana, e pigro e ostinato non vuol 
saperne di venire a patti. Fortunatamente non è debolezza sentir 
gli ostacoli, che, alle anime forti anzi sono stimolo ad ambirne 
con più ardore la vittoria. 

E così Caterina attratta dall'ideale che sempre più vivo le 
sorrideva dall'alto, non si sbigotti, non si stancò. Versando san- 
gue e lasciando brandelli d'anima fra le asprezze d'una intema 
angosciosa lotta, proseguì intrepida e non s'arrestò se non quando 
con mano avida e convulsa giunse a stringere la palma vitto- 
riosa. Da quel giorno, sgombrate le nebbie, risplendette sul suo 
sentiero limpida e sovrana la nuova looe, che fu la luce di tutta 
la sua vita, il Cuor di Gesù I 

Non si creda però che per rispondere a questi nuovi ed alti 
propositi ella si ritenesse in obbligo di rinftegare la terra e la 
vita, fissa era cristiana e il cristianesimo non rinnega nulla, 
salvo il male e l'errore: tutto il resto, anche puramente umano^ 
riconosce e consacra. Che se in nome d'esso talora si rinunzi 
ai beni e alle gioie legittime della vita, come si fa da tante 
aaime generose, ciò non è per deprimere o immiserir la vita, 
ma per renderla più perfetta e più feconda, proprio come l'agri- 
coltore che pota la pianta, non per distruggerla o isterilirla, 
ma per crescerne bellezza e frutto. Del resto il cristianesimo è 
una pianta vigorosa che può fiorire e fiorisce lussureggiante 



216 DI CATERINA VOLPICELLI 

sotto Ogni clima, nel terreno vergine e solingo del chiostro, come 
nei campi aperti e battuti della vita del mondo. 

Caterina non credette di mutar nulla al suo esterno tenor 
di vita. Circostanze di famiglia e convenienze ragionevolissime 
non le permisero di appartarsi subito dal mondo e vi rimase. 
E iu questo anzi uno dei più bei tratti della sua vita. 

Eia radicalmente un'altra di dentro, e di fuori appariva la 
atei^iHa. Nel brio, nella cortesia, nel conversare, alle feste, al tea- 
tro, ai passeggio, nessuno avrebbe mai sospettato che sotto 
It^ t^l>oglie del mondo si celasse una Caterina che ben potea 
flirti di Gesù. Solo il suo sguardo tradiva talvolta i suoi nuovi 
pensieri: uno sguardo contemplativo e trasognato come di ehi 
taglieggia un misterioso oggetto. 

^\ii anche allora, si era così lontani dal dare la giusta in- 
tf ijìivtazione a quella singolarità di contegno, che piuttosto ci 
^i inendeva motivo per deduzioni a rovescio e con accenni 
e sorrisi si celiava sul senso, creduto mondano, di quegli 
iìj^tjaidi appassionati. Buon per noi che le dissimulazioni, vo- 
loiilarie o no, non traggono mai in inganno l'occhio di Dio; 
« i\m questo pensiero, Caterina sollecita solo del buon giudizio 
divino, seguitava nel suo tenore, che un giorno meglio giudi- 
cato anche dagli uomini tornerà a nuovo titolo di merito per 
lei. Sotto le spoglie mondane viveva da sposa di Cristo e negli 
ornamenti stessi delle vesti e dei gioielli metteva ytimoli e ri- 
chiami per stringersi meglio a Lui. 

\'Ì8se così qualche anno e finalmente potè lasciare la casa 
padana. Da una parte vuoto il cuore da ogni affetto di terra, 
dì ?7if^iitiva tratta ognor di più verso Iddio e non palpitava che 
tl*urj unico supremo desio, l'onore e la gloria del Cuore di Gesù. 
Duiraltro gliene dava stimolo il vivo schianto che provò per la 
morie improvvisa della madre, e le angustie dolorosissime di 
ipirilo, in cui l'anima si dibattette per anni. Era vissuta fin qui 
eunic colomba fuori del nido. Non sapeva più stare alle mosse 
** spiccò il suo volo. 

Siamo al tratto più lungo e più fecondo della sua vita, la 
?ita di religiosa e fondatrice. A noi basterà riassumere suc- 
fiu la mente. 



Non conlenta di dedicare se stessa all'amore di Dio e al- 
rapoi!jtolato, volle con sé una schiera di vergini sorelle, e sta- 



ISTlTaTRIGB DELLE ANCELLE DEL S. CUORE 217 

bili il SUO nido su d'un'amena e tranquilla contrada della 
cHtàdi Napoli, detta la « Salute », che, d'allora divenne il centro 
irradiatore di salute di tante anime. Istituì prima Topera del- 
< l'Adorazione riparatrice e del sovvenimento delle Chiese po- 
vere » e poi la Congregazione dell' < Ancelle del S. Cuore ». 

Non è u dire se al prospero incremento dell'una e dell'altra 
si dedicasse con tutta l'anima. L'intelligenza» l'attività, l'ardore, 
della prima giovinezza spensierata, qui al lume del nuovo ideale 
si ritemprano e si dirigono a uno scopo ben più alto. Gli studii 
fatti, il gusto delle belle arti pone ugualmente a profitto : so- 
prattutto nella delicata e ardente sensibilità dell'animo attinge 
un tesoro di tenerezza materna per la sua nuova e spirituale 
famiglia. Sente molto la bellezza dell'arte e della natura e se 
ne giova per sé e per le altre al culto e all'amore di Colui che 
è fonte d'ogni bellezza. 

Ma più si esalta nella bellezza morale della virtù. Fin da 
quando uscita dalle ombre crepuscolari del suo spirito moveva 
i primi passi sul sentiero luminoso dell'intera giustizia, provò 
un fascino di cui lasciò scritto nelle sue <^ Memorie » così : « Una 
luce divina sfolgoreggiava e stenebrava il mio spirito. Il mondo 
mi compariva, quale è, torbido, vile, noioso ed abbominevole; le 
virtù evangeliche mi si presentavano belle e sublimi in un modo, 
non saprei come dire, spiritualmente seasìbile, sicché vagheg- 
giandole, aspiravo al loro acquisto. > 

E che non fosse un sentimentalismo ascetico, altrettanto va- 
poroso che instabile, lo mostrò ben presto : coU'ardore cioè e la 
costanza onde si mise a battere il nuovo sentiero fatto di amore 
e di dolore e coU'operosità indefessa della sua vita apostolica. 

Nella sua anima d' idealista anelante alle bellezze superne 
della santità e colla nausea che provava per la terra e pel 
mondo, niente poteva sembrarle più ovvio e spontaneo che rin- 
chiudersi fra le pareti impenetrabili d'un chiostro di clausura 
e vivervi come stelo solitario in valle romita, volto e fisso 
all'infinita serenità dei cieli. E questo era stato infatti il lungo 
desiderio del suo spirito. Ma vide che ai nostri tempi non basta 
esser buoni per sé ; che la nostra fede vuol essere militante per 
combattere i cresciuti avversari della Chiesa. Che come dalla natura 
ci vien l'obbligo di viver nel mondo non solo per noi, ma come 
dice Platone, e meglio di lui. Gesù Cristo, per i genitori e i con- 
giunti, per gli amici, la patria, i poveri, che è quanto dire per 
tutti coloro coi quali viviamo e che hanno bisogno di noi ; così 



218 DI CATERINA VOLPiCELLI 

molto più quest'obbligo ci viene dallo spirito cristiano nel campo 
dell'attività morale e spirituale. E non ci volle altro perchè ella 
si regolasse con questi larghi criteri e v' informasse il suo zelo 
di religiosa e di fondatrice. Colla stessa sua esperienza aveva 
imparato a conoscere quanto poco alligni la virtù nel mondo 
e allignata che vi sia, dì quanti aiuti abbia bisogno e fra quanti 
disagi viva, fatta segno all'indifferenza e al dispregio, alle in- 
sidie dei più. Ebbene appunto qui ella rivolge le sue mire: a 
seminare e coltivare il fiore di virtù sul terreno incolto del 
secolo. 

A questo scopo, oltre tutto un complesso di regole, non volle 
prescrivere altr'abito alle sue figlie religiose da quello ordinario 
d'ogni donna; e dei tre gradi che formano la Congregazione 
delle Ancelle, quelle del secondo e terzo non soa tenute neppur a 
vivere in comunità, ma con certe cautele, restano a diflFondere il 
buon odore di Cristo nel seno delle rispettive famiglie. E a tale 
prescrizione ella attribuiva tanto più valore in quanto sapeva 
di aver per sé, fra gli altri, l'esplicito voto del Card. Monaco e 
del Card. Mazzella. Sicché sul letto delle agonie fra l'ultime solenni 
raccomandazioni che lasciò alle figlie, la prima fu questa dell'abito 
secolare. Un vestire positivo ma decoroso secondo le varie persone 
e i luoghi e i tempi, senza di che le Ancelle — diceva — sareb- 
bero riconosciute e non potrebbero fare il bene in mezzo alla 
società. 

Ma la fonte di tutto il bene che ella desiderava e si pro- 
poneva era sempre il Cuore di Gesù, sole di verità e di a- 
more, attorno a cui l'anima di lei, come stella fiammeggiante, 
rotava di continuo nell'ardore di una fede e di una carità sempre 
più accesa. 

E così nel tristo secolo che fu suo, ricco di rivoluzioni po- 
litiche e sociali, offuscato dall'ombre fredde dell'irreligione e 
della licenza, colla Chiesa desolata, coi suoi ministri persegui- 
tati da leggi ostili, ella passò come mite visione, confortando 
coir esempio, stimolando coU'opere e diffondendo intomo a sé 
luce di amore e di virtù. Peccato che il suo pellegrinaggio 
mortale si restrinse fra due brevi termini. Nata nel gennaio 
del 1839 mancò ai vivi il decembre del 1894. Ma i 55 anni 
di età s'intensificarono di meriti e bastarono perchè lasciasse 
dietro a sé un'eredità di esempi e di affetti che non si dilegue - 
ranno col tempo. 



ISTITUTRIGE DELLE ANCELLE DEL S. CUORE 219 

Un martedì dello scorso ottobre gli avanzi mortali di questa 
donna ammirabile dal cimitero di Napoli furono trasportati al 
Santuario del Sacro Cuore da lei fatto erigere alla Salute, centro 
della sua attività apostolica, e quel giorno medesimo vedea la 
luce il terzo ed ultimo volume della vita di Lei, dettata dal 
l'illustre sacerdote napoletano Michele letti. Son queste due 
circostanze che ci fornirono Toccasione di dettare questi brevis- 
simi cenni su Caterina Volpicelli. 



]BI]Br^IOOK^A.F^lfA. 



LA VITA RELIGIOSA. — Rivista 
Firenze, 1908, 8, 64 p. 
« La Vita religiosa è una pub- 
blicazione creata da alcuni redattori 
deUa cessata rivista di Studi Re- 
ligiosi, col proposito di continuarne 
Uberamente e fedelmente il program- 
ma *. Però essa « apparisce in mo- 
desta apparenza ». E perchè? Anzi- 
tutto perchè si vuol lasciare ai lettori 
« campo Ubero e mezzi per associarsi 
anche ad altre riviste ». A p. 63, tra 
le migUori riviste straniere « ed 
eventualmente più utili ai nostri 
associati », si propongono e racco- 
mandano « come eccellenti sotto ogni 
rapporto » le seguenti : Annales de 
PhiloHophie chrétienne, Revue hi- 
blique. The Hibberi Journal (perio- 
dico anglicano) e Hochlaìtfl; tra le 
italiane « abbiamo nel campo reli- 
gioso cattolico il Rinnovamento e la 
Rivista di Coltura » . Anche la Ras- 
segna nazionale trova grazia, perchè 
« pubblica di frequente buoni articoli 
in questo senso ». E qui si fa punto. 
« Di altre riviste simili di scienze 
religiose, per ragioni facili a capirsi, 
non possiamo tener conto » . Per non 
dir altro, passa ogni limite l'auda- 
cia di proporre pubblicamente ai cat- 
tolici, come rivista degna di calda 



cattolica. Anno I. Fascicolo I. 

raccomandazione, Il Rinnovamen- 
to, su cui pesa la pubblica con- 
danna della S. Sede. L'altra ra- 
gione deir « apparenza modesta » è 
che i redattori « vogliono incarnare 
nella Vita un'Idea precisa ed orga- 
nica » esclusa « ogni retorica », il 
che non sarebbe facile ottenere « di- 
latando lo spazio per gli estranei » . 
La rivista è quindi riservata ad al- 
cuni redattori, quelli « della cessata 
rivista », che cosi si trovano « uniti 
personalmente o per lettera in frater- 
na comunione di fede e di scienza » . La 
chiesuola (ideale e romantica) di Via 
della Vite in Roma avrebbe dunque 
la nuova succursale (reale) a Firenze. 
C'è però una novità. La direzione dei 
cessati Studi religiosi era affidata 
ad un sacerdote ; ora invece « la di- 
rezione della rivista è laica ». Cosi 
credono i suoi promotori di poter 
continuare più « liberamente » e più 
« fedelmente » il loro programma, 
celando la sottana del prete sotto la 
corta giubba del laico, a fine di elu- 
dere r ingerenza dell'autorità eccle- 
siastica e non avere tra' piedi le pa- 
stoie deW Imprimaturf che di fatto 
in questo primo numero non appare. 



220 



BIBLIOGRAFIA 



E non riflettono che cattolici, i quali 
pubblicano una rivista che si dice 
- rattolica » e tratta di studii reli- 
iihysìy sono per ciò solo soggetti alla 
revisione ed all' Imprimatur, e con 
ragione più forte ancora perchè sono 
litici e senza affidamento di serii 
ubidii fllosoflci e teologici. 

Non entriamo nell'esame partico- 



in questo fascicolo. Parecchie cose 
si potrebbero fortemente censurare e 
pel rimanente non sarebbe difficile 
mettere a nudo lo sforzo di una ve- 
lata prudenza, che però fa intendere 
quel che astutamente si tace. Lo 
spirito della pubblicazione non è 
buono, e tanto basti avvertire, perchè 
i cattolici respingano con isdegno la 
nuova insidia. 



Lireggialo degli articoli contenuti 

ih De FERENZY. — Vers l'union dee catholiques de France. Pré- 

face par É. Flourens, ancien ministre des aft'aires étrangères. 

Paris, Bloud, 1907, 16°, 354 p. 

« Quando avremo alzato una diga tere indirizzate all'autore dai più 



iiM)astanza alta per arrestare la fiu- 
mana ascendente della barbarie, al- 
lora potremo riprendere le nostre vec- 
chie discussioni teoretiche». Queste 
parole del sig Flourens, antico mi- 
nistro degli esteri, nella prefazione 
del libro, bastano a chiarire tutta la 
importanza del soggetto in esso trat- 
tato. Il eh. autore si propone appunto 
rolla presente pubblicazione di far 
iiessare le polemiche violente tra i 
tattolici e di ottenere un ravvicina- 
Tnento personale dei capi militanti di 
tutti i partiti e di tutte le scuole, 
nbe portano il nome cattolico, per 
concertare un' azione comune sul ter- 
reno religioso. 

Quindi nella prima parte espone 
le varie opere, istituzioni, comitati, 
leghe e federazioni cattoliche, offrendo 
per ciascuna ragguagli autentici e 
jtórticolarì, che mettono il lettore in 
'Condizione di conoscerne esattamente 
r indole, l'attività e l'importanza. 
Nella seconda parte, dopo alcune let- 



eminenti rappresentanti del movimen- 
to cattolico francese, quale risultato 
della inchiesta da lui condotta sulle 
vie da seguirsi e sui mezzi da ado- 
perarsi per raggiungere la bramata 
fusione delle forze militanti. 

11 eh. autore si mostra sempre 
animato dal desiderio più ardente e 
sincero della concordia, e perciò pro- 
cede verso tutti ì rappresentanti delle 
varie opere cattoliche con grande ri- 
spetto e carità, e chiude il suo libro 
con una esortazione affettuosa all'u- 
nione e alla solidarietà fraterna. Vo- 
glia il Signore concedere presto alla 
Francia questa grazia, da cui dipende 
la sua salvezza ! 

E noi crediamo che ciò avverrà 
quando l' Action liberale, come as- 
sociazione politica, e V Action popiP- 
lairey come istituzione di coltura e 
di propaganda, saranno veramente 
riconosciute e sostenute da tutti l 
cattolici francesi quali istituzioni na- 
zionali e centri generali del movi- 
mento cattolico. 

Vers raction, 2. ed. 



Lere di vescovi, si contengono le let 

P. L. PÉCHENARD, eveque de Soissons 

Paris, Bloud, 1907, 16", VIlI-330 p. 

Sono quattordici discorsi, pronun- studiosa o in occasione di congressi 
eiati dall' illusti'e vescovo di Soissons, e di distribuzione di premii. Gli ar- 
i[iiando era rettore dell'istituto cat- gomenti sono quindi adattati all' u- 
Lolico di Parigi^ dinanzi alla gioventù dienza e all' indole del tempi : la col- 



ATTUALITÀ 



m 



tura intellettuale e la preparazione 
alia rerità, la vita morale e sociale, 
il patriottismo, l'azione sociale dei 
giovani, la scienza; il valore perso- 
nale, le convinzioni, Io studio della 
religione, la coltura della volontà, i 
motivi ài sperare, il magistero di 
Gesù Cristo ; temi questi che vengono 



namento, scioltezza di sviluppo, evi- 
denza ed efficacia di stile, splendore 
imaginoso di locuzione e calore di 
convinzione e di affetto, che sono 
propri! della eloquenza francese, e 
che in mons. Péchenard hanno tro- 
vato un autorevole interprete e uno 
degli esempii più degni di essere 
imitati. 



svolti con quella chiarezza di ragio- 

CH. DUPUIS. — La crise religieuse et T actioa iiitellectuelle des 

catholiques. Paris, Bloud, 1907, 24°, 92 p. 

Il eh. autore si propone in que- sul terreno politico. Seuza negare 
sVopuscolo di animare i cattolici fran- l'importanza e opportunità di un giu- 



cesi a ristorare le gravissime perdite, 
cagionate aUa Chiesa dalla legge di 
separazione e dalla persecuzione gia- 
cobina, eoa un lavoro intenso e ge- 
nerale di azione intellettuale, per la 
riforma religioea e per la conquista 
del popolo, specialmente acconciando 
rinsegnamento della dottrina e la 
divulgazione del pensiero religioso, 
non in quanto alla sostanza, bensì 
in quanto alla forma, alle esigenze 
ed asfnFazioni del tempi moderni. 
Per aver traaeurato tale modernità 
di tattica o di metodo, osserva egli 
che il cattolicismo in Francia fu vinto 
G 



sto lavoro di adattamento alle con- 
dizioni dei tempi, pare a noi tuttavìa 
ch'esso dovrebbe precipuamente con- 
sistere in sospendere tutte le discus- 
sioni accademiche, per riunirsi in- 
torno a un sol centro di azione ge- 
nerale e trovare in primo luogo, 
nella unione e fusione di tutti i mezzi 
materiali e morali, la forza necessa- 
ria per creare una stampa quotidiana 
che sia capace di vincere l'audacia 
rovinosa del giornalismo contrario. 
Senza di che, tutto il resto non fa 
buona presa, e trova difficoltà insor- 



montabili. 

ANDRÉ. Luttes pour la liberté de TÉglise catholique aux Élals- 

uni9. PaHs, Lethielleux, 1907, 16», 114 p. 

Dimostrare ai propri connazionali legislazioni ; e) reciproche cordiali re- 
lazioni della Chiesa col popolo, con 
gli Stati particolari e col Governo cen- 
trale. Non anni, ma più di due se- 
coli durò la lotta; clero e fedeli si 
dettero la mano, pronti così a prender 
Tarmi per la tutela dell'indi pendenza 
della patria, come a stringer la penna 
e alzar la voce per la libertà della 
religione cattolica. Né pochi né de- 
boli eran gli ostacoli ed i nemici da 
vincere: pregiudizi inveterati del pro- 
testantesimo contro il cattolicismo, 
assalti della forza materiale, violenza 
legale, tumulti settarii, insubordi- 
nazione d'alcuni fedeli, ingerenza del 



coir esempio eloquente degli Stati 
Uniti come sì lotti per la conquista 
della libertà religiosa è lo scopo dì 
queste pagine, scritte da chi visse 
per lunghi anni in quelle regioni, in 
mezzo a quella società giganteggiante 
nel Nuovo mondo. Triplice fu ivi la 
vittoria della Chiesa cattolica : a) li- 
bertà rampollante dalla dichiarazione 
ufficiale fatta dal Governo della sua 
incompetenza nelle materie religiose, 
sancita nel primo articolo degli emen- 
damenti alla costituzione del 1789; 
b) rispetto del diritto ecclesiastico 
nelle diverse province e nelle loro 



222 



BIBLIOGRAFIA 



potere laico neirorganizzazione gerar- 
chica. Ma tutto cadde. L' indiano fe- 
roce si prostrò ginocchioni al tumulo 
del martire da lui oppresso; la per- 
secuzione legale sfumò a' raggi del 
patriottismo dei cattolici, tutti d\in 
sol pensiero e d*un sol cuore pel bene 
della novella nazione ; le passioni e 
i moti settarii scemarono davanti alla 
meragliosa fecondità dello zelo de' ve- 
scovi e del clero illuminati dal faro 
del Vaticano, e stretti a Pietro nel- 

A. CHI APPELLI. — Cronologia jB 
nograficke e quadri sinottici per 
cipio delVEra Cristiana ai giorni 
XXXIII, 419, L. 6,50. 
I lavoratori d'archivio sanno 
troppo bene quali incagli nel deter- 
minare le date delle scritture antiche 
provengano dalla diversità dei si- 
stemi usati per l* addietro nel com- 
puto degli anni, dei mesi, dei giorni, 
o dall'uso di ère differenti dalla vol- 
gare. Ora sono allegati i consoli, ora 
gì* imperatori o i re o i papi, quando 
l'èra bizantina, quando la spagnuola, 
l'indizione o l'egira di Maometto, o 
il caleudario giuliano non riformato, 
o lo stile veneto o il fiorentino dal- 
l' Incarnazione, ovvero il pisano o il 
francese. Spesso, specialmente nel 
medioevo, non è assegnato il mese 
né il giorno, ma una festa religiosa, 
la ricorrenza d*un santo, p. e. la 
domenica Està mihi (quinquagesima) 
o Inclina Diìe (XV dopo Penteco- 
ste), ecc. ecc. È un viluppo che bi- 
sogna pure distrigare, ai quale perciò 
l'egregio autore di questo manuale 
ha voluto portare l'aiuto della sua 
esperienza e della sua dottrina, in- 



Tunità della disciplina ecclesiastica. 
Tali fatti gridano alto qual sia 
il cammino per giungere a conqui- 
stare e difendere, conservare ed accre- 
scere i diritti della fede e della Chiesa. 
L'André li addita a' cattolici francesi 
e ne trae gravi ammaestramenti pel 
loro indirizzo pratico: anche noi del 
« bello italo regno » , non faremo un 
gran peccato, se ne dedurremo qual- 
che norma e eccitamento per la no- 
stra azione civile, sociale e religiosa. 

Calendario Perpetuo. Tavole ero- 
veri ficare le date storiche dal prin- 
nostri. Milaìio, Hoepli, 1906, 16«, 

formata a spirito di vera esattezza 
scientifica. Quindi alle tavole crono- 
logiche, riscontrate sempre coli' èra 
volgare, fa seguire il calendario per- 
petuo, poi un glossario di date e di 
nomi e feste religiose, una lista di 
santi; e da ultimo, nella seconda 
metà del volume, la successione dei 
sovrani nei principali Stati d^Europa. 
Qua e là, p. e. nelle note sulle 
feste, qualche menda è restata, ma 
non mette conto di rilevarla, di 
fronte alla copia di notizie, di date, 
di precisione, condensate in sì pic- 
cola mole. Che se l'A. ha mirato 
principalmente agli archivisti e sto- 
rici diplomatici, egli ha fornito un 
tesoro di gran pregio a tutti gli stu- 
diosi di storia : perchè la cronologia 
insomma, più che una scienza ausi- 
liaria, è come la salda inquadratura 
entro la quale si debbono riguardare 
gli avvenimenti della storia. Tra i 
manuali Hoepli questo è uno dei mi- 
gliori. 



Prof. G. KURTH delFuniv. di Liegi. — La Chiesa alle svolte della 
storia (L'Église aux tournants de rhìstoire). Versione eseguita 
sulla 2» ed. francese. Siena. S. Bernardino, 1907. le^ XIl-152 p. 
L. 1,50. 



STORIA 



223 



Il tìtolo risente del francese, come 
purtroppo altri passi della traduzione, 
nuL la sostanza dell* opera è eccellente ; 
è degna cioè dell'insigne storico belga, 
il quale unisce alla profondità e si- 
•curezza della erudizione, il brio, la 
chiarezza, la popolarità dell'esposi- 
zione; e, ciò che tutto corona, uno 
spirito schiettamente cattolico. Con 
questo il Kurt studia nella introdu- 
zione la missione della Chiesa, come 
società di anime e regno di Dio sulla 
terra, per cui il mondo si venne tutto 
rinnovando; indi in sci lezioni ne 
descrive l'attuazione, cioè i modi sva- 
riati e molteplici onde la Chiesa 
adempì la sua missione lungo il corso 
dei secoli, e segnatamente nei grandi 
rivolgimenti, ossia punti più decisivi 
della storia. Così noi vediamo la 
Chiesa vittoriosa degli ostacoli che 
. le frapponevano da prima i giudei 
col loro spirito gretto e nazionale, 
che avversava ostinatamente T uni- 
versalità del cristianesimo, chiamato 
4id essere per essenza la religione non 
di un popolo solo, ma del genere 
umano; di poi i barbari che ne di- 



struggevano l'opera di conversione e 
d'incivilimento ; il feudalismo che ne 
minacciava la stessa costituzione, il 
neo-cesarismo che ne attentava alla li- 
bertà; il rinascimento, che voleva cor- 
romperla con un nuovo paganesimo; 
da ultimo la rivoluzione che si con- 
tendeva a schiacciarla con la violenza, 
il sangue, la calunnia. 

Questuiti ma continua più che mai 
furiosa l'opera sua persecutrice : ma 
al sanguinoso e sinistro ideale, scrive 
il Kurth, rappresentato dalla ban- 
diera rossa sormontata dal berretto 
del forzato, la Chiesa contrappone il 
suo incomparabile ideale d'amor di 
Dio e degli uomini coronato dal se- 
gno della croce... Non c'è da du- 
bitare ch'ella finalmente trionfi, quali 
si siano le apparenze contrarie. Anzi 
questo medesimo trionfo apparente 
del male, precipitando gli avveni- 
menti, affretterà l'alba del giorno nel 
quale l'umanità non avrà più che la 
scelta fra la civiltà cattolica e l'anar- 
chia rivoluzionaria: quel giorno la 
scelta sarà fatta. E l'anima dello storico 
già presente il trionfo e ne giubila. 



SAVIXI. — Gli edifìzii teramani nel medio evo. Studio tecnico- 
storico corredato di 62 tavole fototipiche. Roma, Forzanì, 1907, 
8% 60 p. 



È il lavoro più recente del Sa vini, 
il quale con pari amore che intelletto 
in più scritti ha tolto ad illustrare 
le gloiie e le bellezze storiche della 
natia sua Teramo. 11 presente è uno 
.studio accuratissimo degli edificii te- 
ramani nei medio evo. Bel soggetto 
e ben trattato. Vi si parla de! lo stile, 
delle forme, delle parti degli edifizii, 
com'erano nell'alto e nel basso me- 
dioevo, e di tutto ciò che con essi 
Ila stretta attinenza, con grande mi- 
nutezza e precisione storica e tecnica. 
Alio scorrere queste pagine, voi ve- 
dete rivivere sotto gli occhi tutta 
Tedilizia medievale d'una città colla 



moltiplicità dei suoi muri, archi, fi- 
nestre, porte, tetti, gronde, mensole, 
torri, colombaie, merli, altane, portici, 
ballatoi, scale, soffitte, imposte, fer- 
ramenta, stemmi gentilizii, orti, ponti, 
bastioni, fosfati... e tutto illustrato 
dal corredo di 62 nitidissime tavole 
fototipiche. 

Il medio evo ha sempre un fa- 
scino per chi lo studia e lo rivive 
anche nelle minutezze; e questo fa- 
scino si sente nello scorrere il volume 
del Savio i, che quindi merita tutta 
l'attenzione degli specialisti in ma- 
teria, e fa onore all'antica e nobile 
città d'Abruzzo. 



224 



BIBLIOGRAFIA 



Sac. D. CAxMBlASO. — Cremeno 

venlù, 1907, 16% VIII-248 p. 

Il desiderio già tante volte espres- 
so che ogni parrocchia, ogni Comune, 
sebbene d'importanza storica secon- 
daria, provvedesse alia pubblicazione 
della sua storia, o almeno di un re- 
gesto dei propri documenti, che po- 
tesse valere di poi alla storia gene- 
rale, si viene in qualche parte at- 
tuando; e la Liguria in particolare 
ce ne dette già parecchi utili esempi. 

Questo, del eh. sacerdote Dome- 
nico Cambiaso, è uno dei più com- 
moventi ; perchè, com'egli scrive, se 
piccola è la mole del libro, non fu 
lieve però la fatica a comporlo. Sono 
migliaia di documenti, di citazioni, 
di memorie... e tutti questi docu- 
menti e memorie se costarono tempo 
e fatica a ricercarli, non richiesero 
meno studio per riordinarli, per col- 
locarli sotto quel punto di vista che 
meglio conveniva. Né chi percorre il 
libro potrà dubitarne; e certo anche 
non potrà esimersi da un senso di 
commossa ammirazione per lo* scrit- 
tore, che tanta fatica durava per la 
storia di un umile villaggio. 

Ma la fatica non è gittata; tut- 
t'altro. L umile villaggio ha le sue 
glorie, civili e religiose, fra le altre 
quella d'essere stato culla o sede della 
vetusta prosapia dei Visconti, detta 
perciò di Cktrmandhio (nome primi- 
tivo, da cui si formò poi Carmaino e 
Cremeno), la quale tanta parte ha 
nella storia delle origini di Genova 
e delie sue nobili famiglie. Le glorie 
poi e le vicende del modesto paesello 
vanno connesse a quelle di tutta la 



e la Polcevera. Geìwva, tip. Gio- 

ridente valle della Polcevera, che non 
a torto fu chiamata per le sue bel- 
lezze « regina delle valli » , e per la 
sua importanza, fino dalla remota an- 
tichità, traeva a sé le cure del po- 
polo romano, come appare dalla fa- 
mosa tavola di bronzo, dell'anno 117 
avanti l'èra volgare, che ne traccia 
i limiti e le divisioni. Di essa perciò 
tratta insieme il Cambiaso, descri- 
vendone in brevi cenni le condizioni 
e la vita prima neirantichità — all'e- 
poca pagana quando i Genuates e i 
Veturli Langenses si disputavano il 
fertile agro dell'amena ProcoOera, e 
all'epoca cristiana , quando per la 
grande via Postumia , che tutta la 
percorre a lei giungevano i primi 
banditori della buona novella — di poi 
nell'età medievale e nella moderna, ' 
fino ai tempi nostri. 

Alla narrazione segue, in oppor- 
tuna appendice, una serie di docu- 
menti e di note: la tavola di bronzo 
della Polcevera — la quale però avrem- 
mo amato meglio veder riportata nel 
suo latino arcaico, anziché nella tra- 
duzione del Poggi — documenti rela- 
tivi ai Visconti di Cremeno, alla par- 
rocchia ed a materie ecclesiastiche, 
al villaggio di Cremeno, ed altri. 

Quest'operetta, frutto di studio 
paziente ed amoroso, non sarà dun- 
que inutile alla storia gloriosa dei 
Liguri , mentre fa nota quella di un 
modesto villaggio della Polcevera. Es- 
sa si vende a benefizio della chiesa 
parrocchiale di Cremeno, la quale vi 
ha pure un suo capitolo di stoiia. 

Teol. V. ROSSI. — Cuneo e il suo Santuario della inir.icjlosa Ma- 
donna deirOlmo e delle Grazie con appendice sulla Madonna della 
Riva. Cuneo, Isoardi, 1907, 16^ 192 p. L. 1. A beneficio del 
Santuario. 
Questo libro è frutto della pietà cerche storiche o critiche dell' autore- 

e dello zelo, più che di lunghe ri- Egli ci narra come gli « capitò f^a 



STORIA 



225 



le mani un vecchio libro in cartape- 
cora, che fii per lui rivelazione* e 
tesoro», e portava il titolo: Breve 
compendio delle Grafie e Miracoli 
operati a beneficio de" suoi devoti 
da Maria Vergine dell' Olmo, della 
fedelissitna e sempre vittoriosa città 
di Cuneo, ecc. (In Garmagaola 1711). 
L*aQtichità dell'opera non è cosi 
grande, né il valore storico certa- 
mente indiscutibile in ogni punto, 
per i voli oratori i e lirici del buon 
frate agostiniano, Franseaco Amedeo 
Leverà, « predicatore generale del- 
rOrdine di S. Agostino», che n'è 
Tautore, per la sua lontananza d«a 
&tto miracoloso che dette origine al 
santuario (1593), per le lacune della 
sua narrazione, e simili. Ma per altri 
rispetti non manca di pregio, sic- 
come testimonio della tradizione po- 
polare stabilita, delle grazie ottenute 
dai fedeli in quel santuario, e del 
culto antico e straordinario quivi 
reso alla Vergine miracolosa. La sco- 
perta del piccolo volume parve quindi 
piamente all'autore, custode dell'an- 
tico santuario, come una voce del 
Cielo che lo animasse a ravvivarne lo 



scaduto splendore, e rinfrescarne la 
memoria nel popolo. Questa fu T ispi- 
razione del libro; nel quale il pio 
autore ci narra, dietro le orme del 
Lovera, le origini e vicende del suo 
santuario e di poi ne continua la 
storia fino ai tempi nostri, conse- 
crando anche un intero capitolo alla 
celebre battaglia della Madonna del- 
l'Olmo, combattutasi colà presso fra 
Carlo Emanuele III e T esercito 
dei Gallo-Ispani alleati (80 settem- 
bre 1744). Anzi dovendo parlare del 
santuario, parve a lui doveroso di 
« prendere le mosse dalla città fedele 
che lo vide sorgere alle sue porte » : 
sicché questo libro comprende notizie 
molte e svariate sopra la gentile città 
incuneata fra la doppia sponda del 
Gesso e della Stura. 

L'autore ha voluto con ciò corri- 
spondere non solo alla pietà sua e 
dei di voti, ma anche al giusto desi- 
derio dei suoi concittadini ed al bi- 
sogno, com'egli ci assicura, di « chi 
non conosce la città di Cuneo se non 
attraverso ad una leggenda dovuta 
forse all'invidia delle incontestate 
sue glorie » . 



HERfeERT M. VAUGHAN. — The 
Stuart, Cardinal Diike of York 
Methuen A Co., 1906, XIX-309 
Questa si potrebbe chiamare una 
storia del tramonto della reale casa 
d^ll Stuart, ed è scritta con caldo 
affetto e attrattiva potente, massime 
per gl'italiani e per Roma, ove in 
gran parte si svolgono gli avveni- 
menti. Ecco il pretendente Giacomo 
m eolla sua famiglia morire il 2 
gennaio 1706 nel palazzo Balestra al 
ss Apostoli ; indi suo figlio maggiore 
Carlo III, denominato il conte di Ai 
bany, che fini ivi stesso i suoi giorni 
a' 30 gennaio 1774, non sa adattarsi 
alla perdita del trono, e dell'infedeltà 



last of the royal Stuarts, Henry 
. With 20 illustracions. London^ 
p. Sch. 10.6. 

della eiposa cerca un sollievo nel bere; 
Luisa di Stolberg, contessa di Al- 
bany, scappata dal marito, la quale 
colle sue relazioni coli' Alfieri fece poco 
onore alla Simiglia e particolarmente 
al troppo spregiudicato cardinale En- 
rico di York; poi Clementina Wal- 
kinsaw madre della duchessa di Al- 
bany, Carlotta Stuart, figlia di Carlo 
III, tutta amore e sacrificio verso il 
padre infermo; indi papa Benedetto 
XIV che nomina cardinale il giovane 
Enrico dì York ; Clemente XIII che lo 
fa vescovo di Frascati, senza però ri- 



1908, voi, i, fase, 1382. 



15 



11 gennaio 1968, 



2i6 



BIBLIOGRAFIA 



eonoscere ufficialmente Carlo III come 
i-e, seguito in ciò da Clemente XIV 
e da Pio VI; infine la più eminente 
fl^ra di quésta storia, il cardinale 
Enrico, duca di York, che rende ira- 
nensi servigi allo Stato della Chiesa 
6 al suo vescovado di Frascati, con 
tale affetto alla sede apostolica, con 
tanti dolori e privazioni, che fanno 



perdonare i suoi errori. 

Notiamo un'inesattezza singolare 
in uno scrittore cosi versato nella 
storia, come il Vaughan, cioè che in 
occasione della soppressione della 
Compagnia di Gesù nel 1769 (doveva 
dire 1773) il cardinale abbia preso 
per suo seminario vescovile « il col- 
legio dei gesuiti ora abbandonato » . 



GENDRY. — Pie Vi. Sa vie-son pontificat (1717-1799) d'aprés les 
Archives Vaticanes et de nombreux documents inédites. Paris, 
Picard, 1908,8% XIV-5Ì8; 516 p. 



Lunga, paziente, minuziosa ri- 
cerca durata quattro anni negli ar- 
ehivii vaticani, ci dice aver premessa 
airopera sua il eh. autore, e noi gli 
crediamo sulla parola: egli si mo- 
stra veramente l'archivista minuzioso 
e tutto ingolfato nel suo lavoro di 
svolgere polverosi manoscritti, de- 
cifrare le carte ingiallite, ammassare 
documenti di ogni fatta che gli ven- 
gano a mano. Quanto poi a coordi- 
narli debitamente o discuterli» dando 
a ciascuno il suo valore e il suo peso, 
a riscontrarli con altri che possono 
esistere altrove e aggiungono ai primi 
luce e conferma, ovvero smentita for* 
male, e tener conto delle opere pub- 
Uicate intorno al medesimo soggetto, 
e illustrare questo con lo studio «iei 
problemi delicati e delle questioni 
eomplesse che vi hanno attinenza, 
insomma darci un lavoro storico si- 
curo e compiuto, è tutt'altra cosa. Né 
in questa fu del tutto fortunato il eh. 
autore, com^egU stesso n'ebbe il fonda- 
to sospetto e con lodevole commovente 
modestia ce lo manifesta nella pre- 
ftizione della sua opera. Quindi fino 
disile prime pagine occoirono le la^ 
ouDe. 

L'a. dice (voi. I, p. 3) che il piccolo 
Braschi « all'età appena di dieci anni 
fti affidato ai Padri della Compagnia 
di Gesù » e non dice dove ; che « for- 



niti gli studi! letterarii scientifici e 
storici, si dette allo studio del di- 
riuo » e neppure qui ci fa sapere 
dove. Ci racconta (a pag. 4) che « al 
20 aprile 1735 egli riportò la doppia 
palma di dottore in utroque iure » ; 
e in un medesimo tratto, ricevuto 
avvocato e aggregato al collegio dei 
venti giuristi d^l'università della 
sua città natale, cioè di Cesena, al- 
l'età cioè di poco più che diciassette 
anni (era nato, com'è noto, nel di- 
cembre del 1717). Ma parecchie diffi- 
coltà suscitano questi particolari, che 
l'autore doveva sciogliere : tanto più 
che appresso ci narra come il Bra- 
schi passò all'università di Ferrara 
« a fine di compiere ì suoi studii di 
giurisprudenza ». E questi sono i 
punti meno scabrosi della sua storia. 
Ben altre sono le lacune e le diffi- 
coltà che s'incontrano quando l'au- 
tore passa, ad es., alla trattazione 
dei conclavi, dei concordati e delle 
relazioni del Papa, massime di Cle- 
mente XIV, coi princìpi ecc., dove le 
mene dei politici, l'arte dei loro di- 
spacci, le finzioni della diplomazia 
concorrono ad arruffare la matassa. 
Ma, sorvolando altri punti, non 
possiamo omettere le gravi insinua- 
zioni, o anche aperte calunnie, che 
il buon canonico muove a molti ge- 
suiti, con ottima intenzione, non vo- 



STORIA - LETTERATURA 



227 



gliamo dubitarne, ma contro ogni 
giustìzia storira. « È accertato, egli 
scrive, che tutti i religiosi della Com- 
pagnia di Gesù non obbedirono da 
per tutto. Essi ailegavana che il breve 
non aveva ricevuto una promulga- 
zione sufficiente per obbligarli, in 
coficienza, a conformarvisi. Alcuni» 
sembra, trascorsero anche più oltre : 
accusarono il breve d'eeaere radical- 
mente ingiusto. Per questo conser- 
varono il loro abito e continuarono 
ad osservare le loro costituzioni» 
(voi. I, p. 49). Egli ha letto questo 
nei dispacci dell'edificante card. Ber- 
nls e di altri tali esemplari prelati 
di quel tempo: non cerea più avanti : 
getta l'accusa almeno come proba^ 
bile, né sente bisogno di aggiungerne 
altre prove, né sospetta che vi pos- 
sano essere ben molte distinzioni a 
fare e molte complesse questioni ca 
noniche da risolvere. Cosi altro è che 



i gesuiti non abbiano levato a cielo 
il breve che li riguardava ; altro è che 
non abbiano chinato la testa al colpo 
autorevole che li decapitava. Non furo- 
no tutti eroi: alcuni ne mormorarono 
ma può uno storico serio spacciare uno 
sfogo di dolore per una mossa di riot- 
tosi, di ritielli f La forma pm delia pro- 
mulgazione era determinata dal breve 
stesso: non solo non dovevano, ma 
non potevano i gesuiti in coscienza 
svestire l'abito religioso prima che 
la debita promulgazione si facesse : 
la semplice notizia della legge non 
basta ad obbligare: è necessaria la 
promulgazione e nelle forme pre- 
scritte. — Queste e tante altre cose 
che non si trovano negli archivi pol- 
verosi, sfuggirono alle « lunghe e mi- 
nuziose ricerche » del Oendry; e ce 
ne duole assai per l'opera sua, per 
altro pregevole, che noi non possia- 
mo lodare come vorremmo. 



AGOSTINO BARTOLINl. — Eflfemeridi Dantesche, i^* ediz. accre- 
sciuta e corretta. Roma, Polizzi, 1907, 8**, 130 pag. — Studi sulla 
vita di Dante. Roma. Salesiana, 1904, 8«, 128 pag. — Dizionario 
geografico storico della Divina Commedia. Roma, Desclée, 190^., 
16», 4!2f^ pag. — Vita inedita del Conte Ugolino della Gherardesca. 
Roma, Polizzi, t^j06, 8*^. 20 pag. — Il Quaresimale dantesco del 
Padre Paolo Attavanti de' Servi di Maria : Paradiso. Roma, Fi- 
lippucci, 1907, 8% 47 pag. — Giovanni dei Virgilio e Dante Ali- 
ghieri poeti latini. Ivi, 1907, 63 pag. 
Dantista provato e dotto in ogni (1089) a quella (U Dante. Non è que- 



campo della letteratura dantesca, 
rillustre mons. Bartolini, custode vi- 
gilantissimo dell'Arcadia, presenta ai 
giovani studiosi alcuni suoi utilissimi 
lavori, per agevolare ad essi l'intel- 
ligenza del sacro poema con lo spia- 
narne le più impacciantì e noiose 
difl&eoltà, quali sono le cronologiche, 
le biografiche e le geografiche. 

Alle prime si riferisce il bel vo- 
lumetto delle Effemeridi dantesche 
che vanno dalla morte di Lanfranco 



sto un arido catalogo di date, ma 
un seguito nunto di fatti e notìzie 
indispensabili a chi voglia intendere 
il sostrato storico della Divina Com- 
media. Alla sobrietà ed esattezza il 
solerte autore seppe congiuogere una 
certa ricchezza, accennando le altrui 
opinioni, condensando fonti, biogra- 
fie, documenti, fatti artistici e poli- 
tici, oltre tutto quello che riguarda 
la genesi dell'opere di Dante e delle 
parti della Commedia. Ogni cosa è 



ns 



BIBLIOGRAFIA 



trattata con acume di critica, soli- 
bene qualche opinione non sia per 
garbare a tutti. 

La biografia del poeta, accennata 
alla breve nelle Effemeridi, è svolta 
più ampiamente negli Studi sulla 
vita di Dante, Tutti sanno quali te- 
nebre avvolgano la vita domestica, 
pubblica e randagia dell'Alighieri, 
benché qualcosa siasi in questi ul- 
timi anni accertato. Di tutto il me- 
glio che finora n*è venuto fuori, Te- 
rudito monsignore dà una chiara e 
sufiSciente idea, specialmente sopra 
alcuni viaggi dei poeta. 

A chiarire le difficoltà geografiche 
della commedia V illustre dantista 
pubblicava qualche anno fa il suo 
Dizionario geograficostorico, vera 
miniera soprabbondante di notizie 
riferentisi a questo o quel luogo no- 
minato nel sacro poema. Codesto bel 
lìbricciuolo nitido e lindo come un 
fiore, compensa la lettura di molti 
altri libri e commenti danteschi, pie- 
no com*è dì citazioni d'autori, di ri- 
chiami bibliografici, di riassunti sto- 
rici e politici locali. A questo erudito 
dizionario geografico, certo, accresce- 
rebbe pregio e utilità, mentre ne sa 
rebbe il complemento uno biografico 
de' personaggi della Commedia, ope- 
ra, cui il dotto monsignore saprebbe 
condurre in porto felicemente al par 
delia prima. È un desiderio, che ci 
nasce nell'animo dal rafiTrontare il 
Dizionario geografico del Bartolini 
col Dizionarietto dantesco del Pas- 
serini troppo parco di notizie, se non 
di critica e di bibliografia, e con 
l'altro del Toynbee, troppo ampio e 
costoso pe' giovani. 

A quest'opere dedicate special- 
mente ai novizi di Dante l' autore 
instancabile viene continuamente ag- 
giungendo più dotti e larghi contri- 
buti storici ed ermeneutici intorno 



a svariatissimi argomenti danleschi. 
Uno di questi è la vita del Conte 
Ugolino tolta da un manoscritio del- 
l'archivio privato de' Conti della Ohe- 
rardesca e per la prima volta messo 
ora ih luce. Non v'è molto di nuovo, 
né il codice onde fu tratta va più in 
là del secolo XVII; tuttavia il difetto 
di novità e antichità è largamente 
compensato dalla ricchezza de' par> 
ticolari biografici. 

Più interessante, specie per la 
fortuna di Dante nel secolo XV, è lo 
studio sopra la terza parte del Qua- 
resimale dantesco del servita P. At la- 
vanti, oratore umanista e levato a 
cielo dal Ficino. Mons. Bartolini ne 
accenna la vita e Topere, e poi espone 
l'interpretazione che l'Attavanti diede 
nelle sue prediche di vari passi del 
Paradiso, del significata simbolico di 
Beatrice e della concezione del teatro 
de* beati. Notevoli e piene di alta 
scienza teologica sono alcune osser- 
vazioni e spiegazioni proposte dal- 
l'eloquente oratore. 

Ultimo di tempo, ma non di me- 
rito è lo studio sopra i versi latini 
che si scambiarono Giovanni Del Vir- 
gilio e l'Alighieri. Il chiaro dantista 
ne ricerca e determina l'occasione, il 
tempo, Tautenticità, la forma e il 
contenuto con raffronti, ' cenni sto- 
rici, riflessioni e note, utilissime al- 
l' intelligenza dei componimenti di 
due poeti. Il meglio però dell'opu- 
scolo è la nuova traduzione in versi 
sciolti che segue il testo, traduzione 
piana, chiara, e assai lodevole, chi 
pensi alle gravi difficoltà e alle oscu- 
rità de' carmi, dovute vincere dal ge- 
nio poetico del traduttore. 

Noi ci congratuliamo coll'illustre 
monsignore di questi suoi eruditi e 
sapienti lavori, onde nella letteratura 
dantesca si accrescono i suoi meriti 
già grandi, se non generahnente ri- 



LETTERATURA 



229 



conosci ali da chi non ha ancora o- 
blìato nelle discussioni letterarie un 
pò* di vecchio anticlerieaiisnio, ora 
fortunatamente assai nel calo. In 
mezzo alla pletora di studi danteschi 
inutili o strani o mal fondati si prova 



un sollievo quando penne, come quel- 
la deir illustre Custode dell' Arcadia, 
ce ne presentano di sodi, proficui e 
retti per idee filosofiche e teologiche 
e per pregio di contributo esegetico 
e positivo. 



G. LANZ ALONE. — Accenni di critica nuova (seguito a L'arte vo- 
luttuosa) con prefazione di Angelo De Gubernatis, 3* edtz. Mi- 
lano, 1907, 8«, 204 p. L. 1,50. 



Contro la crìtica d'oggidì la quale 
sfruttando Taura del predominio che 
gode, vorrebbe passasse per dogma 
essere Parte indipendente dalla mo- 
rale, da parecchi anni leva la voce 
il prol Lanzalone e addita i gravis* 
simi pericoli e danni che non solo 
alla letteratura e all'arte stessa, ma 
e molto più alla coltura morale e ci- 
vile ne provengono. 

E in questo volumetto egli ha 
raccolto vari! suoi scritti, che toc- 
cano specialmente dell'arte del D'An- 
nunzio e del Fogazzaro, de' prìncipii 
estetici del Croce, delle relazione fra 
l'arte e la morale e dello spirito dan- 
tesco. Buona logica, «buon gusto e 
buon criterio sono Tarmi del Lanza- 
lone contro gli avversari, che con- 
fondono l'acquisto dell'arte coU'eser- 
cizio sociale di essa; quello è come 
lo studio della medicina o della mo- 
rale per un medico e un predicatore, 
questo è l'uso che di cotal arte e 
scienza vuol forsene nella società, da- 
vanti alla quale la ragione e la ci- 
viltà dettano quel riserbo onde con- 
viene sia limitato l'uso utile e ne- 
cessario del linguaggio medicale e 
lubrico. Anche l'artista, massime delle 



forme figurative, al par del medico 
e del moralista dovrà sapere più di 
quel che sciorina davanti al pubblico, 
per non errare nel disegno e nella de- 
scrizione delle persone e degli avveni- 
menti, ma questo non gli dà il di- 
ritto di ofiTrire alla lettura e alla vi- 
sta di tutti, ciò che non conduce 
a bene civile, etico e religioso. Per- 
chè « la morale non inceppa l'arte, 
scrìve il nostro autore, ma l'arma di 
ali sempre più potenti » fpag. 33). 
Togliete, ad esempio, il contenuto 
morale dalla Divina Commedia, e in- 
seritevi in quella vece il contenuto 
d'annunziano ; e il poema divino pre- 
cipita dalla sua altezza perchè l'arte 
non può divinizzare, se non di effime- 
ra apoteosi, l'immoralilà e il fango. 
«Se il D'Annunzio, esclama il Lan- 
zalone, avesse per un momento solo 
la chiara visione della bruttezza mo- 
rale, cioè intima, di quasi tutta la 
sua opera artistica, dovrebbe morir- 
ne d'orrore e disperazione » (pagi- 
na 53). Ma per veder la morale, bi- 
sogna almeno, quand'anche 'non si 
pratichi, sentirla, e il sentirla è di 
chi comprende i destini sovrasensi- 
bili dell'uomo. 



Sac. EUGENIO GERONIMI. — Corso di sacra eloquenza ad uso dei 
Seminari secondo le norme della S. Sede. Testo adottato dairEpi- 
scopato Lombardo nel Programma degli Studi per 1 Seminari. 
4^ ediz. riveduta e migliorata dall'Autore. Como, Cavallari e Bozzi, 
1907, 8«, 389 p. L. 2. 
A quest'opera, cui già demmo lodi (Vedi Civiltà Cattolica, 1^ sett. 

alla prima sua edizione le meritate 1888), basta per ogni raccomanda- 



2:J0 



BIBLIOGRAFIA 



Eione la stima e il pregio, in cui 
è tenuta dall' Episcopato LorabardO) 
che la eleggeva fra molte consimili a 
testo pe' giovani leviti crescenti nei 
seminari alla speranza dei popoli e 
della Chiesa. E veramente, come in- 
tendeva Tautore, questo corso va a- 
dorno di quelle doti di brevità suc- 
cosa e piena, di praticità attuale e 
sicura che si convengono a un ma- 
nuale compiutissimo e acconcissimo 
per la scuola. Dopo aver nella prima 
parte, ragionato deireloquenza sacra 
in generale, esposto quali debbano 
essere le doti del sacro oratore, la 
materia, la forma, le parti, le con- 
venienze e razione del discorso sa- 
cro, il Ceroni mi tratta nella seconda 
delle sue varie specie, sia d'oratoria 
alta, come il sermone, i panegirici e 
i discorsi familiari, le omelie, le mis- 
sioni, le predicazioni quadragesimali, 
e mariane ecc., sia dell'oratoria me- 
diana, come il catechismo, gli eser- 



cizi spirituali, i vari sermoncini d'oc* 
casione ecc. 

Ogni cosa poi è spiegata secondo 
le più ricevute norme, tolte da' Pa- 
dri, da' Santi, da' più giudiziosi orar 
tori e precettisti, specialmente dai de- 
creti della S. Sede, e confortata da 
luminosi esempii accennati, come esi- 
ge la brevità, di volo, ma che il let- 
tore può da sé leggere a suo agio 
nell'opere stesse degli scrittori sacri. 
Oh se i sacri oratori avessero sempre 
dinanzi codesti sani e lucidi ammae- 
stramenti, quanto miglior grido la- 
verebbero, e maggior frutto farebbero 
nella vigna del Signore I 

Noi auguriamo che a questo uti- 
lissimo corso s'informi l'era novella 
della sacra predicazione, a cui nuovo 
succo e nuova forza è pure per venire 
dalla riforma degli studi teologici te- 
sté introdotta dall'autorità pontificia 
ne' seminari, studi sui quali s'appog- 
gia tutta reloquenza cristiana. 



ROSA ARRIGONl. — Eloquenza sacra italiana del secolo XVII. 
Osservazioni critiche. Bontà, Desclée, 1906, 16°, 114 p. L. 0,80. 



L'argomento non è nuovo e intatto, 
ma la signora Arrigoni ha tolto a ra- 
gionarne con maggior profondità e 
quindi della falsa eloquenza sacra del 
secolo XVII, studia la natura, l'origine, 
la forma e lo scopo. La ragione pre- 
cipua di tal corruzione, a detta di 
lei, sta « nel fatto che nessun arte 
risente così potentemente come Torà- 
tori a dell'influenza della moltitudine» 
(pag. 13); e la moltitudine del secento 
era di pessimo gusto. A questo s'ag- 
giunga la falsa estetica, e la poca 
serietà degli studi sacri, e s'avrà quel 
complesso di circostanze e di cause 
che generarono quella stranissima, 
vuota e ridicola corruttela dei pul- 
pito. Molte giuste osservazioni ed 
analisi lepide infiorano questo scrit- 
terello, che sarebbe anco più lode- 



vole, se r Arrigoni non si fosse fidata 
troppo del Dejob, accettando da lui 
anche la stolta affeimazione che nel 
secolo XVII una delle ragioni del de- 
generar dell'oratoria fosse la man- 
canza in Italia della libertà religiosa 
« soffocata interamente dal concilio 
di Trento e dall'Inquisizione che si 
agitava, minaccioso e temuto spau- 
racchio, di continuo agli occhi e alla 
mente degli oratori » (pag. 23). Che 
cosa intenda la signora Arrigoni per 
libertà religiosa, non sapremmo in- 
dovinare. Certo il senso del Dejob è 
quello della libertà luterana, ossia del- 
l'eresia, della bestemmia, e tal libertà 
sarebbe stata in Italia licenza di fare 
il male. C'era, si, c'era nel secento 
la libertà religiosa di dire e far il 
bene, di predicare, come un Segneri 



LETTERATURA - MUSICA 



231 



e un Pinamontl; e non eran già i 
decreti del Concilio di Trento né 
l'Inquisizione che tarpassero le ali 
a* genii oratori : altrimenti non avrem- 
mo di queiretà il primo oratore 
sacro della nostra letteratura. Lungi 
dairincutere terrore, il Tridentino di- 
fende ì predicatori e scrive per essi: 
« Curent autem episcopi ne quis prae- 
dicator ^el ex falsis in forma tioni bus 
vel alias calumniose vexetur iustam- 
que de eis conquerendi occasionem 
habeat » Sess. V, De ref. e. 2. Certo 
quand'anche non avessero propalato 
errori od eresie, non già difenderli 
ma interdir loro avrebbero dovuto i 
vescovi quella forma di predica ^.ione 
né breve né facile, né soda né salu- 
tare, e tanto confraria alla riforma pro- 
pugnata dal Tridentino. Ma T univer- 
salità del cattivo gusto, di cui non 



eran scevri anco i prelati, non faceva 
loro veder degna di biasimo e di ca- 
stigo severo ciò che sarebbe bastale 
per una sospensione e per una sco- 
munica. Del resto i secentisti cono- 
scevano bene la sostanza della fede, 
altrimenti chissà a quali e quan'i 
errori li avrebbe trascinati T impeto 
della loro rettorìca; bensì s'arrabatta- 
vano d'illuminare la sostanza co'razKi 
matti dell' iperboli, delle metafore e 
delle antitesi più sesquipedali e tra- 
secolanti. 

Altri appunti non vogllara fare 
all'osservazioni critiche dell' Arrigoni, 
perchè generalmente sono buone e 
fondate sopra quanto finora coi mi- 
gliori argomenti s'è dimostrato. Il 
libro, del resto è ben condotto, e colle 
lepidezze oratorie che raduna offre 
insieme un utile e dilettevole lettura. 



G. GIANNINI. — Si paga o non si paga*? Per canto e pianoforte. 
Roma^ Libr. Sales. Editrice, 1907, fui. picc, 51 p. L. 5. 



Molto opportunamente per il tem- 
po di carnovale ci viene tra le mani 
quest'operetta musicale, che farà gran 
piacere agli artisti dilettanti dei col- 
legi e delle associazioni giovanili, 
sempre in cerca di nuove produzioni 
teatrali adatte al loro pubblico; e il 
trovarle non è cosa facile. Ecco in- 
vece un piccolo lavoro che servirà 
loro egregiamente e ha già servito 
con ottimo successo in varie occa- 
sioni. « Si paga o non si paga » è 
uno scherzo comico composto da 
Zeta (pseudonimo ben noto per altri 
scritti a vantaggio della gioventù) 
nel quale, in versi settenarii spi- 
gliati e briosi, sono mecsi in iscena 
gli artifizi di un debitore spiantato 
per liberarsi da un usuraio griffa- 
gno; tema vecchio ma graziosamente 
variato. Il maestro Giannini, an- 
ch'esso già noto per altre ottime 



composizioni, ha saputo vestirne le 
scene principali con una musica facile 
ma brillante, che mette destramente 
in rilievo la comicità dell'azione alla 
quale si lega perfettamente colla spon- 
taneità delle melodie e colla varietà 
del ritmo. Tre cori assai l)ene indo- 
vinati, di speziali, di guardiani del 
manicomio, di becchini danno vita 
e movimento all'intreccio. Cosi alla 
semplicità dello scherzo non manca la 
tragicità dei contrasti da cui sorge il 
ridicolo: e ridere abbiamo sempre vi- 
sto alla sua rappresentazione quanta 
si può ridere saporitamente in una 
serata onestamente allegra. Il favore 
incontrato quando fu eseguito nei 
Collegio pio-latìno-amerifano di Ro- 
ma, dove il Giannini è maestro or- 
ganista, persuase a mandarlo alle 
stampe, e certamente l'esito proveri 
che ebbe ragione. 



CRONACA CONTEMPORANEA 



Roma, 31 dicembre 1907 - 9 gennaio 1908. 

I. 
COSE ROMANE 

1, Ricevimenti di Natale in Vaticano. Il nuovo oratorio del Perosi « Tran- 
situs animae » alla presenza del Papa. — 2. Per le case a buon mercato. 
— 3. Riassunto sulla delinquenza cittadina. Esplosione neiredificio della 
Borsa. — 4. Inaugurazione della nuova basìlica alle Catacombe di Pri- 
scilla. — 5. Decreto del S. Ufficio riguardante i chierici infetti di errori 
modernistici. — 6. Morte del M. R. D. Pietro Centoiknti ex preposi to 
generale dei Pii Operai. 

1. Per la ricorrenza delle feste Natalizie e del capo d' anno sua San- 
tità Pio X ricevette in varie udienze secondo il costume il Sacro 
Collegio dei cardinali, il corpo diplomatico accreditato presso la Santa 
Sede, il Gran Maestro dell'Ordine di Malta il principe Colonna assi- 
stente al Soglio, e gli altri membri della Corte pontificia e della 
nobiltà romana. Nella stessa occasione il ministro di Russia presso 
la Santa Sede rimise al Sommo Pontefice le lettere del suo governo 
per le quali veniva elevato alla carica di ministro plenipotenziario, 
e il barone Wolfram de Rotenhan inviato straordinario e ministro 
plenipotenziario di Prussia presso il Vaticano prendeva congedo dal 
Santo Padre rimettendogli le lettere imperiali che ponevano fine 
alla sua missione diplomatica. 

Il Perosi ha già da un pezzo legato il suo nome e la sua fama 
agli oratorii, da lui, dopo lungo oblio, rimessi in voga con quel 
magistero d' arte che ornai tutti sanno. La corona già ricca s* ac- 
crebbe testé di nuove gemme in quel gruppo di lavori musicali re- 
centemente eseguiti nella Sala Pia all'uopo edificata; cioè due «hì ^ 
intitolate « Roma » e « Venezia », il Pater di Dante, ed il Transitus 
animai. 

Le due composizioni di genere sinfonico che con nome fran- 
cese si chiamano Suites erano forse il soggetto di maggior cu- 
riosità per la novità del genere non ancora tentato dal maestro; ma 
il lavoro di maggior importanza era il Transitus animae da lui messo 
sotto forma di oratorio, benché ridotto alla più semplice espressione. 
Non sono che due gli interlocutori : l'anima del morente e il coro 
dei fedeli che assistono all'agonia recitando le preghiere della sacra 
liturgia. I versetti del Miserere esprimono i gemiti dell'anima tre- 
mante e pentita, alla quale il coro risponde invocando per lei i santi 



COSE ROMANE 233 

con dolcissima frase piena di espressione supplichevole ma Oduciosa. 
Le due strofette del Maria mater graiicie, affidate ai soprani e con- 
tralti soli, sono di un effetto semplice ma delizioso dopo Tagitazione 
dei passi precedenti ; e la maestosa frase deirin paradisum dedueani 
te angeli imitata dal gregoriano finisce tutto il lavoro. L'oratorio 
porta l'impronta di un'ispirazione sempre sostenuta, larga e solenne, 
e quantunque il soggetto per la semplicità del dialogo e l'uniformità 
dei sentimenti potesse riuscire monotono, il Perosi lo seppe variare 
colla ricchezza della sua vena melodica e colla profonda conoscenza 
dei secreti dell'arte. -«- Anche la cantata composta sulle terzine del 
Pater noster tratte dal Purgatorio di Dante, scritta sullo stile fugato, 
fu assai gustata e applaudita. Le esecuzioni, dovute all'eccellente corpo 
dell'orchestra romana e ad una grandiosa massa corale sotto la di- 
rezione vibrante del Maestro, si succedettero tre volte con crescente 
favore dei periti nell'arte il cui giudìzio, nella critica dei giornali 
d'ogni colore, fu unanime nel rilevare i pregi d'una musica, che 
ancora una volta s'affermava gloriosamente. Nella parte sinfonica 
fu notato specialmente il terzo tempo della suite « Venezia» il quale 
basterebbe a coronare il Perosi quale compositore di prima forza. 
Compiuto il breve ciclo di Roma, le nuove opere perosiane hanno 
varcato subito i confini d'Italia, e l'Autore stesso è partito per 
guarentirne meglio le sorti gloriose, cominciando da Varsavia e 
Pietroburgo. Prima però di lasciar l'Italia a suggello degli allori 
mietuti e a più lieto auspicio di quelli che era chiamato a mie- 
tere all'estero, il Perosi ebbe l'invidiata fortuna di dirigere l'ese- 
cuzione dei suoi pezzi, in un'audizione solenne, alla presenza del 
Pontefice Pio X, l'augusto mecenate del giovine Maestro. Fu uno 
spettacolo di quelli che nella loro caratteristica grandiosità ripor- 
tano il nostro pensiero ai trionfi dell'antica e grande arte italiana. 
Che quadro splendido per la musica del Perosi quella sala Regia, 
dove fu eseguita, colle sue vistosità classiche, colle grandi figure 
istoriate in quell'ambiente augusto del Vaticano dove palpitano ì ri- 
cordi di tante glorie d'arte e di artisti insuperabili! E quando si 
pensi che alla dignità dell'ambiente rispondeva quella dell' uditorio 
sceltissimo e singolarissimo, formato da una corona smagliante di 
cardinali, di prelati, di cavalieri di Malta, di membri del corpo di- 
plomatico, di un folto gruppo di famiglie patrizie romane ed estere 
con a capo la figura maestosa e veneranda del Pontefice, ognun vede 
il carattere di finezza ed elevatezza che il trattenimento dovette avere 
e che si rivelò anche dall'attenzione religiosa con cui l'uditorio segui 
lo svolgersi dell' esecuzione. Il Pontefice stesso dava ogni volta il segno 
dell'applauso e questo seguiva spontaneo e caloroso. Ui a volta dì più 
l'arte era degna della Chiesa e della religione che ne furono sempre 
ispiratrici gloriose. 



234 GRONArA CONTEMPORANEA 

2. Il problema che grandemente preoccupa molte città in Italia come 
fuori è quello delle abitazioni : esso si agita vivacemente in questi 
giorni a New York e in quasi tutte le grandi cittA. nord-americane 
come in località più vicine a noi, e vi si studiano i modi pratici coi 
quali sopperire alTurgenle bisogno del popolo. Milano, Torino hanno 
in 4|iialotie modo sciolto il problema, mentre Napoli porge rallegro 
spettacolo di interi rioni ribelli ad ogni pagamento di fitto. Da Roma 
quetilo disagio che si fa sentire da un pezzo dovea essere allontanato 
vìtloriosamente«ìon la salita al Campidoglio del consiglio comunale por- 
tnlodai blocco, È noto che il programma presentato agli elettori roniani 
per strapparne il voto abbracciava le grandi prospettive di un migliora- 
nienlo e<*onomico mediante il ribasso delle pigioni. Il popolo si attende 
di giorno in giorno una trovata geniale per cui costretti i proprietari 
a amettere o diminuire le loro pretese, la bella promessa divenga una 
nnillà. Né ci è da dire che in Campidoglio si dorma, perchè abbiamo 
^ià visto Tassessore d'igiene trattar sollecitamente da pari suo la qui- 
strone dei cappuccini, con qual esito però lo sanno i nostri lettori. 
xVnche l'assessore per Tistruzifue che non scherza decretò d'un 
ti ulto Tabolizione della vacanza scolastica il giorno di S. Giovanni 
cht^ ptT Roma è festa di precetto; e il torto non fu suo se i ragazzi 
alimentandosi dalla scuola fecero che il nuovo portato non maturasse: 
ma 11 Sindaco da uomo pratico prese le mosse proprio dalie abi- 
tazioni, e visto e considerato che un ribasso, anzi una stasi delle pi- 
gioni lira pel momento un disegno inattuabile, credette di regolarsi 
ili tallo e per tutto come la massima parte dei padroni di casa, e 
du vero israelita di botto aumentò di cento lire il fitto di certi 
mHgnizinr di sua proprietà in via Torino. Pel solo guadagno di po- 
che lire é probabile che il Nathan non si sarebbe esposto al bersa- 
j^liu degli avversarli, deve quindi aver visto assai lontano il giorno 
ili cut avverrà il ribasso dei fitti, e di fronte a un interesse rile- 
Viinle ha pensato, può darsi, essere di secondaria importanza la pub- 
kìViL'iì opinione. Quando poi i popolari si saranno ridestati e prote 
slf^raimo, il Nathan si troverà, secondo i computi che potrebbe aver 
fatti, u legiferare in Senato, e l'essere un dì asceso in Campidoglio 
jion sark stato alla fine senza ottimi risultati per lui. Probabilmente 
Unum avrà poco da rallegrarsi con quelle turbe ignare di amministra- 
Kìorìe, rimpinzate di spropositi, sature di ambizioni e di rancori che 
foi'tuaf^o il suo municipio rosso fiammante cui sono affidati per iscia- 
gura i suoi interessi vitali. 

lì, Riv^olgendo uno sguardo retrospettivo alla cronaca romana del- 
l'anno or ora tramontato rileviamo i seguenti dati rivelatori del li- 
vello ivi quale discende con ispaventoso progresso la pubblica mo- 
rulitiV Nel detto periodo si sono registrati 484 furti notevoli, che 



COSE! ROMANE 235 

degli innumerevoli seccndarii sarebbe pre88f)chè impossibile tenere 
il computo : 506 ferimenti gravi dovuti per io più al coltello, arma 
a buon prezzo posseduta quasi generalmente da ogni popolano e ma- 
neggiata con destrezza per Tu so che esso ne fa uscito appena di 
fanciullo; e 47 gravi omicidli, di quelli che si segnalano per circo- 
stanze addirittura mostruose e nefande e che fissano Tultimo limite 
deir umano abbrutimento. Ma la perversione suicida fu quella che 
superò anche in numero gli altri delitti, e destò raccapriccio pel 
contributo giovanile tristamente largo essendo i quattro quinti dei 
oli casi di suicidio avvenuti per ragione di amore ed alcuni per 
assai futili motivi, come ad esempio, la severa correzione paterna 
per cui qualche giovanotta si affogò nei vortici del Tevere o fredda- 
mente si diede a ingoiare le pastiglie di sublimato. Un giornale 
cittadino, che suol darsi Taria solenne di moralizzatore, sotto il titolo 
quoUdiatw suicidio esclama al proposito « triste effetto delia vita 
febbrile ed intensa dei grandi centri che stanca e fiacca nervi e 
cervello » non accorgendosi o fingendo di non accorgersi che il 
triste effetto è legittima conseguenza dei principìi materialistici e 
aotireligiosi che esso si affatica giornalmente a diffondere, e che in 
molti è frutto di quella educazione laica la quale verrebbe impar- 
tita largamente a tutti. 

A chiudere T elenco desolante anche troppo si aggiunse neir ut- 
timo giorno deiranno una terribile esplosione alla Borsa di Roma. 
Allo scoppio terribile tenne dietro la caduta del lucernario centrale, 
rabbatti mento dei tramezzi che dividevano le varie saie, il crollo dei 
pavimenti negli ufflcii del primo e secondo piano, la rottura dì tutti 
i cristalli deiredificio oltre quelli di molte case circostanti. L'angoscia 
fu vivissima specialmente in quanti potevano supporre i loro cari 
vittime del disastro in quel momento di operazioni boràistiche. Veq- 
tidue furono i feriti immediatamente soccorsi, ma uno di essi morì 
il giorno appresso, proprio il custode della Borsa, con frattura alla 
base cranica. Sulla causa si opinò variamente, e V incertezza destò 
nel re parole di poca soddisfazione per coloro cui incombeva obbligo 
di venirne a capo, come deplorò la poca sagacia e della questura e 
dei carabinieri nel rintracciare l'uccisore dell' ingegnere Arvedi bru- 
talmente trucidato e derubato nel suo scompartimento di prima classe 
nel viaggio in ferrovia da Roma ad Ancona. Quanto alla Borsa si 
parlò di una bomba fatta esplodere a scopo di furto, data la coinci- 
denza della fine di mese e di anno e i grandi valori ivi depositati; 
altri diedero la versione confermata dalle indagini seguenti d'una 
fuga di gas in certo ambiente chiuso, nel quale entrato un fattorino 
con raccendere un fiammifero per fumare vi avesse prodotto Tac- 
censione e lo scoppio. Ma qualunque voglia essere stata la cagione, 



236 CRONACA CONTEMPORANEA 

lo scoppio produsse gravi danni nell'edificio, sembrando oggi mal 
sicura la stessa facciata dai grandi massi impassibili, residuo del- 
rantlco tempio di Nettuno edificato da Antonino, e i danni alle 
persone potevano divenire assai più luttuosi se il disastro fosse ac- 
caduto un venti minuti prima, quando Taula era gremita del maggior 
numero di frequentatori. 

4. Il giorno 31 dicembre sacro alla memoria del papa S. Silvestro 
ebbe luogo T inaugurazione della basilica intitolata al suo nome 
testé ricostruita sul cimitero di Priscilla. Il felice avvenimento è do- 
vuto alla geniale iniziativa del professore Orazio Marucchi, il quale 
nel 1890 scoperse gli anticbi muri della basilica distrutta e ne pro- 
pose la risurrezione ; come va ascritto alla Commissione di archeo- 
logia sacra che vi pose grande amore e cui il re donò Tarea sulla quale 
ora sorge il nuovo monumento, al concorso pecuniario di cospicui 
personaggi, specialmente del card. Merry del Val e di mons. Vanden- 
branden, e finalmente alla intelligente direzione tecnica dei signori 
Bevignani e Kanzler. L'antica basilica era stata eretta nei tempi 
della pace, nel IV secolo, e i pellegrini vi visitarono i sepolcri 
delle sue catacombe assai celebri, finché nel secolo IX non giunse 
il tempo del trasferimento di quei santi corpi alle varie chiese della 
città, che segnò l'abbandono del cimitero e della chiesa e la seguita 
rovina della basilica. 

Le antiche costruzioni richiamate a luce sono ricoperte da due 
tetti in modo da formare due basilichette l'una posta avanti all'altra: 
ad esse si giunge pel cimitero di Priscilla dalla via Salaria salendo 
la scala che dal sottosuolo ivi mena, incontrandosi in due aule ab- 
sidate con avanzi di sepolcri nel pavimento e iscrizioni nelle pareti 
(in cima alle quali furono collocate le copie di quelle insigni sto- 
riche della basilica, riferite dalle collezioni epigrafiche) e innumere- 
voli altre memorie di quei tempi remoti. Nella solenne funzione della 
mattina ebbe luogo la messa pontificale del card. Respighi ed una 
conferenza del prof. Marucchi sul cimitero e sulla nuova basilica, e 
nel pomerìggio, dopo un'altra conferenza dello stesso illustre archeo- 
logo, si cantarono per gli ambulatori! le litanie dei santi e nella ba- 
silica il Te Deum seguito dalla benedizione impartita dal card. Merry 
del Val. 

5. Dagli Atti delle Congregazioni romane portiamo a notizia dei 
lettori una istruzione del Santo Ufficio diretta agli Ordinarli ed ai 
varii superiori delle famiglie religiose riguardanti i chierici imbevuti 
degli errori modernistici e la condotta da tenersi dai superiori verso 
di loro. 

Receatissimo Decreto Lamentabili sane exitu die 3 Julii e. a. ab hac 
S. Congregatione S. Romanae et Universalis Inquisitionis, iussu D. N. Pii 



COSE ROMANE 237 

Papae X, notati atque proscripti sunt praecipui quidam errores qui nostra 
aetate a scriptoribua, eCTrenata cogitandi atque scrutandi libertate abreptis, 
sparguntur, et aitioris scientiae fuco et specie propugnantur K 

Quum autem errores occulti serpere, et, quod maxime luctuosum est, 
ineautos animos, iuvenum praesertim, occupare soleant, ac semel admissi 
diffieillime radicitus ex animo evellantur, immo, etiam eradicati, plerumque 
sponte sua repullulent, opportunum visum est Eminentissimis et Reveren- 
dissimis Dominis Gardinalibus, in rebus fldei et morum una mecum Inqul- 
sitorìbus Generalibus. Decreto supra laudato monita quaedam adiungere, 
quibus plenìuà et efficacius attingatur finis quem S. Sedes in reprobandis 
errori bus sibi proposuerat, consequendum. 

Memores igitur imprimis sint ad quos pertinet, necessarìum esse ut 
sive in Seminariis ciericorum saecularium et studiorum domibus Religio- 
sorum, siv^e in Universitatibus, Lyceis, Gymnasiis aliisve educationis col- 
legiis Tel institutis, a iuvenum institutione omnino removeantur modera- 
tores atque magistri qui damnatis erroribus infecti cognoscuntur, vel eorum 
siispecti merito hab;:ntur. 

Necessarium pariter erlt interdicere praesertim Seminariorum alumnis 
ac universim viris ecclesiasticis, ne nomen dent libellis periodicis, quibus 
neoterici errores sive aperte propugnantur sive latenter insinuantur, neque 
quidquam in eis publici iuris facìant. A qua regula non deflectant, etsi 
aliquando gravis ratio aliud suadere videatur, nisi de consensu Ordinarli. 

GonsuUum postremo erit sacram ordinationem diCTerre vel etiara prorsus 
denegare ilsqui,' quod Deus avertat, neotericis erroribus imbuti essent, quos 
non ex animo raprobarent atque reiicerent. 

His autem prò zelo, quo erga gregem sibi creditum animantur Ordi- 
nari!, illa adiicere non omittant Consilia ac remedia quae prò ratione lo- 
eorum et circumstantiarum opportuna iudicaverint ad zizania penitus ex 
agro Domini evellenda. 

Datum Romae ex Aedibus S. 0., die 28 Augusti 1907. 

S. Card. Vanndtelli. 

6. Nato a Gramo-NevaDO nel 1820, il M. R. P. Centofanti entrò ben 
presto nel seminarioAversano, ed ivi venne ordinato eacerdote. Tornato 
in famiglia, al suo spirito arrideva più la solitudine del chiostro che 
il mondano rumore, onde si ritirò nel Convento dei Pii operai di 
S. Nicola alla carità in Napoli. E fu tale il suo attaccamento a questo 
luogo del suo ritiro, che quando per la legge di soppressione del 
1860 tutti i padri ne furono espulsi, egli volle rimanervi conten- 
tandosi di alloggiare in una stamberga che serviva da ripostiglio per 
le legna. Fu più volte designato airuflBcio di Parroco e di Vescovo, 
ma non volle addossarsi mai tanto onerosi carichi e solo la defe- 
renza ai Pii operai lo indusse ad accettare Tufficio di Preposito Ge- 
nerale deirOrdine. Ebbe facile adito in molte nobili famiglie, e in 
tutte lasciò il più caro ricordo della sua bontà. Non disdegnò, anzi, 
■ Gfir. Acta S, Sedia, voi. 40, pag. 470. 



238 CRONACA CONTEMPORANEA 

amò gli umili e li confortò colPopera e col coiìsìglìo. Scrisse: Cenni 
storici di S. Tammaro, e V Ufficio di S. Tammaro, oltre quello di 
S, Nicola che furono stampati a sue spese. E nel luogo del suo ri- 
tiro morì, com'era vissuto, santamente il 30 dicembre 1907. 

II. 
COSE ITALIANE 

I. Prima tappa della Camera. — 2. Nuovo Ministro della guerra. — 3. La 
scomunica maggiore al periodico milanese il liinnovamento, — 4. Let- 
tera della Lega de' padri di famiglia ad alcuni senatori e deputati. — ' 
5. Pel ricoUocamento dei crocifissi nelle scuole al comune di Alessandria. 

1. La Camera prese le vacanze natalizie il 21 dicembre, dopo un pe- 
riodo di lavori parlamentari non troppo lungo in vero, né troppo 
vivace; pure a guardar detto periodo dal lato della fecondità non 
può non dirsi eccezionalmente fecondo. Tra i disegui di legge rima- 
sti all'ordine del giorno per le vacanze estive furono menati a ter- 
mine quelli sopra il reclutamento delV esercito: il bilancio della emigra" 
sione che forni al problema assai complesso e tutt*ora non risolto 
nella sua ampiezza, tema a larghe discussioni: le modificasfioni or- 
ganiche del corpo sanitario militare ed altri progetti di secondario 
valore. Importanti studii su disegni di legge furono quelli pre- 
sentati pel trattato di commercio con la Russia: per i provvedi- 
menti urgenti ai danni deirultimo terremoto di Calabria e delle allu- 
vioni nelPalta Italia: la legge bancaria, destinata a dare maggiore 
elasticità alla circolazione fiduciaria. Né le quistioni sociali furono 
trascurate dal Parlamento nel breve tempo de' suoi lavori e quindi 
venne approvata una legge di abolizione del lavoro notturno dei panet- 
tieri, da tempo domandata dal gruppo socialista e dail* ufficio del lavoro, 
ed in gen^^re da una tenace e forse ordinata agitazione dei lavoranti 
panettieri ; detta abolizione introdotta già in varii luoghi non pare 
stia recando le disastrose conseguenze che gli avversarii prevede- 
vano. Le modificazioni alla legge sulle case popolari ed economiche 
che importa una larga riforma della legge 1903 a fine di affrontare 
meglio il problema degli alloggi popolari ed economici e prepararne 
la soluzione: il contratto di lavoro insieme all'arbitrato obbligatorio 
vennero a colmare delle lacune che si deploravano nella nostra le- 
gislazione. 

!i. Una nuova crisi si aperse nel ministero il 29 dicembre per la 
quale Ton. Vigano lasciò il portafoglio della guerra. È il sesto mi- 
nistro in poco più di un anno, dopo il Maiorana al tesoro, il Massimìni 
alle finanze, il Gallo alla giustizia, il Fucinato alla istruzione, il Gian- 



COSE ITALIANE 239 

turco ai lavori pubblici. L'oii. Vigano meritò lode se dopo l'esperi- 
mento fatto si convinse delia convenienza di sottrarsi dai dirigere 
un'amministrazipae così delicata e ai tempo stesso così complessa, 
e di essersi indotto a dimettersi prima che la commissione d' inchiesta 
portasse le sue conclusioni dinanzi al Parlamento. Ciò non ostante 
le dimissioni per le circostanze in cui vennero date lo fecero ber- 
saglio di poco benevoli commenti : ad ogni modo esse furono ac- 
cettate dal re, il quale con decreto dello stesso giorno nominò il 
successore nella persona dell'on. Severino Casaoa ingegnere, e se- 
natore del regno. Questi fu deputato per cinque legislature : eletto 
sindaco di Torino ebbe la nomina di senatore il primo maggio 1898 
inaugurandosi quella esposizione : ora faceva parte della commissione 
d* inchiesta sulF esercito e precisamente della quistione dei materiali 
di artiglieria: le sue idee in fatto di religione gli fanno onore, e per 
questo riguardo dicesi che i cattolici possono esser soddisfatti della 
sua partecipazione al gabinetto. Con tal nomina il governo dispose un 
tentativo giustificato, pare, dalla opportunità del momento, introdu- 
cendo per la prima volta nel dicastero della guerra un ministro bor- 
ghese, al quale sebbene venga attribuita la qualità di eminente uomo 
parlamentare congiunta ali* altra di stimato amministratore, non si 
è certi però se nelle cose militari abbia quella indiscussa compe- 
tenza richiesta ali* uopo, e non si debba ridurre il tutto a tenere 
un ministro della guerra alla Camera ed un direttore pratico, tec- 
nico air amministrazione. — E il tentativo consisterebbe in una dis- 
simulata concessione air antimilitarismo pur essendo un rimedio 
al male che, dallo stato latente venuto ultimamente alla luce, richie- 
deva un rimedio straordinario alla straordinaria decomposizione 
onde è minacciata T amministrazione più importante, cui è affidata 
la difesa della patria. Nel discorso che il Casana rivolse ai diret- 
tori ufficiali, capi divisione e capi servizio autonomi del ministero 
della guerra disse che il ministro borghese ha questo scopo prin- 
cipale di curare tutto ciò che è incluso nei suoi poteri ammini- 
strativi, e che rimangono affidate al sotto segretario le alte quistioni 
militari, ciò che sì riferisce ai servizii tecnici, air ordinamento e alla 
mobilitazione dell* esercito : d*ora innanzi per quanto si riferisce ad 
attribuzioni strettamente militari i capi servizio del ministero ricor- 
reranno in modo diretto al generale sotto- segretario, il quale rife- 
rirà al ministro quando lo giudicherà: questo sistema bene applicato 
produrrà a parere del ministro grandi beneficii ali* esercito. A sotto- 
segretario della guerra, dopo le dimissioni presentate dal generale 
Valleris, fu scelto il generale Segato uno dei più giovani comandanti 
di brigata avendo solo 51 anno, da pochi mesi promosso a maggior 
generale; quelli che lo conoscono lo danno per uomo assai colto 



210 CRONACA. CONTEMPORANEA 

il quale però aon si è occupato mai espressamente di problemi coa- 
cernenti ramministrazione e T organizzazione militare. 

3. Poiché tutti i tentativi di far desistere i compilatori del Bin- 
novamenio dall'opera intrapresa, e tutti gli sforzi di ricondurli sulla 
via dritta riuscirono vani, l'arcivescovo dì Milano card. Ferrari fece 
loro pervenire il di 23 decembre un decreto col quale proibiva la 
continuazione del periodico sotto pena di scomunica per i suoi di- 
rettori, scrittori e collaboratori. Il decreto rammenta gli antecedenti 
della pubblicazione svoltisi tra la pertinacia degli scrittori e la lon- 
ganimità dell'autorità ecclesiastica, e conchiude in questi termini: 
« Perciò flon solo per la nostra autorità ordinaria, ma anche per 
l'autorità pontifìcia, in tal caso particolarmente a noi delegata» 
strettamente vietiamo e interdiciamo la pubblicazione della rivista 
che ha per titolo : lì RinnovameniOy rivista critica di idee e di fatti 
sotto pena della scomunica maggiore nella quale incorreranno ipso 
facto tutti gli editori, direttori, autori, collaboratori di qualsiasi dio- 
cesi, e v'incorreranno anche se con altro titolo ed in altro luogo 
fosse pure in altra diocesi, e sotto qualsiasi forma continuassero l' in- 
terdetta pubblicazione. » 

Accompagnava 11 decreto una lettera dell'arcivescovo, il quale 
anche in quell'estremo passo si mostrò fiducioso dopo le patite de- 
lusioni con accogliere nel cuore paterno straziato ancora un filo di 
speranza. Ma con rammarico per mezzo di uno scritto pervenutogli 
apprese il proposilo dei direttori del Rinnovamento di non volere smet- 
tere dalla pubblicazione, sicché in una nota al foglio ufficiale il 
card. Ferrari lamentava che « purtroppo questa favilla di speranza 
si è spenta... così la ribellione alla autorità della Chiesa é consu- 
mata, e lo scandalo assai grave ». 

4. Fedele al suo nobile programma, la « Lega nazionale tra i padri di 
famiglia » inviò ultimamente a molti fra deputati e senatori una let- 
tera con la quale chiedeva l'appoggio autorevole dei rappresentanti 
della nazione alia sua opera di difesa per la moralità contro la stampa 
libertina e irreligiosa, e sappiamo che molti si sono affrettati a ri- 
spondere, che aderiscono pienamente ai concetti in essa contenuti. La 
lettera é in questi termini : 

Onorevole Signore, 

Non può al certo ignorare la S. V. 0. come da vario tempo, ma ora 
assai più intensamente e sfacciatamente, una stampa empia e libertina con 
i suoi articoli e colle sue illustrazioni offenda non solo la religione della 
grande maggioranza degl' italiani, ma sia scuola nefasta d'ogni sorta d'im- 
moralità. Qual danno immenso essa Caccia, massime alle giovani genera^- 
zioni, non è d*uopo dimostrarlo; perchè bastano le sole statistiche crimi- 
nali, costatanti Tognor crescente aumento della delinquenza dei minorenni» 



COSE ITALIANE 241 

e le deficienze fisiche, rilevate dalle visite mediche negli uflici di leva, per 
rimaner convinti a qual basso livello morale ed a qual depauperamento fisico 
siasi giunti nella nostra Italia. Ora, contro il dilagare di tanta empietà e di 
tante sozzure, causa principale d{ cosi gravi danni fisici e morali, un gruppo 
di cittadini romani, fino dal decorso agosto, intese di costituire, come ha 
costituito, una Lega Nazionale tra i Padri di Famiglia (quelli cioè che per 
naturale loro missione, sono i più legittimamente interessati a tutelare la 
moralità dei propri figli) per opporre un argine all'invadente corruttela di 
costumi e di educazione civile. Con quali mezzi la Lega (già fortunatamente 
diffusa nelle principali città d'Italia) intenda e voglia raggiungere il suo 
alto e patriottico scopo, è detto chiaramente nel programma, stato già pub- 
blicato, e del quale si ha l'onore di compiegarne un esemplare. Ma, a con- 
seguire più efficacemente T intento, la Lega, non avente carattere (giova il 
notarlo) politico, né confessionale, ha bisogno anzitutto dell'autorevole ap- 
poggio di coloro, cui sono affidate le sorti della nazione. A tale effetto il 
Gomitato Centrale di questa Lega si rivolge alla S. V. 0. affinchè si com- 
piaccia di onorarla con la sua preziosa adesione. 

5. I poveri socialisti di Alessandria hanno un diavolo per capello 
dopo Tordine prefettizio a quella giunta comunale di ricollocare i 
crocefissi nelle scuole. La grave quistione interessava da tempo 
la cittadinanza, fin da quando, cioè, la giunta correndo per la via 
della laicizzazione aveva voluto per se il gran merito di essere per- 
venuta alla rimozione delle insegne di cristianesimo dai locali scolastici. 
La lunga serie di ricorsi da parte dei cattolici e contro ricorsi anti- 
clericali ebbe l'epilogo col trionfo del principio religioso. La giunta riu- 
nitasi per discutere sul decreto prefettizio e ascoltato il di scorso del Sin- 
daco intorno all'opera di laicizzazione intrapresa dall' amministra- 
zione e osteggiata dal governo, stabili di rassegnare le proprie di- 
missioni e quelle del sindaco. Il consigliere Pozzi in questa occa- 
sione sputò quanto fiele aveva in corpo dicendo che, quando la politica 
di un paese di tradizioni liberali viene guidata dai ministri del 
papa, in quel paese occorrono violenti atti di sincerità (alludendo alle 
dimissioni ben auspicate). « Non intendiamo di sottostare a nessun 
arbitrio, siamo qui non per volontà di monarca né per grazia di Dio, 
ma per libera volontà della sovranità popolare: rimuovendo i cro- 
cefissi dalle scuole abbiamo inteso togliere il simbolo di una reli- 
gione che si presentava alle tenere menti dei nostri bambini con le 
spasmodiche contorsioni di un uomo inchiodato, noi che amiamo la 
vita nel senso più pagano della parola non possiamo essere gli ado- 
ratori delle piaghe del beato Labre, né del letamaio di Giobbe ». Il 
breve riassunto di strafalcioni cosi bestiali coi propositi inverecondi val- 
gano a illuminare il popolo illuso e far scuotere il giogo che incosciente- 
mente si è venuto fin qui accollando. Anche l'assessore della pubblica 
istruzione volle il merito di aver ammassato il suo cumulo di sciocchezze 
1908, voi. i, fase. 1382. 16 11 gennaio 1908. 



24i52 CRONACA CONTEMPORANEA 

cofichiudendo magistralmente il discorso coi gridi di abbasso il papa, 
viva il socialismo; e Videa nuova comunicando all'^ran^t le pri- 
mizie d*un suo commento si sbizzari come potè meglio contro le pin- 
zochere, i preti, il prefetto e, solito ritornello un pò* fuor di moda, 
la Dama bionda di Savoia. 

III. 

COSE STRANIERE 

(Notizie Generali). Spagna.. 1. Il bilancio della pubblica istruzioae. Una 
bomba a Barcellona. — %. Svezia. I premii Nobel. — 3. Stati Uniti. Il 
bilancio della guerra e della marina. — 4. Giapponb. Sua attività pro- 
duttiva : la mostra del 1912. 

1. (Spagna). Un trionfo politico importante per il presidente del 
Consiglio è riuscita la votazione del bilancio della pubblica istru- 
zione, sul quale Topposizione cercò suscitare un movimento di ostru- 
zione. La tornata del sabato 28 dicembre si prolungò tuttala notte, 
ma la maggioranza sostenne unita il ministero e le disposizioni mi- 
nisteriali furono approvale. Le sessioni delle Cortes vennero riman- 
date fino al ^ gennaio. 

A Barcellona non cessano le agitazioni piti o meno audaci del- 
l^anarcbìa. La terribile esplosione di una bomba nascosta nel portico 
di un palazzo rovinò buona parte del fabbricato ed uccise un agente 
dì polizia. Furono sospese le franchigie costituzionali. 

2. (Svezia). I premi Nobel per Tanno testé trascorso sono stati 
distribuiti ai seguenti candidati: quello per la pace fu diviso fra 
Luigi Renault, francese e Teodoro Moneta, italiano: quello per la 
fisica venne assegnato al sig. Alb. Michelaon, di Chicago: quello 
di, chimica al sig. Hans Buchner, di Monaco in Baviera: quello di 
medicina al dott. Laveran, di Parigi: quello di letteratura al signor 
Rudyard Kipling di Labore. Ciascuno dei premiati, oltre il montante 
del premio in danaro che quest*anno era di lire 190.525, ricevette 
nu diploma con una medaglia d'oro. 

11 Re^nault professore di diritto internazionale, membro dell* Ac- 
cademia delle scienze morali e politiche, ministro plenipotenziario e 
membro della Corte permanente d'arbitrato all'Aia, è il capo delia 
scuola francese di diritto delle genti. I) suo Trattato di diriio com- 
merciale fu coronato dall' Istituto di Francia. Nel 1902 fu scelto 
come arbitro tra il Giappone e le Potenze europee Germania, Fran- 
cia ed Inghilterra, in una questione d'imposte sui terreni concessi 
da quel Governo. 

Il Moneta nato a Milano nel 1833 fu garibaldino, poi giornalista 
e direttore del Secolo per molti anni. Scrisse unE Storia della guerra 



NOTIZIE GENERAL! 24S 

e della pacB nei secolo XIX: la eeienea e la guerra al Transvaal : La 
pmce e la difesa nazionale. 

lì Michelson, fisico tedesco naturaMzzato americano, fa profes- 
sore alla Scuola delle scienze applicate di Cleveland, (Ohio) quindi 
all^unì versi là Clark di Worcester (Massachussetls), e dal 1893 a 
cfoella di Chicago. Sono rimaste celebri le ricerche colle quali egli 
rannodò la lunghezza del metro colla lunghezza d*onda del cadmio. 

Il Buchner è direttore dell'Istituto d'igiene, batteriologo emi- 
nente; a lui si deve la dimostrazione che T infìammazioae, la secre- 
zione del pus, Televazione della temperatura sono la reazione difen- 
siva delTorganismo contro T infezione microbica. I principali suoi 
lavori furono quelli intorno alla contagione delFantrace, ali* influenza 
della luce sul batlerii, su! modo di diminuirne la virulenaa ecc. 

ll'Laveran membro dell* Accademia delle scienze e di quella di 
oMdicina, illustrò il suo nome colla scoperta del modo d* infezione 
delle Mkbri intermittenti e eolio studio dei protozoari del sangue. 

Il Kipling é autore di novelle, di racconti sulla vita nelF India, 
di ballate che lo fecero chiamare il Tirteo sassone: i suoi due libri 
sulla Jungla fKibblicati nel IBM e 1895, sono stimati il suo lavoro 
migliore. 

3. (Stati Uniti). Nelle presenti congiunture, dopo i rrpetuti dis- 
sensi col Giappone e la crociera intrapresa nel Pacifico, non pfiiò 
passare senza essere notato il bilancio di esercizio per il 1908-1909 pre- 
sentato dal secretarlo del Tesoro ; la cui somma monta a 3,83^,541,31^ 
lire. Questo bilaneio è in aumento dì 281 milioni sopra il bilancio 
corrente e Tau mento riguarda quasi esclusivamente la ^erra e la 
marina, di cui la prima accresce le sue spese di 180 milioni e Taltr»^ 
di 130. 

4. (Giappone). Continuano a sorgere qua e là voci di malumori 
dell'impero cogli Slati Uniti ed ultimamente anche coli' Inghilterra 
a proposito del commemo colle Indie. Certo è che la concorre nia 
giapponese ba accaparrato sotto la sua bandiera tutto il traffico in^ 
ternazìonale nell'Estremo Oriente. Intanto le importazioni del Giap- 
pone nei primi nove mesi del 1907 salirono a 938 milioni e mezzo, 
vantaggiando di 127 milioni quelle dell'anno precedente. Le espor- 
tazioni nello stesso tempo toccarono circa 913 milioni con 88 mi- 
lioni di eccedenza. Il commercio totale saliva a 1,651 milioni. Le 
sole sete tra gregge e lavorate contano per 280 milioni. Un altro 
indizio del movimento e della prosperità finanziaria é nei depositi 
alle casse postali di risparmio che alla fine di settembre montavano 
a 220 milioni di lire. 

L'impero nipponico prepara con ardore la Mostra internazionale 
del 1912 alla quale già cinque Stati europei hanno aderito; e sono 



244 CRONACi. CONTEMPORANEA 

già destinate aree speciali a espositori stranieri nelle sezioni di 
elettricità e manifatture. Il ministero dell* istruzione prepara pure 
una conferenza universale di medicina da tenersi in quella occasione. 

RUi^SIA (Nostra Corrispondenza). 1. L* inaugurazione solenne della terza 
Duma. — 2. Il carattere della terza Duma. — 3 1 partiti della terza 
Duma, il loro orientamento, e il tramonto dell'autocrazia. — 4. Il clero 
ortodosso nella terza Duma. — 6. 1 deputati polacchi e l'autonomia della 
Polonia. — 6. L'accademia romano cattolica di Pietroburgo, e la sua 
prosperità. — 7. Il congresso generale dei preti mariaviti a Varsavia. 

1. Il 7i4 novembre nel palazzo della Tauride, alle il del mattino,, 
si è solennemente inaugurata l'apertura della terza Duma. Mgr. An- 
tonio, metropolita di Pietroburgo, si è rivolto ai nuovi deputati russi, 
citando un testo dell'Apostolo S. Paolo (ad Eph., VI, 18), e met- 
tendo in rilievo l'importanza della preghiera pel buon successo di 
tutte le iniziative. Dopo una breve allusione alle discordie che tra- 
vagliano la Russia, ed ai delitti che il terrorismo vi moltiplica, il 
metropolita ha esortato i suoi uditori a mettere da banda gli attriti 
delle fazioni, ed a lavorare di comune intesa alla grandezza ed alla 
prosperità della patria nell'unione indissolubile con lo Tzar. 

Il Vice-Presidente del Consiglio di Stato, il senatore Golubev, ha 
salutato la nuova Duma da parte di S. M. lo Tzar, augurandosi che 
lavori per ristabilire l'o/dine, favorire l'istruzione ed il benessere 
del popolo, consolidare il nuovo regime costituzionale e tutelare la 
grandezza dell' impero russo indivisibile. Si è quindi scelto il Presi- 
dente, e con 371 voti, quasi all'unanimità, è stato eletto a questa 
carica Nicola Aleksieevitch Khomiakov, secondogenito del famoso 
scrittore siavofllo russo, Alessio Stepanovich Khomiakov. Per lui vo- 
tarono quindi compatti i tre partiti più importanti della Duma, la 
Destra, gli Ottobristi ed i Cadetti. Il Khomiakov in una breve al- 
locuzione fé' una professione di fede schiettamente monarchica, rap- 
presentando i deputati della Duma come persone investite della mip- 
sione di attuare la volontà dello Tzar nei gravi problemi che s' im- 
pongono alla Russia sanguinante. 

Dell'apertura della terza Duma si sono interessati solamenti i 
giornalisti di professione, e i proprietari dei cinematografi. Il popolo 
è rimasto del tutto indifferente : gli operai e gli studenti non hanno 
scioperato, ed il cielo eziandio, fosco e nuvoloso, non si è mostrato 
clemente ai sedicenti delegati del popolo russo. Arrogi che il pre- 



Nota. — La Direzione del periodico, nel pubblicare le reiasioni de* suoi corrispon- 
denti esteri, come si affida alla serietà delle loro informasioni e rispetta la oonveniente 
libertà de* loro appressamenti, oosi lascia loro la responsabiUtà de' fatti e delle opinioni 
eomunicate. 



RUSSIA 245 

fello dì polizia, nella vigilia deiraperlura della Duma, avea dato 
ordine che i muri delle case fossero tappezzali di manifesti che com- 
minavano severe repressioni contro i fautori di disordini, e proibi- 
vano gli aggruppamenti di curiosi, il transito delle carrozze e dei 
pedoni nelle vie adiacenti al palazzo della Taurlde, circondato da 
forti nerbi di truppe. Inoltre la pessima riuscita della prima e delia 
seconda Duma, i mutamenti introdotti nelle leggi elettorali, i con- 
tinui delitti e rapine commessi in nome della rivoluzione, la steri- 
lità delle due prime rappresentanze nazionali hanno stancato il 
popolo, il quale si accorge di essere stato tratto in inganno dai ca- 
porioni di un socialismo che proponevono flnanco al governo l'espro- 
priazione forzata della proprietà rurale, e la sua naeionalieeagione. 
Nella febbre di libertà, i partigiani del rinnovamento democratico 
della Russia, esorbitando oltre ogni limite nelle loro pretese, hanno 
provocato una reazione, la quale propugna il ritorno air antico or- 
dine dì cose, o ad uno stato equivalente. Fuor di dubbio gli stessi 
più accaniti membri della Destra, dopo il loro trionfo proclamano 
la necessità di serbare inviolate le prerogative della Duma, ed esal- 
tano la sua missione di pacificatrice della patria. Ma si vorrebbe da 
molti ridurre il suo compito ad una mera sorveglianza che non me- 
nomerebbe le prerogative del regime autocratico. 

2. Nella passata corrispondenza esprimevamo il nostro scetticismo 
riguardo alle previsioni avventate di quasi tutta la stampa liberale 
russa che presagiva il trionfo del liberalismo e del radicalismo russo 
nella terza Duma. Gli avvenimenti ci hanno dato ragione. Da un 
lato le limitazioni imposte al diritto di suffragio dalla nuova legge 
elettorale, dall'altro una più energica ed attiva preparazione del go- 
verno, il quale si è avvalso specialmente dell'opera del clero, hanno 
dati i risultati che si speravano. 

Gli elementi reazionari della destra e gli elementi moderati hanno 
escluso quasi totalmente dalla Duma i rivoluzionari dell'estrema si- 
nistra ed i cadetti, incerti e mutevoli nella loro politica dì oppor- 
tunismo. La nuova legge elettorale mirava a dotare la Russia di una 
Duma essenzialmente russa, nella quale l'elemento straniero rappre- 
sentasse una minorità infima. I cosi detti inorodtzy ed inoviertzy 
(uomini di altra stirpe e di altra fede) nella seconda Duma forma- 
vano il 25 %, e nella terza sono ridotti all' 11,5 7o ^^ anche meno, 
qualora si consideri che nella seconda Duma i deputati erano 500, 
laddove nella terza il loro numero è sceso a 442. I deputati non 
russi nella terza Duma sono in tutto 51, tra i quali 18 polacchi 
contro 46 nella seconda Duma, 8 musulmani contro 38 nella seconda 
Duma, 2 ebrei contro 6 nella seconda Duma, eli nella prima, 9 te- 
deschi, 2 armeni, 3 georgiani. 7 lettoni e lituani. Le maggiori per- 



246 CRONACA CONTEMPORANEA 

dite SODO state quindi subite dai Polacchi, considerati come nemici 
dell' impero, dai Musulmani, perchè non maturi ancora nel regime 
costituzionale, e dagli Ebrei, contro i quali infierisce attualmente la 
lega degli uomini veramente russi coi suoi organi il Viece ed il 
Busskoe Zuantia. 

Il secondo intento delia nuova legge elettorale era Tel imi nazione 
dalla Duma del partito democratico socialista e dei cadetti favorevoli 
airautODomia delle singole nazionalità dell* impero. Secondo la carta 
grafica della terza Duma, edita dal A^voe Vremia, su 427 deputati 
della Russia, esclusa la Siberia, 33 appartengono alla lega del po- 
polo russo, 154 alla destra, 100 agli ottobri sti, 13 ai moderati, 28 
ai progressisti, 47 ai cadetti, 16 ai polacchi, 10 agi* indipendenti 
(beepartimye) e 26 alla sinistra. Questa comprende i socialisti de- 
mocratici ed i socialisti rivoluzionari ; del partito progressista fanno 
parte i deputati musulmani. Secondo la statistica dei Teerkovnia 
Viedomoati la destra novera 192 membri, gli ottobristi 104, i ca- 
detti 50, e la sinistra 91. I cadetti quindi, che Porgano del Sinodo 
assimila ai rivoluzionari, e la sinistra formano un gruppo di 141 de- 
putati, che rappresentano Topposizione. Nella seconda duma essi 
costituivano i tre quarti del parlamento. Gli ottobristi accarezzano 
tendenze liberali al pari dei cadetti, e si separano da costoro sola- 
mente perchè sono contrari alla concessione dell'autonomia politica 
alle nazionalità dell* impero, ali* uguaglianza civile degli ebrei, e pro- 
pugnano una soluzione del problema agrario che non risponde al 
programma dei cadetti. Si è quindi tentata sulle prime un'intesa tra 
i due partiti, ma le trattative sono andate a vuoto. Gli ottobristi 
hanno quindi fatto causa comune con la destra formando un gruppo 
compatto di 300 deputati, che riduce ali* impotenza i partiti dell'op- 
posizione. Questa coalizione di elementi reazionari e moderati dipen- 
derà fuori di dubbio dall'attitudine che i deputati della destra prende- 
ranno nei dibattiti parlamentari. 

Notevole è il fatto che in Pietroburgo e Mosca gli elettori hanno 
mandato alla Duma 5 cadetti e 5 ottobristi. I due capi del primo 
partito, Rodicev e Miliukov, sono stati eletti a Pietroburgo con una 
maggioranza imponente. 1 cadetti si dichiarano quindi soddisfatti di 
questa vittoria morale, magro compenso della loro disfatta nume- 
rica. Dalla nuova Duma sono stati esclusi l'arrabbiato antisemita 
Kruscevan, che organizzò il massacro degli ebrei di Kiscinev, ed il 
famoso prete liberale, Gregorio Petrov, contro 11 quale insolentiscono 
con triviali caricature i giornali reazionari. 

La terza Duma è stata variamente giudicata dalla slampa. I ne- 
mici del governo deplorano la rovina delle speranze del popolo, il 
riturno all'antico regime ed il trionfo della reazione. Il Novoe Vr^mia 



RUSSIA 247 

dichiara invece che 11 nuovo parlamento sarà un elemento di rì^e- 
nerazione per la Russia. La prima Duma componeasi di professori, 
e come ironicamente si esprime una vecchia satira tedesca contro il 
parlamento di Francoforte : Undwteiebzig Profeasoren ; Vaterland, du 
bist verloren (Centosettanta Professori!.. O patria, tu sei perdutal); 
la seconda Duma noverava il 45 % ^^ uomini grossolani ed igno- 
ranti che le davano Taspetto di un comizio di popolari esaltati. 

3. Questa alleanza politica, suggerita dairopportunismo, non sa^rà 
forse duratura. Pei loro ideali gli ottobristi sembrano propendere 
più dalia parte dei cadetti che da quella della destra. E di queste 
simpatie si è avuta una prova chiarissima nella memoranda te mata 
d^l '^ s« novembre che il Menscikov del Novoe Vretnia non esita a 
chiamare giornata storica. La Duma discuteva l'indirizzo di fedeltà 
dei suoi membri allo Tzar. L'Estrema Destra volea a tu tt' uomo che 
si continuasse come pel passato ad aggiungere ai titoli dello Tzar 
quello di autocrate: samoderjetif. La discussione fu vivissima. Uno 
dei due vescovi deputati, Mgr. Metrofane, citò le antiche cronache 
per dimostrare che l'autocrazia é il principio del benessere e della 
felicità della Russia. Le pretese della Destra che propugnava il man- 
tenimento del vecchio regime non piacquero a buon numero di otto- 
bristi, i quali vorrebbero lealmente Tattuazione delle riforme costi- 
tuzionali. I cadetti profittarono delle intemperanze di linguaggio di 
parecchi membri della Destra (uno di questi, il Purichkevitch, avea 
asserito che Alessandro II, lo Tzar Liberaiore, era stato massacrato 
dal popolo, quando proponevasi di promulgare la Costituzione) e 
tentaroT!io di amicarsi gli elementi più liberali del partito degli ot- 
tobristi. Il loro tentativo riuscì felicemente. Gli ottobristi si divisero 
in ottobristi della destra, capitanati dal conte Uvarov, ed in otto- 
bristi della sinistra, capitanati dai deputati Petrovo-Solovov e Ka- 
pustin. Uno scisma politico è quindi scoppiato nelle file del partito 
che la stampa reazionaria lusingavasi di veder militare sotto i ves- 
silli della Destra. Il risultato di questo scisma é stata la soppres- 
sione dell'epiteto di autocrate nell'indirizzo della Duma allo Tzar. 
In uno splendido discorso che riscosse gli applausi del Centro e della 
Sinistra, il deputato Plevako, ottobrista, rivolgendosi ai membri della 
Destra, dicea loro : « Lo Tzar vi largisce la toga virile, e voi am- 
bite di rimprendere le camicie della vostra infanzia. » La destra esa- 
gerando nelle sue pretese, ha compromesso la sua preponderanza 
morale, ed i cadetti, nonostante l'esiguo loro numero, sono riuscita 
a guadagnarsi una grande vittoria. 

La terza Duma lavorerà quindi a consolidare in Russia il regime 
costituzionale. Il Tovarichtch, l'organo del socialisti russi, commen- 
tando la tornata del ^^/^ novembre scrivea che il perìcolo di una 



248 CRONACA CONTEMPORANEA 

destra reazionaria è scomparso: Tautocrazia è morta, e non vi è 
più timore che risorga: la Duma si è francamente dichiarata sua 
avversaria. Il Rietchy Torgano dei cadetti, esprimeva la sua gioia 
dichiarando che infine la Costituzione vigeva realmente in Russia. 
11 Novoe Vremia deplorava al contrario che la Duma con la sua de- 
cisione avesse cancellato cinque secoli di storia nazionale. A parer 
nostro, la terza Duma è il primo parlamento russo che sembra de- 
ciso ad un lavoro efficace e fecondo. La seconda Duma era il par- 
lamento del nihilistno nazionale, come la definiva il principe Eugenio 
Trubetzkoi. La terza Duma risulta in maggioranza di elementi mo- 
derati, e per giunta il suo livello intellettuale è molto elevato, buon 
numero dei suoi membri essendo forniti di diplomi universitari. Si 
prevede che la sua vita non sarà effimera come per le due prece- 
denti, e che le sue iniziative ristabiliranno alquanto l'ordine in 
Russia. Diciamo alquanto, perchè sventuratamente i delitti dei ter- 
roristi, ai quali il Russkoe Znamia dedica una rubrica speciale col 
titolo generico di agitaeione liberatrice, crescono di numero. Si cal- 
colano a 44,000 le vittime che nell'ultimo intervallo di tre anni i 
torbidi poi tici hanno mietuto in Russia, ed il periodo delle esecu- 
zioni capitali o degli assassini! non è ancora chiuso. 

4. Una nota caratteristica della nuova Duma è il gran numero 
di popi che figurano tra i suoi membri. Oltre i due vescovi orto- 
dossi di Chelm, Mgr. Eulogio, e di Moghilev, Mgr. Metrofane, tra 
i deputati russi noveransi 42 popi, vale a dire, il clero forma la 
decima parte dei membri della Duma. Il clero è ben lungi dal godere 
in Russia la popolarità, e perciò i suoi successi elettorali non sono 
il prodotto spontaneo della sua morale influenza. Il Bus attribuisce 
il trionfo delle candidature clericali all' indifferenza del pubblico per 
le elezioni politiche. Moltissimi laici si sono astenuti dal recarsi alle 
urne, laddove il clero ha preso una parte vivissima alla lotta elet- 
torale. 

Per citare alcuni esempi, a Novgorod, nei comizi preparatori alle 
elezioni, sono intervenuti 69 popi ed 1 solo laico; a Ji tornir 56 popi 
e 2 laici; a Kaluga 120 popi e 5 laici. I delegati elettorali dì pa- 
recchi governi erano quasi tutti popi : nel governo Tver se ne con- 
tavano 170 di fronte a 16 laici; in quello di Mosca 161 e 44 laici e 
così di seguito. I concistori ecclesiastici hanno emanato parecchie cir- 
colari ingiungendo al c!ero di recarsi alle urne. Qualche vescovo ai 
popi delle parrocchie imponeva come dovere di coscienza di votare 
in favore degli uomini veramente russi. Il clero si è così comportato 
in seguito alle istruzioni ricevute dal Sinodo, il quale per tenerli 
vieppiù sotto la sua dipendenza, loro ha offerto gratuitamente l'al- 
loggio in uno dei palazzi di sua proprietà, il metochion di S. Me- 



RUSSIA 249 

trofane. Il clero della Duma è quivi riunito sotto la presidenza dei 
due vescovi Eulogio e Metrofane, e sulle prime si è discussa Top- 
portunìtà di formare coi suoi membri un partito speciale per la tutela 
degr interessi della Chiesa. Il metropolita Antonio ha però loro con- 
sigliato di votare sempre in favore della Destra, uno dei cui membri 
più esaltati, il Purichkevitch, prende parte alle loro adunanze per 
suggerire loro i suoi piani di battaglia. Mgr. Eulogio si adopra poi 
per serbare Tunità morale tra i suoi subordinati, parecchi dei quali 
non celano le loro tendenze progressiste. 

Sembra però che queste esortazioni non raggiungano il loro scopo. 
Infatti nella seduta del ^^/^^ novembre parecchi popi hanno votato 
con gli ottobristi della sinistra e i cadetti per la soppressione del 
termine di autocrate. Il loro voto ha inviperito il gruppo delKEstrema 
Destra, e scandalizzati i due vescovi deputati, che sembrano disposti 
a chiedere delle punizioni esemplari, la destituzione dal sacerdozio, 
l'espulsione dalla Duma ecc. La discordia regna quindi eziandio nel 
partito, che lo spirito di casta dovrebbe tenere concorde ed unanime. 
E di questi attriti sapranno forse trar profitto i cadetti. AlTora in 
cui scrivo, assistiamo ad una lenta evoluzione VieDa terza Duma, la 
quale presentatasi come il blocco delle forze della reazione, si orienta 
verso il liberalismo, e dichiara che la Russia vuole un governo co- 
stituzionale. 

5. Nella terza Duma i Polacchi formano una frazione insignifi- 
cante. Gli elettori vi hanno inviato i democratici nazionalisti, che 
considerano la concessione delfautonomia alla Polonia come il primo 
ed unico passo decisivo per la soluzione della questione polacca in 
Russia. Il Dmowski, capo della frazione polacca, dichiara che dal- 
Tattitudine del governo russo dipende la soluzione del problema po- 
lacco, e che ad esse si collegano le sorti e Tavvenire dell'impero. 
Ma il tempo non è propizio alle rivendicazioni polacche, che il partito 
della destra considera come i prodromi di una prima rivolta politica 
simile a quella del 1863. 

Il Movoe Vremia descrive a foschi colori la situazione dei Po- 
lacchi nella Russia, ed i rigori del governo che rapisce ai suoi sud- 
diti polacchi le loro terre e chiude le loro scuole, e di questi mali 
getta la responsabilità sui Polacchi stessi, che persistono nella loro 
chimera di ristabilimento del loro antico reame. I Polacchi dovreb- 
bero unirsi lealmente ai Russi e combattere insieme per eliminare 
il pericolo tedesco che minaccia gli Slavi dell'Austria. Ma il Xovoe 
Vremia dimentica che la prima condizione per indurre i Polacchi a 
subire la supremazia politica della Russia è la rinunzia all'infausta 
politica di russificazione della Polonia, che tuttora logora questa 
sventurata nazione. 



250 CRONACA CONTEMPORANEA 

I Polacchi attualmente secondo Tautorevole periodico del prin- 
cipe E. Trubetzkoi, il Moskovsky Ejenedielnik, dovrebbero differire a 
miglior tempo la questione dell'autonomia nazionale. I Russi temono 

10 sfasciarsi deirunità dell'impero, qualora i Polacchi prima, e poi 
le altre nazionalità ottenessero, come la Finlandia, un regime auto- 
nomo. 1 Polacchi darebbero prova di sagacia e di prudenza limitan- 
dosi per ora a lottare per la difesa della loro lingua, a chiedere che 
il loro idioma sia introdotto negli zemstva, nei tribunali, nelle scuole. 
Nelle attuali condizioni sarebbe questo infatti il migliore consiglio. 
I cadetti favorevoli all'autonomia della Polonia, sono nella Duma una 
piccola minoranza, ed il governo sembra ritornare alla sua politica 
di ostilità e di diffidenza a riguardo dei cattolici e dei polacchi. Ne 
abbiamo la prova neirallontanamento di Mgr. Edoardo Ropp, vescovo 
di Vilna, dalla sua diocesi. I Polacchi dovrebbero quindi procedere 
con cautela, e rivendicare un po' per volta tutti i diritti dei quali li 
ha privati la politica di russificazione. 

6. Di fronte alla indolenza religiosa del clero russo siamo lieti 
di elogiare lo zelo e l'attività del clero cattolico di Pietroburgo. 

11 nuovo parroco della Chiesa di S. Caterina, il Rev. Butkiewicz, 
la più vasta e la più importante di Pietroburgo, ha dato un vivo 
impulso alle scuole parrocchiali, e per favorire vieppiù il loro incre- 
mento ha fondato una società pedagogica. I redditi annui della 
parrocchia di S. Caterina si aggirano intorno ai 230,000 rubli al- 
l'anno e sono in massima parte spesi per l'istruzione cristiana dei 
fanciulli, e per le opere di beneficenza. Sotto l'aspetto scientifico 
notevole è il risveglio dello studio delle scienze sacre nell'Accademia 
ecclesiastica di Pietroburgo, trasferita da Vilna in questa capitale 
nel 1842 per ordine dello tzar Nicola I. L'Accademia di Pietroburgo 
è l'unica scuola superiore del clero cattolico in Russia, e la valentia 
dei suoi professori ci è arra di liete speranze pel suo avvenire. Men- 
zioniamo tra i più chiari Mgr. Longino Zarnowiecki, liturgista di 
polso ed autore di pregiatissime opere sui paramenti sacri, sui 
ricami e sulle stoffe sacre, sul calice ecc.; il canonico Giovanni Ma- 
tsulewicz, che ha dato alla luce un dotto trattato De jusHtia et 
jnre; il canonico Giovanni Cieplak, autore di un bellissimo studio 
sull'Epiclesi; il rev. prof. Matulewicz, la cui tesi latina sul peccato 
originale secondo i teologi russi rivela la sua profonda conoscenza 
della teologia ortodossa; il rev. Michele Godlewski, che ha dato alla 
luce due volumi di documenti, col titolo generico di Monumenta eccle- 
siastica petropolitana. l materiali raccolti in questi due volumi sono 
tutti inediti, ed offrono un contributo prezioso alla storia della Chiesa 
cattolica in Russia verso la fine del secolo XIX. Il professore di 
russo dell'Accademia è un fervente cattolico, Stanislao Ptaszycki, 



RUSSIA 251 

autore di numerosissimi lavori e monografìe storiche date alla luce 
da Società scientifiche russe e polacche. I corsi di studi sono divisi 
in 4 anni, e gli alunni raggiungono il numero di 60. Il fiorire del- 
TÀccademia cattolica di Pietroburgo contribuirà efficacemente a rial- 
zare il livello intellettuale del clero cattolico in Russia e ad agguer- 
rirlo nelle lotte che gli sono imposte per la tutela della sua fede. 
7. Con dolore ritorniamo a parlare della sciagurata setta dei Ma- 
riaviti, che tuttora continua a fomentare disordini nella Polonia, e fa 
gongolare di gioia certi organi della stampa ortodossa. Nell'ottobre 
si è tenuto a Varsavia il congresso dei preti che aderiscono tuttora 
alla setta con gravissimo scandalo e danno dei fedeli. Nonostante 
r anatema che grava su di lui, il famoso sedicente generale della 
Congregazione dei Mariaviti, Giovanni Kowalski, celebrò la messa, 
e nominò suo vicario generale il prete Romano Pròchniewski. Si 
decise nel congresso di dividere il territorio abitato dai mariaviti 
in tre sezioni nazionali : polacca, boema e lituana. L'organamento 
ecclesiastico mariavita comprenderebbe alcune provincie divise in di- 
stretti, e dei distretti divisi in comuni ed in succursali. Il congresso 
dei mariaviti (swiaeek tnarjafvitów) è retto dal generale o vicario: 
alla cura dei distretti è preposto un custode; i parroci ed i vicari 
ammiai strano i comuni e le succursali. I parroci sono eletti dal ge- 
nerale col consenso dei parrocchiani. Il capitolo generale si raduna 
una volta ogni tre anni, e le sue decisioni hanno forza di legge. 
Un consiglio di tre preti è investito della facoltà di emanare delle 
sentenze di divorzio (1). Gli uffici divini devono essere celebrati nel- 
Tìdionaa parlato dal popolo. I seminari sono inutili. I candidati al 
sacerdozio, compiuti gli studi ginnasiali, faranno un noviziato apo- 
stolico di tre o quattro anni presso un parroco, e poi un noviziato 
ascetico durante il quale studieranno la liturgia. Il generale dei ma- 
riaviti li abiliterà (!) allora all'esercizio del ministero sacro. Le de- 
cisioni del congresso, firmate da 32 preti mariaviti, sono state sot- 
tomesse all'approvazione del governo. 

AUSTRALIA^ (Nostra Corriepondema). 1. L'industria della lana. — f. 
Riscossioni deUe entrate. — 3. Il eonsiglio provinciale. 

1. La prima grande industria deirAustralia è l'esportazione della 
lana. Nei sette anni che precedettero il 1903 una grave siccità 
fu cagione di perdite enormi per la distruzione delle pecore ; e le diffi- 
coltà finanziarie crebbero ih seguito al gonfiamento artificiale del va- 
lore delle terre che scadde improvvisamente, producendo in tutta 1' Au- 
stralia gravissimi danni. Quando cessò la siccità nel 1902 vi fu una 
ripercussione di tanta forza che l' intera situazione finanziaria cam- 
biò come per incanto. Oggi è ritornata pienamente in tutti la fidu- 



252 CRONACA CONTEMPORANEA 

eia, e si crede che mercè Tesperienza del passato V industria potrà 

far fronte a ogni cosa che Tavvenire porti seco. 

Nei 1903 le relazioni diedero un totale di 75.765.000 pecore nelle 
gregge degli stati e della Nuova Zelanda. Per il 1906 le cifre sono 
103.548.330. Ciò non basta; in grazia di una scelta più accu- 
rata la tosatura del 1906-1907 riesce un avvenimento di gran- 
dissima importanza, malgrado il fatto che il numero totale delle 
pec(re è al di ^otto di quello del periodo di tempo che precedette 
la siccità. Allora furono tosate 120.000.000 pecore, ma le espor- 
tazioni non arrivarono che a 1.959.811 balle. Oltre a ciò natural- 
mente la cessazione della siccità fece si che ci fossero maggiori im- 
barchi di castrati, di pelli e di sego. Quindi si calcola che il valore 
dei prodotti rappresentati dair industria pastorizia sali nei dodici 
mesi passati all'ingente somma di 40.000.000 di lire sterline. Non 
fa meraviglia che il bilancio degli incassi sia cresciuto a Londra, e 
che il deficit sia stato colmato con la rapidità si direbbe quasi del 
baleno. Certo, questo mutamento non viene soltanto dalle stagioni 
migliori. L'Oceania ha avuto parte nei benefizi derivanti dal mera- 
viglioso sviluppo industriale degli ultimi cinque anni. C'è stato 
per ciò un aumento nel prezzo della lana, e noi siamo riusciti a 
mettere sul mercato alle condizioni più favorevoli quantità del nostro 
prodotto ogni anno maggiori. Prendendo come base i prezzi fatti nelle 
vendite locali, mentre il valore lordo nel 1901-1902 eradi 9 lire ster- 
line, 6 scellini e 8 soldi la balla, ossia 233 lire italiane e 35 cent., 
nel 1906-1907 i prezzi aumentarono in modo che la balla si ven- 
deva in media 14 lire sterline, 3 scellini e 22 soldi, ovvero 354 lire 
italiane e 85 cent. E poiché nel medesimo tempo c'era stato un aumento 
nella quantità della lana esportata (le cifre del 1906-1907 essendo 
circa 600.000 al di sopra di quelle del 1902-1903) è facile intendere 
come la situazione finanziaria sia migliorata. 

Sarebbe stoltezza non riconoscere il gran servizio che V in- 
dustria ha reso all'Oceania in qi:esti due anni addietro. La com- 
binazione casuale delle stagioni favorevoli e dei prezzi alti fatti 
alle nostre mercanzie ha fatto si che noi soddisfacessimo alle non 
lievi obbligazioni degli ultimi due anni, e ci preparassimo a soddis- 
fare facilmente a quelle del 1908. Il contributo che 1' industria 
pastorizia portò sotto questo rispetto si può vedere dalle cifre 
citate di sopra circa il valore dei prodotti dell'industria per il 1906- 
1907. Tuttavia non bisogna mai dimenticare che le siccità ritornano, 
e che allora le perdite succedono con rapidità maravigliosa. È vero 
che ormai son quasi terminate le preparazioni fatte per far fronte 
ai rovesci di fortuna in condizioni migliori che non per l'addietro, 
ma dobbiamo guardarci dal credere che ci sia sempre tempo di 



AUSTRALIA 253 

rifarsi di tutte quante le perdite. La proclività degli australiani però 
a dimenticare il passato non si ha da estendere fino ai moderatori 
della cosa pubblica. Avendo veduto il valore che ha per il paese, 
dal punto di vista finanziario, Tindustria pastorizia, bisognerebbe 
che gli uomini politici non tentassero dMmpedirne il progresso con 
leggi poco sagge, scio perchè in circostanze eccezionali si è avuta 
un*era di prosperità. 

2. Le floride condizioni delle finanze dei due maggiori Stati di 
Australia sono indicate dai listini delle esazioni nel trimestre 
chiusosi il 31 ottobre. In Victoria il mese di ottobre diede quest'anno 
un totale di 692,391 lire sterline in confronto di 589,265 lire ster- 
line neirottobre del 1906. I principali cespiti neirultima relasiione 
sono degni di nota per il fatto che in nessun caso il confronto 
con le cifre del 1906 mostra decremento. Le entrate delle ferrovie 
che lo scorso anno manifestarono un miglioramento reale sulle en- 
trate del trimestre precedente, diedero un aumento di 38,000 lire 
sterline, mentre con Taiuto di uno o due forti incassi della tassa 
di successione, i redditi delle imposte superarono di 18,481 lire 
sterline la somma riscossa il 1906. L'aumento nei generi promiscui 
fu di 29,379 lire sterline, e le tasse governative furono maggiori di 
16,074 lire sterline. 

Il primo trimestre dell'anno finanziario ha dato 2,692,461 lire 
sterline. Nello stesso periodo di tempo il totale dello scorso anno 
fu di 2,479,628 lire sterline, cosi che c'è un aumento di 212,833 
lire sterline. 

T cespiti principali sono cosi ripartiti : 

Ottobre Ottobre 

1906 1907 Aumento 

Lire sterUne Lire nterliae Lire sterline 

Imposte 31,119 49,600 18,481 

Diritti territoriali .... 17,833 18,108 275 

Ferrovie 316,824 354,832 38,008 

Feudi 23,795 25,821 2,026 

Massa di varie cose. . . . 14,651 44,030 29,379 

Bilanci della cosa pubblica . 168,995 185,069 16,074 

Totale . . . 589,265 692,391 103,126 

Nel Nuovo Galles del Sud la rendita riunita per ottobre mostra 
che le entrate nette del governo ascesero a 598,578 lire sterline, e 
che dalle imprese di carattere commerciale e industriale si ricava- 
rono 708,425 lire sterline, avendosi per totale un aumento di 184,062 
lire sterline suirottobre del 1906. Per il trimestre Taumento fu di 574,845 
lire sterline. L*accrescimento più sensibile ai redditi del mese derivò 



254 CRONACA CONTBMPORANEA 

dalle ferrovie, rappresentato da 139,566 lire sterline. Gì* incassi 
della cosa pubblica crebbero di 60,103 lire sterline, e quelli derivati 
dalla vendita dei francobolli di 19,700 lire sterline. Le diminuzioni 
più cospicue furono di 38,817 lire sterline nei cespiti di entrate non 
eta8»ifteati«. e di 9,539 lire sterline nelle tasse dei terreni. 

3. Mons. Carr, K»rcÌ¥escovo di Melbourne, con i vescovi suffra- 
ganei della provincia, mons.Higgins di Ballarat, mons. Reville di Sand- 
hurst, e mons. Corbett di Sale» aprirono il coaeiiio provinciale dome- 
nica 17 novembre, con la messa solenne dello Spirito S«&to, durante 
la quale T arcivescovo fece un discorso su gli errori del modernismo. 
La sera dopo i vesperì V oratore fu il Riho P. Giovanni Conmee, 
preposito dei Gesuiti irlandesi, che al presente sta facendo una 
visita in Australia. Le tornate dei vescovi e del clero si protrassero 
per più di una settimana, e una pastorale partecipa al laicato le 
decisioni generali prese dal concilio. 

PER L'OBOLO DI S. PIETRO 



Avvertenza. 

11 prossimo quaderno del 1"* febbraio riporterà la terza 
lista della seconda serie delle offerte per TObolo di S. Pietro 
nell'anno del Giubileo sacerdotale di S. S. Pio X. Ci fac- 
ciamo premura di rammentarlo alla generosità de^ nostri 
lettori e amici, perchè le loro oblazioni possano essere re- 
gistrate in tempo e pubblicate pel giorno 23 del corrente 
mese di gennaio. 



OPERE PERVENVIE ALLA DIREZIONE 



A,tii epiacopalL ClpoUa C. La citazione del « Comma 

Joanneum » in Priscilliano. Nola fEstr. 
Rend. R. IstU. lowtb. di m. é leU. S«r. IL 



Morando L. arciv. di Brìndisi. Dopc la 
S. Visita. Raccomandazioni ed avvisi al 



Popolo. Lettera pastorale. Brindisi, tip. del ^^i' ^^' !^>' «•• f ^'^ " "^8; 
commercio, IQOT, 8^ t« p. - Detto. Notifica- , ^^ ^"^^ ^' ^ Sacramento della peni- 
Bkme. Ivi, \m, 8-, 40 p. *"'*'* *^' P"^* '^^^ ^^ Cristianeaimo, 

Studio storico critico. Napoli, D*Àuria, 1906, 



Sci^xuee «aera. 



8». 212 p. L. 2,40. Rivolgersi all'Autore in 
Ob9€ di Liberi (Caserta). 
VUroQTOVX, Baeues et Brassac Mar- Blama GÌ. & I. Der Cèèreue s. BenedicH 
nnel biblique, ou cours d'Écriture Sainte Nursini und die lUurgiaehen Hyfnnen det 
a l'usage dea Séminaires. Tome troisième. 6-9 Jahrhunderts in ihrer Beeiehung gu 
N^WBéau Teaiament par A. Biassag. 12 òom dm Sénniaffa-Mm^Feriaìhgmmem nnaereM 
ed. totalement refondue da Manuel de ÌL. Ba- Bretriers, Eine hymnologiaeh'liturgiacheStu- 
caez. -^ Jésua-Christ. Lea Sainta Évangilea. die auf Grand handschrìfllichen Quellenma- 
Paris, Roger, 1908, l««, XH-TflS p. terials. Leipzig, Reisìand, 1908, 8% 138 p. 



OPERE PERVENUTE ALLA DIREZIONE 



255 



Bova G. vescovo titolare di Samarii, au« 
siliare di S. Em. il card, arcivescovo di 
Palermo. La benedinione degli olii il gio- 
Tedi santo. Versione e commenti. Palermo, 
tip. pontiflcia, 1907, 16», 3i p. 

JLeiiure, 

Palmieri A. O. S. A. La Chieea rìuaa, 
té mte odierne condiBioni é il euo rifor» 
iHMfMo dt^trinale, Pirense, libr. ed. floreB- 
tina, 1606, 8% XV[-7eO p. L. 6. 

Hoch A. Kirche und Zeitgeiet. Die haièpi- 
eaehlichsten Hirtenschreiben Pim X, ala 
Kardinals und Patriarchen von Veuedig. 
Mìt eigenster Crlaubnis seiner Heiligkeit 
ins Deutsche Qberlragen und mit einer Cin- 
leitung vefMhen. g^traitsburg, Le Roux* 1907, 
S*, 148 p. 

Serra y Canssa K. preab. Mawneria 
4x1 dertcHo y al retée. Eetudio sobre la na- 
turaleza y flnes de la misma. Barcelona, 
libr. catolica, 1907, 8», 492 ; 482 p. 

Bassi D. b. In famiglia, Firenze, Sale- 
siana, 1907, 16*. XXXVf-366 p. L. 3. 

Onlde d'action religietése. 1906. Reims, 
Bureaux de TAcHon populaire, 48 rue de 
Teaiae, 8*, XVl<68a p. Pr. 3. 

GameTale L. ab. Un'idea $uUa etampa 
cattoliea. Voti e propositi. Lanciano, Gian- 
donato, 1907, 10>, 20 p. 

Qhlone A. Aagietenea fisica e religiosa 
<iegli ammalati. Rimedi più comuni. Ma> 
lattie evitabili. Mali improvvisi coi soccorsi 
d'urgenza. La morte areale e la morte appa- 
rente in relazione ai SS. Sacramenti. Ad 
uso delle famiglie ; indispensabile ai mia- 
sionarii ed agli emigranti. Ed. 13» aecre- 
MciatA. Torino, Salesiana, 1907. Ufi, XVI 306 
p. Cfr. dfj. Coti. XVr, 11 1897) 596. 

Diritto. 

Cappello F. sac. InsiittUiones jurie fmbli- 
ci ecelesi€utici kodierncu omne» quaesttones 
complectentes ad mentem Leonia XI JJ et 
Pii X in clericorum usu exaratae, quibus 
accordìi Ju8 publicum status itali-ii cirva 
relationes eum Ecclesia. Voi. il. Taurini, 
P. Marietti, Ì9U6, 16", 688 p. L. 8. 

Trenta E. can. La nuova disciplina 
sulla celebraeione degli sponsali e del ma- 
trimonio, ossia il Decreto « Ne temere » 
Hrll.i S. C. del Concilio brevemente com- 
oaentato. Ascoli Piceno, tip. ascolana, 1907, 
8*, 61 p. L. 0,60. 

Busso F. sac. La nuova legge ecclesia- 
aiica sul mcUrimonio cristiano a datare 
dalla Pasqua del 1908 in raffronto col Ck>- 
dice Cicile e Penale Italiano (con appen- 
dice; Palermo, Fiorenza, 1908, 16», 48 p. 



L. 0,40. Rivolgersi all'Autore, Vicolo Rocca 
n. 1 alla Gioiamia, Palermo. 

Clliara A. M. sac Le questioni di banchi 
in chiesa nel diritto moderno ecclesiastico ci' 
0(2e t/a/tatto. Novara. Cantone, 1907. 8o,64 p. 

Fongóre B. LiCS amicales de l'enseigne- 
ment catholiqtéc libre et leurs offices de 
placement et de renseignements. {L'aettoH 
populaire n. 167) Paria, Lecoffrc, I64, 36 p • 
Pr. 0,25. 

Scienze naturali. 

Memorie della Pontificia Accademia ro- 
mana dei Nuovi Lincei. Voi. XXV. Roma* 
Cuggiani, 1907, 4*, 262 p. 

OemeUl A. O. M. La nosione di specie 
e la teoria dell'evolusione. (Estr. Riv. di 
Fisica^ Matem. e Scieme Nat. dee. 1907) 
Pavia, Fusi, 1907, 8», 70 p. 

Lanna D. sac. // valore della psicologia 
nel problema dell'origine umana. Napoli, 
D'Auria, 1908. 8», VIII-80 p. L. 1. 

Sfona Q. Ricerche dt estensionimetria 
negli spasi metrico-proiettivi in due note 
cnn^unicate alla R. Accademia di scienze, 
lettere ed arti di Modena dal prof. U. A* 
UALDi. (Estr. Mem. R. Accad, sud.* Ser. Ili 
voi. 8« app.^ Modena, Solìani, 1907, 4», 46 p' 

Patrizi M. L. La curva di fatica dej 
centro respiratorio inibitore. Nuove espe . 
rienze 'con 10 figure in 3 tav.) (Estr. id.) 

MlcoUs U. Sul cerchio meridiano del' 
l'Osservatorio di Modena. Nota {Pubbl. del 
R. Osserv. geofisico di Modena n. 21) Mo- 
dena, Soliani, 1907, 4^, 14 p. 

Storia a Biografia. 

Cavassi L. La diaconia di S. Maria 
in via Lata e il Monastero di S. Ciriaco. 
Memorie storiche. Con 38 illustrazioni. Ro- 
ma. Pustet, 1906; 8», XVIl(-448 p. L. 12. 

marnare O. M. vescovo di Sessa, ifa- 
morie storico-critiche della chiesa di Sessa 
Aurunca, Parte 11. Napoli, Artigianelli, 
1907, 8«, 230 p. L. 3. Ui volgersi al Semina- 
rio di Sesaa. Cfr. Gir. Catt. 1907, 4, 736. 

Mathieu. Card, de l'Académie fran<;aise. 
L'ancien regime en Lorraine et Barrois 
d'après dee documents inédits (1698-1789) 
4.èrae ed. revue et augmentée d'un épisode 
de la revolution en Lorraine. Paris, Cham- 
pion, 1907, «•, XXIV-040 p. 

Hugues T. S. I. The History nf the So- 
ciety ofjfsus in North America colotìia 
and federai. Docunients. Voi. 1. Part. I, n. 1- 
140 (1606-1838) London, Longmans, 1908, 8», 
XVl-600 p. Sh. 21 netto. 
Benini O. sac. Giordano Bruno. Confo- 



256 



OPERE PERVENUTE ALLA DIREZIONE 



renza letta per TAssoe. di Cultura il 16 giu- 
gno 1907 nell'aula magna deirEpiscopio di 
Imola. Imola, Ungania, 1006, ld<, 41 p. L.0,50. 

Renda U. Gerolamo Campagnola e Aiu 
ionio Tebaldeo, (Estr. Mem. R. Accad. di 
BÒenze, lettere ed arti di Modena. Ser. Ili. 
voi. 8*). Modena, Soliani, 1907, 4«, 8 p. 

La Mère Marie de Jòras Deluil^Martiny 
fondatrice de la eooiété dee fUlee du Coeur 
de Jésue, et aon oeuvre, 3.ème 6d. Toumai, 
Gaslerroan, 1007, 16«, 100 p. 

JLe tiare ad Arte. 

Baumgartner A. S. 1. Reieebilder aut 
Schottland. Mit zwoi Biidern in Farben- 
druck, 85 Abbiid. und einer Karte. Dritto, 
Termehrte Auflage. Freiburg i. Br., Herder, 
1906, 8*, XIV.370 p. 

Hattler F'-. S. ì. Ein SlrAueechen Roa 
marin, Bunte Geschichten fUr Jung und 
Alt. Zweilo Auflag«, Freiburg i. Br., Her- 
der, 1907, 16^ Vi-Sit p. M. 2,20 

Q. Carducci. Da un carteggio inedito, 
con prefazione di A. Messeri. Bologna, Za- 
nichelli, 1907, 16*. 181 p. L. 3. 

Debout J. Le myatère de la Mieéricorde. 
Évangile en 3 actes et en vers. Lettre-pré- 
face par (ì. FoNSEa.ìivB. Paris, Tèqui, 1906, 
16», XIISO p. 

COara di san Damiano. La leggenda di 
Padre Nilo. Torino, Festa, 1908, 16», 28 p. 

PemllO C. mona. Sctcra poeeie, seu car- 
mina in Sanctorum laudes qui fracta ma- 
Jori urbe aedibus Deo dicatis coluntur. Ac- 
eedunt varia latina et italica edita et inedita 
ab ejusdem auctoris calamo. Aversae, Fa- 
bozzi, 4*, XVI-46!5 p. 

ColaSorl V. M, m. e. Rime eparse. Pisa, 
F* Marìotti, 1907, 16*. 96 p. 

Brann J. 8. 1. Die helgieehen Jeeuiten- 
Kh-ehen. Eia Beitrag zur Geschiehte dea 
Kampfes zwischen Qotik und Renaissance. 
Mit 73 Abbiid. Freiburg i. Br., Herder, 1907, 
8», X 11-208 p. 

Vigo P. Antignano e la eua nuova chiesa. 
Siena, S. Bernardino, 190S, 4«, Ì0 p. Con 
ricche illustrazioni. 

Yaocà V.* Giusti L. Il canto eoi canto. 
Metodo popolare per Tinsegnamento teorico- 



pratico della musica mediante alcuni canti . 
Milano, Ifagas, 1907, 8*, gr. 28 p. L. 2. 

neià. 

PlCCireUl O. S. L La vita pel Saero 
Cuore. Trattenimenti ascetici su Tinflueuza 
del Saero Cuore nella vita soprannaturale 
della Chiesa. Napoli, D* Auria, 1907, 8*, 
304 p. L. 1.80. Rivolgersi al sig. N. Di 
Matteo, Convitto Fontano, Napoli. 

Fontana A. m. e. Crociata di amore 
nel giubileo dell'Immacolata a Lourdes, 
Siena, S. Bernardino, 1906, 24*, 20 p. L. 2 
al cento — Detto. Il prete al smo posto. 
Ivi. 24*. 24 p. L, 3 al cento. Rirolgersi al- 
TAutore Aresso (Toscana). 

Cipriano da Napoli, capp. Duodecimo 
discorso sul Sacramento. Benevento, D'A- 
lessandro, 1907, H\ 20 p. 

Maccono F. sac Ogni giorno a Gesi^ 
per la 8. Messa, per la S. Comunione, per 
la visita al SS. Sacramento. Faenza, libr. 
salesiana, 1908, 24«, 64 p. L. 0,20. 

Feriodioi e L,9uuici. 

Herden Konversations-Lexilcon. Dritte 
Auflage. Reich illustriert durch Textabbil- 
dungen, Tafeln und Karten. Achter (Schluss) 
Band. Spinnbrbi biz Zz. Freiburg i. Br., 
Herder, 1907. 8-, yilM912 col. 

Bcherer A. 0. S. B EmmpehLexihon 
fUr Prediger und Kctteeheten, der heiligen 
Schrifl, dem Leben der Heiligon und andem 
bewShrten Geschichtsquellen entnommen. 
Freiburg i. Br., Herder, 1907, 8*, VlIl-1022; 
1016 p. M. 11 il voi. 

Foglio ufficiale ecclesiastico per la dio- 
cesi di Milano. Si pubblica nei primi d*ogni 
mese. Associazione per un anno L. ÌJ50. 

RlTlSta di diritto e legislazione agraria 
e delle acque. Mensile. Fase, di 24 pag. 
Roma, via del Leoncino n. 32. Prezzo di 
associazione annua L. 6. Ciascun fase, se- 
parato L. 0,80. 

La Fenice, strenna mirandolese per Tan- 
no bisestile 1908 colTaggiunta delPannuario 
e del calendario per Tanno nuovo. Anno 
XXXVIl. Mirandola, Gagarelli, 1907, 24*, 
126 p. L. 0,60. 



ROMA - LIBRERIA SALESIANA EDITRICE - ROMA 

Via Porta S. Lorenzo 42 
Mons. P. DUPANLeOP 



METODO GENERALE DI CATECHISMO 

tratto dalle Opere de^ Padri e Dottori della Chiesa 

Seconda ediicione ifaiUna rivedutap corretta ed ampliata 

dal Teoi. Coli. PAHTC MUHCRjlTI Salesiano 

Tre eleganti volami in'l6 grande di pag. 1294 L. 5 

Encomiala dal S. Padre con lettera del Card, di Stato e dal Card. Fer- 
rari arclv. di Milano neir ultimo Convegno catechistico tenutosi a Milano 
nello scorso Novembre, è uscita la nuova edizione. Dire dell* eccellenza 
dell'opera sarebbe cosa superflua, dopo che tanti Catechisti Thanno espe- 
rimentata. Basti ricordare che è una vera miniera di suggerimenti, in una 
materia tanto importante. In questi giorni in cui si fa tanto difficile l'arte 
del catechizzare, sono preziosi gli insegnamenti di coloro, che furono Maestri 
insigni. La nuova ediz. poi si avvantaggia per la saggia revisione del 
Teol. Munerati, noto per altri lavori di Teologia e Diritto, e già Profes- 
sore alla Scuola di Religione di Parma. Speriamo quindi che resa così 
più maneggevole, tornerà anche maggiormente pratica allo scopo. (Nota 
delVEditore). 



l seguenti libri sono vendibili presso FAmministrazione della 
" CIVILTÀ^ CATTOLICA „ — Via Ripetta 246, Roma, 

SALVATORE M. BRANDI S. I. 

Di chi è il Vaticano? Roma, 1904 L. 1,50. 

L'estraterritorialità del Vaticano. Note storiche e giuridiche. Roma, Be- 

iani, 1904, 8. L. 0.50. 
La dotazione della Santa Sede secondo la legge delle guarentigie. 

Roma, 1904. L. 0f25. 

CARLO B RICAR ELLI S. I. 

Letture popolari d'Astronomia. Roma, Civiltà Cattolica 1906, in 8, di 

pag. VIlI-97. L. 1,25. 
Escursioni zoologiche, Letture popolari, Roma, Civiìtà Cattolica, 1906, in 8», 

di pag. VII-92. L. 1,25. 

GAETANO ZOCCHI S. I. 



Il soprannaturale nella Chiesa e nella società. Conferenza. Un bel voi. in 16, 

di pag. 528. L. 4.- 
Spigolature. Oratoria — Polemica — Descrittiva — Critica — Giornali — Scuole. 

Con un appendice sull'azione Cattolica. Un voi. in 16, di pag. VII-392. L. 3. — 

EUGENIO POLIDORI S. 1. 



L'autore del quarto Evangelo rivendicato. Opusc. in 16, di pag. 

Terza ediz. migliorata. Roma 1906. L. 0,75. 
I nostri quattro Evangeli. Studio apologetico critico. 2» ediz. migliorata in 8« 

gr. di pag. 368. Roma, 1907. Civiltà Cattolica, L. 2.— 

pj|~^^ 

ITALIA. . . . Anno Lire 20 — Semestre 10 — Trimestre B - Un fasoioolo L. 1- 
E8TER0 ... ,. Franolil 2S - „ 13 - ... 6. 25 „ .. 1,25 



A, PAVISSICH S. I. 



LA GUERRA AL CATECHISMO 

Roma, «Civiltà Cattolica», 1908. 
Opuscolo in-16 di pagg. 34 L. 0,05. Copie 100 L. 4^. Copie 1000 L. 40. 

Un pericolo gravissimo minaccia il popolo italiano: la massoneria, 
il radicalismo e il socialismo, stretti in ibrido connubio, scimmiottando 
il blocco giacobino in Francia, si agitano rabbiosamente per ottenere che 
sia dato il bando al catechismo da tutte le scuole italiane e vi sia intro- 
dotto l'ateismo obbligatorio. Solo una forte, energica, universale agita- 
zione contraria del popolo italiano, potrà allontanare il pericolo e far si 
che sia rispettato il diritto naturale, positivo, costituzionale dei padri di 
famiglia ali* istruzione religiosa dei proprii figli. A promuovere appunto 
tale agitazione legale è diretto il presente opuscolo di propaganda, che 
espone in modo piano e succoso le ragioni principali di diritto e di fatto 
per la conservazione del catechismo nelle scuole italiane. 



L' ONNIPOTENZA PEL GIORNALISMO 

Roma, « Civiltà Cattolica », 1908. 
Op. in-16 di pagg. 34 L. 0,05 - per copie 100 L. 4,50 • copie 1000 L. 40. 

« Il mondo è governato dalla pubblica opinione e questa dal giorna- 
lismo ». Perciò i cattolici non possono lottare ad armi pari e resistere 
felicemente nella vita pubblica agli assalti dei loro nemici, se non sono 
sostenuti da una stampa quotidiana forte, numerosa e molto diffusa. Il 
presente opuscolo di propaganda espone ed illustra in forma popolare 
tale argomento, per eccitare i cattolici italiani, colle ragioni più ovvie e 
più evidenti, a rinforzare e moltiplicare l'apostolato della stampa quoti- 
diana, il cui inchiostro, disse il Veuillot, è oggidì seme di cristiani come 
una volta il sangue dei martiri. 

IL Vape mecum pel cattolico 

Brevi risposte alle moderne obbiezioni 

CONTRO LA CHIESA CATTOLICA 

di P. Saverio Brors S. I. 

Roma, «Civiltà Cattolica», 1908. 
Un bel volume in 16 di pagg, 472, L. 1.80. Elegantemente rilegato in tela. L.2.25 

È una vera novità nel suo genere; novità, intendiamo, per T Italia, 
i>on già per la Germania, che già sin dal 1903 la vedeva correre a diecine 
di migliaia di esemplari. Il pregio singolare di quest*economico manualetto 
di apologetica è riposto nella sostanza non meno che nella forma. La prima 
è tutta sodezza di argomenti che mettono a nudo la vacuità di tante e tante 
obbiezioni (255) solite portarsi in mezzo per i screditare la religione ed at- 
tìnte dalla filosofìa, dalla sociologia, dalia storia e via dicendo ; la seconda 
poi è rapida, chiara, concisa eminentemente popolare non senza una fine 
punta di umore a tempo e luogo opportuno. S* aggiunge la novità della 
disposizione della molta materia per ordine alfabetico che rende il libro assai 
facile a consultarsi. 

Roma, Tip. A. Befani, Via Gelsa 6, 7. OA.SPARB GAbABReSi Gerente raQNMMoMto. 



Quaderno 138 3, I febbraio 1908. 



La 

Civiltà Cattolica 



B^tus populus cuius Dominus Dtu$ mm. 

(Ps. 14), liy 



Anno 59^-1908 -Vol. l 

INDICE DI QUESTO QUADERNO 



1. L*fÌoqiiana S S. Otorani Ortoostoflio . Pug . 217 

t. il tMtro ta itaUa » 274 

2. Douui afltka e dooiM naota. Scene dì domani, — 4r. Vocazione laica. — 

50. VuUimé trama » 2S7 

4. M t — irafle « iMl^fki stefka • positiva. » ^«Jl 

5. Saat'Asaese e il sao rMente storica » ^ 

é. «Uftere» « QalMMe D'Aaawuio » 325 

7. Saqiio di starìa eccleslaatica della Calabria » 333 

S. biblèaf ralla. .AUuaJità; Patristica; Agiografia; Biografia; Oratoria . » 337 

Bauoftri. )4|. - BAur Cbr. 341. - Bouchage ir. 347. - Bougaud. 34?. - Caron 
▲. 34y. - Cinquetti G. B. 348. - C^i A. 34^ - Dal Gal N. 342. - Franco U. 348. - 
GooUspeed £. 338. - Grabinski G. 343. - Hamon A. 343. • Warner P. 349. - Man* 
-^acci U. 339. - Moli C. 349. - Xtfva et vittr», 337. - Paraailiti B. 14$. - Parisi M. 
F. 349. • Rim^auh L. 348. - Siu<di V. 34S. - Scheid N. 347. • Strobiao P. 34^. • 
Villelga Rodrigaez E. O 3»?. 

9. U P. (Uavami (Uaseppe Fraaco S. 1. Necrologia » 350 

M. Coaa raMae * 35^ 

IL Coaallallaae » 340 

42. Matiik a^aerall di cose stnuiiere » 365 

13. Germania. Nostra Corriipond^\a ; » 3é7 

14. Grecia. Sottra Corrispondènza » 373 

15. Al beoef attori delle povere monache d'Italia » 38! 

ÌL L'Obolo di S. IHetro raccolto dalla « Civiltà Cattolica » nell'anno 

del Qlobileo sacerdotale di S. S. Me X. 2* serie- 3^ Usta, . . » 382 

17. Opere pervenute aHa Direzione » 38( 



ROMA 

DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE 
Via Ripetta 246. 



NUOVE PUBBLICAZIONI 

della Casa Editrice Desclée e C. in Roma 



CANTUS MISSALIS ROMANI 

lUXTA EDITIONBM VATIGANAM 

Elegante volume in-folio di pag. 112 
in rosso e nego, indispensabile a tutte 
le chiese che non possedono ancora i 
Messali riformati secondo i recenti de- 
creti di S. S. Pio X. 



Formato in-folio, in-4 e in-8. Sciolto L. 4. 
D'ANNIBALE lOSEPH 



. SUMMULA 
THEOLOGIAE MORALIS 

EDITIO QUINTA 
DILIOENTER REVI8A ET N0VIS6IMT8 SS. GG. 
DBGRETIB LOCUPLETATA. 



Tre TOl. di compléss. pp. 1442, L. 13,50- 



DE ANGELIS PHILIPPUS 



PRAELECTIONES 

lURIS CANONICI 

Cinque voi. di pp. 3014, contenente i 
nove tomi di cui Topera si compone, 
L. f5. (Ultime copie esistenti). 

SCHULLER Mons. LODOVICO 



LA CONFESSIONE 

SACRAMENTALE 

ISTRUZIONI POPOLARI 

ad uso dei Predicatori e dei Catechisti 
corredate di tre indici copiosi ed ar- 
ricchite di 158 racconti ed esempi sto- 
rici. 



Seconda edizione. Un ?ol di pp. 668, L. 4. 
MANACORDA E. 



DICIANNOVE SECOLI 

DI CIVILTÀ CRISTIANA 

GBNNI STORICI B RIFLESSIONI 

' Un voi. di pag. 546, L. 3. 



ZAMBRUNI D. PROTO 



IL VANGELO 
NELLE FAMIGLIE 



Seconda edizione. Un voi. di pp.380, L. 2. 



GUELFI Sac. ENRICO 



RIFLESSIONI 
E PII ESERCIZI 

AD uso DEI SACERDOTI 



Seconda edizione. Un voi. di pp. 400 
L. 0,75. 



GABRIELE LEDOS 



SANTA 6ELTRUDE 

(N. 23 della Collezione I Sanici 
Dalla Quarta ed. francese 

Un volume di pp. 908, L. 2. 
GASTON.SORTAIS 



IL PROCESSO DI GALILEO 

8TÌ7DI0 STORICO B DOTTRINALE 

(N. 46 della Collezione Sciensfa e BéU- 
giane). 



Un voi. di pag. 64, L. 0,60. 
Mona. BATTANDIER 

ANNUAIRE ?0NTIFICAL 

CATHOLIQUE 1908 

Un voL in-8 di pp. 500, L. 5,60. 
ETTORE DEHÒ 



LA CONDANNA 

DEL MOMSRNISMO 



jvrmrrr polemici 



Interessante volume di pp. 200, L. t. 

Di pro89ima pubblicazione: 
LUDOVICO PASTOR 

STORIA DEI PAPI 
DALLA FINE DEL MEDIOEVO 

CON l'aiuto dell'archivio segreto pon- 
tificio E di molti altri abghivi. 



(Volume IV) 
Traduzione dal tedesco del Prof. A. Muh 

GATI. 



L'ELOQUENZA 

DI S. GIOVANNI CRISOSTOMO 



Sta bene che dalla fausta ricorrenza del XVI centenario 
della morte di un Padre della Chiesa, il quale lasciò al 
mondo cristiano per tutti i secoli in preziosa eredità non 
soltanto gli esempi preclarissimi di una virtù pastorale 
eroica, ma ancora i modelli più fulgidi di quella pre- 
dicazione evangelica a cui, per detto dell'Apostolo S. Paolo, 
fu affidata la salute dei credenti, si tragga occasione di 
dar aria e luce a così ricchi tesori di eloquenza, rimasti in 
questi ultimi tempi troppo chiusi dentro le biblioteche. 

Chiusi diciamo massime per molti oratori sacri mo- 
derni, che ne avrebbero dovuto profittare a correggersi e 
perfezionarsi nel sublime ministero della parola divina; giac- 
ché i molti e gravi volumi di Omelie del Boccadoro, prov- 
videnzialmente conservati, e si conoscono e sono univer- 
salmente lodati e par essi in tutta V estensione del mondo 
cattolico è con un sol labbro levata a cielo la potenza d'in- 
gegno e di parola del grande oratore, il quale va noverato 
senza esitanza con Demostene, tra i greci, con Cicerone, 
tra i latini, ossia co] sommi a cui il suffragio dell' uman 
genere concedette la palma dell'eloquenza. 

Qualcuno ha detto che, se la Q-recia non avesse avuto 
Demostene, si glorierebbe ancora di essere la regina del- 
l' eloquenza per il Crisostomo ; né crediam noi che del tutto 
a torto. Ma data pure l'enfasi soverchia di un tale giu- 
dizio, accetteremo però volentieri quello del Bossuet, che 
proclamava il Crisostomo primo tra gli oratori del cristia- 
nesimo. La Chiesa greca vanta altresì giustamente per gran- 
dissimi, a diversi titoli, S. Basilio, S. Atanasio, S. Gregorio 
Nazianzeno, ma li nomina dopo il Crisostomo. La Chiesa la- 
tina, pur gloriandosi altamente di un Ambrogio, di un Leone 

1908, voi, 1, fase. 1383. 17 22 gennaio 1908. 



258 l'eloquenza 

Magno, di un Gregorio Magno, potrebbe ài Grisostorao 
contrapporre con fondamento il solo S. Agostino. Ma questi, 
che vola come aquila sopra il Crisostomo per la potenza 
dell'idea, cede al Crisostomo nelle magnificenze e negli 
splendori della parola: S. Agostino è più profondo, S. Gio- 
vanni Crisostomo più efficace : S. Agostino è più ordinalo 
e filato, il Grisostomo più accostevole ed attraente; S. Ago- 
stino è meno abbondante, meno imaginoso, meno popo- 
lare, sommato tutto, diremmo che S. Agostino è più filo- 
sofo e teologo, ma il Grisostomo più oratore. 11 Barden- 
hewer nella sua opera sui Padri della Chiesa ha istituito 
questo medesimo confronto tra i due, e chi lo legge at- 
tentamente inferirà di leggieri che anch' egli è del nostro 
sentimento. Nota in particolare che « giammai a S. Ago- 
stino prende vaghezza d'indugiarsi negli esempi e nelle 
imagini, laddove S. Giovanni Grisostomo pensa che quei 
ravvicinamenti fanno più (in un discorso popolare soprat- 
tutto) che le analisi filosofiche o morah, e possiede una in- 
superabile maestria di render sempre l'idea sensibile, mercè 
l'imagine, e di dare in tutto rappresentazione concreta alla 
verità ». Riflette inoltre il Bardenhev^er che « S. Grisostomo 
molto più di S. Agostino ha il merito dell'attualità nel mi- 
ghor significato di questa parola: nessuno più di lui, mas- 
sime nell'esordio e nella perorazione, sa far caso delle preoc- 
cupazioni del momento e riappiccarvi il suo tema e trar 
partito dalle circostanze esteriori > *. Or bastano, secondo 
noi, anche queste due note sole a dar vittoria al Griso- 
stomo come oratore. 

Cesare Cantù, che tra gli storici pur di letteratura no- 
stri connazionali merita di esser citato a preferenza di pa- 
recchi di lui più recenti, vede in S. Giovanni Grisostomo 
la viva rappresentanza della Chiesa orientale, come della 
occidentale è S. Agostino, ed esaltando con elogio magni- 

' Lea Pérea de VEglise» leur vie et leurs (Buvres, par D. Bardenhe- 
wer Ed. fran^aise par P. Goder e C. VerschaffeL Paris, Bloud, 1899, Tomo II, 
pag. 194. 



DI S. GIOVANNI GRISOSTOMO £59 

fico i pregi dell'eloquenza del Boccadoro, avverte non po- 
tersene comprendere lutto il vigore da chi legge solo brani 
staccati delle Omelie di lui. < La loro bellezza, prosegue, 
consiste nel tutt' insieme, nel calore che le anima da capo 
a fondo, nel titillamento di quell'asiatica ridondanza, so- 
vraposta ad una morale sempre pura e generosa, nella 
magìa d'uno stile che veste i pensieri colle espressioni me- 
glio appropriate, chiare per istruire, pittoresche per descri- 
vere, robuste per esortare, patetiche per commuovere o con- 
solare » K Nessuna introduzione per verità poteva occor- 
rere al nostro modesto lavoro piti conveniente di questo 
giudizio vero e pieno dell'illustre storico lombardo. Da esso 
si ritrae subito qual perfetto modello di oratoria sacra noi 
siamo per proporre al Clero e come acconcio a restaurare 
la predicazione, la quale non già solo secondo il nostro 
troppo meschino e fallevole avviso, ma per gravissime, ri- 
petute dichiarazioni della suprema autorità ecclesiastica è 
venuta in questi ultimi tempi scostandosi dalla sua meta. 
Noi non intendiamo già di scrivere uno studio compiuto 
sulla eloquenza del grande Patriarca di Costantinopoli, 
perchè ciò sarebbe opera di troppo lunga lena. Ma non è 
forse far cosa lodevole il delibare di quella eloquenza quel 
tanto che basti ad invaghire dell' indole di essa tutta pra- 
tica, quale il Cantù l'ha scolpita, il nostro Clero e sopra- 
tutto il giovane Clero, preso invece di una maniera di 
predicare piantata in aria sulla fantasia e sulla specula- 
zione vacua o fuor di proposito, alieno dal prender par- 
tito contro gii strafalcioni ed i vizii che rovinano la vita 
cristiana? Se la fatica nostra approdasse a questo, di far 
leggere per intiero e studiare dai banditori della divina pa- 
rola un numero considerevole delle Omehe di S. Giovanni 
Grisostorao, noi ci riterremmo ripagati ad usura; perchè 
indubitatamente avremmo con ciò cooperato al fine provvi- 
denziale della celebrazione di questo centenario, che non 

' Cesare Cantù, Storia della letteratura greca, Firenze, Le Monnier, 
1863, pag. 463464. 



260 l'eloquenza 

deve essere soltanto un omaggio reso al genio ed alla santità, 
ma un ammaestramento altresì a ritornare l' oratoria sacra 
nell'ulfficio suo proprio, così gloriosamente compiuto dal- 
l'eloquenza del Crisostomo, di riformare i costumi e sal- 
vare le anime. 



La parte della cultura scientifica 
e letteraria nelV eloquenza del Orisostomo. 

Perchè il Boccadoro preferì nella sua meravigliosa elo- 
quenza i temi morali e pratici agli speculativi e quindi trionfò 
soprattutto nella commozione degli afifetti, la quale a quelli 
meglio senza dubbio conviensi che a questi, non pensi al- 
cuno per avventura che egli non sia stato eccellente maestro 
pur dell'altro ufficio essenziale di ogni oratore, cioè del per- 
suadere. Non si compiace, è vero, come Agostino, dei ragio- 
namenti tratti dalla pura filosofia; che anzi par professarsene 
in massima alieno, e spesso a quella contrappone la filosofia 
soprannaturale della fede, celebrandone con entusiasmo così 
le vittorie sopra i sofismi delle scuole del gentilesimo, come 
la splendida virtù dimostrativa rispetto alle debolezze ed 
alle incertezze della povera ragione umana. Nel secondo 
discorso da lui recitato in Costantinopoli, dopo la sua 
esaltazione a quella cattedra episcopale, ricorda ai suoi 
figli di avere, fin dalla prima volta che loro parlò, pro- 
messo di nulla dire per modo di puro raziocinio, « sic 
quoque pollicebamur vobis, nihil ex ratiociniis dicturos »; 
perchè, soggiungeva, le nostre armi, secondo la mente del- 
l'Apostolo, non devono esser carnali^ ma spirituali, e demoli- 
trici di qualsiasi sofisma od orgoglio, il quale si levi dalla 
terra contro la scienza di Dio *. Disperdere a noi s'addice^ 
non puntellare e sorreggere gli umani ragionamenti, che 
camminano sempre brancolando ; perocché ciò che con tali 
argomentazioni si dimostra, pur quando sia vero, non reca 

1 2. Cor. X, 45. 



DI S. GIOVANNI GRISOSTOMO 261 

sufficiente certezza e degna fede alVanima, « nondum tamen 
satis certa argumenta dignamque fidem animae aflfert». 
Poiché pertanto così grande è la debolezza della ragione, 
suvvia (concludeva energicamente) mettiamoci a combattere 
gli avversari colle Scritture, « age Scripturis contra adver- 
sarios pugnemus » \ 

Con ciò il Grisostomo non voleva per fermo obbligarsi 
a rinunziare nella sua predicazione ad ogni ragiona- 
mento fondato nell'umana filosofia e a privarsi così di 
ogni valido presidio che dalle verità stesse naturali e dal- 
Terudizione non strettamente teologica avrebbe potuto trarre 
per confermare le verità e le massime soprannaturali della 
fede; giacché nella immensa mole de' suoi discorsi vediamo 
che si é regolato altrimenti, tirando anzi largo partito dalla 
sua vasta cultura scientifica e letteraria. Egli aveva percorsa 
con plauso la carriera degli studii, per la quale si forma- 
vano tutti i dotti uomini del suo tempo, e se ne valse nella 
sua predicazione. « Sperto ad eccellenza, scrive il Cantù, 
in ogni copia ed eleganza della lingua greca, conosceva tutti 
i modi onde la parola può essere variata e disposta; col 
brio del dramma dipìnge la sconcezza del vizio, od eccita 
le passioni a favore della verità, benché destramente celi 
il vantaggio che ritrae dal maestrevole maneggio della re- 
torica e della filosofia » ■. Ma con quel che abbiamo udito 
da lui stesso, il Grisostomo intese soltanto di dire, che 
nella parola di Dio e in particolare nella Sacra Scrittura 
avrebbe posto il migliore e principalissimo nerbo della sua 
predicazione, come difatti fece costantemente. 

Molto meno poi é a credere che il Grisostomo pen- 
sasse giammai ad escludere dalla sua predicazione la per- 
fezione dell'arte: che anzi nei libri De Sa^rdotio insiste 
assai a persuaderne lo studio come non pur utile ma 
necessario ai ministri della divina parola, sentenziando 
che nulla devono lasciar intentato per acquistarsi questa 

1 Patr. graeo, t. XLIX, e. 797. 

2 G. Càntù, luogo citato pag. 463. 



262 l'eloquenza 

facoltà del dire. ^ Quamobrem par est sacerdotem nihil non 
agere ut sibi facultatem hanc comparet >. E dice che S. Paolo 
la possedeva in grado eccellente, comecché nella seconda 
lettera a quei di Corinto si dicesse idiota, ^ avendo egli per 
converso fatti ammirati tutti, e giudei e greci e gentili e fi- 
losofi, della sua eloquenza. Non si ha certo, osserva egli, 
a ricercare in Paolo il sapere d'Isocrate, l'acume di Demo- 
stene, la gravità di Tucidide, la sublimità di Platone, in 
una parola i curiosi allettamenti degli oratori profani o la 
squisitezza della loro forma, essendo per contrario assai 
semplice e naturale. Ma è tuttavia nell'eloquenza di Paolo 
una forza che lo rese atleta della divina parola, e una casta 
bellezza spirituale a cui pose massima cura, e in cui deve es- 
sere imitato da tutti i predicatori ^. E in ciò il Crisostomo 
fu veramente esimio discepolo dell'Apostolo delle genti, in 
particolare per la serrata sua dialettica, che riduce l'udi- 
tore a darsi vinto, e per la maniera meravigliosa onde svolge 
i testi scritturali, illuminandoli di luce vivissima senza 
scostarsi dal senso letterale, -rincalzandoli senza tregua, e 
applicandoli in guisa da non lasciare alcun efifugio. 



Conie il Grisostomo sa argomentare 
dai testi della Scrittura. 

E per venire a qualche saggio, cominciamo dal riferire 
due o tre luoghi del Grisostomo, scelti alla ventura fra mille, 
onde appaia il suo metodo esporre il sacro di testo e di ragio- 
narvi sopra, non vagando in astrazioni o in inutili benché 
forse elevate contemplazioni, ma mirando costantemente a 
far frutto spirituale nell'uditorio. 

Prendiamo dalle OmeUe intorno ai salmi davidici '\ che 

' 2. Cor. XI, 6. 

2 De Sacerdoiio lib. IV, n. 5-8. 

3 Sono sessanta Esposizioni dì sessanta Salmi, ovvero cinquantotto, se 



DI S. GIOVANNI GRISOSTOMO 263 

sono senza fatto fra le migliori opere del grande ora- 
tore, così per l'accuratezza dello studio, come per la va- 
rietà delle applicazioni morali, e la magnificenza e la lar- 
ghezza dell'esposizione, quella che riguarda il Salmo XLVIII: 
Audite haec omnes gentes. Il reale Salmista con stupenda 
amplificazione fa considerare il nulla delle ricchezze e delle 
glorie di questo mondo a petto della eterna dannazione 
dell'anima nell'inferno. Tema più confacente di questo al- 
l'indole apostolica del Crisostomo certo non poteva pre- 
sentarsi, ed egli vi pose tutta l'anima sua. 

Prende subito partito dall'esordio magniloquente del 
Salmista a preparare i suoi uditori all'annunzio di qualche 
gran cosa, meritevole di tutta l'attenzione: «Magna quae- 
dam et arcana nobis nunc est dicturus propheta ». E bel- 
lissima applicazione all'uguaglianza di tutte le condizioni 
sociali nella chiesa, che è la casa di Dio, e rispetto alla 
predicazione della divina parola, trae dall' invito onde Da- 
vide chiama tutti insieme senza distinzione ad ascoltarlo, 
gli uomini di tutte le favelle e le stirpi, e ricchi e poveri, 
atidite haec onmes gentes.,. Simul in unum divea et pauper. 
Fuori di qui, grida il Crisostomo, si fanno tante vane distin- 
zioni fra gli uomini, benché tutti siamo d'un medesimo loto: 
ma non qui. « Qui nella chiesa e alla predica io non tollero 
quella stolta ambizione e cupidigia di onoranze; ma a tutti 
in comune propongo la stessa dottrina. > E poi a parte a 
parte, ponderata ogni parola del Salmista e lucidamente 
espostone il significato, viene ad eccitare in sommo gra- 
do l'attesa della verità proposta. 

< Hai visto che proemio ? Chiamò l'orbe intiero, escluse 
ogni disuguaglianza sociale, rammentò la naturale ugua- 

8i tolgano quelle del Salmo III e del XLI, che non appartengono alia stessa 
serie. Esse comprendono 250 pagine circa di un volume del Migne, e ne vanno 
CHclusi i salmi più lunghi, quale il GXVllI, di cui l'esposizione andò per- 
duta. À ragione pertanto l'annotatore maurino osserva che l'opera intiera, 
sui 150 salmi del Salterio, prenderebbe due gravi volumi. Non crediamo dover 
mettersi in forse che pur questi Commentari furono predicati dal Grisostorao 
sotto forma di Omelie. 



264 l'eloquenza 

glianza, l'arroganza represse, presagì cosa magna e pre- 
clara, disse che non metterebbe innanzi nulla di suo, ma 
sol ciò che ha udito dall'alto, avvertì, per farci più at- 
tenti, che nei discorso era grande oscurità e promise di 
ammannirci un insegnamento di spirituale sapienza per lunga 
pezza già da lui ruminato. Attendiamo dunque, uditori, 
e non perdiamone sillaba ». Segue finalmente la enunzia- 
zione problematica, e però suboscura del profeta: Cur tir 
mébo in die mala? Iniquitas calcanei mei circundàbit me. E 
il Crisostomo ammonisce doversi per ben intenderla deter- 
minare anzitutto ciò di che l'uomo ha veramente ragione di 
temere. Non della povertà, non del disprezzo, non di quelle 
cose delle quali universalmente i piti hanno paura. Paure 
da bambini! Sol deve temersi il peccato che trascina a giu- 
dizio inesorabile e ad irreparabile danno. Nessun vantaggio 
nell'altra vita trae il peccatore, siccome spiega il salmo, né 
dalla ricchezza, né dalla potenza; ma per il virtuoso le 
brevi fatiche si mutano in corona etema. Che pertanto di- 
viene per costui qualsiasi angoscia presente? Che la morte 
istessa? Oh! la morte egli non la teme, perché la contempla 
nei sapienti che salgono alle palme gloriose, e a racco- 
gliere la messe dei meriti che qui sulla terra hanno semi- 
nato : non vidébit interitum cum viderit sapientes morientes. 
Chi è retto dalla speranza dei premii etemi né la morte 
pure pensa essere morte, e mira giacersi innanzi agli occhi 
i morti senza spavento. « Come l'agricoltore quando vede 
il frumento macerarsi e morire non cade d'animo né si 
afSigge, ma allora anzi massimamente si allieta ed esulta, 
sapendo essere quella morte principio di una nascita mi- 
gliore e fondamento di maggiore fertilità: così anche il 
giusto che si gloria del ben operare e aspetta ogni giorno 
il regno, quando gli sta sopra la morte non si angustia, 
non si affligge al pari di molti altri, né patisce contrarietà 
o perturbazione; poiché sa che la morte per i virtuosi é 
migrazione e passaggio a cose migliori e corsa a toccar 
le corone > ; perché crede che i morti risorgeranno un giorno. 



DI S. GIOVANNI GRIS09T0M0 265 

e se virtuosi, a maggior gloria anche del corpo, di cui la 
morte presente distrugge solo la mortalità e la corruzione, 
non la sostanza. 

Tutto il rovescio incontra ai mondani che si perdono 
dietro ai beni di quaggiù onerandosi d'ingiustizie e di pec- 
cati. Ad altri devono, morendo, lasciare le loro ricchezze, re- 
linquent alienis divitias suas; e i palagi e i monumenti 
stessi sepolcrali, a cui vogliono raccomandato il proprio 
nome, divengono gli accusatori della loro avarizia e ne per- 
petuano l'infamia; mentre le anime loro son condannate 
al supplizio dell'inferno, che è morte vile ed obbrobriosa 
e insieme morte immortale, perchè non finisce giammai. Da 
bruti vissero, avvilendo coi vizi e le basse cupidige la 
nobiltà loro, sino a farsi simili ai giumenti, giusta la pa- 
rola del Salmista: comparatus est jumentis insipientibus et 
similis factus est illis; e da bruti parimenti periscono. 

Questi concetti il Crisostomo sviluppa seguendo ad uno 
ad uno i versetti del salmo; ed è davvero godimento in- 
tellettuale intensissimo quello scorrere maestoso e continuo 
dell'eloquenza sua come di fiume reale che si arricchisce ad 
ogni istante di nuove acque, senza che, per l'interpolazione 
del commento scritturale, mai si avverta alcun intoppo, pre- 
cisamente come se si trattasse di una concezione originale 
e libera dell'oratore medesimo K 

Non meno eflBcace il Grisostomo si palesa nell'appli- 
care la Scrittura alla dimostrazione di verità dogmatiche. 
Così neirOmilia in quatriduanum Lazarum confuta gli Ano- 
mei, che dalla preghiera fatta da Cristo al Padre prima di 
operare la risurrezione di Lazaro pretendevano inferire. 
Cristo non essere Dio uguale al Padre, con vigorosa dialet- 
tica non pur trionfando dell'obbiezione, ma traendo altresì 
il testo evangelico ad evidente conferma della divinità del 
Salvatore. Pregò, sì, esclama l'oratore, pregò Gesti Cristo, 
ma non perchè avesse bisogno di preghiere a risuscitare 

» MiGNB, Patr.graec, t. LV, e. 222-239. 



266 l'eloquenza 

il morto, essendo egli Dio uguale al Padre, padrone della vita 
e della morte; bìBnsì, secondochè egli medesimo si espresse, 
per istruzione del popolo, affin di persuadere al popolo 
presente e spettatore, che egli era stato mandato dal Padre, 
ut cognoscant omnes quia tu me misisti, E come persuaderà 
egli ciò? Attendete diligentemente, uditori. «Ecco, dice 
Cristo, per mia propria autorità richiamo il morto dalla 
tomba ; ecco, per mia propria podestà, comando alla morte: 
chiamo padre mio il Padre e Lazaro traggo dal sepolcro. Se 
quella prima cosa non è vera, né la seconda pure acca- 
drà; ma se il Padre è veramente mio padre, obbedisca il 
morto ad istruzione dei circostanti. Lazaro vieni fuori. 
Quando Cristo pregava, il morto non rispose ; ma quando 
disse: Lazaro vieni fuori, allora il morto rispose. grande 
tirannia della morte 1 gran tirannide del potere che riteneva 
prigione quell'anima! inferno, l'orazione è fatta e non ri- 
lasci il morto? — No, risponde. — E perchè? — Perchè non 
mi fu comandato di rilasciarlo. Sono custode del carcere, 
stringo in mie mani il reo: noi cederò se non comandato: 
giacché l'orazione non fu fatta (da Cristo) per me, ma per 
gl'increduli presenti. Quanto a me, ripeto, senz'ordine non 
rilascio il reo: aspetto il grido: Lazare veni foras. — Udì 
il morto l'ordine divino, e tosto infranse le leggi della 
morte. Si vergognino gli eretici e scompaiano dalla faccia 
della terrai Imperocché il testo stesso del Vangelo ci 
assicura che non per risuscitare il morto Cristo pregò, ma 
per provvedere alla debolezza degli increduli che ascol- 
tavano » K 

Quanta forza, quanta chiarezza, quanta popolarità in 
questa argomentazione,^sia pure che, a gusto nostro, quella 
prosopea della morte dia nel troppo. Ebbene tale può 
dirsi esser sempre il metodo e lo stile del Crisostomo nel 
combattere non solo gli Anomei, ma anche altri eretici; 
laonde ci reca meravigUa che qualche critico, per mal ap- 

* MiGNE, Patr. graec. t. XLVIII, e. 783, 784. 



DI S. GIOVANNI GRISOSTOMO 267 

presa deficienza di sodezza, abbia voluto ascrivere ad un 
plagiario questa prima Omelia su Lazzaro, non avvisando 
che il Grisostomo stesso nella seconda Omelia sul mede- 
simo tema la citò per sua. 

Tutte le Omelie contro gli Anomei porgono modelli di 
ragionare stringato e vittorioso, in punti per se molto 
ardui, che si riferiscono alla cognizione di Dio, all'unione 
in Cristo delle due nature, alla distinzione delle due vo- 
lontà, alla consustanzialità del Figlio col Padre. Scegliamo 
un esempio concernente quest'ultimo punto. Il Grisostomo 
trova assurdo negare la comunione di sostanza del geni- 
tore col generato, e chiama ridicoli quelli che in cosa sì 
chiara si oppongono alla verità. Ma entrano gli Ànomei ad 
obiettare, essere questa cosa tutt'altro che chiara secondo 
le Scritture; giacché anche noi siamo nelle Scritture chia- 
mati figli di Dio, benché non siamo a Dio consostanziali. 
Al che ribatte tosto il Grisostomo: < imprudenza! de- 
menza sommai come evidentemente manifestano in tutto 
l'insania loro ! Quando parlavamo dell'incomprensibile so- 
stanza divina pretendevano di attribuire a se stessi ciò che 
è proprio sol dell'Unigenito di Dio, presumendo di cono- 
scere così perfettamente Dio come egli conosce se mede- 
simo : ora poi che parUamo della gloria dell'Unigenito vo- 
gliono abbassarlo alla propria meschinità e dicono: noi 
pure veniam qualificati per figli e tuttavia ciò non ci fa 
punto consostanziali a Dio. Sì, tu sei detto figlio, ma l'uni- 
genito è tale: in te l'appellazione soltanto, in lui la cosa; 
tu sei chiamato bensì figlio, ma non unigenito al pari di 
lui, tu non vivi in seno al Padre, non sei splendore della 
gloria, né figura della sostanza, né forma di Dio. Se però 
quella prima affermazione non ti persuade, ti persuadano 
le seguenti ed altre molte assai maggiori, che attestano la 
nobile origine di lui. E di vero, quando vuol significare 
che la sua sostanza non è per modo alcuno diversa dalla 
paterna, dice: chi vede me vede anco il Padre mio; quando 
vuol mostrare la propria virtù, dice: io e il Padre siamo 



268 l'eloquenza 

una cosa sola; quando l'eguaglianza di podestà: come il 
Padre risuscita e vivifica i morti, anche il Figlio vivifica 
quelli che vuole; quando l'identità del culto: affinchè tutti 
onorino il figlio, come onorano il Padre; quando final- 
mente l'autorità sovrana sulla legge: il Padre mio opera 
(in sabbato) e del pari opero anch'io. Ma costoro, lasciato da 
parte tutto ciò, non accettando in senso proprio il nome 
di figlio, perchè di tal appellativo vanno essi pure fregiati, 
deprimono al livello della propria miseria il Figlio, e ram- 
mentano la sentenza: Dissi: voi siete tutti dei e figliuoli 
delV Altissimo, dunque, come per cagione di quest'appel- 
lativo di figlio tu affermi niente possedere il Figlio più di 
te e perciò né essere pure vero figlio; così anche per l'ap- 
pellazione di Dio (giacché ancor questo nome ti fu dato) 
sosterrai per avventura niente più di te possedere il Padre, 
poiché sei del pari chiamato figlio e chiamato dio? Ma per 
essere tu chiamato dio, non osi sostenere essere questo 
nel Padre un nudo nome, e lo confessi nonpertanto vero Dio: 
al modo medesimo quando si tratta del Figlio non osare 
di trarre in mezzo te e dire: anch'io son chiamato figlio; 
ma io non sono consostanziale al Padre; consostanziale 
al Padre non deve dunque essere neanche il Figlio. Peroc- 
ché tutto quello che abbiamo sopra annoverato dimostra 
che egli é vero Figlio, di una sostanza medesima col ge- 
nitore » *. 






Vigore con che il Grisostomo 
stringe Vuditorio ad ammettere il suo assunto. 

La stessa forza dialettica ed anche maggiore dispiega 
il grande Arcivescovo quando cammina, sciolto dall'im- 
brigliamento dei testi, a' conchiudere il propostosi assunto, 

' MiGNE, Patr. graec, t. XLVUI, coL 758, 769. 



DI S. GIOVANNI GRISOSTOMO 269 

rovesciando per via lutti gii ostacoli, dissipando tutte le 
obbiezioni e rivolgendole spesso contro l'obbiettante, anzi 
traendone nuove ragioni, talvolta inaspettate, in proprio 
favore. Da ognuna delle Omelie del Santo si potrebbero 
ricavare saggi bellissimi: la difficoltà è nella scelta e quindi 
noi preferiamo anche qui di citare quel che ci viene a 
mano, pur se non dovesse essere il meglio. 

Ecco che nella Omelìa XI sopra la lettera di S. Paolo 
agli Ebrei vuol persuadere l'elemosina ai poveri. Ricorda 
dapprima al ricco che il poverello è nobile e libero al pari 
di lui e lo rimprovera di trattarlo spesso peggio de' suoi 
cani e de' suoi schiavi. Ma questi, risponde il ricco, mi ren- 
dono servigio. E il Crisostomo : quale? «Ebbene, ti mo- 
strerò che maggior servigio assai ti presta il poverello: 
egli ti assisterà nel giorno del giudizio e ti libererà dal 
fuoco. Che mai di simile ti fanno tutti i tuoi servi? » Poi 
descrive il povero mezzo morto dal freddo e dalla fame e 
il ricco bene pasciuto, che passa senza curarsene. « Come 
vuoi, soggiunge, che Dio ti liberi quando sei nella sven- 
tura? > Tu disprezzi il povero che non t'ha fatto nulla di 
male, come vuoi che ti perdoni Iddio contro cui tu pecchi? 
Questo tuo modo di condurti, dimmi, non merita la geenna? 
E segue rammentando che si coprono di preziose vesti i 
morti e si lasciano nudi i poveri, dandosi più alla gloria 
vana che al timor di Dio. Poi trae in iscena il ricco che 
rimprovera il povero di non far nulla e indignato l'oratore 
lancia a bruciapelo in faccia al ricco questa domanda: ma 
tu, dimmi, che fai? «Lavorando ti sei guadagnato quello 
che hai, ovvero l'hai dall'eredità paterna? Che se pur 
lavori, non abbiamo forse tutti obbligo di fare il bene? 
— Ma quel povero è un impostore >. — « Che dici, o uomo. 
Per un pane ed una veste lo chiami impostore? — Ma subito 
vende quel che ha avuto? — E tu amministri sempre ret- 
tamente le cose tue? Che dico? Tutti dunque quelli che 
sono poveri, son poveri per oziosaggine? Nessuno per nau- 
fragio? nessuno per una sentenza contraria? nessuno per 



270 l'eloquenza 

furto patito? nessuno per pericoli corsi? nessuno per ma- 
lattie? nessuno per qualche altro caso qualsiasi? Ma ap- 
pena vediamo qualcuno lamentare queste disgrazie, e gri- 
dar molto, e ignudo, coi capelli sparsi, coi panni laceri 
guardar il cielo, subito lo giudichiamo impostore, imbro- 
glione, simulatore. Non ti vergogni? chi chiami impostore? 
Non gli hai dato nulla, dunque non l'accusare. — Ma ha, 
dici, e finge. — Quest'accusa ferisce te non lui: egli sa 
di aver a fare con crudeli, con belve, anziché con uomini, 
e che pur piangendo miserie, non commuoverà alcuno; gli 
è quindi mestieri vestirsi di un abito più logoro per 
piegare il tuo animo. Se vediamo uno accostarcisi in abito 
decente, costui, diciamo, è un impostore, e viene innanzi 
così per farsi credere nato di buona famiglia; se lo vediamo 
in opposto abbigliamento, ancora lo vituperiamo. Che fa- 
ranno dunque? sevizia! indolenza! Perchè mostrano 
le membra mutilate? — Per cagion tua! Se fossimo mise- 
ricordiosi non avrebbero bisogno di tali arti. » E l'oratore 
continua così ancora un bel tratto, crescendo sempre mi-: 
rabilmente di vigore nella parola e nel concetto, togliendo 
all'avarizia ogni via di sottrarsi all'obbligo dell'elemosina, 
e svergognandola col rinfacciarle che essa rapisce, mentre 
rifiuta un tozzo di pane al famelico che prega; che essa 
si sdegna di non essere esaudita da Dio, mentre è sorda ai 
gemiti del mendico. Si muovono tante accuse ai poveri, 
se ne vuol minutamente scrutare la vita; sono pretesti, 
né Dio fa così con noi: quando lo supplichiamo ci esau- 
disce senza badare ai nostri peccati. « Non é tempo di mi- 
nuti esami, egli conchiude, ma di clemenza; é tempo di 
misericordia, non di raziocini! : il povero domanda di essere 
nutrito; se vuoi, dagli, se no, mandalo almeno in pace senza 
discussioni > ^ 

Nella prima delle due Omelie da noi già mentovate sul ver- 
setto del Salmo: XLVIII, ne timueris cum dives factus fuerit 

* Hom. XI in Epist. ad hebr. e. VI, Migne Patr. graec. t. LXHT, e. 94-95. 



DI S. GIOVANNI GRISOSTOMO 271 

honWjh la volta della signora che sciupa il tempo ad ornarsi 
con lusso e che viene in chiesa splendente d'ori le mani e il 
collo. 4c Che fai? gli grida il Grisostomo. T'imbelletti e ti 
pari, o donna? A chi vuoi piacere? A tuo marito? Cat- 
tivo artifizio se così arrivi a piacergli e se così studi di pia- 
cergli. — Come dunque gli piacerò? — Colla continenza. — 
Come gli piacerò ? — Colla modestia, colla saviezza, colla 
mansuetudine, colla carità, colla concordia, col consenso. 
Son questi i tuoi adornamenti, o donna. Queste tue virtù 
fanno la concordia; ma quei fronzoli e quelle gale non otten- 
gono che tu piaccia, bensì che tu sii di peso al marito. » E se- 
guita di tal tenore, lagnandosi specialmente del lusso delle 
signore in chiesa che scandalizza i gentili, facendo loro 
apparire le cose di nostra religione, come scene: ma non 
sono scene, grida il Santo, benché in chiesa avvengano 
queste scenate: quindi fa altresì toccar con mano alle donne, 
che senza la speciosità dell'animo, eleganza esteriore non 
profitta loro col marito, il quale, per i loro dispendii, finisce 
coll'infastidirsene, come aborre il creditore che gli cerca da- 
naro nel foro^ 

Innumerevoli passi fulgidissimi intorno all'argomento 
delle ricchezze potremmo citare dalle Omelie sopra il Van- 
gelo di S. Matteo e sopra la prima epistola ai Corinti 
(V. Hom. XI), che con quelle sui salmi e sulla lettera ai Ro- 
mani sono le più forbite, eccellenti e perfette uscite dalla 
bocca del Santo, nonché dalle Omelie famose al popolo 
Antiocheno dette delle statue (V. Hom. VI) e dalle recitate per 
Eutropio. Il Grisostomo combatteva incessantemente le ric- 
chezze, non già in se, riconoscendole anzi per cosa buona, 
ma, come molte volte ebbe a dire egli stesso, per il cattivo 
uso che comunemente vedeva farsene *, e con eloquenza 
di fuoco ne sfolgorava la vanità, la caducità, le corruttele, 

' Luogo cit. nel testo, n. 5-6. 

* Vedi : Hom. XLIV in Matt., - Hom. in Princip. Actorum — dove dice « non 
sunt malae divìtiae sed illegittimus eorum usus est malum » — Hom. I in 
illud ne timueris cum ecc. Ps. XLVIII, ecc. 



272 l'eloquenza 

le ingiustizie, i danni individuali e sociali, tanto che pur 
riscuotendo a quando a quando applausi veniva fortemente 
in uggia a parecchi. Né ciò ignorava egli. — Eccoti sempre 
contro i ricchi, si fa egli contrapporre un giorno. E ri- 
sponde: — Ecco sempre voi contro i poveri. — Eccoti sempre 
contro i rapitori. — Ecco voi sempre contro quelli di cui si 
rapiscono i beni. E dando sfogo al suo cuore di apostolo 
e di padre, esce in un tratto meraviglioso di energia, di 
persuasione, di amore. « Voi non vi saziate divorando e 
mordendo i poveri, io non mi sazio di correggervi e di emen- 
darvi. — Sempre tu te ne stai fisso a queste cose; sempre 
prendi le parti dei mendicanti. — Va via tu dalla mia peco- 
rella, partiti dal gregge per non rovinarlo. Ma tu rovini il 
mìo gregge, e poi mi vuoi apporre a colpa che io ti per- 
seguiti. Se io fossi realmente pastore di pecore, !non mi 
accuseresti tu ove non perseguitassi il lupo irrompente 
nel gregge? Sono pastore di pecore ragionevoli, ti perse- 
guito non coi sassi ma colla parola; anzi veramente non ti 
perseguito, ma ti chiamo. Sii pecorella, t'accosta, sii del 
novero del mio gregge. Perchè corrompi il gregge che do- 
vresti vantaggiare? Non perseguito te, perseguito il lupo. Se 
non sei lupo, non ti perseguito. Se lupo poi ti sei fatto, 
accusa te stesso. Non sto contro i ricchi io, ma per i ricchi ; 
poiché dicendo queste cose le dico in tuo favore, quan- 
tunque tu non senta — Come in tuo favore ? — Sì, perchè 
ti libero dal peccato e dalla rapina e ti faccio amico a tutti, 
a tutti desiderabile > *. 

Col medesimo zelo il Crisostomo non ristette dal con- 
dannare teatri, e circhi, e spettacoli e se ne trovano tratti 
stupendissimi, che resteranno sempre modelli inarrivabili di 
eloquenza sacra, nelle Omelie VII e XXXVII sopra il Van- 
gelo di S. Matteo, nelle Omilie XIII sopra la prima lettera 
ai Corinti e LVIII sul Vangelo di S. Giovanni e altrove. 



1 Hom. in illud Ps. XLVIII ne timiieris cum ezc. ÌIiqìik, Patr, graeo. 
t. LV, e. 604. 



DC S. GIOVANNI GRISOSTOMO 273 

Noi avemmo già occasione di dar saggio della terribile, ma 
pur giustissima e salutarissima indignazione del Crisostomo, 
contro il teatro in cui ravvisa praticamente un male e la 
sorgente di turpitudini e di disordini senza fine *; quindi 
ce ne asteniamo ora, anche perchè l'articolo s'è fatto 
abbastanza prolisso, e ci sarà necessario continuare un' al- 
tra volta. Avranno però i lettori già notato con quanta 
maestria il Crisostomo adoperi quella figura nobilissima 
dell'oratoria che i greci chiamano climax, la graduazione 
cioè dell'idea e della parola, onde se ne perfeziona ed 
intensifica mirabilmente nell'anima degli uditori la im- 
pressione. Con questo congiunse un'arte esimia di amplifi- 
cazione, di descrizione, di contrasti e di paragoni quale diffi- 
cilmente si può riscontrare in altri oratori antichi e mo- 
derni, sacri e profani. Di che c'intratterremo un'altra volta, 
accennando altresì all'apologetica di S. Ciò vanni Crisostomo, 
affinchè, per quanto è nelle nostre modeste facoltà, nulla 
manchi al serto che in queste centenarie ovazioni anche 
noi ambiamo di deporre sulla fronte del Principe immortale 
della predicazione. 

— Un giorno in chiesa il grande oratore, dopo avere con la consueta 
yeemei.za e con splendore meraviglioso di parola mostrato le orribili con- 
seguenze morali, private e pubbliche, della passione del teatro, cosi conchiu- 
deva : € Pertanto io predico e grido ad alta voce : se dopo questa esorta- 
zione ed istruzione alcuno tornerà di nuovo all'iniqua pestilenza dei teatri, 
costui non lo riceverò più tra queste mura, non gli amministrerò i divini 
misteri, non permetterò che si accosti alla sacra mensa». {Contra ludos 
et theatros. Patrol. graec. t. LVI, e. 268). 



Civilfd CaUoiica, Quaderno 1340, (21 aprile 1906) pag. 187-188. 



1908, voi. t fase, 1383. 18 22 gennaio 1908. 



IL TEATRO IN ITALIA 



Rifar la storia è risalire i tempi e questo che sembre- 
rebbe un indietreggiare, spesso non è che uno stimolo a 
meglio progredire. Non per nulla la storia è la maestra 
che tutti sanno. Il passato è guida dell'avvenire, come la 
strada fatta serve per quella che resta da fare. Se il vian- 
dante, volgendosi indietro, vede d'aver camminato molto e 
bene, ne prende sprone alla sua alacrità. Se per ventura 
invece avesse deviato, quello sguardo gli darà modo per 
rimettersi in carreggiata. Nell'uno e nell'altro caso guardare 
indietro serve per vederci meglio innanzi. 

Appunto in fatto di teatro ci fu una voce autorevole 
che anni or sono proclamò alto: 4( torniamo all'antico». 
Voleva dire : al punto in cui siamo, l'onda canora e sonora 
della musica moderna, è torbida e stagnante. Vogliamo 
noi rintracciarne la natia bellezza? Non ci rimane che 
risalire alla sorgente. Giuseppe Verdi "parlava della mu- 
sica, ma chi non vede che il suo discorso sarebbe tor- 
nato a capello per tutta la materia del teatro integralmente 
preso ? Solo che per l'arte propriamente drammatica con- 
verrebbe distinguere il più e il meno antico. Se per antica 
intendiamo quella vera e grande arte della seconda metà del 
settecento, quando il Parini, a proposito almeno della trage- 
dia, potè cantare che l'Italia finalmente cingeva « al suo crine 
glorioso >► Vunica corona * che ancor le mancava, nessuno cei to 
oserebbe trovar strano nonché superfluo l'invito di ritornare 
collo studio e coll'imitazione a quei classici modelli della no- 
stra tragedia e commedia, l'Alfieri e il Goldoni, creatori più 
che instauratori del nostro teatro. Ma le origini prime, le 
prime fonti del dramma in Italia, preso in tutto il suo 

' Cf. il sonetto: Tania già di cottami.... 



IL TREATRO IN ITALIA 275 

senso, rimontano di secoli più indietro; a quell'età medioe- 
vale cioè, in cui la « religione sola, o quasi » ispirava e 
informava il dramma; quando esso era «quasi foggia del 
culto, amplificazione della liturgia, svolgimento del ceri- 
moniale ecclesiastico » e così strettamente legato alla chiesa 
che anche quando « negli ultimi tempi si staccò dal rito 
né più si rappresentò nella casa di Dio, ritenne indelebili 
le impronte della prima sua origine » *. Origine alta, se altra 
mai, ma troppo alta ahimè! per potervi richiamare quella cosa 
tanto profana, qual'è il teatro nostro contemporaneo. Al 
vento che tira, il solo ricordo che il teatro è nato in 
chiesa basterebbe a far venir la pelle d'oca, o se non 
tanto, a chiamare sul labbro evoluto dei nostri contempo- 
ranei un sorriso pieno d'indulgente superiorità per quei 
nostri avi semplicetti. Che dire se sentissero sul serio 
chiamarsi a tornarvi anche più che col solo ricordo? 

il «torniamo all'antico» qui varrebbe quanto esortare 
il diavolo a farsi frate, cioè una cosa altrettanto strana che 
incredibile. 

Il nostro modesto intento qui è ben altro, quello di 
riassumere a brevi e rapidi tocchi, le vicende storiche del 
nostro teatro, per trame qualche utile insegnamento a 
nostro profitto. Com'è naturale, dovremo cominciare col 
rifarci dalle origini, ma vi ci rifaremo per conto nostro, 
senza pretese di sorta alcuna, per quell'istinto proprio dei 
nepoti, i quali benché tardi e degeneri, anzi soprattutto 
se degeneri, han sempre buon garbo a rinfrescar la me- 
moria intemerata degli avi. Tanto più che anche il momento 
è opportuno. In questi giorni di periodo carnevalesco, 
ferve il lavoro delle scene, e la vista continua di questa 
vecchia arte drammatica, fiacca e cadente tra le sue raffi- 
natezze posticce e le sue corruttele, ci fa correre più vo- 
lentieri al ricordo delle grazie ingenue benché ruvidette, 
della sua lontana infanzia. 

* A. D*AscoKA, Origini del teatro Italiano, J* edlz. toL 1, introdu- 
zione pag. 5. 



276 IL TEATRO 

I. 

Forse andammo Iropp'oltre nel ritenere inconciliabili il 
moderno e l'antico, in fatto di teatro. Proprio ai nostri 
giorni, vediamo rifiorire, tra gli applausi d'una società scet- 
tic'^B una forma di teatro sacro in quegli omai celebri ora- 
tori, che quantunque di origine relativamente a noi vicina, 
pure pel contenuto essenzialmente biblico, per il carattere 
classicamente religioso e per la condizione ecclesiastica 
degli autori, ci riavvicìnano col pensiero all'indole del- 
l'antichissimo teatro. Che se qui il pregio più che altro è 
nel magistero dell'arte musicale, non mancano esempi di 
produzioni recentissime di carattere sacro vero e proprio, 
recitate in pieno apparato scenico; e. pur ieri leggevamo delle 
calde accoglienze incontrate a Parigi da un dramma in 
versi « Le mystère de la miséricorde », dove anche il titolo 
« Mystère » ci riporta al teatro primitivo *. 

11 che - sia detto di passaggio - prova due cose. Prima, 
la freschezza eterna della poesia evangelica e biblica, la 
cui vena possente sa farsi strada anche attraverso i terreni 
più alieni e refrattari. Secondo, la dignità congenita al teatro, 
il quale se ora è venuto cosi in basso, è solo per un abuso 
altrettanto deplorevole che innaturale, perchè il teatro 
per sé, ove sappia e voglia, può esser sempre e da per 
tutto quello che dev'essere, scuola di elevazione, non offi- 
cina di depravazione. Certo deve pur significar qualche cosa 
che quando esso nacque per impulso d'un'arte tutta spon- 
tanea, non nacque corrompitore, anzi neppur profano, ma 
sacro e religioso. 

Vero è che non il teatro solo, ma tutte le arti, fiori elet- 
tissimi della vita, sbocciarono dal fecondissimo tronco della 
religione o vi s' innestarono per meglio fiorire. E v'attinsero 

^ Jacques Dbbout, Le Mystère de la miséricorde - évangUe en 3 actes 
et en vera. Lettre-préface par Q. Fonsegrìve, Représenté pour la !'• foia à 
rAthén e Saint-Germain, Paris-Téqui, 1908. 



IN ITALIA 277 

tanto rigoglio che, come si sa, l'invidiato vanto d'Italia 
d'esser madre d'ogni bellezza d'arte non si può concepire 
scompagnato dalla sua fede religiosa. E dire che vi fu chi 
con incredibile irosità partigiana osò scrìvere che « fra 
l'aspirazione cristiana e l'arte v' è odio »I — Che avrebbe 
egli detto se la storia fosse il rovescio di quel che fu, 
mentre arte e religione andarono sempre così stretta- 
mente unite che per dirla col Settembrini ^ non sospetto, 
« se noi vogliamo la storia delle nostre arti dobbiamo ri- 
cercarla nelle chiese » ? 

Nelle nazioni cristiane d'Europa il primo passo dell'arte 
drammatica fu segnato, come si sa, dal dramma liturgico. 

Fra le rovine, ogni dì più accumulantisi, del mondo 
romano che spariva, persistettero tenaci certe fioriture 
malsane di spettacoli crudamente osceni ed infami, ma 
a cui purtroppo la plebe si appassionava. Erano l'estreme 
resistenze del paganesimo, che nella tristezza dell'universale 
decadimento, faceva l'ultime prove nel recinto dei teatri e 
dei circhi. L'abitudine soprattutto dei ripugnanti ludi gla- 
diatori aveva talmente ingrossato e pervertito il gusto del 
pubblico che omai non si voleva più sapere di nessun ri- 
serbo e di nessuna simulazione d'arte. «In luogo dell'imi- 
tazione artistica chiedevasi la pretta realtà: il dolore e la 
morte non dovevano essere simulati, ma veri. Muzio Sce- 
vola si bruciava davvero la mano, ed Ercole era consu- 
mato vivo sul rogo: per tacere delle scene di lasciva eb- 
brezza che, senza scandalo e senza ritegno, producevansi 
innanzi agli occhi degli spettatori >► *. Non è a dire se contro 
sì osceno abbrutimento i Padri e Dottori dei primi secoli 
insorgessero con tutta la foga della loro eloquenza, sfolgo- 
rando quel corrottissimo teatro, che parve a TertuUiano : 
sacrario di Venere, rocca di tutte le sozzure, concistoro 
d'impudicizia; a S. Clemente cattedra di pestilenza; a 
S. Basilio officina di lascivia e caverna del demonio; a 

* Stor, letter, voi. J, e. 74. 

• D'Angona, 1. e. V. I, e. II, pag. 9. 



278 IL TEATRO 

S, Giovan Grisoslomo ^ fonte di malizia e accademia d'in- 
Gontinenza » e cosi via. Neppure è da soggiungere se al 
coro unanime dei Padri e Dottori facessero, eco i Concilii 
con riprovazioni e canoni e condanne d'ogii maniera. Ma 
purtroppo l'amore insano di quei spettacoli era invete- 
rato nel popolo e lo scandalo durò e a svellerlo non ci 
volle poco. Tanto più che l'imitazione scenica risponde 
a un vivo istinto della nostra natura, portata invincibil- 
mente, secondo Aristotele, a godere di tutto ciò che imi- 
tando si esprima ^, e ciò spiega la difficoltà di svezzare 
il popolo da certi pascoU per quanto velenosi se non se ne 
sostituiscano altri. Fortunatamente la Chiesa aveva nelle 
bellezze dei suoi riti di che nobilmente appagare quest'in- 
nata brama, una fonte ricchissima di diletto altrettanto puro 
che suggestivo agli occhi e al cuore del popolo, e questo, 
consapevole o no, fu un'espediente efficace contro gli spet- 
tacoli profani, e nacque il dramma liturgico. 

Come questo si andasse elaborando può ricavarsi da c[uei 
che fu scritto in queste pagine nella pasqua dell'anno scorso ■. 
Ma è noto a tutti che i riti della Chiesa nelle sue solennità, 
specialmente secondo le liturgie più antiche, abbondano di 
forme oltreché simboUche, evidentemente drammatiche. Ora 
la specificazione più rilevata di questo elemento della li- 
turgia, è quel che si convenne di chiamare dramma litur- 
gico : dramma in quanto cioè nei famosi ufficii ecclesiastici 
del Nataley dei Magiy dei Pastori^ della Stélla, della Posatone, 
della Risurrezione ed altri, il mistero non si celebrava solo, 
si riproduceva con un misto di rappresentazione simbolica e 
storica, di canto e di azione. E tutto questo a scopo non 
di sollazzo, ma di edificazione spirituale, con non altro 
teatro che l'interno delle Chiese e delle Basiliche e con 



^ « n«pi «o»)Tixt}; » n. 4 (Ed. Acad. Reg. Boruss. Beiolini 18S1). Ed è 
nota anche la sentenza di S. Tommaso: * Bepruesentatìo naturalUer hO' 
mini detectabilia est » (p. I. q. I art. 9 ad 1). 

- Civ, Catt, del 6 aprile 1907, quad. 1363, nell'articolo! € n mattino di 
Pasqua nella storia liturgica » . 



IN ITALIA 27§ 

non altri attori che il solo clero. Il popolo vi partecipava 
colla presenza e al più colle risposte. 

Così il dramma liturgico, distinto per un lato dal ce- 
remoniale vero e proprio delle chiese, per l'altro dallo spet- 
tacolo sempre più teatrale dei tempi successivi *, durò e si 
mantenne, a quel che pare, fino allo scorcio Jel secolo XIL 
Più tardi comincia la trasformazione e la tendenza alla 
teatralità : s' introducono nuovi elementi : oltre quelli di 
fonte biblica ed evangelica, nuovi personaggi anche plebei: 
la lingua latina si muta nei nuovi volgari nazionali, il clero 
cede il posto al laicato : in una parola la trasformazione è 
tale che il dramma liturgico non si riconosce più, e Inno- 
cenzo III, nel 1210 lo bandisce dal tempio e minaccia di 
censura gli ecclesiastici che vi prendessero parte*. La di- 
sciplina della Chiesa su questo punto passò per varie vi- 
cende che qui non occorre ricordare. 

Piuttosto è ca notare che uscito dal tempio, il dramma 
trasformato non se ne dilungò. Se non potè più avere per 
cornice le navale auguste, volle però per isfondo Tedifizio 
della casa di Dio, e continuò a rappresentarsi nel vestibolo^ 
nel sacrato, nelle adiacenze. 

E cosi l'ubicazione esterna simboleggiava la trasforma- 
zione interna, perchè se il dramma aveva allentato i suoi 
vincoU dalla severità liturgica delle feste religiose non si 
dilungava dalla religione, benché sul diletto spirituale ten- 
desse omai a prevalere sempre più il diletto profano. E il 
dramma sacro continuò così il suo sviluppo, assumendo 
nei diversi paesi diversi nomi: di « mistero » in Francia, di 
< miracolo » in Inghilterra, « di spettacoli spirituali » in Ger- 
mania, di « auto sacro » in Ispagna e da noi di « Sacra 
rappresefUazione ». 



• D'Ancona, 1. e. pag. 28. 

* Cf. il cap.: Cum decorem domus Domini, nella Decretale di Gregorio IX. 



280 IL TEATRO 

II. 

Ma a questo da noi non si giunse d'un tratto. Mentre 
nelle nazioni ultra-montane tfa i testi evangelici e il « mi- 
stero )► ci fu di mezzo il dramma liturgico, da noi la Sacra 
rappresentazione cominciò con un elemento nuovo e in 
lingua volgare, la lauda, sulle cui attinenze col dramma 
liturgico si opina variamente dagli eruditi. 

La lauda, questa forma di canto popolare, caldo e vi- 
vido nella sua natia rozzezza, brilla al nostro ricordo d'una 
luce sacra d'idillio e di leggenda. Ci riconduce alle prime 
fresche sorgenti del nostro volgare, alla culla della nostra 
lirica religiosa, quale fiorì dall'anima ingenua di Francesco 
d'Assisi e de' suoi compagni, in quella classica Umbria, 
che colla bellezza solinga del suo verde, delle sue valli, 
delle sue ardue montagne par fatta per svegliare nelle anime 
la vena della poesia e della mistica contemplazione. Benché 
la lauda forse sonasse anche in altra lingua, noi qui inten- 
diamo quella che fu come il primo fiore lirico della nuova 
lingua nazionale, e che coU'andare del secolo XIII risonava 
sempre più ferma, benché rude, sul labbro dei diversi po- 
poli d'Italia, che a quel suono parevano sentir come il fre- 
mito d'una nuova* età. 

Fu il primo fiore lirico, ma vi fu anche la lauda a dialogo, 
drammatica, ed essa fu la breve favilla d'una gran fiamma. 

Venne in grande importanza soprattutto per l'estesa 
divulgazione e per l'uso solenne che ne fecero le così dette 
compagnie dei Disciplinati o dei Flagellanti o dei Battuti 
che dir si vogliano : quelle compagnie che ricordano tutto 
un lato caratteristico della nostra storia medievale, e che 
per quanto sott'altri aspetti variamente giudicate, ebbero 
il merito d'aver contribuito anche all'incremento del nostro 
patrimonio letterario. 

Come si sa, erano compagnie d'uomini, di età e di con- 
dizione varia, che mossi a principio dalla parola calda del- 



IN ITALIA 

reremila Ranieri Fasani, procedevano a cento, a mille, a 
decine di migliaia processionalmente dietro il vessillo della 
croce, di paese in paese, di giorno e di notte, anche nel 
freddo asprissimo dell'inverno, nudo il petto e le spalle, 
scalzi i piedi, spietatamente flagellandosi e accompagnando 
i colpi di gemiti, di pianti, d'implorazioni solenni a Dio, alla 
Vergine, ai Santi. 

« Tacquero allora — prosegue il cronista Padovano del 
tempo — * i musici strumenti e le amorose cantilene; il solo 
lugubre canto dei penitenti d'ogni parte si udiva, tanto 
nelle città quanto nel contado, alla cui flebile modulazione 
i cuori più duri s'ammollivano e gli occhi dei più ostinati 
non potevano trattenersi dalle lagrime ». Ora quel « canto 
dei penitenti > che si sentiva echeggiare da per ogni dove, 
era la nostra lauda, che in quella così grande eccitazione 
degli animi dovette avere un'eiBcacia nuova sulle fantasie 
e destare la naturale vaghezza di vedere sensibilmente 
rappresentati quei fatti, il cui canto così fortemente li tra- 
sportava. Il che dovette riuscir più facile, quando sbol- 
lito quel fervore di pubbliche processioni penitenziali, le 
compagnie divennero confraternite coi loro privati oratori, 
dove l'apparato scenico e la rappresentazione trovava con- 
dizioni più adatte e più stabili. 

La lauda « sulla Passione di Cristo > di lacopone da Todi, 
che è un « piccolo dramma — come scrive il D'Ancona — 
nel quale in iscorcio e con pennellate che oseremmo chiamar 
michelangiolesche, è ritratto in tutti i principali episodii 
il gran quadro della Crocifissione > ■ è perciò stesso un 
saggio classico del genere; e porta in se la ragione della 
sua fama e del suo fiorire. Il quale, come sembra, non fu 
breve, finché verso la metà del secolo XIV, venne in voga 
la Devozione. 

Il passaggio si fece senza urti e senza scosse. Alle sestine 
d'ottonari delle laude vennero sostituite le ottave di ende- 

» D'Ancona, 1. e. pag. 106. 
* D'Ancona, 1. e. pag. 162. 



282 IL TEATRO 

casillabi e con questo più nobile paludamento la Devozione, 
che nel nome dice lo scopo intensamente spirituale, riprese 
la via del tempio. Era rappresentata in chiesa alla dipendenza 
del predicatore, del cui sermone essa serviva a fare come l'il- 
lustrazione plastica, tanto più efficace, quanto più effetto 
doveva produrre nell'animo dei fedeli quell'alternativa tra la 
voce commossa del predicatore dall'alto, e l'azione scenica 
che in basso i membri della confraternita acconciamente 
vestiti eseguivano, da un palco appositamente eretto, nel bel 
mezzo della Chiesa. 

Tra le più antiche si ricordano le notissime devozioni 
del Giovedì e del Venerdì santo riproducenti con scrupolosa 
minutezza la Passione, come ai dì nostri si fa in Oberam- 
mergau di Baviera. 

Oltre i confini dell'Umbria, a Firenze la devozione trovò 
terreno soprattutto favorevole e vi crebbe finché non ma- 
turò la sacra rappresentazione, la terza e più compiuta for- 
ma del dramma sacro volgare. 

III. 

L'indole era sempre quella: uno spettacolo fatto per 
edificare ed alimentare la fede negli animi, ma non più come 
una funzione religiosa bensì a scopo di spirituale diletto, con 
carattere ed apparato teatrale. Questa tendenza profana ora 
si bilanciava coU'indole sacra ora eccedeva, « Nella devozione 
umbra i frustatori frustavano Cristo un poco, devotamente, 
o proprio dovevan mostrare soltanto de li dare alcuno 
colpo; a ben altre scene si assisteva in Firenze, quando sì 
trattava di rappresentare martirii di vergini e di santi. A 
S. Agata si mozzavano le poppe. Santa Dorotea era messa 
sulla graticola, poi così nuda legata ad una colonna e cru- 
delmente con gli uncini laniata. S. Romolo trascinato per la 
gola e i suoi discepoli, chi per un piede chi per un hrao- 
cio, uno altro per i capelli, V altro per tutte e due le bragia. 
S. luliana spogliata, legata ad una colonna, battuta forte. 



IN ITALIA 283 

straziata da una doccia di piombo liquefatto sul capo, 
messa a una ruota piena di r(Moi, infine decapitata ». 
Così il Torraca * il quale soggiunge subito : « Ma si ha da 
ritenere che si procurasse di conciliare alla meglio la de- 
cenza, la necessità di non far soffrir realmente gli attori, 
con l'illusione scenica». 

Però nata a Firenze, culla e ospizio d'ogni più bel- 
Tarte, e coltivata da mani esperte, quali, fra l'altre, quelle 
di Feo Belcari e di Lorenzo il Magnifico, la sacra rappre- 
sentazione vi prospeiò e vi assunse importanza di forma 
letteraria. Tanto più che favorita dalla potente famiglia dei 
Medici, nel tempo del suo predominio sulla città, messa 
su con ricchezza di apparato, abbellita dall'arte e dagl'inde- 
gni del Brunelleschi e di altri insigni artisti, se ne accrebbe 

10 splendore e allargatasene sempre più la fama, da Firenze 
il dramma si trapiantò anche in altri luoghi d'ItaUa e fiori 
in pieno 500. 

Ma appunto le condizioni del secolo non potevano esser 
più a lungo favorevoli. 

Nel vivo del rinascimento, tanto sfoggio di pietà cristiana 
non si confaceva più coli' ambiente nuovo scettico e pa- 
ganeggiante* E poi nel rinnovamento febbrile di tutte le 
forme classiche, compresa la drammatica greca e latina, 
le forme nostre indigene e popolari impallidivano. A soste- 
nere la formidabile concorrenza si tentò di dar nuova faccia 
aiisi sacra rappresentazione e nnovo contetkìiio^ ma indarno. 

11 rinascimento dell'antichità classica proseguiva nella sua 
marcia trionfale tutto travolgendo con sé. Col cader della 
repubblica di Firenze cadde anche la sacra rappresentazione 
irrimediabilmente. Pochi anni dopo neanche i dotti si ricor- 
davano com'era fatta. Le stesse compagnie divote rappresen- 
tavano commedie d'altra natura e gli stessi argomenti pii 
venivano adattati dal Cecchi alla forma e all' indole della 



^ F. Torraca, Pref, al Teatro Hai. de' secoli Xlll Z/r e XT, Firenze, 
Sansoni, in «Antologia critica» di L. Morandi, pag. 113. 



284 IL TEATRO 

commedia classica, che quindi ebbe facile sopravvento e del 
dramma sacro non si parlò più. 

Fu un danno ? 

Dal lato morale non c'è dubbio. Finché il dramma man- 
teneva il suo carattere sacro, nonostante le vicende a cui 
andò soggetto e gli abusi più o meno gravi e grossolani, 
di cui si macchiò, c'era sempre bene a sperare, o almeno 
non molto a temere, pel rispetto morale ed educativo. 

Ma una volta scomparso il dramma sacro, e scomparso 
al soffio turbinoso d'una antichità splendida d'arte ma non 
altrettanto di costume pura, e' era poco da nutrire illusioni 
anche sul solo carattere morale del teatro. E noi avremo 
tutto r agio di vedere fino a qual punto il teatro mise in oblìo 
ia sua dignità e il suo decoro, da parere un figliol prodigo, 
che lasciata la casa paterna, la chiesa, dov'era nato e cre- 
sciuto nei begh anni dell'adolescenza, se n'era andato in 
regionem langinqtiam a sbizzarrirsi a talento e a vivere 
liixuriose. 

Dal lato dell' arte invece il giudizio è diverso. 

Nei paesi d'oltremonti il dramma sacro ebbe più largo 
e più esteso sviluppo e la graduale trasformazione a cui 
andò soggetto non fu dapertutto un discendere, ma in I spa- 
gna per es. e in Inghilterra ebbe momenti di ascensione 
-gloriosa, fino a vestire dignità d'arte. Non così in Italia 
dove la sacra rappresentazione, pur sotto il manto vistoso 
che ebbe a Firenze, non ebbe mai importanza come opera 
d'arte, e per noi ora ha poco più che un'importanza « sto- 
rica ed archeologica ». Da questo lato dunque il danno della 
sua scomparsa è molto relativo. In altri tempi forse e sotto 
la mano d'un uomo di genio, anche la sacra rappresenta- 
zione si sarebbe potuta sollevare, come altrove si sollevò il 
mistero, e divenire il dramma d'Italia vero e proprio. Ma 
quest'uomo in Italia non ci fu, o se ci fu, — un Poliziano, 
un Boiardo fecero tentativi — potè più la condizione non 
favorevole dei tempi. Certo è che la salerà rappresentazione 



IN ITALIA 285 

rimasta quel che era, « umile riduzione metrica delle asce- 
tiche leggende > * venne meno, e pianticella artisticamente 
fragile e grama inaridì sotto il sole fiammeggiante della 
risuscitata arte antica. 

Purtroppo questo sole non doveva esser molto bene- 
fico neppure al nuovo dramma che sotto i suoi raggi ger- 
mogliava, come vedremo. 

Ma qui potrebbe sorger l'idea se quel che non avvenne 
a suo tempo, potrebbe avvenire ora e chiedersi cioè se ai 
nostri giorni, quando ancor dura qualche vestigio, in luoghi 
di contado, della sacra rappresentazione, il dramma sacro 
troverebbe in mezzo alla società contemporanea terreno 
propizio a rifiorire. 

La risposta facile e pronta è la negativa *. In tempi come 
i nostri di laicismo imperversante e invadente, fino al 
punto di dar l'ostracismo alla religione anche là dove essa 
starebbe come a suo posto, nella scuola, negli ospedali e 
simili, chi oserebbe lusingarsi di vederla rimettere in onore 
proprio sul palco scenico che è la sede della profanità, 
per non dir di peggio? Eppure, crediamo che non basti 
fermarsi solo alle condizioni d'ambiente. Il sentimento re- 
ligioso ha radici così profonde nell'anima umana che, per 
quanto e comunque osteggiato, sarà sempre vero quel che 
scrisse Plutarco che « possono ben trovarsi nel mondo 
città senza mura, senza lettere, senza re, senza case, senza 
facoltà, senza moneta, senza teatri, senza ginnasi! ; ma 
senza templi, senza numi, senza oracoli né alcuno le vide 
né le vedrà mai » *. D'altra parte il dramma sacro è frutto 
spontaneo del sentimento e del culto religioso e di esso 
si alimentò per tutto il tempo della sua durata, di dieci 
secoli. Si tratta dunque d'una tradizione millenaria, d'una 

*• D* Ancona, I. e, pag. 2. 

' Gf. € Revue de deux mondes » XXXVIII anné, 2<^ période, tome 66. 
«Le drame religieox » per Albert Réville, pag. 113. 

3 Plutarco, nel libro « cantra Colate » , presso Napoli - Signorelli : « Storia 
crìtica dei teatri » tomo I, cap. II, pag. 13, in nota, ediz. 1813. 



386 IL TEATRO IN ITALIA 

euorme forza latente, perciò stesso non facilmente estin- 
guibile e capace di ridestarsi nonostante i tre secoli di si- 
lenzio, dal rinascimento in qua. Tutto il mondo antico, può 
ben dirsi che risuscitò coll'umanesimo, benché paresse se- 
polto per sempre sotto le rovine accumulate dai barbari e 
sotto una lunga notte di secoli. Ora perchè il flusso e ri- 
thisso della storia che fa rivivere tante cose grandi e piccole 
non potrebbe riportare alla vita dell'arte moderna il dramma 
nostro antico? Siano pure ostili le condizioni e i costumi 
del tempo: attraverso la luce dell'arte, specialmente se in- 
fusa da un uomo geniale, le ostilità finirebbero. A. Manzoni 
co' suoi inni sacri non s'è imposto all'ammirazione e al 
plauso de] secolo XIX, scettico e miscredente? 

E poi si ha torto a non considerar nell'ambiente la 
parte precipua che vi rappresenta l'anima popolare, per lo 
più sana e religiosa nonostante i lumi di civiltà, e aperta 
alla pura bellezza. Per essa nacque e fiorì e si diffuse per 
secoli il rirara ma religioso e perchè per essa non potrebbe 
rivivere'^ In una recente conferenza sulla « Psicologia reli- 
friosa y^ a Milano, l'on. Fradeletto riferiva le parole semplici 
e commoventi d'una vecchierella: « Le funzioni religiose 
sono il teatro di noi altri poveretti!» 

Ecco una frase rivelatrice, dove la vecchierella, senza 
saperlo, att'erma la perennità di quello stesso sentimento 
che nei secoli del medio evo ebbe sì largo pascolo nel 
dramma religioso dentro o fuori del tempio. No, non è il 
popolo certo che si ribellerebbe al ritorno del dramma re- 
ligioso. 

Che se invece della possibilità speculativa avessimo 
voluto discutere la opportunità pratica di un tal ritorno, 
non ci sarebbe stato bisogno di tanto. Per tutto argo- 
mento bastava mettere idealmente di fronte il dramma 
sacro e certe pochades moderne, e poi chiederci da quale 
delle due scuole uscirebbe megho educato il popolo. 



DONNA ANTICA E DONNA NDOTA 

SCENE DI DOiVtANI 



XLIX. 
Vocazioìie laica. 

Finito ormai il movimento straordinario di persone e di 
faccende per la prima adunanza generale della nuova Al- 
leanza nazionale; chiuse felicemente tutte le adunanze e i 
convegni particolari e concertata a dovere ogni cosa pel 
buon andamento della grande istituzione; dopo gli ultimi 
festeggiamenti d' inaugurazione della nuova presidenza e di 
commiato alle delegate, in casa Storni regnava novamente 
la tranquillità e l'attività ordinata di prima; sebbene l'as- 
sestamento degli uffici dipendenti dalla presidenza generale, 
secondo le disposizioni del nuovo statuto e gli accordi sta- 
biliti durante il congresso delle delegate, richiedessero un 
lavoro intenso, lungo e difficile. 

Codesti uffici furono dalla contessa collocati provviso- 
riamente in casa sua, finché cioè fosse compiuta la fab- 
brica del grande palazzo, in cui la direzione generale do- 
veva fissare stabilmente la propria sede. Conforme al suo 
disegno, già maturato prima del congresso, ella attese a 
ordinare distintamente i due segretariati deWAlleanza cit- 
tadina e della nazionale, assegnando loro locaU e persone 
diverse e ritenendo intanto per sé la presidenza di entrambe, 
per poter meglio sperimentare, fino al trasferimento della pre- 
sidenza nazionale nel nuovo edificio, se le convenisse con- 
tinuare a tenere unite le due presidenze, oppure cederne 
una ad altra persona. 

La nostra Ida, subito dopo l' elezione della contessa a 
presidente generale, aveva presentato le sue dimissioni dal 



288 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

servizio dello Stato, dichiarando che entro quindici giorni 
avrebbe abbandonato definitivamente l'ufficio telegrafico. 

Ora, trascorso tale termine, ella vi si recò l'ultima volta, 
dissimulando quanto più poteva il contento e l'allegrezza, 
onde tutta gongolava internamente in lasciare per sempre 
quel luogo di tante pene, e prese bellamente commiato dai 
suoi superiori e colleghi, mostrandosi con tutti rispettosa , 
garbata, riconoscente delle cortesie ricevute e dimentica degli 
sgarbi, delle noie e delle molestie da loro avute; talché ne 
rimasero essi meravigliati e confusi, anzi li udì manife 
starle sinceramente l'alto concetto che in fondo avevano 
sempre avuto del suo carattere e delle sue virtù, e chie- 
derle insieme scusa dei fastidii che le avevano dato. Solo 
il Fiocchetti sì mostrò impacciato come il topo nella pece 
e rimase muto, smarrito, interdetto, mentre la Ida, lesta e 
disinvolta, prendeva anche da lui congedo; di che accor- 
tisi gli altri colleghi, gliene diedero poi la baia, attribuendo 
quello strano contegno alle ragioni patetiche di un cuore 
ferito ! 

In uscire finalmente per sempre da quel luogo, verso il 
quale già prima di entrarvi come telegrafista aveva nutrito 
una ripugnanza, un'avversione invincibile; dov'era rimasta 
fino all'ultimo unicamente per non venir meno al proprio 
dovere, quantunqne le angustie, le persecuzioni, i soprusi 
e i tradimenti sofferti gliene avessero resa sempre più tor- 
mentosa e intollerabile la dimora; la Ida sentì cadérsi dal 
cuore un gran peso e mandò un respiro di sodisfazione, 
come il condannato a cui venga improvvisamente aperta la 
porta del carcere e ridonata la libertà. 

Volò subito a casa per dare sfogo alla sua gioia, e non 
sì tosto fu in presenza della contessa, che le saltò al collo 
rìdendo e piangendo insieme di consolazione, e diede in 
tali segni e trasporti di allegrezza, da sembrare una bam- 
bina a cui sia stato regalato il premio più ambito del suo 
afletto figliale. — Ora non sono che sua - diceva stringen- 
dole e accarezzandole le mani - sempre sua, tutta sua fino 
alla morte... 



XLIX. VOCAZIONE LAICA 289 

— E dopo...? - domandò ridendo la contessa? 

— Dopo...? Oh! sarò io la prima ad andarmene nel 
mondo di là, per darle la benvenuta da qui ad un secolo 
e farle anche in paradiso da segretaria... della gloria che 
rè serbata pel gran bene che mi ha fatto... 

— Guarda che per le bugie c'è il purgatorio... 

— Ma la verità vuole avere il suo luogo. Del resto Toro 
non piglia macchia... 

— Mi pare che incominci assai male il tuo nuovo uf- 
ficio citando cosi a sproposito certi proverbii. Ora mi vien 
quasi rimorso di averti scelta a mia segretaria... 

— E dovrà presto pentirsene amaramente. Ma... il fatto 
non si può disfare ed io saprò godermi allegramente il mio 
papato. Non sono più uccel di gabbia, ma uccel di bosco 
e voglio saltare, volare, cantare e cinguettare a mio bel- 
r agio. 

Tutta la vivacità della sua indole ardente, gaia, espan- 
siva, depressa per tanto tempo dalle tristi condizioni della 
sua vita privata e pubblica, si manifestava ingenuamente 
in questo primo colloquio colla sua seconda madre dopo 
la liberazione, come una polla cristallina che sgorga di sot- 
terra a irrigar la pianura, appena fu tolto l'ostacolo che 
la teneva nascosta. E come questa, apertole una volta il 
varco, continua sempre a scorrere, spandendo nel suo pas- 
saggio fecondità, vita e giocondità di piante e di fiori ; così 
la Ida da quel giorno sembrava avesse cambiato natura, 
tanto era serena, gioviale, faceta con tutti; diffondendo co- 
stantemente intorno a sé la pace, la gioia, l'alacrità e la 
fiducia che le traboccavan dal cuore. 

Appena entrata nella nuova vita, suo primo pensiero fu 
d'inchiodarsi al lavoro per impiantare bene il suo ufficio, 
che fino allora era stato condotto alla meglio in modo in- 
cipiente e precario, e dargli uno sviluppo ordinato e si- 
curo. Al quale proposito soleva dire non solo che chi bene 
comincia è alla metà dell' opera, ma che con una buona 
segreteria tutto va pe' suoi piedi e la presidenza muove 

1908, voi. i, fase. 1383. 19 23 gennaio 1908, 



SS90 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

con un dito l'intero organismo; laddove, se rimpianto è 
difettoso, si ha un ginepraio e l'organismo non cammina 
perchè i piedi sono incappati. — £lia è la testa -diceva alla 
conlessa - noi i piedi; ma senza i piedi il corpo non cam- 
mina e la testa da sola non può fare alcun passo. 

— Però, se la testa si rompe, la colpa è dei piedi, che 
andarono incontro al pericolo o non seppero scansarlo in 
tempo. 

— E perciò i suoi piedi dovranno avere le ali. Con esse 
la testa potrà levarsi a volo e uscire incolume da qualun- 
que cimento. In ogni caso, i piedi saranno i primi a coz- 
zare con certi animali cornuti, perchè noi tutte siam pronte 
a dar la vita per la nostra presidente. 

Lungo, paziente e faticoso fu codesto lavoro d'impianto, 
come lo aveva concepito la nuova segretaria generale. Di- 
visione e distribuzione di lavoro tra le sue collaboratrici, 
protocolli, registri, repertorii, indici, prospetti, referti, cor- 
rispondenze, tutto insomma che appartiene a un grande 
uflBcio perfettamente ordinato, fu dalla Ida preveduto, trac- 
ciato, concertato con singolare abilità e sveltezza, e messo 
in esecuzione con grande energia e perseveranza, talché la 
nuova segreteria divenisse nel minor tempo possibile un 
vero modello. Al che concorse efficacemente, come sempre, 
la generosità della contessa, che le offrì largamente di che 
procacciarsi la cooperazione delle persone più perite e ar- 
redare il nuovo ufficio con tutta la perfezione della tecnica 
moderna. 

Così la Ida era giunta finalmente in porto, dopo tante 
burrasche, e non aveva altra aspirazione, altro desiderio 
che quello di rimanere nel suo ufficio di segretaria dell'.lZ- 
leanza fino alla morte. 

La vita domestica era per lei una continua festa, un ri- 
sloro inesausto di tutte le passate afflizioni: considerata e 
trattata dalla contessa come sua figlia prediletta, ne godeva 
tutta la confidenza e trovava in lei la più savia e la più 
afiFetluosa delle madri. Colle altre persone, che formavano 



XLIX. VOCAZIONE LAICA 291 

la famiglia della presidente, tutte da lei scelte tra le mi- 
gliori, era impossibile non accordarsi in ogni cosa e non 
passarsela allegramente. Giannina e Giorgina, le due fedeli 
fantesche e fattorine, si sarebbero fatte squartare per di- 
fenderla e contentarla. L'ufiflcio poi di segretaria generale 
delV Alleanza nazionale non poteva essere né più acconcio 
alla sua mente, né più conforme al suo genio, né più caro 
al suo cuore, né più adatto a spiegarvi le sue attitudini ed 
inclinazioni. 

Ricca d'ingegno e dotata d'animo virile, cresciuta fin 
da bambina nello studio e compiuti splendidamente i corsi 
superiori di scienze e di lingue per essere ammessa al ser- 
vizio dello Stato ; pratica del mondo per l'amara esperienza 
che ne aveva fatta nelle pubbliche scuole e all'ufficio tele- 
grafico ; ella trovava nella sua nuova carica un campo va- 
stissimo da coltivare, esercitandovi la sua attività con grande 
sodisfazione e vantaggio dell'opera a cui aveva consecrata 
la vita. 

Quivi tutto che aveva imparato collo studio e alla scuola 
della vita le veniva assai bene a proposito per applicare 
la sua abilità e destrezza negli affari; quivi sentiva di es- 
sere il centro vitale di un organismo sì vasto e sì benefico, 
ch'estendeva la sua azione salutare a tutto il paese, che 
esercitava il suo apostolato verso milioni di persone, che 
propagava e moltiplicava dappertutto il bene morale e ma- 
teriale delle donne italiane con ogni specie di opere e d'isti- 
tuzioni ; quivi ella era il braccio destro di colei, che aveva 
compiuta la più grande riforma sociale dei tempi moderni. 
Che mai poteva desiderare di più e di meglio per chia 
marsi contenta? 

— Chi è piùTortunafo di me? -diceva un giorno alla 
contessa. - Io nuoto nell'acqua di viole. In famiglia tutto é 
zucchero; all'ufficio il lavoro è una delizia: V Alleanza kìa. 
prima potenza del paese ed io, come fedele faccendiera e 
manovale della presidente, la tengo in mano e spero di 
farla presto andare come un orologio. Ella poi mi porta 
in palma di mano e mi tiene sempre in nozze... 



292 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

— A proposito! - l'interruppe la contessa con un sorriso 
maliziosetto - alle vere nozze non ci hai ancora pensato? 

Arrossì la Ida ed esitò un istante, ma subito si ricom- 
pose e disse ridendo allegramente : - Per fare le nozze non 
basto io sola; ci vuole anche l'altra parte. 

— Di buoni partiti ne hai già avuti parecchi; ma li hai 
mandati all'uscio. 

— Pur troppo. Ed ora il male non ha riparo, talché 
mi trovo sola a far la figura d'Arlecchino, ch'era sicuro di 
dare presto l'anello alla regina, perchè il suo consenso l'aveva 
già dato, né mancava altro che il consenso di lei! 

— Ma, se ti viene offerto un nuovo partito...? 

— Qui sta il guaio ! Allora non sarò contenta io, fosse 
pure un affare d'oro, e così mancherà sempre il secondo a 
fare il paio. Oramai la mia sentenza é scritta: io rimarrò 
a casa a guardar la città o... a covar la cenere fino alla 
morte. Così avrò sempre tutta la mia hbertà e potrò con- 
sacrare tutte le mie forze a lavorare co' piedi e colle mani 
in servizio deìV Alleanza. Questa é la mia famiglia, dove ho 
tutto, ma sopratutto... una madre! 

— Ah! furfantella, come sai toccare nel buono. Aspetta, 
aspetta, che questa volta te la fo pagare... Or dimmi: se 
non ti fossi imbattuta in me e ueW Alleanza, non saresti 
forse a quest'ora già andata a marito, non fosse altro per 
liberarti dal servizio telegrafico? Se non rispondi a tuono, 
sei aggiustata. 

— Rispondo per le rime e... sono a cavallo! Sebbene io 
sappia che la condizione naturale della donna sia di ac- 
casarsi e di diventare una buona madre di famiglia, tuttavia 
questa regola, come tutte le altre, ha le sue eccezioni, che 
non solo confermano la regola, ma ne ren'flono meno tristi 
certe conseguenze e certe altre più vantaggiose. Così il ce- 
libato delle vergini consacrate a Dio ha creato e mantiene 
l'apostolato delle suore di carità, per sanare tante piaghe 
domestiche e sociali, e la vedovanza dì una contessa a lei 
ben nota ha creato e mantiene la grande armata del fem- 



XLIX. VOCAZIONE LAICA 293 

minismo. Se questa, rimasta vedova a ventanni, fosse pas- 
sata a seconde nozze e il Signore le avesse regalata una 
bella corona di figli, V Alleanza avrebbe ancora da nascere 
ed io non ne sarei segretaria. E non pertanto, sarei rimasta 
ancora... una eccezione alla regolai 

— Ma dunque, saresti andata a farti suora? To' su, che 
forse forse... un bel giorno te ne vai in convento e mi 
pianti qui... 

— No, no; né matrimonio né convento, ma celibato laico 
fino alla morte; questo è il mio programmai Del matri- 
monio mi ha disgustato l'esperienza della vita, perché cre- 
sciuta e stata sempre in mezzo agli uomini, condannata a 
vivere più da uomo che da donna, ho sentita sempre più 
forte la ripugnanza a legarmi indissolubilmente con alcuno 
di essi. Li conosco troppo, i nostri uomini e superuomini 
moderni ! Alla vita religiosa poi, non so perchè, non ci ho 
avuto né ci ho inclinazione, tantoché col mio confessore 
non ne ho mai parlato. Per me é indubitato che la Prov- 
videnza mi ha predestinata e condotta amorosamente a cader 
nelle mani di colei che ora mi sta facendo l'esame di co- 
scienza, fino a ricoverarmi uelV Alleanza, ch'é il mio nido, 
il mio regno, il mio papato. Ma se ciò non fosse avvenuto, 
dopo la morte della mamma io non avrei cercato altro che 
di assicurarmi uno stato modesto di libertà ed indipen- 
denza personale, per poter vivere col mio lavoro e cooperare 
all'apostolato laico, perla riabilitazione sociale della donna. 
Or questa missione, ch'eia più importante e vitale tra tutte, 
e che dalle maritate e dalle religiose non si può esercitare 
in ogni sua parte, mi fu offerta divinamente neìV Alleanza. 
Perciò io posso dire di aver toccato il ciel col dito e la mia 
vita è un continuo godere a mele e focaccia. Eccole in 
poche parole la mia confessione generale I 

Dinanzi a questa nuova riprova di nobiltà e grandezza 
d'animo della sua segretaria, la contessa era commossa e 
si compiaceva grandemente della loro inlima, perfetta con- 
formità di pensare e di sentire, onde sembravano fatte l'una 



294? DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

per l'altra e naie a posta per lavorare insieme nell'apo- 
stolato del feinminismo cristiano. Gonchiuse quindi con 
quell'accento di tenerezza, che toccava sempre cèrne bal- 
samo di consolazione il cuor della Ida: — Pressapoco e senza 
volerlo, hai fatto anche la mia! Dunque assolviamoci a vi- 
cenda e facciamo insieme la penitenza combattendo il lai- 
cismo falso col nostro cli'è di buona lega. È questo certa- 
mente la missione più utile della donna per la donna nei 
tempi moderni. Siamo nella stessa barca, io pur troppo sul 
ponte del comando e tu al timone; speriamo, ad onta d'ogni 
burrasca, di entrare felicemente in porto. 

L. 
L'ultima trama. 

Tornata dalla visita alla Schwitzer colle pive nel sacco, 
la comare aspettò indarno per piti giorni di riceverne l'av- 
viso convenuto alla conclusione dell'affare. Né di ciò ebbe 
punto a restare maravigliata o ad accorarsi, poiché il ri- 
serbo e la ripugnanza, onde la presidente della Lega si era 
schermita dall'entrare nella congiura divisata, ben poca 
speranza le aveva lasciato di averne il consenso più tardi 
e, quanto più si prolungava l'indugio della risposta, tanto 
più quel po' di speranza andava svanendo, finché venne 
a dileguarsi del tutto. 

Tentò allora quell'anima dannata di tirare altri nella 
rete, per servirsene a strumenti del suo infernale disegno 
e scaricare sopra di loro i pericoli e le eventuali conse- 
guenze della impresa nefanda; tastò specialmente l'auimo 
del Brandini, della Fioroni e della Lisardi, mostrandosi 
cosieniata pel trionfo deW Alleanza e delle sue nemiche, 
spiegando un'ansietà e uno zelo straordinario per salvare 
la Lega dalla imminente rovina, dichiarandosi e protestan- 
dogli pronta a qualunque atto più risoluto ed audace per 
iìaccare l'arroganza del clericalismo trionfante, e conchiu- 



L. l'ultima trama 2% 

dendo sempre le sue invettive con insistere sulla necessità 
di un rimedio radicale, di un ardimento eroico, di un colpo 
maestro, di uno stratagemma sicuro, con cui si sarebbe 
fatto tornare il cervello in capo alle smargiasse dell' ^I- 
leanza e verrebbero ridotte a pollo pesto quelle nemiche 
capitali della Lega. 

Ma non tardò pur troppo ad accorgersi che gittava via 
il tempo, la fatica e la spesa, perchè non solo trovava in 
tutti una freddezza e diffidenza che le faceva venire la mo- 
starda al naso, ma ogni volta ch'ella tentava di strignere 
il nodo per farsi provocare alla spiegazione finale, tutti la 
lasciavano dire e facevano orecchie di mercante, dandole 
chiaro ad intendere che se ne lavavano le mani. 

Non le rimaneva quindi che un ultimo partito, prima 
di accertarsi ch'era abbandonata da tutti e perciò o doveva 
rinunciare alla vendetta o pigliarne interamente sopra di 
sé l'esecuzione: ingarbugliare la vecchia strega con darle 
a credere che la Storni e la Piumetti stavano tramando di 
rovinarla mediante un terribile processo, talché, se non sì 
menasse loro un gran colpo, il caso sarebbe disperato. 
Sebbene avesse poca speranza di accalappiarla, ben sa- 
pendo per esperienza con quale schiuma di birbona avesse 
a fare, sempre intenta a gabbare gli altri e gettar loro la 
broda addosso, volle tuttavia farne la prova, anche per 
averne in ogni caso qualche nuovo suggerimento o consi- 
glio, stringerle un po' il pelo a cagione dei suoi oracoli 
falliti e rompere insomma con lei la scopa, giacche ormai 
aveva perduto ogni fiducia nelle sue malìe. 

Recossi pertanto nuovamente da lei una mattina per 
tempissimo, com'era solita, e cercò anzitutto, dandole fra- 
sche e foglie, di metterle la paura addosso di una denun- 
cia giudiziaria con sequela d'inchiesta, perquisizione, arre- 
sto, processo e condanna criminale, per indurla ad entrare 
nella congiura contro le due factotum déìV Alleanza e pi- 
gliarsene la direzione. 

Veduto però che la scaltra sibilla aveva indovinato il 



496 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

giuoco e non si lasciava cogliere al punto, anzi minacciava 
di far pagare il fio a chiunque volesse darle noia presso 
la giustizia, la povera comare, mutato registro, tentò per 
l'ulti ma volta di averne qualche aiuto per salvarsi dalla 
catastrofe che prevedeva imminente. 

Ma la megera si strinse nelle spalle e si mostrò stucca 
e ristucca della sua insistenza, intimandole di non darle 
più molestia, perchè con lei aveva ormai provato tutti i 
mezzi della scienza occulta, né aveva piti nulla da sugge- 
rirle. Accortasi invero che la comare era venuta per im- 
barcarla in una impresa disperata, oppure, se ciò non le 
fosse riuscito, per romperle il capo con nuove bravate e 
tragedie, volle prendere destramente il sopravvento e darle 
il conto suo prima che l'altra sciogliesse i bracchi, con 
venire subito allo scontro o affrettarne l'esito a proprio 
vantaggio. 

Difatti, appena la comare, inviperita da quella provo- 
cazione, diede ne' lumi e si levò in bestia minacciando il 
finimondo, la vecchia, senza punto commuoversi o ricor- 
rere, come altre volte, allo spauracchio degli spiriti, le 
disse freddamente con un sorriso sinistro e maligno: — 
Bada a non ischerzare troppo col fuoco, perchè la mina 
è pronta e potresti accenderne la miccia. 11 nostro collo- 
quio odierno fu udito, come tutti gli altri precedenti, da 
due testimonii sicuri. Se non fai senno, ci vuol ben poco 
a farti arrestare, condannare e mandare in galera. 

Ciò detto, la strega balzò in piedi e scomparve, chiu- 
dendo a chiave dietro di sé la porta interna del salotto. 

lìiraase come fulminata la comare a quella scena, e te- 
mendo, quantunque senza ragione, che i due testimonii 
fossero due guardie quivi appostate per arrestarla, non 
disse motto, ma fuggì anch'essa in molta fretta, recandosi 
a gran fortuna di trovare aperta la porta di casa e di poter 
darla a gambe senza essere inseguita. 

Venuta a casa trafelata e grondante di sudore per la 
fatica e per l'agitazione di quel brusco e precipitoso ritorno, 



L. l'oltjma trama 297 

disse freddamente, borbottando da sé a sé : — Atto quinto, 
scena ultima : scontro finale tra le due protagoniste del 
dramma. E... felice notte I Non é più bel messo che se stesso. 
Dunque, all'opera! Vediamo! 

E si fece a riflettere e considerare attentamente la con- 
dizione fattale dagli ultimi avvenimenti e la risoluzione 
definitiva che doveva prendere ed eseguire da sola, dopo- 
ché tutti i tentativi di cavar il granchio dalla buca con la 
man d'altri erano miseramente falliti. 

Vide subito con evidenza, ch'ella si trovava affatto sola 
a combattere contro un esercito trionfante, e però non le 
rimaneva che o fuggire o fare un colpo disperato. 

Erano troppi quelli che conoscevano i segreti delle sue 
trame criminose contro la Piumetti: il Brandini, il Fioc- 
chetti, la Schwitzer, la strega, e questa teneva pronti anche 
i testimonii. Ora, nel momento estremo, costoro l'avevano 
abbandonata alla sua triste sorte, sciogliendosi da ogni 
impegno per la comune difesa e salvezza. Al Fiocchetti non 
aveva proposto l'ultimo suo disegno, perché lo riteneva del 
tutto inetto ed incapace di prenderne sopra di sé l'esecu- 
zione, non solo come autore, ma anche come semplice 
strumento, e sapeva di dominarlo unicamente col timore, 
cessato il quale sarebbe egli il primo a tradirla. Oltreché, 
aveva indizii e prove non poche né dubbie di essere con- 
tinuamente spiata e pedinata dalle sue nemiche, le quali, 
scaltre com'erano, avevano certamente raccolto un bel cor- 
redo di argomenti per farla andare in galera, e stavano ordi- 
nando le file del laccio che doveva strozzarla con una buona 
condanna criminale. L'incetta della merce per la sua turpe 
industria sarebbe stata senza dubbio uno dei punti di accusa. 

In tal caso, quando cioè dovesse comparire davanti alla 
giustizia come rea convenuta, i suoi antichi complici e 
amici avrebbero spifferato tutto e fatto ogni sforzo per ag- 
gravare lei e salvare se stessi; i suoi più fidi, le persone 
di casa, i manutengoli di altri delitti nefandi, avrebbero 
rivelato ogni cosa; l'ergastolo a vita non le poteva mancare. 



298 DONNA ANTICA B DONNA NUOVA 

D'altronde, prescindendo puranco da codesto tremendo 
pericolo, la guerra, che V Alleanza faceva in generale al turpe 
mercato e in particolare alla sua industria privata, l'avrebbe 
tosto tardi ridotta all'impotenza di continuarlo senza 
danno economico, e perciò al fallimento. 

Stando così le cose, non poteva aspettare che la fiumana 
le venisse addosso, per battersi l'anca quando fosse già trop- 
po tardi, ma doveva o fuggirla o metterci un argine sicuro. 
Fuggire? Smettere il suo traflBco, abbandonare l'impresa, 
ritirarsi a vivere nascosta in qualche paese lontano, dove 
i suoi nemici non potessero scovarla? Era un condannarsi 
da sé alla galera, cioè alla miseria, all'indigenza, alla di- 
sperazione, colla certezza di accrescere il trionfo della sua 
rivale e con pericolo di essere tuttavia scoperta, snidata e 
data in mano alla giustizia. Come e dove occultarsi alla 
AUennza, che colla sua organizzazione aveva occhi e mani 
dappertutto? E poi, dove trovar pace e come vivere, sen- 
z'aver eseguito il giuramento, sfogata la cupidigia, appa- 
galo l'appetito irresistibile della vendetta? Meglio la morte 
che una vita sì intollerabile I II solo pensiero di non rendere 
il contraccambio alla sua nemica le faceva venire la schiuma 
alla bocca, e però diceva farneticando: — vendicarsi o am- 
mazzarsi ! Dunque vendetta ! Vendetta che colpisse a morte la 
PiuMietti quando si trovasse insieme colla Storni, per ucci- 
dere possibilmente anche questa e così mandare in rovina 
'Affennza con privarla dei suoi due principali sostegni. 
Vendetta, di cui restando ignoto l'autore, ella andrebbe 
salva dal conquasso ond'era minacciata e potrebbe libe- 
ramente esercitare la sua industria come e meglio di prima; 
laddove, se venisse scoperta, era sempre in tempo di farla 
finita con quattro pasticche dì sublimato o con un forel- 
lino alle tempie. Vendetta da eseguirsi in maniera che, dopo 
il fatto, i sospetti si volgessero verso coloro che avevano 
ricaisalo di entrare nella congiura, specialmente la vecchia 
strega e il Brandini, per vendicarsi anche di loro, aggra- 
varli opportunamente in giudizio con una buona deposizione 
giurata e assicurarsi maggiormente la propria impunità. 



L. l'ultima trama 299 

Abbozzato così il disegno nelle sue linee maestre, ne 
rimase sempre più infatuata, tanto le sembrava degno del 
suo accorgimento ed unica via di uscita da tanti guai. 

Ma s'era facile e lusinghiero il concepire in generale il 
truce divisamento, ardua ed irta di diflRcoltà e di pericoli 
n'era la determinazione in particolare e soprattutto la fe- 
lice esecuzione. Qui dunque concentrò la comare tutti i 
suoi pensieri e per più giorni non fece che mulinare e lam- 
biccarsi il cervello in architettare i varii modi, onde avrebbe 
potuto dare il gran colpo alla sua nemica, per venire poi 
alla scelta dì quello che le sembrasse più acconcio e felice. 

Dopo aver fantasticato e rimuginato lungamente per 
ogni specie. possibile di attentati, trovando sempre difettoso 
il disegno in quanto alla sicurezza della propria incolumità, 
finalmente le parve di averla azzeccata giusta e di poter 
dar di mano al negozio, purché una persona pari a lei in 
destrezza ed audacia le tenesse il sacco. Or di persone sì 
fatte non ce n'era che una sola, la sua direttrice. 

Chiusasi con lei un giorno nel suo gabinetto a segreto 
consiglio, come soleva fare per le faccende più gravi, le 
disse : — Da qui a un anno che sarà di noi ? 

— Saremo al verde. Ormai si va giù a precipizio. 

— Dobbiamo lasciarci ferrare e aspettare la catastrofe? 

— Chi pecora si fa, il lupo se la mangia. 

— Allora non c'è salvezza che nella fuga: chiuder bot- 
tega e andarcene tra i ferri vecchi. 

— Per uscir dalla brace e rientrar nel fuoco. Ne san 
troppo de' fatti nostri quelle stregacce e continueranno a 
perseguitarci, finché non ci abbian dato l'ultima stretta. 

— Ma dunque a che diavolo dobbiamo darci per venire 
a qualche riparo? 

— Farci giustizia da noi, prima che ci faccian la festa. 

— Qui ti voglio. Ci Siam provate più volte e non ce ne 
rimasero che il danno e le beffe. 

— Perché ne abbiamo data incombenza agh altri. Chi 
fa da sé fa per tre. 



300 DONNA ANTICA E DONNA NUOVA 

— Benissimo. Per vita mia, tu hai dato nel segno, lo 
dunque sono pronta a mettermici coir arco dell' osso e farla 
finita con un gran colpo, ma ho bisogno di alcuno che mi 
tenga la mula e stia lesto, con coraggio e sangue freddo, 
Or, fuor di te, non c'è altri. Col tuo aiuto io non temo nulla 
e sono sicura di uscire a bene. D'altronde tutto il rischio 
sarà per me; darò io di mia mano fuoco alla miccia e tu 
non avrai che d'aiutarmi a svignare. Di chi fidarmi meglio 
che di te? Non siamo forse carne ed ugna, strettamente 
legate in ogni evento? Nel peggior dei casi, se io dovessi 
rimanere alla stiaccia, tutto il mio andrà a te come a mia 
legittima erede; prima di metterci alla fortuna, avrai in 
mano il mio testamento olografo. Siamo d'accordo? 

— A tutta prova ! In buona <ioscienza, la cosa è secondo 
il mio gusto. Ma... è già bello e pronto il disegno? 

— Mi ci vuole ancora qualche giorno per dargli l'ultima 
mano e prender campo di eseguirlo. 

— Quanti colombi vuol pigliare ad una fava? 

— Vorrei pigliarne due, la presidente e la segretaria; 
questa però mi sta più a cuore. 

— E se lo merita la colombina! 

— A buon conto, pensaci anche tu, e poi ne riparle- 
remo. 

— Così Dio ci aiuti, dobbiamo accoccarla a quelle cor- 
nacchie e mandarle a guardare i polli al prete. 

— Non si può menarla piti in lungo. Io ci schiatto! 

— A' mali estremi, estremi rimedii. 

— Appunto. Dunque prepariamo gli approcci e poi ver- 
remo all'assalto finale. 



MONOGRAFIE 

DI TEOLOGIA STORICA E POSITIVA 



Ornai riconosciuta generalmente — come già abbiamo ac- 
cennato in due precedenti articoli di recensione * — è la 
necessità e l'importanza, che vanno prendendo di giorno in 
giorno maggiore gli studii storici e positivi nella teologia, 
dopo rimasti, secondo l'opinione di alcuni, troppo sopraf- 
fatti dal soverchio prevalere della speculativa nella ristau- 
razione scolastica, anzi tomistica, della filosofia e della 
teologia. Ora si direbbe che a loro volta si arroghino essi 
il primato, anzi talvolta pretendano di restar soli in campo, 
com'è solito ad avvenire nelle reazioni umane che si tra- 
scorra facilmente dall'uno estremo all'altro; sì che neppure 
i saggi valgono sempre a premunirsi da ogni eccesso, quando 
ve li attrae l'impeto dell'opinione corrente. 

Noi stimiamo pertanto aver fatto cosa utile additandone, 
insieme con la necessità e l'importanza, le difficoltà e i 
pericoli. Ma persistiamo sopra tutto a credere gravissimi e 
questi e quelle in chi si avventuri per il gran mare delia 
storia delle idee e delle dottrine, senza la debita prepa- 
razione intellettuale, anzi con una grande confusione di 
dottrine e di idee, qual è manifesta in alcuni recenti scrit- 
tori di critica teologica e di studi religiosi, massime in Italia, 
dove apparvero tanto più audaci quanto più erano improv- 
visati. E tanto più persistiamo in questa sentenza dopo 
che l'enciclica Pascendi dominici gregis l'ha confermata con 
tanta forza ed evidenza, assegnando questa, dell'ignoranza 
della scolastica e della conseguente confusione delle idee, 
tra le prime cause intellettuali delle aberrazioni moderni- 

1 Vedi quad. 1867 (10 giugno 1907), p. 513-527, e quad. 1374 (21 set- 
tembre), p. 641-655. 



302 MONOGRAFIE 

stiche, ma conchiudendo essere però « degni di lode coloro 
che, salvo il rispetto alla Tradizione, ai Padri, al magistero 
ecclesiastico, con saggio criterio e con norme cattoliche... 
cercano di illustrare la teologia positiva, attingendo lume 
dalla storia di vero nome > : perchè « certamente alla teo- 
logia positiva deve ora darsi più larga parte che pel pas- 
sato, sebbene in modo che nulla ne venga a scapitare la 
scolastica ». 

Né questi sinceri studiosi della positiva, così lodati dal 
Sommo Pontefice, cesseranno di apparire così <^ degni di lode » 
quando per sorte ci sembrassero trascorrere qualche volta a 
conclusioni nuove od anche alquanto arrischiate, né tutte di- 
mostrate apoditticamente fuori di ogni dubbio. Ciò é tanto 
più facile ad avvenire — ed é avvenuto in qualche parte 
anche a studiosi cattolici, come dimostravamo recente- 
mente *'— quando si debba con una rapida corsa attraverso 
i secoli della Chiesa, ossia con una sintesi prematura di 
storia dei dogmi e di teologia positiva, passare così in ge- 
nerale rassegna tutto l'immenso tesoro dottrinale della 
Chiesa e dei suoi dottori nelle diverse età; peggio poi se 
si pretenda quasi di farcene, come dicono, «l'inventario 
critico > ovvero « il bilancio dottrinale > per trarne conclu- 
sioni soggettive o pronunciarne universali e categoriche 
sentenze. 

Meno arrischiato invece é questo lavoro « d'inventario 
critico », quando si tratti di un autore solo delle cui dot- 
trine il critico sottile e sperimentato possa raccogliere la sin- 
tesi sicura da opere superstiti che ne rappresentino il pen- 
siero. E questo é il lavoro appunto che fece il P. Ademaro 
d'Ales nel suo libro su la * Teologia di Tertulliano »*, lavoro 
di gran lena e che si ebbe le più meritate lodi, non solo 
dai gesuiti confratelli dell'autore, come mostra di supporre 
un critico benevolo nella Revtie biblique, ma dalle persone 

^ Quad. 1374, p. 643 ss. 

« A. D'Ales, La Théologie de Teriullien (Bibl. de Theol. hist.). Paris, 
Beauchesne, 1905. 



DI TEOLOGIA STORICA E POSITIVA 303 

più competenti K In esso, come già fu accennato in una breve 
recensione *, l'autore ci espone quali fossero le dottrine di 
Tertulliano intorno ai principali punti del cristianesimo; 
mettendo in luce i suoi meriti non meno che i suoi trascorsi. 
E sebbene l'opera sollevi questioni non poche, né l'autore 
possa né intenda scioglierle tutte, egli vi ha però esposto e 
chiarito con lodevole integrità il sistema dottrinale del gran 
dottore africano. 

È quindi almeno fuor di luogo il biasimo che il critico 
suddetto gli muove, di aver trascurato quistioni storiche le 
quali non entravano nel disegno dell'autore; e peggio il 
trarre quindi pretesto di opporre il metodo positivo del- 
l'autore a un nuovo supposto metodo storico, che ha l'aria 
invece di essere molto soggettivo o troppo vago d'ipotesi 
ardite: giacché alle ipotesi non basta l'ingegnosità del- 
l'architetto perché divengano tosto ricostruzioni storiche, 
particolarmente in punto di storia sacra e teologica. 



Del resto una sintesi ardita, ma condotta con vero me- 
todo storico, tentò di poi, dove l'argomento lo portava, lo 
stesso P. Ademaro d'Ales, in un'altra monografia, di cui inten- 
diamo ora dare un cenno, la quale si ristringe pure alla teo- 
loffia di un solo autore, cioè di S. Ippolito. Questa offre più 

' Rimandiamo, per modo di esempio, il critico e il lettore ai giudizi 
di V. Ermoni C. M. nella Retme du Clerg^ francala (agosto 1905) che 
lo dice uno dei migliori i«tudii pubblicati finora sull'apologista africano, di 
T. Tixeront S. S. nella Univeraité cafholique (15 agosto 1905) che si con- 
gratula con 1 autore di averci data un'opera pressoché definitiva ecc.; di 
P Scen nella Jìevue d'Histqire eccUaUtatique (15 ottobre 1905); di E. Boury 
nella Rpvue Augusfinienne (luglio 1905), e potremmo aggiungere altri scrit- 
tori francesi, per non dire nulla degli stranieri, che il critico poteva igno- 
rare più scusabilmente. Quanto airosservazione che questi pure mosse, delle 
frequenti citazioni di autori razionalisti e protestanti, il critico non ignora 
che gran difetto sarebbe solo quando il d'Ales ne accettasse le dottrine tali 
e quali, senza punto verificarle ne emendarle, come fanno purtroppo certi 
cattolici, benché non citino sempre gli autori eterodossi dai quali attingono. 

« Cf. CiL\ Cait., quad. 1317, p. 338. 



304 MONOGRAFIE 

largaparte alla investigazione storica, e diremo anche alla 
congettura, giacché la persona di Ippolito ancora enigmatica 
e la dottrina di lui nota solo per frammenti, dette e darà 
tuttavia luogo a molte discussioni. ^ 

Così, fino da tempi remoti, altri faceva Ippolito vescovo 
di Roma (come Apollinare, maestro di S. Girolamo), altri di 
Porto (Ghron. Paschale, seguito da Anastasio apocrisiario 
nel secolo VII), altri di Arabia (come papa Gelasio, 492-496), 
forse per un abbaglio cagionato da Eusebio, che lo chiama 
vescovo senza designarne la sede, ma nominandolo dopo 
Berillo di Bostra in Arabia ; altri lo voleva ben anche dei 
tempi apostolici (Yvéptjio^ tfòv ànoaxòhay). Nel 1551 se ne scopri 
la statua nel cimitero appunto che da lui ebbe nome, sulla 
via Tiburtina, al campo Verano, e quivi sopra un regolo 
il catalogo delle sue opere. Da ciò gli studiosi furono messi 
sulle tracce, e particolarmente nella seconda metà del se- 
colo passato vennero moltiplicando studii e ricerche; onde 
i noti lavori del DòUinger, del Taylor, del De Rossi e più 
recentemente fra i molti quelli dell'Hagemann, del Kraus, 
del Lightfoot, dell'Harnack, del Duchesne, il quale ultimo 
gli dà merito di essere l'Origene dell'Occidente \ Così negli 
ultimi decennii, col lungo lavorio della critica, l'immagine 
di questo dottore parve uscire rinnovata da quella penombra 
di storia e di leggenda in cui si teneva avvolto sino dai 
tempi damasiani, e con le successive scoperte la raccolta 
delle sue opere si è accresciuta di dieci tanti in dodici lustri 
di ricerche. 

Non poteva dunque il d'Ales, come per Tertulliano, pas 
sarsi così brevemente della parte storica o biografica; ma 
dovette egli vedere, ciò che altri non avvertono, come il 
troppo diffondersi del teologo in un campo non suo, nelle 
sottili indagini biografiche o in minuziose critiche, quando 
poco o punto rilevino al progresso teologico, può bene ag- 

^ La théologie de Saint Hippolite (Bibl, de Theol, hisi.), Paris, Beau- 
chesne, 1906, S», L1V-2Ì2 p. L. 6. 

« Uistoire ancienne de l'Égliae. Paris 1906, t. I, p. 296. 



DI TEOLOGIA STORICA E POSITIVA 305 

giungere varietà ed attrattiva, crescere anche stima per 
l'apparato della erudizione, ma scemare altresì chiarezza e 
precisione, come suole avvenire che la moltiplicità degli ac- 
cessorii offuschi la nitida esposizione del tutto. Quindi re- 
strinse egli, per quanto si poteva, in una copiosa Introdu- 
zione ciò che Tignarla la vita e l'unità storica di questo 
personaggio singolare, stato maestro celebre e difensore delle 
verità cristiane, poi antipapa, indi riconciliato col Pontefice, 
da ultimo con lui esule per la fede e con lui onorato qual 
martire. Così il d'Ales ritenta con qualche ardire la rico- 
struzione storica della vita del suo personaggio, e particolar- 
mente cerca di stabilire quali opere debbano a lui attribuirsi, 
come necessario fondamento perchè il teologo possa rico- 
struirne la teologia. Nel che egli non è riuscito veramente 
a sciogliere tutte le difficoltà e a vincere tutti i nostri dubbi, 
segnatamente sui Philosophumena; ma ha fatto ad ogni modo 
una sintesi originale, attraente e tutt'altro che infondata. 

Lo stesso dicasi della esposizione delle dottrine d'Ippo- 
lito, la quale si svolge in cinque capitoli. Noi vediamo la 
parte non lodevole presa da Ippolito alle controversie tri- 
nitarie con la interpretazione dei subordinaziani, onde pul- 
lulò di poi l'arianesimo, e con la opposizione alle dottrine 
dommatiche e morali di Papa Callisto: indi l'opera sua ben 
migliore nelle lotte contro le eresie, né solamente contro il 
modalismo» o monarchianismo, che egli pur troppo confutò 
trascorrendo all'estremo opposto, ma altresì contro lo gno- 
sticismo e l'adozianismo, cominciando dall'opera polemica 
della sua gioventù, che fu una somma contro tutte le eresie 
(SjvTaY(ia ^pt; zòlq àitioou; xà^ aEpéoet;), la quale avrebbe egli di 
poi ampliata e compiuta con quella conosciuta sotto il 
titolo di Philosophumena. 

Singolare ci si mostra anche il merito d'Ippolito negli 
studii scritturali e intorno alla ispirazione e intorno al ca- 
none e intorno alla esegesi delle Scritture; nel che il d'Ales 
è veramente nuovo, analizzando le opere o i frammenti re- 
centemente ritrovati, in ispecie i Conimentarii su la Can- 

1908, voi, 1, fase, 1383, 20 23 gennaio 1908, 



306 MONOGRAFIE 

tica, scoperti dal Marr nel monastero caucasiano di Schat- 
berg in una vereione grusiana del secolo X. Di qui possiamo 
farci un giudizio della esegesi di Ippolito, aliena dai processi 
tecnici famigliari ad altre epoche di maggior cultura, talvolta 
stranamente letterale, ma di solito più legata ai concetti 
che alle parole del sacro testo, atteggiantesi allo stile di una 
famigliare omelia, fiorita non solo di riflessioni personali, 
ma di esortazioni, di esclamazioni, di apostrofi alle persone 
e alle cose, con quel sapore di semplicità e di antichità ve- 
neranda, che già Fozio vi gustava. 

Mettendo poi a raffronto la scienza profana d'Ippolito 
con la scienza sacra, la prima si ritrova alquanto superfi- 
ciale e mediocre, l'altra originale e profonda; e di questa il 
d'Ales mette in rilievo l'estensione e il carattere, partico- 
larmente rispetto al battesimo e all'eucaristia, su la quale 
i suoi testi parlano con espressioni di un realismo fermis- 
simo. Delle scienze ausiliari della teologia, quali sono la 
cronologia e la storia, egli fu amatore più zelante che for- 
tunato, come appare e dalla compilazione del suo Canone 
pasquale e dalla sua Cronaca. In questa ci dà una specie 
di enciclopedia, piuttosto superficiale e confusa; in quello 
un ciclo pasquale che avanza di cinque ore ogni anno il 
mese lunare, sicché, in termine di 80 anni, si era già alla 
divergenza di un mezzo mese lunare, onde le date asse- 
gnate dal canone alle lune piene corrispondevano di fatto 
alle lune nuove: il che lo fece ben presto cadere in disuso. 

Più propria del teologo e più fruttuosa è la parte che 
riguarda il lato positivo del sistema teologico di Ippolito, 
di cui i tratti principali sono, più o meno direttamente, su- 
bordinati alla dottrina della salute e la escatologia n'è lo 
scioglimento finale. Ma qui la dottrina di Ippolito, sebbene 
in qualche parte incompiuta, ci appare in opposizione agli 
errori escatologici dei Montanisti, più ponderata e più mo- 
rale: la quale opposizione al millenarismo è di fatti più con- 
forme alla tradizione romana, come ben nota il Tixeront *. 

» Cf. LTniversifé catJwlique (16 febbraio 1907) p. 304-305. In questa 



DI TEOLOGIA STORICA E POSITIVA 307 



* 



Il lato manchevole del concetto d'Ippolito rispetto alla 
opera della Redenzione e della salute fu esposto accura- 
tamente nell'opera, già da noi aHre voHe ricordata, intorno 
al dogma della Redenz'hne \ del Rivière. Questi però nel 
suo « saggio di studio storico » com*egli V intitola, non si 
ristringe allo studio del dogma in un solo autore; ma lo 
studia da prima nella Scrittura, indi presso i Padri greci 
e i Padri latini e alfine presso i dottori medievali. L'am- 
piezza potrà sembrare talora a detrimento dell'esattezza; e 
noi sappiamo le vivaci critiche mosse in Francia ed in 
Italia all'opera del Rivière; ma non possiamo trovarle sempre 
giustificate, come accennammo già in un precedente articolo. 
La meno sussistente fu però quella avventata dal Laberthon- 
nière, il quale, oltre a fraintendere lo svolgimento dogmatico 
nel senso di un evoluzionismo audace, vuole che questo si 
continui ad un modo nel periodo susseguente alla defini- 
zione della Chiesa; sì che le « formule » stesse dogmatiche 
andrebbero soggette a perpetua evoluzione o, si potrebbe dire 
pili schiettamente, a trasmutazione di significato. Contro sif- 
fatto stravolgimento della storia dei dogmi insorse giusta- 
mente il Rivière, rispondendo al critico oratoriano; e in- 
sorse pure il dotto suo maestro, P. Batiftbl, chiarendo op^ 
portunamente i princìpii cattolici della scuola da cui era 
uscita la tesi del professore di Albi. Ma non possiamo 



recensione, il Tixeront ammira giustamente la puziema e la scienza del- 
l'autore, e fatta qualche osaerv.izione (come sul punto (lell.i disciplina peni- 
tenziale) trova il libro « excellente, dif|»ne de son ainé, la Theoiogie de Tor^ 
tuìlien». Con assai onore ne parla anche D. Béde Lebbe nella lìevne lie- 
nedirtine, chiamandolo « ouvrage originai, qui est une contri butlon très 
Berieuse * ecc., e cosi altri critici, che non passeran !0 ignorati, speriamo, 
a quello della Revu^ biòliqiée. 

» Rivière abbé, prof. Le dogme de la Redamption. (Étudea d'hist 
des dogmi'8 ef d*anc. liitér. ecclésiasHfiue). Paris, Lecoflfre, 1905, XII-550 p. 
Fr. 6. Cf. Civ. Catt. quad. 1367, p. 519. 



308 MONOGRAFIE 

qui dilungarci su questo argomento quanto vorremmo: ci 
basti averlo accennato *. 

« 

A un genere di monografia anche più ristretta si attenne 
un altro giovine professore, il P. Feder, che fece per 
parecclii anni soggetto dei suoi studii la sola dottrina del 
martire S. Giustino intorno a Gesù Cristi, in quanto Messia 
e Figlio di Dio fatto uomo; ond'egli comprese non solo 
la « Cristologia » propriamente detta e la « Soteriologia », o 
dottrina della Redenzione, ma quella della messianità altresì 
e della seconda Persona della Trinità. Ma poiché a megho 
intendere, com'egli osserva, la dottrina d'un determinato 
autore conviene studiarla in tutto il suo nesso con l'intero 
periodo storico al quale appartiene, egli allarga opportu- 
namente il suo studio a ricercare e a mettere in chiaro il 
filo elle lega Giustino ai suoi predecessori come ai suoi 
più prossimi contemporanei ; sicché l' opera sua per questa 
parte riesce un modello di vera e propria monografia di 
storia dei dogmi. 

Così pure in una lunga introduzione ci dà egli intorno alla 
persona dello scrittore, alla vita e all'importanza di lui e 
delle sue opere, al tempo e al luogo della loro composi- 
zione, all'intento speciale da lui propostosi, alla forma e 
^lla proprietà dello stile, quelle notizie generah che sono 
necessarie a penetrare più addentro nel pensiero: e insieme 
passa in diligente rassegna i principali giudizi portati finora 
sulla dottrina di Giustino, offrendocene in poco una com- 
piuta bibliografia. 

Di poi, venendo alle questioni più propriamente teolo- 
giche, il Feder svolge la trattazione con ampiezza anche 
maggiore, con serenità e franchezza dando rilievo ai lati pre- 

^ Cf, P, Batiffol, Questiona d'enseignement superieure ecclesiustique, 
ParìSj Lecoffre, 1907, p. .145 ss. Le sena et lea limitea de Vhiatoire des 
da^mt*, contro gli Annalea de philoaophie chrét.^ ferriér 1906 : Le dagme 
de la Hedemjìtion et Vhistoire, etc. 



DI TEOLOGIA STORICA E POSITIVA 309 

gevoli non meno che ai manchevoli o anche erronei delle 
soluzioni proposte dal filosofo cristiano. Anzi, in questo 
ultimo punto, avrebbe altri voluto una maggiore indul- 
genza neir interpretare in senso cattolico parecchi noti 
passi dì Giustino, particolarmente rispetto alle relazioni del 
AéYoc, o Verbo, scusando il filosofo dall'errore subordina - 
ziano, nel quale caddero certamente alcuni scrittori anteni- 
ceni. Noi non possiamo entrare qui in particolari discus- 
sioni ; ma dobbiamo in genere convenire col eh. scrittore 
che la dottrina di S. Giustino non è certo scevra al tutto di 
errori. Questi errori peraltro non sono da attribuirsi al teo- 
logo credente, ma al filosofo studioso e investigatore; sicché 
nulla tolgono al merito dell'uomo e del cristiano. Né farà 
maraviglia che Giustino sia incorso in frasi inesatte e in 
concezioni erronee, quando la speculazione teologica era 
agli inizi, e il pensatore cattolico si studiava con lodevole 
sforzo di accordare e confermare le verità cristiane con i me- 
todi e i principii della filosofia dominante: il che non va 
mai esente da pericoli. Nella sostanza tuttavia S. Giustino 
deve la sua dottrina su Gesti Cristo, Verbo di Dio incar- 
nato, all'insegnamento tradizionale della Chiesa, quale sgorga 
dalla Scrittura; il che significava egli dicendo che non la 
doveva agli uomini, ma a Dio. Tuttavia, come bene osserva 
il Feder, ebbe Giustino il gran merito — e in ciò fu merito 
originale — che seppe metterla in rilievo, lumeggiarla viva- 
mente, farla centro della sua speculazione teologica e così 
illustrare fedelmente l'insegnamento della Chiesa. 

Tale fu, del resto, il merito dei grandi Padri della Chiesa, 
in quanto non furono solo testimoni o semplice eco della 
fede professata al loro tempo, ma si studiarono, secondo 
le condizioni degli uomini e dei tempi, a svolgere sempre 
meglio le verità, a chiarirle, a difenderle contro le insor- 
genti novità; col quale studio personale essi concorsero a 

1 A. L. Feder S. I., Jnstins dee Mdrtyrers Lchre roti Jesus ChristHS, 
dem Messias und dem menschgetvordpurn Sohne Gottos. Freiburg i. B. 
Herder, 1906, 8% XlV-304 p. M. 8. 



310 MONOGRAJ<7£ 

quello svolgimento dommatico, che è vero progresso, e noa 
corruzione dei donima, non evoluzionisino, come quello dei 
moderni eretici. Illustrare bene questo punto, mostrando 
l'immutabile persistere del domma contenuto nel deposito 
della rivelazione, fra gli incessanti progressi della teologia 
cattolica, e la parte che in questi progressi ebbe ciascuno 
dei Padri e dottori della Chiesa, dovrà perciò essere il me- 
rito, come è l'intento proprio, della teologia storica e positiva. 



* 
* * 



Né da siffatta benemerenza si vuole escludere in tutto, 
non ostante i suoi gravi errori, l'infaticabile ASafiivTtoc l'uomo 
di acciaio, lo stupore del suo secolo, il grande Origene, per- 
sonaggio anche più importante e complesso che Tertulliano, 
Ippolito e Giustino. Tale è certo la conclusione che il let- 
tore trae dalla recente monografia del P. Ferdinando Prat *, 
Essa differisce, è vero, dalle precedenti, secondo l'indole 
della collezione a cui appartiene; né studia Origene sotto 
ogni rispetto, bensì come teologo e come esegeta solamente, 
e restringendosi ancora a studiare il teologo nei primi tre 
libri del Periarchon, raffrontati coi passi dommatici delle altre 
opere, e l'esegeta nella esposizione teorica dei primi libri 
dei Principii e nell'applicazione pratica ad un capitolo 
scelto di S. Paolo, il nono dell'epistola ai Romani. Con ciò 
l'autore lascia da parte, com'egli osserva, quei lati appunto 
del suo personaggio che sarebbero più attraenti, più istrut- 
tivi, più varii, e ad ogni modo più accessibili al « gran pub- 
blico »: l'apologista, il critico, il predicatore, il maestro. Ma 
non poteva altrimenti in così breve giro, se voleva far opera 
seria. E perchè appunto così ristretta l'opera di lui, va più di- 
retta allo scopo, che è di rappresentarci il grande Alessan- 
drino quale fu, non solo in ciò che illustra la dottrina della 
Chiesa ~ come già fecero i due più illustri dottori dell'O- 



* F. Phat S. r. (irigene. Le thé^lagie^a et ì'exégek'. (La p9tMéf ohr^ 
tienilo), Paris Bloiid, 1907, 16°, LXIV-SM p. Fr. 4, 



DI TEOLOGIA STORICA E POSITIVA 311 

rieate, Basilio Magno e Gregorio di Nazianzo, «ella loro 
preziosa raccolta di pagine scelte d'Origene, intitolata Phi- 
localia — ma anche in ciò che se ne scosta ; poiché le te- 
merità stesse e i traviamenti dei grandi possono giovare 
di lezione ai piccoli. 

Così di grande utile e attrattiva insieme riesce la lunga 
trattazione, che è l'introduzione dell'opera sopra Yarigenia- 
nistno, considerato prima in Origene stesso e poi dopo la 
morte di Origene fino alla distruzione graduale de' suoi 
scritti nel secolo sesto. E qui bene osserva l'autore che 
solo dopo la morte di Origene per opera di fanatici ammi- 
ratori, i quali ne travisarono con l'esagerazione le idee ar- 
rischiate, ne trasformarono in dommi le ipotesi, e non ten- 
nero conto dei progressi compiuti di età in età dalla teo- 
logia cattolica, sorse l'origenismo * sistema eteroclito che 
seguì le più opposte direzioni per riuscire poi, nel secolo 
sesto, a una specie di panteismo nichilista ». Esso com- 
prendeva singolarmente tre elementi o capi di errori: l'esa- 
gerata applicazione del metodo allegorico alla esegesi, la 
subordinazione delle persone divine e la teoria delle prove 
successive, con le sue diramazioni, quali preesistenza ed 
eguaglianza primitiva delle intelligenze create, fluttuazioni 
senza fine del lìbero arbitrio e da ultimo sogno di restau- 
razione finale (apocatastasi). Ninna meraviglia dunque che 
abbia tirato sopra di sé i fulmini della Chiesa e che questi 
di rimbalzo abbiano colpito anche la memoria del grande 
uomo. Sua disgrazia, del resto, fu quella, che traviò e prim a 
e poi molti ingegni straordinarii : la sua stessa precocità 
di mente inaudita, per cui « fu grande sino dall'infanzia», 
come scriveva S. Girolamo, benché nemico. Per questa, {do- 
vane diciassettenne, si trovò capo della scuola alessandrina, 
successore al suo maestro Clemente, mortogli, come il pa- 
dre Leonida, troppo prematuramente; portato infine dalla 
foga dell'ingegno stesso a uno studio troppo sparso, affan- 
noso, tumultuario e, come rimproveravagli già Marcello di 
Ancira, spinto ad affrontare la teologia, uscito appena dalle 



312 MONOGRAFIE 

scuole filosofiche, senza la debita preparazione. Questo me- 
desimo non vediamo noi succedere tutto giorno a giovani 
nostri contemporanei, benché non sieno certo degli Origeni? 

Ciò che tuttavia consola ed è cagione di bene sperare 
del grande maestro di Alessandria, è il suo grande amore 
alla Chiesa e alla dottrina della Chiesa come regola di fede 
ecclesiastica, significato anche colà dove inconsapevolmente 
se ne scosta. Egli fino a dieci volte vi accenna nella sola 
prefazione del Periarchon, e così ripetutamente altrove : ri- 
conosce quattro evangeli canonici perchè la tradizione ec- 
clesiastica tanti ne riconosce : ammette le aggiunte del greco 
al libro di Daniele, perchè la Chiesa le ammette; predica 
la necessità del battesimo per i bambini, perchè la Chiesa 
lo pratica; l'interpretazione della Scrittura non vuole ab- 
bandonata al sentimento privato, ma sì « alla regola della 
Chiesa celeste istituita da Cristo ». E la ragione è mani- 
festa: « Noi abbiamo per rischiararci due luminari: Cristo 
e la Chiesa. Cristo è la luce del mondo e illumina la Chiesa 
della sua chiarezza. Come la luna riceve, dicesi, la luce dal 
sole per ischiarare la notte, così la Chiesa irraggiando la 
luce di Cristo illumina tutti quelli che attraversano la 
notte dell'ignoranza. Essa rinvia a noi fedelmente tutti gli 
splendori che l' innondano, né sottrae di questo fulgore 
delle Scritture o verbo o senso, né vi aggiunge mai altro 
quasi profezia. Chi non cammina a questa luce è nelle tene- 
bre, è eretico : all'incontro, è distintivo del cattolico appar- 
tenere alla Chiesa, dipendere dalla Chiesa, dacché fuori 
della Chiesa non è salute » (p. 7-9). 

Questi principii, che salvarono Origene dalla ostinazione 
dell'erroie propria solo dell'eretico, devono ora più che mai 
animare i cattolici, e mentre varranno a premunirli, o a libe- 
rarli dalle aberrazioni correnti, condannate ripetutamente 
dal decreto Lamentabili e dalla recente Enciclica Pascendiy 
li spingeranno a sempre nuovi progressi, anche negli studii 
di teologia storica e positiva. Senza tali principii i soli con- 
formi ad un tempo alla ragione ed alla fede, tutti i vantati 



DI TEOLOGIA STORICA E POSITIVA 313 

progressi di una teologia storica pedissequa dei protestanti 
non sarebbero, come scriveva recentemente il BatifFol, a 
proposito degli errori di un giovine prete italiano, se non 
magni passus extra viam ^ 

Ma le opere da noi sopra ricordate, come parecchie altre 
delle quali abbiamo altre volte fatto cenno o ci riserviamo 
di farlo in avvenire, ci danno cagione a bene sperare. E 
basti qui ad esempio, nominare semplicemente quelle perve- 
nuteci più di recente, come il grosso volume dello stesso 
P. Ferdinando Prat, sopra la teologia di S. Paolo'* ^ utilis- 
simo allo storico, al teologo, al predicatore; quello minore 
del Pourrat, sopra la teologia sacramentariay sintesi storica, 
bene accurata, delle dottrine cattoliche intorno ai sacra- 
menti in genere, ed in ispecie, sebbene rapidissima; quello 
del Saltet intorno a Le riordinazioni, studio s?opra il Sa- 
cramento deir Ordine, quantunque più storico che teologico, 
come portava l'argomento'; senza accennare alle opere già 
note di altri scrittori cattolici discusse e discutibili cer- 
tamente in alcuni punti, ma non già composte sopra il pre- 
supposto dell'evoluzionismo dommatico dei modernisti, 
contrario alla stessa nozione prima di verità e di progresso, 
nonché alla ragione ed alla fede. 

La nuova condanna perciò dell'evoluzionismo domma- 
tico — massimamente per ciò che riguarda la teologia neo te- 
stamentaria e la dottrina dei sacramenti, in cui ne venne fatta 
dal Loisy e da altri più larga e più risoluta applicazione — 
non aggiungerà certo all'attività scientifica dei cattolici 
una catena, un vincolo, come altri scriveva; ma sì una 
norma ed uno sprone a coltivare più seriamente questa 
parte della teologia, senza disgiungerla mai da quella spe- 
culativa e scolastica, verso la quale deve convergere, come 
convergono gli studi speciali dell'erudizione verso l'opera 
scientifica della sintesi generale. 

* Cf. fììdletin de litiérature ecclésiasfic/tte (giugno 1907), p. 175. 

* F. Prat S. L, La tìieologie de Saint Patii. Paris, Beauchesne, 1908. 
— P. PoDRRAT, La théologie sacra meni aire. Paris, Lecoflfre, 1907. —^L. Sal- 
tet, Les Réordinations. Etude sur le Sacremenl de 1' Ordre. Ivi, 1907. 



RIVISTA DELLA STAMPA 



L 
Sant'Agnese e il suo recente storico. 

« Sant'Agnese non è, come è stato asserito di recente \ una 
martire oscura, che dovrebbe la sua celebrità a una fortuita 
circostanza: il trovarsi cioè della sua tomba in vicinanza di 
una villa o di un mausoleo della famiglia imperiale. Non si 
trova punto traccia di una villa dei secondi Flavii in questa 
regione della via Nomentana. Quanto al mausoleo, anzi che aver 
dato occasione alla fondazione della basilica costantiniana sulla 
tomba della santa, fu invece evidentemente annesso, a cose finite, 
alla dipendenza di questo edificio. La scelta del luogo per quel 
mausoleo, come pure l'erezione della basilica, non può attribuirsi 
che alla devozione specialissima di Costantina verso la martire 
già celebre. 

4c La figlia di Costantino non ha fatto che associarsi al culto 
veramente eccezionale reso a sant'Agnese da Roma e dal mondo 
latino ; essa non l'ha fatto nascere : questo culto era tale da 
non poter essere motivato che da una ragione affatto personale 
alla santa. 

< Sola, infatti, fra le vergini romane, Agnese ebbe la sua 
basilica eretta dalla munificenza imperiale ; così pure sola ebbe 
la sua festa solennizzata in modo speciale : a Milano ove san- 
t'Ambrogio pronuncia il suo panegirico dinanzi alle vergini adu- 
nate in onore di lei : a Cartagine ove sant'Agostino parla di lei 
ai « Continenti » dei due sessi, riuniti nella grande basilica per 
celebrare l'anniversario del ^1 di gennaio; e non si può punto 
dubitare che Cartagine non abbia seguito in questo, come in 
tanti altri punti, l'uso della metropoli romana. 

« Nessun'altra, delle vergini romane, ebbe la sua immagine 
resa popolare fra quelle di cui si adornavano le coppe dai fedeli ; 
nessun'altra ebbe la sua tomba onorata dalle iscrizioni dei papi 
del quarto secolo ; alcuna non ve ne fu celebrata da Prudenzio 
e presentata quale patrona tutelare dei Romani. » 

* Dl'fourcq, Les Gesta martyrnm romains, 1890. 



SANT'AGNESE E IL SUO REGENTE STORICO 315 

€osi si esprìme il P. Jubara, giunto al termine del suo gran- 
dioso e splendido lavoro sulla vergine romana sant* Agnese \ 
Ci sì sente in queste vibrate parole, e nelle seguenti del suo 
riassunto finale (p. 271-304) la soddisfazione di un* anima per- 
venuta al termine di un lavoro che le ha dato risultati eccel- 
lenti ; il fervore di una pietà che ha lungamente e felicemente 
lavorato intorno all'eroina del suo cuore ; un canto di vittoria. 

Ma alla pietà verso la tenera vergine della via Nomentana 
il P. Jubaru univa tutte le condizioni indispensabili a un lavoro 
arduo, quale era quello a cui egli s'accingeva ; perchè oltre all'arte 
dello scrivere, e ad una felice disposizione a questo genere di 
st4idii, possedeva una perfetta conoscenza dell'antichità cristiana 
e classica, specialmente di Roma. Fu anche incoraggiato a pro- 
cedere nell'ardua fatica da un insieme di felici circostanze, come 
quella del ritrovamento della insigne peliquia del capo di 
s. Agnese. 

A questa scoperta, di cui il P. Jubaru diede già una par- 
ticolareggiata reazione negli Études dei 20 sett. 1905, non potè 
egli giungere che adoperando tutta l'energia del suo carattere, 
e tutto l'ardore della nobile causa che avea presa a patrocinare. 
Cosi potè nel 1902 ottenere da S. Santità Leone XIII un rescritto 
che l'autorizzava -« a rioercare nella cappella del Sgancia Sancto- 
rutn il capo di santa Agnese, cum facuUaiìhus neceesariis et op- 
portunis. Dopo difficoltà di vario genere, superate grazie alla 
estrema benevolenza di S. Em. il Cardinal Satolli arciprete del La- 
terano si potè aprir l'altare le cui quattro chiavi s'erano per- 
dute. Dietro l'inferriata dagli enormi lucchetti e la porta di bronzo 
d'Innocenzo III, nell'arca di cipresso dì Leone III, si trovarono 
tutte le reliquie menzionate già dal secolo duodecimo da Gio- 
vanni Diacono. Esse erano custodite in reliquiarii antichi in 
oro, argento, smalto, cristallo, legno Intarsiato in avorio. Il 
19 aprile 1903, in presenza del cardinal Satolli, il dottor Lap- 
poni faceva l'esame medico anatomico del capo contenuto nel 
cofanetto d'argento d'Onorio III (p. 335) >. L'iscrizione ne 
indicava il prezioso contenuto: Honorius p. p. Ili fieri fedi 
prò capile beaie Agnetis, 

« Quando, dice in un'altra parte dell'opera il P. Jubaru, alla 
fine, al Sattcta Sanctorum del Laterano noi giungemmo a vedere 

* Florian Jubaru, S. J., Saint Agnèe Viefyje et M<irfyre de la Vote 
Nvmenlane, d'u^/rés dp nouvclles t'^herehee {179 fotomci trioni) Paris (Dch 
moulin), 1907, 4^ Xll-386 p. 



316 SANT'AGNESE 

e tenemmo nelle mani il capo della giovinetta vergine, quando 
Agnese cessò d'essere per noi una semplice concezione ideale 
e prese forme concrete e tangibili, noi consideravamo le fragili 
pareti del cranio d'una trasparenza di madreperla, le suture 
delle congiunture sì tenere ancora, i piccoli denti, non ancora 
tutti dischiusi nei loro alveoli, ed eravamo tentati di doman- 
darci : « Quanto teucra questa martire di dodici anni; era essa 
più che una bambina? » * (p. 276-77). 

11 P. Jubaru fu' con questo fortunato ritrovamento felice 
insieme di poter fare di nuovo rivedere la luce del giorno a 
un intero tesoro di memorie e di opere d'arte cristiana, che da 
secoli erano chiuse nell'inaccessibile altare. Colla celebrità del 
tesoro del Sancta Sanctorum, che cosi bene fu illustrato dal 
P. Grisar in parecchi articoli del nostro periodico *, andrà sempre 
ormai associato il nome del Jubaru, e la memoria del suo valore 
in simili ricerche. 

I termini che abbiamo adoperato di grandioso e splendido 
riguardo al lavoro del Jubaru, non sembreranno punto esagerali 
a chiunque anche solo per poco l'abbia avuto sotto gli occhi. 
Anche considerato dal lato materiale il volume si impone per 
lo splendore dell'arte tipografica, per la «quantità e bellezza delle 
illustrazioni (173 fotoincisioni, molte delle quali di semplice 
ornamento dell'opera)^ e per la mole stessa sotto cui si pre- 
senta. Ma noi vogliamo esaminarne alcuni almeno dei pregi 
intrinseci, tanto maggiormente stimabili quanto più arduo era 
il lavoro. 

Infatti non si trattava di narrare una storia: « bisognava ri- 
trovarla » come egli si esprime (p. X), e ciò a prezzo di lungo 
lavoro nell'esaminare il vero senso dei documenti greci e latini, 

' Qualcuno ha mosso dubbio sulla autenticità della reliquia lateranese 
(prima che si ritrovasse), dicendo che secondo il processo verbale della ri- 
cognizione del corpo di s. Agnese fatta dal Card. Sfondrati nel 1605, si 
trovarono i due corpi di Agnese ed Emerenziana con tutte le teste. Il 
Jubaru a pag. 337 osserva che il prope capita del testo latino del processo 
va inteso in un largo senso, che è spiegato dal testo italiano, il quale 
sembra la minuta originale del processo verbale. In esso si parla non di due 
teste ma del sposto della testa dell'uno e dell'altro i^ corpo. Del resto il 
Bosio che era in Roma a quel tempo, dice che il corpo fu ritrovato senza 
testa, 

* Si vegga la sua bella pubblicazione a parte fi Sancta Sanctorum 
ed il suo tesoro sacro. Roma (Civiltà Cattolica) 1907. « Questa edizione, 
dice r A. (p. 13), possiede il vantaggio di contenere varie aggiunte e migliorie 
che per la massima parte avevo già in pronto » . 



E IL SUO RECENTE STORICO 317 

studiarne le reali divergenze e ricercarne la causa, e dar luce 
a queste ricerche per mezzo dei dati deirarcbeologia. Solo a 
costo di questo lungo e difficile lavoro l'A. si riprometteva fin 
da piincipio « di ritrovare sotto l'intonaco d'epoca tardiva il 
marmo antico, più bello, nella sua semplicità primitiva, di ogni 
altro abbellimento posteriore » (ivi). 

A noi è sembrato, nel leggere attentamente il voluminoso 
lavoro, che i propositi e le speranze del P. Jubaru non siano 
state vuote. Sotto la luce della vera critica, come il Grisar 
l'avea preveduto nel nostro periodico (16 die. 1899, p. 721), la 
figura d'Agnese ne è uscita « più viva, piti bella, e piti an- 
gelica ». 

Un pregio che apparisce fin dai primi capitoli dell'opera del 
Jubaru è senza dubbio quello della sua abilità nella interpre- 
tazione dei documenti, e del suo fine discernimento nella cri- 
tica dei medesimi. 

Si presentano in primo luo^o al suo esame le fonti ambro- 
siane: il racconto in forma oratoria contenuto nel De Virgi- 
nibus 1. I, e. 2, scritto fra il 375 e il 377, che è « la più antica 
narrazione di data certa che ci rimanga del martirio della 
santa » (p. 3); e il celebre inno Agnes beatae virginia, che gli 
autori « si accordano a considerare come posteriore al De Vir- 
ginibus di cui riproduce parecchie frasi ». (p. 25) 

Il primo documento non ha punto la pretensione di essere 
una narrazione completa del glorioso martirio di s. Agnese: è 
un oratore che parla, evidentemente, accennando soltanto a fatti 
che si suppongono conosciuti da chi ascolta, coli' intento di 
« trame nuove considerazioni in lode della martire (p. 5) ». 
Ciò però non significa punto, come l'A. l'osserva, che debba 
considerarsi la composizione « come un'opera di pura rettorica 
(ivi) ». I punti sostanziali di quel racconto sono chiari: 1) La 
martire era nei dodici anni; 2) essa era dedicata alla profes- 
sione di verginità, e ha dovuto lottare per perseverarvi; 3) la 
martire è morta trafitta di spada; 4) Agnese è andata sponta- 
neamente al martirio. 

Quanto al secondo documento, nel quale tutti si accordano 
a riconoscere un'alta antichità, benché non tutti ammettano 
cbe esso sia proprio lavoro di Ambrogio, l'A. a ragione segue 
l'opinione di coloro che riteugono l'autenticità dell' inno, come 
il Biraghi e il Dreves. 

11 eh. Franchi de' Cavalieri, che nel suo pregevole studio « S. A- 



318 SANT'AGNESE 

gnese nella traérizione e nella leggenda >►, dà all' iuno in questione 
il titolo dì stupendo, e riporta pure gli argomenti del Dreves 
(p. 4-5) per l'autenticità ambrosiana dell'inno, trova che « il 
Dreves non mostra neppure di essersi accorto, che l'inno ci 
descrive il martirio in un modo non solo, nella sua maggior 
bi'evità, più particolareggiato, che nel Be virginiìma, ma intie- 
ramente diverso * (p. 6). Ora ci sembra che il Jubaru ha piena- 
mente dimostrato che non v'è alcuna reale opposizione o di- 
versità fra i due documenti. 

Nel De Virginibua, secondo il Franchi, la Santa si fei perire 
decollata, mentre « l' inno non fa perire Agnese decollata, ma 
trafitta, o meglio jugulata >. (p. 6) Il Jubaru dimostra come 
nulla nel De Virginibus suoni contro la jugulaHo, Anche il 
Franchi ammette che nel De Virginibus occorroQO « espressioni 
meglio convenienti, per sé, a chi è sgozzato o trafitto: fhtiine 
in ilio corpusculo vulneri locusP... quae non haòmi quo ferrum 
reciperei. Ferrum recipere si diceva notoriamente dei gladiatori 
e dei bestiarii feriti, allorché venivano scannati o nell'arena 
stessa, o nello spoliarium)^. (p. 7) Ciò non ostante avevano fatto 
difficoltà al Franchi le parole del De Virgiwéhms: Stetit, oravii, 
cervicem inflexii. Si è supposto, dice il Jubaru, che non vi 
fosse differenza fra cervicem inflexii, e cervicem inclinava, e 
che se Agnese inclinò il collo ciò era per avere spiccata la testa. 
Questa conclusione sarebbe ovvia se inflectere fosse sinonimo 
di incUnare. Ma non é così. Inflectere significa volgere verso o 
semplicemente volgere, piegare non solamente in basso, ma da 
un lato o anche in alto. Gli esempi che se ne hanno non pos- 
sono lasciar dubbio; e il Jubaru poteva anche insistere sul cer- 
vicem che ci sembra indicare appunto il senso in cui si esjwriiiie 
fatta l'inflessione, cioè dalla parte della nuca, come diciamo pia- 
gare la fronte per l'inclinarci dalla parte della medesima. Del 
resto il Jubaru ha rafforzato la sua interpretazione con un'osser- 
vazione ulteriore sul seguito del testo. Ivi si parìa della martire 
dicendo stetit. Questa posizione sarebbe la più infelice per ese- 
guire la decapitazione. Così pure le altre difficoltà spariscono, 
specialmente se si tenga sempre presente quello che da i»*in- 
cipio abbiamo notato col Jubaru, che l'oratore non mostra nes- 
sima intenzione di voler narrare una storia, ma la suppone. 

E questa osservazione vale pure a darci una spiegazione 
chiara di alcune differenze fra l'inno e il De Virginibus, che 
r A. (p. 34-35) spiega specialmente tenendo conto della desti- 



E IL SUO RECENTE STORICO 319 

nazione diversa di queste due composizioni letterarie e deli' in- 
dole letteraria diversa che ad esse conviene. 

Altro campo alFabile crìtica del Jubaru apre un terzo do- 
cumento relativo alla s. martire della via Nomentana, cioè Tiscri- 
zione metrica di s. Damaso in onore di sant'Agnese: anteriore 
al 384>, di cui possediamo ancora il bellissimo marmo originale. 

Ne ripetiamo qui Finterò testo per comodità dei lettori: 

Fama refert sanctos dudum rbtulissb parentes 
Agnen cum lugubrbs cantus tuba concrepuissbt 
nutrlcrs gremium subito liquisse puellam 
Sponte trucis calcasse minas rabibm[que] tyranni 

URERE cum FLAMMIS VOLUISSET NOBILE CORPUS 
ViRIb[us] IMMENSUM PARVIS SUPERASSE TIMOREM 

nudaque profusum crinem per membra dedisse 
Ne Domini templum facies peritura videret 

veneranda M[HI SANCTUM DECUS ALMA PUDORIS 

Ut Damasi precib[us] paveas precor inclyta martyr. 

Le differenze fra le composizioni ambrosiane e V iscrizione me- 
trica damasiana non sono tali da farci credere che si debba 
veramente riconoscere opposizione fra loro; solo mostrano « che 
i due autori non si copiano, e che sono due testimoni indi- 
pendenti di una tradizione medesima più o meno precisa (p. 45) ». 
Non può però negarsi che qualche difficoltà a spiegare ci 
resta, quella soprattutto della differenza che si troverebbe, a 
primo aspetto, fra il genere di pena inflitto alla martire se- 
condo ì due scrittori. Per Ambrogio Agnese è certamente perita 
di ferro; secondo Damaso la pena inflitta alla martire sembrerebbe 
invece il vivicomburium : Urere cum flammis voluiaset nobile 
corpus K Ma, come osserva con molta ragione il Jubaru, Damaso 
non parla punto di una pena inflitta alla martire, si bene di una 
semplice minaccia per mettere in rilievo la fermezza della santa 



* Non ci sappiamo indurre però a pensare che Ambrogio ignorasse afTatto 
Tepìsodio del fuoco nel martirio di S. Agnese. Le parole del De Vh-ginibu^ 
< wl 8% ad aras invita raperetur, tendere inter ignea manus atque in 
ipffis saerilegia fbcis trophaeum Domiiti aignare victoris, ci suggeriscono 
nn forte sospetto che o dai due Santi autori sia stata diversamente inter- 
pretata una fonte comune, o, forse meglio, che la tradir.ione già divulgasse due 
versioni dello stesso fatto. Lo stesso si dica della 5* 6* strofa dellMnno Agnes 
beatae virginia. 



320 SANT'AGNESE 

fanciulla innanzi al timore del più terribile supplizio: Viribus 
immensum parvls superasse timorem ^ 

Così si spiega come Prudenzio, che venne in pellegrinaggio 
alla tomba della santa alla fine del IV secolo, ed ebbe sotto 
gli occhi i versi di Damaso, non faccia punto menzione della 
pena del fuoco; e s. Gregorio, che nel VI secolo fa un'omelia 
per la festa della santa dinanzi la stessa iscrizione di Damaso, 
non parli punto di fuoco, ed esprima chiaramente la morte di 
spada 4< stetit feriente robustior >► e « ire ad regna caelestia 
puellas^er ferrum videmus ». Che più? Si potrebbe aggiungere 
che' le stesse Gesta S. Agnes parlano, sì, della condanna ad 
esser bruciata viva, ma essa non ne è punto offesa, e alla sua 
orazione « omnis ignis extinctus est » e allora il tiranno ordina 
in « guttur ejus gladium mergi ». Tanto era ferma la tradi- 
zione della morte per ferro. 

Certo può recar meraviglia il vedere che in Damaso non si 
trovi poi punto menzione di altro genere di morte ; ma anzitutto 
dobbiamo tener sempre presente che il poeta non è uno sto- 
rico, come non lo è l'oratore; e poi noi vediamo che Damaso 
« né per S. Eutichio, né per S. Saturnino, né per S. Ippolito, 
né per i SS. Nereo e Achilleo fa parola del genere del loro mar- 
tirio, benché egli rammenti una o più particolarità della loro 
Passione. Si può credere che egli conoscesse questi particolari 
e poi ignorasse la consumazione stessa del martirio? > (p. 42). 

* L'antitesi fra V immeìiso timore delle flamine, cosi naturale, in una 
fanciuila specialmente, e la tenerezza dell'età che ne resta vittoriosa, per- 
derebbe non solo o^ni efficacia, se si volesse intendere urere cnm flammis 
voluisset di Agnese, quasi essa fosse stata quella che si offriva alle fiamme, 
come qualcuno ha inteso, ma sarebbe senza verun significato; tanto più 
che Damaso aveva già cosi chiaramente espressa la spontaneità della Mar- 
tire nel correre al martirio. Senza parlare poi della frase urcre cum flammis 
voluisset nobile corpus che davvero non sarebbe la più adatta ad esprimere 
il volersi gittare sulle fiamme. Del resto è falso il supposto stesso di questa 
opinione, che il soggetto grammaticale di tutte le proposizioni, anche inci- 
denti, sia Agnen, e perciò sia impossibile riferire il voluisset ad altri che 
a lei. Il soggetto di tutta la narrazione è Agnen, ma non il soggetto gram-^ 
maticale di tutte le proposisioni, Agnen è soggetto dì tutte le proposizioni 
col perfetto dell'infinito che dipendono da fama refert, parentes retulisse 
quindi : Agnen liquisse; (Agnen) calcasse; (Agnen) superasse: (Agnen) de- 
disse. Invece cum voluisset è una proposizione incidente, come cum con- 
crepuisset. E come quest'ultima ha per soggetto tuba, così cutn voluisset 
ha sottinteso tyrannuSj che è stato nominato alla fine del verso antece- 
dente. 



E IL SUO RECENTE STORICO 321 

Del resto osserva (ivi) FA. « Il coraggio della Santa si mani- 
festa meglio coll*affrontare il più terribile dei supplizi che nel 
subire il più mite. » 

Ma poi si può veramente dire che a. Damaso non menzioni 
punto il genere di morte di s. Agnese? L'A., non senza ra- 
gione, ne vede un rapido cenno nei due seguenti versi dove si 
fa menzione della verecondia verginale di Agnese nel ricoprirsi 
dei suoi stessi capelli nel momento dell* esecuzione. « Questo 
particolare conviene in maniera singolare alla jugulatio » e 
d'altra parte non si vede come potrebbe convenire alla decapi- 
tazione agli altri generi di supplicio (p. 46). 

Non si deve mai, in questo genere di composizioni letterarie, 
dimenticare dentro quanto angusti limiti esse siano ristrette: 
destinate come erano le composizioni di Damaso a essere incise 
in marmo, e in caratteri abbastanza grandi, e in luoghi spesso 
assai angusti, esse non potevano dilungarsi in molti particolari, 
specialmente quando si parlava a persone che conoscevano già 
quello a cui bastava solo accennare. Chi potrebbe, osserva 
giustamente FA., intendere i versi delle due prime strofe del- 
l' inno di 8. Teresa, se non fossero stati destinati a un pub- 
blico che già conosceva, o aveva altri mezzi di conoscere la vita 
di quella vergine spagnuola? (p. 47-48). 

Ambrogio e Damaso non sono dunque veramente in discordia 
fra loro. Ambrogio romano, e vissuto a Roma al tempo di Li- 
berio, prima che F iscrizione damasiana fosse composta, doveva 
conoscere la stessa tradizione romana a cui Damaso allude colla 
frase fama refert Anche quando troviamo che in Damaso la 
martire si scioglie per verecondia intorno al collo e al petto i 
capelli, esso non si trova veramente in opposizione con Am- 
brogio. I versi di Damaso, osserva F A. (p. 45), « sono doppia- 
mente favorevoli alla jugulatio che F inno ambrosiano suppone 
nell'episodio ove la vergine si ricopre colle sue vesti. Non vi 
è alcuna temerità dunque, poiché le due narrazioni concordano 
esattamente in tutto il resto, a considerare questi due partico- 
lari come due aspetti diversi d'un medesimo fatto tradizionale 
(ivi). > La sostanza del fatto tradizionale era l'estremo pudore 
della vergine che la spingeva come per istinto a impedire di 
farsi vedere, anche leggermente scoperta, da occhio mortale: Ne 
Domini templum facies peritura videret. 

Quando la vergine s. Agnese ha subito il martirio, in quale 
persecuzione? Dall'iscrizione di Damaso, dice il Jubaru (p. 54), 

1908, voi 1, fase, 1383, 21 26 gennaio 1908. 



322 SANT'AGNESE 

risulla che « la morte di Agnese non era affatto per Fautore 
deir iscrizione un avvenimento di epoca molto remota, ma un 
fatto di cui fino a poco tempo innanzi vivevano dei testimoni 
in mezzo ai contemporanei. Il tenore dell' iscrizione non si po- 
trebbe dunque spiegare se Agnese fosse morta in una persecu- 
zione anteriore a quella di Diocleziano, sotto Aureliano verso 
il 274, o sotto Valeriano verso il 258 ». 

Pure è noto che altri autori, fondandosi essi ancora proprio 
sull'iscrizione di Daraaso, riferiscono ad un'epoca anteriore il 
martirio; e di recente abbiamo letto, in una rivista al libro del 
Jubaru, che la sua opinione non è del tutto accettabile ; perchè, 
come fu osservato da molti e valenti archeologi, l'espressione 
fama refert adoprata da Damaso accenna ad un avvenimento 
ebe era già assai remoto ai tempi suoi, e quindi meglio può 
applicarsi ad un fatto avvenuto in età più antica di Diocleziano. 

Noi non neghiamo che la frase fama refert potrebbe appli- 
carsi ad un avvenimento anche assai remoto; però ci sembra 
che le osservazioni messe insieme del Jubaru siano tali da far 
di molto propendere la probabilità per l'ultima persecuzione, e 
di togliere assai di verislmiglianza alle persecuzioni anteriori. 

Tutto dipende dalla vera interpretazione del primo verso del- 
l' iscrizione : Fama refert sanctoa dudum retulisae pa^entes. Da- 
maso, come si vede, si appella direttamente alla tradizione 
orale che correva a Roma a suo tempo: fama refert. Noi direm- 
mo: È cosa nota, ai narra, si dice; e non è punto vero che 
la frase indichi tempi assai remoti da chi parla. Anzi talvolta 
corrisponde precisamente al nostro corre voce, come in Marziale 
Epigr. I, 29. 

Fama refert nostros te, Fidentine, liheUlos 
Non aliter popuìo qttam recitare tuos. 

Quando avveniva che i santi parenti di Agnese raccontavano 
il suo generoso martirio*? Il dudum che segue non ci può la- 
sciar dubbiosi. 11 Jubaru dimostra chiaramente che si tratta 
di indicare un corto spazio di tempo, e cita in proposito l'au- 
torità stessa di Donato, il celebre grammatico contemporaneo 
di Damaso, il quale afferma che sì dice de exiguo tempore prae- 
ferito sed incerto; e Cicerone lo adopera non solo parlando di una 
lettera ricevuta di recente da Attico, ma anche di ciò che si era detto 
nel corso stesso di un dialogo, ut dudum,,, a^^diebamus (Brut., 1±), 
Insomma significa poco fa, e anche or ora, o al più non è m^ìlto. 



E IL SUO RECENTE STORICO 323 

come nota il Forcellini ; il quale dopo aver osservato che si usa 
qualche volta de tempore praeteriio paulo longiore, aggiunge 
però che si adopera sempre per indicare un tempo non lungo: 
semper auietn de non longo tempore dicitur, Damaso dunque 
ha notizia che non molto innanzi i parenti narravano ancora 
1 particolari del martirio d'Agnese; come noi parlando di avve- 
nimenti che coincidono colla nostra fanciullezza, o col tempo 
di poco antecedente, diciamo che i nostri vecchi raccontano, ri- 
cordano, ecc. Ciò a nessuna persecuzione può convenir meglio 
che a quella di Diocleziano, che quando Damaso nacque du- 
rava ancora. 

Non vi è poi ragione di escludere T interpretazione (seguita 
pure dal Jubaru) che nei santi parenti del verso di Damaso, 
riconosce i cougiunti di Agnese, anzi gli stessi genitori di lei ; 
quasi debba apparire inverisimile che la memoria di un mar- 
tirio cosi celebre si riferisca tramandata ai posteri da due sole 
persone. La frase non è punto esclusiva; la fonte preferita sono 
i sancii parentes, perchè Damaso ha avuto la fortuna di udirlo 
dalla bocca di coloro che erano stati famigliari dei sancti pa- 
renies, e ne potevano citare la testimonianza. Del resto si po- 
teva osservare, contro i contradittori, che Damaso comincia 
con una s«*>ena in tutto domestica: Nutricis gremium subito li- 
quisse puellam, cioè la subitanea fuga di Agnese, senza che se ne 
avvedessero nemmeno quei di casa, e neanche la nutrice sotto le 
cui cure si educava e custodiva. Quale meraviglia dunque che il 
racconto divulgato si riferisse proprio a coloro che meglio lo po- 
tevano sapere, e da cui molti cx)n temporanei di Damaso pote- 
vano gloriarsi di averlo inteso? 

Uno dei risultati più singolari del nuovo lavoro del Jubaru 
è l'averlo i suoi studi accurati condotto a distiuguere l'Agnese 
della Nomentana, dall'Agnese della Passione greca. Esaminando 
questo documento l'A. osserva che secondo il medesimo vi sono 
delle differenze enormi fra la martire di cui parla e la mar- 
tire della tradizione Damaso-Ambrosiana. La Passione greca 
riguarda un'Agnese adulta, arrestata per proselitismo, condan- 
nata al luogo inlame, e bruciata viva, mentre TAf^nese della 
tradizione Damaso-Ambrosiana è una fanciulla ancora sotto la 
custodia della nutrice, che spontaneamente s'offre al martirio, 
e muore uccisa di spada. « Le difficoltà in apparenza inestri- 
cabili che presentano le tradizioni relative a sant'Agnese, non 
dipenderebbero per avventura dal riferirsi ad una medesima 



324- SANT'AGNESE 

santa narrazioni conlradittorie che si riferiscono realmente a 
due sante del medesimo nome? » (p. 72). La gloria della illustre 
martire della via Nomentana avrebbe, se ciò fosse, eclissato una 
martire omonima più antica, come avea già sospettato TÀr- 
mellini. 

Noi crediamo che l'opinione del Jubaru, frutto di lunghi e pa- 
zienti studi, benché non sia senza gravi difficoltà, meriti di essere 
seriamente presa in considerazione dagli agiografi. Tanto più 
che ad essi è ben noto che, se il Jubaru desse nel segno, non 
sarebbe questo davvero un caso isolato. « Cosi il De Rossi, per 
il primo, ha distinto fra loro due martiri omonime: santa So- 
tere, morta con san Pancrazio sotto Valeriano, e l'illustre santa 
Sotere di cui sant'Ambrogio, suo parente, ha fatto l'elogio, e 
fu immolata sotto Diocleziano > (p. 74). 

Il Jubaru non si contenta di muovere un dubbio, di gittar 
là un'opinione (cosa assai spesso facile e molto comoda), senza 
poi pigliarsi la pena di motivarla. E sarebbe cosa piena d'inte- 
resse e di soddisfazione, se non ci fossimo già troppo dilungati, 
il poterlo seguire attraverso le più di settanta pagine (pp. 62-136) 
nelle quali esamina i testi greci, espone come si siano a mano 
a mano fuse le due tradizioni riguardanti l'Agnese della Nomen- 
tana, la martire del 21 gennaio, e una martire Agnese del 5 lu- 
glio; e la fusione completa delle due tradizioni; senza parlare 
di un interessante studio ia un'appendice a parte (p. 340-351) 
sulle Differenti menzioni d'Agnese e d'Emerensiana nell'antico 
martirologio geronimiano ^ 

Noi non ci rendiamo mallevadori di tutte le opinioni del Jubaru, 
specialmente intorno a questioni di seconda importanza ' (ben- 
ché di molto interesse per la storia e l'archeologia cristiana) ; 
ma siamo venuti, dopo l'attenta lettura di questo poderoso lavoro, 
nella persuasione che se si procedesse sempre colla cautela e 
il rigore scientifico con cui ha proceduto il nuovo storico di 
sant'Agnese, non vi sarebbe così facilmente il pericolo, che ^Itri 

< Un' importanza speciale hanno per Tarcheologia cristiana il diligente 
studio che TA. fa nel capo intitolato La sepoltura della martire (pp. 151- 
180); il capo sulla Morte di S. Emeremiana presso la tomba di S. Agnese 
(p. 181-202); e quello interessantissimo sulla Basilica e il Mausoleo ras fan- 
tiniani del Cimiterium Sanctae Agnetis (p. 202-267). 

^ Non avremmo, p. es., dato come dimostrato ad evidenza (p. 63, nota 4) 
che la Passione greca dei Menei greci sia Toriginale, e che il testo del 
Cod. Ottohoniano, pubblicato dal eh. Franchi de' Cavalieri, no sia l'ampli- 
ficazione. 



E IL SUO RECENTE STORICO 325 

ha temuto, di giungere anche a sdoppiare tanti altri perso- 
naggi, che storicamente non si possono sdoppiare. Di somiglianti 
lavori la scienza sacra se ne avvantaggia assai, a grande gloria 
della Chiesa e dei suoi martiri. 

L'opera del Jubaru è assai notevole anche dal lato artistico. 
Innanzi all'occhio del lettore TA. fa svolgere una vera galleria 
dell'iconografia agnesiana, dal bassorilievo del tempo di Papa 
Liberio (sec. IV) al grazioso quadro dello Charderon del XX se- 
colo. Chi voglia seguire anche cronologicamente lo sviluppo 
storico di questa iconografia, può trovarlo in fine del volume 
(pp. 376-377), dove l'A. registra prima le produzioui dell'arte 
antica (IV e V sec.) poi quelle dell'arte bizantina, e le nume- 
rosissime della rinascenza e dei tempi moderni. L'A. ha poi 
trattato assai bene in un'appeudice speciale (App. Ili p. 324f- 
331) delle più antiche rappresentazioni di S. Agnese, dove ci 
fa sapere che non ha potuto pubblicare la più antica pittura 
murale che rappresenti la santa, cioè un affresco di S. Maria 
Antiqua al Foro Romano (sec. Vili e), perchè non ne ha potuto 
ottenere l'autorizzazione. 

Finalmente questo libro, con tutto il suo apparato scien- 
tifico e artistico, spira tale un olezzo di cristiana pietà, da do- 
versi proporre come modello a coloro che scrivono intorno agli 
eroi della fede. Basti far cenno delle commoventi pagine (284- 
304) che il Jubaru scrive intorno al culto, anzi all'entusiasmo 
di cui fu oggetto la santa verginella martire della Nomentana 
in tutti i tempi e presso ogni condizione di persone, e il benefico 
influsso che quest'olezzante fiore ha sempre diffuso nel mistico 
giardino della Chiesa. 

Ci permettiamo di terminare questa recensione coU'augurarci 
che il P. Jubaru, il quale tanto bene ha illustrato il nome della 
martire S. Agnese, voglia continuare con nuovi lavori ad illu- 
strare ancora altre glorie dei primi secoli cristiani. 

II. 

4c La Nave » di Gabriele D'Annunzio. 

Fu tale e tanto il clamore popolare, letterario e teatrale 
per il varamento scenico della nuova opera dannunziana, che 
sembreremmo a' nostri lettori d'essere stati sordi in mezzo a 
tanto gridio, se non dicessimo una parola, facendo un breve 
esame dell'opera del poeta. Tanto più, che, come bene osserva 



326 « LA NAVE > 

il Croce, al periodo della moderoissima vita letteraria italiana 
contrassegnato col nome di Giosuè Carducci, vate sceso da 
poco nel sepolcro della gloria, tien dietro ora uno nuovo capita- 
nato dalla triade onomastica del D'Annunzio, del Fogazzaro e 
del Pascoli, tre poeti e prosatori gridati dalla fama sopra gli 
altri, come e perchè non è qui il luogo d'indagare. 

Certo è che a Gabriele D'Annunzio, per toccar di lui, non 
manca tempra d'ingegno e tenacità di studio. La nuova tra* 
gedia La Naven'è prova. Ma non basta T ingegno e Io studio 
per sé a dar vita a un'opera che sia degna di lode: vuoM 
che quelle due parti congiurino amichevolmente e s'aiutino per 
forma che Io studio sia sodo, proporzionato alla dignità e alla 
grandezza del soggetto, e che col proprio spirito s' immedesimi 
la materia stessa studiata, sicché diventi sangue e nutrimento 
della mente e del cuore. Solo allora la forma potrà accordarsi 
al soggetto; e l'intenzion dell'arte signoreggerà la materia. 

L'ingegno poi dove non sia retto nelle sue figurazioni e 
ne' suoi voli da quel sano gusto e fine criterio in che consiste 
tutto il nerbo e l'acume della discrezione estetica e artistica, 
degenera in potenza sfrenata avida del nuovo e deiresotico, come 
un cavallo mal domo e mal cavalcato. 

Tale ci appare U tragico abruzzese in questa nuova sua 
opera. 11 poeta vuol sceneggiare i primordii della repubblica di 
di S. Marco, e fisso con lo sguardo al bel mezzo del secolo 
sesto, il 552, vede un popolo raccolto sugli scogli dell'estuario 
veneto. L'ora è delle più terribili di quel secolo. Il regno degli 
Ostrogoti oppressori sta per cadere sotto la spada e l'astuzia 
di Narsete: in Costantinopoli s'agita la lotla de' tre capitoli, 
l'Oriente e l'Occidente ne guardano e temono le fasi con animo 
sospettoso e discorde. II D'Annunzio accenna a tutti questi 
fatti; ma essi sono trasformati, innestati sopra un fondo leg- 
geudario, illuminato più che da luce, da un miraggio, da un' om- 
bra del vero qual è l'antagonismo fra Jl paganesimo e il cri- 
stianesimo, fra l'eresia e la vera dottrina. Paganesimo ed eresia 
s'accordano nel nuovo dramma in una medesima orgia selvaggia 
e invereconda; e per questo lato />a iVa ve arieggia il Quo Vadis 
del Sienkieviez, e ne imita le tinte con tratti secchi, bruschi, 
forti, ma più nei male che nel bene, perchè nel descrivere la 
corruzione il poeta abruzzese ha molto più larga la vena e più 
facile la penna. 11 cristianesimo invece non palpita ne' personaggi 
del dramma, e le didascalie anziché emendare peggiorano il getto 



DI GABRIELE d'ANNUNZIO 327 

delle parole. Gli inni e i salmi latini, le molte rimembranze e tra- 
duzioni bibliche, le processioni in onore delle ossa de' martiri, 
^li effati eretici de* diaconi ribelli alla fede sono tirati dentro 
l'orditura drammatica quasi per forza, scoppiano come razzi im- 
provvisi. 

Nessuna forza interiore seppe loro comunicare l'artista, perchè 
egli stesso non la sentiva. La vita sociale e rinnovatrice del 
Cristianesimo è ignota al D'Annunzio; e posticcia appare la 
nozione che ne dà. DagFinnarii medievali, dal catalogo delle 
eresie e da' libri liturgici, egli radunò frammenti senza che sa- 
pesse unirli in un'anima informatrice, del tutto assurgente alla 
grandezza dell'idea balenata forse allo sguardo del poeta ma 
da lui non raggiunta e compresa. Marco Gratico, un barbaro^ 
cristiano se si vuole, ma più barbaro che cristiano, corre a dis- 
seppellire eolla spada alla mano di sotto le rovine accumulate 
dagl'invasori le sante reliquie per recarle a fondamento del 
nuovo tempio, si brutta tornato in patria, del fratricidio," ricor- 
dando poi a sua discolpa malintese parole bibliche, e la me- 
moria 

della santa Roma 
e del solco arrossato dal Re 'primo. 

Nuovo Romolo egli fa l'ammenda in un modo nuovo, fab- 
bricando la nave per salpare verso Alessandria a riprendere il 
corpo dell' Evangelista Marco. 

Turna col sacro corpo e sarai mondo. 

É una espiazione ignota al cristianesimo antico. 

Né foggiata secondo il concetto cristiano è la diaconessa Ema, 
madre di lui, la quale ha meglio l' aria di una ninfa egeria e 
d'una pitonessa, che non d'una Debora o d' una Giuditta. Non 
penetrata dei soavi affetti fraterni e amorosi, onde ci lasciarono 
nel Medio Evo esempio tante matrone, non ha nulla dell' au- 
stera soavità femminile e misericorde. Esiliata, torna invasa di 
profezia; ma le sue parole sono aride reminiscenze bibliche, 
quasi verbalmente tradotte. Nella scena che nel terzo episodio • 
si svolge fra lei e Basilìola, « la diaconessa alza il capo ine- 
sorabile » e aizza contro la colpevole giovine il carnefice, e 
quando s'intromette il figlio Marco, « livida la implacabile si 
ritrae; riprende la sua Croce astata... e guarda bieca per l'in- 
tervallo delle braccia come di sotto a nera cuspide ». Gezabele 



328 « LA NAVE » 

o Atalia non avrebbero agito altrimenti. Il suo atteggiamento 
suona r amarezza d* un animo invendicato. In lei sembra trion- 
fare l'odio vendicativo delia vecchiezza contro le grazie della 
giovinezza. 

Tu non ritornerai al tuo guadagno, 
Nò io tra i serpi a masticar l'assenzio. 

In Ema quindi è falsata la donna cristiana e devota; 'non 
è la « santa vedova >► qual sarebbe dovuta apparire una dia- 
conessa santificante gli augurii di un nuovo popolo e di un 
nuovo fatto sociale. Il conflitto fra Ema e Basiliola richiama 
l'immagine di altre due donne troppo famose in quel secolo, 
Fredegonda e Brunechilde. 

E peggio si presenta il clero nella tragedia dannunziana. I 
due vescovi che entrano in iscena non hanno nulla di grande ; 
e sì che ad Aquileja e nel suo patriarcato non si era ancora 
a quei di accesa forte la lotta per i tre capitoli. L' eresia trionfa 
nel concetto, se non nel fatto, sotto la plastica rappresenta- 
zione del poeta. Tra i zelatori della fede, non v' è un' anima che 
senta profondamente la parte sua: cantano salmi, versetti, al- 
leluja; ma ninna voce possente si leva contro Sergio, a difen- 
dere l'alta dignità della fede e del seggio vescovile. Il D'An- 
nunzio non comprese la dignità del vescovo cattolico e dì 
quanta aureola d'autorità pure in quel tempo apparisse agli 
occhi del popolo. Gli sfuggì la grandezza d' un vescovo davanti 
ad una nave. 

Egli per converso pensava più ad intrecciare al varamento 
della nave qualcosa di romantico che toccasse la passione e 
commovesse i bassi sensi. C è modo e modo d' arrivare al cuor 
dell' uomo. Ma il poeta abbruzzese vi giunge sempre per la via 
del fango e del linguaggio equivoco. Per questo lato la sua 
nuova tragedia, è la continuazione impenitente delle sudicerie 
abituali de' suoi lavori : la corruzione è da lui descritta o ac- 
cennata in tutta la crudezza di un parlare che non ha ritegno, 
e si ode solo ne' tri vii e nelle taverne; né vale a scusarlo la 
• fonte biblica o storica. Invereconda è la scena del primo episodio 
fra Basiliola e il monaco Traba, scialba figura di saniasso indiano, 
e peggio la seguente con Marco Gratico, in cui il protagonista del 
dramma, colui che deve armar la nave e salpare verso il mondo, 
stupidamente lotta di fronte al pericolo, e quasi bestemmiando. 



DI GABRIELE D'ANNUNZIO 329 

getta poi sopra Dio la colpa della sua caduta. Iddio 

m*ha lasciato; non m'ha riscosso. L'Idolo 
è più potente, poi che tu m*hai vinto. 

Altro che cristianesimo sentito; è fatalismo maomettano, né 
basta a giustificar la bestemmia T ardore d*una passione na- 
scente. Nel secondo episodio Tagape eretica di Sergio assomiglia 
a un'orgia neroniana: è una profanazione quale forse fu solo 
veduta ne' tempi peggiori dell'eresia e dello scisma, e che por- 
tata sul teatro tragico ne fa una taverna. 

Ma il concetto informatore della tragedia dannunziana a vo- 
lerlo ben comprendere, più che nel cristianesimo va cercato nel 
paganesimo e nel suo simbolismo, in quella forma artistica che 
l'autore suole incorporare anche nell'altre sue finzioni, e che 
espone nel Fuoco, In questo romanzo è il cenno e il germe della 
Nave, come già fu osservato da altri. Ivi è la designazione della 
forma e della materia La visione di Venezia commuove il poeta 
ed egli la imagina « immersa nel mare sinfonico svolgersi per 
mille aspetti fino alla sua perfezione ». Il D'Annunzio vuol tra- 
sformarsi in Beethowen e in Wagner. E la tragedia vuol essere 
una sinfonia. Per mezzo della musica, della danza e del canto 
lirico vuol creare intorno a' suoi eroi un'atmosfera ideale, in 
cui vibri tutta la vita della natura, così che in ogni loro atto 
sembrino convergere non soltanto le potenze de' loro destini 
prefissi ma pur anche le più oscure volontà delle cose circo- 
stanti, delle anime elementari che vivono nel gran cerchio tra- 
gico. Tale è il suo pensiero e le sue parole. Di qui l'introdurre 
che fa nella Nave quel più e quel meglio che può, come mo- 
tivi musicali sovrapponentisi al principale, ricordati e richia- 
mati di quando in quando nel seguito del dramma. Basiliola so- 
stiene r idea principale ; gli altri motivi sono affidati ai naumachi, 
a' catecumeni, al popolo, al convito, all'organista, all'armonio 
e via dicendo. Quindi Basiliola, come motivo principale, ritorna 
quasi per forza sulla fine dell'ultimo episodio. 

In questa sinfonia melodrammatica paganesimo e cristiane- 
simo, tempio e nave formano lo sfondo. Basiliola è veduta dal 
d'Annunzio in una luce simbolica pregna di mitologia pagana. Essa 
è Medusa, come accennano i disegni stessi del Cambellotti; è 
Ecate, Afrodite, che lancia dardi e inferocita dalla vendetta 
si trasnatura peggio che nella biblica Gezabelle, giungendo a 
tal grado di crudeltà da far ribrezzo, onde il poeta, a quanto 



330 « LA NAVE » 

fu detto, dovette modificarne la scena dopo la prova generale 
eseguita davanti a critici d'arte. 

Il D' Annunzio volle condensare nella nuova tragedia troppa 
roba che stava bene lasciata fuori, perchè, secondo il Venosino 
non potea, trattata, riuscire a risplendere, laddove ne omise 
tant'altra che sarebbe stata suscettiva di magnifica forma. Lia 
culla di Venezia non è disegnata o cantata davanti alla visione 
del futuro concreto e della gloriosa storia della regina dell' A- 
driatìco. Tutta la profezia non è che una scarsa allusione alla 
grandezza avvenire e indeterminata delle imprese venete e del 
commercio della repubblica. 

Alla profetessa Ema poco si apre di futuro, ed essa presenta 
quali previsioni dell'avvenire di Venezia alcuni raffazzonamenti 
di testi biblici antichissimi. La sua ultima parlata profetica, 
benché abbia degli impeti di ispirazione e di estro, perde di 
foi*za dopo il suggerimento del popolo: 

Profetizza 
la città la potenza i patti i secoU. 

Anche la plebe sembra invasa dallo spirito profetico. 
Il soprannaturale poi è introdotto come un Deus ex fnachina 
a suggerir V idea della nave, idea che casca dall'alto della ba- 
sìlica in risposta a' dubbi della situazione proposti dal timo- 
niere, come il responso della Pizia alla domanda di Temistocle 
nell'invasione di Serse. 

Dove porremo noi la nostra patria? 
La voce misteriosa: 

Su la navel 

Questo ripiego dell'ispirazione potrebbe parer sublime, e 
ricorda per un altro verso l'augurio di Romolo e di Remo per 
la fondazione di Roma. Ma nel secolo di Giustiniano ad uo- 
mini rifugiati sopra scogli in mezzo al mare, a barcaioli e 
timonieri, il pensiero della nave dovea sorgere spontaneamente 
alla vista delle navi passanti, alla vista dell'acqua che li segre- 
gava dal resto degli uomini, almeno doveva esser suggerito, 
come fu di fatto, dall' impulso degli eventi imperiosi e dal bi- 
sogno. Gran meraviglia che Colombo, avido e presago di un 
nuovo mondo al di là dei mari pensasse a provvedersi di una 
nave! Il meraviglioso di quella voce improvvisa, che talora 
affermata come udita da un individuo, ha più del credibile. 



1 



DI GABRIELE d' ANNUNZIO 331 

perde T impronta del divino quando scoppia pubblicamente^ 
mentre potrebbe nascere dal consiglio umano e dalle dure cir- 
costanze della vita. 

CSotal naturalezza d'intreccio e d'ispirazione si desidererebbe 
maggiore in alcune scene, dove o manca affatto come nel dia- 
logo fra Qauro e Basiliola, o sa troppo di strano, come accade 
nella scena del monaco Traba. Invece di naturalezza e senti- 
mento profondo tumultua e freme nell'andamento della tragedia 
molto naturalismo, e quel fare tra il pedestre e il forbito che 
vorrebbe aver lode di semplicità e magniloquenza tragica alla 
moderna. Quindi a discorsi e brani ben condotti qua e là se- 
guono parlate fredde, pensieri diluiti in lunghi giri di parole, 
che non possono non annoiare chiunque legga od ascolti e an- 
noiarono di fatto gli spettatori dell' Argentina, sequenze di verbi 
imperativi marinareschi, che lasciano stordito l'uditore perchè 
non è tenuto a saper tanto di marina, testi latini introdotti 
alla maniera di certi predicatori, e profanati nel tradurli e 
applicarli, scherzi o frizzi da commedia e da trivio ove la cosa 
non è velata neppure dal pudore del linguaggio. Abbonda è 
vero, lo sfoggio della parola toscana, ricercata con lo studio 
e col lanternino, come sa fare il D'Annunzio, ma il verso en- 
decasillabo fortunatamente da lui prescelto non è de' migliori 
che siano usciti dalla lira del poeta. Ce n*ha de' veramente 
belli, come questo : 

anna la nave e salfMi verso il mondo; 

ma ce n'ha più spesso di prosaici, di sovrapposti senza concate- 
namento; o con un andare da cinquecentista, membri di periodi 
legati all'ebraica, e certe ripetizioni di versi intieri, o di parole 
che sanno troppo di rettorica stantia. È quel po'po' di secenti- 
smo, la cai riapparizione omai non sfugge più a niuno, benché, 
pochi come il Cesareo, abbiano il coraggio d'additarlo *. 

Ma in mezzo a tutte queste brutte pecche v' è pure qualcosa 
che sbalordisce, e col rincalzo di un'enorme pubblicità, bastò 
al trionfo della scena, non dell'arte. Noi non negheremo la gran- 

' A prova di tutto questo che affermiamo si potrebbero recare esempi 
a dovizia. Compiuta san di piangere — fendendo con lo squillo il mattino 
— vomite il vituperio — mojssare il polso fino ai gomiti — tino sema doghe 
e sensa cerchi — mescolare V immortalità dell'amore alla morte — £ uno 
dativo dell'aggettivo unus che è stato sempre uni e però cantiamo uni tri- 
ncque Domino. La lista può continuare. 



332 4C LA NAVE » 

diosità del preludio, e lo stratagemma di coQcbiudere gli episodi 
con scene che bene o male scuotono rocchio, rorecchio, la 
fantasia, il cuore o le passioni; e l'intreccio di forti, sebben 
talora strane situazioni; ma tutto questo non basta airaiioro 
di tragedo. Il nuovo dramma dannunziano è ancora un gran 
pezzo di marmo sbozzato solo alla grande, che fa intravedere 
quel che potrebbe essere ; ma vi manca il genio e la mano di 
un Michelangelo per cavarne un David animato. 

Codesta mancanza di anima e di sentimento, che si riduce 
sAV insincerità biasimata dal Croce, è riconosciuta, si può dire, 
comunemente dai critici della Nave, Il dannunziano Ettore 
Moschino nella Perseveranza scrive che i caratteri de' perso- 
naggi « si attenuano nella loro eloquenza che ha suoni ma 
non ha palpiti, affascina ma non penetra e non commuove >. 
^La Nave, dice Domenico Lanza nella Stampa di» Torino, non 
si può dire ancora opera profonda e sincera... sono scarse 
anche l'invenzione e l'originalità >►. <« Si può affermare, senten- 
zia il Secolo XIX di Genova, che La Nave è opera teatralmente 
manchevole e incompleta ». Domenico Oliva nel Giornale d'Ita-- 
Ka, ammettendo pure ch'essa sia « spettacolo di esteriore ma- 
gnificenza », se all'ultimo quadro, egli dice, « ci fa piacere e ci 
diletta, non ci vince e non ci scuote», e finisce esclamando: 
<« Quanto studio, quante ricerche, quanto lavoro, quanta forza^ 
quanto ingegno! E il dramma non c'è ». C'è U dramma, scrive 
il limes di Londra; ma è come l'arrivo di un circo equestre 
in una città di campagna, con la differenza che nel circo « il 
pubblico è invitato a vedere come le bestie possono agire al 
pari degli esseri umani, nel dramma di D'Annunzio invece il 
pubblico è invitato a vedere come degli esseri umani possono 
agire al pari delle bestie... Egli voleva far fremere d'orrore, 
voleva eccitarci con le sue audaci licenze, voleva agitarci il 
cuore con la profondità del suo fato; ma il terrore delle sue 
frasi diventa grottesco, le stesse audacie non riescono che a 
creare un mite stupore mescolato con un mite disgusto ». 

Convien dunque dire, nonostante il trionfo della scena, pre- 
parato dentro e fuori del teatro dell'Argentina, che « anche una 
volta, come scrive Giovanni Pozza, l'acuto critico del Corriere 
della Sera, a Gabriele D'Annunzio è sfuggito di mano il capo- 
lavoro. Anche una volta il poeta non seppe comporre in quella 
perfezione di forme espressive che egli va da tempo cercando 
nella scena, una magnifica materia tragica, veramente degna di 
ricevere e di contenere l'anima possente della vita eroica ». 



DI GABRIELE d'aNNUNZIO 333 

E senz'aDÌma morale e artistica una tragedia può godere l'im- 
mortalità di un giorno, non quella de' secoli. Onde facciamo 
nostro a riguardo della Nave dannunziana ciò che G. A. Ce- 
sareo valente e dotto professore di letteratura italiana nell'Uni- 
versità di Palermo scriveva, in fine del suo esame della Can- 
zone di Garibaldi. « Se il D'Annunzio fosse stato uno scrittore 
solitario, come ce n'è tanti, io mi sarei contentalo di leggere 
l'opera sua e di valutarla per mio conto, senza consegnare alla 
luce la mia valutazione. Ma il D'Annunzio è molto letto e molto 
ammirato, segnatamente dai giovani. La qual cosa vuol dire 
che il cattivo gusto ond'egli ha dato Vesempio si va diffondendo 
come un contagio. Ebbene, io ho voluto mettere in guardia ì 
giovani: badate, quest'arte è falsa; non affermo, non pretendo 
d'essere creduto su la parola: dimostro. Noi precipitiamo a una 
poesia di decadenza peggiore di quella del Marini e dell' Achil- 
lini. Almeno, se volete fare di questa poesia, sappiate che Po- 
pera vostra non ha alcuna speranza di gloria nell'avvenire » *. 

111. 
Saggio m storia ecclesiastica della Calabria. 

Vi sono regioni in Italia, come tutti sanno, le quali celano 
tesori di storia, ma cosi sepolti da vicende di tempi e da in- 
curia di uomini, che anche nel presente rifiorire di studii sto- 
rici i più pazienti ricercatori ed eruditi hanno a durare molta 
fatica in rimetterli alla luce. Ma questa fatica diviene tanto 
più lodevole e meritoria quanto più resta occulta ai profani, 
anzi talora neppure consolata dal frutto che se ne cerca, e molto 
meno poi dal plauso che Io studioso merita ma non cerca. 

La più sfortunata fra tali regioni, per diversi rispetti, potrà 
sembrare a molti la terra dell'antico Bruzio, moderna Calabria : 
tanto le sue glorie antiche e moderne, la storia delle sue chiese, 
dei suoi santuarii, dei suoi martiri, dei suoi santi e suoi uomini il- 
lustri, dei suoi monumenti religiosi e profani, salvo poche ec- 
cezioni, restano ignorati agli stessi suoi figli, nonché agli stra- 
nieri studiosi di storia generale. 

Così parve all'erudito vescovo di Nicotera e Tropea, raons. Do- 
menico Taccone Gallucci, nella cui nobile famiglia è tradizionale 
il gusto per gli studii alti ed eruditi. Egli si dette quindi ad 

1 Critica Militante, Messina, Trimarchi, 1907, pag. 219. 



334- SAGGIO DI STORIA ECCLESIASTICA 

illustrare la storia della sua patria, ma restringendosi alla parte 
ecclesiastica e, di preferenza, al metodo delle trattazioni parti- 
colari o monografie. Di che egli reca un'ottima ragione con 
le parole dell' illustre card. Hergenròther nella introduzione della 
sua storia, che cioè soltanto, dopo compiute le ricerche e pro- 
fittato di studii speciali, proprii delle monografie, si potrà avere 
una esposizione intera, compiuta sotto ogni rispetto e profonda, 
della storia generale, Che se ciò vale universalmente, vale più 
ancora rispetto alla storia della Calabria, in cui restano tanto 
maggiori tenebre da diradare, tanto maggiori lacune da riem- 
pire. Noi stimiamo pertanto far cosa grata ai lettori con ac- 
cennare, almeno rapidamente, le principali monografie del dotto 
prelato. 

Ai primi secoli della storia ecclesiastica del forte paese dei 
Bruzio appartengono due pregevoli opuscoli archeologici e insieme 
storici ^ Nell'uno l'autore ci dà le epigrafi cristiane del Brusio, 
che sebbene poche al suo e al nostro desiderio, non vanno senza 
importanza per la storia ; giacché, com' egli bene ossers'a, l'epi- 
grafia è certamente una fonte storica tra le più limpide nello 
studio dell'antichità. Nell'altro, accennato brevemente alla condi- 
zione del Bruzio nei primi secoli del cristianesimo, tratta dei 
martiri di Calabria e del loro culto in generale, ed in ispecie di 
santa Domenica, venerata singolarmente in Tropea. Intorno a 
quest' ultima santa martire discorre di volo parecchie questioni, 
come quella delle fonti storiche del martirio e degli antichi docu- 
menti liturgici, fra cui accenna altresì quello dell' antico codice 
greco della biblioteca Ambrosiana di Milano, che noi pure abbiamo 
avuto una volta sott'occhio, ed è una leggenda che, a noi pare, 
darebbe luogo a discussioni molte, di cui non è qui luogo. Ma 
fa bene il eh. critico a non decidere con risolutezza la quistione 
della nazione di santa Domenica (in greco Ciriaca) a favore di 
Tropea. In appendice tratta anche l'autore di parecchi martiri 
calabresi più recenti, cioè di sette francescani martirizzati nel Ma- 
nxjco e più distesamente, di due gesuiti missionarii nel Giappone, 
Camillo Costanzo e Pietro Paolo Navarro, ora iscritti fra i beati. 

In ogni tempo la Chiesa di Calabria ha dato pure i suoi 
santi, i suoi uomini illustri. E di questi fa memoria il eh. sto- 



* l'epigrafi crìsliane del Drugìo (Calabria), raccolte ed annotate ecc. 
Reggio Calabria, 1905. — // culto dei martiri in Caìabria, Miscellanea. 
Napoli, 1905. 



1 



DELLA CALABRIA 335 

rìco in allre monografie *, che saranno certo consultate dagli 
storici, come già ebbero lodi dai competenti, quali il Duchesne, 
il Pastor, rEhsps ed altri non pochi. Tra esse particolarmente 
notabile quella che illustra Mileto e la sua diocesi — la quale 
piacque assai al De Rossi e parve al Duchesne destinata a fare 
epoca nella storia di questa chiesa importante — indi quelle 
su la Certosa di Calabria, sopra il santuario di S. Domenico in 
Soriano, e meglio ancora quella più generale sopra il clero calabrese 
e lo studio delle scienze, la quale ultima è insieme una risposta a 
vecchie esagerazioni o calunnie dei passato come un incorag- 
giamento e uno sprone a un sempre migliore avvenire. Accen- 
neremo anche, perchè ci sembra d'importanza più che domestica, 
d*una più recente monografia, in cui la storia ha pure qualche 
parie, ed è un tributo di affetto fraterno alla memoria di quel per- 
fetto gentiluomo e cristiano, scrittore e pensatore profondo, che fu 
il barone Nicola Tacconi-Gallucci, fratello dell* autore *. In esso 
particolarmente gradita riuscirà allo storico la copiosa raccolta 
di lettere dagli uomini più illustri indirizzate all'ottimo scrit- 
tore, che fu per tanti anni veramente l'onore della Calabria, 
anzi un vanto del laicato cattolico in Italia: solo noi le avremmo 
volute disposte in ordine cronologico, dove avrebbero dato e 
ricevuto forse miglior luce. 

Ma l'opera più utile per gli storici e d' importanza più gene- 
rale è quella della raccolta e pubblicazione dei Regesta dei Papi, 
concernenti le chiese di Calabria ^, cominciando dalla lettera 
d'Innocenzo 1 (416) a Massimo e a Severo e^j/sco/>*8j>er5rw^ioa, 
contro i sacerdoti indegni che vuole eselusi dall'uffizio sacerdo- 
tale, fino a quelle di S. Pio V e di Gregorio XIII al declinare 
del secolo decimosesto. Ai Begesta seguono copiose ed erudite 
annotazioni storiche, indi la cronota^^si dei vescovi, che fu anche 
edita a parte, e da ultimo un indice alfabetico analitico, utilis- 
simo alla consultazione; sicché quest'opera, quantunque non i-ia 
forse in ogni sua parte del tutto decisiva, resterà sempre indispen- 

- Monografìa del Santuario di S. Francesco in Paolo. Reggio di Ca- 
labria, 1906, — Monografìe di storia caìahra ecclesiastica. Roma (Desclée) 
1900. — Memorie di storia cnlabra ecelesiasfica, 1906. - Monografia delle 
diocesi di Nicotera e Tropea. 1904. 

• Della vita e delle opere del baroìte Xìcola Taccone-frallucci. Reggio 
Calabria, 1906. 

• Regesti dei liomani Pontefici per le Chiese della Calabria, con an- 
notazioni storiche. Roma, tip. Vaticana, 1902 - 8'^ gr., XXXI-496 p. — Cro- 
notassi deimetropolitanif arcivescovi e vescovi della Calabria. Tropea, 1902. 



336 SAGGIO DI STORIA ECCLESIASTICA DELLA CALABRIA 

sabile allo storico della Chiesa. E «opera altrettanto utile ohe dotta» 
la stimò il Duchesne; e delle note accompagnate al testo, scrisse 
« che facevano testimonianza della profonda erudizione messa dal- 
l'autore a servizio della sua storia regionale ». Ond'egli augurava 
che un lavoro consimile tosse intrapreso per iediverse regioni d'Ita- 
lia. Solo spiace vagli che la criticadeirautore non avesse risparmiato 
le lettere di Callisto II relative a Taverna e a Catanzaro; giacché, 
diceva egli, sebbene una sia da riconoscersi per falsa, e una fal- 
sificazione sia pure la cronica di Tres Tahernae, tuttavia a lui 
pare che ninna difficoltà seria si possa opporre alle altre let- 
tere. Il quale richiamo dell'illustre storico è certo degno di con- 
siderazione, ma dimostra insieme che la critica dell'autore fu 
tutt'altro che facile o troppo credula ad ammettere documenti. 

Da questa collezione di oltre a ducento regesti e diplomi 
pontifìcii si fa manifesto — ciò che fu certo nell' intenzione del- 
l'autore d'illustrare alla luce dei documenti — lo studio e la 
sollecitudine che i Sommi Pontefici ebbero in ogni tempo per 
il bene della lontana Calabria, anche nei torbidi secoli dell'età 
di mezzo. Di che in un suo breve assai onorifico rendeva merito 
all'autore il compianto Leone XIII con queste parole: « Quae 
decessoribus Nostris iam inde ab antiquissima aetate cordi fue- 
runt curae Calabriae provinciae, quaeque in eamdem contulerunt 
ipsi benefacta placuit fuisse per te demonstrata, idque non sine 
multa et rerum et litterarum scientia. Industriam propterea tuam, 
qua te Nobis et historiae et Ecclesiae benemerentem probasti, 
libet ea prosequi laude quae et habita diligenter studia ampio 
praemio exornet, et nobile voluntati Tuae addat ad incorruptatn 
rerum fidem praeclarius in dies adserendam atque explicandam ». 

E che questo incoraggiamento non sia caduto vano, ben mo- 
strano gli scritti susseguenti dell'erudito prelato, come gli studii 
che tuttora va continuando, volti ad illustrare la storia della sua 
Calabria, e di preferenza le relazioni che essa ebbe coi Sommi 
Pontefici. Di che ricordiamo ancora come egli tenne altresì discorso 
in pubbliche conferenze, lumeggiando con calda parola i bene- 
fizi i recati dai Papi alla forte Calabria, così spesso e ingiusta- 
mente dimenticata e conculcata dai governi, i quali pare che 
solo dal rombo di que' suoi spaventosi terremoti siano ridestati 
a pensare per qualche ora a quella pittoresca e infelice regione, 
ma per dimenticarla poi tosto e più miseramente di prima. 



]bi]bivIOO:ra.im.a. 



NOVA ET VETERA, — Rivista quindicinale. Anno [, Num. [. 
Roma, 10 gennaio 1908. Società Internazionale scientijfìco-reli- 
giosa. 



Tra il nascere e il morire di nuovi 
periodìchetti modernistici che hanno 
la vita del fungo, quest* ultimo non 
meriterebbe in verità di essere no- 
minato: tanto è privo di ogni va- 
lore scientifico e religioso, benché si 
dica pubblicato da una «società in- 
ternazionale scienti fico-religiosa » . Ma 
crediamo utile denunziarlo come sin- 
tomo dei rapidi progressi di perver- 
timento intellettuale e religioso dei 
giovani, anche di buona indole e di 
migliori speranze, traviatisi alla scuo- 
la educativa e serena dei «chierici 
nuovi » o modernisti, e ora strettisi 
in una pretesa « società internazio- 
nale». Questa — ci assicurano essi 
nel loro proemio ai lettori — cura al 
presente la pubblicazione del nuovo 
periodico, ma « ha già formulato in 
una solenne occasione il Programma 
che intende di difendere e di divul- 
gare ; sembra quindi superflua... una 
nuova professione di fede » (p. 1). 

Il programma qui accennato è 
quello dei modernisti ribelli , del 
quale i nostri lettori conoscono la 
professione d'infedeltà, non solo di 
eresia, unita a un cumulo di errori 
teologici, filosofici e storici di ogni 
fatU (Cf. Civ. Catl. quad. 1378, 
6 nov. 1907). Ma anche i chierici 
suggeritori e i compilatori laici non 
ne possono ignorare la opposizione 
aperta al magistero autorevole del- 
la Chiesa e quindi la pena da sé 
incorsa della scomiénica, pena già 

1908, voi. 1, fase, 1383. 



inerente alla loi^o sintesi di tutte 
le eresie e con fermata ancora dal Motu 
proprio del 18 novembre 1907 (cf. 
quad. 1379, p. 576 s.). Vero è che 
in essi probabilmente «palpita una 
religiosità ancora nascosta nelle pe- 
nombre di una semi-consapevolezza » , 
come essi parlano delle anime a cui 
si ri'olgono. Loro scopo è « offrire 
(a queste anime) il mezzo di leggere 
distintamente nei loro sentimenti più 
intimi, e trarre a sé le altre che non 
sono ancora del loro ovile » : loro ca- 
rattere « vivacemente polemico » : loro 
metodo « prammatista nel più bel sen- 
so della parola » 4 loro religione o « es- 
perienza cristiana » , come essi dicono, 
« una concezione ottimistica della 
vita, nella quale... il quo deiruniverso 
illumini Vunde di esso» : loro mis- 
sione « conservare gelosamente e tra- 
mandare l'esperienza cristiana, gene- 
rata cioè dairassimilazione dello spi- 
rito messianico, che è nel Vangelo » . 
Loro conforto e pensiero fidente « una 
dolce parola messianica », un « pro- 
gramma troppo dimenticato » , di cui 
« modestamente » si attribuiscono la 
continuazione: Tevangelizzazione del 
poveri — « A tutti gli spiriti rattrap- 
piti sotto il ciarpame di una ideologia 
barocca e di un legalismo farisaico ; a 
tutti gli spiriti che la rigidezza im- 
mobile della tradizione ecclesiastica 
ha allontanato dalla vita del Vangelo, 
noi vogliamo, da fratelli, mormorare 
la vecchia buona novella — pura e 

22 25 gennaio 1908, 



338 



BIBLIOGRAFIA 



limpida fonte nascosta fra 1 ciottoli 
di un terreno alluvionale». — Sono essi 
i figli del «Santo», i cavalieri dello 
Spiritol — Con siffatto mandato mes- 
sianico, i piccoli Messia possono 
osare di attribuirsi pure la parola 
divina: «beato chi non si sarà scan- 
dalizzato in noi I » (p. 4). 

Certo più compassione che scan- 
dalo fiiranno ai conoscitori degli uo- 
mini e delle cose i lorodelirii di « psi- 
cologia » morbosa, quili, ad esempio 
le diatribe calunniose del Tyrrell con- 
tro il primato di Roma e contro i papi, 
le empietà panteistiche dello pseudo- 



nimo Aschenbrodel, le villanie di un 
altro povero giovine su « ragonia di 
una istituzione » che è il papato po- 
litico, egli dice; infine per tacere di 
altri gli € echi vaticani » dello stu- 
dente Quadrotta, il quale, dopo le so- 
lenni e ripetute mentite a tutti note, si 
ostina ancora ad attribuire al Santo 
Padre una sentenza che il Santo Pa- 
dre espressamente nega di aver pro- 
nunciata. 

Impossibile fermarsi qui in com- 
menti : ogni cattolico, anzi ogni ani- 
mo cristiano ed onesto sa troppo bene 
che pensarne. 



EDGAR J.GOODSPEED, p. doct. — Index patristicus, sive clavis Pa- 
Irum apostolicoriim operum ex edìtìone minore Gebhardt Harnack 
Zahn lectionibus editionutn miooriim Punk et Lightfoot admìssis. 
Leipzig, Hinrichs, 1907, VlII-'iea p. M. 3.80. 



Questo Index presenta la raccolta 
di tutte le parole che si trovano nei 
Padri apostolici, disposte in ordine 
alfabetico, in modo che sotto ogni 
parola siano allegate le singole for- 
mole grammaticali, con l'indicazione 
di tutti i luoghi ove ciascuna si 
legge. Esso fu compilato da 11 teo- 
logi americani, e certo assai com- 
piutamente. La precisione poi è tale 
che p. es. a p. 150-164 sono regi- 
strati tutti i luoghi ove si trovano 
gli articoli ó, •?), xò, ecc. ; ma grazie 
alla ripartizione straordinariamente 
pratica, il libro è riuscito di piccolo 
volume, di prezzo modico e di molta 
ehiaiezza nella stampa. 

L'utilità di un tale lavoro per un 
filologo è evidente : ma non è meno 
per gli altri studiosi delle discipline 
teologiche. Chi s'occupadistudii bibli- 
ci, per esempio, avrà qui dinanzi a sé 
senza alcuna fatica tutti i luoghi in cui 
venga usata una parola biblica di 
qualche importanza; ciò che torna di 
non poco eccitamento allo studio. 
Chi si è dato alia dogmatica o alla 
storia del dogma troverà a p. 73-74 



raccolti in una mezza colonna e or- 
dinati secondo le varie forme gram- 
maticali tutti i luoghi ove s' incontri 
la parola èxxX7]7(a. I sei tratti in 
cui il Pasto r di Erma si riferisce 
alla Chiesa personificata, vengono 
quivi resi riconoscibili dalla lettera 
iniziale maiuscola. E così in altri 
casi. È facile comprendere con quanta 
facilità uno studioso di patristica 
può con un tal lessico alla mano se- 
guire il significato di qualche impor- 
tante parola presso i diversi Padri. 
Sotto questo rispetto il libro è il più 
utile strumento di studio che pos- 
sediamo pei Padri apostolici. 

Vorremmo però che in una nuova 
edizione, forse non lontana, si te- 
nesse conto dei seguenti deside- 
rata: L'Index ha per base IV- 
dfVto minor dei Padri apostolici 
curata dal Gebhardt, dairHarnack e 
dallo Zahn (1900 e 1905). Esso nota 
con L o con F anche le lezioni in- 
frodotte e sostituite dal Lightfoot e 
dal Punk nelle loro editioncs mi- 
nor ea. Noi avremmo desiderato che 
si fosse tenuto conto di tutte le le- 



PATRISTICA 



fÌS9 



zioni di reale impoitanza crìtica, 
mettendole in rilievo con qualche 
sigla. PreDdiamo a caso un esempio. 
Non potrebbe foraealcuno colLightfoot 
( The ajìostolic Faihers, Part. II, /- 
gnatius and Folycarp voi. II sect. I 
p. 224, 2£5) preferire veroeinii lineate 
i& lezione dmX.ó|iavov invece di xal 
XoLko^y in Rom. VII. 2 come appel- 
latiTo delTacquA vivente ch'era nel 
cuore di s. Ignazio? Il testo qui è 
ambiguo, ma V interpolatore delle let- 
tere ìgnaziane leggeva dXXé(i€vcv, e 
del resto un'altra allusione alla me- 
desima pericope evangelica di Toh. 4 
si trova neir «acqua vivente». Ep- 
pure presso il Goodspeed àXXójiavov 
non si è menzionato affatto. Lezioni 
documentate le cpiali hanno pure 
molti suffragi in lor favore, dove- 
vano tanto meno essere escluse in 
quanto cho nell'opera sono accettate 
ajirhe delle mere congetture. 

11 Goodspeed non ha tenuto conto 
del fratHmeuto di Quadrato, né delie 
Reliqw'ae presbyterorum cioè dei det- 
ti dei presbiteri che Ireneo ci ha con- 
servati : anche qui non abbiamo che 
a dolerci deiresagerato attaccamento 
aire dizione Gebhardt-Harnack-Zahn. 
Il frammento di Quadrato è forse 
meno autentico di quello di Papia, 
che pure è stato accolto daireditore? 
Ma esso è importantissimo sia pel 
contenuto, poiché riguarda ì miracoli 



di Cristo, sia per l'autore, essendo 
Quadrato discepolo degli Apostoli e 
forse anche profeta del Nuovo Patto 
(Gfr. Bardenhkwkr, Gesch. der alt- 
kirchL Literafur. I. 108): Il slrai- 
gliante vale dei detti dei presbiteri, 
accettati del resto tanto dal Funk 
ohe dal Lightiòot. 

Dal punto di visU degli studi! 
patristici e dogmatici sarebbe desi- 
derabile che alle parole più impor- 
tanti pel dogma fosse aggiunto il 
contesto; uno o due parole sareb- 
bero di regola state per ciò suffi- 
cienti. P. es. sotto la parola èxxXT^ola 
gioverebbe molto sapere, se quivi si 
tratti di una chiesa particolare, come 
dire di Smirne, o in genere della 
Chiesa di Dìo, e specialmente se il 
nome rechi inoltre Tarticolo i\. Lo 
stesso dicasi della parola uCó^: vi è 
^oO? E cosi di seguito nelle parole 
che hanno sapore dogmatico o che 
ad ogni modo sono importanti pel 
dogma : p. ee. uviOjia, x^P^^^Ia*- Que- 
sto ci sembra si potrebbe fare senza 
grande aumento di spazio: se pure 
non si preferisca accorciare qua e là 
qualche tratto, ad esempio quello che 
riguarda gli articoli ò,% xò, p. 150-lW. 
Anche ci sarebbe piaciuto che si 
fossero notati brevemente quei luoghi 
che presentano qualche irregolarità 
grammaticale, morfologica o sintat- 
tica. Sarebbe tanto di guadagnato. 



IRENAEI lugd. Ep. Adversiis haeresea libri quinque, curante sac. 
U.Mannucci, theol. et philos. doct. Par» I et II {BibL SS. FP. 
Ser. 11. voi. Ili, 1). Romae. Forzani, 1907, 8\ 476 p. 



Ognuno, che appena abbia scorso 
le varie edizioni dell'opere de' SS. 
Padri, sa quanto torni difiQcile in pa- 
recchi punti l'accertarne il testo e la 
genesi, sicché vi si possa fermare un 
raziocinio e una prova come sopra 
sicuro fondamento. A sì laboriosa fa- 
tica, consacrò se stesso il bravo sac. 



dott. Mannucci, e in questo primo 
volume dell'opere di S. Ireneo ci offre 
un magnifico saggio delle sue larghe 
ricerche e de' sodi criteri i onde ne 
prepara l'edizione. Un modello sobrio 
e ricco di notizie e dottrina é la pre- 
fazione che col titolo di prolegomeni 
premette al libro I Advprauahaereses; 



340 



BIBLIOGRAFIA 



edito da lui pel primo in Italia, dac- 
ché tutte l'altre edizioni, anche Tul- 
tima di 50 anni fa curata dall' Har- 
vey, videro la luce di là dall'Alpi e 
dalla Manica. Non solo da' suoi pre* 
decessori trae vantaggio il Mannucci 
ma dalle più recenti pubblicazioni e 
scoperte intorno ad Ireneo ; e discute 
assai bene le poche notizie, che si 
hanno di lui, i codici e il catalogo 
delle opere, e in modo veramente 
originale tratta dell'importanza di 
questo libro Adv. haer, dal lato scrit- 
turale, e dal lato storico della lette- 
ratura cristiana, si cattolica come 
gnostica, della quale ultima offre in 
bel prospetto la genesi e successione 
de' fondatori e delle scuole (pag. 42). 
Utilissimo per la storia del dogma 
cattolico è il riassunto del libro d'I- 
reneo che chiude i prolegomeni, e 
dimostra già fin dal li secolo la dot- 
trina cattolica intorno alla regola di 
fede, alle sue fonti, quali sono la 
Scrittura, la tradizione e il magistero 
ecclesiastico, e al centro della fede, 
eh' è l'incarnazione del Verbo e la 
redenzione, essere stata sodamente 
poggiata sulle sue basì immobili e pe- 
renni. 

Quanto al testo, il dotto editore 
nel latino segue il Massuet, non s^ 
però che talvolta non gli preferisca 
la lezione dell' Harvey o dello Stieren, 
ovvero de' quattro codici vaticani da 
lui consultati. Il testo greco poi, che 
con tutte le giunte più recenti accom- 
pagna perennemente il latino, è qua 
e là spesso emendato sui cod. vat. 503 
del sec. Vili, ed Urb. 17 del sec. X; la 
stampa però non è del tutto immune 
da errori. Si poteva forse osservare a 
pagg. 473 che l'interprete latino tra- 
ducendo navxoxpGìxoop per « continens 
omnia » suppose composto il voca- 
bolo di tcAv e xpaxi^p invece che xpd' 
toc, forse perchè onnipotenza è nav- 



Toxpdxeipa. Né meno importanti delle 
correzioni sono le note specialmente 
intorno a' tratti bìblici, alle parole ri- 
portate del testo ebraico e alle citazio- 
ni di filosofi greci ; cosi pure il com- 
mento aggiunto, ove all'erudizione del 
Mannucci e al suo giusto criterio nulla 
sfugge che di buono sia stato tro- 
vato d'oltralpe, e vi fa calzanti e pro- 
ficui raffronti con l'opera testé sco- 
perta d'Ireneo tìg èwl^stgiv (Cfp. CHv, 
Catt del 7 sett. 1907, p. 580-589), 
aggiungendovi (pag. 225) un frammen- 
to inedito del medesimo Padre tradotto 
da una catena copta pubblicala dal 
Lagarde, di non lieve valore per la 
dottrina escatologica del Santo. 

Di quest'opera il prof. Jfllicher, 
uno dei dotti protestanti che vanno per 
la maggiore, ha dato recentemente 
sfavorevole giudìzio nella Theolog. 
Literaturzeilung del 10 die. 1907 
(n. 25). A mostrare con quanta im- 
parzialità questi scrittori giudichino 
le opere cattoliche, basterà notare che 
quasi tutti gli appunti ch'egli fa alla 
nuova edizione non sono che altera- 
menti voluti àe\ testo, Così egli legge 
promentum mentre il Mannucci scri- 
ve momentum ; óxaxcovojidoxoi^ men- 
tre a pag. 76 è scritto giustamente 
àxaxeovciidoxotg ; a pag. 73 (non 75 
come scrive il Jttlicher) legge fa- 
reiis ove è fovetis. Critica la nota 
absque nostra culpa, contro xat nocpà 
xV i^fiexépav aìxtav, la quale è giu- 
stissima come anche dimostra il 
Dindorf (stato maestro del Jttlicher) 
nell'ed. Operum Epiphanii t. IH, pa- 
gina 636. Peggio ancoraquando il Ju- 
licher attribuisce al Mannucci l'errore 
« ad |jL6adxT]v quod attinet » , mentre 
né al luogo indicato pag. 95 n. 1 né 
altrove abbiamo potuto trovarlo. E 
mentre si perde in queste misere cri- 
tiche, non ha alcun cenno di quanto 
v'è di buono e sostanziale nella nuo- 



PATRISTICA 



341 



va edizione, la quale, se non anche 
pel lato filologico, per la solida co- 
noscenza della letteratura, storia e 
dottrina cristiana che mostra nelle 
note, è certo superiore e più utile 
assai di molte altre, anche lipsiensl. 



Ci congratuliamo col solerte dott. 
Mannucci sicuri che anche il resto del 
suo erudito e profondo lavoro pareg- 
gerà co* «noi pregi le primizie olTerteci 
nel presente volume, nitido ne' ca- 
ratteri e comodissimo nel sesto. 



Dom Chr. BAUR O. S. B. — S. Jean Ghrysostome et ses oeuvres 
dans Thistoire littéraire. Paria, Pontemoìng, 1907, 8*, XII-312 p. 



Neiroccasione del XV centenario 
della morte del Crisostomo il dotto 
P. Baur, pubblica un lavoro quanto 
mai importante, ove è raccolta una 
quasi completa bibliografia del gran- 
de vescovo di Costantinopoli. Gol 
volgere de' secoli Tautorìtà e Teffica- 
cia di questo gran padre andò nella 
Chiesa greca e latina un dì più del- 
Taltro crescendo, a segno tale che fu 
riputato uno de' più grandi genil del- 
la nostra fede. Se non pugnò nel 
campo dogmatico con opere polemiche 
e scientifiche, come fece S. Ago- 
stino, fu però nelle sue omelie, e nel- 
le sue orazioni esegetiche il predica- 
tore insuperato della tradizione e 
del pensiero cristiano e cattolico, 
e il maestro per eccellenza del po- 
polo grecto. 

Nella Chiesa orientale, dopo la 
sorda opposizione della scuola ales- 
sandrina, di cui era capo S. Cirillo, 
l'autorità del Grisostomo, come dot- 
tore della Chiesa venne riconosciuta 
dai vescovi greci, per impulso di 
Leone Magno, che la ragguagliava a 
quella del Nazianzeno e di Cirillo 
d'Alessandria nella raccolta di testi 
spedita nel 450 al patriarca di Co- 
stantinopoli a conferma della sua let- 
tera dogmatica del 449, accolta poi 
con acclamazioni nel Concilio Calce- 
donese (451). Oltreché contro l'euti- 
chianismo, la parola del Grisostomo 
fu citata contro l'orìgenismo e tutte 
le eresie posteriori. Anzi durante la 
lotta intorno a' tre capitoli per la 



prima volta nel costituto di Vigilio 
del 14 maggio 553 è raffermato al 
grande oratore il soprannome di gri- 
sostomo o bocca d*oro; «Johannis 
constantinopolitani episcopi quem 
chrysostomum vocant>; e con tal 
titolo andò giganteggiando in mezzo 
a tutta la susseguente letteratura 
greca. 

Né minore fu la fama e l'autorità 
di lui nella Chiesa latina. Annove- 
rato ancor vivente da S. Girolamo 
fra gli uomini illustri del suo tempo, 
venerato poi come dottore e santo 
dal gran vescovo d'Ippona, e da Cas- 
siano, stato già discepolo del Bocca- 
doro, questi, dopo cessate le tenebre 
dell'invasioni barbariche, risorge più 
fulgido e autorevole per opera di 
Alenino, Rabano Mauro e altri. I 
suoi scritti sono tradotti e copiati 
dappertutto. S. Tommaso d'Aquino 
ne ammira la sapienza e S. Bonaven- 
tura lo cita ben 326 volte. Codici in- 
numerevoli ne tramandano a noi la 
dottrina. Di anteriori al rinascimento 
se ne conoscono finora 1917; Parigi 
ne possiede 475, Roma 158, oltre i 
vaticani propriamente detti, l'ambro- 
brosiana di Milano 84. Le omelie sul 
Genesi e su S. Matteo sono le più 
diffuse, e si leggono, quelle in 181 
codici, queste in 174. Dopo l'inven- 
zione della stampa, le edizioni spe- 
ciali o generali si seguono senza posa 
fino al numero di 367 per le opere 
greche, sole o colla traduzione: dì 
297 per le versioni latine, la prima 



34S 



BIBLIOGRAFIA 



delle quali ehe abbia la data appare 
nel 1466, oltre le molte traduzioni an- 
tiche e moderne nelle lingue d'oriente 
armena, copta, siriaca, araka, e in 
quelle d'occidente, tedesca, slava, 
francese, italiana e va dieendo. Alle 
edizioni dell'opere s'aggiunga 1* im- 
menso numero di studi sopra Ja loro 
autenticità, la cronologia, il testo, 
la dottrina filosofica, morale, dogma- 
tica, esegetica, si generale come par- 
ticolare di questo o quell'argomento, 
e si Tedrà di qual luce maestosa e 



perenne si rivesta la grande imagìne 
del Grisostomo attraverso la storia 
della Chiesa e della coltura ecclesia- 
stica universale. 

Latini e Greci ne cantarono e ne 
cantano ancora le lodi; e al suona 
di queste mille voci si mesce ora 
quella del chiarissimo P. Baur, il 
quale in codesto suo laborioso stu- 
dio bibliografico e storico tesse col- 
Teloquenza de* fatti e degli scritti il 
più splendido panegirico del Demo- 
stene cristiano. 



P. N. DAL-GAL O. F, M. — Sant'Antonio di Padova taumaturgo 
francescano (1Ì95-1S31). Studio di documenti. Quaracchi, S. Bo* 
ventura, 1907, 8<», XL-4M p. 



Non s' immaginino i lettori, pro- 
fani o specialisti che siano, di tro- 
vare qui uno studio di documenti 
condotto secondo il metodo freddo, 
stringato, rigido degli storici e crì- 
tici di professione. Raffronti di co- 
dici, esami di nanoscrìtti, discussio- 
ni di versioni, di date, di leggende 
o simili, non mancano in questo li- 
bro, particolarmente nell' introduzio- 
ne. I)enchè neppure vi abbondino 
troppo ; ma quasi per compenso vi si 
trattano con uno stile florido, ampio, 
oratorio, che se le rende meno gra- 
dite ai competenti, le farà più intelli- 
gibili al resto dei lettori. L'ottimo 
p. Niccolò Dal-Gal ha scritto, com'egli 
si esprime, «più che con la penna, 
con intelletto d'amore e di ammira- 
zione al caro Santo di Padova». — 
« S. Antonio di Padova I — egli scrive 
più sotto (p. XL) — Io amo, io am- 
miro questo Grande. Con lo sguardo 
fisso sopra la sua dolce ed espressiva 
figura, rutilante d'immacolati splen- 
dori, fatti più belli dalle afl"ermazioni 
autentiche dei biografi primitivi e dal 
testimonio di .sette secoli, ho scritto 
di lui con la devozione nel cuore e 
cP^ un culto particolare di amore » . 



E runa e l'altro egli mira a trasfon- 
dere nei lettori con la parola calda, 
concitata, vibrante di tutto l'entu- 
siasmo di un'anima francescana; si 
che ogni capitolo, preceduto da due 
ben scelti testi scritturali, fa quasi 
l'effetto, più che di una discussione 
documentaria, di un caldo efficace 
fervorino. Cosi potessero scaldarvisi i 
critici, come vi si potranno infervorare 
i lettori dìvotil 

Del resto, nell'uso della crìtica, 
questo libro segna pure un progresso 
su tante altre vite precedenti. In 
parecchi punti abbiamo notato come 
l'autore segue fedelmente il Lepitre 
(cfr. Civ, Catt.y quad. 1344, p. 742) 
quasi a verbo ; sicché avremmo voluto 
che fosse anche stato più indulgente 
nel criticarlo e confutarlo : tanto più 
che non ne appare sempre cosi trìon- 
fale la ragione. Più fondata Invece è la 
confutazione della critica, assai più ra- 
dicale e per molti punti insussistente, 
del Kerval, troppo caldo ammiratore 
di Paolo Sabatier nei suoi studii 
francescani (cf. Civ.Catt, qua d. 1344 
p. 743). Non entriamo nei particolari, 
che troppo ci portebbero in lungo ; ma 
auguriamo sempre maggiori progressi 



AGIOGRAFIA 



343 



agli Btudìi francescani, trattati — co- dedicato questo libro — ea quidem 
me appunto scriveva, è un anno, il ratione ac methodo, qua hodie pe- 
Ministro Generale dei Minori a cui è riti utuntnr historici. 
G. GRABINSKT. — Il B. Tommaso More e lo scisma d'Inghilterra. 
(Fedee Scienza. Serie V, 45). Roma, Pustet 1906, 16^ 128 p. L. 0,80, 
Nello scrivere queste poche pa- tutto che « in fondo, salvo qualche 



gine sul b. martire, Tauiore, come 
ce ne assicura nella breve prefazione, 
non pretese certamente narrarne la 
vita: si propose questo solo, « di 
dare al lettore un concetto esatto del 
carattere, delle virtù e dell'ingegno 
di quest'uomo insigne e di spiegare 
per sommi capi le cause dello scisma 
d'Inghilterra ». Intento assai lode- 
vole e opportuno alla collezione popo- 
lare del Pustet, benché non di studio 
originale e strettamente agiografico. 
L'autore quindi si vale largamente, 
più che delle fonti, degli autori che 
lo hanno preceduto, particolarmente 
di Enrico Bremond, il cui stile ha 
certo il brio e lo spirito del lette- 
rato, non lo spirito e Funzione del- 
l' agiografo. Noi ci rallegriamo tut- 
tavia che il conte Grabinski abbia qui 
scritto generalmente con vero sen- 
so di ortodossia, sacrificando an- 
che certi pregiudizi del vecchio libe- 
rale italìanlssimo alla fede schietta 
dell'antico polacco: il che non po- 
tremmo dire egualmente di altri suoi 
studi i più recenti sull'Inghilterra com- 
parsi già nella Rassegna nneionale^ 
dove anche tira in mezzo i gesuiti con 
la congiura delle polveri ! Ci pare non- 
dimeno che qui pure sia riprovevole 
la simpatia che V autore mostra per 
Erasmo, come è poco sussistente la 
difesa che ne prende in parecchie 
pagine (p. 26-29); falsissìmo soprat- 



sfumatura , le idee riformatrici di 
Erasmo erano comimi non solo al 
More, ma a molti ed ai più cari amici 
del grande inglese » . Questi volevano 
sinceramente una vera riforma, quella 
degli abusi umani non dei dogmi di- 
vini, e cominciavano da se stessi. Era- 
smo invece, come i moderni riformi- 
sti, frìvolo e orgoglioso, pretendeva 
riformare tutto e tutti, meno se stesso, 
e nella vita come nelle dottrine. Cosi, 
reggendosi ad impeto più chea ragione 
(come è talora proprio di letterati e di 
artisti) fu tra quelli che « sacrificano 
il vero e il bene a quello che adesso si 
chiama opjìortttnismo e che non è altro 
chela scuola dell'egoismo e deìV uti- 
litarismo », per dirlo con le belle pa- 
role del Grabinski nella sua prefa- 
zione. A questa scuola appartenen- 
do con molti umanisti, massime di 
Germania, anche Erasmo, favori, ben- 
ché non eretico aperto e formale, i 
progressi dell' eresia, simile anche 
in questo ai moderni riformisti. Seb- 
bene cosa da poco, noteremo an- 
cora che quanto all'uso costante del- 
Tautore di dir More, invece di A/oro, 
« come si é detto per tanto tempo », 
non sembra a noi proprio € dove- 
roso » , potendosi benissimo ripetere 
il vecchio ma bene assennato adagio 
di Cicerone rispetto a simili capricci 
dell'uso : « Scientiam mihi reservavi ; 
usum populo concessi». 



A. RAMON, doct. ès lettres. — Vie de la Bienheureuse Marguerite 
Marie d'après les manuscrits et les documeiits originaux. Paris ^ 
Beauchesne, 1907, 8«, XL-538 p. Fr. 7,50. 
Cinque anni là il P. Ramon, negli le vite della Beata Alacoque compo- 

Ètudes (20 giugno 1902) esaminando ste dai Languet, dal Daniel, dal Bou. 



3i4 



BIBLIOGRAFIA 



gaud, ne mostrava i difetti e le la- 
cune e conchiudeva esser ornai giunto 
il tempo di scriverne una nuova che 
fosse definitiva, approflttando tra 
Valtre dell* importantissima scoperta, 
fatta ad Avignone nel 1888, di dieci 
lettere indirizzate dalla Beata al 
P. Groiset. A quest* impresa, che ri- 
sponde all'unanime desiderio de' di- 
voti, egli stesso attendeva già da pa- 
recchio tempo, ed ecco che ora offre 
al pubblico, come primo volume della 
Storia della divozione al Sacro Cuore, 
la vita della B. Margherita su 1 ma- 
noscritti e i documenti originali, se- 
condo le esigenze legittime della cri- 
tica storica. Viaggi, ricerche nelle bi- 
blioteche, trascrizioni di manoscritti, 
consultazioni di opere e di mono- 
grade, ed altre fatiche non lievi costò 
al dotto e divoto scrittore quest'ot- 
tima narrazione di tutto ciò che ri- 
guarda la grande discepola del divin 
Cuore, della quale con parsimonia 
densa di cose, di osservazioni, di note 
utilissime ci fa assistere alla prepa- 
razione, alle grandi rivelazioni, alla 
prova dei divini carismi, all'apostolato 
e agli ultimi giorni, come ad una Vi- 



sione di giorno purissimo, che sale al 
suo meriggio, e nel suo tramonto 
lancia più meravigliosi i suoi sprazzi 
di luce e di speranza. L'erudizione del- 
Tautore, e la piena e perfetta cono- 
scenza di tutta la letteratura della 
B. Alacoque, non che impacciargli la 
penna, gliela rendono più rapida ed 
attraente, perchè egli sa tanto bene 
congiungere il racconto storico e la 
citazione del documento da uscirne 
un bel tutto omogeneo, sparso di de- 
votissima unzione scendente neira- 
nimo del lettore come un balsamo che 
lo rapisce e l' innalza alla meraviglia 
e all'amore della grande degnazione 
del Redentore verso la misera nostra 
natura. 

Né meno de' di voti s'avvantagge- 
ranno di questo bel libro gli storici, 
pei quali specialmente v'è aggiunto 
l'indice de' nomi proprii. Noi augu- 
riamo che tutti abbiano a ri trarne 
que' vantaggi spirituali e morali, che 
negli amici del Cuor di Gesù non 
fallirà di produrre quest'opera, vera- 
mente degna, a petto d'altre, d'essere 
volta e diffusa fra noi in bella veste 
italiana, 



Sac. ANDREA COI. — Visite pastorali del B. Gregorio Barbarigo, 
cardinale vescovo di Padova, alla sua diocesi. Memorie. Padova. 
Seminario, 1907, 16", VII-I 13 p. 



Queste Memorie furono raccolte 
dal sac. A. Coi (f 1836) e compilate 
principalmente sui processi autentici 
di beatificazione e sulla Vita del Barba- 
rigo scritta dal Musoco, uno dei fami- 
gliari dello stesso Beato. Esse compren- 
dono un periodo di ben 33 aniii, 
dal 1664 al 1697, e sono tutte in- 
tessute de' più svariati episodii e 
di esempii delle più eroiche virtù. 
Per citarne un solo, da buon pastore, 
che va in cerca della pecorella smar- 
rita, così ebbe a scrivere il Beato 
ad un peccatore che non voleva sa- 



pere di confessione: verrò io stesso 
a piedi a cotesto angolo della dio- 
cesi, e mi vedrete avanti di voi gì» 
nocchione sema sorgerne fin r)u^ non 
t^i confessate. 

Attraenti sono pure le vicende 
estranee alle visite, che gli occorsero, 
specialmente le varie sue andate a 
Roma per i conclavi di quattro Pon- 
tefici, i quali tutti ebbero in somma 
stima il cardinal di Padova. Fra que- 
sti Innocenzo XI, rimandava i ve8CO%-i 
angustiati a specchiarsi nel Barba- 
rigo, come S. Pio V aveva in costume 



AGIOGRAFIA - B10G!AFIA 



346 



di dire ai cardinali: specchiatevi nel 
Borromeo. 

11 bellissimo libro, stampato con 
ogni eleganza, è un omaggio del se- 



minario a S. E. mons. Luigi Pellizzo, 
in occasione del suo ingresso solenne 
quale vescovo di Padova e successore 
del B. Gregorio. 



Mons. V. SARDI. — Vita del Servo di Dio Giovanni Alfonso Va- 
reia y de Losada, fondatore del S. Ordine della penitenza di 
Gesù Nazareno. Roma. Istituto Pio IX, 1907, 8°, VlIl-240 p. 



Certo non si allontana dal vero 
il eh. autore di questa Vita, quando 
afferma che « alla quasi totalità » dei 
suoi lettori debba tornare affatto nuo- 
vo il nome di Giovanni Alfonso Va- 
lera y Losada (1723-1760); e ciò per 
mancanza di chi in Italia ne mettesse 
insieme le memorie disperse, in una 
gradita e bene ordinata narrazione. 
Ma ciò stesso ne rende ora tanto più 
pregevole la biografia e più bene- 
merito il biografo; poiché se il Va- 
reia, come Tordi ne da lui fondato, 
era ben degno di avere alfine il suo 
storico, la stessa varietà e stranezza 
dei suoi casi, la diversità dei giudizi 
intorno a sé suscitati, la moltitudine 
delle persecuzioni e disdette sofferte, 
l'apparente fallimento di non poche 
sue imprese, massime le tempestose 
vicende delFistltuto, che fu Topera 
della sua vita e pure non fu da lui 
potuta condurre ad ultimo compi- 
mento, e tutto ciò Alla distanza di 
quasi un secolo e mezzo, concorre- 
vano a crescere le difficoltà dell'o- 
pera, non ancora da altri tentata 

Non solo dunque i religiosi del 
santo istituto della Penitenza di Gesù 
Nazareno, ma le anime religiose tutte, 



che amano vedere le meraviglie di 
Dio nella varietà mirabile dei suoi 
santi, saranno g/atl al chmo mons. 
Sardi, di avere tratto dall'ombra, il- 
lustrato e studiosamente ornato coi 
fiori della sua penna forbita, Timma- 
gine di questo santo spagnuolo, il 
quale dopo unMnfanzia e una fan- 
ciullezza piissima, dopo una gioventù 
burra%osa fra la dissipazione della 
milizia e i pericoli della vita errante, 
ridottosi ad una vita di santità e di 
penitenza austerissima, iniziata la 
istituzione di un novello Ordine, 
quando tanta guerra già si moveva 
agli antichi, perseguitato e cacciato 
da una città ad un'altra, veniva a 
morire in Italia, dova non molti anni 
appresso l'Ordine da lui istituito 
riceveva V apostolica approvazione. 
« Ravvivi il Signore, conchiudere- 
mo anche noi, pei meriti del suo servo 
Giovanni, la pianta che per la tristizia 
dei tempi, è alcun poco isterilita; e 
faccia che nella presente stagione cosi 
depravata e cosi sfrenatamente per- 
duta dietro i godimenti della terra, 
i discepoli del Varela coU'esempio e 
colla parola richiamino molte anime 
sulla via della vera penitenza. » 



Mons. BAUNARD, rettore delle facoltà cattoliche di Lilla. — La 
fede e i suoi trionfi. Voi. L II conte Schouvaloff, Donoso Cortes, 
il generale La Moricière. Prima versione della 7* ed. frane, del 
sac. Basilio Parasiliti. Torino, Lib. Sacro Cuore, 1907, 16o, 
XV-488 pag. L. 3. 

« Tre personaggi occupano que- grembo della Chiesa per vie diverse, 
eto volume: un russo, uno spagnuolo, e per ciò stesso molto più acconci 
un francese, tutti e tre ritornali in a rappresentare le diversità delle for- 



34« 



BIBLIOGRAFIA 



me che piace alla grazia di prendere 
negli uomini di buona volontà. Lo 
Schouvaloff, gran signore e poeta, 
ritorna a Dio spinto dal potentis- 
simo bisogno d*una beltà, d*un amo- 
re e d'una felicità trascendentali; 
Donoso Cortes, pubblicista e statista, 
dal bisogno della pace per gì' indivi- 
dui e per i popoli; il La Moricière, 
uomo d'onore e uomo di guerra, da un 
generoso bisogno di verità e di giusti- 
zia. Tutti e tre studiano, cercano, 
investigano, e tutti e tre trovano 
r oggetto di tante ricerche e di tante 
investigazioni alla scuola ed al ser- 
vigio di Colui che è la via, la verità, 
e la vita » . Così il dotto scrittore, e 
quanto narra, lo dimostra dalle loro 
testimonianze, bellamente intrecciate 
in un ameno, semplice e religioso 
racconto. Egli entra nel cuore dei 
suoi personaggi, ne scruta le ten- 
denze buone e cattive, le cadute e i 
risorgimenti, le ansie e i dubbi. 



ond'essi erano travagliati ed agitati 
internamente durante il cammino 
verso la luce e la virtù, mentre pure 
esternamente compivano imprese ed 
opere, che sembravano accennare as- 
sai più pace e tranquillità di coscienza. 
Ma tale è sempre il segreto lavorio 
della grazia, che dispone tutte le cose 
con fortezza e soavità. 

Alla battaglia segui il trionfo. 
La carità dello Schouvaloff, la fede di 
Donoso, la speranza del La Moricière 
ponevano il sigillo della religione e 
della pietà all'opera più matura della 
loro attività. 

Valga il loro esempio di luce e 
di sprone a chi sente il bisogno di 
riconquistare la male abbandonata 
fede, e di conforto e coraggio a chi 
soffre e combatte per la sua difesa. 
Tale è lo scopo di questo bel libro» 
offerto dal Parasiliti in veste Italiana, 
chiara e semplice, né meno adoma e 
forbita. 



Mons. PIETRO STROBINO vescovo titolare di Pompeopoli, vicario 

apostolico del distretto orientale del Capo di Buona Speranza. 

Tributo di un condiscepolo. Con nove incisioni. Genova, tip. 

della Gioventù, 1906, 8% 128 p. 

È una bella memoria d'un apo- 
stolo del continente africano, rapito 
troppo presto alle speranze più fio- 
renti della Chiesa cattolica e della ci- 
viltà cristiana. Mons. Strobino, nato 
in quel di Biella, fu alunno del col- 
legio Brignole Sale Negrone per le 
Missioni Estere fondato in Oenova 
dalla munificenza del marchese Bri- 
gnole Sale e della sua consorte la 
marchesa Negrone. Partito prete gio- 
vanissimo pel Vicariato orientale del 
Capo di Buona Speranza, nel 1879, 
vi spiegò uno zelo indefesso ed in- 
traprendente per ogni opera d'istru- 
zione e di carità, amato ed ammi- 
rato da tutti pel suo coraggio e per 
la cordialità equanime del suo carat- 
tere. Tornato due volte in Europa, 



anche per rimettersi in salute, il suo 
ardore lo spinse di nuovo laggiù tra 
i Cafri. Fatto coadiutore di mons. Ri- 
ca rds, e succedutogli nel carico di 
vicario apostolico nel 1893, lavorò 
ancora tre anni instancabile misaio- 
nario e padre del suo popolo, e, con- 
tratto l'immedicabile morbo polmo- 
nare, mori a Graff-Reinet il 1 otto- 
bre 1896 a quarant'anni. 

All'affetto del suo condiscepolo 
p. G. B. Maggiorotti, missionario già 
da 32 anni in quelle parti, si devono 
le notizie raccolte in questa memo- 
ria, che presenta all'ammirazione ed 
all' imitazione le virtù e le fìitiche, i 
lunghi patimenti e l'invitta pazienza 
di sì generoso eroe di Cristo e del 
suo Vangelo. 



ORATORIA 



347 



N. SCHEID S. 1., Prof, in Feldkirch. — P. Franz Hunolt S. I. Ein 
Prediger aus der 1. Halfle des 18. Jahrhunderts. Regensburg, 
Manz, 1906, 16«, VIIM16 p. M. 1,50. 



La persona, Tapostolato, il ca- 
rattere e Timportanza del P. Hunolt, 
che fu il più insigne predicatore 
germanico della prima metà del se- 
colo XVni vengono in questa pubbli- 
cazione ritratti nel modo più fedele, 
più vivo e più edificante. 

In un tempo di decadenza, quando 
la predicazione risentiva non poco 
della volgarità letteraria dominante, 
fu il P. Hunolt un vero uomo apo- 
stolico, segnalato tra tutti per la 
fecondità ispirata del pensiero, per 

Fr. BOUCHAGE. 



la dignitosa e schietta popolarità 
della forma, e per la efficacia con- 
quistatrice del suo zelo apostolico; 
talché anche oggidì i suoi sermoni 
stampati sono una ricca miniera, da 
cui i banditori della divina parola 
possono largamente attingere eccel- 
lente materia predicabile. È pertanto 
il presente lavoro del P. Scheid un 
ottimo mezzo per ravvivare e divul- 
gare le sane tradizioni della sacra 
eloquenza, come pure un utile con- 
tributo alla storia della medesima. 



Formation de l'orateur sacre : 72 exercices com- 



prenaut tout le catéchisme du 
toires. ParÌ8'Lpan, Vitte, 1907, 
Certo non poteva il P. Bouchage, 
per far seguire a* precetti da lui dati 
nel suo metodo di eloquenza la pratica 
genuina, eleggere miglior materia di 
quella ch'egli propone in questi sche- 
mi oratori!, cioè gli argomenti asse- 
gnati nel catechismo del Concilio Tri- 
dentino, il Credo j i sacramenti, il de- 
calogo e la preghiera ossia il Pater 
noster. Sono 72 temi, con esordio, 
diyisione e perorazione, che in forma 
semplice e succosa, Tautore presenta 
a mo' di trama, di schizzo, per av- 



concile de Trente. Thèmes ora- 
16°, XXVni-278 p. Fr. 3. 
ricerca, all'omogeneo sviluppo, al vi- 
vace argomentare, ai proficuo muo- 
vere. Modelli sbozzati, ma già pieni 
di pensiero e di vita, han bisogno 
degli altrui colpi di martello, e dei- 
Taltrui fatica per isprigionarsi dalle 
loro ruvide forme, parlare al popolo 
e spronarlo a bene. I novelli predi- 
catori vi si provino, e del frutto che 
ne verrà loro, impareranno qual sia 
la miglior forma di profittar per sé 
e per gli uditori, pel maestro e pei 
discepoli, nella scuola del vivere mo- 
rale e cristiano. 



vezzare il giovane oratore alla seria 

Mone. BOUGAUD, obispo de Lavai. — El cristianismo y los tiem- 
p08 presentes. Traducción de la novena edición francesa por el 
Dr. D. Emiuo A. Villelga Rodriguez, Pbro., Catedràtico de Apolo- 
gètica y de Elocueacia sagrada en la Unìversidad pontificia, voli. 5. 
Barcelona, Gili, 1907, 14°, 510, 578, 507, p. L'opera intiera L. 25, 
L'opera famosa di mons. Bougaud mandazione se non là dove la sua 

vede ora la luce anche in veste spa- fama non è peranco giunta. Gli è per 



gnuola per la dotta penna del dott. Vil- 
lelga, per ufficio conoscitore esperto 
della apologetica cristiaiia. Notissimo 
anche in Italia, il capolavoro del gran 
vescovo di Lavai non chiede racco- 



questo che il traduttore spagnuolo, 
rivolgendosi a' suoi connazionali, 
benché confessi che per tal opera non 
era necessaria pre&zione veruna, cor- 
tesemente però loro la presenta, mo- 



348 



BIBLIOGRAFIA 



strandone i pregi, e il contenuto par- 
ticolarmente del primo volume. In 
due parole, egli dice, ecco il mera- 
viglioso disegno di quest^opera mo- 
numentale. Dal punto sintetico, que- 
sto lavoro è un riassunto, ma largo 
e sostanziale delle grandi questioni 
oggidì dibattute nel terreno dell'apo- 
logetica. I cinque profondi e ricchi 
studi intorno alla religione e T irre- 
ligione, a Gesù Cristo, a' dogmi del 
Credo, alla Chiesa e alla vita cri- 
stiana assommano in sé il complesso 
della lotta tiianica religiosa e discu- 
tono con magistrale e vigorosa tattica 
tutti i punti capitali della controver- 
sia. Fra tutte Topere di simìl genere, 
d'indole sintetica e generale, quella del 
Bougaud, per tacer dell'Apologia del 



P. Weiss, del resto totalmente diversa 
per indirizzo, è Ja più perfetta, am- 
mirabile, originale e meglio scritta 
(pag. 9). E a tal sentimento il Vil- 
lelga venne, dopo d'aver per obbligo 
del suo magistero percorso quanto di 
più eccellente l'odierna apologetica 
ebbe fruttato. Di qui lo zelo di far 
conoscere altrui il tesoro da sé tro- 
vato, e per mezzo della sonora lin- 
gua di Cervantes farsi interprete de- 
gli alti pensieri del Bougaud sulla 
nona edizione francese. 

Il solerte editore Gili di Barcel- 
lona ofTre a' lettori i primi tre vo- 
lumi ; ma colla fine dell'anno corrente 
gli altri due coroneranno l'intiera 
edizione, bella, chiara, né troppo gra- 
vosa per le borse. 



Mone. U. FRANCO. — De rore coelì. Una settimana di ritiro spi- 
rituale per le dame cristiane, pubblicata da G. B. Cinqdetti. 
Verona. Cinquetti, 1908, i6^ XVI 344 p. L. 2,50. 



Semplici i temi e semplicemente 
trattati, cioè in una forma plana e 
schietta e con molto sentimento di 
pietà. È una lettura soda e raccoman- 
dabile specialmente alle pie signore. 



per le quali questo ritiro spirituale 
fu composto dall'insigne autore Mons. 
U. Franco, tanti anni or sono, ed ora 
opportunamente pubblicato a cura del 
benemerito D. G. B. Cinquetti. 



LEON RIMBAULT, miss. ap. — Les Vaillaotesdu devoir. Éludes fé- 
minines. 2* ed. Paris, Téqui, 1907, 16^ 408 p. Fr. 3.50. 



Il eh, A. esordisce con una con- 
ferenza fondamentale sul dovere, di- 
mostrando la gloria riposta nel bene 
adempirlo. I titoli delle altre sette con- 
ferenze sono ordinatamente : celleaqui 
pensent, celles qui vibrent,... qui ai- 
meìit,,.. quiplenrent,... quipriettt, .. 
qui iravaiUent,... qui lutient. Que- 
st'ultima è al tutto stupenda. La donna 
deve lottare, non già con le armi, come 
Giovanna d'Arco, ma coU'intelligen- 
za, coU'energia, collo zelo, colla pru- 
denza e sopratutto coìV unione che 
fa la forza, e vale a combattere tanti 
elementi esotici di degenerazione e di 
corruzione rainaccianti il vero patriot- 
tismo e la nostra fede. Il libro si 



chiude con una preziosa appendice: 
Lesfemntes de France, e sono quattro 
eroine cristiane: Genoveffa, Clotilde, 
Bianca di Castiglia e Giovanna d'Arco, 
La prima vi è figurata quale mirabile 
esemplare delle vergini ,che volontaria- 
mente rimangono nel secolo; la seconda 
qual modello edificante di donna che e- 
sercita un apostolato cristiano; la terza 
come tipo di madre cristianamente e- 
ducatrice; e l'ultima finalmente quale 
impavida eroina della patria e della 
Chiesa cattolica. 

La bontà delle dimostrazioni e la 
forma letteraria, sempre piena di brìo 
e di estro or.itorio, rendono il libro 
assai proficuo ed attraente. 



ORATORIA - PIETÀ 



3i9 



F. M.* PARISI, barnabita. — Gesù Cristo. Discorsi. Napoli, Ron- 
dinella, 1906, 16S 360 p. L. !2,50. 

Pure facendo qualche riserva su certe 
autorità che si adducono in prova e 



L'eloquenza smagliante del eh. 
p. Parisi grandeggia in queste pa- 
gine, ben più che non £Eiccia nei suoi 
discorsi morali (Cfr. Oiv. Cati. 1906, 
II, 472). Talvolta Targomentazione in 
difesa delia verità suppone obbiezioni 
piuttosto antiquate: segno che i di- 
scorsi non sono di fattura recente. 



che forse sarebbero più acconce al- 
lo scrittore che non al sacro oratore, 
diremo che il complesso di queste 
prediche è frutto di zelo sacerdotale 
sincero, atto ad illuminare le menti 
ed a commuovere i cuori. 



Mons. C. MOLA., Vescovo di Foggia. — Brevi discorsi morali. Na- 
poli, Artigianelli, 1907, 8" 336 p. L. 3. 



È un libro di modeste sembianze, 
ma è la modestia del vero merito, 
perchè sotto le dimesse apparenze 
di questi « brevi discorsi » si asconde 
ricca sostanza di dottrina sana, soda, 
nutriente: un vero pane dell'anima. 
Le più belle e solenni verità, spe- 
culative e pratiche della nostra fede 
formano la materia prelibata di que- 
sti, che rEccelientissimo Autore chia- 
ma discorsi non prediche; anche 
perchè s'intenda esser fatti non per 
dirsi dal pulpito, ma per servire di let- 



quelle, che non avendo Tagio di ascol- 
tare in chiesa la viva parola di Dio, la 
potranno trovar qui, sempre, in queste 
pagine, scritte appunto per servir di 
«quaresimale in famiglia». Né noi 
c'indugeremo a dire se questa lettura, 
altrettanto che utile, sarà per riuscire 
dilettevole; perchè chi conosce l'aurea 
penna dell' illmo mons. Mola, sa quale 
attrattiva egli dà a tutto ciò che 
scrive — e ha scritto tanto fin qui — 
colla grazia e la vivezza d'una forma 
sempre, chiara, sobria, leggiadra. 



tura alle anime pie. Specialmente a 

P. LANIER prétre de Saint-Salpice. — L'Évangile. Les discours et 

les enseignements de Jesus dansTordre chronologique. Paris, Beau- 

chesne, 1907, 16«, 400 p. L. 3,50. 

Libro scevro di pretensioni e spo- con alcune note, e cosi procede fino 



gliodi apparato scientifico. Prendendo 
a esporre la vita del Redentore dagli 
inizi del ministero pubblico, l'autore 
riassume brevemente i fatti; di poi 
quando ^ìi capita un discorso, una 
parat>ola, li traduce alla semplice in 
francese, succintamente li rischiara 



all'Ascensione di Gesù e alla discesa 
dello Spirito Santo su gli Apostoli. 
Certamente è questo un lavoro che 
produrrà frutti di edificazione in tutte 
le anime di buona volontà; e ciò basta 
perchè noi auguriamo all'opera la 
più larga diffusione. 



Mons. A. CARON, vescovo coadiutore di Ceneda. — Messa e Officio. 
Dono ai novelli sacerdoti, Vicema, Galla, 1907, 8<*, 80 p. Cent. 60. 



L'eccAo autore presenta ai neo- 
sacerdoti questi pii ricordi, così come 
gli sgorgano dal cuore. Egli parla 
della santa messa e ne spiega parti- 
tamente il canone; percorre l'officio di- 
vino e dà alcune notizie storiche che 
lo riguardano Ma non è da cercare 



qui entro sfoggio di erudizione scien- 
tifica, come avverte lo stesso autore, 
sì bene pie osservazioni e sodi avver- 
timenti a fine d'infervorare i novelli 
sacerdoti ed eccitarli a bene compiere i 
due quotidiani ministeri di nostra san- 
tificazione, quali la mes a e T officio. 



t 



Il P. GIOVANNI GIUSEPPE FRANCO S. I. 



In sul principio di questo nuovo anno dobbiamo segnalare una 
nuova dolorusn perdita nella famiglia degli scrittori della Civiltà 
Citttoìica, Il piti anziano tra noi, il P. Giovanni Giuseppe Franco, 
ci \m lasciati per una vita migliore il 15 di gennaio a un'ora dopo 
In n\e//.anotte, in età di otlantaquattro anni quasi finiti, chiudendo 
con una morte tranquilla una vita spesa nelle opere dello zelo, nel 
di'siderio incessante del bene. Questo, si può dire con verità, fu il 
distintivo di quel carattere serio, profondamente pio, benigno e ama- 
bile nella sua religiosa riservatezza, il quale non conobbe ambizione, 
non peixiette tempo, lavorò senza tregua e senz* ansietà. Qua- 
ranta e più anni de* suoi migliori egli dette all'opera della buona 
st.^mpa nella iH^llaN^razìone ordinaria alla Civiltà Cattolica, cui fu 
assegnato dai superiori tìn dal t8t>3, e che servì fedelmente, rive- 
sttMulo ivp Tamonità del racconto e cini la vivezza d*uno stile festoso, 
forl»;to e spigliato, ^a difesa della rt*ligione e della morale, i grandi 
pt^M S'ori de!!a sua vita. 

lUovciuni Kriinov^ fratello al P. Secondo salito in tanta fama 

jvr lei prx\i\\ir orc\ trji UAto di cìvi'.e fd^r^iìa il 2f> gennaio Ì8i4 

A Tor v^ vìv^e frxs;.;e:::ò ptT dloutil a:::*ì le souole deite del Car- 

;u. 'e, U'::;.:e A .orci via" ^e:>u lì. e fu jkv*vo*/o crll'cnìia^f stesso, che vi- 

\,i'^*'.^ ^wsiivrAxji. AMH^oa per V go^icetta ecà gli fu consoli ti to. 

a o^ *^ Aj?.*^:o iNvS. Kji::o t»*' .a t^ovoiji c-::à d: Ch*eri :ì primo ti- 

rvv •» V* e ^ !.•-"»» :ii: :.v\ »»nì' « T^^'-'o .tu- * i- •» «.^««^--Pa, ne!* 'autunno 

vL'* *^r* i\ts<v^ ji N vAr* a *-s%?^t.ire !e'.ter\t.:ra :a qa^l collegio. 

:it»vV'»,* !^u<>i'' 'vt ie'*A 0,*-"M^' jk. i«t-^"e"nr«f ?<: «jr: ^rarde alacrità 

■ ^ ' •*• ~. - .^-i' e<^-v '• "':/.--.i-*. •:*■*•* 1 or.1 •-"csC'i.TiJLTir-O. «i: pub- 

* <.v>i. ;^ s.t^^ .:'•.<„' '^■■". :*•.*!•• •'.'- M"!t_" 5^«: •"! 'l'zx co- 

• .-^ •« Ji • • i ; " .' . ' .1 jl:-: >M":; :*: i o >t'^«:\' p^- .'i*.': delle 

i «r -• aNs- . *- V': "• 1. JL va" • i":'-'*-? 1-. v- - 1 -«:! trarre 

* -V - ' ,' ' . > .' ', -^-' L • ^ r-'.* ì- L Tt-iji; ■? '«f .1. .-*::i*ra- 

.1 ^ w jk A • i,- X ^'^< ;, .v' :>*. *• 1 :»: ii- i :c i ;ie>:' -. Ji «eap: 
*■ • • t 1 nr X '. ^ 1 ■ . :v : r? 1 •-••fi.- ir.:', nie .XìC^. ^•■- 1. acqui- 
s. jt ,» t' «: . >. »»: ^•', . i : ^vi "si. 

'' *>*» " • 1» ' A :v . ■»c; i V c'^nrt :ir*i *S*^. soorarre- 



IL P. GIOVANNI GIUSEPPE FRANGO 8. I. 351 

pagatasi la rivoluzione nel vicino stato di Parma, egli dovette va- 
gare per diverse città, ospite di benevole persone, finché potè rifu- 
giarsi in Francia nel giugno del 1848. Nondimeno tutti quei tram- 
busti al giovine vivace religioso non avevano levata la calma dello 
spirito, né l'avevano distratto dal pensiero, che Taccompagnò fino 
agii ultimi suoi giorni, di prevalersi di tutte Toccasioni per istruirsi, 
visitando i monumenti delle città e le rarità dei paesi, come le isole 
Borromee, la certosa di Pavia con le sue ricchezze d*arte e di gemme, 
osservando a Parma un ecclisse di luna dalla specola di quel col- 
legio, appuntando brevemente ogni cosa notevole ne' suoi diarii. 
Avanti però di valicare le Alpi, fra tante incertezze e sconvolgi- 
menti aveva egli avuto dai superiori le opportune facoltà per or- 
dinarsi sacerdote, quando prima gli venisse fatto; il che in quei 
giorni agitati non era cosa agevole; ma come a Dio piacque, egli 
ottenne il suo intento a di 4 di giugno 1848 in Vercelli, per mano 
di quell'insigne prelato e apostolo di carità, che fa l'arcivescovo 
monsignor D'Angeunes. Cosi consolato e forte della nuova robu- 
stezza che gli dava il carattere sacro, s'affrettò di passare i monti, e 
per la Savoia, per Lione, pel Rodano, visitando i santuari, osser- 
vando, notando, si condusse a Vals presso il Puy, ed in quella casa 
di studio della Compagnia di Gesù offri a Dio le primizie del suo 
sacerdozio nella festa di S. Luigi, il ^1 di giugno. Ripreso colà 
lo studio della teologia, prima a Vals poi a Dole ne) Giura, nel 1850 
andò a continuarlo a Lovanio, passando prima a Parigi due mesi 
dell* estate. 

Questi egli dedicò ad uno studio, pel quale ebbe sempre un sin- 
golare interesse, alla botanica, intervenendo alle pubbliche lezioni, 
frequentando spesso il Jardin des plantes, e s' impratichì bene, mas- 
sime nella botanica sistematica in cui ebbe dappoi notevole fami- 
gliarità e sicurezza. Anche il Belgio forni al P. Franco ampio campo 
d'istruzione, prima negli studi sacri, a' quali attendeva principal- 
mente, e poi ne' monumenti, nei numerosi stabilimenti scientifici, 
nell'industria quivi largamente sviluppata. 

Compiti colà gli studi e l'ultime prove della religione, tre anni 
appresso rientrò in Italia, per Parigi, Marsiglia e Genova, ed indif- 
ferenti incarichi d'insegnamento e di predicazione, a Massa, a Reggio 
di Calabria, a Napoli, ebbe occasione di scorrere la penisola da capo 
a fondo e conoscere quel paese, donde doveva trarre in seguito tanti 
elementi, ricordi, imagi ni alla sua vena letteraria Ritornato a principio 
del 1857 a Massa, e occupato in predicazioni diverse per la Garfagnana, 
la Lunigiana e la vicioa Toscana, nell' autunno fu inviato a Bastia 
in Corsica, restando in quell'isola poco meno di sei anni, quasi 
senz' interruzione. Nel vigore delle sue forze, la percorse predicandovi 



352 IL P. GIOVANNI GIUSEPPE FRANCO S. I. 

missioni e faticando in varii ministeri, senza dimenticare quello della 
penna, che fruttò alcuni racconti, indizio d' un' attitudine, che poco 
stante ebbe più largo campo d'esercitare. 

Chiamato infatti dai superiori in Italia e venuto a Firenze, indi a 
Roma, il i2 novembre del 1863 entrò a parte della redazione della 
Civiltà Cattolica, che non lasciò più, se non per passare, come spe- 
riamo, alla beala dimora del cielo. Questi furono per un uomo dello 
zelo e deir attività del P. Franco anni pieni, ancora più dei prece- 
denti. Anzitutto l'occupazione assidua dello stendere per la C. C. i 
racconti del Tlgranate (1865), Simon Pietro e Simon mago (1867), 
La Campana di Don Ciccio (id.), I Crociati di S. Pietro (1868 s.). 
La Savia e la passa (1871), I cuori popolani (1872), Le vie del cuore 
(1873 8.), Le gemelle africane (1876 s.). La sposa della Sila (1878 s.) 
Gli spiriti delle tenebre (1880 s.). La contessa internazionale (1884 s.). 
Massone e massona (1887), Le diavolerie del secolo passato (1890 s.). 
Al dimani del Diluvio (1892 s.), oltre una quantità di articoli e di 
trattazioni seguite e staccate, che venne pubblicando nel periodico, 
sulla massoneria e sullo spiritismo massimamente, sull'ipnotismo, 
i presentimenti e le telepatie, e cose simili. Argomenti pieni tuttora 
di mistero e irti di difficoltà senza fine ; dove non è meraviglia che 
s'armasse di diffidenza uno spirito retto e zelante come il P. Franco, 
il quale per la lunga pratica del ministero, e per con6denze avute, 
era anche troppo esperto degli effetti deplorabili di quelle cause oc- 
culte, qualunque ne voglia essere la natura. 

Ulndice generale della Civiltà Cattolica (Roma 1904) può dare 
un'idea più adequata, che questa rapida enumerazione, dell'attività 
letteraria del P. Franco; i lettori che per tanti anni ne seguirono 
con interesse le pubblicazioni, come i non pochi altri che scorsero 
le pagine di quei racconti ristampati a parte in frequenti edizioni, tutti 
sanno quanta istruzione vi sia racchiusa sotto l'amenità di una no- 
vella più o meno intrecciata. I romanzi del Franco si potrebbero 
Forse annoverare ad un genere intermedio tra i romanzi così detti 
a tesi e i didascalici; giacché l'autore tra svariatissime avventure im- 
maginarie, talora sul filo d' un fatto reale convenientemente dissi- 
mulato, ha sempre di mira alcuna tesi o morale, o religiosa, o po- 
litica, e la propugna o la espone, chiamando in aiuto la storia, l'ar- 
cheologia, le scienze filosofiche e teologiche, ed anche le fìsiche di tutti 
i rami. Nelle vie del cuore p. e., che sono certamente uno dei migliori, 
egli svolge la controversia cattolica contro il protestantesimo ; nelle 
Gemelle africane, l' apologia cristiana ; I Crociati di S. Pietro sono 
una storia della guerra contro Roma, che terminò colla battaglia di 
Nfentana nel 1867, per la quale attinse tutti i particolari agli ar- 
chivii di Stato fattigli aprire dal papa Pio IX, senz'eccezione; il che 



IL P. GIOVANNI GIUSEPPE FRANCO 8. I. 353 

conferisce allo scrìtto un valore speciale, e gli valse il merito della 
traduzione in varie lingue. I tre volumi, oggi interamente esauriti, 
sono ricercatissimi. 

Ck>si durante il Concilio Vaticano il P. Franco era stato impie- 
gato dal Papa per la edizione della Summa Coneiliarum brevissima, 
che seppe di poi essere di Mons. Fessler, segretario del Concilio ; e 
fu similmente teologo del vescovo di Urgel Mons. Caixal y Estradé, 
e procuratore di Mons. Gelabert y Crespo vedovo di Parano. Col 
quale ultimo titolo intervenne nella tribuna alla sessione quarta, in 
cui fu definita rinfallibilità pontificia; solennità ch'egli, quale te- 
stimonio di veduta, potò poi descrivere eoa vivi e veraci colori nella 
Contessa intemasianale. 

Da tutto questo per altro non si potrebbe ancora argomentare 
appieno l'operosità del venerato e caro collega, che testé abbiamo 
perduto. Tra rincalzarsi continuo di tante stampe e ristampe, men- 
tre la vivace fantasia a servigio d' una mente calma e serena lavorava 
architettando nuove forme da rivestire le lezioni del bene, da di- 
fendere i dirìtti del vero, Tuomo apostolico non riposava mai, anzi 
colla direzione delle coscienze e colla predicazione empiè, si può 
dire, tutti gì* intervalli de* suoi giorni. Non l'avremmo creduto noi 
stessi, se non avessimo ora sott' occhio gli appunti autografi del ruo 
diano: per quarantanni interi, dal 1863 a tutto il 1903, lo troviamo 
occupato o in Roma o in Firenze (dove risiedette colla Direzione del 
perìodico dal 1871 al 1887) per le chiese e per le comunità religiose 
delia città, pei seminarìi, nelle adunanze del clero, nelle congrega- 
zioni della gioventù e delle signore, per varii sodalizi, massime col 
dare gli esercizi, nei quali aveva speciale valentia ed era gustato 
pel suo senso pratico. Cosi egli operò per quasi tutta l'Italia indefes- 
samente, in Roma e nei dintorni, in Firenze, nel chiesino di piazza 
Strozzi, oggi demolito, allora frequentatissimo, e in tutta la Toscana, 
neir Emilia, nel Veneto, in Lombardia, in Piemonte, in Liguria, negli 
Abruzzi e in Calabria, finché il peso degli anni lo costrinse a riposo 
nella sua stanza, senza che valesse a spegnere in lui il desiderio 
di lavorare per Iddio e pel bene delle anime. 

E seguitò a lavorare col consiglio e con l'esempio delle più esi- 
mie virtù religiose, d'una pazienza inalterabile, d'una perpetua equa- 
nimità, d'una inesauribile carità pei poverelli, d'una singolare deli- 
catezza di coscienza, che traspira come delicata fragranza da' suoi 
appunti fuggitivi, non intermessa mai dagli anni giovanili fino al- 
r estremo della lunga età. Uomo di zelo grande, se s'indegnava 
delle iniquità presenti, delle ribellioni contro Dio e la sua Chiesa, 
del lavoro corrompitore della gioventù e della società, non poteva 
sostenere in cuore malevolenza verso nessuno, né tanto meno sulla 

1908, voi, 1, fase. 1388. S3 25 gennaio 1908. 



354 IL P. GIOVANNI GIUSEPPE FRANGO S. L 

lingua. Uomo di fede antica, d'antica austerità di pensare, era al 
tempo stesso largo e giusto estimatore dei progressi moderni, oe 
godeva e ne ragionava con compiacenza, e fino a pochi giorni avanti 
di morire teneva dietro alle novelle invenzioni percorrendo la stampa 
periodica, intere8sand*>si di tutto sinceramente. Cosi trascorse questi 
ultimi due anni, leggendo, pregando, edificando, sofifìrendo in pace la 
debolezza e le infermità, per cui si estingueva a poco a poco una 
vita lunga, santa, operosa. 

L'affetto e la venerazione nostra piti schietta lo ha accompagnato 
alla tomba; ma la sua memoria rimane in benedizione presso di 
noi, presso tanti da lui beneficati nelle loro miserie e sollevati 
nelle necessità dello spirito : rimane e sopravvive negli scritti, dove 
non è una sillaba che non sia stata scritta per la cansa dì Dio. 
Sorte veramente invidiabile! 

R. I. P. 



PUBBLICAZIONI DEL P. GIO. GIUSEPPE FRANCO S. I. 



Tre racconti. Torino, 1862, in 16». 

Le Cospiratriei. Torino, 1863, in 16o. 

Beniamina, Roma 1863. 

Aurora. Roma 1863. 

Tigranaip. Raccoiìto storico dei tempi di Giuliano apostata. 3* ed. 1883, 

due voli. 8. 
Sei racconti. 5» ed. 1886, 16. 

Id. Versione francese di tre racconti. 1863, 16. 
Simon Pietro e Simon Mago. Leggenda. 1868, 16. 
La ramfyana di Don Ciccio. Novella. 6* ed. 1900. M. 
/ Crociati di San Pietro. Storia e scene storiche della guerra di Roma 

Tanno 1867. 2» ed. 1869-1870, 8, tre voli. 
Los Crtizndoa de San Pedro. Traduz. spagnuola di I. M. CaruUa. Madrid 

1870-71, 4 voli. 
La savia e la [Kizza. Racconto storico del principio del secolo XIX. 2» ed. 

Modena, 1872-73, due voli. 16. 
I cuori popolani. Novella. 3* ed. 1889, 16. 
Le vie del cuore. Racconto di ieri. 6» ed. 1889, due voli. 
Le gemelle africane, 4* ed. 1892, due voli. 
La sposa della Sila e la gente ammodernata. 3* ed. 1898, 8. 
Gli spiriti delle tenebre. 2» ed. 1882. due voli. 

Id. Edizione illustrata. Milano, 1887, 4. 
. Id. Versione spagnuola. Barcellona, 1888, 4. 



IL P. GIOVANNI GIUSEPPE FRANCO B. I. 355 

La contessa iniemaeionals, 2* ed. 1886, 8, due voli. 

Massone e massona descritti dai documenti autentici dei settarii. 2* ed. 

due voli. 8. 
Le diavolerie del secolo passalo, 2* ed. 1891, 8. 
Al domani del diluvio. 2« ed. 1893, 8, 512 p. 
Lo Spiritismo. Manuale scientifico e popolare. 4* ed. 1907. 8, 514 p. 

Id. Trad. francese par A. Onglair. Bruxelles, 1894, 16. 
Idea chiara dello spiritismo. 1885, 8, 60 p. 
Stalo dello spiritismo nell'anno 1892. 1892, 8, 36 p. 
Nuove bugie sullo spiritismo. 1890, 8, 16 p. 

L'ipnotismo tornato di moda. Storia e disquisizione scientifica. 4» ed. 1899, 
16, 544 p. 

Id, Versione spagnuola. 2* ed. Barcellona, 1888, 16. 

Id. Versione francese par M. Villi brs. 
Un quesito d' ipnotismo. 1894, 8. 

L^ ipnotismo e i suoi fenomeni volgari, medii, superiori. 1898, 8. 
Pickman e Lombroso a Torino, ossia Tipnotismo chiaroveggente, 1890, 8. 
La nuova teoria delle suggestioni destinata a spiegare l'ipnotismo, ll>. 
Presentimenti e telepatie. Disquisizione scientifica e popolare. 2* ed. 1900, UJ. 
L'Orbe cattolico al pontefice Pio IX pel suo giubileo sacerdotale, 24» 
Catalogo di libri per le famiglie colte ed oneste. 1892; 1897, due volL 
Lourdes vero. 1903, 24. 
/ diritti degli animali. 1904, 8. 



CRONACA CONTEMPORANEA 



Boma, 10-23 gennaio 1908. 

I. 

COSE ROMANE 

1. Apertura deU'anno giubilare di Sua Santità Pio X — 9. Circolare della 
Commisalone dei festeggiamenti alte Figlie di Maria. — 3. Dono pre- 
aioeo alla Chiesa di S. Agnese al Circo Agonale. — 4. Ricevimento del- 
r Ambasciatore di Germania presso il Vaticano. 

1. La sospeaslone di una gran parte dei pellegrÌDaggi, che do- 
vevano allietare in Roma quest'anno giubilare del S. Padre, non 
deve avere per conseguenza anche la soppressione di ogni festa e 
di qualsiasi esteriore manifestazione di figliale pietà. Anzi con mag- 
gior fervore è uopo insistere perchè dappertutto i Comitati istituiti 
per la celebrazione del giubileo sacerdotale del Papa divinilo opere 
e funzioai pubbliche, airintento di ravvivare in questa fousta ricor- 
renza Tamore alla S. Sede. E Roma ha già sentito il dovere di dame 
a tutti Tesempio. Infatti il Conùtato romano dei festeggiamenti, con 
un manifesto affisso largamente per le vie« designava i giorni 17, 18 
e t9 gennaio testé decorso ad un solenne trìduo nel tempio fame- 
sì ano del Gesi^, come inìzio augurale di quest'anno 1906, in cai al 
19 settembre si compirà il cinquantesimo anniversario delia prinw 
Messa celebrata da Nostro Signore Papa Pio X n^la chiesa parroc- 
chiale di Riese sua patria. 

Il manifesto bellissimo rammentava il dovere, che di andare in- 
nanzi a tutti i cattolici delPorbe nella sincerità e cordialilà dei fe- 
ste^amenti hanno i cittadini di Roma, « la cui storia gloriosa é 
strettamente coUegata colla vita e grandezza dei Pontificato ronano». 
Assai opportuoameute poi nel manifesto medesimo si accmnaTano 
j^c.ì ^é*fmi destini dì Rosia che « attrassero in ogni tempo la mente 
ifi il cuore dx?glì spiriti eletti », con felice contrapposto ai iMiort 
fi»fs*^ini per ca^'oQ dei qudU in un altro grande aanìlesto, aottoserìtto 
vìaI Sìc^iaco dì Roroa E. Natbaa e dal Sindaco dì Torino Sen. Frola, 
er;» caMe^rtata U celebrazione del ci aquant esimo aanirersario della 
proclamai io e e di Roma cap tale. Noci ìstaremo a dire, dei destini 
•••»«,»ci e de^ìi >;t^mL quali nie^iio sorridano alla grandczia di Robe», 



GOSB ROMANE 357 

e se nella mente e nel cuore degli spiriti eletti a Roma valga maggior 
estimazione il titolo di capitale della nuova Italia datole a Torino 
il 27 marzo 1861 o quello di caput gentium, cioè di capitale dei 
mondo, conferitole da Dìo e confermatole da venti secoli dì storia. 

Fatto è che i cattolici romani, risposero con mirabile slancio di 
devozione all'appello del Gomitato per il giubileo, mostrando di tener 
fede ai destini etemi di Roma. Tutte le sere del triduo il Gesti fu 
aCTollato come nelle maggiori solennità ad ascoltare i discorsi del 
P. Zocchi S. I. che predicò nei primi due giorni sulla, paternità pa- 
pale e sulla Cattedra di S. Pietro, e deirillibo e Revibo Monsignor 
Paolo Maria Barone, arcivescovo titolare di Melitene, che ragionò del 
giubileo sacerdotale nel terzo giorno, cioè la domenica 19 gennaio. 

Gli Eminentissimi Cardinali, Rinaldini, Samminiatelli e Respighi 
Vicario Generale di Sua Santità diedero successivamente la benedi- 
zione col Santissimo Sacramento, assistiti nel primo giorno dal Col- 
legio Pio latino americano, nel secondo dal Collegio leoniano e da 
una rappresentanza del Collegio germanico, nel terzo dai due Semi- 
narli Romano e Pio e dal Collegio germanico. Al solenne Te Deum, 
cantato nella chiusa del triduo, l'altare maggiore del Gesù, già stu- 
pendamente illuminato da una moltitudine di lampade elettriche, era 
divenuto un mare di luce per le centinaia di torcie dei rappresen- 
tanti di tutte le associazioni cattoliche romane, del Comitato romano 
e del Comitato centrale del giubileo di Sua Santità. Sublime mani- 
festazione, che commosse il cuore del Papa, massime per la sua 
grande spontaneità e perchè sì parve troppo evidente che tutte le 
classi della cittadinanza avevano espressamente voluto cogliere questa 
occasione per palesare i loro sentimenti dì figli al venerati ss imo ed 
amatissimo Padre. È quindi a sperare che andrà crescendo non solo 
in Roma ma in tutta Italia e nelle altre nazioni cattoliche il sacro 
entusiasmo delle feste giubilari. 

2. La commissione per il Giubileo del S. P. Pio X ha diramato a 
tutte le Pie Unioni delle figlie di Mariana seguente circolare: 

Com'era già stato annunziato, per desiderio dell* E&o Cardinal Vicario, 
il giorno 9 corr. si sono riuniti a plenaria adunanza i RR&i Direttori di 
tutte le Pie Unioni delle Figlie di Maria di Roma, aggregate ai tre centri, 
della Primaria di sant'Agnese, delia Prima Primaria di sant' Ignazio e della 
Congregazione della Missione di Parigi. 

Di comune accordo pertanto s'è stabilito che, dentro il prossimo mese 
di Febbraio — in cui cade anche il cinquantesimo anniversario dell'Appa- 
rizione di Lourdes — in quel giorno che tornerà più comodo, dietro speciale 
invito che i RRi&i Direttori rivolgeranno alle singole ascritte, ciascuna Pia 
Unione — nella propria sede — terrà solenne adunanza, nella quale, chi 
vorrà, si accosterà alla Santa Comunione; tutte insieme pregheranno pel 



S58 CRONACA CONTEMPORANEA 

Sommo Pontefice, e il Rnio Direttore pronunzierà un discorso sul Papa e 
liul Giubileo. Di quanto verrà praticato in siffatte adunanze e del numero 
delle intervenute, le segretarie avranno la compiacenza di inviare al più 
presto una succinta relazione alla Commissione, perchè si possa renderne 
informato lo stesso Santo Padre. 

Questa adunanza dovrà servire come di preparazione alla solenne udienza 
che Sua Santità sì degnerà concedere alle Pie Unioni delle Figlie di Maria 
dì Roma e suburbio ed ai RRAi Direttori delle medesime. In tale propizia 
occasione si uniranno anche in ispirito tutte le Pie Unioni delle Figlie di 
Maria del mondo cattolico e verranno rappresentate presso il Vicario di Geeù 
Cristo dalie Pie Unioni di Roma e specialmente dai RKAi Direttori generali 
dei singoli centri sopraindicati. 

Nella suddetta riunione dei Direttori vennero anche, di pieno conaensoa 
jiccettate alcune altre proposte della Commissione, che potranno recare pe- 
renne vantaggio alle singole congregate, alle loro famiglie e alla società, e 
che qui brevemente si accennano: 

i.^ Invece di tenersi — come di ordinario — una sola riunione men- 
sile, ciascuna Pia Unione d*ora innanzi, come già talune fanno, procurerà 
di averne duo in ogni mese — in quei giorno e in quell'ora che si crede- 
ranno più opportuni — perchè il Direttore possa svere agio di tener confe- 
renze religiose, morali e sociali adattate all'uditorio e alle circostanze dei 
tempi. 

2.0 Le singole congregate si adopreranno con zelo ardente per opporsi 
alle cattive letture e diffondere la buona stampa nelle famiglie e nella so- 
cietà. A tal uopo, quelle Pie Unioni che hanno già una biblioteca circolante 
cercheranno di vieppiù arricchirla, e quelle che non V hanno procureranno 
di fondarla. Questa biblioteca, qualora fosse abbastanza copiosa ed impor- 
tante, potrebbe essere intitolata dal nome dell'augusto Santo Padre Pio X. 
Inoltre, ciascuna Pia Unione, dovrà fornirsi dì un relativo numero di copie 
del « Foglio Volante » che si pubblica in ogni bimestre per cura dell' Unione 
Popolare fra i cattolici d'Italia, affinchè le Figlie di Maria l'introducano 
nelle famiglie. Tali copie si potranno avere, a prezzo tenuissimo, rivolgen- 
dosi al Vicariato di Roma. 

3.0 Da ora in poi le riunioni dei RRmi Direttori si ripeteranno perio- 
dicamente, affine di trattare insieme quanto si crederà necessario od oppor- 
tuno per il bene e V incremento delle Pie Unioni. 

3. Coo pompa straordinaria e maggior coocorso di popolo qua- 
si anno si è celebrata la festa delia martire romana S. Agnese nei 
suo splendido tempio al Circo Agonale. Era la prima volta che io 
quella chiesa, che pure era priva d'una reliquia della santa giovi- 
netta, si esponeva la sua testa dono del Santo Padre, rinchiusa in 
una preziosa ed artìstica custodia offerta dal magnìfico Cardinale 
protettore Emo Rampolla. Accompagnava il dono del Sommo Pon- 
tefice una lettera al medesimo signor Cardinale nella quale si dichiara, 
che quindi innanzi il tempio avrà in custodia il sacro deposito, ri- 
OLanendo il dominio di esso e del T urna che lo rinserra presso lì 



COSE ROMANE 359 

Sommo Pontefice ed i suoi successori. Ecco la lettera nel suo testo 
originale. 

Dilecto Fato Nostro Mariano Titulo S. Caeciliae 8, R. E, Presi). Card. 

Rampolla Del Thtdaro, 

Plus PP. X. 

Bilecte Fili Noster, saluiem et apostolicam benedictionem. — Hagnae 
virgìnis Aedem, quae in Foro agonali eet, nihil possi dere oognovimus 4e 
exuvlis Martyris sanctissimae : idque eo mirum magis vìderi debet, quod 
nobilissima Aedes eo ipso loco est aediflcata quo Puella insigne omnique 
aetate celebratum martyrium fecit. Hanc ob rem piacuit No bis ipsum Hagnae 
caput, quod antehac ad Lateranum in augusto Sanctissimi Servatoris sacello 
asservabatar, postmodum in praedicio Tempio, Deo in honorem aanctae 
Hagnae dicatum, aaservaiidum concedere, kl ubi Tu audi visti, qui eidem 
Tempio praees, munificentia qua poUes, oblulisti Nobls ditissiroam a eque 
atque operis praeelari thecam, in qua saerum Caput inciuderemus. De sum- 
ptuoso munere et gratias tibi agimus et laudes amplissìmas imperUmus. — 
Habeto igitur Hagnae sanctissimae venerandum Caput, quod in theca a te 
oblata Nos ipsi collocavimus. lllud tamen sic memorato tempio servandum 
palamque proponendum adhibuimus, ut et sacri Pignoris slmul et conti- 
nentìs Thecae dominium integrum ac perfectnm sit penes Nos ac Suceee- 
sores NostroB RoBianos Pontiflces. — Peeuliarìs Nostrae benevolentiae testoni 
et jaunerum divinorum auspioem, apostolicam benedicUonem Tibi, Dileete 
Fili Noster, amantissime in Domino importi mus. 

Datum Romae die XIX Januarii MCHVIU Pontificatus Nostri anno quinto. 

Plus PP. X. 

4. Il giorno 15 gennaio il nuovo ministro plenipotenziario della 
Prussia von MUhIberg si recò in Vaticano per presentare le lettere 
credenziali del suo governo che gli affida la missione diplomatica 
presso la Santa Sede. Egli fu ricevuto con gli onori dovuti al suo 
grado da Sua Santità nella sala del trono, e poi a privato colloquio 
nel gabinetto particolare del Papa. L'udienza fu cordiale e i discorai 
ispirati al vicendevoli sentimenti di concordia e al desiderio di man- 
tenere le migliori relazioni, fecero svanire tutte le supposte ra- 
gioni di dissidìì e le numerose insinuazioni messe in giro in questi 
ultimi giorni. Il colloquio nel gabinetto privato prese un tono di 
maggiv^re affabilità: il Papa domandò notizie della salute di tutti i 
componenti la famiglia del Kaiser e commise al nuovo ministro i 
suoi saluti per la famiglia imperiale. 

Quelli che commentarono il ricevimento dell* inviato geimanico 
notarono che sebbene due quistioni potrebbero ostacolare le buone 
relazioni tra il Vaticano e il governo tedesco : la questione Polatxa 
e Tattuale posizione del centro, pure per la prima si finirà con con- 
vìncersi a Berlino della inutilità dì una politica che tenderebbe ad 
esìgere cosa che il Vaticano non piftrebbe concedere, e per la sec tiida 



360 CRONACA GONTEMPORANBA 

essendo note le intenzioni di Roma di voler essere estranea alla 
lotta politica attuale fra il Centro e il Governo, anche accendendosi 
di più la lotta, le relazioni diplomatiche non verrebbero a turbarsene. 
Il nuovo ministro si recò a visitare TEibo Card. Segretario di Stato 
Merry del Val e il giorno seguente i signori cardinali di Curia, 
la sera poi nell'appartamento del segretario della Legazione ricevette i 
cattolici tedeschi residenti in Roma. 

n. 

COSE ITALIANE 

1. Scontro di Lugh nella colonia del Benadir. Agitazione nella penisola. — 
S. Neir inaugurazione delPanno giudiziario alla Corte d'appello di Roma. 
— 3 L' insegnamento religioso nelle scuole, votazione dei muoicipii di 
Torino e di Roma. — 4. Ultimo disastro ferroviario. — 6. Morte del 
Granduca di Toscana. 

1. Mentre una calma generale sembrava regnare nel mondo poli- 
tico della penisola un grido si levò del reggente dalla colonia del 
Benadir dove un improvviso combattimento era avvenuto il 15 di- 
cembre nella località di Bagallei presso Bardabe sulla strada Lugh- 
Revai. Una mano di predoni abissini aveva assalito la guarnigione 
di quel passo avanzato sul Giuba nell* interno della Somalia: peri« 
rono nello scontro alcuni ascari e i capitani Bongiovanni e MoHnari. 
L'occupazione da parte italiana non impedisce che quasi periodi- 
camente i capi Abissini del sud ne saccheggino il territorio. Que- 
sta volta il presidio richiesto d'aiuto dalle tribti Baidoa e dalle 
carovane che erano state attaccate dagli abissini pensò ingaggiare il 
combattimento con 250 ascari contro una banda forte di ottocento 
fucili. Menelik venne informato del fatto dal rappresentante italiano 
di Àddis-Abeba conte Colli di Felizzano, e se ne mostrò sincera- 
mente addolorato chiamando responsabile dell'accaduto il capo ri- 
belle e diede assicurazione che il funesto incidente sarà composto 
serenamente che i ribelli verranno puniti e costretti a indennizzare i 
danni. L'incidente, dice il Giornale dei Lavori pubblici, ha fatto 
comprendere alle potenze firmatarie del trattato Etiopico che, la- 
sciare aperta la quistione della delimitazione dei confini verso la 
Somalia italiana ed inglese può costituire un pericolo permanente: 
frattanto nei trattati con Menelick per ottenere una soddisfazione 
le tre potenze agiranno d'accordo anche per la risoluzione della qui- 
stione dei con 6 ni. 

Fuori di questo incidente di frontiera che servi di tenia per pa- 
recchi giorni alla prosa dei giornali già disposti a prevedere una 
guerra col negus ^ nulla venne a turbare la pace pubblica se non forse 



COSE ITALIANE 361 

le solite beghe der sindacalisti e riformisti tra le varie fazioni del so- 
cialismo che si COI tendono la supremazia nelle Camere del Lavoro; alle 
quali beghe presero parte anche i ferrovieri, mentre stavano per discu- 
tersi a loro carico nuovi processi dopo la deserzione dello scorso ot- 
tobre. A Ruvo (Puglie) dopo una dimostrazione di 8000 contadini 
chiedenti la soluzione di alcune quistioni demaniali e i disordini di 
due giorni appresso per i partiti locali con 1* ucci sione a pugnalate 
di due contadini e ferimenti d'alcuni carabinieri da persone scono- 
sciute, furono fatti 30 arresti ed altri più tardi, donde la calma alla 
città che dura tuttavia. Mentre a Napoli gli inquilini morosi verso 
la società del risanamento continuarono a non volere né pagare i 
fitti, né sgombrare prendendo a sassate guardie e carabinieri; a 
Palermo i ciechi mendicanti si misero sotto la protezione della Ca- 
mera del Lavoro per fare opposizione ad un recente regolamento 
che vieta Tacca ttonaggio. 

1, Inaugurandosi Tanno giudiziario alla Corte d'appello di Roma, il 
sostituto procurator generale Francesco de Blasis pronunziò un di- 
scorso molto apprezzato per elevatezza e rettitudine alla presenza di 
un uditorio sceltissimo, in mezzo al quale spiccavano il ministro Or- 
lando, il prefetto, il sindaco e molti di sentimenti non del tutto consoni 
a quelli delToratore. Questi, dopo essersi occupato dei reati contro lo 
Stato, passando a quelli della stampa lamentò innanzi tratto, che la legge 
onde essa é regolata, — ammessa Tabolizione del sequestro preven- 
tivo — sia rimasta con gli antichi difetti dell'editto Albertino del 1848, 
cagione di molti disordini. « Da ciò fors'anche promana» prosegui l'ora- 
tore « il dilagar di contumelie verso taluni sentimenti che tra noi pos- 
sono dirsi il patrimonio dei più. Continuo ed eziandio ributtante suona 
l'oltraggio, ma non vorrei che prendendo occasione dalla mancanza del 
sequestro, si accusassero le autorità di non far rispettare la religione 

con tutti gli altri mezzi dalla legge imposti. Perchè accusarle? 

Illegalf oltreché incivile è turbare la coscienza con derisioni scan- 
dalose; incivile ed illegale imporre delle credenze nella libertà del 
pensiero; illegali ed incivili sono le discussioni non serene fuori 
degli ordini della storia e della scienza: e dinanzi ad illegalità il 
Pubblico Ministero non resta. Egli ha ottemperato al dovere suo 
promuovendo e continuando per quelle offese Tazione penale. Com- 
prendo che il mio parlare non appa(2:herà coloro che per il principio 
di laicità di Stato credono potere far libito della religione: non ho 
che farci, questa è la legge e finché una legge esiste nessuna cu- 
pidigia può offuscarla. Guai se l'autorità obliassero che un popolo 
che vilipende la religione sia un popolo che non vìve... Noi che più 
di altri abbiamo agio di conoscere i fenomeni della colpa... noi più 
degli altri possiamo affermare che la credenza nella religione é ri- 



362 CRONACA CONTEMPORANEA 

tegno ai vizi! e alle cattive tendenze che son fondamento di corrut- 
tele e di delitti. » Indagate le cause della criminalità l'oratore ne 
passò in rassegna le categorie e notò come i delitti, rimanendoDe 
quasi invariata la inteusità, sono in estensione cresciuti in tutto il 
regno eoa aumento maggiore e più rapido di quello della popola- 
zione, e che gli atti giudiziarii, le sentenze, gli arresti non han po- 
tuto rallentare il progredire della delinquenza, né emendare 11,142 
recìdivi quanti furono quelli deiranno decorso. Tra le varie sca- 
turigini del male accennò a quello delle famiglie nelle quali è rotto 
ogni legame, all'infanzia abbandonata a se stessa che cresce alla 
corruzione del vizio. Contro questo torrente deve rivolgere la società 
i suoi provvedimenti affinchè, saldi gli argini, non continui a mi- 
nacciare i campi della civiltà. I rimedii però dall'oratore proposti 
per combattere e limitare la delinquenza, specialmente tra i minorenni, 
non parvero efficaci, l'esempio di altre nazioni che egli propose eoo 
le loro scuole industriali e gli istituti di educazione correzionali non 
arrivano ad uccidere il male, come mostrò di opinar l'oratore. È vero 
r.he i soli mezzi preventivi non bastano, ma quando i più efficaci 
vengono trascurati e combattuti, molto meno raggiungono lo scopo 
i mezzi correzionali : non è da credere, e i fatti lo comprovano, che 
tutte le volte che si apra una scuola si chiuda una prigione: i fatti 
e le cifre attestano l'errore. Non sono mancati gli istituti di edu- 
cazione correzionale dei quali si era sforniti anticamente ; ed ecco che 
tra noi la delinquenza fra i minorenni è cresciuta con progressione 
costante, (n una volta sola a Milano il 10 gennaio erano ^1 di questi 
imputati alla sbarra fra i tredici e i diciassette ani\i, tutti di Ma- 
genta. Diede meglio nel segno il sostituto procuratore generale alla 
Corte d'appello di Torino avv. Bertolini, il quale nel chiudere il suo 
discorso illustrò con la evidenza delle cifre la cresciuta delinquenza 
giovanile, in rimedio alla quale sempre in via di prevenzione pro- 
poneva uua maggior cura nella educazione scolastica. Nella quale 
educazione ha parte essenziale l'insegnamento religioso, la cui op- 
portunità è dimostrata da inoppugnabili dati statìstici in quanto con 
l'attuale sistema dell'insegnamento facoltativo in Torino ben 28,500 
padri di famiglia hanno chiesto l'insegnamento religioso di fronte 
a 1030 che non Thanno chiesto, dei quali 600 sono acattolici. 

3. E degne pure di encomio furono le parole che in tal propo- 
sito disse nel consiglio toiinese fon. Palberti. Ai socialisti che, non- 
curanti del desiderio dei padri di famiglia, tentavano ottenere un voto 
contrario al catechismo « codice di pazienza e di rasseguazione allo 
sfruttamento capitalista», l'onorevole s«^natore oppose una franca 
dichiarazione. 

« La grossa questione delTinsegnamento religioso non può essere 



COSE ITALIANE 363 

risolta in questa assemblea a base dì con fronti, di regoi aro enti 
e di leggi. La città di Torino e il Consiglio comunale devono 
porre la questione netta : anche se la legge non V imponesse deve 
darsi nelle scuole T insegnamento religioso? Le nostre cosi dette 
malinconie, di fronte ai deliri! di quella parte del consiglio... » 
Queste parole, narra il Momento, sollevarono nei banchi socialisti 
un vero uragano di urla e d'invettive, ma il Palberti tenendo 
fronte ai suoi assalitori gridò : « Voi col vostro orgoglio, col 
vostro ateismo, col vostro amore libero, vorreste che tutto crol- 
lasse». Rossi in viso urlando a squarciagola i socialisti lanciavano 
improperi!, ai quali l'oratore imperterrito, « mi compiaccio d'aver 
toccato il vostro tasto debole. Dichiaro adunque nettamente, anche 
& nome di molti oolleghi, che noi vogliamo T insegnamento religioso 
nelle scuole non solo come obbligo di legge, ma come sincera con- 
vinzione personale di ciascun consigliere per la sua necessità mo- 
rale ». 

Lo stesso argomento della istruzione religiosa per la scuola pri- 
maria venne portato improvvisamente al Consiglio comunale di Roma 
il 14 gennaio, e accettato con 51 voti contro 3 e 5 astenuti un or- 
dine del giorno che diceva; « Il Consiglio comunale di Roma fa voti 
perchè il governo e 11 parlamento in coerenza alla legge vigente di- 
chiarino esplicitamente estranea alla scuola primaria qualsiasi forma 
d'insegnamento confessionale». L'on. Giordano Apostoli avanti la 
vot€uione osservò giustamente che un argomento di tal fatta grave 
e delicato venisse trattato quasi tumultuariamente, cioè senza esser 
posto all'ordine del giorno, facendo inoltre notare esser poco defe- 
rente un voto del Consiglio del Comune trovandosi la questione di- 
nanzi al Parlamento e al Consiglio di Stato. La quistione essere 
duplice, cioè, vedere prima se l'istruzione religiosa debba o uo essere 
obbligatoria, e poi, se facoltativa, il Comune creda assumersi il ca- 
rico di quell'insegnamento. La votazione non ostante qualche pro- 
testa fu deliberata per appello nominale, dalia quale l'on. Monti Guar- 
nierì disse astenersi per riser(^are integra la sua libertà di discus- 
sione in Parlamento, e il Giordano-Apostoli fece altrettanto dietro 
le dichiarazioni premesse più avanti. L'organo socialista gridò alla 
diserzione di quest'ultimo che pur essendo della maggioranza, dopo 
avere sottoscritto il programma fra i cui capisaldi è appunto la lai- 
cizzazione della scuola, mascherava al momento la propria astensione 
col dire, che iì Comune non si dovrebbe occupare di certe cose. Ma 
quello che più lo punge è il pensiero che quei due essendo deputati 
faranno chissà qual mossa in parlamento il giorno in cui verrà 
portata la questione che tanto agita gli animi colla votazione della 
Camera. 



361 CRONACA CONTEMPORANEA 

Il voto della rappresentanza civica di Roma fu riparato dal voto 
della città di Torino con le dichiarazioni solenni (telFon. Tommaso 
Villa e del consigliere Bolraida nella seduta consiliare del 15 gea- 
naio. Quelle dichiarazioni che riflettevano Tintima convinzione del- 
Taaimo furono provocate dalla sfrontata audacia dei socialisti. Dietro 
Tesempio del municipio di Roma essi vollero tentare un colpo im- 
provviso prendendo occasione dalle spese per 1* insegnamento reli- 
gioso in due istituti superiori femminili. Contro le quali presentarono 
un ordine del giorno, nel che fare allargarono la questione e pro- 
mossero un voto contro il suddetto insegnamento in ogni specie di 
scuola. Il sindaco si oppose, e Tordine del giorno rimase nella 
cerchia più ristretta per essere volato, pure in tale forma sarebbe 
l] voto stato radicale, perchè il punto a cui si era portata la que- 
§Uone importava o la compromissione della causa per sempre, o il 
suo intero trionfo. I consiglieri liberali Bolmida e Villa, anche non 
vofendo esporre intero il loro giudizio intorno alla istruzione reli- 
giosa, dichiararono di volerla mantenuta in riguardo alla volontà e 
alla coscienza della grande maggioranza dei padri di famiglia, e altri 
MbQrali diedero simili dichiarazioni. Cesare Balbo dichiarò che avrebbe 
votato il catechismo per fedeltà ai propri schietti e interi sentimenti 
cattolici. La maggioranza si conservò compatta dinanzi al pericolo 
di qualche scissione per un*accorta dichiarazione del Crispolti Fi- 
lippo, e tutti meno uno votarono contro l'ordine del giorno socia- 
lista. All'appello nominale 46 risposero no e 12 si, uno il quale si 
astenne era israelita. 

Meglio di così non poteva essere corretta la civica rappresi^n- 
tanza di Roma, che tanto male rappresenta la città nella massima 
parte cattolica, con quell'accozzaglia di blocco popolare ubbriacato 
di odii antireligiosi. 

4. Per colpevole negligenza di impiegati dello Stato il 21 gennaio 
verso le 21.30 avvenne un terribile disastro ferroviario presso Milano 
al ponte dell'Acqua Bella. Non datisi i segni opportuni, il treno 
direttissimo Milano-Roma trovò sul binario il treno omnibus desti- 
nato a Bergamo fermo, lo investi alla coda, e l'urto formidabile pro- 
dusse lo sfasciamento completo degli ultimi vagoni dell'omnibus, e 
la macchina in vesti trice scartò rovesciandosi sul binario laterale : 
dopo pochi secondi sopraggiungeva un treno da Pavia che, non ri- 
cevuto avviso di sorta, andò alla sua volta contro la macchina ca- 
duta sul binarlo, vi balzò sopra con tutta la ferrea mole e vi restò 
inclinata. 

Allo schianto dell'urto seguirono le grida disperate dei molti fe- 
dii e dai rottami furono estratti 7 cadaveri ridotti in uno stato mi- 
serando. I primi soccorsi furono apprestati da un medico che viag- 



OCSl: ITALIANE 365 

giava sul treno di Pavia, e dai PP. Stimmatìni che abitano presBo 
il luogo dello scontro, o nella cui casa furono trasportati dei feriti 
e dei morti, ed il loro teatrino divenne subito un ospedale finché 
non giunsero numerosi militi, i quali alla luce rossastra delie torce 
a vento intrapresero un più efficace e rapido lavoro di salvataggio. 
È doloroso vedere la azienda delle ferrovie esaurirsi in quistioni di 
organici e non giungere a rendersi conto chiaro che ha delle vite 
umane in sua custodia. 

5. A Salisburgo il 17 di gennaio cessò di vivere per paralisi car- 
diaca Tarciduca Ferdinando IV d* Austria-Toscana neiretà di 72 anni, 
essendo nato nel giugno 1835, a Firenze, dal Granduca Leopoldo e 
dalla principessa Maria Antonietta delle Due Sicilie. Salì sul Irono 
di Toscana nel giugno 1859 e ne discese poco dopo per la rivolu- 
zione del 1860. In prime nozze sposò la principessa Anna di Sas- 
sonia, dalla quale ebbe la arciduchessa Antonietta ed in seconde la 
principessa Alice del ramo Borbonico di Parma, e da questo secondo 
matrimonio ebbe nove figli, primogenito Leopoldo Ferdinando, e se- 
condogenita la principessa Luisa, Tu no e l'altra esclusi oggi dal 
prender parte ai funerali paterni. La condotta romanzeschi di questi 
figli dei quali il primo rinunziò a tutti i suoi diritti per vivere a 
proprio modo in Isvizzera sotto il nome di Vòlfling, e quella di Luisa, 
la quale cambiata la corona di Sassonia dopo non poche avventure 
coiremblema musicale d'un maestro fiorentino chiamato Toselli, ama- 
reggiarono gli ultimi anni del principe e resero lui che era stato 
sventurato principe anche sventurato padre. 

Il defunto ebbe amore pel popolo toscano e glie lo dimostrò del 
continuo con grandi beneficenze tanto più apprezzabili quanto meno 
tendenti a ricompensa o a riconoscimento: nutrì pel Romano Pon- 
tefice tutta la deferenza e Tamore d*un figlio devoto, ed il Santo Pa- 
dre senti profondamente l'annunzio della sua morte. 

III. 
COSE STRANIERE 

(Notizie Generali). 1. Fa ancia. Espulsione delle religiose dair Ospedale. — 
2. Prussia. Tumulti a Berlino. Legge di espropriazione antipolacca. — 
8. Stati Uniti. Terribile incendio in un cinematografo. — 4. Marocco. 
Pacificazione delle tribù. 

1. (Frangia). Parigi si è vivamente commossa, mercoledì 15 gen- 
naio, alla cacciata delle suore agostiniane dairOspedale che esKe di- 
rigevano da dodici secoli e dove anche la grande rivoluzione le aveva 
rispettate. Buon numero di deputati e di consiglieii municipali ed 



366 CRONACA CONTEMPORANEA 

una folla d'ogni ordine di società erano accorsi per protestare contro 
l'iniqua «laicizzazione»: ma la più commovente protesta fu quella 
dei malati stessi, i quali scesi nei cortili acclamarono le loro bene- 
fattrici, si sforzavano di trattenere le carrozze sulle quali esse do- 
vevano partire, e ne staccarono a più riprese 1 cavalli. Le suore 
circondate dai canonici del capitolo di Notre-Dame, dai medici, dalle 
infermiere, cercavano confortare ognuno : la folla esterna intonò il 
Farce Domim, dopo il quale migliaia di voci fecero echeggiare il 
cantico: Nous voulans Dieu! La maggior parie degli spettatori pian- 
geva. La polizia, agli ordini del noto Mesureur direttore dell'Assi- 
stenza pubblica, per cessare lo spettacolo doloroso fece allontanare 
violentemente i malati e disperdere la folla, che si gettava per terra 
a fine di impedire il passaggio delle vetture. Un giovane ebbe le 
gambe fracassate molti furono i contusi : altri vennero arrestati. 
2. (Prussia). Domenica 12 gennaio, Berlino fu teatro di scene 
tumultuose. Una accozzaglia di circa dodicimila persone fece il giro 
della città cantando la marsigliese e urlando selvaggiamente. Fra 
esse molte donne che portavano cartelli rossi su quali era la scritta; 
Abbasso il voto delle tre classi! Vogliamo il suffragio universale per 
uomini e domisi La forza pubblica dovette adoperare le armi per 
disperdere i tumultuanti che rispondevano a sassate. Si tirarono 
anche dei colpì di rivoltella non si sa bene da chi. Ci furono trenta 
feriti : un centinaio di manifestanti venne arrestato. I tumulti furono 
preparati dai capi socialisti. 

11 landtag, cedendo alle pressioni del principe di Bttlow, ha ap- 
provato la legge di espropriazione dei polacchi che resistono alla 
< prussiflcazione » del loro paese, fissando però a 70.000 ettari il 
massimo delle terre da espropriare. La legge fu condannata come 
un'ingiustìzia manifesta e una causa di odio e di rancore, del quale 
la Prussia avrà a pentirsi più tardi. 

3. (Stati Uniti). Una spaventosa catastrofe ha portato la deso- 
lazione nella città di Boyertown (Pennsilvania). Una sala di cinema 
tografo fu invasa dal fuoco durante la rappresentazione. La folla 
composta specialmente di donne e di bambini si accalcò spaventata 
alle porte dove presto fu impossibile ogni uscita. Molti si gettarono 
dalle finestre, molti morirono schiacciati, osofTocati. Le fiamme con- 
sumarono Tedifizio. Vi furono più di centosessanta morti e un nu- 
mero grande di feriti. Tutte le famiglie di quella città di 25.000 abi- 
tanti sono immerse nel lutto. Si dovette mandare medici ed infer- 
mieri dalle città vicine per aiutare gli infelici. 

A Nuova York la prepotente influenza degli ebrei ottenne che 
si imponesse ai maestri delle scuole pubbliche di non parlare di 
Cristo né del cristianesimo e nelle solennità del Natale venne proibito 
ogni segno di festa nazionale. 



NOTIZIE GENERALI 367 

4. (Marocco). Le tribù ribelli, dopo aver tentato inutilmente qual- 
che avvisaglia contro gli europei di Casablanca, inseguite dalle co- 
lonne trancesi che occuparono la casba di Mediuna e quella di Settat 
si sono per la più parte sottomesse pagando una taglia e consegnando 
armi e munizioni. Nuovi torbidi sono a temersi per la proclamazione 
di un nuovo sultano Hafid contr«i Abd el Aziz, riconosciuto già dalle 
due città principali Fez e Makarresch (Marocco). Hafid nemico agli 
europei e fanatico musulmano cerca suscitare la guerra santa. Ma 
la via tra le due capitali è dominata dai francesi a Settat e i ma- 
rocchini difettano di danaro. 

GERMANIA (Nostra Cor rispondenza). La situazione della Germania alla 
fine deiranno 1907. 

La Germania, già da lungo tempo — se a ragione o a torto poco 
importa — credeva di godere nel mondo politico una posizione tran- 
quilla, anzi perfino direttiva; ora però è arrivato per lei senza dubbio 
un periodo di difficile crisi. 

Qui si conferma ancora una volta T antica esperienza che non 
appena in un organismo comincia ad ammalarsi un membro, in breve 
anche gli altri membri, apparentemente del tutto sani, si disturbano 
più o meno nelle loro funzioni, sinché alla fine, se non si prendono 
energici rimedi, cade in decrepitezza Tintero organismo. Avviene ora 
in Germania come in un grande e solido negozio, il quale abbia go- 
duto per lungo tempo la fiducia generale, e dove però una volta 
gì' inconsiderati modi d'agire di una delle parti abbiano scosso Fin- 
terò credito alla ditta, che altrimenti si sarebbe mantenuta molto 
bene e avrebbe potuto superare le difficoltà; sicché da per tutto 
si sente scricchiolare e rompere, finché da ultimo il grandioso edi- 
ficio si sprofonda in rovine. Applicando, mutatis mutandis, questo 
paragone alla nostra Germania, io vedo certamente nero, ma è in ogni 
modo indubitato che il nostro popolo e il nostro Stato provano al 
presente una scossa che mette alla più dura prova la loro solidità. 

Quel che fa pensare di più per gl'interessi della vita pubblica, 
anche fuori della Germania, é senza dubbio la profonda crisi reli- 
giosa, la quale se, come è noto, ha già attaccato le altre nazioni, 
non ha però risparmiato la Germania, il paese della riforma, il paese 
dei sofisti e dei visionari. Fortunatamente si può e si deve risolu- 
tamente affermare che la parte cattolica del popolo è in proporzione 
poco toccata da questa crisi religiosa, sicché non si può propria- 

Nota. - La Direzione del periodico, nel pubblicare le relazioni de' suoi corrinpor- 
icnti eeteri, come ù affida allA serietà delle loro iaformazioiii e rispetta la convenief>te 
il berta de' loro apprezzamenti, cosi luAcia loro la responsabilità de' fatti e delle opinioai 
comunicale. 



368 CRONACA CONTEMPORANEA 

mente parlare di una crisi generale, perchè vi partecipano soltanto 

pochi indivìdui che sono in gran parte innocui. 

Naturalmente sarebbe stollo il voler aifermare che per es. la 
questione intorno ai defunto Schell, insieme con tutto ciò che la 
riguarda, non abbia fatto impressione e rumore presso la gente colta 
e specialmente nella Germania meridionale; tuttavia si può affermare 
che questa disgraziata faccenda è passata interamente senza grande 
agitazione ; fatto sta che il popolo cattolico, nella sua massa compatta,, 
si è mostrato indifferente alla questione, oifrendo cosi un*inconfuta- 
bile prova che non è stato per nulla infetto dalle nuove e pericolose 
dottrine. 

Non si può negare che in certi ambienti, specialmente nella Ger- 
mania meridionale, vi fosse una specie di disposizione riformista, e 
che vi sia tuttora tale tendenza innovatrice; ma si tratta, più che 
altro, di manifestazioni individuali e isolate, che non arriveranno 
mai ad una organizzazione. Sarebbe pure dei tutto inesatto il con- 
siderare costoro indistintamente quali seguaci dello Schell, perchè una 
tal setta non esiste se non come un'artificiosa gonfiatura di tutti 
gli elementi malcontenti che adesso si pavoneggiano con il nome 
del defunto Schell, e questi probabilmente non avrebbe voluto sa- 
perne nulla delle loro strane e confuse idee. In quanto al valore 
della questione Schell, generalmente si è d'accordo, dopo che la Santa 
Sede ha pronunziato la sua sentenza, in condannare gli errori del 
teologo di WUrzburg, non meno che nel giudizio della sua persona: in 
particolare questo vale per la stampa cattolica, e giustizia vuole che 
si noti come anche i più autorevoli e diffusi giornali del Centro delia 
Germania settentrionale, i quali prima, non avendo informazioni 
esatte su lo Schell, l'avevano giudicato un po' troppo favorevolmente, 
quando venne loro in chiaro tutta la questione e specialmente dopo 
che furono pubblicate le sue famose lettere, presero subito un con- 
tegno giusto. 

Dopo questa prova non c*era più nulla da temere in Germania 
per la pubblicazione degli atti pontifici, prima dèi decreto « Latmenta- 
bili* e poi deirenciclica ^Pascendi», Pochi saranno i paesi nei 
quali venga accolta con maggiore ossequio quest'enciclica; il che 
del resto non fa maraviglia, perchè nessuna delie condannate teorie 
moderniste è stata accettata dai veri dotti tra i cattolici tedeschi. 
Non ha dunque nessuna importanza il fatto che vi sia stata qualche 
voce sfavorevole e discorde; e che ora i giornali liberali pubblichino 
la cosi detta lettera aperta al Papa di un sacerdote del Wttrtemberg, 
poiché non si sa neppure se questa lettera sìa veramente scritta da 
lui. E neppure si può gonfiare il « caso Schroers » come un segno 
di modernismo; giacché qui non si tratta di questioni dogmatiche 



GERMANIA 369 

o dottrinali; ma unicamente di conflitti di competenza tra la curia 
arcivescovile di Colonia e la facoltà cattolica di teologia di Bonn. 
Voilà touL 

La stampa liberale naturalmente avrebbe volentieri sfruttato tutto 
per farne un gran chiasso e gridare in difesa del modernismo per- 
seguitalo; ma non v'è riuscita, grazie all' intromissione deirautorilà 
ecclesiastica. Insomma, per ogni dove si osserva che tutti i germi 
di una crisi interna sono allontanati per lungo tempo dal cattolicismo 
tedesco. 

Diversamente stanno le cose pel protestantismo tedesco. Questo 
combatte ora una battaglia decisiva per i suoi principii. Noi non 
abbiamo qui il compito di spiegarne Tintima natura, risalendo ai 
principi! protestanti; basta dire che il subiettivismo teologico di Lu- 
tero si è spinto alle sue estreme conseguenze. Così l'estrema ala si- 
nistra dei loro predicatori — senza parlare dei non teologi che for- 
mano la maggioranza, la quale è interamente ii>dìfFerente o radi- 
calmente incredula — è arrivata a negare l'ispirazione della Sacra 
Scrittura, la divinità di Gesù Cristo e altre dottrine fondamentali 
del Cristianesimo (che Lutero e i suoi successori avevano espres- 
samente insegnato). S' incomincia perfino a mettere in dubbio ogni 
credenza in un Dio personale e a negare ogni dogma positivo, pro- 
fessando un vago monismo che non è altro se non una nuova forma 
di panteismo ; i predicatori poi difendono anche dalla cattedra le loro 
opinioni e convinzioni, mentre prima avevano l'abitudine di tener 
celata al pubblico la propria incredulità e apostasia, servendosi, in- 
nanzi al popolo, di espressioni equivoche o facendo addirittura gli 
ipocriti. Questo cambiamento dì tattica costringe naturalmente l'auto- 
rità ecclesiastica protestante, che procedeva prima alla leggera, a pren- 
dere ora un contegno più risoluto intorno a questioni sì fondamentali. 
Ed è questa l'origine dei numerosi e sempre crescenti processi dot- 
trinari avutisi negli ultimi anni, che i concistori protestanti sono 
costretti a intentare contro i pastori radicali, dato pure che loro 
faccia poco piacere; poiché erano già arrivati da lungo tempo al 
punto dì lasciare ai teologi, nel loro dominio privato, ogni libertà 
nella fede, purché nelle chiese conservassero un atteggiamento orto- 
dosso, così che i casi, nei quali i predicatori che sì sono spinti troppo 
oltre, vengono chiamati a render conto e puniti anche disciplinar- 
mente sono assai frequenti. E ogni caso simile suscita ogni volta grande 
rumore nel pubblico, che nella sua mnggioranza (per lo meno in quanto 
si manifesta per via della stampa) prende naturalmente partito per 
quello che è stato punito; poiché i liberali laici sanno benissimo che qui 
si tratta della questione decisiva dell'assoluta libertà dell'insegna- 
mento e della fede, che io un modo o nell'altro deve alla fine esser 

1908, voi. U fase. 1383. 24 26 gennaio 1908. 



370 CRONACA CONTEMPORANEA 

decisa. Così accadde, per ricordare soltaato aleuai esempi, nel caso 
Gasar, nel caso Burggraf, nel caso Fischer e nel caso Ròmer, ecc.; 
cioè ogni volta che Tautorità ecclesiastica si è opposta coraggiosa- 
mente alla «opinione pubblica», oppure si è contentata di mezze 
misure che girano intorno al nocciolo della questione. Ma ciò non 
può far meraviglia, quando si pensi che le schiere più numerose 
della chiesa protestante tedesca consistono di membri dei così detto 
« partito di mezzo > il cui elemento vitale è il compromesso. 

Per meglio chiarire questa questione, vuoisi parlare in modo par- 
ticolare di un « caso » tipico, anzi caratteristico, che da circa un 
anno fa molto parlare e dà un'immagine netta e precisa della con- 
dizione critica della chiesa protestante. 11 pastore Jatho di Colonia 
aveva già da lungo tempo suscitato grandi scandali nella minoranza 
eredente della comunità protestante di Colonia per le sue idee li- 
Ijerali, e il concistoro protestante della provincia renana era stato 
costretto fin da un anno fa a procedere contro di lui ; ma nonf po- 
teva fare ulteriori passi, perchè la comunità protestante si era schie- 
rata dalla parte del predicatore dopo che lo Jatho aveva fatto una 
Insignificante dichiarazione. Il predicatore continuò dunque senza 
riguardo la sua azione di struggi tri ce e nelle sue prediche faceva senza 
esitazione propaganda per una licenza di opinioni liberali che non ha 
(kiente di comune col cristianesimo. Dopo ciò e specialmente dopo 
una predica sulla Comunione, il concistoro protestante non poteva 
tacere più a lungo e recentemente si è sollevato contro il pastore 
Jatho col seguente decreto che noi dobbiamo definire un documento 
politico ecclesiastico di un significato sintomatico. 

« Nel discorso sulla Comunione tenuto alla vostra comunità, voi 
vi siete trincerato nella dichiarazione che la conferenza era stata 
tenuta in modo e con concetto scieutifico. Questo non è vero punto. 
Tale conferenza manca affatto di risultati più o meno sicuri e mette 
Innanzi delle ipotesi molto arrischiate di singoli autori come se fos- 
serc risultati scientìfici, ai quali mancan del tutto il carattere asso- 
lutamente necessario di uno spirito scientifico, con la distinzione pru- 
dente tra ipotesi probabili e supposizioni infondate. Voi abbando- 
nate il terreno di una spiegazione scientifica e discorrendo con tono 
di polemica moderna, arxivale fino a concepire V insegnamento della 
chiesa sulla divinità del Signore come una specie dì mito di un Dio 
t!he si è fatto uomo, e a giudicare gli atti liturgici della comunità 
protestante come una cosa analoga ai misteri pagani. 

« Questo, invece di essere un apprezzamento scientifico''in nome 
della scienza» è un adulteramento scandaloso della dottrina della 
fihiesa e delle pratiche sacramentali. Nella vostra conferenza non vi è 
dunque nulla che possa darle altro carattere da quello infuori di un 



GfiRMANIA 371 

Insegnamento popolare ecclesiastico; e perciò in giudicarla si deve 
osservare se il conferenziere è stato o no conscio del suo dovere 
di evitare lo scandalo e di fornire alla comunità la necessaria istru- 
zione. 

« Voi invece avete detto cose che devono suscitare scandalo : avete 
cercato di soddisfare innanzi tutto gl'istinti del vostro uditorio^ 
contrari alla tradizione e agli ordinamenti ecclesiastici. Noi vi dob- 
biamo caldamente raccomandare di ricordarvi anche In tali confe- 
renze deiravvertimento che vi è stato dato Tanno passato. Diver- 
samente Tautorità ecclesiastica sarà alla fine costretta di iniziare un 
processo disciplinare per allontanarvi dal vostro ufficio. Se allora 
si avranno delle conseguenze di'^astrose, voi solo ne avrete la re- 
sponsabilità. È vostro sacro dovere di conciliare con la vostra co- 
scienza questa responsabilità che v' incombe. Voi avete questa respon- 
sabilità verso la Chiesa dello Stato e specialmente verso quella parte 
della comunità che vi segue, perchè se le cose giungono fino al 
punto che i vostri seguaci si separino dalla Chiesa, secondo ogni 
probabilità essi arriveranno a confondersi coi famigerati liberi pen- 
satori e voi sarete colpevole di aver causato il decadimento reli- 
gioso di quelli a cui avete voluto servire ». 

Chiunque legge senza preconcetto queste righe, deve maravigliarsi 
della contraddizione in cui incosciameute si mette il concistoro con 
il principio costitutivo del protestantesimo. Perchè il decreto del 
concistoro si trova esattamente sullo stesso terreno fondamentale 
sul quale si muovono pure le autorità ecclesiastiche cattoliche e il 
Santo Padre nella recente enciclica contro il modernismo. Come tutti 
i concistori della chiesa prot<»stante prussiana, cosi il concistoro 
della provincia renana (che è forse il più favorevole al libero pen- 
siero) ha creduto suo buon diritto di esaminare e verificare V insegna- 
mento del pastore Jatho e nel caso di disubbidienza minacciarlo con 
misure disciplinari. Gli rinfaccia: 1) che professa le dottrine e le 
ipotesi estremamente arrischiate di alcuni investigatori come risul- 
tati scientifici; 2) che concepisce Tìnsegnamento ecclesiastico sulla 
divinità del Signore come un mito di un Dio che si è fatto uomo e 
la celebrazioiie della comunione ecclesiastica della chiesa evangelica 
come analogia dei misteri pagani; 3) che cerca di procurarsi la so- 
disfazione del suo uditorio con assecondarne le tendenze contro 
l'ordine e la tradizione ecclesiastica. 

Talché il concistoro sta saldo nel principio che T insegnamento 
della divinità di Gesù Cristo sia un dogma intangibile della chiesa 
protestante. Tiene pure fermo che la celebrazione della comunione 
ecclesiastica debba essere insegnata come la chiesa protestante Tha 
concepita e come essa Tesige ; finalmente sostiene che la tradizione 



372 CRONACA CONTEMPORANEA 

e l'ordine ecclesiastico debbano essere assolutamente conservati. Ma 
la cosa più curiosa e incoerente si è che questi ragionamenti tro- 
vino approvazione perfino tra i liberi pensatori nello stesso protestan- 
tesimo e che pure da questa parte non si ammetta alcuna abolizione 
del diritto di vigilanza, quando si tratti di dogma o di dottrina. 
E perchè ciò? Hanno finalmente capito dove conduce la libertà del- 
rinsegnamento ed hanno paura di tirare quest'ultima conseguenza, 
perchè ciò sarebbe la morte del protestantesimo come comunità. Ma 
noi diciamo che questo principio non è altro che il riconoscimento 
indiretto del principio cattolico di una autorità oggettiva in que- 
stioni di insegnamento del dogma. Or che altro ha fatto il Papa 
nella sua enciclica « Pascendi » se non difendere la divinità di Gesù 
Cristo contro Tinsegnamento di quei modernisti, i quali mettono al 
disopra del dogma risultati più o meno mal sicuri ed ipotesi estre- 
mamente ardite di alcuni singoli pensatori? 

Qui bisogna osservare che la maggior parte delle teorie condannate 
dal Papa e sostenute dai giovani riformisti francesi e italiani non sono 
altro che una debole eco dei pretesi risultati della critica biblica e ne- 
gativa dei tedeschi, dalla quale anche lo latho desume i suoi argo- 
menti. Se dunque è giusto che il concistoro della provincia renana vegli 
suir insegnamento della purezza evangelica, si dovrebbe pur ricono- 
scere come giusto che il Papa vigili sulla purezza dell' insegnamento 
cattolico, quando esso viene attaccato da certi pretesi dotti, i quali si 
mettono contro la Chiesa cattolica nello stesso modo che lo Jalho in 
Colonia si è posto contro la Chiesa protestante. La differenza sta solo in 
ciò che il concistoro protestante protegge quegli insegnamenti che il 
protestantesimo ha sempre mantenuto dopo la riforma, mentre il 
Papa protegge anche quegli insegnamenti cristiani che furono sempre 
creduti in tutta la Chiesa cristiana nei quindici secoli che precedettero 
la riforma. A questo bisogna aggiungere una grande differenza pratica: 
che cioè il Papa possiede anche i mezzi e la possibilità d' imporre con 
autorità le sue decisioni sulP insegnamento e di allontanare dalla 
Chiesa quando occorra i falsiOcatori, mentre l'autorità ecclesiastica 
protestante è costretta a contentarsi di proteste scritte sulla carta. 
E così avviene che il protestantesimo tedesco si trovi in una crisi 
decisiva, il cui scioglimento non può condurre che alla totale disso- 
luzione delle credenze. 

Rimettiamo ad altra volta la spiegazione dei singoli momenti e 
fattori della crisi politica ed economica in Germania. 



GRECIA 373 

GRECIA (Nostra Corriapondema). ì. La politica. Sempre il sig. Teolokìa* 

— 2. Le bande greche e le bande rivoluzionarie bulgare in Macedonia. 

— 3. Proye recenti e la protesta del Fanar alle grandi potenze. — 4. La 
popolazione del regno greco. — 5. n nuoyo yescoYO cattolico di San- 
torino nelle Gicladi. — 6. Greta finalmente in pace. — 7. li matrimonio 
del principe Giorgio di Grecia con la principessa Maria Bonaparte di 
Francia. Origine ellenica della famiglia Bonaparte. 

1. I lettori della Civiltà ricorderanno quanto abbiamo scritto 
nelle nostre precedenti corrispondenze intorno al deputato di Corftì 
sig. Giorgio Teotokìs, Presidente dei ministri voluto da nessuno^ 
ma scelto da tutti perchè non si trova ancora chi possa rimpiaz- 
zarlo e tenere al par di lui le redini del governo. In faccia ai suoi 
numerosi competitori Tabbiam visto retrocedere e minacciare di ri* 
tirarsi ; ma obbligato di restare al posto per la semplice ragione 
che nessun partito può presentare un uomo che raccolga in sé le 
comuni simpatie. Per il primo ministro è dunque oggi come ieri. 
Air ultima sessione parlamentare lo si ritenne al potere perchè ne- 
cessario, a questa nuova lo si vuole al seggio presidenziale perchè 
indispensabile. 

L'apertura della Camera ellenica avvenuta l'undici dello scorso 
novembre non presentò nulla di straordinario. Come in paese cri* 
stiano, prima che il signor presidente dei ministri leggesse il de- 
creto di convocazione, il metropolita di Atene circondato dal bug 
clero assistente recitò le preghiere usitate in tale occorrenza e be* 
nedisse l'aula parlamentare. La civile Europa, scristianizzata nei 
suoi governi e nelle sue leggi dai precursori dell'anticristo, riderà 
forse a queste costumanze cristiane gelosamente custodite, ma noi 
al contrario piangiamo sulla sorte d'una civiltà europea fondala 
sulla barbarie dell'irreligione. Il signor Castrotis presidente di età 
del Parlamento ellenico, si riserbò quindi di convocare l'assemblea 
quando tutti i deputati fossero arrivati in Atene e dichiarò sciolta 
la prima riunione. Ciò egli fece qualche giorno appresso con va- 
cando i deputati pel 20 novembre. All'ora stabilita l'animazÌLnie 
della città era grande assai : nella persona del Presidente della Ca- 
mera che doveasi scegliere, si sarebbe dato il primo assalto al go- 
verno e specialmente al signor Teotokis: si faceano le più strane 
ipotesi; chi nella scelta del Presidente della Camera prevedeva t^i 
caduta del fiero Corcirese; chi presentiva almeno il suo indeboli- 
mento e la sua prossima fuga, chi al meno male si prometteva mm 
larga decomposizione dell'attuale Ministero. 

Ma furono tutte speranze premature, poiché venuta l'ora cJelUi 
votazione il signor Badinòs fatto lo spoglio delle schede proclama 
eletto il candidato del Governo sig. Levìdis con 97 voti sopra 155 



374 CRONACA CONTEMPORANEA 

votanti : TopposizioDe non era giunta a mettersi d'accordo e presen- 
lava un candidato comune; laonde i RaUisti presentarono il signor 
Cavapànos^che [ottenne 33 voti, il sig. Mavromicbalis capo partito 
n'ebbe 19; schede bianche ne uscirono cinque, e un voto fu dato 
al sig. Teotokis. I seguaci del sig. Dragumis, non so per quale biz- 
zarria, chiamali Giapponesi, si divisero tra i vari capi deiropposi- 
/fone, lasciando la vittoria compiuta al Governo nella persona del 
81 g. Levidis, il quale prendendo possesso del suo seggio presiden- 
ziale, ringraziò i suoi coUeghi, eoo le solite promesse di rispetto agli 
usi della Camera, e d'imparzialità verso tutti i partiti, e alle ore 
11,30 sciolse la seduta tra le grida entusiastiche dei suoi amici, e lo 
ablguttimento di tutti i gruppi delFopposizione. In tale guisa il Mi- 
nistero non ebbe a soffrire nò tradimenti, né disfatta, né decompo* 
Edizione, ma restò padrone assoluto del campo, di&ponendo ancora 
riella maggiorità dei voti. Il Parlamento infatti si compone di 177 
(leputatif e di questi appartengono al Ministero 105; mentre Top-* 
posizione conta solo 39 amici del sig. Rallis ; ^0 seguaci del signor 
Mavromicalis» e 7 giapponesi, come vogliono chiamarli. Ed ora tocca 
al sig. Teotokis di mantenersi saldo al posto, non già contro i colpi 
che gli lanceranno i suoi oppositori politici che saranno assai deboli, 
ma sì contro le tempeste che solleveranno la Bulgaria, la Serbia e 
la Romania» sempre in guerra per T eterna quistione macedone. — 
Però il governio ellenico spunterà facilmente i dardi che gli saranno 
vil)rati contro da questi rivali, grazie alla storia degli ultimi eccidi! 
dei Greci in Macedonia. 

%. U Inghilterra e la Russia han preteso da lunga data che la 
rausa delle turbolenze nelle province macedoni, dovea cercarsi esclu* 
divamente nell'entrare continuo delle bande greche in Macedonia: la 
Grecia, non ostante le sue proteste e le sue assicurazioni, non ces- 
i^ava punto di ricevere severe ammonizioni dalle Potenze, e appunto 
in ossequio di questi avvisi essa ha dovuto custodire amano armata 
le sue frontiere, impedendo cosi che volontarii greci passassero ad 
aiutare e difendere i loro fratelli in Macedonia. La tranquillità 
avrebbe dovuto essere ristabilita nelle province macedoni, se noo 
t:he i fatti hanno dimostrato il contrario, come appare dalla stati* 
.^lica delle stragi degli ultimi mesi, compilata dalle stesse autorità. 

Nel solo mese di settembre nella provincia di Salonicco 76 morti 
t* :ì^1 fe'riti ; in quella di Monastirs b^ morti eli feriti; nella pro- 
vincia di Gossovo 29 morti e ^2S feriti, un totale di 148 morti e 41 
feriti: e questi oltre i numerosi villani greci, parte oppressi parte 
derubati; oltre i molti greci qua e là trucidati dai bulgari, e i quo- 
tidiani scontri sanguinosi avvenuti tra le bande bulgare e i soldati 
turchi. Si è quindi avverato quanto ebbe a dire il signor Teotokis,. 



GRECIA 375 

che il solo argine alla barbara attività dei bulgari in Macedonia eran^ 
le bande greco-macedoni. Il governo greco ha efficacemente impedito 
che volontarìi greci passassero le frontiere e corressero alia difesa 
dei loro fratelli; ma ciò non ostante, gli incendii, le spoliazioni, gli 
eccidii non solo non sono cessati o diminuiti in Macedonia, ma m 
al contrario si sono terribilmente accresciuti. Non resta dunque che 
un*altra prova a fare ed è precisamente d'impedire, ai governo bul- 
garo di mandarli sul territorio macedone le sue bande armate, e sì 
vedrà come d'incanto tuttala Macedonia ritornata allo stato di calma 
e di tranquillità, come si trovava prima del 1903. 

3. La verità della nostra conclusione è provata ad evidenza da 
un recente ragguaglio del capitano Manera, il quale coirimparzialità 
che gli impone la sua condizione di straniero e di capitano della 
polizia europea in Macedonia descrive la distruzione totale di da« 
villaggi greci, cioè di Tchenghel e di Polat nel distretto di Marichov^ 
fatta da una banda di rivoltosi bulgari. Il signor Man era, eh 'è um 
ufficiale italiano, assicura le sue autorità che questi due villaggi de- 
vono ornai essere cancellati dalla carta geografica di Macedonia; € 
secondo lui la stessa sorte sarebbe toccata alla grossa borgata greca 
di Kotchivir, se gli abitanti, avvertiti a tempo del pericolo, non 
avessero respìnto l'assalto dei bulgari. 

In faccia a queste atrocità così ben provate, la Russia e T In- 
ghilterra tacciono e l'Europa non si commuove, ma perchè? Non 
tacciono però quelli che innanzi alla pubblica opinione erano stali 
accusati di esser causa delle stragi in Macedonia. Al Fanar sono 
stati convocati dal Patriarca greco Gioacchino i due alti Consigli 
della nazione, per discutere sull'opportunità d'inviare una protesta 
alle grandi Potenze che hanno preso l'impegno di rimettere l'ordina 
in Macedonia. La protesta fu approvata come assolutamente neces- 
saria: in essa il patriarca leva alta la voce contro le persecuzioni 
mosse ai greci tanto in Bulgaria, quanto in tutta la estensione della 
Romelia arientale, e protesta energicamente contro gli assalti san- 
guinosi delle bande bulgare ai villaggi greci di Macedonia. Ma s« 
le Potenze non si impietosiscono al fiume di sangue che bagna Ir 
terre macedoni, sentiranno compassione alle grida di angoscia del 
patriarca del Fanar? La politica è senza cuore. Anche il governo 
di Atene nella sua risposta all'ammonizione venutagli dall'Europa, 
ha protestato fortemente contro i continui misfatti commessi dai 
bulgari : ma la voce della piccola Grecia resterà un grido nel de- 
serto, perchè non potrà mai essere accompagnata dal tuono formi - 
daJjile del cannone. 

4. Non manca eertamente d'interesse uno specchietto comparativo 
della popolazione della Grecia redenta, dal principio del suo riscatto 



376 CRONACA CONTEMPORANEA 

8ÌQ0 ai nostri giorni, pubblicato dal Messager d'Athènes nel suo nu- 
mero del 13 novembre 1907. Dopo la proclamazione della guerra 
deirindipendenza fatta nel 1820, la prima volta che venne in mente 
ai greci redenti dalla schiavitù ottomana dì misurare le loro forze 
numeriche, di passarsi così in rivista ufficiale, e di contarsi tutti 
quanti, fu precisamente nel 1838, e si trovarono in tutto 75!i2,077 
abitanti. Se non che prima di questo tempo il celebre Capo d* Istria, 
avea fatto accertare, per quanto era allora possibile, quale fosse la 
popolazione della Grecia durante tutto il periodo della rivoluzione 
ellenica. Si era allora trovato che nel 1821 vi erano in Grecia 875, loO 
cristiani, e 63,615 musulmani: più della metà di questa popolazione, 
cioè 458,000 cristiani e 42,785 musulmani, abitavano il Peloponneso: 
nel continente ellenico si contavano 24,785 cristiani e 20,865 mu- 
sulmani, mentre che 169,300 cristiani abitavano nelle isole. Ma 
nel 1828 il censimento portava una diminuzione d*un quarto della 
popolazione, e si avevano in meno 173,915 abitanti, dacché i Turchi 
avevano già abbandonato il paese devastato dalla rivoluzione. La 
diminuzione si fa più sensibile dal 1831 al 1838, nel qual anno la 
popolazione era appena di 752,077. Però nei 1833 essa si accresce 
di 71,696 abitanti, e di poi si andò sempre progredendo. Gli abitanti 
salirono a 915,059 nel 1843: a 1,042,587 nel 1853: 1,457,794 nel 1870: 
a 1,679,470 nel 1878, cosi che tra il 1831 e il 1830 Tannessione 
delle isole Jonie apporta un aumento di 364,084 abitanti. Appresso 
coirannessione della Tessaglia la Grecia guadagna altri 567,738 abi- 
tanti, nel decennio dal 1879 al 1889. Il censimento infine del 1896, 
diede 2,433,806 abitanti. 

Nel novembre scorso si è fatto il censimento per accertare la 
differenza in più o in meno della popolazione in questo ultimo de- 
cennio ; ma il risultato non sarà mai esatto a causa del pregiudizio 
inveterato nel popolo greco, che il governo cerca sapere il numero 
degli abitanti non per altro che per distribuire più sicuramente nuove 
imposte e nuovi balzelli. Cosi in quest*ultimo censimento la città 
di Patrasso, la quale nel 1896 presentava una popolazione di 41,000 
abitanti, ora comparisce con appena 38,000 anime. Atene ed il Pireo 
offrono il più forte aumento di questo decennio, quantunque anche 
in queste due città si creda che il censimento abbia avuto un corso 
molto difettoso, specialmente nei sobborghi e nella classe povera 
della citta. La popolazione che viene attribuita ad Atene è di 176,000: 
essa conta dunque un soprapìù di 47,255 abitanti in questo decennio 
dal 1896 al 1907, giacché nel 1896 non vi si trovarono che 128,735 
anime; un accrescimento del 37 per 100, è certamente una bella 
prova di progresso. Più sensibile ancora è la forza ascendente della 
popolazione del Pireo. Il censimento del 1896 dava al Pireo 51,020 abi- 
tanti ; oggi esso gliene attribuisce 75,800, cioè un bel aumento del 



GRECIA 377 

50 per 100. Né ciò reca alcuna meraviglia, vista T importanza che 
ha preso il porto del Pireo, dove fanno scala tutte le navi che dal- 
l'Occidente vanno al Levante e viceversa. Il risultato totale del 
censimento non è ancora conosciuto. 

5. La nobile sede vescovile di Santorino, vedovata già da tempo 
con la morte del venerato vescovo Monsignor Antonio Galibert, ha 
mutato finalmente le sue vesti di lutto in quelle della più schietta 
e santa letizia per accogliere pomposamente il suo nuovo pastore 
Monsignor Michele Camilleri. Da Smirne sua patria, dove il nuovo 
prelato si trovava al governo spirituale della parrocchia di Buggià, 
chiamato dalla voce del Sommo Pontefice a pascere Teletto gregge 
di Santorino, vi facea il suo ingresso solenne il 15 ottobre tra gii 
applausi entusiastiei di quei buoni cristiani* greci e cattolici, uniti 
in uno stesso sentimento di venerazione profonda e di filiale divo- 
zione. Egli giungeva a Santorino accompagnato dai rappresentanti 
del clero di Smirne, di Atene e di Santorino: appena il piroscafo 
gettava T àncora nelle acque di Santorino, furono a riceverlo il vi- 
cario capitolare D. Federico Delenda, il clero cattolico, i notabili 
dell'isola e una lunga schiera di fedeli con a capo il corpo musi- 
cale. Alle porte della città ricevuto solennemente dal signor sindaco 
col consiglio municipale e dalle autorità civili e militari dell'isola, 
tutti greci ortodossi, indossava gli abiti pontificali e al canto del 
Benedictus qui venit, percorrendo tutta la città, entrava nella sua 
cattedrale di S. Giovan Battista, dove, dopo le cerimonie di rito, 
dava la sua benedizione pastorale all'immensa folla di cattolici e di 
greci ivi accorsa da tutti i punti dell'isola per venerare ed accla^ 
mare il novello Pastore. Con delicato pensiero e carità veramente 
paterna egli pensò dapprima ai poveri dell'isola ed ai miseri pro- 
fuKhi della terribile catastrofe di Anghialos in Macedonia, incendiata 
dai bulgari, facendo distribuire copiose elemosine, abbracciando cosi 
con lo stesso affetto paterno cattolici e greci ortodossi, perchè tutti 
suoi figli. Non è a dire con quale e quanto entusiasmo dai fedeli 
delle due Chiese cattolica e greca fosse stato accolto questo primo 
atto del novello Pastore, dimostrando col fatto che il vescovo cat- 
tolico, animato dallo spirito di Gesù Cristo, non ha riguardi a na- 
zionalità o partiti, ma tutti stringe al suo seno con quella carità 
che non conosce limiti di nazioni o interessi di parte, e che pur 
non essendo greco di nazione egli non conosce differenza alcuna 
tra greco e romano, tra schiavo o libero, ma si fa tutto a tutti per 
condurre tutti a Gesù Cristo. 

La pietà singolare, e la non comune dottrina di cui è ornato 
Monsignor Camilleri sono state meritamente apprezzate a Smirne e 
a Roma, in Alene e a Santorino, e la sua lunga esperienza nel go- 
verno ecclesiastico e nella guida delle anime gli renderà meno dif- 



378 CRONACA CONTEMPORANEA 

ficile a portare il peso della sublime sua dignità Ad multos annos 
è l'augurio sincero d*una lontana conoscenza, la quale piena di ve- 
nerazione e calda di affetto verso il degnissimo vescovo e la genti- 
lissima Santorino, fa voti che Pastore e greggie scambievolmente si 
eotioscano, scambievolmente si amino, perennemente abbracciati si 
ritrovino neiraraantissimo cuore del Pastore dei pastori. Gesù Grislo. 

6. Chiunque considera con occhio equo ed imparziale lo stato 
presente dell* isola di Creta uscita appena dalle sanguinose strette 
della rivoluzione, non può a meno di ammirare con sensi di com- 
piacenza la pace in cui essa oggi si trova. E però fanno pro- 
prio pietà i rumori che spesso si spargono specialmente in Eu- 
ropa, tendenti a far credere che in Creta sono ancora in lotta i cri- 
stiani coi musulmani, e che i cristiani greci-ortodossi perseguitano 
] poveri musulmani per obbligarli a partire dalF Isola, della quale 
resterebbero soli padroni i greci. È fuori di dubbio che il turco non 
vive bene là dov*egli non comanda, e la storia ci mostra ch*egli ab- 
bandona il paese dove i cristiani cominciano ad avere una supre- 
mazia qualsiasi. Tuttavia altro è affermare che voi non volete coabi- 
tare con gente la quale professa principi diversi dei vostri, altro 
il dire che voi ne siete cacciato. E poi, i seguaci di Maometto che 
abitano in Creta non son affatto dei turchi, ma sono puri Cretesi 
musulmani, cioè sono greci discendenti da ortodossi o volontaria- 
jnente rinnegati o costretti dai turchi a farsi musulmani : essi noD 
sono quindi stranieri, ma veri Cretesi professanti la religione mu- 
sulmana. Come tali, essi hanno visto rispettati dalla nuova costitu- 
zione Cretese i loro diritti di cittadini, e le leggi sono severissime 
per tutti gli abitanti dell'isola. Sarebbe una ingiustizia troppo sfac- 
ciata l'accusare il nuovo governo di Creta di parzialità, quando un 
musulmano fa oggi parte dello stesso governo, col portafoglio più 
importante qual è quello della pubblica istruzione. 

La vera causa delle continue e pericolose lotte intestine era ap- 
punto la pertinacia del partito Venizzelliano a pretendere le redini 
del governo, per menare il paese secondo le proprie opinioni e ì proprii 
inleressi. Oggi che il signor Venizzelos e i suoi seguaci rassegnati 
vinti, non agognan più al potere, il paese è in pace e continua 
lieto e tranquillo nella via delle riparazioni e del riordinamento so- 
ciale. 

Infatti l'assemblea nazionale Cretese, prima di sciogliersi il 40 No- 
vembre, potè approvare senza incidenti un prestito di 11,300,000 lire: 
dèlie quali 5,000,000 dovranno essere distribuite quale indennizzo 
per i danni cagionati dalle passate lotte del 1896 al 1898 e il ri- 
manente dovrà essere impiegato a migliorare i mezzi di comunica- 
ndone dei quali T isola ha un vero e assoluto bisogno. Dall'altro 
lato gii ufi&ciali staccati dall'esercito greco e mandati in Creta per 



GRECIA 379 

la creazione d'una raiìizia cretese, continuano ]*opera loro senza 
scosse o contrasto dalla parte degli abitanti chiamati a prestare il 
loro servizio militare. 

Tutto ciò dimostra, quanto da noi si è sostenuto da più anni, 
che cioè il solo mezzo di pacificare queir isola, così duramente pro- 
vata, era precisamente lasciarla in mano della Grecia, verso la quale 
essa tende come verso il suo centro naturale. Ciò sembra essersi 
finalmente ben capito dalle potenze protettrici. Meglio lardi che mai. 
7. Contrariamente a quanto sin da principio si era detto, e noi 
ravevamo accennato in una delle nostre corrispondenze, 11 matri- 
monio religioso del principe Giorgio con la principessa Maria Bona- 
parte, si celebrò in Atene secondo II rito greco alla cattedrale or- 
todossa e fu benedetto dal metropolita di Atene circondato e assistito 
da tutti i membri della S. Sinodo. È inutile ricercare la causa di 
questo mutamento di programma, se veramente mutamento ci fu, 
o esso non fu solamente nella fantasia dei reporters. La principessa 
figlia di Rolando rinunziò ai suoi diritti e non riconobbe i suoi do- 
veri di cattolica, e tanto basta. Per altro è saputo da tutti che alla 
famiglia Bonaparte si attribuisce una origine intieramente ellenica. 
Inietti senza parlare d*una tradizione ducale, cui prese poi a pro- 
vare come storica lo scrittore tedesco Hunin, Alessandro Suzzos nel 
suo famoso « Periplanomenos » lo asserisce come cosa certa, e can- 
tando le vittorie del grande Napoleone, ne indica la patria, in questi 
versi : 

& Kopatxovò^, 6 lyjày xòv TaOYexov iraipiSa 

0' eli |i(av [lóvTfjv ftpav 
Tijv Y^v TzatJcfitQy xfjv y^ YJ^^^j ®^ '^°^ BatepXGi r/^v x<J>potv ! 

« Il Corso ch'ebbe per patria Taigete — che in una ora sola — si 
giuoco la terra e la perdette sul campo dì Waterloo». 

Le accoglienze quindi e i festeggi amenti fatti in onore della gio- 
vane principessa, hanno avuta una nota tutta particolare di gioia 
di famiglia, come chi rivede un amato parente per lungo tempo stato 
lontano dai suoi cari. Così almeno sembrano giudicare molti tra i 
Greci, li suo arrivo al Pireo fu salutato dalle salve di prammatica, 
e dagli applausi d*una immensa folla che da lunga pezza aspettava 
l'arrivo deirAmfitrite. Il primo a correre a bordo della nave fu il 
principe Giorgio, quindi i sovrani, il principe ereditario, le princi- 
pesse e gli altri principi della famiglia reale. Scesi poi a terra, 
S. M. il Re Giorgio presentò alla Principessa Maria il Sindaco dei 
Pireo, il quale le dà il ben venuto in lingua francese. Non meno 
splendida e affettuosa fu l'accoglienza che la principessa ebbe in 
Atene, appena giunta nella piazza « Omonia », dove V aspetta- 
vano il metropolita coi suoi prelati, il corpo diplomatico, le dame 



380 CRONACA CONTEMPORANEA 

di Corte e le supreme autorità della capitale. Il siudaco di Atene 
salutò la principessa con un ben venuto in lingua greca, accolto da 
fragorose ed entusiastiche grida di applauso dell* immensa folla ivi 
accorsa. Il corteo fu a dirittura incantevole, ed esso procedette sotto 
una pioggia di fiori sino al palazzo reale. 

Il giorno del matrimonio alla cattedrale, Atene era animatissima 
e tutta in festa: difficile assai riusciva il trovarsi un posto per ve- 
dere il corteo che partiva dalla reggia, luogo e magnifico quanto 
mai ; e il doppio cordone di truppa schierata lungo il percorso du- 
rava gran fatica a sostenere la spinta della folla. sempre crescente: 
JDtanto in chiesa si erano raccolti tutti gli invitati alla cerimonia 
nuziale, i Ministri, i rappresentanti delle potenze, gli ufficiali e lo 
stato maggiore delle navi da guerra straniere, inglese, russa, au- 
striaca, italiana, francese, i magistrati, il corpo legislativo e in- 
segnaote, gli alti funzionarii dello stato e cosi di seguito. La prin- 
cipessa Maria fu condotta al posto preparato agli sposi da Rolando 
suo padre, circondata dai suoi paraninfi, cugini B»« d*Aubigny e le 
6glie della marchesa di Villeneuve, mentre lo sposo aveva ai suoi 
lati [ principi Nicola, Cristoforo e Giorgio. 

Dopo la lunga cerimonia il primate della Chiesa greca pronunziò 
una breve allocuzione agli sposi, augurando loro ogni prosperità a 
QonsoIazioDe della famiglia reale e di tutta la nazione greca. 

La sera fu offerto in onore degli sposi da S. M. il re Giorgio 
un pranzo, a cui presero parte duecento invitati, e il sabato del 
14 dicembre gli sposi lasciarono la Grecia e in strettissimo inco- 
gnito partirono per la bella Italia e si fermarono a Firenze, dove 
passarono la luna di miele. 

Intanto gli Ateniesi cantano a loro piacere una marcia nu- 
ziale, musica del M.* Giuseppe Cesari e versi del sig. Cazzelopulos, 
che si vorrebbe lasciare come ricordo del fausto avvenimento. 



AI BENEFATTORI 

DELLE POVERE MONACHE D'ITALIA 



È un anno da che, dando da queste pagine il triste annunzio 
della morte del P. Raffaele Ballerini, manifestavamo l'intenzione 
di continuare la pietosa opera delF « Obolo per le povere mona- 
che », a cui quel nostro insigne confratello e collega aveva dedicata 
la mii^lior parte del suo zelo. Spenta quindi la voce dell'antico 
promotore, seguiva la nostra per dire ai nostri lettori che, 
com'egli pel passato, cosi noi per l'avvenire ci affidavamo alla 
loro ben nota generosità. 

Siamo lieti oggi di annunziare che la nostra fiducia non fu 
vana, e che a quel nostro appello rispose con commovente pron- 
tezza e larghezza il cuore cristianamente gentile di tanti gene- 
rosi. A cui consolazione perciò diremo che neppur quest'anno, 
come negli anni scorsi, è mancato il sollievo a tante vergini 
derelitte dei monasteri d' Italia, e l'obolo è disceso a temperarne 
l'indigenza, nella somma complessiva di L. 32.400,00. 

Dire della riconoscenza vivissima che quell'anime angeliche 
hanno espressa a noi con lettere, e presso Dio con lagrime e 
preghiere, è quasi superfluo pei nostri lettori, che ornai per 
lunga esperienza sanno a qual frutto è messo il loro danaro, 
offerto per opera così nobilmente e pietosamente cristiana. 

Piuttosto ci piace di dar loro a conoscere quanta gioia ne 
ha provato il S. Padre Pio X, nel prendere visione delle somme 
raccolte e a Lui presentate dal P. Direttore della Civiltà Cat- 
tolica, Tenendo per dono fatto a sé quello che serve a lenire 
le angustie di tante vittime compassionevoli, ha dato incarico 
al medesimo Direttore di ringraziare a suo nome i benefattori 
e dir loro che Egli con effusione di cuore impartiva ad essi 
e alle loro famiglie l'apostolica benedizione. 

E noi lo facciamo qui tanto più volentieri, in quanto che 
la riconoscenza non sterile di tante tribolate Spose di Cristo, 
accresciuta e sublimata da quella che il Vicario stesso di Cristo 
s'è degnato esprimere, mentre è di conforto ai benefattori e a 
quanti nutrono gentilezza di sensi cristiani, vorrà essere loro 
anche stimolo per aiutarci a mettere insieme r« Uovo pasquale » 
da offrire fra breve in occasione della grande solennità ai più 
che 400 monasteri, come recentemente ci fu dato di offrir loro 
la « Strenna natalizia ». 



L'OBOLO D[ S. PIETRO 

RACCOLTO DALLA CIVILTÀ CATTOLICA 

nell'anno del giubileo sacerdotale di s. s. pio X 



2» SERIE - 3* LISTA 



Somma precedente L. 19.553 67 
Avv. Dott. Giuseppe Cappelletti, Cav. deirOrdine di 

S. Gregorio Magno, Trento » 30 — 

Un Sacerdote francese, Roma . • » 5 — 

Un vecchio difensore della Breccia di Porta Pia, Veggìa » 100 — 

Avv. Giacinto Bricarelli, Torino » 50 — 

N. N., Genova » 5 — 

Sac. Pio Filomeno de Corta prò Pontifice .... » 3 — 

» » » prò Gallia » 2 — 

S. E. Riha Mons. Andrea Righetti, Vescovo di Carpi - 

Offerta della Diocesi prò Calabria » 320 — 

Sac. Angelo Scotti, Borgo di Terzo » 5 — 

Sac. Lorenzo Bertinotti, Monasterolo Savignano . . » 2 — 

Sac. Enrico Invernissi, Parroco di Bresso .... » 3 — 

Sac. Dott. Francesco Pedone, Palo del Colle ...» 10 — 
S. E. Ri&a Mons. Giuseppe Aldanesì, Vescovo tit. di Dio- 

nisiade, Corneto Tarquinia » IO — 

Sac. Raffaele Pero, Pila » — 60 

Sig. G. di R. Torino « in riparazione e in protesta con- 
tro le tiranniche spogliazioni che si compiono in 
Francia per danneggiare il cristianesimo che ha por- 
tato la civiltà nel mondo » 100 — 

Signora Erminia Imperatori, Intra » 10 — 

Sac. Crispolti Tancredi, Umbertide » 2 50 

N. N. di Verona » 500 — 

Sac. Giovanni Buoqo, Barano d'Ischia » 1 — 

Arcidiacono Camillo M. Caldi, Salerno » 5 — 

Can. Raffaele Grippo, Potenza » 4 80 

Ingegnere Gaetano Capuccio, Torino ► 10 — 

Can. Pietro Todde, Oristano {offerta mensile) ...» 5 — 

Corneille Borbely Ponnonhalma, Austria » 25 — 

Sac. Spiridione Grischi, Malta » 5 - 



Da Hporiarsi L. 20.767 57 



SECONDA SERIE - TERZA LISTA 383 

Biporio L. 20.767 57 

Dalla Diocesi di Nicosia prò Calabria » 174 80 

Come segue: 

S. E. Rma Mons. F. Fiandaca, vesce vo di Nicosia, L. 100. 
— Mona. L. Nicosia, Pro Vie. Gen., L. 20. — Mons. G. L. 
Leta, L. 4. — Can, Giov. Buscemi, L. 5. — Parrocchiani 
di S. Maria M., L. 15,90. — Parrocchiani di S. Michele, 
L. 7,90. — Parrocchiani del SS. Salvatore, L. 6. — No- 
bile famiglia Volgoarnerì, L. 10. — Parrocchia di Santa 
Croce, L. 6. 

Sac. Pellegatti Ricci, Ficarolo ». 1 50 

Sac. D. P. Viareggio » 10 — 

Sig. Giulio Rocca, Napoli »« 10 — 

Sac. Alessio Amadio, Cividale » 10 — 

Sac. Luigi Zucchialti, Cividale » 10 — 

S. E. Rfiia Mons. Raffaele Sandrelli, Vescovo di Borgo 
S. Sepolcro ed il Clero della sua Diocesi ed in ispe- 
cie I sacerdoti intervenuti nello scorso agosto agli 

Esercizii spirituali » 456 — 

Il Clero e il popolo della medesima Diocesi prò Calabria » 164 — 

Rtìio Can. Tommaso Testa, Casale Monferrato. . . » 7 — 

Rtìio Mons. Francesco Orsucci, Pitigliano . . . . ► 1 35 
Sac. Lorenzo Grassi, Parroco, Monteiago. « Al S. Padre in 

attestato d*illimitato ossequio al suo magistero ». » 80 — 

Una pia Signorina, Torino » 5 — 

Can. Matteo Di Chiara, Bisarquino » 5 — 

Can. Milone Miloni, Treia > 2 — 

Humilis, Roma » 2 — 

Dalla Casa de' PP d. C. d. G. di Firenze .... » 15 — 

F. T., Locamo (offerta mensile) » 3 — 

Rifio Mons. Giovanni Edwards, Vie. gen. dell' arcidiocesi 

di Nuova-York - Omaggio di filiale affetto* . . . 510 -- 

25 gennaio 1908. Totale L. 22.234 23 



AVVERTENZA 



11 Santo Padre, grato a' suoi figli per V obolo registrato 
nella presente lista, invia a tutti gli offerenti e ben di cuore 
l'Apostolica Benedizione. 

La quarta lista delle offerte saia pubblicata nel 1^ qua- 
derno del prossimo mese di marzo. 



OPERE PERVENUTE ALLA DIREZIONE 



Scienze aaore. 

Martinetti T. Manuale introduetùmis in 

S. l^ripturam (quarta edìtio novU curia 
«K|iuLitji} TractatuB I(. Dj auctorilate hi«(o- 
rioa librorum V. T. Homae, Befani, 1907, 
»-, èi^ p. Cfr. Civ. Catt. 1906. 4. 886. 

DtffllQ V. parr. Enchiridion théologioum. 
^up^>lì. Chiuiuzzi, 1908, 8*, XII-274 p. L. 2,50. 

Orègi ire de Nazlanze. Discours funèbres 
en rtjoniieur de son frère Céi»aire et de Ba- 
ailé dv Cesaree. Texte grec, traduction fran- 
^AÌse, mlroductioQ et index par F. Boulbn- 
aiH. {Textes et docunients). Paris, Picard, 
ISWéJ, ìi^, GXVI-25* p, Fr. 3. 

B, Alberto Magno, vescovo di Ratisbona. 
Il Sacramento dell'amore. Prima versione 
it&Uana libera ad uso dei sacri oratori. Ma- 
eemUu Tnione cali, tip., 1907, »», 128 p. 

OasBÌEl 8. ieromonaco Poesie di San Nilo 
ìitjjiur^' e di Paolo Monaco abbati di Grot- 
tafturata. Nuova edizione con ritocchi ed 
ftgi^iuntr'. (Innografi italo-greci Fase. I.) 
(Edtr. Oriene christianiés. Anno V). Roma, 
Propitg^Tida, 1906, 8», 92 p. 

l^etture. 

Faraoni O. La Religione di Gesù Crisi j. 
Fin'nzrv libr. ed. fiorentina, 1908, 8», 448 p. 

Prlor J. mgr. li the Pope Independent? 
or OutJincs of the Roman Qucslioa. Rome, 
1907, 8«, 140 p. 

Commer E. Hermann Schell und der fort- 
wchritUiche KcUholÙBiamua. £in Wort zur 
OrìenLicyrung fUr glaubige Katholiken. Zweite 
neiibeur))eitete Auflage. Mit einem Prologe 
Ton i'rUlat Dr. H. Glossnbr u. einer Doku- 
RD^uleiiritimmlung. Wien, Kirsch, 1906, 8o, 
LSXIW 4Ó8 p. M. 8. 

Pujla C. arciv. di S. Severina. Dopo l'En- 
eictitia < Pascendi dominici gregis ». Discor- 
do. BoiuA, Desclée 1907, 16«, 32 p. 

Favi 'flloh A. S. J. L'onnipotenea del gior^ 
naligmo. Roma, « La Civiltà Cattolica » 1908, 
10», U |i. L. 0,05. Copie 100 L. 4,50. Copie 
lOOti L. 40. 

Diritto • SociOÌO0ria. 

ClOlll A. can. Dichiaramento delia ntMva 
Icgae riguardante gli sponsali e il matri- 
monio. Firenze, tt. Ricci, 1908, 16», 28 p. 
L. ÙM^ (Rivolgersi alla librerìa Manuelli, 
Firenze , 

OajrlgUdt L. Regime de la proprietà. (É- 
ttidi! de morale et de sociologie). Paris Bloud, 
lOH, Itì*, XX-336 p. Fr. 4. 

QliajLtry F. L'institut populaire de l'É- 



peule. (L'cieiion populaire n. 163) Paris, Le 
coffrr, 1906, 24*, 43 p. 

Cheneyers B. Le mcirquia de la Tour du 
Pin. {L*<iction populaire n* 169). Paris, Le- 
coffre, 1908, 16». 36 p. Fr. 0,26. 

Predaul F. Cktstitueione e difesa delie 
società cooperative. Asti, Astigiana, 1907, 16» 
XlV-320 p. L. 2,50. 

DesgrèeB da Leu E. De Leon XIII au 
« Sillon *, Une conjuration réaclioanaire. 
Paris. Bloud, 1907, 16», 139 p. Fr. 1,15. 

Barbler E. La décadence du < Sillon ». 
Histoire documentaire. Paris, Lethielleox, 
19», ?86 p. Fr. 2,50. 

JP'jIoaoAa. e Sciente. 

Bréhler E. Les idées philosophiques et 
religieiues de Philon d'Alexandrie. Paris, 
Picard, 1908, 8». XlVSS'i p. 

Foerster Fr. W. Sexualethik und Sexual- 
pàdagogik. Eine Auseinandersetzung mit 
den Modornen. Kenipten und MUuchen, Ko- 
sei, 1007, 8«, 98 p. M. 1. 

Mérvellle E. Thèories sur le magnèti- 
sme terrestre, (Extr. du Cosmos ocL 1907). 
Paris, Féron-Vrau, 8», 14 p. 

Scoria e Biogrratìm. 

Fonck L. S.J.WissenschaftlichesArbeiten. 
Beitrage zur Methodik des akademischen 
studiums. {Verd/f. des bibl.'patrist. Semi- 
nars eu Innsbruck). Iniisbruck, Rauch, lOOS, 
8», XVI-S40 p. M. 2,20. 

Bergamaschi D. sac. L' Inquisitione e 
gli eretici a Cremona. Saggio storico. (Eslr. 
La scuola cattolica). Monza, Artigianelli, 

1907, 8», 28 p. 

Joly L. chan. Le christianisme et l'extrè- 
me Orient. II. Mission catholique du Japon. 
Paris, Lelhielleux, 16*, 308 p. Fr. 3,50. 

Mona. R. D'Agostino vesc. di Ariano. 
Elziario e Delfina Santi e Vergini sposi 
del sec. XIV. Ariano, Appulo, 1906, 24«, 52 p. 

Premoll 0. Barn. Vita del ven. Bartolo- 
meo Canale barnabita, Milano, Berlarelli, 

1908, 16% 192 p. 

Periodici, 

Annuaire pontificai catholique par mgr 
A. Battandier. XI aunée, 1908. Paris, Bonne 
presse, 16», 700 p. 

Foglio ecclesiastico palermitano. Esce 
due volte al mese. Anno III. Prezzo di as- 
sociazione L. 1^ airaano. 

Strenna napoletana delle scuoio cattoli- 
che per Tanno di grazia 1906 A beneficio 
delle cucine gratuite. Lanciano, 8*, 60 p. 
illustr. 



^ 



OHA ' LIBRERIA SALESIANA EDITRICE - ROMA 

Via Porta S. Lorenzo 42 



Mons.. F- OUPftNLOUP 

METODO GENERALE DI CATECHISMO 

tratto dalle Opere de' Padri e Dottori della Chiesa 

Seconda edizione Italiana riveduta, corretta ed ampliata 

dal Teol. Coli. PAHTE MUHERJITI Salesiano 



Tre eleganti volumi iii«16 grande di pag. 1294 L. 8 

Encomiata dal S. Padre con lettera del Card, di Stato e dal Card. Fer- 
rari arciv. di Milano neirultimo Convegno catechistico tenutosi a Milano 
nello scorso Novembre, è uscita la nuova edizione. Dire dell* eccellenza 
dell'opera sarebbe cosa superflua, dopo che tanti Catechisti Thanno espe- 
rirne ntata. Basti ricordare che è una vera miniera di suggerimenti, in una 
materia tanto importante. In questi giorni in cui si fa tanto difficile Tarte 
del catechizzare, sono preziosi gli insegnamenti di coloro, che furono Maestri 
insigni. La nuova ediz. poi si avvantaggia per la saggia revisione del 
Teol. Munerati, noto per altri lavori di Teologia e Diritto, e già Profes- 
sore alla Scuola di Religione di Parma. Speriamo quindi che resa cosi 
più maneggevole, tornerà anche maggiormente pratica allo scopo. (Nota 
delVEdiiore). 

^ ■ ■ ■ , ■ ■ 

l seguenti libri sono vendibili presso l'Amministrazione della 
" CIVILTÀ' CATTOLICA „ — Via Ripetta 246, Roma, 

No-vitA 

A. PAV ISSICH S. I. 

LA GUERRA AL CATECHISMO 

Roma, «Civiltà Cattolica», 1908. 
Opuscolo in-16 di pagg. U L. 0^. Copie 100 L. 4^. Copie 1000 L. 40. 

L' oNnipoteNha pel giornalismo 

Roma, « Civiltà Cattolica», 1908. 
Op. in-^fO (B pt^i^ &L. IWM - Copie 100 L. 4»60 • Copie 1000 L. 40 



L'UNIONE POPOLARE ITALIANA 

Roma, « Civiltà Cattolica » 190T. 
Op. in-16 di pagg. 24 L. 0^ - Copie 100 L. 4 - Copie 1000 L. 86. 

ENRIC O ROS A S. 1. 

POMMAÈ" CRITICA 

di Edoardo Lo Roy 

Roma, € Civ iltà Cattolica », 1907. Op. in-8 di pagg. U L. 0^5. 

PIETRO TA CCHI-VEN TURI S. I. 

I AVONITA SECRETA 

Roma, « Civiltà Cattolica», 1906. Op. in-16 di pagg. 44 L. 0^25. 



I seguenti libri soino veodiliìli presso rAmmiiii^aziQiie Mia 
« CIVILTÀ CATTOUCA » - Via Ripette 246, Roma. 

Ristampa : 

TlTi DELI& BEATA MABGHERITA M.' AUCQQUE 

•erma da Lei medesima 

Tradotta, compita e corredata d' illustrazioni storiche ed ascetiche 
utilissime alle anime divote e ai loro direttori dal R. P. Ales- 
sandro Gallerani d. C. d. Q. — Modena, Tip. Pont Are, 1907, 
Quarta edizione. Un bel volume in-^ di p£^r 328 con ÌHuna- 
gine. . . L« IfQO 

RAFFAELE BALL ERINI S. I. 

TITTOBIMO 

ossia I casi di un giovane romano 

X%*ccoaa.to 

Rama, « Civiltà Cattolica », 1908 
Elegante vohime iii-8 di pagg. VlII-296. L« lv50. 

SALVATORE M. B RANDI g. I. 

DI ohi ò il Vaticano? Room» 1904. L. l»50. 

t^'estraterritorialità del Vaticano. Note storiche e giurìdiche. Roma, Be- 
fani, 1904, 8«. L. 0,50. 

La dotazione delia Santa Sede secondo la legge delle guarentigie. 
Roma, 1904. L. 0,26. 

I Cardinali di S. R. Chiesa nel diritto pubblico Italiano. Roma, (906. L. i. 

CARLO B RIGAR ELLI S. I. 

Letture popolari d'Astronomia. Roma, Civiltà Cattolica, 1906, in 8», di 

pag. VllI-97. L. 1,25. 
Escursioni zoologiche. Letture popolari, Roma, civiltà Cattolica, 190fi, in^, 

di pag. VII-92. L. 1,25. 

ANGELO DE SA NTI S. L 

Le " Laudes „ neirincoronauone del Sommo Pontefloe. Roma, 1903, di pag. ^^. 
L. 0.25. 

II '- Cursus „ nella storia letteraria e nella liturgia, con particolare ri- 

guardo alla composizione delle preghiere liturgiche, In 8^ di pag. 96. L. 2. 

GASPAR E MA RII S. I. 

II Gi«[lio d'oro. Romaneo, in IO» di circa 300 pagg. L. 1,50. 

La Gemma del Golfo. Boemtto. Un be! volume di pagg. 125. L. 1. 



H. G RISAR S. I. 

Il Sanota Sanctorum ed il suo tesoro sacro. Scoperte e studii delV au- 
tore nella cappella palatina Lateranense nel medio evo. Con 62 Illustrazioni 
ftoma Civiltà Cattolica, 1907, Un bel volume di pagg. VlII-200. L. 10. 

"" PREwryjis^^ 

ITALIA. . . . Amo Lire 20 — Semestre 10 — Trimestre 5 - Un fasoloolo L 1- 
ESTERO Fraiiohl25.- „ 13- . , . 6.25 „ „ 1,» 

Roma, Tip. A. Befani, Via Gelsa 6, 7. GASPARE CALABRESI GeretUe responsabiU. 



Quaderno 1384. 15 febbraio 1908. 

La 

Civiltà Cattolica 

Bmìus populus cuius Dominui Dius eius, 
(Ps. 14}, 15)- 

Anno 59° - 1908 - vol. i. 

INDICE DI QUESTO QUADERNO 

1. Il Modernismo teolofico Paf . 3U 

2. Lo Schopenhauer e la morale peaaimista » 4M 

3. Un nuovo criterio di estetica » 412 

4. Donna antica e donna nuova. San^ di demani'^ s^. UassMo finaU, 

— 52. La seconda viilima » 4Jt 

5. Il Cardinale Newman presentato ai lettori italiani 44é* 

é. Una biografia Illnstrata di Lnifi Windtborst » 45/ 

7. La dommatica speciale nell'Apoloi^etica » 460 

8. WMUtgràfìu. Aitualità ; Diritto ; Apologetica ; Arte •465 

BAHitcr Ch. 471. - Biavascht G. B. 468. - Cera G. 469. - De ia Rive Tb. 473.* 
Deaeax A. 472. - Deu Gr. 467. - Devivicr W. 471. - Faraoni G. 471. - Ferreres I. 
B. 46A. - Fontana A. 470. - Fraaceschini L. 470. - Germain A. 474. - La Quercia. 
465. - Mach i, 468. - Fniemmer II. 467. - Pycia H. 466. - Rossi A. 469. - Zar- 
nowiecki L. 474. 

I^. L*EpÌ8Copato tedesco e il modernismo » 475 

10. C«we romane » M 

il. Cose Italiane » 487 

12. Notixie i:eneraii di cose straniere » 491 

B. Attftrìa-UOflieria. Nostra Corrispondenza » 495 

14. Twcllia. Nostra CorrispondM%a. Il centenario di 5. Giovanni Griso- 

stomo a Costantinopoli » S%i 

15. Ptr rOlwto di S. Pietro. Avvertenza » 4é4 

le. Opere pervennte alla Direilone » 511 

^ ROMA 

DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE 

Via Ripetta 246, 



NUOVE PUBBLICAZIONI 

della Casa Editrice Desclée e C. in Roma 



€ANTUS MISSALIS ROMANI 

nrXTÀ EDITIONEM VÀTICANAM 

Elegante yolume in-folio di pag. 112 
in rosso e nero, indispensabile a tutte 
le chiese che non possedono ancora i 
Messali riformati secondo i recenti de- 
creti di S. S. Pio X. 

Formato in-folio, in-4 e in-8. Sciolto L. 4. 
D'ANNI BALE JOSEPH 

SUMMULA 

THEOLOGIAE MORALIS 

BDITIO QUINTA 
DILIGBNTER REVtSÀ ET NOVISSIMIS SS. GG. 
DEGRBTIS LOCUPLETATA. 



Tre Tol. di compless. pp. 1442, L. 13,50. 
' DE ANGELIS PHILIPPUS 



GUELFI Sao. ENRICO 



PRAELEGTIONES 

l URIS CANONICI 

Cinque voL di pp. 3014, contenente i 
nove tomi di cui l'opera si compone. 
L. 15. (Ultime copie esistenti). 

SCHULLER Mons. LODOVICO 



LA CONFESSIONE 

SACRAMENTALE 

ISTRUZIONI POPOLARI 

ad uso dei Predicatori e dei Catechisti 
corredate di tre indici copiosi ed ar- 
ricchite di 158 racconti ed esempi sto- 
rici. 



Seconda edizione. Un voi. dì pp. 668, L. 4. 



RIFLESSIONI 
E PII ESERCIZI 

AD uso DEI SACERDOTI 



MANACORDA E. 



DICIANNOVE SECOLI 

DI CIVILTÀ CRISTIANA 

GBNNI STORICI B RIFLESSIONI 



Un voi. di pag. 546, L. 3. 
ZAMBRUNI D. PROTO 



IL VANGELO 
NELLE FAMIGLIE 



Seconda edizione. Un voi. di pp.380, L. 2. 



Seconda pdizione. Un voi. di pp. 400 
L. 0,75. 



GABRIELE LEDOS 



SANTA GELTRUDE 

(N. 23 della Collezione / Santi) 
Dalla Quarta ed. francese 

Un volume di pp. 208, L. 2. 
GASTON SORTAIS 



IL PROCESSO DI GALILEO 

STUDIO STORICO B DOTTRINALE 

(N. 46 della Collezione Scienza e ^«It- 
ffione). 

Un voi. di pag. 64, L. 0,60. 
Mona. BATTANDIER 

ANNUAIRE PONTIFICAL 

CATHOLIQUE 1908 

Un voL in-8 di pp. 500, L 5,60. 



ETTORE DEHÒ 

LA CONDANNA 

DEL MODERNISMO 

APPUNTI POLBIIICI 



Interessante volume di pp« 200, L. 1. 

Di prossima pubblicazione: 
LUDOVICO PASTOR 

Sl^OftlA DEr PAPI 
DALLAFINE DEL MEDIOEVO 

GON L* AIUTO dell'archivio BBORBTO POH- 
TIFIGIO B di MOLTI ALTRI ARCHIVI. 



(Volume IV) 
Traduzione dal tedesco del Prof. A« Mia- 



IL MODERNISMO TEOLOGICO 



Vili. 

11 modernismo nelle varie sue fasi o metamorfosi — dalla 
volubile leggerezza del romanzo di moda all'affettato sus- 
siego delle critiche di idee e di fatti, degli studi religiosi 
di psicologia della fede e simili — non ha contro la Chiesa 
e le sue dottrine rimprovero più frequente e più sprez- 
zante che quello di una pretesa vecchiaia, di una vecchiaia 
cadente. 

In siffatto rimprovero si cela tutto un sistema di futili 
presupposti, che falsario ben anche il concetto stesso di verità 
con le insipienze del relativismo, dell'evoluzionismo, del sog- 
gettivismo e via: si presume cioè che la verità non abbia altri- 
menti valore assoluto, ma meramente relativo al soggetto co- 
noscente, guindi sia con esso cosa mutabile e provvisoria, 
sottoposta a evoluzioni incessanti, che in queste stia la sua 
vita, e come la vita è criterio di verità, così la evoluzione 
sia criterio di vita; sicché non potrebbe la verità avere il 
torto, mai, di essere antica, riè fissa o statica, come essi 
dicono. Ma su questi presupposti — apriorismi incoerenti 
e risibili del modernismo che rifugge dall'apriorismo — non 
vogliamo ora insistere. Ve n' è un altro, più facile a inten- 
dersi, ed è la ingenua sua illusione di crédersi — perchè 
in quest'alba di secolo si è svegliato più ciarliero e più 
chiassoso — di credersi giovine e moderno più che di 
nome, ignorando o chiudendo gli occhi sopra quella ve,ra e 
propria vecchiaia, che le sue lontane orìgini e antiche di- 
sdette e trionfi effimeri e mille svariate vicende dell'errore, 
tutte di un passato prossimo o remoto, concorrono a mo- 

^ Continuazione. Vedi quad. 1381, p. 19-34; quad. 1382, p. 146-160. 
1908, voi, 1, fase, 1384. 25 6 febbraio 1908. 



386 IL MODERNISMO 

strare decrepita, quale appare anche dalla sua slessa gar- 
rula vanità. 

Sarebbe utile e curioso, come vi abbiamo fatto allusione 
altre volte, così ora farvi sopra uno studio lungo e minuto. 
Con questo, ne siamo certi, si metterebbe sempre più in chiaro 
dove ia stretta affinità, dove la intima dipendenza, dove la 
simpatia segreta degli errori, che nati dalla defettibilità e 
dalForgoglio del pensiero umano, non hanno spesso di nuovo 
altro die la veste e il nome. Utile e curioso vedere, quanto 
i sogni filosofici, teologici e critici di una pretesa « cultura » 
moderna abbiano riscontro, se non attinenza, con quelli 
della vecchia « gnosi >►; come il nuovo (ignosticismo si tocchi, 
— cosi avviene degli estremi — con lo gnosticismo antico; 
e come il misticismo antico si incontri, e non solo nelle nubi 
D nel frasario, con un misticismo nuovo che cade nel fango. 
Più utile ancora e più importante sarebbe, segnatamente per 
ciò che riguarda il concetto modernistico della fede e della 
religione sperimentale o « emozionale », ricercarne il fonda- 
mento antico; e da prima remotamente nella pretensione 
della falsa mistica, di aspirare al contatto immediato « emo- 
zionale > o sensibile, come ad una unione intiqa e reale, 
con la divinità; indi più prossimamente nel concetto prote- 
stanti co, massime del libero esame, che è individualismo e 
soggettivismo religioso. Ma questa trattazione storica, di cui 
teniamo in mano gli elementi sicuri, sarebbe al nostro argo- 
mento una troppo lunga digressione. Del resto, non ci oc- 
corre essa per provare il nostro assunto. Basta a noi l'av- 
vertire come nel protestantesimo, più che in tutte le altre 
eresie precedenti, in modo simile al paganesimo della gno^i, 
tolto ogni sodo fondamento dogmatico, ogni criterio fermo 
di verità religiosa, e in ispecie il principio di autorità, si rese 
naturale il trascorrere alla soppressione o anche alla ne- 
gazione aperta dell'elemento intellettivo e dottrinale, all'esal- 
tazione invece del sentimento privato o individuale, al primo 
lasciando nulla più che quell'ombra di vita fittizia che sem- 
brava necessaria a tener desto il secondo. 



I 



TEOLOGICO 387 



IX 



Ciò anzi appariva inerente già, fino dalle prime mosse, 
nel falso mistieismo di Lutero, nel quale avevano influito il 
loro veleno seducente le correnti quasi panteistiche di una 
mistica tralignata, quale trapela, ad esempio, dal Libello 
della vita perfetta, che il monaco di Wittemberga studiò con 
tanta passione e pubblicò di poi sotto il titolo improprio 
di Teologia tedesca ^ 

È nota la crisi psicologica, tempesta di passioni e di ri- 
morsi, per cui il religioso rilassato si condusse ad accecare 
se stesso in una persuasione illusoria della propria giustifi- 
cazione e salute senza necessità di buone opere ; anzi l'ade- 
sione a questo sentimento intemo, confortatore dell'anima 
e rivelatore del perdono ottenuto pei meriti di Cristo, divenne 
per lui perfezione di fede. La fede quindi riusciva anzitutto 
adesione ad una rivelazione interiore alla coscienza, pre- 
sente anzi intima ad ognuno, cioè « un riconoscimento spe- 
rimentale » (agnitio experimentalis), secondo una famosa de- 
finizione luterana della fede; conftisa in tutto con la fiducia, 
ordinata non tanto a scoprire, a conoscere, ad |affermare, 
quanto a sentire, a sperimentare, in qualche senso a pro- 
durre andie e quasi creare l'oggetto creduto, cioè dire la 
remissione del peccato. Con essa fede l'anima afferrava la 
giustizia stessa di Cristo Signore, se Tappropriava, se ne 
rivestiva, secondo le frasi del novatore: faceva, cioè, per 
Tatto stesso del crederlo, che fossero a lei imputati i me- 
riti del Redentore ed ella, per estrinseca denominazione 
dalla santità di Cristo appropriatasi per la fede, si dovesse 
credere santa, sebbene tale non fosse intrinsecamente. 

In questo concetto di fede giustificante e salvifica, frutto 
dello pseudomisticismo e dell'avversione del monaco squi- 
librato ad ogni sana filosofia, sta una fonte inesauribile di 

' Di quest'opera, registrata nell* Indice dei libri proibiti, si sta ora pub- 
blicando a Napoli una traduzione italiana degli iniziatori < mistici » di una 
famosa <# bibKoteea mistica » . Cf. Oiv. Oatf., quad. 1880, p. 705 s. 



388 IL MODERNISMO 

contraddizioni. E la prima è nel concetto stesso del credere, 
il quale sarebbe, non più cognizione o assenso dell' intel- 
letto a ciò che esiste e viene affermato ; ma consenso o ade- 
sione della volontà a ciò che si vuole che esista e volendolo 
si fa esistere, si sperimenta, si sente. Onde si apre il varco 
all'ibrido connubio di un volontarismo e idealismo, che 
confonde la fede con l'illusione e aggrava l'insano presup- 
posto dell'antico scetticismo che esse est percipi, E Lutero 
stesso e Melantone e altri fra i primi capisetta del prote- 
stantesimo lo presentivano già, come sembra, e cercavano 
evitarlo ammettendo, oltre alla rivelazione interna e pre- 
sente, un'altra esteriore e passata. 

Di qui un oscillare perpetuo fra i due concetti di fede : 
di atto conoscitivo l'uno o intellettuale, di atto affettivo o 
emozionale l'altro; quello di adesione a tutti gli articoli della 
fede, ai dogmi, a ciò che sta scritto, ad un sistema dottrinale 
ingomma. (doctrinaEvangelii); questo di affezione del cuore, o 
semplice sentimento di un ben essere spirituale, di una sod- 
disfazione intima, o vogliamo dire del perdono e della salute. 
Il ijuale dualismo della fede luterana è rinfacciato anche dal 
luterano razionalista Harnack al suo Lutero; e dette luogo, 
secondo il prevalere dell'uno o dell'altro elemento, a contro- 
versie accanite fra novatori *. Ma negata la fede e la religione 
di autorità, per sostituirvi quella dell'esperienza o del senso 
individuale, era inevitabile l'estenuare da prima e restrin- 
gere sempre più, di poi sopprimere addirittura ogni ele- 
mento dottrinale o dogmatico, fisso e consistente, cioè og- 
gettivo in sé e derivato da una rivelazione passata, este- 
riore al credente, scritta o tramandata; quindi dedurre per 
ultimo ogni cosa, fino alla stessa fede del perdono, da una 
rivelazione presente, interiore, personale, « vissuta », che 
avrebbe fatto della Scrittura e del Vangelo stesso un « pro- 
dotto di esperienze ». Bentosto a questo estremo giunse 
appunto il protestantesimo, che ora dicesi largo e liberale, 
troppo bene affratellato al razionalismo; ed all'estremo 

* Cf. Paulsen, Contro il clericalismo, trad. ital., Torino 1907, pp. 41-45. 



TEOLOGICO 389 

medesimo, come ripetutamente ammonisce l'enciclica, corre 
il modernismo. 



A simile esagerazione dell'elemento mistico nella fede pre- 
ludeva infatti, dagli inizi della riforma, il canonico di Ossig, 
Gaspare Schwenkfeld, prima fanatico ammiratore e poi fiero 
oppositore di Lutero: egli derivava la fede dalla parola inte- 
riore, deprimendo la parola esteriore, la predicazione, la 
bibbia, ed esaltando unicamente la pietà interna, indiffe- 
rente ad ogni esterna costituzione della Chiesa. Né fu egli 
solo in ciò : peggio ancora insegnava, al tempo stesso, Se- 
bastiano Franck, non riconoscendo, fuori della parola in- 
teriore, alcun valore oggettivo alla parola esteriore, né a 
Scrittura né a dogma alcuno della Chiesa. 

Di qui al pullulare del misticismo fanatico e panteista 
del Weigel, del Bòhme e simili, fino al dilagare aperto della 
incredulità, fu rapido il passo: e alcuni lo temono rinno- 
vato già nella impresa mistica e libraria di non pochi mo- 
dernisti, i quali in palese e di soppiatto fanno propaganda 
di un misticismo consimile, e di cotesti scritti ereticali o 
infetti, preparano la pubblicazione in Italia, sotto specie 
di rinnovamento religioso o di religione interiore. 

Ma il vero è che i più, almeno perle apparenze, propen- 
dono al misticismo pietista dello Spencer, dello Zizendorf e 
de' loro seguaci, per cui la religione é tutta cosa del cuore. 
Tale misticismo appare alquanto meno esorbitante nella pra- 
tica e nella teoria. Anzi a primo aspetto potrebbe quasi dirsi, 
e lo proclamano essi altamente, prossimo al cattolicismo, per 
ciò che ha di reazione salutare alla forma scheletrita e fredda 
del culto riformato e del dogmatismo arbitrario della chiesa 
protestantica. Ma in verità il pietismo pallia con queste lustre 
il suo indifferentismo dogmatico, il quale riesce al disprezzo 
delle Scritture e dei Simboli, come di ogni altra forma deter- 
minata del dogma. Esso qui contrasta non solo al protestan- 
tesimo storico, ma ad ogni cristianesimo positivo e corre a 



IL MODERNISMO 

ìiK^ontrarsi eoa Taltro estremo, col razionalismo; verso cui 
per giunta si trovò sospinto dallo spirito di setta e dal- 
l'orgoglio intellettuale del misticismo fattosi ben presto mor 
boso e bizzarro. Così fino dal secolo XVllI furono veduti 
uscire a schiere dalle sette mistiche di Germania e di In- 
ghilterra, i filosofi dell'agnosticismo religioso, dell'indiffe- 
rentismo scettico o incredulo fino alla professione d'infe- 
deltà, coperti i più dell' orpeUo di una fede e di una reli- 
gione sentimentale. 

XI. 

Tra essi primeggia senza fallo, quale Copernico della nuo- 
va filosofia, com'egli voleva essere, il filosofo di KOnigsberg. 
educatosi al pietismo protestantico, sebbene poi vi rinuib- 
ziasBe come religione positiva, ne ritenne il principio anti- 
dogmatico, anzi fu tratto a dargli un fondamento filoso- 
fico; esaltando la conoscenza sperimentale o sentimentale e 
deprimendo la conoscenza intellettuale fino ad escludere 
dalla religione ogni dottrina metafisica di Dio e dell'anima 
e per conseguente ogni teologia speculativa, ogni dogma. 

Ma senza entrare per ora in una distesa esposizione del suo 
sistema religioso o piuttosto irreligioso, purtroppo affine al 
simbolo-fideismo del modernista, è notorio il concetto kan- 
tiano di fede, come di esperienza interna soggettiva, appren- 
Bioue di un reale fantastico, quasi sogno di poeta. Sicché alla 
fede rimandava il Kant ciò che non aveva fondamento di 
prova, e quindi nulla di commune con la scienza: onde l'una 
poteva contraddire all'altra impunemente, e la religione re- 
stava cosa del sentimento e del cuore^ non della ragione, 
nel senso appunto dei noti maestri del modernismo. 

E perchè non si gridi qui, com'è il solito, all'esagerazione, 
tale è l'intendimento che ne hanno i suoi discepoli. Ci basti 
recare l'opinione di chi n'è in Germania il rappresentante piii 
caldo e più sincero, del Paulsen ^ ; alla cui opinione pare 

' Kcco le sue proprie parole nel libro di recente tradotto e intitolato 
OùHtro U eléiHcalismOy cioè il cattolieismo, dove esalta nel Kant il fUowfò (M 



TEOLOGICO 391 

a noi che si accordi nella sostanza, quanto all'origine pietista 
del dogmatismo morale e dell'immanentismo modernìstico, il 
Laberthonnière, vantato fra noi come il teologo della nuova 
scuola. II Paulsen tuttavia stima che questi sentimenti fu- 
rono tenuti animati dal contatto con lo spirito del Rousseau 
e che solo « ricevettero dal Kant una nuova illustrazione 
in senso antipretesco ». Il Laberthonnière invece sostiene 

- e appunto contro quei che l'accusavano a buon diritto di 
soggettivismo kantiano - che il dogmatismo morale e l'im- 
manentismo da lui preconizzato è sì veramente « cosa kan- 
tiana >, ma « è prima di tutto cosa cristiana > ; che il « Kant 
l'ha ritenuto appunto dal suo Cristianesimo e dal senso 
della vita immanente che ha attinto dal pietismo », che ^ que- 
sto elemento mistico non è affatto esclusivamente suo ». 
Anzi aggiunge : « Questo ci basta senza dubbio perchè egli 

- il Kant - ci appaia, per quanto ci possiamo sentire indi- 
pendenti di fronte a lui e pur potendogli rimproverare 
qualche cosa (solo qualche cosa /j, molto più vicino a noi che 
non Aristotele » col suo Dio, la sua morale da esteta ecc. *. 
Né minori sono le simpatie degli « umili e franchi di- 

protestantesimo (p. 51), e considera le esperienze e ì sentimenti perso- 
nali che hanno avuto speciale influenza nel Kant e nella formazione della sua 
filosofia: « Kant nacque da una famiglia in cui regnava quella speciale forma 
di devozione religiosa che si chiamò Pietismo. Egli imparò a conoscere la 
religione in una forma che odiava speculazioni scolastiche e litigi di teo- 
logi... rimase in lui per effetto di paterna eredità un certo qual sentimento 
per il valore di quel cristianesimo non dogmatico popolare il quale si ma- 
nifestava invece neli* intenzione e nella vita pratica ecc. Di qui la persua- 
sione che la religione sia una cosa del sentimento e del cuore, e non della 
ragione... che convenga tanto alla scienza quanto alla religione abbandonare 
questo sistema dogmatico... che per tal modo la scienza potrà liberamente e 
senza pregiudizi occuparsi della verità... Kant adunque nella buona inten- 
zione di voler rendere servizio alla religione abbatte tutto Tàntico sostegno 
della fede, vale a dire la metafisica dogmatica della scuola ». Fin qui il 
Paulsen, plaudendo al maestro e parlando per Tappunto come un modernista. 
• Luciano Labkrtoknière dell'Oratorio, Saggi di flloaofia religiosa. 
Unica traduzione italiana autorizzata. Milano, 1907, p. 371. •— Citiamo que- 
sta recente traduzione, ma essa, salvo qualche nota, è conforme air opem 
proibita Essais de lìhilosophie réligieuse. Gf. appendice Le kantisme et 
M, Blondel (p. 321). 



392 IL MODERNISMO 

scapoli > della nuova filosofia in Italia, come di quel ge- 
niale conferenziere che ripeteva sovente « quanto poco 
sia cristiana pur credendo di esserlo molto, di esserlo essa 
sola » l'antica filosofia, quella dei suoi avversarii. 

Il Paulsen ci pare ben più schietto e più competente : egli 
dà « chiaramente delineata la posizione » del Kant in tre 
punti che tutti e tre pur troppo hanno riscontro nel mo- 
dernista al di qua, come al di là, delle Alpi e del Reno. Il 
primo è autonomia della ragione, sopra la quale non c'è 
istanza e che nessuna rivelazione può circoscrivere; quindi 
il Kant è sincero razionalista. Il secondo è antidogmatismo, 
anzi quasi anti-intellettualismo, perchè la ragione non può 
appoggiare la fede religiosa, né la scienza stabilire qualche 
cosa di positivo, nemmeno intorno ad una causa prima ecc., 
e sotto questo riguardo il Kant è con l'Hume uno scettico 
dichiarato. 11 terzo è possibilità e necessità di una fede 
pratica ragionevole, di una fede morale, di cui « egli con- 
sidera l'ateismo intellettuale come base ». Poiché — di- 
scorre egli — « la ragione speculativa non può alzarsi sopra 
il mondo dei fenomeni: quindi confida la formazione degli 
ultimi pensieri sopra la realtà, la concezione filosofica, alla 
ragione pratica : questa movendo da un proprio fenomeno 
fondamentale, quello del dovere assoluto che è anche l'as- 
soluto volere, determina l'essenza della realtà per mezzo 
del concetto del bene assoluto: la realtà in se stessa è Dio 
e il suo regno; la legge morale è la legge naturale del regno 
di Dio > *. Così il Paulsen, ritraendo il pensiero kantiano, ci 
rimette innanzi non pochi tratti della « psicologia della reli- 
gione » e della fede modernistica, da noi riportati altrove, del 
Celli, del Tyrrel, di altri. 

Ma il professore berlinese conferma altresì un nostro giu- 

1 Contro il Clericalismo, p. 47. Si raifrontìno qui le parole del Laber- 
thonnière, dopo quelle citate sopra: « Kant è evidentemente molto diverso 
dal tipo del negatore, inventato sotto il suo nome dalla scuola eclettica ed 
accettata tal quale dai teologi, molto diversa da quel tipo di Robespierre 
della metafisica, che avrebbe soppresso Dio, secondo il paragone di Enrico 
Heine ». - Si vede quanto sia giustificata questa simpatia per il Kantl 



TEOLOGICO 393 

dizio spesso ripetuto, quando soggiunge non potervi essere 
dubbio che queste teorie non sono altre da quelle del prote- 
stantesimo primitivo, « ma alquanto meglio sviluppate e spie- 
gate >, quasi per corollario dell'autonomia della ragione. Di 
fronte alla Bibbia Lutero, quantunque ammetta la superiorità 
della propria coscienza, non prende una posizione radicale 
come il Kant. Questi tira le ultime conseguenze, dice il Paul- 
sen. Laparola di Dio in noi è Vultima regola del vero. Non più 
dunque parola di Dio rivelatrice esterna, nella Bibbia; ma 
solo rivelatrice interna: perchè « io non posso convincermi 
che in Cristo e nella Scrittura Dio si è manifestato, se le 
mie idee sopra la divinità non coincidono colla essenza e 
vita di Cristo e col contenuto della Scrittura stessa » ; con- 
forme al principio dell' immanenza kantiana. < Chi non vuole 
riconoscere ciò — conchiude il filosofo di Berlino — deve 
diventare cattolico, poiché nel cattolicismo la fede non nasce 
dalla fc rza persuasiva delle cose, ma dalla fiducia o obbe- 
dienza verso un'autorità esteriore ». E appresso egli insiste 
a ridire che « protestanti sono pure gli altri due concetti 
à^Wanti-intellettualismo e del volontarismOy che la fede viene 
dal cuore, non da speculazioni teologiche o da prove sto- 
riche: che essa è la certezza immediata» *, cioè senza ombra 
di argomenti o di giustificazione razionale, una certezza 
cieca insomma. 

Con un siffatto concetto di fede, ridotta a un cieco senti- 
mento, non occorrevano evoluzioni per trascorrere alla ne- 
gazione della divinità di Cristo, del cristianesimo storico, 
di ogni religione positiva, di ogni culto esteriore *: vi era 

* Ivi, p 48. 

^ Ivi, p. 49: «L'unico modo di servire e piacere a Dio è quello di con- 
durre una vita morale intesa in senso kantiano, secondo il quale questo prin- 
cipio « tu devi » si muta nel più profondo deU*bnima in un io voglio, 
e il valore morale dell'uomo non dipende da ciò che egli eseguisce este- 
riormente, ma dalla buona volontà ed intenzione, che è perfettamente au- 
tonoma. — ()gni altro culto esteriore non è neces.»ario e nuoce, anzi quando 
Tautorità ecclesiastica lo raccomanda, ne nasce allora quel culto ciarla- 
tanesco, che è causa di tanto male». Anche in questo punto, massime nel- 
Tawersione al culto esterno, i più dei modernisti si accordano mirabilmente. 



394 IL MODERNISMO 

già esplicita bastevolmente, sebbene avvolta nelle nubi misti- 
che di un frasario pietista. 



XI. 

Né da queste nubi si uscì del tutto coi successori del Kani^ 
sebbene tanto più audaci del maestro nelle negazioni di 
ogni religione positiva e naturale, fino alla negazione stessa 
della personalità divina*. Anzi può dirsi che l'infedeltà viep- 
più si camuffò dì misticismo, segnatamente per opera della 
Sohleiermacher, il quale da essi ispirato, escluse del pari 
dalla fede e dalla religione tutto ciò che non è pio senti- 
mento, quindi ogni fatto meramente storico, ogni verità dog- 
matica partecipata ab estrinseco, anzi ogni verità trascen- 
dentale, come ogni pratica estema e determinata di culto: 
ristrinse fede e religione nell'intimo del cuore o della co- 
scienza: in un sentimento di dipendenza per una parte e 
per altra nella creazione di certe disposizioni di quiete o sod- 
disfazione interiore, giusta i < bisogni» personali *: solo ciò 
che l'uomo può provare in sé o almeno sentire con altri, solo 
ciò che può far suo proprio con l'esperienza interna e con 
la propria vita, che può produrre nella sua coscienza, solo 

* Tvì, p, 93 ss. Firhte in lotta per la libertà del pensiero. 

^ Di qui al criìjtìane,simo personale (Eigenes Christenium) del LehmaD 
fu un pàssio BoLo, e portato Decessarìamente dalFessenza del protestantesimo 
come dal concetto pietista della fede « emozionale » essendo tede e religione 
cosa dì puro eenti men lo, la religione è dunque puramente interiore, pura- 
mente individuale. Quanto vi può essere di obiettivamente stabilito, ogni 
dogma che dovesse accettarsi così cora*è rivelato, ogni legge, ogni forma, 
ogni pratica esterna obbligatoria, diviene un attentato, alla dignità, airau- 
tonotiuii umana. L'uomo in questa religione prega e crede come vuole e 
perché vtfolp: il huo Interno si ribella al dovere della preghiera, la sua 
aapimzione verso Dio alla catena del dogma che Topprime, al dogma-ma- 
ciffìio. Ognuno pertanto ha diritto d' «individualizzarsi» la sua religione, 
cioc adattai la alla :sua inclinazione personale, alla sua disposizione d'animo 
deiroi^ipri. allo stato deUa sua educazione, ai suoi «bisogni», insomma. Si 
potrebbe dunque chiamare anche questa «la religione dei bisogni », per ri- 
scontro alla famosa flioHofla nuova, esaltata fra noi come « la metafisica 
dei blarigni *. 



TEOLOGICO 395 

questo poteva essere oggetto di fede. Quindi la fede, e per 
conseguente la teologia, fu al tutto dis(^iunta dalla scienza, 
la religione dalla cognizione e ridotta ad essere una mera 
descrizione, o « proiezione » ebe si voglia dire, della vita 
intema, cioè d'immaginazioni interiori e soggettive, dicasi 
poi questa arbitraria affatto, ovvero provocata da fenomeni 
esteriori inesplicabili, fenomeni benefici e confortanti o no- 
cevoli e paurosi: è tutt'uno: l'origine, come l'essenza, è 
sempre naturale affatto, prettamenta umana. 

Siffatto concetto- di religione e di fede era già popolare, 
nel secolo andato, fra i protestanti di Germania, e più di- 
venne con gli scrìtti di Alberto Ritschl e del suo più fido 
discepolo, Hermann, che lo colorì anche più al vivo della 
seducente parvenza di uno pseudomisticismo nebuloso ed 
aereo, sebbene amendue così pieni di livore contro il « mi- 
sticismo monastico » : e il loro misticismo parve ad alcuni 
più profondo che quello del BOhme stesso, il gran teosofo 
del secolo XVII (1575-1624), di cui pure i mistici nuovi ci pre- 
parano in Italia la traduzione. 

Così gli stessi razionalisti più increduli vi ricorsero a 
gara, allegando il loro sentimento del divino, la loro reli- 
giosità interiore contro chi li accusava d'irreligione, e pre- 
sero a rigettare con dispetto il titolo, che prima ei-a loro una 
gloria, di razionalisti : separavano essi per ogni rispetto la 
fede della scienza, fabbricando quindi al dogma, alla teo- 
logia, come lo Schleiermacher nella s\iaiOlaì4ben8lehre (dot- 
trina della fede), un'abitazione più larga, più ariosa (« luf- 
tigen Pcwillon ») ^. 

Ma non occorrono parole a chiarire che il termine di 
tutti costoro è un medesimo : la distruzione del cristianesimo. 

XII. 

E questa distruzione fu proclamata altamente in Ger- 
mania, dai seguaci appunto della religione filosofica del 

1 Cf. KiBFL, Die Emyclika « Pascendi » in Lichte der modernen-phi- 
ÌOBophischen Entwicklung (L* Enciclica « Pascendi » alla luce del moderno 
svolgimento filosofico) in Hochland (i genn* 1908), p. 445 ss. 



396 IL MODERNISMO 

Kant e dello Schleiermacher. Di essi anche il citalo Kiefl 
reca solenni testimonianze, su le quali passiamo ora come 
cosa omai troppa nota. 

Poiché, come scrive il Kiefl stesso a questo proposito, a 
nulla potevano giovare le sottigliezze escogitate a conciliar 
in qualche modo una religione siffatta col cristianesimo. 

Né meglio delle altre giovò quell'ultima onde si cercò 
fondare la dogmatica come scienza sopra il sentimento re- 
ligioso, cioè il neokantismo. E la forma, in particolare, 
onde si volle applicato il neo-kantismo al cristianesimo, 
mostra la maggiore somiglianza con quella che l'enciclica 
biasima nel modernismo, come il Kiefl viene ampiamente 
dimostrando : « previene il simbolismo modernistico, stabi- 
lisce uno scisma permanente, una rottura insanabile fra la 
ragione e il sentimento, fra la mente e il cuore. Quindi 
spinge essa alfine, con l'impeto della corrente irresistibile, 
alla negazione di ogni fede positiva, di ogni dogma, non 
escluso quello dell'esistenza divina e dell'immortalità del- 
l'anima, che sono le due verità fondamentali del cristia- 
nesimo. Ma già per lo stesso pendio oltrepassando il Kant, 
precipitava al panteismo il pietista Schleiermacher, porta- 
tovi dalla sua coscienza o esperienza religiosa, fino ad 
invitar piamente i suoi correligionarii a fare riverenti li- 
bazioni ai Mani del santo e perseguitato Spinoza > *. 

Questo pendio lubrico noi abbiamo denunciato più volte, 
anche a proposito di modernisti italiani, come di qualche 
rivista per il clero, la quale riconosceva dallo Schleierma- 
cher l'origine delle idee nuove ma pretendeva che l'origine 
non offuscasse la giustezza delle idee. Ora ci è caro di 
vederlo riconosciuto e messo in viva luce nel periodico di 
Germania più caro ai modernisti italiani *, e da uno scrit- 
tore che non può essere loro sospetto. 11 quale conchiude 

* Cf. Hochland (l genn. 1908), art. cit., p. 454. 

' Diciamo questo, perchè Hochland è Tunica rivista di Germania rac- 
comandata da La Vita Religiosa, nuovo organo del modernismo. Il Kiefl 
poi fu grandemente lodato negli Studi religiosi del Minocchi, perchè stato 
amico e difensore dello Schell ; ma noi vediamo con piacere, che è assai me- 
glio pensante dei suoi lodatori italiani. 



TEOLOGICO 397 

alfine la sua dimostrazione con dire, che questo concetto 
della religione e del cristianesimo, rigettato dall'encìclica 
col nome di modernismo e di cui è padre proprio lo Schle- 
iermacher, è andato già percorrendo in Gei mania, da cento 
anni, tutti gli stadii della sua evoluzione, ed è alfine giunto 
a un pieno fallimento : riconosciuto comunemente da filo- 
sofi e da teologi siccome un concetto errato nel suo prin- 
cipio, nella sua applicazione inetto a conciliare il cristiane- 
simo col pensiero moderno, e nell'esito, foriero di « crisi » 
o piuttosto di dissoluzione del cristianesimo. 

Quindi si scorge altresì, per le cose dette, come gli er- 
rori del modernismo, accolti quasi novità nei paesi latini — e 
prima anche negli anglosassoni — erano da gran tempo con- 
siderati per cosa non solo vecchia, ma morta, in Germania, 
almeno secondo la forma più cruda onde sono esposti e 
condannati dall'enciclica. Il che aveva osservato già, or 
sono cinque anni, anche il Mausbach a proposito dello pseu- 
donimo anglosassone Engels, che è tutt'uno con l'italiano 
Sostene Gelli, da noi sopra confutato *. 

XIII. 

La spiegazione di questo morboso entusiasmo nei paesi 
latini, se può trovare per qualche Iato un riscontro nel 
così detto americanismo, più lo troverà segnatamente per la 
Francia e per l'Italia pedissequa nell'indirizzo dei neo-cri- 
tici o neo-kantiani francesi, originariamente protestantico- 
pietista, come quello del protestante Renouvier e della sua 
scuola; dalla cui sorgente, intorbidata tutta di veleno kan- 
tiano, attinse poi il protestante razionalista Augusto Saba- 
tier gli elementi della sua pseudo-filosofia della religione, « 
onde sgorgò infine il nuovo sistema di religione dello spirito, 
opposto alle religioni di autorità: che nella sostanza è quello 
dei modernisti. 

* « L'entusiasmo postumo con cui certi cattolici stranieri rappresentano 
oggigiorno il Kant, il Goethe, lo Schleiermaclier, il Ritschl ecc. come fonti 
e modelli della teologia e dell'opinione cattolica, fa in Germania una impres- 
sione strana e tutt*altro che lusinghiera» {Theologische Revue, 20 ag. t903). 



398 IL MODERNISMO 

Restringendo il molto in poco, secondo Augusto Sabatier,*^ 
principio, onde muove la religione, e primo moto di fede 
è appunto una commozione dell'anima al cospetto della 
natura, un sentimento di dipendenza e di unione; un'espe- 
rienza religiosa insomma: la quale poi si traduce nel « ge- 
sto » o rito che è il primo germe della liturgia, indi in 
« parole > elemento intellettuale, secondario e provvisorio, 
onde sorgono i dogmi e le mitologie diverse, che sono 
semplice prodotto di commozioni o esperienze religiose. 
Siffatta commozione o sentimento religioso, secondo lui, 
si destò con più vivezza in alcuni, come nei cantori ispi- 
rati o profeti, che si trovano in tutti i popoli primitivi, e 
più particolarmente in quello, da prima nomade e poi stan- 
ziatosi in Palestina, della tribù di Abramo: corona di que- 
sti « profeti » sarebbe Cristo, che nella sua coscienza reli- 
giosa sentì si vivamente e amò questa dipendenza sua dal- 
l' « Essere universale » — il quale per A. Sabatier è « la col- 
lettività di tutte le forze rivelatesi nella evoluzione cosmica 
del mondo » — da trasformare siffatta relazione di dipen- 
denza in una relazione di figliuolanza; e in questo senso 
egli divenne realmente figliuolo di Dio, e l'espresse in sem- 
plici parabole e similitudini, ma senza dogmi: questi nac- 
quero solo con S. Paolo e col quarto Evangelio, come for- 
mule delle esperienze religiose dei primi discepoli di Cristo. 

Questo è il pretto razionalismo, e più propriamente re- 
nanismo, rivestito dai Sorbonista protestante di frasi più 
mistiche che non dal chierico apostata; onde quegli ebbe 
assai pestifera l'efficacia sui cattolici stessi e su parte del 
clero, non solo in Francia, ma anche in Italia. Poiché fra 
. noi se ne copiavano bonariamente da giovani scrittori 
le frasi e i paragoni, come quella delle coscienze religiose, 

^ Etfquisse d'une phtlosophie de la religion, d'apres la psycJwlogie et 
Vhistoire. — Les religione d' autor ite et la religion de V Esprit, Paris, 
Fischbacher, 1903. — Avvertiamo da capo che non si confonda questo Augusto 
Sabatier, già decano della facoltà di teologia protestante a Parigi (1839- 
1901), con Paolo Sabaiier, letterato chiassoso ma deJ tutto ittoompetenta ia 
materie filosofiche e religiose lattosi ora « balio » dei moderBÌsti. 



TEOLOGICO 399 

4c tutte in vario grado manifestatrici della divinità » e quella 
delle « formule » teologiche o dogmatiche assimilate alle 
bende che avvolgono le mummie d'Egitto, e simili spirito- 
sità; per non parlare qui di altre proposizioni anche peg- 
giori, come il chiamare Cristo semplicemente « la più grande 
coscienza religiosa dell'umanità », e simili frasi, che abbel- 
livano conferenze ed articoli di « nuova cultura ». 

Ma peggio, al di là della Manica, il Tyrrell, vanamente 
presumendo farsi « continuatore » del Newman, si lasciò 
rimorchiare dal razionalismo del protestante della Sorbona 
di Francia, trascorrendo di botto da focoso tomista a fana- 
tico simbolista. 

Non cercheremo noi, come altri ha fatto anche tra pro- 
testanti, le rassomiglianze della nuova dottrina di lui col 
protestantesimo di Lutero. Una convenienza tuttavia non 
si può negare, che conferma le cose dette sopra; ed è l'ori- 
gine dallo. pseudo-misticismo: più angoscioso e fiero nel 
monaco sassone, più tenero e sentimentale nel religioso in- 
glese; ma nell'uno e nell'altro intensissimo e fomite d'illu- 
sioni le quali falsarono il concetto stesso di fede, e con questa 
di tutta la religione *. Di ciò abbiamo dato saggio nell'arti- 
colo precedente esponendo la nebulosa « psicologia » della 
fede dell'autore stesso, che sotto il nome di Sostene Gelli co- 
loriva il programma religioso alla società italiana di cultura 
del Muitì e di altri giovani traviati; programma che conte- 
neva in germe o in abbozzo tutto il veleno degli errori con- 
dannati poi nel modernismo filosofico e teologico. 

Ora di simili « vaneggiamenti » ripete sovente l'enci- 
clica che furono già tutti condannati dal Concilio Vati- 
cano ; e perchè ciò riguarda la vecchiaia del modernismo, 
noi lo confermeremo brevemente in un altro quaderno; 
e mostreremo per giunta che furono condannati fin d'allora 
come errori vecchi, derivati da pseudo-riformatori e da ra- 
zionalisti, per le stesse ragioni e con le conseguenze stesse 
che ora l'enciclica di Pio X riscontra nei modernisti. 

' Vedi su questo punto M. de la Taillb, SurVencyclique * Pascendi », 
in Éfudes (decembre 1907), p. 650. 



LO SCHOPENHAUER 

E LA MORALE PESSIMISTA^ 



Il filosofo della volontà, così suole appellarsi lo Scho 
penhauer, non è un autore che si possa mettere da canto 
in uno studio, qual è questo nostro, sul problema morale. 
Troppo famoso è il suo nome nella storia della filosofia I 
Troppo singolari sono le sue vedute filosofiche! Specialmente 
poi nello stabilire il criterio della moralità, lo Schopenhauer 
si allontana di molto da tutti gli altri autori. 

Lo ripone, come vedremo, nella volontà di vivere. Giu- 
dica e classifica gli atti umani, secondochè scorge in essi 
un'affermazione o al contrario una negazione della volontà 
di vivere {eine Bejahung oder eine Verneinung dea Willens 
zum Leben). 

in questo articolo adunque prenderemo in esame la sua 
filosofia, risguardandola principaiineuv^ i lato morale. 






A principio del suo trattato di morale^ fa egli una dichia- 
razione, che a noi sembra un vero paradosso. Dice ciie 
avremo da lui una morale totalmente scevra di precetti ed 
obblighi. E si noti che questa dichiarazione non è già un 
semplice preavviso del fatto, strano invero ed incredibile, 
che cioè il trattato gli riuscì tale. No: è una protesta formale, 
a priorL Sostiene egli, che un corso di etica non può non 

^ Continuazione dello studio sul Problema morale, quad. 1361 pag. 537 ; 
quad. t3G3 pag. 49; quad. 1365 pag. 286; quad. 1368 pag. 673; quad. 1370 
pag. U6; quad. 1373 pag. 256 ; quad. 1377 pag. 270; quad. 1380 pag. 651. 

* Questo trattato contiensi nel libro quarto dell* opera intitolata : lì 
mondo come volontà e come rappresentazione {Die Welt ala Wille und Vor- 
i^ieliung) Questa è Topera principale dello Schopenhauer. Nel citarla, ci 
alLerremo airediz. di Lipsia, Brockhaus 1873. 



LO SCHOPENHAUER E LA MORALE PESSIMISTA 401 

essere tale, non i)uò senza ripugnanza contenere ingiunzioni 
e doveri. 

In verità, non sappiamo concepire una morale, senza 
comandamenti ed obblighi. Se è un trattato di etica, di- 
scorrerà senza dubbio delle azioni cattive e di quelle buone. 
E che cosa ne dirà? Quanto alle cattive, non affermerà sol- 
tanto, ch'è lodevole astenersene, ma denunzierà inoltre, ch'è 
obbligatorio schivarle : malum est vitandum. Quanto alle 
buone, non dirà certamente, che tutte sono libere o super- 
erogatorie, ma di alcune insegnerà che sono doverose. Lo 
proclamerà per lo meno di quelle tre azioni che lo stesso 
Voltaire, nel suo poema sulla legge naturale, dichiarava 
obbligatorie : * Adore un Dieu^ soia juste, et chéris ta pa- 
trie » *. Se dunque è, quale si dice, un trattato di morale, 
conterrà senza fallo precetti e doveri. 

Eppure, lo Schopenhauer protesta, a priori, che la sua 
morale non ne conterrà affatto. « Ninno, così egli, aspetti 
in questo mio libro di etica prescrizioni o un trattato sui 
doveri; molto meno poi aspetti un principio etico univer- 
sale, che sia come il ricettacolo, donde escano fuori tutte 
le virtù. Non faiicmo alcun motto di doveri incondizionati 
(unbedingtes Soìtsn), non cenno alcuno di leggi della libertà 
{G-^setz fiir die Freiheit), perchè gli uni e le altre inchiudono 
contraddizione. Non parleremo punto di doveri: di questi sì 
tiutta coi fanciulli e coi popoli nel primo stato d' infanzia, 
non però con quelli che posseggono l'intera coltura di una 
età provetta. Non è, in verità, una contraddizione palpabile 
(handgreiflicher Widerspruch)^ ammettere che la volontà è 
libera, e nondimeno stringerla con leggi alla cui norma deve 
attenersi? » E poco appresso : « Molti per l'addietro hanno 
stabilito principii di morale e li hanno proposti, come pre- 

^ lì Voltaire pubblicò questo poema, La loi naturelle, Tanno 1751. Lo 
scrisse per confutare un certo opuscolo, Du souverain bien, il cui autore si 
sforzava di provare, non esservi né virtù né vizio, e doversi il rimorso della 
coscienza attribuire ai pregiudizii delFeducazione. Il poema, diviso in quat- 
tro parti, fu dedicato ^al re di Prussia. 

1908, voi. i, fase. 1384. 26 5 febbraio 1908. 



402 LO SCHOPENHAUER 

celti di virtù, e come leggi a cui conviene di necessità ob- 
hedire. Io, come già dissi, non posso fare altrettanto, perchè 
non ho né legge né dovere da imporre a una volontà eter- 
namente libera » *. 

Rispondiamo, non esservi ripugnanza alcuna in questo, 
che la volontà sia al tempo stesso libera e vincolata per 
legge. Il legame della legge è un vincolo morale: sotto la 
legge la volontà ritiene la sua fisica libertà. Ora, ripugna 
forse, che la volontà sia fisicamente libera e moralmente 
vincolata? All'opposto, è ciò necessario, per impedire che 
la volontà si dilunghi dall'ordine del fine, ne voluntas^ così 
spesso ripete l'Angelico, divertat ab ordine finis. 

Lo Schopenhauer va più oltre del Kant, di cui si pro- 
fessa discepolo*. Il Kant, è vero, esclude ogni eteronomia*; 
ma pure, con l'autonomia della ragione, con l'imperativo 
categorico, si studia di conservare qualche ombra di ob- 
bligazione, cerca di salvare qualche resto del Decalogo. Di 
ciò non si cura punto il nostro A. : rigetta apertamente e 
totalmente ogni idea di legge e quindi anche di dovere. E 
senza leggi e doveri pretende darci un compiuto corso di 
etica? Vediamo, che sorta di morale è questa sua. 






Il Ribot, dopo avere lungamente esposto la filosofia dello 
Schopenhauer, ne fa infine un esatto riepilogo che ci piace 
qui soggiungere. Così i lettori avranno dinanzi agli occhi 
na buon sunto di tutto il sistema di quest'autore, 

< Un principio sconosciuto, una x, che non può espri- 
mersi per alcun vocabolo, ma di cui il nome volontà — nel 
senso generalissimo di forza — è l'espressione meno ine- 
satta ^ spiega l'universo. In se stessa, la volontà è una 

> Op. cit., lib. IV. § 53 e 66. Voi. 1. pag. 320 e 4i2. 

^ Lo Schopenhauer dice di essere discepolo del Kant, ma con differenza 
dal Fichte, dallo Sebelling e dall'Hegel. Diceche, mentre quelli ne sono la 
discendenza bastarda, egli ne rappresenta la linea legittima. 

» Vedi quad. 1368 del 6 giugno 1907, pag. 675. 

* « Noi, cosi lo Schopenhauer, non ci serviamo ^he d'una denomina- 



E LA MORALE PESSIMISTA 403 

€ identica; la pluralità dei fenomeni non è che un'appa- 
renza, risultante dalla costituzione dell'intelletto, facoltà 
secondaria e derivata : per esso nondimeno, la volontà in- 
cosciente diviene cosciente, e passa dall'esistenza in se 
stessa all'esistenza per se slessa. Riconoscendo allora, che 
non è in fondo che desiderio, e quindi bisogno, e conse- 
guentemente dolore, essa non trova altro ideale della vita, 
se n-ìn quello di negare se medesima, e di operare per la 
scienza la sua liberazione » ^ 

Queste sono, in sostanza, le dottrine filosofiche dello 
Schopenhauer*: esaminiamole partitamenle. 



E fermiamoci dapprima in quella ipotesi, leggiadra, se- 
condo alcuni, e ingegnosa, della volontà che, una e iden- 

zione apotiori, per la quale il concetto di volontà rìcej e un'eatensione più 
grande dì quella avuta sinora... Denominiamo il genere dalla specie più per- 
fetta. (Wir gehranchen hier allerdings nur eine denominatio a potiori 
durch welohe eben dpshaìh der Begriff Wille eine gròasere Ausdehnung 
erhdlt, als er biaher hatte,,, Ich benenne daher das Genn» nach der 
vorsùglichaten species)*. Op. cit., Lib. II. § 28. Voi. 1. pag. 132. 

* « Un principe inconnu, une x, qu'aticun terme ne peut traduire, 
fnais dont le mot volonté — au sena très general de force — est l expres- 
Sion la moins inexacte, explique l'uni vera, En eUe-méme la volonté est 
une et identique: la pluralité dea phénoménea n'est qn'une apparenoe, 
réauUant de la conatitution de l'intelligence, faculté aeconiaire et dérivée ; 
jyar elle toufefoia, la volonté inconaoiente devient conaciente, et pasae de 
Vexiatence en élle-méme, à Vexiaience pour elle-méme, lìeconnaiaaant alors 
qu'elle n'est dans son fimd que déair, par conséquent beaoin, par oonaéquent 
douleur; elle ne trouve d'autre idéal de la vie que de ae nier elle-méme, 
et d'opérer par la acience aa libération. » La philoaophie de Schopenhauer, 
cap. VIL 

* Avverte lo Schopenhauer (nella prefazione della 1^ ediz. delPopera 
già citata, il mondo come volontà e come rappresentazione), che per com- 
prendere il suo sistema è necessaria la conoscenza perfetta della filosofia 
del Kant, e utUe assai quella delle opere del divino Platone. Raccomanda 
pure d'imbeversi della sapienza indiana dei Veda a cui, per somma nostra 
ventura, ci è stato aperto Tadito dagli Oupanisciadi. Nel libro 4** § 63 del- 
l'opera anzidetta, dice dei Veda, che sono il frutto della più alta intelli* 
gonza, e degli Oupanisciadi, che sono il dono più prezioso fattoci nel secolo 
£K;orso. Voi. 1. pag. 419. 



404 LO SCHOPENHAUER 

tica, si sviluppa (si obbiettiva) nella natura incorporea, nel 
regno vegetale, in quello animale, ed anche nel cervello 
umano ove diviene cosciente. 

Gli autori moderni, come osservammo in altro luogo,* 
ripetono spesso, che i. gradi o i momenti d'ogni nostro 
processo scientifico sono questi tre: accertare i fatti, sup- 
porre le ipotesi, verificarle. A spiegare l'universo, lo Scho- 
penhauer percorre quei due primi gradi: assoda i fatti, 
pianta l'ipotesi anzidetta. Ma lì si ferma: la verifica non vi 
è. La verification manque^ asserisce il Rìbot, e lo asserisce 
con tutta ragione. 

Quali prove adduce egli per dimostrare che, tra le varie 
ipotesi, quella sua è la vera? Non ne arreca alcuna. Non ci 
spiega, donde venga quella volontà, una e identica, dove 
tenda, perchè esista: deve bastarci il sapere da lui che real- 
mente esiste e che tutto si riduce ad essa, tutto ne dipende. 
Molto meno si cura di ribattere gli argomenti, numerosi e 
gagliardi, con cui gli avversarli impugnano quella sua teoria 
cosmologica, e la mostrano insussistente, inammissibile. 
Essa pertanto rimane una mera ipotesi gratuita e fantastica. 
Elle reste, conchiude il citato autore, sans valeur scientifique *. 

E se essa è priva di valore scientifico, ne sarà pure 
destituita la morale della volontà di vivere, che da essa 
dipende. 

Passiamo ora a quella tesi che lo Schopenhauer stabi- 
lisce: L'intelligenza è facoltà secondaria e derivata^. La 

1 Vedi quad. 1887 del 22 ottobre 1907, pag. 271. 

• Op. e cap. cit. 

^ « L' intelletto, cosi lo Schopenhauer, non è che un accidente del nostro 
essere : perchè è una funzione del cervello, che, coi nervi da esso dipendenti 
e col midollo spinale, è semplicemente un frutto, un risultato, anzi quasi un 
parassito del restante organismo, (Der Intellekt ist ein blosses Accidenf 
unsers Wesens: denti er ist eine Funkiion des Gehirns, welches, nebst 
den ihm anhangenden Nerven und RUckenmark, eine blosse Frucht, ein 
Produki, ja insofern ein Parasit des Ubrigen Organiamus ist) ». Op. cit- 
Gomplem. del lib. II. cap. 19. Voi. II. pag. 224. 



E LA MORALE PESSIMISTA 405 

deduce da queste due asserzioni, ugualmente false : dall'es- 
sere l'organismo una oggettivazione immediata della vo- 
lontà, e dall'essere il pensiero una pura funzione, un mero 
prodotto del cervello e per conseguenza dell'organismo. 

Ecco, esclama, ecco la volontà rimessa al primo posto 
d'onore, posto ingiustamente usurpatole per tanti secoli, 
dopo Anassagora, dall'intelligenza. Il primato spetta di di- 
ritto alla volontà : viene poi l'organismo : indi, al terzo posto, 
il pensiero. Povera intelligenza I II nostro A. da per tutto ti 
tratta come nemica: ti vuole proprio umiliata e punita per 
l'atroce ingiuria che facesti alia volontà, usurpandoti il pri- 
mato, ad essa dovuto. 

Se, così egli ragiona, non ammettiamo che l'intelligenza 
è un puro fenomeno cerebrale, un' efflorescenza o fosfore- 
scenza del cervello, noi non riusciremo a spiegare due fatti : 
come mai l'applicazione mentale richiegga di tanto in tanto 
i suoi tempi di riposo, come mai col giungere della vecchiaia 
sopravvenga bene spesso rammollimento del cervello, e 
quindi follia o demenza senile. Al vedere uomini insigni, un 
Swift, un Kant, un Walter Scott, un Southey, un Wordsworth 
e tanti altri, minorum gentium, ritornare alliii condizione 
infantile, o soggiacere a indebolimento intellettuale, al veder 
ciò, chi mai vorrà negare che l' intelligenza è un puro organo, 
una pura * funzione del corpo, mentre il corpo ^ è una fun- 
zione della volontà? 

^ Quando il nostro A. dice dell'intelletto, eh' è funzione del cervello, 
non prende il termine di funzione in quel senso generale, in cui Tadoperano 
i matematici. Questi dicono che una quantità è funzione di un'altra quando 
varia col variare di questa. Ma egli intende molto di più. Vuol dire che 
l'intelletto è una pura funzione del cervello, da cui dipende direttamente: 
che «l'intelletto è cosi transitorio, come lo è il cervello di cui è il pro- 
dotto, o meglio ragiona. (Der Intellekt ist so vergànglich, fvie das Gehirn, 
dessen Produkt, oder vielmehr Aktion et Ì8t)>, Op. cit. Complem. del lib. II. 
cap. 18. Voi. II. pag. 224. 

* « La volontà, così lo Schopenhauer, non è, come l' intelletto, una 
funzione del corpo, ma il corpo è sua funzione : quindi essa, ordine rerum, 
lo precede, come il suo substratum metaphysicum, come la cosa in sé del 
fenomeno (Denn er ist tticht, tvie dsr Intellekt, ein eFunktion dea Leibea ; 



406 ^ LO SCHOPENHAUER 

Rispondiamo che di quei fatti ben può e deve darsi altra 
spiegazione, chiara insieme e vera. Deve tenersi ben fermo^ 
che l'intelletto è facoltà spirituale, che non opera per mezzo 
di organi corporei. Questi dunque viziati, gli atti dell'intel- 
letto non sarebbero, per se, impediti o disturbati necessa- 
riamente. Ma, viziati gli organi, viene impedito l'esercizio 
di quelle facoltà che dipendono dagli organi, cioè del senso 
e della fantasia. E poiché l'uso di queste facoltà, nel nostro 
presente stato, si richiede, come condizione, per gli atti del- 
l' iiitelletio, quindi dal perturbamento degli organi conse- 
guita che l'intelligenza pure sia disturbata nelle sue ope- 
razioni. 

Odasi l'Angelico: « Per la lesione di qualche organo cor- 
porale, rintelletto s'indebolisce indirettamente, in quanto 
che alla sua operazione richiedesi quella del senso dipen- 
dente dall'organo. DébUitatur intellectus ex laesione alicuiìis 
organi corporalis indirecte, inquantum ad eius operationes 
requirihiv operatio sensus haòentis organum > *. 

Qud è dunque tra le facoltà umane quella, a cui com- 
pete il primato? l'intelletto o la volontà? In questo perio- 
dico, sostenevamo, non ha guari, « il primato dell'intelletto 
sopra la volontà, in quel senso che l'Angelico spiega * : ciò 
è per riguardo all'oggetto più semplice e più assoluto, es- 
sendo il vero fondamento del buono, e per rispetto all'ope- 
razione previa e regolatrice, essendo la volontà potenza 
cieca e sua guida l'intelletto > ^ Tutto ciò è verissimo, e 
consuona col detto del Filosofo: <^ L'intelligenza è la più ec- 
cellente delle facoltà che sono in noi> \ Essa infatti con- 

sond(*rn der Lelb ist seine Funkfion : daher ist er diesem, ordine rerum, 
vorgéìitjig, als dessen metapliysisches Substrati ala das Ansich der Er- 
seheimtng desselòen)'* , Op. cit. Gomplem. del lìb. H. cap. 19. Voi. IL pag.240, 
VoL U, pag. 2i0. 

' De Anima, lib. ITI, lect. VII. 

* SuMfna theoì.. 1. p. q. 82. a. 3. 

» Qiiaii. 1379 del 7 dee. 1907 pag. 552. 

* * KpaxtOTT] TE yàp aOxT] èorlv -^ èvépYsta* xal yàp 6 voO^ xfflv èv ii\ittr 
Ytd T&v -pfTòox&y, Tcept & 6 voO^». Ethic, lib. X. cap. VII. num. 2. 



E LA MORALE PESSIMISTA 407 

ferisce airuomo la sua dififerenza più nobile, la dignità e 
il nome di ragionevole. 

« 
* * 

Lo Schopenhauer è fautore ardente dell'idealismo. So- 
stiene che la volontà è la sola cosa in sé {Ding an sich isl 
all&in der Wille *). Il resto non è che apparenza, dovuta 
alla costituzione dell'intelletto. « Sopprimete, così lo fa 
pariare il Fouillée, tutte le teste pensanti, con i loro organi, 
ed ecco spegnersi il sole, quietarsi il mare, scolorirsi t 
fiori, il mondo visibile sparire > *. 

A provare il suo idealismo il nostro A. insiste prin- 
cipalmente su questa tesi: Il mondo, per essere un og- 
getto, ha bisogno d'un soggetto che lo pensi. {Diese ganm 
Welt Ì8t nur Objekt in Beziehung auf das &ubjékt) ■. Questa 
asserzione potrebbe prendersi in due sensi. Un senso è 
questo: Il mondo, per essere un oggetto attualmente co- 
nosciutOj ha bisogno d'una mente che lo pensi. Ciò è vero : 
ma nulla ne conseguita in favore dell'idealismo. L'altro 
senso è il seguente: Il mondo, per essere un oggetto in 
8e stesso, ha bisogno d'una mente creato che lo contempli 
Questo è il senso, inteso dallo Schopenhauer, senso favo- 
revole in qualche modo al suo idealismo, ma apertamente 
falso. 

Ed invero, il mondo, ancorché la mia testa e le altrui 
leste non vi pensino punto, non può forse esistere, come 
oggetto in se stesso? Non può, indipendentemente da tutte 
le teste, esistere fnel tempo e nello spazio, e nella serie 
continua degli effetti e delle cause? L'imagine che si forma 
nello specchio, non é possibile, se qualche specchio non 
esiste : se tutti gli specchi fossero distrutti, non si avrebbe 

1 Op. cit., lib. IL § 21. VoL 1. pag. 131. 

* « Supprimes toutes les tétes pensantee, avec leurs arganea^ (HiàMSt 
le soleil s'éteintf la mer se tali, la ffsur sb décolove, le monde iHsible 8*é' 
vanouit», Op. cit, cap. I. 

' Op. cit., lib. I. § 1. Voi i. pag. 8. 



408 LO SCHOPENHAUER 

iraagiiie alcuna. Ma, dal distruggerli lutti segue forse, che 
spariscano pure gli oggetti che vi si riflettono? 

* * 

Lo Schopenhauer, oltre ad essere un puro idealista, è 
anche un truce pessimista. « È, come afferma il Rìbot, il 
pessimista più originale, più convinto tra quanti ricorrono 
nella storia della filosofia. Lo è profondamente, non su- 
perficialmente, quali sono il Voltaire e gli altri autori da 
lui sì spesso citati. Se noi fosse intimamente, non tratte- 
rebbe il suo paradosso a quel modo che fa, con tanta vi- 
vezza di colori, con tanto spirito umoristico, inesauribile. 
Egli è d'una ricchezza meravigliosa, quando parla delle 
umane afflizioni. È riboccante di osservazioni e di fatti 
dimostrativi, raccolti dapertutto: di citazioni attinte dai 
poeti di tutti i tempi, da Esiodo e Teognide fino all'inno 
al dolore del Lamartine e alle imprecazioni del Byron '. 
Gusta una gioia selvaggia nell'enumerare le miserie umane: 
si direbbe eh' è contento di trovare il mondo così cat- 
tivo » *• 

Vede ognuno, quanto sia esagerata e falsa l'afferma- 
zione dello Schopenhauer, non essere la vita altro che 
dolore e pena. « Essenzialmente, così egli, tutta la vita è 
patimento » {Wesentich alUs Lében Leiden ist) ^. Che tale non 
sia la vita, ben apparisce dall'amore intenso che le portano 
gli uomini, e dalla cura somma che mettono per trattenerla, 
quando se ne fugge, e protrarla. Non vi è condizione al- 
cuna di vita, misera quanto si voglia e tribolata, in cui gli 

I Fra i tanti autori che hanno trattato 1* argomento delle miserie di 
questa vita, lo Schopenhauer dona la palma al Leopardi. « Nessuno, cosi 
egli, ha trattato questo soggetto cosi a fondo e cosi compiutamente, come 
il Leopardi. Questi ne è al tutto compreso e compenetrato. Il suo tema 
costante è l'ironia e il dolore dell' esistenza. Ne parla ad ogni pagina dei 
suoi scritti, ma con tale varietà di forme e di espressioni, con tale ric- 
chezza d'imagi ni, che, lungi dal recare noia, trattiene ed eccita». Op. cit., 
complem. al lib. IV. cap. 46. Voi. IL pag, 675. 

• Op. cit., cap. VL 

3 Op. cit., lib. IV. § 66. Voi. I. pag. 866. 



E LA MORALE PESSIMISTA M)9 

uomini, fatte poche eccezioni, non preferiscano dì restare, 
anziché morire *. 

Il grande dottore sant'Agostino, dopò avere, in due capi- 
toli distinti, trattato dei mali di questa vita, comuni ai buoni 
e ai malvagi, e delle tribolazioni con cui Dio prova e pu- 
rifica i buoni, ne aggiunge un terzo intitolato : de honis 
qmbus etiam hanc vitam Creator implevit ^ Li enumera a 
lungo e li chiama solatia, sollievi coi quali il pietoso Iddio 
conforta gli uomini quaggiù viatori. E conchiude con questa 
bella interrogazione: « Se questi sollievi sono tanti e tali 
e così grandi, quali poi saranno i premìi che Dio conferirà 
agli uomini lassù beati? Quae igitur illa sunt, si tot oc 
tolta ac tanta sunt ista^ )^ 

Non ottimismo dunque, non pessimismo. La vita non 
è al certo scarsa di mali, ma neppure è scevra di beni. 
Quindi l'uomo ha bisogno di due virtù: della fortezza per 
non cadere fiaccamente sotto il peso dei mali, e della tem- 
peranza per non eccedere smodatamente nella ricerca e nel 
godimento dei beni. 

Questa vita, dice lo Schopenhauer, non è che patimento. 
Ne conchiude che* la negazione della volontà di vivere (die 
Verneinung des Willens zum Lében) è l'ideale dell'uomo, il 
colmo delia moralità. 

Che penseremo dunque del suicidio? Non dovrà esso, 
in coerenza col suddetto principio, riputarsi buono al sommo 
e commendevole? Come dubitarne? Non è esso negazione 

* Ciò lepidamente espresse il gran patrono delle lettere Mecenate con 
quei versi, riportati da Seneca, epist. 101 : 
Débilem facito manu, 
Debilem pede, coxa; 
Tuher adstrue gibberum, 
Lubricos quaie dentea: 
Vita dum super est, bene est! 

Hanc mihi, vel acuta 
Si sedeam cruce, sustine, 
' De civit. Dei. lib. XXII. cap. 22-24. Migne P. L. tom. XLI, coi. 788. 



410 LO SCHOPENHAUER 

della volontà di vivere? No, dice il nostro A., no cer- 
tamente; il suicidio non è rifiuto della volontà di vivere 
(gieòt keineswegs dén Willen zum