(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "L'Album; giornale letterario e di belle arti"

V 



V^ L'ALBUM 



DI BELLE ARTI 



tlTO titoli 

Volume 2» 




MEMGUCCt GJOVANNt 



*G-' 



■ r.V 









TIPOGRAFIA DELLE BELLE ARTI 

Via in Arcione num." 100. 



f# 



pp 






A StlA ECCELLENZA 



1^. 



'9^\ 






IMPERIALE REGIO CONSIGLIERE DI S. M. APOSTOMCA 

PATRIZIO ROMANO 

GRAN CROCE DELL' ORDINE DI S. GREGORIO 
Ecc. Ecc, Ecc. 



ECCELLENZA 



Umo c/a c/i£ mi /« naéo (onore ai rivenre eoi 0(mmt'>'af6 e tycceilciija 
.VO<>tt«,, 9>u </<; ì-ùveako neu animo iù acJic/ert'o cà fender e/ /laleJi coìu huvvCtca^ 
t€Jicmonianj>a , t tJOiJi cceUa? hrc/onc/a e àincerióoncc? mi'ay c^&rvama i/erifo cieuaj 
c/itaripima t7(((L'? /lefyofta. 

ti'/ vo/mne ^ecoìiao ai nuejfo gicrnaCe /ler (e rìne care reHcemenie recalo a 

pnc, ni! horoe (a circodCan^.a <aìUo da r,ie a7nv(ti ai àcaarJrarc a oue( Tnw aeJiaeno. 

Uè f nniica noviùày aeua àù'rhe , (amore {7iver<fo te vuone uClere, ea iC 

at^nodtrare, come /c'ccclienza </c6{t<x pi, a at/ere a cMre (a (ero ccnJervanone, e cfie 

ià hreruo e cu mce nufaytore di aaornino, mmni dono ai m,aarmn(mo, e cor(eJc • 



^( e/re^ie hferoaalive, chs iti !^ci con aure mcùe m àheciat '»iodo rijhCcnc/ono, a {fherara 
mt avvatofano, cnc <fi comfnacófa ai acccmterc umanamente oueJia fàAeóécM nita cfferCa. 
C>er(o niun tna^aicre inccraqmmento , cne / aJthrovanone elea c^ccclteiij'/a vo<5lt a /wpo 
ic amvire, cnae autcmnienie , e cjn nuove rorje hroceaere nella éene avt/ia(a ùnhfe^a. 

ó o(à racencio /i7te, con oatiC ht'n ciiJUnlo cpcriuto af( tyccelien?,n </cótt(X mi 
ta^e<ì7io \ • V -^ ■':-' ■:^;\-^' 

*2lmtY(jJ. ^evoiw. ec/ O^Y/ia. ^ru. 
^ó^iCianni ^e-J^nne{(j. 



MBICE 



DEL VOLUME SECONDO 



pag. 



Al)l)UZzago e avvoltojo nero con rame 

■ Adriana mole con rame 

Albero Cauul-chouc con rame ,, 

Algeri (città e rada di) con rame j, 

Altezza incredibile dell'imperatore Massiiuluo ,, 

Amboni della chiesa di s. Stefano con rame „ 

Amore della verità ^^ 

Amore dei sudditi ^, 

Amore della patria ,i 

Anfiteatro Flavio con rame „ 

Anncdoti e delti sentenziosi „ j g6 lOj. i5i. i36. 

143. i5- 171. 176, 1S7. 190. 2o5 2i5. 2-Ì3. 268. 

Antichità di Ceri j, 

Antichità messicane i, 

Antichità di Vulci ,, 
Antichità „ 164. .187. 

Autdopo assalilo da uns lince con rame ,, 

Apollo ;rnme del tempio in Figalia di) con rame ,, 

Apollo di Belvedere con rame ,, 

Aquila da capo bianco con rame ,, 

Aria corrotta, e suoi elTetti ,, 

Arplno (porta dell'Acropoli di) con rame ,, 

Armi degli abitanti di Madagascar ,, 

Arte di ascollare i discorsi ,, 

Ai'li presso gli etruschi ,, 

■Artiglieria (invenzione per 1') ,, 

Ascensione nel monte C umbre con rame ,, 

Astuzia femminile ^^ 

Astuzia di un difensore ,, 

Atene (nuova) progetto di costruzione ,, 



348 
8t 

44 
5y3 
565 
1 12 
126 

74 

241 
139. 

295. 
'88 
296 
4.13 
2fig 
281 
192 
412 
8 

18 
i33 
127 
255 
i46 

46 

2o5 
Ilo 

77 
78 



Babilonia [ciò clie resta di) con rame 

Babuino con rame 

Bacci Andrea 

Balena (pesca della) con rame 

Banjbou (pianta del) con rame 

Bartoli P. Daniello con rame 

Basiliche 

Batteria di un vascello con rame 

Beccari Agostino 

Beccadelli Luigi 

Belle arti (monarchia delle) 

Bellini Vincenzo con rame 

Bembo card. Pietro con rame 

Berlino con rame 

Besancon (porta tagliata di con ra-ne 

Betti Cosimo con rame 

Boa conslrictor ( condjaltimento di marinari india 

col ) con rame 
Borromeo (statua di s. Carlo) con rame 
Borgia card. Stefano con rame 
Brusselles (casa comunale di^ con rame 



ig:) 

32 

535 
i85 
45 
129 
282 
204 

205 
76 

'4 

285 
i53 
284 
140 

277 

3i3 
20 

353 
6t 



Caccia imperiale della Cina 

Caccia del miele 

Caccia nell'isole Setland con rame 

Cacao con rame 

Caffè ,, 

Cairo (casa del) con rame 

Cairo (cemeterio del) con rame 
-Calendario istorico „ 5i. 70. 83. io5. 120. i56. 
i84- 200. 216. 229. 280 3i2.528. 343. 36o. 576. 

Cambrai (cattedrale di) con rame 

Canibrai (sala di spettacoli di) con rame 

Cambridge (università di) 
"Campana la più grande 

Campanile di IJyon con rame 

Campo scclerato 

Canada (cascate a ferro di cavallo nel) 
• Cannella albero con rame 

Canova (tempio in Possagno eretto dal) 

Canova, suo studio con rame 

Canthiibery co?i rame 

Cani di terra nuova con rame 

Caoul-chouc albero con rame 

Capanna russa 

Caracci Annibale con rame 

Carattere microscopico 

Caro Annibale 
"Carovane ,, 271. 

Carrousel ("ponte di' con rame 

Cartiera la più antica d'Italia 

Carrozze, Ioi'd introduzione 
' Carrozze pnlibliche in Ispagna 

Carlo XII re di Svezia 

Casa comunale di Brusselles con rame 

Casa comunale di Parigi con rame 

Casa di Francesco I con rame 

Casa di Michelangelo con rame 

Castello di Dumbarton con rame 

Castello di Espally con rame 

Castello di Ferrara con rame 

Castello di Rochester con rame 

Castello di Vincennes con rame 

Castello di Ycndòme con rame 

Catena del conte di Blacas con rame 

Cattedrale di Strasburgo con rame 

Cattedrale di s. Stefano di V^ienna con rame 

Cavdli letterari 

Cemeterio al gran Cairo con rame 

Cento Giustiniani 

Certosini, biro cliiostro in Roma con rame 

Chabot Filippo, suo monumento con rame 

Cheops, ingio.iso alla piramide con rame 

Chiesa de' carmelitani in IJubliuo con rame 

Cliicsa temjìle ckurch in Londra con rame 



rag' 


a 


if 


i65 


99 


4oo 






M 


25 


171. 


225 


>? 


25 


)» 


i49 


i4s 


164 


587 


4o5 


■)J 


290 


•» 


544 


» 


. 79 


•i» 


541 


}ì 


iif> 


■)> 


279 


U 


i35 


>) 


388 


5) 


218 


il 


QQti 


5» 


59G 


)> 


«9 


5J 


l52 


}) 


5 


)J 


.04 


») 


40 


J> 


224 


275. 


53 1 


Jì 


207 


J) 


552 


J) 


82 


7» 


220 


)) 


277 


fy 


61 


>ì 


55 


ìf 


180 


)> 


556 


>> 


108 


>> 


5r2 


»i 


4oi 


fp 


217 


1-7 


Ótì5 


)» 


393 


J> 


221 


)) 


100 


J> 


3o9 






il 


245 


11 


'19 


)) 


5«4 


»* 


02 


7t 


% 


)1 


92 


)1 


276 



y->: 



Cliolcra inoiJ)H5 p ag. 

Cictigua con rame 
Clcojjnnra Leopoldo con rame 
Cina, (csle delle l.interiie 
Cina, lellcraluia e tealii 
Cina, pelili 
Cinesi a tavola 
"Cislerne aperte da lerrcmuolo, con rame 
Clciiieuza di un despota d'Asia 
Collegio drlla Trinità in Dublino con rame 
Culonua iiii^liaria con rame 
Cuinhattiiiìciili dei galli 
Combustione mediante l'acqua 
Compagnie di assicurazioni 
Conchiglie (scelta di) con rame 
Condorcct 

Consalvi card. Ercole con rame 
Conti Alessandro Maria 
Cortesia 
Cotone, e cotoniere con rame 



D 

D'Agincourt 

Danubio (progetto di strada sotto il) 

Davila 

Dcrvis 

De l'Epec 

Della Porta Giacomo 

Detto sentenzioso 

Dicbcrist (capanne di) con rame 

Dolore, suoi terribili effetti 

Domenicliino con rame 

Dominò giallo 

Drcvet Pietro 

Ducilo e duellistl 

Dunbarton (castello di) con rame 

Dublino (chiesa de' carmelitani <li) con rame 

Dublino (collegio della Trinità di) con rame 

Dugcsclin con rame 



Elefanti e Rinoceronte combattenti con rame 
Espally (castello di) con rame 



■ Fagiano dorato della Cina 
Falco pescatore con rame 
Fanciullo di Lubccca 
Fata morgana 
Federico il grande 
Federico II, ed il suo paggio 
Fcnicontero con rame 
Ferrara (castello di) con rame 
Filarmonico singolare 
Finclli, sua statua di s. Michele 
Fl.ijuni Giuseppe con rame 
Foche, modo di prenderle 
Foglie impresse sulla carta 
Fontana della ninfa egeria 
Foresta petrificata 
Fornajo (niclamorfosi di un) 
Francesco 1 imperatore d'Austria con rame 

Idem suo monumento tcmporario con rame 
Furili a fulminante 
F'uoclii artificiali 
Furto singolare 



007 


014 


>> 


157 


)) 


49 


J» 


I-J2 


fi 


207 


ìi 


__83 


)> 


3oi 


)» 


109 


)) 


127 


»» 


069 


J> 


220 


>I 


2o3 


)? 


i36 


») 


170 


J> 


io5 


»» 


%f 


ìf 


3o5 


>> 


395 


» 


•4 


„ 36 


.37 



287 
292 
128 

2 5o 

39 f 
256 
284 
252 
112 

4 

4o2 

9' 
290 

108 

276 

3tì9 

3ytì 



68 

3l2 



>) 


G3 


)» 


8 


>> 


23o 


»> 


200 


il 


96 


t> 


124 


>J 


229 


■» 


4oi 


} > 


n 


„ 42- 


102 


)» 


38 1 


J» 


67 


IJ 


»79 


») 


346 


»» 


78 


iy 


"9 


?» 


57 


j» 


ifig 


»> 


3o 


» 


295 


ìJ 


229 



Galeani Napione Gio: Franeesco con rame 
-Gallina d"oio della Cina 
Gandolll Bartolomeo 
Gatti, suoi telescopi 
Gazzette 
Generosità 

Generosità di Tamerlano 
Gliedini Ferdinando Antonio 
Giudizio memorabile 
Giulio romano con rame 
Giunca cinese con rame 
Giuoco degli schacchi 
Giostra nel Colosseo 
Goldoni Carlo con rame 
Goticismo 

Gozzi Gasparo con rame 
Grassi Giuseppe 
Groenlandesi, loro costumi 
Guepardo con rame 

H 

Hahnemann (notizie sul sistema di) 



Icononzo (ponti d') con rame 

Illuminazione di nuovo genere 

Illuminazione a gaz della città di Londra 

Imj>iccato (racconto) 

Incisioni ad acqua forte 

Innestare (nuovo luto per) 

Ingresso al parco della verdura di s. Giacomo 

Londra con rame 
Inondazione del Nilo 
Innocenzo VI, suo monumento con rame 
Intrepidezza 
Iscrizioni lapidarie 



P^g- 


197 

63 
367 




291 
i33 




120 




'9' 
4.5 
267 
a6i 




172 
i3o 
36u 




„'7 




399 
4o5 




392 
61 




7 



Yorck (città di) con rame 



Krettel (storia tedesca) 



Ladro ben accolto 

La Grange Giuseppe Luigi 

Lampadi a campane colorate 

Lanzi Luigi 

Lao-Tscu filosofo cinese con rame 

Latomie di Siracusa con rame 

Leicester (conte di) 

Lemolt, sua macchina elettrica con rame 

Leone con rame 

Le-Scur Tommaso con rame 

Letto della più grande ricchezza 

Lezione di un cameriere 

Lince che assale un antilope eon rame 

Lingua latina rediviva 

Litografia 

Litotrizia 

Lohong d'Arabia 

Longevità 

Lubccca, (fanciullo di) 

Luccbesiui Cesare con rame 



71 



270 
i65 
404 

»94 
i5o 
27 

340 
214 
a68 

277 
199 



73 



» 99 

» 2^ 
„ iò5 

.. 96 

„ 80 
« 38o 
,, 00 
» 244 
„ 201 
„ 248 

» 29 

« 4o5 
„ 281 
„ 266 

,, 322 

„ _3i 
,, 536 

„ 23o 

» 248 



m 

Madre Selva con rama P'o' ^'^ 

macchina elettrica di Lemolt con rame „ 244 

■* Maggio, sue costumanze i, 9*^ 

IMalabar, costumi (lettera) ,, 238 

Jlauto reale con rame ,, 372 

Marabù con rama 1, 84 

Marco Aurelio (statua di) con rame ,, i3 

*■ Mario di Fiori 1, !<)• 

Marsiglia (città e porto di) con rame ,, i56 

Medaglia per la campagna i-ussa con rame „ ig6 
Medaglia rappresentante il traforo del monte Catil- 

lo con rame » oùy 

Medaglia del Putinati con rame „ 4"4 

Mclk (borgo di) con rame -, 240 

Mcraoriosi illusti'i m 211 

Menenio ,, 7 

Mongoli Pietro ,, 267 

Mcnoccliio Giacomo j> 112 

•^Menzin: Benedetto ,, 12 

Mercati Slichele j, 4" 

Metastasio Pietro con rame ,, li"] 

* Metodo per trasmettere la voce da un'appartamen- 

to all'altro ,, ^^^ 

Michelangelo insegna notomia con rame „ 265 

' Michelangelo, sua casa con rame ,, 336 

Microscopio solare i, 255 

ftlinerali dc'Slati Uniti di America ,, 99 

Miraggio >, 48 

Mlmiicoleone „ 25g 

Modo di rinfrescare il vino ,, i^8 

Monastero di s. Giusto con rame „ 2i3 
Monte Carmelo (chiesa e convento del) con rame „ 36i 

Monti Vincenzo con rame ,, 85 

Moschea di Musyd con rame „ 168 

Mummie d'Egitto, loro inviluppi ,, 223 

Muratori Lodovico Antonio con rame „ 188 
Musaici del Depoletli con rame „ 260. 3'24 

Musaico di Pompei con rame ,, SSg 

" Muschio !, 6j 

Musica, sua origine >i 75 

Musica, medodia ecc. j> '5 

* Musica, suoi annedoti ■,, i^J 

N 

> Nani riraarclievoli ji ii8 

Nave aerea „ 238 

Nebbia (terre di) „ 66 

Negri Francesco con rame ,, 325 

Nilo, sue inondazioni ,, 2i4 

Ninfeadi con rame ,, 249 

Niobe (favola di) con rame ,, 237 

Nozze irlandesi 3> 4'^ 

Nuova York, sua scoperta „ 5g 



' Odori delle piante ,, 167 

Omeopatica medicina ,, 22 
Orlogio della chiesa della Santa Vergine in Dyon 

con rame ,, 116 

Ortopedici congegni ,, 1G6 

Ospedal militale di Cheslea „ 178 

Osservazione ,, 4°5 

Osservatori j, 34i 

Orso hianco con rame ,, 173 

Oltarda d'Arabia ,, 3l 



Pagani, suo ortopedici congegni 

Palazzo SloppanI con rame ^ 

" Palazzo Farnese con rame 
'~ Palazzo reale di Parigi con rame 

Palladio Andrea con rame 

Palmira, e suo ruine con rama 

Papcgò di paradiso 

Papi Lazzaro con rame » 

Papiro con rama 

Paraguà 

Parigi, sua casa comunale 
"^Paruasso dei poeti sul Giannicolo 

Pasticcio, e sua Iona persuasiva 

Pavone 

Pedanteria latina e straniera 

Pekin, suo palazzo imperiale 

Penne del Marabù con rame 

Penne sul capo di un bambino 
" Pergamena 

Pericolo di due scenziati 

Pernice periata 

Pesca della balena con rame 

Pesca delle perle a Ccylan con rame 

Pesci, loro moltiplicazione 

Pesci doppi 

Piano furie di ferro fuso 

Piazza del popolo in Roma con rame 

Piermarini Giuseppe con rame 

Pindemonte Ippolito con rame 

Pinelli liartolomeo con rame 
-Pinela di Ravenna 

Pio VII con rame 

Pippi Giulio con rame 

Piramide Cheops, suo ingresso con rame 

Pisa, suo campo santo con rame 

Pistrucci Benedetto 

Pittura, invenzione e progressi 

Pittura italiana suoi portenti 

Pitture varie ,, 98. 119 

Platino, metallo 

Polo nord 

Polonia, suoi annedoti 

Polvere da cannone 

Pongos scimmia, e sue avventure con rame 

Ponti della Cina 

Ponte di Carrousel in Parigi con rame 

Ponti d'Icononzo con rame 

Ponte di Londra con rame 

Ponte sotterraneo del Tamigi con rame 

Ponte di Rialto con rame 

Ponte della Schieggia con rame 

Poste di lettere, loro origine e progressi 

Porcellana 

Porta s. Dionigi a Parigi con rame 

Portici, sua descrizione 

Potasse 

Prasitele 

Precelli dell'imperatore Joum-Tchin 

Preservativi contro il fuoco 

Prcsburgo con rame 

Principe nero 

Prova del Tanguin 



Quercia di Salccy con rame 



pog- 1C6 



ooi 





>) «2 1 




;> 117 




), l65 




., _:ù 




» 517 




" 95 




>i i4t 








!, ù:) 




" 399 




>i 262 




j, 236 




» 3ii 




• „ 63 




>, 84 




„ 6 




J> 264 




., 287 




» 19 




,. 185 








„ 333 




., 5 




., 6 




» 299 




/, I 








.. 37". 




» 349 




!, 4i 




„ 376 




» 233 




,, 261 




5. 9'- 




„ 64 




„ 38i 




" ^y? 




„ 343 


i5o. 


228. 075 




„ 63 




j) 159 




,, «85 




„ 25l 




„ 5i 




„ 83 




» 297 




„ 273 




'• '77 


n 


ii3. 141 




„ 521 




,, 556 




» 570 




V 201 




,> 21 




„ 55 




,. 24 




„ 60 




„ 265 




» '67 




., «44 




„ 58i 




•7 




„ 1^9 



» 77 



85 9'- "7 



R 

naffjcllo, descrizione di un suo dipiulo 
Rai«e, mei ilio ^ 

Kan'ivolu a>iulico di Linuco 
Malto di donne nelle Indio 
Begiili di un re indiano 
Renazri Filippo Miiria con rtuite 
R«ni Guido con rttrne 
Riccio comune 
Rinoceronte con rame 
Ripiego spiritoso 
Risposte argute 

Roclicsler ^castello di) con rame 
Roma, sua piazza del popolo con mute 
Uoniaguosi Gio: Domenico con rame 
Romanzo 
•Rosa Salvatore 
iluine del tempio di Apollo in Figalia con rame 



SKgunto, sue ruine con rame 

Salcev [quercia di) con rame 

San Giusto (monastero di) con rame 

Sarti Mauro 

Scacchi (ricerche sul giuoco di) 

Scarpa e Rasori 

Schiavo riscattato 

Scimmia pongos, sue avventuie con rama 

Scipione aflVicano prende Cartagine 

Scoperta delle storie fenicie 

Sculture varie _ r i- ' i 

Segalo Giuseppe, sue riduzioni a solidità Upi 
gli animali 

Serpenti, loro polere di alTasciaamc«lo con i 

Shakò de' soldati, loro riforme 

Sihari, ed il suo lusso 

Siface condotto in trionfo 

Smania di leggere in Inglidlcrra 

Spagna ;alcunc provincie di) 

Spitzbcrg (notizie sul viaggio di) 

Starnuti ;origiue di salutare nei) 

Stivali, origine di tal nome 

Strade di ferro con rame 
Strade di ferro da Trieste a Vienna 
Strasburgo {cattedrale di, con rame 
Sventure di un uomo dolio 



r^s- 



dea 



T 

Tamcrlauo, sua geuerosilà 

Tamigi, suo ponte sotterraneo con rame 

Tanuuiu 



II I 

- j 

iji 

36o 

347 
i8i 
289 

5 

68 

ii5 

219 

217 

I 
»45 
aS3 
176 
217 



„ 65 

» 77 

„ 213 

„ 34' 
„ i5o 
„ 388 
„ 38 
„ 83 
,, 3o3 
„ 328 

190. 197 

de- 

„ 21 1 

„ 97 
■ ,. «7 
„ 359 
,, 3o3 
„ 400 
» 207 
» ao 
» 7' 
„ 398 

„ 9 

„ 223 
,. 100 

„ 227 



P^S 



Tastiera esagona per plano forti con ra^ne 
Tè, suoi fiori e foglie con rame 

TèV'TCcolta del) com rame > 

Telescopi del Gatti ' 

"Tempio della Tosse 
"•Tesoro rinvenuto 
Testa • _ , ' 

Timbri per cambiali ^„„,J 

Tivoli (medaglia rappresentante .1 traforo del monte 
Catillo presso) con rame < 

'Tivoli jtempio di Vesta in) con mme 
Trasporto di ghiaccio dall'America ali Indo 
Trombe idrauliche di Dictz 
Tomba ctrusca con rame 

Tormenti pei prigionieri d. guerra del Canada 
Torre di s. Geiieveffa con rame 
Torre di Nesle con rame 
Torneo di Diuan con rame 

D 

Urbano V, suo monumento con rame 

V 

Valenza, sua borsa con rame » 

Van-Oslade Adriano . " 
Vapore, sue applicazioni ai progressi della nautica „ 

Varano Alfonso con rame » 

Varietà » "6. i55. 373. 387. 399. 

Vasi eUuschi " 

Vendòme (castello di) con rame " 

Venezia, suo ponte di rialto con rame » 
Venta 

Vesta, suo tempio a Tivoli con rame i; 

V, > 
elro 

Viaggi di Bodvficb ' 

— Viaggio di Spitzberg ' 

Vienna, ina cattedrale di s. Stefano con rame 



3i6 

.2i 

125 

agi 

323 

, 143 

, 287 

, 36 

. 357 

,^74 

. 95 

, 252 

, '07 
329 

.. 377 
., 39<J 



'9' 
■4' 
1^9 



Vincennes (castello di) con rame 

Vini nuovi, loro ialluenza sulla salute 

Vino rinfrescato sen,^a gelo 

Visconti Giambattista Antonio con rante 

Vittorclli Giacomo con rame 

Vulci, città ctrusca 

Washington (città di) 

Westminster (.ingresso alla sala di) con rame 



Zampieri Domenico con rame 
I Zurla cardinale, suo moiuiaiento con rame 



232 



l32 

iSg 

3o2 
225 
4l2 

58 
393 

321 

i8i 

4.2 

319 

126 

, 56 

, 309 

, 365 

, 290 

, '48 

, 209 

, 161 

, 4o3 



103 

385 



564 



ANNO 




DISTRIBUZIONE 



Si pubblica ogni Sabato 



IIOMA 



U Marzo 1835. 




PIAZZA DEL POPOLO 



Noi crcdinmo di dare ottimo principio al secondo 
anno di questo Giornale coirolFerire ai nostri Asso- 
ciati la prospettiva della Piazza del Popolo tolta 
dalle alture del monte Pincio , apponendovi solo 
alquante parole per illustrarla. 

Incaricato l'architetto cav. Valadier di nobilitare 
l'ingresso principale di Roma, soddisfece all'aspetta- 
aione comune coll'ideare un disegno tale, quale si 



conveniva alla metropoli della religione e delle avVi, 
all'antica capitale del mondo. Gran parte di esso 
venne eseguila nel pontificato di Pio VII; Leone XII 
ridusse l'opera a compimento. Grandeggia nel mezzo 
della piazza l'obelisco fattovi innalzare da Sisto V, 
il quale comparisce assai più maestoso per la gradi- 
nala quadrata onde ne fu cinta la base , e p«i 
quattro leoni di stile egizio che gettano acqua ai 



^ 



quaUio angoli della iiicd(;siuia. Dciiinlili i rozzi abi- 
turi cliu la ilcturpa\aiio, la piazza ora largamente si 
estendo da levante ^ ponente in due ampi semicir- 
coli, l'Ile sono fiancheggiati da quattro fabbriche di 
architettura uniforme. Le due, che nella nostra ve- 
duta stanno alla destra, abbracciano il convento e 
la chiesa de' PP. j\gost!niani, l'oIDcio doganale, la 
sala per l'esposizione delle belle arti, e la gran ca- 
serma de' carabinieri ; a man sinistra si veggono i 
palazzi Torlonia e Lovatli, fra le estremità dei quali 
fauno di se mostra bellissima le due chiese, che 
dividono le tre grandi strade del Corso, di Kipetta, 
e del Babuino, le quali partendo dalla piazzi s' in- 
ternano poi nella città. Ambedue i semicircoli sono 
abbelliti nel mezzo da due fontane con gruppi co- 
lossali, lavorati dal Ceecarini,- quello dalla parte del 
Pincio rappresenta Roma fra il Tevere e l'Anicne, 
dietro alla quale si scorgono varii emblemi della sua 
primiera grandezza; l'altro, che sta dirimpetto, figura 
Nettuno fra due Tritoni. Sono inoltre i semicircoli 
decorati di varie sfìugi, e vengono poi terminati da 
quattro statue rappresentanti le quattro stagioni scol- 
pite da quattro diversi autori, la primavera dal 
Gnaccherini, l'estate dal Laboureur, l'autunno dallo 
Stocchi, e r inverno dal Baini. Che se a questo 
magnifico apparato di cose si aggiungano le sostru- 
zioni grandiose che sostengono il prossimo Pincio, 
e danno accesso alla villa pubblica, tutte tramezzate 
da colonne, da statue, e dalla verdura degli alberi, 
e le molteplici decorazioni, che va ricevendo gior- 
nalmente la villa dalla miniiflcenza del regnante 
sommo pontefice Gbegoiuo X\T, non deve al certo 
recar maraviglia, se lo straniero nel metter la prima 
volta il piede in quella piazza rimane attonito e col- 
pito dall'imponenti! spettacolo che gli si para d'in- 
nanzi, ed è costretto a confessare che niuna altra 
delle città moderne può vantare un ingresso sì bello 
*; sì nobile. 

VIAGGI 



UNA CACCIA l.Ml'EIilALE ALLA CINA. 

Aveva la Russia tentato piìi volte di stabilire 
alcune relazioni commerciali colla nazione cinese, 
ma i suoi l(iilalÌNÌ nudarono senqìre falliti; quando 
nel 1720 a Pietro il grande venne iu pensiero d'in- 



viare a quella parte Ismaihìff, capitano delle sue 
guardie, che partitosi di Mosca il 9 settembre dello 
stesso anno, giunse nel dicembre a Peking, ove So- 
lennemente fece ingresso, e venne accolto con grata- 
de cortesia e trattato con sommi riguardi. Dopo il 
formale ricevimento e le splendide feste all'ambascia- 
tore dedicate, volle l'imperatore Kango-ki dare a'snoi 
ospiti lo spettacolo di una caccia, alla quale egli 
pure intervenne , quantunque toccato avesse l'età 
di 7S anni. 

Finito il pranzo, Kango-ki mandò due suoi eunu- 
chi ad ossequiare l'ambasciatore, ed avvertirlo che 
bramava assistesse alla caccia di tre tigri, le quali 
erano da lungo tempo custcnlite in gabbie di ferro. 
11 padiglione di'U'imperatoiv innalzavasi sopra un' 
eminenza, ed era cinto di triplice cerchio di guardie 
armale di larghe lance. Simile precauzione si ebbe 
per l'ambasciatore per difenderlo, insieme co' suoi, 
dal furore delle belve. La prima tigre fu posta in 
libertà da un uomo, che montato sopra un veloce 
cavallo, da lungi schiuse con un ordigno mosso da 
una fune le sbarre della gabl>ia. La tigre ne uscì. 
Essa pensò subito a gustare i piaceri della libertà: 
si rotolò, si strascinò su l'erba, saltello, ruggì di 
gioia, e diede campo al cavaliere di fuggire a briglia 
sciolta. Dopo qualche istante d'inebbriamento la ti- 
gre si alzò, volse in giro lo sguardo, e parve sor- 
presa di vedere tanti uomini e tante armi scintillanti. 

L'imperatore tirò tre volte a palla contro la fie- 
i-a, ma essendo smisurata la distanza non la colse, 
sebbene il colpo fosse in giusta mira diretto. Quindi 
mandò subito ad avvertire l'ambasciatore che avesse 
a scaricare il suo fucile. Ismailolf, che aveva la sua 
arma caricata di una sola palla, si avanzò verso la 
tigre, accompagnato da dieci lancieri per difenderlo 
in caso di sventura: spianò l'arma con braccio fer- 
mo, la sparò, e la fiera cadde morta. 

Venne aperto alla seconda tigre nel modo stesso. 
II cavaliere, abbandonando l'archibugio, prese l'arco 
e ne scagliò un acuto dardo. Scosso da questa feri- 
ta, l'animale mandò uno spaventevole ruggito, diessi 
ad inseguire il feritore, e 1' incalzò tanto dappresso 
ch'egli appena ebbe il tempo necessario a celarsi 
dietro il baluardo di lance. Pervenuta a questo osta- 
colo , la tigre volle superarlo: più volte si slanciò 
contro i ferri de' soldati , e spirò lacerala in più 
parti del corpo. 



5 



Appena la terza tigre fu disciolta, corse verso la 
tenJ« duir imperatore, e rimase uccisa sotto a' suoi 
ecchi. Fa d'uopo essere esperti cavalcatori e bene 
armali per dar caccia a questi aiiiinali, che essere 
dcTono più. forti, percliè non ammollili dal lungo 
soggiornare in stretta gabbia, e privi dell'usato eser- 
cizio. Così ebbe fine la caccia delle tigri. Dopo la 
cena un ufficiale recò a nome deirimperatore al ca- 
pitano Isinailoff la pelle della fiera clie aveva uccisa, 
dicendogli che gli apparteneva, tali essendo le leggi 
della caccia. 



INTERXO DI UNA CAPANNA RUSSA. 

Le capanne russe, per quanto siano miserabili, 
nOil lasciano di essere molto pittoresche per la loro 
straordinaria forma in questo genere di costruzioni. 
Una sola camera serve di abitazione a tutta la fami- 
giia ; ivi si mangia, si dorme, e si fauno tulle le 
funzioni della vita e dello stato di ciascuno. In un 
angolo sta una specie di cammino o forno [liatto al 
di sopra, sul quale i russi hanno anche in uso di 
dormire, e vi si veggono giacere specialmente di 
giorno in numero di tre o quattro, in atteggiamenti 
nauseanti. Al di sotto di questo ripiano e\vi una 
escavazione simile ad una bocca di forno, che serve a 
cuocere gli alimenti, ed a riscaldare tutto il tugurio. 

Un ""iorno, narra il siti. Ker-Porler viaguiatore, 

o ' o Do ' 

entrando in un albergo, vedemmo tre donne ed un 
bambino giacenti quasi nude sul ripiano del foi'no: 
una di queste non avea più. di 1 5 anni, ed era già 
madre: il soggiorno abituale delle fanciulle in que- 
sta specie di stufe le rende ben presto nubili. Un 
letto molto sudicio occupava un angolo delia camera: 
alcuni banchi ed una tavola di rozza forma compo- 
nevano tutto il mobilio. Le mura però non erano 
del tutto nude: vi si vedevano alcune stampe e gros- 
solani disegni di ogni specie. Eravi da ima paile 
l'immagine del Salvatore e della Vergine in un <pia- 
dro iuargenlato di curioso lavoro. Al sofCuo era 
appesa una specie di lucerna, che si accende in eeiti 
giorni festivi. L'interno delle capanne rassomiglia 
verameute all'antro de' ciclopi : vi regna un fumo 
continuo, ed un calore eccessivo. Allorché noi aprim- 
mo la porta per ritirarci, nggiunge il sig. Ker-Porler, 
il fumo ne usci come dalla bocca di un vulcano. 



Le culle dei bambini sono appese al soililto a 
quattro corde: il materasso, sul quale riposa il bam.- 
bino, è ristretto in un ordigno quasi simile ad un 
telajo da ricamo. In tal guisa si cullano i bambini, 
che si addormentano lacihnciile in (juel modo e sen- 
za quell'urlo delle nostre culle comuni, che non può 
non danneggiare gli organi de' bambini, o sconvol- 
gerne le digestioni. 

]\Ia le capanne de' conladini agiati sono molto 
più comode. Vi si entra per una porla, ed una scala 
coperta che mette ad una anticamera chiamata seni. 
La camera interna, delta iihn, è costruita come le 
capanne de' poveri ; ma piii spaziosa; non vi si veg- 
gono quegl' irregolari pertugi, pe' quali entra la luce 
e l'aria nelle meschine capanne,- ma vi sono finestre 
a quattro, ed anche a sei vetri. 

Dall'altro lato dell'anticamera è la sala degli 
ospiti delta gornizn, riscaldala da una stufa di ma- 
teriale o di maiolica: le pareti sono guarnite di car- 
ta. Nelle locande questa sala contiene de' buoni 
letti pe' forastieri. La cantina, delta pagreb, è al di 
sotto AcWisba, ed al di sopra dell'abitazione ovvi un 
altro ambiente detto Icrcma con piccolo balcone, che 
guarda la strada. Nel tcrcina per lo più abita la 
serva di casa. Dall'altra parte del cortile avvi una 
cella detta leclnìh, che serve come di dispensa per 
conservare le provvisioni nell'estate. Più oltre tro- 
vasi il luogo de' bagni, detto han, ed un forno per 
diseccare la biada. Il contadino russo, che vive agiato, 
mantiene una grande nettezza nella sua casa, e nella 
sua persona: una volta almeno la settimana e per lo 
più il sabato tutta la famiglia prende un bagno. Gli 
alimenti sono poco ricercati, ma nutritivi, e serviti 
con jiulizia: i viaggiatori sono trattati a buon prez- 
zo. Il pane di segala, che si cuoce per tutta la set- 
timana, è molto saporito. Il piallo favorito di questi 
contadini r\issi nell'inverno consiste in una specie 
di zuppa chiamata tehtchi, che si fa con cavoli trin- 
ciati, carne di vaccina o maiale, e pane di segala. 
I poveri vivono quasi tutto l'anno di pane e cipolle 
bevendo del giiass ; bevanda che si fa con farina di 
segala e erano fermentato. Usano anche altre bevan- 
de, come l'idromele e lo sbitir, che si prepara con 
mele, acqua e pepe. 



4 




D03IE>ICO ZAMPIEPv! 

DETTO IL DOMEMCaiNO. 

Fu DoMEBico Zampiem cclt'bre pittore ed architeli; ) 
nato iin Tjologiia nel 1581 sotto il pontificato di 
Gregorio Xlll. Il fiammingo Calvari fu il suo primo 
maestro; ma passato quindi nella scuola di Lodovico 
Caracci potè in essa ricevere piii dotti iusegiiamenti. 
Fu egli da prima diretto da' suoi genitori allo studio 
delle scienze, mentre il fratello suo Gabriele era sta- 
lo destinato alla pittura; ma poco applicandosi Do- 
MEKico allo studio delle lettere, ed avvedutosene il 
genitore, lo interpellò finalmente a quale studio si 
ientissc inclinato, l'.sprcsse egli idiora il suo tl'asporto 
per la pittura. .Molto si applicò all'ottica ed alla pro- 
spettiva, né tralasciò di darsi anclie allo studio de' 
paesi; ma quello che spi;cialmente onora quest'insi- 
gne arlista è l'espressione che hanno le sue figure, 
come si ravvisò Cu dai primi suoi lavori, che sono 
le tre lunette dipinte a fresco nel portico della chie- 
sa di sani' Ono rio, dove rappresento tre avvenimenti 
di s. Girolamo. Trovò egli quindi un buon mecenate 
in persona di monsignor Agucchia bolognese, nipote 



del cardinale dello stesso nome, eh' era titolare di 
s. Pietro in Vincoli. Il suddetto cardinale, non aven- 
do dell'artista alcuna buona opinione, biasimava il 
nipote che proteggesse un giovane di niun merito. 
Narrasi che allora il prelato facesse dipingere al 
DoMEMcuixo un quadro, in cui rappresentavasi l'apo- 
stolo s. Pietro, allorché prodigiosamente fu liberato 
dalle carceri. Questo quadro fu esposto nella chiesa 
di s. Pietro in vincoli nel giorno della festa, senza 
manifestarne Taulore. Tutti gli artisti, cbe andarono 
a vederlo, dichiararono esser quest' opera di Anni- 
bale Caracci: ed il cardinale stesso, avendo osservato 
il quadro, ne fece i piìi grandi e ben dovuti elogi. 
Allora il nipote di sua eminenza manifestò il nome 
del vero autore, che cominciò cosi ad acquistar ri- 
nomanza, non che ad esser tenuto in sommo pregio 
dallo stesso cardinale. Venne quiiidi con-iuiitura, in 
cui si presentò all'artista un pio vasto campo per 
distinguersi, avendo il cardinal OdoarJo Farnese, 
commendatario del monastero di Grotta-Ferrata, di- 
visalo di far dipingere a fresco una cappella, che 
avea fatta ristaurare, aggiunta alla chiesa di quella 
abazia. Ne fu aflìdato il lavoro al DnMr.?(icurN0, che 
corrispose pienamente alTidea di quel porporato, ed 
eseguì in quella espella alcune pitture rappresentanti 
i fatti de' santi Nilo e Bartolomeo monaci basiliani. 
Non avea allora l'artista che 29 anni. Eseguì anche 
per la casa Farnese VAdone ucciso da un cinghiale, 
quadro che si vede nella galleria Farnese, e precisa- 
mente nella loggia attigua ai giardino. S'applico anche 
il Zami'ieri alla scultura, ed esegui di propria mano gli 
ornamenti in marmo che doveano esser collocati sul 
deposilo del suddetto prelato suo proiettore. Dipinse 
poscia il suo bel quadro del s. Andrea per la chiesa 
di s. Gregorio, quadro che fu sempre preferito dagli 
intendenti por la composizione a quello di (juido, 
esprimente lo stesso soggetto nella cliicsa strssa. Ma 
ii gran lavoro che gli meritò la celebrità somma a 
cui ascese fu il gran quadro della comunione di 
s. Girolamo, che dal Pusshìo fu qualificato per uno 
de' tre più bei quadri esistenti in Roma, essendo gli 
altri due la Trasfigurazione di Raffaello, e la depo- 
sizione dalla Croce del Volterra. Quando compi que- 
sto sommo lavoro non avea che 3> anni. Trasferi- 
tosi quindi in Bologna, lavorò la sua Vergine del 
Rosario, ed il martirio di saut' Agnese. Tornato in 
Roma, dipinse gli angoli della cupola di saut'jVudrea 



s 



della Vaili", e tutta la storia di sani' Amli't'a nella 
tribuna, e iic^l' iiUer\alii delle finestre. Sforliniali- 
mente ehi)' egli molti nemici, l'odio de' quali giunse 
a seguo clic poco manco cjte non si ordinasse di 
eancellare tulle le magnilìce pitture da lui rsi'-iiile 
iu sant' An<lrea della Valle. 

Tralascennio qui di parlare di altre; opere sue 
die sono nu)ltissime, essendo troppo auguri gii sj)a/,i 
di un articolo iiicigrafieo. JNon passeremo pero sotto 
«ileir^io l'altro suo quadro esistente iu s. Pietro in 
Valieai\o, rappresentante il secondo inartiiio di s. Se- 
bastiano, hni.ito liualuiente in Aapoii il \aleiile ar- 
tista per ornare di IVeselii la cappella della d(d 1\- 
»Oro, provò nuovanieute le più aspre perseeuziuiii 
per parte di Belisario Coreiizio, oscuro artista napo- 
litano; onde t'uggì da iVapoli, lasciando iueompieto 
il la\oro, e torno iu lloma ,• ma per oMjligario a 
compire la sua opera, gli vennero in iVapoli inq)ri- 
gìonali la moglie ed i ligli. Tornò (juindi in ipulia 
città; ma iiuesto ritorno gli fu fatale, essendo l\i 
morto, non senza sospetto di veleno, nell'anno Itili 
in età di sessant' anni. 



STORIA NATURALE 



QUALITÀ PriEZiOSE DEIL RICCIO C011UNE. 

Uno de' fatti più i)iteressaiiti della storia naturale 
di questo mamntii'ero; fatto annuncialo nel 1S31 d.d 
*ig. Lenz, ed ora confermato dal prof. Buekiaud; si 
è che i veleiii animali i più \iolenti semlu-auo di 
nessuna forza sopra questo animale. Ciò rende pre- 
zioso quest'animale nelle l'oreste, o\e par;' (he ucci- 
da un niniiert» considere\ole di rettili e di iiuiiu;>li 
nocivi. « Io possedeva, dice il sig. Lenz, una feui- 
miua di questi piccoli (juadrupedi completamente di- 
mesticata, che io manteiieva in ampia casa di legno. 
Spesso le ficea presente di serpenti, che essa assa- 
liva con a\idil;i senza mostrarsi per nulla allarmata, 
O infastidita nel vederli allorligliarsele intorno al suo 
corpo. In gicirnu feci coni))altere il mio riccio eon 
Hua vipera. Appena egli l'elihe avvicinala e fiutata, 
(poiché .1 senso della visla in questi animali sem- 
bra mollo ottuso; la prese per la testa, e l.i scr.d 



tra 1 denti, ma senza farle già 



de. La \ iper:i in 



l'ibouda e minacciosa sihilo e lo murse crudelnunte. 



ma il riccio non parve sentirne dolore, e malgrad* 
delle mtn-sicature non rinculo d'un passo. In fine 
quando la vipera fu stanca, egli l'addeulo nuovameuli» 
nella U^sla e la sciiia(-cio ne la parte st.ssa ove sono 
i demi del veleno, le Jku selle clic lo ricettano, e le 
glandole*clie lo scernono,- indi successivauiente di- 
vino una parte del corpo, io ho sovente alla pr«- 
seiiza d'altri ripetuto questa lolla, e spesso il riccio 
ricevette da otto o dieci morsicalure nelle orecchie, 
nei muso e finanche nella lingua, senza che ne pro- 
vasse il miiiinui danno; cliè anzi non presentò mai 
neppure rigoniiaiuento di piuti, od altro de' sintomi 
orainarii di ([iiestu genere di avvi lenainenlo. A è il 
mio l'iccio leuimina, nò i suoi figli, eh' ella allora 
allattava, parvero solfrirne. Questa osservazione com- 
bina con quella di i'alias, il ijuaie assicura che il 
riccio può mangiare un centinaio di cantaridi senza 
provare gli cileni che produce nell'uomo, ne' cani, 
e ne" gatti io iiigliinllire (jiicsto insetto. Un medico 
tedesco, che vnua anatomizzare un riccio, diede a 
questo animale delTacido prussico, che non produsse 
alcun elicilo. Una forte dose d'arsenico non ottenne 
di più. 'ili IV'ce aihua prendere dell'oppio e perfino 
del suhllmaio corrosivo, senza giungere in modo al- 
cuno ad (Il tenere il suo scopo, ossia la morte dell'a- 
nimale. ". Il riccio iKMi si nutre di vegetabili, se non 
([uando non può trovar carni. Suo nutrimento ordi- 
nario e naturale st:no le lumache, i lumaconi, in- 
selli, rane, topi e rospi. Sotto questo rapporto il 
riccio sarchile imo degli animali piìi preziosi per 
ragrictiltuia, e si dovrelibe cessare dal perseguitarlo 
a morte, come si pratica quasi per tutto senz' alcun 
motivo ragionevole. 



PRODIGIOSA MOLTIPLICAZIONE DE PESCI. 

'.'ili aliissi del mare sono popidali d'una moltitn- 
diiie iiiniimcr.dMle ili animali. La prolusione dei ger- 
mi, la molli(ili(azione degl' individui, la varietà della 
specie, soi'passano forse (luaiilo l'aria e la terra pos- 
sono unite produrre. Ogni goccia d'aciiua contiene 
un nuuiero innneiiso di animaletti microscopici : 
quanti miliardi ne contiene tulio il regno de' mari? 
Il fondo delle acque è coperto di solessi strati di 
coiiciii^lii! accumul.ile e pnireiilti; giii da migliaia di 
auui. La melma liHiiiicolare di iniuimerevoii vermi- 



6 



celli, cbc coulinuamente riproducoiisi, e gli scogli, 
le profondità, le rive, le voragini, le valli, le moa- 
tagrie sottomarine, sono tutti asili, ove vivono, ge- 
nerano, muoiono e fannosi guerra enormi moltitudini 
di animali d'ogni genere, d'ogni specie, d'ogni mole, 
d'ogni forma e d'ogni era. Si potrà giudicare, ed 
imperfettamente tuttavia, dell'immensa produzione 
ehe si va formando nel seno de' mari dai dettagli 
«egucnti. 

Un'aringa di mediocre mole produce 10,000 ova. 
Si sono veduti pesci del peso di mezza libbra con- 
tenere 100,000 ova. Un carpione di 14 pollici di 
lunghezza 362,224, giusta Petit: ed un altro lungo 
16 pollici, 342,144. Un pesce persico [perca, lucio- 
perca Linn.) conteneva 281,000 ova; un altro 300, 
640; uno storione femmina fece 119 libbre d'ova ; 
e siccome sette di queste ova pesavano un gi-ano, il 
tutto poteva valutarsi 7,663,200 ova. Levvenhocck 
ha trovato fino a 9,344,000 ova in un solo baccalà. 
Se si calcola (pianti milioni di baccalà ne flinno 
allretlanli in ogni anno, se si aggiunge una molti- 
plicazione analoga per ogni femmina di tutte le spe- 
cie di pesci che esistono in mare, v'ha di che rima- 
nere sbigottiti della inesauribile fecondità della na- 
toi-a. Quale ricchezza! Qual profusione! E se tutto 
potesse nascere, che ci vorrebbe pel nutrimento di 
questo numero innumerevole? Ma i pesci divorano 
eglino stessi per la maggior parte queste ova ; gli 
uomini, gli uccelli, gli animali acquatici, le depres- 
sioni cagionate dalle correnti, dalle tempeste, dalla 
marea ecc. ecc. distruggono quantità incalcolabili 
di tali ova, il numero delle quali ingombrerebbe al- 
trimenti lutto l'universo. Se tutte le ova delle aringhe 
fossero fecondate, non vi vorrebbero piii di 8 anni 
a quella sola specie per ricolmare tutto l'oceano ; 
imperocché ogni individuo ne porla de' milioni che 
depone all'epoca della fri-ga. Se ammettiamo che il 
numero sia di 2,000 che producono alirellante arin- 
glie, metà maschi e metà .''emmine, nel secondo anno 
vi saranno 200,000 ove; nel terzo 200 milioni, nel 
quarto 200 miliardi ecc. ecc., e nell'ottavo anno que- 
sto slesso numero non pfjtrii essere espresso che con 
un 2 seguitato da vcnlii|uattro numeri. Ora siccome 
la terra contiene appena tanti pollici cubi, ne nasce 
che se lutto il globo fosse ricoperto di ac<iua, non 
basterebbe neppure per dar luogo a tutte le aringhe 
che esisterebbero. 



SVILUPPO DI PENNE SUL CAPO DI UN BAMBIIfO. 

Si legge nella gazzetta di Vienna quanto segue. 
a In Brema si fa altualinente vedere un fanciullo, il 
di cui capo, invece di capelli, è munito di piume 
simili a quelle de' pulcini, ma di varj colori. AU'aT- 
vicinarsi deU'aulun.'io gli si rÌTinovano come accade 
negli uccelli. Le jienne cosi a lui cadute si vendono 
dal padre del giovinetto a coloro che possiedono col- 
lezioni di storia naturale ». 



PESCI DOPPI. 

L'ultimo numei'o àiìVC American Journal of Scien- 
ces, il quale è compilalo da persone abili e degne 
di tutta fede, contiene la descrizione di un pesce 
doppio della specie detta dti'' gatti (genere de' silu/'i). 
Questo pesce fenomeno fu preso alla rete nella foce 
della Cape-Fear nella Carolina meridionale. 

I due individui {che per doppia ragione meritano 
questo nome) ei;ano congiunti l'uno all'altro come i 
gemelli siamesi ; uno stesso integumento copriva il 
loro petto, ed una sola striscia nera ne segnava la 
separazione. La tessitura ed il colore della pelle di 
lutto il corpo erano simili a quella del ventre. L» 
testa ed i visceri, erano interi in entrambi; però es- 
sendosi praticata un' incisione al lato dell'abdome di 
un individuo, questa cavità fu trovata vuota; si con- 
getturò quindi che i visceri, che esso doveva conte- 
nere, fossero passati nell'abdome dell'altro individuo: 
la quai cosa venne verificala. L'uno di questi pesci 
aveva ire pollici e mezzo di lunghezza; l'altro due 
e mezzo solamente. 

E probabile, che quando essi nacquero fossero 
di forza e grandezza eguali; però l'uno parendo piii 
favorevolmente vantaggialo dalla natura per isvilup- 
parsi, questo avrebbe mollo più ingrossalo che l'al- 
tro, se avessero più lungo tempo vissuto. Perciocché 
avendo naturalmente la testa collocata sopra quella 
del secondo, poteva scegliere il uulriinenlo che *i 
presentava: mentre l'altro era costrello di aspettare 
che il caso l'avesse favorito, o che il gemello si fosse 
saziato. 



7 



ANNE DOTO INTERESSANTE 



Si è "ià lamentato recentemente un estensore dì 
lunari), perchè noi nella decima distribuzione dell'an- 
no primo del nostro Album abbiamo ardito di par- 
lar della luna, e ci lia tacciati di avere usurpati i 
suoi diritti, e di aver malamente trattalo il soii^etto. 
Persuasi, cbe un lunarista non può essere buon giu- 
dice iu matei-ia di gusto, noi uon perderemo il tem- 
po a giustificarci della seconda taccia; e diremo solo 
pochissime parole intorno alla prima. l'incbè fuel 
eh. scrittole di almanacchi non ci faccia conoscere 
di aver ottenuta la privativa di favellar egli solo 
della luna, noi con sua pace ci crediamo autorizzati 
a poterla descrivere ed incidere rotonda o cornuta, 
illuminata od oscura come piìi ci piace, al pari dei 
maghi, de' mitologi, de' poeti, de' botanici, e de' me- 
dici, ai quali liiioia nou è stato mai interdetto di far 
eutrai'c la luna negli incantesimi , nei sogni, nelle 
piante e nelle malattie. Una cosa sola lasceremo sem- 
pre, al privilegiato estensore, vale a dire il diritto 
esclusivo di leggere apertamente nella luna il futuro, 
e di ainiuuziare alle genti il sereno, quando gran- 
dina piove. 



AMENITÀ 



Un giornale riferisce nei seguenti termini una 
scèna singolare avvenuta sulla piazza di Nolrc Dante 
a Parigi. 

« 11 popolo si affollava e gettava grida di terrore 
cedendo sulla cima d'una delle torri due persone, 
elle si disponevano a precipitare di là una donna 
«alla piazza. Per quanto la distanza pei'lnetteva che 
*i potesse vedere, si scorgeva eh' essi le mettevano 
la sbarra in bocca per impedirle di gridare e che 



le avevano le<;ate le mani sul dorso. 

o 

« Le grida: gli assassini ! gli assassini! echeggia- 
Tano in mezzo a quella folla sdegnata. Si bussava 
senza posa alla porta del custode delle toni, altri 
cliiedevano che si incesse accorrere la gendarmeria. 
Un soldato della guardia nazionale, che ritornava dal 
suo posto collo schioppo sotto il braccio, mirò gli 
assassini, come se la sua arme fosse stata carica, ma 
anche quella minaccia fu inutile. 



« La catastrofe pareva oramai inc\ itabile. Infatti 
si vide la povcia dono a cadere da prima contro uno 
degli sporti del rosone del mezzo, poi battere sopra 
il capitello d'una colonnetta, ed andare finalmente a 
fracassarsi sul lastricalo. 

« Ad un seniiEucnto d'orrore difficile a descri- 
versi, succcdelle tosto un ridere inestinguibile e ge- 
nerale. L'itdelice vittima, [)r('cipit>ita dalla lorre, non 
era altro che un pesante fantoccio. 1 ragazzi si dis- 
putarono le sue spoglie, e le portarono in trionfo 
sul Celiai dell' arcivescovato , ti' onde le gettarono 
nella Senna in mezzo alle risate del pubblico. 



MENENIO. 



Sarà sempre memorabile questo illustre cittadino 
dell'antica lìoma per le sue grandi virtii, e partico- 
larmente per cpiello zelo e disinteresse col quale 
tanto si distinse. Noi non rammenteremo qui ciò 
che di questo celebre persojiaggio è notissimo aiichs 
ai piii digiuni della nostra sliuia: non la sua vittoria 
contro i sabini; non l'onore del trionfo accordatogli; 
non la sua elevazione al rango senatorio dopo l'espul- 
sione de'Tarquiui; non la sua prudenza ed abilita 
nel calmare il popolo sdegnato contro i patrizi, con 
quel notissimo apologo de' membri e dello stomaco; 
ma rendendogli soltanto gli onori di zelante e di- 
sinteressato magistrato, rammenteremo la nobilissima 
e straordinaria sua povertà che all'epoca della sua 
morte si riconobbe tale, ad onta della sua vita fru- 
galissima, che non gli si trovò neppui'e il danaro 
sufficiente per la spesa del funerale. 11 senato ed il 
popolo fecero a gara per provvedervi: ed avendo in 
questa vinto il senato, il popolo ricusò di riprendere 
la somma ch'orasi volontariamente imposta; ma es- 
sa fu data ai figli dell'illustre cittadino. 



8 




L' AQUILA DA CAI»0 BIAIVCO 
ED IL FALCO PESCAI 



Sulle sponde della cateratta della NisTara, sull'a- 
rena, e nelle cavità degli scogli uno stuolo di uccelli 
di rapina sta di continuo esplorando alla superficie 
delle ac([ue i p(!sci che vengono a scherzarvi, o i 
cadaveri di animali, che avendo voluto traversare il 
fiume presso la cascala sono slati slrascinali dalla ra- 
pidità del torrente, e precipitali nell'abisso. 

Ivi tutti qui;sti voraci volatili trovano facilmente 
un abhondanle pascolo ; ma i più destri ed i j)iù. 
forti hanno spi'sso a temere di mi nemico piii esper- 
to e più robusto, il cui sguardo veglia sulle loro 
mosse, e li lieue in continuo terrore: questo nemico 
è raipiiia da testa bianca. Un tal Gero volatile vive 
rgualmente in tulli i climi, fa dovunque e di tulio 



le sue rapine, sebbene il suo trasporto pei pesci lo 
tragga più di frequente sulla sponda del mare. Soffre 
egualmente i freddi più rigorosi, ed i più cocenti 
ardori del sole, e si è visto talora lanciare il suo 
volo in mezzo alle nubi stolgoreggiauli di lampi. 
Dalle alte regioni dell'atmosfera eternamente ghiac- 
cialo esso abbraccia con un solo sguardo le immense 
est<'nsioni delle foreste, delle campagne, de' laghi e 
dell'oceano. Sceglie e determina da principio una 
mela al suo volo, e quindi in un istante scende a 
suo piacere ad una deircstremità del globo iu mezzo 
d'un estale o d'un inverno. Se si è fermalo sulla 
sommila di qualche albero altissimo, che domini ia 
distanza la terra e l'acqua, esso fiero ed immobile 
osserva in basso i diversi moti degli uccelli di ra- 
pina di minor grandezza; ma quando poi si avvede 
di un falco pescatore, allora il suo occhio scintilla 
vivace, il suo collo si allunga e si drizza, le sue ale 
spiegausi per metà, e già freme impaziente. Lo stre- 
pito, che muove nel suo rapido volo il falco, ferisce 
rorecehio dell'aquila. Lo vede sollevar la spuma. del 
mare, e nell istante rialzarsi con un pesce che si 
dimena in\auu trai suoi artigli, mentr' esso il falco 
alza un grido di gioia. Questo grido è appunto il 
seguale che attendeva l'aquila, la quale allora si slan- 
cia ed insegne il falco, lo tocca già, mentre questo 
pieno di spavento raddoppia la rapidità del suo volo. 
L'uno e l'altro ascende alle alte regioni dell'aria; 
circoscrivono entrambi mille giri, formano de' cerchi, 
interrompono improvvisamente il loro corso, finclii 
il falco stanco lascia fuggire la sua preda con uà 
grido disperato. L'aquila resta allora immobile per 
un istante ; raccoglie le sue forze, si precipita in 
linea retta, e riprende il pesce insanguinalo prima 
ancora che sia giunto alla superficie dell'onda. 



SCIARADA 

Nutrica il priniiei-o; 
Parente è il secondo : 
Gran sofo è l'intiero. 




TIPOGUAFIA DELLE BELLE ARTI 

Vi;i iM Arcione n. loo. Con a/>provazione. 



V-1 




ANNO 



9 



© 



L'ALBUM 



V 



DISTRIBUZIONE 



© 



-r 



Si pubblica ogni Sabato 



ROMA 



21 Marzo 1835. 





DELLE STRADE DI FERRO 



Tutti sanno che le rote lasciano pi'ofondc e 
permanenti impressioni o solchi sulle strade; tali 
impressioni diconsi rotaie. Per evitare questo incon- 
vaniente gli antichi aTeano in uso di costruire le 
parti delle loro strade esposte ad esser solcate dalle 



rote con massi di pietra durissima, e quest' use os- 
servasi ancora in molte città d'Italia, e specialmente 
in Milano. AI cominciare del 1 1 ° secolo venne in 
Inghilterra l'idea di sostituire d«' grossi tavoloni ai 
selciati di pietra molto costosi. In seguito, per ren- 



dei-e più coiisisUuiii (iucsLÌ t;ivoluiii, si copriimii) ili 
liste di ferro: fiiialmeate nel 1767 il rurro Tu iu- 
tcr.imeiile sostituito al legno. Da (juest' epoca co- 
miiiciaiio le strade di ferro propriameute dette. Que- 
ste strade distiiigiioiisi, in ragione delia materia di 
cui sono costruite, in due specie ; stiadi; di (erro 
fuso, e strade di ferro fabbricalo. 11 modico pi'c/./.n 
della fusione delle lastre, e la loro inllessibilila le 
cero fino all'anuo 180 5 preferire le primi- di que^t:- 
strade; ma in questa stessa epoca si osservo, clic se 
per una parte erano iuflc*sibili, rompevansi dall'udiri 
con molta facilita, e clic la parte inlrrna delle lastre 
ei'a men dura e compatta della supt-rlicie; di modo 
che consumala questa, la lastra tosa noti cri più 
servibile, la superficie uè diveniva scalirosa, m.ilgia- 
do degli sforzi per pulirla. Si ricniiobhe pure tdie 
l'uso di tali lastre fuse non era il più ecoiìuniico, 
perchè le lisU; di liiro non fuso non liaiiao liisogiio 
di avere lo stesso peso delle lastre di ferro fuso per 
re»istere ugualmente . Tulle queste considerazioni 
fecero sostituire fin dall'anno 1805 il ferro lavoralo 
al feiTO fuso, ed ora è per universale consentimento 
preferito. Sotto il rapporto della forma le strade di 
ferro possono dividersi in tre specie. 

Le prime sono lornialc di semplici liste piatte 
poste sul suolo nel luogo, in cui ordinariamente so- 
no le rotaie : ed il cocchiere può a suo piacei'e far 
passare, no le rote del carro sopra o fuori delle 
medesime. Questo sistema però è ben poco adoUalo. 
Nella seconda specie s'impiegano, in vece di liste 
pialle, liste incavate, che presentano raspollo del- 
le rotaie ordinarie e comuni. Queste strade non 
possono esser percorse che da vetlure a via stabile 
e costante: le rote s'incastrano nella rotaia, e non 
n'escono mai. Questo sistema è ora impiegato anche 
meno del prifiio. E facile inf'alti a capire che le ro- 
taie sono permaiicnlemenle riempile di fango, e che 
in lai modo Io scopo principale delie strade di ferro, 
che sta nel fare scorrere un legno sopra rotaie dure 
e. nelle, viene a mancare del lutto. Alla terza specie 
appartengono le rotaie rilevate: le circonferenze dwlle 
rote sono incavale a gul.sa di girelle, e qui come 
nella seconda 'specie le rute sono sempre incassate 
Jieile rotaie, e non n'escono giammai. Le strade di 
ferro coslruile a questo modo sono ora comunemente 
adoltalc, offrendo i maggiori vantaggi. Una strada di 
ferro è ad una, o a due vie; ogni strada è comp ista di 



rotaie. I carri destinati a percorrere le slrade di ferro 
apjK-llansi dall'inglese i.vagi>iìs, e non debbono per 
alcun caso escile dalle rotaie : di modo che, se due 
wagons andando in senso contrario vengono ad in- 
contrarsi in un medesimo punto, uno di essi è obbli- 
<falo di (lare in dietro, per far passar l'ailro, e la 
r.'i^nlarita del servizio è inUrroUo. Qui;idi, volendo 
andare e venire sopra una strada di ferro iu tulle 
le ore del i>iorno, si rende necessario di convenire 
nella deslliiay.ione delle due strade, asscguandoMe 
una pe' carri che vanno in un senso, ed una per 
quelli che vengono in senso contrario. Questo mezio 
essendo molto dispendioso, si è adottalo sopr' alcune 
strade d'imoortanza secondaria un lermiue medio ; 
che consiste a non dare che una sola via alla rota 
nella maggior parte della sua estensione, ed a pra- 
ticare delle doppie vie di disianza ; (juesle parli a 
doppia via baauo preso il nome di crociere, perchè 
sono le sole sulle quali i wagons, che vanno iu sen- 
so contrario, possano crociarsi l'er leriuiiiare queste 
principali nozioni sullo slrade di ferro, passiamo ora 
a pailare de' motori che servono a strascinare i ^a- 
(^'Ofis ; delle inclinazioni; delle sinuosità che può pi-e- 
senlare la strada; ed in fine dai-emo pure un cenno 
sulla costruzione di questi -wagoiis ossia carri. I mo- 
tori impiegati sulle slrade di ferro sono di tre spe- 
cie : talora si fa uso de' cavalli, che si attaccano ai 
carri come si suole comunemeute agli altri legni : 
talora si fa uso di carri a vapore, che si muovono 
da per se slessi, e traggono dietro di se i wagons: 
si dà a questi carri motori il nome di macchine lo- 
comolivc: talora finalmente si dispongono suda sti-a- 
da a distanze diverse delle macchine a vapore lisse, 
che Ua;';jono a se i carri col mezzo dì una lune. La 
inclinazione che si da alle strade di ferro jiuo esser 
maggiore o minore, secondo la qualità del motore 
che s'impiega Può esser moltissima, se s'impiegano 
macchine a vapore fisse. Si può anzi dire, che iu 
questo caso nou vi souo limili da prefiggere. Dev« 
al contrario esser pochissima, se si fa uso di mac- 
chine locomotive, nou potendo eccedere 5 millimelri 
per metro, l'inalmeute, se si fa uso di cavalli, puy 
senza tema d'inconvenienti andare fino ad uu centi- 
mclio e mezzo. Interessa anche moltissimo che una 
strad.i di ferro non faccia troppo grandi circuiti, <t 
quando si è obbligali di farla voltare, dee ciò farsi 
eoa curve mollo dolci, di modo che i cangìamuuii di 



IJ 



dìrczii)iie sieiio quanto meuo si può istantanei. Le 
spese di coslruzioiie di una strada di ferro dividoiisi 
iti due parli: una che può quasi determitiarsi, la 
quale si compone del pre/.zo del ferro, della sua la- 
vorazione, e d'j^r inscrvienli. Questa spesa può valu 
tarsi a 7(1,0(10 fianchi (scudi 13,000 cirea^ per ogni 
lega postale, e per utia strada di ferro al una sola 
via. Si valuta al doppio per una strada a doppia via 
O rotaie. I/altra spesa die comprende quelle di at- 
terramento, de' lavori d'arte, degli aecpiisli di terre- 
no, e quelle di direzione, sono cosi variabili, eh' è 
Leu dillicile determinarle. Si può luiliailimeno calco- 
lare la loro varietà da 200 a 10,0000 franelii per 
una strada a doppia via. Converrebbe prendere i due 
terzi di questa somma, se si trattasse di uua via sola. 
Le migliori macchine locomotive che si conosca- 
no sono quelle che servono ora sulla strada da Li- 
verpool a Manchester. Quando esse sono vuote pe- 
sano circa 5,000 kilogrammi; la loro forza coi ri- 
sponde a quella di dieci cavalli: si fabhiLcauo iu 
Inghilterra al prezzo di 13,500 franchi (scudi 2,500 
circa). Le spese di trasporto variano in limiti molto 
estesi, secondo la maniera con cui una strada è co- 
struita. Sulla strada da Lione a Si. Etienne (s. Ste- 
fano) la Darilì'a è di circa 10 centesimi per ogni 1,000 
kilogrannni trasportali alla dist;ui7.a di un kdometro. 
Ma non chiuderemo questo articolo senza far parola 
de' sistemi adtitlati per introdurre le str.ide di terrò 
anche sopra vie irregolari: il che ci sembra al som- 
mo interessante. Sulle strade di ferro si evitano 
quanto si può le inclinazioni e le salile; poiché le 
spese enormi, che si fainio per appianare il snolo, 
sono una delle piineipali cause che fumo montare 
a si allo prezzo le costruzioni tielle medesime. Al 
contrario è talvolta utile di dare alle diverse parti di 
una strada ili lerro alcune pendenze disuguali, quan- 
do la disposizione del terreno non si opjìonga asso- 
lutamente ad uua pendenza regolare : Kectuie un 
« esempio: si vogliono unire due punti, di cui funo 
è molto elevalii al di sopra dell'altro. Se si stabilisse 
una pcndeo/.a uniforme, sarebbe talmente forte ebc 
converrebbe rinunciare all'uso delle macchine loco- 
motive, fer evitare ijiieslo inconveniente si preieri ii e 
di dividere Li strada di ferro in due parti, dare ad 
una di queste paili una peuJeirza dcholissiina, aii'.ii- 
ti"a una iuilin.tzione forllssiina, e porre delle niae- 
chiue locomotive sulla prima parte òollanto. <^)uel!e 



parti di str,id(! clic Innno pendenze foi-tissiine por- 
tano il nome speciale di piani inclinati. Generalmente 
i wn^itii.'i pereiH-rono tali traili di strada col mezzo 
di uni ma. china a vapore fissi, e situata alla som- 
mità del piano che le rimon-liia col mezzo di una 
corda rotolata sopra un latnliuro. La maccliiiia si-rve 
non solamente a strascinare i wagoiix ascendenli, ma 
ancora a trattenere i carri stessi discendenti, i (inali 
senza (|uestO soccorso giungerebbero in .'"ondo del 
piano inclinato con una rapidità tale che li l'.ucbbe 
inevitabilmente rompere. Questo maceliinismo non 
ha tardato a perlezionarsi : ora coll'aiulo di una gi- 
rella e di una corda si fanno servire i -{va^ons di- 
scendenti a far salire i carri ascendenti, come in un 
pozzo il secchio vuoto serve a far salire il piano; 
soltanto la eorda di un piano inclinato in vece d'es- 
ser verticale, come (piella di un pozzo, siegue la di- 
rezione del piano inclinato stesso. Ma è ficile a con- 
cepire, che la miccliina a vapore non ha più che a 
vincere la differenza tra la forza necessaria per in- 
nalzare il primo wagoiis, e la forza colla quale il se- 
condo tende a discendere. Questo sistema suppone, 
die il piano inclinato sia a doppia via, di cui l'uno 
serve pe' wagons discendenti, e l'altro per gli ascen- 
denti ; nulladimeuo si può nelle viste economiche 
sostituire alle due vie tre ran"fhi di rotaie. 

Questa specie di piani inclinali è impiegata eoi 
piìi gran vantaggio quando v'è [liii Iraggilto nel sen- 
so della discesa, che in quello della salila, perchè 
allora i -{vni^oris asceiìdenti, per lo più vuoti, sono 
rimorchiati senz'addizione di forza dai wa^oii.'i discen- 
denti che sono cariclii. In tutti 'di altri casi con- 
viene impiegare una forza addizionale, eh' è ordina- 
riamente fornita di una maccliina a vapore fissa, co- 
me abbiamo accennato di sopra. Accade freinienle- 
mente, che una strada di ferro deve superare un' 
eminenza troppo considerevole, perchè riesca di ap- 
pianarla. In tal caso vi sono dat: mezzi: o ili vincere 
({nell'eminenza con un jiiano inclinato, da cui quindi 
si disciiide allo stesso modo," ov\ero Cou una gal- 
leria sotterranea si traversa i'eiuinen/.a da parie a 
parie. 11 secondo mezzo è inlinilameiile più dispen- 
dioso del primo ; ma permette però dcflettn.ire i 
trasporti con una spesa ben miiion' ; <piiudi siiIIh 
strade di luo'iiinento viene spesso preferito questo 
mezzo slesso. Senza dillonderci ora di più sopra un 
articolo, die non lascia p>;ro di essere dcd massimo 



12 



iuleresse, e sul quale i più curiosi possono procu- 
rarsi specinluienle una mctnoria recentemente pub- 
blicata in Parigi dai signori iugogneri Perdonnet e 
Caste, relativa ad un loro viaggio fatto in Inghilterra, 
ci basti di aver dato un cenno ristrettissimo su tutto 
quello che ha rapporto colle strade di ferro finora 
costruite. La stampa che abbiamo premessa a questo 
articolo presenta il profilo di un convoglio di wa- 
goiis iu viaggio, e da un tratto delia strada di ferrij 
da Lione a St. Etienne (a. Stefano) che rammentam- 
mo di sopra, e precisamente nel luogo in cui sono 
costruiti alcuni archi presso Vairon, per unire in 
ratta linea la strada medesima. 



VALENTE ITALIANO 



M E N Z I IV I 

Fu Bbsedetto IVlEniiBi uno de' piii valenti poeti 
italiani, nato a Firenze nel 1646 da genitoi'i poveri 
ed oscuri. Dotato dalla natura di felice ingegno, ed 
applicato indefessamente a'buoni studi, fece ben pre- 
sto concepire di se le più liete speranze. Suo pro- 
tettore fu il marchese Salviati, clie gli forni i mezzi 
per coltivare i suoi talenti. Intraprese il Mekziki la 
can-iera ecclesiastica, ed ancor giovanetto dettava le- 
zioni di eloquenza. Piccatosi in Roma vi fu accolto 
con distinti onori dalla famosa regina di Svezia Cri- 
stina, che lo ammise alla sua accademia. Pose il 
1Me!»ziki a profitto il suo riposo, ed il munifico trat- 
tamento che ricevea dalla regina, dedicandosi sempre 
più ed interamente allo studio : onde ne' pochi anni 
che passò presso la sua benefattrice, compose quasi 
lutti i suoi capo-lavori in ogni genere di poesia. 
Moria la regina, il Mekzi.m ridotto alla miseria si 
occupò nel comporre sermoni per quelli che volcano 
da lui comprarne. Il cardinale Albani, che sali poi 
iul trono pontificio col nome di Clemente XI, gli 
conferì un canonicato in sant' Angelo in Pescheria, 
e Io fece eleggere professore di filosofia ed eloquen- 
za nell'arcliiginnasio romano. Ma non inolio soprav- 
visse il iMeszim a queste onorifiche provviste, essendo 
morto d'idropisia nel di 7 settembre 1704. Fu mem- 
bro di lufilte accademie, ma segnatamente della cru- 
eca e d'arcadia. Pochi sono i generi di poesia ne' 



quali non si esercitò. Le sue canzoni pindariche 
sono di rara eleganza; gareggia col Chiabrera nel 
genere anacreontico, e niun poeta lu a lui superiore 
uel sonetto, nell'elegia, e nell'inno sacro. Le sue 
produzioni più rinomate sono: l'arte poetica, le 
Satire, le Lamentazioni di Geremia, il Paradiso 
terrestre e V Accademia tusculana. Le sue opere 
tutte comparvero iu Nizza nel 1783, e l'abate Giu- 
seppe Paolucci ne scrisse la vita tra le altre degli 
arcadi illustri. 



caffè economico e migliore perchè fatto 
coll' acqua fredda.- 

Modo di farlo. - La bevanda del caffè è tanto 
pili ricca di principii, quanto è meno calda l'acqua 
che si è impiegata per estrarli; cosicché il caffè fatto 
coU'acqua fredda è quello che contiene più principii 
in dissoluzione. Il calorico al contrario, soprattutto 
quello della ebollizione, dopo aver disciolti i princi- 
pii i più solubili, li decompone, e loro sostituisce 
altri principii, come sono l'astrizioue, l'amarezza « 
l'empireuma; il primo de' quali, specialmente dopo 
che la ebollizione ha dissipato il suo profumo. La 
quantità maggiore e l'integrità de' principii del caffè, 
che si estrnggouo con l'acqua fredda, fanno si clie si 
economizzi la quantità di esso e dello zucchero, ris- 
parmiando una misura di caffè sopra quattro: se ne 
ottiene una bevanda soddisfacente, ad indolcire la 
quale basta la metà di quello zucchero che difficil- 
mente giungeva a mascherare l'amarezza, l'astrizione 
e l'empireuma del caffè fatto coll'acqua bollente. Uji 
altro oggetto da riguanlarsi per l'ottima preparazione 
del caffè, si è l'apparalo destinato a farlo. Nella caf- 
fettiera di ferro bianco si ha del caffè piìi nero dell' 
inchiostro, p!)irhè il ferro è necessariamente disciolto 
dall'acido gallico. Cn vaso di porcellana, sostituito a 
quello di ferro, farebbe evitare un tale incoveniente. 

Resta a soggiungere il modo di prepararlo coll'ac- 
qua fredda. Esso è semplicissimo; si riduce a filtrare 
l'acqua attraverso del caffè macinato e ben calcato, 
afiinchè la filti'azioue riesca più lenta. II liquido clie 
in fine di questa si ottiene, riscaldalo convenienle- 
inente; ed edulcoralo, costituisce la più gradita be- 
vanda del caffè. 



■^ssxtccect» 



15 




lTO 



STAreArÌE^^lJfiSTftEHt?HMWWZO^I>l MÀRcÌ> AURELIO 

(in CampidoglioJ 



Parlammo, nella nostra distribuzione 7» dell'anno 
primo, della statua equestre in bronzo di Pietro il 
grande, fatta fondere dalla imperatrice Caterina JI. 
E questo un moderno lavoro che ha il suo gran me- 



rito certamente; ma che d«e cedere ptr tatti i rap- 
porti alla bellissima statua equestre antica dell'impe- 
ratore Marco Aurelio, che vedesi ora n«lla piazza 
superiore del Canjpidoijlio, e che qui rappresentasi. 



u 



Molte cose e da molli sono state dotte e scritte su 
questa bella statua. Non ci difl'ondereiuo qui sul- 
le molte auliquarie (juestioui rlie sono st-ite falle 
solla medesima : ci limiteremo ad accennare che fu 
denominata per molto tempo dell'imperator Costan- 
tino, e che al nome di tale rispettabile imperatore 
dobbiamo forse la conservazione di questo insigne 
monumento uè' tempi elie ben possono dirsi barbari, 
in cui li orna fu in preda alle fazioni, ed agli avidi 
cercatori di metalli. 

Nel decimo secolo questo cavallo stava ancora nel 
campo Vaccino, e narrasi che l'imperatore Ottone I 
fece sospendere dal medesimo il prefetto di Roma 
Pietro autore d'infiniti mali, allorché nell'anno 966 
venne in Roma papa Giovanni XIII, ■ come pure, che 
avanti allo stesso eavallo nel 974 fu gettalo il ca- 
davere dell'antipapa Bonifazio figlio di f erruccio. 
Cleriieule III, che nel 1187 ingrandì il palazzo La- 
trrauense, fece traspi rtare questo eavallo sulla piazza 
di Laterano. Narrasi pure che il demagogo Cola di 
Rienzo, nel dare una lesta al popolo, facesse gettare 
dalle narici dell i stesso cavallo vino rosso ed acqua. 

Sotto il j)otitefice Sisto I\ , essendo stato nuova- 
mente rislaurato il palazzo Lateranense, la statua 
equestre di cui parliamo fu collocata in luogo vi- 
stoso avanti lo stesso palazzo. Finalmente nell'an- 
no 153S, per ordine di papa Paolo HI, questo cele- 
bre mouuDiento fu trasportato sulla piazza del Cam- 
pidoglio come rilevasi dalla sottopostavi iscrizione ,- 
ove foi-ifaa degno oggetto di maraviglia a tutti gli 
ammiratori dei bei capi- lavori antichi e moderni, de' 
quali è doviziosa la nostra città eterna. 



monaucmia per le belle arti. 

Noi abbiamo tuttavia [dice il prof. Salvatore Retti 
in un suo discorso airaceadeinia romana di s. Luca, 
noi abbiamo lulla\ia gli stessi governi, de' quali si 
appagarono que' maggiori : governi fondati su»li or- 
dini di una monan liia, ch'è l'alimento, anzi diro la 
vita felicissima delle arti belle. E questo dico, e (jue- 
itit ni,intciij;i>: e n'ho testimonio la Grecia, la dove 
le arti miglior secolo non ebbero che quello, il quale 
vidi? la magnificenza di Alessandro macedone: e 
prima di quel Pericle denominato oliuipieo, il quale 
te di nome fu cittadino, d'autorità fu capo e prin- 



cipe degli ateniesi. A quelle reggie stettero e Fidia 
e A pelle e Lisippo e Pirgotele e Itlino e Dinocrate 
e altri grandi : siccome la reggia di Artemisia di 
Caria fu a Satiro ed a Scopa graziosa, a Zeusi 
quella di Archelao di Macedonia, ed a Sostrato, il 
più celebre architetto dell'antichità, la splendidissima 
di Tolomeo Filadelfo. E quali furono poscia i secoli 
che pili lieti corsero alle arti romane, se non quelli 
di Augusto, di Trajauo, di Adriano, degli Antonini? 
E allorché dopo il guasto de' barbari si riscossero 
nuovamente da sì rigida salvatichezza , e tornarono 
a rinfiorarsi e a parer belle : dove educate furono , 
dove crebbero, dove a tanta luce sorsero, se non 
nelle case di Cosimo e di Lorenzo il magnifico, e 
sotto le gra odiali di Giulio II e di Leon X? E tac- 
cio delle reali famiglie degli Estensi , degli Sforza , 
de' Gonzaga, de' Farnesi, de' Rovereschi, e di quella 
loro inclinazione a fini genorosi e magnanimi, che 
tanto ajutò la civiltà nostra J e taccio altresì di Ve- 
nezia, la quale anziché repubblica, voleva dirsi ve- 
ramente signoria di pochi e possenti principi dello 
stato. 



TnATTl DI CORTESIA. 

Due ricchi e potenti signori erano legati da 
stretta amicizia, e frequentemente l'uno andava a cena 
dall'altro. Una sera quello che avea invitalo il suo 
amico propose a questo di fare una partita a primie- 
ra. L'iiivilalo fece juimiera ; l'altro avea cinquanta- 
cincjue ; ma non volendo valersene, na'scose il suo 
punto, e gitlò le carte. Trattavasi di somma forte , 
che avrebbe potuto allettare anche un uomo facol- 
toso. Dopo la partita un gentiluomo del seguito del 
principe che avea nascosto il suo punto gli fece ri- 
marcare, che l'allro avea perduto : <« Lo sapeva io, 
rispose il principe, ma non l'avevo già invitato per 
guadagnargli il suo danaro ». 

Narrasi ugualmente, che i famosi banchieri Fug- 
gers d'Ausburgo , essendo stati onorati nella loro 
casa dall'imperatore Carlo V nel ritorno di questo 
monarca dall'Africa, fecero porre un fardo di can- 
nella al caminetto dove l'imperatore dovea scaldarsi, 
e quindi, per dar fuoco a questo prezioso combusti- 
bile, si valsero di una obbligazione di somma cospi- 
cua d>\ula loro dal monarca stesso. 



'«-'» 



Del pari avendo Enrico di Lurtiiii (lucu di Ciiilsa 
guadagnato al giuoco cento mila fianclii, oli j'u nel 
giorno susseguente mandata la somma mela in argen- 
to, e mela in oro in due sacchi diversi. Il Jucn, cre- 
dendo clie il sacco piecolo non contenesse pure clic 
argento, lo dono per cortesia al ccjmiiie.sso ciie avea- 
gli portato il danaro : questi volle lare osservare al 
duca, die quel sacco coatenca tutl'oro ; uri il duca 
gli rispos(!: «Poiché la sorte ti ha favorito, io non 
debbo, uè voglio tigliertela ». 

Così pure un gentiluomo, che dovea una somma 
rispellalìiii' a cortesissimo e ricco signore , r(!eossi 
pn^sso il medesimo pregandolo a volergliene condo- 
nare la meta : a- Questa metà, gli disse i! creditori;, 
già non è più mia dal momento che vi siete preso 
riiieomodo di venirmela a dimandare ; ma poiché 
Toi lasciati! a mia disposizione l'altra meta , non \i 
dispiaccia che io ve ne faccia un dono ■>. 

11 celebre matematico ?tlanpertins, che ai-eomoa- 
gliaTa il re di Prussia alla guerra, fu fallo prigio- 
niero alla battaglia di ^lolwitz, e condi)lto a A ieuna. 
Il gran dura di Toscana, che fu quindi imjjeratore, 
volle couosci're il celel)re matematico, e lo trailo 
eoa somma stima e distinzioue. Gli dimmJo quinli, 
le gli dispiaceva la perdita di taluno de' suoi eUelti 
toltigli dai soldati nemici. INIauperlius esitò per mollo 
tempo, e fJnalmente, cedendo alle insistenze che gli si 
faceano sull'oggetto, disse: che per verità l'unica cosa, 
che oltremodo di-ipiaeevagli, era che gii si fosse tolto 
un antico (irolorri^ di Greham. Il Gran Duca ne avea 
appunto uno dello stesso rinomato orologiajo , ma 
tutto contornato di brillanti : se lo trasse subito di 
tasca, e nel darlo al matematico gli disse: « Non è 
Stato che uno scherzo de' soldati : eccovi il vostro 
orologio: me lo hanno portato, ed io ve lo restituisco». 



DELLA MUSICA, MELODIA ED ARMOUtA. 

La musica si compone d'armonia e melodia. In- 
tendesi per melodia il tema, ossia canto principale 
di un pezzo di musica. L'armonia è una successione 
di accordi diversi, che le voci o grisirninenti fanno 
sentire per sostenere il tenia, e dargli forza. Lgli è 
ordinariaiueule alle parti alte de' violini e de' (lauti 
che ti affida Ja melodia, e quando l'accompagnamen- 
to ha pota lorza è facilissimo a prenderla u lìu- 



iierla. J\ii) iiulladimcno trovr^rsi la melodia nni he nellr 
parti ba'^sc, ed allora ralti^nzio'ie distratta dagrisliai- " 
menti a note acute ha d'iu^po tli concentrarsi di piii, 
per seguirla in tulli i suii ;Mri 

Jja mei, alia soslennla lia una del)'>le armonia man- 
ca di ciiVtio, salvo se iifiii sia fortem'Mile (-arattt!- 
rizzata ; l'armonia senza melodia C'istituisce la cat- 
tiva musica. 

Sp''sso può ei'edei'si , ;li(' una .sinfonia o altra 
compo.s./.ione (jiialunciue mani lii di melodia, perche 
non si è sapulo trovarla, mentre un orecchio esei"- 
citalo !.i prende con maggiiue o minor facilita, e sa 
ajiprijzzarne il merito. Convien dunque aver inteso 
più volle un pezzo di musica, ed a\ei'!i) aseoitaKt con 
attenzione, specialmente (pi. indo si abliia una educa- 
zione mu<:ieaie iinperfclla , per pronunciare senza 
temerità clic manchi di ineiodia. 

Accade sp;.'sso, che un pul)!)lico poco avvezzo a 
questa specie d'impressioni nulla sappia distinguere 
negli accoi-di strepitosi d'un' orchestra considerevole, 
nii'ntre i veri conoscitori sentono sa quella nnisica 
formidabile r.iggirarsi una melodia d'una espressione 
più o meno interL-ssanle. 

L'armonia e la melodia debbonsi un reciproco 
soccorso, l'una non saprebbe esistere senza l'altra. .Si 
«ino pelo intesi de' canti all'unisono senz'accompa- 
gnamento commoNcre vivauientj gli ascollanti ; mi 
ciò dee altriiìuirsi princip diuentt! alla rara belle/'.a 
di certe melodie disposte per (piesta specie di ell'etlo:' 
e poi al numero considerevoli; di voci, dalle quali si 
sono eseguile le melodie slesse. 

La melodia appartiene all'estro del coniiiositoro, 
mentre l'armonia è quasi unicamente spitlaiile all' 
arte. Tuttavolta , indipendentemente dalla scienza, 
evvi una specie d'istinto che sa spiegare un .irmoaia 
possente, e piena d'eiletlo, dove un compositore me- 
diocre non asrebbe trovalo che volgari com!)i nazioni. 

TaKolta molle melodie si lamio sentire ad un 
tempo m u\i pezzo di musica. L ipiesta una ricchezza 
che jjuò abbagliare , e stancare un orecchie poco 
esercitatfi, ma che commovera sempre vivamente 
un pubblico illuminato , e degno d' apprezzare gli 
alti concelti di un sommo professor*. 



16 




FOGLIE E FIORI DELL'ALBERO 

CACAO 

L'albero cacao è di mediocre grandezza, non ec- 
cedendo l'altezza di S(!ltc metri. VLsto da qualche 
disianza ha l'aspetto del ciriegio, ma le sue foglie so- 
no mollo piii grandi, avendo circa sette pollici di 
lunghezza in due e mezzo di larghezza. I fiori na- 
scono immediatamente aderenti ai grossi rami, ed 
anche sul tronco deil'abero : il calice di questi fiori 
è rossastro, ed i petali sono gialli con alcun misto di 
rosso. Essendo tali fiori piccoli, ed in gran numero, 
non che i fruiti contenuti molto voluminosi, aborti- 
scono per la maggior parte, e l'abbondante fioritura 
che si riproduce due volte l'anno è un lusso poco 
profittevole, ma gratissimo all'occhio : ed in queste 
due epoche l'albei'O cacao può contribuire all'orna- 
mento de' giardini. 

1 frutti sono della grossezza de' cedriuoli di pic- 
cola razza, lunghi circa sette pollici. La loro malu- 
rilii si annuncia dal colore giallo cupo che prendono 
allora, e che indica il tempo della raccolta. A questo 



grado di maturità si trova sotto la corteccia del frutto 
una polpa, che contiene le semenze : il sapore n' è 
dolce che dà in agretto. Allorché la raccolta è fatta, 
si toglie la corteccia dai frutti, si mettono le semenze 
in un tino colla polpa che li ricopre, e si lascia il 
tutto in fermentazione: questa non tarda ad operarsi. 
Si estraggono allora le semenze, che si pongono a di- 
seccare: è questo il cacao di commercio. Il liquore 
spiritoso quasi avvinato, che resta in fondo del tino, 
è grato a bersi, e se ne può con distillazione trar- 
re del rhum. 

Il cacao, preparato come si è detto, perde la pre- 
rogativa di riprodurre il suo germe. Per fare delle 
seminazioni di cacao, le semenze debbono esser tratte 
immediatamente dal frutto, e piantate nel medesimo 
istante. Il cacao ama molta ombra ed un terreno 
umido. Si ha l'avvertenza nell'America meridionale 
di fare tali piantagioni ne' terreni in cui abbonda 
l'albero di corallo: gli spngnuoli dell'America sogliono 
dire che quest' albero è la madre del cacao. E pro- 
babile che un altra ombra proteggerebbe egualmente 
l'infanzia del cacao; ma non può revocarsi in dubbio, 
che questi due alberi amano il medesimo suolo, e 
prosperano col medesimo grado di umidità: ciò che 
ad uno di essi conviene, assicura anche il prospera- 
mento dell'altro. Non si conoscono ancora che due 
specie di cacao, il creolo, ed il forastiero. La prima 
specie è d'un sapore più gradevole,- ma meno pro- 
duttiva. Non si è ancora provato su quest' albero 
l'effetto dell'innesto . Se agronomi eruditi volessero 
consagrargli le loro cure, non tarderebbero a vedere 
i risultati delle loro ricerche, poiché la vegetazione 
del cacao è prontissima. Una semenza posta nel ter- 
reno comincia a dar frutto in capo a ti'c, quattro, o 
al piìi cinque anni. 



SCIARADA 

Mal si passa il mio primiero,\ 
Quando il core del secondo 
E più duro dell'intero. 

Sciarada prbckdentb = Pane-ijo, 



TIPOGRAFIA DELLE BELLE ARTI, VIA I?J ARCIOiNE i\. 100. C0?[ APPROVAZIONE. 



17 



ANNO 




DISTRIBUZIONE 



Si PimRLICA OGNI SadATO 



lOMA 



28 Marzo 1835. 




GUE1»ARD0 (felis jubata) 



Quest' animale trovasi in tutte le contrade calde 
dell'Asia e dell'AflVica. Egli è il piii snello ed il piii 
furbo di tutti i cacciatori del suo genere. Sebbene 
la pantera ed il leopardo lo superino in grandezza 
ed in forza, esso pero è il piii temuto dai coloni, di 
cui assale gli armenti, malgrado della vigilanza de'cu- 
itodi. Salta facilmente le barriere; si arrampica su- 
gli alberi; si slancia a nìolta distanza t si sottrae al 
più rapido ed abile cavaliere; non può arrivarsi che 
a co]j)i di fucile o co' dardi. Le sue qualità tisidie, 
la bellciza della sua Ibrma e del suo maulu non so- 



no disgiunte da una tal quale intelligenza ed una 
docilità die l'uomo sa mettere a proHlto. In Asia si 
addestra il guepardo alla caccia delle gazzelle, il cui 
corso leggiero non può salvarle da si teuribile nemi- 
co. Gli all'ricani non hanno perauche tratto partilo 
da questo animale per la caccia, e non lo conoscoa» 
che per le sue depredazioni, facendogli perciò una 
guerra accanita. Quest' animale però non è mai l'ag- 
gressore, tranne qualche caso particolare, allorcl^ 
incoulra individui deboli ed is'il.iti, qualche fanciullo, 
una donna; mai pero un uomo. Non gli si pu« 



I 



u 



peraltro rimproverare di essei- mancanti; ili coraggio, 
poiché si difende ostinatamente e si \endica talvolta, 
come lo sperimentarono dne coloni del capo di 
Buona Speranza, die ritormrdo dalla caccia dei òii- 
boli (specie di gazzelle j incontrarono un giiepanlo e 
presero ad inseguirlo. L'asprezza de' luoghi impediva 
all'animale la fuga, ed una palla lo colpi: si rivolse 
all'istante contro il cacciatore che Io avea ferito, e 
lanciandosi contro questo nemico lo lece cadin'c di 
sella: allora una pugna a corpo a corpo s'impegno 
tra esso ed il cacciatore. L'altro si affrettò di scen- 
dere da cavallo per soccorrere il suo compagno a 
rjscliio di ferirlo, mentre divisava libei'arlo dall'ani- 
male : il suo colpo fallì. Lo strepito della scarica 
fece cambiare aspetto al combattimento. 11 guepardo 
abbandonò il primo suo avversario, che avea già atter- 
rato, per iscagliarsi con raddoppiato furore contro il 
nuovo assalitore che non ebbe tempo di trarre il 
suo coltello da caccia; l'aiiimale avealo afferrato per 
la testa, e senza lasciar presa lo fece seco rotolare 
(ino al fondo d'un burrone. Inutilmente l'nojno di- 
anzi liJìcrato, ma già orribilmente mutilato, si trasse 
fino al fbudo del nuovo campo di battaglia: le ferite 
del suo compagno erano mortali, e non ebbe che la 
tristi; soddisfazione di strappari; un resto di vita all' 
animale spossato dalla perdita del proprio sangue. 

Si è confuso il guepardo col leopardo propria- 
mente detto, e questo con la pantera. I coloni euro- 
pei spingono anche più oltre questa confusione, ed 
lianno chiamato col nome di tigri tutti gli animali 
carnivori a manto ma(;ulato. 

Il giiepai'do dilìerisce dal leopardo per uua sta- 
tura più piccola, per le macchie de! suo manto più 
nere', più numerose e più tondeggianti, per le sue 
rampe un poco più alte in proporzione della sua 
grandezza, per una elasticità e leggerezza maggiore 
(he gli permettono di rampicarsi sugli alberi, ciò 
(he non può fare il guepardo. Si vede che il gue- 
pardo è molto ben provvisto di tutte le qualità che 
([ualificauo un buon cacciatore : quindi la specie di 
quest' animale è molto più abbondante di quella del 
leopardo, della pantera e perfino della tigre e del 
leone : esso ha piii risorse per sottrarsi ai pericoli 
che lo minae(;iano, e per provvedere alla propria 
sussistenza colle prede chi; scio sdegnate dalle bel- 
ve maggioii. 



EFFETTI sr[lA.i)!\DlN'\.ilII DELL.A.RIA (JORUOTTA 
N'SGI.I APPARTA >i.:XTl. 

\jn arcbitello di Vienna si recò per affari nella 
villa di un barone, e gli venne destinata una delle 
pio belle camere del castello. Appena si fu egli col- 
calo in letto, gli sembrò sentirsi stillevan; dal suo 
lello, e trasportu-e (jua e la per la eameia : ora gli 
parca trovarsi sopi'a ed ora sotto il Is'ito; ora parea- 
gli di star presso una penta, ora presso oiia finestra; 
ora il) mezzo di uno smisurato cammino. iVon era 
però chiaro abbastanza, perchè egli potesse discer- 
iiere tutti gli oggetti ; ma non pareagli eh' esser 
fiotesse un' illusione. La mattina susseguente si pre- 
sentò alla colazione pallido e sfinito, come avviene 
dopo una nottata insonne; ma p'r una naturale de- 
licatezza non rispose che evasiv nncote alle dimande 
de' suoi ospiti La seconda ikìUo ebbe le slesse ap- 
parizioni, ed il giorno sussegu,;nte e imparve anche 
più sparuto, senza però darne alcuna spiegazione. 

La terza notte fu come le precedenti, ed il suo 
aspetto cominciò a dare inquietezza a quelli della 
famiglia. Il barone trasse iu disparte l'architetto, e 
lo pressò a dirgli francamente, se avea pi-ovato 
qualche cosa di dispiacevole nella sua camera da let- 
to. Allora rarchitetto raccontò tutto, ed il barane gli 
confessò, che da molto tempo quella camera era in 
avversione a tutta In famiglia, che uiuno volea abi- 
tarvi, e che perfino ninno de' domestici ardiva entrar- 
vi solo. 

Dopo questa spiegazione l'architetto dimandò il 
permesso di esaminare il locale. Egli trovò che il 
caiiDiiino murato in alto non lasciava entrar l'aria ; 
le finestre d'altronde restavano sempre chiuse, e le 
porte non erano ffunsi mai aperte; riconobbe egual- 
mente che quella camera, situata in un braccio del 
fabbricato, era sormontata da un tetto, in cui non 
scoi-gevasi alcuna apertura. Concluse quindi che il 
gaz mefitico rinchiuso nella soffi ila dovea in parte 
penetrare nella sala a traverso de' vecchi tavolati : 
ivi quell'aria corrotta e che non potea rinnovarsi 
influiva talmente sul cervello, da poter eccitare un 
delirio momentaneo che presentava all'immaginazio- 
ne (juelle notturne visioni. 

Lo stesso architetto fece un rapporto delle sue 
osservazioni, e si occupò di rimediare al male. Le 
porte e U finestre furono aperte, una corrente d'aria 



19 



fu introdotta nel caiuuiiuo, ed un' apertura venne 
pure praticata nel tetto. L'aria che sortì da questa 
apertura era di una qualità talmente metitica, che 
uno degli operaj si sentì male, e sarebbe caduto se 
non veniva soccorso dal suo compagno. ÌSella notte 
seguente l'architetto volle dormire nella stessa ca- 
mera, e siccome non avea riposato per tre notti dor- 
mi benissimo, e non si senti mai piii parlare di ap- 
parizioni. L na scena ijuasi simile è descritta mAV^n- 
tiqiiario di WaUer-Scott toni. 1, cap. A. 



IL CURATO ED IL CAVALLO. 

La seguente avventura è accaduta in Francia nel 
dipartimento della Gironda. Tre persone si presen- 
tano ad un vecchio e buon curato, e sapendo che 
nella giornata avea riscossa una somma di uOO fran- 
chi, gì' intimano di darla loro immediatamente. II 
rispettabile pastore vuol fare delle rimostranze ; ma 
spaventato dal. e minacce di quei tre ladri, suona il 
campanello per farsi portare il denaro. La fantesca, 
unica persona di servizio eh' era in casa, si trovava 
assente; ma il nipote del curato, che inoltre era suo 
vicario, viene, e vedendo quei tre personaggi discor- 
rere pacificamente con suo zio, crede che sieno ve- 
nuti per all'ari del suo ministero. 

« JNipote, gii disse il curato, da a questi signori 
i 600 franchi stati pagati questa mattina. 

« Ma zio, avete forse comprato il 

No, interruppe vivamente il curato. Il vicario 
comprese all'istante; e cercando la chiave dello scri- 
gno, disse sotto voce a suo zio: '«lo mi sento forza 
abbastanza per isliarazzarvi da questi tre bricconi. » 
Nò, rispose il curati) con una rassegnazione angelica, 
se li portino pur via, e Dio sia lodato ! » Il nipote, 
sebbene a mal in cuore, diede il sacco. 

I nostri tre ladri fanno molti saluti e se ne van- 
no; ma siccome nini si aveva avuto cura di accom- 
pagnarli tino alla porla di strada, per vendicarsi di 
questa mancanza di pulitezza, trovarono cosa natu- 
ralissima quella di condursi via il cavallo del curato. 
Uopo alcune ore di cammino, si fermano ad un'oste- 
ria per bere alla buona riuscita dell'aliare: e sicco- 
me avevano premura di allontanarsi da (juei luoghi, 
legano il cavallo che portava il loro tesoro luori 



della porta. 1 ladri se ne stavano allegri a tavola 
senza pensare che il tempo passava ; ma il cavallo 
si annoiava a star di fuori, e vedendo che il battere 
i piedi ed il nitrire erano inutili, dà una scossa, 
strappa la briglia, e di galoppo corre al presbitero, 
ove arriva dopo una corsa lunga e faticosa. Tutti 
dormivano eccettuato il vicario, al quale nella sua 
duplice qualità di nipote dispiaceva assai la perdita 
del peculio dello zio. Egli ode nitrire alla porta della 
scuderia; si alza a sedere sul letto, ascolta, e rico- 
nosce alla fine la voce amica di cocò. Sveglia lo zio 

o 

e la serva, scende, e vede il fedele animale con una 
cattiva valigia sul dosso, nella quale si trovano i GOO 
franchi del buon curato. 

Il fatto, sebben possa sembrare inverisimile, è 
verissimo, essendosene avuti i particolari da fonte 
sicura. Dicesi perfino esservi testimoni pronti a con- 
fermarlo; ed in tal caso bisogna congratularsi di una 
riuscita così conforme agi' interessi della morale. 



STORIA NATURALE 



PERNICE PERLATA DELLA CINA. 

Questa pernice, la quale non è nota che per L 
descrizione di Brisson, sembra propria dell'estremità 
orientale dell'antico continente. E un poco piìi gros- 
sa della nostra pernice rossa; ha la forma, il porta- 
mento della coda, la brevità delle ali, e tutta la fi- 
gura della pernice. Ha della nostra rossa ordinaria, 
la gola bianca, e di quella d'Affrica, gli speroni piii 
lunghi e piii aguzzi; ma non ha com' essa il becco 
ed i piedi rossi; questi sono rosso-scuri, ed il becco 
è nericcio egualmente che le ungliie. 

Il fondo della sua piuma è di colore seuro lu- 
nato sul petto e su i lati d'una ([uantila di piccole 
macchie rotonde di colore più chiaro; dal che ap- 
punto Buffon ha preso occasione di nominarla ptr- 
iiice periata. Oltre ciò, ella ha quattro fasce 
notabili che [)riitono dalla base del becco, e si pro- 
lungano sui lati della testa . Queste fasce sono 
alternativamente di colore chiaro ed imbrunito. 



w 




STATUA COLOSSALE 
DB S. CARLO BOEÌROMEO 

Una delle maraviglie che richiama l'attenzione 
de' viaggiatori nel giungere in Italia dalia parte delia 
Svizzera è il Lago Maggiore in Lombardia a (jiiindici 
leghe da Milano. Questo lago è celebre per le isole 
Borromee che sono in numero di quattro: due delle 
quali renddusi special niente rimarchevoli per l'ardi- 
tezza della loro loruiazione, ])er la grandezza e bel- 
lezza de' loro ornamenti, e diconsi l'isola madre, e 
Visola bella. Furono esse formate in mezzo al lago 
nel XVII secolo dal conte Mtaliano Borromeo. La 
maggiore di esse, l'/vo/w bella, è una costruzione pi- 
ramidale e rettangolare coniposta di dieci piani di 
terrazzi, e leriniualu in uu piano, iul quale s'innalza 



la statua equestre del fondatore di tali maraviglie. 
Multe piante di agrumi circondano i diversi terrazzi, 
le cui rintiliierc sono ornale di molle statue, d'obe- 
lischi, di vasi, e di iigaie bizzarre. 

Ma di tutti i membri della famiglia de' Borromci, 
la cui ricordanza si estende per tutta (jiiella contrada, 
il più illustre ed insigne è s. Cario Borromeo, uno 
de' pili grandi personaggi di cui si (mori l'Italia. 
Nacque egli li 2 ottobre 1 33Ó, nel castello d'Arona 
piccola città sul lago maggiore. Creato canliuale ed 
arcivescovo di Milano nell'età di 21 anni, rinunciò 
da tal momento a tutti i piaceri ed a tutti gli agi che 
alla sua età, al suo rango ed alia sua splendida for- 
tuna poteano convenire, e tutto dedicossi alia rigo- 
rosa osservanza de' gravi doveri del suo sacro mi- 
nistero. Si occupò specialmente delia riforma delia 
disciplina ecclesiastica, che le civili guerre del medio 
evo aveauo linn poco alterala. Trovò i più gravi 
ostacoli a superare, e spiego in questa ritorina una 
virtù ed energia costantissima. Ailorciiè la peste de- 
solò Milano, fu visto il santo arcivescovo esporsi ai 
più grandi pericoli nell'assistere e soccorrere gì' in- 
fermi, e la sua morte, avvenuta nel 1 584 in età di 
soli 46 anni, fu aifrettata forse dalla severità de' do- 
veri eh' egli s'imponea. 

Cento trenta anni dopo la morte di s. Carlo Bop- 
romeo una statua fu innalzata dal Ceraiii a spese 
del popolo milanese nei luogo stesso delia sua na- 
scita presso Arona. Essa è di bronzo, ed iia 66 pie- 
di di altezza: il piedistallo è di granito e ne ha 46: 
onde tutta l'altezza dei monumento è di 112 piedi. 
La testa, i piedi e le mani sono fusi, il resto è la- 
vorato sull'incudine. S. Carlo sta in atto di dare la 
benediiione. L' espressione delia iisonomia è dolce 
e patetica; l'atteggiamento semplice e bello,- le pro- 
porzioni sono cosi giuste, ciie non si ravvisano le 
dimensioni colossali della figura che faceudone il 
confronto con altri oggetti. 

L'interno contiene un massiccio di mattonato che 
va fino al colio, e che regge l'inviluppo esterno per 
mezzo di rainponi.-ed armature di ferro. Per giun- 
gere fino a quella specie di ripiano formato dalia 
interna costruzione, si ascende per una scala fino ad 
una delle pieghe delia toga del sauto. Sembra quasi 
di stare in una cappa di cammino, eh' è illuminata in 
alto da una finestra, che trovasi dietro la testa del sauto. 



21 




PORTA I>I S. DIO:S!G! 



E certamente eccessiva, per non dir altro, la pre- 
tensione elle si ha in Parigi sul pregio dell'architet- 
tura di questa porta, che fatta ad arco trionfale, ei 
pretende nientemeno che vinca in bellezza (jualunque 
arco trionfale de' romani. INJa non può negarsi però 
che la porta stessa perla sua larghezza, per la sua Leila 
elevazione e pei ben intesi ornamenti, con un maschio 
cornicione non sia un maestoso monumento. Il dis»- 
guo di (piesta porta è di Francesco Blondel celebre 
architetto e matematico francese che Cori nel XVII 
succio. Era il Blondel non solo architetto, ma lette- 
rato di vaglia: onde fu egli stesso autore delle Ijelh; 
isci'izioni latine esistenti, taiito in questa rpianto 
Dell'altra poita di s. Antonio. L'arco trionlide di 
s. Dionigi ha ima latitudine di 7 1 piedi parigini, 7à 
di altezza e I 3 di prolondita. Il vano dell'arco ha 
24 piedi e 2 pollici, sull'altezza di 16 piedi e 2 pol- 
lici. In occasione della conquista fatta da Luigi XIV 
dell'Olanda nel 1672 fu eretto ipiest'arco magnilico, 
ed a tale avveuiniento sono allusivi i bassirilievi che 



veggonsi nel medesimo. Gli obelischi incastrati nel 
muio sono mollo criticati, ed atlribuisconsi a gusto 
toii'otto. Le meschine case, da cui è circondato, me- 
riterebbero di essei- deuiolite, deturpando (jueste in 
certo modo il monumento che fa quindi più elfetto 
in disegno che sulla faccia del luogo. L'arco è de- 
dicato a Lodovico XIV, ciré fu detto il grande non 
meno per le sue imprese che per le sue leggi, e jier la 
protezione speciale che accordo alle arti ed alle scien- 
ze. Ad onore d'Italia nostra rammenteremo qui le 
premure ed islauze di questo celebre monarca, per 
ottenere alcuni somuii italiani, che fiorivano in quel 
secolo, e nomiualarneiite il grande astronomo Doms- 
fiiro Cassini, e l'architetto valentissimo eav. Bernini 
che aveagli già fatto i disegni pel palazzo del Louvre, 
ed a cui Lodovico XI \' mandò in dono il suo l'i- 
tratto ricco di geinuie. E degna di esser qui ripor- 
tata una lettera che scrisse il sovrano stesso al lo- 
dato architetto, allorcliè l'invitò a recarsi in Fran- 
cia: «Signor cav. Bernini. = lo fo una slima sì par- 



G^GP 



» ticolaie dui vostro merito, che ho gran desi(h;rio 
» di vedere e couoscere più da vicino uq persoiiag- 
» gio cosi illustre, purché il mio peusiure sia coiii- 
» patibile col servizio del nostro s. Padre, e colla 
» vostra comodità. Ciò mi muove a spedire questo 
» corriere straordinario a Roma per invitarvi a dar- 
» mi la soddisfazione d'intraprendere il viaggio di 
» Fi'ancia, nell'oceasioue favorevole del ritonio del 
» mio cugino il duca di Crecfiù mio ambasciatore 
» straordinario, il quale vi spiegherà piii miuuta- 
» mente l'urgente causa che mi ia desiderare di ve- 
» dervi e discorrer con voi sopra i bei disegui che 
» mi avete mandati per la fabbrica del Louvre. E 
» nei rimanente rimettendomi a quanto detto mio 
» cusjiuo vi farà inteudere delle mìe buone iuten- 

o 

» zioni, prego Iddio che vi abbia, sig. cavaliere Ber- 
» nini, in sua santa custodia ". 

« Di Lione 1 1 aprile 1 664. Luigi. » 

Il Bernini di 68 anni s'indusse al via^aio, che 

OD ' 

fu un continuo trionfo; e noi ne parleremo nella 
Liograda da darsi di questo insigne italiano, ^aggiun- 
geremo qui soltanto, che le distinzioni usategli dal 
re, dalla regina e da tutta la corte furono senza fine. 
Per otto mesi eh' egli si trattenne in Francia ebbe 
cinque luigi d'oro il giorno, ed un dono in fine di 
cinquanta mila scudi, oltre una pensione di 2 mila 
scudi per se, e di 500 scudi per suo figlio, che avea 
condotto seco. Esegui il Bernini per gratitudine a 
tante largizioni una statua equestre di Luigi XIV, 
che sorge a Versailles. 



KOTIZIE SOPRA HAHXE.TIANJf, FONDATORE 
DELLA .>1ED1C1NA DETTA IIOMOEOPATHICA. 

llahnemann nacque a Meissen, piccola città di 
Sassonia nel 1';j. 1^'ece il suo primo corso di me- 
dicina nell'università di Lipsia, dove giunse con di- 
scretissimi mezzi di sussistenza, eh' egli però seppe 
ben presto decrescere con varie traduzioni che fece 
in tedesco di molte opere mediche inglesi. Dopo aver 
jiroseguito i suoi sludi in \ ienna ed in llerm.Tnstadt, 
dove comincio ad attirarsi una certa considerazione, 
recossi per ottenere la laurea dottorale all'università 
di Erlangen, e venne a stabilirsi in Lipsia nel 1789. 



Scoraggiato ben presto dalle imperfezioni ch'egli 
pensò riconoscere nella medicina ordinaria, rinunciò 
nll'esereizio della sua professione, limitandosi a pub- 
blicare un gran numero di traduzioni di autori in- 
glesi, francesi ed italiani, come pure molti articoli 
di medicina e di chimica ne' giornali scientifici della 
Germania. 

]Nel 1799 Hahnemann iraduceva la materia me- 
dica di Culleu. ]\on contento del modo col quale 
quest' autore trattava della forza febbrifuga della chi- 
na, divisò di sparger luce sulla quistione, facendone 
sperimento su di se medesiaio. Questa prova fu il 
primo passo verso la dottrina huinoeupulhica, che 
egli stabili di poi. Vuoisi qui notare la forza della 
parola humoeopalhica composta di due voci greche, 
omoios e pathos, che significano iimile patimento. 
Egli osservo che la china produce sulFindividuo sano 
una febbre intermilteute, identifica a quella che la 
china stessa fa cessare, allorché si amministra ad un 
individuo preso dalla febbre medesima. Egli ebbe 
questa idea,- che la dose della china guarisce il mar- 
lato, facendo nascere in lui una malattia artificiale più 
forte della malattia naturale, e perciò distruggente 
quest' ultima. 

Per essere in istato di concludere, che si possono 
guarire le malattie, opponendo alle medesime de' me- 
dicamenti, che amministrati all'uomo sano danno 
luogo a malattie simili; ossia per poter proclamare 
l'alto principio, siinilia siniilibus curaiitur, avea 
duopo riiahnemann di un gran numero d'esperienze 
lunghe e faticose: vi si dedicò con quello zelo, che 
anima ogni uomo nella indagine di una importante 
scoperta. Avea egli giù osservato in alcune malattie 
popolari delle pratiche oinoeopathiche covonale spesto 
di felice successo. Così avea egli veduto, che si ri- 
chiamava la vita nelle membra gelate coU'appliea- 
zione della neve; che s'impiegava il fuoco, o gli al- 
coolici contro la scottatura; che combatteasi il sudore 
co' sudoriferi, e gli spasimi e le convulsioni con de' 
narcotici capaci di produrre effetti simili ecc. Questi 
rimedi concordavano con quello della china; ma non 
potevano bastare all'ilabnemann per condurlo ad una 
conclusione razionale : celi risolse di osservare altri 
mezzi di cura di concerto con alcuni amici disposti 
a coopei'are ai suoi studi. 

Nulla risparmiò, dicono i medici omoeopatici, 
per giugnere ai suoi lini; privazioni di ogni genere, 






]('"inie ^c\L-vu (iuiantc i suoi sag^i, j):iliiiii'iili i^im'- 
iialicii, e spesso penosissimi caj^ioiiati dairiiigeslioiie 
ripetuta di piccole dose de' veleui più atti\i: si sot- 
topose a tutto per amii interi, onde; giugnere alla 
coonizione di (niella legge che cercava con tanto 
ardore. 

Seiiihra clic una infinità di esperienze eoiil'ermas- 
sero Halnieniann nella legge che avea ideala, e gli 
laei.'ssero (juindi adottale la medesima costantemente, 
luuuuciaudo allora a ricercare per ciascuna maiallia 
la causa essenziale e nascosta, si iimitò egli all'osser- 
vazione de" sintomi seiisihili per comhatlcrli coH'azio 
ne di so3lau/.e, che producevauo sintomi ^analogi sugli 
individui sani. 

La pratica medica, alla quale Ilahnemann era tor- 
nato dopo la proclamazione del suo principio: simi- 
/ì'a siimi ibiix curanlur: gli lece apportare grandi 
modificazioni nell'arte di piescrivere la dose de'nic- 
dicamcnli. i medici che non hanno fede nell'oiiioeo- 
palhica, e fin qui costituiscono la grande maggio- 
ranza, hanno gridato principalmente sulle scarse dosi 
de' rimedi amministrati ai malati. Com' è egli possi- 
bile, dicono essi, che gli agenti anche i più energici, 
il mercurio, l'arsenico, la morfina ecc. ecc. ammini- 
strati nella dose d'un millionesimo, d'un diecillonc- 
simo di grano in poso possano avere alcun elietto 
salutare o pernicioso sulla nostra organizzazione? Ali' 
opposto i medici omoeopatici dimandano, qual' è la 
quantità ponderabile di muschio che viene a recare 
allezione ai nervi d'una persona soggetta a tal' im- 
pressione, e melteila in sincope? Qual' è la quantità 
ponderabile del miasma dell'etere che colpisce di 
morte un ani naie sottoposto alla sua azione? 

Del resto allorché Hahneinann ricomincio ad eser- 
citare la medicina, secondo la sua nuova teoria, im- 
piegò dille dosi molto piìi forti del miUioiu^simo di 
grano. Ma, dicono gii omoeopatici, non tardo ilaliiu- 
mann a tare questa singolare osservazione; che l'atto 
di tritare le sostanze, o di agitare i liquidi ch'esso 
mesceva, sviluppava nel piii alto grado l'energia delle 
loro facoltà omocopatiche. 

Fu in Georgenthal in un ospizio d'infermi di 
spirito, fondato dal duca Ernesto di Gotha, che Hall 
nemann opiTÒ cure che cominciarono a stabilire la 
riputazione, di cui gode in Europa. Guari il celebre 
letterato Klockcnburg, a cui un epigramma di Kotz- 
Lue avea fatto smarrire la ragione. Esercito quindi 



l'arte medica in lìrunswlck nel 179 1, ed in Koein- 
s.;lutter. Fu in questa città die si mossero contro di 
lui le opposi/.ioiii, i-ir (^hbc a coinliittcre p.T lu ik o 
tempo. Si ritiro poscia in Amliui'go; quindi in Eilen- 
burgo ed a Torgau, dove continui) le sue indighii. 

.intuito una epidemia di scarlalliiia, che desolò 
la (lermaiiia nel I SOO, pose Ilahnemann in grado di 
fare del suo princi|)io, siinlia siinilibas curaiiliir, 
un' applicazione, il cui lisiillamento è stato ricono- 
sciuto iaiportaiitissimo da tutti i ni dici. F>gli trovò 
che la /«'//a^/o///irt produce siiiriiidi\ iduo sano i prin- 
cipali sintomi che caratterizzano la scarlailini. D'al- 
lora egli concej.i l'idea di far servire la bc.llndoimn 
a preservare i bambini dal contagio, come si fa uso 
dell'innesto vaccino per fugare il vaiolo. Egli ammi- 
nistrò ad un gi-an numero di fanciulli dosi deholis- 
sime di belladonna f un dìecillonesimo di grano ogni 
sei o sette giorni \ per preservarli dalla scarlattina. 
L'esperienza, secondo i suoi seguaci, conlcrmo pie- 
namente le sue congetture. Piii tardi, r.cl ! Jl, 
all'epoca del cliolera, egli fece prendere delle dosi 
si Olili di rnme per preservare da questo terribile Ila- 
geilo le persone che a lui ricorsero. 

liahnemaun ha pubblicato molti volumi. Fu nel 
1310 che comparve la sua opcn-a: O'-ganon deirarlc 
ili qiinrir:', in cui la dottrina omoeopathica, trovasi 
sviluppala nel maggior dettaglio. Dall' anno 181:0 
questo medico illustre risi 'd.'va in Coethen, ove fu 
chiiuiato ed accolto con distinzione dal duca regnante 
d' \nhaU-Coetlien. 

Per dare ai nostri lettori un' idea de* r;:n"dl im- 
piegati secondo questo sistemi omoeopathico, noi ("i- 
teremo quelli che i seguaci di tale sistema oppoii - 
gono ad alcune malattie, ritenuto sempre che le dosi 
che si prendono non sono che infinitesimali, e che 
un medicamento prodiicendo piìi sintomi può esser 
applicato contro piii malattie. 

« La hfUadoìinn produce sul corpo sano i prin- 
cipali sintomi della scarlattina: la guarisce pure be- 
nissimo. 

« Il rame, che fi provare i primi dolori del cho- 
lera, agisce, per quaulo dicesi, contro il medesimo. 
Sembra che prendiiido ogni 5 o 6 giorni delle dosi 
prepivate di tal medicamento, siasi ott(;nuto un fe- 
lice risultato. 

« Lo zolfo, che produce alcune malattie rijt.inee, 



24- 



« L'oro, che dispone alla melanconia, rislabili.sce 
il morale che n è affetto. 

« La pulsatilla, che da una specie di reuma di 
cervello, lo guarisce guasi sempre. 

« La cajMjiiiitia provoca l'irascibilità, e guarisce 
le nialallie cagionate da cliolera. 

« Molte schiuanzie si tolgono por mezzo della 
belladuiiia. il medesimo lacdicameulo può dar luogo 
ai sintomi della rabbia pi'csso l'uomo sano: per tal 
ragione combatte vitioriosamentc- l'idrofobia. 

a L'ar/iicn toglie i dolori delie contusioni, e to- 
glie anche i calli ai piedi. 

a Le malattie dei denti sono guarite da un'infinità 
di rinieili, secondo le sensazioni che prova il ma- 
lato, e cosi con la biyone, il dapìinc-niazereuniy la 
pulsatil/a, la ìiuce vomica ecc. 

a ìJaconilo produce efFetli straordinarii sulla cir- 
colazione. Questa sostanza distrugge la disposizione 
infiammatoria, e rimpiazza quasi sempre con vantag- 
gio le perdite di sangue. » 

Le discussioni tra i seguaci dell'Habnemann ed 
i suoi avvei-.sari, che da molto tempo erano ristrette 
alla sola 'jeniiania^ hanno già cominciato in i" rancia. 
Le traduzioni francesi della opere scritte suH'omoeo- 
pathica dal suo Ftiiidatore gli hanno procurato già 
px'sso i francesi zelami seguaci. Alcuni medici di 
Ginevra hanno consacrato alla stessa nuora dottrina 
uaia pubblicazione periodica, lu Parigi si è pure isti- 
tuito un giornale omoeopathico. 11 nuoTO modo di 
trattamento è già penetrato in molte città di Fran- 
cia: in Bordeaux tra le altre è ststo adottalo da uno 
de' medici di maggior rinomanza. Ila lro\ato anche 
de' pai'tigiani in liussia, in .Austria, ed in jNapuli. 
GioNa spelare che tali teiitali\i spargeranno, se non 
ftltro, (jualche luce sopra una ijuibtione delle più in- 
teressanti, essendo striltameute unita al ben essere 
umano. 

Quanto a noi, non abbiamo altro scopo che di 
mettere i nostri h ttori in istato di tenej- dietro con 
cognizione di causa ai dibattimenti, che possono aver 
luogo su tale argomento. 



MlxNERALOGIA. 



Fra i metalli scoperti dal celebre Daity nell'an- 
no 1807, annoverasi il Potassio. Questo uinerale 
alla teinperatora ordinaria è solido, lucente nel mas- 
simo grado, e simile al falso argento, quando sia 
veduto attraverso l'olio di nafta, ove lo si ripone 
dopo fuso ; ma trattone fuori, e posto al contatto 
dell'aria, si appanna all'istante, e prende l'aspetto 
del piombo, che sia stato per lungo tempo esposto 
all'aria. Diviso, porge frattura liscia assai lucida ; 
spezzato, ha, l'interno foiniato di riuliinenli di cri- 
stalli si poco evidenti, da non potersene determinare 
la figura. Duttile quanto la cera, è più molle di essa; 
malleabile fra le dita; di peso specifico alquanto mi- 
nore dell'aria; è uno de' più volatili, perciiè scaldato 
entro il gas azoto sopra la vasca a mercurio si con- 
\ erte prestamente in vapori verdi, qualora si avvicini 
ià\ calore cocente : posto a contatto dell'aria atmosfe- 
rica alia temperatura ordinaria, priina si appanna, 
presto assume colore azzurro, si fonde, s' inhamma 
assorbendo l'ossigeno: entro il gas ossigeno pure ar- 
de con vivacità. Lo si ottiene, trattando l'idrato di 
potassa con la pila voltaica, o col ferro. Si combina 
con tutti i corpi semplici, non metallici , eooetto 
l'azoto, il borio, ed il carborio. 



LOGOGRIFO 

Senza testa io sono un fiume, 
Cui gli estinti han da toccar; 
Senza iwiitrf; io sono un nume, 
Che amo solo litigar; 
Senza piede è mio costume 
Su per l'etra il volo alzar; 
Emaìis udì Vintiero 
Parlar dolce e lusini^hiero. 



Sci*nADt PRECEDRNTE = Di- 



airuiiUe. 



T l'OURAFIA DELLE BLLLK ARTI, VIA 1 .'^ AUCIO.^E I\. 100, CO.'t APPUOVAZfO.lE, 



25 



ANNO 



^y 



© 



L'ALBUM 



V 



DISTRIBUZIONE 

® 4. 



Si pubblica ogm Sabato 



ROMA 



4 Aprile 1835. 




ATRIO COPERTO DI UI\A CASA DEL CAIRO 



Nello città arabe si ha lo stile di riservare tutto 
il lusso dell'architettura e delle decorazioni per l'in- 
terno degli edificii. Questo costume sembra aver avu- 
to origine, parte dal timore delle esazioni ed avanie, 
che i funzionari incaricati di:lla percezione delle im- 
poste sarebbero stati allettali a commettere, scorgen- 
do un' apparenza esterioi-e di ricchezza ; parte dalla 
vita ritirala delle donne, i cui costumi sono total- 
mente interni. Le strade sono strette e non oflVono 
all'occhio che un aspetto triste ed oscuro; non vej^- 



gonsi die muri esterni disadorni con finestre munite 
d'inferriate. Al contrario se si enti-a nelle case, tr»- 
vansi spaziosi atrii, ornati di fontane e palme, cip- 
condati di piccole colonne, di sale basse, e di gal- 
lerie ombrose per piTnder fresco. Le pareti sono 
ornate di rosoni ed arabe.s(lii, h: finestre be-n dispo- 
ste ed ornate, e l'insieme presenta un piatcvole 
aspetto, i-avvisandovisi tuttavia, sebbene rarchitetuira 
delle case sia andata in decadenza nelT Egitto, hq 
avanzo dell'antico fasto orientale. 1 bej m.iuielus- 



2S 



chi Simo pur molto tempo rimasti attaccatissimi all' 
uso di costruire vaste abitazioni decorate per lo 
più d'un bel portico inuu-no, che compensasse la 
monotouia esterna. Non saprebbe concepirsi come 
siasi conservata nelle immense gallerie di questi 
edilizi l'uso incomodo di sedere a gambe incrociate; 
liso comune per lutto l'oriente, e che si è voluto 
spiegare come un seguito della vita campestre e 
nomada . 11 mobilio attuale di una casa turca si 
compone anche di ampi divani a piìi ripiani, che 
ornano i tre lati delle gallerie. 11 divano superiore 
è situato in prominenza sporgente sulla strada, co- 
perto di eleganti stoffe nelle case de' l'icchi. Non si 
fa uso delle tavole che pe' pasti : queste tavole sono 
grandi lastre di rame stagnate o inargentate, poste 
sopra una base bassissima, d'avorio o di madre per- 
la. Alcuni arabeschi di pessimo gusto, prospettiTe 
a fresco anche più ridicole, ornano le pareti in- 
terne, dove non veggonsi né quadri, né parati che 
moltiplicherebbero gì' insetti, che vi si trovano già 
in quantità infinita. 

Il lusso de' giardini è del tutto incognito in 
Egitto. Si entra senza ostacolo negli atrii delle case 
dove si mantengono delle gazzelle, o degli struzzi. 
Un portiere, per lo più d'Abissinia, sta di guardia 
fumando o dormendo sopra una stuoia. 



CENRI SUL VIAGGIO .4LL0 SPITZBERG DELL ULTIMA 
SPEDIZIONE INGLESE. 

La Dorotea ed il Trento, bastimenti armati dal 
governo inglese onde scoprire una comunicazione fra 
il mar pacifico e l'oceano, l'vino sotto gli ordini del 
capiuno Davide Buchan e l'altro sotto quelli del luo- 
gotenente Giovanni Franklin per andare direttamente 
al polo, salparono npirai)rilc del 1S18, e verso la 
fine di maggio giunsero a scoprire lo Spitzberg. Essi 
fecero rotta per passare a ponente di qiiell'isola ; ma 
furono arrestati da un' immensa barriera di ghiacci, 
che prolungavasi da tutte le parti fin dove potea 
giugucr l'occhio, u che chiudeva tutte le baje. La 
Dorotea giunse non pertanto fino all' SO ° di latitu- 
dine; ma siccome un vento gagliardo l'avea separata 
dal Trento, cosi tornò indietro, onde raggiungerlo, 
e lo rivide effettivamente nel giorno seguente. Entra- 



rono allora nella baia della Maddalena 79° 33 di 
latitudine, e si diressero poscia verso ponente, costcg- 
giaud(j il ghiaccio, che presentava loro dapertutto una 
massa solida. 11 10 giugno incontrarono alcuni ba- 
stimenti che pescavano la balena, e ne seppero che 
non potevano lusingarsi di avanzare al nord dal 
lato di ponente: quindi ritornarono indietro sperando 
di potersi inoltrare al nord per la parte di levante ; 
poiché sembrava loro, che il mare fosse più sgombro 
da quella parte. Ma poco dopo si videro compiuta- 
mente rinchiusi fra enormi massi di ghiaccio. Rima- 
sero circa dodici giorni in q\iella situazione, non can- 
giando di posizione, se non quando la corrente li 
trascinava coi ghiacci : del che non si accorgevano 
che pel diverso aspetto che presentava loi'o lo Spitz- 
berg. Un colpo di vento aperse finalmente la bar- 
riera, eh' crasi formata intorno ad essi, e fece si che 
potessero uscire da quella pericolosa posizione. Se- 
guirono allora le estremità del ghiaccio in traccia di 
un' apertura per introdursi al nord, e non trovan- 
done entrarono il 26 ;;iu£no nel Fair-Haven, che è 
fra l'isole di Vogelfang e di Clove'n-Cliff sulla costa 
dello Spitzberg. 

Dopo essere ivi rimasti otto giorni all'ancora, ri- 
presero il largo e s'inoltrarono al nord per la parte 
di levante. Avendo scoperto qualche apertura par- 
ziale nel ghiaccio, ripassarono in mezzo, e giunsero 
all' 80° 32, dove trovarousi di bel nuovo chiusi fra 
i ghiacci, e restarono tre settimane in quello stato. 
Finalmente a forza di fatica riuscì loro di sciorsene 
il 29 luglio, li-asportandosi in altre acque meno in- 
gombre di ghiaccio. Eran già a nove o dieci miglia 
di distanza da quelle enormi masse, quando il 30 lu- 
glio una terribile procella gli rispiuse verso colà, 
dove infallibilmente dovevano infranj^ersi, se vi urta- 
vano contro. Non rimaneva che un partito da pren- 
dersi, ed era quello di spiegare tutte le vele, di cor- 
rere sui ghiacci minori, e di procurare d'aprirsi a 
forza un passaggio. La Dorotea diade l'esempio, ed 
il Trento le tenne dietro. Uno spaventevole scroscio 
fece tremare i più imperterriti fra quei navigatori. 
Le navi non avrebbero resistito, se non fossero state 
di una solidità unica. Finalmente per buona sorte si 
calmò il vento, la mattina susseguente fu bella, i 
ghiacci si separarono abbastanza per lasciare il passo 
alle due navi, le quali riuscirono a raggiungere la 
baia di Smeeremljeg, Cola passarono tutto il mese 



27 



di agosto a racconciarsi, si diparlirono dalla detta 
baia al cominciare di settembre, e giunsero sulle 
coste deirii)gliil terra il 10 ottobre. 

In tempo della loro dimora nella baia di Smeerm- 
beg fecersi molle osservazioni utilissime alla nautica, 
ai esaminò l'interno, e la costa dello Spitzberg e si 
attinsero eziandio molte cognizioni intorno alla storia 
naturale di quel paese. Il luogotenente Beccliy, che 
accompagnò la detta spediiione polare, ha lasciato 
ne' suoi disegni la veduta di una costa settentrionale 
dello Spitzberg, che mostrossi uu tempo nella gran- 
de rotonda di pauoi'ama di Eurico Aston-Barkei', 
piazza Leicester a Loudia. 



UN rilARMONICO DI NL'OVA STAMPA. 

Un giovinetto, che ha fatto studio in diverse 
scienze, ma con un ordine tutto proprio e strano 
perchè dotato d'uno stranissimo cervello, si pose in 
testa, non ha guari, di voler battere la carriera tea- 
trale, e s' argomentava di poter riuscire un buon 
tenore per essere dotato d'una gx'ossa ossatura e di 
validi polsi. Pieno il capo di quest' idea, studiò la 
musica sotto d'un maestro giudizioso, il quale lo 
aveva eonsigliato fin da principio a farsi fabbricare 
due nuove orecchie da mamma natui-a, e gli aveva 
poscia insegnato a modulare alcune scale, non per- 
chè sperasse di allevare un cantante, ma perchè il 
giovinetto pagava bene le lezioni, ed insisteva ad onta 
di qualunque ragione a voler pure calcare il tavolato 
d'un palco scenico. Dopo alcuni mesi di siflatto stu- 
dio, dà un addio al maestro, ed azzimatosi in ma- 
niera tutta sua, si porta da un onesto impresario, 
e gli accocca di primo slancio questo discorso : 
« Signore, io sono un tenore che non ha per anco 
incominciato, e vengo da voi per costituire la vostra 
fortuna... capite? Voi udite che bel capitale di voce 
posseggo: e questo è poco a fronte di tant'altre mie 
qualità. Sono medico, e professo una dottrina di mia 
invenzione : sono legale, ed ho un codice tutto mio. 
La fisica, la chimica, la storia naturale, le ho prac 
manibus come un computista vi ha l'abaco. .. sicu- 
ro ! La filosofia è il mio studio diletto, e la poesia 
è il mio campo riser\ ato, , ... capite? Da ciò com- 
preuderete quanto utile io sia per la vostra truppa 



filarmonica. Comincerò dal curarne la raucedine, e fi- 
nirò colla correzione dei libretti, fossero anche scritti 
da Poliziano, da Guarini, e dallo stesso Torquato;... 
sicuro. In poco parole, voi convenite a me, ed io 
convengo a voi; sicché scritturatemi e sono vostro. - 
Tutto va bene, rispose l'impresario che chiudeva al- 
lora la bocca spalancata per maraviglia, e finiva di 
sofl'regarsi lentamente la parte destra del naso coll'in- 
dice della mano; tutto va bene, replicò, ma non fo 
scrittura se prima non mi date saggio del vostro sa- 
pere musicale.- Non volete altro? disse l'enciclope- 
dico. \i servo subito. - E senza cercare uè note, né 
pian-fortc, urlando con una voce da orso, trinciava 
nn' ariaccia, e straziava le orecchie dell'impresario; 
quando questi, già stanco d'un cosi nuovo originale, 
l'interruppe con poche parole: - Signore, voi non fate 
per me perchè stonate.- Come! stono? E chi lo di- 
ce?- Io.- Voi?- Sì, io.- Ma ditemi, soggiunse il gio- 
vinetto, la sapete voi quest'aria che ho cantato?- Io 
no, disse l'impresario. - No? ebbene (proseguì con 
isdegnata gravità) se non la sapete, come potete co- 
noscere se io stono?» L'impresario a questa bestia- 
lità ruppe in uno scroscio di risa, e l'altro tutto ve- 
leno si morse le labbra, si calcò in testa il cappello, 
ed usci senz' essere persuaso di aver toccato il su- 

{Dal Eco). 



blime della ignoranza 

o 



NUOVO LUTO ATTO A COPRIRE LE GIOVANI BACCHETTE 
DI FRESCO INNESTATE. 

Un nuovo luto venne non ha guari proposto per 
coprire le giovani bacchette di fresco innestate. Esso 
si compone di eguale quantità di olio di balena e di 
ragia, e si prepara nel seguente modo. Si fa fondere 
la sostanza resinosa in un vaso di terra, la si versa 
nell'elio, e si mescola bene : quando sia fredda, «i 
applica con un pennello. Questa composizione è pra- 
ticata con felice successo nella Bretagna, avendo il 
vantaggio grandissimo di non mai fendersi, per cui 
né la pioggia, né il vento, né le ordinarie cagioni 
dei guasti degli innesti, non possono fessere loro di 
nocumento. Per altra parte poi ne è piìi pronta Tap- 
plicazione, di quello che sia l'intonacatura di terra 
grassa. 



^SBtMMMDtKam 



28 



_;«s»C^SVt^, . 




GOLDONI 

Il più celebre poeta comico dell'Italia nel XVIII 
secolo. Nacque Cablo Goldoni a Venezia nel 1707; 
suo padre vi era nato anch' egli, ma l'avo suo era 
di Modena. Questi andando a fermare stanza in Ve- 
nezia dopo fatti gli studi a Parma, vi portò un amo- 
re fervente pei piaceri, per le feste, per gli spettacoli, 
da cui il soggiorno di quella città non era atto a 
guarirlo. Ammogliato due volte, si manteneva in un 
modo che mostrava agiatezza, soprattutto in una casa 
di campagna che avea presa in affitto sei leghe di- 
stante da Venezia. Ivi faceva rappresentare comme- 
die ed opere; e la gente vi accorreva in folla da 
più miglia dei dintorni. In tale giocondo chiasso 
nacque suo nipote ; e questa cosa può avere contri- 
huito al genio eh' ebbe sempre per gli spettacoli. Fu 
osservalo che nascendo non aveva mandato niun gri- 
do; se ne ricavò, per la dolcezza del suo carattere, 
un buon augurio che non è stato smentito. La morte 
iiiaspeltata dell'avo di Carlo Goldom nel 1712, e di 
sua avola poco tempo dopo, ridusse ad un cattivo 
stalo la fortuna della famiglia. Suo padre si trovò 



in imbarazzi da cui non seppe trarsi: nemico delle 
liti, fece per distrarsene un viaggio a Roma, lascian- 
do al governo della casa sua moglie, che gli aveva 
dato di fresco un secondo figlio. Carlo apprese gli 
Illudi sotto un precettore datogli da sua madre, ed 
annunziava le più felici disposizioni. Ne' momenti 
d'ozio che gli rimanevano da' suoi studi, Goldoki 
leggeva sopra ogni altra cosa commedie, di cui la 
piccola biblioteca di suo padre conteneva un buon 
numero. Volle abbozzare anch' egli una specie di 
commedia di tal fatta, quando non aveva più che 
Otto anni. Rapito il padre dalle belle disposizioni del 
figlio, lo chiamò presso di se, e gli fece ricominciare 
tutti gli studi presso i gesuiti. Dell'età di tredici an- 
ni recitò per la prima volta in Roma la commedia, 
e gli fu addossata la parte di donna, nella soiellina 
di don Pilone ; commedia del Gigli. Terminato il 
corso delle umane lettere, studiò la filosofia in Rimini, 
città allora rinomata per tale genere di discipline. 
Una compagnia di commedianti recitava in Rimini; 
il giovane Goldohi si appassionò per quegli attori, 
per quanto mediocri fossero. La compagnia, composta 
quasi tutta di veneziani e di veneziane, partì alla 
volta di Venezia, e dovea soffermarsi quindici giorni 
a Chioggia. Sua madre vi si trovava in quel mo- 
mento; egli colse tale pretesto, partì bruscamente da 
Rimini, senza farne motto alle persone a cui ei-a 
affidato, s'imbarcò nel vascello che trasportava i 
commedianti, e sorprese stia madre, che gli perdonò 
tale temerità in grazia del pretesto, di cui si era 
valuto. Dopo molte vicende, e rimasto privo di suo 
padre, Goldoki risolse definitivamente di farsi avvo- 
calo. Andò a sostenere il suo esame, ed a prendei'e 
la laurea a Padova, e di là si trasferì a Venezia per 
esercitarvi il foro. Vi fu ricevuto nel 1732 nel cor- 
po degli avvocali, e presentato venne al palazzo con 
tutte le cerimonie d'uso. I clienti giungevano pochi; 
il giovane avvocato, quantunque studiasse il suo me- 
stiere, aveva bisogno di distrazioni: scrisse almanac- 
chi, uno dei quali fu intitolalo : Esperienza del 
passalo, astrologo dell' avvenire ; ma avendo biso- 
gno d'un prodotto che fosse più pronte» e più con- 
siderabile elle non era quello dei lavori comici, si 
mise a lavorare un melodramma, Y Amalasunta. Per 
un intrigo amoroso, prese il partito di lasciare \ e- 
nezia e di recarsi a Milano, avendo seco per unico 
tesoro \' Amalasunta. Compose ivi uu intermezzo 



29 



iu musica intitolalo il Gondoliere veneziano, clic 
piacque quanto mai potuvauo allora piacere tali lircvi 
composizioni. 

Gli avveuimciiti della guerra del 1733 interrup- 
pero i lavoi'i che Goldoni aveva incominciati, tra gli 
altri una tragedia di Belisario , e lo costi-insero a 
partire da Milano. Seguì varie compagnie, per le 
quali scrisse con indicibile ardore. Aveva sempre sua 
madre, la quale conservava per lui la stessa tene- 
rezza. Ella si rammaricava che avesse abbandonalo 
l'aringo del foro; ma egli la persuase alla 6ne, che 
quello del teatro non era né meno lucroso, né meno 
onorato. Wel 1736 au felice accidente gli fece co- 
noscere a Genova un onesto notaio, di cui sposò la 
figlia. Da quel momento in poi, e per tutto il corso 
della sua vita, visse sempre con essa nella pili per- 
fetta unione. Ritornato a Venezia, continuò a lavorare 
pel teatro, ma senza essersi ancora applicato al ge- 
nere che dovea innalzarlo a sommo grido. Il carne- 
vale del 1 748 fu l'epoca in cui Goldoni sì rese ce- 
lebre per la commedia. Egli prese col pubblico al 
finire del suo primo anno teatrale l'impegno di dare 
sedici novità nel corso dell'anno successivo; ma tale 
lavoro eccessivo, e veramente straordinario, nocque 
molto alla sua salute. L'autore, sebbene con fatica, 
ottenne di fare stampare ogni anno un volume del 
suo teatro. 11 primo volume comparve a Venezia 
nel 175l. Le sue commedie erano recitate sulla piìi 
parte dei teatri d'Italia, e ad eccezione di due o tre 
al pili, le sue opei'e furono coronate da altrettanti 
felici successi . I suoi nemici raddoppiavano gli 
sforzi contro di lui, e contro la sua riforma, ma egli 
ebbe sempre difensori zelanti. Dopo molti anni gli 
riusci di mettere in esecuzione un progetto, che da 
gran tempo aggiravasi nella sua mente. Parti quindi 
da Venezia nel 1761, e giunse a Parigi soltanto cin- 
que mesi dopo. Aveva allora composto centoventi 
commedie di vario genere, tanto nell'antico sistema 
quanto nel nuovo da esso introdotto. Goldoni passò in 
Francia gli ultimi trenta anni della sua vita, consa- 
crando ai francesi i suoi ultimi lavori. Scrisse anco- 
ra alcune memorie per servire alla storia della 
tua l'ita, ed a quella del suo teatro. Vi lavoi'ò 
pel corso di tre anni, e le terminò nel 1787, anno 
ili cui compì il sedicesimo lustro. Egli visse ancora 
alcuni anni, ed avrebbe goduto sino alla fine senza 
turbamento, senza infermità dolorose e senz' altera- 



zione d'umore, della sua gloria letteraria e delle dol- 
cezze della vita, se gli ellelli della rivoluzione non 
lo avessero colto. La sua pensione di 4,000 frauelii 
era stata iscritta sulla lista civile. Ai 10 di agosto 
tale lista non lu più, e le pensioni vennero snp[)\esse. 
Goldoni rimase iu una privazione assoluta, lulermò, 
e soltanto quando si trovava ai suoi momenti estre- 
mi la convenzione, troppo tardi istrutta, decretò ai 
7 di gennaio 1793, sid rap[)()rt() di Clie'nier, che la 
sua pensione gli fosse pagala in avvenii'c dalla tt'so- 
reria nazionale, e che la somma arretrata dal mese 
di luglio 1790 fosse sull'istante soddisfatta. Goldom 
mori il giorno dopo di tale decreto. Lo stesso nlatorc 
ne fece rendere un secondo, che assegnava alla ve- 
dova di lui, in età di anni 76, una pensione di 1,200 
franchi, e le accordava del pari il pagamento dell'ar- 
retrato. Comparvero molte edizioni delle su(! opere, 
fra le quali recentemente ne fu pubblicata una in 
Prato pel Gi»echetti la quale viene reputata jicr la 
migliore. Inutile sarebbe far qui lungo discorso sid 
merito del nostro Goldoìvi, mentre il solo nome for- 
ma un elcigio meritevole, presso la repu])blica lette- 
raria. Solo diremo che quantunque Goldoni, troppo 
modestamente forse, non riconoscesse in se gli atli-i- 
buti del sommo ingegno, non si può negare almeno 
che non avesse in un grado raro il dono dell'inven- 
zione e il taleuto d'imitare e di rappresentare le 
passioni, le cose ridicole, le qualità buone e cattive 
degli uomini, ch'erano stati l'oggetto delle sue osser- 
vazioni; e fa di mestieri confessare che tale unioni' 
di doni e di talenti forma la massima paj-te del som- 
mo ingegno comico, quantunque non lo costituisca 
per intero. 

LETTO OELLA PIÙ GRANDE RICCHEZZA K MAGNIFICENZA 
FAIÌBRICATO A P/ETROBURGO. 

Un lavoro singolare, uscito dalla fabbrica impe- 
riale di cristalli di Pietroburgo, è stato non ha mol- 
to esposto alla curiosità nel palazzo di Tarnedo. Esso 
consiste in un letto di cristallo che l'imperatore di 
Russia destinava in dono allo Shah di Persia. Que- 
sto letto magnifico, il solo forse di questo genere clic 
esista nel mondo, è splendido per fornimenti d'ai- 
gento, è ornato di colonne di cristallo, di brillanti, 
e di un intinito numero di topazi e di |)i(»tre i)re- 







aiosc, e vi si ascende per gradiui di lapis-lazuli, 
di diaspro, e di agate. È costruito in modo che dai 
diie lati si può fame scaturire due getti d'acqua odo- 
rifera, la cui caduta si fa sentire in un modo atto 
a provocare un sonno piacevole. La luce delle faci 
che si trovano accese nella stanza è riflessa per ogni 
lato ih guisa, die si crede veder reffetto di milioni 
di diamanti. Questo mobile non può non cagionar 
sorpresa al lusso ed alla magnificenza orientale. 



IL CONTE DI LEICESTER. 

Roberto Dudley, conte di Leicester, era figlio di 
Giovanni Dudley, e nacque nel 1531. Venne creato 
cavaliere ancora assai giovane, e fu famigliare di 
Eduardo VL Essendo stato involto sotto il regno di 
Maria nella sentenza contro suo padre, passò alcun 
tempo in prigione: ma ottenne la libertà nel 1554, 
e uou solamente fu reintegrato ne' suoi diritti civili, 
ma divenne alti-esì in seguito maestro dell'artiglieria. 
11 favore di cui godeva allora non nocque alla sua 
fortuna sotto il regno seguente. Era fatto per riu- 
scire sotto il governo delle donne, per l'avvenenza 
del suo volto, per l'eleganza de' suoi modi, e soprat- 
tutto per la sua tendenza all'adulazione. Fu il fa- 
vorito d'Elisabetta presso che dalla sua esaltazione 
al trono. Ella lo colmò d'onori e di beni, ed il suo 
predominio su di lei era tale che il popolo comu- 
Bcmente lo chiamava il cuore della corte. Fu fatto 
«■aude scudiero, cavaliere della giarrettiei'a, consi- 
gliere privato, ed ebbe in dono le signorie di Kenyl- 
■worili, di Denbigh e di Chirk. Egli osò aspirai-e alla 
mano d'Elisabetta, ma era ammogliato ancora; e fu 
generale supposizione che la morte di sua moglie, 
accaduta nel 1 560, fosse avvenuta in tutt* altra guisa 
che naturalmente. Si trova anzi su tale proposito, 
nelle ariiicliilà del Berhxshire di Aubrey, un rac- 
conto che farebbe fremere, se potesse prestarvisl 
fede. Ogni di piii aumentava il suo favore. Nel 1 564 
fu creato barone di Denbigh, e conte di Leicester, 
e fu fatto cancelliere dell'università di Oxford. Car- 
lo IX re di Francia gì' inviò l'ordine di s. Michele, 
die era allora il primo ordine in Francia. V^erso 
il 1572 il conte di Leicester contrasse, celando ciò 
ad Elisabetta, una stretta unione con Lady Douglas 
Kovrard, che obbligò poscia con minacce e violenze 



a sposare sir Eduardo Stafford. Elisabetta nel 157 5 
visito il superbo castello di Kenylworth, dove Lei- 
cester le diede, per diciassette gioi'ui ch'ella vi sog- 
giornò, feste che hanno fatto epoca anche in quel 
regno notabile per la sua magnificenza. Nel 1585 i 
Paesi-Bassi, ribellati contro Filippo 11, implorarono 
il soccorso di Elisabetta,- ella inviò loro truppe sotto 
gli ordini di Leicester. Fu all'assedio inutile di 
Zutphcn, e sotto i suoi occhi il virtuoso suo nipote 
sir Filippo Sidney venne mortalmente ferito. L'ac- 
cecamento di Elisabetta per esso si mostra nel di- 
scorso ch'ella recitò, allorquando andò personalmente 
a passare in rassegna l'esercito inglese raccolto a 
Tilbury nel 1588, e destinato a difendere la capi- 
tale contro la famosa armata. « // mio luogotenente 
generale, diceva a' suoi sudditi, farà le mie veci 
presso di voi; ed a niun principe mai non toccò 
di comandare ad un più nobile e più degno sud'r 
dito. » Non è detto eh' egli contribuisse alla rotta 
degli spagnuoli; morì poco dopo nel 1588 nella terra 
di Cornburgo. Pareva eh' Elisabetta avesse sempre 
conservato per lui la stessa tenerezza. Quantunque 
non possedesse quei talenti brillanti che contribui- 
scono talvolta a diminuire l'orrore del vizio, nou 
gli mancava istruzione, sapeva molte lingue, e scri- 
veva bene, quanto qualunque altro scrittoi'e inglese 
di quel tempo. Si ritrovano molti de' suoi discorsi 
pubblici nella Cabala, negli annali di Strippe, e 
nella desiderata curiosa di Peck. (Vedasi il castel- 
lo di Kenjlwoìth, romanzo storico di Walter-Scott ). 



PERICOLI DEI FUCILI A PERCUSSIONE, DETTI 
A FULMINANTE. MEZZI DA RIMEDIARVI. 

E indubitato che l'invenzione dei fucili a percus- 
sione ha prodotto un gran miglioramento nell'eser- 
cizio del tiro ; ma non è men certo che, dacchà si 
fa uso di questa sorta d'armi, si sperimentano moUo 
piìi accidenti funesti che servendosi dei fucili a pietra. 

Io sono stato testimonio (è il sig. Bianquin che 
parla, farmacista in Saumur, membro dell'accademia 
dell'industria a Parigi), della morte d'un giovine me- 
dico, il cui fucile, quantunque disarmato, fece esplo- 
sione. Uno dei nostri cani da caccia sollevò colla sua 
zampa il cane del fucile, appoggiato sulla capsula 
(tubetto), e l'urto che ne risultò fu sufficiente per far 



1 



partile il iiilpo micidiale. QHantunquu cjuc-sUi latto 
sia autentico ed appoggiato da uumerose testimonian- 
ze, si potrebbe dubitarne se non si sapesse che i 
coi-pi, nella loro caduta, seguono una legge, colla 
quale la potenza del loro peso cresce in ragione del 
tempo di questa caduta, e che iu conseguenza un 
cane che salta può produrre ricadendo l'avveaimenlo 
di cui ho parlato. Disgrazie simili si rinnovano 
troppo spesso; quindi è urgente il prevenirle. E dun- 
que importante di aggiungere a quest' arma le mo- 
dificazioui di cui parlerò. Se io non sono esercitato 
nell'arte di archibugiere, ho però trovato un mezzo 
semplicissimo di evitare gli effetti clic ho segnalati. 
Ho praticato nelle noci del mio fucile un riposo, che 
tiene il cane lontano due linee circa dalla capsula, 
di maniera che, se fosse sollevato da una causa ac- 
cidentale, verrebbe sempre a terminare la sua po- 
tenza di fatalità questo riposo di iicurezza, senza che 
la percussione possa portarsi fino sulla capsula. 

Quando i cani de' fucili hanno il loro riposo 
sulla capsula, il che ha sempre luogo ordinariamente, 
non si dubita che un urto straniero, come accade 
qualche volta in una caduta, possa far partire il 
fucile, e cagionare disgrazie : il riposo di siciu-ezza 
non permette questi accidenti. 

Ecco ragioni sufficienti iu favore delle mie 
osservazioni, per praticare il riposo di sicurezza. Ba- 
sta fare un altro intacco nella noce, simile a quello 
del riposo ordinario, ma situato come è detto, e di 
maniera che il cane, teso e fissato a questo riposo 
col coltello del grilletto, sia distante due linee circa 
dalla parte superiore della capsula. (Queste due linee 
sono prese tra il punto di contatto del cane e della 
capsula ). 

Debbo ancora segnalare nei fucili in quistione 
un difetto, quasi tanto importante quanto quello di 
cui ho parlato. Questa imperfezione si trova nella 
diminuzione della larghezza delle sottoguardie. Io so 
che alcuni fucili hanno fatto esplosione, p'^rchè i 
grilletti, essendo sporgenti da ogni parte delle dette 
sottoguardie, sono situati costantemente sotto la po- 
tenza di cause piìi indipendenti dalla volontà; sono 
anche troppo alti. I fucili per lo passato avevano 
delle sottoguardie curvate e larghissime. Fxco ancora 
perchè gli accidenti, che si moltiplicano si fiequen- 
temente oggi, erano rarissimi nllor.i. 

la i rwc ow à. 



IL LullONG, <) T, OrTARUA. CRESTATA UARAniA. 

L'uccello che gli aralji chiamano lohong, eh' t 
stato la prima volta iinlicnto e descritto da Edwards, 
è pressoché delia grandezza della nostra grande ol- 
tarda : ha com* essa tre diti a ciascun piede diretti 
egualmente, ma un poco più. corti: ha i piedi, il bec- 
co e il collo piii lunghi, e sembra in generale mo- 
dellato in pili delicate proporzioni. 

La piuma della parte siqieriore del corpo è più 
bruna o simile a quella delia beccaccia, cioè fulva 
strisciata di bruno carie > con macchie bianche in 
forma di luna crescente sulle ali: il disotto del cor- 
po è bianco, egualmente che il contorno della parte 
superiore dell'ala: la sommità della testa, la gola ed 
il dinanzi del collo hanno strisele trasversali bruno- 
scure sopra un fondo cenerino: il basso dell»! gam- 
be, il becco, ed i piedi sono d'un bruno chiaro o 
gialliccio: la coda è cadente come quella della per- 
nice ed attraversata da una fascia nera : le pi-nne 
grandi dell'ala, e la cresta sono di questo stesso 
colore. Questa cresta è una cosa molto notabile iiell' 
ottarda d'Arabia ; è aguzza diretta all'indietro, e 
molto inclinata all'orizzonte : dalla sua base getta 
all'iimauzi due lince nere, l'una delle quali piii lun- 
ga passa sopra l'occhio, e le ft)rma una specie di 
sopracciglio; l'altra, mollo piìi corta, si dirige coriu* 
per abbracciare l'occhio per disotto, ma non arriva 
fino all'occhio, il quale è nero, e situato nel mezzo 
d'uno spazio bianco. Rimirando questa cresta di pro- 
filo un poco da lungi, si crederebbe di vedere due 
orecchie alquanto piegate, e sporgenti indietro ; e 
siccome l'ottarda d'Arabia è stata ai greci senza dub- 
bio più nota che la nostra, così è verisimile eh' egli- 
no l'abbiano chiamato otis a cagione di questa spe- 
cie di orecchie, nello stesso modo che hanno chia- 
mato otits o otos il barbagianni a cagione di due 
pennncchi somiglianti che lo distinguono dalle civette. 

Un individuo di questa specie, proveniente da 
Moka nell'Arabia Felice, ha vissuto piìi anni in Lon- 
dra neiruccelleria di Hans Sloane; ed Edwards, che 
ce ne ha data la figura colorita, non ci ha sommi- 
nistrato veruu rapnuaalio de' suoi costumi, della sua 
inclinazione, né tampoco della sua maniera di nu- 
drirsi. 



52 




IL BABUIIXO 

Questa specie di scimmia è cliiamata siinia cjmo- 
cepkalus, ossia scimmia a testa di cane. Infatti il 
lì.ibuino sarehhe preso per un cane, se non jmostrasse 
clic la sua testa. Tutto il suo corpo è coperto di 
folto pelame color bruno, tranne la faccia e le zam- 
pe, nelle quali il pelo è raro e nero. In pianura 
cammina a quattro zampe, ma in mezzo alle rupi si 
drizza sulle zampe di dietro, e quelle davanti gli 
servono di mani molto forti e destre. Questa specie 
è unicamente riguardata come frugivora. II suo la- 
voro consiste nello scavare la terra, per estrarne le 
radiche, che formano il suo nutrimento; questo la- 
voi'o accorcia le sue unghie, e rende le sue zampe 
quasi conformi alle mani degli uomini. I suoi denti 
canini sono un' arma bene spesso, molto ternbile non 
solo ai cani da caccia, ma perfino alle jene, ed ai 
leopardi. La scimmia afferra colle sue mani l'animale 
che l'assale, e mordendolo in gola con accanimento, Io 
mette ben presto fuori di stato di combattere. Si ò 
veduta una di queste scimmie ben vigoi-osa scannare 
così molti cani, prima che la turba di questi potesse 
soggiogarla. I cafri assicurano che quando un leo- 
pardo è assalito da una l)anda di scimmie, accade 
ben di raro che quello si salvi: nulladimeno le scim- 
mie forniscono per lo ])iìi il pasto ai leopardi, che 



difficilmente altro ne trovano. La scimmia del resto 
è un animale molto pacifico, e del tutto innocuo, se 
non venga costretta a difendersi ; ma è un vicino 
molto incomodo pe' coloni, che sono costantemente 
esposti alle loro devastazioni, e depredazioni, benché 
non le commetta con aperta violenza, e basti la 
comparsa di un uomo per porla in fuga. Quando 
una truppa di babuini è in campagna per far preda, 
pone una sentinella sopra un' altura che domini tutte 
le adiacenze: in caso d'allarme, la ritirata si fa con 
celei'ità ed in buon ordine. Le femmine vanno in- 
nanzi cariche de' loro piccoli, ed i maschi piìi vigo- 
rosi formano la retroguardia. Guai ai cani che osas- 
sero attaccarle! Percorrendo a cavallo le strette val- 
late delle regioni montuose, in eui le scimmie vanno 
a caccia, accade spesso d'incontrare tali sentinelle, e 
di potersi divertire del terrore da cui queste sono 
prese all'aspetto dell'uomo. Tutta fugge la schiera 
all'approssioiarsi dell'uomo, e veggousi gì' individoi 
di quell'armata ascender rupi, precipitarsi in iscoscesi 
abissi, e soi'montare ostacoli che sembrano insupera- 
bili con salti grotteschi. Allorché la banda fuggitiva 
è in sicuro, alcmie di esse, che sono forse le con- 
dottiere, non lasciano d' ingiuriare il perturbatore, 
e di esprimere il loro sdegno con gridi minacciosi. 



SCIARADA 

Esser vorrebbe il primo ogni geloso 

Per veder quel che turba il suo riposo : 

Ei'ba il secondo di vivace odore 

Ne' cibi infonde gen'ial sapore. 

Se quel che ha il primo avesse il terzo, oh quanti 

Che pajon buoni si vedrian birbanti! 

Il mio tutto era in uso in altre età, 

Qual arte di trovar la verità, 

E credendo d'averla ritrovata, 

Fu l'arte di cercarla abbandonata; 

Ma fu mera illusione, 

Perché in oggi ognun sa che a questo mondo 

La verità del pozzo è ancora in fondo. 



Lor.ooRipo paECF;DE?fTEc= Alete-hete-Ate-Alc. 



TIPOGU.VnV DELLE BELLE ARTI, TIA l."^ AUCIOISE N. 100, CON APPROY-IZIONB. 



JK^ rar 






> 



© 



L'ALI DM 



© 



DlSTllllìUZlO.NE 

t>9 



Si pubbucv og%ì Sabato 



ROMA 



11 Aprile I.S;ì.i. 




Questo monumento è uno di qnclli che richia- 
mano grandi rimembranze, ed alla cui storia è pur 
unita quella di tutto il poter civile della città di 
Parigi. La municipalità di Parigi, divenuta poi si il- 
lustre e potente, comincio con una piccola associazio 
ne di mercautuzii che portavano per acqua il vino 
a Pai-igi: questa corporazione appellavasi la con fra- 
wrnita tlclln mercanzia [cntifreric de la mar chan- 
ilae): «iicce^iaivamenle oitenne, e si auincn'.arono i 



suoi privilegi : i suoi membri ebbtro il vecclii» ti- 
tolo di scabini, ed il loro Cfqw c[ucll<i di /j;ej/().\lo 
de mercunli. 

La prima casa, in cui teneansi le sedute ilrlia 
cosi detta hnns <Le Paris, era sittwl.^ nella eoutindi 
detta vallèe d<: la iiu.sere presso la p'ia^.7,a dfttn dì 
Lirand cìuitidct. Fu quindi denominata la rasa de!L 
mercanzia (riiatsun (/e la ifuirrhandnf\ ^u po^fia 
il luoii') delle sedule irusk-rilo in una eas.i aitl^n^., 



34 



e fu denominata il parlouer uux bourgeois. Un nuo- 
vo trasferimento ebbe luogo in appresso, e precisa- 
me«te presso il recinto detto de' giacobini tra U 
piazza di s. Michele, e la strada di a. Giacomo. 

Non prima del 1357 i borgesi di Parigi compra- 
rono una casa posta sulla piazza de la Grei's, che era 
stata già acquistata da Filippo Augusto, e che si chia- 
mava la casa de pilastri, la maison aiix piliers, 
perchè sostenuta da grossi pilastri. Questa casa molto 
semplice non differiva dalle altre case comuni de' 
cittadini, che per due torrette: e fino all'anno 1532 
in essa gli scabini tennero le loro adunanze, risieden- 
dovi il cosi detto preposto de" mercanti, ossia capo 
della magistratura. Tostochè la corporazione fu di- 
venuta proprietaria di questa casa, essa vi fece ese- 
guire delle riparazioni, e molti ornamenti. Ma al 
principio del secolo sedicesimo questo edifizio seni- 
bi'ò alla magistratura troppo meschino ed angusto, 
e decise la costruzione nuova di un piìi vasto edi- 
fizio. Il dì 15 luglio 1533, Pietro De Viole prepo- 
sto de' mercanti ne pose la prima pietra; ma l'in- 
nalzamento dell'edifizio soffrì varii ritardi, come pure 
la sua architettura notabili modificazioni. Era stato 
cominciato sul disegno d'una architettura gotica che 
in quelTcpoca della rinascenza delle arti non era più 
in uso : fu perciò sospeso il lavoro. Nel 1 549 un 
architetto italiano, Domenico Boccardo, presentò ad 
Enrico II un nuovo piano che fu adottato ; ma la 
cui esecuzione non potè esser compiuta che nel 1605 
sotto Enrico IV. Questo fu l'edifizio che divenne 
finalmente la casa della città, come oggi si vede sulla 
piazza de la Grève. 

La facciata presenta nel centro un corpo di fab- 
bricato, fiancheggiato da due lati costruiti a padiglio- 
ne, piii alti del centro stesso, e le cui estremità 
lianno un alto declivio, secondo l'uso di fabbricare 
(li quell'epoca. Questa facciata ha tredici finestre ed 
è ornala di molte nicchie : nel mezzo s' innalza un 
campanile, in cui nel 1781 si pose un orologio, opera 
slimata del famoso orologiaio Giovan-Andrea Lepaute: 
il quadrante di questo orologio è illuminato durante 
la notte. Al di sopra della porta d'ingresso si vede 
in un vasto timpano centrato, sopra un fondo di 
marmo nero, un bassorilievo in bronzo rappresen- 
tante Eurico IV a cavallo ; lavoro dello scnltore 
Biard. Durante la guerra celebre della Fronde questo 
bassorilievo fu danneggiato e quindi distrutto nella 



rivoluzione del 1789; ma poscia ristabilito nel 1815. 
La facciata stessa è un modello del passaggio dell'ar. 
chitettura saracena all'architettura greca. L'oi"diue 
corintio ò stato usato nel piano inferiore: l'insieme 
ha il difetto d'esser troppo carico di piccoli dettagli, 
e d'ornamenti inutili. 

Entrasi in questo edifizio per un verone esterno 
composto di diversi gradini : allorché si è giunti sotto 
il fabbricato, se ne ascendono anche diversi altri, e 
per mezzo di questo ingresso si giunge in un atrk) 
decorato di archi, sopra i quali leggevausi altre volte 
iscrizioni relative alla storia di Luigi XIV. La statua 
di bronzo in piedi di questo stesso re è stata situata 
sotto uno di questi archi, ornata di colonne ionie di 
marmo con capitelli e basi di metallo dorato. Questa 
statua è stabilita sopra un piedistallo carico di bas- 
sirilievi ed iscrizioni; lavoro di Coisevox, e rappre- 
senta Luigi XIV vestito in corazza alla foggia greca, 
ma per uno stravagante e ridicolo anacronismo la 
testa n' è pettinata alla francese, con una smisurata 
parrucca come usava ai tempi di questo monarca. Du- 
rante la rivoluzione questa statua fu tolta dal suo 
posto e confinata in un magazzino, dove fu mutilata; 
finché nel 1814, dopo essere stata ristaurata, fu collo- 
cata nel suo primitivo posto. In questo medesimo 
atrio vedeansi ancora nel 1817 alcuni de' ritratti in 
medaglioni di molti preposti de' mercanti : erano 
monumenti storici propri dell'edifizio, che poteansi 
risparmiare ; ma il pennello de' rozzi imbiancatori 
non risparmiò que' vecchi ritratti, de' quali ora non 
resta vestigio. L'interno di questo edifizio contie- 
ne grandi sale, tra le quali la piìi bella è quella 
detta del trono: all'estremità della medesima sono 
due spaziosi cammini ornati di persici e cariatidi 
bronzate e di figure allegoriche giacenti sopra piani 
inclinati; lavoro fatto sotto Enrico IV. In questa sala, 
che ha cinquanta passi di lunghezza, vedeansi tutti 
i quadri che aveano relazione alla storia della mu- 
nicipalità. Durante la rivoluzione si costruì in questo 
recinto un anfiteatro semicircolare, ove sedevano i 
rappresentanti del comune di Parigi, che sul finire 
dell'assembramento detto legislativo e durante tutta 
l'esistenza della convenzione nazionale fui-ono i padro- 
ni di Parigi, e dai quali emanarono tutte le mosse che 
agitarono Parigi e la Francia in quell'epoca terribile. 

Nel 1819 fu posta nel centro della sala del tro- 
no una statua equestre di Enrico IV di piccola prò- 






poi-zione e simile a quella che vedesi sul ponte 
dello nuovo. In questa sala si celebrano le ceremonie 
pubbliche, le feste, i festini e banchetti che dà la 
fina di Parigi. Al lato delia sala del trono è quella 
detta dello zodiaco, ornata di bassirilievi, e di qua- 
dri relativi alla suddetta denominazione. Siegue un 
vasto ambiente praticato nelle gallerie dette di s. Gio- 
vanni, in cui nel 1817 fu trasferita la biblioteca 
della città. Oggi questa dividesi in quattro parti. 

Nel 1801 si stabilirono in questo stesso edilìzio 
gli ofEcii della prefettura del dipartimento della Sen- 
na. In quell'epoca l'edifizio medesimo venne notabil- 
mente amplialo in seguito dulia demolizione ordinata 
della chiesa e dello spedale di s. Spirilo verso tra- 
moulana, e di una parte della chiesa della di s. Gio- 
vanni in Greve, verso levante. E precisamente nel 
sito in cui esisteva lo spedale e la chiesa suddetta, 
che fu costruita l'abitazione particolare del prefetto 
della Senna, in cui tra gli altri trovausi tre ambienti, 
l'anticamera, la sala de' bigliardi, ed il salone di ri- 
cevimento che sono decorati allo stesso modo e se- 
parali soltanto da divisioni amovibili, in guisachè 
possono, quando si voglia, formare una sola vastis- 
sima sala che chiamasi eie' fasti. Le altre sale della 
casa di città servono alle adunanze di diverse acca» 
deniie di scienze ed arti. Le principali memorie isto- 
riche, che sono unite a questo grand' edifizio, abbrac- 
ciano lo stabilimento e lo sviluppo del potere della 
municipalità parigina, la lotta sostenuta dai preposti 
in favore de' privilegi e dell'autorità della città. Il 
potere municipale, come tulli gli altri poteri, fu in- 
debolito ed abbassato sotto Luigi XIV; ma si rialzò 
nell'epoca fatale della rivoluzione nel 1789. Napo- 
leone ridusse la municipalità ad una mera macchina 
amministrativa. Ma spetta alla storia il tramandare 
alla posterità queste fasi del poter municipale. 



DESCRIZIONI DI PORTICI. 

Portici, borgo del regno di Napoli, è situato a i '/a 
leghe dalla capitale, appiè del Vesuvio. Tiene il primo 
posto nella serie degli ameni villaggi, che rendono così 
deliziosa la spiaggia orientale del golfo di Napoli. In 
situazione magniQca, in clima deliziosissimo, ò Por- 
tici coperto di eleganti case di campagna, ed avvi 
pure un grandioso e bellissimo palagio reala erettovi 



dal re Carlo di Borbone, che contiene un muaeo 
unico al mondo, per la bella collezione di statue, 
bronzi, armi, armature ed utensili di ogni genere, 
trovali negli scavi di Pompei e di Ercolano. 

E da notarsi parimenti un vastissimo e magni- 
fico casamento, dove Ferdinando IV stabili una ma- 
nifattura di nastri di ogni specie, le scuderie reali, 
le caserme delle guardie del corpo, ed un mona- 
stero di francescani di egregio stile. La pesca vi 
è abbondante , squisiti i frulli , i vini jii't^-^'osi . 
La popolazione ascende a 6310 abitanti. Portici e 
la vicina Resina sono costruiti sopra l'antica città 
di Ercolano, di cui a' di nostri è risorta pel dissot- 
terramento la forma. Era di origine anteriore a Ro- 
ma, appartenne alla magna Grecia, e divenne colo- 
nia romana. Nel secolo di Augusto era floridissima, 
e i grandi di Roma vi si recavano a diporto. La ter- 
ribile vesuviana eruzione dell'anno 79 dell'era nostra 
copri di cenere e seppellì questa misera città, sicché 
vi fu sepolta viva la sua popolazione. Il principe di 
Elbeuf, scavando nel 1711 un pozzo presso la sua casa 
di Portici, trovò i primi notabili oggetti di antichità 
che diedero indizio pel famoso ritrovamento. Il re 
Carlo di Borbone continuò gli scavi, ed a lui si deve 
la intera scoperta del teatro, eh' è l'opera meglio 
conservata di quel genere. Il piano dell'edifizio è 
minore di 36 palmi al livello del mare. Si sono pure 
rinvenuti il magnifico foro, l'ampia basilica e tre 
templi. Nelle case private si osservano i più minuti 
oggetti domestici e commestibili, conservati dopo 18 
secoli nell'originario loro stalo, come pure ogni sorta 
di attrezzi ed utensili; fenomeno inesplicabile, se si 
confronti coi marmi, coi bronzi, ed altri metalli, fusi 
per la violenza del fuoco. Nel 1750 si scoperse la 
villa campestre, dov' era la celebre statua di Aristide, 
con eleganti ornali, e sontuosi appartamenti con mu- 
saici e statue, non che i maravigliosi papiri, de' 
quali la dotta pazienza archeologica sta procurando 
lo svolgimento. Pochi scheletri si trovarono nella 
parte sgombrala. 



56 




-^^e^ 



COTONIERE ARBOSCELLO. 

Gossypium religiosum . 

Questa pianta è origiuaria delle Indie o della Gina. 
S'ignora se abbia qualcbe rapporto con la falsa re- 
ligione del suo paese nativo, come sembra dall'ag- 
giunto datogli da Linneo. Che che ne sia, è un poco 
piii bassa dell'albei-o cotoniere, e porta un diverso 
nome in tutte le lingue de' paesi, ne' qiiali queste 
due piante vegetano ugualmente. Due importanti di- 
■Ncrsità si osservano in tali piante; le une producono 
un cotone bianco, e l'altro quel cotone giallo in bru- 
no, che serve pe' nankin. Questa preziosa divei-sità 
trovasi da per tutto nella Cina, donde passò nelle 
isole di Francia e di Borbone. Si è trovala anche in 
America una piccola specie di cotoniere che produce 
una peluria di color giallo-bruno di estrema finezza 
« d'un lucido notabile. Se ne fa uso per calze, che 
si preferiscono a quelle di seta ; ma il prezzo n' è 
troppo alto. Finora il cotoniere, che ha dato al com- 
mercio la più gran quaulilà di cotone, è quello che 
si semina ogni anno. Il cotone che gì' inglesi ten- 
gono in maggior conto è quello che viene dalla 
Ceorgia, uno degli stali dell'unione americana. I fab- 
bricanti nou esitano a farne acquisto, pagandolo an- 



che il doppio di qualsivoglia altro cotone. Ma è d« 
rimarcarsi che le specie arboree esigono un mag- 
gior grado di calore, né potrebbero quindi con suc- 
cesso coltivarsi nelle regioni temperate, come sareb- 
be nel territorio degli Stali Uniti. NuUadimeno, se- 
condo le osservazioni del sig. Humboldt, la tempera- 
tura media che conviene ai grandi cotoaieri è tin 
poco al di sotto del 14° grado di Reaumur, e quella 
che richiede la specie comune è al di sopra dell'1 1", 
di modo che la differenza tra le due tcinperatur» 
medie non eccederebbe neppure i due gradi e mez- 
zo. E spiacevole che questo esperto osservatore, al 
quale siamo debitori di cosi preziosi documenti sn i 
paesi da lui percorsi come naturalista, fisico e filo- 
sofo, non abbia anche indicato le temperature estre- 
me, come accennò le medie. Allorché trattasi della 
coltivazione di piante vivaci non può farsi a meno 
di conoscere tutte le condizioni e lutti i mezzi della 
loro esistenza e della loro conservazione : interessa 
quindi conoscere quale sarebbe l'intensità del freddo 
che farebbe perire tali piante. Allorché si tracciano 
sulla superficie del globo terrestre delle linee isoTer- 
me ( egual caloi-e medio) si traggono talvolta a tra- 
verso de' luoghi, in cui le gelate sono ignote, e tal- 
volta anche in altri dove l'estate caldissima compensa 
colla sua temperatura altissima il pili rigoroso i»- 
verno. Nou è dunque certo che il cotoniere albero 
possa riuscire in lutti i luoghi che godono della 
temperatura media delle contrade dell'America, doTS 
il dotto viaggiatore ha osservato questo vegetabile. 
Tutte le specie di questa pianta annuali o vivaci 
sono propagale per mezzo della seminagione. Per Je 
specie annuali, quando la stagione è favorevole, sette 
od ottp mesi trascorrono dalla seminagione alla rac- 
colta. Dal momento che le capsole cominciano ad 
aprirsi, conviene affrettare la raccolta. I campi dì 
cotonieri presentano allora un aspetto molto grade- 
vole, posandosi l'occhio sopra un piano color verde 
ctipo e lucente come sono le foglie, interrotto da 
molla profusione di frutti bianchi in mappe tondeg- 
gianti. Si calcola, quando la stagione è buona, che 
un iugero di terreno può produrre fino a duecento 
libbre di cotone. Alcuni coltivatori tolgono la peluria 
con tutti gli acini che contiene, e lasciano sullo stelo 
l'inviluppo delle capsole; altri tagliano tutti i frutti 
per trasportarli quindi tutti insieme, ed aspettano 
che si aprano spontaneamente per cominciare ad 



57 



eatrame la peluria. Questa operazione divieue allora 
più difGcile, perchè l'inviluppo disseccato si rom- 
pe in piccoli frammenti, che si mischiano nella pc- 
Jnria stessa. In qualunque maniera vi si proceda, 
ctmricne che la coglitura non duri piìi lungamente 
à(d crepuscolo mattutino, e che si abbia cura di tu- 
biere prima della levata del sole tutte le capsole che 
si sono aperte, perchè l'azione di una viva luce al- 
tera all'istante il colore del cotone. 

Il cotoniere arbusto non è in pieno vigore che 
per cinque o sei anni. Quando il prodotto comincia 
a diniinuire, sì fa un nuovo pianlinaro per rinno- 
vare le piante. 




FOGLIE E FRUTTI 



DEk COTOBIEEK 



Dopo la raccolta si procede all'opei-azione di spo- 
laaxare i cotoni, per separarne la semenza. Questo 
lavoiT) procede con lentezza, se si fa a mano, perchè 
la pelui'ia rimane tenacemente aderente alle semenze 
che racchiude. Ma qui si rende utilissima l'aziono 
<Ulle macchine in soccorso dell'industria. L'indiano, 
che s5a obbligato di fare un tal ]a\oro colle sup bi'iio 
«ia, iuipitìga ujia giornata p).;r ispelaaaarw una libbra 



di cotone. L'i.slrunienfo, di cui si fa uso per evitare 
(jucslo impiego di Icinpo, i un mulinello composto 
di due tre cilindri a cannelli messi in movimento 
da un meccanismo simile a quello del filatoio comu- 
ne. Con questo senqilice meccanismo una sola per- 
sona spelazza facilmente ed esattamente fino a sessan- 
ta libbre di cotone iu un giorno. INIa questo risul- 
tato non basterebbe neppure per le grandi intra- 
prese degli Stati Uniti. Vi si sono eostruite grandi 
macchine, sostituendo cosi alla forza umana (piella 
di parecclii cavalli, o del vapore, o di una corrente 
d'acqua. Una di queste mneebine messa in movi- 
mento da un solo cavallo, diretta da tre op( rai, for- 
nisce ogni giorno lino a nove quintali di cotone 
espurgato (9,000 libbre). Ma questa prima espurga- 
zione non basta: alcune semenze ed alcune particelle 
deirinviluppo, cìie contiene la peluria, sfuggono alla 
prima operazione. Un'altra quindi conviene prjiieai- 
ne, per togiicre al cotone ogn" immondizia : (joesu 
operazione consiste nello sventare il cotone in leg- 
gieri tamburi elie girano con somma rapidità. Men- 
tre è in lai modo ballottato in questa maceliina, e 
ben diradato, una corrente d'aria lo traversa, ed al- 
lontana col suo sofGo ogni particella polverosa. Dopo 
ciò il cotone si manda al magazzino per esser im- 
ballato, sottoponendolo all'azione di stretti torcili. 
Ogni balla jjesa circa tre quintali; ma quando questi 
massi voluminosi sono a bordo della nave che deve 
trasportarli, si sottopongono ad una nuova pressione 
anche piìi forte, che ne riduce il volume alla nielj. 
L'invenzione de' filatoi meccanici ha prodigiosameute 
esteso l'uso del cotone. Sebbene rineliillerrra ne la- 
vorasse più. che tutte le altre nazioni europee, essa 
però non ne immetteva più di 4,000,000 di iibbn-, 
ossia 40,000 quintali fino al cadere del secolo 18": 
nel 182S la importazione de' cotoni in Inghillerra Cu 
di 2,260,260 quintali ossia piii di ventidiie oiilioni 
e mezzo di liljbre di Francia, provenienti dagli Stili 
Uniti, dal Brasile, <lalle Indie orientali, dairF,"iu;i, 
dalle Isole inglesi nel golfo del .Messico, dalla (Co- 
lumbia, dalla Turchia e dalla Grecia continentale. 



38 



LO SCHIAVO RISCATTATO. 

Sono molti che quando pur si conducono a far 
alcun bene ad altrui, ne menano si gran pompa, che 
fanno arrossire il beneficato, e perdono per vanità e 
per orgoglio tutto il pregio che alla loro liberalità si 
dovrebbe. All'incontro diceva Seneca, che il beneficio 
dee chiuder la bocca a chi lo fa, ed aprirla a chi il 
riceve ,• e noi vedi-cmo da un memorabile esempio, 
quanto ben persuaso di questa massima fosse nn uom 
grande della nostra età, e quanto egli abbia saputo 
ben praticarla. 

Trovandosi questi in IMarsiglia, e andato una fe- 
sta d'estate in sulla sera a rinfrescarsi nel porto, 
volle salire su d'un battello per fare un giro nel 
molo. Chiesto d'alcuno che lo guidasse, accorse un 
giovane di vago aspetto e di graziose maniere, che 
presto si offerse ad ubbidirlo. Attentamente ei riguar- 
dandolo, e assai piìi colto vedendolo nella pei'soua, 
e piii civile e manieroso negli atti, che esser non so- 
gliono quei che son nati in siffatta condizione: «\ oi 
non m'avete, gli disse, l'aria di marinaio, e dubito 
non per solazzo piuttosto che per mestiere amiate in 
questa d'esercitarvi. - Io non son nato difatti, rispose 
egli, a questa condizione di vita, nò questa ò l'arte 
ch'io professo; ma la sciagura di mio padre mi ha 
condotto ad apprendere quest'ancora per trarne qual- 
che profitto ne' dì festivi. - E qual disgrazia, disse il 
forestiere, a vostro padre è intervenuta? - Egli è 
schiavo, rispose il giovane colle lacrime agli occhi : 
uè io ho modo di riscattarlo, se coU'opera mia e 
colle mie fatiche noi mi procuro... - Schiavo! e da 
quanto tempo, e dove?... - Già da sei mesi egli è 
ne' ferri a Teutan. Fattosi co' suoi risparmi un pic- 
col capitale, egli il caricò su una nave che andava 
a Smirne, e volle recarvisi egli pure, onde ingegnarsi 
colla sua industria a meglio avvantaggiarlo. IMa la 
nave fu presa da' barbareschi, ed ei fu fatto schiavo 
con tutti gli altri. Due mila scudi pretendonsi pel 
suo riscatto ; ma siccome egli in partendo quasi tutto 
area seco portato, noi siara ben lontani da questa 
somma. Tuttavia mia madre e due mie sorelle fati- 
cano di e notte per veder pure di radunarla : io fo 
lo stesso, e curo di mettere per quanto posso a pro- 
fitto ancor le feste. Credeva in sulle prime di poter 
liberarlo col farmi schiavo in sua vece, ma il seppe 
mia madre, o il sospettò : assicurommi ch« il mio 



disegno era vano, e temendo né senza ragione, che 
io pur volessi avventurarmi vi ad ogni costo, fece 
vietare a tutti i capitani di seco prendermi a bordo. 
-Avete di lui mai avuto novella alcuna? Sapete a 
chi serva, e in qual modo ei sia trattato?- Ei serve 
al soprastante dei reali giardini, e n'è trattato uma- 
namente; ma questo è per lui troppo piccol conforto: 
egli è schiavo a buon conto e lontano da noi, lontano 
da una moglie che ama, e da tre figli che ha sempre 
amato teneramente. - Che nome ha egli ? - Roberto. 
- Che età?- E poco lungi dai 55.- Voi meritate ce»- 
tamente miglior ventura : io ve la desidero ben di 
cuore: e riguardo alla vostra virtìi, oserei di presa- 
girvela. >• 

Giunta la notte, il forestiere ordiuogli di andar 
in terra, e uscito prestamente dal battello, non gli 
diede neppur tempo a ringraziarlo della borsa che 
gli lasciò in ricompensa. Eranvi otto luigi doppi e 
dieci scudi. Il giovane soprafatto a tal generositài 
n'andò in traccia piìi giorni per nuovamente incon- 
trarlo, ed esprimergli la sua riconoscenza ; ma non 
gli venne mai fatto. 

Dopo due mesi, mentre un dì questa onesta fa- 
miglia: in una povera cameretta si stava a povera 
mensa, ecco arrivare inaspettamente Roberto. Un gri- 
do di gioia e stupore mettono tutti a questa vista 
impensata ; e dubbiosi di se medesimi, quasi agli 
occhi propri non osano di prestar fede. Egli abbrac- 
ciando teneramente or l'uno or l'altro: «Ah sposa! 
dice: ah figli miei! quanto io debbo alla pietà vostra 
e alle vostre tenere cure! Ma come mai avete potuto 
voi cosi presto salvarmi? Come spedirmi tanto sus- 
sidio? La somma pel mio riscatto, cinquanta luigi 
di scorta, queste vesti, l'imbarco pagatomi innanzi 
tratto; tutto mi empie di maraviglia.^Sebbene a quale 
stato! a qual misero stato io vi veggo per me ridot- 
ti!» La moltitudine e l'impeto degli affetti non la- 
scia alla moglie la forza pur di rispondere. Essa gli 
corre al collo, e disciolta in lacrime, sovi-a di lui 
s'abbandona : le figlie accompagnano il pianto della 
madre: il figlio si resta immobile e sviene. 

Le spai'se lacrime rendono finalmente alla moglie 
la voce e la parola: ella abbraccia nuovamente il 
marito, n'guarda il figlio, ed a lui additandolo: «Ec- 
co, dice, ecco il vostro liberatore. Duemila scudi 
chiedevansi pel vostro scampo: noi finora alla metà 
non eravamo ancor giunti; e di quello che abbiam 



59 



raccolto, la niaggioi- parte si d-ve pure all'assiduità 
indefessa di vostro figlio. Questo figliuolo adorabile 
dee aver trovato de' prolettori, die mossi dalle sue 
virtì:, riianno soccorso : ci disegnava segretamente a 
principio di mettersi in luogo vostro ! A lui certa- 
mente noi dobbiamo ora la vostra salvezza, ed egli 
ha pur voluto lasciarne la sorpresa. Mirate come egli 
n' è penetrato. Ma affrettiamoci a soccorrerlo. 

Le sorelle già erano in ciò occupate : i genitori 
vi si aggiungono; e non senza difficolta riescono pur 
finalmente di trarlo dal suo deliquio. Egli volge al 
padre i languidi occhi ; ma non ha forza ancor di 
parlare. 

Il padre intanto si fa pensoso e taciturno ; e dal- 
la gioia passa improvvisamente al turbamento e alla 
ti'istezza. A lui quindi volgendosi in tuon di sdegno: 
«Ah sciagurato! parla; dì, che hai tu fatto? Io 
certo non posso esserti debitore di questa libertà che 
Bai era si cara, senza averne a inorridire. Come hai 
tu potuto osar di farne un mistero a tua madre, se 
non mi hai ricomprato con un delitto? Figlio d'uno 
schiavo misei'abile, in età cosi fresca, non è credi- 
bile che per oneste vie tu sii giunto a procacciarli 
«occorsi di tal natui-a. Tremo in pensarlo, che l'amor 
figliale abbia potuto condurti ad una scelleragine. 
Toglimi immantinente da questo dubbio, sii veritie- 
ro, e piuttosto...- Ah! no, tranquillatevi, mio pa- 
dre, risponde egli levandosi con isforzo: abbracciate 
pur vostro figlio: io non sono indegno di questo 
nome; ma non è pure né a me nò ad alcuno di noi 
che voi siale tenuto dal vostro scampo. Il nostro 
benefattore è luti' altri; io ben lo conosco. Ah, ma- 
dre ! quel forestiero, che già la borsa mi lasciò in 
dono con atto si generoso, mi fé pur anche di molte 
e replicate domande. Da lui certamente ora viene la 
nostra felicità. Ah, s'io potessi mai incontrarlo no- 
vellamenle! S'io il potessi! . . . IMa non lascerò dili- 
genza per trarne almeno qualche notizia. » Narra 
quindi a suo padre quanto coU'incoguito gli era avve- 
nuto; e di ogni timore per questo modo lo rassicura. 

Dopo due anni d'inutili ricerche, ei l'incontra 
una mattina nel porto. «Ah, mio sovrano, mio unico 
benefattore, mio sostegno, mia vita, mio tutto!» Ciò 
è quanto ei potè dire, gettandosi ai piedi suoi, e ab- 
bracciandoli con trasporto. « Che avete voi ? Che è 
cotesto? disse l'incognito, rilevandolo. - Ah mio si- 
gnore! potete voi ignorarlo? Avete voi del tutto di- 



menticato il figlio dell'infelice Roberto, che avete 
salvato si generosamente? - Voi prendete abbaglio, 
amico : io sono un forestiero qui giunto da pochi 
giorni.- Ciò ben sarà; ma sovvengavi che già vi fo- 
ste, ora sono veutisei mesi; ricoi'divi il giro che voi 
faceste nel molo; la borsa che mi donaste; la viva 
compassione che concepiste per la sciagura di mio 
padre; le premui'ose domande che mi faceste su tallo 
quello che darvi polca lume a liberarlo. Voi avete 
con ciò formala la felicità d'un' intera famiglia, che 
altro pili non desidera se non la vostra presenza per 
ricolmarvi di mille benedizioni. Deh, non negatevi 
a' nostri voli... venite !- Bel bello, amico: gli ò trop- 
po facile l'ingannarsi; voi forse... -No: io non m'in- 
ganno punto. I vostri lineamenti sono altamente im- 
pressi nell'animo mio per non iscambiarli. Venite di 
grazia ...» e cominciò a pigliarlo pel braccio, e a fargli 
una dolce violenza per trarlo seco. 

Al loro contrasto molte persone si fecero a loro 
d'intorno. L'incognito era nel colmo della sua gloria; 
ma in luogo d'invanirsene, ebbe il coraggio di resi- 
stere pur anche ai movimenti d'una giusta compia- 
cenza, e di voler costantemente restar celato. S'andò 
egli quindi sempre schermendo, infino a tanto che, 
presa l'occasione opportuna, si mischiò tra la folla 
e scomparve. 

Nascosto sarebbe egli luti' ora, se alla morte d'un 
negoziante di Marsiglia, le sue genti, trovata fra al- 
cune carte una nota di 7,500 franchi spedili a Ro- 
berto Mayn di Cadice, non glie ne avessero chiesto 
conto. Questo famoso banchiere inglese rispose d'a- 
verne fallo uso per liberare, giusta gli ordini del 
sig. Carlo di Secondai, barone di Montesquieu, pi'o- 
sidente nel parlamento di Bordeaux, uno di Marsiglia, 
chiamato Roberto, schiavo a Teulan. Quell'uomo in- 
signe era uso di tempo in tempo a visitare sua mj- 
rella, madama d'Hericourt, maritata a Marsiglia. L'a- 
zione generosa che quivi fece, e che abbiamo or 
raccontata, non gli merita certamente minor commen- 
dazione che i suoi talenti, con cui si è fatto im- 
mortale (*). 

(•) Quest'annedoto del barone di iMontesquieu è stalo 
pubblicato dal sig. Mingard, il quale u,'ha avuto la notizia 
d.T un vecchio amico del medesimo Montesquieu; che dell' 
ultima parte era stato pur testimonio oculare. 



■TT-Twe catt». 



CAIIAITKRC MICROSCOPICO SCOLPITO E FUSO 
IN MILANO. 

Uno (lei porteuti dell'arte di scolpire e fondere 
caratteri, sarà certajnente por la nostra Italia il nuo- 
vo carattere eseguito da Antonio Farina piacentino, 
carattere al cui esecutore piacque applicare l'epiteto 
di microscopico. F.d è tale la sua jninutczza; si im- 
percettibili sono le linee clic congiungono le parole, 
le curve che le costituiscono, che in vero è mala- 
gevole ad occhio nudo leggere una stampa eseguita 
coi caratteri di si ristrette dimensioni. Noi abbiamo 
sott" occhio una prova nitida, precisa, sorprendente 
e osteusihilc a chiuncfue di questo carattere micro- 
scopico, e francamente asseriamo che un tale sterzo 
dcirarte merita la piti onorevole menzione. E nò il 
Bodoni, che pur desto la maraviglia con le sue opere 
lodatissimc, ne^.pure egli s'accinse all'impresa che 
fu superata con si bel successo dal Farina. Eleganza 
di forme, giuste proporzioni, nitidezza, tutto con- 
viensi nel lavoro, il cui risultamcuto ci compiacia- 
mo annunziare. 

iVoi non pretendiamo (né vi aspirerà il fonditore 
per certo ) che l'opera sua si proclami di grande 
utilità, giacché un tale sforzo dell'arte è piuttosto 
oggetto di ammirazione, che il vantaggio; ma siamo 
orgogliosi di poter ripetere, che in ogni maniera di 
scienze, lettere ed arti, la nostra Italia o precede e 
ammaestra le piii incivilite nazioni, o prevenuta da 
.esse, corre animosa sul sentiero tracciato, e perviene 
al perfezionauicuto dell'opera. 



VALSraTE ITALIANO 



MERCATI 

Iv'acquc Michele Mercati, o Mercado, a s. Miniato 
in Toscana nel 1541, e fu pe' suoi tempi celebre 
naturalista, cuine pure medico distinto. Compiti gli 
studi in i'isa, si afi'czionò al ceh'bre Cesalpino, che 
gì' ispirò genio per la storia naturale. Recossi in Ro- 
ma, e di srili 20 anni fu nomiuato intendente de' 
gi.nrdiui vaticani. iVcile sue raccolte delle produzioni 



della natura sì dedico particolarmente a quelle del 
regno de' minerali. 1 suoi più grandi progressi nelle 
scienze gli attirarono la stima universale, e gli me- 
ritarono di esser ascritto nel 1 5G8 alla nobiltà di 
Firenze e nell'anno seguente a quella di Roma ste»- 
sa. 11 pontefice Sisto \ lo volle compagno al cardi- 
nal i\l(!o!)ìaadini, alloichè questi fu spedito iu Po- 
loiiia p(,'r ri;,labiiire la pace tra Sigismondo III e 
Massimiliano arciduca d'Austria. Elibe il Mercati 
molta parte iu questa negoziazione, uè trascurò iur 
tanto di raccogliere le piante ed i minerali de' paesi 
in cui trovavasi. Lo stesso cardinale essendo poscia 
asceso al trono poutilicio sotto nome di Gleincu- 
le Vili , scelse il Mercati a primo suo medico. 
Ma non godè egli molto degli onori e del riposo, 
che davagii questa distinta carica, avendolo tratto aj 
sepolcro nel 1593 il mal di pietra in eia di soli 32 
anni. Ebh' egli il conforto di esser assistito ne' suoi 
ultimi momenti da s. Filippo Neri, e fu sepolto uelLa 
chiesa di s. Maria in Vallicella. Le opere piii insi»- 
gni di questo dotto e rispettabile personaggio sono 
le seguenti: Istruzione sopra la peste; Degli obet 
liscili di Roma ; e la 3Ictallotheca, che contiens 
la descrizione del museo formato nel Vaticano dal 
Mercati d'ordine di Gregorio XIII e di Sisto V. Era 
quesl' opera rimasta inedita; ma essendone stato po- 
scia rinvenuto il manoscritto iu Firenze, papa Cle* 
mente XI il fece comprare, ed incaricò il Lancisi di 
pubblicarlo, fattivi i cambiamenti e le aggiunte rese 
necessarie dai progressi della scienza. Ma il Lancisi, 
inteso alla compilazione delle proprie sue opere, af- 
fidò siffatto lavoro al P. Assalti professore di botta- 
nica. Del museo eretto dal Mercati conoscesi ora 
appena il luogo; onde l'opera suddetta ha il merito 
di far rivivere in certa guisa uno de' primi moria- 
menti eretti iu Italia alle scienze naturali. 



SCIARADA 



Una nota del canto è il primiero : 
11 secondo è un augello; e ti serve 
Per accendere il lume ì'intero. 

Sciarada i'ai;cEDE>TE=^ .4 rgo-menta-r-e. 



TirOGRVllA DKLLE BELLE ARXI, VIA I.^ ARCIO.'^E !^. 100, CO.^ ASTRO V.VZIO.-^E. 



M 



ANNO 



v^ 



© 



L'ALBUM 



\ 



© 



^ 



DlSTIUBUZtONE 



Si PUBBLICA OGNI SabATO 



EOMA 



i« ApftiLE 1835. 




gjoS»»' ->■«»«!; 



BARTOLOMEO PL>ELLI 

La vita di questo celebre artefice è tutta quanta 
nelle sue opere: perciocché il Piselli non ebbe uflicj 
(li sorte alcuna, non fece lontani viaggi, non fiori 
di potenti amicizie, e molto meno videsi mai men- 
dicar protezioni alle porte de' grandi. La sua casa 
ei-a lutto il suo mondo: ivi dimoiavasi l'intei'o gior- 
no lavorando e studiando: dopo di che, uscendo alla 
aera con due fedeli suoi cani mastini, non soleva aver 
cari altri diletti che quelli del pojvilo. Era egli nato 
in Rouia, sotto la parrocchia di s. Grisogono nel liu» 
ne di Trastevere, il dì 20 di novembre 1781. Il padre 



suo, assai mediocre scultore, esseudo dovuto pailiie 
per Bologna lo pose ivi di buon' ora ad appren(l('\e 
il disegno e i priiicij)j del modellare. Ma toinato 
dopo qualche anno in Koma, per la cura che ne 
prese il principe Lamberliui, si diede ad usan; la 
scuola del nudo nellaceademia di s. Luca, e vi fece 
rispleudere l'ingegno suo in un tempo, in che p.i- 
rimente la frequentavano altri valenti giovani, che 
oggi sono chiarissimi professori; come a dire il l'i- 
uelli, il Sola, il Palagi ed alili. A (jiianli concorsi 
scolastici egli quindi si espuse, a tanti ottenne il 
premio: divenuto essendo altresì pratichissimo dcll'a- 
natomia, il cui corso volle ripetere ben quattro vol- 
te, sia in Roma, sia in Bologna, con incrediijile ala- 
crità e sollecitudine. 

Con tale fondamento dell'arte pervenne il Pim;lli 
a quella facilità, anzi diremo potenza di operare, la 
quale alcuni piuttosto che rara vorranno chiamar 
prodigiosa. Immenso ingegno, ma pasciuto d'immenso 
studio; ed aiutato soprattutto da una eccellente os- 
servazione della natura. iViuna parte tocco egli dell' 
arte sua dell'incidere in rame, che subito non co- 
gliesse la prima palma, e non empisse d'ammirazione 
l'Europa. Vuoi le grazie comiche di Aristofine ? 
Eccoti il Meo Patacca, il 1). Chisciotte, e soprattutto 

i suoi costumi popolari di Roma. Vuoi la gravita 

e* 

tragica di Sofocle? Eccoti le miraliili incisioni delh; 
istorie greca e romana. \ noi sdegno, vuoi compas- 
sione, vuoi giubilo e divozioni; di paradiso? Eccoti 
i rami del poema sacro delTAIighitM'i. 

Parliamo di queste opere, come di principnlissimf : 
perchè il dire di tutte sarebbe impossibile: tante e^ii 
ne ha latte. E cosi non avesse dovuto t.ilora l.i\or.ire 
per vivere, trovandosi spesso nidle ultime necessita ? 
Che non ne vedremmo alcune qittale la con tal negli- 
genza, che se non recassero sciilto il uomo di iJir.- 






TOLOMEO l'iNELLi, iiiuiio corto Ic tcrrcLLe per lavoro 
eli si valente maestro. Per le quali neeessità avvenne 
Jtnclie non rare volte che vendesse egli segrelaineute 
i disegni suoi ad artisti di oltremonte e di oltremare, 
eh' eseiti poi d'Italia se iic sono pomposamente gio- 
▼ali come di parti de! proprio ingegno. E si che 
jnolli ora sparlano dell'italiana povertà nelle arti, i 
quali comprarono dalla mente del povero Pinelli i 
piìi uohili e lodati loro concetti ! Oh se potessero 
aver voce le mura di quella casa. Quanti che alle 
penne ci hanno aspetto bellissimo di pavone, non 
saieLhero più altro che oscure cornacchie! 

La j)oca uiuna cura eh' ebbe sempre il Pirelli 
della sua vita, della quale non sappiamo che non 
facesse, alTrettò di molto il suo fine, malgrado della 
complessione robustissima oud' era dotato. Può dirsi 
che tutto il suo vivere non fu che al caldo e al gelo 
un disfidare la morte, ed un far seco a prova di 
maggior forza. Ma finalmente fu vinto: talché preso 
da subito male, che appena gli lasciò pochi momenti 
per prejiararsi con sentimenti di vera religione al 
gran passo, spirò ad un' ora pomeridiana del di 1 di 
aprile 1833. 

La notizia della sua perdita, sparsasi per la città, 
fu da tutti sentita con grave compassione e tristezza: 
e piìi quando scppesi lo stato di povertà in cui si 
crauo trovate le sue cose doniesliche. Un amico de' 
])iii cari corse subito all'umile casa, perchè al cada- 
vere di.'ll'uomo illustre non mancassei'o almeno eli 

o 

estremi ufBcj di pietà religiosa. E già esso cadavere 
a spese di lui era per condursi alla chiesa: quando 
un senlimcnto, non so s' io dica di generosità, di cor- 
tesia o di ossequio, suscitossi improvviso e spontaneo 
ncU'auimo de' giovani alunni dell'insigne e pontifi- 
cia accademia di s. Luca. Che non fecero questi 
giovani virtuosi ? Ottennero essi dall'autorità eccle^ 
siystica che il cadavere, sezionato ed imbalsamato da 
un altro amico, rimanesse in casa anche per altri 
due giorni esposto alla vista di clii dar gli volesse 
l'ultimo addio: ed intanto con gran sollecitudine an- 
darono intorno cercando danari, alEnchè il trasporto 
e i funerali tornassero meno indegni che fosse pos- 
sibile dtlla celebrità di tanto artefice. Né gì' ingan- 
nò la speranza: e si videro principi, letterati, artisti, 
cittadini di ogni maniera, far quasi a gara di venire 
in loro soccorso. Cosi la sera del giorno 4 si potè 
con uobile pompa trasportare alla chiesa il cadavere, 



che i giovani stessi si onorarono di recare sulle loro 
spalle, in mezzo un drappello di granatieri di linea, 
gran numero di ceri, ed il seguito della compa- 
gnia della morte, de' padri cappuccini e di molti 
cct'lesiastici. E incredibile la calca delle persone di 
ogni qualità e nazione accorse su tutte le strade 
a contemplare quest' atto di tenerezza e di amore 
renduto alla memoria di Bartolomeo Pirelli : calca 
che minore non fu il giorno appresso nella chiesa 
de' ss. Vincenzo e Anastasio, dove celebrate furono 
solenni esequie, e il cadavere coperto di coltre gia- 
ceva in terra all'uso della primaria nobiltà romana. 
Né di ciò contenti i pii giovani, pensando già alla 
possibilità di un monumento sepolcrale, ordinarono 
la sera del giorno 5 di fare legalmente la ricogni- 
zione del cadavere alla presenza d'illustri persone 
della città e dell'accademia ; e con fogito gratuito 
dell'egregio e benemerito sig. Filippo Apollonj, se- 
gretario e cancelliere della R. C. A. ('J , ne fecero 
formale consegna al reverendissimo parroco. 

(*) Appresso di lui hanno ì giovani depositato le liste 
e delle sovvenzioni avute, e delle spese fatte pel trasporto 
e funerale suddetto, affinchè ognuno possa vederle a suo 
piacere e considerarle. 



INTORNO UN MAGNlFrCO GRUPPO SEMICOLOSSALE RAP- 
PRESENTANTE S. MICHELE ARCANGELO, ESIGUITO 
DAL PROF. CARLO TINELLI, DI CO.H.'WISSIONE DELL'iS- 
TELLIGENTISSIMO SIG. M. HOLLTZ, AM.4.T0RE DELLK 
BELLE ARTI. 

Un nuovo mirabile gruppo, rappresentante l'ai*- 
cangelo s. Michele, abbiamo testé osservato nello stu- 
dio del celebratissimo prof. Carlo Finelli da Carrara. 
Questa classica nostra Italia, madre feconda di tanti 
eroi, che portò un dì nel suo seno gli Alighieri ed 
1 Buonarroti, de' quali l'uno usò la pai'ola e l'altro 
lo scalpello per dimostrare agli uomini dell'età loro, 
nonché alle future generazioni, l'archetipo di quel 
bello che era stato loro trasfuso nell'animo; non 
può di quando in quando non riprodurre nuovi 
esempi di quel genio ci'eatore, a far fede ai mortali 
che ancora è fertile il suo terreno, e a rendere agli 
uomini manifesta quella favilla, che accende ed in- 



45 



fiamma del suo fuoco gli animi loro. Ed iiilald se 
la mestieri agli artisti d'un genio superiore che sia 
lora duce nel dar vita a quelle opere, lo imma- 
gini delle quali sono poste continuamente ai nostri 
sensi, quanto non dovrà essere stato ispirato il no- 
stro autore nel concepimento non meno che nell'ese- 
cuzione d'un' opera, di cui non poteva in teiTa tro- 
vare altro esempio? 

La prima idea che in questo gi'uppo si apprc- 
lenta, ed è ciò che ha avuto in animo l'insuperabile 
artista, è quella di mostrare che Lucifero è rimasto 
colpito ed atterrito e direi quasi ridotto al nulla 
uon tanto dalla forza Gsica e naturale della tagliente 
ed acuta spada dell'angiolo, quanto dalla sonora voce 
dell'Onnipotente, che a modo di tuono e di folgore 
egli fa che rimbombi terribilmente nelle sue orec- 
chie. La quale tremenda voce, trasmessagli da Dio 
per mezzo dell'ai-cangelo Slichele, nell'atto die con- 
tiene ed apporta al medesimo la sua maledizione, lo 
priva nello slesso tempo e gli interdice la gloria del 
paradiso. Quindi è che per sapiente accorgimento 
dell'anista scorgi Lucifero che curvo ed aggruppato 
a terra nasconde la superba sua fronte alla luce 
della divinità, della quale il suo sguardo non poten- 
do piii sostenere la vista, sottraendosi a quella si 
siorza quasi di cacciarsi nelle cupe tenebre dell'abisso. 

Se molte furono e gravi le difficoltà, che in que- 
sl' opera ha dovuto incontrare e superare il l'incili, 
la maggiore certamente era quella di dare a quest' 
angiolo un carattere proprio e conveniente agli 
abitanti delle sfere celesti. Or come sia riuscito 
nel suo pensiero, e quanto addentro abbia pene- 
trato questo insigne scultore e gloria della no- 
stra Italia nello spirito di un soggetto cosi niaravi- 
glioso, lo hanno con applauso universale concorde- 
mente deciso gli intelligenti tutti che in folla si sono 
recati e si recano continuamente a vashecaiarc que- 
«t' opera. 

11 carattere adunque dell'angiolo è così maestoso 
nobile ed imponente, che ognuno ha di leggieri ri- 
conosciuto in quest' essere un tale che in se contie- 
ne, sotto forme terrestri e mortali, la bellezza dcll'ini- 
mortalilà. La sua azione poi è così dignitosa e leg- 
giera, che tanto nel di lui jinsso nobile e grandioso, 
quanto nelle sue braccia, delle quali la destra solle- 
Tata in aria brandisce la spada, la sinistra abbassata 
Jtringe la catena dell'atleiTalo e vinto nemico. Si ve- 



dono svihippate, con una convenevole dignità e leggia- 
dria, tutte le parli le piìi belle e le piìi nobili del suo 
corpo. La testa di quest' angiolo dimostra la fre- 
schezza di un delicato ed avvenente giovine i la cui 
fisionomia è veramente celeste. Nel che certamente 
l'artista non può non avere avuto presenti que' fa- 
mosi versi: 

La sua forma invisibil d'aria cinse 
Ed al senso mortai la sottopose, 
Umane membra, aspetto uman gli finse, 
E di celeste maestà il compose; 
Tra giovine e fanciullo età confine 
Prese, ed ornò di raggi il biondo crine. 

Al quale effetto eziandìo bene si uniscono e mii-a- 
bilmente concorrono i lunghi e ricchi capelli, che gli 
scendono lestiiermente su^jli omeri. L'aureo elmo, 
che lo riciiopre, facilmente lo dà a riconoscere per 
il supremo duce delle schiere celesti. Né vi fu alcu- 
no che non trovasse eccellente ancora il panneggia- 
mento; poiché tutti vi riconobbero un finissimo gu- 
sto, e non minore artificio nel velare ciò che era 
forza nascondere agli occhi de' riguardanti. 

E bene puoi riconoscere dalla severità e dalla 
purezza dello stile di quest' opera, l'austerità e la 
semplicità delle abitudini di questo filosofo artista, 
il quale è tanto infiammato dell'amore dell'arte sua, 
che, in una vita solitaria e romita e tutta remota 
dalle umane biighe, ripone la sola e principal parte 
del suo merito nel dare il perfezionamento e la eccel- 
lenza ai suoi lavori. Talché se non fosse la tromba 
della fama delle sue opere, che risvegliano e richia- 
mano di quando in quando alla di lui officina l'am- 
mira zione degli uomini, sarebbe interamente ignoto 
alla maggior parte della società, alle cui orecchie 
poiché non giunge se non di rado la fama di quelli 
che le sono continuamente celali, è forza che sia più 
pronta a corteseggiare e favorire coloro, che colla 
quotidiana frequenza procacciano a loro stessi, onori, 
fama e ricchezze. 



44 




LA CITTA E RADA DI ALGERI 

PRESA DALLA PiBTE DI POSLKTE. 



]\fl tLuc ai nostri lettori raspelto della rada e 
delia città d'Alg(M-i non ci difFouderemo sulla de- 
scrizione di quella città, non de' suoi edifizi, né 
di tutto quello insomma che j)uo appartenere topo- 
graficamente alia sua posizione. Sono cose queste 
clic trovarsi in molti libri, ed in occasione della 
recente conquista fatta sotto il re Carlo X si sono 
]>iil)blicate notizie estese su tale oggetto. Ci occupe- 
remo lunsi de' risultamenti e delle osservazioni pre- 
«(•male da una commissione di alti funzionari fran- 
cesi spedila in Algeri (in diill'epoea della conqui- 
sta, e tornata non lia guari a Parigi, dove ora si 
è formata una commissione nuova che dee lavorare 
sopra essi risultamenti ed ossii\ azioni presentate 
dal In prima. 

Dopo la cODcjuista sempre nieinoraMIc d'Al- 
j.;eri, l'industria ha i\i cangiato totalmente di dire- 
zione. In mezzo pero alle diilidenze ed ai timori di 
(yni specie, che debbono preoccupare tanto i coloni 



europei quanto gì' indigeni dell'Affrica, non può 
tuttavia sperarsi che gli affari sieno giunti ad uns 
situazione pienamente soddisfacente e regolai-e. 

li connuercio d'Algeri prima della conquista ei'a 
quasi interaniente tra le mani degli ebrei e del dej: 
questi specialmente erasi riservato il privilegio di 
vendere la cera, la lana ed il sale. La maggior parte 
degli affari faceasi coll'Italia, e specialmente per la 
via di Livorno. Da questa città immettevansi spe- 
cialmente in Algeri i tessuti, le chincaglierie, lo 
zuccaro, le derrate coloniali , ed anche il caffè, 
quantunque per quest' ultimo si ricorresse piuttosto 
dagli algerini alle caravane della INIecca. Oggi, come 
allora, s'importa in Algeri molto più di quello ehu 
se n'esporti; ma il principale commercio si fa colla 
FraiK ia. Si calcolò nel 1832 che la Francia inimisv 
le seguenti valute di generi: 

In vini franchi 684.000 

In farine « 522,000 



in -Algeri 



45 



In zuccaro « 35^,000 

In caffè » 106,000 

In olio commestibile ... « 86,000 

In tessuti <■ 657,000 - 

In merci diverse « 45,000 

In cuoio conciato « 141,000 

In chincaglierie « 148,000 

In ferro lavorato .*...« 110,000 
In legname da costruzione. « 92,000 

le quali cifre montano ad un valore d'importazione 

per franchi 2,947.000. 

Al conliario le principali esportazioni d'Algeri 

per la Francia consisterono nelle seguenti valute : 

In cuoio franchi 104,000 

In olio « 381,000 

In cera ,....« 79,000 

In rame , . . « 8,000 

In penne di struzzo. ... « 3,000 



Totale franchi 57 5,000 

Se si esaminassero le importazioni che si fanno 
in Algeri dall'Italia, dalla Spagna, dalle possessioni 
inglesi ecc., si riconoscerebbe ugualmente che gli 
oggetti di tali importazioni raggiransi in sostanze 
alimentarie, in dei-rate coloniali, in tessuti, e chin- 
caglierie, e che si traggono soltanto di là del cuoio, 
dell'olio comune, del kermes, poco rame e penne di 
struzzo. A misura però che la provincia ora francese 
di Algeri si paciflcherà, e che la coltura vi si renderà 
più facile, cesserà allora non solo dal comprare all' 
estero le sue sostanze alimentarie, ma potrà anzi 
fornirne alla Francia, all'Italia: ed è anzi probabile, 
in ragion del clima, che potrà quel suolo produrre 
alcune delle derrate delle colonie americane. Allora, 
uè quest' epoca sembra remota, la natura del com- 
mercio d'Algeri risentirà un gran cangiamento pe' 
suoi prodotti interni. Sara sempre però nelle tran- 
sazioni commerciali un rilevante oggetto quello delle 
manifatture e de' tessuti. 



-TTlT>^^<gMI 




IL BAMBOU 

Il bambou è una di quelle piante che sconcerta 
tutti i metodi di classilicazione. I botanici conven- 
gono nel collocarla nella famiglia delle gramigne. 
Scmjjra pero che i tronchi e i rami del bambou, 
che s'innalzano quanto quelli de' più alti alberi, poco 
convengano ad un'erba che si calpesta co' piedi; ma 
l'occhio indagatore dell'erudito scorire delle simi- 
glianze, dove sembra esservi manifesto contrasto. 
Talvolta però le opinioni del volgo sono fondate sulla 
percezzione di rapporti, che neppur la scienza dee 
trascurare. I bnnibou sembrano confinati tra i tro- 
pici, sia che ricliieggano il calore della zona torrida, 
sia che le loro semenze non siano giunte fino ali..- 
zone temperale in circostanze favorevoli- Può nulJa- 
dimeno presumersi, che prospererebbero sulle coste 
dell'Aurica, vd in generale da per tutto ove le ge- 
late non sono a temersi. L'utilità di questa pianta 
meriterebbe che se ne facessero de' tentativi, liil'atti 
l'indiano ne trae una parte del suo nutrimento, ne 
forma utensili domestici, ed aste leggiere e capaci 
di resistere anche più che se fossero di legno pe- 
sante e dello stesso volume. Bene spesso ne' viagj^i 
di SLoperte, alcuni grossi tronchi di bambou hanno 



A 



»er\ito jier baiili, onde inaiiteni;re l'acqua che vi si 
è conservala più pura clic iu altri vasi. Nelle grandi 
isole dell'Asia, e sulle coste occidentali dell'America 
del sud, i bambou forniscono i materiali per la co- 
sti-uzione di case di bell'apparenza, di lunga du- 
rata, e suscettibili di abbellimenti di lusso, nelle 
nuali trovasi una piena sicurezza quando i terremoti 
fanno crollare le case di materiale, e sepelliscouo 
sotto le mine gì' infelici abitanti. 

Altri bambou servono per le fortificazioni, oppo- 
nendo al nemico le sue terribili spine, e forniscono 
armi da lanciarsi come dardi, la cui punta è così 
dura e tagliente come se fosse di ferro. E in questo 
genere di pianta che trovasi il vero legno ferro, 
poiché si assicura che la scure ne trae talora della 
scintille,- nulladimeno questo legno così duro può 
essere sciolto in Clanunti a segno che vi si foi-mauo 
de' tessuti: tien luogo anche del vinco per la costru- 
zione delie ceste, e se ne fa perfino della carta. Noi 
certamente non possediamo uè' nostri climi tempe- 
rali una specie di pianta propria ad usi così diversi. 
Secondo Liuueo i banibou sono de' rosacei. Infatti 
non poche e rimai-chevoli analogie sembrano iMvvi- 
cinare queste piante per gli steli lunghi, articolati, ed 
a foglie acute ecc. ; nulladimeno altre differenze sono 
sembrate troppo caraneristiche per costituire i bam- 
bou iu genere distinto. Convenne quindi procedere 
all'enumerazione delle diverse specie di questo nuo- 
vo geuerc, e su tal punto i botanici non souo stati 
d'accordo per mancanza di desciizioni bea comple- 
te, e di disegni esatti. Noi ci limiteremo pertanto 
all'indicazione delle specie le più rimarchevoli, e 
le più usuali, sulle quali è minor divergenza tra' 
botanici. 

11 bambou snmmat è il più grande. Ne' terreni 
che gli convengono ha talvolta fino a cento piedi di 
altezza, e dieciotto pollici di diametro alla base. 11 
juo legno non ha un pollice di grossezza, di modo 
che la capacità del vuoto interno rende quei lun"hi 
«teli alti a fare de' secchi, ed altri vasi analoghi, 
delle cassette, delle misure ecc. Si fanno perfino 
delle barche co' più grossi steli, adattando all'estre- 
mila pezzi di legno, ai quali si dà una forma pro- 
pria al movimento rapido di questi leggieri schifi. 

11 bambou illj è nel secondo rango per ciò che 
spetta alla sua grandezza, e s'innalza comunemente a 
jessauta o selUnla piedi. Serve agli stessi usi del 



saniniat; ma il suo legno è più grosso. Queste due 
specie amano le terre umide e fertili. 

La terza specie dicesi terin o telìn. Questa si è 
meglio delle altre osservata, a cagione de' molti usi 
che se ne fanno presso le regioni calde dell'Asia sul 
continente e nelle isole. Non s'innalza che a cin- 
quanta piedi di altezza, ma fornisce anche de' vasi 
di una sufficiente capacità, e può servire quasi in 
tutto come le prime due specie maggiori. Quando i 
suoi s teli sono recisi, si fendono per lungo, si appiat- 
tano, e quando sono prosciugati divengono tavolo 
consistenti; suddi vedendoli si hanno delle assicelle; 
gli steli grossi sono de' travi, e i piccoli dei travi- 
celli. Ninna materia propria a costruzioni riunisce 
allo stesso grado la forza e la leggerezza: di più i 
giovani germogli, sia degli steli, sia delie radiche, 
souo alimentarie, e gradite non solo agl'indigeni ma 
anche ai coloni europei. Si mangiano come gli spa- 
ragi, o sotto aceto, o per contorno delle carni. 

Una quarta specie dicesi a/iipel, ed è anche più 
piccola del telino ; ma una delle più preziose per la 
domestica economia, per l'industria e l'agricoltura 
dell'Asia meridionale: fornisce delle leve, delle scale, 
delle bare. L'indiano che ha fatto la raccolta del 
vino sul palmiere, quando ha cessato di cogliere so- 
pra un tronco ad un centinaio di piedi di altezza, 
si forma un ponte del bambou ampel per passare al 
tronco di palma vicino. Un lungo stelo di bambou 
basta per portarlo, ed un altro serve di parapetto. 
I giovani germogli di questa specie hanno un sapore 
poco differente da quello del telino. 

Una quinta specie dicesi tclio, e fornisce ai ci- 
nesi una carta solida, di cui fauno de' parasoli, e 
che i loro pittori usano per lo più per dipingervi. 
Souovi inoltre le specie denominate: la teba; questa 
è munita di punte e spine capaci di recare le più 
terribili offese: la beesha, donde gli scrittori indiani 
traggono le loro penne. Nel sistema di Linneo questa 
specie porta a ragione il nome di arundo scriptoria. 



INVENZIONE peh l artiglieria. 

n cavalicr I. G. Di Negro, maggiore dello stato- 
maggiore della divisione d'Alessandria in Piemonte, 

Do ' 

presso savie e ripetute esperienze, ha fatto nel 1832 
un' importautc inveazioae spettante ad una sostaaza 



47 



fin' 013 non usata nciraitiylÌL'iia, clic viene oinai resa 
di pubblica ragione. Vedendo per pratica tulli i gravi 
danni che uscivano dall'uso della tela di lana per 
involto de' cartocci della polvere, e per gli altri usi 
di siniil genere, pensò di sostituirvi una tela fatta 
colla borra di seta, ossia colla così detta strusa. Ecco 
i risultati elle dall'uso di questa nuova tela ne rie- 
scirono, secondo che raccogliamo da una relazione 
Stesa dopo accurate indagini. 

i. La tela di borra o cascami di seta non car- 
bonizzandosi mai, e non lasciando assolutamente al- 
cuna traccia di fuoco all'uscire dal cannone, i gravi 
danni ai quali erano esposti i cannonieri nel ricari- 
care i pezzi, danni che qualche volta andavano Giio 
al punto di far loro perdere la vita, non esisteranno 
più; ed eglino eseguiranno i movimenti con mag- 
giore prontezza, precisione, e sangue freddo, perchè 
non saranno piìi obbligati dopo il colpo a far cor- 
rere lo spazzatolo bagnato sino al fondo del cannone 
per estinguere ciò che bene spesso vi era in combu- 
Btioue. Inoltre, siccome la tela di borra di seta non 
lascia nel cannone né i fondi, nò le piccole parti 
del sacco, lasciate d'ordinario da quella di lana o di 
cai'ta, ne risulta che la precauzione che si prendeva 
per l'avanti di chiudere il focone è inutile, e per 
conseguenza il mastro cannoniere non è così esposto 
al fuoco del nemico, nò davanti alle cannoniere, né 
sulle coperte dei bastimenti. 

2. Questa nuova tela non essendo punto attaccata 
dalle tignuole, si potrà d'ora innanzi servirsene per 
l'approvvigionamento dei magazzini, degli arsenali, 
e delle piazze forti, come anche a bordo del basti- 
menti; il che non potrebbe aver luogo colla tela di 
lana, 

3. La tela di borra di seta essendo fortissima e 
molto densa, si potranno trasportare nei cassoni i 
cartocci pieni di polvere per un lungo e disagiato 
cammino, senza temere che la polvere ne esca, nò 
che si straccino per lo sfregamento contro le pareli 
del cassone; e sì eviterà parimenti il danno di ve- 
der saltare in aria lungo le marce cassoni pieni di 
cartocci per l'accensione della polvere spaj-sa nei me- 
desimi, la quale urta quasi sempre fra due corpi duri. 

4. Questa tela essendo in oltre consistente e du- 
rissima, i cartocci che ne saranno fabbricati non 
perderanno né la loro forma cilindrica, nò il loro 
Yolume; non si avrà dunque alcuna pena a caricare 



il pezzo, anche quando sia spiirco: il che non saieb- 
be facile coi cartocci di lana, attesa la somma loro 
debolezza. 

5. La tela di boira di seta può servire anclie per 
le mine, contromine, lunclii d'artilicio, saleiccioni, ecu. 
attesa la forma del suo tessuto compatto e serrato. 

6. Essendo notorio che il fulmine non ha azione 
sulla tela di seta, e che an/.i in: è j'ipulsato, ne ri- 
sulta che i sacchi dei cassoni non saianno piìi espo- 
sti ad essere incendiati : il idic poteva accadere so- 
vente, essendo i cassoni quasi sempre in contatto 
con una grande quantità di metalli. 

7. INel caso che si voglia imj)iegare (juesta tela 
per farne le vele dei bastimenti, presenteranno an- 
che il vantaeeio, che assorbendo una molto minore 

no ' 

quantità d'acqua, il loro peso sarà inferiore d'assai 
a quello delle altre tele ; ne saia piii facile il ma- 
netj^io; e se mai ' '' ihnine venisse a cadere nelle 
vicinanze del basi nto, non solamente le vele di 
borra di seta lo respingeranno, ma esse non potran- 
no ardere né pel fluido elettrico, né per alcun' altra 
materia incendiaria. 

8. Impiegando questa tela per le tende campali, 
i soldati vi saranno piii al coperto dalla pioggia u 
dai raggi solari non solo, ma saranno anche meno 
esposti al fulmine ; attesa la proprietà repulsiva di 
questa sostanza. 

9. Il prezzo di questa tela non essendo che di 
due franchi al braccio, è di erande vantarreio all'era- 
rio, perchè è inferiore a quello della tela di lana. 
E in tutti i casi il provvedere questa tela pi-esenta 
un'immensa economia, perché i sacchi non essendo 
resi dalla tignuola, se ne perde ima piccolissima 
quantità: cosa che non si è mai potuto Ottenere finora. 

10. Un ultimo vantaggio infine che presenta que- 
sta tela é, che non essendo attaccata dal sai marino, 
i marinai usandola per biancheria potranno lavarla 
sì nell'acqua di mare e sì nell'acqua dolce: il cli« 
sarà loro molto utile, siugolarnieute nei viaggi di 
lungo corso. 

Questa importante invenzione fu approvata da 
S, M. il re di Sardegna, e se viene posta universal- 
mente in uso, oltre agli accennati vantaggi, ne ric- 
scirà un altro nello smercio de' nostri cascami di 
seta, sicché si accrescerà il prodotto de filugelli. Al- 
tre liellc invenzioni abbiamo vedute anche nell'arse- 
nale di Torino, e speiialmentc l'uso di ruote di ferro 



4 



pt'i carri, non ancora introdotte in Italia, ed un 
nuovo ponte di barche di facile trasporto che venne 
giudicato di tanta comodità, che già presero ad imi- 
tarlo molti arsenali di altre nazioni. Speriamo altra 
Tolta di ragionare piii a lungo aullo stato florido 
dell'industria piemontese. 



avi, MIRAGGIO. 

Da molto tempo ò stato osservato ne' sabbiosi de- 
serti dell'Asia e dell'Affrica un fenomeno singolaris- 
simo per le apparenze ingannatrici eh' esso ci pre- 
senta. Il viaggiatore, tutto all'intorno circondato da 
vaste pianure aridissime, erede vedere alla distanza 
di alcune centinaia di passi una grande estensione 
d'acqua trattenuta entro sponde, che sembrano an- 
cora qualche rolla coperti; di alberi e di erbe ver- 
deggianti. Rapito da questa tanto aggradevole, quanto 
inaspettata apparizione; egli affretta il suo cammino, 
s'iooltra giulivo nella speranza di godei-e il riposo 
ed il sollievo di cui ha gran bisogno, e che gli pro- 
mettono quelle limpide onde e quei verdeggianti 
fogliami; ma a misura che egli crede avvicinarsi all' 
oggetto de' suoi desideri, questo oggetto s'allontana, 
e ben presto s'invola alle sue speranze. 

Questo fenomeno, conosciuto sotto il nome di 
uiir.iggio, che i nostri scienziati, i quali hanno viag- 
giato nell'Egitto, hanno piii volte osservato in quelle 
contrade, era gii stato anticamente veduto dall'esercito 
d'Alessandro nei deserti della Sogdiana all'est del 
mar Cappio, come ci si riferisce nella storia di que- 
sto eroe, « Quando l'ardor del iole, cosi Q. Curzio 
nel liò. 7 cap. 17, accendeva le sabbie di questi de- 
tertì, si sarebbe detto che tutta questa terra non 
presentasse che un incendio generale ; il sole era 
oscuralo dai vapori che si alzavano da questo suolo 
infuocato, e questi immensi campi offrivano l'aspetto 
di un vasto e profondo mare. 

Al principio dello scorso secolo il viaggiatore 
inglese Bell d'.Antermony, che recavasl a Peekino, 
U-(ivossi verso la mila d'nttobre nel saljbioso de- 
serto, che si^p.ira la Siberia dille frontiere della Gina, 
e vide egli pure il medesimo spettacolo, di cui ren- 
de conto colle 2)arole seguenti: «Questo sterile de- 



serto, così egli, offre allo sguardo una superficie per- 
fettamente uniforme.... Alcune volte alla mattina 
io era aggradevoi mente colpito dal vedere innanzi a 
noi a poca distanza, come un grande e maestoso 
lago, circondalo da file di begli alberi: ma ciò noti 
era che un' illusione di ottica prt)dolta, io eredo, dai 
vapoi'i che ingrossavano gli oggetti in modo di con- 
formare in grandi alberi i piccioli arbusti sparsi pel 
deserto. » 

Quando le truppe francesi entrarono nel deserto 
dell'Egitto, esse ebbero egualmente questo singolare 
spettacolo del miraggio. In vece di una pianura ari- 
da e sabbiosa, eh' esse avevano realmente innanzi 
a ' loro occhi, credevano di vedere un gran lago, nel 
mezzo del quale apparivano de' villaggi fabbricati 
come sopra altrettante isole, e presentavano questi 
oltre la loro immagine diretta anche un'altra imnia- 
gine rovesciata. Il sig. Eiot diede ingegnose spiega- 
zioni di quest' ultimo fenomeno nella sua opera chs 
ha per titolo: u. Ricerche sulle reflazioni straordi- 
narie che hanno luogo presso rorizzonte. » Questa 
opera x'ende ragione nel modo il piìi convincente del 
fenomeno che presenta gli oggetti terrestri in una 
situazione rovesciata; ma io non vi trovo la spie- 
gazione de' fatti che producono. Questa singolare illu- 
sione è talmente sorprendente, che inganna gli occhi 
di tutto un esercito, il quale crede di vedere un bel 
lago in una pianura, ove altro non esiste che un 
arido ardente ammasso di sabbia. 



LOGOGRIFO 

Tronca il capo, ed un' erba ti avrai 
Cui fé chiara il meonio cantor; 
Togli il ventre, ed in me troverai 
L'alma diva che piega ogni cor; 
Senza piede città diverrò, 
Ove uu saggio gran tempo regnò; 
Sfido intiero con animo forte 
Le tempeste, i perigli, la morte. 



Sci AH ADA PBBCEDSRTE = Sol-pZìlcllo. 

TU'OGUAFIA DULLE BELLE ARTI, VIA IN ARCIOI^E It. 100, COIt APPROTAZIO^TK. 



/ 



ANNO 




DISTRIBUZIONE 



Si pofiBucA. OGNI Sabato 



ROMA 



25 Aprile 1835. 




LEOPOLDO CICOGNARA 

Questo sommo ingegno, che meritossi il bel 
nome di Wiukelmanu italiano, fu min La guari ra- 
pito alia nostra penisola. I giornali e le accademie 
principali d'Europa, non clie d'Italia e del nuovo 
mondo, risuonarono, e risuonano tuttodì di sue lodi: 
e le biogi'alie e gli elogi di chiarissimi italiani, di Paolo 
Zanuini, Delend. Sacchi, e Diedo, e Peruzzi, e l'è- 
tracci, e IMalvica, e Melchiorri, e Sagredo, e Zanetti, 
jjirauo per le mani di tutti, e molti altri ancor S(; 
uè aspettano. iVon sarà discaro ui nostri leggittori 
•he tioi pure, con brevi notizie di sua vita ed opere, 



tributiamo omaggio ad un un uomo, che fu uno de' 
principaiii ornamenti d'Italia e dell'età nostra. 

Degno concittadino e contemporaneo ad Alfonso 
Varano, al Bonati, al Testa, al ftlinzoni, al Moratelli, 
al Campana, al Frizzi, al Foschini, al Muzzarelli, 
al Couìpagnoni e all'unico Monti, nacque Leopoldo 
in Ferrara li 26 novembre 1767 della nobil fami- 
glia de' conti Cicogiìara. Cresciuto mirabilmente, 
non solo agli esercizi cavallereschi, ma ben più ad 
ogni genere di scienze e di lettere nel collegio ik' 
noljili di Modena sotto gli ammaestramenti del Cer- 
retti, a cui fu discepolo prediletto, e del Cassiaui^ 
Paradisi, Spallanzani, Scarpa, ^ enturi ecc., trasse egli 
per maniere straordinarie, viveute il padre, a Roma 
di poco oltre 20 anni. L'abate Cancellieri e Ma- 
rianna Dionigi, ambedue di chiarissimo nome, gli 
procurarono la conoscenza de' piìi valenti letterati ed 
artisti, de' quali onoravasi Roma a que' gioi'ui; ed 
applicatosi in ispezial modo agli studi dell'archeo»- 
Ligia, del disegno, della pittura, suoi amici e con*- 
paoni in essi furono il Camuccini, il Benvenuti, il 
Sabatelli, ed altrettanti rinomatissimi. Ascritto in 
così verde età a molle e celebri italiane accademia 
di belle arti e di lettere, siccome lo fu di poi a 
quante principali ne sono sparse ne' due nmndi , 
e tra «pieste all'instiluto di Francia, comincio da 
quel tempo in lui la passione de' viaggi per istri»- 
zion sua, che tutta sin quasi agli ultimi di gli fecfi 
correr più volte l'Italia, la Svizzera, la l'r.incia, e 
la Prussia, e l'Olanda, e la Oermania, e l'Inghilterra. 
E con versi e poemetti eomiiieiò ancor da quel tein- 
po a procacciarsi fama d'elegante poeta. Restituitosi 
quindi in patria, si disposò nell'anno 1794 a Maj- 
similiana Cislago veronese, eultissima donna, che 
egli ou' rò vivente, e dopo morta all'entrar deli'au- 
no 1ì;07. 



50 



Strascinalo coutro sua voglia nel vortice delle 
vicende politiche del 1796, sostenne con lode di rara 
probità, da ninno ricusatagli, luminosissimi ed am- 
biti diplomatici impieghi ; e com' ebbe il coraggio 
di resistere in più circostanze a comandi violenti e 
a potenti estorsioni de" dominatori di quel tempo, 
cosi ebbe la grandezza d'animo, ad onta dcgl'impe- 
dinieuti a ciò fare frappostigli, di ritrarsi da quella 
carriera sin dall'anno 1iS07, per restituir tutto se 
stesso ai ben' amati suoi studi. E accoppiatosi in se- 
condo nozze nell'anno seguente a Lucia Fantinati 
vedova Foscarini, rara donna superstite ad un tanto 
marito, fu chiamato a presiedere, come al veneto 
ateneo, così alla celebre accademia di belle arti eret- 
tasi allor di recente in quella metropoli, del cui 
incremento e lustro fu egli tenerissimo sempre mai, 
e cagiou prima, al dire di quegl' illustri accademici. 
Fu da quel suo ben' augurato riposo dalle cure 
politiche, che l'Italia e le belle arti riconoscono 
opere innumerevoli per quantità e pregio : e tra 
queste, siccome di maggior polso, i suoi Ragiona- 
menti sul hello : la Storia della scultura impresa 
con lunghi viaggi e studi ed iutìniti dispendi, impie- 
gandovi gran numero di giovani artisti, de* cjuali, 
emulando il suo grande amico Canova, fu egli il 
benafattore ed il padre, e da loro non men pianto 
di quello: e V Illustrazione delle più cospicue fab- 
briche di Venezia •■ e le Memorie spettanti alla 
storia della calcografia, a confutazione in molte 
parti d'alcune inesattezze di Duchesne ; siccome a 
redarguire l'ingiusto sistema, anziché giudizio, del 
Deuina, aveva egli in difesa dell'onor patrio dettato 
in altro tempo le sue memorie, e Ragionamento in- 
torno alFindolo e al carattere degl'ingegni ferra- 
resi. Oltre queste opere però, che principalmente 
raccomandano il nome suo alla posterità, infinite al- 
tri; memorie e trattati ed elogi egli dettò, de' quali 
è a vedersi l'indice in un volumetto di prose e poesie 
pubblicato in Ferrara per il Domatclll l'anno 1834 
testò scorso, ad onorare la memoria di taut' uomo. 
E l'ouoraron vivente con commende ed ordini 
ca\allercschi i re di Svezia, di Sardegna, di Dani- 
marca, e Cjuel modello de' sovrani Francesco I impe- 
ratole d'Austria jii.uito da' suoi popoli e da Europa 
tutta, e Napoleone Boriaparte, e Gioacchino Murat. 
]] re d'Inghilterra lo regalava de' modelli in gesso 
de' più celebri marmi del Partenone; il re di Baviera 



di quelli delle sculture eginetiche ; il re di Prussia 
d'un insigne musaico; Elisa Bonaparte lo fregiava del 
medaglione del merito; e S. A. B.. il duca di Wei- 
mar ed altri sovrani lo accoglieano co' riguardi do- 
vuti a tanta celebrità. E Leone XII, pontefice co- 
tanto benemerito della religione e degli studi, acqui- 
stava alla vaticana l'unica e famosa biblioteca dì 
quel grande, e illustrata dal Cicoghara stesso con un 
Catalogo ragionalo dottissimo e sparso di peregrine 
notisie, le conservava nella sala, in cui fu collocata, 
il nome di biblioteca Cicognara. E per non ecce- 
dere i termini d'un' articolo biografico, il Canova lo 
amò e tenne qual fratello, a lui regalava il marmo 
di Beatrice, chiudeva la sua carriera artistica col 
busto colossale dell'amico, spirava il 13 ottobre 1822 
nelle di lui braccia : e il Cicoghara nell'accademia 
veneta sul cadavere dell'amico recitava il giorno ap- 
presso tra i proprii e i singulti e le lagrime degli 
ascoltanti l'orazion funebre a quel sommo, e tutta 
chiamava l'Europa ad erigergli un grandioso monu- 
mento in Venezia, che sorse mirabilmente a lui in 
men di quattr' anni, e chiudeva egli pure la lettera- 
ria sua carriera con uno scritto sul tempio Cano- 
viano di Possagno. 

Trasse gli ultimi anni fra dolorose ed abituali 
malattie, che lo portarono ad una lenta consunzione. 
E sofferente e tranquillo e vigoroso di mente sino 
allo stremo, rese più volte neU'avvicendar di quelle, 
e nell'ultima che lo rapì, luminosa testimonianza in 
se stesso alla verità e santità di nostra divina relisio- 

o 

ne, con tutti cercarne, e riceverne con edificante ras- 
segnazione e pietà ì conforti. Empiono l'anima di 
consolazione e di rispetto le lettere autografe, che 
abbiam sotl' occhio di lui, scritte in tempi di malat- 
tia agli amici, e ciò che nel suo elogio funebre re- 
citato nella chiesa della Certosa in Ferrara ne tra- 
mandò il eh. can. Peruzzi per testimonianza dell'Eino 
e Rino sig. Cardinale Monico Patriarca di Venezia. 
L'ultimo giorno di sua vita fu iu qiicst' ultima città 
nel mattino de' 5 marzo 1834. 

Quali magnifiche esequie, qual corteggio di ma- 
gistrati, di letterati, di artisti, di popolo s'avcss' egli 
nella basilica di s. Marco iu Venezia, e nel tempio 
della Certosa in Ferrara dove furon trasportate le 
sue spoglie, e quali onori la patria sua decretasse a 
lui, puossi legger difiusamente nel Petrucci e nel 
Zanetti. E alla biblioteca di quella illustre e ricono- 



SI 



scciite sua patria legava egli i preziosi suoi MSS., 
il busto scolpito dal Rinaldi, e l'altro puro condot- 
togli dalla niaao amorosa del Canova, per esser col- 
locato sul monumento suo, dopo ciie ne avssero go- 
duto in vita l'inconsolabile sua vedova, e il conte 
Francesco di lui unico figlio del priiiio letto. 

Alto della persona, perfettamente proporzionato 
di luembra, di fisouomia e d'aspetto nobilissimo e 
di modi, di sguardo penetrante ed amabile, fu un 
tipo di bellezza, e l'esterne sue forme stesse facevano 
fede dell'altezza dell'animo suo e dell'inireonn. Ani- 
mata, copiosa, irresistibile era la facoudia del suo 
dire. Ebbe deti'attori ed invidi, ma niua dispregia- 
tore : tacquero le ire eoa la morte sua ; e mentre 
vive e vivrà immortale la di lui memoria, quella 
dtìgli cmoli suoi già uou è piìi. 



LA SETTIMANA 

CALKtlDlRIO STORICO 'FATTI STORICI E POLITICI- 
MORTI ILLUSTRI TACCINAZIONE. 

30 Blarzo 1282. Vespro siciliano o massacro fatto 
iu Sicilia, al suono della campana dei vespri, 
di tutti i francesi eli' erano restati nell'isola dopo 
la conquista clie Carlo d'Aiigiò, fratello di san 
Lodovico re di Francia, aveva fatta del regao di 
Napoli e di Sicilia sulla casa imperiale. Il nu- 
mero de' francesi morti si suppone essere stato 
di ottomila. Uno solo fu salvato, dice la storia, 
cliiamato Desporcelet a cagione della sua gran 
prudenza e virtìi. 

30 Marzo 1806. Giuseppe Bonaparte è dicliiarato 
re delle due Sicilie. 

Si Maizo 1814. Capitolazione di Parigi sottoscritta 
alle due ore della mattina dai colonnelli Denio e 
Faubrier a nome dei marescialli Mortier e Mar- 
mont. A mezzo-giorno l'impei'atore delle Russie, 
il re di Prussia, ed il generalissimo, fanno il 
loro ingresso a Parigi alla testa d'una gran parte 
delle loro truppe. 

1 Jtprile 1818. Proclamazione di Giampietro Boyer 
presidente di Haiti al popolo ed all'esercito della 
republica all'occasione del suo arrivo. In questa 
proclamazione, datata dal Port-au-Prince capo 



luogo del suo governo, promette di sostenere i 
dii-itti del popolo, e l'indipendenza dello stalo. 
2 Ajjiile 991. Ugo Capeto di Francia fa prigionie- 
ro il suo competitore alla corona, Carlo zio di 
Luigi V, ultimo dei re della seconda razza, e mor- 
to senza figli. Tutta la nazione si riunisce in fa- 
vore di Ugo Capeto conte di Parigi, discendente 
di Roberto e d'Eudes. 

2 yiprile 1814. Decreto del senato di P^raucia detto 

conservatore, cbe dicliiara Napoleone decaduto 
dal trono,- il diritto d'eredità abolito nella sua 
famiglia, il popolo francese e l'armata sciolti 
verso di lui del giuramento di fedeltà. 

3 jdprile 1203. Giovanni Senzaterra re d'Inghilter- 

ra, pugnalò in un battello a piedi della torre di 
Rouen il giovane Arturo suo nipote, e lo gettò 
nella Senna, dove il corpo fu pescato il giorno 
dopo, e sepolto nella chiesa di Nostra Donna della 
buona ventura. Giovanni, cacciato dalle sue terre 
di Francia in seguito di questo delitto, perde più 
tardi la corona d'Inghilterra per odio dei suoi 
sudditi. 

3 Aprile 1799. Presa di Sour (aulica Tiro) fatta dal 

general Vial. 

4 Aprile 1284. Morte di Alfonso V re di Leon e di 

Castiglia sopranominato il saggio e l'astronomo. 
4 Aprile 1804. Formasi a Parigi una società per 
propagare la vaccinazione. Molti saggi dell'ino- 
culazione del vaccino erano stati fatti dal primo 
giugno 1800 su trenta fanciulli col fluido man- 
dato da Londra. Devesi a Larochefoucauid Liaan- 
Court l'introduzione di questo preservativo con- 
tro il vaiolo. Prima di questa rinnovazione, di 
ogni tredici persone allette dal virus vaiolico 
ne moriva una. 

4 Aprile 1817. Morte di jMassena italiano (mare- 

sciallo duca di Rivoli, principe d'Esting). 

5 Aprile 1250. S. Lodovico è fatto prigioniero in 

Egitto co' suoi due fratelli, ed i suoi principali 
signori. Quindi è messo in libertà col mezzo di 
40,000 lire per il riscatto dei suoi compagni, la 
resa di Damiata per il suo proprio riscatto, e la 
promessa di una tregua di dieci anni. 
5 Aprile 1795. Trattato di pace tra la repubblica 
francese ed il re di Prussia, concluso a Basilea da 
Francesco Bartlieleniy, nipote dell'autore d'Ai»»- 
carsi, e dal barone d'Hardenberg. 



S2 




CHIOSTRO BE' CERTOSIM IN ROMA 



Dove un ciorno esistevano le famose magnifiche 
terme diocIeEiaue- ti'ovansi ora, tra gli altri pubblici 
e grandiosi edilizi, la chiesa della Madonna degli 
Angioli, e l'aunesso vastissimo monastero de' certo- 
sini, di cui qui rappresentasi il cortile vasto e qua- 
di'ato circondato da un portico sostenuto da cento 
eolonne di travertino. Hanno all'intorno le loro assai 
«omode celle i RR. padri certosini, a cui è affidata 
la cura del magnifico tempio annesso. L'architettura 
di questo celebre chiostro è del famoso Michelan- 
gelo Buonarroti, che d'ordine del pontefice Pio IV 
ridusse ad uso di chiesa la gran sala delle antiche 
terme, ni tutti gli cdifizii dell'epoca imperiale queste 
terme sono «lucllc di cui restano maggiori avanzi. 
l'er dare un idea delia vastità delle medesime, ba- 
slsrà accennare, che aveano 1,0G'J piedi di lunghezza, 
altrcttaulo di larghezza, e 4,276 piedi di cii-confe- 
venza. Si narra che quest' immensa costruzione co- 
stasse la fatica di 7 anni a 40,000 operai per la 
maggior parte cristiani. La chiesa ora di s. Bernardo 
era uno de' calidari o sferisteri angolari, corrispon- 
di'ule all'altro che si osserva quasi incontro il can- 
«illo della villa già Negroni, oggi Massimo. Esteu- 



deTasi quindi il gran quadrato fino alla via del Mae- 
cao, e proseguiva lungo la via di porta Pia fino alla 
piazza di Termini. Tra i suddetti due calidari, ossia 
tra la chiesa di s. Bernardo, e l'altro sopraccennalo 
incontro il cancello della villa oggi Massimo, esisteva 
un grand' emiciclo con gradinata, che probal>il mente 
serviva per vedere i giuochi ginnastici che faceansi 
nella piazza interna. Oltre il comodo de' bagni per 
3,200 persone, eranvi pure le stanze per lo studio, 
sapendosi che l'imperatore Probo vi trasportò la 
biblioteca annessa alla basilica Ulpia. Eranvi i nota- 
toii, i luoghi destinati alle scuole di grinnastica, all' 
armeggiare, alla musica, ed all'equitazione, oltre una 
quantità di portici e sàie magnifiche. Ma noi lasce- 
remo qui agli antiquari! la parte, eh' è tutta low> 
propria, di trattare degli antichi monumenti, bastan- 
doci di aver dato questo breve cenno delle suddetta 
terme, mentre non poteasi non farne menzione nel 
presentare il cortile del gran chiostro di questa C«»- 
tisa, che trovasi nel luogo delle terme stesse. 







LA SCIMMIA PONGOS 



È del massimo interesse la relazione clic fa di 
questa scimmia il sig. GrifEths nell'opuscolo iulilo- 
lato: Qiiattio anni iieWisoIa di Crjlnn. 

• Io dimorava, così l'autore inglese, da piii anni 
neJrisola di Cejlan. Nell'anno 1816 nel colmo della 
«tate l'orologio della paroccliia avea suonato le cin- 
que, ed il calore del sole era ardente. Per prender 
ristoro dalle mie faticlie, io andava errando tutto 
•ole per una foresta prossima al mare, e posta a 
poca disianza dalla mia abitazione. Io avea app(Mia 
fatto duecento passi per le ombrose di lizie di ([nella 
selva, quando sulla mia sinistra sentii un leggiero 
movimento simile a quello che potrebbe bire una 
ueisona cbe si celasse dietro un cespuglio. Posi orec- 
diio al romore, ma nulla piii s'intese: e continuai il 
mio passeggio, ripensando però sempre a (|uello stre- 
pito che non tardò a farsi sentire di nuovo. iMÌ Icr- 
luai, indagai cosrH sguardi, ed a traverso di liondiiso 
€5e«j>uglio mi riusci vedere due occhietti scintillanti, 
die mi riguardavano con espressione di dolcezza. La 
lesta di que" due occhi mi sembro tonJ:i, il naso pic- 
eolo e corto, ma non schiacciato, le labbra vermiglie 
t dii« Illa di denti bianchi rendevano l'aspetto di 



quella Cgtira quasi gradevole. Il colore della pelle 
avea una somiglianza con quella del topo, interrotlo 
soltanto da una leggiera tinta biancastra. 

Mentre io indagava qual creatura potess' essere, 
un movimento, eh' essa fece abbassandosi, la scopri 
tutta a* miei sguardi. Mi avanzai per prenderla, ma 
in un istante la vidi in cima ad un albero di cocco. 
Potei allora ben distinguerla, riconoscerne tutta 1« 
forme, e calcolarne la statura di circa quattro piedi. 
Assisa sopra un ramo questa creatura si pose a fis- 
sarmi con (ioni attenzione. Le feci setrno colla mano 
di scendere, ed appressarsi a me; ma essa imito il 
mio gesto, facendomi segno di montare presso di lei; 
invito eh' io non ero al caso di accettare. 

Ne'molti miei viaegi avevo avuto occasione di fare 
studi e confronti sulle diverse specie di scimmie, e 
così sugli orang-outang, su i jockos, i pongos ecc. , 
e riconobbi che questa scimmia apparteneva all'ulti- 
ma di queste specie. Tutte le volte che io eseiva per 
le mie luii!;he e solitarii! passeu^iiale av( vo l'abilu- 
dine di portare meco una piccola jirovvista di pane, 
cbe mi dilcllava distribuire agli uccelli che incon- 
trava per la strada. Vedendo che la pongos mi guar- 



54 



darà cou una specie di a\idiui, prosi ucllu iiiic ta- 
sche IMI pezzo di pane e Io gitlai a lei. Scese essa 
rapidamente dall'albero, e pnse (pud pezzo di pane, 
lo liuto più volte, e tìualnieate io lasciò, lo sapeva 
che questa esitanza era naturale alle specie de'jockos 
e de'pongos, e per farla cessare, presi un'altro pezzo 
dì pane, ne mangiai la metà e le gittai il resto. Lo 
presp ritirandosi con somma agilità, e lo mangiò ; 
quindi tornando al pezzo clie avea da principio la- 
sciato, lo limò nuovamente e lo mangiò pure cou mol- 
ta avidità. Essendo io rimasto allora per alcuni mi- 
nuti senza muovermi, la scimmia stese la sua zampa 
verso di me, ed agitandola con una specie di movi- 
mento d'impazienza, sembrò chiedermi nuovamente 
del pane. Io le ne gitlai alcuni allri pezzi che prese 
colla medesima agilità; ma tosloehè io m'avvicinava, 
fuggiva a molta distanza, nò mi lasciava mai accosta- 
re. Allora io mi volsi in dietro gillaudole tratto trat- 
to de' pezzi di pane : essa mi seguiva, mi stendeva 
la sua zampetta, l'agitava leggiermente di tempo in 
tempo e la ritirava a se, emettendo de' gridi non 
aspri ed acuti; ma, com'essa polea, dolci e prolun- 
gati. Le variale modulazioni di tali gridi doveano 
probabilmente avere un qualche signilicato. Veden- 
do finalmente eh' io nulla più le dava, prese una 
pronta risoluzione, si slanciò in cima ad un albero di 
cocco, e ne fece cadere diverse noci ai miei piedi. 
Ne aprii una con uu coltello, che avea meco, ne sor- 
bii un poco di latte, e mangiai uu poco del frutto. 
lu seguito mi ritirai a qualche distanza per lasciare 
eh' essa bevesse e mangiasse il resto ; ciò che fece 
all'istante, in modo a convincermi che questo frutto 
non eralc estraneo. La notte sopraqgiuuse, e tornai iu 
citta. La scimmia mi segui a qualche distanza; ma 
scorgendo eh' io non le badava, tornò indietro, e si 
alloutauò lentamente. 11 giorno susseguente alla stessa 
ora tornai alla foresta. La pongos era al medesimo 
posto del giorno precedente, lo la trovai giacente 
sopra i rami di un albero, guardando a traverso del 
fogliame. Tosloehè mi vide, mi corse incontro con 
molili dimostrazioni di gioia, e nella vivacità del suo 
slanciò toccò quasi i miei abili. Ascese quindi sopra 
uu albero a duecento piedi al di sopra della mia te- 
sta. Per dissipai'c i suoi timori presi un'aria d'indif- 
ferenza, e mi posi a camminare buttando de' pezzi 
di paiK; sulla strada. Scese allora pian piano, e fiu- 
tando i pezzi per assicurarsi forse s'era la stessa so- 



stanza del giorno innanzi, li mangio con molta avi- 
dità. Avevo portato meco anche qualche biscotto, ne 
divisi uno in due, e ne buttai la metà; la prese, la 
liuto al solito, riguardandola da tutte le parti, e do- 
po alquanto di esitanza, la lasciò. Presi allora un 
pezzo dell'altra metà, la pollai alla mia bocca, e le 
"inai il resto che mangiò all'istante, come anche il 
pezzo che avea prima lasciato. Fece allora ogni spe- 
cie di salti, per dimostrarmi la sua gioia e gratitu- 
dine, stendendomi poi la sua zampa per dimandarmi 
ancora del biscotto. Tutti i giorni dopo il pranzo ri- 
pelevansi le medesime scene: io andava al bosco con 
tasche piene, e le riportavo vuole. Ogni volta io le 
dava una nuova specie di biscotto o di pasta; mani- 
festava sempre le medesime dubbiezze ed esitanze, 
non mangiandone mai se prima non avea veduto 
eh' io uè mangiassi. 

Accostumata questa scimmia a vedermi ogni gior- 
no, «ta»a sempre espiando il mio arrivo. Uu giorno 
tra gli altri corse ad incontrarmi, e pose ai miei 
piedi, sempre però a qualche distanza, alcune belle 
noci di cocco. Non potei non ammirare il suo istin- 
to: ne aprii due delle più belle, ne presi una e mi 
slontanai alquanto per permetterle di avvicinarsi, e 
prender l'altra. Bebbi il latte, e mangiai una parte del 
frullo della mia noce. La scimmia segui il mio esem» 
pio. Allorché l'ora di partire fu giunta, io mi divertii 
a cavarmi il mio cappello e farle un gran saluto. Da 
principio si trovò imbarazzata, ma prese quindi si»- 
bilo un espediente: strappò alcune foglie di un ba- 
naniere vicino, e si formò all'istante una specie di 
cappello che si pose iu capo, e mi fece anch' essa 
de' saluti con comica gravità : ci separammo allora 
ciascuno per la nostra strada. Così a gradi a gradi 
diminuivano i timori e le diffidenze, e la pongos ve- 
niva a me senza mostrar più la minima esitazione O 
temenza. Il giorno seguente tornai alla solita ora ; 
ma non la incontrai; la chiamai, e mi assisi ad at- 
tenderla. Dopo un' ora la vidi venir correndo colla 
sua agilità ordinaria ; era senza fiato, le esibii del 
biscotto e del vino; lasciò il biscotto, ma trangugiò 
il vino all'istante; poi prendendomi per mano tentò 
di irarini nel più folto del bosco. Debbo confessarlo, 
esitai un istante a seguirla. ì\li atterriva l'idea di 
trovarmi foi'se in mezzo ad un stuolo di scimmie 
di questa specie. Nulladimeno, dopo uu momento di 
riflessione, superai questo involontario sentimento di 



55 



timidezza, eli' io anzi rimproverai a me stesso, e mi 
lasciai comlurre. Avea essa uà uoa so che d' impa- 
Heiiza, di cui min potevo penetrare la causa. B^acem- 
mo circa un quarto di miglio per la selva, non sen- 
za difficoltà per parie mia, e giungemmo ad un gi'up- 
po di alberi di cocco, in mezzo de* quali, con mia 
soTuma sorpresa, vidi una bella capsnnella, coperta 
di foglie, e quasi compiuta. 

Mi rammentai allora, che molli celebri viaggiato- 
ri e pi'iucipali naturalisti, attestano l'esistenza di sif- 
fatte costi-uzioni. La pongos sembrava contenta del 
luo lavoro. Batteva l'una contro l'altra le sue zam- 
pe industriose, e facea sentire quel suono gi-ato del- 
la sua voce ; che, per quanto io sempre potei inten- 
dere, era l'espressione della sua gioia. Ma ben pre- 
sto a questa esultanza successe lo smarrimento e 
l'afflizione, quando si avvide eh' io non poteva en- 
trare nella capanna senza molto inchinarmi : essa ne 
•Tea proporzionato 1' ingresso alla sua statura, e non 
alla mia. Una specie di collera sembrò agitarla, ed 
iu un istante tolse il ramo che sei'viva come d' ar- 
diitrave, e rovesciò tutto. Allora mi guidò in un luo- 
go vicino, dove trovavansi molti rami che avea pre- 
parati, ed adunati per materiali del suo lavoro : me 
ne mise alcuni sotto il braccio, ne prese anch' essa 
quanti polca portarne, e mi fece gesto di seguirla. 
Obbedii, ed essendo giunti alla capanna, intraprese 
sobito la ricostruzione dell' ingresso, ed un' occhiata 
tastò, perchè lo proporzionasse alla mia statura. Io 
aiutai come meglio potevo, ed in breve il lavoro fu 
compiuto. All' interno e presso la porta trovai duo 
banchi di musco sufficientemente lunglii, ed iu uno 
degli angoli una buona provvista di frutta e noci di 
cocco. Dopo aver dato un libero sfogo alla sua gio- 
ia, senti il bisogno di riposo, e si assise sopra uno 
de' banchi di musco, e stese verso di me le sue pic- 
cole mani, agitandole con grazia, come avea costume 
di fir sempre quando volea aver qualche cosa. Io le 
preseritai del pane e delle ova dure, che non avea 
ancora mai mangiate, e de' biscotti dolci. Dall' avidi- 
tà, colla quale divorò tutto questo, dedussi elie il po- 
vero animale avea passato forse tutta la notte, ed ol- 
tre la metà del giorno al lavoro senza prender nu- 
tvimenlo nò riposo. Finalmente giunse il momento , 
in cui mi conveniva tornare in città. Io non saprei 
narrare la di lei pena e tristezza, allorché conobbe 
eh' io mi disponeva alla partenza. Si pose innanzi a 



me. senza però trattenermi, e quando escii, emise un 
lamentevole gi'ido, che mi forzò a retrocedere. Tulle 
queste prove di sagacità m' interessavano al som- 
mo, senza però sorprendermi. Sapevo che le jockos 
e le l'ODgos, hanno l'abitudine di costruire delle ca- 
panne : accostumate a vivere in compagnia, o piut- 
tosto in famiglia, non sono estranee all' uso del fuo- 
co, sanno accenderlo, ma non con'servarlo. In oltre 
io avea avuto tante prove del loro istinto, simili a 
quelle che mi dava quest'animale, alle quali, benché 
mirabili, io era però già preparalo. 

Il giorno seguente venni alla foresta più presto 
del solilo; ma non fu senza difficoltà, che ritrovai il 
nostro staljilimento. La pongos era giacente sopra 
uno de' banchi di musco: saltò, vedendomi, ed eniis* 
quel suo grido esprimente la gioia. Io avea meco por- 
tato de' chiodi , un martello , una cassetta con altri 
utensili diversi, due tazze, due bicchieri, alcuni piat- 
ti, una caffeltiera, un fucile , e dell' esca. Desiderava 
di mettere io slesso alla prova i' istinto di questi 
animali, vedere sino a qual punto potesse sviluppar- 
si , ed assicurarmi se tutti i falli narrati ne' viaggi , 
e dai naturalisti fossero veri ,• poiché, lo confesso, la 
singolarità di tali racconti mi avea sempre lasciato 
qualche dubbiezza. Io feci dono di quegli arnesi alla 
Scimmia, clic ne parve ollremodo contenta : i suoi 
occhi scintillavano di gioia nel riguardarli e toccarli. 
Ogni giorno quindi procurai di aumentare il di lei 
mobilio , le portai successivamente due tavolinclti , 
una brocca, un piccolo coramò in pezzi, che io stes- 
so ricomposi alla meglio, non avendo voluto melleie 
alcuno a parte del mio procedere. 

Dopo c[ualche tempo, la pongos cominciò a pix- 
parare la tavola fuori della capanna, mettendovi per 
tovaglia le foglie di bananiere, a porre due sedie 
una incontro l'altra per me e per lei; ad ornare la 
tavola stessa di tiori; a disporre i fratti, i dolci, e le 
pasto ch'io portava dalla città. Queste scene piacavoli 
per la stessa loro semplicità, ripetevansi ogni giorno 
senz'annoiarmi, poiché io provava il piìi vivo interesse 
nell'osservare i lavori di tjuesto animale. Il dopo pran- 
zo , appena io avea terminalo i mici affari , aiulava 
immaneabilmente alla capanna della mia cara scim- 
mia, ed ivi leggevo e scrivevo come s' io fossi solo. 
Spesso al mio arrivo trovavo \nia piccola refezione 
che mi attendeva. Un dopo pranzo venni fortunata- 
mente pili presto del solito, e fui non poco sorpreso 



56 



éi non Irovarc Is poiigos nll' ingresso della foresta, 
forno avca per cnsliiiiie. AllVcllai il passo verso la 
•«panna , eij mi geniiui laiuriilevole mi Ferì 1' oree- 
cliiii : tulio era del resto traiupiilln. Entrai nella 
capanna, e vidi il povero animale steso sul musco ; 
le sue membra erano lacere in più luoglii, e molte 
9j)ine e pietruzze erano penetrale in dl\erse parti del 
»uo corpo, come se a bella posta avessero voluto in- 
trodursi nella carne. !• oitunatamente non avea clic 
una piccola ferita in testa , e sebbene tutte le sue 
membra fossero crudelmente lacerate, non era vi alcuna 
frattura. Si ristabilì a poco a poco, e qualcbe giorno 
dopo fu ìli perfetto stato di star seduta; ma era ancora 
cosi debole, che avendo voluto mettersi in piedi era ri- 
caduta. Mi venne il capriccio di portare un giorno una 
cliitana per osservare l' effetto che la musica avreb- 
be prodotta su quest' animale. Da principio si spa- 
Tcnlò, specialmente, allorché passando le sue dita sul- 
le corde, sentì il suono che producevano, ritirò prou- 
tflinente la mano, e nel tempo stesso con una curio- 
jità inquieta si pose ad osservare dietro l'istrumen- 
to, quindi dentro, ed in fine fissò i suoi sguardi in 
me come per interrogarmi: presi la chitarra e cantai. 
Io non saprei descrivcje la mara\iglia della scimmia. 
Tutte le sue facoltà sembravano sospese, e respirava 
appena. Un giorno, e precisamente li 28 novembre 
dell'anno 1816, guidalo non so da quale segreta agi- 
tazione, io mi recai molto più presto del solito alla 
foresta. Avevo meco buona provvista di paste e frut- 
te secchi che la scimmia gradiva moltissimo. Impa- 
sienle di giungere, camminavo a gran passi. Tutto 
ad un tratto, a qualche distanza, sento uno strepito 
del tutto insolilo ; ini atl'retto ; ma, quale orrore ! 
scoi-go nel sentiero delle tracce sanguigne : corro in- 
uanzi, e veggo uno smisurato serpente, che da prin- 
cipio presi per un boa ; ma che guardandolo più da 
ticino , riconobbi essere uno de' grandi serpenti di 
)ava, della lunghezza di circa otto o nove piedi. L'or- 
ribile lettile avea all'errato la sventurata pongos , le 
sue membra erano lacere, e molto sangue grondava 
già dalle sue ferite. Io non andava mai senza pisto- 
le cariche : ne presi una, e mirai alla testa del ino- 
»lro ; lo colpii. Lasciò allora la povera scimmia , ed 
•Izando la sua lesta, era per lanciarsi contro di me 
•llorchè gli tirai un secondo colpo, che lo fece spi- 



rare a pochi passi di là. La scimmia era slesa in 
terra senza muoversi, non solo pel sangue perduto, 
e per le ferite ,- ma anche pel terrore che le area 
cagionato l'esplosione dell'arma da fuoco, e per l'or- 
rore naturale che cagiona alle scimmie la vista de' 
serpenti. Io la presi , la portai sul banco di musco 
nella capanna. Credendola poi morta, stavo per a»- 
darmene , allorché un grido lamentevole del povero 
animale , mi fece retrocedere : io le portai qualcha 
bicchier d' acqua, e risolsi finalmente di passare ivi 
la notte. Per un momento mi lusingai ancora di sal- 
varla ; sembrava che respirasse con minor difficoltà, 
la febbre sembrava cessala. La povera pongos ! escla- 
mai : ed essa volse a me con grazia la sua testina, 
guardandomi eoa occhio di afl'ezionc. Fece quindi 
uno sferzo per avvicinarsi a me, ma ricadde sul suo 
giacitoio, e spirò. Tre giorni dopo m' imbarcai pe» 
far ritorno in Europa. i> 

TIMBRI COINCIDENTI PER IMPEDIRE LE CONTRAFFAZIONE 
DELLE CAMBIALI, OBBLIGAZIUM, DOCUMENTI 600. 

11 sig. Dapuejart per evitare le contraffazioni delle 
carte più importami ha immaginato i timbri coinci- 
denti, ed ecco in che consiste tale invenzione. La 
carta bollasi su ambo le facce di un doppio timbro 
combinato in modo che ciascuno presenta soltanto 
un immagine imperfetta, nella quale reggousi spasi 
bianchi sparsivi come a caso ; quello che manca nell* 
uno è appunto ciò che vi è nell'altro, sicché guar- 
dando a traverso contro il chiaro si vede un'imma-^ 
gine compiuta. I metodi destinati a trasportar sopra 
un conio i pezzi che mancano all'altro, è la esattezza 
della macchina che stampa le due impronte in guisa 
che i segni dell'una corrispondono esattamente alls 
mancanze dell'altra, sono tali, che questa bella io» 
venzione diviene un ostacolo insuperabile pei coi^ 
ti"affattori. {BoUettuio delle cognizioni industriali)- 



SCIARADA 

Riesce dolce a chi é stanco il secondo. 
Dopo aver faticato nel primo. 
Passeggiero è il lotale nel mondo. 

Logogrifo precedente= Piloto-Loto-Pito-Pito. 



TIPOGUAFIA DELLE BELLE AUTI, TIA IN ARCIOIHE W. 100, COK APPROVAZIONE. 



57 



ANNO 




DISTRIBUZIONE 



Si pubblica ogi»i Sabato 



ROMA 



2 Maggio 1835. 




FRANCESCO I. 

LMPERATOEE d' AUSTBIA. 

La recente perdita di questo eccelso monarca ha 
giustamente immerso nel più profondo lutto tutti i 
buoni di tutte le nazioni. Spetta alla storia l'alto 
incarico di consacrare la memoria del glorioso suo 
regno alla posterità, la quale non potrà non essere 
paiietrata d'amore e riverenza verso di lui, che fu 
lÉen sovrano che amico e padre de* suoi sudditi; di 
lui che in mezzo ad aspre vicende, ed agitato da 
oi'uda prepotenza armata, ad altro non mirò mai che 
al hitun della pace per la felicità del suo popolo, e 



del mondo ; della pace fautrice delle arti e della 
scienze. E a questo titolo specialmente che noi inten- 
diamo qui parlarne, in un giornale cioè letterario che 
dehbe imporsi una legge di non favellare giammai 
di quanto può spettare a politico reggimento. Al che 
si aggiugne che trattasi di tal personaggio, che an- 
che fuori della sua reggia, e disceso dall'augusto suo 
trono, fu sommo veramente per le sue virlii sociali, 
e ben degno quindi, prescindendo anche dal suo sa- 
cro sovrano carattere, di esser non direm commen- 
dato, chò d'uopo non n' ha egli, nò da tanto siam 
noi,' ma commemorato in un giornale contemporaneo 
al luttuoso avvenimento della sua morte. 

Era egli nato in Firenze il 12 febbraio 1768. 
Il 1 marzo 1792, di 24 anni, assunse il governo degli 
stati ereditarli ; il 7 luglio dello stesso anno venne 
eletto imperatore romano de' germani, e coronato in 
Fraucfort il 14 detto. Nel giorno 11 agosto 1804 
fu dichiarato imperatore d'Austria, e come tale pro- 
clamato a Vienna il 7 dicembre successivo. Nel 6 
agosto 1806 depose l'imperiale corona germanica, al- 
lorché l'impero germanico fu disciolto. Dio lo chia- 
mò al riposo de' giusti nell'anno suo 67" dopo 43 
anni di regno se non sempre felice, glorioso sempre, 
sì nell'avversa e si nella prospera fortuna, e soprat- 
tutto eminentemente paterno. La battaglia di Wa- 
gram non avvili, né la la vittoria di Lipsia insuperbi 
l'animo suo. La pace che dopo la prima dcinava al 
suo popolo diletto, e che in sognilo dell'altra dona- 
vasi all'Europa intera, fu l'unico bene eh' egli ebbe 
di mira. Questa pace stessa egli fece quindi ogni 
sforzo di luaiileuere per circa 20 anni: e quivìi' epoca 
felice pe'suoi popoli e per l'EurOj)! sarà ^;cgnalata 
nella storia per ben piìi gloriosa a quel sommo mo- 
narca di (juella, ch(! in militari imprese e conquiste 
la consistere l'avida ed irrequieta ambizione. JNii fu- 






roiio (juc-i dolci ozi di pace perduti; ma oltre il ino- 
aumt'iito elle alla pace stessa fece erigere nell'arco 
del Sempioiie, tutte dedicò le amorose sovrane sue 
ccii'e alla pubblica istruzione de' suoi sudditi d'ambo 
i sessi, fondando scuole pubbliche fin ne' minori vil- 
laggi; cattedre nc'licei; ampliando biblioteche, mu- 
sei; erigendo specole e scientifici gabinetti. Unito il 
regno Lombardo-Veneto all'impero, rivolse le sovrane 
sue cure all'interna prosperità del nuovo regno, e con 
cesai'ea munificenza fece scavare canali, soggiogar 
fiumi, innalzar ponti, aprendo fra le roccie, tra i gio- 
ghi e scoscendimenti le grandiose strade della Sfjln- 
ga, dello Steh'io, del Lazio, e di Cadovina nelle 
Ticinanze di Belluno, patria dell' immortale Grego- 
Rto XVI, nostro amatissimo sovrano; proTvedendo 
così al comodo de' trafiìcanti e de' viaggiatori, avvici- 
naudo e congiungendo l'Insubria alla Germania. 

Emulando la pietà de' suoi maggiori sussidiò con 
sovrana munificenza i sacri ministri e le chiese, e 
somme amplissime destinò agli asili de' poveri, degli 
Oi-fani, degl' infermi. Il magaifico duomo di Milano, 
tempio che a buon diritto non della religione sol- 
tanto, ma delle arti vien detto, ebbe da lui incre- 
mento notabile con ispese veramente regie. J\è alcuno 
pili di lui meritò il titolo di apostolico, dappoiché 
fu delle prime sue cure nel 1814 il trarre dalle an- 
gustie dell'esilio il venerando ed immortale Pio VII, 
e riporlo in questa sua sede della chiesa cattolica. 
Noi li vedemmo tali avvenimenti che resteranno in- 
delebilmente scolpiti ne'nostri cuori: come vi rimar- 
ra pvirc l'augusto monarca, che tanto religiosamente 
protesse, né mancò anche recentemente di salvare 
questi stati dalle mosse ed aberrazioni di uomini tor- 
bidi e spiriti traviati. Noi lo vedemmo pure questo 
stesso eccelso monarca, che onorò della sua augusta 
presenza questa nostra città eterna; allorché la sede 
di s. Pietro era ancora occupata dal lodato pontefice 
Pio VII. Quale incontro fu quello! Quali avveni- 
menti non ricordava all'uno la presenza dell'altro ! 
Nello stesso apostolico palazzo del Quirinale, dove 
"eransi preparali all'ospite augusto convenienti appar- 
tamenti, Irovavausi allora il pontefice e l'imperatore, 
ossia quanto di più nobile e rispettabile può avere 
la religione e la sovranità. Koma è ancor memore 
delle magnifiche feste che in (juella faustissima cir- 
eost.inza, per le sollecite cure del card, (lou.salvi di 
sempre chiara memoria, liirono oll'erte all'alto pro- 



teggitore e difensore della S. Sede, il quale se man- 
cava di quel titolo che onorò in addietro gì' impe- 
ratori germani, non potè però mai scordarsi di quei 
sacri nodi che legano l'impero al sacerdozio, il trono 
all'altare, per onorarsi della protezione della chiesa 
e del trionfo della religione, vera e solida base de- 
gl' imperi. Ma se Roma è memore ancora di queste 
dimostrazioni di pubblica esultanza per festeggiare 
quel pio monarca, non Io è meno de' tratti di som- 
ma munificenza, che durante il breve suo soggiorno 
e nella sua partenza usò verso chiunque ebbe l'onore 
di avvicinarlo o di prestare a di lui contemplazione 
qualche servigio, e segnatamente verso i poveri che 
richiamavano ovunque le pieto»e sue sollecitudini. 
Noi potremmo qui riferire molti tratti sublimi della 
sua pietà e clemenza ; ma gli angusti spazi di uà 
orticolo di giornale non ci permettono di di fionderei 
sopra tanti aTrenimenti che la storia raccoglierà ne* 
suoi volumi, per far ammirare alla posterità un per- 
sonaggio che fu vero modello ai possenti della ter- 
ra, eome Icggevasi in una delle belle iscrizioni po- 
ste al sarcofago erettogli in Milano, di monarchiche 
e cilladine virtù. 



VASt ETRUSCHI. 

Questi vasi sono di terra cotta dipinti, soven- 
te istoriati, certamente si fabbricarono nell' antica 
Etruria, specialmente ad Arezzo ed a Volterra, ove 
molti se ne rinvennero. Da alcuni voglionsi nomi- 
nare greci, italo-greci o campani, ma il signor Qua- 
trarnère de Quiticy, afline di troncare le quistioni 
sul nome e sulla origine, appellare li vuole cern- 
mografici. Egli è vero, che la maggior parte di qne' 
vasi è stata scoperta nella Campania, e generalmente 
nella magna Grecia e nella Sicilia; ma non si è ab- 
bastanza osservato, che gli etruschi ludla Campania 
ebbero lungamente dominio, e che forse da essi passò 
quest'arte preziosa agli italo-greci, ai siculi, ed ni 
greci medesimi, trovati essendosi di que' vasi dal 
I/awAins e dal Dowell ne' sepolcri di Atene. Sono 
que' vasi di diverse figure, sovente elegantissime, 
talvolta ancora stravaganti; di tutte le grandezae, 
alcuni neri senza pittura, altri rossicci o giallastri, 
altri dipinti con varie fogge di ornamenti, di teste, 
e di figure, alle quali sono anche talvolta aggiunti i 
nomi delle divinità e degli eroi rappresentati. Alcune 



59 



di (jucste jiitlure sono di color rosso, niescolatn di 
biiinco su di un fondo noro, o iieiaslro: nluc !i umo 
le figure in uero su di un fondo rossiccio o giallo- 
gnolo; ed in alcuni vasi si veggono i coi;lnrui deli- 
ncati con islrunienlo taglienle, come si opc^ia nel 
graffito. L'essersi sempre trovali (jue' vasi nelle tom- 
be, ed anche in gran numero nel medesimo sepolcro, 
ha fatto credere eh' essi non servissero giammai ad 
uso domeslieo, ma dovessero piuttosto considerarsi 
come vasi sacri, che forse si consegnavano agi' ini- 
ziati ne' misteri di Bacco e Cerere, e con essi si 
seppellivano; a quei misteri o a quelle divinità ri- 
ferendosi una gran parte delle rappresentazioni, che 
essi Tasi adornano. Que' vasi sono però sommamente 
pregevoli per le loro forme, il piìi delle volte gra- 
ziose ed eleganti , pe* modelli gentili che fornir 
posiono in questo genere agli artisti, pel soccorso 
grandissimo che prestano alla erudizione, pe' dise- 
gui che alcuni presentano, arditi al tempo stesso, e 
corretti, per una idea di nobile semplicità, che an- 
nunzia lo stile d<;i primi artisti etruschi, o italo-greci 
fdj-se stile egiiieticu coltivato da prima in Italia; per 
le belle forme delle vesti, delle sedie, dei vasi, di 
yarie altre masserizie, che forse altrove difficilmente 
•i rinverrebbero con tanto carattere di genuinità ; 
finalmente per la sicura indicazione, eh' essi ofi'rono 
del modo, con cui rislaurare si debbano molte statue 
e molti bassirilievi, che si trovano analoghi agli ar- 
gomenti rappresentati iu que' vasi. Molto si è scrit- 
to sul modo, con cui essi si dipingevano; è assai 
probabile che si applicasse sul vaso un ritaglio di 
una materia pieghevole, come sarebbe la nostra car- 
ta, e die si coprisse di vernice il rimanente del vaso. 
I contorni delle figure restavano per tal modo deli- 
neati nell'argilla che conserva il suo colore naturale, 
ed il pittore non aveva al più che ad aggiungere in 
alcuna parte qualche tocco leggiero pe' lineamenti 
piò. minuti, o qualche ombra nelle piegature. IN è a 
questa congettura si oppone la osservazione già ac- 
cennata di sopra, che in alcuni vasi si veggono i 
contorni delineali con un istrumento tagliente; non 
escludendo questa pratica , che forse adoperarasi 
solo allorché la creta era molle, e il metodo prece- 
dentemente indicato, che forse si «sava ne' vasi già 
formati e ben secchi. Il sig. 3Iajner pretende che 
i rasi di jNola tutti neri, o con figure dipinte sul 
fondo uero, di lavoro più «legante degli altri, e co- 



perti di una \crnice più bella e più fina, ma anuun- 
/.i^uiti uno siile [liii negligente orile foriut! e nelle 
ligure, su'no di una data (liu n'ccnle i:i confronto 
degli altri belle collezioni di qui'' vasi sono slate 
pnlililicale dal Dcmpstcru, dal Ctoii, dal Passeri, 
dal C(J)/iiì; e più considerabili soiio, oltre la reeenle 
del principe di Canino, le due ànW ìlainilloii, la 
prima illusli'ata dal sig. llnìircaville, la seconda 
dai signori Tischbeiiì ed llaliiishy. Si proseguono 
tuttora gli scavi di tali vasi in Cerreteri, Canino, 
e nella tenuta di Caniposcala in prossimità del [)onta 
d'Abbadia. Vedasi la collezione Campanari, esislenle 
in Roma ne! palazzo Giustiniani. 



CENNI .SULLi. SCOPERT.A. DELLA. NUOVA YORK. 

La scoperta di questo paese è attribuita ad Enri- 
co Hudson di nazione inglese, eh' essendo partilo 
dall'Olanda sulla nave la Mezzaluna, appartenente 
alla compagnia olandese delle Indie orientali, sco- 
perse l'isola Lunga, e quella di IMauahatan, e rimon- 
tò nel 1608 il vicino fiume, che da esso prese il 
nome di Hudson. Al suo ritorno in Amsterdam gli 
olandesi comperarono da lui questa nuova provincia, 
ed una colonia di essi partì nel 1611 per l'America, 
ove stabilitasi lungo il fiume Hudson diede al paese 
il nome di nuova Olanda, e fondò la città di Fort- 
Brauge e nuova Amsterdam, ora Albany, e nuova York. 
Il X'c d'Inghilterra Giacomo I, informato dell'accaduto, 
protestò contro la vendita fatta dall'Hudson, e ridi- 
mandò il paese occupato: ma non curandosi gli olan- 
desi delle sue pretensioni, irritato egli da questo ri- 
fiuto, oi-dinò al governatore della Virginia meridio- 
nale sir Samuele Argall di entrarvi e devastare le 
loro nuove piantagioni. Lagnaronsi gli olandesi di si 
aspra risoluzione: onde il re avuto riguardo alle loro 
preghiere, permise ai coloni di continuare le loro 
piantagioni, purché si riconoscessero sudditi dell'In- 
ghilterra, e pagassero uu annuo tributo. A queste con- 
dizioni acconsentirono i coloni olandesi, e rimasero 
tranquilli: finche nel 1623, animati forse dalla pro- 
tezione che speravano dall'Olanda, rieuìarono di pa- 
gare il consueto ti-ibuto al governatore di Virginia, 
ed eressero ai confini nuove fortezze. Rappresentatosi 
«1 re Carlo I, che gli olandesi avendovi fabltricati 
alcuni foni, riguardaransi come assolali padroni di 



€y(ì 



qtifl pai:sc, egli diede cdininissioiic ad Edmondo 
Plo\^dL•ll di stabilire una colonia al nord in vicinanza 
alla nuova Inghilterra ; onde gli olandesi, temendo 
che accrcsfiuto il potere di q\iesti vicini, fosse loro 
malagevole il sostenervisi, oH'rirono agi' inglesi di 
vendere le loro piiintagioni. Le turbolenze però in- 
sorte nell'Inghilterra vei"so la fine del regno di Car- 
lo I, impedirono l'esecuzione di questo progetto: e 
gli olandesi, approfittando del loro disordine, accreb- 
bero la popolazione, e la forza della colonia. Ma 
nel 1664 avendo nuovamente ricusato di pagare il 
consueto tributo a Carlo li re d'Inghilterra, e di- 
( Inarata essendosi la guerra in Europa fra le due 
nazioni, il re spedi sir Roberto Carr con tremila 
uomini in America, e in breve tempo s'impossessò 
di tutta la provincia olandese. Gli olandesi, mal sof- 
frendone la perdita, si vendicarono coll'occupare la 
colonia inglese del Surinam nell'America meridio- 
nale, onde poi nella pace di Breda l'auno 1667 fu 
accordato di cangiare la nuova Olanda con quella 
parte del Surinam, di cui gli olandesi erausi impa- 
di-oniti. Carlo II, t'ueiiutone così jwssessore, diede in 
proprietà la provincia situata al nord-ovest al duca 
di York suo fratello, che cangiò il nome di uaova 
Olanda in quello di nuova York. 

Insorta l'ultima rivoluzione, entrò nella confede- 
razione col nome di stato nella nuova York: ed es- 
sendo situata nel centro della discordia, ebbe mollo 
a soflVire dagl'inglesi, dagli americani e dagl' indi- 
geni. ]NeI 1775 il colonnello Alen s'impadronì del 
forte di Ticonderoga, ed il celebre Montgomery fu 
ucciso all'assedio di Quebec. Nel 1776 gli americani 
furono scacciati dal Canada; e dopo la battaglia data 
neirisola-Lunga, abbandonarono la città di nuova 
York, e si ritirarono nella nuova Jersey. Nel 177 7 
le truppe inglesi comandate dal generale Burgoyne 
furono fatte prigioniere dal generale americano Ga- 
tes. La congiura tramata a West-Point dal traditore 
Arnold fu scoperta nel 1780, e la repubblica sal- 
vata. Nel 1781 l'esercito americano si diresse da 
West-Point sulla Virginia; gl'inglesi abbandonarono 
nuova York, ed il generale \Vashington vi fece il 
solenne suo ingresso. Nel 1789 il congresso si ra- 
dunò nella della città, e ([uesto grande uomo fu 
eletto presidente dopo la proclamazione della nuova 
coslitiizione federale. 



FRA SITELE. 

Celeberrimo statuario greco, ed uno di quegli 
artisti eminentemente illustri, i cui nomi servono ad 
indicare l'apice, o la perfezione di un' arte. Sfortu- 
natamente non si conosce né il luogo, né l'epoca 
della sua nascita, né quella della sua morte, né il 
nome del suo maestro. E assai verisimile che fosse 
ateniese. Egli è, secondo fFinkel marni, il creatore 
del belio stile della scultura, il quale acquistò poi 
sotto L'sippo la sua piìi alta perfezione. Sembra po- 
tersi stabilire che sia egli nato nell'anno 361 avanti 
G. Cristo, corrispondente a quello di Roma 393. Fa- 
mosissime erano in Grecia le sue statue del Satiro, 
del Cupido, della Venere di Coo, e di quella di 
Gnido. Il Giove di Fidia, e la Venere Gnidia di 
Prasitele sembrano essere stati riguardali, in diver- 
so genere, come le due piii finite produzioni della 
grjca scultura. È nolo, aver lasciato scritto Plinio, 
che da tutte le estremità della terra s' imprendeva 
il viaggio di Gnido per vedei'vi la statua di V^enere. 
Una terza Venere di Prasitele vedeasi pure nella 
città di Tespia. Celebri sono le sculture di cui egli 
ornò i due frontoni del tempio d'Ercole in Tebe, e 
così parimenti due statue di Frine sua amica, una 
di bronzo dorato collocata nel tempio di Delfo, l'al- 
tra di marmo in Tespia presso quella di Venere. 
Varie altre città di Grecia possedevano pure opei'e 
di sua mano, Atene, Mantinea, Megara, Platea ecc. 
Plinio cita opere di Prasitele che vedevansi in Roma 
al suo tempo: una Venere, un Trittolemo, una Cerere, 
una Flora, uu Bonus-Eventus, un Sileno, un Nettu- 
no ecc. ed il noto Apollo Saurotono ossia uccisore di 
lucerle. Il merito sommo di quesl' egregio artista 
consisteva, secondo gli antichi, in tre elementi assai 
distinti; perfetta verità nella imitazione, eleganza e 
delicatezza ne' contorni, ed espressione delle dolci 
commozioni dell'anima. Noi non conosciamo finora, 
che copie delle sue opere. Egli ebbe due figli, Ce/f- 
sodoco ed Eubulo, che istruì nell'arte sua: e formò 
pure un allievo per nome Pamfilo, autore di una 
statua di Giove Ospitale, che vedeasi a Roma al 
tempo di Plinio nei giardini di Asinio Pollione. 
Sembra eh' ci sia giunto oltre all'età di 75 anni, e 
sia morto dopo l'anno 468 di Roma, 286 avanti 
G. Cristo. 



61 




CASA DI CITTA DI «RUSSELLES 



ka «asa ctt città, ossia il pala2S:ì;o municipale di 
Brusselles, è uno de' più belli tdifìzi gotici de' Pausi 



Bassi. Trovasi situato sulla gran piazza. La torre, che 
ha 364 piedi di altezza, è di uua bellezza mirabile, 



6^2 



cosliiiita (li [iiclre, ed a giorno fino alla suniinita, 
sulla quale Irovasi la statua gigantesca ci'eJuta di 
s. INlicliole, che serve di lìandeiuola, e eh' è di rame 
dorato a fuoco, avendo diciassette piedi di altezza. 
Neiranimirare quest' edifizio non si può concepire 
come rarcliitetto d'un capo lavoro sin)ile abbia po- 
tuto mancare in modo si rimarchevole alle regole 
più semplici dell'architetlura, non collocando questa 
Jiella toire nel mezzo dell'edifizio, in cui inoltre l'ir- 
regolarità si osserva fino ne'piii piccoli dettagli. Por- 
te, finestre, nulla è in armonia, e tutto presenta ali" 
occhio in questa gotica architettura una bizzarria 
originale. 

Regnard nel suo viaggio pe' Paesi Eassi narra, 
eh* egli ha letto una iscrizione latina situata in que- 
sto palazzo, da cui rilevasi che l'archiletto dopo ter- 
minata la fabbrica si appiccò per disperazione, essen- 
dosi avveduto che la torre non trovavasi nel mezzo 
dell'edifizio. Altri negano questa iscrizione, e dicono 
di avei'la inutilmente cercata per tutto; anzi di 
non averne trovata alcuna neppure presso le due 
magnifiche fontane di marmo bianco e bronzo, che 
stanno a decorazione del cortile. E da ritenersi quin- 
di che non sia stato che uno scherzo dei Reguard. 
Infatti come persuadersi che un architetto cosi di- 
stinto non si avvedesse, se non dopo compiuta l'ope- 
ra, che la torre non istava nel mezzo dell'edifizio ? 
Deve anzi credersi, che suo divisamento sia stato di 
dare al suo disegno una disposizione bizzarra, o che 
q-ualche causa fisica, locale, o politica l'abbia obbli- 
gato di seguire un piano irregolai-e, tanto più che il 
suolo era tutto paludoso, e che i fondamenti non 
hanno potuto esser costruiti che con somma difficoltà. 

MORTE K SEPOLTCRA. De' GROflNLANDESI. 

Quando alcuno muore si gettano nell'aperta cam- 
pagna tutti gli abili, i vasi, e le supellettili che ap- 
partenevano al defunto, temendosi di contrarre con 
la sola vista di essi qualche impurità o qualche 
contagio. Per la slessa ragione si portano tosto fuori 
delle case, dove alcuno sia morto, tutte le cose an- 
che nuove che appartengono agli altri inquilini, e si 
Insciano fino alla notte esposte all'aria finché n'esali 
l'odore del cadavere. In seguito si cominciano l'ese- 
quie urlando e piangendo dirottamente por un' ora: 
ed iutauto i parenti piìi strutti trasportano il morto 



fuori di casa, non dalla porla, ma si'uipre dalla fc- 
uestra : e se non si trova nella tenda, si cava per 
un' apertura falla nella parte di dietro, col ritirare 
una delle pelli, che chiudono il recinto della ste«sa 
tenda. Una donna gira intorno all'abitazione eoa un 
pezzo di leg^'io acceso, dicendo pìk.serrukpoh, cioè, 
nulla v' bri piii (jui da 'arsi per te. Intanto si pre- 
paia in lontananza, ed in luogo eminente la tomba; 
si mette un poco di museo sopra la terra nel fondo 
della fossa, e sopra il musco si stende una pelle. 
Indi si ravvolge il morto nella sua più bella pelle, 
ma in maniera che i talloni del medesimo tocchino 
il dorso : e portalo sulle spalle dal suo più stretto 
congiunto , viene deposto nel sepolcro, sul quale 
si ammucchiano grosse pietre per garantirlo dagli 
uccelli e dalle volpi. Si collocano accanto al sepolcro 
il kaiak, i dardi, e gli altri arnesi del defunto, quan- 
do sia un uomo, e gli aghi, il coltello e simili quan- 
do sia una donna : poiché da molli si suppone, che 
le anime abbiano bisogno di tali soccorsi per TÌver« 
uell'aliro mondo. Sopra il sepolcro di un fancitdlo, 
sogliono i groenlandesi mettere la testa di un cane; 
perocché l'anima di un cane trova la strada per 
tutto; e non manca di condurre il povero fanciullo, 
che nulla sa, nel paese delle anime. Un bambino 
che non può digerire se non il latte, e non ha balia, 
è sepellito vivo colla madre morta, qualora il pa- 
dre non abbia né maniera di conservarlo, nò cuore 
di vederlo soffrire. Una vedova vecchia, afflitta, in- 
ferma e senza figli o congiunti in istato di sostenerla, 
è anche sepellita viva; poiché si crede che sia "nn 
atto di pietà, risparmiare a lei la pena di languire in 
un letto di dolore, senza spei'anza di rialzarsi. 

Sepellito il cadavere, quelli che hanno accom- 
pagnato il convoglio tornano alla casa del defunto. 
Gli uomini vi stanno seduti in profondo silenzio coi 
gomiti appoggiati ai ginocchi, e la testa fra le mani; 
le femmine prostrate col volto in terra piangono, e 
singhiozzano senza strepito. Il più stretto congiunto 
del morto ne pronunzia l'elogio funebre, che ad ogni 
periodo viene interrotto dall'assemblea con pianti e 
con lamenti. Finalmente si espongono sopra il tavo- 
lato i commestibili lasciati dal defunto, e gli aisi- 
slenli ne partecipano, e replicano le loro visite di 
condoglianza per una o più settimane , finché da- 
rà uo i viveri. 



j-'Stni/i^U.vt' ar - ■ 



6 



t> 



STOllIA iNATUKALE 



ANIMALE DETTO DAL MUSCHIO. 

L'animale, clic produce il muschio, è uni) dei me- 
no comuni sul jjlobo, e sembra sopraltuMo partico- 
lare al Tibet, i'eiielra nella Gina verso roccidcute 
fiuo nelle proviacie di densi e di Se-ciuen. Esso è 
cbiamato liìan-cìati-tse, ed è una specie di daino sen- 
za corna, il pelo del quale tira al nero : ha un tu- 
more, ossia una certa escrescenza nel basso Tcntre, 
simile ad una boi-sa coperta di una pelle sottile, e 
velluta, nella quale il muschio sta rinserrato. La sua 
cai'oe dà cibo ai cinesi, e si presenta alle migliori 
tavole. L'odore del muschio è penetrantissimo, ed 
una parte di esso può comunicare il proprio aroma 
a 2,000 parti di polvere inodorosa. 



GALLINA D ORO, O FAGIANO DORATO DELLA CINA. 

Nelle Provincie australi della Cina, e soprattuto 
di Quaìi-t07i e Quari-si, vedeii ogni sorta di pap- 
pagalli all'atto simili a quelli d'America, ma non so- 
no da parogonarsi agli uccelli chiamati kin-fii, o gal- 
liue d'oro, che trovausi nelle provincie di Se-ciiit^n, 
di Jun-nan e di Cen si; non v'ha alcun uccello in 
Europa che vi si approssimi, e che meriti maggior- 
mente di essere da noi desiderato. La vivacità del 
rosso e del giallo, il pennacchio della testa, la va- 
rietà e l'accordo dei colori della coda e delle ali ia 
un corpo ben proporzionato, le hanno senza dubbio 
meritato il nome di gallina d'oro per dimostrare la 
preferenza che aver debbe sopra gli uccelli più sti- 
mati. Questi si vedono ordinariamente dipinti sulle 
corte cinesi, e formano talvolta l'ornamento delle 
nostre uccclliere. Il Sonniui, nella storia naturale del 
Buffon, lo descrive esattamente, e l'appella fagiano 
dorato della Cina, o per meglio dire fagiano ca- 
pelluto a tre Calori. Esso è di una bellezza sorpren- 
dente: il rossi), il giallo doralo e l'azzurro, sono i 
tr« colori che dominano nelle sue penne : ed alza, 
quando vuole, le sue lunghe e belle piume, come 
ttn' upupa. Egli ha l'iride ncH'occhio, il becco, i pie- 
di « 1« unghie gialle, la coda pia lunga in prop )r- 
iioue del nostro fagiano, e più smaltata di vivi e 
brillanti colori : al disopra delle penne dilla coda 



esumo altre jjcnnc lunghe e strette di colore scar- 
latto, e con gli iicehi circondati di una pelle ros^a 
come i fagiani d'Europa, i^a femmina del fagiano 
di)rato è un poco piii piccola del maschio, ha la coda 
meno lunga, ed i colori delle penne sono meno belli: 
col tempo pero di\('nta eguale al masciiio in bellezza. 
11 bigiano nero e bianco della Cina è una specie 
distinta, e non una semplice varietà del fagiano co- 
mune, del quale è piii grosso, piii grande, ed affatto 
divei'so per tutti i rapjjjrti. A è meno bella e gra- 
ziosa è Varzarola della Cina, uccello accjuatico si- 
mile all'anitra, abbenchè di molto piii piccolo: esso 
merita di essere osservalo per le due belle creslt 
di color d'arancio. 



PLA TINO. 

II platino è un metallo solido di un bianco 
bello quasi al par dell'argento, splendentissimo, di 
ottima pulitura, tenace, duttile, assai malleabile, atto 
ad essere tagliato con forbici, ed anche raschiato con 
l'ugna: non fuso pesa 20, 98. Non esiste in natura, 
che nello stato nativo, ma puro non mai; in polvere 
od in pieciolissimi grani, si trova nelle provincie di 
Choro e Barbacos (regno di Nuova Granata) ove si 
annida in un terreno di alluvione aurifero, d'onde lo 
si estrae con le lavature. Ilavveue anche nell'isola 
di s. Domingo, e nel Brasile; Vauquelin lo ha sco- 
perto iu una miniera d'argento della Spagna, o v'en- 
tra per un decimo ; quest' ultimo ha colore grigio 
di acciaio tendente all'argenten, e splendore metalli- 
co. Il platino del commerciJ è misto con ossido di 
ferro, unito ad ossido di titanio, e ad ossido di cro- 
mo, oltreché a piccole quantità di grani d'iridio al- 
legato all'osmio, ed a pagliuzze d'oro allegato all'ar- 
gento, alla sabbia, e forse anche al palladio. Esso 
platino si combina col ferro, col iodio, col palladio, 
col piombo, col rame e con lo zolfo. 



PALAZZO IMPERIALE DI PEKIN. 

L'imperiale palazzo di l'ekin, capitale della Cina, 
non colpisca lo sguardo come i palazzi europei di 
alta architettura; ma li supera in immensità, iu re- 
golarità, in elevazione, in euritmia, in sonluosila. 
Il palazzo di Pekin è lungo 3,030 piedi, e lar- 
go 2,360, nò in queste misure sono compresi tre 



64 



grandi avancorpi circondati da edifici vastissimi . 
Tutto è progressivamente abbellito a misura, che si 
va alla sala del trono, e agli appartamenti di sua 
maestà imperiale. I primi cortili sono sorpassati da 
quelli di mezzo, e questi dagli ultimi. Ma questi 
non sono né dorati, né coperti di porcellane, come 
pretendono alcuni; non sono coperti che di maiolica 



smaltata a color di cedro con ornamenti in rilievo. 
Le belle vernici e gli ori sono ne' grandi edifici, 
che sembrano fatti per incantesimo. I peristili sono 
sopra un basamento di marmo, clie dà apertura a 
tre grandissime scale parimente di mai-mo, separate 
da balaustrate adorne di vasi di metallo, e di figure 
simboliche. 



^^^^^.^-^^^^^^^^^^-vx^^ 




CAMPO SANTO DI PISA 



La pietà e l'opulenza degli antichi pisani eres- 
sero questo grandioso monumento fin dall'anno 1278 
secondo i disegni che ne fece Giovanni da Pisa. La 
corte, destinata per cemeterio degli uomini illustri 
del paese, ha 450 piedi di lunghezza, ed è circon- 
data da un vasto portico, che ha sessanta archi, o fi- 
nestre di elegante gotica costruzione. Le pareti sono 
fregiate di pitture antiche, che si attribuiscono a 
Simone Memmi, a Giotto, all'Orcagna, ed a Benozzo 
Gozzoli. Dicesi che la terra che riempie l'atrio sia 
stata portata da terra santa, tolta nelle vicinanze di 
Gernsalemme. Quante tombe di personaggi distinti 
non esistono in quel religioso soggiorno, e quante 
memorie grandi onorate e care non ridestano al pen- 
siero di chi si appressa a leggerne le sepolcrali 
iscrizioni ! Sotto il portico ti-ovi la tomba della ce- 



lebre Beatrice, tnadre della illustre contessa Matilde 
così benemerita di santa romana Chiesa. Segue il 
sepolcro innalzato all'illustre Algarotti da Federico II; 
poco lungi è l'altro dell'insigne favoleggiatore, isto- 
rico e poeta Icggiadrissimo, Pignotti. Vi si ammira 
ora ancor quello del celebre professore Vacca, opera 
dell'esimio commendatore Thorwaldsen. 

SCIARADA 

Senza l'un non governansi i popoli, 
Ad un mare dà nome il secondo- 
Ed acquista l'amore del mondo 
Chi possiede il pregevole intier. 



SciABADA Pn ECEDE !» TH =« />/-/eMj 



TIPOGRAFIA DELLE BELLE ARTI, TIA IN ARCIOI^E N. 100, CON ArPROVAZIONB. 



65 



ANNO 



© 



L'AL 



■^ 



© 



^r 



DI5TRIBUZI0x\E 



Si PUBBLICA OGNI SaDATO 



ROMA 



9 Maggio 1835. 




nUINE DI SAGUNTO (o^^i Murviedro in Spagna) 



La città di Murviedro o Mervcdro, trovasi nel 
regno di Valenza, una delle più amene provincie 
della Spagna. Essa è fabbricata sulle ruiuc dell'an- 
tica Sagunto così famosa pei" la sua fedeltà ai roin.T 
ni. Annibale, com'è noto, ne fece l'assedio, e la 
prese di assalto l'anno 219 avanti G. Cristo, esscn- 
doTÌ però rimasto ferito da un dardo in una coscia 
per avere voluto egli pel primo scalarne le mura. 
Questa ferita rallentò il coraggio e l'allacco de' car- 



taginesi ; ma ben presto lo riassunsero con maggioi- 
calore. I saguntini allora, come si narra, ridotti alla 
disperazione accesero un gran fuoco in mezzo alla 
piazza, vi gittarono l'oro, l'argento, e tutto quello 
che aveano di piìi prezioso, e poi un gran numero 
di essi vi si precipitò. Annibale profittando del tu- 
multo spinse anche più l'assedio, s'impadronì della 
città, e fece passare a fil di spada tutti coloro che 
ei'ano in islato di poetare le armi. La presa della 



66 



città per parte de' cartagiucsi fu quindi, come si co- 
nosce, iJ pretesto della seconda guerra punica. 

Murviedro è tutta sparsa di pietre che portano 
iscrizioni fenicie e latine. Queste ultime specialmente 
vi abbondano: si ti'ovano incanslrate perfino in al- 
cune mura delle sue strade, clic sono generalmente 
molto strette e mal costruite. Vi si Osservano tra le 
altre anticliità i fondamenti dell'antico circo; ma de- 
gli avanzi di Sagunto quello eli' è piìi rimarchevole 
è il teatro ben conservato, che qui rappresentiamo. 
Si riconoscono distintamente i diversi gradini, che 
occupavano i cittadini secondo la rispettiva condizio- 
iie. I vasi di creta di Sagunto, conosciuti sotto la de- 
nominazione di poetila saguntina, erano rinomatis- 
simi. Si trovò circa 250 anni fa, avanti la porta di 
una cittadella costruita a Murviedro, un sepolcro di 
marmo con una iscrizione che fu male interpretata, 
e che fece cadere i dotti in gravi errori, tra' quali 
anche il celebre antiquario Villalpaudus. Questo mar- 
mo, clie vedesi ancora alla porta, si è poi conosciuto 
non essere stato altro che il sepolcro di un tal IVabat 
eh' erasi rivoltato. 

Murviedro ha un bel porto. Le sue adiacenze 
contengono cave di marmo, e miniere di rame. La 
popolazione attuale è di sei in sette mila abitanti. 
Nelle vicinanze di Murviedro trovansi anche le 
mine molto pittoresche d' un convento detto di 
s. Giovan di Dio, occupato già da religiosi goroli- 
mini. Un incendio distrusse quel fabbiùcato nell'an- 
no 1679, ed i religiosi ottennero di ricostruire uq 
nuovo convento alquanto piii vicino a Murviedro, 
con un pivi vasto e fertile recinto. Tra gli oggetti 
preziosi distrutti dall'incendio era il famoso quadro 
di Antonio Garcia Eainoso, rappresentante Giuditta 
col reciso cajio di Oloferne. 



TERRE DI NEBBIA. 

Gli uomini di mare sono slati sovente ingannati 
da una illusione di ottica, che si può riguardare in 
qualche modo come il fenomeno inverso del mirag- 
gio. Questo la vedere un mare nel luogo di un arido 
teiTeno, l'altro fa vedere in alto mare delle terre, 
ove si discuoprono nella maniera piii distinta le ri- 
ve, le rupi, le montagne, gli alberi. E questa illu- 
sione si compiuta, che moltissime volte i piìi speri- 



mentati marinaj ed anche i fisici i pili illuminati ne 
sono rimasti ingannati. Molti vascelli hanno deviato 
dal loro retto cammino per approdare a queste terre, 
che si presentavano a tutti gli occhi dell'equipaggio 
sotto l'aspetto della più decisa realtà : ma l'incanto 
ben presto fu tolto: essi oltrepassarono senza il meno- 
mo ostacolo tutto lo spazio che sembravano occupare 
quelle terre fantastiche. A tal fenomeno si è dato 
da' francesi il nome di terres de brume, e che noi 
traduciamo con quello di terre di nebbia. 

Molte volte il celebre viaggiatore Cook si trovò 
ingannato da queste strane illusioni, sebbene per 
una lunga abitudine a viaggi marittimi si fosse resi 
famigliari tutti i fenomeni che presentano i mari. 
Tra le alti-e volte egli si abbattè in queste terre il 
18 gennaio 1769, mentre andava in traccia dell'isola 
di Pepiis nelle vicinanze delle terre magellaniche al 
40° di latitudine meridionale. Non erano quelle teri'e 
di nebbia prodotte dalle ordinarie nebbie vernali, 
poiché in quel giorno egli trovavasi nel più. forte 
estate dell'emisfero australe, come per esempio sa- 
rebbe stato il S di luglio all'altezza delle coste di 
Portogallo. Ciò non ostante l'illusione era sì perfetta, 
eh' egli viaggiò per due oi-e e mezza verso quella 
pretesa terra, prima di conoscere eh' essa era un fan- 
tasma nebbioso. 

La seconda volta che sì abbattè in una consimile 
illusione fu ai 20 di febraio del 1773, al 50" di la- 
titudine australe ed al sud del mare delle Indie. 
«Noi credemmo vedere, così egli, una terra ad sud- 
ovest: e l'apparenza era sì forte, che tutti noi crede- 
vamo non ingannarci : ed io feci di bordo per so- 
praggiungerla, avendo un venticello regolare da sud 
ed un bel tempo ; ma riconobbi alfine che quelle 
erano terre di nebbia. » 

Per la terza volta credette fermamente di avere 
scoperta una terra, mentre ti'ovavasi il di 18 febbraio 
al 50° di latitudine sud, ed a gradi 8 di longitudine 
est, al sud dell'Affrica. Ma fu pure presto tolto da' 
suo inganno. Noi qui faremo osservare, che tutte 
e tre queste osservazioni ebbero luogo nel più forte 
estate dell'emisfero australe; e ciò che prova quanto 
l'illusione fosse potente, si è che la compagnia che 
aveva Cook era di molti scienziati, i quali parteci- 
parono tutti del medesimo errore. 

Anche l'illustre ed infelice la Pejrouse ed i na- 
turalisti che lo accompagnavano furono egualmente 



ingannati da simili illusioni. Egli viaggiava verso le 
spiagge della Tartaria al 44" di latitudine il IH giu- 
gno 1 787. Quando gliene comparve una. <cA(]uaUro 
ore della sera, cosi egli stesso, il pii.i bel cielo era 
succeduto alla piii folta nebbia clic noi avessimo pro- 
Tata. jNoi vedevamo il coutiaeute che stcndeasi da 
ovest sud-ovest a nord nord-est, ed al sud ci si ofl'e- 
riva l'aspetto di una grande terra che andava a cou- 
ginngersi alla Tartaria verso ovest, non lasciando 
tra essa ed il continente cLe un passaggio, la coi 
apertura sembrava di circa 1 5. JVoi dislinguex'amo 
le montagne, i huìToiù, tutte le più tninvta paiti- 
colaiUà che appartengono ad una estensione di 
terre/io; e non potevamo concepire come fossimo 
entrali in questo stretto di mare. In questa situa- 
zione io credetti di far volgere il vascello al sud 
sud-est verso quella terra, ma ben presto le monta- 
gne, e i burroni sparirono. Non altro era quella terra 
che un ammasso di banchi di nebbia, la piìi straor- 
dinai-ia illusione che io abbia veduta "iammai. » 

Dopo tali fatti io non posso ammettere di ester- 
nare un' altra volta ancoi'a, la maraviglia somma che 
in me produce il singolare contrasto che esiste tra 
il miraggio e le terre di nebbia. Da un lato abbia- 
mo una tei-ra arida infuocala, che presenta l'aspetto 
di un placido lago, d'un bel fiume ; dall'altro evvi 
la superficie dell'oceano, che genera terre, montagne, 
bun'oni:e tutte queste illusioni sono si perfette, che 
valgono ad ingannare gli occhi de' più veggenti. Io 
non saprei, lo confesso candidamente, abbandonare 
il dubbio che non si possa giungere giammai ad 
ispiegare questi fenomeni in una maniera soddisfa- 
cente colle cognizioni che noi abbiamo finora in 
questo ramo dell'umano sapere. 

Quando Q. Curzio volle darci ad intendere, che 
erano i vapori infuocati delle sabbie della Sogdiana 
quelli che trasformavano agli occhi dei soldati di 
Alessandro quel vasto deserto in un mare ; egli è 
formalmente contraddetto dall'osservazione di Bell 
dfAntermony ; poiché questo viaggiatore ebbe la 
medesima illusione nel sabbioso deserto delle fron- 
tiere della Siberia, eh' era così poco infuocato alla 
metà d'ottobre che ad ogni istante, come lo stesso 
Bell riferisce, si aspettava la neve; la quale aspetta- 
zione obbligava la sua caravana a raddoppiare il 
passo. Non sono adunque i vapori infuocati quelli 
che producono la visione di un gran vaso di acqua 



in un deserto, uve altro non si trova che sabbia. 
Quale è dun([uc la vera causa del fenomeno? Forse 
ri verrà fatta nota un giorno, lo qui faro soltanto 
osservare una circostanza singolare e prohabilnientc 
ancora importante, cioè che il fenomeno non si ma- 
nilesta giammai che nei deserti sabbiosi e non mai 
nelle vaste e fertili pianure della Beauce, delle Fian- 
dre o della Polonia, quantunque quelle estensioni 
perfettamente piane non sembrino dovere opporre 
alcun' ostacolo alla sua apparizione. 

E chieggo similmente perchè le fantastiche terre 
di nebbia non si mostrano colle loro montagne, con 
gli scogli loro che sul mare, e non mai sulle pianure 
del continente, ove pur si trovano nebbie densissime 
e frequenti? 

MODO DI PRENDERE LE FOCHE. 

Gli eschimò, popoli dimoranti nelle regioni del 
nord-est dell'America, prendono le foche quando 
esse sono addormentate, sdraiandosi vicino ai buchi 
nel ghiaccio, e facendo un gran roniore : ciò che le 
attrae a galleggiare. Al primo loro apparire, essi imi- 
tano le loro grida; gli animali si avvicinano ai caccia- 
tori, e quando sono a tiro, colpiscono il loro naso con 
una lancia fatta di dente di narval, si che muoiono 
prestamente. Prendono poi il narval con un rampo- 
ne, la cui parte dentata è lunga circa tre pollici, e 
che è attaccato ad una corda lunga quindici braecia, 
la quale ha nell'altra estremità un segnale, che conr- 
siste in una pelle di foca enfiata d'aria. Il rampone 
è fitto in un' asta, di modo che può esserne 'separato 
dopo di aver trapassato il corpo dell'animale: allora 
si ritira l'asta per mezzo di una corda che le fu at- 
tacata a tale oggetto. Il narval dopo di essere stato fe- 
rito s'attuila e strascina seco il detto seguale, die 
l'affatica assai ; e siccome esso è obbligato a venire 
sulla superficie dell'acqua per respirare, cosi l'eschi- 
mò lo segue e termina di ucciderlo a colpi di lancia 

( Vedasi il 1 . voi. del gazzettiere americano 1. 



»^>< 



68 




COMBATTIMEIVTO TRA IL RINOCERONTE 
E GLI ELEFANTI 



Plinio è il primo che abbia dato la relazione di 
un combattimento tra un rinoceronte e gli elefanti. 
Davasi in Roma nel circo questo spettacolo al po- 
polo. Ma un tale combattimento nell'arena di un 
circo, e U-a animali domati dalla schiavitù, nulla ha 
di comune colla guerra che si fauno questi animali 
nella loro selvaggia condizione , e ne' loro paesi 
nativi. 

« Un giorno, cosi narra un viaggiatore, io domi- 
nava dall'alto di piccola collina una estesa pianura 
dell'isola di Ceylan, ed osservavo ondeggiare ai miei 
piedi de' vasti campi di granturco: allorché una trup- 
pa di sette od otto elefanti, abbandonando una con- 
tigaa foresta, entrò in queste alte coltivazioni di gra- 
no. Era cosa stupenda a vedersi, come con le loro 
proboscidi troncavano de' fasci enormi di queste 
piante che recavano nella selva per venir quindi a 
far nuovi carichi. Questa raccolta per parte degli 
elefanti durò circa un' ora, ed il calore del sole erasi 
t.ilmenle aumentato, che ad onta di imo smisurato 
parasole, e l'ampiezza e leggerezza del mio vestiario, 



io mi trovava tutto innondato di sudore, e sentiva 
illanguidire le mie forze. Presi il partito di coricarmi 
all'ombra, che però difficilmente trovai, essendo rara 
in quelle vaste pianure. Attendevo ivi che il sole 
avesse perduto alquanto del suo vigore, abbassandosi 
sull'orizzonte, o che almeno un poco di ventilazione 
venisse a rifrescare l'atmosfera. Lo stesso fecero gli 
elefanti, che colcaronsi all'ombra di alcuni alberi 
negli stessi campi di grano, che servivano loro ad 
un tempo di lettiera e di nutrimento. 

Non sentendosi alloi-a alcun romore, un enorme 
rinocei'onte entrò nel medesimo campo con tutta ir- 
ruenza, e con quella goffa brutalità propria della sua 
specie. Ad un tratto gli elefanti tutti si alzarono e 
corsero sopra il nemico con le proboscidi alzate, e 
le difese in avanti. II rinoceronte non erasi ancoi-a 
preparato alla difesa, e già le proboscidi degli ele- 
fanti lo flagellavano aspramente, essendo anche pe- 
netrato uno dei denti di difesa di un elefante nel suo 
corpo, «on recargli larga ferita. Ln orrendo muggito 
emise il rinoceronte, rinculò e si scagliò contro l'eie- 



69 



fante elle lo avea ferito. L'elefante cadde in terra 
per quel terribile urto, ed il corno del rinoceronte 
con tutta la di lui smisurata testa era quasi penetrato 
nel ventre del misero elefante. A tal visti ^\ì ele- 
fanti con nuovo vigore mossero contro il rinoceron- 
te; un nuvolo di polvere e di rottami de' granturchi 
ingombrò l'aria; non udivansi più che urli spaven- 
tevoli, e mi fu impossibile di discernere le vicende 
del combattimento, distinguendo soltanto i clamori 
degli elefanti dai tonanti muggiti del rinoceronte, 
che tratto tratto faceausi sentire. Tutto ad un tratto 
il fragore raddoppiò, un turbine sembrava che avesse 
sollevato la polvere, ed avvolse i combattenti; quin- 
di le grida cessarono, la polvere si abbassò e tutto 
tornò in calma. 

II rinoceronte era morto, ma intorno di lui gia- 
cevano i cadaveri di tre elefanti, e due di questi si 
allontanavano in mezzo de' loro compagni lentamente 
e con gi-avi ferite, dalle quali scorreva in gran co- 
pia il sangue, che ne lasciava le tracce sul sentiero. 



STAMPE PIÙ CELEBM INTAGLIATE DAL SUBLIME 
INCISORE RAFFAELLO MORGHEN. 

Fra le stampe di maggior dimensione di questo 
grande artista, gli amatori distinguono più partico- 
larmente di sommo pregio e valore, la Cena dì JY. S. 
dipinta da Leonardo da Vinci: il carallo di P^andiJi, 
copiato da uno di quelli della razza Colonna, appar- 
teuente al principe Rospigliosi; la Trasfigurazione 
di Raffaello: V aurora di Guido; il Riposo in Egitto 
ed il Tempo di Poussin : la Madonna del Sacco di 
Andrea del Sarto. La Caccia di Diana, del Domi- 
nichino: il Parnaso ed il Presepio di Mengs. Fra 
quelli poi di grandezza minore, la Madonna della 
Seggiola, la Giurisprudenza e il Bambino di Ti- 
ziano : i ritratti dei quattro padri della letteratura 
italiana, e quelli della Fornarina, di Binda Alto- 
viti, di Leonardo, di felpato e del Turchi. {Bol- 
lettino delle cognizioni industriali di Bologna). 




STATUA DI FILIPPO CIIABOT 

Ammiraglio di Francu. 



QuesU statua di alabastro, eseguita già da Gio- 
vanni Cousin, ha ijuattro piedi e dieci pollici di lun- 
ghezza. Il famoso ammiraglio Chabot, eh' essa rap- 
pre»enta, è vestito della sua armatura, tiene al collo 



il cordone di $. iMichele, e nella mano il fischio in 
segno di comando. La figura è giacente appoggiata 
al suo cimiero, (! sembra riposarsi delle faticlie della 
vita; i suoi guanti sono presso l'elmo, e tatto ci» 



70 



prova, secondo l'uso di quell' epoca, eh' egli non 
mori in combattimento, mentre in tal caso rapprc- 
scnlavansi i guerrieri coU'clnio ia capo in tutta ar- 
matura, e colla spada in mano. Ad onta dell'armatu- 
ra, il corpo sembra pieglievole, la testa piena di for- 
za e di carattere, e di buon lavoro. La maniera sem- 
plice, colla quale la Ggura è ornata, fa rassomigliare 
questa statua a quella bellissima conosciuta sotto il 
nome di Focione. La cotta cbc ricuopre il busto 
contiene le insegne dello stemma di Ciiabot: dicousi 
infatti Chahots alcuni piccoli pesci di testa grossa. 
Fuvvi un tempo tal lusso in queste cotte che con- 
venne moderarlo : i cavalieri le faceano spesso di 
drappi d'oro o d'argento con ricami, pietre preziose 
e perle. Queste cotte, dette d'armi, dauuo un' idea 
dell'antico sagum de' galli. 

Il presente monumento fu eretto a Filippo di 
Chabot dal suo figlio Leonoro. Filippo era figlio di 
Giacomo di Chabot, e di Maddalena di Lussemburgo ; 
fu tenuto in gran conto, ed amato oltremodo dal re 
Francesco I, a cui infatti l'ammiraglio avea resi im- 
portanti sei'vigi co' talenti militari, e col sommo suo 
valore. Fu accusato di concussioni, sottoposto a pro- 
cesso e condannato ad nun grave multa, la quale 
non avendo egli potuto pagare, fu posto in carcere. 
ÌMa Francesco I lo pose in libertà, e gli confermò 
le sue cariche. Infatti dopo la sua morte fu preso 
nuovamente ad esame il processo, la sentenza che Io 
condannava fu annullata, e la sua innocenza piena- 
mente riconosciuta. Non ispiacera ora che diamo uu 
breve cenno dell'autore di questa statua. 

Giovanni Cousiu, come dicemmo, la operò. Fio- 
riva questo insigne scultore circa la metà del seco- 
lo XYI. Dotato di un vasto genio per le belle arti, 
fu egli il priraio che sotto Francesco I le fece risor- 
gere in l' rancia. iVella sua lunga carriera, che può 
compararsi a quella di Michelangelo, egli diresse per 
molto tempo co' suoi consigli la scuola francese, di 
cui può considerarsi come fondatore. Poche notizie 
si hanno della sua vita; ma si ritiene che viaaeiasse 

OD 

in Italia, e chi; profitassc ivi delle lezioni di Miche» 
langelo, di cui segui lo stile. Scultore e pittore ad 
un tempo, fu inoltre uno de' pili valenti pittori sul 
vetro: fece anche delle belle sculture in avorio, poi- 
ché gli artisti di quell'epoca, com' è noto, non tra- 
scuravano alcun ramo delle arti. Si sa che lo stesso 
Michelangelo, Giovanni di Bologna, Alberto Durerò 



ed altri eseguirono de' bei lavori in lesno ed in avo- 

o O 

rio. Tra le opere di Giovanni Cousin meritano d'es- 
sere particolarmente commendate, in pittura, il suo 
giudizio finale, che vedesi al museo reale, composi- 
zione rimarchevole per l'energia e la forza del dise- 
gno. Le pitture sul vetro eh' egli fece per Anet, 
^'incenncs, Sens, occupano in questo genere un ran- 
go distinto. Pe' suoi lavori di scultura, oltre la statua 
di Chabot, i più rimarchevoli sono quelli che operò 
pel sepolcro di Diana di Poitiers; il bel monumento 
fatto erigere dalla medesima al suo consorte Luigi 
di Brezé a Pvoueu, ed il monumento di Carlo V ia 
bi-ouzo. Questo stesso artista ha composto inoltre 
opere molto stimate sull'anatomia, e sulle proporzio- 
ni del corpo umano. 



LA SETTIMANA 



CALENDARIO STORICO. 

6 Aprile 1 520. = Morte di Raffaello, il più gran 
pittore delle scuole moderne. La maggior parte 
delle sue pitture esistono in Roma. 11 museo di 
Louvre a Parigi contiene quattordici quadri di 
lui, indicali nel catalogo del 1832 dal a. 1184 
al n. 1197. 

6 Aprile 1 804. = Il generale Pichegrù è trovato 

strozzato nella torre del tempio, ove era stalo 
chiuso dal 25 febbraio, come accusato di congiura, 

7 Aprile 1 804. = Morte di Lorenzo il IMagnifico, 

soprannominato il grande e padre delle lettere, 
capo della repubblica fiorentina. 

8 Aprile 1S4I. = Il poeta italiano Petrarca riceve 

la coi'ona poetica a Roma nel Campidoglio. Il 
senato era riunito, dodici giovani dell'età di 1 5 
anni, figli delle prime famiglie di Roma, entra- 
rono recitando i versi del poeta. Questi erano 
vestiti di scarlatto, e il Petrarca li seguiva vestito 
d'un abito che il re di Napoli gli avea dato, e 
circondato da cittadini vestiti di verde. La folla 
del popolo durante la ceremouia gridava: «Vira 
il Campidoglio, viva il poeta. » 
8 Aprile 1799.= Combattimento di Nazareth nell* 
antica Palestina dato da 3,000 turchi ed arabi 



71 



a 500 Iraiiccsi clie comaudati dal geueral Juuot 
riportano la vittoria. 
9 aprile 491.= Zenone, sovrano dell'impero greco 
a Costantinopoli, neirintervallo di uno degli ac- 
cessi di epilessia, a cui era soggetto, è traspor- 
tato per ordine della sua mc)glie Arianna alla 
lomLa degli imperatori. Alcune guardie dipen- 
denti dall'imperatrice sono impostate all'ingrosso 
della toniLa. Molti giorni dopo si riconobbe che 
Zenone era stato sepellito vivo. Per la fame e 
per la disperazione avea rosicato una parte delle 
sue liraceia. 

9 aprile 1721.= Sotto il regno di Hussein, re di 

Persia, una gi-an parte della città di Tauride fu 
inghiottita da uu terremoto con 250,000 abitanti. 

10 Aprile 1813.= Morte del celebre matematico 
italiano La Grange. 

11 Aprile 1503. Trattato di Locamo ira LodoTÌ- 
00 XII ed i cantoni svizzeri, col quale loro ce- 
de Bellinzona in piena sovranità. 

12 Aprile 69. = Seneca e Lucano poeti e filosofi, 
accusati di cospii-azione contro Nerone, sono con- 
dannati a morte. Tutti e due si fanno aprire le 
vene. Lucano muore recitando i versi^ in cui 
avea celebrato una volta uu soldato morente, co- 
me lui. Seneca accorgendosi che il suo sangue, 
agghiacciato dalla vecchiezza , correva troppo 
lentamente, si fa immergere in uu bagno caldo, 
il cui calore lo affoga. Più di trecento persone 
delle case le piìi illustri di Roma erano entrate 
in questa congiura. Una donna chiamata Epicha- 
ride, dopo aver sofferto le più orribile torture, 
senza rivelare il nome dei suoi complici, temen- 
do che, troppo debole per sopportare nuovi sup- 
plici, non divenisse spergiura malgrado di se stes- 
sa, si strangolò la notte nella prigione. 

12 Aprile 1782.= Morte del gran Metastasio. 



ORIGINE DI SALUTARE NEI STARNUTI. 

Siccome un nuovo stile introdotto a' nostri gior- 
ni ha tolto l'antico uso di salutare, ossia di autru- 
rare salute allorquando qualcuno starnuta, perciò 
vogliamo accennare qualche cosa affinchè non si 
perda la memoria di quest' antichissima costumanza. 



Tralasciando tanti racconti che possono avere dal 
favoloso, basterà osservare che già teuevasi questo 
costume per antico a tempo di Alessandro Magno, 
mentre il di lui maestro Aristotile non sapea preci- 
sarne l'origine. Cosi neirantoiogia iu un epigramma 
di un antico poeta gl'eco si legge la formola di sa- 
lutare iu quel tempo, usitala quale fu tradotta dallo 
Strada; anzi si raccoglie dai delti versi, che non solo 
i greci si salutavano in simili occasioni l'uno coll'al- 
tro, ma clic quando anche una persona si ritrovava 
sola si salutava da se slessa colle parole: Giove con- 
.serva mi. l'Iinio, facendo menzione di quest' uso fra 
i romani, soggiunge che Tiberio imperatore quando 
andava in lettiga esigeva ancor esso quest' atto di 
convenienza da quelli che lo accompagnavano. Pe- 
tronio scrittore all'incirca di quel tempo racconta, 
che Gitone solli'altusi da una rissa si nascose sotto 
un letto, e che nel tempo che tutti credevano che 
fosse fuggito tra la folla, uè sapevano dove fosse, si 
manifestò da se stesso collo starnuto, e fu da Euiuol- 
pò salutato. Apuleio racconta un simil fatto. Secondo 
Sigonio s' introdusse tra cristiani l'anno 590 in lem- 
pò di s. Gregorio Magno, quando per uu' infezione 
di aria coloro che per disgrazia starnutavano o sba- 
digliavano facilmente morivano. Questo diede occa- 
sione al s. Pontefice di ordinare ai fedeli certe ora- 
zioni accompagnate da segni di croce in simili in- 
contri per impedire gli effetti pericolosi della corru- 
zione dell'aria. Da quel' epoca pare s' introducesse 
l'uso, da qualcuno ancora conservato, di fai'e la croce 
alla bocca quando si sbadiglia, e di salutare quando 
si starnuta con l'invocazione dell'aiuto di Dio. Ciò 
che reca piìi maraviglia si è l'essersi trovato quest' 
uso anche ne' luoghi incoi/niti ai wreci ed ai romani, 
uell'estremilà cioè del'Asia e dell'America. Niccolò 
Godiugo riferisce nella vita del P. Silvevio, che <]uan- 
do starnuta l'imperatore del Monomotapa, tulli (juclli 
che si trovano nel luogo della di lui residenza, e 
nelle caìncre vicine, proferiscono con voce si elevata 
le parole solite usarsi per augurare prosperità e lun- 
ga vita, che passando il clamore dalla corte alla 
piazza, e quindi nelle prossime abitazioni di casa in 
casa, si sparge successivamente per tutta la città, la 
quale si sente pienamente risonare di acclamazioni 
universali per la salute dell'imperatore. Anche l'au- 
tore della storia della conquista della Florida dice, 
che tutti gì' indiani si prostravano avanti al loro 



72 



principe allorché starnutava. Un completo opuscolo 
su quest' uso fu pubblicato da Simone Ballarini bi- 
bliotecario della casa Barberini qui in Roma nel 1747, 
al quaie rimettiamo i nostri associati die volessero 
meglio istruirsi su questa materia. 



VALENTE ITALIANO 



LA GRANGE 

Giuseppe Luigi La Grange, nacque a Torino nell' 
anno 1736, e fu uno de' più grandi geometri de' 
tempi moderni. Studiò solo le matematiche, e di 
dieciotto anni pubblicò una lettera a Fagnani, che 
conteneva una serie da lui inventata per le diffe- 
renziali ed integrali. Di diecinove anni scrisse i pri- 
mi saggi del metodo delle variazioni, che solo ba- 
sterebbe ad immortalarlo. Fatto a Torino professore 
di matematiclie nella scuola d'artiglieria, fondò colà 
una società di dotti, che poi sali in celebrità somma 
e diffuse, nelle metnorie di quella, per tutta Europa 
una luce nuova, che destò la piii alta ammirazione. 
In età da scolare sentenziava delle più grandi sco- 
perte dei maggiori geometri del suo tempo. Nel 1766, 
dopo di avere conseguito i più onorevoli premi delle 
accademie europee, successe ad Eulero nella presi- 
denza dell'accademia di Berlino. Qaivi per vent' anni 
andò lavorando incessantemente su tutte le parti del- 
le scienze fisico-matematiche i ed ogni sua dissertazio- 
ne, ogni memoria conteneva o qualche scoperta, o 
qualche avanzamento. La meccanica analitica, e la 
teorìa delle frazioni analitiche, furono altre due 
opere pi'odigiose e bastevoli ciascheduna ad eternare 
il nome di L\ Grange. A Berlino seppe farsi amare 
non che riverire; ma la perdita d'una preziosa mo- 
glie lo dispose a mutar paese. Napoli, Sardegna e 
Toscana se lo contesero; ma vinse la Francia, a cui 
La Grange inclinava. Giunto a Parigi nel 1787 ma»' 
ratigliosamente divenne tutto a uu tratto indifferen- 
tissimo per le scienze esatte, e parve malinconico, e 
distratto : mentre la publicazione del più sublime 
suo lavoro, che fu la meccanica analitica, oscurava 



od almeno scemava lo splendore dei più illustri suoi 
antecessori o compagni di gloria. Nel 1792 prese 
moglie di nuovo, e soggiacque alle vicende della ri- 
voluzione avvenuta in quel regno. Nel 1808 pubbli- 
cò le equazioni numeriche, altro insigne monumento 
dell'umano ingegno. Mentre attendeva a ripubblicare 
con pi'eziosissime aggiunte la sua meccanica anali" 
tica, sfinito dall'eccessivo travaglio, mori nel di 10 
aprile 1813, dolente solo di lasciare la degnissima 
sua consorte. Agi' indicati meriti di questo sommo 
italiano verso la scienza, aggiungansi la teorìa del 
suono, i metodi d'approssimazione, la teoria delle 
ineguaglianze dei satelliti di Giove, il calcolo delle 
perturbazioni delle comete, non che la ricca teorìa 
delle variazioni delle costanti arbitrarie. La ^^Grange 
fu giusto e modesto, bello e spiritoso, amico dei 
giovani e della musica, ben veduto da tutti. Quello 
tuttavia che lo rende ancora più raro , si fu che 
per 54 anni non solo si mantenne, ma si crebbe 
sempre una celebrità ottenuta già grande in verdis- 
sima età. Olti'e le opere enunciate. La Grange pub- 
blicò: Lezioni d'aritmetica e d'algebra, e Saggio 
d'' aritmetica politica, oltre uu gran numero di ma- 
noscritti. 



USA BELLA RISPOSTA. 

Il principe di Salm, sopracbiamato l'occhio di 
boi'e, per la deformità del suo corpo, traversando 
uu giorno l'anticamera del i-e, alcuni signori che ivi 
erano seduti per iscaldarsi, dissero ad alta voce : 
a Ecco Esopo alla corte. ■'^ Il principe senza punto 
sconcertarsi rispose: « Signori il paragone è ben 
proprio, mentre Esopo facei>a parlare le bestie. ■ 



SCIARADA 

Allor che del secondo si schiudea 

Il tempio oh ! quante volte il mio totale 
Mesto il primiero abbandonor dovea. 



Sciarada precedente = Leggi-adrìa, 
TIPOGRAFIA DELLE BELLE ARTI, VIA 11^ ARCIOI^E IV. 100, CO?l .APPROVAZIONE. 






75 



ANNO 

SECORJ©0 



© 



L' ALBUM 



\ 



DISTRIBUZIONE 



© 



e 



-/^ 



Si pubblica ocm Sabato 



ROMA 



16 Maggio 1835. 




V. 



CITTA D'YORK 



La città d'York, situata nell'York-Sblre alla di» 
stanza di circa 55 leghe da Londra, è considerata 
come la seconda città del regno, e la capitale dell* 
Inghilterra settentrionale. NuUadimeno sotto il rap- 
poi'to della popolazione, del commercio, delle ricchez- 
je, e dell'industria, è molto inferiore a Bristol, Li- 
verpool, Manchester, Hull, ecc. Egli è però sotto il 
rapporto della sua antichità, e delle sue memorie 



isteriche che al nome di questa famosa città è eoa- 
giunta una somma venerazione. 

York è l'antica Ehoraciim. città romana, che gli 
imperatori preferivano alla città di Londra per loro 
residenza. Egli è in questa città che avea il suo 
quartier generale, e che mori nell'anno 211 l'impe- 
ratore Severo, di cui tre colline adiacenti hanno con- 
servalo il nome. Un secolo dopo vi mori pui« Co- 



A 



slaiizo Cloro. Coslaiitiiio fondatore dell' impero di 
Oriente vi nacque, secondo alcuni autori, da una 
madre inglese, e vi vesti la porpora. 

11 maire, ossia magistrato della città d'ìlork, è il 
solo nel regno clie goda come quello di Londra il 
titolo di lord: esso indossa nelle pubLliclie sue fun- 
zioni un manto di scarlatto, ed una catena d'oro 
massiccio. 

Il commercio estero vi era una volta considere- 
vole; ma dopo la fondazione del porto di Hull, verso 
il cadere del XIII secolo, è notabilmente decaduto,- 
nondimeno le navi di 90 tonnellate possono rimon- 
tare la riviera d'Ouse fino a York. Nel 1831 la po- 
polazione, che dieci anni prima non era che di 21 
mila abitami, si è aumentata fino al numero di 26 
mila. Vi si tengono de' grandi mercati, e vi si fan- 
no delle corse di cavalli molto celebrate. 

Esiste nelle vicinanze di questa città uno stabi- 
limento pe' dementi, istituito dai Quaqucri per quei 
della loro setta. Tutto scorgcsi ben regolato dalla 
ragione in quell'asilo della demenza, riferisce un 
viaggiatore che visitò quel locale nel 1811. <£ Gl'in- 
felici che vi soggiornano, aggiunge il viaggiatore, 
sono tenuti ben netti, si muovono con libertà, senza 
strepito, e senza disordine, ed al vcdci'e il loro 
aspetto grave e pieno di riservatezza si scorge, che 
bcJichè pazzi si rammentano di esser Quaqucri. Io 
osservai però nel giardino alcuni uomini col cappello 
calcalo che passeggiavano a gran passi e con molta 
agitazione, ma sempre colle mani in tasca; mi avvidi 
poi che il loro pugno era fermato a queste tasche. 
Tra i diversi tratti di pazzia che mi furono ivi rac- 
contati, mi si disse pure, che una giovanotta pazxa, 
molto vigorosa, essendo sdegnata con una delle don- 
ni; di servizio, la giltò in terra, e ponendole il gi- 
nocchio sul petto, stringendole la gola: - IVon so, 
disse, chi mi Iraltcuga cìC io non ti strozzi. Pazza 
come sono, non ne potrei incorrere alcuna pena. -a 

Toi-nando alla" città d'York, essa è fabbricata 
nella pianura piìi vasta della gran Brettagna. Vista 
questa città stessa a qualche distanza, si distingue 
pel numero di piramidi e di obelischi, che innalzan- 
dosi tra le case indicano le sue molte chiese parroc- 
chiali, ridotte però ora a sole 23 da 44 che furonvi 
in passato stabilite. Ma soprattutto si presentano con 
imponente maestà l'enorme masso, e le torrette della 
celebre cattedrale, conosciuta sotto il nome di Min- 



jfer (York-Minster). La stampa data in principio ne 
presenta l'aspetto ; ed è questo uno de' piìi notabili 
monumenti gotici dell'Inghilterra; essendo anche più 
grande della celebre abbazia d i West-Minster. 



L AMOR DELLA PATRIA. 

Celebrati vcggiamo altamente e magnificati pres- 
so gli antichi scrittori, alcuni che a deliberata morte 
si esposero per la loro patria; siccome Codro fra i 
greci, e iM. Curzio e i due Deci fra i romani. È certo 
che azione più generosa e più commenderole non 
può farsi, che oflerir coraggiosamente se slesso per 
l'altrui salute. Ma da una vana superstizione e da 
un cieco errore furon condotti quegli antichi, cre- 
dendo 51. Curzio che col gettarsi nella Yoragine, 
apertasi nel foro romano, egli avesse a placar l'ira 
degli dei, e allontanare da Roma la minacciata rovi- 
na ; e Godro e ì Deci che coll'esporsi senz' armi, e 
farsi uccidere da' nemici, avessero a procurar la vit- 
toria a' loro cittadini; di modochè in essi l'iulca- 
zione fu da lodare piuttosto che l'azione per se me- 
desima. Ma tjna morte egualmente nobile pel corag- 
gio, e assai più utile pe* suoi efl'etti fu quella, a cui 
spontaneamente andò incontro, sul cominciare dello 
scaduto secolo, un uomo appena noto fra noi, chia- 
mato Pietro Micca della terra d'Adorno, il quale di 
celebrità e di gloria potrebbe vincere quegli antichi, 
se egual numero di eccellenti scrittori egli trovasse, i 
quali prendessero a commendarla. 

Era la città di Torino nel 1 706 assediata con 
poderoso eseTcito da' francesi, e benché gli assediati 
opponessero la più ferma e più vigorosa difesa, e col 
rendere inutili e disturbare gli attacchi de' ncnniei, 
e col nuocere loro pel fuoco continuo che facevano 
dalle mura, e per le uscite frequenti e improvvise; 
erano però questi dopo tre mesi di ostinalo assedio 
già avanzati di taiDto, che le molte fortificazioni este- 
riori già erano quasi tutte cadute in loro potere; e 
una sola ne rimaneva, tolta la quale, percossa la 
cittadella e dominatasi da vicino dalle armi loro, più 
non avrebbe potuto far resistenza. 

II governatore, che era il conte di Dauu, vedendo 
che pur <[ucst' ultimo riparo accingevansi i nemici 
ad attaccar fortemente, e già disposto aveauo contro 



7 



di esso le lor terribili batterie, ordino a' suoi mina- 
tori cbe per sotterranee vie cercassero di là enn- 
dursi, e con xino scoppio improvviso tentassero di 
distruggere le opere loro, e vani rendere i loro sforzi. 
Capo di cpicsti era Pietro Rlicca, il quale con viva 
sollecitudine e con indefesso lavoro, obbedendo agli 
ordini del coniaudanle, seppe tanto colà sotto inol- 
trarsi, elle già disposta e perfezionata la mina, piìi 
uoii mancava cbe apporvi l'usata traccia di polvere 
e iisccndove darvi il fuoco. Quaud' ecco dal crollar 
del terreno e dal roraoi'e ei s'avvede, cbe i nemici 
tentavano di rompere il suo lavoro e di sventarlo. 
Già eran vicini, e pochi momenti cb' ei ritardasse, 
la sua fatica era tutta a vuoto. Cbe far però, s'egli 
avea appena tempo di ritirarsi per nou cader nelle 
lor mani, non che di appressare le necessarie guide, 
con cui potere da lungi alla mina aprir Io scoppio? 
Altro mezzo non gli rimaneva onde questa avesse 
efietto, che darvi fuoco di propria mano incontsnente 
e- dappresso, esponendo se stesso al pericola di nna 
morte inevitabile. Pietro !Micca, inGammato da uà 
viro smor per la patria e pel suo re, a questo mezzo 
appunto s'appiglia: ed anzi che permettere che i ne- 
mici, rendendo vana l'opera sua, logliessero alla 
città quel solo riparo che ancor le restava, delibera 
di perire con essi. Ordina immantinente a' compagai 
di ritirarsi: «Ricordivi, dice loro pietosamente, di 
raccomandare al paterno cuore del re i miei figli : 
sia egli loro sostegno e lor padre : io lieto muoio 
per lui. » Quindi con animo coraggioso s'accosta ove 
chiuse erau le polveri incendiarie, e colla miccia che 
avea in mano, intrepido v'appicca il fuoco. Scoppia- 
no cnieste in un momento con tutto il loro impeto, 
s'apre la terra, le opere de' uemici van tutte a soqua- 
dro, molti di loro periscono: ed ei eoa essi riman 
sepolto tra le ruine. 

AI generoso atto di Micca dovette allora Torino 
in gi-an parte la sua salvezza. Questo sconcertò in 
modo gli attacchi degli avversari, e di tanto ritardò 
le loro intraprese, che sopraggiuato con forte esercito 
il principe Eugenio in soccorso della città, colla 
memorabile vittoria che poco dopo sopra di loro ri- 
portò, li costrinse a levare l'assedio, ed a fuggire 
precipitosi. 



Cli.N.M .SLLL ORIGINE DELLA .HU.Sl(J.l. 

Tra le arti liljerali, la musica è quella clic nella 
sua origine piìi si confonde eolle favole della mito- 
logia. 11 suono ha nciraniv(n'SO tanta anticlulà, quaa- 
ta ne ha il molo; la melodia, qu;uua gli augelli; il 
cauto quanta gli uomiiii; la musica quanta la socie- 
tà. Quella naturale ed invincibile inclinazione, che' 
hanno gli uomini ai variati movimenti del corpo, 
all'imitazione, airarmonia, al ritmo che ben ancora 
conservano in ogni loro azione, e che fé nascere la 
danza, quella medesima die l'origine alla musica 
ancora. Queste due arti perciò possono chiamarsi ge- 
melle. Tale poi fu sempre la loi-o concordia, che 
l'una non potè giammai dall'altra andare disgi trita. 
Laonde Quintiliano con una sola definizione ambe»- 
due le comprende, dicendo che la musica e un r ■ 
gola'. ) moi i/7ìc/!lo della voce e del corpo. 

Né a dimostrare, che la musica venne dalla na- 
tura stessa all'uomo insegnata in un col ballo, fa 
d'uopo riferire gli esempi delle selvagge nazioni, e 
de' fanciulli: giacché trattasi di cose notissime, e di 
dottrine per ee stesse evidenti a chiuiique abbia, 
benché lievemente, attinto ai fonti della filosofia. Che 
che siasi però dell'origine della musica, e della Si.->. 
introduzione nella Grecia, é cosa indubitabile, che 
fra le arti liberali nessuna fu al pari di essa fra' greci 
in altissimo pregio tenuta. E ciò ben anche nei re- 
motissimi tempi. Imperocché nei poemi di Omero 
lego^iamo, che la musica formava il più soave inter- 
tenimeuto degli eroi. E di fatti Achille nel IX dell* 
Iliade va col canto e col suono l'irato suo animo 
sollevando. Femio nel 1 dell'Odissea col cauto « 
col suono rallegra il convito de' proci; e Demodoco 
nel VII, col canto e col suono trae stille di pian- 
to dalle ciglia di Ulisse. 



MINERALOGIA. 



Il i-ainc è un metallo solido di color rosso tra- 
ente al rauciato, splendentissimo, piìi duro dell'oro 
e dell'argento, piii puro d'ogni altro metallo, più 
duttile dopo l'oro, il platino e l'argento, assai mal- 
leabile, che stropicciandosi acquista certo spiacevole 
I odore particolare. \ iene recato dalla Svezia, dalla 







Russia e dall'highillcrra in piccoli pani rotondi, o 
iu piastre quadrate, non clic in lamine, e dal Giap- 
pone sono forma di bacchettine. I suoi cristalli assu- 
mono per consueto diverse configurazioni secondarie, 
cioè quelle atte ad essere prodotte dal cubo, o dall' 
ottaedro regolare : il suo peso specifico e di 8. 89 5. 
È il rame uno dei metalli piìi anticamente cono- 
sciuti, e forse il più usato dopo il ferro; gli anticlii 
lo usavano anzi piìi dei moderni. Il suo nome la- 
lino {cuprum) mostra che lo pigliassero da Cipro, 
sia che ivi sia stato prima trovato, sia che i gv.'ci 
di là lo traessero principalmente. 11 rame è più trat- 
tabile del ferro per ogni riguardo, è più comune 
dell'oro e dell'argento. In natura esiste in quattro 
stati diversi: 1" Rame in istato nalivo : 2" Rame 
ili islalo di ossido: 3° Rame in istato di solfuro: 
4" Rame in istato di sale. La duttilità del rama è 
tale, che un suo filo del diametro di 0. 078 pollici, 
porta un peso di 30,226 senza rompersi : si fonde 
a 27" del pirometro di Wcdgwood; esposto ad una 
corrente infiammata d'idrogeno e d'ossigeno, arde 
spandendo una fiamma verde,, e tramanda uno splen- 
dore intollerabile all'occhio; ha la proprietà di co- 
lorire la liamma di verde, e scaldato lentamente porgo 
diverse gradazioni piacevolmente svanite, 'procedenti 
forse da certa particolare disposizione delle sue mo- 
lecole. 



VALENTE ITALIANO 



BECCADELLI 

Letterato insigne del secolo XVI fu Luigi Becca- 
DSLLi nato in Bologna da nobile famiglia il di 27 
L'cnnaio 1502. Conuiiuti i suoi sludi letterari e filo- 
sofici si dette per sei ainii ad uno studio indefesso 
della giurisprudenza ; ma avendo poscia stretto ami- 
cizia intima col celebre Della Casa, segui le incli- 
nazioni del medesimo per la letteratura e la poesia, 
non lasciando però mai gli studi legali: onde fu lau- 
reato in questa scieuz:i. I cardinali Bembo, Polo e 
Contarini, ammiratori del merito del Beccadelli, lo 
tmnero amicissimo; ma tra gli altri il Contarini lo 
volle sempre compagno ne' suoi viaggi. Viaggiò an- 



che il Beccadelli col cardinal Polo, allorché quel 
porporato visitò le corti di Europa, per tentare i mez- 
zi di ricondurre alla chiesa lo scismatico Arrigo Vili. 
Papa Paolo III gli affidò l'educazione di suo nipote 
Rauuzzo Farnese: e quando nel 1545 lo creò cardi- 
nale, affidandogli la legazione della Marca d'Ancona, 
volle pure che il Beccadelli servisse a suo nipote di 
guida, come amministrator generale, e presidente di 
quella provincia. Dopo ciò il Beccadelli fu nominato 
vescovo di lìavello nel regno di Napoli : ma i suoi 
grandi impieghi gì' impedirono sempre di andare a 
prenderne possesso. Giulio III infatti, succeduto al 
pontefice Paolo III, Io inviò nunzio apostolico in Ve- 
nezia, e quella famosa repubblica ne fu talmente con- 
tenta che fece protrarre per altri cinque anni la di 
lui nunziatura. Dallo stesso pontefice fu quindi eletto 
a vicario generale in Roma, e nel 1555 fu inviato 
in qualità di legato alla dieta di Ausburg, eoll'essere 
stato fatto arcivescovo di Ragusi. Pio IV lo inviò 
nel 1561 al concilio di Trento, dove noa mancò di 
dar prove del suo zelo e della sua prudenza e dot- 
trina. Il gi-an duca di Firenze Cosimo I lo bramò 
quindi direttore dell'educaaiona di Ferdinando suo 
figlio: onde gli fu nel 1561 conferita la x-icca prela- 
tura di Prato, dove morì nel 1572. Molte sono le 
opere di quest' uomo insigne. J.Ì Mazzucchelli le fa 
ascendere fino a 23 ; ma la maggior parte limase 
inedita nella biblioteca di sua famiglia. Le sole pub- 
blicate sono quattro vite , cioè del Petrarca , e 
questa è la più stimata, e dei cardinali Bembo, Polo 
e Contarini. 



STORIA NATURALE 



PAPEGO DI PARADISO. 

Catesby ha chiamato questo uccello pappagallo 
di paradiso. Egli è vaghissimo avendo il corpo 
giallo e tutte le penne contornate di rosso bruno i 
le grandi penne delle ali sono bianche, e tutte le 
altre gialle, come quelle del corpo : le due penne 
mezzane della coda sono gialle altresì, e tutte le la- 
terali sono rosse dalla loro origine fin verso i due 
terzi della loro lunghezza, il resto è giallo, l'irid» 



77 



d(^li occhi è di color rosso, ed il becco, ed i piedi 
»ono bianchi. Sembra che vi siano alcune varietà in 
questa specie di papegò, 'perchè quello di Catesbj ha 
la gola ed il ventre interamente rossi, quando ve 
ne sono altri che non l'hanno che giallo, le cui 



piume sono contornate solamente di rosso. Ciò può 
provenire dall'essere i contorni più o meno larghi 
secondo l'età od il sesso. Trovasi nell'isola di Cuba, 
ed è per tale ragione che lo hanno nominato pap- 
pagallo eli Cuba. 



~rTTmTin(>»»»»^^<»»»o<>rTmnn 




LA QUERCIA DI SALCEY 



In Inghilterra, a dieci miglia di distanza da Nor- 
thampton ed in mezzo ad un esteso territorio, trovasi 
la foresta di Salcey, in cui la maggior parte degli 
alberi, rispettati dalla scure fin da tempo immemora- 
bile, sono giunti ad un grado di sviluppo, che ha 
veramente del portentoso. 

La pili notabile di queste annose piante è una 
gran quercia, alla quale si è dato il nome di gran 
quercia di Salcey,- the grcat Salcpj oah. Alla base 
la sua circonferenza ha 46 piedi e dieci pollici, mi- 



sura inglese. All'altezza di nove piedi da terra la 
circonferenza stessa è di sedici piedi e due pollici. 
Il maggiore Rookes nel suo viaggio descrive quest' 
albero come una caverna vegetale forata da ogni 
parte. 

ASTUZIA DI U» DIFENSORE. 

Un avvocato che perorava per lo stato d'un fan- 
ciullo ridotto in bassa fortuna, lo fece trovare all' 



78 



udienza. Nella perorazione, che fu assai comnioveiile, 
si accorse che Uilta radunanza crasi intenerita, e per 



eccitare una piìi viva emozione, egli prese traile sue 
braccia^il fanciullo che si pose a piangere ed a gri- 
dare a tutta possa. Gli uditori s'interessavano viva- 
mente della sorte di questa vittima. Ma il contrario 
difensore prese il partito di domandare al fanciullo 
che cosa gli fosse avvenuto, e perchè gridasse così : 
F"li mi vi:.zica, rispose il piccolo innocente, vìillora 
tutti gli spettatori, che piangevano, si misero a ride- 
re ed a biasimare l'oratore che aveva impiegato per 
sedurli un mezzo così spregevole. 



PROGETTO DI COSTRUZIONE DELLA NUOVA ATENE. 

Il piano della capitale, eh' esser dee fabbricata 
sul luogo dell'antica Atene, non ha finora avuto il 
suo cominciamento. Il greco ingegnere CleanLes, au- 
tore di colai piano, stato era incaricato di tracciare 
il livellamento delle contrade e delle piazze pubbli- 
che ; ma siccome il suolo divenuto era pressoché 
tutto proprietà di privali cittadini, così sembra che 
l'ingegnere abbia voluto trai-ne qualche parlilo, trac- 
ciando le contrade in modo di appagarne i desideri 
di alcuni compratori col fare che la linea non pas- 
sasse sul loro terreno. Egli perciò fu rimosso dalla 
sua incombenza, per la cui esecuzione Tenne scelto 
nn altro iugegnei-e. Però non potrebbe negarsi cjie 
il suo piano combinato non sia tale da rendere Ate- 
ne una delle piìi belle capitali. 

L' ingegnere ha procuralo di riunire nel suo 
piano tutto ciò che di più bello ammirasi nelle piii 
cospicue città dell'Europa. Vi si trovano quindi il 
yalazzQ venie e quello delle Tuilleries di Parigi, 
la gran piazza di s. Marco di Venezia ecc., quanto 
in somma ci ha di più splendido nelle altre capitali 
dee tutto per imitazione riprodursi nella capitale 
della Grecia. La sua pianta è fatta per 80,000 abi- 
tanti : tutte le strade e tutte le pubbliche piazze 
portano alcuno dei piìi' celebri nomi dell'antichità. 
La nuova Alene dee sorgere alla distanza di un' ora 
dal porto Pireo, intorno del quale verrà pur f\ibbri- 
cala una città mercantile, costituente quasi un sob- 
borgo della capitale. Questo piano di addizione fu 
concepito dal medesimo ingc^gnere. 



Un altro ingegnere venne inviato a Sira ad og- 
getto di far ivi costruire alcuni pubblici edifici, che 
vennero pure riconosciuti necessarii pel commercio. 
Tali costruzioni compongonsi ,• 1" di un faro che 
verrà innalzato all'ingresso del porto di Sira; 2" di 
un magazzino di deposito per le mercanzie da tran- 
sito, che da lungo tempo si pratica a Sira; 3" d'un 
nuovo lazzaretto che fu giudicato come indispensa- 
bile, da che tutti i navigli, qualunque sia il loro 
destino, far debbono la quarantena ad Idra od a Sira, 
di modo che il lazzarretto di Sira è sempre pieno 
ed ingombro di mercanzie. 

Fin qui il journal des artistes. Ma se noi espri- 
mere dovessimo le idee nostre sulla ricostruzione 
d'Ai.^ne, non esisteremmo a proporre che dalle stesse 
gri Jie antichità, dagli stessi monumenti d'Atene, 
dalie descrizioni che ne hanno lasciale tanti insignis- 
simi scrittori, prendere si dovessero i disegni sui 
quali innalzare la nuova Atene. Il palazzo reale di 
Parigi e quello delle Tuilleries in Atene ! ! Che mai 
direbbe Pericle, che direbbe Fidia, se alzando il ca- 
po dalla tomba yedessei'O in sì fatta maniera profa- 
jaato ii suolo dell'Attica?.,. Ma diversi sono, rispon- 
dere potrebbesi, i costumi ed i bisogni de' moderni 
gr?ci da quelli degli antichi . . . Lo siano pure. Tut- 
tavia non potrà, negarsi che alle moderne fabbriche 
tai-ebbesi potuto dare almeno nell'esterno l'apparenza 
delle antiche, e richiamare per tal modo lo sguai-do 
e l'attenzione de* viventi alle slorie vetuste e memo- 
rande. In vece della piazza di s. Marco, comechè 
per se stessa ammiranda e bellissima, non avrebbe 
forse assai meglio figurato il disegno e l'innalzamento 
AiiWjdgora, e l'aulica famosa piazza del mercato nel- 
la stessa Atene? [Bollettino delle cognizioni indu- 
striali di Bologna.) 



■^e< 



LA FORESTA PETRIFICATA. 

Sarebbe curioso e bizzarro seguire la vita dì un. 
imprenditore di lunghi viaggi a traverso i nembi del 
passato, talora al rogo della vedova del Malabar, tal' 
altra alle stazioni della via dolorosa, ora al fondo del 
pozzo agli oracoli della grande piramide di Gizeb, 
od alla caccia della iena nel monte Atlante, ovvero 
in combattimenti, in naufragi!, nel mezzo di mori 



■I) 



ci 



le danzano soUo agli allicri di cocco ; 



'iaccli 



clic vi parlo, lio veduto tutto questo. 

Ora, tra le cose straordinarie che vidi, io metto 
certamente la foresta petiiflcala m JMorca. 

Quan' j persone si condussero alla cascata di Na- 
varino, e non salirono sulla montagna donde essa 
cade! Appena si giuuge a scorgerla, si ha l'alìitadluc 
di arrestarsi per l'are una colezioue iu lieta compa- 
gnia, e si va ad ammirare quei giganteschi tron- 
chi d'albero petriCcati di una grossezza che sorpassa 
Ogni vegetazione contemporanea, e che accumulati 
qua e la gli uni sugli altri, scheletri di una foresta 
antidiluviana, forzano l'anima a riandare i tempi del 
mondo primitivo. Si prova uà' emozione misteriosa 
coutcmplaudo quei cupi avanzi del passato. 

Ai silo, dove il tovrcnle si precipita, trovasi un 
grosso alljero di estrema vecchiezza, scavalo dal fuo- 
co solitario dei pastori che si condussero colà a dor- 
mire audacemente, durante le fredde uolli d'inverno, 
iu un tronco di quercia sul pendio di un abisso. 
Io gli ho veduti annicchiati nel gabano col loro 
mangoiirìa ricurvo tra le gambe, immobili come una 
visione, alla fiamma del focolare. Pervenni a quella 
scena terribile ed imponente ; mi aggrappai ad un 
l'amo disseccato per ispingere uno sguardo furtivo nel 
pi'ccipizio. Dopo di aver formate parecchie cascate 
successive, l'acqua cade a piombo da 150 piedi lungo 
rocce che pulisce e scava ; poi dopo di aver formato 
un bacino piccolo, ma profondissimo, essa fugge ser- 
peggiando a traverso una valle agreste e sassosa, 
per andare a gettarsi nel mare ad una lega distante. 
Non si odono per segnali di vita che i colpi lontani 
di un' ascia da vignaiuolo, dalla parte della foi'csta di 
Kombè poi quello stesso rumore svanisce. 

E nel mezzo di tutti questi accidenti, il torrente 
non ha rumore ordinario. Udii come una voce vaga 
che sembrava venire dalle alte regioni dell'aria, e 
che mi agghiacciò per l'idea misleriosa di un altro 
mondo. K desso un rumore indefinibile, che l'ani- 
ma sola riceve iu iiu' imponente solitudine, e nel 
cui pei'cepimento l'udito materiale non entra per 
nulla. Io l'aveva aia udito altre volte nel deserto di 
Egitto e nei monti sacri presso Gerusalemme. 

L'animo si perde in congetturare sulla cagione di 
questa immensa petrificazione. L'acqua della cascata, 
è vero, ha una viriìi pelrificaute; ma per quale ca- 
taclismo inesplicabile il suo efletto si è mai eserci- 



talo sopra uno spazio assai vasto, ed altezze dilFcrcn- 
tissime ? Se l'azione del torrente si è estesa, ella si 
ù pure limitata, giacché si seguon con singolare in- 
teresse le dilleronti produzioni di petrificazione a 
misura che si va oltre; e finalmente ad una certa 
distanza il fenomeno cessa, e la natura riprende il 
suo aspetto ordinario. Ilo vedalo ed ammirato; la- 
scio ad allri la cura di render conto di questo cu- 
rioso e magnifico quadro. 

Easa'v.nsi melauconicamcnte la valle, dove ritro- 
vai uno dei miei compagni. La vista dell'uomo mi 
fece provare un sollievo iadeliuibile. 



UNIVERSITÀ DI CAMBRIDGE. 

Nel Massacliusct, una delle piìi considerabili re- 
pubbliche degli Stati-Uniti di America, evvi Cam- 
bridge sede di una celebre università nota sotto 
il nome di collegio d'Harvard, cosi appellato in ono- 
re di J(}Iììi Harvard di Cliales Jawn, che lasciò a 
questo stabilimento la metà de' suoi beni. Questo fu 
fondato nel 1638 ed organizzato nel 1650: esso è il 
pili antico collegio degli Stati-Uniti, e varie donazioni 
hanno contribuito ad aumentare i fondi del medesi- 
mo. Alle cattedre che sussistevano di teologia, di ana- 
tomia e di chirurgia, di medicina e di chimica , di 
malcmalica e di filosofia naturale , di logica e di 
metafisica, di lingua latina, greca, e orientale, sono 
stale aggiunte in questi ultimi anni altre cattedre di 
storia natui-ale, di rellorica, di eloquenza , di let- 
seralura greca, ed una cattedra che ha per iscopo 
l'applicazione delle scienze fisiche e matematiche alle 
arti ; un' altra finalmente di teologia naturale , e di 
filosofia morale. Questa università somministra non 
pochi maestri alle jiarti piii lontane del mezzodì 
e del ponente ; ed ha contribuito moltissimo ad ec- 
citare e mantenere nello stato il gusto della lette- 
ratura antica, e degli studi più importanti. Questa 
università non ha l'einiale in tutto il paese, si per 
la qualità delle reudite, sì per la ricchezza della 
sua biblioteca, pel immero e pel carattere de' suoi 
stabilimenti, e pei mezzi finalmeiii.:' ch'essa somiiii- 
nislra d'acquistare ogni genere d'istruzione. 



80 




LAO^TSEU 

FILOSOFO CTHESE. 

Quantunque la storia cinese dia quasi certa l'epo- 
ca in cui vivea questo filosofo, nulladimeno i suoi 
seguaci, come accade in ogni setta, hanno pubblicato 
cose maravigliose sulla nascita e la TÌta di questo 
loro capo. 

Narrano quindi cb' egli nascesse 603 o 604 anni 
avanti la nostra era, e che fosse già vecchio, allorché 
Confucio, tratto dalla somma rinomanza del di lui 
sapere, andò a trovarlo nel suo ritiro. Suo padre non 
era che un povero villano, che giunto all'età di 70 
anni senz' aver ancora preso moglie, si ammogliò 
finalmente con una contadina di 40 anni; questa ne 
restò incinta, e portò il filosofo nel suo seno (non 
ridete) per lo spazio di 81 anni. Stando la povera 
donna a servizio, il padrone non maravigliato, ma 
stanco di questa interminabile pregnanza, la cacciò 
di casa, obbligandola ad errare molto tempo per le 
campagne. Infine, essendosi riposata sotto un susino, 
pose ih luce un figlio tutto canuto, dandogli il no- 
me dell'albero, sotto il quale era nato. Essendosi 
quindi avveduta clie area de' grandi orecchi, lo chia- 
mò susino-orecchio, a cui corrisponde il vocabolo 
cinese Li-cuth ; ma il popolo, sorpreso di vedere un 



fanciullo canuto, lo chiamò il vecchio fanciullo, a cui 
con-isponde l'altra parola cinese Lao-tseu. Nulla si 
narra della sua infanzia; ma giunto ad una certa età, 
gli fu affidata la dii'ezione della biblioteca di un ira- 
peratore dei Tchèou, che gli conferi in seguito un 
piccolo mandarinato. Il suo primo impiego, che lo 
tenne in mezzo ai libri, gì' ispirò un certo trasporto 
per lo studio: vi si dedicò, ed acquistò una profonda 
cognizione dell'istoria e dei riti antichi. Morì in Ou 
in età molto avvanzata. L'opera principale eh' egli 
ha lasciata a' suoi discepoli, è il libro iutolato: Tao- 
te-Jiiiìg, libro della ragione suprema universale, e 
della virtù. Questo libro celebre che contiene cin- 
que mila ed alcuni cai-atteri, ossia parole, è oscuri»- 
simo. I pili celebri interpreti vi si sono applicati, 
senz' aver fin qui potuto spiegarlo. Esso è diviso in 
81 capi, a cui forse sono allusivi gli 81 anni che 
gli si danno in seno della madre. Sei capi però sono 
stati in qualche modo spiegati da Abele Remusat, 
professore di lingua cinese nel collegio di Francia, 
morto tre anni fa. Egli vi riconobbe il nome di 
Jehoyah. Un giovane orientalista francese, il signor 
G. Pauthier, promette ora una traduzione completa 
del Tao-te-hing di Lao-tseu corredata di una tradu» 
zione completa di commentari cinesi. 



SCIARADA 

L'uTi d'anni carico 
Padre ti fu; 
h'altro volubile 
Corre all'ingivu 

Rozzo ed indomito 
Il tutto un dì 
Feroce femmina 
Lo partorì; 

Ma iudustre artefic« 
Strumento il fé 
Pulito e nobile. 
Degno d'un re. 



SclAB ADA PRECEDENTE = ArtÌ-gÌaHO. 



W ^ V%^ ^ ^.^-«■^ ^ 



TIPOGR.VFIA DELLE BELLE .\UTI, VI.l IN ARCIONE N. 100, CON .APPROVAZIONE. 



81 



ANNO 



© 



L' ALBUM 



^. 



■^ 



© 



~r 



DISTRIBUZIONE 
e) 19 o 



Si PUBBLICA OGNI Sabato 



KOMA 



23 Maggio 1835. 



CXì óxciWOVi CXwcciatij 



^_<ompiendo3Ì con la prossima l5ma (/«fri JuztOTie il primo trimestre dell'annoll, sono iiiTitall i sigg. Associati a far perrenlro al direttore proprietario 
fiig. Giovanni De-Angtlis, Jomii:iUato in Ruma in via ilei Gesìi n. Sy, franclii di posta le loro rispcLlive tangenti, onde non ab1)iano a soffrire ritardo 
nelle successive distrihu^^ioui e spedizioni; prevenendo clie non sarà abbonato alcun pagamento lauto in Uouia, t^uunto uelle Provincie ed Estero, clic 
eoa la firma del direttore, o di chi ne verrà dal medesimo k-gillimamente autorizzato- 
idi 3. 13 ) ,„ 
- > alla 

„ 5. 12 ( 

N. B. Presso i nostri corrisponcìenti autorizzati nelle Provincie potrà soddisfarsi ullci eoose^na dal 
foglio la valuta del medesimo, a norma delle date istrazioiìi. 



T, 1 Per le Provincie dello Stato Pontificio, franco di posta . . scudi 

Ij- ASSOCIAZIONE { Tj vu , ir l r \ 

' Per l listerò (Iranco al confine) 



»@>«<^^«^»< 




LA MOLE ADRIAl>fA 



Se Procopio non ci avesse nelle sue storie indi- 
cata la forma e gli ornamenti della mole Adriana, 
noi non avremmo alcuna idea di uno dei piii belli 



monumenti dell'antichità; giacoliè gli scrittOi'i con- 
temporanei non ne parlarono affatto, o l'accenna- 
rono solamente di volo. Gli archeologi pertanto, se- 



82 



giiondo le tracce segnate da quello storico, lille ap- 
punto la immaginarono, quale ora per noi si offre 
agli sguardi dei nostri associati. L'imperatore Adria- 
no invidiando forse ad Augusto il suo mausoleo, che 
torreggiava sulla sponda sinistra del Tevere, sulla 
destra di questo fiume uu altro ne volle eretto per 
(te e pe' suoi discendenti. Non si risparmio cosa 
alcuna, aflincliè tutto corrispondesse al grandioso 
concetto, all'intelligenza ed al gusto di quel monarca. 
Quadrato era il basamento della mole, tutto rivestito 
estei'namente di marmo parlo, e fregiato di festoni 
all'intorno con magnifica porta di bronzo nel mezzo; 
sojìra i quattro angoli del basamento vedevansi grup- 
pi di uomini e di cavalli, mentre dal centro del me- 
desimo si ergeva maestosamente una massiccia ro- 
tonda torre, la cui cima venia ricoperta da una gran 
pigna di bronzo dorato; un doppio ordine di bellis- 
sime colonne frigie girava d'intorno alla torre; e fra 
le colonne e sopra i colonnati era un numero as- 
sai grande di statue, le quali, se argomentar si dee 
dal P'auno de' Barberini che ne facea parte, erano 
tutte di lavoro squisito. Ma i selvaggi del settentrio- 
ne, che disertarono tante volte la misera Italia, pro- 
vocarono ancora la ruina e lo scempio di questa 
mole; giacché trovandosi i greci assediati dentro di 
essa dai goti, ed essendo sprovvisti totalmente di ar- 
mi, per non lasciar cadere l'eterna città fra le mani 
de' barbari, fecero in pezzi e statue e colonne, e ro- 
vesciandole confusamente sul nemico l'oppressero e 
lo sbaragliarono a segno tale, che fu costretto a pren- 
dere turpemente la fuga. Da quel tempo gli avanzi 
del monumento andarono sempre deteriorando, di- 
sputati sovente dai diversi partiti che signoreggiavano 
Roma. Appena però i romani pontefici presero le re~ 
dini delle cose pubbliche, cangiò pur anche il de- 
stino della mole Adriana ; poiché essi ne ebbero 
singolarissima cura, e se restituir non la poterono 
al lustro dello stato primiero, risarcendone più volte 
le mura, ed aggiungendovi abl)ellìraenti e fortifica- 
zioni, la fecero almeno servire ad uso migliore. 



SULL INTRODUZIONE DELLE CARROZZE. 

La prima carezza che si vide in Italia vogliono 
alcuni che fosse verso la metà del 1500 in Firenze, 
e le prime ad usarle fossero le marchesane di Massa 
di casa Cibo. 

Nei mezzi tempi, come nel 1 400, i cardinali an- 
davano a cavallo o in lettiga. Narra il Varillas che il 
cardinal De Medici, poi Leone X, venne al conclave 
in lettiga. Il cardinal Farnese andò in Germania alla 
legazione di Carlo V, sempre a cavallo, riparandosi 
il sole coU'ombrellino inventato a questo effetto, ed 
anche per difendersi dalla pioggia. Poi è divenuto 
uu seguo di dignità per i re, i cardinali, i principi 
e principesse. E degno d'osservazione ciò che riferi- 
sce de' tempi suoi Marco Antonio Valena. Nel 1 582, i 
cardinali quando si recavano a palazzo, andavano con 
calvalcate pontificalmente, ed avevano autorità, incon- 
trandosi che si facesse giustizia, di liberare il condan- 
nato. « Ed io ne ho conosciuti due. Uno si chiamava 
Tommossarto : era servitore del sig. Fabrizio Fossano 
in piazza Colonna. L'altro avea nome Cencio Storto: 
era merciaro in piazza di Sciarra. Tutti e due fu- 
rono buttati dalle forche, e prima che il boia gli 
montasse sopra, furono dai cardinali liberati, fattogli 
tagliare il capestro, e rimasero col collo torto. » 

In Francia però l'origine delle carrozze non ri- 
sale al di là di Carlo VII re di Francia. Nel 1461 
non erano comuni; poiché il primo presidente del 
parlamento, montava una mula per andare in cam- 
pagna. La prima carrozza che si vide a Parigi fu il 
carro sospeso che Ladislao re di Ungheria e di Boe- 
mia mandò alla regina. Il 6 aprile 1550 Diana du- 
chessa d'Augouleme, figlia naturale d'Enrico II, fece 
uso della seconda carrozza che sia comparsa in Fran- 
cia. Giovanni De Lavai Debois Dauphiu signore della 
corte, non potendo tenersi a cavallo per la sua ecces- 
siva grossezza, fu costretto a servirsi d'una carrozza. 
Nel 1644 il principe di Condé ne ebbe una con 
cristalli: fino allora erano state chiuse con cortine di 
cuoio. Verso quest'epoca fu veduta la prima carrozza 
sospesa con molle o con istrumeuti elastici qualun- 
que. Non vi sono altri documenti di questo, che il 
disegno che si vede nella biblioteca reale, e che rap- 
presenta l'entrata di Luigi XIV a Parigi verso il 1650; 
la vettura è evidentemente sospesa. Prima dell'in- 
venzione delle carozze, a Parigi si andava a piedi o 



8: 



a cavallo. Le principesse avevono dulie lettighe, le 
signore andavano dietro i loro scudieri. Così cpiando 
il primo presidente di Thou fece fare una carrozza 
perchè aveva la gotta, la moglie non volle servirsene 
e continuò ad andare in groppa dietro un domestico. 
I consiglieri della corte non si servivano che di mu- 
le, ma i re non viaggiavano che a cavallo, sia che 
Teaissero a Parigi, sia clie andassero alle loro case 
i-eali, sia che si rendessero al palazzo per darvi gli 
ordini. 



PORTI DELLA CINA- 

La Cina è intersecata da una moltitudine di flu- 
mi e di canali, e perciò ha piii ponti che tutto il 
resto dell'orbe terraqueo. Ve ne sono di ogni specie, 
di pietra, di mattoni, di marmo, di legno, di Larche 
e perfino di ferro. 

I ponti cinesi sono per lo più d'una costruzione 
leggiera, e d'archi acuti rapidissimi, perchè non ser- 
vono che per pedoni. Niente si trasporta per carri: 
tutto il commercio si fa con barche, le quali passa- 
no liberamente sotto i ponti senz' abbassare gli al- 
beri. Per la gente a piedi sei'vono i ponti di ferro, 
i quali non consistono che in piloni piantati di trat- 
to in tratto, fra' quali sono tese catene di ferro, e 
su queste tavolati. Vi vuole continua vigilanza per 
prevenire i pericoli provenienti dalla ruggine in luo- 
ghi si umidi. Nei ponti di pietra, le volte sono co- 
struite di pietre arcuate lunghe 5 in 6 piedi, e gros- 
se 5 in 6 pollici. Vi si passa sopra comodamente per 
iscaliui che appena hanno tre pollici di altezza. 

Altri ponti non hanno che tre o quattro gran- 
dissime pietre poste su piloni come tavole. Queste 
pietre sono talvolta lunghe 18 piedi. Fra tanti ponti 
d'ogni genere alcuni sono d'una bella struttura. 
Quello di Louko-Kiao è lungo 8 miglia ; tutto di 
maiTiio bianco bea lavorato, con 70 colonne per cia- 
scun bordo, fra cartocci scolpiti in fogliami, in fiori 
e in bestie di varie specie. Piii considerabile è il 
ponte di Fou-Tcheou-Fou sopra un fiume largo un 
miglio e mezzo, diviso in più rami con isolelte. Tutte 
queste parti sono riunite da ponti, i quali fanno in- 
sieme 2 miglia. Il principale ha più di cento archi 
di pietra bianca guarnito di balaustrate di scultura. 
Più bello finalmente è l'altro di Tche-ou-Fou fab- 
bricato sulla punta di un braccio di mare, clie non 



si potrebbe passare senza un gran giro. E lungo 2500 
piedi cinesi, e largo 20. E sostenuto da 252 piloni, 
126 per ciascun lato. Tutte le pietre sono uguali, e 
tutte di color grigio, e dello stesso colore sono gli 
ornamenti . I piloni sono sì alti che vi passano grossi 
bastimenti. Una simile grandiosità si osserva negli 
argini lungo i fiumi, i canali e mi' porli di mare. 
Alcuni scrittori, non contenti di tante specie di ponti 
che sono nella Cina, ne hanno fantasticato uno l'o- 
lante da montagna in montagna, e ne hanno inrisa 
la figura. Niente più difficile, che contenersi nel vero. 



LA SETTIMANA 



CALENDARIO STORICO. 

12 Aprile 1592.::= Clemente Vili prese possesso 
del suo pontificato in detto giorno. Stefano An- 
tonio Komano nel suo diario, che si conserva 
nella biblioteca Borghese, riferisce che Clemen- 
te Vili, fu eletto ai 30 di gennaio, consacrato ve- 
scovo ai 2 di febbraio e incoronato ai 9. Dome- 
nica 12 aprile 1592 disse la messa. Egli era Ipo- 
lito figlio di Silvestro Aldobrandini e di Lisa 
Deti, e nacque in Fano ai 24 febbraio del 1 535. 
Sisto V lo creò cardinale prete di s. Pancrazio, 
e poi penitenziere maggiore. Morì ai 3 di mar- 
zo 1605, e dal Vaticano fu trasportato in un 
magnifico deposito nella capella Borghesiana a 
santa Maria Maggiore. 

Do 



L'imperatore Roberto torna ia 
Benedetto XII capitolò con Bou- 



13 Aprile 1402. 
Germania. 

14 Aprile 1397. : 
cicaut. 

1 5 Aprile 1 549. = Il sig. De Chaumont spedito da 
Ludovico XII, mentre i veneziani negoziavano 
con Massimiliano, e rifiutavono le proposizioni di 
Giulio II, passa l'Adda, e prende Treviglio. 

16 Aprile 1502.= Nuovo trattato di protezione de' 
fiorentini con Lodovico XII. 

17 Aprile 1605. = Possesso di Leone XI. 

17 Aprile 1356.=: E tagliata la testa al doge Ma- 
rino Fallerò sulla grande scala del suo palazzo. 

18 Aprile 1413. = Ti-egua di cinque anni tra Tim- 
loudo ed i veneziani. 



pe 



eratore bigiimc 



a o W ìfW * ^ 



84 




LE PENINE DEL MARABÙ 



Tra le diverse specie di penne, che la moda im- 
piega per ornamento delle signore, le piìi distinte 
sono quelle del morabii. Sono esse di soave bian- 
cliezza, e così leggiere che la pili leggiera delle teste 
non si avvede del peso. Ma questa leggierissima e 
bellissima piuma proviene da uno de' volatili piii pe- 
santi e deformi. E il marabù una specie di cicogna 
a becco lungo e lungo collo, ed ha piìi lunghi oi-ridì 
piedi. Quest' uccello non riceve alcun ornamento da 
quella parte di lui che adorna le signore, poiché le 
sue belle e ricercate piume crescongli precisamente 
all'estremità del corpo sotto il groppone. Alcuni han- 
no voluto indagare l'origine del nome di marabìi, ed 
hanno priteso che il primo che pensò all'uso che 
potea farsi della nobile piuma, che trovasi sotto la 
lurida coda di <jucsto volatile, trovò che quest' ani- 
male per la sua costruzione eteroclita avea qualche 
somiglianza all'aspetto di quei ciarlatani o strcgon 
che servono al falso culto delle popolazioni affricane 
i quali diconsi pure marabù. Clic che ne sia, (jucsl 
uccello, ch(! dà luogo ad un ricco commercio, trovas 
presso diverse sponde affrit'ane ed asiatiche, partic;o- 



larmente al Senegal, ed in tutto il Bengal, dove chia- 
masi argill, arghillas, argilla od argala. Tale ul- 
tima denominazione è stata adottata nel linguaggio 
ornitologico, in cui chiamasi cicogna argala. Questo 
stesso Uccello è uno de' più grandi volatili conosciuti; 
ha cinque in sei piedi di altezza, quando si di'izza. 
La testa n' è calva, munita di .nisurato becco, clie 
ha quasi un piede di lunghezza, ed è molto aguzzo: 
la sua circofci'cuza è di circa dieci pollici alla base. 
Il suo gran collo è privo di penne, e poco pelame 
nerastro sparso qua e là ne lascia scoperta la pelle 
rugosa, callosa, e rossastra: una specie di saccoccia 
vi pende al di sotto in forma di vescica, ed accresce 
cosi la deformila dell'animale. 

Tutti i naturalisti hanno trattato della singolarità 
esterna dell'animale stesso; ma nessuno ha dato rag- 
guaglio della sua struttura interna; non si è detto da 
alcuno quale poteva essere l'uso del suo gozzo, di cui 
l'argala stessa sembra vergognarsi, poiché cerca sem- 
pre di dissimularlo, avendo per abitudine di nascon- 
dere la nudità di quelle parti nelle penne del dorso 
e del petto, contro le quali tiene così concentrato il 



85 



suo collo, che la testa ed il heeco senil)iatio sorj^ere 
flal mezzo del suo corpo. Il disopra dell'auimale è 
di color grigio; il di sotto è bianco. 

E quest'uccello sommamente vorace, e gli si ren- 
de necessaria una quantità di nutrimento: vive di 
pesce, di crostacei, di piccoli mammiferi, e di rettili 
de' quali fa molta distrazione. Quindi viene rispet- 
tato ne' luoghi in cui soggiorna, e non si permette 
elle alcuno l'uflenda. Si addimestica facilmente coli' 
uomo, che lo riduce mansueto per istrappargli le pen- 
ne, che si riproducono facilmente, e danno una lu- 
crosa raccolta. Narrasi che in uno stabilimento delle 
Indie a Chandernagor, i soldati della guarnigione si 
divertono a dare gii avanzi ed i ributti della carne 
a questi uccelli, e che questi schioransi in perfetto 
allineamento come una truppa militare che attende 
le sue razioni. Frangono gli ossi piii duri, e ne tran- 
gugiano i pili piccoli frammenti. Se ne sono veduti 
alcuni eh' cransi scelti un padrone, e seguivanlo da 
per tutto; ma non potendo moderare il loro iusazia- 
bile appetito, rubavano ai loro padroni qualche par- 
te del pranzo, e facevaulo con tale destrezza che le 
vivande erano ingoiate prima quasi che se ne vedesse 
la sparizione. Lu viaggiatore narra che avea un ar- 
cala che trangugiò con tanta jirontezza un pollo arro- 
sto, che stava per esser servito in tavola, che non 
sarebbe mai stato possibile di sapere dove il pollo 
fosse andato, se il calore di siffatta pillola tormen- 
tando lo stommaco del rapitore, non lo avesse obbli- 
gato alcuni momenti dopo a rigettarla tutta intera, 
ed ancor fumante. 



RISPOSTA ARGUTA. 

Un contadino passando innanzi un officio di 
agenti di commercio o sensali, posto al piano terre- 
no come le botteghe de' commercianti e venditori di 
ogni genere, ed osservando non esservi alcuna mer- 
canzia, ma solo un uomo seduto, gli disse: «Che cosa 
si vende qui?» Rispose colui che era nel luogo, of- 
feso da questa domanda: «Teste d'asino: » Soggiun- 
se allora il contadino: «Vedo che il negozio è poco 
ben foi-nito, vedendone una sola. » 




niag'aiii 



MONTI 

Vincenzo Monti, uno de' piìi illustri geni italiani, 
nacque in un luogo della Romagna detto le Alfon- 
sino il giorno 19 di febbraio dell'anno 1754 da Fe- 
dele, e da Domenica Muzzari. Trasportatasi assai 
presto la sua famiglia a Maiano presso la doviziosa 
terra di Fusiguano, in questa egli ebbe agio di ap- 
prendere i primi elementi delle lettere, e fu poi man- 
dato a continuarne lo studio nel seminario di Faen- 
za, ove sotto abili maestri, innamoratosi di Virgilio, 
fece notevoli progrossi prÌMci[i:ilmente nella lingua 
e nella poesia latina. All'uscire del seminario passò 
all'università di Ferrara, perocché suo padre avrcbiìc 
voluto eh' egli prend(!sse a coltivare alcuna di quelle 
scienze, le quali schiudono all'uomo la fonte delle 
ricchezze; ma la natura assai mobile, ed un cuore 
che altamente sentiva, lo eliiaiiinva ad esseri; poeta: 
e la chiamata era tropjio potente perdi' egli potesse 
resistervi. Con saggio consiglio però ei si ritrasse 
ben subito dal dire versi all'iinproviso, come soleva 



86 



fare da principio, e così ancora dal poetare latino, 
di cui è a stampa qualclie sao sperimento felice ; 
perGÌoccliè solo dal ben compoiTe nella propria lin- 
gua si può sperare vera e durevole fama. 

Quindi il Monti diedesi tutto a seguire l'esempio 
del Varano e del Minzoni, due insigni ferraresi, e Io 
studio continuo de' latini modelli fecondò maravialio- 

o 

sameute l'ingegno del nostro poeta, già pir se stesso 
fatto ad ogni grandezza. L'Ariosto poi comunicò al 
suo stile quella flessibilità, quel garbo e quella gra- 
zia robusta, per cui non è si facile il ritrovare fra i 
nostri poeti chi gli si accosti. 

Di tali qualità si vide bello il primo compo- 
nimento cb' ei pubblicò colla stampa iu occasione, 
che un sacro oratore aveva con molto lustro pi-edi- 
cato iu Ferrara nella quaresima dell'anno 1776, e 
fu la risione d' Ezechiello. Ond' è che il cardinale 
Scipione Borghese, legato in quella città, preso d'am- 
mirazione pel giovane poeta, che gli aveva dedicati 
que' versi, volle condurlo seco nel ritornare che fece 
a Roma due anni dopo. 

Il giorno 26 di maggio dell'anno 1778 giunse 
adunque il Monti nella metropoli dell'universo, e 
non è dire quanta commozione ei provasse nel cal- 
care quella terra sacra per tante memorie, di cui e 
Virgilio e Cicerone ed Orazio e gli altri gli avevano 
tante volte favellato si altamente ne' loro scritti immor- 
tali. Veramente egli non pensava dapprima di fermare 
in Roma la sua dimora ,• ma da che la Prosopopea 
di Pericle, recitata nel 1780 pei quinquennali di 
Pio VI festeggiati dagli arcadi nel loro bosco Par- 
nasio, gli aveva conciliato il favore del duca Luigi 
Braschi nipote del pontefice a segno di volerlo presso 
di se nella qualità di suo segretario, depose ogni 
pensiero di ritornare in Feri-ara; e per mostrarsi 
grato al suo mecenate disse nello stesso bosco Par- 
nasio, in occasione delle sue nozze con donna Co- 
stanza Falconieri, quel nobilissimo canto iu terza 
rima, che intitolò la Bellezza dell'universo. 

Molti e bellissimi sono i componimenti, di cui il 
nostro poeta arricchì l'Italia, fra i quali la Feroniade, 
V Aristodemo, il Galeotto Manfredi , sublimi tra- 
gedie, e finalmente la morte di Ugo Bussville, che 
pose il colmo alla sua gloria, e riesci tal lavoro, che 
se qualcuno non sapesse ancora che sia poeta, e 
leggendola non ne concepisse subito fortemente l'idea, 
dorrebbe giudicarsi disperato di concepirla giammai. 



Ma il torrente della rivoluzione scoppiata in Fran- 
cia, soverchiando ogni cosa, rovesciossi anche sopra 
la nostra penisola, e strascinò seco il poeta. 

Nel 1797 pubblicò colle stampe bolognesi il pri- 
mo canto del Prometeo in versi sciolti, e colle ve- 
nete il poemetto iu ottava rima sulla generazione 
delle muse, che intitolò con greco vocabolo BIuso- 
gonia. Scorsi due anni da che era venuto a dimorare 
in Milano, gli fu d'uopo per la sopraggiunta muta- 
zione delle cose, ripararsi al di là delle Alpi. E dap- 
prima esulò per la Savoia; poi l'amicizia di ragguar- 
devoli personaggi lo accolse in Parigi, ove ideò la 
sua terza tragedia il Caio Gracco, nella quale ri- 
trasse i caratteri romani, e la magniloquenza propria 
di quegli alti cittadini. 

Nel 1800 il Monti risalutò l'Italia: e come nella 
Bassvilliaua aveva dipinti gli orrori della rivoluaione 
francese, per egual modo ne' tre capitoli della Can- 
tica in morte di Lorenzo Mascheroìd, che diede in 
luce, descrisse con fieri tratti danteschi i mali d'ogni 
sorta che sotto colore di libertà avevano negli anni 
precedenti oppressa l'Italia, e principalmente la Lom- 
bardia. Frattanto divenuto professore di eloquenza 
nella università di Pavia, pubblicò nel 1804 le let' 
tere filologiche sul cavallo alato di Arsinoe, ed 
intorno a quei tempi non solamente fece dono all' 
Italia della sua ammirabile traduzione di Persio, 
ma scrisse ancora la canzone, Fior di mia gioven- 
tute ecc., il Teseo azione drammatica, che fu cantata 
sul teatro della Scala, ed altre cose poetiche. Fu 
quindi creato istoriografo del regno d'Italia, cava- 
liere della corona di ferro, membro della legion di 
onore, e qualche tempo dopo ebbe anche l'ordine 
delle due Sicilie. Vari e nobilissimi sono i compo- 
nimenti ne' quali egli vantò le guerre, le nascite de* 
principi, le loro nozze, e gli altri avvenimenti so- 
lenni, che tanti e sì rapidi si succedettero di que' 
tempi: il principale si fu il Bardo della selva ne- 
ra, poema epico-lirico. 

Uno de' più segnalati servigi che il Mowti ren- 
dette alle lettere italiane, dopo avere illustrato se 
stesso con tante poesie originali, fu la traduzione 
dtìlV Iliade, per mezzo della quale il suo nome si è 
associato a quello di Omero, e con esso durerà fino 
che sarà intesa la lingua nostra, e non sarà spenta 
negli uomini l'ammirazione pel primo poema dell' 
universo. La traduzione del Mo.nti, pubblicata per la 



87 



pnnia volta in Brescia nel 1810, scniln-a una vei'a 
ispirazione, da che egli professò sempre di averla 
fatta senza grammatica greca: ma gli teneva luogo 
di questa la fantasia altanieute poetica, e il sentirsi 
commosso dagli spiriti del sovrano cantore deirira 
d'Achille. Né ciò poteva farsi sr; non da ehi posse- 
desse tutte le ricchezze della propria lingua, onde 
piegarla ad ogni varietà di stile. La versione dell' 
Iliade venne subito riconosciuta ed acclamata per 
opera classica da tutti gli esimi eruditi e grecisti ; 
ed ora essa è tanto per le mani di tutti, e moltipli- 
eata con tante edizioni, che già può dirsi del Mo:<ti 
quello che un poeta latino scriveva di Omero : Po- 
steritate stiiun crescere sentii opus. La ristampa 
del vocabolario della crusca, fatta con molte aggiunte 
in Verona dal celebre Antonio Cesari, diede al Morti 
occasione di scrivere la Proposta dì alcune corre- 
zioni ed aggiunte al vocabolario della crusca. 
Questa vide la luce tra l'anno 1817 ed il 1824 in 
sei volumi, e nel 1826 le aggiunse un volume 
d'appendice. Il conte Giulio Pcrticari, che aveva 
sposata l'unica amatissima figlia del Monti, ingemmò 
l'opera del suocero coll'aureo suo trattalo degli scrit- 
tori del trecento, e colla eloquente insieme ed eru- 
ditissima apologia di Dante e delle sue dottrine nel 
fatto della lingua italiana. 

// sermone sulla mitologia fu l'ultimo canto del 
cigno, poiché mentre la robustezza del corpo e dell' 
intelletto gli prometteva una lunga e florida vec- 
chiezza, un colpo di appoplesìa lo sopraggiunse nella 
notte del 9 di aprile 1826: e benché la bontà 
del suo temperamento lottasse per più di due anni 
contro la forza della malattia, che replicò i suoi as- 
salti nell'estate del 1828, senza però avergli tolte 
giammai le facoltà della mente, che solo negli ulti- 
mi periodi della sua vita raostraronsi oppresse, ma 
pur sempre lucide, egli dovette cedere alle leggi 
umane de' viventi nella mattina del giorno 13 di 
ottobre dell'anno medesimo. E già fino dai primi 
tempi del male, non facendosi alcuna illusione sulla 
fine a cui andavnsi approssimando, aveva chiesti i 
soccorsi della reli<rioue; ond' è che consolato dalla 

o 

cristiana fiducia dell'implorato perdono di Dio, il 
suo spirito partissi dopo lunga e tranquilla agonia 
ò.?^\'' ingombro mortale. 

Vi.tcENZo jVIo^ti ebbe il cuore formato ad ogni 
bontà, ed in tanto pieghevole, che ne' tempi perico- 



losi ne' quali si avvenne a vivere, altri potè tacil- 
niente abusarne. Fece altrui volentieri del bene, 
qualaninie volta fu in suo pollare. Facilmente adira- 
vnsi per un tal <piale suo m:igii:inimo sd;'giio, e fa- 
cilmente si rappicillcava. Il percbè chiunque il vide 
da vicino, ed ebbe con lui fimiliare conversazione, si 
formò di esso un' idea assai differente da quella di 
chi il vide o l'udì declamare solamente per caso 
una volta ovvero lesse alcuno di quegli scritti, ch« 
la collera, o qualche sventurata circostanza gli fe- 
cero cader dalla penna. Tolse in moglie la figlia di 
quel celebre cav. Giovanni Pickler, che nell'arte di 
incider le gemme uguagliò qualunque degli antichi 
è più in fama: e le fu marito sommamente amoroso. 
La memoria fino negli ultimi tempi ebbe vasta e 
tenace. 11 suo discorso era eloquente, parco e robu- 
sto : grandissimo il garbo del porgere. Grande, bello 
e dignitoso della persona, portava impressa nel volto, 
grave ordinariamente e pensoso, l'altezza e la foi-za 
dell'intelletto. IMa il sorriso nelle dolci commozioni 
gli si faceva oltre modo grazioso. Alcuni momenti 
di tranquilla meditazione erano in esso abituali e 
bellissimi; ed in uno di questi con mirabile verità 
lo ritrasse Andrea Appiani. 



RIFORME SALUTARI FATTE NEI SHAKO DE SOLDATI. 

Com' è ben noto, ha di già il celebre Pcrcy al- 
zata la voce contro gli stretti e pedanti shakó dei 
soldati, enumerando i danni che ne provengono alla 
loro salute. Ora i chirurghi dell'esercito francese in 
Algeri hanno raccomandalo di praticarvi una piccola 
apertura, onde vi possa penetrare dell'aria fresca, e 
ciò affine di togliere il pericoloso influsso esercitato 
sul capo della accresciuta temperatura dell'aria che 
si imprigiona nella caviti del shahò. Questo mezzo 
procurò alleviamento: ma non basta per dimiiuiirni; 
il peso, e per lilierare la testa dal cingolo che la 
strozza con questo singoiar modo di coprirla. 



88 



AL Sm. DIRETTORE DELL ALBUM. 



Sig. Direttore, 

Voi mi chiedete continuamente notizie sopra le 
antichità : ed eccom.i che sono pronto a fornirvene. 
S. E. il sig. D. Alessandro Torlouia, signoro dell'anti- 
chissima città di Ceri, con animo di recar vantaggio 
airarclicologia ed alle helle arti, ha ordinato che 
fossero eseguiti scavi nel detto luogo. In seguito 
di molte e diligenti ricerche, sono lieto di potervi 
annunziare essersi scoperto un insigne e maestoso 
monumento, che sorge venerando fra la remota an- 
tichità delle tombe che lo circondano. La fronte di 
questo è rivestita di massi parallelepipedi di iieiifro 
uniti senza cemento, e si estende (per quello che 
ora può ¥edersene) a palmi 108. Ciascuno dei lati 
ne ha 91 di lunghezza, e l'altezza nou eccede i pal- 
mi 50. L' architettura di questa mole si riconosce 
costruita in parte intagliata nel vivo, e lulta infor- 
mata dello stile egiziano. La volta dell'adito è for- 
mata di grandi massi gli uni «oprapposti agli altri, 
e gli unisce agli altri aggettati, Cuo al punto d'in- 
contrarsi, ed a restare chiusi da uu solo masso. Le 
porte rastremate si accordano a quello stile, al quale 
ancora si accorda il lacunare della camera di mezzo 
che è lunga palmi 39 sulla larghezza di 16. 11 mo- 
numento presenta quattro camere, ed in queste si 
vedono letti funebri e vasi, ed altri oggetti di bron- 
zo ed oro, ad onta dei danni che ha sofferto in 
tempo antico. 

Ci piace intanto annunziarle, eh. sig. Direttore, 
che fra tali vasi ve ne sono cinque balsamarii ia 
alabastro fregiati a figure muliebri di stile affatto 
egiziano, e con simboli egiziani. Sono ancora da os- 
servarsi in questo scavo molti frammenti di pasta 
turchina di egiziano lavoro, e con geroglifici egiziani 
fatti nitidamente di cavo. Vostra signoria conosce di 
per se stessa l'importanza di tali trovati, i quali non 
è dubbio che fruttei-anao alla storia italica, e che 
saranno apprezzati, come conviene, qual forte argo- 
mento delle dotti-ine sostenute dai nostri piìi illustri 
anti([uarii, intesi a porre d'accordo la voce degli 
scrittori con quella dei monumenti che proclamano 
le origini italiane derivare dall'Egitto. A lato di tale 



grandioso monumento se u' è rinvenuto un altro 

n 

decorato di architettura della proporzione toscana, 
cosa del tutto mirabile. Si riconosce dai suoi vestigi, 
eh' era esso formato per uu numero non minore 
di 74 individui che vi giacquero in letti funebri 
Lisomi. IMeritando una così segnalata scoperta di es- 
sere specialmente conosciuta, sarò sollecito di otte- 
nere dal sig. cav. P. E. ^ isconti, direttore di tali 
scavi, ulteriori dettagli, dei quali così gli artisti come, 
gli amatori di antichità ci sapranno certamente buou 
grado. 

Questo è ciò che finora si è rinvenuto di rimar- 
chevole negli scavi di Ceri, e non ho voluto tardare 
un istante rendernela informala . Sia nou voglio 
neppure chiudere la mia lettera senza darle ancora 
un qualclw ceDuo di altri scavi in sul Palatino, che 
fa eseguire la maestà del re del reiino delle due 
Sicilie, con esserne affidata ancora la direzione al 
eh. sig. cav. P. E. Visconti segretario perpetuo dell* 
accademia romana di archeologia, e socio corrispon- 
dente della reale accademia di Ercolauo. Oltre a molti 
preziosi marmi e scoperte utili a conoscere la ma- 
gnificenza del palazzo imperiale, si è trovata una co- 
lonna scannellata di giallo antico, rotta in due fram- 
menti che si riuniscono, uno di palmi nove, e l'altro 
di palmi cinque. 

Tanto Cu qui posso dirle ancora del Palatino, 
desideroso che non ne sia ritardala la notizia ai let- 
tori dell' Album, onde possano insieme col piacevole, 
essere a parte ancora di quando in quando di cose 
utili ed istruttive. La riverisco colla più sincera stima. 
Roma 10 maggio 1835. 

Un suo servo 
N. N. 

SCIARADA 

Ampio ò il mio primo e con ramose braccia 
La terra che abitiam fascia e circonda; 
D'un umor che natura a noi procaccia 
Il mio secondo in certi tempi abbonda ; 
E un sauto il mio total, che quando viene, 
Fa al mio secondo traforar le vene. 



SCIARADA p 



RECEDENTE= AvO-rÙ 



no. 



TIPOGUAFIA DELLE BELLE ARTI, VL4 I.^ ARCIONE W. 100, GO:^ APPROVAZIONE. 



89 



'ANNO 




DISTRIBUZIONE 






Si pubblica ogni Sabato 



ROMA 



30 Maggio 1835. 




I CANI DI TERRA NUOVA 



L'isola di TeiTa Nuova fu scoperta nel 1497 dai 
Chabot padre e Gglio, che ne presero possesso in 
nome del re d'Inghilterra Enrico VII. Sotto i due 
regni seguenti questa terra servì spesso di hiogo di 
riposo ai bastimenti inglesi, che la pesca del mer- 
luzzo attirava in quei paraggi; ma non fu che sotto 
Giacomo I che si pensò a formarvi uno stabilimento 
permanente. Tal primo tentativo non ebbe molto 
successo: i coloni trovando la terra molto mcu fer- 



tile, ed il clima ben più rigoroso di quello che sup- 
ponevasi secondo i racconti fatti, ritornarono nella 
maggior parte sul continente. Sotto il protettorato 
di Cromwell nuove emigrazioni vennero a stabilirsi 
nell'isola : ma non essendo esse sostenute dal loro 
governo, non poterono opporsi allo stabilimento, che 
sulla loro costa posero i francesi. Le due nazioni 
occuparono quindi per molto tempo il paese, procu- 
rando di unirsi reciprocamente, sebbene vi fosse spa- 



90 



zio siillitieiilf, pcrcliù tutti vi oCitcssero vivere senza 
incoiiiodarsi. I iiinlmente fìono diverse vicende, restò 
interamente quell'isola airingliiiteria. 

Allorché i primi coloni si stabilirono a Terra 
Nuova trovarono un gran numero di animali selvag- 
gi sulle rive de' fiumi, cioè orsi, lupi, castori ece. 
De' cani propriaoK-iite delti, ossia eaui donieshVi, non 
ve n' erano ailatlo. Donde proviene dunque la bilia 
razza de' cani di Terra iSuova? Ciò non è facile a 
determinarsi. WhiLerbourne pretende che tragga ori- 
gine da un cane inglese e da una lupa indigena,- ma 
non è questa probabilmente, che una congettura di 
quest' autore. Sembra d'altronde che se tale fosse 
l'origiiic di questi cani, avrebbero conservalo qualche 
parte della ferocia materna; al contrario distinguonsi 
anzi per la loro placidezzaa e mansuetudine. 

1 cani di Terra Nuova sono di alta statura, di 
muscoli Ionissimi, di modo che sono ad un tempo 
agili e robustissimi. La loro testa è un poco grossa, 
il che dipende dallo sviluppo del cervello; ma nulla 
però ha di pesante, ed il loro sguardo è pieno di 
percezione e dolcezza. 11 loro pelame è generalmente 
lungo e folto, di molta finezza e morbidezza. I cani 
di Terra ISuova non alzano la coda, ma la portano 
dritta, simile a (piella de' lupi; ed in questa può dirsi 
che consista soltanto la somiglianza che hanno coi 
lupi, pe' quali però hanno una sojnina avversione. 
Ciò che distingue specialmente questa razza di cani 
è la disposizi(uie naturale che li porta all'acqua, di- 
sposizione che una lunga abitudine ha svilujipata e 
che trovasi lavorila da una particolarità organica 
d<'gua di fissare l'attenzione. Tutti i cani hanno ge- 
ueralmente le giunture delle zampe strette l'una 
contro l'altra per mezzo di un prolungamento di 
pelle che si avv.mza fino al cominciare della seconda 
falange; ma ne' cani di Teri-a Nuova questa espan- 
sione si protrae fino alle unghie ; è molto larga, e 
permette loro di dilatare moltissimo le zampe, quasi 
come quelle delle anitre, lo che giova loro per an- 
dare a nuoto. Infatti i cani di Terra Nuova, ben eser- 
citati, pare che abbiano fatto dell'acqua il loro ele- 
mento .principale ; vi si sostengono senza alcuno 
sforzo, la cercano con una specie di furore, e non ne 
possono esser tratti che a forza. Si andrebbe errati 
però, dicono i naturalisti, pensando che un così vivo 
traspoito sia un naturale istinto, come quello de' ca- 
elori e di altri animali; iiou essendo ne' cani che uu 



ell'elto di a(ld( stra:nentn, senza di che \i\rf;bb€i'0 
come gli altri cani in terra; ma ([uesto addestramento 
ha su di C:>si un' indueiiza slraordin iria, alla (juale 
pero le altre specie di cani non si piegherebbero. 

Narra un viaKiiiatore che uno de' suoi amici avea 
fallo venire da Terra Nuova un cane che avea ap- 
pena due mesi, allorché fu imbarcalo, uè a\evamai 
avulo occasione di andare all'acqua. Quando fu per 
la prima volta menato presso ima riviera, si procurò 
di eccitarlo ad immergersi nell'acrjua, glttaudovi, co- 
me si suole, un pe/./,a di legno; ma il cane, benché 
docilissimo in tulio ai comandi del suo padrone, ri- 
cusò di andarvi, e convenne precipitarN elo. Se ne 
deduce, che se il cane di Terra Nuova lusse vera- 
mente di sua natura acquatico, sarebbe naturalmente 
dal suo istinto portato all'acqua. Ciò vedesi iui'atli 
nelle anetrelle, allorché sono state alierate da una 
gallina: meulre al primo pantano che si presenta, 
rislinlo le tras^jorta a tull'arsi nell'acqua, e diven- 
gono sorde al grido della loro educatrice, che in- 
vano le chiama, benché fino allora le abbiano co- 
slanleincnle obbedito. Del resto quantunque h; di- 
sposizioni che derivano dall'istinto di una specie sie- 
uo mollo più irresistibili di quelle che si sviluppano 
in un'altra; nulladimeno ancor queste hanno una 
forte possanza. Così il cane di Terra Nuova di cui 
parliamo, malgrado di tutta la ripugnanza che avea 
mostrata da principio per andare in acqua, ne di- 
venne poi smanioso a segno, che non seuza diliicoltà 
potea esser ritenuto dal suo padrone, allorché si av- 
vicinava ad un lago od un fiume; l'obbedienza ren- 
devasi allora per lui molto penosa, sebbene in tuli' 
altro l'osse docilissimo ai comandi che gli si davano. 
In molle razze di cani si scorge un attaccamen- 
to deirauimale per colui che uè ha cura; ma per 
gli altri una tal quale sua indilferenza . 11 cane 
però di Terra Nuova alla somma fedeltà, che ha 
pel suo padrone, riunisce anche un' alfezione gran- 
dissima pei' ogni uomo. Questa sua benefica iucli- 
uazione si mostra specialmente, ove trattisi di sal- 
vare alcuno eh' è iu pericolo di annegarsi. La facilità 
colla quale si muove nell'acqua, la sua forza che gli 
permette di sostenere de' gravi pesi iu acqua, lo ren- 
dono al sommo utile per silfatto servizio. Il fatto 
seguente, che non ammette dubbio, essendo stato 
ben verificato e contestato, ne darà una prova, oltre 
infiniti altri che potrebbero addursene. 



Un tedesco, che TÌaggiava a piedi pei- suo diporto, 
ave.i per compagno del suo pellegrinaggio un gran 
cane di Terra Nuova. Un giorno trovandosi in Olan- 
da, e passeggiando sul margine di un canale, il cui 
profondo lelto era ristretto Ira due muri, gli inaucò 
un niede; cadde in aeijua, e non sapendo nuotare, 
si annego, uscendo da' sensi. AlKncliè t(U'nò iu se si 
trt)To in una casella all'altra sponda del canale, cir- 
condalo da vdjani, che gli porgevano assistenza e 
conforto. Onesti i>li raccontarono, che aveano ve(hilo 
da lungi un grosso cane notante, il iiuaie faceva i più 
grandi sforzi per sostenere al di sopra dell'acqua, e 
portare alla ri\a xm corpo voluminoso, di cui però 
in ilislanza non sapeano diseerncre la forma. lJo[)0 
molli sforzi, il cane era pervenuto ad uu ruscello 
che imhoccava nel canale, la cui profondita veniva 
S^radatamente diiniiiuendo. Fu allora soltanto clie 
poterono riconoscere eh' era un uomo eh' esso me- 
nava per tal modo. Si avvicinarono, ma già. il cane 
avea tratto il suo padrone pel fosso fino all'asciutta 
sponda, ed era occupato a leccargli il volto. Dal pun- 
to in cui l'uomo era caduto fino al luogo in cui al- 
lora trovavasi coi'reva una distanza di 500 passi; ma 
es'a quella l'unica direzione iu cui, cessando il fondo 
del canale, poteasi trovare salvezza presso il piano 
inclinata del fosso, ed ivi infatti erasi diretto il cane 
col suo prezioso carico. 

Non è soltanto, come abhiamo già detto, pe' lo- 
ro padroni che i cani di Terra JN'uova mostrano un 
«iniile attaccamenlo; si sono veduti bene 'spesso lan- 
ciarsi in mare per apprestare soccorso ai miseri nau- 
fragi e ricondurli al lido, ficendo anche mi esteso 
giro per giungere ad una spiaggia arenosa, ed evitare 
gli scogli. Tali cani ia una tempesta possono anche 
staccarsi dai hasliuienti allidando loro il capo di un 
canapo, che trasportato al lido, ed ivi preso e fer- 
mato d'altri, può salvare gl'infelici naviganti, com' è 
avvenuto più volte. 



PIETRO DtlEVET. 

Pietro Drcvet, celebre fra gì' intagliatori, nacque 
a Lione nel 1664, e fu ammaestrato in quella cillà 
ne' priucipii dell'arte sua da Germano Audran. lie- 
calosi a Parigi, onde perfezionarvisi, si dedicò inte- 
ramente al geiuM-e del ritratto. Qnantunque in tal 
TÌa fosse stato preceduto da Vischer, da Massou e da 



Nanteuil, seppi; formarsi una rinomanza parlieolarc. 
Rigaud, pittore ritrattista allora in credito, nmtalo 
aveva il metodo di;' lavori iu esso geuei-e. I pittori 
ritraltisli, che lo avevano preceduto, avevano in ge- 
nerale sagrifie.ito tulli gli accessorii, anche i panneg- 
giamenti, piM- dar risalto alle teste ; egli all'opposto 
volle che tutto brillasse, o di superflui pumeggia- 
menti arricchire le divcM'se njaniere di certe persone 
che a ritratlare imprcmdeva. Tale nuovo metodo esi- 
gi'va anche per pai'te di'iriucisori- nuove appliiazioni 
onde rappresentare senza confusione, ed in mudo 
chiaro e preciso, una moltiplicilà d'oggetti, eh' era 
agevole di distinguere nella pittura per la varietà 
de' colmi, ma ben piii dlllicile ili lar simsibile nell' 
intaglio co' soli mezzi , di cui può dispoi re tale 
arte, il nero cil il ])ianco. Queste diiTicolla lungi 
dalFatterrire Drevet, divennero per lui nuovo argo- 
mento d'estendere i confini deirai-ti! sua: il suo in- 
gegno gli somministrava i mezzi di far sensibile la 
diversità de' drappi, quella de' metalli e quella final- 
mente di tutti i corpi a tale, clie un occhio un poco 
esercitato distingue ne' di lui ritratti perfino la va- 
rietà de' colori. Ciò s'osserva soprattulto nel suo bel 
ritratto in piedi di Luigi XI V; quelli del cardinale 
di Fleurv, della duchessa di JVemours, del Delfino, 
de' caidinali Beauveau, di Noaillcs e di Rohan fer- 
mano in parlicolar modo l'attenzione. Una moltipli- 
cilà di altri ritratti, quelli fra gli alili di Boileau, 
di Kigaud, di Girardon, del maresciallo di \ illars, 
del conte di Toulouse, di Dougeau, di Filippo V, 
del duca del IMaire, di Titon, di madama Lambert, 
della de Serre, della l'Aubesperie ecc. sono latti per 
accrescere la di lui fama. Ki>li morì a Parigi lull' 
anno 1739, ed ebbe un figlio, che se non lo sorpassò 
tentò almeno di contrastargli il primato nell'arte dell' 
intaglio. 

RISPOSTA ARGUTA. 

Un personaggio di altissima distinzione si fermò 
a fare una colazione in una pessima osteria di cam- 
pagna ove solo alloggiavano conladini, <' m''si bini 
vetturali. Dopo aver avuta una frittata soltanto, do- 
mandò quanto doveva pagare : ed avendo sentita 
dall'oste una strabbocchevole domanda, gli rllsse : 
« Devono essere eccessivamente rare le ova ipii'' • 
Rispose l'oste: a^ion sono (pii rare le ova, ma sono 
rari i personaggi di distinzione, d 



02 




INGRESSO ALLA PIRAMIDE CHEOPS 



Parlammo nel 1" tomo, pag. 164, delle famose pi- 
ramidi egiziane, e tra le altre della maggiore detta 
chcops» Erano queste, come accennammo, monumenti 
per le tombe reali, e sono i più straordinarii che 
ci offra l'antichità, talché contavansi già tra le ma- 
raviglie del mondo. 

PVon sarà ora discaro ai nostri lettori, che nel 
presentai"e qui un disegno dell'apertura di questa 
maggiore piramide, torniamo a far parola delle tom- 
be egiziane, anche nell'interno di questo celebre 



paese. Posero gli antichi egiziani ogni cura nel ben 
celare l'ingresso alle piramidi, e quindi si pratica- 
rono grandi indagini e molti sforzi per trovare l'in- 
gresso che qui rappresentasi, e penetrare così nel 
monumento. 

La posizione topografica di tali costruzioni offre 
ancora questa particolarità, che non accennammo al- 
trove; vale a dire che le piramidi propriamente non 
trovansi se non nel basso Egitto, verso l'alteiza del 
Cairo, e che al di là di questa regione, cioè nel me- 



9 



t> 



dio ed alto Egitto, i luoghi consacrati alla sepolliira ' 
dei re non erano piramidi; ma tombe simili a quelle 
dei privati, consistenti in escavazioni piii o meno 
spaziose, tagliate nelle montagne, ed ornate con ogni 

niafigior cura. L'ingresso delle tombe nella Tebaide 

no o 

diligentemente cbiuse era spesso indicato da un si- 
mulacro di portico tagliato nel fianco della monta- 
gna,- ma più spesso ancora era senz' alcuna appa- 
renza esterna, murato diligentemente, e nascosto sotto 
un ammasso di terra e di sassi. 

La necropoli, ossia il cemeterio di Tebe, occupa 
sopra una estensione di mezza legs uns pianura all' 
occidente del Nilo, tra questo lìunie e la montagna 
arabica. Egli è precisamente alle radici di ijuesta 
montagna eli' erausi scavate per le famiglie piii ric- 
che quelle iunumerabili e vaste grotte tutte decorate 
d'iscrizioni geroglifiche, di sculture, di pitture, che 
somministrano cosi preziosi dettagli sugli usi, le 
arti e l'industria degli antichi egiziani. Nella pianura 
poi si sepellivano, dopo averli imbalsamati, i morti 
di Ogni età ed ogni condizione. 11 principio dell'im- 
balsamatura essejido stato consacrato dalla reliiiione, 
e prescritto non solamente per gli uomini, ma anche 
per gli animali, gli egiziani che morendo non aveano 
i mezzi di essere imbalsamati a proprie spese, cranio 
però a spese dell'ei'ario; lo clie spiega il modo tri- 
Tiale dell'imbalsamatura usata per quelle mummie, 
che trovansi ancora a migliaia ammassate ne' pozzi 
ed altre escavazioni, mancanti di ogni ornamento, e 
che sembrano essere state dedicate alle sepolture co- 
muni. Una delle escavazioni piìi importanti della ne- 
cropoli di Tebe è quella che gli antichi chiamavano 
la syrùica, vero laberinto dove i corridoi immensi 
corrispondevano ad altre vie sotterranee ed a pro- 
fondi pozzi. Caverne sono queste cosi estese ed iu- 
U'icate, clie non vi si può entrare senza la fida scorta 
di gente del paese, ed al chiarore di faci, valendosi 
anche, ove occorre, di scale e di corde. 

Le tombe dei re tebani, situate nella valle detta 
Bìbaìiel-Molonk, offrono in questo genere i monu- 
menti piii sontuosi, e di un' antichità che i-imonta 
per alcuni al di là del secolo X^TII prima dell'era 
cristiana. Queste tombe, violate nella maggior parte 
all'epoca dell'invasione de' persiani sotto Cambise, 
erano fin dal tempo de' greci e de' romani l'oggetto 
della curiosità de' viaggiat(n-i che vi scrivevano i loro 
nomi. 11 piano ordinario di queste tombe reali, o di 



ricche famiglie, con^istea in un gran numero di cor- 
ridoi, talvolta interrotti da pozzi profondi e ib» ca- 
mere piìi o meno spaziose che conducevano per sor- 
tite nascoste alla sala principale, in mezzo della quale 
era il sarco.''ago ordinari. imente di granito, di basalto 
o di alabastro, la cui lunghezza variava da 8, lO ed 
anche 12 piedi, sopra un' altezza di 5 ad 8 piedi, 
compresavi la copertura. In questo masso racchiu- 
devasi la mummia reg'a imbalsamata, col viso e le 
mani coperte d'oro, avvolta di fasce, e racchiusa in 
un doppio o triplo feretro carico di ricche pitture. 
Le pareti della escavazione intera, come anche la 
volta, erano coperte di sculture colorate e d'iscrizioni 
geroglifiche, nelle (juali il nome del re defunto era 
spesso ripetuto. \ i si rappresentavano per lo piii 
tutte le cerimonie funebri, la pompa della uma- 
zione, la visita dell'anima del morto alle princi- 
pali false divinità, le sue offerte a ciascuna di esse, 
infine la sua presentazione al dio supremo dell'Amen- 
ti, ossia dell'averno egiziano. Nulla può uguagliare 
la sontuosità di siifatti monumenti, la cui profondi- 
tà e magnificenza erano proporzionate alla durata 
del regno, ed all'opulenza de' re che li aveano fatti 
scavare mentre vivevano. 




IL PAPÌilO 

I greci davano il nome di fjapyriis ad una [)ian- 
ta, che servi per mollo tempo a ricevere l'imprc»- 



M 



sioue de' caralteri prima dciriiivciizione della carta. 
E questa una pianta ao([uatica classificata tra le ci- 
peracee, che sembra non vegetare che presso le 
sponde del ^Vilo : quaatuiKjue gli antichi naturalisti 
assicurino che trovisi' anche nell'India, e che nell' 
isola di Madagascar siasi trovata una specie consi- 
mile di pianta atta ugualmente a ricevere lo scritto. 
11 papero di Sicilia è stato conl'uso per molto tempo 
col papy /US egiziano, scLhene ne difl'erisca nolahil- 
niente, e segnatamente per la sua piccolezza non giun- 
gendo a più di sette piedi di altezza, mentre quello 
ddl'Fgitto s'innalza lino a quindici piedi. Il tronco 
di questa pianta è triangolare e termina in punta 
aguzza nel vertice, dove sorge una specie di parasole 
e spiga in l'orma di tirso : le foglie sono radicali, e 
rassomigliano a quelle della pianta detta spargaiUKin. 

Gli antichi egiziani impi^-gavano il papiro a pili 
usi, di cui il principale era la preparazione delia 
caria col tronco e ceni le foglie. Le radiche erano 
un eomhiistihile utilissimo in (juesto paese abbon- 
dante di popolazione, dove il legno era raro. Essa 
forniva la materia anclie pe' vasi, e per idciioi uten- 
sili domestici. Le parti del tronco e delie lo die, che 
la fabbricazione della carta non avea impiegate-, era- 
no tessute e formate in diversi modi, uno de' piii 
rimarchevoli, de' quali era la costruzione di banlie 
h'ggerissinic, solidissime, e che ponevano, come di.:e- 
Aasi, i navigatori in sicurezza contro gli assalti de' 
coccodrilli. La parte inferiore della pianta conteneva 
una sostanza succosa che si mangiava. Finalmente 
avea delle parti filamentose e tessibili, di cui faeeansi 
tele pili meno fine, vele, coperte, e cordami. 

Narrasi che in INJeufi si fecero [)cr la prima volta 
de' fogli elastici, compatti, ed idonei a ricevere lo 
scritto e formare de' libri. Ma egli è difficile d'in- 
dicare l'epoca precisa di questa invenzione. Sebbene 
i processi di quest' arte fossero semplicissimi, dovea 
però esiggere un lungo noviziato, dappoiché il suc- 
cesso dell'operazione dipendeva dall'abilità dell'arte- 
fice, e dalla sagacità delle sue osservazioni. Le cor- 
tecce del papiro erano tagliate a misura della lun- 
ghezza che volea darsi ai fogli : si separavano con 
mi ago le pellicole che formano queste cortecce, si 
stendevano sopra una tavola, dov' erano lavate, pu- 
lite e poste le une sulle altre in guisa che stes- 
sero a perfetto contatto, e prendessero una forma 
rettangolare, le cui dimensioni erano fissate secondo 



la specie di carta che volea formarsi. Altre pellicole 
erano aggiustate allo stesso modo su queste prime, 
ed incollale se occorreva: il più sovente esse con- 
servavano parti mucillaginose, bastanti per rendersi 
naturalmente aderenti tra loro, senza soccorso di ma- 
teria callosa. Allorché i fogli aveano preso cosi la 
grossezza e la solidità conveniente, si terminava di 
pulirle, ed ottenevasi infine con tale procedimento 
una carta durevolissima e di somma nitidezza. I più 
bei fogli si formavano con gli strati intermedi delle 
cortecce del papiro : a misura che si facea uso 
o della parte più esterna, o del centro del tronco, la 
qualità della carta diminuiva di pregio, di candidezza 
e di valore. La prima qualità fu da principio riser- 
vata pe' ministri del culto. Allorché l'Egitto subì il 
giogo de' romani, i dominatori ottennero ben presto 
la precedenza sugli dei del paese, e la carta detta 
liicralica fu dedicata ai padroni dell'impero, riser- 
vandola pe' finizionarl ed agenti pubblici. Le foglie/ 
del papiro nini davano che una carta meno unita, 
meno solida e più grossolana di ([mila che forma- 
vasi colia cort 'Ccia : ed aveasl per riufiiua qualità. 

Gii antichi non ci hanno lasciata alcuna istru- 
zione sedia coltura del papiro egiziano. Questa pianta 
era senza dubbio collivata in somma estensione, poi- 
ché la carta che ne proveniva, era sparsa per tutto 
l'impero romano, e più di ogni altra materia impie* 
gala per iscrivere, sebbene vi fossero le pergamene, 
le tavolette di cera ecc. 

Poco dopo la conquista dell'Egitto, i papiri egi- 
ziani furono quasi esclusivamente in uso presso i 
romani, e divennero ben presto un oggetto di prima 
necessità. Sotto il regno di Tiberio, la rarità di que- 
sta merce che il commercio n ni poteva fornire in 
quantiià sufficiente fece poco meno che nascere una 
rivolta. La merce stessa si sparse quindi sempre più, 
e se ne venne talmente aumentando la lavoi'azione, 
che nel secolo III ini ricco negoziante per nome 
Firmo, avendo concepito l'ambizioso progetto d'im- 
padronirsi dell'impero, ed avendo adunato alcune 
truppe colle quali s'impadronì d'Alessandria, la qua- 
le conservò anche per alcun tempo, vaiitavasi di 
aver preso in quella città papiri suiBcienti per ìsti- 
pendiare uà esercito, e provvedere a tutte le spese 
della sua impresa. 

Una merce d'uso così universale non doveva an- 
dar esente dal dazio : ed era lauto più agevole, « 







w 



C<'i-t() (li pDIciNcla sdlUipoi-rc, per essci' rinijicio lu- 
<lr(jtiL' de' lui'ylii (il l'.iljln-itii/.iuiìc, e del dcpii.silo "(_— 
licralu (Jclly liicdi'.'iiiiia. i..i caila ossia il p.-nìiro (■«•i- 
ziaiio lu (juiiidi gra\at(j di un dazio, clic j,' iniial/.o 
pr()jjrcssi\aiiiLM)l.(.' soli' (igni iiiuivo redini, (inciid- di- 



Yoniic \ riMiiinilL' (.■sorl.iilaiilt.'. jN 



(11) lu clic al princi- 



pio d(.'l sesto secolo die l'itaiiu uè lu liberata da 
Teodorico re de' g"ti. Que.sl' alti) di iiuuiilicenza lu 
accollo con soiiinia l'icoiiosccnza : Ca.ssiodoro ne par- 
la come duii vantai^gio recalo a lutto TuoÌm rso, clie 
avrebbe d'allma in poi \cdiito circolale in piena 
]iJ)ertà una inateiia, clic secondo Plinio migliora 
l'uomo, e lo la vivc're in lutti i secoli, raccoglien- 
dosi su di essa, e traniaudaiidosi per mez.zo della ine- 
desiina tulle le cogui/.ioni. Ma in (jueU'cpoca lo sta- 
to politico dell'Europa non era stabiiilo, e grandi 
avvenimenti prepara\aiisi in Asia ed in AH'rica: il 
tempio della decadenza del coiumerein e delle arti 
£Ì approssimava: l'Egitto cessò di fornire i suoi pa- 
piri all'Europa, e convenne scrivere sulla pt;rgamcna. 
Verso il decimo secolo l'industria venne linalmente 
in soccorso di tutti (pielli clic sentivano il Lisogno 
di scrivere. S'invento la caria di cotone, dicono <;li 
eruditi, compresovi il conte Cayluà sebbene le parole 
charta boinbycuia sembrino indicare una carta di 
seta. Tutto porta infatti a credere, clie la stoppa 
della seta fosse da principio inipiegata per siil'atla 
faLbricazioue, alla quale si presta molto meglio del 
cotone, dando anche un risultameuto piii solido: il 
nome Ialino del cotone gossypitiin non era certamente 
ignorato da cjuelli che ci hanno trasmesso la deno- 
minazione di charta hoinli} dna, e che desunsero 
tal nomo dal verme da seta. Ot;!;idi realmente la 
carta si fabbrica col cotone nelle contrade che di- 
consi di levante. L'arte di fabbricarla vi ha fatto 
grandi progressi, e può ben mettersi a livello del 
perfezionamento che ha ricevuto in Europa. Non si 
avi-à dunque mai piii bisogno di tornare al pajiiro. 
Questa pianta così celebre rimane ora negletta, non 
potendo rendere che servizi comunissimi, i quali 
possono ottenersi anche e ben meglio da altre piante. 



«==>^>« 



p^;lu■i:ZlU^AMl:.^Tll ix.i.lk TRiiMut: uhuilichc 

DI niCTZ. 

II sig. eav. ('isa di Dici/, ha fallo rapporto alla 
]{. accadciaia delle scienze di 'l'orino, sulla domanda 
(Il pmiicoio i;,ti;i dairarleiicc (iiacoiuo Rusea, per 
la costruzione delle trombe idrauliebc, dette alla 
J)ietz, ma con (iiialche variazione da lui imma''inata 
((1 eseguila. 

J'> nolo che cotcite tromJic consistono essenzial- 
mente in una specie di scatola o cassa cilindrica di 
metallo, il cui asse per mezzo di manovella si fa 
girare culro due staggi che sostengono la cassa im- 
mobile verticalmente. Da due punti della periferia 
di cotesta cassa, più o meno Ha loro distanti, par- 
tono due tubi o solidi o flessibili, uno de' (piali pe- 
sca nciracijua che si vuole alzare, l'altro si diri>'(j 
in alto, ov\ ero lateralmente, e termina in un cannello 
becco, da cui esce fuori l'acqua con celerità cor- 
rispoiidenie alla forza impiegata nel muovere la ma- 
novella. Entro la cassa evvi una grossa piastra clit- 
tica di metallo infissa nell'asse medesimo, e perciò 
girante con esso: la piastra è munita di quattro pal- 
mette metalliclie, le (piali nel passare contro il foro, 
che dà origine al tubo discendente, fanno il vuoto: 
e cosi l'acqua monta nel detto tubo, quindi nella 
cassa, di dove esce pel tubo laterale o ascendente, 
cacciatovi successivamente dal girare delle palmettc 
medesime. Codesta piastra elittica nelle trombe di 
Dietz non può farsi d'un pezzo con la cassa metal- 
lica, ma debbe lavorarsi separatamente con la lima, 
quindi fermarvela con saldatura: ciò che accresce la 
dilFicoltà della costruzione, e produce dispendio di 
tempo e di metallo. 

L'artefice Giacomo Rusca, tornitore di metiilli, im- 
maginò di rimediare a questi inconvenienti, sosti- 
tuendo alla piastra clinica una piastra circolare, ma 
eccentrica all'asse di relazione, facendola di un getto 
insieme con la corrispondente parte della cassa me- 
tallica : lavorando cosi ogni cosa al torno, con evi- 
dente risparmio di tempo, e col più facile conse- 
guimento di una maggior precisione. Questi vaiUagiri 
sono stali riconosciuti dai membri della prelodata 
reale accademia, i (piali esaminata la macchina e ve- 
dutala in azione, ne hanno commendalo l'artifizio, 
e hanno giudicalo l'artefice degno del chiesto privi- 
legio. {Bolletluio di Bvloi^ìia.) 



96 



SULLE COSTUMANZE DEL MESE DI MAGGIO. 



Non altrimenli die il primo di agosto, festeggia- 
giavasi ancora dagli idolatri il primo di maggio con 
suntuosi e solenni conviti, con le più geniali con- 
versazioni e particolarmente con canti, con giuochi, 
e con altri piaceri di allegrezze. Chi fosse curioso 
di erudirsi di tali usi, osservi il Ducange in Coin- 
pensus, e Carjieinier in Maintna, ove si descrive 
l'uso di piantar gli alhcri in questo giorno, ad esclu- 
sione del nocciuolo e del sambuco. Il dottissimo Can- 
cellieri, onore di questa nostra citta, ne' giuochi di 
agone e di testacelo descrive una festa che solca 
farsi in questo giorno dagli svizzeri del papa. Ca- 
millo Peresio nel 1688 fece stampare in Ferrara il 
jiocnia epico-giocoso nel linguaggio del volgo di 
Fioma, il Maggio romanesco, ovvero // palio con- 
quistato. Nel canto VI, pag. 88, stanza 52, ivi cosi 
descrive questi ed altri divertimenti che a' suoi tempi 
si prendevano dai romani ne' giorni estivi: 
Era intrattanto ancor quel di Tenuto 
Del mezzo agosto e a Ripagraude usava 
De sfarseggiare ogni sgheraccio astuto, 
Che '1 corso delle barche se sforgiava, 
Dove più grosso e indove più a menuto, 
Pe le case e a le ripe il pò poi stava, 
E nel calare in verso al mare Apollo 
Ai papari più d'un strappava il collo. 
Chi desideri vedere altri opuscoli sulle costumanze 
del maggio, potrà cercare il Carmeli nella storia di 
vari costumi. Dcmenico M. Manni nel ragionamento 
istorico il Maggio, Firenze 1746. Giuseppe Bianchijii 
nella prosa mss. sopra l'uso di cantar niaggio. 



VALENTE ITALIANO 



LANZI 

Luigi Lmmzi, dotto italiano, nacque nel 1732 pres- 
so Macerata: professò belle lettere, e nel 1773 fu 
creato vice-direttore della galleria di Firenze, poscia 
antiquario, indi fu incaricato di tutti i miglioramenti 
ideati dal principe Leopoldo per quel nobile istituto. 



Compose la Guida della galleria di Firenze; po- 
chi anni dopo un Saggio sopi-a la lingua etrusca., 
col quale aperse un nuovo arringo nella letteratura ; 
v' aggiunse due trattati di Paleografia greca e la- 
tina ; finalmente coronò la sua fama con la Storia 
pittorica d'Italia, bellissima opera e classica. Pub- 
blicò inoltre una raccolta di sue Iscrizioni latine, 
ottimo esemplare in tale difficile parte di erudizione; 
da ultimo nel 1807, diede in luce una versione di 
Esiodo col testo a fronte, riscontrato e comeutato, 
oltre un numero grande di Dissertazioni, Memoria 
Opuscoli inseriti nei giornali. Morì nel 1810. 



FEDERICO IL GRANDE. 

Federico, quel celebre gueri-iero, che solo s'oppo- 
se gloriosamente contro sette potenze, soffrì una ter- 
ribile sconfitta a Coslin nella campagna del 1755. 
Qualche tempo dopo in una rivista dimandò per ce- 
lia ad un soldato, che aveva una profonda cicatrice 
in una guancia: «Amico, a qual bettola hai tu rice- 
vuto quella graffiatura? - Me la sono fatta, rispose 
il soldato, a Coslin, dove vosLra maestà ha pagato il 
conto. » 



ANNEDOTO. 

Si faceva un tale dar la buona ventura da un' 
astrologo. L'indovino, dopo avergli scoperti gli arcani 
della sua sorte passata, presente ed avvenire, con 
ambigue parole, dimandò la solita mercede. Questi 
rispose: «Come! voi che pretendete saper le cose 
nascoste, non sapete che non ho un soldo in tasca? 



SCIARADA 

Il mio totale e del primier bottega: 

Ma bada che la chiave in man non stia 
A gente tal che il mio secondo spiega. 



Sciarada pbecedente = Mar-tino. 



TIPOGUVFIA. DELLE BELLE ARTI, YIA liX ARCIOKEIV. 100, COTi APPROV AZIOIVE. 



97 



ANNO 




DISTRIBUZIONE 



Si pubblica ogni Sabato 



ROMA 



6 Giugno 18135. 




SEUPEiMI. 

PRETESO POTERE DI AFFASCINAMENTO. 

È egli vero, che se gli occhi d'un serpente s'in- 
contrano in quelli dell'auimale, eh' egli ha preso di 
mira per farne sua preda, lo sguardo terribile del 
rettile paralizza all'istante la sua vittima, le toglie 
la facoltà di fuggire, e perfino l'attrae quasi con 
magica possanza fin nella gola spalancata eh' è per 
divorarla? Questa popolare credenza viene accreditata 
da alcuni naturalisti, e non mancano per accreditarla 
molli maravigliosi racconti. Nulladimeno si sono tro- 
vati de' men creduli, che hanno voluto es.imiiiaie, 
discutere e principalmente aver de' fatti soll'occiiin. 
Ma tali sperimenti non possono che ben di raro larsi 
in Em'opa, dove i serpenti non abbondano, e manca 
quindi l'occasione di osservare le cacce e destrezze 
regolate, secondo la forza, l'agilità e le armi naturali 



dell'animale che inseguono. L'America è ben più 
atta a tali osservazioni ; poiché i serpenti vi sono 
comunissimi e grossissiml, sebbene lo smisurato boa 
non vi si trovi. Il dottor Barton ha diligentemente 
studiato negli Stati-Uniti i costumi de' serpenti di 
quelle contrade, ti"a' quali conviene porre nel primo 
rango il formidabile serpente hoiquira (serpente a 
sonagli), e nulla ha potuto scoprire che valga a so- 
stegno dell'opinione comune, quantunque le sue ri- 
cerche siano state dirette in guisa da non lasciare sfug- 
gire alcuna occasione di osservare i fatti de' quali si 
allegano le testimonianze. 11 risultato delle sue cu- 
riose indagini è riferito in una memoria impressa in 
Filadelfia. Noi daremo alcuni cenni di quest' opera, 
piena d'interesse e di falli istruttivi. 

Non è maraviglioso che una femmina volatile, 
sorpresa nel suo nido da un serpente, esiti alcuni mo- 
menti prima di risolversi ad abbandonare il suo covo 
i suoi pulcini, per sottrarsi, fuggendo, all'aspetto 
del nemico. Se il rettile si arresta anche per ijual- 
che tempo a contemplar una preda, che non può 
fuggirgli, per trovar la via che ne lo ponga più fa- 
cilmente in possesso, il terrore e l'esitanza della 
povera madre si aumenteranno: essa perderà forse 
il sentimento del suo proprio pericolo, tanto sarà 
preoccupata di quello che minaccia la sua prole. 
Non si hanno forse esempi bastanti dello zelo e 
dell'ardire che infonde l'amor materno, specialmente 
ad alcune specie d'animali? Non saprebbe (jiiinài 
scorgersi in ciò un effetto di afTascinamciiio; ma [)iut- 
toslo vi si riconoscono le maraviglie dell'istinto, ed 
il tenero spctiacolo che dovrebbe intenerire il cuore 
dello spietato uccellatore. Gli uccelli che posano il 
loro nidi) in terra, o sopra i cespugli a poca eleva- 
zione alla confluenza delle acque, sono i più espo- 
sti alle incursioni de' sei"peuti. Quanto alle specie 



che stabiliscono mollo più in alto il nido, nulla han- 
no a temere dalla voiacità de' rettili, come riferisce 
il Bartou, dubitando quest' autore perfino, che il ser- 
pente a sonagli monti mai sugli alberi. Questo dub- 
bio a dir vero è straordinario, poiché testimonj ocu- 
lari, non meno istruiti del naturalista di Filadelfia, 
Launo descritto la caccia clie dà questo fiero serpente 
allo scoiattolo, non solo fino alla sommità de' piii 
grandi alberi ,- ma nel caso in cui l'animale inse- 
guito salii da un albero ad un altro, il sei'pente gli 
tien dietro senza mai perderlo di vista. 

]N on è che nel tempo della costruzione de' nidi, 
dell'incubazione, del nutrimento e della educazione 
de' pulcini, che gli uccelli si lasciano avvicinare e 
predare dal serpente per quelle veementi preoccupa- 
zioni e quella imperiosa, irresistibile necessità d'istin- 
to che li rende superiori ad ogni temenza, e dà loro 
animo di esporsi a' pericoli che non oserebbero af- 
frontare in cjualsivoglia altra occasione; ma in tutto 
ciò nulla v' è che si allontani dalle lessi ordinarie 
della natura, nulla che faccia sospettare una miste- 
riosa influenza di aHascinameuto. 

Il sig. Barton ha veduto talvolta de' colubri fugati 
con forti colpi di becco da una mad)-e dispiuala ; 
ahrevolte essa dee subire la stessa sorte de' suoi pie- 
coli, ed è divorata. All'avvicinarsi del nemico alza 
un forte grido doloroso, e non cessa finché il peri- 
colo non sia passato. Essa sceglie presso il suo nido 
un posto d'onde possa battersi contro il serpente, e 
lar uso di tutte le sue armi, per soccombere o trion- 
fare : sventuratamente il primo caso si verifica piìi 
Irequentemeatc del secondo. Le specie di m(;rli pro- 
prie del nuovo mondo si distinguono, come quelle 
de' merli de' nostri boschi, con prodigi d'amor ma- 
terno. 11 gran depredatore de' campi di fromento, il 
merlo dalle ali rosse o di Baltimora, ha specialmente 
l'imprudenza di porre il suo nido troppo in basso 
su i eespnoli, di fucile accesso al colubro nero di 
quelle contrade. Allorché i piccoli cominciano ad ab- 
bandonare il nido, (-d a provvedere alla propria sus- 
sistenza, non perciò la madre li abbandona, non 
avendo essi ancora cognizione sufficiente de' pericoli 
che possono incorrere, né forza per difendersi o fug- 
gire. La madre quindi continua a proteggerli, e non 
li abbandona definitivamente clie quando non hanno 
più d'uopo del soccorso di lei. Ma lo ripetiamo, nulla 
può attribuirsi al preteso allascinamento. 



PITTURE DEL C.VV. GIOVANNI SlLVAG.Xl ROMANO. 

Non sarà cosa discara ai cultori delle arti belle 
se qui parleremo dei dipinti del eh. pittore signor 
cav. Giovanni Silvagiii romano, professore accade- 
mico di merito, e consigliere dell'insigne e ponti- 
ficia accademia di s. Luca. Molle tele ha egli ope- 
rate, e tulle procacciarongli fama di valentissimo. 
Tralasciamo di favellare del Coiivlnìw, dello Sci- 
pione, del Rapimento delle sahine, à^W Edipo e di 
altre sue opere, e diremo solo che i due dipinti, la 
Triììità cioè e il Polinice di tal pregio furono re- 
putali, che il primo è stato da dotta penna illustrato, 
e il secondo fu acquistato con raro esempio, trattan- 
dosi di un vivente artefice, dalla summentovata acca- 
demia di s. Luca. Ma ciò che singolarmente onora 
il nome del cav. Silvagni è la insigne copia da lui 
condotta in tela del Martirio di s. Andrea apo- 
stolo del Donienichino, il cui originale dipinto a 
fresco vedesi nella cappella del suddetto santo presso 
la chiesa di s. Gregorio al monte Celio. Ognun sa 
il pregio di questo capo-lavoro, che fu sempre an- 
teposto per la sua composizione all'altro che dirim- 
petto fece quivi contempoi'aneamente Guido Reni, con 
generosa emulazione convenuto a far paragone di se 
circa l'anno 1585. Questa bellissima pittura a fresco 
pel danno recatole e dall'umidità del muro, e da' 
cattivi restauri, poche tracce conserva de' primi li- 
neamenti, e ha perduto quasi tutta la vivezza de' 
colori che l'animavano. Il regnante sommo ponte- 
fice Gregorio XVI, proteggilore esimio siccome delle 
scienze, cosi ancora delle arti, volendo far rivivere 
sì grande opera, ed informato già dell'alto merito 
del cavalier Silvagni, lui onorevolmente prescelse 
ni^l 1833 a tal oggetto. Questi, tutto intento a cor- 
rispondere alle intenzioni sovrane, si pose subito all' 
alla impresa: e già ne ha compiuto il lavoro, avendo 
saputo cosi bene raggiungere l'autore in ogni parte, 
che dai più valenti nell'arte ne ha ottenuto somme 
lodi non meno, che ammirazione! E certo noi non 
sapremmo pensare un maggior magistero. Dicesi clie 
in breve avremo sul merito di questa copia un par- 
licolai-e discorso fatto da un lellerato assai pratico 
delle arti: perla qual cosa non ci dilungheremo di 
più, bastandoci di averne dato un cenno. Non trala- 
sceremo però di commendare nel cav. Silvagni quel 
suo congiungere all'eccellente ingegno una peculiare 



m 



educazioiu', che lo rende a tulli ammirevole e giato, 
come pure una pietà singolare; virtìi che quanch) tro- 
vausi sì bene accopiate, mancar non devono di essere 
da' cortesi raccomandate, e da' generosi premiate. Ed 
io sinceramente il desidero, insieme con quelli che 
appieno conoscono l'egregio arteilce: sperando che la 
sorte non voiTà deluderlo con quegl' incontri fa- 
tali, che quasi sempre hanno sperimentato gli uomini 
più illustri dalla malignità degl'invidiosi: come ap- 
punto, per tralasciar molli altri artisti, il prelodalo 
grande Domenichiiio da parecchi bassi nemici in Ro- 
ma, e da Belisario Corenzio in Napoli, fu per mero 
livore acremente perseguitato, come si disse nella 
distribuzione 1^ di quest" anno. D. P. A. 

IL LADRO BEM ACCOLTO. 

L'abate di Molière era uomo semplice, dabbene, 
povero, che nulla ingirivasi nelle cose del mondo 
U'anne i suoi lavori filosofici. E"li lavorava in letto 

o 

per mancanza di legna, con un paio di calzoni so- 
pra il berretto da notte. In questa positura egli si 
vide un giorno rapire il frutto de' piccoli suoi ri- 
sparmi. Sente bussare all'uscio: «Che c'è- Aprite... » 
L'abate tira una cordicella ed apre l'uscio : « Chi 
siete?- Datemi i vostri denari- I miei denari?- Si 
i vostri denari- Ah! capisco, voi siete un ladro ? - 
O ladro, o no, ho bisogno de' vostri denari - Vera- 
mente se ne avete bisogno.... ebbene, cacciate la 
mano qui dentro: » Egli stende il collo, ed accenna 
una saccoccia de' calzoni ; il ladro vi fruga dentro. 
« Per bacco, non e' è denaro. - jVo certo ; ma v' è 
una chiave - Che ho da fare di questa chiave? - 
Prendetela - L' ho in mano - Andate a quello scrit- 
toio ed apritelo. » 11 ladro apre un altro cassettiuo. 
a Che fate? non toccate li: vi sono le mie carte.... 
Finitela vi dico, non iscompigliate le mie carte; apri- 
te quell'altro cassettino, vi troverete ì denari. Eccoli 
là, pigliateli... Serrate dunque il cassettino!» Il la- 
dro fugge via. ic Signor ladro, chiudete l'uscio... Bric- 
cone! mi lascia l'uscio aperto! che cane di ladro! 
Bisogna clie io scenda di letto eoa questo freddo ! 

L' abate balza giù. dal letto, va a chiudere la 
porta, e ritorna tranquillamente al suo lavoro, senza 
pensare che non gli rimaneva neanche un soldo per 
provvedere al pranzo. 

H I s tt«Ct)fC«i .. I • 



MINIillALl DKOLl STATI LNITl D A:\lErilCA. 

Le sostanze minerali, ad eccezzione del ferro e 
del carbone di ferro, sono assai rare negli Stati-Uni- 
ti : e quel popolo agricoltore sdegna per anco i tesori 
metallici, che forse rinchiusi stanno nel suolo, che 
calpesta. Le fonderie del distretto di ]SIain non im- 
piegano che minerali melmosi; vi si trovano alcuni 
terreni che danno copparosa o vetriolo e zolfo. Le 
miniere di Franconia nella nuova Stanipshire con- 
tengono ferro ossidulato, che trovasi come quello di 
Svezia nel gneiss, alternate col granito, e col ^rean- 
stone primitivo. 

Il minerale di ferro abbonda nel IMassacliuset, 
ove si cava rame, piombaggine ed ardesia alluminosa. 
Una cava di pietra da calce vi somministra l'asbesto. 
Ehodc-Island ha niiniere di ferro e di rame ; una 
miniera di piombo in riva al Connecticut rimane ne- 
gletta, perchè troppo costosa. Le montagne fra l'Hud- 
son ed il Connecticut racchiudono ferro, ed un poco 
di stagno. Philipslxn'go nella nuova \ork, possiedo 
una miniera d'argento. jNella nuova lersey si cavò 
per lungo tempo una miniera di rame, ove credevasi 
poter trovare l'oro. Si è scoperta, non ha guari, In 
quella provincia ad Hoboken magnesia nativa, pu- 
rissima e fortemente cristallizzata. Nella ^ irginia 
presso alle cadute del Rapahanor si è trovalo un 
pezzo di niiaerale d'oro recatovi certamente da quel 
fiume. Sono anche in quella provincia miniere di 
rame e piombatjgine, che danno 50 ed 80 libbre di 
metallo, sopra cento di minerale, ma piii ancora mi- 
niere abbondanti di carbon fossile. Questo prezioso 
combustibile trovasi del pari in riva al fiume James, 
verso il jNJississlpl e l'Ohio; quello di Pislborgo è di 
qualità assai migliore. Oltre l'abbondanza di carbo- 
ne, la Virginia contiene amatiste e smeraldi o cri- 
stalli di color violetto e verdi. La Carolina meridio- 
nale, ricca già di pietre da fabbrica, di quarzo preso 
per diamante, e di ferro, offerse indizi d'argento. 
Sebbene non veirirausi tracce di vulcani nell'America- 
Unita, si è scoperto un deposito immenso di zolfo 
nativo neirinterno dello stato di nuova York, versa 
le cascate di Cliston. 



100 




CAI ILDUALE Ul STRASBUUCO 



101 



11 campanile di StrasLurgo è il jiiii alto di tulli 
gli edifi/.i CDiiosniiiti, tranne la gran piramide di 
Egitto, che non retcede però se non di .soli dodici 
piedi e quattro pollici. La sua altezza è di 1 12 me- 
tri ed 11 centimetri, ossia di 437 piedi e mez/.o. 
Questa misura è il risultato di due operazioni trigo- 
uometriche eseguite dagli attuali ingegneri geogiaii, 
le relazioni de' quali non difTerijcono tra loro, che 
di tre millimetri. Aelle opere antecedenlenienle pub- 
blicate sulla descrizione -di questa cattedrale, non si 
trovavano che cifre tra loro diUerentissimc, varianti 
da 930 e 6 34 a 437 incdì di altezza, la quale si è 
ora riconosciuta per la vera. Gli errori erano aumen- 
tati anche dalla dift'ercnza tra il piede parigino e 
quello del paese: differenza alla quale gli autori non 
aveano in addietro avuto alcun riguardo. Dalla base 
alla sommitii si contano 635 gradini. Per farsi un' 
idea di questa portentosa elevazione, convei-rebbe 
avere de' termini di comparazione, che mancano nella 
maggior parte delle città di Francia; ma per esem- 
pio si sa, che i campanili della cattedrale di Parigi 
(data da noi nel tomo 1" del nostro Album) non giun- 
gerebbero neppure alla mela dell'elevazione del cam- 
panile di Strasburgo. 

La facciata della chiesa ha cinque piani che pos- 
sono facilmente ravvisarsi nella incisione che ne pre- 
sentiamo. 11 jirimo ripiano termina al di sopra de' 
portici, che sono ornati di una infinità di figure 
rappresentanti diversi soggetti saeri : al couGne del 
primo piano si veggono quattro statue equestri rap- 
presentanti Clodoveo, Dagoberto, Rodolfo di Haps- 
])0urg e Luigi XIV. Le prime tre erano stale innal- 
zate nel 1291, (juando l'edifizio non era perauche 
giunto che all'altezza, in cui si veggono collocale 
tali statue : l'ultima è stata eretta recentemente. 11 
secondo piano si compone del rosone a vetri colorali, 
la cui circonfei'euza esterna ha 1 30 piedi di diame- 
tro, e di due gallerie a destra ed a sinistra. Al di 
sopra del rosone veggoiisi le nicchie, in cui esiste- 
vano in addietro le statue di N. S. Gesù Cristo, 
della SSiìia A'ergine, e dei dodici Apostoli. Le cor- 
nici della galleria a destra, sono coperte di una 
quantità di orride figure rappresentanti demoni e stre- 
goni : nella parte sinistra vedesi una statua antica, 
rappresentante un Ercole, trovata negli scavi dell'an- 
tico tempio, sulle cui ruine è fondata la cattedrale. 
Il tei"zo ripiano dell'editizio è occiqiato dal campa- 



nile, e leriiiiiiu in ])!ano, dove lomimia il quarto 
piano: ivi s'innalza la torre, vera maraviglia d'ar- 
chitettura per 1 ardila sua eoslruzione, la sua ele- 
ganza e leggiadria . Essa è traforata dall'alto in 
])asso, e s()sU']iul:i dalla sola costruzione a mattoni 
de' suoi angoli, 'rutta l'elevazione di questo piano è 
cii'condala da (jiiallro toi-rette esagone forale in ogni 
parte, e contenenti scalette a ehioeeiola : il noslro 
disegno ne riporta due: la comunicazione colla torre 
è praticala per mezzo di ponti in pietra piana. Il 
quinto ripiano è formalo dalla punta a piramide; 
ottagonale e contiene olio scale poite nelle piccole 
torrette fianeheggianli la piramide stessa: nella parte 
superiore tro\asi la lanterna, la corona, la rosa, e 
finalmeule vi s* innalza la croce termijiata con una 
pietra ottagona, chiamata il bottone. 

Si resta piii che attoniti, e quasi spaventali se- 
guendo cou lo sgnaido il curioso, che s' induce ad 
ascendere fino a sili'alla pericolosa elevazione. Per 
ascendere fluo al suddetto bottone, che come si disse 
non è propriamente altro che una pietra ottagona, 
di un piede di altezza sopra 1 3 piedi di diametro, 
conviene, dopo esser giunti fino alla corona, a\er 
l'audacia di rampicarsi al di fuori, tenendosi ad al- 
cune sbarre di ferro. Si narra che alcuni dotati di 
tale temerità si sono visti svd detto bottone bevendo 
alla salate della città, o tirando un colpo di pistola, 
facendo anche qualche destrezza d'equilibrio, te- 
nendo la testa all'ingiu, ed i piedi in aria: niun si- 
nistro accadde a costoro. Ma un inglese, che avea 
scommesso di far tre volte correndo il giro del bot- 
tone, stando montato sulla ringhiera che lo circonda, 
non fu così felice: sul finire della terza corsa il 
piede gli mancò, e cadde sul ripiano a piti di 200 
piedi di altezza. Il cane che lo accompagnava, ve- 
dendolo fuor d'equilibrio, gli si precipitò appresso, 
quasi per trattenerlo, ma cadde morto al fianco dell' 
estinto padrone. 

L'orologio di Slrasburi-o è slato eonsidei-ito co- 
me la terza delle sette maraviglie della Gcnuania, 
delle quali la torre occupava il primo rango. Questo 
lavoro rimonta al 1371. Rappresentava le rivoluzioni 
celesti; ma il meccanismo è già da gran tempo di- 
sordinato. Sull'area attuale della cattedrale esisteva, 
prima dell'era cristiana, un Ijosco sacro che i romani 
tagliarono, fd)bricand'jvi un tenqiio dedicato ad Erco- 
le. In seguito Clodoveo vi fece costruire una chiesa 



10^ 



di legno, ed una capella sotterranea, alla quale fu 
quindi aggiunto un coro di pietra. Ma quest' edifi- 
zio essendo stato poscia incendiato nell'anno 1002 
dalle truppe di Ermanno duca d'Alsazia, ed intera- 
mente distrutto dai fulmini del 1007, il vescovo 
Werner imprese a fabbricarne un nuovo. I fonda- 
menti furono posti nell'anno 1015; ma la fabbrica 
non fu compiuta die ne! 1275. L'anno seguente il 
vescovo Corrado di Leichtemberg fece scavare le fon- 
damenta della torre, la quale cominciata dall'arclii- 
tetto Ervin di Steinbacli, fu poi col disegno di questo 
terminata da Giovanni IIulz di Colonia nel 1459. 



A CARLO FINELLI ESIMIO SCULTORE. 

Pel suo gruppo semi-colossale , rappresentante 
s. Michele Arcangelo con Satana incatenato ai 
piedi, da noi già altra volta encomiato^ nella 
distribuzione 6'^ di quest' anno- Ode del conte 
Tommaso Gitoli ferrarese. 



Sorgi Michel ! la tro mba 
Chiama i celesti all'arme. 
L'orrendo caos rimbomba 
All'intonar del carme ; 
Nella region superna 
Guerra si grida eterna ; 
Movon le schiere folte 
Com' onde avverse in mai*. 

Qual sovra i gioghi Atlante 
Erge la fronte altera. 
Temprate in adamante 
Tal l'arme e la visiera 
Satauno alza la testa: 
Rassembrauo a foi'csta 
Miir aste in Dio rivolte. 
Mille levali acciar. 

Belli com' astri, e come 
Leoni in guerra forti, 
Fedeli al regno e al nome 
Di chi creò le sorti, 
Leu mille e mille croi 
Snudano i brandi suoi, 
E di que' brandi al lampo 
Trema ai ribelli il cor. 



Ma ogn' altro in rai di luce 
Ed in valore eccede 
Michel che ai fidi è duce, 
Nume dal capo al piede. 
Sfugge dall'elmo aurata 
La chioma inanellata, 
Copre con l'ali il campo 
L'eterno volator. 

Quell'elmo è in ciel temprato, 
Dio il ferro in man gli pose, 
Dio l'angelo beato 
Tutto a beltà compose: 
Dal capo all'ime piante 
Negli atti e nel sembiante 
Di sua grandezza un raggio 
L'Eterno gli stampò. 

Sotto i celesti passi 

Tremau le vie dell'etra; 
Già in alto il brando stassi, 
Già il cor dell'empio impetra: 
Quando maggior del tuono 
La voce <oo som cui sono» 
Tremenda in suo passaggio 
Dell'empio in cor sonò. 

Allo scoppiar di quella 
L'altero è nella polve: 
La fronte a Dio rubella 
Sotto il gran corpo ei volve: 
Cinge l'immensa schiena 
Doppia di Dio catena; 
Spoglio dell'armi, avvinto. 
Sta del rivale al pie. 

Carlo, la grande idea 
Certo dal ciel ti venne: 
Tuo braccio il ciel reggea, 
Ei ti vestìa le penne. 
Madre de' forti ingegni, 
Italia, ancor tu regni ! 
Salve, o Finelli: hai yinto 
Gli emuli, l'arte, e te. 



105 



ORIGl.VE E paOGRESSI DELLA CITTA DI WASlUNcnoN. 

Era appena terminata la guerra d'Aniorica, quan- 
do un mimcroso attruppamento di militavi di linea, 
O di milizie pensilvane circondarono, armala mano, 
la sala ove il congresso stava radunato in l<"iladelfìa. 
Queste truppe chiesero, minacciando, che assegnali 
fossero senza indugio i fondi necessari per pagare il 
soldo arretrato, che loro era dovuto. Allarmati i 
membri di tanta insolenza, risolvettero di allontanarsi 
da uno slato, ov' esposto vcdeansi agi' insulti della 
forza, piuttostochè venire protetti. Si Irasferirono all' 
istante a nuova Yorck, ove la seduta fa terminata. 
Poco tempo dopo questa translazione delihcrossi vi- 
vamente in un congresso sopra la nccessilà di sce- 
gliere un luogo particolare, dove la legislatura si 
adunasse, e fosse nello slesso tempo la sede del go- 
verno generale degli Stati-Lniti. 

Per quanto sembrasse utile un tale progetto per 
interesse generale degli stati, lutti però nou \ì ac- 
consentirono che alla fine della rivoluzione, ed allo 
stabilimento della costituzione federale. La Pensilva- 
iiia per la sua importauza, e per la sua situazione 
centrale, avea luogo da sperare, che la sede del go- 
verno si formerebbe nei suoi limiti, quando pure 
non si verificasse il progetto di stabilirla in un luo- 
go indipendente. Perciò vi si oppose da principio 
con tutte le sue forze ; ma finì coll'acconseutirvi, a 
condizione pei-ò che il congresso continuerebbe a di- 
morare in Filadelfia, fino a che la nuova città, nella 
quale si stabilirebbe di trasferirlo, fosse edificata. Si 
confidò all' illuminato desceruimcnlo del cenerale 
Washington, presidente in allora, la cura di scegliere 
il luogo piìi convenevole per fabbricarvi la città. 
Dopo una matura deliberazione si determinò per un 
sito collocato sulle rive del Polomac, che sembrava 
indicato dalla natura non solo per islabilirvi mia cit- 
tà, ma per ergervi ancora la metropoli degli Stati- 
Uniti. Le considerazioni principali che lo dctermina- 
l'ono sono : 1" che questo luogo è tanto centrale, 
quanto essere lo può rispetto a lutti gli Slali-Unili ; 
2" eh' esso è vantaggiosamente situalo pel commer- 
cio, senza del quale la città, eh' essere vi doveva 
eretta, nou potrebbe elevarsi a quel grado di splen- 
dore e di popolazione, necessario a rendere magni- 
fica la metropoli degli Stati-Uniti. Questi punti più 
importanti per otteiieie uu tale oggetto si trovano 



fortunatamente imiti nel luogo prescelto. (ìiacc i[ue- 
sta cittii all'estremila di una pnnla al conduente dei 
due rami del Potoniae. Lo spazio eh' essa vi occupa, 
ed il terj'itorio adiacente per l'estensione di dieci 
miglia, è stato ceduto al cooiiresso da"li stati di 
IMaryland e della \irginia. La pianta della città è 
parlo di mi francese chiamato PEnfand. Egli vi die- 
de l'estensione convenevole alla metropoli di un sì 
vasto paese. Il ricinto disegnato, ha quattordici mi- 
glia di periferia: le strade si tagliano ad angolo 
retto, e sono tutte rettilinee nella direzione dal nord 
al sud, e dall'est all'ovest. Tale disposizione rende 
tutte le parti della città cosi rassomiglianti, che sa- 
rebbe diltlcile distinguerle, se viali d'alberi aperti 
diagonalmente non l'attraversassero d'ogni parte. 



LA SETTIMANA 



CALENDARIO STORICO. 

19 ^</prì/o 1j04. = Cesare Borgia posto in libertà 
dal cardinal Carvajal , dopo fatta la consegna 
delle fortezze di fiomagna, passa a Napoli, dove 
è bene accolto. 

20 ^iprite 1445.= Possesso di Calisto IL 

21 Spille 1503.= Seconda battaglia di Seminava, 
nella quale il d'Aubignè è totalmente disfatto da 
Ferdinando d'Audrades. 

22 Aprile 1493.= Alleanza di Lodovico il Moro 
con Venezia e con Alessandro VI, prodotta dalla 
sua inquietudine per la secreta alleanza di Pietro 
de IMedici con Ferdinando di Napoli. 

23 ylprile 1316. = Il popolo di Pisa si rivolta con- 
tro Uguccione, mentre questi marcia verso Lucca. 

24 ylpvilc. 1317. ::= Pace Ira i ghibellini e i guelfi 
di Toscana. 

25 Aprile 1404.= Vicenza chiama i veneziani e 
spiega l'insegna di s. INlarco. 



ÌM 




CAftACOI 

AstHBALE Caracci, nato iu Bologna nel 1 560, ap- 
prese l'arte da Lodovico suo cugino, e di 1 8 anni 
si espose al pubblico con due tavole di altare. Volle 
poi vedere le migliori cose di Venezia e di Panna, 
e fece il famoso quadro di s. Rocco, ora esistente 
nella galleria di Dresda, che fu intagliato ad acqua 
forte da Guido Keni. Venuto in Roma nel 1 600, 
prese ad imitare gli antichi e Raffaello, ritenendo 
però sempre parte dello stile correggesco , ed il 
grandioso della sua scuola. Dipinse in varie chiese, 
ma in verun luogo si mostrò cosi grande, quanto 
nel palazzo farnese. E questa la più florida pittura 
a fresco, e la piìi ben conservata del mondo. Una tal' 
arte non era giunta a così alto grado ne* tempi di 
Raffaello, Quivi tutte si scorgono le bellezze del fre- 
sco, ottimamente riunite ai vantaggi della pittura ad 
olio. Vi si vede un pensare abbondante, ricco, sodo, 
giudizioso, espressioni ardite ma giuste, un colorito 
che partecipa della gravità di Raffaello, e della leg- 



giadria del Correggio, ed i piii bei contorni, e le 
più nobili attitudini prese dall'antica e dalla scuola 
romana. Siccome il suo fratello Agostino aveva di- 
pinto in quella galleria la favola di Cefalo e di Ga- 
latea, si cominciò a lodarlo piìi d'AMNiBALE: il perchè 
questi sotto mendicati pretesti allontanò il fratello 
dal lavoro. Si dice che il cardinale Farnese credesse 
abbastanza compensato con 500 scudi d'oro un così 
mirabile lavoro fatto in otto anni. A:»nibalb fu viva- 
mente offeso da questo misero procedere, ma non 
osò farne aperta lagnanza. Intanto, oppresso da tri- 
stezza e da altre indisposizioni, cadde infermo e morì 
l'anno 1609, lasciando di essere sepolto a canto a 
Raffaello. Il quadro della Samaritana al pozzo, che 
conservasi con qualche altra sua opera nella reale 
pinacoteca di Milano, è un nobile testimonio della 
virtìi di sì grande artefice. 

GLORIA UMANA. 

Un celebre conquistatore romano, al quale il se- 
nato aveva decretato il trionfo, fece innalzare la sua 
statua non di metallo o di marmo, quale usavasi 
dagli altri, ma di cera, e feccia circondare da fiac- 
cole accese, che ben presto col loro calore la lique- 
fecero e demolirono. Volle con questo tratto quel 
saggio raffigurare, che la gloria del mondo è come 
la cera, che tacilniente si liquefa, senza giungere a 
vedere il sole di domani. 

La legge oppia proibiva alle donne romane l'usa- 
re la porpora, e più d'un oncia d'oro nei loro orna- 
menti. Dopo venti anni convenne revocarla p<;r le 
istanze tumultuarie delle donne. Si vede che in tutti 
i tempi l'abbigliamento è stato di grande importanza 
per il bel sesso. 



' SCIARADA 

Col primier la bella Nice 

Vuole ornarsi il crine biondo; 
Ella poi presso il secondo 
INell'estate se ne va. 
Finalmente àaìV intiero 
Vien prodotto il mio primiero. 

Sciarada precede\te;^= Arme-ria. 



TIPOGRVFI.V DELLE BELLE ARTI, TIA Ii\ ARCIO?(E IS. 100, CO.^ AI'PROVAZIOIVE. 



105 



ANNO 




DISTIUBUZIONE 



Si puBiti.KJA oGM Sabato 



ROMA 



1:3 Giugno 1835. 




SCELTA DI COI>CUIGLlE 



Le conchiglie, ossia i testacei, sono animali rin- 
chiusi in solido inviluppo, eh* è loro opera, a cui 
sono aderenti e che trasportano seco allorché non 
sono privi della facoltà di cangiar posizione. Vi sono 
altri animali che dimorano parimenti nelle conchi- 
glie; ma clie non le hanno formate da per loro, on- 
de non hanno alcuna aderenza alla propria dimora, 
e possono lasciarla e cambiar-la. Silfaili crostacei 



s'impadroniscono di una conchiglia vacante; vi sog- 
giornano, finché questa abitazione può contenerli; 
ma facendosi poi troppo angusta a misura die cre- 
scono, trovansi nella necessità di cangiarla per pro- 
curarsene un' altra proporzionala alla propria gran- 
dezza. Le concliii^lic non sono della stessa indole 
! dell'inviluppo solido de' crostacei o degli ossi degli 
animali vertebrali; esse non contengono fosforo, e 



im 



la combustione le couverte in calce viva, non in 
fosfato di calce. Siccome la loi-o forma è ai sommo 
variata, e vai-iati pure ne sono di molto i colori, si 
è dovuto procedere a farne le classificazioni, per 
semplificarne la descrizione. Il numero delle vahe, 
ossia aperture che compongono le conchiglie, ha na- 
turalmente servilo ad una primitiva divisione: vi si 
sono quindi distinte le iinivah>e foi'mate di una sola 
aj>erlura, le bù'aU'e formate di due, le rnultivalv^, 
formate di piii. JNoa polendoci qui diifondere sul 
sistema di classificazione, ci limiteremo a dare alcuni 
dettagli sulle diverse specie di conchiglie più rino- 
ma,te, che qui rappresentansi. 

Sotto il ;j. 1 è da vedersi il taret, verme rodente 
gli argini e le navi: esso è multwalvo, e si è acqui- 
stata una rinomanza somma pe' guasti, che una delle 
specie di questo genere acquistò nel XVIll secolo 
in Olanda, avendo minacciato di una totale distru- 
zione le dighe. Le costruzioni di legno, che sosten- 
gono le terre di quegli argini innalzati contro le 
inuoudazioni del mare, furono corrose con tanta ra- 
pidità, che il terrore di una sommersione imminente 
si sparse in tutta la Zelanda; provincia il cui suolo 
è al di sotto del livello del mare. Fortunatamente 
il flagello si aiTestò di per se, senza che si conoscesse 
la causa a cui doveasi un così importante servigio. 
Jl taret corrode il legno per fissarvi la sua dimora, 
non per suo alimento. Un'altra specie di taiet non 
è terribile che contro i bastimenti, e riduce co' den- 
ti, di cui è munito, il legname a suo nutrimento. 
E capace di forare il piii grosso legname, aprendo 
delle vie all'acqua, e compromettendo così la sicu- 
rezza delle navi, e la vita degli equipaggi. Per op- 
porgli un ostacolo si muniscono le carene di lamine 
di metallo. 

Sotto il n. 2 vedesi l'ostrica, eh' è confinata nelle 
acque del mare. Quasi tutte le specie sono mangia- 
bili ; ma il loro sapore varia secondo i paraggi ne' 
(juali vivono, come accade nel bestiame secondo i 
pascoli. Per le ostriche l'arte viene in soccorso della 
natura, onde acci'escere e variare il gusto de' palati. 
Le ostriche vengono rincliiuse in una specie di par- 
chi, talvolta anche in distanza dalla piaggia nativa,* si 
danno loro scelti alimenti, onde cangiano di colore, 
e divengono piii succose. Orazio ci ha trasmesso i 
precetti dell'epicureo Cazio, che raccomandava le 
ostriche in una parte deirimboceatura del Tevere. 



Sotto il n. 3 vedesi la mola, altra conchiglia com- 
mestibile, ma meno pregiata dell'ostrica,- le sue nu- 
merose specie sono sparse in tutti i mari e nelle 
acque dolci, la cui corrente non sia troppo rapida. 
Le mole moltiplicano come le ostriche, e crescono 
anche più presto : esse hanno al par delle ostriche 
formato de' banchi di rocce calcaree, e presso i lidi 
sarebbero capaci di render ben presto ostruite le vie 
della navigazione, se non si avesse cura di toglierle. 

I colori delle conchiglie di mole sono poco variati; 
nulladimeno alcune specie contribuiscono all'orna- 
mento de' gabinetti d'istoria naturale. 

Sotto il n. 4 vedesi la così detta citerea, e noi 
diamo qui quella detta la citerea degli accampa- 
menti. Sulla superficie di questa bella conchiglia si 
è creduto di ravvisare le tracce di un accampamento 
a liste brune sopra un fondo bianco]: le tende vi 
sono rappresentate da' triangoli di diverse grandezza. 

II numero delle specie di citeree fossili è molto 
grande,- se ne trovano nelle rocce calcaree in Euro- 
pa ; ma le specie viventi non trovansi ora che nel 
mare delle Indie. 

Al 77. 5 vedesi la conchiglia detta pettine : que- 
sto genere, che appartiene alle bii'ah'e, comprende 
più di cento specie diverse. Sotto molti rapporti pos- 
sono queste conchiglie paragonarsi alle ostriche; ma 
queste sono stazionarie, aderenti agli scogli, dove si 
presentano per dir così a chi ne voglia far raccolla; 
mentre le conchiglie pettini sono mobili e si solle- 
vano alla superficie delle onde. I pellegrini di san 
Giacomo di Gompostella in Galizia, nel loro ritorno 
in patria, avendo cominciato a portare siffatte con- 
chiglie su i loro abiti, presero esse il nome di pet- 
tine di s Giacomo. Alcune di queste specie sono 
di forma elegantissima, che perfino l'arte si compia- 
ce d'imitare: gli antichi romani si servivano di tali 
conchiglie legate in argento per saliere nelle loro 
mense . 

Sotto il 77. 6 vedesi la conchiglia detta Varca di 
IVoè. Sono queste di genere bivalvo. La loro deno- 
minazione deriva dalla forma di un vascello senz'al- 
beri. L'animale che vi abita si attacca agli scogli per 
mezzo di filamenti lendinosi che passano per le sue 
valve; ma può slaccarsi quando vuole da uno scoglio 
e trasferirsi in un altro. Si trovano tali conchiglie 
alle Antille, nel ISIediterraneo, sulle coste d'Aiiiica, € 
nel mar rosso. Gli arabi ne mangiano con piacere. 



107 



Al n. 1 vedesi Velice, detta t.ilora hiiiiaca. Sono 
nuesli animali terrestri sparsi nel globo con prodi- 
giosa varietà: negli scritti di Plinio, d'Aristotele o di 
altri trovansi de' dettagli molto circostanziati su i 
caratteri e le abitudini di alcune di (jut-ste specie. 
Gli antichi ne faceano molto consumo, ed anche 
oggidì in alcuni paesi, come presso noi, se ne fa uso. 

Al n. 8 trovasi il quadrante di l'orma orbico- 
lare, in cono piatto con alcuni tratti diretti verso un 
centro: dal che ebbero queste conchiglie la loro de- 
nominazione. Sono esse formale da uno spirale in- 
torno a cui aggiransi, con in mezzo un ombellico 
depresso e talvolta perforato, coni' è quella che qui 
si rappresenta, e che dicesi quadrarle striato. Tro- 
vasi ancor questa nel mare delle Indie. 

11 n. 9 presenta la conchiglia detta il cimiero, 
per la somiglianza che ha con ([uesto antico arnese 
guerresco. Si attribuiscono a questo genere più di 
venti specie. Tra le più rimarchevoli è quella detta 
ciniieio a maglia, che gli olandesi chiamarono te- 
sta di bue; denominazione che i conchiologisti tede- 
schi e francesi hanno tradotta nel loro idioma; si ù 
poi anche chiamata volgarmcnle farro a stirare. 
Questa varietà di denominazione è spiegala nel modo 
seguente. Nel corso della sua vita Leu lunga questa 
conchiglia cangia di forma a misura dello sviluppo 
dell'animale che racchiude. In una certa epoca ras- 
soniiglia infatti ad una testa di bue: nel successivo 
sviluppo presenta al di sotto una lastra sottile larga 
circa sei pollici, e che si va sminuendo all'estremi- 
la; allora prende la forma di un ferro a stirare. 

Sotto i numeri 10 ed 11 vedesi la conchiglia 
detta porcellana. I nomenclatori moderni hanno cer- 
tamente osservato nella medesima \ina superficie ni- 
tida e lucente, che gì' indusse a dare a questa con- 
cliiglia una tale denominazione. Se ne trovano quasi 
in tutti i mari; ma le più belle vivono ne' tropici: 
ivi prendono i lucenti colori di cui alcune sono 
adorne. Una specie di questo genere avea ottenuto 
in Affrica il privilegio di servire di moneta, prima 
che le relazioni coH'Europa introducessero l'uso di 
valute più reali. Questa specie è denominata la por- 
cellana caiiride bianca o gialla di colore uniionne, 
e lunga tredici o quattordici linee. Un' altra specie 
assai rimarchevole è la porcellana che noi rappre- 
sentiamo nel rame, la cui superficie sembra coperta 
di fiocchi di neve sopra un fondo di color biondo. 



Ha qualche volta fino a tre pollici di luugliez/.a; ed 
è parimenti una produzione de' mari equatoriali. 

l'iiialmcnte al /;. 12 vedesi la conchiglia del ge- 
nere detto de' conj o cornette. Le diverse specie di 
un tal genere sono bi'Ilissime, ed ugualmente rimar- 
chevoli per la loro forma, e pe' loro colori. JNe' ga- 
binetti veggonsi classificate sotto le più magnifiche 
denominazioni. Evvi quella detta cedo nulli; l'altra 
detta giuria del i/iare, e molte sotto i titoli di prin- 
cipali dignità. 

TORMKNTI CHE SI APPLICANO Al PRIGIONIERI 
DI GUERRA NEL CANADa' 

Le crudeltà che gì' indiani commettono verso 
quelli, che prendono in un combattimento, provano 
quanto gvniide sia la loro inclinazione alla vendetta. 
Quando i guerrieri ritornano al campo o al villag- 
gio coi prij^inuleri di guerra, le douue ed i fanciulli 
si arm:ino di bastoni, e formano due file, tra le quali 
que' prigionieri sono obbligati a passare. Gli strazi 
che questi provano innanzi di giungere all'estremità 
della linea, sono de' più crudeli: ma i loro carnefici 
hanno d'ordinario cura che nessun colpo sia mor- 
tale, perchè vogliono riserLai-e le loro vittime a mag- 
giori supplizj. Dopo di avere quest' infelici sofferto 
quel tormento preparatorio, si legano loro le mani 
«*d i piedi, mentre i capi tengono un' assemblea, 
nella quale si decide della loro sorte. Quelli che 
vennero destinati a perire ne' tormenti, sono conse- 
gnati al capo de' guerrieri, e quelli ai quali si fa 
grazia, sono rimessi al capo della nazione. La sen- 
tenza è irrevocabile. I condannati vengono condotti 
nel centro del campo o del villaggio: colà sono spo- 
gliati, si annerisce loro tutto il corpo, si pone sul 
loro cano una pelle di corvo o di cornacchia: si at- 
taccano indi al palo, gli si mettono delle fascine all' 
intorno, e sono obbligati ad intuonare il cantico di 
morte. Queste canzone consiste d'ordinario nelle se- 
guenti sentenze: lo l'ado a morire, mi preparo ai 
tormenti, ma sfido la tortura piit crudele. Morrò 
dn bravo, e raggiungerò tra poco i capi della 
mia nazione, che soffersero avanti di me. 

Raccontano quegl' infel ici in seguito le azi(uii di 
bravura, colle quali si sono segnalali, e fanno pom- 
pa degl' inimici che hanno messo a morte. Irritano 
talvolta i loro cnrnefici in guisa che gli uccidono più 
presto: il che altrimenti iiou avrebbero fatto. 



108 




IL CASTELLO fi>I DUi^BARTON 



La tregua conclusa nel giorno 1 aprile 1571 tra 
Maria regina di Scozia, ed i partigiani del di lei G- 
glio, era per cessare. Il vecchio conte di Lenoux, ca- 
po de' nemici della regina reggente ed avo del gio- 
vane re, passeggiava in tutti i sensi sul terrazzo della 
sua abitazione di Glasgow, ed immerso ne' più pro- 
fondi pensieri calcolava le vicende delle nuove osti- 
lità, allorché un soldato gli si avvicinò. Era questi 
un uomo di Lassa statura, con occhi scintillanti : e 
diresse al vecchio conte un discorso, che questi sem- 
bro ascoltare senza emozione alcuna. Il soldato si 
ritirò sorridendo, ed allontanandosi di qualclie passo 
ritornò all'istante, menando seco una donna ed un 
fanciullo che struggevansi in lagrime. Il vecchio Le- 
noux parve allora soddisfatto; chiamò le guardie alle 
<juali affidò la donna ed il fanciullo : quindi fece 
chiaiunre il capitano Tommaso Crawford di Jordan- 
Uill: «Capitano Crawford, gli disse, il nemico non 
ha più che un solo castello, in cui sta tutta la sua 
forza; questo castijllo è Dunbarton. Volete voi pren- 
dere qui'Sto castello pel vostro re? - Duubaiion, ri- 



spose quegli, quella roccia che ha in sua difesa i 
muggiti del vorticoso Clyde, e la spada di Fleming! 
E potete voi lusingarvi del felice risultamento di 
questo tentativo?- 11 re non crede, così il conte a 
lui stringendogli la mano, alcuna eroica azione im.- 
possibile al bravo Crawford. Ascoltate questo soldato 
fuggito colla sua famiglia da Dunbarton con pericolo 
della sua vita, il quale si dà in ostaggio per la ve- 
rità delle sue parole, b Crawford interrogò il soldato; 
dopo una mezz' ora di dialogo animato, lo lasciò, fis- 
sandolo da vicino come per leggergli negli occhi, e 
quindi a mezza voce : a A questa sera, gli disse. - 
A questa sera, replicò il soldato. » 

Sul declinare del giorno Crawford accompagnato 
dal soldato esci di Glasgow alla testa di una piccola 
schiera munita di scale. Verso la mezzanotte avea 
già superato la metà della roccia. La luna era decli- 
nata, ed il cielo che fin allora era stato sereno, sì 
cuopri di un velo di nubi trasparenti. Era al luogo 
più scosceso della roccia che dovea teut:irsi la sca- 
lala, tome la parte dove le sentinelle erano iu minor 



09 



numero, ed anche meno vigilanti. Appona la prima 
scala fu fissala, si manifestò nn tale ardm-i! negli 
assalitori che il peso di tanti uniti la teec cadere ; 
nìuuo fortunatamente ne rimase ferito, (■ non si udì 
alcuna sentinella della guarnigione gridare all'armi. 
Crawford ed il snidato ascesero i primi, ed attacca- 
rono la scala alle radiche d'un vecchio albero so- 
speso al di sopra d'un burrone. Ben presto tutta la 
truppa giunse fino all'albero, sel)t)ene non senza som- 
ma difficoltà; ma da questa posizione, clic Irovavasi 
appiè delle mura, eravi peranche a varcare una con- 
siderevole distanza. La scala fu nuovamente piantata 
contro la roccia, e ciascuno si all'rettò di montarvi. 
In mezzo di tale ardimentoso lavoro avvenne un caso 
eh* era per ruinare tutta l'impresa. Un soldato fu 
improvvisamente preso da un attacco nervoso, e si 
afFerrò strettamente alla scala, e vi rimase immobile 
facendo argine a quei che gli venjvari dietro e elio 
erano cosi impediti di andar oltre. Non si sapea qual 
partito prendere : si temea di fare strepito : si racco- 
glievano i pareri a voci basse: per istaccarlo violente- 
mente occorreva una forza che potea esser fatale a 
tutti in quella posizione; pugnalarlo, e farlo cadere 
ei-a un' azione crudele, e poi il rumore della caduta 
ayrebbe potuto sentirsi dai ripari. La presenza di 
spirito di Crawford venne in soccorso della già smar- 
rita truppa : fece legare sti'ettamente il soldato sve- 
nuto ai piroli della scala : quindi comandò a tutti 
gli assalitori di passare dall'altra parte della scala, 
e cosi si giunse a sorpassare questo sventurato ap- 
poggiandosi sul di lui ventre, e sulle sue spalle. Co- 
minciava già a fiirsi giorno, e restava peranche un 
alto muro a scalare; ma ciò fu prontamente eseguito. 
Una sentinella vide il primo degli assalitori che su- 
però il parapetto, e gridò all'armi. Gli ofllciali, i sol- 
dati nudi per metà e senz'armi precipitaronsi fuori 
de' quartieri, ma piìi per salvare la propria vita che 
per difendere il castello. Gli assalitori scaricarono 
diversi colpi di mosclietto; s'impadronirono del ma- 
gazzino, e voltarono i cannoni contro la guarnigione. 
Lord Fleming discese in una barchetta e fuggì nell' 
Argylcshire; Crawford, senz'aver perduto un solo 
de' suoi, restò padrone del castello. 

Il castello di Dunbarton ha servito spesso dopo 
una tal' epoca per prigione di stato. La roccia che 
gli serve di base è formata di basaite, ed ha in più 
luoghi un influenza magnetica. 



.\ N iN E D o T o. 

Il gran Newton in una i-igida sera d'inverno sen- 
tendo in(dto freddo, accostò la sedia assai presso al 
focolare dove stato era di rt.'cente acceso il fuoco. 
Questo a poco a poco accendendosi. Newton sentì che 
il calore ne diveniva insopportabile. Suonò il cam- 
panello più forte dell'ordinario. 11 servo non si tro- 
vava presto al servizio, ma finalmente al ripetuto 
suonare comparve, quando INewton era mezzo abbru- 
stolito. «Indiscreto poltronaccio (gridògli questi in- 
collerito contro il suo solito), scosta il focolare, non 
vedi che sono abbrustolito a morte! - In grazia, non 
potrebbe piuttosto vossignoria ritirare alquanto la 
sua sedia! (risposegli in tuon sardonico il servo ). - 
In fede mia ( soggiunse sorridendo il filosofo ) non 
ci avevo punto pensato. » A simili astrazioni, quan- 
tunque incredibili, era continuamente soggetto que- 
sto gran matematico. 




CISTERNE 

.iP&RTE NKLLV PIA.NUUA 1)1 ROSARIO DAL TERREMOTO 
DEL 1783. 

La Calabria e le contrade adiacenti sono esposto 
a frequenti terremoti in causa della vasta regione 
vulcanica mediterranea. Le spaventevoli scosse avve- 
nute sui finir del secolo passato hanno lasciato me- 
morie di ben triste interesse. 



110 



Nel giorno 5 febbraio 1783 i terreinoti comiii- 
eiarouo a manifestarsi da lungi con una disuguale 
Tiolenza, e fin d'allora si vennero replicando a di- 
verse riprese per quattro anni continui. La prima 
scossa rovesciò molte case in tutte le città ed in 
tutti i villaggi della Calabria ulteriore, e fino in 
Messina. La scossa fu sensibile al nord fino agli 
abitanti di Napoli, ed in una gran ^larte della Sici- 
lia ; ma la maggior forza del terremoto fu special- 
mente concentrata in uno spazio di circa 45 leghe 
quadrale di tei'ritorio. In questo luogo la superficie 
del paese fu interamente sconvolta: moltissime fosse 
e fenditure profonde si aprirono in ogni parte; mol- 
te colline crollarono ed empirono le valli delle loro 
mine; fiumi posti fuori de' loro letti s'incontrarono 
e riunironsi nel loro corso, sorgenti d'acqua com- 
parvero improvvisamente in alcuni luoghi, ed altre 
sparirono. Presso Laureano, due campi interi furono 
trasportati co' loro oliveti dal mezzo di una pianura 
unita ad un quarto di lega di distanza, ed al loro 
primitivo posto si manifestarono delle correnti d'ac- 
qua calda, e delle ca\e arenose. A Seneinara una 
piantagione di olivi fu del pari precipitata da una 
collina in una valle profonda 200 piedi: lo che non 
impedì però ai proprietarj di fare abbondante raccolta 
di oliva alcuni mesi dopo. Una parte del suolo della 
città di Polistena fu trasportata colle case fino ad un 
burrone poco distante: alcune persone furono strap- 
pate vive dagli avanzi delle loro abitazioni. 

La maggior parte delle aperture, che sono re- 
state aperte dopo l'avvenimento, aveano da 25 fino 
a 250 piedi di pi-ofondità; alcune in Plaisano e Fo- 
solano aveano piii di un quarto di lega di lunghezza. 

Nelle vicinanze di Oppido molte case, alcuni ma- 
gazzini d'olio, e casini di campagna furono subis- 
sate co' loro abitanti, cogli animali, e con una trup- 
pa di viandanti. La terra si richiuse all'istante suH' 
aperta voragine, r nulla più se ne vide, o se ne 
seppe mai. In alcuni luoghi dov'eransi fatti degli scavi 
nella lusinga di dar salvezza ad alcuna delle vittime 
del flagello, non trovaronsi che masse confuse, e 
pclriCcate di sassi, di ferro, di legno e di carne. 

Non lungi dallo scoglio di Scilla, sulle sponde 
del mare dalla parte di Messina, smisurati massi stac- 
cati dalle roccie ingombrarono e distrussero alcune 
rille. L'acqua del mare era fino al fondo orribil- 
meutc agitata e sconvolta. Il vecchio principe di 



Scilla ed una gran parte de' suoi vassalli eransi ri- 
fugiati nelle barche per fuggire le scosse della teri'a: 
verso mezzanotte approdarono sopra una montagna 
che pochi minuti dopo crollò. Le onde si solleva- 
rono intorno ai battelli, ne infransero molti contro 
gli scogli, e finalmente tutto ingojarono. Il vecchio 
principe era accompagnato da 1400 persone, che pe- 
rirono tutte con lui. I contadini, piìi fortunati, te- 
stimoni del disastro narrarono, che gli alberi si pie- 
gavano, e battevano la terra colle loro cime : gli 
animali emettevano urli dolenti ad ogni scossa. In 
un monastero di ventitré monache, una sola di an- 
ni 84 fu salvata. A Terra-uuo»a di 1,600 persene 
ne perirono 1,200. 

Allorché fu data sepoltura ai cadaveri che pote- 
rono rinvenirsi, si osservò che gli uomini aveano 
lottato colla morte fino agli estremi momenti di vita; 
le donne sembravano cadute con maggior rassegna- 
zione: le madri tenevano ancora i loro figli stretta- 
mente abbracciati al seno. Due donzelle furono tratte 
vive dalle ruine di Oppido, sotto le quali erano ri- 
maste sepolte una per undici giorni, e l'altra per sei- 
La prima in età di 16 anni teneva un bambino di 
sei mesi nel momento del terremoto; questo non ci'a 
morto che in capo a quattro giorni; niun nutrimento 
avea preso questa infelice, ed allorché fu ricondotta 
alla luce sveniva ad ogu' istante : l'altra di undici 
aiu)i era rimasta quasi murata in guisa che la sua 
mano rimasta stretta contro la sua guancia vi lasciò 
l'impronta. Si videro anche sopravvivere alcuni ani- 
mali, muli, cani, polli, maiali ad onta che fossero 
rimasti sotterra più di tre settimane. 



ASTUZIA FEMMINILE. 

Il buon Martino, eh' era un contadino povero, 
ma di ottima pasta, si ammalò pericolosamente : « 
vedendo che si approssimava al suo fine, fece testa- 
mento, dicendo alla moglie che pur voleale lasciare 
qualche piccola cosa, in gratitudine delle sue pre- 
mure. « Io ho un cavallo, come ben sapete, e vi 
prego di venderlo, consegnandone il danaro ritratto 
ai miei parenti; ho pure un cane fedelissimo, e que- 
sto lo regalo a voi perchè vi serva di custodia. » 
La donna promise di obbedire al marito, e per adem- 
pire al suo dovere si portò ad un mercato col cane 



ili 



e col cavallo. lutcrrogata del prezzo del cavallo, ella 
rispose al mercante che voleva venderlo unitamente 

al cane, f» E quanto ne volete? -Venti sciuli del 

cane, è mezzo scudo del cavallo.» Il mercante rimase 
attonito della dimanda, ma vedendo il prezzo assai 
cooveuiente pel solo cavallo, prese questo e il cane: 
e contolle la richiesta somma. Così ringiusla fem- 
mina, scrupolosa esecutrice del voleri del defunto 
sno marito, consegnò il mezzo scudo ai parenti di 
suo consorte, e tenne per se il rimanente sborsatole 
dal mercante. Questo latroneccio lo vediamo giornal- 
mente verificato sotto mille forme. 



DESCRIZIONE DI UN DIPINTO DI RAFFAELLO 

Esistente nelle stanze del T^aiicano, conosciuto 
sotto il nome di - Vittoria di s. Leone contro i 
saraceni al porto d'Ostia. 

Essendosi dalla Sardegna mossi i saraceni a de- 
predare e devastare la città di Roma, i napoletani 
con le altre genti del reame, messa insieme un'ar- 
mata, vennero in soccorso del pontefice, il quale 
co' suoi trasferitosi ad Ostia, ed implorato il divino 
aiuto, operò che restarono i barbari disfatti con le 
loro navi, e morti insieme ed in cattività ridotti. 

Dal lato destro, ove comincia l'azione, vedesi il 
s. Padre Leone sedente sopra una soglia e basa- 
mento di marmo fuori della città d'Ostia vicino al 
lido. Apre egli le mani, solleva gli occhi e lo spi- 
rito al cielo, ringraziando Dio della vittoria a vista 
dell'armata e del conflitto, cadendo gì' inimici vinti 
e sommersi. Giacciono prostrati a' suoi piedi quattro 
pi-igionieri spogliati, ignudi, e dolenti al timor della 
morte. Il primo di loro, legate le braccia indietro, 
curva le spalle e si piega su le gambe, mentre un 
soldato dietro con una mano gli preme il capo e lo 
tiene stretto ne' capelli, con l'altra impugna la spada 
per troncarlo. Ma si arresta e sospende il colpo, 
guardando sopra il santo pontefice astratto con lo 
spirito al cielo : ed intanto il capitano che assiste 
al fianco del papa, comanda ed addita che i prigio- 
nieri si abbassino a terra. 

Qui s' intreccia un bellissimo gi'uppo di soldati, 
che tirano e legano alca ni schiavi, i quali smon- 



tano da una barca per condursi al pontefice, l'rima 
uno di loro premendo col ginocchio l'anca e il do- 
sco d'un prigioniei-e buttato a terra, nell'annodargli 
dietro le braccia e le mani, tira di sopra la fune con 
forza, e stringe di sotto il nodo. Appresso due ar- 
mati, in volto fiero e minacciante, si volgono verso 
tre altri cattivi, che smontando ultimi dalla barca, 
tengono un piede sul legno, l'altro su l'arena. Il 
primo armato avanti, vi])iando la spada, tira uno di 
que' barbari pe' capelli : l'altro di la ne prende un 
altro, il quale tirato a forza per la barba, slunga il 
mento ed abbassa il labbro di sotto, e sentendo 
svellersi il pelo si duole, e ritiene misei-amente la 
mano dell'assalitore. Nel mezzo di questi si frappone 
ancora un altro soldato inchinato a disarmare uno 
di que' prigioni, togliendogli di mano una mazza 
di ferro, e torcendogli l'altra mano per legarlo, men- 
tre l'infelice cadendo con un ginocchio a terra, in- 
cavalca il fianco di un altro prigione con le spalle 
iguude, e con la testa rovesciata al piano. Nell'ulti- 
mo angolo vedesi in parte la barca vuota col bar- 
caiuolo, il quale nel ritenere il legno, distendendo 
un piede avanti, e l'altro indietro, si piega tutto nel 
fermare col remo la barca al lido, intanto ch'escono 
i prigioni. Dietro il papa appariscono le teste di 
due cardinali, ed al fianco il crocifero con soldati 
alla guardia, e la città d'Ostia piìi sopra in lonta- 
nanza, ed appresso distendesi la veduta del mai-e 
con l'armata in battaglia, cadendo i saraceni dalle 
navi, e sommergendosi nelle onde. Sono queste figu- 
rine piccole e lontane con altri, eh' escono dalle 
barche, tirati verso le porte d'Ostia. Quasi nella me- 
desima distanza nella spiaggia sono incontro dipinti 
alcuni cavalieri cristiani, i quali corrono sopra altri 
barbari, che avventano saette dall'arco. 

Raffaello osservò in parte le navi antiche miste 
alle forme moderne con alberi, sarte e pi'ore pen- 
nate delle antiche triremi. Osservò ancora gli abiti 
militari della milizia romana, e le arie delle teste, e 
le armi de' barbari, specialmente nell'ultimo ch'esce 
dalla barca al lido, che vedesi armato di arco, fare- 
tra e scimitarra. 



112 



TERRIBILE EFFETTI) DEL DOLORI;;. 



Nella guerra che il re Fevdinaudo mosse contro 
la vedova del re Giovanni d'Lnglieria, fu partico- 
larmente notato intorno a Buda un uomo d'armi che 
aveva fatto prova d'estremo valore. Caduto poi mor- 
to nella battaglia; senza che alcuno il riconosces- 
se, fu altamente lodato e pianto da lutti , ma da 
nessuno però tanto, quanto da llaisiac signore ale- 
manno, a cui quella rara virtù era piaciuta oltremo- 
do. Levatosi poi il corpo dal campo, e traendo gran 
gente a vederlo per saper chi fosse, Raisiac vi con- 
corse egli pure, e si avvicinò per vedere chi egli 
fosse. Trattesi quindi le armi al morto, egli riconob- 
be suo figlio: e senza battere piìi gli occhi, ritto, 
pallido, contemplando fissamente quel corpo, mòri. 



VALENTE ITALIANO 



JIENOCCHIO 

Tra i più celebri giureconsulti del secolo XVI, 
merita distinto rango GtACOMO Mehoccuio nato in Pa- 
via nel 1532 di povera ed oscura famiglia. Dedica- 
tosi fin da giovanetto allo studio indefesso del diritto, 
superò ben presto tutti i suoi maestri; onde di soli 
23 anni nel 1555 dettò pubbliche lezioni di quell' 
ardua scienza nell'università di Pavia. Grande fu la 
riputazione eh' egli acquistò fin d'allora : onde il 
duca di Savoia Emanuele P'iliberto lo invitò nel 1561 
ad una delle cattedre nell'università di Moudovi re- 
centemente eretta. Nel successivo anno 1 566 fu 
creato primo professore dell'università di Padova, ed 
ivi per 23 anni continui insegnò la giurisprudenza; 
ma cedendo poscia ai voti de' suoi concittadini, tor- 
nò in Pavia nel 1589 per occupare la cattedra va- 
cata per morte di Niccolò Graziani. Filippo II re di 
Spagna lo creò quindi senatore, e lo nominò anche 
nno de' presidenii del consiglio milanese. Ma in 
mezzo a tanti onoii, ed a tanta rinomanza cosi giu- 
stamente meritata, morì ai 10 d'agosto 1607, e fu 
sepolto in Pavia nella chiesa de' chierici regolari, 
dove leggesi il suo epitaffio. Lasciò questo celebre 



giureconsulto diverse opere in gran credito tuttora, 
tra le quali citeremo: 1" De adipiscenda, retiiien- 
da, et recuperanda possessione- 2" De praesumptio- 
iiibiis, et coniectuiii : 3" De arbiliariis iudicum 
quaestionihus : 4^ Consilia. Fu egli inoltre uno de- 
gli editori del Tractatus universi jiiris^ duce, et 
auspice Gregorio XIII in unum collecti. 



L AMORE DELLA VERITÀ. 

L'imperatore Caracalla mal soffriva di vedersi 
sott" occhio l'esempio del fratello suo Geta, il quale 
por l'umanità de' suoi costumi meritavasi la stima 
e l'alfczioue de' romani. L'odio suo verso questo 
giovane, la presenza del quale era incessante rim- 
provero ed ostacolo al compimento delle sue mire, 
crebbe a tal segno, che trasportato da furore, e sof- 
focala ogni voce di natura, colle sue proprie mani 
lo trucidò. 

L'iniquo volle poi costringere Papiniano, illustre 
giureconsulto di quei tempi, a scrivere un' arringa, 
che giustificasse la sua barbarie in faccia al senato. 
Ma questi con coraggiosa fermezza gli rispose: «Prin- 
cipe, non è valore d'eloquenza che basti ad iscusare 
un fratricidio : ed io mi renderei colpevole d'un ec- 
cesso non meno detestabile del vostro, se mi ado- 
perassi per togliere l'onore alla memoria dell'inno- 
cente e sventurato Gela:» L'imperatore, irritato da 
tali verità, lo fece consegnare ai carnefici. 

Questo nobilissimo fatto meritò gloria immortale 
al nome di lui, che non ayeva dubitato di sostenere 
con tanta fermezza l'onore della verità. 



SCIARADA 

Senza cupo nei pesci mi vedrai ; 

Senza ventre di bel giuoco son parte; 
Strappami il piede, e mi trasformerai 
In luogo 'u si suol far a dadi e a carte. 
Intero son provincia, ora cospersa 
Di sangue, che civil discordia versa. 



S e I A B A D \ PRECEDENTE r= Rosa-rÌO' 

TirO^iU VFIA DELLE BELLE AUTI, VIA \7i AUCIOIVE K. 100, CCS ArPIlOVAZIOISE. 



115 



ANNO ' 



L'ALBUM 



X 



© 



DISTRIBUZIONE 



iy o 



.r 



Si pircuLicA ogm Sabato 



EOMA 



20 Giugno 1835. 




IL P03JTE SOTTERRANEO DEL TAmGl 

• fin Londra) 



fifou più indietro dell'anno 1802 fu cominciato 
un progetto da alcuni gentiluomini intraprendenti, che 
aveva per iscopo di aprire un ponte sotto il Tamigi 
tra Botherhitlie e Limeliouse non lontano dalla linea 
del presente ponte sotterraneo. L' ingegnere scelto 
per questa impresa era particolarmente idoneo per 
quest' opera, essendo un esperimenlato direttore di 
miniere. Avendo fatto alcuni fori nel luoco da tra- 
gittare i cavalli, e nel Iato opposto del fiume, egli 
annunziò, essere fermamente persuaso, che l'impresa 
non costerebbe tanto, quanto si era immaginato. In 
conseguenza fu aperta una sottoscrizione, e fu for- 



mata una compagnia sotto la denominazione: Com- 
pagnia del ponte sotto al Tamigi. Disamine, piani 
e calcoli furono fatti: e dopo aver ottenuto un' atto 
del parlamento, fu posto mano all'opera. L'ingegnere 
cominciò le sue operazioni collo sfondare una cava 
del diametro di 1 1 piedi alla distanza di 330 dalla 
linea del porto dalla parte di Botherhithe. Ma gli 
ostacoli, eh' egli incontrava per la natura del suolo, 
si accrebbero a tal segno che mentre egli progrediva 
alla profondità di 42 piedi fu obbligato a desistere. 
La fama che segtii l'operazione di queiti fori essen- 
do stata molto lusinghiera, un proprietario iiUrapren- 



114 



dente impeguossi a perfezionare la cava (portata ad 
Otto piedi di diametro) riducendola a 76 piedi, alla 
cui profondità egli ravvisò che sarebbe stato perico- 
loso l'andare più a basso. Nell'agosto 1807 un se- 
condo ingegnere fu impegnato dalla compagnia in 
questa operazione unitamente ad un gentiluomo, il 
cui nome era salito in fama mediante grandi successi 
Ottenuti nell'arte di minare. 

Prima di aprire il disegno della strada, due in- 
gegneri convennero di ridurre la sua larghezza a due 
piedi, sei pollici nella cima, e tre piedi al di sotto. 
Alla profondita di 76 piedi trovarono il suolo consi- 
stente di una arena solida ed arida, e là essi apri- 
rono la via che portavano avanti in una leggiera 
salita. 

Nel novembre 1807, quando 394 piedi della via 
erano stati compiuti, i direttori convennero di dare 
al 2° ingegnei'c 1. 1,000 per mezzo di un premio se 
riusciva a portarsi al lido opposto. La via fu estesa 
più oltre a 14 piedi, sopra egualmente solida ed ari- 
da terra, colla precauzione che era stata usata da 
principio di coprire con tavole sostanzialmente tutta 
la sU'ada. Centotreutotto piedi di piìi furono tagliati 
fra un letto di roccia calcarea otto piedi spessa; ma 
nel 21 decembre il capo della via era appena entrato 
per due piedi dentro lo strato che mette imme- 
diatamente nella roccia, quando il letto cadde giù 
lentamente lasciando sopra la testa una cavità larga 
abbastanza per un uomo a starvi dentro. Egli è da 
osservare che non vi erano meno di 30 piedi d'inter- 
medio suolo fra la via ed il fiume nel tempo che accad- 
de questa disgrazia. Essendo l'ingegnere riuscito nell' 
empire e nel chiudere tutta la buca, i minatori en- 
trarono nella via eh' era stata ridotta a 3 piedi di 
altezza, ad oggetto di nettare il luogo pericoloso. Do- 
vevano perciò lavorare sui loro ginocchi; e non ostan- 
te ogni sfoi'zo per giungere all'opposta parte, essi 
erano respinti da frequenti scoppi di arena e di 
acqua. Avendo quindi l'ingegnere scandagliato il ter- 
reno dalla parte di sopra, riferì, che non vi era dub- 
bio che le due fratture comunicassero al di sotto, 
e perciò ammetteva eh' era affatto impraticabile di 
andare più avanti, eccetto se non fosse per mezzo di 
recinti. Nel 30 marzo 1809 i direttori offrirono una 
ricompensa pel più approvato progetto alto a perfe- 
zionare il ponte sotterraneo. Cinquantaquattro progetti 
furono presentati, ma sottomessi al giudizio d'uomi- 



ni sceuziati, non furono creduti adottabili. Un ulte- 
riore esperimento fu fatto da un terzo ingegnere che 
operava dal di sopra del fiume, ma la prova fu egual- 
mente infruttuosa. Cosi finirono nel 1809 tutte le 
operazioni e tutti gli sforzi durati quasi sette anni, 
per porre termine a questa ardita intrapresa. Pochi 
anui dopo il signor Brunel fu indotto da uno dei 
più attivi promotori dell'intrapresa del ponte, il si- 
gnor VVyatt, a rivolgere la sua attenzione su questo 
soggetto : ed essendo fornito di documenti connessi 
coi primi sfoi-zi, divisò un piano nella convinzione, 
che e l'escavazione e la costruzione potesse essere 
fatta completamente nel modo da lui proposto. 

Prima di procedere ad una esposizione del piano 
adottato dal sig. Brunel, e dei mezzi con cui egli Io 
ha messo in esecuzione, noi abbiamo a stabilire che 
la costruzione del ponte sotterraneo, com' è rappre- 
sentata nella incisione, ha 38 piedi in larghezza e 
22 piedi e 6 pollici in altezza, con una luughezza 
di 600. L'escavazione perciò fatta sotto il Tamigi, per 
questa costruzione, presenta una sezionale superficie 
di 850 piedi, che è eguale a 60 volte l'area della via. 
Non ostante che i primi sforzi avessero molto 
contribuito a far temere assai del successo, vi era 
sempre sufficiente evidenza per indicare che col 
cominciare dello strato dell'arida e solida arena , 
e col tener chiusa sotto lo strato della creta for- 
mante la parte inferiore del fiume, si trovava spazio 
bastante per trarre ad effetto l'oggetto, benché la na- 
tura del terreno intermedio fosse stata asserita essere 
lenta in molti luoghi. Tutte le informazioni, ottenute 
dalle relazioni dei minatori, concorrevano colle opi- 
nioni dei geologisti nell'indicare che la più eligibile 
linea per il ponte era a tenersi tanto vicino alla 
parte inferiore del fiume, quanto la sicurezza del 
lavoro potesse permetterlo. La prima idea del piano, 
che apparve all'ingegnere meglio calcolato per fai-e 
un' eseavazione degna del suo oggetto sotto una così 
vasta quantità di acqua, fu suggerita dalla vista di 
un pezzo di carena di nave eh' era stata rosa per 
operazione di un verme chiamato terido. Da ciò egli 
concepì essere praticabile di fare una sufficiente 
apertura di una giusta capacità tutta in una volta. 
Tuttavia di due modi eh' egli descrive, dette la pre- 
ferenza a quello di procedere col formare simulta- 
neamente alcune contigue escavazioni mediante un ap- 
parato, che è stato chiamato lo scudo. Questo scudo 



115 



nel suo intero partecipa del carattere di un potente 
recinto applicato in orizzonale invece di verticale di- 
rezione. Egli è composto di 12 forme paralelle gia- 
centi vicino l'una all'altra, come molti volumi in uno 
scaflale. Ciascuna forma essendo quasi 22 piedi in 
altezza, è divisa in tre piani, ed è perciò clie l'intie- 
ro presenta 36 aperture o celle ; da (juestc celle i 
minatori, operando a piccole quantità in un tempo 
come molti piccoli vermi, sono abili a rodere la ter- 
ra in fronte, mentre altri al di dietro fabbricano una 
forte incrostatura di sostanza di mattoni. Per l'azio- 
ne locomotiva ogni cella è provvista di due gambe 
sostanziali riposanti egualmente sopra sostanziali scar- 
pe (non dissimili a scarpe da neve). Queste gambe 
sono provviste di articolazioni, che rendono idonee le 
celle ad un pacifico movimento. Lo scudo ba cam- 
minato 600 piedi della sua assegnata carriera, ed ha 
lasciato dietro una costruzione sostanziale in forma 
di una doppia arcata. Avuto poi riguardo alla forma 
esterna della costruzione, ed al modo adottato per 
l'esecuzione, conviene che sia ovvio a persone cono- 
jcenli di tali materie, che la forma più sostanziale 
e meglio calcolata nello stesso tempo a prevenire, 
tanto lontano quanto è praticabile, un tanto disor- 
di.ie negli strati alluviali dei varii gradi di densÌLÌ, 
è \ù. forma quadrata, come corrispondente in quel 
modo di fabbricare che è unicamente chiamato con- 
tietltnte e sostenente. Cosi in fatto il letto del fiu- 
me col suo contenuto è stato empito di terra solida 
invece della terra molle. Come per indispensabile 
requisito in un lavoro di questa natura, si dovette 
fare una prova contro i più grandi disastri eh' era- 
no a 'emersi, non ostante ogni precauzione che po- 
tesse esser presa. Il piano del sig. Brunel fu consi- 
derato dal duca di Wellington, dal sig. Wolloston, 
e dagl' ingegneri e scienziati eh' ebbero l'opportn- 
nità di esaminare ì disegni, e di sentire la descri- 
zione datane dal medesimo, come ben calcolato per 
trarie a fine il contemplato oggetto: quantunque al- 
cuni timori fossero destati per il tempo avvenire, 
come la. ciò che potrebbe risultare per un' irruzione 
del fiune, considerando l'estensione della devasta- 
zione cIr questa potrebbe cagionare nel terreno, e 
tra i lava-i. L' ingegnere arrecava tali spiegazioni 
come mescolate in qualche grado con quei dubbi, 
che bisogni ammettere avere egli in appresso com- 
pletamente ;banditi con certissimi ed innegabili fat- 



ti. Qiiintli sotto rjuesti auspicii il piano fu iiortato 
innanzi al pubblico nel 1823, e nel mese di feb- 
braio 1824 erano state ottenute tante sottoscrizioni 
da poterlo mettere in effetto, non ostante la novità 
della sua lumia e delle sue dillicoilà. 

{Sarà coniinuato.) 

.SPIRITOSO RIPIEGO. 

Nel 1823 fu pubblicato in una gazzetta germa- 
nica il seguente fatto occorso in Varsavia, 

Un inglese confidò ad un ebreo proprietario di 
un albergo in Varsavia, presso cui alloggiava, uno 
scrigno contenente il rilevante valore di ventimila 
lire sterline, pensando che non avrebbe potuto met- 
ter meglio in sicuro questa sua proprietà. Quando 
l'inglese domandò il suo scrigno, l'ebreo negò fran- 
camente di averlo ricevuto. Quegli disperato si ri- 
volse al gran duca Costantino, che citò l'oste e fece 
quanto mai potè per indurlo a restituire lo scrigno: 
ma invano. Indarno l'assicurò del perdono : l'ebreo 
persistette sempre a negare. Allora il gran duca si 
mise a discorrere d'altro, e poi tirando fuora il suo 
orinolo ed osservandolo disse: <■< Credo che non vada 
bene, lasciate un poco vedere che ora fa il vostro:» 
poi fingendo di esserne incapricciato dimandò all'ebreo 
di cambiare orinoli, al che di nulla sospettando l'e- 
breo prontamente acconsenti. Il principe, fingendo di 
avere qualche cosa da fare, congedossi dairel)reo per 
qualche minuto, si ritirò nel suo gabinetto e spedì 
un messo fedele coU'oriuolo scambiato, incaricandolo 
di andare dalla padrona dell'albergo da parte del di 
lei marito, e richiederla di tosto mandargli lo scri- 
gno, avendone bisogno per terminare un affare col 
gran duca. La moglie, vedendo l'oriuolo di suo ma- 
rito, si tenne sicura, e consegnò al messo granducale 
lo scrigno. Quando i! gran duca l'ebbe ricevuto, offrì 
nuovamente all'ebreo un intiero perdono a condizio- 
ne che confessasse di averlo ricevuto; ma questi si 
ostinò a negare d'avere alcuna conoscenza dello scri- 
gno, corroborando la sua negativa col giuramento. 
Allora il principe ordinò che fosse tradotto ad un 
tribunale militare per essere giudicato ; e questo lo 
condannò ad essere fucilato da venti ebrei; i quali 
eseguirono la sentenza con si poca destrezza, che il 
colpevole n' ebbe a soffrire due ore di penosissima 
agonia. 




OROLOGIO E CAMPAIXILE 

DELLA CHIESA DELLA SANTISSIMA VERGINE IN DYON. 

Tra i primi e più rinomati orologi a camjiauile 
e quello della chiesa di Dyon, che qui rappi-esentasi. 
Cominciarono infatti gli orologi di tal fatta a farsi 
nel decimo ed undecime secolo, e non ebbero il loro 
perfezionamento che ne' secoli seguenti. IVe fu già 
inviato uno a Carlo Magno dal califfo Harouu-al- 
Raschìd. Ducange ci narra che quest' orologio era 
di bronzo, che indicava le ore per mezzo di cavalieri 
che aprivano e chiudevano dodici porte secondo il 



numero delle ore, e le suonavano per mezzo di certe 
palle che si facevano cadere sul bronzo. A Lundeu 
in Isvezia vcdeasi un orologio costruito così artifizio- 
samente nel XIV secolo, che quando suonava le ore 
due cavalieri s' incontravano e davansi tanti colpi 
quante erano le ore : quindi aprivasi una porta, e 
nel fondo vedeasi una rappresentazione, in cui la 
SSiìia Vergine assisa in trono col Santo Bambino, 
ricevea l'adorazione de' re magi, seguiti dalle loro 
cavalcature: e movendosi con ordine, i i"e si prostra- 
vano ed oll'rivauo i loro doni, mentre due trombet- 
tieri suonavano: spariva quindi il tutto per ripro- 
dursi nell'ora seguente. 

La Spagna ebbe il suo primo orologio in Sivi- 
glia nel 1400, Mosca nel 1404, Lubecca nel 1405. 
Il primo orologio che si stabilì in Parigi fu quello 
di palazzo, la cui esecuzione è opera di Enrico De- 
Vic, che Carlo V avea fatto venire di Germania, as- 
segnandogli sei soldi parigini al giorno, e dandogli 
alloggio nella torre sulla quale fu situato l'orologio 
nel 1370. Le città di Sens, Auxerre e Strasburgo, 
ebbero pure orologi rimarchevoli pel meccanismo. In 
quanto all'orologio di Dyon che qui rappresentasi, 
e che come dicemmo fu pure uno de' primi, regia 
molta oscurità sulla sua origine. Si sa, che dopo la 
battaglia di Rosebecque, Filippo l'ai-dito duca di Bor- 
gogna lo tolse alla città di Courtrai, dov' esistea pri- 
mitivamente, per punire gli abitanti che aveauo ricu- 
bato di restituire a Carlo V gli speroni d'oro de' 
cavalieri francesi morti sotto quelle mura nel 1312. 
Il duca di Borgogna, così Froissart antico autore 
francese; «Fece togliere un orologio che suoniva le 
• ore, uno de' piii belli che si potesse trovare: e fé» 
» ce disfarlo in pezzi, e caricare su i carr;, conu 
» anche la campana ; il qual orologio fu portato 
» nella città di Dyon in Borgogna, ed ivi stabilito 
» suona le ore 24 tra giorno e notte. » Tali orologi 
poi con suono e giuoco di campane dicousi in Fran- 
cia ed in Germania, donde traggono origine, Jaujue- 
rnart. Gli antiquari di queste nazioni non sono ben 
d'accoi'do sull'etimologia di tale denominazione : al- 
cuni la traggono da Giacomo Marck [Jacques March) 
inventore di siffatto meccanismo, donde pu" corru- 
zione vogliono che sia derivato Jacqueincrt : altri 
pretendono che derivi dalle parole jaojie tnaille, 
jaqui: da inaille, abbigliamento guerresco, che in 
latino trasportano jaccotnacliiardus. Erainiattt labi- 



117 



tudine nel niodio evo di mettere sulle toni ed alia 
sommità de' campanili, od altri monumenti piii ele- 
vati, alcune guardie die doveano vegliare alla quiete 
pul)l)liea, per dar avviso sia dell'avviciuamento del 
nemico, sia degl' incendi, de' furti, degli omicidi che 
si commettevano neirinteruo delle città. In seguito 
avendo l'ordinamento delle Len regolate polizie reso 
inutili tali misui-e, se uè conservò per altro la me- 
moria costruendo figure di ferro o di Lronzo, alle 
quali si fecero suonare le ore. Tornando al monu- 
mento, di cui qui si parla, esso ha ricevuto di- 
versi camLiaiiienti in epoche diverse, e quindi non 
iTtiene ora molto della sua primitiva costruzione. Le 
tre figure che vi si rappresentano sono di un uomo, 
di una donna e di un putto più in basso. Le prime 
due figuro munite di martelli battono la campana 
grossa ^ il putto, aggiunto di poi, batte la campana 
minore, leggendosi in un antico poema borgognone : 
Jacquemar, et sai bonne fanne n'on poin cf hai/ai 
prò frapiai dessu lo clindellc -Jacquemart, e la sua 
buona moglie non hanno fgliu per ballere sul cam- 
panello. E stata pubblicata nel 1832 da P. Berigol 
un erudita istoria dell'illustre Jacquemart de Dyon. 



RISPOSTE ARGUTE. 

Un uomo che aveva la seconda moglie, in pre- 
senza non solo di questa, ma anche di molte perso- 
ne si lagnava spesso della perdita della prima mo- 
glie. La consorte un giorno, stanca di queste repli- 
cate lagnanze, in presenza di tante persone gli rispose: 
■ Siate persuaso che a uiun più che a me è rincrtì- 
sciuta la morte della vostra prima moglie. » 

Un giovane sconsiderato in mezzo a molte donne 
sparlava altamente del loro sesso. Allora una di esse 
rivolta alle alti'e disse: «Forse questo giovane non 
ha avuto madre?» 

Un altro scimunito domandò ad una siiruorina 
«Chi è il dentista?" Rispose questa: «E un uomo che 
leva i denti agli altri per tenere in movimento i 
suoi. » 



^.m^. 




ais«iC«<« Wt . -rT-i 



PALLADIO 

Akdiiea Palladio, celeberrimo architetto italiano, 
nacque a Vicenza nel 1518, oriundo del Friuli. Ap- 
plicossi giovanetto allo studio di Vitruvio, e giovalo 
dall'amico suo Trissino, fece rapidi progressi nelle 
lettere, non meno che nelle. Parti are che il primo 
suo saggio fosse la decorazione della facciata della 
villa Ci'icoli. Pel genio di Palladio furono in breve 
insufficienti Vitruvio, L. Aberti e gli altri suoi ante- 
cessori; egli viaggiò in Italia ed in Francia, venne 
pili volte in Konia, e vi fece studi profondissimi. 
Ritornato in \ icenza, diedesi ad arricchire i paesi 
veneti, e particolarmente la sua jiatria, di molti edi- 
fizii e costruzioni d'altissimo pregio. Il restauro della 
sala della ragione, allora lo levò in molta fama,- in 
quel tempo pure j)resto mano alla costruzione del 
palazzo della città d'Udine, dotto il Cartello, Tor- 
nato in Roma, concorse ai disegni pel Vaticano, e 
fece la facciata del palazzo del gran duca di Tosca- 
na a campo Marzio. Nel 1556 fondò con altri la 
celebre accademia olimpica di \ enezia, e disegnò le 
figure del ^ itruvio pubblicato da Daniele Barbaro 



118 



coi commentarli di esso artista : costrusse un bel ca- 
sino nel Trivigiano pel fratello del celebre patriarca 
d'Aquileia, e l'arco dorico, che serve d'ingresso al 
castello d'Udine. Nel 1560 disegnò il palazzo della 
città di Felti'e. Il palazzo Foscari, da lui già eretto 
sul Brenta, aveva invogliato sommamente i veneziani 
di possedere l'artista; la fama universale ornai da lui 
meritatasi li mosse a chiamarlo presso loro : Sauso- 
vino gli cedette lo scettro dell'arte. A Venezia Pal- 
ladio fece il monastero dei canonici di s. Giovanni 
lateraneuse, poscia quasi tutto perito per incendio ; 
il refettorio dei monaci di s. Giorgio maggiore, col 
peristilio che vi conduce: la chiesa di s. Giorgio mag- 
giore; il teatro del convento della carità, parimenti 
distratto dal fuoco; la chiesa del Redentore, e parec- 
chi palazzi. A Venezia parimenti concorse pel ponte 
di Rialto con Vignola, Sansovino, Scamozzi e Da 
Ponte; questi fu scelto, e l'arte ci scapitò. Venezia 
ha un bel ponte, ma avrebbe il più magnifico, che 
fosse mai. Vicenza era sempre la dimora ordinaria 
di Palladio, il quale vi aveva costrutto una comoda 
ed elegante casa tuttora ammirata: là fece i palazzi 
Codini, Caldogno, Tiene, Pisani ecc., un teatro prov- 
visorio nel salone del palazzo della ragione; e su- 
perbe decorazioni per l'arrivo di un nuovo vescovo. 
Di tali decorazioni egli fece eziandio una peregrina 
mostra a Venezia del passaggio di Enrico III. A 
tante opere immortali sono da aggiungere il ponte 
di Bassano, e quelli sul Cismone e sul Cacchiglioiie. 
Finalmente Palladio compì il suo splendidissimo 
aringo col teatro olimpico di Vicenza, monumento 
unico nel suo genere, e capo-lavoro dell'arte moder- 
na. Egli moi-ì ai 19 agosto 1580. Nel 1570 aveva 
pubblicato a Venezia il classico suo Trattato d'' ar- 
chitettura, opera da indi in poi ristampata continua- 
mente, tradotta in tutte le lingue, commentata, stu- 
diata, massime in Inghilterra, ove sono iunumerevoli 
le fabbriche palladiane. Vicenza e Venezia sono ric- 
che assai de' suoi edifizi. Algarotti chiamollo il Raf- 
faello dell'architettura. Palladio scelse le cose più 
belle del buon gusto antico, e saggiamente accomo- 
dolle agli usi moderni. Semplicità e grandezza, ele- 
ganza, leggiadria, correzione, convenienza, armonia, 
sono in tutte le sue opere. Fu anche eccellente dise- 
gnatore, e profondo in tutte le discipline attinenti 
all'architettura, come prova la sua edizione con figu- 
re dei commentari di Giulio Cesare. Quanto ai co- 



stumi ei fu modesto e discreto, e s'ebbe molti amici 
fra gli artisti, non meno che fra' dotti e letterati. 
De' suoi allievi il piii noto è lo Scamozzi. 



DI ALCUNI NANI. 

Tra gli uomini i-imarchevoli per la loro picco- 
lezza, di cui gli annali della scienza hanno conser- 
vato memoria, ve ne sono alcuni che acquistarono 
un sommo grado di celebrità. Tali sono Jeffery Hud- 
son nato nel 1619, Giuseppe Borwilawshi gentiluo- 
mo polacco, e JYiccola Ferry detto Bedè, nato nell' 
anno 1741. 

Il primo, Jeffery Hudson, fu presentato in un pa- 
sticcio rifreddo in età di otto anni dalla duchessa di 
Buckingam alla regina Enrichctta IMaria moglie di 
Carlo I re d'Iughilten-a; di 30 anni avea 18 pollici 
di altezza ; ma in quell'età cominciò a crescere, e 
giunse in sua vecchiezza alla statura di 3 piedi e 9 
pollici inglesi. Essendo ancor giovinetto di 1 6 in 17 
anni, fu visto in una festa di corte con somma sor- 
presa degli spettatori escire di tasca ad un impiegato 
di palazzo, che per fare il contraposto, erasi scelto 
di statura gigantesca. Il poeta Daveuaut compose in 
onore di questo nano un poema intitolato la Jejfe- 
reide, in cui celebra tra le altre imprese del suo eroe 
una vittoria da esso riportata contro un gallinaccio. 
Nel 1 744 Jeffery accompagnò iu Francia la regina 
Enrichctta. Un tedesco chiamato Crofts avendolo mot- 
teggiato e deriso, Jeffery offeso di tali insulti lo sfidò 
a duello. Crofts, per sempre piii schernire il nano, 
si presentò all'appuntamento con una siringa ; ma 
avendolo il nano forzato seriamente ad un combatti- 
mento colla pistola, il tedesco vi rimase ucciso. Jef- 
fery morì nel 1682, nelle carceri di Westminster, 
nelle quali era stato rinchiuso sotto il peso di una 
accusa politica. 

L'altro nano, Bor-wilawsJd, gentiluomo polacco è 
celebre per la vai-ietà de' snoi talenti : egli scrisse 
da se stesso la sua storia, e la sua riputazione si 
estese a tutta l' Europa. Presentò come il primo il 
fenomeno del suo ingrandimento in età avvanzata. 

Ma il nano che sopra ogni alti'O presenta un og- 
getto interessante d'osservazione è il Bedè, il cui 
scheletro si conserva nelle collezioni anatomiche del 
museo d'istoria naturale in Parigi. Era egli così pie- 



119 



colo clic fu portato al Lattcsirr.o in un piatto coperto 
di bombace, ed ebbe per prima culla un zoccolo di 
legno. Nell'età di cinque anni, esaminalo dal medico 
della duchessa di Lorena, egli pesava 9 libbre e set- 
te once, ed era formato come un giovane di 20 anni. 
Fu portato alla corte del re Stanislao, per cui prese 
una somma adozione, e che gli portò pure molto 
affetto. Questo principe tentò di fargli dare un'edu- 
cazione : ma Bedc ben diverso dagli altri due nani, 
di cui si è parlato, non potò neppure imparar mai 
a leggere, e non seppe far mai altro che ballare e 
battere la misura del tempo. Nulladimeno si man- 
tenne vivace ed allegro fino all'età di 1 3 anni, in 
cui la sua gentilezza lo abbandonò, e subì in quest' 
epoca una specie di vecchiezza prematura, clic ter- 
minò in età di 22 anni colla sua morte. Avea allo- 
ra 33 pollici, mentre di 15 anni non era giunto che 
ad averne 29. Era stato promesso in matrimonio 
Yei'so il fine di sua vita ad una nana chiamata Te- 
resa Souvray, che virea ancora nel 1822, epoca in 
cui venne a mostrarsi a Parigi. 



METAMORFOSI D UN FORNAIO. 

Ad uu fornaio, che coU'esercìzio del suo mestiere 
• commercio era divenuto ricco, venne in capo di 
farsi ritrattare da Salvator Rosa in arnese d'yVchille. 
Il valente artista fece qualche osservazione sulla biz- 
zarra idea del fornaio: ma questi persistendo, Salva- 
tor Rosa acconsenti di contentarlo. Infatti dopo po- 
che sedute, nelle quali il pittore ritrasse esattamente 
la figura del suo cliente sopra tela ad olio in garbo 
di fornaio, ed in atto d'infornare, fece poi sopra ad 
acquerello una sopradipiuta, che lasciando il volto 
tal quale, rappresentavalo del resto con grand' elmo 
crestato in testa, scudo in braccio e lancia in mano. 
Contentissimo il nostro fornaio, nò pagò generosa- 
mente il celebre pittore, e se ne lusingava col mo- 
strarsi agli amici dipinto nell'eroica armatura. Ma 
quale fu la sorpresa del vano uomo, quando dopo 
qualche lasso di tempo, facendo lavare e ripulire il 
quadro, tolto il dipinto d'acquerello, si vide compa- 
rire il suo ritratto al vero, con berretto bianco iu te- 
sta, grembiale alla cintura, pula in mano e spazza- 
tolo nell'altra! 



INTORNO UNA TELA DELLA SlC' MATILDE MALBN'CHIV) 
RAPPRESENTANTE LE CARCERI DI FIRENZE. 

Convenevole al certo e molto propria è quella 
bellississima sentenza di l'ilostrato, che coloro i quali 
non amano la pittura, non solo fanno ingiuria alla 
bellezza, ma eziandio alla sapienza; essendo per cosi 
dire un dono divino dato alla vista per l'istoro, ed 
agli animi umani per insegnamento. Imperocché sic- 
come essa l»a per oggetto l'imitazione delle forme 
piìi belle, cosi ci solleva per questo mezzo alla con- 
templazione delle cose celesti, ed innalza la nostra 
mente al cielo, facendoci vivere in terra colle grazie 
e colle muse all'armonia ed alla proporzione di tutte 
le cose. Onde non è da dire con parole quanto sia- 
no da stimare coloro che fra gli altri studi che se- 
guirono por nutrire e adornare l'animo loro, si ri- 
volsero alla bellezza della pittura, proponendosi l'ec- 
cellenza de' piìi celebri artefici dell'età moderna, e 
quanto siano degne le opere loro da pervenire alla 
cognizione de' posteri. Fra quelli che a tale inten- 
dimento dopo lunghi sludi ed assidue fatiche per- 
vennero a cogliere onorali fruiti, ed eterni allori 
de' loro meriti, è da porre principalmente la valen- 
tissima donna signora Matilde Malenchini, la quale 
alle grazie del sesso, ed alla coltura del suo nobile 
ineecno acsiuneendo reccelleuza che si ravvisa ne' 
suoi dipinti, oltre il vivo e il piìi perfetto della na- 
tura e dell'arte imitatrice, ci dà nobilissimi esempi 
di quel bello e di quella virili eh' essa sente viva- 
mente iieirillustre sua anima. Questa sapiente mae- 
stra che sa animare di facondia l'arte muta colle 
sue dotte invenzioni, ne ha dato già tanti saggi del 
suo sapere e del suo sentire nell'arte pittorica, e 
sono già tanti anni che onora (juesta nostra domi- 
nante, che potrebbe sembrare esageralo se parlando 
de' suoi dipinti volessimo esaminare ad uno ad uno 
i loro pregi ed il loro amirabile artificio. Tuttavia 
parlando di essa non vorremmo lacere del suo va- 
lore principale nell'arte di rappresentare gì' interni 
e in quelle cose clic chiamano di genere; nella 
quale è salita iu tanta grandezza, che se non aves- 
simo altro esempio che quello che essa ha recente- 
mente condotto a fine delle carceri di Firenze, esso 
certamente potrebbe bastare per tulli, e potrebbe di- 
mostrarla non indegna de' tanti onori che ha finora 
ricevuti. Fra' quali si deve certamente riporre per 



120 



il primo, oltre l'essere professerà accademica di me- 
rito di s. Luca, quello che S. A. I. e R. il gran duca 
di Toscana ha voluto accordarle tenendola sotto la 
sua immediata tutela e protezione. Nella qual cosa 
essa certamente sembra che si studii a tutta sua 
possa, e adoperi ogni suo ingegno, di mostrarsi quanto 
niun' altra mai grafissima e riconoscente. E non è 
senza ragione corteggiata e stimata da' primi letterati 
e scienziati dell'età nostra, essendoché questi ammi- 
rino in essa gli ornamenti della dottrina nella sua 
squisitissima educazione e nel consorzio di dottissi- 
me persone acquistati, che la rendono tanto piìi pre- 
gevole a coloro a cui è dato in sorte l'avvicinarla^ 
e che la fauno superiore alle piìi valenti donne 
dell'età sua. Talché essa sola potrebbe far fede esser 
verissima quella sentenza del poeta : 

Le donne son venute in eccellenza 
In ciascun' arte ov' hanno posto cura, 
E qualunque a le istorie abbia avvertenza 
Ne sente ancor la fama non oscura. 
Se il mondo n' è gran tempo stato senza, 
Non però sempre il grande influsso dura: 
E forse ascosi han lor debili onori 
L'invidia e il non saper degli sci'ittori. 



LA SETTIMANA 



CALENDARtO STORICO. 

26 Aprile 1317. = Padova si conserva libera ia 
mezzo alle pretensioni dei veneziani. 

27 Aprile 1509. = Bolla di scomunica del papa 
Giulio II contro il doge e la repubblica di Ve- 
nezia con severissime pene fulminate contro i 
veneziani, se essi non si sottomettono avanti ven- 
tiquattro giorni. 

28 Aprile 1 506. =: Gonsalvo di Coi'dova, ricevuto 
un rinforzo di 2,000 tedeschi, risolve di entrare 
in campagna, e quindi si reca da Barletta alla 
Cerignole. 

28 Aprile 1282. = I francesi sono scacciati da Mes- 
sina. 

29 Aprile 1497. = Pietro de' Medici approfltta del- 



le negoziazioni de' Gorentini colla lega d'Italia 
per tentare di sorprendere Firenze. 
30 Aprile 1525. = Possesso di Clemente VII. 
1 Maggio 130y. = Morte d'Alberto d'Austria as- 
sasinato da suo nipote. 



TRATTO DI GENEROSITÀ. 

Nella slate dell'anno 1784 un incendio terribile 
ridusse in cenere una gran parte delle fabbriche di 
di Port-au-Prince nella isola di s. Domingo. II 
signor Roberjos de Lastigues, tesoriere, aveva poco 
tempo prima di questo giorno funesto, venduto un. 
magazzino a certo sig. Giraud, suo amico, par la som- 
ma di 180,000 lire, di cui la terza parte era stata 
sborsala in contante. 

Il venditore e l'acquirente erano ambidue spet- 
tatori dell'incendio. Vedendo quest' ultimo come i 
progressi n'erano rapidi, si doleva amaramente^ di- 
cendo eh' egli era minato: «Consolatevi, gli disse il 
sig. De-Lastigues, voi siete padre di famiglia, ed io 
sono vostro amico: nel vendervi il mio magazzino, 
io vi ho lasciato arbitro delle condizioni, ed a ra- 
gione voi avete creduto di concludere un buon affare. 
Ecco un avvenimento a cui nò l'uno nò l'altro <K 
noi erasi apparecchialo, e che arrecherebbe un dan- 
no notabile al vostro patrimonio; ma io non potrei 
giammai sovvenirmi di essei-e stato lo strumento 
della vostra rovina. Se il magazzino resterà illeso 
dalle fiamme, il contratto sarà valido; se poi diverrà 
preda delle fiamme, la vendita sarà nulla. » Dopo di 
che vi si appiccò il fuoco, e lo distrusse interamente. 
Il gioi-no susseguente il sig. De-Lastigues restituì al 
suo amico le 60,000 lire eh' egli aveva ricevute in 
conto, e il contratto di acquisto fu lacerato. 



SCIARADA 

E fiume il primiero; 
E turba Vintej-o, 
E doppio il secondo, 
Che base è del mondo. 



Sciarada precedente = Bì-sca~glia. 
TIPOGUAFIA DELLE BELLE ARTI, VIA IN ARCIONE N. 100, CON APPROVAZIONE. 



121 



ANNO 

SEC©M©0 



© 



L' ALBUM 



\ 



\ 



DISTRIBUZIONE 



© 



.r 



Si pubblica ogni Sabato 



IlOMA 



27 Giugno 1835. 




IL PALAZZO REALE DI PARIGI 



Sarà sempre di sommo piacere il raggirarsi ne' 
luoghi abitati da personaggi distinti; ma questo pia- 
cei'e si aumenta quando tali luoghi non hanno can- 
giato di aspetto, e quando si sono fedelmente con- 
servate le disposizioni, lo stile ed anche gli addobbi. 
Noi ci crediamo allora trasportati ue'scccili passali; 
noi diveniamo per un istante contemporanei di co- 
loro che concepirono e malui-arono vasti progetti. 
Raggirandoci per quei luoghi eh' essi abitnronn, e 
ricorrendo al nostro pensiero gli avvenimenti lieti 
e funesti di quelle epoche, riteniamo quasi come 
non estinti quelli che ne furono causa, o v'ebbero 
M gran parte; ed assenti soltanto per quel momeulo 



ci sembrano quei grandi. Odi quasi il rumore de' 
loro passi : il suono della loro voce sembra ferirti 
gli orecchi, e le stesse loro persone agli occhi della 
tua fantasia presentansi piene di quella dignità e 
gi-andezza che le distinse. Egli è però spiacevole che 
una sorgente di si grate illusioni venga per Io più 
aiterata e perfino distrutta interamente da innovazio« 
ni, che lasciano appena una languida memoria dì 
quello eh' era un edilizio ne' tempi audnti ; memoria 
che mal si ridesta con itinerari e strane ciance di 
ciceroni. 

Il palazzo reale in Parigi, che qui rappresentasi, 
è uno di quei monumenti che ha subito appunto 



-1^^ 



tali e tante riiodificazioai dall'epoca della sua prima 
costruzione, che invano cercheresti ivi l'ediiizlo mo- 
destamente cominciato dal cardinale di Richoiicu 
aireslremila di Parigi nel 1629; edifizio che crebbe 
colla fortuna dello stesso ministro, e che si disse da 
principio jjalais-cai (linai, quindi palais-royal allor- 
cliè il ministro stesso ne fece un dono al suo re. 
Di quanti avvenimenti non furono spettatrici quelle 
pareti! Come sarebbe curioso ed interessante di ve- 
dere, se tuttavia esistessero i gabinetti, ne' quali il 
grande Kichelieu faceva i suoi aiti studi, la galleria 
nella quale fu arrestato il gran Condé, ed il celebre 
oratorio dove la regina Anna era in preghiera, men- 
tre s'involava il principe! Nulla piii di tulio ciò. Il 
capriccio de' diversi padroni succeduti in quell' edi- 
fizio, la A'aua gloria degli architetti, gì' inceiidi, e le 
rivoluzioni piìi degl' incendi terribili, hanno tutto 
distrutto e cangiato. 

Luigi XIV che volea terminare il Louvre, e che 
ingrandiva Versailles, si sarebbe trovato troppo an- 
gusto in questo palazzo. Suo fratello monsieur duca 
d'Orleans lo abitò per molto tempo prima d'esserne 
proprietario a titolo di appauaggio. All'epoca del 
suo matrimonio con la giovane Euriclietta d'Inghil- 
terra, tolta troppo presto agli omaggi di una corte 
che l'adorava, egli fece costruire una galleria dall'ar- 
chitetto Mansard, decorata dal Covpel, che vi rap- 
presentò i fatti principali dell'Eneide. Un incendio 
nel 1763 devastò la gran sala detta dell'opera, che 
fu quindi ricostruita, come pure la facciata del pa- 
lazzo, sopra un nuovo piano; ma un secondo incen- 
dio nel 1781 recò nuovi e sillatti danneggiamenti, 
che si divisò di ricostruire tutto l'edifizio, e ne fu 
affidata l'esecuzione al signor Louis architetto della 
casa d'Orleans. La rivoluzione, e per non confon- 
derci tra le diverse, quella che trasse al patibolo 
Luigi XVI, non fu punto favorevole a quest' edifizio 
che vide nascere la rivoluzione stessa. Il palazzo e 
le sue dipendenze furono vendute, frazionate, gua- 
state. Napoleone non vi stabilì che per un momento 
il tribunato, per isbarazzarsi ben presto d'un potere 
la cui indipendenza davagli ombra. Si restò quindi 
perplessi alcun tempo sulla destinazione da darsi al 
palazzo reale. Chi opinava di dedicarlo alla borsa ; 
chi allo stato maggiore della piazza; chi alle belle 
art). Stavasi peranche in questa esitanza, allorché 
Bel 1814 un esule ritorna nella sua patria. Era egli 



l'erede de' duchi d'Orleans che rientrava nel palazzo 
de' padri suoi. Questo erede stesso ha di multo ab- 
bellita la residenza de' suoi antenati, e nel dare alla 
medesima un nuovo splendore, non ha lasciato di 
richiamarvi le antiche rimembranze. I pennelli de' 
più valenti artisti francesi vi sono stati impiegati. 
Droling, Delacroix, Beveria, Scheffer, Sleuben, 
Orazio f^ernet, Hersent vi hanno riprodotto le di- 
verse scene che avvennero nel palazzo reale sotto 
Iviclu'lieu. 



FSSTA DELLE LANTERNE NELLA. CINA. 

La festa delle lanterne, che dovrebbe essere 
celebrata il giorno decimoquinto del primo mese 
dell'alino, comincia la sera del decimolerzo, e non 
termina che alla sera del decimosesto. E piii facile 
descrivere questa festa, che indicarne la data e l'ori- 
gine: ciò nulla ostante l'opinione più comune si è, 
che un mandarino molto amato dal popolo, avendo 
perduto una figlia unica, la quale passeggiando la 
sera alla riva di un fiume, cadde nell'acqua e s'an- 
negò, facendo afflittissimo accendere iu questa oc- 
casione un gran numero di lanterne la cercò tutta 
la notte seguito dal popolo, che l'ajutò inutilmente 
in quella ricerca. L'attaccamento, che gli abitanti 
avevano al mandarino e fors' anche la sineolarità 
dell'avventura, gì' indusse a rinnovare questa cerimo- 
nia alla fine dell'anno ; e questa usanza divenne po- 
scia sì generale nell'impero, che nello stesso giorno, 
e nella stessa ora si può dire che tutta la Cina sia 
illuminata. Si trova qualche conformità fra questa 
festa e ciocché si praticava nella festa di Cerere, 
nella quale si correva da ogni banda con fiaccole 
accese, ad imitazione di questa dea, che cercò la 
propria figlia Proserpina nella suddetta maniera. Ma 
noi non vogliamo indagare la incerta origine di que- 
sta sì grande festività, poiché tutti i racconti che si 
fanno, non hanno alcun grado di probabilità ; né 
tampoco asseriremo ciò che da alcuni si vorrebbe 
far credere, cioè che i cinesi l'abbiano ricevuta dagli 
egizj, nella stessa guisa che i greci presero dai me- 
desimi la loro gran festa di Cerere. Il padre Le Cora- 
te ne fa una lunga descrizione: ma a noi basterà il 
sapere, ch'ella ordinariamente si principia nella ca- 
pitale al suono della grossa e smisurata campana che 



123 



ivi si trova, il cui primo tocco viene accompagnato 
da moltissime scariche di cannone, dal rumore di 
grossi timpani, dal suono de' trombetti e da nu.i 
grande varietà di altri strumenti. Egli racconta che 
questa festa si principia nel medesimo tempo in tutte 
le partì deirimpero : che tutte le città, tutti i vil- 
laggi, le rive del mare e de' liunii sono ornate di 
lanterne dipinte e di varie forme: che non ne vanno 
esenti nemmeno le corti e le fcnestre de' più po- 
veri: che le lanterne de' mandarini, dei viceré e dilT 
imperatore costano perfino tre e quattro mila lire : 
clic re ne sono di grandi a segno, che arrivano per- 
fino ad avere venticinque o trenta piedi di diametro: 
e che molte sono ornate di banderuole di seta a 
vari colori, e contornate da qualche pezzo di scul- 
tura. I cinesi, dice il Du-Iialde, vi fanno comparire 
unitanicnte delle ombre che rappresentano diverse 
figure, le cui azioni sono sì conformi alle parole di 
quelli che le fanno muovere, che si crederebbe di 
sentirle parlare. Di qui provennero le nostre ombre 
cinesi, e forse anche la nostra lanterna magica, della 
quale grande uso fanno i cinesi in questa festa, che 
viene di piìi accompagnata da fuochi d'artifizio: nel 
quale genere di spettacolo essi riescono per eccel- 
lenza, avendo l'arte di vai-iarli, e di rappresentare 
al naturale ogni sorta d'oggetti. Nel corso di questa 
festa le botteghe sono tutte chiuse, e si veggono le 
strade affollale di gente, con una infinita d'idoli por- 
tati in giro con gran pompa, e con musicali istru- 
menti. Anche alle donne è permesso in tal tempo 
di comparire in pubblico: quelle di condizione vol- 
gare cavalcano per le strade su gli asini tutti adorni 
di nastri, e quelle di alto rango girano nelle loro 
sedie a due ruote, coperte da tre lati, ed aperte nel- 
la facciata, e vanno cantando e suonando qualche 
strumento, accompagnate da una donna di servigio, 
che va a cavallo dietro a loro, toccando similmente 
qualche strumento musicale; sembra in somma che 
tutta la nazione sia divenuta forsennata per la gioia, 
scusa saperne il motivo. 



INTORNO Ur< GRUm'O 1)1 TRE FIUDRE DI (iKAJ)0^Z2A. 

QUASI NATURALK, OPERATO DAL VALENTISSIMO 

SCULTURK SIG. PROF.OIOVANNI r.lBSON,RAPPRESKNTAMTK 

IL RAPIMENTO DEL FANCIULLO ILA. 

La fivola del giovinetto Ila rapito dalle ninfe 
ha dato sovente ai pittori il subietto delle loro pit- 
ture, ed ai poeti il subietto de' loro carmi. 

Se varii e moltiplici furono i concclli che ani- 
marono gli antichi greci; novissimo Ira tutti e cer- 
tamente mirabile sopra gli altri è quello che ha sa- 
pientemente immaginato il sig. prof. Ciibson in un 
gruppo rappresentante codesta favola. Imperocché 
allontanandosi il valente artista da ciò che altri o ne 
scrissero o ne finsero, ha saputo cavare dalla sua 
propria niente ciò che ha creduto piìi proprio e più 
conveniente all'armonia del suo gruppo. E certamen- 
te i poeti e i pittoii hanno finto, clie (juando una, 
(juando tre ninfe fossero quelle che rapirono il gio- 
vinetto; laddove il nostro scultore non si è valuto 
che di due, quasi credendo che fossero bastanti a 
rappresentare in iscultura convenevolmente codesta 
azione. Dove poi il momento dell'azione tanto nei 
poeti quando ne' pittori greci si rappresenta nell'atto 
del rapimento, il nostro artefice ci olire alla vista il 
momento che le ninfe sono già uscite dall'acqua per 
incontrarlo, e che si trovano presenti proprio nell' 
istante del di lui arrivo. La qual cosa ([uanto sia 
più poetica, e come riesca più armonica alla vista 
ed all'oggetto della scultura, ne farem giudici i ri- 
guardanti. Noi non ci faremmo che ad esaminare 
quello che è proprio della filosofia dello scultore. 
Nella quale quanto esso sia profondo, ce ne da esem- 
pio eziandio nell'età innocente e verginale del fan- 
ciullo. Imperocché ancora in questo lo scultore si 
è veduto allontanare per un poco dalla comune opi- 
nioni' dei poeti, che tutti lo dipinsero giovane « 
caduto. Ma bella oltremodo è la prima e principale 
idea dell'artista, che per mostrare le parti intere del 
fanciullo, non lo fece metà nell'acqua ^' meta fuori, 
lo che nella pittura sarebbe riuscito eccellente: ma 
lo espose tutto intero agli occhi del li; ninfe, che si 
pascono de' suoi sguardi, e lo ammirano, e contem- 
plano la di lui bellezza prima di all'errarlo e di ri- 
tornare con lui nel lago donde erano uscite. Intanto 
il fanciullo volge in su la sua faccia, quasi maravi- 
gliando d'essere airimprovvito arrostato d.i queste 



ÌM 



naiadi, e si sta ailonilo e «luLbìoso della sua sorte, 
quasi mosti'andosi ignaro della ragione che mosse le 
semidee di recarsi a rapirlo. Tale è la maniera, on- 
de è rappresentato questo gruppo , che il nostro 
artista essendosi affaticato di condurre si felicemente 
ed essendovi sì egregiamente riuscito, si può dire a 
i-agione essersi non meno in questa, che in ogni al- 
tra sua opera mostrato si valente maestro da ripor- 
tarne una durabile fama. 



FEDERICO II, ED IL SUO PAGGIO. 

Federico il grande, in mezzo alle sue occupazio- 
ni di gabinetto, aveva già tirato più volte il cam- 
panello senza che vedesse entrare veruno. Preso dall' 
impazienza, apre la porta e mira il suo paggio ad- 
dormentato. Mentre era per destarlo, scorge una let- 
tera che gli usciva per metà di tasca. Federico tolse 
il foglio e lo lesse. Era scritto dalla madre del pag- 
gio, la quale lo ringraziava d'averle fatto passare 
una parte de* suoi stipendj, soccorso ben necessario 
alla di lei miseria : e conchiudeva con benedirlo ed 
assicurarlo che Dio avrebbe premiata la sua filiale 
pietà. Il re si sente intenerito leggendo ciò : entra 
nel suo gabinetto, prende un sacchetto di zecchini, 
e li ripone insieme colla lettera in tasca del giovane 
paggio: indi rientra. Suona di bel nuovo, e forte in 
modo da fare che il paggio si desti, questi corre al 
re: «Avete il sonno ben duro!» gli dice Federico. 
Il paggio, che non sa che rispondere, balbetta due 
parole ancor dormiglioso e mettendo in mezzo al 
suo imbarazzo una mano in tasca, sente un sacco 
pesante, ne lo trae, s'avvede eh' è denaro, impalli- 
disce, guarda il re, e prorompe in lagrime : a Che è 
stato? gli dice Federico. - Oh sire, esclama il pag- 
gio inginocchiandosi, qualcheduno che mi vuol male, 
mi ha certamente posto in tasca questo denaro che 
io non so d'onde venga ! » Amico, riprese il re, la 
fortuna vi coglie qualciie volta dormendo. Mandate 
pure quel denaro a vostra madre, salutatela da parte 
mia, e ditele eh' io avrò cura di voi e di lei. » 




LE FOGLIE ED I FIORI 
DEL TUE 

Quanto non si è scritto coatro 11 the! Nulladi- 
meno il the ha condannato i suoi detrattori al si- 
lenzio, mentre gli entusiasti di questa stessa pianta 
le hanno procurato un glorioso trionfo, spiegandone 
le preziose qualità. Il the, pianta portentosa, ha co- 
minciato la conquista del mondo, e lo compirà : per 
molto tempo circoscritto alle sole classi più agiate 
de' cittadini, si è ora reso popolarissimo. Fare qui 
l'enumerazione delle sue moltissime proprietà, e del- 
le sue sovrane virtìi, sarebbe impegnarsi in una trop- 
po estesa nomenclatura. Basterà sapere, che nel 1666 
li 30 luglio la compagnia delle Indie in Inghilterra 
fa menzione ne' suoi registri dell'acquisto di 22 lib- 
bre e mezza di the al prezzo di 36 lire sterline 
( se. 1 58 circa ) per farne un dono gradito al re ; 
che nel 1674 ne comprò pure 55 libbre per regali 
diversi, mentre oggi nella sola Inehilterra se ne con- 
sumano più 30 milioni di libbre. 

Secondo il barone di Zach, il celebre economista 
Adamo .Smith ha calcolato, in un' epoca in cui non 
se uè cousunaavano in Inghilterra che 25 milioni, 
qual numero di vacche non occorrerebbe per sosti- 
tuire il latte all'uso del the: ed ha trovato un totale 
di 500,000, eh' esigerebbero pel loro mantenimento 
circa un milione di iugeri di terreno. 



125 



la Fraucia il gusto pel tlie si è sparso special- 
mente presso il popolo dal 1814 in poi: fin allora 
non si età ijuasi usato che presso le classi alte. 

In Olanda si beve una quantità prodigiosa di 
ihc; ed è anzi iu questo paese, che se u' è comin- 
cialo ad introdurre il consumo. 

Il fiore di the è bianco, ed ha qualche somi- 
glianza colle nostre rose bianche. Si fanno nell'anno 
diverse raccolte delle foglie di the, ma piìi comune- 
mente tre volte: le prime raccolte hanno un profu- 
mo più delicato e più aromatico. Nella Cina il the 
è classificato come iu Italia ed altrove si classi- 
ficano i vini, secondo le contrade. Il lavoro più im- 
portante nella preparazione delle foglie di the con- 
«iste nel rotolarle, prosciugandole sopra lastre di 
fèrro riscaldate, facendogli perdere così un succo che 
potrcbb' esser nocivo. Questa operazione è somma- 
m.eute dolorosa per le mani de' poveri lavoratori, che 
BOlio abbrustolite dal calore delle foglie. Il the nuo- 
vo è considerato dai cinesi per un potente narcotico, 
e non lo pongono infatti in circolazione che un an- 
no dopo la raccolta. Il the venuto per terra, chia- 
mato the di carayana, ritiensi pel miglior the che 
traversi i marL 

Non vi sono realmente che due specie di the : 
il the detto l'erde, ed il the vero, ossia the-bou, 
ciie suddividonsi poi in altre qualità. Noi non en- 
treremo nel dettaglio delle loro nomeuclatuz-e, ma ci 
contenteremo di accennare, che il the verde agisce 
più attivamente del nero sulle persone nei'vose. Il 
the più confacente alla salute ed al gusto generale 
dev' esser mischiato delle due specie, secondo una 
proporzione che varia in ragione degl' individui che 
uè fanno uso. Alcuni hanno creduto, che il the ver- 
de acquistava sifl'atlo colore perchè seccato e rotolato 
sopra piastre di rame ; ma una tale opinione, che 
tenderebbe a pregiudicare il the verde, è stata rico- 
nosciuta erronea. L'analisi più esatta non vi ha mai 
fatto ravvisare alcuna particella di rame. 




RACCOLTA DEL THE 

Gli europei, che fanno il commercio del the, ri- 
corrono, per le loro transazioni co' cinesi, ad alcuni 
esperti di questa nazione, che hanno l'abilità di di- 
stinguere le diverse qualità di foglie per mezzo della 
tinta che produce l'iufusione. Riferiremo qui quanto 
ne nai'ra il capitano Blanchard nel suo Manuale di 
commercio della Cina (1806). 

« Io volli, narra egli, assicurarmi della capacità 
del mio esperto. Avevamo messo ad un tempo dell' 
acqua bollente sopra quattro diverse mostre di the, 
che mi sembravano di una stessa bontà, e di cui 
ciascuna portava un numero corrispondente a quello 
della tazza, nella quale stava sotto infusione. Io cangiai 
uno di questi numeri, e ne posi in vece un altro. 
11 mio esperto venne il giorno dopo per fare la sua 
visita. Io gli feci osservare eh' esso s'ingannava nel 
suo giudizio sopra una delle tazze che attribuiva 
alla mostra, alla quale realmente apparteneva, men- 
tre il numero eh' io gli mostrai ne designava un'al- 
tra. Questa osservazione sembrò scuoterlo ; ma dopo 
nn nuovo esame, in cui portò la massima attenzione, 
mi disse, eh' io m* era ingannato, apponendo i nu- 
meri, ed aggiunse con asseveranza: « Quest' acqua 
appartiene a questa mostra, indicandomi la vera, 
e non a quesi' altra. » Gli confessai allora l'espe- 
rienza eh' io avea voluto fare della sua capacità. 



126 



Si vede che i cinesi sono giunti ad una squisi- 
tezza di gusto, che supera tutto quello che si vanta 
dai nostiù più abili assaggiatori che pretendono di 
avere un palato delicato. Portano infatti la più mi- 
nuta attenzione ncH'appareccliio della loro bevanda 
lavorila; hanno perlino de' professori che insegnano 
l'arte di fare gli onori di una tavola di the. Presso 
gli europei oggi la maniera di fare il the è divenuta 
egualmente un' arte, ed entra nell'educazioue di una 
brava cameriera. 



AMORE VERSO I SUDDITI. 

Giuseppe II, imperatore d'Austria, faceva distri- 
buire le biade nella Boemia, atteso l'alto prezzo a 
cui erano esse salite. Molte vetture che n'erano ca- 
riche, attendevano innanzi la porta d'un bali; i cit- 
tadini si lagnavano d'attendere, e l'imperatore che 
a caso trovossi a passare colà intese co' proprii orec- 
chi le loro doglianze. Ne richiese la cagiono, e tutta 
la turba gli rispose.* «E gran tempo che attendiamo, 
e molti di noi distano di qua 24 miglia. » Il com- 
messo del bali eh' era presente, non solo confermò 
le rimostranze di costoro; ma aggiunse che gli stessi 
abitanti del luogo soffrivano molto ritardo nella distri- 
buzione. L'imperatore ch'era in bassa uniforme, en- 
trò nella residenza del bali, ch'era in numerosa con- 
rei'sazioue. Si fa annunziare dal commesso ed entra. 
«Chi siete voi?- Sono un aiutante al servizio di 
S. M. I.- Che bramate da me? - Che vi prendiate 
cura di distribuire prontamente le biade a quest' in- 
felici, i quali attendono già da molto tempo. - Aspet- 
tino ..." Ma eglino sono obbligati a fare un lungo 
viaggio, ed hanno già tanto atteso ...- Quale interesse 
avete voi per disbrigarli?- Quello di giovai-e a que- 
st' infelici. » Quindi scnz' altro il monarca volgen- 
dosi al commesso, gli disse con tuono autorevole : 
« Bali, fate la distribuzione:» Ed al bali, che avea già 
destituito col sostituirgli il commesso, disse; «Rico- 
nosci il tuo sovrano, alla cui fiducia cosi mal cor- 
rispondi. ■ 



VIAGGIO DI BODWICH N::L PAESE DEGLI ASHANTl. 

Un' occasione politica fu la cagione del viaggio 
di Bodvvich. Il principale stabilimuuto degl' inglesi 
nella costa dell'oro, appellato capo Coast-Castle, ave- 
va sotto la sua protezione una nazione vicina abi- 
tatrice delle spiaggie marittime, chiamata i fanti. Un 
re poteute dell'interno, il re degli ashanti, trovan- 
dosi ofl'eso da questa nazione, e fors' anche incitalo 
segretamente da qualche potenza europea rivale dell' 
Inghilterra su queste coste, dichiarò la guerra ai 
fanti, invase il loro territorio, abbruciò ì loro vil- 
laggi, e ridusse quelli che si sottrassero dalla strage 
alTultima estremità. Anche lo stabilimento inglese 
fu bloccato e corse il più gran rischia : ma la con- 
giura di quella potenza straniera, che probabilmente 
aveva suscitato tale procella, essendo stata aperta- 
mente scoperta, il re degli ashanti cessò dalle sne 
ostilità, ed acconsenti d'entrare in corrispondenza 
cogl' inglesi, i quali approfittarono di questa occa- 
sione per inviargli una solenne ambasceria, afBdan- 
done la condotta ad un membro del consiglio della 
compagnia, il sig. James, governatore d'Aorad. Bod- 
wich, cui un' ardente desiderio di distinguersi aveva 
condotto in Affrica, venne destinato a far parte della 
spedizione in qualità d'incaricato per le osservazioni 
scientifiche. 

La spedizione abbandonò capo Coast Gasile il 22 
aprile 1817; ma mentre il comandante inglese ma- 
nifestava già la sua pusillanimità eccitata nel debole 
suo carattere dalle dilHcoltà inseparabili da tal viag- 
gio, Bodwich superò con costante fermezza tutti gli 
ostacoli, e dopo otto giorni di penoso cammino, 
giunse colla carovana a Cumassi capitale degli ashan- 
ti. Al suo ingresso una folla di cinque mila e più 
persone, per la maggior parte soldati, l'accolsero 
colle più tumultuose dimostrazioni, mischiando alle 
loro selvagge grida, il suono spaventoso de' bellici 
strumenti e scariche di moschetteria, fatte sì davvi- 
cino, che il fumo inviluppava 1 viaggiatori. Tutto ciò 
era accompagnato da gesti e da danze guerresche, 
il cui movimento giungeva fino alla frenesia. Dopo 
di essere stati traltenuli da questa moltitudine per 
una mezz' ora i via<r<TÌatori ebbero finalmente la li- 
berta d'avanzarsi circondati da' soldini, il cui mi- 
merò congiunto alla folla del popolo, rendeva lentis- 
sima la loro marcia. Strada facendo, uno spettacolo 



127 



ÌBUtnauo, contemplato dal popolo con stupida atleii- 
aione, fermò pei" uu istante i loro sguardi: esso era 
un infelice che veniva straziato prima di essere sa- 
griCcato. E"li aveva le m;ini legate di dietro, un col- 
tello passava a traverso delle sue goto, uà' orecchia 
di già recisa era portala avanti di lui, come iu tri- 
onfo, l'altra pendeva dalla sua testa, attaccata ancora 
alla pelle; aveva alcune ferite sul dorso, ed in cia- 
ccuna spalla stava tìccato uu coltello: egli era cou- 
dullo da una curda die attraversava le sue narici, e 
tenuta dai carnetici che avevano il capo avviluppalo 
in grandissime berrette nere a lunghi peli. 

1 viaggiatori, avendo prontamente tolto lo sguar- 
do da questo orribile spetlacolo, ottennero Analmente 
di avvicinarsi al luogo iu cui erasi posto il re. 



A N* N E D T O . 

Una donna di villa accusava innanzi al generale 
dell'esercito un soldato per avere rapito ai suoi pic- 
coli figli quel poco di polenta che gii restava per 
sostenerli. Il generale, tranne l'asserzione di questa 
donna, non potè raccogliere alcuna prova di quel 
delitto; quindi chiamò a se l'accusato e l'accusatrice, 
e dopo aver detto a quest' ultima che ripensasse be- 
ne quel eh' ella diceva, perchè se avesse mentito, ne 
pagherebbe il fio, fece aprire freddamente il ventre 
al soldato per chiarirsi della verità del fatto, e si 
trovò che la donna diceva il vero. 



ARMI K MANIERA DI COMBATTERE DEGLI ABITANTI 
DI MADAGASCAR. 

Le armi de' madatjassi non sono le medcwtac in 

o 

tutte le Provincie. Alcuni fanno uso di zagaglie ar- 
mate di una punta di ferro, ed oltre a queste hanno 
dodici o quindici dardi che scagliano. Gli abitatori 
di Manghafia e delle altre contrade di questa costa, 
fino a Maghabei, hanno uu grande scudo di cuoio, 
«d una lunga e larga lancia, che chiamano cubachi. 
Non fanno la guerra che per sorprese ed imboscate. 
Quando vogliono intraprendere una spedizione, si 
«niscono segretamente, camminano tutta la notte, o 



procurano d'attaccare l'inimico all'improvviso sullo 
spuntare del giorno. Gircoudano il villaggio nemico, 
e lo assaltano da tulle le parli, mandando orribili 
grida, ed uccidendo o fuendo schiavi tutti quelli 
che loro cadono nelle mani. Non mantengono ordi- 
ne ah\ino nel comlialtere: ognuno procura d'abbat- 
tere il proprio nemico, facendo mille contusioni, e 
caricandolo d'ingiurie e di rainaccie per ispirargli 
maggior terrore. Quando i capi si trovano troppo 
deboli, o che sono stanchi di continuare la guerra, 
spediscono reciprocamente alcuni compatriolti con 
presenti a chiedere la pace : si uccide un toro da 
ambedue le parti, mandano gli uni agli altri un pez- 
zo di fegato, accompagnando tale cerimonia con im- 
precazioni e con giuramenti solenni di non volere 
piii continuare la gueiTa. Con tultociò questi giura- 
menti non si fanno sovente, che per acquistare tem- 
po d'ingannarsi e di sorprendersi vicendevolmente 
con piii facilità, in modo che stanno continuamente 
iu guardia. Intanto clie gli uomini sono in guerra, 
le donne ballano giorno e notte, ritenendo che i 
loro continui balli ispirino ai guerrieri vigore e co- 
raggio. 



CLEMENZA D UN DESPOTA D ASIA. 

L'attuale custode delle moschee di Gheudiè è un 
tartaro cieco da un occhio, che lo perde per la se- 
guente avventura. 

Egli era officiale della casa dell'ultimo kan. Dopo 
le riforme stabilite nell'oriente, quando gli officiali 
traversavano il palazzo, dovevano camminare a testa 
bassa e con le braccia incrociale sul petto. Un gior- 
no questo disgraziato sentendo qualche rinuore sopra 
di lui, alzò inavvedutamente la testa, e vide ad una 
finestra il kan con una delle sue donne. Condotto 
innanzi al suo padrone, attendeva rassegnatamente 
la sentenza di morte, allorché il kan mosso a pietà, 
e prendendo in considerazione i lunghi suoi servigi, 
gli domandò con qual occhio avesse veduto il sul- 
tano. Il tartaro, indovinando l'intenzione generosa 
del suo principe, rispose senza esitare, clie l'aveva 
veduto coU'occhio destro. Il kan glie lo fece subito^ 
cavai-e, e limitò a questo supplizio !a punizione che 
aveva meritata il suo imprudente servitore. 



1^8 



VALENTE ITALIANO 



D A^V ILA 

La Pieve del Sacco nel territorio di Padova fu 
la patria de! Davila, che ivi nacque ai 30 di ottobre 
del 1576 da Antonio Davila già contestabile del re- 
gno di Cipro, cbe perduti in quell'isijla tutti i suoi 
beni, quando i turchi la presero nel 1 570, fu co- 
stretto a partirne. Gli furono posti i nomi di Abrigo 
Catebiuo in grazia di Arrigo III re di Francia, e 
della regina Caterina de' Medici, da' quali era stato 
il padre beneficato nel soggiorno, che per alcuni an- 
ni aveva fatto in quel regno. Quindi volendo egli 
porre il figlio sotto la loro protezione, prima eh' ei 
giungesse al settimo anno, il condusse in Francia, 
ove in Villars nella Normandia fu allevato presso il 
maresciallo Giovanni d'Hemerj, marito di una so- 
rella di suo padre. Passò poi a Parigi, e fu per qual- 
che tempo alla corte, forse come paggio del re, o 
della regina madre. Indi giunto all'età di 18 anni 
eutrò nelle truppe, e per lo spazio di circa quattro 
anni vi die molte prove del suo valore, e fu più 
volte in pericolo della vita. Nel 1 599 tornò a Padova 
richiamatovi dal padre, che dopo la morte della re- 
gina, accaduta nel 1 589, aveva lasciata la Francia ; 
ma appena giuntovi perdette sventuratamente il pa- 
dre, che gittatosi da un' alta finestra, poche ore do- 
po mori. Enti'ò allora al servizio della repubblica, e 
fu da essa impiegato in onorevoli cariche militari. 
Trovandosi egli in Parma nel 1 606 prese a frequen- 
tare l'accademia degl' innominati, ove Tommaso Sti- 
gliani, uomo gonfio quanto altri mai fosse del suo 
capere, che pur non era grandissimo, pretendeva di 
avere il primato. Una dispula letteraria, che tra essi 
ti accese, per poco non fu fatale allo Stigllani: per- 
ciocché il Davila da lui offeso con parole sfidollo, e 
colla spada il passò da parte a parte, riportandone 
egli solo una ferita in una gamba. Il colpo nondi- 
meno non fu mortale, e lo Stigliani guari. Il Zeno 
annovera i diversi impieghi militari e civili, che affi- 
dati furono al Davila in Candia, nel Friuli, nella 
Dalmazia ed altrove: e rammenta l'onorevole guider- 
done de' suoi servigi, eh' ebbe dalla repubblica, non 
solo colle pensioni che gli furono assegnate, ma con 



un decreto ancora con cui s'ordinò, che quando egli 
intervenisse al senato stesse presso il doge, come 
avevano praticato i suoi antenati quando erano con- 
testabili del regno di Cipro. Cosi egli visse fino al 
1631, quando un impensato caso il tolse miseramente 
di vita. Andava da Venezia a Crema per avere il 
comando di quella guarnigione, e la repubblica ave- 
va ordinato ciie gli fossero in ogni luogo sommini- 
strati i carriaggi al suo viaggio opportuni. Ma giunto 
ad uu luogo sul veronese detto s. Michele, un uomo 
brutale, ricusando di dargli ciò che il Davila richie- 
deva, contro di lui avventossi e con un colpo di pi- 
stola giltollo morto a terra in presenza della moglie 
e de' figli dell'infelice storico, un de' quali poco ap- 
presso uccise l'uccisore del padre. In quel tumulto 
altri ancora furono feriti, e il cappellano del Davila 
rimase morto. Solo l'anno innanzi aveva egli pub- 
blicato la sua Storia delle guerre ciuili di Francia^ 
la quale poscia fu tante volte di nuovo stampata e 
tradotta in quasi tutte le lingue straniere, fra le quali 
edizioni le piii magnifiche sono quelle di Parigi 
nel 1644, e la veneta del 17 33. Infatti per confess» 
sione degli stessi francesi, essa è una delle migliori 
storie che quelle guerre abbiano avuto. Il lungo sog- 
giorno da lui fatto in Francia, le amicizie da lui stes- 
so formate, la cognizione de' luoghi da lui ivi veduti 
e de' fatti ai quali si era trovato presente, l'avevano 
posto iu istato di scrivere con sicuri ed ottimi fon» 
damenti. Lo stile facile e chiaro, l'ordine e la con- 
nessione degli avvenimenti, le riflessioni sull'origina 
e sulle conseguenze delle rivoluzioni, l'esattezza delle 
descrizioni, e la veracità de' racconti rendono la let- 
tura di questa storia non solo utile, ma dilettevole 
ancora, be egli ha voluto talvolta penetrar troppo 
avanti nelle cose de' principi e altri personaggi, se 
ha errato nella geografia, e se ha travisati i nomi 
francesi, ciò prova che la storia del Davila non è ia 
ogni parte perfetta; ma ella non lascia però di es- 
sere tale, che poche tra le italiane e tra le francesi 
le possono stare al confronto. 

SCIARADA 

Montagna è il primo, e in se alberga l'infero; 
Il secondo apre il varco al Dio guerriero. 

Sciarada PBECEDEaTE = Po-polo^ 



TIPOGRAFIA DELLE BELLE ARTI) VIA U( A&CIONE It. iOO, COPI APPROVAZIONE. 



129 



ANNO 




DISTIILLJUZIONE 
i7. 



Si pucdlica ogni Sabato 



IlOMA 



4 Luglio 1835. 




IL P. DAIMELLO BARTOLI 



Fra gl'insigni letterati che nel secolo XVII ono- 
rai'ouo Italia nostra, merita un ben distinto luogo 
il P. Damiello Bartoli della compagnia di Gesù. Era 
egli nato in Ferrara nel 1608 da famiglia agiata ed 
illustre, avendo anche il padre suo, per sommo me- 
rito nelle scienze, meritato la graz.ia del duca Ali'ou- 
•0 li. Il giovanetto Daniello fu affidato all'educazione 
de' padri della compagnia di Gesù, presso i quali fin 
dai primi anni egli desto l'ammirazione de' suoi mae- 
stri pel uau comune ingegno, per una costante vo- i 



lontà di applicarsi, e per molta docilità e subordi- 
nazione. Tulio quindi occupalo nello studio e negli 
alti di religione, non bramava che una dolce quiete 
per polervisi interamente dedicare, e risolvette perciò 
di entrare nella compagnia stessa, di cui, non senza 
qualche opposizione per parte de' suoi, vestì l'abito 
nel dicembre del '1623. Avea egli conipiulo allora il 
terzo lustro del viver suo, e già formava l'ammira- 
zione degli stessi suoi superiori pel sublime grado 
di perfezione a cui era giunto nella vita religiosa^ « 
pe' sommi progressi falli ne' buoni sludi, ond' era 
recalo a modello de' suoi compagni. Tale poi era il 
suo zelo per la religione, che ad onta de' più gravi 
disagi e pericoli, sollecitò Cn dalla prima età i suoi 
superiori, perchè gli concedessero di far parte delle 
missioni nella Cina, dove la compagnia, come iu 
lauti altri luoghi barbari ed idolatri, propagò sempre 
con tanto zelo, e fino all'eirusione di sangue, la vei-a 
religione. Divisarono saggiamente i superiori suoi di 
non aderire a tali brame per quanto fervide pur fos- 
sero, temendo a ragione che tanta luce non si spe- 
gnesse anzi tempo : e quindi gli venne conferita la 
cattedi-a di belle lettere in Parma. Datosi poscia alla 
predicazione, ben presto la fama il divulgò primu 
tra' sacri oratori italiani. Recatosi in Roma, visse ivi 
per alcun tempo tulio dedito unicamente ai dilelli 
suoi sludi, primo fruito de' quali si fu l'opera iiiti- 
tolata L'uomo di IcUere, che venne iu luce nel 161^, 
e che fu non solo in Italia accolta con sommo ap- 
plauso, ma ben presto tradotta in Francia, in Ger- 
mania ed in Ingliillerni, nell'idioma di quelle na- 
zioni. Juassnnta quindi la predicazione, fu nel suc- 
cessivo anno 174{) destinalo a predicare in Palermo 
dove giunse non senza grave pericolo di restar snminer- 
so in un naufragio. Compililo il suo incarico in l'.i- 
lermo, eiasi restituito in Roma, ed ivi uienlre occuiìato 



150 



ne' suoi alti studi, sembrava volersi ornai dar tutto 
alla perfezione dello spirito, venne prescelto a scri- 
vere la gi'and' opera che ben a ragione lo rese im- 
mortale, cioè la storia delle missioni della compa- 
gnia in oriente per la conversione de' barbari ; mis- 
sioni che costarono tante fatiche, ti-avagli, e perlino 
tanto spargimento di sangue. 

Kè mancava la compagnia allora di uomini va- 
lentissimi per siffatto incarico, bastando perciò di no- 
minare il Pallavicino, il Segneri, lo Strada, ai quali 
essendo stato il Bartoii anteposto, ben può scorgei-si 
in qual alto conto si tenesse il di lui sapere. Dopo 
avere scritto la suddetta storia d'oriente, in cui diflu- 
samente e sott' ogni rapporto parlò delle tre parti 
dell'Asia, delle missioni di s. Francesco Saverio, del 
Giappone, della Cina, della Conciuiua e del Touchin, 
scrisse pure la storia d'Inghilterra ai tempi di Arri- 
go Vili, e le persecuzioni allora sofferte dalla compa- 
gnia di Gesù. Scrisse inoltre altre opere scientifiche e 
morali, e molto studio pose anche intorno ai scrittori 
del secolo XIV: dal che trasse quelle osservazioni 
sulla nosti-a lingua che intitolò // torto e il dritto. 
Giunto finalmente all'età di 77 anni, sebbene meno 
da questi che dall'assidua applicazione consumatosi 
il viver suo, mori in Roma nei 1685. 



RICERCHE SUL GIUOCO DEGLI SCACCHI. 

L'invenzione di questo giuoco è stato attribuito 
a diversi popoli, ed a diversi individui. Coloro che 
accordarono agi' indiani l'onore di tale invenzione, 
ne determinano l'epoca al V° secolo della nostra era, 
adottando il seguente racconto di un autore arabo, 
jil-Sephadi: 

*. Scheram re di una parte dell'India (così quell' 
isterico) governava in modo così strano, che in po- 
chi anni ridusse il suo popolo ad uno stato deplo- 
rabilissimo. I bramini ed i rayas avcangli fatte suU' 
Oggetto le pili rispettose rimostranze; ma non ne 
trassero che la perdita della grazia sovrana. Fu allo- 
ra che un tal Sessa figlio di Daher della razza bra- 
mina, piii prudente degli altri, studiò un mezzo di 
dare al re una lezione che non potesse irritarlo : fu 
il Sessa fortunato abbastanza di riescirvi coll'inven- 
zione del giuoco degli scacchi, iu cui il re, sebbene 



sia il pezzo jiiu imporlaute, non può moversi che al 
movimento degli altri pezzi. 

Nell'orieute, culla dell'apologo, un consiglio dato 
in tal modo dovea incontrar gradimento. 11 giuoco 
novello ebbe la fortuna di divertire il re, che pro- 
mise all'inventore Sessa di riformare la sua condot- 
ta: di pili, volendo i-imunerare l'uomo che avea sa- 
puto creare un divertimento di piìi pel suo monarca, 
permise al bramino d'indicare esso stesso la ricom- 
pensa che bramava. Sessa, volendo anche iu ciò dare 
al suo signore una lezione prudenziale per la con- 
cessione incauta di tal facoltà, dimandò un grano di 
frumento per ogni quadrello dello scacchiere, raol- 
plicando sempre dall' 1 al 64. Questa dimanda sem- 
brò moderatissima : fu quindi all'istante ammessa, 
ed il re abbassò gli ordini ai ministri del suo tesoro 
di farne il calcolo e di dar quindi al Sessa la ri- 
chiesta quantità di frumento. Ma non fu lieve la sua 
sorpresa, allorché gli venne riferito che il numero 
di grani ascendeva ad 87 mila 76 bilioni, 425 mila 
546 milioni, 692 mila 656: come alla seguente ci- 
fra 87,076,425,546,692,656; e che per esser in gra- 
do di dare questa enorme quantità di frumento, il 
re avrebbe dovuto avere 16,384 città, ognuna delle 
quali avesse contenuto 1,024 granai e che in cia- 
scun granaio vi fossero state 174,762 misure di gra- 
no, ognuna delle quali avesse contenuto 32,768 grani 
di frumento. 

Quest' annedoto, per quanto sembrar possa stra- 
vagante, non eccede i limiti della verisimiglianza ; 
ma tiene anzi tutte le caratteristiche orientali. L'ana- 
logia della parola scacchi con quelle schahlrengi 
( giuoco dello shah ), sotto le quali è conosciuto il 
giuoco stesso iu oriente e presso gli arabi, può con- 
fermare in qualche guisa questa opinione. Gli autori 
persiani convengono di aver ricevuto questo giuoco 
dagl' indiani, che lo trasmisero ad essi circa l'an- 
no 573 sotto il regno di Noushirvan (Cosroe il gran- 
de) contemporaneo di Belisario. I cinesi stessi, inven- 
tori di tante cose che noi abbiamo conosciute in se- 
guito, convengono ancor essi nell'origine di questo 
giuoco tramandato lorodagl' indiani. Un tal giuoco, 
eh' essi chiamano dell'elefante, non è in uso presso 
di essi, secondo il Hai-Pien, eh' è il loro gran libro 
enciclopedico, che dopo l'imperatore Vou-Ty, il qua- 
le regnava circa l'anno 530. Forma anche oggidì 
lino de' divertimenti favoriti de' cinesi, ed a Pekiuo 



151 



s'iiisciriia alle donzelle (.ome u'i oriiarnento clie np- 
navtoiiga alla gentile educazione. Nella vita dell'ini- 
neiatore Alessio Comneno scritta da sua figlia, la 
principessa Anna, si dice positivamente, che i greci 
hanno appreso dai persiani questo giuoco eh' essi 
chiamavano zatrilao/i, parola che scorgesi sempre 
analoga allo scìitiìitreiigi orientale. Alcuni antiquari 
hanno attrihuito, sebhene senz' alcun fondamento, 
l'invenzione di questo giuoco a Palamede, quello che 
peri lapidato, vittima degli artifizi del sagace ma 
Yendicativo Llisse. 

Che the sia dell'epoca precisa della scoperta di 
questo giuoco, egli è certo che la sua origine è 
molto antica, e che in ogni tempo molti uomini iu- 
sigui vi sono stati dediti ed occupatissimi. Tra i più 
cogniti possono citarsi Carlo M.ngno, Luigi detto il 
grosso, Tamerlano, Francesco 1, Carlo XIl, Fede- 
rico il gl'ande ecc. 

Dall'epoca della sua invenzione in poi il giuoco 
degli scacchi ha spesso cangiato di regole, ed alcuno 
de' suoi pezzi ha puranche cangiato di nome. I\Ja in 
tutti i paesi ed in tutti i tempi i pezzi di fronte al 
primo rango hanno rappresentalo la fanteria, ed i 
due cavalli la cavalleria. L'origine dell'alfiere, ossia 
del inatto, secondo gì' istorici del giuoco di scacchi, 
è assai singolare. Nell'India questo pezzo è rappre- 
sentato da un elefante, e dicesi /?/, che corrisponde- 
reLhe al fot, come dicevasi una volta in francese il 
matto, ed ora le fou. Vi si chiama anche talvolta al- 
phiìii dapliin-, da cui presso noi può esser derivato 
alfiere. In quanto alla torre, è rappresentata da uu 
camelo montato da uu uomo armato di arco: vi por- 
ta il nome di tohh ( camelo ), donde il vocabolo tec- 
nico toccare. 11 pezzo che noi chiamiamo dama, 
ossia regina, ha sperimentato nel suo passaggio in 
Europa una metamorfosi di sesso : in oriente jiorta 
il nome di ferz { visir ) : ed infatti è ben grande, 
com' è noto, l'influenza del visir in quelle corti. 

E ciò basti pel giuoco degli scacchi, che trovasi 
anche qui tornato in onoranza nelle società, e fino 
ne' luoghi pubblici, dove non isdegnano di occupar- 
sene, come di nobile ricreazione, e di prendervi 
parte pcr*one di ceto distintissimo. 



BOTANICA. 



Il rnniivìiolo asiatico di Linneo è comune appo 
noi. Qu(!st() genere di piante ha la radice tuberosa, 
alTastellata, alquanto nera; lo stelo ramoso inferior- 
mente rotondo; le foglie inferiori semplici o lobate ; 
le superiori tripartite, bitcrnate; i fiori rossi, bianchi, 
gialli ecc., inodori, col calice non ricurvo. Il ranu- 
vuulo è originario dell'Asia, donde fu introdotto ne' 
giardini di Maometto IV a Costantinopoli, dal quale 
paese poi se ne diffusero tante belle varietà per tutta 
l'Europa. Fiorisce al principio di pi-imavera. 

Vi sono molte altre specie di ì-anuvuoli general- 
mente caustiche e velenose : ma la disseccazione e 
bollitura fanno dissipare il loro principio acre, eh' è 
assai volatile. I ranuvuoli applicati all' esterno del 
corpo sulla superficie di qualche organo interno vi 
cagionano irritazione gravissima, infiammano la cute, 
ne staccano la epidermide, e finalmente producono 
profonde esulcerazioni. Se si masticano, infiammano 
la bocca, ed escoriano la lingua : se s' introducono 
nello stomaco, Io irritano con forza e provocano acer- 
bi dolori, svenimenti, ansietà e convulsioni spaven* 
tevoli, seguite spesso dalla morte. Conoscousi molti 
esempi di avvelenamento cagionato dal ranuvuolo 
scellerato, od erba sai dea : i sintomi in tal caso 
sono adatto identici a quelli eccitati da tutte le altre 
sostanze acri. Una volta si usavano i ranuvuoli in 
medicina: ora servono talvolta di vescicanti ordinari: 
ma deesi sempre temere una infiammazione intensa 
e dolorosa, seguita spesso da profonde esulcerazioni 
tendenti alla cancrena; laonde in tal caso converrà 
applicarne poca quantità sopra una superficie limi- 
tata, e levarla indi a poco. 



ARNEDOTI. 

Uno riferiva ad im altro le ingiurie che aveva 
intese dire contro di lui. Quegli gli rispose: • Non 
le avrebbero dette, se non avessero creduto, che tu 
le ascoltassi con piacere. ■ 

« I miei versi mi costano poca fatica, » diceva un 
cattivo poeta. «Vi costano quello che valgono, ■ gli 
fu risposto. 



132 




LA BORSA DI VALENZA 



Il viaggiatore non entra senza mestizia nel re- 
cinto di Valenza, ricorrendo al suo pensiero quale 
fosse un dì lo splendore e l'attività di quella famosa 
città. Invano ora vi cercherebbe egli i cento mila abi- 
tanti che vi si contavano; invano i grandi mercati in 
cui spiegavansi le piìi preziose stoffe, e quei banchi 
di negozianti doviziosi, ne' quali vedeansi i mucchi 
d'oro ; invano dimanderebbe dove sieno, se non i 
guerrieri delle epoche andate, almeno le ricche loro 
spoglie, e le armi gemmate,- do\e le sue glandi fe- 
stività, i suoi banchetti dopo i combattimenti, e la 
magnificenza degli eroi, o pagani o cristiani, che a 
vicenda governarono, Rlirnmoliiì, Ahnnnzor , Ahdar- 
rainn'i, o Raiz Dins-le-cid, Campeador, e Don Jal- 
ììio d' jdrragoìia detto il conquistatore. ISulladimeno 
rimangono anche oggi in quella città le tracce di un 
glorioso passato. Sul territorio di Valenza i romani, 
i goti, i calidì arabi, i re mori hanno innnlz.ato l'uti 
dopo l'altro de' monumenti che il tempo non lui di- 



strutti. La natura d'altronde non vi è cangiata, e noa 
trovasi altrove un'aria piìi pura, un clima piìi grato, 
nna campagna piìi ridente, una vegetazione piìi vigo- 
rosa e variata, acque piìi limpide, suolo piii fecondo. 
Fa sotto il dominio de' mori che Valenza per- 
venne al piii aho grado di possanza: le vittorie suc- 
cessive de' re alleati di Casliglia e di Aragona furono 
per essa il segnale delia decadenza. Un uomo supe- 
riore al suo secolo, D. Jaimo I, che non fu soltanto 
un sommo capitano, ma un esperto legislatore, fece 
ogni sforzo per far rivivere presso i nuovi aliitanti 
di Valenza, quasi tutti soldati ignoranti , l'amoBe 
delle arti, dell'industria, del commercio. Egli eccitò 
i suoi sudditi al lavoi'o, sparse ovunque incoraggia- 
menti, attivò l'esportazioni de' prodotti del suolo e 
delle manilatture, costituì i mercanti in confraternite, 
gì' investì di onorificenze e di dignità; e fabbricò 
per essi un palazzo, iu cui doveano tenersi le loro 
adunanze, ed operax'si tutte le commerciali transa- 



155 



T.ioui sotto l'egida e la vigilanza d'un tribuiialo dello 
consolare. Circa tre secoli dopo nel 1482 quesl* edi- 
Czio cadde in mina, ed il re Ferdinando il cattolico 
lo fece ricostruire col medesimo scopo deiriiileresse 
generale, conservandogli il nome di Lonj'n, ossia ca- 
sa de contratation, che avea ricevuta da don Jaimo. 
E questo il palazzo di cui qui presentasi l'aspetto. 

Questa Lonja, ossia Eorsa, è un monumento va- 
sto ma irregolare, più rimarclievole pi^r l'originalilà 
della sua costruzione, che per la bellezza od elegan- 
za delle sue forme. Si divide in due parti Leu di- 
stinte, unite insieme da una torre massiccia e qua- 
drata. La parte sinistra è aflatto mancante di ornati 
Cuo a due terzi della sua elevazione; ma ivi trovasi 
tma lunga galleria del più bell'effetto pittorico : vi 
»i scorge un amalgama originale delle due architet- 
Qire gotica e saracena, l-ra ciascuna delle finestre 
ornate d'intagli di molta ricercatezza s'innalzano del- 
le colonnette che sostengono de' busti e stemmi de' 
re d'Aragona e di Castiglia; il lato sinistro al con- 
trario, nudo nella parte superiore, è sopracaricato 
fino alla metà della sua elevazione di una quantità 
di dettagli d'architettura gradevoli per la loro varietà 
• per la purezza dell'esecuzione. I merli, che in for- 
ma di corona reale terminano l'edifizio, contribuisco- 
no a dargli un aspetto del lutto originale. 

Vi si entra per una bella scala che introduce in 
una vasta sala, che ha 150 piedi di lunghezza, ed 80 
di larghezza, ed è questa la borsa propriamente detta. 
Essa attrae l'attenzione degli spettatori per un lungo 
giro di colonne che ei-gonsi con prodigiosa arditezza 
fino alla volta che n' è sostenuta: quindi segue la 
stanza in cui il tribunale consolare tiene le sue sedute, 
ed una cappella dove si osservavano alcuni I)ei qua- 
dri, dalla quale si ha l'adito in uno spazioso giardino. 

La piazza del mercato, che sarebbe molto bella 
se si sbarrazzasse di alcuni tuguri di deforme aspetto, 
si trova n(!l centro del quartiere più popolato, ed è 
sempre ingombrata da una folla di mercanti, di cit- 
tadini, di accattoni, che vendono, comprano, l)ai-atta- 
no, o scaldansi ai raggi del sole. La piazza stessa è 
ornata di una fontana, eh' è l'unica eh' esista nella 
città. \ i si veggono anche due monumenti i-imar- 
chevoli : il convento detto della Maddalena, e li 
chiesa delta di s. Giovanni del mercato, in cui am- 
miransi sculture gotiche, e beile pitture. 
■ ■.. u imcco- — 



.SliLLE GAZZETTE. 

I giornali esistevano da vari! secoli nella Cina e nel 
Giappone, quando gli ebbero gli europei: giacché par- 
rebbe come si è osservalo spessissimo, che i cinesi 
ne abbiano prevenuto nelle più utili invenzioni. La 
prima gazzetta d'Europa comparve a \enezia nel 
principiare del secolo decimosetlimo. Il celebre ma- 
dico Renaud fu l'inventore ed il primo editore della 
Gazetle de Frauce, che fu pubblicala sotto Lui- 
gi XIIL Dicesi che il suo scopo fosse di divertire i 
suoi malati, dando loro una pozione più dolce dei 
saponieri conosciuti. 




POUTA DELL' ACHOPOLI 
\y AUl»ii>0 

Pei' dare na' idea de' m-mumenti detti pelasgi, 
de' quali daremo qui un cenno, prescutlani;) la porta 
dell'acropoli d'Arpino, patria famosa di Mario e di 
Cicerone, entrambi pidasgi d'origine. 

Per mnnumcnti pelasgi s' intendono o^r^ri 1,. ,,;u 
antiche mura delie città della Grecia e dclTUalia, 



154 



l'arcliiltltura delle loro jiorte, i piani e le triplici 
elevazioni de' recinti Siicri che non possono datare 
che dall'epoca della fondazione di questa città; i ri- 
coprimenti di pietra delle prime tombe eroiche; in 
fine Ogni antico mouunieuto, il cui irregolare aspet- 
to, ma regolarmente tagliato in pietre unite senza 
cemento, si unisce a testimonianze scritte, per attri- 
Luirue l'origine alla nazione greca conosciuta antica- 
mente nella storia sotto la denominazione di popoli 
pelasgi, e nella mitologia sotto quella di ciclopi. I 
grandi monumenti di questo popolo sono stati osser- 
vati piùucipalmente iii Grecia, ed in tutte le sue iso- 
le : Argo, Micene, Tirinto, Nauplia ecc. In Italia 
nella Sabina, doveVarroue, sabino d'origine, fa giun- 
gere i pelasgi dalla Grecia per riunirsi agli abori- 
geni, e fabbricarvi molte città, delle quali egli in- 
dicava le ruine che sussistono ancora a' giorni nostri 
in tutto lo spazio delle terre comprese tra il Tevere, 
l'Aniene, il Liri. Il carattere pelasgo di tali ruine è 
contestato dalle testimonianze riunite di Erodoto, di 
Strabene, di Dionisio d'Alicarnasso, di Plinio, di Pau- 
tania. Lo studio esatto di siflatti monumenti, comparati 
sulle due contrade greche, ha fatto conoscere, che 
nelle loro costruzioni non hanno cominciato i pelasgi 
dal praticare la disposizione ed il taglio rettilineo de' 
massi di pietra, come si pratica a' dì nostri; poiché 
il genio umano non giunge a cosa alcuna semplice, 
che dopo aver esaurito la serie delle combinazioni 
le pili composte. Infatti Dionisio d'Alicarnasso ci ap- 
prende, che Tarquinio Prisco fece pel primo uso della 
squadra, e che prima di lui le costruzioni pubbliche 
d'ano grossolanamente composte di massi di ogni 
forma, Aristotile narra che gli antichi pelasgi lesbii 
non si servivano per le loro costruzioni, che d'una 
riga di piombo che piegavasi secondo la diversa fi- 
gura di ogni masso. Si vede la prova della continua- 
rione di tal uso nel lavoro di tutti i monumenti che 
i viaggiatori hanno osservati e disegnati nelle diverse 
regioni della Grecia e dell'Italia, dove i pelasgi avea- 
no stabilito le loro colonie. Per giungere a costruire 
gewei'almente a squadra dritta i greci cileni, gli etru- 
schi ed i romani percorsero tre stadi, o stili diversi 
di riunioni di massi piii o meno regolari, come ha 
l>en osservato e dimostrato il defonto Odoardo Dod- 
wel ne' disegni, che ha dati de' diversi modi di con- 
nessione da lui veduti nelle mura delle città greche, 
che ha fedclmeate rappresentate. 



Da pili anni vedesi pubblicamente esposta a Pa- 
rigi nella biblioteca Mazzarini una collezione di ses- 
santa monumenti eseguiti in creta coloi'ata, e nella 
maggior parte in alto rilievo, secondo i disegni fatti 
a camera oscura o chiara dal lodato Dodvvel, e suc- 
cessivamente d'anno in anno dal 1810 da diversi 
viaggiatori d'ogni nazione, compresovi l'anno 1829, 
data della spedizione scientifica in Morea. 

In quanto ai ristauri manifestamente posteriori, 
che sono stati fatti alle mura di queste prime città, 
vi si osserva un misto di costruzioni diverse; ma le 
basi e le sinuosità inferiori di tali muri provano 
sempre, che la loro primitiva origine è pelasga. Il 
che viene confermato dalle testimonianze istoriche, 
che fanno conoscere essere stato il fondatore primi- 
tivo pelasgo, e eh' è nominatamente il tale a tal' al- 
tro eroe, di cui trovasi la filiazione, e per coas^ 
guenza l'epoca approssimativa nelle genealogie com- 
pilate da Apollodoro e da Pausania. In conferma di 
ciascun fatto del medesimo genere, basta osservare 
attentamente tra i modelli del museo pelasgo sopr*- 
lodato quei d'Argo e di Micene, di cui sono stati 
dati esattamente i disegni e le dimensioni dal signo» 
Abele Blouet, capo della sezione d'architettura della 
spedizione in Morea. 

Questo erudito architetto ed antiquario, per veri- 
ficare se nelle mura di Micene si trovassero delle 
diversità di costruzioni che potessero far fede di s»- 
coli piìi o meno antichi, ha osservato e disegnato 
una parte di muro perfettamente conforme alla pri- 
mitiva costruzione di Argo. Ha osservato di piìi, che 
un altro muro dello stesso lavoro di costruzione pe- 
lasga, ma d'un taglio meno esatto, era stato fondato 
sulla ruina del muro primitivo e prolungavasi fino 
alla sua unione colla porta detta de' Leoni, dove for- 
ma un altro brano che si divide coU'occhio dai mas- 
si quasi perfettamente rettilinei del bastione. Questa 
ultima osservazione erasi peranche fatta dal signor 
Dodwel. Da questi tre fatti riuniti si è concluso, che 
il pili antico muro di Micene, eh' è conforme a quel- 
lo d'Argo, indicherebbe l'epoca della prima fonda- 
zione di quella città da Miceneo nipote di Foroneo 
re d'Argo circa l'anno 1790 avanti la nostra era; 
che il secondo muro apparterrebbe a qualche secolo 
un poco meno antico, ma che non si può specifi- 
care: e che infine la costruzione quasi rettilinea della 
porta de' Leoni, considerata come fondata da Perseo 



155 



figlio di Dauae, e nipote d'Acrisio re d'Argo, coiri- 
spoiidcrebbe precisamente all'anno 1390 avanti la 
nastra era. Ecco come la semplice osservazione delle 
diverse costruzioni di un muro antico, ma ravvici- 
nato all'istoria, ne manifesta le epoche. Si vede dun- 
que da quest' esempio scelto tra molti altri, come la 
coJIezioue di sifiatto museo pelasgo, che contiene gli 
elementi riuniti di una nuova litologia istorica, for- 
nisce i mezzi di verificare la veracità della nostra 
storia antica scritta, e di confutare così, con la testi- 
monianza de' monumenti stessi, le asserzioni di co- 
loi'O die hanno preteso che tutto è incertezza al di 
là della prima olimpiade. 

I modelli di questa pregevole collezione sono co- 
lontl in modo da far risaltare a prima vista l'anti- 
chità delle diverse epoche, e da riprodurre al natu- 
rale la patina per cosi dire di ogni specie di roccia 
calcare, sia di granito, sia di peperino vulcanico ecc. 
Ed a maggior precisione il campione di ogni pietra, 
presa sul luogo, è sigillata sopra ogni modello per 
la iacilità de' confronti. Vi si distinguono le costru- 
zioni cementate, come quella che ritiensi per incerta, 
e la reticolare di Vitruvio; del pari vi si distinguo- 
no quelle in breccia romana o del medio evo, di- 
sposte come sono verticalmente o latei-almente inter- 
poste nella breccia stessa. Tutte queste costruzioni 
tracciano all'occhio anche meno esercitato ed erudito 
la scala cronologica de' tempi che sono trascorsi dai 
pelasgi ai saraceni, tra' quali vengono come inter- 
medi gli cileni, gli etruschi, i latini, e i romani. 
Presso ciascun modello leggonsi scolpite in lettere 
cubitali i testi greci e latini che spiegano succinta- 
mente il monumento, e che per esser letti più como- 
damente anche in distanza, sono rilevati in minio. 



CASCATE A FERRO DI CAVALLO NEL CANADA. 

La piii grande cascata, quella che è al nord-ovest 
del fiume IViagara, appartiene agi' inglesi, ed è chia- 
mata la grande cateratta a ferro di ca^'allo, perchè 
ne ha un poco la forma. La sua altezza è di cento- 
quarantadue piedi, mentre quella delle altre è di 
centosessanta; ma la maggiore sua larghezza e rapi- 
dità le fanno dare la preferenza sulle altre. Essendo 
il letto del fiume al di sopra del precipizio piìi basso 
da una parte che dall'altra, le acque si spingono 



verso la parte in cui il letto è più basso, ed ac(pii- 
stano per conseguenza una maggiore velocità nella 
caduta di quelle, che sortono dall'altra parte: e que- 
sto grado di velocità viene ancora aumentato dai salti, 
che si trovano in maggior numero da questa parte. 

Egli è dal centro del ferro di camallo che s'in- 
nalza quella nube prodigiosa di vapori che si scorge 
molte miglia da lungi, ed il rumore della cascata si 
estende talvolta alla distanza di quaranta miglia. iVou 
è possibile misurare l'estensione di quésta parte della 
cateratta altrimenti che coU'occhio. L'isola che la 
sepai-a può avere circa trecentocinquanta passi di lar- 
ghezza, e l'estensione totale del precipizio è di 1,335 
passi. La quantità di acqua che si precipita è pro- 
digiosa, se debbasi prestar fede al calcolo che la fa 
ascendere a circa 670,255 botti al minuto. 

Il curioso viaggiatore, che si reca sullo scoglio 
della tavola situata sulla sponda che appartiene agli 
inglesi, e sul margine della cateratta detta il ferro 
di cai'allo, gode senza ostacolo alcuno della veduta 
di questo quadro maraviglioso. Sta esso davanti a quo* 
salti spaventosi, che si trovano innanzi alla cateratta. 
Si scoprono sulle sponde immense foreste, che adom- 
brano ambe le rive del fiume; un poco al disotto si 
presenta la cateratta del ferro di cai'allo; in qual- 
che distanza sulla sinistra quella del forte Schlopper, 
e perpendicolarmente sotto i piedi, trovasi quel tev- 
ribile abisso, di cui l'occhio atterrito, osa appena, 
scorrendo sotto il margine dello scoglio, misurare 
la profondità. 

È difficile esprimere lo sbalordimento, dal quale 
l'anima è compresa alla vista di sì imponente e stra- 
oi'dinario spettacolo ; ed è soltanto dopo qualche 
tempo di raccoglimento, che si è in istato di gustare 
le parti che compongono quel quadro maraviglioso, 
ed esaminarle distintamente, giacche è impossibil 
cosa raccoglierle tutte ad un colpo d'occhio. Questo 
esame richiede tanto tempo ed attenzione, che quelli 
stessi, i quali dimorano molti anni sul luogo, e che 
ebbero campo di contemplare a loro agio quello 
spettacolo, convengono che ogni volta sembrò loro 
piii sorprendente e sublime. 



156 



LA SETTIMANA 



CALENDARIO STORICO. 

2 Ma'^''io 1S12. = Battaglia di Lutzea vinta da Na- 

poleoiie contro le armate alleate. 

3 Maggio 1609. = Scoperta del telescopio fatta da 

ZaLcaria Janseu o Hauseu. 

4 Mw^io 553. = Quinto Concilio generale tenuto 

a Costantinopol 



4 Alaggio 1814 



Ferdinando VII atterra il go- 



verno costituzionale in Ispagna. 
5 3Iaggio 1814.= Napoleone prende possesso dell' 
isola dell'Elba. 

5 Ma""io 1821. = Morte di -Vapoleone a saut' Eie- 

uà; le sue ultime parole furono: a Fraiice - tete 
- armée. 

6 Slussio 1678. = Battaglia di Saint' Laurent. Gli 

spagnuoli sono messi in rolla da Augerau. 

7 Maggio 1617.= Morte di Giacomo Augusto di 

Thou, il modello degli storici francesi. 

8 Mag'^io 1429.= Giovanna d'Arco fa levare agli 

inglesi l'assedio d'Orleans. 

D 



coaiinjSTio>-E mediante l acqua, ossia nuovo modo 

DI PRODURRE CALORE. 

L'industrioso inglese sig. Butler di Lymington 
(già noto come autore di uu' opera sulla luce del 
gas idrogeno ) Ita di recente otleuulo un privilegio 
d'invenzione per un nuovo modo di produrne calore, 
die i pubblici fogli rappresentano come una delle 
scoperte piìi utili fatte nei tempi moderni. Nelle 
grandi fucine il processo del sig. Butler supplirà in- 
dubilatamente all'uso del carbon fossile; ma la sua 
applicazione più utile avrà luogo nella navigazione a 
vapore. 11 corpo principale impiegato come combu- 
stibile è l'acqua. La sola cosa che bisogna aggiun- 
oervi è un liquido contenente gran porzione di car- 
bonio, come sarebbe l'olio di balena, il catrame, ed 
0<'ni altro corpo di composizione analoga. Tali ma- 
teriali, introdotti simultaneamente in un fornello, si 



decompongono; l'uiiO fornisce il carbonio, e l'altro 
l'idrogeno: una piccola quantità di aria atmosferica 
è il solo corpo il cui contatto sia allora necessario 
per mantenere uno stato perfetto di combustione. La 
bianchezza e l'intensità della fiamma potrebbero ap- 
pena essere immaginate da coloro, i quali non sono 
stati testimoni delle esperienze ; e intanto questa 
fiamma può essere si facilmente diretta, che in uu 
minuto secondo può venir ridotta, ed aumentata a 
volontà. E inutile il dire che in questo nuovo modo 
non vi e sviluppo di fumo, e che per conseguenza 
il suo impiego non può esser seguilo da quelle nubi 
di vapore infetto che infestano gli stabilimenti indu- 
striali. Si pensa che la navigazione a vapore diverrà, 
per l'adozione di questa scoperta, possibile in non 
poche circostanze, in cui fino ad ora era stata riget- 
tata. Si potrebbe costruire un bastimento di maniera 
tale, che potesse prendere a bordo senza imbarazzo 
una quantità di combustibile sufficiente a fare il giro 
del mondo. {Annali di statica^. 



AHSEDOTO. 

Il famoso Talete di Mileto, contemplando le stelle, 
fu veduto da una donna cadere in una fossa. « Co- 
me è possibile, gli disse questa, che possiate sapere 
ciò che si faccia nel cielo, se non vedete ciò die si 
fa sotto i vostri piedi ? » 



LOGOGRIFO 

Senza capo ti do l'antico addio. 

Sono antico strumento a scriver alto, 
Ed a ferir se perdo il ventre mio: 
Senza pie nel solcar da' buoi son tratto. 
Tutto che mai sarò? Lettor, son tale, 
Che tu il savesti 'ù. non dicessi quale. 



Sciarada rnECF.DE>TE= Alpi-giano. 



TirOGUAFIA DELLE BELLE ARTI, VIA I.X AKClO?iE N. 100, GO.'V APPROVAZIO!yB. 



ANNO 



157 



j- 



© 



^ 



UALBUm 



© 



.r 



DISTRIBUZIONE 



Si puEEticA OGNI Sabato 



UOMA 



11 Luglio 1835. 




METASTASIO 

Pietro Bonaventura Metastasio romano uacquc ai 
3 di gennaio 1C98, figlio di un povero artigiano 
chiamato Trapassi ; egli poi volse in greco il suo 
nome, facendosi chiamare Metastasio, che significa in 
greco trapassai e. 11 celehre giureconsulto diavina 
essendo rimasto raj)ito nel sentire il tenero giovanctlo 
improvisare versi in pubblica strada, e precisamente 
nella contrada di campo Marzio, gli si avvicinò e gli 
•fEri una moneta d'oro, che quegli ricusò nobilmente. 
Il Gravina, anche più incantato, prese a se il giovi- 
artlu, che faciiiticula gli fu ceduto dal padre, e co- 



minciò ad erudirlo nelle lettere greche, latine ed ila- 
liane. Era il Gravina, oltre i suoi severi studi di 
giurisprudenza, sommamente trasportato pel teatro 
de' greci, e già avea pubblicato cinque tragedie sol 
gusto antico : quando confessò e riconobbe essere il 
suo allievo molto più abile di lui. Il Metastasi^ non 
avea che quattordici anni, allorché a sollecitazione 
del Gravina compose il Gin.stìiio, a cui non ebbe U 
critica a rimproverare che una troppo servile imita- 
zione degli antichi; critica che torna in lode di lui, 
che giovanetto e di recenti studi, avea già tanto sti 
gli antichi autori studiato da poterne esser seguace 
ed imitatore. Volea però il Gravina che il Metastmkj 
si dedicasse anche allo studio della giurisprudenza ; 
ma egli di mal animo vi si dedicava. Essendo quin- 
di venuto inopinatamente a morire il celebre ed ot- 
timo Gravina, ed avendo lasciato al suo amato figlio 
adottivo una parte considerevole de'suoi beni, il Msri- 
STAsro si trovò, in età di venti anni appena, padrona 
di cospicue sostanze. Quanti amici allora circonda- 
rono l'inconsiderato giovane! Ala dopo due anni circa 
alla folla di cosloio successe quella d(M creditori. 
Questa triste esperienza disgusto il Mótasiasio di tanti 
falsi amici : e risolse quindi di abbandonare Konia 
per l'ccarsi in Napoli. Ciò avvenne nel 1721. ]»i 
th'cise di darsi interamente al teatro, e contrasse 
quella relazione, che tanto contribuì al felice esito 
dello sue prime opere, vogliaiu dire l'amicizia della 
chiarissima attrice cantante, detta la Roinnnina. Molli 
distinti biografi, e lo stesso scrittore della \il,i del 
Metastasio Mauro Boni, attestano eh' egli si (ÌihIÌcìi 
pure allora alla continua lettura di Apostolo /.cno, 
di Corneille e di Bacine. In Napoli compose per la 
Komanina il fauioso dramma della Didone abhitu- 
don<ita. rappresentala la prima volta nel 1721. Non 
e LicdiLjii. il plauso ed il profitto iuiieme chv ne 



138 



liassc l'autore per tulla Italia. Si gareggiava da per 
tutto per rappreseutare quesl' azione con maggior 
splendidezza. 11 Metastasio, messo cosi in istato di 
pagare i suoi creditori, tornò in Roma. La sua fama, 
diffusa ben presto p(;r tutta Europa, mosse l'impe- 
ratore Carlo VI a fargli offrire nel 1729 il titolo di 
poeta cesareo con onorario di tremila fìorioi, succe- 
dendo così ad Apostolo Zeno, che dichiarò jiure non 
potersi fare scelta maggiore. Ma il cuore sensibile del 
MétastasiO non comportava di abbandonare la patria 
ed i suoi, senza prima provvedere alla sorte della 
sua famiglia : assicurò quindi comodo asilo al vec- 
chio padre suo, e fornì di dote le sue due sorelle. 
Oltre le sue rendite d'Italia, che rinunziò ai suoi, 
nou lasciava spesso di usare verso di essi la sua 
liberalità, e di aiutare anche co' consigli il suo mi- 
nor fratello, eh' esercitava in Roma la distinta pro- 
fessione d'avvocato. Non poco gli costò anche lo stac- 
carsi dalla Romaniua, la quale essendo morta qual- 
che anno dopo, gli lasciò un legato di 25,000 scudi, 
eh' egli generosamente rinunciò a favore del povero 
Bulgarclli, sposo pressoché ignoto della celebre attrice. 
Giunto in Vienna nel 1730, fu presentato all'im- 
peratore nel castello di Lussemburgo, ed alloggiato pres- 
so Niccolò De Martinez addetto alla nunziatura apo- 
stolica, dove alcuni anni dopo fu anche alloggiato il 
celebre maestro di cappella Haydn : questa fortuita 
unione di due uomini così distinti, e che avrebbe 
potuto dare i più felici risultati, non n' ebbe però 
alcuno, non tale almeno quale poteva sperarsene. 
Haydn era giovane e povero : nou prese dal Metasta- 
sio che la cognizione della nostra lingua, e qualche 
consiglio sulla ricerca del vero bello nelle arti. Ne* 
primi anui del suo soggiorno in \ ienna, scrisse il 
Giuseppe riconosciuto, il Demofoonte, la Cletneiiza 
di Tito, e quella che si disse divina, Uoliinpiadc. 
Meutr' era intento all'altro capo-lavoro Y Attilio Re- 
solo, mori l'imperatore Carlo VI. La storia narra 
come fu disputato il retaggio di questo monarca, e 
conie la sua illustre figlia Maria Teresa n' andasse 
fuggitiva dalla patria reggia per ritornarvi quindi 
gloriosa. Non piii corte allora, e niun pensiero a 
spettacoli volger poleasi; nulladimeno il AIetastasio 
non mosse passo per impiegare altrove i suoi talenti; 
restò costantemente attaccato all'inclita principessa 
in'lle sue sciagure, e celebrò anzi in un componimento 
ingegnoso, W'tmor prigioniero, la nascita del figlio 



di Maria Teresa, che fu poi Giuseppe II. Avea il Ms- 
tastasio allora 43 anni, e cominciò a soffrire di uu» 
malattia nervosa. La malevolenza e la calunnia tol- 
sero anche a perseguitarlo. Sarebbe volentieri tor- 
nato in Italia,- ma i sette anni della terribile guerra 
cessarono, ed egli restò in Vienna. In quel tempo 
in cui laccano gli spettacoli erasi dato a fare omaggio 
di alcune cantale alle giovani arciduchesse; compose 
anche la celebre Conlesa de numi per la nascita 
del figlio del Delfino; tradusse alcune satire di Ora- 
zio e di Giovenale. Ma la sua musa tutta ridestossi per 
celebrare le nozze di Giuseppe II nel 1760 col me- 
lodramma Alcide ai bivio. Somma fu la grazia e 
benevolenza verso di lui della imperatrice regina 
Maria Teresa, che scriveagli biglietti di proprio pu- 
gno, in uno de' quali diceagli: « U antico mio mae- 
stro forma la gloria del nostro secolo, e piìt an- 
cora di quelli a cui si è dedicato ». Erasi egli 
a poco a poco ritirato dal mondo, ed occupavasi delle 
sue analisi alle poetiche di Aristotele e di Orazio, 
dettando anche lumiuose osservazioni, tuttora inedite, 
su i drammi di Eschllo, d'Euripide, di Sofocle e di 
Aristofane. Ritoccò anche con sommo amoi-e la Di- 
doìie, V Adriano, la Semiramide, V Alessandro. Piìl 
di 40 edizioni erano state pubblicate delle sue opei"«: 
egli le avea tutte; ma quella bellissima stampata in 
Parigi nel 17S0 era da lui chiamata la gloria e la 
corona de' suoi vecchi anni. Ringraziò sempre mo- 
destamente i titoli di barone e di consigliere aulico 
che Carlo VI volea conferirgli, come pure la croct 
di s. Stefano che gli offri l'imperatrice, dicendo «em- 
pre che non avrebbe avutj tempo di adempiere 1« 
sue obbligazioni di cavaliere, e che il suo titolo piìi 
bello era quello di poeta di S. M. Allorché fu inco- 
ronata in Campidoglio la celebre Gorilla, l'impera- 
trice manifestò desiderio di veder ammesso anch« 
il Metastasio a quest' onore, ed il pontefice Clemen- 
te XIV aderì con ogni premura al voto della impe- 
ratrice; ma il Metastasio fu inflessibile, dicendo di 
esser troppo vecchio per ascendere il Campidoglio. 
Penetrato delle grandi verità di nostra religione, il 
Metastasio ne seguì costantemente i precetti. Nel feb- 
braio 1780 gli parve di sentirsi vicino alla sua fine, 
e volendo consacrare a Dio gli ultimi voli del «ho 
poetico ingegno, scrisse con mano vacillante quei 
versi commoventi: Eterno genitore ecc. Si riebbe, • 
sopravvisse alla sua augusta beaefattrice morta «el 



59 



novembre del suddetto anno. Figli ne pianse amara- 
mente la perdita, e udissi esclamare: « l'urcliè non 
»on* io «ceso nel sepolcro con rcccellente mia pa- 
drona »! Lo confortò ne'^^suoi nUiini giorni il vedere 
arrivare in Vienna il sovrano l'onletìce J'io ^ I, che 
l'onorò moltissimo, e gì' inviò la sua ajìDsloIiea be- 
nedizione per mezzo del nunzio Garauipi, il giorno 
2 aprile 1782; giorno in cui il ]\Ietastasio in età di 81 
anni e tre mesi cessò di vivere. Ad onta del formale 
divieto eh' egli ne avea latto nel suo testamento, gli 
furono fatte magnifiche esequie, e fu quindi sepolto 
nella chiesa di s. Michele. L'erede da lui istituito 
fu il De Martinez, il quale fece coniare alla memo- 
ria dell'illustre amico una medaglia coli' epigrafe 
Sophocli Italo. Oltre una ricca biblioteca, ed un son- 
tuoso corredo di supellettili, la successione del Meta- 
sTASio ascese a 300,000 franchi. Le sue opere consi- 
stono in 63 drammi di vario genere, l2 oratorii, 
48 cantate o scene liriche, ed un gran numero di 
elegie, idilli, canzone, sonetti ecc. Tra le sue tradu- 
zioni dal latino distinguesi quella in versi della poe- 
tica d'Orazio. Tra le sue opere in prosa, oltre le 
preaccennatc, Aìuilisi della poetica di Aristotele, 
«d Ossen'azioni sul teatro greco, dee pure anno- 
verarsi un carteggio uon poco esteso, interessante 
ed istruttivo. 



PROyi DEL TANGUIN. 

Una delle piìi crudeli usanze de' madagassi, si è 
la prova detta del taiiguin, che è un potentissimo 
veleno. L'albero che lo produce è comunissimo in 
ìladagascar : esso rassomiglia nelle foglie al man- 
ghiere dell'India, e nel frutto al mancenilliere di 
America. Questo frutto è bellissimo, colorato come 
la nostra mela appiuola: contiene due noci di mez- 
zana grossezza, e sono esse che prese in una certa 
quantità danno la morte in meno d'un' ora, se non 
si cerca di liberarne la infelice vittima, che però è 
toi-raentata ordinariamente pei- tutto il restante della 
sua vita da crudeli dolori. Si dice che gli uccelli 
ne evitino le foglie, che i rettili ne temano l'ombra, 
e che non vi si avvicini che una specie dì granchio 
di mare. Quando alcuno viene accusato di furto o 
di qualche altro delitto, egli è obbligato per giusti- 
ficarti a far la prova del lavguin, e spes»c volte vi 



è conilannalo dal magistrato detto cabar. Se l'accu- 
sato ha la sorte di suneiare la forza del tnnguin, è 
assoluto, (,' gli accusatori divengono suoi schiavi; se 
niuiin-, i suoi beni sono confiscati. La persona con- 
(Lum.ila a prendere il tangiiiii, vi(nie legata ad un 
nll)ero ; Veiii/uiiiaiigiiiii, esecutore della cerimonia, 
prende la noce, la stropiccia su di una pietra scabra 
e ne disciogiie una piccolissima parte nell'acqua : 
egli doinauda poi all'accusato se vuol confessare il 
delitto che gli è imputato, o se vuol provare la sua 
innocenza col trangugiare il veleno. Se il timone di 
avere a morire gli fa confessare il delitto, egli « 
sottoposto al giudizio del cabar; e se persiste a di- 
chiararsi innocente, Yeinpariaìiguiii gli fa inghiottire 
il veleno. La terribile forza del tanguiii si manifesta 
in dieci o dodici minuti; le corrosive esalazioni gli 
vanno alla testa, e gli turbano interamente la ragio- 
ne : cade in un furioso delirio, e si accusa di cose 
inverisimili; non si ravvisano più in lui le sue fat- 
tezze; i suoi muscoli sono in uua generale tensione, 
e quasi sempre spira fra i piìx crudeli dolori. 

I madacassi delle coste cominciano a ricredersi 
da questa superstizione. Essi amano meglio far le 
loro prove su i cani, o su i polli, e spesse volte la 
furberia condanna l'iuuocenza. Si scoperse non ha 
guari, che se Y empananguin era guadagnato da una 
delle parti, ei voltava la noce dalla parte del germo- 
glio, quando voleva condannare infallibilmente l'al- 
tra : poiché il veleno ha molta più forza da questo 
lato. 



ASNKDOTO. 

Un filosofo, della setta dei peripatetici, laguavasi 
con un filosofo cinico, come molti del popolo d'Ate- 
ne si mostrassero pii e generosi nel far l'elemosina 
agli storpi, ai piagati, agli sciagurati di ogni sorta, 
mentre così pochi si movevano a pietà dei filosofi, 
che pur erano non meno dei primi indigenti e mi- 
seri. Il cinico risposegli: « Amico, è che molti te- 
mono di divenire zoppi, piagati e monchi, e pochi 
temono di diventare filosofi ». 



140 




PORTA TAGLIATA 

I^ UrVA ROCCIA A BESArVCON 

j 

La città di Besanrpii in Francia era non solo co- 
nosciuta nelle Oallic, allorcLè i romani fecero la 
conquista di cpiel paese; ma sembra essere slata an- 
che prima di siflatta concpiista una città importante. 
Ne mancano però i monumenti storici. 11 nome di 
Chrisojìoli (città d'oro], che aveanle dato i gi-eci del- 
la colonia di Marsiglia, prova che fin da quell'epoca 
si faceva presso quella città la pesca di particelle 
«l'oro che il fiume Doub menava nelle sue acq uè, e 
«he pretendonsi scorgere anche oggidì in atomi mi- 
nutissimi, splendenti tra l'arena su quelle sponde. 
(à)nsi(lerando che l'oro era non poco comune tra* 
galli, per modo che i guerrieri ne portavano i brac- 
cialetti e le collane, non può dubitarsi che non esi- 
stess<; in (pici paese una quantità sufficiente di tal 
metalli) per siffatti usi. Fin dal tempo di Cesare è 
probabile però, che fosse stata abbandonata la .'•icerea 



dell'oro in quelle contrade; poiché i commentar) di 
questo sommo comandante non ne fanno alcuna men- 
zione, sebbene diano una dettagliala descrizione della 
città, commemorandola speciabnenle come una piazza 
di guerra importantissima, situala in un paese ricco 
e fertile : nulla dicono parimenti del forame della 
roccia, di cui, come di veduta pittoresca, daremo qui 
brevi cenni. 

Per conoscere tutta l'importanza de' lavori occorsi 
in questa impresa, interessa di avere un' idea de' 
luoghi in cui fu eseguita. Ecco la descrizione che no 
fu fatta per ordine di Luigi XIV dal Pelisson: 
ce Bcsancon è situata in fondo di una valle amenis- 
>' sima che forma quasi un anfiteatro, e che sembra 
» come ad arte ornata di vigne, virgulti e boscaglie 
)• per esser gradevole alla vista. Giulio Cesare 1' ha 
t. descritta ne* suoi commentarii come una delle piìi 
» forti città de' galli : perchè il Doub, gran fiume 
n che scorreva sotto i suoi ripari, la circondava da 
» ogni lato, come un fossato a guisa di ferro di ca- 
» vallo, non lasciando che uno spazio di seicento 
» passi all'apertura; spazio riparato da un'alta mon- 
» lagna, le cui radici erano immerse nella riviera ai 
» due lati, e che per essere inoltre chiuso da uà 
» muro, serviva di cittadella alla città nell'unico 
» luogo per cui si pelea avvicinarla. Di poi la città 
» stessa si è ampliata, ed al di là del Doub si è st»- 
» })ilila quasi una nuova colonia unita alla città ai>- 
» tica con bel ponte ». 

Fin dal tempo de' romani non potea entrarsi in 
città che per mezzo del ponte di legno che i galli 
aveano stabilito sul fiume, ovvero ti-aversaudo la cit- 
tadella, eh' essendo la sola via di comunicazione coli' 
Elvezia e tutta la montagna, dovea esser esposta ad 
improvvise occupazioni per l' affluenza continua da 
quella parte di negozianti e di viaggiatori. Dovea 
quindi esser molto più conveniente ai vincitori di 
fare della cittadella una fortezza inaccessibile, donde 
potessero far costruire delle strade che passassero 
perpendicolarmente, ma a più di 500 passi dai loro 
ripari, di quello che lasciare la via aperta a cliiun- 
que. Tal' è stato il motivo, come si pretende, cb« 
ha dovuto determinarli a fare degli scavi sotto le roc- 
ce, ed a forare la roccia stessa. Ma questa spiega- 
zione non è soddisfacente per altri, poiché è evidente 
che prima dell'elevazione del livello dell'acqua, per 
mezzo delle chiust costruite pe' moliui ad acqua t(»i- 



14.1 



stctiii ili città, rimaneva uno .■•pazio lil)eri) tra il liii- 
me e la mccia; spazio poco considerevole per vero, 
ma suftìcienle j el passaggio delle vetture, le cui cnr- 
re"giate yoiio restate impresse sulla pietra, e cVie 
•corgonsi ancora ad acque basse. P<-r tal modo l'aper- 
tura tagliata nella roccia non lia potuto aver altro 
scopo die di dare passaggio al canale o accpiedotto 
clic menava le acque d'Arcier a lìesancon. D'al- 
tronde era troppo stretto e Lasso in origine questo 
forame per supporre che fosse destinato a dare il 
passo ad un gran sentiero. 

Molto dopo, allorcliè l'acquedotto aLhandonato 
cessò di menar l'acqua in città, è probabile che si 
gbarrazzasse il sito che avea occupato, per farne una 
strada, e che l'elevazione del livello dell'acqua ren- 
dendo l'antica strada impraticabile, si dovesse slar- 
gare questo foro, che non fu per molto tempo che 
nu passaggio coperto a cui la roccia serviva di volta. 
Filialmente, dopo la conquista fatta da' francesi, ^ au- 
ban la fece porre a cielo scoperto, allorché tracciò 
le fortificazioni della piazza. Costruì egli pui'c la pic- 
cola torretta isolata che la domina, e che si adida 
alla guai'dia di una compagnia di fucilieii, (juando 
la città è assediata. 

GÌ' istorici sono d'unanime parere su questo pun- 
to, che Besancon non era mai stata presa lino a 
Luigi XIV, e che allora non fu ceduta che dopo 28 
giorni di trincera aperta per tradimento di un tale 
Vatteville, eh' ebbe in ricompensa terre e signorie ; 
ma di cui l'ultima erede è morta negli scorsi anni 
iu Besancon in uno stato poco meno che miserabile. 



STORIA NATURALE 



IL PARACL' A. 

Sembra che (juest' uccello, descritto da Marcgi-ave, 
si trovi nel Brasile. E in parte nero e più grande 
dell'amazone ,' ha il petto e la parte superiore del 
Tcntre insieme col dorso di un bellissimo rosso ; 
l'iride denli occhi è anch' essa d'un bel rosso: il 
becco, le gambe ed i piedi, sono d'un cenarino ca- 
rico. Pei suoi belli coloi'i rossi, questo pappagallo lia 
qualclie analogia col lori: ma nnu tro\andosi esso 
che nelle grandi Indie, ed il para^uu essendo pru- 



babilinent<" del Brasile, non può darsi giuilizio sopra 
l'identità o diversitii delle loro specie: tanto piii eh» 
non havvi che Marcgrave, il quale abbia velluto (jui- 
sto pappagallo trasportato dall'Aflrica nel Brasile, 
mentre non gli da che il nome di pnragua, senza 
dire eh' egli è del Brasile ; di maniera che può es- 
sere che questo sia un lori in efletlo, come lo Iia 
detto Brisson. E ciò che potrebbe fondare questa 
presunzione è che Marcgrave ha dato ancora un pap- 
pagallo grigio, come naturale del Brasile, il tpiahi 
noi sospettiamo essere di Guinea : perchè non si è 
trovato alcun pappagallo grigio iu America, e per lo 
contrario sono comunissimi in Guinea, d'onde si 
trasportano spesso eoi negri. La maniera stessa, cou 
cui Marcgrave si esprime, prova che non lo x'iguar- 
dava come pappagallo d'America: Avis psittaco pitt- 
ile similis. 



II> PONTE SOTTERRANEO DEL TAMI-GI IN LONDRA. 

( CoiUinuazIoue e tìne \ 

La compagnia del ponte sotterraneo del Tamigi 
essendo stata riunita nel 1824 per mezzo di un'atto 
del parlamento, fu cominciato il lavoro nel mar- 
zo 1825. Fu ct)struito un ingresso verticale del dia- 
metro di 50 piedi, destinato a formare una discesa 
pei pedoni. Una macchina fu nella prima prova 
posta sopra pali, ed innalzata all'altezza di 42 piedi, 
socchiudendola un orlo di ferro fuso per tagliare la 
terra, ed altra a vapore della forza di 30 eavalli 
era portata alla cima di ipiesta fabbrica. In questa 
stato, essendo tolti i pali, (piesta torre si portava a 
posare sull'orlo del ferro fuso. Egli è facile a cono- 
scere, che col nettare la terra interna, l'intero con- 
veniva che si abbassasse. Con questa maniera una 
macchina d<'l peso di circa 1,200 misure si abbassava 
alla profondita di 40 piedi tra uno strato profondo 
26 piedi, composto di arena e di terra paludosa, do- 
ve i minatori avevano incontrato ([nasi insuperabili 
ostacoli. E da rimarcarsi che per questo, e per l'in- 
tera operazione del ponte sotterraneo, l'ingL-giiere 
non adoperava una macchina a vapore più larga di 
quello che fosse richiesta nelle operazioni della TÌ;t. 
Siccome il corpo did ponte sotterraneo doveva essere 
aperto alla profondità»di 40 piedi, ringresso era c-on- 



142 



tiuuato a 64 piedi collo scoprire, lasciando uno spa- 
zio liei lato aperto pel lavoro orizzontale. Un pozzo 
cisterna del diametro di 25 piedi era ulteriormente 
fatta nel fondo di questo ingresso verticale, per sec- 
care la terra: ma nell'afTondarla, scoppiava all'improv- 
yÌso una quantità di terra sciolta sopra il lavoro. 
Questo incidente couferniava la relazione dei mina- 
lori e dei geologisti sull'esistenza di un letto perico- 
loso di arena di circa 80 in 85 piedi dal livello del 
fiume. Lo scudo, destinato a precedere il corpo del 
ponte sotterraneo, fu messo in opera alla profondità 
di 40 piedi ; questo diviso in tre piani presentava 
insieme 36 celle destinate pel lavoro degli ope- 
ranti, e nell'intero costituiva nello stesso tempo uu 
potente riparo contro la terra. Pel suo progressivo 
movimento ogni forma era provvista di gambe, che 
kanno la loro azione nelle celle piìi basse. Per questo 
mezzo ogni forma poteva esser mossa separatamente, 
ma l'intiero era portato innanzi da alternati movi- 
menti regolati dal progresso del lavoro. Ogni opera- 
tore provvedeva, per la sicurezza della sua propria 
cella, col coprire la fronte di piccole tavole che tec- 
nicamente si chiamavano resistenti: e quando i mi- 
natori lavoravano innanzi, altri operavano al di die- 
tro formando la fabbrica. 

Entrato lo scudo sotto un solido letto di creta, 
cominciò il suo progresso verso il 1 gennaro 1826. 
Esso non aveva avanzato oltre a 9 piedi, quando que- 
sta solida difesa si trovò che veniva fuori tutta in 
una volta, lasciando il lavoro aperto ad un conside- 
rabile influsso di acqua e di tei'ra fluida: e ne risultò 
che per 32 giorni il progresso fu estremamente ri- 
tardato, tuttavia pel 14 marzo lo scudo fu portato 
di nuovo ad una terra solida. Da quel giorno al 14 
del settembre seguente 260 piedi del ponte sotter- 
raneo erano stati compiti, quando in conseguenza di 
un corso di terra fu scoperto essersi formata una ca- 
rità di terra sopra la testa dello scudo. Una circo- 
stanza rimarchevole accadde in quel giorno: l'inge- 
gnere, avendo occasione d'incontrare i direttori, espo- 
se loro, che la testa del riflusso, eh' era allora na- 
scente nel fondo del fiume, sarebbe stata rotta, di- 
cendo nello stesso tempo, che ogni cosa era prepa- 
rata per oppon-e a questo inconveniente. Tuttavia 
benché questa fosse la prima circostanza di quel 
genere sotto il fiume, i minatori non furono in al- 
cun modo spaventati di sentire, che deposizioni del 



fiume cadevano sulla testa dello scudo, accompagnati 
da scoppi di acqua. La cavità stessa presto fu riem- 
pita, e con nuove precauzioni aggiunte, il lavoro fa 
continuato. Un' altra circostanza, comunque simile 
alla precedente, ebbe luogo nel 18 ottobre seguente 
con egual successo nelle sue conseguenze. Nel 2 gea- 
naro 1827, 350 piedi del ponte sotterraneo eran» 
stati fatti, quando nell'atto di rimuovere una ta^'ola 
resistente, che cuopriva la fronte dell'esca vazlone, uà 
poco di teri'a lenta della consistenza di creta tempe- 
rata, spinta dal peso di una straordinaria alta marea, 
fece la sua strada con una forza quasi irresistibile ; 
ma con mezzi ausiliari, eh' erano stati provveduti 
per emergenze di questa natura, fu completamente 
allontanata uu' irruzione del fiume. 

L'influenza della marea sul terreno, ad una pro- 
fondità non minore di 30 piedi, era una circostanza 
che contribuiva più «he niun' altra a moltiplicare la 
difficoltà, e a dar loro un terribile carattere. 

Nel suo stato naturale il ten-eno è compatto, an- 
che quando è composto di terra e di sassi ; ma in 
conseguenza di una cscavazione di una vastità cosi 
larga, che apriva nuove uscite per l'emissione dell* 
acqua, è i-isultante che alcuni degli strati erano de- 
composti ed addolciti, e porzioni erano divenute cosi 
liquide, ed altre state impastate con varii gradi di 
consistenza. Queste circostanze, che sono esemplificate 
nei tre precedenti casi, rendevano le operazioni ecces- 
sivamente complicate e laboriose. Altre porzioni di 
strati, composti di rotondi selci quantunque giacenti 
in alcune sostanze adesive, furono trovate acciden- 
talmente lentissime. Risultava dalla concorrenza di, 
tante cause, che il teiTeno nei fondamenti in parti- 
colare invece di ritenere il suo stato originale, come 
rappresentato dai minatori, cioè un arido e solid» 
terreno, si trovava essere così lento, anche alla pro- 
fondità di alcuni piedi, che divenne espediente di 
condensare il terreno prima che i fondamenti potes- 
sero essere messi in piedi. Ciò fu cflettuato per mez- 
zo di un solido tavolato compresso con una forz* 
eccedente il piìi gran peso, che ogni tavola era cal- 
colata di poter sostenere. L'idea originale di formare 
la fabbrica di anelli di nove pollici, uniti solamente 
col cemento, è «tata riconosciuta come 11 mezzo piìi 
efficace a prevenire le conseguenze, che possono te- 
mersi da qualche guasto o eruzione che risultasse 
da particolari fecce posale in fondo. 



145 



Dal 14 gennaio al 14 aprile soguonte, hencliè il 
terreno fosse in generale tanto fragile che le depo- 
sizioni del fiume erano (jualdie volta trovate in mez- 
zo alle escavazioni, e Lonchè l'influsso dell'accpia fosse 
in generale eccessivamente abbondante, il progresso 
del lavoro progrediva a gran passi nell'intero du- 
rante il corso dell'operazione, clie fu non minore di 
14 piedi in una settimana, ed anclie di tre piedi per 
giorno. Tuttavia, in consegiienza di un frequente cor- 
so di terreno fluido, l'ingegnere si applicò a procu- 
rare una campana di acqua ad oggetto di esaminare 
il fondo del fiume. Il primo esame ebbe luogo il 22 
aprile. Una pala ed un martello lasciato nel fondo 
del fiume non furono ritrovate ntilla seconda visita, 
come si aspettava. Alcune depressioni furono scoperte 
ia alcuni luoghi, e furono assicurate. Ciò non ostante 
il 12 maggio, nell'atto che si allontanavano le resi- 
ttenze in fronte di alcune celle, la terra prese la sua 
via in cima di dieci forme successivamente, ed una delle 
celle sulla sommità in particolare si riempi alcune 
volte: ma mediante alcuni celeri movimenti, e l'in- 
trepidità dei minatori, il terreno fu assicurato ed 
il lavoro si portò avanti. Ncll'avanzare una delle 
forme di mezzo, la pala ed il martello, eh' erano stati 
perduti, si ritrovarono strada facendo, dopo avere 
avanzato almeno 18 piedi nel terreno. Non ostante 
il lento stato del terreno medesimo, lo scudo aveva 
gradualmente acquistato sotto una copertura piìi so- 
lida, quando alcuni vascelli venuti nel fine della ma- 
rea ancorarono precisamente sopra la testa del ponte 
sotterraneo, dove nessun vascello aveva mai ancorato 
dopoché la darsena era stata aperta pel comodo dei 
bastimenti. Risultava da questa ostruzione della cor- 
rente, che quelle sostanze, che proteggevano il ter- 
reno più molle dall'azione delle maree, erano portate 
via. Il fiume subito trovava la sua strada verso il 
ponte sotterraneo, formando prima una ti-asparente 
cortina tra lo scado e la fabbrica di mattoni. Ogni 
mezzo fatto per opporsi fu provato senza frullo : il 
fiume subito fece la sua induzione, e riempi il ponte 
sotterraneo. Questa irruzione ebbe luogo il 18 mag- 
gio 1827. Esaminandosi il foro con >iua campana da 
acqua, si assicurarono che la fabbrica era perfetta- 
mente intera, e lo scudo a tutte le apparenze intatto. 
Le riparazioni, con cui si era proceduto per mezzo 
di creta in sacchi, erano armate di piccole verghe di 
uocciuoli; circa 3,000 pesi di riempitura cou qual- 



che altro terreno mescolata si richiedevano per chiu- 
dere il foro, o piuttosto il chasmu che si trovava 
sorpassare 38 piedi in profondità. 

In (juesto periodo di processi, molte centinaia di 
progetti furono mandati ai direttori o all'ingegnsre, 
ma ninno fu trovato applicabile al caso. 

Nel 2 1 giugno il ponte sotterraneo fu sulficien- 
temcnte netto di acqua per entrarvi, e nella metà di 
agosto il terreno, ch'era stato forzato dentro gli ar- 
dii, fu completamente rimosso. La fabbrica fu trovata 
affatto intera : ma per ragion della posatura della 
nuova tura aumentata troppo dal peso dell'acqua, le 
forme furono trovate separate nella cima, essendo 
andata via la catena che le riuniva. Niente poteva 
dare cosi giustamente una idea dell'impeto dell'eru- 
zione, quanto lo stato in cui l'inversione dell'arco 
fu trovata. 

Dopo tanti e tanti ostacoli, de' quali la maggior 
parte è stata quasi interamente superata dagli intra- 
prendenti del ponte sotterraneo del Tamigi, il par- 
lamento d'Inghilterra ha finalmente confessato, e tulli 
gl'ingegneri del mondo hanno pienamente convenuto, 
essere questa una delle operazioni le più difficili ad 
immaginarsi, le più azzai-dose ad intraprendersi, e le 
più malagevoli a condursi al desiderato suo fine. 
Quindi è che eterna fama ne ridonderà alla metro- 
poli dell'Inghilterra, dove fu la prima volta imma- 
ginata qucst' ardua impi-csa, dopo le maraviglie della 
nostra antica Roma fino ai nostri giorni più nou 
veduta : la quale benché interamente divisa e quasi 
staccata dal rimanente del mondo intero, racchiude 
nel «uo seno gli elementi di ogni civiltà, di ogni 
industria, di ogni commercio, ed accoppia al domi- 
nio dei mari, il dominio di una gran parte del cou- 
tineute. 



A !t N I D o T o. 

Chi troverà il tesoro? Un bifolco lavorava, sul 
finire del mese scorso, un campo a Flavv-le-Marlcl 
presso la città di s. Quintino in Francia, quando urtò 
colla mano in tm grosso sasso, che pur egli smosse 
e mise da lato, con pensiero di seguitai'e senza pen- 
sar ad altro il suo lavoro. Ma il proprietario del fon- 
do, che (ira venuto ad invigilare i lavori della sl.t- 
"ione, esaminato il luoffO ove il sasso era stato Ini- 
vato, vanne in qualche pensiero ed ordinò uno scavo. 



144 



A dirla breve, sì scoperse una scala di pietra che Ji- 
scciidcva per alcuni gradini, in capo ai quali era una 
specie di sarcofago, contenente un cilindro di latta : 
questo ne racchiudeva uno di piombo, sul quale sta- 
va iucita in, biazarrì caratteri gotici la seguente iscri- 

■|l»»X»<»^^<>»»<ll ■! 



zionc: «Costantino duca di Quillion, costretto ad ab- 
bandonare il castello di Flavj-le-Martel, ha latciat* 
a' suoi eredi 20 mila lire in monete d'oro del temp» 
di Nerone in un sotterraneo (cavate) ». Adesso tutta 
quella gente lavora a roiu di coli». Sia eoo prò. 




PRE SBURGO 



Presburgo fu fino al 1784 la capitale dell'Unghe- 
wa. Questa città situata sulla riva sinistra del Danu- 
bio, in un paese fertile e ricco di bestiame e di 
vigneti, trae grandi vantaggi dalla sua prossimità 
•olle frontiere dell'Austria propriamente detta. Un 
castello ragguardevole e molto ben fortificato la do- 
mina e difende. Per giungervi debbousi ascendere 
Kcnto quindici gradini di mezzo piede ciascuno. In 
mezzo di questo castello trovasi un pozzo di somma 
profondità, eh' è alimentato dalle acque del Danubio. 



Questa città è distante 13 leghe da Vienna, ha tre 
bellissime chiese, e conta una popolazione di 40,000 
anime. 



SCIARADA 

Sp dici il primiero, 
Hai detto il secondo. 
Hai detto l'intiero. 



LooOORIfO PaBC«D«»TE=r Sti'Va-lH' 



»^ v^-v^^^^-*^^-V^.^*^^^V**^^ 



TIPOGaA.FU. DELLE BELLE ARTI, TIA IR AftCIONE li. 100, COK APPROVAXlOrCK. 



145 



ANNO 

SECO:^DO 




DISTRIBUZIONE 

19. 



Si PUFBLICA OGNI SaBATO 



ROMA 



18 Luglio 1835. 




romag:\osi 

Guji DoMEJiico RoM\cnosi nacque nnlla terr.i ili 
Salso maggiore i terrilorio di Piacenza ì il giorno 11 
di novemlìve 1761. Dopo aver cnmpinti in sci anni 
gli studi di fdosofìa, fisica, matematica e teologia 
dogmatica nel collegio degli .Albcroni. passò ncll'nni- 
Tersità di Parma, dove ebbe la laun'a in ambe le 
leggi. Datosi tutto allo studio della legislazione nel 
17'J1 pubblicò la Genesi ilA fliritlo, opera dottissi- 
ma e lodata in tutta Europa : la quale gii accjuistò 
"lande celebrità, e uelTistesso anno fu cbiamato a 



sostenere la carica di pretore nella citta di Trento, 
e la sostenne con pubblica utilità fino al cominciare 
del 1803, allorcbè fu eletto professore nella univer- 
sità di Parma di diiillo pubhlico universale. 

Mutate le cose d'Italia, fu nel 1806 richiesto dal 
ministro della Giustizia a Milano di occuparsi nella 
compilazione del codice di procedura penale ; il 
quale udieio compiè con tanto onore e soddisfaci- 
mento, clic subito venne nominato consultore del mi- 
nistero di giustizia, e fu costretto di rinunziare alla 
cattedra di diritto pubblico a Parma. 

Non andò guari tempo, che per nuova disposi- 
zione governativa fu egli nominato a professore di 
diritto civile nella università di Pavia, ma non vi 
restò che un anno; che alla cattedra di alla legisla- 
zione in Milano fu chiamato, e ricevè in pari tempo 
la nomina d'ispettore generale delle scuole di diritto 
nel regno d'Italia. Fu allora che pose mano ad un 
progetto del codice penale, di che il governo lo ave- 
va richiesto; e con ogni cura attese alla pubblica 
istruzione. In mezzo a tali occupazioni diede alla 
luce mi giornale di giurisprudenza universale, che 
molto servì alla dilfiisione dei lumi legali. 

(jaduto il governo d'Italia, e tornala in seggio la 
casa d'Austria, il Rohugaosi rimase privo d'ogni pub- 
blico olllcio, e nelle foi'ze del propiio ingegno cer- 
cava come sostentare la vita. Dava intanto la sua 
opera a varii gioi'nali, che si pniiblicniio a Mil.ino, 
fra i quali si cli-sliiiguono i.i Bihiioteca il/Ainiiii e. 
"li Annali universali ili s/nlislira. Cosi tra le au- 

o 

guslie della povertà, e il ludibrio della fortuna con- 
dusse la sua vita inlelieivsiina sino al giorno 8 di 
"iu^no 18)"): in <iii intmito dii conforti d<'lla rcli- 
pione, passò a miglior vita, lasciando in Mil.iuo, 
anzi in tutta l'Italia eterno desidci io ibi suo ìmt- 
gno potentissimo, e della sua rara bontà. 



Le principali opere da lui pubblicate souo: 1" La 
genesi del diritto penale. 2" U introduzione allo 
studio del diritto pubblico u:.it'crsn'e. 3*^ I priiici- 
pii fondamentali del diritto amniiiùstrativo. 4" // 
trattato della condotta delle acque, secondo le 
vecchie, intermedie, e vigenti legislazioni. 5" Uu 
Dizionario pratico positivo, delle parole pili im- 
portanti nella giurisprudenza. In fine l'opera delle 
vere cause deirincivilimcuto, la quale non potè con- 
durre a termine: ed egli prima di morire ne mostra- 
va dolore. 



CEWNO STORICO DELLE ARTI PRESSO GLI ETRUSCHI. 

Lo Stile degli artisti ctrusclii ebbe, come quello 
degli egiziani e de' greci, i suol diversi gradi, e le 
sue epoche diverse, cominciando dalle forme piii 
rozze e più semplici de' loro primi tempi, fino all' 
epoca loro più distinta. Questo stile olire per così 
dire li; medesime fasi della storia etrusca, in cui no- 
tansi pure diversi periodi, che influirono, non v' ha 
dubbio, potentemente sulle arti presso questo popolo 
famoso. Si può dunque stabilire per principio, che 
l'arte etrusca ebbe tre differenti stili: l'antico, il me- 
dio e l'ultimo, che prese uu' altra forma con servile 
imitazione delle opere greche. 

11 primo periodo è quello dell'Etruria libera (an- . 
110 992 av. G. Cristo). E questo lo stile antico, che 
comjirende l'epoca, in cui questo popolo si diffuse in 
tutta l'Italia fino ai confini della Grecia. Le opere 
di questo stile presentano una graduazione conforme 
airandam(?nto tracciato dalla natura medesima. I pri- 
mi saggi furono degni de' secoli barbari ; erano quasi 
fantocci di legno somiglianti meno alla natura ani- 
mata, che a scheletri di forme tese ed angolate: ma 
non andò guari clic la coltura e l'esperienza modifi- 
carono ([uesto stile grossolano primordiale, e produs- 
sero lo stile antico propriamente detto. 

I caratteri dello stile antico sono: 1" un diseeno 
procedente per linee dritte, che danno alle figure 
lina posizione stentala, ed un' azione forzata con in- 
dicazione poco marcata di muscoli: 2" un tipo comu- 
ne, e senza buona scelta indicante l'idea imperfetta 
della bellezza. Questo difetto trovavasi pure nell'arte 
de' greci primitivi. La forma delle teste è un ovale 
prolinigato con mento terminante in punta acuta. 



Gli occhi souo tirati obliquamente in alto, come pure 
gli angoli della bocca; ed è questo uno de' punii 
più marciti della loro somiglianza con le figure egi- 
ziane. Questo stile avea agli occhi degli antichi uu 
carattere cosi determinato, che aveangli dato il nome 
del paese iu cui era in vigore, chiamandolo etrusco. 
Slrabone dice, eh' è simile allo stile egiziano, o allo 
stile antichissimo greco : ed il retore Quintiliano lo 
distingue da quest' ultimo dicendo che lo opere di 
Egesia e di Calone non hanno del tutto la rigidezza 
e la durezza delle statue toscane. 

Si può concepire un' idea precisa di questo stile 
dalle medaglie più antiche della magna Grecia, o 
delle Provincie citeriori dell'Italia, che caratterizzano 
del pari le opere dell'antico stile etrusco, che quelle 
de' primi tempi dell'arte greca, o della scuola deda- 
lica, che ne dovette essere il tipo. 

Nella seconda epoca (an. 509 av. G. Cristo), gli 
artisti etruschi avendo acquistato maggiori cognizioni, 
abbandonarono l'antico stile, ed in luogo di proce- 
dere come i greci, che preferirono da principio le 
figure vestite, gli etruschi si dedicarono piìi, per quel 
che sembra, al disegno del nudo : particolarità prò* 
pria non meno del secondo stile che del primo stile. 
Non può con precisione fissarsi l'epoca, in cui questo 
secondo stile prese consistenza; ma egli è ben pro- 
babile, che siasi formato nel tempo in cui l'arte per- 
fezionavasi in Grecia. Questo secondo periodo « 
quello dell'Etruria in relazione co' romani, e du- 
rante il quale gli artisti etruschi lavoravano in Roma. 

Le qualità ed i caratteri del secondo stile sono 
principalmente un' indicazione sensibile delle artico- 
lazioni e de' muscoli, degli atteggiamenti e delle 
azioni forzate, e la ricerca del terribile in alcune 
figure ; lo che rende bene spesso questa maniei-a 
dura e stentata, sebbene questo stile abbia prodotto 
delle belle figure. Per ottenere questa forza d'espres- 
sione si davano alle figure gli atteggiamenti più pro- 
prj a produrre gli efi'etti violenti che si volevano ; 
si scelsero i contorni più marcati e forti, in luogo 
di tratti morbidi e pastosi; si tennero i muscoli in 
una contrazione più o meno violenta. Questo stile è 
ben marcato nel Mercurio barbuto del Campidoglio, 
e nella famosa scultura in pietra rappresentante Ti- 
deo, figura rimarchevole per (juesla esagerata espres- 
sione di anatomia : nulladimeno le forme si avvici- 
nano di più alla bella natura. Le figure de' guerriui-i 



147 



con cimo, che veggonsi ne' musei, ap^ìartengoiio a 
questo secondo stile. Le pietre incise dagli «arusclii, 
perfino le piii antiche, sono tutto l'opposto delle fi- 
gure di bronzo e di marmo; vi si osservano delle 
forme e de' contorni morljidi e tondcpaianti. TiiUa- 
Tolta le pietre incise provano, come gli .tltri mojiu- 
tncnti, che presso di essi il perfezionamento dell'arte 
cominciò con una gran forza nell'espressione, e con 
un' indicazione molto sensibile delle diverse parti 
delle loro figure. Questa forza di es[)ressione ù il 
segno caratteristico de'migliori tempi dell'arte etrusca. 

La terza epoca contasi dall'anno 265 avanti Gesù. 
Cristo, l'in qui si è veduta l'arte propria degli etru- 
achi, prima che avessero meglio conosciuto le opere 
degli artisti greci. Le colonie di qncst' ultima nazio- 
ne, dopo essersi impadronite della parte inleiiia dell' 
Italia, e di altre contrade lungo il mare adriatico, 
fondarono città possenti e vi coltivarono le arti, in 
guisa che fecero quasi piii progresso, che nella Gre- 
cia stessa. Quindi il loro gusto si sparse nelle vicine 
contrade, e venne pure ad illuminare gli etruschi 
eh' eransi mantenuti nella Campania. Essi, ricono- 
scendo i greci per maestri, li tolsero a loro modelli: 
è questa la terza epoca che comincia al tempo in 
cui i greci ebbero relazioni co' romani, ed in cui fu 
affluenza di artisti greci in Koma. 

Questo stesso periodo comprende il secolo di 
Fidia, ed il termine dell'esistenza degli etruschi co- 
me nnzione. Si può del resto riguardare il secolo di 
P'idia come quello in cui le arti furono chiamate a 
nuova vita in quelle contrade. La rivoluzione, che il 
genio di questo sommo operò, fu pronta, e ad un 
tempo si estese a di'.crse regioni. Gli eti-usehi, dopo 
aver per molto tci..j, i superato i greci, restarono da 
quell'epoca in poi di gran lunga in dietro. L'inven- 
;;.'one dell'ordine detto toscano, è dovuta agli etru- 
schi, presso i quali la pittura avea ugualmente Co- 
l-ito prima ancora della fondazione di Roma. 

In (juanto ai caratteri generici dello stile etrusco, 
non si saprebbe precisare l'epoca, in cui ha comin- 
ciato l'influenza de' greci sull'arte degli etruschi ; 
poiché i loro bassirilievi più antichi presentano spes- 
so soggetti del tutto greci, e manifestano già l'in- 
ilueuza di questi ultimi sulle arti dell'antica Italia. 
D'altra parte le idee mitologiche degli etruschi, de' 
greci, ed in seguito de' romani offrono tra loro tan- 
ta analogia, die le prime possono spiegarsi con 



quelle d(;;li altri due popoli. Questa conformila di 
dogmi e di stile nell'indicare che questi due popoli, 
gli etruschi ed i greci, hanno s(;mpre vissuto in una 
certa relazione tra loro, s'accorda anche con le an- 
tiche tradizioni che dava loro un' oriaine comune, 
facendoli discendere dai pelasgi. Dopo ciò s'intende 
facilmente, essere spesso ben dillicile di distinguere 
l'elruseo dal greco antico, non solo per le analogie 
di stile e de' soggetti comuni ai due popoli, ma ezi- 
andio per la idenlitJi de' lunghi, in cui si linvcnnero 
i monumenti, e che furono a])itali a vicenda, ed an- 
che simultaneamente d:\'>]i uni e da'di altri. Si ri- 
chiede pertanto una critica mollo esercitata, ed ap- 
poggiata ad una vasta erudizione, per iscorgere le 
più minute diversila delle opere de' due popoli, e 
pronunziarne il giudizio. Tultavolla si possono tro- 
var riuniti alcuni dal! sicuri abbastanza, per impe- 
dire almeno die le opere più comuni dell'arte etru- 
sca non si confondano con (jucUe degli egiziani, sio- 
come possono riunirsi, e presentarsi insieme nelle 
opere stesse alcuni indizi, clic valgano a distinguer- 
le da quelle de' greci. 

In quanto ai lavori cgizii, malgrado della simi- 
glianza che può nascere da una certa rigidezza di 
forme, eh' era ad essi comune con gli etruschi, egli 
è facile di riconoscere tali opere dai caratteri ge- 
roglifici, di cui sono per lo più accompagnate, come 
pure dalla configurazione e dagli attribuiti de' loro 
personaggi. Gli etruschi non hanno poi mai fatto 
figure con teste d'animali sopra un corpo umano- 
Questa osservazione non esclude però altri rapporti 
esistenti tra i prodotti dell'arte primitiva degli etru- 
schi, e degli antichi greci, con quelli degli egiziani; 
rapporti cosi marcati, che non pi-rmettono di dubitarti 
che quest' ultimo popolo non abbia più o meno con- 
tribuito alla formazione dell'arte plesso i due altri. 
I dati st(uici confermano inoltn; l'idea di tale tras- 
missione, tanto per mezzo di colonie egiziane, quanto 
per l'intermedio ili altri popoli, come i fenici, i j)C- 
lasgi ecc. Gli etruschi facevano anche, come gli egizii, 
degli scarabei in terra cotta. Le ale sono un attributo 
dato a quasi tutte le divinila etrusche, e gli artisli 
ne mettevano anche ai carri ed ai cavalli, per indi- 
carne la velocità. Si può fare la stessa osservazione 
sopra certe opere degli antichi greci. 

Gli etruschi armavano di fulmini le loro princi- 
pali divinità; ma in generale gli attributi de' loro 



148 



di'i ciano (juclli de" roiiiaai. Cosi V uicaiio licm; un 
uiailcllo ccì lina tanaglia, Ercole una clava, Marte 
un cimiero ed un l'erro. Gli etruselii lìgurarono 
anche degli animali in terra cotta ed in im lallOj de' 
cimieri, de' (|uadnipcdi alati, ed altre biz^ariie (on- 
date senza dulihio sopra credenze popolari, o dei 
ialso loro cullo; ma lo stile di taieste opere, e l'igno- 
ranza delle regole del bello nell'arte, sono diletti 
tali, ai quali possono facilmente riconoscersi. 

In un gran numeio delle loro produzioni segna- 
vano le (ìguj'e degli dei e degli eroi co' loro nomi : 
il che non era in uso in Grecia, ne' secoli Ooreoti 
dell'arte. Allorché i monumenti portano un' iscrizio- 
ne, la forma de' segni alfabetici, ed il loro anda- 
mento da dritta a sinistra, non lasciano alcun dub- 
bio sulla loro origine: ed è questo anche imo de'se- 
gni essenziali, ai quali si distinguono i vasi etruschi 
propriamente delti, dai vasi greci, co' quali si sono 
per molto tempo confusi. 

Adi aggiungeremo un' altra sola osservazione re- 
lativa ai paniuggiameut:, riguardati da taluni anti- 
qua) i come un segno distintivo dello stile etrusco. 
Questo panneggian>ento è serrato, disposto in pieghe 
parallelle cadenti a piombo. Ma sarebbe erroneo con- 
cluderne, che tutte le statue in silfatta guisa panneg- 
giate siano di lavoro etrusco, dappoiché trovasi que- 
sta foggia di panneggiamento in diversi monumenti 
riconosciuti per greci: ed è anzi questo unt) de* prin- 
cipali caratteri, ai quali riconosconsi parlicolarmeule 
le opere dell'antica scuola d'Egina. 

MODO DI Rl.XFH ESCARE IL VJNO NELl'eSTATE SIINZA 
IL SOCCORSO DEL GELO. 

Si sa che ne' luoghi molto caldi gli abitanti di 
que' climi cercano di alleggerire l'azione del calori- 
co, col produrre il freddo artificiale mediante l'eva- 
porazione di ahuni liquidi che si cerca di successi- 
vamente spargere sopra i corpi, i quali si vogliono 
l'are abbassare di temperatura. Ai sono dei vasi i 
<juali sono formati di terra poco compatta, ed in con- 
seguenza sono ripieni di una notabile quantità di 
pori, per cui conducono con non tanta diflìcoltà il 
calorico, come fanno (pielli che sono dotati d'una 
minore conducibilità di esso. Se adunque si prendo- 
no de' vasi di (juesta natura, si riempiono di vino o 
altio liquore, ed in seguito si collocano all'azione 



dell'aria libera ed anche meglio, ov' è una corrente; 
e nel tempo medesimo si bagnano al di fuori con 
un tluido evaporale. Quanto più cpiesto sarà dotato 
di tal proprietà, tanto pia ancora il vino contenuto 
nel vaso perderà del suo calorico, e passerà ad una 
temperatura molla bassa. A quest' uopo l'accjua pura 
soltanto, ma meglio l'acquavite, si può impiegare per 
baiiuare i vasi di terra non verniciati né interna- 
mente né esternamente, e ripieni di li(|uidi da rin- 
frescarsi, e situati in modo che l'evajiorazione si svi- 
liqipi con prontezza e celerità. Ben presto il liquido, 
contenuto ne' suddetti vasi, divien freddo in modo 
che serve di sollievo grande nella stagione calda 
della estate, come se fosse stato esposto all'azione 
del ghiaccio. {Bollett. delle cogniz. industriati ). 



LA SETTIMANA 



CALENDARIO STORICO. 

9 alaggio 1204. = Baldovino, conte di P'iaiidra, è 

proclamato imperatore nella chiesa di s. Solia a 
Costantinopoli. 

10 Maggio 1497. = Americo Vespucci parte per il 
nuovo mondo, a cui da il suo nome, benché già 
da cinque anni Cristoforo Colombo avesse sco- 
perto ijuesto paese- 

11 Maggio 1708.= Morte di Mansavd, primo a»- 
chitetto di Luigi XIV. 

1 2 Maggio 1 588. = Giornata delle barricate a Pa- 
rigi sotto il regno di Enrico 111. 

12 Maggio 1793. = Decreto che dichiara la repu- 
blica francese una ed iiidii'isibi/e. 

13 A/aggio 1809. = ingresso in \ iemia, capitale 
dell'Austria, delle truppe francesi comandate da 
Napoleone. 

14 A/aggio 1610.= Assassinio di Enrico IV", fatto 
da Francesco Kavaillac. 

14 A/aggio 1643. = Morte di Luigi XIII, tìglio di 
Enrico IV. 

15 Alaggio 1768. = Cessione della Corsica alla 
Francia, fatta dai genovesi. 

1 5 Alaggio 1 800. = La Tour-d'Auvergue è nomi- 
nato da Bonaparte, allora console, primo grana- 
tiere della repubblica. 




CE^IETERIO AL €;SA> CAIRO 



Ad onta delle grandi rivoluzioni, che hanno rin- 
novato i costumi, la religione e le abitudini dell'Egit- 
to, le sponde del >iilo sono sempre, come in addie- 
tro, iJ luogo in cui si rispettano le ceneri de' trapas- 
sati. Non veggonsi ivi, come in altri cenieterii, gli 
ossami umani allo scoperto, e perfino dispei'si qua e 
là sulla superficie del suolo ; ma nulla agguaglia, 
specialmente nelle città, la suntuiisilà ed il lusso 
delle sculture lunehri: da per tutto veggonsi alheri 
e fiori che ombresfaiano le tombe; alcuni sellili ti"- 
vausi disposti di distanza in distanza, e gì' intervalli 
regolari lasciati tra i monumenti l'ormano quasi le 
gallerie di un tempio. (Questa niagnilieeuza funebre, 
j)0sta a confronto della semplicità delle case, richia- 
ma naturalmente quella idea religiosa che aveano 
anche gli antichi egiziani; che le case terrene sono 
luoghi di passaggio ; ma che il soggiorii j eterno è 
uvl retrno de' morti. 



Presso ogni grande città ervi una città de* moiti 
(necropoli) più o mene spaziosa, e che spesso cir- 
conda iriteiainciile ia citta ile' vivi. Selve di coioiini-, 
cenotalli, mausolei, coprotio spazi immensi: e diresti 
quasi esser ijuclle tante citta deserte ed abbandonate 
il giorno iiinanzi dai suoi abitanll. Le moschee ed i 
palazzi di'' grandi ugungliano appena in ricchezze al- 
cuni di questi mausolei. Noi citeremo sopr.! ogni 
altro i cemeteri che trovansi al mezzo giorin , ed a 
levante del Cairo, e che furono già eretti dai calilTl 
e da altri personaggi potenti di quella capitale. La pri- 
ma di queste necropoli comincia al mausoleo dell* 
Iniarin Chnfc) , da cui ha preso il nome, e si estende 
a tre miglia verso mezzodì: cioè luii<ro la nu.ta della 
città del Cairo. ^ i si veggono monumenti di tutte 
le grandezze, e per così dire delle pianure seminate 
di sepolcri. Presso il Tourah-cl-Iinnn (tombe dell' 
Imano) sono qmdle Gcirafelt, e più lungi le allie 



150 



dette El-Sej deh. Questa continuazione di cenolaffi, 
si estende a perdita di vista in una pianura sabbio- 
sa, la cui immensità e solitudine sono di un efletto 
sullo sjiirito che mal sapreljbe esprimersi. Il marmo, 
l'oro, l'oltremare ed altri colori lucenti, sono ivi 
prodigati con isquisitezza di gusto: una delle lombo 
più ricche è quella d'Aly-Bey. 

Alcuni vasti recinti sono specialmente riservati 
alle famiglie ricche: la famiglia Cherga-ouy ha dato 
il suo nome ad uno di questi. Una moschea è bene 
spesso l'edifizio principale di questi grandi monu- 
menti ; la tomba del fondatore vi occupa un posto 
distinto,' sia in una stanza ornata d'un cenotafio, sia 
sotto una cuppola ombreggiata d'alberi, e che s' in- 
nalza nel mezzo d'un atrio circondato d'un peristi- 
lio : talvolta vi si trova al lato una fontana per le 
abluzioni. Alcuni di questi monumenti sono chiusi 
da porta di pietra, e vi si mantengono de' custodi 
co' fondi appositamente a ciò destinali dai defouti. 
Vcggonsi sopra molte tombe scolpiti de' fiori, e de' 
fogliami ornati d'oro e tinti in rosso, giallo o verde. 
Le colonne ed i pilastri sono carichi d'iscrizioni 
arabe, scolpite ed ornate allo stesso modo: l'interno 
delle cupole è fregiato di cassoni scolpiti in rilievo. 

A levante del Cairo è l'altra città delle tombe, 
conosciuta sotto il nome di Tourab-Gajd bej (tom- 
be de' Gajd bey), la cui estensione è parimenti di 
circa tre miglia. Questi sepolcri non sono né meno 
magnifici, né meno imponenti pel lusso e per l'ar- 
chitettura di quelli di Garafeh. Molte di queste 
tombe sono in piccolo delle vere moschee, le cui 
torrette e cupole, come tutti i dettagli, sono scolpiti 
con una ricchezza d'ornalo, e un lusso di lavoro de- 
gno d'ammirazione. Queste moschee sono separate 
Ira loro da larghe strade, e circondate d'un recinto, 
in cui sepellivansi anche gli scliiavi, e famigliari 
addetti al servizio della casa. Tutti questi monumenti 
rimontano ad cpocht; piìi o meno rimote nella storia 
moderna dell'Egitto : i piìi antichi possono risalire 
all'ottavo e nono secolo, ed è tra questi che si rav- 
visa per lo pili maggior semplicità e gi'andiosità di 
stile. Si estendono da quella parte per una pianura 
deserta fino a Kouhbeh, altra necropoli situata sulla 
strada dell'antica Eliopoli, e eh' è il luogo di riu- 
nione della grande Caravan» della Mecca. 

Si distinguono anche al di fuori del Cairo, le 
tombe di Bab-el-Ouizir, el-Ghoraj b, el-Nasr, Ga- 



,v«i ecc., così chiamate dalle porte presso le quali 
sono situate: nell'interno stesso della città trovansi 
diversi ccmeterii, ma la loro estensione e la belleia 
u' è meno notabile. 

Il pili gran numero di tombe di persone agiate 
è formato di una semplice cuppola, arricchita di 
sculture, e che ricopre una sala in mezzo della quale 
è una costruzione a cemento quadrilunga sotto la 
quale riposano le ossa del fondatore. 

Le tombe anche più semplici di queste ultime si 
compongono, come può vedersi nel disegno che ne 
diamo, di un gran basamento di pietra, sormontato 
da quattro o sci colonne che sostengono degli archi 
ed una tettoia, sia m forma di duomo, sia di pira- 
mide : i corpi sono posti nel basamento. In quanto 
alle tombe le più ordinarie, esse consistono in tui 
basamento avente ad una dell'eslremità un palo con 
sopra un turbante, ed all'altra una pietra quadra o 
quadrilunga, in cui è scolpita una iscrizione sul de- 
fluito. Le tombe de' poveri consistono in semplici 
pietre O massi, seuz' alcuna iscrizione: ciascuno però 
fa quanto può per onorare la memoria de' suoi de- 
funti. 11 venerdì, che pe' musulmani corrisponde alla 
nostra domenica, è il giorno particolarmente dedicato 
alla visita de' sepolcri. Le donne ed i fiinciulli ac- 
compagnano gli uomini. Vi si prega pe' defonti, e sì 
(a trattenimento sulla loro vita, rammentando le loro 
parole, e piantando qualche fiore presso la tomba : 
è questo uno .spettacolo commovente e pomposo, che 
non lascia di sempre destare l'ammirazione degli 
europei. 

INTORNO UN CARTONE RAPPRESENTANTE IX, GIUDIZIO 
FINALE, DEL SIG. CAV. PIETRO CORKELIUS. 

Opera veramente insigne ai nostri giorni , iu 
cui non è sì grande il numero dei pittori che trat- 
tano il genere storico, è quella che imprese a trat- 
tare il cav. Pietro Cornelius, il cui nome può meri- 
tamente annoverarsi fra gli artisti distinti, che hanno 
dimorato in questa nostra città. Per la quale opera 
rappresentante il giudizio universale dobbiamo non 
meno credere benemerito delle arti il sitrnor Come» 
lius, di quello che lo sia S. M. il re di Baviera, 
che a lui allogò questo lavoro per una nuova chiesa 
che è stata eretta in Monaco. Iiuianzi però di entra- 
re a descrivere j particolari del cai'tonc, che coixticns 



151 



questo disegno, non vogliamo lasciare alcune cose 
elle tornino a «loria del nominato artista. iNel quale 
si vede Inula dottrina, e tanta sapienza attinta nelle 
fonti de'nostri classici, che non puoi in esso non rico- 
noscere, come egli nelle lettere italiane lia fatto tesoro 
del suo sapere, per farne poi una superila moilra, 
tx)llcgando ciò che vi lia di più bello e di più subli- 
me nelle lettere e nella filosofìa, con quello che vi 
La di più sublime nelle arti del disegno. E veramente 
è a desiderare, che coloro che battono cotesta strada 
tolgano ad imitare esempi di questo genere, che so- 
no atti più che niun' altra cosa a ricondurli sul buon 
sentiero della pittura. Imperciocché quelli meritano 
veramente il nome di artefici, i quali non altrimenti 
che i poeti sanno concepii-e ed esprimere altissimi 
pensieri, e degni della posterità. 

La grandezza del cartone è di palmi 61 romani: 
e qnesta non è che la nona parte della vera gran- 
dezza, in cui dev' essere eseguito nella detta chiesa. 
V^nolsi considerare questo disegno diviso in due 
parti, delle quali l'una, eh' è la superiore, contiene 
il paradiso ed i suoi abitatori; l'altra i dannali e le 
pene loro. E innanzi tutto attrae gli occhi de' ri- 
guardanti la nobile e grandiosa figura del Supremo 
Giudice N. S. G. Cristo, il quale nella sua attitudi- 
ne maestosa e sublime dimostra e dispiega insieme 
tutta la pienezza della sua severità, e della sua mi- 
sericordia. Che se per un istante rivolgiamo gli oc- 
chi dalla figura principale, ed osserviamo tutti co- 
loro, che quasi raccolti insieme circondano il giu- 
dice tremendo, vedremo nelle loro persone regnare 
tanta tran(juiliità e tanta beatitudine, quanta si addice 
agli abitatori delle sfere celesti. ]Nclla destra del qua- 
dro sono gli apostoli, i patriarclii alla sinistra. Bella 
e commovente è la movenza degli angioli, che vo- 
lando in su leggermente conducono per mano i beati, 
e li fauno pailecipi della loro gloria. A è merita at- 
tenzione meno degli altri la figura di'll'angiolo, che 
pronto ai cenni dell'Onnipotente brandisce la s[)ada 
f con essa divide e separa i beati dai malvagi. 

Passando poscia ad esaminare la parte inferiore 
del cartone, chi non si accorge essere dall'artieta con- 
dotto nella vita dolente? E chi non vede essere a 
prima giunta condotto innanzi: 

^l idruri rojioscitor delle peccata? 
E qui è da lodare nuovamante senza fine la filosofia 
del pittore, che seppe ad ogni colpa trovare un'in- 



dole ed un carattere dill'crente, che è ben figurato 
nella persona d'i (pu'llo che è destinalo a rappresen- 
tare. Imperciocché chi non ravvisa negli avari e nei 
prodighi : 

(lucili che far (jucrci 

Sì della mente in la vita priinaja 

Che con misura nullo xpendio ferci? 
Chi non vedrà nei golosi le meritate angoscie, con 
cui Dio li punisce: 

Per la dannosa culpa della gola? 
E negli ippocriti : 



lina genie dipinta 



Che g'^'a attorno assai con lenti paAsi 
Piamiendo, e nel sernhiaìite slanca e ^nnta? 
Chi nei pigli 'lon riconosce: 

Quegli sciaurali che non fur mai viiìJ 
E potrebbe saviamente farsi una bella distinzione tra 
quelli che hanno già avuto la finale sentenza, e quelli 
che ancora l'aspctlauo : nei quali tu vedi tanta incer- 
tezza e tanto terrore, che altri procurano ricoprirsi 
ed ascondersi alla luce del cielo, altri tr'>vano tra 
loro ragione di rissa e di contesa, quasi rinfaccian- 
dosi la ca"ione dei loro tormenti, altri sono a forza 

risospinti ed inseguiti dai diavoli, che fanno del 
ferro e del fuoco lo strumento della loro punizione. 
ÌN è è da tacere un gi'uppo di due figure sopra ogni 
altro mirabile, che rappresenta un angelo nell'atto 
di salvare un' anima pericolante dagli artigli di 
Lucifero, nella quale è cosi ben' espressa la titubauza 
e l'acceso desiderio che l'infiamma di riunirsi ai 
Grealoi'e, che non puoi non confessare essere cosa 
del tutto angelica e divina. Né chiuderemo questo 
articolo senza pailare di mi altro gruppo maggiore 
di tutti gli altri, rappresentante la precipitosa caduta 
di alcune anime che sono appunto nel momento ter- 
ribile di minare nell'abisso. Tanto è grande lo spa- 
vento che si vede nell'espressione dei loro volli, 
nei loro movimenti e nei contorcimenti delle loro 
meuibra , che sembra che quasi aggomitolandosi 
runo sull'altro cerchino sollievo e refrigerio alle 
loro pene, che nulla tu vi hai a desiderare né di 
più politico, né di piii v(;ro. E ehi c'insideri la na- 
tura dell'arie neircspriuiere il precipizio di queste 
genti vi troverà tante diflieollà superate, clic? a qua- 
lunque altro si accingesse a tale opera potrebl)e sem- 
brare difficile l'imniaginaile, non cln- il vincerle. 

Quindi è che quanto dovemmo essere lieti della 
sua stanza in questa capitale, lauto ora dovremo noi 
rattristarci dalla parten/.a jier iMiinaeo sua patria,' la 
<iua!e egli andò a rendei' pili illustre colla sua ec- 
cellenza nel disegno, lasciandoci dolenti nell'averle 
p.;rdulo. 



is^ 




ALBERO CAOUT-CHOUC 

{Hcven Guianenis). 

La sostanza conosciuta da principio sotto la de- 
nominazione impropria di gomma elastica, e che chia- 
masi oggi caout-clwiic, è il succo denso AeWhevea 
gmanensis, grand* albero dell'America meridionale, 
che abbonda specialmente nelle foreste della Guiana. 
Due botanici francesi, yinhlet e Richard, ne hanno 
dato nna completa descrizione : il primo di questi 
non avea veduto che il tronco e le foglie; l'altro n'ha 
osservato anche i fiori ed i frutti. Un altro autore 
parimenti francese, Lacondamine, uno degli accade- 
mici inviali al Perii verso la metà del secolo XVIII 
per misurarvi un grado dell'equatore, ha fatto cono- 
scere i procedimenti \isati in America per estrarre il 
succo di (]uesla pianta, e dare a questa sostanza le 
forme diverse, sotto le quali viene messa in commer- 
cio. Per mezzo d'un* incisione praticata nel tronco 
dell'albero si ottiene lo scolo di siffatto liquore, ch'è 
da principio limpido e senz* alcun colore. Se si vuole 
fare un vaso, una caraffa, o al tro recipiente qualun- 
que, si forma primieramente un modello di creta sot- 



tile quanto è possibile. Allorché questa forma argil- 
losa è ben prosciugata, vi si pone sopra con un pen- 
nello un primo strato del gommoso liquore, e si la 
prosciugare sopra fiamma alquanto fuliginosa. Vi si 
applica quindi un secondo strato, che si fa prosciu- 
gare ugualmente, e cosi in seguito fino alla voluta 
grossezza; poscia si rompe il -vaso, ossia la forma 
d'argilla che resta internamente, e eh' esce a pezzi 
dall'apertura del vaso stesso. .Si perverrà senza dub- 
bio a fare siffatte preparazioni, senza affumicare il 
liquore gommoso nel suo prosciugamento, onde ave- 
re vasi limpidi e chiari. Era poi riservato alla chi- 
mica moderna di rettificare gli errori che aveansi 
sulla natura di questa sostanza, e di provare eh essa 
riprende le sue proprietà caratteristiche dopo essere 
stata disciolta, sia nell'etere, sia nell'olio in essenza, 
sia anche in un olio pi-osciugaute. Le ricerche, di cui 
questa sostanza fu l'oggetto, moltiplicaronsi a vantag- 
gio degli aerostrati, pe' quali conveniva trovare un 
involto sottile, leggero, e con tutto ciò impermeabile 
all'idrogene. Il taffettà con una sottile vernice di 
questa sostanza soddisfa precisamente a tutte queste 
condizioni. Da che le arti sono in possesso di questo 
prodotto americano, se n' è vai-iato l'uso. Così in 
Francia, per mezzo d' ingegnosi procedimenti, si è 
giunti a tessere e filare questa sostanza, in modo di 
fabbricarne cinte, legacce, straccali, calzari, ed altri 
arnesi, l'elasticità de' quali corrisponde ad ogni mo- 
vimento del corpo, senza mai soffrire l'incomodo di 
sentirsi soverchiamente stringere o tirare. 

S'innalza quest' albero nelle foreste della Guiana 
fino a venti metri. Il suo tronco è dritto, e senza rami 
fino ad una gi-ande altezza. Le foglie sono a Ire lem- 
bi grandi, e d'un verde gradevole ; ma i fiori sono 
piccoli e di niuno splendore: i frutti sono a tre or- 
dini, ciascuno de* quali contiene una o due amandole 
buone a mangiarsi, purché si avverta di toglierne il 
germoglio, che dicesi essere un violento purgativo. 

SCIARADA 

Il primiero ci apporta il sfconf/n. 

L'uno e l'altro abbelliscono il mondo: 
E Viriteì-o fa l'uomo giocondo. 

ScMBvn* pRECEDEjfTE^^ Ambi-duc. 



TIPOGRAFI-^ DELLE BELLE ARTI, YIA I?( ARCIO.-HK !t. 100, COX APPROVAZIONE, 



155 



4NN0 

SECOI^DO 




distribuzioni: 

2®. 



/ Si pubblica ogni Sabato 



KOMA 



25 Luglio 1835. 




PIETRO BEMBOn 

CARDINALE DI S. CHIESA. 

Pietro Bembo, il cui solo nome è mi elogio, gran- 
de ornamento sì delle lettere italiane e latine, che 
ricondusse airantico splendore, e sì egualmente dilla 
porpora de' cardinali, che ebbe (può dirsi) da Ini 
un nuovo lustro, nac<|ue in Venezia il di 20 mag- 
gio 1470, e gli furono genitori Bernardo ed Eleaa 

(*) lì presente rilraUo ilei carJ. Bembo t- Jesunto da! ci-!e!)re liijiin- 
tv della «cuoia U'Àttnc, cft«guiu &«IW ttau&e vntusoc tUU'im morta le 



Marcella; l'uno per letteratura, e per accorgimento 
nelle nubljliehe cose lodatissimo, l'altra per ogni ma- 
niera di femminili virtù celebrata. Il Bembo di appena 
nove anni fu in Fiorenza col padre colà ambascia- 
tore, quindi ritornò in patria. Pervenuto all'età di 
veutidue anni, e bramoso di appararle la lingua di 
Omero, siccome quella che può dirsi la madre di 
tutte le altre piii dotte e gentili, si recò in Messina 
per udirvi le lezioni di quel sommo ellenista, che 
fu Costantino Lascaris: né solo giunse ad intenderla, 
ma sì pure a scriverla con non mediocre facilità. 

In processo di tempo visitò Ferrara, Boma ed 
Urbino, e i principi di quelle corti, e gli uomini pii» 
illustri clic vi fiorirono, gareggiarono nell'onorario. 
Giulio II, Leone X e Clemente VÌI, gli furono pro- 
dighi di onoii e di ricompense, ma fu Paolo III che 
il volle cardinale il dì 24 marzo 1539. Il Bembo fu se- 
gretario de' brevi, vescovo di Gubbio e quindi di Ber- 
gamo. Ricco di anni e di fama, cessò di vivere ia 
Boma il giorno 18 gennaio 1547. Le sue spoglie 
mortali dormono in pace in s. Maria sopra Minerva 
dietro l'aitar maggiore. Una semplice lapide le ri- 
cuopre con sopravi la seguenle breve iscrizione: 

PETRO BEMBO PATRITIO VENETO 

OB ElVS ShNGVLARES VIRTVTES 

A PA\ LO HI PO.NTIF. MAX. 

IN SACRLiM COLLEGIVM COOPTATO 

TORQVATVS BEMBVS P. 

Girolamo Quirino gli fece inndzare un marmoreo nio- 
nuuiento nella chiesa di s. Antonio in Padova. Bai- 
dassare O'trocclii inserì una sua dotta dissertazione 
intorno il Bicvino nel Unno 4" della nuova raccolta 
degli opuscoli del Calogià. Il Varchi e lo .Speroni, 
(lenirono per esso due ora/.ioni funi-bri. li Guaite- 
ruzzi, il Beccadelli, e mousignor della G:i«a ae «crik- 



154 



sero la viu: quella dcirulliino pubblicala iu latino 
e ricca delle più care eleganze, fu nel 1832 recata 
ia italiano con molta felicità, per cura di quel chiaro 
letterato, di che oggi sì onora Pesaro, che lo ha pi'o- 
fessore di belle lettere, vogliali! dire G. I. Montanari. 



I suoi amici, clie furono molti e dottissi 



spa 



rsero 



non meno di poeliL'i fiori, che di lagrime sincere la 
sua tomba. 

A soienne testimonio dell'onore, in che avevano 
il Bembo i più ripulati ingegni del suo tempo, alcuni 
di essi vollero intitolato al suo nome le loro opere, 
e fra questi non è da tacersi del Fontano, del Fra- 
castoro e dei due fratelli Zauchi. Il Bembo però, più 
che alle altrui benevolenze ed elogi, deve alle opere 
principalmente una gloria non peritura : e tali sono 
gli Asolaia, la Storia, le Lettere e le Rime. Orato- 
re, storico e poeta, molto gli debbe la patria, cui 
crebbe rinomanza: ma più che in altro fu veramente 
grande e benemerito delle nostre lettere, rivocando 
la più gentile delle lingue alla sua antica semplicità, 
dignità ed eleganza. 

KRETTEL. = STORIA TEDESCA. 

Era Tanno scorso, verso la fine di novembre :, 
una neve fina e gelata volteggiava nell'aria, ed an- 
dava a battere con forza contro i vetri di una pic- 
cola osteria situata fra Komberi; e Rotlweil sulle frou- 
liere dei ducati di Baden e della Baviera. 

Due viaggiatori, che il cattivo tempo aveva seque- 
strati in quell'osteria, dimenticavano la stanchezza 
ed il freddo in presenza d'una fetta di manzo aflu- 
raicato, che inailiavano con un vino dorato del mar- 
graviato; il romoreggiare d'una grande stufa di ferro 
fuso faceva un contrasto, piacevole al loro orecchio, 
col sibilo acuto del vento. 

L'oste e sua moglie non avevano altre persone 
di servizio die una giovane badese allevata da loro. 
Krettel, cosi chiamavasi ella, divideva colla padrona 
le faccende di casa: cordoli bleii alla cucina, came- 
riere al primo piano, palafreniere alla scuderia; ella 
congiungeva in se sola tutti gì' impieghi, pe' i quali 
ordinariamente è necessaria una servitù numerosa. 

Erano le dieci della sera; i viaggiatori avevano 
terminala la loro cena, e si erano avvicinati al grup- 
po, che formavano intorno alla stufa il vecchio Hof- 
l'kirch, i loro ospiti ed alcuni del paese. La conver- j 



sazione si aggirava sui sanguinosi episodi de' quali la 
vicina foresta era il teatro; ognuno aveva la sua 
storia da raccontare, e il vecchio HofFkirch non era 
l'uhiino a spaventare i suoi uditori colla narrazione 
di diverse avventure più o meno tragiche, che tene- 
va sempre in sei-bo per divertire i suoi avventori, e 
far loro dimenticare con questo mezzo il tempo e le 
bottiglie che vuotavano per distrazione ueirascoltarlo. 
Egli aveva finita una storia d'assassini, storia spaven- 
tevole, il capo lavoro del genere. La scena era slaU 
a due tiri di schioppo dalla sua osteria : ci non la 
sapeva se non per tradizione; ma un vecchio paio di 
l'orche in piedi, ancora sul luogo del delitto, impri- 
mevano al suo racconto un carattere di verità lugubre, 
che ninno avrebbe osato rivocare in dubbio. Quel 
luogo era iu fatti temuto nel paese, ove una vecchia 
ti-adizione lo disegnava come punto di convegno di 
una banda di masnadieri, che ogni notte vi tenevano 
le loro misteriose adunanze. Tutti i convitati erano 
ancora impressionati dal terrore che quel racconto 
aveva suscitato in loro, quando uno dei viaggiatori 
offrì di scommettere due zecchini, che nessuno ardi- 
rebbe andare in quello stesso momento al luogo fa- 
tale, a segnare una croce sulle forche. La sola idea 
di una scoraessa così strana accrebbe il terrore clie 
si era di già impossessato dell'animo dei presenti : 
un lungo silenzio fu l'unica risposta a quella disfida. 
Tutto ad un tratto la giovine Krettel, che stava fi- 
lando in un angolo, si alzò come inspirata, ed accettò 
la scommessa chiedendo il consentimento de' suoi 
padroni. Dapprima essi si opposero, dimostrandole la 
solitudine del luogo, e principalmente la mancanza 
di qualunque soccorso in caso di pericolo; ma tutto 
fu vano : ella persistette nella sua risoluzione, ed i 
suoi padroni, sebbene di mala voglia, permisero die 
partisse. Ella si provvide d'un pezzetto di creta per 
fare il segno che la mattina dopo si doveva andare 
a riconoscere, e si allontanò a passo veloce, dopo 
aver chiesto, che, per qualunque evento, aperta si 
lasciasse la porta dell'osteria. Al momento di arri- 
vare ella si arresta subitamente, parendole avere udi- 
to qualche strepito; pure dopo un momento di esi- 
tazione, si inoltra alquanto, ben determinata a fug- 
gire al più piccol pericolo che veda. Lo strepito si 
rinnova, ella ascolta ; il calpestio d'un cavallo le 
colpisce l'orecchio: ma il terrore che prova, le im- 
pedisce alla prima di distinguere se il cavallo viene 



155 



verso lei; pure si rimelle un poco, ed un moiuciito 
di tranquillità le permette di scorgere l'oggetto del 
suo terrore legalo alle forche. A tal vista, ella ri- 
prende coraggio, si slancia e segna la croce. Nello 
«tesso momento lo sparo di una pistola le dice clic 
ella è stata veduta. Per un movimento, piìi pronto 
che la riflessione, ella dislega il cavallo, vi salta su 
e fugge a briglia sciolta: è inseguita, ma raddoppian- 
do di velocità, arriva nella corte, ha appena il tempo 
di gridare che si chiuda la porta, e sviene. Ritornata 
in sé, racconta quello che le avvenne: si loda il suo 
coraggio e la sua presenza di spirito. Si ammira il 
cavallo che era di una bellezza non comune, e si 
vede che ha una piccola valigia di cuoio sulla grop- 
pa. Volevasi vedere subito che cosa contenesse, ma 
il vecchio Hoirkirch non volle permettere che si 
aprisse se non in presenza del borgomastro. 

II domani ei-a una domenica: l'oste, sua moglie 
ed i suoi ospiti erano andati al vicino villacrrio, ove 
volevano, finita la messa, informare il boreomastro 
dell'avvenimento del di innanzi. Erasi raccomandato 
a Krettel, rimasta sola alla custodia della casa, di 
non aprire a nessuno prima che i padroni ritornas- 
sero. Era scorsa appena mezz' ora, quando fu bus- 
sato alla porta ,• era un viaggiatore a cavallo, che 
chiedeva di riposarsi un momento. Krettel da prin- 
cipio ricusa, ma avendo il forestiero promesso di non 
fermarsi se non quanto vi voleva per far colazione, 
ella cede ed apre,- oltre di che quell'uomo era solo 
e ben vestito. Il foi-estiero volle condurre da sé me- 
desimo il cavallo nella scuderia, e vi si fermò lungo 
tempo ad esaminare quello che in modo così strano 
v'era giunto il giorno prima. Facendo colazione, fece 
alcune domande intorno al personale dell'osteria, 
chiese a chi appartenesse il cavallo che aveva veduto 
in istalla, e seppe fare cosi bene, che la povera fan- 
ciulla, che non sospettava in lui alcun secondo fine, 
gli raccontò ingenuamente tutta la storia, e finì col 
confessargli ch'ella era sola. Ella ebbe però un timore 
vago d'aver commessa qualche imprudenza, percliè 
colui l'ascoltava con singolare attenzione. La cola- 
zione andava in lungo. Finalmente dopo alcune altre 
domande insigiiitìcauti, il forestiero comandò alla 
fantesca che gli andasse a prendere una bottiglia di 
vino. Krettel s' incammina verso la cantina, ma si 
accorge eh' ei la segue. La sua presenza di spirito 
non l'abbandona in quel momento critico: giunta al 



basso della scala spegne il lume e si pone colle 
spalle al muro. Il nostr' uomo, die non ci vede più, 
la alcuni passi tastone; ella approfitta del momento, 
risale lesta e chiude la porta che assicura solida- 
mente, e va in una stanza superiore, spiando dilla 
finestra il ritorno dei padroni. Erano già pochi mi- 
nuti, (juando si picchia alla porta, ed ella V(.'de due 
uomini di brutta cera che le chiedono nuove d'un 
viaggiatore che doveva essere arrivato poco prima. 
Dalla descrizione eh' ei ne fanno, ella riconosce su- 
bito quello che ha chiuso in cantina; ciò non ostante 
ella protesta di non aver veduto nessuno. Sul suo 
rifiuto di aprire, eglino minacciano di scalare il 
muro: ella è atterrita, ed il suo coraggio è per ab- 
bandonarla, perchè coloro possono facilmente portare 
ad efletto la minaccia per mezzo delle ferriate, di 
cui sono munite le finestre del piano terreno. In tale 
frangente ella si guarda attorno; i suoi cechi si ar- 
restano sopra un archibugio appeso al muro, era 
quello del suo padrone. Lo prende e dichiara che 
farà fuoco sul primo che si movesse per salire. I due 
ladri, sgomentati a quella vista e maravigliati di una 
simile intrepidilà, corroborata da un argomento sen- 
za replica, se ne vanno vomitando minacce orribili 
e giurando che ritornerebbero in forza. Ad onta del 
suo spavento, la nostra eroina mostra risoluzione e 
rimane ferma al suo posto. Passa un' ora intiera in 
quella terribile ansietà. Finalmente ella vede il suo 
padrone; esso ritorna in compagnia del borgomastro 
e di varie altre persone. La brava Krettel cori'e alla 
porta : al suo spavento è sottentrata la gioia piìi vi- 
va. E interrogata, e racconta tutto quello che è av- 
venuto. Tutti si congratulano seco lei, il borgoma- 
stro principalmente le profonde elogi. Si va a pren- 
dere il ladro che la fanciulla aveva imprigionato 
con tanta destrezza e presenza di spirito. Egli oppo- 
ne viva resistenza; ma alla fine è costretto a cedere: 
viene stretto di funi, e tosto è riconosciuto pel 
capo degli assassini che da lungo tempo spai-gcvano 
il terrore nel paese. Questi, erranti e senza capo, fu- 
rono presto in parte presi ed in parte dispersi. II 
borpomastro giudicò che il cavallo e la valigia, che 

DO ~ 

conteneva una bella somma in oro, si dessero alla 
giovine Krettel, la quale col suo coraggio aveva così 
efficacemente contribuito a purgare il paese da que- 
gli scellerati che lo desolavano. 



«56 




qr„r ■/•' 



CITTA E PORTO DI MARSIGLIA 



Discendenti dai focesi, i quali tracciarono pe* pri- 
mi la via del golfo Adriatico, e del mar Tirreno, i 
marsigliesi non hanno mai smentito la loro origine i 
raa sempre rivolsero tutte le loro viste al coininer- 
do, e questo coronando le loro fatiche fu sempre la 
sorgente della loro pi'osperità. 

Trattando soltanto del tempo dell'era cristia- 
na, noi veggiamo che fin dal II" secolo le salagioni 
della Provenza godevano già un sommo credito : e 
Plinio il vecchio ci apprende che i pesci preparali 
in Marsiglia, e specialmente le sarde, erano ricercate 
ed in mollo pregio presso i romani. 

Secondo Gri-gorio di Toiirs questa cillà era nel 
VI" secolo il luogo di deposito ordiuario delle merci 
della nazione francese, e di quelle che si trasporta- 
vano dall'estero. F.ra pure in questo porlo che sbar- 
cavasi il vino di Gaza, cosi rinnouiaio presso i galli. 
Jiell'anno 830, dice lo storico Eginhardo genero e se- 
gretario di Carlo Magno, i negozianti stabiliti in 
Marsiglia importavano già dall'Egilto le spezie delle 
Indie, ed i profumi d'Arabia : ne traevano anche 
ilello xuccai'O e della seta, portata dalle caravane 



dell'Asia; ma quest'ultima merce era di csttem» 
lusso, e le sole spose novelle facevano uso di uU 
abito di seta, la cui fattura costava cinque soldi. 1 
cuoi, le pelli conciate, gli oli divennero in appresso 
gli oggetti piix importanti del commercio di Marsi- 
glia. È noto abbastanza il conto in cui teneasi il sa- 
pone ivi fabbricato, il quale forma anche oggidì uno 
de' più considerevoli rami della sua industria, e se 
ne fa smercio quasi per tutte le piazze meixanlili 
dell'Europa. 

All'epoca delle prime crociate, i marsigliesi eb- 
bero specialmente il merito di provvedere a tuttp 
quello che poteva occorrere nel tragitto di mare alU 
schiere cristiane: ed ottennero perciò in Siria diverse 
concessioni, e l'esenzione di tulli i dazi sulle mes- 
canzie che iuiportavausi co' loro navigli. La concia 
delle pelli fu già per Mars'glia di sommo profitto, 
e l'Italia e la Spagua specialaiente ne faceano vistosi 
acquisti; ma il dazio gravoso, che fu imposto a que- 
sta merce nel 1760, diminuì mollissimo siffatto com- 
mercio. Nel 1423 dopo la morie della regina Giova»- 
ua, mentre Marsiglia era sottoposta a tutti gli orrori 



157 



della g»ierra sotto Alfuuso d'Arvagoiia, le rcpuLMiche 
di Genova e di Venezia s'impacii'ciiiirono in giMii parte 
delle relazioni commerciali di Marsiglia cui levante; 
ma ben presto sotto il regno di Keiiato tali perdite 
furono riparate. Questo principe stabilì saggi rego- 
lamenti, elle prepararono un' era novella di prospe- 
rità, portala al piìi alto gi-ado dalle Iranehigie atcìjr- 
date nel 1669. Questa prosperità non fu interrotta 
che uel 1790: in tal" epoca Marsiglia ebbe a sollVire 
ia causa della sospensiiuie generale del commercio 
e specialmente dalla legge enirtuata li 31 dicem- 
bre 1794, che soppresse interamente la fVanehigia 
accordata nel 1669, ch'era già stata di molto modi- 
ficala dall'anlecedente legge 1 agosto 1791; conse- 
guenze solite delle rivoluzioni. Nelle lunghe guerre sot- 
to l'impero militare, che non ebbe di grande che le 
sue ruiue, Marsiglia andò del tutto in decadenza: e 
la sua popolazione, eh' erasi ripristinata dopo la pe- 
ste del 1720, fu di nuovo e cosi rapidamente dimi- 
nuita, che rimasero perfino alcune contrade del lutto 
spopolale. 

La pace vi ricondusse gli abitanti e le ricchezze; 
3 governo s'impegnò a favorire questo ritorno dell' 
attivila del comniereio. La leiji>-e del 16 dicembre 

•Da 

1816 restituì al porto le sue antiche franchigie, ed 
accordò una piena libertà alla di lei navigazione. 
Con tali provvide disposizioni Marsiglia si è ben pre- 
Sto innalzala ad un grado di ricchezza, la cui base è 
un commercio speciale che non le si può contendere. 
Solo gran porto francese sul Mediterraneo, Marsiglia 
ha una posizione unica incontro le corti spagnuole, 
italiche, greche, levantine, asiatiche ed aflVicane. Ne 
a queste contrade limita essa le sue connnerciali re- 
lazioni ; ma non lascia di eslcndeile col mar Nero, 
eoi Baltico e coH'Inghillerra ; le sue navi si spedi- 
scono alle grandi Indie; sono in comunicazione con 
gli Slati-Unili e colle Aniilie ; infine le sue spedi- 
zioni per l'America del sud dimostrano ch'ossa in- 
t«iule il valor commerciale nel senso piìi esteso. 



AWNEDOTO. 

Quando Giasone del Mayno, famoso legista, nato a 
Pesaro nel 1443, studiar voleva con applicazione, 
•hìudeva ermeticamente anche a pieno giorno le fe- 
■eslre della sua casa, e travagliava col lume, onde 



essere piii raccolto. Egli fra talmente avvezzo a 
quest' uso, che riceveva le sue visite a qualunqtw: 
ora anche col lume, e così le accompagnava alla 
porta. Si dice che era tanta la di lui celebrità, che 
ebbe fino a tremila scolari, e che il giorno in cui 
spiegò il diritto in presenza di Luigi XII a Parigi, 
questo principe entrando nella università, volle asso- 
lutamente che passasse il primo, considerandolo sus 
precettore in quella occasione, e dicendo che un 
pubblico professore aver doveva la primazìa iu quel 
luogo sulla dignità reale. {Dal f^eritiero). 




LA CICOGNA 

La cicogna s' innalza sopra due luuglie lamjw, 
che rassomigliano a due trampoli, come vogliono gli 
ornitoloiii>ti: ed avendo un becco lun^o e trinciante, 
sono pojli nella classe de' cultirostri. E alta circa 
quattro piedi, compresovi il suo lungo collo. Il becco 
e le zampe sono di un bel color rosso ; il corpo è 
coperto di piume bianche; le ale sono nere. La ci- 
<(i"Ma .niT le sue abitudini di via"-"i in-, trovasi in 
tutte le contrade siono calde, sieuo fredde o tempi-rate : 



158 



purché essa vi trovi paludi per cibarsi di rettili, ra- 
ne, ed altri abitanti di stagni e luoghi fangosi. Can- 
gia essa quindi di clima a seconda che l'influenza 
del sole desta il mondo de' rettili, alla cui esistenza 
è unita la sua vita. Allorché nella stagione fredda 
tutti questi animali di sangue freddo si ascondono 
nel fondo de' stagni, e ne' loro nascondigli, la cico- 
gna è obbligata a cercare latitudini più calde, dove 
i rettili non cadono mai nei torpore, e dove perciò 
la sua sussistenza è sempre assicurata, le cicogne 
passano il nostro inverno in Arabia e in Egitto, e 
giungono in primavera ne' mesi di aj)rile e di maggio 
nelle latitudini temperate dell'Europa, e specialmente 
in Germania, in Ungheria, in Polonia, in Prussia, 
e più che altrove in Olanda, suolo che ad ogni al- 
tro preferiscono. 

La formazione de' nidi di questi uccelli merita 
particolare osservazione. Scelgono perciò posizioni 
altissime sopra campanili, o torri dirute, o tronchi 
elevati di alberi che hanno cessato di vegelare. Nelle 
campagne dell'Alsazia, ed in tutti i distretti paludosi 
dove la cicogna rende utilissimi serviei nella distru- 
zione de' serpenti e di altri rettili, gli abitanti le 
preparano in alto de' nidi, consistenti per lo più in 
un palo come un albero di nave, alla cui sommità 
si pone una vecchia rota di un carro. Gli olandesi 
dispongono varie casse sul tetto delle case : e questi 
popoli, benché cosi amanti della nettezza anche nell' 
esterno delle loro case, non ricusano mai alla cico- 
gna la libera disposizione di quella parte di tetto 
eh' essa ha scelto per formare il suo nido. Questo si 
costruisce di ramoscelli intrecciati, coperti nell'inter- 
no di musco o di lana che i cespugli strappano agli 
armenti. Non viene mai distrutto, e non ha d'uopo 
che d'esser rinnovato ,• viene abitato per più anni 
dalla stessa coppia, fedele alla sua prima dimora ed 
alla sua prima culla. Dopo un lungo viaggio, le ci- 
cogne tornano a slabilirvisi ; vi depongono le loro 
ova in numero non minore di due, e non piìi di 
quattro: la femmina le cova con somma sollecitudi- 
ne, e vi sono esempi eh' essa ha preferito la morte 
all'abbandono de' suoi piccoli. Narrasi dal sig. Saint- 
Vincent, che dopo la battaglia di Friedland il fuoco 
si comunicò ad un vecchio tronco, sul quale una 
cicogna avea formato il suo nido e stava allora co- 
vando le sue ova: essa non le abbandonò che quan- 
do la Gamma cominciò ad appressarsi, ed allora svo- 



lazzando perpendicolarmente sopra il suo nido, sem- 
brava attendere il momento di poter sottraiTe le ova 
al disastro : spesso fu vista piombarsi sull'ardente 
tronco come per voler combattei'e la fiamma; ma, 
sorpresa dal fumo e dal calore ardente, peri in uà 
ultimo e vano tentativo. 

Dopo tante cure durante la covazione, seguono 
quelle dell'educazione: il padre e la madre non la- 
sciano mai per un istante i loro piccoli, e quando 
uno di essi si allontana per far preda, l'altro ne 
resta in guardia. A poco a poco i piccoli si eserci- 
tano a svolazzare al di sopra del nido; quindi a fare 
qualche piccolo giro, e finalmente quando hanno 
acquistato la forza necessaria, accompagnano i loro 
autori per andare a pescare insieme negli st'igni : e 
ciò fino alla prossima emigrazione di tutta la schiera 
di questi volatili, in cui tutti si rompono i legami 
di famiglia, e tutte le all'ezioni si confondono con 
quelle di tutta la schiera. Nel momento della par- 
tenza tutte le cicosne di un circondario si riunisco- 
no in qualche vasta pianura, dove sembrano tener 
consiglio sulla direzione da prendersi, e sul momento 
della partenza ; si dispongono in lunghe file, e le 
schiere ne sono cosi numerose, che si è veduto un 
passaggio di cicogne durare perfino tre ore. Dicesi 
che le più forti e le più giovani sostengano le più 
anziane ed inferme, prendendo per esse il vento, e 
fendendo l'aria per le prime, onde risparmiare alle 
altre le fatiche di un lungo viaggio. Il volo delle 
cicogne è veemente, e sostenuto: col collo pendente 
in avanti e le zampe buttate in dietro per l'equili- 
brio, la cicogna trovasi come colcata sugli strati 
dell'aria, di cui fende le più alte regioni : in tal 
guisa traversa immensi spazi di mare. Gli antichi 
egiziani, ed anche i moderni, rispettarono e rispetta- 
no questo uccello eh' è loro utilissimo, per la di- 
struzione de' molti rettili di quelle contrade, special- 
mente sulle sponde del Nilo. I turchi lo rispettano 
del pari, e lo chiamano hady-lug-lug {pellegrino 
liig-liig); denominazione presa dall'abitudine di viag- 
giare che ha questo volatile, e dallo strepito che 
fa col becco corrispondente alle voci liig-lug. Ninno 
ardii'ebbe in quei paesi uccidere una cicogna, scon- 
volgerne, e molto meno distruggerne il nido, che si 
lascia sussistere ancorché formato sul ripiano delle 
torrette delle moschee. 



150 



POLO NOHD. 



Lo scopo de' viaggi tentati ne' mari polai-i dal 
principio del X^ 1 secolo è di penetrare nella Cina 
dalla parte del nord. Ma evvi realmente questo pas- 
saggio? E se il passaggio esiste, sarà desso pratica- 
bile a seguo clic l'industria potrà prollttarue? Sono 
queste le due quistioni, di cui è ornai prossima la 
soluzione ; ma sulle quali nidla può tuttavia deter- 
minarsi per l'aflermaiiva, o per l'esclusiva. 

Nondimeno, riandando col pensiero il numero di 
coloro clic hanno tentato di forzare questa barriera 
opposta ai loro voti, nel contemplare la loro audacia 
e perseveranza, il loro zelo impegnato fino a restarne 
vittime ; interrogando gli annali di tutte le nazioni 
europee che hanno a vicenda diretto i loio tentativi 
al medesimo scopo; tentativi infruttuosi fin qui, ma 
non jierciù tralasciati ; non può credersi, che tanti 
6foi-zi e tante spese debbono rimanere senza risulta- 
menti. JNon si sono forse veduti i lavori umani più 
speculativi e più vani iu appai-enza trovarsi ad un 
ti-atto giustificati per l'applicazione immediata, di cui 
li rendea suscettivi una non piii sperata scoperta ? 
Tali furouo per esempio le ricerche per molto tem- 
po inutili degli aiitiehi geometri sulle sezioni coni- 
che, che si riconobbero acquistare un alto grado di 
importanza allorché Ivcpler ebbe mostrato che i pia- 
neti percorrevano un elittica nel loro corso intorno 
al sole. 

Ora supponendo che niun vascello possa mai, pas- 
sando sotto il polo o internandosi nelle baie di Baf- 
fin e di Hudson, giungere allo stretto di Behring ; 
supponendo anche, che giammai un carro possa trarsi 
per quelle ghiacciate pianure, e che il taglio dell' 
istmo di Panama debba render vana la ricerca d'una 
strada pel nord; non potrà almeno sperarsi, che l'in- 
dustria sia per raccogliere qualche dovizia in quelle 
incognite regioni, e che la scienza abbia a ravvisare 
qualche legge di natura fin qui inutilmente ricercata? 

A buon conto, senza le risorse della baia di Baf- 
fiu, e de' mari dello Spitzberg, la pesca della balena 
sarebbe ridotta ad un ben meschino profitto. Chi 
può sapere lo sviluppo che le scienze naturali pos- 
sono ricevere presso quelle ancor vergini contrade? 
Si è già ammirata iu quelle regioni la magnifica ca- 
duta d'acqua delta di Wood; si è già trovato il 
bue moscato tino uell'isola Melville verso il 75'^ 



grado di latitudine ; vi si è già riconosciuta l'esi- 
stenza dell'utilissimo animale, il renna, non che de' 
cani egualmente utilissimi detti degli eschimò. È pres- 
so il polo senza dubbio, the dee cercarsi l'ultima 
definitiva soluzione a tutti i quesiti che partono dai 
fenomeni dell'ago calamitato; poiché come nelle re- 
gioni tropiche certe leggi naturali si manifestano 
ne' luoghi apertamente, mentre sfuggono alle osser- 
vazioni ne' clin;i temperati, dove gli effetti sono com- 
plicati da troppe cause perturbatrici: così egli è 
probabile, che nelle l'cgioni polari si trovi il centro 
d'un' azione possente, che presso di noi si sottrae 
sotto una molliludine di piccole azioni locali. Dal 
polo infatti s' innalzano le aiu'Ore boieali, che agi- 
scono fin sull'ago calamitato de' nostri osservatori, e 
di cui è peranche incerta la causa. E ivi pure cha 
risiede quella forza misteriosa che comanda la bus- 
sola, e che su tutti i punti del nostro globo presie- 
de alla navigazione, come una divinità benefica e 
tutelare. Dopo i viaggi di Parry e di Ross, l'ultimo 
de' quali dopo 4 anni, allorché già disperavasi di 
lui, tornò nel 1833, ora si attende il ritorno di 
Giorgio Back, eh' erasi spedito appunto in cerca del 
Ross. 



SCUOLA FLVMMINGA 



ADRIANO VAN-OSTADE 

Nacque questo celebre pittore in Lubecca nell* 
anno 1610, e da giovinetto entrò nello studio di 
Francesco Mais, uno de' piii valenti pittori della 
scuola fiamminsa. Dotato il Van-Ostade di rara in- 
telligenza, s'impadronì ben presto dello stile del suo 
maestro, che imitò per qualc:he tenq)o: in seguito 
si applicò alla maniera di dipingere di Brauwer,. c';e 
avea conosciuto presso llals, e sostenuto nel suo 
scorafrnimento. Scìjuì poi anche la maniera di Te- 
niers, eh' era allora in tutta la* forza del suo talento; 
ma Brauwer lo stornò poscia da ogni studio d'imi- 
tazione, facendogli sentire che un imit:itore resta 
sempre necessariamente inferiore al suo esemplare : 
che si riduco a non essere che una macchina diretta 
da una intelligenza straniera, e che per quanto sia 



160 



pur pel-fella rìmìtazione, la gloria e la fama dell' 
imitalore si confonde e si perde sempre in quella 
delTarlisla originale. 

L'Ostade, che avea saputo conoscere fin dai pri- 
mi anni nel Brauwer un uomo sommo, si peuelrò 
delle ragioni che quesli gli addusse : e dulato come 
era di una capacità e potenza creatrice che caratte- 
rizza gli uomini d'arte, e li rende originali, si for- 
mò ben presto una maniera che gli fosse tutta pro- 
pria. Essa gli acquistò una grande rinomanza, non 
solo finché visse, ma fino a' dì nostri. 

I costumi e le abitudini degli artisti fiamminghi 
sono sempre stale diverse da quelle degli artisti de- 
gli altri paesi, e specialmente degl' italiani. Si vede 
il nostro sommo Michelangelo, senatore fiorentino, 
governatore della città, quando questa è assediata, 
con un potere quasi da dittatore, che viene poscia 
da lui abdicato per dedicarsi nuovamente alle arti 
appena ha forzato il nemico a levare l'assedio. Si 
vede il celebre Leonardo da Vinci, ingegnere gene- 
rale delle armi di Cesare Borgia, attaccare e difen- 
dere piazze forti : e cosi veggonsi molti altri nostri 
famosi artisti, esser non meno valenti nelle arti che 
nella politica, e nelle guerre secondo le circostanze : 
tutto formava l'oggetto de' loro sludi, ed in tutto 
fgreginniente riescivnno. -All'opposto i pittori fiam- 
minghi assci'ti nella contemplazione della n^itura pit- 
torica, alla riproduzione delia quale si sono esclusi- 
vamente dedicali, rimangono estranei alle politiche 
vicende che sono ad essi contemporanee. Nulla cale 
ai medesimi sotto qual governo vivano: il loro carat- 
tere patilico si man tiene sempre in una indipendenza 
dalle convulsioni politiche; non anelano alla gloria 
che una pagina della storia consacri il loro nome ; 
purché abbiano la loro pippa, un vaso di birra, ed 
una lieta tavolala di Ijcvitori, di null'altro si curano. 
Brauwer non sapea ncppur se, e con chi si fosse in 
pace o in guerra; e Cu pei-fino arrestato come spio- 
ne, essendosi ostinalo a picchiare alla porla d'una 
città assediata. \an-Ostade, avvertito dell'avvicina- 
mento delle armale nemiche, abbandona il paese in 
cai soggiorna, vendo quanto possiede, ed emigrando 
dalla citta di Ilaileiii, fa ritorno in Lubecca per la- 
v«vrarvi senza essere inquietato. 



Recavasi egli in Amsterdam, quuido uno di quei 
ricchi cittadini, chiamato Ci>stantin.) Seuneport, l'in-- 
dusse a fermare stanza presso di lui. I vantaggi che 
il pittore trovò in una capitale cosi grande, dove il 
gusto delle arti era generalm!;ntc in sommo pregio, 
lo determinarono a fissarvisi: il suo nome eravi giii 
conosciuto, e le sue opere ricercatissime. E^ra circa 
l'anno 1662, e di quest'epoca sono i suoi più pre- 
giati lavori. Sebbene non potesse bastare alle molte 
commissioni che ricevea, non ne ricusò mai alcuna; 
quindi, sempre applicato al lavoro, le sue produzioni 
sono in gran numero, nò alcuna fu da lui lasciata 
in istato mediocre o inconqìlcta ; ma tutte finite all' 
ultima perfezione. La sei'a era da lui impiegata nel 
far disegni, o nell'incidere le stesse opere sue: le sue 
incisioni all'acqua forte, tenute in alto conto, conser- 
vano tutta l'originalità ed il carattere de" suoi dipinti. 
Mori questo valente artista in Amsterdam ne! 168-5 
di 75 anni. Il suo fratello minore Isacco, morto piìi 
giovane, ha lasciato anch' esso de' quadri che iti 
nulla cedono in pregio a quelli di Adriano. 

I soggetti deirOstade sono presi per lo piii nelle 
taverne, ne' mercati, e nelle pubbliche piazze: e rap- 
presentano, come quei del Teniers, de' bevitori, de* 
giuocatori, de' villani e ri\enditori ecc. Quesli due 
artisti però hanno trovalo il mezzo di dare un' im- 
pronta originale ai loro quadri. Nelle figure dell* 
Oslade regna lauta giustezza e precisione ne' carat- 
teri delle figure, e tanta verità di espressione, che 
fanno dimenticare la bruttezza che si ravvisa sempre 
nelle figure slesse. Allorché rappresenta l'interno di 
qualche luogo, pone ordinariamente il punto di vista 
in allo assai; per modo che vi si vede tra le porte 
una continuazione di ambienti, eh' egli empie di fi- 
gure e di mobili dettagliati ed eseguiti con somma 
finitezza. 



SCIARADA 



Piace agli uomini il primo udir da femmine, 

Come l'altro allo donne udir dauli uomini. 

o 

Spiace a tutti il totale, ed anche agli asini. 



ScilHADA PBECEDK» TE = ■S'oZ-rA', 



.%.v* ^ V X*-. 



. -v% % ..x'v^ ^.«^.^^x^^ 



TIPOiinAFIA DELLE BELLE ARTI, VIA IW ARClOi\S N. 100, COM APPROVAZIONE. 



161 



ANNO 




DISTRIBUZIONE 



<f5 



Si pubblica ogni Sabato 



E CIMA 



1 Agosto 1835. 




TITTOP^.ELLI 

Giacomo Viitobelli, quel genlilc e caro ingegno 
d'Italia, amato e riverito da tutti quelli che Io co- 
nobbero, non meno per bontà rarissima, clic per 
dottrina e zelo costante ad ogni ottimo studio, morì 
il giorno 12 giugno 1835 in Bassano sua patria, qual 
visse tx'r ottantasei anni , il giorno preciso della sua 
nascita fu il 10 novembre 1749), esempio d'ogni piìi 
amabile virtìi. E fra le molte cbc sarebbe debito ri- 
memorare non può tacersi la singolare modestia, ed 
ingenua amorevolezza, e spontaneo desiderio di pia- 



cere a tutti ed a tutti soccorrere. E la umilia e pia- 
cevolezza del suo costume nou meno co' semplici 
mostrava, che cogli uomini di lettere; il cui melilo 
egli non finiva mai di riconoscere ed altamente pre- 
giare : di che, fra le molte e splendide prove ch'egli 
diede nel lungo corso di sua vita, lasciò esempio 
in alcune lettere che negli ultimi tempi del suo vi- 
vere scrisse all'illustre prelato C. E. Muzzarelli, il 
quale meritando così bene delle nostre lettere ira 
giusto che si onorasse dell'aHettuosa stima di sì 
valent' uomo. Ed a lui, non sono tre anni, scriveva 
queste parole tenerissime. « L'anno ottantesimo terzo 
>' è stato Cuora, ed è per me fatalissimo : guai se 
» non avessi al fianco il mio Acato, il mio cordiale 
» Amatori ! E ciò che mi avvilisce più di tutto, è 
» certa malinconia, ed una quasi continua vigilia. 
" Oh quante volte nel corso della notte vengo alla 
B camera di inonsignore, e piango e fo le mie di- 
» scolpe; ed egli mi compatisce e mi perdona. Che 
» dirò poi di quel grande e tenero sonetto, clie po- 
li chi giorni fa venne a farmi una visita così affet- 
•o tuosa? Oh quanto mai paglierò tanti debiti! Non 
» vorrei morire fallito. Ella, che è tanto dolce e gen- 
» tile, non mi dimentichi in quel suo Vaticano, do- 
» ve a qualche santo iiou sarò forse né discaro, uè 
» estraneo ecc. « 

Oh come l'Italia va ogni giorno dimagrandosi di 
uomini chiari e buoni ! Iddio voglia che l'esempio 
loro valga a tenere la gioventìi sopra la buona stra- 
da, ed incuorarla a dar opera in eletti sto li. Fra gli 
ottimi esempi non sia ultimo quello di Giacomo Vit- 
TORELLt, che nutrito nei classici si acquistò fama di 
Anacreonte italiano; le cui grazie e care bcdlezze 
niuno pili del bassanese conobbe, ninno meglio se 
ne giovò, da parere elegantissimo in tanta tenuità 
di metro e semplicità di stile. E le poesie che quel 



6'2 



noliilissimo ingegno produsse alla luce, dureranno 
iu Italia come cosa dolcissima, e nel suo genere clas- 
sica. E della sua durata fanno fede gli cncomii e le 
traduzioni che si son fatte nel latino delle sue ana- 
creontiche, fra le quali furono piix conosciute quelle 
del Sivrich, del Trivellato, del Tommaseo e del l'i- 
lippi,- ma piii delle traduzioni faiii j^resenti alla po- 
sterità i lavori del Vittorelli quella maravigliosa 
dolcezza d'immagini, quel candore sempre eguale di 
afletti, quella spontanea e soave collocazione di pa- 
role: le quali cose, abbastanza rivelando la gentilezza 
del suo ingegno e la purità del suo cuore, gii da- 
ranno fama di poeta originale. 

Avevamo terminato il presente articolo, quando 
ci è pervcntita alle mani questa anacreontica dell'il- 
lustre prelato C. E. Muzzarelli : la quale ci è parsa 
dettata dal cuore, e piena di quella grazia e morbi- 
dezza che a simil genere di poesia si richiede dai 
maestri dell'arte. Il perchè stimiamo far cosa grata 
ai nostri leggitori di recarla qui sotto: 

O peregrin dolente. 

Che d'alpe all'Adria muovi, 
E chiedi, e più non trovi 
Di Doride il cautor: 

Se un salce a un marmo algente 
JNe piove i rami sopra, 
Se l'amistà si adopra 
A spargerlo di fior,- 

Se insolita fragranza 
Uu venticel vi spira, 
Se una pietosa lira 
Vi spande tm mesto sao»; 

Non dubitar: Qui ha stanza, 
Dirai con certa fronte. 
Il casto Anacreoute 
Ch' ebbe l'Italia in ck>«. 



I :« D u s T a I .V 31 1 X E a A I. E I ?{ 1 s r a r. x a . 

Sotto i romani la Spagna forniva piombo, stagno, 
ferro, rame, argento, oro, e mercurio. I mori con- 
servarono in molta attività le miniere in quelle re- 
gioni ; ma quando furono respinti in A l'rica , l'indu- 
stria minerale fu a poco a p ico trascurata. All'epoca 
dello scoprimento dell'America la Spagna cominciò 
a favorire specialniente il lavoro delle miniere nel 
nuovo mondo. Erano queste infatti una sorgente d'ira- 
mense ricchezze ; ma le miniere della madre patria 
ne rimasero sempre piii trascurate. Le miniere però 
di Almaden in Ispngiia furono sempre coltivate: ed 
il mercurio, che se n'estraeva, mandavasi annualmen- 
te in vistose quantità nel Messico, per valei'sene 
colà nell'estrazione de'preziosi minerali. Le guerre 
che successivamente la Spagna ebbe a sostenere con- 
tro la Francia, e colle sue proprie colonie, cagiona- 
rono sempre piìi la decadenza delle miniere; ma al 
ritorno del re P'erdinando VII cominciarono a ri- 
prendere nuovo vigore i lavori delle medesime con 
ben intesi regolamenti. Kiferiretno qui alcuni tratti 
dell'itinerario di un recente viaggio fatto in Ispagna 
dal sig. Le l'iaj ingegnere francese. La popolazio- 
ne della contrada montuosa di Alpujarras, dice es- 
so- ingegnere, dopo aver vissuto per molti anni nella 
miseria si scosse da quella specie di letargo in cui 
vivea, e rivolse col più vivo ardore le sue ricerche 
alle miniere di piombo così abboudanti in quel suolo. 
I più felici risultamenti sorpassarono le speranze 
concepite, ed in pochi mesi cominciarono a vedersi . 
poveri contadini emergere dalla loro miseria . Ciò 
mosse altri molti a far le stesse ricerche, e fin dall' 
anno 1826 più di 3,'jOO miniere eransi aperte nelle 
Scirras di Gador e di Lujar. Verso la metà del 1S33, 
stando io in Adra, mi fu assicurato che piii di 4,000 
pozzi erano stati scavati nella sola terra di Gador. 
iVcl 1823 la produzione di tali miniere erasi già 
innalzata a 500 mila quintali, e nel 1827, epoca 
della maggior prosperità, si ottennero fino ad 800 
mila quintali. Il maraviglioso sviluppo dell'industria 
fece una somma sensazione. Ciascuno si credea posto 
sopra un terreno, che non dovea che aprirsi per 
recai-e somme ricchezze ai felici inventori. Al cb« 
pur si aggiunse uno sviluppo quasi subitaneo dell'in- 
dustria minerale nel regno di Granata: due scuole 
d'inseguamento su <juesto importante oggetto furono 



I^r 



sliiliililo, una in Madrid, l'.iltiri in Aiuiidcii. Multi 
furono siiedili anche all'estero per lai- <luvi/.i;i di 
sill'atle cOLTiii/.inni, e drill'cstcro pure li'cri-o lit(jriii) 
in Ispii/iia molli, umnini nliili per tale industria. At- 
ludniciite le licerclic di duTÌ/.ie inineruli in Ispagn.i 
$i prusej^iiono con soiiinia attività. 



a u o V o G K IN K il t; u 1 1, l u a i n v /. i o :* li . 

VI stata fatta n m ha tinari in Londia una sro- 
perla della p:il aita importanza, rispetto alla illuaii- 
ii«KÌone. Consiste essa in esporre un glohetto di cale»! 
• ila combustione dei gas ossigeno e idroj^rno. J,a 
luce cosi prodotta lassomigìia ai raggi del sole con- 
centra li liei luoco di un riileltiture circolare o pa- 
rniìolico. (Questa seopi:rt i è slata applicata al niicro- 
icjrrio solare per supplire raiiiioe del sule in ogni 
tempo, ed in ipialsiv oj^lia luogo, allorché non può 
<'iiiKi'>i de' ra''"! di questo astro. Il lenente Druin- 
mond, della marina reale della Gran Brettagna, ha im- 
iiiaginalo d'impiegare questa luce, a cui è stato dato 
il nome di calci-i ssi-idrogeno, alla illuiuinazioue dei 
iaii o lanterne marittime in veeo de!le lampade di 
Aiiiand, e dei riflettitori di cui si suole lar uso. 
Ogni glohello di calce, la cui gi-ossczza è quella di 
un grosso pisello, arde per venti, e ventuno minuti. 
Altri se uè sostituiscono successivamente dopo la 
combustione di ciascuno di essi. La potenza illumi- 
nante di fpiesto uuovo sistema è tale, che un glo- 
betto di calce, di tre linee di diametro, produce iu 
intensità di luce, per via drila sua combustione 
Bell'ossigeno e idrogeno, uno splendore eguale a 
quello di 20 lauipade di .irganil, e di 2400 candele 
di cera. E stata latta di lecente a tale oggetto una 
spericnza nel laro di Pur/leat , sotto la direzione 
del teueute Dniinmond, alla presenza di una coui- 
missioue nominata dai lordi dell'ammiragliato. Alla 
distanza di quattro leghe (miglia 9 e ire quinti,!, in 
una aotte oseurissima, il laro di Piirflcct veduto da 
Ijlack-wall presenlava, per l'iuipicgo di questa nuo- 
va manieri d'i.lumina/.ionc, un ehiaroie straordina- 
rio ed abbaglia ile. Si disi-eruevanu perrettameute a 
malgrado di una si gran distanza, sopra di una mu- 
raglia oscura, rilles.si di ooilo'a che non erano nrinui 
visibili, anche col soccorso di selle rillittitori para- 
bolici illuminali da lampade di Arcami, la cui azione 



veniva considerabihuenle da vetri lenticnlaii, sccondu 
il nuovo sistema liancesc di Fourier. .Nel moto ro- 
tatorio de'rilletlitori a globetli di i-alci?, si osservava 
un elletto lanlo maraviglioso, quanto bello; cioè che 
ogni volta che il i'uoco di luco spariva dagli occhi 
degli spettatori, una lunga coi'rente luminosa sgorga- 
va dal sito ove era posto il glohello illuminante, ed 
illuiniuava l'orizzonte a grande distanza. Questo gl'>- 
ho luminoso faceva il giro dell'orizznutc, accompa- 
gnando il moto rotatorio del rilletlatore. ( /j . /.) 



L.V CACCIA DùT. .VI::LE NEI, ^01X1) 01.1, 1. AMiRICA. 

ÌNon si fa soltanto la caccia dello fjer.", o di al- 
tro salvnggiume, ma in America si la anche ipiella 
del mele, l'.cco (luanto ne nari'a un viat-'iatiire. Co- 

1 no 

loro che si dedicano alla ricerca degli alberi conte- 
nenti gli alveari, prendono un erto numero di api 
su i fiori, che circondano le selve, e le rinehiudou) 
in certe scatole, in fondo delle (piali è pusto un po- 
co di mele. Sul coperchio è un cristallo per dar 
luce a quella prigione. Allorché si può credere, che 
le api abbiano avuto il tempo di saziarsi del mele, 
se ne lasciano fuggire due otri, e si osserva con at- 
tenzione la direzione che prendono nel volare, fin- 
ché si perdono di vista. Il cacciatore allora diri- 
gendosi a quella volta dove ha cessato di vedere l« 
api, ivi si ferma, e quindi dà la libertà a due o tre 
altre prigioniere, ne osserva la direzione , e .•si a- 
vanza del pari a quella volta. Prosicgue questo stes- 
so metodo finché osserva, che le api si dirigono in 
senso opposto alla prima direzione : essendo allora 
manifesto, ch'egli ha oltrepassato il luogo in cui dee 
esistere l'alveare : da cui non dee trovarsi molto 
lontano. Prnsegueiid;i sempre li' sue indagini col nw;- 
todo slesso, non tarderà a ravvisare il tronco in cui 
trovasi l'alveare: o se non n'ò peranche ben certo, 
pone sopra una breccia riscaldata nn pezzo di mele, 
il cui odore chiama all'istante tutto lo sciame ad 
abbandonare la propria magione, che riconosciutasi 
allora dal cacciatore, ne scaccia lo api, e trova nel 
concavo del tronco una p.rcda che lo compensa lar- 
gamente della sua bilica. 



■wa» i 



164 



ANTICHITÀ, 



Crediamo bene di annunziare che il cav, P. E. 
^ isconti con una sua nota già pubblicata illustrò un 
antico globo celeste scolpito in marmo porino pos- 
seduto da S. E. monsignor Giuseppe de' marcbesi 
Zaccliia uditore della s. romana rota. Chiunque 
ha posto 1' occhio su questo nuovo parto del dotto 
antiquario non ha potuto non ritrovarvi sceltissima 
erudizione: e sembra che il prelato stesso hcuciiiei'ito 
delle lettere e delle antichità, non contento di aver- 
ne fatto un soggetto di pubblica istruzione, annuen- 
do ai voti del prelodata Visconti, coi quali termina 
la sua nota desiderando che si consacri alla pubblica 
utilità e allo studio de' dotti nt-1 ^ aticano, abbia segui- 
tato i di lui consigli, facendo una umile offerta di 
tal prezioso monumento al regnante PonteOce. Onde 
è che partecipiamo al pubblico, che Sua Santità con 
liiglictto dei 7 luglio di S. E R. monsig. Maggior- 
domo si è degnata accettarla, e in breve farà parte 
delle tante copiose ricchezze che adornano il vati- 
cano museo. Di che dobbiamo non meno saperne 
buon grado a monsignor Zacchia, che al prelodato 
cav. Visconti che ne è stato il primo stimolo e il 
i)rimo autore a vantaggio delle aiti e delle antichità. 



Daeli scavi di Ceri, fatti iicr ordine di S. Ecccllen- 
za il sig. duca D. Alessandro Torloiiia, è venuto 
in luce un nuovo fittile dipinto, per il quale si co- 
nosce un nuovo professore di delta arte: ed è Cari- 
leo che \ì ha replicalamenle .scritto il suo nome. 
Egli appartiene alla scuola arcaica. 11 prelodato sig. 
duca si dispone a far pubblicare in una magnifica 
edizione il risultamento di questi scavi con illustra- 
zione dello stesso sig. cav. P. E. Visconti, che li ha 
diretti con tanto felice esito, a maggior incremento 
de' buoni studi. 

LA M(>:iTIFlCAZ10?IE RlBATTtTA. 

Il conte Stackelberg fu invitato da Caterina di 
Piussia lin <pialilà d'ambasciatore straordinario in Po- 
lonia: neiristessa occasione rimperatore di Germania 
>i mandava Thusut. 1 due ambasciatori non si co- 
iiosccvauo personalmente. Quando giunse la mattina 
assegnata per l'udienza, Thugui fu introdotto in ima 



magnifica sala, dove vedendo un uotno di maestoso 

o 

aspetto seduto, a cui facevano corona molli nobili 
polacchi, che in rispettoso contegno stavangli davanti, 
si pensò che esso fosse il re, e come tale si pre- 
sentò colle formalità deiruso. Quel dignitoso perso- 
naggio era .Staikelbcrg, che in silenzio e con sus- 
siego ricevette rinaspettato omaggio. Poco dopo en- 
trò il re, e Thugut avvedendosi del suo sbaglio si 
ritirò assai mortificato e vergognoso. La sera ambi 
([negli ambasciatori giuocavano alle carte all'istessa 
tavola con sua maestà. L'inviato tedesco giuoco una 
carta eh' era il fante di picche, dicendo : a 11 re di 
picche! V Voi sbagliate, disse il re. Dimando scusa, 
sire, riprese Thugut, gettando un'espressiva occhiata 
a Stackelberg: questa è la seconda volta in quest' og- 
gi, che per isbaglio prendo un fante per un re. 



LA SETTIMANA 



CALENDARIO STORICO. 

16 alaggio 1 770. = 11 Delfino dopo Luigi XVI spo- 
sa Maria Antonietta d'Austria. 

16 Maggio 1800. = Passaggio del monte s. Bernar- 
do dalle truppe francesi. 

17 Massio 1163. = Morte d'Eloisa. La tomba in 
cui le spoglie furono poste, si vede ancora nel 
cimiterio de! padre La Ghaise. 

1S Mdij^gio 1429. = Dopo aver forzato gli inglesi a 
levare l'assedio d'Orleans, Giovanna d'Arco ìi di- 
sfa alla battaglia di Pctaj en Becuce, e prende 
loro 110 insegne, che deposita ai piedi di Car- 
lo VII. 

19 Maggio 1 SO 2. = Istititnzione fatta da Napoleone 
dell'ordine civile e militare della legione d'onore. 

20 Maggio 1347. = Insurrezione di Piienzo, che si 
fece proclamare tribuno del popolo, e tiranneggiò 
qualche tempo sotto questo titolo Roma e l'Italia. 

21 Maggio 1793. = Incendio del Gap, e massacro 
dei bianclii a s. Domingo. 

21 Maggio 1141. := I padovani armano contro i 



22 Maggio 1S01. 



Scoperta del sig. Seguin dei 
processi per fabricare la carta colla paglia, e con 
altri materiali. 



165 



=* 




V.. 



P A L ]^I I li A 



Pa!niii"i, cilla cclebi'e deiranlica Siria era da 
i^rau tempo caduta uell'oLlio, e si pensava apptjua 
in F.iiropa clic n'esistessero i vestigi; allorché nei IG/S 
alcuni negozianti ini^lesi di Aleppo, avendo inteso 
])arlare dai Lediiini di certe ruine iinintMise, che tro- 
vavansi ne! deserto, risolsero di scliiai'ire i rncconti 
jirodi'iosi «he se ne facevano. 11 loro primo tenta- 
tivo fu disgraziato: vennero spogliati io viaggio da- 
gli arabi, ^t tornarono senza aver pollilo eseguiri' il 
loro progetto. luprescro coraggio nel KJ'JI, e giunse- 
ro linalmcnte alla meta delle loro ricerche. I-a re- 
lazione, che quindi i medesimi ne mandarono in Eu- 
ropa, trovo melili increduli; nia non lasciò peialtro 
di destare la curiosità de' viaggiatori. Due inglesi, 
Dawkins e W ood, dopo aver \isitato (jueste ruine 
ne puhiilicarono nel 1753 una descrizione accompa- 
l^nata da disegni esatti: e <[uesl'opera, l,i p;ii ciun- 
[)leta che vi sia, potè dare all'Europa una ì era idea 
della n»agniGcenza dell'antica Palmiia. 



n Dopo un viaggio penoso nel dcseilo 'cosi nella 
sua relazione il sig Wood ) noi giungemmo ad un 
luogo dove le montagne sembrano cougiuugersi. I".v- 
vi tra esse una vallata, do\e tuttavia si veggono le 
ruine di un aeijiieddtlo, che couducci già l'acqua a 
Palmira ; a dritta, e sinistra vi sono delle torri qua- 
drate; sempre piii appressandoci, riconoscemmo eh' 
erano antichi mausolei. Appena fummo passati avanti 
tali monumenti, le montagne cominciarono a disu- 
nirsi, e scoprimmo ad un tratto in vasta pianur» le 
più estese e magniliche ruine, che non vedemmo 
altrove ne' nostri viaggi, specialmente d'Italia e di 
Grecia: e dietro (ali ruine verso l'Eufrate uu esten- 
sione di paese a perilita di vista, senza scorgere in 
cosi vasto orizzonte a'i-un oggetto animalo. Non può 
ideaisi spettacolo più imponente e straordinario. J^a 
sensazione che produce una sill'alta scena mal sa- 
prebbe esprimersi; la descrizione j>iii esatta, i dise- 
gni piìi accurati non snp;\:bi>ero dare le impressioni 



ìm 



clie riccvuusi miriiisiL'ine di questo gran qiiailro 
sulla faccia del luogo dalle memorie clie vi sono nt- 
taccatc, e clic destano nel colto vin^giatoro le pia 
vive ciiiozioui, sotto l'influenza specialmente di un 
cielo ardente iu mezzo ai deserti. 

Plinio ci lasciò di Palmira la seguente descri- 
zionc : a Palmira è rininrelicvole per la sua situa- 
zione: pel suo ricco territorio, pe'suoi gradevoli ru- 
scelli. Trovasi la città circondala in otrui lato da un 
vasto deserto, clic la divide da tutto il resto del 
mondo, ed ha conservato la sua iudipendenza tra i 
due grandi imperi di lìuma e de' J'a)li. Situala alla 
flistanza di tre giornate dall'Eufrate, Palmira fu de- 

liitrice della sua fortuna al vaiitaagio di trovarsi so- 
no 

pra una delle strade del gran commercio che ha 
sempre esistilo tra l'Europa e l'iiidia ». Era questa 
città un luogo di deposito quasi naturale di tutte le 
merci, e quindi dovea ivi fin da' remoti secoli esi- 
stere un centro commerciale , per farvi riunire una 
popolazione numerosa. La sagra scrittura ci apprende 
clic Salomone fahhricò questa città, e lo storico (ìiu- 
seppe riferisce che ne fortificò le mura. Fu da prin- 
cipio chiamata Thmlinor, che significa luogo di 
palme ; gli arabi la chiamano Tednior. Del resto 
lutto quello che avea potuto appai'tencre a quest'an- 
tica città era sparito, e non fu che dopo la morte 
di iMessandro, che Palmira riprese la sua importan- 
za e splendore sotto il regno di Seleuco JNicatore, e 
de'suoi discendenti seleueidi. 

JRicca pel suo commercio, ed abbellita per molti 
secoli di pace e di prosperità, questa famosa città, 
per lungo tempo indipendente, sperimentò sotto i 
romani le più grandi vicende della fortuna. Odenato, 
uliiuio principe polente di quello stato, fu associato 
all'impero da Cndlieno, e fece con esso varie con- 
quiste contro i persiani. Zenobia sua vedova gli suc- 
cessei il filosofo Longino fu il maestro e ininislro 
insieme di questa regina, ch'era la più eroica, e la 
più saggia principessa del suo tempo. Nell'anno 270 
dell'era cristiana, fu vinta da Aureliano che trasse 
dietro il suo trionfo la svenlurala regina: Longino 
fu messo a mni-te per aver dettato a Zenobia il fo- 
glio, in cui essa ricusava di sottomettersi all'impera- 
tore romano. Poco tempo dcqio gli abitanti di Pai- 
mira massacrarono la i:uarni"ione romona lasciata in 
quella città. Aureliano tornò in Palmira, e distrusse 
una parte considerevole de'suoi cdllicj; ma dopo ne 



fv'ci- costruire altri multo magnifici, e ristaurarc an- 
che il tempio del sole. Diocleziano \i fece pura 
eseguire altre costruzioni. Finalmente Giustiniano la 
lece ristaurare, e fornire d'acqua. i\Ia queste ripara- 
zioni non avevano allora per iseopo che di fortificar- 
la : e dopo Maometto poi servi soltanto per fortezza, 
ed alcuni castelli turchi s'innalzarono in mezzo al 
sue ruine, e sulle vicine montagne. Tutti i monu- 
menti, di cui esistono superbi avvanzi, sono d'ordine 
corintio, ed offrono de'raodelli mirabili per lo stile 
e per l'esecuzione, benché forse pecchino di troppa 
profusione di ornati. Tali avvanzi coprono una va- 
sta pianura traversata in tutta lunghezza da una con- 
tinuazione immensa di colonne che occupano un' 
estensione di 1,300 tese. In alcuni luoghi ([ueste co- 
lonne formano gruppi, la cui simetria è distrutta 
per la caduta di gran numero di esse; in altri seno 
disposte iu linee talmente pi'()Iungate, che simili a 
v u li d alberi perdonsi in distanza ; nel centro tro- 
va usi smisurati piedistalli, ed iu una dell'estremità 
del vasto recinto, che contiene si preziosi avvanzi, 
trovasi l'arco trionfale che qui si rappresenta. Da 
un altro lato si giunge al famoso tempio del sole, 
in cui l'architettura avea specialmente prodigato le 
sue ricchezze, e spiegato la maggior magniflceoza. 
li recinto dell'atrio ha 679 piedi in quadrato; lungo 
ijueslo recinto regnava internamente una doppia fila 
di colonne : in mezzo dello spazio il tempio presenta 
una facciata di 47 piedi sopra un lato di 124; alPiu- 
torno cvvi un peristilio di 41 colonne. E ciò basti 
per dare un' idea di ([uesle importanti ruine, che 
rammentano scnpie più la caducità delle cose ter- 
rene. 

XUOVl CUNGECNl ORTUP£OiCI OPERATI DALl' ARTlsrA. 

.m;:cca.vigo su;, luigi pagani di bolocxa. 

Sempre furono stingati degnissimi di grande ono- 
re ed applauso quelli che all'umana famiglia pro- 
cacciarono milita, e beneficenze. E però a noi pare 
che in tal proposito s'abbia a commendare il tri- 
tissimo artefice sig;. Luiifi Pafraui di Bologna, le cui 
osservazioni iu genere di meccanica riscossero da* 
francesi e dad' iu£rlesi l'umuime tributo di lode. 
E dobbiam ragionare con compiacenza di un meri- 
lissimo lavoro eh' e-jli uovcllamqute ha eseguito, del 



^ B^ 



mi 



quiilu a Luoa dirilto si può aircniiaie non cssci- 
si ili cotcsla categoria vctliito in (ino ad ora uno 
nò più nuovo, ne piii giudizioso o piìi 1)imi coinl/i- 
nato. 11 nostro nrlisla tialta di suiroj^arc in modo 
ailiti/.ioso una rilevantissima parte del corpo umano, 
clic per fatai aecidenle fosse stata alienala, l-j^li, 
meix'è di uui ben ordinata serie di molle e di al- 
lacciature, ha perfettamente formato un piede futizio 
che si distacca uu palmo circa al di sotto de' due 
eondili. Cotesto piede ha contribuito egregiamente a 
vautawffio di uu tale Raflaellc Bastoni bolotì;nese, del- 
Ja età di circa 25 anni, a cui vcn/ic non ha guari 
praticata l'amputazione dal chiarissimo sig. dottor 
Paolo Baroni professore di questa nostra università. 
Noi fummo testimoni oculari nel vedere il Bastoni 
ion'c^gersi nella persona, ed aggirarsi liberamente, 
seiiza cireeli accusasse il minimo incomodo, e senza 
neppur mostrare all'occhio degli astanti il real man- 
camento d'uno de' sostegni del di lui corpo. 

Oltre di ciò le cognizioni del valente Pagani si 
Yautaggiosameute coltivate promettono un valido sus- 
sidio all'arte di rimediare nei fanciulli i piedi torti 
e deformi cogl'iagegnosi meccanismi da lui diligen- 
temente lavorati ad imitazione delia Francia, ove 
oiTni buon padre di famiglia cerca di trarre uou 
piccolo soccorso a prò della sgraziata situazione de' 
suoi figli, quando dalla natura avessero tenuta si 
difettosa condizione. 

A noi basterà per ora di aver informato il pub- 
blico in ordine alle lodevoli e filantropiche occupa- 
zioni del sig. Pagani ; e chi bramasse circostanziati 
dettagli sulla forma, struttura e disposizione degli 
accennali nuovi artiLìzj, potrà dirigersi alla di lui 
meccanica oiìicina posta in iJologna nella via Viuazzi 
al cìt. num. 3tl75, e precisamente al lato della par- 
l'Ochial chiesa di s. Sigismoudo: e così si avià luo- 
go ad all'ermare con piìi saldo voto la presente as- 
surta dichiarazione. 



DEGLI D O n I D E [, L K PIANTE. 

L'ora della giornata più favorevole per apprez- 
zare l'infinita varietà degli odori delle pianti: ù la 
sura (k)po il tramontar del sole, poiché allora le 
particelle aromatiche, che il calore del sole avea 
fatte innalzare durante il giorno, neadonj all'altez- 
zei del uustro odorato. 



Si è tentalo invano di classiiic.'.re metodicamenle 
gli odori. Il sistema adottato atlualmcnle è il se- 
guente, secondo il (pi:de tutti gli odori sono com- 
prosi SDtt ) selle classi, jier <juanto si può, naturali. 

1" L'odore aroiiinlcco, eli' è quello degli allori, 
degli aranci, e di tutti li fiori divisi in due labbra. 

2" L'odor soa\ie, ch'è un odore al sommo grato 
e piacevole, come quello de' fiori del tiglio, del gelso- 
mino, della rosa ce. 

3" L'odore ambrato, o moscato, ch'è quello del- 
la maggior parte de'gerani esotici. 

4" L'odore agliaceo, che caratterizza diversi ge- 
neri di gigliacei; l'aglio e l'assafetida appartengono 
a (juesl.i classe. 

5" L'odore di becco, come quello d'una spucle 
d"i[)L'rico. 

0*' L'odore stapefaciente, soporalivo è quello 
de'solani, ed in ispecie del papavero, e dell'oppio. 

7" Uanaiscusv, o ìiauscaitlc ù generalmente di 
una felidezza ributtante; ed è l'odiire ch'esalano in 
genere le piante piìi venefiche. Si avrà un' idea della 
forza di queste esalazioni in certe j^i^uite, odorando 
per esempio i fiori del draauizìo che hanno lutto il 
fetore de'cadaverj putrel'atti, non che i fiori di sinpte- 
lia che hanno un tal fetore di carogna, che le mos- 
che, ingannate dall'esalazione che spandono, vanno 
a deporre le ova sopra i petali allargati de' fiori 
stessi. 



PnE:jLRV ATIVI CO.NTRO IL FUOCO. 



Il 



Pi lev ha 



big. niey na proposto a molti 



molti direttori de' 



teatri di Parigi un sale, il fosfato di urnmoniaco, 
che ha la proprietà d'inqjedire che i tessuti i j)iu 
infiauioiabiii non si accendano. 11 fuoco recente del 
te Uro della Suite è uu.i prova didla incontrastabile 
utilità di uu simile prodotto," giacché il fuoco si è 
comunicato mediante una stoppa eh' è cadut.s «sul 
telone ; se ijuest i cortina fosse stata coperta di uno 
strato di fosfato di amnioidaco li(juido preparalo con 
una colla , essa sarebbe stata cosi incombustibile , 
e il fuoco non avrebbe pituto comunicarsi. Che 
i direttori di teatro facciano uso di fossato di am- 
moniaco, e con questo mezzo diminuiranno le vicen- 
de degli incend). 

'■ — « t«4t««~ 



168 




LA MOSCHEA Dì MUSYD 



Sulle mine di un tempio indiano è fabbricata 
a Benares la moschea di Musjid, die ritiensi per 
una delle maraviglie delle città indiane. E il solo 
cdiflzio de' maomettani che sia rimarclievole per la 
sua grandezza. Fu costruita questa moschea da Au- 
reng-Zeb per umiliai-e, com'esso diceva, il fanatismo'. . 
ostinato degl'indiani, i quali però non cessano mai, 
quando parlano di Musjid, di maledire il suo fon- 
datore, e di scagliarsi contro la profanazione della 
città santa per la esistenza ivi di una moschea 
maomettana. 

Dall'alto delle torrette di questa moschea si go- 
de un mirabile colpo d'occhio. Da una parte vedesi 
la città di Benares; dall'altra i campi immensi di 
Gliazipour, ove si coltivano le piante di rose che 
servono a fabbricare la famosa essenza che dicesi di 
^Ita-Goul. 



Del resto, l'immaginazione del lettore non dee 
figurarsi un luogo delizioso ed ameno, dappoiché la 
coltivazione delle rose a Gliazipour non è che mi 
affare ed una speculazione mercantile: e quei vasti 
campi, coperti di piantagioni della regina de' fiori, 
non offrono all'occhio clic, un quadro volgare, inca- 
pace di destare alcuna hcila idea poetica. 



SCIARADA 

Femmina e capitano ò il mio printiero: 
Il secoiìiio è un codardo battagliero: 
Il totale i pagani lo adoraro; 
Or l'hanno i papi, e se lo tengon caro. 



Sciarada pbecf.dente= Cari-care. 






TIPOGRAFIA DELLE BELLE ARTI, TIA IN ARCIO?iE PT. 100, COPf APPROVAZIOIHE. 



169 



ANNO 



© 



L' ALBUM 



^. 



^ DISTRIBUZIONE 

22. 



Si pubblica ogni Sabato 



IlOMA 



S Agosto 1835. 




BIONUi^IENTO FUNEBRE 

PER l'imperatore FRANCESCO I. 



L'approvftzioiie generale, che riscosse meritamente 
da tutti gli iiitelligeuti il temporario funebre monu- 
mento, ideato dai chiarissimi architetti romani tìinii- 
domeiiico Navone e Filippo suo figlio in occasiono 
delle esequie celebrate nella chiesa dell'anima al de- 
fonto imperatore di Austria Francesco I, ci ha de- 
terminati di riportarne in queste carte corredato di 
breve illustrazione il disegno per servire alla gloiia 
patria, e far cosa grata agli artisti. La prima parte 



di esso è formato di una gradinata a figura settan- 
golare con quattro sodi agli angoli, sopra cui sorgo- 
no quattro grandi candelabri mortuari in bronzo ed 
oro con faci ardenti. Sopra la gradinata si eleva un 
primo imbasamento ornato al basso e all'alto di una 
cornice che ut: circuisce i quattro lati, risaltati agli 
angoli da quattro pilastrini in forma di piedistalli, 
che, servono di base alle statue sovrapposte. Nei ri- 
casti dei medesimi sono rilevate le armi di yarie 



170 



province dell'impero austriaco, ed in quello di mez- 
zo, sopra una targa ornata di festoai, si legge di pro- 
spetto il distico seguente: 

Quae fuimus vwo comìtes, adstamus ad urnam 
J^irtutes, cinerem tpargimus et lacrimis. 

Al quale corrisponde questo altro nei lato posterioi'e : 

Longe abeant gemitus: compesce, Europa, do /areni: 
Relligio ad caelum nani mihi strauit iter. 

Sopra questo imbasamento ne sorge un secondo 
più piccolo con cornici dorate, avente due bassiri- 
lievi sulle due facce : nell'anteriore de' quali vien 
rappresentato l'imperatore in atto di consegnare alle 
province il codice delle leggi, mentre il posteriore 
addita la genei'osa protezione accordata dal defonto 
all'agricoltura, alle scienze, ed alle arti. Al lato de- 
stro di tale imbasamento sta situata la Giustizia, al 
sinistro la Pace, ed entrambe si ravvisano ai loro 
attributi. Il plinto che segue serve di base a quattro 
aquile imperiali di bronzo, che sostengono l'urna di 
alabastro col ritratto dell'imperatore in prospetto so- 
stenuto da due gcnj, ed avvolto di un serto di fiori, 
che girando d'intorno all'urna va a finire nel lato 
posteriore, in cui leggesi : Franciscus I Austriae 
imperalor ». Sopra l'urna sta posto il cuscino col 
manto imperiale, lo scettro, la spada, la corona. E 
tutto questo è fatto con tal purità di stile, con tal 
leggerezza di forme, e con tale esecuzion di lavoro, 
che ne richiama al pensiero i più bei monumenti 
de' migliori secoli delle arti. 



COMPAGNIE DI ASSICURAZIONI ISTITOITE NEL 173-4. 

Ecco ciò che si legge in un foglio periodico 
del 1734. 

Non si ignora quel che sono le compagnie di assi- 
curazioni, cne teiifjouo in Londca e In /^mstcrdam uu 
rango mollo distinto nel commercio. Queste in ori- 
gine non sono state istituite, che per la sicurezza 
dei vascelli che fanno il viaggio delle due Indie; 
cioè a dire, un mercante, che non si fidava della 
bontà del suo vascello o del favore del vento, tro- 
vava cento persone officiose, tlie per uu interesse 
ben leguero gli garantivano tutte le sue ricchezze. 
Perivano queste nel naufragio? arrivavano felicemen- 
te iu porto? Egli comprava col prezzo del quattro o 



del cinque per cento il dritto d'essere indifferente 
per l'uua o per l'altra sorte. 

Questo metodo è sembrato così favorevole al com- 
mercio, che si usa oggi in Inghilterra non solo per 
ogni sorte di viaggio e di mercanzia, ma per tutto 
ciò che entra nell'uso degli uomini. Cosi ogni par- 
ticolare fa assicurare la sua casa e i suoi mobili coa- 
tro il timore del fuoco; un negoziante sa assicurare 
i suoi magazzini, un colono le sue messi o gi-ani 
che ha nei suoi granari. Si trovano ancora per- 
sone che intraprendono di assicurare contro ogni 
sorta di accidenti: e il prezzo o piuttosto l'interesse 
annuale si regola dai gradi di periglio o di fragilità 
della cosa stessa. Si credeva aver portato questa fe- 
lice invenzione al suo ultimo grado, quando una nuo- 
va compagnia si propose di assicurare anche la vita 
degli uomini. L'utilità di questa proposizione nou 
ha più contribuito ad accreditarla di quello che ab- 
bia fatto la sua novità. 

Un' infinita quantità di persone di ogni età e di 
ogni condizione corrono tutti i giorni all'officio di 
assicura^;ione. Quantunque l'esercizio di questa aggra- 
devole specie di commercio si faccia in mille maniere, 
un solo esempio basterà per servire di spiegazione. 
Io ho bisogno a Londra di mille ghinee, e trovo a 
prenderle in prestito, ma non ho abbastanza per dare 
al creditore una giusta sicurezza: tuttavia egli cmita 
tanto sulla mia buona fede e sulla mia industria, che 
si crede certo della restituzione della sua somma al 
termine stabilito. Supponiamo che questo termine sia 
di venti anni: ma io posso morire in questo inter- 
vallo : non vi è altro ostacolo che la durata della 
mia vita : che faremo per rimediarvi ? L'ufficio di 
assicurazione è aperto a tutte le ore : andiamo colà. 
Si esamina la mia età, la mia salute, il mio tempe- 
ramento: mi aprono la bocca e mi fanno cavar fuori 
la lingua; mi tastano il polso. Io passo dopo in una 
camera secreta, dove mi pregano civilmente di levar- 
mi i miei abili: si visitano con molta modestia tutte 
le parti del mio corpo: niente sfugge alla vista dell' 
osservatore; una piaga, una cicatrice, uu segno di 
leggero incomodo o di debolezza: finalmente, se uno 
si crede sicuro, dopo cosi esatte ricerche, che secon- 
do le leggi ordinarie io posso promettei'mi ancora 
venti anni di vita, non è punto dubbioso a far cau- 
zione per questo spazio : ed io sono libero pagando 
anticipatamente l'interesse ordinario di mille monete 



i7ì 



che è il quattro per cento. Se in lio la disgrazia di 
morire prima di questo temno, i mallevadori della 
mia vita rimborsano fedelmente il nìio creditore. Si 
fa ordinariamente un' eccezione a rii^iiardo delle per- 
sone hiiiose. ].a frequente esperienza delle disi^razie 
die rinlianimazioi:e e i vapori della Lile possono ca- 
gionare in Ingliilterra, fa eccettuare dagli accidenti 
comuni airunianiià la morte volontaria. Io sono in 
errore, se questa invenzione non merita il uome clic 
gli ho dato, di uso straordinario. 

La Francia ha messo cento anni per possedere 
qualche cosa che gli rassomigliasse. 



DEL CAFFÈ, SUA SCOPERTA, INFLUENZA, INTRODUZIONE. 

Il caffè, come ognuno sa, è originario dal regno 
di Yemen nell'Arabia felice. Questo veramente for- 
tunato paese, che in cambio delle sue preziose pro- 
duzioni vede affluire nel suo seno l'oro di tutte le 
parti del mondo, riguarda con ragione il c^ifTè come 
una delle sorgenti più abbondanti della sua ricchezza. 

Il primo che abbia fatto uso del caffè è, secondo 
Schehabebdin, autore ai'abo del XV secolo, un mu- 
ftì di Aden che vivca nel principio del IX secolo. 
Ma secondo la tradizione volgare si sarebbe debitori 
di questa scoperta ad un mollacco (religioso mao- 
mettano) chiamato Chadely, o Scjadly, il cui nome 
è ancora in venerazione in oriente. Costui, secondo 
quello che favoleggiano i maomettani, preso frequen- 
temente dal sonno, imputava i suoi assopimenti du- 
rante la preghiera a poca devozione: onde gli com- 
parve, per grazia del falso profeta, un pastore che 
gii narrò essere state le sue capre insonni tutta la 
uotte, ed aver sempre saltellato per aver mangiato 
le fronde di un certo arboscello. Il mollacco volle 
allora conoscere questo singolare arboscello, che gli 
fu indicato dal pastore : era questa la pianta del 
carte. 11 mollacco volle all'istante provai'c su di se 
stesso la virtù singolare di questa pianta: ed aven- 
done presa una forte infusione, passò tutta la notte 
in perfettissima veglia. Comunicò allora la sua sco- 
perta ai dervis, e ben presto il caffè fu ricercato da 
tutti i devoti di quel falso cidto, riguardandolo co- 
me un dono celeste indicato da un angelo. 

L'uso del caffè passò ben presto a Medina, alla 
M«cca, al Cairo: ed in tutto l'oriente ti prendea il 



calle durante la preghiera,- se ne prendea nella mo- 
schee, s(! ne prendea nel tempio slesso della Mecca 
presso la lond)a del pmlcla bii^^iardfi. 15i;n presto si 
allivaiOHO molte boticghe in cui questa bevanda 
spacciavasi ni pubblico. Questi luoghi si frequenta- 
vano da ogni celo ; vi si facea conversazicnur, vi si 
giuocava al trictiac, agli scacchi, ed al mancalali, 
giuoco turco serio come quello degli scacchi. Spesso 
le moschee si videro vuote, mentre le botteghe di 
cafl'è erano i-iirurgitanti di ruiisnlniani : onde i dervis 
cominciarono a gridare contro l'abuso di una be- 
vanda, da principio adottata per religione; ma nul- 
la valse a distogliere da tal uso un popolo, che tro- 
vava in sillatla bevanda un compenso dall'astinenza 
del vino. Quindi il calle in Oriente entra tra le co- 
se di prima necessita alia vita, ed ima delle obbli- 
gazioni che contrae il turco nell'amniogliarsi è di 
non far mancar mai a sua moglie la bevanda del 

a 

caffè. 

Prima del secolo XVII non si conosceva in Eu- 
ropa il cafl'è, che di solo nonre. Alcuni viaggiatori, 
che ne avevano contratta l'abitudine in oriente, ne 
portarono da principio per loro proprio uso. Pietro 
della Valle in Italia nel 1615 ; la Ilogue in Marsi- 
glia nel 1641; Thevenot in Parigi nel 1647. Soli- 
mano Agh, ambasciadore della porta presso Lui- 
gi XIV, nel 1669 introdusse più precisamente l'uso 
del cade in Francia : e, secondo la costumanza de' 
turchi, ne offriva a tutti quelli che recavansi a vi- 
sitarlo. 

{S(irà corilùmalo.) 



ANNEDOTO. 

Ad un giovane che era stato alla guerra fu di- 
mandato, quale nel ten^po delle battaglie fosse slata 
l'azione sua più valorosa: «Quella di tagliare le 
gcimbe ad un soldato, rispose » . Ma, soggiunse un 
di lui amico, «Mi pare che questa non sia una gran 
cosa! Se gli avesti tagliata la testa, la potreste van- 
tare per un' impresa ». Il giovane allora ripigliò: 
«Ma bisogna sapere, che a quel guerriero tra stala 
già tagliata la testa da qualche giorno». 



172 




GIUNCA CIIXESE 



Nnlla di più semplice che la costruzione e l'ap- 
pai-eccliio di una giiiuca cinese: vi si veggono due 
o tre alberi grossi, ciascuno de' quali porta una ve- 
la quadrata, il cui tcssulo è uua stuoja di bambù 
distesa sopra traverse dello stesso legno. Le ancore 
sono della più grossolana costruzione, consistoudo in 
un cassone di legno carico di pietre, destinato sol- 
tanto e trattenere il bastimento col suo peso, e non 
come le ancore nostre, che afferrano ed abbracciano 
il fondo del mare. Due smisurati remi estendonsi 
sul davanti della giunca, e sono destinati ad acce- 
lerarne l'evoluzione, allorché gira di bordo. 

La navigazione ha fatto ben poco progresso pres- 
so i cinesi : almeno quella di lungo coiso. Per la 
navigazione de' fiumi e della pesca gl'imbarchi ed 
i marinari possono stare a confronto degli europei. 



Le leggi cinesi sono d'ostacolo alle grandi naviga- 
zioni, essendo proibiti i viaggi lontani, e l'espatria- 
zione : i mandarini inoltre punirebbero severamente 
uua innovazione nella costruzione delle navi. 

I cinesi si uniscono in grandi società di cin- 
quanta, e perfino di cento persone, per acquistare 
uua giunca: ne dividono quindi il recipiente in tan- 
ti compartimenti quanti sono i proprietarj. Ciascuno 
s'imbarca nel suo compartimento colle sue mercan- 
zie e provvigioni. I tramezzi divisorj sono molto con- 
sistenti, e ricoperti di un cemento di olio e calce, che 
diviene sommamente duro nel prosciugarsi. Questi 
ambienti rimangono indipendenti tra loro e perfet- 
tamente liberi. 

Oltre i proprietarj del bastimento, che vanno per 
vcndei-e le loro merci, vi s'imbarca anche un gran 



1 



f^ 'teff 

7o 



numero di passeggie/-^ cbo talvolta ammoulaiio fino 
a mille, e che in gran parte sono ol.hiigTii linia- 
neisi sul ponte senza stare al coperto durniUc lutto 
il viaggio. Non preiideutlosi alcuna regolare dispo- 
sizione per le provviste, che ciascuno porta per se 
come può e crede, ne derivano fVequeiUemente pe- 
ricolose penurie. Con un ordinamento così difettoso 
è (piasi inconcepibile come i cinesi ardiscano intra- 
prendere talora (malgrado delle leggi dcirinipero, ma 
per tolleranza de' mandoi-ini) de' viaggi lunghi come 
quelli delle Filippine, di Java, e della Coehinehina. 
E Leu vero che navigano sempre lungo le coste per 
quanto è possibile, prolittando de' venti regolari che 
sofliano presso quei lidi; ma ciò non toglie, che 
non accadano ogni anno deplorabili sciagure. S'in- 
contrano spesso al largo in mare delle giunche ci- 
nesi smarrite, che non possono riguadagnare il con- 
tmente," poiché non prendono buon and.imento che 
ricevendo il vento per di dietro, e non sono al caso 
di rientrare nel vento, quando hanno oltrepassato il 
porto a mi vogliono recarsi. Ciò che cagiona inol- 
tre i frequenti uaufragj di tali legni è l'uragano de' 
mari della Cina conosciuto sotto il nome di tifone. 
Il suono simultaneo di mille trombe e di dieci mila 
Tamburi sarebbe coperto dui fragcue orrendo del ti- 
fone. Barrow, che ha dato una relazione dell'amba- 
sciata di lord Macartney nel 1793, assicura, che nel 
solo porto di Caiiton si perdono ogni anno 12 mi- 
la tra marinari e passeggieri, e che quando un ba- 
stimento parte per una navigazione un poco lontana 
v'è la stessa probabilità pel suo ritorno che per la 
sua perdita. Se questo racconto non è esagerato, 
il viaggiare in sill'atta guisa sarebbe per un cinese 
lo stesso che giuocare la sua vita a santi o cap- 
pelletto. 



MEZZO PRESERVATIVO CONTRO IL CIIOLER.i MOIiBVS. 

Il Campista, foglio periodico che si pubblica ne- 
gli stati del Brasile, trascrive il seguente rimedio offi- 
cialaieute comunicato al governo dal ministro resi- 
deute in Tepatillon negli stati di Jalisco. 

Qui (dice il ministro) nessuno è morto di cJio- 
lera facendo semplicemente uso di una pianta che 
si chiama amnpola .f/7re.U/e (papavero salvatico) della 
quale abbonda il paese. Questa pianta è alta poco più 



di una bacthetia abbondante di ntpdi, in ciascuno dei 
quali spuntano piccole foglie, ed un fiore di color 
violetto il più bello col centro giallo. 

Questa pianta ha nelle sue radici piccoli bulbi 
(cipolle) molto somiglianti alla xicaina. Quando la 
malattia attacca «pialcuno, gli si danno a in.ingiare 
questi bulbi, a bere il sugo spremuto in un vaso. 
In questo paese la riferita pianta fa bene a quanti 
la usano, e li sana perfettaineiitc, essendosi dati 
esempi d' iiifenni, che preso il rimedio si al/.arono 
poco dopo in istato di occuparsi dei loro afbiri. Que- 
sto bulbo non può confondersi con alcun' altro, per 
essere fosforico. Posto di notte in un vaso traspa- 
rente pieno di ac(jua chiara, e depositando il vaso in 
sito oscuro, dopo un quarto d'ora si osserva rilu- 
cente. In una parola il rimedio ha operato i prodi- 
gi che sarebbe inutile di riferire, poiché gli si può 
dar credito col solo trovarsi presente agli ell'ctti ecc. 




L'ORSO BIANCO 

(Uisus mariliinus). 

Questo feroce animale dimora por Io più su i 
gliiacci de' mari del polo artico, e non viene che 
rare volte sullo coste della Laponia, della Siberia, 
del nord dell'America, e dell' Islanda. Esso fonda 
principalmente la sua sussitteuza sulle foche di di- 



174 



vei-se grandezze, che fivijueiUano i medesimi oi'iidi 
paraggi: ma come limi gli altri animali carnivori è 
esposto a lunghi digiuni. Si arrampica fino alla som- 
mità degli aiti monti di ghiaccio chiamati Hum- 
raoks, e da tale elevazione esplora il vasto orizzonte, 
c'niì la sua vista acutissima tutto discuopre. Si dice 
che il suo odoralo non sia interiore alla sua vista. 
Se trattisi di prede vive, queste sfuggono facilmente 
all'orso, poiché le foche vegliano mai sempre alla 
propria sicurezza, e dall'alto de' ghiacci, ove vengo- 
no anch' esse a respirare e prender rijioso, si pre- 
cipitano in mare alla prima apparenza di pericolo. 
Si sono ti'ovati degli orsi in allo mare sopra pic- 
cole isolette di ghiaccio a più di sessanta leghe 
dalle terre piìi vicine. La frmie oLMiga talora que- 
sti animali a fare a nuoto de' lunghi tragitti. Il lo- 
X'O ari'ivo sopra spiagge abitale è serapie fatale al 
bestiame. All'apparire dell'orso bianco in Islanda, 
gl'isolani allarmati si riuniscono per combattere que- 
sto terribile nemico, e salvare i loro armenti. Le 
coste groenlandesi sono le più esposte alle invasioni 
di siflatti depredatori: il capitano Scorcsby ne vide 
in quei paraggi un così gran numero su i ghiacci, 
elle, nelle sue osservazioni su i mari polari, egli ras- 
somiglia queste riunioni d'orsi bianchi ad armenti 
di pecore. 

Questa specie d'orso ò senza contraddizione la più 
grande del genere. Nel 1596 il viaggiatore Barcuz, 
il primo che abbia f,iUo conoscere le regioni polari, 
uccise due di questi animali di cui conservò le pelli: 
una era lunga più di undici piedi, e l'altra più di 
dodici. Si assicura che quelli di maggior grandezza 
pesano qualche volta fino a dieci quintali. 

L'orso polare sfugge ordinariamente l'incontro 
dell'uomo e ma quando è provocato, e posto nella 
necessità di difendersi, il combal!;:nento non è mai 
senza grave pericolo per l'incauto provocante. Si 
narrano alcuni fatti, che danno una giusta idea del- 
la forza e del coraggio di questo animale. Uno de' 
legni che frecpientano io stretto di Davi si trovò 
bloccato dai ghiacci sulle coste del Labrador, Già da 
più giorni un orso bianco appressavasi al bastimento, 
e mostrossi una volta alla distanza di poche tese ; 
in guisa che lui marinajo, essendo escito per qual- 
che momento dal legno, vide l'orso talmente a por- 
tala, che fu leniate di farne cattura senza soccorso 
di alcun altro. Armato di una specie di laucia «orse 



contro il nemico, che non rinculo punto, ma disar- 
mò subito il suo avversario troppo debole, ed affer- 
randolo pel dorso, lo strascinò con tal impeto, che 
non fu possibile di soccorrerlo. 

Un altro legno sulle coste di Groenland era le- 
gato ad un pezzo di ghiaccio. Durante questa sta- 
zione si vide da lungi na orso enorme occupato a 
far caccia di foche. Un marinajo, il cui coraggio era 
esaltato dal rum, concepì l'idea di andare ad attac- 
care ques'.o terribile nemico, e di farne conquista. 
Ninna rimostranza de' suoi compagni valse a tratte- 
nerlo; pai-te, senz'altra arma che un rampone, ti'a- 
versa le sievi, i monti di ghiaccio, e dopo una lun- 
ga corsa, cbe avealo già abbattuto, si trovò di fronte 
al suo nemico, che non mostro intimorirsi punto, 
ma che attendeva il suo aggressore a pie fermo. 
L'etleltto del rum cominciava ad illanguidirsi, ed il 
marinajo era già sul punto di rinunciare all'offensi- 
va. Si fermò egli un istante per preparar l'arma. L'or- 
so non si muovea, aspettando tranquillamente l'ag- 
gressore, che procurò di rianimare il suo valore sti- 
molato anche dalla derisione a cui immancabilmente 
sarebbe stalo espìsto presso i suoi compagni, se ri- 
nunciava al combattimento. Ma mentre egli pensava 
al modo di cominciar l'attacco, l'orso che sembrò 
stanco di sì lungo indugio, si mosse, forse per riti- 
rarsi: a tale movimento dell'animale il marinaio si 
fa indietro in atto di fuggire; l'orso allora lo inse- 
gue, ed è già per all'errarlo, quando egli disperato 
gitla in terra il rampone eh' eragli d'inutile peso. 
L'orso si arresta per esaminare e fiutare quell'arnese, 
dando così fortunatamente al marinaio tempo di gua- 
dagnar camino ; ma ben presto l'orso riprende la 
corsa, si avvicina già molto al misero fuggitivo, che 
gli gitta allora il suo cappello. Nuovo trattenimento 
dell'orso per favorire la salvezza del marinaio, che 
Irovavasi già in vista de' suoi compagai, che vola- 
rono allora tutti in di Ini soccorso, in guisa che la 
belva restò atterrita dal numero, e da esperto com- 
battente pensò di battere la ritirata. 



TRASPORTO DEL GHIACCIO DALL AMERICA ALL INDO. 

Recentemente si fu sorpresi, che si trasportaise 
in Francia, dalle più remote contrade della Sreiia, 
il ghiaccio che mancava a Parigi. Tuttavolta quello 



375 



genere di commercio non è nuovo, e nell'America 
•etteutrionale lo si fa a grande estensione. A Boston 
negli Stati-Uniti vi sono negozianti, i quali da pa- 
recchi anni inviano in ogni inverno i loro carichi 
di ghiaccio all'Indo e fino a Calcutta. 

Oggidì questo ramo di commercio offre molte 
lusinghe di successo, da che con l'ajuto di corpi poco 
conduttori del calorico si «iunsc a prevenire lo scio- 
glimento del ghiaccio. I processi, che servirono ad 
estendere le operazioni di questo nuovo ramo d'in- 
dustria, sono di un'utilità troppo distinta perchè non 
si possa trascurare di notificarli. 

Si è no"li stni'ui situati a dieci miglia da Ro- 
ston, e nelle riviere della Hennel)cc e della Pcnoh- 
scol, che si rilira la maggior parte del ghiaccio che 
costituisce l'oggetto di questo commercio. Col mez- 
zo di una macchina destinata a questo uso si taglia 
il ghiaccio in massi di due piedi quadrati. Quando 
il freddo del verno è stato si poco inteso da non 
fornire che ghiaccioni di troppa piccola dimensione, 
si mettono essi in ghiacciaia, dove, unendosi ad al- 
tri, assumono consistenza, e riproducono massi, che 
si tagliano di poi come si è detto. 

Quando si spedisce il ghiaccio per le Indie occi- 
dentali, siccome il tragitto non è che di dieci a 
quindici giorni, ricopronsi accui-atamente con uno 
strato di qualche pollice di polvere da concia, e di 
paglia sminuzzata, le pareti interne ed il fondo del 
vascello che si carica; ma quando si fanno spedi- 
zioni nell'Indo, si ricorre a precauzioni assai piìi 
minute. 

Quando si è sul punto di operare l'irnharco, si 
fanno costruire delle botti, le cui doghe abbiano im 
pollice di gi'ossezza: si empiano di ghiaccio, quindi 
si accerchiano di tavole. Si empie di poi il vuoto con 
uno strato di polvere da concia perfettamente secco, 
corpo che è cattivissimo conduttore del calorico, co- 
me è ben noto: 108 botti di ghiaccio così condi- 
zionate formano il carico del bastimento. 

Si ricoprono, per metterle fuori dal contatto dell' 
aria, di parecchi strati di tavole, di paglia, e di pol- 
Tere da concia. Sappiamo che un carico di questo 
genere parti il 6 maggio 1833, e giunse a Calcutta, 
luogo di sua destinazione, il 1G settembre. Esso 
aveva dunque occupati più. di quattro mesi a fare 
il tragitto. Il ghiaccio fu deposto, e messo in riser- 
va iu una ghiacciaia eliti iì era fatta costruire a 



Brigthon. E evidentissimo, che si dovette il felice 
successo di questa intrapresa al potere non condut- 
tore, che possiedono ad un grado eminente i mate- 
riali conservatori di cui si era fatto uso. Ma cosa 
osservabile! 11 termometro, che erasi posto nel sito 
dov' era rinchiuso il ghiaccio, non segnò uu solo 
momento, durante tutto il corso del viaggio, una 
temperatura dillerente da quella degli altri apparta- 
menti del bastimento. 



A N N E D O T O. 

Il famoso poeta Thomson inglese, mentre gode- 
va ancora di tutte le sue più belle celebrità, non 
godeva di tutto il favore della fortuna che meritava. 
Essendo stato messo in carcere per debiti mentre 
compariva la seconda edizione delle stagioni, vi lan- 
guiva di noja e di tristezza. 11 celebre attore Quiii 
fecesi un giorno annunziane: Thomson lo ricevè, e 
domandatogli chi era, quegli rispose: Son Quin atlor'o 
del teatro inglese.- rv On vi conosco personalmente, dis- 
se il poeta: ma mi è noto il vostro nome e la vostra 
abilità. - Ilo da parlai-e di qualche cosa con voi, gli 
rephrò Quin, e se mi permettete ceneremo insieme, 
e Ictrò portare alcuni piatti clic mi ha fatto il mio 
cuoco; poi parleremo del nostro affare. - La cena fu 
alibondante, squisita, e gaja. Thomson si rallegrò be- 
vendo alla salute del suo ospite, e scordando il do- 
lore della sua prigionia. Dopo cena il sig. Quin disse 
al poeta : - Sig. Thomson, sono vostro debitore di 
cento lire sterline, o vengo a soddisfare il mio debito. - 
Tiiomson pveudendo un'aria di società: «Signore, 
gli disse, voi volete burlarvi di me, e trovo cosa 
crudele che mi vogliate insultare nella situazione in 
cui sono. - Non voglio di voi burlarmi, rispose l'il- 
lustre attore : ma sentile, come è la cosa. Essendo 
io solo, senza figli, ed avendo messo da parte qual- 
che cosa, ho fatto il mio testamento, ed ho voluto 
ricordarmi dei miei amici e delle persone che mi 
hanno fatto del bene. Ho fatto un legato di cento 
ghinee per l'autore del poema Delle stagioni, in 
ricompensa del piacere clic mi ha procurato la let- 
tura di (juel bel poema. Avendo saputo questa mat- 
tina che vi trovate in ijualche imbarazzo, e pensando 
che piuttosto che lasciar questa cura a miei eredi, 



176 



clic foi'sc non adumpireLbero esattamente le mie vo- 
lontà, ci'a meglio che io stesso vi dessi quella som- 
ma clie vi potrebbe essere utile in questo momento 
in cui la fortuna vi tratta male. Perciò vi porto que- 
ste poche ghinee, che vi prego di accettare, come im 
pegno della vera riconoscenza che vi devo, e delia 
profonda stima che mi hanno ispirato i vostri talenti. - 
Thomson non credè dover rifiutare un'offerta si ge- 
nerosa presentata con tanta delicatezza. 



VALENTE ITALIANO 



SALTATOUE UOSA 

Questo celebre pittore e poeta del secolo XVII 
nacque in Napoli nel 1615, e fu allievo dello Spa- 
gnuletto, o come altri vogliono di Daniello Falcone. 
Nulla diremo dello strano carattere, e dei talenti 
poetici di (juest'uoino singolare, per non indicai-e 
brevemente, che il suo merito pittorico. All'ombreg- 
giare fortissimo del maestro aggiunse il tetro del 
Caravaggio, e come questi ritrasse ne' suoi paesi la 
natura senza scelta. Anzi pare, che cercasse di sce- 
gliere in natuia ciò che aveva di meno vago e ri- 
dente. Le aspre selve, le iuaccessiblli rupi, le cupe 
caverne, le campagne deserte, gli alberi cadenti per 
Tecchiaja o schiaulaii dai turbini, il ciclo minaccioso, 
il mare in burrasca, furono i suoi prediletti argo- 
menti. Ad ogni modo, ner la stessa sua orridezza, il 
suo stile in luiiversaluientc gradito per quella cagio- 
ne, che ai vini dilicati si preferiscono talvolta gli 
austeri. Ma piìi di tutto lo resero accetto le piccole 
figurine egi-egiamente mosse di pastori, di marinari, 
di soldati, onde popolò i suoi paesi. Né egli si li- 
mitò alle piccole figure : che condusse ancora belle 
tavole di altare di grandissimo effetto, quali sono il 
Martirio di alcuni santi a S. (Giovanni de' fiorentini 
iu Roma, ed il Purgal(U'io, ch'era in Milano a s. Gio. 
delle Case Rotte, lece pure con grandi figure alcuni 
quadri di storie profane, tra le quali lodalissima è 
la congiura di Gatilina, che possedeva la famiglia 
Martelli di Fii-enze. SciinADv precedente = .-/-po/Zo. 

TIPOGRAFIA OKLLE BEM.G AUTI, TIA ll\ AUCIOWE JC. 100, CO.^ APPROVAZIOJXE. 



Venuto giovanetto a Roma, vi si trattenne fino 
al 1673 in cui morì, e vi ebbe onorata sepoltura 
nella cliiesa della Madonna degli Angeli, con iscri- 
zione e ritratto. Ciò che renderà sempre pregevoli 
le sue pitture sono un tocco di pennello spiritoso, ed 
i fogliami trattati con isquisito gusto, che quasi non 
lasciano riflettere a qualche scorrezione di disegno, 
ed alla inamabilità de' soggetti. 



DAL DETTO AL FATTO VI È UN GRAN TRATTO. 
ORIGINE DI QUESTO PROVERBIO. 

Ragionava spesso la moglie di un pescatore del 
grande affetto che gli portava, e più. volte gli disse: 
" Marito mio caro e dabbene, se la mia disgrazia vo- 
lesse mai che voi aveste a morire prima di me, vi 
prometto per l'amore che io nutro per voi, che sic- 
come vi feci sempre onore in vita, ve lo farò pur 
anco in morte». 11 pescatoi'e per venire alla prova 
si mostrò malato , e di li a pochi giorni finse d'es- 
ser morto. La buona donna, credendolo veramente 
basito né sapendo in quaTaltra miglior maniera ab- 
bigliarlo pel funesto viaggio al sepolcro, gli pose 
indosso una vecchia l'cte da pesca, e mentre lo por- 
tavano a seppellire stava essa tutta addolorata e 
piangente, dicendo: «Dove andate, marito mio dolce, e 
amorevole?» Alle cui parole il falso defunto alzando 
il capo rispose con sonora voce : « Moglie mia, vado 
a pescare. Da questo è derivato il succitato pro- 
verbio. 



LOGOGRIFO 

Se il capo mi vuoi togliere, 
Un re di Egitto io fui. 
Se tormi il piede piacciati, 
Autor di leggi io fui, 
Se intero poi tu lascimi, 
Io son di quelli a cui 
Fece il martirio onor. 



177 



SECOIVDO 



€ 



\. 



V ALBUM 



9 



.r 



DISTRIBUZIOIfl 



Si fwbuca oGKi Sajbato 



ROMA 



15 Agosto 1835. 




IL PO>TE DI LONDRA 

Il vecchio ponte dì Londra, la più antica memo- 
ria della civiltà inglese, è quasi distnillo, dopo es- 
sere stato per seicento anni il principale mezzo di 
tomunicazione tra la città e Southwark. Esso era 
composto di diciannove stretti archi non molto più 
laighi delle finestre dì qualche gotica navata di chie- 
sa. Le botteghe, che stavano tu mdine supra <;ia«cuD 



Iato della intera costru/.Inne, avevano stahiJito un la»- 
derno parapetto; e le porte di Southwark, sopra cai 
le teste di molti infelici cospiratori erano state espo- 
ste, non più attiravano la moltitudine che passata 
al di sotto. Siccome questi miglioramenti erano stati 
fatti successivamente, le storie dei passati tempi ven- 
nero a poco a poco private di alcune delle loro più 
importanti analogìe. 11 corteggio dei re, le penilenr» 
dei martiri, le feroci dispute delle gtien-e civili, U 
splendide pompe de* vecchi cittadini erano privatt 
delle loro più commoventi memorie. In ultimo Io 
«tesso ponte, che era solito attrarre ammiratori per 
la sua bizzari'a antichità, fu distrutto. Conveniva .il- 
lora ad una si grande nazioni; formarne altro moder- 
no: ed in fatti in luogo del vecchio sorge un magni- 
fico ponte nuovo, che importò per approssimazione 
circa due milioni di lire sterline, all'oggetto di da.- 
re un libero passo, e di sopra e di sotto, al corso 
del commercio di Londra. 

L'incisione, che noi abbiamo qui dato, rappr»- 
scnta l'ardito arco del nuovo ponte che passa sopra 
la via del Tamigi, e non lasceremo di offrire alcu- 
ni particolari della sua intera costruzione. 

Questo ponte è slato fabbricato 180 piedi piò 
alto sopra il fiume che non era il vecchio: per la 
qualcosa la forte salita della via Fisli-sli cct-hill ò 
• quasi totalmente evitata. I pilastri furono fabbricati 
in recinti, ed il ju'imo palo fu piantato il 15 mar- 
zo 1824. 11 recinto è uno spazio circondato nel 
fiume da pali piantali di due o tre (ila. Essendo 
quindi riempiti di terra gli spazii tra le fila medesi- 
me per impedire il passaggio dell'acqua, questa ncU' 
interno fu cavata colle pompe: ed asciugato il recinto, 
i fondameiili del pilastro furono posti sopra il solido 
terreno. L'asciugamento del primo recinto del poni» 
di Loadra essendo «tato portato a (iuc , la priiua 



478 



picti* fu posta il 27 di aprile 1825. La coslruzin.ie 
dei pilastri si aviiuzò con gran rapidità, ed il prinio 
arco fu ferralo li 4 di agosto 1827. Gli ardii di que- 
sto ponte essendo mollo ottusi ed ellittici, era ne- 
cessario che i centri (sopra i quali le pietre, ed altri 
iiialeriali di un arco sono sostenuti durante i pro- 
gressi dell'opera) fossero particolarmente forti. Ogni 
centro di questo ponte era composto di circa 800 
pesi di legno e di ferro. Il ponte fu finalmente ti- 
rato a fine il 30 gennaio 1831, essendo slati occu- 
pali circa sette anni e mez.zo nella sua costruzione. 
. Esso fu aperto dal re il 1 di agosto. Il ponte di 
Waterloo fu fafiLricato in sei anni, quello di VVe- 
slminster e di Black-frian in undici anni. II ponte 
di Londra è ccnijìusto di cinque archi semielliltici : 
il minore di questi è piii largo che qualunque altro 
arco di pietra di questa forma che mai sia stato 
cretto. L'arco del centro è 1 52 piedi largo, con una 
elevazione sopra l'altezza dell'acqua seguala di ,i9 
piedi, e 6 pollici; i due archi vicino al centro sono 
di 140 piedi di larghezza, ed i loro confini sono cia- 
scuno di 130 piedi di larghezza. La strada è 53 piedi 
larga, e tra i parapetti ed i marciapiedi occupano 9 
piedi ciascuno. La salita della strada è solamente di 
nn piede per ogni 132 piedi. La lunghezza del pon- 
te, dairestremità ai confini, è di 928 piedi, dentro i 
confini 782 piedi. L'intero del ponte è fahhricato di 
granilo, ed il totale della quantità della pietra im- 
.piegatavi ammonta a circa 1 20,000 pesi. Il nuovo 
ponte è, similmente ch'era il vecchio, lihero di pe- 
daggio. La spesa è stala pagala parte dalla corpo- 
razione, e parte dal governo. La corporazione ha 
permesso di mettere una tassa che durerà 26 anni 
sopra le misure di nulo il carhoue ch'entra nel por- 
to di Londra. 



ISTORICA DESCRIZIONE DELL IJ-PEDALE ilILiT.VP.E 
DI CIIiiLSEA IN l.ONDUA. 

L(; opposte rive del Tamigi, che corre in mezzo 
della citta di Londra, non potrebbero essere piii coa- 
venientemente adorne di quello che sono da quei due 
grandi monumenti di pubblica beneficenza, gli ospe- 
dali di Greemvich e di Chelsea. Ambedue questi 
ritiri sono splendidi e magnifici luoghi, ed il primo 
specialmente è uno dei piìi magnifici palazzi del 
paese: e tuttavia quelli che vi abitano sono per la 



maggior parie meramente sohlati e marinari. Potreb- 
be dirsi che non essendo questa che l'abitazione di 
persone povere e di basso grado, è inconseguente 
il dar un palazzo per abitare a coloro, il cui modo 
di vivere è sotto altri riguardi al livello di quello 
degli abitanti delle capanne. Cosi possono aigfiiniii- 
tare coloro, i quali riguai'dano questo soggcito sola- 
mente sotto il rapporto di aspetto fisico, e non pn- 
trebbero o vorrebbero considerarlo sotto l'aspetto 
morale. Ma noi non potremmo essere soddisfatti, li 
confessiamo, di vedere istituzioni fondate dalla bontà 
della nazione per la difesa de' suoi veterani soldati 
consistere meramente di tanti ordini di capanne. 
L'economia in questo genere non sarebbe né pro- 
ficua né profittevole. 

Ogni volta che uno de' galanti marinari inglesi 
gilta gli occhi sopra Greenvich, sempre egli ha una 
gloriosa montagna innanzi la sua fantasia; ed è que- 
sta a lui un'ispirazione dello stesso carattere di quel- 
la, che è derivata dall'anlicipazionc di pubblici onori 
in ogni altra professione in cui essi possono essere 
graduati. Sentono orgigliosameute che la vecchia 
età non sarà stimata un peso per l'Inghilterra, ma 
che riceverà da lei, e loro sarà tenuto degno di 
qualche cosa piìi che del pane. 

L'ospedale di Chelsea è di una costruzione mol- 
to inferiore a quella di Greenvicli, quanto alla for- 
ma e alla bellezza deirarchitettura : ma esso è al- 
meno un conveniente e pulito edifizio , co' suoi 
ariosi e spaziosi cortili e passeggiate, che non sono 
mancanti di un eil'etto imponente. Il disegno si dice 
essere stato del sig. Cristoforo Wren. Egli consiste 
in tre cortili, due de*(juali soni) completamente qua- 
drangolari, menlre quello centrale è aperto dalla 
parte vicino al fiume. Nella parte dell'edificio, che 
fronteggia l'apertura, è una sala da una parte, ed una 
cappella dall'alti-a, ognuna delle quali contiene alcu- 
ne pitture, benché ninna sia di gran merito Questa 
cappella è 100 piedi in lunghezza e 30 in larghezza, 
e la sala è della stessa dimensione. Gli altri soli 
grandi appartamenti dell'edilizio sono quelli che for- 
mano l'abitazione del governatore, e sono all'estre- 
mità dell'ala orientale del cortile principale. Nel 
centro del cortile sta una statua di bronzo di Car- 
lo II in abito romano. Gli appartamenti dei pen- 
sionarli sono sedici di numero , ciascuno ha 200 
piedi in lunghezza, e 12 in larghezza, e coaticae 26 



J79 



letti. Essi orctipano la più gran parto dille duo ale 
del cortile priueipale, ognuna delle quali ha 36') piedi 
di lunghezza. (ìli ufiìciali hanuo piccoli separati ap- 
partamenti. Gli altri due cortili conteii^ono un' in- 
fermeria fornita di bngui caldi e freddi, e di appar- 
tameuli per il tesoriere, cappellano, speziale ed al- 
tri funziouarii. 11 numero regolare di.'i pensionali è 
di quattrocento settantasei, de' quali 2tì sono eapilani, 
trentadue sergenti, treiitadue caporali, ed il resto 
sono privali. Ma qiu;sta istituzione ha pure alenine 
migliaja di pensionati estraini. 

li suolo, sopra cui ora sta lo spedale di Chelsea, 
fu in origine occupalo da un collei^io, fonduto nel 
1Ó09 dal doti. .Matteo Sutcliffe, decano di Exeter, 
per un oggetto alquanto singolare. Egli era ordinato 
in modo clic si componesse di un preposto e dician- 
nove compagni , i quali dovessero occuparsi delle 
conlroversie religiose. Giacomo I, il quale prese uu 
lorte interesse in questo piano, gli accordò una pa- 
tente nel 1610, in cui dicliiarò che il collegio di 
Chelsea dovesse andare sotto il nome del re Giaco- 
mo. Egli pare che sia stalo chiamato ancora il col- 
legio dc'lla controversia. Questa istituzione annoverò 
fra i suoi membri Camden che fu nominato suo sto- 
rico, Enrico Spelnian, Antonio De-Dominieis ed al- 
tri,- ma non arrivò mai a qualche prosperila. Le 
sottoscrizioni, che furono sollecitate per il s»o aju- 
to, non furono ottenute : e benché il fondatore la- 
sciasse una considerabile somma di proprietà alla 
sua mo:te nel 1^29, si trovò che solo una picco- 
la parte di questo legalo potrebbe ricnperarsi. Tut- 
tavia erano stati eretti edifìci di una considerevole 
estensione: e, poco dopo la restaurazione, la pro- 
prietà del luogo apparisce essere stata devoluta alla 
corona, che veramente aveva prima il potere di fir- 
ne uso pe' suoi proprii oggetti, finché finalmente 
nel 1669 Callo II jjli accordo di essere nuovamente 
incorporalo alia società reale. 



MA!?iER\ DI ISIPRIIVIERE LE FOGLIE SULLA CARTA. 

Essendo sfato presentato dal sig. Jaques un' fasci- 
colo d'impronti di foglie alla società d'orticoltura, e 
jvubblicalone quindi il processo ne' suoi annali per 
ijuclle persone che non lo conoscono, crediamo noi 



pure bene di (li^lli^allo a chi fosse nel caso di far- 
ne uso : ed eccolo : 

Si prende un (piarto oil mi iui'z/,o foglio di rarla 
un po'forle," si sliolina con un [io il'olio una dille 
due supeiilcie, ed allorché é imbevuta d'oli(j, (piemia 
.stessa palle è passata sopra la fiamma di una «Mu- 
di la, lincile sia dappertutto coperta di nero di fumo. 
Si prende (piindi una foglia della pianta die si de- 
sidera, e si pone la faccia o pagina inferiore sulla 
parte annerita del foglio di carta. \ i si mette sopra 
nu pezzo di carta di qualsisiasi sorte i (juindi fVe- 
gando col dito sopra quest'ultima, e passando atten- 
tamente sovra tutte le parti della foglia, e del suo 
picciuolo, afllnclié pigli bene il nero dappertutto', si 
termina la mia operazione. 

Allora si leva la foglia della pianta, e si pone 
culla parte annerila al di sotto su di un foglio di 
carta liianca,- si melle un altro pezzo di carta pro- 
pria al dissopia; (jnmdi fregando di nuovo, come la 
prima volta, ma con piìi d'atlenzione ancora, la foglia 
si disegna sulla carta bianca del disotto con tutte le 
sue nervature, cosi perfcltamente, e forse meglio che 
non l'avrebbe fatto il più bravo disegnatore. 

A ella pi'iuia osservazione bisogna avere la mas- 
sima cura, che la foglia non cangi di posto: ciò c!i« 
guasterebbe il travaglio. E inutile il dire che quan- 
do le foglie hanno levato il nero, si deve passare 
di nuovo il foglio di carta unta sul fumo. Si can- 
giano pure le foglie allorché seccano, e la carta 
quando brucia. Bastano cinepae luinuli circa per im- 
primere una foglia (laalunque. 

jY. /?. Si ottengono inlatti impronte perfclte 
cou questo liiczzo, ma essendo fallo col fumo sono 
soggette a smarrire. Invece del fumo sappiamo che 
qualcuno ha impiegato la vernicie che usano i ti- 
pografi. Le impressioni non riescono meno perfette, 
ed hanno il vantaggio d'essere incancellabili. Non 
solamente quelli che lo hanno eseguito ottenevano 
le impronte di foglie isolate, ma anche quelle di ra- 
mi gucrnili di foglie e di fiori, in una maniera da 
soddisfire in mcdli usi i botanici. 

Se un giorno coloro che coltivano la scienza della 
botanica studiassero le nervature delle foglie con 
più premura che presentemente, le loro impronte di 
verrebbero, col processo sovr' esposto, di una grau- 
de risorsa f di una grande utilità. Jì. O. 



180 




CASA DI FRANCESCO I RE DI FRANCIA 

«ASPORTATA WEl LVOGM DETTO DB* CAMPI TUO, 



Fir»nee8eo I re di Francia, chiamato col titolo 
di ristanratore delle arti e delle lettere, favori som- 
mamente fra i francesi quel movimento ridestato mol- 
to prima in Italia. Roma e Firenze presentavano già 
i capo-lavori d'architettura, di scultura, e di pittu- 
ra. Le guerre de' francesi in Italia nel XV secolo 
fece ad essi contemplare tante maraviglie dell'arte, 
« nascere quindi in loro il desiderio d'imitarle; 
ende tutti sul finir di quell'epoca dedicaronsi a stu- 
diare sopra gì' immortali Michelangelo e RafTaello, 
Ma non fu che verso la metà del secolo XVI che 
le br-lle arti presero in Francia quello sviluppo ori- 
ginale, indicato presso di essi sotto il nome di rina- 
9«en«. Francesco I ebbe la gloria di contribuire ai 
wipidi progressi dell'arte, chiamando a se gli artisti 
più ei'l'jbri dtll' Italia , e tra gli altri Leonardo 



da f^inci ed il Primaticcio z itatift scsaole • labo- 
ratori, donde sortirono uomini di genio eKe ab- 
bellirono la Francia di monumenti inirahili per 
l'eleganza per la bellezza nelle proporzioni, e fin 
nella ricercatezza de' più minuti dettagli. I nomi tK 
Pietro Lescot architetto; di Gio^'anni Gouj.t)n scnl- 
tore ed architetto; di Filiberto dell' Orme ajtbi- 
tetlo; di Giovanni Bulloni architetto « sc'iho¥«; 
di Pietro Bontemps scultore; di Giovanni Cuusin 
pittore e scultore, di Germano Pilon scultore, non 
sono senza celebrità anche fuori della Francin. 

Sotto il regno di Francesco I 1' archilettu»a • 
la scultura fecero segnatamente in quella uaziou* 
grandi progressi: il re affidò la direzione de' regi fa- 
bricati al lodato Pietro Lescot. Giovanni Goujoa 
amico del Lescot e«egui le sculture didla casa cw~ 



181 



stniita a Moret nel Losco di P'ontaineblean, che do- 
rrà servire di convegno per la caccia. Queste scul- 
ture consistono negli ornati della facciata principale 
che qui si rappresenta; negli altri ornati clie fre- 
«nano la porta d'ingresso dcU'indietro dell'edilizio: e 
finalmente iu un magnifico camino, il cui lavoro è 
un modello dello stile della rinascenza delle arti per 
l'eleo^anza e la delicatezza dell' esecuzione. Questa 
casa uou era per alcun modo disposta per esser abi- 
tata non dovendo propriamente servire che all' uso 
ìudicato. Fu quindi venduta dal governo, e traspor- 
tala nell'alano 1826 pietra per pietra nel luogo detto 
de.' campi elisi, dove si vede attualmente. L'edilizio 
non è occupato che da un vecchio custode, per la 
cwiservazione delle sculture di detto Giov. Goujon. 



XA TEBITA. 

La verità per se stessa ha grandissima forza; non- 
dimeno ella anco ha bisogno di tempo pcP far sue 
protc. Perciocché alcuna volta il falso prende tal 
acmbiauza di vero, che se si abbatte a persona o ne- 
gligente sospettosa, non lascia al vero il come di- 
fendersi. Però se qualunque siasi che ascolti, vo- 
lesse fare ufficio di buon giudice, e prima di la- 
sciarsi persuadere dall'una parte avesse udita sem- 
pre la ragione dell'altra, non è astuzia si sagace, uè 
int^anno tanto ben composto, che potesse regger con- 
tro il vero. Ma pochi sou quelli che nelle com- 
pa<^nie, quando stanno ad ascoltare, non si lasciano 
muovere, O dalla cosa ben detta, o dall'autorità di 
chi la dice, o dalla propria passione. Il che, come o- 
fmuno conosce, è cosa bruita: conciosiacosachè ninno 
debba credere cosa alcuna, sino a tanto che nell'ani- 
mo suo egli non abbia slimato e fatto compai'azione 
e dell'ima parte e dell'altra. E se ad alcuno pare, 
che questa diligente esamina convenga ai giudici so- 
lamente delle liti e delle cause, egli ha il torto : 
■perciocché in tal caso ognuno è giudice. Si son co- 
nosciuti molti che per aver dato orecchie alle calun- 
nie, e fuggito di fare una ben picciola diligenza per 
trorare il vero, hanno fatto grandissimi errori, e per- 
duti l^alissimi amici. 




REÌNAZZI 

Al genio, alla fdantropia, e ai dotti studi di 
questo insigne giureconsulto, filosofo e letterato ro- 
mano, deve in gran parte la criminale giuiispru- 
denza la sua elevazione al grado di scienza fondai» 
sovra i più solidi e profondi principi! di natura, di 
▼erita, di raziocinio: deve la romana università « 
letteratura lo splendore di cui la rese bella, la tra- 
dita storia, eh' egli ne scrisse: deve in fine la lette- 
raria repubblica una quantità di seieutifichi! produ- 
zioni adorne tutte di profonda dottrina, e diretl« 
all'incremento degli studi, al bene della società, ed 
all'onore di questa sua pairi.i. 

INaeque Filippo Mahia Kenazzi da Barliera Moii- 
tacheti e da Ercole Maria Renazzi, uno dei sostituti 
commissarii dalla rev. Camera, ambedue cittadini 
boloifuesi, nel 1747. Sorti dalla nalui'a non comune 
innegno, ed umanissima indole; coltivò il primo, e 
adornollo con esercizio, essendo passionato de' buo- 
ni studi, ne' quali profittò grandemente e con maravi- 
gliosa rapidità. Fu caldo Dell'appagare la seconda cer- 
caudu o^ni modo onde rendersi utile a'suoi iimili. F« 



pei- questo, clic iit'il anno 22 dell.i sua età coucorse 
e fu per merito di concorso Ira molli prescelto ad 
essere lettore sopranumerario dell'arcliigiuaasio roma- 
no nella classe di giurispi-udeiiza. Nell'anno seguen- 
te 1769 toccogii in sorte di ascendere la cattedra di 
gius criminale. Data da (juesta epoca l'ascri-iiioiie del 
nome di Renazìi ira quelli de' piti benefici geni, de' 
pensatori più saggi, de' più illuminati giuspubblicisti 
dall'età nostra. Chiamato egli appena ad istruire la 
gioventù nella criminale giurisj)rudeaza, vide con 
elevatezza di mente e con filosofica indignazione, sic- 
couie questa, ad onta dell'importantissimo scopo clie 
ha di conservare le sociali insti tuzioni, e di difen- 
dere l'ordine politico, la proprietà, l'onore, e la vita 
di ogni membro dello stato, non jier anco sottratta 
alla confusione di moltiplici leggi ed alla congerie 
di erronee opinioni, povera si giaceva di filosofia, ed 
«vvilita. Erano sorti è vero in (piel secolo uomini 
sapienti ed illuminati, che sulle tracce segnate da' 
precedenti scrittori, eransi studiati di proporre e sta- 
bilire delle riforme sopra alcuni articoli più manife- 
stamente vi/.iosi; ma niuno per altro aveva disteso 
lo sguardo sovra l'intera macchina, o tentato di ope- 
rarne la total rifusione. 11 Ré.nazji malgrado della ri- 
pugnanza dell'animo suo, del tutto alieno dal disgu- 
stoso studio delle umane morali miserie, dei delitti 
e delle pene, nulladimeno ne concepì il generoso 
progetto: ed incoraggiato dall'approvazione di molti 
grandi uomini, e spinto dal desiderio di purgare e 
di render bella e splendente al pari di ogni altra la 
scienza, che doveva insegnare, si accinse dolorosa- 
mente alla impresa. Come riuscisse a ridurre i veri 
e fondamentali principj di una scienza cosi utile ed 
importante ad un ordinato e compiuto sistema scien- 
tificamente trattato, e ad unirne e collegarne in- 
sieme tutte le parti spogliandole di tutto che non 
fosse conforme al vero, alla natura, all'umano; ne 
fanno fede le rinomalissim£ di lui istituzioni, che 
prime, anzi uniche pel diritto criminale, non sono 
seconde a quelle preesistenti o posteriori di qua- 
lunque altra scienza, sia che si riguardi la filosofia, 
Terudizione, la profondità e squisitezza di raziocinio 
e di giudizio, sia che si consideri la chiarezza del 
metodo, o in fine lo stile aureo, che si direbbe de' 
migliori tempi di Augusto. 

Immenso plauso e rinomanza produsse in Roma, 
ili Italia e fuori al l'E.tAixi uu' opera di lauto gran- 



de impirtr.nza ed \uilin, e la relazione e stimn gli 
procurò de' piii distinti letterati di Europa. Le pri- 
marie accademie gareggiarono nell'iscriverue il nome 
uè' loro cataloghi. Intanto alla scuola di lui accor- 
reva straordinario numero di uditori avidissimi di 
si'iitir le^ffere la nuova scienza: cosa che il Renaki, 
iaceva con tal facondia, purezza e vivacità di stile, 
con tanta soavità di comunicativa, con tanta cogni- 
zione profonda de' classici e della storia, e con si 
copiosa erudizione, da rimanerne rapiti. Ne fanno 
tuttora testimonianza i molti che a vanto si recano 
di essere stati di lui discepoli. Lesse egli le sue isti- 
tuzioni pel lasso di 34 anni, e seinpre con crescente 
grido e riputazione, e producendo allievi, che tut- 
tavia assai si distinguono, e sono di grande giova- 
mento alla società, al trono, alla patria. 

Non contento però il Renazzi di aver operato a 
grandissimo beneficio dell'umanità, ad istruzione po- 
sitiva de' giovani, ed a norma de' governi la grande 
sistemazione del diritto criminale, e stabilite le più 
vere, umane, ed inconcusse teorie su i delitti, sulle 
pciic, su i giudizii criminali,- fu sempre studioso di 
apportare nuovi lumi alla scienza, di combattere i 
cattivi usi ed i pregiudizii. Scrisse all'oggetto gli au- 
rei libri suir ordine e sulla forma de giudizj crimi- 
nali, e sul sortilegio, e sulla magia. Rese poi sem- 
pre più importanti i suoi elementi arricchendoli, nel- 
le moltissime ristampe che se ne fecero, di nuove 
giunte, in ispecie su i muti e sordi dalla lor nascila, 
sulla pena di morte, e sulle funzioni de' nuovi co- 
dici pc'iiali. 

Di queste sue opere fu fatta versione in france- 
se, in tedesco, ed in inglese, e le sue istituzioni furono 
adottate da vai-ie primarie università, tra le quali da 
quella ass.ii rinomata di Pisa. 

La celebrila, che procurarono queste al Remami, 
lece si, che venisse richiesto dalla imperatrice Ca- 
terina II perchè si reca.5se a Pietroburgo a trava- 
gliare all'ordinamento della procedura criminale per 
le Russie: che gli fosse offerta dalla imperiale corte 
di Vienna la cattedra primaria di giurisprudensa 
nella università di Pavia: e che con le più onorifi- 
che condizioni, e con generoso stipendio fosse chia- 
mato nell'anco 1803 ad essere tra' primarii profes- 
sori della ripristinata università di Bologna. Egli pe- 
rò affezionato sempre a' sommi pontefici, che più- 
larghi a lui furono di benevolenza, di distinzioni, e 



183 



di boiK'fìcj, civtoiulato già da numerosa corona di 
figli, e piena hi melile del proi:eUi> u'diusUarc viep- 
piii, siccome fece, la romana università e Icltcralura 
scrivendone la eruditissima storia, mai non ebbe cuo- 
re di nilonlanarsi da questa sua cara patria ad onta 
d'inviti così t;(neri)si e lusiiij^liieri. 

i\e lu ejjli pelo limiiuerato con la piena giubila- 
zione, anzi tempo del suo lettorato, e con distinti 
impieghi, clic con somma lode sostenne: quali furo- 
no quelli ili iidiliire di varie presiden/,e de' chierici 
di camera, del maggiordoiiiato, e di sostituto segre- 
tario della reverenda fabbrica di s. Pietro, < ssendo 
in flne ascritto eoa solenne atto al patriziato romano 
mediante onorevolissimo diploma sul tenore di quel- 
li spediti al Petrarca, al iMureto, al Mercuriale, e ad 
altri cospicui letterati. Ma ebbe pure a sostener tra- 
versie, e gravi danni in parte per le dissavventure 
de* tempi, e delle vicende puliticlie, pereliè il <uo 
credito fece clie venisse costretto a non ricercate, o 
volute considerazioni. 

in mezzo a'suoi più gravi e severi stmli, ne' quali 
o lieta si fosse, o trista sorte la sua, fu sempre di un 
assiduità e costanza m.arav ijiliosa, ed in mezzo alle al- 



ti»; onorevoli commissioni di rivedere varie legisbuio- 
lii, e tra le altre il codice penale del regno d'Italia, 
che per volere di napoleone, prima clic lo sanzio- 
nasse gli venne rimesso da quel gran giudice miiii- 
ilro della giustizia per le sue osservazioni i niui la- 
kcio ancora di occuparsi, e quasi a sollievo dcH'aiii- 
iiio suo, di oggetti risguardanli la storia, le arti ed 
ogni maniera di erudizione. Olire le molte dottissime 
orazioni, che scrisse, e furon rese di pubblica ragio- 
ne, abbiamo di lui le notizie storiche degli antichi 
vicedomini del patriarchio lateranense, e de' moderni 
prefetti elei s. palazzo apostolico, la illusti-azione di 
un nieeolo antico, la vita di Niccolo Zabaglia inge- 
gnere rinomatissimo della rev. fabbrica di s. Pietro, 
che vide la luce dopo la morte deiraiUore per le di- 
ligenti cure dcU'Eino e Rfno sig. cardinal Castracane 
degli Antelminelli, quand'era economo e segretario 
di detta rev. fabbrica : le ricerche sulle varie lua- 
iiiere di contrarre le nozze, e su i loro diversi el- 
fetti presso gli antichi romani: e molli altri opuscoli 
di vai-io genere in latino e in italiano, tutti pieni 
di somma eiiidizione e pregevolissimi. Sonovi an- 
cora di lui altre erudite produzioni, come le sue 
spiritose e leggiadre poesie, una lettera in cui «i cou- . 



futa il sistema del contralto sociale,- il p.irallello d'i 
Dionisio di AlicarnasSk) e di Plutarco, e varie altre. 

l'I nei desideri! degli amanti dell'onor patrio, 
delle scienze, e delle lettene, che di tutte le opere 
tanto conosciute quanto postume del Kbnazzi, si faccia 
una completa rist.iiapa: e vuole sperarsi, che (jueslo 
voto saia assecondalo. 

Cesso culi di vivere nel "iorno 28 L;iuj"no dell' 
anno 1808 nella ancor fresca età di 61 anni. Fu 
dotato dalle più distinte morali virtù, ed in ispccit 
di una moderazione e di una modestia, che tanto 
piii accresceva il merito della sua profonda ed este- 
sa sapienza. Fu caro ed accettissimo a quanti il co- 
nobbero. Cjodette la fiducia, la stima, e la famiiiarila 
de' più distinli personaggi della corte di lionia, che 
fece sempre conto di lui, consultandolo e giovan- 
dosene: e delle coiiversazioui, delle quali era ambito 
ornamenl) per la sua tlutlrina, e jier la sua singolare 
e doh-e elo(|iieu.'-a. La sua perdila fu gravenu-nte ed 
uuiversalmeMle compianta. Le sue ceneri riposano 
nella parrocchiale chiesa di s. Luslaeliio in distinto 
luogo, dove la pietà de' suoi figli, verso i ijuali fu 
ottimo ed aminlissimo. una lapidaria iscrizidne y)0- 
se a memoria di lui. 

Tallio benemerito essendo slato il Rena/zi della 
amanita, delle scienze, della patria università, resta 
a desiderarsi che sia al busto di lui, che n'è ben 
degno, conceduto onorevole posto nella protomoteca 
capitolina: e ciò vuol alleiideisi dal buon genio di 
chi vi presiede, dal governo, e dalia ricono,,ceuza 
de' suoi concittadini. 



ANN £00 TI .SILI. A POLONIA. 

Leels, principe sehiavone, è il loiidalore della mo- 
narchia di Polonia, che cominciò collo stabilimento 
che fece questo principe sulle rive della \'istola, 
l'anno 550. Nell'anno 999 la Polonia fu eretta in 
regno da Oltone III, imperatore di Aleinagna. l?ole- 
slao, soprannominato CabriI, ne fu il primi re: lino 
a lui tulli quelli, clie aveano governalo questo pae- 
se, non aveano preso che il titolo di principe o di 
duca. 11 testamento di Leck rese il costume elettivo, 
come era presso i polacchi. Leck ordinò che, seuza 
riguardo ai principi del suo sangue, gli si dasse per 
successore quello di tutta la nazione che meritereb- 
ba più degli altri di occupare quel luogo, i'utiavij 



I8i 



i polacchi scelsero sempre i loro principi nella fa- 
miglia (li Lcck. Fr» i re di Polonia si cita una priu- 
eipessa, che ha meritato l'ammirazione del suo se- 
colo. Questa fu Vanda nipote di Leck, figlia di Gra- 
co I, terzo re di Polonia. Questa principessa, innal- 
zata al trono dopo la morte del suo padre e de suoi 
fratelli, si fece sommamente amare dai suoi sudditi, 
ed ammirare dai suoi vicini per le sue virtù e per la 
sua. bellezza. Fra un gran numero di principi, che 
l'amore fece suoi schiavi, Ritagora si lusingò delle 
più dolci speranze. La vicinanza de' suoi stati, le sue 
grandi ricchezze, rantichità della sua casa, che gli 
tiorici hanno fatto risali"e fino a Tuiscone, figlio di 
Gomer figliastro di Giafet, gli fecero sperai-e di ot- 
tenere la mano e il cuore della principessa: ma 
essa ricusò costantemente il legame, che gli propo- 
neva con tutti i vantaggi che la ragione, poteva desi- 
derare. Ritagora, senza considerare ch'essa non ascol- 
tava i roti della persona, attribuì a disprezzo uà ri- 
fiuto che non era che l'efletto dell'amore che que- 
sta principessa avea per la sua liberta. Disperato ri- 
tornò nei suoi stati, donde scrisse a Vanda la se- 
guente lettera. 

Ritagora a Trancia. 

K La vostra virtù e la vostra bontà mi avevano 
fatto vostro adoratore : il vostro disprezzo e il mio 
ainoi-e mi fanno vostro nemico. Io armo per distrug- 
gere i vostri stati, e vendicarmi. Se perisco, io moro 
vostra vittima: se trionfò, vostro vincitore sarò per- 
tanto sempre vostro schiavo ». 

Vanda fu spaventata dalla guerra per amore dei 
suoi popoli. Tuttavia la sua virtù non fu atterrita: 
essa gli rispose cosi. 

Vanda a Ritagora. 

" Io vi preverrei, se non volessi lasciarvi il tem- 
po di pentirvi. Se io trionfo, voi avrete la vergogna 
di esser vinto da una fanciulla; se sarete vincitore, 
non sarete per (juesto il padrone del mio cuore ». 

Questa lettera non calmò i furori di Ritaorora: 
egli andò contro la Polonia, e Vanda alla testa dello 
suH truppe andò dinanzi a lui. Si fecero due san- 
guinose battaglie in poco tempo, in cui Vanda colla 
i»i'ial)la alla mano animò così bene i suoi soldati 
culla sua voce e col suo esempio, che Ritagora fu 
baitulo e messo in fuga. Vergognando del suo de- 



litto e della sua disfatta, questo principe si dette là 
morte : ma, ciò che non si può riportare che con 
dolore, è che Vanda dopo le sue vittorie si precipitò 
nella Vistola, dove essa si annegò per ringraziare gli 
dei del sacrificio della sua vita e della sua vergiaitii. 



LA SETTIMANA 



CAI, E 5 DA aio STORICO. 

23 Maggio 1144.= Sedizione in Roma per rìst»!»* 
lirvi l'antico senato. 

24 Maggio 1144.= Morte di Celestino I papa. 
2:> Maggio 1720. = Gran peste in Marsiglia nelT« 



quale il vescovo Belsuuzio fa prova d'uu 



creiti* 



sagri fizio. 



26 Maggio 1143.= Concilio di Rems contro un fr- 
natico inglese, che diceasi giudice de' vivi, e de' 
morti -~ 1 548. Enrico III re di Francia prende il 
titolo di maestà. Prima si dava ai monarchi fran- 
cesi il titolo di eccellenza, e di rnonsieur le roi. 

27 Maggio 1149. = Riccardo d'Inghilterra iucognila 
è fatto prigione. 

28 Maggio 1151. = Gran parte degli eserciti dì 
Currado III e di Lodovico IV soffocato dal pam 
di farina fatto mescolar con calce da Comueuo 
imperatore. — 1 528 Filippino Doria, anxmiraglio ge- 
novese, distrugge l'armata imperiale avanti Capo 
d'Orco nel golfo di Salerno, e rimane ucciso il 
viceré di Aapoli Moneada. 

29 Maggio = 1154. Arrigo II d'Inghilterra fa pe- 
nitenza dopo ij martirio di s. Tommaso. 



SCIARADA 

Geme il primo ed il terzo, erra il sceondo :; 
E coW'irttero puoi girare il mondo. 



LocooBiro PB EGi!i>EPt TE = Tìar-tolo-ntec. 



L'ofjìcin i-rnhaU per le assuiiaz,iiynì e i! lif/wiifo de' fogli 
è prctsit il Direttore proprieiitrio, l'/n del (icsà n 5", p'i'-' 



TtfOGRAFIA DELLE I5S:!,r.i: ARTI, VIA I.-^ AKCIO.AK 3f. 100, COJX APPROVAZIO^^E. 



185 



ANNO 



© 



L' ALBI] 31 



^ DISTRI BUZIOxNE 





\ 



2f e 



.r 



Si pubblica ogni Sabato 



ROMA 



22 Agosto 1835. 




PESCA DELLA BALENA 



Si è creduto per molto tempo che non esistesse 
elle una sola specie di balena, rimanendosi in sif- 
fatto errore fino al momento in cui il Delalande re- 
cò al museo di Parigi lo scheletro completo di uno 
<li questi animali preso nelle vicinanze del capo di 
Buona Speranza , dal quale il celeJ)re naturalista 



Cuvier potè scorgere le notabili varietà, che distin- 
guono la balena del sud da quella del nord. 

I tratti dissimili consistono principalmente, per 
ciò che spetta alla costruzione delle ossa, m-lia sal- 
datura di Sette vertebre cervicali, ed in due pa|y «li 
coste di pili. 






I.i I)alc-na australi; La la lesta molto più dcpiissa 
(li (juclla del nord; le sue ale, o pinne pettoiaii so- 
no antlie più hinglic e puntute ,- i leniLi delia sua 
ceda sono niLiio incavali o spaccati. I pescatori con 
M ngono inoltre nel rappresentarla come notabilnicnle 
più piccola della balena artica, non essendo le sue 
diiiiciisioni ordinarie clie di 40 a 50 [ùcdi. Questa 
balena ficqumla i diversi seni mai'iltimi della co- 
sta occidentale d'Affrica dal capo di Buona Speranza 
(ino al Capo iNcro. \ i comparisce nel mese di pìu- 
f^i o, e ne parte verso la iJne di agosto, o la meta di 
scltcìiibre, dopo essersi sgiavala di un parto clie con- 
siste in una piccola balena, la quale però dal nio- 
nunto cbc nasce ba già 1 2 in 1 j piedi di grandezza 
Quando le balene ajiljandonano i golfi delle coste 
sJl'rieane, dove sembra clie vengano soltanto a sai'a- 
\aisi, e dove infatti s'incontra un numero molto )nng- 
gioìc di femmine die di niascbi , si dirigono all' 
ovest verso l'isola Tristnn cTAcunlia: ed è in que- 
sli paraggi, cbe vanno a rintracciarle i bastimenti, clie 
non hanno compiuto il loro carico. Altri bastiimMiti 
poi dedicati alla pesca delle balene vanno molto più 
lungi, e giungono fino quasi alle spiaggie del Brasile. 
Ve ne sono alcuni cbe dirigonsi al sud ovest, su- 
perando il capo Horn, per pescare nel mare del Chi- 
li. ICgli è verosimile, che le balene cbe prendonsi in 
queste diverse stazioni, come tutte quelle die veggon- 
li nell'emisfero austiale, apjaiteii^ ano ad una mede- 
«niia sp<cie : di modo (he l'equalore formi in ceito 
iiu,do la linea di demarcazione tra i dominj djUa ba- 
Itn.ì artica e quei dell'antartica. 

Le balene, che incuutransi ne' diversi seni della 
«<itta d'Ali cica, sono spesso accompagnale dai loro 
figli: se si può avvicinale il liglio, e se questi si 
jucìculi opporiuuamente al tiro dei rampone, cou- 
viriir scagliarhi destramente, awicinandoseue allora 
srnipre più ìa madre; ma non bisogna ucciderlo, per- 
chè ^e la madre si avvede eh è niorlo, lui'ae all'islarj 
!«• con tale rapidità, che dee dcpoisi ogni speranza di 
J'a';uiun''(i!a. 

La balena de' mari boreali mostra il medesimo at- 
toccflincnlo pel suo liglio, ed i pescatori sanno ben 
prolitlarne per impadronirsene più facilmente. Quando 
una- piccola balena è stata ferita dal rampone, dice 
il tjipitano Scoresby, si può esser certi che la ma- 
tire non larderà a venirne in soccorso. ^ i si unisce 
ùifiiui alla superficie ddl'uequa lutiti le >uhii: che 



I quella vi comparisce per resiiiraro; sembra animarla 
alla foga, e le presta ajuto prendendola sotto le sue 
ale: ed è rarissimo cbe l'ab'jaudcuii liiuhè iia un ve- 
sto di viti. Li tali momenti è midto pericoloso di 
avvicinarla, ■ ini l'aciìe a ferirsi, poiché essa dimentira 
affatto la sua propria sicurez/,a per non occuparsi che 
della eiuiser\a.'.ione del suo allievo. Lanciasi in mezxa 
ai suoi nemici, dispiezza ogni pericolo, ed anche do- 
po essere slata e Ipita e ferita più volte, resta presso 
il suo figlio, se non [)uo seco Iraspoilarlo. JN'ella 
sua angoscia materna nuota qua e la, batte il mar» 
con violenza, e i'irreg(ilarita de' suoi moti è tale, eli» 
le barchette sono esposte a ricevere un colpo di co- 
da che basterebbe ad infrangerle. Ma fuori del c.iso 
in cui la balena difende il suo allievo, essa è di na- 
tura sua molto timida: e benché d'una forza prodi^ 
giosa, fugge, appena si vede inseguita, e non oppon» 
resistenza. Se ne trovano delle più ardite, che s'im- 
postano ad ogni colpo di rampone, e rispondono con 
una codata, schiacciando talvolta le baichette, che si 
sono troppo approssimate. Non è mai prudente di 
porsi troppo presso alla ceda, poiché questa s'innal-' 
za allorché l'animale si affonda, cade tatti' ad uà 
tratto dopo essere stata un istante sdSpesa in aria, ed 
il solo suo peso basterebbe per affondare una barca. 
Liollre quando anche questa non fosse colpita, basle- 
rebbc a comprometleiiie molto la sicurezza il gran 
vorlicK, che si forma presso il luogo in cui rauimale 
nel far ricadere la sua coda si ailbiida, e dove il col- 
po dato fa siillevare un cumulo d'acqua tale, che po- 
Ireblie anche all'tuidare una barchetta. Questi diversi 
accidenti, che ne' primi tempi delle grandi spedizioni 
ai mari p'olari (rano molto frequ(;nli, lo sono ora mol- 
to meno ; però i pescatori anche più esperti ne sono 
ancora talvolta le vittime. Un'altra disgrazia é da no- 

o 

tarsi, più rara invero, ma che a\ viene conica ti.idi- 
menlo, e ch'é [lercio anelie più teinibiie. Talvolta la 
barca pescaicccia in luogo di ricevere un colpo ne» 
di sopi:i, ne liceve uno per di sotto. Eccone un esem- 
pio ripiiilalo dai cap'tano Scoresbv :" Nell'anno 1 802 
il eapitano L^ ims, facendo la pesca sulle coste del La- 
brad(U-, vide molto prossima al suo baslimealo uua 
smisurata balena, e staccò all'istante quattro barchell!» 
ad insesuirla. Due di esse alfronlarono rauimale ìli 
un punto, e piantarongli i loro ramponi: la baluu^ 
coliiila all'ondò; ma ritornò subito alla superficie, • 
ueU'fmer^erx colpì cou lauta VKCin«uza per di «uU« 



fe ^'* 



7 



In terza barca, che la IniK io in aria ccnii" ima ]i iinlia, 
facendola rivolgere in guisa the rirnckle in acijna 
rovesciata. I marinari furono saKaii dalla (juarla i)ar- 
if». olle trovavasi a portata: un s.ilo di essi ()eri e si 
somaierse, non a\endi> poiiito sn inrdlan- le suo ^aiu 
lie, i ir eiansi incastrate in un l.aiuo di'lla bar^a. 

E ciò basti s[)ecialniente su i peiicoli di ([uesta 
jk;«c», avendo imi già di questa parlato sotl'Oj^ui al- 
ilo rapporto nel tomo I png. j66. 



A u c n E o I- o r, I A . 

La ciltii di Todi è un ceb^brc' luogo deìTL' uibria, 
fondalo dagli etrusclii, feracissimi) di iKili/.ie :icir.\n- 
tiebita, e sog natameli te ncireli'iiMa numisaial'.ca ; per 
cui è cosa veramente singolare la scoperta trstò latta 
dt 1 grandioso monumento, clic serve seinprt; più a 
comprovare quanto i nostri aulicìii sapessero iuU' 
arte di'lTedilìcare. 

Il recente ritrovamento, sul dicliiiare di un pic- 
colo colle poco lungi dalla citta, Lissa la generale at- 
tenzione del pubblico. Consiste questo liiiura in grossi 
travertini isodomi disottirrati sul pendio del suildello 
colle denominato jNJonte Santo, furmauti parte ili una 
colonna stratia e scannellata, il cui diametro è di 
due metri e quindici centimetri, per tui le colonne 
tanto del foro trajano, clic del tempio della pace non 
eguagliano in grossezza ([ueste rinvenute. Le pietre 
in gran parte sono munite di lettere, e numeri coti 
minio: e crediamo ciò fatto per non imbarazzare le 
medesime e l'ordine pc' varii pezzi a riunirsi. 

Si vedono parimenti in esse delle iscrizioni latine 
co' nomi clic dovrebbero essere dei magistrati, o di 
uomini illustii, che non formano ancora Tiscrizionc 
p«'iucipale: per cui la fabbrica dev'esser romana, giu- 
tta ancora il sentimento di valenti archeologi, i quali 
maggiormente in tale opinione si confermarono pel 
riiivenimeiito della statua in bronzo dell'ai tozza, dalla 
fronte tino alla pianta dei piedi di un metro, e 12 
ecntiraetri, e molto ben conservata e bella. 

Abbenchè gli archeologi non abbiano voluto espor- 
re la loro opinione se vi esistesse un tempio, od al- 
ti-o, pure generalmente si opina esser (piesto il tem- 
pio diINLarte per le ragioni desunte dagli autori : giac- 
chi,- i tudertini veneravano Marte, dicendo St/io Iia- 
Uco: "Martcm coluisse Uidcrles ^ cosi AppolloJoro, 



il Volaterraiio, e le iscrizioni rinvenute lo comprovn- 
110 ; e tanto pili vi è motivo a creder ciò, dicendo 
diirocrate: ilri umbriis aptid Titflertiirn sarclln, et 
tfiiijìla luirdhilis striiclurac diocfililrico, ci iclìphnl- 
licci inspiciiinl •■'■. e ciò perla graiuhjzza, e grossezza dti 
massi disotterrati, e molto piii al dire del citato V'i- 
iruvio: « /l//>;('/i'i7f, Marti, et JlercuUs acdes fie- 
baiit. llis ciiiin diis propler virtiitem strie dfliciit 
acdiflcia coii^lrui dchcnt, Marti extra urbrni, itcm- 
quo T^cneri ad portiun, come si vede in Homi, ^'»- 
rona, ed allrcne. 

Dalle addotte ragioni potrà bastatileini'ntc • ■) , . 
cludei'sl, che il suddetto monumento sia il teniii! i di 
.M Mie, pel quale abbinilo voluto ollriie ai nosln |;-t- 
t Ili il primo articolo, iropji^ interessanti; alio recenti 
sciip'ite dei nionumeiiti deiranlichilà. 



, AKJfEDOTI. 

Il visconte di 'i'urrena vide \\n liravo ufTieiaU: 
montalo sopra un iiiIseiMliil cavallo per non p ;Iern« 
coiiiprare uno migliore. Lo chiamò e gli disse, che at- 
sendo vecchio e non polioido piii servirsi di ca\alti 
troppo focosi, avrebbe vob-ntieri barattato il suo ca- 
vallo con quello dfiriifìi/.iale. II che accettando ipie- 
sli, uno de' migliori della scuderia di Turreua \^-' 
negli la luallina segiu-iito iiniato. 



Balza 



'.ac domandò in prestito cento luigi a Voitu- 
re. (Questi gliene mandò trecento, scrivendo di : «Vi 
do duecento luigi per il piacere che mi avete fath) 
chiedendomene in prestilo cento ». 

Ln uomo splendidissimo abilava a Bagdad. Ld 
sua liberalità esaurirono il suo tesoro. Un giorno il 
poeta Almai si presentò alla porta di quello che cre- 
de\a ancora ricco jier jiorlaigli dei -versi dei quali 
,spii-:iva il piciiuo. Il jioiliuajo gli rifiutò r.in-Tes.so ; 
il poi-1,1 lece in un momento un distico di cui ecco 
il senso: «Che dill'erenza si dese mettere tra l'avaro 
e l'uomo grueroso, se ipiesl' ultimo chiude la porta? •• 
Laccio i versi e partì. Non attese lungamente la ri- 
sposta e ricevè un' altro dislieo che conteneva que- 
sto sentimento: «.MIorchè l'uomo generoso ha do- 
mito lutto, tiene la porta chiusa per non aver» it 
dispiacere di ritiulare ». 



188 




MURATORI 

LonoTico Antonio Muhaiori nacqiu' in Vignola 
ira quel di Modena a di 21 di otuilire I(i72. Fu 
nomo del quale non sappinnio se sia piii da mara- 
TÌ'^Iiarc la vastità dello ingegno, the parve quasi sten- 
dersi oltre il confine delle umane cose, o da rive- 
rire la integrità del costume: perocché tenne alla re- 
ligione costantissima fede, e fu tutto carità verso la 
patria. Che egli non ehbe ingegno né fronte super- 
ba da vantarsi benefattore degli uomini col rideili 
empiamente, e chiamare stolida superstizione quello 
che in loro è debita riverenza a Dio e alle cose sue; 
ile fu manco di qua' filosofi i quali si fanno grandi 
nella stima de! popolo collo allargarne i desiderj e 
però le molestie, e col rintuzzare la sua obbedienza 
a chi lo comanda : dal che poi avi'ebbe a trarsi che 
coloro gridano libertà per soffocarla. Questo Lodovico 
licn d'altri pensieri fu pieno, e fino dalla prima età, 
che anzi sentendosi così da Dio disposto ad essere 
mi suo sacerdote, ancorché il padre gli si attraver- 
sasse, non tardò a volerlo fortemente, e però ad es- 
serlo: e di questo fu bene: poiché dal divino mini- 



stero meglio apprendendo il fine al quale l'umana 
sapienza ordinar dcvesi e terminare, potè progredire 
negli studi suoi di teologia, di giurisprudenza, di 
storia, e di filosofia senza abusare quelle scienze; pe- 
rò in esse fu uomo veramente saci'o, e agli avvenire 
d'esempio, E primamente dirò come egli aveva pro- 
messa gran bontà di vita in Modena, dove frequentò 
il celebre collegio dei PP. Gesuiti, poi l'universith, 
poi la biblioteca della quale era prefetto quel dotto 
casinense che fu il P. Bacchini; ed anzi il Mura- 
tori ebbe costui maestro carissimo iiell' apprendere 
lingue e antichità; ed ormandolo potè compoire quel- 
le prime sue opere che gli diedero tanto nome per 
tutta Italia, e gli acquistarono la stima di quanti 
viveano letterati a' suoi dì. E avvegnaché contasse 
appena l'anno 22 dell'età sua, né fosse d'alcuna lau- 
rea insignito, si sentì dal conte Borromeo chiamato 
dottore, e a Milano invitato conservatore della Am- 
brogiana; ministero che uomini più vecchi di lui, e 
più volte, e molto aveano desiderato. Il Muratori 
seguì l'invito : ma prima di partire da Modena pur 
volle prender laurea in ambidue i diritti, quantun- 
que per voto pubblico, e per durati studi e per al- 
ta mente in queste discipline preclarissimo dottore 
già fosse: e ciò forse adempiva per esser sopra alle 
petulanze di alcuni volgari, i quali contenti alle ap- 
parenze, e ai gradi da scuola dottoreggiano in piaz- 
za, né avrebbero per sapiente chi di quelle esterio- 
rità non partecipasse. Poi fu a Milano (nel 1694). 
Fondala quivi una accademia di filosofia morale e 
di belle lettere, gran vantaggio poi recava alle scien- 
ze sagre pubblicando alcuni MSS. dell'Ambrogiana, 
e con assai dotte dissertazioni illustrandoli: nelle qua- 
li e per il primo disse verità bellissime dell'era cri- 
stiana, dei santi martiri, della distrutta Gerusalem- 
me, dei sepolcri, e anco delle feste e dei riti; e af- 
frontò sicuramente alcune opinioni del Neppero, del 
Puricelli, dell'Arringhi e di altri, alle cui sentenze per 
troppa riverenza gli studiosi si acquietavano. Le qua- 
li dissertazioni molti onori gli procacciarono, e gran- 
de e durevole fama, e l'amore dei più chiari uomi- 
ni italiani e stranieri; e fu chi chiamollo miracolo. 
Stava operando sopra il tesoi'o delle antiche iscri- 
zioni, quando gli convenne lasciar Milano per com- 
piacere al duca Rinaldo di Modena, che con magni- 
fiche, e assai benigne parole lo chiamava a presie- 
dere la biblioteca ed ordinare gli arehivj reali. Ap- 



189 



pena ripalriato scrisse il ^Iuratobi alcune open; per 
comandamento del suo sigiiove, fra le quali le anti- 
chità Estensi, lavoro lodatissimo. ]Ma un monumcnlo 
'di gloria che durerà cjuanto l'amore del vero eresse 
il iMunATORi airiialia, ed anco a se stesso, nel dare 
al mondo quelle opere, per le quali si ricordano 
i tempi eroici, e i tempi del ferro della nostra pa- 
tria; pieni di vizi e di virtù: di passioni polealis- 
sime; di rahbie fraterne; mal ferme repubbliche; 
gran mutamenti ; legislazioni parte buone, parte stol- 
tissime, pajte crudelissime; e i barbari che il set- 
tentrione vomitava dentro l'Italia a sconquassarla ed 
empierla di maledizioni : rotti ad ogni più stolida e 
disamana scelleragiue. Fu cosa veramente disonesta 
che gl'italiani per la pigrizia e per altri modi politici 
avesser lasciato oscurare osni memoria de^li avi loro: 
laiche in certo modo non sembrava dìliorme a ragione 
quel rimprovero degli stranieri i (juali ci gridavano 
gente Cacca, e di piccolo animo: perocché qual \ilta 
è maggiore in un popolo che disconosca i padri suoi 
né curi discorrerne? E axizi in questo noi gli stra- 
uitri non abbiamo poi tanto da querelai-e, se venendo 
in Italia si fan belli della nostra sapienza, e torna- 
no nei lor paesi a sfolgorarvela; perordiè finalmente 
tulli gli uomini sono fratelli, ed ognuno ha ben di- 
ritto di occupare le cose già tue, se necessità lo pre- 
ma e tu le abbia da gran tempo abbaiidonate; che 
in queste disposizioni le cose, come li narrerebbero 
i giusperili, tornano - iiuUiiis-; come dire: a discre- 
zione dello uni\crso mondo. Però è da ringraziar de- 
votaciente il gran Muhatori, e meglio Iddio che a 
c03Ì maravigliose opere l'ajutava. 

Tacciano però coloro, i quali tutto misurando col 
compasso dei piccoli, dissero quelle opere (perchè va- 
ste) faticate, e da uomo di pjco generosi spiriti, e 
incapace di crcaic da se metlesiiiio; che se (juesto 
pur l'osse rutilila che ne derivano yli italiani e "li 
stranieri, avrebbe dovuto sventare quella disonesta 
«entenza. Ma il MuiiATon non solo ebbe pazienza 
(la faticare, ordinando (peraltro con si grande giu- 
dizio) le rovine della antica sapienza, ma eziandio 
altissimo e forte animo a creare: e te lo dicono il 
trattato De ingeiiiorinn lìioderatioiir, «[uello della 
foi"za dell'umano intendimento, (juello del paradiso, 
gli altri della pubblica felicità, della carità: l'intro- 
duzione alle paci private; il governo della peste ecc. 
E poi gli annali stessi, e le dissertazioni sovra l'Ita- 



lia non sono scrittura tutta originale? e anche le il- 
lustrazioni stesse e le note e i commenti, con clu; 
la conoscere la nostra origine, e della storia degli a\i 
in utile insegnamento ai nipoti. E per conchiuderc, 
il McRATOKi scrisse (> 4 opere (j'^f/i/ie // catolui^o nella 
Bibl. Mod. del Tirai), luin. Ili, pfig- 'ì'I'ò^alla 3-lli) 
talune vastissime: e in tutte sentirai la forza del ve- 
ro, e criterio e lilosotia profonda: e si da tutte puD 
ricavarne vantaggio l'umana repubblica. Alcuni dis- 
sero trasandato lo scrivere del ìMcratori con poco, o 
niente della buona lavella : al che noi molto non 
opporremo: ma sia lecito interrogare come mai un 
uomo, che diede tante e sì varie opere, intender po- 
teva alla facoltà del bi'ii dii'e italiano? Arte di anni 
ben molti, e sovra ogni altra didicilissinia per le ca- 
gioni che qui non è luogo discorrere. A cjuelli poi 
che rimproverano altri mancamenti nelle opere di 
lui, sia ricordata questa terrena miseria: e colui eh»- 
per molta infermità di animo è spesso condannato a 
cadere, le cadute del ^gran McfiATnRi consolino. 

Le molte i'aliche e il peso de^ii anni a\ evano ag- 
gravala la sua salute per mcdo ilie i medici dovet- 
tero consigliarlo a lasciare ogni lavoro; la vista me- 
desima se gli oscuro: e per tutta (pianta la persona 
gli correa <juel maligno morlìo che dopo alcuni mesi 
gli tolse lavila; e fu nel 23 di gennaio dell'anno 1 7 jO 
che egli rese piamente .a Dio lo spirito: giorno di 
cui ninno certamente fu più funesto alla sapienza 
italica. 

Degne di «ommemcn-azione sono le sue virtìi pri- 
vate e religiose: rnmiltà, la benevolenza con tutti, lo 
zelo per la fede cattolica, e il rispetto a principi che 
tanto l'onorarono. E etimi,' il nome del Muratoui fu 
altamente lodato dagli uomini di lettere, così sarà te- 
nerissimamente benedetto dai poverelli, pei (piali 
fondò un istituto, e operò che si aprissero i monti 
pii: e per la carità di loro, dopo aver quasi dato fon- 
do al suo patrimonio, fu plesso a disfarsi anco della 
collana d'oro della quale donollo la muniliceirza ili 
Carlo VI angusto imperatore, 'l'ali virtù, dico, sic- 
come avrebbero ad esser imitate dagli uomini, cosi 
darebbero materia di assai lungo discorso e piii che 
ristitulo di (juesto giornale non comporterebbe. Ma 
i lettori, che sentir le vogliano ricordate, leggano la 
vita che del Muratori pubblicava Francesco suo ni- 
pote, e fu stampata in Venezia nel 1756; o pure il 
bellissimo elogio che ne ha scritto il celebre autore 



IH 



delle influenzo morali: dal quale elogio noi prendein- 
vno aiuto a questa qualsiasi biografia; e nel quale 
•Itraciò si vedrà trallata con molta filosofia la ragio- 
ne delle opere di Mubatobi; e molte e preziose no- 
tizie si caveranno che per causa di brevità uou ab- 
biaaio potuto notare. 



ANWEDOTI, e detti SEr^TEMZtOSl» 



Giulio II soleva dire, clie le lettere negli uomi- 
ni plebei sono aigcnto, ne' nobili oro, ne' principi 



Essendo il Vasari in JMnntova, il cardinale Gon- 
eaga, allora regnante, fratello del duca Federico poc' 
anzi morto, gli dimandò^ die cosa a lui paresse delle 
opere di Giulio Rumano: al che rispose: «Le ope- 
re di Giulio esser tali, clx; nicrilavano che ad 0"ni 
canto della città fosso posta dei degno autore la sta- 
tua: e che per avere egli liunovala la città, la metà 
di quello stato non sarelibe bastante a rimunerare 
le fatiche di Giulio e la \irtii». Alle quali parole il 
cardinale rispose : « Giulio essere piii padrone di 
quello slato, che non era egli». 

5 
La cagione per cui si danno tanti cattivi versi, 
è clie gli autori non hanno ingegno sufliriente per 
farne dei buoni, nò disccruinrento bastante per non 
farne dei cattivi. 

4 
Un conte, solamente di titolo, dlniindava ad un 
s})atc, siinlhnentc onorario, dove fosse situata la sua 
badia; al che l'altro pì-onlamcnte rispose: <i Come, si- 
gnore, non sapete voi eh' essa è nella vostra conleaa. 

5 
Soleva dire un giudice, clie l'iueidente del pro- 
cesso piii dannoso al reo, era il ijul presenta e co- 
ìiituiLo. 

6 
Dimandava una dama al piineipe Maurizio di Sa- 
voja, valorosissimo condoltier(; di eserciti, qual fosse 
a suo avviso il miglior capitano del secolo : « So 
risposi", che il marchese Spifiola ù il secondo». Con 
che mostrò porre nel primo luogo se nitidusimo. 



.\ un bibliotecario, ch'era ben altro che orienta- 
lista, venuto alle mani un libro ebraico, lo descrig- 
Sii uel catalogo : un libro che comincia dalla fina. 

8 

Il duca de la Feuillade, essendo stato ferito nel 
capo da un colpo di moschetto, sentendo dire dal 
suo chirurgo; esseie il cidpo assai pericoloso, per» 
che si vedera il cervello: «Andate, dijse, e narratelo 
al cardiaal Wazicariuo, che mi dice cosi spesso eh» 
non ile ho ■>. 

ir^TO.IVO l]N\ BF.LLISSilIA. SCULTURA DEL S!G. GIÙ»- 
SEPPE GUTT i:<GLL;SK, nAPI'RESEXTANTE LE FURIE 
DI ATAliANTE. 

L' inestinguibile odio che aveva Giunone contro 
la famiglia ili (lìdnio a motivo di Semele, lo mani- 
festò aiieoia verso Ino ed Atamante: imperocché ispi- 
rò ad Ino di far perire i figliuoli di Nefele, ed alle 
altre donili.' di anliruslolire i grani prima di semi- 
narli, talché luui potessero germogliare; la qual cosa 
l'u cagione di una grandissima carestia. Atamante 
mando a consultare l'oracolo di Delfo. Ma Ino aven- 
do guadagnato i messaggeri, riportirono essi ad Ala- 
luantj pi r supposti) dello dell'oracolo, ch'era forza 
sì'iiiìcarj friso agli dei, il quale era figlio di A\fel« 
seconda moglie di Atamante. Secondo alcuni però 
r'iiso si olferì da se stesso per viltinia: ma quegli 
che aveva riportato la falsa risposta dell'oracolo n'eb- 
be pietà, e scoperse ad Atamante la scelleratezza tK 
Ino. Il re irritato l'abbandonò iu potere di Friw 
per farla perire: ma Bacco la involò al di lui furore, 
e la rapi. Allora lu che Atamante, avendola credula 
morta, sposò Temisto che fu sua terza moglie. Tut- 
tavia non cessarono qui le disgrazie di Atamante: 
imperocché avendo dipoi saputo, che essa esisteva 
ancora, la fece venire presso di se senza farla cono- 
scere da Temisto, di cui poscia arrivò ella ancora a 
guadagnarsi la confidenza. Temisto le ordinò un gior- 
no di dare ai figli d'Ino delle coperte nere, e dell» 
bianche ai proprii figli. Ma Ino avendo fatto preci- 
samente il rovescio, Temisto che voleva fiir perire i 
figliuoli d'Ino pugnalò invece i propri figli, e rico- 
nosciuto dopo il suo errore si uccise Quindi fu che 
Alamiiile divenuto furioso uccise Learco suo figlio 
alla caccia, o secondo Ovidio lo prese per un Isoit- 
cino, e lo schiacciò contro uu sasso. 



,? 



l'ulta (jiicsla l;ioiltiif\olo l'.ndln dilla casn .li Ala- 
Jnaiilc e ck'sciitla dai mitcìl'-j^i »■ dai podi: ma i! nin- 
ineuto delie furie di Al;ni^ii!e ù qiu liti ciu- La ani- 
mato il valente scr.luin; alla couijiosi/.ioue del iiia- 
gnifìc:o suo gnipp"- Q"-'"<^1' ^ ^'^"- 'i» ^■''''' Ataiiianto 
die nel colmo delie sue l'uiie, sollevando in aria eoi- 
Ja destra un faneiu!lt>, è t;iii nell'atto di lan< iarlo 
contro una j.iclra: Ino la di lui sposa, po-ta in gi- 
noceliio ai di lui piedi, lo intlieiie, ed airesla il di 
lui Inaceio sinistio, mentre .\tani.ii.le si l'ivejo,. iji- 
dietro a ii^naidarla feroccniente. Ai di Ini pii'di an- 
cora è posto mi altro figlio cli'ej^li ha di già ueeiso. 
Il gruppo del sig. Goti è conìposto di queste <[ualtro 



fli'iire, die tutte niirabiluieiUe eoueori'ono a loriuare 



una bellissima armonia, ed esprimono nei loio volli, 
nelle loro atliludini, e nelle loro persone, il senti- 
mento di terrore, clie dall'autore è stato loro iuse- 
ritt) neiraiiinio. Quindi è che soiunia Inde ne lipor- 
terà il nostro inglese scultore, nome eia notissimo 
per altre sue hclle opere, speeiahuenlc rappresen- 
tflnti gruppi di animali, nella esecuzione ic' qu.ìli 
li« posto un particolare studio; « noi ci riserviamo 
parlarne apposilauienle iu altro articolo. 



■ ; JI A R l O D £ 1 r I O R I . 

A tulli è nota la via di Roma, che si conduce 
fr« più &tiade niaettre iu linea reità d'accanto al 
corso : ma non è ci nume il sapere iiccome questa 
abbia preso nome da un ianuiso artista di genere, che 
tijsc al secolo dei Caiacci e lece parte della quarta 
epoca della nostia scuola romana, pillore quasi aiiat- 
10 dimenticato per certo vizio di coloiirc. Sanno gli 
iuleiulcnli di (luadri antichi, come la pittura nostra 
ai s( ì.r.)2<;iun<;c)-e di Laar di '>cr<iUOZ/,i e di Ciinvan- 
in d A in erta, prese un cai altere assai diverso dal 
psiHui, e da! costume di latti serj scese a rappresen- 
tare i bamb(:cci, e ad ogni genere di leslevolczza scal- 

aossi. Sanno che il Carava^i'io crasi dilettalo di fio- 
co 

riture, e che la moderna scuola di Tonnuaso Salini, 
«li Laura Bernasconi, e di (jiovanna (jarzoni, piltriec 
della c]uale leggiamo tnllav ia repitallio in S. Luca di 
Rema, tolto quell'accessorio dei quadri lo fece sog- 
getto unico de' suoi dipinti, e n'ebbe plauso e ri- 
•ASiììXikìxi.v e sauuo iu cuuse^ueuza come iu «.ptili'epo- 



ca si stabili la pittura che oggigiorno si vuol thi-i- 
maro di genere. Ma quello che piii inlcrrssa loro a 
ccuioscere sono i dipinti di Mario Mu/.zi della l'enna, 
che tanto ingegno mostrò su quelli, da giungere an- 
cor vivendo al primo apice di fortuna ^ tusa invero 
slranissima ) e da vedere le gallerie tutte piene de' 
suoi lavori. Questi dalla eccellenza delle sue ros« 
ebbe nome di Mario dei fiori, ma la sua gloria fu 
bieve. Perchè poco curando la durata de' suoi colori, 
e lec'iere tinte inii)i('!iando, tolse ai fiori l'eternila 
uè nuintenne la primavera. In guisa che le sue tel« 
riiiuTsie squallide e smorte, appassirono interamenl» 
e l.i sua gloria eziandio. Ma 0"t;i che tante inaceia 
tolgiino i suoi lavori a condurre, oggi che d'oltra- 
numle siamo a guis-a di JMarcclli coronali di futil 
dono, e che lutto è fioi'i e Iraslullo, piace il maestro 
di ramiucntarc, la sua via, la sua fama: e di ripti- 
tere piace ancora, che nulla è nuovo quaggiii, e cht 
quanto spunta di gigli, dai giardini nostri provicn» 
e non alliiuicnti. 



GENEROSITÀ DI TA MERLA NO. 

Nella dlstriliuzione ^ I, anno 1 p. 41, si fece men- 
zione di 'l'aiuerlano e delle sue conc|uiste. l'iaccrk 
udire oggi cjualche trailo del suo carattere, ed un» 
generosità vcgliam diine. Mentre il guerriero c:ui>- 
niiiiava per la Suria, occorse che gli venisse un gio- 
vant contadino portato avanti, il cpialc avendo tro- 
valo nelle sue leni; una pign:illa piena di uionel* 
d'aigcnto, era stalo dai suoi soldati arrestato. Tutti 
persUi'.dev ano il principe che (pici tesoro fosse cU»- 
voluto alle casse sue, e volevano che giudicasse. Il 
principe domando: Sono le monete con la mia iui- 
pronta? L non ve n'era pur una. Sono con la ctii- 
gie del padre mio? E neppur (juesto vi era. Dumnie 
che ritrailo sì trova in esse? i.rano le monete dceli 

a 

imperatori di Koma e portavano in fronte i (Cesari. 
Quando Tameilano senti cosi, disse: Duncpie cnn- 
dueelc il giovane ai Cesari, e n'abbia seco loro ra- 
gione. Con questo fece sciogliere il contadino, e !• 
rimandò col tesoro. ( Vedi il Boloio ne' dciU irm- 
moi aùiii alla ma pai^iiia],. 



192 




RUINE DEL TEMPIO DI APOLLO EPICURIO 



IN F I G A L I A NELLA < ; R E C I A . 



Si legge in Paiisania {libro Vili, cap. 41): « Fi- 
» galia è circondata di monti, Ira' quali il monte 
>' Colilo è distante 40 stadj da questa città. Evvi 
)' un tempio d'Apollo Epicurio (liberatore) costruito 
» in marmo, e la cui volta è della stessa materia. 
" Tranne quello di Tegeo, questo è il piti bei tem- 
>• pio del Peloponneso, e per la materia e per l'ar- 
» le. L'arcliitctlo ne fu Ictino, die visse ai tempi 
» di Pericle, e che avea fabbricato il Partenone in 
» Atene ». La parola greca orophos, di cui Pausania 
si serve nella suddetta descrizione, si è qui tradotta 
per volta, sebbene possa significare in senso generico 
la sommità. Winckelniann, dopo le controversie degli 
«rcheologi sul vero significato di questa jiarola, ha 
roncluso, che il tem])io dovea esser coperto di tego- 
le di marmo; ma il Quatremere de Quincy ha emes- 
so l'opinione, che Pausania intenda parlare di una 
volta. Per apprezzai-e l'importanza di siffatta quìstio- 
ne, conviene formarsi un idea più chiara sulla pos- 
sibilità, impossibilità dell'esistenza di volte ne' tem- 
pi greci; convien conoscere nel suo dettaglio il si- 
stema di costruzione di questi edifizj, che si dividono 
in monopteri, cioè formati in un rango circolare di 
colonne, senza muri: ed in jien'pterì, com'è quello 
di cui qui trattasi, formati di un muro circondato 



da (X'ionne, eh' erano distanti da questo muro nel- 
la larghezza dell' intercolunnio. Daremo altra volta 
un idea completa di questa parte importante dell'ar- 
chiicttura, in un articolo sul tempio di Giove Pa- 
iielleno in Egina. Discorrendo qui brevemente del 
suddetto tempio di Apollo, le ruine del medesimo 
sono state scoperte nel 1812 da una società inglese 
e tedesca, che in quell'epoca percorrea la Grecia per 
farvi x'icerche di oggetti d'arte. Una continuazione 
di mirabili bassirilievi, che ornavano ancora un fre- 
gio dell'interno, ed erano sopravvanzati alla distru- 
zione, fu allora tolta di là, e trasportata a Londra nel 
museo detto delle antichità. I soggetti delle sculture 
sono tratti dalla guerra dei centauri e delle ama- 
zoni; il rilievo delle figure è molto più marcato di 
quello del fregio del Partenone; ma vi si osserva 
uno stile men puro e corretto. 



SCIARADA 

^a in esilio il piimier; V altro sta in trono: 
Conosco il tutto della ti'omba al suono. 



Sciarada precedente = Itì-ìiera-rio. 



L.' officio centrale per le associazioni e il deposito de' fogli 
è presso il Direttore proprietario, via del Gesti n. 5'], p-^p" 



TirOGUAFIA DELLE RELLE AUTI, VIA IJX AUCIOIXE lY. 100, COIY APPROVAZIOiyE. 



195 



ANNO 



© 



L'ALBUxlI 



"V. 



">. 



DISTIUBUZIONE 



jkj 



o» 



,r 



Si pubblica ogni Sabato 



ROMA 



29 Agosto 1835. 




CiO CHE RESTA I>I BABILOIMA 



Nulla resta di Babilonia, perchè sta scritto: '■Per- 
davi Bubjloìiis rwinen et reliquias, gerrnen et prò- 
gcniem. Ts. e. 14». Babilonia sparì dalla superGcie 
della terra; quella ricca e potente città non lascia 
neppure un vestigio, non un sasso che indichi al pas- 
seggero la sua situazione. Molto ne banno disputato 
i dotti. Alcuni l'hanno confusa con Susa: altri con 



Ninive, dicendo che Semiramide cinse per la prima 
di mura la citta di Ninive e la disse quindi Babi- 
lonia; altri la confusero con Seleucia; altri con Ba- 
gdad. Qucsl' ultima non ha altro vanto che d'essersi 
ornata delle spoglie della sua vicina, ed è d'altronde 
fabbricata sul Tigri, mentre tutti convengono che Ba- 
bilonia era sull'Eufrate. Lo stesso può dirsi di Se- 



ìiì i 



IciicÌm, le cui ruiue sono presso le sponde dei Tigri. 
Plinio e Slritlwne atlribuiscouo la decadenza di Ba- 
l)ll(iiiia ali'accyesciuieiiio e pi'osperanKMito di Seleucia: 
il che conferma pure ch'erano quelle due ciità di- 
stinte. Le armate persiane, dice il secondo de' lodati 
autori, rovestiarono in parte Babilonia; il tempo e 
la negligenza de' macedoni finirono di abbatterla, 
specialmente allorché Seleuco Nicànore ebbe fondata 
sul Tigri la città di Seleucia,, a 390 stadi circa da 
Babilonia. Lo stesso Strabene mette Bagdad ad ugua- 
le distanza da quella città. Sono quindi tre nomi e 
Ire città distinte, formanti come un triangolo a due 
lati ecuali, di cui Babilonia è il vertice. Infatti la- 
sciando le aberrazioni, e le quistioni più antiche, ora 
i viaggiatori ed i dotti non cercano piìi le tracce di 
Babilonia cVie alla .sommità del suddetto triangolo, 
sebben vana sia una tale indagine ed invano s'in- 
terroghi il suolo che fu occupato e coperto dalla 
città che inebriala tiel vino di sua furiosa prosti- 
tuzione tutti gli abitanti della terra. Non essen- 
dosi trovato altro, si è qualificato per avvanzo di Ba- 
bilonia il masso informe di raine che qui rappre- 
sentasi e che volgarmente dicesi la torre di Nembrod, 
o torre di Babele. Ma gli arabi lo chiamano Agar- 
couf, e vogliono clie questo masso sia stato eretto da 
uno de' loro capi che vi ponea un fanale per adu- 
nare i suoi sudditi in tempo di guerra. Sia comun- 
que, noi daremo qui la descrizione del monunieuto, 
com' è riportata da testimoni oculari. 

Ai una giornata e mezza dalla punta della Rle- 
sopotamia, a tre leghe circa dì Bagdad ed alla me- 
desima, distanza della sponda opposta dell'Eufrate, 
trovasi un masso solido piramidale di circa 300 pas- 
si di circuito, devastato da due lati nell'idea certa- 
mente che contenesse tesori, come pensano gli arabi 
di tutti gli antichi edifizi. I mattoni che vi sono stati 
impiegati non sono cotti in fornace, ma soltanto pro- 
sciugati ed indui'iti al sole. Hanno circa 13 pollici 
in quadrato di superficie, e due e mezzo di grossezza: 
sono posti in piano gli mii negli altri, e cementati 
con la stessa terra di cui sono formati i mattoni. FJ 
da congetturarsi che la costruzione sia massiccia, men- 
tre alle due facciate, che qui non veggonsi, è stata 
distrutta fino al centro, e ninna cavità si è manife- 
stala. La parte settentrionale dell'edificio presenta 
invero ai due terzi della sua- altezza una specie di 
porta, ma è evidente che f£uesla apertura si e operata 



nelle investigazioni e tasti fatti nel monumento, poi- 
ché le pareti ne sono irregolarmente tagliate, e niuu 
mattone vi è rimasto intero. A qualche distanza ve- 
desi un altra elevazione di terreno, dove trovansi 
alcuni frammenti grossolani costruiti in mattone cot- 
to e che possono prendei'si per mine di tempj e pa- 
lazzi. Veggonsi pure de' gruppi piìi piccoli, che sem- 
brano pure vestigi di altri edifizj: ond' è probabile 
che Agarcouf sia il sito d'una città perduta. Ma a 
qual uso sarà stata destinata questa così detta torre 
di Nembrod? Non può riguardarsi come tempio né 
come fortezza. Si prenderebbe piuttosto per un luogo 
d'osservazione, se esistesse alcuna traccia di gradi- 
nata sopr' alcuna delle sue facciate per ascendere fi- 
no alla sommità, o se si vedesse qualche vestigio di 
porta, che facesse presumere la costruzione d' una 
scala interna. Che che ne sia, cjucst' ammasso di pie- 
tre è tutto quello che resta di Babilonia, o per dir 
meglio quel che trovasi nel sito dove fu Babilonia, la 
grande città i'estiia di lini sottili, di porpora, e di 
scai latto, ornata d^oro, di gemme e di perle, e sul- 
la cui froute era scritto, come si ha nell'Apocalisse, 

MISTEaO. 



RACCONTO. 

Nella corte di un osteria in un villaggio, due ufH- 
ziali ravvolti in lai-ghi tabarri, e scambiando qualche 
parola fra loro, passeggiavano a passi lenti e misurati, 
dando continui contrassegni d'impazienza. Di tratto 
in tratto qualcuno di loro si avvicinava al cavallo, e 
talvolta palpando la criniera, tal altra mettendo in 
assetto la sella, e stringendo la cinghia si piaceva 
de' nitriti che il focoso animale ricambiava co' segni 
di benevolenza del suo padrone. Era in sul imbru- 
nire di una giornata d'inverno, e quantunque il tem- 
po fino a quel punto si fosse mostrato nello stato di 
mediocrità, pur tuttavolta non appena il sole era an- 
dato all'occaso, il continuo romoreggiare del tuono, 
il frequente chiaror de' lampi, e piii ancora l'ammon- 
ticchiarsi de' densi nuvoloni, che come nere fautas- 
me apparivano nelle regioni dell'aria, facean temere 
di prossima procella. La campana del villaggio' suo- 
nava gli ultimi tocchi dell' as^emaria, quando uuo 
scalpitar di cavallo annunziò un altro che giungeva. 
Infatti un terzo ufficiale,. inzaccheratO' fino alla nucc» 



I!) 






e più giovane degli allii, eali-nva in qiiell' islantc 
nell'oslL'iia. - Ebbene, Alfredo, dicevagli il piìi vec- 
chio dei due, ci hai fallo aspellar lunga pez/.a, e la 
tempesta ci è sopra. - l'oliare! rispondeva colui, un 
militare temer del cattivo tempo! Ma poi che colpa 
ci ho io, se il cavallo è rimasto impastoialo nella 
melma di un luogo paludoso, e mi ha (.lato liei lare 
per irarnelo fiu)ra, onde vedete come sono malcon- 
cio - IMa via! diceva il terzo, il qn.ile era già in 
arcione, non ci perdiamo in ciarle, mcltiamoci in cam- 
mino. E detto fatto, essendo tulli all'ordine diedero 
di sprone ne' fianchi de' cavalli e partirono. Or sap- 
piasi che i nostri ulliziali per non so qual accidente 
erano restati nel villaggio, del (jiiale è parola, men- 
tre il corpo di milizia, al quale appartenevano, avealo 
il di innanzi traversato per recarsi in allro paese di 
li non mollo discosto. Eglino aduncjue galoppavano 
per raggiungere il loro icggimenlo: ma latlo aj^ipena 
UH miglio di via, s'intromisero in una Losciglia. Il 
cielo era venuto nero, come il pensiero di no omi- 
cida, ed i densi vapori elle l' ingomljravano cransi 
riduUi in pioiraia in modo che i nostri -iia^^iatori 
camminavano a capo chino per evitare alcjuaulo i 
gl'Ossi goccioloni di acqua, che cadevano su' loro volti 
in gran copia. Ad un tratto Alfredo die col braccio 
in un corpo sosjieso a mezz'aria, ed alzato il capo 
s'imballò nel viso di ini nomo iinpicealo in un al- 
bero. Oh! oh! esclamò (gli, guaiolale mi salvag^iume, 
che al certo dai nostri è stalo ucciso. -j\è mal s'a|)- 
poneva, poiché quei suoi soldati ciano stati a bella 
posta spedili in (juei luoglii per distruggere un gran 
numero di mal\i\eMli, i (piali dediti alle rapine, alle 
uccisioni, a' saccheggi inlcstavano fjuellc contrade. E 

ia"urati i:idc\a uvdJe loro 



non apiìcna uno (_li (luei s( 



ippc 

mani, si decideva della sua vita sui lamLuid, e dojio 
a!(Hiue me era liello e spacciato. IVel passare che 
fecero per ipul jocgo il di precedente, picsone uno 
colle .Trmi alia mano, gii ave\ano fatta la festa, ed 
era quel tale aj)punlo nel quale aveva urtato Alfredo. 
A svariale piacevolezze diede luogo ffuest'avventuia, 
che formò il suldnVtto del discorso in ipiasi lutto il 
viaggio, il (piale non io molto lungo, perciocché' dnpo 
un'oretta <;iunsero al luoiio di loro stazione. In una 
dtdie principali case del paese prendeva alloggio il co- 
mandante del corpo : onde i tre cavalieri a quella 
volta si diressero. Una gran tavola era imbandita, alla 
<^ualc unii gli ufiiziali convenivano in quella sera per 



darsi bel tempo e cenare alla salute de' loro couq>a- 
gni d'armi. Eravi anche il luogo pe' nostri tre, i ipii- 
li fatte le cerimonie d'uso e dcjMisle le veslimeula 
tulle in/,ujipale di ae([ua, presero con gli altri posto 
alla mensa, ,1'rovveduli di buona dose d'ajìp ti lo fe- 
cero (ui(U'(! alle vivande: ma al mescer dei vino, e al 
girar de' biccliiej'i l'allegria pres(; possi^sso di tulli; e 
(piindi al silenzio che ;ni'va .ipiMlo il convito suc- 
cesse un ridere smoderato, un liiy.zarsi l'un l'altro, 
e poi un gridare, un parlale in fratta. Ognuno im- 
prese a nairar (piallile cosa, e, eonu' è- naturiile, i 
nuovi venuti raccontarono del cavallo di AllVedo 
nella nndma, del v i.igglo, della pioggia, e da ultimo 
anche deli'inipiecalo. Avrai avuto gran paura, diceva 
il comandante ad. Alfredo.- l'aura! e di clii? Se non 
temo de' vivi, imaginale se possa temere degli eslinli.- 
Eppure scommclteiei che la non sia andata come tu 
dici.- J-.d Allredo, lui il \ino aveva riscaldato un i)0- 
co il c(r\ello, ripigliava.- Ebbene io scommetto in 
contrario, e se voi voleste i-ischiare non più di una 
dozzina di scudi ve ne darci adesso adesso una pro- 
va.- E ipiale'.' risposero lutti. - Andro solo a (iiu'st' 
ora a fare una ^isita al raorlo.- ^ ia dumpu; soggiun- 
se il comandante, vadano pure i dodici scudi, purché 
domattina l'arai trovare in bocca dell'impiccato una 
cucchiaiata di zuppa. 

E veiameute malagevole il retrocedere, quando 
s' imprende a dar jiiova di animo specialmente da 
un militare; ma quella (igura con (piel temporale, 
ed a quiir ora, si presentava airinimai;inazioiie di 
Allrcdn, collie la bifaiia a quella dei bambini. II 
dado peni era IratUi, e bisogiia\a o andare, o per- 
dere la sciiuiinessa, e, (juel ch'ci-a peggio, esser te- 
nuto per [lu^ilianiul(■. - Eaonile fallo cu'ire e prov- 
veduto di un pculdiiiio di zìijipa e di un cucchiajo, 
monto sul paialreno e \ ia. il ca\allo di Alfredo cam- 
niiiia\a a j)icc(do j)asso, uè egli lo stlundava: nun 
già che a\ess(: avuto paura giacché di coi-aggio non 
mancava, ma l'accesa fantasia tante e si sconvolte 
Ciise laeevagii xedcre, che (juasi quasi incominciava 
ad avere un principio di tremore universale per le 
membra. Per distrarsi da quei tristi pensieri prese 
il [laiiiio di zufolare qualche arietta, cantarellare e 
jiarlare a voce alta da solo a s'ilo: ma la melile era 
sempre la e l'impiecato si presentiva di continuo al- 
la sua immaginazione. Einalmeiile alla luce di un 
lampo lo distinse realmente, e fattoglisi d' appresso 



s'alzò in sulle slaflo, prese il cucchiajo della zuppa 
e gliel' avvicinò alla bocca. L'impiccalo la spalancò 
come per ingojare. 11 povero Alfredo tremava da ca- 
po a piedi, ma x-iuneiulo tutte le sue forze: -Prendi, 
disse, tu devi aver fame. - Uua orribile voce, che 
partiva dall'estinto, rispose:- Porgete.- Alfi-edo a mala 
pena artici)lava un' eccola. Intanto un sudor freddo 
gli sco'ieva per le gote, i capelli erano ritti in sul 
capo, il cucchiajo e la pentola cadevano, i di Ivii oc- 
chi afilssavansi impietriti sul cadavere, le mani scor- 
revano or sulle l'cdini del cavallo, or sulla impugna 
tura della sciabla, ed ora su fondi delle pistole. In 
un subilo non so se il coraggio, o la paura gli sug- 



gerì un pensiero: e dato di piglio ad una pistola, 
ruppe in questi accenti - Se tu sei morto, non mi fai 
paura: ma se tu sei vivo, ti Gnisco al momento. E 
già spianava l'armatura, quando uno scroscio di risa 
gli colpì le orecclile. Un improvviso apparire di 
speltri non avrebbe prodotto l'efletto di quelle risa. 
Alfredo cadde rovescione sul suolo, e svenne. 

Al suo dipartirsi i compagni per godersela, aven- 
do preso per una scorciatoja e messi i cavalli al ga- 
lopjjo, avevanlo di molto prevenuto. Uu uomo vivo 
era stato sostituito all'estinto, e questo scherzo im- 
prudente portò la disgrazia dell' intera vita di Al- 
fredo. - Egli era divenuto paralitico. 



>«eec>€)<>€><!«< 




MEDAGLIA PER LA CAMPAGNA RUSSA 

di Turchia 



La medaglia, qui prodotta nella sua propria gran- 
dezza, è stata battuta in Pietroburgo, onde eter- 
nare la giuria delle armi russe nella campagna di 
Turchia. La invenzione di essa esprime un grande 
<; religioso pensiero, ispirato dalla circostanza della 
con(jiiista ed unione all'impero di quella parte dell' 
Armenia turca, nella quale è il monte Ararath. Im- 
perciocché si vede nel dritto della medaglia rappre- 
sentato il monte suddetto, creduto già il piìi alto 
del mondo, e venerando nelle memorie dell'umano 
genere, per essersi sovr' esso fermata al cessar dell' 
wniveisalc diluvio l'arca di Noè. Quest' arca, salute 



della stirpe di Adamo, comparisce nella medaglia al 
di sopra del monte. 11 sole sorge di mezzo all'acqua 
e la irradia. Il luogo è ancora tutto all'intorno som- 
merso. Nella snperior parte è segnato l'anno 2242, 
epoca dell'avvenimento, secondo il computare dei 
russi. Il rovescio della medaglia presenta allo sguar- 
do novellamente il monte Arai-ath; e nel primo cam- 
po una turca città. Sulla volta della montagna è il 
vessillo dell'impero di Kussia, piantato dalla vittoria 
in quel luogo famoso, in cui da tanti secoli i mu- 
sulmani non istimavano neppure possibile di Tedere 
apparire uno stendardo cristiano. La croce, che è il 



197 



segno nel quale si vince, è figurata nel sommo della 
medaglia, ed ha la noia deiraiiiio 1828, che è quello 
della prima campagna di Turchia. 

P. E. V. 



SOPRA UNA STATUA -VIAGGIORE DEL TERO RAPPRESEN- 
TANTE ATALANTA CHE SI FERMA A RACCOGLIERE 
IL POMO, DEL SIG. niHOFF SVIZZERO. 

Chi fosse Atlanta figliuola di Scheneo, e come 
fosse ricercata in matrimonio da molti giovani uè 
suo padre volesse concederla ad altri che a colui 
che vinta l'avesse nel corso, è noto per le favole de- 
gli antichi greci, e pei bassorilievi che ci rimangono 
di questo fatto. Wa uiuna scultura avevamo finora 
veduta, che ci presentasse Atalanta nel momento del 
suo corso. E noto che ninno dei giovani, che am- 
Livano le di lei nozze, aveva potuto vincerla, e che 
Ippomene ottenne questo coH'ajulo di Venere, che 
lo consigliò a gittare lungo il camino varii pomi d'oro: 
onde Atalanta arrestandosi alquanto a raccoglierli 
desse così occasione ad Ippomene di superarla nel 
corso e di giungere alia meta prima di lei. Ed eccola 
infatti neir istante che si sofferma e s'inlertiene al- 
cun poco, piegandosi leggermente a terra per racco- 
gliere il pomo (he fu giltato dinanzi ai suoi piedi. 
Bella e leiiiiiadra è l'altitudine del suo movimento: 
nobilissima la sua figura: e molto studio scoi'gesi ne' 
suoi capelli e nel suo panneggiamento, nelle quali il 
giovane svizzero sembra avei- superato la verità. Quin- 
di è che mollissime lodi ne ha riportato dagl'intel- 
ligentl tutti, che desiderano di vedere operato in 
marmo questo lavoro che dimostra c^uanto il giovane 
artista prometta di se stesso in età più matura, E 
non è meno delle altre cose da commendare in lui 
l'invenzione e la novità del concetto, la quale cer- 
tamente agguaglia l'esecuzione: per la quale tu vedi 
espressa nella fanciulla l'ansietà e la dubbiezza che 
suo mal grado la trattengono nel suo rapidissimo cor- 
soi il quale è di poco alterato dal leggerissimo pie- 
gare della sua persona, che fa appena conoscerlo a 
chi non l'osservi minutamente. 




Nel 1748 il 1 di novembre naccpie Gio: Fran- 
cesco Galeasi-IS ApioKE in Torino, da antica e nobile 
famiglia originaria della citta di Pinerolo. Compito 
il corso degli studi filosofici dovette abbracciare quelli 
della legge per compiacere a' suoi. Le amene lettere 
però formarono mai sempre la sua delizia. In eia 
di 19 anni già era auloiir di nn poemetto storico, 
reso di puliblico diritto nel 1767. Fin da quell'epoca 
acquistò lama di letterato, e si vaticinò da' dotti che 
le amene lettere avrebbero dal genio suo acquistato 
maggiori lumi. Infatti nel 1773 die fuori un Rai^io- 
naineuto sopra la durala de!' re di Romane un Sa^^^io 
sopra l'arte storica. Per volontà del suo sovrano 
entrò nel ministero di alcuni impieghi, e nel 1779 fu 
creato intendi'Ute regio delle due provincie di Susr 
e di Saluzzo. ÌN el 1787 gli fu aflidata la soprainten- 
denza all'oflieio della peregrinazione, e nel 1796 fu 
nominato consigliere di- stato di S. M. applicato ai 
vegii archivi di corte, ed innalzato nel 1797 al gra- 
do di generale delie regie finanze. In mezzo peraltro 
a si fatte cariche non abbandonò gli studi suoi car i, 



tloiiaiiJo a fjuesli le ore della licrcaaioiie ne" pociù 
iìMpIì di tempo. Nel 1785 stampò la Griselda U-a- 
<;edia, e nel 1791 l'opera per la quale fu annovei-ato 
ti-a' classici. Questa l'iutitolò DcW uso e de pregi 
della Ungila italiaiui. ?« uè videro al momeiHo 
varie edizioni, ed in molte università fu scelta per Io 
studio de' triovaui. Applaudita dai maggiori letterati, 
non sarà discaro riferire qualche opinione di questi. 
11 celebre Tirabosclii ^1) la chiama: « Opera degna 
di quello ingegnoso ed elegante scrittore, in cui la 
nostra lingua ha avuto il piii giusto conoscitore de' 
suoi pre"i, ed il più valoroso apologista clie sia sta- 
to finora » Il segretario dcH'istiluto nazionale italia- 
no, nel discorso preliminare premesso alle memorie 
di quello, commenda quest' opera dicendola: «Eccel- 
lente e classica per ogni titolo (2) ». Il valente pro- 
fessor di belle lettere e storia nel liceo di Trevigi, 
Mario Pieri, così scrive di essa. «Gloria eterna a 
quel nobile ingegno e veramente italiano che con 
tanta dottrina ci venne accennando l'uso ed i pregi 
di quella lingua divina, ed entrò valorosamente in 
campo contro i di lei avversarii (3) ». Lungo sarebbe 
il riferire ciò che ne scrissero con somma lode il Bet- 
tinelli, il conte Borromeo di Padova, il cav. Ippolito 
Pindemonte: il dotto bibliotecario Pozzetti la chiama: 
« Luce ed ornamento della piemontese letteratura «, 
e r eruditissimo Zannoni, «bellissimo trattato», ed 
inculca a tolti gli italiani la lettura di essa. 

Sotto la dominazione de' francesi l'illustre lette- 
rato non ebbe impiego veruno, anzi costantemente 
rifiutò gli offertigli per restar fedele ai suoi sovrani: 
e procurò cercar sollievo dalle cure private e pub- 
bliche negli sludi di varia letteratura. Quindi ikU' 
anno 1803 fece imprimere in Firenze la l'arsione 
delle ttiscolnne di Cicerone, m.-lìa quale l'autore eb- 
be in mira piìi la chiarezza e la facilita che la pom- 
Tia di lidio stile. ^ oliò pure ncll' italiano idioma 
Mi-I 1806 la ina di Agricola di Tacito: traduzione 
di sommo ardire dopo quella colma di maravigliosc 
bellezze del Davanzaf". L'clIVmeiidi di Roma, il gior- 
nale pisano ne' belli e ben ragionali ragguagli che 
diedero di queste sue traduzioni, attribuiscono al cav. 
(iiLEiM il doppio e raro vanto di traduttore fedele, 
e di traduttore filosofo. 

Dopo il )-itorno de' reali sovrani in Piemonte nell' 
anno 1814 venne nominato primo presidente, capo e 
sovrintendente dei rcgii archivi di corte; riformatore 



degli studi nella regin università: nell'anno 1 8 1 5, 
cavaliere gran croce de' ss. Maurizio e Lazzaro. Ebbe 
due mogli: l'una sposò nel 1786: e mortagli questa 
tornò nel 1792 allo stato di matrimonio. Esistono 
oltre alle nominate opere anche altre di minor mo- 
mento, parte stampate e parte inedite, che versano 
specialmente sugl'impieghi da lui sostenuti, non the 
un Discorso intorno alla storia del Piemonte-^ la 
f^ila di Colombo e suoi supplementi ; ed il f'iag- 
gio di amicarsi in Grecia (4). Estratto ragionato, 
di cui il Bettinelli scrivendo all'amico suo canonico 
De Giovanni, che gli aveva procacciato quell' opera, 
ebbe a dirgli: « Che presala tra le mani non gli era 
stato possibile di respirare, ed interrompere la let- 
tura: che in essa egli aveva ammirato lo scrivere, 
il pensare, il sapere, l'ingegno, il giudizio, e con 
tutto ciò la uran moderazione dell'autore. Fu ascrit- 
to il Galf.wi a varie accademie, cioè alla reale delle 
scienze di Torino, alla romana di archeologia, e nel 
decreto di ristabilimento della celebre accademia del- 
la crusca, emanato da Napoleone, piacque a questo 
di nominarlo socio corrispondente della accademia 
medesima, come altresì ad altre lelterarie e scienti- 
fiche accademie egli appartenne. 

Nel 1830 il 15 luglio questo Socrate italiano, 
come lo chiamò il Bettinelli, cessò di vivere in To- 
rino. La di lui morte fu pianta non solo da' suoi 
tanto dimoranti in Piemonte quanto in Roma, ma 
aiK-lie apportò immenso dolore a tutti gli amatori 
de' buoni sludi. 

(i) Si. T. Vili. P III. pag. 970. 

[i] JIuiMOric dell'Islit. Naz. It- T I. Bologna iSog. 
(3; Della originalità delle scriUuic e dei premi. Pado- 
va iSio. 

(4- Torino 1790. 



TRE BELLE ISCRlZiOM. 

Fra le massime di sapienza che regnarono un 
tempo in Grecia, e che furono dalla classica nazione 
ricevute come aforismi e proverbj, si conta la sen- 
tenza di conoscere se medesimo (1): la quale o pro- 
venne da (pniche oracolo come pensano alcuni, o fu 
concetto di Cliilone lacedemonio, come altri si danno 
a credere. Ammisero fra gli avvertimenti della vita 
umana colai consiglio i Ialini, lo ammisero gli scrit- 



190 



tori nostri eziandio: sapendosi bene clie Persio scri- 
vesse nemo in sese tentat descendere (ninno ardi- 
sce specchiarsi in se), e die Baitolonreo di s. Con- 
cordio ripetesse codesto motto. IMa ninno si mostrò 
mai cosi caldo di tale avvertimento e consiglio quanto 
Giovanni Gioviano Fontano, ingegno a cui mollo de- 
ve la lettei-alura e che bene e sapientemente meritò 
delle muse. 11 quale nel suo morire volle lasciarlo 
come in testamento comune, e lo fece apporre al se- 
polcro. Lcggesi il suo epitaffio concepito cosi. 

Sum Joawies Joiianus Poìttamis, 

Quelli ainnveruììL honae viiisae, 

Sitspexeviuit viri probi, honestareriiiit reges Domini. 

Jam scis qui siin i^el qui potius f aerini: 

Ego vero te hospes nascere in tcnebris nequeo, 

Sed ut teipsum noscas rogo, 

lo son Fontano amato dalle muse un tempo, 

Consideralo dai probi ciliadiiii, ed onorato 

Dai principi i 

Ora tu conosci chi io sia, o a meglio 

scrivere chi fossi. 

Straniero, io sono spento nelle ombre e conoscere 

non ti posso. 

Ma che tu conosca te stesso 

io prego. 

Venuti in proposito d'iscrizioni vogliamo un al- 
tra produrne considerata non meno dai dotti, e scrit- 
ta da un uomo celebre ad altro non men celebre in 
In"bilterra. È questa la epigrafe di lord Coningsby, 
amico delle lettere e degl'ingegni, scrittagli espres- 
samente da Pope nobile e sottile scrittore, e scolpita 
sul suo sepolcro. Essa dice cosi. 

Here dies lord Coningsbj 

Bc civil the rest god knows 

So does the devil. 

Qui giace Coningsbj- 

Essere cortese e vada con Dio, il resto 

È condotta d'averno. 

A primo aspetto può comparire codesta scritta 
un dettato senza ninna armonia, anzi una cosa fuor 
dell'ordine e della regolarità. Ma considerata altjuauto 



torna in fine assai bene. La iscrizione funebre iii- 
fatto esser non deve che una lode al defunto espres- 
siva senza piii. Ora qual miglior elogio che dire « 
Questi fu egregio in pubblico, e in fondo ai cuore 
come in pubblico si trovasse? Forse si dira stra- 
vagante il modo di espor t.iii cnse. Ma chi vide i 
musei e i marmi greci considerò, diflerentemeiite as- 
serisce. Leggasi E. Q. Visconti, e vedrassi come gli 
anliebi sulle sepolture dei savi e sulle loro eriiu; 
eziandio (ve ne sono in vaticano gli esenipj) scris- 
sero invece della diceria e del nome fin' anco un 
motto, che o era stato familiare all'illustre o come 
sua fattura ammiravasi: e a rjueslo sol sentimento ivi 
scritto, <[uel pupulo riconosceva i sepolcri e i ritratti 
de' suoi sapienti. Pope fu profondo conoscitore del 
greco, tradusse Omero siugolarmcnte, e con questa 
lapide volle le iscrizioni auliche imitare. 

Lessi, relativamente a mi;morie funebri, una iscri- 
zione latina nella esimia opera dei Fratelli Arvali, la- 
voro dottissimo del archeologo Gaetano Marini, elio 
stimo degna di essere dal pubblico conosciuta come 
un modello di tali cose, e come una di quelle scrit- 
ture semplici che invitano ad imaginare una nobile 
idea senza esprimerla. Eccola. 

Fortune 

Spci f^eneri 

Et 

memoriae 

Claudiae Scmnes 

s. 

Sia consecrato alla Fortuna 

A Venere alla Speranza 

E 

Alla memoria di Claudia. 

Forse intese l'autore d'innalzare una mcmoiùa a 
Venere e alla Speranza come partite insieme con Clau- 
dia dal mondo? 

(i) rvu3( (TjaiiTov. Noscc te ipsum. 



LA SETTIMANA 



CALENDARIO STORICO. 

30 Maggio 1 1 54. = Federico I prende e spiana 
Tortona. — 1431 Giovanna d'Arco è bruciata a 
Rouen. — 1796 Battaglia di Borghetto data da 
Bouaparte agli austriaci. 

31 Maggio 1564.^ Si comincia il palazzo delle 
Tuilleris per ordine di Caterina de' Medici. — 
11 58 Cancian prende Milano e spiana le mura. 

Giugno. Come il mese di maggio fu detto da ma- 
joribus ad onore de' più. vecchi, o maggiori dell' 
antico senato romano : così giugno fu detto dai 
j uìiioribiis , in onore dei giovani clie armati di- 
fendevano la repubblica romana. 

1 Giugno 1 1 58. = Federico imperatore comanda in 

Roma da sovrano. — 1416 Morte di Girolamo da 
Praca amico di Giovanni Hus, bruciato come hii 
l'auiio precedente per colpa d'eresia. 

2 Giugno 11 ()4. S. Erasmo trasporta da ISIiiaiio a 
Colonia le teste de' ss. Re Magi. — 180 5 Czernl 
Giorgio detto il nei'O prende il titolo di ospadar 
di Scrvia. Egli cominciò dall'essere semplice sol- 
dato. 

3 Giugno 1168 II concilio laleranense depone Fe- 

derico I scismatico. — 1658 IMorte di Guglielmo 
Harvey autore della scoperta della circolazione 
del sangue. Era nato a Folkoston il 1 di apri- 
le 1578. 

4 Giugno 1 1 79. = II concilio lateranense vieta i 

tornei. 



LA FATA MORGANA. 

Vi sono altri fenomeni aerei, che producono il- 
lusioni ottiche singolarissime. Si conosce particolar- 
mente quello spellacolo, che gli abitanti di Reggio 
nel regno di ÌN apoli chiamano la fata Morgana, che 
di tempo in tempo si lascia vedere sullo stretto, che 
separa la Sicilia dalla Calabria. Il celebre viaggiatoi'e 
inglese Swinbur ne da la seguente descrizione sulle 
notizie del P. Augeluzzi, che trovandosi a Reggio ne 



fu oculare testimonio: « Il mare, sono le parole di 
Swinbur, che bagna le spiaggie della Sicilia s'inHam- 
mò improvvisamente, e comparve per una estensione 
di dieci miglia circa simile ad una catena di mon- 
tagne d'un oscuro colore, mentre le acque delle rive 
di Calabria divennero repentinamente placide, ed in 
tale perfetta calma, che mi comparivano come uno 
specchio ben liscio appoggiato contro quella catena 
di monti. Sopra queste acque tranquille si vedevano 
dipingersi di un colore debolmente oscuro migliaia 
di pilastri l'uno in seguito dell'altro, tutti eguali in 
altezza, in distanza, e pel grado di luce e di ombra. 
Un istante dopo questi pilastri si convertirono in 
tante arcate simili agli acquedotti di Roma. Sulla 
sommità di questi archi scorgevasi una lunga cor 
uice sormontata da una moltitudine di castelli, che 
ben tosto si trasformarono in altrettante semplici 
torri : queste presero poscia la forma di colonnate, 
e poi di una fila di finestre: e finalmente quella di 
alberi simili ai pini e ai cipressi tutti di una mede- 
sima elevazione. Questo singolare fenomeno è chia- 
mato da quei di Reggio la fata Morgana, che sin 
qui io aveva ritenuto essere una favola ». Ma anche 
di questo straordinario fenomeno non trovo soddis- 
facente spiegazione. 

SCIARADA 

II mio primo affronta altero 
Di Nettuno il vasto impero : 
Il secondo - furibondo 
Giù dal ciel precipitò: 
E il mio terzo una bevanda 
Che un gran regno agli altri manda: 
Un gentil poeta è il tutto, 
Che di sue fatiche il frutto 
Colse iu cinger la corona 
Che a' suoi grandi Italia dona. 



Sciarada precede nte= Bandito-re. 



L'officio centrale per le associazioni e il deposilo de' fogli 
È presso il Direttore proprietario, via del Gesit n. 5", p-'p-' 



.K-^-v "V^ ^-^-v ^ 



TIPOGUiFIA DELLE BELLE VUTI, VIA ITS ARCIONE N. 100, CO.t ArPUOV AZIONE. 



201 



ANNO ■ ■ 




DISTRIBUZIONE 

2S, 



Si pubblica ogni Sabato 



UOHA 



5 Settembre 1835. 




Quc fìi^nx) (ofÙLfavi Ifcc 



IL LEONE 



Non v' è alcuna belva, il cui nome sia così fami- 
liare tra noi come quello del leone, niuna le abitu- 
dini o l'indole di cui abbia fornito alle lingue euro- 
pee maggior numero di metafore. E ciò tanto più 
rimarchevole, quanto che il leone non ha abitato che 
in nna piccola parte dell'Europa, e n' è già da più 
secoli del tutto sparito. Tali locuzioni, nelle quali par- 
lasi del leone e del suo istinto, sono certamente de- 



sunte dai primi anticlii scrittori ebrei, che avevano 
avuto frequenti occasioni di conoscere anche a pro- 
prio danno il leone, la sua forza, la sua audacia : 
quindi pi'esso gli oratori ed i poeti tante immagini 
e similitudini, in cui senz' aver essi inai visto un 
leone non hanno fatto propriamente che ripetere ciò 
che aveano Ietto di questo re delle selve e delle 
I belve ne' più antichi scrittori, i quali lo aveano ve- 






(luto TCianieiUe ed osservato con ogni diligeuza. L'im- 
magine del leone, che flagella i pi-opvi fianchi culla 
sua coda, trovasi in Omero: Lucano fu il primo che 
s'avvisò di riconoscere in questo costume del Icone 
un incitamento eh' esso davasi cosi prima della pu- 
gna. Plinio semhrò che prendesse sul serio la poetica 
iperbole, e la sua asserzione fu quindi ripetuta da 
lutti quelli che attinsero da quella l'onte. Niuno però 
di questi scrittori avea indicato nella coda del leone 
lina causa di silFatto incitamento, che potea dare al- 
quanto di probabilità alla loro stravagante opinione. 
La scoperta di C[uesta particolarità era riservata a 
Didimo d'Alessandria, uno de' pi-imi commentatori 
dell'Iliade : egli osservò all'estremità della coda, e 
nascosto ne' peli, uno sperone cornuto, una specie 
d'ungliia puntuta, e suppose che fosse quello l'orga- 
no, il cjuale, quando il leone nel momento del peri- 
colo agitava violentemente la sua coda, gli pungesse 
i fianchi come appunto fa uno sperone, e lo eccitasse 
a lanciarsi sul nemico. L'osservazione di questo com- 
mentatore fu trattata con sommo disprezzo dai natu- 
ralisti moderni, e non la stimarono neppur degna 
di confutazione. Niuuo anzi vi pensava pivi, allorcliò 
Ijiumembach riconobbe a caso la precisa verità del 
fatto. In un' epoca successiva un naturalista francese. 
Desila jes, rinvenne lo sperone in un leone e in una 
leonessa morti nel serraglio di Parigi. Quest' unghia 
è molto piccola, avendo appena tre linee di altezza; 
è soltanto aderente alia pelle, e si distacca senza 
molta forza. Un membro della società zoologica di 
Londra ha trovato uno sperone simile in un leopar- 
do asiatico ; ma semln-a che la maggior parte delle 
specie spettanti al medesimo genere ne siano prive, 
e cosi manca pure nel nostro gatto domestico. Parrà 
strano forse a taluno, che non sia istruito delle clas- 
sificazioni de' naturalisti, il vedere ravvicinato il gat- 
to al leone; ma studiando l'organizzazione in detta- 
glio di questi animali si ravvisa, che tutte le speciÈ [ 
tlic si conqjreiidono sotto il genere fc/is, il leone, 
la tigre reale, il leopardo, la pantera, il jaguar ecc. 
ili cui il nostro gatto domestico non è la specie piìi 
piccola ; si ravvisa, dicemmo, che tali specie non 
pfìssono esser distinte che da differenze poco impor- 
tanti di sutura, di colore e di lunghezza di pelo. 
La rassomiglianza tra questi diversi animali si ma- 
nifesta fin ne' più piccoli dettagli della loro struttura. 
Cosi, per esempio, le unghie sono per tutte le specie 



di questo genere armi potentissime, le quali però 
non possono avere la loro utilità, che mantenendosi 
costantemente in buono stato. Queste unghie sono 
huighe, acute, trincianti; se fossero disposte come 
negli altri mammiferi unghiati, ne' cani per esempio, 
la loro punta toccando e calcando continuamente il 
suolo sarebbe ben presto consumata; ma queste un- 
ghie, allorché l'animale non ne fa uso, sono salve 
ed al coperto da ogui confricazione: lo clic dipende 
da una disposizione particolare delle falangi, ossia 
degli ossi delle dita. La falange che porta l'unghia 
è articolata colla seguente di modo a potersi rivoltar 
sopra quest' ultima, e preuder sede in una cavità 
che questa stessa le presenta. Il roTesciamento dell' 
ultima falange ha per risultato non solo di custodire 
la punta deìrunghia; ma ancora d'impedire, che il 
dito non sia slogato, quando l'animale si serve della 
zampa per colpire. E infatti un' abitudine comune a 
tolte le specie di questo genere grandi o piccole di 
colpire, alme. 10 di stordire la loro preda con nn 
colpo di zampa prima di divorarla, come si può os- 
servare frequentemente nel nostro gatto domestico, 
e come i viaggiatori in Alfrica hanno osservato pa- 
rimenti nel leone, il quale porta i suoi colpi con 
tale forza e violenza, che basta un solo di questi 
per isfoudare il cranio di un bufalo. Questa potenza 
d'azione dipende in parte dalla durezza e dalla den- 
sità degli ossi della zampa, che rappresenta così, e 
la le veci di un pesante martello, ed in parte dall' 
energia de' muscoli che la muovono. 

Dotato di questa forza prodigiosa, munito di ar- 
mi cosi terribili, e potendo con un solo balzo saltare 
uno spazio ben grande, il leone non trova in tutta 
la natura vivente alcun nemico eli' egli possa temere, 
se quindi gli si veggono ben di raro dar segni di 
timore; se quando egli non crede espediente di com- 
battere, si ritira con msso inlrcpido e tranquilla 
"■■avanti.i sudi aggressori- troppo deboli per eccitare in 
lui il sentimento del pericolo, non v'è luogo a stupir» 
del suo coraggio. Egli è anzi da notare, cbe quando 
il leone medita un attacco, e che può preveder* 
qualche resistenza, procede quasi sempre per sor- 
presa: si presenta di notte, o s'insinua inosservato 
di cespuglio in cespuglio, fintanto che si trovi a por- 
tata di scagliarsi con un balzo sulla sua preda. Seb- 
bene l'uomo non sembri esser per lui un avversario 
molto a temersi, esita però molto ad assalirlo, spe- 



À%J^ 



cialini'uU; ne" paesi dove l'uso (ielle armi da liioco è 
alquanto sparso. L'audacia de'lenui del capo di Bu uni 
Speranza è notabilmente diminuito da the gli cuiopei 
lianno formato staLilimcnti in questo paese: e se nelle 
remote contrade della colonia questi animali sono an^ 
cora teraibiii pel bestiame, lo sono però ben di raio 
per ruomo, salvo se questi non facciasi aggressore. 
Trovasi nelle relazioni scritte dai pnmilivi coloni, 
che fissarousi al capo suddetto, molti rapporti sulle 
loro battaglie co' leoni, sia che questi animali ve- 
nissero la notte per rapire qualche capo di bestiame; 
sia che i coloni stessi andassero di giorno ad attaccarli 
ne' loro recessi per disfarsi di cosi incomodi vicini. 
Il libro di Pringle contiene un buon numero di tali 
avventure accadute a lui ed a' suoi compagni : noi 
ci limiteremo a riferirne un solo. 

« Il nostro primo incontro co' leoni, die* egli, 
ebbe luogo mentre io era assente dal villaggio : ma 
ecco quanto mi narrarono le persone che presero 
parte a questa spedizione. Il sig. Rennie, giovine af- 
fittajuolo della possessione a cui noi eravamo addetti, 
s'avvide che mancavagli un cavallo: dopo alcune 
ricerche, si riconobbe che l'animale era stato ucciso 
da un leone, e siccome le sue tracce erano tisibili 
in molli punti, si risolse di seguirle, e di andare ad 
attaccare il rapitore. Gli ottentoti, essendosi messi 
sidlc orme rinvenute, condussero i nostri cacciatori 
ad un mitilio circa dal Iuoìto in cui il cavallo era 
stato ucciso. Il leone avealo trasportato fin là per 
poterlo divorare a comodo, com' è quasi sempre co- 
stume di tali belve in simili occasioni. All'avvicinarsi 
de' cacciatori il leone si alzò, e dopo qualche esi- 
tanza, entrò in una folta boscaglia a poca disianza, 
ed in fondo di un burrone. I nostri cacciaturi lo 
seguirono da lungi, e dopo essersi posti sopra un' 
altura che dominava il liurrone, cominciarono a ti- 
rare colpi di fucile verso la boscaglia. Tutta que- 
sta moschelteria però non produsse effetto apparente: 
il leone si mant<'nne celato, e risoluto, per quanto 
sembrava, di non voler escire a battaglia. Però allor- 
ché cominciarono a lasciarsi i bracchi per provocar- 
lo, esso li fece più d'ima volta retrocedere precipl- 
losamente, ruggendo in modo spaventevole. In fine 
il capo de' cacciatori, sig. Rennie, giovane di straor- 
dinaria intrepidezza, perdendo pazienza, e vedendo 
l'inutilità di tutti questi tentativi, lasciò i suoi com- 
pagni sul colle, « sctìso fino al fondo del burrone, 



comincio a scagliar pietre nella boscaglia. Questa te- 
merità scosse finiilincnte il leone ; laneiossi fuori 
della boscaglia, e dopo un primo balzo era pj:r istae- 
carne un secondo, e precipitarsi sopra l'incauto si- 
gnor Rennie, quando fortunatamente imo de' rani 
latrante eoa sommo furore distolse la direzione del 
lonnc. Il povero cane, a cui il pericolo del suo jia- 
drone avea fatto dimenticare la propria sicurezza, 
era venuto a situarsi a portata della zampa del leo- 
ne, che con nn solo colpo lo stese morto. Il signor 
Renaie fu salvo, avendo avuto tempo di fare tin salto 
in dietro, ed i suoi compagni posti sul colle pote- 
rono far fuoco sul leone, che cadde trapassato da 
pili palle ». 



COMB.VTTI.VENTO DEI GALLI. 

Il giuoco presso i tagali, razza indigena di Ri- 



doudo, è una passione che ginn^e fino all'eccesso 



Ignari essi ancora delle raffinatezze europee in tal 
genere, vanno sfogando questa loro manìa nel com- 
battimento de' galli, che spesso dà luogo a fortissime 
scommesse. Rello è il vedere in simili occasioni que' 
loro volti pallidi e gravi, ora rannuvolarsi, or farsi 
sereni, secondo le diverse commozioni di speranza, di 
timore e di gioia. I due proprietarii dei galli vanno 
spingendo a battaglia i loro atleti, e sull'inquieto lor 
volto sembra tutta riflettere l'incertezza di quella 
lotta. Intorno ad essi si aflollano altri quattro tagali 
vivamente colpiti da questa piccola scena di sangue. 
In mezzo a (juesta follìa di solazzevoli occupa- 
zioni, un sol gallo puoi formare la fortuna di un 
tagalo. ]Mercè del suo sperone micidiale la famiglia ha 
pane ; la moglie sfoggia monili d'oro e di perle, e 
l'uomo può comprarsi tabacco a sua posta. Il gallo 
è pure il fanciullo prediletto, per così dire, nella 
casa di un tagalo; egli lo ama più della moglie m« 
di'sima, delle sue bertucce, e di ogni altra cosa più 
cara ; lo va ognor carezzando, e lo tien sempre sul 
braccio, sia ch'egli attenda alle sue occupazioni, sii 
che si rechi a visitare gli amici. Il suo gallo è per 
lui un tesoro, un compagno indivisibile, il donno de' 
suoi pensieri ; egli gode in fine di ogni diritto vi- 
vendo, e la sua morte è cagione di amarissimo pianto. 
Questo trasporto pel cnmbattimento dei galli è 
tale fra gli abitanti di IMauilla, che il governo spa- 
gnuolo ne ritrae Oggidì una fortissima tassa. Questi 
giuochi tengouo luogo colà di teatrale spettacolo. 



204 




BATTERIA 1>I UN VASCELLO 



IVel primo tomo del nostro Album, pag. 356, prc- 
seutammo già lo spaccato di uu vascello da 74: ed 
ivi fu dato un cenno di quanto contiene una di que- 
ste grandi fortezze natanti. Ora tratteremo più spe- 
cialmente della batteria di una di esse fortezze, co- 
me la parte piìi interessante del vascello destinato a 
battersi in mare. Tutto vi si trova disposto con uu 
ordine ed una regolarità, che non può non sorpren- 
dere. Osservale come quelle tremende bocche di fuoco 
di enorme calibro, disposte in due ordini laterali, 
trovansi in perfetto livellamento e dirittura; al lato 
stanno i serbatuj di palle, che ne contengono di ogni 
jieso. Alla maggior regolarità si unisce una nettezza 
sorprendente : tutti i pezzi di ferro fuso sono tinti 
in nero, e lucidi come se fossero verniciati. Osser- 
>;Uc con quanta cura e regolarità sono intrecciati, 
ed attaccati i cordami, che debbono far andare i 
cannoni alla porla, ossia apertura quadrangolare, 
dond' esce all'esterno del vascello ii colpo di fuoco, 
e ilie debbono dopo il colpo allontanarli dalTaper- 



tura stessa. Le molle e le matwvelle, speuie di leve 
che servono nell'evoluzione, sono al loro posto tra i 
cannoni ed i carri : presso i cannoni sono i mate- 
riali che servono dj stoppaccio. Nulla manca se non 
gli uomini in azione ed il fuoco alla miccia. Il cielo 
ti preservi d'essere in questa batteria quando arderà 
Id miccia, quando stanno al loro posto gì' inservienti 
delle batterie, con un vascello nemico a mezza por- 
tata del tiro di cannone. 



IL TKSTAXSKTU. 

Un procuratore, essendosi malato fece il soo te- 
stamento, col quale lasciava tutta la sua sottauza 
agli idioti, ai lunatici, ed ai pazzi. Interrogato da 
uno perchè facesse una tale disposizione? Perchè da 
essi io ripeto quanto posseggo, replicò egli : ed è 
ben naturale che ad essi io le renda. 



205 



VALENTE ITALIANO 



B E C C A R I 

Una sola composizione teatrale bastò a render 
celebi-e Agostino Beccari, poeta nato in P'erraia nell' 
anno 1510. Questa composizione consiste in una fa- 
vola pastorale, genere in cui egli tu poscia superato 
da altri; ma a lui deLbesi la gloria di esserne stato 
inventore, in guisa che un tale componimento fa epo- 
ca nella storia del teatro italiano. Questa produzione 
e intitolata II sagri fizio, e la compose nel 1554 per 
gli spettacoli cho dava il duca di Fei-rara Ercole II, 
I |Cori ed il prologo del sommo sacerdote furono 
posti in musica da Alfonso della Viola: ed Andrea 
fratello di questo compositoi-e, insigne in quell'epoca, 
cantò la parte del sacerdote. Nel 1555 questa favola 
venne stampata in Ferrara, ed una tal data assicura 
al Beccari l'anteriorità sopra tutte le pastorali italia- 
ne, anche sopra V Aminta del Tasso che non com- 
parve se non 18 anni dopo. La prima edizione n'è 
al sommo rara, ed una seconda riveduta ed aumen- 
tata ne comparve nel 15S7, divenuta anche poco co- 
mune. Nel 1720 ne fu data una terza edizione in 
Brescia colla medesima data di Ferrara 1587; ma i 
raccoglitori di libri debbono avvertire, che la vera 
edizione del 1587 fu in 1 2, e quella del 1720 è in 
8" piccolo : inoltre nella prima sono infine i nomi 
di Giulio Cagliassi e fratelli. Il Beccari compose an- 
che sonetti, madrigali, canzoni: ma questi componi- 
menti non furono stampati. Fu anche dotto in filo- 
sofia, ed in giurisprudenza civile e canonica, nelle 
quali facoltà era stato laureato. Si attribuisce pure 
al medesimo una seconda pastorale intitolata Dafne, 
ma neppur (jucsta è pubblicata. Morì il Beccasi in 
Ferrara nel di 2 agosto 1 590, come se ne ha ora 
certa prova, e non nel 1 560 come fu opinalo in ad- 
d ietro. 



A N N E D O T O. 

Un signore, avendo sentito dire che i corvi vivo- 
no sino a duecent' anni, si è posto ad allevarne uno 
di nido per farne la sperieaza. 




nelle A^de. 

Le Ande formano una grande catena di monta- 
gne, le piìi alte della terra, e che si estendono nell' 
America settentrionale dal noi^d-cst al sud per cir- 
ca 1,300 leghe. Il Cimhorasso, V Antisana, il Ptt- 
cìiincha, VAutel, il Tangais, ed il Curn'>rc. sono le 
più alte vette delle Ande. Noi ora visiteremo il 
Gumbi-e, e seguiremo la relazione di viaggiatori istan- 
cabili in queste ed altre contrade. «Ci mettemmo in 
viaggio, cosi narrano essi, disposti ad aQVontare in- 
trepidamente tutti i pericoli, e di non cedere ad al- 
cuna fatica, pascendoci intanto della compiacenza elu- 
si prova nel dire a se stessi: Ilo fatto ciò che pochi 
o nessiuio fecero prima di me. Ci mettemmo dunqui- 
in viaggio ansiosi di vederci a fronte dell'altissimo 
Cumbre, di cui eranci state narrate tante maraviglie. 



206 



ehe ripetevaiici ancora con enfasi Je nostre guido 
indigene, abituate a frequenti escursioni in quelle; 
smisurate e ghiacciate montagne. Appena avevamo 
fatto un' ora di viaggio, una orribile tempesta venne 
a piombare su di noi, ed avvolgerci in ispavenlevoli 
turbini. Non può formarsi idea di ciò eh' è una tem- 
pesta nelle Ande: quelle d'Europa in confronto non 
sono che piccoli soffi. Bisognò fermarsi; ma dove un 
ricovero? Una rupe enorme alquanto incavata ci otìri 
finalmente un asilo. Ivi si passò tutta la notte morendo 
di freddo, benché avvolti ne' nostri mantelli, mentre 
i nostri muli scaricati delle loro salnierie stavansi 
mestamente colcati ad orecchie abbassate. Finalmente 
il vento si calmò, muggì con minor violenza, e non 
si sentì in ultimo che soffiare piii leggermente. 

Cessata la procella, noi uscimmo al far del gior- 
no dal nostro speco, e cominciammo ad ascendere 
lo smisurato monte di neve che avevamo di fronte. 
Durante la notte il nostro bagaglio erasi quasi se- 
polto nella neve, e le tracce de' piìi piccoli sentieri 
erano interamente sparite. Dall'alto di una punta, 
dove giungemmo, scendemmo alquanto, e traversam- 
mo il fiume di Los Orcones sopra un ponte natu- 
rale di neve, che in alcune parti avea 10 piedi di 
grossezza. Dopo due ore di arduo cammino giungem- 
mo alla casiiccia così detta, situata a pie del Cam- 
bre : ivi ci fermammo alquanto per rifrescarci, e 
prepararci alla pericolosa nostra impresa. L'aspetto 
del Cumbre era di una maestà imponente : è un 
masso di neve di circa due mila piedi, che si perde 
nelle nubi. Questa immensa estensione senibrava 
unita come un ci'istallo, ed i raggi del sole rifletten- 
do su quel masso d'una bianchezza abbagliante, le 
dava l'aspetto d'una montagna d'alabastro. Altri mon- 
ti enormi, coperti tutti della più candida neve, domi- 
navano da ogni parte la casuccia. 11 Cumbre non 
mostra da principio tutta la sua altezza. Il viaggia- 
tore per giungere alle sue sommità piii alte si trova 
obbligato a seguire una via serpeggiante ed angolare. 
A dieci ore cominciammo ad ascendere, descrivendo 
degli angoli, di cui noi proporzionavamo la lunghez- 
za sullo scosceso della montagna. I^a neve non si 
trovò cosi dura come noi lo speravamo, per rendere 
pili sicuro il nostro andare. Egli era spaventevole 
vedere le nostre ffuide affondarsi nella neve fino alle 
ginocchia, ed alzare grida per avvertirne noi che 
seguivamo; grida che l'eco ripeteva, e che inten-om- 



pevano soltanto l'orrido silenzio di quei nevosi de- 
serti. Il rifleso del sole su quella neve abbagliante 
avea tanto splendore, ed il vento tanta forza eh' io 
cominciai a temere di divenir cieco. Uno de' nostri 
compagni aveva già asceso il Cumbre l'inverno pre- 
cedente; e giungendo alla sommità era rimasto cieco, 
avea dovuto farsi menare per discendere, ed era ri- 
masto per più giorni in uno stato di cecità; oppure 
il suo viaggio tra le nevi non avea durato che due 
giorni, ed ora ci trovavamo già da cpattro giorni in 
quei ghiacciati on-ori ; ma niuno provò in questo 
viaggio si crudele disastro. La nostra ascensione si 
rendeva talmente difficile, eh' erevamo obbligati di 
strascinarci a sghembo sulle nostre ginocchia e sulle 
nostre mani; una volta o due pensai di volgermi in 
dietro, e questa vista mi fece la più spaventevole sor- 
presa. Alcuni de' nostri, rimasti molto in dietro, non 
ci comparivano che come pigmei: io esitava a per- 
sundcrnii di essere in tale altezza al disopra di essi: 
guardai allora quelli ch'erano al di sopra di me, e 
temevo che un passo falso li facesse cadere su di me, 
e che precipitassi poi io stesso su quelli che trova- 
vansi più bassi. Finalmente, dopo quattro ore e mez- 
zo di latiche e penoso viaggio, giungemmo alla som- 
mità e vi trovammo alcune croci piantate ne' luoghi 
dove taluni erano morti, sorpresi dall' uragano che 
li aveva trasportati e sepolti poi sotto le nevi. 11 cie- 
lo era perfettamente sereno, ma dominava un vento 
che rendeva l'atmosfera rarefatta estremamente fred- 
do. Giunti a tale altezza ci vedemmo circondati di 
altre puute di montagne coperte parimenti d'eter- 
na neve, che niun piede umano avea mai calcata. Io 
avea spesso inteso parlare della puna, ossia difficoltà 
di respirare, che forma il terrore de" viaggiatori: io 
mi esaminai attentamente, e confesso che non m'in- 
tesi in alcun modo affetto. Ma ciò che mi tormen- 
tava assai era la sete, ch'io calmava talora mangiando 
della neve, ma dopo un momento la mia sete s'irri- 
tava anche più. Scosta, che ascese le Ande nel 1 580, 
narra, che quando fu giunto a questa sommità resti- 
tuì ogni cibo, e cominciò a vomitare tanta bile e fi- 
nalmente anche del sangue, onde credea di morire 
in quei luoghi. A noi nulla di sinistro accadde: e do- 
po aver contemplato in quell'altura tutta l'orridezza 
della natura, spettacolo imponente e memorando per 
tutta la vita, tornammo la sera alla casuccia ». 



207 



LKTTER.VTUllA E TI. ATRI D LLA ClAA. 

La letteratura cinese è incoutrastabilraciite la pri- 
ma dell' Asia pel immcMo, per l'iuiportauza e per 
i'auteuticità dei mommieiui. Le opere classiche, sotto 
il nome di King, risalgono a un' epoca autichissinia, 
e i ClosoO dilla scuola di Confucio ne fecero il 
principal foiulanienlo dei loro lavori sulla morale e 
sulla politica. L'uso dei rxincorsi fu quello clie die- 
de gran moto appo i rinesi all' eloquenz,a politica e 
lìlosolica. La storia letteraria, la critica dei testi, e 
la biografia fornirono anch' esse argomento a una 
quautita di opere importanti. I letterati coltivano la 
poesia, che Ira loro è soggetta alla doppia servitù 
del metro e della rima: essi posseggono de' poemi 
descrittivi, de' componimenti teatrali, de' romanzi di 
cpstuuii, e de' romanzi nei quali spicca il maraviglio- 
so. Nel secolo scorso erasi dato principio alla stampa 
d'una raccolta di opere cinesi in cento ottanta mila 
volumi. I cinesi hanno altresì ottimi diziouarj, in cui 
sono colla maggior diligeuza e ordìuatamente spie- 
gati tulli i segui della loro scrittura, e tulli i voca. 
hali della lingua loro. 1 libri sono stampati in carta 
di seta : e siccome questa carta è troppo lina, aou 
si può stamparla che da un lato solo. Le parli poi 
d'ogni libro sono classificate, numerate e iiiq)agi- 
iiate diligentissimamenle ,• ijisoiuma non v' è paese, 
neppure in Europa, che abbia tanti libri, né si ben 
fatti, ne si agevoli ad essere compendiati, né si a vii 
prezzo come la Cina. La geografia venne dai cinesi 
coltivata fin dalla più remota antichità, come il di- 
mostra la descrizione recata dal Chon-King, cinque 
secoli avanti l'era nostra; se non che le loro carte, 
benché pregevoli per altre ragioni, non erano allii- 
menti segnale a gradi. Una nuova carta dell'impero 
venno pubblicata nel 1;G0, per ordin(; (hdl' inq)era- 
tore Kliian-Loug, sotto la direzione dei missonarj. 
La geografia imperiale forma 260 volumi in 4.", con 
tavole « carte, e abbraccia ogni cosa: topografia, idro- 
grafia, descrizione dei monumenti, delle anlichitii, 
delle curiosità naturali l'industria, le produzioni, il 
commercio, l'agricoltura, il governo, la popolazione, 
la storia generale, la biografia, la bibliografia. Le 
cognizioni dei cinesi in matematica sono, a quanto 
pare, limitatissime. Essi adiqierano il sistema deci- 
niale, ed eseguiscono lapidamente tutte le operazioni 
d'aritmetica mediante una macchina, che indi passò 



in llussia ed in Polonia dove pure se ne fa uso. Ora 
che abbiani fatto cenno della lelleralura cinese, si 
vuol rendeie i debili eueomii al sapere di (jiie' let- 
terati, grandissimo in vero, se non che fra loro è 
come una specie di monopolio. La lingna è ivi ge- 
neralmente mal parlata: ogni distretto ha il suo dia- 
letto particolare, si che gli abitiuiii ilell' uno non 
sanno conq)render j)er lo più cpielli dell'altro, se non 
coir ajulo della scriituia; linalnunte, pochi sono i 
cinesi, anche fra le classi illuminate, che intender 
sappiano, senza conunenli, le opere di scienza. Cjò 
non pertanto hanno de' conqionimeiiti diammalici 
adalli all'intelligenza di tutti. .Non v"è niente di più 
grottesco a veden;, che i loro teatri allo scoperto: sono 
trabacche aperte, trasportabili e .senza nessuna deco- 
razione, dove si rappresentano quasi ogni giorno, dal 
mezzodì fino a seia, tragedie e commedie Iramezzate 
di canto e di suono. Le parli da donna sono ivi so- 
stenute da giovinetti che sanno assai bene trarsi d' 
impaccio. De' teaU'i slabili non ve n'ha che alla cor- 
te: e ivi altro soggetto di curiosità, [ìrrchè la scena 
v'è doppia o tripla, cioè a due o tre ]iiani, in crii gli 
attori, ripartiti come richiede l'azione rappresentata, 
recitano un solo e medesimo dramma nel tempo 
istesso e con tale accordo di musica e di parole, che 
non saprebbero porvelo maggiore sojira una scena 
sola. 



DI A L e U K E P R V I .N C I E S P A ' 1 N l.' 1. E . 

Non ispiaccrà forse ai nostri lettori die diaiuo 
qui un breve cenno di alcune province spaglinole, 
delle (juali la storia de' nostri giorni dovrà empire 
non poche pngini. INoi »i limiteremo ora a parlare 
di quelle di IS^nvaira, di L'iscag/ia, e di Oiiiposcoa. 

La Navnrra conqirende una vastissima estensione 
di paese, che si divide in alta e liassa: la prima ap- 
partiene alla Spagna; l'altra alla Francia. La parte 
spagmiola è confinata dai pirenei, ed ha circa 'JO mi- 
glia di lunghezza sopra 70 di larghezza. È questa 
una delle piìi considerevoli provincie della Sjiagna, 
munita delle più belle strade, opera del celebre conte; 
di Gachez che ne fu vice-re, e che fece dividere in- 
tere montagne, superando i più grandi ostacoli. L'aria 
vi è sanissima forse più clic in qn:dunque altra parie 
del regno, il suolo benché montuoso, non lascia di 



20J 



esser mollo feitilc ; v' è abbondanza di cacciagiouc, 
e vi si trovano miniere di ferro notabili. I navarresi 
sono di ottima indole, gentili di maniere, accorti, in- 
gegnosi, laboriosi, e molto atti alle scienze, ed a 
trallare affari. Dividesi la Navana, di cui parliamo, 
in cinque distrettì; i capi-luoglii ne sono Pamplona, 
Estella, Tttdella, Olito, e Sangiiessa. Pamplona 
vuoisi fondata da Pompeo, onde anticamente si disse 
Pompejopoli: ed è questa non solo il capo-luogo del 
suo distretto, ma la capitale della Navarra, munita 
di una forte cittadella, ed ornata di una celebre uni- 
versità fondala nel 1608, non che di una sede ve- 
scovile, di cui si vuole che s. Firmino fosse il primo 
vescovo. Belle ne sono le piazze, e le strade fornite 
di eleganti e l'icche botteghe. La pianura n' è fertile 
sul fiume Arga che ha la sua sorgente ne' vicini pi- 
reuei, e che dopo aver bagnato Pamplona si unisce 
al piccolo fiume l'Aragone presso Villafranca, città 
della Catalogna. Pamplona è distante 200 miglia cir- 
ca da Madrid, 50 da Bajona, 100 da Bilbao, 90 da 
S aragozza. Estella è una piccola citlà anch' essa pe- 
rò di sede vescovile, sul iiume Ega, che nasce in Bi- 
sca glia e si riunisce all'EbrO presso Cala tura città 
della vecchia Casiiglia. Tudella è città molto più ri- 
marchevole e bella : vi si veggono diversi sontuosi 
cdifizj. E situata sulla riva destra dell' Ebro, che si 
passa sopra un bellissimo ponte presso il luogo, ia 
cui il fiumicello Queils si scarica nell'Ebro. Fertile 
u' è il suolo , e vi ha del buon vino. Dista da 
Madrid circa 165 miglia. Olito è una citta bellissima 
sulla strada che da Pamplona porta a Saragozza: vi 
è un palazzo reale, in cui gli antichi re di Na- 
varra facevano la loro residenza. Il paese è fertile e 
piacevole, baguato dal fiume Cidazo. Saiiguessa final- 
mente è una piccola citlà antichissima sul fiume 
Aragone, che vi scorre presso, e che dà il nome alla 
vicina provincia aragonese. Luoghi importanti nella 
Navarra sono eziandio il castello di Piiente la leina 
(Pous Begime) presso il fiume Arga; Artajona al- 
tro castello minore nella pianura di Mendigorria, 
poco distante da Planerà e da Arbeizav. 

La Biscaglia ò una provincia marittima sull'ocea- 
no al nord: confina a ponente coll'Asturia, a mezzo- 
giorno con la vecchia Castiglia e la pi'ovincia d'Ala- 
va, a levante con la provincia di Guipuscoa. La Bi- 



scaglia ha la forma d'uu cuore di circa 35 miglia di 
lunghezza sopra altrettante di larghezza. Il paese è 
abbondante di biade, di frutti e di agrumi. II mare 
lo fornisce di ottimo pesce e di crostacei. Se ne trae 
molto legname di costruzione, e vi si trovano miniere 
di ferro e di piombo. I biscagliesi sono attivi, garbati 
e di somma onestà; tengonsi anche pe' piìi bravi 
soldati e marinari della Spagna. La lingua di questa 
provincia è tutta sua propria, ed ha poca i-elazione 
con le altre lingue d'Europa: Bilbao n'è la capitale, 
città bella e ricca con un buon porto molto frequen- 
tato, in cui si fa molto commercio: vi si l'espira un 
aria salubre in un fertile terreno ed in una situazione 
al sommo gradevole. Questa città fu fondata nel 1300 
da D. Diego Lopez de Haro: distante 60 raglia da 
s. Sebastiano, 75 da Burgos, e 225 da Madrid. Nella 
Biscaglia trovasi pure sull'oceano il porto di San- 
tander molto comodo e munito di fortificazioni. 

11 Guipuscoa è una piccola provincia settentrio- 
nnle parimenti sull'oceano, e confinante colla Bisca- 
glia e la Navarra. Il suolo n'è montuoso; ma con 
belle a fertili vallate. Il capo-luogo n' è Tolosa, fon- 
data da Alfonso il saggio re di Castiglia, e quindi 
condotta a termine e popolata da Sancio IV nel 1290. 
E situata in ameaissima valle sulle rive dell'Arasse 
e dell'Oria, che si passano sopra due bei ponti. Nel- 
la stessa provincia trovasi sull'oceano la bella, popo- 
lata e forte città di s. Sebastiano con un porto as- 
sai frequentato. Vi si fa molto commercio, special- 
mente in ferro ed acciajo. E situata all'imboccatura 
del fiume Gurumea presso una montagna sulla cui 
cima è costruita una forte cittadella. S. Sebastiano 
è distante 60 miglia da Bilbao e da Pamplona. 



SCIARADA 

Il primiero nel secondo 

Baro o mai si trova al mondo. 
E l'intero - nel pensiero. 

SciABApA PRECEDENTE =1 Pin-demoti-te. 



L'officio cenlraU per le associazioni e il deposito de' fogli 
è presso il Direttore proprietario, vìa del Gesù n. Sy, p-^P-" 



TirOiU.lFIA DELLE BELLE AUTI, VIA ITi ARCIOIVE N. 100, CON APPROVAZIONE. 



209 



ANNO 




DISTRIBUZIOM-: 



Si PUBBLICA OGNI SaBATO 



ROMA 



12 Settembre 1835. 




VISCONTI 

Gio: Battista Awtosio VtscosTi nacque in Vernaz- 
za, diocesi di Sarzana, il gioruo 26 decembre 1722, 
di Marco Aiiiuiiio \ iscouli e ÌNIaria Leonaidiiii. Il- 
lustre ei-a la stirpe materna: uè lo era meno quella 
del padre. Nell'una si uunieiavano dignità di prela- 
ture, gradi di milizia: nell'altra si coaservavauo do- 
cumeati dell'essere provenuta di Lombardia, dove 
aveTa vissuto in altro stato, mentre si signoreggia- 
rono i Visconti. Kiparata sulle terre di Liguria, ser- 
bò vestigi del primiero «uo lustro, pei possedimenti 



acquistati,- perle religiose fondazioni; per le alleanze 
contratte co' Redoani, coi Caratini, coi Rcsasco. Nò 
mai depose, anzi pura ritenne l'altera insegna: 

III cui dalVaiigue esce il fanciullo ignudo- 

(Tasso) 

Quattro generazioni inuauzi a Gio: Battisti, Man- 
fredo Visconti si segnalava per la gloi'ia delle armi, 
alle quali educò il prode Marco Antonio Caratini, 
figlio della Caterina Visconti sua sorella, che riuscì 
poi guerriero di faina italiana, e cav. di s. ^Jairo 
mori coin])attendo contro ai luixlii. 

Clio: Battista, ^enllto in Roma, vi attese con di- 
stinzione alle classiche lettere. (Giovanissimo ancora 
Io troviamo frai ristauralori dell'accademia dei / ari, 
della quale scrisse gli annali, e nel l741, ne fu prin- 
cipe. Frequentò l'Ayeadia e la sala latina, dove si 
recitavano commedie di Terenzio. Imparo da (_ieiinarii 
Sisti il greco e l'ebraico. Da Leseur, Jiicquier, Bo- 
scovick, matematica e filosofia. 

Nel 1/50 si uni in matrimonio con Orsola Fi- 
lonardi, donzella di patrizia nobiltà, resa piii chiara 
dai due cardinali Ennio e Filippo ; l'uno eletto da 
Paolo III, l'altro da Paolo V. Il quale pontefice fu 
di tanto amorevole ai Filonardi, che non contento 
all'avere innalzato Filippo alla porpora, pose in m- 
dividui della slessa famiglia le dignità di nunzio apo- 
stolico in ±\ apuli, di vescovo di Carpeiilras, di ve- 
scovo di Acjuinn, di canonico vaticano. Nacijueio di 
(luesta leli<:e unioiie Kniiio Qiiiiino, 1 ilippo .\uic- 
lio, ed Alessandro, oltre a jAIalilde e Beatrice, che si 
elessero la tranquilla vita del chiostro, e Massini ) 
morto nella fanciullezza. Quali nomini, ne' tre nomi- 
nati figli, procreasse il VlSco^Tl alla patria, non è 
mestieri ricordare. Fila si pregia dei due ultimi, e 
addita il primo fra le sue glorie. Spetta alla storia 



^10 



di E. Q. la iiarrnzioiK; di (jacH'ingegno, elio fino 
nella puerizia eblìc singolai-issiino; ma si appartiene 
a quella di G. B. ^ isconti il ranimeiUare, di'" egli 
fu il solo maestro della sua prole, ehe suo fu l'aureo 
metodo posto in uso; suo l'iusieme di vastissime co- 
gnizioni, che ricliiedeva. 

la uomo di tale indegno e ornai stabilito in Ro- 
ma, presto si accese un grande amore per le cose 
antiche. La numismatica gli piacque in isjiecial mo- 
do. Acquistò la Leila serie di medaglie imperiali di 
mousig. Lomelliuo, e Taccrchhe poi dell'altra scel- 
tissima, a gran prezzo riunita dal Bondacca. A queste 
due cdllczioni procurò con assidua cura sempre nuovi 
ornamenti di monete inedite : delle quali, e di co- 
lonie principalmente, n'ebbe in buon numero. Sco- 
pertasi in Roma una medaglia in bronzo di Britanni- 
co, non prima stata veduta uè congetturata, l'ebbe a 
competenza di molti per il suo n)iiseo, pagandola 
scudi cinquecento. Prezzo che sembrò grandissimo 
all'Eckhel, il quale racconta il fatto nella sua opera 
della dottrina delle medaglie antiche. Si accresce- 
va per tali acquisti, piuttosto che diminuirsi nel 
YiscoKTi il desiderio di possedere rari antichi oggetti. 
Volle avere gemme incise, di rilievo, e di cavo : 
volle marmi, figurati e scritti: volle bronzi, frai quali 
tenne il prim.o luogo una cista mistica, che lasciò 
pubblicare a Cristoforo Amaduzzi. Altri letterati di- 
vulgarono altri monumenti, preudendoli dalla sua 
collezione. Perchè la sua casa aperta era a tutti : a 
tutti permesso il valersi delle cose da lui raccolte. 
Per la quale sua liberale natura, circondato sempre 
da dotti uomini, e da' professori migliori delle tre 
arti, caio ad insigni personaggi, ebbe ancora privato 
autorità di uomo pu]>b!ico. Unito in quell'amicizia, 
che saldissima emerge dalla stima, con Giovanni 
Winckelmann, commissario, o come allora dicevano, 
prefitto dell'antichità romane, pregato da lui, ne as- 
sunse le veci, quando egli si parti alla volta di Ger- 
mania. Seguitò a quel viaggio la violenta morte 
dell'insigne archeologo. Il ViscOiVti tenne allora per 
volere del pontefice Clemente XIII quel grave nii- 
Tiistero, che la stima del Winckelmann aveva posto 
nelle sue mani. 

Assunto appena al pontificato Clemente XIV, si 
vollero togliere da Roma i due candelabri, trovati 
nella villa xldriana, e celebri presso i Barberini. \i 
si oppose gagliardamente il couuuissarlo: e di questa 



opposizione, alia quale dtipo iion molto segui l'altra 
per non far trasferire in estero sovrano museo il Gio- 
ve Verospi, e una singolare statua di Augusto, ebbe 
principio il museo dementino. Imperciocché si fer- 
mò, che impedito Testrarre da Roma insigni monu- 
menti, si acquistassero questi dal principato e collo- 
cati fossero nel \ aticano. Gli acquisti si facevano dal 
Visconti, il quale ne riteriva particolarmente ed uni- 
camente al papa. A Giovanni Angelo Braschi, teso- 
riore della R. G. A., parve sorger quindi uli nuovo 
e grande motivo di spesa, e stette a principio contro 
le idee del commissario. Ma non andò molto, che 
vinto alle ragioni di soda economia e di alta politica, 
cir egli seppe addurgli, venne in quelle idee di gran 
cuore, e lo accolse nella piìi intima amicizia, non 
diminuita dal cardinalato, e non dal triregno. Usò il. 
Visconti del favore, che sommo e costante ebbe presso 
Pio VI, come di quello di Clemente XIV, ogni par- 
ticolare distinzione o vantaggio ricusando, tutto vol- 
gendolo a bene del pubblico. Propose al principe 
magnanimo abbellimenti a Roma : edifizi di decoro 
alle città dello stato : imprese di durevole utilità. 
Allora la legislazione, che inceppava gli scavi di cose 
antiche, fu abolita. Le ricerche furono rese agevoli, 
non solo ne' siti privati, ma ne' pubblici. In dieci 
anni si ritoglievano alla terra tanti monumenti, quanti 
non ne erano usciti ne' secoli, dalle lettere risorte, 
a quella età. Il fiore ed il meglio passava al museo 
Pio dementino, che divenne così una nuova mara- 
viglia di Roma. Tutto ciò che in esso museo si vede, 
salvo i pochi e notissimi marmi che già erano in 
Belvedere, fu tutto comprato, riunito, disposto dal 
solo Visconti : con suo consiglio-si condussero le ar- 
chitetture e le decorazioni del maestoso cdifizio: con 
suoi pensieri i dipinti : sue sono tutte le iscrizioni 
che vi si leggono. Promosse in tale occasione l'esca- 
vamento di tre bei marmi che sono nello stato pon- 
tificio : la breccia di Goi'i : l'alabastro del Circeo : 
quello di Civitavecchia ; e ne pose nel museo, e 
nella sagrestia vaticana bellissimi saggi. 

Giunto fra queste cure gloriose all'anno 1732, 
cominciò a soffrire di malattia per vizio organico. 
Dimandò ed ottenne coadiutore al commissariato il 
suo figlio Filippo Aurelio, che poi gli successe. Due 
anni dopo mancò, nella età di anni 63. Pio VI ne 
pianse la morte, e ne desiderò spesso la persona. 
Pubblico fu il lutto di Roma. E veramente grandi 



211 



furono le qualità del ^ iscohti. Osservantissimo (Iell:i 
religione, traeva quindi le norme di una rara into- 
prilii. Dell'animo e del corpo era instancabile : ai 
persuadere ebbe attitudine maravigliosa. Di natura 
magnanimo, amò lo splendore nel vivere, usò volen- 
tieri liberalità : giovò assai del consiglio, molti di 
akito. Fu a chi schiuse il cammino della fortuna, a 
chi della gloria Per suo avviso Giovanni l'ickler si 
volse a studiare le belle idee delle teste antiche nelle 
medaglie di Magna Grecia : Vincenzo Monti scrisse 
a sua richiesta la prosopopèa di Pericle, onde venne 
accetto a Pio \I. A voler nominare quanti ebbe be- 
nevoli, quanti amici, (pianti protesse, converrebbe 
ricordare tulli o quasi i personaggi più autorevoli, 
i letterati e gli artisti migliori, che vissero ia lloma 
in quella fiorente epoca. 

Abbiamo di lui alle stampe. Due lettere a mon- 
sig'. Romualdo Braschi-Ouesti, sopra le isciùzioui sco- 
perte nel sepolcro degli Scipioni. 

Due lettere al cardinale Guglielmo Pallotta. Una 
sopra altre iscrizioni dell'ipogeo degli Scipioni. L'al- 
tra sii la statua del discobolo, scoperta in Villa- 
Palombara. 

\a. sotto il suo uome il voi. 1" del museo Pio- 
Clemeiitino : in questo però le idee sole sono sue in 
parte. La dettatura è di Ennio Quirino suo figlio, 
che continuò poi l'opera fino al voi. VII°. 

Pubblicò ancora poesie, che si leggono per il più 
nelle raccolte degli Arcadi, degl'Infecondi, de' Forti, 
degli Aborigeni, fra' quali fu scritto. Molte sue cose 
inedite conserva il cav. P. E Visconti, che assaissimo 
onorando la memoria di tanto suo avo, si propone 
pubblicarne una scelta, con più ampie memorie di 
una vita così utile e così operosa. 



ALCUXl ILLUSTRI ME.AIORIOSI . 

Mitridate senza interprete sosteneva ad un punto la 
col-rispondenza con 22 nazioni, servendosi delle 
loro liji"ue. 

o 

Cinea, ambasciatore di Pirro, dopo due giorni eh' 
era a lloma chiamava per uomo tutti i scuatori 
romani. 
Seneca ripelea 2000 nomi coU'istesso ordine come 
li udiva,, e 200 versi appena intesili, coli' ordine 
i uverso di. come gli ascoltava. 



L'imperatore Adriano ripeteva un libro che Ic-'cva 
una volta. 

Ciro re di l'ersia, aringarido al suo esercito, chia- 
mava i soldati tulli per nome. iM'.mo trenta mila. 

Lo stesso laceva Scipione parlando ai cittadini ro- 
mani. 

Magliabecchi sapea in giovine età tutti i libri, e 
gli opuscoli della bildioteca del gran duca di To- 
scana Cosimo 111, come pure delle principali bi- 
blioteche di Kiiiopa: e richiesto di un libro ra- 
rissimo: « Signore, rispose, non ve ne ha in lutto 
il mondo che un solo esemplare, il (piale è a 
Costantinopoli nella biblioteca del gran signore. 
E il settimo volume del secondo armario del lalo 
destro entrando ». 

La memoria di Pico della Mirandola era un prodi- 
gio. Egli non obbliava cosa alcuna di ciò che leg- 
geva udiva. 

Durante, autore francese, ripeteva un' opera intera 
dopo averla Iella poche volte. Ciò diede occasio- 
ne di dire, che do\ea (|uesta facoltà ad uno spi- 
rito familiare rinchiuso in un anello che porta- 
va sempre al dito. 
Pietro Ravennate recitava il codice romano con tulli 
i suoi comenlarii; giuocava a scacchi, a dadi, e 
dettava al tempo stesso due lettere: e terminalo il 
giuoco, ripeteva tulli i movimenti degli scacchi, e 
i numeri formati dei dadi e le parole componenti 
le lettere. 
Lodovico Romano, giureconsulto del XV secolo, ci- 
tava a memoria con tanta precisione le leggi del 
codice, come se avesse avuto il libi'o avanti gli 
occhi. 
M. Antonio Oudinet da Rheims in otto giorni impa- 
rò l'intera Eneide. 



,SULL .ARTIFICIALE RIDUZIONE A SOLIDITÀ LAPIDEA K 
INALTERABILIT.A DEGLI AM.VIALI, SCOPERTA UAL 
SIC. GIR0LA3I0 SEGATO. 

Il metodo sorpreudenle della imbalsamazione il«' 
cadaveri, testé pubblicato dal dottor Tranchina in 
Palermo, sembra doversi oggi considerare assoluta- 
mente inferiore alla portentosa scoperta del signor 
Girolamo Serrato di Belluno saU'artifieiale riduzione 



212 



» solidità lapidea e inalterabilità degli animali. Le 
sc7cii7.e naturili sono interamente debitrici di sì bella 
invenzione la coraggio del dotto viaggiatore, clic di- 
scorrendo uel luglio del 1820 porgli sterminati de- 
serti dell'AflVica, s'avveune in uno di que' fenomi'ni 
che di frequente sorgono nel deserto, e specialmente 
in quelli limitrofi al Nilo nell'alta Nubia; vogliam 
dire in una iromha terrestre. Non paventando il filo- 
sofo questa oriibile meteora, e deciso di rendersi a 
costo della sua \ita l)enemerito di quelle scienze, 
clie apparato aveva con indicibile ardore, prosegui il 
cammino arditamente per l'ampio e profondo letto 
formato nella sabbia, ravvisando accuratamente le 
impronte lasciate da iiuel portento. Né mal s'appose 
il Segato 4 occorse infatti all'occhio deil'intellis^cnte 
vialore qualche frammento di sostanza carbonizzata, 
in cui si ravvisavano caratteri animali, ed in par- 
ticolare della specie umana. Questo carbonizzamento 
derivato dalla incandescenza del sabbione, enti-o il 
quale per secoli erano state sepolte quelle sostanze 
animali, fecero volgergli in mente il pensiero, che se 
il calorico naturale dell'arena era stato capace di 
produrre la totale esecuzione e carbonizzazione di 
simili sostanze, da un calorico artificiale piii miti- 
gato si perverrebbe ad ottenere una seccazione ed 
indurameulo medio, atto alla loro conservazione. Ap- 
plicossi quindi con indefesse cure il Segato a realiz- 
zale l'ideato progetto, scoprendo i mezzi che lo p')- 
frssero condurre ad un simile risultato: e se una. 
lunga, non che penosa infermità non gli avesse pre- 
cluso il sentiero al pioseguimento delle sue investi- 
gazioni, la nostra Italia già da parecchi anni fatto 
w\r(bb(' 2>1'TUS0 a si chiaro ingegno. 

Il metodo del Segalo non solo agisce sugi' interi 
corpi, ma eziandio sulle parti di essi. I primi e le 
seconde induriscono pi'endendo una consistenza al 
iiitid lapidea, tanto piii sensibile e determinata, quan- 
ti! le parti medesime sono piii niìlli e muccose. 
(>i;le, muscoli, nervi, adipe, sangue, tutto subisce il 
portentoso cambiamento: e ciò ohe sorpi-ende a dis- 
iiii.'sura si è, che non avvi mestiero di estrazioni di 
\ isceri, od intestini per asseguire l'intento; che anzi 
r--.i medesimi inducono la stessa solidità delle altre 
pulii ed auche maggiore. I colori, le forme, i carat- 
teri in generale, che scoi-gonsi in tutti gli animali, 
non sono punto alterati da siffatta trasmutazione, e 
si conservano nello stato d'identità. Laddove poi si 



consideri che il Segalo può a suo talento rendere le 
membra d'una media consistenza e flessibilità, sem- 
pre però inalterabili^ lo stupore si accresce, e giun- 
ge al sommo grado. Pieghevoli le membra stesse 
nelle giunture ed articolazioni obbediscono a quel 
movimento qualunque che venga loro impresso, e 
abbandonai» ritornano alla primiera naturai posizio- 
ne. E tanta è riualterabilita di tali corpi animali, 
che invano contr' essi combattono non già l'umidità 
solo, od altra condizione d'atmosfera, ma sibbene 
una diuturna e costante immersione nell'acqua, e 
perfino l'azione stessa delle terme. 

Il loro volume di poco decresce, ed il peso ri- 
mane pressoché il medesimo; If macchie della cute 
rimangono in essa manifestissime, siano naturali, siano 
prodotte da condizione morbosa; i peli vi si radica- 
no e stringono gagliardemente, piìi che in istato di 
freschezza e di vita. Dalla cuticagna umana né cade 
un capello: che anzi più. solidalmente essi vi l'estano 
incardinati. Non perdono i volatili e i pesci né piu- 
me, né membrane di penne, nò scaglie, né colori. 
Cosi, trapassata in loro la inalterabilità perfino entro 
le viscere, si sempiternano, monumenti sensibili dell* 
umana sapienza. 

Ne gli angusti spazi di un articolo di giornale 
sarebbero atti a descrivere esattamente i mirabili 
effelti di questa portentosa scoperta. Solo quindi ci 
basta, che i nostri lettoli non abbiano a rampognarci 
di avere loro taciuto i felici risultati delle indagini 
praticate da si dotto naturalista, per dar nuovo lu- 
stro a quelle scienze, che i-ecano sollievo all'umani- 
tà ; e prescindendo da que* vantaggi che il rornan- 
liciiiìto si lusinga di ritrarre <ia sili'itta scoperta, so- 
lo ci litniteremo ad osservare, che essa sarà per ap- 
portare rilevanti servigi allo studio dell' anatomia, 
e che il Segato merita di essere posto nel novero di 
qua' genj italiani, che tanta fama si acquistarono 
presso tutti i popoli civili. 



215 




IL MOINASTEIIO DI S. GIUSTO 



]1 monsstero di s. Giusto s'innalza pitseo Pla- 
Cfuti» utH'Esti-emadura. E uu vasto fabbricalo di po- 
Yero aspetto, it cui bianche mura fanno uno stacco 
rimavtbevole su gli scoscesi prati clie lo circondano. 
Alla vista di questo convento, che rassomiglia ad una 
fortezza o ad un carcere, non circondato d'alcun' al- 
tra casa abitata, il cuore ti si stringe ; e si arresta 
il respiro. Timo sembra cospirare in (jucl luogo iso- 
lato ad infondere una misteriosa tristezza, e le stesse 
aiMiose piante, che circondano il sacro ritiro, sembra- 
no emettere languido un gemito mosso dal vento 
che leggermente susurra tra le fronde ed i rami. 
Per determinarsi a fissare in (juel luogo la sua di- 
mora, conviene aver perduto tutti i legami del mon- 
do, e tutte le lusinghe che rendono la vita piace- 
vole. Fu pero in questo luogo di mestizia e di tian- 
qiiillità che giunse una sera tal uomo, invecchiato 
mea dagli anni che dalle fatiche, acconipagiiato da 



tre quattro personaggi gravi e di aspetto al somaiu 
penetrato di melanconia. Avcano essi traversato Hiir- 
gos, passando del tulio inosservati: ed appeua qual- 
che contadino incontrato per via, mosso a riverenza 
dai rispettabili volti, crasi inchinato a salutarli. Scesa 
quest' uomo da una lettiga in cui era portato, e pis- 
chiò esso stesso alla porta del monastero dimandan- 
do in grazia che gli si aprisse. Il monaco portinaiti 
aprì, e l'incognito gli disse misteriosamente all'oree- 
cbio alcune parole (forse il suo nome', e la porUi 
bassa e pesante si richiuse. Curvò egli sotto l'arco 
angusto la sua alta statura, ed il suo capo a metà 
calvo^ spirante imponente grand(;zza. Dopo un istante 
giunse il superiori' ilei convento, e coiiq)arti la sua 
benedizione ai nuovo religioso, che s' inginocchiò 
umilniente come l'ultimo de' novizi: quindi baciò la 
teira. e pronunziò con alto e fermo tuono di voce 
le parole: « Nudo sono escito da! seno di mia ma- 



^14 



are, e nudo tornerò a le, madre comune degli uomi- 
ni ». Dopo si recò a pTX'uder possesso della sua pie- 
cola cella, e gli fu assegnato il posto iu x-efettoi'io 
all'estremo angolo della tavola, come conveiiivasi 
all'ultimo venuto. Il giorno seguente dopo matutino 
fu guidato nel giardino, ed ivi nel darglisi una rozza 
vanga, gli fu commesso di coltivare un determinato 
spazio di terra. Egli si pose all'opera tacito, obbe- 
diente e solitario: nn anno dopo fece i suoi voti, e 
dopo un altr' anno, in occasione della sua solenne 
professione, venne secondo le regole del santo isti- 
tuto celebrato l'officio de' morti sul professo che 
tiensi allora coperto di drappo mortuario. Pocbi gior- 
ni dopo, e precisamente il 21 settembre 1558, que- 
sto monaco colcato sulla cenere, pieno di pentimen- 
to, vuoto d'ogni terreno afletto, mori cristianamente. 
Il nome di questo religioso, finché visse al secolo, fu 

■CiRLO QUIHTO. 



INNONDAZIOXE DEL KILO. 

L'aspetto dell'Egitto nel tempo dell'inuondazìone 
è certamente uno. spettacolo de' piìi sorprendenti e 
piacevoli. Sembra allora, stando sull'altura de'mouti, 
di vedere un vasto mare, in cui troviusi sparse qua 
e la città e borghi innumerevoli, che non lianno 
allora comunicazione tra loro, che per mezzo di argini, 
o rialti a tale oggetto formati. Le acque sono talora 
così abbondanti, che innondano queste arj^iiiature 
stesse ; allora le conrunicazioni si fauno per mezzo 
di battelli, ed è uno spettacolo nou meno piacevole 
di vedere tutto il paese coperto di queste ondeg- 
gianti case. Tal' è la situazione dell'Egitto ne' mesi 
di settcìnbre e d'ottobre. La scena cangia del tutto 
sul finire di novembre, spaziandosi allora l'occhio 
sopra praterie estesissime, che nel mese d'aprile can- 
giansi in bionde raccolte, e dorate spighe. Gli autori 
arabi non hanno trascurato di trattare di questa va- 
rietà di suolo, parlandone secondo il loro genio. 
Dicono essi che la superficie dell'Egitto è argentina 
nel settembre ed ottobre, che in novembre ha il 
colore dello smeraldo, ed in aprile diventa color 
d'oro. L'innondazione, sebbene cominci poco, dopo la 
metà di luglio, non è però piena che al cominciar 
di settembre, e non prima del mese di novembre 



cominciano a scoprirsi le terre. i\cl giorno 24 di 
settembre, in cui la chiesa copta porta la festività 
della croce, solevasi una volta celebrare una festa 
che consisteva in una processione, che dopo la messa 
partiva da una chiesa del vecchio Cairo fino alla 
sponda del Nilo, ed ivi dopo i rendimenti di grazie 
all'Altissimo per l'innondazione lanciavasi una croce 
di legno in mezzo alle acque del fiume. Il modo poi 
in cui lutto l'Egitto ritrae i suoi sommi vantaggi 
dall'innondazione consiste nella diramazione di di- 
versi canali, i quali o direttamente partono dal Nilo 
forniscono l'acqua ad altri canali secondari. In tal 
guisa le acque diramansi per tutta la contrada, e vi 
recano la piìx doviziosa fertilità. Niun oggetto meritò 
tanto le cure degli antichi sovrani dell'Egitto, quan- 
to la salutare distribuzione delle acque del Nilo. 
Siccome l'esperienza avea fatto conoscere, che pel be- 
ne del paese era necessario di fissare, in ragione 
dell'altezza del fiume, un tempo certo e limitato iu 
cui tutti i canali, tanto quelli che derivavano diret- 
tamente dal Nilo, quanto tutti gli altri che deriva- 
vano da questi caaali principali, doveano aprirsi : 
quei saggi monarchi aveano sull'oggetto emanato un 
regolamento generale, che fissava il giorno e l'ora, 
in cui iu ciascun cantone dovea farsi l'apertura. 
Nell'alto Egitto non mai prima del 15 settembre si 
fece una tale apertura ; ucl basso Egitto non mai 
prima del giorno 24 di esso mese. Dopo tal' epoca 
restava in libera facoltà di ciascuno di fare in pro- 
posito ([nello elle più gli conveniva. Non era infatti 
piìi a temersi allora, che il vantaggio degli uni po- 
tesse nuocere agli altri. Non fuvvi mai regolamento 
piìi utile, piii necessario, e piìi esattamente eseguito. 
Infatti se si fosse anticipata l'apertura de' grandi 
canali, che emanavano direttamente dal Nilo, era a 
temersi che si scemasse la forza dell'incremento delle 
acque: al contrario difl'erendo troppo l'apertura, po- 
teauo derivarne iunoiidazioui troppo tardive, o trop- 
po abbondanti. Ugualmente se ciascuno fosse stato 
in facoltà di valersi de' primi incrementi, quanti 
abusi non ne sarebbero nati? Quante province, in- 
tente a procurare il proprio vantaggio, avrebbero 
danneggiato le altre ? La prima cura di ogni parti- 
colare, specialmente negli anni di escrescenza oic- 
diocre, sarebbe stata cerlanrente d'attirare a se tutto 
il profitto, che ogui ragion vuole doversi dividere 
con, gli alili. A preveiiire pertauto. sifFatù abusi fu, 



215 



fiu da tempo rcniolissiinn, sUiliilito un tal rcj^ola- 
mento, clic trovasi inserito in tutti i pnhblici l'egi- 
stii, e di cui tutte le province d(;ll'F,oitto conserva- 
no autentici esemplari, valendosene come di titolo 
per l'apertura di tutti i canali die trovansi nell'eslen- 
sione della propria proTÌncia. L'interesse generale o 
particolare essendo impegnato alla osservanza di (jue- 
sto regolauieuto, non liavvi clii non attenda aìl'adeiu- 
mento del medesimo con ogni esattezza. Epli è l)cn 
vero che neijli anni di arand' escrescenza non vi si 
sta a tutto rigore, ma non è cosi quando le acque 
inanteiigonsi più basse. Allora si veglia jiRi'li'io ar- 
mata mano alla piìi rigorosa osservanza della legge, 
passando di provincia in provincia, di villaggio in 
villaggio per le piti esatte perlustrazioni. Gravi que- 
rele e liti bene spesso insorgono, ne seguono peiiì- 
uo combaltinienti, per impedire o anticipare l'aper- 
inra de' canali. 

Era giii una festività grande e popolarissima 
quella dell'apertura de' canali, allorché il pascià tli 
Egitto ac< onipagnato da numeroso seguito recavasi 
tra il vecchio Cairo ed il nuovo, dove l'.ieeasi l'aper- 
tura del canale che traversa il uuìvo Cairo. Questo 
canale porta le sue acque in una vasta piaiiura di 
più di 60 miglia di circuito, dopo aver rieuipilo nel 
Cairo diversi piccoli la;^lii, e molte cisterne iidle 
moschee e case de' particolari. ^ i sono molle rela- 
zioni che trattano di tale festività e cerimoniale. 
Cr istorici arabi ne trattano in modo mollo esteso, 
limontando Uno ai tempi degli antichi re d'Egitto, 
ed assicurando che la magnificeuza e liberalità di 
quei principi giungeva ad una quasi incrcdiliile splen- 
didezza. Questi sovrani non mancavano (piasi mai 
di assistere in persona all'apertura de' canali : o se 
per qualche circostanza imponente non vi jioteano 
intervenire, vi mandavano con nobile seguito l'erede 
presuntivo del trono, o il primo minislio. In tali 
solennità costumavasi di far distribuire viveri in al)- 
Londanza alle turbe immense di popolo che accor- 
reva alle sponde del Nilo. I grandi did regno con- 
tribuivano anch' essi a rendere piii splendide tali 
feste. Aveasi poi in uso di porre nel (lume un na- 
viglio magnificamente ornato e guarnito d'inliiiite 
banderuole : e da Boulnh, eh' è il p irto del Cairo 
lino a Mildas, che trovasi ad un mig'io di distanza, 
il Nilo sembrava lutto coperto di piccole barclielle 
simili. Sontuose cavalcate faccansi di giorno, grandi 



j fuochi d'artifizio nella notte, e tutto ciò per piii gior- 
ni. Era pur ipiesta la stagione dell'anno piii favo- 
revole alle donne, alle (piali lasciavasi allora la li- 
bertà di esc ire. 

I ministri d(dle fal.se divinità egiziane non la- 

o 

sci-nano anch' essi d'interviMiire a tali funzioni in 
lunghe [irocessioni. Trovansi ancora delle mummie, 
sulle cui fasciature sono dipinte queste processioni. 
Vi si porta\ano molte figure di Osiride e d'Iside, 
le cui immagini riunite erano il simbolo del matri- 
monio del ìN ilo con la terra, d'onde procedea tutta 
rabbondandanza di cui gode quella ubertosa contra- 
da. Vi si portava anche una lampada accesa in nn 
gran vaso, una specie di brocca co' nianiehi in for- 
ma di serpente, un vaso d'oro a forma di mammella, 
una scatola tonda con una specie di collo, ed una 
cassa semilunare contornata di bandierine, tutti og- 
getti misteriosi simboleggianti i diversi vantaggi de- 
rivanti dallo straripamento del Nilo. A. questo liiune 
infatti deesi l'abbondanza dell'olio, il beneficio dell' 
acqua che fornisce all'Egitto, e la distruzione o fuga 
de' serpenti. Allorchiì poi introduccasi rai([ua nel 
canale, vi si gittava dell'orzo, del grano, chdlo zuc- 
caro, ed altri frutti, come se aves.sero voluto con 
ciò anticiparsi al fiume le primizie della futura rac- 
colta, e nnidergli onore dell'abbondanza di cui le 
sue ac(pie sono la sorgente. 



.4. N X E D o r o. 

Essendo stato ferito mortalmente un galantuomo 
e portato dagli amici a casa, la moglie di lui man- 
dava le voci al cielo graffiandosi il volto e slnp- 
pandosi i capelli. Arriva il medico e cliied(; alla 
stessa se avesse stracci onde medicare l'infermo. Ed 
essa, tuttavia piangendo, risponde : « Avesse egli 
tante ferite quanti stracci ho io! » 



^16 




MADIIE SELVA 

( Leonicena balearia ). 

La pianta di madre selva, leonicena balearia, 
che produciamo nella sua naturale grandezza, si 
rende singolare per la insolita e curiosa forma, che 
Ila assunto. Né la forma sola, ma anche il colore 
di un hianco leggermeute cereo, si allontana in que- 
llo esemplare dall'ordinario. Le foglie sono esse pure 
sucCTilente oltre al consueto. 

Una parte di tali varietà si deriva dall'essere 
la pianta cresciuta all'ombra ed in atmosfera umida. 
La singolarità della forma però è cosa tutta sua pro- 
pria, ed è per essa che può meritare uno sguardo 
di coloro, che si piacciono negli studi delle cose 
>iaturali. Fu rinvenuta in vicinanza di Cisterna en- 
tro un antico acquedotto. 



LA SETTIMANA 



CALENDARIO STORICO. 

6 Giugno 1183. = L'imperatore Andronico Coni- 

neno è fatto morire. — 1533 Morte di Lodovico 
Ariosto. 

7 Giugno 1186. = Saladino fa prigione Guido 

Lusignano ultimo re di Gerusalemme. — 1 540 
Trattato di pace tra la Francia e l'Inghilterra. — • 
1557 Morte di Giovanni III re di Portogallo. -Un 
giorno Carlo V re di Spagna gli propose di con- 
segnarsi reciprocamente i rifugiati. E come al- 
lora i miei sudditi potranno aspettare che io per- 
doni loro? 

8 Giugno 119!).=:= Arrigo VI coronato in Roma re 

di Sicilia. 

9 Giugno 1 199. = L'Inghilterra perde la Norman- 

dia, e tributa 1000 marche d'oro annue a Roma. 

10 Giugno 1202.= Innocenzo papa III dopo la tì- 
sione, che due in abito umile sosleneano la 
chiesa cadente di s. Giovanni Laterano in Roma, 
approva a s. Domenico e a s. Francesco le loro 
regole. 

il Giugno 1204.= I veneti prendono Costantino- 
poli, e trasportano i quattro cavalli corintii della 
chiesa di s. Marco. 

12 Giugno 1209.= Ottone coronato a Roma, e sco- 
municato tre volte da Innocenzo II. 



LOGOGRIFO 

Priva del capo e piede 
Una città sarò. 
Se il ventre mi si toglie, 
Veloce passerò. 
Se intera poi mi lasciano. 
Chi misurar mi può? 



SeiARADA PRECEDEWTB =* /^B- 



nice. 



h- -^ ^ ■*r^'^ ^ ■^^ ■*-'V^ V ^ -^^^/^ -^ ■*.■%. -*^%, ^ i%, ■*,.»,^ ^ ^.^,-V*. •*■■* ^ 



L'qjTficio centrale per le associazioni e il deposito de'JbgU 
è presso il Direttore proprietario, via del Gesù n.5'],p^^p/' 



k ^^^ % -v « ^^ 



TIPOGRAFIA DELLE BELLE .IRTI, VIA IN ARGIOItE N. 100, CON APPROVAZIONE, 



(ì 



7 



ANNO 



-^ 



© 



L'ALlSUi^J 



V. 



© 



.r 



DlSTlUnaZIONE 



9 



Si pubblica ogni Sabato 



U«ii,'i 



11) Settembre 1835. 




IL CASTELLO DI «OCllESTElì 

Chiuso dalla parte del fiume e iininediatameiUe 
sopi'a il poute sta il castello di Rochester: ed ancora, 
benché sia una aspra e mutilata ruina, ritiene molte 
e non cancellate forme della sua antica gi-andezza e 
magnificenza. La sua situazione è considerabi|mente 
elevata sopra il livello gcaerale della città: e benché 
le sue mura siano dilapidale, esse sempre torreggia- 
no da lontano sopra tutti gli altri fabbricati, che 
sono loro vicini, eccettuate solamente le sommità 
della cattedrale. La parte principale del castello può 
veramente, come si dice, essere veduta da una di- 
stanza di venti miglia. 



La fantasia degli antichi scrittori di cronache e 



di leggendi 



che h.i adornato tante nostre città ed 
edifizi di favolose antichità, non ha dimenticato il 
castello di Rochester. Biguardo alle storie che sono 
state inventale ad Oijyetto di darle un'orii^ine tanto 
illusile, (pianto è possibile, noi possiamo adottare il 
linguaggio dell'antiquario inglese Guglielmo Lombar- 
de che n'Ha sua opera intitolata: Petiunbnialion of 
heiii (sciiua nel 1370': così dice: «Alcuni uomini 
(desiderosi forse di accrescere la riiiom.iuza di que- 
sta città ) ci hanno lasciata una ricercata antichità 
risgunrdaiite una parte della medesima, aflennando 
che Giulio Cesare fu rauiore che il castello di Ro- 
chester, come ancora quello di Canterbury e la torre 
di Loiid ra, fosse fabbricalo a pubbliche spese. ì\Ia non 
essendosi ?n\ ipà letto nulla di questo né nei com- 
nu'utarii di Giulio Cesare stesso, né in altra storia 
credibile, non allermianio altra origine di questa 
città castello di quella che si trova in Bcda. La 
narrazione di Reda é f[uesta, che Rochester prese il 
suo nome da Roj o Itlioj, che una volta era signore 
di quel luogo: ma noi abbiamo già mostralo che non 
vi é, se(;ondo tutte le propabilità, nessun fondamento 
per ([iiesta ctiiuologia. Tuttavia siccome Rochciter 
era una sla/.ioiie militare! negli ultimi tempi del ro- 
mano impci'o della lìretagna, vi é ragione a credere 
che un forte occupasse il luogo del pn;sente castello. 
La posizione sua è csaltamente tah; , quale do- 
vrebbe' raccomandarsi per tali costruzioni. Molte mo- 
nete romane sono state trovato nel circuito del ca- 
stello, ma ninna nelle altre parti della città; dal 
che possiamo concludere che ipiesta cim la sola parte 
della città che esistesse al tempo dei ronrani. Questa 
supposizione è anche ulteriormente confermata dal 
linguaggio dei documenti del periodo sassone, che 
parlano di (piel luogo propriamente come di un ca- 



!8 



ftello. Veraniunte il nome stesso di Rochesu-r, come 
già è stato spiegato, dimostra all'evideiiza clie la sta- 
sionc stessa originaria fosse meramente un castello, 
eastrum, o un campo, e che la città si fosse a poco 
a poco accresciuta intorno a un forte militare. Se i 
sassoni avevano quivi un castello, che uou é in al- 
cnn m.odo provato dal luogo che è stato da loro 
chiamato caslruin o castelluiii, certamente nessuna 
parte di tale edificio ora vi rimane. La piii antica 
parte della ruiiia presente è nel moderno stile nor- 
manno di architettura. L'edificio fu proliahilmente 
opera del conquistatore, uno dei più forti castelli 
che egli erigesse in tutte le parti del paese a man- 
tenere il suo straniero dominio. Egli sembra che vi 
risiedesse il suo illegittimo fratello, il famoso Odone 
tescovo di Bayeux e conte di Keut, e tenesse la sua 
corte come una specie di piccolo sovi'ano della con- 
tea. Dopo la morte del conquistatore Odone, che 
gposò la causa del suo maggior figlio Roberto, fece 
mostra di se stesso in questo castello, ed essendo 
unito con molti della nobiltà, per qualche tempo re- 
sistè alle armi di Rufo. I ribelli furono tuttavia alla 
fine ridotti in servitù. Nell'ultima parte di questo o 
nel principio del seguente regno, la vasta e forte torre, 
che or forma la principal parte della mina, si è detto 
essere stala fabbricata dal famoso vescovo Gandulfo. 
Nel regno di Giovanni, fu preso possesso del 
castello di Rochester prima nell'anno 1215 dai ba- 
roni insordenti, che furono tuttavia dopo qualche 
tempo obblig.iti ad arrendersi alle forze del re, e 
nell'anno seguente dal Delfino di Francia, che essi 
avevano chiamato in loro ajulo. Nel tempo del se- 
guente re Enrico HI, la sua forza provò rivolgersi 
nuovamente contro la corona, essendo slata nel 1264 
immedialiimenle dopo la ballaglia di Lewy attaccata 
dal vittorioso iVIniiforl conte di Leicester. Questo ce- 
lebre personaggio, comi' ci dice Lomliardo: «Cinse 
la città di Rocliebler di forle assedio, e mettendo 
fuoco al ponte di legno o torre di legno che vi stava 
«opro, guadagnò la prima porla o guardia del ca- 
«teilo con assalto, e spogliò la chiesa o abbazia: ma 
essendo coraggiosamente fatta resistenza per sette 
giorni insieme dal conte Warren che era dentro, e 
seulrudo improvvissamente dell'arrivo elei re, prepa 
rossi di ineoritiarlo in persona e lasciò altri a con- 
tinuare l'assedio, che tulli poco dopo furono posti 
in fuja dall'eòercito dd re, 

a 



L'ultima riparazione dell'edifizio che si ricorda 
aver avuto luogo, fu nell'I 461 nel regno di Odo«r- 
do IV. Dopo ciò nulla si è più parlato di qTiesto 
monumento, il quale tuttavia è tenuto da tutti co- 
me una delle più rare maraviglie dell'antichità. M» 
noi non abbiamo voluto defraudare i nostri lettori, 
tralasciando di dar loro un breve sunto che ricordass* 
l'origine e la storia e lo stato presente di qa««tO 
prezioso residuo degli antichi tempi. 



IL TEIHPIO KKETTO DA ANTONIO CANOTA IN P03SAGN0 
PRIMA DELLA SUA MORTE. 

Volendo il Canora innalzare nn tempio nella su* 
patria, che per maestà e belle forme emulasse gli 
aTitichi, folle che de' due più celebri tempii edificati 
Ì!i Atene ed in Roma, parlo del Partenone e d«I 
Panteon, si componesse un solo tempio congiungea- 
do al bel portico dell'uno la grande cella dell'altro. 
11 di 11 luglio dell'anno 1819 pose la prima pietra 
di questo tempio, uè potò vederlo condotto a fine : 
poiché nell'anno 1822, anno della sua morte, la co- 
struzione della gran cella era nella parte interna 
quasi giunta alla cornice, ed era slato posto tutto il 
piantato del portico. Ma ben provvide al suo eora- 
pimento il di lui fratello Gio: Ballista Sartori Cano- 
va, al quale fatto erede de' suoi averi fu comuiesao 
colale incarico. Ed infalli egli assegnò una cospictM 
somma all' annuale dotazione del tempio, ed egli 
stesso ne fece la solenne consagrazione il di 6 mag- 
gio dell'anno 1832. Dislendesi intorno al tempio uu 
arca larga circa 24 pasji, e quesl' area conduce alla 
scalinata, che è composta di dieeiolto scalini divisi di 
nove in nove. 11 tempio è circondato da tre gradi- 
noni, e le colonne doriche del portico imitano quelle 
del Partenone . Non altrimeixli che il portico del 
Partenone, il portico del tempio di Possagno si for- 
ma di uu doppio octastilo, e la lunghezza del por- 
tico da fianco a fianco è di metri 27-816, la larghez- 
za di metri 9-272, cioè minore di due terze parti. 
Gli stipiti, rarcbitrave, il fregio, e le cornice »ono 
ciascheduno d'un solo pezzo. Due maniere di pietre 
e bianche e rossigne alternano il pavimento, e la 
porta ha in larghezza il doppio del diametro dalle 



219 



«olonue, ed è alla due volte latito. Lasciando di par- j 
lare delle parli della trabeazione, cioè dell'airliiti-a- 
TC, del Ire;;!!!, della cornice, del faslit;io, e del liin- 
pano, direnili .solamente alcuna cosa delle luelopo 
elle vesjiionsi nel freaio. Oneste sono (luatlordiei, e 
tntte di inalino, e nietii sono istoriale, meta ad in- 
tagli, crnauiriili di concello saero v. simholieo. K la 
prima di ([uesle rappresenta la creazione del iiioiiilo, 
la seconda la creazione dcU'aouio, la terza il fratri- 
cidio di Calino, la tjuarla il saerllieio d'Isacco, la 
quinta l'annnnziazione della Verdine, la sesta la vi- 
sitazione, la settima la presentazione al tempio. En- 
trando (jiiiiidi nel tempio, si vede prima il vestìbolo, 
e in esso si osscrvono due piccole porte, delle ([uali la 
destra mette ad un ambulacro, che conduce ad una 
stanza rotonda, e l'altra stanza che sta a sinistra 
conduce ad ahra stanza paiiuienli rotonda, di che 
formasi il liattistero. Otto j^ramli piloni sostengono 
la gran cella, e la concatenano roljustaiuente facendo 
sostegno alla volta. 11 diametro diìU'ediGcio è di me- 
tri 27-816, quanti, come sopra osservammo, ne ha 
la lunghezza del portico: e la rotonda tanto s'innalza, 
quanto per ogni verso si allarga. Il Canova, mosso 
da un principio di severa semplicità, divise la sua 
rotonda in otto archi; due de' quali, che sono i mag- 
giori, sono quello dell'ingresso dopo il vestibolo, e 
quello del presbitero: e sei, che sono i minori, sono 
posti lateralmente, tre alla destra, e tre alla sinistra. 
Dentro le due prime arcuazioni di (juii e di l;i del 
presbiterio, e le due ultime di qua e di la dell'in- 
gi'csso, pose quattro edicole ad uso di altari, nelle 
quali veggousi quadri di chiari autori, che sono il 
Pordenone, Andrea Vicentino, il Palma giuniore, e 
Luca Giordano. Nelle altre due nicchie, che sono in 
mezzo a queste descritte, si vede un organo nella par- 
te destra, ed un pulpito nella sinistra. L'organo ed 
il pulpito, che sono posti verso l'alto della loro nic- 
chia, lasciano un basso, che è riempiuto da due mo- 
numenti, l'uno di arte, e l'altro di dolore. Imperoc- 
ché sotto l'organo è posto il celebratissitno giu[>pi) 
della pietà fuso in bronzo dal Ferrari, e sotto il pul- 
pito è collocato il sepolcro del Canova. Semplicissi- 
mo è il suo sepolcro, come semplice fu la sua vita. 
Imperrochè sopra un basamento di lumachella si ve- 
de posare una grande urna in marmo lunense, non 
d'altro ornata che di modanature, e di pochi ornati j 
d'intaglio. E leggesi nel mezzo questa iscrizione : * 



JOAN- B- EPISGOPUS iMY\DEi\SIS 

ANT- CANOVAE 

FRATRl DULCIS.SI.MO. ET SIBI 

VIVEAS P. C. 

Il quale brevissimo titolo è ma;ii:iore di oiini lo- 
'■ ciò n 

de, ch(! (lare si possa al Canova. Si veggono ancora 
nel tempio molte pitture, fra h; (piali non è- da la- 
cere il (juadro, che è posto nella tribuna maggiore 
avente nel basso la pietosa rappresentanza dell'ora ia 
che furono sepolte h- umane so _lii' dia aveano dato 
albergo al figlio di Dio, nell' altro un torrente di lu- 
ce e dentro fra corona di angioli 1' Eterno Padre, 
dal cui seno emana il Divino Spirito. Venendo così 
a rappresentare la Triade, a cui il tempio ò consa- 
crato. 

Cosi nel coro, come nel vestibolo vi sono due 
porle, l'una a destra e l'altra a sinistra, ciie mettono 
ambedue nella sacrestia. 

Il pavimento della chiesa è a varii compartimenti 
di pietre bianche e rosse. 

Finalmente, alzando gli occhi alla cupola, si \eilii 
come nella parte interna, è compartita a grandi cas- 
settoni di forma (juadrangolare, i quali nel primo 
giro hanno un' ampiezza di mctii 2-1 'lO: ma poi di 
giro in giro si fanno gradatamente piii piccoli, (juan- 
lo pili all'occhio della luce si accostano. 



BELLE RISPO.STE. 
1 

Ragionando un cert' uomo al re Leonida di cose 
non inutili, ma fuor di proposito; quel re rispose: 
« O amico, tu non usi a tempo quel ch'(!- necessario». 

2 

Alcuni ripresero Ecatco retorico, perchè- essendb 
stato chiamato ad un con\ ito, (piivi non ebbe mai 
parlato : Allora Archidamida disse : « Colui, che 
sa (luando si dee parlare, sa ancora (juando si dee 
star cheto ». 

3 

Volendo un certo forestiero mostrare la sua be- 
nevolenza verso Teopompo spartano, dicevagli, che 
eragli molto a caro che i di lui cittadini lo chiamas- 
sero Filolacone, cioè affezionato de' lacedemoni. Al 
che Teopompo rispos(; ; « Bella cosa invero sarebbe, 
che tu fossi piuttosto chiamato lilopolile, cioè ama- 
tore della tua citta ». 



220 




COLONNA MIGLIARIA 

Mentre i greci si erano volli con ogni studio al 
decoro e alla fortezza delle città, lasciarono indietro 
cose al sommo esenziali al pubblico vantaggio : le 
cloache, gli acquedotti, le vie lastricate. I romani 
con insigni opere donarono i popoli di tre cosi fatte 
costruzioni: mostrandosi in questo meglio previdenti 
de' greci, a confessione degli stessi scrittori di tale 
nazione (1). 

Le vie esterne (sia clie ne togliessero l'esempio 
da' cartaginesi, sia che dagli etruschi, e questo par- 
rà piti vero) furono una speciale cura dei romani. 
Le aumentavano, quanto l'impero cresceva : furono 
esse stesse grande mezzo ad accrescerlo. La natura 
diversa dei luoglii nou presentava difficoltà, che non 



fosse vinta. Monti si aprivano, valli erano colmate : 
la via procedeva sempre quanto piìi si potesse retta, 
quanto men si potesse scoscesa. Gli avanzi che tut- 
tavia ne durano, sono testimonianza di questo ; lo 
sono pure della solidità che si usava nella costru- 
zione. Cominciava da tre, e se il suolo fosse motoso, 
fiuo da cinque strali di materie diverse, onde dare 
ferma base alla via. Poi si poneva il pavimento di 
pietre poligone, congiunte con tanta esattezza, che 
delle commissure quasi non restava apparenza. La 
materia di esse pietre è una lava hasaltina, prodotto 
nou rai'o in Italia, dove arsero tanti vulcani : facile 
a trovarsi ne' dintorni di Roma, dove ne furon pux 
molti. La strada formava un dorso nel mezzo: ma- 
niera couvenientissima allo scolo delle acque, che 
ora si comincia a riporre in uso. 11 finimento for- 
mavano due margini, direbbero adesso marciapiedi) 
fatti il piii con grandi pietre da taglio. 

Plutarco, nella vita di Cajo Gracco, sembra ad 
esso attribuiie la prima misura delle vie, la inven- 
zione delle colonne, che di miglio in miglio ne in- 
dicassero il progresso. Questa utile maniera di se- 
gnare la disianza non è stata poi più intermessa, 
fino che dmo l'impero romano. I moderni ne conti- 
nuano l'uso. Spesso la colonna migliarla degli anti- 
chi, oltre al numero delle miglia, mostra una o due 
iscrizioni di principi, che presero cura di conservare 
le strade già fatte, o di aprirne di nuove. Impercioc- 
ché nella sapienza, che fu scorta a quell'ottimo go- 
verno romano, non mai volendosi che il popolo man- 
casse di lavoro, solo modo 'li sovveazioue, che at- 
tender debba da un giusto principe, oltre al mante- 
nere le vie esistenti, spesso se ne fecer delle nuove 
ne plebs esset ociosa (2). 

P. E. F. 

()) Si vegga Strabone lib. V. pag. 162. 

(q) Isidoro origin. lib. XV. cap. 16. pag. 1306. 



221 




UNA rVOTTE NELLE ALPI, 

LA CATENA DEL CONTE DI BLACAS. 



Il cielo ti guardi dal trovarti errante una notte 
nelle Alpi, ed in tal notte che sia senza stelle, quan- 
do l'uragano mugge, e rinserrandosi tra gli alberi si 
confonde coll'urlamento de' lupi, e col fragore de' 
lorrenli. Ten guardi il cielo l Un crudo freddo assi- 



dera tutte le membra, e fa penetrare fin nelle ossa 
un acuto dolore : il petto si fa anelante come op- 
presso da grave peso, che ad ogni passo si aumenta: 
la lesta sola arde e delira : le idee più terribili si 
afTolìano, si urtano e confondono: l'alito uell' uscire 



2 



^ jéà 



di bocca, e lacera le labbra nel gelarvisi sopra. A 
tatto ciò si aggiii'ige in quella solitudine immensa 
l'orrida paura, che vince l'uomo piii intrepido, fosse 
egli stato a sfidar la morte in faccia ad una batteria 
tonante, o quando pure senza impallidire avesse po- 
tuto rimirare le onde sconvolte da un naviglio in- 
franto; paura mossa da crudele incertezza peggior di 
morte, mentre un precipizio può trovarsi sotto i tuoi 
piedi, e se fai per anche un passo, tu piombi in 
quegli abissi pria morto che giunto al fondo. Non 
puoi intanto fermarti; la neve che cade a grandi 
fiocchi, e che si stringe in gelo, ti sepellirelsbe len- 
tamente sotto un lenzuolo di ghiaccio, che si forme- 
rebbe su di te; sentiresti sotto quel drappo di morte 
gelarti il sangue, ed assopito lentamente in dolorosa 
«tupidezza sentiresti come sospendersi la tua esisten- 
za, arrestarsi, e cessare. Né perderesti intanto la co- 
noscenza; ma la piìi sentita angoscia accompagne- 
rebbe gli ultimi tuoi instanti, finché l'opera della 
morte fosse perfettamente in te compiuta. 

Tali erano le angosce e eli affanni di un emi- 
gi'ato, che nel 1793 erasi smarrito nelle immetise so- 
iitudini delle Alpi basse. Errava egli senza guida 
fin dal mattino, e ninna tx'accia di abitazione gli si 
era presentata. Giunta la notte, si fermò spossato 
dalla fatica, travagliato dalla fame, senza speranza 
ornai, e ressegnatn a morire. Tutto ad un tratto si 
scuote da tale alibattimento, s'alza risolutamente, e 
»i rimette in cammino. Dopo un'ora di penoso viag- 
gio, in cui sarebbe piìi volte caduto nel fondo de' 
precipizi, senza il soccorso de' rami de" cespugli che 
Irovaronsi quasi per prodigio a portata della sua 
mano, la sua forzata energia l'abbandonò, le sue 
forze vennero meno, e si coleo come moribondo so- 
pra una rupe. Ma qual inattesa fortuna! Tutto ad 
un tratto, un suono vago ed incerto, il suono di 
un campanello, giunse a ferirgli l'orecchio: il suono 
sRlutare si appressa; si aumenta sempre più: cielo 
pietoso? È un cane, un cane che precede un vene- 
rando religioso. La provvidenza, che non ablìandoua 
giammai alcuno, viene in soccorso del misero fuggi- 
tivo: egli è già salvo. Il religioso trasportò nel con- 
Tento quest' uomo, tratto può dirsi dalle fauci di 
morte. Riavutosi alquanto per le cure caritatevoli 
de' religiosi, che imiiandirongli una buona attonante 
©troa, e che lo posero innanzi ad un camino ardente 
di lieta fiamma, l'wmigrato dimeuticò tutti i pericoli, 



ed il terroi-e di quella notte, e si pose a ragionare 
con quei rispettabili cenobi ti, sullo stupore che de- 
stava in lui il trovare un moirastero costruito come 
per miracolo in luogo tale, dove appena si sarebbe 
concepita l'idea di erigere una capanna. I zelanti 
religiosi intanto che temevano per l'ospite di un 
accesso di febbre, dopo si crudi patimenti, promi- 
sero di spiegargli il giorno seguente tutte queste ma- 
raviglie, e lo condussero a riposare in una ben co- 
moda camera, dove il furore de' venti e gli urli 
de' lupi eran come delizia trovandosi in perfetta si- 
curezza. Al domani allorché l'emigrato si destò, e 
venne a respirare l'aria pura e fresca delle montagne, 
un nuovo stupendo spettacolo si spiegò a' suoi occhi. 
Levavasi il sole e spandeva i suoi porporini alboii 
sopr' alcune abitazioni, che faceano un bello stacco 
per la loro bianchezza ti-a le rupi calcari che ne for- 
mano il fondo ed i lati della scena. A traverso di 
queste rocce in un immenso incavo apparivano pic- 
cole porticine, ed una branca di scala di pietra bigia 
che metteva all'eremo. Tutto ciò era dominato da 
due elevazioni, congiunte al loro vertice da una ca- 
tena di ferro lunga duecento cinquanta piedi, nel cui 
mezzo pendeva una stella a cinque punte. L' emi- 
grato guardava questa catena con una curiosità ben 
natui-ale, allorché il religioso che avealo raccolto il 
giorno innanzi venne a raggiungerlo. Questo luogo, 
diss' egli, prevenendo la dimanda eh* era per fargli 
l'ospite, si chiama Moustiers ; la stella, che voi ve- 
dete in mezzo della catena, non è altro che l'arma 
della casa di Blacas. Nel 1215 un conte di tal nome 
prigioniero in Palestina, dove seguiva le crociate, fe- 
ce voto alla sua speciale protettrice la Santissima 
Vergine, che si venera in Beaussez, di consacrarle, 
se scampava da quella cattività, una catena d' oro 
dall' una all' altra di queste punte in memoria dS 
quelle ch'egli aveva portato stando tra gl'infedeli. 
Di ritorno dalla sua prigionia, volle compiere il vo- 
to; ma i religiosi di Moustiers gli fecero osservare, 
che una si i-icca offerta situata sopra punte inace»- 
sibili potea esser funesta a molte persone di cui 
avrebbe tentata l'avidità, e ch'era perciò divisameuto 
pili saggio d'impiegarne il prezzo in opere buone, ed 
anche in fabbricare in questo luogo stesso un ospi- 
zio, II nobile cavaliere seguì il consiglio de' buoni 
padri, e si contentò di far sospendere una catena di 
ferro alle due punte. 



225 



Il religioso parlava ancora, e l'incognito emigralo 
era&i già genuflesso piegando con ogni fervore. Oh 
eoiue sono misteriose le vie della provvidenza! L'e- 
inigrato era un discendente del conte di Blacas, die 
aTe« trovato asilo in un ospizio fondato da' suoi 
maggiori. 



CARROZZE PUBELICIIi: IW ISPAGSA. 

Dopo il 1829 venne in mente ad alcuni capita- 
liili di formare una compagnia por le pubbliche car- 
rozze in Ispagna. Le strade che da esse si percor- 
rono sono quelle da Perpignano a Madrid, passando 
per Cercelloua e Valenza, da Bajonna a Madrid per 
Vittoria e Burgos, e da Madrid a Siviglia. Finalmente 
da due anni un battello a vapoi'e fa il viaggio per 
Cadice e Cordova risalendo pel fiume Guadal([uivir. 

Queste carrozze sono comodissime per quel cli- 
ma, giacché la loro costruzione è tale, che mentre 
difende i passeggieri dalla polvere, dà loro una giu- 
sta ventilazione. Quindi agiatamente seduto e circon- 
dato da gelosia, si viaggia senza incomodo iu questi 
legni, tirati da otto o dieci mule, che corrono velo- 
cissimamente, ritrovandosi perfino de' viaggiatori che 
assicurino essere le migliori di (piante se ne siano 
fatte in Europa. 

Il cocchiere siede alla cassetta, tenendo le redini 
ch€ non abbandona mai: sta al suo fianco la fiusta; 
• per poco che una mula rallenti la sua corsa, si 
slancia da furioso, e battendola col noderoso bastone 
della frusta accellera il passo di quella povera bestia, 
non desistendo un momento per tutta la strada di 
gridare, battere, minacciare le mule, le quali a tale 
strepito non cessano mai di correre. Segguiu) immo- 
bili suir imperiale quattro o sei uomini, secondo i 
paesi e le epoche armali di pugnali e di arcliibusi, 
che servou di guardia ai legni e vengon pagati d;igli 
ÌDtraprendilori. 

Per formarsi un' idea della rapidità delle diligen- 
ze spaglinole, basta conoscere che un ordine di po- 
lizia, tuttavia osservato, vieta di viaggiare la notte, 
per comodo e sicurezza de'passeggeri ; (piindi si par- 
ie verso il far del giorno e si ferma (piando il sole 
tramonta. Eppure tjiieste carrozze fanno in una gior- 
nata altrettanto camino, che a slento potrebbe fare 
altra carrozza di Europa iu 24 ore ! 



Da Lione a Parigi per esempio si contano cento- 
venti leghe circa, che le pubbliche carrozze faua* 
ordinariamente in tre giorni e tre notti, inentrecchè 
le carrozze spaglinole vanno in tre giorni da Madrid 
a Bajona. Or queste città sono distanti cento lo- 
glio, e si riposa due volte per istrada. Vero è però 
che le strade in Ispagna si per la rarità delle piog- 
gie, si pel poco tragitto delle vetture, sono migliori 
che in brancia, e costano anche meno. 

Ma un posto nelle carrozze spagnuole si pag* 
assai caro; couvien dare da 110 a 115 franchi per 
fare cento leghe senza comprendere le spese di oste- 
ria, giacchi; bisogna spendere 42 soldi per colaziont, 
ed il doppio per pranzo e letto. 

Quelle grandi osterie isolate che si trovano per 
istrada, conservano ancora nella loro originalità i 
costumi dell'antica Spagna, fanno rammentare col 
loro aspetto le scene sì ben descritte nel D. Chi- 
sciotte. Sotto al porticato che gira attorno al conila 
dormono confusamente i viaggiatori niiseiabili, cha 
ricevono ospitalità, i mulattieri, gli animali co' loro 
mandriani. iN el mezzo del cortile ed a nolle innol- 
trata il carrozziere, gli archibusieri, e (jualche volta 
l'oste fumano, e bevono gravemenle attorno una ta- 
vola. I viafTiriatori riuniti nelle stanze in numero di 
sei, ed aiK he di piii, dormono come meglio si può, 
finche la voce niatUitina del condottiere li risveglia 
gridando: «Alla carrozza! alla carrozza!» Bisogna 
allora alzarsi, e partire. 



ARCH OLoaiA. SOSTANZA DI CWI COMPOt^GOMII 
GLI INVILUPPI DKLLE .MUMMIE d' EGITTO. 

Gli eruditi furono «jeneralmente concordi iiell'am- 
mettere, che il bisso col quale gli antichi costruivano 
le loro vesti, e gli cgizj avviluppavano le mummie, 
altro non fosse, che il cotone. Però il sig. Giacomo 
Tlìoinsoii, avendo con diversi fibbricatori allcnlameQ- 
te esaminate le fasce di molte nuuiimie, concepì non 
lievi dubbi contro di tale avviso, e quindi determi- 
nò di decidere la quislione con accurati e precisi 
esperimenti. Giovandosi della grande differenza del 
peso specifico, e della condutlilila elettrica del coto- 
ne e del lino, ed altresì delle osservazioni microsco- 
piche fatte sopra una moltitudine di pezze di tela 
provcDÌetili da diverse mummie, ne andò cuu\iuto, 



224 



che gì' inviluppi delle mummie egiziane sono tutte 
di lino. Siccome poi Erodoto dice, die gli egiziani 
iuviluppavano i loro morti con istoffe di bisso, così 
è duopo conchiudcre, che il liisso degli antichi altro 
non fosse che il lino. L'autore traltiensi in seguito 
in congetture piìi o meno probabili sullo stato dell' 
industria manifatturiera nell'Egitto: fa vedere che si 
fabbricavano tessuti di molta finezza, e che in essi, 
oltre altre sostanze coloranti, impiegavansi l'indigo 
ed il cartamo [carthamus linclorius Linn.) Sebbene 
nessun' altro vestigio ci rimanga dei lavori degli an- 
tichi in questo genere, nel corso di oltre a venti 
secoli, fuoi'chè le stesse che servirono agli iinbalsa- 
menti, nondimeno queste bastevoli souo a dimostrare, 
che l'arte di tessere il lino raggiunto aveva presso 
gli egizj un' alto grado di perfezione, giacché non 
poche pezze trovate sulle mummie presentano un la- 
voro proprio ad eccitare l'ammirazione ben' anche 
ne' giorni nostri. 



VALENTE ITALIANO 



ANNIBAL CAUO 

Avendo ingemmato questo nostro giornale di cen- 
ni biografici intorno alla vita di molli valenti italia- 
ni, non ci saprebbero grado certamente i nostri as- 
sociali, se non togliessimo a parlare del traduttore 
del poeta mantovano , reputando cosa migliore di 
pubblicare alcuni cenni biografici estratti dalla storia 
della volgar poesia di Gio: Mario Crescimbeni ; il 
quale cosi si esprime: 

« Tra i più pellegrini ingeg\ii, che illustrassero 
» il secolo XVI, degno di particolar riguardo è Ak- 
» NiBALE dell'onorata famiglia Caiio da Civita-Nova 
» terra della IMarca d'Ancona, e non già della terra 
» dello stesso nome collocata in Romnona, come al- 

ri ' 

» tri malamente stima: avendo io veduto colà la sua 

» casa, e conosciuti i suoi discendenti, de'quali ora 

» non è rimasta, cl>e una fuiciulla. Egli finché visse 

» attese all'esercizio della segreteria, servendo in 

■» prima monsig. Gaddi, indi monsig. Giiidiccioni, 

■» poi Pier Luigi Farnese duca di Parma, quindi il 



» cardinal Sant' Angelo, e finalmente il cardinale 
» Alessandro Farnese ; ed in sì fatto mestiere fu 
» riputato eccellentissimo: siccome per vero tale ce 
» lo dimostra il volume delle sue lettere abbondanti 
" di ogni scieutissimo ornauiento. Questo felicissimo 
" ingegno, che fu al par d'ogni allro afl'ezionato 
« alla volgar poesia, risplendè in essa di t»l maniera, 
■>■> che il suo canzoniere col Casa e col Bembo con- 
» tende,- anzi, come meno aspro del primo, e piii 
» nuovo del secoudo, per poco non è superiore; e 
>' la traduzione che in isciolti versi fece dell'Eneide 
» di Virgilio, non è men cara agli amatori della 
y nostx'a lingua, di quello che sia il testo stesso a 
>> quei della Ialina. Perlochò fu mollo amalo dai 
» padroni, e di somma stima fu onoralo da tulli i 
» letterali , i quali gareggiavano per favorirlo e 
» proteggerlo. Né solamente dalle gravi cose ritrasse 
» lode, ma anche dalle umili; perciocché nel comi- 
» co e nel burlesco stile apparì grande altresì, e 
■>■• degno di quell'altissimo grado di riputazione, in 
» che era salito : la quale a tanto crebbe, che il 
i> mondo parve che né meno volesse soffrire, che 
» le opere di lui fossero censurate, sgridando e per- 
» seguitando i critici che volevano impugnarle. Tan- 
y to accadde a Lodovico Castelveiro, a cui una leg- 
» gier censura sopra la canzone de' Gìgli fVoro del 
» CAfio, comechè in qualche parte ben fondata, co- 
■» sto quasi infino alla vita. Fiorì questo cclebratis- 
» simo letterato egualmente giovane e vecchio ; e 
» d'anni sopra 59 essendo morto in Roma nel 1556, 
M quaulo vivendo accrebbe alla volgar poesia, gloria 
» e splendore, tanto morendo scemolle di pregio e 
M di forze ». 



SCIARADA 

In cielo, in terra, in mar, sta il mio primiero: 
Pasce l'erba il secondo, e l'uom vi posa : 
Il tulio all'arpa eleni carmi sposa: 
E così d'ogni cor tiene l'impero. 

LoGOGHIFO PRECEDENTE= E-temì-tà- 



Vofftcio centrale per le associazioni e il deposito de' fogli 
è presso il Direttore proprietario, via del Gesti n. 5j, p. p. 



TirOGllAFIA DELLE BELLE ARTI, YIA IN ARCIOJXE N. 100, COj\ APPUOVAZIOJXE, 






ANNO 




DISTRIBUZIONE 



Si pubblica ogxi Sabato 



1\03IA 



20 Settembre 1835. 




VARANO 

Alfonso VARl^o, degli antichi duchi di Camerino, 
trasse i natali iu B'en-ara il giorno 13 dicembre dell* 
anno 1705, e gli l'u genitore il conte D. Giulio Ce- 
sare. Educato alla religione ed alle lettere nel col- 
legio de' nobili di Modena, molto profittò sotto la 
direzione di quel chiarissimo letterato, che fu Giro- 
lamo Tagliazucchi. Reduce dalle scuole in patria si 
diede allo scrivere, e giovanetto ancora s' ebbe lodi 
d' imaginoso ed elegante poeta. Le sue anacreontiche, 
le egloghe, e le tragedie gli meritarono a buon di- 



ritto un posto distinto fra i cultori dell'italiano Par- 
naso. Ma dove levò ulto grido di sé, che non sarà 
manchevole fino a che gli uomini avranno iu pregio 
il vero bello e la perfetta poesia, furono quelle sue 
maravigliose visioni, che ritornarono in onore il di- 
viuo Alighieri, e dalle quali principahnente trasse 
argomento di nobile e sublime poesia in anni a noi 
pili vicini quello stupendo ingegno del suo concitta- 
dino Vincenzo Monti. Il Varano, cui tanto debbono 
l'Italia e le lettere, morì senza nozze dopo una vita 
riposata e tranquilla, trascorsa fra gli studi e la re- 
ligione, il giorno 23 giugno 178S. Ferrara sparse di 
Cori le sue ceneri, che riposano tranquille nella cat- 
tedrale di quella città, e nella cappella di essa, detta 
della B. Vergine dell'Atrio. Luigi Campi lesse l'elo- 
gio di quel grande; molti dissero le lodi di lui, e 
fra questi non è a tacersi di Lorenzo Barntti nelle me- 
morie jstoriche de' letterati ferraresi, di Emidio Pa- 
nelli, che ne lesse l'elogio per l'apertura degli studi 
nella gran sala priorale di Camerino il giorno 19 
gennaio 1790, e finalmente di Pier Alessandro Pai-a- 
via, che ne dettò un breve commentario, fiorito delle 
più care eleganze di nostra favella. 



DEL CAFFK, SUA SCOPERTA, INFLUENZA, INTRODUZIONE. 
( CoutiDuazioue e fine]. 

Nel 1069 (come dicemmo) Solimano Agà, ambascia- 
tore della porta ottomana presso Luigi XIV, intro- 
dusse in Francia l'uso del caffè. Secondo la costu- 
manza tui'ca ne offriva a tutti quelli che andavano a 
visitarlo. Alcuni giovani e leggiadri schiavi in ricco 
costume orientale presentavano alle dame delle sal- 
\ iettine damascate, guarnite con frange d'oro e ser- 



226 



vnaiio ijuindi il caflè in ricche tazze di porcellana 
del Giappone. L'uso del cafle si diffuse in tutte le 
alte società: il caffè divenne raro e ricercatissimo. 
Il prezzo ne fu portalo ad 80 franchi la libbra. Co- 
minciarono quindi a venirne quantità vistosissime da 
Levante, ed il prezzo ne ribassò anche al di sotto 
deirattuule; ma non ve n'era peranchc l'attuale con- 
sumo. Tre anni dopo la partenza di Solimano Agà, 
un armeno aprì una bottega di caffè in occasione di 
una fiera in Parigi. Dopo ne vennero attivate delle 
altre; ma iiun erano propriamente che ridotti spor- 
chi, frequentati soltanto da viaggiatori specialmente 
levantini. Cosi accadeva anche in Italia e special- 
mente in Venezia; ma cominciaionsi poscia a ridui'- 
i-e le Ijotteghe dì caffè a luoghi più convenienti, fre- 
quentati specialmente da persone di teatro, che vi 
discutevano il merito delle produzioni; non isdegna- 
rono quindi di concorrervi anche i letterati e di di- 
scutervi questioni letterarie, scentillclic e poliliebe. 
Nulla diremo del lusso a cui si sono oggi innalzate 
le botteghe <ii caffè, avendone parlato altrove, quan- 
do presentammo il magnifico caffè del Pedrocchi di 
Padova [tomo /, png. 329). Aggiungeremo soltanto 
che si sono ora talmente mutate queste botteghe, 
ehe non v' è quasi piccolo borgo che non ne abbia 
diverse. In Parigi se ne contavano 600 sotto il re- 
gno di Luigi XV: ora ve ne sono più di tremila. 
Tutto il cafle che consumavasi in E\iropa prima del 
secolo XVIII proveniva da levante, e particolarmente 
d'Alessandria e dal Cairo. Il pascià d'Egitto aven- 
do imposto dazj gravissimi su questa derrata, si 
pensò in Europa di attirare un commercio diretto 
coll'Arabia pel mar rosso. L'industria somma degli 
olandesi superò tutti gli ostacoli, e le loro navi po- 
terono direttamente fare de' carichi di caffè in ÌMoka. 
Gì' inglesi ed i francesi non tardarono a sei;uirue 
l'esempio; ma ciò non bastò ancora. Si pensò ad 
ottenere il prezioso arbosci-ìlo del caffè; mentre per 
quante volle si fosse tentato di piantarne i giani, 
non se n" era mai ottenuto alcun felice successo, 
essendo il germe del caffè così delicato che si per- 
de appena si è prosciugato, e conserva soltanto la 
proprietà di germinare fintanto che trovasi dotalo 
della sua polpa e delle sue pellicole. Ignorandosi 
allora questa particolarità, che opponevasi alla colti- 
vazione del caflè, si pensò, ed invalse per alcun 
tempo l'opinione, che gli arabi per assicurarsi il pri- , 



vativo commercio dilla dei'i'ata, avessero cura di da- 
re una leggera torrefazione al caffè prima di farne 
l'esportazione dal proprio paese, onde distruggere 
ogni germe di riproduzione. Egli è vero però ch'era 
proibito sotto pena di morte di portare all'estero al- 
cuna pianta di quest'arboscello; proibizione tanto 
piii difficile ad infrangersi, quanto che l'arboscello 
stesso uou si trovava che a 70 miglia circa da Moka, 
porto in cui recavansi le navi europee. Fu del pari 
all'industria olandese che si andò debitori dell'ac- 
quisto di così ricca pianta. Niccola Wilson, borgo- 
mastro d'Amsterdam e governatore delle Indie orien- 
tali, ne fece reiterale diinaiiJe. Vanhnrn primo pre- 
sidente delle Indie orientali, residente in Batavia, 
giunse finalmente a procurarsi alcune piante e le spe- 
di in Amsterdam. Queste piante avendo prodotto de* 
grani di caffè l'anno seguente, se ne fece la pianta- 
gione nelle colonie olandesi e se n'ebbero i più fe- 
lici risullamenti II borgomastro ne inviò uno a Pa- 
rigi a certo sig. fvesson tenente generale d'artiglieria, 
che ne fece dono al giardino botanico: ma quest'ar- 
boscello essendosi disseccalo prima di dar frutto, ne 
fu invialo altro d'Amsterdam al sig. Panci'as nel 1714. 
Mentre però gli olandesi mostravansi così generosi in 
Europa, proibivano sotto pena di morte l'esportazione 
della pianta dalle loro colonie. La pianta di caffè in- 
viata per la seconda volta in Francia fu presentata 
al re, ijuindi posta nel giardino botanico, e fu la 
sorgente di tutte le piantagioni di caffè nelle colonie 
francesi. L'anno susseguente si ebbero molte altre 
piante, che furono affidate al sig. Isambert, che par- 
tiva per la Martinica ; ma l'Isambert moiù appena 
giunto alla Martinica e le piante andai'ono perdute. 
Nel 1716 il sig. Declieux, che imbarcavasi ugualmente 
per la Rlartinica, fu fornito di un arboscello di caf- 
fè dal giardino botanico. La navigazione fu lunga: 
il capitano, temendo di mancar d'acqua, assegnò a 
ciascuno dell'equipaggio la sua razione giornaliera: 
il Declieux divise colla sua pianta la sua porzione 
di acqua non senza molto patimento Giunto alla 
Martinica coli' arboscello mantenuto in istalo di 
vigorosa vegetazione, ebbe il piacere di vederlo ca- 
ricarsi di fiori e di frutta, ed in pochi anni vaste 
piantagioni di caffè eransi da lui eseguite e copri- 
vano tutte le colline di quella colonia. Eslesasi 
quindi sempre più questa coltivazione, la sola par- 
te francese di s. Domingo producea, nel 1790, 54 in 






50 miliioai ili liljbre di calle; la iMailuiica 11) luil- 
lioiii; la (iuadaliipa 6 in 7 millioni, per un valo- 
re totale di circa 50 millioni di frauclii. Il picizo 
ne divenne quindi bassissimo; ma il blocco conti- 
neiitale, la perdita dello colonie no fecero innalzare 
il prezzo lino a cinque e sei franclii la libbra. Fu 
in queir epoca che l'industria imprese a sottoporre 
alla torrefazione altri prodotti, come l'orzo, la segala, 
i bqìini, i ceci, le castagi\e, la radica di cicoria. Que- 
st' ultima produzione inc-ontrò maggior successo e di- 
venne un nuovo ramo di commercio: ed oggi in Fran- 
cia gli spacci di polvere di cicoria si moltiplicano 
sotto i nomi di calle cicoria, e perlino di calle moka 
e di moka perfezionato. 



'. LE SVENTURE DI LN UOMO DOTTO. 

11 dotto professore L. .. era divenuto per le sue 
distrazioni quasi cosi famoso, come era celebre per 
le sue tante e belle scoperte nelle scienze esatte. 
Insegnava le mateuiaticlie alla scuola politecnica di 
Parigi, dalla quale uscirono tiinli uomini distinti. 1 
suoi alunni lo amavano per la dolcezza della sua in- 
dole, ed avevano una specie di veuerazione per l'im- 
menso suo sapere. L... giunto all'età di 4J anni 
aveva conservato tutte le abitudini dell'infanzia. Ave- 
va sempre bisogno che una persona Io assistesse per 
avvertirlo di ciò che doveva fare. Sarebbe stato egli 
esposto a mille sventure, se il cielo non gli avesse 
inviato un essere che vegliava su di lui colla pre- 
mura di una madre. 

Dopo un anno di matrimonio aveva perduto la 
moglie, ma da questa unione gli era rimasta una fi- 
glia. Privata costei di quella che doveva reggere i 
suoi passi, conobbe il suo stato ed in breve divenne 
di una inesplicabile saviezza; vide suo padre troppo 
preoccupato dalle scienze, e s' fece un dovere di ba- 
dare alle sue minime azioni, che potevangli far pcr- 
d.n-e la vita o la stima. Quando L... voleva uscire 
di casa, sua figlia lo guardava atlenlamente, ossiU"- 
vava si' <r\\ mancasse nuMlchc cosa e se tutto andasse 
in regola; giacché piii volte era uscito senza cravatta 
o senza parrucca, oppure metteudosela a rovescio. Un 
giorno usci in veste da camera, attirandosi le grida 
« le belle di chiunque lo incontrò per istrada, e se 



non corre\a sua tiglia non sarebbe rinsenuto dalia 
sua distrazione. 

Un altro giorno passegiavava con un suo amico 
sulla riva della Senna, ed esamiuava un crostaceo di 
cui credeva scorgere qualche nuova proprietà; in 
queir istante si ode un orologio vicino, L... vuol 
verificare l'ora; caccia il suo orinolo e dopo averlo 
guardato mette il crostaceo in tasca e getta l'oriuolo 
nell'acqua: ei non si accorse del suo errore che la 
sera nell'andare a letto. 

Un' altra volta faceva scuola, e volendo iiioliiplU 
care 59 per 33 disse tre volte 9 fanno 19.... no, 
no, m'ingaiuio, fajino 20: e pureL... era il primo 
matematico del suo tempo. 

Non finiremmo mai volendo raccontare le molte 
disgrazie di questo dotto iicmo: ma ci limiteremo ad 
una sola che sembra la pi il disastrosa di sua vita. 

11 presidente dell'università de Fuìilniics aveva 
riunito in sua casa tutta la facoltà accademica: quindi 
L..., membro dell'accademia delle scienze, fu puran- 
che invitato ad iutervenirvi. F.gli era venuto in tutta 
etichetta, con un abito ncio ricamato in palma \cril« 
e colla spada al fianco; ma giinito nella sala di riu- 
nione si accorse essere il solo che cingeva la spada; 
e però la sua naturale timidezza rimase spaventata 
di questa particolarità che attiravasi gli sguardi di 
tutti. Cominciò dun(jue a pensare al mezzo come occul- 
tarla; quindi gli venne in mente di porla sotto al 
cuscino di un gran sofà, e pare che la cosa andas- 
se bene. 

La sera madama de Foiilaiies uscì a fare gli ono- 
ri della sala; ella si sedette sul sofà e tutti le fe- 
cero corona; la società fu allegra ed animata. L... 
però non disse una parola; egli era preoccupato da 
un pensiero che nessuno immagiuava: pensava alla 
sua spada. 

Era mezzanotte, tulli della società si ritirarono; 

L^ non si mosse; de l'ori taiies aveva cliiesto ed 

ottenuto la permissione di ritirarsi nella sua stanza; 
sua moglie non ardiva rientrare nel suo appartamento, 
se tutti non fossero andati via ; quindi cercò di far 
gentilmente comprendere a L... ch'era tempo di se- 
guire l'esempio degli altri convitati, ma egli non ri- 
spondeva. Finalmente stanca, aunojata (jucila povera 
signora si addormentò. !>... cr<:d('tte allora il momen- 
to propizio per riprciulen! la sua spada; stende dol- 
cemente la mano, la trova sotto al cuscino, portaudu 



sempre innanzi la mano giunge sino all'impugnatura, 
l'afferra fortemente e crede di aver condotto a buon 
termine la jiia penosa avventura; ma la disgrazia 
volle, che a quest' ultima scossa si risvegliasse ma- 
dama De Fontanes. L... sorpreso e vergognoso si al- 
za avendo in mano la sola lama, giacché il fodero era 
restato tra il cuscino ed il sofà. Alla vista di (juella 
strana figura e della spada sfoderata, madama gitta 
un grido di spavento. Accorre il marito, il quale chia- 
ma i suoi domestici; L... viene arrestato ed accusato 
di aver voluto assassinare mad. De Fontanes: e scor- 
sa una mezz' ora e piìi, gli lu finalmente permesso 
di poter narrare come era andato, il fatto e cosi tutto 
fu terminato con un grande scroscio di risa. 



--s>egCT-- 



INTORNO UrrA TELA DI CRESCENTINO GRIFONI URBINATE 
RAPPRESENTANTE LA VISIONE DI S. GIROLAMO. 

Nel tempo che ci congratuliamo con la bella città, 
che produsse un giorno un Raffaello, un Timoteo 
V ito, un Federico Baroccio, ed un Bramante ci piace 
annunziare agli amatori delle arti belle di avere oggi 
nella nostra Roma, e di possedere in Costantino Gri- 
foni un' altro figlio che veramente onora quel nobi- 
lissimo suolo, ed è valente imitatore di quelli anti- 
chi' maeslri. Ha questi non ha guari condotto a fine 
im quadro che vedesi da più giorni esposto nelle 
aiitiramcre del Quirinale rappresentante la visione di 
s. Girolamo. Noi crediamo far cosa grata al pubblico 
dando una esatta descrizione, per quanto gli angusti 
limiti di questo foglio ce Io permettono, delle figure 
che compongono codesta tela. La dimensione di que- 
sta è di palmi romani 11, e once 9 in larghezza, e 
di palmi 1 7 in altezza, ed è destinata per la metro- 
politana di Urbino, che gli ha allogato questo lavoro. 
La parte superiore del quadro è costituita dalla vi- 
sione, che dal pittore viene rappresentata in questo 
modo. Un angiolo a destra nell'atto di librarsi sulle 
sue ali, suona la tromba, e chiama s. Girolamo a 
presentarsi al tribunale di Dio. 11 divino giudice 
apparisce assiso in mezzo alle nubi, ed avvolto in 
un grandioso n)anto agitato dallo stesso suo movi- 
mento, reggendo maestosamente colla destra l'emble- 
ma della redenzione, ed indicando colla sinistra la 
colpa del santo la quale è scritta in una pergamena 



che sta nelle mani di un* angiolo. E tu vedi questo 
angiolo collocato a sinistra dello stesso quadi'O. Nella 
parte inferiore del quadro il pittore ha figurata la 
scena del suo soggetto in un antro della Palestina 
nel quale si vede ; campeggia principalmente il no- 
stro santo che è atterrito dalla voce e dalla presenza 
dell'Onnipotente. Egli è posto sopra una panca co- 
perta da una stuoia, ed un panno rossastro cadente 
appena lo ricuopre, lasciando quasi del tutto nuda 
la sua figura. Alla espressione vivissima del di lui 
viso, contribuisce eziandio l'azione delle sue braccia, 
poiché colla destra si fa scudo a sottrarsi alla pre- 
senza del giudice, e colla sinistra si appoggia al letto, 
dal quale si sforza guasi di sollevarsi. Un giovane 
nel cui volto è egregiamente espresso il cordoglio, 
lo sorregge fra le sue braccia quasi avvisando esser 
presente all'ultimo istante della sua vita. Al di die- 
tro di questa scorgonsi due altre figure secondarie 
all'estremità del quadro, delle quali l'una interroga 
l'altra, che per essere tutta assorta nell'espiare i mo- 
vimenti del santo vecchio, ancora non porge orecchio, 
ne fa attenzione alla di lei dimanda. Apparisce prin- 
cipalmente nel mezzo del quadro una figura nobile 
e grandiosa nella quale il pittore ha forse voluto 
indicare uno dei suoi compagni che con lui vissero 
nel deserto. Questa figura avente nella sinistra un 
libro e nella destra un aspersorio lo benedice por- 
gendogli gli ultimi soccorsi della religione. Al lato 
di questo evvi genuflessa colle mani giunte s. Paola, 
la quale fa preghiere per il suo marito. E chiuso 
poi il lato sinistro del quadro da un gruppo di tre 
figure, la principale delle quali, è una giovane don- 
na, posta in avanti, che posando a terra uno dei 
suoi ginocchi s'arresta, sorpresa dalla trista situazio- 
ne del sauto, ed intimorita cerca quasi appoggiarsi 
ad un altro vecchio che le sta presso, reggendosi ad 
un bastone, ed un giovanetto all'indietro, che com- 
passionando il santo vecchio, dimostra la incertezza 
e titubanza della sua azione. Quindi è che il suo 
quadro non meno per la composizione, che per il 
disogno nel quale si mostra correttissimo, merita 
somme lodi, perocché sembra che siasi proposto se- 
guitare la scuola bolognese. E noi auguriamo a lui 
tutti quelli incoraggimenti che può meritare un gio- 
vane di tal merito, il quale è stato riconosciuto da 
tutti i professori certamente non ordinario. 
Ili ii « «« t ow n > ■ 



229 



LA SETTIMANA 



CALENDARIO STORICO. 



13 Giugno 1215 



Il Concilio Laleranense condan- 
na l'abate Gioaccliino. 

14 Giugno 1220. = Federico II coronato a Roma da 

Onorio III è scomunicalo. 

15 Giugno 1236. = Baldovino II soccorso dai veneti. 

16 Giugno — . = Aureliano dà ai veneti la lancia 

la spugna e un pezzo della s. Croce di nostro 
Sisiiore Gesìi Cristo. 

1 7 Giugno 1 249. = Esercito di Federico II impe- 

ratore distrutto dai parmigiani assediati. 

18 Giugno 1250.= Corrado IV con gran crudeltà 

ripiglia l'Italia. 

19 Giugno 1250.= S. Luigi riscattasi cou 40 mila 

lire annue d'argento da' saraceni. 



LK FURTO SINGOLARE. 

Un impiegato di Berlino, clie da alcune partico- 
lari occupazioni era costretto ad abitare un' altra 
casa invece della propria, prese il partito di affittarla 
ad un altro locatario del quale aveva eccellenti in- 
formazioni. Per lungo tempo il conduttore pagò esat- 
tamente la pigione della sua casa : e si prendeva il 
pensiero di portarla egli stesso al proprietario, pri- 
ma elle questi si prendesse la pena di fare una lun- 
ga corsa per esser pagato. L'impiegato, che i suoi 
affari rileiievano iu un' altra parte della città, non 
aveva né tempo, uè volontà di andare a vedere se 
la sua casa era in buono stato, percbò era pagato 
esattamente, e non si faceva alcun i-cclamo. 11 primo 
di gennajo 1824 il locatario non portò la sua pigio- 
ne come era solito. Il proprietario aspettò una quin- 
dicina di giorni, ma inliue non ricevendo alcuna 
nuova, si porto nella strada ove era la sua casa. La 
cerca, ma inutilmente: la casa non vi era più: egli 
U'ova in vece una piana superficie, e sente dai \ i- 
cini che l'antico locatario ha fatto demolire la sua 
casa, e ne ha venduti i materiali. Questo ladro la 
grande è fuggito in Lngheria. 




IL FOICOTEKO 

Il fenicontero, detto anche fiammante, dalle sue 
ale color di fuoco, è uno de' piii graudi e btlli vo- 
latili : non sembra aver patria ben determinala, e iw)- 
vasi al di sotto del 40" e 49" grado di latilutline per 
tutto il globo. In niun luogo fissa la sua dimora e 
vianfiria continuamente d'una in altra contrada, senza 
trattenersi se non pel tempo strettamente necessario 
per la cova e reduca/.ione de' suoi figli. Quindi i 
fiammanti sono generalmente considerali come uccel- 
li di passaggio, sebbene meglio si direbbero erranti. 



^<?3W 



AppaitcìigOHO questi volatili alla famiglia degli uc- 
celli a trampoli, per le loro luiiglie ^aml>n; ma sono 
ad un tempo palmipedi per le membrane delle loi-o 
lampe,- il che indica clie vivono sulle sponde di fin- 
mi, laghi, o in luoghi paludosi, dove si nudriseono 
di pesci, di vermi, ed altre prede siffatte, proprie di 
luoghi acquatici. Dopo gli struzzi il fenicontero è il 
più grande de' volatili, senz'averne però le forme pe- 
santi ed il colorito appannato. Si slancia e vola Le- 
nissimo, ed alla bizzarra eleganza delle sue forme uni- 
sce un nobile fregio di piume color di rose sul cor- 
po e sul collo e sulle ale di un vivo color rosso, on- 
de trasse il suo nome presso gli antichi, che lo dis- 
sero Phenicoptero. La bellezza delle tinte giunge al 
colmo del suo splendoi'e, allorché l'uccello ha quat- 
tro anni d'età. I! suo collo straordinariamente lungo 
Ila circa tre piedi, e si agita e si piega in tutti i sen- 
si con molta grazia, internandolo talvolta intieramente 
in guisa che non si vede più affatto. Le sue gambe 
sono alte due piedi; tutto l'animale, quando è pie- 
namente cresciuto, ne ha sei e sette. « Io osservai, 
cosi un viaggiatore istruito, questi volatili in uno 
stagno delle montagne dell'Andalusia ; viveauo essi 
in truppe di cinque, o sei al più, e non essendo tutti 
dotati della stessa vivezza di colori, io supposi che 
Ogni banda componesse una famiglia, in cui secondo 
le diverse età ed il sesso fossero piii o lueuo ornati 
di belle piume. Recatomi a Siviglia mi fu portato uno 
di questi uccelli vivo, che posto in un giardino si 
addimesticò facilmente. INIa al giunger dell' inverno 
disparve una notte per unirsi probabilmente a qual- 
che banda, che avrà veduta in aria dirigersi verso le 
regioni dell'Affrica, dove questi volatili sono comu- 
nissimi. Molti pure ve ne sono in Sardegna, e veg- 
gonsi giunger colà sul finire d'agosto in truppe di- 
sposte triangolarmente. Si arrestano da principio su 
i bastioni della cittadella di Cagliari; vi si pongono 
in allineamento come i soldati, e sono belli a vedersi 
in così numeroso stuolo con quelle ricche monture 
di Icggiadrissimc piume. Quando diverse bande si 
sono riunito, ripi-cndono il loro volo nelle più alte 
regioni dell'aria sopra una sola linea: la testa dell' 
uno tocca quasi la coda dell'altro, ed inclinandosi 
sul più prossimo slagno, tracciano in aria uno spi- 
rale conico mirabile a vedersi. Allorcliò- trovansi in 
trrra stilla sponda dfll'acqua, vi si tengono perfetta- 
mente allineali u stretti gli uni contro i\ì aUi'i, po- 



nendo sempre una sentinella, che a collo teso vetrjia 
per tutti e che, per quel che dieesi, sarebbe severa- 
mente punita a colpi di becco, se lasciasse sorpren- 
dere la turba aflidata alla sua vigilanza. Le fem- 
mine avendo questa specie di uccelli le gambe trop- 
po lunghe per colcarsi, formano de' nidi sino all'al- 
tezza del loro corpo e vi fanno quindi la cova, non 
mai piìi di due nova ponendosi come a cavallo del 
nido stesso. I figli tardano a volare; ma appena nati 
sanno già correre con somma rapidità sulle sponde, 
presso le quali sono nati >i. 



IL FANCIULLO DI LCBKCCA. 

Cristiano Enrico Leinaken, conosciuto sotto il 
nome di fanciullo di Lubecca, nato in quella città 
il 6 febbraio 1721 e morto il 27 giugno l725, sebbe- 
ne non giungesse che all'età di 4 anni 4 mesi e 21 
giorni, pure venne compreso nel Lexicon dei dotti 
di Jodler, e tutti i giornali del tempo in cui quel 
prodigioso fanciullo visse e mori sono pieni delle 
sue lodi. Questo precoce sviluppo d'intelletto ha, è 
vero, del prodigioso, e si terrebbe tutto quello che 
se ne narra per una favola se uomini, come Focher, 
Lirschiììg, Martiid non ne facessero rispettabile te- 
stimonianza dopo essersi mediante l'autorità convinti 
del fatto, i^rima che il fauriulio avesse compiuti 10 
mesi cominciò a ripeteie le parole che gli si dice- 
■\ano; compiuto appena l'anno, sapeva già a memoria 
i fatti pili iniporlauti del Pentateuco: prima del se- 
condo anno imparò il limanente della storia della 
bibbia, come pure il vecchio e nuovo testamento. 
Entro il terzo anno imparò la storia universale e la 
geografia. Nello stesso anno aveva imparato a parlar 
latino e francese, e declamava a mente con grazia e 
senza mai esitare intieri discorsi; nel quarto si dia- 
dico allo studio della teologia e della storia sacra: 
ed incominciò non solo a rifleitere, ma anche a ra- 
gionare da se sulle cose, nò altro piacere aveva fuori 
quello dello studio. La fama del suo portentoso in- 
gegno e di una maturila cosi precoce produsse una 
sensazione nniversale. Ei fu trasportato da Lwbecca 
a Gopenhaghen, e venne pi-esentato al re di Dani- 
marca, il quale dopo averlo minutamente esaminato 
confessò che il fanciullo di Lidjecca era un prodigio. 



Dopo il suo iliDiuo a Li'.liecca imparò iti hre- 
visaijuu iL'inpo a scii^eri', ma poco dcjpo ammalò. Ei 
si mui-i\a scmpie del latte di una balia tanto pei- la 
debolezza del suo tomperamcnto, quanto pcreliù qua- 
lunque altro cibo gli ripugnava. Slattalo finalmente 
par\e cbe la sua salute migliorasse, quindi il mae- 
stro incomincio ad istruirlo : ma iuopinatamcnte la 
sua debolezza aumentò, ed il fanciullo mori. Cristiano 
di Sebòneicb scrisse la sua vita sotto il titolo di vi- 
ta, azioni, viaiiai e morte di Leinakeu. Un simile 
i^i-ande ingegno precoce fu ambe Lodovico figlio di 
Ladislao IV re di Boemia. Egli nacque ^ nel 1506) 
senza pelle. JXeU'età di due anni fu già incoronato 
re di Boemia, e nel terzo re di Ungberia : a dieci 
anni prese le redini del governo: a quattordici ave- 
va già la barlxi, a quindici anni si maritò con INJaria 
Colia del re di Spagna, da cui però non ebbe figli : 
a dieciotto anni era già canuto : a venti anni inori. 



1 



DELLA PORCELLANA E StE DIVERSE SPECIE. 

Gli egizi conobbero l'aite di fabbricare la por- 
cellana, e v'impiegavano infitti gli stessi mezzi e gli 
stessi cobiri d'oggidì. Quest'arte sarà passala d'Egitto 
in Asia e di la alla Cina, dove si è conservata, non 
«sseudo stato soggetto quel paese a lunghe guerre, 
né a frequenti rivoluzioni. Sei specie di porcellana 
d'.Asia possonsi numerare, 1 a color di trotta, 2 bian- 
co antico, 3 del Giappone, 4 della Cina, 5 Giappon- 
cinese, 6 dell' India. La prima , cbe trasse certa- 
mente il nome dalla sua rassomiglianza colle scaglie 
della trotta, è la piii antica e quella clic più ricorda 
colle sue imperfezioni 1' infanzia per dir così dell' 
arte. Il bianca antico è una bellissima porcellana, 
ma la sua pasta sembra poco consistente e non 
atta perciò cbe a farne dei piccioli vasi e delle 
figure grottesche. Passa in commercio allo stesso 
prezzo della porcellana del Giappone. La porcella- 
na della Cina e quella del Giappone generalmente 
confondonsi l'una con l'altra. Tuttavia è da osser- 
varsi che quella che chiamasi veramente del Giap- 
pone ha una vernice più bianca e meno tendente 
all'azzurro che la porcellana della Cina; gli oruanieuli 
vi si trovano con meno profusione, i fiori ed i di- 



segni sono meno stravaganti e piìi conformi alla ve- 
rità,- anche l'azzurro impiegatovi è più vivij. La por- 
ceilnna Giapptìn-cinese riunisce gli ornati delliuia e 
dell'altra, avella porcellana delle Indie tutti i colori, 
ad eccezione dell'azzurro, sono rilevati e formano 
delle ineguaglianze sulla superficie: ciocché deriva 
dall'essere male applicati. 'Julta\ia la più parte de' 
piatti, tazze, ed altri vasi che vengono in Europa 
sono di quesl' ultiiiia specie. Anche in Eui-opa tro- 
vausi fabbriche di porcellana di qualche celebrità, 
come sono in particolare quelle di Sassonia, e (niel- 
la di Sevres vicino a Parigi. La terra, di cui si fa 
uso in quest* ultima, è di un' estrema bianchezza, e 
fu scoperta nel 1767 da un ciuto ^ iluiis a s. Yv«s 
nel Limosino. Tutte le specie di porcellana sono una 
sostanza media tra il vetro e la terra: di modo che 
stropicciandosi, o percuotendosi la stessa porcellana 
con un acciaio, è atta a produrre delle scintille di 
fuoco. 



INVENZIONI. 

La polvere da cannone fu inventata nel 1380 da 
Bertoldo Schvvartz, nativo di Friburgo, francescano 
riformalo, ed a motivo del suo cognome chiamato 
frate nero. Si era già fatto nel secolo precedente 
qualche sperimento, che poteva a ciò condurre. 
Piuggero Bacone, in un libro pubblicato ad Oxford 
nel 1212. parla dell'esplosione del salnitro rinchiuso 
in un globo come di un' esperienza già comune: e lo 
stesso chimico parla di fuochi artificiali, il cui im- 
peto subitaneo imitava certamente gli eflelti della 
polvere, se si vuol giudicare dall'idea eh' ei si sfor- 
za di darne. E certo però, che i cinesi, quegli avoli, 
per così dire, dell'umana specie, la conobbero pri- 
ma di noi. 



;o 



.^d 




MONUMENTO DI URBANO V 

in Màrsiglij. 

Diamo il monumento che al ponteCce Urbano V 
eli fu posto nella cliiesa di s. Vittore di Marsi- 
nlia. La memoria di questo papa, die governò la 
chiesa dall'anno 1362 al 1370, deve essere partico- 
larmente accetta ai romani, e agli abitanti tutti d'Ita- 



lia. In quella orrenda miseria de' tempi, fra le pre- 
potenze de' signori armati e sino allora impuniti, 
Urbano apparve come un angiolo di pace. Da Avi- 
gnone venne in Roma, esortatovi dalle calde dimo- 
strazioni di quella grande anima italiana di France- 
sco Petrarca. Kiordinò le cose del comune, e diede 
autorità e difesa agli inermi contro la prevalenza di 
poche famiglie. Si volse a condurre al buono stato 
le altre città dell' Italia, e in questa opera generosa 
spese due anni. Dimorava il piìi a Monte Fiascone, 
o ad Orvieto: nelle quali due città edificar fece pa- 
lazzi pontificii. 

Tornato in Avignone con animo deliberato al ri- 
torno in Roma, fu tolto dalla morte. 

Il sepolcro, fatto nel modo di architettura che 
piìi allora si pregiava, è in pietra, con stataine e 
oruameuti in mezzo. Accurata opera e splendida. 



SCIARADA 

Mai più nemica al vero 
Pili strania cosa udissi, 
Che fosse il mio primiero, 
Del ciel, de' cupi abissi, 
Del procelloso oceano. 
Del mondo abitator. 

Niun più ribaldo e tristo 
Fu del secondo: ei stolto 
La sposa osò di Cristo 
Turbar, ma vinto e colto 
Giacque dall'ira vindice 
D'un nume punitor. 

Il tutto mio vivace 

Qual non mi dà diletto? 
Tanto pili ognor mi piace, 
Quanto piìi semplicetto 
Ei scherza, e poi festevole 
Gioisce al mio gioir. 



Can-tori. 



Sciarada pbecedente: 

— -ia -< >^g-ì ii 



^'"ffi'^'^o oenlrale per le associazioni e il deposito de fogli 
e presso il Direttore proprietario, l'ia del Gesù il. àn, p. p. 



TIPOGKAriA DELLE BELLE ARTI, VIA II\ ARCIONE N. 100, COIV APPUOVAZIGIVE, 



2o5 



ANNO 




DISTRIJ3UZI0NE 



Si PITBBLICA OGM SaBATO 



R031A 



3 Ottobre 1835. 




PIO VII — 

In Cesena città di Romagna, e patria del gran- 
de Pio VI, nacque nel 14 di agosto dell'anno 1742 
quel conte Liiigi Barnaba Cliiaraniouti il quale ten- 
ne il supremo governo della chiesa, assunto il no- 
me di Pio Ali. E secondo la volontà d'Iddio con 
tanta sapienza e santità lo tenne, che gli uomini se 
ne ainuììrcraiino finché duri nel mondo riverenza 
per la v irtìi. I suoi parenti (che illustri e piissimi 
erano) tanto saviamente l'educarono, che egli sin dai 
primi anni ebbe a sentii'e come coirajuto della re- 
ligione cattolica si nobiliti questa umana natura : la 



quale veramente non può condursi a cosa che sia 
bene, nò ad alcun genere di gloria, se del continuo 
non miri e attenda a Dio. Che egli avea appena 
1 5 anni quando nel giudizio della sua mente com- 
prendendo le vanità, che tanto indarno lusingano, 
dal mondo volle ritirarsi in quella beatissima con- 
gregazione dei cassinensi, per la quale tanta salute 
e lume di civiltà venne alla cristiana repubblica. 
Fece noviziato nel monastero di jN'. D. del monte 
a Cesena. Professò e si prese il monastico nome di 
Gregorio Barnaba. Forte ingegno, lungo amore, e 
studio nelle discipline teologiche il fecero ammiralo 
a' suoi superiori (avvegnaché tutto modesto si stesse, 
ne altro desiderio il movesse, che di conoscere il 
vero). I quali per titolo di onore vollero mandar- 
lo alunno a Roma nel monastero di s. Paolo fuori 
delle mura: dove crescendo negli anni e mirabilmente 
nel senno e nella bontà, diede a conoscere quanto 
sarebbe stato per l'avvenire. Lesse filosofia nel mo- 
nastero di s. Giovanni Evang(!lista in Parma. Teolo- 
gia per ben nove anni in iioma in sant' ^Vnselmo. 
Venne eletto priore ; poi con onorevole breve da 
Pio VI abate di reggimento. 

]\Ja nel 1782 la provvidenza volle trarlo dal chio- 
stro, e imprimergli il carattere di vescovo per le 
mani dello stesso Pio Vi. Governò due anni la dio- 
cesi di Tivoli; nel IT) di febbrajo dell'anno 1785 ri- 
vestito della sacra porpora cardinalizia andò a quel- 
la d' Imola. 

I tempi cominciavano a sinistrare. ÌVel voirro 
(che non è sempre la meschina parte del popolo) 
erano taluni che desiderosi di far novità, prendendo 
norma ad operare da altra gente, fede alla religione 
rompevano, e ai monarchi e alK; altre cose, sovra le 
quali è fondala la sit'urla di ogni umana repubblica. 
Mali orrendi che il fanatismo, e piii che il lànatis- 



mò4^ 



mo una stolida ed empia licenza, all'Italia partori- 
Yauo. Il veucrando Grcgoi-io Baruaba i morbi cre- 
scenti rintuzzò: i deboli nella virtii rassodò : tenne 
ferma, e col suo avere nudrì quella gente nuda e 
disperata d'ogni bene, la quale è rotta ad ogni de- 
litto, e fa delle sceleraggini arte, se un tristo uomo 
l'aggiri, e la comandi col pane. Ma Iddio voleva 
mandare in terra l'ira sua a castigare gli uomini. La 
sacra Roma profanata ; prigione e morto in esilio il 
vicario di G. Cristo: i cardin:ili di santa cbiesa, qua 
e là balestrati dalla fortuna: ai sacerdoti, alla nobil- 
tà, ai buoni fatto vituperio. Quando poi mille ge- 
nerazioni d'estranei sconquassavano l'Italia, e ogni 
nostra ciltà avea a temere saccbeggio, libidini, ed 
anco scismi e scandali di eresia, il card. Cliiaramonti 
dal popolo imolese più volte le soldatesche allontanò; 
non coll'oro (che era rapito) ma colla eloquenza. 
Peroccbè si accontava coi capitani, i quali al suo dire 
tutto pieno di Dio piegavano; anzi si domavano. 

Ma egli pure fu ridotto ad abbandonare la sua 
diocesi spogliato d'ogni bene: però il pianto, la 
confidenza in Dio, e la speranza di buona ventura 
gli rimanevano. Francesco imperatore austriaco, uomo 
religiosissimo, consentiva stanza in Venezia ai cardi- 
nali che aveano a riunirsi in conclave per dare alla 
chiesa il successore di Pio VI. Nell'isola di s. Gior- 
gio maggiore è un convento, allora detto dai monaci 
benedettini: ivi si costruì il conclave che due mesi 
e giorni sette cliiuso rimase. Nel giorno 13 di mar- 
zo 1 800, Gregorio Baruaba Chiaramonti fu eletto 
papa: nel 21 del mese stesso incoronato: il mondo 
cattolico ne giubilò. Le milizie dell'imperatore avea- 
no ac(piistale alla s. Sede le legazioni: fioma com- 
messa era alla fede del re Ferdinando IV delle due 
Sicilie. Nel giorno 7 di giugno l'io VII partì da Ve- 
nezia alla volta della città eterna: per quanti luoghi 
passò, tanti ebj;e trionfi, rivc'/enze dai principi, ac- 
clamazioni allegre e sincere dai popoli. Ai 3 di lu- 
glio, tre ore prima che il sole tramontasse, fu in lio- 
nia, nella quale erano ordinate pompe degne di 
Pio \ II, e eertamente non disformi a quelle degli 
antichi romani. Per la presenza del pontefice le cose 
in Boma tornavano al loro stato. Tribunali, amba- 
scierie di coni straniere; eletto il gran maestro dell' 
ordine gerosolimitano: dato il primiero splendore ai 
cardinali, alla prelatura, alla nobiltà. Si preparava 
quiete e sicurtà ai sudditi. 



Quegli che allora avea il comando in Francia, 
pensò la necessità di rassodare l'impero colla reli- 
gione. Pio VII nell'estate dell'I 801 mandò a Parigi 
il cardinale Consalvi, il quale adempiva ai prowe- 
dimeuti del beatissimo sovrano, Goll'istituzione del 
concordato, cui nel settembre si ratificò. Nel febbrajo 
del 1802 la spoglia mortale di Pio VI venne in Ita- 
lia. Qual dolore eterno per lioma, se invece di aver 
la tomba in vaticano quelle sacre ossa riposavano in 
terra straniera! Per le cure di Pio VII, ogni cagio- 
ne di quel rammarico si dileguò. 

Nel 1 804 il pontefice era invitalo a Parigi dal 
Bonaparte, il quale voleva essere da lui coronato im- 
peratore. Nel 29 di ottobre tenne in concistoro una 
allocuzione sopra il viaggio e il bene che avea a ri- 
cavarne la religione. Nel 30 dello stesso mese, e nel 
primo di novembre partirono da Roma suoi segre- 
tari, maestri di camera, elemosinieri e altra famiglia 
domestica, con la nobile guardia papale. Nel due, ce- 
lebrato il divin sagrifizio al vaticano, partì egli stesso. 
Sei eminentissimi cardinali lo accompagnarono: fra 
questi era il Borgia e il De-Pietro. Felicità salute al 
santo padre augurava il popolo romano: così le allixj 
genti in mezzo alle quali passò. Lagrime, aperte 
braccia, batter di palme ti dicevano cjuanto era ama- 
to e venerato quel santissimo vecchio: il (juale ve- 
ranicnle accrebbe pietà in quanti lo contemplarono. 
Vide la città di Lione, dalla quale partiva nel 21: 
nel 23 era a Fonlainebleu. Nel 2 di decembre incoronò 
Napoleone. Ai 29 dell'anno 1805 tenne concistoro 
pubblico nella sala dell'arcivescovado. Veniva il tem- 
po di tornare in Roma. Ai 4 di aprile fra gli eui^iu/i. 
del popolo lasciò Parigi. Giunto a Lione prende la 
via della Savoia; ai 23 era a Torino. Passò per Pia- 
cenza, Modena, Parma, intorno a Bologna. Ai 6 di 
maggio era a Firenze, dove l'ossequiarono e riveriro- 
no i senatori, la figlia di Cai-lo IV, e tulta la gente 
fiorentina. Ai 16 in mezzo alla gioia universale entrò 
in Roma, nella quale si rinnovarono le feste^ e come 
a dire i trionfi. Nel giugno tenne concistoro, nel 
quale parlò ai cardinali del gran bene che vide in 
Francia; come vi fu venerato qual vicario di Gesù 
Cristo, e nei francesi l'ossequio alla fede e alla cat- 
tolica religione durasse. Disse anche della bontà di 

o 

quel clero. 

Parca che pace e felicità aver dovesse il santo 
padre. Ma quello stesso capitano, che ei'a incoronato 



^ 



WJ 



o«> 



da Pro VII, uou lardò a muoversi per tribolarlo. 
E prima fu occupata Ancona. Tolto alla s. Sede 
Benevento e Ponto Corvo. i\è i reclami oiovaroiio. 
Le altre parti dello stalo pontificio lutto dì si inva- 
devano; ai 2 di febbrajo del 180G le truppe erano 
in Roma. Anche all'autorità spirituale alti'utossi. Si 
volle ciie et^li rinunziasse al patriiuoiiio di s. Chiesa. 
Si minacciava deportazione. Egli sempre fermo. iVi 
sei di luglio 1S0S si sforzò il palazzo: le guardie si 
disarmarono. In quel subbuglio Pio VII potè scri- 
vere ima lettera a'suoi sudditi, ai (piali ricorda\a la 
fede alla s. Sede e alla religione; li consolava; con- 
fidassero in Dio: aooiuniiea dalla volonlii di lui tut- 
to dipendere. Poi se ne partiva il venenjjile pi'igio- 
niero lagrimato da tutti. Ai 21 era a Grenoble, ove 
fu tenuto giorni undici. Si volle levarlo di colà, e 
mandarlo in Italia. Nell'undici agosto giunse a Sa- 
vona. iN"on si finiva di essergli intorno per la rinun- 
zia. Proposizioni ora dure, ora insidiose. Egli mai 
non piegossi; eppur tutto a Napoleone piegava! Dopo 
nove mesi è tratto da Savona, giù. per lo Cenisio 
passa a Lione, è a Fontaiuebleu ai 20 di giugno dell' 
anno 1812, e vi dimorò fino ai 23 di genuajo 18 11, 
maraviglia, da pietà e anco da sdeguo siam presi al 
pensare i furbi inganni e le parole, che si ordina- 
vano a smuovere il pontefice. 

Maturavasi il destino del Bonaparte. Ai 22 di 
gcnnajo 1814 è intimato a Pio VII di andarsene a 
Roma; ai 23 prese la via acclamato dai buoni, che 
le sue sventure piangevano. La sera stessa posa- 
roulo ad Orleans, e cominciò ad avere piìi largo e 
comodo vivere. Verameute il poutefice trasse ine- 
stimabile contentezza all'animo suo, dal vedere che 
in quanto paese francese pcrcorrea dimorava piilà e 
fede alla reli";ioue cattolica. Ai 2 di febbraio "iiiuse a 
Nizza, fermò a Savona fino al 19 di marzo: ai 31 entrò 
solennemente in Bologna; ai 24 di moggio in Roma. 
In ogni dove egli dava prove ed esempi di cai'ith, 
di eonlidenza in Dio, di obliedieu/.a a' suoi decreti. 
Basta poi dire che come grandissima era la virtii di 
pio, e grande la riverenza e l'amore di quante genti 
lo videro, cosi splendide e lielissime erano le leste, 
che ad (Igni luogo gli erano preparate. Per tutto tu 
vedevi que' tri fei, che non costano il sangue né il 
pianto (Iella umana schiatta: cosi la religione trionfa. 
Sovra lo stato, nel (piale si grandi mutazioni si 
wano travagliate, pose la sua mente Pio VII, e prov- 



vedea a ritornar nella corte romana l'antica iligui- 
tà, quando nd 181), pei temerari sforzi di chi lenea 
allora il mezzodì dell'Ualia, il ponl''iii;e dovette ri- 
tirarsi a \ iterbo; da \ iterbo a Firenze e a Genova. 
Domalo dalle armi anstriaehe quel nuovo invasor'; 
d'Italia, Pio VII si avviò a Torino; poi si diresse a 
JMothma, (juindi a Firenze, finalmente a Homi nella 
quale ariivo iu;l gim'uo 7 di giugno dell'anno stesso. 
Accolto in ogni dove con (jiielle dimostrazioni di 
immensa "ioia che in O'nì altro suo via^-'io no- 
tammo. 

Quella virtii, che coniortavalo nello avvicendarsi 
delle fortune, lo illuminò nelle imprese civili dello 
stato, e nel ijovcruare la religione cattolica. Glande 
suoueiii il suo nome fra "li ottimi re^iiitori de<:U 
stati per aver date sapientissime leggi a' suoi sud- 
diti; i anco da dire che le arti e le scienze da lui 
fossero chiamate a nuova vita, le altre arti, comunali, 
e l'agricoltura prolette. Ornala Roma e le altre città 
con opere miinificenlissimc, che richiamano alla mente 
i giorni di Leone X e degli altri piii grandi pontefici. 
D^lle pietosissime e sul)liini opere di religione, chi 
non sa, chi non disse? iMa tulle ipieste cose è vano 
cuiisiglio ricordare ad un popolo, che sì profonda 
serba la gratitudine ai ])eneficj di quell' ottimo e 
santissimo principe : poi i monumenti della sua 
grandezza parlano a noi: e parleranno ai lontani 
uepoti. 

Queir anima benedetta, confortala dai soccorsi 
della religione, nel giorno 20 di luglio dell'anno 1823 
parli da questo all'eterno riposo de' giusti. Inenar- 
rabile fu il dolore de' suoi sudditi e di tutti i buo- 
ni. Furono resi alla sua spoglia mm-tale qu(!gli onori 
clic la sua virtii, l'altissima dignità domandavano; 
nò solo in Roma, ma in ogni città della cattolica 
chiesa. L'illustre cardinal Gonsalvi inualzava<;li un 
monumento : il ([iiaìe nel più gran teni[)io del mon- 
do ricorderà un uomo grandissimo di questo no- 
stro secolo. 



i=<3>-^ 



STORIA NATURALE 



IL PAVONE. 



Se l'impero non già alla forza, ma sì alla bellez- 
za apparteuesse, il pavone sarebbe certamente il re 
degli uccelli. Sopra niuu altro la natura ha diffusi i 
suoi tesori con maggior profusione : a lui ha dato 
alta statura, portamento grave e maestoso, andatura 
altera, nobile figura, forme svelte ed eleganti: e tutto 
infine quel che annunzia un ente ragguardevole e 
distinto. Un pennacchio nobile e leggiero, dipinto 
coi più vaghi colori, gli adorna la testa, e gliela ele- 
va senza sopraccaricarla. La sua incomparabile piu- 
ma sembra in se accogliere tutto ciò che alletta i 
nostri occhi nel fresco e morbido colorito de' più 
bei fiori, tutto ciò che gli abbaglia ne' lucidi riflessi 
delle gemme, tutlociò che li surpreade nella maesto- 
sa comparsa dell'iride celeste. La natura uon solo 
ha unito sulla piuma del pavone tutti i colori del 
cielo e della terra, per fariie l'opera più bella della 
magnificenza, ma gli ha inoltre scelti, mischiati, gra- 
duati, e fusi col suo iuimitabil pennello : e ne ha 
fatto un quadro unico, in cui essi dal loro miscuglio 
coi più oscuri digradamenti, e dalle loro vicendevoli 
opposizioni acquistano nuovo lustro, e traggono ef- 
fetti sì sublimi di luce, che l'arte nostra non può 
uè descriverli, né imitarli. Tale sembra ai nostri 
occhi la piuma del pa\one, quando egli passeggia 
»olo e tranquillo in un bel giorno di primavera. 

11 pavone non è originario dell'Europa, benché 
vi sia già da lungo tempo come naturalizzato. Le 
Indie orientali, che sono il clima produttore del zaf- 
firo, del rubino e del topazio, debbono essere riguar- 
date come il suo paese natio. Di là egli è passato 
nelle pani occidentali dell'Asia, ove era stato d'al- 
trove portato, mentre non sembra essere passato 
dalla parie più orientale dell'Asia, che è la Cina, 
ucHe Indie. 

Le lucenti penne del pavone, che sorpassano 
nello splendore i più bei fiori, appassiscono com'essi 
ed (Igni anno cadono. 11 pavone, come se sentisse 
allora la vergogna della sua perdita, teme di lasciarsi 
ve(l( ic in uiio stato sì abbietto, e cerca i più tetri 
ritiri per ct'larvisi agli occhi di tutti, fintantoché 
reudendoglisi dalla nuova primavera il suo solito 



ornamento, comparisce di nuovo sulla scena per go- 
dervi degli omaggi dovuti alla sua bellezza. 

Secondo gli antichi il pavone vive 23 anni : e 
questa determinazione sembra bene fondata, poiché 
si sa che il pavone è interamente formato prima dei 
tre anni, e che gli uccelli in generale vivono più 
lungamente dei quadrupedi, perchè le loro ossa so- 
no arrendevoli. Egli si nutre d'ogni sorte di grani, 
come il pollame. Gli antichi solevano dargli ciascun 
mese uno staio di frumento del peso di 2) libbre 
circa. Il Gore di sambuco è ad essi contrario, e la 
foglia di ortica è ai panvoncelli mortale. Altre volte 
usavansi le penne di pavone per fare delle specie 
di ventagli; di più se ne formavano delle corone a 
guisa di ghirlande d'alloro pei poeti antichi proven- 
zali, chiamati trovatori. Gesaer vide una stoffa, la 
cui tessitura era di seta e di filo d'oro, e la tra- 
ma di queste piume medesime. Tale era senza dub- 
bio il manto tessuto di piume di pavone, che il pa- 
pa Leone III mandò al re Pipino. 



VARIETÀ' 



Un contadino, citato innanzi ai tribunali, solleci- 
tava il curiale perchè si occupasse del suo affare ; 
ma questi, non vedendo comparir mai denaro, rispon- 
deva ogni volta al suo cliente: «La tua causa è sì 
imbrogliata, che uon ci vedo chiaro ». Il contadino 
alla fine intese il gergo, e trattisi di tasca due gigliati 
gli offerse al suo procuratore dicendogli: «Tenete, si- 
gnore, eccovi un buou paio d'occhiali ». 



237 




LA FAVOLA 1)1 PVIOBE 



Le celetvatissìme statue fappresentanli la favola 
di Nicbe, ie quali furono sempre considerate come 
uno dei più be' niouumenti dell'arte degli antichi, 
si ammirano disposte in circolo intorno alla loro 
madre iiell'imperiale e reale galleria di Firenze se- 
guendo la comune idea generale di tulli i doni, che 
questa fosse la piimiliva loro situa/iune e disposi- 
zione. Ma un nuovo ed inee<jnoso disesnu delle dette 
Statue con opportuna ed analoga spiegazione lu pub- 
blicata in Firenze dal siy;. G. R. Cockerell architetto 
inglese diretta al suo amico il cav. Barthoidy, che 
SUggeri la prima idea di questo disegno; ed avendo- 
ne noi falla ricavare la regolare incisione, questa 
presenta le anzidelte statue, non piii disposte in cir- 
colo Cdni!' si vedevano quando erano collocate nella 
TÌlla Weih'ei in Roma. Ma sei per ogni lato del tim- 
pano d'un edilìzio disposte siminelrieiimi'ute, tome 
suppone l'auìore che fosse la primitiva loro situa- 



zione. In fatti l'uso dei greci di adornare i frontespizi 
dei loro templi con gruppi di statue ( bastautemcute 
provato dagli avanzi che ci restano del tempio di 
Minerva in Atene, e dalla scoperta di quelli del 
tempio di Giove Panellenio in Egina, oltre molti al- 
tri templi nei quali possono osservarsi i segni di si- 
mili ornamenti, come nel tempio di Teseo. Pausania 
( lih. V, cap. X) descrive minutamente il fronte- 
spizio del tempio di Giove in Olimpia, Diodorc Si- 
culo [iib. XTII) quello di Giove Olijupico in Agri- 
gento, e molti altri esempi polrehlx'ro essere qui 
iÌ2)ortati. 

La relativa dimensione di queste statue, la pro- 
gressiva diminuzione della loro altezza peonie si os- 
serva negli esempi citati di sopra), le mosse colle 
(ludi si adattano esse in nna singolare maniera ad 
uu tal collocamento colla loro generale inclinazione 
Terso il punto di mezzo, la ragionevolezza inoltre 



238 



della composizione che risulta da tale collocamento, 
tutto ili somma sembra confermare la congettura, 
che fossero collocate nel frontespizio di uu tempio; 
ed i passi di Plinio, quantunque scrittore non ignaro 
dei termini dell'arte, non sono in veruu modo con- 
trarii a quanto sopra. II timpano resta bene arric- 
chito, e lo spazio di esso egualmente diviso fra le 
figure che sono quattordici, quante ne furono tro- 
Tate insieme nello scavo fino dalla scoperta del gi'up- 
po della Niobe, che fu nel 1583. 

Abbiamo creduto far cosa grata facendo cono- 
scere l'ingegnosa illustrazione del dotto Bartholdy e 
del suo amico Cockerell. 



NAVE AEREA (l'AQUILA) 

I membri della società degli aereonautl europei 
a Londra annunziano che la loro prima nave aerea, 
l'aquila lunga 1G0 piedi alta 50 e larga 40, e che ri- 
ceverà a bordo 17 persone, sta esposta alla vista del 
pubblico in un Doi'k vicino a Kensington, avanti 
d'intraprendere il primo suo viaggio per andare a 
Parigi e di là ritornare a Londra. In seguito ella 
farà dei viaggi per Brusselles, Amsterdam, Berlino, 
Monaco, e Madrid, e forse intraprenderà anche il 
viaggio d'Italia. 



LETTERA DEL CH. SIC. GENERALE DE SILVA VIEIRA 
PORTOGHESE, DIRETTA AI COMPILATORI DELl'aLIìU.'I 
SU I C0STL1II DELLA COSTA DEL MALABAR. 

Siccome voi, sigg. compilatori, vi siete proposti di 
dare una notizia degli uomini piìi celebri che si so- 
no distinti nel mondo, io ve ne farò conoscere uno 
che il mondo ancora possiede. È questi l'onorabile 
Montstuart Elphinstone, uno dei primi nobili di Sco- 
zia, e d'una famiglia così antica, che non si è po- 
tuto conoscere in quale idioma sia scritta la leggen- 
da del suo blasone Cause Causit. Questo illustre 
personaggio ha occupato nelle Indie orientali i pri- 
mi im|)ieolii politici per piit di trenta anni, ed a lui 
deve in parte l'Inghilterra l'avere conquistato il 
paese dei maratti. Ma poco è ancora questo se si 



consideri quello eh' egli ha falto dopo l'anno 181 9, 
in cui fu eirli nominato governatore di tutta la co- 
sta del Malabar. La capitale di questo stabilimento 
è l'isola di Bombay. E essa situata sopra la costa 
del Coniano nella latitudine di 80° 56' 40" nord, e 
longitudine per il meridiano di Parigi 70" 1 8' est. 
Ha un eccellente porto di mare, ed una baia che 
può contenere piii di mille bastimenti, l'unico porto 
in tutta la costa dove si può entrare ueU'iiiverno. 
L'isola ha 8 leghe di circonferenza, ed una popola- 
zione di più di 180,000 abitanti. Questa fu data in 
dote dal re di Portogallo alla sua figlia la princi- 
pessa donna Caterina, eh' è stata maritata al re di 
Inghilterra Carlo II l'anno 1662. 

Dopo che la compagnia fu padrona, ed ebbe il 
possesso di tutta la costa, quest'isola è stata il cen- 
tro del commercio del Malabar. Ma l'epoca in cui 
entrò nel numero delle città piìi celebri è l'anno ia 
cui cominciò il sig. Elphinstone a governarla. Egli 
riunisce ad una grande istruzione nelle arti e nel- 
le scienze, l'arte la piìi difficile di tutte, che è l'arte 
di governare. Questa citta poco civilizzata, come so- 
no tutte le città asiatiche, divenne sotto il suo co- 
mando una città che si può paragonare alle più eulte 
d'Europa. Le strade, le piazze, i palazzi, e i giardini 
sembrava che a' suoi cenni escissero quasi dalla 
terra. Staljjli licei e scuole pubbliche, dove s' inse- 
gnano tutte le arti e tutte le scienze. Ha fatto fab- 
bricare due orandi stabilimenti, dove si tengono 
gratuitamente gli orfani dell'uno e dell'altro sesso 
tanto indigeni, quanto europei, e questi due stabili- 
menti ha fitto mediante una pubblica sottoscrizione. 
Né trascurando le istituzioni letterarie, è stata da lui 
stabilita una società letteraria, che s'impiega ad in- 
vestigare le opere piìi celebri che si trovano nelle 
Indie, scritte nell'antico sanscrito, e ad esaminare 
medaglie, monumenti, iscrizioni, statue ed altre an- 
tichità. Questa società letteraria ha a suo carico la 
direzione di un museo, di un gabinetto d'istoria natu- 
rale, e di un altro di medaglie, tutte e tre stabiliti 
dallo stesso governatore, dove si conservauo rarissi- 
me e preziose cose che sarebbe a desiderare, che si 
conoscessero dai dotti europei. Lo stesso celebre 
uomo ha fatto edificai-e il magnifico palazzo di Pa- 
rdo, residenza del governo, a cinque miglia dalla 
città, le quali si possono dire una città sempre con- 
tinuata o continuazione della stessa città, non essea- 



259 



dovi in questo intervallo alenila intenizinne di caniini- 
uo, e tutta la strada principale clic eonduee a rpiel 
palazzo ò adornata di alberi, e di tulli i comodi 
necessarii per i viandanti. In lutto questo spazio di 
camino i negozianti persi ed i gentili hanno fatto 
fabbricare bei palazzi simili a (juello fatto co- 
struire dal governo, a di lui esempio e a loro spese, 
per propria abitazione, che formano una dello più 
belle delizie di quel luogo. 

J\è è da passare sotto silenzio che ha fatto col- 
locare ni'lle due piazze principali le statue dei due 
celebri suoi antecessori nel governo delle Indie, il 
marchese di llastings e Wellesley. In una pai'ola 
egli non ha niente lasciato di ciò che concorre a 
formare l'utile e l'aggradevole di \m paese. Della 
sua amministrazione economica, politica e militare 
nulla io posso dirvi, poiché molto ne hanno detto 
in sua lode eruditi e dotti scrittori. INIa non posso 
lasciare di dire i vantaggiosi provvedimenti da lui 
presi nel tempo del Chulèra morbus, e nel tempo 
dell'aridità, in cui facendo venire viveri e vettova- 
glie da ogni parie fece aprire solamente nell'isola di 
Bombay in pochi giorni 500 pozzi d'acqua, ed arri- 
vò a salvare in questo modo la vita a milioni di 
persone. La dolcezza, l'inlegrilà del suo governo, e 
la scelta che faceva dcgriinpiigali su])allerni, tutto 
contribuiva perchè Josse amalo dai sovrani e dai 
popoli delle Indie, non solo da ([uelli che erano 
sotto il suo dominio, ma dagli altri di tutta la penisola 
deirindoslan. I forestieri erano ricevuti da lui colla 
pili grande urhanilii, i letterati colla piii grande di- 
stinzione. Io mi ricordo che il ca\'. /ìiniizi, il sig. 
De Jacoinon, il conte di Ba.sMii^ Je lìichciìioiit, e 
molli altri letterati sono andati a bella posta a Ilom- 
Lay per conoscerlo e per visilailo. Durante il suo 
governo delle al popolo pidddici divertimenti, fra i 
quali le corse di cavalli tengono il primo luogo, per 
cui fece lare un circo ed un palazzo. (ìiieslo circo ha 
Ire miglia di circuito, e i cavalli sono di tale veli)cità, 
che som) capaci di percorrerlo in 8 minuti. Introdusse 
ancora in quei paesi il gusto della ni\isica e del bal- 
lo, e molte feste ancora composte dell'uno e dell'al- 
tro divertimento si davano due volte la settimana 
nel suo palazzo e nelle case dei principali impiegati 
europei. E sopra tutto introdusse aucoia il gusto 
della lettei'atura italiana, in cui egli è versatissimo, 
a segno che preferisce il parlare italiano a tutte le 



altro lingue. Gli atti di generosità e di benelicenza, 
eh* esercitava co' nazionali e co' foi-cstieri, non si 
possono enumerare : ed il grande onorario che ri- 
tirava dai suoi impieghi non era sudlciente alla sua 
volontà, poiché era costretto ad aggiungere molto 
de' suoi propii beni e delle sue proprie rendite. In 
ima ribellione che accadde a Yoa nel 1821, nella 
quale fu deposto dai ribelli il vice-re, e molle per- 
sone furono jìcrseguitate, ricevè egli nella sua casa 
tutti gli emigrati, e li tenne per 5 mesi in una ma- 
niera, che si poteva dire, che tulli, ' compreso lo 
stesso vice-i'c, avessero piìi Vantaggi in cpusla loro 
emigrazione di quello die ne trovassero ne' loro im- 
pieghi. Accordò ancora larghissima protezione alla 
chiesa cattolica romana, (juantunque egli sia di un 
culto dillcrente. E la sua proiezione si estendeva an- 
cora nello stabilire delle rendite pe' vescovi, pe' 
curati, e nell'accomodare le chiese che avevano bi- 
sogno di restaurazione, ed onorava moltissimo i di 
lei sacerdoti. 

Io sono stalo per molto tempo govern:it(n-e di 
Damano, paese vicino, ed ho da me osservato in 
ti'e volle che sono stato a Bombay tutto cjuello che 
vi ho riferito. Ma tutto ques to è niente in com- 
parazione di quello che quest' uomo ha fatto a prò 
deirumanità ; e si può dire anche di lui, che non 
lasciava passare mi giorno senza fare alcuna buona 
azione. 1 sovrani e i popoli delle Indie l'amavano, e 
l'amano ancora come un padre, e sarebbe per loro 
una grande felicità se ancora c"li li governasse. Ma 
il suo cattivo stato di salute ha fallo eh' egli dopo 
sei anni lasciasse il governo: nel qual tempo si può 
dire con verità, clic ha fatto piìi di quello che si è 
operato nelle Indie dopo la scoperta fattane dagli 
europei. 



240 




IL BORGO DI BIELK 



Melk non è clic un borgo nell'Austria ; ma la 
sua situazione alla confluenza della piccola riviera dì 
Melk e del Danubio sull'estremità di una roccia lo 
rendono al sommo pitloi-esco. E su questa roccia 
cbe s' innalza un' abazia di benedettini celebre in 
tuli' Alemagna per la sua grandezza e dovizia. Evvi 
una bellissima chiesa, e vi si osservano, oltre una rimar- 
clievole galleria di quadri, due gabinetti, uno di sto- 
ria natuiale, l'altro di medaglie. Le sue cantine ed 
i suoi sotterranei sono di smisurata vastità. Il borgo 
di Melk non conta piti di mille e cento abitanti. 
E questo un soggiorno, dice un erudito viaggiatore, 
in cui si vorrebbe nascere, vivei'e, e morire in uno 
stato di pacifica mediocrità, tutto beandosi dell'ame- 
nità del luogo, clic non ba, o almeno ne ba ben po- 
chi di simili. In quell' abazia, asilo della pace e 
degli studi, menavano già molti rispettabili ceuobiti 
una vita non men beata per se stessi, che utile agli 
altri nella contemplazione, nello stadio e nel soc- 



correre l'indigenza : lungi dalle agitazioni del pen- 
siero; dai progetti dell'avvenire; dai rimorsi del pas- 
sato. Nel vedere la solitudine augusta in cui quei 
degni religiosi aveano dietro di se la rimembranza 
de' dispiaceri terreni, e a fronte la speranza del cielo, 
non si potea non esser tratti dolcemente ad abbrac- 
ciare una vita cosi beata e tranquilla. 



SCIARADA 

Ti consiglia il jn-imiero a la fatica, 
Ed a partir consiglia il mio secondo- 
Impingua il tutto sul terren fecondo 
Pria che biondeggi la granosa spica. 

Sciarada precede nte= Can-ario. 

h'offtcio centrale per le associazioni e il fìeposito de'fogli 
è presso il Direttore proprietario, via del Gesù n.5y, p- p- 



TIPOlillAFIA DELLE BELLE ARTI, VIA IPt AUCIO?(E N. 100, CO.-V AITROVAZIO.AE. 



241 



ANNO 



© 



L' 



iLiJijjj 



■^ 







DISTRIBUZIONE 



,r 



Si pubblica ogni Sabato 



ROMA 



10 Ottobre 1835. 




ANFITEATRO FLAVIO 



Avendo destinato di dare uu disegno degli an- 
tichi anfiteatri, è certaiuaute giusto e conveniente, 
elle abbia il primo luogo, come principalissimo ino 
nuniento deirarcbitetiura antica, l'anfiteatro Flavio, 
volgai-mentc detto il Colosseo. Gli anfiteatri fnrono 
edificii eretti per gli spettacoli sanguinosi, come quelli 
de' gladiiilori e delle bestie feroci : giuochi che fu- 
rono ignoti ai greci finche non caddero sotto la po- 
tenza romana. Quindi essi non cohoLIk.'I'O tal sorta 
di edifiiii, quantunijue il hohk' sia stato preso dalla 



lingua greca, significando un teatro dintorno, cir- 
colare, o dittico. Imperciocché cpiesta si è appunto 
la differenza che passa fra teatro ed anfiteatro, che 
il primo è un odifizio semicircolare, l'altro un edi- 
ficio circolare, o più sovente dittico, (piasi forinito 
da due teatri insieme. I?ene!iè i giuochi anlìteatr.t!i 
siano d'istituzione italica, pure è certo che i roinatii 
non ebbero un anfiteatro stabile prima di Augusto, 
sotto il ({u,de Tito Statilio Tauro uno ne edificò nel 
campo Marzio, dove e oggi Monte chorio. Augusto 



slesso aveva in pensiero di costruirne uno nel cen- 
tro di Roma, e quest' idea fu eseguita da Vespasia- 
no, che profittando del sito già occupato dallo stagno 
vastissimo della casa aurea di Nerone, ne pose le 
fondamenta nel penultimo anno della sua vita, ed è 
quello di cui ammiriamo le portentose rovine. Fu 
questo dedicato da Tito, benché non fosse intera- 
Hiente finito : poiché dall'anonimo di Eccardo sap- 
piamo essere stato compiuto da Domiziano. 

La pianta di questo edifizio è un olissi di 2,716 
palmi di circonferenza: la sua fascia esterna costrutta 
di grandi massi di travertino, benché rovinata verso 
occidente e mezzodì, si conserva nel resto, e mostra 
che la decorazione era forni ata da ordini soprapposti 
che insieme hanno l'altezza di 232 palmi. Ogni or- 
dine esterno corrisponde ad un piano, o ambulacro 
interno diverso, che serviva di comunicazione per 
giungere al posto destinato nella cavea, ossia su i 
gradini, da' quali si vedeva lo spettacolo. I tre pri- 
mi ordini esterni erano formati da 80 archi con 
mezze colonne frapposte: il primo è dorico, il secon- 
do jonico, il terzo corintio. 11 quarto ordine invece 
di archi ha finestre quadrilunghe, corrispondenti cia- 
scuna a due archi degli ordini inferiori, onde sono 
quaranta, e pilastri corintii corrispondenti a ciascuna 
mezza colonna. Gli archi del primo ordine essendo 
allrcltanli ingressi, sono numerati : quello però che 
fra il numero XXXYIII e XXXIX corrisponde 
al fuoco dell'asse minore deirelissi verso l'Esquilino 
non ha numero: onde fa credere che anche gli altri 
fa'C, oggi periti, corrispondenti ai fuochi dell'asse 
maggiore, e all'altro dell'asse minore, pure ne fos- 
sero privi perchè considerati ingressi dipendenti di- 
rettamente dalla publilica autorità. Pertanto essendo 
stato comincialo ed ultimato questo edifizio dai Flavi, 
portò il nome di anfiteatro Flavio, che ancora presso 
i dotti conserva. Molti secoli dopo ebbe quello di 
Cotoiseo, sotto il quale piii volgarmente si conosce: 
poiché la prima menzione, clie se ne ha é in Beda, 
scrittore del secolo Vili, ed ebbe tal nome non dal 
colosso di Nerone, che Adriano vi situò d'appresso, 
ma dalla sua grandezza colossale, e lo comunicò agli 
altri anfiteatri ne' tempi bassi, come particolarmente 
a ijuello di Capua. La dedicazione di Tito fu son- 
tuosa, e ce n'è rimasta qualche memoria in Svetouio 
e Dione: i giuochi durarono 100 giorni, cinque mila 
bestie feroci vi furono scannate, parecchie migliaia 



di gladiatori vi lasciarono la vita, e vi fu data anche 
una battaglia navale the venne ripetuta dopo da Do- 
miziano, indizio cerio che v' era modo d'inondare 
l'anfiteatro. Alcune parti di esso erano in origine di 
legno, e perciò più volle andò soggetto ad incendii, 
e particolarmenie uno fortissimo lo malmenò gran- 
demente sotto Macrino: da quel tempo le parti con- 
sumate dal fuoco furono rifatte di materiali solidi da 
poter impedire altri incedi! di conseguenza. 

Aboliti per sempre i giuochi de' gladiatori da 
Onorio, continuarono a darvisi nel V secolo quelli 
delle bestie feroci, e benché in quello stesso secolo 
andasse soggetto a mina cagionata dai fieri terremoti 
dell'anno 739 e 780, fu sempre con somma cura 
ristaurato; né le invasioni di Alarieo, di Genserico e 
di Odoacre lo danneggiarono. Era ancora intatto nell' 
anno 523 quando vi furono dati gli ultimi spettacoli 
di bestie feroci, de* quali ci rimanga memoria: e che 
fosse intero nell'ottavo secolo, lo mostra Beda. ¥\x 
la barbarie de' secoli seguenti, che distrusse una 
parte di questo magnifico edifizio. Fin dal secolo XI 
era divenuto fortezza, che passò alternativamente ne' 
secoli seguenti ai Frangipani ed agli Annibaldi, fa- 
miglie reali che se ne disputarono il possesso. Gli 
ultimi lo ritenevano ancora nel 1312, in che ritornò 
proprietà pubblica. Destinato di nuovo agli spettacoli, 
vi fu dato nel 1332 uno splendido lorneamento. Ma 
ben presto svani questa nuova destinazione, e circa 
30 anni dopo era in tale abbandono, che serviva di 
cava di pietre: e nel 1381, che fa ridotto ad ospe- 
dale, era già perita la parte che oggi manca verso 
il Celio. Continuò a fornii-e materiali ai palazzi di 
Roma nel secolo seguente, poiché sul declinar di 
esso Paolo II edificò- il palazzo di Venezia, ed il 
cardinal Riario pochi anni dopo quello vastissimo 
della Cancelleria, esempio imitato da Paolo III circa 
il 1540 che delle pietre del Colosseo costrusse il 
magnifico palazzo Farnese, e da Clemente XI, sul 
principio dei secolo scorso, il quale coi materiali di 
un arco atterrato dal terremoto del 1703 edificò il 
porto di Ripettu. E quantunque l'arena fosse stata 
da Clemente X consagrata in memoria de' santi mar- 
tiri alla passione di Nostro Signore Gesù Cristo, 
pure sotto lo stesso Clemente XI si videro ridotti 
gli ambulacri esterni a servii-e di ricettacolo d'im- 
mondizie per trarne il salnitro. Questo squallore 
dell'anfiteatro ha durato fino al pontificato di Pio VII, 



24. 



nel quale è stato iion solo sgombrato, ma ancora 
restauralo in più parti, e specialmente rafforzato con 
«olido contrafforte verso oriente. Dobiiianio al ma- 
gnanimo Leone XII il Lei restauro verso occidente, 
e quello verso mezzogiorno. Sotto tali pontefici pro- 
tettori delle arti ha il Colosseo per la prima volta 
udito il rimbombo dei martelli, e lo scrosciar delle 
macelline pe* restauri, mentre per lo innaj-zl non 
l'aTCTa sentito se non per la sua distruzione. 



ANNEDOT 0. 

PassciTCìiando certuni amici sulla riva di un Cu- 
me in Fi'ancia, videro che si avvicinava certuno con 
un' aria piena di spareuto e di disperazione. Aveva 
il pianto negli occhi, guardava tutta la corrente tre- 
mando, e dava espressi segni di doglia. Come lu vi- 
cino a costoro, domandò con voce querula e alBitta: 
«Avete veduto nessuna donna galleggiare sulla cor- 
rente? La mia sposa si è annegata leste, e vo cer- 
caudo le sue reliquie da lungo tempo ». Uno della 
compagnia gli rispose: «Signore, se bramate trovare 
l'amato corpo, seguite il filo del fiume, e facilmente 
lo rivedrete ». Disse un altro : « Ed io vi consiglio 
aluimenti. Le donne non lasciano ueppur morte il 
maledetto vizio di andai-e a ritroso. Se Toiete trovar 
TOStra moglie, è meglio che la cerchiate contr' acqua. 
La risposta fu acerba, uè il momento esigeva scher- 
zi. Pure, come assai veritiera, la brigata la condonò. 

CAVILLI LETTERARJ- 

Sotto questo nome potrebbe intendere una gran 
parte della letteratura moderna, chi fermamente è 
courinto che tale facoltà altro oggi non sia veramente 
in se stessa, che una perpetua lite di frivolezze, 
una rinnovazione di squallide viete ed antiquate 
parole, ed un'analisi sulle immagini sieno o no ma» 
ravigllose, ovvero lo sieno più o meno. Le qua- 
li cose come troppo i-eceuti, e come di tante scuole 
caldezze vere, non è lecito censurare. Sia dunque 
tranquillo tal critico, che il nostro articolo non ne 
risguarda veruna, e s'intende solo di favellare di 
quei sofismi ed ostinazioni, che nei gi-andi ingegni 
paranco tengon luogo d'un aperto candore, quando 
eoki in fallo da alcuno, tremano di confessare 
l'eirore loro. 



*> 



Ojni letteratura ha di tali fenomeni nella sua 
o 

storia, e la inglese ne scrive uno che ci piace di 
riferire. l)r>ilen, secondo che conosce ciascuno, fu 
un poeta inglese acuto, ricco, cleganle, e potente. 
Fece l'ammirazione degli eruditi, e airi>iu!ise un no- 
me al suo tempo. La sua fantasia, direbbe Lanzi, 
era però troppo popolata d'immii^ini e si lasciava 
dalla fretta condurre. Poca maraviglia s'ei scpiili- 
brassc, e se riconvenuto fosse dai suoi lettori di tur 
qualche errore talvolta. Scrisse infatti iu una sua 
tragedia il verso seguente ; 

/ follow fate, ■which docs too fast jiursne. 
Io seguo il fato, che troppo rapido ti sopraggiunge. 
]Ma sig. Dryden, esclamò qualcuno, si può vera- 
mente inseguire ed essere inseguito ad uu tempo ? 
Qui Dryden pareva che avesse dovuto risponder no: 
ma grandissimo comunque ci fosse, rispose si. E 
con un vizioso giro dichiarò il sentimento, dicendo 
che per fato s' intendevano due persone, la fortuna 
e la morte. Dunque lo scrivere: Sieguo la mia fortu- 
na incalzato dalla morto: era espressione giusta. 
Citò Virgilio nella descrizione che fi di colui ch« 
ragsrirasi intorno a un cerchio, e provò che se il la- 
tino aveva potuto dire: Et se sequitarque fngitqu» 
( e fugge e siegue se stesso ) : egli poteva dir* la 
sua. Finì dicendo : « Posso io scrivere malamente, 
ma non lo feci in tal caso ». 

La spiegazione avrebbe meritato risposta, e si 
sarebbe potuto dire al poeta, che altro è il fenomeno 
di un corpo centrifugo che sembra appunto addop- 
piarsi, ed inseguire con altra imagine se medesimo, 
cosa che facilmente imagina ognuno, altro il tener» 
in mente due oggetti, accennarne un solo, e vole- 
re che il mondo li veda entrambi. Pure tacque 
riuf^hilterra e ben fece, poiché in tali casi è meglio 
considerare come l'uomo è geloso di se medesimo, 
piuttosto che irritare una seconda volta un gran no- 
me. Simili cose non sogliono accadere solamente agli 
stranieri. Sono noti anche fra noi quei gigli smisu- 
rati, all'ombra dei ([uali si va il mondo a ricoverare, 
soggetto di tanti scandali letterarj, e conosciuta la 
lite d(d polo caldo e del freddo, e cose simili. 

Dal che è mestiero inferire, che il cavillo è una 
tal quale tinta rossastra, che l\itti gli autori tengono 
fissa alla tavolozza, e la stemprano allora allora quan- 
do sono colli nel fallo, onde porla sugli occhi altra». 



244 




MACCHINA ELETTRICA di Lemolt 



Seicento anni circa prima dell'era cristiana uno 
il«' discepoli di Taletc avendo stropicciato con fonsa 
un pezzo d'ambra per nettarlo dalla polvere, e dar- 
gli lucido, V avvide che questo corpo attraeva gli 
figgetti leggeri che gli si appressavano. Maravigliatosi 
di siffatta scoperta, replicò lo sperimento, avviciuan- 
tlo il pezzo d'ambra a diverge sostanze divise in fra- 
zioni leggerissime, e riconobbe che questi oggetti 
erano innalzali dall'attrazione ad una distanza talora 
molto considerevole, e che dopo il contatto n' erano 
respinti con vivacità. Questo sperimento fu ben pre- 
sto pubblicato e ripetuto da tutti i filosofi. Si stabili 
che lo stropicciameuto sviluppava nell'ambra una 
proprietà incognita fin allora, ed alla quale fu dato 
il nome di elettricità. Ma ninno pensò a verificave, 
se le alti'c sostanze godessero della stessa prerogativa: 
specialmente si era ben lungi dairimmagiuare, che 
la folgore, di cui gli antii hi avcnno armato Giove, 



non fosse altro propriamente, che queela elettricità 
accumulata in grandi masse nelle nubi, come lo han- 
no dimostrato sul declinar del gecolo passato gli 
esperimenti di Franklin, che non ebbe timore di 
attaccarsi direttamente alla folgore, nel modo che ili 
seguito accenneremo. Pressoché alla stessa epoca, 
Olo di Guerike, borgomastro di Magdebourg, rico- 
nobbe pel primo, che questa elettricità sviluppata per 
mezzo dello stropicciamento avea una leggera fosfo- 
rescenza: e qualche tempo dopo il dottor Wall non 
fu poco sorpreso, allorché nell'eccitare l'elettricità 
sopra un gran cilindro d'ambra, si senti tutto ad un 
tratto colpito da una viva scintilla, accompagnala da 
un fragore ben forte, che gli fece provare una com- 
mozione sebben leggera, nondimeno di natura sua 
del tutto straordinaria. Questa scoperta richiamò 
rattcnzione de' fisici, e ben presto si sviluppò una 
serie di fenomeni sorprendenti prodotti per mezzo della 



Mìi 



macchina elettrica. Si vci-ilicò da principio, clic il 
vetro, il zolfo, la resina, la seta, e molle altre so- 
stan/.e erano prcpric allo sviluppo (ieirilcttricita per 
mezzo di stropicciamento, mentre altre e parlicolar- 
iiuuite i metalli non ne ollrivauo alcuna traccia. Si 
riconobbe pure, che due corpi leggeri carichi en- 
ti-ambi di elcltricisiud prodotto dallo stropicciamento 
d'una sola si .stanza si rispingevann, mentre se si ca- 
ricava l'uno permizzo d'un cilindro di vetro, e l'altro 
con un pcj-.zo di re^in.•l, j due corpi alliravansl lor- 
tcraente, e di. pò il conlatto non davano alcun segno 
di elettricità. 

Fin d'allora, nell'impossibilità di riconoscere la 
natura dell'elettricità, si cercò di spiegarne gli eflelli 
per mezzo di diversi sistemi. Ecco fjucUo ch'è gene- 
raJincute adottato a' giorni nostri. 

Tutti i corpi della natura sono divisi in due 
grandi classi,- in corpi che si elettrizzano per via di 
stropicciamento, e iu corpi che a primo aspetto nnu 
sembrano godere di questa proprietà. Ma essendosi 
riconosciuto di poi, che questa .apparente divcH'sità 
derivava da ciò che gli uni riteiicvaiio in se l'clettii- 
cità, mentre gli altri lasciavanl.i sfuggire nciratto dello 
sviluppo, a meno che non fossero sospesi pir luczzo 
di sostanze della prima spe<'ie, si aibiUo Fahi'a di- 
visione di corpi conitiit loi i, e di corpi noii coiuhiHori. 

Si è supposto che l'eleltricismo l'osse prudono da 
«ui fluido sommamente sottile, e che si movesse ceni 
molta rapidità. L'esperimento l'alio con un tul)o di 
vetro ed un pezzo di resina ha portato alla seijueute 
conclusione, che il fluido era duplice, cioè che vi 
erano due fluidi elettrici di nalui-a did'iicnli, e do- 
tati d' una vicendevole attrazione : che (jiicsii due 
fluidi combinati trovavausi sparsi in tutti i empi 
della natura, e vi si trovavano neutrali/./.ali l'uno 
dall'altro. 

Dal momento che questo equilibrio viene ad es- 
ser tolto, sia che si sottragga, sia che si aggiunga mra 
quantità qualunque d'eleltricità, quello de' due fluidi 
die trovasi eccedente cerca di mettersi in equilibrio 
a carico de' corpi che lo avvicinano. 

Il fluido elettrico aoisee in distanza,- vale a dire 
che se si preseula, per esempio, ad un tubo metallico 
isolato un corpi» elettrizzato, si opererà nel tubr) me- 
tallico ima deeouq)Osizione de' fluidi elittriei ,- se il 
corpo elettrizzatn è un tubo di vetro, il fluido resi- 
noso del tubo metallico sarà attratto dalla parte del 



tubo di vetro, mentre il fluido vetroso sarà respinto 
all'csfemità opposta, restandovi libero, ed il corpo 
sarà elettrizzato per influenza. Egli è su ipiesto piin- 
cipio eh' è fondata la costruzione della niaeeiiina 
elettrica. 

In (juesta macchina un globo, \in cilindro, o un 
piatto di vetro messo in movimento da una mano- 
vella, si carica conliouamente p(,'l suo stropicciamento 
sopra un cuseinelto d'una elettricità vetrosa. Presso 
questo piatto si poni; un tulio metallico ciiiamato 
conduttore. Quesio conduttore è isolalo per mezzo di 
soslegui di vetro o di l'esina. J^'eletlricilà sviluppata 
alla superficie del vetro decompone per influenza 
quella iliJ conduttore, e, come duemmo, il fluido re- 
sinoso si accumula presso il piatto ed il fluido vi- 
treo è respinto all'alti-o capo dov' è libero, e dispo- 
nibile jjcr lo sperimento, Clichè dura Io stropiccia- 
raento del velro sopra un (■uscinello. 

0"i;idì le macchine a piattn sono le sole usate, 
la loro forza dipende dalla uiniensione di ipu'sto 
piallo e dei cuscinetti. Queste sono ordin^iriameiiti; in 
nuuiero di quattro, e nelle macchine potenti si stabi- 
li.scono due conduttori paralleli. Quella di cui servi- 
vasi Franklin pe' suoi sperimenti, e eh' è posseduta 
dal sig. Leniolt, ha w\\ piatto di 28 pollici : è una 
bella dimensione per l'epoca in cui è stata costrui- 
ta; ma oggi n'esistono delle molte più forti: quella 
clic il sig. J^emolt ha messa all'iNsposizione pubblica 
del 1iS3-!, e di cui diamo qui il tliseguo, ha un piatto 
di 71 pollici di diametro, ed e la piii potente e 
mealio costruita che si conosca. 

La scinlilla elettrica prodntta da queste macchine 
ha talvolta piii piedi di lunghezza : il suo fragore, 
la sua forma, il colore della sua luce, tutto indica 
uà' analogia notabile co! lampo: infatti dal momento 
che si ottenne la )iiinia scintilla elettrica fu tosto 
comparata al fragore della folgore. Dovea verificarsi 
con lo sperimento \\\\ analogia che convalidasse sif- 
fatto raziocinio, e perciò conveniva altaccai-si diret- 
timente al fuoco elettrico celeste. Franklin esegui 
questa audace impresa. 

Avea egli osservalo ne* .suoi sperimenti, che ap- 
pena si pi-escnta ad un corpo elettrizzalo una punta 
metallica, tutti i fenoiueui cessano, e che la si inlilla 
non è mai prodotta che tra dm; corpi tondeggianti. 
Parimenti (piando si pone sul conduttore della mac- 
china una punta metallica, l'elettricità si dissipa 



246 



senza fragore. Ne concluse da principio, che conve- 
niva nella costruzione delle macelline eleltriclie al- 
lontanare diligentemente tutti i corpi angolari: quin- 
di, che se ponetasi ad una certa altezza una punta 
metallica comunicante col suolo per mezzo d'un 
buon conduttore, questa punta agirebbe sulla nube 
procellosa come sulla macchina eletti'ica, e ristabili- 
rebbe senza fragore e lampeggiamento l'equilibrio 
de' due fluidi elettrici. Si proponeva di farne lo spe- 
rimento sopra un campanile, che si costruiva in Fi- 
ladelfia ; ma, impaziente d'eseguire il suo progetto, 
non aspettò il fine de' lavori, ed all'avvicinarsi del 
primo nuvolo procelloso lanciò in aria un cervo vo- 
lante, così detto, ossia uno di quei grandi pezzi di 
carta muniti di stecchette che veggousi anche dai 
fajiciulli mandar in aria, reggendone essi la corda: 
miesto cervo volante era stato dal Franklin munito 
di una punta metallica. 11 tuono romoveggiava nelle 
nubi che scorrevano per l'atmosfera, ed intanto Fran- 
klin interrogava invano la corda; questa non dava 
alcun segno d'elettricità, e vedeva egli cosi tutte le 
sue previdenze deluse; quando una lentissima piog- 
gia venne a bagnare la corda e darle una proprietà 
conduttrice, che prima non avea: all'istante le scin- 
tille comparvero, e si successero con rapidità. Il ge- 
nio di Franklin avealo reso padrone del fulmine. 11 
suo sperimento fu ripetuto, s'introdusse nella corda 
un filo metallico, e si ottennero delle lamine, o stri- 
sce di fuoco di nove a die<EÌ piedi di lunghezza, e 
d'un pollice di grossezza, che faceano un fragore 
come un colpo di pistola. 

Ad onta delle precauzioni prese per evitare disa- 
stri, il sig. De Pvomas fu un giorno rovesciato dalla 
■violenza dell'urto, ed è fuor di dubbio, che se fin 
dal primo suo sperimento Franklin avesse ottenuto 
risultati così energici, e<rli sarebbe stato fulminalo : 
poiché presentò più volte il dito alla corda del sud- 
detto cervo volante per eccitare la scintilla. 

Da quel momento fu dimostrato, che la folgore 
non è che una scintilla elettrica violentissima tra- 
versante con fragore lo strato d'aria, che separa la 
nube procellosa dalla terra. Si spiegò anche perchè 
le fabbriche elevate, e le cime degli alberi sono col- 
pile a preferenza de' luoghi bassi. Infatti quando 
una nube procellosa gira sopra una pianura, decom- 
pone l'elettricità naturale della superficie della terra; 
se la nube è elettrizzata vitrosamente, l'elettricità vi- 



trea è respinta nella profondità del suolo, ed il flui- 
do resinoso è attratto dalla nube : lo strato d'aria 
soltanto oppone una barriera tra i due fluidi accu- 
mulati sulla superficie della terra e nella nube. Paò 
accadere che il cumolo sia grande abbastanza, per- 
chè lo strato d'aria sia forato dall'elettricità ; ed è 
allora che il colpo diretto del fulmine produce i suoi 
pili terribili effetti. Si concepisce facilmente, che un' 
eminenza che s' innalzi nel piano, o un fabbricato 
molto alto, saranno più esposti, poiché al di sopra 
de' medesimi lo strato d'aria sarà meno denso. Gli 
alberi specialmente, a causa dell'umidità che conten- 
gono, sono in genere de' buoni conduttori: e la loro 
cima, più meno ravvicinata alla nube, riceve in 
conseguenza una più grande accumulazione di fluido. 
Ma se si pone sopra un fabbricato alto un' asta 
metallica terminante in punta, e che comunichi col 
suolo per mezzo di una catena, la decomposizione dell' 
elettricità della nube si farà senza strepito e senza 
lampo. Soltanto nella notte si vedrà un masso di 
fuoco innalzarsi sulla punta del parafulmine. Così 
si spiega quel fenomeno singolare, che cagionò tanta 
maraviglia a Cesare, quando in una oscurissinia 
notte le lance de' suoi soldati furono tutte ad un 
tratto coperte di razzi lucenti. Gli effetti del fulmine 
sono generalmente analoghi a quelli d'una batteria 
elettrica. Producono però spesso effetti molto rimaT- 
chevoli. Merita a tal proposito di esser riferito il 
seguente deplorabile avvenimento, accaduto in Fran- 
cia nel 1819 in Chateau-Neuf. Era il giorno 11 lu- 
glio di quell'anno destinato a dare l'istituzione ad 
un nuovo rettore. Circa le ore 10 e mezza la pro- 
cessione erasi incaminata dalla casa parrocchiale alla 
chiesa; il tempo era bellissimo, vedeansi soltanto in 
distanza alcuni nuvoli. La messa solenne fu comin- 
ciata dal nuovo rettore, ed erasi già all'epistola, al- 
lorché s' intesero succedere rapidissimamente l'uno 
all'altro tre fortissimi tuoni. Il messale che regg«- 
vasi dal suddiacono gli cadde dalle mani in pezzi ; 
esso stesso si sentì stringere fortemente dalla fiam- 
ma, che lo prese quindi pel collo : allora con tm 
movimento involontario questo giovane, che avea da 
principio emesso un forte grido, chiuse la bocca, fn 
rovesciato, e come rotolato contro le persone ch'era- 
no in chiesa, che tutte erano state atterrate e lan- 
ciate così fuori della porta. Eitornato in se, la sua 
prima idea fu di rientrare nella chiesa per recar» 



247 



presso il parroco delegato ili tiare ristiluzioiie al 
wnovo rettore. Ma trovò il parroco aslìsso e fuori 
Jo' sensi. ]] j^iovaiie fece venire in soccorso dell'ia- 
ieJice i circostanti più leggermente feriti. Fu alzato, 
ed estinto il fuoco della colta eli' egli indossava, 
venne richiamato all'uso de' sensi a forza di aceto 
dopo due ore circa di asfissia. Vomitò molto sangue, 
assicurò di non av(;r inteso il tuono, e di non es- 
sersi avveduto di lutto quello eh' era avvenulo. 11 
fluido elettrico avea toccato fortemente la parte su- 
periore del gallone d'oro della sua stola, aveagli 
tolta una scarpa dal piede, e portata (ino al fondo 
della chiesa, con averne rotta la fibbia di metallo. 
La sedia, sulla quale egli sedea, era stata parimenti 
rotta. Un bambino fu tolto dalle braccia della madre, 
e trasportalo alla distanza di sei passi; fu riehianiato 
a vita portandolo prontamente all'aria aperta. Tut- 
ti ebbero le gambe paralizzate; tutte le donne erano 
scarmigliate e rendevano lo spettacolo auelie più 
terribile. La cliiesa erasi riempila di un denso e 
nero fumo. Otto persone morirono sul luogo; una 
gtorane di 19 anni fu trasportata fuori dò sensi al- 
la propria casa, e spirò la mattina seguente; 82 per- 
sone rimasero ferite. Il solo rettore celebrante rimase 
illeso, forse a causa de' suoi paramenti di seta. Tut- 
ti i cani eh' erano in chiesa furono veduti morti 
neiraltcecianiento in cui eransi trovati. Sembra che 

OD 

la folgore colpisse da principio la croce del campa- 
nile, che si trovò trasportata e piantata in una ru- 
pe alla distanza di sedici metri. Il fuoco elettrico pe- 
netrò in seguilo nella chiesa per una fenditura che 
fece nella volta: il pulpito crollò. Si trovò nella chie- 
sa una effusione di mezzo metro di diametro, pro- 
lunaala sotto i fondamenti del muro fino al selciato 
della strada, ed un'altra escavazioue fu pure trovata 
che passava ne' fondamenti d'una stalla, dove si rin- 
vennero morte cinque pecore ed un giumento. Tali 
furono gli spaventosi effetli di quel fulmine. L'elet- 
tricità agisce d'una maniera sensibile sulla vegeta- 
zione e sull'economia del corpo umano. Le pci'sone 
aifutte di qualche malattia nervosa provano un' im- 
pressione più o meno forte, secondo che l'atmoslera 
è più o meno caricala di nuvoli procellosi. D'altra 
parte è provato, che accellera la circolazione del 
sangue: sì è quinli pensato d'impiegare l'elettrico 
come mezzo curativo in certe circostanze. Ma ben 
presto il ciarlatanismo s'impadronì di qucato agente, 



ed il poco discerniuienlo col ciuale lu impiegato, Io 
fece abliandonare da tulli i medici. 

Intatti le commozioiii e^igionate dalle scintille 
elettriche cagionano un dolore tanto più vivo, quanto 
il sistema nervoso è più sensibile. Non fa quindi 
maraviglia che l'uso dell'eletlrieo sia stalo abban- 
donato nella maggior parte de' casi pe' quali sem- 
brava dover produrre felici risullamenli. Il signor 
Leraoll stabilito in Parigi ha inventalo la scopetta 
elettrica, ed ha riunito altri ingegnosi apparecchi a 
grandi spese in uno stabilimento chiamato medico- 
elettrico, co' (juili può applicarsi l'cleltricità in fri- 
zioni sotto la forma di aspersione luminosa senza 
intermittenza, senza conimozioni e dolori. Questo 
nuovo modo di trasmissione produce un doppio ec- 
citamento: il primo, a modo delle frizioni ordinarie, 
agisce su i tessuti esterni: ed il secondo penetra iu- 
lernamente iu tutto il sistema muscolare e sangui- 
gno; favorisce così la tras^iirazione, e dii tuono agli 
organi che ne sono privi. Si comprenderà facilmente 
qual partito possa trarsi da siffatto modo ingegnoso 
per ridestare la forza muscolare indebolita, e per fare 
sparire l'indolenza de' movimenti organici, ed il lan- 
guore delle funzioni vitali. Aella maggior parte delle 
affezioni ci'ouiche, la ben diretta amministrazione di 
questo agente può conduri-e ad una pronta guarigio- 
ne, anche ne' casi disperali: gli attestati onorevolis- 
simi rilasciati dai signori professori Marc, primo 
medico del re, BIaìyolirs, Boux, del barone Du- 
lìois, ed altri pratici celebri non debbono lasciare 
alcun dubbio sull'eflicacia del mezzo curativo ammi- 
nistralo con tutto il diseeruimcnto e l'abilità del 
sig. Lemolt, il quale d'altronde non applica mai il 
suo trattamento elettrico, che sotlo gli occhi e dietro 
i consigli d'un medico. Guidato poi da un generoso 
sentimento d'umanità, il lodato sig. Lemolt nel suo 
stabilimento tiene un locale appartato per applicare 
gratuitamente il trattamento stesso a favore degli 
iiidigenl 1. 



-=ss»^^ 



248 




LESEUR 

11 P. Tommaso Leseub, professore di matematiche 
iielì'università romana, che fiorì e chiuse in Ro- 
ma la sua carriera, appartiene all'Italia, quantun- 
que sortisse i natali a Eethel l'anno 1703. La mite 
sua indole gli fece presto desiderare la tranquilla 
vita del chiostro. Vestì infatti l'abito dei minimi, e 
cosi venne ancor giovane in Roma. Qui dopo com- 
piuto il regolare corso de' suoi studi., si diede par- 
ticolarmente alla scienza geometrica, nella quale po- 
scia fu sommo. Unito al P. Jacquier suo correli- 
gioso, cumliattè la dottrina cartesiana, ed ebbe me- 
rito di propagare i suoi primi, e di accrescere i 
principii di ì'cn/o/;. Ebbe cattedra in Sapienza, in- 
segnò nell'urbano collegio della Propaganda. 

La sua amici/,ia per il P. Jncijidev merita di 
essere citata ad l's'.'iiipio. 1 due religiosi filosofi erano 
talmente uniti, che lutlo era in fra loro comune. Se 
si eccettui una UK'm.iiia sul edicola integralo stam- 



pata in Roma dal P. Leseur l'anno 1 748, tutte le 
altre opere furono pubblicate da lui insieme col 
suo compagno, lasciando così indivisa, e quasi inde- 
cisa fra l'uno e l'altro la lode. Per tal modo ven- 
nero in luce gli Elementi del calcolo integrale, ed 
il Commentario su i principii di JVewton. 

Quando il Jacquier andò in Parma, chiamatovi 
istitutore del reale infante, il P. Leseur lo segui in 
quella citta, a divider seco lui ancora una tale fatica. 

Ritornalo in Roma cadde in lunga infermità, che 
dopo alcuni mesi di patimenti, tollerati con cristiana 
rassegnazione, lo condusse al sepolcro il giorno 22 
settembre dell'anno 1770. P, E. F. 



LA SETTIIVIANA 



CALENDARIO ISTORICO 

20 Giugno 1232. = Alfonso XI fa compilare le 
sue tavole astrolosriche. 

o 

21 Giugno 1254. = Eletti piìi imperatori non sen- 
za il consiglio de' papi. 

22 Giugno 1 254. Fazioni de' guelfi e de* ghibellini. 

23 Giugno 1253. = Odio de' genovesi e de' ve- 
neziani. 

24 Giugno 1261. = I greci ricuperano Costantinopoli. 

25 Giugno 1265.= Corradino, volendo conquistar 
Napoli e la Sicilia, è decapitato per sentenza 
giudiziale. 

26 Giugno 1275. = Ridolfo I per la grande spesa, 
dissente che gì' imperatori si coronino in Roma. 



SCIARADA 

Se dubita il primo, 
Comanda il secondo : 
La terra col tutto 
Divido e circondo. 



SciAHADA PRECEDENTE = Fa-VU, 

L'officio centrale j)er le associazioni e il deposito tle'Jogli 
è presso il Direttore proprietario, via del Gesù n. Sj, p p- 



^■y, % -fc ^^^ 



tii>u;ìuiiia ì)i:ll:: belle aiiti, vlì ix arcio.^b .x. 100, co.x appuovaziome. 



249 



ANNO 



© 



X 



LMLUUM 



^, 



DISTRIBUZIONE 

® 32, 



,r 



Si PUBBLICA OGM SABATO 



R03IA 



17 Ottobre 1835. 




LE rVINFEADI 



Allorcliè nell'estiva stagioue tu vai cercando ne' 
passeggi vespertini quella grata frescura che più 
facilmcDtc clic altrove trovasi sul margine d'un ru- 
scello, non possono i tuoi sguardi non esser colpiti 
da certi grandi fiori d' eburnea bianchezza largamente 



aperti, che sbucciano tra gì' interstizi di grosse Toglie 
le quali stendono sidl'acqua un verdeggiante tappeto. 
Questi fiori sono quelli del Ninfeo, di cui i poeti 
che celebrarono tanti altri fiori non dissero nxai pa- 
rola, « che sotto il noDW arabo di neniiphar è oa- 



25 



dillo soltanto in potere degli .sviziali e de' sempli- 
cisti, die ne impiegano la radiea nelle decozioni. 
Plinio è l'unico tra gli scritliìii tleirantichitii, die 
dia a tal fioxe un origine milologica. iXarra egli al 
cap. 7 del svio libro, .clic ,uiia ninfa di tal nome 
essendo divenuta l'urejite d'amore per Ercole, da cui 
era sprezzata, fu cangiata in questa irgina de' Cori 
delle acque. 

Egli è strano veramente, die nori siasi fatto di 
questi fiori .uu ornamento nelle piscine, e ne' laghi 
de' nostri giardini cinesi, o inglesi come più piaccia 
diiamarli. I costruttori de' giardini ritengono certa- 
mente, che uno stagno, od un fonte non sicuo di 
Lell'efFetto, se le .acque non sieno spoglie di ogni 
crha, e se sul margine di esse non. veggasi traspa- 
rire il bitume od il cemento che le imprigiona; ma 
tanti l)ei Cori e belle piante acquatiche ne sarebbero 
ipure un vago ornamento, e specialmente il fiore di 
>cui parliamo renderebbe queste artifiziali disposizioni 
di acque adorne di un vezzo naturale gratissimo allo 
sguardo. Gli antichi fui-ono di tal parere, e teuerano 
le uinfeadi di Egitto di tale bellezza, che le onorarono 
de' pili leggiadri nomi, e le consacrarono alle loro 
divinità. Gli arabi le diiaraano anche oggidì d rays 
el njl, cioè le spose del fiume. Erodoto dicea, che 
rassomigliavano ai gigli della più pura bianchezza : 
Teofrasto e Plinio le rassomigliarono ai papaveri ; 
ma questi fiori sono anche piìi belli di tutti i fiori 
ai quali sono stati rassomigliati. Circa la metà del 
secolo passato Linneo non ne raiamenlava che quat» 
tro specie : due del nostro clima, e due de' paesi 
più caldi. Ora il genere stabilito da Linneo è dive- 
nuto una famiglia, che ne contiene tre; cioè, il ne- 
nupliar, di' è la rrymphaea lutala L., pianta assai 
comune ne' canali e ne' fiumi d'Europa : il suo fiore 
è di minore efletto degli altri di simil pianta ; ma 
Je foglie ne divengono grandissime: 2" il uelumbiiim 
a cui appartiene il ìJjinphaea nelumbo L. pianta 
dell'India a grandi fioi'i in guisa di rose, che fu un 
tempo comune in Egitto, dove però non trovasi più, 
ed una specie americana gialla, di cui maugiansi an- 
che le nocdiiette che produce : 3" la njmphaca prò 
priamente detta, il cui tipo è quella bella specie di 
cui parlammo iti principio. Tra una yenlina di spe- 
cie che ora ne conta la scienza, due crescono nel 
Nilo, e furono disegnate dal Belile nella grande 
opera dell'Egitto: cioè, le ìijmphee dette cerulee, e < 



la iijìitpìf.'n liitas. La piima un poco pio piccola ha 
la sua radica bulbosa, le sue foglie tonde a forma 
di cuore a circonferenza intera, ed i fiori ne sono 
d'un soavissimo color azzurro. E stala questa pianta 
recentemente trovata nelle acque della Senegambia. 
La seconda ha maggior celebrità: la sua radica 
cipollina, simile all'altra in quanto alla forma, si 
mangia anche oggidì al Cairo; le sue foglie hanno la 
circonferenza dentellata, ed fi loro stelo è allungato 

o 

in propo, z'one della profondità delle acque, alla cui 
superficie veggonsi come andar natanti'; i suoi gran- 
di fiori sono bianchi, simili molto ai fiori comuni di 
questa pianta. Il frutto che succede a questo fiore è 
molto simile al papavero, e contiene una quantità di 
granellini, che gli antichi pistavano per formarne una 
specie di pane, di cui oggi si è abbandonato del 
lutto l'uso. 

La njmphaea lotus, che qui rappresentasi, è 
quella degli antichi, di cui trovansi le foglie ed i 
fiori effigiati ne' monumenti egiziani per lo più presso 
la figura d'Iside madre nutrice deli'uuiverso. Questo 
nome di lotus fu dato più lardi presso i greci ed i 
romani a molti altri vegetabili; dal che sono deri- 
vati grandi dibattimenti di sinonimi nel tempo in 
cui le scienze naturali non si coltivavano sullo stu- 
dio della stessa natura, ma consistevano nel com- 
mentare i libri pressoché non intelligibili degli an- 
tichi. Una specie di frutto chiamato lolos da Omero 
che si confondeva con quello del nelumbo, ed il 
lotos qui rappresentato, proveniva da un piccolo al- 
bero della famiglia de'prugnolini, ed era simile alla 
giuggiola. 



DEUYIS, LORO SUPEB.5TIZI0NE, E LORO .STR.4VACAKZA. 

Fondando Maometto l'islamismo impresse un'in- 
dole pia e militare a quella istituzione. La scimitarra 
in una mano, e l'alcorano nell'altra, ogni credent* 
seppe pregare .e battersi. In breve questa specie di 
culto prese una forma più regolare: furono stabilite 
moschee e ministri, che erano gl'interpreti della jiar- 
te religiosa e civile dell'alcorano; pi-esiederono alla 
preghiera de' fedeli e si davano allo studio della giu- 
risprudenza. Essendosi di poi l'islamismo esleso per 
tutta l'Asia, adottò molti riti degli antichi idolatri di 



^51 



quelle contrade. A loro imila;-.ionc 

congregazioni di uoiTtini pii diiamati Dcrvis, la cui 

sola occupazione era di pregare il falso profeta. 

I Der\ is sembrano aver preso per loro modello i 
Bonzi della China, i Kalendar dell'India, e i Uebous- 
si della Persia. Questi ultimi sono una specie di 
energumeni, clic si percuotono con un tleòuus o 
mazza di ferro, ed il loro nome deriva da ipiesto biz- 
zarro e crudele uso. 

La istituzione dei Dervis , clie in origine fu ac- 
clamata da queirignorantc popolo, non tardò molto 
a degenerare a seono da demeritare o<iui stima. At- 
tualmeute i soli Alevlcvì godono qualelic considera- 
zione; gli altri sono sprezzati dalla classe elevata, la 
quale nondimeno gli accoglie con riguardi apparenti. 
I Dervis godono la prerogativa di par!ai-e senz' alcun 
timore e di seguire lo armate. Goll'alcorano alla ma- 
no animano i soldati contro il nemico. 

Ammessa a[)pena la istituzione de' Dertis fu da 
molti contrariata, con altrettante bizzarrie e strava- 
ganze nelle pratiche da essi adottate. 

Le cerimonie di questi Dervis sono singolari: 
consistono in replicate giraTolte. 11 mevlevi prepa- 
rando il suo movimento per girare, spiega il suo abi- 
to finché forma una specie dì campana; allora si 
raggira sopra se medesimo descrivendo un picciolis- 
«jmo cercViio, e gli istrumenti'. della musica suonano 
un' aria, che regola i movimenti della danza. Questa 
suonata accompagna ancora il cauto di un' ode mo- 
rale sull'ordine de' Dervis e sull'esposizione de' loro 
doveri, li numero de* danzatori è determmato a nove 
a undici e a tredici. Cominciano dapprima tenendo 
la braccia incrocicchiate sul petto, e finiscano con 
istenderle ed innalzarle per servirsene come di con- 
tropeso. I Dervis girano per cinque o sei minuti, e 
ricomiuciano quattro volte questo esercizio durante il 
quale un vecchio Dervis, Simazcn Bacchi (maestro 
della danza], bada perchè girando ognuno serbi il 
suo posto. 

L'ordine dei Dervis hcdevi fu foìidato da Ebuz 
Bedevi morto a Tomba iu Enillo l'anno G75 dell' 
c^ira ( 127Ci] . 

Le pratiche di questi Dervis, chiamali; urlatori 
dagli europei, sorpassano quelle degli altri oi'dini pel 
ridicolo e la stravaganza. 

Ecco le ceremonie osservate da questi Ledevi. Il 
loro uffizio comincia colla preghiera,- il cheikh la 



(lerige. Seduli a circolo attorno di lui, e dopo essersi 
prostrati sino a terra, recitano aicinii veisi dell'alco- 
rano dotidolandusi da destra a sinistra, l'ai preludio 
dura circa una mezz'ora. Quindi si alzano, e vanno a 
sedersi iu linea sopra i loro talloni; fanno allora 
nuove preghiere accompagnate da im ondeggiamento 
più meno rapido. Ad un segno del cheikb tutti si 
alzano, di nuovo fanno un passo innanzi e si arre- 
stano di un altro,, in modo da trovarsi sulla linea ia 
cui erano da principio. In questa situazione recitano 
curvando i loro corpi tutti gli attributi del profeta. 
Ma crederehbonsi giuuti al sommo grado di esalta- 
zione ogni qual volta pronunziano \ìì. rosdelllah: 
ciocche accade almeno venti volte per minuto: la lo- 
ro voce allora sale di due o tre ottave. 

Il più antico Dervis siede alla destra del Cheikh 
in qualitii di regolatore, incoraggia i suoi fratelli coi 
gesti e colla voce, e così riesce a rinforzare i loro 
urli. Ad un tratto i Dervis imprimono al loro corpo 
un particolar movimento; alcuni si dondalano da de- 
stra a sinistra, ed altri da avanti addietro. Questo 
dondolamento emblematico rappresenta, secondo l'idea 
del fondatore, il fluttuar delle navi agitate dalle onde 
dell'oceano, il quale non avendo per così dire né 
confini, uè fondo, nò sponde, è un simbolo della 
grandezza del profeta. Finalmente dopo qualche tem- 
po si ode appena qualche fioco suono che esce da' 
loro petti anelanti: il sudore scorre per la loro fron- 
te: le loro labbra si coprono di schiuma; le vene del 
loro collo, estremamente gonfiate, sembrano vicine a 
rompersi. Alcuni cadono come colpiti d'epilessia; si 
dibattono tra le braccia de' loro fratelli e gridano 
tuttavia udllnh; altri infine sembrano esinaniti dalla 
fatica, e quando già si credono vicini a spirare, si 
rinfrancano e ricominciano a gridare con maggior 
forza: quindi, come fuor di loro stessi, si armano di 
coltellacci per aggiungere ai loro sforzi qualche ef- 
fusione di sangue, dando così termine alle ridicole 
ed esagerale funzioni, onde illudere sempre piìi quelli, 
ignoranti spettatori. 



252 




LE CAPANNE DI BIEBERIST 



Nel cauloue di Solora (Svizzera) alle radici del 
monte Giura e lungo l'Aar s'innalza il villaggio che 
qui rappresentasi, e eli' è uu paesaggio molto pitto- 
resco. Allorché un viaggiatore traversa il distretto di 
Bicbcrist la sua guida non lascia mai d'indicargli un 
lungo seguito di capanne, dove si fabbricano ora for- 
maggi eccellenti molto stimati in tuttta la Svizzera. 
Ecco, ti die' egli, le capanne di BieLerist: e nel cosi 
dire soi'riJe, come per metterti in curiosità di un 
fatto interessante, che poi imprende a narrarti così: 

« Eravi nel 1660 un celebre ciarlatano, famoso 
cavadenti per nome Brioche, che si fece distinguere 
pel suo talento nel far agire le marionette. Dopo es- 
sere stato per alcun tempo a Parigi e nelle provincie, 
passò in Svizzera, e si fermò in Solora , dove in 
una capanna allora non occupata diede una rappre- 
sentazione a numerosa adunanza, che nella sua sem- 
plicità era accorsa a vedere uno spettacolo di cui non 
aveva alcuna idea. Appena gli spettatori ebbero visto 



i fantocci del pantalone, del pulcinella, del medico, 
del diavolo ed altre bizzarre figure, restarono spa- 
ventati. A memoria d'uomo non si era inteso a par- 
lare nel paese di esseri così piccoli, così agili, e ciar- 
lieri, e quindi s'immaginarono che tali omlcciattoli 
che parlavano, danzavano, e battevansi con tanta 
destrezza fossero de' fai'farelli agli ordini del mago 
Brioche. 

Questa idea confermandosi sempre più dalle cian- 
ce e confidenziali osservazioni che faeeansi tra di 
loro gli spettatori, tutti si alzarono in un punto, ed 
escirono dalla capanna teatrale segnandosi con racca- 
priccio. Né basta : alcuni l'ccaronsi presso il giudice 
del villaggio per denunciare lo stregone, che secondo 
essi avca fatto vedere tutto l'inferno in miniatura. Il 
giudice, atterrito pur esso al racconto, spedì subito i 
suoi arcieri per catturare il mago e farlo comparire 
avanti la giustizia. Si mancttò beu bene il povero 
Brioche, e fu condotto innanzi il tribunale che volle 



25 



oa 



vedere il corpo del delitto: onde luroiio portate tutte 
le decorazioni teatrali, ed i diavoletti di legno, che 
iiiuuo ardiva quasi di guai-dare; finalmente Brioche 
stava per esser condannato, e già parlavasi di dare 
alle Camme tutto Tedifizio diabolico, quando fortuna- 
tamente un tale Dumont capitauo degli svizzeri al ser- 
vizio del re di Francia, avendo ottenuto uii congedo, 
giunse sul luogo, e subito informato della gravissi- 
ma causa che allora appunto ugitavasi in tribunale 
contro uno stregone fierissimo, come chiamavaulo 
guei popolani, si recò, tratto da curiosità e spintovi 
gnasi dalla moltitudine che lo circondava, in tribu- 
nale. Il capitauo riconobbe subito Brioche, che lo 
avea fatto tanto ridere in Pai'igi, e vide in terra il 
sacco de' burattini, alcuni de' quali più. impertinenti 



stavano quasi interamente al di fuori. Dimandò sol- 
tanto che si sospendesse la condanna per mi .giorno, 
e quindi fece conoscere tutto il meccanismo al tri- 
bunale ed al popolo, movendo e facendo muovere a 
chiunque quei fantoccini, in guisa che il povero 
Brioche fu messo in libertà, e fu salva pure la sua 
povera famiglia fautoccesca ». 

IL ROMANZO. 

Stimano gl'italiani che Walter Scott sia il primo 
scrittore romanziere dell'Inghilterra. Egli è senza 
dubbio un autore di gran merito e fantasia. Ma 
Fielding con suo Bambino trovalo lo equilibra o lo 
vince? 




■^ 






TOMBA ETUUSCA scoperta nel i832. 



Fra le lingue italiane spente e consumate dal tem- 
po contansi dagli eruditi la etrusca, la osca, la lingua 
dei sanniti, (juella degli eugauei, e varie altre dulie 
quali oltre il nome è perduta ogni memoria afl'atto 
Oggigiorno. Furono fra i letterati nostri varii pazienti 
ed arditi ingegni che con ogni studio e solerzia ten- 
tarono d'investigare questi antichi linguaggi : ma o 
la dillieollà fosse immensa, o che nessuno gì' incor- 
l'aggisse, l'opera loro rimase incerta, ed assai pochi 
precetti fu concesso di stabilire. Dal ciuc^ucccnito a 



Luigi Lanzi sudarono i dotti ad interpretare l'alfa- 
beto sol degli etruschi. Si vegliò sulle tavole euc^ubine, 
si studiarono alcune leggi, ogni monumento scritto 
si sviscerò, e solo alcuni nomi propri e parole lievi 
venne fatto di legger chiaro. Deinpstero fu grande 
indagatore di siffatte cose. Gori se non lo vinse lo 
eipiijjarò almeno, e vari ingegni con lungo studio 
leniicr canq)0 nel grande arringo. Se si poii mente 
agli insanabili squarci che questa immensa tela di- 
mostra, se si consideri quanto acume e quanta con- 



dizione inGnita esiga una parola sola ben letta, ogni 
lapide tene svolta, ogni lettera interpretata, nierite- 
relibe una corona immortale, ed una eterna lode 
all'ingegno. 

Fra le fortunate ricerche le quali vennero ai 
tempi nostri tentate, e che sulle antichità dell'Etru- 
ria spai-ser lume e splendore, saranno- sempre distinte 
quelle fatte nella città di Tarquene o Tarquinia che 
vogliam dire, tanto celebre fra gli antichi. Ivi, oltre 
a varie cose di un interesse- grandissimo, fu dato al 
cav. Pietro i\Ianzi ( 1 ) di rinvenire una. tomba tale 
quale il nostro disegno la rappresenta, la quale con- 
siste in una gi-audiosa sala di pietra con soffitto sor- 
retto al centro da uà pilastro largo e quadrato, e 
tre scaglioni all'intorno. Camere sepolcrali sifl'atte non 
sono comunissime è vero, ma non ofiron pui"e quel 
tanto a dire, come le grandi lapidi sulle mura, che 
quasi sempre contengono, e che nel sepolcro nostro 
vedemmo. Noi dunque, lungi dallo scrivere sull'ar- 
chitettiu-a, ci occuperemo di qtiella lingua con la 
quale abbiamo il nostro articolo incominciato, dicen- 
do, che tre gi'andi iscrizioni etrusche accompagnano 
la scoperta. Ne queste sole si veggono, ma varie al- 
U'e p<n'e latine, i caratteri e la ortograGa delle quali 
portano a credere, che questa stanza sia stata eretta 
vei'so il finire della romana- repubblica, o sul prin- 
cipio dell'impero di Roma. Leggesi infatti in esse 
optuma per optiina, come nel basamento dell'obe- 
lisco del popolo in Roma (che è del tempo- di Augu- 
sto) leggesi Aeguptits in luogo dìyiegyptus. 

Maravigiieranno forse taluni che credono imme- 
morabile questa lingua degli etruschi in sentire come 
essa fino all'impero di Roma vivesse,, ma. la cosa an- 
dava appunto così. Anzi sappiamo che Augusto me- 
desimo coltivò in qualche modo tal lingua, e che 
Claudio successore tanto egregiamente sapea di quel- 
la, che dettò gli annali della nazione che la parlava. 
Ma queste storie sono straniere al soggetto nostro, e 
indicate appena vogliam lasciarle. Quello che forma 
l'interesse di oggi è una delle iscrizioni contenute 
dentro alla camera. Essa fu riportata con ogni possi- 
bile diligenza a piedi della incisione, e si legge dalla 
sinistra alla destra. Il ben celebre ab. Amati, rapito 
con universale doglia a tai studi, credè averla inter- 
pretata e illustrata, e la leggeva infatti pur tutta. 
Senonchè una maggiore chiarezza poteva- nella tra- 
duzione desiderarsi, ed una lezione diifcrcnte nel 



Qne-, quale noi proponiamo agli intelligenti. Egli la 
lesse così : Laris. Ptunpus. ylruntalis. Clan. Pe- 
cliase, e queste parole tradusse : Laris Prunptu, 
jdruntalis nattis, ornmit. Piace a noi d'osservare che 
putneus piuttosto che piimpus, si h'gge chiaramente 
nell'altra grande iscrizione ritrovata nella camera 
stessa, e siccome il P degli etruschi con due line* 
di pili diviene una E, così ponno essere le due linee 
state obliterate diil tempo, ed esser punieus il nome. 
Inoltre è un canone stabilito da Lanzi, che tutti i 
nomi propri, che vanno con la desinenza loro a ca- 
dere in AL, sieno nomi materni. Dunque aruntalis 
si potrebbe invece tradurre : ex aruntia. Sul clan 
non cade alcuna difficoltà. Resta solo la parola pa- 
chase, nella quale sembi-a a noi di vedere una njio- 
tatesi della greca voce EFPAYE... (2) voce la quale 
in antiche epigraG venne tradotta dipinse. Dunque 
riesaminando noi la iscrizione siamo arditi di ritra- 
durla: Laris Piimeus ex aruntia natus pinxit. Larte 
Puineo figlio di Arunzia dipinger fece; 

Si consideri, a vantaggio della novella lezione, che 
questa memoria è posteriore alla prima delle iscri- 
zioni pili grandiosa e situata nel primo posto. Si 
consideri che l'unico ornato è un gran fregio con- 
nesso con la fibbrica, e che non si poteva aggiun- 
ger dipoi; imperocché quando una camera è costruita 
di marmi, un ornato che getta in fuori non può 
farsi che al primo edificarla, e rimane solo a grafirsi, 
ad incidersi a modo degli obelischi. Una pittura 
d'altronde vi esiste: questa poteva essere posteriore, 
ed al grafirsi dei suoi contorni può ben rispondere- 
la greca voce da noi trovata. 

Se il pubblico accoglierà queste fatiche nostre 
cortesemente, svolgeremo le altre due scritte, siccome 
si spera, e daremo a luce un lavoro sul quale da 
molti mesi si studia, e che con infinito amore inda- 
ghiamo. 

o 

(i) Nou è la; prima volta che i pubblici giornali fan 
menzione di questo letterato. Vedi la biblioteca italiana 
(voi. 26) dove assai differentemente dal nostro gusto si giu- 
dica una sua traduzione- di Erodoto. Noi amiamo molto il 
personaggio e il suo stile. 

(q) Così il marcii. Maffci la traduce nella greca iscri- 
zione di un vaso etrusco già nel museo Valletti di Napoli. . 
Vedi Museo Veron. pag. 3iS, luuu. 2. 



•«S(«C«««C«NBB>- 






W.1 



MICROSCOPIO 50LAKE. 

Nelle due scorse stagioni di ijiiesi' anno fu Roma 
siicltali'ice di fisici sperimenti eseguili con istrumento 
calollrieo-diultnco, detto volgarmente microscopio so- 
lare, portato ed attivato da un estero in questa do- 
minante. L'esistenza di tiile strumento, ed i suoi 
efl'etli vennej-o al pubblico annunciali con pomposo 
manifesto in istampa. jNJaacò poco, che non si desse 
per unico nel suo genere, e calato in terra dallo re- 
gioni del sole, di cui leneTa nome. Taui' olire si 
spinse l'idea di sua rarità, clic si vociferava esister- 
ne soltanto un altro della stessa perfezione, ^''issato 
al di là dei mari all'ammirazicae del nuovo mondo. 

Appoggiato da fama si speciosa il microscopio 
solare restato nel mondo vecchio, attirò a se in Ko- 
nia uumeroso concorso di spettatori, non solamente 
della parte idiota, ma della parte colta eziandìo del 
romano pubblico. Ciò dimostra per verità, che ben 
pregevole egli fosse quel diottrico strumento, mentre 
seppe conciliarsi pel tempo non breve di piìi e più 
musi l'ammirazione di tanti eruditi di ogni genere 
di scienze e di arti, ed il suo autore potè eziandio 
vantarsi di vedere riunito nella sua opera il piace- 
Tiole e rutile, l'uno per gli spettatori, l'altro per se, 
e ripetere per ciò a sua gloria la celebre sentenza 
del venosino poeta: Oinne tiilit puuctinn qui miscuit 
utile diilci. La numerosa concorrenza infalli dimo- 
strò la cosa piacevole, e i baiocchi venti o dicci, 
che si pagavano dai singoli spettatori, dimostrarono 
nel tempo stesso, non equivocamente l'utilità che 
ers. la porzione deU'autoi'e. 

Salvatore Tesoroni, dimorante in Tivoli, fu in un 
di presente all'apologia, che di tale strumento face- 
vano alcuni signori tiburtiui reduci da lloma. i\on 
si trovò egli prono alla credenza di tante cose raa- 
"nifiche, che essi riferivano, segnatamiiite sulla rari- 
tà dello strumento, difficoltà e spesa di sua costru- 
zione : e sebbene veduti giammai non avesse simili 
istrumenti da lui soltanto conosciuti per principio 
teoretico, si dichi.nò in islato di costruire un micro- 
scopio solare, se non della perfezione di quello di 
IR orna, tale almeno da ripetervi con buon successo i 
singoli speriniouti, che con ijiiello facevausi, e darne 
presso a poco i medesimi risultati. Si rise a questa 
esibizione, e poco mancò che giudicata non fosse una 
presunzione temeraria, 11 Tesoroni si trovò nelLim- 



pegno di realizz.irc la Mia, cosi giudicala, millanteria 
2ier punto di onore; mise mano all'oj)era, ed in bre- 
ve tempo riusci di cosliuiie un microscopio solare, 
che sottoposto al giudizio di varie ragguardevoli peif 
sono, le quali visto aveano gli effelti del microscopio 
solare attivato in lloma, fu da esse ad unanimità di 
senlimenlo riconosciuto della perfezione di quest' 
ultimo. Oltreché "li oiiirelli veduti sotto il dello mi- 
croscopio sono chiari e ])recisi, la loro grandezza rea- 
le è alla grandezza apparente come 1 a 567,063,552, 
ciò lisuluuido da calcolo eseguilo geometricamente, 
e colla maggiore esattezza. Ila inoltre questo micro- 
scopio un singolare vantaggio sopra quello veduto 
in Roma, ed è che si rende ostensibile in tutti i 
suoi eflclli senza gravarne alcuno dei concorrenti 
spella tori. 



ARTE DI ASCOLTARE 1 DISCORSI. 

IMolli libri sono stati stampati sull'arte di par- 
lare e di scrivere, nessuno o pochissimi si dires- 
sero a quelli di sapere ascoltare un discorso. Non vi 
è genere di villania che punga così sul vivo la 
compiacenza di chi favella, quanto la disli'azione e 
la mala grazia in accogliere il tuo sermone. Fontanel- 
le amava di morire ben presto per non trovarsi più 
al mondo chi lo volesse ascoltare. Cicerone si ral- 
legra nell'orazione prò lardone di non vedere più 
armi d'attorno a se: cose cliC; giusta il suo scrivere, 
sebben dirette al buon ordine, pur non lasciano il 
cuore libero, e sono impaccio al favcllai-e e allo 
spirilo. Tulli gli oratori l'accomandano l'allenzioue, 
i generali fan suonare i tamburi per ottenere il 
silenzio, al comparire di ini J)uon attore tutti sibila- 
no in platea, e vogliono quiete ed urbanità. 

Difilli non vi è pena maggiore a chi parla, 
quanto il sculir correggere un fanciuUino, o veder 
correre alla feneslra perchè passa una nuova moda. 
Coloro che in ascoltando il tuo dire guardausi i 
coturni e le scarpe, quelli che o ti mirano agli 
orecchini, o ti osservano nelle vesti, sono gli uomi- 
ni i più perduti e le femmine men sensale. 

Lo spirito umano si elettrizza, si solleva e si 
accende quando vede una buona udienza. Oii par- 
ie mieux quaiid on est ecoiuó, diceva un letterato 



2S6 



francese ; ed uu bello spirito sentendo raccontar 
elle Diogene si sfogava con una statua : Almeno, 
gridò, almeno non gli avrà interrotto il discorso. 
Non si può fare una peggior raccomauJazionc ad 
un uomo di ricapito, come il dirgli : Non vò senti- 
re nessuno. Si dice di un uom malvasie che ò 
divenuto sordo alle voci del suo rimorso. Chi fa 
di sua testa è un violento, chi chiude fuor di 
tempo le orecchie dà un indizio di cattiva intenzio- 
ne. All'incontro quel signore che sente tutti, chi 
dà udienza alla gente, quelli che stanno iu orecchio 
sui fatti proprj, passano per buone persone, e lo 
sono. 

Diranno certuni: Ma come sopportare quell'eter- 
no pedante, come resistere a quella bestia? Eppure 
Bufloii asseriva di non aver trovalo alcuna bestia 
fra gli uomini. Promovete, dicea madama Geoffrin, 
promovete a ciascuno un discorso di se medesimo, 
e tutti saranno interessanti ed eloquenti. 

Il modo di ascoltare nella miglior maniera un 
che parla siede in mezzo fra due caratteri. Non è 
quello di applaudir tutto, non è quello d'impugnar 
tutto. Se voi trovate Mascarillo che al dire di ÌMo- 
liere batteva le mani quando si accendevano nel 
teatro i lampioni, vi sdegnerete nel modo stesso co- 
me vi sareste sdegnato con lo spirito di contradi- 
zionc che ìoleva tirare al peggio tutte le cose. Egual- 
mente iiou si denno in ascoltare personaggi di ri- 
putazione e dottrina somma porre iu campo tanti 
interrogatorj, e infastidirli con domande e quistioni. 
II loro spirito non ama di entrare iu lunelii dettasli 
le tante volte, e vanno questi la sera in cerchio per 
riposarsi dalla maestà degli studi del giorno. Scris- 
se \ oltaire ad un amico che gli ofl'eriva il suo ca- 
sino in campagna : « Verrò a passare l'imminente 
autunno con voi, ma vi prevengo che ho dimenti- 
cato tutte le cose che mi vorrete domandare ». 

Chi vuol bene ad un letterato, e vuole del suo 
stile gustare alquanto, deve far l'ufEcio di quelle 
donne che nella reggia d'Alcinoo stavano a mante- 
nere la fiamma accesa sull'ara, quando invece di lumi 
a olio usavano gii antichi bruciare alcune legna di- 
seccate e oleose. Ad ogui estinguersi della fiamma 
surrogavano un legno asciutto. Così il candelabro 
manteneva nell'ampia sala il suo splendore e il ca- 



lore, nò avveniva mai che bruciasse o danneggiasse 
le cose astanti. 



VALENTE ITALIANO 



GIACOMO DELLA PORTA 

yVrchitetto, nato a Milano verso il principio del 
secolo XVI. Studiò l'architettura presso il \ iguola, 
otfenuc l'impiego di architetto di s. Pietro, e fa 
scelto per compiere il Campidoglio, che il suo mae- 
stro avea, dopo Michelangelo, continuato. Nel 1531 
costrusse a Genova, nel duomo, la cappella di s. Gio- 
vanni Battista. La volta della cupola di s. Pietro iu 
Vaticano, capo lavoro dcU'umano ingegno, fu fatta 
per cura di lui e di Domenico Fontana, colla scorta 
dei disegni di Michelangelo, al tempo di Sisto V. 
E stimata una delle migliori sue opei'e la facciata di 
S. Luigi dei fraiìcesi. Suo è pure il disegno del 
palazzo Chigi, continuato, dopo di lui, dal Maderno; 
è sua la fontana del Campidoglio, e quella di fronte 
al palazzo Mattei. L'ultima opera di Della Porta è la 
\ iila Aldobrandina a Frascati, detta Belvedere per 
la felice sua situazione. Ei morì a Roma di una vio- 
lenta colica iu età di anni (35 circa. 



SCIARADA 

Piace il primo nelle donne: 
Nelle lettere, nell'arti, 
Nel secondo riposarti, 
E piacer soave a te. 

Il mio tatto un di fu caro 
Alle belle piìi galanti; 
Dai mariti e dagli amanti 
Or soHVibile non è. 



Sciar ADA precedente = 3Ia-ve. 

L'officio centrala per le a^isociazìoni e il deposito de'fogli 
è presso il Direttore proprietario, via del Gesii n. 5j, p- /». 



TIPOGRAFIA DELLE BELLE .4.RTI, MA I?( .1RCI0?JE N. 100, C0.>[ APPROVAZIO?(E. 



2S7 



ANNO 



© 



X 



L' ALBUM 



^. 



© 



.r 



DISTRIBUZIONE 

f» Ci» 



Si PUBBLICA OGNI SaEATO 



ROMA 



24 Ottobre 1835. 



,-"^^^wwtm^^^ 




PALAZZO FARNESE 



Molti sono di parere che questo palazzo sia per 
la sua cccelleute arcliituttura, sia per la sua magni- 
ficenza, debba riguardarsi come il più bello di tutti 
quelli che in Roma si osservano. Tutti sanno che 
fu cominciato sotto Paolo III, mentre era cardinale, 
col disegno di Antonio Da Saugallo, e che fu poi 
terminato dal cardinale Alessandro Farnese, nipote 
dello stesso pontefice, colla direzione del Buonarroti 
e di Giacomo Della Porta , di cui è l'architettura 
della facciala che guarda la strada Giulia. 1 traver- 
tini, che servirono alla sua edificazione, furono tolti 



dal Colosseo e dal teatro di Marcello. Questo gran 
palazzo appartiene alla corte di JNapoli, come le ap- 
partengono ancora lutti i beni della casa Farnese. 
Ciascuna delle quattro facciate ha tre ordini di fine- 
stre, e dal portico che guarda la piazza, si entra in 
un vestibolo, ornato di 1 2 colonne di granito d'Egit- 
to d'ordine dorico. Il suo coi-liie forma un quadrato 
perfetto, ed è decorato di tre ordini d'architettura, 
uno sopra l'altro : dei (juali i due primi, che sono 
dorico e ionico, vt^ngono formati da diversi archi che 
danno luce ai portici che girano intorno^ il terzo. 



2S8 



che è corintio, è ornato di pilastri, fi'a i quali sono 
le finestre. Questo cortile era prima decorato di sta- 
tue, fra le quali si ammiravano l'insigne Ei-coie di 
elicone ateniese, e la celebre Flora, statue che ora 
si trovano in Napoli, insieme con altri marmi an- 
tichi di cui abbondava qis;sto palazzo. Nell'altro cor- 
tile era ancora fia questi il celebre gruppo di Dirce 
conosciuto sotto il nome di Toro di Farnese. Nel 
giorno d'oggi non vi si vede altro che il sarcofago 
di Cecilia Metella, trovato nel di lei sepolcro fuori 
di porta s. Sebastiano. Ma per dire qualche cosa dei 
magnifici appartamenti, e della magnifica scala che 
conduce in quelli; nel primo di questi si trova la 
galleria dipinta a fresco dal celebre Annibale Carac- 
ci (come già osservammo nel dare la biografia di 
questo gran pittore aWa. distribuzione 13'^ f^'g- '^^^) 
coll'aiuto del di lui fratello Agostino, e di alcuni 
suoi scolari: la quale opera ci accingeremo a descri- 
vere per non lasciare ai nostri leggitori alcuna cosa 
inosservarta. 

Il quadro di mezzo della volta rappresenta il 
trionfo di Bacco e di Arianna, situali sopra due di- 
versi caiTÌ, che camminano uno accanto all'altro. 
Quello di Bacco è d'oro, ed è portato da due tigri : 
quello d'Arianna, eh' è d'argento, è tirato da due 
caproni bianchi. \i si vedono intoi'no fauni, satiri, 
baccanti: e Sileno, che sopra un giumento li precede, 
fa uno de' piìt belli episodi del quadro. Nei due 
quadri laterali della medesima volta uno rappresenta 
il dio Pane che olire a Diana la lana delle sue ca- 
pre, e l'altro IMercurio che porta il pomo d'oro a 
Paride. Negli altri quattro grandi quadri, che sono 
all'intorno della volta, uno rappresenta Galatea, la 
quale in mezzo ad altre ninfe ed amori volanti, e a 
tritoni, va scorrendo il mare sopra un mostro mari- 
no, mentre uno degli amori le scaglia una freccia. 
L'altro incontro rappresenta l'Aurora che rapisce 
Cefalo. Nel terzo si vede Polifemo che suona la zam- 
pogna per allettar Galatea. Il quarto rappresenta Po- 
lifemo medesimo che lancia un sasso sopra Aci che 
fugge eoa Galatea. Dei quattro quadri mezzani, il 
primo rappresenta Giove che riceve la sposa Giuno- 
ne. Nel secondo si vede Diana con Endimione, e 
due amorini fra cespugli che sembrano godere della 
loro vittoria sopra Diana medesima. Il terzo rappre- 
senta Ercole e Iole,- egli è vestito cogli abiti don- 
neschi suonando un cembalo, ed ella colla pelle di 



leone in dosso, e la clava d'Ercole in mano. Il quar- 
to rappresenta Anchise che leva un cuturno dal pie- 
de di Venere. V ha due quadretti che sono sopra 
le suddette figure di Polifemo, .dei quali uno rap- 
presenta Apollo che rapisce Giacinto, l'altro Gani- 
mede rapito da Giove in forma d'aquila. Gli otto 
tondi, ossiano medaglioni fatti a guisa di bronzo, 
rappresentano Leandro che si annega nell'Ellesponto, 
Siringa trasformata in canna, Ermafrodito con Sal- 
mace. Amore che lega un satiro ad un albero. Apol- 
lo che scortica Marzia , Borea che rapisce Orizia , 
Euridice richiamata all'inferno, e Giove che rapisce 
Europa. Vi sono quattro piccoli ovati che rappresen- 
tano quattro virili. Veugono poi otto quadretti so- 
pra le nicchie e le finestre, dei quali il primo rap- 
presenta Arione che passa il mare sopra un delfino, 
il secondo Prometeo che anima la statua, il terzo 
Ercole che uccide il dragone degli orti esperidi, il 
quarto il medesimo che libera Prometeo incatenato 
al monte Caucaso, trapassando con una freccia l'a- 
vokoio che gli divora il cuore. Il quinto la caduta 
d'Icaro nel mai'e, il sesto Callista scoperta gravida 
nel bagno, il settimo la medesima cangiata in orsa, 
l'ottavo Febo che riceve la lira da Mercurio. E da 
osservarsi ancora un quadro sopra la porta incontro 
alla finestra di mezzo, dipinto dal Domenichino col 
cartone d'Annibale, il quale rappresenta una donzella 
che abbraccia un lioncoruo impresa della casa Far- 
nese. Finalmente osservansi due gran quadri sulle 
pareti laterali, dei quali uno rappresenta Andromeda 
legata allo scoglio, Perseo che combatte col mostro 
marino, e i parenti della principessa che si dispe- 
rano : l'altro incontro rappresenta Perseo che cangia 
in pietra Fineo e i di lai compagni mostrando loro 
la testa di Medusa. Nella stanza che segue si am- 
mirano belle pitture a fresco del Domenichino, già 
esistenti in una casa presso questo palazzo: le quali 
avendo molto sofferto, sono slate staccate con arte 
dal muro, e ristaurale dal sig. Palmaroli. 

Dopo alcune stanze si trova un gabinetto pari- 
mente tutto dipinto da Annibale, in cui aveva espres- 
so in un quadro ad olio, nel mezzo della volta. Er- 
cole al bivio, cioè ambiguo tra il vizio e la virtù, 
al quale ora è sostituita una copia, essendo stato 
l'originale trasportato altrove. Nei quadri all'intorno 
è rappresentato il medesimo Ercole che sostiene il 
globo celeste, Ulisse che libera i compagni dalle in- 



259 



sidie (li Circe, e da quelle delle sirene, il medesiiao 
cbe si la legare all'albero della nave nel passa'^io 
per l'isola delle sirene. Anapo ed Aiidnoiiio , die 
lorlano i loro genitori per salvarli dalle fiamme del 
monte Etna ; Perseo che recide il capo a Medusa, 
ed Ercole col leone. Gli ornati a chiaroscuro, che 
dividono i suddetti soggetti, sono pnrinieuti d'Anni- 
Lale, e sono sì bene eseguiti cbe sembrano di rilievo. 

Le tre stanze seguenti sono adornate di fregi 
dipinti da Daniello Da Volterra. La gran sala che 
viene appresso tutta dipinta a fresco è di mano di 
Francesco Salviati, di Taddeo Zuccari, e di Giorgo 
V asari . 

In una facciata sono espressi due soggetti cioè 
la pace fatta da (Jailo V con Francesco I re di 
Francia, e IMartino Lutero cbe disputa col Gaetani. 
^Nell'altra facciata è figurata la spedizione di Pao- 
lo ili contro i luterani, e l'altro quadro rappresenta 
l'unioue delle armi cattoliche contro i luterani me- 
desimi. Non è da passarsi sotto silenzio il bel gesso 
dell'Ercole di Glicoue, che si trova nel gran salone 
seguente con alcuni marmi antichi, fra i quali sono 
da citarsi i pezzi d'intavolamento che vengono dagli 
orti faruesiani del Palatino. 



STORIA NATURALE 



IL MIRMICOLEONE. 

Non vi ha insetto, che per la sua indusiria e 
sagacità sia tanto rinomato quanto il niirmicoleoue. 
Benché non abljia alcuna bellezza nella sua forma, 
pur tuttavia ciascuna azione di questo animaletto fa 
vedere un' arte così mirabile, che non si può stan- 
care di esaminarla. Prima parleremo però della sua 
struttura. E"li ha molta somiglianza con l'insello che 
chiamasi centogambe. Il suo corpo è fornito ili sei 
piedi, il quale composto di molti anelli raemlu'auosi 
va a terminare in punta verso la coda. Dalla sua 
testa, che è lunghetta e schiacciata, spuulano in fuori 
due corna mobili e adunche, delle quali la singolare 
struttura fa ben conoscere quanto mai sia prodiga 
la natura delle sue cose mirabili anche nelle più 
piccole delle sue opere. Questo insello è il più astu- 
to, ed il più formidabile nemico delle formiche, e 



le disposizioni che la per prender la preda sono 
delle piii ingegnose. Egli scava una porzione di ter- 
reno in forma d'imbuto, a fine di attendervi, e di 
attirarvi al fondo le formiche, cui il caso faccia ve- 
nire sull'orlo di questo precipizio. Per formar que- 
sto trabocchetto comincia dal delinear sulla sabbia un 
solco orbicolare, la cui circonferenza fa precisamente 
l'apertura della fossa, il diametro di cui è senqirc 
uguale alla profondità d<;lla stessa. Determinata che 
abbia una tal circonferenza, prosieguo a lare un al- 
tro cerchio piii piccolo del primo, poi un altro, 
quindi un terzo ecc., fino a che arriva al fondo, dove 
dee porsi egli stesso. Tutte queste operazioni esegui- 
sce con la sua testa, che gli serve come di pala: al 
che molto contribuisce la forma schiacciata e (jua- 
drata che lia. Per n;cltar fuori la sabbia, sull'orlo 
cioè del primo cerchio, si serve ancora di uno de' 
suoi piedi d'avanti, col quale la prende, e fa ciò 
che si è già detto. Se nello scavare s' iuconti-a in 
qualche sassolino un poco grosso, egli ha l'arte di 
spingerlo fuori con un moto di testa pronto e ben 
misurato. Se trova de' corpi anche più grossi, fa di 
tutto per cacciarli fuori, aiutandosi col dorso; ed è 
così assiduo in un tal travaglio, che lo ripete firio 
a sci o sette volte. 

Dopo tante fatiche vien compiuto finalmente il 
lavoro. Ed allora disponesi il mirmicoleone a rica- 
varne il frutto. Disposte una volta le insidie, egli 
sta nascosto sotto la sabbia aspettando la preda, 
giacché non potrebbe corrergli dietro, come fanno 
gli altri inselli predatori. Se il caso porta qualche 
formica sulla sua buca, la preda e già sua : impe- 
rocché essendo talmente smossa la terra, che ad ogni 
minimo tocco cade, la formica camiuaiuln\i sopra è 
costretta a rotolare giù nella fossa fin dove sta iii 
aggualo il cacciatore, il cpiale col mezzo delle sue 
corna la tira a se e la divora. Siccome anche le mo- 
sche possono andarvi, esso nello stesso modo le 
prende e ne succhia solamente il sangue e gli umori, 
dipoi le getta nella buca: ciò che ancora contribuisce 
ad attirarvi le formiclie, essendo avidissime di questo 
insetto mosca. Qualche volta però non gli riesce di 
all'errar la preda nel momento eh' ella viene a ca- 
dere nella fossetta; certe volte anche gli scappa, o 
cerca di volare, o si sforza a salire sull'orlo del tra- 
bocchetto; allora il mirmicoleone couiiiu^ia a tra- 
vagliar con la testa, e lancia sopra la [ireda una 



^60 



pioggia di sabbia ( la quale equivarrebbe per noi ad 
una grossa grandine), cui solleva più alto di esso, e 
la fa cader nuovamente nella fossa. Ma non sempre 
tutte queste sue fatiche son premiale immancabil- 
mente, perehè a fronte di tutte queste astuzie piìi 



volte sen fugge la preda, la quale oltreccliè s'invola 
dal rairmicoleone, gli lascia anco tutta la sua fos- 
setta sconcertata ; allora adopera ogni diligenza a 
ristaurare tutti i danni, le dà il suo primiero ordi- 
ne, e si apposta di nuovo per una seconda caccia. 



»^^o^^^o^^< 




MUSAICO del Depoletti 

FATTO AD IMITAZIONE De' VASI GRECI, RAPPRESENTANTE ALCUNI ANTICHI SPONSALI. 



Uu eccellente lavoro di una gran tavola condotta 
in musaico dal Depoletti, che fu non ha guari dal 
medesimo compita riportandone immense lodi, ci ha 
dato esempio come potessero bene imitarsi le pitture 
di vasi greci dipinti, che ci furono dall'antichità 



mandati. Noi non siamo stati solamente contenti di 
darne un breve cenno, ma abbiamo voluto pre- 
sentarla alla vista dei nostri lettori per mezzo della 
incisione, come quella che per la sua bellezza fa 
conoscere essere il Depoletti intelligentissimo, e giù- 



261 



diziosissimo ntlle arti del disegno, e che merita cer- 
tamente essere descritta, e fatta ammirare e cono- 
scere a coloro a cui non è pervenuta la notizia di 
si squisito lavoro. 

Presenta la suddetta tavola nel mezzo la sacer- 
dotessa d'i\pollo, die sta maestosamente seduta sul 
tripode, e nel portico grande e spazioso che dinanzi 
le si apre tu puoi Len conoscere il tempio del dio 
di Dello. Quattro sfingi alate circondano "i quattro 
quadri di figure messe a color giallo sul l'ondo nero, 
ad imitazione appunto delle piii nobili pitture di 
qua' vasi. Appresso vi è una quadriga che è retta 
da un giovane coronato, il quale ha Cerere dietro 
di se che tiene iu alto della destra una corona, e 
nella sinistra nua face. Che se lasci di guardare il 
caiTO, e volgi lo sguardo, apparisce una giovane don- 
na che cammina a lato del cocchio toccando la cetra, 
e la precede Mercurio col caduceo nella mano, e 
dietro le spalle il pilco viatorico. Molti crederono 
riconoscere in quel giovine uno sposo novello, che 
andando a nozze è quasi menalo in trionfo sul car- 
ro- E giusto è che sia scorto da quella, che lo as- 
siciu'a col suo intervento della letizia di quelle noz- 
ze; e giusto è eziandio che v'intervenga Mercurio, 
sia perchè egli sempre è solito intervenirvi, sia per- 
chè fu egli che rimeuò Proscrpiua dall'iiilerno, e 
la restituì alla sua madre. 

Ria già gli sposi, aggiungendo insieme le mani, 
si avanzano alla volta del tempio di cui vedi aperta 
la porta. Ambedue hanno il pallio, e lo sposo ha la 
fronte cinta di corona, la sposa di benda, ed inoltre 
è velata. Sono costoro seguitati da ima donna, come 
tu vedi, che solleva in alto due faci ardenti, mentre 
un' altra gli accompagna, e lentamente li segue. 

Finalmente nello spazio di mezzo a' due quadri 
laterali ne appai-iscono altri due, che rappresentano 
la caccia del cinghiale col cervo. Quelli che fanno 
la caccia sono quattro uomini armati che combatto- 
no ancora con quelle belve. 

Superfluo sarebbe, dopo avere offerto alla vista 
un diligente ed esatto disegno di questa tavola, il 
prodigare lodi al Depoletti, come autore di si bel 
lavoro : mentre ogni lode sarebbe minore de' suoi 



o 
di 



nelle che ha già ricevute finora 



menti, e minore di q 

da tutti coloro, che sono stati a visitarlo 




GIULIO U03IArV0 

Giulio Pippi, piii noto sotto il nome di Giulio 
PiOMANO, pittore ed architetto, nacque a Roma nell'an- 
no 1492. La celebrità di cui godeva allora Raffaello, 
indusse i suoi ad allidarlo alle cure di quel grande 
pittore. Giulio aveva soltanto sette anni meno del 
suo maestro ; tale conformità di età, il suo brio, 
la sua dolcezza ed amabilità, fecero nascere tra essi 
un' amicizia, che il tempo rese piìi salda, e di cui 
Raffaello gli diede un contrassegno luminoso, isti- 
tuendolo alla sua morte suo legatario universale, iu 
un con Francesco Penili, detto il Fattore, altro de' 
suoi discepoli prediletti. Dotato d'un ingegno arden- 
te, e di feconda immaginazione, Giulio superò in 
breve tutti i suoi condiscepoli; e Raffaello se lo as- 
sociò nell'esecuzione della più parte delle grandi 
opere, alle quali deve la sua celebrità. Soprattutto 
nelle logge del Vaticano il giovane artista ajutò il 
suo maestro in modo notabile. Lavorò egualmente 
nei freschi della loggia del palazzo Chigi, ed ab- 
bozzò quella famosa Sacra famiglia che forma uno 
de' pili begli ornamenti del museo del Louvre. Fu 



^6^ 



desso che teruiiuò il ritratto di Giovaima d'Aragona, 
vice-regina di Napoli, di cui Raffaello non dipinse 
che la testa. L'abitudine di lavorare sotto un si va- 
lente maestro, il quale poneva altronde ogni suo 
piacere nello svelare al prediletto suo discepolo i 
segreti più occulti dell'arte, fece che in breve Giulio 
potè progredii'e senza guida. Raii'aello gì' insegnò 
parimenti i primi elementi dell'architettura : ed egli 
divenne si valente in quest' arte, che in seguilo, 
com' ebbe occasione di metterla in pratica, fu anno- 
verato fra i buoni architetti. Dopo la morte di Raf- 
faello, Giulio aiutato dal Fattore terminò i lavori 
incominciati dal suo maestro specialmente il quadro 
ad olio rappresentante V Assunzione della Madon- 
na, destinato pel convento delle religiose clai'isse di 
monte Lucio, presso Perugia. Abbandonato omai a 
se stesso Giulio spiegò tutti i tesori del suo inge~ 
giio; ma non essendo pia rall'renato dalla saggezza 
e dalla squisita semplicità di Rail'aello, si lascio tra- 
sportare dal fuoco delia sua immaginazione. JNondi- 
meno la fama in cui egli era salito, fece che dopo 
la morte del suo maestro gli fossero allogati i più 
dei lavori che si eseguivano allora in Roma. Dipinse 
a frcscj nelle stanze del Vaticano, per ordine di 
Clemente VII, quattro grandi quadri rappresentanti : 
1^ V allocuzione di t'oslantiiio al suo esercito, all' 
apparire del labaro e delle parole celesti: In hoc 
signo ■vinces; il 2^ la disfalla di A/assenzio sulle 
rive delle Tevere presso ponte JMoUe ,- il 3" d bat- 
tesimo di CostaiLtiìio per mano di s. Silvestro ; il 
4" in line s. Silvestro circondalo dai suoi cardi- 
nali e dal clero, che riceve dalle mani di Costan- 
tino, prosternato dinanzi a lui, una statua di R ma 
in oro, simbolo della donazione fatta alla chiesa da 
quel principe. Le altre principali sue opere sono la 
Flagellazione di N. Signore, il Martirio di santo 
Stefano, le ayvcìiture di Psiche, le nozze deW Amo- 
re e di Psiche Olimjjo , il carro del sole che 
esce dal mare, la caduta d'Icaro, la caduta de" 
titani fulminali da Giove, la Natività e adorazio- 
ne de'' yasloii. 

Il duca Gonzaga, ammiratore dei talenti di Giu- 
lio RoiMAKo, non faceva passar giorno senza vederlo : 
i benefizi, di cui ricolinollo, ridussero l'artista alla 
possibilità di fabln-icarsi una casa ornata di pitture, 
di stucchi, e d'antichità. Da tutte le parti d'Italia, 
ed anche di Europa, gli si chiedevano piante d'edi- 



fizi, quadri cartoni destinati ad essere lavorati in 
tapezzerie. I suoi lavori in tal genere sono talmente 
numerosi, clie si dura fatica a concepire, come la 
vita d'un sol uomo abbia ad essi potuto bastare. 
Nell'ultimo periodo della sua vita condusse da se 
pochi dipinti a fresco o ad olio; ma la quantità de' 
suoi disegni è una prova irrefragabile della fecondità 
del suo ingegno, e della sua facilità ad esprimerne 
ì concepimenti. Un artista sì valente soggiacque in 
breve tempo agli assalti d'una malattia dolorosa, la 
quale lo condusse al sepolcro il 1 di novembre 1 546 
in età di 54 anni soltanto. Il Vasari, che fu amico 
stretto di Giulio Romano, ha lasciato di questo pit- 
tore il ritratto seguente: 

« Era di statura mezzana, piuttosto grasso che 
magro; l'aspetto aveva avvenente; i capelli e gli 
occhi neri: lo sguardo vivace e brioso: il suo carat- 
tere, tutto dolcezza e soavità, dava grazia alle sue 
azioni tutte. Lasciò innumerevoli allievi, che hanno 
fatto la gloria della città di Mantova». Tale fu l'ar- 
tista, cui l'Italia riguarda a ragione, come uno de* 
suoi bei titoli di gloria. 



LA FORZA PERSUASIVA D UN PASTICCIO. 

La Zaira di Voltaire incontrò tutto quell' ap- 
plauso che meritava la prima volta che fu rappre- 
sentata. Ciò non ostante Tautoi-e si fece a credere, 
che con alquanti cambiamenti la rappresentazione do- 
vesse riuscire vie più interessante. Il sig. di Voltaire 
mostrò queste mutazioni a diversi comici, ma in ve- 
runa maniera potè egli riuscirne ad ottenerne l'ap- 
provazione del sig. Du Fresile, che con applauso 
universale recitava da primo uomo. Altro non resta- 
va al sig. di Voltaire se non la speranza di poter 
riuscire nel suo intento per via di qualche spiritosa 
invenzione. A Du P'resue, secondo il gusto di quasi 
tutta la gente di teatro, piacevano oltremodo i lauti 
pranzi, e le cene suntuose. Voltaire s'avvisò ten- 
tarlo nel suo debole, e facendo fare uno squisito 
pasticcio di pernici, lo mandò in dono al signor Du 
Fresne, facendo rigorosa proibizione a chi lo portò 
di non rivelare donde venisse il dono. Il pasticcio 
fu accolto con gran giubilo dal sig. Du Fresne, da 
che accadde che in quel giorno medesimo faceva gran 
trattamento ad un buon numero di scelti amici. 



265 



Portato il gran pasticcio in tavola, ed ajx'rtosi com- 
parvero cinipie pernici, ognuna delle (piali con snni- 
Jiia sorpresa del sig. Du Fresile e de' convitati re- 
cava nel Lecco una cartuccia in cui leaaevansi le inu- 
tazioni proposte per ciascun atto della Zairn. Siccliè 
ad un pasticcio è da attribuirsi rinalterabiL' stima 
di clic una delle migliori tragedie per tanti anni a 
Luona ragione ha goduto e goderà lincile le stesse 
potentissime molle l'araimo muovere Tanimo umano. 



PRECETTI dell' IMPERATORE JoUM-TClIIN 
SUL FURORE DEL GIUOCO. 

* Io imperatore, clie adoro dio., ho fatti questi 
precetti, e dico: 

« Non costringete il vostro imperatore, che in 
realtà non è che il vostro padi-e, ad essere un giu- 
dice. 

« Io vi lio spesso ripeliito che non eravamo fe- 
lici che colla virtìi. Di tutti i vizi però io non so 
quale sia più nocevole del furore del giuoco. 

« I nostri avi erano generosi, i loro divertimenti 
erano onesti, e i loro giuochi innocenti. Tutto è 
cambiato. 

« Io imperatore che voglio imitare i miei avi, io 
che vedo tutto, che intendo tutto dal fondo del pa- 
lazzo, affermo che non vi sono uomini più duri dei 
giuocatori, nò più inclinati al male,- essi farebbero 
orrore a se stessi se si conoscessero. Io li conosco: 
ascoltatemi dunque. 

« Percliè il ladro, e il giuocatore che gli somi- 
glia sotto tanti aspetti, continuano quasi siiuprc a 
giuocare e a rubare? Ahimè ! perchè hanno una 
volta cominciato. 

<c Si danno al giuoco dei momenti, poi delle ore, 
poi dei giorni, poi delle notti intere; e così la 
passione accendendosi di grado in grado, consuma 
e divora il tempo più caro dell'oro. 

« L'uno abbandona le sue funzioni pubbliche, 
l'altro trascura l'arte da cui cavava la sussistenza 
sua e della sua famiglia. Fatti inrapaci d'ogni al- 
tra cosa, non pensano che al giuoco. Per soddisfar- 
vi vendono le loro terre e le loro case, e vendereb- 
bero anche se stessi, se seguissero il desiderio e la 
speranza che gli accieca. 

« Oh insensati ! Che vogliono ? Che sperano ? 



\ ogliono rovinarci impunemente. La rovina in questo 
mestiere è la sorte del maggior numero. Quelli che 
prosperano oggi, domani saranno nella miseria. Tut- 
tavia essi trionfano, e di nulla più dubitano quando 
hanno spogliato qualcuno. Ma aspettate, che saran- 
no anch'essi spogliati a loro tempo. INIalgi-ado de'Ioro 
fortunati successi, sono fuggili e detestati da tutti. 
Le persone oneste gli additano da lontano come il 
terrore e l'obbrobi-io del loro paese. Guardatevi da 
loro, esse gridano: il bisogno che li tormenta sup- 
pone in loro lutti i vizi, e loro li suggerisce. 

« Qual è la line d'un giuocatore ? Domandatelo 
a quelli, i cui amici si sono esiliati da questo felice 
clima: a quelli i cui parenli si sono uccisi per evi- 
tare il dissoiun-e; interrogate sopraltutto quei jiadri 
di famiglia, che per aver trascurato i loro fì<rli 
sono incorsi nel disprezzo dei loro concittadini. 

« Io imperatore, che onoro i miei avi, io 
proibisco il giuoco. Se qualcuno contraviene ai 
miei ordini, contraverrà alla Provvidenza che non 
animelle nulla di fortuito, e contradirà il voto del- 
la natura che grida; sperate, ma lavorate; i più at- 
tivi saranno i più felici. 

«. Se io fossi meglio secondato , il sole non 
vedrelìbe un povero nella estensione del mio impe- 
ro. Che può la volontà di un solo contro le volontà 
ambiziose e discoz'danti di tante centinaja di uomini 
che non ambiscono che il superfluo, e la cui misura 
mai non si riempie? 

« Dal principio del mio regno io ho fitto senti- 
re con atti autentici, che l'emulazione e una giusta 
libertà erano i soli mezzi di bandire il lusso , la 
mollezza, i giuochi di azzardo, e di rimediare per 
quanto è possibile alFiiK-gualianza delle ricchezze, 
«lo ho fatto ciò che ho potuto: ma benché di 
più avessi fallo, non avrei trionfilo degli abusi rina- 
scenti, che trascinano laute passioni contrarie. 

« Re, mandarini, popoli, e voi sopralutto che 
mi appartenete per i legami del sangue, se mi 
amale, se rispettate il vostro principe, non siate 
giuocatori. Incaricati della cura di proteggere le 
nostre frontiere, di manlenei-e l'ordine nell'interno 
de' miei stali, voi dovete dare l'esempio dei costumi 
e della giustizia di cui siete il sostegno. 

« L'onore, la fatica, l'economia, ecco le sorgenti, 
ove dovete attingere per il presente e per l'avve- 
nire, invece di abbandonarvi all'azzardo. 



264 



« io vi ho mostrato ciò che è il furore del giuo- 
co. Che possano i miei precetti estinguere ne' vo- 
stri cuori questa passione che abbatte il mio cuore! 

« Voi mi avete inteso : io lo dico con ratnina- 
rico; Mantchous, Mogolli, cinesi tartarizzati, e cine- 
si puri della bandiera verde, è forza pertanto il di- 
chiararlo : io punirò i coutraventori, quali essi sian- 
si,* e li punirò, vi dico, se fossero miei propri figli- 

« Per l'ultima volta, poiché ancora è tempo, 
si correggano i giuocatori, ma senza dilazione. 

« Io fo saperlo a tutto l'universo, acciocché nin- 
no l'ignori. 

Pubblicato il 10 giorno della 5 luna del 1 an- 
no di Joum-tchin. 



DELLA PERGAMENA. 

La pergamena ordinaria si fa con pelle di mon- 
tone, e vien polita con pietra pomice. La pergamena 
fatta con pelle di vitello è più fina, è perciò vien 
chiamata velina. Vi è ancora vma pergamena piii 
stimata delle due precedenti che fassi con pelle d'a- 
gnello, di capretto non nato, ed è la piìi levigata, 
la piìi bianca, e la meno soggetta a restar macchiata, 
e chiamasi pergamena vergine. 

Fu inventala la pergamena in una circostanza, 
elle qui narreremo. Tolomeo Sotcro re d'Egitto avea 
foi'mato una biblioteca numerosissima (la quale coli' 
andar del tempo crebbe fino a 400,000 volumi). Eu- 
mene, secondo altri Attalo re di Pei-gamo, veden- 
do che Tolomeo avea una si rinomata biblioteca, 
pensò di voler farne una anche egli. Saputosi ciò 
da Tolomeo, mosso da invidia questo re proibì che 
più si esportasse dall'Egillo il papiro, foglie di un 
albero con cui facevasi la carta. Non avendo più 
un tal m( zzo il re di Pergamo, per fare i suoi codici, 
bisognò pensare al ritrovamento d'un altra materia 
elle fosse atta a far lo stesso ullicio del papiro. E 
s'inventò iu tale occasione a Pergamo la prepara- 
zione della pei'gamena, almeno 300 anni avanti la 
nostra redenzione, circa alla metà del V secolo 
dalla fondazione di Roma. 

Il nome della pergamena è evidente che abbia 
la derivazione sua dalla citta in cui fu ritrovata. 



LA SETTIMANA 



CALENDARIO ISTORICO 

27 Giugno •'275. = Il turco divide l'Asia in sette 
governi. 

28 Giugno 1275. = Ha principio la casa ottomana. 

29 Giugno 1275. = La casa d'Austria principia da 
Ridolfo. 

30 Giugno 1277. = Morte del papa Gregorio X' 
autore dei conclavi. 

1 Luglio 12tì0. = Morte di Alberto Magno maestro 

di s. Tommaso. 

2 Luglio 1282. = Vespro siciliano, celebre per l'uc- 

cisione de' francesi che erano in Sicilia. 

3 Luglio 1283. = Furouo uccisi 10 mila francesi 

d'ogni età e sesso, ed anche le donne gravide 
per eslerminare i figli. 



SCIARADA 

Quanta gente il primo accoglie, 
Quante donne, e cavalieri 
L'un la voce al canto scioglie, 
L'un qui suda al tavolier. 

Se il secondo arde e balena, 
S'ode altissimo fraaor: 
Già la via di stragi è piena, 
Tutto è morte intorno e orror. 

Presso Vultimo con gloria 
Valorosi un dì pugnar, 
E die fama la vittoria 
Ad un isola, ad un mar. 



Sciarada phecedente= Bei-letto. 

L'officio centrale per le associazioni e il deposilo de'JbgU 
è presso il Direttore proprietario, l'ia del Gesù n. 5^, p. p. 



TIPOGRAFIA DELLE BELLE ARTI, TIA IN AUCIOIXE N. 100, COIV APPUOVAZIO?JE. 



2635 



ANNO 



©I 



L'ALBUM 



^ DISTRIBUZIONE 



\ 



,r 



%h» 



Si pubblica ogni Sabato 



IIOMA 



31 Ottobre 1835. 




MICJIELAÌ^^GELO lUIOrVAllROTI L^VSEGNA NOTORIA 

AL SUO SCOLARE CONDIVI. 



Sebbene le pitture del cinqucc(Mito (massime i 
Micbelangeli ed i suoi allievi j non lascino a dubi- 
tare che i maestri di quell' età non intondcsscio 
esattamente l'anatomia; pure è assai dillìcile 11 lin- 
Yenii'c moiHinifiiti di sculuira e piilura, dove lali 
studi si rappiest'iilino. Se si vedono sui disegni inna 
ni scbcb tri ed ossa, sono fatti a lutt' altro oggetto: 
né si può, s])i(gandn i medesimi, piedicare il Jiuon 
esempio agli artisti, e la indagine sopra il vero. 

Né questa pure vuoisi da noi sopprammodo rac- 
•ocRMidaie : perchè sappiamo dagl' iuleudeuti, che 



applicazioni siffatte, qnando furono e smodate e si»* 
diate troppo, fruttarono ai pittori un desiderio Ò\ 
farne pompa che giunse alia ostentazione e alla nau- 
sea. Sappiamo che alcuni artisti (specialmente gli 
inìltatori di Michelangelo) giunsero ta ut' oltre con 
la mania di codesta scienza, che i)er iscarnire il mu- 
scolo e i nervi non curarono poi la grazia e la soa- 
vità delie forme: ma sappiamo pure dai quadri tln» 
questo studio (h^v' essere con ogni legolarita meditalo 
da chiunque voglia disegnare figura umana, e cOn 
iulclligenza e franchezza piantar nudi, e iavent»!* 



«eorci. Luca Siguorelli fu, a quanto sembra, il pri- 
miero che sulla notomia meditasse: ma di Michelan- 
gelo è proprio la perfetta cognizione del corpo uma- 
no, e a lui s' deve puranco se la scuola fiorentina 
vi si dedicò similnicule. Egli medesimo, siccome è 
noto, tanto in siffatti esercizj s' immerse, che la 
sua salute pali dappoi, ed il suo sistema né rimase 
visibilmente alteralo. E d'altronde vero però che il 
suo principio di rcttanK^nte indagare ncll'aomo lo 
rese padrone della umana mnctiiiiia a tale, che rng- 
girolla a suo piacimonio, la sollevò deiilro all'aria, 
la dipinse dal sotto in su, ed il suo spirito ardito 
con tanta verità sojipe le pili astruse e non vedute 
mosse ritrarre, che accoslandovi la misura, e ragio- 
nandovi con la scienza, i muscoli d'ogni più inusi- 
tato molo ed azione son forzati con verità. 

L'incisione che noi offeriamo, è la ripetizione di 
un disegno abbozzato a penna, fatto dalle mani del 
sommo maestro, e pubblicato prima dai Marietle, indi 
dalTAgincourt nella classica sua storia dell'aite (?'o/. 
T'^ip. 167) Ivi si vede JMiehelangelo stesso, che con 
un compasso alla mano sembra aver ritratto le pro- 
porzioni del morto. Sta il cadavere senza legumenli 
orizzontalmente esposto alla osservazione, ed una 
candela accesa in mezzo del suo slom-iei) è fissa. 11 
sublime e dotto illustratore D'A-nueourt credè aver 
riconosciuto nel morto il cadavere di un giovin mo- 
ro, che Eealdo Colombo abile chirurgo in quel tem- 
po aveva procurato all'ingegno. Volle poi chiamare 
la figura intimorita Coi divi, perchè Condivi stesso 
suo allievo nella vi la del suo maestro scrive espres- 
samente così: «Cominciò a conferire con niesser 
Realdo Colomlio, irotomista e medico-cerusico eccel- 
lentissimo ed amicissimo di iMiehelangelo e mio; il 
quale per tale effetto gli mandò un corpo morto di 
un moro, giovane bellissimo, e quanto dir si possa 
dispostissimo: e fu posto in s. Agata dove io abitava, 
ed ancor abito, come in luogo remoto, sopra il quale 
corpo IN'ichelangelo cose rare e recondite mi mostrò, 
forse non mai piìi intese». {Vita di Michelangelo., 
Firenze 1746, p. 50 e 85). 

Candivi dunque (dopo tale testimonianza il pub- 
l)lico facilmente lo riconoscerà come tale) si accosta 
jjicno di precauzione al cadavere: Et non sine quo- 
tinnì terrore : tocca l'ipocondrio destro del corpo 
««■orticaio e raflVeddo. Si pretese che simile tocca- 
lucnlo potesse a qualche giuoco di muscoli essere 



dalla figura di Rlichelaugelo con vivezza somma in- 
culcalo, ma noi non lo vogliamo affermare. Forse 
il giovane sbigottito avrà dovuto spingere altrove le 
dila, che il timore non gli fa avvicinare più in su; 
ed il maestro qu-tsi befi'aiidolo ve lo invita: forse la 
fretta di Michelangelo non badò tanto a lai cose. 
Ad ogni modo serve il disegno nostro ad insegnare 
agli artisti le scene domestiche e familiari die spesso, 
anzi assai sovente, la difEcile loro arte richiede: ser- 
ve a dimostrar le fatiche di chi alla riputazione in- 
naìzossi, e a distogliere quelle idee straniere d'im- 
parare il disegno umano in due lune; e quando che 
sia con giusta illustraziou pubblicato, rammenta ai 
pittori e ai scultori, che se la mania e la ostenta- 
zione di una tale scienza è viziosa in loro, il non 
saperne è un ismarrimenlo totale : e fa si che noi 
vivamente raccomandiamo ai medesimi la beli' opera 
di Del Medico professore insigne e rapito all'ammi- 
razione comune, il quale egregiamente diresse i suoi 
sludi a svolgei'e ed esporre maestrevolmente, quanto 
di questa facoltà è necessario ai disegnatori. 



LINGUA LATINA REDIVIVA. 

E clii non sa che i francesi, gì' inglesi ecc. pro- 
nunziano malissimo la lingua latina ? Narrasi qua! 
fatto storico, che il giorno del memorando vespro 
siciliano, la parola d'ordine de' congiurali fosse ci- 
cero, e che siccome i francesi solevano pronunziare 
sisero, si trucidassero tulli coloro che interpellati, 
così rispondessero. Si è lunga pezza discusso qual 
fosse la nazione che serbasse tuttavia la vera pro- 
nunzia degli antichi co ncjuislalori del mondo: e la 
maggioranza decise a prò degli odierni romani, es- 
sendo più probabile che sia rimasta meno corrotta nel 
paese, che fu la culla della lingua, quantunque dica 
Alessandro T'erri, che se Cicerone e Virgilio tor- 
nassero al mondo non ci capirebbero e viceversa. 
Altra coincidenza a favore del nostro arjfomento è che 
gli ungheresi, che altro non sono se non una colonia 
romana stabilitasi nella Panuonia a icmpo dell'irru- 
zione de' barbari in Italia, pronunziano la lingua 
latina quasi come i romani moderni; anzi a rigor 
d'espiessione in Ungheria non può dirsi morta, men- 
tre in Prcsbnrgo ^ al giorno d'oggi pubblicasi una 



267 



gazzella latina, letta e intesa da tutte le classi ili 
quella coiUrada. Napoleone ordinò che i canlaiili 
della sua cappella avessero a pronunziare all'italiana. 
Vergammo queste considerazioni venendoci riferito, 
che un romano lia aperto in Parijji un eorso di lia- 
<;ua latina pratica. 



VALENTE ITALIANO 



M E N G O L I 

Celebre geometra bolognese fu Pietiso INIengoli, 
nato nell'anno 1625. Studio le matematiche sotto il 
celebre P. Cavali(-ri inventore de' primi principi dei 
calcolo infinitesimale. Le altre parli della lilosofia 
furono anche da Ini profondamente studiale, non che 
la teologia e la giurisprudenza civile e canonica,- 
nelle quali facoltà tutte fu insignito della laurea 
dottorale. Datosi alla carriera ecclesiaslica, fu jniore 
di s. JMaria .Maddalena, e tenne cattedra nel collegio 
de' nobili. .Vile molle ed estese sue cognizioni accop- 
piava somma dolcezza e soavità di ma..iere, ed una 
pietà singolare. Si estese la sua fama per tutta 
l'Europa, ed era in relazione co' princijiali dotti del 
suo tempo, non meno in Italia che fuori di essa, e 
specialmente in Francia ed Inghilterra. Morì in Bo- 
logna nel 1 6cS6, lasciando non poche opere stimate, 
tra le quali quella dedicata alla celebre regina Cri- 
slina di Svezia intitolata: /"/a regia iid maLlicina- 
ticas ver aiillimctìcniii, algebi/ini spcciosaiii, cL 
plaiìiìiicliiain un:ala. Compose inoltre le seguenti: 
Geometriae spcciosae cleinciUa ; Jìiflc.ssiuìii, e pa- 
rallasse solare; Spcctil azioni di musica; Il circo- 
lo; Vanno ed il mese; Tlworcma arilhinelicum ; 
Aritlimcticn realis. Lascio poi non poclii mano- 
scritti, Ha* quali una spiegazione del famoso epitaf- 
fio: Aelia, Lnclin, Cri.pis, pubblicato dal jMalvasia. 
Egli procurò certamente di rendersi utile nelle più 
diflicili e sublimi pnrli delia geometria; ma ciò che 
gli si appone, è di essersi spiegato in un linguag- 
gio tulio suo particolare: il che uuoeendo alla cliia- 
rezza, il suo nome è rimasto se non obliato, certa- 
mente non in quella rinomanza eh' esso avrebbe me- 
ritata. 

■ - I — w tCtt UM II ■ I 



(; 1 U U I / I O MEMORABILE. 

Trovasi in uu'antiea edizione latina d'un viae^io 
a Pekino, fatto da G. 1'. Petan d'Orleans, stampata 
da IVIorelus in Anversa neli'anno 1670, i'anuedolo 
seguente: 

L n ricco ispettore delle manifatture della Cina 
essendo nel punto di fare mi lungo via<fn:io diede 
un istitutore ai suoi due figli, il maggiore de' quali 
non a\eva piìi di nove anni, e tulli e due annun- 
ziasano oltime disposizioni. Non appena il padre fi» 
partilo, che l'istilulore abusando dcll'autorilà confi- 
datagli, divenne il dispotico della casa. Allontanò le 
persone oneste che potevano manifestare la sua con- 
dotta, e fec(; cacciare <]nclli tra i domestici, che ave- 
vano più a cuore gì' interessi del loro padrone as- 
sente. Quantunque lo istruissero di questi ol isordini, 
nulla voleva credere : perchè avendo egli una bella 
ani)ua, non credeva che si potesse agire in tal modo. 
Ma tutto cpiesto sarebbe stato anche poco se questo 
tristo pedagogo avesse potuto dare ai suoi allievi 
qualche a iitù e quali he talento: di cui essendo privo 
egli stesso formò dei fanciulli rozzi, imperiosi, sleali, 
crudeli, libertini ed ignoranti. Dopo cinque anni di 
viaggi ritornato l'ispettore, vide finalmente' la verità, 
ma tardi, e conlentossi di mandar via di casa il 
serpente che aveva nutrito nel suo seno senza dar- 
gli altra punizione. Questo mostro ebbe l'impuden- 
za di citare il suo padrone al tribunale di un man- 
darino acciocché gli si pagasse la pensione promes- 
sagli. « La pagherei volentierissinio, e darei anche 
il doppio, rispo.sc quegli in presenza del giudice, 
se questo infelice mi avesse fatto i miei figli tali co- 
me io doveva naluralmenle spelarli. FacoH (prosegui 
egli ri\olgendosi al giudice) esaminateli e pronun- 
ciate». Infatti dopo averli interrogati ed inlese tutte 
le loro inezie, il mandarino porlo (|uesla sentenza me- 
morabile. «Io condanno ciueslo educatore alla morte 
come omicida de' suoi allievi, ed il loro padre alla 
emenda di tre libre di polvere d'oro, non per averlo 
scelto caltivo, poiché ognuno può ingannarsi, ma 
per avere avuto la debolezza di mantenerlo si lungo 
tempo. Bisogna che un uomo, aggiunse quegli, abbia 
la forza per riflessione di riprcndei'iie un altro, quan- 
do egli lo melila, e soprattutto quando il bene iti 
molli lo esige >. 



^68 




MOIMJMEIMO D'LMNOCEINZO TI 

11 monumento cTie presentiamo è la tomba d'In- 
nocenzo A I esistente nel chiostro dei certosini a 
Villanova. Innocenzo VI lemovicense, chiamalo pri- 
ma Stefano d'Albert, fu, come colui eh' era nelle 
leggi canoniche e civili assai dotto, primieramente 
procuratore, poi vescovo di Chiaramonte, poi cardi- 
nale e finalmente fu creato pontefice ai 1 6 di no- 
vembre 1352, Fu persona di sincerissima vita, di 
«fan costanza e severità, nò diede mai benefici e<cle- 
stattici <e non a' sacerdoti e in vita e ia dottrina 



approvatissimi. Dopo eh' egli fu incoronato, ordinò 
che tutti i prelati e quelli che avevano benefici an- 
dar dovessero nelle chiese loro, perchè diceva che il 
gregge si doveva guardare e pascere dal proprio pa- 
store, e non dal mercenario. Nella vita fu tenuta 
parco, nelle imprese di guerra giustissimo, mentre- 
che egli rivolle dagli usurpatori quello che occupato 
si aveano per lo passnio. Perciocché mandò in Italia 
Egidio Carillo spaguuolo e cardinal di s. Sabina con 
ampia potestà di assicurare lo stalo ecclesiastico : e 
fu appunto in quel tempo che l'imperatore di Co- 
stantinopoli fece lega col re d'Aragona, e co' ve- 
neziani contro i genovesi. E fatta una grossa armata, 
fecero co' genovesi fra Costauliuopoli e Calcedono 
battaglia. E benché avessero i genovesi contrario il 
vento, combattendo dall'aurora del di fino a vespro, 
vinsero. In questo tempo i genovesi si dettero ai 
Visconti signori di Milano, e i veneziani furono rotti 
dai genovesi. Poco dopo i genovesi medesimi si 
confederarono co' veneziani, e Caloianni imperatore 
de' greci fu rimesso nello stato da Francesco Cala» 
lusio genovese. Fu pure in Roma grave tumulto. 
Imperocché Francesco Baroncelli privò a forza d'ar- 
me della dignità senatoria Giovanni Orsino e Pietro 
Colonna. E per abbattere la di lui audacia Niccolò 
di Renzo fu cavato di prigione ed ucciso dai coloa- 
nesi. Travagliato Innocenzo da laute cure, nel no- 
no anno, ottavo mese e ventesimo sesto giorno del 
suo papato morì ai 1 2 di settembre in quel tempo 
appunto che mori Bartolo da Sassoferrato, il primo 
giureconsulto di quell'età. 



A iN X E D T o. 

Agesilao avea un medico per nome Menccrate, il 
quale per aver curato alcune infermità disperate cot» 
buon successo, cominciò a chiamarsi Giove, ed usur- 
pandosi già troppo arrogantemente un tal nome, eb- 
be un giorno ardire di scrivere al re in tal modo j 
« Menccrate Giove, al re Agesilao salute », Allora 
egli rispose a Menecrate in questo tenore : « Il re 
Agesilao a Menecrale sanila di mente ». E ciò fece 
per fargli conoscere, quanto era distante dal poter»! 
arrogare il nome del padre de' numi. 



269 



X 






m, 



'& 



"m^m^^^: 




ANTICHITÀ MESSICAÌ^^E (città ignote) 



Due città greclie d'origine, conquistate poscia dai 
romani, emersero verso la metà del secolo passato 
dalle ceneri del Vesuvio, presentando al mondo i 
dettagli pili ignorati della civiltà pagana, e l'arte 
squisita della (ìreeia, unita al lusso de' romani con- 
quistatori e padroni di tulio l'antico continente. ISJa 
quello che tutto il mondo ignora si è, che alla stessa 
epoca un altro emisfero oflViva pure, per un caso non 
meno fortunato, agli sguardi di alcuni viaggiatori 
isolati due città messicane sepolte non già sotto le 
ceneri, ma sotto la folta vegetazione delle foreste, e 
aon meno importanti di Poiiipcja e di Ercolniìo 
per la storia delle nazioni, poiché dimostiano die il 
nuovo mondo, così di ito, non fu propriamente che 
mn mondo da noi igiioiaio. 

Situate nel Jucalfìii le città di Pnìcìica e di 
Hitla lìvcscnlarcuo le rurue de'loKJ iinnuii.si edilizi, 
produzioni d'un arte originale, ed iiil( lanieiite sco- 
nosciuta, sparse s' | ra ina Mij citjtii' di moke miglia. 
Quelle tll Pi ìì'.i a liaiiuu otto leghe d'estensione. 



Ivi tempi, paleggi» ''""stc tombe ornate di ogni ma- 
niera di lusso in iscultura fecero testimonianza del 
potere di una nazione, i cui annali ci mancano per 
presentare al pensiero tutta la civiltà di un gvatu 
popolo. 

Trenta anni dopo la scoperta di questo fatto con 
importante per lo studio, il governo spaguuolo di- 
spose una esplorazione di tali città, le cui ruiue co- 
lossali oH'rivano, ne' racconti clic se ne facevanOj, 
quaiclie cosa di favoloso. Il governatore della pro- 
vincia di riuatirnala commise ad Antonio l)cd Kit) 
ed Alonzo di Calderone d'ispezionare sill'alle mine, 
e di farju; conoscere i principali edilizi. 

La prima operazione di (pu;sla iniporlante mis- 
sione coirsisteva nel 1U( Itcre allo scop<'rlo i nu)nu- 
menti ricoperti di allnii e piante, che ne' hoselii 
dell'Ameiica formano impeneUnliili recessi: la scure 
e 1 incendio dopo alcune selliniane di assiduo lavoro 
posero in islato di esser esaminati e dcMiitti ([uindici 
cditizj. Appresso (pie:!ta pi ima escursione, cIr' fu in- 



270 



coiiiplelissima, dappoicliò non produsse clie alcune 
Hcscii/.ioni e disegni, Carlo IV re di Spagna pose 
nel 1805 a capo d'iuia nuova spedizione il capitano 
Dupaix uomo istruito, capace di pvofillare de' prin- 
cipiati lavori, ed i cui racconti semplici e veridici, 
uniti alle fedeli vedute clie delineò su i luoghi Ga- 
staneda, artista spagnuolo, fissarono le idee sull'esi- 
stenza e sulle forme de'monumenti curiosi per la loro 
architettura incognita, e per la loro costruzione so- 
lida, che li fece sopravvivere alle nazioni che gl'in- 
ualzarono. Edifizj sacri e destinati a pubblici stabi- 
limenti, grandi costruzioni destinate a rciinti di cit- 
tà e a difendere posizioni importanti; strade, punti, 
argini, lavori idraulici considerevoli; sotterranei este- 
si; tali sono stati i risultanienti delle indagini e de- 
gli studi del sig. Dupaix. 

La scultura isolata ed in Lassirilievi, ì gerogli- 
fici, e le innumerabili effigie enibleniatiche di pio- 
vincie e città decoravano le sommità, o le pareli di 
questi monumenti, e fornirono al dotto viaggiattire 
la più abondante materia alle conghiellure. Final- 
meute l'industria ottenne i suoi prodotti: e più d'una 
osservazione curiosa, più d'un disegno importante si 
ebbe in risultato di nuove escavazioni che portarono 
in luce vasi di terra cotta, figurine, istrumenti di ogiù 
genere in selce, in pietra ossidiana, ed in metallo. 

L'architettura ofi'rì alle osservazioni del capitano 
Dupaix diversi periodi dell'arte, conseguenza natu- 
rale dell'incremento successivo delle città. 11 tufo e 
la pietra dura impiegata per formare i recinti, alcu- 
ni ponti eretti in modo molto semplice con impiego 
d'immensi materiali, tali furono le costruzioni d'iui 
uso primitivo, e che dovettero precedere i monu- 
menti innalzati con certe regole consacrate dall'uso. 

I monumenti funeliri possono del pari classificarsi 
in questa prima epoca dell'arte. Presentano questi 
l'aspetto semplice di tumulo, o di colline fattizie; un 
grosso strato le ricopre, ed alcune gallerie, composte 
di pietre enormi decorate di sculture, lasciano traver- 
sare tali monnnn;nti in tutto il loro diametro; dispo- 
sizione singolare, che non si scorge in alcun altro de' 
tumuli dell'antichità. Ve n' ha uno forato con due 
corridori che mettono ad una camera centrale. Molte 
di queste tombe coniche sono rivestite di filare di 
pietre ordinate e costruite sul massiccio, che com- 
pone l'insieme del tumulo : queste filare, formanti 
circoli sovrimposti il cui diametro sminuisce nell'ap- 1 



prossimarsi alla sommità, presentano l'aspetto d'una 
scala circolare, e rammentano due tombe etruscliè 
perfettamente simili situate presso Corneto, come de- 
scrivemmo nella distribuzione 32% anno 2" p. 253. 
Niuno scavo essendosi praticato per aprire siffatti 
monumenti messicani, s' ignora come sia l'interno. 
Si possono anche considerare come monumenti fu- 
nebri le piramidi d'Otumba, simili a quelle dell' 
Esitto, e circondate da monumenti della stessa for- 
ma, ma di minor dimensione. 

I sotterranei scoperti a Milta di costruzione re- 
golare possono far credere, che le sepolture comuni 
a diversi individui fossero pure in uso al Messico. 
Seiiz' altro accesso che una scala stretta che mette 
all'interno, questi sepolcri sono ornati di decorazioni 
di stile singolare, nelle quali si moltiplicano i me- 
anilri ed altri dettagli ornativi simili alle decorazioni 
greche ed elrusche. I funerali de' grandi personaggi 
rinchiusi in quei sepolcri, hanno pure molta simi- 
oliaiiza con pH usi di certe nazioni dell'antico con- 
tincnte. Il cadavere, posto sopra un rogo colle sue 
arini e tutto quello clie avea avuto di più caro, era 
arso, ed il cenere deponeasi nel tumulo. Durante la 
cerimonia gli uomini e le donne, dedicate al suo ser- 
vizio, erano massacrati, e le spose legittime davansi 
pur esse volontaria morte. 

I primi altari furono senza dubbio non meno 
semplici che facili a costruirsi; ma quando l'indu- 
stria fornì istrumenti per tagliar le pietre, e mezzi 
per innalzarle sul suolo, per porle in livellazione, 
ed unirle col cemento; allora potè costruirsi un tem- 
pio. Le grandi città si formarono presso i monu- 
menti consacrati dalla religione, e ben presto il lus- 
so degli ornamenti e de' marmi si estese sulle pa- 
reti de' monumenti, e sul suolo degli alrii. La for- 
ma ordinaria degli edifizj sacri chiamali teocatlis è 
piramidale, come vedesi nel tempio messicano antico 
qui rappresentato. La base innalzata sopra un piaao 
quadrato è costruita in pietre di gran taglio, e tal- 
volta in breccia j'icoperta d'un inlonaco solido, pu- 
limentato e ferruginoso. Il basamento presenta sulle 
sue facciate una o più scale molto larghe, per le 
quali si giunge ad una superficie estesa. La sommità 
è occupata dalla così detta cella, o casa del nume, 
aperta da mia sola porta, avanti la quale faceansi i 
sagrifi/.j umani a vista della popolazione: i cadaveri 
erano gittati su i gradini. 



■STI 



DELLE CAROVANK. 

Le carovane, com'è Ikii nolo, non sono clie 
•ssociazioni di molli iudi\idiii, un remiti, vi:i_i;^ialori, 
e pellegrini, per giungere alla stessa ni(;ta. Da prin- 
cipio queste associazioni non oLIx-ro certamente per 
Oggetto clic il piacere, o per dir meglio il sollievo 
dal tedio di lunghi viaggi in regioni deserte, come 
le orientali, dove nulla ricrea lo sguardo, nulla ral- 
legra l'immaginazione, ideila nostra Europa si prova 
pur tante volte la noia ne' grandi viaggi, se non si 
trova buona compagnia! Eppure s'incontrano ad ogni 
passo, o prati verdeggianti, o colline amene bea 
coltivale, o capanne circondate d'armenti, abitate da 
pastori: e dopo due o tre giorni di viaggio trovasi 
sempre qualche città ben fornita di tutto. I\Ia nelle 
abbandonate contrade orientali non veggonsi che ari- 
di monti, sterili pianure e campagne di vastissima 
estensione del lutto disabitate. Appena può sperarsi 
dopo molli giorni di cammino di trovare qualche 
miserabile tugurio. Qual tedio qin'ndi di trovarsi in 
mezzo a quei deserti, ne' quali si può far conto di 
aggirarsi come l'unico essere vivente sulla terra! Non 
fu però la sola idea di ricrearsi in si lunghi viaggi 
che indusse siffatte unioni di persone; ma ben più 
la necessità di recij)roca assistenza ne' pericoli, ai 
quali il viaggiatore isolalo può trovarsi esposto spe- 
cialmente per mancanza d'acqua e di viveri, tanto 
più che non tulli sono forniti di mezzi baslevoli per 
premunirsi dell'occorrente in cosi lunghi e penosi 
viaggi. Infatti nelle carovane portansi tra gli altri 
de' lavoratori in buon numero con tutti gli utensili 
atti a scavare de' pozzi nelle ar«'ne per pioeurarsi 
cosi dell'acqua, la quale non può portarsi dal luogo 
donde si parte in tanta abbondanza da bastai-e per 
tutto il viaggio. Un uomo solo O anche tre o quat- 
tro riuniti non potrebbero intraprendere siilalto ìa- 
YOro, e morirebbero di sete prima di trovar l'acqua. 
Così in una grande riunione quelli che hanno piii 
mezzi, o che ne lanno speculazione, proveggonsi di 
viveri mollo più abbondanlemenlc did proprio biso- 
gno, e possono in lai modo accorrere ali jllrui bi- 
sogno. Finaluieute non ultimo de' vanlan-wi del viair- 
giare in carovane è (juello di trovarsi cosi in islalo 
di difesa contro i ladii. Si sa (he i.'i urirnle i \ ia''- 

o 

giatori sono esposti al pericolo di esser assaliti da- 
gli arabi. Questi popoli erranti ballouo continua- 



nu'ute la campagna e i deserti, e danno ben di ra- 
ro quartiere a chiuinjue non sia in grado di fare 
ad essi resistenza. iN'oi ci limiteremo qui a trattare 
unicamente delle carovane che hanno (pialche rap- 
porto coH'Kgitto. Cominciamo da quella della Kubia. 
J.a strada che tenevasi una volta per passare dalla 
IVubia ili Egitto, e viceversa, prima che s'introdu- 
cessero le carovane, era la seguente: da Dongola fi- 
no al Cairo si discendeva e rimontava il JNilo ia 
battelli, malgrado delle spaventose cataratte che iu- 
contransi nel corso di questo fiume. Per riuscirvi si 
avanzavano i battelli nella maggior possibile vici- 
nanza delle cataratte. Ivi scaricavansi tutte le merci 
ch'erano caricate sulle barche, e molli caricatori 
prendendo sulle loro spalle queste barche, che fa- 
ccansi perciò leggerissime, le trasportavano fino al 
di sopra delle cataratte, mentre altri caricavansi del- 
le nieiei, cIh; trasportavano nel luogo sles?o. Si ri- 
caricava quindi la barca dopo averla rimessa in ac- 
qua, e cosi praticavasi di cataratta in cataratta. Ca- 
che cransi superate tutte. Lo stesso faceasi per le 
barche che scendevano in E<nito. Nella stessa guisa 
i selva^i>i dell'America navigano sul fiume s. Loren- 
zo, il cui corso trovasi come quello del Nilo con 
sinn'li eataralte. E facile a concepire di quanta lun- 
ghezza, fatica e dispendio fosse un siflatto modo di 
viaggiare. E però già da molto tempo, che si è tro- 
vata una strada più breve facendo passare pe' ile- 
serti della Nubia le merci sopra cameli. La caro- 
vana della Nul)ia viene due volte l'anno in Egitto 
partendo da Cary, luogo situato sulla riva sinistra 
del Nilo a tre o quattro giinnate da Dongola. Ivi i 
mercanti di Saiinri^ir capitale del Fungi, (pjelli di 
Gondar capitale dell'Etiopia, e molli altri di di\ersi 
luoghi dcH'iMlrica si radunano in un certo tempo, 
eh' essi tengono per opportuno al loro viaggio. Alla 
sua partenza da Cary, la caiovana abbandonando le 
sponde del Nilo, ed inoltrandosi iie'deserli della Libia 
che traversa, gimige in tredici giornate di viaggio ad 
una valle di circa 30 h'ghe d'estensione. Questa val- 
le, che va quasi dal nord al su<l, è coperta di pal- 
me, è mollo ben coltivata, e vi si trova aequa ec- 
cellente, scavando soltanto un |)iede nel terreno. E 
quasi ini prodigio di trovare questa lingua di terra 
lertile in mezzo alle arene, eil li deserti aridi, che 
la circondano. Dipo alcuni giorni di riposo in (jue- 
sto ameno soggiorno, la carovana passa una intera 



272 



jeiovnata tra montagne scoscese, ed in una strada 
molto stretta ed angusta. Di là giunge ad una gnla 
di montagne clic «oiiduce a Manf'elout, città dell'alio 
Egitto, dove la carovana raggiunge il Nilo per la 
prima volta dopo la sua partenza da Garj. Siccome 
dopo la loro partenza dalla Nubia queste carovane 
sono obbligate di viaggiare sette giorni negli aridi 
deserti, dove non è possibic trovar acqua, cosi debbo- 
no necessariamente i cameli stai-e tutto questo tempo 
senza bere, dappoicbè la provvista, sebbene abbon- 
dante d'acqua, die si fa è riservata per gli uomini. 
Si tiene ancbe pe' muli, dovendosi abbeverare que- 
sti animali che non possono patire la sete. I poveri 
cameli soffrono moltissimo in quei giorni, essendo 
gravemente carichi e sentire esposti ai cocenti ar- 
dori del sole, e senza bere. Dopo un si penoso viag- 
gio sono però ridotti in uno stato da far pietà. Per 
avvezzarli a resistere cosi alla sete, si comincia iin 
dalla prima età a non abbeverarli che una sola volta 
il giorno anche ne' luoghi dove ajjbonda l'acqua. 
Allorché poi si tratta di un viaggio, in cui per mol- 
li giorni si prevede che non potrà trovarsi acqua, vi 
si preparano molto tempo prima con un' astinenza 
anche piii lunga. Si comincia da principio a non far- 
li bere che ogni due giorni; si passa quindi a tre, 
quattro, cinque, e sei giorni : e quando si è speii- 
mentato, che il camelo resiste alla sete, si ammelle 
aj viaggio. Senza un tal mezzo non sarebbe certa- 
meule possibile di viaggiare in Affrica, specialmente 
dalla parte confinante coH'Asia, dovendosi traversare 
deserti spaventevoli, e vastissime solitudini. Final- 
mente in capo a sette giorni la carovana giunge in 
un lungo, dove scavando alipianto nell'arena si tro- 
va un' ac(jua ben cattiva e di sapore acidigno; non- 
dimeno, per quanto la sia cattiva, si dà ai cameli. 
Gli uomini ancora, se non ve n' è più della buona, 
sono costretti a berne e farne provvista per tre 
giorni, cbe debbonsi ancora passare nel deserto do- 
ve l'acqua è larissima. Ma non sono questi i soli 
incomodi di siffatti viaggi: vi sono de' pericoli ben 
più gravi a tirucre. 11 primo di (juesti consiste nel 
dover travcisaie pianure immense di arena, dove 
non è possibile trovare alcuna traccia di sentiero; 
quindi se le guide aralte, che ehiamansi esperti, si 
eoufondono, o smarriscono in quelle iucngiilic stra- 



de, ne può accadere per ben che vada un rita rdo 
nel viaggio per più giorni: dal che poi deriva una 
penuria di viveri e specialmente d'acqua. Veggonsi 
allora perire i muli, che non possono essere rinfre- 
scati come ne hanno assoluto bisogno, soccombendo 
di stanchezza e di sete in quegli ardenti deserti: i 
cameli stessi, dopo il settimo giorno di privazione di 
acqua, cominciano a languire por modo, che se il 
ritardo è di più giorni muojono anch' essi, cadendo 
in tale abbattimento da non poter proseguire il viag- 
gio. Come si fa allora per salvare almeno i carichi? 
Gli uomini stessi, se l'acqua manca dopo due o tre 
giorni, soccombono necessariamente in quei cocenti 
ardori. Altro pericolo ancor piìi gl'ave s'incontra se 
il vento da sirocco s'innalza in quei deserti. Il mi- 
nor male che faccia è di prosciugare gli otri d'ac- 
qua. Questo vento chiamasi dagli arabi avvelenato, 
soffocando talora anche ad un tratto quei che lo re- 
spirano Per preservarsene non v'è altro mezzo cho 
porsi all'istante colia faccia a terra su quelle co- 
centi arene, e di coprirsi la testa con un cpialche lino 
per non respirare quell'aria mortifera. Talora poi 
questo vento è così impetuoso, che solleva turbini 
di arena, i quali oscurano l'aria, e tolgono ogni in- 
dizio della strada. 

{Sarà continuato). 



SCIARADA 

Manca il primo colla vita, 
Il furor Yaltro precede: 
Chi è total, spesso si vede 
Doglia aver dell'altrui mal. 



Sciarada PflECED]:NTE= Sala-mina, 

a II t 'ì' g~i 

Nella (listi'ihiizione 31'^ anno 2". 

Errala Corrige 

Pag. 242 liu. 23. famiglie reali —. famiglie rivali. 
Pag. 248 Iin. 12. i suoi primi — in frai primi. 

L'officio centrali; par le associazioni e il deposilo de'fùgti 
è presso il Direttore proprietario, via del G:isù n. 5y, p- f. 



^■%-^'v-fc'.. ^•*-^^^ 



TirOSKAFIA DELLE BELLE AUTI, YL4. IIV AKCIOME «. 100, COiy APPRUVAZIOnB. 



75 



ANNO 



© 



L^ALIIUM 



X 



\ 



@ 



^r 



DISTRIBUZIONE 



%l PUBBLICA OGNI SaBATO 



ROMxl 



7 Novembre 1833. 



V s\\«^%%m» ri 




PONTI IXATURALI DI ICONONZO 



... v..:o.:.'-i:-i.;-„. 



Uu ponte naturale simile a quello che è nello 

stato della Virginia, al nord di America, è nella 

alle di Iconouzo nelle Cordilleras. L'incisione so* 



pra espressa , rappresenta alcuni de' maravigllosi 
suoi ardii. Queste montagne furono traversate da 
Humboldt e da Boropland nel settembre 1801, nel 



274. 



loro viaggio da Santa Fé di Bogota a Popajan, e da 
Quito : e questo nostro disegno ò preso da quello 
che ha dato Humboldt nel suo mai(nitìco volume in- 
titolato : Vedute delle Cordilleras, e iiìoiiumcnti 
delle nazioni indigene di america. La regione in 
cui è situata la valle di Icononzo, una volta chia- 
mata la valle di Pandi o Mercadillo, è anche nifl.'o 
più basse parti sollevala ad una immensa altezza so- 
pra il livillo del mare. Il seno di alcune di queste 
più profonde valli sono dentro una quarta parte dell' 
elevazione dei passaggi delle Alpi del monte s. Got- 
tardo, e del monte Ccnisio. I ponti di Icononzo so- 
no posti ad una altezza di circa tremila piedi sopra 
l'oceano. 11 piccolo torrente Montano, che bagna la 
sua via uel seno, è chiamato il Rio de la sunmia 
pax, ed è ad una profondità di cii'ca 3 1 1 piedi sotto 
il ponte superiore. Questo è formato di grandi massi 
di roccia, ed è lungo quarantasette piedi e mezzo. 
La grossezza di questa massa nel centro non è che 
di otto piedi e mezzo. GÌ' indigeni hanno formato 
rozzamente una balaustrata intorno alla sua estre- 
mità, e fa si che le persone vi possano passare so- 
pra senza pericolo. 

L'altro ponte è di circa venti jande più basso al 
di sotto, ed è formato di tre pezzi di roccia, il cen- 
trale de' quali agisce, come la chiave di un arco, e 
ne sostiene altri due. Questa posizione accidentale, 
come Humboldt osserva, potrebbe aver suggerito ai 
nativi di Amei'ica l'idea della costruzione di un arco: 
« Io non pronuncerò, egli dice, una ferma opinione 
se queste masse di roccia siano state portate qui da 
qualche distanza, o se sieno meramente i frammenti 
di mi arco che sono stali rotti senza esser rimossi 
dal suo luogo, e che erano originariamente dello stes- 
.so genere del ponte superiore », Questa ultima propo- 
sizione è resa probabile dalla collocazione acciden- 
tale di una descrizione analoga presentata dalle rui- 
ne del nostro Colosseo, dove sono a vedersi in un 
muro, che è mezzo caduto a terra, alcune pietre ar- 
restate nella loro discesa in conseguenza di avere 
accidentalmente formato un arco quando cadevano. 
Nel mezzo del secondo ponte vi è un foro di circa 
nove piedi quadrati nell'area;