(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "L'Amadigi di M. Bernardo Tasso: colla vita dell' autore e varie ..."

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 



^ 



t 



m. 



««T' IS^' 



V4.lr 



^. ìL-^^ UT -^ 'SS 




toogle 



t 







^ 



Z//:^/ 



i 



Digitized by C3OOQ IC 



'^ ? : • . ; 



^ i\ 



dby Google 



Digitized by CjOOQ IC 



Digitizedby Google 



dby Google 



dby Google 



I^' AMADfGr 



o I 



M. BERNARDO 

TASSO 

dMOff,», 
TOMO IT. 




m BBKCAMO >Ì I»CCI.V. 

^^9tA Wìm^ IitlìClIIùiJi'**** 



Digjtizedby Google 



OFOXtoRD 



, ^^.:: JVi %^ i: ifc ♦ 



Digitized by CjOOQ IC 



irr 



IL I S P O S T À 
DI TORQyA.ro TASSO» 

Ad alcune opp^Zf^m,féiite dalt Àc^ 
cad9mia Mia Crufiut air Amadio 
gì di Bernardo fuo Padre ^ irau 
ta dair Apohgia^ in difefa della. 
Gerufatémfne liberata éc.:[ 

'■ • ' ♦ - 
^Efluna cofà ivLùQìié^tió iettò 



N 



Lfluna cofà ÌMtiqìfé^Ìi6 iettò 
6 di colui, che fi il giudi- 
co',; /ò^dcir altro ^ che ri- 



^prcivk cpl gddikio toc , ch^ 
fon giqdiGato»- é piOfit fui citato giam^ 
mai, d^Oàw^p^oiiz p.ià(Vato offcfo^ 
che da. IquclU .' cBc? to&àt^ ' «^^^ ^a- 
irc: ^if^fìài^^^^^ in 

tutte K^ffliìfére^Qr cóippoi^mend ,. 

clTc aitano .'£ii folle aotepdfto'^ Duo* 



dby Google 



quc mi deve cfler lecito, ch'io picn:. 
da II fua dìfefa , là qù&le non dirò 
che/fia eooutsflata dalle le|[gi Ate^ 
mil, conbc dilTe già Socrate, o dalle 
Romane ; ma da auelle della natura; 
che fono eterne, ne ppflbno efler mu- 
tate per volontà d'akuno; né perdo-* 
v^q V autorità* <;qn la mutazione dei 
llegni ^ e degl* Iidperi • E £e le léggi 
naturali, che appartengono alla fo* 
]>òkura dei morti debbono eflcre pre*-^ 
pofte al eomaod^mekiti dei Re, e 
i^i** Principi , cib fi dee fior pi^> ra^ 
l^ii>tievolmente in quelle ^ fhe fon 
dirizzate àll^perpicl^t^ delTobore e 
della gldria^che u (ìima quafilavita 
^iì naqrti. E perchè mio Pad/e, iV 
4uate è niorto tfet fepolcro. fi può dir 
Vivo nel Poeiaa'; chi cerei appen- 
der la fiià poefia proi;uta dargK nu*r 
te un^alt^À vòltf : e ciaTcuno rofltn- 
4e, che lo vuol fare^inferioit ad tl^ 
CUP altrcf della xùtitOm, forfè , e pni^ 




che in niun módi^ pih ^t^to poh:e&« 
be )>ppofitore Ut^ iùktij^téua^ 



dby Google 



fa fopertorc • Né (o ben jCdnofc^r^, 
le nigioni , che 'I movano « Wd%r tan- 
to .il Moc§antei aait mi parexhe'i. 
Pulci non s' ^corgeflTc d'aver farro. 
quali una Tragicommedia ^^voleodo far 
un poema Eroicp iq cui neri. eflìtodo 
pane alctioa rche4i con.ven^ a queV 
la maniera di jfpetm^ non puìì effvr 
preferito, o aggiM^^i^lP a <)pel ci 
mio Padre ^ii qual nondimeno fece 
profèffione di Cortigiano , pondi P0e.«. 
la» e le fue propri^- iodi ^fòno^ucK 
le» che egli meritav;i in ''Corte ; T. 
alrre degli ft^di fono Q«^ aecidi^n^ 
tali 9 e nccrcate d^ lui dopo la fod«. 
disfmonc ,àii. Patroni., che egU 
l<rviv^^»ai;fttaii principalmente ctt<^ 
cava.di ;Compìacere.« E credo fermv 
meiKe 9 Amici e Signori miei , che non 
^i iati clifcara la narrazione dfuna 
breve' Iftoria, la >iual precederà la 
difefa^.e rillaftcerà, perchè ella non 
s^aflbmigli alle battaglie, che ft fan* 
no ài notte, le quali ibgUqnpapj^rr. 
tir peficolo ai dt&nfori . Sopiate 
dunque » che eflendo mio Padre nelU 
Corre «U Spagna. per femciodel Ptìn^ 



dby Google 



cìpt ^ì' Sklemé Tuo ipatronc » % per^ 
fuafo d^ì^fntìépkìì di queHa Cotte 
a ridurre ih poema riftoria favolofa 
itW Amadigi , la quale per giudizio 
di mólti , e imo partieolarmtifte., è 
la pia bella^ che fì legga fiti quelle 
di quefto genere, e forfè la più gio« 
•^evole ; perchè .ncH* affetto e «el cof- 
fume fì lafciaeaddiefro tutte TaJtre, 
e nella i^arieffk degli acoidortri ì»mi. 
cede ad alcuna, ehe dappoi , o pFÌ> 
xnii fia (lata fcritta. Avendo ;duii^ae 
accettato quedo-configlto^^ceomejco- 
fui, cheottiimniente ìnfendetra Tarte^ 
poetica, e quella parcicoiarmeme in« 
Icgnat^^a AriAotik,d>elibtt^di far 

})6ema d'wnt Tota azione., cr ^fernib 
a favola fopra la difpdrainione d^ A- 
madigi per la gelofia d'Oriana^ ter- 
Slittando il Poema con la bittaglìa 
fra Lifuarte, e Cildadano: e nsolte 
dciraltre cofe più ri fguarde voli avve- 
nute prima, o dopo fucoedute, nar- 
rava ilcgli epifod;,.o nelle digfefTioni 
die vogliam clvivia'arie. Queftofull 
dif^o, del qtrale alcun maedro dell* 
«rti^ noi pestava far migliore, né più 
bdlo?. Ma finalriictitc per non perder 

Al 



dby Google 



il flooie di IsuMT^aoctleianernoir Ti 
cttri> di riMneri a^ j^rta quello d'ot-r 
timo P#et»i e «di;e^«m|- L^ee^va 
alcuai faob qaró alfi^iiiQipe.foa'Fa* 
droflftt e4iia0d6tflc;cQmwpb?aI^ 
gens, csaQO le ÀimncjpiàmLÀi Gta-* 
tilii0aiii|f^fca(coHatari$vva mtì ^^£na 
tutti «r«0o (Ì^pi4>ti;j^la .>qiial .oq£ì 
egU ,prf^ argaa^CBtm, i^jw; l*untii 
deU-atioae fofepoco dileeicvole pas 
fua natura 9 non. ytx difetto d'arte 9 
ch'egli avefle; peróÌDcdotè ^li Tavea 
trattata in iflodo:^arìafte:4im^(ottvtt 
ripi^ndef£,.e di qllè(lò.llèn:;S^lligaa^ 
aavtt ptifit<^ .. JMi Ì9cfa -fì^ ^fiir^blMl 
baftat^'^iMlbf cha:;.bafiii .priola:aA 
Aatioiaco jCotofaabt \i^^ iPlatPQ» 
valeva per .molfl , ^Tt'i Prìpicit^^P^ 
aveffe >ggi|uitp il ito comandamcnf 
to alla, comafia ,per(ua(ÌQii« I .It^sde 
coovenoe .ubbidii:!^)/ . - r , /. 

il f«fr.Patll»*peMcvajcoortùpjJk doli- 
la favok jERpIto di .pctfcjpipne •. Noin 
difpefb flondùpcurn» di ritsnerfi il A9-* 
me di gsaade e di Imoa Poata-, a 
quel che egli tioisavava diffonto^ria 



dby Google 



cercb eoa nolte fiilkt , tiè fi fptveo^ 
tò per la fiQOva fiorii dell' Arioftcst^ 
uè per li grazia^, che egli ebba fra 
Snncipi, fei. Cavalieri ^ t *k<k Dois-» 
ae^ la quale, xoma difle alcaao, po- 
teva aCcaodere tsati à iuoi dtfem ^ 
fetegli tt' awva «icano ; «H'-coftob- 
te oùo Padre ghidimìofaqmme ^tUo, 
che io qoefta maai^a 4i Boenii era 
coaveoieme^ « T adempiè iiUceiiicR' 
te; perchè qaanmpqae oiseftr^ che 
Con ideiti &oiiiai»i, noti Jcn difÉereo^ 
ti di f peeèe dai Poemi Epici e Er^i- 
et ) tsome^ io (cnff% priiaa di ciarTca^ 
t^ f «ivdldo mia Padrr, al qaatc 
leAi le 00re4«^ec4>nottdiaa«M «al- 
1^ fo&# k diiereMt atcidefttaU, per 
le qisaU gindieioTo. Roera tleye feri- 
^ten quelli materia ^iverfameate ^ 
quando egU« fia pur coftretto di^ra«« 
tarla, in quella gaifa^che-allo Scita^ 
e aH'tEtì^pe^ benebè 6aAo deHa me* 
defima 'fp»4ie , o Mre «j Ginecto di 
S^na^ «e al JFrifoiie fi eonveiigotio 
.^uverfi modi:^ 4 uarii trattameott^ 
della qttal cola M» a' avvide fettv^ 
n^otttl'a r Aft<^o;^ però «jiflbmigliò 
MÌi CfWi moko pih degU^^tri, cU' 



dby Google 



«irtvtno (critfo ìommì . J&iiiìo 9ih 
irt vedendo, die qoeAi Poeoii frddsk»^ 
bona porre frtfneUi^ die. ioti miig^ 
md colie miiafe Atglt eftreais , e pet-^ 
elle fiupeiaao miti gii.^ltrt lU gtSMi 
)uogKy'Aiai2rd»e>l'^ciifcìitte»tD &(* 
fé uoto «là kdevcàc^iqiiftiito ìMftr- 
Smrei e It frsiKkut ftnto ptir. rir 
guardévole,^ i((titmo mfé^vtQntìIttfW' 
ciocché frt' Mgaiifti ancora^ » ^uelkrfo» 
no piìi meravfgliofi;, che fiupenw 
•{Ha U eniaMne;ibtoft, e 4KÌ coMS 

Jiarimeote » E qticAo avv]enejì0a.fcK 
«Beate iiel*iavffd^y ««.«ci .j^ 
ietto; ftFvegft«cfaè dks nai ttotili ^ 
xbr fi tei^Mo jier drleti»:ddflft Adoh 
ee, e tiei mMf^iÌDpiàM hnàìà pie- 
^kisft. Nel maocsttCAta. dmiqtt^^ 
it aeiriU^hondinBa ato idlasetli intf- 
«ItpcrìÀè.fii lottpile auAiii^ ri|M- 
-fi ria propfffp perfàuMA) la iautle mi» 
Padre,, euitocbèrlaiaiyre Uicoava* 
jieTóict rtomè canveneta lana te » € 
s*ariiJde glie l'eAer dtibiao aeth fpa* 
de è miV firtificio^ è là^hmftAiiùm 
argomat^i perj^ feriv^nA» oiolteift- 
«ioni w^i cfaj^feflfit Mf»feittla:ti 
jsoktt^^dyiae^ jqrV^AdàofiO:! {e i. «^ 
..M aa 



dby Google 



?f»é dice r oppBffimre , Cbritib rHI^» 
^Mlffa qQftfl ftoiciml dMoccrta natxi« 
M) ^mtxfs^ick V'unGi e fra faitro^ 
-ptr quefku^itsa^lctitt dvbtia^quftk e^li 
M ^ concfeiliiia renMuiubbio t'iarttiì^ 
tjtò d&l9P00te;L'£ peréhàtexoaipara* 
i£ÌMÌ ftHora^fooo pHi-^bdftMiyetptii 
•accofloie a'ftrfiMCkves'Che'fon0:i«t> 
■fe'|)iiìl'clV'affivéfroVné dar parrtc pìii 
•victba ^ . pTifbif pivadert . coilxpata^ 
«i^MÌ ili mÌLter4a.di petffia, cbedair 
lAiM^tttiyiAatia-deblDNiMr^er prc^ 

V^[lbmigiia«oui'r{KwnKÌ dii anoite~r4i- 
(ZÌbiii ,^uèlfe^iMrrtatY« tBif gbr idd^ 
•ttoiiaBllilcoittfagoìftir mìisgi09 nbttxift 
-df'fc^ft'^Té fmgft'or Mpni id'Avveai- 
Menci : datvfiie ^nti ^lotiÉff , a«ì -mat^ 
4ì 'fi riwm ia -«oiaMAfin^ efì de«r^ 
•Mpr Ia«tfMi».«E<^^i^'f oenwtib^pili 
^bpiblb. de}!' JùmU^ej^ qva^ '"fMii :ab- 
%Md«nle,.-q^ £ptò' tf^cMrBooifalb 
d^H^hffvhudiii ynia détk'aéioGaimt;i 

tki l ke'Hiaaàl 'fmr^ante ^ ^cbt fcou 
ianpt)aeririiir^9 patréUf fViAinie il 
iKdMiiMy't niohijylf rlf)dber ne £oa 
^ttaft- tgniKli^ DanqSeal piM^Me fra 



DigitizeJly Google 



; il.MorgaoU Je TAinadisl è mfiiu> ilUV 

.coBv«aevpIe/,. qè mcno.ncdìtQ i chi 

fa 4ue(la. cowMrj^ÌQQc .41 ì^ueK «hi: 

fardUif. «he .v^^;«iffftH«|ÌDtr^^ 

fiiM»! 9^^9 ì^' §lfrfhy sk^ ^9i§gg\h 

col ImuUpvii «nalo^Ql^^ejlicgU^ 

perchè #f u .«Q^€ii4i muo l p^r^ii Jp 

jQo^v^ito ricip^f^qre , e^a^poveir»r 

vfeii^MÌf«nftooQ|BH^ (UdlpQVflt^ 
rè; ^to^{»f|#;np9l»i((fa|llA)t^^ piccM^Ùl 

:fpl^4i<l9^ il iq4^Ir;i<^pre re,j»elle«r 
Qjtóte4ipr<t|fgjfi|=frwcijHQ M^ qw^ 



dby Google 



rt0 if jmg& m ^ n e gli {pij^diy ^ «tfw^ 
feae ^t^ mOtete ftfftU Ifl^ri^ in veffi^ 
ttr^iojtfcHikfiè^ .BiV^kMki mi^ Padre 
tr<MSMiR}t(e^àkY#^ofe #trre « q^tte , 
chc'fcrilfe >l *rim# Atttofr iéW' A* 
iMàigly e ^^V die ^ 4a(l« d» lui 
'fòf&ro «giU^U <li htlitwu éJA^\}me^ 

/r€^ ^ iottopoftc tir ocekio qMfi ift 
ma paragéne t^uot el'aitfe^ M^^m- 

'fi . iè teg^rfr tétà 4^ÌMo 4titefio s "^ 

f^f dem cdfHbTtMe , f«r«lì* jM^Ui 
coiffiifimf ciafcttfift <óh /perde k-fìtìi 
!f&riiMl»<€ noti fi'acq«UUaÌ€iiA'alt«£; 
ma pnittofto «cfcoWiMa , per la qua* 
acT'Iftòrhi ha ptfdtìta4a4brflMldt>p- 
riftorift, e i^refa i|ttétla4rHi»otfei, 
'é»nM #i|Mefebbe.«ia«M»H s'ietta 
còlla *t»ò^'^Kta^'iMfeoMfit. E f^%^ 
leM-nhina 'Cf>fa hpìh foév« della mu- 
fturaV^l Poettoa-di liìio'Pidfe* tio>- 
!totfbave, aoti fotviflfiao^perctoèo*» 
fra t ftaétt le mtftiirc è Hbtviflim* 
Snella ^lUIùivoki te ideir lOorta , t 
igaeftà fu pemirvenww ^k ^«egtene^ 
^Chè Ertwoto ^ fc p«rc è iil^Wfc 



dby Google 



tparte &v.iildlb ^onc crote alcuno^ 
piaee otcri tutti gH altri Iflortcìy e 
nomìiMi €iafc#ii filo Ubro. dai hook 
delle *Mtff« . Ria ^bel , die mio ¥^ 
drc meravigltofiifliMitC' adfcotb, éifr 
tinfie «neora io .é^Mà ' camt ^ acciac^i 
cfaè non ióXSt <la ittekolafnsaifci»^ai« 
dtftuKiofiC) uè la «itilimioire fèina 
la mefcolèoaa^ -iM'la diftitiatoaefol» 
ie fliéfeolÉta, e^k mefcolama diftti>- 
ta. E ifeik coo^oìareqiitfi-iodaf* 
cua tf^fi tel^flMiifiio^lla dafcrU 
.2iol|^ ìM)' «l^iity «id cke^il^fioooi^ 
ciò aVé ir^ 'W » ki 0Ì«ee f^iovoata^ par 
dimdftrtr nM0kft atoMaiMa nella 
màe^tét iìel^iiiéifle 4eUc defcrìito^ 
ni^ le c{ia!ì'Éial ftÌBaipm dei /cacti 
foo^ ftwtmxixiBm «^pìii sMt viali che 
i proemi tnoiaii. , ^eiiè:^f«M pneoe 
di magglto»ito9Mftitfiìèpo^ce:oittii 
di ei^gf émtiMaAsamoiitiide'Cofiuait 
dcbboao^)0fle# i^vi facondo lyvel dT 
Orazio: vkièfkMfumfin^^kkviu 
Ma l' Ariofto t Miglilo antì cìa 
-nb. Peib «iié'Bttdte 4410 cede io qoo- 
.Re, Ile «ferfe^o «teuo abraiparte atr 
AHoiltfi %^tM dkcficcome il fiip^ 
ila iiirtM.4t^fttide»Ea yHoà^iX faioo^ 



dby Google 



l£e, cjie Hqutftp psiragon^ #«tfpgo mal 

voìwtitti ,' e- 6) €h^ .m\(yìP^rfi fu 

? amica mwtjfc K^ iti' Ar^(fei# ic 

. CMt^fèrfrfe tflllvIWSJIÌUf fe .»W;:fckflp 

.nat ioci^ety ^t^na ^0er, iQ^iita dU 

• mki ; iioodtfÉiPiio «arigop^yndo.^ iVaa 
fola .ptcte:{;ffaSllUi»ic Jiakrq ^aiw^if 

; fi potrk ^.«Q^^I^De Agf vpiia^pfìB. ^^1 
dtc i«tòboq^aW!*àJtt«riiì.»p9ttìflfc.é»m 
{Irate . Ed U .pftragQM |a||iir^#i|^(y 4^ 

qne , . «fce l*. ta^,i^:jK^«| 1M»>re i 

kri»:. rtì«ao.-^4V4k«^..di 



Màafippcbèiio;i6taÌAaA0 %9lìyeeii f H$^ 

f^^ ei\a9itt»^'.MMniet794ft;Co^vi^i|£- 
«•vok ^>€bè r uwdlqiitf(lf:''PAr|bM .(^OQ- 

idmaai £ {(oBÌadÉbbiiot^Ai^ pà.^ojv 

,inaa- 



,? Google 



mtti; perchè l-e€cellen«arAeUe doffi» 
ìK^cooMe* nella bellezss , - ia qia^l 
nifiaire ad#>taure., &ioic»e,queUaidQt 
gir itoàimÌ4è<i»i)^tfvitore^ che it dvp 
moftea^tMlilc i^Mftàiooi Jattè :;iper.>v 
moKa.firosfiafeito^4u0 cibofoi: coék»^ 

e Intero (itfé:}naniMni»OH^i^ 
coso è pi^friftiridlerpprbae rc^t.oi^ 
iraj tatti gli )dtsi. iSi»(HFOfie\ttiIcneiife 
ftdbnK{uc aioB' «ALti»a(Jlìgt. .>tA^réor0. i V 
amante^ « ^r iadaìT^aottifta & Uà* f]f*fh 
fta icaNMneudksriàJBDialit rip:òirt»inel 
eFaùofe^ddeVquIad^RtigSQSii àtMiaiJ^ 
piÌKicIbe aMaM^^tafiMéamuKè. aioa» 
ptà cfae-^nim èA«aiittf^.c fcs^^j^ugr 
gcso>» 9 . oasà ^dt* tak^lq Ài , f^'v^m^ 
e &.'t€ittiu;t|ua^i «ffioM e.iiiaciibv^ 
perawittl/àiyiM ì^anrcU^ IMittil&^ 

: Rageord> aéias^ - cofiaik^na per g^a* 
4a^aipfi qifrilo i&i'lliadaòmtevf «iM 
^larupiie iiik la tdifpiMzv,* è iie:lw^ 
<CMUpooÉ)^Ìdmft;. il^thie %tmk\ì finreUi^. 
,f«»fmtitim«iaiitii; fcunwieyda^tffia 



dby Google 



iti* Poeta tìoQ limofiS! , <!he ida mcOì» 
.«more e dt qoeflo ontriisaoiiio dovcf- 
«fero derivai ì Principi d' Eftc > il 
«iIuaI ri/petto 'folodovwt eflèr bsfte* 
^ole., che egli fi pwofoaetk'inwami 
•gli acdii tutti t dcmri d*«0'.alttv^ 

E dico MM^Mf e^iinttf ic/iCDnireMoai« 
KEC) le/^i«alt*aoa^ciif«aio ferfettit*» 
rte; pcvcibè «lift fM» iUtiift egf^ttioge 
Ift poct leiltì^c'la ptceìok èonb* 
«a. Né 'feto £icilaiciite il piega «f 
.piaceri d'Alcioa, cd:,afdetc s*4ccaMkr 
,^, oomc sUeeflè orile veoie acccio 
^1 felfo; .nella «ai càU poteva for- 
<t alter papK 1 mcmi^i bepdi' egli 
aiol dica «f(Mre(&aKQt)e;rJBa delibera 
.ali goderli d* Aloetica 'ignuda eoo 
4jfl€\ìt parolei.cke efpaaiwBo laiìm* 
!-eenxav tanto lodata dalF amieo camr 

Sfitore del aHovo idialégo. Ma Ali:» 
ro Ima^hè'fia aecotua^nato ida in»» 
.cilla^ vergine eafta.)ri^liiiola«idi Rai, 
"belliffiitia^'ed aecefa del fiaa anore \ 
per ceì dtipreaaaoa qùeHo* d' un Re 
MAyiVìBimo e «atèrefo, Mnifi déoieii^ 
tticaoiàiili Mìrinda, né fi lafcia<v>«v 
ircct da miQ^a :1ielitzzar f o^da amavo 
^ilettD) meoire §l' incarnì 'OasBod^ 



dby Google 



7«|P; mt il ìkcQ9ù ài Rtiigefa ft 
nell'aitrt cefe fnea degno jài confi-^ 
derazidhe ; percioccliè efleiido egli 
obbligttfffimo « Bradasuiote , per O" 
pra delli ^uaie era ófietto due mUe^ 
di prsgiette ttÈgagaùfà^ dove era i|i 
gaira «itemito, cm «eo poteva di-* 
moftrtre il hù «aiew, arepone alla 
fua doma il tao iRe , al qiMle noi» 
aveva alcoso obbligo p«^cotafe.» né 
veramente era fso rriocipe naturile» 
pecdiè'C^i jtra. oatoét padre Grtftia^ 
no tUGctf^ti dal padre d Agramaote.; 
ed aveiidoglìele propoAo (non cooli^ 
noa nel Saéituno proponicene ; an* 
.ai dopo cfa^egK ^d^be aceettato di eS» 
ler ^campione del Aio He contra un 
•Cavaiiefo di <6arIo4 e fiorato d* ab^ 
bandon»rlo,, V.cgK diftorbaffe ia coti- 
tefa;; per d^oiesza ed incoAaoza JC 
aoirao fi ìnoflra taoto infierioce a Ri* 
oaldo^ cbe il Ite deU* Affirtca., tA A^ 
gramaote medefinw ^dt^^cai^dalb ftu 
vittoria, r fi duole diaver troppo cre^ 



duto «Sabrino}: laonde paae ditegli 
tradifea ia caoia' dell' Aifirioa, e llfeo 
^è, del quale oióftcava tanta ftima: 
pcrcbè^o tooB doversi accettar 1' im« 



dby Google 



53rVlTl;I 

to Olici che pofeeva pet vincer Tav- 
verterlo • Dunflie m Stata mAlefimò 
il fedfl RuggBtó:di Qaiapion.pubbli^ 
,co qtia^diivtniéndo'^pubbir^Ov credito- 
re Antepopb yàtoQfC'MV omo^iit la 
fuè 4on*a al teo 9t%ngipt^tà\M •> 
Tikbè A^eanvantecondTetvfui^ iocib 
^iid .«he (fi ,eei;iv,ij0pe figli .AArulaiii^^ 
foiQpe iè griinniQÀ<i>« \cHftterr9tP»p« 
la comefa fra i due Carftlien , i qt»t^ 
lì combatterano. £ R^iggero di.nacH 
.vocdaferfRati giàranacoto, ferie perf 
elle la tcomioimmm^ àtiiukcSc W» 
.eri^re^^ «gliele à^fr.&iiCi d\^l^ 
cUenfiaa'^'Scho potttva ;fpp3 ^portMrd ià- 
prtimo fitto iUneoti il coa»tqaaiEnQ9'* 
• to- della baetaglia. E in quefia gal£a' 
Ruggano prepoÀe ìLTud Re al (lào 
Dio, che iè quali© ftcffo, ..eh' ^ a4o-. 
;rarò ala' CtiAUnì .v:>e «)£<»' ApipareóCsi 

. df. fede, aiial&de .e alla reli^oi»'.;'>er 
)* urnaiie«apiin[Mii«)9lle.l.diflrÌDe jrtgio» 
ni ; pcrckicdiè il giuisiqnencai . 4 :ttir 
parlare oBNifeniiato ^coloonad: di Dio !^ 
ovvero un parlare .con veiteraziaa:ie 

divina Y che non riceve altra; prova'; 

iC rolur pare ch^ pecchi in enrem^ 



dby Google 



grado» il qiiàhfa giurànientb falfoy 
perché ^e^l 'bene e il vera fi conver^ 
tono , fi convcrtocrp ancora il falfo 
c'i reo : e fé quella è verità fomma , 
che, è fomma bocrtà, .farà grandiffii 
ma malvaigità qaeUat,nehe è graìidif- 
ma Jftlfità. Ma .fov>ea^tutte è tjdieMa 
meuxogna'VJehe più fi dilunga* dal bi 
foMma verità <: qutfta tducique far^ 
mvltiia «Anelli».. Ma colai ^pià s' ah 
lontana ^>daiia dtVitia verità, il qnalo 
inganna icol nome di Dio;: lo Ipec-^ 
gÌÉro dunque ^ peggior di nelTan mU 
tfo ; il chtf fi può argomoptar às^h 
effetti parimettte „ pmAtè^ s' .al<nino 
iion^()ià Vi^na(fieim> m guatstoa 
lui foglie tutte ke coie; e tutte ie 
riiinav né lafcia alcuna legge, o com^ 
imercio alcuno fra grinioiici , fra i 
quali ce he fon molti; laonde niutia- 
guerra potrebbe* effec .gitfftaweottt., 
ma tutte faribbono nngitffte , itutCj» 
barbare, tutte inagH)iievoli e inoma^ 
ne . E 'fi trtmciitPebbttiotutteHtewie 
degli accordi , e dcé(e tregue, quel* 
le delitt paci, e in coirci ufionferom* 
pendofi il giiKamenro,^ guaderebbe 
:il mondo* Oevediinque aUer ofleti^ 



dby Google 



! irato invbUblimcQCc, cJ'offerv;»©»^ 
' i Romani I ci Greci, e tutte le iia^ 
'^toni,. le quali guerregfitaroDo con. 
ragione^ x e^n arie accrcbbono Y im- 
perio, e con la^atsova difciplioa* & 
iè gli ASrtQtoi.9 come é fama., foop 
fompitori de-* patti, llu;^gà:0 rioti e- 
va AfFricano, ma di fans^up^ IttUanq» 
e figliuolo di Ruggero .di Rifa, taU 
chi efTendofi col prinio giiiraoieiilo 
difobbligato della fede, jcwaveva «1 
Tuo Re., e col fecoado carenato r 
obbligo affatto 4 non per obbligo aU 
(Oiiiio di -fede, ma per un% vana opi- 
nione di cù&uML^ rompe Tuno e 1'/ 
altro giuramento, e Tmia e 1* altrj^ 
fede., jch^era dovuta a Dia. £ di nw^ 
vo prepooc non il Aio Re al fuo. Dic^f 
ma al /uo ivero Dio quello., che non 
era pib rfuo t'ero Re : perchè col gi<^ 
camento. avea ceduto ogni ragione ^ 
i»h*egli potefle ;aver fopra ^Ruggero • 
Ma perdooifi a Roggero,, che Tegu» 
il* opinione -di molti Cavalieri, i qua^- 
ìi aouno aflTai quclf onore., che pe- 
«ravveotura non cooofcooo intiera^ 
.mente , js rimamafi quefto rigore , ^ 
wquefta fcKfrit^ fu le fcQple.de*Fiia>' 



dby Google 



fo&iifr, o fra rAbcademte ; e fé vi 
piace, prefidiaino ilcrì- per gif^ice di 
qàcìj elle rimane,* perchè lotto gì a« 
dice alcuno non iflimo, che fi pofl» ; 
polder quefta lite. A^ Cavalieri dun- ^ 
q.ue io dimando, fé dee hsù maggio^ * 
re ftim» defl^ odoro o della TiYa ; e 
fe rifpooderanno deU-' onore , come 
lènza dubbio rifponderanno, foggiun*^ 
gerò che gli obblighi che s* biinna 
per V onore , fono maggiori di qtielU, 
che s' hanno per la vita . Magg^^^ 
cranor dunque gli OfbbliglH, che Ruf* 
gera #reva »BradéeraaCe ,• per la qutf* 
h fa. tratto di vita xosì vergognofa, 
che queUr che.egir ebbe eoo Leone, 
che lo camp^ di: morte ; e noe- hUy. 
erano maggiori, ma primr, e i pri^ ■ 
ini fo^Tiono togliere i^|H uli»mi> qua« 
fi ogm forza. Dtmqite per Ton, e. 
per r altra cagkme l'amor di Brada*' 
mante dotrea ttkr prepoAo d^ Kiig^! 

I{ero. air smicilia di Leone, la qua<\ 
e rf^va rigiordo air utile ^' e aUaì 
propria riputaiione, come fi«raccoW * 
^if' diai verfi ddfoti^vil ^qoal diec: 
«Non ha mihór cagion 4ì mlle* 



dby Google 



ttrr 
jyDel padre il figlio, eh*' oltre* 

che fi fpf rt. <c • 
3, Dìfegnb «co il fuerriero ^mt- 

,, Con beocfiti, e feco averla in 
fehìtfa: 
' ,yNé RiMidoy sèOclMdK» aCar-« 
lo Magnò 
)yHA da^iflvkmr, fé gH ècoftui. 

Ma & nondimeno aacepofto Leone' 
a Bradamanta ,. e ìjé qaefia tnaaiera. 
tutti i debiti difMfcnticati, e tutti gii 
uffici lurofio pcTlwbatr nella. parfona . 
di Ru^rorpercictcchè'' prima fiamo 
obblfga^i a Dio,, poi al Re,>nel ter- 
zo luogo alla angHc' o ali' amante'^ 
che ama dicaftoi^iinorev nel. quarta 
aU' amico, che ha per fine T utilità 
e rambizioiiie.NoiiditneQo Raggiera 
pfipoae r «mrbìrtofo Greco alla. ma* 
gtieVedele^ e la moglie che non. e^ 
jra aneer moglie al Ae^'Cfae era fuo 
Re) e li Re che non era fuo. Re al 
fuo Dio , che fu il Dio àf, Rnggec 
primo, di^Rugger feconAo, e dìJ^j^f 
ger terzo • E in qnel fao iheraWglio^' 
fo combattimento, che fiuccgi la fua^ 
-.^ doiK 



dby Google 



XXtll' 

&naa\ armalo coirinfagaeidftljocaae,! 

Atto non tcT4ik fe noti che la tua xho« 

glic'JGa poflciéttta dal fuo rhrak.-Ma 

Alidore nella battaglia- con Mirriida- 

in Siviglia por falwa^' U> vàa al &*' 

gliuolo del Ae di' Ka^varra fieateUo 

di J^pcilUf Mn^ le ft torta aJouao.y 

perchè 4à tw^rmùn' è.imic6:tiita« .Ve^ 

date, io qiaaw^optìei'a.UB^^akro mìe 

fagioii6lrai£^(A)al'ca&i\d? oaof . e ff4b< 

mor^ i ^.itotf .fidsftfrit^ dw , ri» fté 

quatUAr^" dò^.qHaii.djpff <mò0.mi , e 

dike casq^ni;.* ilua!a j idi;, piii nuora e 

io(tÙtit ytfmpa:, e pài iogubrc e con 

sHtSfiore :%AìteotO£fe iamonpMIhàt àt-f 

gliffctilltori ;^pliteiti|qiie iht;onibati« 

té» £a .|ifik cnigiòneÉde ocUo^Oocca^ 

tò^ e i^réwlano icLioonàviglia del 

cigno » il qjìal òoadau la barta r d 

^atl drfia iclva j cbe da loro prende 

il noflae'.itguc; quella dei Lcbnc , cito 

porta roppocttii» ktitpi, e dei foi 

gno^ della -nube miracolerà . Come 

nel Furiofo Melifla ) nell' Amadigi 

Silvanella, e 1^ P^ma ^cl lago fan^ 

no le meraviglie, e -oncio^liono quei 

nodi , che fenza V aiuto loro non pp« 

tevano cflere fviluppati • Neil* uao* 

9 Poe-» 



dby Google 



Soema ngvm V eloquente Gfeto a . 
Cirio ^ e neU'altr» at Re di Siviglia 
P èloqoente doom^<, che perfttbde a^ 
mtHaf li finrera ltj^e« E (t la cor- 
ica di leone è ripiltsU' ottova-, ed*' 
ioaudsta, e lo fciogttcaefitò' della fìi»^ 
vok piscettole e m>n afjpecoito $ ìre^ 
ptttlfi, tK*ioTQ^Iìo.oin gli akiiitut- 
ÉLopiaraviglìaraii ^ e «ama mvleM^ 
koi^ me l'iiBpcdi£o*«9 lodifi r^c^ 
iko},atf io mi coòffiadciii^'-delk fiie lo** 
di ì . purché »mìo padre ^i fia dtfto {icr - 
compagno netta poefia. Ecce imicr 
e Signori OMti la difcfii ^chc li etri- 
ik del Pkdre mi ha uoàUtto a preii« 
'Skr coatro Foppofitoff, n^laiitial^ 
ho voiuCp difiuner l'anno difendette 
la fua poefia » che non nuò nfftf if^ 
frefa fenca biaikao del liiD gtudiziD; 
e non oflender Taliro, che fjerav^en- 
tura porta la medefiou opinione, m» 
. icrve come «sH dice alla caufa^ 



CAN- 



dby Google 



C A N T O 

S E T T A l4 T E 5 I M O 
5 E S T O- 



OJi 
05 



^iOtPP 



i^ete ornai dal l«tio tnlme cliÌArf 9 * 

Cht dr.pen(ìer gentil vcftìte i cori; 

C?ti'e K^ V Aurora in X^rientc appare y 
E difj^ombra le tenelMr-c. e ^ii orrori ; 1 
Gii -fnoftra 4' onde (uè cerulee il mare; 
Oli arbor le irondi^ la vaghezza i fiori | 
E la mia Mufa in man la cetra ha |olt« 
Con voler pronto e con allegro volto. 
^ % 
Forz*>9 clijio lafci ornai ilare. ìir TeiTaglift 
Alquanti giorni il Principe Agramoro, 
Poiché Talta Reina Ila Ja battaglia 
Stiirbatat ch'egli airea,,co« Filomoro: 
fi«iKb^ fiioftrar , quanto fua fede vaglia 
di.i^krà à* uopo, al par^gon , ccm'oro 
Al foco i e ^1 gran<l' amor di qu^iU Doana 
De' fiioi dolci defii falda coloaaa « * 

j0m. ITé K Io 



dby Google 



A X CàHTO 

iù torttó t fiflt prova, o ?!ofMtot«, 
©fila frrmetia del ttìo invitto core ^ 
Che fé durò non è» come diamante. 
Aver non puoi della tua imprefa onore t 
li brando fino è puf, com'era avaoM » 
Pel porp'crino fuo vivo colore i - 
E s'a tanta htàil fermo ft^rait 
E vittoria ed onor perpetuo avrtl# 

it VA' portàndo^ta <pAdà venni^lift 
Per lo piacevoi fe>»no di NivetUl^ 
Torcendo fpeilò ot qua, or la le cigli* 
A' piacer vari di quella fel vetta: 
E «OH la fida niinzia fi C0;fij5 i*,^ 
eh' a quindi ufCf quanto più può i alrrett», 
Temendo pur, che'l fenfo non gli logiia 
L'klt* vittofia, onde poro van fi doglta* 

0ove-terfo Oriente era la port«. 
Va per ((Uef ponte si Aiperbo e vag« 
Dietro la lieta ed sMorof» fcòrta 
Pelle Donzelle, rimirando il lago, 
Che si rare ricchezie in grembo porta» 
CVogn' avaro farian Contento e pa^o; 
Ida vtcinrt al palàiio un metto migli* 
Votò accidente aitar gli fece il ciglio # 
à 

fetcWS'M ponte 11 pavimento > tale^ 
Che tetìde agli occhi cib,ch'kìu: fimotrà, 
Come d un bel criftallo orientale 
Spéedrio, tanto pregiato all'èia ooftra J 
^a di'Éiateria non tenie» e frale, 
Ma dti'rii'Cl, che Col diamante gioftrtj 
-m cui non fo, e' alcuni iAoria fcriv» 
SI • «fcc roemorU àficw 4i ici pur vive • 
( . ^ ' ^ mal 



dby Google 



SCTTA%¥EStllOÌtE$T#. ^ 

M Sol difefi» ttttto era di fopra , 
D*ttii drappo d'or di fj^cfle ^vmme ador^oj 
Che ben pàrea del Ciel U divin'opra « ^ 
Qiufor notte ci an^untia un lieto ^toriid e 
Il fSi^é ifpan ftupifce» e i^ómi ado^ri^ 
Penfand<(,'^'ivi i Dei faceta:!^ ^0|^&fór4«f 
Staott^lrti lifi mirar più ko^t'U\\é^ '': 
tìn^oRU^ m'afe aréne ^ 1 1 itelo StWlt, 

Fttor de) nataziò , quihtó un arco tìra'^ 
Incontro dì Don2elìe un lieto coro « 
D'àBitO' eletto e dì bellezza mir^t 
Inghirlandate il crin di perle e d'oro» 
Che ton più d*un liuto e d'una lira» 
Accordando coi fuon le voci loro, 
Fean ti dolci Concenti in vari tuoni ^ \ 
Ch'umili fitt' a vrian tigri è leoùi. 

UrtafiiV areràti pafazto al hto étRrm 
Sul* lago §' ftendtra purò e ^Utente . _ \ 
ty^a' irati lo^l^u ^ non di UfCo a^p^flro^,,' 
Mi di terfo alabAro e trafparcnte . 
Di mari fco^pita del migliar nnatrilro^ 
E d'7carpel più d'altro diligente , 
Ch'avea damanti, d'oi»ni lato, e dojpp • 
Cfìlonite' fiaftiiheg^ìanti di piropo." 

»* . .* . ' 

Ivi fhiììh 'già I* ora era di' dare ' 
At corpo cibo') poiìa era un^nienra^ 
La qttal'non fo^i S^ippien f.^prb lodare^ 
Tante nò^t Vaghezze in fé tifirpenfa. . 
I vafi d*'or à'r^pèt leggiadre e rare 
Fatti , e di gèmme ,.e di ricchezza immcaftj 
Onde •tott* era fp'arfa, erano cofip ^ .^ r 
A vedtf ed d dir' «craviglioft. ' • ' * ' ' 
^ A a US 



dby Google 



4 .....XAUtO . ' ^ 

\Ù 

Ivi troVb Nivettt ii faMinO 

lekU 9 cóme formar potri» con mtM« 

Se vivo (offe, Rafael d'Urbino, 

O Buonarruota il grande , o TiiiaBo: 

■ X' abito era più bianco d' armellmo , ^ , 
Che con uri.attó graziofo umano 
Sì dolcemente il Civaliero •ccolfe* 
Cji'OIinzii ficl fùo'cor inciso fé» 4oI«» 

'-•''"••'• ' Il 

Ofcian a4 or ad,<iir faetfe e dardi ' . 
©.'(uoi «echi (oavi , e faci iccefe 
D'Amor nel foco da*fuoi dolci fgpatdi; 
Willf reti d* intorno erano lef» 
Wèir auree treccie , ond" uom potrebbe tmfdt 
telato fciórfi ; o far fchcrmo e difefc, 
Plorid%nte gentil ti| non hai fore. 
Se hòii f arde J|cr,Iéi «anwna d ainprt* 

Con quella nan, che fé ralipa^atttrt» 
Bianca quat neve, e molle e delicata ; 
eh' ogn' alma fcabbra , ogni cor afpro flirt, 
Él^endo il prefe Tamorofa Fata, 
E gli diffe: Signor, fé la ventura j 

Ba iieiTuo per timore ancor provata 
Avete forfè di provare ardire, 
7Jr^ Contènto il bel voilrq delire. 

f| ■ " I 

ìd quefto lago, m,qifella fafte,.d.>iiiO 
Il gelato Aquilon talór fofpira. 
Proprio nel mezzo delle lijcìd*^nde | 

Si' ftà uni belva moftr'uofà ff\di'ra. 
Ch^ fol U Dotte appare', il di s'afcDnde; 
.Cui tanto orgoglio aifale, e si grand' ira 9 
« Che dagli orribil occhi , e dalle labbia 
V^ ai 0£Q'or fiamma j vclooOtC rabbia. 
' "- - ■ Co» 



I; 



d by Google 



SETTilNTE^llbtCtSESTe. f 

Con qutfftm, fot con U fpads ir«rnfgliftV ' ^ 
Spogliato Mi* ogn'alnr'airina, vi bi£ofà4' 
Far la battaÉttA eroda a ineraVigtra 
Con p«ricol di morcve di vergognai 
Or fa *\ ffottf valor pur vi «onfiglia 
Di tor rimprera, éà aito onere agogna v 
Una Donzella fecreutia fida 
Ci tutti i mìelpénàer, vi ikrà guida»,'' 

Bella littoria pòi Ai le ^^tifcié • " i ^ 
Il liranéo bel, e^rinido'iil mlli-ténetèi 
Che d'accorte vSrtcte oi;ii*alìf% ece^dt, 
^ccóoie alparagon peiln» vedrete. ' • ' 
Il Cavatier , che dica il ver II crede ; 
E con re luci (uè tran^ttìMe e liete 
La priega , che non tardi ornai la prova ^ 
Se di pieccq^li in ui dc6o 4 tr»va. 

Defiasasi ^iftla, rlfpofe Ni vèti» ' ' i « ' "> 
Con cene paroline H inganaar dòCte, •• - 
Che correr non hi(<%na in tanta ^féett»^ 
Pereh^elft non apptr ie *ion la nette ,• - 
E*l di nafcofta ftà nell' Kbteita « 
Che di oni voi vedete, in quefic grotte « 
Ed ha si in odio il> giorno e V alma- luce , 
Che inai n«i «fee fuor, Mentire' 'i Sol ilice* 
«•^ 

Fa difasmuo il Cavalier ^tile 
Da 'quattro Giovenette in un momeotvf. 
Che gli pofero addoffo un fignorile - 
Manto ,.srappunto di feu e d*irgento: '- 
Al fao'vniore è la behà finfle; 
Talché UEau fol{pif»r già (ento •' 
Pii d'4inn ▼otta, «Pine unto Heitede^. 
^luocn.non. vide <^ue^« , o. ^l' etad» • 



dby Google 



4 CANT# 

18 ^ 

Acfue^ elle mille odor fplnvtii fuon ^ 
Jnlyafii preilQ a'.^l^M CarUa i&B^etti 
I tefori de' Regi e ilmperadoiì , 
Portate fur d» quattro F^ncTiulUttì , 
Anzi ( ti potrei giurar ) da quattro Aineri » 
yUti a depredar i c^r da' pel(i ; 
É dà aiuttr'altri tsfior i bUftcÙ ììn\, 
Spvfi 1' odori preziofi fini* . :. . . 

Bla perchè pkl ritardo » Mm:f %i9a«t% ^ .. ^ 
A^v«iiae.ii|. qufift' imprerotal g^i^Qu^ripqDor 
Fiiyìto U 4etiQàjr laurei •C9ia|i|o>i ..". ; 
Che non può. lo mio^ ftìli^iuager al v^ro « 
Vdiro di D^nz^elle un dolco canto , 
Che fea di foco o^i freddo penderò « 
JB, di novi ftroaien ti. altra armoni* 
Di quella» eh' egli/ ave va udito fmp 
^p. 

Cela la Fata,. che pigliar fel^pfiffarp r. r. 
In offH fua parolai i» ogni fi^uafd^ 
Ami inefcati, e dolce fi#mB*a acce^fa 
Da gli oc»fai awonta « e pia d'mi anrf(o dardm; 
Ma in van s' »d4pra , in van j' arme difpenfn. 
Che non è Fiorid«nxe a fuggir .tvdo i 
Ed ha si'l cor di duro ghiacci^ cintf, 
Cà'un fol timor non ha di re^t^r vint^t 
»i 

FaiTato il lungo giìorno in tali e «enti 
Diporti , eh io: narrar mai non faprci; 
Or a gara vedendiO «ndar. folcan^i ... 
Pini per Tonde chiare a quatti^,, e a fci; 
Or in leggiadre t i gieivenetti Amanti « 
E liete Schiere 9 «arolqt toa l«i^ • . 
eh' amano a par del cor ; erji donctllo 
h cacciar icrt fufùttTt • ihcU*.. 



dby Google 



8BTTANTESTM©J?ESTO. ^s 
li * 

E gliy iniu l'onorata eena, . 
Videro giù venir per Toadi bella , 
Da oidio aecompa^nata , una Sirena i 
Cke notando adducea la navicella 
Con U al collo legata aurea catena» 
Senza tener di vento , o di procella 
Orgoglio ikun , altiera e trionfAiite » 
Cke Nivetu gli diiTe un poco avantc* .: 

Io non vo* perder tenpoa farvi nota .. r 
Di queftt nave la 'tKche^Xa^e 1' a^t«V \ *' 
Di materia 9rM al noitfp tempo' ignota »'.' 
£ di gentil rilevo Oj^ni'fua p^rte;' 
Giunta alla riva ftà ferma ed immota; 
Arbor non ha, non ha vela, nè'ifartejj ' 
Ma con l'aiuto Col folca qtieiroode 
Di lei 9 che *1 volto fcopre ^ e 1 <?or£o;^o|Ubr 
«♦' ■*' ' 

A Fioridante allor diife la Fata; . .' -^ « 
Se volete provare il valor'' tf<sÌlroy * 

Foi che quella mia nave è ^ià arrivata^^ 
E dove e outndo, vi farà dimoAro': 
Frcade l' Iipano la fpada incantata , 
Che ferba anco il color rofib, coro* oftro* 
In qu'efU Olinzia gli s'aceofia, e dice; 
Può U voftra virtù farvi felice* 
15 ' 

lìcordatevi ognor del vorrei, onoi;c , 
E della fede d4ta a Fitidorà : ' ' ' 
E non crediate al Infingbiero Amore !^ 
Fallace più, che Ro;i i l'onda, o Vùhi 
>foa ritogliete a qUelià Donna il core. 
Mei cui petto ^lice or (i dimora ; 
Che fia con votlro tal dartno e martire ,. 
Ck'ogMr v'affliggerà fino al .morire. 

A4 ' Mtllg 



dby Google 



« e Ah TO 

xé - - ^ 

Ktrta barea Ctcor Taka» ch'^è tutt» 
I.iieida « chiara, come uà Oliente, 
kilùT cU *t Sol hA gii trenta e diftrutt»^ 
€>gA*O0ibra ofcura della Notte alg^eiice. 
Ma lafciar voglio in quefta dubbia tttUft» 
Alquanto ftàt^ U Cavalìer «alenut^- 
In cai con la cagione il fénfo forte> 
tttì afpr4 po^na , e «1 ine avrà. U morti»». 

^7 
Arendo ouattro nav^ a|^ptreccHtate 
Graitnaa per andare in lnìhilt<rra«. 
Dtr tutto s2. provifte e corredate , 
Che noa. temon. di mare Irato guerra ^ 
Con. dieci raghe Donne « e bene ornate^ 
E tanti altrr Gu^rrier , partì d^ terra ^ 
B col Prence famc^fo e fìn^olare, 
Cb*ér Greco Cai^alier. fi fa chianìarr«^ 
, - it ; .. • 
fkflk fa pertelibra^en)pia Kfalea^ 
Alla min ìlancfia^ìando. Citerà^ 
Che fu sl^rata ali:aflioro'fa Deaf. 
E'I capo Matapa», che m>o Tung^ertr 
£ per la cofta ognor deUa Mòrea 
Solca il tran<^iiUlo mar fino al ù fera^ 
Ma fi férmS il Nocchièro a Sàjplènia^. 
Ch'avea In quell'arte, lung^ eq>erienza U 

Ch^^ancor cE^aveiie arm^r e %ldi legni 
Per ognr pugna ,proce^{| e, r^ i ^ 
Saj^i^ndo quanto af^r^.tetnfie^ia.' re^nr 
In quel golfo crudel deA^* Arcadia,. 
Volle del umpo buon vedere i fe^ni; 
Frima, poi i* ingolfò per qoielU vìa:. 
Dterfo Sicilia t e con le vel« Me 
Ì( iku^ìiSùk ti porlo, il terzo giorno *preft . 



dby Google 



SETTAWTEStMOSÉTTlMO. ' » 

?o . . 
Mi eoa dolce fiato d* Aquilone » 
sol eoa la vela del trincbetto bafTa « 
Varca lo ftrecto del Taro , caf;ione 
Di pianto a molti ; ed alla manca laifa 
Meffiaa.' e Gì 'ia ali* altra; e l'arctmoirt 
Sptei;ando al cielo fot "Lup^a f*f[à , 
E Caftigiione « e la feconda cofta « 
C&e di Catavrìa ricca al «mar -s' '«cooChi> 

¥ede alla delira Agr^poli, e Cìlfhto,^ 
La foce di Calore , e di Brindano , ^ 
Salerno , liatfi , Mafla , e *1 bel Sorrent» 
Col fuo detiziofo e picciol -piano. 
Volfe la villa H CavaHero intento 
A rimirar, 1>encfa% fofTe lotrtano, 
L^alma Citd di Napo!i Reina, 
Ori nulla dì ^randecza !s' avvicÌAa^- - 

faflà Capri, Prodìtte, Kchui e Mifèno^ <-' 
Cai*l Troian ivi morto it nóme diede » 
£'1 falubre Pozznol di frutti pieno" 
Entrar Volturno in tnar turbato vede , 
Placido Lirì, e Mota, e lei, clFe''n fené 
Enea portò , ciie fui bel it^ome lìede . 
Quinci il Vento nemico a Tramontana 
L'adduiTe fuor della fpraggia' Romana* ' 

Ta lutilo il lido del Senefe Tinpero\, 
Citi liulió di bontà li paragona ; 
Lafcia Piombino di metalli alterò; 
E Luna , de* cui iir>rmi il jf^fido* fuoAa. ; 
E Livorno varcato , e Monte nero , 
Mira ai la manca V Ciba , e la Gorgoni , 
E più da Innge Corlica, e Sardigna , 
JU Hau «sU abitanti afpra v malisoa • 



dby Google 



«• CANTO 

Ia v«Ia ioMiti il tira, • ▼«de Pifa^ 
L* antica Fifa, che'l gran Cefmo oaow,, 
Moa luoge d' Arno in fu la foce aiìfa » 
E ael Lieuro fea fptgne U prora : 
Ivi fi rinfr«fc6 dirocco in guifa , 
eh* a Genova arri varo in poco d*ora; 
Ove ftetter duo d) per rimirare 
La gran Ciuà, ie ville illaftrt e chiare.. 

' ÌS 

Foco iniuazi al mattin , dall'Oriente, 
Fra Paria, ch'era candida e vermiglisi 
Si moffe un venticel , che dolcemence 
Lo fpinfe al fuo cammia di molte miglia» 
La riviera pafsò v«r(o Ponente 
Si Genova , e Provenza ; e di Mariiglia 
Le pomici lafsb dalla man ftanca; 
Me però l'aura al fuo bifogno manca* . 

SI* ingolfa per andar per la più. corta» 

Poi chcl vento lo'fpinge: e. vede adeftra 
Le ^ofTe mariane , or Acqua morta 
Da'noilri detta , ed alla man fmeftra 
Le Baleari , ove con fune attoru 
In tirar pietre la Tua gente deflra^^ 
Fece a Metal di cuoio ricovrire , 
L' armata g per fuggir de'fiiffi l'ire* 

Giunfer il terzo di, fertaa trovare, 

Intoppo alcui, fccuri alfaitra fponda^: 
% perche la Oucheflfa era dal mare . 
Turbata , e r<>ura non aveao feconda j 

JjLetter tanto di fp^zio a rtpofare 
B Palanius, che con la chioma bionda 
li di due votte apparse , e duo s' «fcofe ; 
S*i tema «vvcfio il Cjio iiiror depofe • 



dby Google 



8ETTANTESIMQSESTO • jLp 
38 
B ceileggisiid» poi la riva incolta 
Di Catalogna, a Barcellona andati, 
PoiU fui lito, air Oriente volta. 
Indi \ Valenza, al mezzo di incontriÉ 
Far dà un armato legnò , che con teolt^^ 
Fretta correa per li fentter filati; 
Il qual, come in tal cafo far fi iuolf ^ 
Gli fa lutò eoa gridi e con parole* 
39 
Cortcfe parimente il la lu taro ; • . ^ . 

E di cui f" fife il legno, àvtiX tAtttÒBaOi^ %■ 
E fc eoa lor aveano, d.mandarò^ 
Barone, o del paefe, o peregrino* ' 
A cui rinfilo fif , eh abbandonaro ; 
1/ ffola ferma per un pellegrino ' | 

Cav^lier^ Signor loro« andar cèrcatrdòV 
Fer vari e vaiti mari incornò errando^ 
40 • ^ '' '' ■ -^ 

Wè efli Ibi ^, ma molti altri Guerriera 
D*t}ittftre fam4 e d'onorato grido V j 
Che vftf^ errando per tutti i feaiièri , - 
E del grande Océan per ogni* lido ;' 
ConCumando ad ogn^or barcfae e deUricri^ 
Per ritrovar il lor amico fido, 
eh* Am-idi^i di Fr<incia G lioitiava. 
Chiaro 4lovun<^e il mondo À'ppot lo òóv&ta* 
41 
Al Greco Cavalier, cl^e queflo udio, 
TraflTe la gioia il piamo in fti fé porte t, ' 
Rende grazie infinite fi\ fommo IfiOy 
Che unto ogni Tuo amito amor gli pòrte ; 
£ perchè di faper avca defio ''* ' '* 
Qualche certa elvella della corte « 
Chieder oe fa Àngl'ioto . ed in qcnf. fftm 
loft aUa iM parata it Re tifaajfu • ' 



dby Google 



i» e A K t •* 

. . 4P» • ■ »' 

K ^«af r«r Afte : Iddi« pietofb dfonv 
^ AiU' fatica voftira il ftn bramato ; 
Valla dir vi fappiam di quel Rirootr 
Che ^nto per lo mondo oggi è lodato* $ 
Bla perchè nofao foo. varie perftnt 
. Bi vari lochi ^ ov* egti fbrfe è flato ^ 
ÌP^rem cercar, fé qui fra noi fi trov». ^ 
CShì ve fM itppià dnre akuna nova* 

«auifia che (plreran yOOtf vi 6a utave,. 
Aure feconde al bel voftrb defire y 
Con U RAftra abbordar la voftra n'ave »• 
S di Berugn* « nori novclta dire, 
Bov* ora il Re dimori ; e fé ffcco ave ,. 
Come gli è ufato, Cavalier d'ardire , 
the fofteogan l'onar di fua coforia; 
U ogni^ MVft> o' fià malvagia ^ o' buona:*. 
44' 

Kd el: fa auova è' tal, che; fé fclagùrìi 
Di Donzella gewtilvi punfe il core,-. 
Se Ei dìfendlBr mai vi ftHnrfe cara 
XUi giuftt caufa lor, il loro onore; 

^ ygì vincerà d' una innocente e pura 
Ficut'' e fc*n voi è quel gran valore^ 
Che fUor fi moiira ancor per darle ai t»j^ 
"Vorrete porla, va loro Ai viia. 

li fte Liifuarte» che fra i rfe perfetif 
Per giadizia è uiiuto , e per faptre^ 
0>ittra la volontà dt*(v»i Soggetti,, 
&^uoi* P^arcoiu con tra ogni dovere;: 
SòCpinto dà leggeri e vatfi affetti 
Di «mifia ambizione, e per avere 
Un Genero polente, ha datò, «h infanof 
% FiflU ftl gfaiulf M)^erldo)r RoAano ; 

U 



dby Google 



■ ^ 



nTTANTESmoSESTO. vi 
4^ 
U jutl maaclato con inBAti legni 
n» per lei uà gran Prence ; in comp«sai« 
&' CUvalier del filo Imperio prà degni ; 
E una Reina » tìie dovea dir pria. 
Cqsi*l Padre prtvtr ^^I de* iiioì Regoi 
La' primiera Figltuoìà : M voglia ria , 
Di giufto-todegna , e dì Re faggio e buono , 
A cui non fi convbii fcàfìt, o perdono* 

47 
Talch'ogBÌ Cavtliery ck'a gloria afptr« 
Cor} del regno fuo, come ftraaiero, 
Per non'veder opra si inìqua e dira 
D*an ,cbc frena ») grande e ricco IniperD, 
Partito f' è oon motto fdegno ed tra ; < 
Poicbe vìft*ha, che la ragione e-*t ver# 
non avea forza di fvoglkr la mente 
Dì-qnel si gittfto Re prima, e prudeatt* 

48 
ht mUtTM, tosi duole e bgni « . \ 
Ch*uman farebbe na cor afpro efetraggii»* 
Ciriamando in fuo favor tutta Beriagna y 
Che la difenda di counto oltraggio; 
Ila fé ben ella il vifo e1 fen fi bagnn 
Di pianto, non per^ rende H coraggio' 
Del Padre Tuo men fero , o raen erudelei 
Tal che faor iparge in van pianto e qnerclc* 

RefpirÒ alquanto fbtcb-il ^vt peTo' 
Del fuo martir il cot dèi me dò Attente « 
Sì duramente dà fortuna otfefe, • 
Poiché i' amare lagrime cotante 
Seppe , eh* ella fpirgeva , onde metr Icf» 
Per farfi certo, e fl^ faper più avan'té * 
Fa dimandar, com egli ci^Japea, 
E 4é cAi4ftie£i «oùl iiiioya «v««* * 

Ed 



dby Google 



59 
Bd ti. Signor, rifpofe, il di, chr J|L ftq^ 
" Varremmo per partir,' nell'Oceano. 
Grunfe là K^u^dragante , e?i <uo Cugìao 
Mandacian , Gal^artf,, ^ EJugq, 
Per quindi mtfft p«r ogjai caqt^no 
A^nd«r, cercando il CavaJ,ief, fovranof 
|k trovar Florift^n .prinia weoittq,, ^ 
cai Oriana ««ia g»à chici\b:auu^ » 

U qua! ben. informato a parte « parit 
Dei tutto, a lor narrb quefta novella, 
E la gran crudeltà del Re tifuartei 
Le querele e *1 dolor della Donzella : 
Ciò, che gli era fucceflb in fli^elia partf 
Accompai^nando la Reina bella, 
Cb*aveAÌI .Roman >mptrador mandata t 
f9rc.be U Mo^l^e avefle accompagoau* 

S» 

Chi (ia quel FlorìHan pre];a A^gnoto, 
£dove egli trovaffe la Reina, 

' Cbe i^ra^è non f^ìì uà dì far lor noto: 
E perchè nafcondea nella marina 
Già Febo il volto ; né Maeftro o Not* 
Spirava A cor(o Ipr , T altra maitiok , 
lì perfuvde, cbe vo^Ua afpettare , 

^Almca fio cbe |a LunA in ciclo. ap^ne.» 

51 

8d et coti fe^ul: di Pefipof , 
Figliuolo Fiori(lano è aaòirale,^ 
#rode ed ardito ad og^i pa'-agói^* , 
Id al valor del K^ fuo padre egùaìf .; 
E fendo andato in qualla regione 
Fer faper nuova d Adi digi, qualt • 
Ei defiava , la Reina allora 
Traf^, cbf :iì preiMbf# il frffcoJi Vùr%^ 



dby Google 



SETTANTESIMQSBSTO. ij 

.54 
Meuva per fu« fcort» uà morato 
Vecchio, e gentil^ che Gruroedaafi noina^ 
Coa cinque Gavalier, ch'ave» maodato 
Per Carie onor, l'imperador di Roma ; 
Ognun di lor^ più d'altcreaza arouto^ 
Che di valor, eh' ai da fu vinta e dooia j 
Che'! procurar, ficcom^é ufaaza nastra ' 
Co' loro feudi ufi a nuova gioftra* 

Pòi ch'ebbe cafligati i Cavalieri , . 
E la fuperbia lor vinta e fcornata ; 
E mandati a donar tutti i deftrieri; 
Ad Ita caftei d*una Donna onorata 
Si fer elfi portar da* lor Scudieri i 
Ed ei quella Reina alta e pregiata 
Pregato, accompagno con molto oaort; 
Gol vecchio Grumedano a Mìrafiore. 

5« 

Ov* Oriana dolorola e meda, 
Quafi un bel Sol da molte nubi avvolte^ 
Negletta 1* aureo crine, e 'n bru.ia veda» 
Avendo già quella Reina accolto. 
Più con maniera gentile ed onefta. 
Che con ridente e con allegro volto 9 
Piangendo gli coutb U fui fventura, 
CnkUl per certo, e più d*ogn' altra dot^d 

B pmsollo , che feCe f^d, ÀgHaptie ^- 
Se d* amadigi non fi. AT novella , 
Al fratello Alidoro, a Ploridante 
Saper la fòrte fua malvagia e fella { 
E eh* egli fpinto daironelie e faate 
Preghiere deiraltiffinu Donzella» 
Sena» dimora far altra, venuto 
AU'iioU tra a procacciarle aiiit»* 



dby Google 



t6 CANTO 

58 

E che $ià*t Re Lifuarce »d Antoni eriy 
Cittì famofif dote, è 6do porto ,* 
E fi credea, cl^'alla Romina fchieri 
Coafe^neria la Figlia in tempo cotto* 
B cos! detto, ed «Uà lor preghiera .| 

' "ieri foddisfatto , il Cavàlier accorto. 
Si~ tacque.^ e jìre^b lui ccfrtefcmeme» * 
Che voleffe veder fra la ht gente ," ' 

Se v'eri per ventui^a ^affeggìerd ,' ' ' ' • 
Che gii fapeCe dar novelli alcuna 
Di quell'invitto e nobil Qslvììsstó^ 
Che van cercando alTaria chiara e bruniu 
Il che Tentilo dal Greco Guerrièro, 
Che gfà d^opporfi a quella rea foi^tuha ' 
Con le Tur forze avea pehfato, e come : 
Pian piano il fuo Scudier chiamò per nomiBw 
60 . 

B* difTe , Gandalin con Ardiado ' 
la quella luftì, dove è Dra^onetto, 
ChMo conofciuto al parlar doIc« ur^^n* 
L*ho, benché non veduto nell'aCpetto; 
Fa eh' air (fola torni a mano a oìaùO 
A ritrovar col mio Cu^in diletto 
Qiiadragatite V ^ Taifìato mio Fratello^ 
1£ degli amici miei tutto il drappello. ' 
6f 

A cui dirai > cfae'n pochi d) con'léro ' 
Sarò , che \i quello mezzo ognun s' ingégni, 
Senza rifparmio aleun d' argento , '0 d' oro 
Di far provifion d'armati legni « 
E che tutti i Guerrier del teoitoro, 
£ de' lochi vicin , che fiaao degni , 
Faccian chiamar, e ftar ne'nodri liti 
Sta che 1 ritorno quo gii uovi Haiti • 

F<r 



dby Google 



teTTÀNTESIMasiSTO. rf 

Ter CA& , eh' iir^aor Mito ittM«porta ; 
Che s^t fiji poi paUfe al mio ritorno: 
Ma pxi^a qui le feL^dt mi ^rì^ , 
Che Menorefla mt doUb qdol gioriio, 

, Che da lai mi parti, e ftttfta accerta* : 
Mente S^veraa^osd^ionoRa^bbiafcorn*» 
Fu detto quafto fatto al CaTaliaro , 
Ch'era ivi dentro WWaao , ed mi Scudiere^ 

Che d'Amadìgi vaa cercando accorai ^ 

£ Taco aodrah . f 2 ùon fia Ibr mòfefto.. ^ ^ 
Gel ^faad Ganaftliao in 'fa la prora 
Si fece ailor tutto fpedito e prefto; 
J ^uali iènza hr altra dimora, - 
Chiefta Hceazia eoa atto modeiloi 
A qut*Sigaor, nella fufta d'uà farto 
Scefero» e fur le vele aliate malto;' 

^4 . ., 

Tofto che Qragonetto , e '1 fuo compag^n»' ^ 
£bb«r feeo ArdUno^ e Gandaiìa&y 
Farve lor d\aver fatto uà gran g^uadagacF» 
E riyolur U prora al lor cammino ,- 
Lanciando il Canlier celebre e magm>^ * 
A cui poruva benigno deftm» 
la man la Donna del fuo epr beatrice^ 
E dopo tanti medi un di fÙice. 

, :. ^S 

Segot coflf vele piene H fuo viaggfo ^ ^ 

Spronato dal timor Taito Campione» 
Ma perchè veggio, cbé la notte il rag|gu> 
Ricopre del figliuol dMperione, 
E fan le ftelle dì lume paraggi» 
Con r amica gentil d* £ndimione ,, 
Vuo'por iilenzio a juefta cetra; einWnt* 
Trovar bcìJa materia al novo canto 1 
B fitH dtl feu'amtjimofifia Cétm^» 



dby Google 



fETTANTESIM • 

Ecco l*«ur^ca« che icon VàìfTtfi l^«lf^ 
F« »iù belle partr iuttc le cofc ; 
E 'nghirlihdau y conr è fuó coAuthe , , 
Di Itigli, e cilta, e ài purpuree irofc^ 
•Fa veì'de il pratìcel , lucido il 6unie ; 
Vaghe Tarane » ch'erari dianzi afcofe; 
•E'I nuovo giorno con la vaga fronte 
Si mpiira fovra il biel noilro orizzonte*. ' 
% 
Fero forgete M tfcoltar intenti , 
11 dolce canto 4«^la Mufa mia;. 
E lafciamo ire , or e' ha fecondi i Testi t 
II Greco Cavaliero alla fua via ; 
Ferchè 'n Berta|;na mormorar le genti | 
E riprendere il Re di frcncfia 
Sento » e mi par d' udir il pnpnl tut^o 
Far, come fuol turbato ondofo flutto» 

Chiamato il Ee Lifuarte ognrSignore . 
Britanno avea, m^ non ben fo a che flne; 
S*egli difpofto avea già nel fuo core, 
eh' ognun di loro al Tuo voler sMnchine: 
Apertamente ogn'un dice Terrore 
Grande , eh* egli commette • e le ratne , 
Ch'avvenir ponno, e quell antico regno 
Far d*a)uiti abovo mhuiirio indegno. 

Ave* 



dby Google 



8£TTANTBSI|C(1SBTTIM0. m0 

Avet tifiurt* uà onorato zio 
Matura 4*anoÌ iafieme', e di configlio^ * 
U t»al, percj|'afjpli;aflè al fuo dcfio» 
F«jo chiamar: io juibUco coofigUo: 
5 jf**? ?!T*'' S'ive&ore'iogittfto e riot 
Ood CI nfpofe coq; rcvcro.^iglio: . 
lagi«)p mi fprpna,,e ri?ereox« arrena^' 
«JMfft IO a^jio Signof^ (clie.dirmU^ea»* 

$Mo voglio a v^ pii^er^f«gcfo.a mr (|f%y 

Se contradd&rfi , in un error .efpr^p^^, o 
E feoza frutto aUan trabocco e caggio : ! 
Ila ào^9 è'i iaper voftro, che sì fpeflTo ] 
V ha fatto teoer Prence accorto e fai^^Og 
E* egli Tpentp, o voi più quel «oq iato 
PnidcocifliliClio ^c, ch'effer (aUuì , 

^ ' ■ ' ••* 
Voi votole privili; loj voilra €jgHa . , - ^ 
Di queilo Regno le|(ittiaia,' crede ; "* 

Or q«al ragioop auai Ugge vi <;an|gl{|; , 
A far un torto, eh ogni torto eccedei , « 
A Dio, al regno, alU voftra iamtglia 
Voi fate oiTefe, e mancate di fede; 
Ch* cM^ ora affai più dritto ha *n quello fialti 
Che voi allora, eh* ci vi fu labiato «. i 

-7, ■".••■ 

E fé voi^o fr^tet ieaza rifo^tto . « f , /> 
Aver a Dio,.aUa Gìuftizja, a vai 
Avefle un altro a quello Rgno eletto. 
Un altro dico de* Parenti Tuoi , 
Che fatto avr^fte io cotal cafo, o detto! 
^eoTatol bea, che v'avvedrete poi. 
Che r uom non debbc mai far quello alti uì « 
Che uoft vouUi «he foflìB fatto aluu 

Vot 



dby Google 



\ 

^»t> ' ■" e A k'T^O' ' ••' 

Voi credete cai hflz Imperafiìce ^ ' 
lifciir it fegrto «U'élt^** FW« v6fet | , 
E cosi l'un» • ^«Im ttf feTict.- • 
Ma aoh fo ctb' eh! vi ricordi e aioftm ; ' 
1 fo iiigiofi U^Torìtà vi dfcè, 
E paiUone in voi eoa lei nòti gfoftm. 
Vedrete aperto, ^luahtft v'in^aattate 

• A creder quèfté, o 1 ^rané-errof cftè Hil^ 

Vói àl\ ' Imiiferador date Oriaàt , ' - " - 
£ reco ogni fuo dKtco, ogni ragione '^^ 
A Olii per le^ge e divina ed umana;'" 
Che noi poffiace torre , è "opinione : 
eh* ogni rìRttnzia, ch'ellafeATf è vana^ 
i Sendo in voilro poter , come iri pi4gi^e's 
Così potrete far ( o effetto indegno) 
Altrui (oggetto oh libero' e gratf Regno|> 

IO . 

U V èrme porre a' voiiri figli in rtatfd/ • ' 
Cd. accender dn foco , che farebl>e > 
Oj^rri ■'poter d' aìerui per' fpi^gnet vano • 
^uéfto^pàrlar al Re Britanno incrébbe ,- 
DaH*oftinÉZÌon già fatto intano, 
E rirpofe, ch^omal più non potrebbe ' 

: 'Stornar la cofa; e che già data avek 
La fé,' di cui mancar et non voiea« 
II* 
Hon fi m^nea, ripreft ei^ fé la cofa 
Non è, éRe ad altri fi promette, oneAa; 
Nè*n queflo cafo voi dovete cofa 
far a' voftri foretti ifì molefta » 
Servar fi dee la fé promefa in cofa , 
eh' ad altri , e a fé non noecia , ola con qm4ft 
S'oifendc il voftro regno, il fuccefibre» 
£ U wo^u pradtaza^ e 1 v#ftio onore 4 

1 



dby Google 



Vi 

E qui fi tacque H^on^^cdlìo. onorata^ 
eoo foddisfazione uni verbale , 
Fuor ckc del Re. .ehe fempre pii ofttiu^ 
Correva col penUcr,.«^rro il fuo milc* , 
Mjl di LucilU il Riiferabil fato 
"Mi ]>unge lUlma d^un acu|o ftralt ; 
]>i pietà s2, eh' a, lei Ritorno ornai r 
Per raccoaurvi.i fuoi .do^Iipfi lai • , i , 
j| 

Udiu d* Atidoro la rirpofta, i 

Aluui fiì lido , ed. a lei si crudele ; 
Le pafsb (otto alla iìniftra coda. ; ' 

uà dardo di. yelen Tparfo, e di felej ; 
Talché del tutto di morir difpofta, . 
fofto già 6ae al pianto , alle querele , • 
E del color, e della v<^ Ppva, { 

Cadde, (vd letiQ 2}ù morta , .<fhe viva «^ 

' *4 

Qu*fto fu be;i,dì Sólr ^« raggio /ardeott^ : 
. Che^l^ nebbia igombr^.di gelofij^i 
E ferf;nb ìf tenebrofa piente 
Della Ou^rrieifa ,,cbe \ jnarttr copria : 
Che vi do il c&jCo di, queir innocente 
Donna , che difperata fi moria, ^ 
Da nobile pietà compunta , fuori 
Sparfe dagli occhi jagrimofi umori ^ 

<S 

Corre Luciua ;^aa ijìpvar pub -pocp , . , -.i 
A.mcdi«itr1ai che la pia^a è tale, , > 
C&e farà d'juopo x>prare il ferro e I fbff 
Per rifànarU., fé non fia morule* [ 

Nulla per fajr tornar r alma. al fuo,Ioc^9 
Il disfibbtiitrta, e. lo fpruzxarla vale ,? 
D'acque odorate, eh' ella afflitta e ftaM» 
Fau>|> fffiJ<Uf. «l.Pif «^5 »«ve biauci^. 



dby Google 



;tó^ • " ' ' C A » T è ' ' • ■ 

«< r- 

Jka fèeero^rtàre in «Itn RanUt 
E fovra un* letto por rttco ed adorodt 

'^à veniva lor men« ogni fpefaaza, 
eh* eli a più in vita mar fc4e ritorno; 
Ogni membro di morto «vea fembiaasa^ 
Fuori che'i cor, che palpitando intorno! 
9.(Ceva un moto affai picciòl e fpetfbj 
Come 'Cuoi còrpo da ^àn^pdò opprèifo» 
*7 . 

Sorpìrava Midor U fua diirei!ta« 

E fé ftei?b éhiam^va ingrato ed empiO^ ' 
Che non può core , ove iik i^ntileziay 
Prender piacer dell'altrui ftrazioe fcempt*S 
Bda poi che penfa a quella j^ran béfiezzft j 
Di cui fcotto neii^alma ave lefempiof 
Dice (otmè la(ro)'dove fcorfo fono? 
E dt\ ftto errore a fé chiede perdono* 
IS 

Pietà, diletto, e delidend fàHnb ' ' 
In Mirinda ad un ftmpò pÙàl^a, t^ grave; 
Le pr>rge il c«fo Ut Lucilla alfa nnd^ 
Vk il vede»" A*idor dolee e foave: 
Del fuo t>en ride e pianile VW^trui danno^ 
Quéfi uom,chf*n dubbio ftatfi e f^ra^e pavé; 
14a sì tunica le pare p|^i dimora 
Di gir, dove è '1 (uo cor,'crbégèMieéplora» 

■ > 

Bicntre Fùfrofina coh MhQlhtf ^ ' 

Sono a tornar V.ueilla ^ 'vit^. 'Intente; 
Lucina belili, che i' ^enfiar 'Vi^ea ' 
DeiU GurrritW ftìi^ vYfibiiméAW, ' \; 
lE^tcìhe tutta di defir'^rdeàf^ ' * . 

D'abbracciar ii fuo Amante oneftamenCe ^ 
^^a fé p«}rtar dalle Don te f le loro, 
•Dove ^laccè p lagatckil^ tetr Alidoro. 

FU 



dby Google 



SETTANTISmOSCTTIMO. i^j. 
lo 
A I* allegrezza d'ambodiio. perfetta*; 
Ambo aotaro in un gran, mar di gioia. 8 
L*improviib piicer la femplicetta 
Aaima d* Alìdor di dolce noia 
Se ciofe tatta'f clie troppo riiirctta; 
Ida non è ver, che di piacer ù moiaf . 
Fu per -Spiegare all' altra vit« I ' aie ^ k 
E qui freddò lafctare il ftio mortale* 

21 

SparÀ la nube « che copria la. vifta 
Del fubito gioir y s' alzò fui latto i 
Elia^ittaf e del Cuo delire avvifta' 
Si levb ifi piede, ed abbr^eciolto ftrel(#j 
E fé non era la dolcezza mitU 
ty alquante fet , che cadde lor nel pettV 
Di vcdtrfir in quel ftato, era per fono 
VcoMto il teinpo d una dbice laiort»* r .. 
11 

L*ua Cftfpp^aMr, l' alttd «ii«(lattf airelia ' 
Si , die non bau di davfl^ lin bucb iirdin | 
Ma poi paibta U^foave^peba ,. ' 

Che far gli Voli*, e tiva pbtt morire , 
L'un con la iiCcia dì vergogna' piena 
Chiefe ali* altro perdon>der ino faMii^: 
Che 1 ' uno e V altro aveano^ già fapux» 
La luS^f e ciò, che korot era awidout^l 

»1 

Qjiefti Hanno iuptilevto^reifueHi» èr hIvsì d 
roriuu a pena .re.ft^ladìl^nia b^agmUi 
Seiabran ter gote /W-fiorifa^iva, .j n:.> 
Ch'iinhor.pe^inÀ di òmfà^^ht^am pd 
Ad' or ad om^t mHer pr feto afprttfa > t A 
A'foTpirtf.cbe^'ntqmo'Ofni eanlpa^ - 
Accendean di ^cordonilo, e grait piktai»' 
Eca a veder Uimir «aiita'4>«U^e« - 



dby Google 



ÌM . • CANTO/' 

3bMl«t ritorna « ptr 4ar)« atto "? 

Sa HÌTìodM pregata, t à*Aì\dùtùf 
Dal cui duro martir pietà infinita 
L'alma punica di ciafcheditn 4ì Um: 
Ala chi può rsCanar una fariu 
Avvelenata, o chi pub dair riftor*^ 
A CUI creice il d«lor, sitiica virtutt* 
Ed k^ìk dì4>crato di faiuce! 
if 

Yre v0lteJ4! quattro la niìA^'ii ricde 
A ricader coVetffi afflitti e morti.: 
Tre volte e quattro diffe * o federo f^àé^ 
;Clue duro e fiero guiderdon riponi / 
Tre volte e quattro a'cJrcDnft^nii chiede « 
Cb'' alcun dà lor ferro , o veleo le porti . 
Scongc infieme le palme, «'1 criafifvclfe« 
E few oltraggio al petto , rtàh mammelle» 

Uffifavila Majiai^ «he ben vede « quanto 
■^ 'Ai4 poflemi èl dolor , che si T accora ; 
Ch'«d ora» ad ora va -cercando tanto,* . 
<2j;antorper piaggiano, che caggia ogfioniy 
Ricorre prefta all*arte ed ali* incauto, ' 
Peaò che Lunga fora ogni dimora, 
E «on un <bniio tinto iu xlolce oblid 
Itoft freso, al raatcir acerboi e r^o» 
t? 
H feiela portar «eh ric«oilC|gae, 

Cbr ooiMoua l'aveva al fno;Callelle^ 
Con tal pietà dìognuii^ che fuora iJ ^cgne 
Me; moftrar gli occhi « di queA» , edi quello» 
Ahi crudo Amor , perchè oo» .tanto fdtgno 
In ki del tuo furor opri.'iliBagello/ 
Giht.che fvegliau difle, e ciò che lece, 
le difòjpoi, che. dirle. er mom mi lece» 
.:^ Sauar 



dby Google 



SfiTTA«TESIMO$ETTIMO • 15 

28 
Sftnar lé imif^e i duo Amanti in breve. 
Che date 5' han ,- aia «on quelle d' amore , 
te ^«ai creCcon ognor , come per neve 
Crefce , che'! Sol coi rei disfaccia « umore: 
Negli occhi vaghi V un dell'altro beve 
Oi cotanta dolcezza un tal licere, 
Che inebria 1' alma i n^ per bever fenspre 
VicRy-cbe la fete Tua fpenga , o contemprè* 

29 
Il 4wvfra Altdor mercè chiedea , 
Nove TantaU) fatte in mezzo Tonde; 
Mifinda a nulla confmitir voI«a , 
Senchè'i medefmo in lei dcfire abonde: 
La Ma^a , che pietà d' entrambi avea , 
Jknchè 'I fuo -duol Miriada in parte afcoade^ 
A far le nozze ornai It'perAiade; 
E biafiaio le dà di crude Itade, 
• 30 
Ella rìcufe , e bob vuol farlo , feoza « 

Avere in prima, coime ù oonviene , 
Dal Genitore , e dal Fratel licenza | 
F i>resa lui, «he T appetito aiTrene, 
Fin eh' arriva del Frate aHa prefenza : 
China il mifer le (palle, e fi foUiene 
Con la data f pera nza ardendo, amaiid# 
Ad og<i' or f iù , fenza fapere il quande» 

Vi^ner, fé non v'è già di fnente ufcito, 
Floridante lafciai , che di Nivetta 
Seo^a timore alcuno era falito 
So^fa la ricca e trionfai barchetu • 
Come fu dentro il Cavaliev ardito , 
I lumi in giro volge , e fi diietta 
Di veóer tante cofe adorne e belle, 
Ou^nt^atre il ve^neil mar venti e procelle» 
XiFiiK ir. B Nei 



dby Google 



«^ e A N t o 

Krl Itgao non trclea torcia , o éandeU » 
PuF^ fplendtdo era tutto , e rilucentt « 
Siccome è*l di, fé nulU nube il veU^ 
Allora ch'efce il Sol daU' Oriente . 
'V'era una ftanza nella parte de la 
I Frora, d* un vetro ckiaro e trafparente: 
E'n quella un letto delicato e molle. 
Bianco, qual neve allor caduta in colle. 

Mentre con gli occhi il Cavalier fi fpazta 
In tant'opre di mano elette e rare, 
S non può far f ingorda vifta faxìa. 
Cui novella ad ogn or vaghezza appare^ 
La Damigella , che f pira va grazia 
£ negli attive nel vifo, e nel parlare « 
Il prefe per la mano , e diflfe : meco 
Ve ne verrete in loco ofcuro e cieco. 

Ove bifogna ilar , fin che la àen 
£fce nel lago con ftrepito immenib; | 

Poi quindi ufcir con più d* una lumiera. 
Che vi fiadata,cpiù d' un torchio accenfa 
In un'altra barchetta, «he leggiera I 

Si volge, e prcfta ad ogni roano . u*penfoJ 
Anzi fon pia che certa , che potrete ' 

Moftraf al paragon quel, che voi Cete. 

55 I 

Segue il Guerrìer la Tua fallace fcoru , 
Vago di poncr fine alla ventura ; 
Xa quale aperfe una piccioia porta ^ 
£ lo condurre in fola parte , e fcura : 
Ivi lo fk federe, ivi il conforta <h. >> > 
A non aver d'alcun orror paura, ' « w'i ? 
Perciò che '1 moftro crudo ha per co.lHime 
Di non iifcif mai fuor , fc vede 'I lume • 
/ Aide 



dby Google 



X 



SETTANTCSrMOStSTO. ty 

*?Ì/^''*.^ •''•'* Tuo ptrUre « fcheraa, 
^e periglio mortai non Io (wmtau^i 
Né lo fj5onjent«ria forfè l' inferno , 
Ch • ricordirlo folo .Unii fp«ventt. 
Ma U filUce, c'h» di lui'l governa. 
Come ch'egli^fi. iffifo s'arA^ut* 
Fuori /e n'efce: ed ivi folo il ferr» 
Col ^or «rjsAto «d ogni cruda gnerr«. 

■«ll'^»^>fir*.chUpoco«poiio, ^ 

S^fe^ r'W"°? ^'-r ^* bianca Aureli, 
A tifchiarar (5 tominciò quel loco, . 
CU* fcura «otte ricopria pur «rt, 

Ch^|n ope^ra inortal «noftra e colora ; ^ 
ì^ll^ ^^*^^f^«.j* leggiadra Maga, ' 
Più €h •ncor vifta rabbia, e beTla'evagt- 

Sol ^a una rete d^ or chìiifo e rifltretto, 
Ì^^IMj '"'^%««'«>o e ricco molto. 
Ove fcWria ad ogiv'or gioia e diletto^ 
Si di grazu ripiena i lumi e'I volto. 
Che fé fu tal Cq>rigna, io vi prometta 
Che non fu Dio nel Ciel si ffeddo e ca&; 
Che non fuffe di lei accefo e guaito. 

^^J7^^ •! €o11o fuo più bianco e twpdii,' 
Cife piccola colonna d'alabaftro, ^* 
Un nioniI,jquaI non ha mai vitto immondo. 
Legato e «retto con un aureo naftro: 
Ad ognt orecchio fiio picciolo e mondo- 
Duo gran tubini , ove da dotto mattro 
Neil uno Amor, ncir altro era fcoIpit« 
fficHe, per la fua fuga anco (marrtta. 



dby Google 



»8 G A N T.O 

40 
A ciafcun braccio, che fovcntc abtMt^e 
^ Amore , e 'I fuo bel cria turba e fcompiglla^ 
Che con va|>hezza ognor fcherza e combatte 
Or con le rofee gote, or c*n le ciglutj 
E vince di candor le nevi Intatte i 
Pbrtàva di fneraldi una maniglia » . 
Ov* erano fcolpiti in forme nove 
Tutti gli amori deir antico Giove. 

4» 
jCopria candido lin V avorio fchietto , 

Che pii! d*opra d*Arigne era fotttle^ 
* £ telava il candor del corpo eletto , 
Come fuol giglio bel vetro e gentile; 
Sd eUa aflìu fovra il ricco letto 
Adopr^va d'Amor Tefca e'I focile; 
Tal ch'ei dal fenfe combattuto teme» 
Kè d*avcrne vittoria ha certa fpeme» 

•' ' • ' 4.» 

Ahi invitto Guerriero, a pugna. ilrettft» 

^ £d in tutto contraria ai defir tuoi^ 
Sarà la prova , che la cameretta 
£* cosi angufta. Che fuggir non puoi: . 
Gii COI begli occhi ti sfida Nivetta^ 
£ tutti avventa in te gli ftrali fuoi ; 
m campo è '1 letto , il Tuo Padrino Amore ; 

< Si eh* io non fo, chi avrà di voi T onore* 
43 

Poi V ha larte adoprata ,opra le mani, 
*£'! coHo dolce gli ftrìnge ed abbraccia: 
O^ra la voce , e eon foavi e piani 

^' Prieghi di trarlo al fUo voler procaccia^ 
Ma' quafi lupo da^'molòffi e cani 
Morfo, che fagge; ed è già pollo in caccia» 
Pi lui fugge '1 delio le colei voglie; 
E da lei s^^llontana e fi dircioelie. 



dby Google 



SETTANITESIMOSETTIMÒ . If 

44 
F«ichc più volte Thi pregato, e*n vino 
Sparfi molti fofpìr, lagrime molte/ 
Per render lì fuo cor molle ed umano ; 
Né mai può far« che con pietà T afcotte ; 
All'arte maga avria poi^a la mano; 
£ con gli incanti a lui le forze tolte 2 
Ma d*ciér caftigata avea paura. 
Tal U legge era di (^uellt ventura» 

45 . . 

u Qual per lo fuo Dio Demogorgone 
D ofiervar fenza froda avea giurato ; 
Perchè venir fectire le perfone 
A far U prova del brando incantato 
PoteflTer, fenz'aver fofpizione. 
Che foiTe loro alcuna forza ufato. 
Perchè quel brando fi dava , e T onere 
Solo per fode e lealtà^ d' amore • 

4« 
^oichc né fallare il fuo defire, ^ 
Come vorria ; né forza ufar gli puote ; 
Tutta di doglia fi fente morire, 
E di lagrime bagna ambe le gote • 
Pcnfa alla fine di farlo dormire 
Senz'arti ufar, che fiano ai^li altri ignote | 
E manda a far cantar quella Sirena , 
Che la barca adducea con la catena • 

4t 
Comiocia ella a cantar si dolcemente, 
Che*i Ciel di gioia e di ptetatc accende,- 
£ inebria a poco a poco a lui la mente 
Si, ch'ornai più non vede e non intende; 
E si l*altt armonia foavemente 
Gli lega i f/nfi , eh* egli non comprende 
L'inganno ; e come dolce morte fcocchi 
Suo ftnle in Ivi « ferra -dormendo gli Mchi • 
B 3 C»dc 



dby Google 



9# CAKTO 

' 4.» 

Cad^ fui letto U CavalLèr (upii» 

^ eòa piacer in6nUo delle. Mege l 
Xà quii eli becia il bel volto diTise^ 
£ poi chTettro» non- pub,, di cib s* epcfeg* » 
L* abbraccia, morde , ftrinfe i em* indovino^ 
Che. cosi tccrefca del Tua cor le piaga f 
Dianzi ardea di delire^ or tana Btmmgku ^ 
&' iateiicrifcft e ftrù^ a fit^uu a drao^» .. 

Ceffata T'araioBÌa dolce e (baveri. 
Si difciolfero. ancor tiuti t luói tt^Hi , 
Sefto che fu da. quel (bnoo aCpro e.grav»» 
Come fi. ntrovb.(chi fia chel |B|en(l? )i 
Sa. lei^.cbe, lui teoea fermo,, qjaal nave. 
Ancora graffa., fi. divelle,* e tien& 
B'aver. perduta il branda^ e, feco infiém» 
U onore ^ ed ogni gioia , ogni fiia. fpemo •. 

levafi difjif rato> e 'i bcan4» sig{iii »» 
R V ulicioi della ffanza. ap;e o^r forza^. ^ 
Ia Maga a lui , q^aóco pia può. , s*^apgÌ£lia » ì 
Credendo^ ^rfe di unerla a foru: 
Mira, egli , e vede 1» fpada vermiglia ,. 
Senza, eh.* abbia, color cangiato ^ o- fcorza i 
Onde rinfranca il cor debile e morto ^ 
£. dona, al foo martit q|ialchfi conforto » 

5». I 

•là vedr^ che- ki ITaga^ à ^^Ua: fixura,. 
Che'l di s^afcoade» e Cai Ir notte apparo;: 
Ónde fea fugge> che nom pu^ preghiera 
Pietofa. ed umil fua fa/lo- arreflare : 
Corre alla band:» , che notando^ fpera , 

Potorfi: si dal Aio furor (al vare ;. 
E vede il lago, tempeftofo ed alto» . 

la cui facesA» i ve ati ìul fierc^ aflalto* I 

Ri- 



dby Google 



SETTANTESIMOSETTIMO . s » 

S* 
Ritiene il paflb, e lei, che lo (e^iVÈr^ 
Come mordace eia fiera fugace , 
Rifpinge in dietro, quafi cofa fchlva , 
Con cui non vuol né amidi , né pace| 
E perchè addoflb pur ella gli giva , 
Come colei, che*l defio ftrugge e sfice» 
Beachè terribil fia , benché profonda , 
Senza timor alcun falta nelronda. 

Softìen la fpada con la delira ardita, 
E con la minca nun rifpinge U flutto; 
Lr* acqua , eh' al Ciel pareva efler falita , 
E' piana e queta , e*l lago immobil tutto» 
La Maga , che fi vede effer fchernita , 
Tutto il difegno fuo rotto e dillrutto. 
Grida , e di pianto il bel volto fi b^gat / 
£ d* efler immortai feco fi lagna • 
54 

Ma tempre, cVio coftet lafci, e ritorni 
Dov' Agraitior finita ha la battaglia 
Con quel Cugin , già fono molti giorni , 
Della vaga Reina di Teflfaglia , 
La qua! con atti di grandezza adorni , 
Perchè s^avean già rotto piaftre e maglia ^ 
E fparfo fanone afTai , fra lor fi pofe, 
E le difcordie lor tutte compofe. 

SS 
Piagato era Agramoro ,- era piagaU 
La Reina di piaga empia e mortale : 
Uaa lettica fu tofto meiiUta 
Per lui, e T altra per lo fuo rivale. 
La leggiadra Donzella innamorata , 
Tutto nel proprio cor fente*l fuo male: 
E volentieri avria cangiato forte , 
Benché in pericoi lui veggia di morte « 

4 r«r- • 



dby Google 



^^ CANTO 

5^ 
Portar fé 'I fece ad una real ftanz» 
Lungo del bel Peneo la verde fpondtf 
Ove di far dimora a^ea in ufanza 
A fuo diletto, mentre '1 caldo abonda: 
Che di ricckezui e d'artificio avanza. 
Quante ne vede il Sole , o *1 mar circonda: 
Né fo, Cd'l Sanfovìn fapeAe far^- 
Col difegno , o fcarpello opre si rare • 

S7 
la ricco letto poAo , e Muedicalo. 
Fu da due Giovenette il Cavaliere 
Della Reina ^ che gli è Tempre a lata ^ 
Ora col corpo frale » or col penfioroà 
Ahi fuifera Fancittlla^ ahi che rio fato 
Ti pi4ig« l'alma per queflo Guerriero i 
~ Ond' anco in van trarrai fQfpiri tanti , 
Quant'ha'l terrea l'Aprii rofe ed acantu 

Lt miTera. I^nzella ad ora ad ora. 
L'amorofo velen beve coMumi; 
Ahior col fuo focil dentro lavora, 
E'I foco accrefce, perchè più confumi: 
Ahi <iuante fpargerai dagli occhi fuora 
ì^a^rime nò, ma ben fontane e fìumi. 
Chiudi raifera gli occhi, ah troppo è tard^ 
Che tutta già d'amore avvampied ardi» 

Avea la nuova Amante una Donzella. 
De'fuoi pen£eri fecretaria fida, 
JLa quale accoru della fiamma , in di' ella 
Già fi confuma , e teme ,. che V ancida i 
Procura di ritrar la Verginalla 
Da queir amor ,. da quella voglia infida ^ 
Ma ovano i prieghi e le parole fp^nde » 
Aazi più il foco 9 i fuoi deliri accende . 

Era 



dby Google 



SETTANTCSIMOSETTIMO. js 
60 
Eri riinail» li gentil Reìni 
Sema U Madre, e fenza il Genitore 
Da piccioletca e tenera bambina , 
Sotto il governo di fede! Tutore: 
Bella , vaga, leggiadra, e |>ellegrina; 
Atta a fcaldare ogni agghiacciato core; 
D*aiina reale, e di penfieri illuflri ; 
E dì poco paiTato avea tre luftri. 

Bello era il Cavalier , vago d^àfpetto ,* 
Ben formato di corpo, agile, e fnello; 
lo ógni atto gentile , in ogni detto , 
Che fa 1* uomo parer fempre più bello : 
Ma la. beltà del valorofo petto, 
Ch'alato alf altra è qual proprio a rufcello 
Un real fiume rapido e corrente , 
Via pili accendea la gioveavtta mente. 

^* 
Sicché non ha giammai ripofo , 6 pace , 

Se o*n quanr ella il vede , arde , e fofpìra; 
E*a mezzo del parlar gemendo tace 
Per la piaga celar crudele e dira: 
Ma chi oafconder puote una gran face , 
Che fuor fparge faville , e fumo fpira ? 
Se n' avvede il Barone, e dice, ahi lafTo, 
eh' a* Tuoi caldi defiri è chiù fó il paflb. 
6i 
Ia real Daifìa, poi eh' altro non puote ; 
B dar rimedio ai Tuo gran mal vorria i 
hi porpora veftite annbe le gote 
Alla Donzella, che v' ho detto pria^ 
Fa le fue voglie e le Tue pene note , 
Con Untò pianto, eh' a pietate avria 
Moflb del Tuo martir, del fuo cordoglio 
n Tordo inare uà alto orrido fcoglio . 

B s E 



,y Google 



U CANTO 

<4 

S prcg^ lei,, (r pur cari, e erft<fU» 
h^ è lat fua vtt», coni* efier b€R <feve^ 
Che vogli» darle in quefta ctfa aita ^ 
Poiché firftrugge,. come il Sol fa. neve r 

I Glw trovi al fiio voler ftradk ifpecHu ^ 
Se non vuol morta rttrovarU ,in breve ; 
Gk*elU ama il Cavalier più,.clre la luce- 
V occhio noa fuole ; e ibi lui vuol per «^ce - 

l^i V, dice», di fanguè illuftrr e c6raro> 
Se non mente il viSore^ e la prefeni». 
Alta e real, che mentir fuol di rarot 
Egli in virtttte à dr unt* eccellenza ,. 
Che ben paò^ ftar coi pia fujblimr a paTP> 
tBom*abbiam vift» per cfpcrienza;; 
Io bifogno h» di' Itarlta alto e degno,: 
Che vagMat a gpverfiair queUo* mio KegHcrV 

Scegli Moglie non he^ flccoRr'ie penfa,. 
Che cosi crratidb non andrebbe lutòrnor ;. 
Fotrai dar fine e quel defire immenfo ,, 
Che Aoa mi Ufcta mar notte ^ né ^orno;. 
Ed acquetare il mio nMirtire intenfo^ 
Che s*ba già fatto del mi» cor fog^omO^r 
Onde tornino chiari i giorni miei,. 
Ck'ox fon si ofcuri, e tenebroli» e rei» 

Le Donzelle, che vaga era di fare 
Còfa , che fofle alla Reina a grado ;: 
Porch'al duro* voter non le pub fare 
Volger le fpalle; e convien hmI fuograde» 
Che lui fecondi ; prim» di tentare 
Siccome faggta ft difpofe il vada^. 
Kon voleiiSo' ella eoa un fallo eiprcilb 
Por roaor 4ciU Di|«a ia compromeflcr .. 

m 



dby Google 



SETTANTESTMOSETTIMO. t%\ 
6S 

li Greco Ctvaliero'il Tuo viaf^o 
Segue fratunto^e eomanda al Padrone , 
Fattolo a fa chiamar» che ogni vantaggio 
Prenda dì ftrada; eM legno al corfo fproae; 
£i, eh* era Marinar perito e faggio. 
Aprir fé la mezzana, e T artimone 
A Greco tramontana, che forgea , 
E rioforzando ognor le vele empiei* 
69 

L IfoU lafla della Formentera 
Alla fintftra ; e fenza entrar nel porto 
Di Cartagine ooova, alla lumiera 
Di Cinzia , onde fplendea TOccafo, e l' Orto, 
Pufla capo di Gatta ^ e fu la fera 
Dell* altro di da Levante, che forto 
Spirava al fuo delio, fpinto alla terrs 
Di Malcga , • pofar difccfe in terra • 
70 

Mal Nocchier,che non è cieco, qual talpe; 
E vede al corfo fuo propizio il vento ; 
Comanda al Marinar , che M ferro falpe , 
Tolto che Cinzia col bel crin d'argento 
Appare in Ciel , vago d' andar a Calpe ; 
Ed a piacere al gran Campione intento , 
Acciocché vada più veloce il pino, ^ ; 
Fa in ogni gabbia iiprire il bianco lino. . 

7» 
Scopre TariA , e M mar llretto ed fuignUo 9 
Che dall'Europa T Affrica divide ; ' 
E le colonne , eh' al tempo vetull^ 
Pofe per fegno a' navicanti Alcide: 
I.' antico tempio, che di dolc^ ^i^à '.r 
Ha'l fonte in mezzo, a lui '(aerato vi^e; 
Con altro vento poi per n^pfté miglia 
Sofpinto, à^uì(9 a Cadice, eli Sifi^ia . 
B6 *^DÌ^ 



dby Google 



jel CANTO 

7» 

Biè It fpaIJ« a Silvera, a Guadtana ; ' 
E quinci al facro Promontorio cor(b : 
Indi volta la prora ^ Tramontana 
Con un olirò ^ eh.* a lui per poppa forfè ^ 
Varcò Lisbona, e della gran fiumana 
La ricca foce y ove fiiol l'oro corfè^ 

- £ Filifterno; e con la prima (Velia. 
Al porto difmontar di Compolìelta . 
71 

Ivi il Nocf bter dua di (oggiorno fio , 
Ferch^^era tempeftofo V Oceano ; 
Ma pofcia ch'Oftro it fuo furor perdeo^ 
Ter la gran rabbia dlvenitcu infano y 
Il lito ^rapafsb di Ribadeo , Ir 
E di fìjlbaa,. e San^ SebaiUana i 
Quinci Font^rabia, E'aiona , e dove 
Con Tonde fue Gàronna il tnir commovr- 
74 

Volge il cammin per altro vento, e paffa 
L Ifola Medoaco, e la R'ocella, 
£ Baia, e Nante; e della Loira lafTa 
La €oce addietro, dbve o^i s' appella >. 
9ertagDa> e Venes alquanto più baflPa; 
E fenza alcua contralto di procella 
Giunfe con Greco alla Città d** Antoni ^ 
Ov*^era allora ia real Corona. 

7% 
Tofto chel valorofo Cavaliero 
Dopo lungo cammin <i vede^ in porto; 
Fa voce dare ad ogni fua nocchiero ,. 
Càe gittiao nell'acque il ferro torto: 
Più tofto aflai , che non vola il penfiero ^ 
Fu ogni legno fu l'ancore forto. 
Fftfatevi Auditor, ch'io pofo anch'io 
Ciunto alla fio dì quedo canto mio. 
M Jff^. dit Jèuamejtmsftnima CmìU^. 



dby Google 



CANTO 

SETTANTESIMOOTTAVOà 

FAtt' ha dteitrìer Grafindi , e pilafrenl 
Cavar di nave, e tende, e pa(rigIioiii; 
Molli forzier dì ricche robe j^ìm. 
Ed altre falnttrie di più ragioni: 
E fovra i! fen d'un di que** ^raii ameni 
Por quattro tende . e fu tuttf i carnosi 
Del Greco Imperador Tinfegna grandu^ 
Perchè fi veggio da tutte le b«nde« 

2 

Ed una fua. Dorrzella a fé cht-mita, * 

Vaga d*afp«tto, e di geatil creanza. 
Sin da fanciulla nelle Corti ufaca, 
Cha U lingua fapea parlar di Pranza , 
La mandarono al Ke con I* ambafciata ^ 
Con duo Scttdier, che portano elmo e lanini. 
A duo Giierrier , cke per Tua guardia vannaj 
Oad'ella noB riceva oltraggio, o danno. ' 

E perchè Bella Corte conofciuto 
Non era, di Bruneo chiama il Servente 
Il 6reco Cavaltcr, ch'era avveduto; 
E vuol, che vada e torni immaatinente^ 
Informato di ciò, ch'avrà veduto, 
Ed udito con cura diligente 
Parlar di loro,- ond*ei fovra un ronzino 
la VCL d'/n\ona prefe xt fuo cammino • 

te 



dby Google 



|S CANT^ 

'4 . , 

Sa U porti incontrar delU Cittade 
Col figlio d'Angrioto il Fancinllette 9 
Dellt cai iingoUr» novi belude 
Ave* Angrioto ad Amadigi detto. 
Mira la Donna delle cofe rade , 

JjL meraviglia, e con molto diletto » 
È che foflè 4ìria (s'aveffe r*le) ^ 
Un Angelo di Dio celeftialc* ^ 

Va verfo lor con un fembiante uman* 
11 bel Fanciullo 9 e molta cortelia ; 
Perch'air abito lor leggiadro e llran# 
Conobbe, che venian da lung» via: 
Chiede la Damigella fifplandiano , 

Dei Re Lifuarte, pve'l palazzo fit; 
Ed et rifpofe alla Óonzella accorta: 
Se vi fie a grado , io vi farb la fcort«« | 

6 ^ 

E quello diflTe con tanta dolcezza , 

Che d'amor punfe'l cor di chi Tudio* 

Ed ella: o bel Donzel, s'alia bellezza 

Eguat vi donerà valore Iddio, ' 

Tal fovra gli altri di virtù s* apprezza , * 

Che dal mondo farà pofto in oblio : 

S) bello incontro a buon augurio piglio» ' 

Ed a tal fcorta volentter m'appiglio* j 

7 
Com' udi ciò, per eh a diporto andava « 
Diede al Socio l'auj^el, cbe'n pugno ay^ft,; ' 
E là Donzella per lo fren pigliava» \ 

Che di tal corteiia gran fella fea: 
l^rovaro il Re, che co^ Romani i|:ava9 
E lor la Figlia in moglie promettea 
Del grand' Imperador, che 'n Roma (lede ; 
E già dau avaa lor la rea! fede • 
^ S'iii. 



dby Google 



8ETTANTESIM00TTAVO. tP 
9 

^inclirna a luì la Dama , yfaCa qyit^ 
OiScio di veder fovtnte fare ; 
E con un riverente atta, modeffo» 
Volfc al Britanno Re là man baciare; 
Ma egli a fé la ritira sf prcito, 
Chr' ella noi potè^ far , no» fendo a dare 
Ufo la man a Donna, a a Cavaliero^ 
Se grazia lor non ha fii^tte ppmlero^ 

Eua« lOTitto, gli difle^ afttf Signore 
Della grande Reina alla prefenza 
Degnate farmi ( fé v'aggrada ) onore 
Di dar al mio parlar grata udienza ; 
Ma etie et fia delle Donzelle il fiore 
Della fua gran famiglia ; ondéxmai femu» 
Lunga fchiera non va ( fé ì vero dice > 
Le dfelte virili fua fam^ felice . ' 

ro 

IT gran HorgaUo manda il Re cortefe. 
Col Conte d*Argamon per la Reina; 
La (|uat fenr venne a lui , tofto eh' intefe 
Delia (Irana Donzella » e peregrina , 
Con una fchiera » che ne* bei crin tefe 
Avea retr d*^Amor» per far rapina 
Drogai cor duro, di Donne , e Donzelle 
lUttftri tutte ^ e ben ornate e belle» 
re 

El eir* incommci^^: Sire Ufì Campione 
Con le DuchefTa di Micene al lido 
Voftro è difcefo or or» che paragone 
Fatt* ha del fuo valor tal » eh* ito il grid# 
Non Ibi n'è dalla Tana alP Aquilone, 
Ma d^air vltima Tile , ove il fuo nido 
Fa la' Fenice: e ciò, eh' io dico, è un'ombr^: 
Mie virtil^che'l fuo bel fette ingombra^ 



dby Google 



4« C A N T G 

Il ^ . 

11 quale proverà con V arme ia mano , 
eoe quella Dama, cut promeflb ha il dono. 
La qual condurrà Ceco a mano a mano , 
Avanza di bellezza, quante fono 
Con voi Donzelle j e le vi pare (Irano, 
CIU porrà del Vincitor per dono 
Una corona, che le fu donata, 
C della fui beltà per pregio data , 

13 
Sovra le Donne , che d' I Aro , e di Reno 
Bevono Tonde , ma con patu) tale. 
Che quel Campion , che d^ alto valor pieno, 
Pigliar vorrà 1 imprefa afpra e ^mortale. 
Ne ponga un* altra , la qual lia non metia 
Premio del Vincitor, alla Tua eguale: 
E poiché vinto avrà la prima prova. 
Farà con duo Guerrier battaglia nova* 

»4 
Perb verrà, fc fia e del venire, 
£ del partir fìcuro, io compignia 
Dì duo forti Baron , e* hanno defire 
Farvi veder il lor valor qual fia: 
Se dunque a cib vi piace confentire, . 
D' un Re si grande la parola fia 
Saf vo condotto ^ e non fia d* u ipo ;rnchioftr6 
Per foddisfare al defidecio noftro. 

. . "S 

Bella, nrpofe il Re, ma troppo ardita 
La dimanda mi par del Cavaliero; 
La qual fé manterrà, d* un* infinita 
Gloria fia degno, e d** onorato tnipera» 
Sia dunque la venuta e la partita 
Sicura a luì, ed a ciafcun Guerriero, < 
Ch'ei menerà con effo a quefta Corte, 
A nioflrar il lor core i a vitto e forte • 

Con 



dby Google 



•ETTAKTESIMOOTTAVO. ^ 

lé — 
tÓB un cartefc inchùi da lor ^ fàtit^ 
licenza prima la Donzella prcfa; 
E tema , dove il Cavalier di Martt 
Con Grafinda facea gentil contefa ; 
Ch*effa non vuol nella vittoria parte 
Aver per fua beltà di quella imprefa ,* 
Ed egli vuol» che nella fua bellezza 
Sia fol la fpeiiie; eU Aio valor difprezxf t 

rialto loa avea la Dania ancora 
Di dir il tutto al Cavaliero ardito , 
Che giunfe lo Scud.er, eh' una mezz'or» 
9ì Corte dopo lei s'era partito; 
11 qual fpronato il fuo ronzino ogaor* 
Aveva per venir prello e fpedito 
A riportar cib» che facce flb poi 
la quella Corte fofTe^ ad ambo dot 2 

it , 

]f qual narrò y^h' un Principe dì Roms 
Con cento Cavalieri in compagnia^ 
11 quale Saluftanquìdio fi noma , 
Con poca certo , q nulla cortefia 
Avean fovra di lor prefa la fonu 
Della battaglia eontra lui; ma pria 
Senza rifpetto detto molte coOs 
Aironor della Grecia ingiuriofe*, 

>9 
laonde Grumedano in piedi alzato 
Tant'alto, che pot^ ciafcun udire » 
Avea con più ragioni il Re pregato-. 
Che non voleflie a quefto coofentire ; 
Né Toner fuo da lui unto guardata 
In man di gente por, del cui ardire 
Noa avea fatto Colo un paragone ^ 
Ma ch'afpettaffe qualch' altro Barone; 

U 



dby Google 



4t CANTO 

ao 
11 cui vafor Uj^Sè egli ab efperto , 
E ch'ei fper^àza tvea^ che Galaoro 
Guerrier cfi* tanto pregio , e di tal mert* 
Forfè faria fra pqchi di con toro ; 
Che'! petto avrebbe a quel periglio offerto 
Per la fua dignità i perche in coloro 
Non debbe 1* uom fondare il fuo penfiero» 
Che portan la faperbia per cimiero: 

2t 

S che'l Romano altero, e pien.iii fdegno.. 
Rifpofto avea fenza rifpetto alcuno 
In difonor de' Cavalier del Regno 
Gbfa , che difpiaciuta era a ciafcuno : 
E che d* ogni dover paflando '1 fegno 
Arrogante pia d'altro, ed importuqa. 
Disfidò Gnimedano a pugna nova, 
80 viva e fano uCcia dair altra prova , 
aa 

Con duo compagni, e ch'ei Tavea accettata» 
£ datone per pegno al Re un anello, 
S che piò^ là faria la dofa andata ; 
E forfè fatto allor più d*un duello. 
Se. non avefTe il Re la mano alzata ; 
E comandato ed a quefto, ed a quello 9 
Che di tal cafo più non fi parlane; 
E che nel loco fuo ciafeun tornaffe; 

Che ftomar non potea , poi che promeflb 
Avea la pugna 9Ì Cav«lter Romini : 
Ed in favor di lor aggiunfe appreffo. 
Ch'egli fperava, che dalle lor mani 
FofTe 1 fuo onor in alto fiato meflb; 
Di che gli animi lor leggieri e vani 
S'infuperbir s) forte ^ che lor pare. 
Che lor debbia obedir U terra e'I mare» 

AUor 



dby Google 



SETTANTBS^MppTTAVO* 4f . 

*#* 
AITorefce*! SoLc<K*fiiof be'rai del mond* 
Di pitrpiirco colore «^é bianco e giallo 
Vefté le cofe , e ù' lìefo e f^iocondo 
De'^puri fiumi ì\ liquido criftallo 
Tnrpsrente mpftrarfi. iafino al fondo ; 
Comparve il Cavalier Covra ufv cavali» 
Baio fcnro rotato ad 0911 mano > 
Che'! piede della, ilifià 4vea. balzino.^ 

Eni» del bel Cempioa l'arme onorata 
Tutte di puro e di lucente acciaro^ 
Da nuli' altro color piate, o fregiate;: 
Ad ogni colpo acconcie a fsr riparo^ 
Le fopravvcfte ricche e ricanute 
D* argento- e d'or^ di lavor vago e rar»^ 
Che percoflè dal Sol (pargeano fuori 
liiUe fiaoune di gloria» e miir onori» 

Cr» rimpreia foa Vpshày che fuoTe 
Girar fempre le fronde al lume amata |^ 
%tL bella. Clizia » che forfè ù, duole » 
Del duro cafo» e del Tuo acerbo fatoi 
B eoa mute e mefttfitme parole 
CiBaverfk al S<^ lo chiama empio ed iitgrtta^ 
E fcritto fopra io note furate e aove; 
Noa faa ^ueA.*^ occhi mi^i volferft %ltrov«» 
* »r 

Menava te DucbeCa per la;, briglie 
Sovra un bel palafreniti pelo bianco, 
Sparfo di oaacchie Vagbe^ a, meraviglia » 
Che gli pingeano il latO; deftro ^ *1 mance» 
Co» guaroimento di feta- vermiglia ^ 
Cbmtào d' or ^ con molte perle , ed anca 
Ci»n gemme altre nel petto e nella frpote» 
Delie pili care» e, di beilesxe conte. 



Digitized 



by Googk 



44 •' C A NTÓ • 

L'abito era leggiadro e pellegrino, 
^D*una bianchezza non più vifla mai^^ 
Sparfo di treccie d*oro puro e fino. 
Che sfaviUavan fuor del Sole ai rai : 
Con un cappiotto fovra cremefino, 
Che^l'oAro di color vincea d'alTìi, 
Tutto trap^unto di lucido argento^ 
Cli*« lèi mirar facevA ogn' occhio mtent** 

»? 

Jjk corona cingea la diioma bionda , 
eh* ebbe per premio della fifa bellezza. 
Le fue Donzelle , in cui tal grazia abonda ^ 
Che via maggior rendea la lor vaghezza. 
Cui gemme e cotanto oro orna e circonda , 
Cfa' £rmo e Gange non han sì gran ricchezza; 
Sedean fu vaghi e bianchi palafreni , 
Ch'avean tutte d'argento e ftatfe e freni 4 
30 : . 

Iruneo portava T armatura tinta 
Di color d' erba al verdeggiante Aprife » 
E nello feudo una Donzella pinta, 

- Cui genufleflb uà Cavalier umile 
Chiedea mercè; la fopravvefta cinta 
D'onda, a quella del mar quaiì fimile; ' 
E per lo fren menava la Donzella 
-Ambafciatrice di Grafinda bella • 

. J« 
Venia fovra un corfier caftagno ed alto, 
Pianile An;rioto, e fopravvefta altiero; 
Fregiate d'oro il mezzo, il baffo , e T tlto^ 
A gaifa pur d'invitto Cavaliero ; 
Apparecchiato ad ogni duro affalto , 
E i folgore portava per cimiero,* 
E la foreltx per la briglia avea 
9 uella y che Bruneo feco adducea • 

Con 



dby Google 



ttTTANTESIMOOTTAVÓ . 4f 
J2 

Con sì pregiata e bella compagnia 
Il Greco Cavalier entra nd campo ; 

' Ovverà il gran Romano entrato pria , 
A guifa proprio di tuono e di lampo. 
Che più temenza aiTai, che danna di»; 
Ma fé farà da quefta pugna fcampo. 
Senza guarir del Tuo cervel balzano . 
D*ogni medico fia il rimedio vane. 

To' di quelli tA€cr Sij^nori intanto « 
eh* io parlo di Lucilla; il cui dolore » 
Il cui angofciofo e difperato pianto, 
D'una dolce pietà m'ingombra il core* 
Giunta al palazzo di Lccina, tanto 
Pianfe., quanto i trid' occhi ebbero umori | 
Wè, perchè fecca fia la largì vena 
Dei pianto, del fuo duol manca la pena* 

La fua cara Fanciiula abbraccia ftretto 
Con vero affetto di tenera madre à 
E Baciandola dice : o mio diletto 
Perch^un'orfo crudel t'è ftato padre f 
Perchè prefi io per mio unico oggetto 
Un durofcoglio^accioccli'ofcureed adre(n% 
Motti fempre abbian gli occhi^ e I* alma a£m« 
Senza che fin giammai trovi al mio danno? 

P cara Figlia ^ io pur nel tuo bel vifo 
Veggio quella beltà fpietata ed empia, 
Che'poi che ni^ave il cor vinto e conquifo. 
Con le fue proprie man lo ftrazii e fcem^ia: 
O cara anima mia, iu con un rlTo, 
Perchè '1 martir il mio dellr non empia , 
Mi confoli talora; ahi bella immago 
•' un Tifft truio , e di mia morte vago. 

Cosi 



dby Google 



* \* 



4C C A KTO 

Cosi dicendo , quafi ^or , cbe lingue 

Da fredda nebbia, eS importuna opprcfSi 
Cadde fui volto dell» Figlia cfan^ue. 
Con gran pietà di clii le flava -appreéR>; 
Poi s' alza , e dice o pia crudele cb'un anguc^ 
Percbi dalla tua m»n non ni' è conceilb 
Chiuder queft^ occhi laiH? O lieta forte g 
O più d*4ign' altra deitata morte* 
r7 

In qUefta giunfe la pietoff 'Wàn ' 
Partita da Mirinda, e d'Alidoro, 
Per medicar ((e pur potri ) la piagft 
IDélia difperazion, e del martoro, 
eh' ad ognor di coftei T anima impiaga 
Con flraìi acuti, €*han le punte d oro ^ 
Ma difperata e vana è quefta ^ra ; 
Tant'^ la iòrza della fua ftinguni^ 

Jjl pcrfuade ornai, che cangi mente, 
£ volga i fuoi defiri a miglior riva» 
Kipufando Alidoro arditamente. 
Perchè di libertà l'anima priva ' 
Mon pub di fé difporre ; e no *l contente 
Quel , che di fenfo , e d'ogni arbìtrio i ì priva : 
Poi di far le promette , che 'n oblio 
Tolto porria il fuo amor gravofo « rie* 
$9 

Deh ti prego non fare , o carar^ p fida 
.Nelle miferie mie fcorta 'e'eoÀfbrto, 
La difperata quello udeAdo , grida , 
Col volto più che pria pallido e fmortó: 
Mon far ch'io fia di me '^fle^fa omicida»^ 
Come far;)! , fé mi fai Canto, télrto , 
E fOvpur hai pietà del mio languire , 
Trova ilrade ficura el mio'mome. 

Che 



Digitizedby Google 



SETTANTE5TM00TTA VO . 4pr 

40 
Cbe pria la terra fia iucida e molle; 
L'acqua deli'Ocean (oiidA e dura; 
Prima farà fecondo , aprico colle 
Privo d* erbe 1' Aprite , e di verdura « 
Che *1 mio delio ^ quantunque i'tfano e follff 
In me fia fpento , e la vivace cura . 
Deh, Te de mìei martir non hai diletto. 
Dammi il veleno, o mi trtfiggi il petto. 
4" 
lo ti (congiuro per quel Dio , che vede * 
Tutti i noftri penfier, quel , che fe'lSoIr{ 
Che mi prometta la tua fald* fede 
Di non far con incanti » o con parolo 
Ci6 che dett'hai{ e (e pietà ti fiede 
Di quello cor, eh' a morte o^nor fi duole | 
Fa pietofo Alidor un giorno folo, 
Che pia non curerò d' affanno , o duolo* 
42 
Un i;iomo (blo e poi mai pid non fia» 
Che mi riputerò come beata i 
Certo si lieta d^Ua forte mia. 
Che più non mi farà la vita ingrata: 
E s' effer ciò non pub^ trova la via 
Alla mia morte j e fiami in quello griUa 
Perch'io non moia tante volte ii die 
Dal dardo uccifa delle pene mie. 
41 ^ . 
E fé pur pur rimedio a quello mile. 
Che mi divora le mtdoi'e e ToflOi; 
Alla piaghe pellifera e mortale 
Mon fi ritrova , che fanar mi poflTa ; 
Fammi una grazia almen , cbe farà tale» 
Che poich'io farò cfaiufa in poca foflà. 
L'anima te n'avrà obligo eterno, 
O fufo lA Ciel ne VAda , o ncU' inferno. 

0a 



dby Google 



^S CANTO 

Un te m Dio faiomi far ricco ed ad«rB9 
Con ^i irte dell* antico Zorcaftro, 
O col tcfor , che meco f orto intorno ^ 
Da qualche dotto ed eccellente inaftr* 
In parte, dove non riceva fcorno 
Da fiera gente, nk da malign' aAro ; 
Ed un aitar con quella immagin belli, 

. Gnc'l cor mi ilraccia , e p,ur bramo veddla» 

Con quella immago al naturai dij^'nu , 
, Perch'io poffa adorar tanta beltadt , 
Ove poflfa talor dal iluol feCpinta 
A lei del mio martir chieder piet«ii«j 
Ch'ivi mi vi vero tanto , ch^ «aiuta 
• SarA la carne, e U fua «rudéltade: 
Con una cafa, u'Ic Donzelle amate 
P^offan iiar meco in dura forte naie* 
46 
Ivi fn' alleverò la FanciuIIina, 
Solo conforto e refrigerio mio, 
In quella vita mifera e mefcbina, 
1*er crudeltà del Padre iniquo e rie: 
O Figlia, che potevi efler Reina, 
; Se , come bel, tuo Padre era ancor pia; 
Or chiufa in fofca e folitaria cella 
Starai dìferedata e poverella. 
47 
Peh dammi <jueil« don , non mei negare , 
Se tanto m ami , quanto io credo , e dei : 
Che forfè il tempo, che feco portare 
Suol gli accidenti noftri e buoni e rei, 
Tauìl le mie ferite medicare, 
E portar tutti feco i dolor miei : 
Deh fammi quella graiia , ond' io contenta 
Meno del mio martir le piyie fent». 



dby Google 



SeTTANTESTMOOVTAVO. ^ 

Va altro dttn (s'efTer pur piiote) nòùn 
Cfai eder ti voglio, o mia diletti amica , 
Fcrch'iin verme mordact ad ora ad ora 
l^^un'onefta pietà l'alma m'implica 
Del Re di Frifa'; a Cui ai dvtn oj^nora ' 
La A, mi fon moflrau e sì aemica: 
Sanalo tu , che puoi , donagli aita » 
Che «oda mi farai cara e gradita* 

Lucl«a per pietade. e per amore 9 
Che porta grande all' infelice \Aminte^ 
Le promette di ciò Cir, «be'l fuo core 
Gouate brama 9 ed ella ha chiefto; avente 
Che diece volte ti Ciel e^ano l'Ore 
Alla pnrperea Aurora e vigilante ,* 
E per più fuo piacer le die la fede» 
E cosi l'offervò, come la diede* 

so 
In cima un eolle ,' che vaglieggia intonw 
I colti campi e le fiorite valli $ 
Ch'avea le verdi fpaUe, e'I petto adoni» 
Pi fior perfi , vermigli, fianchi , e gialli | 
Oade da fonte un rio co! (npiaiol corno 
Portava a baflb i liquidi criftalH; . 
Fu Catto in dieci di tempio e palaijio 
Ricco ed alter da poter Àarvi adagio* 

S* 
Ove fopra un alure alto etf ornate > 

Diinnta d: Alidor la' Iwlla immago, ■- 
Fuor ehe la tefta , in ogni parte- armate 
Bel di perfona , e di volto si .vago , 
eh* un leon eMklo avccbbneumiliato. 
Era; non fo , fé da Pittof^ , o Mago 
Con si vivi color , eoo tal mifura , 
Che non lo fé pia bel l'alma Natuie, 
Tmm* IT, G Cem 



dby Google 



f • . e A N T a I 

s* 

Cento Itmpidf ti' oro. ertno teecfo ^ 

Anzi l'tlur d* meftinguibtl foco ; j 

Tutt^a oatcno di fin oro »ppc<e, ) 
Che lucido rcndean d' intomo ii loco i 

lì 4Elie si lofto che Lucilla ìatefe , >, 
Che ^fh diflruggendo a poco a poco 9 

Vaga di riveder l'alta fembiaaaa ^ 

Di luiyck'uccifo av'ogni fua fpcTMitai t, 

^andb con Je-DomeUv» e con Luciwif , 
M.h portar la pargoletta fictk , ^ 

Che '1 CicI fin ora a tanto ben deftina p 
Che-fia cagibn d'eterna meraviglia • 
Mira 1* opera eccelia e pellegrina 
Del ricco tempio, e fé ne merairi|;Uas 
3Aà natia >p(|aga l'alma aria e f lagatv , 
Fuor «he m iuo Alidor V immago iouta» 

14 
Ma^erdiè Ida» omai pie JwMniait» 
Floridante igeirtil in quel periglio? 
il qual foleaudó il bel lago 4uGÌeato 
Tien nella deAca il fuo brando vermiglio « 
B -con ia man fiaterà fotamento 
Rirpingeiil flutto; d#ir acuto Jai^gKo 
Di quell'Arpia fc^néo foi^za o diru. 
Che per difoegiio toTco • 4Ì0oo fptvu*^ 

OHnzU ftcva «r fc?reti «flirà 
Con Sjilibevo^ e rmttehdeaao intenii; 
Mcfti e doglipii ivi queUu^ propria guifa^ 
Che mercatante, vhe contrari i venti , 
Ed alto il mar^rimim-y-ré ten s'awìf* 
Vedendo si tUfbatì j|li «elelnenti , 
Che 'n gran periool ixa la i'icca burva 
DcUf fui nufci presiotr^mi. 

Poco 



dby Google 



^ SfiTTAMTESIMOOTTiVO* Kt 

si 

fòco prin* di Ini gìuofe NtveUi ^ 
Più ck^ altra mai di mal talento piena | 
£ fcefa delia picciola barchetta 
Caodur Jt fé ai fuo loco alla Sirena; 
E feoza lor dir nulla , in molta fretts 
Con la Ponulla» ch'ella feco mena» 
Nel gran palazco entrb tacita e mefta ^. 
Qifle ipvr dianzi iffcio eoa tanta fefta. , 
57 

Oifo noa > C09} di lìiror ìMcne. , 

Che del ViUan lo fpiedo nei frtnch' ahUa » 
QiaiiCO è leggiadra Donna , a «vi vien meno 
Spemo di «biuder noyo Amante in gabbiai 
eh' ATtado rotto alla vergogna il treno 
^ v^SSH^ ^lii^reztar; in unta rabbia. 
In cosi |;ran furor monta» che giura 
Di ¥fii4«ar un di la fna Ibiagura. 
5« 

Ma SM4«Ate g'4 giunto j^<t fìva» 
Della Tenitura Aia lieto e Contento , 
Mira la fpada roflèggiante e Viva, 
Che '1 bel color non ha Cangiato » o Tpent** 
la quella apparse ufta Donzella fchiva. 
Che porta iil vifo. fierezza e fpavento» 
Che con molte jrampogne lor fu fcorta; 
S gli «OBdude fuor d' un'altra porta, 

licendp^ futoci pmiiderete il calle « 
Ch'andar per altra via non v'\ coneeilb;; 
E quello dttto lor VOlfìs le fpaile , 
E ferrò l' uiclo del palazzo appreso; 
Ivi il Nano trovar y che mai non falle 
Di guardar i deftrier , tutto dimeflb , 
Che cacciato l' avean , ond' avea pria 
I Imioro albergo avuto , e compagnia* 
C a SS 



dby Google 



§1 ^ CANTÒ 

. 6*. 
Si fpoglibl Cj^vallcr, ch'era bigntto, 
E fi pdfc altri panni, e l'armadurt. 
In quella fi Fc il Cicl tutto turbato; 
E Tatìa fntonio" nubilofa e fcura ; 
E ben pareva , che ogni vento irato 
FefTc cogli altri battaglia afpra « durt « 
E cominciò a cader grandine tanti , 
Che' non ne cadde mai forfè altrettattfci*' 
6i 
AvttL Cinzii tiafcoifo il Tuo bel Yoftd, 
^ Sendo là notte^ preffo al fuo conine; 
Trovar, dal ponte ufciti, un bofcb foit# 
Pieno di dumi , e di pungenti fpìne ; 
Era la ftrada ftretta , ti lame oc^oFto ; ' 
Tal che norl vede' àlcan , ow cimMiine; 
Qual fpin lor fquarcìa H voltOiejjjuale i panni; 
Kè trovar fan 'rimedio i tint4^d«nai* 

^^ 

Xntrar , varcato il bofco , in uri piatili* 
Alto e profondo di paluftre limo; 
Andava innanzi agli altri il pieciol Natio 
Per la fua fciagura, ed a cader fu il primo: 
Cui Ce non dava Saliber la mano. 
Che quivi immerfo fora il mifer, (lirao; 
Tentano il vado, e noi trovan fecuro 
In parte alcuna ; e lor par grave e duro» 
dj 

#iglii Oìimìt per mano il CavaHeró, 
Che d' annegarfi avea temenza gnnde 9 
£ fa paflar innanzi Saliberp 
Il vado a ricercar da tutte bande ; 
Ma non trovi né vado , né felitiero , 
Sì per tutto il pantan fi ftende e fpande ; 
Né i gran Campioa per quello fi fgomenta , 
Ma fprooa , e '1 paffo 1 poca a poco tenta. 

In 



dby Google 



SETTAN r£S(M0OTTA VO . 3f 

Ifl duefta in Ctel U aova Aoirora apparve « 
Che con la verj^a d* or fgombrb d intorni 
Torti gli orrori e le notturne larve, 
£ lor nio^rò lucente e chiaro giorno; 
Ma non per quefto il gran pantano fparve; 
Anzi per Jor più oltraggio e ra a!* ^i or fci>ra» 
Quella brutta Donzella fovr^^iunCe , 
Che eoo voci moleile o^nor li pun{ip« 

^5 

Gli feguia di iontaa pieiu di'fde|;no 
Ora lui motteggiando» or la Donzella s 
AfpettatC) diceva 9 fiaron degno « 
Ch'or or vi menexb la navicella; 
E qualora di loro alcuno un fegao 
Faceva di cader, o cadcv'ella^ 
Con una Tua mordace» agra rampogna 
Dcftav4 io lor ridendo ira e versogoa^ 
66 

Quando Dio velfe , del pantano ufciro , 
Non dell' afanno, 4he gli fcgue ancora: 
Un nuvol di tafani ofcuro e diro 
Trovar ufciti di quel fango fuora .; 
Noioii si, eh' a dirlo anch'io fofpiro. 
Cotanto il lor faftidio entro m' accora» 
Un efercito fembra di foldati 
8eo oumeroOo» e d'arme acute armati* 

Mon vai menar or quella mano, or ^u«iU» 
Ed ucciderne cinque e dieci e venti» 
Che per ciÀ non u ferma ^ e non s'atr-ella 
La guerra lor; aaz'ognor pìQ pungenti 
AUan del lor furor la gran tempera. 
Come l'onde del mare alzano i venti; 
Spronano efli i.deftrìeria tutto corfo 
ftt ifcampai dal veleoofo moifo* 

C I Mft 



dby Google 



54 C A K T a 

6% 

Ma più cke i |^1^, veloci atTai (bit Talt 
^i, che fuggir non pon dal lor artiglio 2 
Andar Tempre correndo in cena tale 
Un fpazio lungo affai piAd un gran miglio • 
Fan penitenza , e non han fatto 11 male , 
eh* ognun il volto bigia tutto vermiglio 
SjParfo di macchie rofle e di ferite, 
cke fatt'haa lor quelle ree beilie ardite. 
69 

Ufcitt al fin di coli Inngii aftimlo 
Con non poco piacer, giùnsero at^^ìaret 
V' trovar barca , che *1 centefim' anno , 
Che ftata ita fovra quel lido, pare: 
Non ha vela, né remi, or che faranno. 
Se non fi può fenz'eflfa il mar varcafe? 
Il legno è aperto sì, che non ha ftoppa 
Vira afe ed afie dalla ^rora a poppa. 

llira rovente la fpada, e vermiglia 
Pur la rivede, e ne ringrazia Iddio; 
Ma mentre feco penfa, e fi configlia 
Come folcar quel flutto odVofo e rio, 
Un vecchio vede con irfiite ciglia. 
Ed in tutto contrario al Tuo delio. 
Che diife lor con voce d* ira carca : 
A voi paflar bifogna in quella barca* 
71 

Duo remi in fpatla porta, ed una vèla>, 
Ch'avea più buchi ailài, ch'Aprile fiori 2 
Vara la barca in mar, che fi querela^ 
Ed alza a poco a poco i falli -umori : 
Non teme il Cavalier di fé , ma de la 
Donseila , che coperti ha i bei colori 
Sei vifo di pallore , e per la tema , 
Com*crba allo fpirar del vento, trema « 



dby Google 



8ETTANTESIM0OTTAVO. %s 

7» 
Sisoorì qui finir voglio il mio canto, 
£ follevar da sì gravofo pondo 
L'ingegno oppreflb, onde rcfpiri alquanto: 
Già notte copre il di chiaro e giocondo; 
Più non fi r«nte degli augelli il pianto | 
E tacito s*è fatto e muto il mondo: 
Muu dunque vo'fare anch'io la lira, 
Idcntrc l'umidA notte il mondo aggira* 



SI firn M fmsmfimmmf^ Cmh*. 



C4 CAN> 



dby Google 



CANTO 

SETTANTESIMONONO • 

D Entro Una aubc di purpuree roTt 
B d'ofo fiso involta ecM V Aurini 
Con le note di brina rugiadofe ; 
E con r auree fut treccie aperte air ara: 
Ecco ch'Apollo le bellezze afcofe 
Scopre del mondo tutto ; e ad ora ad era 
Difpiegando i Tuoi raggi ardenti e belli 
Dipìnge l'onde , e fa chiari i rufceiU • 
a 
Sf'l defio, come fuol , forfè vi move 
Signori ad afcoltar di illudri Croi 
L'inclite, altiere, e generofe prove. 
Che fero il mondo bello aggiorni fuoif 
Or che novo penfier, parole nove 
3AÌ detta Apollo, venite ancor voi 
Ad afcoltar Calliope e Talia , 
£ far onore a quella lira mia. 

li Greco Cavalier fi duol, ch'ornai 
A ragionar di lui fia troppo tardo; 
Già entrato era nel campo a donar guai 
Al Roman, che fi tien tanto gagliardo. 
Quivi per gire altrove io lo lafciai 
Con la Duckefla , a cui par lento e tarda 
Il tempo, vaga in tefta di portare 
B pregio della pugna fiogulare . 

Aazì 



dby Google 



S£TTANTESlMOMOtfO. 57 

ami al ptlaczo, a queil'atto empio « trud^ 
Fu dagli antichi Regi i l campo eletto ; 
Che 'r mezzo avea un pilafiro » ove lofcudo 
-L' Attor poneva , o M fuo guanto , o i'fimexto; 
Dairun de' iati di cruiRza ignudo 
Stava U Roman , dall' altro un drappeUett* 
Di Ca-valier, ch'aveano il Re nel mezzo 
Sftvca uà gran palco ^ ove ÌpiraA.urAfrf2»o» 

Su le fineftre la Reina ftava. 
Con le Donzelle (uè fparfe d' intorno | 
£ la gentil isaAÌera rimirava 
Del Cavalier d'ogn^aha ^azta adornò; 
II qual fecretameote forpirava 
Non vedendo quel Sol ^ eh' a lui fagiorno| 
Il Sol degli occhi fuoi lucente e vivo, 
Lungù àài quali fi d' og^i JUuue è j^ùwo^ 

Avevi il Prittcc ili Calaiwia nera 
La fopravvefta fua d* argento e d' orò^ 
C di fer;penti fparfa » e li grand' era , 
Che d' un palmo avanzava ognun di loro 
Sovra un alto corfier di fronte allieta « 
Ner faginato, con teila jdi moro. 
La cui grandezza, ed orgogliofa v\tttL '■ 
Fé divenir Grafinda ai^itu e irida «. 

fbrtava per impre^ egli. raugel'(o« 
Che impiega fpeiTo le (ne penne al vent» , 
Che fuol v^lgerjì intorbo a quefto e aquellft 
Per far ognuno à. rimirarlo intento; 
Dimoilrando a ciafcun, qaanlo iia bello ^ 
Cogli occhi pinù e gai di color cento; 
Sd avea fcritto fopra un motto vago«. 
ìk qtul diceva : 9 ìà «io iol. m"" appago* 
C %' Avvi- 



ci by Google 



5t CANTO 

a 

Avviilo il bel Ctmoion del fuo timdre» 
Non vi percuota la coftuì erindezza ^ 
Piano le diflTe , di temenza 1 corei 
Sperate ìa Dio , eh' ogni fuperhia fpez^t ^ 
cVa me la forza» a voi darà l'onore • 
Poi la corona di molta ricchezza 
Le chiefe, e fatta da perfetto maftr^s 
fi Tandh lieto a por Covra ti piladro. 

JB fattoi! di tre dar uaa lanta 

Merbofa e grave» e piìl deir altre groCa» 
Xa fcuote e vibra » ed ha certa Speranza » 
Che regger vaglia ad ogni graa percolTa; 
E perchè a quella perìgtiefa danza 
Lieto principio e deftro fin dar pofla « 
Priega il Re, ch'ai Riomano il pregio ^rift 
Faccia» chcU Vidcttor pok poffii t^rra-.^ 

IO , 

Clinda fiàva preflb alla Reina » 
JE corona ben ricca in' tefta a vìa. 
I( fuperbo Roituno a iti s'inchina» 
£ la fupplica umif» che glie la 4ia; 
Che l'altra della Ctonna' peregrina 
Aver faralle» anzi eh' un ora (ìa» 
Dando caftigo al Greco audace e pazi^ft 
CoA cftrenia da' Tuoi gioia • ialaxiao» 
II 

Dar non .^i la volea Talta Donzellai 
Anzi il lafciava fiippliear in -vaite £ 
Di tht la gran Rema la rappdl^» 
£ che la dia l'accenna con la alino: 

' £1U , ch'ai fiio voler UtG^ rubetla 

' tilon pub , ne debbe , al Principe- Roman* 
Contra Tua volontà toftO la getta* 
Tntu ad volto itp§k t féefiiofetto. 

La 



dby Google 



SETTANTBSIMONONO. Sf 
11 

Li prende queir altier, le b^cta , e mie 
Dov'era reltra» e poi vol^e il ciVaUo, 
E di molf altri fceglie un gran troacenct 
£ Talza vago di non perio i« fallo , 
Dicendo con fuperbo, alto fermoae: 
Arminli gli altri duo feoza intervallo ; 
Perchè la pugna dellMncoatro primo , 
E* già fioiu« Te ben drlttA (timo. 

Gridb'I buon <j|!iiiiiedaao elk«»e forfè ^ ^ 
Di mente uCcito t'è^cbe oieeo rbai« 
8e la battaglia di por eercht. in forCe 
k me promeffa, tu t* inganni kflfai* 
Il dito i* altro per rabbia (l merfe » 
B diffe: fe*l cervel perduto «vni 
Per li molt* anni , ne ourat la pena , 
Gi&e via pia grave tuk^ fibe le CA^eoft* 

U Greco Cavnlier, cbe quello imeade» . 
Che fai, alto gridb^ di fdegno pteno; 
Moftra la Tua virtù quanto fieitendet 
Ed al vano parlare ornai poa freoo; 
Pofcia rivolto il fno bìfo^no aibtende , 
Mentr^ei fparge dagli oechl ira e velenqi 
E con gr» leggiadria eolg» Uk bùgUe^ 
E quanto pia gli par , del eempo pl^iu* 

Xon con temo furar dal pigfo Artiiro» . 
<^tor Auftro feroce a guerra il chiede. 
Con la gelida llailHi,>en volto ofcuro 
Si move Borea, e '1 Qiel percuote e fiede 
S) « eh* erboro non è , che ftia ficuro ; 
Con quanto quelli dw : poi il fegno die4o 
La trombe^ tal^dhf <d^' ^ifier la rabbia 
Ecct del max, inmttn/Mc likialdMa • 

C4 L*actt- 



dby Google 



£o CANTO 

16 
L^acHto ferro 9 e di pietà te ìgnttd* 
Dei Principe Romtn dall' altro Ut« 
Dell'avverfario fuo pafsò lo- feudo ^ 
Tal eh' egli foflTe, ognun tenea, piagato» 
L* altro di quel vie più fpieuto e crudo ^ 
Dal valorofo Cavalier guidato y 
L'urtò con tanta forza nella fronte, 
Cb'avria diftcfo al piaao ogai graamocitcl 
17 
Cott un dre^to tal, cor tal fracaflb 
Con la fua gran fuperbia andò di fott* ; 
Con qual farebbe dalla cima al baffo . 
D'un alto poggio tronco annofo rotto i 
dall'alpe fpiccato un groflb faiTo,' . 
Che per lo pe(o fuo (cenda di bott»; 
Tal che la terra dall' arme percoiTa 
Fece al palaazo 4lar più d' una iceifa. 
18 
F» la' Caduta tal, che*rujppe il braccM 
All'infelice Principe di -Homa ; 
Il qualufcito si tofto d* impaccio, l 
Coà l^a fuperbia Tua già vinta e dowa,' 
Giace coi corpo più freddo , che gatACCào , 
Siccome foie all'alma inutil Toma; 
H che dal Cavalier Greco veduto 
Dalia fendo i tragge il ferto acuto: 
if 
Fofcia'falta d'arcion leggiero e fart^^, 
'£ con la fpada in ìnan fovrt gli corre ^ 
Vago, fé Tl movea, di dargli laorte; ^ 
'Ma non fi move più, che faccia torrei 
Fondata e ialda; ond^^li gridb forte: 
'' Signor, s'altrui pìetaD^ noi foccoTre , ^ 
Con darmi il prc|^j^e la vittoria in manoj 
Saré sformalo a |ir ano «jjypaa» • 

Non 



dby Google 



SETrANTESMOltONO. et 
lo 

ITm 1 tfiteodeva il Re ^ ma gti fu detto 
Bai Conti d'Argamon, ch'era prcfente, 
<Ub, che chiedeva il Cavalier ptrfetto; 
E perfuafo ancor, che 'maantinente , 
Perchè col ferro non gli paili il petto, 
A. lui per vinto il dia , poi che *1 coafeate 
La ragion, la piccate , e deve farlo » 
Per d» unto £uror allor fcamparlo. 
ti 

^d» allor Grumedan : non fate Sire , 
elisegli è cosi orgogliofo e si fuperbo. 
Ch'avrebbe forfè un di di dire ardire 
Contr* r altezza voftra un qualche veiM; 
E che per la querela diffinire 
Sf ritrovava ancora e forza e nerbo: 
&tfer di quedo i cirooaftanti tutti , ( ti. 
Fuorché iRoaun^che in doglia erano e ia Iq^ 

12 

Al Conte d'Argamone il Re comanda. 
Che vada , dove il Cavalier fi giace ; 
E faccia ciò, che'l Vincitor dimanda^ 
8' ei più non è di far difefa audace ; 
E cho gtiei dia per vinto, e la ghirlanda 
Gli lafct torre , o la corona in pace ; 
Poi che per ragion d'arme eflTer prigione 
Il vinto dee del vincitor Campione • 

H Conte, ch'eti favio ,- e fapea, conae « 
A governar s' avea, gli giunge fopra ; 
E due, o tre volte lui chiama per aw^t^ 
E per Cario fentir le mani adopra ; 
Ila poiché vede le Tue forze clome, 
E che *a van fpende le parole e 1' opra , 
Il dà per vinco e refoj e la corona 
Al forte Vincitor in pregio dona, 

te 



dby Google 



4r CANTO 

La qua! il bel Cunpion Cubito ia tefta 
Pofe della Dueheffa, e le diffe: ora 
Più non ftarece pauroTa e mefta; 
Io fon fuor d' un jwnfiar ; voi feto fuori 
Pelle man del detto « che'n ^nn tempefta 
Vi tenne un tempo; e fe'l £ar qui dimora 
Più lungamente v*i molefto e grave» 

-Andar potrete a rìpofarvi ia oavct 

Tanto ch'io doni fine a oi^, cli'ofcrtìi 
Ho per fovtrchio ardir© e per piaaiJi: 
Ella ha di tanu gioia il cor coperto » 

• Che non fa per ditetto « ove fi fia* 
Gli rende grazie, e gli promette «ert* 
In ogni fua fortuna o buona ,o ria 
P'efetgli amica, e di per viu e ftat»» 

> . Percliè cono&a ia lei aniaio graia ; 

Che partir quindi ella noa viiol,ch'ei prima 
Ab^ia fin dato allUltra -empia contefai 
S| il fuo valor villo ab efperto ilima, 
eh' è di veder tatto fue prove acceca • 
Ffattaato il cor della Reina Urna 
In altra parte il duol sì , che dilefa 
Non pub ftù €ar per AgraaiofOi e taìAa. 
Si ciba (bl della ma dolce vtfta .. 

La Damigella per fai ver Tooon^^ 
Della nit Donaa ||jvfa tentato t} »t^{ 
Ma si fangofoii rictroivb, cèfi fiiQfea 
Fatica avefli» a mfnr tati petff»ada : 
O fiero, o di^desatOy o ingrato à«toffe« 
Come i noilri voler fili sì ài rado 
Concordi » e fpé^o un core ardi ed impiaghi 
Di dao befU occhi, d'atero og^e eco vaghi. 



dby Google 



SETTANTESIMONONÒ. 4$ 

28 
K vedendo vicino il grtn periglio. 
Nel qiul potria cader» fé non s'aiuta^ 
Penfa, come pu^ diir nuovo configlio. 
Novo rimedia aU* cpftei feruta: 
A lei ritorna ^ e con turbato ciglio 
Le dice, perchè fa via era ed aftuu , 
Che dritzt le fuè voglie a miglior porto » 
Ove '1 cammin Bm, pia kowxk «orto a 

•9 

Ckel gentil Cavalier avea gii dato 
Di tutti ì fuoi penfier la chiave in mmm 
Ad altra, che gli avea il cor legato 
Con un laccio d^ Amor foave e piano j 
Chide di foiorio muà pofTente fato 
O rea i^^raina cercheranno in vano: 
E eh* egli tutto ciò le aveva detto « 
£ nel dir piàfofptr (parfi dal petto» 
• 10 

Contrario effetto opr^r quette parole» 
Che per dirpcrazipn crebbe defio: 
Non fa che far la mifera , fi duole ; 
E fperge da' begli occhi un caldo riot 
Alla notte iellata, al chiaro Sole 
Chiama 'l Ciel crudo, ftmorfpietato erÌ0« 
lA Luna il fa, che ne* fuoi torci girl 
Si lofOMi ed udir fpeffo i fiiol fofpiri.. 

€Ii del bel volto le tenere brine , 
Le gote fparfe di purpuree ròfe. 
Non tocche mai da gielo , o da pruint 
Un pallido fquallom avea nafcofe; 
Era negletta rancllato crine. 
Languide fatu le luci amorofe ; 
E U beltà Piangea ne' fuo' begli occhi , 
Dal grave duol delle fnc angofcìe tocchi» 
■ Ben 



dby Google 



«4 tANTO 

Men s'*vired<Ttil Cavalier gcnrile, 
• Che per lui fi ftfugge» 1' *lu Uein» , 
Prufilla dettt, come ài Sol d' Aprile ' 
Ghiaccio indurato, o bianca neve alpina t 
Onde pietà con Tefea e èéi focile 
Accende foc« in lui fer» e mattina , 

- Che talor tra^gc da' be* chiari luiiai 
D'aniro U^i«iar cortenà fiumi • 

Ma non facfatf fi fat, che ftretio èl laccio. 
Col quale ha il cor legato, e si eepac». 
Che non fpera giammaid' ufcir d impaccio. 
Fin che non chiude gli occhi in queta pacos 
Lo ftral si fier, sì fu pofentt il braccio 
D*Amor, si ardente qiwlU «ObilUcc, 
Chi gli avventa da duo begli occhi fuor». 
Che inverà piagai* ed arfd egawa. 
S4 

Quella per lui Amor, coftin pieud^ 
Fer lei confuma, e non Ve alcMH riparo: 
Il Cavtlier no» vwal alla beltade, ; 
Che <le* Tuoi lumi è'ISol lucente e chiaro « 

. Mancar di fede : alla Dama oneftade 
Ha pofto in bocca un fren duro tsd amaro 
Si, che penfar no» pub, non pub far cofa. 
Ch'ai foo candido oaor fia ùigiurio£a. 

IS 

Mifera, U pietà pìi!l volte teiiU > 
Di quel crndel con. parole e con pianto : 
Ma non pub far gjuiiiimai si, che confenca 
A'fuoi defiri, o lor dia luogo alquad^p. 
Piange con lei ^ con Ivi s*aa|[^ e tormcnu 
£ fpeflb brama di poter far quanto 
ella defira i ma Amor noi coofente , 
Càe 'nvifibilc k lor fompre prefeatc. 



dby Google 



SETTANTESIMONOM». 4$ 

Prevede et ben , che vi farà che fare 
A licenzia impetrar della partita ; 
E già comincia (Uff*) a fofpirare, ' 
Che gli dà qusl timor doglia infinita: 
C per aa€h*ei la (uà pietà tentare , 
Le narra a lungo » che mifera vita 
Meni , da poi che gli £«1 il fuo ben tofto , 
E bagoA «d or $d or di pianto il volto. 

Mann* amboduo pietà del lor marth-e, ' 
Ma non ^ietà, che gli conduca a rivai 
Perocché m lor diverfo era xt defire,* ^ 
E ciò, che brama Tua, ì^altro lo fch|vft| 
Cerca, quanto più può, di ricoprire 
La Donna il duci , che d* ogni ben la pHvie 
E fuor eh* alla Donzella, altrui non d\p« 
t'empia cagion del fu? ftato infelice." 

_ 58 
PatTati.alpuni di, licenza chiede , 
C lei, che gli la dia fupptice prega: " 
Ella, che Sole , altroché lui non vcde^ 
AIU preghiere lue nulla 11 piega ; 
Anzi fupp ica luì, che per mercede . 
Ancor non* parca ; e^si lo ftringe e lega , 
Che prometee di (lare un mefe foto,* ' 
Né quello potè dir fenza gran duolo. 

39 
Stette pili lua^ il fuo avverfario in letto 
D' una pia^i, eh' avea cruda e mortale. 
Che cura d' alcun medico perfetto 
E diligente a fanarta non vale . 
A vifitarlo il nobil Gio^renetto ~ 
Andb pia volte ; a dolerli del male , 
Che fatto gli ha defio d'onor crudele,. 
•nd'avvien , che fovente uom fi querele. 



dby Google 



44 CANTO 

4* 
•r chi potrà giammai la coilor mentt 
Egra unar » ^ueir infanabii lue , 
Cbp crefce ognor , più che non fa torrente, 
Qualor di cento rivi con le fue 
I? acque confonde? Amor tu, che prerentt 
Sei ad ogn'or, e vedi d'ambedue 
La miferabil vita , e *i dolor empio , 
Deh non far più di lor si duro icempto» 

41 

llirìnda ed Alidoro a voi mi chiama 
L'alta pietà di quella nobii Maga, 
Che di fanar col Tuo foccorfo brama 
JjL voftra antica e velenofa piaga; 

' La piaga del defio, di quella brama , 
eh' altri non pub fanar , che 1* arte maga , 
Ch'ancora che Tauor fia pan in voi, 
Mon vuol Mirinda cib, che tu pur vuoi • 
4% t 

Stanco Alidor di dimandar pietade 
Alla fuk Donna, in queft'atto crudele. 
Che non potea macchiar la fua oneftade, 
Sendoglt egli Marito e si fedele ; 
Biafma piangendo la fua crudeltade, 
E rinnova ad ogn'or pianti e querele j 
Dando la colpa di quella durezza 
A poco amor, non a d'onor falvezza^ 
4) 

Sila , fé bene ia lei delire abonda ^ 
E la fprona pietate, ad ambi freno 
Pone; e ftà come un faldo fcoglio all'onde. 
Che 'ndarno gli percuote il tergo e '1 fenow 
La gentil Maga, che quella profonde 
Piaga vede del duolo; e quel veleno. 
Che credenza gli dà di poco amore i 
Di pietà inunerir ne fente ti core» 

E 



dby Google 



[nTTAKTBSIMONONO» éf 

1 peofft di ftillar il duro gUaccio 
Della coftei durcxxi , « farlo molle 
S2, ch^ttfcenda amliodHO di tanto impacci* 
L'onda del lor dciio, ch'ognorfr eftoUCt 
Si faccia piana: e cosi tefo un laccio. 
Ove i'oftiaazìon fevera e folle 
Di Mirinda cadeo, ficcome augello. 
Cui ambe Tale ìnvefca tin ramo&ello» 

If entro di ^eti parlo ; a gikn dirfagiA ' 
11 Greco Oivafter eoa Panne in do^ 
Stava dinanxi a quei resi palagio i 
Fer rompere a^ Romani il petto e'I doflTo: 
E percàè Pera è tarda , ei nonfta adA^j 
Gii tolto avendo un tronoon verde e groflog 
Alto diceva: • Cavalier Romani^ 
Ornai è tempo di menar le mani 4 

Ptofcia lo f<gìiao manda a por li, dove 
Detto gii V* ho , cora^ era loro ufamsa • 
Nefiun Romano Cavalier fi move» 
Che tatti in Maganillo hanno fperanzta 
eh' era un Guerrier , che motte eccelfe |^fi 
Avea gii fatte e eon fpada e- con lenza i 
Ma egli al Prence vinco avea promeflb 
La pugna far, s'ei non potea , per e(b. 

47 
Centra il buon Grumedan, con ambo i fuoi 
Fratelli, che*a battaglia eran pregiati. 
In quella fovra il campo apparver doi 
Alti Campioni , e di ricch* arme armati 
Sovra duo gran Corfleri , ambi d* Eroi 
Avean fembianca, ad opre illuftri ufati; 
Ma perchè pia fuperbia han, che valore, 
Fejfaa feu* al Re fare alcuno onore . 

Va 



dby Google 



et e A M T Q . 

> 48 
Va t*un di-l«rò al nurmo, oir'avea.fatt* 
Porre il fuor feudo il CavaUer fovrano; 
E prefo aael^ quaii furiofo e matto , 
Per Tuo dirpTe&zo.con la deftra nunu. 
Due o tre volte ^ e fé viiiirutio auo , 
Percoffe fovra il iaflfo i e noa tu in vano, 
eie U ruppe in pezzi ; e poi '1 gittò fpezzaio 
Con graa disdegno in mezzo lo iUccAto* ' 

Sd ftccoppiaiido il villaa atto e bieco. 
A vane e ^nperbiffiiue parple, 
Difle : mal aggia obi ifcudo di Greco ^ 
4^ntra Oucrriér Roman fi ponga, vole : 
Volgeti a «me gridò '1 Campion; con meco 
Sfoga la rabbia, che moftrar fi Tuoi e 
Il valor contra Tuom, non contrattarmi; 
Me & batton col ferro i duri marmi. 

so 

Indi, come del mar turbato flutto, i 

Sofpinto da procella orrida e grave, { 

Qualor d mofira il elei fcuro per tutto , ' 

? Cbe con impeto aflal fdrufciia nave ; 
Onde'! Nocchier, che fi uede diftrutto. 
Trema d'angofcia, e ne fofpira e paue; 
Così pien di furor, per far vendetta 
Di queir atto vilUn, move egli in fretta» 

Senza feudo pigliar, benché Angrioto 
Dar gliel volefle , V afta a quel di loro , 
Che più oflfeCo l'ave* drizzando ^ a voto 
Non drizzò '1 colpo fic^r , che Gradamoro • 
Cht cosi nome avea , iafciando voto 
L'arcione, in terra cade; e tal martora 
Senti della caduta afpra e molefta , 
Ch'si perde il (eafo , e '1 torte elmo U teft^. 

Citta* 



dby Google 



SETTANTESrMOKOKO . ¥f 

dittato il tronco in mi ile fchcggie rotto 
Con tra 'i fV«teUo, che non ftava a bada. 
La fronte d' ira pien volfe di botto ; 
E lui colpi con ia fatale fpada ' 
Proprio , dova la fpalìa ha il braccio fottdl 
La qua! fiera fi hci un' ampia ilrada , 
E con i* armi tagliò le carni e V olTa 9 / 
Ond*è, che! brando più regger nonpoiki^ 

taddopfnb ir colpo più prefto, che vento «. 
O eoe Partico ftral già rpìnto al fegno $ 
Che la pietà non ha per quello fpcnto 
In lui r «nello ed onorato (degno : 
Grintranè'l capo, e (e tremar il mento. 
Perder le ftafe , e poi fenza ritegno, ' 
Senza ch'ei poflTa dar pur foio un arolioj^ 
Il duro feudo gli, levò d»l .coUo. 

E fu la forza tal, ch'ai cade in terra ; ) 
Ma'l timor di morir l'alza e foli èva 3 
E coi Pratel , quanto più pub G ferra 
Col brando , che già prefo in mano avef A 
il Cavaliere che cib vede, s'atterra ; 
Perchè del fuo deftrier forte temeva ; > 
E va contra dilor con molta furia 
Per vendicar la ricevuta iiigìuria. . i 

t raddoppiando i Chipi , si gli incalzn :. 
Con ilrammazzoni , e ftoccate , e ^ndeati ^ 
E d'ogni intorno lor si falta e balza , « 
eh' a fuggir più , eh' a ferir ibno intenti • 
Non si leggiera Villanella fcaUa 
Fuggo da ferpe , che con gli occhi ardenti 
La fegua per i' erbette (ìbilando; 
Com« cffttfrdal formidabil brando. ^ 



dby Google 



7è C A K r • 

5< 

Già Lafamoro nella samba mane» 
Ferito al Vincitor chere mercede ; 
Ma il i^an Campien , che non he l' ira fanci» 
Diftefo in terra lo getta col piede : 

' E volto air altro, che ton faccia biancft 
Va per falvarfi verfo^ ove'l Re fiede. 
Gli falla innanzi con la fiera fpada , ^ , 

-4l gli troncò la franta • là ftia^» 

57 
£ arti eoi pi, tk^^ranno tio^ idMntpioftMt 
Che gli apfott l' arme, e fan di fangiie unrivoi 
A ibrxa Io fa andar vetfo il ptlaftio, ^, 
Fiacco, tremante , e pia fnorto^ che vivo» 
«BCii rfon fuggi Fanciullo dal' Vtneoftro 
Del padre irato, come d'atrdir privo 
Agj^e collui dair alto e gran* fracadb 
Di quel («ror, che*l iegiie « ènngo paflb» 

5^ 

II mìfevo, the vede alla tua motte 
Ccen altro mezao non poter fiirfclieftto; 
Scudo fi fa del marmo duro t forte, 

*Xtfi piedi pfaoti, e eoa l'animo infermai 
Chiede la vita in dono, e grida forte; 
Ma ^el col coréifcoglieudpieftio cdermo^ 
Volendo piagar lui, eoa collpi mille 
Facea del faèb uicir fiiocae faville. 

Xcome Haflco Tha siv ^ '^^h vàie* 
i ir piede a faggir più, igii cave addoflb 
Con la preftezza , che iHoie animale y 
Ch'alberga in felva, grande a fiermolofib| 
E fra le oraecia lo fi Aringa, quale 
Già fece Ercole Anteo -s) mte, ch'ofb 
Non ha, che non fi torca; e poilofcaote) 
^ roB grta forza in terra le pemiote • 

- B 



dby Google 



SBTTANTEStMOKONO . 71 
60 

I due e tre volte , elzaodo il crudo braccio, 
61 i ruppe il proprio feudo in fu U tefte s 
Me né per quefio cfoe colui d* impaccio. 
Che con le punta del brando funefta 
Gli punge il volto più freddo , che gbiacdàf 
E perchè in pie fi levi, lo motefta 
Si, cb'ei chiede mercè, fi copre il vifo, 
Gho U morie d^ever (opra gli è evviftì^ 
et 

Solfe alle fin eos) lacero e lai» , 
E porfe umil le mano al Vincitore; 
Il quel gli accenna , che fui duro fafb 
Saclie^ e perchè non ha tanto vigore, 
Clrelzarfi poflà, uè mover un paflb. 
Benché lorsa gli doni il fuo timore , 
Gli porge aiuto ; e poi che fu nell* alto ^ 
Ojo fpiofe e forza, e gli fé far un falto« 
6% 

Egli era grave ^ « da tal bveccfo i^to s 
La tetra ibda ti^ che'l poverello 
Perde o^i fenlb^ fembra tn vifta eftinto; 
E par che chc^gia T eiequie e l'avello: 
Né qui fin ila 'iSiomal, che*l Guerrier viola 
Da gittftifimo ^^o , tbvfa quello 
Petto fiiperlo e vii pdfe ogni pezto 
Del rotto 'fdado-fer pia fuo «Ufprezao. 

Pei, ao«t faifli|Mr i^eoa piegato , 
Sen va «oa pircHt paA , e 1 mifer pitfe 
Per uftde'pldli, afóraa ebbe tirico. 
Dove quello aeefchino era ^iftefoa 
Oganà credette, ohe ooi beando irato, 
Taat'«vea di fufor T animo accefo, 
Pe^ far veodetta del fuo feudo acerbe, 
SU tagUailh^ lo teda empia e fuperba* « 

RiTo 



dby Google 



^t CANTO 

64 

If^ife «Ilor GruRTcdino , e diiTe aperU: 
Egli ha ringurii Tua ben veadicau. 
^Efplandian^ che fi credeva per certo ^ 
Che lor doveflfe tor la vita amata, 

^Garre, doiy'cra il Cavalìer effert». 
Che viftoii» venir, la fpida alzata 
^ermb nell*aria, e rimirò il BonzeUo, 
Bi cui mai n«i avea villo il più belio • 

^$ 

E quegli a I^: Signor, fé 'b voi pietàt» 
Regna , quanto valor , Ci temi un doao 
Di. coftor, che già vinti, indignitate 

' B'^ucciderli farebbe; in ibto fono. 
Che fi vede la ^vofira alta bontate ; 
E là fuperbia lor, che'l dar, perdono 
Af li fupplici e vinti è chiaro fegno 
^i.gnin vij-tù, d'illuftre animo e dcgM« 
éé 

Ai non aver intefo il fuo fiumone 
Il Cavalier fingeva; ond' egli prefto 
Chiamb. per nome il Conte d' Agramone ^ 
Il qual venuto , fece manifefto 
, X.' onorato defio del bel Garzone : 
A cui 1 Gucrrier con grave atto e modcft* 
Rifpofe: ben ch'avefii altro defio ^ 
Del.ftto nobil voler vo'faro U mìo, . 
67 

^ppoi chi ^uel Fanciul fN& li. diicde , 
Lm cui mcravtgliofa , alma bellezza 
Della beltà del Ciel fra noi fa fede. 
Che ben par fcefo da real altezza. 
Ed ei: Barou neflun, date a me fede, 
£"n quefta Corte, che n'abbia certezaiS 
E tuuo gli narrò , come Aiigrioto 
>ve« ia Miceaa gii btto a Ini aof. 

E 



dby Google 



fiETTAIltenMCKONO. 7f 
€9 

t )»fi %c« creder cib, dif 41 ««id 
OetU Nctttra ftvea fnritto ad pett»^ 
E leggeri 11 fiM «owe EfpUiidMiM 
Con meti vigile e con tnolCD ililetM? 
E qsello «ifto^ U Cavai ìer (bvniM 
Bi lor s'ftcotnmictò too grate mCpttt»; 
B falito in arcioa tornb^ dov'era 
Della vittoria la Diieheiii altera* 

fxtkt al Mar la via fer Cflié tallo' - 
Lieti o ftipedbi della lor ventura ; 
ilontar^n oavo, e dal «Bocchioro aoWft» 
AUar €w«r le vale «tt'-aria dora : 
Angrioto « Iruieo i^eUar in poito^t 
Per dar aita «ella fNigiia dura 
A •Gnunodano, e oor portar novella 
DelU figlia del He miTera osella* 

Ifa tenp'-è Uditor miei , di^ ii ynB om! | 
E che trìegtia al fonfief io doni atqiianttt 
Perchè Febo raccolti i iboi «bel rai 
Qcde alla notte , che col negro manto 
Forfè pid ofcaro che fia ftato maU 
Pcr^ir d* Oriana il grave pianto. 
Copre ogni tace e di Luna, e di tolr» 
E fcca per pietà fi lagna a duolo* 



$^fim M JifiMmifim0n$ৠC»m$. 



«fi^ y; » CAn. 



dby Google 



•74- .■ •■' •• 

C A N T O 

OTTANTES IMO. 



QVtl è^fmrtita^uAa iofclif», A'AVà 
^ Loci ti i'ùioLpefificf in achkl ittrie» 
^-poi-d^ f èli» ambizione « o rtbbu 
DU Ciro. AflUQU filo U fccvrà e ptrte ; 
E la dà^..ipttfi unaugclUtt^ in giU»*» 
Ad uomo, che non ba virtù i uè parte « 
Che buoi» fia; o duol empio e mortale» 
Cut non hia.jieaa.jifU'finffrQp^gaiit.* 
a - 
M^plkto^ ifftM liifutru « ter li' figlia^ 
iétàÌAlC«U di Ròm» ImperadmC) 
Un fuo «Nipote .c«n motta fainigUa | . 
I quali, ritrovari ^uel ì 'iafeiice 
Squallida'» «lagri, afflitta a meraviglia 
Più che non fu^ quando del fuo Getce 
la^dtfpietata morte in riva -al mare 
Alcione.iwmlii > ed ìmparb m ;rola|riu 

Cià s2 debile fatta 'ra ed inferma 
Dal lungo piantole dal duol empio tfiero^ . 
Che rfijjcr non fi^j^b, n^^npui^ i^^ 
Senza aiuto d^ altrui fovra irdeitrierò: 
E per cammino in {olita ria ed erma 
Parte trovato un giorno un Cavaliero 
Sovra un corfier, cb'avea la fopravcvfta 
Pi f«ta vtrdt, e d*or partita e ttlla ,* 



dby Google 



oTTàfrrssnio. f$ 

4 
n qual , eooM ffi^ vedle. »! ftt« Stnmitt 
Ciiiicde una lancia » e^ fi railètu in felU| 
E gli nanda a pragar cortcfamcntc» 
Cba gli Ufaiii parlare alla DooBella, 
E aon fia daano lor j |»ei»b*al&amaace- 
^iriPM» ^>fp»ril^ %i^Utt e Iella 
La &n4m.ài:tio defio «Diitr« l^r voglia « 
Ood'^viitaà» €|i!«l«ia.di hot ù dt^iia * 

RidoQo i dileaCm dalli 1)iim , r 

NèrN^iiofi per niente «caonfentìM: 
OndVì , càmera iinGuenier di moHaiaiaig 
Tutto s'acconcia per voler ferire. 
mmtti Oriaaa il ìuq <S»pm , càe brama ' 
Saper cài fia«0iliii,n6lràa tafiCo ardire^ 
Che le Ufci pttlar, «li'cièr potrebbe^. 
Ghc4lofolU 4el fadrc te dorabhti . 
6 

21 qiui ntpok^At'ivn^^poim^ ■ , - ^t 
E ne chiefe perdon , cbe cosi a lui 
Ordine dato il ReJLifuarte mvca: 
rofoia di (degno f ìeo volto a «ului « 
Cbe con 1* lància in man già' ratlcndcg» 
E tolta utt'alla da.*SanreQti Oii,^ ... 
Sprona, il i^rie^ deArter , l^ntaado- li mori» 
SI , c^^anbo s'incono»!^ a messa iLcoriS^» 

Del Nipote fiel tit^dde il Hfdlo r t 

Con o«t^ del * Signor 9 cb* tifo ma era 
DI faa.con. l*ar<aie iìn meo cosi «ria falU 
Mote per vendicarlo un di Tua fcJùera 
Il deftriar (ienaa porvi altro totf rvailo I 
E drì%th il colpo proprio alla vìfitra; . 
Ma quei gli ù conraftaunbiiu|tof6lKnO| 
Cd aliPcttiQ^o icct si«0£ai oft loMo^ 
... D z Co- 



dby Google 



m4 canto 

Come Oritiit vide il cran valore ; 

Che'l Cavalier nollrita ha con It Ianni « 
Si fanti dolce palpitare il core; 
E cb*Amtdigi fofle, ebbe (^anza: 
Su ttnto ei le t'aecofta; e^t cb* ooor* 
Molto rba fotte, e eon molu creuiuit 
Da parte d* Agriante , e Fl^iftan^ 
CJAft.Utttra unaile te pofe ia«iaMi 
9 . 

% olendo partir da lei pregato^ ' 
Fu, cliel fuo none non tenefle afeol»| 
il ^ual rifpofe col capo chinate , 
Ch'era Gaurate di Valttraorofo, 
Che fvL fempre al ino onor appareccbi^» 
A procurarle e grandezta tf rtpofo; 
IPacti con moltar pài di lei e^etéde, 
Cbeì cittgranA con grand* imiamtade* 
I» 

Mentre con Satéifliiirt con ànoftiì 
Maniera fi ridea della fchgnra , 
Ch'era nella medefimm forefta 
SuccelTa e quei , che di guardarla cnra > 
. JUietno con Mabìli* ; ella che defte 
Pra da fpcme di qualche ventura,^ 
4Ugne'la oina ^ che si la conforta^ 
.f3he:o lei «avviva t» fperanca «iort»| 
II 

iMla quale reper le tea AgriSnte, 
Che H Mina d' Amadigf ^ e Gandelin* 
AlUlfola erintgtainti ti giorno àvanitt 
B ch'ivi a dicci di farà il Cu|[ioo, ^ 
fio! per foceorrer lei , con navi tante. 
Con unti Cavai ier, che reo deilino, 
O cfKdtltà del Genitbr mgaato 
Hip Ic'&rìa fongiéf liMtttna, n Art» 



dby Google 



OTTANTESIMO. ^7 

12 

k\%tL tt mini «1 Ci€l, rìagrtxM Iddio 
Col cor devoto, e con piefofo ftflclto; 
Che voluto non ha pont in àhVio 
Una Cui ferva, im umìì Aio foggectOt 
VeriaBdo di' begli occhi un picciot rio,^ 
Che da brev'urna fuor (parfe il diletto: 
£ *1 tutto , accoftar fatu U letttca , 
Diflé A JiMil», U fuA d^cc aiiucft* 
•if 
MI* Orìnoiitt gH reilrva» ptiu ^^ - 

Laftiata il SpU «afdova e lAocti • P>mi 
Qiutfido giopferf dov'otm il Ha Linurt«« 
In comfa0BÌ« de' rr^ioi|n Romani;. 
Qem'olU vide unte genti. ^«itM 
E unti Gavalier eAcraì e ftraoi , 
ti fece por delUJettica « beflb . . 
Pallid» ÌA viioy e pia fredéi>»^httÌAC<^i^ 

H 
E cofldanh col fno disotto 'piast» 
A hr pianger con lei chi riottndee 
Le te Oonsf Ile le fi fero a caifto 9 
Udk» il: legrimar , ck^ ella face» 1 
Ed aitcmaodo il fuo dolor cotanto 
Faoeano un' armonia tal , che fiegaco 
Tictà con loro in si dogliofi accenti « 
Che BMtefo a pietà tutte le genti* 

Spettacolo a veder era iiHi|Deiio ^ 
Uno 6 fvelle il crine y nna là fiegm 
Gonn» le bacia t una le bianca mano: 
Tuttt fi turba quella fchtera allegra. 
Cui parve airimprovifo il caio ftnuiOy 
Molià Or pietà della dolente ed egra . 
Princeflà ; e *1 Padre a cosi fiera vilia 
Vimo d'«mor fi turba e fi contnfta.^ 



dby Google 



7S C A K T O 

té 

£ per ArlMinte a dir inonda Alla PigK» , 
Cb'ufàr ui modi a lei nen fi cmivicnc: 
E eh* or del fuo favar fi meravislia , 
Cht'n più vard' anni fu di tanta fpene: 
fi che r eforca ^ e comanda > e conn§tt«> 
Che con certeua di futuro <>«ae 
Sen^yada t rttrovor la Genitrice» 
Cbè iMvèUa udìfè lieta e Miet.. 

ftiportt it Ito Nwgalto ulI^aiitfMMti ' : 
i« irotodfà 4iel me odn uftCM'pIro. 
«Bd ella a luii(Mm^VCugtiiV'S^inMi '.> 
Fortuna » • fttoi dU^totlo « difO' ' 
Non %Hdt » tlie voi tire lofttlv volte dMh» 
Sofpinto 4% pietofo e bel defiro^ 
A oiifere Donneilo avete aita^ 
m ptftA «tffìMi» l^onoroci^ti»; 

Or pottate «e» Tarno et' gran ptfH||tI»^ 
Gne lo tb feprav cor quella p/ittktkhn ^ 
Già conèMinata in kràfimrmf «fifi^ 
Della potfùi, u'doiefebbe oifct^lttiMi, ; 
Dai fiera^ Padr« , ui^h datò 0000^ 
A lui , cb**l danno fm (topro sfincMna ; 
Chiatto non vodia far di Padre indegno 
SI 9 eho^*! pieco& Iddio lo prondnofdigQOk. 

S di condUtl» ^ late ogni prov» 
Col conte d* Ariamone , e Gnwièdan»« 
Cosi dicendo, il fuo piamo, ritmova , 
Cli*ufcia dagli occbi prie foave e ptaiio.« 
Arbante dolorofo anco.' egli a provo. 
Piagne con lor ,'che '1 core kadotce » umaiio^ 
B ienza poter far un motto folo , 
Torna pien di pifute, e pien di duolo. 



dby Google 



ao 
Cfi dioupéa d'Oritns dipoac 
M Re, che 4i ci^ far ntegà e licufa: 
E fé noo cn il' Coatc d' Ariamone « 
Che di foverchia. crudeltà, raccuft» 
FcrcuAva i pie ncU» Tua opinione; 
£ riofelice rtcnanca dètuCa.' 
Ma unto il riprcKtf^ cb'al fin V:< 
E dov' dla;fiaigf» « iit;.ff .ae «t«0ei* 

Ctfme il «A viifir^ toflp i(? attenta 
E.di:^cdi «i^ le cinoccbiarki vc«e^ ; 
ii gNÌM i'w^iKy che ferpe aet i«mé 
<^il*Mt» miforabile al Re fece 
Ut i^eute e d'amof iiii»|[fan guerra • 
E pcrciiè la FigliuDl» a lui non Ifce 
Inficiar cosi «. la. foUeva , e V abbraccia , 
E eoa foternoiitaior la bcciokin ià^faiV 

OàdMla cotflìaciS: deli Eadce abBiatr 
Di quefte Figlia ia dura forte .nate 
i^lUt th^t^ VOI conviene over, pictaCts 
E pofcic' cbo l* aveter generata , 
Non» «ogiiau conr un» criidcluce , 
Ds» fadre verfo fglia 8on ufata, 
iM morte darle i che non è ragione « 
Ho» avcada a cib far giufta.ciE^"''*** 

yPoi «oretr mandar qtiefta inmioe 
Fuor della patria fiia » lungic dà voi y . 
Dalla fua anaata e cara Genitrice^ 
Dal tua aer natio ^ da tutti^ ir (tbr^ 
Per farla de* Romani tmpciatricr,^ 
Il che non avrà' (Uffa) effetto poi: 
Che fe*l dttol non m' uccide acerbo e liirlet 
Con le mie proprie man mi darb morte» 
D 4 Cosi 



dby Google 



m CANTO 

Cos) hntt oHefa al gvaa ifotoM , 
Ch^ *l frtn di ^uei^ He^na in kmq vi die4r» 
Ma fé fng^ir vorrt t* 4ifi tanto a rrora , 
Fiac^r a Dio , e far a me oicrecde ; 

10 ferva mi far^ di quel Signpra ; 
Lafcierb'i mondo, e ^anto egH poffiede ^ 

« B rinaiixiaado il Regao alla SoreÌla> 
Meo ftar^ fcmpre ia foKìiam ccftUé. 

»5 

non mttftr*^^ le parole di futfÉ»^ 
Pel fiero radre il cor fpieieto • doii», 
die per flutto fi move , • jper terapcft» 

11 sran Ccoglìo d'Antandro, o^Falìnnra^ 
Koa piò cne mova d*lkppenniii.la teft«« 
Vento, che fpìri dal gelata Arturo ^ 
Che rimonti ia lettiea, a ctCalla ìfadMr 
Vadaj rimpone i*oftinaio eadr^pi 

z6 
fi doIoB d^OtiaìMi a taitta modo ' 
Ai* ave pietà , ilm le ìfègnam amare , 
Gh^ ella, dal cor mi time y.frenan Qon. polKi» 
Però, dove Alidor col fofplraeo 
Sfoga il detlo,. ch.*agaor, qtiafi noolodS» 
Gii mordo il fianco y,aìh convien tornar»: 
E p^rch'a.d»r il ver Mirinda ha'l torto-» 
W,mal sudo di Ut> condurlo in. porco* 

Come Lucilk afflitta eb^e lafciatia 
La gentil Maga al tempi» alttK ed! cimelio-; 
Ove vivrà dolente ed attmoata 
Col foco ogaor ù" Amore aocefo in petto»! 
li dov*«Ua Mirinda avea lanciata 
Col fuo maggior, ana' iinico diletto,. 
Pece ritorno , per cavar di guai 
Qjiel ^ cjue pa«i non ha fioL defili mai • 

uhi 



dby Google 



OTTA NTBSTICO • tf 

18 

Chi credei, cbe si falda e eoffantt 
Innamorau pofTa cffinr Donzella ;< 
Che fendo preflb al foo gradito Amtffte, 
Lunge dal qua! fi cruccia e ^ fiagt Ila ^ 
Fregau ancor con lagrìoie cotante 
Fogga del proprio fHO fenfo rubellt, 
A le crudele , a lui ritrafa e fchiva 
11 comune éeAa d'addurre • rìvtf 
»f 

Ahi povcfo Afitfor, tu preghi ogtiofi 
Ufi fordo e fiero mare, un duro fcoglio; 
To fpafKÌ il fuon de'tuoi tamemi iill' ora ^ 
Cui non move pietà del tuo cordo^io ; 
Anzi fi move, che'l tuo duot l'accora. 
Ma non pub la pietà vincer l'orgoglio . 
Di quel core ofttnato, che pia tqfko^ 
Clw confeutini, à di morif tfifpoii». 

A lato à\ M Vénhro ere liii grati feiM 
Tutto cinto di mura intomo intorno. 
Ove fofea talor con Arale ed arco 
Otr IKufrofina a fpèziarfi il gbmo. 
Che 'n ognF parte era ripieno e carco 
Di varie fiere, o v'era un ricco corno j 
Ael cui foave fuon pretta legeiere 
Coficu di ctgnolìni una gran Mbier»» 

Pi sì nova Beltà, ch'io non ni hnm 
Atto a ridir la pfopria forma lorn-; 
Qltal avea i velli di candido argento^ 
teal gli avea di purifiimo e ters*oró* 
Atcua ^i feu del color, dte fpento 
Carboo farla la neve; alcun di morai 
Altri d'un oftro avea pregmto e fino. 
Quia 4f un nxxnrro vago, oltramariao. 
D j Titfp 



dby Google 



%ui d^altcsu cgwal, tutti piccini; 
Coi tìà(o fimo, e gli occhi groàr e negsi, 
E srtad' orecchio ,* onde pendcMi rubiikì ^ 
Che pereei&del dida'tiggì allegri^ 
Rirpleoder fesa tutti i coofib vicini ; ^ 
Avanti a'quM non fono 4 fuggir pegri 
Orfi , lupi, cinghioriy. ed ogni beivi , 
Che piik fpifUftk r crod» oioerghi in felva. 

Ivi U ^à^ con penuf ro «coom^ , 

Tende le reti ^ gli. an^ » ^^ J^' men»; 

^ Senz'aUro confftgpia. foh^a ^uporto. 
Entrati déntro il bar/povcrano a pena» 
Gfa'un fuono. ufci^^dai cornò adunco e tort«^ 
fìà dolce aflài, che canto dì Sirena j 
*E.corfe quelia fchieca amica « Bòa 

Senapa il' «gm0.«gq9i;,,/e0?^.fhO JffH^fcTo ^ 
Sopra, vi. pong»<.idcuny cpn tal dól<;ez3ta, 
Cr un- ^rcL 4JQC9r. che. vilUnfofiTe eXfahbro,, 
Avria toilaripitn» di g^ilezza,: 
JU|opi»^era^d> eccellente e dotto fabbro , 
B^OfQ e di genMne di si (^ran ricchezza.^. 
Che non r 0(0 ridir 9. perchjb bugia 
Non. paia il }i€ry e ripresUo ne fia*^ 

I« • 

HfentrC'CMbsieiai viglia e opn-^iliyore .., 

Ambodup ftaaoo a, rimirare inunti' .^' 
La gr^* virtù; del corno,, e *1 gran valore^ 
ChO. ^t^ più« ingordi: hr potea. coiiù«ti r 
VeggiòtM ufcir d' mu. (el vetta fuon ..' 
E dammele captiolt a venti a venti » 
Che per un>caKo fiorilo ed erbofo 
FttggtAo dt'cagiiolin lo Ibrmo <kr(oró«. 

Da. 



dby Google 



OTTANTtSmO. ^ 

Al sNolce iKlctto. a poco a ^o - 

Tirati Tuo dall'aUrp sVallonuaa. 
Avea queli' ampio a fpaztofo locò 
Pia felve , prati » e più d' una fontaiift. f 
Rivi col mormorar (boe e roco , 
Ombre frefche per Tota meriggién»; * 
Limpidi la^hi e ricchi y alti palagi * ^ 
Ripieiii tutti d» comodi ed agi* ' ' 

ÌT 
Trova Mìrinda belFa una loMect» 
fiena di dardi» ftrali,. e d' archi avuti./ 
Di vari legni, e di materia eletta-; 
E d* maì^ diligente lavoratr ; 
t, mci^tre in lor la f ifta fi diletta 
Volu f Vede venir lungo q^ue*^ prati* 
Uà cervo bianco , pia eh" un armcllino^ 
Cm daJungjB ftgii&va uà oagnoiino, 
a;#* ■ 
On» fa vtlbcitir, aie tele irnr* ' 

Da Ibrtt braccia « ower da corda fptfitA • 
Prode Mirinda un dardo,, e Tanimale. 
Seguendo va, perche ne refti eftinto; 
. Me in queAafuerd*iin bofco efce un ipngftialo 
Fiero e crudel^ che da ^n rabbia yiot^ 
Arruota i deot>» e'n ut» rabbàffa il tergo | 
eh.* un di %uei iignolinl avea da tergo. 

lalcia fa prìsiÉ caccia la Querriet» 
Tirata dal deio detta, lecondai 
11 cagnolin latrando fi 4^0?*"^ t 
E ratto va ,, coma delfiii M r Tonda | 
Scorge la Dama la terribu fiera , 
Ch'era già d'un. laeb««ó kk fu la fpoudat 
E con impeto granjfo e C^ria molta 
f»r darle dcUnlaiHui a lei fi vòlta* 

D4 Co^ 



dby Google 



U , e A n; T ^ , 

Come il vede vicino » avvenu il «krdto» 
La. Ctfijpiatnce » e di piaetrlo tenta : 
Fugge dal colpo raninul gagliardo^ 
S di farne vexideKa s'argomenu: 
i^bbaffa '1 capo ^ e s' cr& a tuggir tardò^ 
Il fuo dedrler^ella a vohajrlo lenta 
Le Ma col fiero deote una tal piaga ,^ 
Che non & fancxi»^ con. l'arte maga • 

Jn quefb il cagnolia fra lor fi fcaglia»^ 
E, per r orecchio manco il porco piglia-j, 
S ftringel forte, come la tanaglia 
Fà'l duro ferro ,^ ed* ^.gfal^ meraviglia ». 
eh* un si grand' animai piUito noa^vaglt» 
Contro un cagnol,ch'auntopo s'àflfomiglu» 
Tant'è piccìn. e pur il tien t^ ferino. 
Che non £ub giU ferir ^ ni fare uhermcu 

Ci va Mirtndk.il Brando ^ ft^ove il colla 
Con gli omeri, confina , il porco tocca;. 
D^r non pu^' jpiù la fera beftia cròllo,, 
M^i^nza capo fui terreo trabocca.: 
Indi Ì*anin8alin> che già (atollo 
' Era del fangue, ch'ogni vena fcocca^ 
In braccio pirendc^c dove il cèrvo Nred^'j^ 
Ula gira il dt(lri«r, ti move ti £iede». 

l^r diletto in dilètto la DonaelU 
Va confuimindo una iungtfiAma oH^ 
^anto che *i caldo S^l già la rappelU- 
A gir. a ritiovart li ttzzo e 1* ora . 
S^rgè un giardini della ilàgion* novelli^ 
Ei$co de*doni»,;OVe Fomona e Plora* 
ÈL gir» fparfo àvearf la lor ricchezza 
Por £ftrlQ^ d'iDcredibile heUezxa. 



dby Google 



OTTANTCSIICO. % 

Ciato d' interno di marmoree muri 
Tutte di fuor (col^ict ^é dentro* piate {"^ 
Con si miaut« e diligente curA^ 
Che foreii Vo^tc di lt«tur« vinto: 
Nei gi«rdìn'entn^ che Jbk grande tHur^ 
Ho» Je ìtScìtL miru Le cole finte » 
Per ripofarft, e yer caeeur U iete;. 
Ma, trov^ (ol per lei u&una rett«- 

Vede nel primo enfiare uni. |c^r tutta*. 
CUrco dì pomi di .beliate èilréma; 
Ma non conofce la pianta» aè ì frutto^ 
n che U brama fua crefcèi e noiv^fc^^V 
far chieder ciò clw.iia,, mira per tutto. 
Se vede cpl g)iel .dic%, e beàcni^ tema, . 
Stendo la. d^ftrA^ ed uà, ne coglie al fiof 
Vagli 000 quello ^ (f^. die^ió por fiai^* 

Frova, fo'n lulatcpo iaW ^ afcofo,,. , . 
Prtma che-'l nang) ,.opd a peniir poi i^'a&1^Ìo| 
£ s} dolce Io trova , e. sT fuccofò , 
Che r immolla il licore aóibeje labbia j 
Ma non fente il veleno y infih cke rofo. 
Nbn* ^li ebbe il core V amorofa rabbia^ . 
Ch'ivi Lucina avea ttfo il fuo- incanno 
ter fottrarre Alidoro a tanto afanno. 
47 ^ 

Ipenge lo felf 9 e accende un dolce foco 
Nello pudica e verginella BQeiite ; " 

Che si Tarde e confuma a poco a poco. 
Che qual fia del fu'^Amante il dolor fent^ 
Flir trovar iL fuo ^tnàt intorno il loca» 
Va ricercando; <he non le confenté 
Dilazione alcuna. il fuò delire, 
SI dolcemeats^ fi fentia morire . 

IH* 



dby Google 



l«^ ^« A W TO' 

Pia la vana oii^ftl non la mMeffa 9 
Come dianzi folca » n^ le pori frenar 
Quefta novella vOgUa fol Pthfefta; 
E le ftìUa ner eor Me e veleilo, 
Bi fé fteflà fi Aiole v tè egra e mefté 
Piagne U ftìa^thirfixa,* étt apre II feno» 
Al ?Dcò del defior fièro e vorace 
Si,, che voa. trova pKt ripofo , •• ^t6f > 

nel nftxio dét Éìirdìn v^^era un prattflCir 
Tutto veftìtò 1* erbette e di fiori, 

y Che ricopriva un vago e liei cappelfo , 
Tefto di niifti, e verdeggtantf atloH : 
Parea, eh' Arte, « Natura aveffer qiiell^ 
Fatto pei^ftanza deHartivi Amòri: 
in ìtùn/b Alidof ^ cacciar ftanco^ 
Eoyf^ m letto dt Aor purpureo e biaseo • 

l^|pWV»'dorce il Set Cantf^idir r Amórr,. 
•*)l fognando dkea : deb vi^a mia,. 
Perchè naTcondì si i^iet^io core 
Sotto una liccia manfueta t pia T 
Quando pietà te avrai del mio dolóre , 
E darai fine a «ie(hi,pepa riaf . 
Pefrhè, C«^ defideriò è pari in vói, 
Cib che vo||ro io , «rudel tuincorntm Vuoi T 
S» 

)«ott f^uè^ tantor deiiò reggerla vita, ' 
E potrebbe efler tar^a ogni pietadb': 
Cdsì dicendo y di pioggia infiniu 
liagnava la fua angelica beltadé,» 
l.*alta Guerriera- la- 'querela udita. 
Piagar fi fante il cor da. mille fj^aitfe; 
Hon è frcn d*0Mftìh, che pia te vaglia» 
ft^/elsbra pofta aj foco ari A l^agtia. ' 



dby Google 



OTTANTESOiO. «7 

5« 

& china fovi» T angelica- ^K^iay 
E «m le UbUa ^i raCciiij^ il pianto; 
Amor l*in£aiiiiiia,ttia 1 timor Tag^faiaMiai 
Pur la tesMi al voler dà luogo alquanto, 
Dae e tre volte o fiù ftende le braccia 
Per rifvegliarl», e gH 6 pone a cantoi 
Due e tre volte iorge,^ e fi ritira, 
£ fra dubbi fcjiifr piagge e ib^r^. 

Ib '1 difpwtato àmm , •cb^'ONi pveten» 
Con una Cune 4» defire attorta 
La tragga a <brt#, o eoal doUcoieote » 
a* ove gir non voiffia, pur la trafportKt 
Tonio a.bacttrglt il.vilb, e piafnamtntv 
Chiamo AUéor. tutta' trettanle e (iQoitat 
Cr fi rifveglil,. ed è^aanu hi gioia» 
Gh!io*9MB.Ibt^ o^HBio par gj a ff a r . mm Mik 

Sù cbe vr.pvnge^Jl' oor gemH Mo 
Bk faper di coAor ralio diietto; 
E volentier vorrei <bf velo ^ocb* io ; 
Ma di volgermi altrove or fon eoftiftt»^ 
Perete rat ciiìama Florìdante mio. 
Che dalla Fau, ficco»! ip v'ho detift». ^ 
Accefa diì Ino amore i^ «iemvi||liat 
Pftitìtti^poii%btlpÉda^ Fermiglia.. . j 

En fui' ìiéb ihcMtos ooeA ifatiat - 

In picciol legim iM srepiC^sio di malti 
Aperto* iii;'ò|^ porH ara«:li^ barca 
Si, cho r#nda vK|$u^p«r tutte eatnp*: 
La DonaoHo fi*logn»e fi mmmarcar 
E pef iemo e per d9^ non fa che fare ; 
E 1 Rocchio, ohe ^m ei h iero era del legno^ 
li!«cor«fea col faiUf tÌMlie:eidcgQO.» . .- 

Ma.* 



dby Google 



M . CAirro 

5^ 
Mi FUridtiiC», cbe non lui paurt 
D* Alcun periglio, e fia qntl cflér vogfìk ^ 
Ratto sMmbtrcft, e loro» anco «iCciirfty 
. E gli h fu (itir contrn lor «oslìa: 
Conforta il Nano , della Donna ha- ciirn^ 
Ci» crema, come fuole airanra feglin ; 
fa gir la liarea si veloce H vento ^ 
Cho'l Mgor prtib « %àti fcmbbc iento» 

M bl<^n•v« mon , ^e (fuaf» lotta 
E'piena d* acqua dalla pofpa»w« prora; 

. Ed è del mar si orribile la luita , 
Che par cbe fc l'ingfaiotta ad ora ad ora » 
Kon ^u di lor alcuna j^rte aìciutla ; 
E fé più ad arrivar face» dinuin 
Il legno aperto , e da quel flutto oflTefo, 

•^«imergeo «on k fpondt il «aio ptib. 

Tidcr fu Tolti^ lido un faldo pino, , 

Ben corredato ,' che par 'prenda a fcbèni» 

ani furore ed impeca marino, 
e mova orrendo e tempeftoib verno ; 
Tutto d'or e d'azzurro ohranurìno, 
Finto ^dentro e di faor; ove al governo 
Sedeva per ptlottf # |ier nocchkr» 
4Jn Nano laido , e pia cbn poco new*. 

59 
Conobbe OItnnit H Wano, «i'ottoralv - 
Infegae ancor dello Rohni dftcea , 
Ch'altiere e rieohoi'antm di^iegato 
Mover fovente , otvciitolir fic#a: 
Fuor in un punto l'anoore felpate 
Da cui, non fo, pcrdiè non ^ v^ct; 
E fpiegato anco il lin deirartimone , 
Voi che fi ftt itrthipcèt» il gr»» Cunpinat^ 

coa 



dby Google 



MTANTIStM#* 1^ 

60 
tési ntì» mmt vtt V uig^l di Giove f 
Qiulor vede la preda in lieto campo ; 
Me per l'arim, àu&lor fi*randiaa e piove ^ 
Gorre Teloce si mòiineo lempo; 
Come HI nave il mar folcaodo ^ dove 
. Senza temer d» rea foftnoa Mctampo» . 
li* avvedalo aoediier preoda*^ ^SS^- 
Ai cie& oteio, alt* ApoUi*^ ra§|io. : 

Or I9 non vii li» dir Signor >aùe.f cari ,. .$ 
Se va per Tramootana ^ o- per Sirocco ; 
Con eoe vesto cammini , o per qiiai iQiri| 
Q fé pistia il feotier verfo Marocco r < 
Ferci'elia eoa (econdi e con contrari * 
¥enti naviga ogoora ^ ood* io noot toccfl 
Il vero fegaoy e pofria dir bug^a. 
E &c .dal filo enmmàa divtfOa vift# 
ém 

Otto volte éel M videro i rat $ 
Ono U Luna errare., or fcema, or tonda 9 
Senza ch'ancora in mar giatafler mai , • 
Co» l'aura or» contraria» ed or .feconda 
tt novo giorno-, allor die i dolci lai y 
Sfoga» gì» augelli ,. fra la lieta frooda * 
Videro al m«r venir tranquillo e ^eift 
Gidno' 9pl CUOIO (m' pUM» ^ lMto>. • 

Chinfa la vela, cb*era apjsrta all'ora. 
Senza veder da cui , fu in un inftantes 
Alla foce ti nocchie r ,g^ra la prora. 
Che H ^ebe 1 (uo eamnrin non e più avente • 
Entra nel fiume , e fenza altra dimora 
Fa loro un ponte comparer da vanta ; 
Onde fcefi i deftrier prefe il cammino 
Ter Corico , clic, loro era vicino • 

Scou 



dby Google 



Tatto vvftira di. fiorito eroe» 

Le fpalle, e'I petto, e U fuperbe fronte r 

Indi al fornaio felirc « poco a poco- 

Fer ftmde COAiiiieiar fitorofe • conte 

S2, cVei<Hvairo al Ailettofo loeo, 

D»^ ti Tno ^tgS^r ^ ^»^* «mat» alitila' 

DeMa ftailui 4r|^ «teit^ 1» Sanllal. 

Giunti alla fMÌcta v «vr fi fctiifr * a it Ar 
, Fer la Cpelianea lacn e ▼taetabik, 
% XafeìMi ivir r dtllrìer,. e paflo- poA)* 
Far quella ilrtda vair profoftdii e Imbilrt 
Trovtnsttowft belleasa ad ognr ptllb^ * 
% d'aite e di- natura opra mirabile ^ 
Selve pia belle, e jì€ fiork» prati 
Mei Mftt» del nei» «Ukl e>iio» u&ia.. 

A poco a poei il di tuti» ^iaiiriiar r 
t ' £ vèiigoii t'ombN « «oto lardo e le»e»; 
B (ìx nel Ciel» la cernuta Lime 
S^ie^a i tremuli ftw» raggi elargente': 
C^ni eofa ritorna ofcura e bruna , 
Fot ohe del cbiaro Sole il lulne è Ipeoto^ 
V^vb cortefi Oavalier vi pitceia^ 
Cà'ie ptega Aoe e qvefle caotOi e faccia. 



A firn M msn^fimf Cmatr. 



CftM^ 



dby Google 



^ '99 

C A N T O 

OTTANTESIMOPHIMO . 



Cric dìét tqlfc,-fWfèrl/ ÌiB |b «b fK- '. 
M «0lg6 igMr#*iif iqttcfta ìftori«i«ikl8 
Che fona Hitr ||ì3^iief» e oreéibitò > 
Ift^uerf fitte, ìn'ciii virtè fioii^. 
E fono pili mitaf^U irifibèl» ' 

Nulle parti di< S>vf«i», e di Gom; 
I«ggan l'iUorir^ «hevedlftiiiip MMii 

♦ 
1» v^twntf ttftrif if FloHdtatr^ ■- . 
eh'» vol«^ii i^ep^ M<for(til<arf».MiritOt 
h ritrfrvtr Torrmilii Oif^oiéy ^ -^ 

Cke t*occlrìo ilenda 4iiv sì inai attardato. 
SniKle nelF anttarctfte Olimia arcante « 
Che ftr la ftradi col DUiio èa lifciatOt 
SaBbwo di fuora^, t col dcftrcri*. 
ClMt liBcndcr boi» félvai» per €^^ £t«ticfl« 

11 faci» fptco di' fai ve -«idi 'prati ; 
Ad or ad or più bel lof ft^apni il pwtm | 
Ittflcht Od albeffo^tmb^ di be^i. 
Gira il Camptonr ^eiifMè'' r iwm ia t — n o ,. 
A mirar fimi! cofe no» Ofatì': 
E eli par di veder un novo ffiondb , 
Pi£che quello noa%,«lic«»« giocondb. 
• Gii 



dby Google 



ft CANTO 

' . -4 . • - 
Già U Reioa Ai^ea fatta fapertf 
Alta Sorella avca la Tua vtnuta: 
Di Verginelle ieggiadrctte fchìerc 
Gii vanito incontro, e ciafcuna il falut»; 
CiaCcuaa molerà fuori ii Tuo piacere 
Ctfi volto lieto, e eoa pafóì* arguu^ 
B 'n compagnia di qutl Baron reale 
Ricche paflaodo m» Mmcrc e fide • 

1* aitili» tei» il*er lucido i fino * \. * 
l<e porte fatte ave* da maft» cgrefiTa^ 
Ove con ma^fteio era divino 
Scoito d'uottini cecelfi un belcoliegio. 
Volfc Taccoru villa il Pala<£(io • 

Air open iì rara e di tal pregio j 
E .vago di faper ehi Ibfler qneai , 
JSMgajna Ooanat chegliel naaifcfti*- 
4 

Id ella a lair ^Inii che ndl a paH# • 
, lAlsato^ ft ricco e ei fjHhlioie fcaiiiio ; ^ 
B quelli , che daU'vna e l'altra parte 
. Croati d^oftro il cr«e, %ifi(i ftanno^. . 
Nella città del gran popol ài Marte , 
Il tribunal di Crìfto reggeranno: 
Gli altri fiaik Spirti fer virtuu egregi g 

.Di laiUe laudi adoriu» • miU^prefii. •. 

tt Gesù i| pria» farà 'a wtm eleilo 
Vicario^; e «a d*«l&tli e nome Vh: 
«fiotto afeui. regno errando andrh a dileno 
1^ Pace tntfifriio; che del lun^ e liOy 
£ «rave dttoto Medico perfetto 



Saaerà Italia, e por farà in oblio 
1 danai tutti, e le noie paCate^ 
ft r awrc^ Ntoraar Hiiicf et«it* 



qf^ 



dby Google 



Qae*duo, Puoo dt^quai ckito d'allvr» 
Sta va le tempie, e culciafcua s*mckÌMi^ 
Nella città, eb'avTè lo fcettro d'oro 
Dì pia regni, e del flUr farà Reiat, 
Verraa al mondo ^ e per gli feritti loto 
Chiarì in ogni fciea^a, ogni dottrina: 
L'un Gafpar G«iterioo,e l'elttotlBembé; 
Gbe 4tU^ fittrattè yman nel grembo* . 
f 

Mira dal iato deliro nno , che fa > 

Dei Re fntceUbr tuoi fogi^tto fido. 
Dì faneue ìHuftre al par di qual "fi in 
Pia nobil detto dal publico grido; 
Per gran fcienza e per virtù natta 
Celebre in ogni piaggia , in o^i ltdn« 
Franccfco di Mendoxza, la cui gloria 
Canterà più d'un carme, • d'vna Oorit^ 

IO 

(Tedi ooioi , che vtt grave e fe«ero 
Col purpureo cappel fovra la chioma» 
Tornone detto, reggerà T impero 
Del gran Re Franco; e fia ben degna lOtÈà, 
Del nio si generofo, alto penfcro. 
Al fin chiamato noir antica Roma , 
Se quanta fé e virtute, avrà fortuna. 
Non fia Freace maggior (otta la Luna. 

Quello farà della tìttà di Manto 
Primo e maMorfplendor molti • molt*amift 
Cb'allor ch^talia farit tutta in pianto, ^ 
La guarderà db guerra empia e da danni | 
Di fenno e di dottrina ornato, quanto 
Uom, ch'alzi fama a' più fublimi icannli 
Che fé fortuna non gli fia molefta, 
Tenà di Fìttro «mr U mim ÌR itiU. 



dby Google 



9f> . . ck'ìnm. • 

Ceco Vmnét dèi ^nio Cl^ó Eonuudò 
fhffàtìXm da Bfte; i cu» c#fl6^i 
9ommao pie d'uà* vìM»fU in tmii» 
Ai nifflaé. ea^Utr 4cgH 'mirei' Gigli j 
£ pétH bene afiieMrfi j»' viifto ^ . 
Cdi pi» s*afftimeri,.|Aiiilièn fimigli, 

eh* atJtà aHn «storni M/Ujan^kit ia*re^^ 

liolgi gli occkfaitsqrt» «iftI%4tH i 
Cui s' iocftfiiefà «ocòra i? lftfo«*.c 'lJteno| 
Cui porterà de'rkeht doni Cuoi 
JLt Copia d'aono ia; anno il carno pieno, 
V un fia <K Trento il Cardinale * •.' tuoi 
Ami^^.^ che lodar jwn perflo • pieno; 
L'attM» d* Attgufta : ambo Mnópè degni 
FcffiioKlin. jraloB ,( d' iflapert' ibsegfiU . 
14' 

Vedi i duo treii , per cui -Koaier'ancórA 
Farà^iorao«Ua foa gloria pnaa^ l 
Di cui tromba pfd 4' altra alu e otnora 
€>lntefit i pre^i in .colta « dotu rima , 
Aleflfandro^ e Ranuccio $ -a Otti ben fora 
Nemico il Clel , ie della chìonu in cima 
Lor ^oii poneife quella alu «oeoaa , 
A cui «' inchina- « Battio^. cdIAM , e Sona^ 

fi quel fia Guido Aftanio^ Jdr<dMjgióDto 
Pf faìigu» o di vìrtè^'Chè gt^vcaetto 
Sarà a quel grado , che; tu vedi affonto « 
Colmo di fede e di iavere i^ ^tto* 
L| altro fta'l Borromeo di lor non punto 
Pi gloria inferior, càro> r diletto 
Dal gran Medico (ito zio e ignoro 5 
Delhi firefegitt di.Dio etioi F»ÌeK# 
• -4 Hi- 



dby Google 



OTTAKTESIMOPRmO . 9f 
i6 
kìdolfo f%tìk r altro 9 e Taglio e piot 
Cui di valor ooa £a mai chi lormonte # 
Che di glorÌA non meno Avrà dcfio , 
Che cervo iUpco dì rivo, o di foote* 
Quegli il Moron, «be tutti volti e Dio 

I Tuoi peafieri e le fue voglie pronte t 
Fia per fomnu. prudeasa e per favero 
OffU: pr^io^ttortol degao d* ovcre^ 

QncI, nel c^i volto far proprio | che loes .. 
Uà rplefidor.4ì virtù maggior» ched^aiUfj 
Che fia iblo .SrHtì d!aa magqo Duca |^ 
A cui portela Tonde il vago Ifauro» 
Di gloria s'ornerà, non- già caduca • 

II nome (o preziofo e l^el tefauro) 
E farà forfè , che Roma dì ghiande 
Si itfkrlk al bcL «r^n iietf g^irìjuidc* 

li 
Mira «oluf^ch'oi^an di(fgni pare^ * 
Che ftia cogii occhi e ^ infierì intento 9 
Dieg9. |4eodozza.:Ìi farà n9marc, 
Della ikobiUà (bfra alto oroameoto. 
Di (cieoaa e conìiglio iiagulare ; 
Che firn famofo poi cent'anni e cento; 
Alto fol fuo ffrmoii grave e fecondo 
A far 9. che pigli nuov^^ ^SS« il O^QOdo* 

Vedi ^HO* tre 9 f V iotoi«]0 . andran ?of a|ido 
Per i'altOf aperto /Cicl l>ianfhi e cai»ori| 
Le glorie altriy e 1 lor nome mandando 
Dai ricchi monti d* India ai lidi Mori^. . 
L' un farà il .Ccfa « il cui (aver mirando - 
Non fia chi al par delfuogranmertooaorii 
11 Giiidiccione , e Claudio Tolomei, , 
Coati dai caiBpì £fpch ai Nabitci* 

To« 



dby Google 



tkìitm 

/ao 
Tolomeo Gallio ^uet, ch*«vil in ^vcfii» 
Tutti i fecreti del §ràti Ptére fanto. 
Che per prudenza e per vatoi« intenta 
Di ftar B», degno **fuoi pid cari a canto « 
L^^tro, che^Ii è vicini farà il Paerno. 
Dotto itorittor, ed a lui caro taAto« 
Trifone Benno appreflb, che ^' carni 
Tirerà al ddce fuon le fiere e i JDarfln • 

•eco Toiior délPAntenòneé rlve^ 
Hen di filorofia' la Kn$ua « '1 petto ; 
Cui cederà qual tram ben parla e ferir» « 
Le prime palme, e fia Sperono detta; 
Che 'n compagnia delle Sorelle dive 
Cantando per Parnafo andti a diletto; 
Il cui ;;MÌdicio, la fcienza, e Tarte 
S'ammirerà del mondo in og9i parta» 

. a» 

%|[iiefti ^'1 Venier, che col cor' faggio « laitt 
Mòrbo fopporterà continuoe €Bro; 
Ma quanto il -corpo più maligna forte 
Opprimerà, tant'ei col fuo penfiero 
Poggerà in alto , e di aiaHo alia morte 
Toltoti y efempio fia perpetuo e vero 
Di foffèrensa , « *n rime alto e canore 
S* acqui Aera fra prìm^ efCmo on<^e • ~ 
a) 

£* altro il MoHn , gentile almi e eortefia« 
Che'ft tutto fuor d' «mbiaioii moedana 
Avià le voglie agli onor poco la relè 
Della fua Patria , té ogni glorb vana; 
Ma con leggiadro flile al tempo otfefe 
Farà perpetue, e dall' Auftto alla Tana, 
B dove ha pofto i (boi termini il giorao, 
Vaià'l filo nome andar velando iotom». 

Mia 



dby Google 



Mira «n Vinceozio Laureo ^ t 6il ben degfi* , 
D'l>gi>'«lt9 «Qore e d'ogni riverenza « 
Ptr eccellenza di virtù e d' ingegno , 
E per cogniaion d'ogni fcienza: 
Ei farà tal , che pafiTerà o|jni fegno 
Di coitefia , dì fenno , e di prudenza; 
6 da quel gran Tornon da me lodato 
Tenuto io pregio, e più. d*ogn' altro amai» 

bo che dà folo, e si p^^hfofo il ciglio, 
Leonardo fia , ch'andar farli Pifauro 
Con I eloquenza fua , col fuo configli» 
Altier vie oiù , che del già pefat'auro, 
Quegli è d'Urbino un onorato figlio 
Onor deir Appennino , e del Metauro» 
* Antonio Gallo j la cui gloria immenfa 
Lucerà ognor, quafi facella accenfa. 

^ucfti fi4 detto il Ca vallerò Albano 
Atto dà illuftre fare ogili collegio; 
In cui fia chiufo quel faper umano. 
Che fa r uomo d'ooor d«gno e di pregio s 
A cui porrà la I>onna d'Adria in mano 
Grave cura, ed a grado alto ed egregio 
L'innalzerà; e fra tutti i foggetti 
Suoi faii de* più cari e più diletti* 
•7 

Fia quel, ch'ivi tu vedi, un Cavalcanti 
Maftro dell' elo<|uenza e del bel dire. 
Che coMuoi fcritt*a ognun porrà davanto 
Quel , che dovrà imitare , o pur fuggire ^ 
Ciò detto tacque , e pofcia a Eloridanto 
Volta, feguir Signor, temp'à di gire 
A ritrovar la gran Fata, che v'ama; 
E ibvra modo dì vedervi brama* 



dby Google 



p$ CAIITO 

^' 

EiOTwr la Reìn» FiKdci ' #^ 

Pcniro il (ixo Màio ftar gM^« «^niòfa^ 
eh' un Specchio di diàmaritc 5ntiin*i ftv^ft^ 
In cui miraodo vedeva ogni £ofa: 
SoU «d altera in fliaeftà &dea 
In feggio d*ojro, e con vifta amorofa 
Box(c per far l'onor, che fi richiede 
«^ chi il'onpr nel tempio in cima ÙW0 

Di fiverenxa pieno era il Ad afpetto» . 
fi ùcro il loco, Xal che 'Ì Cavalierp 
Teine fofpefo alquanto l' inieUctto ; 
E niandlb in molte parti il fuopenfier^, 1 
Ella con lieto t con cortefe aflfetto, 1 

Che lui già conofceà degno à'ìmwo^, 
t'accoglie , onora , « pon la fua beltaa^ 
Fra quante ^ofe fon nei isiotido rade# 1 

ao » 

fobna la menfa fu<, frugale, « 4egn» 
pelle coftei virtute e del valore\». 
I>ato cibo al fuo corpo , effe >*ingegne 
Di dar alla fua imprcfa anco ftvóre; 
Ciò ch%Bgli debbia far tutt6 gti infegnm^ 1 
rer ritor l'occhio all'empio incanuwei 1 
Ed un fodero ricco a meraviglia 
Gli dà per porvi la (pada vermiglia^ 

Di tal virtù, «he, tome mlvbia vento. 
Rompe ógni for;ta de' magici incanti; 
Di che ii*i'l jgran CampionfoTteconteulo^ 
E ben vorrebbe, averlo avì>ìo innanil, '^ 
fofcia il fuo'carro dì t^n t'ornamento, ^ 
Che non àa'tnei *lii *>eti Io pings«o canti ^ 
Fece in ordine pórre il'a Donzetla, 



dby Google 



BJI« ^i Balla «in «ddlrier ^ia fnd 1>miico^ 
Ch'^amielliii^ tratto «xb'4iv«AÌilreiio4'«ii»» 
U&io •€ «lorbido il pclo^ « 4oiido ilfianco^ 
31 legò al igiogo^ che «alea vn telòtfo: 
Vn altro «e 4nenò dal lato manco 
atfagm, reftlo, bizzarro , e^li pclinoro « 
eh' ir non volea per lo 4iruto calle » 
fie Jion Avca U «bailoa tfovxa 4« (palle • 

Dalla Dama il iSuerrier commisto ipreaét T 
Con Aiolto^nore ^ «no4u nvarenza; 
Vofcia fui «arro f lorlofo ^fcende^ 
E da Olìnzia «ncor ì^rende licenza; ; 
Che di tornare «Ila ùul «ave (intende 
Con gli Scudier -dopo la fua ^rtenza» 
In tanto il carro la Donzella enove , 
Cd alza ««1 Ciel^ che jios ^a ^irc «Uroff . 

11 cavai negro ad or ad «r s* iochiaa , 
£ fuor di Arada il ino «compagno tirai 
Tal che 4eme talor -di /aa cuina 
3J ardito Cavaliero , <« «e foipira • ' 
Sila del fuo ^cmer iatta «ndovina , 
Xo percuote 9 lo «ferza, ed'4i it il glni^ 
E gir per forza il fa per 4|uella firada , 
Ch'ella «ligltor «onoice j t jf'nk T aggrada* 

Al Greco Cavelicfr voglio tomai* ^ 
Che con «in verme al cor di timor vane 
Con Grafinda ftp va Solcando il^ JRiare 
A lenta vo^a, e fenza vela, piano: 
U quinto giorno i allor che'l Sole alzale 
Ikir onde fi volea deli' Oceano , 
Wìà fovraggiunto dai duo fuoi compagni 9 
Ck^a-vcaA fatto in Bertagaa alti guada|iau 
E a £ 



dby Google 



foo CAwra ' ' 

sé 

E di Grtfinda dalla ineCaggten« 

Li qual gli fttt noto a parte a parte* 

{ . Quanto nella Isattaglia acerba t fiera 
£ra fucceiTo in corte di Lifuarte 
Ai duo Campion contra* Romani: e ch'cftt* 
Rimaffo Grumedan, già vinte e fparte 
I.e lor Tupccbie a terra, vincitore 
Con molto altrui piacer, molto Cttoonort^ 

J7 
E che: fra dieci giorni il Re dovea 
Mandar la figlia al novo fuo Marito; 
E che per ciò venir fatta Taveai 
Di ch'era il Regno tutto sbigottito, 
E mal contento; ed efla ognor piange» 
La crudeltà del Padre, e T infinito 
Suo danno, fendo d«l gran Regno priva 
Con ganeral pietà di chi l'udiva. 

Al tJreeo^ Cavaliér ^ che quefto intefe, 
~Ai^fe il cor timor freddo e ceUto, 
eh' a poco a poco dentro un foco accefr 
X>' ira , .e di- gioia , e di dolor mirehiaio s 
Teme non tardo alle coftei difefe 
^ìef il faccia il fuo maligno fato: 
Fa giunger aHc liavì e vela e remi; 

« ! Ve per €i6avvien,che*i dutibio in parta Camu 

n feguentc mattmo in fu F Aurora 
Scoprir Plfoia ferma i Cavalieri, 
S fur da quelli difcopcrti ancora. 
Onde al porto n'andar tutti i Terrieri, 
^Fercbè.la fpcme, che lor diede, allora 
Che tornò Gandalin, destre Guerrieri, 
f% ehe nei mar , allor piano e fedele » 

.' Conobbar del !•? Sir r aliate vele* 

Cir- 



ci by Google 



OTTAMTESIMOPRIMO. im 
49 

Cwfero Floriftftoe , e QuadrAgante, 
G*vtrte, Dragoaetto, ed OrìaodtiiOy 
ArgMnone, il Valente, ed Agriaatei 
* 1 vecchio Genitor di Gandalino, 
11 Come di Sadeca, e Pinorante, 
Ed altri ttfai d'altero e pellegrino 
iftfcetto e forma, e di reti fembianti. 
Ch erano '1 fior de'Cavalìer 9tnutk. 
41 

Dfll'aHegrezza ìotomo rìfonava 
Ogo» prato vicino, il lido, e i'ondes 
Graftnda, che ciò udift, • che mirava 
pi liete genti, carche eflèr le fponde» 
Rivolta al Cawilier, che lieto ilava, 
Gli dift: Signor mio, ditemi donde 
wafca tanto concorfo in riva al mari. 
Che fa d'allegre voci il «iel fonaitw 

, 4» 

M egli a lei: Madama io vi domando 
Perdon, s'io v'ho celato il nome mio; 
Mjaere che n quella e'n quella parte errando 
M ùa condotto deAin maligno e rio ; 
io fon quel Cavalier, che voi «mando 
Man fempre di fervirvi avrà defio , 
Amadigi di Francia, e quelle genti 
ìdo miei vaffalli , ed amici, r parenti^ 

^n' *^Ì?^ *"**' Grafinda, |>crchè, come 
H voftro altoì valor moftro m'avete, 
Sjìgnor mio , non m' avete ancora il nolne 
Detto, e l'alto legnaggio, onde fcendetel 
cu ore non porterei ti gravi fome 
^obligo, com io fo, ma poi fapete, 
CHe tatto è tutto al voftro valor folo, 
iLQ«at io feci per voi , tempro il mio duolo • 
£| 111 



dby Google 



Mft . CANTI> 

Ift quelli^ Candilikfe siunfè, td'ttaft^ 
Fat^ofi «ddur h^rst uà btttet di nave^ 
A fiirovàr il Cavalter gentile » 
Che 'I tonto Ivi; affettar parea lor gnv« r 
Fa un palafrcn legeiadro e ignorile 
Scender ych^avea Pandar dolce e Yoave^ 
F^ Granndfa AmadKgt» che vanno al ììAop 
Ondft.glà ialttUv con lieto grìd»*» 

]6 non vo^perd'cr teaupo » raccontarr 
Gli abbi'àccì^ nienti, i bacr, e le porofr^, 
Ci» .furono* lr% tor^ pcKh^ notare 
Signor io^ v^ potrei con quieiie fotet 
Ed(Or mi chiama i^iftoria » narrare 
Della Prfoeeffii ^ che il lagna e duoìtr 
Co». fa< Madre abbracciate > e'n compagnF» 
Fknn* di piante tiiie fiere ermonie.. 

Witti delle F^liiiofa avea tefi^^Fte ^ 
Queir ittlelice e ftonfolat» Madre;: 

I Ma (miière) non> pu^ donarle aite». 
Mercè detrentpfe crudeltà^ del* Padre,. 
Che Tempre pia oftthato ambe le ineit* 
A novo pianto-, e co» Ibr le leggiadre 
]>Dnxelle ,, che T udiate; onde le Corte 
Tutu eoDturhft U lor duoL afpre e ferir» 

4^ 

U" empie oilihezba, che fittv iF callb» 
Ave» fui dttr» cor deli Re Rritanne-.. 
ft.* adémbre st^ che noni conoice il talfo-^ 
eh.* al fini gli porterìa vergogne e d^nno - 
11 pregai ogni: Barone^ ognk vaAllos 
Edi ei fordb qual maf fegue il Tuo ingenno*;: 
Kè pul Gì piega.y^ch* ai fofpiri* e pianti) 

. ab gM(^ito»r de* goveeellii Amenti*. 



dby Google 



CTTAVTEnMpraiMCTr 10$ 

4^ * ♦ 

Come uXvoìt9 Tuoi dbito ìfacchUr^f 
Cbe ver con<fur le merd ictpdrccre*! fef^^ 
0encb*«EiM« ìt rtato cvrerfo, fm»» , e fiercr^ 
E'I tfirtfo acccfo d^cyrgtfgKofop fdej^a, 
1^ mal jn^o' dei mar tetrht 'I léntier^ 

af, |dl (Irer ' Vetfe OÉin f rmediò^i^Ao , ' 

IJ tfcn&^tf d^Ai^fttilQtf cosf riteiit» 
Deftar iif !ds V adti^» fà^ prtidfen^f ;r 
E ìrocr morte ngionl rtrgofheirt* , 
C corr gU ef^inpiy e cor l'erperifent<; 
Ijì Interne vietate el^ nmttuats^ 
Cìt rkorda df Dio Iralt* fenteirzs; 
Sii poi: che'nr va'tf le fife ragioni fifa fpiir tr^ 
Arendt d» lui ììctìtzM f e & ébotitte m 

àmtiì^f feMiutó olti^ tniruttf 
Timida cTefler tàrd& in dar fopcotfff ' * 
ilU« fu« generof» e iròMt cure ,. 
UccioccBè ^ér rua eolpx Tiv taet^v ìt cdr(9 
Nbir f rocfchr alle ftfa Ifetà ^ alte vertuta ^ 
O.tfoir gU< vcrfge Te Fortune il dorfo, 
Sedda rnireme racCt>Itd^ ogni l^rone ^ ' 
Condhfci^ e Sr cor^ grave e B'ef fernioae^ 
5»' • 

itrtf Sigodr, ciré per dfe(io?d^crnore .. . 
Abu inille vofte if peno> ardito e fette 
Odèrttf avete fent* aFcim tiitrore 
ài ferro, al foco^v ali» vifibfil morte ^^ 
Set med'efinty defiw noi* ^ miTnore^ 
C6r foglie in» voi v !• vtfftre Buone fertr 
Or v'^apprefeeta otcafion ben* degne 
IM 9ni» valor, ebe'n^voi fannie» e regm^ 



dby Google 



104 CANTÒ 

jji, ' - j 

S*<filì è romma virtute U ^r ta 11U11O9 
& (jol levar il mlfero caduto; 
S« difender • far dall' uom lootaaè 
% roltrag^io^ cL'otfBfa, e da^s^i aiu€» » 
Contea chi eoo fuptrbo ^ atta villano 
Gli la volcffe fare, h V uom tenuto, 
<^;iaiito più cìh Cut dee per le Bohsellt 
Pi manfueta e di natura ioibeUc?^ 

Che altre arme no» han da poter fare 
Dtfefa centra l' altrui forza, o torto ^ 
Ck! alzar le voci al cielo, e lacrimare » 
Vrive d'ogni fperanza e di conforto. 
^r quefto i no^ri antichi « che mercart 
Volfero onor, la cui ^r«n gloria è*n pori* 
0aile tcaipefte del riq mondo ufcita^ 
Pofeia a rifobiQ l'onorata vita* 

S poi chf fin di qua s'intende il. grido 

Della mifera Figlia di Ufuarte; 

ChoU Padre per mandarla iti tarano lido 

Contra il. voler di lei da fé diparte ; 

E vuol privarla del paterno nido, 

C di quel Regno , iocb* ella ha tanu parCf » 

Mal grado pur di tut^ i fuoi Soggetti « 

He' fuoi Patenti, > I»iù da lui diletti; - ^ 

•nd!dla notte • giórno aiuto 'chiama '^ 
Ad alta voce, e con querele e pianti? 
Come potrete voi di tanta fama , 
Che fete il lìòr de^ Cavalieri errante « ^ 
Abbandonar quefla infelice t>anu 
Melle miferie Cue? Ah moia avanti 

Sefto corpo terreo , caduco , e frale , 
I quiU^onor . chff fA l' upmo tmni^rt»^ • 



dby Google 



OTTANTESTMOPRIMO. J05 

5* 
HI* è ben ilet;na di gentil pie ti te ; 
La giufiizia è con lei , con lef fia Dio ; 
Cbe porrà fren con Talta fua bontà te 
Alla forza del Padre ingiufto e rio : 
Koi abbiam qui cotante navi armate, 
E neccCirie al bel noftro defio • 
Che più s'afpetta, che qualche fciagura 
Ci tolga fuor di man unta ventura T 
57 
Cosi detto II tacnue 1 e fu il fermon« 
Del Cavalter d'ogn'alu gloria degno,' 
Com^a cavai, che corre, acuto fprone» 
Che eir il fa via più veloce al (egno,* 
Queft era prima loro opinione. 
Che d'aiutarla aveao ntto difegno; 
Or ch'egli è Duce loro, han tanto ardirty 
Che beo tpfto il faranno altrui fentxre. 

li entra queftt Guerrieri , apparecchiati ^ 
Alla difefa deiralu Donaella, 
Curan , che i legni lor bene (palmati 
Siano, ed a regger atti ogni procella | 
11 Re Lifuarte ; cui maligni «iti 
ìfin^eciano dal Cielo» cUra ftella; 
l^er a Ronu* mandar la meila Piglia 
Tutta fece imbarcar la foa fti miglia» 

1 Prìacipe Roman di grazia chiede ,' 
Che feco mandi OliMt, ond'egU ardeai 
Il Re (dì lei mal grado.) glie la diede i 
Ch'ai fuo Regno tornar ella voleas 
E la Figliuola di chtanuf mercede 
Stanca, e di oiangerJa fua foru rea 
Fa fvellcr dalle braccia (ahi crudo Padre j 
^U'angofeiofa p feonfolaia Ma4t • 



dby Google 



; Liluartr tH»- fai V eia» tv cmifiglui 9 
Nòni vedi U €olpo> dit fortunm^ irata ^ 
JfJtttìtv uftUUra mcnte^, e ftr«4%' pìfiir» 
Fili: di< qufjfta fé«ur» » pjù^ laudata t. 
fitolto^» nom vediv^I^ ^efta tua fìglià» 
iCùm tanto^ fànsue- deltttoi» &^ dbtaU ,, 
Ghr mol traimi' comucgr» ofcurn^ vcAs^ 
W'Mdjrà;'^- tuo Rtegoov.e^ fiàtlfrgentriQcftaf 

V&m vedii ili CSilVicker cUfr tur rmnr 
Ptefagov, mof^r^i fegtii^ aperti- e: veri V 
Sànguigae' quel' mattii» caddeio^ brine |; 
Udirr lupif idular. tmti^ i^ fegitierr j 
Stti lér ctSh rcfalìv e- ir viieìnet ^ 

Aìigeìff di* ttiito* augurio^ ofctiri' e ncr^ 
G0l roco' lofo^ %f cfi>Iorofo canto» 
Ti> pifdifllEtr cagion. di*^ lungo piaatpr»* 
4aT 

Mf> ttàfiTO* Asrttnpro^, ìò- pur vorrei j 

Trovar qualclbe coiupwo al tuo^rairiBan;;» 
CV io» veggio* aiolti> di* pi»noÌL< e r ei^ 
A^paceecaiarti^ il tHO« ^ftin* fatale*. 
Si> Drufillr ti^dUolev f- pur dà leti 
Fuggii qviU ^rvo^percoiTot da > ftrale ; . 
Sfla. altro' Sol non^ ha V cbe gii^k^ubi» tuoiV* 
SmemMièlonéir giorni fiiot... . 

^r 

ra^r'olIVo^vaisovrlt» pmpmtrrùfè ^^ . ^ K 
E la* novo del' vjfó»«vea.*t: doiove: 
SCM^o |a« bende M paite»^ aftofèf : 
fcno^trergtomo'-in^IagrimDft^ttmofVi . 
di(^Uavam lo^luct' antOrofr*. 
0i più' dVogo'ollro' ingratov einpiò Signofti, 

^fftrphè^ i Soggetti' tuoi cosi tormenti «^ 
Ute d|i dà£r loroBaftif» ttn^^ft.:|i;ipellti^ 



dby Googk 



Setixa purfar U' niìTér^ ITeiaa ^ 
Cb[^ molto' ptnìur fi^ pofe iorJctfttf ;. 
N^ per&' qu^sli* al fjuo*^ vol#r' s{ inciiiov j? . , 
PVeg^ Itf ntbrtr ^oìi' ptfirofo*a^rt«> . 
CVeflk fiìtr poniga: aU'alr« fùai.ruinayi 
Ifoi che' rimedio alcuir altro^ non> crpvafi 
Hr €u€ox a' ha piilf .d* un^' chiarii^ provar. 

tg Ukmigiiras (Ufttkrik 0dk^ 
0biramor firo,< la pffegr e la confortar 
Che" elltf non fia dì fc ffteSw omicida ^ 
£d< r lafciar quel fìtr d'iefio- Te Torta: 
Minaccia' il Cavalier (oyoUTr ^ grida 
D'tm'ettBro» prigioni itfr nulla' importa ^ 
Glie' egli' intrepido^ ogjnor dV null« MonCy 
U b^f^r 1» i^etl^ ibCviinr r gimivv 

jtrea fa Vlé^lttcllk tttu fiùè' M > . 
Ch'enr fa^a e. perfetta IncAiitatric« jT 
b quìit previfto^ a^eat più^ giofoi pri% 
Della-^ Nipote la* fòrte infelice i^ 
r che di loro duo ne nafccriv. . ; . 
Uh* Cavalieit,* per cui n* aadìrit^ felkr .. 
TMtto- TeflagH»; e conici U fuo yofigU» 
Venne per dìurle ed' aimo^ m c^ofig^ta k. i 

edové^eiragneiia ffe6il(reiaeÌÉl«r r ' 

Ad or adi or afpettando* U^ moiM ^ . 
Venne al bifegiM»* io» futf feccniftì fnSké^. 
E unto' difiTt^ tkt '1 diioi efpfo$««^^ 
Rcemiiier,.<fendWefpeiii» ooeftey> ^ 
Che \v brvtrr temper tk le (afieconfortt ; 
S. oMl rì«edio^fu)idt< tàr>:«9rtii(e)»« . u ^ 
Clìf^ite^^4ìl|vica:ie ielM»! i.,;«>. 
£^ Fofc^ 



d by Google 



SolitarU e'fipofté un Bei cftftdiò: 
Ave« qu<U«' ad oi»it* or verdi le fpdle r 
^^Cgiefto dencrtt e cK fuor vago era e beli»? 
^Fftr mezxo'il'^^iial s^ ft^rtva ttn ftretlo calle 
Limpida, amefio , e placido ruscello ; 
Ove viu vivea lieta e beata 
àf nulla ÌR oeKo , a tutto 1 mondo graiu. 
69 
Coiiitncioili a (coprire a )^o « poij^ -«. 

L'amor della Reina dolorofa; 
die non potea , bencllè celafTe il foco , 
Tener il fumo, nèU iìamma afcofa. 
T«l che a notiza venn« in temp» poeo^T 
Oef piagato Gucvriei^, a cui p^ fpofiv t 
Vegi^tìma, d'ai^erU^ e'I regno àniìem^ 
Dal giudizio «ofluìn dàta^eu fpfnwsi ^^ 

•nde accttfaiido il iVio ma4igmy.^t* / 

^(Ao a pcM^ir fi die ; c^me^petes ' ' 
Morto donar »t Covatier pregiato , 1 
Laoui beltà la Giovenetta ardejt; ( 

Ed eiecuzio» gli avrebbe <kto , 
Se quella Maga non vi.provedea,» 
lui. quii fingendo, clipei s'era (uggito^ 
frétm iiÉi^iniaor^ male un. tai^partitot*. . / 

Qnvr perfiY to coftt pid feeteta 
Fece andm* a«)di]porto anabo lor dati; > 
f1»rmi fenu dt Selle e^idt pianeta» 
CImlimìi è< cotoofeiuia oggi da niii. 
Del Giovoflctto* la leggiadra^ e lieta 
Ioana aangib eoa tutti ivmemhrt'rui 
la un <ter.vo p«ù fanocoi d' armellhl», 
Cii*av«a la .aoraa 4^aiviitf|ai»ca ino » 



dby Google 



7» 
Cm no^'lndnit af collo altero e vt^o 
Coatello di rubini e di diamanti , 
Céndaflìl il Cervo folttario e vago, 
Com'uom fa veltro, alla Reina avantiS 
Ei che fi vede »ver la prima tm«ag» 
Tr fiigiinta per fona -d* incanti « 
Se ben non ^pHÒ. parlar, geme e fbfpiift| 
Me dalk^DoniM mat gtk occhi ritin* 

ria ano gff par, che ut l'alta Reina y - 
Come dianxi parta, ma ben colei. 
Che £bcc del fuo cor dolce rapina; 
Oode i ^giorni menava amari e rei : 
Talicbe incannato a lei tofto s* inchina, 
, Quaiì mercè dimandi a' lumi bei^ 

d'eli» con la man, come Tapprezct,^ 
Gli h, mille lufiagbe e mUle vc»ù« 

74 
I ulor les^inchimi, e bUsiCiUmiln 
Il qemr avorio della bianca mono. 
Gran' mera v tifila la Paroa gentile 
Ha di queft'atté, e le par novo e ftraaos 
Gli .pon la deftn fui ricco monile , ' > ^ 
S fi( la fronte , e lifcìalo pian piarne;. . 
Talora il piglia per U corna d' oro , 
SenKXapcr, che fo€e il.i6w Agrimora»; 

7^ 
Cerne piccini uncini la Madre cara j 

Sieiiue ed o^* ora in quelle parie e *ii que llCf 
Cui lembnì ancor ogni vivanda eomra, * 
Scoonfe Mi latte della fu« mamakelUi 
Cesi coftni all'aria fofca e chiare 
Segue ad ogn^or le cara Verginelle: 
Né «forza dti Serventi, o di Oonaelle 
Bai dal fMo- bel fianco lo divelle . , 

Hoa 



dby Google 



7^ 
Rbir Iftete guiri r ritorHur la Mftg» 

Con una vergA piceiola gemnnta, 
pi ricche perir ,. r d^or hitèntr r Vl^^ 
E da m^eflrr m'ali' beir lavonta d 
E la' ReÌTia> ch« dl^ cib s-' app^a^ 
Secretannentr ìn^cam^ra' clfiaiai*» •. 
Jìe diff^-t èr fcf«ir ragione Figlia' mia ^ •. 
Che* tut puie ^apptv chi queli cer«o. fi»^ 
TT 

Chi tlt trag^e dkl* cor cotanti Ui , . 
Chìs 'n' queftà' form»* vi v* è' di meftien^ j 
Alcuni di» per tr cavar di guai f 
JHtrimente rimedio^ alèuir non {fttof 
AI tuo mirtiry né fih^ vedloror mai ; . . 
S^ in quefta' verde tua 9 giovene etadar^ 
lùfopce» iiofi> hv di> re f^rfe pietàde •» : 

Che i«orgendo> sì^'lutige 'eflèfrU liv»^ . 

TI potriat dar. c^gidà' dfi navo' piant»|^. 

& fartii rimaner di' vita- privai: | 

QiieiVa verga* ti' db ,.4i' valer cantiK^ 

Che 'l' torntrà^i ntllìpfutf forma viva y» 

Se cofp efCr da tv fari^4occato« 

Mli corpo» i««>.in< qiaal! fit voglia^ Uto>. 

7^ 
Còsi dMP'aifMrfifb^iani'^ licuvry >/ • j 
i tÉd'Amaaiwtr fia, ti "fia Maritoty 
M»l gi«adixléi*calei', «b^atvlo fnrr *. 
Con gli ooeiìr ladri, ondf egli faa^l cor ftriJMr^ 
II' alta R'eioa* di s2^ grair venturv 
Sente net cor diletto" altor'infinito'.- - - 
Mk fratfento Alidorcondiiee ito porto' 
%eil^ afdearr defio ,; eh» 1/ avea^ morto*i.^ 

Sé: 



dby Google 



OTTiNTBCnfOPRIMI>«. v ^^ 

Wt lOD' mi' detti' Amor fkfdlTr r (ètltf^ 
ra fioA fipi^ ridir il' lor dilètto ,. 
FferV' t« folo' tn vocov a* tr coiiTlènfi^ 
Donar il' ttto' ftvor almiirinfellettof 
Tva <tv '& (ao> lanntorj, to» lor difpea^ 
Cr ttir dMcezzer; cdi«pptr»ccbi< il Tétto» 
Tjll y. qualer appireccbiare «1 cfcré» r fidò» 
lArte. cali»P ^ol tmr- MBidkr ii»-Cittdo^<^ 
tip 

Ix Bctlt Miv cfifT* tcfzar'€SilflPofflyrr«ii * 
m per pitta di Jor pianft (otvàw^ ' 
PKftk difccf e col fiurcarròf^aHonr,. 
E: voler atir lor nozx^ 9Ìlkr ^efenee ;- 
F quantr fparfe avnn? Flvonto e Fior» 
M riccbtvzr* fé fifbtttmeffte? 
Càgiier a» w ncmbodr piccioli kmòrf^ 
Gte^*htone» a< la» iaeaaiif lèggladiil^nrorf^ 

K d^ufii- nu8r «T «r con" q«èfll' teiUf » ' ^ 
Fé. fabitb coprir d- intorhtf it loco t' 
TuttÉi a'ciK' far qutllai tefisftia è pHÓt'^ 
ff fcco- inaemv r AUiifcrtzM » e1 6ioco| 
l' Aura- i' arbetto drogai itifiomò deffa ; 
R uà mormorio il nifeal fóavc a roeo|: 
Kgli Amoretti al lor feririgio intenti 
'gttamta' cob< P ali d* oro i «aldi -wKicntf J^ 

«>» 
C3^cHe fSeer tmr Ibrv mt^^f^rei^difeV 
Cba^qUeltat nubr i lor diletti? afcòfes' 
Amffo^ dier compimento* alUor defire ^ 
K^ breve? trie^- alle* yoglir amorofe ,. 
fice-non^gil^cbe drÀmorfdegni ed ìrv 
Stai- via' più^che-d^Aprii viole e refe „ 
E: là' fétr amorosi* è- Idi-opiffà,. 
-ttc- ^tato Honr piùnebee, pi,ù bérvon^ 



dby Google 



»«» CANTO 

84 
CoBcordit , Cd Oneftà ioctr fra Uro 
Eterno tmor , com' in fiu propria fede, 
£ legar ambodiio con Uccio d oro. 
Che di Tìrtute attorto era con fede ; 
Bappoi cke ftoncht, ancor non fau foro 
»i quel piacer, eh* ogni piacer eccede, 
C^on mille dolci baci replicati 
t>àì letto erbofo fi levar beati. 

I per trovai la' /«a gentil Lucitta 
Verfo il bofco n'andar giovene e bellc^ 
Ma prja nell'acqua chiara e criftallina 
Si riofrefear d'un placido rufcello 
Le mani c'I vifo, e la troyar vicina; 
Chinaro i lumi e1 volto e quefta , e quello. 
Come le foffer le lor?.coIpe note i 

, t^ fparicr di rofore ambe le g^tcs 

D una vfrSPgnc ccL fife k Magi 
O «^S» diletto lor f^incipio e fine; 
ìiè per bacìa?; juil le volte s'ai^pagi 
Alia Guerriera |e tenere brine; 
Fofcia del lor piacer contenta e paga , 
Fcrchè '1 giorno «fa giunto al Tuo conine • 
fLinho prefi per^man lieta li mena , 
Ove già afjare^hiataera lii^ew* . 

lafciam ctper qitefti ,felici> 4^ii}a^i . 
Scorio il deCo al , fin tanip, brinato • 
Che ga la Luna con le ^fte^e erranti ^ 
Acèendeno nel Cieio il hii^e cifrato; 
Non s'odoo più de' gai augelli i pianti. 
Che tacevano un fuon foav« a grato: ^ 
Ed è bea degno signori, ch'io Uccia, 

» «'^y " Ì\7y' ^'^ » ^*'* 8^' * W«d* , faccit. 



dby Google 



CANTO 

OTTANTESIMOSECONDO. 



àiTEatrt di quefti Amanti ognun rafpi^» i 
tvJL Sotto *1 poado deirafprt peni e ria; 
Il c^ran Principe franco oènor fofpirt} 
Che veder Oriana ornai diefia ; 
E perchè teme , che fortuna dira 
Non attravcrfl al fuo defio la via ^ 
Fatti prefti imbarcare i Cavalieri, 
Fé l'ancore faipnr tutte ■'Nocchieri* 
t 
Non cosi lieti •! glóripfo acquiio . . 

Andar gli antichi Eroi del vetto d'oro |- 
Coaie per tórre a deftin fiero e trifto 
La Princeffa di mitno andar coftoro: 
Ogni Nocchier di tutto ben proviftoy 
B'nshirlandata ogni prora d'alloro. 
Fa dar de' remi all' acque , i lini alzare 
A uà vcotioel » «he ^dolce tnorcfpa il mare. 

La bolU Dea d* Amor , chtf nel mar nacqueit 
Della Dama gentil mofRi a ptet«de. 
La cui tanu beltà tempre k piacque ^ 
Com^ un miracOl dello cofe rade , 
Secondando gli andò, tranquillò l'acqutl 
e piène fé del mar tutte le ftrade { 
e con la fronte e con le luci belle 
9i(£0fiibr& i venti avfcrft • ic piocelle. 

Dal 



dby Google 



;f x^ e A *l T O 

tht wrtir ^e'Komair cèrt« novelt# 
ilveano avuto gi2fc d» CSandtlino , 
Mandato per ftper, quandb la beli* 
Voanm partì v«, coi» uir Brigantino* 
II terrò di nell' or«, che J» ««"» ^, 

• D^Anwf ài mondi> poro» ìLtW/Wtincf^ 
Scoperfe di lonranp le? vtte aperte^ 
I>'inregcK: lagtnni f\»tt coorte* 

FcLKifarte fa rifa mifef* l?ì|l»« , - 
l^ortar • viva fori» iit fu? l aratata f 
Ov'imbarcaca ave» la fua famiglia 
Coff pianta tfnrvtrfal dell» «rigala f 
Sòtfr» un» nave, ch'uw «raflTel fimiglir 
Maggior dcU' altre utoltaor, e «reglio arofat»^ 
U' lo Hendard'o' imperlale e Ereno 
Sr»; «U dàccfe i» guaidi^^ » Hrond^ieUoi 

Bf»irro di Olii MìUmi^n40tìe$ 
A ffaroa principal di' «juell rmpcrOf 
Stroflranquidio, perchè fa 1^ amore , 
Che potr» Vvn» ^ll'alMinfiegro € ^era p 
Pc.por feco KfaBili», e p<fr fuo anorc 
Co» SarcUmM* piOf d'uw Ca vallerò i 
B perch'egld «Uro beir (laOb) tfoir «vr^ 
Oliodk* fecr por nells- Tua nave r 
f 

Mifero, quell' amor xw paghìerar^ 
Appena frar dielr Sol 1» luc^ tifcTur y 
Spargendo per lo «rcnnfo i- fuo'rbe'irM^: 
'. JUIor che do vkiir Jeerfer l*^ ardìt» 
Geirtr yentr per di^r lorr pcnv r guM* 
Ann» noip du&icar^ s-accorfer por^ 
«•fc. «-"-Si»^ irq^rath tv dhntti ittoi»* 

CE»- 



dby Google 



OTTAIfTESfMOSECONDa^ «Vf 

» 

€nir (eenrf r (emnr teun areimry 
Che 1* fijperbi» fiM lor dav» ardirr^ 
Di* periglio , cbt fii fotta 1» Luna: 
M» come vider qiie' legar venire y^ 
Temendo il colpo dell» lor fortuna ^ 
Ctominciaronr ne. irortà » impallidire; 
S. fecer-, come i coltr airim^vìfoy >^ 
é^ qualr il gra» timor to^ie ogai aTV^IBrw 
9* 

Sifiito Dondtret fé dare il ftgti&r 
Cb>* un' arnnrt» nemica era vicina-; 
Fé ferrar w trincbettr in- oMi legno, 
Bflracrr cht contr» loro elh cammina f 
Pbr fa(& fi» le gabbie y, ood* allo fdegn» 
Kor feccia fchermor e lor ponga in r«iiia| 
Caffari e ballator fornir di ftralt; 
E dTarme d? avventar fiero> e mortali» - 
ro> 

IkrtiM' fa pror» IX valoroto A mante t 
Ove r Imperiale tnfegna vede ; 
I«*'ardtto fno- Cugino ,• e Quidraginte 
Vkn' lungo, dove tfondV it lido ùtàtm^ 
Florifta»^ eh** arrivar difegne avente y. 
Ftendf le via d^l- mar ^ che «osi crede 
I>^ effèr » dargli- il primo egli foccorfo » 
E f£TomuK> » loB pins a tatto» corfo*. 

CCuofè Agrninté irtegner per 'fàhgkrW^ 
Dove il Prence nomano. Olinda avee f 
fi. He» gli Kfogntva^ aUr» * venturai 
Fer fuggir dalla* morte actrCa e rea .^ 
Pone Amidigr ogni» f un» ftudio' e care 
Ttr dkr it primo* aiuto» «Ile fot Dea ^ 
E €» fudkrè^ ali* opre v Galeotti,, 
CUTerino^iii-qucl iMilier maefttie dbnr*. 

QUA- 



dby Google 



Uè CAMTO -^ 

1» 

Qviàù in HO tratto da tutte te bande 
S'incominciò l'alfilco fpiveotofo; 
Lo ftrepito de* gridi era più grande. 
Che non è quel del mare, allor eh oodofo 
Mugghia , e fi fiende iropecuoro , e fpande 
Cacciato a forza fui lido arenofo 
Dal gelato Aquilone , o da Maeftro ; 

. fi roinpe T^onde in qualche monu alpellro. 

13 
Non unti frondi ha pino in felva aprica » 
Qitanti s* avventar dardi , ftrali , e faft. 
Non può la fua con la galea nemica 
Amadigi abbordar si, ch'entro paffi: 
Ch'Ida, • d'eflere udito s* apatica. 
Ad Aliano , che dal gatto laifi 
Un' ancora cader , che graffa e grave 
Fatt*egli ha por nella nemica nave. 

Fu di fubito facto, e'n un momento 
Ambo U navi a forza s'abbordaro; 
^Itt leggier, come ne porti il vento ^ 
Fra gli nemici il Cavalier preclaro. 
Gli furo a doflfo fpade più di cento. 
Che, come fa1>bro ferro, il martcllaro;^ 
Ma in dieci colpi il fiero apre e sbaragUa 
La grolla turba della vii canaglia. 

>l 

•i tanti Brondaiel fel fehermo fee 
A quel valore , a cui non è fimlle f 
Ma pereofTo da un colpo anch' ei cade» 
Ferito, e ftefo fra la gente vile: 
Saltan dentro Angrioto, cM buon BmneOt 
Come lupi afiamati entro un ovile , 
iridando Francia, Francia i ecce Amadigi. 
Clw vi mendeit lutti ei Regni Sttgi . 

VaU 



dby Google 



CTTAMTEStMOSECONOO. itf 
1^ 
▼ilfè quel prido fol pt r mille innati 9 
Tal del coftui valore hanao temenza | 
Fuorofio ambo i caAcIli abbaodonacKy 
Con nulla, od almen poca reififtcnsa/ 
Vedendogli Amadigi fgomentati. 
Supplici, vinti t volle ufar demenza; 
E te arreftar de* brandi ii gran furore» 
Come dee fare «1 Vinto il Vincitore. 

«7 

Mibilia adendo le Arida dolenti » 7 

£ gridar Francia « Francia entro le oiVtf 
Ad Oriana , cui de' fuoi tormenti 
11 cor Doodo premea noiofo e grave t 
GridA teilofa, cjir più non paventi t 
Poi cbe'n aiuto fuo quel Cuerrier avCf 
eh' a* fupi nemici per darle focorfo 
Poftb già avea cotante , volto il morfo» 
18 

Ecco , ie difle , il fido Cavalieri» « 
Che fcmpre è dato a voftr'uopo s! prelln» 
In quefta odono lui, eh' a vea^l Nocchiere 
Prelo net petto , e eoa le pugna peAo » 
Perchè troppo tardava a dirgli il verOf 
E « fargli , oy'eran chiù fé, manifefto j 
Ed io4i con T indomita fiereaxa 
eh' ei r ufcio forte ». e *1 catenaccio (pesut 
>f 

Come ftt dentro d* allcgrezsa^ ittfano 9 
A 'ci , che come d'alto fonno dcfta 
Stava ,. inchinoffi per baciar la mano ; 
Ma ella , che maggior gioia di qoeria 
Hon fonti Rfai , con atto dolce umano \ 
L'abbracciò, e prefe per la fopravvefta. 
Che, come molle foife, o fparfa d' onda, 
Km ài lingue » • di cervella iminonda. 

Di- 



ci by Google 



mm CAvro 

MO 

Dicendo : «Uè <6i||iMir., >iblo <ùÈtgmù 
Oel!e toiifere ^ttte , 4 «del dao^cnort^ 
<2ual jguidcidQO tvi «dadi'*! iOioado^ ^^bo 
f>eil« iiroftra spietete^' « Old valofeT 
ilefo 4t«ete l'ionor^ la «iu<, «e U iregiiA 
A me , ^d a ^ueUe col ivoftì» ffiufois 
Donzelle , che deftìn fpieuto « rio 
Mi ita ^iMoipagatf hi jgùttt» .cfiKaitùo* 



tt fermi .gli «étMAìeUa «rida j 
4111 teneva il ^piacef^ che jiod vedeva 
fdabilit « eh' al fu6 .fianco inginocchiala 
9tt k falda 4!i mastia lo .teaea^ 
Come la vide ^ì , jla sterra alzata 
-Tanto l'accarezzò, guanto ilevjea; 
M volend * ei .partir , diflTe Oriana « 
4dimèj Signor ila me xbi jr'jUloataaa? 
Ai 

ffon vi prenda < timor, rij^pofe^ alcuno^ 
«c)i*Angrioto e JBruneo con voi iUranoo^ 
C vi difenderanno da^iafcuno, 
JCht Vi voi effe fare oltraggio j» ilanno^ 
In quella nave non è più venino. 
Da cui venir vi poHk onta, od affanna j 
Ed io frattanto andrò, dove pur £a 
jForfe bifogno ancor la ipada Aia • 

Jkffalito Agriante il legno avea 

Del Principe itomano^ ove per Corta 
Si ftava Olinda, che d'amor l'ardcai 
Ivi la gara era dubbiofa e forte, 
Che'l pugnace Signor lo difendea; 
Elfi cerca van per entrar le porte; 
jMa non trovano vado a lor ficiiiro; 
7«i chcl siAbfUo ìgétìtìkb $ ÌBr»«- 



dby Google 



OTTANTEOIffOCECOMBO. %M0 
'4 

fjn atmhó deaSodì ikent e Aitai ... 
Fa U luce Miniar del ii^to istorio; 
Crznàìae grotìk M hnt€àì gagliardi . 
Tratta di (M fióvt il'^gai intmnoi 
La qiial a qutx^ €ht iono a fiiggh' iardiji 
Macera l'offa, « fa lor daiiilb e ftorao; . 
Vafi d'ardente pece ^ di bìXuaie 
Crrejido ^(xhio e^fa«eiitofa Jiimft» .< 
aj « 

Chi per poppr laliii»5 e «ki p<r)protft 
Tei^a ili U iegnp , «> s'afat ick> ia vano | 
Che i'iin voTMe àtfjoiiia ayde « Jivora^. . 
JL' altro nel 5'ai9fèrf»r p^de U «nftoo; 
Crefce la pugna ianguinoC» ognoi^a , 
Come creice per vcmoilfnar infaflO| ^ 
E già *1 cjfftel deilA' Romana nave 
^Ifde ]^t tvtipOf e £i«(cun frenui e y«ft^' 
« t5 

Ikgriaafe, cjie vede ti gran periglio; - ' ■ ^ 
E c|i*ivi eeme^ ch'Oriana fia, 
E (eco Ollndà* con altiero ciglio 
Si dona Ita ^redtf alla fOrtuoa ria | " 

ErM dal fuo furor prefo configUo^ 
Fré*l ferro e1 foco aprir 6 fa la vin 
Mal grado di color ^ ch'alia difiefa 
Stanilo dei ioco^ e fanno gifpra centefi*? 

«7 
Quadragante in ifufl tempo ira ftlittf 
Dair altra fpo«da, e con 1* ardente fpadg 
Sembra nn ^vilUn^ che col ferro- polito 
Seghi hìì UigHo la matura -hiada : • 
Ciaftwk d^ toro , Cavaliev ardito , 
Vuol , che H valor ncmtdo a terra cada f 
Ed a cui tronca un braccio, a cui lateftg; 
E fs di lor cth| che di ior teinpefia. - 

Mca* 



dby Google 



Il» CANTO 

%t 

Mentre ert la bttuglia ia «uefto ftfttO> • 
Giunfe ti Guerricr, cb^ non ha pari al noatft? 
E falftb dentro, com'un flutto irato. 
Che comnnove Aqnilon fin dal profondo* 
Ritrova il ilio Cugin , ehe morte dat» 
M Principe ftoman, lieto e giocondo 
Foru, come Paftòr It cara agnella i 

Ritolta al lupo, la fua Dpnna bella « 

Fer Cavalla dì bocca alla vorace 
Fiamma , ch'arde e confuma il feccoptaos < 
Ben poibno fuggir L'ardente face, i 

Ma 'I colpo non del lor fiero deftino s 
Molti n'uccide con la fpada audace ^ \ 

Motti ne gitta in mare a capo chino 
L' invitto Cavai iero ; ed è quel loco 
Un'altra fiamma , un altro tùMg^ìoT loco* < 
jo , . 

Chi per fcampar da lui falta nell'onde» 
Non fugge 1 colpo del nemico Arale; i 

L'nn nel tergo gli di, T altro profondo \ 
Fìaga |;li fa col dardo empio e mortalo S i 
Queir infelice, perchè M corpo «(ìcondo^ ] 
Sotto 'I flutto fi tuffa , e non gli vale $ ] 

Che ^ià perduto il fiato ù divalla . 
S poi ritoma in iu . come una gallo • 

fi i 

II pianto de* feriti e le querele 9 
Jl gran remor della battaglia iofana, i 

Un'armonia facca fiera e crudele. 
Che certo udita fu fino alla Tana* 
Ma perchè ognun fi lagni e fi querele 9 
Yioiì fajperb rotile fpada umana 
Che glè éi bufti e tronche braccia è pieneu 
E di twfte del mare il vailo, feno. 

Oli 



dby Google 



OTTANTSSIIIOSECOKDO . UT 

UH tmct fon quell'altre nevi prefe, 
eh' truk fouo il governo di coftui ^ 
Che col filo efeeifio dotto ognun fi ref€9 
Per non finir s) tofto 1 giorni fui . 
Qmc^* cosi per tnt^o il foco Accefe , 
Che non fé ne (al ver né tit, né diit: * 
Né molto fptj(io a venir oove taeda, > 
Che prefo iia Floriiien la retroguirda , 

V 3S T 

Con on- prelato t e^i iiarchofe d'Ancona 9 
Ciafcun di iqucll' Impero uom principale • 
Già jdella morte la Urna rifuona 
Apportatrice del bene o del mal«<| 
Del Principe , che fotto la corona 
9eir imperio Roman non avea eguale: 
•i càe la gran Reina Sardamira 
Fuor di mifura ne piagne e fofpira« 

Con Aaiadigi in, ^nefta « Cavalieri 
Giunier^ ^ual greggia «mil dietro al Paftorci 
Provifto avendo già « che >i legni intieri 
Fiamma avida noi| arda e non divoi«. 
Verfo rOriana andar lieti ed altieri 
Con licita riverensa e molto onore. 
Che ula raccolfo eoo gean genti letza , 
Siccome Donna a fimii cofe avvezza • 

Ma qui toma V illona a Fiondante, 
Che fé ne va fui carro d'oro- a volo. 
Con U Donzella verfo il vecchio Atlante , 
Òr vagheggiando Tuno» or l^altro polo , 
Per ritrovar l'orribile Gigante, 
Che l'occhio gli furò, rimedio (olo 
Alle fue pene , a quel, defio, ch'ognor» >' 
Il:fiegue, della bella Filidora. 
Tm. ir. f Vi- 



ci by Google 



SII CANTO 

Vide d'appreflb nel Cirjpazio feno | 

JL* antica Rodo; che tamofa e^chitrA 
Pofe a'corfari un tempo un duro fren«; 
.Troppo al Trace empia, e troppoairAffro 
Di cui già, cb' oro piovcfleaeUeno( amara: 
Ia Pindarica lira ci dichiara; 
Or (noftra colpa) in poter del Tiranno , 
Che Col voit'iu i penfieri al noUro dannai 

nr • ■ ■ ^ 

Fafsb il fecondo e gran regno di Creta ^ 
Creta del magnò Giove albergo antico { 
Già di cento città fuperba e lieta ; 
Ch'or del Senato alla giuftizia amico - 
Sotto y bel feettro ila tranquilla e queta; 
E vide d^etifa in ogni colle aprico 
Con le- Baccanti andar danzando intorna 
Bromio di vki e di corimbi «domo • 

38 
Si feerie (otto i pie forger l'infefta 
Malea, e pcrigliofa »* marinari, ' 
Che con l'onde feguaci ognor maleftt 
11; pin folcante i Licaoni mari ,* 
Ove fpeto a muove afpra tempefta 
DaI refleflb, che fan venti contrari: 
Kè luogo fpaxio poi vede Modone, 
E quel lafctato a tergo anca Corons» I 

3f 

Ed alla deftra man juafi Reina 
Fra Pachino, Pelor», e Lilibeo 
Sicilia dominante la marina; 
E d'alte fiamme ardente il monte Etneo: 
E là, dove Vulcan nella fucina 1 

L'arme d'Enea impcnetrabil leo ; 
E Catartea, Palermo , e Siracufa ^ 1 

Tanto iodatt daiU Greca Mufa. 

Ptì 



dby Google 



OTTANT£SrM0SEC0NDCt. ti| 

40 

fol gìuiltD a Mtlta, prefa indi U via , 
Che t>ea (apea 1* Auriga , al (110 cammino 
A CÉrta|;iae andò -di Barbarla, 
cài fa «oatra i Romaoi empio deftiflo s 
E Tunifi paUàtp oltra^ e Uugkà^ 
II di feguente nel frafco mattino 
Con l' aureo e ricco carro a fccnder veisi 
Sovra la gran «itti di Tremifeanc. 
41 

^Inci pofato -un l>revc fpazio, mefla 
La briglia a' Cuoi deftrier, colcaTio«ur%tO 
Alzata^ a volo la Donzella^ FeiTa 
lAfctb poco di dante al «deiro iato • » « 
Parlava Floridantc -allor con efla , *• 

Che Icorfero Marocco , aVibfpirato 
Loco rioQ lun|^e i ond* tfii «1 iuù dcfio ^ 
Védendofi TÌcm ringrazia Dio. 

4» 

In pugno Ila Vau^cllin , che gjOi V ho dette 
Avergli dato*4a Reina Argea^ 
Cià comincia a|fcòprir le Spalle .e *Ì petto 
Del monie.aliier.) .(à doyi^^iy^ ioUti . 
Il £alfo IncauUtore H ^o ricetto,. 
Che r<>cchio a lui si caro gli teaea<, . :, 
L'occhio, 11' mirando, Uccome in lueealt 
Specchio, vedeva ogni cofa prefente. 

€ii vitto «veva il Migo empio e preiaao 
Vedir il carro al fuo gran male intentip I 
Oisde ne teme, e non Vi timor vano. 
Che da lunga prevede il fuo tormento ; ^ 
Manda un augel s) moftruoib e Arano » . 
eh' a raccontarlo (bl porge (pavento, 
Fcrchè dia al franco Cavalier di piglio . 
CaL grifo adunco I e col rapace artiglio» 
F » Il 



dby Google 



ti4 CANTO 

Il leggiadro augelletto alza U te^a^ 
E fall fcuott , e le dorate piume: 
Come '1 vide veirir y ^uali tempeila , 
eh' ogni cofa , cfae 'ncontre , apr^ e confume: 
fi con un' armonia , chre virtù defta 
In ogni- cor, fuor d'ogiii uman coflum« 
Dolce é gentrl, che d'Angelo mi pare. 
Soavemente rncominci^ a cantare • 

No» cosi fugge caprio innanzi a focile 
Mordace cati , che '1 fegua a tutto cor(», 
ComeM feroce e rpaventofo augello 
Ratto al carro r^volfe il fiero dorfo: 
Il Chr vedendo quel malvagio e fello ^ 
Ne manda uno ed un alirp in fuo foccorf* , 
Ciafcun di fonT*a vie più orrenda e fiera' 
Sii cb'avrian fgomeRtato una Megera . 
4* ' '^" ' *-"• ' 
Ma egli indarno al fué fato s'oppone ; 
ffk d* tropo a Floridantc è oprar !» fpada , 
Poiché l'augel, che fatto iVuo Campione, 
ffa fua difefa, ed apre i lui La A rada; 
Mira cOn mera'^^lglifL i! %rart Barone 
Un cafo tar , unaPéolTa si «da ,- 
E fktt Mp^o iì , eh' a pena crede 
dò' che tocca con man , con T occhio rtdéé 
■ 47 ' ' ' ••; ■' 
A novo inganno ufar fprona 11 timore^ 
C'ia dt morir, Tlncantator malvagio, 
B d una nebbia , e d' uno ofcuro orrose 
Copre tutto d* intorno il fuo palagio» 
Cosi d'ufcir di quel pericol fuore 
Sperando, e di poterfi ftart ad agio; 
Ma qu«fto àncora è van,che'l fodro fcoim 
Del brando {vm tntte le magich'opre . 



dby Google 



OTTANT£S(MOSeCONDO. is's 

Né pì^ quefto rimedio il ItxmQ vela 
Dd CaviHer, che faccia -veu'O chiaro 
Un gran, Cplendor di torchio , odi candela : 
Penfa al gran rlfchio Yuo novo riparo 
11 Ma^ accorto ; e con la fiamma il cela 9 
Che s ilza con le mura a paro a par0| 
E con incendio e con fragor cotanto. 
Tatto il ricopre d' un orribii manto • 

Pur fparge al vento la fatica e Topra, 
Perchè vede il palazzo il pellegrina 
Guerrier sì chitro , come nulla il copra* 
Volge la Donna il cirro a quel' catnmiaat 
£ fpeffo fpelTo la gran sferza adopra 
Sul deftrier negro, che col capo chino 
Sen va più volte, e fuor del dritto calla , 
Per protoadarlo ^n qualche ofcura valle • 

L^Tacantator, c^e vede il fno periglio^ 
Prefente; e Va fua morte a quel vicinai 
E non fa ritrovar novo configlio» 
Onde pofft fu;;gir la Tua mina; 
Col cor tremante, e mal fecuro ciglio 
Si vefte Tarmadura adamantina; 
E con lo feudo al collo, in mano il brando 
li carro, che fcendea, ftava mirando. 

5« 
Come fi vide Fiondante a terra ^ 
Tanto vicio , che pub fcender d^un (alio^ 
Lieve ed ifnel dal bel carro s^ atterra ì 
E fcende del giardin nel verde fmalto^ 
Il Gigante già prefto a nova guerra 
Comincia un fiero e perigliofo affai to ; 
E mena forte il ferro irato e duro , 
Da-iiirpcrazioa fatto fecuro, 

F I Ma 



dby Google 



Iti CANTO , , . 

Ma il CUvalier , che \ gran pcricol ytdt « 
SeU grave fbrro una foi volta II co^ie. 
Cogli occhi aperti e *i pender deftro ilpicd* 
Or fpinge innanzi, ed or a fé il ricogli«2 
E dove efler fecuro il col^ crede ^ 
4Senza timore il braccio ffmge^ e toglie « 
Se^ por gli cade addofTo, il grave pefa 
Sovra lo feudo, ond*ei non refti offefo» 

Contra Tira e*i furor pugna L^ ordirò | 
Ul dHpéraiion contra la fpeme: 
L'un iprona il gràii timor, e' ha di morire; 
L'altro deilo d* onore accende e preaue; 
Ma perchè voMa g[«ra. differire f 
Poi che pugnato hanno i^ran pex2o inficine^ 
11* IncantatoF , che fi vedea piagato i, 
>0al valor del Nemica fpavcnuto ,, 

fcr^ che i colpi fuoi non fon da gioco ;; 
£ gii in pie pirci aperto ha 'J torte fcudfai 
Ritraendo fi va verfd q^ucl loco ^ 
Ov^è'i ffrpente vigilante e crudo.: 
Che come l' Ifpan vede ; e fuma e 'foca 
Avventa, e pronto al beliicofo ludo 
Scuote lo dure f^uame, o fovra ranche 
S'aUa di dietro i e ftende ambe le braach^ 

CttA r una aggrappa , dove lo fpallaccifr 
Il braccia copre ^ e la tira si Corte , 
eh* a forza toglie via la fibbia e1 Lacciai 
èncor che fofle Tuno e l'altra foriti 
L'altra lo feudo gli levb dal braccio j; 
E lo fece inchinare : e fé per (bri* 

^ S* appigliava nel foda » avrebbe fatta 
bìh itti forfè « di che del topo il gatt»» 

Nò 



dby Google 



CTTANTÉSfMOSECÒNDO. nt 

M perchè fia del forte feudo privo, 
E r* omero «bbu nudo^ fi fgomenta ; . 
Ha le membra si dedre, il cor si vivo^ 
Che nulla teme, e di piagarlo tenta» 
E già le fa dal fianco un largo rivo 
Ufcir di faogue , né però s* alleota ^ 
Il gran furor della vermiglia fpada'y 
Che par, che'l cuoio impenetràbU rada • 

57 
Sbuffa , fibila , freme , e dalle labbia 
Strali gttta di foco e di veleno : 
Poco fi cura dello fdegno e rabbia 
li Cavalier, di che'l rio moftro è pieno: 
Gli falta intorno si leggier, com* abbia 
A* piedi Tali, onde il crudel vien menof 
E cade in urrà , come torre , o rocca , . 
Che'l folgore di Giov^ apre e dirocca* 

5^ 
Fer la caduta dell' orribii drago 
Atlante fcoflTe la ru^ofa fronte. 
Non fa che far il difperato Mago ; 
Ed or forz'è, ch'ogni partita fconte; 
Che'l grand' I(pan , che non è ancor ben pago ^ 
Gli corre addoflò con fue forze pronte,' 
E dove giace fu le fpalle il collo, 
L'eperfe si, che non potè dar crollo. 
S9 
Dappoi queir occhio fofpirato tanto 
Tolfe tenz' altro indugio air infelice; 
Lieto ed altier di queil' acquilo, quanto 
Fa mefto Orfeo per la morta Euridice; 
Se '1 pone al petto , e lo bagna del pianto. 
Che la gioia e'I piacer dagli occhi elice j 
Rendute grazie alla pietà di Dio, 
Ch'ave già pofto fine al foo delio. 

F4 «Ti. 



dby Google 



>3S CANTO 

Mifinda, «d Alidoro in ozio lUtL 
Sete viepiù, cb*a voi non fi richiede; 
E K voftn amici van .^er mare irati 
Di palme carchi ^ e d'onorate prede i 
Or che, Lttcioa v ha fatti beati» 
Tempre 9 ch'altrove rivolgiate il piede 
A far coi brando in man celebre e chiara ^ 
Pili 4*^im oltrag^o al Tempo Ìnvìdo„ avara • 
6t 

BeliberatQ la Guerriera avea 
D^ andar a ritrovar il Genitore > 
Che di deiire dì vederla ardea^ 
Intefo avendo il Tuo tanto valore ; 
Per girfen poi » dove da hii fapea ,. 
Che CofTe quel » della milizia onore ^ 
Fratet, da lei, guanto la luce amata ^ 
Ch'ella pid v^rm avea gii fofpirata» 
«a 

Alidof parimente deiiava 
D'andare a-rìKovare il Re Britanno^ 
Che vifto non avea dopo la brava 
Fogna dr Cildadan, ch'era il feft'afmat 
E perchè ancor l' inimicizia prava 
t«or non fapea , cagion di unto danao ^ 
Di g,ir a riveder , a' ivi non €a , 
Il filo caro Cognato ,. ovunque fu - 

^1 

Perb fu d'amboduo licenza prefa 
Dalla Donna del lago^ e dalla Sgora ^ 
M quel del lor valor calda ed accefa. 
6li ama » qua! (tanco pellegrin fa V or%^ 
D* arme onorate ,. ed atte a far difefa. 
Ad ogni brando rio provifti allora,. 
Bi ricche fopravvefte, e di defirìeri 
JFuiOfi per loro , e per li lor fcuJieri , 

Che 



dby Google 



OfTANTÈSIMOSECONDO. lay 

^ ^4 

Che già trovato con fouinio diletta 
Ave« Biondello, e'I fuo Nano, Alidoro, 
Ch^ivi condotto aveva allor Lurchetto, 
eh* ci fu incantato al CaA«t del tcforo: 
Che pria d'aver perduto ebbe fofpetto 
It fuo deftrier ; vie più , che gemme ed oro 
Caro a lui, come il miglior, eh* unqua fieno 
Mangiaf e e biada ; e lella^ avefle e freno » 

Andar auel dì fenza trovar mai cofa , 
Ove tufs* uopo d' oprar lancia , o fpada ; 
Ma r altro giorno, quando al Sol la rofa 
Apre le frondi carche di rugiada. 
Trovar a canto ad una fonte afcofa 
Fra folti rami, e poco fuor di ftrada. 
Un padiglione alzato adorno e bello. 
Un letto ricco , e quefto amefe e quello • 
6é 

Ifa né padroni veggion, né ferventi V 
Né genti d'arme adorne, o difarmate; 
Mentre fofpefi ftanno , alti e dolenti 
Sentono Aridi , e degni di j^ieute . 
Non furo a rivoltar i deftrier lenti. 
Indovini di qualche crudeltate , 
Per dar (fé ponno) a que'miferi aiu» 
Che*fi pericolo ftan forfi di viia.V 

B dietro andando al fuoh di ^uel lamento , 
Che fi ifa lor vicino ad ogni paflb. 
Ritrovare un, eh' a fua falute intento 
Dietro un cefpiiglio ftava chino e baflb, 
Couato pie n di tema e di fpavento, 
E per 1» lunga fuga afflitto e laiTo , 
Che non pub il piede oprar , la bocca aprire 
Tasto , CBC vaglia il fuo bifogno a 4ire* 
^5 H^ 



dby Google 



13^ CANTO . 

Mjt dAtPafpctta lof Catta fecur* 
tot éiflft : deh Si^or quindi pafttte, 
Cile queil» è*l p«flb periti iofo e (curo^ 
Donde fi va. ntlla cittì di Dite» 
Udite il pianto dolorofo e dura 
Degli inCelici e Sventurati; udite 
Le gran perco6& dcgti empi flagelli » 
CKe toroQeat&aa ognor.que'povetelli» 
é9 ^ 

IMi CuMite di qui, ^ P^i^ "<ui^ ^<Bt» 
n'uirctema prigion vaghi» o di morte;; 
Tofto apparir il gjraa D^mon vedrete ^, 
Se più qui vi ritien voftra m focte :. 
Fuggite afak Cavalieri) a me credete,, 
eh uman valor non è pofTente e forte 
Contra gli inganni di quel rio, faltace- 
Incantator,^ vie pui, ch^'Arj^ia^ rapace» 
7a 

Jft queila un cirro ^apparve orrenda e ftrano^ 
Carico intorno intorno di captivi,, 
Ch^avcan legata 1* una e V altra mano* 
Dietro, e piì^ morti in viftacraft» che vLvii 
Nudi le fpalle ,, clic con un infana 
TiageMo- percotean , di pietì privi 
Dui roafcalzoni si, che 1 fangue ufciva^ 
Cam'acq^ua,^. che da fi»me Ìl derive*. 

»er Gigante s*udiani 1:' aviere- grkta. |» 
£ le percoiftL difpietate e' fiere» 
E di^^lMUtutL le dolenti ilridà,, 
Che diccan, mifererc» niirer(Bre'« 
Ma perche ia quel Czccnte non. s^anlllda; 
Pìetate, del lor duci piende piacere; 
Cerne dirò nell* altro canto appreflb >, 
8f dalle Mufe mi farà conceifb. 



dby Google 



>3> 

CANTO 

OTTANTESIMOTERZO • 

IO Tento un tugellin , che dolcemente 
Le luce del bel dì ikluta e canta ; 
Né fotto fronda di pruina algente , 
Come dianzi facce» vago s'ammanta ; 
Ma fcherzando fen va loavemente 
Di ramo in ramo, e d'una in altra pianta 
Lieto del novo di , che d*ora in ora 
Di più rare vaghezze U mondo onora • 
% 
Poiché rotto il fileozio ogni mortale 
Ritoma air opra, al Tuo cammino il Sole ; 
Tornate Uditor miei, fé pur vi cale 
D'udir il fuoo deiralte qnie parole. 
Con quella pompa orrenda e trionfale 
Carco venia, com^ talor fi fuole 
Veder per Roana andar gli fcelcrati 
Dalla Giuftizia a morte fondcnnàti • 

Dietro al carro venian quattro Guerrieri 
Con un Giunte di^^rana figura;^ - . . ;. 
Che i manigoldi 9 cui a' prigioneri ^ 
Ave» di. tormentar data la cura , 
Con un troncone 9 e minacciofi e fiera 
Gridi batteva, e lor facea paura» 
Acciocché fofler follecìti e prefti 
A flagellar gli fventurati e mclU • 

fé II 



dby Google 



>t> e A If T O 

ti' ^'tt Gigante deirtnctnutore 
Era figliuolo, t nome avea lloazarcfo^ 
Vie più,. cke*l Padre fupcrbo, e miglior» 
Mago, • dèlia Tua razxa il più gagliardi»^ 
Ma non avea previfto il lor dolore , 
Che non. farà, (fé non nv' inganno) tardo 4 
Càe già veggio da lunge FioridaAts 
Alla riiioui le» aoveif Te piante •, 

Sdegno non è , che gemil cor« aflaglia^ 
Com' ambo quefti duo fece pietaoe : 
Spronan per cominciar fiera battaglia^ 
Con ^uel' nemico d'ogni* umanitade; 
Ma ft veggion da- tergp una ciOaglta 
F^r gran romore e di lincie e di fpade^ 
B nel meno di loro una , cb* al volto 
Gii gar- Lucina-,, e fi. lamenta molto*, 
& 
Mirtnda, cbe ciò vede, if fuo Alìdòro^ 
Prega, eli* ad aiutar corran la Ditui ; 
6 ehe non vad^ fol contra coloro,, 
Che menan quella gente affficta e grama;. 
Ma quel fcnza timore è già fra loro. 
Tal d*'OB0r acquiftar lo fpinge bVama ;• 
EiTa il vorria fegutr; ma noi comporta 
li grand' amor,. cb^'a quella Mr^g^i porta». 
7- 
Sffont il.dé/lricr, ch'effer-a tempo crede». 
Liberata l'Amica a dargli aita: 
Qiunto j^iù corre,, più da liingt vede 
Quella vii «turba, e le par infinita: 
Kallenta il morfo, il cavai' punge e ffedt^,. 
E d*eMr fi conofce alfih fcbernita ; 
Vercbè fparver le genti in un momento,. 
Siccome fNmo^ che difperga il vento . 



dby Google 



^TTANTBStMOTfiUO. ii% 

V0)f;e il Corficr di s»ufto rde^ao acccnft» 
Che del perielio del fuo Auunte. teine; 
Ma coperfe una nebbia olcura e denfa 
Tutto il cammift, oade fofpira e gemftt 
Sprona a ventura > ove trovarla penfa i 
E non rifponde il focceflo alla fpeoie , 
Che quanto earre più> pìiV i* allontana t 
Tal cr ogni puflo, ogoi fatica è vin«» 
9 

Cen queAo incanto H Dama del Lagp> 
Per ùlvar il fuo onoc le diede aiuto f 
Il quei sfbnata da auel falCb M«|o » 
Ella fenx* alcun dubbio avria perduto •. 
Corfe Alidor della battaglia v«goi 
Ma ben tofto ne fu gramo e pentuio; 
Che (e la forza nò, potè ringaonp 
Fazio prigione > e fargli oltraggio e danno»* 
^ ?o 

Mirìndai^ aggira ««o^ «l^» fc» ^ 

Con tm verme nel cor mordace e fiero» 
Me mai trovb T Amante { e fé non era» 
Che Lucina eli fé cangiar pealiero». 
Sarebbe apdita raOTitta Guerriera 
Cci«ando ^ vait tutto 1 noAro Eroiipero„ 
Senza dar pace all' alma ,. al corpo poU » 
Fer rittoviìt la (elvt periglioU,. 
1» 

Ma Uvandofi un. «orno entro un rufcellA». 
Mon mcn di pianger , che di cercar ftanc» 
Fer nucA^ loco^Alidiir, e per quello,- 
Sai lid le fcefelHll* fp^H» m»^«» ., 
Odo ubi. lettre al collo un vago augello j, 
Ch'avea là piuma più, che nave bianct» 
Scrìtu dì man della fua eira Amica, 
ChcL d'errar più le tolfe ogai, tanfi»- 



's^i- A 



dby Google 



T|4 CANTO 

II 

B !e fece faper» eh* eitt ben tpfto 
Vedrebbe il fuo Alidor libero e fano : 
CVe^li fofle prigion tenne nafcofto. 
Per più non farla fofpìrare in vano : 
Sol quel , che le potea , le fece efpofto^ 
Ogni timor dal cor caccia lontano: 
Frattanto egli prigion geme e fofpiras 
Se fteilò accitfa ^ e contra fé s' adira • 
ij 

Or la miferia 'd' Agramor mi chiama 9 
Che fatto un cervo candido e geotilt 
Segue ad ogn^or iMnnamorata Dama^ 
Come fe^ue il faftor la greggia umile ; 
Credendo quella ciTer colei, ch'egli ami ^ 
Che l'incanto parer lei fa fimìle,; 
Ma folo agli occhi Cuoi, che cosi volfe 
lA fa via Maga, e con quell'arte il colfc. 

»4 
Fé la Reina per lo cervo fare, 
• Conforto folo del fuo'nfermo core. 
Un letto a lato al fuo, dove pofart 
Talor potefle il mifero Amadore : 
Ogni picciol momento un anno pare 
Alla mefchina, che contando l'ore 
Brama la notte per donar falute 
All'alma opprefla con l'altrui virtute* 

"s . 
Tenera Madre non cosi accarezxi 
La pargoletta e cara figliuolina , 
Ch'ha nel fuo grembo di fedef avvezzai ' 
E d*andar feco ovunque «Ila cammina; 
Com'a ^uel cervo di fomma bellezza 
Fa dolci ve«zi ìa gentil Reina ; 
Gli tien la tefta in fcn , gli bacia fpcflb 
La fronte , gli occhi , e lo vuol fcmprc preCow 

Dì 



dby Google 



OTTAIITI^IMOTEBZO* i|l 

Di fueffo fuo fccreift età U 7U 

Coaiiipevolc fola, t U DonxetU» 
Cui difcoperta ave» l'atroce e ri» 
Feiu , che hi percuou e la flagella • 
Ia Notu a pena 4' ombra ricofria 
La lieta fiiccta della tetra, disella , 
Che coinè fecce falce ardea nel loco « 
Dei delio si, che oon uovavit iocOf: , 

OBomitato diede a tutu Ut brii^tt,, 
Coinè £e duol di capo la molefte ; 
1 neircilrenia camera Cerratn 
Col fido teftifiMm folo dì quefte. 
La pre2Ìofa verga in man ptgliau. 
Che portava ad oga'or (otto la veftr» 
Toccò l'amato cervo; cbe'n lei fifo 
lliraoda» eflèr credeva in Paradifo* 

Io men di fpazlo, cVai fuo proprio oggett» 
Noa va la iHCe» nella fua figura , 
Si trasferìn^ quel oobil Giovanetto 
Dolce,. e della Rema unice cura. 
PenTate llditor nùei quanto diletto 
Egli fenti di cosi gran ventura^i 
Di beftia eflèr fatt^uomo, p rttrovarfi. 
Ove la Notte» el di brama di fiarfi» 

Si gitta in ginocchion (laffo) «ho oe4» 
Che quella fi« ^ eh' smprefla egli ha nel core* 
Mifefo» del fuo ingarmo non &* avvede | 
Anzi s'appaga del fuo proprio errore: 
Ci fupplice ed umik chiara^ mercede^ 
Come ulora a Dio fai Peccatore ; 
Ella lieta T abbraccia , e lo foUeva » 
Ptr& eoa ToneiU» che fi deveva » 



dby Google 



i|^ CANT# 

10 

Fece la fcitik poi d'averlo tu tak 
Forma converfo; e fé d'uopo ancor gli tniy 
Sotto rimmago di quell'aniimle 
Celar un tempo la fua forinm vera: 
E dà giu^e cagioni a tanto male 
SI ,clrei le diede una credenza inticr»j 
PerchUItrimente non avria potut» 
Ai comune dcfio dar fido aiuto ^ 
li 
Promettendo, che tolto egli farebbe 
Di quella fervìtù iibero in tutto. 
Al Cavalier, che d'eflfer tolto avrebbe 
11 pio brutta animai del mondo tutto, 
Ku! a p«r giunger a quel fine increbbe 
Tanto bramato , e non col volto afciutto ; 
Quttft' Agra'moro è della Maga inganno; 
Ma fia molto il piacere , e poco il damie^ 
a» 
AIIoV fur fatte le iioa^e fect ete ^ 
£.'! matrimonio fra lor confumato; 
Ciò che pofcia faccele intenderete, 
Perch'ali Ifoi a ferma ioc fon cbiainato» 
Ove fen vanno quelle gtnti liete, 
eh* Oriana gentiie hi&n liberato 
Dair^Itrui forze, e da^continui omei 
Carchi d' oftili fpoglìe , e di trofei» 

A| 

Fra gli altri CavaKerfe vede, mire 
Il Principe di Francia il fuo GerMao»^ 
£ gli fu detto, che con Serdanire 
Stava cercando confolarla in vino: 
Subito in quella parte il piede gira, 
CheU confotar gli afflitti è d' uomo uman*^ 
E lei trovò, cb^ad Oriana aiu 
Chiedefa per ToRore e pei la vita. 

Ne» 



dby Google 



OTTANTESIMOTEJtaO. i|f 

'4 
Nm bifogiM temer, difs'eiy Sieoora» > 

Eflendo Fioriftan voftro Campione j 
Che ciafcheduA di noi fegue ed onora 
Siccome voftro principil Barone: 
A ini fi voife la Reina allori 
Udendo sì cortefe, umil fernione» 
£ volta a Ploriftan» chiede ehi iSa 
Quel, die le parla con ul cortefia» 

Eei che rinteft, ad onorarlo ibrff , 
Già fapendo di lui. la fama eU grido s 
Tutti «ue'Cavalier ftavaoo ia forft» 
Doto pigliar con queir armau il lidaj 
Ma la Princefla, che di ciò s'accorfe» 
Mandò Mabilia, fuo meflaggto fido, 
A fupplicarli y che faccia ogni pino 
Vcrfo V Kola ferma il (uà cammia^j 

le pur han di iiacerle alcun defio ; 
eh' andar in >J tra parte non l'aggrada: 
Ogni Guerrier, cbe'l fuo voler udio» 
Forte gridò: eh' all' Kola fi vadi. 
Non fu Nocchir alcun pigro» o reftia 
A rivolger la prora a quella Arad* : 
Lieto del lor guadagno, e degli onori ^ 
C'haa nel mondo acquiftato i Vincitori: 

«7 
Tanto che *ì terzo giorno , aliar che *1 chiana 
Sol fuor del sur alzava i b«i cria d' oro , 
lu Terra defiata fal#taro 
Con lieto grido, e fuono alto e canora* 
Grafiada fovra il lido rimirar^. 
Che vifte da lentia ìt vele lora 
Venir vittoriofe e trioafanti, 
Andata v*era a tu.cti gli altri avanti*. 

Con 



dby Google 



f I» CANTO 

a8 

Goo r Abito d*un rafo cremefitio 
Tutto di feta, e d*or pinti» con Ttgo^ i 
Sovra un portante e leggiadretto Ubino 
Di bianco pelo» e*n ogni parte vago» i 

Guarnito d un velluto porporino ^ 

Di gemme fparfo, che fembri utt' immago ; 
Di prato , allor eh' è*l Sol nel Monton d*Elie i | 
Con otto Ca Valter , dieci doozelle. 

Oriana chr fia chiede a Braoeo 

Quella Signora y che gli attende al lite: 
Ed ei del merro fìio conto le deo, 
E dell' obligo lor grande , infinito : 
E le narrby cornei faggio Elifeo 
Sanb Amadigi , allor che fu ferito 
Dair £ndriago , che dell'empia Mort« 
Avea già pofto il pie dentro le porte» 

30 

Già di barca cbinee e palafreni 
Aveano in terra fcefi » Marinari , 
Cèn ricchi guarnimenti y e ricchi freni 
Di gemme , e di iavor pregiati e rari • 
Già fi veggton folcar gli fcbifi pieni 
Di Donne, e di Guerrier gli umori anuri» 
Ed Oriana a tutte l'altre avante 
In mezzo d* Amadigi, e d'Agriante* 
31 

Come la rara angelica beltade 
Della Dama rea! Gronda vede; 
Sof^ira forte la fua vanitade, '* ' 

Kdi qual altra bella effer fi crede: *^ * 
E'nginocchiott, con molu unubitadt 
La real mano alla Princeflà chiede, 
Fer volerla onorare, eper far quanto 
Si coaveniva al ftto merto cotanto. 



dby Google 



OtTANTESTMOTERZO . i tf 

Ella cortefe « » 4ì modeiUaL ^ìttm 
La folUvikda terra ^ e noi coerente: 
Poi CQD 1a. Àccia, ^uaoto pub* Terami 
L'accoglie^ abbraccia ^ e bacia dolcemente 
In unto il fido Gandalia le mena 
Un palafcen guarnito riccamente » 
Cbe l'avea dato la Madre infelice» 
Sul qiui eotraire in Roma Impeudricf • 

Con qvefta compagata fcil^e e liéllft 
Alla città n'aodaro i Ca velieri » 
Giva Covn PaMÌon og^i Donzella» 
Ed effi a pi^^ come palafrenieri ; 
Cà* Oriana giammai faliv in felln 
Non potè & q^uegli ottimi Guerrieri: 
A CUI ben par non poter farle onore » 
Che non ila dei fua merito minore. 

Gos} laccompagnaroalla ina^ftaDV»» 
Polla in mez^io unrgiardin ricco e reale^ 
Che d' una torre grande avea fembianxa | 
Cotanto in fu verfoL le nubi (ale; 
E di ricchezza • di lavoro avanza 
Qoal più. bella fu mai opra mortale.; 
In cui '1 gran Mago. ogni fuo ftudio poiji 
Per le cofa ivi far mera vij^Iiofe » 

E»A il giardin» fuant'Arte pu^> e Natura 
Formar un loco , dilettofo e bello ; 
Ove fenz* altro aiuto di coltura 
Prodnaea fiori e frutti ogn' arbofcello & 
Ov'exa etema la lieta verdura 
Per L*^ac4ut.d*un piacevole raftellOt 
C^ €0|k umor perpetua fi deriva 
E^all'aite fponde di fontana viva. 

Ed 



dby Google 



tf» CANTO- 

Ed era totto clnt» incorilo ìatofii# 
D' alt» log^U niAgiiificiM e reali ; 
Gol fommo e l' imo' di più |cmme adonM^ 
Che non hin le contrade orientali ; 
Chiufe di grate d'or tutte all' intorno ^ 
Onde fi moftra e'ri|(i'*>'d«ntt , quali 
Sian Tue bellezze, con pia d*una porta ^ 
CbeVi vàrie parti del loco ognun porta • 

37' 
Mei mezzo'dcl ciardin , clw di perfetto 
Quadro B «oftra , aveva Anoludone 
Fatto far il palazzo alto ed eletto 
Da numero infinito di perfone ; 
Il quel divifo il nobil architetto. 
Che fajiea di quell'arte ogni ragione 9 
Aveva in nove grandi appartamenti. 
D'ogni Prince capaci, e di gran genti. 
38 
Della torre ogni canto avea ona fonte, 
l.a cui onda gelata s'atfducea 
Ver fotterranee vie da un alto monte; 
Che per pilaftri d' or unto furgea, 
Cb'alrnUime fineftre andava a fronte e 
Indi con mormorio dolce cadea 
In ampi vafi, qual d'argento e d'oro; 
E qual di pietra, che valea un tefoio* 
39 
A quella bella ftanza accoapagnaro 
La real Dama i Cavalier fanyofi; 
Indi a' palazzi lor dati. tornerò. 
Che Molti ve n'avean ricchi e pompofi» 
La fera pofcia in compagnia cenaro 
Col gran Canipton d' Irlanda , ilifiofi 
.Di trarre al 6n quell'onorata imprefa^ 
f9t liberar l' illustre Donia prefa. 

H 



Digitized by CjOOQ IC 



eTTA?<TESIM0TER20 . ^i 

40 
fi Principe di Fnncia , al qual onore 
Ficea ctafcuno, e diva il primo loca; 
Comincib: Cafalier, del cui valore 
Alto e (bvrao, quai»t*io dir poflb,èpoo«S 
Che per propri^ «ìrtvte e per rpleodoro. 
pi (angue fece chiaro in ogni -loco; ' 
E per giovar altrui avete fpc0b 
II pli fu l*ufcio della morte mefloi 

Senza premio fj^tr d*aver la-viu 1 

A gran perigli efpofla, a grandi a&iuiil 
D*aver con la virti!^ voflra infinita^ 
Domi in difefa altrui Moftri e Tiranni» • 
Se non la gloriiy-che vi /Iona aita 
Concia M turof cj^Ua morte e degli amu*^ 
E 'n quella del rio nibndo ombrofa cbioftci 
Cònrerfa il nonn^ e Umei)i^rÌA. vvÀr», / 

« 4» 

rer quefto il^an HomanardiCo e foto» /l 
Qjiafi Campion della Tua patria cara, 
X>ifere il ponte dal Tofcàno ftuolo. 
Senza temer di morte afpra ed amarai i 
Per quefto Muzio per trarla di duolo . ^ 
8*àKe la mano in fiamma ardente e chiffiy 
E Curzio fi gitth nel ^avp/peco . . > m 
Portaifdo il jm^Ld^Ua fuf Patria fecot» r. 

* 41. 
Qual pUi onorata oc^a(ion portarvi - •.: ' >2 
Potrebbe amica e graziofa ftella 9 
Che difenfóri e gran Campioni firvi 
Della querela di quella Donzella? 
Se giuftizia e ragion favor puh darvi, 
E.por^ in man una vittoria bella; 
Qual pii^ giilftt querela uom prefe mai , 
Ba che fecondi fur del Sole i raif 

Nei 



dby Google 



Y4< CANTO 

44 
Noi daó nemici aLbttin poflenti e forti « 
B vaghi di Itfcìar di lor memoria ; 
Taicne fi a forza , «be^i tempo ci porct 
* Ovver morte onorata, ovver vittoria: 
Ben picciol prezzo fien le nofire morti 
Per comprar un'* eterna , immortal glorU^ 
S^vverrì pur , «fae la lOr forza caoA 
Sottd la noAra vatorofa fpada« 

45 

Fol elle il bel principio abbiamo dato 
A tanto onefta ed onorata imprefa; 
E la nobtt Prìncefla liberato 
Da si gran torto , e da sì grave offefa^ 
Com« far le voleva il Pa^re ingrato ; 

. E d^afpra guerra una gran fiamma acceCi 
Con tra i primi Signori^ « più poflfehti» 
Cb'abbian il frea' delle Criftiatte igeoti; 
45 

Fenra» di trai)» al' fin or ^e bifognt. 
Che poca gloria for*-il cominciare , 
Per lafeiarU con biafmo e con vergogna s 
E U ciafcun di lor di vendicare ' 
L'ingiuria fua <ficcome penfo) agogna; 
A lièi fi converta di dimoilrare 
11 valor nollro, « la color poflànza^ 
A cui appoggiat*è noftra fperanza» 
V 47 . 

Pe'qual cotanti abbiam, cbe bencbè amie» 
Fortuna si gran Regni abbik lor dati^» 
eh* ognun gli teme,' e potranno a fatìct 
Softener il furor de' noftrì armati; 
E coperta vedran la piaggia aprica « 
E deirifola tutta i verdi prati 
Di prodi. Cavalieri , e di Pedoni , 
Atti a difender le nolire ragioni • 



dby Google 



OTTANTESIMOTERZO • 141 

4« 

Se pace non vorran , come potreblye 
Efler, De quello far, corae convienfi : 
Ciò che *n un caCo tal da noi fi dabbc 
Far, ciafchedin di voi rifponda, e penfi. 
Qui ucque il Cavalier, laiche dett «bb'<l| 
E gli Lafctò cosi di gloria accenQ , 
^e con la morte fua ciafcun aefift 
All'imiùortaliU farfi la vìa. 
4? ' 

Gli occhi de' Cavalieri in Quadffgaqtt- ■ - 
Si volgoa tutti, come ▼oglian'direy 
Cb'a lui toccava di parlar avante, 
Ond'egti poi fegui per bbedire. 
Ma in queilo mecco il gentil Floridantt 
Bramofo di poter quindi partire , 
,Foi 0be M fuo occhio ba ricovrato , e raortil 
Il fier Gigante, che gliel t,olfc a torto; 
• * so 

Salu fa! carro., e l'augdletto piglU^ 
Ch'all^'Auriga a tener prima avea dato; 
Ed ella de*deftrieri Aca la briglia, 
E vblg^e per lo cielo il carro alato • 
Il cavi! negro pur fi riconfiglia i 
E tenta ^ì tirar al manco lato 
Fuor della ftrada dritta il' fuo compagbo^ 
Ma*'a van s'adopra, e fa poco gif adag99> 
"31 

Che col duro flagel la Tua Maeftra 
Gli sferza ifcapo.e jgli percuote Udorfoj 
E mal Tuo grado (u la parte deftra 
Volger il Rce , ed obedir al morfo . 
Queir animai , eh' altro non pub , s" addeftra| 
China la teda , e ne raddoppia il corfo ; 
Fratunto V occhio Florida nte prende , 
Cht còBi« lu chiaro Sol riluce e fpleode. 



dby Google 



144 CANTO 

5» 
Li prima céCi, che gli fi preftnta 

A^Inmi^ è il fu4 cara Pilidora ; 

Ck9 con le fue donzelle all'opra intenta 
. .Lavora col dotto aco; e ad ora ad oraj 
< Cotte da lun^e il Tuo ritorno fenta, 

.Tragge un fofpir dall' arfó petto fuora ; 

Ivi pafce il Guerrier gli occhi atfàmaù 

Bi sì dolce <fca, onde gli fa beati « 

Volge Il*vifta poi Verfo occUfeottf, 
£ vede una marittima battaglia; 
E '1 fuo Cugin , che la nemica geatt 
Del grand* Imperador rompe e sbaraglia ? 
Vede navi avvampar di fiamma ardente,. 
Come fé foffer di lloppa , o di paglia ; 
"E poco poi gli arditi Vincitori 
Mcar carchi di preda i falfi umori. 

Mentre i lumi aggirava io ogni parte 
Mirando l'opre varila de'moruli. 
Scorge di fdegno acceCo il Re Lifuarté, 
Che s'ìipparecchia a far di mplti mali, 
E le campagne di Bertagna fpartc 
Di genti armati , e i lidi occidentali; 
E la gran Roma tutta in bruna gonna, 
Foicheì Fatili perduto ha la' (Wa Donai « 

Vede partir da* più remoti lidi 
Pia d'un armato e ben fpairaato pino. 
Che prende dritto per gli mari infidi 
Verfo l'ifola ferma il Tuo caiiiminoi 
ti benché a tempo d' arrivar fi fidi 
Finita la fua imprefa il pellegrino 
Guerrier, pur coiant'è vago d*ontfre, 
Cht di non efier urdo ha gran liòiore» 

' M 



dby Google 



OTTàNTESiM OTERZO. 14^ 

5^ 
M ^««irto Sole, allor che la piftur» 
LafcÌA la greggia manfueta umile , 
Scoru da chi di governarla ka cura 
Per ritoroar al fuo fecuro ovile , 
Sci^erfe Cidoo , che con i onda pura 
Al mar n'andava placido e gentile» 
R''f fuo ben corredato e ricco legno , 
Che fprenzata del iutto ira e difdegatf • 
57 

In quella parte la Donzella accorta 
Il ricco carro inchina, e col iagello 
Spinge i deilrìerà per la via più corta 9 
Dov'entra in mar quel chiaro fiume e belio : 
K^ingraziò il Cavalier la fida Scorta, 
E le volle donar più d'un gioiello ; 
Ma*l ricusò 1* Giovenetta vaga. 
Che éì vili ricchezze non $' appaga « 
5« 

'Olinzia, il picciol Nano, e Sallbejo, 
Come videro 11 jcarro , alzar la ufta 4 
E fhlutar da lungè il Cavaiiero 
CPU voci piena d'allegrezza e fella; 
n oual cortefe oUr'ogn^uman penfiero, 
L'obligo alla Donzella manifefta. 
Che 1* avrà tempre grande , anzi infinito , 
lieotre avrà pefce il mare , arene il lito • 

I che la .raccomandi a ^iUdt» «., . 
La priega i in xui fcrvizió e'fpór la vita 
Poco ad ogni |»eriglio gli parca; 
Uè fua obligazion farla finita : 
Poi eoa la cortefia, ch'egli ^evea, ,' 

Prefa licenza, fé da lei par^tta; 
Ed eflfa il carro volto, ove defia. 
Co' veloci defther Pfcnde la via* 
7>qpip ir. -C • "Mon-^ 



,fGoog\e 



14^ CANTO 

60' 
Mootato in nave Fiondante , ^atc 
Fur A* tenti le vele in un momento^ 
Mon volb mai con tal velocitate 
Attgel rapace «Ila Tua preda intento* 
Mon lafcia l'onde dal corfo fegnate 
Più, che l'aria fegnar fi veeeia il ven^^ 
11 leve e Caldo legno, talcosa pena. 
Donde pur or parti , fborge l*«rcn£. 
6i 
Apparecchiata trovb menfa eletto 
Quella abbondante ^e quefto onolle e frefco^ 
Senza giammai veder Donna, o V4ltetto, 
Ch'orni le piume, o eh* apparecchi il defco; 
Per Tufato cammin folca a diletto 
]n ricca ftanza', ove fente ora e frefcoy 
^ Senza la notte, o '1 d) figliar mai porto ^ 
Talché giunfero in Scozia in tempo corcò* 
6% 
In ermo lido fi férrob^ la nave , 
Come deftrier da langp cammin ftanco» 
E con un* armonia dolce e foave 
Salutb l*alma terra, c'I Guerrier franco;' 
Il quii di tutta l'armatura grav« 
Scefe col brando fuo vermiglio al fianco; 
E sbarcar palafren fece, e dellrieri 
Per la Donzella , e per li fuoi Scudieri. 
éi . 
Monta fui fuo eorfier, piglia fa ftrad'a 
là , dove il loco meh ved'e deferto ; 
Ed ancor che nòti fappif , ove fi vada , 
Ha d'accolu allegrezza il cor coperto: 
A poco a poco trova la tóntrada 
Più dilettofa , o 1^ campo ampio td aperto t 
E mira colti colli, e valli ombrofe^ 
Albcffi» affilio di genti ABOrofe» 

» "^ • vai 



dby Google 



CTTANTESIMOTERZO, U7 

Vcdt •] ihiniT ^«(Uii poggio tmt MvjttU 
Di gioveni «i^oicelH optva -e lieti; 
€a 4^9 niD «airto, xli« 4*Ha*mg]okttB 
Proprio «gli ^r^ che fé «etnpellc ao«ieU2 
au xìii 4oIce «iteoiiM :€Qs3 alletti ^ 
Che fi fernuA «d udirla -ogoi 1^'aneu; 
Sproni c^ferzftil <leibier^^rc1ièi^i^«v«rifiu 
Cbe ^uivi ii« il nerrefte eiudifo* 

S^peder 21 lontan gutttro Bonxelle^ * 
Che «OA U treccie .d*oro «IlUura uit^c* 
Avveatsvtii 4* amor idolci ifiammelle^ 
A piagar i^ronti i -cori ^ m ^anar fcarfe : 
Va dietro 4il 4uine di óuelle facdle; 
Mt tollo quella vìfta i f alfe t lUrff , 
X eli fi»ce fermare il prefio paflb ; ' 
M iar rbuoo Spazio , «ome imnobil faflo. 

Wrae per -nano^ « di fé Tatto un' giro 
Faccan ^canundo «i}na leggiadri 4aazi : 
3di come 4ui -venir di lunge udirò, 
^U' che veniflè «Tciin non «ri iifinzi; 
<Ìtuà fmcinl^ clie di crudele ^ diro 
Serpe fi fuggii nd uni ricci ftanzi 
Si ricovrir »*ch* eri nei bo(co -chiufiit 
Cosi U fpeme fui liTciir 4elulri . 

Cftmt ihi perde In un i»unto fi villi, 
Rimife 11 Civilier mefio e dolenu ; 
E Mù tòfto vorrii -non Pivér viftì^ 
Ch lyerli foi pèrduti ìmmmtinente/ ' 
Sprona il «ivillo^ e fi turbile vontrifiii 
Uè pub li prefo timor fottrar li mente s , 
llk temp*^ , che li cetra «mi i depongi . 
S ch^^qui fine i Quello «mto io pohgi. 



dby Google 



14« 

CANTO 

OTTANTESIMOQU ARTO . 

Io veggio il Sol di riggi d*oro cinto 
La hontt a poco a poco ufcir deìi^onàt; 
E d'erbe il praticello e 6or diftintò' 
Moftrar le fue bellezze aloae e giocondo; 
Scorgo on augel di vaghe piume piitw 
Scherzar de' rami fra le verdi fronde: 
Però forgiamo , e con dolci parole 
Cantiam di lei, che ù lameoia dKole* 
a 
Lucilla dico, che con dolci lai 
Sfoga dolente l'amoapra pena; 
B vtrfa pianto da que' vaghi ru, 
Ond'ht tempre il fuo core un'urna pina: 
Mon ha piacer , non fi confola mai ». 
fic non quanto la faccia alma e fereù 
l>el fuo caro Alidor dipinta vede s 
E fofpirando a lei chere mercede • 

Qaint'era lungo il di nel tempio HtfSf 
£ la più pine della notte ancorai 
E quella bella immagine adorava ^ 
eh imprefla porta nel fuo petto ogaora/ 
E talor mentre forte fofpirava, 
<Sh* eifer poteva ogni momento d'ora , 
L' anima, che già ia Odio avea la vita» 
Ba lei ft ae fafgia liete a fpMit* • 



dby Google 



OTTAfiTfelMÒOpàRTO. ««f 

4 

TroTollt an d) Lucina In quello flato; 
S fianfe e fofpirb la iua iciagara; 
E volentier 1* avrebbe aiuto dato^ 
E fpenta in lei quella mordace curi ; 
Ma perche di non farlo tvea giurato, 
Kon vuol di fé mancando eier fperg|ìiiras 
Spettacol certo era inumano ed empio 
V«der Ooflna si bella ia unto fceMpia • 

BCcntr'élla è d^atiha, e tton « vlu pilnì 
Che ne'be* lumi aiaati era volata. 
Di quello albergo già fdegnofa e fcliiva} 
Ogni fua Damigella fcapigiiaca 
Speflo i begli occhi alle lagrimo apriva; 
£ gridi alzando eoa voce affannata 
BefteflMniava» 1* amore, e quei crudeli , 
Cà' era cagion deli' alte lor querele^ * 
4 

Foich*ebbe l'alma la pietofa Mlga ^ 

Fatta tornar nel corpo efangue e /naorto 
Da auella Immago, ove 4i ftare è vaga; 
La figlia fila piglib, Colo conforto - 
Della miierìa Aia , ch*ogaoff l'impiaga^ 
S éìSk lagrimafido: ahi quanto a torte 
Qnefto tuo così crudo , ingrato Padre * 
Tvafigge ( oimè ) la tua mifera Madre • 

7 
C feguito oltre avria , ma noi fetferic i 
Ci Lucina featil K* alta piotate ; 
che 1* immagine bella ricopcrfe 
Di (eriche cortine e delicate ; 
E le fue gote, si di aianco afperfe, • 
£ fatte per lo daol bianche e gelate 
Afcittg^ col (uo v^o^ « lei, che prefa 
Pcf maiio«?cat menò fdor della chteCa. 

Q l E per 



dby Google 



a 

& jm Ttitrla ((» notcAÌ da ^ariU ^ 
Fiero penlUi^,^ clM un^O'Ogpòr riafciai^ 
Del tnikxok Axcvior raffio diulioi^ 
E ii* cfliìx Ift «tgtoa le narixiefta.;. 
E «on« d^ppoii i^oiAa U meCchiiiaUo» 

. I». pngioa tVL^ RU noa gr&vtf e m6leftit 
Di eh.' eli» » pietì tiu)(GL il Tuo graa.d«iati 

.rutftj. « {!ec uvlift di «ouÀtA aftionPa. 
9f 
fiegH'U Bfai^» q^uàto j^vih% ckft vciglwi 
0i prtgio» libtnriL^U «prno- «'1 cor» 

. lA ^fifiWàWtt^ Ri si» «W la ftiogluk 
Di, <[utlU dura (ftr«U4 d^ AioofCr ; 

, GAf giàiiioU^aiuià il ttanein* tanta^Aglit;* 
E chTftpio. liù ( f# tub)< fcufi. il ftio> tmn^ 
Del qitaf tal pena • tak martìR it dona* 
Amotf, ck& l Calili attrai nuL am £CfdMia«» 

•1ì)b1o> pcomife Ift fletti Loeiiia^ 
fi baa sttaroflarvj^ eh' a. pena, it ra^iei 
Tre: volte Febo alto» dalla i^arina «^ 
E le: tendi fealdò^ del gpo, # ^aggjo ^ 
Che. Teifo qjiella» foocfc ^JWUlìaa-. 
Vrefe. oei^ lui. feampara il. fiio viaggi* 9: 
Ed. ali; ardito. Ce valiec cortefe ^. 1 

Che prigìoikU usava t^iadòiuk IL duefe*. 

E pei^ tnolft^ dìill*'altm €MfÉt» liioroi 
Vie piibnoiofo , a q^ gj^tampio ilmaiidaii 
Ove (fé- fii rimenbraTf'Acdelifr aaaorai 
Aiidò> colr^^ntil Ift di« Horbalbuidà ;, 
CSosl libero fii. lanca diiaorai 
li Re di rriia ^fL qpali Ma ««ib» Qtuida » 
Mcandu^ coni um la^M» l Ottam^ 
lùti»n2b ai SfgpQi fjiQi df «ipi} «lA fiÉiioi» 



dby Google 



•IX 

la %wtRo mezzcy t|U rtfpofts. intenti» 
Sthi* Aniadlgi , «venda con vivtcc 
Sftg^io fermon 9cl cor unta ardimenti 
Pofto degli altri, ch'alcun non vuol pace; 
Quando con ragionar l>en gr%ve e lento 
Quadra gante ri^^e : ^ITai mi j^ikec 
Valoi^fo Signor il parer vdftro. 
Per difender U Danta i» l'onor noftro» 
i-j* 

ICa ben queilo dir&, cb' uà Re ^flente 
Giammai non cercherà con guerra avere 
Ctb^, che con pace pu2r, fé fia prudente y 
Ed alle iorze avri pari »1 favere ; 
Chr il far morir cosi miferamente ^ 
Sol per (aziar l'in^rdò fuo volere. 
Tanti prodi Guerrier^ tanti foggetti. 
So» troppo crudi ed inumani «fttti» 
14. 

Sri Re Lifuarte» el gran- Prìnce Romane^ 
A cui noi fatt*abbj|dn danna ed offefa» 
Per liberar dal loc^plrore infano- 
Qiltfta Donzella , e con si giuAa iraprcft p 
Vorran dlir vinti alle ragion la mano , 
Senrze hv più: con nò» nova contefa ,. 
B le Hlicite nozze diftornarr j; 

' Ferch^ guerra con. ior vorrem noi firtff 

»s 
TedEftit duo» ^valierr ai Re tifuarte ^ 
Cbe co» onefte e degne condizioni 
TrsMin q^ueilo con< lui d^ rìoftra |^a,fte^ 
E »^udHc cb^avi^ noftre ragioni y 
Sali» giuftizie i dal dover ù ptrtr, 
Sv proteAi» con Dio, con que' J^roni p 
Cbc predenti farair, dlì ^uefta guerra , 
Che IM niin» fi% (teli' Inghilterra.* 

G ^ E pev» 



dby Google 



ts% t A H T ^ 

li 
£ perett non ftppitm cib, cIm ci p*nft 
Lo fdegno e U fuperbit di coftoro^ 
Frattanto, come Cavalieri accorti , 
CU* a tutto pcnfan cib, che recar lo«i 
ron sii a^ìdeati e le mali^c forti | 
Per treno porre al furor di coloro ^ 
Che ne voleiler far danno e vergogpnà 
Chiamar i noftri anici ne hifogna» 

17 

Farre*! configlio huon di Quadra gante^ 
E degno di Guerrier fa^^io ed efpcrto l 
*C per tirarlo con gli effetti avante^ 
Ciafcun dal canto Tuo fi fu proferto ; 
£ fur mandati mefli in parti tante , 
Ch'^ogni campo farà tofto coperto 
Di. peregrine' genti » ed atte a fare 
Per tema il volto a quei Signor fudare» 
1% 

Q^efto fendo fra lor liato dtcifa 
Dì comune volere^ ttfcir di fuore 
Per voler darne ad Oriana avvìfo^ 
£ temprar con la fpe^e il fuo dolore | 
Ma videro apparire ali* improvifo 
Un Guerrier degno di fovrano onore 
Ikn fei fcudier» che come è loro ufansa^ 
Oli poru^aa arnefi, e feudo, e laoza. 

«f 
Come lor fu TÌcin , fu conofciuto 
£ffer Brianto Prince d'Aragona; 
Per valorofo Cavalier tenuto 
IHll* ultime Cploane a Maratona. 
Ad incontrar Tandh» com*è debuto, 
Ogn* inclito Guerriero, ogni perfooa, V 
eh* era per lo valor vie pia prezzato. 
Che per Tiituflre fangue, ond^era nato. 

Come 



dby Google 



OTfAirftSnfbQiJARTO^ «SI 

^me Unti Guerrieri infiemc vede, 
Seiza faperne ancora altra cagione; 
Che fia iucceflb alcuna cofa crede , 
Cii* abbia quivi chiamato ogni Barone: 
S perch* effi a 'nconcrarlo erano a piede 
Venuti , eeli fmont^ tofto d* arcione ; 
B tutto allegro Con aperte braccia 
Va verib loro , e ad un ad un gli abbraccia • 
ai 
Mi fatt* accorto d^àmadi^ poi, 
Cbe eoa Branco veniva agli attri apprelTo^ 
Lieto più che fia ftato al giorni fuoi , 
Lafciati gii altri, 5*abbraccih con etfo, 
Diceiidogii : Sij^nor , per cercar voi 
A si lunga fatica io mi fon mefTo , 
Ccn poca ipeiiie certo di trovarvi ; 
Cosi fé te ufo fempre di celarvi:, 
xa 
^fift*eraM Cavalier,, che ptd di qoan^ 
£ parekiti ed amiàfegll odorava; 
Non per l'afiiaìtà, c£b'ii modi tanti 
Con faidi d' amor nodi gli legava ; 
Ma come -quel , cà'a tutti gli altri avanti 
Molto di gloria e di valor andava : 
Cosi %bbraccÌ4^i al fuo palazzo il mena^ 
Ove tuiti è Ouerrier venaero a cemi» ' 

«9 

Cbffl* eri' alta cagion ^a loro iotcfc ì, ' ^ 

Ch^avea si ardita fcbiera ivi condotto^ 
?cr pìcciol fpaxio dispiacer ne pref« 
ieafando al fin, e non ne fece motto^^ • 
Ma poi ripar non eflcrvi comprefe, ' 
Con la prudeaza fua forfè di botto; 
S lodò quel , cb'avria biafmato piia j ' 
O ceniiftliaitt » far^er alua via. < 



dby Google 



n4 «INtTO 

14, 

tdle* BrUotCb Mdktt If UblOit fei». ^ - 

A> vtfittr quella» gjentil PrioceiTtS: 
Ma gii. (UffiB. Aiiuidlgi;^ che meglio nm, 
D- ir le. minine*, e (iejca> udir le med* 
Cft! duo V e< cult queir oaorete. fcbbra. 
Dì; Cevelier la curie e.vee< commeffe 
D- ÀDdér e. dìj:le. cìN,. eh.' eli Pkdre ftetò» 
Di.ineiide&a.j^e2Dére:,erA.«idÌMUo*. , 
*5 

Qk)- coiif Ii|i{ el* novo. Sol' xìvtLnéÈkrm 
JKoriftenr,,e Agriefite. eletti» e quefto«^ 
Giunti) l' MÌu, Signorei Tel mero. 
Coa reverente tutti, mxuìì e modéfto s- 
Ella gli eceolfe^ con. q^l dolce er cero» 
ambiente, fuo^, bwchè. fnerrìto* e mefto t 
B ì duo le fer. le commeffii; emhercieu ^ 
Che, le /lii fovreu modo, er cech e. greta». 

Mk Briéatc ,. che? fceltjTp- era' e prtóièfite s. 
Prime (L dolfe delle' fée fci^iire ;, 
E: di poc fii prohfk erditementes 
1-et vite, er'l» regno» in. ogni fue- vcntuni ^ 
Poi^ fòggiunfer». eh! evendo 11^ fua> Pàreacft 
BelUdi&fÀ.rue prea la cura,. 
Noo> doMai dubitar di* cofà. alcune ^ 
Che. f|e|ig|l«^ ^. fono U. Luna^. 

UT* 

CWei colf VM:birt^ ei lui d^ Cid' cortefé* 
G^] dato^ e: cui} noq. i^ meta , o> confii^e • 
Siccom: %dì eltrer nonVmen* dure: impr^ft J' 
pii^o*eaco.e^ quefto. aviv^be unaie;tQ.4faftr 
Et. eglii aveei tante fatiche nrefe „ 
E: unto^féngùe: nom pe^ altroVfiiie; 
Sparfo,, na< fol per- aiutar, altrui >. 
^aatdìL ucor. chi. feceei^rcbhe. lai • 



• 4- 



dby Google 



ITFTANTISTlfOQlMKTar ir; 

KIb V nemici era» duo Re ipoflenti^ 
Fià poflcote tTA 1» Gìuftizift ,, e Dio } 
K qua] , coiar corrcisga ^ì eUmf nii p 
Ben corregger potrebbe il ter defio . 
Con oueAe fue rigiooÌÀ edi «rgpuncatl 
Fece di carkate uni atto* pio ^ 
Gbnfolaod'o» 1* afflitta , cbe teme» 
Gli uTadr' oltsaggj; di' Portuaa. rea - 

€i» rendr gntir 1» cortcfr Dama; 
fiell*'aiuco proferio* e del conforto; 
Kd udendo lodìar quely che unt*am/iy 
E fenza cui non> lui gioi» e diporto ; 
ÌMtnék fu^ eli occhi il fùanta, enei richiama^ 
Bivvì Vanda di gioia il color fmorto. 
Ma mentre che Briante a Sardamira- 
€li occhi corufi e le parole g^ra^ 
f» 
V& Fareian^ lury ^on Flori^ana, 
eh' è già fatto di lei fervo ed amante » 
Alouanto Cv tirò* da lor lontano,. 
A le chianiatfr il Principe AgriAOtei 
II' qua! pregò) co» parlar dolce, umano ^, 
Che gli< ptacefTc appceflo' a> cali e: tantr 
emazie a lei f^tte dal ffM He fuo fadre», 
tiall» Rcìii» fua Sigpora r |^4re ^ . 

%^ 

Kirren'egir im«>.ciie nóo?^^* minnf^* « , 
Oeli'altrr ,,nè di meno- oblig^ d«giu,i> 
E quefta fia y fé porjpacr ed ampre^ , « 
Cercherà-, dov* or odio e guerra ff gnp t > . 
Fral fua chiaro- Cuginq,, e *1,Q« nitore §: 
F^-ima che porti la ma -Torta iodagna 
Q,ualch' accidente fier,, cagion che mai* 
HoifAhbiaafiac i fuo} do£Uofi.f»iai*. 

a& ,911» 



dby Google 



H^ CANTO 

Che ciò facendo farebbe CAgione 
JDi dar a molti Cavalier la viu» 
Che morirgli, fc quefta rea tenzoae 
Col favor di la fu non è finita : 
£cf al ftio onor , che forfè le perfoar 
Fongono io dubbio, porgerebbe aita; '. 
E da quefta caduta cicura ed ima ' 
La torneria nella faa altezza prima* ' 

Quell'ultime parole accompagnate 
Fur da un fofpiro e du>B lagrime bellr; 
Onde le bianche gote fur rigate» 
Cerne riga rufcel piagge novelle, 
Keiralme luci fne piinfe Piotate 
SI , che vaghezza .nova era a vedelle; 
Né potè cosi cari e dolci lutti 
Mirare il Cavalier eoi (neat afciutti g 
J4 
E le rifpo(é : cVei pofte de parte 
Virie cagion, che di dolere avria, 
Com*elia fa, dèi fuo padre yfuarte; 
Dove fenz^ onta del fuo onor potria 
Troncar ?l #1 delle difcordra fparte^ 
Ch*impofibil gli par, che 1ó feria, 
Sólo per cofa far, che a lei fia a gradai 
Ma faagófe Tedea àtì fiume il vadd. 

Mentre coftoro In s) gentil dipòrto ^ 

Cofi Sardamira ed ariana ftanno; 
Araadijli, ch^avea'r|tll|e|^ accorte^ 
Ai fin:penfando,*COfiÌi rft^^i fanno ; 
Che 1 àmmin era lungo , ri tempo cortd » 
Perchè vergogna non gli porti, o danno 
Il trafcurar . fé di mandar pelilo • 
a: eiaichedm fuo amico un liicf^gttnr. 
^^ ■ E'I 



dby Google 



fi (ko Mei Scudiero « fé chumat* 
Dife: tu vedi ben fu U bilancia 
Tutta eil i^fta mia fortnoM e (^ato, 
E che T periglilo mio non è da ciaacity 
Poich'ai contrailo dal deftino irato 
Ylon bada la mta fpada e la mia l«ncii| 
Onde bifogna di llar fro^teduto, 
Ed agli amici dimandart Muto* 

Sinque fenzA tardar piò , tolto tto l^uo « 
Ai ^dre e Signor mio tu te n'andrah 
E *l duro cafo e di pietà ben degno ^ 
Di quefta illuftre Donna eli dirai ; "" 
E che 1 ' onor , ch^'o piìV-, itr imperio , o tefpù ^ 
Stimato h^ feroprt) poi eh' e quel idfnii, 
E% gran perìglio, f*io Ooa fon foccoHW 
Si, che por pofla a^nid Bcmiciil iiio^«, 

'^ 

Ch* ancor ebe*l fior dc*Cav»1teri efraoti .> 
Qvki trovar' abbia, volti « quéftMmprcra» 
DaJle querele chiamati e dai pianti 
Ai qurita real Donna a fua ditefa; . 
Ch'io fon (la lor mercè) di tutti quanfl 
li principale ; e fu le fpaltc ho prefa 
la cara grave di si gran governo; 
Ond* attendo od onor, o biatmocnrao* 

Ch*ei ben* fa, che di&nder te Doozeìld' 
Da violenza d' uòmo iniquo e rio , 
Di coi fon Tirme fol lagrime belle, 
Oficio è di Guerricr cortefe e pio; ' 

C ch*ei più volte per difendei quello 
Jia per 1 onor, per far fervizto a Dio^'- 
II petto ardito alt* empia morte offerto,' 
ffeftaso d'olctHi Altfo meno. 



dby Google 



feM^,» fé d' HO' fif liuol unto f li cilr, 
Q;i4iito convienfii» e quanf iO'credo eiperiTy 
Bii é»ol' , y inu che f uccedt- il male p 
,M cottot' uoga mio* rimedio vero ; 
X Itti pravcsgi% df u» «tuco y q|M!«- 

'. 9Sd' fi coavienc- aé uov» dì> tanto* fmpera ; 
S- che pciifiy cbr Fopre* aJcc e leg^ìidr» 
Soaov ^ Usui» i Figit y 01100 del Fedrsv 

ADa Ktìat' fttt» rì«ereorsi 
Dirai ,. fc dh piaecrmì unqua' àt& p 
«he mei dimoftpr con» rer^ericozaf 
M che ^ttl m»adl 1» SÒRUa mia 4 

< Ferchè 1 coltumi e la^ rcal pret'eni» 
Del' fiio valor graa teftimooio fia ^ 
A ftar con quefte tante alte Signore^ 

, . Óe ften- j^t fare ^d, Otiana^ oaore^.. 

^efo' eipedicoTy ftcviTir ehiaonrr 
, Oi SobradUai uni Covalier gemile y, 
Cui Sriolaogift. mandato a cercare 
AtKj» dv lui* fini dal man d>* India, a. Ttlr p j 
S gli difler. Signorr,. il ricordare 
!• benefixi: Catti fc d' uomo» vile;. 
Me i» piaceit alla. Reina £eci «» 
^^ Boa ne L* ebbi» pagiito^ cow dièci'» 1 

Ma pevchTiì» (o^'^im^elle m^'ame, e quanto» 
Olcrvo iO' lei ,. di pregjirU vi piaccia «-. 
Che per pager quel mio dtefir^ che tanto 
9* vago del fuo onore e del prò,* faccio > 
In eotant*uo^ mio- quel dal fiip- canto, 
Ch^ ùran gli altri amicis e che compiace 
Alla fua cortefia nobile in quefto,. 



dby Google 



IU\ coiiferv«zion dèllii. mi*, &|iu,-. 

& di foccotfa dtoit ^eiU. Cau^i;: r 
.Altra. ,iwui.4iÀ.^ /. , 

Itei. b«I^ fipretr 1^6^ die dir^.e ^u^Jo, 

/ Fkrlaadq ffii^Uncolicai e 4imt6&^; 
Ffefdiè; U. )5Ùefrjtv di^ e*e. fofpifavt,' , 
t ave» vedendo* ìo; uq gran dubbio^ i»A 

t ìftoù^aiWoffi» » hil da ^otf ,^^nd«: v 

Di t^iur nelle^w>iìirft:.*lfii,f comir»dr ' 
**m^* dc^o si» ii|òg9^ ibfenzÌ4 ^««f ;ì 
« s. ioi qulj ta,ntt MUt^ine f||j|dc , 
Arip«ie« «f i^Q^L aanoi« ^d^ ora« «d^ QC#^ ' 
Kon. a(pe»ff. ler U f#lff . ftrtdf „ 
Onde venni' con. f9Ì\\fVloìrttemà^ 
K l««har0bIi|S0. «ÌQ; vi |tigii«r4- . 

Se fc noa^ jff^i^* f^mM> t< wr-«ttgvkttf4, 

C^l fail^ <W Uois» MQofómtr^ 
Che f(»rzt di deMoi q»n ani) riiiear,, 
flòQ» poca volontà, cVtbbta di ftivi^ 
terìai0.i»c«i WMitff »»«lig dlttMurti*. 



dby Google 



«» 



Uè CAW»# 

tà •Ilàt^igttW mio non hit toft* 
Alta mU tftxione, »1 dover m»! 
Che fc mio Ibffe dall' Occtfo «ir Orto, 
Non fereWe il powr P«ri »l dcfio: 
Non ho da toi tutto Ponor. ©h io porto. 
Come proprio dal fonte ha T acqua il no,? 

. Che diwque far potrò, eh' eflèf aguale 
Pofla airobligo mio, eh' è tanto « tUtf 

B perthì ve^lo , che wg^eic ij Wo 
Bi quefta guerra contr» l Re Liruartt» 
B queir Jmptrador, de' quali il mondo 
Non ha i nwgdori in quefta ,o quella parte, 
Vo' ehe Maltro Elifeo quefto protondo 

'- Oecano folcando da mi^ patte 
Vada al mio Stato , e faccia immaoliMfile 
iiolt'oro prepairare , « molta geato 

il ... 

M piedi t da «a¥al!o^ • legni érmati 
Nel numero masi^ior, che fi "«»??•. 
Alio mie forze i e ftiano apparecchiatt 
Per quitndo 1' uopo wftro a noi It cliifdfl; 
Ed «o frattanto in qu^'fti lidi amati , 
In quefta voil'-a ricca e bella fede 
A fervir mi ftarò l'nlU Donatila, 
Fin che propizia a«rà henisna ftelU. 
S» 

Come cih iittfo H fuo gentil Cimpioftt» 
Hi tanta còriefia (rasie le rende: 
B volto ad Blifoo, che con ragione. . 
Esli ama, quant*amor grato fi fteadt» ; 
Difle: io voglio eoo quefta occafioBè, « 
Poi la Ducheffa di mandarvi intende 
Tant* oltre, che vi piaccia anco folcare 
9éi «moi^ mio«iaa;hti«i ipexio ^ «««j 



dby Google 



eTTàKTESIUOQpARTO. ilTi 

E ck'a Confltntìnopoli nUndìttc 
Al gnadMniperadfor, cht mi profcrfi 
Kon per mio merto, ma per (uà bontaM 
Mcllc cofe feconde e neiravverfe 
11 fuo favor con unu umanitate. 
Che selle fae paroU il cor m' aperfc | 
E ceno fon, ck'ilU promeflk i* 
Pari r tilcico di fua cortei» • 

B fattofi poftire inchioftro e carta, 
ScriCe io credenza fua quattro parole 
Oi propria mano ; e vuol eh' indi fi parta 
Senza più indugio al mattutino Sole. 
Pofcia di novo Gabdalino apparta, 
Ctie prima ad Oriana parlar vuole , 
eh* ei monti in barca , e per lui manda a dift 
Alla fua cara Donna il fuo delire r 

Ch'aera d'accarezzar quella Duchtflà, 
Quanto al debito fro fi richiedea 
Grande, infinito,* e poi che Itar con cfih 
Fino a guerra finita ella volea « 
Che Bella torre fofie in loco me^Ta 
Ter lei comodo e ricco gli p^rea: 
Mandò dappoi Ifànio a Graìandoro ; 
E tatti gii altri' per gli aiuti loro. 

Col primo arpor del mattutino raggio 
Vaa' tutti i mefiaggeri al lor cammino ^ 
Ove gli iQanda quel Principe faggio, 
Quadragaate, Bruneo, e'I fuo Cugino* 
Sol prclo non aveva il fuo viaggio 
Fra tanti altri roeCaggi Gandalino « 
eh* ad Oriana ha da pariar primiero. 
Che pigli verfo Francia il fen itero. 
" Giun- 



dby Google 



57 
Giunto t\ gtardìrt trovb cbiuft là porti » 

£4 « Mabilia. fé far T amUfcùu : 
. Fercbè li entro piede ilciui non p^tt» 
' Se prima non glie n'è IlcenzU d«C«: 
Sobito venne una Donzellft accora y 
Che cura avea dt tenerla fervata f 
E lui meob», ào^ìt in foggìorno vago 
Cento Donzelle e più pìwgea» con i a{^«r 
5» ' 

CSDioe vede Oriana ^ a lei s^ inchina» 

E riverente le bacia» !• mano; 
. Fofeia Mabilift, che l'era vicina y 

Ch.* ir in Francia voU«r ^^^ pi»» pi«»»^ 
I,a qual del gran defio come indovina, 
foflfe, ck' aveva il fuo Cu^n fovraaOy 
Airimprovrfo un bel partito prefe» 
E diarc forte si » ch.''ogpun» ioteie; 

S^ponr^in rrtncla \ Gandaliir per prej» 
E vuol fenza tafdar or por& in viai 
Se mandar nidla voi:' volete a dire 
^ Alfa Reina mfa ignora e Zia» 
Egli foddisfar'al voftro delire; 
Se non, n'andri co» Tambafciata mit» 
Ella di sr rifpofe, e pr«ft« forf« r 
IK ver lui per andare il paflo torfe» 

E congiunta cov lor » d^glr altrr tant» 
£jinge, che non poteva eflTer udita , 
'Dide, deh. Gandalin-,, dSeh- frate, qMaat» 
E* la f ventura mi* grande y inSniu^ 
io y che fegapre bramai di' (Ianni » caot» 
Al tuo e mio Signore | e la fmarrit* 
Euce degji occhi miei- cibar nel viti» 
0bI oùO' terreno e vago paradti»^ 

Or 



dby Google 



oTTAKarssiM^q^itT*. fif§ 

ut cte V ftto. ifottr (oa ^ ptì^ fi»a loaUiu »• 
CliejfbftF 9Mi»9 <U1 pùo vero dilett»: 
Ght mti coavìene (. &hi milJera. Oria tu |r 
Pier i' ofior cooferv&r iiucr» e netto 
Oli giudizi <M iQondoi (a cof» vana ìt 
Vivermk fcevr» di ^uci cjj» appetto ^ 
Onde fot ciho il coirei e. fé puf ia 
Ti poufi. qno.ftrtt ì* afiuuuv mio ^^ 

A*' " * 

TtfaKkptr^ti^miit.feiagur» .^ . 
Piing^p «Olii mec^i r non fai te «.e* Bai <tffi^ 
Mce ed unuqo.^ fna. un^Aigedra ft dura. 
firUft» la niiai ooa b». Cen/o ». od lunotat 
Ti pregp frate! mio ^ le nulla, cura; 
Hat d'ag^adir a ^aell'alniA,^ciia wot9p 
Fa sii con Ccuia della, tua parteoM*. 
Ch'ia vaglia, del mi» ami^tl'aluiicftiiai», 

Ed e^r ft tei: quanta» ^agjoor ftvctr . , -^ 
O'aver ooopaiBoa di qi^l d^rìero^ , 
Signosa mU y dal óìSt corpo- voi €eu. 
Sot vita fr fpirto^. Sole unica e verot 
CIl'cì mai noa vcdie cofe allegre e liei» 
Da vo» lontauor,* e Ce coi iìio penSero» 
XiizT no» Ti pouflr • beila, e viva » 
Avzie dei fiut «or tal gii T alma, priva •• 

te v«iie tefrtfr , che ^ laidi» e Ibi^^ . 
Fetto^cgll ha Kixite|,.fbi^ (b^ tante e tali» 
GVulÓmi* non ^rà..iiiai,. c^a pa^ ripone 
Ptegi^ed onor Ha«.4i^t.altt^ mortali;, 
U puMMr «oL |>a m gi M O||.»'6on>la; Mófit» 
Di. ciii.;oel petti» fttO''trQV&> gli ttiali ^ f 
Caouitai doglie nom gli apportar mai^ 
%iaati^ V ahreoeie de voftr' almi ^ai . 



dby Google 



1^4 C A 1f T • 

<5 
Ptfrh Signori vinttvi pietate 
Della mifcria fiu, che da voi mfoe , 
Ch*egli fu Toftro, da che l'aure grara 
Vide di qucilò Cielo, e dalle fafce: 
Vói voi fteflTa, fé coli ramate; 
E fe'l voftro defio.di quel (i pafce. 
Onde ù pafce il fuo, percA*«l(ncneiiti 
Amb^' da un colpo foi farete fpemi • • « 
66 
.^i tacque GaaAiHno , e fu* 1 be'lumi 

Spitife dolce pietà lagrime rare, 
^ Che forfè fatt*avrtafi fontane e fiumif^ 
' Ma le volle Prudenza allor ftagnaro - 
|n mezzo '1 petto, onde più fi confami 
Il cor, cke vuole , e non può lagrima'ret 
Ella il licenzia al fine, e ||(li rammenta 
^ * Ciò' ohe dee for , fé la vuol far coateaU« 

. 67 
Con un inchln dall*aogofciofa Amante 9 
E da Mabifìa lo Scudier H parte ; 
E ritrovato il Principe Agriante 
.c5on altri molti lo tirò da parte, 
Picrndogli: Signor, eCenJo, avanto 
eh* io voiefQ partir, gico da parte 
Del Cugin voftro , e mio Signore , dirv 
Alla voftra Soreile il mio partiroj 
69 
Sila mi dìCe, che^a si grande aflattao 
:' Era l'af^itu e mifera Donzella, 

Che piange chiufamente il fuo gran daiUM j 

E fé infelice raiire ▼ohe appella; 

l4è le parole fue più valor hanno 

Bi porgerle conforto^, che procella 

Bi niover fcoglio; ond* ella abbandonata 

Ha la fua cura già per difpcrata. 

Echo 



dby Google 



OTTANTESfMOQUARTO. \és 
69 
E che le fembri^ che ($rtbht bene. 
Che ¥€ n* aodafte tutti in compacnU 
A coofoltrU, a 4trlc «rdirc e fpcAt 
Cootra VoTfiia^ììo dì Fortutfft rU; 
Ch'uà cor molle di Doana non foftien« 
Pelo di dttol s) gupde ; è cfaeftm 
Debito Toftro di far jjucft' effetto 
Per dar« « lei meTi^HÀ^ aleno diletta* 

?• 
OMBt cib %^^ifftf,»^mnu , ehe. brama 
Di d^, come in tal eaCo fi richjedtf 



Alcdn confortò air jmgorciefa Dama, 
A cui temenza il cor percuote e fiede^ 
Ad Amadiei il diiTe j ond*ci, che brami 
Altra non flia , notizia agli altri diede 
Di cib : ^uel che fra lor fu ftabilito , 
Vi 4ith foìf*k§*i «auto è ^ui iaitn. 



1} fitti thffÉHMmiJSmfumi eMm§. 



CAN. 



dby Google 



CANTO 

OTTANTESIMOQUINTO. 



FRattantéte ne >a ^penTol^e^à' 
Mhrmda beila fer le f^fve tmnflbf 
Che fe'tyèn lafperanil^a la confola 
Selli Dama del lago^'noil fa ^quando 
^i^^SSÌ* ^^ ^oo Alidoro^'e ^i fa invola 
A quella fpeme il 4uoÌ ^ cbe fo^iraado^ 
Senza mirar liè iftratfa^ né feRtiero^ 
Dietro Ja 'tctfttk Va 4er Aio jìenfierer; 

CiMmliia al mar per palTar Indi in Traaeui^ 
Che di vedere il Padre ha deftioato. 
Che dogliofa ha per <lei forfè la i^uancla^ 
Z per fuo amor più volte àal>ellenimiato^ 
Chi gli ìnfegnb d'adoprar fpada -e 1ao€Ì«« 
Ed a portare ii ^olle petto armato^ 
Beachè de! fuo valor T altera tromba 
In ogni l^do «mai chiara t imbomba« 

"^de arrivato al mare nù faldo legno « 
Che rancore falpate ù partia; 
Lo fa ammattare , e gii fa dare luir-ttga^ 
Al Nano d*Àiidor , cbe feco già. 
II buon Nocchier,'ch'aGavaliersi degno « 
Come gli par eh* air apparenza «a. 
Torto non vorria f«r, volge la prora, 
Afftiòa riatennii e «biade il lino air ora. 



dby Google 



OTTAIfTESrtfOQVINTO. t4t 

t9fi fida dimanda; « poiclie ioteft» 
Che prendeva ver Francia il foocamotiatt 
Fatti imbarcar cavalli ed ogni aracfc ^ 
Aach'effa falca ffll ibUance pino: 
Di novo ìfsb Tantemiiy e*l velo ftefo - 
Il Moccbier avveduto a iin veatolino^ 
Che facea^i mar dal T ultimo occìdcaii 
Vcocado Aomiòrar Coavcmentc* 

5 
Ibce dappoi clic le fue cbi^olle.^ìolidii 
Tufb oell* Oceano il Dio df Òeloi*' *' ' 
E eoa le loci fue lieu e f^ìoconde' ' "^/. 
Efpero otnb dell'atra notte il velo* 
Udi d*ttn' gran romor rifonar Voniei 
Eì fnoki degli atti eridi andar al Ciclif 
E fanti dir piangendo ai Marinari ; 
Cime, ooi ieaio prefi, ceco i Corfari^ 

6 .. « 

Che con battaglia fangalttofa e dura 
Aveanb allora allora un legno prefo. 
Mirinda vaga di qualche ventura» 
Poftoii 'l'elmo e*l forte feudo prefoy 
Dice al Noccbier , che non abbia pavra^ 
Che fia 1 fuo legno fol da lei difefo ; 
Qael • che per donna conofciuta i*avf^ 
La libertà fo()^ira, e la fua nave* 

la Ma vaga di ^téà novella , 
Gridando' maina, vico com'un augello ^ 
Che va con V unghia difpietata e felli 
fir far degli aìtri augei ftrage e macello» 
Tremaao i marinar ; la Dama fnella 
ialu alla fponda , come un leoncello » 
11 Qual 'db* cacciator vede uno ^uolo j 
t itfaidedl vutl da tutti folo. 



dby Google 



a« CANTO 

8 

Qfìdi il Nocchìer , non Cir , percM cigi«^« 
Sola fini di mtfii^ìor noftro diano; 
Che non potrai ftar falda al paraeooe 
9ì tanti t'ontra noi, ch'inapeto Unno. 
Meo nsalc il noftro fia d'una prigione 
£flfer ficuri , che, di morte aiànno 
Sentir per man <li quefti empi Creonti j- 
A far ftrazi di noi parati è pronti* 
9 

ifft srid« is van ^che la gentil Gucrrien, 
C'ha di fommo valore core armato « 
NoB fi fgomenta per la Innga fcbiera 
Di gente vii, che g\k Vk giunu al Ut# ; 
Anzi , come feroce e cruda fiera , 
eh» teme de'fuoi figli il duro fato, 
E difender gli vuol, falta nel legno 
Là , dove lafcierà , qual foco , il fcgn« • 

IO 

Ma menti;!B quefta del Gorfar malvagi* , 
B del faiieue de'fuoi la fufta allaga j 
Davanti 1 ufcio del rea! palagio 
Sta Floridaote in quella tei va vaga , \ 
Ove dianzi a federe a fuo bell'agio 
Vide colei , che '1 cor gli arde ed im^att. 
Mirando della porta il bel lavoro , 
Gh'cfì'aato tutto era di gemme e d*ora» 
II 

Sparve la porta , e non vede, ove eatnrt 
Pofia, a feguire il fuggitivo core; 
Ma mentre ei>1i incomincia a fofpirare , 
X'tt van chiede ad Oliazia il fuo favore » 
Yedt, ma non da cui, al cielo alzait 
Vn padiglioR d*incredibìl valore; 
B portar molli letti e ricca mcnfa , 
E vafi d'arte e di ricchezza mmeafa. 



dby Google 



t>TTàNTESfMO(gjmTO. ^Sp 

fX 

E percfiè f;ìà U l^tte frecM* e quets ' 

Onflt^rtTa i poggi eoa le fofcbc piuints 
E Cincia per lo Citi rotoodA e licu 
Sparge» *l ^raéito fiio «andido luoiey 
Tenti llimi eppenr^ che*! gran Pianet» 
Far^ che di -novo tomi, e^lflioodoallmnoi 
E per K lor defirìer e biada e fieno, 
E tenda, onde non flian (otto il feren». 

il CavalSer, ebe repparecdiio mire, 
E vede a terra fparfa ogni fuaTpemes 
Con OUozia fi duo! , con tei fofpi^a , 
E deil<^ fdegno della Fata teme : 
Ma mentre i languid'occki intorno gira 
A quattro parti del palazzo eftrcnie» ' 
Ode una voce femminil, cbe dice: 
Tu farai tollo o Cavalicr felice. 
t4 

Col prirtio Sol prenderà* il tuo viaggio « 
Diedro la fcorta dì quella cervetta, 
CkUirrntrar del pacié ermo e (ielvaggin 
Ti verrà '«contro , come fanciultetta: 
E fenza tema d'alcun altro oltràggio, 
K* Andrai fecuro « far afi^ra vendette 

^ Dì unie crudeltà , di tanti danni 
Fatti'* queftv pacfe Ili cinquant'amii.' 
fS . 

E darai lief^ alft venture fine ' ^ ^ 

Di quella felv», ov' altrui ardir nnn vile. 
Fri* die* tre volte il giorno al foo conéne 
Giunto, ricopran della notte Tale, 

-' XiberaiKio tant^ anime mefchìne' \ 

Che mane e (trtt pianeono il lor matet 
L*d€4^to ti mo*ftrerà r«ntrau , dove * 
0a eoiAincUr «vrèi f'cccelfe prove. 
T#w. «P; H Pi- 



ci by Google 
V 



l7^ CANTO 

i6 
Filidora ti bacìa, e ti faluts 
Con la bocca dell* alma; t ft potcffi 
Far quaoto brama, gtà (aria vcnuu 
A (aliar le tue piaghe aoticbe e fpeCes 
Alzo or U fpcme, che di man caduto 
T'è per altrui voler j ch'e(ra t'elcflo 
Per Colo in terra fuo idolo e, nume f 
Kè gli occhi fuoi ovrao un^ua altro lume. 

«T 

Kon lafciar rougelUn gentile o vago. 
Che *n quefta imprefa t* è ftato Campìooe ; 
Che uopo anoor ti fia contra quel Mafo 
P* oprarlo in una orribile tenzone; 
Va pur fecuro, e del tuo ben prefagOt 
Che della tua virtute il guideniono 
T'è riferbato nel bel volto Canto 
Di quella 9 che fofpiri ed ami tant»«. 
i8 

àìltiro a quel parlar rivolge il Vi(b 
In quella parte, onde U vocefuona; 
Jifa luin vede altro, benché miri fifo^ 
Che*! raggio della 6glia di Latona; 
Chiama e richiama lei, eh' ali* improvilé 
Or gli parlò , com' ombra ; ma perromt 
flon gli rifpt^nde più , che faccia il voiiM 
Al duro degli amanti, alto laaieato* 
IP 

Cntra nel padigUooe , e fi confola • - 

Con la (paranza, che gli è ftata daU« 
%jk notte intanto alla (uà meta vola; 
B ù fcopre nel Ciel l'Alba gelata. - 
Al fonno gli occhi il gran Campione iav^Ia^ 
Itolee ripofo dell'alma atfannau; 
E mentre mira in quella parte e 'n queia^ 
Vede armi Bovt « t mv% fopniffelb • 



dby Google 



OTTANTESTMOQymTO. tft 

li dona tndlo feudo «ra 4iftatÀ 9 
Che ^i punì AagiolctU «vta iCefabUntf $ 
Ch''iiiui coroai di tiei faggi cinta 
Fonea iu rawrco crina a Floridinte; 
Del ^ual la faccia avea cosi èen finta 
Fittore^ al quale altro Aoa paffa avaatt» 
Che U gli aveiTe jdato e i^pirto e membra t 
riandante ùrìa, tanto il faffeabim. 
ai 

14 tefav«»fia di ricchezza e 4* arte 
CgcTtopera enortal .palpi ed avanza ; 
]>i cui 4*4>ro contefta era ^ffkì part« 
Dalia man dotta 4eHa fila Cperanza, 
Con tante ^emme 4*«gn*intonio ^rtt« 
Che d'un campo borito avea iemhiaiixa* 
lo vi vorrei aidir^ 4|ttal« «Ila fia» 
iia mppo iiwgft è quefta iiloria mia* j. 
aa 

Di 4HeftUrme «eftito il Cavalitro 
•Si pone at fianco la fpada vermiglia ; 
S rchno^ che rOoorc ha per «knier» 
Di fddor catco^ allegramente pigliai 
Force «ol forte feudo m Salìbero 
1a lancia ^ ch*«n ^an frafcino aifimiglta^ 
KerboTa e dura« pur allor «rovau 
Del ricco padiglione in (u 1* entrata. 
«I 

f mtfianto 1 Cavalieri ad Oriana 
Andar per confortarla^ o darle arditi t 
Forche 1 dolor biella Dima fovrana 
E vicino € lontan li la fenttre* 
SI beila compagnia la chioftra umana' 
Non vide mai , da che gioia e martire 
Sentir i cor mortali in quefto mondo | 
Dft ck'cbbo rPcrano e lido e fondo* 

a a in».. 



dby Google 



\ - 



i^t e A M t e> 

»4. 

Era/io cinti nctreli fiorita , 

Aiu a più dilettar « Donne e Don£ell« { 
Va^hi di vifo, di grazia iofinita, 
E di maniere (ignorili e belle : 
Avean negli occhi bei la calamita. 
Ne' be* fembtanti lor «nelle favelle. 
Per trarre il ferro * fé de' lor dcfiri , 
E dal donnefco cor caldi fofpiri • 

Tutte chiamar la gran Prmcefla avea . 
Fatta le Damigelle , e le Signore ; 
Perchè la lor Venuta già fapea ; 
^er incontrargli, e far lor degnò onore; 
à con ia cortefia , che richiedea , 
Il Tuo decoro , e'I lor tanto valore. 
Gli gccolfe ad un ad un, fpargendo ogiUM'a 
Affanno e gioia da^ begli occhi foora* 
16 

Mentf*c l*Aragonere, e Quadragante 
Ambafcisdori eletti al Re Lifuarte 9 
Cbicdeano a quella valorora Aii^^nte 
Ciò, ch'ai Padre devean (lir da fua pareri 
i con Olinda fua ftava Agriante, 
Con la Reina Fiori ftan da parte ^ 
E con l'altre Donzelle ogni'Éafone; 
A MabilÌ4 s'accoda il gran Campione." 

17 
E poi ch^ ebber fra lor parlato alquanto ^ 
Ella levoifi, e luì prefo per mano 
Della gran fata lo tirb da un canto, 
Dair altra compagnia poco lontano, 
Ed ad arte gli diife forte tanto, 
eh' ognun intefe; o mio caro Germano » 
Fatemi ora chiamar qui' Gaada lino , 
P^rch'andiir Te ne pofla ai Cuo caninóìAé. 



dby Googk. 



OTTANTESJMO^JlUINTO . 171 

L*tvved}ito Scudìer venne tllor prefto. 
Che fra gli altri attendet d^eflercbitmat»; 
E già , fendo paflato intorno a un fefto 
D'ora, ch*effi fra loro avean parlato, 
Mabilia diffe ad Oriana: quefto 
Siodier partir vorria , gli ia dAto 
Da voi coagtedo , o comandato cofa ; * 
Gb'ci pofla far, cVa voi fia graziola* 

29 

Or or verrb, rifpofe; e l' Irlandcfe 
Con Floriftan Ufciato ^ Sardamira, 
Frefo per min d^ Aragona il cortefe 
Principe , verfo loro i piedi gira : 
Cui ei difs^ alto , si eh' ognuao intefe , 
eh* avca nel motteggiar prontezza mira : 
Ad Orator mandato a un Re felice 
Amb^fciau di Donne udir noa lice • . 

Che non vorrei c<^n le donnefcbe frodi, 
E con te dolci mfidie, onde folete 
Noi miferi incannare in mille modi,^ 
Che mi fefte incappart in qualche rete « 
Onde non trovi poi chi me se fnodi; 
MafiSoiamente voi, che unta avete 
Crazia , che fcemerefte in me Tardire , 
Con cui voftra ragione al ite vo* dire . 

i> 

Io non vi vo* Signori cilèr noiofo 
Cofv dirvi ciò, che l*un rifpofe all' altra; 
Briaote èra piacevole e gioiofo ; 
Gentil la Dama, e l'uno e T altro fcahros 
Ritornò in dietro il Principe famofo ; 
1^ lor lafcib , che non bramavan dtro; 
E'fe n*andb, dove Grafioda ftava, 
Cbe di parlar con efla defiava. 

Hi e^ 



dby Google 



174 C A K T O 

|t 

Cerne fi vide rnnanv ai caro oggett» 
Queir invitto puerrier del fuo delire » 
Il cor, cho dolce & movea nel petto ^ 
Vòlfe di gioia « e non potè morire : 
Ella A che non torce» dal caro afpctt» 

I fragili lumi* per donargli ardire 
IL pre(e per t» man nafcofamente 
Sotto U vcfUft t ftrinfe dolcepitcntf » 

1 *hcomtnci^ eo$2 : Signor la rìn 

Foriuna» e* ha di mt prefo il governo.» 
Per far maggic^r U dura pena mia^ 
E per temermr ^viva. in quello inferno ^ 
M'ba*n vollr» oun oondottoi, »vr defift 
Qiteft*angorcio((ar9ot dar» in eterno;; 
Mt'n modor tale (ahi cura d'onor vann 1 
Ck*or ne fon più ebe maifcevEaelontaiur» 

acciocché» ovunque ^*1 romorfparfo » e *l f^tìé^ 
Del valor vollro» ed a rm fatta torCn»g, 
Ch*^eflbr già deve ogn abitata lid»» 
^Che fi ricicbiude fra Toccala e Torte » 
Fenfi» che fol delia di fama e gridò* 
Abbia il volira valor (bfpMto e Icorto» 
A CiY quell^alta ed onoraU in^prcfa » 
Kon di me fiamma in voftra petto accefil» 

B (9 finora co» afinno eftremo 
L'Sbbiam celato, or più che mar bilbcnt^ 
Per fuggir (fé poifiam) Mie ^uat una» 
1^ lingue di veleno e dl^'ftfenxogna 
Piene,' cosi non fia naanc^^ né fcem* 

II voftra onor, né temerena vergoffio 
D^aver alcuna da'noftrt nemici^ 
finche I Cicli ci fiiia ìkù tà aaiicr. 



dby Google 



OTTAKTBSIMO^INTO. tf% 
%6 
Ben lodo Dio, eh! io mi ritrovo la fòco , 
Ond'ft fors« non fia .chi me ne togluj 
Ove Qoo ««e. e non avrà <aei loco 
Del Re mio Fedro T oftiaeu' ii!Og^ ; : 
Con fpeme., che debfafiimoio tempo poco^ 
O in uà modo , o in ettro ufcir di doglie • 
Dèh fé m'amAce,quant'iov'*mo,e€rcd09 
Dote e cotanto tftinno omei cengteé»» 

- , .. 47 

Coin elle tacque» con un gren fofpiro 
Rifpofel Cevelier: Sienon, il Toftro 
Fin de* prim' anni miei fu mio defiro ; 
E fera, mentre in quefto morte! chioftfn 
Io vi vero: il che fé ben rimiro ^ 
Mi per d' e vervi efiei chiaro dimoerò | 
Me voi favor potete far meggiorcy 
Che comandarmi, e quello elfiitto core. 

Mentre coi! dicee, rigava il vifo 
Lagrima, che cadee degli occhi belli, 
eh evrebbe di pietà vinto e eenquifo, 
Qjui cori unque ed Amor fur pia rubelli. 
£lle, ch'ognore il rimire ve filo 
Vedendo i puri e tepidi mfeelli , 
lUfpofTe: eh Signor mio» e' ho fotte prov» 
Del deitr voftro, e non m'è colknove^ 
39 

Fonete freno e'doloroii let| r 

ft dando elciin conforto el cor mefchino» 
Le lagrime efeiugete: e perchè affai 
Abbi am. per lato iniieme, a Gandalino ^ 
Diamo, s'è grado v'è, commieto omo, 
Ond^egli poffe andare al fuo cammino | 
E con Mabilia retta te, che detto 
CeCe Vi ^» die vi deri diletto* . 



dby Google 



»7^ CA KTCr ^ _- 

S^d'ìto fo Scudter, ella tìtotmm 
Fft, dove è Qiiad)«Ke»te , e fMìHmttf 
E con MabiH* H liio OigUio adoni* 
Rìma<t« eh' ci U|iea Hretta per huboi 
. iU qual gli dille da quel fnmo gioriM^' 
> Che nacque il bel faDctullo E^ìptandiam^v 
I Tutti s articolari a> parte a parte ^. 
Siniche venne in poter dei Kb LiCttarce. 

41 / 

Con sì novo piacer del Cavaliere, i 
Ch*a voi^ narf«re io non lo fo, né voglio^ i 
lì qual ^ perchè di mila avea penfiero » ' 
Salvo di top dal co» unto- col>do|lio 
Della fua Doona^el timor empio e fiero ^ \ 
Che la percuote ogaor « com'onda (coglfo^ 
lui Tua Cugina ftipplica e fconf^iura^ 
Che ^ tenerla lieta uii og.nt qìu^ì, 

4» 
K ch-e le dfca , ch^a ragion ripreft 
Kffer non puoie et perfona a^cun» 
Sì , eh» la fama fua rimanga lefa ; 
E di chiaro fi renda- ofeura e brarìn;: 
S che non tema minaccia ^ né offef» 
Hi nemico deftin , di' rea fartnóa : 
Ch^egli col ftto valor fofterr4*l pondo- 
Bi' quella guerr* centra tutto 'I Biondo^. 

Che fé r fntperadiMre , e^ Re Britanno 
Manno regni , ed imperi , e gcntir tant» | 
Pofinaa coatra^lor mai non'ovraan* 
Di tirar con lor prò la guerra ovaaces 
. S che tofto veder loro U faranno , 
Che con rifpofta torni Quadfasanct, 
Se. no» fia tal (per quanto a lei coavi«nfi) 
Che il^peiisaaO'd^irai'Ittooht acceoA-* 
^ ' Cosi 



dby Google 



OTTAMTESIMOQUINTC »77 

44 
Coti detto, tornarro «mbi a federe ^ 
Soddisfatto in gran parte si lor defire. 
Con gioia delle Dame, e )or piacere ^ 
Pando alt'afBitte conforto ed ardire; 
.Fofcia fatto con efle ogni dovere 
Dì oobil cortefia , gii di partire 
Sendo Torà venuta, fc n*andaro, 
C i legni per Berugna apparc€thiaro« 

II Sol della diurna ftta fatica ^ 

.Al 6ne raccogliea l' àrdente raggio; 
£ perdeva i color la piaggia aprica ; 
E d' ombra il pin fi ricopriva e 'I faggio ; 
Quand'a un tempo pigliar per l'onda amica 
^er Francia y ed Inghilterra si lor viaggio 
Gli ambifciadori eletti, e Gandalino . 
Ma tempo è ornai , ch*io prenda altro camino. 

Tu dell* inganno tao felice e lieto 
Godi Donna si bella , o Agramoro; 
£ paiii il giorno alT&i, tranquillo e queto 
Un cervo fatto con le corna d^oroj 
1a notte pofcia in Camera fecreto 
Sovra quel geniale e ricco toro 
Cangiata t'orma la Reina bèlla 
In braccio tieni , e ti fcherxi con ella • 

B fu si dolce l'anMi^fo gioco. 
Che perchè ftancbi l'uora , giammai itoIfas^Si; 
Che (gravida rimafe in tempo poco , 
Di che Paltò Motor inda e ringrazia; 
Ed ora in quello, or ìli quell'altro loem 
Col cervo a lato fi diporta e fpaiia. 
Ma vien chi rompe i tuoi diletti^ taitf » 
g tìì coiiveru in dolorofi lutti. 



dby Google 



>,^- 
<> 



t7t càirro 

tà. Ztft prafiig» df ciN> cik^&weiiife 
Davevft ali» NSpAfifr in tempo cort»^ 
Cbft 1* pttteé w tiferai mortre» 
^ O vàvee ftam* feni» ftlcun conforto f 
TcRjuxido^ s ciGèr pHÒ^ pur d'kiipcdirr» 
Chft latto noth le uà così graiir torto,, 
ÌM (ììo- caftel Cea viene «irinfclict 
la molu Iretl»,, e con dolor le dice s 

figliai dTeffèp' accolta or ti &i{bgita> 
Ss: noni vuoi perder tutto il tuo diletto"^ 
Cùik grava (fonno » non minor vergogna ^ 
Sènza colpa pertk dei Gioviaettof 
flBicht' un& Fata,, che di <iuiiici agogn» 
Trarlo» e reodeie il lume al filo iacellett»^ 
Cb*'adbnibra Tarte, ka tefa rete ornai», 
Oadk fjuggìre e gran pena potrai*. 

M per2W giarda ^tty. cbe non ti' S» 

Con; arte il ctrvo» o quella» verga toltt^ 
Ch.*a* penife ricojrnr eoa Tartr miai 
Io> tei potrer^ r co» fatica molta-i, 
Pbrcbè AiConCana tenterà ogni: viai 
Pbr diiivrarlofi r le tui farai ftolra> 
Kanger- potrai U tuo non de^no a&i 
Belle tue vite iofino all^uittml anno*. 

Me- paflSr oiollr dir, eoe per Tarfuraa 
PaflTaadb Torà eftiva e raerfggianay, 
Ov^'ognl' fua mot^eiU. eè egre cur» 
Si '.o>niflnciÒi, di ette no» fit mair fane^* 

'^ tPlde Vf nlr fjè^ q;||ette filve ofcurai 
Sovra uh ubia una> Obnzene IGraa» 
Sr'jiÙto negro» elfa , e *1 cavata coperCr^ 
Sìcioro Dòiiaa ^ cke grande onor marte» 



Digitized tV''@feOgle 



OTTA1fTISIilO<S;tKTO.. i^f 

5* 

^ttfo Scodicirì avca, tre Danrigellt , . 
Cbc porta van ad fen duo cagnolini 
9a porre in meizoxdelle cofe belle. 
Ch'abbia la terra in tutti i Tuoi cooikùl 
Aveano i velli d'or fino alla pelle 
Intrecciati di perle e di rubtoi : 
La lor beiti rifponde alta riccbezxa» 
Tal cb'era a rimirargli alu vagbczza» 

.. 5J i 

Uno degli Seadicr portava avamt 
Jnvolu in un velluto cremefino 
Una pi^ciola archecu , di diamantt ' 
Tutta contefta preziofo e fino ; 
Con le camici di dietro e da van te 
Di perla « di fmeraldo» e di rubino 8 
Come vicini furo« i pargoletti 
Pofer fra Terbe e i fior da lor ditetti • 

I quai correndo alla Reina andaro ; 
£ lei con un latrar foave e grato 
Pieoi. di gioia e fefta falutaro: 
Ma vifto il cervo, che le ftava a.JeiA^ 
Anzi nel grembo, il cervo a lai j^ cari» 
Che non è a magra pecorella il pinito;' 
Gli dan nell' anche coi piccioli denti , 
Come duo veltri fitn fieri cl iiiardanta# 

Ri ferino II cervo, come tronco fuolt 
Al fiato d'aure placide e feconde.^ 
Che di quel grembo dipartir non viiolt^ 
Che tutu i fttoi piaceri in fa naCcondag 
Di che latrando ogni cagniialf fi duole « 
Che i*efictto alla fpemt non rifponde; 
E co' piccioli pie grafian la velia 
Peli» Kcìoa» f k fan vez«| • ^<^«^.^ 
li é mm 



dby Google 





IO»*. 
— -^- Aia*' 



^tt^l*»-^ 






dby Google 



omm*esiM9QpiNTo*i imm 

ftr y quÉi Cftfc «ver ccraan^o Md«iy 
OvwKHK l'Occatft la rem implUt , 
Otrid^atpc varcando, e '1 »tr folCM 
Coa liMi^ ed incredibile iatic»; 
E con unto tcfor' U comperai , 
Ch'io ne lar^, fin elisio vi«r6^ Mtaditt:! 
Ma a iato alla beili la. virtù. è, qiKal« 
•Ail».gtoria di Dio Tonor mortale* 

La qua! vi dirft, poi eh* avrete VÌA* 
Delta corona la ricchezsa rar»: 
Più bifogna fteina eifirF avvifta. 
Se beo vuoi ci*ftcdir U preda cara « 
Tante reo t^ho tele quefta trifta, 
:Che, fe raltrof vator non vi rtpar», 
Pardcrar'l cervo ^ e perderò» con lu» 
Forfe il fiaeer di tutti i gìotni tui« . 
6a 
JU fa^fa Donna li portar rirebetta. 
Come v'ho dtttoyin i^lf vallato infoiti ^ 
Che della Dama s» la' vtfta alletta. 
Che 'n altra pane i. be* lumi non volta • 
Muli a è'hvkJore a lato ali* opra elett». 
Che ià<a fi moUra: ahi nule accof tay.ahì Aoll» 
Tu iocapperai, e no» vi* vei^a aita, . 
In ^icftiK mg!» per tuo donilo ordita «r. 
^) 
ICiraCft della €a4b la rtccbezsa^ 
C fodilisfttco' al fiio defife e pientf ^ 
La 9omigtllar in' fiaile opro avvezs» 
Otta ofarawtta» d*or fr trae di ietto. 
<^ant' ha' vi4lo fin qui mente apprezza 
Xa gran Reina ; ma per venir meno- 
Fu , tofto che 'analzar vide il copocchlo^ 



dby Google 



64 

Tede In un ffetcUo filaecnte e wg^é 
M<^n fo di che mtccm fabbricato; 
lift tal, cbe patri» ftr rimaner pagot 
Chi di veder pia «emviglie |f udito; 
Del fiio fermio Dio le bella inatago 
. €oa ouelle graxtty e color dolce e sreto. 
Che queir è, che ncll'alai» e^vivo ^ belto 
Le Icolfl AoiOf col fuo duro ioirpciio* 

Ivi ftnna U t iftì , l'i »* *^« j «r ^ 

Me crede di trovar cofe si JjeHa J 
E rrminagine mira «1 quw]l« g»»»» 
€%€ fnot Nocchicrr la^ua fidata ftella.r 
L'ailuta Donna, che di cìb s'awifa, 
Air amo adunco acgionge efca novella» 
Perchè r incauta pili tofto l loeoi^ 
Onde poi ponga fine ai piacer fttoi. 

B*qiiefto fpecchio, dille , alta Sgnow, 
Di cotanu virtù, che di chi 1 mir» 
Agli ocelli rapprefent* allora allora 
b coft , ch'eeli più veder defitas 
S le vi dico il ver, vedete! ora, 

* Ce quel eh' or verCo voi i lum» gira, ^ 
rquel, ch'amate più, che gU occhi ¥»il» ; 
Kl ver refperienx» vi dìmoiln* 

ila perchè altrove il birogno Bit fprooa 9 
É l difpietato e crudo mio dettino . 
E ni convieóe andar lè» dove Sona 
Gol Rodano fi mefee, o li vicino; 
Vi prego , che vediate la corona, 
E mi lafeiate gir al mio cammino: 
fU (copertala fuor la tolfe in mano, 
Oade a^iiTcio fpleador gjmcoiida • fliaat. 



dby Google 



CTTAflTE^fMflCXlprNTO» 11^ 

tir Ti jmr fa 6e1tl vi^r e ^otRef 
E 1» rkciwt»r» «It» Tef^iNf, kiibiu^ 
▼otte terret* qi>efte cofe « vHr^ } 

ftordie' <!» vtfr §t Ciift vinul» uditi ;^ 
^irtutTy. » cui gìiiDiiMi non- fv-fimilt»^ 
Dft. cbe Dì» ààtitr MvBom %Bf» e vlui 
Se la ^porrete m fella * «|iieila cervo ^ 
Mauntti vi fori mal fem^ffr e ftirvot». 

ITsJ tnmnry titrverete il fitM^hntfr^ 

M provatalo or or», che*l vedrttr» 
Rìfe di queffo* ritifielice Amtatr^ 
die odi) ved^ al fuo mal tcfa la fHt f 
E credendo etir ver, per fUeF^ck'avaaCi 
Mfo (jpecelM» vift* hs, faot' è 1» fètt^ 
Cbe- 1» aiolefla del- ókSrc ardente , 
L» poner il» tei!» al «ecv» tetmaiiiiMCf • 

MbiP CD^ d» lAoir fiera e rvpaer 
Riggr veloce damiviià* o cayriolo*; 
m^ ^1 Ke de^i wÉtti crudo e predace 
Còse fcuipticr aiigpl torce ìt fu» volo ^ 
Cbmr da Tcf Io bel cerva fuj^acc^ 
mi^tto* dkì (ito core unica e lblo> , 
Co» quei duo canr par((Olettr'at fiane» 
Dui Uti» dritta l' un , 1' altra» (bt tmofm^ 
T» 

E distra gtr Scudfcr « le Onn7geirry 
E U malvai^iai più kvr» cbe vento» 
KinaCéra Drafire, e le Dbnveirr 
Tutte di ftupor paenr e dS pavento r 
GridSa die, r f» feg»iìre r ^iei(e e qutfir^ 
Ed efT» il» (elle fwoate i» un momtinov 
E feeue il caro cerva, r piange , e grida p 
mVmà. A«or(fo^ di deienti ftridii» 

Et|i>> 



dby Google 



. tt4 ^^ cAwro 

Keint il t«o ff i«tato e duro afftnotf^»^ 
Che per pieà m' atfamiA « mi aiole8i> 
F« eh' io rivolgo il c«»to.»l Re Briuan», 
Chè'n ttiì^aindtl Mondo ^afHWMmp^» 
Vede il fuo onor^ e non prevede il danoo^ 
' . ìE fpioto dal defio^ ch'entro l «fefto, 
$'arroa l'animo oiefo a nova guerra» 
Che &rà lagriflMr tutu Inghilterra. 

O «enfili Uditori, il canto mo •-< 

fi' già del corfo fuo giunto alla meU» 
E notte tinca d'un foave oblio 
•L'umane cure co'Olenxi acijueu: 

t.; Lafctato ha Lete già del fonoo il Du» 
Con la famiglia fua tacita e ^u«ta » 
fi dà eoi ruo (opore alto rìpofo 

« .Ai eoff» ftaBco , al core egrox do^iol»^ 



.afim Mf •tèàfOàfimoimfM' €0t«f0m 



CkXi^ 



Digitizedby Google 



If5 

CANTO 

OtTANTESIMOSESTÒ. 

A Che «t loQ^o foitno «ntoie h^ìU f 
Sorgete al fuoii ckli' »Ue mi* pferol»; 
Non vedete, che fpente hAOoo le ftclU 

I primi ni del matcutiao Sole? 

E che fctoUe le lingue e le faveUe 
Qual anioM é'Amor fi Ugna e duolo, 
Qiul lo ringrasta, e eh* a varie opre intoa le 
Siaa dc*iiMffUÌt: f Ifl m^n e la mencc? 
a 
Scendete Mufe qitt , dove i* Ifauro 
tieco delle Tue glorie e del fuo^ onore , 
Porta »1 ricco mar d'Adria il corood* ouro^ 
Ove alberga ad og»*or vìrtd e valore, 
Ov' è '1 graii Duce, a CMÌ*1 Britaono» e'I Maur» 

II pregioi dà d* ogoi virtd maggiore ^ 
Ove jsiuftizia y pace , e Cede abond* , 

•0vcètsftii%uuloilCKÌ>U lerr^r^e ronda» 

4 

Qui pocroce co« alti e dotti carmi 
Cantar al plettro d* oro i pregi fuoi ^ 
Senca timor » cbc *1 graa romor dell* armi 
laterrompcftdo il casto unq^a v*aDao«; 
Qui la Cioria anco* in bei mcuUi e marmi 
Scolpc il ftto onor, perchè miiraooi e poi 
Di Gttidobaldo fuooi ogni contrada,. 
Otunouc irtr(a il Ciel pioggia ^ o rug>ada » 

ld% 



dby Google 



)ir e A H T a 

Ila 4ave fuor, del célU tocooiiACitUi 
L'ardente^ mio defir pur mi trifporttr 
RitoriiiaiÀ Mttfe il ftiitier noftro «fato , 
Cae di Unte fatiche »I f« n« po^* » 
CH't miglior tempo 6a da voi lodato 
Qttcft' inclito Signor, fidaU fcor» 

^ Dell* Italico onor, ch'avevi a4 calle 
bell'antico valor volte le fpalle. 

lit nova al Re penero aipre ed lauft 
Certi prigion dall' Ifola fuggiti | 
C eli narrar la fanguinofa gara , 
DWefli tutti fur morti e leritl; 

. % dove la Figliuola afflata e cars 
Teneaa depofta i Vincitori arditi ^ 
Con tutto queironor, che fi convtcìi* 
A clii di reai (angue al mondo viene. 

Cbiafe il dolor nèf cor, fenxa moffnfn 
]t fortidimo Re nel volto il fegno; 
fiè volfe, come farian molti, fare 
Del fuo franco valore un atto indegno* 
mobe e danari a qìie* fuggiti dare 
Subito fece: e pien d'ira e di fdegn^t 
Volta r animo altiero alla vendetta , 
rer farla ul, quel a gran «e s'afpetU» 
7 

Detto in quella nll fu, che la Reion 
Kra per duol foverchio tramortita ^ 
Di qualche novo mal ferfe indovina ; 
E ette ftava in gran rtfchio della vita* 
Alla fua ftanza il Re tofto cammina ^ 
B la trova, che pallida e fmarrìtn 
rSanttva il danno fno dirottamente , 
dm I» famiglia intorno egre e polente* 



dby Google 



, OTTAUTEtlMOilfTO» i% 

A Itto « rei s^afSde il Kv iMmtìM^ 
E perchè*! fito pittare itcìii» aon iimtSt 
O^n^Altro fece rhirer <Ì» aperte, 
1 le dille pian pitno: è tdunq^iie fpeats 
Quella frinenz» io voi, cbe'nr agni pìnrln 
Avete moftra ogfior si» eie confiem» 
A unta indociliti» Mm*oni vedi» 
Cm» loer&vi^ta tei» ab' a pta» il craé»F 

fpeiaf ,cfre7 tenpe (aiiearc6ebTfvc>rpe«t» 
Avefle il dualy che dcU' aUensìa avete 
Di voftni Figlia,' e a*cr» albi aiuiteiites 
Ora ai lamenti ritanau fète 
Con mi^ eran difpiacer» cbiaroi arfNBtlt# 
ITaoiaio baffo 9 e aoift tal ftìt lirete 
A me^ all'onor v«yftri» oltraggio tanto 9 
€b*a gran Reina ^ difdiee il ^nce^* 

IO 

La mente armate dTi fbrtetzay «inafe 
Air alto voftra ftato fi riSbiede, 
E far penfiamo una vendetta tale , 
Quale del eafo l^importaosa chiede ; 
Al eor del noffro ooor giont'è 1» ftrafe 
Oi tea Fertana ; e (e non 9k provede ^ 
I» con noftr» ntoviA bvifim» etem», 
€ode CareoM^ a «Ni» it ommuI» ik felKfno* 
ira 

Mcia te SiWit cl&, eb*etii fiiceeflb > ':. 
In AMur centra' MiAattt^ er^Mle Piglif»|; 
E élTftvtito HmHiu gil^ pMr «Ttm me» 
Dat'fiiggitivr Mia (tta fktok^'im. 
Briicnna » benché d^l dolor oppreflb 
Sé fenta it core, e ^lla meravtglin 
Ikiraccidente» pvr treno for pofe 
ftu Io Re non ooiare, e% fen^i aAofe» 

E 



dby Google 



cr* 



K poi ckt fi pcafof* va pezzo fitte 
: La cofa t mìùirar , come prudeatr; ' 

Vedendo fucila ioiprefa difperaUy 
1 E piena ài pericol evidcote ^ 

. ìTaceAdo guerra eoa cosi poorata 
Sckiera di Gavatitr, col più valente 

. Capitali 9 che.giamaiAi ci^efle brando ^ 
Da eh* asdV .per lo Ciel ia Luna errando , 

4 di rirMle: Sl^iiorr ancor cbe ^efto^ 

Che. ncefo avoce deli* i^i^lìa voftra , 
..Vi paia^ tra cefo ilrano e diibneiloy 

Coni* in prima ap{>arenza a noi ù. moitrs; 
>. Vi parrà poi lodevole ed onefto , 

S'a niente vi vcrià» che nella voftra 
^ pioventii» eliènda Cayaiter. errante ^ 

Pia volte avfcc fatto ik fimicliante» "^ 

. , . '^ . . . 

Foi d Oriana le .querele, e i pianti ^ 

£ delle fcoafolate Oanvgelie, 

Che .fono (late cosi Iliache ^ e tanti 

'8* hanno fatto fenttr fino alle (Ielle ; 

Che meravii(lia, fé i Guemieri erraatiy 

Ufi fempre militar Donne, e Donzelle » 

In fHò favore ion tutti. eoacorfi. 

. e Per ItbemrU ».•« 4airoUÙg,o fcior^ • , 

L* ingiuria ^no» I voftr^, iiè.rnMa« 
.Banch'Orian» voUrn figlia fiai 
Voi la delle «.'lUaiiani» ed eft preft 
1.' henna in cilftodie loro » in Ipr balia ; 
11 btafnio è loro , che non 1* han dtfei* 
Coi| tutto quel valor , che conveain ^ 
E' la querela dell' Imperadoret. 
Igili ricavh f la moglie e l-ooot^» 

liTi». 



dby Google 



OTTAMTtSTMOSÈSTO . i#^ 
16 
Lìfumt rep1ic>> BrifeVma abbiate , 
Siccome donna , ciie voi fete ,' curi 
Di confervar la vofha alta oneftate. 
Quii fi richiede, inviolata e pura; 
E d* altra p^rte a me quel far lafcitte, 
Cke fi convien, poi che 'n si grande alcuni 
M* ka pofto il fommò Dio ; perch* a Uri meriti 
Sarei poco del Mondo, e delle gentt^ 

Partefi pofcla ,* e benché abbia il cor ¥ort«y'v 
Cefa non trova, che gli dia diletto: * 
Vede di Cava^rer vota la corte; 
Il PaUzvo Yeal folo e negletto. 
Ma perchè la fua rea ^ maligna (brte 
Gii vubt onta maggior fare e difpecto,' 
Fa chiamar Grumedano , il Re Norgallo, 
Con Guiian, di' era macilente e gtalU 
18 

Bir r infermiti Tunga s? , eh* aÌMon ' ^ * 
Mòflra l' orme del mal nel volto ìmprefe; 
E perchè penfato fat fenza dimora 
Far, che,!* lAtperadore- anche fapeib 
(1 fno griin Ottino e U vergogna , allora 
Lui'Orator a queft*olficio eleCo; 
B perchè vada d^ogni cofa ÌAftrutto, 
Volfe, che itel configlio udìffr il uitto*.- 

Dove narfV c«i "pàrlat grtver- e lento 
11 cafo, che turbar fé m tutti il cigli* ; 
Pregando^, che ciaféun fèfe cootemo 
t>argK tn' <fuefto accidente il fuo> confici o» 
E perchè in cofc di sì gran momento ' 

■ Il Cubito rifolver; di perìglio 
E*cagion fpeiTo, vuol che quattro giórni 
Vi penfia Mpra; e poi che- ciafcuit t^i^n^. 
* Meo* 



dby Google 



Mi CANTO 

%9 4 

Heotra Brifema io frave « ria ftùcAlm 
Pi iioiofi penfieri «ffuido undtvAj 
E U ngion ^1 itvio Cuu ancslU 
In prc4a « quel TaranAO U lafcuva» 
fiDtcb «ella Cut fttiisa «na Doazella, 
Oiceado^ cke di fuor Duriti Ijea ftam^ 
. Or éiW IfoU ferina a lei aiaalatoi 
B che l*AVXcbbe volenfiwr parlato^ 
SI 
SOtfa 11 Valletto, i^i «h*<Abe liccasai 
£ dairafl^ono fianco e dal canmin0 
^Ua fteina fatta riverenza, 
Ck^ altro colpo teaièa del fiio deftui*^ 
Che della FisU» 1* f ìi pianu ab{enza| 
Una lettra le die dinieflb « citino 
Palla Figliuola afflitu a Sventurata « 
B dal fuo flauto ancor iparfa «macdiialb 
«t 
C»»^lit la 1«ttra io man, trme 1* aoion^ 
eh* ogni madre amorofa a' figlia poru^ 
A figluL degna di xotanto onore , 
Le lùrime deiralma in ùi la )porU^ 
Che^ prevede, fe'l fovran Motof» 
Mon ha di lei pietà, oè la cooforte.^ 
<2tt»l€ha gran colpo di Fortuna inttlhif 
E la vcvgofM del Re jnanifefta. 
«I , 
Col volto «oUt, é con U man trtOMOlo 
]# iconfotau Donna «pie la carta* 
Cubito agli occhi <à le moftra avanu 
11 pianto, onde Tavea b^snata e fpartal 
Tal che legger non pub ( laft ) s' avanfto 
non opra^ «he ^uel duci dm lei fi parta» 
Che la lega la lingua, e. gli occhi volo 
Sì I «h*^ aoto le y aftoodc o oda. 



dby Google 



CTTANTCStMOSISTa. ip% 

là If ttcftt dice Va : t|u Reint « 
Di qucfta Dooas n* Sigaon^ e Madre» 
Poi che Fortusa mi U andar upma » 
E roftinau crudeltà del Padre « 
Noa fo chi/ollciicr quella mefckiiia 
Dopo canee fcQ^iate oCcure ed adre 
Notti scabbia potuto un fiorilo in vite; 
Me in coti iounenfo duol donadf aitt* 

ts 

Bla non conunu la mia dura font 
Delk mina mìa» di tanto a&nnOf 
Perchè «ofa non fia , che mi conibrtef 
Aggiunto ha male a male » e danno a daoMi; 
Cfi avendo il mio martir g ravofo e foitn 
Quelli molfi a pietà » eh' udito ThasnOt 
Venner per liberarmi ardici e fieri 
Di qucft'IfoU ferma i Cavalieri | 
né 

Che daifdo morte a*mileri Romeni « 
£ aggiogando quella grofia arnutSt 
A toraa tratta m' han delle lor «MAit 
K me centra mia voglia liberau: 
E con onielu oneAà» con molto umaai 
€>A6Ì al bnen voler qui riferbata 
Del 9iie Padre ^ e Signor ; (e perb la 
.Gocdfglio ift lui della mUcria mia. 

»? 
S perchè per trattar concordia e pace 
Seco manderan tofto duo. Baroni 9 
Che la mia caufa con amor venct 
Difenderanno, e valide ragioni; 
8e*l doro cfiglio mio punto vi rpiace» 
Madre , vi prego , che coi (aggi e buoni 
VoUri coniali lui ver me accendiate 
Pelle fMtma» dekiu picteu • 

Pre- 



ci by Google 



t%% e A W T O 

Fre^relO) che voglia rimirtre 
Fiè ch'aironor 4el mondo intqna-e rio. 
Che, qiiafi «n breve di, fiiol tramonure, 
Di non offender U Giuftixia, e Dio; 
E che aoa ponga t rifcliio d'abbaiTare 
La («a grandezza per na ftto defio: 
Cii*eglt fa ben, fé con ragion mi doglio | 
E s*a torto ei mi dà tanto cordoglio. 

Come Brifeana ebbo U kttra lotta « 
Che non parta a Durino ordine dona 
Senla coainrìato, ch'alia f«a dilettn 

«i Figlia vorria mandar rifpolèa buona: 
Foi « ehiamare il Re con molla fretta ' • 
Mtnda , che della guerra pur ragiona > 
Col favìo Grumedano, e con Arbamo^ 
Il qual v^fo ver lei pretto le piante • 

Come i! «ede v«fftr dolente e meda « 
Ella a pie gli fi gitta inginocchione , 
C^ tanto piirnto, che ptetate dcfta 
Avrebbe in un Creonte , in un NeroM j 
E gli diffè : Signor loggcte quella 
Carta di vollra Figlia, e compafSona • 
Di. me abbiato, e della fventarata^ 
Senxa fua calpa (oimè)da voi Ccaaciata* 

lit mifcra Mogliéra alca éà ttrra 

Il Re oftinato, e quel la letira piglia s 
E poi che r ha , per por fatterra 
11 fuo dolor podTente é meraviglia. 
Che manderan {ài dille ) in Inghilterra ' 
Duo Cavalier vi fcn^re^ vaftra Figlia ^ 
Effer potrebbe rambafciata tale. 
Che nafcetia fra poi paoci immortale* <* 

Ma 



dby Google 



OTTANTESlMOSeSTO . if^ 

J» 
Uà (t ttl non Cirà, fiate contcDU, 
eh' io ponga a rifcbio quella frale irìta , 
Fercbè la gloria mia non refti fpenta , 
Che ftata m'è^ quant'eiTer dee, gradita: 
Fofcia la prega, che dolor non feoca 
Si ciòy.cV ordiaft Dio con l'infinita 
Sua previdenza ; e che *n pace fopportt 
DelU Fortuna rea l' ofiefe e i torti • 

II 

Se M ritorna poi tutto peafofo 
Di orgoglio il core, e di difdegno enfiato^ 
Sicckè non pub trovar paco, o ripofo, 
7in che non ha l' ingiurie vendicato. 
. Ba quefto verme lacerato e rofo , 
Che gli ftà notte e di mai Tempre a Iato , 
t' apparecchia di far quella vendetta , 
Gk' a si grand' onu , a si gran Re s' afpetta. 

34 

Benché alla guerra reggia effcr difpoiU 
Bel %e Brifenna l'indurau mente; 
E che di que' Ouerrier tal la propofta 
Sarà ,che n lui faran l'ira più ardente ; 
Manda in dietro Durin con la rifpofta 
Ad Oriana niifera e dolente, ^ 
Con poca fpene d'emendare il danno , 
E con piccini conforto a tant'affinao, 

C la manda a pregar, che eon conftantt 
Animo e degno della fua grandezza ^ - 
Bel maligno dcilin ring\nrìe unte 
Sopportar voglia , e f empia Tua durezza^ 
E ohe delfonefià It leg^i fante 
Servio iccome alla fua grand* altezza 
Fifi fi conviea , perchè '1 pregio maggiore 
E' della Donna il confo r ver ^ onore v 
T0m. JK i Miw 



dby Google 



194 CANTO 

Mirinda intanto fu] nemico, legnò 
Aimala di valor d'un falto baiza; 
E col fuo brando pien d' ira e di fdegn« 
Qualia canaglia vii preme ed incalza.» 
Non lafcia la faetta^ ove dà, fegno. 
Come quefta , qualor la fpada ella alza ; 
Già n'ha diftefi quattro » o cinque in tkrra. 
Ch'altrui non faran ^iù danno , né guerra • 

17 ^ 
2^ turba prima. p'*onta a farle oltraggio 
Già comincia a ritrarfi a poco a pcco^ 
Fatto dei fuo furore avendo il (aggio ^ 
Che fa di lor* come di ftoppa foco. 
Il Caplun, ch'era uom d'alto coraggio. 
Gli eforta e prega ^ egli rinforza un poco; 
£ mena col fuo ferro un colpo crudo. 
Che poco meo /che non Tapri lo fciMO* 
38 
Tigre, che 'n mezzo d'un armento fvena' 
Con V unghie acute or quello toro , or quello; 
Sembra Mirinda, cui pietà non frena: 
O come in mezzo a greggia un Leoncello* 
Un colpo al Capitan ful^ capo mena , 
Che ricopria di ferro un gran cappello ; 
S con quel folo uccife il Barba»flòro ^ 
£ la fpeme con lui di tutti loro. 
59 
I Marinari, che tremanti e.fmocti 
Erah infin allor (lati a vedere 
11 ior Campioni della vittoria accorti 
Incominciaro a far il Ior devece* 
Ma la Guerriera già tanti n'ha morti,. 
Che gli altri ad alta voce miferere 
Cridan con giunte mani , e' nginocchiati 
QHfti peccatoli m Chiefa » t pia beati. 

fili» 



dby Google 



aTTANTeSIMOSESTO. 19% 

40 ^ 

Ella con la pietà »ch'al Vincitore 
Ben fi conviene, lor diede la vita; 
E quella preda di molto valore 
Con la ricchezza lor, eh* èira infinita , 
Al fuo Nocchier donò, fol dell'onore 
Coatenu ; e dUver fatto a Dio gradita^ 
Opera , e Tanta ,' liberando quelU 9 
Ch'erano al remo afflitti e mefchinelii* 

4« 
Mei legno, che pur dianzi aveàno p^fo» 
Trov^ legato ilpover Gandalino; 
Cui, perchè con' valor s'era difefo, 
E menato le man da Paladino, 
Avea pofto di ferro un grave pefo 
A' piedi quel fpieuto malandrino : 
Subito grida , che sferrar fi faccia ; 
E sferraio che fu, ilrètto l'abbraccia* 

4» 
Stupido Gandalin dell' atto refta , 
Non |>CB del fuo timore ancor rifortoj 
Ma come l'elmo fi cavb di ufta, 
E vide il crine in bionda treccia attorto^ 
A lei s'inchina, e fa mirabil fefia. 
Come chi giunto è da tempii fta in porlo » 
Dicendole : Signora io ben fapea, 
Cbe d'aknmde venir non mi potaa 

4S 
Tanto ben ,clie da voi; da voi, che feto . 
Di quel fan|ue felice e gloriofo. 
Che i Moftn orrendi , come T erba mieta | 
E nemica dell'ozio e del ripofo 
Tanti raggi d' onor già fparii avete , 
eh' ove 'i Sol mira , e bagna il mar fpamofo^ 
Voi nverifce , e 'nchina ogni perfona , 
S de'frtg» naggior vi k corona. 



dby Google 



T9< e A W T.O 

Voi novella le di, <f« lei pregato « 

Be^fuoi Gernianri enarra a parte a parltf 
]>cUa Princefla il miferabil ftato, 
Mercè delf empio fu^ padre Lifuarte-^ 
S che ^r tal eagìiine avea maodat» 
Amadtgi metraggi in ogni parte 
A dimandar foceorfo ad ogni amico y 
Per r orgoglio abbaflar del Tuo nemico' «^ 

Mentri <be lo Scudier gli narra il tutto. 
Che bifognb^ buon fpaiio a raccontare i 
11 vtaffi fpinge fu l'ondofo fiutto 
La nave per queir onde nfa m folcarc ; 
Ella difpofta di veder del tatto. 
Prima che'l fuo Frate 1 vada a trovare », 
Il caro Gcnitor ,~ priega il Nocchiero, 
Che. faccia andare il pin fcioltocleggifli«# 

2.* altro nattin coi rti del Sol priiAlerì 
Per la foce di Sena io porto eatraro*» 
Ove fatto sbaroir t lor deftrieri • 
'Verfo Parigi a gran giornate andaro : 
K nel cammino incontrar duo Guerrieri » 
1; co» gran cortefia gli (aiuterò i 
Da cui detto lor fu, che Perìone 
.Di ftar dolentt avea giufta cagioar. 
47 

Perocch*UB Cavalier polTente e Ibrte^ 
O da Tenaglia , o da riraoto lido , 
Venuto Mrtyvaaieate era alla corte, 
11 qual bramofo d'onorato grido 
Difefo avea , fensa temer di morto « 
,Ch* Amante più di lui leale e ido 
Won era; e ch'abbattuti con la laam 
, Ave* i più chiari PaUdin di Pnacto # 

■e- 



jiti^dby Google 



OTTANTESIMOSBSTO. 197 

Eccetto Galaor, ch'infcrmo giace 
Sono pid mefi già piiTati in letto : 
Di che dar Perion non fi può pace; 
E fra due di finifce il tempo eletto, 
E da l4ii dato al CavAlier pugnace ; 
Tal che , per non lafciar, farà coftrctto 
Tanti (cudi portar de' Tuoi in Tctfaglia, 
Secretamcnte far fcco battaglia. 
A9 

Come ciò intefe la geolil Guerriera , 
Cui fol defio d*onor fprona a commove; 
Vaga già fatta di moftrar, qual era 
n fuo valor, con manifef^e provo 
AI caro Genitor ; penfa la fera 
Sconofcìuta albercar, fé non pu^ altrove, 
Ke Wehi di Parigi a quaUbe oftiero. 
Sin che'l Sol («aldi il bel «oftroemifpero. 

B prega Gaodalin, chUl Re non dia 
Della venuta fua novella certa; 
Sia che non. moftra nella pugna ria. 
Se d'èffcr figlia di tal Padre marta; 
Pofcia nel lafcia andare alla fua via , 
S l'irta chioma d*oro ricoperta, 
Entr2^ nell'oderia del Fiordeligi 
Nel t|QTgo,.onde ù paflà a ian Dionigi* 
|i 

<2uivi incognita diecfc alcun ripoib < 

Al corpo ftanco, air animo atfanoato^ 
Sf pub perb pp(ar un ^or, che rofo i 
Sia da verme, d* Amore empio, e Spietato. 
Ma il Principe Agramor nel bofcoombrofo 
Nella fua prima forma ritornato 
A^ fé mi chiama , perch' io '1 meni , dove 
DuDoftri il fuo valor con chiare prove'. 
1| So 



dby Google 



t^8 CAlKTO ^-v 

$« *^ 

Se VI ricordi , la Fata Montana 1 

Maodò per liberarlo una Donzella 9 
E per tornarlo nella forma umana 
Coi ca -colini , e la corona bella , 
Che coki virtù meravigliofa e ftranà 
Gii tornò r intelletto e la favella, 
^oco da poi che gli fu polla in tefta ; 
B lo feoo fug^r nella forefta. 

5J 

La mirerà Reina innamorata 
Seguir il fece, ed ella anco il feguio , 
Ma nel ctmmin fi ritrovò beffata ^ 
E di gran fpazio (ynge al fuo defio* 
Di che vedova ftette e fconfolata , ^ 
Senza mai il fuo «mor porre in obliò» 
Mentre che viffe , fot con quel figliuolo , 

. Che partorì d| lui, temprando il Suolo • 

Poi cb* ebbe il lorgognon muuto volto , 
E fatto un bel Guerrier di bianco «erro; 
Da quell'odiato carcere dirci-: Ito» 
Ov'era fiato molti mcfi fervo; 
Dietro al dcfio , che come augello MirolM 
I.*ha nel laccio d*Amo^empioeproterTo» 
Prete verfo Bertagna il fuo cammina» 
per trovar di Monuna il bei gìardiat* 

Perb varcando terre, e mar folcando ; 
Mutati fpeCo e cavalli e navtgi ,* 
E per tutto, ove va, molti lafciand* 
Impreii del fuo onor chiari vefiìgi i 
Poiché fu gito lungamente errando , 
Dov' era Perion , giunfe e Parigi , 
E moffo da leggiadro e bel penfiero , 
Coei • ^ir g|li mandò per un Scudiero . 

Cfh* 



dby Google 



OTl^pSrrBSlIfOSESTO. 19^ 

55 
Ch^egli «r» an Cavalier di pMo grido. 
Ma si «tgo à* osor , oh' «idav« ih prova ^ 
Per merc«r gloria a oacilo té a quel lido. 
Dalla vtrtttte altrui facendo ^rova » 
E che combactcria , cte né piìl^ fido 9^ 
Né più Ical Amiiitt oggi ù trova 
Di lui , iiccome al Venturiero aggrada , 
O con altr^armi, ov/er con lancia e fpada* 

57 
E che del Vincttor coroig^a e pregio 
Sol Tacqui^ato onor fora, e del vitto 
Il duro feudo y che d'intorno al fregio 
Di fua mano abbia il proprio nome fcritto; 
Il quaf farebbe quali un privilegio 
Della Aia gloria e del valore invitto; 
E che difenderebbe il campo un mefe 
Gontra ogni «ftemo, o Cavalier franctfe» 

5* 
Parve al Re Perion gentil querela. 
Ed ei guerrier di molta gloria degno t^ 
E perchè dì veder vago era de la 
Sua gran virtute alcun paiefe fegno; 
Se ben el bel d«fio chiaro rivela , 
eh* efler non pofla Cavaliero indegno » 
Ne fu contento, e del real palagio 
Oifirir gli fece ogni comodo ed agto« 

Non accettb T invito irCiovenetto, 
Che d' incognito ftare avea defio. 
Sin «he noftrato con l' audace petto 
Aveife il foo valore ai Re fuo Zio; 
e paflat* era del termine eletto 
Vent*otto giorni I e pagar fatto il fio 
A molti Cavalier s'avea già, quando 
Mìrifidn «pptrve crmata «iaaciaebrabda, 
1 4 Oan- 



dby Google 



loe e A N T O 

GandtHii gtimtd all' onerata 

Di Perion, tanto aiagisior piaMre '^ 

Gii die 9 ^UAAt^era minor la fptraax» 
Del fao caro Pigliaci di nova avtrts 
L# cai ti lunga e dura lontananxo 
Un amiM volea gli facta litro 
D> tema e di martir; end* egli rpel^ 
Speflo andar i vedea gravo e dimeib-* 
et 
Intefo eh* ebbe il cafo d'Orienr^ 
£ 1^' oftiflizion del Ro Lifuirte; 
Perchè gli par la cofa acerba e Urantt. 
elicla U dir di novo a parte a parte; 
Poi gli comanda, eh' a pcrfooa amano 
Kon voglia far di coul nova parto ; 
Acciocché Galaor poi non l' intenda ^ 
E fovercbio dolor di oib^ non prenda; 

Che nel letto giacca con fehre ardente, 
PiìH meli eran pafTati , in gran periglio t 
E per conforto dare all'egra mente. 
Con q,uefta nova dall'infermo Pi|lio 
IbCandollo, ove giacca, lieto o ndentt,. 
Sicché ne ferenh Tubito il oigiìo ; 
Gli avviafe i4 collo co» ambe lo braocla^ 
E par gran tenerezza il baciò in faccia, 

Dicendo: o Gandalin fido o leale. 

Deh dimmi , dov'è '1 tuo e. mio Signore ^ 
Dona ^ueft^nn conforto ìa tanto malo 
Al mio dolente e tormentato coro* 
Ed egli o lui : poick*alticr' e immortnl» 
Egli tomV da coti lungo errori. 
Sta neiriCoIa ferma, e me mandato» 
Ha per nove fapcr del voftro Anto ì. 



dby Google 



OTTANTESIMOSBSTO. aci 

^^ 
rtt cooCbUr U Genitrice mefte. 

La Suora, e'i Padre con la Aia venuta. 

L'infermo t quel parlar sbalza, efidcfta; 

£*1 vifo fmorto raÀrena e muta; 

X verfa 1* «negrezza manifefta ^ 

• Fuora dagli occki s), che fu veduta* 

Ila fon cniimato Cavalieri ornai 

A ripofar, fere' ho canuto aiti* 



li firn é€ÌfH$aMtfimtfiJU CmKt9. 




\ - 



Il CàH. 



dby Google 



^•1 • 

e A N T O 

OTTANTESIMOSETTIMO . 

Io fento un augellìn, che fi rallegf» 
Col dolce canto fuo del ^o\ nafcentes 
Veggio la notte fonlìacchiofa e pegra 
Fuggir dal chiaro lume d'Oriente; 
Ed ogni cofa dianzi ofcura e negr» 
Farfi di bei color vaga e lucente; 
Però gli è tempo , che col novo die 
A feguir torni le fatiche mie. 
% 
Prepara ti Ag'ramoro a una contefa 
Più di quante n' hai fatte afpra e moleftt ; 
Che di dfefio d'onór Mìrinda accefa. 
Con quel furor , che '1 mar fuol la tempeftft ^ 
Vien' afTalirti , a farti onta ed ofiTefa, 
Ed ha già il brando al fianco , e IVlmo intcfU; 
Ch'io vo' tornar frattanto , ove lafciai 
11 grand' Ifpano , eh' è ben tempo ornai* 

Sol un deftrìer inancava al fuo defire 

Di porta r^deli'rk^sl onorato pefo; 
'> Già aveva pè^T ^ttierfi indi partire 
t;.]n man del fuo ^deftrìer il freno prefo ; 
Oliando un fiero cavai fent) annitrii* 
^i pelò fauro, e di carbone accefo; * 
Con una lifta bianca «ella fronte ; 
•cu fotto, e con le membra agili e praote* 

Subi- 



dby Google 



OTTANTESIMOS&TTIMO* tof 

Su1>ito il fa $f egire , e falu in (etlt 
Ricca di gioie, e d'ppr* eletta e rara; 
B *i volge' deftro a quella mano, a quelfa; 
Ijo fprona al coffo, e per lo d ritto il para s 
Tigre non va cosi veloce e fnella 
Per ricovrir la fua famiglia cara ; 
I^eggiero era alU man, prefto allo fproncj 
Forte e gagliardo ad ogni paragone* 

Va al fao cammino il gloriofo dnce 
Di tal deftrier contento, ed armadura. 
Che dii raggi del Sol percoff» luce 
Si, che ne fplende intorno la verdura ^ 
Per quel dritto fentier, che fuor V addaci 
Del bofco ombrofo, ognor ponendo cura 
A ciafcnn paiTo, (e fcorge la gnida 
A Ini promelfa sì fecura « fida. 
6 

Quinto pii) avanti paffa il Faladìno, 
Più vc4e ermo « deferto il tcnitoro ; 
Un'elee antica, annofo faggio e pino 
Trova in vece d*iin mirto, -e d*un aller»: 
Allor più bianca aflai , ch^iin armellino ^ 
ScorTc la cerva con le corna d'oro ^ 
€èe*l venRC ad incontrar lieta « fiB^oTA^ 
Cooie voleCe dirgli alcuna cof». 

7 
Con la fua fidi fcorta il Caira)ie.ro 
Camminò, fin che*n mare il Sol s^afcol«« 
Cià fi faceva il cielo ombrofo t nero i 
E nafcondeva le terrene cofe ; 
Quando poco trovar fuor del fe«tìero 
Un picciol ftai^n» con le fpondcerbofc | 
Ed un caftel delizìofo e vago. 
Ove Albergava la Dama dei Um« 

lé Pct 



* Digitizedby Google 



204 CANTO 

8 
Per la virtd dcU* occhio egli Io fcorftf. 
Polente jrdiicoprir tutti ^l'iacaati » 
La bella cerva dal canimin fi torfe» ^ 
E ver la porta gli andò Tempre avaatu 
La Maga lieta ad incontrarlo- corfe 
Con molte Dimigeile, e lumi tanti^ ^ 
Che '1 Ciel ne rifpiendeva ; e si I* accoifir » 
Ch'ei di Toverchia cortefia fi dolfc. 

9 

61à molti giorni la ìlfaga prudente 
Saputo aveva^ della fua venuta 
Col Cenno; onde da lei vifibilmente 
Ogni futura cofa è preveduta; 
Ed in ferma di cerva avea fovea te 
Per incontrarlo la Donzella aftuta 
Mandata, eh* a condurlo ivi fu fcorle| 
Me mai l'abbandonò fin alla porta* 

Fu difarmato dalle Damigelle, 
Da Mor prim'anni a fimìl opre nfate; 
E fcoperce le membra agili e fnelle^ 
Che natura adornò d'ogni beliate ^ 
Tanti Amor avventò ftrali e facclle 
Da! fuo bel vifo e dalle luci amate , 
Che non è dura cor, che punto il miii^ 
Che non s' intenerifca y e non fofplri* 
li 
Lucina l' accaresza , e si l'onori. 

Come fé lo (Te in terra apparfo un Dia» 
, CM ^0 ^* c^l^y c^ venuta è Torà, 
i Cb appagar debbe il lungo fuo deio: 
dubito un meCaggier manda alla Suor» 
Con. la barchetta per quel picciol ri«i 
Acciocché venga ad onorar t^m' , 
Che dee por ìÌm a tenti aianni|foi . 



dbyGoògle 



•TTAlHTISIìCMCTTIIììO. tft| 

forfè dal l«rt» eoa T Aurora a paro, 
di* un picciol fpazio un anno le parta | 
£ si tofto s* arno ^ che benché chiara 
11 dì fofle, anco il Sol non fi vedeva* 
Ambedue le Sorelle il falutaro 
Con quella cortefit , che fi doveaf 
E gir voiilrr con lui per fargli onore» 
£ la prova veder dei Tuo valore, 

«J 
Teatva 1 occhio il Cavaliero.la mano, 
eh* ogo' ombra fcaccia di magico ingaoMi 
Sicché vede la felva di lontano. 
Ove pia d'un Baron piange il Tuo danno: 
C feote di lamenti un grido firano. 
Che le mcrchine e prefe g€aù fanno 
Lh tormeocace con diverfe pene, 
£*1 gran romor di ceppi, e di catene* 

«4 
Froprxo all'entrata delU felva fiera 
Di parlo marmo d*ogn' intorno fcolto 
S'aliava un ricco e gran pilaftro , ov* tm 
In villa orrendo e fpaventoib molto 
Più, eh' Aletto, Tìfifone, e Megera 
Il crudo Oronte, il ^u^ì in fu rivolto» 
Vibrando con la deftra il duro telo. 
Parca che guerra far voleffe al Cielo* 

IS 
Stava all'incontro fovra una colonna 
Una tatua, che 'n mano avea unatrombaf 
Grand* è di corpo, e volto ave di Donna; 
Al cui fuono quel Ciel tutto rimbombai 
La qual non ricoprìa velo, né gonna; 
Bfa come ufcita d'una ofcura tomba. 
Ogni animo mortai turba e contrifia, 
E U fgo^cBta «OH U fiera ?iAa . 

*€os» 



dby Google 



fi CAUTO 

Come if vide venir , fi pone t boces 
Quel niintcciofo orribile inftromenlo S 
Onde sì fiero fuon per l' aria fcocca ^ 
Ch'empie la terra e'ICiel d'alto fpaveiitoS 
Il gran Campione, n cui la puj^na tocca, 
Rinforza il core invitto e l' ardimento | 
Ma la Dama del la^o , e la Sorella 
Tinfeio di pallor U faccia bella» 

■7 
17 elmo fi pone i! Cavalier felice H 
E con la lancia inmanflofcudoàlbriccio. 
Va nella felva, dove a nefCìxa lice, ^ 
Senza trovar di ftrani incanti impaccio: 
Ahi folle InCahtator, ahi infelice ^ 
Ecco colui, che te fafà di ghiaccio; 
Ecco di Dio fovra di te la fpada. 
Perche la grande cu^ fuperbu cada. 
i8 
Otto gran torri area la felva ofcnra» 
£d alte ed ampie a guifa d^un caft^Io^ 
Sparfe d' intorno per àu Ha pianura. 
Dove il terreno era più vjgo e bello» 
Ciafcuna d'éflV avet la fua ventura, 
^Per tormento del mondo , e per fiagellés 
Ciafcuna d'effe una prigioa avea. 
Ove il crudele i miferi affiiggea* 

Ed oi;nl fello di coti gr&n tormenti 
Ad una delle torri, a cui toccava. 
Ne faceva morir quindici, o venti, 

-:* Ed ei prefente alia tragedia ftwa: 
E per terror delle mal nate genti, 
liorii d'intorno intornò «li attaccava. 
Qua' corpo intiero, e quale orribil bufo, 

1 Coi capi fitti (ovra uo palo edufto. 

Mim 



dby Google 



•TTàNreSIMOSÌTTIMO. uT 

llira nell'occhio per veder U Ènea , ' 
Oadc alla prima torre uom fi conducci 
E dice a Saliher, che feco vada 
Con ratt|eliiA, che xcmt iin Sol rifuce* 
Non voglion ftar l^due' Sorelle a bada» 
Vaghe ambe di vccSt del magno Duce 
L* inclite, ecce*re, e ibpra umane prove | 
Certe di non poter vederle altrove. 
ti 

Tetti di conpegnia nel bòfco entrato^ 
Che rimaner a diètro alcun non volfel 
Udiron da vicino il pianto amaro 
De* miferi , di che ciafcon fi dolfe : 
Scoprir la torre , ehe eoi Ciclo a paro 
8' alzava f dove il |ran Cftmpien fi volfe; 
Ma pria prego JLocina e la Sorella , 

Che non ftieoo a mirar la pugna felle* 

i^ode con lor ogni fuo priego in ven0 9 
SI van fecure fatto alla f^a fcorta: 
Cene alta torre far poco lontano , 
Scorirer la pompa della gente morte» 
O fpettacolo atroce ed inumano ! 
Ve^iono in quella ufcir fuor della jpoftftì 
Sovra un deftriero un Cavaliero armai» 
Con un repace o gran Leone e lato. 

U quel Oliate con continua ufanza 
Avvecto aveva e quella auffa fiera; 
Von perde il core invitto la fperanze 
Mia vittoria per la cruda fiera . 
Sprona il fuo ^ran corficro , e della lente 
Orìrza V acuto ferra alla vtfiera ; 
Id ebbe si feconda e deftra forte , 
Che con quel colpo Ibi gli die le morte. 

Per* 



dby Google 



!•% CANTO ^ 

»4 

Perck* altrUiMitt poruva periglio» 
Per quella Mva TDaventofa e ftrtM^ 
Che co' denti mordaci, e coli* artiglio 
Difendea 1' «om ^ come perfona umana s 
Salta per dargli il fier Leon di piglio; 
Ma'l deftrxer eoo iii falto s'allontana S 
Ei. di si buon cavai gclofo Catto 
Scende fui terrea fo^o agile e ratto. 

»5 

Poflente era il Leon, leggiero » t deliro t 
£ ferir ufo iflfi<:me , ufo a ritrarfi ; 
fi*n quefta pugna così buon maelho^. 
Che tutti del Guerrier fa. i colpi fcarfi; 
S'avventa con le branche ai braccio deftrtf 
Ma non potè 1' ungbion bene aggrappar! j 
Ch'avendo! forfè all'impròvifo colto 
Gli avria di man per forza il brando tolto* 
16 

Rufge il feroce, « fi percuote pieno 
D'ira e di rabbia con la coda il dorfo: 
FI Gridante più predo, che baleno , 
Cerca di porre a tanta furia il morfo. 
Mena la* fpada, ma noi- coglie a pieno ^ 

^ Tanto la belva era leggèra al corfoj 
K si prefta a fcrir, prefta a fuggire» 
Onde di rabbia fi (enti morire. 

»7 
Bi novo r animai fiero s* avventa , 
£ gli afferra condenti il groflo fcudoff 
Ma mentre a fé di trarlo a forse tenia ^ 
Ond*ei ne refti difarmato e nudo, 
il Guerrier forte , in cui non era fpenta 
La virtù ufata, col fuo brando crudo 
L'orrenda tefta gli levb dal collo; 
£ cosi il tem die i' ultimo crollo . 



dby Google 



OTTAtnmiUMBTTIliO. t# 

Imito quii duello copio t fmifio 
Con gran DÌMor della fua co«pagnUf 
Salta fui (ho corfier leggiero e preftOf 
14 alla tono fubito •* invia: 
La tromba con un fuon Insubre e oieto 
Il fcgno dà della lor forte ria: 
Il iTorriero trovar con venti armati « 
Ed a novella xuia appareeckiati • 

*9 
Entra nel mezxo della vii canaglia 
Con la fP'da, e* ha fcco ognor la morte; 
Non si divora foco arida paglia. 
Come quefti il Barone ardito e forte* 
Poco durò fra lor Tempia battaglia. 
Che déto a molti d'cflì avendo morte, 
Chiefer gli altri mercede; e'I Caftella«*- 
Gli die le chiavi della torre in mano. 

so 

Liddove trovb gemme, argento, ed oro; 
E gran qu^ncitid' arme e di deftrieri« 
Che era ogni torre piena di teforo 
Tolto per forza a* miCeri Guerrieri | 
Dove trovò per forte anco Alidoro 
In compagnia di molti Cavalieri , 
Che per timor, che di Mirinda avea^ 
Il fua fiero deftin fempre piangea. 
5« 

Tofto che M vede il gran Campton « V abbraceiiil 
E fi duol feeo della fua fciagnva: 
Poi prega qae* Baron , che lor non fpìacetn 
Di quella torre tanto aver la cura, . 
eh* egli al fno defiderio foddisfaceia « 
E doni ine ad ogni altra ventura : 
Ed Alidor, come le Maghe vede. 
Move ver lor con gran letizia il piede . 



dby Google 



ct^o e A W T o 

' B pien d'oneftò amor » d'obltgo nato 

Neii'aninio coftefe, or quella , or quella 
Abbraccia » ftrifij^ j e quel pelago irato 9 
Che facea del timor si grtn tempefta 
Nel core ardentemente innamorato, 
Acqueta s), che più non io molefta 
Da poi ch'tidì, cbe con U loro aita, 
Mirinda alrea Tonor falvo e la viu« 

Qjtindi detrarrne fue li vefte, e piglia 
Il fuo Biondel , che gli ferbò Luciaa , 
A cui ba fatto porre e fella e briglia. 
Perchè eoa Floridante ir fi deftina ; 
Il qual , mentre con l! occhio fi configlig 
Del fiero Oronte all'ultima mina; 
Sente un ftrepito tei di tuoni e lampi. 
Che par che lutto il mondo arda ed avf ampi • 

34 
Vede dal Clet grandine folta e grofla 
Cader fofpinta da rabbiofi venti , 
Con uno impeto ul, con tanta poÉTa, 
Che n*ebber tema tutti gli elementi. 
L'arboro antico, che n'ebbe una fcoila^ 
Fiaofe i fuoi primi onor caduti e fpeoti^ 
Pofcia un orror velar turbido e fcuro 
L'acre, ch'or ora era fereno t puro* 

Chi non ebbe di cib tcma^ o foa vento. 
Di ferro certo ebb', o di faflo il core; 
U Ciel cosi s'afcofe in un momento. 
Ch'ogni cofa perde forma e colore. 
Ma perchè a raccontar fon tanto inteat» 
O gran Principe Ifpino il tao valore , 
ChMo laifi la Guerriera ardita e beli* 
Apparecchiata Mm battaglia léllif 



dby Google 



OTTAffr^SmÓSETTlVO. &n 

Amata it petto .dì .valore , é d*trnii 
Coperta ìi vifo ; la cui j;ran bel cade 
Arde» i fiumi, e fpezzerebbe i mami» 
Al canpo andò per mezzo la Cìttadc* 
La leggiadria degna di colti carmi 
Correr faceva per tutte le flrade 
Il popoi a vtder un Cavaliero 
Più bei , che cavalcale unqua deftrlero • 

57 
(entro la porta del fuo padiglione 
Dello (leccato dall' un lato tefo. 
Sedeva armato ti vincitor Campione i 
A rimirar, s' alcun veniva, intefo» 
Come vide venir tei, eh' un darone 
Sembrava, Telmo dagli Scudier prefo» 
S'armb la tefta, e colta un'afta groiEk 
Per provaria le die più d' una fcofTa • 

' 37 

Entra nel campo la bella Guerriera 
Con gran f^vor del cielo e delle genti ; 
Si perfooa alu, e si dif|p»fta eli' era. 
Ch'erano in mirar lei mili' occhi intenti ; 
Sprona il deftriero, t con gencil manier% 
Là dove vede il Re f» i più eccellenti 
Bafon del regno Ilare , a lui s* inchina , 
Ed altretuato fece alla Reina: 

Alla Sorella mneor fa nv'ereoza , 
Che molto ad Amadigi s'a$migUa| 
E come Cavalter d'efperienza 
Un'afta vérde e noderofa piglia» 
La cromba in tanto lor diede iiceosa , 
Talché con un furor, che meraviglia 
A ciafcun porge , ad inconcrar s' andomo ^ 
S fer CttCU trcmtr la terra intorno. 

Ogni 



dby Google 



kift CANTO 

40 
•gni luieia trt miTa « « P*^*» * ^*^ » 
Ma non reflc de* colpi alla ttmptfta; 
Che 'n molti febeggie andò per l'aria pvra « 
Facendo a^Cavalier piegar la tefta. 
Il Re, che fino allora ebbe paura « 
Novella fpeme nel Tuo petto defta: 
Piglian d accordo nove e fode lance. 
Per provar di virtù chi l'altro ararne * 

4' 
Lo fdegno accrebbe in lor forza e vigore» 
Tal che non refler ti colpo fecondo: 
Cadde il deilrier di quel Guerrierd* onore, 
E portò feco T onorato pondo; 
L'altra fi riverfciò del corridore 
Fin fu le groppe; talché tenne il mondo, 
eh* anco cadefTe ,- ma pur fi ritenne , 
E dopo breve fpazio in fc rivenne. 

4» 
Reftò del coI]fo fiupefatto oinuno, 
Eje dier di valore i pregi e*l vanto; 
E r onorato Re più di ciafcuno. 
Che vifio ha del caduto il valor tanto; 
Ella, ch'aver non vuol Vantaggio alcuno. 
Che minor faccia la fua gloria afquanto. 
Fon la mitn fu l'arcione, è defira e focUa 
Senza fiaffa adoprar falta di fella* 

45 
Avendofi il cava^tolto dai.doflb. 
Il fuo forte Avverfarlò era già fortp; 
E d'ira a un tempo, a di vergogna rofib 
Giva per vendicar V oltraggio e'i torto , 
Con Qtiel furor , che fuol fir gran molo& , 
Ch'ufcir il porco della felva oa fcorto. 
Che l'ha piagato, per farne vendetta^ 
M* it ftrada al dello gli fu interdetta • 

Ch'eK 



dby Google 



•TTANTESlMO^ETTrMO . 1 1| 

4,4 

di' ella col orando in man le^^gtera TalU , 
E gK «eoa alia vifta una boccata ; 
Ia ^ual s'un pocoliao era pia alta, 
Fer mezzo gli occhi fi facea* l' entrati : 
Me egli lei eoa minor furia aCalta , 
Seadogli fenzà onor la vita ingrata; 
Le cave tempie le percuote, e falU 
La tetta dccainar vtrfo le fpalU. 

Defidcrio d* onor d' entrambi accende » 
Come mantici il foco , il core ardita» 
Ogni lor brando fi divaUa e fcende , 
B la fcona apre del ferro polito: 
Ciafcmi di loro al fuo vantaggio attende» 
£ tiea col pie la mano e T occhio unito. 
Miranda, dove por pofla li fp;(da 
Si, th*a pftCar per entro il corpo vada* 
4< 

ICeatrc fama Mirinda acquiita e grido. 
Ed al gran Padre moltra il fuo valore; 

I mandati Orator giunfcro al lido , 

O v'era il Re Britanno, al terzo albore: 
A lui «andar un Scudìer faggio e fido. 
Ber non cader in non penfato errore , 
Sella venuta loro a fargli motto , 
E impetrar da lui faivo condotto. 
47 
E poi^Kè ben fpedho ci fu tornato , 
Prefero il talle di riccb^arme altieri. 
TvavaKa il Ee , eh* avea già dcfiaaio 
la compagnia di molti Cavalieri ; 

II filai celando dentro il cor turbato, 
Cartcfemente accolfe ambo i Guerrieri ; 
Uccome Ee far dee prude ose e U^zjo , 
Che d* invitta coftanza arma il coraggio . 

Qui 



dby&TOgle 



tT4 CANTO 

Qai Quidr«|ftnce eoa «Ito fermoDe 
incomiacio : Signore» un Re prudente. 
Come voi fete , dee , fé ben io fprone 
D* alcun difdegno ed tcuto e pungencs 
L'alma gli offende, fenxa pallone , 
Che mover poflTa , od alterar la mente ^ 
Gli Ambafcìadori udir, benché nemici ^ 
Come fé foflcr de* più c#ri amici. 
4f 

Che fc per forte V ambafciata è , quale 
A lui conviene, ed egli più defia» 
Refta contento r animo reale 
D'avetgli uditi èon gran cortcfia; 
Ma fé non è per avventura tale, 
Bce col valor, con la virtù natie 
Dell* «nimofo cor por loro il freno ^ 
Non col parlar di gran fuperbia piene* 
50 

Bd effi denno con gentil crtenze^ 
£ gran rifoetto dire il loro intento ; 
E cib , eh impofto eli h , fenza dottaaxe 
B'aver in cib oioleftia, o impedimento. 
Koi dunque manda il gran Prence di Franse | 
B molti altri Guerrier d' alto ardimento» 
Da voi ben conofciuti , o Re lifuarte ^ 
Via dall' Ifola ferale in qucfte parte* 

S« 
I qual faper vi firn , eh' interne erraade 
Per vicine contrade e per lontane, 
E con molto pericol cercando. 
Per acquiftar onor, venture Arane j 
A mi fere Donzelle aiuto dando , 
Contra genti ferine ed inumane • 
Ch*oltraggian lor; di voftra Figlia udire* 
Le querele dolenti e '1 gran martire* 



dby Google 



OTTANTESIMOSETTIMO. Sif 
51 
S che voi troppo in ciò crudo e fcvevo» 
Qua fi non figlia, ma vi fofle tncelUf 
Intendevate col paterno impero 
DiCeredar la mifera Donzella 
Contra gìuftizia, e d*ogni Configiicr» 
Voftro il parer ; per dar alla Sorella 
Di lei minor d* etate il Regno in dote. 
Che fenza offender Dio far non fi puote* 

Onde del danno Cuo moifi a ptetadc ^ 
Per non lafciax a si gran Dama torto 
Far , ovviando a tanta crudeltade 9 
Quanta non vide mai l*o€ca{b e l'orto^ 
Concorfer tante pellegrine fpade 
Prefte per fuo foccorfo e per conforto» 
Che dalla forza oftil la liberaro ; 
Ed aU*Ifola ferma la menaro* 

S4 
Ove con queV onor , che fi rielnedo 
A Princefla si grande , è riveriu ; 
E come nella fua paterna fede 
Da molte gran Signore anco fervitaj 
Alla cui onefiatc» alla cui fede-^ 
S'appoggia il refrigerio di fua vita; 
Che fempj-e le faran ferve e compagne , 
Sin che- Dio di picute 11 cor vi bagnc». • 

t perchè, il principal noftro defio 
Non fu di far ad altri ingiuria, o danno; 
Ma per (ervir aria giuftizia , a Dio ; 
Quegli incliti Guerrier Caper vi fanno ; 
Che fé unto rigor pofto in oblio, 
Con che voi fate a voi medefmo inganno^ 
Giudice conira voi del veftro errort 
Lei corscrcKc bcI paterno anorc; 

E 



dby Google 



tfttf CANTO 

E richMMitt* ^ftll'cfilio iadegne, 
Ov'cra eteriMfliciite condleniiau; 
Lt UCcierece crede di ^ue! Regn*» 
Bel qaal benigno Ciel l'ka gii dotata; 
Daado di ci^ la voftra fc per pegaa , 
La qual inor è inviolabil fiata, ^ ^ 
Sarete a Dio ftrvìzio, onor a voi, 
Vttlc al taglio voftro, e grazia a sor. 

5T 

B fi d'aver da noi pur pretendete 
Otfefa, o ingiuria alcuna ricevuta; 
Ad altro tempo vi rlferbereie 
A^far, cbe iia da voi licoaofciitca • 
A dar rimedio a quefto or attendete ; 
^jidU querela %% da poi veduta 
Vra noi; né vi devria parer brutto atto 
<2}iello» «he- voi pia volu avete fatto « 

^ì diede al fuo dir 6ne Quadrigantc » 
A cui: o Savalieriy il Re rifpofe» 
S' al valor giflfe la fuperbia avente , 
Da me parole avrefte ingiurìoie; 
Ma il minacciar non è d* uomo preftanCe , 
eh' an li pone al parlare il far le cofe* 
Perb rif ponderò cqa più foffrenza, 
Cke non avelie voi nel dir ticeaza . 
S9 

Voi fatto avete quel , cbe n Gavaliero 
Più & convien fecorìtio il parer voUro^ 
Ma 'molta più arroganza ^ a dir il vera^ 
Cbe valor , in queft' atto avete moftro : 
Cb'aialir quei , che fenza alcun penderò 
]S fofpetto d' altrui quefto mar noftro 
Solcando v^inno , poco onor s'acquifta, 
E pii par forza aperta,. e froda nifta. 



dby Google 



OTTANTStlIMOSETTIIiO* tw 

Stpttt ben, che f^io fo bc0«, o fluile» 
Non è cài giiidic«r il poiTa in terni i 
Fcfcii!ioxaoa obcdite ad iiom laprule. 
Ma f<ii« a Dio, cbt la faperbia aitcm: . 
Bi m*k fvftrior ; «gli ia, fiial« 
Sia qotl voler, die deaero in me i htféf 
Né readtr coato a voi debbo, aè voglio » 
S' ancor (ub fnclfte, cb*eÉirt m foglio, 
^1 . 

Ni cb'avrb tanta oRfa vcodEiftfa ^ i 

Veder oetràii cib, tV avi^t* dltt^dj^V ^ 
E dal rooceffo Atk gtvditafft ' • 
L'opra voUra . e fe^ ftato è l'attd oneflb. 
Volfe le fpalJc con la fiiccia irata 
Senz'altro pia, poi cb'ebbe dotto qiiolto « 
A cui Brian te, non iHiam pi A à bada, 
Cìafcbedun Caccin eib, «be pidgiioggnid»« 

E con ^Ho rif|iofta fi foftiro^ ir > 
Mal fdddlsfatti l'iur4icll' altfo a€a}. 
Ma porohè fpento è intorno U'Itttt» «ite 
Poiché ^ébo raocogtio i foo'Wrai j^ 
E ch'alfa FigHa di Catoini «n jQiro 
lucente di fe fcn It iello . ónal 
E'tonpo di depor la #tfo Aan«a^ 
Ch^« lei il fiion*» o mt It vbft inméà^ 

• > . . i ■ 'X 



dby Google 



C A N T Q 

OTTANTESIMOOTTAVO . 

' Che, carne ymtt» in un» £49^1 fpK» 
. IH fnentc Inferma» «ve ragion non fiai 
Pefte del moikdo ^2 crudele « din ,. 
. . Cftraal forelU delle frcMiefiM ' 

La qatl,fe non h» ken , l' uomo^tcafporti , 
Ov«fdei fuo furor U BBiia.pQtie* 
» 
Quanto me' forii ^o.al Jte LiiÌBft» 

Cotilivr» di raglun^.noccbUio uccortfi» 
r j^nuif il legno del fuo opor^ii^^^irUy 
Che rcorglfle felice ia queto perlai 
L* iridio, vince > e lo ff^ra^ e. diparte 
Dalla prmdenaa^.e per un «ille «ore» ^ 
lx> m^aa a fciafq^ apeno, a gran ruiiw i 
JO PUR kt'.iiicflie mU n^a fia indovuta* 

lAfcianri coftoro an^ al lor cammino « 
Nel qual rttroverln bella ventura, 
Che*n porto, alla Città di Coftantino 
Ha^^f^o'r atisk^tMvftV^ 4%^iMal pkr» 
Maftro Klifeo, al quale il faladioo 
Di Francia invitto avca dmt« la cunt 
Di dimandar al magno Imperadoro 
Soccorfo coBtra ti nemico furore* 



dby Google 



OTTA NTBSmOOTT AVO. alp. 

4 
Subito conoftiuto, ebbe liccns^* 
O* entrare, u'coa U Moglie , e con U Figlia 
Suvt , e condocco alli re«l prefenza 
Da Jor fu accolto con allegre ciglia: 
A cui, umil fatta riverenza , 
La lettra die, che di gran operaviglia 
Gli fu cagion, poi ch'oltre og^i fperanza 
Vide neii^lòndo Amadigi di pranza • 

Letta che l'eUbe tutta; e ritrovato, r 

Che '1 Ca veliero dalla verde /pada , 
CoeJ'aano avanti eri in. (uà xafa iiat0| 
Noto in ogni pendice , qgni contrada , 
Di Franerà Amadigi era, il più pregiate 
Dì guanti cingon brando ,> o calcan ilrada. 
Subito il yifa gli turbò, e la vifta 
L'.aifua 41 aoia j. e di diletto miUa • 

I volto ad E{i(iio^ogli dtCf : molto 
Maftr» di voi mi doglio, e non fo , aome 
Sipendoio^ teiutto abbiate qccolto 
A me di qjiel Guarrier la patria e U nom : 
Ma non ve n'anderate cosi aflòlto 
Forfè di quello voftro fallo» come 
Voi vi pepfate, che ptr non Vipere 
Fatto na' avite in ^rand'cnr^r Ridere.; 

Ck* onorato, io. Và^ni «i^iw^to al «ealc 
Suo .fayigue\ richiede*^ il iuftre. e degno ; 
Ed alla fu8r. virtù., CM feqtza eguale 



Fafla di gloria qgni m«ta« ogni fegao* 
Ed egli a lui : giuro fcr l' immorulo 
Dio . che per falvor noi mori fui leg^ 



Delr alta Crott, ch'io noi fap]^ mai» 
Fin ch'aU'IlbU (ìm non «rnvait 

Ka Ov# 



dby Google 



21(1 CAWTD 

8 

Ove UCciartdo' de! Greco Guerrieri» 
li nome , ch'id ogn*or lodato fii^ 
Si ffe congfcer per quel Cavai iero 
AIU Ducbeflky e T altra com^tgnit. 
Poi dall' IiDperidor pregato, il vew 
Narrar, di qtuiito eg^li av^a vrflo pria ; 
B Topre del Baron ecccife t fare, 
Ckt fatto rhan dagli thrt finguUre* 
9 

Della molta fnperbia de' Romani , 
E ci^yCke cotttra' Greci a-vean parlato^ 
S del valor , cke nei menar le mani 
Incredibile aveva egli raoAratoj 
E come caflrigb 15IÌ itom'ni vani, 
E far lo feudo fno ben vendicato ;^ 
Come Campìont di Grailoda egregia ' 
].?ac<iuiftb fovra le Donidle il pregkr. 
16 

X come utKte avendo le querele 
D'Oriana gentile, é'I torto cfprtflb. 
Che )e faceva il Padre empio e crudele 
Con molti Cavalier, cll*eran con eifo» 
Subito a* ventr fece dar le vele ; 
£ ph*all^oftil armata il giogo meflb; 
m'I Prìncipe Romftt morto e diftrutto^.^ 
Avea le Sonhé^ all^Kola eondiitta. 
>i 

Soggiiinfe poi : Wvrao» f nperaddre , 
Voi , cfafè di Dio sì gran miniff^o feté i 
Alla <eui ttiAtUì- ferirono én<fre 
Tante Provincie, e Cittì r^fcc^e' t lifetr; 
Voi a si giufta eiàfà a dar favore 
Cantra la forza- alr|ftti tenuto (irte ; 
B ^vtV comande ^uel , clie qui v*ba poffo « 
icvioccbè fiati 'ftl fìio Tol^ di^oflr; 

- ^w Pfr» 



dby Google 



OTTAN7£SIMO0TTAV0. ali 

i> 

Fercib il grtn Cavalìer, pe^Clii ri^pUode 
L^onor delibarmi , <d è si bello il moado; 
Per li cui chiari ercmpi ognun s^acccndt 
Ad opre iJiufiri, a fuggir atto ìnimondo; 
Dal voftro alto favor (occorfo auendt. 
Onde foftener pofTa il grave pondo 
Di qtiefta inoprefa, e difender la Dama ^ 
eh' no sì gran torco rende afflitta e grama • 
i| 

Mandato al Rt Lifufrce han duo Baroni ^ 
Per fuggir (fé potranno) oj^ni contefaj 
A proporgli di pace condizioni « 
Pur che non it&i la Donzella offieia; 
Uè dilpoglÌAta di quelle ragioni, 
Ch*clU ha nel Regno; e fé da lui fia intcfa 
I^ ngioo loro si» eh' a far di£cenda 
Del torto fatto alla igltuola cmeadAS 

14 

Non fia bifogno. che le voftrt fpadt 
CoafcrVino il Tuo onor chiaro e vi vaco i 
Ma fé pur di giufttzia e d*oneftade 
VÌA *J Re ocmico, e rprasnerà la pacai 
^i fuppiica per quella alta bontade. 
Che in voi rifplende, conde ardente fact» 
Che vogliate mandargli un tale aiuto, 
QuaI egli fpcra, t voi fete tenuto. 

IS 

Non dico a lui «* che noo v* ha fatto anco» 
Servigio ,. che pareggi il fuo, 4efio ; . 
Ma a quel Signor,chenl Criftiai^ mondo adoca» 
Ch'atto veder non può si ci;udo^ e rio; , 
$apcr (fa d'uopo fia) vel farà allora, ' 
Ch'alia pace vedrà pigro e remilo 
L' Imperador Romano , e *1 Re Britanno 
Apparccchiarfi a fargli oltraggio e danno. 



dby Google 



Sii CAUTO 

i6 

li erftiKfe fmp^ndor, benché prudeate» 
Il ferdion d* Elifeo (cij^Co teniie : 
E *ii penfitr vari gli fé gir li mente 
Prefta, pur come tugel, ch'avefle penne; 
E nel confiderar mtcuramente 
Il degno e grave cafo» gli fov venne, . 
Che d*Amidigi i nemici poflfenti 
Erano d'oro, e di ftato» e di genti; 

B cife Lifuarte in ogni fua atione 
S' éfk Re faggio dime/Irato e fo^te i 
Dall'altra parte il merto « la ragione 
Vida del gran Campione, e Tempia forte 
Della Donzella» di compaflione 
Degna e d* aiuto ; apri del cor le porte . 
Alla pietate infieme, ed al dovere; 
E gli rifpoie con molto piacere : 

Gran cofe, o Elifeo, m'a^^eie detto, 
A*ttn do ferma ind abitata fede,* 
E poich*an Cavafier €C5i perfetto 
Wè'fuoi bifogni il mio foceorfo chiede, 
Fer ti giufta e agio n , con tanto affetto » 

^ Alla grandezza mia non fi richiede 
Vegar in cosi onefta e noSil brama 
D' aiutar un Gu^trie^ di tanta fama • 

OVeWtt vogfiò la parola , e fia 
Come fi Vedili; anfor che d^a me dette 

^ Tofl^ per littk larga cortkfia ^ 
Ed Allóra da lu^ quafi negletu; 
E qaal cortviéofi a me , qual ei defia , 
Gli darò aiuto ; e vo' , eh' or or fi naetta 
Numero in ordia grande di foldati 
A cavano ed a piede, e lejioi armali. 

S 



dby Google 



B fubito il NìppU^a (^ cj^Ì4.q^to^ * j 

Che ^pGp(^ ài si, gnin vfttiiwtL , , i 

F(|rf« r^vffib^e volentìer {pregato, . ^ 
Che c(el focqoKa a jifì deife U curt| j 
Ci^ €àe s' tife(£q a far gli ebbe ordinato. ; 
Di che ì^ coft4'^|utu oltre fuiCurf 
Lieti moftroifi ; e, più d'.ogo' altro «qu^Ui, 
Di ejilsi^mo V hoi, r^a Figlia Ijfjll*., -^ 

Mt di Mìrioda qui^narfir V^lìrt . ^ ^ ;, I 
E* di miftierot. e..l fi(i delfa batata. /. 
Già cominciali nal c^po a^faS .a (eatire «^ 
Se U nemica Cp^da c.Fora j) |i|gliai 
Ma il Re» ch^ di fapere ha gran defirt ^ 
Chi fia 'i Baroo 9. ^e/o (anto pregio faglìg, 
^ Accenna con Ui manp. % Gandalinp i 
Ch'a rimirar Uipugn^ n« «kiòp.* 
»** 

Se fofle il C4vaflert da lui (perendo. - j 
Saper^comccrcdeva, Fioriilano; 
Ma d* offender Mirinda ei di|bitando« t 
Si £• pili voJcK.ripreg^r io vano: ^ 

Al fio, quanto potea, l*error TcaUndot' 
Se mancava di te , diflii pian pÌMo< 
Ch^era la Figliai cb^ potea di j^aro , 
Star cpn pgui Qnefrier ceiebra. % «Ùaro«i 

Di generofo fdegim lunbi 41 cor fHl^iM^ > \ 
Fan co'i^lpp t/eihtr Tondo 4i ScMS . 
U^!,^vtK^txc(\,Un\ aprono il feno« 
Poi cbt •! lor grfp ferpr. foulft (K»9 tm«l 
Né pcrcUi alcMafdi.lor H feotarimm^ v 
Dal lungo travagliar vtpir U léna^ 
Volfe in' dietro ritrarfi , o fi|re «n fogo» 
Di ti9M>r vile 9 di GueriicrQ indegno*. 
K 4 Dure 



dby Google 



«H C A 19 T O 

»4 

Datò fra for ftiiva poftrfi^ mai 
. Oli primo albor del di la pi^Qa rcèf 
Vinche fià il Sol con gì' infiammati ni 
Dai Gemelli del Ciel la terra ardea; 
Talché nè*l braccio, né la mano ornai 
La gravtxza del brando fofteiiea ; 
lia V ira dl^ lor lottu , e quel defire ^ 
C'ba di vincer ctafoitno , o di morifo. 
«S 

Ia Cartuna f «be' pari era ^a loro 
Della ilatugUa ria fiho aff or (lata« 
A pulsar comiacih contri Agramoro^ 
Con la bella Guerriera con^iiirAta, 
A lei la i;lorìft e ì triòafAle alloro 
-Dando già della xnfla diiptetatai 
Qiiand* ecco per lo Cielo un carro aurato i 
Che da quarctro draconi eia tirato : 

Qpattro draeont fpaventofi e iteri , 
Che fpir«tr«DO fuor fianumt e veleno, 
Ch*a guifa di feroci « alti corfieri 
Aveaoo il eiogoal col lo «^ in bocca illvtiiot 
Col verde dorfo lor di fòfchi a neri 
Hegni rotto macchiato, e quafi pieno ; 
S lovra per auriga era una Donna 
GioveM d' anni , fola , e *a freccia e *n goaaa* 
»7 

A i! novo fpettacolo le ciglia 
Alsar^d* intorno cotti i Oircoftaitli , 
Con quel ftupor , ooh quclka meraviglia , 
Ch'aver fi fuol di cori Uràni incanti : 
Al grido popolare anco la Figlia 
Lavò di Férionè i lìioii fanti > 
Bd Agramor, cui non manca valore. 
Ma la lana atM a Yoftentre il core» 



dby Google 



OTTWITCSIMOOTTAVO. .iij 

i« "' 

MoA €•$) pf«lh>^ tome il cirro ^ fctade, 
DalU polve fofpinto ardente raggio; 
Cke dritto verfo lo fteccaio prende 
Senza «Uernar di freno il fuo viaggio. 
Futte U ti^ba vii 5 che ciò compreode. 
In cuà di par virtù m#nc« e cora$sio;, 
E fu in un tcn»po lo ftcccito intorno 
Bi iiebt»U fparfo, e Tenzi luc.€ e giorno, 
99 

f^ dappoi Urir £ vide in tjto 
Col Giovcnc Agramoro il carro • volo ; 
Che ftiva ilefo, comme freddo fmaito; 
O per forza d'incanti, o per gran duo(o • 
Gotal fine ebbe il bellicofo aflalto , 
E rcftb il campo abbandonato e folo 
In poter della bella Vincitrice , 
Con trca piacer del fuo Padre felice* 

Bi^vefto alto Campion cib, cbe rucceflei - 
Della Reina per f«' amore infana . 
E di Iti, cb'e«h per idolo elefle, 
Gbe eli fu poi rapita da Montana ; 
Iuri*dirà.ihe di be'figU tetre 
L* antica iftoria, e dal ver non lontana: 
E canterà con più fonori carmi^ 
Dt nova Cavalier (li amori e 1 armi • 

5« ' 

fabiio • mtvdivol^bla fapin ;/^ 

11 nome della Donna alta e gentile ; 
Oenuo vi corfe, che di veder brama 
Chi '• valor e 'n beltà non ha fimile ; . 
Toni gli accolfe la leggiadra Dama, 
Con un fembiante altiero e fignonlej 
E s'avviò con loro a lenti PA^ì 
Ove il Re lieto ad affettarla ft*»-,^^ 
K 5 vlyS 



dby Google 



Non* eonff lite il delio ^ cIiIb dfork ìa or* 
Per la vicinità Ìi'f« niaggiore. 
Che fotfertfct più lunga dimora ^ 
Del caro Padre airatnorofo cote» 
Che unto Tama, e non f tei viaaMNÒras 
P(»r5 fofpìnto da foverchio albore « 
CoQie la vide alquanto più vicina, » 
Far abbracciarla fi move e camraiitt-» 

Tifila fenz^elmo, in bionda treccia iitYlUfijh 
li crine» u' tende Amor raUio e la rete: 
Avea fparfo di ertna il vago volte, 
E quelle gote alabaftrine e liete: 
Come il Genitor vide, agile molto 
A (Tre ttb't paffb, per fpenger la fete, 
Cb'avea'di veder lui tant*anni a vaili 
Nel fonte d'an piacer tion conofciktft» 

Chtntfi in terra uttjilè e riverente , 
£ chiede al Ae la valorofa manoV' 
II qual, che iiia così, non le confedte; 
Ma ù folleva con dolce~atto, òrtiatio; 
E l'abbraccia e la (Iringe carameme, 
Com'uom per troppa gfioia ebbi^o ed fllfiifio>| 
£ mille volte e pia le bacia il vi(b, 
Ch'avea d*amor più volte Amor coa^ttife» 

fi • 
Mandato GandiAiii con la noi^lla 

Aveva Periéne ad Ellfetta 

Della venuta della gran Donzella, 

Ond^era di piacer la corte Piena: 

Non pub, che giunga attender la Sorelli» 

Si pòflente delio la Tpinge e niiena, 

Melizia bella j perb avanti pafla , 

£ la fua genitrice a dietro lafTa • 



6 by.Google 



OTTAWrBSIUOOfTAVO. titfr 

S^abbmcciar mmkt^ come »*M€oatf»ro ; ? 
E lor basn^ it piicer gli occhi di pttBto ; 
E mille e mille volte fi baciaro 
Il Tifo bel fenza pofarfi alquanto 
Coa insidia ili quei, che le'miraroi « 
B raccoglUnze lor duravon tanto , ' 
Che fopra^veonr la gentil R«iiu < 

Del lor nid^t» eardar ^a6 indovina • 

Che in atenn atto non vote' ellbr «ntà .< 
D'amor e eoirttfia d'«Uan di loror: 
Bench'elU ta)ta fu di Sangue tinta , 
Coti del proprio, come d^Agramoro; • 
Prima che s* abbia U fna fapda icinta , . 
INlol veder ti fiio frate ^alaoro i ' 

Che molti giorni già nel le^to giaoe 
Con febbre nidence, che'! coofuauesfaie. 

Kon ripofa frattanto Fioridantei V 

Che nella felva perigliof» e fcura 
U prima guardia guadagnata ìnaote , 
Fa con gli incanti pugna orrida e du^a; 
Trema la tetra , e fa fcnotér le piante ; 
E fuori d'ogni corfo di Natsra 
L'aria turbata in un balena e tuona ^ 
E d' alti eridi d' ogn' in toraf faena • ' 
S« ^ 

E fan sì fpaventofa, atra tMOftffta : » 1 
Combattendo fra lor gli inad venti, 
CVorribtl «eifa irtai, ffccome quatta :' 
Non vider, né vedran l'umane geni*: ' • 
Ma non perb Tinvitto animo refta ; 
Anzi nell'occhio tien fuoi lumi intenti; ^ 
Che 'I cammino fpediio gli rivela , 
Clie'l tenebfofo eie! «^i-afcoade e eela.m 
K 6 ^« 



dby Google 



ai». e A if ir o 

§9m ▼« fceiiro, ove U tom ve<i«^ 
Senct un fptvento fot di cofa alcunt! 
Move AJidor per (eguìurlo il piede 
Per quell'orr^r dell' «rUokurc e brutuf 
He trova fpeiTo chi'l refpiage e 6ede, 
Seoza feerner giammai mano imponamii 
Né perchè la fua ijpada imorao menl^ 
li ocmico liirorc avvien «bc «fireiii. ; 
41 
ftiponi Toeclrio tuo Principe Ifj^ano, 
£ t'appereceìiia a nova pHcna e fiere: 
Pon*.al vermiglio tuo brando la mano, 
. Cile vien a incontrarti uon Meger»^* 
Eccoti IMI nonioibvra if cerio umano 
€r4Bde, c'ba per deftriero Mia cbimiei» 
^i pia color, che non è!l «elefte ereo^ 
Ailor cbe'l ctel è più di nubi cereo. 
4» 
Venta correnie con un gran tronctvne, 
., Per ptagario d'un colpo afpro e mortale; 
Ma i' agile cavai del gran Campione 
fugi;i rincontro, come avefle Tale. 
11 che vedendo ei fier più che leone 
Gitca la lencie, e di novo T afate 
Con un gravoio e duro m^zz^iiiào^ 
€h avria col pefo un Elefanti onufto, 

M le chimera fila gli fpii^ addoflo,. 
Che ardente fi m.na d^i fier occhi evventn; 
Scende meo«u da quel gran eolofiò 

' Quela micchina grave e violenta. 
Per porlo io. terra , e fia|ellarli ogni oio^ 
Ma et'ta fchìfii ,5 .di ferir Ini tenu: 
E mena. coi filò barando un colpo crudo 
Ai «onftro fiét^ch'ei«iio non ha, uè feudo. 



dby Google 



OTtAl«rKS!lf4>rrAVO. z%f 

B t' A pU no il «olfiiva , «ni f ititi ' 
L'afpi% bnuglìc 4i quel colpo fol9| 
Ma la crudel, ckt ft feotl ferita « 
Piena d'orror, por v«ndìc.ir foo^duoif^ 
Con ttoa leggerezza non udita, 
E più prcfta a'ougct,^ che ria» a volo, 
Ffefe r inernie oollo al Tuo defloiero 
Coi «le^tt aomi, e eoe otoff» af^ efiero» 

11 Icroce UTal , ehe non k vfiito 
k rieevcr unt'onu, fi dif«iide.'' 
Rinnova il colpq il Cavalier pregiato , 
Ch«*l ftto deftrier di difender intende { 
B manda in terra col brando fatato 
Quanto di quella lue del cof lo prende ; 
Tatchc cadJe la belva orrenda e Ibabn 
fiale ft fpavento della gcate nmmiia* 

4^ 
•il cui gran feCe il gran Oigsoit oppreiRl 
Indarno fi dimena e fi fò^leva ; 
Mugghia quii toro , a cui fia *1 giogo meflbj 
11 giogo f che portar pna non loleva . 
Salta in terra il Baron« che vede efpreflb 
■ iito periglio» fé colui fi leva ; 
E con un colpo il griii capo gli taglia , 
Dando fin lieto alla crudcl battaglia • 

^7 
Subito il fogno die della fua morte 
La fiera tromba coni'orribil fttono» 
Il Callellan, the vede U rea forte 
Del foo Signor, e ch*ei mai era bttoo^ 
A far difeu i tofto apre le porte : 
£ inginocchiato a luì chiede pefdono^ 
Che: gUel conce ife i e fé fciorre i cattivi^ 
Ch* erano ancora in lai flMfcn» vivi. 



dby Google 



•ir e à K T O i — 

4« 
Ove trovb fS»rb«fe, e PogKiMto 

Ambi nudi iti é%{ Aio .fiaclre Arturo* . 
Ora fi fìt maggiert il Mrrenioto , 
1^ r«fite iotorno più, «ke aUffo ofcuro^ 
E fin battiKlia tal Maeftro , e Nato ^ 
'Ch'avbor t^n è dil lor fuior f«uiro: 
il Cui •aaverCp m ghiaicio.giù .ttabocct^ 
. S I«ic4a il Cessa iaipreflo^. a»uu|iMi fiKSi» 

AI gentili Afidor non mtitoa cort ; 
Ma fprezsano gli incanti ardire e £»rsas 
Onde pcreoffo cadde dil furore, 
Cb' ognora & rinnova e fi rinforza s 
E Te non cran preft*- in fno favai» 
Le Maghe, ivi la. Tua ierreoa feona 
A ftuifa TÌmane^. par d' arboscello , : 
Ch'abbÌA.ttoann per fcberso nn. villaacU*^ 

LtftU la. SvMft ^1 giovenc A9afft«i - # 
Lucina a fegnir r altro deftioata; 
Oià la feconda torre ha Fioridante 
A i Prtgtoncrt fcioJtì in guardia data, > 
#i «mito tefor ricca ed «bondante: 
£d ei fensa timnr quella paflTata , 4 

Ne va correndo feaza dar a bada 
Là» dove già apre ti chiaro occhia iaHraéa* 

5' • 
Fra que^tetvort andando 11 pellegrìaa 
Cavalier lieto con la fpada in manali .4 
Oli apparfie un isco in mento Mcammiite 
Sìograoile, ^heicingea. ttttto qvel piano ;. 
Ma ei fegnemla T «ho fuo dcftino ,• ^. 

E quel valor, éadl*o?ni incanto è vano; 
Paia oltre ardito, e va quiii per |>ioca ' 
Senza io§t(M,*Uami por «mezzo il foco, j 

Avea 



dby Google 



€)TTANtÉ*lMdO»TAVO. èst 

Arti Lucina tolto a Salil»ero, • ^ 

Che quali morto in terra era ca^cTiito, 
li vai;o augello; acciocché al CavÉ»«r«^ 
PotelTe dar ne* fUoi bìfogni aittto ; 
E già giunto r<v«a» dove il fentlero 
AVdea d'un foco, maf'^ù non Tédàto; 
Ond* uflcta va fabaò «ébebrofó'e dehfo 
Coa^fhepito r fragor m» td imtaeai^.' 

MirntìTclré'naTi^ i! calo d^UfiJéÀ; - 
Ch'ella lafctno av«i ioii la 'SéVéKft; 
Ecco venir un' moftrò 'rio • vtf loro 
Con furor, quai vien d'Aoutton proctllk; 
Che'l capo e'I petto avcad^ un uombmoros 
Nel refto forma dtrpictatarftl^ '• 
Di rapace Leon , e- di ^ Ceiltàto)^ ; 
£ nclla'fi^ntrVhie' géaii t^ràk d'auto » 

€on cinque tlardi in méù i^eAtà tdrrtndb ^ 
Con tal fracaTlb, % ton s) gràtt tempera. 
Ch al romor df quel «orfo alto e tremendo 
Tutta- facea tremar quefla- fòrefta . 
Il palafreno a queir^fpetto orrendo 
^cll* Maga gentil volfe la tetta ; 
E fen fuggia pur, come «Teffe penn«^ 
Se non dio pre/H con V incanto il teoot » 

Kott coir impeto ttl da polve fpinto 
Rotondo piombo va , corno il fuo dardo; 
Avventa dopo il terzo , iliqaarto , e 'l quinto. 
Col gran poter del fuo braccio gagliardo. 
E certo certo ne reftava eflinto,^ ^ 

S^era ei men deftro) ò't fuo deftrier più tarde; 
Ifa poiché fuggit* ha tanto periglio , 
Gli farà tolto ìnCanguinitT il cigMo . 

Spia* 



dby Google 



Ht CAUTO. 

iliade diMqiM U ^eftrìert cht auIU teme, 
Contrt quel M^ftro , e oeUa prima gitfou, 
F«rcliè cosi finir la pugna ha fpcoM , 
Ver r ampia fronte gli mena una piiaUf 
Cui altun cimo non ricopre e preme» 
Ma I* pcrcofla, che gli avrÌ4 confunu 
La telb, iitggc; e gir fa il colpo in fallo; 
Poi tenta di piagargli il Tuo cavallo • 

Ma rwiolMroedao|pMAo»oraltroapie4e» 
Tal che non gli riefce il fno diiegoo : 
Ansi r (fp^no fui braccio gli diede 
Vo colpo tal , che vi rimafe il fcgoo ; 
Che tron^ con la fpida il terreo ficdo 
%uafi fccco caduto , inutil legno 4 
Pi che il criidel ficcome toro muggc i 
ile peri il colpo del nemico fugge • 

Kr di grand* ir» pieo gitu lo feudo, 
£ con la manca gli s avvenu addoA; 
f. pretto si, che del brand* empio e crudo 
Pu:;^e il furor, che gli avria rotto ogn* odo. 
Mi ti feroce cavai nel fianco ignudo 
Coi denti il prende, epotchcrebbefcoi» 
Più d*una volu, di riMia s'accefct 
S tanto ne porth, quanto ne prcfe. 

B fu tale il dolor , che caddje in tono 
Quell'orribile e fconcia Creatura, 
Con tal romor, Cìbe Scozia ed Inghiltcm 
Bi qualche gran mina ebber p«ura . 
Poiché i^Guerri^r 6aira ha quella guerra, 
Spinge il cavallo, e di nulPaUro cura, ; 
Verfo la torre, u'fc tutti i Bironi 
fttbito liberar, ch'cran prigioni • 

Qaiif- 



dby Google 



OTTANTECllfOOtTAVO. «Sf 

tfè 
^{oìBci ftnxt Hté» ftl «OH Liieìna 
^lb p«r condur qu«U*alt» infpMfa à riva i 
ScgiiitA tiitcaVM I« gran mina 
Del CicI, chf 'n duri faA fi dativa; ^ 

Bf« neatre dietro al fào defio camaùoa 
li , *ve '1 dritto featler- V occhio gli apriva» 
Un eimpo' rttiéviff di ipìrti neri , 
Cke del bofco coprian tutti i fentiari; 
<i 
Con tanti fuoni di ttmburi e trombe , 
E Kaaie infegne difpiegete «I vento ; 
Cile per,cbe'ICiel,la terrene*! aier rimbomba 
E tatto il moi^ fia pieo di fpavtoto» 
Gli urli, te gride oell'ofcare tombe « 
Che delusero i morti, io m'ergomentè» 
Moo fi Vida gianmiai coia si llraaa 
Da Ganga aTila^a daU'Atifiro alla Tina» 
aa 
m perciò *J cor invitto fi fgomeots, 

Benehè fi veggii coatra un si grtn ftuolO| 
Ma fprona il fuo corflero , e 'I freno allenta, 
E va per afieltar quel campo folo ; 
E con rimmenfo ardir sì jgii fpa venta , 
Che tutti s* innalaar in aria a volo , 
Con cosi gran furor, con tante grida , 
Che i circonftanti a afibrdar le. <trida • 

«1 

•parve pia tallo rinfernal canagUs* 

Ch'empiee pur dianzi di terror il mondo» 
Che non-fuol fiamma accefa ia poca paglie^ 
Laftiindo il'gran Guerrier lie to e giocóndo^ 
Ma ecco che lo sfida a rea battaglia 
Un dracon si feroce e furibonda, 
eh* a deferì vcrlo fot mi trema il core, 
E i capei mi s* arriccìan per timore • 



dby Google 



E^H è più Imigp dì ^n<piiwt*xbr»ccia, _ ^ 
•fi pif h^OL e p^kIì of«hi #vy(ppt» toc» ; 
Che con te fiftinmt f^e4*}n(<^rfi(3ÌAbbr«€cU 
Con pcrigMo <t>gliuii tiiuo.4|uel.loco: 
& con U coda I ^hp dimena ,, allaccia 
, Adirili con ftrettt ned» 9 9 ♦ P<wo. a poco, 
A fé lo tragge , e lo $fa|BafiA ^ disface, 
Con ' Ir br«ncbe ,.« cpl deatf e^ipio e vor^cf • 

Avea la cfefta in c^po, e l'ali al dorCo 
Verde, e di negre luaccbie intorno pieno; 
I^eviifimo in.fauar^ ratto nel corfo, . . 
Bencbè feaza fi alzar terpa^ U. terreno : 
E più a' ammaiiua $ che eoi fiero jnorfo.ji 
Gol fiato, che tamprao di veleno. 
Spinge di fuor dalU roventa boicfiat : .t 
, Ad f>r «tdi or , .fi c0me c^tAm c^^m - t 
66 

Se foiTe naturale» o per loMnt», 

Fatto, e con rarte di que'fwgltf sci 

.•Qiteft' anima te modruofo tanto. 
Signor il ver^ ridttr?i io non faprei-. 
Ma menar cosi luogo quefto cacto. 
Che noia vi recafie, io non vorrei» 
Tacer vo* dunque, perdio nQn vi fi* 
Meno gradita U fatica mU« 



1tfiwiÌ$lféftM^9jlmÌ9^0>if0 Ckni$., 



C\N. 



dby Google 



C A N T O 

OTTANTESIMONONO. 

Poco onfii Fiondante t far ti retta "- 

In quellt imprcfa perigliofa e ftrana : ' 
E s'al moftrò crudel (pezzi la tefta. 
Pia dell'Incantatore ogn*arte vana : 
Ma dal parlar al prefente dì queftft 
Ventura perigliofa m'allontana 
Nuovo accidente, tal, eh* io fon coftrelto 
Di lafcxir qutfftò fatto ort imperfetto* 

Kon so , fé d' Atcliclorlù;' Tticantatòre , ^ 

Tant*è già» elle di lui non ko cantato» 
Pia vi fovvien , che pien di fdegno ilxòre 
Col Re éi Landa"" ikravìgo nomato, 
E più é* un fier gigante, e gran Signore 
Fu dal Britanno Re rotto e cacciato __ 
Sol col valor del Re franco, e dei dèi 
Onorati ed invitti fieli foi . 

E perchè di rejgnXre , t ài Vendetta - 

Van (fefid, ^uafi verme emUo'e 'vortce, 
Cke :fefpe afcofapiente frc r erbetta , * 
Li róde il térj Ixccfaè notrlU'mai pact| 
Intefo il cafo d* Oriana , Ui fretta 
Spronato dalla cura afpra e mordace » 
Ad Aravigo in Landa fi conduce. 
Ch'era del fuo^volcr compagno e dttce.^ 



dby Google 



«|# e A N T.O 

B lutto Cìh gli conu a parte a vartt » 
Che dal priacipto «1 fine era tucceiTo 
rra li Principe Ama^ifi , e 1 Re Lifu^rte; 
Jl che gli aveva in ul fcompigtio [nè^o,^ 
eh' a chieder agli amici in ogni parte 
Soccorfo avcan mènda to più a ui axtSo; 
E che fra ior {ara si crud^ guerra « 
Che potrà por la ier fup«rbia in terra { 

Foì fog^ÌAinfe : Signor , of;ni- prudente 
il ceièpo afpeKa a vendicir i^offcU; 
Che la vcodetca fa , che 1* uom foveotè 
Si penta invan, Te fu«>r di tempo è preCis 
Or è non pur vicin ^ ma ancor prefeotc 
Il tempa, che ci chiama à quefta imprctai 
Ed una occafion cosi {ecura * 
Che 4t «ttUa bifogoa a ver. paura, 
6^ 
4^ amici ricc»f « àr gente voi fete , 
Che'l Regno vollro di {oldati abooda; 
E*o q^ueda inipre{a p^r compagno avrete 
L'ardito Re dell* i fola profonda ; 
E B«rfinan, che, come voi fapeie» 
Odia ogni force Ior deftra e feconda 

^ Per la morte del Padre ; e di Dardano 
Superbo « ogni Parente » ogni Getmaoo: 

B di laoU'akri» che vorriaa vedere 
Di coftor l^alteresza un di fcemattl 
Che di comun degli uómioi parere 
b /overcbia grandessa k fempre odiati t 
£d io jgià certo del vollro volere 
A tutti porterò quella ambafciata; 
E farb si, che in poco tempo §a 
E' «Ma voAr» vendicata • e mia* 

dm- 



dby Google 



OTTANTE^lMOWOMO. ^f 
8 
L'Imperador RoitiMO, t'I Ite Brittnoo» 
Ambo Principi fon grandi e poflenti ; 
1 a uà i per vendtcftr l'ingiuru avranno 
Pedoni ardici , e Cavtfier ▼aleatt : 

I ior nemici, ch'adMfola ftanno « 
Sono fUttftri Signori, ed eccellenti 9 
Frodi neir armi, e fovra tutti quello,, 
Che mi totfe di man fato empio e fello'* 

Tal che fperò veder chiaro ed aperto « 
Che 6a la pugna %ì crudele e dura , 
Che di moni Cara fp^rfo e coperto 

II campo eletto, e quella gran ptattura: 
ile fia del Vinto il Vincitor pid certo 

Del fuo gran danno , o della fua vettura-: 
S ch*agevol ne fia, con la vittorim 
D'acquillaroi in un pttnto e regnò cgloriap 

Xiòt fine al II della crude! battaglia < 

Slafem nafcoH in qualche parte , dovè 
A vederci di loro atcun Don vaglia: 
Fatte che fian le dolorofe prove , 
E che a nuòto nel fangue andrà la maglia ; 
Atlor ifarem , che *! valor noftro prove 
O i Vtncitor già ftanchi , o i fuggitivi. 
Sicché pochi di lor ne refttn vivi • 



if 



Farve ifl Itc'^ ch'era più che favi© , ardito. 
Del malvagio ftrchelor bqono il confìg.to i 
Bd accett^^Ceiika penfar T invito, 
eh* ancor gli porterà danno e periglfo.^ 
Com*ebbe il fuo defio quivi adempito 
91 falfo Incantator , fovra un naviglio 
Ucr rifbla profonda il cammin pr^fe , 
S ,qucl lle4eT« « fatta imprefa accefr.* 



dby Google 



»J? e A J* T O 

li 
Il me^cfimo fé eoa ^Arfinnoo 
Priacipe dì Saflooia, « giovenetto; ' 

£ con tutti i parenti^! Oardano, 
E molti altri Signori il maladetto. 
In tanto il grande Imperador Romano 
Attendendo con gioia e con diletto 
X.a fofpirau Mogli», ebbe novella 
Fad eh oga*jiUra per lui i^ieuta t fella • 

€iunto a l^oma il penfofo , « .quel fup^rb» -- 
Principe raccontò TavMterfa forte, , ^., 
E*l cafo certo a lui grave ed acerbo 
PeHa perduta Donna, e l'empia morte 
Del Calabro Signore, e con un verbo «. 
Chiufe, riftorìa; che la fua Confort* 
La Reina, le Donne, e i (ìioi Baroni. » 
Erano tu«i, ov ver gnorri ^ o pregiòiii vr 

'^ 
Del Principe ^i Francia, e che i^fa^f^- . .» 

L'hanno air ifola fua, là*v'or dimoni,. 

Con tutta l'altra predi guadagnati. 

Donne, Donzelle, e conila navi ancor» f 

^ Né perché pace dappoi dimandata 

* Abbiano al Re, che del cafo s' accora «. 

E manditi Ormtor i pur una fola . « 

Voluto avea d'accordo udir parola « 

Indi foggiunfe^ • .benché in tutto «oftra» 
Sia quella ingiuria, pe,rché a voi fu tolta j 
Come la qudUicà del cafo móUra 
A. chi la cofa con giudicio afcoita, , 

La vuol .per fua, e di par vofco «gioftra 
Di volontà., di far .vendetta molta ^* 
Se pur al mondo dimoftr^r Kolete «- 

La voftra alt^^fif^n^ej zji ^.^gu^ fbafe)^* 

Re* 



dby Google 



OTTÌINTB5IMON0N0 . »|« 
i6 

Reftò V^kwptn^^.i^ cdoic :oài intende ^ • 
.Oitre>Qi|ni i'pfOkf' fu« -«ovetl» re» ^ • 

, E percbè 4' ir» intuì r^tt^erbo-Meeto^e - " 
Tofioyle^ iìtinme fue, già -tutto arduil 
Tutta fpvra"di fé U "guerra prende: 
£ perchè iadjagUr punto noo tole« » ' 
Fa fubifA bandir per ^ni terra 
Cevtrik qiie';Ga(Valfffi ifpieuu gnerra* . 

Vflol cbe iGuìha rketai, e. non iiì|m(Uì '^ * 
Da luì di ciò , €b« ^ede y altra'rii^ftaS 
£ fib'ad«rmiirtìjl Tuo Signore affrettivi 
Seoxe dilazione alcuna '^ o (oft»| 
Ch*ei gli {aia veder cojr vtvi effetti. 
S'alia, vendetta avfà l'alma difpofta; ' 
E fé ^1 fovrano ImperadM di Rt-ma 
Render iaprà tanu fup^rlNa dema • .. 

In q^ft» meczo^ Gand*i|tio e(ipoftn ' 
Avea',*ln fu'aibbafibiau a Perìoneir 
Il qmd pei^b' era d' animo^ compoftn 
lyoneflft I di ^iuiliaìa, « di ragione « 
Sen^a ftoiarv^ pi^, fi fu di^An 
Di favorir ^oei ^tuft* «tedxone « 
L'onor dei Figlio , e di fervire a Dio; 
Ed àdMUiénda dtfe il fuo defia; 

Ma non a.QaUnV, percb^ffapeva,. 
Che;(ifatt4in*avrla dolere inimeofo; 
Alla Gu«rrietA<» che d'amore «vonn • 
L* ardilo, nor; per AUdoro fceenfo y . , ; 
Un vo^moidi liqM>f L'alma.j'odevat^ ' 
Ma ttìàfM^ Mtt petto il duolo intenCo; . 
-eh' ad «sa ad «Ara le tfaea dai. lumi « ^ 
Quanè*]akriMii ?ed«a» featano o inmi. 
"f • Co- 



dby Google 



n» CANTO 

«o 

ConofM, €li*Ali4or son fub mtneMit 
Al fuo gran Genitore y al proprio oiiOfjt j 
K Mrcllè intof roortatc è i^vtàù uo mare » 
eh ad 0^1 ▼enticel turba ti fuo «mores 
Incoataciò la mifera a tramarti 
B combattuta dà novel timore 
Df mandarlo a eefcar già fa dif^n« 
Fer lo Britanno; e per lo Scoto lega»*^ 
, ai 

Il Re prudente vuol , cke lo Scudicr» 
Ad Am^^df^i ornai rhonio faccia ^ 
Mentre iLpeddn prepara, o1 «avallerò , 
Acciocch'al fuo dover bea foddiéfaccia ; 
Che di condur Melitta avrà penfiero^ 
Fetch* anco in ^uefto al fuo voler comj^iaeetty 
Mirinda , tofto che fatata fia / 

D'uno piaga, eh' av«a orudek t Ho* 
ti 

% gli ordirta, che dica al Tuo Figtiiiolo» 
eh' a queilo modo Tuom d fa Imkiortole ^ 
ET no^ro nome va per l'aria a volo 
Sol dello Fi^ia e deli'ooor toa l'alò;^ 
K che nontemà , fé con groflb ftuolo 
L'imperador o^l Re fnglefe Taftlei 
Ferchè gii porterà ouefta vittoria 
guanto periglio piìì, tanto pii gtult^ 

«I 

Con ^ueRa novo parte Gaadaliao, 
Ma alla Reina pria chiede lieeato ; 
Che dolorofa Hava a «apo chitf» , 
Aveado del FSgfiil»! mólta teAenao f . 
U Quale in uà tran OMrdi re» dciifll» 
Veder gfi pir. Ove far rèiHenco 
Mon potrà eli* onda avverfa , al vtaloiratau 
«oaongliéadaOiolhooèifiiJbto. .^ 



dby Google 



OTTA KTE^iMOTCONO . 241 

Che non vn|;iia temer, U pcrfusde 
Ci fido Gandalinò^ e per contorto 
Dic«, ch*an nembo Avrà à^ e^emt fpide 
Con Ceco « quella tniprefa in tempo corto; 
£ «fae la gran ^ùftiaia t U pietade 
Di Dio y che tion vorrà , che si f^na torto 
Si faccia a4 una si nobil Donieìu, 
Scudo gli ia nella pugn* empia e fella « 

Di G^laoro poi commiato prefe , ^ 

Il qntl ben fofpirò la fua partita ; 
E di defio di riveder s' acccfe 
Hfratel, ch'ama a par della/ua vìuj 
Dalla Guirriera, eh* un intiero me fé 
Giacque nel letto languida e ferita^ 
Iodi verfo Cales pigfih il viaggio 
Dei primo Sol col mattutino raggio • 
té 

Mentre che Ferìon da giudo fdegno 
Moflb ft ior de'Guerrìer (ctf}^coàQ giva; 
Per dar Coccorfo di lui non indegno 

• Al gran.bifogiio, che del Figlio udiva; , 
Del Re Bo««o al defiato Regno 
Dopo' lunga cammino Ifant arriva,' 
Cut dato il faglio di credenta pria, 
D* Oriana narrò la forte ria; 

a? 
Pregando lui , poi che duo si poffenti 
Principi» e grandi gli ventano addogo 
Sol al fuo danno» ai fuo difnor intenti» 
Con efercito tale, a così groflfo; 
eh' egli voleffe con le buone genti 
Del Regno fuo in Tuo foccorfo moflb 
Aiutarlo a por freno a tanto orgoglio 
Sì 9 eh* ancor plangaa vinti il Ior cordoglio* 
rem. if\ h Rie 



dby Google 



ut CANTO* 

18 
Kifpofe il te: voi fiate il ben venuto 
Con l'ambafcitta di quel gran Campione, 
A cui tanto mi trovo effer tenuto; 
S poi che m* è venuta occafione ^ 
Di moftrargli il mìo cor, gli darò timo. 
Che farà tal, cVei potrà con ragione 
Dir , ch'io grato gli fi», benché fia certo 
Del mio defir minore , e del fuo meno. 

Poi chiamò Grafandoro, e diiTe: Figlio» 
il Cavaliero dalla verde fpada. 
Che da si raanifefto e gran periglio 
Di trarci falvi fuor trovò la ftrada, 
E col fuo proprio fangue e col cohiiglio 
Ci die il dominio di quefta tontrada , 
Con quella, che di noi deve aver fede» 
Me'fuoi bifogqi il noftro ainto chic^» 

£ fattogli ridir a pane a parte 

Tutto ciò , eh' a lui detto avet 1! Guerriero; 
Soggiunfe ; e perch'io bramo in qualche parte 
Al merto foddisfar del Cavatiero 
Contra la fòrza del gran Re UftiartiK , 
£ del Roman imperador si fiero , 
Vo'cbe vi vada la voftra pcrfona 
Con fchiera di Guerrier gaglUiKla etooaà. 

I* ... 

Grafandor Iftto éi poter pigete 
Tatt^a é^ligazione i t in quella ilBfVffa 
Al pftf efDìie ti foo valor moftraYe , 
Al grande lìitftperador facendo oMk ; 
SuppliU il Re.^ che non vo^ia fremir* 
Il cori^ kl fÈù àtAo , né far contea ; 
£ eh' it von tSuerrier vvéti il lafci yrittm 
«Iti ftf» tvm 4ì toiglior }^ftfè e Alma. 
- • •'Cke 



dby Google 



OTTAWTESIM ONONO . 14I 

Che potrà il Conte Galtines dappoi 
Ad AiDa^igi coD^dur l'altra gente , 
Come s*«vran novelli AWtfi fuoi, 
Ckt le ^iircorddie ior aor iiaoo (peate 8 
A Aie fi* onor fra tanti incliti Eroij 
Della cui gloria luce fianaoia Ar4cate 9 
Star neirUola; e cosi aoftro 
1a ogni fafo £g l' animo noftro • 
i3 

Se cosi f tace • voi figliuolo, aiK!<te.t 
llifpore il Ee, ^oa ^ran favor di DÌ9 :» 
E venti Covai ier «on voi menate ^ 
B più 9 fé pia no vjidl voftro deiio : 
Chc'i Conte condurr! le (ichiere armate 9 
E pagherà T^ligo vo&ro , « '1 mio ; 
Benché non Co , te tanto ooftro Jftuolo 
Fari per lui jciè» xh*ei per noi it iolo* 

jS fliedcfmo 'òttcmie anco tAndmo 
XUUa Mogllera 4el ile Cildadano; 
ChVn <)fujraganu fup «aro CMgio0 
Compucor volfe. né Lafindo invano 
Fer Bruoeo Ciio Signor lece il Cimniin^l 
Benché firanfil il nio caro Ce|!)m#no 
li difperafe di non «(Ter.iftiuo 
A tijioiahii itovM «nci^Vci^kia«iolq|i» . 

Civn Attendendo il «ran CfVWAn di Frapo^ 
di il^Wfciadori ol lido un 4i o diporta 
Con mqUi Cavalier, com* ora |Ai^ ; 
C vider quattro navi entrare ì^S^tìq : 
Delle i^uai runa«e la naggiorvi^vbiaqcn 
Aveva di real ; di cui l'attorto ''f^^'-^ 
Canape era di feu, le «ek on«o V . 
Tcfuio di «oiox Furpiureo % hmcp» 

l.a Ci. 



dby Google 



144 e A M T d 

Girar deMor deftfier fubito il freno, 
£ verfo il molo andar, per far onore 
A chi portava quella nave in feno, 
Ch^àltr^eflèr non potea, che gran Signore. 
In quella un i^rin battei vider, che pieno 
Di' Scudieri folcava il (alfo umore ; 
Fra' quali n*eran tre di Don Briance 
Frincipe Ibero , e dìSò di Quadragante • 
J7 

€hc*n terra (uù tofto sMachinaro 
Ad^Amadigi, e all'altra compagnia; 
E che coi lor Signori gli narrar» 
Una bella Reina ivi venuta ; 
Sùbito tutti lieti difmontaro 
Indovinando chi la Donna fia : 
Me nìoito fletter, che fra quei duo aflK* 
ti Reina niirar di Sobradifa: 

E venir vèrfo terra fchifi pieni. 
Da piò remi fofpinti in molta fretta, 
Qtial di Donzelle , e qual di palafreni • - 
Non con tanto piacer vaga cerVetu, 
CVefce dal bofco« vede i campi ameni 
Di vari t lieti fior pinti • d'erbetu; 
Con quanto il .bel Campion mirò colei ^ 
Per cut tanti giorni ebbe amari t rei • 

i9 . . 

Siefa ili terra la Dama pellegrina. 
Per farle riverema ognun fi fpiofe; 
Ma non lo conrenti V alta Reina , 
Anzi di cortefi» tutti gli 'vinfe; 

^ E come vide quel , che già rapina 
Fé del fuo cor y e s) forte 1' avvtofe , 
Piena' d'eneflo amor l'abbracciò ftretlo 
Con infintce fua gioia e diletto . 



dby Google 



ottantesimonono. t4< 

Dt che iDo^rar due Ugrimctte il Ttgoo, 
Che U gote rigar dì quel bel v'ito ; 
Del Tifo , che di fUr non era indegno 
Fra gli Anj^toli più bei del faradiio; 
Breye fpazio il piacer dolce riugno 
Fofe afJa lingua, che Thal cor conqoifp: 
Cft* ancor che in lei fofs* ogni fpeme mortif 
D* tverlo per marito amor ^li pòrta • 

4t " 

Onefto amor da grande obligo nato, 
Ouafi da centi t feme, un nobil frutto; ^ 
sa era tal, che per lui vita e flato , 
Non ben fecura di pagarlo in tutto ^ 
Avrebbe pofto; e lei anch'egfi «maio 
Aveva si , eh* in fuó fcrvitio tutto 
Quel fatto avria, che per Malizia bella « 
Cb' era la cara fua carnai forclla • 
4» 
A cui egli: Madama, io vi ringratto. 
Che col diletto della voftra villa 
Siate venuta per si lungo fpàzio 
Di via a confolar l'afflitta e trilla - 
WincèflTa, di cui fatto ha tanto ftrttio 
Fortuna a crudeltà del Padre mif|a: ' 
E certo (bn , che la voftra prefenza 
Minor farà il fuo affanno e la temenza (^ 

A far favor a noi con la, che Dio 
Vi die céleftiale alma belleica , * 

Atta a raiTerenar il tempo rio ; 
E porre in ogni cor virtù e fortezza. 
Ed ella a lui : Signor dal Regno mio 
Partita' fon , (pinta dalla vaghezza ' • * 
Prima di veder voi , di cui niùna ' 
Cofa altra bramo piò fotio la Luna: 
^ ' t I Poi 



dby Google 



UT e AH TOT > 

44 
Foi peV fervir ^utfta gentil Signor» 
Jn ^efto efibo fito notofo e grtvfls 
E perchè A qitefto ftre ogni oimorA 
Breve mi pare* lunga, in una nav» 
Sendo monuta , al forger étW Aurora 
Cor ronda piana, e con l'aura foavef 
Se da queiii Ouerrier non avea aiuto ^ 
Lft mm viu e lo ftato era perduto. 

S gli narf^, che mentre eflfk fècnra 
FeV Io tranquillo mar folcando andava f. 
Senta d'alcun perigUo aver paura. 
Da una tenipelU per|glto(4 e prava 
Spinta la filila, per fu» gran venturi « 
|>ove ifnante, e Quadragante ila va ^ 
Si rincontrar, e da lei conofciuti 
Furoo cortefeoMnte ricevuti. 

M cke correndo lieti al lor viàggio 
Fur affaliti da due legni armati 
Mei tramontar dell' apollineo rapiof 
CVavean nel fuo partir poilì gli a^uati^ 
Ov'era un fiio cugin d*alto coraggio , 
Con molti altri deTuoì neirarnte ufati; 
V^io 4i quol , cui con fua dettrtk forte 
rer dare il Regno* lei, diede ei U moite* 
4t 

Da! cui furor* per U virtO 4i <iuttli 
Valoroli banspioni uì TaLvata, 
Frefo il aemico fuo , jreii mie' felli , 
|yloru graa parte dellk lor nrilgata: 
Cile fapea eie, ^e hr di que'ra&elli^ 
Di lui non £i|, fé non è configtìata; 
Ferchè nel faiigue fuo d* iocrudelirv 
IS|ì$maui MB Ittt flè ^ti Aio dt&rt^ 

- Gisl 



dby Google 



OTTANT^r>^Q^H>NO. X47 

43 
Così dìceado, d«I fua bel C^mpioac^- 
Sovra 4*iin PaUfrcn ripcp e gentile 
Fu contri il Tuo vo^er poi^a in arcione ^ 
Con le DfinzeUe, che nel v^go Aprile . 
Eran delpeU lor. corfe, al balcone 
Pervader l'alta Donna e fi;;oorile 
Ogni fanciulla , e per tutte le ilrade 
Le genti a rimirar tanta l^eUad^* 

49 
Ma Sardamira, che la corte vedi 
Tutta ripiena di letizia e glocp; 
Chi coftei foflfe, alla Priaceib chiede» 
Per cui ode fonar tutto quel Ipco i 
A cui rifpofe: s*a me dtte fede 9 
Benché ^iiidicio forfè abbaia in ciò^ poco | 
Una Reina è pilli gentile e belU 
Di quante ebber qua giù benigna (ielle • 

so 
Giunte all'ufciò fuperbo del giardino, 
1^ vifte tante Dame ornate e belle , 
Volta a que'Cavalier col capo chino 9 
Mi tolgon, dUTct a vei quefte Don%elif« 
E fcefa in braccio del ftio Paladiao; 
Fu raccolta da lor con tutte quello 
Dolci accoglienze, che fi fogltchfi fere 
Fra gran Signore, e difangueeltee.ehùllf • 

5» 
B per man prefe, ov em SardeenÌMf, 
Liete fcn-VMi, che coi^ «dento efpeM 
Di Brtolangia le bellezza mirei.. 
E prende nel mirar omI^ dileft»» 
E fé non foffe le eeleiie mira 
Bellezza d* Oriana, anch? ella .detto 
Avria, che poiché '1 Sol difptega i raif. 
Dolina si beilft non fi vide mai* 

1-4 r^ 



dby Google 



t4« li A K T O 

Poich'cbbcr htf con molto piacer^ 
Ciò , che fi cosvenU , tutte coftoro 
Si pofer tii(te tre giunte a federe, 
E'ntorno fperfe le Donzelle lorof 
In gaiiie che parean proprio a vederci 
D'Angiolette del Cielo «n lieto coro • 
Allora incominci}^ V alta Prìnceflà , 
Gh* avcao le due Retne in mezzo mefii » 

Io vi ringrasio Signora» che fiate 
Del voftro regno con ai gran fitica, 
E deli' infido mar per Tonde irate» 
Venuta e riveder la voftra amica, 
la quefto cfiHo » ove la crude! tate 
l4i iten del Genitore , t la nemica 
Fortuna , e lerberb- nella mia m«nte 
L'^obiigo, eh* io ven Tento, eternamente. 

14 

Sd ella^ a fei .*- farei , Signora inarata , 
Se tn> quedo tempo non moflraff« fuorc ^ 
eh' a voi fi moftra la Fortuna iraia, 
ti defio , che mi ila fotdo nel core 
Si femore cofa far, eh* a voi fia grata; 
E non ffofll venuta a farvi onore ,* 
E tanto più fendo H Prence di Pranza^ 
Sol cui valor appoggio ogni fperanza » 

Bella voAm querela il principale 
Campione è quel , che vi procura aiti ; 
Ch'io amo tanto, quanto fa il morule 
L'anima noftra, ond*ei riceve vita: 
Fero nel Regno mio ordine tale 
lafciando, ^ual convienfi all'tnfinit» 
Mia obligazion , per fervir vui 
8^ qui prefta venuta, e veder tuU 

<Xve 



dby Google 



OTTANTfiSlMOKaNO* t4f 

5« 
Ove con voi ft.arb , 6n che la forte 
Forfè pentiu di più darvi affanni. 
Siccome fpero , lieto fine appone 
Alle voftre fciagure. «i vodri danni: 
V prego il fommo Dio « che non cdm porte 
Fiu tanto torco , e tronchi e penne e vcnn 
iVll'ale dtì delio, che vi fi guerra 
ìli voftro Padre ^ ood' ornai caggìa a terra* 

Fnttanto Qisadragante , e *1 Pcinc« .Ifpano 
Tutti que* Cavalier tratti da f»a'rte , ^^ 

Riferir lor, ch'erano andati in vano, 
E la dura rifpofta di Lifoarte ; 
C eh* al. Patino Imperador Romano 
Mandato avca Guilan , che da fua parte 
I«o fpronaffe a venir, con motta fretta 
A ikt deljia fua ingiuria alu vendetta. 

UdiU U rifpoftt»,»! lor defio , 

Forfè conforme,' « dir préfe Agriante: 
Signori ad Oriana ho promefis' io 
Di por la pace ad ogttf tofa innante , 
E procurar con tutto il poter mio 
Di poner fine alle difcordie t^nte , 
Che fon fra il Padre , e noi ,* e i* avrei fatto , 
Ed ai fuo defiderio foddìsfatto; 

Ila poicb'el dufo ricnfa la pa^e { 
E vuol , elle fra noi fia la guerra certa ; ' 
Io vi va* dire il Irer; via piiH mi piace ^ 
Che pace finta, inimicizia aperta; 
Ciafcun di noi còl' cor forte ed audace » 
Gqn l'alma tUìia dì virtù coperta, 
Confacri la fua vita alla fua gloria ; 
A lafciar imiporul di fé memoria» 

L j Fu 



dby Google 



ISO CANTO 

60 

Fu di quello ptrere »nco Aogrioto, 
Per ardito e prudente a tutto il mondo 9 
E di molto valor celebre e noto » 
Il qual con uo fermon breve e faconda j^ 
X^odato avendo d'Agriante il voto, 
Cli efortb tutti a (oftener il pondo 
pi quella imprefa, e difender la Damsf^ 
In premio proponendo ònor e fama. 
61 

Papoi cb'amboduo cjuefti el»bero detto |r 
il franco Prince con allegre ciglia» 
Gfte ftato fin allora era in (ofpttto 
p'aver a dare al Genitor la F»gl«* ; 
Cti diife Signor mieTi, quando perfetta 
É'*i giudizio di quel» che ci confi^^ti»; 

. Ed è la cofa onefta » agevoi mente 
KeUa fua opinion tini ogni mente. 

Toi dctso M^tt cìhy che fi cònvieh^ 
Al valor voftro, ed alla cattfa oneM'l 
fOé fo fé mai benloilené in Atertc 
Suadeffe cofa più ^mfta di qucira: 
S poiché il fatto rifponde «Ila ipettìr» 
Ch^ io aveva di voi , nulU mi reila , 
Se non andar per qiicl cammìn , che ilM»4fO 
M ha con' molte lagtoni il fenao voftUft • 

Così fen:(« ttrdaf , cod novi Mi| 
1 foccorà a venir follecitAro; 
i quali (lati già gli eran f^romefll. 
Per tar con tra Toftil iurcir rijiaro: 
lÉ à' Amadigi furo ordirì^ ig^m 
Tal , che in pochi di di< ilQjU arrivtfO 
Pi pili forte navigli , e mvìle barche , 
Pii^vettdvaglic e d' «Itrc merci cArch* • 



dby Google 



OTTANTESIMONONd. a«i 

64 * 

Bn nella ftagioD, che 1 Sole anlea 

Dal Cancro osni rufcel qiufi per tutto. 
Già la figliuola' di diurno avca - 
Sparfo di fue ricckezze il moodo tatto; 
^ Oon la Cilce il Villaiwl «lieffea 
Di fue fatiche il defiato frutto à 
E dUuree fpicbe il crìo cinto e la fronte 
CanUr s' udia , quando anderai tu al moate. 
^5 
E però diCegnato avea d'andare 

Il nemico a incontrar fuor del fuo leguo; 

E della fua Peninfola gnirdare 

Coa Cavalieri , e con armato legno 9 

Tutte l'entrate, per non minare 

De* poveri foggetti ogni foftegno. 

Ma tcmp' è ornai , che la mia cetra appeada • 

E che 1 iogcgno aicua ripoTo prenda. 



V^fim Mm^m^Èimmi tum. 



t^é CàN- 



dby Google 



CANTO 

NONANTESIMO^ 

BEn'i éì FrcMC fàggio , e di pradeate, 
Ch'tltrui vuol mover guerra,o cbel VpvUi« 
Officio degno, di volger la mente 
Al bene6cìo ancor 5Ì«'faoi Coggeui; 
Che* qaicll' è ingju^o e rio , il qual coafeilt«^ 
Spinto da vani» ^nib'ziofi afftui. 
Pi dar ài ttttt3 in preda a'fuoi nemici 
1 beni de'vaCalfi e degti amici. 
■ ' ' a* ' 

1 quali folto al (no governo dati 
Gli ave quel Re , cui «g^i ancor fm^ac»; 
Perchè fiano <U lui b«» govarMCÌ 
Con canute e con amor «craca: 
Quinci ne nafee poi, che fono aantt 
1 signor boooì, e eh' a gara ognun fac«^ 
Quant'è fcnrìgio lor r om del Campione 
lo vo! tf Piar ,^ Ck'«r p«^na km coi firma»* 

Il Drago a Flofidantt avventa Cuora 
Di foco e di vclcA teiiHpr«H Arali; 
eh' attofcan V aria , i fior « V erbette^» V^Qtmi 
E con furor fcotendo ambedac V ali> 
gibila, falu; freme ^ e ad ora ad •» 
Mcn« ^/^ colpi a^ri • mortali ; 
£ fpeifo ifi^ la nodola coda 
Ptt krir it^ 04itrricff avvinchia e ììhhI» «. 

S«ai^ 



dby Google 



NONANTBSIMO* sjj^ 

4 
Scende egli d« Cftval , che cosi penta 
D'ffTer più nella pu^na agile e deftro; 
E raitando per mezio a ^Uc])a dtnf^ 
Fiamma , th' avvenu « ^ii percuote il deftro 
Lato col brando t e con fua forza immcnfai 
Poi, come foflie di {$heraair niaeftro^ 
Dal fla^^e' detta, coda i colpi (campa, 
fretto vii più ^ che di baleno lampi » 

E benché fia di dure f^Hamme armato 
Dailt m^dre Natura, e dagiMncaati ; 
Sente la furia del brando temprato 
Con tal virtìi , che (pezzeria i diamanti. 
Già fparge il Ungttc in più parti piagato £ 
E tutto ciò 9 che gli s* incootra innanti » 
Aide col fiato, e con l'orrìbi! grido 
Empie, di gran timor c|uello e quel lido* 

6 
Fremi e tua polla o crudel moftfo, e falta ^ 
Che non puot fii>oinenur 1* animo invitto | 
La tronca coda già la terra fmaitay 
E tu fei giunto al termine prcfcritto 
Della tua «ita che*l Guerrier t'aifaltar 
. E'I duro fcoglio fol eoa un nundritto 
Taglia del colto» e manda alla Coreilai 
L'dhribil tefchio^ e fpaveatofa tefta. 

7 
Morto il Dracon, prefa la torre.» e fcielti > 
len cento Cavalieri ivi cattivi ; 
Anzi per ineglio dir, «ivi feij^Ui » 
Ci|a fòchi d' efli jie rimafcr vivi ; 
ScOaa urdar» avendo l peiifier volt» . 
A -far, ch'ai fine il fuo deifire arrivi» 
Sul feroce cavai falta » e cammina 
Sens* altro alcun ^ che la g^entil Lucina ^ 

Ki« 



dby Google 



ÌS4 C à N T O 

8 

HlprcDde l*occliìo^ f ftco fi configlia; 
£ piglia il calte, cVtlU meta il meitai 
Tcitiii non ha l^altier^ fi meraviglia; 
Ma fé ben nulla il core invitto affrena; 
Cofa gli apparve , elle ingrifar le ciglia 
Gii fé , tant' era di fpavento piena ; 
Cèe d'animali un efercito fcerfe 
Pia numerofo affai , che qnel di Serfc • 

9 
Orfi, Tigri. Leon, Pardi, e Pantere, 
Ed altre belve al noftro Cielo ignote, 
Venian ver lor correndo a fchiere afcbicro 
Con romor, che l'udì TOrfa e Boote. 
Benché cagfon non abbia da temere , 
Sparfe la Maga di ^llor le gote. 
Deh ditimiì animo invitto, or che lini? 
Cofa vedi or , che non Sm vifta mai • 

IO 

Wttlla teme il defirier, cotanto ardirt 
Oli die natura, e della Fata l'arte» 
Salta nel mezzo l'animofo Sire 
In viftt quafi un furibondo Marte ; 
Ma non fu d'uopo co< brando ferire? 
Che già fon polle in fuga , e vinteefpt|[tt 
Di quelle belve rie le lunghe fchìcOTi 
Kè 4ove gite Han ù pub vedere, 
.if 

Prefa !a rocca , e da quel vii tVirriem 
Del carcere diflfotcv i poverelli » 
I.ìeto ktf VM r ardito Ca vallerò. 
Benché 11' t^v(ìbr nel Ciel fi rStviovelI! ; 
E veda a poco a poco l'aert nero 
Da un nembo ofcur di fpaventofi augelli^ 
Farfi, orriUiii e grtindi di fiatura, 
Tai non itati giamiAai dalto Ifaturt. 

Spif. 



dby Google 



KOffAKttfìMO. »j| 

tt 

tjfiegt, cufcan le Aie gfimiUH, ^ffuvU^ 
Senza frentr al fiio gran volo it torio $ 
Come rapaci Arpie , che alle vivendo 
f>e^ Troiani volar per dar dintorfo; 
Sccndevan qiitfti da tutte le bande: 
E s' é|;lt non avem orefto foecorle - 
Dei fub bravo Cempiotte , lo tèmo fortOt 
Ctt "i dì gtitnlo ^ria dtfltf A»a motte • 

Ife l'aujgèl letto eon pid dotte oooto, 
éh*appajaflb giammai l' nolano f^afO| 
Domò dè'moftri fièr roPgoi;lto taoto, 
% pofe in fuga aperta il flcMbo dca(^ ; 
Coft ttdta gioia di Liicìno , i|iit»to 
Fu pria U timor ««Ire grave oi^ «d immea|s^ 
leggiti ^uefti , ed ei gii|tito aHo torre 
Delie oateoe ognun fcee ^erorrt . 
H 
Siegiii le tua ventura» cb* ornai «nmo. 
Credo iovitto Guerricr, ^' i ht ti rt§t»Ì 
Trova di man io man tutto ^n^ loco 
Sparfo di butti, e di braccia ,, e di tcfte» 
Ben vede oronte, cl^e non è da gioco 
Il fuo periglio e €ar l'arme ii vede 
Sai fuon fpronato delPorrenda trombe. 
Del 4Uat ad or ad or quel cieì tàfflboaibV 
»5 
B fovra \m carro, che tfa cNo Leoni 
^rOtiÉnii in viiia ere tiralo, 
Ct("aVeaS[i faefgntgni ancor tutti-gli unghioni 
Del fà^ue d' un mefcbio 4a (or sbranatOp 
•alito, prefe duo ^rofi tronconi. 
Uh feudo impenetrabilff e fatato; 
B l'elmo duro» adamantino,, e faldo, 
Cke fu poi di MembriiiOy o tb Rinaldo^ 



dby Google 



%S^ e A K T O 

lé • 

Non (i fi^menU il buon deftrier , cooi* abbit 
Vifto due maaruete pecorelle. 
Ansi èontra di lui sparine di rabbia, * 
Ed auBÌtrcndo il fuon nunda alle ftcliW: 
£ morfo il Cren con le ficbiumofe Ubbia 
Spialo dai fuo Signor va coatra quelle » 
$1 forte e ficfy cbe £| tremar la terra, 
' P>r cominciar nova a ian^uigoa' guerta^ 

«7 

Venia (ut carro il furiboado Orontt « 

Con quella foda e verde antenna in reffa, 
8} alto e groflby.cbe fembrava un monte» 
Frefa la min alfonorau teila. 
M» 'I Cavaiier » cb* avea le forze prontir » 
.JLa vifta acuta, per fuggir da q^uefta 
Furia, che quafi prpcelìa afpra e grava < 
Venia per aOoadar a« (alda Navé> 
i8 

Fugge r incontro , e con un falto sbalza . 

: Fuor del iiia corfo, e cede al gran Curorci 
Pofcia gira il dcftriero , e *1 brando innalia, 

^ % r innocente per lo peccatore . , . 

^ Auriga uccide, e quelle fiere incalza 
Col ferro dur, cbe prive di rettore 
Con r aipro morfo tnjbocca , e^l giogo al coU^ 
Kon fi. pofon imitar , n^ dar piì!l crolla» 

Avventa j.* altra, lancia ii Gigantone, 
Cbe la prima di man gli era. caduto; . ' 
Mentr'egli a quel rapace, empio Lcof» 
Paua. una crud» » una moci«( feruta f. i 
"No» fa vedeva il vincitoc Barone: \ 

Ma*l fuo deArier,.ch'ave la vida acat»^ 
Saltando, af colpo fi. fottragge e fura, ' 
V* in quefla il kon cadde alla pianuFa^ 

Ju' te- 



dby Google 



NaNANT£SlMO. «97 

l.*lne«fititor, che vede il Aio perigli» 9 
Non evcndo cki il carro tiri , o guidi f 
Beftemmta Ciove eoo turrito ciglio , 
Ed empie l'ire di dogliofi ftridi: 
foi prende novo el fuo (cempo coniglio i 
£ come piigfitr meglio e pjè fi fidi , 
Itoende dal carro con una fpadaccia* 
Otto pie larga, f lunga veati braccia* 
11 

Ben lo volfe ferir, mentre fcendeva» j 

Ma. quel carro a girar non fa si predo s 
Come fu in terra, il fier brando folte vo, 
E ne divalla un colpo afpro e oàolcftoé 
Con unta furia, che fé iu» coglieva, ^ 
Tutto l'avrebbe fracaCato e peftoj 
Ma'l veloco cavai ù trae di fotto, 
E Otl ttrren gli fa dar uà gran botto* 
as 

Tal cho fi ruppe in duo pezzi la fpado 
Al tener della man molto vicino ; 
Non vuol pia ftar, come ciò vede, a badai 
E falta da cavallo il Paladino: 
%&*, QUel fello», che vede ogn* altra ftrada 
Cbiuta al ^uo fcampo , piglia ai tro cammino» 
£ com'ua novo Proteo , fi trasforma ^ 
E fallo prende or quefta » or quella, foroia. 

»l 

Frattanto il fier Leon dal giogo fciolto. 
Fm col deftrter una crudel battaglia ; 
11 gran Campion, che di lui teme mol^o, 
Lafcia il Gigante, ed al Leon fi (caglia: 
Ma non si tofio gli rivolge il volto, . 
Che quel gli aggrappa la falda di maglia , 
Copvcrfo in Lconefla empia e mordace i 
& cuit* glicU rompe la disfece > 

Fo- 



ci by Google 



t^t e A N T a 

Pofcia toriiAt» nella propria immai!» 
L' afferra con U braccia il maladftto; 
Ma'l Leon fparfo già di faogue un lagOt 
S'aveva fatto della terra letto; 
Cbtede a' Fi^li foccorfo il vecchio Mago 
Con un orribil grido, e tienlo ftretto; 
11 buon cavai , che'i gran periglio vede» 
Ch falta addofb, e lo percnoie e i«de. 

Gli dà di pìglio al fine in una cofcia 
Coi Beri denti, e si io llriage e tira. 
Che tu coftretco con mortale angofcia 
Di lafciar quellMonprera empia e delira* 
In ima tigre fi cor verte pofcia 
Far fuggir del Out»rrier Io fdegno e V ira ; 
Ma il fieroce ^flrier tofto il rìprefe, 
For con un colpo il gran Campioftlo ftefci 
1$ 

Con quel romor, che ìmoU antica rócca « 
Terror molt'anni de' nemici ftata ; 
Ch'impeto d'Aquilone al fin dirocco 
Con fpavento crude! della brigata • 
Mugghia qual toro quel!' orrenda bocca ^ 
Cui abbia gran pcrcofla il ferro data. 
Che ftefo in terra, e aifai vicino a morto 
Aixft il muggito, quanto può fid forte. 
»7 

Mentre afl* Imperador giva Guifano 
Con l'ambifeiata ét\ gran Re BntannOt 

4 Che per defio di vendioaffi infano 
Va procurando il fu» futuro affanno. 
Dal Tuo fiero dcllin tratto per mano 
Fece chiamar, com'ì più faggi ftnno, 
Fer confultar la guerra , ogni Barone 9 
B Covra tutti U Conto d'Agramonc. 



Digitizedby Google 



MOMlimsiMD. ai^. 

• it 

n filai ( fc vi fóvìAtny dit Re fàHm 
Solo per non tòìer cfler prtfente 
D'uà crudel {{cnitorc «irrito rio 
Contri una figlia nifcra , innocentt | 
Ma perchè , come v' ho già detto , aio 
Ira del Re Lifuarte , ed uom prudente 
Di novo Tavea fatto a (t chiamare. 
Per confultir cib ^ che s' ava ile a fare* 

£ quegli eletti folo al Tuo conliglio^ 
.Ch'avevano delfarini ogni rcicf^za. 
Che potevano ufcir d*ogni periglio 
Col uper loro, e con refperienaaj 
Iflcominoò con un fevero eig^o, 
E di rifpetto degnò e rìverenx** 
SÌ4nori I la cui fede e '1 cui valsrt 
Sempre è ftato follegne dei mi* onore | 

Che netfa gloria mia , nella itrandezsA 
Di quello regno noftro avete parte; 
Poiché di pormi in cosi grande altezza 
Piacque a colui , che'l bene e'I mal comparte; 
MOA debbo fopportar, eh' altrui vagheix'»f 
Ower fuperbia mi tolga una parte 
Della tnia dignitate; onde poi fia 
Meno ptezzèta la grandezza mia* 
|t 

Che s'unr ^^É Ite con le Yue forze frena 
Alla temerità é* iltrui non pone, 
Nafbe il: dil^ezto, oh*èpreprlo un velette 0. 
eh' attofca ogni' mortai r^at azione ; 
E*n pochi gìorfti.4.>*n pochi mefi meno 
Fa la noflra grandezza,* onde a ragiono 
Favola fatti e traftullo dvl mondo 
Ctttian da erand' alleno in boi» fondò • 

Cbo 



dby Google 



%§9 CàNTO . 

S> _ 

Che quaBtfrda'fògfcui eCer tmato 
Di procimre uà Principe è tenuto » 
Cosi tltrettftiuo perchè fi» preiztto 
Dee procaccur da' ftrftni effer f^muto: 
Qtiinci av vien poi , eh' «gii è Tempre onorato, 
E da' vicini in riverenza avuco 
Tal che non < chi farli ardifca offcfa , 
Nà la Maeftà (uà mai vilipeCa. 

Voi fapete riigiuria manifefta. 
Che fatta m'è dal Prioce Franco ftata^ 
E da' compagni 9 che'n una forefta 
Hanno (a Fistia noia cof| lor menata ; 
La qual non porterò corona in teda , 
8e noa farà da me ben vendicau , 
Come convicttfi al mio ftato reale. 
E.s'al fuo troppo ardir non troncò Tale* 

Però chiamar v*ho fatti» accioccfa mtorno 
A quefta guerra ognun ragioni e penfi 
Si 9 che poi danno non fé n* abbia , o fcorno 
Ciò non facendo, che di far conxicnfii 
£ s' egli è meglio fenza più foggiorno^ 
Ora cbe fono i noftri cor più accenfi , 
Prima che dagli amici abbian foccorfo^ 
Pi gire, a porre al lor orgo^io il morfo, 

Cdn raffretto mio, che pr^o fia, 
E numerofo e ibr;e infieme accolto ; 

■ O d'afpettar, che'l gran Patio ci fia. 
Il quale omai tardar non potrà molto à 
Che per fanar cpftor della pazzia, 
Seco addurrà di genti un nembo tolto : 
Dica ciafcuno il tuo parere, e poi 
Ciò 9 che piA fi conviea , faremo noi • 



dby Google 



Qui tiicifUf lì R% 8riunru}, e n mieftitt 
La nipoltt AUendet d*o^i (uo detto» 
Al Conce d' Argamon, che per eute» 
Per Un^ue e per piudena« ai rifpetto 
Eri de^no , e d'onor, furono date 
Le prime parti ond*ei con grav« afpettOt 
E venerando al Re queU'onor fatto , 
eh* a Itti fi richiedeva ia fimil «fto^ 

Ì7 
Kifpofe: alto Signor, Tamor, eh io porto ' \ 
AlJft voftra perfona , a quefto Regno, 
Gli anni, che gir mi fan piegato t torto , 
Il voftro onor, che fovra U capo io tengo» 
Mi renderanno in conflgliarvi accorto; 
E s*io del mio dover pilTìàffi il fegno. 
Datene colpa fol ci gran dcfio. 
Ch'io ho del. voftro bcn^ che pvr è mio* 

Volere U corfo è^Via grofb torrtntt, 
O r impeto frenare k cofa vani ; 
eh* ogni argine fen porti immaatintate 
Con la* Tua forca e violenii indana r 
Ve Ut d'un gran Signor f volger U mente ; 
E di un fuo gran- defio farla lontana , • 
Non più fi può , che '1 vento in rete accorre; 
O tutto il mare in picctol vetro porre» 

Per e ih fo Wn , cbé.m*alfiitictf m Vano; 
C che le mie parole io fpargo al vento. 
Per torvi dal tor l'ira, e dalla mano 
L* arme, ch'avete a qnefta guerra intento. 
La quale ( o pur il mio timor fia vano ) 
Temo vi porterà danno e tormeato; 
Ma pur per Coddisfare al mio dovere 
Qiiel t che dir fi convieir , non f o' un^rt . 

Un 



dby Google 



t€^ t A N T O 

40 

Un PrìiMipe Signor poffcnte « uggiOf 
C^ tu desinato di far uova imprefa f ^ 
O per ac^uiftar Regni ^ o per oltraggi* 
Suo vendicare, o ricevuta offefa; 
Con configlio, che fia pari al coraggio^ 
Debile penCar al £n delia coatefa j 
£ del nemico e di fé fteflo infieme 
Librar U Iocm 9 e teou averne e fpemc « 
4* 

Che givfte » à tngiufta fia V imprefa , io voglia 
Tacer per or , clie voi ben il vedete ^ 
.^Se'l faver vo Aro non vi toglie orgoglio^ 
Ve fdegno rio, ohe coatra ^uefti avete; 
Ma s'adattando alla frittura il foglio 
Minutannente al tutto peofercte» 
Che quefta guerra mena k di periglio^ 
Vi iBoftfcrà la prudeasa a 'I coofiglio* 
4t 

Voi lete ;iiii Re ipoibnte, m ikeo d'oro; 
Un Re|no avete fpaziofo» e picaa 
D'infimu riccbezxc a di teforo; 
Ricco di genti, cà*alla axirfee il leaa 
Apreao ipeCo fol per ooor iara» 
Un. Regno, ove produce alano tcrrcaa 
1a cofe necelTarie a qaefta vita 
fe}j ehv di quelle s'ba copia iafiaita« 

L'Imperador Romaa vi dati aiuto 
A quefta guerra, e vi farà eompaga» 
Da tutto r abitato oggi temuto > 
E rìpuuto per poflente e magno; 
Avrete il Re d'^ Irlanda, cb*è tenato 
Di darvi atta , il qual fpeCo un ri{ 
Sparfo ha di fangiie e *1 fao valor 
ter oaor (ao cptr ftrvino vote 

Ma 



dby Google 



NONAlffTESlM#. i^S 

44 
Ed altri molti ancor, che defir hanno 
Di vendicar le ricevute offe fé 
D' ABudigi di Francia, a voi verranno f 
Onde pieno ii tcrren di tende te{c j 
E li campagne coperta (aranofO 
Di genti armate a «{ttefta ittiprefa intcfel 
Che potrian guerra fare a tutto il mondOf 
E folGriicr d'o^i gran lorso il pondo* 

Bfa s'airtflcotttro penrefcto, «omo 

Avete per nctaiico uà Cayaliero, 

Col cui valor .pili volf« avete domo 

Le forze de'mberii al voftre Impero { 

Il cui famofo ed ooo«oto noOM 

La gloria innalza àlGieU v«glÌMnìtl veio) 

Sovra guanti gianmoipiù grandi &roi 

Innanzi a Ivi ^on (iati, o focan^^poi^ 

E feco i fuoi compagni arditi e for^t^ • 
Ch^ fono ti éqr de' Cavalieri «rrAnu» 
C* hanno il lòr pe«0 efpoAa a mHle -aititi ^ 
Per favorir impeefe fiAiigliaiKt 
Fer liberar dai l-'iogin (tizie e tflirtt 
Donne e DonocHe . i cui dogùofi pianti - 
In fin dal Cielo «udendo M^io > dirponò 
A lor'foccoiio ognit.^otil ftaronc» 
4T 

Tumì da' bngttc fOeft iiluftrC e-chìarot - - 
figtiv, e frakei di gran Principi e. R.«g»» 
Che eoo le Ibrze iór faran riparo 
Contra Toiiteigotio di chi più fi pwgi 
Avranno amici , cui gradito e caro 
Fia d* aiutar i Pellegrini egregi. 
Per li -coi fatti valorofi e df gni 
9fi tal domini» e frmcipaOi, e rc|;ni . 

Vi 



dby Google 



ti\ e A V T O 

48 
Vi verrà Perion , per cui virtute 
Férfe portate U corona in ufta ; 
Che fpiirfc il fanguc per voftra ftluljB » 
Atior eh* a voi fortuna era nolefta ; 
Le cui prodezie ornai fon conofciute 
Con vie piò d*una prova manifefta. 
Vedete or voi, s* agevole vi fia 
D* operar , quanto ti voftro cor dtftl • 

4f 

B perchè, come va col lume il raggio. 
Con la grandezza va V invidia ancora ; 
Or molti fono, a cui non dà il coraggio 
Di farvi danno per timor, eh* allora 
Avranno ardir di farvi onta ed oltraggio ; 
E fcopsiranno i lor odi in quell'ora, 
eh' a certa fcorgeranno e gran ruins 
Voliffa remi corona cfler vicina. 

A gran periglio voi ponete, e certo 
Il Rcf;no voftro, eia vit^, e l' onore « 
Con dubbia fpeme d'un guadagno incerto. 
Che del daimn fi* fcmpre aCai minore : 
V* hanno la figlia i Cavalieri offerto, 
E pace fensa voftro lor difnore: 
Il che far & doveva « e lietamente , 
Ma non va fol l' enor mai del prudente» 
5» 

Or quanto a quel , che voi dite , t' è ^n« 
D'andargli ad alTalir, Dri« che gli aiuti^ 

- Di e' hanno ferma indubitata fpene , 
Da molte partr ior fieno venuti X 
Con l'efercito voftro ,* onde vi vun€ 
Contra coftor da voi ben conofciuti , 
Signore, in voftro prò cotanto ardire f 
V*haii la prudenza il furor colu e l'ire f 



dby Google 



KOI^ANTESIMO. l^S^ 

Cbe U vittoria di redo s'tcquifti 

Con gente innumerabile, nou buona, 
1! feppe b^rio, e i fuoi PerA , che trifti 
Sparfer di fan^ue i prati a M.!ratona. *^ 
Con* pochi fece e'oriofi acqui/li 
l.eoDÌda, e nnertò d'onor curofia: 
Ha centra i molti de' pochi vittoria 
La Tirt]ù fprflb, ed è itiaggior la gloria. 

Ila cht lonian vo io cercaodo .cfempi., 

St Vicini |>ii abbiamo, arili prefetti .^ '• ' ti 
Non ^vi fovvien ,^ che oe^pafTati tempi 

pa defii {piriti di regnare ardenti, . « 

Vennero i fette Re fpietati ed empi 
Con in^nito numerP di genti 
Per tprvi il Regno, e fur vinti da voi 
Sol p%r virtù di quelli incliti croi? 

, 5f . 
Won è^ Signor, d'invitti Cavalieri 
Fiéna. come folea, la voflra corte; 
Cbe co) lor petti valorofi e fieri 
Vi «difenderò in ogni dubbia forte; 
Ora (mercè de*vo(lri configlieri) 
Vi fon nemici . e con quel fìildo e forte 
Cor, che difefer voi, a voi faranno, 
.Quanto potranno più, vcr|fogna e daaoo* 

tA% ff pur (ttjt a far deliberato 

La guerra , fcorto'dà crudef dettino ^ 
Ch'addur vi cerca ad inferiée f^ato, 
Chimè Dia voglia, ch'aio non fia indovine) 
Heglio far^, che fiate «ccbmpagrtato 
Da. quel fuperbo Inìperador Patino; 
HOQ ch'io fperi pero d'alcun guadagno. 
Ma perchè abbiate in tanto mal compagno. 
Tm. If^. ' M ' oui 



dby Google 



•M CAWTO 

Qjài tacque il Coote; 9 d* am? qd flnlli 
Il /egpo 4iè /con una rivercoca « 
iiicun non è 4)i replicare ardito^ 
Ckf «ffdon tutti alla «oilui p^udMCa^ 
Conhrvdà il Re NorgalU) aDcb*ffi f9rìtOg 
B Gai^tan di molta efpcrieQta: 
Approva Grumedta le Tue rasìon! | 
E i XDcdcfimo fao ;(U «Uri Barpnh 
57 

n Uff Ali 4ual r»! (or «ià fatto 11 fàU# 
Avf|i roftioazioo, si defir grande 
Della vendetta fare -. aI Re Norgell» 
Ordine ài t che Cubito 1\ mandd 
A far venir d« pi«di e da cavalla 
Gelate inanità df tutte le bande j 
E chcvs^ìnvii un mc/TQ a Ciid«dano|. 
Ed un »itro in Svezia a CuaffuiUoo* 

n flual del fuo irelor troppo, j^id aftierto, 
epe non fi eonveniay bramato, avei. 
Con Amadigi invitto Cavillerò 
Di far battaglia periiltofa r ree; 
BU. come falfo edimator del vérp, 
Mon feppe beo. veder, u* fi Hende» 
II, fuo valori. e conobbe il fuo inganno 
Con molto M fuo onorf oltraggio e daòliiPb 

ttrh gli fl:fa9fr, fbe a' ancor brima 
Pur Ili pr^vacfi con qnt\ gran Campione p 

^ Ifff.Ja cui gfan .yirttì |li dà U fama 
I pregi *'^ v^nto, fovr« ogni 0iionci 
Cbe pfr dar ^net air onorata brama 
Veo§A a quaft^^criidcle, afpra truxont,) 
l^ve farà Amadigi, ed altri tmEi 
Guerrieri grditi ^ij Cavalieri errantU 



dby Google 



lltoda «fico » |ier lo 4ì <dclU èttu^lui * 
JI Uc 4i NorbclMidft StRodoro , 
ìM invitar^ t 'l' Re 4i Comòva^Iift ' 
Jn fi^o ioccodfo con ^i «mici lero; 
'Ove'-i^ocrasi' mbftrar ^oattró «gntoii^ Wg^ 
^I ^«ragpn^^ficcome «1 foco Vxuroi 
'Perch'orai! aitiboddo va^i tl*t>nore 
9ÌÙ 9 «ciie Wcrmo noo à^ di Ircfco lumoro* 

Yoce 'Don ^alvancBo ^ir«o dbiamatt 
«Già ;tribuUrio fuo fitto » •e foggétttfyr . 
'Cb'4miaiinn«atO;ittiiB«iiA'a V»«9ii# 
D» vkniotb !pi«ifo ^ e fraio iiTettOy 
die 4iol ^olefle 4*r rarmi ipìeliaro 
Coocpo il Nfpòie %> «tro e «dUetto . 
Onio o^utl prMgo fuo giu/lo «d ontftv 
Compìac^ut 41 Re, do ^eotilocza 4efto« 
. , 4» • 

(Qu yiii 'Trlocloì Ìoo , vik^^noor leVoooi». 
f olTe ^a feofa^ aon< i*ovrii^o ammci*i^ 
Ma fonato .ravrisa xaa foa podeftk 
A dovergli oflervsr la fé pfojueia. 
Ci^, ohe <M saqi^a imprtfia a dirnrf n9u 
Torza farà.,^oe'g^ altro c/iotio io teffa.. 
Poi chcje fila jf 4* mm f^j^ mi^^ ,. 
4Ulo mio tela , ed io fon M^uafi iUnco» 

■ M -. L» • -bf»» TI ib. .< ; '■ > 
, -l 't) . ' j tTj ouì hb 1 »j '. 



M » UN. 



dby Google 



CANTO 

NONANTESIMOPRIMO . 



Viirt» 



s 



'.t - 



I poflènte è'I 4«fio delta vendetta^ 
. Che^ trAfpoVu ulora, ©v'ir non vuol* 
L*oéefo, e si con U fperae l'allena , > 
Che Hi vano fpeflò fé ne cruecia e duole: 
Proverallo il Britin, che 'n tanta fretta 
Corre sii Tuo d«t>no , e non $ come faf fitolci 
Crede al p#rer dei Oon^e d'ArgaHiOoe. 
Ma in altra patte ^lg<fMÌ^ mio feraioiie. 
,.'. '\ • - * ' . . 

Avea Mirinda per ventura feco 

LuHÌi^ttòi Nano dei fii<^ cafò Amanita 
Cb»^ nafcofè In un fròndofo fpfco. 
Quando prefo Allidor fu dal bìgantt » 
Nato di ferVé,' e di monaco Gfeco^ 
.-He! di ptrfonai, e fozzo di fembiaiitc| 
0(an pariatfare^ avveduto, f|cOeate«' 
E pia d*ogil'aUrO fervo diéiien'tc* ' 

Coftui ^ià di mandar deliberati 

A cercar del fuo cor per ogni ftfa4* t 
Una lettera avendo apparecchiata « 

?y' "J J? Wt^.v '^H.^ìM^. U«MM« 
Di Quéfta guerra 'novamente nata 
Fra 1 Ke Lifuarte e M fuo Idrate! ; che veda 
ai fuo viaggio vuol l'altra mattina; 
Ed a trovar la fiia gentil Lucina • 



dby Google 



NON^tirrgSlJllBpRlMO. ^il^ 

IKU méntre' n^l. giardin v^go^f retU ^ 

Peoftndo àì^fuo. Signor foU /i /pa^ia ,^ . 
DclU pitica guarita ^^ra e mortale, . 
^Ciie le diede Agramor. per U Dio gniziftt 
*Noa già di quella' dell acuto (Irate, * 
Con che Amor ad ogn'orailcorgh àrtzia» 
Sente fra i rami d* una jpiaota beU% . 
Uoa vóce, 'che fgpnibra di DoozelU^' 

Ch'e Le diife: Mìriada il. tuo confort* ; 

^ ^ Dell' ofcura prigiof) libero ^/faùo; - ,^ 
O^e'in periglio ognor ftaVji 4' ilM>^tC* 
Se non era di Dio pretta la mao^;- . 
Sendn chiamato alla Britanna corte » 
Dal Re Li(uarte per UQ cafo ftrano^ « 
*Per la luce ti prega de', tuoi raggi, 
Cb? fopporti del Ciel cotanti Oitraggì* 

' ^ ^ ' \ i 

£ dice , che non può lafciar di. gire 

In favor di Tuo Podre a queft4 imprcfal 
Ove certo vorria prima morire ,. > 
, Che f«r i te (che cofani' %ma) ofTef^s 
Che n lui adendo e T onore eì deliri» 
Feltro più volte una mortai contefa, 
S^ndo' vinto il delio, l'ajtro Tadducty 
Cernè prigion fuol gloricHfo Duce. 

? ' T 

B che s*'alla ragione i| fenfo cede 

J9 t^, (iccome ei|li B«r prova ha Wflo, 
* Oueila iicenza gli. darai ^che cl^iede 
Col cor più d* altro lagrimofo $ tri^^t 
(;he fé dì quella guerra falvo il.piedf 
%\trir potrai il Che ifia grande acquilo. 
Benigno fato ^li aprirà la .vi», . _£ 
. Onde il voftro delio' contentò ii . ' 

M I L*oai. 



dby Google 



VmìW>» poi cE%U# coti fletto» 4««v^ 
E ftt^ft lafet^ Tftlu Otinrier», 
A CUI U vocr di Lttcii»' parve » 
Ck*ofict^ voife far dì mtflSigfdara ; 

r 'Né dopo, pie Tndio, né piA rfppanrt,. 
Starei» volt^ fiafc0fa cfta^ e leggiera 

I -«D» cheMirinda a<Kii fi duolr e Ugn»^ ^ 
E di làgrima Mie il vìfi» bagnai. 

Mm potcke*r fenfó dlla r^ftcon die. foco^ 
CoHab^y xh.' altro far et non. potea: 
Cd ae^B^t^ il fuo* duo!» a poca a poc#^ji 
diftk'-ibntk 4a dopOvUfBPeUa rea: 
B pcaAndo» al partir «. t» indi • poe» 
Da i.iirchett» chiamiita, che T avea- 
Cercata. aifti< , dal Pa^rr fu» mandacorf^ 
Pai vadiet il dia caittpa ritornato.. 
1» 

Il faal fece anog^nre a ftt» DTonigtt. 
Acciocché *t figlia inCerino il fuon tionftntft 

'i 4)r trombe- e & tainburr entra Pkrìgr^ 
Cui febbre ancor a»dea vivace e knta^ 
r Ch*'andar con quel foccèrfa ad^ Anudigà 
fra tre «Il pettCai mar pr» per cootent» 
Biirinda far la. vuol co» la Sorella 
e Blandir del Pirata a quclL*'IÌbla beilft*- 
f ^ 

ETaltra oiattrQa pria dk .Galaonr^ 
M^Hò Hit ^fptrar la ibr farteoéa ^ 

< -Ch' avrta poter opima andar coo; fnfa» 
Prefer co» m»lle baci ambe Itceoza • 
Eafetam: fprrtr<geatili andìtr «oftorOi 
Ali lor ctrontin^ ch^afrlvs:ran«a feti^ 

« Caotiaffo alcun di tempo- irata e'na> 
lAi^Va It fH^na ìLioi éal^Qt drfia.. 



dby Google 



Cir fi rrtne« di CaftWii ttecifo il Mago# 

' ^ofio , tfli* imnwrfli in 'mr 'pelbntfo lag» 
TeiNvft di ciHui 11 «ftfdflMdNf 
«B di fii» dart tlhi fi» kirpitfc mt$t 
B caftìgvr 'Cotanta ibrfttfd«^ < ' 

aroér* fi cavallo' all*illcHis« v«iitora 
o r«liir« ^#, cba mÈìf'ftotÈm f <iuri# 
ff 
fine l^clm<f {èrfntf cht fu d^Or0nt«> 
ine pià^ d'eoli»' altro faldo, adanafitinery 
%M bfdlo fncicrtftcrievf ar cui foir^oAto 
lo fair mtiftff pvr Iof fatadinov 
Itf noi» trchro- Sartttor. eba mi raecontt > 
Coiai vtnìik in mair por di MaaikTino | 
Mt qual'il lolfr ai fiir l'ardiMr e forti 
BifMlda^ ailorcb'* tifi dicdo Ivnwrttv 

Biartd l'iifeairtatdr^ cefir gl^iifeintff 
Di cui egli er« u» ecceilante oraftmt 
B no» ik alcurr. cl(*al |ttr di (|u»lla iraatf 
Wè' SiifKAv iiimreary oè^ :Soroaftroy 
F«rcfar*«^r umor agli altri andov^ hnttittf 9 
Oi4in*a v'A faCo aobrie iU%«ftrO' . 
B^l tnùfkf^ bei», che diecr Itrftrl' t pfiiv 
ff^ior dfi ^iicl dbarinio" » fotza Ino , - 

flbr cogli Arata ftfof hbn% r Cafdei, 
Nbf» «Off «tut(y d' olcrcr ariiftir g^hti S -^ 
Di diccf f%lr, clr'nìf «vtvar, r M 
Su vano (cmpro # Apredftro intenti | 
E corfar IbKr f anxi^ nrtrSoi Orìr |, 
fòlnrvaao' ad ò^'of jftv l'cmdr «fgeittf 
IM^Oteancr; onda dr prigioff pìeife 
' ^ ir com» inr uppr • oi i» cuoar r 



dby Google 



t1i« CANTO 

• i6 - ' 

Per^, mùn fi troTtr quelli t guardart 
4:ogli kUri quattro il lor Regno paterMf 
Ma meiitrc Floridante va a purgare 
Di^ttnU Arpie quel fpaventofo interno; 
C per agli altri dui la morte dare 
Gigaoti, che rellavjno al governo 
,. OeU' altra torre, di sì grande altezza « 
Che non fi vide mai unta fierezza ì 

Sopravvennero i duo minor fratelli, 
Che venivao dal mar di preda altieri; 
Ad ogni legge, ad ogni Dio rubelli 
Con trenta e più Donzelle, e Cavaliert; 

I quat trovftr di tepidi rufcelli 

Di fangue anco inondar tutti ifentìcrì ; 
E morto in terrra il lor iVatel niaggiore» 
Col Leon pien di ipaventofo orrore. 
18 
Tal che di rabbia fi motCer le dita , 
• E ver la prin^a torre $*inviaro; 
Ove trovar di Ca<valieri unita 
Una gran compagaia, che la Tal varo ; 
^La cui battaglia fubito fentita, 
'Corfe prefto Alidor a dar riparo 
Al gran furor di quelli nioftri orrendi ^ 
^ Che colpi già faccAn £féri e ftupeadi*. 

. *9 

Ma (t non era d'Eufrofina Tarte» 
che ppfe al lor fo ve rchie orgoglio il matti 

II valorofo Figlio di tiruartc 

Saria venuto in quella pugna oaeno ; 
che Tuno d'etfi fé trarre in dìfjpartc^ 
Come di foco aveÉTe il corpo pieno ^ 
E cosi combattendo con uà fol^ 
Gli die cagion di (empiterno duolo « 



dby Google 



NONANTESIMOPHrMO. 171 
20 ' 

X altro da fei di qu«i Gaerrier fu ucelfo , 
Che ditendean la torre in un momeaco. 
Frtttanto in fella Fioridtnte aififo 
Andava lieto alla fua (gloria intento 
Contra quei^Ii altri, che già avendo tvvifo 
Da qual lugubre fuon pien di fpa vento , 
. Ch\era il ìor Genitor ^iuoto al fuo fine. 
S*tvevan pofte l'arme adamaottof* ^ 

n "i 

E Covra duo corfieri alti « poflentì 

Di Madre Frifa , e di Padre Bertone,' 
Che Ufciavan correndo addietro l venti , 
Pre(o ciafcun in nktoo un gran roncone 
Venivano a incontrar, di fdegnp ardenti 
^. L'ardito ed invincibile Barone» 
Con una mazza T un di ferro grave 
Lunga non meo , eh' un erboro di aave j 

L* altro con una fcimicajra .torta , 

Al cui furor non regge elmo, né feudo* 
Non tanta furia , o tant' impeto porta 
Ferro da polve fpinto irato e crudo. 
Quanto i gran tronchi di cofior, ma accorta- 
Mente il Guerrier , che non ha '1 core ignudo 
Del folico valor, quel eoa U fp^da 
Ribatte , e 'Is man^a tronco in fu la ftradt. 

A queflo col deilriero agile e deliro 

Si toglie a tempo, e gir il. face in fallo. 
Fioridante or bt fogo a e (Ter «naeftro, 

. per vivo ttfcir del perigliofo bailo. 

^ Ma ti fu il tuo deftin propizi» e deftlo, 
Ch«'l primo trafportato dal cavallo, 
eh' al freo non obediva, un mezzo miglio, 
.Te di man toife » e sì gran periglio . 

M i Koa 



dby Google 



•?♦ CAKTO 

Udo perde temp» il wailigliiir, cll-^fpti» 
Alla vtttorU, ed Im £c>f tunt ainica ; 
E sl< 'L dtfia ^Ih «ccrefee forz# ed ira , 
Che r elmetto g}i aperfer r U lorica i 
Ed al furar dèlia t«|^iemr e dira ^ 
Spada pDfe I* arc»n» freno> e fatica : 
Che fé qiiello- non^ era , fl< colpo ,^er& 
JPattito avn» fer mezzo caco '^ de^rierv. 

Hòar co» ftrepito rat torre rufna 
Dn unccbina 6«ttiita lungamente; 
O in aria alzata da naftoSi mina y 
Che*r furor fpìnge delta polve ardente;: 
Con qiial del gre» coloflTcy U mina,. 
Ch^ U dal fuo cavallo aito e pofifente ; 
Tal cbe fonar ptr tema ^ e fuggir l'onde 
Dttt*Ocean» alle contrarie fpondé ^ 

Ila '1 Frate! pTeno di fdegno e di rabbia- 
X.*»ndonrit* deUrtcrO' al forz» rutto, 

. A vveafc fuor del oafo, e dalle labbia 
Tutto ir velenr, ciré rìra^h^inliii raccolto^ 
Non è si prcfto angeli» a Hfcir'di gaSbia, 
Coro' a lui predo ii Guerrier tolteti volto, 
Céa la fpada atray cii*er» ancor verntigUa 
Del faogoe tparfo dylla fua famìglia» 

Kvgge , cerne Leon , fé febbre il preme . 
Queir uomo orrendo e'I ba Hon grave io cn« 
Con Si Arreno furor, cfce'l Crei ne geme; 
Ma fcende in vano, e a ferir va 1* arena 2 
Ferchè it Campian, ehedr quel ferro teme, 

. «alte da- ufv lato, e foggi il colpo a peoJ 
E prim* cb'ei di novo alzar il potfa- 
Paa grave gli di, mortai fercefia» 

Hm 



dby Google 



rhe 



M ^ò^t4tìVìnctLfKttt& tccnr» 
« feree e'fiil»eii«tfrabile dbrezz*; 
Che* ffoir fip trovi tilt virtiSp riparo»* 
Cèl fitrd bnTOcfc ^ cft» ogxii eof» fj?exar# 
IÌ4É? ^ftr* Còl bìill'oB* iir ttrrt cnil*Ta^ 
E fent^ di ^utl colpo 1* fiereit» 
*La Colei* MiiCòr^chf piird'mi'p*!iffar^eff# 
I)i«<li # q^i^ gi^Q' Cimpioiv vttton# ^ntr 

Afrori iV Ctel fi l'àlfegr»' d^'intofocr, 
£: otHif liecti' di' ^ fran' ventura, 
Dr nova tute rivcft^iro il giorno, 
I.*ari« r»6fertti6* turlttrt* e (cura : 
Ogni rfrbofcel di' novr rami ad'otno? 
Si fCf <ft fion il pJito e- di versta j: 
tu bofcrtf fi^ tnxiftrff ticto^ e giocóndo, 
roicll^- À» ^' g^*»' ^1* toltv jiiF moddOé* 
' 'li'* ' \ '• -i 

fyrùf tutti J Temer T quiC diCciùIt* 
0kl duro e- ya ve giogo , a .f*T onorr 
M etti' cttn'^ftofi ilUgn volu^ 
Al- glbribfò e mi^^o V-ncitore ; ^ 

E di CbHUftì' concordu inficrfie iccoilf 
Ffer rtitìtipe ti gìuriro e ,p^r Si^iiorc 
0i center > ctW nel fen terr^ e C*ft%ri|^ 
CtliUd^Vif l^)i« f«lvA |4A!n» ^ btiU.^ 

éil^. $? irtichinavir r.g«' ft«; <?ompagritfP , 
iHla< gran' rocWy^wrr ^i|t>^rgava..l7rtti|e 
Kicea* 0i^ d?*»Ur*, ctoi'tìfej mbnfip lia^ 
far accolfc àlidor C^n lUia ironi? y 
Cfte tffeffo a dkrglf *i^ro; ^tf ytoi^ ^ 
Cdn' Valftà wr*g»,'e.««^I.U:fJt" Kròfir 
■*»ifci>«J>'»^^*» rrpv^ti^ljor 4?rigiQor • 



dby Google 



%7é CANTO 

I» 

Iti cento trovar Donne e Donzelle^ 
Cbe'n un ferragHo teneva il Gi^anfr^ 
Tutte leggiadre, e grazraTe, • belle $ 
Ma doforofe dì sì fiero amante : 
Tutte gli s*incbÌTi4r, tutte alle ftelle 
Mandaro il nome fuo, eòa lodi tante ^ 
Quant*ave f rendi gran Tel va di ptni^ 
O i' ondofo Ocean OrcJie, e Delfini. 

Cent* arche ivi trovar d'argento e d*or» 
Piene, e dr gemme prcziofe'e «are,- 
Tat che 'n grembo non bar tanto tcforo ^ 
Ovunque bagn<t , ove circonda il nsAre^ 
Coùnt'àrme e deftrier trovati foro, 
Che *due mila poteva uomini armair; 
E vtnti yohe cento Cavalierr, 

' Sut' ivi langanrentt prigioméri * 

S4 

La fama, che divulga r! bene d'I male 
Con la dolce armoni* d'un lieto canto « 
Spiei^ò dei mondo in ogni parte l'ale, 
D^ndo a q^uelio Baron la gloria t*l vaat* 
M^^gior, cb^aveffe mai nomo mortale , 
Tal che *1 Gange l' udio , la Tana , e *1 Sani»! 
È di /^ioia s' empier tutti gli amici 
Detit lue imprcfe, e fttti *lt» e felic». 

Che con fua tanta gloria atea condotti 
^^1 fine lungamente defrato, - 
*'£d Amadrgi fovra pi aitri tutti | 
iCh* amava lui, e di pari era amato: 
Né" io potè fentir con gli occhi afcittttiy 
.Si forte i' ebbe il gr%n piacer turbato; 
Certo d*aver a tant*iiopo>il Tuo aiuto 
'i^'^T^Ss^l il loro tmorv «igi dov.ii|o. 

£ru. 



dby Google 



NOtlANTEf lUOPR IMO. tjf 

Krtnvì molti Ctvalier pre$Mti , 
P«r vtgbeczi di gloru ivi venuti « 
Che per forze d'incanti crtno ftati^ 
Da quel Mago crude! prcii e tenuti 
Lungamente a purgale i lor peccati | 
I quai da Ptorid«nt« conofciuti , - ^ 
. E per lor meno, e per virtà aattft 
Riceverò inftniu cortcfie. "^ 

Poi eh' ebbe dirpenftto oro ed af^nito 
Con lar^hiffima mano, armi e deftrieri; 
Secondo il grado sì, eli' ognun contento 
Rimafe, e liceo di que'Cavalierij 
E^<fndo tutto a dar foccorfo intento 
AI Tuo caro Cugia, pre^ i Guerrieri , 
Cbe*n queir iniprefa gli fofler compigni. 
Ove farìM d'onor alti guadagni» 

38 
I che s' alcun di loto obligo tveffo 
Di fede al Re LiftNirte , o voflaltaggio; 
O allMmperador, che non poteCe 
Andar lor contra ,0 far xbnno ed oltraggioi 
Quel poteva ad ogn*or, <hc gli ptacefle. 
Prender, u' più bramava, il fuo viaggio^ 
Però eh' et non vole», che per (uà amori 
Mancaflero di lede ai lor Sigoortt 

Ì9 
va comune voler fi contentato 
A si onorett imprefa Ceguìtarloi 
E cib con giufiimento confirmaro, 
"fCaa animo di m^ti non rivocarlo. 
Giurar volea Alidor, e al Baron chiaro 
Fu di meftior più volte di pregarlo, 
C dargli a diveder, che non potea 
Mancare a quel % cui tftOtO. obligo avea « 



dby Google 



40» 

Mazìc t Cdlb ptrtir il pcrfiiufer 

Il prti;a ,. lo fconsMk'ft «> e «l fin IÌv mror^ 
jLofciaa nofli db gentil f^ecade ^ 
Cior. vtdf ti duolr^i»\t^ luì fcmprr rinforza: ^ 
^t^ gnuv pn* <|HeH' »ira^r t^rao» bclude ^ 
C* lui' (òvrv «fisi fuo» cdr «b^nna' forza ,. 
CW eiìit Cr 6tti«f«HI^ cai .^n»ììL' inp dono ^ 
fi €ltir glìi ioqif creii' dki leè^ {(teidbiior.. 
4ir 

Ctr nHHefr Mi» pvreva^ ior fmif aOr 
0r dare ut proprio GcnitoK aita , 

- S^xè, ciii' r o^or finr siflfr ali* O^ea^óv 

Con' quel^ v fftò^ ra^ioiti^ pferfua(i}|« 
Qu^fii per iojfZft.^ 1^ dir Ior partita i! ' . 

. Ttr}ì> primaMjfa^ w preA l» f«de ^^r^ ^ 
Che da» Mtet^dai impcil«f9^ ja<prc«^W. 
■ #* 

Tolto clt^'iiNfi Al^r fii fir pkrtii«Py - 
fìbridantr miignainiiro e cortcfe^ 
eh' airta già^ fra; (fe fttii& debilito 
Di' ^>inia Ikr dì tucur quei pacfr 
Ia btllìP Oliincia'rC^^nc P^f «lirto 
•11 €do* SaliGier per iifwn< la p^e^Cy 
^ tmual» ìir difparrr dìiUa- geair 
11' fecrec» Tapr» della- (k».iiKau> 

KtendTolcr f^pir^ ctire^ S«lib«» 
Bfà, fcéf^de lenguriifitfirr e definr^, 
Primo^i!Ì^^P*4l*«r 00611; Oavalieroy. 
CliPr prthdffàf Signore ìt m§ ^bo regad^^ 
Cl^ aveifdbltf (ervicv pvr fcudienr 
C<^' tacitar f^UfR''«nni ^ era benr dei;a#gi 
CV eì Kii moilT*^ a>n affime ftirato ,. 

Or aaà «ve» 4«lvil^ «d umìO' ingrattf «- 



dby Google 



CTtANTESMOntlWO». «^ 
44' 
ftTrnchinò rivereate- «II» , r éì Itoti» 
f^var grazi* ji^li refe. Uh)ì prcgollo^ 
Che voleflfe cardar le jrto^ze alquanto^ 
Kè le pon^ffe ì4 (folce gitilo»* a4 collo. 
Frta che noiv fede i! iwitrj^n9oto Tanto 
Suo celelìrattry^^eT gra» dffio^tono; 
Ché*nt «anta eli A- il temi* per Tuo conforte/' 
Fkr oiiDrai^''o^or fip» «Uà» iHorte • 
' 4sy 
Jl di^fegutirtr r 6 fatti* ciir^^r^vr» 
I Principali di ^ueffe citt?ti, 
E ciò che ftatuico «ve» di fare 
yamta tor« onde farun )>eati| 
¥er lor Signor lfi^ttini!i giurare 
Aitibodito fece^ e v privilegi ufatt 
- Ffomecter lotoi r fiir^w di'* indi ÌA,U& 
Effi. ubidttty €00^ fignor tuoi,. 
4« 
fclibero pregò ^poi Flori^V^fr^ 

Che voleflc Ufciar gente {f^^èomtfoifg' 
Perchè temea di:' figli Jei;^,^^^!,' , 
Ole non dormiano aacpr^u^/omnoctcniof 
•Ch'un Guerrier yì U^cfe^ ^^ttp Attamente, 
Vàio e crefciijito jjel fùgx^o «aiwno^ 
•rdno,jl>^g^o,,.e di V/W>r ,A>ffano^i 
E per ojjifi/M^ i^cca j^. RfftfiJUft^ 

'^L^? ''"^.fl^ '^?|5W »*feti u 

Tiiftl ^dpr|ii,di,c*ri.jib*ui,cietti 
D'un «b^r veliirtc? dir ^ySr^'"^^^^ 
Che nelle fpajle tvean teda.^ ne' petti 
«n ramarro, che par che Hù^» e ferbe 
Dì rofe con U bocca un piccjol fafcio 
« V W ftfiuo fo^r»; to nui o<m Wcioj 

£a- 



dby Google 



it# CANTO 

^« 

'L«rciiino andar col ciel benigno t grtt* 
L% ^aioroCj fchiern al fuo cammino . 
^erch'aM' (fola ferma io Con chiamata 
Da queir invitto e franco Paladino, 
'Ove I Prence Boemo è già arrivato 
Con «n vslectf e ben armato pino. 
Che tu da tutti 4u«' Guerrieri accoltii 
Con molta iorteiìa , con lieto volto i 
... 49 

11 qual loV dlffe^'cbe IMroperiate 
Armata de' R mani ufcia del porto , 
SotUcitata da u.i meflb reale* 
E che f%rii in Bsrtagna in -tempo corto* 
Ond'.egli f4tto porre a un legno Tale 
Avea per far di quirlio il padre accorto » 
Atctoccfiè fofTe p elio e diligente 
A mandar Gattilvs eoa la fua gente* 

Hel medefimo eiorno anco di Franza 
Arrivò Gandàtin le«te e 6do 
Il qual gli die ccrtiffima fperanza , 
Che 'n pochi giorni toccheri^ quel lidoy 
Foiche v*cra dì via poci difianaa, 
Qur' Redi unta f«ma e tanto grido | 
£ pria di lui con la gentil Sorella 
Verri* 'Màfuida valorofa e bella. ' 
:K 

Della Tehuea di quella Guerriera, 
Tanto nePifioodo gloriofa e chiara « 
Si rallegrò qn^fP odorata fchiera , 
Cotanto tor era gradita e cara. 
Non fol per la beiti, h qual cert^em 
-A par d*ogn*a1trA pellegrina e rara, 
14 a per Tecoelfo fuo va ore ìmmenfo. 
Che di poter lodar giammai non penfo. 

Gii». 



dby Google 



]Ì0KÀNT£SlliÒFtIilO* 'Oft 

Giunft dappoi U vtgi é ftlUlpiné ' \ 
Còppia di Dime ti porto it ^trto giorno» 
Gorier tutti i Guerntri alU màrttta 
Ciafcun di miniale abito adorno ; ' 
A Si rara bcliezxa orihmi s*incliiaag 
E fermi «anno a rimirarle istorno; ^ 
Ma'l Tuo caro Fratello atnbe leabbracctt» 
E cento voVte e più le baeia io focci» • 

M . 

Tofto mandb della venuta loro 
Amàdi^i Tavvifo allf PonUHt ; 
Le qu»li liete ^Itra mifura foro 
Di cosi dcfiaic, alte novelle; 
Che ptr far d' Angioletti un vago coro. 
Manca van quelle due leggiadre e bello» 
Perchè foffe più bel quel Paradifo * 
col gran fplendor del lor celeftf «ifo» 

Dì diletto Bruneo divenne infano, 
Poiché tanto vicino ebbe il fuo cores 
E per baciarle andò lieto la mano « 
Con molta riverenza e molto onore. 
Mìrinda in quefta volta al fuo Germanft 
Gli diffe: fenxa me caro Signore 
sr bella imprefa volevate fare? 
Dunque > la fp»da mia si dafpreKartf 

Ed egli à lèi: Sorella, fallo iddìo , 

Quanta fperanta area nell ardir voftr»! 
E fé di qui vedervi avca defio 
Per poter far difefa all'onor noftro; '- 
Or aiftti più fecur farà il cor mio ,^ • 
Avendo meco quel valor, che rooftrd 
Al paragone in tante iroprefe avete. 
Onde a chiara « sì famofa fete. - 

uoea» 



dby Google 



Wfciicb infittii di ^r^r fiiM . 

fbiqftt coi atarfxcijQbKciy-ttnlftiIlfr 

9»i;pkl: iift(cer » voi 4ove« nrnraiift, 
C&»i»t*^>iic»:di. buono , il fiel^ m «i« ri|o(c| 
« .JBb V0I vinftiin vknv^ e tur io «fuelia, 
«CWilr'Imiai puor (<« pur t^l è> tiMi«r, 

C»il p^rfgiicEtr.r ^ OimmitrtndaAiiAM' 
CKel be( ^ivifinor air onorati poruV 
V^ Grafinds r il^^if» ritrovar» 
Co» ima fclMvn^ di Obnzallr accorta» 
^6v flimiU belle Dbmit s^abbnccìaror 
kWoì mocIo^ obrì diri» ora noi fopprCi 
U rea^voy H» lo^^ uè' Toccàfone, 
Osila fual or bifo^ar aver ragioorr 

Taifrcr if dilècco fu, cb^'ebbe Cerane 
Cof» qoelle due Sorelle, e le Cugine, 
CHV^gn^opra àr ScriCtor farebbe van» 
PVr raccontarla; e le ganti! Rein» 
-Ariolen^ia ^afl per i» groie ìnfan» 
Abbraccra la Guerriere pellcj^ina , 
Mei CUT vi(b vedca di Ita 1* larroagor^ 
t Olide ftf il fuo d«fo giU^ tantO' vago. 

Tectr» i^'efiBre teoognenze enttfr e oaiVy 
(PjBìxbe .dir ooir le (v,-.,cicmie .«orrei; 
Oriana le fé te» ailoggiarr^ 
Cllv «w»l^ eoip lor» ll^ce, effe coir Ì9Ìm- 
O belCe eon^igme tà ve' Jafciàrey . 
aB^eneifard^er d'amor uonrìnr, r Derf 
Cb altr» acctifiBnte <lelU guerre vuole, 
tt"» 111» voigi» h jfSQS$n e le ^loier 



dby Google 



noHkìn$sttiottaw>^ Afe 

mr» pelimi ;«ftiNrvt 



ilir» pelimi ;«ftÌNi^vòeè y^é at 
Cb^ i» vegcù^ it ^ì co» r«o» b^^rt^d'or^ 
Volgeri iSfWwnifr TaUro* emigro:. 
6il: fAQ' le Rellc itt^cielo u» Tiet» «or» » 

O^ii* cof» s tcdpiett ^ e vanno intorno* 



9 JlMF MV flOPMMfplli^pMMi^ wS]§W^ 






CrfWr 



Digitizedby Google 



C A N T O > 

NONANTESiMOSEGONDp . 

Sr^nor , forj^iamo , e quefto ftanco legno 
Per si Iiui^o cammin meniamo in porto; 
Che dell* onde del moniu orribil fde^oo 
Ha già fofpinto dairOccifo ali* Orto; 
Che mi dimolira U mia carta il fegao 
Con fommo mio piacere e mio conforto » 
eh* io (on già molto al bel lido vicino , 
Ove chiuderò lieto il bianco lino • 
a 
Già Ì'«(<rcito Aio faceolco Avea 
11 Re Lifuarte numerofo e grande» 
Ed ogni di foccorfo gli giungea 
Di nova gente da tutte le bande; 
Tal che ficco me il Pò ratto crefcea 
Per larga pioggia , onde poi fuorfifpande; 
Di che divenne quel gran Re inrolente , 
Che prima effer lolea tanto prudente • 

Già certa foeme avea, che d*ora in or* 
Giunger doveflè la Romana armata » 
Che quel penfofo (:javaliero allora 
Gli avea , che ritornò d^ Roma , data : 
Luaghiilìma gli pare ogni dimora , 
Tant*ha l'alma d*orgoglio e d'ira armata} 
Onde fé più ritarda , egli difegna 
Oi far fpit^r la Tua real iafegaa . 



dby Google 



t/ì-* mentre eh'» ciò fare era d fpofto, 
Allor che'l novo Só'e u^tiva óe le 
Onde del nur , ftoprir itiòlto dif^ofta 
Un infir>no numero di vele; 
Che da facondo e deliro fiato tofto 
Spinte il porto pigliar queto e fedele « 
Con tinti fuoh de b^Ulci ftromenti ^ 
Cb^ atfordavano il lido, e raria,e i ventt. 

Fu con Tonor .r loiperador jccolto , 
Cil*a)P alio ftato fuo fi tonvenià ; 
II qual ccìì Hln parlar (Uperbo e ftoItA 
Di ftior mol^rb cib, che nel cor fentia • 
Poich'ebbero fra lor parlato moUo 
Di quella guerra , elle per lor fia ria; 
f^r It j^enti pofar ftanche dal mare. 

Per poter pofcii il terzo d2 marciart. 

; f ■ '• ^■ 

Mi già il R« Perione trt afriyàto . 

Coo duo mila Guerrieri^ é ^ià pedoni, - 

Che con pa^a onorata avea affoldatò 

Da tutte le vicine regióni. 

Che Vi fimi! cafo non avea guardato 

Alta gran fpef» per avergli buoni, 

E veterani tutti, • b ne armati i . 

ili caldo, al freddo; air^cqua , al vento ufatt . 

•' ' ■'•' ^ r ■ 

Mentr'iva Fioj^id^nte i\ fuo via^^ìo ^ 

Cen queìfa, compagni* ricca ed iltcrii/ '* 
Tttttiììàfì^ ò^e' trovar pofT» paffai^^ìio^ ' J 
E Ic^rti per iJ 'é"5ffi e iuo^a fcfaiert ; ^ ''^ 
•V'àe Veni^ pti ^n fentier felvagpio 
Una leggiadra e va^a meffa|gier*; ,. „ 
La qual Si tdfto, cit ^n fu vicini, 
* Cori un gentil (aiuto a lul/iiicbìna . 



dby Google 



ai# C t H T O 

M ^ 4*€k : "Signor:, t» unndVAruft, 
Chi J7* tiQtf , com« iinadr» al ^rqfrìol^^ 
Cbe J '440^0 voftroigii pr« villo «vvca, 
C proviftevi niieor ^col ^0 ^oolislio ; 
l^er^liè ^orttiiM rtngkiriofa ret 
Woii 4' tifitei^oiigA -con alcun ^itrìglio 
#i vofiro 1»cl dcfir, v^A» ^pparccciii«t< 
Ceato i9 jfìà «avi 41 ^^^edó iidb ■aribatc* 

01 piti dir «1 vi fa , 'tVM ^quella Imprdii^ 
Toftotcl^e liato fina avrete ^lato^ 
ll.cbf éà *a 1>ravf ,- fcns'alira «ooteSa' 
Sverete li h9n 4a voi ^1 <lefiat04 
S FiIi4ora al voilro oaore intefs 
Vi manda ^ueft* anel , di tal •dotati 
^iriAs cha fcombra con: la dolce vifl» 
«Ogni cola 4I1I cor noiofà t xiUtè^ 
. *• , • • 

Siec^iM Urato da. 'baleiira ulclto « 

Vta fa ii(andk, ^i ch'ebbe cosi JellÉ» 
«limafe agli di «1$ inezz* impedito^ 
Perchè rifpoHa ^r '|ii fu tntt idetro; 
U prt sioio ancl %acia , «d in (dito 
M poli. <dl gioia f ieoó t di diletto; 
Voi vario II mar eoo fa Tua compagour^ 
4>v*fll« ^attó gli à^^ j^rende 4a mU. 

ih alU Ckfl di Ctafco'; Indi B mw 
Fer^gir iàt dova Dea puro ed ameno , 
Vicmo a Oòmbretófie 4l jggukt «ommóvo^ 
Ch'uQ Ugo 4 canto a tuf ricevè iu Xeoò^ 
Ivi vov^, che vere «rari le nove 
Dalla t)onzeIJa détte ^ e1 porto pieno .' 
Di légni armati, e miUe infegne al ^c^o^ 
0ik faccan ireiiiolandoóga* occhio inteaio» 



dby Google 



Il 

PHi ciie à" innal^ li S<H Mi'OrtCDtf ^ 
Col «Affo A(l«nio4Ìi noveiU Ijice^ 
Tuculmiiftr^t» avendo pi U fiiriXtf • 
Farce dal f»orfb il gimòfo Oucr. 
Lt veU «pr» it Mooclii«r« «Va diljgvntt» 
A G/eco ,* « Ftfi"Gftrbfi(S ohtl^ «ondiice^ 
rrefe H p<in<i<^iti aia* óulndi ii?fcioir«» 

f «(Ti ti 4tpo dt ìM€fmrf99 UfMKt^ - 

€oiv«a <oA Véncd*^ uaìpàà c^ loo»Mt 
ScozU dn i^(tn«M grtollNiLKiMrU* . 
Quinci t;ifln«o ai «uÌMavV«^'^»ft*<>^ 
D« <^>rvéf- )%rtd dà' n^timrttd Àriii . 
Fatto fecif.^; dcrt' rtMfc lirnu #. . 

Qiitfad0 tb<t UBinni^ 'c^» a^iBiHl|Mi|r 
E di >f«^tftPd«\ i«à^ ^f€midnti%V. 
M fol dtnVlti'*^dÒqM#^imè4i«tuii!Mh»f^ 
Diisll ffrriWiì Mtert dtoiottw; u? .: r 
Fu, i^di%' l*«W *il wrfir>di(«iwilir 
Un tei^etrtotò <!l'l»Ut* • cit^Ià^ ^ ^ ■ 
RÌCC4 14qtfèll<lttl«>i «^gl^wo^* «^WtoA 

1^. divérflMéWi il m4f «opmo. 
tSfti' ir IhtrAt' 5* Ì?«Jno ei fu vOuto^i 
Il Frlrf^il^ di iTVaticit, «*e «li «viW; '^. 

8at*«rt hWàt $\ gmod^ajbW • ^ .( 
Ùi6 fiièrhf priì di un mt^Q&ènn^fkm 
Dilla «ali M4«t ,per«h'<H|min ndifn ^ 



dby Google 



iftl e A V T O 

i6 
Della veOttU dì $! gran Campione 
Fu rallegreiza grande e umverUlc; 
Piim che gli altri v'andb Periowe, 
Senza rifpetto al fiip fteto reale 
A*er , per onorar tanto Barone : 
Si, come vide il Zio di merlo tale, 
Con eortes' atto^ e con (embiante umane 
CU »'incbinè per baciargli U mane. 

Il te le^Mfevb tarteiciiieiitt ; , 
£*a quel modo, cb* avrebbe il Figliuolcarov 
J^ ftfinfe» ed abbracctb teoerameote 
Ala come ci vide il Cugin alto e cburo, 
Cb'airaeeogUenxe lor poneva mente, 
Con IM fraterno tfètto s* abbracciaro , 
Con ouelU cariti» che fi devee^ 
fotcM'l fiiBgttc congiunti in iio gli am. 
il 

Tofto cbc fVtfii ti Uklàtùr accolto 
Da tttttì gli altri ftt con motto ^ore, 
Perch* ad' alena di lor non era occolto 
LMmmenfo ed infinito, fiio valore. 
Mon ftt Terrier, che noi miraffe in velU 
Con mera viglia,, udito già il remore, 
Cb^ei della felva perìgliofa e fcura 
Av^a fcorto alla fine ogni ventura* 
19 
•fa pclrcbè'Kfte BriMano oniar defi^ , 
Di d/piegar T Imperiai ilendardo: 
Cb*a 4anno ed onta far gli par, che fit 
A' fuoi nemici fennaccb^oTo e urdo* 
Detumi tu Mufa Tofcana mia 
> I^'imprefa, o'i nom* ài ciafcun gaglip» 
1 jprode.Capiun, di ^uefti du» 
Principi, grand», e deg^li amici iw. 



dby Google 



IIONAtrèll^llOSEtiOKDO. iV 

.' *^ 

IleUbcrati Hi voler vedere 
' 'òeiti (or Cavaliero « e Oi.pitMio ^ 
Ad u6a adi una ter .paCar le fcliiere ^ 
Jii UB beo ipasioro e iacgo ,|^mo; 
l^ia Lifuarte le Aie, cà« ^ piacere 
"Vìi dell'^kiweradore, e Orumedano 
CiM» ì« IMI* ìateiBt fu prUniefo 
Ì|^ col fuo cavai vt^^M a itef». 
xi 

f orttva neH^ io^e^^m OUmyo « e3 Oifa ,. 
C^'4ia fovra l'altro. poCer^er hr i^tterra 
Troppo lìjpefbi della, lor $raii poSk 
l.difpieuti Pi^li della Terra: 
^ cffi, come fórni da una (coffa 
Dell'irato Aquilon battuti in. terra, 
fiiaee^ra» fteu, fulminati, e vinti; 
rarte vivi fepolfi , e parte efimrt.. 
11. , 

II Duca di Lancaftro era il fecondo. 
Che nello feudo fuo portava -pinio 
Quel 9, che foftenne eoo U (palle j) mondo: 
Pa Yragil legnò , che dall' avrà fpinto 
Era, e cl# irato mar fui lido immondo^ 
litofite di Vérvecia : -un sìom awkit» 
Al collo a Mtì Tauro il Ducpt ai Mortfozia ; 
CI velo d'oro il Conte di Pimbroxia. 

X| 

11 Duca di Cloceftra Clodimonte 
Avfva -per iofe^na un gran Ramarro: 
M quello ^i Chiarenza ùbiconte 
tjFfta Chimera di color bizzarro : ^^ 
Tre L^on d'oro d' Arindelia il Coat«^ 
Vn.da quattro delfin tirato carro. 
Il Signor di Dorfezia : e quel d' Àntoi|a 
Pi^mofte genunc adorna uha «olona. 
'nAw IK U IWr. 



dby Google 



9^ C A If T O 

^ »4 ' . '^ 

Portava Talamon Conte di Ctncia , ^ . 
Nel campo roflò un gran Leon tt'itfientò: 
Il Sienor dì fìUV^^ia una biUn^àt^ 
Cui fòeva gitare ÌAtorno il venttf ;' 
Un capo in cihta ad un troncon diTtnii|i 
Quel 9 che regge iborace : un lUme Tpeo^o 
Sott'uha iiotte ofcUra il Sìr d'OfonìA;* 
li ramo d^oro II Conte di De venia* 
''■'ti 
li Signor d^ jErbia per iinprera-poiijta 
Di laiche tutte d oro un gran fallelfo.: ^ 
tyi Giano il tempio con la chiuOt jpdrta 
l,'alt*ò d^lEffcniai un gioveoc torello^ 
- Ch'algiogo fi fòtttaggfc, e noi foppoita, 
Di.Bardei 11 Mirch'eie: un inoitgtbello 
L'am'mofo Signor di Siri^beria: 
Sitoi corno ùa iTriton quel di Croisbervu 

Tantalo pioto add^eSn mezzo Tonds 
Jl Conte ài Ritnìonda Arciximedoro; ' 
].' altro di Marchia «n'arbor, ch^ le 'fronde 
Avc^ tutte di i^mmè, e '1 tronco d*oro: 
Di Bocc^hin^mi* il Sir le cfiiom.e bionda 
Bi BerenrJèe :.dne ticfte di MoVp' * ' , 
Di SartoofWia ha"! CSc/nte:^e h ij^pJir» * 

i ©i Vulcani Ji Signor di Vigoriifti. 
17 - '^ 

L'altere infegiie di qiiéili S|gno^ 
Seguivan m^ci bila CaValn^ri, 
Di qbahti n^ebbe BertiTgna i niìà 
Meglio in órdine d'arnie , t tfi d, 
K dopo qii«*fti fei di lor h^afekibi'ij 
E'ttói Refi Mi corona 'àrtìeH^' "'"^ 







H 



mh 



dby Google 



MONANTESIMOSECONDO. 201 
*8 
Sinodor covo He 4ì NorbeUafld^ 
P*r ffac.l^i^qqa d^l fio mi\ crih^o. ^nt^z 
Pinu avea n^lU) fc;u4a uq^ ftWi^ad* 
<2i^«| di Svezia valprofp e /oftf : 
Un , eh* t)n Orfo «t>t»raf ciato i^ ^cra auiida. 
E (óuo il %Un f(QZ4 t«m«r ]« pioau» 
Il Re di Cprnavaglia : ^4 fc^ ^^(^Mio . 
Cinquecento Guerri^r firmati a bruno. 

II Re idi Itecolìs io? MaRÌ4a«u i 
Con feìceqij.q^rif{i gfi àg.l^u^lbf 
L imprefa Tiu ,.. i^^chè .£« (foivre amante. 
Era lUL.coi: iUetCo da Ione Unailia : 
popò quefti «ra ilvalorofo Aibame , 
In «m 1 ardire «1 «r«n toer A^iawiaglM . 

Del fuo regno Norg^ljo i più fioriti . 

,30 , . •» 

Portava n«l|P As^dp 4w ^9rù ièim(^^ 
eh un fMflcc ,f mshHl V U fodo ibttp X 
Seguly^.4ftpo,9^^ai iAl4*4sm ^ 
Con vn4 t0t:n j^ tf«»lù; f Covre wfMtlo. 
Che die? V4 in ija^^n^ ^oUa, e. RoiiHino 4 
LaCo, ch^ ipm,«4 Hpitar MenhMtta» 
Seiceqp Cay^li^ ^qn fiW> lOMa» 
Tutti felVaggi, cui i^ion non frena» 

»,;• ' 'mìi. .'.-,.; ' 

¥enian dopo %^r ^Wr^Jb^nal 
ArpaIo,4ftfnifÌ9^ (liMio^cd Omnen» -^ 
Coo.iwf t^Orgr^n hltitglioidi. peéoDÌ , 
pj eh era.*|U*fi,*iàt;o,U e«|n|«, pijBwri ' 
Una F«^ic^ Jlun ^ ti^iittro Xioni 

For^a > #Up>in:^nipoMwiwos.«n^tto 
Spezzato Ewrm; OtpÙlM^ ! 

Cb«:4i nafcofo per l'erbetta ferpef 



dby Google 



1^ CAttTO 

Sovra 4in :i1fo corficr di pelo finfO 
SiUro apri V Ittìperial fteiKfardo/ 
Ch'era un'Aquila bianca in campo di' tufo: 
StUro Ca^alier proda t gagliardo , 
Maro fu l'Appennin pre#o al Metauros 

( Silaro a ferir preiTo , a fuggir urdo, 
eh* aveva eletto il magno imperadorf 
'Per tiom d* ineftifnabile valore • 

ìì 

Veniali con ^uefta infégna a paflo l^ndr .. 
Tre mila QiValieri in una fcbiera^ 
Con fopraiFvefte di fiìa d'argento' 

e Tefte, e di feu violate e nera : 
E dopo quelli il Signor dì WomentOy 
Che nello feudo aveva una Pantera. r 
(Con duo mila Guerrìer, bene a civatltf ^ 
Veftiti di color- candido e gimllo» 

. •• •- "5* . 

Srguia con Altrettanti tjton^iné 

Signor d' Ariiii',' eh* avea per Imprefa 

Up<, che 'n abito t% di Pellegrino , 

S poru in «nano una facèUa acceia ; 

^-M brevrfpaxio a dietro un Vailadino^ 

Ch*avea una rete d'or nel iimpo teis 

Del duro feudo, ed in abito bello 

Mille Guerrieri fcco^to. un dftppeH^. 

Poi con cento di pia i' ordito. IppaiWl 
D' Ardea Conte valoroib è fiero ; 
Cui ornava lo feudo il celeft*arco( 
Sot|o un eiel measo tinebrofo e nero ; 
Segpia più dir penfier , éàe d' anni cjirco * 
Il Conte d* AgiUiaay» péf cimiero 
(AvU una man 9 che per lo èrin tenes 
Prcd». ringanoetrkc iftftabil Oca 



eia. 



,i 



dby Google 



NONAUTES/MOSECONOO. lyj 

Cinquecento cavalli aggiunti a millt 
Viti dietro a quello Capitano efperto: 
U6 fuòco f ond'efce fuor fiamma efavUUf 
Porta Severo , uom di gran loda e merto » 
^Si^Aor d'Alban che dalle prime fquiUc 

' Alia fera o^nor va d'armi copertoi 
Def qual l'infe^na era regola 9 norma 
Di ben mille Giierrier ad uni torma» 

Veniva appreiTo quefti un Agìfmdndo 
D'AfcoIt Conte e Cavalieri eletti, 
'Di cui aveva rgli il governo e '1 pondo, 
Mille trecento iti molte fcbiere tiretti, 
Marfi, e Peligni ^ e portava net tondo'.* 
Dello feudo dipinto d^arbo¥ fchietii 
Un bofco, dove un Satiro aifaliva 
Una leggiadra Ninfa , che dormiva. / 

Dopo tutti codor col iuo veglio 
Un parente venia, ma poco grato 
Del grande Inperador, detto Arquifillo. 
Dai Signor molto dell'Imperio anuto : 
Portai in riva un fiume un Cocodrillo, 
die lacrimava , e (tco avea menato 
llillc e'feicenco franchi Cav^alieri, 
Superbi^ d*anne ricche , e di deftrieri ; ' 

Tn ftiliimo a venir foftt Tamandro *" 

Di Canofa Signore, e CapiuttbJ 
C hai per imprefa il gran icoglìo d' Antandto 
Sigooréggiante il mar, ^'dOtta mano ' 
Scolto, e «lai ferro dell* Attico Evandro ^ 
Cbtf*l trionfo onorò del^ran Rom^iao , 
Che Marcantonio, e la Reina vinie, ^ 
Che Mala fcrpe alfin- fé ^effii eftinfe. - 
N i MiUg 



dby Google 



194 . C A !J T Q •* 

4è 

Mille Guerrier ad oprar rarme ttfati. 
tì'ogn^ùndt miliur degni e di pregio » 
In rù^ììk tutti, ed in Campania nati» 
Seguivan queflo Capitano egregio; 

* Di ricche e vaghe fopravvede ornati % 
^h'aireaii d* argentò t d'oro ogni lortre^Hi^ 
E tutti con deRVìelr leggiadri ed alti^ 
A/vezzt ib guerra a perigliofi atfatti» 

fafiati quefti tfentamilk finti 
Seguiaìi con varie ihfegne', t Capitani,^ 
Raaier dtl Monte, die lor giva ìnnantiy 
Si arfi , Peligni» Bruzi, Ombri, e Lucani: 
Sd egli in mezzo ixa cerchio di diamanti 
Una cervetta». eh* ai Binco ha du9 cani^ 
Sotto le penne avea dèlia celata 
Coperta d'oro, e di pia (emme ornau» 

Io quella giunTt Enil con un trombetu 
Dai Franco Prence ad Arquiiil mandato: 
JI qital fonindO| com'4 lor s'appetta > 
Fu (tali* Imperador tofto menato; 
E dopo eia eKbb l'aniWciata detui 
%d Arquifil , eli fubitp chiamata 
Cortefemente fu da quel Barano» 

' Che lo condufTe fcco at padigUog^^ 

Sd al fny^radort««i^^Sirt«rt|«Uo^ ,. 
Signor , Te ,^, fovvien .nella toot^a » 
. Onde to t^&]iof crooffgf^ (ciotto » 
Ch' al voÌ1;ro f moeró àv^a 1 nuj per noi prefii» 
Moki morti reftarò; io dì m#o toUot 
tf'ui della morte.» ct;e per farm^ offèf» 
Menava il ferro<| (enaa ftar pi^ a ^da t 
t)al tavaiiero della vf/de fpadài 
. . ' , Di 



dby Google 



NONàNVCltMOMfeONDO. iff 

Bòcitl'frtr liberò t ^^ ^tfeftò ptfto, 
Ch^eeìtìprt ìà-rìtàfttàfA ih'fùt bt!i« , 
Ch'ft lui thc^f[éi ohd*1trdi"pi4{»ion tratto 9 
Ttrtpéiguà ^%VHftiìA ìk^Mtmìk 
Pi •rft«r^ntfré:*(^'c<Mi^4»,lb<nfÌ^tt6 
BéfU fttt cbAdU ririlafi'alirtffe] 
Bjfiiàù, tWti fi# <le»lr ittift ^tdè^àitcanr* 

Cai rifpoft il Vktih , feeftm éttAitè^ ^ 

ad «»fl^rvtr la gidc pfomefTa fede: 
E fenza alcuir titnor; «he'n libertatè 
Io vi( porrò, poiché céM vi chiede; 
E potrete pa^rli ta piètattf , 
ChC'egli ebbe ^à di' voS con Ik <metcvdrj 
Ch* ufay fi (UòrdàrTlncitoré %\ Vinto , ' 
6* ci por dtfNe mie man natt ittlà eftlato è 
46 

A ehi vi flìiatida voi dttè Bifòiie y"* ' 

Che tofto tof^o io gli dìirò là óeha, 
E'i caftigo , che mefite nti ladrone 
Più afpro, che di ceppi e ^i catena: 
E eh' io gli- ntoftrerò col pancone , 
6'ei fìkHi buon por di nirraitni a pena, 
Hoft ch*^itfàgé?ahiii ; e the non fià fecdrd 
Di*^eftt fot iptldnco enttb i^ut^ murò*' 

fiorrìfe ìÉtfHè, è nhzir tìÉié M '^ \; 
Cosi rUp(^ k Itti Hèfr d^rfQto, faegfto; 
Voi Signor lui*^' ed «i cotiofbir ^Of , ' 
Ch^ftltrc «toll(t vi vide, e dic^rHuòl^^nbt 
Che porterete ognor de'pre^ fóoi ; 
E fé 4>en voi a tarfto Imperio e Regno 
A^xato* or pronto alla vendetta fere , 
Aft iUkàì Vi fu 9 che non credete. 

M 4 1^- 



dby Google 



UTuMtesccortOy avendo gim tnvtsis 
Hon fefle oltraggio iacto al Cavaliero^ 
Laitiam , ck' et i^a «ti quella licenza « 

, .DilTe al Patio ,cbc fcnapre ha 'l meflag^crts 
ft per [Mur freao %ìV alta impaxicaaa^ ^ 
Anzi III furor dì ijjueir animo altiero , 
WfM per «un di Afe :.egli à jkupo ornai ^ 
l^e U caoipo ^narci >. « s' i urtfato afiai • 

Vìifte r Impcfador,, com' una palla » 
Caon6o di vano orgoglio, e d*ira pieno; 
Si fa.Arquifil menare una cavalla 
O' Arodalogia , iiCata a fella e freno, 
rid che non è del ibco.la farfalla, 
Ukga dell' arme , e vie più che balta» , 
Creila nel corib; fic«h*a; pena lafla 

^ Jli .camimno fegnato, ovunque pain« 

Fofcjift ibpra^ vi monto , e 'n compafoia 
D' finii con duf» feudier Colo fi parto. 
Ogni' tromba dei campo tutuvia 
A cavallo fonava, e'i Re Lifuarte 
Con la vanguardia avanti ù, partin | 
Quando viiUc venir da quella parte, 

^ Dov'era il porto, fòm un keì delirati» 
Con arme a* or Ikegiate un Cavalicro • . 

5*. 

U qutt fra gcfikt t ffnttttfniniaandn 
Oeirinfej|na rtal cerca del Padre, 
Con 'occhi, deiiofi .ri mirando 
Bi»«a valli e pedoararmatt'fquadrtl 
E le Romana genjbi affiti lodando 
•i fuperbi. corner,, d'jtrme tcggiadrt. 

'^-^JyCà ritrovato ti Re,,fubita fccnde^ 

Ci per veder dhi £ia d ferma;, e f^t^nde.» 



dby Google 



NONAtl'riéSIMÒSiteONOO. 197 
s» . 
■ s^inc1ii<lb per abbracciarlo , tòftd 

Chè'l riconobbe, con molu.aHèggrcix». 
Xra quefto Guerriero alto e difpofto, 
S ricco 'drogai naturai bel fetta :^ 
Ch^al (Ho valor, eh* a nullo è nafcolto, 
A^iunro fa , eh* ogiiun Tania edapprezt» » 
In tanto rofa da oiordact lima 
Siftva Oriaoft dettA torre- in eim^. 

Cui nioflNndo*'Mabilia il mhnit el piano ^ 
D*arnii coperto, e d* infinite tende i 
Onde U Ciel di vicino r di lontano 
Della vaj^hetza lor tutto rifptende; 
Cera Signora mia, difle pian piano. 
Perchè conforto il voftro cor non prende/ 
Quel donna è *n quefta chioUra o^gi mortale. 
Che ebbk un Servidore , o Anfico tale^ 
54 
Bd elUwr lei: ah ch'io mi trovi» in i^ato, ^ 
Che non plbò rallegrarli ti trido core ; 
MilcAme, che veggio dal t*ini lato 
Qjiel , ehe dell'alma mie fatt^ho Signore j 
Dairattro, ancor eh» crudiv e difpietato 
^mpre'ftato mi fia,-^*l -GémiotK ; 
Opel èhe r efler m' ila datp^ond^ io non fpetò 
Di trovar al teiobetl deftro:l9>ìiei». ' 

55; > . 
Mentre M^ periati li ebbe novella/ ^ 0- /! 
eh' A vifitarlv il Re Franco venia N 
Toft^:a lei f» cbiaiÉata ogni Oonxvlla» '•> 
E tutti •^^'ònoreta compagnia. ' -^ .» ...i* ' 
SuMltf «venne con Mhrinda bella ^r. ; - ' * 
Militiià','che di par con fece %Uz't^t^ 
State a mirar dalla fnbHme parte 
Le ^ti , on4'iUB ie^cmpagitt iparte . 



dby Google 



Quefte a iotMtrtf raBd4r'6no.«U9 fea&r< 1 
Cpn foQunp ooor e fooim» rìvereost f . 
l*tUre r«fpctur tuue cnti^ unt fals^ 
Ove gli &r,lteti^ina àc^ogìì^fty^i 
Coalormji 1^' QF^e liyajlìi ,«raQ Wq ai|C(f » 
Sua figaoril » reiW « alu .fjref f ^^a ; ^ .-. 
1a man M4f»ilia.4ii8ÌÀ«C€hia|a.cÌM<^; ., 
Si noi ^pAMlftnt'l» /<4i|v», il» I^^ìaI! 
S7 

Potasi l'abWiAOis:* 09mf ifadUepfooIiT: n i.jj 
Propria figlmoU d^r^Knci^tc . ai^aU mt- 
Cut Oriana, flon d^lai pareli . .,» 

DiiTe : Sigoer « clw pv6^ dtftfcdats 
B poyara Poo^cl^a, a cui ti Sola :) 

A pen^ iii«f , per fttftftratfi grata . - .. 
far io voilrafanig^qi^ |«r pag^ra -, 
Paaie dabiMoito 9, cb^ ^ mbó lUlHir , 

I<Mto « dieiitutte-piHr, mIp' iM vi'^«e^ . i 
li vfio gttìAarioii , cfcc^ fmFÌUfi| :$ r,^) . . 
Ma percnèfii far-inortr IftA^peiÀnp^-s^^. 
B' invittifllflM Re traii'j4rildK]|!tatf 9 , • « o 
Vi prego, fc v» vienar^fccafiane ìj\, .. 
Di poter paae iitfétp'ì^ Sciati it e 
Per eàè per , ràm ^mto> 4vitd# petidiidi . . 
. Kon fian tfcfiètoié di laitbMifcttcì 9 . ^ ^. 

Signori , et la' fiOpafa s ' It oovr lA'nMi»r 
Rimedio: alouB y<» ut MnK*^ là «R^| ' 
Che $' ia potefi» Jn^^AMnòni^r olirsgi#f . 
Il' aitiamo Sigaof ^.cbe-'n o^^httA^uu • 
Parte penetri, Ji ^ fleo atV, n)i4ei|^ 
Meiuiri all'Io lo faeei: né |^ù .rìtroiT 
Sarà Wrfarila pa«e ik> milk imeneo^ 
Che. 4iig^ «i|at,ii0ttaNba(d«iti»^«r^a0t9. 

• »-.> s • il Per 



dby Google 



ed 

Ttxh talora avviéfi , elle qilet , cìit toì '^ 
Non fap^iiAno txoHt mtizOy a ftr qucHo 
Ne Vkppfcfcntan ilr awidenti I»oi • 
Chr ^rta (^co il teitfpo a viofar pKéifo: 
Il che, fé fia, |»fer far piacere % troi , 
Si A)Éiie f/ra(ttt>; Aon rài éa moleflò^ 
O eraye il proimi'trfa j e per idi anco 
Servigio a DÌ9,èùi di forbir noiìi manctf. 
éi 

Di voftro ^àdre b«n mi mirra ^ìèl ftf , 
Che 'n ogni fua azione avendo iiìoihò 
Una prudenza grande, un ^àn coiifìgtlò'j 
In tfuef& Cofa, ^xi quefto cafcr vbftrò 
Abbia volato porre ih erari fcompl^liò . 
Tnttò il ftìo 1latò,er'6norfuò,c*lnoftl'^, 
Potendolo' fuggir , còme pc(tea, 
l^ìcHc dà QÙeltl'in man H'^tt'à>ftk.' 
6i , 

Che (per quahtò m'han i!ettó) ad oftkrire ^ 
Mandato gli han condiiioni briefte. 
Pur che voluto avetfe ^ónfentìfé , 
<%e voi il Regno, i bui fi d'èt^be, avèlie: 
E ch*ei d'accordo niilfa volfé udire; 
Anzi clic con parole >igre ,*;^róté;(le 
Dato licènza \Uhi » ^t^^ ^If?.^" r 
Chi mandati gif iVea'À pt^OMtòtS; '^ 

^^'\^ -> i 

S' rerrof del prudenle dt naturi 

D'un campo graffo^ che prùduictJ ognbfil * - 
KovcHi frutti, e Tifponde m\U cura 
Del tìHon AgricoUor , cbe lo Uvoi-a ; 
Sempre f* novi erirori, infìo che dura 
Sortf- r u&m mena a ripehuffi ^ allóra 
effe noTi ha più rimedio II fuo gran danno J 
K i% ^E^agfidr la perdita e l*iikimb. * " 



dby Google 



Mrotre il Re Ptrionc « coafoUrt ^ 

Suva la dolorofa, «lu Donzella; 
Cbe'n quefto irato e tcmpci^ofo maro 
Pd mondo travagliava atra procella i 
11 Boemo Signor fteuet parlare 
Con 1» PrincefTa Scota» a cui si belU 
Farve, si virtuofa, e si gentile, 
€li^ogn**UrA a lato a lei poi ftimò vii*. 

£i non ave» fentite ancor .d Amort 
1« punte acute de* dorati ftreli : 
.Né fin ellor provati nel fuo core 
Xe fue tante miférie ,. e i tanti oielt » ' ,• 
Ond'adefcaio daf coft'ei valore 
^. vifco si geoliì imrefcb Tali; 
' Seco dhCpofto d'eiferleToggètto, 
Vio^clis l'alma fpiraffe entro*! f^o petto. 
46 

]o %uellft un (nono udir aljio e.cafiffro 
Dì trombe , e be la Mrra ulycavftfipj 
Si levar ratti ». e fiir vide dfa loto 
Xniquutta navi , cbr nel porto enonvaa», 
Xbe per V infegne conoftiute laro 
Di Sol>radifa I ctie (piegate alzayaatfy 
Con mille Càfalier dtUa fuA terra'» 
à gli eCircizi u(atr dèlta guerra •- ^ 

Ifiolanfia rìvplii a Ouid'ragaiitey 
Cl^c iie*b^nociKi di Girafiiidk avèa . 
iM vifta iiijieota, e nelle luci fante» 
Che p^r pia Cuò diUtto Amdr reggcè; 
fi fattoli chiamare anco Briame» 
Che ^oiv r alta Guerriera & fedea . 
SorX^:. e XiC« Signor ci>, cb'aMiià « far», 
Blo4 fó' di mio Cttgìn dieiìbfrate « 



Digitized by VjOOQIC 



MOMANTnmoSWONDO. iti 

et 

Qlialor fcofot ch« figlio è d*AWÌ«o ^~ i 

11 qual mio ptdrc uccift a tradin/ioM; 
£d air ardir si fceUratoHb' reo ,. 
eh* ebbe ai oiio .dVònp , i^U titilla inccntP^ 
Sdegno ai fproiù a punir, chi igu fé* 
C^iaou ofèia,^ e porre aUmi i|«^ento|- 
Mft poi che miro alla fua verdc^etat^^ v 
la me defta clemenza alu piétatt*. 

6f 

Fcrcà' ancor ck'egji fii di padre «ato^ «^ 
A 'par'd*ogn*altro fccleraip ed empioj 
Potrii avej . di virtù ^* animo ornato^ 
Come ogni i^orao (e ne vede, e(cmpi9 : 
Hcd ano 4i.m'e Iparria moUo lodato , 
0el pròprio (angue mio voler far ^fcempie^ 
Però. vi pre^o prr a me piacere » 
Cile Oli diciate il buon voilro' pfrere • 

70 . ' " 
Tutti laudar lo fiiit opinione f. ^ 

Che der noQ le potean miglior ^onligfio. 
fu, fiibito venir fatto Trtoae ^ 
^iea d'una tema d*cftremo perigeo; 
Gid la Reina volto ì\Jìxo (ermoae .^ 
Dini'Con grave, ma iir.eoo ^^^ib/ 
Tifìóo, quale Terror da voi'cQmmeflk > 
Meriti pena, il conofce te cfprcib». 

mjd'eferJicliod'wi Padre iàpeie^ , . 

Chel tu fratello' foo e tórlo uocifc: 

S ftc^ con ragion umer devete 

CSbf che mert'ua, che t#l fallo comroiiTe», 

ita perchè voi il piA ftretto ini iete 

l^rentf , anzi, pur fol V P^ io divtfe 

Xx vo^ìe ho si dalla clemenza um^na s, . 

M i^ftéu dA pietà Unto ioauoa ». 



dby Google 



Or Ut vi i^ij<?ò \k\h\Htett£t mh mto 
Di hloMi SUtiftri e^^aHer etr«h^ , 
E di queflo t;rah tlè''s2 pio; sibaono^ 
tt'i}iòftrÒ'r^ri<ik,'cIAf rafi'iniunti ; 
E cit'ht9t[déì'%toftié èr^tl^tmói 

FatPaBhii àfcut^ InflcJò r<mièi^j 
S' «fler tdietei r tttt tdó'ié liatè^ 

. 7Ì 

Chfe* dì famiglile real dt^cèfo fia: 

E vo\ ch'a qtieitò Ut dine là fède 

Per ieMiitda e fl^u'èzzà thìi'. ' 

Trion; *ólti^ ò'^nY (tòne'tj/tt ffl Vé»!' 

'Ù^iìr % dèrdbtfd , 6^ if^t ^eiia é rU ' 

M' attendai ;'fN«o éH i^z.bu^ni Mìn"^ 

Le f ilj^àtt'acòii' tdr 'conftaÀte tr ftftcéi 

Alta Reint • la .fKh'tY^ etad»^' • 

Di feotib é ai rajHon privata é tkttà^ 
Sovente ia qu^lcnle error trabocca t cadii jj 
B tutte ét\ dève^e i fegtii pafTa • 
Io por mi vbtH! ìtt Quella maieriide; 
Dov'or Yòi-^c^é ; e^voi tornar fi "bikfSk y 
Ch*dbedlc^«f 1 Ibe rendeftei e qoeftk 
Era aita htittià , -xrìcor ette noà oac^à'* 

Ma poi cbeU Rito dma ^ ctiMb ìljr(^r vuol^ 
Al voftro fot vòf*T f^jit^o c'fo|èèitò. 
Vi «iuro per t^UcI ttio , che feté il 5br#^ 
Ci» fà^Tge cib , eh' io chiudo ehtV^À'ntl^etto. 
Ch'io vi fatò fedtl, ficcoxhc fuoté 
Al Prence fìjrt un CI^fa^ie^ perfetto: 
E per del mìo dlIVftr uà certo iegrio 
Do la mii hit a inciti eròi iìd p'egào» 

ras» 



dby Google 



WOVANTEnMOSECONDO» %p§ 

e • ■ . • ^7* • - .' 

fSurtet ct^ fatto, il itorwfo-Bvec^ 
NelU cui fronte Oriint vedea 
Vivo romrr, e ne»*iiltcr« luce,. 
Onde iiubifmfnte tTMiiceé^ 

Per dare al fuo partir ordine certo • 
Or eh* era il pian lIkOlierrieri coperto» 

Mhitaiti «intinte • Givalie^v' A^Mhfi' 
. Alla cctn^ la vovt non- rìfpOMdt^i 
E Febo't^fe raécoHinjfoo^ bl*M, 
Anclf ei del faMf imir '^ Htiròndès 

Cantar di «wetcH' e ^ukitóo^^l »*afcttttiA 
Tofovrvtr ad udir col- ifbvb Me ^ 

11 dolce 4mm deH^eltt mie fmié^ 



Vfint iti nonam^^moficm^€am* 



CAN. 



dby Google 



t«4 

CANTO 

NONANTESIMOTERZO • 



Q'Jàì «Itit' t colb , che pift adorili r IftgL 
. Uo Cattolico Prence , fm grande Aosnilo , 
Che le pietà» virtd proprU de* Regi i 
£ 'i neraoaere «I Peccetore ineivflo?. 
Fcr fé demeiiee elibe più Uiim e pveg^ 
«Cefer , fpleodor d«l ftcolo vetvfto. 
tChè per aver le Francia Ttota e dome 
Al giogo pofte delle peiri» Rom»^ . 
a 
Qual è virtù\ che ìitnil ftccì» a Dio 
Un Re, che la pierate e la cYcmenza? 
Egli r aflèfe (tie pone in oblio , 
Né fempre si Pecca tor dà penitente; 
Pur €h*oftioaco non lo veglia e rio 
Perfeverar nel m»l fenza tem^z» • « 
Cosi dee far nn Principe prodente-, «- 
eh* ad acquiftarfi il Ciel volt* ha le ntntftf 

Così fper^io de voi Filipo invitto 
/ver perdio del mio benché pi A gravo 
Fuffe, e più deteilabile delitto; 
£ che voftra pietà mie colpe leve* 
Cosi n' andrà volando oltra V Egitto 
La voftra gloria, e con dolce e foavo 
Canto la^MufjKmìa gira cantando, 
£ i voilfi ccceilii fatti alto lodando. 

.0 Allor 



dby Google 



MONAHTttfMOfERZO. p^ 

AJior ftfgtr il K9\ .ti|i |icr ctade, • <; 

E per efpcricBXA^ e per valore 

^Sr convcoie •eurnui dignitadc, 
Gh*ffler w>ieire il Capitan memore; 
tg^ accetta Ma nolta umanvMU 
Di Geniale il ti baio e T «n^re ;- 
Dappoi Va malira con divcrfi (itóai, , 
4 ^ttitt* ti b*B4i^ le.usipoi. 

O^BOQOr appaftfckiiva «rna e «afsaUi « . 
fcr parer, il nattio bei CavaUcro; 
Frina cbe'i Soi a* fior parpurai e sialii 
Reodeile labelleaza e*l color vero, 
Trombf^ umbMrì, timpani, e ubalii 
Peccano un iuoqo fpaveoco(o e fiero » ^ 

, :lovitaif4o^ alla pugna ogni (olilato^. . ^ 
Ogni. tenne e Catalier pregiai^». ' "^ 

Mentre il Re ^ffton-da fiatila parte 

Con r«(ercito fuo s' appateccoiava; 
.1.' Imperador da quella, e*l Re Lifutrtn 
Alla battaglia perigliofa e brava; 
L'in^antaitort che d^ogni inganno ha Tart^ 
Con- quella.. g^te federata e prava. 
De*congBttni(i, ocll'ifoU ferma . 
Giun^f.fi fpd^ in p^rtc afcoia ed fioii» 

f er «epattar della frudel, coftffa . > 

' ^ infelice (ucc^Él « e per far poi 
Con la fue gffnte alla, vendetta acceCa , 
Cib« che ì .configlicran gringaant Tuoi* « 
E per poter dar fine a quefta iniprefa^ 
SA noo ruinar di qu^fU doi ; 
Dirci mila Guerrieri avca menati 
Sotto ii ticddo a^iJon gran parte nati* 
' ' '"' Far- 



ci by Google 



Fcrch'oltr» Afttift^i Wl Ré di Undt i 
E Rutiion delFIf^U frafo^ndt*, 
E quei, cbé « Dirdt« U «lladv» fllMdiP, 
In Ciri i^ù tdfegrib, cBe r«|^oft« ab«ndii 
Vi venrirtr ttieòdair e#rem4 ttUndu ^. 
Ma coQ fotW |lei^'poeo>ftdoiid»y ^ 
Otto Of^i" M\k pt9oliM rat^ ^ ' > 
Di Broaùfl«rf;^h''«ri'Mftiiilè«pitaf 

eh' ttceifÀ-ìl CiiVénèy dldl^iMM é^éré 
D*un cdlpb f<^fiell«l battftgli*^ cvu, 
Cbe Cbiìtrii' il Re BrHandtt'cbbe^cofldfdy 
Se vi fàitimeittr, ntùlto^ cruda è ma j ' 
DàìU fperatite f(f6fti d' ktthtk^f^ 
E dair«tnbitittta','cfct^r *6diif • 
L'alRift Hd-ojgh'b^, d'^^HRel'iiMi'lMperi» 
Ote far ^MV tnòttf v ^pti^^iMvl • 

D'un alta méirtèlfctìlMttetìttfìené • ' •• 
Prefc'Pa1li)i*R?anitefn<ri» fi6^ fbrìt 
If 'arbori , éf ombfe , d* acc[Ut , ed erb« pieno; 
E fé fortifiCair t\itte le p(»^t« 
Afavigio; cui d«t» in irttdO'il fretto 
Di quelle ineriti avet Virttite'e torte; 
E proveduta ben ^ vttt^vaj^k 
11 idcUfCé attènda dlilhr tetilig|i«» 
il 

Giunfe in cam^' Afàuifil^fbftrfò'iir ftueirofi/ 
ChU fa^^^eH Ifc-lnèilrAt^WdàiMltàtt; 
Gii 'fa Vèirt ìtofej6a'tifti^ fètM' 
IVnto d^l nion<^ mai' fdftipr^ onoAiU ; 
Né^o il Baron diéfite aAalfe allora ; 
E 'n cima un leggio poftò , art V armata 
Gente potea veder di fchìers ÌA fchiera v 
AA finii volto con eenill manicni • 

11 



dby Google 



WONANTftSMP'SEltZO. ^T 

Che gli voU'flfe dtre^ ad una ad utio< ^ 
Is paum» oU Re^o^ o to ftato. natio «» 
Con r onorato nome dì ctafciino. 
Ed egli a lui : Signore; il voler nua 
E* di potervi far fcrvig^oalcimo.» 
B di ci^, €b« oprce^of mi chttdfKen. 
Beo iod4i^i^ % ^o pf'tcf fareic» - . 
M 
Quei fttniud^VfuWQfy ^'tl venta fpMdt 
"^^9 gigli d'Oro in bei canrpo c^le^e^ 
E* del Re Pefion ^ di cut piìl grande 
Di valor c^rpo lunano alma non veftf| 
Di cui rop«r« eccelfo. e oMfliorando 
C'A fono al oiondo «ontf e mani'&fte^ , 
Cbe col pr^rio valor dinoAlto Atattlui 
Gli iliuftri.s«ogt d'fffioir Ke éiìFraliUi 

Al cui {ftverC-fcr guanto io*p^ro) ^ dattf : 
Tutto r arbitrio, »|{eneral governo: 
Que*duo aila Giaerrier feco ho menato, 
ciie 'I morir per T on«r prendono a fchemo z 
L'aitfO, Qb'appHPe^ va dal xteftro Iato 
Con «Miglio wiki Ckvaliìen!, è 6Aemoi • 
IM Greco im^riior nippte ; e !piècc% 
K»Vft«l0iaBd'flt«9W.tm«tàinc a^WH»» - 

Q«ff() ebmifii iiln:MfiriaItfl«I,IatiMiite«M^ 
E mo(l^}nMI'Jn(e9B»<un BMìicé^ 
E* il; Prende di Boemia ardito e: frmcos 
V altro» tke portv ■«: «ugtl fhref»aèvìAdt 
E' d* Aragona ; o n'ha aitreuanftv kV ftpntìb • 
Non vedete on, che ponta un OlKlileof 
]■ éima al qtiafo k 1% Vitttfrt» tMttì 
DclU tali è r«il di Sobf|idifo% 

DtV 



dby Google 



jbV CANTO 

. - 'tf 
De' mila Gavalìer ètUm Reina « 
Bencbè giovene fie, è Capiuiio: 
%iel , e ha un vefo , ove r oro il foto alRita« 
^UBdr«;;ante è Cugìn di Cìidadano : 
QiaeF ch'una rete d'or dalla marina 
Trae d'alghe (Tiena, e s'itfatica in vano, 
Dal Marchefe k figliuol di Bonamare» 
Che ptr nome Branfii fi fa chiamare • 
17. 
Brille Gttérrier con «rmadura Arane 
Ha« fotto il (U6 ftendardo : fé ben miro 
L'infogna volta vcrfo Tramontana, 
C4n cui feicento^ van tot ti in un giro ; 
Dov' in un campo verde è una fontana , 
Cbe^l vafo ha di granata e ài zaffiro ^ 
Ood'efce l'acqua dà furgente veóa, 
E^ della gran Dbcbeffa 4i hffìctna . 
iS 
MiMe y óve , qualora Apollo imbrtìtto 
Il di , s' inchina , quella altiera infegna ; 
U^fotto i piè'l valor ticn la Fortuna, 
' «Che di più non poter fi cruccia e fdegnai 
Dell' Ifif .ino è Signora, in cui s'aduna 
Ogni virtà , che n nobit petto regna i 
Che come quel ^ che già foftemie il pondo 
Del > Cielo , ha moftro ilfuo valore al mondo . 



Qpeft'è'qoet, che coi figli ha oecifo Oroote, 
Che prie s avea per impofibii cofa ; 
Che xon gli incanti, e con le ferzo pronte 
e Dominato ha la felvm perigliofa 
«Dodici luftri, e più, novo Creonte; 

{.«duo mila Guerrier dalla peoofa 
rigion difciolfe, ov'attendean la morte, 
O pena più di quella acerba e foru« 



dby Google 



IO 

ta gran bacndìffrit che pòrta Cbir^ . :> 
Coi dardi acuti in roano 9 k d' Agriaatfr«. 
Son AiiUe a pUnio: or più vario A()UÌJoiie 
Volgete gli occhi) ove iom tante e tAOto' 
Genti da piedi , e vedrete Orione 
Di molte àcììt adorno e sfavillante 
^u quella altera infegna, di Sinar^o, 
Neirarmi esperto, e CayaUcr Pic^rjo* 
11/ * 

t>ì ^uattfa legioai una ne mena ; ^ ^, 

Sotto (uA {corta,* e T altre è di Brlffltrtft 
Nato fuivTagó , e porta . una Strane ; 
Le terz' ,. ove pres è Venere e Marte « , 
l*di teoneio Scoto, e. T altre piena 
Di fiori . e rofe in campo bianco (perte » 
Quaii prato d'Aprile, è d'-Urgaodiao, 
Cbc beve alla Garonna» o U vicino* 

Di i|ttelU/f«l|ìfre,.che,di.qi^l:fOggcU» | 
Ste ftt le verdi fpalléy'é dir n^i rafte^ .. 
eh* a rimirarta foi jpor^sè diletto: - » 

Con U vaghezza d ogni foprevvefte;. . , . 
Quivi >ion è Guerrier menxbe per/ett»,; 
Che.hon abì>ia d^enor corona in tefte,: : » 
E poilb dir Y che quella compagnie 
Sie lupe e fior delle Cavelerie.' 

»l 

Il primo è Amadigi inclito I>uce , ■ : J 

D'ogni ^oema dcjgno , je d'ogn* Iflo^ia , 
Ifelxuì be) flSudo una f^cella lucc^'j l 
Ohe dì fuaj mopna man ^rta le^ Cipria .h 
Que!r<a|tr:è]Ftoridante,, il qua^ adduce» 
Con* P aie JJ' oro aperte una \nioria: 
Il terzo de man ih^nce è^^ioriAario, 
A ètti 1* Eterniti porge le meno , 



dby Google 



#!• CANTO 

>4 

Cogiiio « quefto, « 9uel degno fratello: 
I**ilfna ini deftrt, e tutti quattro in fcbietii 
'Cftie'forta urt Armellin ctndido e bello , 
W}fit A^Offal*'M\ttà, «rdìta una Guerrìerra 
IDel Re figlia , « forella • quello e a quello: 
Degli '♦(tri quattro il primo , una Attera 
H4 nello fcu4p» < r altro un afoe diro» 
^iiit Bfi'gotietto , e ^uefto l' Pniomiiv, 

Di fangqe^illlflfre,' < fratf, ornfid fbl^egào 
Del lleltico vkh>r: degli «Itri ì^óì 
V un foftt in éaré fcoglio «in 'rotto legao; 
L'altro un Vt 'fanj^enefcioglie il eiogo a^^uqi: 
Ambodùo'queill ion vicini «1 fe^no 
FoAò ftf meta ^*pid famofi Eroi: 
Il primiero è firuorco, l'altro Angrioto, 
Ciafcttd per fama a tutto il mondo noto* 

I quatrro'ì^l'di ìlònà in ^ampo d*or& 
l^'AUrieò AiìRoriiére Luparinò 
• I Gemali' del GieFò; « FAlioorò ' ' 
In unà'|;alì1ii)i ttiiaf) uH Leoncino: 
Ucià ^alfifia''ititieMa entr*un jjloro, 
Ch^ imiai^a h fue fronde , Pbmerino : 
Un graA fafteilo di mature fpiehe 
Ircanio: Lcdadino A more « t tùcki» 

.Vedete Surìcon di Lifibeo^' 

Non molto lungi «He radÌ€Ìi4iif^« 
Che con la lira in' man porta uà Orfeai 
Ed hi Lurci^no tuo f^a^ellb'atatOf 
Ch'adduce il. cùbm del LeoA .Ké^nce; 
Una volpe ciduta in un, barrato. 
Carlcie Greco ^ un ||ran torvo XtMoi 
Va oataoce Ddfia pMft Catlllo • 



dby Google 



MONANTEStMOTERZO. st> 
28 * " 

rimirate Elimo il cortS|^<*^<> 9 
C'ha di ftelle alfò fclido una coronaf: ^ ' 
OriiMCKril valente un uom pèiofo : 
Affcaoio un Gatto: Aflnnìo una Gòrgonai 
Un upm , che nuota "^tt un mar ondof'» ^ 
Lamberio il grande nato a Tarraconè: 
Una Grue Orlandìn d* Orlanda Conte : 
Ircalo un Fauno: Armenlo' un 'rotto ponte • 

IT edetc li colu^ , cui^ il^Mc^uro ^ 

Figlib deii'Àppéìtihìn forfè il "più' éaroV 
Porta rondé'lucenti, e^i cbrno d'auro; 
E piSb b^nr.ityr W più"f«moa a ^ro ; ' 
Ha ^krìéfMM/fmtaì il VQCcbio Maura, 
SoltSnitòrd^f^Cìer hitente é,dkiaix>. 
Specchio in òefti virìòr temprato e faldo^ 
8igjE|Or,d*j^rBm0^.ttitfme ha Guldcfbafd^, 
" ' l'o** 

Quii Cavalier,ch*alli^fini(lra nj^ano 
Seco hvllti , è iti %a "fènipre k édtit&^ ' 
Ch^Vé'ftir-eljto Ik yirti , che ^n-rtian^. 
Porta PÒnbt'.dcn^r'Và i^nnj^ante acanto i 

fro 'tantd • 

^__.-. _-_ -.-- coypoTaWj 

Pi pift 1f un ^|e|^iò ^itit^o^, fi* 41111^ palm^. 

tifi %"ì<^ Torrb nomarvi md uno ad uno 

Tutti cpftori tiie fon più di trecento | '^ 
yJìtnprttt Aìfvì^t la ptttia d'ògnìino 
^\ c'te''t'vònfo d«l!o tm tonmtà) '' , 

11 Sol ,'cVo^ *3«1 ^*r ^''*« ofÉ^mo jf briiiji 
Mi^icrl iJ gw^io d*ogtil ìume fperiloV , 
Ptìa ch'Io Snifca ropr«, ónde con fola^ 

Voglio'^ óbli£p uf^irci ftfli ^«yc^i** ' , 




dby Google 



. Jl .■ 

Tutti 41 hfh^t fltuftre ^ « tutti «rr^^ndo 
Van per .marcare ooor ; tutti a) pio gri4a 
I>^Ja ft^ia j èht Va dólce. c«nt»n^o 
y pregi ^ ' Aoaadigt in ogni itelo, 
Corfi a Sì giv^a imprefa . e ì lor Jafciando 
Stati divertì, cM lor paterno nido, 

^ Seguon lui., come fiiói greggia i) paftort, 
tonamóraci dei Tuo ,gran valore • 

Mentr^. tn^ten to «d udir ftava Arquliiìfo 
Il vario- fuph ^e'beniqi (IroneoM « 
It reàl dpl/ft^ Fraaco, 'it gran vedilo 
SLmodrel e dietro, a lui. tutte Ic genti ;^ . 
IT piti d un, Scipione, e d'un C«niUlo 
Spargevano d*onor raggi lucenti; 
%d un lungo girando y e l#rgo piano, 
*IPadaro a cafo, ov*er« it gran Romano; 

14 ' .: 

Ch*ad«iina ad' una con pOQp piacere 
Tutte, é di .ferrò rdj valore jarmite^ 
Vide paffar quelle {{ipèrbc fcbierè, 
<bh';i]^i«io' davaiy de|U lor boò'tatc j 
Ma quando d^'lont^ii. yl^e' app^refc . ) 
Cori r arme ricche e.di ^iù geàani|e órnatje 
I daò Tratei , Il Suora , e 'I iór Cugino . 
'Bcefe dalfatto o niezio del cammiao. 

Andava lièto ti nobil prigionero 

Pili pMìf nte ài carcere , che 'Giobbe ; 

£ fcender^vplfe , iris ouef kran.Cuerrieré, 

Von toUè con'fipntir ^ càcT rjcoopbbe i ^' 



Kiisi ad incontrar luì fpinto 11 dIèll/icroJ 
re| abbracciarlo fé le Fpalle ^be ; 'Il 
Bi tè cogfi altri kre cib,.cliè t'eniìco . , 



|^« ad Baroa da lér iiin plft vcdfttò 

Tbj- 



dby Google 



KOKàKTCSIMOTEMO. VI 

«^ . 

Tutti que'CtvaHer Re Penont 
Fatti alloggiare alla campagna i^vea | 
Laonde il menò feco al Padigltone» 
E tanto r onorò, <^uanto devea ; 
li tenne ivi tre di , d*ogni Barone 
Dandogli conto , it cui nome fplendea , 
eh' eran del campo il nervo e la fortext»; . 
E ch'ei vie più , che tutto il refto apprezza* 

37 
Afquiill, eh* èra infieme ardito e faggio; 
E mifurava con egual mifiira 
Le forze d'amboduo , vede il vantaggio ^ 
eh* effi han di genti; ma poco ei fi oura 
pi numejT grande, ove non fia corajggio: 
Gli erranti Cavalier gli tàn paura, ' 
E già prevede aperto del fuo Donno 
Od infamia pergetu*, o eterno fonno. / 

La fera, eifendo un gran drappello accolUa^ 
Nel padiglion del gran He di Parigi*. 
Entrò fecuro e con un lieto volto à 
A cui per far onor forf^ Amadigi , 
Ed al Re Ferion , diflb, rivòlto: 
Signor, per voleif gir dietro ai veftlgi 
Dermici predeceflbri , e fervar fede 
Son qui venuto a dimandar mercede «, ] 
39 ■ . ' ' 

IPofcia gli raccontò ciò, che col figlib^ 
Nella pugna crudel gli era fucceilbii 
Per CUI valore ali* ultimo periglio 
Tolto di mano in liberti fu nieflTo ; 
E che per ciò di fuo proprio configlio» 
E volontà gli avea detto e proi6e& 
I>i tornar fempre , e porfi in fuo potere i 
Ch'ei lo chiama0e^ e fefTegli piacere. 
ITmi f; q log» 



dby Google 



314 C A"nYQ 

40 
Soggiunfe appreffo ; io fono a lui tòrftxttf 
Con certa fp^me^clic la cortèfii. 
Che njoffe il cor d*èfto «Ueriler pregiato 
Allor a darmi la fiSertà^rtiia, 
Per corfo d' anni , o gràhdéiza' di ftito 
'Non ila fcemata^ anii' maggior di pria; 
Né debbia cónfcntir, che quant io v^gli 
Non moftri al mio Signor nella' battàglit 

4> 
So, che s' io folB, aflaidr Mf^iàf ttetto 
l>i quel, ch'io fon, '^Ac mia foy^atd ardiri 
Non lo fgjMderttf Nbbe i anzi fon certo , 
Che EÌudaB«rfo quVftò ah*'ber dcfire 

Di cì^ml^ 

Ave più volte , -ihi laCci'erìa gre ; 

jiè fatja unto torto airdnqr'nfió, ^ 

Kè tanta ingiuriagli fuò' tilòr* iiatio • 

Ed 10 di novo riiptSnàéitòé-gftirtt 
ftr quella Mt Capitata' e "vira, 
Che pub ne'«afi diibbTuom far'ucù^è 1 
S' io efco modtttt? Vugpa Sé'tM , ^ 
p*a lui tornare^ à thtt eHer Tpc/giuro, 
O fano , o infermo , ^a fecónda' fera , 
C di pormi in<uoitbUripi acciocch*eI fatai 
Sella perfona mia cib^^chéglt j^accìa. 
'43 ' - ■ 

Quel ch'era jfeiiipré in pie 'péffa'rgiriftt5fe 
Stato, da ch'egli inéo'mlnci^? tf parlare i 
Con «oYtefia rifpófé :. alio' STgacTrCy 
Sfalle parole fupérbe gUaf-dare 
^ Vpltffi , e indegno delP lihpcipadoye ; 
Io non deWei per fuo fcrvSigiófarc 

' "Cib, ch'or, per ^oftro^oilor voìmKchifdep 

, Com*otìorano*CaV»1ier, cTir^te» . 



dby Google 



NONilNTSSIMOTEItZO . sis 

44 

Mt perchè ^l'fao trror itigivUoiin voi 
Fort il ^nì^ér la • petit, ia4iii«ooctato; 
Pur che paffitt It^^ttogHt ,• poi 
Come 'dite , t' Cervar la 'Me inttnto^y 
Effemfo rivo e fan ,^tort»Mte<«t ìhoT. 
Non fu giammai di «ofa««Ulato»ieiito , 
Come di quefta ti Cava tfor untile, 
Onde'l ringratit aflaicorWfo esumile* 

E pofcit ritomtto al- campo -«rmìco, 
Predicando ad ogn* or la eorulia » 
Che ì forte e valorofo ftio- nemico 
Cbntra ogni Ime di ea Valeria 
Usò feco,-ondeM grande obUgo «antico 
Mai;t;ior fatt' era di jqnel , ch'era pria^ 
L' Tmperidor Roman tratto rn-difparte 
Ciò, «h'avet vrfto, conta- a parte a ptrte* 

4^ 
E che di quefta imprefa -al nobil -grido 
0ellt fima , che n- voce alta e «tnóra 
I.*tvet già divulgato in ogni lido. 
Ove la terra il giorno imperia e*ndoft, 
Cl»tmtto» ogni Guerriero il .patrio nido 
Lafciando, fin dalla gè! ta Aurora 
All'ultimo Occidente y et a già corfo 
Per favor d' Amadigi , e 'per Coccotfo • 

Ttl ch^tlcnn ttvtiier non è^ ch'tfpiri 
D*»lxiTiì ti «iel per piì^iveura ftridt. 
Che non abbi t rivolti ai-iìioi defiri 
A quefta imprefa, e fna lancia efnafpadt; 
Onde farà ben di meftier , che- miri , 
Che dell'Imperio fuo Tonor nftn ctda^ 
Dtl vaiar di coftor gettato in terra 
JA quefta fiera o «1 dubbiofa guerra* 

O a E 



dby Google 



48 
E ohe liietizt volentieF girava» 
Data» perciiV powffe alla batugli» r 
Che fwfi ìa pochi giorni fi deve»*, 
l(ȏiffe ta filo, favore e piaftra e magu-t f 
Dell» flu»l po€»,- o miU» ftlm» te»,. 
. Come Yi gente »«aì, che poco vagUa-i 
E che tofto verri» fenxa afpettarla 1 

Co» V eferoUo fuo per aflùaurio * 

49 ' 

Fecer quefte^ pai»l« ogn' alterezt» 
Cader allor di quel fupcrbo ui terf» ;: 
Come fuole talor forza ,0 fierezza 
Di vento irato, che le piante .»ttftKr»>^ 
Ora s'evvede per fua kggiereiza. 
p'efferfi efpofto » pcrigliofa guerr»: 
£ comincia con men fuperbo ciglio 
Ad udir di LiùiaiU il buoa coniigUa.. 
$0 
Anzi volfe , M a-vc fife egU il governo 
Dell' efcrcito loro, e dell' imprefa, 
Jjt qual non era da pigliar» a fcbemo. 
Chi non voleva »verne onta ed offcf» • 
LifuArte fpinto d»llo (dtgno intecno,. 
Cbe gli rode »d.ogn'or Paninu accefa 
Alla vendetu, per 1' altro mattino 
S'apparecchiava di pQrfi in cammino- 
' 51 
Frattanto il R» dì Landa , «d Actfbelorok 
X,Mn»antator,€h'avean mandate fpie 
Fer aver liova de' nemici loro , 
E corridori per tutte le vie; 
Ebbero d' ambo i campi di coftor» 
Avvifo certo; e come l'altro di» 
bevevano partir per incootf trfi; 
E t9fto tofto 1» battiftli» f»rfi» 

ila 
I 



dby Google 



1^fONAttTESlMOTERZO • tW 

S» 

ffa benché inr àiMU fetvi ombroft e Uvuià 
Frocurtfler di ft«r chìufi e celati, 
A 111 contini» « vigilante cunt 
Non poter di quei Re celar gli agutti.-; 

I quali diligenti oltra mifura; 

E com* efperti , e 'n fimil opre ufati » 
S*affieurar, che lor vergogna e -danno 
La lor forea non faccia, o'i loro ingaAn«i« 

:oI primo ^bor del mattutiiio ragfio 
Fé Lifuarte l'-in^cgne alzare al vento.;. 
L'cfercito marciare al Tuo viaggio ^ 
Divifo in tre fquadroni a p&flb lesto :| . 
E come «Capitano accorto, e faggio , 
Mandib Cendil con eavalier.dugento - 
A fcoprir la campagna, e iar feouro 

II <caJ9po .d'ogni «afo acerbo e duro^ 

»ubito ad Amadigi fu portato 
Da più vaflalii Tuoi la nova certa, 
Come'l campo marciava., che d'araiat» 
Gente i'iroU .tutu .era cq^rta: 
Non tanta. Amante della defiata 
Venuta , ftata infin alloca incerta. 
Letizia :pr«nde , . dell* amica bella ; 
Quanta .prefe .il Guerrier .di ^al .novella.* 

S$ 

\\ Padre keto la riporta., «il squalo 
Tofto previde con la faglia mente 
L* imprefa dubbia, perigliofa , e tale,'. 
Quale non avea vifta.uaqut il Ponente: 
E clie'l nemico tero. ad ogn'altrci eguale 
Di fenao e. di .valor» eh' era (poifante ; 
E quel , ohe fin allora in guerra alcuna 
Moa cl^e (oai oemìca U ^QrtuoA» 

O j Ch!fr- 



dby Google 



3,$- CANXa 

£ de'fi^iuoli, « lo ilit^^e ronorr». 
A cui nuir altro ben fi ptHiPii»» 
Onde d*alta vertute «rmaod* il cert» 
Ad ogni cofa iiMo&nia e buoA» 
PeofaAdB, e pi«vi(fcod0 a tuu< 1 orti 
Sapendo^ che'l nfaitco ^ gill- vicino ^ 
Difegoa eà partir l'akro juattio». 
5f 
Petb di c«nf<^ftwi «oor tutti <^tì\l 
Principt iUtiftri, e valomfi^.EroJit ^ 

Che coflM i corpi, Avcan isti jmoikr b«Ut^ 
A twvar Oriana andlr dappoi» 
Tanti Cedri iaviM« tafità MaoceUi 
Non oviea'I Sol veduto autor fra n«i|. 
Né fO| fé gli vedran retk.fature> 
Percliè? wsi& ami o. mtìÌ9 il jn^ondo diumim 



Prefer licenza i CtflaHf ri illnUrt 
Da quelle vatoroCt^ alto Donselle^ 
Che di color di candidi li^tftri 
Sparfer le gnan^ie colorile^ e belle: 
Né perch'alata dì ior IMr^Vioditlbi 
Di tar conto^ il Tuo duol eoa' le favelle ^ 
Gli è conceilb di Air cib', che deiia 
Datr importui», ingrata coropagriio* 

5P 
Potè di Francia il gran Cantinone » jj^éae^ 
Ad Oriana dir: :ft«tevi in pace^ 
Turbato gli occhi belli, « l**^«i^0m 
riccia, m «biella fi^coafunf^ e ttfco»- 
Mirinda , cui timore- olctjii non frcnn 
Qni d' oneftà, piena d' amor veraoo 
Con la dolcezza de' fuoi- ìfuì , il felef 
Tcflsptb d«l fuo martire afpro r^rudelo^ 

Per- 



ei by Google 



NONANTESIMOTERZO. |i9 
éo 
che, come v^hp detto, al Tuo fratello 
V sì fimil di volto, che ben pare, 
3he da una fola'fdea, da uq volto bello 
31i «bbia tolti Natura ambi a. formare: 
Mon fa di Tiziano il buon pennello 
Zosì fìniile al ver cjb, che vuol ftrCy 
^om*eran quelli, pria che 'l tempo involto 
^veffe <jei Baron dì piume il volto* 

sflTe Perlon tutti la fera 

Deirefercito Tuo gli officiali: 

Oi cavalli e di fanti ogni bandiert 

Dirpofe fotto a* capi principali; 

E dato a4 Angrio.to il grado, ch'era 

Soldato vecchio, e ch*avea pochi eguali 

Nella milizia, a cui molto credea, 

[>i generale fuo Sergente avet* 

ndaleflTo era un Cavalier preftante , 
là o9ac«jta.d|L qU8.'gjcaii.jBBgroiu.: 
Lui fé inaftro di caoupo , e don Briante 
Reiterai capitano 4e' pedoni • 
>elU Ci Valeria di^ a Quadragante 
l titolo jnaggior^ ch'era un de' buoni 
^aitri di guerra, ch'avefle il Ponente^ 
^d a comandar atto ad ogni gente . 

condur le battaglie il pe(o dona 
i tre Betoni , a Gaftiles la prima , 
Per onorar l'Imperiai corona; 
L'altra al Boemo di gran pregio e (limi; 
k>tto'l governo della Tua perfona 
Serbar fi volfe la fezzaia ed ima. 
Fece un Trombetta generale ancora, 
Kì cui fuon gli altri obedifcano ognora. 
O 4 Poi 



dby Google 



3«b CANTO 

^$ 

Toì comandb, ch*« ripofar s^andtilb 
Ognun di lor, e pofar fefTe il refto. 
Per poter , poi che U tromba fonaflc 9 
Ritrovarti al partir fpedko e prefto • 
Poliamoci ancor noi « tanto che piilè 
Queft'aer della notte atro e moleflo; 
che npi «con loro forgerem di paro« 
ToAo che fentiremo il «avo acciaro^ 



VfiniM n^mmifiimni^ C^tm^ 



««w- 



dby Google 



e A N T O 

NONANTESIMOQUARTO . 

Fàtto,>€orrev« airOecidenteJii Irett^y ' 
Mezzo del cammin Cuo , la notte ofcut^ 
,<luaiido iqnoe il general Trombetta 
E preOo e vigìUote oltra mìfuri^. 
Subito ogn'aUro, ehe d'udir afpetta 
L'ordin da quel , che di ciò fare ila .C^\^ 
Pojflofi a bocca il rame cavo e fieto 
•Ordina^ che.s! iafelli 9goi.d^QCCpi« 

t^po. ^Hoo Tptzioy^a cavallo a^ cavallo 
Moati , fonava « oani Guerrier gagliardo:! 
Ma poiché 'l.ciel. fi. fé p^rpureo e giallo^ 
Soggiunfe : Allo fteadardo allo iiendaQioj 
Id>ogni tambufin.per.non |ar, fallo 
iDicea: fu fantaccin, noa efler tardo « 
Trendi la picca , e fcgui la tua infegna^ 
Che '1 .Capitaa^el tJM^tardar j& (df gi|i* 

<3Giva il Nhpoto JelMippf rado)» . «^ 

iananzi alla vanguaraia. a. patto ientof. ' 
. Grafandoro , eh* avea 'l fecondo opo^^ 
.Segula lungi 4a ^ui pafli trecento: 
lA retrogaasdia il C^pit1^l jnagglore: 
: Scorgeva appreflb t-ad ogni cola iotc^to 
tCon r occhio e sol penfiero ; e fpeiTo fpel|ii 
m^uaiMU « Jf^sfto , ed a <|tt«U>Jltr(| va.mé|b 



dby Google 



jtt e A N T O 

Cìà con tnccnto Armiti »1U leg^Mr* 
Mandato aveva Fiorivano innanti, 
Fcr «lifcoprìr , fé nel cammioo- v' era 
Qualche imbefcat» di cavalli , o Ciati: 
Foi Anadigi eoa i' ardita fchitfra 
l>e'fuoi trecento Cavalieri erranti 
Ande ve innanzi al campo un mezzo miglio» 
Scudo fecuro conira•^ogni periglio. 

In mttzo un largo e fpaziofo pian» 
Cendile , e Flortftan & riocontrafo ; 
Che varc^ il :6ume affai ^ttiooi .tottaa^j 
E bramoii di gloria s^aflettard: 
I.' avverfarlo nofr può di Fioriftano ^ 
Ancor che frode uà , reftaw al paro,; 
Tal eh* air incontro Cendil di Gaaotft 
laieiè* Uw il cavai. « la fella^ vvot»-. 

Cran fjpazio fi^ éiUHf iì hv»» Chteri^HV0 
ISM, centrerà, m Mf^ de colpi xttoUl 
B^'lTinthoftf flit liberi cavaitero 
Mortf avedder, feriti, e 'fl fa» volti 
I fuot MAiti,' a Idi volfa il dèfhUvo^ 
£ iecela prìgiott: pofti» nccolti 
Cbnr r oricalco iiifitme i f«oi compagni^ 
flèa. toi'nS ttfto dé^ fatti gtttdcgni» 

Il terzo siordo il gran Re Pirrione 
Altoggio il campo fu» preflò* al aomico, 
Jbi nvi a im flmiit,alriireif»d^iNi vallone, 
eh' avea da ciafcun lato mi eolte aprico : 
M dtlfa parte <P AuAro, e d* Afuilon» 
tki largo bofco » a» lor bifogao amioai' ; 
fai che quel fito ibrte di mi««ra 

VthM lmift»iaitilfrdgn»MM'«^ 

9i 



dby Google 



NONANTESIMOQIJARTO. 3x1 
9 

Di là dpi fiume in loco^Ampìo ed aperto 
Avea ferma^to r.o(|e il graiì Lifuarte 
Poco lonua però qi)el Re^ ch'efpertcì 
Era, e fa|uu 4ella «i^illzia l'arte, 
AAeatrjt aUoggiano ì fuoi , d' arme eoj^to ^ 
Ed in batudia ftar feee Brimarte 
Con la fua.reftÌQQ« eh* era d'Iberi.; 
^ '1 figlio .con tre .foila Cavalieri • 
9 
4C0SÌ pai(or fa delle gregge ansate , ^ 
Per di lupo fuggir danni ed ofFefej , 

Me fin cjie vide le genti alloggiate » 
Si trafe usbergo , o da cava,l difcefe : ' 
Di (i>iartiero in quartier molte fiate 

ikod^ vedendo e le genti e il paefe ; 

E d^ove. porrci ia qu^fte parti , o 'n quello 

^(tv«« il Sergente g)mdie, o fen tinelli^» 

Jnfin fui rio eoa molti, altri Gtt^rieri. 
A ricopofcee l'ofte lì Re Britanno 
IkCandb Alidor, c)ie v'andb volentieri 
Per rìved^r^ il (ì^o ^"^vc a^Quioo . 
l^riodg , cl^ ver luì. gli occhi e i penS^ìa 
Siccomd ftraii »l f«Sf^ Arcieri faoilP y 
Avea drliiati , nella prilla vilU. 
Sì fioAVl forensi; A*..»»»»» .?M^-» 

iSon' iw dft' colli f lloftJJf^n^ FJf f i^ant^. 

£ ràgiooaaio^ f M^fggW** JP^* * 
Veniv» innti^xi il yiJbroCo Amianto 
Sen*' «Imo in uiU » e eoa gli occhi alU rilf* ; 
Sra divento p«$ «ncor dUia^t^, 
tf giunge a p(ent la vi rtà vifi^va , 
Che conofciuto fu d^afl^^fluo lor^j 



dby Google 



i^t^ t A *l Y Ò 

^r*Guerrìert gentil tutto in un ]puA(b 
£d arder e geUr fenttifi il petto , 
Ì)il timor rprima ertila noia punto , 
E dappòi medicato dal diletto: 
A fcender ambi giji non tardar punto» 
Avendo un manto fol fovra il farfetto, 
Fer porli Tarme, e per vircàre un fiume»; 
Ma ni chi al lor defio^troncb le piumt. 

^he'l fiufne ivi non hm ^onre,'nè barca, 
£ '1 vado per palfare è mal fecuro ; 
i.' anima di Mirinda a nuoto varca j 
C '<gitp il corpo vi faria vi ghiro | 
Ma d^onefU la man f^veri e parca 
^ JPofe al fuo gran delire un freno duro} 
''E'I Genitor, che col Fratello ancora 
'di avevano a venfr vlfti ki quelPon^* 
f4 
"Senti da lunge aìieo Alidor il barilo 

Di que* begli pcchi, ovt s' annida Amtfte-, 
Tòfto che sMnconttò fguardo con {guardo , 
. Che gli trafiflb il fofpirofo xore ; 
' "^Che non Cu Ancore ad a v ventarlo "^ttrdo, 
Mk*teniprato di noia e th dolzore ; 
Trafler ambi Un Tol^ir, ohe meflaggiero 
Del lor defio variò prefto -e leggiera • 

-Koa v^e il 't^rinèo 'Re , the pali alcuno^ 
Poi éHk v«dp non y*è, barca, né ponte; 
Benché 'di là dal rio1>ravi'più )Ì'ttno*; 
' 1£' faccia lor co* gridi oltraggi ed once: 
Che fu Itrrva'era già eorlb orgnuno , 
Ch'avea ,. Come la man , le' voglie pronte; 
•E d'oflor valghi (enz'mltro coniugi io 
^i fiuriaa per «arcar pofti # pefigiio». > 



dby Google 



lÌONAKTESrM0(SJAltTO. ^f^ 

HI 'gentile ìàBdor'fÌB riverenzm 

Al 'magnanimo Ite col capo chinfo^ 
Che '1 riconobbe «Ila rcal prefehzai ; 
Dappoi ad Amadigi, ed al Cugino, 
Ed alla Donna Tua , ma con temenza^ 
Che turbò il volto Tuo vago e divino: 
£ falutato ei fu cortefemente 
Da loro « con la vùce e «on In, «lente^ 
«7 

£DopQ la cof tèlia ^etle parole^ 

£ molte fcufe ancor fatte 'fra toro, 
Perch' air occafo s^ inchifiava il Soie^, 
Ed a fé raccoglieva i raggi d^oro. 
Proprio , com' uom , che di partir fi duole, 
Dond' è V anima fua , parti Alidoro ; 
£ nel volger da lei deMuoi begli occhia. 
Fa, càe'a Miftada ogni piacer- tvaboccàU 

<Coi primi rai Cendll del nervo gtónii»^ ' 
Veduto già con diligente cur» 
L'efercito nemico kitorao intorno. 
Già prevedendo la tor rea ventura^. 
Al Re Britanno fé mefto ritorno. 
Ch'era alloggiato in una gran pianuM 

' Di là dal fiume forfè un tniglio e nesso.; 
Ovefotto arbor folti era4'xirex2o* 

^9 

qi .qual contetxa diede » parte a ^fte 
belle forze nemiche, e di quel, eh en 
Più eh* altro da teaiero, al Re Lifuarte^f 
Di quella ^illuftre^ed anìmoCa fchiera 
DicCevaliefi «rrantii ed «aoo in parlo 
I lor nomi» il valor, e la maniera, 
.^h' eran più da prezzar , che V infiniu 
^Oente., eh' tvcan a lor Coccorfo «nita. 



dby Google 



^^é CANTO 

Non fi i^pmtnu .il Rei» cht'hfspia defire 
Dell* veadctt» ^li fiifoondt >1 vero. 
Gli toglie U. ngion^^refce Vétdirt^ 
E é\ìì ffofo di lui t^uuo.r impero: 
GJi fpiMt U j>^^t|(gli« differire 
Ai ur4« ftiomo e iatt* avria peofierp 
Il di fe^ucote d*ailalirglì certo. 
Se iofkff jilloggiAti ia .wupet ej^Mto.» 
^i 

Ma l' ofte era jtccampato in loco fortt^ 
Ch'afltlir non potM fenza fuo danno: 
Benché Io (degno a ci6 far il conforu^ 
Non conitme il litnor .cotanto ingviii^^ 
. VoUr fuor di r^lon tentar la forte, 
E procurarfi d« le fteiib afi^noo ; 
Opra, farebbe, ftl vetto. fpaffa. e viina,, 
B fisllc. ardir di mente e^e, ej) iiM«xti^,« 

.Avèv% fierìos già pe» vetftMff. 

Securo il ftuoie e fenait «Jdlini periglio ; 
Acciocché noi .veai^ adi «fleltajre 
Meivtre. pacava , e ||orr oftein fcf^gup^Uoj; 
Faita tanta. .nMtiBriaappareflebkf.e, 
Cbe €a la notte un ponte iiii.ai#z£onuglio 
l.acgo , » per dir il vec , taotp » che vi^i^ 
L'efercko varcer .tuctft .in bUtagiU • 

Il medflfinio fece il .^o Ncfme«t 
eh* aveva il campo ^nch* ei Ittogf» U riy/t 
D!iio fiunMeet,<jciie col fim corno oblico 
Poruva ['<ajBi|aa.,mi .mar luAcnte e viva» 
A dirimpetto d'uà gian^ prnto aprico. 
Ove qnercia non era*, alma,.oè olive , 
Scnz'ao fol arbo&el , fcnz'erbe od omiuttj 
Ma netu tutu la ceoapegM- e fEpmbre^ 

Deir 



dby Google 



NON ANTESlMOqiJ ARTO . 317 

«4 
Deirefcrcito Iwa avca il gavcrnft 
Pregata dai Patin iàCuaru prefo 
La fera ' e ad ogpi Cavai iero eilerno*. 
Ad o^i Tuo Baron .dato il Aio pefò ; 
£ non avendo i .Cuoi .nemici a icherno , 
Il cui valor per prova già .ha comprerai 
. Ordiate tutto ci^ , che far s* avea 
JHeLcorfo A^r d«lU iwttagUa rea* 

X* altro Duee, cui'l corrodea ugual meott. 
Cura d' onor i e che vedeva aperto 
Qjianta dif»vvanta|gio avea di gcatc ; 
E che ,d' armi aemijche *ra coperto 
Qud {'paziofo piano' .accortamefue 
Con modo bel ^» coma (e ibfle certo 
Peila vittoria , a ciaicua dona ardire, 
M ^i fa pef roaer gra^.ii ,oiorir«« 
:^ 

S fendo di tardar delifcema 

A ceonuciaff U pugfta attcrha e ria.» 
In6a ch'avetfB alQ^Mo oltre paffato 
Mezza la .p«rt«>if $ol delU iua via; 
Perehè $' aveffe pi» nwTÙco il tato , 
La notte lora ia beneficio fia , 
Il ponte da trincea, d* vallo afcofo; 
Fe.i foldati pigliar cibo e ripofo. 

jPoco pria che A ;mez?o il fuo vìaggja 
Mirale Febo l' opia 4fi\moruli » 
Allor «he étk JttO! chiaro, j*d«itfr raggia 
Più !vibirak^.cal#r «piadrelU e iVrali» 
Di novo ardir «roiato il ^pettx» faggio. 
Fé dare il tfegno, tf inrftmti jnah ^ 
Principio i e porre in ordine le gfsnti 
JCol vmo.fooii de' bellici ftronciMi - 

Tutte 



dby Google 



Sf8 •CA'NTt» 

'?r«itte le {ìhieré^eTltcofe e -pronte 

Divife in tre battaslie aveal «e FrtflM 
Di cento trenta faÌK nella -fronte. 
Lunga trecento trenta , o< poco manco ; 
Tutti i cavalli, e Ic-perfone conte 
* Pollo nel dritto come avea , e nel*'manOQS 
;I fanti' in mezzo; e- nell'ordine primo 
Tutti t*ior Duci ^al Tupremo all-ioMi^ 
»9 . 
(XHvK 'dèlia vanguarda il Capitano 

Innanzi gli altri Covra un gran oerfiofo 
Baio caftagno, e di due pie balzano, 
'Ma fé foiTe non'fo Turco , od Iberoi 
Cb'obediva allo fpron, prefto alla ro«fto,, 
' Saldo di tefta , e nell' aipetto -fiero , 
Con una tutta d*or trapunta e tefta.» 
Spatfa 'di gemme, ricca' fopMvvefta.. 

)%inanzi a quella con U'pieca «indtvt 
Sei' paKH fól Briroarte,^d Urgandino;; 
CiiiQun d' efTer nel volto ^imoftrava 
Un- vàlorofo e fra nco Paladino • 
La lor battaglia poi gli ieguitava 
Col paflb tardo al fuon deU tamburkia* 
E Veran otto mila e piO pedoni , 
Tutti in* batt^gHa ererciuù»e 4>uoiii * 

^« 
<Clivati^con Sahidero, e con Sriante 
Nel deftro' corno tre 'mila Guerrieri , 
*Con' fopravvefte^'ed arme ricche -avanti, 
Cb'eran diie-^arti Oreei, «d^^una Ibeti: 
Nel manco il'valorofO'^loridantA 
Coi fuoi duo ratia arditi Cavalieri, 
«^Superbi di cavalli , e d'armadure 
MàXX€ i|glt4ac(Kitjri h%t forti.^ fMiirc « . 



dby Google 



HONANTtSIMOQyAKTD. tt$ 

"Sovra qudi' alto e bel delhier, con i^udm 
Sopravvefta fuperba e ricca molto , 
Che piiuo avea la Ciò veaetta bella.. 
Il CUI vifo leggiadro ha oel cor fcoltos 
Che gli fu data., allor eh* all' empia efelU 
Pugna a far con Ororite era rivolto : 
dh Olinzia, e Saliber gli avean goiréata 
Per ferbarla per quefta empia giornata • 

^' 

^opo quella lontano un mezzo miglia 

Guidava la battaglia Grafandoro^ 
Tutto vcftito di rafo vermiglio 
Tagliato a gìgli, fopra un drappo d'oro^ 
£ feco avca del Re ai Scozia il figlio , 
Il gran Signor d' Irlanda, e Filidoro^ 
Guerriero efperto di fovran valore , 
£d affai grato al Greco Imperadore^ 

Con tre mila di quei , eh* avean meniti 
Di Grecia feco, e coi duo mila poi. 
Ch'erano flati agli altri duo mandati 
Da' Padri , da' Parenti , e amici fuoi ; 
Con otto mila a piedi altri foldati 
Scoti, Piccardi^ Bellovaci, e Boi, 
Guidati da Leonzio, e da Sinardo, 
X'uno Scoto Signor, l'ahro Piccante 

ÀAltretUnto ìontan da quefta fchrera 
Con la gran retroguarda poi feguiva» 
In mezzo a cui la general bandiera 
Spiegata al vento tremolando giva , 
ron la ca Valeria groflk e leggiera, 
eh' ancor fe'n pregio, ed allor più fionv% 
11 Franco Re col cor forte e fecuro 
^Contra ogiii cafo perigliofo e duro. 

Cor 



dby Google 



33a C>N,TO. 

Con luì cr4.Ter«ai« <UIU Reina, 
Cugin di Sobxfdifa, e Pexilep. 
Capittn della fcblert prilrg'iu 
Delia Moi-«a> e.Qra^le^ e Brjiiiup 
Coi lor Gu^irier^ di militar dottrina 
Ambo faxuioà; e^AtUlp* e Dirceo 
NaGO in.Gua(cpgna.quel, quello Bertone^ 
Co0 OKU . mila ian^i, ognun Qiiafcoiie. 

P' una robuAa. e verde tra vecchiezza 
L'ardito Re> di venerando afpecto, 
Con armi bianctii^* e jdi;sl,graa fittezza^, 
Cli*avri%o„rjnrftpgri9 .d>gtV» Brando reitp^ 
E fovray^j^a. di taQt# /^(ii^zza., 
Che dava^ a! riguard^QM . »Uo. diletto ; 
Sovra un,. cavai vijjai? nato^in.irpagaa, 
Biancp«e..n«Affi4^ iofilia.alle,fBalcàeoìf • 

3? 

Florift|90^ C Miriada. cjrap .cpl. Pa^re. 
Di correr vaghi up.a nv^dcfnia forte ; 
Che .bcAch);.naA.fian hap.d*jiina Madfe^ 
Dolce^ y»àfi .à\ikm<V^ ìoiX. ^f'mgi^^iotip': ' 
h% fppravvtlie >avejtiib ricche e leggiadre^ 
Ed arm'adNtre^^dMu^ptina e forte,* 
Con altri, vinti Cavalier dlonpre* 
i:uijlè il Principe ip g^axdiMr Qepitpie^ 
39 

Avanti alle.. fattta^ .iui p^fS, cento 
Era Amadi^, e fptto jiye' uà deilpei^o 
Superbo^ di maptel leardo. argento^ 
Ch'avea l\eQraDijti.di,cplor nero» 
La coda,,.eì crip chenop pateaun mpmentp 
Solo ftaf (etjanp^ ed ayea^ per. cimiero 
La Salamandra, che di fiMur^erVive, 
Qiial peCce d'acq^ua, fi nud^ifce e vive. 



dby Google 



NONANTfiSlliCOQyARTO. SM. 

Qiicl di ttna,ibfrftvw^« AV«Ly .^efca 
MeU«ùhfpjiffii dft, tutte. le bande 
Di gemme « e .per impiiefa. uà Ech^neo 
Picciol di forxn», madi vlrtil. grende^ 
eh» p»r che fermi nel!' irato. Egèo. 
Vn JegQ«, aU«r» che pia vele,(pande » 
E.fovre v ere (crìtto un motto tale; 
1^ virtù, più, chia U yande*»a yale^ 
41 

JUifuarte^ en/Bor- eh' avetfe ìa dieci fehier^ 
Tutte le gc9ti fu« divi(«^ prima » 
Tofto che vidjtjjcu^, canfti^.parerc; 
Tanti»' il fte.F«ri«oeafprc*ra. e ftima; 
E s' avvidi f m che errpr potea. cadere,» 
Serviir volAndP^ l'ordine; di prima,; 
EM grave daiMi«»->chp di«ci6>n avrfbbe». 
Fmbè un foLbM(agU«»'r»i4a ftar^U^e. 

4» 
Ad ogni impeto lor, s' ad una ,ad una 
L'aodafl^r le Tue Jdiierfe a4 aOaXtare* 
Ptrò-chknaài U Sffgejwte., e di;tte,ma,, 
E txt. di. nojre nri# tofto tire ; ^ 
Forfè fperHMio 4i-|e*er fortuna, 
CMl facendo, eU T»# deftìf|> cangiare; 
I^ prima <tiede al gfan Piinee Romino^ 
Ch'eia cosi voifo; e^'atoi aCildadano. 

£ fccoi'pore'il R« di Coraovagka, 
E quel di Norbellanda Sinodoro; 
V^(t tltenne ia.^rM bttttgUai» 
Con duo do'llege, exon ie. genii low: 
A Guafqwaan, che fopea- quanto- vaglia , 
Con Arquifil, Floiaoo, ed Alidoro 
La fohieta die, che delle dieci amanza, 
|«el «li. wU«r*Avet molto fperanza^ 

» jcr* 



dby Google 



97» CàKTt» 

44 
9trM còl loro ^xSìtyàùéEè4réM 
Al furor d'Anràdigì^ e de' compigflftt 
Ma quii argine pub torrelite pieno 
Di miUe ImmicelH e di rigagtii ^ 
Frenar cosi , che non fé M porti in feno 
Involto al mar, con cento altri .guadagnif 
Guaf^uilan giunto è '1 tempo, ora vedrai 
Quello di te , che non penfaiU mai. 

^^ . , 
a- arme fue negre «vea, la fopravvefta 

D'atro color l' Imperador {tornano^ 

Sol con una catena entro xoAtefta 

D'oro purgato e fin da maftra manosi 

E nello feudo dt Donzella onefta 

dipinto un volto angelico ed umMiOi^ 

Coronata di perle e di rubini, 

E di Smeraldi preziofi • fini^ 

4* 

0^' armi dorate avea tutte di 'fuori 

H Re Lifuarte,^ fovra Tarme adomo 

D'un ricco dri^po d'or, ch'era di .fioM 

Di grofTe perle fparfo intorno intorno; 

Cinto lo feudo avea^di pia colori 

Di gemme, che faceàno un lieto giorno^ 

Nel mezzo il Dio , che con l' irato telo 

Percuote quei, ehe già^fer fuerra al.cielflu 

«Quegli altri Cavalieri, e Duchi, e "R^gi 
Ricchi e ffiperbi di corone e ftati , 
D'arme onorate e belle, e d'aurei frefli. 
Erano tutti alteramente, ornati : 
Il Re Nor^allo fot , come difpregt 
Gli abiti lieti, «d alla vifta grati, 
fPareva proprio , come 'n .lista fchieca . 
vDi jgeati,4iUegr&, uà' ombr» ofcji» <« n«e»^ 

.A- 



dby Google 



1«ONi^7£«MOQUARTO. xm 
48 
ilvea Alidor4Ìl.quel color,. ch'i l'erba, ,. 
<2utQd* ^ più vago Aprile , e pia dipintar,^ 
La faprav vaila di perle fuperba , 
Ov' era di rioamo un laberinto f 
£ aello feudo con la faccia acerba: 
Dai pargoletto Dio legato e vinto 
Éon un'aurea catena, e con grand* arte» 
Anzi al fua carxa il furibondo Marte ». . 

Mentre eh' td ordinar con molt» cura^ 
V Inglefe Ite l' efercito attende» , 
Con unf,À. gente , che la gran pianura 
Dintorno d'armi tutta rìlucea; 
Comparve Gandalin con Tarmadura» 
eh.' a lui donata Galaoro avca. 
Perche gli doni il già promeflb onore 
Della Ca^valeria. il Tuo Si^fiore .. 
sa 

Il qual fatto pMtar una di quelle 
Spade 9 eh* alla città di ConUantina 
Menorefla gli die; che ricche e belle 
Erano 9 e <r uno accfar temprato e fino » 
Pregando in fuo favor tutte le ftelle ^ 
li lece Cavatiero j.e. dal Cugino . 
Fforidante gli fé cinger la fpa4f , 
Perchè dì tant*onor fupcrbo vada.^ 

51 

Tatto f pianare il vallo Pecione, 

Che difendeva ti pente , in nn momento» 

l^fciate le bagaglie e le perfone 

Inutili nei loro alloggiamento ; 

C pef (uà guardia d^ogni legione 

Una bandiera di pedon trecento ; 

In battaglia varcò di là dal ponte 

€0» paffi urdii e voglie prefte eproote » 



dby Google 



«14 X A w T a 

s> 

E voTfe Voftffat fra f'Otieittf , 
'BM-Mescodi; perchè'! Sol non PoAwd«| 
Che di «^patfo fen ~g2a vèrfd il 'Ponente, 
E non gli pon^a a^H dcehi .un'acr^btndi: 
Al f^rkn romor de* Afoni, ehe fi feote 
Di tutburi e di troniiie, par che fceoda, 
*B s^apra il ciel con una gran rttint, 
E èhe tremi la terra' e liìtsiTina. 

Allora' verfo lor veAne un Scudiero., 
Che del Prince di' Francia dimandava; 
A cui fi fece incontro il Cavaliero 
Con la real prfefen^à' fuà , che dava 
Ddl'alto fuò Valore indizio vero; 
E di(re« eh* era quel, ch'egli cercava; 
E che facelTepur la fua ambalfciata. 
Che nuJla cofa gli farebbe ingrata • 

$4 

Ed egli a lui : Signore , il Re di Stfefa 
Avendo gili la voftra gloria udito. 
Che fplende pur , come gran fiamma ac^f fai 
^In ogni regione, in ogni lito; 
Moflb, non già per vendicar ròlTefa 
Del padre fuo da voi vinto e ferito , 
Perchè per la, ch'ufafte in lui , clem^azt 
V' avrà Tempre in onore a riverenza ; 

Ma per hr prova fol di quanto vagHa 
I^a fua virtute a paragon sì raro , 
S'in voi la cortefia'l valore agguaglia, 
Com'ha già vifto manifefto e chiaro. 
Prima che fi cominci la battaglia. 
Vi prega a'fiai , che non vi fia difcaro 
Tre lancie, o due almen correr con lai| 
Per'OBor fuo, e per diletto altrui. 

Ri- 



dby Google 



eh' telo thigrtiwo, « **\*?.«Ii!!ki, 

n 4uM^»Vr%tcUntf?««> petto, 
Con 8«o]* t»; » i°*.,,^,rtiv^nw «more 



Avea 



dby Google 



»T^ CANTO 

60 

Aveva jG&f^liilta prefa quel gIom# 
Imprefa nova , e nova foprawefta 
Di f#U 4>igia, e daMali e d' intorno 
Tutta d^ argento e d*or trapunta e teUar 
Lucido 1* elmo avea , Io feudo adorno 
D' un Grifon d' or ^ ette nell' adunca e preft» 
Unghia teneva un cor ^ com* eCca e palio » 
Si ftsetto, che Tavea lacero e fiuafio^ 
6i 

E t*lta ua^afta noderofa e groffiif 
Che'l fierr» aveva lucido e pungente ,. 
Sprona al corfo il cavai con tanta pofla ^ 
Cbe treimr il terrea fotto d fente : 
1.' invitto Duce con più d'una fcofla 
- •Sceltane un'altra mofle il fuo poffent^. 
£ gran corl^er eoa un impeto, quale 
, Suol conira torre macchina murale* . 
il 

Si colpir ambi in mezxo dello feudo,. 

' £^ fu ogni tronco in mille fcheggie rotto ; 
Ma fu r incontro sì fpietato e crudo ^ 

, Che '1 Re di fella fé a' ufcl di botto ; 
£ volle il fuo deftin di pietà nudo. 
Ch'ai cader fi coglieflTe il braccio (btto ; 
£ come era di corpo e grande e ereflo^ 
Gli fi fpezzafTe , e fracafiaffe ogn offo • 

fi 

Ferdè una ftaffa il gran Prince di Francia^ 
Un omero & ruppe il fuo de foriero, 
£ d* in tèrra cader fiette in baltncia , 
£ feco trar l'invitto Cavaliero: 
Come ciò vide, dall' arcioa fi lancia^ 
£ dove quel giacca, predo e leggero 
Corfe a veder, s'avea fpino di vita^ 
Q Ce fol di quel colpo era finita. 



dby Google 



HONANTISnfOQJlASTO. ijf 

^4 
Signor, io mi riferbo all'altro etnto 
•A ncconurvl la battaglia ^ura; 
Che già la notte col ilio aegro manto 
Il largo cerchio delta terra ofcura ; 
B'I narcifo, la calu,, e Tamaranto-^ 
Che'pur dianzi fean vaga ogni pianura^ 
Coi negro velo fuo nafconde e copre: 
£ tutte de'momi ceCar la roj^rci. 



J$fiic itljmniiJ!m$^mo Canm^ 



Whmm 



CÀN. 



Digitized by CjOOQ IC 



^. 



CANTO 

NONANTESIMOQJJINTO. 

f A 1 Ìci0 fiidii dt* fceUici II remtnti , 
Xl. CVagli arbufcelll fa cader le fronde^ 
Timidi agli antri ftioi fuggirò i venti « 

I moftri di Nettuif nell"^ alghe immonde S 
Defta l'Aurore, i fuoi be* color {penti. 
Di nube afcofe le fue chioma bionde , 
Keir orizzonte ap[^r mefta • dogliofiif 
S feo»i ftola di purpuic» ro(a» 

s 
.V'ergiut aiiiftrì, cbt caotatfe ì^m 
0el figliuol di Meo 4 e i fatti cgr^i| 
¥ot che vedelle la crudele e dira 
VngM di taat» CfOÌ« di unti Regi 9 
t>efe alla cetfi.f ohe cant'alto afpiiay 
Strilo e voce» onde il filo canto apprcgj 
MSeita » e 'llfeio i ed alzate il mioingegpoi 
Ove aoQ è per fo d*alzarfi degao» 

▼ile oedfnio 6afi|iiiIaM« 

II qiial cndoiti morto 9 • qm& morto; 
VMchè più BOI! movea piodot né atiaaoi 
n R^ Lifuarto del fiio danno accorto^ 
Vece dar Offe un fuono orrendo Rraao 
Bel mettilo ctvdel cavato tort» 
Solla batuglU U fogno { il dw firn flmld 
t^nmm i cori|f 'mpdiidin i volti. 



dby Google 



MONAKTESIMÓQJJINTO. ||f 

Gandàlnid» At vide il grtn perìglio 
Del fuo Signore; o'I ruo deftrier caduto. 
Subito ad un corfier dato di piglio. 
Che teneva nn,Scudier,corfe in fuo aiuto: 
Che benehè Me lungo un mexzo miglio ^ 
L' inimico drappello era venuto 
Delle genti perdute , a cui toccava 
Di dar principio alla batUglia brava» 

£ perchè atrefb tempo a rimontare, 
Corfrcontra Floran con Taftt in nftài 
Che veniva primier, per vendicare 
ra morte del fratel sì a lui moleUa; 
£ tal fu il colpo , sri feppe drizzare. 
Che lo percoffe in mezzo della tefta| 
E trapelo di fella a fuo difpetto. 
Benché non foffe un Ca vallar negletto* 
6 

Gluttfer fratunto i Cavalièri erranti , 
Ché*l Principe feguian chiaro e lodato. 
Col furor proprio . a cu! nulla Ha iaaauti 
tA flutto, fptnto d'Aquilone Irato, 
Che fa fpeifo tremare i naviganti, 
11 legno fofpirar rotto; e cacciata 
A forza fovra alcun lido arenofo. 
Ove quiete ha poi fempre • ripofb» 
7 

S' incontrar Arouiilllo , e Ooidòbeldo ; 
n gentil Afidoro, ed AifgHotot 
non ftettt il gran £omano al C«fpo frUo» 
Anzi iaftth l'arcion libero e voto. 
Ognun degli altri duo neirira caldo 
Ruppe la lancia . e non ^ U colpoairolo^ 
ren»*Angrioto di cader » cenno 
INif 1 tre TOllc » e al in cadde do fonM» 



dby Google 



940 C A N T a 

g 
Tre milt erano quei , qucili trecento y 
Ck'a tinti fer lafcitr le felle vote: 
Ecco Aniadigi, che rafifembra im vento. 
Che di gran rabbia pien l'onde precuote; 
É fa tornar il liquido elemento 
A forza in dietrp, poi eh' altro, non puote^ 
Col verde brando, che I>en totfo £'a 
Roflb di fangue della. gente ria* 

9 
Hel più folto drappel fpioge il cavallo f 
Ed entra dentro; come talor fuole 
In fineftra di vetro » o di criftallo ^ 
Qjiand'è più belio^ il dì, raggiò di Sole* 
Colpo non è de' Tuoi , che vada in fallo ; 
Cnd* un morto fi tace ; altri ù duole 
Del Aio troppo valor « fredxlb e dkghiaccios 
<2ual d' una cofcia privo , e qual d^dn braui<h 

IO 

Fu falutato da'fuoi il Re di Suefa, 
E portato a gran pena al padiglione ; 
"Ed Arquifil per vendicar 1 offefa 
l5'a''Càv%Iieri fuoi , podo in arcione 
Si ciccia, óve più ftretxa è: la: cont'efà ; 
E diede tal percona a éurìcone 
Nella finiitra tempia , eh' ei cadeo , 
E eadde feco ilTuo faiiiofò Orfeo» 
li 

Alidor , che vedea sì groflTa. fchiera 
Da cosi pochi quali in fuga volta 9. 
Di cotanta viltate fi difpera, 

' E va y dove fa pugna era più fòft^ ^ 
Pia^ndo quello e q^el , ficcome ftera . 
.Soipinta da furor» da rabbia motta , 

' *^he da' maftini oppreflTa , e da' villaaii 
S'avvenu in medico a* cacciatori e cani, 
, Cri- 



dby Google 



^ONANT fiS iMOQpiNTO . 341 



JX 



tJndtndo: »h Cavalieri, ah Cavalieri, 
Non fate sì gran torto al voiìro onore | 
Non vi fur per fuggir dati i dcftrieri. 
Ma per poter ipoftrar voftro valore . 
Cftsi dicendo , gravi colpi e ^eri 
Mena coi brando; e'n queftaodeun romote 
Dì gente , (he fuggja pallida e grama 
Inniii« a -quel Gucrrier, e' ha tanta fama, 
i| ' 
tNel mover dell' infegna Imperiale 

Si venne a porre in cima una civetta; 
Kd ivi ferma aperte ambedue l'ale 
Cominciò ad ulular con molu fretta: 
Qjaeft* tugurio a ciafcun parve di male , 
E con la morte fua ne ur vendetta . 
Ma al tErande luperador non è chi'] dic^^ 
Che n qutfto ancor Fortuna ebbe nemica. 
t| 
^oi«lre vedo Amadigi a fciolto freno, 
£ pieni di timor utg^ìr colloro. 
Senza ^' alcun di lor volgeHTe il feno, 
Fuor ch'-Arquiiil^Floiano, ed Alidoro ; 
E venir lo^fquatlron^ liceome pieno 
Torrente, a portar via gli argini ioro,- 
Il fno pieciol drappel raccolto iiffieme 
S'apparaccliia ti' onore a nova (perae. 

Vcnian gridando le Romane genti, 
Come nembo di Grue fuole, qualora 
Per Io freddo fuggir de' giorni algenti 
Vanvcrfo il mar poco dappoi l'Aurora 
SI, ch'vffordan eo'^gridi gli elementi; 
Fan feuro il ciel -per breve fpazio d'ora; 
Ma fpa ventar non puon gli animi ardili, 
ìJ^ìtì alto valore éran veititi. 

F I Ognu^ 



dby Google 



141 C A K T p 

Ognun %' tfiut in {elU , • nùVi. IttW 
Prende d*'Pa«U e dt*Scudier,ch0 vinao 
Tra l'ofte errando con inai baidaiiza» 
Per dar di novo a' lor nemici affanno ? 
Ma come que^o vide il Re di Francia f 
Che come i faggi Capitani fanno , 
Kella tcfta del campo era venuto. 
Per poter dar, ove bifogaa, aiutp; 
' -^ ^7 

Pregato prima ognun , che fU conteoto 
Di voler all'onor poffor la viu; 
K promefli gran premi all' ardimento; 
Ad oga*opra, che fìa bella e gradiu; 
Fé mover la vanguardia a paffo leoto 
Con taciturnità più non udita • 
Ma già. Amadigl impenetrabil feudo 
Softien l'afliilto pengliofo t crudo* 

Già con la compag^ fpezxata e 4om% 
ha furia prima, e^l lor impeto avt«s 
Tal che mille deftrier g}an fenza fornii 
In qua , e 'n là per la battaglia rea s 
Ùdi r Imperadoi*, che Roma, Roma''^ 
Gridando giva, quanto più portai 
Percciocchè allor allor mandato al pitao 
D'un colpo di Carfante avea Balano* 
«9 

Siccome grave e formidabil faffo. 
Che fpiccato dal monte in furia fcend«; 
E porti tutto ciò, che^ncoatra a bailo , 
Senza cofa trovar, che gliel contenda; 
Cosi il Guerrier fa di coftor fracaflò , 
Senza incontrar alcun, che fi difenda; 
E itende in terra Arnolfo, e Salintemo, 
D'Arezzo Tuno, e 1* altro da Priverao. 



dby Google 



flONANTBIIlIO^UINTO. f4t 

Jkngriold, Anfidilio, e LttptHM 
iQétiM pane fin llngtf illaMlIo. 
Jolgora feinlinr il* gfMi Stj^fior d'OtbidO| 
CK'ucctrfr in jra momento tfqu«IH>«^iielló: 
Stilo MlgdoAio, 41cido'« e yelAtttiito, 
Che quan rimo pieeiòl 4* At>urceno 
Tagliato dat Aio bratlcto, a^rad dell' opr* 
Biibgnar4'aU)iaj^io, ^)iji gli ricopra* 

Il numcm infinito drfU gente , 
S 1« vind , fé non a.vea foceorfoy 
Come UA diluvio, avria fommerfe' efpen'te 
Queir aime ebiarev j pedo loro it niotfò. 
Ma' ceti iifipeto .teli iquaiil repftitè > 
Precetta-, ehe ù fteifdè e -tutto corft» 
Sovfk l'onde del mare, jigli altri innenté 
^iunfe l'.inyjito jn .cliiafo fleiidtiittoy 
*i 

Coi fttoi duo mifa Cinlief , ebè 'nf prbya> 
Givan, dote maggiore erri! perizio: 
Ei qual Saetta ciò, ch'innente trova. 
Uccide, Mterra^ e pon ^Htto id'fcompiglfo: 
La picea al Pente, al Cevtfier non giova 
arando , riè lancta,ovuRque ei volge il ciglio ; 
jCh'a s( buon Cavalicr, si buona fpada 
Jtl Gutrrier, e*l Fedone ^ptoa la ftrade. 

n ; 

Jl Prence d^ Aragona, e SUttdèrO 

Eotrat nell'altra «orno lor mal grado 9 
Bencliè*! fiume trorvar turbato e nero, 
E 'n ogrii ptrte perigliofo it ,vado . 
Ivi meylerBritonioO) vO Unterò, 
Ircelo « e raìcreto 9 it qual di radè 
Ufo) di fella', e molp ne fé ufcire : 
Md or ^evene piange il fuo morire. * 

f 4^ *• 



dby Google 



144 CANT9 

t^ fMttaglU 4c*€uili a ftoatt ft A^alt 
Stettcìo 110 ptsM aiiuiMellnti e dotisi 
Ma i Cavalter con !• ior fono proiiU 
. dì «veaa do lem poco ncn eoo fotti? 
Fur fccer tcfta. dalle virtù coate 
Aiòuti di quei .oh* ivi condotti 
Cli avcano; o d Arquillllo) • d'Alidore^ 
Che iur lo fcifdo, ci fol nToftcgno ioro^ 

SS 

l'ifuarte , cbe vedeva ad uno ad «no 
Le Tue infegne cader « fìtratfi il oasipo^ 
^fid indùnerfi già la fua fortuna; 
Tornendo ancor di qualche novo inciainpo«. 
Cbmaado o Cildadan , che fenza alcuno 
Dimofa inveftas o pioveda allo fcampo 
Pelle genti Romane» o del fuo onoro^ 
fe mam coom (ìiole il fuo valore* 
%S 
Con.cotM>to tonte il' Re d'Irlanda 
Fiero ed ardito entrò nella battaglio 
Gol gentil Sinodor di Norbtllanda^ 
X Poiidante Re di Comovaglia i 
Ch'o forza fer piegar da quella bando 
L' odile ftuolo» ancor che molto voglio^ 
S'I Norbellando Re quel di fé cofo. 
Che .fien per fempre illuftri e glorioM^ 
«f 
9da queir invitto Plranco avea Kmarco 
Morto., e Menunzio il fiero., e Licoooo^ 
B tutto lo fquidfon rotto d' Ipparco» 
Con numero infinito di perfone. 
Sol per vaghezza di trovar il vareo^ 
.Ter gir dove '1 Patio cruda tenzone 
IPacea ^on Guidobaldo a fronte a fronte^ 
Ch*o latojlt avca mocioXibiconte. 

Ma 



dby Google 



*Mà come vide' dalla deftra mano 
Alle nemiche infegne aprir le porte 
La fua battaglia; e *l gran Re qildadano, 
j Che ficro^ dava a quello e ouel U morte. 
Avendo allor tfllor morto Floiaflo 
Principe ^i Calavria ardito e forte^ 
Con forfè venti Cavalieri in rchier«» 
, Corfe, dove quel fea la pugna ^fiera, ' 
*9 
rCridando: ah Cavalier, totn*h fmarrìto 
I Queir.antico valor de' voftri petti? 
E quel dtfrio:d'onòr forfè fuggito, 
Che già pofto v'avea fra i più perfetti? . 
Riprendete T ardir , r.impallìdìio 
V<dto ve(}ite;di roffore j e ftret^ 
Segtùte^e, che vi fare la via, 
Ovuflquc andremo , con la (pt^ig mie • ' 
30 
^Cosl dicendo, a guifa di Nemeo ' 

Leon, che i cari, amati Leonciai 
Vede in periglio ; e difpietato e reo 
Con. le.brancne.V avventa ai più ,vici(ù | 
Una percoira.ment a Dinunteo, 
Dove la fronte termina coi crini/ 
Uff altra,^« Borgarino ; e tutti;dlìì 
Manda fra l' ombre degli antichi ffii^ ' 

Ctttrti di tanta furia o Radinunto; 
Ma troppo tardo fei; eh* un colpo folo 
Uccifo ha te col tuo Fratello a.canto^ 
Ed uccifo anco vofco il veltro ducifo:' 
Meglio pe^, te, fé col fuono e col can^o 
Paflavi il tempo o Flavio or tuo figlii|[||#' 
Da paterna pietate ed amor vìnto 
(A ;e.fii ftK^irAo, td ci rimani elHiito. 
F 5 Jf'»fe 



dby Google 



)4« CANTO 

i» 

trmwtù PIorìdaiiM al C«mmot« 
IH 011^11' orrendo »iklto, alU ruio» 
Corto, pofe a cavtl iprtau An^ioto; 
Foi, come fool Mminofa onda manna 
Dairira fpinta di Maeftro, a Noto, 
Che i lei^ni fptngo, caccia, apre, eraìnt. 
Rompe e sbaraglia le nemicàe ichieie j 
Kè fi ritiene tnfino «Ut indiare. 

Vede Alidor, cVavea gettato m Urrà. 
il Prince Greco, e <eco anco Brtanui 
Che cosi a piedi fean fpietaU guerra 
A.ttttti q4iei, che lor veoian davanfie: 
Cd irato ver iui Tatto "fi ferra; 
J4a s' oppofe Arqiiifil con genti Unte^ 
Che gli impedirò il carfo • '1 fuo difcgna 
Si » che sfogi^ con lor i* ira a lo id^goo^ 

In \uefta ipon un (iiono alla ed onaii39' 
Di trQmV«-edi.ts^mbur»ch'aflfoAÌailmoQdc^ 
Con uà furor terribile e treoModOt 
Co( fu» fqfiadionpi ajrdito e iaribondo, 
Urtb il Boemo» ed iOgoi fchifra^apraiida^ 
Pebil per fodener^c^taaio pondo» 
Con IVurtOr feompiglt^ «9ti campa tiiMi 
B eoo jioco tardar f««na^etriitsa« 

Trovar W duo Gauncr , '«h\ar v':ka4atlcb 
Cà'abbatttsti di (fella avea Alidoro; 
M ftretti in$e9ie in f tcciol diftnpaUatto 
Qiiadt»|tQilf f Laidlifl» » a ^ilidor» , 
Beochèliaoh fpfyio loc foie imerdatto, 

' Mqtt lecer rtllatir fui dtAriir loia; 
M tutti cuiqiif poi dicompafoia 
«oaÌ^hnadb.ia naiL fi fu U tiib. 



dby Google 



!Ma il Re BritMiid, che'l pericòl fcerfe, 
Mòfk coD tutu Ift fìia gente lardita ; 
E cosi il «fiunco alla batuglla apeffe. 
eh' a mille Ca^Hef tolfe la vita. 
11 gnn roffiòr «onera di lui^nverfe 
Dei duo bravi Campion l'ira infinita* 
Dì Fiondante di^D, e d'Amadigi 
;81 » eh' jdit ilttol ne mtki^^p ja Xitgmfti|L 

•Siccome veltro nfeito di catent « 

Córre il Principe Scoto in ogni parte; 
E la fulminea fpida intorno mena ; 
E tefte, e braccia « e gambe incide epAttS 
Ma nulla ftrage il Oio defire affirena, 
ittfin che non rincontra il Re Lifuarte) 
Si nell'alma ripofto ha Todio antieo» 
,Ch' altro jion Jia di lui jpu^Mf .tìifomm 

ff Io trovb, 'Che tal cor ifaldo elorUr 
Avendo Enil ferito ; a ;Maleooté 
Del Regno di ^rasata ^dato coorte. 
Con Quadrigante era venutola rfrontt; 
Ed era fra lor dna «dubbia lajfortit 
eh' alcun non vuol , ch>l.fuo valor formoitt 
jDeir altro la virtuu,*.o tattto IMbia 
Jl proprio onor ^ che morir .vuol ^nj^riiita* 

dCon ^an furor a «ueff^ Indilo fifS^. 
S'avventa • doSS; e /fu! ^niSvtt SaiHki 
Col crudo firro fuo filili ^IhltlreV 
Che non è*l ^llo^valordbènlO,4lh«nall^• 
,lfa 1 Re Norgalto, «ho :vido aCUIre 
Il fuo Signor, dal gran travatliò ftancOj 
^Mandilo a morte avendo it^ner Damaattf 
aMk MI fiitiA fMiM QsiadtftettHr. 

fé «t 



dby Google 



40 
tOr fi rintiova la batuglU omnia ; 

O^ cerca ognua d*acquiftar loda e pvcgl, 
OiuU^opo la morte «acor riffflcadA 
Mifr anni ^ più fra i peregrint eeregi. 
Solo .un delio d^onot ijui par, eh accenda 
Invitti D'tci, Ctvalien, e Regi; 
flè fi fpera altro «ver della vittoria ^ 
Ch'ima immotule^'Un'^infiniu glonm- 

41 
eCridavft il Vincitor, piangevi il vkttt, 
Sonavan rarme, e fransi gran rocnort., 
ch'Io credo». che slUdcflTe ouim i'HB^ttai ' 
S-dov» fon del di più brevi l'ore. 
Wiù crudele ad ogn^or fi fa il conflitto.^ 
oeh'.ttB fi follova,, un ne ricade e muote^; 
S corre Cingue onai.jquel campo tatto 
JBi, che ienwra .410 vermigliio^ orrido flutlOi 
4> 
^ per.U.pig0&'«l>grftn Campion di Pnnci* 
▲ ritrovar Y Impcrador intento ; 
X*ncontra a cafo nuei.» die la bilancio 
J^u allo feudo., che fi gira al vcnto^ 
X per meszo^gli fianchi, e.oer la pancia 
Xli pàflk il brando i né di eie contento 
"faglia a iraverib il gran fco^lio d^AntandfOi 
.S.'lc#po ancora afinifero Tamandra» 

' >4I ' 

i'Vèi vedcodo.alb.deftra'il gran Romano^ 
eh' Aftioco ^(veo Hcdfo , e Xupai'inQ , 

Singe il delbicr.ih'^alqtlantojeralontanovy 
ime tontra cinghiai fuol gran mafiinoj 
'Ma gli s'oppi fé il bel Signor d'Albano^t 
.11 Colite 4*Aàillina,9 e Valladìno, ' 
Agrifmonte, Briarco, ed altri mol^., 
ecb'ivi^per fna 4iff(a erano Accolti; 



dby Google 



1K0KANT8f{M(X»IINTa. ^^m 

44 
V perchè Oftf «fieri; «MAavdtftti^ 
£4' «Ito ^fteìo.» gli .rfmsaro^ il .^ii»l 
Né bencbè d arrii^trlo ii fi«rV aortiti» 
.-Poafli il coftor .furore tofto « baffo 9 ' 
Eran «iuNquaitta ia 4iaa fehtera Aretn; 
I ed egli il fuo dodricro aveAts) lalla, 
'E sì pifgita, ch« «ade ferterra., - 
' . M^trc GiroaoadorC VaUadioo attedi*. 
j ^y 

I ^ome 1 ^{Htradorc «a tale fttto . 
I Vede colui, che uoto odia « difajna.V 
Che mezzo deUVlmperio-«vrehbe daio. 
'^«jr.poter torgli e la viu-e la fama, 
Aftai pia lieta , che giara mai fia ftato^ 
Atta aiu' ad alu voce chiama ; 
Prendetemi coflui» che .cosi 6^ 
Sea ▼eadicata « r «ita loaurìa. mhu 
4^ 
'Così dicendo, itideftrter fpìage^ei^pfoiii»^ 
Che benché freftofia, gK^per reftia» 
S gii ta d'arme intimo. «oa ooroiui# 
Ma fu l'affetto ftvvcpfo «1 in» defio; 
. Ch' egli più fieio «ff«i, ch'ima GofgOQt.,, 
Ogni dubbio 4 tùnor poilo in oblio, 
.Bteaa la fpada lolgorandoiÀa giro 9- 
E Dimagon^uccidey • S«rd«iiufo* 
47 
?7regtT« il pan Romano allegro e ImMo^ ^ 
Cile lo yiglì«9èr vivo ogni Bofonei ■ ^■ 
A jiueAa voce coffe puidobaldo ^.^ > 
Che SilUoo avee morto» e .T«l«m«ni| 
E'I fuo compagno deron' forte ve.£ftMas 
I quii vedendo «, pie ip «Ito CempioncL» 
«Saiur per fona nell'armato cerebio., . 
^goU preamodo il lor furor fovcrcJiia« 



dby Google 



9$0 ■ •4tA«"ir«^ 



CUftiuruli lor^ «onte Qvmmw eipert»^ 
:8il nemic» .dfippet ivnfce e preme,. 
Che gU4i trmebe meisliim è '1 X^oì copeco • 
Il P«tm^ clie^ciò ««4e.« "«nico ifrcfme ; 
£ (ride , quei dei ^iieeeffb incerto , 
Che gli dian morte, e che non ftieno a bade; 
-Ma^ vision gn c^ iar jpUiiÌ* i^nl itrada* 

floQ ,a igomentan punto i Cavalieri, 
Che.'nr^valoroii .cor ttimor non cede ; 
Ma^at gran romor >de\briBdt irati e fieri^ 
Che facean irimbombar .quelle contrade^ 
Coefe con infiniti altri Guerneri 
X' altro fiorali untore e di beltado: 
Di Floridante dico ; O' gridando alto , 
tNcl .ceechio'«col 4«ftnor jpafsb .d^jm 4a|to^| 

Tal .cl^'^tiitui^t xotortfeee j<)iavonto , 
%, con- 1* acuta - Cna «ipAda^'.venliiglia i 
A Polinardo Signor .di V)iè««fito 
Percofl^it\elnie .fortéti menuriglia , 
S già apetfe la ftefta JnlifW M .-mente , 
!Po(€Ìa fui braccio^ ^chc ^eliea la briglia ^ 



S già apetfe la ftefta JnlifW M mento ; 
•'Poicia fui braccio^ ^chc ^eliea la briglia ^ 
IDiede a Margon da Narrti, ond' egli prifp 



M .manco jm reftò , rmenti!» :& girili» a 

M iCoq^^li veltri Ouerrier tanto s* adòpra , 
Che gUjpoae nMval., beneh* a fatica» 
^he gli .era icoifaiin, un .memento foprs 
lUn* ^prnn fqutdvatdl |;«ate nemka * ' 
li fupeébo Roman, xtfhotirede l'apra 
«Contraria al fuef delire V.e-di*egH amfc» 
Won ha Fortuna I vttlM il foò cavallo, 
J£d cMf» ia mesaBoaf boilic^ billou 

(Chi 



dby Google 



HONiNTESIlfOQtlINTOa i|< 

Cbi d difende^ Impenwor Romino 
Bai gran diCdegao , e dal colluì valoxiì 
Qual argine potria V alto Occaso 
Frenar, ^uant'è nel (no maggior fiirpftf 
Ceco che i tuo deftino alza la mano 
Di quefto invitto e magno Vincitore y"] 
Che pien di furia alla tua morte fola 
Intento (prlBXza o^ni nemico jftuoloj» 

Come Ulor tempera orrida e fcura » 
Che d*Aiquilon fi moya, i rami fpezza j 
Svelle le piaatei a'1 colle e la pianura 
Spoglia d* erbe, e di fiori , e di yaghcxM^ 
I fuperbi palazzi e l' alte mura 
Manda per terra , ed ogni lor rìcchezz« | 
Cosi Aaiadigt quefti ;apre e sbaragli» ; 
Sicftei e braccia.^ «e icudij ed fimi U§lb^ 

Urta Cevero.^ .àbbatCe/Valla^QO 
Signot 4l' àgai^;4Bd Aniio,ed Agifmond^^; 
Apre la tofta*» Ippaccoi m Leootino 
Todle il iume.deliiclsdoice-e ^ìocondOj; 
^^aiclirMiua fugge , come can picrìo» 
Da iaagiimoib lupa e furibondo ; 
E sferza taata il fuo corfiera • pun^ 
Snùtù s gf^liMdo> sht^ '1 eatioa agguii^f ^ 

X «QAlaMlMSa, a cui ooa f a rìpaiv.f 

Bencbl iU fòrte usbergo .alcun, jiè^nciidOj 
GU ^à f» r^ilmo .dVaeciar ^fmp '^ cbìat a 
Col brando ^m omIm «difpiatato • cruda> 
Che ^ivioMc la\vi|h«^c!l lumaciaioi . 
M ficcom' era dì ipituu ignudo , 
ilUddappU il colpa; ma quel a ruifrcuca^ 
^Mi Rè V fiidir 1 bI 1» foftaza mancai 



dby Google 



*tj^t •CANTO 

S lui perccrffe sì , che U bel cimiero 

N*'tiifd6 per terra, e gì' inchina hi fronte: 
lo non (o s'orfo fUua felvaggio e fiero 
In tal furor, in tanta rabBia monte. 
Qualora dardo « o ftral di* buono Arciero 
Gii punge il ^orfo *dal -nevofo niontc.; 
Com* Amadrgi , cbe-per molta labbia 
Si fé di foco, e fi mordeo le Ubbie. 

/Alza di novo il valorofo braccie^, 
E^con tanto^fnror la fpada avvalla 
Sovra il lucido acciar .dello fpallacciq, 
«dn éifendeva lafiniftra fpalia. 
Che tutto il taglia, come 'fia di ghiaccia; 
Poi' fra la carne e l' offa-fi divalla 
Si, che fpiccató cadde , inutil pefo, 
•X* omero e '1 braccio con lo fetido appefe. 

TKè contento dietb, faltbdi feifa, 

X'elmo gHtraffè, e gli^taglib la teftft| 
La tefta a-fuoi defii tanto rubella, 
« l«?gittb fra- la- fua gente, meda . 
E montato in arcion , come procella , 
Che i legni e i marinar; turbi* e moleft«* 
Corre , dov* k V Imperiale infegna , 
4Mie*dì vederla in alto fi*difdegaa. 
59 . 
dinaro,, cb* a vea il. cor matfcmpre armato 
D'iRvittiffimo ardir, nuHi paventa; 
Ma'l lembo ^ella infegna aif «manco Uto 
Ben al braccio ritorto e* ap^j^refenta ; 
B con.la'deftra il crudo ferro alzato, 
I- agile fuo deftrier raggira e tenta 
>JttgR«i^» fé pub-quel braftdo, e ferir Ini. 
(.Com ayea fatto mitle volte, altrui . '* 



dby Google 



W>NANKflltO«miTO. ^cf 
Su 
% più 4* un «ofp« di €i indiar fallace 
^r la gran Icgntrcsza del cavallo. 
Cosi il satto lulor col t(mo;faoe; 
Ma al fin lo prende «enoiis^ avventa in fallo: 
Colfelo un tratto il Cavalicr pusnacr, 
< iutto aperfe quel duro metallo. 
Il qùal gli rtcopria la man del fireno^ 
• Tal che recifa la mandò al Ufitiio.. 

H 
Za redine i legati moncarino, 

Che non ha '1 cor -perduto con la mano.. 
Mentre Ircanio, Arqutfillo, e Valttdino 
Softenevan TaAlto orrendo e Arano; 
Sillaro , onor della fna Patria Urbino^ 
B-di (degno e di duo! venuto infanoy^ 
Gridò,, fenco lafciar.raai lo ftendardo; 

10 lieo .mono do vile e da codardo.. 

et 
Tofcia per meno quei ratto fi fcaglia.. 
Che fin col gran Campton dure contefc;; 
E< con ^n colpo irìolento tagli* 

11 cerchio dello feudo^ e neiramefe 
Entra per ^ferta , e ne leina noa (caglia} 
Talché fenttte il Cavalier roffefe, 
iPofti già in terra Icamio , ed Arquifillo^, 
L'aib tagliò, che fofteneo'i vei&ilo. 

6% 
^ lafciato il (iM ònado^ il bafton tronca 
Prefo col Gonfalon. tiio si fortr, 
QhetAoA reffe allir^rzail braccio raonca9 
Benché Sillaro feffe ardito e sfotte ; 
Cadde di iella , oome gfo6b tronco 
D* elicft annota {o lai Tu la fua forte , 
Che dalla turba poi ealcato o pifto 
;Becdeo« U mìu^ é ieo di .gloria acquiftoi* 

M«fl^ 



dby Google 



fkf entrc pugtttfra qui ^wetio ieftegno 
^aggt»r del campo loro ^ ti R« ^nttmiOi 
Ch*ivei I» f inù |?<n »1 difdcgpo , 
jrprt te ieàimrc ;. o lor fa oltraggio e danno» 
Ed ha f«co^ AJidor^ che lafoia M ftgno» 
Siccome Bamma <,o*utfì^ [^i <p fanno 
Iji battagli» indmiar da quella banda; 
Pall'jdtm il &e W(ws«»4Ì0t*att«l^' Wanda.. 
^^ 

ira Liruarte efortiMido lo («e genti 
Con lo parole» o «on ia buona fpada i 
E per iivi dì /angue «Iti je ^correnti » 
E foirra i morti fi fa fàt ia (Irado*. 
Si vela a tanto orrof gli occhi lucenti 
Di nube il Sol^ cui ili veder jio aggrad» 
Cod gran cmdeltat»; ^ ìar pianura 
piagne;», e £ lagna ideila .i»à Sliv^l^hf^ 
lós 

lyfa tanta gente fovra gente abondn 
Peile fcfiere jd' Itali» e di Bertagna^ 
Che sì l'tincate»^ J}om\onda^ ^er ondo» 
Ch'ai fine fparfatynb!!! lìdo-bagdar: 
lAt ifortr, fiip ^ì iftàf^ poco .feconda ^ 
Perdere «' poco gr paco^i» campagna» 
Par, che fi penta, r co« lor pofta in fcbicrr^ 
JFa fuggir .de' ne/nici ogni jbandier»*. 

tPercbè fttniei» iV Ckpicav «mkggtofi 
Della genter da ,pìedo italiaffa> • 
Sijgnor .del Afonte, .ailor]uc»e fpleiidore 
Di tutta i».miUm4i Tbican»» 
Avcv» fotto per fno «mp vaiore , 
jLa buona iinteriai Scou aed Upana » 
£d uccifd- Leoncio.' bon BrinnMrte 
'Xku» ii jenii lor difperfe «'fparte.t 



dby Google 



NONANTfiilllOQJlINTO. ^s 
éy 

Re Perionty cIm con ocohio aceorto 
SCAVt a mirar la duWa «igiia intinto | 
S vede, ove* ereèBa dì ptgltat porto y 
Sorger a'fvof defii contrario vento; 
Con intrepido volto» M ^ran tortor 
Ridendo di Fortuna, in un moment» 
Move il filo ftuolo di battasHo vago^ 
Della vittoria fi» qnafi pceùigo. 
6% 

Mirinda I ò Ploriftan , di cui ctfleiu 
Il valorofo e nobile defire 
Della paterna obedienz» affrena , 
Non ye^on l'ora d'andar » ferire. 
Laonde il Re vedendo, eh' a gran peno 
Potei^la brama lor più differire. 
Con nulle Cavalier loro comanda , 
Che vadoso a. ioveUir dall' una banda* 

Dbo feroci deftrier , che lungamentO 
In ftalla ftati iiin chiufì e legati. 
Che poi cbo fon dtfciolti ,. immandnento 
Prendono il corfo per pog^ e per prati f 
Sembra l'ardita coppia; e si pungente» 
E caldo èl lor detto; cavaili^lati 
Pareano i lor , cosi predi e leggieri 
Sto gian , fèguiti da milieu Guerrieri t '^ 
70 : 

E con impeto tal dai deliro lato 
Entran per fianco, ove il lor campo tnchuiay 
Che della pugna allor cangib io ftato 
Fortuna, fol di lei Donna, e Reina*. 
Come talora fuol , fé vento irato 
Spira contra U fuo corfo la marina, 
eh* ove pria andava verfo il Metzo giorno» 
Volta, vers'iiuftro, e'n dietro fa ricorno, 

^ Coft 



dby Google 



7« 
Con mille altn Guerrieri entrar bruaeo 
Par Taliro fianco fc^Ct e '1 fuo GaruiattOj 
Ed agli con Triona» a Perileo, 
Da*Guerriar di Grafinda Capitano ; 
K d' Aitalo i pedoni, adi Dirceo, 
Bella grida ailordando ^1 monte e*! piano ^ 
In quella parte urtò della ^battaglia , 
Che difendeva 41 .Re di Cornòvaglia • 

7» 
<i?on s^ udi mai tanto romore in Flegra i 
Quando far contra i Dei guerra i Gigaati« 
t>eb fprona notte con la benda negra 
A tutto corfo i tuoi deftrier volanti: 
Non.affer a coprir la .faccia pegra 
Del di con le tn* ombre umide » «vanti 
Che morte mieta con la falce acerba 
Tanta ^ice onorate in fiora a 'a arlNU 

7ì 
Seco Amadigi irato,, e Floridante^ 
Quafi Leon famelici in ovile, 
Che con la fpada uccidon genti tant^ 
Quaot' atomi ava il Sol, fioroati A|»ril#*r 
Deh fisggi -tanta furia o Polidante, 
Che la morte fnggir non h di vile i ' 
iFug^i mifer Signor di Bochiogania, 
Che '1 pugnarvcon coftoro è vem infama* 
74 
^cco eh* ambi cadete a guifa d'orni, 
^e ne' monti han ugliati i legnaiuoli: 
E chiudete si tpfto.i voftri giorni 
Lafciando i 4ta|^i appiccinii figliuoli. 
Dove Timarca, e Garadin riiomi 
A tor U mortai né farete foli, 
Pbe v'accompagna Armonio.. e Pinanon te 
(UiH«t di Devoniane fuèilo d'fiibia Contea 

.Ali- 



dby Google 



iifOKA«rrfsniAOQ|JiNTa. f^r 

TS 

iAinniu ft Floriftaoo in fuga hm volto 
Jb fanteria d'Eurio, e d'Orimen»; 
E l'uno, e l'altro nel fangue Tepolto, 
Di «he quel campo d'oenr intorno è^ pieno: 
Ma mentre a gara yov' è 1 ztmbel più folto , 
Vanno, a- quello ed a quello aprendo il fenOy 
Incontraro Arquifillo, ed A>lidoro, - 
Gh'aveano Albinio ucoifò, e Palioorov 
76 

Alidor la conobbe airarmelllno, 7 

Ed ei fu conofciuto al laberinto: 
Subito venne il volto almo e divino 
Di quedi Amanti dì color dipinto: 
C2he partitp pigliar debbia il mefcbiopor 
Mon fa in qUel cafo , e gii fi vede eftlnio;- 
il» flor&Aan , cbe non* vi»l (lare a bad«, 
Arquifil fiere ^on l'ardente fjpàxfa^ 
77 

Or cKft farete belr alme gentil» • • 
S'anwr v*affrena, oaor vi punge efpfonfff 
Se non volete effer codarde e viU 
Tenuta i e porvi in teila una corona. 
D' infamia , è d* uopo cbe con atti qftUt 
Facciate prova , fé la fpada è buona , 
Ma ecco Sinodor, che la vuol teco 
Mirinda ardita , e 1 Re d' Irlanda ha f^co^ 
78 

Ver lor ii volge la Guerriera bella., ^ 

Che volfe, né potè mai dir parola: 
Non può partir U poverel da quella. 
Per non Ufciarla In quefta pugna^ fola» 
Bf » vien obi lo percuote e lo nurtella | 
Ed a quefto peajier tofto T invola 
Cavarle, ed Eliatr, che Io ferirà 
Ambi d^ un colpo di fpieuto e dirov . 



dby Google 



ISY CAilTO 

7^ 

li fi rWftlfi « i«r, «oM «1 f8kM 
AfP«« cui vrcmttt» «glt abbia It cftda} 
E frima titiboado ad Bllaiio 
* Dà fui éìito «Hbo una ficahiala fada, 
CIm '1 feo caécr nel fanruinefo piano | 

. voi urta V altro, partH non fi goda 
D'averlo oiefos ma da turba moka 
F«(o impediti , cb' avtan poft» la volta 
U 

Amadigt» •*! Gu||n, che infienit ornai 
Di Eattier rotu tutta la battaglia s 
S più di loro uccifi aveano aflaì , 
Cbe non fur de' Roman morti in TMbglìti 
Mifer Tarinsio, e tu Lampridio foi, 
guanto in man di coftor la fpada vaglit; 
. Meglio per voi , fé con reti e con filili 
f ofte fiati a oaceiare offi e cinghiali* 
fii 

lA Fama con le penne orride e negre ^ 
Accompagnata dal freddo Timore » 
Con voci divulgò dogliofe ed egre 
L* acerba morte dell Imperadore. 
Subito le fperanze non integre 
Si rupper tutte j e cadde ogni valore 
Dell' eiercìto Inglefe, e del Romano j 
Tal eh' a fermagli ogni rimedio è vane. 
Sa 

tSridava il Re con dolorofo affetto : 
Ah Fratelli 9 ah èompagni, ove figgiti? 
Volgete al ferro il valorofo petto; 
Won togliete nel tergo le ferite. 
La gloria, che de' morti è fol diletto 9 
Plon vogliate fpreziarì meco feguite 
L'infiabil forte; che forfè anco fia 
Amiee oeii eeotteris ad altri g ne • 

lie 



dby Google 



NOKAÌfTeSiMOqpiNTO. f^p 

u 

M« già U JFos* àiì Timer eosip«|pii 
Cop imm^ioi vtrie ili pauw 
dì foil^ttii M Auie« € «lì ACttapÉgni; 
Né v'è «Iciia» dw 4r«iuMr «U)» j^ù €ur«# 
Pcrilono « iiu^f #afEf U «ampagiui ; 
S ^i .fi y«ltt «he Fortune due» 
Apertameaie » jèegc ^ ed inejhùi» 
Al difoof di limece» eU« raine* 

Imadigi, c&e'( gren periglio vetfey 
E'I danno e la vergogna di Lifuartei' 
B che quel (sf^ìo di lontan prevede^ 
Quanta d'ognt fuo mal tocchi a lui partef 
E ch'egir è Fadre di colei « che fiede 
Mei fuo cor Ifonna ^onde giammai non parte ;; 
Per le cui morte fere eUa (si Taou) 
ScemamcQte dolorof e e «ranu ^ 

^5 

n rìicEio degli emici , e d'AHdbfO, 

Ch^ elle ame a par delle fua propri» vita g 
lA ruina del Regno , eh' effer loro 
Pur debbo el fin f fc 'i ciel lor porge aita | 
Il rifpetto di Dio, che dì cofioro 
tM morte e fdegno avrli tutu sbandita 
L* ardente in del cor , fen corfe el Padre » 
eh' opri» col ferro rinimieiie fquadre. 
9S 

S toit licenze di quel Re prudente. 
Che di si orrenda ftrajge fi dolea ; 
S che '1 nemico lor vifibilmente 
8enza rimedio alcun vinto vedee, 
Pe eoo fatica ritirar hi gente , 
Che la Vittoria per Io crino ava». 
Coft unto d' figf iaate , e s2 mn «egno » 
Ch'alter ptfiè Vi mU fa^fegno» 



dby Google 



%fa C A H T O 

«7 
Mìu, le mani d Cielo , e Dio fiiigrtxm 
Il Ke Britanno ; che perduto • mort» 
CSk fi vedevji, di cotanta grazia ^ 
S rwvjva nel yKo ti color faiort» ; 
Ma perchè già nel Ciel vaga fi fpazia 
Cinxia col corno inargentato « torta, - 
Ci6 che- fegui vi narrerò, dappoi 
Che *i Sol tomeià a ooì dai eampi Bar* 



M fimi iti mmnHfimfB^m CnMt« 



CAN- 



3d^y Google 



3«t 

CANTO 

NONANTESIMOSESTO, 

/^Ual Tergine gentil , cui dific^Ion 
^^ Febbre, od infirn&ità grave e molefl;* ,' 
Nell'Oriente fi meftre 1 Aurora, 
Senz' ornamento e fenza 1* aurea vefta ; 
Con Quella fronte, che le piaggie ii\.fior«s 
Più cnc mai folle fcolorita e meda; 
E fovra gli occhi ù pone atra benda « 
Per non voler veder cofa si orrjBnda. 
a 
Kotavano nel fangue in egoi^ parte 
X.!4irme, e col cavai morto il Cavaliero; 
Givan per tutto membra tronche e fpairtes 
Qui lo feudo ondeggiava , ivi il cimiero • 
Io non poffo Signor narrarvi in p^rtc 
Quefto Ij^ettacol si inumino e fiero. 
Che la pieute ^ me fiefTo mMnvola; 
E mi toglie la voce e la parola . 

Fu tregua fatta per lo dì futuro ^ 

Di comune parer di tutti quanti; 
E tutti i morti fepelliti furo, 
E (ofpirati dagli amici e pianti ; 
£ Guidobaldo, che già il cafo duro 
Del Oio Sillaro avea Caputo avanti 
Suo pietofo Signor, pianfe ìa morte 
If el nobil cor d' un Cavalier si forte • 
7«m. ir. Q. E 



dby Google 



i0% t k M T 6 

E fmeUtr il hm cmi ^utH^onofe, 

Ch'air alu fua virfù fi richiede» 
Dentro V Ifoli fermi ^ e nel mtgglor€ 
Tempio , e fi^ bel^ ehe le cittat^ avca j 
S pcf «emofia et ^ue 1 fra» iMilarc f 
Che tanto ronorh| merttrc vivet ;^ 
E della fua pietà; fé con più Carmi 
Scriver il fno gran ttierto in bianchi RiarmL 

O felice tSgiMffy in i Ili p^tktC 
F» d«iraitr« vinù fedele amica; 
Efempio di vaiare in opn etate y 
pVttoqiie rotean la tetra impltea: 
-« Vedi un ìtmtttù della ttift boncide 
Fiorir si bel nella |$ran ijiiftrtia amica « 
Di nóme e «li valore a te Amile , 
Fregiato • ahtar»^ dal mar é* India « Tile« 

Ma perchè mi traf^fta èit il èA& 
Dietro al pfaevr fuor deHa finàtt ofau; 
l.tfiiarte-, ancor ebe da tempd Èffro • rie 
spinto fi Reggia; e éit procefl* irata 
Vicino a ftogKo; onde ft Tafto Di» 
Man rallontatta , fia rotta e fpetxata 
La nave del fuo onor ; por gK févvicae 
Ciò, che per fuo dover far gfi eonviMi#^ 

E giunto ai J^digfione e Adinmfft 9 
Pien de oeibbft pcofier , con Cfldtevhm 
GK dove morto fdfo era portttò 
Da'fuoi Gnerrier rfitaperjdor mnailos 
E fu la bara la troverò armapt; 
E dalli delira e (fatila malico tnano 
I liiOf Baroni • clie 1 uolente caro 
riaiigetii idei lor tigm» giviita tir octifo* 

E 



dby Google 



KOffAHÌrESmOSttTO. ^1 

B pofto freno il lor dogltdfd i^ttnt» 
Cot pvrltr mvt,d U reti pitftdfta 
Sui iiì ì^ttgbf th^àvtHkr ctirc ìà tinto 
Delle ^iighe^ di cui ituMo tra feittt | 
Ch'egli ordine diria dall' tltto cnto 
Pi fir poTttr con moht rivereAtc 
In qualdte loco il ««oerabii butto 
De! ìot ftreofb e cost^sdie Angitftb; 

Ove ;potdl^ poi con iqaella pompo , 
Che fi conviene al grado loiperfale. 
Pur che morte cruM non 1 intcrttilii)»!^ 
Ifargli un onor al fuo pan merto eguale: 
Ed accioccfaè non pota, o fi corrontpa 
Quel facro bullo , cho rimedio uie 
Cli faceian con odori « con iqj^o atto 
A confermarlo dalU potta^ intatto. 

10 

X* altro màttiOy dappoi cb^ebbe fflandati 
Di que' Principi i corpi ad una terra 
Dotta LaucaftrOf ov'egli avea lafciati 
Picconi, «apppe, e molte armedigaeltaj 
Con difegno 3 avedb avverfi i fati 
D'ivi ritrarfi, e falvar l' Inghilterra; 
Tomb alla tenda » ove i Signor RomktÉ 
tomo uniti, e feto I Capitani; 
11 

E diiTo lor: IPratelli, Iddfo dnr vedo 
De'penfier iio4lri chlat tutto !) ftcrettt{ 

^ ^ deirittfperador , io '1 cor mi flede 
La mono ft, ch'io non farb miri Heto| 
£ hf vendetu tal, qnàl fi richiede, 
Non faccio al danno, viverb inquieto 

Siel che ra* avanza, alla cagiOn ptnfattdo, 
e 'n «or mi pofe r ira ,ìn minoK braodo. 
0,2 Ma 



Digitized by CjOOQ IC 



1^4 CANTO 

I» 

Ma perche quefta morte a noi mortali - 
Tutti è comune, e non fi pub fcampare; 
Ve. con or, né con geiÀroe orientali 
Mai del deftin l'orgoglio umilurei 
Lafciamo il pianto ammolli cori e frati 
Delie ^onne, che altro non Can fare; 
Ed attendiamo noi alla vendetta, 
eh' a unto danno , al noftro onor s' afpetta» 
ij 

Noi tanti fiamo qui , che fé si forti 
Sarem, come lam molti, ancor faranno 
Gii oltraggi noftri vendicati e i morti « 
Con noftra gloria , e *nfamia d' altri e danno; 
Ma s* io ben folli fol , di tanti torti 
Farb vendetta , o qui meco morranno 
L'ingiurie mie, che non*è'l viver caro 
Spento Tonor, ond* io fon vivo e chiaro. 

14 

Mirate a quell' illuftre e degno fangue, 
Onde per tanti rivi difcendete; 
Al vofiro onor, che'n terra giace e langue, 
Quafi fommerfo nel profondo Lete ; 
Né fopportate , che '1 peftifer angue 
Della viltà v'attofchi; e poi che fete 
Venuti qui per vendicar 1 offefa , 
Cor non vi manchi a cosi bella imprefa* 
IS 

Perchè non paia, che 1 voftro valore. 
Onde sì altieri e gloriofi gite. 
Sia rpento infieme, e con rìraperadoro 
Le voftre antiche glorie ancor noite: 
Che liofTanar l'infermo noftro onoro 
Uopo è d*ir a pigliar nove ferite; 



Q niorir qui, per viver fempr^B mai 
Vita per lana più felice afiai. 



Qiii 



dby Google 



r 



NONAVITESIMOSISTO . s^S 
ì6 
Qtfi tacque il Re Britanno, e tutti ioti 
O'ua bel defio d* onore accefe ed arfe» 
Sorfe ArquifiI, cui neflfun di coloro 
Di fangue e di valor puote agguagliarft ; 
E fifpofe : Signor, ficcome Toro 
Ai fuoco fuol, qua! fìa fempre ^RioArarTe; 
Cosi qual ella fia, vi Ila dimoflra 
A si bel paragon la virtù noftra* 

«7 

Non crediate , che noi vogliam la gloria 
Begli avi e qnaggiornoftri illuftri e magni , 
Di cui loco non è , eh* alta memoria 
Non ferhi, ovunque il mare il lidobagni^ 
Come ù vede in ogni dotta ilèori»,. 
Render ofcura,'^o i ìèt ficthi guadagni, 
E bella eredità, che ci lafctoratf,' 
FetdcriCOB noilra eterna infamia e fcorno» 

E peVebl lo vediate al paragone ' 

Fer me , per tutti quelli , io* vi prome^o» 

Chc-^l'di del fiero e perigliofo agont 

SarenM» i primi ad offerire il pefto- 

Ai ferri acuti ^ con intenzione 

Di morir tutti nel di voi confpetto ; 

O' vendicar il Sij;nor noftro morto ; 

Ed ogni ricevuto oltraggio e torto. 

'9 
Piacque ad* ogni Roman quefta rifpoila , 
Ma più a Lifvarte, pofcia che co«nprefe 
Quella gente Romana eflèr dirpofta^j • 
E di debile fpeme Ài cor accefe : 
Ed al Re Cildadan volto , pofpoll* 
Ogni paura, dite: a nove ofi^ffe 
Far ai nemici apparecchi ancì, poi 
Che fia finita la tregua fra nei. 

q.1 ch'^ 



dby Google 



%U CANTO 

eh' Ì9 fon 4«Ul>eruo o 4i mori^ 
Coa qutfti ialine, o vtncftt U btlti^ii. 
Il Rt d'Irlanda, «m d'ÌQyiti6 «rdm 

^ A qual più ardito Cavalit r s' agguaglia « 
Ancor ca'ad fr ad or qualche auitire 
11 fbf|pìro(b e mcAo cor gli affiglia 
D' cflTeigU HiUo iribtUUrio « fervo 
Di libcr, cb'eca p^iù, cfai'a felva aarvo; 

Gli ff^oTa: Signore, io ai; r^Ik^gf^ 
Del grand' ardir, che moftraoo i KoaiAni i 
Ma pia del voftro cor faldo ed integra» 
£d al configlio, ed al aenar 2# maMt 
In quifto di con faCo infauAp e negro 
^gno à'tfhr regnato; e (e t fovrani 
Voftri coRipagni n'avMp altrettanto, 

. Foffi altri av^ eegioo di luoio piagtos 
aa 

Quant'apptitiiette a me, p^reovttlo fuif» 
Oi ififfiiìt l'orine voili» , ovunque andttu; 
C ^ morir (fé eoe! r«npio 4 4^io 
Fato.vtreà) dovwpque voi fiH'eie^ 
Al Re deUa fi^a ft certo e Ciauro 

, Tocearo il cor quefte proleree ; e 'a Lete 
Mon le tuffò; che grato eilèr gli volfe^ 
£ da quel duro giogo lo difciolfe» 

Ma mentre flava di morir più certo , 
Che d'eiTer vincitor, dall' onor fpinto^ 
Avendo vitto all'altra pugna aperto. 
Ch'egli era ftato gii fugato e vinto; 
E elle quel largo pian, ch'era copert» 
Stato di morti, e d'alio fangue twin » 
Era buon ttftimonlo del fuo danno, 
fi nel cor ne 4eativa aftremo atianao; 

Ap. 



dby Google 



Apparve (avn «a piccioh) afiatlU 
Con un ritorto Ufloo^ll^ in mMO» 
Già oirvo Off fnAU*«ii9Ì U V«4cbUrf Ho , 
Ch'alleva il faocìwllcuo e^Undiaoo* 
To^ rìcoaofeiiMo fu ptr guaito ; 
£4 inirodoito ol Et ié Gruoc^aiio; 
Ed ei vcdutf 2« imI prt^Buaa » 
I,c f'ioftliki^ pot^ foolit riverenza. 

Forte mcravisJUofli ti |t« Ufnvte 
Sella venuta di ^iieir«uMno finto » 
In nuella ^caoa. e $1 lonCMa parte, 
Sendo dal tempo condupatp • ^franto : 
Levofi, ed onoratolo, in dilpant 
Il traile , ed a (e '1 {è federe a canto ; 
E cibo al oorpo dar laa^uido o fianco , 
ìphe per lun^o digiiin vfaifa maoeo • 

fofcia gli diaiand^^ perche già d'anni 
Opprefo e carco, a si Im^ camminft 
Efpofto »*erai ed a> cotanti affanni» 
Come a fatica iifato peiegriiio ; 
Ed egli a lur: Si^nefCt t quefit paniH, 
All'età, ch'ir mi fa oucvaip e chino. 
Non fi «oovica (come voi diu) andare 
Offfcai^ {$ .900 daila celi* airalure. 

Ma pcrch^io f|wro ^ei travi^^o mio 
Fotcr maggiore alTii, ahe^ nella cella 
Utile al mondo* far («rvìg^ a Dio, 
Portato ho fucila vita, patti^^la , 
Dalle for^e aiiiuto ,d«l dtfio , 
Qui, per veder fé Torrida pvoealln 
Dell' ire voAre col divtn foccorfo 
^offo acqueure, e porle un dolce morfo. 



dby Google 



H9 CANTO 

11 che certo farb, fé pollo un freno 
Al dìfdcgnofo fenfo di ragione » 
Col cor benigno, e con volto fereno i 

Frollerete udienxo al mio fermone. 
Magnanimo Signor, l'ira k un veleno « 
Che pu^ ftar con o^n* altro al paragone; 
E di s} repentina violenza ^ 
Ch'uccide l'intelletto e la prudenza. 

Perb vi prego» che depofta og»'ira , 
0a VOI or fia la mia ambafciata udita t 
Iddio, ch'air opre pie T anime infptm 
Fin là , dov' io vivea povera vita , i 

Mandò la nova di queft' empia e dir» 
Battaglia , ove mort'è ^eate tnfiniu; 
E la cagion (.che mi die meraviglia) 
E' per lo matrimon di voftra figlia • 
30 

Perocché voi, per far l'altra Rein» 
Del voiiro Eei;no , l'avevate data 
Contra ìé volontà d' eflfa roefchina , 
Che piangeva angofciofa e difperata; 
Delta Madre, di ciò forfè indovina. 
Che v*è fucceflb in quefta empia gìornato; 
B' ogni voftro Soggetto , e Configlicro i 
A. ^el Signor del gran Romano Impero» 

3« 

Il che non fi può far , che noi concode^ 
La noftra Tanta legge Criftiana: 
Che s' un marito eli' ha, che Dìo le diede». 
Voler dargliene un altro è cofa vana. 
Che Nazian vaneggi , il Re fi crede « 
Fer la foverchia etate, e ch'Oriana » 
di diflfe, non aveva altro Conforte , 

, Che quel» cut or Fortuna ha dato morte. 

Noa 



dby Google 



NONANTISIMOSESTO. j^f 
}> 

Voti V* alterate Sìr, che dir vi veglio, 
Rifpefe il Frate, ornai quefto fecreto; 
11 qua le ^ fpero in Dio , eh* ogni cordoglio- 
Tolto da! cor, vi farà fano e lieto: 
Dì non Taver potuto dir wi doglio-^ 
Prima ch^adeflb, per. aver divieto; 
eh* a Sacerdote pubticar non lice 
Qthj ehe'n conteifione altri gli dice. 

^è ora Jo direi, fé prima cbiefta 
Non- a veS licenzia, a cui devea; 
AUa PrincetTa^ che dogliofa e flEte#li' 
Ognor fofpira la fua forte rea • 
Saprete dunque, che nella forefta , 
Signor, preffi) la qual vivo, e vivea, 
AUor ch*lo vi donai quel bel fanciullo'. 
Ch'era ì mio fol diletto e'i Aio triftulloj 

Confeflai la Reina, e feco ancora 
Voftra FigUa Oriana , e le Donzelle: 
Che contrita mi diflTe, ch'effa', aflor« 
Che ner voler del Cielo e delie %U« 
Ambo voi tratti di Vindilifofa"' 
Folle con arte, dalle genti felle 
Dal Mago prefi , e dappoi liberati 
Per opra fot dei duo tratei pregiati j 

3« 

Per premio e guiderdon ( s) il cor le punf* 
D' Amadigi il grin merto e '1 gr^» valof^} 
Con lui in matrimonib fi congtunfe, 
E € le|b con vero e .cado amore: 
£ queir ifteflò giorno Ip copfuofe ^ 
Ohe cosi fu piacer del Creatore • 
Onde da poi quel Panciuilin ne nacque ^ 
tifi qua! Dio buon counto fi coBipiacqno, 
a$ Cht 



dby Google 



if flk ' e 4 N T a 

Of lo €M^ intnicoIofaaieBtB 
Oì JMKca • iera 4i<fiettU t 4mca«' 
S 4* lei a1 bambla dax limgani»at« 
F0 'I Uttt , luor 4Ì'«ga' uCo di aatura ; 
£ |»i cbe piacque « Uii , e voi la incoit 
Accom^cU» al Tuo voler: oè cucm 
Egra pia vi molcfti ; • ceffin V tpe 
SyociM 4» ^9flU dì pia hai dtùtm^ 

Dove trovato i» Cooalier fotiet» 
Di faogiie o di valor maggior di lui? 
Le laiMe provo ^ ohe voi vifto avow^ 
Gran fede e pegoi Con di' pregi fui ; 
Che ooo fa » do che *1 Sol te luci lieto 
Del Ciel fcopoeic « e diodo il lune a aut^ | 
Giiomoif aloun » oh* andar gli poflfa al pan; 
. & fio pwr itvaoto wiol colcbro o ohiaro. 

A qoale o |U, ^ tafiesadocr ai jnondcfe 
PotioC» oeanur la «otca Piglia , 
CM- no» g}i foia di virila fooooda: 
O 4^ fiù illmftce o aohilo famiglia; 
MI pia dir lui «4 i«iUUarc il poodo 
Atto del *«qftii> ooor? ohi vi coofi^Ua 
Altro, oM aio» «oi; uè teme iéb>> 
'Benché imt kk% b viva iiomo si xìq^ 

'T«M|«o» poi«h*«VI»o 4ecto il Fcote (auto 
CoA 1^10 ordir i^Utfft'uUiaiii parola. 
Stette '1 Mmoo to foTpafo aliìfuaa<o<i 
Poi diire:4 4lW^ll^ oor^ chomioFìglmU. 
Abbia v« alMO Marito? o poroh^ taoto 

• Tardafte a 4iCMfnr ouoAa»«ht 6U4 
GaCijMea ftuHMr, ^ «lipoui Oi^SM 
Ml^tftWPft» MA' «si* Siria^MW^ 



dby Google 



NONANTISIliOSSSTO . p f 
40- 
£^ egli a lui : quel , clie vi dico , è certt» $ 
Né io ht figlio teftxQMnio vono ; 
Perchè noU difigi pria, gii v*«g^io «perto; 
Né vi ptrrà dall' oaeftà lontHio : 
Quei Cavalier di taata loda e mtrto 
E'fuo Marito, e figlio EfpUadiaiM: 
E fé faggio f« liete il mio configlio , 
y ac^uifterete #r pr gco^io, e ^io. 

Jlupper ^iiefte parola io un momento 
Dell'ira e dello fdef|no il velo nerot 
eccome ntbbia fuol \flato di vento; 
Che gli afcondeva la^i^gtone e'I vero; 
Vide il fuo error , né tu a penctrfi lento ; 
Ma penfando al valor del Cavalkroy 
Cile quafi un ehian Sol luce e riMenéi, 
>l grande iAl«fti<t fangiM , onée 4mutè$f 

4gli acqmftaci tanti onon • pM^, 
Alle palmo, ai irofet, allo corono 
Tolte di mano a Impeta^rì e Regi 
In ogni elioM , in ogni regine , 
Allo d«gne opre, agli atti alci ed §gNf, 
Fatti già per difimder U mgioae 
L'onor, lo Hato Ino, la vita , e'igll 
j:ol ce», e con ift fH*.f • «•> ••di^l 

JTenfando a<U beltà. M «upcanUct», 
Ch'egli cotanto aitava j * tutm quello^ 
Che di ini «avo gli #ra feiim e dttt» 
Da Urgando pw, pria dal Ronitello,* 
Che morto era il Fadn, pet cui rifatto 
Sol s'era fiitto ai criiéel macMlto i 
,SI fenti ralflu tutta imtenefire 
^i fpcM«»a> 4i fjàiMt • € Mh« t 



dby Google 



' ^% e A N T a 

44 
e volt« a NaxUti difle: o di Dio 
Fedel ^crvo ed amico, io di far male^ 
£ «di fangue e di morti avea defio, 
Sof per foftegfio dell'onor mortale; 
Ma 1« voAre parole hanno '1 cor mio 
Rivolto al bene, come al fegno ftrale 
Buon Sagittario si, eh* io già difegno 
Pi tanto. far, quanto per me fie degno. 

Andrete ad Amedei ,* e d'efler ftato 
Meco nulla dicendo, intenderete , 
S'egli alla pace lui T a ntm» inchinato ^ 
Alla com>une concordia e quiete; 
C poi ob.-awote il fuo voler tentato^ 
Se fia conforme al mio, ve ne verrete; 
Che fia prefo alia pace un modo poi^ 
4Che farà con onor d* amboduo noi • 
46 

A cui il fanto Frate : ei tanto <bram», 
Signor;., la voftra grazia, e '1 voftro amore» 
QtiaMo -degli «errar Tuoi pentita e grana 
Anima (uol perdoo dal Creatore ; 
plerc^' io volfì faper pria la fut braoM , 
dhe qua veniffi. per non fare errore: 
E dimoftro ve 1 ha, per la vittoria, 
Ch'^i ier noa>volU aver per voftra^oria. 

Del mfdefmo Àt&o fon tutti quelH 
Principi, <e Cavalieri principali, 
Koo p^ù di l«ii all'oneftà rubelU,- 
O del fangne affatati de' morrali ; 
A'i^uai de: tanti morti poverelli 
Force rmcrefce, e deVeguiti. mali ; 
£ più degli altri al Re faggio e prudenla^ 
4;'^» di uotft iktJ^ piena 1» meBi«« 

Fai 



dby Google 



MONANTES1MOSESTO. nt 

48 
Foich'al nollro conforme è*l fuo volere 9 
Il Re rifpofe ; e pace egli delia, 
Perchè levata ali une e all'altre fchiere 
Ogni cagion dì nova zuffa (ia, 
D'afpettar non vi fia qu) difpiacere. 
Fin ch'i abbia a' Roman la niente mia 
Detta i e la loro.Jn quefto cafo udita | 
Onde la cofa fia più ftabilita • 

In mtn«r fpazio, eh' un'ora non vola 
Dietro al tempo predace e fuggitivo, 
Lifttarte ritornò con la parola 
Di tutti que' Signor lieto e feftivo. 
Come chi la dolente famiglinola 
Quali fommerfa da furor d'eftivo 
Vento conduce allegra e fai va in porto 
Dopo un cammino perigliofi» e torto i 
50 

S prega, olle ritornì Naciano 
Ad ultimar la pace incominciata ; 
Benché coniglio gli parria più fano , 
Che torna (fero in dietro una giornata , 
Che'l Re Norgallo avrebbe egli^eOuiltao 
Penfofo, eletti, e Htr poteftà data 
Libera e piena di poter trattare 
Accordo e pace, ed ogni cofa fare» 

5» 
eh* eifi ne eleggan duo per la lor parte ; 
£ ch'egli ad ogni cofa ^t prefcnte; 
Acciocché i^eggia ^ual di lor fi parte 
Dall' oneftate, o di «io far fi pente: 
E (e cootenti fon ,^ che 'n altra parte 
Ambi fi volgan poi coir la lor gente , 
Come'l bifogao chiede, che fàpere 
irli facci» per un mcffo il ^or volere. 



dby Google 



5» 

11 filato tbcchier»! , cIm qvmàù iattfe^. 
f nnaUb prima « Dio» ie nuai e 'I «ore ; 
Poi anzi aJ Re ( tanto piacor oo profe } 
S* injfino^chiò pion <)i divino amore , 
E %U diffe : «olili , obe ^ui difceCo 
Per lavar 4* ogni QMCcliia il peceatore; 
Cbc'l male e 1 ^n paaifee e guiderdoni^ 
Premio vi ita di yxtStà opra $ì buona. 

Sollevò il Re S^ritaqpoil Fraticello, 
Cbe lacrimava con pietoTo atfetto. 
In quetta ^ovraggiunfe il Fanciul bello,, 
Tanto da Dio j[oooìe moftt.6) diletto j 
E fece infieme l'altro Gàrzemello 
Nipote di quel Padre benedetto, 
C^ U Reina, per Caper, mandava^ 
In quale ftaio la ^aiuglie dava. 

'54- 
Corae'l vide di corpo eii belletter 
Cotanto efer crcfciuto 1* ISreniiu , 
Fu tanto il Aio piacere e i^ellegresso^ 
Che la pacoU gU reftb impedita. 
Subito lafcia il Se (^i gran vagbesza 
Ha del faneiul ) e con gioia infinita 
Gli corre incentro, e eoa aperte braccia 
Picn di j»aterno amor fretto V abbracciOii. 

Av lui s* abbaia riverente e umile, 
£ gli bacia la .mano il Fanciultioo : 
Si riga il Frale la faccia fenile 
Di dolce pianto , f lui , .cbe baib e cbino' 
Su va, fi reca in bmecio, eì fi^aarìlo 
Volto , cbe femfara atipelico e divino , 
Bacia pi^ volte, oè giammai II iazta 
lA mirar la beltà, ttat'n lui i iaasia. 



dby Google 



KONAKTESlAiOSfiSTO^ 37S 

HiA^Ì tener» Inetto r^ÌKonftaJiti, 
Sì che nen ebbe alcuno i lumi afciuni ; 
E'i Re (]>encbè noi moftri jie^rembUnti)' 
Vù piOf s'tatener), che gli altri tutti: 
Buoa fpazio Naxlaoo il tenue « avanti 
Che lo lafciaSe^caecQgliendo l frutti 
Deirimoicnib piacer, che dà la vifta 
Di opùk %a^u «4 ^(na loférxna e trìAe • 
57 

Fifti che ^1 ttfcl di braccio , al Re s' inchina 
Tutto adorno dì grazia e gli atti e 'l vifo^ 
Tenea favolo io lui la vifta china y 
Cbe di vedere un Angel gU eraavvifo ; 
E una lettre pigi ìb della Reina, 
Ch'egli gli porfe, rimiraodol fifo: 
E fu tanto 1 amor, eh' a poco a pocO' 
CUI accefe ii cor d ineftmguibil £oco#. 
i9 

frima Ibernava perla gran beltade. 

Che come raggio in lui di Dio fplendea^ 
E per ctb, che dell'opre illuftri « rade 
Del futuro valor predette avea 
Di lui la fa via Maga ; or caritade 
Di fangue sì quel primo amor crefcea 
Con una fiamma sì gentile e chiara ^ 
Che wn vede di lui caCa piA oara« 

£d ha poflanza tal, che n un momento 
Ogn*atra nebbia di disdegno e d'ira. 
Che contra il Padre avea^ fparfe , oual vento- 
lA, polve Xuole,. ove 'l.f nomato (pira: 
E'I foco, eh' era dianzi in tutto (pento ,~ 
Or fi ravviva , e quel defio refpira , 
eh' era già morto i e fcopre anco i veftiii. 
jDeU'a9M>r, che portala ad Amadigi. 



dby Google 



tf^ e A N^ T a 

60 

Poiché eoa tanu gioia rimirato 
£bbe*l caro Nipote il Re Britaoa»; 
eh* a rimirarlo divenia beato, 
Sommerfo io Lete ogni pa^Tato danno ^ 
La carta aperfe, che gli aveva dato 
Della Reina, che con molto affanno 
La fuppiicava {Vefler jm^bì^che pact 
Voleife far col fuo nemico audace* 
6t 

Airte 11 Tanto Eremita » e /eco mena 
Con grazia di Lifttarte il bel Garxone» 
Ma perchè piò non odo Filomena 
Sfoeaf la /uà dogliofa paffione ; 
C <r orrori fen vieii la notte piena , 
Apportando rjpofo alle perfone ; 
Io vo\ Signor 9 por fine a quello canto « 
f!«;ciiè'l mio ingegno incori polì alquanto « 



Mfim de4 n9mMnuftwfifi$ Csm^. 



CAIi^ 



dby Google 



CANTO 

NON ANTESIMOSETTIMO . 

PIÙ che mii fofle vagt, e più fidente, 
Con quella fronte , che fa lieto il mondo^ 
Appar la rofea Aurora in Oriente; 
E porta ne' begli occhi il dì giocondo ; 
E delia terra le bellezze fpente 
Yive torna , e del mare alio e profondo s 
Ond*io già preflb il ffn del mio lavoro' 
Riprendo ra man la cetra, e *l plettro dVo. 
t 
Giunfe nell'offe il gran Serv6 di Dio 
De! Re di Francia, con quel Fanciulletto ^ 
Che fece la Natura al creder mio 
Per far un uom d' ogni parte perfetto ; 
E pien d'onefta fpente e di defio 
Di far cosi pie tofo e fanto effetto, 
Se n'andb (T Amadigi alla gran tenda , 
Che par che luca , e più d' altra rirplenda • 

Amadigi- parlava ad Ardtano , 
Ch^allor volea mandar con la novella; 
Ed una cafta fcritta di fua mano 
Di queAo cafo alla fua Donna belle; 
Ma come venir vide Natiano 
Col vagt> Fanciullin, ch'ogni Donzella 
Di bellezza avanzava , ufcio di fuori , 
ftichè cortcfe^ quanto può | l'onori^ 

C0l> 



dby Google 



fft CANTO 

Corf^ dimqae ver lui per daigU almo 
Di fpcme € di timor tutto tremante; 
lIoQ conobbi U Faociul, bencbà vcdut» 
L'avete piK «a*alm voli« avente; 
Che fu per la beltà bfn conofciuto 
Bi»i Pnocipe d'IrUnda, e da JSrHntr, 
Che'l udir, quando portar 1' ambafciau^ 
Cb*4 lifuarte fiOQ lu cara^ né ^rata . 

II dt(m«ntardi fella, p dimaodaco, 
^ Se *i Qreco CavAlier yolea nedere , 
Tanto nel mondo jjlor c«Jebi« e ciiurf ; 
Il qual (blo per ht « lui iiiacere 
A Roman die (a «ita; e giiel ipoHraFO, 
Che quel buon Padre fea porre « fcderf| 
Ond'egU andò con un re&l induQi» 
A ri vfrcnsa /«rf «i PfiL»dft40i 

Jlon, c»me a fadre, clic notnii aactti» 
Dicib vioa h4> ma come a Ca valiti^ 
Miglior di ^uaou 0e vede 1* Aurora^ 
E ne ricopre il bel ooAr» emi^pero : 
Coi» cui fempre bcamato avea « d' allora. 
Che fuperò i Romani , ir per Scudiero ^ 
Sol per veder 1* opere eccelfe e chiare, 
eie fan di lui (boar U t^r» 9 *1 iparf • 

r 

ìt gran Qimpioii per forza di aatm«: 
Innondar fi Tenti di gioift il core , 
Tofto che vide in Im queUa figura. 
Per cui i'ac^eff da'pr^^ »noi 9m9t€ ^ 
E fu que0a piacer fuor di i^ura 
PofTente si , che i« forza e '1 colort 
Gli tolfei tal che fen iaribbe accorto 
Pgnuno al vùfoy al color fpnnto e fmorto» 



dby Google 



KONAOT«S»igiSBTTIMO. ^ff 
8 
Da Ttitù looifi» ù6^\H e a«Iw»I# 

Il Re di cJii fit figlio, al Fntè chiede; 
E re qiicU'è beltà «ele^UU» 
eh* egli eoa gli occhi mira, t» pene crede» 
Egli è figlio di Dio» ma di mortale 
Donna, e d'uom nato, e ve ae &ccio fede. 
Quel gli rìrjpofe | e ne («preie poi 
Qualche cou pttt U de' toni Tuoi. 

9 
Finché ì fervo di Crìfio a ^eiralcef^ 
E rcal coayafsnit la giufta eTpcMre 
Dimanda di LtCotrte , t con fevera 
Voce , d*oflb al defio oueftl difpofe ; 
La^ bella, e d'altra più gentil Guerriera 
Góo le luci ioavi ed amorofe 
Vtgheggib'lbel Fanciul, che Cimpro fcc» 
Col iamofo ^rlb Cavalier Qteco » 

IO 

Concordato lo cofe, il Frate mand* 
A rMcrÌF il tUljto al Re LiCuarte» 
E «he Briinte ,0*1 gp«a f rcnct d* (riandò 
Eri^no eletti por la coftor pano ; 
E ch*ogotia partirla d«Ua fuo banda 
AK primo albore , e cib , eh' a parte a parte 
S'era coacluro in quel nobil confijslio , 
Per.dace.Airire f allo diffioi^ie efiglio» 
it 

A fuon di trombe, air«ip^ar«r dfl giorno 
Ambo qiioftì gran Regi il campo afzaro . 
Ma ficmp'è bia , eh' io laccio ornai ritorno 
Ad Oriana, che mai fempre amaro 
Piamo verfa dal core, ove (aggiorno 
Prefo ha un timor, a cui non i riparo 
Alcun, dapi^i che da lei fé partita 
Per trattar ^uefta poca l' gremita* 

Chfr 



dby Google 



JH CANTO 

12 

Che maggior non fi faccia ancor piyénttf | 
Còme per pioggia rapido correo^, 
V ira d«l Gcnitor, tofto-^ite-feni», 
eh' ella fi maritò celatameoce , 
Dall' altra parte' forte la tormeoi» 
L'acerba morte <li cotanta gente; 
li perìglio del Padre, del Marita; 
£ del Fratel dà lei tanto gradito» 

Ma mentre quafi picciola cervetta , 
eh' ai fianco abbia duo cani afpri e mordenti y 
B nel timido jpetto la faetta ; 
E ptrr d«i cacciatore anco paventi; 
Da di verfi timer percoflTa « afjpette 
Novella ancoraché p^i^Tanga e tormeatifi 
Da una finefira vide di lontane 
Venir del Tuo Signore il picciol IVuio. 

Venia correndo , come~avvSfo porti , 
Ejlb, e'I dieftriero travagliato e Uflb, 
duonof o trifto eh» à%ytht molto importi^ 
Ed affrettava d'ora in ora il paflb : 
Si fer del vifo i bei colori (morti , 
Di freddo ^hi«ccio il cor, ella di faflb; 
E s'egli non gridavi pace pace. 
Lo {pirco r« ne gk preOo e iufeee» 

Jhiée pace gridò, come le ^fìdt 
Con la delira levata, c'I volto allegro f 
Ella cfae *ntende ciò , fubito uccide 
La fua temenza; e '1 core infermo ed egro 
Con liquor di fperanze ornar pia fide 
E ri fiora e contorta , e'I fofce e negro 
Abito, che veftia l'anima mefta , 
S^WS^i^t e nova ripiglia e iieU vefia. ì 



dby Google 



L' 



NONANTfiSIMOSETTIUÒ. }tf 
16 
Corfer le Dinrii^elle , e del ^ìudino 
Fecero aprir le porte in un momento; 
Tutto'] volto ridca deli* uom piccino , 
Che l'animo Tpargeva il fuo contento 
DacU occhi fuori , e con un grande inchìn» 
A lei, che '1 core avea ad udirlo intento 9 
Baciata pria la man , diede la ctru 
Di pianto, d'allegrezza umida e fparta. 

17 
mai la ^olle aprir, prima ch'udito 
Non aveiTe da lui novella certa 
Della viu del Padre, del Marito,. 
E del Fraiel, che^anta loda merta; 
Com'ebbe intefo ci6, d*un infinite 
Diletto piena 9 la lettera aperta 
Letfe della battaglia ogni iucceflb, 
E tutto quel, ch'era feguito apprcflb. 

I '^ 

{letta eh' ebbe la carta , inj^inocchiata , 

E'nfieme aggiunta 1' una e 1' altra palma, 

Quafi di tanto beneficio grata , 

Alzando al Cielo i fuoi penfieri e V alma , 

Ringrazia il Padre eterno, che levata 

Gli abbia da do^ cosi grave falma 

D'aifinnr e di martiri, ond' era oppreflTa 

Si , che venuta in odio era a fc fteifa • 

Spiegb fubito l'ali l'Allegrezza, 
E fparfe per la corte la novella, 
Che'l core empie di gioia e di dolcezza 
Delle Princeflie, e d'ogn' altra Donzella j 
ìa quale accrebbe si la ior ^bellezza. 
Che nova meraviglia era a vedetta ; ' 
E tanto in Ior il piacer fovrabbooda , 
Ch'cTcc dair«lma, e'i Ior bel vifo inonda «^ 

Poi 



dbyCoogle 



iii e A H t Ó 



ad 



Voi tbe M prìtttù furor éì q\ie! cBrettd , 
Cb'« gutft (l^ttrr« tiAfietuort fuotv 
Ojin'* altra cura gli ^ottibib da! petto. 
Dal tempo alomhta fu fatto minore ; 
Il ftano fer cmtrnxr, ohe fbvrt uii Ietto 
Md pilAgfO dormta del fno Signore» 
Ch'era fuor del gtardfno al lato itta«co» 
Per li vigilia e Ir fttiea Iliaco; * 



»t 



1£ cento volte, e pid |fi fer fiarnaro 
Tutti del gran conflitto gli accidenti ; 
Che tanti appunto to • qaant* onde il mire 
Move irato Aquilon nr giorni algenti: 
L*avrefte vide; mentre ad afcoltare' 
Stavano, ad or ad or |li occhi lucenti 
Turbar di pianto, il vifo impallidì re » 
E qotii in un rinafcere e morire. 
it 

Ma come la Reina Sardamìra 
L'acerbo fito intefe di Ploiand ; 
La morte troppo vergogno'fa e dire 
Di quel^rnperbo Imperador Romano; 
Sfogò cogli mnid' occhi il duolo e l'irai 
E sfogato r avrebbe con la mano 
Percotendofi il molle e callo feno ; 
Ma vergogna le pofe un duro freno» 
^} 

Tutte le fur girelle gran Donne intorno 
Adorne di gentil, dolce pletatè. 
Perchè far non poteift oltraggio e fcoiHO 
Agli anrei crini, airafta foa belute; 
Kè la lafciaro, infinr cbe'l lungo giorno 
Non nafcofe nel mar le chiome aWate ; 
E poi che fu l'aeré ofcuro e cieco « 
¥^lfe albergar l'aitta Reimi ietti 

CVo. 



dby Google 



KONANTMMOSETTIMO . tU 

tv ora con kt tà^^At elilttt e h%tUt 
Verfa éà* ìwxA vaghi ; or la «oaiwia 
Con parole atte à quataf la proctlla. 
Che dairOffìi galata A^ililM porta ; 
A far ptetofe Tigri Irata < falle: 
E con ai dalai e bai fti«di V aferta 
A poMar Crniè al dolor a<]^o a rio « 
Gir ogni fila daaMi al fin pocit in oblia # 
ly 

Il tarxo di dappoi ^ Ihmdo Oriana 
Afpetttaila la paco, a i Cavaiicrl, 
Venne chi le là (ba allfegrezta vana | 
S le dadb ad eor néri penfieri : 
Pcrb chMnteft-» efaC l'eile pagana 
Con più digami fptvvntofi a fieri 
Di verfo il mar) dki nhonti era dilcafa 
Del Re f«o Vadre alla ruina intala« 

fi eh* Amadfgi par donargti aita 
Col fuo deappei di Cavalieri erranti; 
E la eavallerta la pM fpedita 
S' era già fpinto con gran fretta avanti ; 
E dappoi ferien con l'altra ardita 
Gente fegttira di cavalli e finti ; 
Ma B credea, cbe prima non gtongefibi 
Gha ^ttalcbe gnm batte^lia fuccedefV^. 
if 

£ fi temaa» perttrè f'ofta pofibnte 
D*Aravigo era., e «Mèi terhi a fiandrì. 
Che non fia vinto da al brava gente ; 
E eh* a tant'fiopo il fno valor nonmanehi^ 
Tofio che quello ogni Moceffa fentc. 
Fecero i volti lor pallidi e blancbf ; 
E temendo di qmkbe alta ftiaguft. 
Tremavano. di gelo o da pavn • 



dby Google 



|f 4 CANTO 

18 

Mandar Cubito H Nano , e dopo Un I 

AUri.meffaggi i pcrcliè d* orarla ora | 

Abbian novella degli amici fui ; 
Onde novo defio Tempre l' accora. 
Ma pt flati che fur tre giorni • dui , 
L'altro «lattio, poco da poi T Aurora, 
Udir picchiar ali'ufcio del giardino « 
^ la voce Tcnùr di Gaodalino* 

Subito mandò Lidia a far aprire 
Tutta tremante la gentil PrinctfTa; 
E fatto poi Mabilia a lei venire. 
Che per Melizia non dormia con cflOi» 
Senz' altrimenti volerfi veftire 
Lo fecero faJir con molta prefla; 
Né tardb Br joUngU ^ che vicina 
Nella ftanza dormia della Reina*. 
)o 
Come'I videro entrar con lieto a^tt»» 
Tutte raflerenar 1* anima trifta. 
Che di novo per tema e per fofpeuo 
Avean turbata T angelica vifta. 

" Portava il Cavaiiero un braccio al petto; 
La faccia tutta avea livida e pifta 
Per le percofle avute alla battaglia; 
Ove moftr'ha, quanto ci noU' arme vaglia. 

Oriana , che vaga è di lapere 
Ciò, che dopo la pugna fi« fucceflo, 
A forza fece il Cavalier federe , 
eh* umile il ricusò molto e dimeflb , 
Pregando lui » che per farle piacerò 
Volefle raccontar tutto '1 fucceflò 
Di quello novo cafo a parte a parto 
Fra il Re Aravigo » e '1 fuo paore Lifuartc» 

OadV 



dby Google 



MDNàtlTlSIMOSBTTMO. %^ 
3« 

C>iid*te1i incottìiicit Sign«rt, ti caib 
S' Ui, che vi ftrà cang|ìar colore ; 
S 4cgno , che le Dive di ^emifo 
Porgao Al fermon mio vitH^ e iiTore : 
Foi che dall' Crcniu perfuafo 
11 voftro Gcnhor rìvone il core 
Tutto alia face, volendo ritrarfi, 
Fcr non aver cagion poi di iagnarfii 

6ià nova avnta della sente «lotto 
Sei fiero Re di Landa , e degli amici f 
Ghiera della montagna in cima accolu» 
E ricoprian infin l' alte pendici ; 
Toflo che fi pensb voler dar volta 
Con l*efercfto Tuo contra I nemici j 
Per li pjrifi pigliar della noaugna 
Mandò fchierc d'Irlanda^ e di Bertagna» 

S quantnn^tte i duo terzi Mer morti 
2>e' iuoi Guerfier nella crudel niislea ; 
Fur tutti fé pigliar i fiti forti^ 
Che erano nel cammin, eh* a fare avea: 
Foi con iilenzio , of r non fare accorti 
I fuoi nemici , xìC e1 partir volea , 
Senza fuoD di tamburo^ odi troo^tta» 
iioffe di prima fera in motta fretta • 

m Mdh dentro il vaUò i fnòehi accd| £ ^ 
Jdolte tende di ptcciola valuta ; 
Bioltr«atai feriti, ^e molti arneii 
Di poco prezzo, e roba altra minuta | 
S per dar men cagion d' effere ofefi 
•Vece la gente andar tacita e muta ; 
In ordinanza , ma non giunfe al fegno 
V> «rafie, u'fji d^l buono knìn difegno. 



dby Google 



NelU milUi» efejciutp e doUP, . 
Dell' iftu;6it d«l B^e Sritsono awifto^ 
Al ìpxo General n'^idb di botto» 
Che con le feW we (uc ft»v» provilo , 
E io fece p#rtif pii ^h$ ài ifptto; 
£ per ^luP .caHMnino j e non diieCOf 
Nel pinDO nir 8»!);^ fi wo*^ difcfiCa. 

Volfe i< pUtofo tìio,* eJi'Kfr|^MuUfi¥i,# 
Che »«d^v* « Ufwte L Ètf out* • 
fedendo £cen4«r untu ^nu «1 mA<>f 
E feguiu/ il Re lieve e (pe<Uta 
Air efejcito noftro , ^U loptfflP 
Venne correndo » durici od we:.*U»if 
Di férvir il (w> Re l^r^mofo e vY«|KO« 
^ iIjU perirci tufi ^iiafi Br«ÌÌP£q« 

Amadio, trpyb^ fth*aiàCo^ «rmj^^ .^ 
Dplfe .9 ^r»nquillp fopnp. ii.dprfnit.j 
Perchè U noùe if c^òipp »vea suarJ^D»' 
Con dup miU Cu^rrieti in conipagaUf 
E Nazttfi UPvi^ cbc'tìgmocchiato 
Dice» rivoltp.al Ciri l'Ave Maria i 
C^n cui ffrimaifi ».p. di/ altro od^ yplif , 
•Mai Ctvalier ^IgM^tP fwip feoMc i 

« gii-dltfc! fKgpprp ;<^rlxan:Q^a^ ^:, . 
Porvi d onore iui« corona JH ^tffl^ fi ^ 
Più beH» affaj[.di'4uani;e;*)jr^|C#lfUir 
Se la vpar» piet^ie pggi fi^. yr^ f .. : 
Che per aver otc^a^oq npi^ (e^é t , 

D*atQUÌftar glori» fiù belU di.i|ueffa^S { 
Poi ^11 parrS, che quelle fièfe U^9fidxfi 



dby Google 



NONAWrBtWOSn'TIMO. %tf 

ttkhb del U/tto il gfafi Campali» «le ^fli 
Atìdh <l«l Gmilort «1 Ikidiglione^ 
k cui iift ti «iti» iit breve Manifeilè) 
£ eh* «Ve* d*aiìitirIo intentiooe. 
11 ina^AiiiiUo tte^ cbe'ntefe que^, 
Ch' er« di virtù fpctcliio e di ragione 9 
Hifl^ofe : ficliuol mio ii dar faluie 
Talora, al Uio nemico è gnn viruite» 

Sf^egìi aliU paceia T animo di(|M/llil# 
ComMo pcnfOf .e veder mi par aperto, 
Quefto fia un iproii per farlo andar più toilo 
A darle il fini cIm (e ne Iponr certo: 
Se (che no'l credo) ìmitèrft propofto, 
Fia meglio atfti , eh' ci fia ftrdttoedefertei 
Per le man noftre» e che della vittoria 
$ia n^llro il guidcfden^ come la gloria. 

Tu te n'andrai con la Vanguardia eventi 9 
£ la tua de* Campioni invitta fchiera; 
Fl^riftano^'Mirinda^ e Fiondante 
Sòfterran tec6 la battaglia 'fiera ; 
Fin cVio fbccj»irOb con Agriante* 
Con GrafanderOf ad dgoi fua bandicrns 
E non urdar, perchè piagato e ftanco 
L*cfcrcito del lU non venga manco* 

Kon perde Mmpo il grati Franco 9 ebebràaiA 
, Pk IPfcorrer Lifuarie « e gli %\m «niois 
Ma i funi co«ipagni valorofi cèìamay 
Sparfif 4 Jntorne» per que* campì aprici.; 
J( V ormt (ague pian ^* aff4ente branM^9 
eh* iippcaffe %vmm Ufeiau t lor nemici j 
^ fin fratunto Aiovigo , ed Areheloio 
Giunfer lÀfiurtc con le giiBii loro 9 

R t Cho 



dby Google 



iti e A M T a 

Che quifi M% citute era inctùa^ 
Ove giA deftinet« avem d* andercf; 
Fen^kè per trattenerlo nel cemnuno^ 
Fin che poteflè con Tofte arrivare; 
Mandato Barfinanò^ e un f tio Cugino 
A«ea la recrogiiarda ad aifaltare 
Quei lU di Landa con piò Cavalìtrt y 
Tutti nell'arnie eferciutt e fieri* 

4S 

£ con tal furia, e grido edsl ftranb 
Ùdle Britanne fcmi nrur la fvontef 
Che governava il gran Ho C^ldadano , 
Che difoocato avrtan ogni gran monto; 
E tremila Guerrier mandaro al piano , 

. Ch'aveano ardito il cor, le voglie ^rootc; 
Ma cflr, e i lor dellrier ftanchi e piagati 
Mon relTer a quei colpi empi e fpiouti • 

Atquìfillo, Alidore, e '1 buon Cavarti 
àcitennero gran fpaxio il lor furovo; 
Ma Lancaftro^ Arbiconv, e Polimarto 
Giganti d'alto e Coprauman valore. 
Ruppero con gran rabbia in quella porte t 
Ove pugnava il fiero Incantatore; 
£ come foco in gran monte di pegtia 
Aprilo e fracatfar quella batugUa • 
47 

11 Fadre voftro', che vuol pria «oriro , 
Che mancar al fno onore « ancor iho veda 
^utta ia gente fua rotta ftggire. 
Uè di fermae^ io alcun modo creda/ 
Fian di disdegno , t d' uno invitto ardire^ 
Qtta^i•roce Leon corro alla pvedia f 
£*nnaaù al fuo fqnadroa con l' aHa lo reta 
JtercQie rolimarte fl«tk tellai 

El 



dby Google' 



tfOICANTESIMQSETTIMO. s«f 

4« 
1L\ fi cader con fuo gravofo impaccio : 
Pofcia prradendo ifi man U Mona fpida » 
ti fem> uclìa, come vetro, o ehtaccio^ 
B fra le ukiere fi fa far U ftrada: 
Come fra greggia vii fiero cagnaccio 9 
Sembra A4idor « che non sa ftare a bada ; 
CildadAOO, il Penrofo, e*l Re Norgallo 
Fanno norti cmIct l' uomo e *i cavano^ 

49 
^oftien buon. fpa«lo il gran furor deil*onda 
JJo corredato , o forte , e faldo 4eeno; 
Ma come flutto (bvra flutto abbonda , 
E moota d'Aquilon Tira e lo fdegno. 
Se non vuol romper ruQacroltrafpoiiday 
Ed eflier preda d un naufragio indegno^ 
Salpa faggio Noccbìeto il ferro torco « 
Volge lapof^ft ol vento, o> «etcì il porto. 

5« 

Aeffer ^uon fpaxto all' inimico orgoglio 
Lifuarte , e «gli aUri Ca variar vai enei ; 
Giafcun, come fuo! faldo, immobil fcoglio 
Alla gran rabbia àt*^nnti venti* 
Al fin dì fdegno pieni o di coiaioglio 
Si ritiraro a palfi tafdi e lenti , 
Combattendo ad ogn'or^ coai'arfi t pardi 
Jl^inti da un nembo di /aaue dafdi« 
51 

C fc non eran ^eftl, clw fur fendo 
A tutto 41 campo a^lamantino e forte ; 
In qucH'^orreado e fanguinofo ludo 
I duo Jterat di lor giungeano a morte; * 
Cbe i Giganti 4 ognun fpietato e crudo^ 
Al cui picchiare il ferro apria le porte. 
Tal fean di loro in ver ftrtge e maceHo j. 
4Qual /a d* erjbe di maggio il Villane)!» . 



dby Google 



Dair»lcra pcrte il ^laio, e't K« di Unli^ 

. H Duca di 9ri(lM«, t Ruttlofle 
Deli' IfoU proktìésL 4 a terra mtniift 
Un numero infinito di pedone ; 
£d er« Moto i«i ^ueftt 9 n quella btndt 
"V itiajpeto grande e la confufioiie , 
De'vintì ri duot , de* vincitori il grillo ^ 
Cile cN poter riditla io mi diUlO. 

Air entrar della te«i% Lil^iftardo 
Nato in ((landa, e'I fuo fratel ritareo^ 
l.*un prefe Grwnedaa con lo i^endardo^ 
L'altro del He Norgal fé n'andb certo; 
Me perchè da Alidor fotlè Balardo 
A canto a loro uccifo^ e Filiparco, 
I^ifeiar la preda ; anvi fu in gran periglio^ 
Gftft non dciie.Af biconi a M dì pi||[lìo» 

Chiufc alte far le porte , eA^ndo atfobr» 
Molto iontinOf il Sol dall' Oceidenta ; 
Gli ardiai Vincitór al^finnto d'ora 
ÌFecer pofar, e nufrefcar la^ gente y 
Difpofti di dar poi fen^a 4^alora 
L'atTalto^alla cttiave ardifpmeffisvs 

I. ]( oiéiefiaBr iecv" il tue Bri«a«ifl» 

Bfid. falD ^e pai )pai|ea jUlMreoo al filè'dswiOk 

SS 

Poco dap^ al- Aionb orrende t^ atto 
Di' trombe, che turbb quell'aere pufOy 
Incominciaro ilbelHcofo aflalto, 
eh' a molti d'cfii fu crudele e dun»; 
Pietre e faette, ch^avreutavan d'altO|, 
Pareano un nembo tenebrofo e (curo ; 

; Sicché ne fer cader in terra molti 
Morti, pUgati, e nel lor Ceogut irnvoltt» 

Ma. 



dby Google 



^fm 



NONANmi^lOlETTIMO. 0f 

Ma i CapìtiMi' ibrtl e vitattfll 

Stavan .di dfCtrcy e M^^tfén l« geiMi; 
Come foglioft talora i èimi oiftdoii 
V impef grande ^'rt^biofi venti; 
Baffo era H murò , e i Cavélier braitfo^ 
Tutti di preda't^ed^tl giradAgno intenti; 
E la mur^lia in ììgn't parrte aperta, 
TaI «he fpeirjivan la vittòixé *^tt%$ •' 

IfL fé la notte atior bifo^o amica 
Si tofto non copria d'ombre la Terra, 
Allor alloravria Tolte ne«riica 
Morti que'C»vkÌfer , prefa la terra ; 
E benclrVofcaro il Ctel foflfe, a hiXtu 
Potè dar trei^ni a quella cruda guef^tff 
Coa molto fanj uè fparfo d' ocelli pirrte , 
Ma coa più a&^da quella di LiftltfTte^ 
5? 
firrchi le pocHe |^iTt»,'>cht lafciaCV 
Vive gli uvea \»{)x* fprc^ ventura^ 
E'I nemico va'iofj. ditlr pniface 
Battaglie, ond' ancor frcfoo il (f^nno^ura, 
^Tan tutte s^ (laTiciie e si pi*;»tte. 
Che r umana non pub noftra natuca 
Softener tanto a'tf«nIn>^) e s' egli aita- 
Vask ha da, Dio, vi perderà la vita. 

I - it 

M» ei , «im Aoir «Ve a- pafito* il core, 
Siccome il iMvpo-; e fh'ogni fus pinliero 
Avea rivolto' a;'COiif«rvar l' onore' j 
Scetider ptimciioi» volfjB^ {!«! dvftriero, 
eh* arvvfle la jcicià^ denaro e ài ivtcftt , 
Ac€om|>agiiato d'ogiN' Ca vallerò, 
Vifta d intomo ; e fcorto il fuo periato , 
l^iii 11011 trovava aiuto , né configlio . 

> . K ^ Stef« 



dby Google 



3^ CAUTO 

60 

Stftu Alidor tutto I» iwtlc tniiata, 
E fece flHAfdie porre e fentintllt ; 
Le mure riparar in alcun lato^ 
Strutte 4ai tempo in <|iiefteMrclt*a quelle; 
Riftorere e pofere ogni feitteto 
Piagato e fttnco ; per poter ài quello 
Centi tireiTftito difptet»to e duro 
Far poCcia fchermo, e difender il mure* 
éf 

l.ifxMrte, elie «edeo la tvut rotna^ 
E. poco atto qu«l loco alla difefa ; 
Sendo certo e fccur, cbe la mattina 
Vorran finir l^incominciata imprefa. 
Morir con l*«rmi in man pur fi -delkiia^ 
iPer non far al ftt'ouor countn odfèfa; 
Fofo ai lochi più fiacchi i Cavaliori; 
V* U cerna è minor , ^(c i Terrori. 
éa 

Jlir apparir del giorno 4m tre bando 
A dar MHra IbaKaglia inoomiaciaro^ 
€on grido , furia , ftrepito si grande , 
Che Vt Ninfe del mar t4itte tremerò; 
Là Ve d*alto caggendo il Nil ù ^pande» 
Per iar un corno poi lucido e chiaro , 
Non fa unto ròmor ; quanto fan quefti 
C6n voci e ftridi , e colpì aiprì e funefii* 
di 

Si difefero «n posto, ai fin dal molto 
Impeto Tinti fìir , che fi rinforza « 
Come fuol flutto furiofo e Itolto^ 
Che rabbia d*Aquilon feTpinge e-sfiorxa^ 
Che Covra il lido ^ che ^lifefo molto 
S'è conerà il £uo furor, falìto • forse 
Sinsa contrailo alcun fp^nde e diffonde 
,9er tutto (fihiiime ed alghe, arene od onde. 

SMb. 



dby Google 



190NAYrr^IM0SCTtlM0* 99f 

*4 
SMncóntraro Alldoro, e Cildàdafio 
'Vaghi di vender U i«r -mòrte cere, 
ColGif^Mite ArbìeoRe, e «ol OermAH», 
eh' inde ven «elidendo uomini e gara; 
£ parve lor T incontfp acerbo e ftranop 
Che poco^oi-'bifogiio ebber di bara^ 
Che gli portale con pìetéfa -«vra 
A dar ai morti corpi «tfbfoiiuraj» . 

^al vivande impeto oftii i|uelt* ainjpià ftmd» 
Buon fpatio difende? eòi petti vomì , 
£ eoo la foro valorofa fpada; 
E Vitorao la coprir tutu 4ì mort4 . 
Ma lor fovrabbondò i' empia mafnada 
In taou copia , che del danno accorti - 
Si ritirar, tà dove il ile Lifuarte 
JiT^va.e braccia • teftt a .terra fpaitv 
«d 

Avca feco raccolti 4a un ilfap^llo 
^rquifillo, il Pcnfoiby e Sinodoro; 
Ch^cotro r ovil femblrava un ltoncclI«i 
E coi ^caglienti *e duri •brandi loto ^ 
.Facean d'.iMnaoì corpi empio macello^ . 
Ma non potendo ilar contro eoftoro. 
Tutti (ieri li , e banchi , e difpiotati^ 
'S'erano di mofir. deliberali. 

^Gridava ii He di Unda: uh Cavalieri 9 ' 
Non -lafciue di -quefti Iblo un vivo i 
Fate co'ierri dirpietati e fteri 
Dell' odiofo'fangue un largo «ivoi 
Uccidete con feco anco i rerrieri^ 
'C*hanho il ben noUro d'I noftro onore a MNjM 
Ardete la città, cbe per vendetta i 

JHsUm di «Oli fo» » <ioi «^a^pcm- 



dby Google 



ii^ Càmrt> 

£ U orudei liittiitgliA ia fatteli* ftiat^^ 
Ckt (pcfftr i^iè ^i.ffitwvAr pietue 
Mal a p«te» AdL Vincitóre srat«; 
pivtJÀ ftra^e «VMid» Amai ^irat» 
Per ,vrfi/t itf Ne igiiiéft l'odorato 
Preiize «oorla ibfèlU € Floridaate 
Giuafe^ fibfuglvft^ tutti gli «Ieri mnào»^ 

mi cftoléMid* I «ridi #*l %rm ronorc^ 
Che. fittcea. dentro le Terra ^ià preii 
Confufamente it visto e 'l vincitore ^ 
Entrò ficcome uoei gren fiemsia aoceii. 
In (èoce ltic« eoa sì i^ran furore, 
Frineìe i;r»lando', cke la. gente ìafeefm 
Solo a é/n m0rie.>a'6bf «àiedea tnercedc, 
ìEotiei;fc& timor ftlL«c«hi^elÌBriiiòiififdcr. 
yo 

Won cosi tdfto-iHi'oHfnoròfo araieitt» 
Apreno 4|*&ttro Leoocfle 6ere.9 
Oéttre ooi ferri ecult «a un ntonieoto 
Fcr q «iU: quet^vft le «ecotìeiic fchiere: 
Fi|9ge jciefcun npitir^* alto fpa vento ^ 
Ma J1MI pub dove:^/el»ad(Ì vedere: 
Cb^ l|iwl€ai|ante e<ttff6:^eir«ltnl èanàl, 
Francia franok ^gridatidfli) XrtMido IHottta » 
•^« 

Soften(ier.fol<f iilip««tioCise(|illO ' 
Pitarco,;e'l fao Geemitn 4. ««jiit l'orgoglia 
De' venti «l'I 4|r«n; fifor fo(Woe 1» «im , 
£ domioeéto i*«od«' orrido fitOgUo; 
Ma tQllo tfac tia peiigliofo' ielfto 

^rJMidbtpieivcàer ! fi(»daieii,diel Campiiajglìo^ 
Fecer per «forma fere jid «iBb4 ioi 
CPla«Ì»*fA»ét lor «lybiMlitkAoi*. 



dby Google 



NONÀNTESlMOSCtTIMO. ^9f 

7f 

Che d'alttflimo monte fi deriva, 
Divifo t forzr cl*U* alpeltre UWù^ 
E cade iii imt ed in profonda riva^ 
non f« ftre|>tt# ta 1 , tanto fracaflb ,- 
Come fio qiietti / e la lor morc# prtvjt- 
Come>di'v^4^ lor, gli altri d'ardire; 
Onét fWgsk nmi fan, non fan ^oriiv* 

7Ì 
fifùarte, cli^ffprttffva «<l OM ad- or*) 
Con Taf me rotte, e già ftanco e ferita'» 
D' tfkr uceifo e prefo « e che vede ora 
Jlìtrarfi ti lITìncitor vile e fmarrito, 
Com* abbia l*»rme inttere, » conM or orr 
IntfomiA«i a-pugoar , l'impaurito 
Stuolo nnoai^i, iiÉpia^, •?'«» ^ rvÀm p 
^Qtilifi Mb èli Gitfl fol|{«re, » m«*.« 

•^♦^ 
^rattanfb flftrifttftio', e la SorelU 

Uccffo avean Balordo, ^ Potknartt^- 

Gbe pilli , ch^" ondo non movt in mar proctllt^. 

A vean niHnbra quel di divife e ffMfffO : 

Più cbi ODrttenda delia gente fella 

Non è, oliol^rdut'han Tardirt e t'ai^t; 

Eì Re di Landa, oH tgiifero AmMomK 

jTiiggetodo vanno lo fventw» korp^y 

•n- 

Orcavan di edarfi etftro ^tì tt\9ef§^^ 
Ma io Uà mommKo fulr prefi ed tt^tmìi ; 
AuiMiigt , che («erge 4ar jl tor^ - 
Ai lor nemici , r vincitori , i wntii 
E cheM Britanno %'t gli era» do tergo^ 
Coi Tuoi compagni d'otto fangve tinti; 
]Pcr voler fi partir prende il camnwno, 
«MftMMlèl oé^iaift trooojki^ Qtt^aéj 



dby Google 



3^ C A H T 10 

76 
V inflitte Sir, cke cosi «oflo vede, 
Allor che £ ftimtv* o prefa, o morta ^ 
Oe*vincUor riiVoUo in tuga il piede, 
C dt tempefta elfer entrato 4fi porto; 
Chi dato iia^ clic Tha foccoKo^ «biede 
A <*iulaiio il Penfofo, ed «gtì Mcopto-- 
Gli rifpofe: Signor, chi ciò può tarc^ 
Sa-oòn ^w\ Ck-v«lier, che non h« parai 

^7 

19on avete (lentlio Pranza «Fraiwi 
Gridare 9 e vifto T- inimico ftuolo 
Da Hit « e dal Cugin , eh' a una bilann 
Fuò ben ftar <feco , rotto irfane » volot 
Col rtflgi«»iarlo alm«n ^late fperaaza 
D'animo grato a fui, che «^uefto folo 

. Servigio il merla, feaxa gli «Uri moUi« 
Ch*aypreflb a «oi 9on devno «fler ifepoki* 

Undato, dille ^ He, Guidano, e faM^ 
Ch'ali s*arrefti^ ch'io verrò dappoi; 

, Gh'egli v'è amico, « fo, che Te lj^regate« 
Alpetierà fol per .piacer a vou 
Andò il'VlenMb. « fuor della eìtUi» 
Hfeito, ìl'ficrovò., che fenza noi 
Sol fé M già, quanto, potea veloce; 
Ond'ei, pecchi rudi€e.,<aUÒ te vacc^ 

Conobbelo Aroadigi , e A molic ; 
Bicorne «ide il Re^ che lo «fcguta^ 

Son altri molli Cavaiier, non voUe 
far verib di Imi tal fcortefia . 
Ansi fermoÌ6,«e fece aflài fi dulie ^ 
Che iVarmi aperte e.fanguinofe avia^ 
'S)i vederlo ferito in modo tale , 
di' Cini fMg* pMM cnid4 • ti^uU^ 



dby Google 



trONADlTESTUOSftTTf loro. ^97 

So 
tSonie fu venti paiH al Re vicino^ 

Come*l minor fuol far verfo il tnt^ìéft^ 
Difmontb in terra il ^nobil Nl«dino^ 
Per hwcUkf%\f ft mano , e fargli onore : 
£1 noi feftemie, ìinti col cipo cbino 
AoBefo tutto di paterno iinove 
Gii pofé il bracetoalcofh), e 'l*fin»t{Utllt8 
Free, e fatto ^H fu da 3^1orHlaote« 
«I 
VeniM in quefla MtrMida -ed Alidoro, 
Quadracantc , Angrioto, Cildadano, 
Il Re di Cornovaglia Sinodoro, 
Guidobaldo>9 il Pei>fo(o.4 e Floriftano , 
Id. altri CavaHeri a-ppre^ toro^ 
Che correifHo irenìan tti mano in maR<^ 
9fa* qu&t fur fatte xoa comun piacere 
Le accogl ionie fecondo- il -lor dovere, 
«t 
S perchè al ifinoitor r^efler tleniemc 
'^Tia ptH convienfi, oh* inamano e fier»^ 
Mandò nella Cittxte immantinente 
Il Re Lifuarte più d* un Ca veliero. 
Perchè -non s'uccidelfe omai più geate 
Dal vindice foldato , o tlal -terriero ì ' 
Che'n gentil peito «rudeirà non regnai 
»E dopo .la ^viitona ^è co(a /indoena.» 

"Barfinafi di Sd(Kmia.9<il Mago rio, 
Il Duca di Briftoia , e '1 Re di 'Lanilo 
Da in cuftodia a mio Padre il Signor mì^ 
'Poi di : partir congiedo «I Re dimanda ; 
fi qual giacer non volfe «al fuo delio , 
An» ^rivolto diCe al Re d* (rlaoda , 
Che vno! quefto Campion tutt* altri parim 
Vìasjft «di .cortfffift^y come €én V arme • 



dby Google 



1^ e A N TO^ 

B^titre còs} dUeMi, vider sUgtd 
ArbMite, e Grumedia Heti vfairc^ 
Da {kcricol di mOfU lib«rftti » 
Che OEiftl Cpcrkvtn di jp^tcr fuggirai 
Con puieeri|«aeral^v^k'eriiao •urtaci 
Per lor virfeà dir ft«tù«; « > ior mofiri' 
Stit'era d* c>it£atiiio.ibrpiratt> ;• 
E più daliet«>.$i$lioff biBttigM r 8r*C*4H 

fiori fò, ie'n loii inaggi^r fbflb il dttetH^ 
Della ior libertà, della ipr vift*i 
O di veder «col Ke jiaoto dilfUo 
La bella cooQpagAia da lorfrvdiU : 
E fpenta 4>gK|i dtfipordia y ogni difpetto^ 
Ch^ avea la pace jdaMOfOor bftftdttai 
Se^n^ andar • Ainadii;i, e T •bbrMcUf^' 
Aff»b« «on alto atfcttuofo e caro ^ 

ilj^ fina jrvMto' avrla la grait ttfnzoa» 
Delle lor eorteiìe, die l ior conccai», ' 
Se non aveifer viftovPterttfna^ 
Quel gran |l« Tempre a aove glorie id tento ^ 
ette fen venìvt avanti al fao /^uadroM 
Con roiile infcgne treiQolaat»ml vento ^ 
Affrettando il fu^ paffii, ove non foflè 
Tardo a 4*f a' ii e mici afpre petcsff»^ 

iLa. Guerriera geotU » con cui Lifutrte 
Mea-.noiofa iacea la faa diiAiora , 
fil^ncht^anto di fangiM javeflfe Ipartt 
Goecie , gkmX alma ofnatue I angue e flén^ 
Per incontrar il Gent.tor H porte, 
SenzVelmo >n tefta , m fiorile all' Aiirait > 

. Qvalor efce dai CteL bella e feftef*, 
^MÌM Tei» h lieu oim 90§i^ , 



dby Google 



sa 

Il quii da lei intefo il «afo. tutto 
DeU'«ffirettJo «yverfa^ e cà'Amadigi. 
JL' ftvcA «oi £vt> valor rotto e diftrutto^ 
E taaiidat^oe p«rt» ai jcj^ni iti^ì « 
OndeU loco di. faii^u& jtfpeWo e l»mtt»>« 
Frefciii iBoiifa ed orriJùk veftij;i ^ • 
E che l'affetta il Ae. ferito e U(fb ; 
lilè quindi prìm». vooimovsr ii paflb« 

Senza tardar,. cbiaptato a fé Biiasie^ 
Trione^ e Craiaodoro, e'I Sigitor Qtec9^ 
Laiciaado «ura al Principe Agrtaate, 
Ghe menarlo a buoa fia noi volle fcco^ 
Per r odio fra ior nato poso *v«iite, 

, Qnd'era quafi diwfnito «seco., 
Oell'efercito fuo joióve il cavallo « 
Cbe U iatlo fi^ tanUfiflòparee fallo* 
90 

Cbme'l Màt venir ^«hiefe il deftrìen , « 
fec far onor Liftiarte a sì gran Sire; 
X4ol coofente Am^digi , e '1 fuo penfl^^ 
Cerca' eoa b pregliiere d^impedirc: 
Ma che Ià pnegtn pie .«on jè nMiiliero^. 
Che veiuito U «avjil fens* altro dire 
la fella fi U por, ebc f^lir iolo 
JMoa potè* per le piaghe e per lo dueto». 

»^ 
S*^incocglfar quèftl i^egr^ e s* abbracetéf» J 
Coo molta anor , eoa molu cortefia ; 
Che fpe«la ia rCigioae^. «lidie s'ààmto^ 
Spcttfo jmeor:^àr4>éio lor virti^ natia # 
Omie piegoto il irido il Re phreplaro 
lo talate |wrti ^ondo aaeor fangue iifcit^ 
K^- ebbi ptetais;, e «on amioo ciglio 



dby Google 



^^ e A 19 T O 

S gli éìfft : Sìsnor^ che si pk^rto 

Non p«ruft« mi p^r dal campo noftrd-; 

IsdcKlì a ini : io voglio, in filale fkmto ' 

:Mi trovcfTe vegliate it iFìglinol voftro ; 

Come d* apena morte liberato 

Col fuo valore ex m* abUa ,ji voi*fia-mo0fe : 

£ cosi detto corteiÌB 'eflèr voKe ; 

C >que* Baroni ad uno ad -uno accoUc.. 

9t 
IDove Agtiente fie rimira ^^t cbìedte 
Al Re di lui coli j^enerofo «ffetto ; 
Quindi giurando non movere ij piede.. 
Se frìma ei non compare «I Tuo pofpette; . 
Move Amadigi 9 che ciò dente >e vede. 
Correndo Jl^o deArier, pere' ha Ibfpetto^ 
Che nofl vogHa vc^tr, s'altri lo chiamai 
Tanto «quel R^.j^nitano odia e difiama^ 

tVctine per fodditfafi al te Cugino.., 
Cb' amavu ^iù , ohe non fa '1 dì la Inee^ 
Sopo4nolte preghiere il Paladine 
In molM ^retu con l' incUto Duce • 
Volle fmonur, ma'l Re di cih iiMioviao« 
In cui gran eorte6a fpleude e riluce , 
GÌ i s'accepfta , e V ebbraccia , e Ibetto^i deoc^ j 
tte^lel fettone lui fatto gU (amenti 

95 

IHcendogU: Signor.. credo, che quello, 
Ch*or facciamo tra noi d*«mor ddcU»^ 
Vi npureii più iero e pid moleflio 
Ai paragon , che non vi parve quello^ 
,<2u*ndo col brando in mano empio e Im^ 
«Stavaiuo a fron«e , e -corcere un rufecUo 
iDel (angue noftro fea iMra e lo fileno; 
dlixCkt J»o#ao iwft* MIM a«9»M ìllbi«o^ 



dby Google 



MONàirrEStMOSETTlMO. 4M 
96 

Pia tempo vi bHogna , «i. «li rìfpofe « 
A foiver quefto dubbio i in<Ìi il Re volto 
A! Re di FrAii^it , con afTettuofe 
Carole l'ebbe novamente accolto; 
E4 a feco albergar poi lo diCpofe 
Con molti Prieghi, t con allegro volto « 
Dicendo , elle da lui non partirebbe , 
Prima cVaveflfe ciò f^eto, eh* ei debbe* 

97 
Così pst^tndo , <eava!c«R^o andónro 

A un monillero, ov'ebber buono al^rgo; 
Parte di lor nella città illog^iorno , 
Che non molto lenta n gii era da ter^o ; 
Parte in trabacche per que' prati intorno, 
Ch^aveano ancor d erèette^adorno il rergo« 
Ivi fur medicati i Regi e gli altri 
Da medici a ciò far periti e CeaLtM.. 

9S 
io mi parti dappoi «dal mio Signore^ 
Mandato qui con M Heta noyeMa , 
Per foHevair il voftro afflitto core 
Si y cii*oeai tema e duo! indi fi fvellai 
% pefoccoè di Roma imperadore 
Vuol Arquifillo far,<€om*ei favella^ 
Perch'io là meni tutti que' Baroni 
Romani, che ^ui fono anco prigioni « 

99 ^ 
^ui tacque Gandalino , e vii cotanto 
il piacer, eh' ebbe la Dama gentile. 
Che di lagrime afperCe il volto Canto 
Fatto da Dio a le fteflb «fimi le i 
Oracie al fommo Motor refe , con quinto 
Aféetio f\ devea devot'e umile. 
Ciò che fegtti dopo , vi fia narrato , 
Signor^ fe'l canto mio v^ farà grato* 
M fin» dil nonanstfimpfittimo CanM»* 



dby Google 



CANTO 

NON ANTESIMOOTTAVO . 

Quante yoiee «ddlvien fiior .d'ogpaii fpemr, 
^0*ogai ftver umili, i^heUfoiMUO Iddio^ 
Aiìor ici^* ir»to il mar pijlk s*;i1za • fr«fiu 
Pel van furor 4e' Regi « dei defio ; 
Allor che unte fp»de accoJté iafìeme 
Ftnno dell' uman fangue orribil ria; 
L'orgoglio ftcqiteUs e ponpaee e coftcordi» 
^jrt ior^ dov'eri pria jìuerr» p difcordÀir 
a» 
^ano l'arme r<lro'«iicof'«dtfnite ' 

pel r^ngue, €h*»viBlaà fparfo i brindi foDlr 
Ed infcpoUe ancor lo genti» eftinte 
D'ambe le parti da que*i;randi Eroi ^ 
E le braccia ^ che diam* .»vea fofpiote ,» 
O quanto alto Motor tvb vali e pifoìl) 
Jra , (degno , furor a trar& il core y 
Ora a. ftrin^a eoa iratemo umore p, 

'f» 
Vìnti dì i^etffr^ HÉitOfafpr» e ifix>rtsle 
£ra ogni piaga , il Re Britanno w ittt<l ; 
E Ce ma tiro Eliféo, ehe.'n arte Calo 
Era eccellente Medico e perfetto^ 
Non n^ prendea la curai.' il Tao gran alala 
Morto 1 avrebbe ^ od a giacere agretto 
Per molti mtùi e q uè* Signor -d'io torno 
Oli fitró o^oor^ guanto fu lun^o ii giorno ,, 

•fiep«- 



dby Google 



MONàKTESlBfOOTTAVO. 4^ 

Senxt pirlar , feiSM hf fliótt^ àlcìiii* 
Delle ((ifcordie loro, o delU pace ; 
Teinpa tfpetttndo compilo e opportuno ^ 
S«f iftto il Re , com' ogiH ^^i^^io face • 
Venne frattanto, e fu caro a ciafeuno 
Il Prate , a cut si la concord ra pUoe , 
Clw uk>y«toli infieme in pace tanta ^ 
2^'elte Uild« di Pio racendo^anu» 
5 

la queflo mexzo il Principe di Fraoza^ 
Già del Pitin la ^ran fuperllia doma 
Con la fua morte , ad Arquifil fperanzà 
Pfeje di farlo ìmperador di Home : 
Quanta è Tanta 7irtù la tua poflanza f 
Qiiefti cerca di por fovra la chioma 
Pi colui, che l'avria dianzi piagato. 
Corona d'oro; e dargli an $| ^an ftato«. 

Va dì Liruart« a Ptrion dimanda , 

Chi '1 fece accorto dì qotl gran perìjgtfo ^ 
Nel qaal por lo cercavi il Re èi Ltnda f. 
Ed e(li a lui : un pargolefto fi«Uo , 
Che correndo venia da qualia banda , 
Onde Toile feendea, tutto vermiglio, 
Tutto in atto tremante, e con favella. 
Dimefle «i port^ 4« re» noi^Ua p 

T 
Ltfuarte 11 m1r4> « di(e^ E(^landiano 
Vm fatto a me tal beneficio avete ; 
£d io farb, che d*avet fpeCo in vanQ- 
'finiti piffi per me non vi ik>fr#te • 
Allora il pMfe il fant'uom per mano i 
E gli diflle : al gran Re grazie rendete; 
Ond' ei per obedir chino ed umile 
Ba^/la man (oa dol^o at^ e tentila» 



dby Google 



^^ CAnro 

8 

Abbraccia il bel PaocìoI con mokp «more 
il gr4n Britanno, e gli bacia la faccia 
C«n tanta tentresza € tal dolzore, 
Ch'ogn'aftra ooia fuor clclf attiiA fcaccia; 
Rivolti verfo il Pmdre i lumi c*l «ore 9 
Ch^ '1 mira , come force anco a lyi piaccia; 
£ crea in lor que/l'aito amor al grap4e« 
Che io ìaéfMto à dilaia e (paa4e^ 

9 

Venuto coi prigioni Gandal ino « 

Che veftian tisi ti lungo obito nero ; 
E tem^n colpo di fiero dcftino , 
fra*quai fon gii Etettor del facro ^ptro; 
Tantc ragion lor diffe il Paladioo^ 
Non parcendofi mai perb dal vero 
In favor del fMO Anaico illiiilre e degno^ 
die di Eoma gli dier rimferioeUllegBO^ 
>o 

Coronato Avi^uift «ob tutte anello 
Pompe e folenmtik , che fi devea ; 
C iano il Re delle fpietafe e fello 
Piaghe, che molte per lo corpo oveai 
Avendo già mandate le novelle' 
Alia cara Moglier, che J'otteadea; 
Ad /imadigi^ in lui le luci fiffe , 
In prefcnza di xvm un giorno iii6 s 
' Il 

Invitto Civatifif, vengo sfonealo 
A <]ue(lo ufficio far , che mai prefontf 
Lodar .alcun Guerrìer non fono ufato, 
E fo ch'offendefò la voftra mente. 
Che vi recate a noia eiTei' laadato ; 
^.ur io «o'raccontaffuccinta mente 
In prefeneia di unti alti Signori 
3Lc Juie paifato jcoì^t 4 e i voftri «nnri* 

«Poi 



dby Google 



KONAMTESIUOOTTAVa . ^$ 

12 

f oi d* una io uoa comincia a itamte 
Tutte l'oper» iUDftri e. gloriofey 
Fatte io fuo prò cUi ipriiBo dì , cb» fiaft 
Da Brifcnna pregato u difpofe 
Seco per eava^iér, fenza lafciare 
Cofa da dire ; il cIm oieravigUore • 
Fece le menti di ^uei, cbe rudiro>; 
E per Ì07idi4 trar più d'un fo^iro» 
ij 

E detto ciò 9 cof} foggiunfr pòi e 
A chi m'ba dito onose, e vita « e npm^ 
Qual dargli guiderdon, ditemi voi^ 

, to(i*ìùy che gì unita de'fuoi merci al fegdo]^ 
Dunque lo (lato, cbe con tanti fuoi 
Perìgli e fangne ba conCervato, è degno ^ 
Cbe fia pur ftté ; e feco ancor colei , 
A cui fi deve dopo i gioi^ni mi^» 

'4 
Acciocché còme per voler di Dìo 
Senza fapòta mia congiunti fono. 
Si coagiungano ancor per voler mio| 
1 1 quaj da ora in poi tutto lor dono , 
E gli fo. eredi del Regoo natio , 
E dell' AOkor , cbe Aimo maggv>r dono » 
Cbe mi pottano tutti i miei foggettì. 
Da me mai fempre , come figli , retti • > 

1$ 
Signor , obi potrà dir , qiianu dolcezza 
Circondi udendo quefto il core egregio 
Del Casralier, potrà dir la bellezza 
Di Dio , e del . (ai tA tifiimo . collegio • 
'KttlU del regno la grandezza apprezza f 
nulla le lodi, 4be gli' ba date ,e'l prc^; 
Ma cbe gli doni per moglie Oriana , 
Flfib oMi pùUfù^p^àiUlttvsM omaoa». 



dby Google 



4«< . €A.lf T« 

té 
A terra m^ktMvb tntlé dimffi> f 
S gli bacile 1« Uniti coti dicendo: 
tkt m'abbiate^ Sigoori in ftit« mtSèf 
Che, come id iie fit dle^nH) io don €otii|irciiddi 
Che'l mio valore alzato » ove eonccife 
Kon f U è d* altari , grazie or >«ioit vi sesido j 
Ma Cile fii*«i]|ijate voftri Kclìa daeoj 
Vi fard vivo • morto ancD obHgjato* 

£ fervirb con ^ttelt^ amor pcrfitttd^ 

^ -Cht padran fervp, e genitor figliuolo* 

L'abbracoib il Re eoo non minor -affetto « 
^ Cii* avrebbe fatto il (iio prozio figliut^o; 
E gli rifpofe tnetl da me diletto 
.Mai non farete^ eh* imico figliuolo 9 
£ buon da Padre iia , cerne ajb eipertd 
Vi farà mofiroy onde ne fiate certo • 

Poi chìanib Nazian^ perchè vedevi 
Di meraviglia pieni i circofianti 
Reftar, per quello, eh* egli detto àn^Hf 
De' duo felici e fortunati Amanti , 
Perocch^ alcun di lor nulla Tajpen; 
Ma $' era accorto ancor , pofcia , od avanti 
Ch'Oriana fu tolta al gran Romano, ' 
Del lor amor, che lor par novo e àwaot 

E lo pregb • cbe dir voleife il tutto 
Di ^uel ielice>amor a parie a partri 
E quando il Caixalier toglielTe il (rvnt» 
De'^fuoi Éi^ir^ dette fatàche fparte » * 
Per moftrar Jor^ctte con ragion éondulie 
fi^ra Amadigt « torlo , e ch^lla in patte 
Avuto avea ragion di ricusare , 
£ Mii vokv le fwiw il^se ìlm • 

E 



dby Google 



V«tt'%v<« 4b^,tch*ii lui il .conv«nU# r 
Il Tanto Frii(te allor, cb'jBrt dircreto.y ! 
Raccontò '1 ^uud airiita compignU j 
Di che fu ;(bpra .aiodo il Faa^iu! He^ y 
^pesHJo ornai ^:clii pur Uiù Padre (ia, 
£ c^ gli AvoXi fuoÌL.^rail qUe'R«gi, 
Per ^^\9 jiXiMftri , « j^r ^ran ^n^.egiKgi «r 

£ qaraimme-fu da Ipr raecolt;^! 

£ con |»A(e|j^ « i^Kc^tto #n)or? 

Bacialo i^iù d*ivia fiatji in volto; 

>lè fol -d* lor,^e*4Ufii era ainm «iCOftfy 

Ma dAl real dcfppello iniieitie .accolto j 

Da' valor^ji Zìi , dalla GMerriera 

Dì tal .Ì^i0p^,, e di (m (9rte èiÌH^n 4. 

Mentr^a^ccji^caft ftU «»Itn U fkinoìuIUtt^f 
Amadigi il tm 4<pr (aggio e cortefe • 
Era d'pgni virtute absDO ricetta 9 
Air altrui; giof« j al <»enefi&itf À«te(e ; 
£ eh* al dovellp .Imperador eletta 
Deflc.r altra ^u^ Figlia in grazia chieff 
Per moglie al ^e IBritanoo • onde feltficr 

Stabilita fjHl S«oia'Ufii,v^Ì^ler' ;j . ; ' 
Quefta ccQcoEdia» e.ì «^tatrlmooi (J^ntii» 
Sanò i) Re del ^6^ «.df tAAtP. mak . . 
Fonte e ca^i^n.:^ 4i IftQXì 4» noi e tainti. 
£ d'QgaUltra,.%ÌA'aHffi'^< A<Pf« e olortibUi 
Piaga nel cor pio, .a.qiJe''Si^or pneftanti 
Di tornai' ioAo nell'Ifola ferma, 
S 1^ nouc ivi Àr ginrA c'^^dftfcriB*:* 

Fo- 



ci by Google 



McM ài C^ltoro^ ftl P»dr0 dtéd* 
llov«, eh* egli ami 9 coum proprio figli»; 
irsuti rifpofe, the la Dio merccée 
Egli era fano, e fuor d*ùan perìglio; 
B di Tua lunga infirnittà gli diede 
Contezza con non troppo- allegro ciglio i 
£ ob^a! partir laftioiio in tale ftato. 
Che l'aveva gii pianto e fofpirato. 

»5 

Dife di pid, ch'ei non (èpèvs aiicor» 
Nulla di qumto era fra Idr foeceCo/ 
Il che eagion delle fon ifiortc foni 
Stato per certo , ovver di rifehio cfpfctfos 
Sofpir^ il magno Re Lifttarte adora; 
K ftctec atqnaato attonito e dimeUb, 
Penr«ndo foie all'oUigo tefintto , 
Ch'Oliver de ve va al Cavuiitf» vdito ; 
té 

E fog^iunfe ! Signor , certo io éevrea 
Fin a Parigi' à viùurìo andare ; 
E beo, €6me*l defidero^ il farM» 
8* io potefi le notse, ritardare ; 
Ma fé 6«eoaie io fpero» a'defir nnei» 
Che ginfli fon, iiramate foddisfare^ 
liQ falete venire , aceioc^è fia 
Compito in tttcto reUcgresz4 mi*. 
»7 

^inci r uno per aur , gfì akri pef lem 
lieti partirò al j^imo albor del giorno; 
Giun^B a Viodtlifor* in Inghilterra 
JLifnirte , ove la iieglte ài fuo ritomo 
Attendea , poi die cominciò la guevr a « 
Che la ie d' egri e rei penfier foggiomò 
Il «uinto die ^ e fu de lei raceoKo , 
Ck« già 4i (Ulto «»pet j eoa lieio vofto. 



dby Google 



itaNANTisiMaorràfa. 4^ 

Ma cone vide il vago FtoftiullettOj , 
Opra si btlift di aiiun e ran^ 
Se '1 pigliò 'o braccio • e fé 'i riftriofe al pctto^ 
C&e coft non avea di lui più cara. 

Cento volte il baciò con quel diletto. 
Che madre figlio ,. e di dolce acQua amarai 
•Che ftiilava il piacer , gli bagnòi I vifo^ 
Che pareva foimaio ia paradiib» 

*9 

Dicendo. : o ialicttc mio , per mia ventm 
Bì bocca al ficr Leon ti toife Iddio 
Fer beneficio nofiro; ed ebbe cura. 
Del viver tuo quel Signor giufto e pio^ 
e luce di queir occhi, in che fciagnm 
M' aveva trafjportato il deftia rio , 
Senza 'i tuo aiuto e l' infelice forte , 
A lagriaiar ogiior fino alia morte» 
jo 

Mentre Lifuarte per la fua partita 
Le cefo neceflarit apparecchiava j 
fjtr faidar l'amoroia fu* feriu, 
Giunfe Amadigi, ove il rimedio ftav»s 
Oriana trovò^ con la gj^dita 
E gentil fchiera ^ che a diportava 
Nel bel glardio , di Donne , e dlDonuUt 
Vezzoiii, \Ì9Uf graziofc, e belle. 
|i 

Civan r Inpperadorc , e Perione 
Con Briante per mano, e Grafaqdori>; 

^ Che quei volfer preporre, «.con ragiono^ 
Come ftranieri, aglt altri amici loro;. 
Oriana , cui fatto il fua Campione 
Saper aveva, e'I frate anco Alidoro 
la parentela /atta e T amicìzia », 
Corte colnoa ìli jioia i di letiziai 

rem. v; ■ "^ •« * K 



dby Google 



1^ volle aM(% «AH Hb miU ìtà^nHf 
ÈgcÌAT la. ftlih ffillr^ « ^r|H onore r 
Uà «M fbfctft» Itosi wn»ft t di'mò 
La follev^ t6h m (iùmt> a«Mte ,* 
A tei l'àttiiMr flIOi (bil'ttt vitìfid^ 
0rfle: ^iHtftte éì «laj^no ÌIU)^éi%<»ore, 
Chfe AoiV v'Ihi Vlflo , t éi fervinri bfAoii 
A par d'ùgA'kltrè, «t» V'èdoir» ^ feoà » 

6' iMiiìlk a mi M BftMi i^ ir IS^Afttv, 
l^er fit «o* ^ gHit Pktii«e il fifo ^òvfftOS 
Wpl Mricnte ^ $ )aa tòft i^H«¥to tfintiè 
tMffe, « éwló'dllè^ fàt^ltjo fon tttiì^i 
9éi cka'l ^tfftWr IkfofI») , ft «ui ^Milk 

M'&a Atto %^ft* ita^eh» , il l^ai «M la> 
ìdcatro (lirici^ tvH^ fa iTMi^ Mèi. 

roi ch*fbi^ Mòhrtfghi rh^eMMA 
fatta tHMmpèVàicRir» $11 )Ml»é ^«| 
£d amtpddiió tm VìlVOt ftfk f fd^^ftia 

II bel Óuerfkfr |. h t^i Hirt «MeMiASi 
LMtodiIflè à (bti^rflV teAIÒ •1illii>«A%|. 
^n ttl^tè P «fiiféfll , «he fi 4e^« I 
CòunA» ttcàrcii^t ^taol» ^tdi» 

Salir le tcM Wa Hiìi* «M^gmilf - 
6Kb ^àl tM«r n H<^ irtfi «Al li mtb % 

^ là ^ai Aiteiaf !i0ek te tir femèsìft 

l^^l^ Afii •èMi «dlt lìM |*Mte ; 

Tiiftft Ij^lrffi 31 %MMt df* QlMt* » 
8i poftrò H^mÈré In.Mbe ^^ 



dby Google 



IflOWAKftÉSlttllOTTAVO.. %tt 

M «tté^ IfknAé Afflitti t'tIUliiArtMk 
eoh òrma ettbM* ^Httb rilkiv 
Védeatò li tgiiòy eh» WU rpVmfU 
Slifa tlht Hòh ^tb< tdrcèir i ti! , 
Si lèvIV In inietti { % Vbh t«4l batdlrtte 

£li' Aknkaitti cotix)^?àlSi^ il liio «eli» 
€dii iti l^àtl^tadd » thk (ii Uà «itt Illi6. 

J^' àlu Itéiiit » là laifeib e6ki Idi . 
tSk'oànì iì\iTk itlMà iVri» vitttà % ttnéìbiùk 
Con U Àolèéku aè 'beKliéclSiS M: 
ebhi*AW&ai^ 4tfèllà fiòAlift uWii 
P^flb A ft ^ai; quiììk OòAn»» t ttfl 
A^« jèia Ikhò ftr^ò il fìw ^tftf% ^ 
B «òri è ràiau i eòsi ^refe ÈdSUè^ 



Ouanto ^! JTèbtd « % tfi t|flèill ideili «kl ' 
Wntit Itafcè, ò fòt |^« li t^àiilbFto^ 
NttrèhltfiA fetttrtra tiegti àlftllM hi ^ 
eifè 16' ha fitta dfeKiM t^HfftHb è Wltfr: 
Ecco ^òftrtt fbc^dde A* tùii{>i «toci 
Poft6 fittAziè ; 1è(^ toAdottò H fM 
B tbihttnt Vdfcf , cAUtì'aliao |)fr» 
«A^iHlièfltiA Vi Metà» la tUké 

Che fé iHMhf m/m l*ir««(tt ^ 

MAd ttlftbpHtii il fte^ cl'emaAtiafiar 
Cri tlAIM «^llfldl . fbtil lUàMléh 
Da MI là fkeè^ 4H màt iMIfi^éttii 

mitkfh , twt t«iérn$\ Sa r iiAiAu ' 

9k IfeAmd, clftl HA 4IM ìktlM^ 
Dal MKe ««im, « «iqpHrfA 42 MMA 

* Sa lA 



dby Google 



4^ 

JUI eflt.ft lui: o qutl^o « voi debb'io;, - 
Signor mio caro , che con- rtfchi unii r 
Coo Ifnti afiani , « dolor afpro e rio 
Vìe pìù^fcdel dì tutt\ gli altri, amahCt,. 
condotto. » riva avete Ù deiir mio-:- 
Or (tanfi più fofpiri e fenza piaaù 
Del'aoftro faldo «mor corremo il.iFrtKt»,> 
C^ credevtm.ulor Tecco e diftrutto. 
'41 ■ 

ftxh fervar !• ftil uoa vi convieoe, 
Che'n fin a qui con me fervato avete;, 
Or vi fon moglie e ferva; e non è' benci 
Che meco, fiate più quel % clie foletc . 
Kè*t grfdò , in che fono io con voi^foiliene» 
4|C)i*io più'l cenJTentarKe per^omàìpréndcte 
11' frenò iD man da tUtti i mtct defirì,*. 
Ond'io col voftro,(pir€9.e parli e rpiri. 
4* 

Ìff# ditemi vi yricgo il p^rcr v^Sro 
Ùi quel Fanciul, pegno del noitro- amore; 
E fé d' amarlo caramente ha moftro , 
Come devrebbe, il mio Padre e Signore; 
X con che. paùenaa il fallo noftro' 
Mbia foferto , e'ì gipvenile errore; 
Che qiuefta dubbia tema il cor mi, pjaga 
Si, cVanco 1* alma ià tuttonQns'afyagK 
43 

14 ei,* Signornò fé cqnfernfe «1 ^oita. 
VI ^toù cor, e l'alletto alle p^iisolo ^ 
Bi fu Al fui fion altramente accolto». 
Che diletto figUuol da Padre fuole: 
ti^ fifuirte è prudente e faggio molto ; 
B fa celar cib, che moftrar non vuol^; 
Uh io di cib pegno aggio più fecuro, 
«t» Tjic^iWBe» fh a lui £itt* Am 



dby Google 



. . 44. . 
^11 Fanciul df'c>(iumi e dt beltate ' 

E' wftro ffi^lió , e iìihigltatite a yoi ; . ^ 
Però U gcntili^zt e la beltttè 
Qiial eflfer debbia in lui vedete in voij[ 
Che (e non è fra npi grazia e beltate , 
Che non rifpleiida com*un Sole in voij 
Bada ^h" io dicà^, eh* a voi s'aflìmìgli, 
Fercliè <cUfcttii di lui fi BieravìgljL* ^ 

•4S 
vl^ife, e dipinfe i3i purpurea grana 
La nobtl Principerà il volto àdoriio^* 
In tal diporti V ori meri^giaoa 
Confum^r que' Signor del lun|o gifftrnoj 
Ma.xnchinandofi Febo, ad Oriana 
DifTe il Re Perion , che far ritorno 
Volea all'albergo, « Ipr cbiefe licéiiM 
Con cortei! atti • molta fivereoza. 
4« 
^ìrinda^jbeMa a que'Guerrier riSbcro, ' 

Cile U viéer reftar mal volentieri 
Quelle Dame reaK; e U menaro 
A compartir con lor l'ore e ì penfieri: 
Col Franco Re di .-compagnia cenaro 

I magnanimi e forti Cavalieri; 
.•Poi^'andaro a dormir, fin che l'Aurora 

Bianca e verinigHa ufcio dell' onde fuoira • 
47 
lAmadigi, citi il Padre ayea la fera ■ 

Bi quanto far devea, coniglio dato; 

Sando ciaTcììn' dell' onor^tta fchiera 
> Di quelli incliti Eroi, com'era ufato.. 

Ridotto feco nel fuo albergo, ch'era 

II .più grande degli altri e più pregiato^ 
:.Rinehi^fi infuna camera ^f ecreta, 

lncoiniiici2y con «faecia amica e lieta* 



dby Google 



Principi e. (Uie^Hfe^ ««^4 p ifMnf « 
Mi fete ^ti 9&nQr €{1.1 €omP«Si\l à 




Àiwtf <lei v4oj^ vQftro nel iwi^^o. 

Che (iU9i9^%'%xmi ^Uitfètmimfpi 

ISiecome n^gti ef^al e ^e^^^MSC • 
Chf ni*lMi pidr^ti I4 Hortunt rift 
*S! t CD -apipo i pft^ ao^ri ifoii v^rquigli^ 
FjiW ien»are m'avete com^^^aìi^; 
Dega'^, cV t^r cpi^A^sni «acpr vi mli 
Ne'iniei dile^^, ^ ch^o&aua n^co ta^ 
C^^^l dejb'rta i||io pii^ u richiecte^ 

Fer mi^ %ìa «i>ilP«g'Vlr e pejc coafone^ 

S alcuno è qui di voi ^ferCe , che «porte 
pi dolce e ci^ft'amor l'ai via piagata 
')Per Oonna, che qui vtv^, a mf io dic^^ 
Cile TfVfi^ |9r i^oglie e p^r agdic^* 

Foich^avf^ ificefflk^i^, ili quegli ^ti. 
Che coi| tante fatiche e tai ùidon 
Ho fin qHÌ coi nkfC vp^ifo. f cquiftafi , 
Dritto AC giudo 6a ^ef « fV >o ve V onofi i 
Ferocch^ 1 iiegiM gii, de 'ifinti ftati 
gpn preo^ioe «ui^rdón 4«' ^>ac>tCiH ; 
Ed io tant* oblig^to ^ voi mi ttgfiò « 
<Ohe.^^ vx>i ;P4r(irisi il iP^tftQ regno • 



dby Google 



tlONAMTESIHOQTTAVO, 41 j 

S» 
<Q}<«A^ ^^W 6 tacque , « di 4iUtt9 
. i;oK(p£rr« il coj Co^ni scAtU Amti^tf ; 
Xpc^^b'^^^^'^t^ «mpr 0911 vìjoì nfp^tw, 
Séni* più, dimorar , 4*^$ iiffi^ni^ : 
^ Già voi f«p«tc , xamt .Wt'kt oel petto 
' Scolpito Amor , .<^utl proprio in UQ dÌAm«nte, 
La beli* . liadt « t qaal ^ il mio delire » 
Pc;^ QVU! «iuo (pi J^ifo^Of 4if ^* 

Libero 4^tq u« 4i 9ue(^ nuli; 
$1, .^Ivj^ noq h^ potuto li petto |nio 
$.in .qiji pÌH*f 4*41x^0? alcuno (|r#lc.; 
Pur U WU QnCiaó^ «v^r defio 
Meco conciliata fi |iogo marit^If ; 
E mi urrb di €;ib vi^ pii^ còpuf^^^. 
.CJl**M«50 di mqlf'.orP. e gg9ll9 VpiW^t 

ìBruneo con un roTnir nvoH# il vi(o 
Jln lui , t gti^fa di cW fpera « tew/| | , 
Che fapfiafe» Simor^idiffp, io m'ftwyo, 
mie fo) Melici» «btUa > J4 .ipi% fpeoit | 
Il mi? «terreno .0 vago Paji;#4ifo» 
. Otte p^flz?^ ^i4 c^ t«Uto il ipopdo M9mt i 
Per^ di d^r vi piaccia alciin (^ibrto 

.-è %^^9t afflitto «oc, pr» «hf ft» morti,* 

Grafandor feciil ^Uor.: npcor ci|^ pri^i^ 
p«vr^i .4i %9&Uf t^i /wd«r cop«r^ 
Fra peritili <« .litiche. andare inciono 
D«l JK^Sfìo deU'oiiDv fpì«o(a fd erto^ 
fo(Ma «a* A9|or il cor i]»i «ode e Um» 
Per Mabilif ftonpl» vot-cVab «fper^ 
CooQfc«te ^u»l for^ a, ci^ mi tiri ^ 
JNoa laf<9i«tf imperfcili i nuoi^d^firi* 

« 4 ipf- 



dby Google 



-4rtJ CANTO 

S< 
tefptrb PldrlRin, 4|ual chi defira 
Ccifa, cVftver non (perà., e dfflre:ftUlifiB^ 
Cfae'l defidcrio mio tropp'tlto «rpin^ 
Ond' io pavento di cadere « baflb ^ 
91t fé 1* Imperador dì Sardamir* 
Degno ini fa, fin che di vita caflo 
tìueilo corpo farà, gli farà fido 
Servo m ogni fortiin», in ogni lido. 
ff 
^ìfcr ^K altri : a moftrar noiìro vitort 
ILA gsovenerta noftra età n'appellm; 
Che r*alma ancor non ha piagato il coi* 
Par Donna alcuna nata, o per Donzeilm; 
I prigioni e i reami ài voftro onore 
Sono dicati ; e queUa cofa e quella 
Per voftro arbitrio fol donate a cut 
Più fi conviene; e còme piace 4 vui. 
58 
Comi di -Q^ftL vtffra difponete 

JDi tutti qol, che nulla più n'aggrafl». 
• <2he ifirimmòTtilttJi per girne avete 
Coi voilro ini^ftt!6 alJdrr moftro la ftrada^; 
©Iteci a voftiò '^rò V dove volere,. 
Che per Voftro fervigio opriam la'fpade: 
Che non ^a cofa ptiì da noi gradita, 
• Ch^ad ogni rifchio efpor per voi la vita.» 

59 
^lo fra «Itti Ttoritfapte tacque 
In profondo j>eai?ef> •chiitf» td tmiiierfe:! 
Di ohe Ibfpètto ad AmaJtgi iitcqne^ 
Che defio non weflTé Hi fuo diverfo, 
Ond ei^i quefto «còbrto, lo compiacque^ 
E gli di€e: Signor, ver lui converfo, 
'Altro cammino fanno i penfier miei i 
E .»• io t^iuOL i noto il vi 'faiii • 

X - ficor* 



dby Google 



•^VONAKTfiSIMOOTTAVQ. aW 

'66 
!;$corgete pur ie.coAor voglie al Irdo; 
E dìrpenfate i .Regni e le Donzelle 
Fra quelli Cavalttr, che v'hanno %òù 
bielle voilre^pa&te afpre procelle 
Soccorfo .^ato , perch' to mi cofi6do , 
Prima che U fe/lo .d2 copr#n le ftelle^.^ 
9ì potervi «errar cofa'y ehe^a / 
Vodra non poca contentexza e mh(« 

Gis (labiliti i matrimoni fanti 
Fra que* Signori vatorcffi e. degni; 
Di.cohdbtde Y<)tcr.ì!i tutti quanti 
Divifipoi fra lor gli ftati e i regni ^ 
f)iede il Ducato, di Saflòoia avanti 
Di Barfinano , e fucceflbri iinlegni 
Con U Duchetfa. al Principe d^Irlao^^i;; 
Stf a Bruneo il bei Regno di LtotU» 
-^% 
fE i pritfii^pofreflror lor mlfe in m«no^ 
Per :più ^ facile, aver ogni lor terra ; 
Pofcia pregò r,li][iperador Itomano 9 
Che quanto il |iro di <UUvria ferra , ^ 

tDeflè con la Reina a* Fiorivano, 
Poi'che'l priqiier: Signor ere fcttcrre 
Seóz!.altro erede: il «he gli fu conetfl^ 

rCon gran riccìkczsa ed sUri fttti apprtflb> 

dj 

'Mcntr*a qaeft*epra attende ognun di lor^ 

Si:fta, cWi SiS^tUt Dame in bel diport»; 

Da una fen^ilra» ^e ^fnnneta e 4t*ù^ 

Mirava, donde' H Sole «feti bell'arte J 

;C.ntra unaugei i.chf *n fuono altoecitom 

XSran meraviglia lor diede e conforto ,^ 
Con si rara armonia, eoa tei conciati» 

S^^^A H^ j| ftOMr tteUf iti» t «eocC» 

9 J SP*^^ 



dby Google 



"Mua ìt pittai , «ni; egli %q4t,T§ V»^mf - 
^i mpfi color ^ cKe èM Cif i f«r«ao <; «iiuis; 
Tj^w d' oio irw*" *Ptor9o Wprao ^ 
Coo flwgiftejÌQ 4i H^^rn, t^O •' 
Al ^lo ILVC41IP monìUdCogMl^flgiw» 
Di'Iuc^ KÌ^ìfi 4vrìa>, Bi^fii*^^ • MCQi 
Dai ^ual petite viv pic«^<^U muo». 

% cui legato ii^>revf <f:*,*^v^ fcr«Vp 
Era di fniM*: poa fw i^lc^p, cfco i»itpaÌH 
Fuor clwt col^ »iyii fpU-i» '1 Cl«ARrefcruto, | 
Chf €OK|.UifJ^4ifcog^l9ilvHicik i^coj5»«ocdivi: 
Se far «»<j<o wp. -wuol. ej^l x<)aQstto , 
E i fivù ckftr bÀafmA?; r«p«^tó e f^vi^cclMi 
Gf}pe v^r4 ve^ei^ap ai paragopc 

riur «tt^c, U^re 4>r lem t rli>e»p> 
€)a^ir«^fta/M|i «PÌ W nBfirj^vigUi,, 
Che WAjwm-P^Pt^teprfofp^p tettili 
ila 4i. lofTwle. V<ii«.o. ew»«itìi R»Sl«*» 
M»'l va].((»nQÌb'9.a« c|u( arpi<ofB«tte^ 
Chr 1^1^ vontmia. fi^ fQl <MUa Fig)i> ., 

^ «n Ìfqz;a;:ml t^.rìtiQVAt rai«elte^ 
teuch^ "Qn. gli fc# '1 tim9r ^:hiRf% U 9lfo*^ 

fr Sj?ol^J^ai q«n.iiw).5i;^o<lft&U «iijnftnic, 
AÀ^.^n$l *plIo lu«ii4p A««W^ 



dby Google 



^ONANTBSIMOOTTAVO, 4^ 

fffgf^ t'.ttugitl hi ««gbf pìitfttt bIIoi». 
Conuafoav^ canto • lieto volo; 
S delPiUbem illiiftffC ufoìto fon* 
N' andò** per 7 aria peregnno e Cblo : 
Miripds;,, % ^iiii.par iMfif^ oj|ni d#^fN:*i| 
Xa carta aperfc ; 9 ritrovb <K duolo 
«Cagione in parte , in parte di diletto | 
«fiomf ncir #ltrQ caatQ yi Ja AM9* 



*Sj9§4it;in9f^m0jiimfUfféi<^^ ' 



Wi ^ •«•»* 



Digitizedby Google 



C A N T O 

NON A NT ESI MONO NO. 

C\ ItÀigni udttor , i^ittimniqiit io IBt 
/ Dtl cafamin lungo trarvgliato e l«fR»^ì 
Per trarre ti €ii quello, ohe «noor *di w 
Breve ftwzto mi refta , «0r«tto il ^fh , 
^^1 ftonco Peregrin , ohe pur defia 
Di Tìpoferfi i e * ^qualche tronco. , o M^ 
Appendendo il bordott,:coa luci liete 
Gonfecrarlo *l|a Dea4eUA Quiete. 
•1 
Voi cqn U^cortefit :d«rete tldici»» , 
CK' avete Hii qui mòftra, al' canto niifr. 
Torniamo daiuiue 9 ove l' Augello féqaa 
Dai Re prender congiedo fi partio. 
Mirioda molM fuor nell' apparenza 9 
Ch'evea di lagrima^ novo^efioi^ 
Foieh'tbbe letto quella 4oritto foglia j 
Bl cor rpppreffe fiibito^.cordoglio • 

TDiccala lettra , corno giunta a morto 
£ra la Madre di ..^1 Itegnò eredr; 
Sondo prima di lei «nonoil COnfortCLy. 
Cui ella un sì gran ftato In dote diediLi 
E eh' a Mtrindaril filo morto. e fa forte 
Avea donato :queUa real fede.^ 
D^ concordo voler de'fuoi fioiggctlti» 
LDc'jrilai «aiti A.ootitfU- ecaao elotti • 



dby Google 



If OHHNTB^IMONÒNQ . ì|M 

'Santi pielite , -e 'filitle am^re 

Spurie d«gli' occhi ptd che '1 Sol liicentt 
Amara* pioggia di lucido umore « 
^Chc cadendo 'facea rivi correnti: 
Piangtan le Grazie , piangea feco Amore; » 
Gb'eran a ornar il fiio bel irifo intenti; 
C facean armonia 9Ì rara « do4ee , 
Che ogni cor ( benché ìluro ) impiaga e moke* 

vChi'tion'magnea'^con lei , ,per certo aveft 
Il cor di pietra, o <ii tigre entpta e-fieraa 
Oriana gentil con 4ei «pia^nea ; 
'BrioUBgia)*Meli«ia, • Taltra Tchiera 
Di Donne, e Cavalier^che non potea 
Uomo vedendo' la 'gentil Guerriera 
Vcrfar- da' lumi un lagriinof»dhltta, 
Tener quantunque crudo il volto »ftiutta«^ 

^ 7 

^pich'ebbcicomptiioiifto àt* frale <^(eri(b.« 
Qpanto 'devea y coi ru^iaitofi rai, 
E fatto- iparger*^rieghi, oro, ed kicenfo 
Per cotti i tempi, e cantar fnefTe aflTai ; 
Nel core annato di-valore immen/b 
Chiufe il fuo duolo; e nol-Aioftrb più mal.» 
Che fa,:>cbe'4Y teiupQ'd'aUegreiia evftfta 
Non- te coavten di ftar penfofa e mefta. 

7 
icBcome faggi» «el (uo cor daftioa.. 
Fatte W^noxxc col ctroWiliddro, 
Seco ir, > porche l'ha Catuil Ciel Reiiiiiy 
tt ip^tfh a pigliar del «ecno loro . 
Tutti infieme ^snngiar quella mattina 
Di Donne » e Cavalieri il lieto coro 
•Per darle ì^paflb j e tutto il liiiigo giorno -. 
«Ja^ouéì dipOErli MpfaMiionio. 



dby Google 



41 

lU grand' Ifpano dtlU fpcqie altiflf , 
' Ck« 1^ K^a Argq» gli 4v«i( gii cUtft^ 

Che 'a 4iia:^ 40i Tuo mot s' «v^t iarnMCt« 
rIa<^fH. ptarte^slikivUl al vcfO» 
qk'ahfo i^n vf(U^e^al.qiieU««lft>grat», 
TAfpetr^odo vtdmt puf df ora io ^«l 
. JlM viva 9. « Tf r#^ e JiellA^f ìlidMi • 

iBriinto lr»ttaiH», e'I fHo Ffate(to«clttfi 
Con ABgffi9t9 pef ftPCoi|ipitgn«r» 
Xa Reina. eiifftiia..9 ond* $' ^Tratti > 
C9n Q»Iaor« 4i «acPAve ;U iii^r« ; 
Prail dui BrlgaQtìm i pid-perfatù 
Di quanti fon qiieii'ovde ufi s foittf»^ 
Sccfer pretfa a HovanQ in Nprimndia^ 

. .AilAr.<dial $9l d»irQf^fl»0^9i*« 
«IP 

.11 di J!»gili*nt« i^unforo in 'Parigi 

Aiutando i Cajrai 90tk\hn% e fpMMMI.g* 
.Cbe raui fa n'aadii^piì^ diSTnavi^i, 
S'kao la malsana apiprta 9 llammoar» 
Trovar la gentil ?Madra4* ^madigi , 
Cba volta «ol penfiera a Pafione^ 
•Ed «l ftto caro Figlio, (ofytuvw^i 
ìM. deSt. lor i^rluna in diiÙ^.I|asa« 
) »ii 

ìK feco CUIaoto. aooor d«! man» 

Pallido aiGù.,»ila .«ni «furono. accolti,^ 
Cooia xoaneotfiaUUir^ftaiAreaia 
Con.^ortafi acAogUenst.Y'^D lieti ««olii? 
•Ricovrale ^i giMr U^ntmriM 
Voftra vifftttie ^'O.tttlti^i'paafieii^iroltU 
Ptfs^Aogrioto, a rai^granvt, il cola, 
WaftìM il, volto, di piA M caIm». 

ijChf 



dby Google 



iCbe novella i^AUtH or^ 4« noi 

MiglÌQr» ckft gÀinviMlì for/« ;udita 4bbiitte;| 
E gli ntcrb tU IMMlM ii¥ parte p(H 
1 pericoli ^^orfi^ e U (fljeute 
Batuglie^tlìefr%|;U incliti Eroi 4 
ta Koaa <li'<iP(BMbe<» delU cìttatc.; 
E la vhti^ria ^l;^ , cV ^^be il (ratel{9 
ìfi qi|d vittpiio(p « i^ao -dci^9{teUQ*. 

Xa 9i6e.« 1 ipatrìmonì pMblkai:! 

y^toti, allegrq»^ di lutto il Ponente», 
De' Hcpwgipnirji de'ilLcgni ^icijuiftati,, 
E doaatiìJa^^lKM libatameli te.» 
Di tanti Cavalier'faeco ajdiinati.f 
Le ci^ glorie non iSan dal tempo fpftntei» 
È di Ari|MÌfillp iQ^rador Rpma(|iA 
E>ttf .per iavor^.4ÌM> ^ ^etmatVQt* 

andito cij^y cbanii^la mialEipqtA 
wVew* QaUorrwb DenfoTo ; 
Ca'ogib*! volto . color <,qWeno« Qig|»;|. 
E fofpirbi,ili|aoto potè, -più. afcofo ; 
?oi cOfe: io Uu4p I>io, percbè voLut» 
Non ha » cbc 'n cafo tanto periglipTa 
Mi fia trovato, ed abbia avu^ pact» 
^'ogiH fortvpa del gnm J^e MA^^f^^* 

IMeglipè,rifppfcqjieVi^%^ , 
Della, vittprìa a,p4rte. ddiapreda.; 
E la '^eifia B|CÌplf|D(ill av^atfii 
Piò beUa àfii^,»'Cib« U^gUa di Xada,. 
Ch'i 41 ^lft!iif% '€^<kmti\oi b^ vfapete* 
Agguagliali pocbf »*o nulla è cM 1* caccio.; 
Cbe rba voftro Fratti fra T altre ^eletta»» 



dby Google 



'1S)(da ie lettre éìtàt td ttifèn» 
^èl fuo caro Fii^liuolo , t 4^1 Marìl» r 
Ond'elfé tutta di diletto ^piena, 
«RiagrAziò. il fommo Dio. col cor cootrìtft* 
Appirte il 'di feguente il Sole e pena , 
Cnt .4enza dimorar n* «ndaro al lito ; 
Ove trovar là»^ trenti navi afmite 
Ivì'fempre ad ogn^uopo appirccciinate* 

»£bber profpero il «ar, fecondo il vento^ 
Tanto, óiicr'l terzo di-, coccàro iMido • 
Conófciuto da loro in un moniento 
]1 pòrto, il fa4,t]tar con lieto grida; 
Onde Aifiadlgì più che mii contento 
Gon ogni amico /ùo 'diletto e fido 
Al maae alquanto prima andò -del*^«dfe.^ 
Per abbracciare il Fratello e UMtdpr.' 
i8 

rMft perchè preftr (lei , igH titri^irnb 
Sovr'^un ^ncco' bartcl difcefi io terra. 
Tofto a lei, .che conobbe il;FigUuol. can^, 
Della^foverchia ^oia il cor -fi fprra: 
ed ei , che d' umiiti, mai non fu avaco. 
Per onorarla Cubito s* atterra ; 
E.per tbacìarta le chiede la mano;. 
Ma poco fpaxio s' aiTatica in Vàùo » 
J9 

(Che tofto'Fabbnctiò, cibnt\à>boreefla 
Ellera, * vircTaoI feco cd^fciuta,; 
E le bacib piò yolte il vifòbislló,. 
Per foverehio .pìater pallida e. muta: 
fpfcia che tei lafciò , volto al Fratello « 
Che non folo-riachina e'Jo faluta, 
:Ma gli diede la man, Tabbratcia .ftrettq» 
if «ftiUa fuor per gli occhi il filo ottetto. 



dby Google 



^onantes;monono. 4«js 

so 

vVoIet It^eu ed onortu fcbtera 
Delle belle I^rincefle tndtr al mare^ 
E 'nnanzt all' altre la gentil Guerriera ^ 
Che fotto negro velo un Angel pare ; 
Per onorar quella Reina, ch'era 
D*ogni virtutc ef empio e fingulare : 
Ma'! Re non volfe, e mandò Gindaltno^ 
Che 1« tut afpettar dentro il giardino. 

SI 

finite raccoglieitxe onefte e belle « 
Che baen ^azio durar, la gran Rein« 
Pofta'fovra un ubin con le Donzelle 
Tette adorne di feta ^orporraa , 
Sparfa di perle , e tli dorate fteHe, 
Con quella {quadra altera « pellegriiuk 
Dienti Cavaiieri andaro ad 4^10 
VeiTo r Imperiale alto palagio. 
tt 

Fu dairiRiperador tolta di fólla,, 
Che tal grazia impetrò dal fuò Cognato 
I.^iiluftre Donna; « dagli altri con ella 
Le Donzelle, che* feco avea menato: 
Su-l^ufcio del giare in ttov^r U bella 
9rtncefla.«on le tre Retne*a lato 
Inginocchiate per far riveremu 
A quella Dama di tanta eccellemca,^ 

*'* 

fElla «ortefe V ahea ; -t raccsrena ; 

£ più volte le bacìa ad una ad una., 
MfravtgUofa di tanta bellezza , 
Quanto non fu «ammai. Cotto la Luna ; 
La lor beiti crefcea per 1* allegrezza , 
Che rideva negli ocelli di eiafcuna ; 
Grafinda poi la Nipoto, e la F^ia 
:ii'*«col(er gaie t liete a- mera vigli». 



dby Google 



4^6 qkidtif, 

£ con fatìgt 4^ ^^^ f^ x^iipilf^ 
^t Heia4 cortef^ fé) «nqpj^ofa; 

Il fui) 4^qgcia(o U aovf iU (9^<lk i 

Sgriiii^int Unga ^ pengliofi.!. 
:lla ruppe Joro Aipadigi il Cerroone 
' COil .ideila e ili f arlai .fip^» -C^^i^QA^ • 

Menava Mr Ì4 m^f^ wC è^W^^^^ 
JQeii'ftefao 4>i|tor.;^U ^ ÌMWH »' 
E <liile 4^a)aor f9i «b* Ì9tn4«Uf 
Fratel 19Ì if^ 4' A^mpr «^M^iU ventuno « 
Sicconve .g?nad^ C>« .inilV#ltr« eletta 
ik. VOI la 46, pereti^ Q*abl}>u(Q c^ra j 
E la cegflUu cara a par ifi^ core» 
Cbé atfll» è 4««n# pia 4el vpftro a9ioi«« 

Kifpofe t^al^aATo: c^ Signor mia, . 

<Òut:(|o , ^*or voi ipi htt ) è si gra/i doai^ 
Cn& IIM)1 ^tr)^ j^agf^r fuqr che l 4e^)9 9 
C'bo4Ì C|rv4rvi.QgMrt(fe pur ^ ^90) 
Voi 44ti in 4of|« 11;^ r «vtt^ » ed io 
A me fteCo mi togt io ^ a 1^ 911 dosu^ i 
E fuo fei9pr« Ì4r4> ^o ^kt^ì vitale 
Mio.ipirtO foftarti l^^^rn/? fralip,, 

42ueilo 4ir^'ei 4» ^C^i^q» ^ fq 4a veio 9 
Che la bene;B;Qa i9 Ì4 vinii infiaiu 
Di lei d*aniQrr|| ac^afe <) C^Viliiei^^ 
Cdt iUfii.6 .pj^i , ,cof«e U propria vi^: 
£d f lU a li|i rivolfo^gai pciii^a^ 
E V anti^^a di| A» voglia ubaodil» ^ 
Morta ifi fé ftaflff , vìflb (dio in. lui ; 



dby Google 



HONANTIJSII^QNOIVO • ^^ 

Df Ila venuti fu* ^ft^ il romoro 
Coffe per t^tto^ %ki che delle Dpnciei) 
,C)i'«pptÉeoclKÌ^(o^ve«Q f^r Urli onora 
Órnemcnti fuperll^i -e TÌctpe gonne , 
Coo U prefte«%a i che G pi|b maggiore^ 
In ^dora^rù nuUa ^ fili , cV «fotone f^ 
E'I nedefioio fero ii Cavalieri^ 

t^on tenti io vitti ^velier, fiè t«nte 
D^^pe di f^ettri illuftri e 4^ corone; 
Non tante gemme ^ od o;* puro e fi&mnav^t^ 
Dair Àul^rp caldo a] éeli(^ ^^uilo^e 
Vide di Defila mai il bello Alante 
Infieme accolti , >quaati Periooe 
Segiii-itt , ed iìli(efia e quante intorno 
>Q{)eiie ^^ni^e xe^ìi aveao ^vfii gtornAt 

34il1e corfiec di l^apoii« f di ^pagn% 
Di pelo baio , leardo , e mprello .^ 
Pi Turchia t 4* ^^'^^^ < 4i L^m^^^^s 
Mille chine^.più b^anciie^ che T augello ^ 
Cbe dolcemente nei morir fi Ugna ,| 
Hb belle s^, che non fapria pennello 
Dotto formarne di rat|;gior b^lkzza.; 
X^aV^iv» a irin^rfr fc mma va^^heue » 

<Qaal di velluto l^g<'o 1>^ '1 gl^rnimeIreo 
C^o frange d*oro , ;e quii dì cremefino | 
A par^ a parte con vago ornamento 
Òi v'uif pia d'un diamante^ice d*^nrubìno!t 
GoQ 1^ coperte <^u*l 4i terfo argento, 
•Qua! di broccato •prciiofo e fino ; 
Con freni e ilaie .fitte all^azzim!na 
Jd*oi» « 4* W* if S&iedrA e ^Uegrine • 

Hit 



dby Google 



j(i« e A K T 

3* 

iht divifc de'^^gi e de' valletti . 
Ricche e Cuperbe di vtri colow , - 
eh' à accompagnar le D*me erano eletu 
A piedi ed A c«.val dai lor Signori , 
eh io voglia raccontar non fia ,'Chi afpettì, 
eh' ci parean proprio un gran nembo di fiori 
Sofpiatcr Icvetnettte da dolce on , 
Ch'óvttnque pafiÀ T aria, orna ed indori., 

tL' Inglefc |le,.ébe vide ili ItHitanf 
Ifenlr la compagnia leggiadra ebelt«. 
Onde tutto coperto tra quel piano 
fi, che non fi vedea l'erba novella; 
Alidore , il Penfofo , € Cildidano 
Seco per gire ad incontrargli appella; 
E fpcona di buon pafib il Oio ideftriero 
Fét voler in queir atto cffer primier»^ 

<^U9fti Principi e Regi s onoraro 
Con atti gravi, e maetli reale* 
Eca. indietro Amadigi, e col fuo cai» 

'^ Fratel venia parlando, ancoìr del «lak 
Pallido molto; e come y avvìfaro , 
Ch'era venuto il Re, iecer por K ale 
Ai lor idcftrier per fare il lor devuto 
Coa luì ^ cui ciafcun d'efli eri tenuto* 

rAmadigi non fp, ch'era gagliardo 

Contra il vofer lAÌ Ini^ eh' a ciò contea 
A.fcender sdetrarcion d'un falto tardo, 
Ed a baciar la mano al Re corteCet 
Che , come a GalaOr voTfe lo fguardo, 
E tal lo vfde, di pietà V «cccfe , 
E r abbraccia , perche non fcenda , ftreft^ 
Xo« Amorofo e di buon Padre afeeto.. 



dby Google 



Ambi ptr ^kma vì|H Ugrim^re,. 
O* per altra c'agton fur da ciafcuno f. ^ 
eh io oon vo' quella cofa interpretare' 
In altro fcnfo^ come vuble alcuno; 
La Reina Brifenna' ad ononire* 
Andar qiie^gran STignori ad uno ad uno,;: 
M^ d' tShr primo il Genero fi sforma ,. 
B fé bacia la man quafi per fòrzff • 

Poi fecr. riverenza alla Cognata « 

Ed^'ella^ lui, che per la man la pigliar 
Ma come vide la fchiera onorata ^ 
Della quattro Reine « e della Figlila 
Brifelina « dal piacer fatta beata 
Ai fuo ber paUfren Ufcìik la briglia r 
E (l^cBligazion con T altre ufcita. 
Abbracciò la Figliuola, e la fua viCH-' 
■ ' • 38 • 

Tal fu la gioia intorno al core a^oltt. .,. 
D'ambedue queftè, che ne* venner meno*. 
E (e non era l'accortezza nlolta 
«D'Amadìgi,. oadhan del oalafreno: 
Non fi contenta di più' d^ una volta 
Baciar la bocca amatale gli occhi' e '1 feno^ 
della Figliuola; e f u U piacer coftan^o^ 
Ch'^jmbe la facicia fi bagnar, dj ^pianto ^ 
39 . 

E diffe : .voflia , cara fii^lia , Dio ,. , 
Ch*e que£i voftra grande ,. alma bellezza, 
C^agibn del grave voftro affanno , e mio , 
Ci rechi ornai dilettò ed allegrezza: 
KuUa ella rifpondéa , ma d' un bel rio 
Si rigava le gote; onde vaghezza 
é^WwU ulo a A» beltate immenfa , 
c|^avria^^»mor una dur'tlpe aeceofa . 



dby Google 



4^ 
Saie fftrìin buon fptrio !i^ ^dìèlta ^8k^ 
Se éàì cohcorfo ai Ùààhk ^ e 6bAzèlfc 
Non ér* 1' una dall*àtrìra dì^ifà » 
Che vehun oUìnct è^iViètiti!Ìlohltq[uèBct 
Leotioretta 4Tlà Sòrtfìlé, ^ fcttifi ' . 
tlie'l hiinoir ài ibi^fiÒT tUbie) ìt W\é 
14kni vòlfe Baciare ,-oAt' Àfoòr fbcflfd 
Voieòdo ftltrui fikjytt^ ^ìk^ fk tteiib» 

lift hel foftffe, e cbii tà t^òféìi Vòéci^ 
Cbe fpirava ad ogn'of Arafeb tfdòré) 
Le btlle gtianciè » efie vineéinò fiofc^ 
Dì frefea liève ^ e grahft tli tWbHi ^ 
Soavemehìe l>aciaftdo ^^ le totict ; 
1 ile lÉnaliaa it liìlettò iÉfflnft 41 el^ft^: 
Accolfe l'altre Dalttìgètle boi; 
£3 élJ» accolta fu èk ratti i ftloK 

■^* < ' • 

Vinìtt 1 dolci e cafi abbracciaalenn, 

tht durar tra coAòro una lung* ori ^ 

Verfo l' Ifola ìferma a paffi lesoti 

S'avviar iTehza far altra dìinbrk: 

Oriana gentil toi ìiiàti intenti 

i«cirtinàtò Mantidi ftavk ed c^*0^^ 

E di ina terno dcfiderio \tàtà 

Delle Iftblbra Isaciai'^ xkt fatte «Vta» 

Le Madre, ciré coàobbe là fui frànse ^ 
Defland'éta aticor, che il coArpikctlI» 
fcrplandian con bana vóce chiama 
Dicendo a lù'i, che eothpàgOià le fàctla; 
Ohd'ci , éht più nùM' altra cofe btaillil, 
D' un purpureo còlór pihtà là faccia , 
"òli queir afi^etto aAÉèlìCo <i W!lUb 

^iho (Bd iiftiin u Kc» fk %km. 

Ed 



dby Google 



%à elk «ol éefiò tnilie fiate 

A Itti 11 belht Ì»oc6i , ì himi, e'I Vt^ 
Ove fi cstìteiifpiftvft ogni belute 
]>c(li iHmiòli ptò bei étl Pirtdifo^ 
Po) cli« %mkr i^l fti^ co» le bvate 
LabVra ^i rofè • ìù rimira éfo^, 
Bevendo da'beglitfechi e dall' afpcttd> 
Un fHà H'^ nUta» (bave Ailtno4 ^ 

Alìdorof^ tlii lle|À» eri l'iìU 
Della 99r«na |^ef Cófiààrrt ih {M>rt# 
Il (uà diefitt ònìdé iMnaVa vif A 
^lv% d*6|fAi fhèeì'i d'agni- confbito^ 
Lt fdof^r% (1 ftt^ àift^tt« t rioftiìiti 
1»èntevtie |ir il fta doglfdfo « fiHotvfrf 
E Ifc prèg^> the ftr )6 iròj^lia lìevir, 
Senr'éé «leu A UéprìVt \\ fu» fìfcifet»*. 

Cernila gAiféil) cliUVett^lV^atfc . 
£^ forte del dellr tuad^elè e lèrk ^ 
Gli prÓtiÀfe éì «lìi ]^er Tpota kifaH* 
Aver U glèrùffib y élt* Otterrltra ; 
E P'òffervH^'^^l'^oHi arriVat* 
Lo chMt «i» '%Hthi n fhedeOlM feH ^ 
Dando 4'el tu^ <feilò ìlbVa tagidtte ; 
E. totMtdIi fe ffa. 'dfc Pèri^dtf 

U qua! cliiiMAn^tf f^nf^a Fi|nfaolè^ 
Cui aMòrofli llMfi^ftka il 'cére ii'dea , 
Qual foco fet^ foFde, ih ^«rt% fòYa, 
Le dHTe , eoftiè iM Ótiaha avV» 
La fé ^Mmèira, i^ dit^ la j^afol^,. 
La qual ^ùtrh «mVvàrr ^ coM èo^^ ; 
Ma che far 1M putta y TthtÉ Uftré 
ràtta 8il Iti «^tiMt fcf( il Mf yvlHe^ 

rol 



dby Google 



4P cAUrra 

fòl le ntrrb la eofa, ond*elU accorti» 
Non men che bella gli nfpofe^ Sire;, 
Fatta la bella faceta elianto fmoru ^ 
Jl voi di comandare ,. e d* obedìre 
A me fol fi conirien i né & foppon* 
Alvoilro grado y e mio, di cosi dire;. 
Voi mi fete Signor 5 io vi fon ferva; 
E. figlia obediente , e non proterva.. 

49 
Kccomi prefta a far ciò, che volete,. 
Benché pcnfava di far cofe prima; 
Degne di voi , che Genitor mi Cete» 
£ del mio fangue , ond' iofoffi in piò ftiMaj 
Perchè *1 mio nome cieco 5. ofcnro Lete 
Non fommergeiTe in parte ofcura ed iflu^ 
Ma poi che 1 voler voftro* è ule ; ed io 
D'ogni vofiro voler vo'far il mio. 

50 
L' officio ifteflb. far col Re Lifuart» 
Fece Oriana al fuo caro Conforte ,. 
A cui fol> fé di quel (ecreto parte: 
E fubito per tucta ia ^ran corte 
Fur quelle nozze publieate e fpartef 
Di chi ciafctto fi rallegrb^ si forte , 
Ghe'n andaron i gridi e le. novelle 
Con alto e lieto fuon fino alle ftfUt» 

Brifen^a , che vedea cotanti l90i 
Figli d'ecceifi Mncipi, e di Regiy 
Di cui da* campi Efperi ai liti Eoi 
S'ammiravano i f^tti alti ed egregi; 
Ch^eran venuti fin dai regni Tuoi , 
--Vaghi di fama e d'onorati pre^i 
Dalla gloria invitati d'Amadigi^ 
ClL'avea per tutto i(iipreft i:riioi veftigt; 

Gk 



dby Google 



NONAKTBSIMONbNO. 4^1^ 

51 
0ir dictM a lui, Occome «n cagnot^ 
Suole al Padrone ; e ttnerfi beato » 
Q«al andar gli notava più vicino, 
E nel mondo pin chiaro e più lodatn l 
B che la corte d'un picciol ContipK» 
Qua! era di Lifuarte a quefta a lato» 
Benché fote Marito della Figlia , 
Se ne rode d'invidia e meraviglia. 

Voltto avreIrM, cb*a si grand' altezza 
Foffè fucceffo, com' erede loro, 
X^fciata a lai, ficcoae la ricchezza f 
I real fcettri ,9 le corone d' or» ; 
Ma perchè donna faggia era , ed avvezza 
A faper fimular; nulla a coftoro 
Moftrò fuor della mente inferma ed egira; 
Aiizi di ftar vie più d'ogn'altn allégra* 

€litinti airirola ferma, nel caftéifo 
Alloggiò Fertene, eì Re Lifuarte 
Con le Reine , e quel leggiadro e bello 
Squadron di Donne di ciafcuna parte . 
Per la Cittate poi l'altro drappello 
Di Cavalier, faggio Forier comparte 
In palazzi migninci e reali 
Pegni di loro , ed al lor nMrto eguali» 

PaiTata l'ora calda e merig|iana 
Dell'altra giorno in dolci fhoni e canti. 
Perchè Melizia , Olinda . ed Oriana 
Tolean dell'arco de' leali amanti 
La prova far, e della rara e iirana 
Cernerai ove Guerrìer tant'anni avaniìs 
B luftri entrato non era alcun mai, 
Wncr eh' Amidi^ , e la tentalo alTai ; 
Tom. ir. T . Agriao» 



dby Google 



414 ckUro 

Agriinu airufsito efTer primiero 
Votfe, e la cara fua Donna per mano 
Menò, quale il Padrin fuol Cavaliero, 
Cbe vada a far aiTalt'o orrendo e Arano: 
Ella, che d'amor Tempre ardente e vero 
L'amb, non ha, che'l fuo defio fia vano, 
Temenza alcuna ; e va lieta e fecura 
A prova far ^ella gentil ventura, 

.57 ' " ' 
Senza trovar per ftrada alcuni cpfa ^ . 
Che punto la impedifca y 6 la fgoinenli , 
X.a vaga Giovenetta ed aniorofa 
L'arco varcò, con pafli tardi e lenti: 
U immagine, che'n cima fpa.ventofa 
Si dimoftrava a tutte l'altre genti, 
. A lei fi moftrò umile j e dolcemente 
Fé col foave fuon lieta ogni mente «- 

5? 

]f medefimo avvenne alla itale ^ 
E femplicetta, e pura Verginella; 
Di che Tenti Brùneo letizia tale , 
Che fé felijce fovra ogn' altro appella : 
Oriana dappoi fecura , quale 
Certa d*aver it pregio paftorella. 
Ch'abbia meglio danzato al paragone,^ 
M/ra il chiaro figliuol di Perione. 
59 

E fattafi la croec^ il pafo move 
Con una gravità vaga e gentile . 
Allor cadde ,dal ciel di rare e nove 
Rofe e di fiori ^n dilettofo aprile; 
Che^non fur mai,»^ mai fian vifti altrove 
Dji bel lidi tl'Efperia al mar di Tile, 
*Cn ivan d intorno con foavi errori 
Tutto empiendo quel ciel d' Arabi odorr^ 

E 



dby Google 



NON ANTESIMONOMO . 4{ % 
69 

C ft*udi UR^armonu^ qual Uflfd forfè 
I^' alme beate fan lodando Dio ; 
A trovar l* altre due fubito corfe, 
Ch*avean già fcorto a riva il lor defio« 
Ma come a Grovancfa il guardo torfe , 
£ la Tua gran beltà vide ; il natio 
Color ricopre di pallore 5 e teme . 
Kon falfa iia la fua feconda fpeme. 
61 

Mentre a provar 1* altra ventura inteAi 
Stava Oriana ; e già per partirfi età 
Per la fufpizion) ch'aveva prefa 
Vana Alidor la fua gentil Guerriera 
S)i quella, ch'dr rinchiu4 entr' una cbiefa 
In van di lui li lagna e fi difpera ; 
Per render lei fecura 9 ed effe lui , 
Lieti prefi per maa vanno ambodMi* 
6% 

La ftatua tt dell' allegrezza il fegno ; 
£d ornò '1 Ciel di refe e dì viole 9 
Siccf me a Donna , e Cavalier , che degno 
Le jNiia d' ogni onore « efla far fuole : 
Floridante gentil , eh anch' egli un pegnir 
Della fua fede a filidora vuole 
Donare, e del fuo amor, difle ridendo: 
Anch'io provar quefta ventura intendo* 

Nova vaghezza fuor nova armonie > 
Sparfe l'arco di fior, di dolce canto, ^ 
Tal che chi quei vedeva , o quello udlvia ^ 
Un- diletto provava e tale e tanto , 
Che non vel fa ridir la lingua mia. 
. Stettero i Regi , e i Cavalieri alquanl» 
Attoniti a feotìr ciò, ch'ogni noia 
Potrebbe convertire in fella e'n gioia. 
Ti Ma 



dby Google 



4J4. CANTO 

Ma far difpofìc la feconda prova 
Le Donne, come f«tte aveao U prima; 
Crafindi, cbe prefente ivi fi trova, 
Uè cos^ poco (mx bellezza iftima , 
Voli' etfa ancor con 1* altre quattro a preu 
Tentar la forte , ed andar anco in prima 
Conira il voler del fao caro Marito, 
Che divenne di ciò trifto e fmarrito . 

Sntra la Donna , e più che fargia , ardita 
Nel vietato- terreno allegra e balda ; 
PafTa il piilaftro di metal sbandita 
Ogni temenza , e nel gran rifchio falda : i 
Ala giunta al marato lafià e tramortita I 
3Pu per le chiome bionde, e per la falda 
Tirata a forza della gonna fuore. 
Perduto in tutto il naturai colore • 

Il medermo Aicee^e anco ad Olinda , 
#• Benché '1 fegno varcaiTe più d' uw paflo; 
JÀ, dove prima giunta era Grafinda , 
Pafib Meirzia di fer aiedi il faflbr 
Infine al limi tale andò Mirinda ; 
Refpinte tutte fur con tal fracafib. 
Che U tremare il. core a molti arditi y 
£'1 volto impallidire ai lor Mariti. 

^^ 
I quai le ibllevar con gran pietate^ 

M Bàn minor dolor, poiché mirerò 

^ Smarrita in tutto quella gran belute y 

Che facea'l viver lor gradito e caros 

Già d'Oriana, le bellezze amate 

Smarrite avea '1 timer , e fé *1 ftto «biafior 

Amante lieto non le dava ardire , 

Pid di provarfi nen av«a dcto • 



dby Google 



NONAKTESIMONONQ . Aìf 

'Ma poi eh* a lui puir piace, com« rofa, T 
Cui abbia gal vaghaazai a. color .tolto, . 
La^iando a dietro lui , parte f ehfofa'; * 
E rompe degli incanti il nembo folto 
Con ie. candide man, che f(>aventofa 
Le fanno guerra ; e 'atqrno al core accolto 
Il Tuo raro valor , giun(e là , dove : 
NiiTuna cofa più fi fentc» o move. 
69 ■ 

Dolce e foave coro allor s-udio 
Di confortate voci a diri: ben vegna 
|^*illullre Donna, con tanto defio 
Afpettata da noi ; che folo ^ degna 
. Dopo si lungo ^i temp' afpro e rio 
CoxjTo, ov'ogn^ altra donna è ftata iftdegaa , 
Tor di bellezza il pregio, a .Crov«oe<à, 
E vincer degl- incanti ogni co^tefa.. * 
70 

Entra , che Ciel cortefe ti deflina , 
E l'invitto valor del tuo Cooforte 
Di quanti , pve 'i Ciel copre , o la marina 
Cinge d'intorno, iì più faggio • più forte. 
Nei mondo ad eifer la maggior Reina , 
Che fccttro in man , corina in tefta poitQ 
Ad a^er bella e j^ felice prole, .. 
Dì quanu mai fia. per feder il Mt* 

7« 
Ifanio corfe allora, e difTe lieto: , 

InvittifBroi Regi, or fine avranno 
Tutti gli incanti , che fin qni divieto 
Han fatt' ornai è U fetuntefim* anno , ' 
Che i^ fi poiTa entrare; ora il fecreìo 
pel Mago Apollidon^ tutti vedranno, 
l^'infìtiita vaghez^za d*ogni ftanza ; 
j:;be di ricchezza ogni téfòro avanza* ■ • 
T.| . La 



dby Google 



43^ CANTO 

7» 
Li Madre, c*l Oeoitor della tòr FIgfU 
Altieri dell' onee con Perìone; 
I Cavtlier, le Dame, e la famiglia) 
Che Aavano s mirar l'alta tenzone « 
Vaimo a veder la ftrana meraviglia 
Della ftanza real d'ApoIlidone; 
Ove Amidigi eoa fpedito corfo 
Drogai diletto pieno era già corfo» 

1< groflfe perle, e l'or, ch'intorno intona 
Oman gli ftucchi prexiofi e fini, 
Dich'eran tutti i Iati e*l cielo adomo. 
Vii cola fono appreiTo ai bei rubini , 
Ai diamanti, che fanno un chiaro giórno 
Senz'altro Sole in tutti i funi confini; 
É le pitture in -ogni parte belle 
A vanzan. quelle di Zeufi, o d'Apdle. 
74. 

Bel Mago, e della moglie la figura 
Subito caiigìè forma (o cofa ftrana! ) 

. IfOB (a pk chi di cib prendeflè cura : 
Si fé Amadigi l'ùn, ITahra Oriana. 
Qjii fa dall'arte vinu la Natura, 
K la virtù divina dall' umana ; 
Quella fn ben la meraviglia , a cui 
Ceder ogn' altra dee de' tempi fui. 

Tant' altre cof», ch'alta noftra etate 
Farerian impoffibili, v^ho dette. 
Che fé ben fede alla mia Iftoria date , 
ffon faran fenza meravìglia lette : > 
Kè quefta con minor delle p^te. 
Ma perchè giunto al fine, aimne elette, 
Son del canto e ^el d) , con voftra pace 
lo tacerb, poi ch'ogni cofa tace. 
iZ/Hif del fmnamefimononQ Camo* 



dby Google 



419 

C A N T O 

CENTESIMO. 

Gli ««ggio.tl (baaino d'eir altiero colle,') 
Ove ni* ha fcorto il mio deftro Pianeti, 
. Dì polve e .di fudor corperto £ molle, 
" Del corfo mio la defiata meta ; 
Che la fuperba cima al Cielo eftolle; 
E'ntorao a lei una gran turba lieta. 
Che del mio giun|;er con amiea fronte 
Fan fonar d' alte yoci intorno il monte • 

(O per guanti fentier fpitiofi ed erti 
- Veggio gente poggiarvi anele e ftanca l 
, Ma non fo ^qual .di lor più laude mt^ì ^ 
E dalla jparte frìtte fi «dalla manca.: ' 
Quanti ne .veggio .di .potere incerti 
Quella ^eta toccar , cui Jena, manca , 
Tornar in dietro aiTaticati e laft 
<Vicini al giogo , e ^al .mezzo, e. più bafii! 

^a meta della gloria per imprefa 

Da fanciul tolta dal Signora' Urbino ; - 
A cui drizzò, ficcome fiamma accefa 
Al fuo principio fuole, il Tuo cammino: 
Vedì^tel là, che vinta ogni contefa 
Con rimmenfa virtù del fuo dettino. 
Col crine adorno di corone e fregi . 
Siede vicino a Imperadoii e Regi. 

T 3 O quan- 



dby Google 



4«o C A M T O 

O quanti Ctvalier, che'i mondo bello 
Fanno col lor valor , che fcco adduce ! 
Rsnier dal Monte ^ e Montìn fìio fr^itelto 
^ veggio preflb al gloriofo Duce ; 
li Conte d Orcian Pier Bonarello» 
Cà*or ad Ancona dà fplendore e luc«; 
E quel di Montebello, ed altri Conti 
Tutti all'are d'onor veloci e pronti^ 

O-^e degno Io cìnge ^ e tel/tollegio ' 
DMnvitti e valoròfi Capitani! 
Che fotto il Padre Duce alto ed egregi* « 
E fotto lui oprar l'asmate mani ; 
Il cui valore e l'acquiftato pregio 
Fa rifonar i proemi e 4 lontani ; 
C' hanno fovente col cor faldo e forte 
Pofio Ircoo al furor, vinta la morte* 
6 

Veggio Leonardo dalla (^ercia; e a par» 
Con lui Silvio Gonzaga ambi ad un fogno; 
Jl. SuBonetta ;. e '1* Mario , ciafcun ehiaro, 
E d* alto gffit , e d' ogni laude degno ; 
Con queiliil Muzio V Co valier si caro^ 
Scrittor prudente , e di felice ingegno i 
E quella coppia di duo 4idi amici » 
A cui PaUade e Clio ^r le nudrici ^ 

7 
Va Pietro., e un Paolo, eh* ancor giovanetti 
Jllzano a grande onor la toga e l' armi ; 
Scorgo alcun' altri in una (quadra ftretci 
l^i iUtue degni , di metalli , e maribi ; 
Che coi fublimi, e lor chiari intelletti 
Noa pur in dotte profe , e colti carmi ^ 
Ma con ii^ lor prudenza e col valore 
.fiella Keina d'Adria argon Tonofe^ 



dby Google 



CENTESIldO. 4^1 

.8 
tH Mal«, il Mocenigo, e'I Navagiero, 
«Il Legge» e'I Zeno, accorti e faggi molti;; 
Jl Barbaro , che alzando il Tuo pen^erp 
S'è,dalU cure della patria .tolto , 
E penfa e feri ve; ed Agoftin Valierp 
Dalla Filofofia nel feno accolta ; 
B '1 Tiepolo Geografo efquifisp., 
•Che fa del, mondo ogni^rqu, ognijfit».. 
9 
ìEcco ohe gli oeehi. ri volgeodo. intorno 
;Vag6 di rimirar la gran vaghezza 
Dei Itero Colle in ogni parte adornp 
Di rara, ed ineredìbile belles^za , 
-Scorgo dal l»to , onde '1 Sol porta il gÌQf op^ 
Tutta ripiena la fublime altezza 
Di Semidei^ de'quai^Vio non fon Ipfco, 
«Alquanti de'piA degni Ip oe.conofco^ 

IO 

'X' ecceife e grap 'Filippo, «aor de* Regi , 
'A cui poft ha la Gloria una corona 
Di mille palme adorna e mille frég|^ 
A cui r tternitau il loco dona 
Sublime più fra i, pellegrini egregi^ 
B'I Re dai gigli 4' or,» di cui rifuon^ 
«Cndo illuftre per tut^o, ove circonda 
Il Sol cpi r9gg^., ,e r€)c»aiiP inoAda*' 

Con {aro di Savoia il Duca Invitta, . 
Di ricche palme altiero e di trofei ; 
Il cui onor la «Fama ha gjà airEgitt» 
Portato, ed agli E(p«rì.^ ai Nabatei.; 
E tanti altri Signor , di cui già iiBritto 
Hanno i nomi e le lapidi ri verfi miei. 
Che non poflb ridir, che'l tempo ^ brava 
^1 QMwm lungo, cfk'àì^t ffkt fi deva^ 



dby Google 



44» • t A N T O 

12 

Scorgo di CìirdiaAftli un bel drappello 

D*oAof honmeii,€faed'dftroilcrinc'ornftt!; 
It gl'in M«dteo è Tun, «Uro il Sacello, 
Ben degni dì feder fr» i più lod«ti ; 
Il ?iftni, lo Strozza, il Puteo , e quello 
Che nacque d' Adria in fu i lieti beati ; 
Della CSornelia, alta famiglia, il primo, 

- «Cui nota .debbo, e tanto apprezzo e iliffio. 

£cco Guglielmo, a cui di lucid'onde 
Apporta il puro Mincio il corno pieno ; 
£ vede di fmetatdi ambo le fpònde. 
Che rendeno qtfel ciel lieto e fereno; 
Di cui le treccie scorna aurate e bionde 
La bella Mknto, e fregia il tergo eMfeoo; 
£ ì duo fratelK Tuoi , alla cut gloria 
f ia anccfr chi fiacri Aia'imnionate ift0tiiA 

Veggio del %réìi Tcf rahte i «ari pegni , 
Che/l bel 'monte poggiar iMiciiilli ancora; 
Véiiefian , die in gli illuftri e degni , 
C hanno pr^i~ tìtlV'ztmì , oggi dimora ; 
Scipion da Gazùol , «h' Imperi e Regiif 
Tiene per ^ili , r fol virtUte onora ; 
Curzio, che con hi «penna e con la fpida 
AlPitnmorealr^ Virpre la dftraéa.. 

£cto un frati liittit deir Erculea pro!e. 
Per citi Ter rara va lieta e fupefba , 
l.n4^i , a cui i^ ftmuno , -eterno Sole , 
Pien di DeleiK doni il IMRbo ferba; 
CRe d^alfro y ihe tii h>fe *e di iriole 
S' ornefà 'il crite fa ^iieiH 'etatt 'aei^fba : 
^Fd'AHdnfo fuo Zio prode e^cOrtefe, 
Jtol«liato Vtd tite t %ÌQritflt ìmffHt . 1 

Il I 



dby Google 



CENTESIMO^ 4^$ 

l6 
ÌÈÀ Conte Fedcrko Borromeo^ 

Il cui onor U fama alzata a volo 
Non men, che di colui, ch'uccifc AntM, 
Pena dai caldo all' aggbiaociato Eok> j 
Che fé furor di deftino afpro e reo 
>Ion s' interpoli, fenza fentir mai duolo. 
Stati acqulftatt, e eloria vera e falda . 
Vivrà» mentre che^ .moodo il Solrifcflda* 

«7 
iE<l A iberico, « cui Mafb» e Carrara 

Portan di marmi in fen varia ricchezza '; 
A cui non fu Talma Natura avara 
D*4lta prcfeaza* e dì virtl bellezza : 
Cui fortuna e virtù diedero a is»ra 
Tutti que* doni , onde 1' iv>m più s' apprezza. 
Liberal , faggio , valorofo , e forte , 
.Atto. a hr lOiermo alla feconda /norU* 

'JE preflb a lor Paolo Giordano Urfiao ; 
Di Santa Fiore T, onorato Conte ; 
Afcanio dalla jCornia » re quel Vicino , 
C ha di pregiato allor cìnta (a fronte ;^ 
Giordan , che feee al «ondo in Monulcino 
^* ardir « V ingegno , e le fue forze conte ^ 
Ed Aurelio Fregofo alto e pregiato 
J4aftro di guerta, ,ed a1 gt«<iÌQo(90 gc^tf^ 
19 

ificco Alvaro di Sande i .11 coi ardire 
PaCa in efcmpio aUe future genti i 
Che fenaa tema alcuna di morire} 
Offcrfe* il petto ai ferri afpri e pungentf 
Deir empio Trace . pria fatte fuggire , 
Siccome lieve polve innanzi a^ venti^ , 
L'armate fchiere ' end' ei fé tanto acquiAot 
.Al &|o««aa He f«rvi»Ps «wc a Qt^tìHo. 



dby Google 



.4f4 t2AMT© 

-«o -, 

B BaldalTar^ • Fulvio, «ntbo Kzrt^MÌ^ 
Che fanno altera gir Secchia , e Panaro; 
lOi cui benché la fama alto ragioni j 
Giunger non piiò del lor gran nerto a paro ; 
E i duo, dì cui ben degno è, che riruoQÌ 

> 'Alto grido, e varchi oltre Grati, e Varo, 
Gtròlamo, e Giberto; onde s*appregi 

* Correggio »« '!« lor tempie #dorqi e ffcgi* 
^1 

£ Mario Savorgnan, che ftare a kto 

. puè d* ogni Capitan 'forte e «prudeate^ 
Ottavian Col alto o^i onorato 
Kr figgio , ardito , e d* una nobil mentr: 
dCioan Batifta Conte di Brembato 
-Con la penna e -con Tarnii «Ito , eccellente; 
JB '1 Puota^ eh'»eier -moHraia pij d' un (egoD 
•If eli' arte iniKiar 'famofo « »degiaa« 
^« 

&6o( Fregofo , che della Romena 
'Corte., ^ual cofa vile , odiò V a^exza:; 
S'n tutto fuor d'ainbizion umana 
^prezxb mitre, cappelli, e lor grandezza.; 
B quegli, che dal volco s' allontana , 
< Di'Monaco Signor,. e* na fot vaghezza 
Degli alti ftucn di Filofofia., 
Che ili poggiar «1 Ciel -moAran la vìam» 

*J 

O ieggiairo di Donne, <e. dì Donzelle 
Stuolo, tfh'ìo véggio V che di gemme e d^of» 
jCorooat' han le dhiome bionde o. belle « 
Ma dentro adorne di maggior tefona* 
La prima , che va innanzi a tutte quelle » 
Come fidata fcorUt e duce loro, 

V 'Caterina è de'ltfedici , eh' avanza 
M fregio ei«' ^u», oftwii'è Ài^rtnzu 

U 



dby Google 



"CENTESIMO. 444S 

'LA Rema IfibelU, al cui onore ^ 
fio facro quefla peana e quefto inchioftro,; 
l^^M^t^l^ 8'*** Filippo, alto TplendoBe 
Del feffo femminil nel fecof noftro; 
Di femio^ di bellezza, e di vaio» ' 
Altero, raro, e venerabìl moftro. 
■* l«^f«rell« fue, in cui Natura 
P«r formarle perfette us^ ogai.cu«t« 

.Margberìtt,di cai mai né |^iil cafla^ t 

Wè di maggior virtù vide la Terra , 
DuchefTa di Savoia , che contrafta 
Con lor di gloria , nel cui cor fi ferra , 
Come in fuo albergo , quanto valor baflm 
nAd arricchire il mondo, ed a far guerra 
Dura e perpetua «1 tempoinvido e rio,, 
Score* fec uri per guidarci a Dio: 
z6 
^ent' altre e pid PrinceflTe itluftri e ohiare^ 
Cento e pi^ Dame di famofo grido.. 
Che fon «on lor, dì potervi nomare. 
Me di faper ancora io. mi diffido.. 
O che turba mi viene ad incontrare., 
Che fin d'Italia bel quefto e quel lido^ 
Abili a governare Imperi e Regni: 
E. dar di par coi più famofi e degni.* 

»7 
Giovanna d'Aragona, e la Sorella; 
La Ducheda d Amalfi, che con Dio 
'A fronte a 'fronte ognora umil favella.. 
Dì Bifignano la PrincelTa., eh* io 
Oflervo , e Aurelia fua parente ; e quella 
Ch'io non poflò onorar, quanto defio., 
Vittoria; e l'altra Colonnefe., a cui 
sPOru Sulmoi* i ricchi doni fui* 



dby Google 



-,,6 CANTO 

iS 

!Maria Cardon», di cui benché cante 
Più d'uoi cetra, ed' un fublime lagegtf 
Del bell'animo fao le lo^» tante, 
Poeeiar non ponno , ove d aUarfi è degno. 
GruUa Coniala, xhe le .luci fante , 
E i fuei penfier, ficcome ftrali a fegoo, 
Rivolli a Dio, in lui viva, m fé moftì 
Di nuU' altro a ciba cji confort* . 

Dorotea d' Acquaviva 5 « cm s inehina 
Ed Atri, e'I Tronto, che le tre piuchJii? 
Lìngue poffiedei* la Sanfevenna 
Fé' ice, che potrebbe altrui beare : 
Leonora Fileta di dottrina ^ 
E d'altre parti deir.anima rare 
Altera in vifta: e ia bella Gonzaga 
Ippolita d*oiiòr,iion4'.*ltro vaga» 
30 
Cirolama Colonna , e la Cognata , 
Di Santafiore la genti Conteffa: 
Giulia Urfina Ranzona oggi lodaU 
Dai più lodati, e^n alto pregio mefla: 
ErfiiU Ctvrtefe un tempo ftata 
Donna di Roma, ch'or va si dimetta 
n* vedovile; e U Banana 
intelletto; e Cornelia Varaa4. 

^* 

Xa Malatefta mia dolce nemica , 
Nel cui onefto foco arfi molt^anni ; 
Che t^uppo (»hi laffome ) bella e pudiei 
CAgion mi fu di cosi lunghi afiinni; 
Che, (• quanta virtiV, la foflfe amica 
Stata Fortuna, in più fublìmi fcanai 
Saubbt aflii^a , ove b^'n degno fora , 
iPoi che la noitra età da ki s MOf*. 



In gonn% 
D'alto ini 



dby Google 



CBNTESIMO. 447 

3» 

1^ Conte ffii Fregola , t la R angina 
ConflaDZa, che già feo bella Ferrara; 
Indi fuperbo il Ligeri, e la Sona, 
Per fangue e pe^ virtute illiiiire e chiara: 
Veggio colei , che la cafa Manfrona , 
Siccome un viv6 Sole., orna e rifcbiara 
Lucrezia e faggia e cafta , e fra le rare 
Donne 1 xhe in pregiò .fon^ degna di (lare.. 

Ifabelfa Gonzaga a lei (brella 

Tempio d*o§ni virtù, di cui bea poco 
Sarebbe il dir , che fofle cafta e bella , 
E eh* avtflfe d' amor negli occhi il foco ; 
-E d'altre ancor, e di queda e di quella 
Patria , veggio io , ma né l tempo , ne '1 loco^ 
Che lodare io le pofb , mi confante , 
Benché pronta a ciò fare abbia U mente^ 

sO bella fchiera, o pellegrino coro, 
£*alti Poeti, ch*a'ncontrar mi viene, 
11 Caro, e '1 Varchi , al fuon dolce e canora 
De' quali e Febo cede., e le Camene; 
11 Veniero , e '1 Molin , cui l' Indo ,^e *1 Moro 
Ammira, e qual più fama e grido tien« ^ 
E i dotti Capilupi, e gli Amaltei, 
Quegli nuovi Virgili, e quelli Orfei. 

Il Gambara, che in quello fecolo «ve 
Grido sì grande nell'eroico ftile: 
II Gkppel, che col dir canuto e grave 
Sen ya cantando augel bianco e gentile: 
Pier Gradtnico, che col fuo foave 
E puro canto , di ruftica e vile 
Fa fiobil mente, e'i Fenaruol , eh' a fegtia 
Jklto foikra il Tuo focondo ingegno . 



dby Google 



di DoUe, die con jcolti e. dolci csraa^i 
'lfj^*le cangute forme di Nafonel 
E d* Achille cantati i pregi e ranni 
»D' (figenia la morte , e di Didonc , 
Pianger facendo di pietate i marmi ; 
E eoo difciolto.e polito Ccrmone , 
Per moArar del dir ^et U .norma e T^rif 
Vergate unte fempiterae xacte.. 

17 

(ConOalvo Peres, che del chiaro Ibero 
Ea ronde rifonar col dolce canto; 
Che nel patrio fermon cantar Omero 
Fatt' ha d' UlilTe con le Mufe a canto ; 
Caro al gran Re, che nel e lima, l'Impero 
Stende dal noftro Ciel remoto unto ,* 
Prudente , integro , accorto , e d'alto aAr^a 

. JDì virtute <e dottrina iìnguUre . 

38 
Girolamo ^ufee Ili, al cut inchiofiro * 
Cotanto debbe il bel noUro idioma; 
•Che col giudicio e eoi fkptre ha moftro^ 
Come uom gli fcritti (uoi pulifca e coma.: 
. ^Antonio G»l!o.9 cui d*a4cro, che dVofifO 
Fresia la Fama l'onorati chioma: 
E 1 Atanagio, alla cpi colta lira 
Delle ìoove -Sorelle il coro afpira* 
^9 
iI.U6a GontiJ « che ^i alio e profoiida 
E' ne* Tuoi carmi : e'I Patrizio con ellb. 
Che le loro belUee^ze ha moAre al mooìb^ 
^ lor , come àtv^v, , in pregio meiTo : 
Il Gheterdt , che va piano .e giocondo 
Cantando Iella ùta v e *1 Pace apprefla 
«Pieno di gravi^curo ^^e *1 dotto Pino.; 
Jk Leura Battifcrra onor.d'Urh«ao.. 



dby Google 



CENTESIUO. 44# 

40 
Ercole Beatìvo^lio« e'I Bcriogoett» 
Gloria maggior dtllt f eJfinee rive: 
Il Giraldi , die Àn ftil puro .ed ,cÌctto 
Canta ad ogn'or con le forelle pivej 
Filofofo^ e Orator raro e perfetto ^ 
Lc^cut opre faran mai fe^tipre vive; 
E'I Marmitta gentil^ cj|*a Dio rivolto 
•Selle cure 4el mondo ì^Q 'tutto Xciqlu^ 

\.GeArgto Gra4jypico » the Uàme . • . v 
Éi* Adriana intente alla fua ^olce e pia -* 
Lira , piangendo la fua bella Irene. « 
Che Morte gli rapi fpietata e ria: 

. «Giicopo Zane , che può le Sirene 
Vincer col fuon di fua vaga armonia-: 
Il Mocenigo^.che coi chiari accenti 
Tregge a ?o i. monti » e fa arrecare i veati» 

4* 

y^K^o una compagnia dì (pirti elctit, 1 
Che di Sebeto fu le vaghe fponds 
Cantando 9 con leggiadri, ahi concetti 
Accendeno d'amore il lido e Tonde* 
Il colto Rota 9 che par, che s* aflTretti 
Di lagrimar, come di pianto aboode.» 
Della diletta fua, cara Con forte 
L' inafpetcata ed immatura morte.. 

43 
•Il Colbnza , il Oar raciuolo , e Ferrante , 
Che del tempo il furor s* ha prefo a fcherno: 
E rendeno il Tirreno alto e fonante. 
Piano ed umil nel tempeftofo verno; 
Il Tanfillo, che fa mover le piante 
Coi carmi., et fiumi ftir fermi ; e '1 Paterno, 
Ohe col fecondo ed elevato ingegno 
sE* gii poggiato a si fublime fegoo . 

MqIp 



dby Google 



«so CANTO 

44 
Molti veggio io da Ur poco lontia« 
S^ilofofi , legiftì, ed orocori; 
L'etoquetite M/uiutio; il Posgiano ; 
E*l Sigonio, che sbalza ai primi onori; 
Pietro Viiiars , che di (aver umano 
Co* più faggi s* agguaglia , e co' migliori ; 
Gtoin Ao^iol Papio, cht di par contende 
CoB chi formò it Uggiy .o 4Qe* l'.inteojle* 

lì dotto Piccolomini , xhe in carte 
Le. beìitztt dei Ciel ^si 'vagamente 
E tutti i fviòi xCecreti a parte a parte 
Ki dimoArati ad ogni gentil mente • 
E*i Caftelvetro in ogni lingua , ogn' artCì 
Ogni fcienza chiaro ed eccellente: 
Agoftin Muzio mio nobil concive, 
jChe ben. d'ogni dottrina e parla e .icrìfc. 
^6 

Dì più d*un pregio adorno e d'una glonìi 
CtroUrao Faleto^ che l'CdenTe 
Famiglia esalta con la .dotta iftoria , 
Che luce a paridi mille faci accenfe: 
E'i Pigna ^, le cui carte alta memoria 
Panno del Tuo (aver; con laude tmmenfe 
X>àì giudicio cemun e'n profa e'n verfo 
Tenuto per Scrittor polito , e terfo • 

47 
II Pinello, Ch'ai Ciel s'innalza e fale 
Con gli ulti Hudi di Filofofia : 
Il Carrara ^ che chiaro ed imaiortaie 
Sprezza la morte jnvidiofa .e ria : 
11 Ca^alier fnea, a cui non cale 
Se non d*onor, né cofa altra defia: 
Profpero dalla Sale; ed altri in grembo 
,JNttdri)ti della Morgola, e del Rrembo. 

H 



dby Google 



CBNTESIUO. 4Ì^ 

11 TrevHftii non pur TomafQ» o Scoto 
CUfciuno delU Chi«(k un chiaro lume ; 
Ma per ff ftt flb a tutto il mondo noto | 
B della fua eloquenza ti chiaro fiume : 
Il VefcoMi Betonte, che devoto 
Predica e fcrive, e quafì un nuovo Nume 
Da Dio mandato in terra apre , e ci moftra 
L'altrui perverfa legge ^ e U fé noftra» 

49 

Camillo Trevifan, che par, cbe avvampi 
Le menti altrui coU parlar colto efcorco: 
il Sonica, che fembra , eh* ognor ftampt 
Leggi atte a governar 1* Occafo e V Orto : 
11 Tomitan , che per gli aperti cnmpi 
Della Filofofia fen va a diporto: 

' E Decio Buonehel, che coi licori 
Dona altrui vita , e rende ai dì migliori • 

iXoreppe ^alviatt , a cui moftraro 
Le lletle i rei , e i lor felici effetti , 
Che come in fpecchio tràfpairente e chiara 
Vede del Ciel ttttfi i fecrett afpetti , 
E co*t nobil pennello a paro a paro 
Va de^Pittor più illuftri e più perfetti. 
Veggio il Danefe, fpirto alto ed egregio; 
^ Poeta e Scttltor di fommo pregio. 

Io veggio alcuni nobili mercanti 
Di tede e di valor gren paragone : 
Che fan fecura fra perigli tanti 
Del tempo rio andar la lor ragione. 
Il BonviiI, lo Strozza., e PAttavanti; 
Pier da Gagliano, che^l Serchio, e'i Mugnone 
Fan gir fuperbo; e M buon Tafca, e '1 Mt&ito 
Leali y e di prudente , alto intelletto . 

Cio^ 



dby Google 



.«54 CANTO 

5» 

Camilla Strozzi^ t T Allùdi, -ambo chiari; 
E"! Nafi onor ddPArao, e di Mugiioot: 
Jl Ruceliai, che con lor va di pari.: 
U.Gaglian,.ch'a fua fé nulla prepane: 
E. r Atta vanti , che fra grandi affari 

' éìndu fecura £ìì la Tua ra|ione : 
Il Varna : e U gran Bonviu , ond^oggi parti 
Chel Secchio vftda si fuperbo.al loare. 

CamtllOt e -Paulo^-e i Frati altri Cufaoì 
> Nobili, accorti, e d*incorrotu fede: 
Coftaazo d^Adda» e Donato Fagnaai^ 
i:h*ad Alcun di valor punto non cede: 
Con Ambrogio da. Ro .quel de*Dugnaai« 
Alla cui. lealtà tutto fi crede: 
E i miti Concivi il buon Tafca ,« 'i Afafikt» 
Integri, e di prudente, jtlto ùitellttio.. 

iff ad alcun ^par, 4khe'l tempo abbia confaste 

In lodar quefta Dama , e quel Signore 
. Xn yan; paiBa tre carte a punto a panto, 
Né mi dian biafmo, and^ n'* attendo onore: 
L* efler ,da cortefia fcevro e difgiuato^ 
Ven h di generofo e nohil core ; 
Anzi .mi doglio non poter memoria 
Di molti far , jtht fon degni di glosia > 

*JMa temp*è ornai, poi che pofato alqutnia 
Sovra il giogo mi fon del facto monte, 
eh* a condurre al fuo fin torni il mio cerne» 
Prima che tocchi il Sol 1* altro Orizzonte: 
Alla meu vicin mi veggio .tanto , 

. .Che di toccarla , pria che *1 di tramonte j 
;^pero, fé forrza dì fortuna lia 
ilon mi .precide ^ come fupl , la .via • , 



dby Google 



CENTESIMO^. 451* 

ii4 Paureo" Sel'con me» cocente raggi» r 
Scaldava i poggi, e di f«dor bagnato 
Era vicino al fin del Aio viaggio; 
Qiundo vider con Citi lieto e temprai». 
Senza punto provar forza, od oltf aggio- 
D^Auftro fuperbo, o d* Aquilone ir>td. 
Una felice e trionfarne nave 
Venir fokando il mar piano e ioave* 

[o non fo , s^era d'abete, o di pina; . 
O d'altro legno ufato a folcar l'ondar 
Percioccb' wr oro preaioib e fino, 
E prora e poppa e'I una e l'altra fpondaj 
Ed un azzurro vago oLtra marinò . 
D' ogni intomo la fafcia t la circonda ,. 
Pollo con un lavor leggiadro e. Arano 
Da più d' altra maeAra. e dotta mano* 
58 

Le farte attorte avea d'oro e d'argento; « 
di arbori di materia ignota al mondo; 
Ma di si raro e nobil ornamento, 
Cl>e'n cotanta vaghezza io mi confondo; 
D'un velo è d'or, dove fpirava il vento » 
che tremolava ognor lieto e giocondo » 
E sì dal Sol percoffo fiammeggiava, 
ch'ogni aquilino occhio abbagliava. 
59 

D' un rafo cremefino e fiammeggiante 
Della poppa coperto era'l caftello, 
Delle più fceite gemtne di Levante, 
Sicch' un prato parea fiorite e belio, 
Sparfoi e nel reflo di bellezze tante ^ . 
Che non l'avria si bei fatto il pennello 
Del cran Zeufi, d' Apellc, o PoHgnoto, 
Uè «fi gran Tiziano al mondo 801.04 

VA 



dby Google 



4S4 fc A N t a 

60 

L' «icore tvev« d'oro, e It caren* 
Ùì perle, e di fmeraldi, e di rubili 
In vece di favorra mezza piena , 
E tutti jpreziofi, e tutti fini: 
Ei«*n cima al camello ttila Sirena, 
eh* al vento fparfi avendo t biondi criui. 
Faceva un' armonia mai non più 4iditt » 
Atta a tornar un, uom già mono in viti. 
6t 

Tutte le gabbie eran d'argento e d'oro 
Con te ile, di lavor leggiadro e raro; 
Qual non vide giammai T Indo , né '1 MorOi 
Di valor d'appagar qualunque avaro; 
Ove di fanciulletle un lieto coro 

- Cantavan eoo un fuon si dolce e chiaro 
Di confertati mufici ftromenti , 
Che rendean queto l' aere infieme e i venti* 

Kelfa gran nwve fean piccioli nani 
Di marinari officio, e di nocchiero; 
Tutti in maniera contratfatti e ftrani , 
eh* io non gli. fo formar pur col penfiere ; 
Erano del color degli Indiani 
Fra duo colori il leonato, e'i nero; 
Tutti veftiti di pprpori e d'oftro 
Con* alito non vifto al tempo noftro • 

la meraviglia della fua bellezza 
Gli occhi converfe a fé de* circolanti; 
Perchè non vide mai tanta vaghezza , 
Né vedrà l' Ocean pofcia , od avanti. 
Dieci balene di molta fierezza 
Col giogo al collo di perle e diamanti 
La tiravan per Tonde a paflb lento, 
Spruzzftodo in alto quel livido ai^oto* 

Ciaf* 



dby Google 



CÌAfcun Tnl liorfò di que^ moftri tv«a' 
Una Donzella , che con arte ul^ 

' Quelle gran belva a fuo voler reggea;' 
Che certo non parca oofa mortale. 
Osnun, ch'Urganda foOe, lì credea,' 
Che veniffe in quel legno trionfale 
Per onorar le nozze d* Oriana , 
Qon quellg pompa inufitata e ftraaa»> 

. ^5 

E s'inviar verfo reftrcme arene 
Ad incontrar la (aggia Incanutrice: 
Sol Floridante pien di dolce fpene 
Pensò, jche foflfe la Dama felice , 
Che promeita gli avea cotanto bene y. 
Coni io di6ì:j e ridirlo or fi difdice , 
Quando la D'amigella della Fata 
Scorta gli fu per ritrovar T armata. 
66 

l^ioiiafero LiTuarte^ e Perione 
A far alle Reine compagnia : 
Non riman vecchio, non rinian garzone y 
Si veder nove co(e ognun defìa: 
Ma diede lor nova e maggior cagione 
Di meraviglia, vie più d'altro pria. 
Il veder fatto un ponte in fpazio mano. 
Che non Tparifce il folgore, o*l baleno* 

^7 
Un ponte lunge^, quanto ftrale d'arco, 
Sofpinto vola i e largo trenta braccia , 
jy un panno d' oro tutto adorno e carco , 
Qual io non credo'., che. Fiorenza faccia: 
Bel vero il fegno. Signor mier, non varco,. 
Se ben la cofa di menzogna ha faccia : 
Così fta'i fatto; e tale è chi la fece, 
Cii'ogni ifnpolfibii.coCa a iir le lece. 

Mi 



dby Google 



4S# CANtO 

68 

Ma ilupcr novo i" rigatì4«nti aflklfcf 
eh*» nullo tndar fulponte ero concefe; 
Né tA Amadigi , o a Fiondante valfe 
L'efler ardito, od a chi lóro è pwfo: 
TaUht più d*un arie di fd«gno,ea ilr«, 
Chc'l tentar molti, e non fulorpenaeffoi 
Pi che penfofi ftan fenza parlare, 
E fenza torcer «sai gli occhi dal ntrt* 
69 

£ perchè già tparito era dol gmmo 
Il vago lume , e tencbrofa e fcnra 
"Lk terra diveni»; fece d'intorno 
Tanti lumi apparir , che la KaUira 
Bali* arre della Fata ingÌHria e fcoroo 
Pi ricever più volte w^ panra; 
E sbarcar fovra il ponte in un mentali 
Palafreni, o chinee più di dugentOi 

7-0 ' 

Coi guàrnimentt di tanta vaghezza , 
eira volerlo ridire ogn' opra è vanti 
Staffi ed adorni di sì gran ricchezza» 
Quanta non vide mai pcrfona umana; 
E pofcia qn carro d*cnr , d'una bellcwa, 
Quant'eflfer polTa inuftuta e ftrana; 
Cne da dieci Ippogrifi ero tirato 
Bianco ciafcuno , e 'n ciel , e '0 terra i»atO| 

Ciiamiti s) leggiadra e riccMnente, 

Che narrar noi potrei fenza roifore: 
. Avea ruote e tinoa d*oro lucente i 
La caffa delle noftre affai maggiore, 
Pi gemma preziofa e trafparenie» 
Ond* ogni cofa tralucea di iuore ; 
Kon altramente , che da vetro fuole 
Parpurea rofa, o candide viole. 

l' JB- 



dby Google 



CENTESIMO. 45f 

7» 
L isterìor ricchezza io non v&^dire^ 
Perchè non mi firi« creduto il vere. 
L* mcrAviglit grande, il gran detire 
Fece maggior in ogni Cavai iero. 
Cbc cor fii'l tuoj o di Caftiglia Sire, 
Che ti diceva allora il tuo penfiero. 
Che penetrava in ogni parte afcofa , 
Delta tua defiata e cara fpofa? 

m quella a quattro a quitto il bel drappello 
Veggion venir di quello Gtovenette, 
D'abito adorne fignorìle e fnello, 
Sparfo di perle, o d' altre gioie elette. 
Con un af^tto, quanto può far bello 
Matura, tal che fembrano Angiolette 
Scefe dai Ctei col divin loro vifo , 
Per far in terra un novo Paradlfo, 

74 

Stavano i Cavalter coi lumi intenti 
A rimirar la pompa altera e belU 
Delie Fanciulle i che tigri e ferpenti» 
£ quei fia fiefii pid fpietata e teila 
Potriano arder dUmoÉe , e i' aere eivents 
Voù che quefta cortei anima , o quella i 
l.e quai paCando ton gentil maniera 
S'inchinar tutte aH'enoriita^fohiera* 

Non fan né che fi dir, né che fi fare 
In cout cofa i Cavalieri arditi ; 
Stavan fermi ed intenti a rimirare. 
Di (o^erchio piacer viatr e impediti , ' 
Ouella pompa fuperba e fingolate, * 
Che .non videro riiai quefti, o quei liti:' 
Sol Floridante al «arroi lumi giAi; 
E fé yede il fu0 Sol, goarda e ttftìr». 
Te». IK V Paf- 



dby Google 



4)8 C A W T O 

Movcodp il 9*^ Jv (»aM e lento « 
E 'minisi Ad «flf fi «tAw la vi* 
Vcftir d*«r|»e « di fi«r*MSgo ^rnaneoio; 
OMado Vudi f»r TarU «n'Amioak, 
eh' <^'«jm «or frrU fsiio « ««ntcnta 
Di foivi droiDcoti « di paiole 
Atto a Aornar d^t Cua bel aarCa il Sale. 

7f 
Mif «ama il ca«fó ^ii liatoQ a 4oro 
SI, cba facv^ar pptf«» tatM U aafe^ 
Una nul^ il y§& vmmìffiB e <1* aaa^ 
1?^ mU 4^* ^ <1À lìgà^^i 9 a rafe : 
UctUna il (i^Mi.diir Angelico «Dia; 
Ma nap vfdfMu» la iìmaa'^oioo afeafa' 
Della Vorgiiif i|lii(lrA a fieUagriiia 
Nella .gm» Maeitè 4eUa RaiM • 

Stinno qna' Ciiv^Uar , «ama iacaotatt ; 
Pieni dì da:lc^ «a ilrana «aaaiiglk. 
Con ^«^1 piacer t ifha 'n aiaìaiMiaDtbaatì; 
S tutWi 9u«ll# JMldi^i/amifia: 
3) «iirro i^iTa diii; ^4«i»la alaià 
TijMjPt <jh'»^v»»|i tf#f# e fella a brMh; 
•E Mh il A»l(a a» Itela ìT^inn, 
Che /Menadi tuàttr^aAnbaai teaciiÌHioa/ 
... 7^ 

Rallegra l?Mda«ta r^^haìi Éiaftat 
Cd alla faUM lu^ fMIgi amai Itdbi 
V uno #riA|fi> ^iMifc: ^hl lìydt oaeCa , 
Ch'V»f0^Àk;UrgMaaÌMàa%M»M^f 
Dietro %<«iiia|,^àniiaÉta«>cl^Mwaalaib 
Sm Wflf«hr#ii aiDi Jalaaia» aaaad*» 
Segoci^ r iim# da£iaMria tandlia , 
C|it ^ ?irAi)il.4^4éb#o.la:«itii»^ 

7 «|. 



dby Google 



OfNTBffmO. 49f 

, to 
sQìk 'il fOflMr pepate la^ nmà, tvek 
Di si ftupendi cofin m Rigi ditiir; 
Non già , cIm hfk U MiM ntg^ , 
Gb* Ivi non era* di .f«nirt ttCktef 
Tftl eh' ognun dcfiofo l'tttendMi 
Dfl bel giardino in fu la ricca eniMa ; 
E già rentian» i ^dilectofi' atfMttt} ' 
Bi toaffrttiti f«cr e di (htìmnHI/tv» 

^Giunto al p99àiùOi lì vagii èlftppéHenb^ 
Ptììfi J>eUe ,faiKi«Uf , un latgo apriva 
Calle :fiRa lo»o ai ritco^ cvitft eletto ; 
Ed in du« Iwigfaf fchitfrt fi partirò: 
Ed ei rinchiufo dentro il nttvillttto, 
.Che lo eingea con grinnofo giro, 
Empiea col cauto di delcena piena 
P' infiait» dilocto> il Cicl fcrMB • 

il chiari Regj , • le .^tine Aktmo ^ 
Gba le gean PrincipcfR in fìi 1» porte « 
Che già da <|^Mle>Fai|ciiiitette (anno 
La gnm Reine , cbe^i bel eerro porte , 
latenti airermonie, .che delee fanno 
Queir aogelìelNi voci j oad' elle accorta 
Sperir f» ^ueila- nube aurate e vege, 
fi 1 kir i^ttl defio fubità «ppes^* 

Veniva in unei^t penfoTe' e gfive , 
Affifa in «Ua.#,g(oriora fede. 
Con queir alt^ctlD,cb* ognun ama e pi^e. 
Sacro e reid , che la rim»ra e vede . 
Quelle , che con un fuon dolce e (bave 
Della giorir del Giel ficean gran fede. 
Appiedi le fedeano infieme accolte 
In lieto ccirehie, e- con le treccie reiofte. 
V a in- 



dby Google 



«4 

lacontro « Iti , com unt Rovt Aurora, 
Che porta (èco nella fronte il giorno ^ 
Baffa^feaea U Mia Filidora 
Di tante grazie i ittoii e*l volto adorno , 
Quante, dell' A ppenn in fui dotfo Torà 
Mover Tuoi frondii e tanta copia intorno 
Avea di pitoiofe genumt e iielle , 
Qiiantl iiinto il Tirren venti • .proccIit>« 
»S 

Si ftanoano a nnrare i ctrconftanli 
Cotante cofe inufitate e novo , 
Ch*infieaie accolte fi veg^ion davanti « 
Più non udite «ai, né ville altrove. 
Come fu *1 carro alla gran porta avanti ^ 
Neflfun degli ipogrifi il paflb move. 
E tutti quelli piccioli omiccini 
Onorai^ qne' Signor coi capi chini^ 
96 

Ambo i Regi co^rtefi fé n'andaro . 
Far farle onor, come più lor coovienf « 
Ed a icender del carro V aiuterò ; 
Ma , «ome* che di loro -oenun difpcnfi 9 
Quinto pia puh di c^teila , di paro 
Col valor fuo di ^oìer^ non penfi ; 
li ^ual k taqto e tal , eh' è cofa certa ^ 
eh' onoMT noa. U puon t quant* clU mesuu 
87 

Mirinda ad aiutar la Figlia eorfe^ 
E volfe ofiicio far di Caviliero. 
La.faggia Fata , che di cih s'accorfe ^ 
Ch'ad accor l'altre volte avea'i penfiefo.» 
Subito lieta verfo lei ù torfe , 
Dicendo: voglio anch'io ci bel Guerriero 
Con licenza abbracciar di Perione., 
j^h'aver uopoj^otrei d'un tal CampìoiM. 
. . Oiunfe 



dby Google 



(C8IITISIM0. 4^1 

ts 

igilvmtt in fotfl» àflBftdKgi, • FIofid»prto> 
Con 1« lùfo oamnta codipagiiii ; 
Che ptflar nonafFCMi pocpico aihuitr» 
SI per tMM iiiip^,diu^Arar U.vi» 
Dal dealb oembW.dcile genti. ttnte^ 
Che urna U culaie ricoprisi 
E fecondo 4' atterza de^ lor fteti 
.1^1 onorerò > e Itir mollo ^oasnfii^* 

^.Si volfe intomor lar Fartar pradciitei 
Ef come vide tanti ahi ed. egregi 
Guerrter , qaami n' cverrOrto^ r '1 PotteatCs 
Di palme' altieri t e d'onoraiti pregi; 
Tante Donne di rtart ed ccceiienio 
Bellezz», igirie di Principi e Itegf» 
Con merasvigliaf gratnde e con piaccfi 
.Ai^UMit» jUnfte^^o cpiei,ftctcef>.vodefti* 

i.Eoi diflo: t*9pkk'*n terra Fìaradiib> 
O pur fetfciià • ^be J» perfetta «; 
Che 'n quello Joco ^a y 'certo mr a;v«ifo » 
Tèi eli.' io.ci vvcggio iMrta gento^ eleMOr;. 
11 e w valor, Ur««Hbeltfe dei vif»^ 
La caAilè, I» fer tatto aeglelt» 
Oggi dal mondo io lor rifplendo r Imt^ 
vjttmne raggio jdvU^ «torim Imì^ 

;Poi"n mezzo di Briftima, e^d'Elilen#« 
In parte le menavo alto e reale^y 
Di cOMoeo fptendor .chiaTr. e fercanv 
eh* uaa cafa pere» celcAial^» 
Deb perchè non ho io si lofgo»viiiMi 
IK parole, Signor, ehto q^au e( qntfC' 
Foffe la die beltà, dir vi ppielTe, 



dby Google 



4&S CANTO 

VerfoUpirie, dove il Sol lUndeit ' 
J primi raggi, efpoili era la ftans*., 
Ch'Amadigi ferbar fatuVavea.<y 
Che d*tvi far le nozze avea fperanza^ 
Tutu albergar UfcbterA vi potea 
Delle Donzelle Tue, uoto a bafta«ui 
Avea -camere, fale, e cannertni 
Di lavar {colti preziofi e fini. . 

Fur - Cùbito Je niétife appareccfattte 
Ricche e fuperbe, jcen d* oro .e ti* argento 
Vàia infiniti , e coppe Uvorate 
Da dotti mkftri di molto ornamento; 
Ov' eran fcolte 11 opre alt* e lodate 
D'uomini ilkiftri ^iàcfiat' anni e cento. 
Della cui gloria «ancora aMlenu.e diiara 
Luce rifpUnde ,^e '1 mondo .orna e^fchìiM^ 

94 

lidentre diif^ la cena , tA fuóno d^^una 
Temprata lira Fanciulletta àwezxa 
Dalle Mute a cantar iìn dalla cuna 
L'alma delle yirtuti, alta bellezza, . 
Le comincia a lodate ad ana «d uiia.^ 
Si alumeste e caan tanta:? dolcezza. 
Che tolto avrebbe la palma di mano 
Al gran ^crtuor di* Smima^ al Mantovano. 
9f 

Ctntb dappoi con ftil cotto t iaconda 
L'alto valor dei duo indici Eroi , 
L'opere ecceKe da lor fatte al mondo ^ 
Che teftimonia' iSen degli onor fuoi, 
Mantre '1 giorno Jtrcirà lie^to e giocondo 
In- grembo al Sol dai lieti campi Eoi., 
Di Floridante, e d'Amadigiio.idico, 
JCà^chhcr-ii Ct«l pia «h« pAi aUiì amìM. 



dby Google 



CBNT£SIMO. 4«f 

Xddò ì Gueitier di quello «Ita collegio, ' 
ChUvevtn prefe le virrà per fcorte ; 
E che per acqaifttr onor e pregio 
Offerto il petto ivetn fpeffo alla mortet 
Ond'a ciafcun di lor per fama egregio 
Del filo bel tempio aperte avea le porte 
L'Eternitate; e fcolto in duro acciaro 
lA gloria } e '1 some lor famofo.e cbiaroi. 
97 

cCaotb di quelle , ch'avi erano « menfa , 
Donne, e Donzelle illuftri il gran valore,; 
La pudicizia, la bellezza immenfa^ 
La.eoaéidczza del lor puro core; 
Ond' una- lampa eternamente accenfia 
Splenderla al mondo, (aera Jil loro onore.: 
£ qui con un inchin finio il fuo canto , 
E Ì4ir levate le 'tovaglie in tanto. 

98 
Tal v'ha uditalo CSippel per lefab'onde 
Della vaftra città talor cantare ; 
E i lumi fanti , e l' auree chiome e bionda 
Della Donna gentil voftra lodare ; 
Al cui foive Sion V acque profonde . 
Stavano intente; «'l.tempeliofo mare , 
Ponendo freno ;«1 fuo -furor infano, 
Rendea '1 Cao verde fen nanquillo e piano. 

99 
fPafcia che fu la menfa fpareecbiata., 
£'n diverii diporti una brev'ora 
Con diletto di tutti confuaiia«a , 
Che '1 corpo infìeme « ranimo ri (lor a, 
A f lorfdtntè la prudente Fata 
Con quella gravità , che i grandi onora : 
Figltuol la virtà voftra , e *1 voflro merto ., 
J>ife, cbe '1 noado fai veduto. tb cfpect» ; 



dby Google 



iLa fè.|tfomtft, €h*oftrwiu avU»» 
Fr* ttntr a voi d' AiiMre iofidm Uh^f 
A Filid»nbi d» die « f«fv» r«M 
Deprimi beglt osdii la\ beltà vi preft: 
I p«rigj[i imf«n(ati , oqdt vt fot» 
SQWftmtoognor.neUerditbbiofc ipofnhj 
PrepoatMlo rònor» aliar faliMci 
AUft vtolatjlpna.e iar.ràinta » 

;Son dtgiii bau, ebe*l frutto dì auilt*«m|i 
Nato dal fcine».s|iB ralta-bantid» 
Voiira fJMirfo ave, «lo|^ tanti «éàoiil 
A voi d» nta rpromdlb oP&aKongBat» ; 
C che quali» beltà, cb» di gnn danni 
B' ftata a voi camion, litio godiatr; 
lA^ ansi VI dono , e Ì9tm un Rcftno aocf ca 
Più Deh di 5«aHtiJoia,iqtto l'Jiuiorari 

10» 

vCbt tor non vi potrà di.deflin rim 
Furor , ili di toriuna afprar contein: 
Bccovi il guidcfdon promeflb, ch'io 
Grata vi do ; la bella fiam .prela , 
Cbn vo» col veltro. deUvoébo dtfio 
8e(tntta avete, e con la nuoto aecefia 
Di vem %ìoruL e ^eosi decto tac^oe , 
Bi. che fommo .difetto , in .ciai^». no^ii^. 
103 

iCome fi iQpaHe ffa la. gente quella 
Nova di Ftoridantf 9 alt» ventura , 
Tanta cìafcMi ne re letizia' e fcfta. 
Che trapailh ofni OKta, ogni mifura» 
Ivi né Cavalier, né Donno retta. 
Che di rooftrar di faor no» nigli curo , 
QiHnto fie'l fuo placet sconde, infinito 
tOa» la leggiodwi Spof».ei ooi iiarìto. 

.Brin- 



ci by Google 



CENTESIMO. 4^5 

104 

«BrioUngii, Mìrìnda, ed Oritnt 
Baciali più volte deiU nova fpofa 
Lf vaga faccia angelica ed umana; 
E '1 netto avorio , e V una e V altra rcira : 
il medefimo fa Talta e fovran^ 
-Duchefla dì Mieena ; e la vezzofa 
Melizia bella, Olinda » e tutte quelle 
Chiare Reine , e Donne «Ut , e Donieelle^ 
105 

Far per T altra mattina piri>Hctte 
Jjt noxze» • fur magnifiche e reali. 
Con tutta quella pompa celebrate, 
eh' a Cavalier eccelli, e Donne tali 
Ben convenìafi i e fien forfè cantate 
Per diporto e traftuUo de' mortali 
Con più favor d' Apollo e di Talia 
Jta miglior cetra , ehe non è la mia.» 



!l L FINE. 



dby Google 



4^^ 

Le tre feguènti ^tan%9 del Cat^o aitimo 
fiftutaff delP Autore dopo Ui pmUtùa- 
zione ^IV Opera fi nuovano in ure E- 
finepiare del Shiha comunicatoci daW 
incompétrabit gentilezza .del Sig, .Co. 
Jacopo Taffi* 

-5» . 

To veggio ftlcuni nobUi .mercanti 
Dì fede ^c di v«lor gr^nt ^ap«f|Mi«: 
Che faa /ecura frfk perigli x^ntì 
Del tempo .rìQ «ndftr U lor ngìooc • 
]1 Boavifi, lo Strozz», j i'Atc»v»iid; 
Pier da Gagliano, cbe*l Cerchio , »'l Mm^oab^ 
Fan ^ir fuperboj « '1 buon Xafca, • '1 Maifeitj» 
JLeali, e di prudente, aljto utelUtto.. 

vGioan Batifta de* Botti., e*l fuo GerquuMi 
Cortcfi «e liberali .oltre .ogni ftima : 
Seco è !l Pallavicino Otuviano, 
La cui fede giammai .non fia cbi oppri|ii.a« 
Il Marino, lo Spinola, t 'l.Fagqano 
Donato, che fra* degni oggi fi mia; 
E Gioan Cebbà ; de* quai la Icalt^c 
Oggi fi noma fra le ^ofe rade,. 

I tre da Varna lei .dui fratei Cnfani 
Nobili, integri ,te d'incorrotta fede. 
Con lor va Gioan :Batifta de'Ougnani ; 
Ed Ambrogio da fio, eh* a paro fiedt 
Di credito d*ogn' altro, e de'Tofcani 
J^'Albizi, alla cui fé tutto £ crede; 
E molt' altri » che fan la patria loro 
.Di nome buon non, me n ricca » che fl*oro« 



dby Google 



4«f 
Alcune mutét^hm § eoftiKJioni foJU infine delr 
edf sciane del GifHto^ eh§ veiuu dét noi tanU 
fono flato omeffo 9 con alcuni errori oJfervMti 
nella prefente editfom . 

Mutazioni, o^ errori dt correggerfi. 
Ctnt. I. fi. 47. figliuolo jìj^iM/ ft. 55. VICI- 
no, vicin «. u- u. ii. il cor l'trdea. Pop» 
eondea e. 3. il. 71, piif jpcfr e. 4* ft. 16. vide 
v«i^« e. 5* ft.' 4|. pel /e/ e. 9* ft. s* ladre 
sdro ft«' 9; coprony coprian e. io. ft. i;. il 
Sole • 'I forte ; e H oMtallo , etto il Sole ; 
e V ftrro i meealU atPo' e, 14. ft. §• dtgl' 
incanti,- d^gV incanti ft, ^7. fiirpitrec ^ean* 
dide e. 16. ft. 49. credenROio erediama e. $4* ft. 
a8. ne prefc , ne cbiefe , e. 16, ft. 49. gliiliÌTe h 
dijfe e. 60. ft. -lo di voftra crudeltà del mio 
gran danno della erudehd voftra ^ e del mi9 
danno e. éi. ft. 18. ha dell'entrata ave i* 
entrata e. 66» ft. 19. Né lo ftìUt tafoiir ftn. 
za cprdeglo Cui fiede il fuo defio^ come on^ 
dà f coglici e. 70. ft.. 9; Il quale a incentrar 
Cha gli venne a*neontrar€ ya.ft. 53. al bra- 
mato fido al bramato e fido" e. 74. ft. 54. e 
poi indi ft. 14. in punto ifi un punto ft. 59* 
avendo il vento diaòndo smtto e. 75. ft. 7. 
provava pioveva e. 77. ft. ap. fé cinfe^ri^ 
Je e. 78. ft. 27. care rare e. 79. ft. 14. Aia 
tua ft. 6i, fenfo,' fembY* /(ri»/o , e /em^fii e. 
81. ft;- 15. caro e diletto molto diletto ft. i8. 
fecenéo fe^Mi/» e. ti. ft. 14. ne porti ne'l 
forti fk»^t* deftro deflo. ivi racoglie racco^ 
glia e 84* ft. tf). fol vita e fpirto Sole fol 
vfVtf, a Spirto f oh e* 8^. ft. 64. dall'infer- 
me delfinfèrmo e. 96. ft.34. dal Mago delMago 

h oltfi f Autore rifiuta la parola doi fuori di 



Digitized by CjOOQ IC 



4^S 

NO I RI FORMA TORI 
Dello Studio di Padova. 

Concediamo Lketisa a Pietro Lan* 
cellottl Starhpator di Bergamo di 
poter rlflàmpare il Libro intitolato 
L* Amadigi del Sìg» Bernardo Tajfo^ 
oiTervando gli ordini fomiti in anace- 
ria di (lampe, e pt%febtando le Co* 
pie alle Pubbliche Librerie di Vene* 
zia, e di Padova. 
Dat. li 8. Febraro 1754. 



( Z. Alvi/e Mnenigo IL Ref. 
( Marco Tofcarini C^v. Proc. Ref. 



Regiftrtto-in Libro a carte 70* al nimi. 4>«i 
Giacomo Zuccono Segretario • 



dby Google 



Digitizedby Google 



DigitizedbyCióOQlC 



Digitizedby Google 



Digitizedby Go'Ogle 



Digitizedby Google 



l_ 



59603595» 

Digitized by VjOOQlC 



.r 



>, Google 



\