(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Lettere di Apostolo Zeno .."

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 




Informazioni su questo libro 

Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google 
nell'ambito del progetto volto a rendere disponibili online i libri di tutto il mondo. 

Ha sopravvissuto abbastanza per non essere piti protetto dai diritti di copyright e diventare di pubblico dominio. Un libro di pubblico dominio è 
un libro che non è mai stato protetto dal copyright o i cui termini legali di copyright sono scaduti. La classificazione di un libro come di pubblico 
dominio può variare da paese a paese. I libri di pubblico dominio sono l'anello di congiunzione con il passato, rappresentano un patrimonio storico, 
culturale e di conoscenza spesso difficile da scoprire. 

Commenti, note e altre annotazioni a margine presenti nel volume originale compariranno in questo file, come testimonianza del lungo viaggio 
percorso dal libro, dall'editore originale alla biblioteca, per giungere fino a te. 

Linee guide per l'utilizzo 

Google è orgoglioso di essere il partner delle biblioteche per digitalizzare i materiali di pubblico dominio e renderli universalmente disponibili. 
I libri di pubblico dominio appartengono al pubblico e noi ne siamo solamente i custodi. Tuttavia questo lavoro è oneroso, pertanto, per poter 
continuare ad offrire questo servizio abbiamo preso alcune iniziative per impedire l'utilizzo illecito da parte di soggetti commerciali, compresa 
l'imposizione di restrizioni sull'invio di query automatizzate. 

Inoltre ti chiediamo di: 

+ Non fare un uso commerciale di questi file Abbiamo concepito Google Ricerca Libri per l'uso da parte dei singoli utenti privati e ti chiediamo 
di utilizzare questi file per uso personale e non a fini commerciali. 

+ Non inviare query automatizzate Non inviare a Google query automatizzate di alcun tipo. Se stai effettuando delle ricerche nel campo della 
traduzione automatica, del riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) o in altri campi dove necessiti di utilizzare grandi quantità di testo, ti 
invitiamo a contattarci. Incoraggiamo l'uso dei materiali di pubblico dominio per questi scopi e potremmo esserti di aiuto. 

+ Conserva la filigrana La "filigrana" (watermark) di Google che compare in ciascun file è essenziale per informare gli utenti su questo progetto 
e aiutarli a trovare materiali aggiuntivi tramite Google Ricerca Libri. Non rimuoverla. 

+ Fanne un uso legale Indipendentemente dall' utilizzo che ne farai, ricordati che è tua responsabilità accertati di farne un uso legale. Non 
dare per scontato che, poiché un libro è di pubblico dominio per gli utenti degli Stati Uniti, sia di pubblico dominio anche per gli utenti di 
altri paesi. I criteri che stabiliscono se un libro è protetto da copyright variano da Paese a Paese e non possiamo offrire indicazioni se un 
determinato uso del libro è consentito. Non dare per scontato che poiché un libro compare in Google Ricerca Libri ciò significhi che può 
essere utilizzato in qualsiasi modo e in qualsiasi Paese del mondo. Le sanzioni per le violazioni del copyright possono essere molto severe. 

Informazioni su Google Ricerca Libri 

La missione di Google è organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e fruibili. Google Ricerca Libri aiuta 
i lettori a scoprire i libri di tutto il mondo e consente ad autori ed editori di raggiungere un pubblico piti ampio. Puoi effettuare una ricerca sul Web 



nell'intero testo di questo libro da lhttp : //books . google . com 



k\ \\:. 



e 



# * V. 



'■'t r 



i... 



r- ' 



j- 



C^ 



•Ai'è-rny 



L E T T ERE 

w^ D I 

AP OS TP LO ZENQ 

CITTADINO VENEZIANO 

ISTORICOE Po ITA CeSAICSO ' 

Nelle quali s{ coatengon0 mólte notìzie attenenti ali* Isto** 
RIA LETTERARIA dc\ sMoi tempi , c SÌ ragiona di Lw ^ 
iMiXy O* Iscrizioni , di Mbdaohe , e d' ogni 
genere d'erudita Antichità'; 

SECONDA EDIZIONE 

Jn cui U tutm ^ii stéiìiffatt si cmendan9^ e molttr 
ìnidtte se ^yptlblieano . 

Y O L U ME TERZO- 




V E N E Z I # A , 
MDCCLXXXV. 

Appresso Fra/n c*é sco Sansoni 
COTi UCETlZjt DE* SC/PEKlOIil ^ E VRiriLEGrO . 



/ ' 



\. 




LETTERA 

j^f^k Al Sii. uinina Ùorridfo . à ViHtzjink 

^Unna zìi ÌÉebbtéiìo 1719* 

jOpd scritte Q spedite l'altre mie itU 
ttie in risposta alle precedenti , ^ mi 
giungono due altre vostfeame cjatis-* 
sinie i V una in data dei dì primo , e 
4. del corrente j alla lettura delle quali 
10 sono rimasto CQhfciso ^ e stordito 5 assai più 
che air avvis<» dell' accusa datami dal Sig. Pai-* 
qualigo; la quale sapendo io in mia coscieoaa 
èssere affatto insussistente e falsa , noii mi ha 
pun^o sorpreso, the per le cagioni accennatevi < 
Ora io vi dirò dunque con la mia solita ìnge- 
iiultà^ che non è punK> vera ^ che io aani & 
avessi Éattòirt prosa T Ifigenia, e che poi T avessi 
tonsegnata manoscritta al Slg. Bernajirdó Trivi* 
lane é |o di questo éitto sono interaixiente alV 

A % oscu« 




4 Ltrrtti$t>i 

oscuro > e non so cosa possa essere questa Ifige-^ 
" tila manoscritta in. prosa , 4a me non mài peti<- 
sata, né vista. Riverite a mio nome il Sig# 
Marchese Ab^te Suarez , e ditegli , che io gli 
sono obbligato dell' amore , che mi porta , e del- 
le dicliiarazioni , che egli si esibice di. fare per 
mia discolpa : ma che nella maniera , che egli 
propone , mi perdoni , se non posso accettarle , 
perchè sono fondate sopra un suppósto non vero , 
e che io non intendo . Il maggior favoìre , che ' | 
possa farmi, si è quello di mandarmi per vostro ! 
mézto una copia del manoscritto) dal quale vtr- 
irò in chiaro della faccenda, e potrò allora di- 
leguare gli scrupoli e 1* ombre , the in ciò . mi 
sì parano avanti . Qpando poi abbia veduto in 
fonte la cosa , io saprò parla^re in maniera d' es- 
sere inteso da tutti, e senza, che nessuno possa | 
restame ingiuriato V bastandomi salvare la mia. 
riputazione, senza lacearare T altìrui • Non lasciate^ 
pertanto, che akro manifesto si stampi da chi che j 
sia sopra questo; poiché mi sarebbe anzi dispia^^ J 
cere , che grazia • Se potete vedere il preciso ] 
manoscritto dato dal Sig. Abate Suarez al Sig. J 
Pasqualigo, vedrete, che non è mio carattere, 
e vi accorgerete , se è scritto da molti anni , o 
pur ora • Ma ^ assolutamente fate che io abbia 
o r originale , o la copia , obbligandomi di ri- 
mandar quello puntualmente , in caso che ne fossi 
favorito ; perche ho più caro , che restì in Ve- 
nezia , che presso di me . Più che pensa a que- i 
sfa difesa , che mi si fa , meno l' intendo . In^ 
tendo bensì l'accusa, perchè e un' aperta impo^^^ ; 

stu- 



^ Àpoétoto Z È U óé $ 
Stura. In somma bisogna far ch'io tocchi ti 
piaga Con mano> col /armi avere la pras$iDram^ 
manca y che è la pietra dello scandolo. Non 
credo , che al mondo siasiintesa cosa somiglian- 
te : che si accusi uno con una falsità : che con 
un' altra falsità sia difeso: e che esso accusato 
tanto disapprovi V impostura i quanto la difesa • 
Da ciò potete ar^mentare e la mia innocenza» 
e la mia sincerità . Xomunieate al Vi nostro fra-^ 
^ tello questa mia lettera , acciocché unitamente 
^ possiate risolverci saviamente^ e senza far qual-# 
che passo, che mi mettesse in maggior labirin- 
.tOi Se quegli, che hanno ordita questa tela con- 
tro di me , sono uomini onesti e Crìstiarii , han 
r obbligo di ritrattarsene ♦ 11 Sig^ Pasqualigo , e 
qualche altro saranno lodatti da. ciascuno, quan- 
do confessino , che sono stati ingannati in dire 
e credere quel che hanno >^detto e creduto , e 
confessino oqttratamente ^Jo^o «eitore nato^ pec 
ignoranza, non. per Analizpia ,. con quella pub- 
blicità e solenoi^i^ con cui T hanno divulgato'/ 
I tJna tal dichiarazione sarebbe giusta, e appìau^ 
dita. Mi riserbo a r'ispondere al venturo ordi* 
narìo ad altri particolari della vostra lettera j 
poiché. òggi sono stanco, e dalla suddetta novità 
sbalordito « Riverisco al solito tutti, e sono«« 



A i 454- 



* L E T t * H « J> l 

454. j4l Sii. OU. BétUt4i tLetéutéti . 4 Finixia. 

DAila if^stra lettera , e da altre 4i fiongluati 
e cU^ amici, e molto più dalU prefazione 
dell'Opera stampata del Sig. P. intendo la so- 
lenne impostura , che è stata tramata per abbate 
tere , e denigrare quel poco di rìputasione, che 
in tanti anni , é con tante fatièfae mi sonò in- 
gegnato di guadagnare in Italia . SinD a tanto 
che sono stato in Venezia > ho pubblicati XXX» 
6 più Dranimatici componimenti ) senza che ab- 
%\^ giammai trovato, chi mi abbia imposto ca- 
lunnie , e mosse querele sopra di questo . App^» 
na esco d' Italia , che al primo comparir di un 
mìo Dramma, fatto, non ^r rtf»W^(? > per coman* 
do di S. M. C. p non fer divertin94nto della Cor^ 
ie , v" è chi me ne accusa di furto , e mi fa tn* 
tra re per sua bontà e gentilezza nel catalogo de' 
plagiar) letterarj . S* io fossi stato costì , pui es- 
sere* che questa gran nuvola si saria dileguata 
da per se stessa . V esser giunto in questo pae» 
»«, che mi ha fatto rompere per cammino utifL 
gamba, ini minaccia ancora di volermi far pei^ 
d^re in questa mia permanenza la mia estima- 
jelone . Io spero tuttavolta in Dio benedetto , 
nella mìa innocenza, nella verità^ e ne* buoni 
amici che tengo , che questa seconda disgrazia 
jnon mi abbia a succedere -, e che anz^ la perse- 
cuzione ingiusta che mi vien fatta , me ne ri* 
* \ dondi 



A POS reto Zino. 7 

daiidi m gloria e coi|ijolaziofie ; siccome sempre 
im e occorso di sperimentare in tante occasioni, 
dove o sia in privato , o'sìa 10 pubblico, sono 
stato a torto e coatra ragione attaccato/ Io vi 
giuro t mio degno amico , che la lettera ^ e la 
jconsiderazione di simile accisa mi i^a fattQ anii 
pdere , che sdegnarmene • ^iò solo \ììt mi ha 
9tordkp^*si e, che i Sigg- B. ?• e M. & c^ 
insieme 11 Dn Qalva^i, tutti e tre da meamatt 
da lungo tempo , da ^le ncjfi mai offesi in cont^. 
vcruncy, e dai quali avrei anzi aerato in simile 
pccasipne di esser sostenuto e difeso, sieiJo stati 
quelli , che abbiano data fede a simile sc^ctag- 
gine ordita contro di me : imperocché non vo 
altro creder di loro, ^e t^on che sienp stati in« 
gannati da altri, né niai mi ^rei immaginare, 
che essi avessera data manp*, e tramata una cor. 
sa , della quale un giorno sacebbono stati in 
debito ) come Cristiani, <fi ritrattarsi con queRa^ 
solennità e pubblicità, con éui avessero cercato 
di ca|un;ìlarim e infamarmi . Pfe ho ; tal viltà 
non so figurarmi in loro j 'e se anche né. fossi 
persuasp dagli occhi , il mio cMóve ne sarebbe 
ancora sospeso «^ (^i^sto appunto è ¥ efettp , che 
Ila prodotto in me la notizia deH' insussistente 
impostura , dalla quale son carter che non aspet- 
tate da me eh* io in qualche moderni giustifichi*, 
poìdiè se credessi <he voi aycste bisogno di es- 
serne persuaso > voi che sì a fondo conoscete la' 
mia candidezza, e la tnia sufficietìaa, conunce- 
tei a dubitare , che la mallgriitai avesse" fatta 
quidche cattiva impcessione neir anitna ddle per-- 
A if. sone 



8 LettsrSdì * 

sone savie e dabbene. Ciò che ora inoliò pef. 
soggiugnervi a mia difesa » si è ^ /fine di por 
sotto rocchio a , qualche, {>ersoha) che non fosse, 
ben informata del fatto ^ la seguente verità. Mi 
si oppone, che io con leggiadria ( grazia sin^ 
golare dell' oppositore ) abbia accomodato per 
divertimento della Corte Cesarea il Dramma dell* 
Ifigenia uscito sotto il ìnio nóme da rni^Dra?»^.. 
manca prosa mano/crina d'uno Accademico^ che 
va per le mani • Io dissi nelP argomento della 
mia Òpera > dopo aver parlato di Euripide e di 
Racine> queste précise parole: Confuso di aver 
tolto assai àalC uno e dall* altro § dd oigntà di 
render meno imperfetto , che per me fesse possiti^ 
le, il mio componimento. In questa confessione 
voi ben vedete, come- io procèda sincero e mo^ 
desto • Ora dico lo : ifti si oppone j che io mi 
sia servito di una Prosa Drammatica Ms. A far 
chei là favola ^ cioè V invenzione , o '1 verso > 
Il verso no, perchè ella è prosa drammatica* 
Dunque r invenzione? Ma dimando io : V inven- 
zione e ella la stéssa^ che quella di Euripide^ 
e di Racine, o pur altra? Se e la stéssa; dun-> 
que IO non avea bisogno del manoscritto, quan-i* 
do confesso d' esser ricorso alle fonti , cioè a 
que* due gran maestri • Se è diversa ; dunque io 
non Tho rubata dalla prosa draèmatica. Mala 
distribuzione e disposiziono della favola ì i pen- 
sieri ì le decorazioni ? la^ locuzione ? Riscontrino 
XXX. e più de' miei^ Drammi I e vedranno, se 
per condurre una favola, per vestirla di concetti 
e di parole proprie ^ ho avuto abilità in ciasche-' 

duno 



diino) è poi argomentino» $e. in questo iolo i^ 
aveva bisogno di omarini delle altrui penne é 
Ma il Manoscfitlo? Rispondo i o che non v*è| 
o che è la Tragedia 'di Euripide e di Radnt 
oradotta .ia**pì^ i o die é , cosa diversa dalla 
loro ^ e per iconsegoenza dalla mia ì ò che è &^ 
nalmente la mìa'jàiedeiifM ridòtta in pcipsa dsk 
'chi ha inventata la cablila.^ In somnia hx tut^ 
to per vederf e avere in/T^suìO il maoosaittoi 
e cosi allora daremo Joi.scioglioieqto/a qliestpt 
nobile e gentil viluppo • Io vi ringrazio poidéls 
la bond e pena che avete avuto in difendermi r 
e anticipataitiente'vi ringrazio ancora di quahto 
sarete per.opeStare in : &yor. mio .su quj^sto; partii 
colare « Alla vostra lettera non cispet^ . pieiia^ 
mente 9 ma mi^ riserbo di farlo in altre occasio^ 
ni. Riverite gU amici degl'Accademia Lalliaiiat 
Di questa , lettera non avrei jcaro che uscissero 
fiiorì copie; onde la raccornsuido alla vòstra piuH 
tualità> Vi abbraccio^ e sono. é. 4 

455. jtt P. Pier CMefiné Ztnoé 4 Vènezidé 

PUmté 13. FebhréQ0 1719» 

Non mi stupisco piu^ the in Italia fiorisela 
poco le lettere , poiehà tanto fra chi ie 
professa , abbondano te baronate • Io credeva » 
che quella fatfòmi dal P^ nella stampa dell' ar« 
gpmento della su^ Ifigenia in Tauride, non por 
(es^e essere più solenne » addossandomi il ^agio 
da un Ms. che per Dio benedetto non so cosa 

siai 



so i 1 V T E R 1 O Z 

dtj ni cosa po($a essere, qttao4o noa fb$s^ la 
mia Opera medesima trasformata in prosa • Hq 
scritto a lango sopra questo particolare a) Sig^ 
Andrea 9 e ho caro, che yi facciate mostrar la 
lettera , 6 tutta la leggiate da capo a piedi « 
Qui per altro ognuno se h* è fatto beffe; e cre- 
do che pur costì', dove sono pia conosciuto, lo 
stesso abbiano fatto le perso^ savie ed oneste. 
Vorrei poi , che il Sig, Andrea andasse con mi- 
sior Iboco , e frenasse il suo empito • Se }a pren^» 
da in riso , e pon paee > e proccuri di scoprire 
la fonte della cabala ordita, 6 di avere iil mai 
no il preteso Ms. Proccuràte in tal caso anche 
Toi di vederlo in fónte 5 ed esaminate il carata 
tere, e le altre Qualità; poichè^diconoa che sia 
dt autor morto anonimo ; onde secondo loro sarà 
•critto da più anni. Ma son certd che Ù tutto 
iria una baja aerea , e hiaKgi>a } e comfuhqoe ne 
SJ^, io so di certo di non aver pr^c^ cosa àl«» 
euna da Ms« veruno, e so »^ avessi preso , sape* 
te che sono onorato , e che procedo sinceramen- 
te, onde r avrei confessato candidamente. Tutt^ 
questa impostura non mi ha p^ò datOj ne mi 
darìl punto di festicfié. Senza offesa di nessuno 
ho tuttavìa pensiero di giustificannene con due 
parole nel Giornale • Voi cho ne dite ì , 

' Assai più fastidio di questa prima teC\ ha da^ 
lo la seconda, perchè nli viene da man più ca« 
ni o stimata . Ali viene scritto , che il M. M». 
abbia pòste fra gli Opuscoli ultimamente da lui 
pubblicati la IntroduzioMe al Giornale, e le due 
Episteme decftcator^e , e fkio- uh estratto dèi li- 
bro 



ApoaroirO Entro. ii 
bsQ del Gravina» e che nella LeCteia4^o«tamv 
patore sieno certe espressioni non molto bpono 
e vaataggiose pel rimajaente • Asp^to di fonotfi* 
ne preciso gÌDdicio» quando abbia io mano j| 
libro medesimo» Che vaniti sciocca è mai qu^ 
$ta in lui? E'vero, che ba fatte quelle diied^ 
dicavioni^ percbè esso fu ancora, che le Jiapt^ir 
sentate^ e poi sono tali, che io non vorrei aver*- 
le fatte. Ma per 1' Introduzione, egli bei»! V 
ha stesa; ma una gran parte dei -materiali gli è 
stata sonimiAistlrata da me, e molte cose sono 
state con lui concertate, e col Sig. Vallisnieri, 
e eoa me parimente» Ma finalmente sempre più 
mi accorgo, che quasi in tutti il vano amor 
della gle^ia fa gittate a parte i riguardi 4eUa 
onestà , e d^lla fx>nvenienza ^ Del resto egU à 
poi * falsissin^) dò che sento dirsi sìdla ucspi, 
Prefazione, ciie di lui ajtn> non visianelGìor^ 
naie» perchè ve n^ha più di uoa cosa ^ deU 
h quale può essere che a lui sia c^ro > cht 
non si sappiala che ella sia sua* Basta* Per ora 
non mi /etermino « Aspetto lo stesso JUbro pef 
essernp^ testimo&io di vista, ; Uteijuameote gU 
^crìsfi una lettera, che avsfte tuovata entro uni 
vostra* O quanto mi sarebbe caro, che aon f 
aveste mandata-, perche in tal caso vi pttgheroi 
di te&erla in dietim • Ma dubito isolto , che il 
mio deiiiderio sia inutile'^ e quando non ci ^a 
pia rimedio , non bisogna pensarci • MI regcder^ , 
meglio anche seco Inavveisire.. Oedetemi , frateU» 
amati^imo , che non so pia di chi fidarmi « Il IX 
Chiseiì^tte si è recitato faltr'jeri per la prima 

voi. 



14 l t f f t k t n i 

volta. 1/ applauso n^ è stato singolare e iacteàU 
bile* Durò quasi 5* ore 5- e '1 tempo, è panjto un 
momento . Tanto è stato il . piacere , con cui 1' 
hanno inteso e gli Augustis^nii Padroni ^ e la 
Corte tutta . Al Sigi ]{^ariati se ne deve il più 
della lode e del inerito* Ad un mio cdnoscen-* 
te , che e di partenza per costì , ne ho conse-> 
gnate akune cc^ie per voi.. Saluta^ tutti , e fi< 
ìBÙsQo abbracciaiidovi ^ 

^ Vienna 25; Febhraj$ tjl^i 

SE non rispondo? alle lettere di mglti che tìifi 
lianno scritto ^ scusatemi, pressò loro , non 
avendo ora tempo di farlo, per essere troppo oc- 
cupato in Oratorio, ed altro componimento peu' 
còrtiando dell' Augustissimo Padrone • Già vi àv-» 
visai ron T altra inia il regalo fattomi dalla gè- 
\nerosità e clemenza di & M, di 4000^ fiorini 
^pcr le mie spedizioni^ le quali averò dentro un 
mese • I^a cosa ha fatto grande strepito nel}^ 
Corte , perchè non ha. esempip ,v e Ha fatto ^iu* 
dicare i che lai>M. S. mi guardi cpn occhio beni- 
gno, e distinto i 

Se la Storia del Mogol non si trova i bisogna 
aver pazienza r Che non fosse nei libri prestati } 
Guardatene le memoria. A proposito di ciò vor- 
rei , che destramente scriveste per quelli , che 
4tiene il Marchese Maffei 5 alcuno de' quali veta- 
mchte mi preme , còme il Codix Apocryphus del 

. Fab- 



Fabrizio, il Costantino Por&QgenitQ , la Tafr** 
oca Mst ^c. Ditegli che non ne ho scrìtto a 
lui , perchè suppongo che già ye gli abbia trai* 
messi • Il mio esemplare delle opere del Nava. 
gero sta neU' alto dei libd in 4. Epistolari La^ 
tini • In esso troverete registratp J^* epigramma » 
che desidera il Sigt Volpi > al quale risponderò 
nella settimana ventuia . Nella edizioncddle Ora« 
zipni Latine di Pàtrie j Veneziani intrapresa da lui 
farebbe una bella comparsa la Orazione M&di 
Carlo Capello in morte di Giorgio Comare , che 
sta in cotesta vostra libreria della Saldte • lo 
non ne sciavo ad esso^ perchè non so la vostra 
intenzione; e solo a voi lo ricordo, perchè ne 
risolviate a vostro talento t L' occasione veramen- 
te è bellissima, e sarebbe oltremodo gradita la 
cosa e da sua Serenità, e da S« Eminenza Cor« 
nari • Se questa settimana scrìvete al Volpi , 
scrivetegli, che gli manderò con la mia rispo- 
sa la Vita Ms. del Cardinal Valietm , compo- 
sta da un Canonico Veronese • Salutate ti^tti 
e sono • ik » * 

457. jll Sii* ^ndred Cornerò f m Fentxdd^ 

FUntiéi 4» Métrxjo 1719^ 

Circa Taf&re del Ifigenia, il mio animo è in 
tutta quiete . Già io me l' era indovinata, 
che quella prosa Ms. altro non era^ che latra^ 
duzione della Tragedia di Racine. Rispondo al 
March; Suàrez , e ne raccomando a voi il sicu- 
ro 



ì4 ILiftiiit.fit 

tu ricafitd. La lettera di esso a vói ^tttà è 
bcnei che sia costi in vostra mano » acciocché 
Con quelli possiate confotidare T ostinazione lii 
ìilcùao: onde mostratela» e conservatela. La sa- 
lute vostra 5 t di tutti i àostri è la migli«>re 
nudVa i che possiate darnlt • Io pure me la pdtssù 
as^ai bene. Salutate al solito tutti 4 Sono an-c 
Hoso dello stato < del Sig. mtó Sùoidero • Di gra* 
2^ datemene qualche avvisò* Di Ciò paifmi di 
avervi pregato anche con la mia precedente* In-* 
tendo ^ e gradisco le. nuove della città. La nkftr* 
te dell' opulento Sig. N. è un rìiiovo testimonio 
della vanità di chi vivendo va ammassatido dar> 
nari, e titchette. Qixantopiuse ne lascia agli' 
^redi , tanto pid si ha 'I dolonfe di lasdiarle a Esse 
iìon fanno un picdiolo attaccameinto air amore 
del secolo 9 e di quesito niondo. Viver dnesta-» ^ 
mente, e ìasdar dopo se un buon ^ nome è Utlà 
»ana morale* La nostra Religione esige qual-* 
iske €05a di ptù. Piacda a Dio^ ch'io possi 
adempirlo a riguardo mio , e , del niio prossimo i 

Nel Giornale dirò qualche cosa per mìa giù»; 
stificazione i ma in maniera i che tìon vi safà 
Occasione di doglianza. l*anto si lodeifà la nliéi 
moderazione^ quanto l'altrui aciimosità ha fatto 
itomaéare ànffae le persone discrete • Questo ^ 
itatò, e sarà- sempre iì mio costume t ridevé^ 
Itiale y • far bene i Vi abbraccio di éoore ^ « 
iÈOào 4 è • « 



45«» 



A P 9 i t t # 2 É K Ò* ^ ì$ 

458. Ai A iP*^r ,^^friH0, Zino . 4 ^<r«f«Ì4i» 
P^ienna, 4. Mdrzà 1719^ 

Mi ^éno grandemente $tu|>Ìto in sentire^ dbf 
S. E* il Sigi Pietro Garzoiiì $i lamenti 
di me« Io non, posso crederlo^ sa{>enda la yireà 
e pmdensa di quel gran Senatore » Nelle NoC# 
alia Vita del Parata altro non si è detta 1 se ^ 
non quello che ne dice la Cronica Ms. del Sig« 
Piocéurator Gradetììgo * Di mìo non vi ho fo^ 
sto [Hire una parola -, e quello non era luogo 
di esaminare^ se la famìglia di lui v^iigada.Bd-*- 
logàa t o da Lucca 1 Se egli yorfà , che questo 
il ^mini in particolare in ócxasioàe- che si par« 
lerà nella nuova edizione dei Paruta» potrà fai> 
ÀI / ma tèmo ^ che cercati i fondamenti della 
Cronica suddétta 3 A troverà esser ella verissima * 
L^nostre Cronichté Mss* antiche tutte dicono Ì0 
stessa ^ almeno le da me vedute • Vedete fra* 
miei libfi .di Istorie f^atttcolari , là cbve s^nd 
qjuelli appartenenti alla. Toscana' i quello del Pi 
D. Placido Pucéindli in 4. che contiene molti 
Èòse i come la Vita dì Ugo il Grand* y t Istd- 
• ìia della Éadia Fiorentina ) le Memorie di Pe* 
scia i ecc* Fra le Memorie di Pescia ^ t\xt e ^ 
come sapete, nobiì tefra della diocesi ii hnccìk 
hello Spirituale al presente 5 e ah afìti<ìUo aiicht 
nel temporale ^ troverete ìli più ludg^ii ìungà 
menziofie della nòbile famiglia Gar^&oni nostift 
Veneziana > la quaii| quivi chi^ranieàte si fa di** 

i^Àva- 



%e L s :e T E K € O X 

xivare da Pesciat Anche quella di Bologna è un 
ramo delia Lucchese » passatavi anch* tsù per )e 
fazioni di allora. Non so quello che se ne di* 
ca dal Frescot nei Preii ielU N^^ilti Fènetay 
stampati dall' Ertz. Tra* mici libri Genealogici, 
in 4. vi è quello delle Famiglie Bolognesi del 
t>olfi . Non mi sovviene , ' it quivi si parli dì 
detta fòmiglia • Voi potrete osservarlo . Mi stu^ 
piscb poi , che si faccia 1* opposìsjpione dell* t$st^ 
£e spacciate mescatanti di set^ quelle triglie 
mobili Lucchesi alloia passate in Venezia* Echi 
noli sa , che in que- tempi P arte della seta non 
pregiudi<^ava punto nella Toscana ajià nobiltà 
del casato ì Vedasi quello che né dicono ì& Sto« 
rie di Toscana. Le faiiiiglie più nobili Fioren* 
tìne. Lucchesi, ecc. non si itiattìcòlavano esse 
a bella, posta in qualche arte, per èssere tr^ le 
popolari , che erano le più potenti , e per go- 
derne i privilegi > Tra le Lucchesi passiate in 
Venezia, dove ne portarono Tuso e, la fobbri* 
ca, non si annoveravano ÌaSahd[e|li, detta an« 
che Sandei , la (Suìdiccioni,' la Vanni, e al- 
tre, che soqò delle più cospicue nella Storia di 
Lucca? Hanno esso per questo ^iarduto punto 
del loro lustro^ e splendore? La Malpigli di 
Bologna , ora estinta in Venezia , era dello stes- 
so numero. Tutte queste cose desidererei, che 
poneste sotto l'occhio del Sig. Manfrè, che ca- 
ramente io saluto. E* benej che e* lo sappia, 
per rispondere a chi per ignoranza Volesse ciar- 
lare in una cosa, dovè, non abbia la debita co- 
noscenza . Altee osservazioni potrei far sopra 

que- 



A p o $ T p t. o 2 E K o. if 

<int$te l/^ se qui avessi U miei libri i! Ver altto 
torno a dire', desidero, che in tutto a S. E. sì 
soddisfaccia, quando ve ne sia, che non credo, 
bisogno. Se avessi giudicata la cosa inconve- 
niente, mi sarei astenuto dal parlarne nella Vi- 
ta di un sì gran Senatore , qual fu il Proccu- 
ratore Parùta, non per altro da me distesa, 
^he ad oggetto di illustrarne la memoria, e la 
^asa . ■ ■ ' ' "■■ " , ■■''■> 

A vòt non sovviene , e ne meno a me , chi 
mi abbia promésso l'Elògio di quel morto let- 
terato, e non so né meno di chi. Se* avete le 
lèttere, che vi ho scritto, in e5se lo trovere- 
te . Sento , che in Roma sia morto' r!Abat4 
Lionardo Adami , da Bolsena , autore dèlia lì 
Parte delle Antichità Arcadiche • V Italia ha 
perduto uri soggetto che potea farle onore. Era 
intendentissimo del Greco , e andava allestendo 
per la^ stampa non solo la continuazione della 
suddetta opera ; ma una nuova versione e im- 
pressione delle Epistole di Libanio notàbilmente 
accresciuta. Scrìverete a Roma , per aver infor- 
Hiazione di lui , onUe nel Giornale se tie possa 
iar qualche picciolo Elogio j giadchè ora è tan- 
to trascurata V Italia ih somministrar le notizie 
det suoi letterati defunti . Grande trascuratezza ! 
Le due edizioni antiche da voi acquistate del 
Vendemmiatore sono a mio giudicio assai sti- 
mabili. Vi ringraziò della notizia, che me ne 
date . Le noterò in margine al Giornale , ove 
parlo del Tansillo.Vi ringrazio delle Novelle, 
Proccuratemi una copia delI'Arsinda del: Testi ,^ 

Tomo III. B ter- ^ 



tentùnata d^ qu^l giovane Veronese. St s^tpete; 
chi questi sia, avvisatemelo . .Se non è partito 
il Nipoie del Eccmp «pstro Ambasqiatoré Gri- 
mani » raccooiaiUate al P; D, Niccolò PetriceL 
li , U cui veiduta mi «sarà 45$ai catra , di por^ 
tarmi quatlche pcH^zione de' libri < de' quali teni4 
pò fa vi scrissi : e limito que^H ai libri stam-; 
pati ui$i«lamente da' iSigg.. Vglpi; Fracastoro ^ 
.Sarihazzaro i è ^ Orsatì j a* quali àggiiignete T 
^bmani ; il Navageiro , e i libri dì Firenze , 
cioè Galilei , Buonaccorsi , Fioretti di San Fran. 
Cesco, T. !• de* Poeti JLatini Italiahi; e qualche 
altra novità ; $t, ne <ivete , e più di tutti quel^ 
lo del Corsigtuai • Salutate tutti : Abbiraccio voi 
caramente. ^ 

^9* ^l medesima, a FènczSai 

V'Urina ii. Marzj^ 1719Ì 

Lunedì dopo pranzò fui per là terza volti a 
piedi dell' Augustissimo Padrone per render^ 
gli grazie del generoso regalo; che esso mi ha 
fatto. Sempre piiì cori bontà mi ha ricevuto; e, 
mi ha seco da ^olo a solò tenuto a ragiona-? 
mento sppira materie letterarie. Ha prima loda- 
to il D. Chisciotte , eh' ip posi in assetto , sé 
b^ri tutto noi verseggiai. Ha pure lodato gran- 
demente r Oratprio del Sisara i che si reciterà 
fra ij. giorni. Ha poi m^ostrato sómmo gradi- 
mento dei Giornale presentatogli ; Lo va, leg^ 
^endo: da capo a piedi, e lo vidi sopra il suo 

tavo^ 



^PQSTÓLO ^flfÒ^ li 

^volino. Disse , ct^e qe guj^tay^ 1% Ì^V^ I 
Ittiche ia poco ne appfegdev^ mftlt^ j iigic^ ^,.. 
veacfo ^$$0 témpQ 4i l^gS^f^ ì^ fi?rtl« i libri 
nuovi j che escoq(^ alla giordatai Mi ^\ ii)c^-r 
tifato di édoperatfé al|4 cdii^ifi^a^iòde di pq'^« 
pera, ciiie égli disse p9si(iyàn[^e];:ite é9sar4 W^i 
e dilettevole ^ ^ Coa qi)e$t4 ócc^^iòde mi ^^c^^-r 
ìxò mpite pairticolarità che aveva osservatoci ^ 
{>riricipa|mehté intorno alla <:onte^4 4^t P^ Qef^ 
il^on^ la cui opinione stravagante ày^a)^ sc^ft* 
daleziatd ì Mi licenziò poi co(^ ^sibi^io^Q gfH 
iàeFps^ di Quovi. f«|vòri i oiìde^ ^brigatfimi 4^1|(| 
tnié ipedi:^Ì9ni farò i\;ibfX0 u£cj peir av^re tjk^ 
(juaftief conìodò^ e proprio: il. che sarà pàinot 
^0 allò studiò^ e confortativo aU% tiió^a ; $criyf^ 
temi dello stato dej. - S[g* mif^ Suòcero^ i ^ ^^ 
ringtc^Vò delle visite i che gli ave;^ 4^té i fi 
èhe iaréte pd fargli", quando pcJtléte; Salutata 
la $ig; M>d|-^ i ie Sorelle ^ e tytti gefiejf4Ìi?i<^4 
|e. Il Sigf Jppplito fa io stajpsò a v^i i é4 isf' 
iii cucifre vi ;i|ihracci0 i e $(ijno • ; ; ^ 

L^ letfófà di V- S. liiij^tri^f. p Reverendi??-^ 
nii é ftat| olti^moc^ (ara ^ venendomi 4i 
fierspia che ta^td ^(f è riv^rispd j nèe.vèa^ii| 
4à essi |in hiidvo attcstai» delli^ iua (^44 ^fr 
kf pi|5 } cp4 ?He veqgd |fssicurat9 i ch^ ì» ia3Ì4 
kì^v^i i' M'^i »^. ,nii intiq^c^ §^it^ 

B i faei^ 



1(5 1 È T t I It I 1> T 

nella sua grazia ed afiFetto. Io vo^ sempite pm 
rimettendomi iii forze e in salute, e la' mìa 
gamba , come che alquanto zoppa e^ ancor gon- 
fia , mi permette però che cornine) ad uscir di 
casa più spesso* Lunedi dopo pranzo fui per la 
terza volta a piedi dell' Augustissimo Padrone > 
per rendergli grazie di un generoso regalo , fat- 
tomi di quattro iliille fiorini , in aggiùnta alii 
altri quattro mille di mio annuale assegnamene. 
to . Non posso esprimerle la bontà di questo 
ìncomparabil Monairca , e il suo amore propen- 
so verso le buone Lettere, nella quali anche 
ha molta cognizione, più di quello che si può 
figurare in chi è alla testa di una sì grati Monar- 
chia. Sta ora leggendo il GiornaU adi me pre- 
sentatogli , e mi ha incaricato a cooperare alla 
continuazione di un'Opera , che esso giudica' 
utile e dilettevole. Mi ha parlato dèlia contèsi 
Germoniani di una maniera^ che. fa molto ono^ 
te al nonie di Mons. Fontànini ♦ Ancora non 
5ono itato nella Biblioteca Cesarea , che per al-' 
tro è un tesoro di cose rare , ed inedite . Il Sig. 
GeiE^tilotti è uno de' piò degni Letterati chje to 
abbia mai conosciuti • Esso è molto avanti ne), 
^uo Catalogo de' Manoscritti , sopra il quale la- 
vora con una diligenza, che senza esitanza ai- 
cupa supera di molto quella dèi Lambeccio ^ 
Cb^sta insigne Opera si stamperà certamente , 
fiientre anche la M. S. ha. sommò desiderio di 
vederla perfezionata, ed impressa . Del P. Pez 
fion so dirle cosa alcuna , mentre dacché sono in 
Vienna , £gli sì trova al 'spo Mpnisftro di Méldi ^ 

Le 



X p é s t o t tìf Z E w o. ii 

Le cose da me oss^rrate in rcnzjsne^ furori^ 
appunto certi EpitaflS antichi, dei quali mi fi| 
mandata copia dai Slg. Viviano Pozzi \ giacche 
io mi vi fermai così poco^ che non ebbi tem-» 
pò di ricopiarli. Spiacemi però che. alcuno di 
essi sia . difettoso . Questi si riducono a tre , 
tutti sul pavimento , e di carattere;^ giusta ii 
comun detto , Gotico e barbaro • \IÌ primo è 
il seguente i 

tìiti iacet DominHì -, 

Vi si scorge, sotto la figura di «n Irrelato. 4 
fecondo si è •* 

Hfe èjt :feputfHra 'Domini BoesUi 
Dhcìs Cosiliensis & ^ . \ . • 4 

Chi sia questo Duca Boeslao, non Io so « Di 
sotto vi si vede la sua figura distesa eoa I9 
sue armi • Il terzo si è / 

tìic iacep p^s . 

Lanremius ììc BacÌ4 ì 

pi sotto vi è r arma del defunto , cioè tiri brac- 
cio che impugna un lungo bastone. Tutte e tré 
sono avanti ^ Aitar maggiore e mpstrano essetc 
del XilL, o del principio del XIV. secolo. So- 
pra uni muro di detta Chiesa nella Cappella di 
San Lorenzo /vi è una lunga Memoria della 

B 3 con- 



li l l ¥ T E II E A t 

ièéiéeraliòìlè ai détta Chiesi , fatta dal B. >^- 
Vfiarck ÉtrirahJié Tanno 1^38. Supponeildo thè 
V» ^» Illustrisi, r abbia , . hiHi ne mando copia j. 
fèà, pccotrenddle , lion mancherà) di servirla \ La 
fcttk Memòria è àisai (Considerabile,^ poiché dà 
essa sì vede che a quella cpnsecrazione inèer- 
Venfeerè cc8 l^àtriaà-cai un* arcivescovo , t ùtt^ 
Ve$<ovi ; 

Tra le mìe carte a lei rimaste vi iono ol- 
tre a quelle bislonghe sopra l'Aleàndro, alcu- 
ne altre concerheiltl f affate del Patriarca Gìot 
yinni Grìmapi , le quali ìe raècomando . Potrà , 
quancjp ne sia servita , farle avere al P. mio 
jprateKò;. La tHigbzfo Mie Novelle Letteràrie ^ 
che mi p omuiiica > e npij cessi di favorirmene 
quando pup. 

Credo che ptèsfò ^a pèJ- Hrehirè jcó?tk , al serr 
yigip del Cvrd. Barbeniio , H Sig. I>^ttpr Gio: 
Oliva da )5lovigo^ persona erudita , come vedrà 
ifelle Vue iéotè scampate. tiò basta per fenderlo 
lacctoiiiandatb i Anche ih grazia jm^^ i'i'^cgok di 
.onorarlo Jella sua protezione^ ed affetto. Io t 
amo «da r.cltp tempo, perche in lui ho cpnor 
sciutp del merito, je perche so che pij ama. 
Jliyerisca ì PàJroni è' gli amici lèhe .costì ten-* 
go, e in pa.rticplare iMons. Passionei , e i Si- 
:èìtTori Vigneti , Garofalo , P. jiuàJieUi , è J> 
J^Jiio'relli 1 t% piti d^ ogni cosa mi conservi là 
Ì5ua liuc^a gSi^^ia , e si vaglia di th\ nulla pia 
ctótistdera , che farsi tdhoscere sub buon ierVi- 
^reT 

P. 5. l'jirttàlyo tòitiO ^A tambctio è diÉcl- 

lis- 



ApOstoloZeno. 5tj 

iSssimo ad adersi: anche questo a me manca 
per coiBpttnfeWb'dcir/Operal II sesto non dispe- 
ro che mi capiti,' 'e instai' caso avrò a menso- 
tìk il iuo comandiirietito . .M ' 

4éì* ^t Sii. Antonio Fédlisnieri . 4 Pddùva. 

i : . . . . . . . -s . : . ^ » 

B lacuna diq coirà wil <jùa|cht3 cattiti co^tel- 
laltcftie 3 ^la^^^quale' faccia véhrré le girando- 
le al capo > e^ cadere ili 'paiziaT Voirmi avete 
fetta fare questa ossetvàteìoné ' ift ' leggètado" le 
vostre due lettere sèrittètói ullìiihinientè 1 II po- 
vero AtK Giacomèftti/ h<i il primo luogo ," Di- 
manda là Clttedfa dì Morale j t ottiene r"*"si; di$-' 
péra 9 si dà delle eokeHàtej sàvrS'sole'^in'que*- 
sto, che non sé le ha date ptèfonde, itia con 
timore di fatsi male . £ceo il frifeò * Fausto 
per tiinpre del lenriMtìoto già passafto dà in me- ' 

^ìancplia y teme di dovei morke , vuole avet 
male; e non Vhk\ crede là morte, vicina, per- \ 

che è morto xsù 5U0 Itortfipagnò ^ tìè vuole usci- 
re dilettò, ed è poco che ancor vivb hpn fac- 
cia cantarsi l'esequie/ ficcò 11 secondo. L'Or- 
aati per non perdere la buona 'oj)inipne, che si 
aveva della :saa' virginità j'^ è in pericolo* di per- 
dere dì mal Franceise la fita. Chi. non lo met- 
tenebbe nel, tet^zo ? il M. M. yuol/tùtto Tonor' 
dei Giornale, |Soi non vuol essere Gloraaìista; 
pretende che %ìxl tutto siàò' fi^$ànientt>' d^V che 

, da voi e da altri gli è «t^o suggerft*^ > è cor- 
fi 4 ' retto • 



5+ X B T T ER E D I 

retto in gran parte; continua ad aver nìmó ilj 
un' opera) che da lui in certo mòdo è rifiutata. 
Chi può capirlo ? Aspetto di Vedere il suo li- 
bro , e poi parlerò più chiaro . Intanto noA ii« 
discorro con chi che sia ^ e serbo il segreto , 
che mi raccomandate ì Per altro non me .. ne 
prendo fastidio . Non per tanto non crediate , 
ch'io vi ponga fuori di lista. Vi ponete al fian- 
co una spada nuova di argento, e ve la las- 
ciate rubare. Non (è egli questa mna solenrtè 
pazzia ? Il nostro Sig. Ippolito studia tutto gior- 
no la lìngua Tedesca, -e crede di poterla impa^ 
rare ) ma quanto più sopra, vi studia , tailto me- 
no ne sa i Non è anch' egli uri bel pazzo ? Mi 
dimenticava il Sig. B. T: con quelle sue Lezio* 
ni . Lascio a vói considerate , se egli pure deb- 
ba aver luogo in questa comune gabbia . Ma 
che direte di me ? La , M. S. ,mi ha regalato di 
quattro mila fiorini, siccome il Sig, Ippolito ve 
ne ha scritto j ed io ho avuta la pazzia di pren- 
derli. Ma chi di grazia non l'avrebbe avuta! 
Piacesse al Cielo j eh' io avessi Spesso occasioni 
di così impazzire) ed a voi pure ne auguro di 
somiglianti. 

Ma veniamo un poco sul serio . Io sfempre 
più vo stando meglio , ed esco più spesso di ca-» 
sa. Dal moto me ne risulta del giovamenti • 
Non resta però i eh* io non zoppichi molto be- 
ne j taicnc avendo perduto quel mio impeto na* 
turale , e quel mio andar frettoloso , comincio 
ad esser una persona grave, e posata. I giorni 
passati sono stato un' altra voka a' piedi defr 

Augu- 



A P O S T Q t Ò . Z E k 6.» Ì.J 

^Bguscis^imb . Padrone y che per più di im' cn 
ia mi ha fatto r onore .ìli^ .teilermi a ragié^ 
hamento da $olo à solo sopra. materie letterariai 
i^d erudite i nelle quali boi ritrovata h. sua gran 
tnente di bellissime cognizicHu fotnitji. 5ta Its^ 
jgcndo con hiolta soddisfaiioné il Giornale 5ié:nie 
io ha conun<3ndató assaissimo ; av^do io atité^ 
cedent^tneàt^ Fài^a. prosetitariì^ mxì int^to . cospQ 
alla M. S. in attestato del mio rì^e]r^iì$sijiB|i 
ossequio • Mi ha con fervore animato a far* 
lo c^totsnaare tó Vériezià per T nettiti . che ;he 
reca > e pel piacere eh' egli prova nella lettura 
di psso i Vi .attestò su !' dhor mio y che mi hai 
parlato con istima delle cose vostre, e ha inte- 
so xtpltò volentieri da.me éicfichè ultìmàinprifìf} 
ttii avete scritto èirca il mate , bovino.$ ifle cos- 
ti va cessando ; avendole io' significato , che la 
direzio(ae principale di questo af&re è tutto vò^ 
stro peso^ e meritò vostro ; Spiàcéoii grandeiiietib 
^e il male del Sig. Poleni , e qndiò del Sigi 
Moi:gagAi • Piaccia a Dio , die. pifestó ii tiin^a^ 
Ho in perfetta salute • Riverìtdl per mk>ripns»j 
e fate lo stesso a*Sigg. Ab; Lioni ; Br. Faccfo<ik 
latii Conte Alvarottl, ed agli altri amici ; Le 
nuove partecipatemi , mi sono statd : carissime } 
ma sopra tutto mi è piaciuta quella della Gat» 
tedfa di Botanica data al Sig; Pontiadeira , éhe n^ 
è befi degno é Vifra il nostro Eccmo Sigw Cavj 
Morosini, onore e ornamenta» ile* suoi pari , e 
di cotesta Università. Fate, die nel Giornale ^i 
dica qualche ) cosa di questa Cattedra cdnferita al 
Pontadera^ 6 deli* altra dat» al Si fi Riva, a«- 

cioc- 



\ 



té L E T t J K f 1> I 

fiòche iiess\if^o di esri abbia t>Q'>àt(it^#lèt4efìé^ 
ìÙtordate ai dignì«lim| ftroféisG^l ÈurgQs eLak*. 
nirini la mia amica diy^ione . Alla Sig« Laura 
ki particolare ipassegtio ii itiiò ofóéquio > é voi 
fcbbracdandé di cviDte ffti diedri*. 
X Fate fere iihidescristìprié dell' ultimò feftòi\^- 
/fidi» e accctàipagnato cdu quaJdie dsisartvaziòiie , 
mpiidatelò a itm fratelli) aceidcehè io inserisca 
liei Cii^rftàte^. 

iXJadtk sia la ?tima, bhè io fo di V* S* 
lilma^ e ]f[fuatiito aknore io le^mfes^^ egli 
è siaperflijo> che gliene faccia' nuovi atte- 
6taci<9 dopò avetiglle^s dat; 5 o blmi^o proccurató 
di dai^e a lei in altre occasioni: e siccome ella 
ba tutto li taicrito d4 canto suo, t dal midtìé 
$c0Cge tutti grillatisi s còsi può bl5ta dia accer- 
tami che vive ih me Uh . ardènte desiderio di 
sempre più ponferitadè ^ e r<èriderle più ^nsibìld 
questa verità. Masa bcnelU essèrvi certe ciAì^ 
(ifl^hzè^ dove l'amicizia non può far i^uelld 
djé vottebbe^ |ierchè rattenuta o impedita «da 
l^alcthe altro onèsto ritardo w Fra le persóne, 
die tìla ha per cjojacopwntl alla Cattedra cfi Mo-. 
naie 5 ve è' ha alcupa , cui pur professo stimai 
affetto . Nbti vi ha mcrfo , the io mi adoperi per 
Pijnà^ che 'flòn mineM airtótra: dìidé quel' 
ciie lecikiÉneate fase |>oiso, tehaa offesa di 




fio, egli si è starmene col cuore diviso ^ e C04 
I le màhi alla cifttola «Sono certo cÈle eUa . gta- 
dirà con la sua solita^ gentilezza , e f ioeyerà in 
: buona parte qyestà mia sincerità , e schiettezza 
d' animò ^ e rimarrà persuasa ^ che' senza un for- 
te impedìpieiito io nv/n perderei questa occa-^ 
itone di servirla, ^iccome senza un fotte cfis^è^ 
cere io jton me. la veggo uscire di maiio'. TTub- 
tu qt^elte, chfe Jio ^Jótuto fare pet lei, sénàiaofr 
Éisa dci|' altVó , si ^ i* avere nisihuatò a quesfei 
fwstit) pccAo 'Ajfnbàsciatifite Grimani, cljè ^la 
suddétta Cattedra vìioho di pxeseiitè tali coh- 
comenli iìfi It^a, che Isàrèbbe ihutile il cercar^ 
ne altri dì ii!giial hièlrito in ^éSta Córte-, éPi\^ 
f iiicià j ond* egli persuaso cfi tal yevìtìi Wn né 
fca^jftitmmaggiot ptiérca, tuttoché sbliecitato nfe 
sia da c<>tèsti tccAi S5gg. Riformatoti , Itìi tal 
mòdo (jà .Questa pai*è ella non ha à tttrierè nuèr- 
▼i conòorrepti, ed ài suo Vatòre rtìta libera 
campo per superate quègh che tiébe a ftonte • 
Quello che scrivo a lei ^ scrivo atlche ài P. ttàc 
fratello . Sarrt>bé mia soriitùà SJsgraScfa , sé da 
ciò 10 ytìtrfssl k perdere ptéssp di ìé\. una pa^te 
di ^ella bóftt^, che $em|)rfe Kà per ine còntòr-^ 
vata, e xja cui yiù tostò hfe 'spéjrò I^nignotom-' 
j^atfmetjtp ^ . Ri^erista à iùib tobnie il ' ^ig. p# 
Gafetano suo fratello; e "péc fine reftdefeitlcyie gjrà* 
zie dei Hbri , pht inj ha destinati , uscitj'^dalla 
$aa ?tìMàtjsiìitià AàrtiJ>eJ-}a ^ è thè aii!tQ!idò cbù fe* 



\ 



fiòche lassano ìii es»i abèM t>Qttt<»a^<4^^^é^ 
AÌTOrdate ai dig^«i^mi ftofékso^l fturgbs eLafe-. 
aarint la mia •amica div^ione. Alla Sig^ Li^tà 
in partfcolai:^ rassegno il itiiò òifi^uio> é Vòi 
jtdbUracalaAdè di cuore mi dico^».^ 
^r Fate Sfeare ithi ciescristìprié tfeìruftirtiò feablliér 

snaoKlatelò II itM> fratelli ^ aceibcehè fo inserisca 
liei tìì^rftaiei. 

^ TJadtk sia la >tima, bhè io Fò di V* S% 
^Dimai» e ^^adto ainoare io lepi^festi^ egli 
è superflin^ che gliene faccia' lìuo vi atte* 
^tati s dopò avetsglieifte dat| 5 o bimi^o pcoccuràtó 
di dai^tre a ilei in altra occasioni: e siccome ella 
ba tutto H knerito 44 piilto s%]ò, è dilmiófìA 
^eocge tutti ^riii^uisis cbsi può b^ eUaacsoér* 
taxsi^ che yirc ih me lih . ardènte desiderio di 
«ofnprè più fpnferitarjè> e r<èn4erie j>iù sfefisibilil 
questa verità. Masa bmelU esservi certe ccHa 
(ìn^hzè^ doF^e l' atmicizia non pìaò f»: qiielH 
àté votfebbe^ |i'erchè ratteòuia o impedita ^A 
l^akhe altro pntì^to rl^ardtì^ fra te pérséfte , 
die tìla ha per cjo«KJOifcntl aila <;3attie*rft di Mo- 
lale 5 ve è' ba alcuna , xxà fxa profe^sQ stimai 
affetto • Nbti Ti ha jxBDdo , the io pi ac^ptrl pei: 
Pijtìà^ che "non niineki air altra: dnt^tò quelle, 
che lecjkiÉneate faec |>oisa, tehaa offesa 4i alccT^ 

no , 



ArbiTOto E%l¥o« if . 
no, egli si è starmene col cuore diviso, e coij 
le matti alla cìtttpla «Sono certo ctie eUa-^ìta- 
dirà con la sua solita gentilezza, ^riceverà in 
buona pai^ questa mia sincerità , e schiettezza 
tf animò ^ e rimarrà persuasa ^ che* senza un for- 
te impedijnertto io nx)h perderei questa occa-' 
iione di servirla, siècome senz:a un fotte dis{)ià** 
cete io Itoti tne. la Veggo usèirié di itetiio'. Tut- 
fo qpelip, thfe Jio ^rótuto fare pdr lei, seniaofr 
fesa A^y* altVó , si t i' avere nisihuatd à quesfei 
flosttt) pccì&o Artijbàsciatbte Grimarii, che pdtH 
suddétta Cattedra VÌ iohp di pteseritè ttìi coh^ 
coimèntt in Itaiia^ che ^rèbbe ihutrle il Cercar^ 
ne altri dì ii!gùal inferito m^éÀaCrirte-. éPw^ 
fittciiij oìitf egli persuaso cfi tal ferità non iìtf 
Ba'^jfetttt maggiot rìWrca, tuttoché sbliecitato nfe 
sia da cottsti tccfti SSgg. Rifomiatotì , Itli tal 
m6dp dà .^V?^ta pdkà eAa nó^n ha à tttiterè nu<jT* 
▼i còncotteptì, ed ài suo iraìòre reità libero 
campo per superate x^uégii che tifehe a ftonte . 
Quello cljè scrivo a tój scrivo anche ài P. itilo 
fratello . Sarèfcbé mia soraiftà fflsgraScfa y sé da 
ciò io yètafe^t k perdere ptéssq di leji lina parte 
di (jfueHa bòftti, che $emprfe Kà per ixié cònSér-^ 
vata, e ^a cui ^fi tostò *^ 'i^ftjrò l^e^igno tòfn- 
(^atrme^to . .'Riveristi * à ttììb '' pòttit ' il "5ig. P* 
Gafetafio suo fratello; e ^'dr fine retdtitoddlè gira* 
iie dei'Hbri,'|:he mj ha deitinW , uscit^ ' ^d^^^ 
Joa 5tiMà»?ìsiiiirtàAàitope^ia è ti* aftè^ cbù ti* 
|tó*lh4a, (tol^sbKtò 1^^ tìà l3/itoy..i 



463. 



\ 



Afeordate ai digiwsil^mf fóoféksorl Burgbs eLak-. 
aarini la niìà •amica divi^siòne. Alla Sìg^^ Liurà 
m {particolare ipas^egtio il itiiò biis^uio^ é voi 
idbblracoiaAtó di ciBmt ttA dicd^i.^ 
^i: Fate &r« -^i de«criatferié bell'ultimo feftòtttò^ 
<4id^ e ak:c€»àipagnato cdu ^uakhe omrvaziéHd , 
snaódateld a itM> fratelli) aceidcehè fo inserisca 
liei tìk^ftàiei. 

QTJailtk rfat la ?rima, bhé io Fó di V* S* 
^Qlma^ e i^éto alnoare io lepji^fest^^ egli 
è superflix»^ che gliene faccia 'ìiud Vi atte^ 
(Stati s tiopò avetsglieifte dati ^ a Mm^o pfóccuràtó 
di dar^e a ileifn altra occasioni: e siccome eli A 
ba tutto li knerito d4 pulto su6, è dil midfi* 
$c0tge tutti griii^blsis cbsì può bèta dJttacoér- 
taxsi^ che yirc ih me Uh atdtote desiderio di 
sempre più ppnferitiarldu e r<^nderte più stensjfeils 
questa yefita. Masa benelU esservi certe con^^ 
(in^hzè^ doFVe l' atmicizià non p\aib far i^iielH 
d]é votfebbe^ |ierchè ratteòuia o ittipedita 4A 
i^akhe altro on^^to ri^ardii^ fra le persele , 
che tìla ha per cjontJOifcntl alla (^^atmhra di Mo-. 
lele 5 ve è' ba alcufia , xxà fxa profeisp stima e4 
affetto • Nbti vi ba, vatì^ » tbé io ini ac^ptri per 
fijnà^ che '^nòn ininelki air iiltra: ohde quelle, 
cbe lecjkiÉneaté faec |>oiso, tehaa offesa 4i stlm* ' 

no , 



IÌO9 egli si è starmene col cuore diviso ^ e coi) 
le matti alla cBtola ; Sono cèrto éne ella , gta- 
dirà con la sua splitai gentilezza , e f iceyerà in 
buona patte questa mia sincerità , e schiettezza 
d* animò ^ e rimarrà persuasa ^ che' senza un for- 
te impedijpertto ìo nx)h perderei questa occa?^ 
iione di seirvirla, siccome senza un fotte dis^è»' 
cete io lion tnè, la veggo usfcìrié di ihaho-. iTub. 
to qQe!)p, thfe Jio ^Jótuto fare pet lei, seniaofr 
fesa dci|' altVó , si *è i' avere nisihuatò à quesfei 
ftostit) Ecìn&o Ajfnbàsciatbte Grimani, che p^thi 
suddétta fca^ttedrà VÌ iohq di pteseiitè tali coh^ 
coirrtenli in Itaiiàj che Isàrèbbe inutile il cercar* 
ne altri dì iiligùal itìtóto m ^éi^a Crirte-. é Vtc^ 
tittciiij ond' egli persuaso cfi tal yérità non né 
Ba^jftittt^magglot riiìérca, tuttoché sbliecitato nb 
Az da cotesti ìEccAi SSgg. Riformatoti , Itìi fca| 
mòdo eia .^yesta tratte ella nòti ha à tttrierè nuò* 
vi concotfeptS, ed ài suo Vaìbre reità libero 
campo per superate x^uègh che ttehe a ftonte . 
Quello che scrivo a lèi y scrivo aùche ^ P. Mù 
j&rateliò . Sarèfcbé mia somtìià fflsgrajsfa y sé da 
ciò 10 yèWferf k perdere ptéssp di ìef tìna parte 
di qfuella bòft^i» the $eiTiprfe Kà per tiii cdn^ér-^ 
vata, e ^a cui ^Ifi tostò hfe '^éjrò l>e&iédo tqm-' 
/^atftiieijto , . Riferisti à ftiò Jcibnie il "^ig. P# 
Gaetano suo fratello 5 e ^'dr fine retdtJfttlcyid gjra* 
2ie dei Hbri, fhe inj ha fleitinàti , 'uscitj'^dallj 
Joa 5t5ittà»?isiiiirtiAàrt|>e^^^^ è thè aft*^ cbù ii* 
^airitóhia, d)l «cyKtò ìòsieqtìSo tài liicby..i 



4«3- 



\ 



ti L B T- t J K ]E 1> l 

ooÉcbè lassano 4i ^»i abèM ^OAt^a^ol^^^é^ 
ftkordate ri digiw«l^m| fóoféiso^l fiurgbs eJLak* 
aarint la m|à •amica diy^iòàe. Alla Sig« Liurà 
in particolare rassegno i]l itiìò bfó^uio^ é Vói 
fdbbtracc^andè di cittMre ffti dicOb».^ 
•|- Fate &r^ uhi descra^riétfeir ultimo feaèllié:. 
ttd^e ak:ctiMhnqpagnato con ^uakhe osservàziond , 
miRldatelò a mio fratelli) acei5é<ìhè fo inserisca 
liei iSkipìaie^ 

^ Fieàn» 18. Marò i*ft9. 

I XJadtk sia la ?tima, thè io Fò di V* S^ 
nima^ e ^^aàto ainore io lepmfesti^ egli 
è superili»^ che gliene faccia* liuo Vi àttè^ 
«tatis tiopò avetsglleites dati ^ o blmi^o pcoccuràtó 
di dabie a Sei ih altre occasioni: eVsicGOmeella 
ba tutto H knerito d4 plinto s%]ò^ è dal mio fi* 
^eotge tiitti griinpuisircbsì può bfe*a eUaaecér- 
tarsia che yirc ih me Uh • ardènte desiderio di 
«oìopré più pphferitarjèi e r<ènderie piùÌeilsifcil& 
questa yeritì» Masa baielU essèf-vi certe cOUx 
tfiìi^hzè^ dove 4' atmicizià non p\aib far ^lielH 
d]é voifebbe ^ |ierchè rattehuta o impedita ^A 
ll^aiche altro oménto rl^ardi^^ ^a te perséh^ , 
cbe ^Ila ha per cjoiKJOnpcnd ailà C^cirèirftftdS 
relè 5 ve è' ha alcu^ta , xvd fxa profelso stima t4 
àt[cim . Nbh tì ba uxo^ , tbe io pà ac^p^i per 
Pijnà^ che 'Vòlt ihinebi air altra: iindiè quefié, 
che lecftlÉnefiitè fax "p^o, ketea offesa 4i alccT^ - 

no , 




no, egli si è starmene col cuore diviso ^ e" cpij 
le matti alla coltola i Sono cèrto jptie eUa\ gra- 
dirà con la sua splitai gentilezza , e riceverà in 
buona parte questa piia sincerità , e schiettezza 
d' animò ^ e rimarrà persuasa ^ chie' senza un for- 
te impedifTiertto io nx)h perderei questa occa.?' 
rione di i^rvirla , siècome senza un fotte cfis^è»' 
cere io ^ton me. la veggo uscirle di ittaiio'. TTut- 
fo qpelip; thfe Jio ^Jótuto fare pet lei, sentóofr 
fesa dcy* altVò , si t i' avere nisìhuatd à quesfei 
nostro ^ccì&o 'Aitabàsciatbi-e 'Griiilani, che pdtìà 
suddétta 'Carttedrà VÌ iohp di pteseritè tali' coh^ 
corrténtt Tft Itaii^j che ijàrèbjbe ihutrle H ^«rcar* 
ne altri di iégiial ktìèlrito m^éiìfcaCtfrte-. éPmi 
fihciii} ond'eèli persuaso cfi (ài yéritò non né 
Ba^jftitttt maggiot rìWrca, tuttoché sbliecitato Afe 
àz da cottsti tccAi Sigg. Riformatoti , lu tk? 
mòdo c)à i^uesta patte eùa iión ha à tttrierè nuò* 
▼i Cùhcarfepti, ed ài suo Vaìòre reità li()èro 
campo per superate x^uègii che tfehe a ftontè . 
Quello che scrivo a lèij scrivo aùchc ^P. tftiò 
fratello . Sittkhè mia somtìià aJsgraisfa ^ sé da 
ciò 10 yètafest k perdere ptéssp di ieji lina parte 
di (jfueUa bòftti, che setnprfe ha per irié cdn^ér-^ 
vata, e ^a cui *^Ifi tostò '^fe 'spftjrò I^&igno tpài- 
J^atWxjfo .. . Rij^erlsfcl à iùià ptfvae il '^ig. p# 
Gafetaftìp suo fratello) e ^'eSr fine retdetoi^dlé gira* 
iie dei Hbti, fhe .«4 h^ fleitinà^i, usdtj'^dalte 
Saa 5tiMà)CÌsiiiirtà Aàj^J>^^ è thè aifté^tdò cbù ii* 
>iHéiia, dol' «cyKtò *sieqtìSo tài atcò.V.ì 



4«3- 



\ 



«ìcordate « diglwsiìitmì ftroféisorl Burgbs eLak-. 
nrint la mia •antica diyi^si^àe. Alla Si^^ Liurà 
m particolai:^ rassegno U inìò òtò^ulo^ é voi 
fdbblracalaHdè di citt>i*e mi dicd^».^ 
^1 Fate ^1^ ^i descnz\0hè 4elV vAilnio fefìòtttè- 
<4id^ e ak:c€»àipagnato cdu ^khe osservazióne ., 
mpoidatelò a itm fr-atell^) aceibcehè fo inserisca 
liei dì^fftaie^. 

^ Fieàn» 18. Marò ift4. 

iV^ttttk sia la ^titna, bhé io Fó di V* S% 
Qima^ e f^dto aknoare io lepmfesti^ egli 
e sìoperflin^ che gliene faccia* ìiUòVl atte* 
^tativ tiopò aveì^^Ie^ dat; 5 a àlfn^o proccuràtó 
di dai^ a leiiii altre pccàsionì: e siccome ellA 
ba tutto H knes^ito d4 piilto s%]ò^ è dirmkfìA 
$c0tge tutti gFiii^blsis còsi può bèta dia accer- 
tatisi^ che yiré ih me Uh . ardènte desiderio di 
«ofnprc più pphferitaddU e r<èn4erie ^iù i^jtlsibile 
questa yerità» Masa btìnelU esservi cert<è con^^ 
(ìii^hzè^ doFVe X amicizia non )>i3è far ^lielH 
d]é votfebbe^ |iercfaè rattenuta o ittipedita ^k 
i^alcthe altro onfe^tp ri^ardtì^ fxi te pérséfte , 
cHe tìla ha per cjoncotfmtl alla <^ctÌE*rft di Mo- 
lale 5 ve à' ha alcuisa , xui fxet profeisQ stimai 
affetto • Nbti vi ha uxo^ , the io {«i ac^p^Jri per 
fiitìà^ cbe'^òft inineki air altra: Kfnétò queMò, 
che leciklÉne^tè far |i0iso, tetea offesa 4i alccT^ ^ 

no , 



po^ egli si è starmene col cuore diviso ^ e coij 
le matti alla cintola i Sono càtò die ella » gta- 
dirà con la sua solita^ gentilezza, e riQsyeirà in 
buona f»arte <{xitstk piia sincerità , e schiettezza 
d* animò ^ e rimarrà persuasa^ chesenza un for- 
te imfedipiertto ìo nx)h perderei questa occa-^ 
iioìie di se!rvirla, ^iècome ^enza un fotte cfispià** 
cere io lion ine, la Veggo uscfrié di ihaho'. TTuN 
jto q^!)p, thfe Jio ^Jótuto fare pet lei, ^eìtóaofr 
fesa dci|' altVó , si 'è i' avere nisihuatò à quesfei 
nostro ^ccìxb Ajfnjbàsciatbte tjriinani, cljè ^la 
suddétta Cacttedrà VÌ iohq idi pteseiitè tMi coh^ 
corrtsnli ift Itaiià^ che darebbe ihutrle H cercar* 
ne altri dì ì^ùal iùttito m^é^aCrirte-, éVìM^ 
tittciii j ond* egli persuaso cfi tal yérità non ne 
Ba^jfattttmagglot r}Wrca, tiittochè sbliecitato pb 
sia da cotesti £ccÀi Sigg. Riformatoti , lìi, tal 
mòdo eia .Questa patte ella nm ha à tttrierè ijuàr- 
vi conòotTepti , ed ài sup Vafoire réSta libero 
campo per superate t^uègh che tiehe a ftonte . 
Quello' che scrivo a lèi^ scrivo aìùchc ilP. fciò 
fratello . Saréfcbè mia somiùà fflsgraisfa y sé da 
ciò 10 yèWfest k perdere ptéssp di ìq, lina parte 
di qfudla bóftti, che $em|)rfe ha per hiì cpn^-^ 
vata, e ^a cui '^ifi tostò '^fe ';^éjrò l>e^igdo tqm- 
/^atftnejoto . . Riveristi à fciib iibme il '^ig. 0# 
Gafetafio suo fratello) e ^dr fine reùdetodòle gra*. 
2fe liei libri, jthe mj ha deitinà^i , uscit; ' "dalli 
Joa 5t5frtà»?isiiiirtàAàrtpeJ:ta^ è thfe aittèftdò cbù fa* 
^airitónia, dpi itùHtó ^sie^itìSo tid fiteb.V.i 



4«3- 



ig I £ T T E R £ D t 

4^j^ ^/ P. Pier Caterim Zeno* 4 Fenezddé 
Fiema 19; Mattlo iii9* 

E* arrivato il tto5ttro P. Petricelli , e mi ba 
portati con le vòstre lettere Zittirai avvisi 
della vostra buona ^ute , consolandone così dop^ 
piamente e <ton la sua presenza, e col ragiona- 
f^ a lungo , che abbiapio fatto di voi j Diie vol- 
te soh0 .stato a trovarlo, e m?rcor^iabl)iiamod5. 
sinato insieme, appresso r Eccmo Sig. Àmbascia-f 
tore Grimanl. Da lui ho ricevuti i tre Tomi del 
Giofnale, che mi ^cporcevano ,. e i. fogli iipan- 
canti ì conqfe anche j:^ libro ideile Rime e Prose 
del SIg. Marchese ^aiFei . In queste ho lette 
con mio stupore alcune parole, che poteva far 
di meno di 4ire circa il Giornale . Tralascio^ 
ebe dica es^er tutta sua, operarla Introduzione^ 
dove 10 ebbi iix particolar moka p^tto ^ e dove 
non si ieggerebbqmo molte cose,- se iorpon glie- 
le avessi somministratjS . Non fo pure alci^n con- 
to deir asserire che vi fa con ,tanta franchezza^ 
non esservi di suo ner Giornale ^ se. non. quel 
tanto , che nel suo ultimp libro ha fatto ristam- 
pare . Ma* egli ha dissiriiulate le cose , che noni 
era di sua convenienaia , che si sapessero per* 
«uè 4 Ct>n questo ha voluto scaricarsi dell'odio^ 
$ità di alcu(iit .e lasciarla tutta su T altrui spai-' 
le: ma dubito, che poco gli varrà rinteréione 
e r opera* Avrà cercato di sacrificare gli amici > 
iTia non per questo egli si jarà posto, in sicu- 
ro 



A V o s t Q i o Z t ^ o. tst 

IQ dalla malevolenza di certe persone i che' lina 
vòlta nemiche mai non perdonano . Tutto' que- 
sto, come vi dissi, rion^mi dà pùnto di fasti- 
dio .* Se egli foisse fnenp amico mio ,' di quello 
che èy saprei còme vendicarmi asisai' Seue* con 
uii estratto ' di ^ queste sUe 'Rime e Prose . Ma ié 
gli perdono ogni còsa /Solo vi pregò di non ri- 
céver più in avvenire da lui alcun estratto di 
suo, altrùi libro j^ che ervi mandasse 5 e ^é 
egli ve ne dimanda il perchè , ditegli ftanéamen- 
te 5 eh' io così vi ho scritto , e' dategliene per 
ragione , che come égli non vuol più esser cre- 
duto per Giornalista , e ha ribrezzo che altii per 
r addietro ràbbia per tale creduto';, óra nòli è di 
dovere, clVe jnanchi di sua parola J e che abbfa 
più mano in un' operai % che 'in tal qual ' mòd^ 
e* condannai Qìiestb non è un yéndicam diès^^ 
^i nta'uiì ubbidirlo, è un secondare le sue in- 
tenzioni .* Fare io V Articolo ' degli tre Istorici 
Veneziani , giaccliè Io* stimate tene' .Bel Gar- 
zoni 10 ilòn dirò 'nulla, quando non ve ne «ia 
pfecisa necessità . Lodo 11 P. ' Santiùelli per lì 
sofrimarj fatti al ' Moirosìni • Nel Giornale sarà 
ben fatto, che si specifichi ir nóme di lui .A 
proposito di Andrea Morosini , avvisatemi , se pen- 
sate di fare alle d^ie Yìte dì lui qualche anno- 
tazipne. Io ve ne suggerirei alcune fonti . Vi 
manderei anche copia dèi decreto della sua ele- 
zione. Mi ha stordito T asineria del' Loviisa cir- 
ca la- traduzione di quest' Istqi'ico in raccoman- 
darla a chi quasi tanto ne sa di buon Italiano, 
quanto 10 di cattivo. Tedesco . Avrete .ragione , 

se 



Iq L È T Tr 4 % S ^ * . 

^ ^sii^ Vedrete, qk^ V «Wl e V ait^<;^ g«tar^«n 

tUtt^ l'opere 44 (5^r4tó4 fien^ibqf sarebbe òt^ii. 
vpi^. 1 Volpi. li' er^nof «iisicilau 4aÌ Sig.. Piet^fd 
^eqib(( ^(;ii|€ ia (enipo I • eh' ìd era in Yehe^i^; 
tri qtì©st4 JjibJÌQ^eca (pesare^ vi è; w Prteii^a iqedt 
tql di lui ; Se $\ fari T e^ìziaijie ^ io né 0tterra(^ 
CQpi4 dai Sig, Qeritildltti . Al Sigi px; Vc4fJiris^ 
^:<^àd(> C9à V peciosa ^ e pr^q ,* (:ii$ ricevecà it;( bqo«^ 
iiai par(é |4 $ci)sai,cUe foj socó ^ per pò|:ermi imr 
fù5igt]iare ìsi (a^re i^cj sqpra 1* affare » di c\^ tnt 
ik:rive; Vi ìodp as&^I^ei^ Ì^ Orazioni Mss; (h^ 
4Ye(e 4At4 ^ i^e4erìmó da stanipare he}^ ra^^r- 
coìta i Io ve rie scrissi ^i^tecfideàtemerité . O qu^n- 
t^ pii SQop. st^t^ di pia^iere \é Is^òvelle ìetter^rlè; 
Ho 0vi^iii\}lL qi^ì U $it3iÙQte(;a^ Fàbri^iana; I^el 
^ecdh4o tòmo di essia si fa \]^ ristretto delle mi^ 
t)i55ertazÌo£Ìi contro il Voisict; ^ià quivi mi si 
fa dire anche quelìjpi ctìe lioit mi sòri sognato di 
4ife ; Mi è liece^sarid farne uri picciolo Artico^ 
lo, cte servirà per qdaìcHe Tòmo. Girerà T Ab. 
t^ardellaj osservate quello che riè scrive ilMòn-. 
gitòre nel Tonio IL ctelii sò3i J^ihliaiecà Sicù.14 
in fogliò : Sci 6:4' miei libri ; Scrivetene aì Val- 
lismerii cKé, vi, saprà dire^ molte particolarità; 
t^igl tltplp di ^latenìaticcf fu al servigio di que- 
sto Monarca > siti quando era in 3arcelloiia: Si 
Ai; naé rie parlò l' ultima volta, còri sentiménti 
di stiipa; e vorrebbe il suo librò (U jinin^4, 
^tàmpatd dall' Al^rli^zi , ^^ riori erro; in fogliò; 
Fàt^rie Ugì)^i Mm C^U ^P P^U^^ e ni^d^tériiq- 

li 



Apé$T«XQ Zeno; ji 

la con la prima spedizióne • Se non veniva^ i 

voi. cicca^iqoe 4x nQnùnarmi il ]Farddla« '^ nod 

mi ricordava di qùe$lQ sovrano coniando ; Essa 

ì^ardeilà era amicissimo del famóso Leibiiizlo > il 

qual^ \q nomina nella sua opera postuma » in^ 

titolata Otium H^nnoveranum i stampata in LU 

psia i' anno 170$; in d. a e. 104. dóve si le^ 

gè un frammentd di lettera scritta cial Fardellk 

allo stesso l con là risposta di quésto V anna 

Ì697. Della grande Istoria Bruxisuieense dell' Ec*« 

cardo io non he so altro > che quel tanta ^ cho 

Voi me ne scrìvete \ Circa Ercole Bentivogliqi 

avrei moité^ cose da dirvi : ma e t>eòq aipettar 

di vedere il. libro ^ è per ora basterà lanie una 

buona Novella con quello^ cbe ne sapete! Scri^ 

vetemi più preciso il, conteA^to ckl librò del 

Monti ^ Boipgna^ il titolo ihi pace .assai cu^ 

rioso'. Tra i letterati morti dite , qualclia coca: 

. del Cardinale Casini i Le sue Prediche dette liei 

Palazzo Apostolico^ stampate in tre tomi in fon 

glio dal (Gonzaga diFldmàj e poi ristam{iat;& duo 

volte a Milano in . 4. sono le più ecceìlcadti l che 

in questb genere abbiadilo. Di un altro insigne 

definito in questi ultiini anni dov^ebbònn pròcQu^ 

larsi hotiàie; Fu questi Ekinieììicd Aùlisio ì^l« 

poietaho^ di cui s^nto c|ié possaix) darsi ^a 

lucè due opere postume^ Tuna ^ ScHaiis Al^ 

xandrinis ; V altra, dà tìistàrià Meikinae • Seri* 

vetetie al Sig;. Egizio ; ovverò al P: Aìfani • Il 

ìbgìid è pieno: Salutate tutti j e vi abbcacckl: 



4^4; 



1^ - f T X * R B j^ X 

* 4^,4- ^/ Sì^* Canonico P*aolo Gagliarda n 
^ * ^ 4 Brescia • * 

Viènn4 31. Marxjo. 1719. . 

LE moke oqcupazioni non mi fasciano moda 
di scrivere più frequentemente né a lei, he 
agli amici; e pefcò ella dovrà perdonarmi con la 
solita Sua. gentileaza . Io per altro raè la passo 
assai bène: per lo più in casa, e di quando ia 
Quando coti qualche incomodo nella gamì>al So^ 
Ho st$to per la terza volta a' piedi di S. M» C* 
G* per renderle umilissimq grazie di un generò.. 
so regalo fattomi di quattromila fiorini in ag- 
giunta à' miei assegnamenti; Mi ha tenuto secck 
a Jtaglonamento di cose' letterarie, nelle quali 
ha tutto il discernimento migliore, che deside- 
rare si possa , non che sperare da un tanto Mcw 
narcaV Certa cosa* è che chi ha ' V ohpx di ser- 
yirlo , I^a il debito di servirlo per sempre : tan- 
ta e ta sua clemènza e bontà vé^so i iuòi ser- 
vidori. Il Sig. Gentilotti, dégnissi^Tiq, blbliatecar 
rio ^Cesareo é giudiciosissimo 'lettei;ato , con cui 
passo sovente rpòlte ore del giorno non meno 
con frutto, che con piacere, m* impone di i/i- 
verirla distintaiiientq 5 'e meco al sonano si ral-.. 
legrà per aver vedute in un catalogo dei libri ' 
Campati e da stamparsi per cura de' Signori Vol- 
pi dal Cornino librajq di Eadova il titolo delle 
Opere di S^ Gaudenzio ec. illustrate dalle An^ 
notazioni di lei . Egli ed io abbiamo usata ogni 
. ^ . ^ dili- 



;. , A p o $ X • t d. Z.ìkojì Ij ^ 

4iligedza per ^trovare Mcxfoa, delle Vecchie edì^ 
lioni di Ad^lmannh^ nia ogni tentati vb è riuscii 
to inutile f Ella nom si puà figurare qtbuito mi-^ 
«erabile iia questa pae9e in materia H buoni 
libjri i Là Biblioteca Cesarea $ ebe io . sotio statd 
a yisitaré per la ptìxia volta i xre avrà de' stam^ 
pati.» per q^antp giudicar j)os^b ^ oltre a LX. mila 
yolumi/ ma.così cfìsordinati^ per/:olpa,del sito^ 
^he poeò Iftioii xìsg( se ne puhjts:tl Mi disse. f 
jA.ugasti$siii)io Padrone ^ .che pensala all^ fabbri^?' 
jbi di un vaso capace per collocarli j. Che le. dirò 
poi deir immensa. tesoro de' Mss. che vi ho qì4 
fervati alla isfdggita ? Sono' .due grandi sjiaozef 
piene dall'alto H basso > l'una tutta àX Codici 
^reci e orientali; l'altra tutta di latiòi. .Ve né 
ho dissellati parecchi del Vi é.del yii secdbul 
e aleunt inir èditi porporina a caratteri maj[uscQlr 
H* oro i e di argento • i Ma dì ciò più ^port^m;^? 
xnentei.Il 3ig* Genftilotti lavorlÉ alla . gagliarda^ 
féc condurle a fvaé. U catalogo » illustr^tb d^ 
lui con, belli$sime ó^serta^zlbili » e ,4ové inserir^ 
mólte, cose: singdtalri.nOfii pia statuivate. Abbiamo' 
Ietta la jfiU dòtta iJisserM^^nè ^osta nell'ult^^ 
mo Giof^ndci é come 4 lui ésiagolarmentè^u^ 
eiuta, letta la primi yojta^ così, a. me ^* ^hie gii 
1' aVcya goduta in Venetziai , ,^ maggibrpiehte.pia^ 
tinta: solito, cretto delle cose ottime ^ che fctt<j 
é rilette s<mpr^ più, appagaoo • il Giornale mi è 
troppo' t cùprei P^^M se.o«, é1)biaaintta|ascii^ 
ie per idesso il lavoro* Cresta premtira é tanto 
Àiù iti me cresciuta , quantóchè 1' opefa mi è 
fcata calda^]^erite taòcomandatai ^ <Ui preciso cà^ 



34 h^'^'^^^^^t 

mandq di S* M. la: quale mi disse ^ che la giù- 
ilìcava utilissima e dilettevpUssima , ^vendpessa 
molto gradita la {Hr^seat^xioii^ > che gliene feci 
di uà corpo interp , di cui aveva già letti t tre 
primi T9mi às^ capo a piedi in tre o quattro 
giorni r dacché aveva avuto T onore di offerir* 
glielo. Vo pensando di stendere pel Giornalà 
XXX1|. una Dis^erfaùone sopra il Dittico di 
Boezio. Al fu Sig. Averoldi ^ che Iddio abbiat 
in f ielo » n' eranp state inviate molte spiegazio- 
m. Ella mi farebbe favore a proccurannene qual« 
i:he a^ia^ Io c'incpntrq i^l seconda Consolato 
4i Boezio il Musico infinite difficoltà » ed alcuna 
insuperabile • Sento che Al Sig. Senator Buonar« 
roti sia 4i opinione^ che il Dittico appartenga 
^d'unò d^ figlinoli ^el jsudd^ttp. famoso Boezio : 
ma neipm^no questa opinione è senza insormon- 
tabili intoppi. In Venezia io gliene spiegai 1* 
Inscrizione in tal guisa :"N0V0. ANNO. RE- 
DEVNTE . MANLIVS BOETHIVS , VIR •" 
CL ARISS. ET INLVSTRIS . EX PRAER 
^RAÈTORIO . PRÀEFECTVS . VRBI . SE- 
CVNpVM / CONSVL. ORDINARI VS . ET 
PATRICIVS . La prego impiegar per me un' ora 
di applicazione, ^dirmene il $yo parere, e quel-f 
lo ^ejlo stimatissimo Sìg. piulio suo fratello ,» 
Riverisca a mio npme di^tinjtamente il medesi-^ 
mo. Lo stesso fa <a lei il nostro Ippolito^ edi^ 
pr £ne ini omfenno**^* 



¥i^ 



V. 



A p <( $ T e ìl o Z s A p; 95 
4(5. ^ Fm PUr CéUmnQ Ztm. a Fcnexds. 
Vienne^ %• Aprile 1719^ 

Tl^e. giurai fa vi scrissi un' altra mia, nélh^ 
quale vi raccomandava cti non p^met^eret 
che il Lovisa stampasse i^Pt Chisciotte cqL miq 
nome j ed ora ppr ogni buon riguardo yi yac- 
comando con efficacia lo stesso >(roppo standch^ 
mi a cuore , che non segua questo disordine r 
Voi noi ricercate novelle del mio stato* Le avv 
rete, avute distinte dal P. Petricelli. lononpos* 
so che replkarvi lo stesso ; che di^ salute sto be* 
ne» € ([orse mai non ho avuto miglior colorito. 
Per! altro fo una vita nieschina , perchè poco e$^ 
co di casa, e poco posso reggermi in piedi, stan« 
do indormentite le cosce , e troppo pesante la 
gamba • Aspetto^ con impazienza il venturo me-: 
se, pei; tornare ai bagni, i quali. forse, e mol- 
to più la buona stagione ,^ mi gioveranno • Dopo* 
le feste debbo sollecitare il lavoro ^i due Dram- 
mi per ordine supremo: onde sarò occupatissimo. 
Delle mie spedizioni ancor non si e fatto nulla* 
Sono con poco danaro,^ e con molto debito. Qpe- 
sto non è mio picciol travaglio. 

Se vedete il; Slg. Compare^ Patarolo , ditegli, 
che mi conservi nella sua bupna. grafia , e eh* 
io r'amp e lo sjimo, come debbo 1 Vi ringra-^ 
zio delle Novelle letterarie • Qj?ì per altro mi 
par d'* essere sempre più fuorV del mondp. Nul- 
la si sa di più di quello che mi laive^ 

' 9,' \^ ^ ^^ 



t9. I giorni passati sono $tato più di ^ae oté 
col Sig. Gentilotti nella BiBlioteca Ccs^tea I J? 
ìjn tesoro incomparàbiilc . Contiene più di éà* 
mila Volumi stamj)ati i 1 Manoscritti ' occupano" 
due grandi stanze » V una tìitta e di libri Greci 
e Orientali; l'altra tutta di Lltirii é Italiani: 
\le veduti ciÉdid di somma antichità ; é^e^doiie 
di. quelli fino del V^ sècolo » e due fra gli air 
tri in.èarti porporitiaì a caratteri majukòli i^ 
orò ed argentò • .Ve àe sonò alcuni ottanti al- 
^e cose nòstri^; ina il più . sitigolàfe si è uhoin^ 
carta . pecora Coilcernèrite ^li Statuti atttlcBi det 
la Repubblica , ^compilato dà Jacopo Béhaldo ^ 
che fu della Ghiesa di S. Pantalone, e Caricet 
ìiet Dùcale i e poi Vescovo di Véglia Hel ^310.^ 
Fra questi ito, altresì veduta la Vita di Carlo 
Zend scritta latinamerite da Morisigi JsfcdpoZe^ 
no Vescovo di Feltre,.e pòi di Padova 4 di cui 
parlai Ilei Giornale. Di òoiticfae Catide Gernia» 
ijicbe ve tf ha un diluyid . Nel rivisitarla ctié 
filò, avrò campo di veder iluòve cose; Là ptu 
ma vòlta .riii ha confuso e spaventato il grarf 
nttmeitò^ Vi abbraceio con tdttà il éuòfd i'é 

SOtLù ••••'/ 

46f. ^ Siii Jindreà CtrtiM^ro, i Venetiài 
yUhnà i^i jifrili ijipi 

Appéna ricévila la vostra lettera ,* vi gittai 
sopra gli occhi sii le- prime, righe con im- 
pnìttìaz , sicato' éi ttovarvi il féKcrd avv^sd adi 

buoft • 



hì^qn paÀo della Slg. Cognata : ne mi ^ono pun* 
tp ingannato^ trovando quivi > che ai ^5* del 
xpese passato sr le orq 5. e mezza dèlia notte 
^^ ha 4^tci alla luce ph bellissimo Émciullino 
piaschio, che Dio Signore prosperi e conservi • 
lo me ne sono ' rallegrato , e me ne rallegò> fon 
Yfti di tuttp cup^e ; e se; bene, nel {;^atte;;EÌ$rlo 
non vi è riuscito di averne per compare alla fon- 
te il P. nostro fratello} noti éperò, che egli ed 
io ^qn YQ ne siamo obbligati , conici se la. q^ 
sa avesse avuto il suo effetto • Poche cose mi 
restano a dirVl in risposta' alla vostra lettera , 
poiché non ho tempo di farlo, mentre fra poco 
dp^bà chicle appiedi di S;. M, per/suo pt^ciso co- 
mando f P^r la cosa, di' quel mOanosbrièto del Sig. 
M. Suarez non vi prepdete' &stidio • Già poco 
più mi curo di averlo. Quella è una faccenda ^ 
di i:ui uè, pur Itti, degno dì^ ridordarini • Approvq 
I4 ristampa (ìel. D. Chisciotte, che ne va feoen** 
^ il Lovisa; ma p^ego anche voi di non. per-; 
mettere che vi sia postò il mio nome , mentri; 
il CQmpQnimento è pìu l^^^e del Sig. Panati , 
che mio. Di. questo ho scritto anche al P. no- 
stro fìàtello, e al Sig. Gio. Batista Recanati, 
Quià^dp vedete il Sig, Cavaliere Antonio Lore- 
dano, ricordatemegli. buon 'servidore /A guest* 
ora sàr4- uscitq dd Lazzaretto , Ma a proposito 
# Lazzà^tto,"è C|li fuori il pxior Sa^edo del 
|U0 travagliò? Ho impazienza di saperne ilpre^ 
^iso « Tante^ morti jmpìrovvise cosstiaccadutè sonq 
4irgQ]^ento (U spaventar ciascheduno é Quella poi 
4cl Piovano 4i j|« Martino^, che e;a iniq^. àmi^ 

- \- ' - C J ; ^ ^ CP^ 



58 : t I t T è R 1 D I 

co, mi ha tocco nel cuore sèfìsibilmente . Iddtó 
ce ne gpaTjdi tutti; iiia tutti sttamo- prq>arati ^ 
come se di fatto ci avesse di giorno in giorno a 
succedere ; Fo fine ^ perche l'ora sollecita. Vi 
raccoiiiando 1* occluse * Abbracciate 4a S{g. ^Ma- 
dre , ie Sorelle i i Nipotini: riverite la Sig* Co- 
gnata ^ i padroni^ e gli amici ^ e per fine ini 
dico. •• i 

457* MP. Pier Cdtirinè ^cnoi k P"enexJi^i 

t^ìtnnà zìi Acrile 1719. 

/^ tJandò , vidi coti gii aitri Mss. nella Libre-* 
Va^ijria di. SS. Gio. e Paolo tìiidla Orazione di- 
Bernard© Navageto i lo vi fui ^ col P. di 
Mohtfaucon ^ e i libri erano allora in nionte i 
poiché si accomodava il Vaso della Libreria .* on* 
de, non éssetìdovi di poi più tòràatò 1 non sa.^ 
jprei indicarvi il luogo ; Ove que* buoni Padri 
possano averla ripósta; A voi dono ogni ama^ 
rezza, che potessi aver conccputa con l' amico 1 
ài quale anche scrivo questa sera , e à voi he 
taccomandò V occlusa ; Per altro vi giuro in buo^ 
na felle ^ elisio mai iioii ebbi animò di Vehiréà 
iròtturà coti luiì il quale e solito a mancai: qìial-^ 
che volta più . di buon giudizio ^ che di buda 
euore. Sopra questo fatto rion gliene sèrivopà* 
rola^j é già lie ho perd uta ógni ricordanza * t 
giórni passati mi sonol^opetatò per lui^ ésarò 
per farl<i. anche .iti avvenire .' Rileggete j)erò V 
estratti del iuó libro 4 In simili <x:casìoni suol 

égli 



kgfi sempre lodarsi^ ajr. eccesso... Per cmi%mesi 
pressione i che pec compiacerlo ^xxt, vqlte ìm Isu^ 
ciàta correre j qUftsi yetmi 4 .»>tturà cori un al- 
ttg^de' miei .amijpi,: Hoj^aroj, <be si nspoti}da 
al Garuffi.^ nella cui ììissertàzioae io conres- 
si alcuni sbagli sopra cose ì delle quali np^ et^ 
la sua (|ùistÌQn^i mi altri: ne osservai, i checoii-^ 
ceni^Vànò il suo soggettò j dove nodpotea Mct-* 
ter inano ^enza mutarne il sistema ì 

Io sto metteiido insieme molte cose per In 
Dissertazione intorno i Boezio i cijirca |a<:uiieg^ 
geftdi vi prego ditmi Ù ^^trd $entMiientQ: Io In 
spiegò in tal guisa i N^v^i A^niJi^ieùUtt MjiN" 
LÌrS nOETHIf^S Vlk CLuìRÌSSÌMP^S J^T 
ÌNLFSTRIS EXPR^ÉFBCTO PkuiÉTÙKfO 
MX PRJ4EFÈCTÓ rkBÌ siCV'NDV'M CIÒN^ 
SFL ÓRDÌNARÌP^S ET P^RÌCÌTS. VéU 
tire prime tiotc deiìar leggéndat tìori sonò àfett;© 
Contento i %é bene convengono ai èempò i in cui 
ài assumeva il Consolato ordinalo .* txia iion n\ft 
Sovviene di meglio; Pei: T dtf<e che succedòboi 
io ne Sono affatto persuaso f Htì tiotaté è lò^sèi^ 
vate molte cose intórno à Boezio lion più dét^ 
dà ^aicuno ^ ;0 malamente intese i ^ con disorclì^ 
Ile di itempi • Credo che étrò ^jùalcbé cosà di 
iuono; ma ciò che, costi farei in due settimalaej 
4ui sipti posso tetminaré in due inesi ì .per ìioa 
aver libri ^ e ;per dovere qi^à e là iiiendicarli « 
Bisognai die voi mi ajutiate; Osservate iti Go- 
drono » e negli altri autori Credi ddià Isrocté 
Itizantifia i jse ^ tlui iì [fi alcuiia nienzione 4 
itiC mkì iiltri Ìstj»:ki vi sorìp i rdod tòmi iii fise 

G 4 glio 



ifi ' i f è » IH * tof 

;}i0 ddh Bibliot Ms& del Labbè Gesuita : I^Iel 
tonao Vi è una breve Crankhetta Remense ; 
dove $1 pàrU deUa mòite^ c^^ lui sotto r anno 
^24^ kiciopiaiietni il passo , ' e s è ve n* fia gualche 
^ altro ndr opera sopraddetta', notando il titolo deif 
opuscolo, e là pagina del Volume . Non so sé 
pe parli Zonara; e Gio. Maiala. Il primo ènel^ 
ila vostra Libreria del Conventò • Ù secondo \ 
credo che sia' prèsso il Sig. Recanati. LTAnonì^ 
mo antico e coetàneo a Boezio , pubblicato^ dal 
Valcsiò In fine dell* Ammiano Marcellino da lui 
illustrato, mefte, che^oba^io fu fattq mprireds^ 
Teodorico in agre ÌO diventi APtoV Mi' sapreste voi 
dire qual' sia questo* agro ' Calvenziano ì Gli al- 
tri autori ' Io 'fanno morire nella prigione di 
travia ^4 Mario Cronografo antico dice in ter-- 
riterio MedioUnense\ Pu^ essère che qucr Cai*- 
venziano' fosse luogo ^el diistretto di Pavia. M^^ 
chi può' assicurarmelo ? 0sservat« di graziai' Itsfc 
lià deir Alberti , e quella del Biondo dà Forlì t 
ma molto più l'Italia Antica del Cluyério, el* 
Orbis antiqutis del Cellario • Qiiestb secondo sta 
fra^miéi libri Geogràfici* Ma ^opr^ ^tto osse/- 
•vaté^* se ve tie sia vestigio nell* anonimo Geo- 
grafo Ravennate,' che è firaf miei libfi di autoii 
antichi in S. grande, legato alla rustica : ansa 
^uesf ultimo libro niettetelò nella cassa, che mi 
«pedite . Non so se Luiprando parli di Boezio » 
io l'ho fra' miei libri in fòglio : credo . che sia 
£ra g}i autori Latini antichi . Non^ finirei mai ; 
f e volessi dirvi tinto il mio bisogno « Crami di4 
inentlcàtQc di ^firvi,. che sabbato pas$atpsohQf(% 



$0 più 3i uiì*ora e'meztb toh & M« 4a cuiso^ 
ina <{>^^ più cdn&i^ che inai , per la sua sovài 
mài xìtùìéhsoil Mi ha pttoieàso * qùartiero , é di 
scdledtaj^e'lìb làie sptdSfiòxd. Cs>n che ^bbntc^ 
cjiatidoyr iono/.*, * ' 

4*84 ^ JP% B^Mésrdé de EmÌììs. 4t VkttixJU<, 

FSemd ^z* Afrii^ 1719* 

Il Er di^ei^ inotivì principalmetite mi è stati. ^^ 
/^ trenàodo grata la Ictteira di V: B. M, R<|àr 
l^^o, perché d^ quella hi» inteso il suo felice» 
se bete tarda airrivp ia Vene^pia; e 1' altro, gei 
avenni ella partecipalo con c^sl 1' ottimo ststfp 
di tutte quelle persone , che singolajimènte |ni 
$€ipò. caf:e: ónde dell'. Uq^ e dell' altro favóre ' 
*^io in(^ le coàfesso 'ternato • Q^ai^to {aù nella 
s^ lettera pii nurtté in vi|ta la beUa coir^ 
p^LTsa, che fanno' i ipei lib|i ideila' sj^anza^/ dof 
yé;orà son collocati, tanto più in me fa crest 
cèrna il 4csidetIo , che pur troppo ' e in me grào- 
<lp j ' conoscendo per isperiefia^àt q^is^itqinaiaqieif-* 
tii; si. possa senxa libri studiare ', e massimamente 
da. £fai gli abbia raccelti secondo ]e spe .mire 
particolari • Ma questo punto è bene > che noi^ > 
ip. si fetmi i lungo nella ^ fantasia \ Qndé' pas^e ^ 
rb a dire a V* Pi M. Rda, che tuttavia stogo* 
(fe|ido o&ima salute, e che la gamba. ógni gior^ 
90 va rin'i^rzando \ laonde con la buoì^ «tagio^ 
né ffiiero che pot^' reggermi e camminare' co» 
tpiiuxre iacptnodpj $<; ;pofi potrp &floc99 l^^pe- 
. ' ' di^ 



ditezatl cfi prima.; Concmua la Maesci Cetacea i 
tìgoardfflrmi coti la solite, beiiigoiti e d^ri^^àxaLé 
aftnmetténciòmi ispesso all' òiidre déili sua visita « 
e {set più d'iiha ibrà facendomi la gira^la^ di^co 
trattenermi à privato ragiodanieiitd a IlSig:Gea* 
tilotti m'impone di riverirla ; ì giorni passati 
iono statd secò alU Bibli<lréc&Ce3area^.iÌQyeào^ 
trovato di libri é di cddici iìtt tesòro idcompl- 
irabile i CotìL itti è col -Si^^'. Riccardi i la cui bel- 
la libreria mi ha sorpreso , si é più d' udà vol^ 
ti ragionato cìel inerito siiigoìà^e , di Ìeì| è 1' a*i 
sicuro die si tiltti è spiàdutdl' averla qui persi 
. |>ocò tempo goduta; Qiiestd di^iacere-mi si ai- 
leggéricà sommamente $ se ella si compisicera &* 
K>rifrai de' suoi Hveriti cgmaridi i là qui la fo pa* 
dirone di tutto me stesso^ e costi de ' miei libri , 
de^ quali la :p)régo à Valersi a tutto suo piaci« 
mento ^ Il Sxg. Ippolito, se le ricorda bilon servi- 
dore>^ ed ró particolarmente neilé sue sante òra-^ 
2Ìoni i ^ iielìa sud ibuon^ grazia mi raecòmaA^ 
àov 

* 46]9, ^l S^é Antonia FallisnUri; dPsJmd^ 

Acciocché non abbiate più a. dirmi»' cfié soft 
pieno di morbino , vi rispondo c^òfi fuono 
àx serietà, e gravitò istoricò-poetica . Sto? hyenc 
di salute '> alquanto nieglid della gimba^ e prò-; 
sto lo sarò^ ancor della borsa » Nei prossimo me- 
se tornerò ai ba^i « A momenti darò (principici 

a due 



/ 



À p o i r 6 z 6 % s ik ò: 4f 

4 dòe i&usvi dràihmi : il che. vi. partecipe) , ac^ 
ciónche iioit cirediacé ì . eh' io m^. assassini , cònM 
qui ifahno tàilt' altri j U denaro Imperiale^ sem^ 
far nulla; Due draninu ih una vòlta peruiiì^òe^ 
tà quinqùagenatio ; dopò averne fatto più di tré 
dozzine^ E poi vorrete i è direte ; eh* io abbfal 
morbino ?. Noii mèrito io più tostb conìpassioné i 
che invidia ? Noii he voglio dir di vantaggia 
jper non iscenìarvi il piacere; chepef aìtrò avtei 
te coiicèpitò. per là mia bucma salute ; la quale 
hofid^ altro mi fa temere; chef cbdl'essei: tròppo 
buona; mentre m^ ingrassò come uii pòrco ^ e mi 
riluce ia pelle del viso pia che non (Fa il i?uiò 
della geiitii lucciolétti ; Che dite! di questa ga-^ 
lante simiiitbdinej ^loii T attribuiste di grazia ài 
kiotbinò; che lioti ho; ma alla fantasia ^ ed all' 
estro poetico; che si pascè d^imitaziòiii; M^ la- 
sciamo le burle^ e veniamo alle coglionerie ; He 
Veduto il librò /del Marchese Maffei: Qiaestotltf 
ili fatto più ridere; che entrare in collera ;. fi* 
assai pia quello eh' egli ci dà ; di quello che et 
he levi; onde abbiamo occasiohe di restargli òb^ 
bligati; anzi che nò: Aióini di que' suoi còm|K3Mi 
Cimenti noti terminati mi sono spiàduti^ inenè 
'ikgii altri ;^^i^bé finiscoii più presto i Noti di- 
co ; che in ntolri non vi si^ del buòiio ; e delT 
ottimo ; nìa uhi inegualità ; che ttovò hel li» 
bro ,• mi disgusta di molto é Voi avete toccàd 
lilcuni putiti dei priticipali : ina iiuila ini dite 
intortio à quella sua sentenza filosofica y che -à 
ine convieri venerare», perché del vbstte riVifiri-. 
tò liome è fregiata < Aspettò } chd me lai £ómu- 

ni- 



4f t I i; T ? a f |i t 

mc)i^t<; a risposta, di quesu .Potete fiumeocf 
Cotifidqiza » poiché $iete siQurq della mia discre^ 
(èzza. Tuttq le lettere» ch^ iqitóraQ a questa 
pn^rticplare mi avete sqrltte , sono '$tatè da me 
epns^nate alle fiaipme . Prego voi pure di far: 
]ò stessp di questa mia ^ 'Qiò che ci scaviamo 
^a fioi, non è bene chVua giqrno gorra rischio 
41 esser vo4utq dagli altri, U autore ìSnaliijepìte 
è nostro buon anii^o ^ e col riguardo dell' ami« 
^izia ncil dotìbiamo compatirne , e scusarne i dì* 
letti • II) grazia di quella rispettiamo 4^cbe que- 
Iti , Iji ^^uo t^uscorsQ noi| YÌén^ da cuor ii^li^ 
ziosp, ma da testa troppo calda' , P^r altrq iq 
l' amo di ' cuore » e ne stimo di molto T ìqgegQQ , 
j^e non ne Ipdo il giudicio. Il suo ultimo libra[ 
9&n (a pUfitQ» ch'io V ajni \meno di prima » e 
aòno Ipèrto» eh* il vostro ^el coòre ss^rà di egual 
se^tim^to. La yostra //tarda 4^a ùen^erazione 
énxi UX{ op^*^ degna di voi, e vi farà più cmcv 
X!^> raichòi (ara i^uovq sistema-, ónde entrereti^ 
fta gU Automi classici» e^ecèssar). Il Sig. Ca^ 
^alier Garelli vi saluta caramrate . Soi^o statQ 
a^ vedj^r la iyi^ Libreria » per verità $Qelta » nu- 
merosa » e da grand* uomo • Vi ringrazio delle 
|(^vità]i.<;he mi avè^e Comunicate • Più di tutte 
ilii.' è piaciuta qtiella del guaijiniento de" S$ig« 
Pple^i^,,^ Morgagni* ^aiutate gli an^cl, » 9ur^ 
gos, Laa;zaripi» lucciolati» Al Viotti » q tipi\i, 
al quale ditele ^^ che ^to in attenziònq di sua 
Risposta. A tutti: di casa vostra ^^ordat^mibuoii 
^orV^ore 5 e vi ^bbr^ccip . , . ; 

47®- 



ÌÌ7Ò. M Sti. Msrchese iSUéùrdì PoVtnìi 
m faÀèvài 

••< . . ■ 

It Sig. Vàfìisnidri mi hi ictittl la vòsd'à indi-- 
sposiziòne, é tanto in me he é durato T\tì^ 
frescimedtò , quanto Uà tardato a gitiij^éfmi \à 
liótizia della vostra ricuperati salute. La vdstrs^ 
à me éatìssima Ietterà ha finite» di rassicuf^aitni^ 
onde per qWta cagiòiie ella ini è stata oltre il 
solito ^ é pia dell' altre graditati e àuito più, n^ 
trovandola da capo .a piedi ripi^tìa di qùe'corté^' 
si sentimeriti i cUe il vostro amore vie pitf chef 
il mio meritò v vi suggerisée • Attendo octa^ 
sione ..di spedirvi le qoaLttto tópiè^ d^Ue leu 
ésfe Keppleriarié • ^o quanto sieno gratosi ì 
dazj dfi Vienna a Veneiia , «e però mi prenfe 
di rispàriniarveli • ¥i riiigrazió intanto dèi /ivo- 
fé fattomi in prodfùràriie lo' spaécio ì Présente* 
mefite si ita imprimendo il secondo, tòmo deU^ 
òpere di quel celebre Cesareo Ast^diiómò ; ddve 
credo che ^arà Impresso il seéóndò Coméf&ark> 
(& esso 1^ sMUm AidrtiSri Io tftiió 9^nó a 12^ 
^onatAentò còl Sig; Marinoni » Mattématico di 
S. M* e persona verameitté de|nà della vostAl 
kima é. amicizia. Ha iina raccolta mmierosà é 
ieelta di libri ^ e. principalmente Matematici $' ed 
è fornito in eccellenza di ò^ind struihttti • Sof 
90 certo, che vi sarebbe gran piacére il vedere 
Hi e lo^ttù fi^ U |iodeÉ« li CÒàVctttseioineaM^ 



^ìle e detta del lor possessore ; ma noti ^ìs^ 
perp di avere aiacbe uà giórno questo conten- 
to. Ho Inette le Cavità letterarie, che mi avete 
comunicate se mi sono grandemente rallegrato 
4el disegno da voi' poncèputo ^i illustrare ed 
emendare con psserva^ioiii e con note i libri di 
Frontino intcarnq agii Jt^qu^^Q^^ • Pochissimi vi 
i^ |>osca mano a correggerli^ ma pochissimi an-*'" 
Hora^ sono stati capaci ^^ farlo. Per ben riuscir^ 
yi è necessari^ scelta erudizione , e ;nolto pii^ 
grgi^ po|Sse$$q ftelia scienza delle acque . Circa 
redizioni di questo opuscolo io ne ponto nove» 
cioè due di Firenze 1513. 1522. due di Argen^ 
forato 15 4j. 1550. ^nx di Parigi con ^Itreope- 
K[ del Panvini 1588.' quella di I^ida con gli 
Autori ile re mlitàri 1 607. replicata in Vesalia 
i#7o. una di Amsterdam illustrata dal Keene-^ 
aiqs e quella finalmente del GBeyio Tom. If^:» 
AnfiqJ Remanarum . jNfdlaf pubblica e Libreria > di» 
Leida si conserva T edizione Fiorentina del 1523» 
con note marginali Mss. di Giuseppe Giusto Sca* 
ligero •: Bisognerebbe far diligenza ' per viverle • 
S'^o q^i avessi i miei libri j^ troverei molti luo-* 
gitd 4el suddetto^ libro qua e là esaminati , e 
splegatèsda var] Critici ♦ Alcuno mi ^sovviene jdÌL_ 
averM.iUJ^tato nejle Osservazioni ^el p.^ Andrea 
Spetto; Gesuita. Proccurate qualche podice perle 
varianti lezioni . Un podice di Frontii^q era pres- 
so il Marchese MafFei : non jmi sovviene se fos* 
4e questp^ intorno ?igli Acquedotti, yoi potete as- 
sicwarvene • Il Zanchi i^a finito di scandalezzarmi . 
Nm yolecmi restituire il mioMs. perchè sa che 

sono 



A 1^ q 5 T Q X p Zi n o . 47 

^no in Geimania? Cbe bella ragione | Mirallegro 
. ilfiir acquisto che avete fatto dell* prtelio perfet« 
to. Anche qui è rarissimo^ Al Sig« Marinoni ne 
mancano alcuni forni ; ma ha V uno e 1* altro 
della macchina celeste . Riverite gli amici , e 
partifolarmente il Sig. Conte Alvaroito . Alla 
Sig. ^ornare, al Sig. Marchese yostro Padre ^ 
ed a' miei figliocci dispensate i miei più cordiali 
li saluti. Il Sig. Ippolito m'impone di riverirvi, 
ed io per fine abbracciandovi resto • • ^ 

47 X. jil Sii. ^^dns fomaro • 4 Venezie^. 

MI ha fattp ridere il modo, con cuimiav-* 
visate, che il nostro Abate Vianelli ri- 
ceve le mie Jetterej e penso, che voi peabbia^' 
te indovinata }a cagione, credendo, che non 
per altro egli differisca di aprirle, e di leggerle, 
se iion perchè abbia bisogno di studiarle un po- 
co, non arrischiandosi di leggerle 4i prima oc- 
chiata. Ho caro^ che il mio Oratorio vi ^iaf^ 
ciuto . Qui universalmente ^ stato jgracjito , e in 
particolare da S. M. che a me in particolare , 
ed a tutti pubblicamente ne ha 4etto ogni bene.. 
Il Sig. ^onte di Savallà , Presidente sopra la 
Musica, mi attestò di non aver sentito il mi* 
glipfe; ma di questa lode io ne cedo ^an parte 
al compositore di musica, che mi ha seryito as- 
sai bene. A propòsito di questo vo farvi ridere* 
Ne' foglietti stampati di Olanda rì è detto, che 

nella 



4* tii^ftkktit . 

àella Cappella Imperiale è stato cantalo linbéL 
ITssimp cbmpoiiimento intitolato Siisra , poesia 
del Sig. Apostolo Zeno, IstmricQ è piets Ài &. 
M. C e Ci Maestro di Gk^elU i G^iutiUta M 
S. M. G. è C. ed Ifihruttort nella Musica del^ 
le Serenissime Arcidnclksse Giuseppirte. i Che di- 
te? Non ho io dei nuovi titolili in.QÌanida, c^é 
non tùai spero di ottenere in' Vienna ? Vi par 
^gli poco èssere Instvdttpre^e. Maestro di Gap*' 
pella di due Serenissime Axctdyi^tsièì Senza c^ 
mandarmi donde sia nato questo majuscolo spro-, 
positò, voi ben vedete^ che òi" viene dall' essersi 
dimenticati gli stampatori il ncttne ad Persile dor 
pò i doe titoli, a me. convenienti. Ho intesaiqn 
molto piacere T assoluzione del Pricir Sagredo'v 
còl quale vi talléércreté di . dò ini mio home.* 
Che pc^i 4' Priori sia stato levato con decreto il 
godimento dei 4I spidì pjsr collo , satébbe vera- 
tìieote sdmmo piJegiuc^cio , anzi precisa rovina' 
defili: carica» ch^ isfé^^a tale ixtititi dfon è possi- 
bile di potersi sostenne da ungalaùtuGfmo.. Ma 
poi pensando, che i mercanti e speditionarj da« 
vano prima di propria elezioàe tal soldo a* Prio^' 
ri, conftinuerahno^ a dztlo anchfe in avvenite' / 
ùon èssendo, gravosa un atto éhe è volotftario / 
è i Priori contlnueramio a: prenderlo dà es^sicoV 
flic dònd gratuito, e jtidtì a titolò di pagatmeniio ^ 
il tempo vi fera conoscere, e credteré qoairto ora 
vi scrino. Godo .estrèmamente dissentite Tottiw 
fQO stato di tutti i nostri. Il iifale di Alvise S2f« 
fi: male da fanciullo «* prestò viene, e presto pas« 
imi Qyelto detta Nònìia Rubi i ìxOìsitAsie ^ 



Apostolo Zeno. 49 
poiché e un male di quasi 90. anni . Può tirare 
innanzi , ma non camparne . Un cordial saluto 
alla Sigr Madre, e Sorelle . Ricordatemi buon 
scryidote agli Eccmi Sigg. Andrea Cappello , 
Cavaliere Morosini , Go^te Giovanelli , Agostino 
Soderini , Marco Miani , Gianfcancesco Gotitari- 
ni , e buon arpico al Sig. Vicenzo Zeno , al Sig. 
Cassani,H;d agli altri; e pier fine con un te- 
nero abbracqiaiiiento ^qii fottoscrivo , qual w- 
no * . f «^ 

.. 47Z^ ^ miiesimfi. a ^Inezia. 

Vienna 13. Maggio 1719. 

SE voi e tutti i nostri, stan. bet\e , io purè so- 
no in buona salute. Con questo principio di 
ietterà costumavano di salutarsi e di scriversi an- 
che ne'tcìppi antichi \t persone iQntane e con- 
giunte, odi' parentela ò di affetto 1 Io mi servq 
aUred dello stesso con voi, che mi s^ete e fratei- 
Ip , e compare, ed amico , pc£ significarvi il mio 
stato , è U piacere che sento in intendere il vo- 
stro . Qp^ta séi;a scrivo dì. iiuovo ali* Eccmo 
Friuli, e occlusa ne trovet^e la lettera » Circa 
il prpp9rgli il Sig, ?• D- per suo Segretario, 
non vi consiglio di farlo, non perche il sogget- 
to npp sia di tutta abilità, mentre per tale il 
confesso $ ma perchè sarebbe inutile }h farlo , 
meptre non si. suole eleggere dall'Eccelso Con- 
siglio cU X. alcun Segretario pressò i Veneti 
Ambasciatori » il quale -x|on sia atti^ di Can« 
Tamo III. "■ ^ ' D celle- 



50 , 1 È t T « It i » I 

celleria Ducale , sta ordinario, o sia straorditìai- 
rio, cioè del numero di queUi, che sono ihx^^ 
pettativà per essere surrogati in mancanza di ai* 
cunó degli ordinar) . Circa il Salariò destinato a 
chi a questa Corte sostiene un t;al pòstd ^ ùów 
è meno. di 30. ducati al me^; é cosi lohapré« 
sentemente questo gentilissimo e digiiissimo Sigi 
Segretario Marchesini ; al quale non fessa dirvi 
abbastanza ^ quanto io mi trovi obbligato , è 
quanto qui universalmente per le sue degne qua- 
lità sia fivclrito ed amato . Salutate tutti , e a 
nome anche del Sig.^ IpjK^lito abbracciandovi i 
àono • • • • 

* 47 J* ^t Sii. Antonio ralìisnierii 
a Pàdova. 

FiénHÀ J^. Ai^iiù 1719^ 

Quando si ha età .parlare da burla, rlspdndtS 
^da burla, e. quando sul $odo , sul sodo atl^^ 
Cora rispondo • Il vostro Trattato Intórno alla 
gtnerazione JUIP uomo 4 siccome è opera degni 
del vpstro nome e dèi vostro talento, cfosì ^-/ 
che è degna di es^e offerita a questo Augu^* 
étissimo Monarca , il quale siccome ha tutta la 
^tima di voi , essendosene anche i giorni passati ^ 
dichiarato col Sig« Gentilotti , suo dotto Biblio^ 
tecario ; così noti dubito putito che non sia pei^ 
èriadire di vedere in fronte al vostro libro il* 
suo nome • Sopra di questo particolare noti ho 
mancato di pàrlaf tubité col Sig^ Cavaliere Ga« 

rem. 



J ;,. A p o 1 1 o £ ò ' ^ 4 *^ o . li , ^ . 

rélii^ .il quale ai è ttioltràto ptmitisstttié e fi|i 
vorirvi in questa occasione, e ad- impiegati! (>6r 
voi appresso S. M* alla quale io noti ho mòdo 
pelr dira di faiWlIafé, |>fl[r ésmé €6À k Gortè ì - 
Luieniburgo , luogo di siid divertimeiìto per le 
cacce i lontano di qui quattro leghe in circa . 
Abbiano e$jd Sig.Òivalier Garelli ed io ùnica- 
mente concluso i esser bene che la dedicazione 
sia tìtt^ tori sua previa saputa i td egli si è 
dàricatd di parlargliene al pritód iiicdhtro i cìM I 

gli si presenterà più O^pòrtùtìo l Da lui mèdésii 
flid ^lìò essere, ihe ve ide sarà ^cf ìttd in.q&est^ 
drdihitìoi Dofk!Ì aver {>arIato di questa Dedita^ 
2ioné , si^n p^i Venuti iti fagionamentó intothd 
4 un stìèolido puntò ; ti essendo egli per la ^à*^ 
tjtéà éht ha della Corte più versato di mecche 
éi soho noVitiò^ tìii ha rappresentato ^ c&e neh ^ 

le pi^esenti còhgiunturé tikin si può sj[)érare ^eif 
t&i uh pretiiio ^okrtispàndente alla dignità def 
Meèeàate," e 4 merito vòstrò - tìit però A fa* 
ié^he èghi sfottò perchè abbiate ad averev uiì 
tontraiegne Onorévole della Imperiale munificen* 
1^ in uria collana d* oro , o còsa limile . H6 
yoiuté scrivétti ogni coisa còniidehtetoerite , tìòH 
k&ciatidò di dirvi $ che a tutto il tagionamem^^ 
del Sig: Cavaliere ho mostrato di dare tutto V 
atfséhid f^ la mia parte 5 soggiugnendoglì i che 
i Vói ptìre irebbe par èsser ^r^to tutto quèUW 
-ffcé e' fosse per dpórare à favor Voitro in simi* 
le cdtigiuntura . lo mì tegolerò poi secondo il 
tcifel»e ddia tis^stà i che sarefJTper darmi , e 
ìmà ^teebe<fe^ £ fare anche dai caatóf mio qua* 

DJ passi i^ 



%9> ' . i. f T T B R E D ;/ 

pa^sì 9 f he giudicherò esservi 9norevoli e van- 
taggiósi .... ' 

474. ^/ ^is* f^^Ure Ant0nfrìmcfsco Marmi ^ 

VUnna ao» MduU 1719. 

ar niente mi stupisco , che quel Gentiluomo , 
^ di cui V. S. Iliiha nii scrive nella sua lettera ^ 
o non }e abbia risposto » ò qpn a(>bia passato alcun 
gfficio per lei neir a^are cpQsaputQ) poiché questo; 
è 1 costume d^l paese , niente Vad^re alle per-^ 
§one lontane , e ppchi^simo alje vicine , quand^ 
non sia in CQ^a di proprio servigio e yanta^io , 
$opra d^ qpe^o io non ipi st^nderq maggipniien- 
te, per^h^ teme^:ei di dir trpppo*, § ^Ip le ac* 
cennerò in generate , cfee assai più focile è V ac- 
cesso al Monarca, che ad unp del suo mini$t<?- 
fo. L'Elogio steso da lei intorno al celebre Sig. 
Magliabechi non è ancpra pervenuto in mia ma- 
no. Il P. mio fratello mi scrive di averlo rice* 
yuto .e letto con s\xo molto piafere^ ^ che me 
lo invierà con prima occasione . Teme , c|ie pel 
Piornale ei fia alquante lungo: di che io le. 
scriverò espressamente , dappoiché V avrò ricevu- 
to ; e mi varrò di quella franca confidenza , chjB 
la sua bontà mi concede . Al Sig. Gentilotti hq 
comunicata le belle notizie letterarie , che alU.. 
^ua bontà e piaciuto di notificarmi in queste p^r«; 
ti 5 ove o non mai giungono, o molto, tardi ^. 
iCpn questa occasione si è discorsp a lungo 44: 

merir 



\ 



À p ò i r o i o t ì u 6 j ^ j 
imitò singolare di lei, clie-a qucst'lndgtie ké*' 
terato è mòrto ben hotó, ed in prezzo ; Hb poi 
godu^ in estrèmo <fell* onore fatto' dalt A. R, dJ 
Sa Vè|a a cotesto dottissimo Sig. Corsifilani ^ chd 
motto bene sostarfal col suo talento e Calore il 
peicJ ònofóvoie dà un tanto Principe raccoman^ 
da^li. Il Stg. Cigli ha tutto il torto di preni 
iJers^la sedò, o colSig. BenVóglieitti, perquan-* 
to mi è convenuto dire nel Giornale a raiagiifv 
stificaaiótìe; e neslsuiio fnegliodivftic può' render 
testimonianza di q^eitd^- verità i Oltreché non. vck^ 
do, che esso abbia ak«|na occasione '>di dolersef 
he, pei* le ragiohi a lai note. L'opdra ìiuota^- 
che.egli sta imprimendo^ nèn so oòsa ^/ *e:-s* 
' élla fne tic proccùf era un esfemplare > mi sari 
kioito caro. Scrivèn«k> al Slg. Benvoglienti , lo 
riverisca a mio nòrfie. Non e tolta in cui ttxi 
venga fatto di e^ère iòl Sigr MitthtXc Bartó^ 
lommei, che non A parli dt séa péirsona 4 £'ùi» 
t^ma volta iìòn bò mancato' di ubbidirla » sopri 
quanto da lei mi viefie cmtiàtidafo:. Eglie'lSig.' 
Gentilotti m'iftip*n|énó di riverir!^ a lornome# 
11 Sig; Cav^aliere Garrii , che è*l ferro lettefàf- 
to, di èuì ftìi scrive j» e Medicò di S. M; mi 
che oltre il possésso di Hjuantó si aspetta alla 
^ua professione , è;' orfCatissìmO della budfta' eru- 
diziqpe, e deHnb /Conoscenza della lifìgUa' Greca-. 
Q^i abbia^x«$ STtUìkn^te il Sig/ Con^ AlessaU^ 
dro Riccarda Géritilaoàiii Kf «f)oIèta&ò , e Fiscale 
éil iupremo Rcal Consiglio di ^"'Spagna j tógget^ 
to vefa^etìfe dotto ^ ^principalmente tte'Psfdri j e 
ftelle cose Ecdeé^ithié , e ne&t ÒiitfiiKudenaba 
% D j Givi'' 



14 t f T t t R f n i 

QwHn e C^tHC^ • Ha um sceiti^lma likeiig^ 
Ài cto pure è molto l;^^n fy>tmto il $uddfttp,$ig. 
^yalifre.Gar^ìUf e'I S'ig* QentìlQtù . Om qw^ 
iti valMtiiOiniQÌ io cerco di rise^cire lepcrdUc, 
fhc ho (ma in la$ciaj>dQ r fó^ino chéper^sem^ 
jpife nii sta nel $:upra. £d ^c^.quancppoisopra 
i:cttiMrl« in cftmfeio d^e bclje noyitè frudite^ 
che imvp mìU. ^ kttisrA , jCizhf uno di questi 
giorni farp pagisaresptt^ l* occhia dell' Augustiiv 
siniQ Padrpf^e*' Cpfìtuiui a f^vorirniene » e afl 
asnaimi» aH^ucanduUr ^ Mn può farmi cpsà 
firn grata jdiiqtteitii tf^ ime ^^rv: 

JL prìia^ peripdp d^lla yp^tri Ittjtet^ puntami 
i)eU* ocdiiiari0 antecediate mi ba mosso an^Ei 
f riso^ cl>è a cpilera • Picanp costi quello chg 
yosliofip , i jiniei malèvoli . ì quattro mila fio^ 
pm datiim dalla Mt S* soiiq a titolp di assp}q^ 
40 r^al^». fi pofi c(i aw^up a«sfgnam^t9» lo » 
l^uest'0ra yadp f recitare dallf Cameira 4i cinqiii; 
|iii}a fiprini , i qi^ali > ottenuta }e mie spediifipr 
hij sara^piìp da me tranquiUamej^tegpduti» He^ 
ificpè i^i corra T obbligo di far|ie la restituzio^ 
j^ aU'AugWtissji3)0 Padrpqe» per ayenneli, co*. 
fae 03S4Ì ym 4kmiOy a copto de* miei quartali 
|)restati. F ì^^ \cì^ qMSto r^alo ya tutto ^ 
^rbitp $iai- Mj«istti , ^Iqusììx intipmbt di ^tm 
j^ ^lip fpi^fii^ì^^ If ft)^ obbligo t:om t 

/ J \ ' quan- 



A p OH s T • 1 o £ i n: o . , f% 
quati ottengono impiego e titolo in questa Cor- 
(e, e tal esborso e iiMispensabile a tatti; ed io 
sopra loro soiiq stato ÌI primo ed il solo ad ave^ 
re questo avvantaggiò > cbe gli altri pagano del 
proprio, ed io pago col soldo donato, a solo og- 
getto ciie non soccomba col. mio • Ma di questo 
%bba;tanzit. lasciamo abbajare i cani alta luna, 
^icoyi sciamante , «Jie le xoie spedizioni sofìfo 
al, fine, non^ìmancaqclovi che d|ie o tre ultimi' 
passim In $ei mesLio^avrò superato ci^> che at 
tìi con ' yàìidissitp^ pj^ezìoni non possono sùpe^ 
fare dppo due., e^tre,* e fino quattro anni d' in^ 
dugio. Bisoj^a conoscer questa Corte, e potei-; 
calare • Ma a nessuno può teiaersi la bocca , e 
ié altrùi ciaorlè^nè a me fan danno, nèdantra- 
Vaglio • C^^ita aiattina ho ricevuto dal Sig. Con- 
%è AlBcrti la vosta letteta con la Vita dei M»- 
gjiabéchi. Letta che 1? abbia, ve ne scriverò il 
imo parere • Ma qualunque siasi , è lunghissi- 
ma; e tale non può stamparsi in un Giornale. 
][1 Gi^ è un hdi^'ixi^^io , A insieiàe un beK 
matto . Del silo nuovo libro mi era stato' scrit*! 
to da altri: della sospensione^ della stampa di 
^so^ solo da voi. Cento cose ha principiato a' 
it^pare.* nmm se n*è fèmiia: laVitadiBranr 
d^no: il Giornale di Siena: 1' Opere di $anta. 
.Qyterina :, il Vocabolario j;^ e ora questo. Diqya^ 
osai albe» letterato si udì cosa wmle ? Qiìesto 
Residente di Tosdan^ji, che è il Mar^^ese BaErtd^ 
Joramel, gentiliss^nu» éà erudito Cavaliere , tni 
4isfiB , xbt costi si fl^mpayariò <1^ Istorie Fior^tU 
ae éel Va^cU • Mi spia<^e£»be > chf lai$osanoa 
\ D 4 ' ^ ' axes- 



5« £ £ t t E JR. B t> 1 

avesse il suo effetto; Anche il Giatmotti saret>^ 
be ricevuto a$$^i bene dal pubblica . Riverite ; 
è, animate a mio nome il Sig. Cavalier Settima- 
ni. Vi ringraséio al solito delle Novelle lettera- 
rie • .Quella della traduzione Italiana di ticofrò- 
pe è assai considerabile, purché sta beùe esegui^ 
ta* JL' statore di e^sa si sarà fenduto più cauto 
da quanto gli avvenne nella ptibblicaitioné della 
Létterd Toctantté Di quella Orazione Latina di 
SebastiaHo.Giastiiiiano alRe Ladislao^ avea ve- 
duto il volgarizzaitiento fra quelle del Sansovi-^ 
no.. Cotesta antica e. rozza che ipi accennate ì 
probabiimedite o sarà affatto diversa, , ò sarà ita-^ 
ta corretta e migliorata nella raccolta suddetta i 
Monsignor Fontanini non faa mar stèso , eh' io 
sappia, né lassolutaoiente mi ha mai trasmesco T 
Elògio del Cavalier Maffei . Si esibì di farlo ; 
ma non. lo fece. Salutate la Sig. Madre j e tut-^ 
ti gli altri^; * 

476. Al Sii. Andrea Carnato, a t^e'nezJa. 

ViennM 8* Luilip 1719. 

J Ergerà ho àVuto V onore di essere a' piedi dell* 
Augustissima Regnante , e Av baciarle la ma* 
no .. Noni si pub trovare Prinòipessa più benigna , 
è di avverienia più nobile. E' degna dèi grado; 
éhe élla sostiene» Mi ha parlato, di itaolt^cosef, 
ma principalmente dell'Opera, che sto facendo , 
lodandone molto i due primi atti, che sopopresH' 
so di ìtììi e - delF Augustissimo' PaÉdronè. Io ctfh 

deva 



À P 6 J T O l o 2 i N ó# J^ 

deva ehe il componimento dovesse riuscir secco / 
ma attrtrtìenti ne ha giudicato ciiscutió^ che Icr 
lia veduto ; e pàÈtieòlarmeiite le Loro Maestà ; 
e St'E. il Sig. G>nt6 di Cavalla» Presidente so« 
|)ra la MusT&ai'^ ai quali tutti pare» cHe^mainon 
-abbia é^rittd niegliò^ né più spiritSs^l Io ci lij^ 
posto Teram&nte d^rattetizidne) e- sono certo ^ 
the nlolti Stupiranno » come si possa fare ud 
Oranmta sópra un viluppo » cNe àkrò don è l 
the un' occhiata i II itiistéro di questa parola vi 
si scoprirà, ne^lla léétdra del cdmpodiimetìto .. Stu-^ 
t>isco dte P Abate Suareai voglia porsi a £tf brami 
mi^ Ciò fiofi cohvén'endò al suo stàtd i potendo 
|>er8 ben convemirei al suo spiritò • Che V antico 
ne fireinà , Io crMo i e comunque riesca là cosa l 
non A Vedrà certamente èoii peggiot della sua; 
Poteva egli scieglieré pef argomentò di un Dfam^ 
ma altro tanciduhie; che il* tT/W delle Spagne J^ 
éante volte veduto sopra i teatri sì cofAici, Hil 
tragici ì Anche ini questo' là povertà del suo' ta- 
lentò A disc-uopre ,' è si vede é C6n la ventura 
Settimana: prifici^ier& a ripigliare cogli amici il 
Commerzid epistolare. Intatltò Salutate ciàscund*; 
Umiliate in particolare i miei rispetti àir^ccmb 
Foscari, che io spero ancora di poter riverire in 
Queste parti y'CklaiTnitovi dalle singolari magnifi^ 
tenze, tbé si apparecchiano a Dresda per leprosa 
iime tioa&ze*'E quandof ciò tòsie i perchè' anche 
a voi <ion. darebbe l'animo di esser seco in quel 
Viaggiò ì Che si , che né avete il prurito ,• comò 
io pure ne ho % desiderio? Al solito abbracciate 
lotd, hdiegraiidOau del loie stìt hetà.' Addio di 
cucwe/ 477/ 



, * 

Ì5P<tee r<^y#n^pmì* trjsfcr^ amjEavprita, jpci 
assist^ a4 m^ Pfpva. ^^f Opir^ r cfa« «faràin 
p^eiNHL fl<igU .^ugpitis^imi 9|.d|:otu . Ho iat;^ra 
^fl^ pii^ff^ijl :%^ìjiggi<>> cfee ^à in queste partì 
ilficop^ Fp$g*ri, ck9 r|yjMtf«:o ^mio.nwic. M^ 
f^k P^ {^id^^ 4f^reÌ94èrai ckt. v} psolyfi^^ ad 
^cc^p^gj^^q ijPi :t^ vj^g^o , pQkk<è avrdl il 
S9qap[i9 Co||i^t9 di ^yfifieprl^ é diabl^Eacci^vIt 
]^ sciiSHdio» !p^ ne ivcti^ ìa contrario ^^ à tfop^ 
pò dijipajtft,, j4 fQ V« «e fo ^iSrupQÌQ 4i awlo 
coR^puto /r jwdtijfp . 4^ipQ , <c ii$oiuzione , amar 
tUfimp ^S^^D ^ A Dgrci?4?L aifycc*<p occ|«ione <y, 
ye^^^ jpo^a» cW nferifo appepsi .si <|0(|rraQ»Of l 
i^ìS* #^ < Y9Z3:i ¥^ iris^l^tiifto ^ ]hlo« (Crecto 
f^e fietiq p^f^ ritornare iii $9aiwlÌ9> i ma A; ffiì^ 
Ptff^V^ m ' JP^^ yfà^vfi U 9P9%e ila foìrnm^ 
ffjlf^ p^ ii >/e'7- di Asf^tf>. ta jsua Op(S» 
fr^, cijie jii^ moto* M<»3poJb(di» icUo M a' 
j4^ 4^U' Avi^V^ì^^w^ PadEPoe, egti si fipi»ih 
5jp/ d\t jftV^r^ cpi^c^twsin^s ijl f:he pute^ naidis* 

U ptmi^ vol^j^ in Q>jtp air Pira 44 prao^so 4tlr 
le l^rp Ms^ti, je'i cl^m«ti^$ÌTO^ C^me mi. 
ièjpp Tic^eipr^ di$i:Ì4(p .di. fajrnii cjiiamare, mentre 
1»:^ ì^o Jj) fi|^ dfil j|r4O0o^ e di ^uxmi ^m 



A p et ftp p f fi 7t ^n #,• f« 

gipoameoto a vista di tutti per nonpcfCèteàipòi; 
il .cha fu fStgiQ^e^ pl|e mo^ P^opif ,f |)raa 
MiiH^stri gittassero V occhio sovra là mia perso- 
fìa, 4fi Iq^P i?l Picif,^^^ ^PÀ conosciuta ^ Mi h« 
promesso sollecita spodi;;ione per li mìei a^ari » 
j» /qyi^f ta jcen^meqte sarà delle fpmff tjfif lifìsù 
^oatri c(ie ne tcùgp • I^ingra^^^te 1', £fc^FÒM:ar 
yi pec le ^ gtiief^o^t i^bmp^i- a mio iayfd^ 
VPfm^drh U^e$ti del ^.e Augii^^P;if 44 i^P 
i< «•, iiii|;e^ai^ cBjalche feg^ilo ^lX9M:4«nWji» 
IKT I* pccam9e del priinmi d^ ilici f^ppttt 
In 9CQÌSÌM1» Mie presfa^ti ao^ze, frf^r^m» 
(WJt^mpiaÉi^tte » it«ie «liiia • Ad qg^ì sqp 
<^im9 io Ada iiUfli:herà» ^ fi^e ^ Ì$. ^, vip 
fé te$tim9QMme del mo prAfijiid^ fAR>«^^ »* 
a ili J^oloQit » 9Ì altrove' • ta^ ^^isni^sw;^ 
àeaie Sposa di^ cfce piatirà iU ^vfi por li 
$f; o i(>, (del yeiiti^roAcp^* {<am§v4dely|«gr 
gu^ di & ^' è sfitta da Àie dctra aAV^iti» ekti 
ife sono stato il piiioo» cU solf fì«prji»^i^}a 
fiipefse » Jcri ite fipei pM» 4 Sig^ ^^smao Grjr* 
fiumi > che fu n litroyamji « VOpt» è te^i^^ 
ta, ma «ibito SO90 staio qtflic^to di eltro fom? 
poofmisoto . Non l|o b^a, c^ m «vmueì y A^ 

braci:i9 e (àbóto tutti | e\ad|lM^ ti dim^ 

^^ ... . - . -^ , • ^ ^ 



4^«- 



to' ' t i I T fe R È » f 

47 J^. Al Sig* Lorèhzj9 PatsroL a Venezia é 

-' Vienna 29. Luglio ifi9» 

... '^ ' 

'T^Uttò queild che è usélto,' e uscita dal vtf- 
X stro felice ingegno , lUmo Sìgriore , e Cdra- 
parc anlatissimo, incontrerà cgual fortuna , cioè 
r af)pIauso dì tutti 4 Qui le cose vóstrè sono i. 
^lie* pochi , chfe bari gu5to di' bUone Mieve ,.à 
fiòti2ia ed ih pregio , e spdcialmeùrt^ , a qjuestà 
Sig. Gentilotti, dignissi'mo Bibliotecario cfiS^MT. 
C e C. ccJn-cui più volte e àvveft'uto di tenere 
ragionamerfto ìntorÀò alla vosfra perjorta, theé"' 
mólto stima e commènda • ti fSfìiatì^L ha fatto 
inoho bene a ristampare "i Pànegitidi degli- An- 
tichi da voi volgà!rizz^ti"e ilTustrati: etàiftópidt 
avrà di scacciò la ristampa/ che égli ne ha far* 
ta , quaìitò' che ella è ripassata sótto il vostt' 
èèchio ed' esame /cocf qdél tìoìabile 'migliora^ 
mento , che voi mi acfcennate . Là copia , di cui 
mi onora l'amore e la gentilezza di V. S. Ilfma i 
rùì è òltrémòdo c'ara , e gliene rendei distinta 
gfteie. ^Sdrrvo qtkesta sei*a al P^ mio fratello ; 
setiloc^hè me ite sòfteciti fa fpeditione,- essendo 
impaziente di averla . A tanto favore , come ai 
tanti altri , di cui ella in ogni tempo si è com- 
piaciuta onorarmi , desidero , che da lei mi sia 
porto il modo di poter corrispondere : e ciò «a- 
fa la maggior defle griiic^ che abbia da lei ri-, 
ceviite, e ch'io possa ricevere. Ne la pte§oper 
tanto di tutto cuòre ì assicurandola , che in ognr 



« 



tei^po e luogo preg^rqraffii^i essere, $ di pj^l^^ 
♦ 47^. yrf^ Siir -^j Giuseppe Bipi • 4f Mììmo^ f. 

LApdma.Jet^era che qui pi arriva 4i Yv^» 
lUma non I;a avuta quella pronta ^risposta 
eh* io dov^^. darle , a Riguardo del prainriia , e 
di qualch'. altro cohiponimento , eh* a tutta fretta 
mi convenn,e ^scrivere , e terminare in occasionò V 
delle profsime Nozze, per ijoaiandp jlell' Augi> 
stifsiinò èadrone . A\ prp^^nte <;he me ne tipyo 
^ditò, adempio questo (dovere , <; le jj^bndp'ur 
itiìli^simQ gra:^ie si della (rortese inemoria » . cbe 
di m^ Conserva , fi deli- ' gmpreypli esp];^ssÌQni 
. co|i le quali ai^cprtipagna la notizia peryenuùle 
degli onori, t, favpri ii|ipartitimi d^i. clementis- 
siiiip mio ^óyr^no, che soqp tanti, ^ tali^ qh^ 
non posso mai ricordarmene sénz^ estrema ef- 
fusione , e fossore • L^ ritigraziò similmente di 
quanto pe^ su^ b<^nt4 rè piaciuto di; fare , jtc- 
ciocchè sopra cpteste scene si .abbia ^ t^^itar il 
mioAmbleto, ppera tutta di mU invenzione , ina 
noii tutta già da me verseggiata j essendo mftco 
concorso nel lavoro di essa il Sig. Abate Pa«- 
ria^i • Delle' sue Medaglie qui non si è potuto 
far alcun esito • £s^e , sono . ppei^o d) mg^ nello 
stato medesimo , in cui le i^^a lasciate , e può 
disporre di tsse a suo piacimento, e niente m^- 
no , cl>e di mia persona • I Signori Gentilotti , 

ed 



il . . à i 1 1 E it È U 

ké l^pè&tìì U tHtriscdhé éitmà^ttti éà ili ié^ 
))licahdóìa a uirJllare la mia più profonda éiirm^ 
ftioae à cotesto Eccellentissimo Sig* Governato* 
!«,' pei, Cui tki j^articòii^ venèirtziiitie i ed éssej 
4ui6, lai ptégo anche a credetmi j qùal sempre 

jfló: ai h fìet CMtt^mé zim, a rin^dn: ^ 

vTt Sig: GioVinil^atista di Isella > Càttomc^ 
Ji ddL Finale À Qetiovà ^ vi Mnsegtìerà U t^e^ 
S6ttt9i è nei témpd^ che Costi si^ggioriìerà 5' dér 
iidèrd the £a cedosciut^ ed amstòoi da voi > al* 
pari di qadli> th'ì& l'anie è lo stimo • Esso è 
àtsebe aittieò del P. Mofiàtii > end6 atìcfaie p&t 
queste capò sOiìo cert^, che lo riceverete fcivtt- 
tevrtmerite. iTròvereté iii e^sé una persotìadiflf 
nifiSirad gu^to itelle bU6tl6 lettere, e di squisltdi 
gìoAcl^ì ìs tetìtó altre ptegevo^ii condizioni^ che 
a qfiàfìti li cona^oflo, lo rendono c^ò ed acf- 
cetlo. Di lui ititMdetete il mio ottimo Stato; 
é ptègóvi éi far per ^sso , quanto fareste ptt 
qtlàisisria de' nostri migliori amici j Vedrà volen- 
ttófi i vostri iibìri,^ è forse vorrà dare uh* otcbia- 
M arithe a'rìiiei. Di questo, ed aftrd.son certo^, 
éké ù^ik lascerete di rènderlo soddisfatto^ e p^i' 
Sài tt)fefàctlai62^Vi sèfi&;.;v 



4S1W 



À ^ I i t o L ò z à lir o; il 

%kié Al Site Alvise F0sckri A^hùrìs^irt M 
Ri di PoUnià. a Drcsdd* / 

L^ omahissimò fogliò di Vi fi- nù bà recita 
sommi contentezza, e somma altresì coh^ 
visione.' la prima per tvei; iriteso il silo felicii- 
Simo airrivo à Dresda ^ e le particolari é ,ònotev 
tòli dimostrazióni di affètto , coti le quali è sti« 
ti accolta da cStesto gloriósissimo Monarca: la 
seconda per le . singolari Stimatissime grazie^ del- 
ie quali J*£. Ve ha avuta la bbrità di onerarmi i 
opi mettete in "(rista alla Maestà Sua il miooi-- 
curo nòmd i € col farle éredere che io mi sia i 
quale per veHtà vorrei essére ,- acciocdiè iii quàl- 
die parte V esemplare corrispóndesse al ritratto i 
die a lei è piaciuto di farne il Di tanto favore 
io le rendo le più divote e maggiori graziò i di* 
io posso I è nel medesimo tempo timilmentè ià 
prego a credere > che quanto io me te professo' 
obbligato t^er quanto ha detto è operato a mio 
favore j tanto ancora io mi troverei confuso è 
smarrito, quando mi venisse cdmme^oil iavos 
io di qualche Dramma per cotestà Real G}rte^ 
attesoché io sono continuamente occupate nel 
servigio iempre per riie glorioso di questo Au- 
gustissimo Monarca , talché nòti mi avanzerebbe 
alcun tèmpo per addossanni riuovi obblighi e im- 
pegni j oltreché non mi sarebbe né men pfermcfr» 
se accettarli, come V* fi; ben vede , sema .mi 

jlpwi* 



r 



6i |,ltTE;^B^^^ 

bositiyo comando del? Àuguistissimo Padirone « 
Lo strepito delle magnifiche feste* con le quali 
ti solcnqizzeraQno la venuta e^ le nozze dei Ser. 
Reali Sposi , tiene in attenzione gli animi di 
ciaschedunp . Se ali* idea fc alle spese del gene- 
iroso JV^pr^arca coi;rì^ponderanno , come spero , le 
operazioni dì, chi è destinato a servirlo; nulla si 
$arà vedutq in questo genere di piijf reale e pia 
grande, e non avraqino i mostri gipr^i di che 
invidiare agli antichi • Se in qualche' ora più 
Qziosa i' E.. V. $i cjegne^rà di gittare m" oc- 
chiata sul pramii^à da me compqsto per ia sud^ 
dettk occasione, io lo stimerò pienamente feli- 
ce. Ella \q riceye^à da^- Sig. D. Casimiro Avel- 
Ioni, mauqito dell^ §ig. Durasta^te ,• 4 q^ale ho 
avuta 0cca^QAe di ^ndii;izzarne anche \ing cqpia 
per lei. Qiii certamente esso è stato gradifo , 
sì da tutte V Augustissime Padronanze , sì da 
tutta la Orte, assai più di quello che io mi 
fossi potuto figurare. E qui farò fine, col mag- 
giore ossequi^ dichiarando!^ di èssere. ••• 

482. u^l /?. JPicr Caterino ^fno. a F€nt_x,Ì4 ^ 

Vienne 2$. Aiostfiji^. 

LA mia Opera si è recitata lunedì con vir^ 
concoisp ed applauso indicibile , • ^ superio- 
re a quante se ne son qui recitate , dappoiché 
sono alla Q)rte . L' Augustissimo Padrona V ha 
^istintamentè gradita, e commendata, e lo stes- 
so ha fatto tut;:a T Augusti^ima Padronanza , • 



A p o s^ t 6 i o, 7j e. ,h o; éf 
U Brincipe R* ÌB. di Sàssó&ia» òhe era Io Spòso T 
Io he sonò consolatisslmo per questo , ma rnol- ~ 
to più perchè fra pochi giorni vedrò data V ulti- 
ma nianó alle mie spedizioni • Sta in procinto di 
partire il Sig. Angelo Emo, a cui ho raccoman- 
dato un involtino con éntro nove copie di essQ 
Dnàmraa , dirette al Sig. Andrea , che |ìa V ordi- 
ne di consegnarlo subito a voi. \fi preme sqim^ 
niameaté, che ricerchiate ne*- miei libri Biblioten 
cai} i àue Cataloghi, "V imo in foglio, e l' altro 
in 4. legati in cauta pecora, dèi libri; che vo-^ 
. Jisva pubblicare' T Accadèmia Veneziana ^ appresso 
1^ qualp sorio ^nche inip/essi^ e che me gli man- 
diate con prima occavotfe unifaihente con un air 
trp Catalogo Ms. ih 4. ih caka pecora' dèi li- 
bri Ebraici , i quali possedevi il" fu Cardinal. 
Domenico Grimanì : il' quial Catalogo sta. fra* 
iniei* Mss. Di grazia usate ogni diligenza f(èr ri- 
trovarli, è per farmeli avere prontamente « So- 
pra la Prefazione del Casotti ai due Bonaccorsi 
nulla di' considerabile avrei' che aggiugnere al 
presente, se non che net *Ms. dei PP. Domeni- 
cani di San >ticColàr di Trivigi il trattato Latino 
0U NohìUtdie 'e * diretto ad, illustrem Principem 
GHÌdant0nium Mcntisferetrii Òomittm » è non a 
Carlo Malate^tà. Nel Catialogót déì. Mss. della 
Biblioteca pubblica di Leyden aV. '317. coL 2. 
troyasL Ms. il' dittp opùscolo , ma guasto nel ti- 
tolo del nome dell* ^xÀott iDisputAtU inter 
Gaiiin^^ Corneliunf'' Scifionàn de NablGtaie per ^ 
JSett4cricum Pistmenìfm . Pérsu^stp ne ducafuxi^ 
rem. La declamazione , ^hè nello stampato si: 
Temo lìL "^ E * légge 



i4 I^ E TX £ IL S B^ 1 

eg|c i Ci Ì42. aej Gxiice s»jcÌ|fHftto di Trivigl 
porta qtiekd titolo : Lex niia i qui hlU navali 
igdiSto '; pHor uirbem invadit , PamphiUm gnatam 
r$iÌ4m uxorem ducat ., Nella libreria de* PP: Ko^ 
mitani di Padova iii un Codice cartaceo in 4. 
contenente varie operette ^ v'c anche; Bmsccnr^ 
sii Pisnriensiì didsió^ 1^$^. Non so cosa sia'i 
Nella detta Prefazione a r- XXXXIIL il Mon- 
gitore e. chiamato col nome di Bernardino , e dee 
starti Atitònind . ijcir edizióni di Dante io giu-à 
dico "Ka più antica quella ^ che fu fatta in foglia 
Tanno i47i» fatta (secondò me) in Venezia ^ 
in fondò della quale leggonsi i versi seguenti i 

Nel mille inéUrocenté septe & due 
Nel qtédnò mese adi fihqw & sei 
Quest^ opera ietitile impressa fìte • 
Io Maestro Johdnm Numister opera dei 
uilla delia impressiohe & meco fue 
MI Fnlginate^ Èkf^Hind mei é 

Nello itessò anno i^jì* tié fu fatta un' altra ili 
Mantova f&ure in foglio, dove nel fine si legge i 
UXlCCCLXXlh Magister Georglui & Magister 
Panini TéHianìci ine ^hs Afantuaé impresserun^ 
adifivanté ColnihUno Ver ortensi . Segjucrquelia-col 
Comento pteteso di Benvenuto pét \Vindclino 
Spir^ nel 14^7- po* quella di Milano Ndel 1478^ 
Nel qual anno v*ha altresì la seguente con la 
correzione di un G Lucio Lello ^ che vi aggiun- 
se di ^uo Ufi epigramma * Opni imfressnm artt 
^ diliientia maiUtri philippi Veneti i Anno De-» 

mini 



A50ÌTOLOZl»l6t éf 

hitd MCCCCLXXVIiL Imtyto Finitiàmm priil 
cip€ Andrea Fendrmf^inù . E in foglio . A qUeste 
succede là Bella jedleipne pubblicata ptr la ptt- 
ma volta còl Còmehtò del Laiìditio i dove nel 
fine : Fine del Cohiétito di Chriitépliere Ldndin^ 
Fiorentino sopréi la Comidii di DdHthe PoetA ex^ 
vellentiisimo : & impresso in Firenxje ^er Nickolè 
di Lorenxj9 della Magna adi iJCXX: dagosto i 
MCCCCLXXXI. in foglio reale : Questo èquati- 
to per or^possò dirvi *delle più antiche' ediiid* 
ni dì Dante da ine òsserVate e iiotate^ : Il Lui-? 
gi AÌàmàiihi ; dalla cui libreria furono tratte la 
Pastorali Greche di Lòrigo, era uno dei discen* 
denìi del Poeti dello stesso nóme, e Casato i 
Non so s' égli fòsse quello ; che poi apostatò , 
è la cui Vita si legge, nelle Vite degli eretici 
scritte dal Prateolo : Alle , giunte del Vossio è 
impossibile che ora io pelisi,^ non avendo né tem- 
po , né libri . Che anno infausto e stato mai 
questo per la letteratiira Italiana I Iddio cònscr-»' 
vi qile* pochi , che ancor ci restano ; Vi ringira-' 
iio delle Novelle letterarie.' Salutate tutti , evi 
abbraccio. ^ ' 

V 

483*; jil Sii. 'Andrea Cornàro* a yehezÀai 

yienka a. Settembre 17! f^* 

.• \ ^ 

L^A mia Opera non si recita più i come de- 
siderava la Padronanza Augustissima ; poi- 
ché il Consìglio Aulico ha Rimostrato alla M. 
S* che i Drammi fatti e recitati gcr occasione 
/ £ 2 di 



6t Ì9TT|K£9| 

di ùpzze lipn era stato mai costume di nuQy«i- 
ijicate rappresentarjli > terminata quella funzione r 
laonde n' è rimasto qui uq uQiversal desiderio : 
il che I)0 yoliitp candidameate significarvi , poi-? 
che se divcrsapaiente ne fosse scritto j o s^ ne 
dicesse cpjtì, possiate convincere i maldicenti ; 
dei qyali però fo pochissimo capitai^ ; Vi rin- 
grazio per r attenzione che avete per la libre- 
ria, onde non patisca in questi caldi . Al rin- 
frescamento della stagione sarebbe opportuno far- 
gli sbatter.<^ ad upo ad uno^almepo i piùgran-* 
di , e quelli cbe sono nelle scanzie più basse : 
poiché quegU in altq patiscpnp njigino , come me- 
PP soggetti alla polvere' * Quanto ini <;o^sola T 
pttimo stato di tutti di casa j tantq mi affligge 
H poco buono st^tot della Sig, Madre '^. Fratello 
amatissimo , è superfluo , qhe la racqonPfandi alla 
vostra carità e al yostro affetto • Ma per amo^ 
mio fate qualche cosa di più . VìsitateU spesso , 
e consolatela cot\ qualche più lungo soggiorno 
in sua stan;^a ^ Assistetela di tutto , e occorren- 
dp Nf edif i , medicine , p altro , ijpn i:ispa4:miatQ 
spesa , eh' io soccomberò volentieri a vostro sòl-? 
lievo. Se leggerete questo capitolo alla medesi^ 
may sono certo, che le ne recherete molta con- 
^olazioi^e. Io le scriverò dentro la prossima set- 
timana , èssendo oggi V ora troppo tarda . Rive- 
rite, e salutata tutti a- mio nome» e caramentft 
Y\ abbraccio , e sonq • • • • 



f«4- 



, 1 



k t 4 s ^ ò t é t i V ò\ ài 
48i|« uit Medesimo, a Fcneza4é 

p^itHn'a ìj6ì Settèmbre i*ji9l 

POcMe cò^é mi occòrte di scrii^ervi ì ma uni 
vaie per molte, ed è> che le mie spedizio- 
ni si sonò finalmente lìltimate ^ e che %iz ho 
riscosso uri quartale di mille fiorini . Là elezlo* 
rie di Procfcuratòte fatta nella persòha del Sigi 
Cavaliere Piero Grimani é ^tata mdlto applauditi 
anche da questa Coite,* dò v' egli si è fatto di mol* 
to amare , e stirfaare ^ Onesta sefa mi vien detto che 
capiterà il niiovò Ambasciatore Friuli } ed io dima* 
ivi sarò «abito a riverirlo < Intendo la còntihua-i 
klone dell'incomodo della Sìg. M^dre^ e iion i- 
stò per ésia cori ailimb riposato é Non le inan- 
• tate dì assistenza , che da nle riceverete testi- 
hionianze di gratitudine. Salutatela caramente i 
come pure la Slg. Cognata , e le Sorelle J e sen- 
à' altro abbradciaridovi resto . . • i 

♦ 485. Al Sii. Canonico PàqU àailiardi : 
a Brrìcia • 

f^Uma 28.* Ottobre ijip» 

C[Ottd debitore di rispósta a due lettere di V* 
•3 S. lllma .• air uda,da ntoltò temj>p , e arf 
altra di pbchi giórni. ìncomitiCerò dalla prima | 
reiidendóle gratìe in primo lijogo di quanto et 
la tfii sef;ve ìritonió alla opiniOM :» Che avevi 
JB 3 Mou- 



fiat L E T T 5 1^ * p I 

Monsig. d* Adria di felice faiemorla sopra laleg 
gcnda del Dittm di^oc^ÌQ, Per quanto sia ap- 
presso di me in venerazione il sentimento di 
lui y ia questa occasione non posso rimoverrai 
dalla mia sentenza , ne approvare la* sua inter- 
pretazione 5 con cui anche si guasta la stessa 
Icj^genda , mentre in essa non istà scritto ECONS. 
cioè ET CONSVl- , ma SECCONS. cioè SEC VN- 
DVM CONSVJL. ec» Dipoi ella molto bene av- 
verte non esservi esempio , che i tre PPP si- 
gnifichino tre Prefetture , le quali non si sa 
quando fossero e come potessero essere esercita- 
te da Boezio avanti il suo Consolato, Oltreché 
5e assegniamo a Boezio un sol Consolato 4 cioè 
quello del DX. V immagine di lui espressa nel 
Dittico nbn tene si conf| air età, in €ui esso 
(cra in queU' anno : mentre nel DX. Boezio non 
ppteya èssere al più che di trent' anni , giusta il 
xa\o computo ben comprovato y laddove V imma* 
gine ce lo rappresenta d' intorno a cinquanta ♦ 
Né può dirsi , che il Dittico fosse da lui fatto 
fare dopo il detto anno del suo Consolato , 
mentre simili Dittici per legge Cesarea non po- 
tevano essere ordinati che da' Consoli attuali in 
occasione di donativi per il loro ingresso p pro- 
cesso Consolare. Del secondo Consolato di lui, 
seguito nel DXXII. io sono c}uasi così persua^ 
so , come lo sono del primo* Tutto il materia- 
le della Di^jertazSone e già in pronto, ed altro 
pón mi panca che il tempo di stenderla ; m^ 
sono occupatissimo , ne so quando potrò farlo , 
pnde mi convUjie per ora tenerla aflatto da par- 
te. 



\ 



Apostolo Zeno. yi 
te • Sto ora mettendo insieme T EUììq iel M^ 
ilidbechi^ che anco di qua dai monti è molto 
iteigiiderato . Il Sig. Cavaliet Marmi pie ne ha 
Inviate molte belle ii^morie « ed io quasi non 
fo altro che riordinarle e, rest^m^er le . Per la 
continuazione della \it^ flel Censiti bisognerà 
for ricorso al $ig. Marchese Pc^eni , che n' è 
informatìssimo, e meglio di me possiede lema* 
tierie^ soprs^ le quali versa principalmente la Vi- 
ta di quel grand'. VJ^n»^ ^ Io |igi^|érderò di, vìr 
•ta nemmeno la stèssa,' è vi coiraibiierò qi^aj^o 
fosso . Ho rilette \ì nel (lUrjfale , * sì pelF UiheU 
li le sue belle ed erudite Osservétzimi . 'Con 
queste -seconde ella ha sì bene ìUostrata la se- 
rie de* Vescovi di * cotesta sua patria , " che diffi-^ 
cilmcnte se ne ' troverà un' altr^ posta in pia 
chiaro lume t Quanto, ^la, Dis/ert^zJmc <lel Sig. 
Marchese Maffci sopra le cose di Vefona\ nella 
quale comt^atte la opinione di lei ,' |e ccmfessc» 
rò il v^fo > che tuttoché in essa abbia ritrova- 
te m^lte ^ose ben pensate ^ tuttavolta parmi die 
per sostenere la sua sentenza esso^Sig. Marche- 
se si lasci troppo portare dalle sue conghiettu- 
re • Niuna cosa è più che il dire : il tal auto-^ 
re e interpolato ,* è viziato, è imperito ec;, e 
niuna è ancora più facile che il i^rlo" pariare a 
suo modo Tnu io son di parere, che seiiza una 
somma necessità e. senza il suftagio de* Codici 
amichi, non bisogna mutare i te^ti, che ove P 
errore è patente .• e tanto meno levarne via gP. 
interi versi, e perìodi .' Qiial Cc^ice mai y' è 
41 Catullo j che pure fu' scoperto dal vccchìd 

E 4 \ Guéi* 



72 L E t T E k E Ì> I . , 

tjuarino i\3^ jgoinpatrìota , oii majticjbi il distico 
controverso > Qual' edi^iobe antica de lo tìcal»^ 
icia > niuna certamente, • Un giorno clic abbia 
tcinpp, vo' dare una reyistà ai Codici di Llvi^ 
é di Catullo esistenti in .questa Biblioteca Cé^ 
safea per riscontrare i passi notati • Intanto io 
la consiglio a non petder di yista una cosa che 
le farà molto onore. Più che vi.^ si internerà ì 
più vi andr4 scoprendo terra i , Circa i confini 
degii antichi Cenomani e d^gU Euganei j.pyò 
essere che T uno^eJ* altto di loro^ abbiano hr 
gione i quahdo si faccia riguardo ai tempi • I 
confini dèi paesi col tenìpo sji variano , e quel- 
li ) ^he in uiia età ^^rano tali , in un'altra sono 
diversi. Noi tutto giorno, lo scorgiamo avveni- 
re secondo le vicende delle signorie e de' domi* 
iij. U opinione del Sig. Marchese ; cK^ esclùde 
le metropoli i è assai importante e" quiriosa . Ha 
là sx^ novità, er non pu6 negarsi che egli nQil 
vi dìstcorra sopra con mo|td ingegno : non sot 
Con qijantà v^srità : Se io fos^i in ^talià e tra' 
miei libri , potrei meglio esaminare la épsà : XfÀ 
^ui n^ sono aiFatto senza y 4S le còse del T^-^ 
trò , mi tengono per ora ^teirtito dà / ógni seria 
applicazione. , ^ ^ , « 
^ Il Sig. Gentilotti la. risaluti carametité ì e 
ahch^ egli 1' anima alla risposta , non essen4o 
tiémmen egli persuaso di quelito avapza nella 
$^Xà DissertaiUnt il siiQ pei:| /altro da lui jStima-^ 
tissimo Oppositore • Égli tuttavia ^^ta faticando 
intorno al catalogo de'MSS. Cesarei . Anch' i^j 
^onò impaziente di vederlo lermiiiatp ed. Impresa 



fso.ìi^lkDwerfMzJofie ddV amicò qk quanta 
mi ha scandalezzato un perìodo che vi si Jes^l 
fc, cosi a torto .poco onorevole per la latterà* 
tura Italiana 1, L\ assicurò . th^ anche .^ùi se ut". 
son fatte gravi .do^an|pe eontra chi T hi diste^ 
'so. Da questo, mi figuro ,ci^ che .se i^ie sarà det« 
to in Italia 9 che egli per altro fu sòlito $aiw 
pre esaltare, tronCra le straiiie^Q h^ìoaì. „.: 

, Io poi le rendo grazie del còr^esei U&cìq ì 
che meco, passa, di congratUlaziode^ 9àpti juna co^ 
sa che mi saprebbe somn[iam<?n|pé cara , vi^a.did 
non tu il minimo ibndameìito di verità : ed $ 
}o stabilimento della jCongregazipne $oma$ca > ^ 
per consegccenssa, dei Padre n\iq fratello _iii .4ue^^ 
^ta Città • L' assicuro sull' onor mio che di eia 
hpn ho mai parlato con. là H* 5. ijè preferite- 
mente ; T\è per lo passato , non esseridòvedè sta-^ 
ta òccasiojEie^ ne congiuntui;a • Qtiesta Bebsì ca-ì 
pitandò, io non sono per trascurarla .- ma coàr 
vien cogliere il tempo . opporremo ^ -e questo ji 
ancor molto lontaiìo. # Non le farei nusteró di 
una cosa che io. desidero ^ e quanto al preierìte 
io le avanzo , distrugge ^ asserzione di chi di« 
persamente jgUele volesse, far, credere , 

Ho inteso Con piacere il buon termine , ai 
cui sono ridotte le sue aspettatissìnle erudite fa** 
riche sopra -y., Gandentio , e che T opera sìa pef 
darsi presto alk ^stampe. £Ua le accrescerà nuo* 
vd onore ^ e anche questa farà conoscere ,' che 
in Italia nQti sì attende solamente ^U hélU 
fnétrgheritA* L- esemplare da lei esibitomi è co^ 

troppa preziosa 9 perché io non ad>btf ad accetr# 



\ 



^adq co^ tutta U conteataKza y e ringraKÌarhela 
«ommairiMCe. 

• Pregola di umiliare il mio diroto rispetto alF 
Jllmo Sìg. mo fratello ^* e di pregarlo in mìo 
iiome a stendermi tutte le particcriLari àotizie , 
cbc sono a sua conoscenza intorno al fu Cava- 
lier Bartéikmmeo Dtti già nostro comune ami- 
co: condizione di nascita, tempo, impieghi, av- 
venimenti ec. Sebbene sono in Germania non 
perdo di rista i miei studj d'Italia, per quanto 
mi è permesso. Io spero di non essermene esen- 
tata per sempre, e di poterli ripigliare un gior- 
no con più di quiète e di comodo • Mi conser- 
yi il suo amore , e si assicuri che io sono . . • • 

4.8f« ^l P. Pier C stirino Zen9. a FenezSa. 

Fiennéi 28. Ottvbre 171^. 

IQ ^n eredo the avanti Fra Paolo foss^ sa- 
lito il Pubblico di 'avere il suo Teologo Con- 
fultò^e > eòme per altro aveva' il Gturisconsulto , 
€ quello in materia de* Feudi % Credo bene , die 
di quando in quando secóndo le contingenze di« 
mandasse il parere nella materia canonica alle per- 
sone più perite / ma non già che dì ' continuo 
fossero^dal pti^l^blico salariate. Cosi per esempio 
r anno 1 3 3 4. a dì i j. Giugno Andrea Vescovo 
di Chitggia; e Saverio Primicerio di Castello 
scrissero sopra la scomunica rilasciata dal'Nun* 
ciò contra alcuni Nobili per aver mercantato io 
Levante) cosi pure Buoniiìcontro , Abate di San 

Gìor- 



<^ 



(jiqtgio Maggiore, ranno I37t. diede il su#> 
consiglio in una differenza allora vertente trai 
Piovano e'i comune di Mer|èngo, e i Chericie 
abitanti^ di Postema* Per altro i Giurisconsulti 
salariati dal pubblico erano quelli che scriveva* 
no, e davano il loro parere nelle materie spet^ 
tanti al gius Ecclesiastico » Cosi Pietro Àlbigna* 
no J, C nel 15 io. scrisse sopra' il monitorio 
dato da Giulio Ut contra la Repùbblica . I Com 
«ultori Teologi succeduti a Fra Paolo fui^^no tut» 
ti deir Órdine gle' Servi ; e saranno più che a me, 
Aoti al P. M^ Bertoni; onde non occorre che di 
quesd io gli somministri notizie • Egli fu elet- 
to dal Senato li 28. Gennajo 1605. e li 22, 
^Marzo 1607. gli fu dato per coadiutore Fra Ful- 
genzio , che poscia ' gli swcedette .11 P. Fran^ 
eesco Emo credo che^ succedette a Fra !Fu1-» 
genzio, che morì nel ló^*^. e al P. Emosucce** 
dette il P, Cejso, e a questo il P. yalscicchi vi- 
vente. Tra le nile medaglie d* uomini letterati 
io tengo anche quella di M. Benedetto yafchi, 
dove daU* una parte* intorno al suo ritratto leg-» ' 
gesi B. VARCHI^ e dall* altra nel rovescio , cho 
è una figurai distesa all' ombra di un . alloro i 
COSI QVAGGIV SI GODE . Se U Sig. Cavi 
Settimani yprrà valersene ,' io volentieri gliela 
trasmetterò per suo uso • Con somnio piacere ho 
inteso il cpminciamcnto della stampa del Tomo 
X3CXH. La distrlbpziòne degli Articoli è ben 
pensata.. Ci vedo ommesso quello del tomo II. 
4el Thesaurus del P. Martene • Stimerei ben fà^* 
to il noa tralasciarlo \ e più tosto tralascia- 
re 



ifi L 't ì» T- E K ir D I '.. ., 

ire per questo Tomo \a. reiasione del librp iì 
Monsignor Sanfelici da me distesa . QiielP ari- 
tìca traduzione di Lucano , fatta da L. Car- 
dinale di Monticluellò , mi èra liota per al- 
trui relazidde , ma nòri itii era mai capitata 
^tto l'occhio. Ho caro che he abbiate fatto ac^ 

y quisto. Del traduttore 5 che non si nòmina tira i 
Cardinali addotti dal Ciacconid nella sua grande 
opera , ne da' suoi continuatori , oltre al Crescirà-^ 
beni ne' Commentari T. I. p. 354. e !p^/. IV.fi 
3t. ne parlano il Rossotti negli Scrittori del Piis- 

. inonte a e. 474 il Beugtìem nel lìhvolncunahéla Typo^ 
grdph. p. 9ji e Niccolò Antonid BihL Hìsp.Vct. Ti 
li p. 48. Vi ha una edizione idi Roma faétà nel 
1492. in 4. della tnedesima ahtica traduzione ri- 
ferita dal Beughém ; nel qUal anno pure fu im* 
pirejfea ìA Milano al •riferire del Crescimbeni i 
sicché ve né «àrebberà al;iieiio tre edizioni . Lt 
Vostra è taciuta . da tutti . Vi ha àlcùHa préfa-» 
iione, da. cui. si possa venire in chliarò dell' au-* 
tòtt^i e del tempo in cui egli fiorisse? nelle pri- 
me^ o nelle ultime stanale dice egli alcuna cosa . 
di se ì o indirizza l' opera sua ad alcuna peirso^ 
na ? Di lai io sono affatto all' oscuro . Abbraccia 
la Sig. Madre é le Sorelle. Addio di cuòre. 

487. Al medésime; a Venezia* 

Vienna i«. Novembre 1719. ^ 

HO intesò dalla vostra ultlnlamente ricevuta 
la partenza d^el Sig« Andrea» che Iddio fe-^ 

liciti 



A pf ^ t; q t q Z n ^ q. %% 
liciti i^él SVIO viaggio. Ho inteso parimente 1% 
spedizióne delle due casse coi libd» del cui ar< 
rivo sono impazientissimo* Hate bepissimo'a no% 
voler dar fuori nel Giornale la Di$set;taa(ione del 
Sig. BefhoulU cantra' il Sig; Fagnani i quando 
non sia purgata dalle espressìoQi oltraggiose , le 
quali "fifìalm^te niiUa servono al pùnto dibat- 
tuto . pubblicarla ^i tal guisa vqpn è di yai^tag-k 
gio né per il Giornale, ne per yoi» Il /Concet- 
to 'che fate del Catalogo de* volgarizzatori, è sta- 
to prpycnutp dal mio: Io gliene £éci T opposi- 
zione àiniclievole al compilatore s ma esjo ha sti- 
mato cpsi di far bene , e si è ostinato nella ^a 
opinione ^" 6'. asciutto, mancante, confuso, e da 
approfittarsene poco '. Ruò essere che raqtQceip® 
nfe' |iia<idi qualche copia , Voi però riféi^itè V ope-I 
t3Ì ^el Giornale in maniera, <iè egli non ab^» 
b^ ad offèndersene, e che il giudiciò saviq del 
Gioraalis» yj risalti all'occhia» L' ediajìoi^ie 4e-^. 
gU fcatpmiti del Gicaldi in S. mi è hqita , qHa(i7 
d9 sia quella di Montèregale. Quella di Lione» 
c^è voi ITU accennate , mi p nuova afi&tto '• Se 
PQteste averU per poco , prendetela , e riponete- 
la fra' ^liei libri nella stantii. Fra i lil^ridàyo^ 
cpmperati ve ne sono moliti di curiosi , e da m^ 
np^ mai vedati, né notati • {.a Notizia di es^ii 
mi e stat4 carissima. Qiii ho 'cpmpi;ati molti li-* 
bri , ma tutti o . Greci , o Latiai , o Fcaqceii • 
D' Italiani nqn se ne txova pur uno c;he sia de^ 
migliori • I giorni passati ho veduto il Cataloga 
Ms. della famosa libjcèria del fiaron di Hohen^ 
éoxff, mprto ultimamentp ip Fiaj&diat dpv^ pure 

è la 



.^i • L I i T- E R B D. ì 

è la medesima • Esso Catalogo è di tre betì giù-! 
«ti volumi in foglio . Non lio vedato a' miei giot« 
ni cosjsi più singolare. L'ho letto atcentamentdi 
j^et (romandd di S. M. ch^ Ha intetìzione di coni«^ 
pcraria ; e di aggiugnerla alla Cesarea i Se lo fa- 
rìi farà una cosa degna di uii tant0 Principe,' 
é né anco iiì questo? avrà chi lo eguagli . Ab- 
bonda di Mss:<, antichi e moderni curiosissimi ; 
di edi&ioni antiche i di libri rarissimi in ogni 
genere^ e jftridcipalmcrite Italiahi . Le legature 
soti quasi tutte in damaschind con oro. Ih som- 
nìst per ogni verso è singolare. Vengo ai vostri 
libri di nuovd acquisto. Quella leggenda antica 
ili verso di S. Giusto P-iladino trovasi notata fra 
i libri da the veduti nella libreria del Boldu .' 
1' Autore di essa mi è affatto Ignoto . La Vita 
disperata di; Eurialo d'Ascoli in ottava rima noti 
so se sia. differente drfle stariie di lui ; che si 
leggono fra quelle raccolte dal Dolce nel I. lU 
bro , ò dal Terminiò nel IL delle Stanze di di- 
versi ; Tra là opere dici Magagnò iti lingua Pa- 
dovana troVarisi alcun! coaipcfnimeriti del Petrar- 
ca trasformati nella medesima lingua ; Voi po- 
trete €olla2iotiare > se vi sieno inclusi (Quelli 4 
dh« avete' nel Vostro libricciuolo i Fra ' le ariti- 
ct^ «dizioni di Dante ponete anche le due se- 
, goeriti notate fielle mie mériiorie .' In fine di una 
leggeri a caratteri majuscoli .• ÈxpUcitLihrhsnr^ 
Hs imptissus d Magistré Federico Veronensi ♦ 
M.CCGG.LXXIL q%int^àecimo Kalendas Ahìu^ 
iti i^ É' in foglio («cclolo .' Nell'anno' seguente 
MCCCCLXXJIL fu tistampato ih {ogììàper An-^ 

ioniuffi 



À p ò % T o L ó Z % n òì 7^ , 
imi^ Zarmum Pifinmnsem . L^ mia. Opeta si 
reificherà due o tre altre volte nella settimani 
Ventura • E' indicibile V applauso cbe ha conse- 
guitò • Prestò ne avrete dieci esemplari ^ t|re per 
voi , e sette pei gli anuci i 'd npxjjq de* quali tro-^ 
veirete notato nella sopracdperta é Ve n' e per 
voi uh esemplare, iti Tedesco > e vi ho posto ani» 
che una còpia dell' Aténaide , che mi e riuscito 
di ritrovare per voi i sapeddò che nod l' avete i 
Salutate la SigT Madre i le Sorelle i, e tutti dt 
casa ; Vi abbraccio di cu^re i è iòno • • • » 

^ 48S* ^l iil* ^^* GÌHS€ffe Bini « s Mil4»e i 

^ , FiiìtM4 li* Navémire 1719* \ 

ESibitore della presente a V. S. lUma sari il 
^Sig* Giovanni Fiiipfàni mio concittadino 9. e 
Fratello del Sigi t^ierantonio ,; mio caro amico i 
e dimorante qui id. Vienna i a cui non ho' po^ 
tùtò ricusare un'e$cace raccomaadasioné p^ésA 
di lei a favore di dètttf Sig* suo fratelli ; che 
sta per trasferirsi in <otesta Città per l'affare m. 
lei ben noto del geìkral Perticato da farsi sòttOr 
la iaspeàsióne , e direzione del Sig. Marinoni # 
Io credd che il merito delSig^F^ieraòtòniò,' v«r- 
, satissihiò nelle cose matematiche sia ben not» 
à V. S. lUmai ed lo l[ assicura che ben degna 
di lui fratello e. il Sig. Giova^nni , neUa cui 
p^sbnà id le raccomando un altro me st^s^ ^ 
accertandola che quanto dia òp«:eti a favoir dd^ 
medesimo i obbligherà Iqi , m me <t<^9 wt mei; 

^ desi- 



fa ' t E T T < H 1^ ■ fl! I 

desimo tempo • Con egual libertà pregola valere 
^ delia tuia debolezzia in agni incóntro , e eoa', 
tutto r ossequio iqno ... 

489. -4/ A Pier Cdt^iw Zen0. a Fèncxi^y 

' / ' ^ 

f^enna aj. Novembre 1719. 

1 Libri mi sot^o stati tutti carissimi , e in par* 
ticòiàre*. V Anastasio cpsì bene ^tàm^to e le- 
gato . Uscito che sia il II. Tomo , proccurate- 
melo immediate da R^oma , e fategli fare una 
legatura compagna . Lo si^s^ farete del? altip ^ 
che si ristampa sotto la direzione dell' Ab. Vi- 
gnoli . Ho ietto attentamente ' da capo a piedi 
le annotaa^ioni che avete fatte alla Vita del Aio- 
ròsini, e mi soiio éstremàmenfee piaciute per 
ógni capo « Non ci hoHri trovato che ridire. Tut- 
te 'sono ben fondate , e benissimo stk^t\ Da 
cise ho apprese molte cose curiose , eh* io non 
ajipev4> e non dubito puntò. , che da tutti saran- 
no applaudite e kkiaté. Penso di n^andare a Voi 
fe memorie c;hé tierigo, pet far la Vita del Na- 
lii ; poiché qui non ho libri ', ne modo da ris- 
oontrarie, ne da arricchirle • La settimana ven- 
tura scriverò al P,BertoÌlo per ringraziarlo deli'^ 
estratto , e ve* Ile manderò la Novella lettera- 
ria» sì per il libro , sì per il medesimo estrat- 
to ; Sono assai più irtibiaràzzato per quel Ms,*del 
Sig. Alessandro Marcellp.. Seguane che può, io 
ifli dirò con libertà e sincerità, il mio patere ; 
cioè Jhé 4on dia alle stainpe qjuellei sue bazze- 
cole.- 



A P Q $ T O. E O Z S H O « ti 

Cok,. Dello stesso parere * è 1 Sig. Parlati , al 
qu^e le ho latte vedere • Cèrtamente mi rin- 
cresce, che non abbiate fetta memoria di quel 
«ometto di Lodovico di Monticellò^ ed in qual 
jlibro ei si trovi . Con e^o si confuterebbe in 
qualche modo. 1! opiiyone di chi lo fa GatxlQfiL-' 
ije 9 e si. yei;rqbbc fope in cognizicoxe del tempo 
in cui. vi^se . Iprse unNaltra yoUa vi. verjrà sot- 
to r.ocichio. Circa-, il nuovo libra del Sjgn Mar^ 
cliese\^a£ki scriverò aj ipedesimos perchè nne la 
f jiccia. ay^c per qualche strada, più probità 5 mci^ 
tre voi per adesso non avete modo, di spedirme- 
li . hjji prcine per altro di averU piìi pr^^o ch^ 
4ia pofsibil^, vojendo servirlo^ per U distribuzio- 
ne di essi; e se a voi capita congiuntat:a straor-r 
dinaria , mi. farete favore a valeryène . Mi ha 
fetto ridere U Novella del grai?^ lib^rcglp d§l 
Danielli, il, quale ha la glocìa di essere statò i| 
primo adattacele si bravamente , comesa]2.ete, i|/ 
QiQCniile, Manderq la m<5daglia dei Varghi, con, 
patto, però di restituzione , npn volendo Ì9 di^ 
mipuire la serie d$U^. medaglie iterane che ten- 
go j agzi vorrei accresceva j e s,e voi ne trova* 
ste mai alcuna, non risparmiate danaro per aQ«, 
quistarnie]a , massimamente quando sia . di conio ,, 
C ben conservata • £. per^ i^ne ahbrac^iai\dqyi ^ 
lesto > e xg^: c^ico • • « • ^ 



I 



r 



tZ L È t T ^ K £ 6 I 

49Ó. u^l Sii. Mkrco Bédoàràé à ^tmxSà é 

IO posso dire, che è liata , cresciuta , è iii-» 
vecchiata cóft me la mia divozione , e ( mi 
pentietta 11 dirlo ) aihicizìa verso di V. E. sen- 
za che inai possa riit^róVefarmi il mio core di- 
averle datò aleuti isegnó di muitfUó mancameli* 
te. L'ho coltivata con tutta J^eligiosltà j e per 
genici e per debito; essendo stato da lei idran- 
te ocirónrenie favorito e onorato . Là méniorià 
dei favori, che TE; V* mi ha cómpiirtiti , è sì 
fermamente impressa tìeiP inimo mìo , che nóii 
può essere cancellata da qiiAlutìque sinistrò acci- 
dente, odaqual^i^ia altrui contralria reiatióncé 
E benché nell' affare del passato carnovale j di 
cui non Vo* più sovvenirmi i mi sia statò rappre- 
sentato aver lei operate diversamehte dà quello, 
che pifesentenièhté mi scrive 5 10 Vogiid credere 
più tosto alle sue cortesi c^spressionl , che all' 
altrui ptùvé • Il thfe fo tanto più voìotitieìri , 
quanto cf^e mi sarebbe e troppo difficile e tròp- 
po amaro ^ dover pei^^are una éosa tanto lonta- 
na dai suo òostmne $ e tanto poco da mfc meri- 
tata* Le dichiaro inoltre, che Sé anche taliX)sa 
fosse stÀa. vera ^ e che io avessi potuto /èsserne 
persuaso; tutto questo però nulla in m|é avrebbe 
potuto diminuire di quell* antico e sìncero osse- 
quio , che le professo . Sono e sarò sempre lo 
stesso p che- sono stato , cioè a dire • . • • 

49i« 



A p 9 « T p L Q Z 1 ur o , 9| 

Viemm j^ Dicemkrt 1719* 

MI è stata di rkcrescimento la ntaova Ads 
la iptocte del $ìg« Abate IkMnetiicd de Aà-i 
gelis^rniQ amico da molti aaiti. Saria beae di]> 
i|e qualche CQsa ne^ Giornale ^ oveca4era.il tosa** 
po della su^, morte • Potete scriverne ini Napoli 
air Egitto , ^^er^ suo antico ^ « a 041 aoasarji, 
difficile ti farsi v^ce le notiqcie ttecessacie da, 
Lecce « Sa vani Tomi 4el QixMmaie si è ragiona-^ 
to 4i lui 9 ^ dell' opere sue . Noa sia^ stati d^ 
accorda iiitorfio alla patria 4i Snnio: nel qual 
punto ^èr verkà il torto è dal canto suo • L^ 
amoc deUa patria ^ q1. desiderio di esaltarla £1 
$pes9o dir 4eUe ^o^> clie $en;s^ t^^nstb tioit %\ 
direbboQo, massimatomite ila fe^dn^ «ofiisate ^ 
Le inondazioQi seguita va, varie parti d' Italia^^ 
massioìamente nel Veronese, «sono ^ate scritte di 
costi geheraliQentè, i^fi soa trovati ffla^ori di 
quello dbi^ €i temeva, i danni infeitid. Sentirla 
peste .a^ai vicina alli^ iiostra Dalmazia « Elia si 
fa sentire ìs^ Croazia e in Valacha, e in altre 
parti di questo^ Cesareo dominio, Li^ Polonia i^oi]^ 
ne va Gs^^x^ . Piaccia a Dio , che un «ì grat^ 
flagello noi^ si approssimi a noi di' vantaggio • 
Per le due ultime edizioni di Dante , quella di 
Federigo V^^resuese nd 1472. non^ha espre^o i| 
ioogo; ma, sarà stata ptvibatriltTiente in Venezia^ 
dove etam}^ altri; ops^ il medesimo : ma non 4 

Fi può 



f4 Lk¥T|R£]>I 

può asserìdà^^an franchezza» mentre ìnque'prì* 
mi tewfi della $tanq>a gli artefici non istayapo 
sempre fermi in un luogo. L'altra fatta. da An- 
tonio ^arotto Parmigiano nel 1473. e sicuramen- 
te in Milano. A proposito di antiche edizioni , 
te mai ne vedeste alcuna btu avanti il i^6Ì» 
Vi prego di rendermene avvisato • Qjielle che 
mi son note sino a quel tempo, sono le se^ 
goenti. 

Ps4lmarum CoJUx • Afogunt* 1 45 7. fel. 
Dnrandi Rationale . Mogunt. 1 45 9. foL 
Canstitut. CkfHint.F'. M0gHnt. jj^6o. fol. 
iìionr PnelUrum . VènH^ 14^1* 4*^«f^ 

NÌ€ol. Jens9n. La 
data è falsa, do- 
N irendQ stare 1471* 

Miklia Latina . Mogimu 1 46 2 . foL t. I|r 

Pt^letnaei Ccsmogrof. Bonon. 1462. fol. 
Bihlia Latina • Parii , 1 464. foL 

Ciaronij Officia . Mogunt^ 1 4^ 5 • fol^ 
LoElantius • Sub taci • 1465. foL 

Ciceronis Officia « Mogunt. 1 466. fol. 
Bilfiia Latina. Aug.Find.i^6é*{6ì^ 

S* Aug. di Civ. Dei • JRomae • 1 4^ 7* foL 
C/V. ii4 FamiL Ramae • 1 467. fol. 

fr/wr. Fiorii de jlm* Trenti . 146 7. 4. 
^f . 7*i&»i». jiq. Sec. Sic. Mogunt f ì 46 7. foL 

Dissi di sopra che il Decer PueUarum fu impresa 
so da Niccolò Jenson nel 1471. e non come 
^a peir ìmpreiso nel i^6u Oltre molte ragìpni» 

cbCv 



che mi vi persuadono, io aveva, e debbo aVé 
re o tra i miscellanei in quarta, o tra i libri 
sciolti, ajlcuni fogli 'mancanti del principio di 
un libro spiritijale ; In fine del quale . sta nota^ 
to il detto anno M.CCCC.LXXL similissimo in 
tutto di carta, impressione i e carattere al De-k 
cor PueUarum . Pregovi di far diligenza con vo- 
stro comodo di rinvenire i detti fogli, è altri 
elle vi fossero annessi di altro opuscolo altre^ 
spirituale , dove non vi ìsi legge alcuna data di 
stampa . Avvertite , che tutti sono in lingua vóK 
gare; tuttoché giusta l'usò di allora portino il 
titolo Latino. Il mdtivo per cui debbo servire 
mene , si e per fare alcune Dissertazioni di giun^ 
te e correzioni sopra il libro ultimamente usci« 
to in Olanda col titolo di Ahnsleé TypographU 
vi ; assai curiosò , di Michele Maittai^e : di. cui 
non vi sarebbe inutile il provvedervi. Costi ne 
avelia il Coleti. Le dette Dissertazioni inserirò 
un giórno héL Giornale, e saranno assai gu$to« 
se per chi si diletta di simili antichità per F 
istoria della stampa •' Fra' miei libri , che tengo 
in Venezia, ne tengo moltissimi^ non accennj^* 
ti dal Maittairef: pure con V ajutò delle mie mo> , 
mori^ ,. che 60 qui ; ne ho pdiiri in registro fi* 
tkoti sino a dugento,^ fra i quali ve ne soìiodi 
eurìòsissimi , non nominati ih alcun catalogo « 
La notizia di q^ei trio opuscoktti dativi daU^ 
Hertz mi è stata per questa cagiòiìe a^ai gra- 
ta. Ne' miei libri debbo anch'io avere uh Mo» 
désto Ut re militari A antichissima edizioae ^ 
ina non $0^ se sia Io stesso £he il v^tró^ S^ 

F 3 ^ Ìuti# 



St JLiET7£mB»I 

UUàU la Sif. Mjidft, le Socelle, e gli amici. 

Addio di cuore. 

PUmbh i^ Dicewfhre 17X9. 

QOalottqua sia Tepera» die ai stauq» aFer» 
^rata^ degli Scrittoci Fiorentioi , £ite che 
subito io r abbia • Non può essere , che 
quella dd già Medico CiiieUi* Apcora esce \m 
oampo quel matto del Pseudogiornaliita ForUve- 
ie? non l egli stanco di iFarsi be&re da tutti > 
Lodo PedixiMe di tutte 1' opere del Trissino -. 
Ma si farà ella eoo gli omicroHy e togli omei* 
ga, e con la solita ortografia di quel grand' uo- 
mo? O li lasci) o si ponga, vi sarà molto che 
dire • Fra i Imiei Mss« ve ne sono alcuni àa. rac* 
colte di rime di diversi autori del seccào XVL 
e fra tut non pochi componimenti del Trissino • 
Saria beo fatto il fune il riscontro , se ve ne 
iieno d'inediti* Oltre le cose volgari in verso 
#d in prosa, «on so se sappiano esservi di lui 
ont GramaticaLi&tina stampata in ottavo. Io la 
vidi una volta sul banchetto del Paoli • Rico- 
piai il titolo e T edizione ^ e feci la bestialitldi 
non impiegare pochi quattrini a comprarla. Tor« 
Mi a tale effetto, ma la ritrovai già venduta « 
Di quanti parlano del Trisisino , non "so se al^ 
euno faccia mensione di questa sua Gramatica. 
Anni sono, xhfìo diedi fuori nel L Voi. della 
Galleria la Vita di osso : ma se ora V avessi k 

seri- 



ApQiToto ZiMo; t7 
scrivere 9 la rìfomierei tutta d^ capo a piedi : 
onde $c io ac fo ora sì poco conto , avvertite 
ai^cUe i Sigg- yolpi a non hx sopra essa alcun 
feiidameAto • Le scritture uscite a favore e con- 
tra la sua opinione per le lettere aggiunte all' 
nUabeto Itaiianp , si dovrebbono tutte inserire 
sieir edizione suddetta > essendo rarissime » e assai 
curiQse. Nelle Lettere Mss« di ci^a Gualdo, che 
;^vete nella Libreria del Gmvento> ve ne sono 
alcune del Trissino, per quanto ora cosi in due 
piedi ise iie sovviene * Nel, Vocabolario di Fa- 
bricio. da Luna alla vcic^ Sruffs^ credo che vi 
sia allegato un sonetto del Trissino. Voi lo po- 
trete vedere ne* miei libri di lingua « Può essere 
però ch'io m'inganni» O quanto più volentieri 
jittenderei a sì fatti miei primi studj, che a quo» 
$tt bazzecole Drammatiche ! ma bisogna avec 
^pazienza» e accomodarsi al tempo e albisog^no, 
sinché a Pio piaccia • Vi abbraccio di cuore > 
^ sono • • « t 

493* ^l, Sig. jindrM CèriMto . 4 DnsJU • 

ffUnnd 2%. Dic^^nkre I7Z9. 

MI ha sensibilmente travagliato, e per suo 
e per vòstro^ ^iguaixlQ, ravviso della ma« 
laUia sopravvenuta all'Eccmo' Foscari s^ e non 
dubito, punto , che la vostra compagnia ed assi'^ 
sDenza ipon gU sia^ stata di un gra^e ajoto e 
sollievo 1^ Qliest^ voha yoi avete seo^, oberato e 
<a buon medico 3^ e da bupn amico • Applaude^ 

Fa al 



Sf Lettere d' i 

al eoQsiglio preso da Vdi di non abhihdoÀvlò i 
se in migliore Stato noti 1<) Vedete e lasciate^ 
Riveritelo divotamente da patte mia, e ditè^ 
gli i eh' io pure sto con ansietà di sentirlo per^ 
fattamente guarito: U non poter lui seguire là 
Mi S; per Varsavia gli dirà certo afflizione.* ma 
reseguire a nostro talento i disegni non .e iti 
4Qostra potestà, e conviene umiliarsi allo supré« 
me Divine disposizioni • Io non mancherò di fà^ 
re quanto mi comandate j .con queliti Eccmi Am-> 
baiciatori, Grimani e Friuli; e a buon conto Id 
farò con quest' ultimo ; appresso il quale vo ai' 
pranzo questa mattina: né mi scorderò di par^* 
lare a lóro £cc;2e di voi ; di cui continuamente 
mi dimandàh novelle. Poiché andate alla Fiera 
di^ Lipsia j dóve vi desidero betie e fortuha; far 
te diligenza di ritrovare due eseinplari , . uno de' 
quali ha da servire per il Padre nostro fratello ; 
delle Letttre Itdiààt k Francesi del Cardinal 
Santacroce ; ultimamente stampate in. Olanda ; 
e due altri del PastorFido, ultimamente ristane 
pato in Londra con le annotslzioni di Paelante- 
nio Rollìi e illustrato , credo io , <on figure ; 
Vedete altresì i se a caso trovaste il terzo, el 
quarto tomo, stampati ih Oxford già pochi anni 
ìa 8. del libro intitolato Geogràphiae Vetèris Scri^ 
ft&resGraeci minotes ^ per opera di Gio. Hudson^ 
come ancora il secondo ; terzo ^ e quarto tomo in 
foglio dell' Opera intitolata ScHpcores Rerum FtéM^ 
cicarum, impressa in Parigi j e raccolta da An- 
drea Duchesne • Il primo , e 1 quinto tomo SO'^ 
no tra' miei libri in Venesrìa ; Desidererei anche r 

ebf 



A p d i; T b t ò Z-B N«é« Sf 
tbé^ficèkcaste*, e trovaste un librìcèiuola stanU 
pató iii luzoUtdA 1604. 4* ovvero in O^^eojK 
ghéh; Lat. Hé^niéM in S. ovvero 0^J4/Ì4r > noti 
so se in f. o in 8. ton questo titolo : Juvenci 
Coelii Celimi BédmMéU de Attiléu Fhdz il qua^ 
le mi t>reme mc^tò di avete. Se avessi i cata« 
loghi di que' libri ; e principalmente <]udli del; 
Frìtscb^; ne sceglierei qualche nuxiera di mioi^ 
tuo. Oliando siete in qtiéUa città > parlate di me 
al dettò Sig. Fritsch » e ditegli , che desidero di 
carteggiare coii loii essendomi noto per le^ su^ 
buone qualità; Ma i tempo; che finisca 4 ìiSig. 
Ippolito vi saluta i ed io tòno di cuore ^ comtf 
por . di cóore vi sto aspettando • • . • 

Degli Atti degli Eruditi di Lipsia comptatè^ 
mi legati in Rustico > cioè non punto tóndati.» 
io^ con semplice coperta di citta a onde ; gli 
anni 1684. i685f i68é« z687« 1(88* léif^ 
téf^ i<>i. 17x8. lyif* 

494. jli medesima, à ZfriJidai 

Qui si è Cominciato u nuovo anno coti 
^pessiiiyi auspicj ^ e cori universale dispiaci- 
mento. Lunedì mattina alle ore 7; 1' Augustis* 
sima Imperatrice Madre è stata A>rp'resa da un 
accidente apopletico ^ in teiiipoy che sola orava 
nella sua Cappella domestica; dove, dopo cssei^ 
ai fatta aspettare gran tempo dal/ tuo Padre spi* 
rituale g fu i:itrevata dtste^ boccone a ienra\dal^ 



f% . 1 £ X T i n $ D i; 

k Dama , fba in quel gìcMmo U tQ^uv» li 

aratiiQaAti^ <( V avella > cba dia oca b^ mai 
WAiperata d' aUoca . | medici > e tutti geii^ral- 
nMS|te la daoao par noorta» 9 solo per evideoto 
iQtrafolo di Ilio piìà. riinetfóm * La città ti' à 
perciò iiiopnscJtabUe^ mas^imauxei^t^ la povertà , 
«dia qualci infinite psci£(ne viv^vaiio delle car 
Bla» àìt m^ all^ nsadesime cqtnps^iva. Nulla 
tt dico ddUL' Angustissima. Padrosuuxza » la quale 
se è «nooqsalahile: nulla p^re vi dico» 4% xm ^ 
%k^ itie sento il do|ofD nell'anima per molti rv* 
«oacdi ^ S&accia a Dio ^gnpre di rlguardvoa 
con la sua infinita ckmei^^ e d^ renderci con- 
dolati » col conservarne una tanta Principessa , 
qht i lo sp£»:cbia dslla v£ra pielià rali^iofie « 
Sempre pia' nti rallogco ddla, i^cupecata salute di 
Sv £. Tó^m j< il quale vi pr^go di rivmr^ a 
mio nome • La camera presa j^t voi ^ ancbe, di 
tutto mip comodo , oi\de doppiamente tie sono 
contentissiniQii ^ la lu aspetto a tjkuccia ,^ e^ cuore 
aperto. Non vi dia fastidio > quanto costì si di-^ 
scorze $apt^ le cUffefe^ae a voi note . $e vi fos-* 
se stato qualche pericolo , npn avrei mancato di 
dounrene avviso « Qra vi dica.) che i torbid(^ si 
sono rassecenati in gcan pa^t^ -, e ve ne do per 
con^Hissegfio la, licen:^ cionoeduta dal <>^^^ Pub- 
Uica a & £• Croccuralor erlinani di ri^atrlare: 
il di0 prima eragli sftato^ magato per le dUScol- 
ti sopra^uenate • U Sig. j^pollta vi saluta cara- 
iimt»» f a^ft fier. ma |a stosso al Sig.^ Avanzo } 
per fina abiMcacddndovi «està • . • • 

495- 



■< ■ ■ 

VI xet^ grazie degli ^vveirrtme^ti > ^^ n^ 
date Ì0lQf«o al P-apirip . Molte delle qq* 
se, che non vi approvata» io T avea prevedute :. 
ma espressaniante ho volato farle : ^ e^cQue l^ 
ragicmi. Non ho dato il nome di Fabia allaé*; 
gliuola di Marco Fabio ^ poiché pur tr<^pQ 1^ 
ripetizione del nome di Fabio Ael padr^ e ndt 
figliuolo età disgustosa all' oreccbio Isella musi- 
ca: il qua} disgusto si sarebbe accresciuto t ^e 
vi aggìugneva anche quejlo di Fabia* Ho presq 
U nome di Rutilia non afl^tto straniero "t^lh 
gente Fabia ^ stante il cogncund di in^Uén^. ct^^i 
aveva il friatello per le cagioni > che voi sapete •> 
Ho caricata poi V Opera di lentimenti , poidhQ 
questi sono ciò che più piace alla Cort§ ^ f 
massimamente al Padrone } e àXk quando ^ra ia 
Venezia» e che fulativerire cotesto Ambasciatore 
Cesareo, egli me ne diede V avvertimento ^ ast 
sicurandomi esser ^questo il piacere della M* S, 
la quale benignamente mi as^icuìrò , che niuaa 
delle mie Opete eragli piaciuta pia di questa 9 
solo per tal ragione. La cosa del trionfo Ȏ degli 
auspicj è verissima ì> e se oss^verete la trovaret<t 
rinfacciata dal Dittatore aQ;F. il quale come in 
tutta quell'impresa si esportò con troppo imt>etq 
giovasse ^ cosi anche si figure che )a sua vit- 
toria gli |»t6Ml0 dare questo privil^io conira l' 

uso 



< 



i± L fi T t < « t li i. 

uso e le leggi» e di fatto egli arse le spoglie 
e i trofei militari ottenuti nella vittòria , accicfc- 
chè' di ^ssi non si valesse il Dittatore nel tri- 
onfo 5 come dice Livio • Id una Tragedia si pos« 
sono osservar religiosamente sì fatte regole, an-^ 
ti sì debboiio. In un Dramma bisogna darqual<- 
che Còsa air abuso del secolo, iila decoraziodle , 
ed alla Musica . Io lo veggo verificare tuttcr, 
giorno per isperienza , e nel Papirio principale 
mente, che riusci a maraviglia i Per la mozio« 
ne degH affìtti v*ha quanto basta; massimamenu 
te per litìa Corte ^ dove il patecicd nort hamoK 
ta i^Oga: il che sarà cagióne che spesso mi al-* 
lontanerò da certe maniere' , che io per lo pas- 
sato ^ stando in Italia j mi ei^a prescritte • Del 
resto sono del vostro paerere ,; che P Ifigenia sia 
Ihi^iore del Papirio : ma pure qui è piaciuto^ 
questo molto più, che T altra.' Ma di ciò abba* 
stanfa, coilfessandd solo di nuovo , che le vo- 
stre opposiziodi iono. giuste e fagtonevoH, ephe 
le mie difese sono più apparenti,- che_sòde, 

Dell'Istoria della Biblioteca Fabriciaxta sond 
usiiiti il secondo , ed il terzo totno , e hth che 
gii abbiate , siccome io pure? li tengo. Nel se-^ 
cdido di essi si fa un articolo sopra il Vossia 
degli Storici Greci e Latini ,' e vi ri pongono in 
ristretto tutte le censure ch'io ne ho fatte nel 
Giornale , senza confutarne al<^una , mentre tut- 
te si approvano . Egli è però vero , che jtu si 
fa dire più cose; eh* io non itti sono mai sognai 
tej e ciò per non avere il buon Tedesco capi- 
to ben r Italiano i Nel terao tomd é. cits^ ai** 
' tresì--- 



trest spesso il Gìomak, ed espresswieat^ yi 4 
parla di me con lode : ti che pure ha fatto Qio. 
Albei:to Fabrìdp nel tomp IX* della Biblioteca 
Greca ultimaniente $taihpatai eh* io )ìonhoma|ì« 
oitq di prendéines ^vendò gli altri costi ^ ^e£c^r* 
se un gÌ0i?iQ farò venire» quaodp ini septa k^ 
risoluto a fermarini ili qQe^te pairti i dovq ffi/c 
altro ogni giò^o più nù^ $eqto mepc^ acpomodacr 
si raninio a starvi* 

In pi;QposiCQ del trionfo ricercate; ^a CU Fabio» 
benché iK>n gli competesse, ve ne ha uq esem- 
pio consimile in P»ScipÌQpej che pQÌ fu cogno- 
minato Africanq. Egli es^et^dq nella Spagna ^ine 
ifUf m4iisttéUH y cqmiQ disse Valerio Massimo » ^ 
né caccio i Cartaginése e fe^$ cose diiniisimds 
trinmpho : onde Livio al libro XXVIII; di ciò. 
parlando, lascio scritto : Obhéu res gestds ^ MA- 
GIS TENTATA EST TRIUMPm SPES, vm 
fcfita pertinaciter \ quid ^eminem dd cdm diem 
ttiiìff^tk^si y qui sin^ mdiistr*ttu res gessisset , 
constéAdt . Il giovine Fabio fo che anch* egli ten^ 
td U trionfò, e'i dimanda al penata coii Matte- 
rà ^ Non vi $i Qstijia , ^ abbi^ucia i trofei ' per ^ 
invidiasse nqn f^ vero T attentato» nulla però 
vi ba d^»inverisimile , massimamente considerato 
il cafattere di lui giovanile ; di ci^i poscia si 
ravvide io njaniera , che divenne col tcmporeg» 
giare ij salvatore di" Rpma , e ne ottenne il so- 
prannome di Massimo • Notate anche. , che L. 
Lenitilo ottenne dal fenato la Qvawnf per le 
cose di Spagna , tuttoché non fosse ntqne 2>/« 
^AtoTy ncque Conml^ nfmiPrm^r* Uv. XXXI. 

Dipoi 



Bip^ la, <o0i5a andò M disilo ^ e siidforfe anc&e 
H tmhfó Sl chi Hcm a>^ea ancora ottenuto alcun 
Am§istl:a«ft , e ^oa ^rair p\ir Senatore^ • Cosi duft 
volte trionfò Pompeo allora semplice CataUei: 
Rtimaaftb, runa ^eU' Afrièa , V altra della Spa« 
IHà: Mndtm "nttltim imWùnm ^iiapwMmi trinine 
phki/lt*^ Mix^VIII. Ctò che fa cont:e4uto dàt^iy 
io fb notamente dimandate a Q^ Fabio senza ot- 
tenerlo. Ho aggiunto opesta coie per cìempiero 
il lòglio . QiÀ éai ftimo gioritei del nuovo an* 
aO) sino ad oggi) tutta la Corte é in triste^-- 
za> 1^ la eadt^ apdpletica ddir f inperatrice Ma^ 
écti Sóf^uwaiiutale alle 7. ott dei tnattino del 
primo giorni . Sta m i^a coatinna agonia » 
j^èttfe^avet pia feriate . Iddio AC; c<Miservi tatti $ 
Amatfi^i> e MìA9 $ ^ ^ r 

{S|9«, ^ Sii;. Jlf^tMi, CétHÉra^ u Dresda^ 

f^^nm 14. Cfenni^u lyio» 

DKjt ^Mt intere #d capitalo in unnibde- 
Simo punto ; 1^ una àn data di Lipsia 17* 
6astxa^> rdtera di Dresda 19^ detto* Coprimi®** 
ransmite ma rallegro ^ra tutto delia vostra per- 
^a «Unte^ e feUoe Htómo co$ti: eque^amia 
eonieni«9:fca «trtbbe ancora più grande , . se le 
vostre o^se fo$^ero andato alla Fiera di iniglior 
pa$2>& di <^llo che sono andat^. L'aver coma*^ 
nfe wm tutti gli altri la sinistra sorte , oon è 
fifie$$o iA« mitici il mio dispiacere ^ ma pare 
bìeajna «LpcromiMtiMi ^ì% con^^mtura de^ ten^ ^ 

Air 



ApOStoLO Z t u q: ^^ 
All'Eect&o Foscarì^ the riverirete a mio nome,* 
e del Cui totale migilarainento hd sommo pia^ 
cere ^ già ri^po^ la settimana passata ; e da es« 
sa lettera ) neh m64d che da altre patti avrete 
ifittsa la grave p^Mita ^ che abbiam fatta dellat 
Itupeiattice Madre, «laiicata cdd universale dia-» 
piacimento • Ttttea la Corte ffe ^rta xlegii abi^ 
ti di ttétó il cotuccfo ^ il 4|ualè dorarà pet un 
anno intéro ì sicché voi vénendé rosti dovete 
pu»s atidar te^itb di nem con abito semplice ^ 
e sant'alito gua^nimento 5 o riiiàmoi i^n merla 
nei manichetti^ o crovata : noti boxdo 6 altra 
ael capello : ^iti una paiola tutto sem^piice e 
schietto di panilo ^ coA fodra di seta ^ e bòtto^ 
ai ^\ift di seta i Noti é neeessai^io» che. sia ve^ 
stito di nero il servitore ; [loicbé Ìl luto non è 
di ultima strettezza » e non lo fanno né i Mii* 
nistri^ ne quelli, che sono al servigio di S«M. 
C. C Risparmiate pertanto di fare l'altro abito 
ricco, che mi accennate* Sa Iddio j, el mio cuo- 
re 3 se hd tutta V ìmpaìeienza di abbracciarvi > 
ma se la dilaziorie può essere di vantaggio ai 
vostri interessi 5 é beìie die vi fermiate per tut- 
to qiiel tefì^4 ehe visembtaspediente» aDres^ 
da* Non vi dia alcun fastidio » &è scrupolo li 
ttàttetii^iri fuori d* Italia più di qudlo ^ che vi 
poteste efsse^è statò ^rme^so . Si sa bene ^ càr 
simlir viaggi noti pOs^o«ió essete misurati :^ sbc^ 
tilmeiite» che il ttdsgreditne di un itnsse Tintei» 
vallo abbia ad essere ttn fallo e un deliito » 
l^lte Se dall' Bcc&o tiOi^ò Ambia^sciatorfe me ne 
satà f4ttó iMpm ^ hóki «laficher^ 4x Ibrvene nt* 

bito 



bito avviso. Intanto state con animo rìpo$^0^^ 
e tranquillo • (^i per un anno intéro saranno 
chiusi i teatri ; e 1 Dramma dal $ig. Pariatl q 
-ila me ultimamente comfsios^o e finito , non si 
^(^erà alla più breve, che ^ carnovale ven- 
fur^. Avete fatto btnissimo a spedire per via 
, di Aùgùl^ta al P. nostro fratello i libri ,. che a^ 
yete furesi per lui « Io ve ne far^ il ^al4o alla 
i^ostra veduta; le; gli avete avuti a byuc^ pf^^i^^ 
20. I cataloghi mi saranno cari ; e l'altro dbye. 
Itii acceiìnat^ anelasi cqstì facendo , vorrei averla 
avanti la Vostra partenza > poiché essendo cosa 
èuona , se ne potrebbe far; n^glio il contratto « 
Volendo v0r andare alla visita di S. M. basta 
avere una perrucca ing^ròppa^a» qc^e le mie fat<^ 
tttìii da Vqi tarici ìXk Vme^i • Le luqglie non 
fono qui in us^ . Vi abI:iraccio » e spixp « * , • 

497* -4/ Siz* Con fé di Savall^i^ 4 J^Untj^fi. 

Fienttf «. FiUmh i7Ji0, 

NEI. puftto m^desìmo^ , ch.e V E. V> mi Éa V 
onore di chiedermi la mi» opinione intor* 
Ho al. tempo preciso della dui:azione del I^tK^ 
&omano , ella ne, scioglie il, dubbio proposto cga 
tale maturità di. giudicio , che ip, no^, pps$<\c4c 
sottoscrivermi al suo savio parere. -, <^. sokunet^e 
restami di prpdiirre sppr^ di ciò a tttplo di uIk 
bidienza qualche mia pai}icolare osservazione ^ 
Dico pertanto che. il Lustra tra^ i siioi di^jersi 
signift^ati ha quello, di ui\<erto spazio di tempo » 

che 



^t ^etìza alcuna esitanza sì dee riducre a cin- 
que anni interi compiuti . Non sortì però que- 
sta voce un tale significato , $e non metafori- 
camente, è in pregressa di tempo .. Imperocché 
Servio Tullio, sesto re de' Romani, fu il pri^ 
tno che instituisse il censo^ y cioè T allibramento 
e numerazione del popolo , col registro deL va- 
lor delle rendite e facoltà dì ciascuno : e a t2(l 
£ne ordinò che tutti i cittadini, che dentro , o 
liior di Roina. abitassero > dessero in nota con 
^iurametxtò i loro beni ed entrate, e insieme il 
i^umf^rò è il nome di tutta k: loro femiglia , e^ 
indicassero il luogo della loro abitazione , riiì- 
©acciando il fisco e le verghe a chiupque' noa 
iiytszt puntualmente ubbidito • Finita questa de- 
scrizione , cpniandò^ che tutti nel^ campo Marzio 
si i^gunassero' , e fatti quivi intorno intomo 
condurre suem^ovem, & taurumy donde poita« 
li sacrificj' furono detti suavcfdHrilia , lustrò , a 
$ia, purgò con la uccisione di quegli animali V 
esercito e'I popolo, e terminò in tal manieira il 
suddetto censo, & lustrum condidit , pec, valerr^ 
mi della formula antica Latina / Ibi ikstruElum 
excrcitum omnem , dice Livio (^lik 1.44. ^j«<^ 
v€ta$^rUibui lustravi^ ) idqut conditnm lustrum 
é^pellatum , quiik is censendo finis fa^s est .v e 
perchè poi invalse il costume, che questo censo 
si &cesse di cinque in cinque anni; anche que- 
sto spazia di- tempo Lustra fii detto 4 lustrando ^ 
benché altri^ lo derivitio s luenda , perchè neliS 
«tessa occasione dovevana i gabellieri pagarèi 
f luere ) a^ pubUico. i loro appalti e gabelle. 
T^^mo IIL G ! IL 



9Ì . I» i T T JS JL E DI 

Il diritto dì fare il censo, e fornire il lustrò 
fa primieramente neir autorità del Re , 4^ cui 
passò ì quella del t!ònsole , e talvolta ancora 
a quella del l3ittatòfe : ma la mòltiplicità degli 
affafi non lasciando mòdo a .questi primi magi- 
strati della Repubblica di potere attendere agia,- 
taiUente a cosa sì utile > è sì necessaria i Y m^ 
no di Roma 510. fu prósà risoluzione di eleg- 
gere e deputare a ciò due Senatòri } i quali dall' 
obbligo; che. avevano di fai'é il c^ìisoì furqtiòde- 
nomittati C^^/<?rz ) e perchè il censo ed il lustro 
norl potei farsi , che in capo ad ogni qHinqneru 
nio^ fu determinato che la loro dignità cinqu* 
anni appùAto durasse , e che nell* ultimò anno 
dèi loro magistrato lusrrum condirCnt i Di che 
Ascònio Pediàho (' In Cic. p. zip. ). ce riè fa 
fede: Regendis vioYlbus civitatis Consorti quin- 
ta j:iyoQiJE ANNO creari solebant . • . liAerh' fóm^ 
pleto QUINQUENNIO, urhem Instr^hAnt • Ma di là 
a npv« anni Mamerco Emilio Dittatore rappre-» 
sentando al popolo non esselr. bene , che in un^ 
governo , ove gli altri magistrati erano annui , 
la sola censura fosse quin(iutnndh , portò una 
legge che i nuovi Censori v\ ogili tininqùunniff 
fossero bensì eletti ^ ma che la censura non più 
che diciottó mesi durasse . Ora io lasciatìdo que- 
ste ed altre cose da parte , dirò francamente che 
se bcjtie la dignità del Censore fu limitata t più 
breve tempo di prima j il censo ed il lustro si 
osservarono religiosamente in 4ne d* ogni 5»/;?- 
quennio ; e che a minoif numero d' anni lìon dee 
in veran modo applicarsi il lignificato di que- 
sta 



A . P O; S . T 1* O Z E N Ó ^ JJ9 

Sta voce lustro , qualunque voltai ella? si trovi 
Usata dagli scritto^; laonde insegna saviamente 
il Turnebé ( Adv€rS4r.'yii'^ zu ) che censo lu-^ 
strale è ìd stesso, clje qiiingn:enndU ^j detto qosx 
a differenza dall* equestre , dal senatorio,, e da 
quello che si facCTa nelle prò viride dell' Jmpe-» 
rio Romano ; Sceglierò alcuni esempli tra mol- 
ti^ <:he in prpv^ potrei addurre. 

Varrone , il dottissimo fra i itomani ^ inerita 
il primo Wgo; LustrÙm^; die' egli ( de (.Lvd 
2. ) nomMMtum tempus quinquennaie alnenàol 
hoc est Solvendo : quoà ojjinto anno ve^igatia> 
& trihiit4 per ciìtsores persohcbantur ; Ne Festo 
( de verb\ signif. ) diversamente ne giudica : lu- 
ìtrum , CHfl'i eJHsdem vofaluli prima syltnha pro^ 
dncùnr li significat nunc tefhpy^s QìjinQjt^nnale ^ 
fìunc populi Instrationem '. Qyindi e , che presso 
gli antichi scrittori bene spesso si uniscono que- 
sti due termini quinquenhio e lustro j conie una» 
tosa iTiedesima. Nerone (Tacit.AnnaL xiy. zo.) 
inst.ituì i giuochi qyiNQtJENJiALi , essendo lui 
Console per la quarta volta insieme con Come* 
lio Cosso i cioè Tanno^di fcoma 8i2, e deire- 
ira volgare 6o. Di là a cinqu*anni cioè di Ro- 
ma 817. e deir era volgare é'5. essendo Con- 
soli P. Silio Nerva ^ ^ C. CfuHo Attico Vesti- 
no, si celebrarono pej^ la àeconda volta sotto 
il medesimo Imperatore i giuochi qùinoIienna- 
n , dei quali Taéito ( ^nnal. xvi. 2. ) facen- 
do menzione dice, che, ^i facevano nel lustro 
secondo j ac forte qjjiììq^ei^ì;ai^ ludicrum se- 
amdo iusTRo celehabatnr . XJyesti giuochi QJJl5^ 

G 2 cty£N- 



109 L t T T i II 9 sr I 

oyENKAti) a cui imita^slone dip^i sì instituiro* 
no i decennali > e ì vieennéUi , passarono in usa 
ancfie sotto altri Cesari , ed erkào luio dei yo^ 
ti che si fecèvaho per la loro salute ;' e pér^ 
Stazio nell* Eùcharisticon all' toperadpre Domi-^ 
atiana ( ^yhl iv. a. ) gli desidera feà T àltr^ 
cose*, 

Sdepe coronatis iteres quinQuennia^ tyjTRis . 
K« questi QuiNQjJENNALi "facevanst nel pritiVi^ 
pio, ma nerfine del quintq anno, cioè in ter- 
minando il /«/^r<) medesimo, siccome dimostra- 
no chiaramente i seguenti vèrsi di Sidonio ( Cdrm^ 
XIII. ) diretti ^ir Impèradore Majoriano : 

Sic LUSTRO imperii pertennis acto 

QyiNQUENNALiA foscibus dicentuT : 
sopra i qiiai versi così riflette il dottissimo Sic* 
mondo : Hinc \idere, est qjjinqjjennalia , de- 
CENNALIA , & ceter0 id genus , non ineuntf '^ 
sed PERACTo ULTIMI Aì^m circulo celcbrdri cm^ 
snesse . JJè diversamente dai sopraddetti si es- 
prime Claudio Mamertino quasi sul bel princi- ! 
pio del Genetliaco all' Imperador Massimiano, al | 
quale avendo avuto in animò di recitare una 
orazione panegirica in fine dei primi cinque an- 
ni' del suo imperio , ne avendolo potuto fere , 
soggiunse , che la riserbava alla fine del secon- 
do lustro^ o sìa del suo primo decennale : Ne- 
fue ejtim otationis ejus<, quam ccmposueram , /k- 
cio jalhiram; sed eam %eservo ^ ut QjjiNQpENWXo 
rursus ex acto , decennalibus tuis dicam; quo-* 
nidm quidem lustris omnibus praedicandis cem^ 
ntunis eratia est. Da un passo diEumenio, che 
/ mi 



À Pò i i 6 L,0^ 2 E ft 6 4 iti 

hiì eenyerrà addurre, più sotto » si arguisce tti^ 
tavia che alcuna volta i qjjinq^bni^ali si C^ 
lebr^serò celi' ingresso dell'anno quinto. , 

Né dai Poeti men copiose e men chiare « 
traggoQo alla mia asserzione le prave. Ausonio 
in que'versi, doye ci va anooretando gli afnni 
dell* imperio dei primi Cesati ^ ci dinota ì tyii 
anni di quello di Augusto col numero di diedi 
lustri e anni sei •' ' 

uiugustHs post LUSTRA dicem scjt proT^ot mncs • 
Stazio parlando ( Sylv» ij. 2. v» é* ) de' giu6^ 
chi ginnastici soliti celebrarci di cinque in cinqu* 
anni in Napoli sua patria^ cosi 4 espresse; 

fìuc fhe post putrii l4etHm q^inqjjennia lustri 

Cum stadio jam pigra quies , &c. 
Marziale comincia cosi ( lib. x. ep. 38. ) T epiw 
gramma a Galeno , marito felice di quindici anni i 

O molles tibi q^tindbcimì Oalén^é 

jQuos cum Sulpicia tua jugdles 

/ndufsit Deus j é' poregit annos ; , , 
e pochi versi più sotto disegna i, suddetti quùu 
dici anni col termine di tre lustri :f 

fascisti tritus i e CàUné y lwTris . 
I-gionde in queir altro epigramma ( iib. i. «pi i<Ai»^ 
col quale compiange la morte di t>emetrio mati^ 
cato in età di tre lustri ^ e di quattro anni » 
altro non vuol egli dinotare i se tion che quel 
giovane fosse morto d' anni diciaiih«vé • 

Destituit primoi yirid^s Detnetriùs annoi.: 
QpARTA tribus tvsTKis addita messiserat. 
Quarta mf//^ disse poeticramente per anno quar« 
to^ siccome fi in ^4 luogo: {tA. x. ep* 103.^ 

65 i^ 



lei -Lèttere © i 
'* Quàfuàr accessit tricesima messiius aestd^^ 

Pét Burro, fanciiillo di cinque^ anni faceva pari- 
mente voti il medesimo Marziale ( lik iv. ep^ 
44.. ) , e desideravagli lungo corso di vita : 

Uf q$ù prima novo signat qu inq^enni a l ustro , 
" Jmpleat innumeras Burrus Ol^mpiadas . 
Egli i strana cosa il pensare , che alcuni grand* 
Uomini abbiano con questi due versi di Marzia-^ 
le preteso di sostenere , che le Olimpiadi aves-». 
sero r Iscessa durazione , che i lusm , quando 
tutt* altro è il sentimento di luì . Di uno , che 
Viva più lustri^ può dirsi che viva ancora mol- 
te Olimpiadi y senza che vi sia ragione di cre- 
dere, che queste con cgual numero equivaglia-: 
no a quelli • • " - * " 

Ma egli e molto ancora più strino il pensa- 
te > come a GiosefFo Giusto ' Scaligero ^ ( de e^ 
mendat. temp»lik v. pag% ^82. ^S^é ) uomo dei 
più dotti e accreditati, the in. questi ultimi' se- 
coli abbia aviit^ la letteraria repubblica , jiossa 
es^er caduto iri mente , che dopo la cesfikéioqe 
de' giuochi Qlimpici fosse succeduto il lustro Ro- 
mano in significato di un' OUft^piade : talché pfes-' 
^ i Romani il dire un lustro Ìossq lo ste%^ 5 
the ciò che importava presso i Greci un' Qlim^ 
piade y cioè un solo quadriennio finito : onde me- 
ritamente se ne mostra* scandalezzato 11 Petavip 
( lih. m. cap. 43. ) r Q^is fando illud unquam 
audiitf Ouis alitubi legit y centesiinam verbi gra- 
fìa^ vel ducentesimam Oiimpiadem. prò centesi- 
mo , 'Vel ducentesifho lxjstro , sivt quadrienniè 
\uUano sum f Qkis4ta-. hcutus est f Pure lo Sca- 

Jige. 



APosTOto Zeno; ^oJ 
^i^ero. si sfòorsea <ii recarne alcune prove , che 
per quanto posso^ giudicarne > militaho anzi con- 
tro, di lui , La prima è tratta da "^na antica in- 
scrizione addotta^ da Onofrio Panvinio , nella 
quale si dice , che'L. Valerio Pudente essendo 
d* aniii/xilL ROMAE ' CERt AMINE lOVIS 
CAPITOUNI LVSTRO JEXTO CLARITATE 
JNGENI CORQNATVS EST: ^TER POETAS 
LAXINOS OMI^IByS SENTENTliS IVDICVM^ 
Sopra di. che lo Scaligera (pn ' gran ' franchezza 
. «j^cspriiTie : Ia ea inscr^iptipftf^ v^amfpsto LYSXR^YM 
est agoh C^pitolinus ; cHebi^atumque est] Ul:^à\^J 
^^ÌCSiyianm à Christo io6. W^;?^ iUst^uac 
est temfus QìjADKìnìiHn. V agone CapitolinQ ^(Xy 
cui parla la "lapida sopraddetta , e ii\ cui fu co- 
ronato, L. Valerio Pudente tra i Poeti Latini nel 
sesto hxjSTKo della instituzione dì esso, altro 
esser non puote, Che'il già stabilito da Domi-* 
ziano^ (. Censor. cap. xviii. ) V anno di Roma 
DGCCXXXIX: e dell', era Cristiana LXXXVL 
essendo l^iCòn^olp per la XIL volta, e Servio C 
Dplabella. Ma i giuochi , che si facevano in 
' questo agone ^Ca^itolino \ non erano di quattro 
in quattrVannij iita/di cinque in^ginque , come 
cfhial:amet\te «^dicè Suefonio : ( in Dómitian. c.xii.) 
Instituit ( Domipianus ) C^., quinqjjennale cer^ 
tàmen Capitolimi lovi triple x 3 musidum , èque-' 
stri y gymnicitm d^r, talché numerando dal dettò 
anno delibera Cristiana LXXXVL in cui.;termi- 
tiava ancora il quinto dell' impero di Domizia- 
tio^ Sino air anno della *celebra,2;ione dell' agone 
Capitolino del sesto Instrà /in cui Valerio Pu- 

G 4 den- 



IÒ4 , : ik f T T E R .E si t 

dente ottenne la luurea poetica » ttofeisemo éi&en^ 
si c^ebrati quetó, giuochi Capitolini non nelP 
anno dell* era medesima CYI. come vuol, lo Sca- 
ligero y ma CXL cdme dal computo quiiiquen-* 
naie di cinque lustri susseguenti ^apparisce. 

La seconda ragione dello Scaligeri e d^tta 
da due.verii di Ovidio ( Fast.Jib. Illi i6^. } 
il quale dopò aver. parlato tì della rifórma detp. 
anno fatto da Giulio Celare ; composto di ^65; 
. giorni, si del giorno, che di quattrd in.quato:^ 
anni dovevasi intercalare s il che forma t aand 
j bissestile; segue a dire così: . ,, 

^ àiic anni ntùdusM • In ìustruxc aice^dere debeì^ ì 

^ ^at conhimafàr pdrPihus ims Me^s * 
Q^al^ondame^to possa cavar, lo Selligero dàf 
questi due ver^i per ,la sua opinione , confessa 
sinceramente che noi capis(;d* Qy^tìV accedere ìpì 
liUSTRUM è lo stesso ditì dire a^ccedere in qjfik- 
Q^fiHNiUM j di cui e composto, il làstrtf. . V iri« 
ferc;ala^ione che si. fa nell' anno bissestile» noti 
si fa èhe in fine di ogni quarto . adno j scatto & 
bissexto Kal. A44nii 9 cioè quattro giorni primi 
delle calen4e di Marzo ^ dal qual me$e , sì sa f 
che principia Tannò Romaenò: onde Ovidio nojtì 
Volle dire ahra cosa , se ^non che.uiia tale Ui* 
tercalazione dee farsi dòpo i 14. di Febbrajò iit 
capo ad ogni anno quarto i e quindi approssì<« 
marsi ai lustro^ cioè all' anno; quinto : in, i.t> 
STRUM siccedere dehet i Ne altrimet» 1 debbonoi 
^piegarsi due luoghi di Plinio, e diEumeàio^ i 
quali intesi diversamente pptrebbono far credere 
probabile una si strafliafc opinione dello ScaligaM 



1 A p é ìtb io Zi AH; iof. 

tèi H luògo di Plinio ( lik xz. capi 47. ; seèi 
Ve a provare it che in capo ad ogiii quadtlemiici 
foma ih certo modo là natura a restituirsi al 

I éuo. primo éisere i e à &rsi à^ck' ella in tal 

qual maniera idéercalaré » vedendosi omnium re^ 
dire essdem vices-i & Q^AiikitKNio èàaSos non 
"Zfentn^m mòdi j ^ciam , & hliqùknm temptstéh 
fàm *maiiìa e:t parte i JEt lesse jpìu|fùtpiÌ7K iti» 
sTBJt eJHs semper intertaUri anno. L' intetealare ^ 
che. è sempre, il termine di ì^ quadriennio i non 
sarebbe il coACiNciAMENto del lustro i se il 
2USTR9 niente più fosso, dH^ xiA ituu^iennuf • U 
passo, di Ettmeniò sita 4iel ir. capei del sao Pa« 
ttegiricò a Costaii^Eo Cesarei Volendo egli loda^ 
'te^il numero quaternario ^ perchè f' imperio Ko^ 
mano ei;a allora governato da quattro i cipèdi 
Diocleeiano e. da Massimiano Augusti,, e daOK 

L stànzo è dii. Calerlo Cesari, tie reca divèrse, raS 

i gìotd i tra le quali quella j che in quarto Jiiò^ 
go tgli adduce 9 fa solo al nostro proposito r 
Quippe^isto numinis vostri nùmero summd omnia 
nitnntnr & ^audenf^ etementa qùatuàr , & toéi^ 
dem anni viéèsi &orbiì quadrifdriàm duplici di^ 
ìeretus oceano ^ & r£m£ns6 qtTATER cablo hV^ 
fTRA^ RfiOEtTNTiA , & quadrigoo sólts i & duobue 
eoe li luminibus adjun^i F^esper &. IMife^: dov4 
il panegirista altr^ però doU volle significare i 
se non che dopo terminati quattro anni , rs^ 
KEN50 oyATER éAELo , ritornavano i lustri iiel 
quinto, i^stRÀ RS0£UNTiA^ E che questa fos^ 
fé la sua sentenza interno l'intero spazio di un 
Initro ^ lo dice espres^eHM il mede«iino £o« 

"^ menio 



|ò< L B r t s K s pi 

Ittenip Inolia sua Orazione di teridimeixtQ dF gta^^ 
sie air ImpcrJKtor Costantino < cap. xiii. ) per 
aver assoluti gli £d.ui dal pagamento del censo 
per uà intero quinquen^nio / QjuriNQjrE anmoruk 
f09Ìis reii^a renUsisti . O lxjstrum omnibus lu- 
ìtris fflictHsJ e noa molto dopo : oyiNQjjEN- 
HAtiA tna tnhis etiam ptrfeSla feUhrMda sunt. 
iff/j 9$dm QjjiNTo nfciPi£NTB mscefta ( tccù per* 
tatuo che atouna volta, i qniHquenfudi si solen* 
miaaavano ancbe ^' ingresso del' quinto anno , 
come più sopra ho dovuto accennare ) omnibus 
fépHlU^inre commwfiiaj, nobir haec propria ^ qnao! 
piena Jf^nt. Preclara. ferj^rCatonis oratio de lu- 
stfa sui felicitate. Jam tunc enim in ilU vete^ 
rt Refublica %d censorum loifdem' pertinebat , 
$i LU5TRUM ffiix cmdidissent , si horreM messis 
impiesset 5 si vinden^a redundasset , ^/ oliveta 
larga jU^issent^Quid^ ergo nos eenvenit gratula^ 
ri de hpc indmlgentia^ tuae lustro ? Mi è sem«* 
bratp non alieno dall' argomenta il recare tutte 
le sqddettc parole dei panegirista , le ^uali ci 
fanno compiange^ la perdita , che abbiam fatta 
della sopraddetta Pi^XK)ne di M. Porcio Gitone 
ffitorno all^ felicità dì qufel lustra , in cui egli 
«tacitò la gensura : 4a quale Orazione se fosse 
a noi pervenuta , molte cose per certo e* inse- 
gnerebbe su cpiestp punto , che ora stanno det 
tutto nciF oblivione sepolte. 

La terza prova prodotta dallo Scaligero per 
corrobogcare la sua opinione gli yien suggerita 
dalle . infrascritte parole d& Sidonio , tolte da u- 
na Epistola {XXIV. ) del libro. IV. scritta ad 

un 



A p p $ T ^ I. Ci ^ I N o . 107 
\a\ certo Turoo suo ; famigliare; per iùtdndcr le 
quali egli é fiecessaplo, che io ''premetta Targo* 
mento ^ di cui tratta la medesima epistola. Tur*- 
pione padre del suddétto ^Tiimo , nomo Tribuni^ 
zioy avea chiesta e ótteinufa ad impteitito una 
certa somma fiì danaro ^ non con altra sicurez^- 
2a , die di uno scrìtto di sua man? , col quale 
si obbli|ava di pagargliene T usura sino all'in- 
tera restituzione : sed , ut chir^irapha fa&o èoce^ 
mur p cauU centesima est foeneràfti ; ed essenr 
do córsi due, Itiitri , senza che mm $010 il d». 
bitore avesse saldatp il capitale 3, ma né meno 
avesse pagato un soldo dell'usura^ , il debito di 
lui erasi giàr raddoppiato : uhm ( centttimA^ con- 
tinua a dire Sidonio ) per BiLtrstittE proiduSis tbm- 
>vs modum sùTtis ad duplum adduxit. Lo Scaii« 
gero pensa , che per quel niLtJSTW timpus » 
cioè spazio di d^è lustri , s' abbia ad intèndettr 
lo spazio di otto anni , volendp che il lustra 
Romano altro allora non ^^it , che un quMdrien* 
nió . Non ^i può ben capire 1* opposizione e lo 
scioglimento di essa, $e prima tion si capisca ^ 
che cosa impòrti usura certtesimd^ Ella pertanto 
consiste in un censo annuo' di docttci per pento 1 
il qual censo se tutto si paga^sVad un trattò» 
finito r anno , o pure^ manualmente in dodici* 
volte, qui non è luogo <iK «esàcminare ^ Suppo« 
iiiamo adunque ^ Che i danari dati a Turpiotw 
da Massimo con la condizione suddetta sienp sta-- 
ti cento. Acciocché l'usura giungesse a iraddof>- 
piare il capitale dell' imps-estito , converebbe, chcy 
anch' ella> al numero di cento ascendesse* Ora se 

i due 



tòt .ìlETtERB li* 

i due lustri cofH dai giórno dell' imprestito ù» 

no al tempo della: lettera fossero , come vuol lo 

Scaligero^ àtt^ sóli amii i V u^ura di on^ anni 

Computata à ragion di dodici per ^óntonongiun* 

gerebbe a far la iumma di un altro i^ettnnajo ^ 

ma. ci niàncherebbono ancora quattro danari a 

ebmpirla .' . e p^ tal òonipililexito n Vqrrèbhero 

altresì qnàttro timi : 6 però noti bene vivrebbe 

detto Sidoniò , de quanto al soldo , ne quanto 

al tempo» che centesima per .bilustre produ&d 

TBM^txs W^durnsertis ai ÀnpUm .add^xit j Pet 

kftcQ adunque là véra e precisa intelligenza di 

queste parole bisogna dire i. che il bilustre tem- 

PUS importa, un intero decennale., non e&stti^ 

doei akuna necessiti di alterare il Vero^ spazio 

del lUsfRoi che era un qtdnqHisnniQ .^ Ne mi si 

opponga j che in . tal caso 1* usura di dieci anni 

aon solò agguaglia ^ ma supera di venti datìari 

la somdla ptestata di cento> mentre, in dieci am^ 

ni elfat accende a cento e, venti daciari : poiché 

Sidonio^ uomo informatissimo delle costumanze 

e delle leggi, molto bene sapeva i che le usure 

non si potevano ne dov.ere^ uè esigere, quando 

eeeedevano il doppio dekxapiule • Fèrum Sida- 

nius, l'annotazione è dei\sopralodatb Sirifiondori 

ut viri daSi phetporunt , excurre/ttis sUpra du^ 

pinm summoi fàeie^ém non habuit j qupa sciebaf 

MSHras cammtinei skpra dtàplum nes deheri , nec 

txigi passe i Le XXVI. Di di eondit. indek & 

Li IVi D. de fóem nauté la qùal legge, e* sog^- 

giunge j essere ratumeiiiOrata da Plutarco e da 

4)iodoto. Pdtrei fare altre riflessioni y^iitsfggi^ 



ire alla 'lina opinione sopra la médésuna lettera ^^ 
con la quale Sidoniò nel proseguiménto avvisa 
r amico, che Massimo iimetteya al suo debitch 
re sHperfositàvi U^ùl^^AX%^ , qnae per^ nsura^ 
nomm Accréviì , soU simpli restitutimf còntt^ìh 
ìHs . Ma mi accorgo essere ormai tempo» cb'ip 
dia Sh^ alla mia^ con la quale mi sonò oltre 
il dovére dìluàgato, ma solo a fine, di più pcp^ 
liingarmi il piacere 'che provo nell-. ubbidire a 
y. E. pon già con animò di' dirle cose V che 
alla ^ sua cognizióne sieno str<mie(e. £d ora do- 
po ayerle significato il mio* sentimento ìntpQio 
alla durazione del Lustro , altro a dirle non mi 
rimane, che, quando in me duri la vita» taijto 
in" ine viverà queir ossequiò ^ cpn cui ini pfc- 
gi9 'dì èssere.'. f. ^ ' ^ ^ 

* , . ^ ^ • . t » .♦ « ► .. . -.1 

Vienna ij. Fcbhng^ 1720* 

IX Sig. Recatati mi h:à, scritta la morte del 
Sig. Bernardo Txivis^o; é vi confesso ilve^ 
rp, (rbe ella mi ha passai» T anima ^ • mi ha 
fatto provare un ifiespUcabile dolore. *Vpi sape^ 
te qyanto antica famigliarità ed amicizia sia [is- 
sata tra lui éme, sen^ alcuna interrua^ioiie dal 
canto mio • Io iion ipahco di scriverne questa 
sera a Monsig. di Cénedà suofràtelh^,^ inadém* 
pimento di una parte del ^ìio dovere. Ma (he 
si farà de* suoi Mss. ? Di quel taqto che ne an- 
derì succedendo 9 mi sarà c^o di e^sec di ma- 
no 



ilo L E T T E R e' i ' 

no in itìsiio avvisato. la caso 'che si vendesse^ 
Wi rsà sarebbe, assai card fare acquisto di ^^^ 
ami i de' quali tetigo il catalogo • Avvisaterni 
amcora quello che f^^ttete intendere , intòtho al 
$uo^ testàmeitto ; in casb che! he abbia jj^tt^ • 
CircJt li. vostra congettura sopra la ideriva- 
zi(me dai Grecò, del tìdme di Ziha : io non 
saprei cpii ^qual jiersoha far capo in questa cit- 
tà ^ dove siatóo nelle tenebre Cimmerie ; . Non 
Vi partite dal vecchio Salvinìi che è il più dot- 
to in detta lingua^ che sia in Italia: elògio^ 
che di lui inventi e più anni sono, mi fece il 
P* di. Montfaiicon s e se con lui non carteggia- 
te j scrivetene à dirittura al Sig^ Salvino suo 
fratello ^ dalla cui gericilez^^a potete prometter-^ 
vi cigni cosai Per altro o che lunga còri|eren- 
sta ebbi con. l' Augustissimo Padrone da solo a 
soldi Pef più di due ore rai. tenne seco ^ e mi 
ha fatto vedere alcuni bei libri da esso novel- 
lantentei acquistati •. Sii le mie insinùa^iioni égli 
farà acquisto della libreria del Baroli di Hohen- 
dorff itiorto ultimamente In Olanda , copiosa di 
quasi diecimila, volumi i per li quali non si vuoi 
meno di dpdici mik doppie; Io ne ho veduto ^ 
ed esaminato il Catalogo i e per verità hori ho 
mai lètta una più scelta raccolta • Intendo poi 
che Ja loro conservazione sia singolare -, la mag- 
gior parte in carta grande ,- molti in carta pe- 
corina^ e quasi tutti legati in oro e damaschi- 
lo . Libri di lingua j antiche edizioni y Aldi ^ 
Qiuriti ^ Grifl5 > Stefani , Plantiùi , Patissoni , El- 
zevirj s' incontrano quasi in ogni Ceciata del 

Cata^ 



, À JP Ò 5 T O' l O Z E il Ó. ili , 

ìQttabgo^ e bene spesso anche Mss; dei quali 
alcuni sond originali l Fattone 1\ acquistò , vi 
comunicherò qualche altra particdiarità i 'dicen<io^ 
Vi óra Sglamèiite ^ che esso, facéiidosi sarà cagio- 
iàe; che subito $i ^daj^^iuaoo alla fabbrica di 
uri grai* vaso per riporvija nuova e la vecchia 
libreria \ che unità insième, difficilnieiite he avrà 
una di uguale i e ,niunà ceftaniente di. sup^rio-ì 
re • I Mss. saranno intórno a 1 2* 4niia ; . gli 
Stampati intorno ad So. o 90^ mila. Oiiest'aii^ 
no alla buònaN stagione, vo Cominciarli a pr^n^ 
der per mano ; e non ho dùbbio ^ che ci trov^-^ 
ih cose rare; e non più vedute. Salutate al sor 
iitd la Sig. Madre i e tutti ; Addio di cuore • 

'499* »^i inedejimé \ a Venezia l \. 

PìcnnÀ i. Afarzp 17*0; 

MI ha grandemente mortificato il periodo 
della Vostra Ietterai nel quale mi dite 
x:he in avvenire àrderete . più ritenuto nei conìmet- 
termi cosa alcuni iii queste partii per figiiarda 
eh' io proc:cura di usare qualche atto' di .aiiiorei 
yerso di Voi i Lodato Dio i io Sodo in istatò di 
potervi dare qualche amorevole te^timorìiinia del 
mio affetto i e delle mie obbÌiga2!:ioQÌ ^ ienza che 
io tip risenta veruri incckttodd ;* Ho di che vive* 
ire agiatamente^ e senza averne il fastidio^ che 
in Italia mi è convenuto di continuò sof&ire. 
In mille manière di genfjxxsità è di amore mi 
ha assistito la voitca bontà ^ e ora tuttavia cp*^ 

tiosco 



Xxjk 1 s X T I m s a X 

^psco di darvi mille molestie e iccomodi ^ Di 
grazia soffrite , che qualche volta io mi consoli 
Con qualche di^ostra:|ione di piccala > e non mai 
adeguata riconos^Qza • Valetevi di mie, e de|lG^ 
<ose mie liberamet^te , (f^endQÌtiii più caro ciò 
eh* io potessi fare pec/voi» di quello che pojtessi 
£tre per me medesihiQ ^ Il Petrarca citato del 
1507. dal Cittadini 9 còme uscito dalla stàm^ 
9U1 Aldiina 9 è tanto vei^p » quanto quello' die 
yìsn citato dal Ruscelli a h 385.. dei Com^Q^ 
ìarj, come uscito dalla medesima imperia nel 
Ijóu Hell'.uàp) e nell'altro de? sta^e certa-; 
^enté X50I. Ù edizione fattane dal Giolito nel 
I547p e tanto lodata dal Cittadini » e in u. 
èi^ è la prima, per quanto credo, nella quale 
ponesse ngano Xòdovico Dolca , e che^ i^scisse dai 
forchi del Giolito. Nella mia lista non ne ho^ 
notata altra dl^ anteriore • Vi ringrazio grande- 
mente dei due cataloghi de* Gramatici , e deir 
qperè 4él Tasso, che mi Qffsrk;e, e ye Ih ^-^ 
métterò puntualmente^ In questo secondo prego- 
vi di notare , quando ^vete tempo , tutte le édi^i* 
lEciot^. osseryat^ da voi delia Geojsalemme Libe- 
rata* Io ne tengo costi alcuna delle più vec* 
chie , còme quelle, di Casale , del Makspini , 
dellMngegneri , ecc delle quali npn ho qui al- 
cuna ipeinpria • Il ^Giornaletto Tedesco da voi 
veduta, oye si parla di me, sarà quello di Lip- 
sia. lo'npQ rho ancora veduto « Penso di far^ 
melo venire. Non faci perduto di mira T affate 
del libro del P. Santinelli ; ma di Lipsia non 
$K^^ posto ritrarre al^unp. stabilimento . Tornerò 



a scri- 

/ 



Apostoio Seno. %i} 
a scrivete} e per fiae dì cuore vi abbraccio, e 
sodo ••••'.' 

fOO# Al Pf Alessandro Bomco Serti. 4 Napoli. 

MI arrossisco* di dovef »'Hre a t^. P. Rs^.» 
He da più ài cinque ^misi io soni debito- 
re di risposta ad una sua Ietterai é^ Insième. 3i 
ringraziamento per II. catàlogo de* Mss. 'dèl&J 
libreria Ìx ^ònre oiìveto, da^ lei' s|; cortese-] 
rtiénte tósmesspmi: ma pur% mV con vì^n/ dirlo , 
cf dim)indarle nello \tesso' tempo perdono^ di'que^' 
ila hlia'ineicusàbile trascur^ezza • ' Mi corifeo 
<fi conseguirlo dalla sul bontà é gentilezza} as-' 
sicurandola che la grazia non ' ini J daùri' stimolo 
àd^abusarifnerie in avvenire. In esso'^catalogo^hp. 
osservate mólte ^ose assai curiose, le quali^me- 
litcrebbono che la sù^ erudizione s'impiegasse a 
comunicarle al pubblico con le opportune osser- 
vazioni ; e un Articolq ^eij Giornale sarebbe 
molto bene occupato 1 QuelVìj/^?. C^tdario ^ 9 
Catderio fu Veneziano ; i^t ixel secolo XV* e 
scrisse molte cose • pocfie delle qual^ sono tijt- 
tavpka alla stampa. Il suo libro Uc^ Ecclesiasti^ 
co ikterdiO^o non credo' che 'sia di Questo nume- 
ro. Quel parafraste in V(?fsi Latini di Dante. , 
Monaco OKvetanò^, e notato nel cataloga col. 
nome di Frairis Adatthaei Compto de Fenetiis^^ 
credo che possa essere^ quel ìylattèp Ronta , Oli; ' 
vetanoi e akresi Srcnèzianp , di cui parlasi'ncU* ', 
Toffioìll^ tit. ' ' Ista- ' 



Istoria Ollvetalìa del P...LancUQtt9 a ^- 4^.« é 
1^7. le cui parole i si nell'uno^ sì lieir^ltro 
luogo di quest' opera imj>fessa iA Venezia, nii 
sarebbe caro. di avere. Pajtmi ancora, che ^e 
parli Pio II. nel libro X. de' siioi Comeritarii • 
Avrei piacere similmente, che si facesse esatto 
riscóntro nel Ms. se vi si legga nel cognome 
deirapto^^f JS^nf^^ Qvverp CtfmpfQi come ancorji 
le prime' linee del prologo, e i pfimi yer|i f 
gii ultimi JeUa traduzione Latina^. L^ prego aiìr 
éox3L di signijScarn^i , chf còsa sia il pidife ili- 
titolato': Petru^ Èpscùjf^t irixiensis^ e ct^e co^ 
sa contenga; potendo ei^sqre qpera ^i W ^^' 
che Vescovo Veneziano, 4; t^l nome sopra il 
^ qua^e noti ^oiso oia^ detern^in^nii i ess^ndovens 
stati molti '4i quella città di ^t^^cia* Spiac^n^i 
grandemente la dils^z^qne della ^stampa della sua 
aspettatissima oper^ de^li $critt^ri |jucchesi; Itì- 
t^nderp volentieri , *^e sjia terminata quella delle 
Rime e Prose ^ccresc^ujfe ^ Mons. Giovanni 
Guidicciorie illustrate coli le annot^ioixi di lei^ 
In questa città npn y^A ^cun^ >\Gcademi^ Leo* 
foldi0ia,i o a^traj di (?ui io poss4 rsjgguagli^rl^. 
C^i 44 ogni co!|a sì pensa , eccetto ch^ a* bue* 
ni studj . Fuoti di qUalfche fprestiero ^ 9 di qual- 
che nazionale, che iplo sa la, §iurispruden5?a , \ 
massimamente intorno allo stato !^en?uaico i y* 
e una crassa ^d univeijsale ignoranza* Presso 4 
librai non si troyan^o libri di y^glia . Qjialcfhc 
opera, che si v^^ ri$taropai;ido ip Gprma^ia , a' ^ 
•'1 più lodevole capitale - % questo partìcqla^fi^ 
non póti:ei dirle a bastanza* S' io bo qualche 
' ' T buon 

/ • ■ 



"*A p • $T*ti Zino. ii^ 
hiéòÀ libio , ine te *oii Alto Vfetiii^ ^ ftàlili l 
Noti i:6st4i p6tÒ, di<5 lioft vi ^kno p^e«s^4 HMtftfi 
pàttìcolati , niabiìtuiiifteiite f^iafti ^ aSsài boòhé 
raccélte. ti Àiblìdti^a Cesaiisa è ^ teéioiti^; st 
pét òpere imf^esie 9 che pa^sdi^afifto le Ho. ttm 
glkja^ iìi^ le tfiàfto^trittéi cfhd farthiio iikél*' 
fio A VSm JBcAla. ^ol^itni . 1Ì Sip GeMilotti ) Cfcè 
ifte ìdtsL alk cu^:Qdia, è nn Signore eraditUtffnd» 
è (Dttèsiissliito ; £gli data (iioii tnòltl tbmi i)t 
fòglio, clie satatinó uba, cMtlhuà^bke de^i òty 
to vx^umi |>ub^kàti tlal làmbééioi VHS^pdtk al 
lui ONKetià infinito «èit ìrecòttclìea^ fe Àe «ticrf* 
• tò iiiusfl:etàim<» k j%^bblioa iett^àtià . Q^e&M 
i qUlfiitò posstt, ^«ìvérle pireséhtèfffténtè ià tt«*é* 
ria di studio* Desiderò di f^téèle ditti&^tlfà^ te 
co$e di maggior rilievi ì «pj^nto ié 5ié> ^ ^ 
prègi 0tf$ere4;.« / 

* j(òr; ^l Sii. Hffi^io rMisni&i^ s PdèkMé 

D£ik »k>ne del Sig. Orbato ho à^uté Hii^ 
CresdmetiÉo 5 ma molto più mi è spiatili- 
ttl quella del nostm Sig* fternaftìo Tririsaflèf 
della quale ndn posso rammemorarne, ittit2iséi>' 
pirarite, e dolermene.- ttè a vói satì dlffidlè il 
restame persuaso^ saj^endd la lunga e famììiate 
l^trinsìcfaea^za fra noi per tanti anni passati: 
èicèome dalP altro canto io sono persuaso , che 
veri pure ve ne s$!(ett contristato per Parfiofe 
che gli portavate^ e eh* egli altresì ri portava. 

H i Anche 



ìli i. I t T « 1^ i \ ^ 1 

^Qcfié in Mo0sig. (.attcisi voi avete per^atQ i|t^ 
degno amico, q ié lettgi^i^ , {{lascamente in Ita- 
^a , pn 0^311 protettore . Qaccbè ho lanciato que« 
Ite gafti, posso quasi dir^ i^i?' più sono gli a- 
niici , ciie mi sono fiancati > 4i quelli che mi! 
^no rimasti. Pjjpcqufiarno noi dic^ntetyarsi più 
fhe ci fia Rpssibile, cqn sicurezza"^ ' cì^e come 
in voi ìq sq 4i avere il migliore degli amici , 
cosi v<>i in m^ ayretjs ;empre il più sincero e 
diyoto . h\ B\tf jeri Jiq parlalo di voi lungamen-/ 
|e cpt Sìg. C^ayalier Garelli^ il quale mi disse » 
ch*^a 4^ l^f^SS tempo privo 4^ vQs(;re lettere» 
CU ho partecipata la «otizi^, qh$ (jten presto il 
vostro libro andrebbe alla ;tampa» ed egli m^ 
ha riconfermata la yolqnti che mantiene cji ben 
servirvi appresso jj' A\3|gustissimq Padrone^. Risa- 
lutate caramente in liiio nome gli ornici, e in 
particolare il P. Ah. Bacchini, da me singoiar- 
^i^Qte pei; le ^ùe degne qualità am2)td ^ stimai 
to. Quando vi portate appresso di sua Eminen^ 
za, px:egovi di ricordarmele umilissimo servido- 
re, e sempre memore dei favori ed pjtiori rice- 
vuti 4a lui. Rer |e npvità, che mi comunicate', 
io non ne ho altrf i| retribuiryi , che quelli 
della mia ottima intera salute • Son divenuto 
più gi;assp di prima, e nella àccia mi sonorin-^ 
giovanito; in altro ne ho segni al contrario* 
La mia gamba non può mai |>ene ristal>ilirsi . 
$^on mi dà dolore, ma è sempre più o menq 
gonfia , e non ipi lascia ne camminare spedito ,' 
ne ben reggermi fermo • Anche qliest* anno pen- 
fo di afidare ai Jagni , e 'I Sig. garelli V ap- 

* * prò- 



A p ò à t ó i é ^ £ ilo; ixj 
provai* Q^I Ho comiaciato a gittate le foikii- 
hienta di una nuova Librecia^ e a quest'ora | 
volumi empiono i grandi armari > e passano uii 
migliajòl 11 téle si è> che potò di ìfmno /\e 
nulla di rato ritrovasi presso di ^^esti libraj^^ 
e'I preai^i^o ne è e^rbitante^ massimamente dir 
librv impressi fuor di Germania: Purè bisógna^ 
cavarsi la sete con P acqua salata » quando non 
può farsi altrimenti. Pregovi di riverire a itiià 
nome l'Itlina Signóra Laura vostra consorte; e 
tutti gli altri di casa vostra. Continuate ad a^ 
inarfm> e ledetemi. ««• 

Jo2. Jrf/ Pi Pier Caterino Zenè. a, VeriHiài 

' ' ' ^■' . ^ *■"•■■ -^ ■• . 

Piennd ip Màrzi lyab* 

T Alito € Icmtanó ; che ibi dia punto di. farti* 
niarico il consiglio pteso da' Siggi Oriniàili 
di hon.valerj(i del lino Papiirid per Tannò v6t|U 
turc.clifò anzi ixe $orìo cònténtissiitid . Sino eh* 
io sto in queite parti , è mio piacere é vantag- 
gio, che Costì nulla si rappresenti del mi6. Las«» 
fciàtd pure the. facciano à lor talènto^ ,6 vedrò» 
t|ì0 in fine ibhi ne àvtà il datino i t le. beffe ; 
Il vo^o Articolo sópra queir uccellaccib costi 
comparso mi ha fatto ridere a pièna bocca, fi^ 
to nóu u è lasdàto. vedere aneoira in queste pat« 
ii. Vi dirò bene^.ci^e in un catalogò di Ubri 
Ivemlone veduto il titolò ; mi sono subita im<- 
kagiriato* contra chi in parte andrebbe a cade- 
re <jfi0 imputò li è ;ni , sovviene jcte all' amico \ 

U i * qua?- 



X 



\ì;9k |. £ T X £ IV & a I 

il^^pd^ Mhè. ^-«qf^oc^tQri 4ic4il). ma ncm fui a^ 

tì^ > . ^ cài^ ayerefebfi^ 3iVUtQ mode di vondicapsene • 
\q bft, injulfcaitp ia d^e- eapi„ per qaiatjitQHii^ov'- 
iri^ngv: cioè ttól pufit^rdel mtaéstQ noo; sorai-» 
glj^^, ^ l'i^ltXQ ij^Wepiugo male af^pUc^to»^ 
]^ qu^$£o. sèscqiiidp^ ^t^io io fui. il pcàno» a dir^ 
]p, oel Gjlomalfó, e ncKi. accu;^ài alpuno ia paf:tì<? 
«IpIarjS^ mofttre I0. sbaglio ejia s£aìOj simi aU'orat 
uttiv«M:sal§:. Ni3l puato poi del mtratto |* autore 
oltramoqLta^o merita scusa> poiché: nonJoiaveitH 
tò di sua testa > e a capriccio ^ ma lo tolse dal 
Waodbfii^^t >. e i^uu^i credo dsMà^ pecchia ectir 
jcìone del Giovio fatta Iti Basilea . Io attendo 
con imj^$zì&smk qnék libco^:^ ma non sarà poca 
eh' io r abbia di qxà a due mesi . Se ne verran-; 
tkQ: più cQpie!> q£iatsai» pac vcl ^efasoifaUo . Ma T 
atmccr nesttfo, ohe pensa egli di* face?! Scrspitarnon 
giova ,. rm; difeiidei^ , se( sii Uà: ràgtcme. Nell^ 
sMft Notte hfli pgcesL alcuni gaassL sbagli ;^ . às^^ 
qmlii io L' aa^m: avvcetitp^ isao: me le avesse co- 
imuucat». Uba. re n!6 ip. pattimlài:;?: ^ ch« tir 
&iiat£lar t|n jfyiTiSfi ^ >. in cuii sanot confusit l fan- 
$^Ut,. e i> tempi •. Gli. dissi ^ quando, lat ossetìi^aà, 
che* mutasse' qufilUi pagina, e non. sa perchè notti 
\' ahbì^- étltb • Ma di ciò abbastanza per oca^t^ 
Sa mi. scxiMerài sopra questo, Ietto che abbia^ il? 
libi%, ìgli cfinor candidaraente' e da; aimico il mioì 
^eifttimentQrì^ e^farèrpet lui quanta» mi sarà- pos^ 
sibile:» anche, par. yiaì della stampai, doVe Odnsti- 
che- lai. ira^on» siai d4' cantg. di lui • A cio^mi 
. - \ . f>bbli- 



/\ 



!. 
I 



Apostolo, Zeno, ti^ 

'dMlgz r affetto cKe gli porto ', e la* giustizia, 
e lai vdrità , è l' ònor della patria , e della na- 
zione . I^er le nuove letterarie vi're.ndo al soli- 
f 0* le dovute grazie . Èuoh Dio ! Dopo la mìi 
pàtteiiza dMtalia,- quante pèrsone di lettere vi 
éòri morte ! . Quanti imìcr fio' perduti ! Iddio Si- 
l^tìofe conservi qiie* pochi, clié/vi^^ rimangono aa; 



Coìra^ • 



TQh ho mai iiteéé con più^cf impazienza le, 
•f vostre lèttere , clié nel presente ordinaria. 
Élleno spero cKe mi torrarièol da una grave pas- 
sióne, che mi ha cagionata là lettura della. vo*^ 
^ra della settimana passalta • II vostro male q, 
nel prÌt;^cì^io, e nel proséguiinex^o mi dà mol$p 
a temere, pei le circostanze, phe 1- accompagn^^ 
Àò. Esso è certamente un\ effetto delÌQ troppa 
vostre occupazióni, della naìaggior. parte delle 
qbali , e ifbrse dette più rincrescevbli .e laticos^ 
io: ne sop la cagione ^ 0i grafia abbiatevi ^ e 
per voi e per me*, un pò* più di riguardo. Gli 
inni corrono a furia, e non siamo pia in., età, 
qovè il.capc^, e lo stomaco regga» .al p^ -di^ 
pfil6a : ^ ed £0 pure 10, dico* per isperienza . 4<^scia-: 
tè' pertanto andare le, cose che più v' Imbarazza- 
no's e. gerchè CQnbsco^ c^e 13^ più ^^tr^yagKpV ^ 
pesante, può éVere il Giornale^, ^K^^ il pe- 

sò ^d aitrt, chjè abbiano più d'ozio e 41,: quie- 

H 4 / Ui. 



té; Voi beh vedete » che ^ me )poco àvanaa tii 
tempo per agutarvi ih simi^ fatica s e per quan* 
tò nli fòsse caro il proseguimento di eìso^^^ Ben 
potete restar persùìiso, Zht più di esso e eli tut- 
\o mi sta a cubte la whstti salute e conservar 
«ione . Pregovi duilque , per guanto mi amate, di 
gettarne da parte iimil lavorò, ógni qual volta 
Conosciate , cké es&o Vi sia di troppS imbarazzo 
per la vita, e di troppo dispendio per U saiu* 
te . Esso ha avanzato , e ^frebbe avanzare di 
molto sótto ià vbstra direzione.- hìa replico ci^ 
the di sopra già dissi: la vostra salute più eh* 
attrd mi pirémé; £)i quésto solo ho più Volte ìra*^ 
gionatò i giorni passati col nostro Sig^ Andrea i 
che caramei\te Vi abbraccia . Se con esso volete 
eh' io spediica costì il Sig. II)polito , che vi ter* 
Ntà compagnia nel viaggiò, io 16 manderò volen- 
tieiri. costì, affinthè éòn esio nii diate il conten- 
tò di abbracciarvi e godervi pei: qUalclie mese 
in qubsté patti • Niuna còsa più gfatà ^ mi giu^ 
gderi nella Voi^tti rispósta l dòpo la sicurezza 
dei vostro òttibò statò , che V àssefaso alla gra- 
fia che vi dimaiido. A qiiatito òdcorreravvi per 
cotal Viaggio, nulla voi avrete a ^ pensare . A 
tutto et me $atà provveduto ; Risolvete i e scrì- 
vetemi • . . 

Cifca la notizia di que' Mss. che desidera il 
Sié*'Wander Aa, ed a sua istanza il 5ig. Ca- 
valiere Francescò^ Còrtìaro i io àlttò iion posso 
dirvi, se hoti cHe quello del Ì>empstero intorno 
air àfitichità deÙ' Etrùria , iutitòìatò De tìetru^ 
ria ktiifili iihìri VJt. si èoùseira Ms. ih l^ifehze i 
^ ■ ■ ' é Vii 



À p ^ s T-p. LO 35 i ^ b J ìrìifV 
%ne park il Salvini ne'Fasti Coasobrlac* |5i« ' 
Fochi mesi avanti la mia parte&za d* Italia m^ 
ne mostrp ^una copia ^ ;e forse V oprigUlale , .u4 
letterato Inglese» c{ie Tavev^ acquistato, nel sugi 
viaggio: e parmi di avérn«[ fatta n^emoria iami| 
libco di ei^o pempstero> Latino», intorno lagli 
uomini iilùstiri della Scozia» siaàq>2^to,iii 4* ia 
iSologna, « le^to in pelle ^ che troverete tra* 
miei liBri Bibl^otej:arj .^ Osservate nel , principÌ9 
ia parta che vi sta» ^òme dicono » di. ris^uar*. 
do'« I libri che aveva il fu Domenic<|[ MoIìqo » 
sono ancora appressò del ^ig« 4^(^i^^<?^ v^o ^^f" 
cendente » , da San Vito 3 e Pf^ ^quanto^ mi 
c\stato rinerltò» stanno cìiiusi ^ià/più cassoni 
nella soffitta» d<dve di quando ili. quandp alcuno 
de' suoi servidori », anni %» né scoteya^ben. bec^e 
iià alcuno là polvere : il che seppi da bpqna 
parte . Il Sig. Bernardo Tii^visano fece tutto per 
poterli vedere » ma no|i potè ripsciinfi , ia inodp 
veruno s e questo è quanto. posso' dirvi sa que-^ 
sto particolare . Circa il Prologo del Mussato 
iiulla saprai dirvi di {MSisitivo» né veramente fe^ 
ci nuu riflessióne, su tal mancanza • Date un* oc* 
chiata all' esemplare » che sta frtVnuei ii(>ri.; À 
tal proposito vi dirò bensì» che unita al Mùs?' 
skto sta l' istoria de' Ccirtusj mancante, di alcuni" 
capitoli^ i quali io, trascrissi d^ lui Cadice e^ì* 
sciìte . appresso il, Sig* Manfredo Conti, ^ che 
si pbtrebbonò supplire in occasione di|al ristami- 
pà • I detti fogli saranno ò nella copia stampa*^ 
tà , o fra' miei Mss. Voi badate a star sano a e app»^ ' 
fècchiatevi à venirmi a trovare* A4dio d( cuore 4 



p. S^ i^ rapka àia, ìi \*éSer* letteci • Spéti* 
Pst cm éss* cfi;'coa$olarml y W ttìl- lascia àfiffift- 
^ pkìp €bé' tìial, ééìi- sólo tttéfidcrtdo da essala 
«ftiitinttasrietfé 4^t to^é nMé ^- ma: ancora Pa.&i 
^^iméittó- # Vòt àòlì^ ft(e riè Sgitìficite atlcun^ 
jtòficolàtffeè: et ^ taéermi- torto ittì fa tetticèè dì 
è*ta,- Notf- fltStf fai skfSjit ia^t^deihìcrgfto di tfoj: 
^mnì^ ^ V€AeÀ^, ^dièé al presènte i Faccia' Id^ 
c^ S^horèv cHé f ìùàty e X aSfea siàrtior coh^ó; 
là»* j' e P ope» tìfr S2ù:i il Vo^o tótalé ^art- 
«itìfitós^ che dfellaf róatìo dell* Afeissimó* <fi vefd 
9à<i*e «'ìiiifliQìeòf . Kisj)9ttdfer^ dfto voitó lettièra, 
riel v«ìitofò (*(fin2trio, pò?chè óra noa, sìolb' liprf 
if^ fenì^ dt farfó V niàt riè meritf m'erte e vi- 
06rét tJMfcfa ^ vòstror riialìé M stóto' sbatordl^ 
tSy tf *jòi)?a(xy. i^djlìq di- ritiòfvoy fraiétftf àmaitìs.* 

« . . 

£V ì; t^ *gftpt àvàtfeatfb' il rìsttrtto dell^ Vi-; 
ta dfeL édfebfe^ Maè?«Beehi , ctó M pòchi' 
^0»i cdtìfiHcf df ik^tè'glì^ dàrie^ TiiììtiAii riiarió , 
acdìoc^ sàiifó in^ tem)*?' di- Védétid iniel^fò nel 
Ibìlìo tirefttfeiirfiotéÈzo^ del Giòrrfalef a {^iibbKca 
soaaisAfeiòhé^. Tòstbchè poi' mi sii valuto d^àl4^ 
isittii)rié éitaditeV cof«otó , che' lii! sbiip st;at'é 
tràttnésse dfe V. S- HtiRaS fàrìf che le medesime 
rkfcasflhé^, óbtat è b^' doVeré , ili SUI mano\ 
^ - ^^ onde. 



£ci plr "quanto a» me non^ med» ^ chd a tuttai Ja 
l<9tera$k sepubblka utile* e giaea cosa ^sHebbd^ 
che ifiàéme oonv lar Vìla di esiso,- dflar He fitces^ 
se.p&i't^ per laa delta stampa di u» dittgoi^Ql 
l^ataibga delia insigne Biblioteca dm lui liasdaM 
Uy. si di libri impressi , come d' inedita j^ ÌUu^ 
soaxBdoIò iosimie y ove qe conoscess%i ìà ì^s^ 
gaa^^ di qualche soa^ erudita atxnotasione | ooH 
die 'mpUà pe^trebbe avvantaggiarsi la; ndti9ia(dft)^ 
le persiMie erodSte • Ri<:eya in bUQfìar patven^^ 
stp: mìo) siacelo c^siglid, che' parte dti uncud^ 
se dinota ,. 0^ atfiàiite ;^1 pac deUa sufei , deMa^ 
gloria de* sudii amioÌ>^ e padroni. O^a- sòlapiei^^ 
ho ^^itq in ItaKa uti buon disegnò dèi mky 
mtratto untò da eccdlentealrtieflbey acciocchii 
datp< a qualche belavo intagUator^ a< bulino : e^ 
tbcftoohà^roftiRai ^àrà «erminuta, do» de- primi c^ 
srnnphffl saranno ^r 1^, ondain* qtialche^ mp* 
4o^ abbia presente' /dii sòl<^ b^ V" onot«d di es^ 
serie da^ viciiw» con rànimó>, 6 Mn^ fo^eq^Afi. 
KJairisshmi- sonc^ i libri ini{>réssì< in^ I^lia» clfc^ 
giiuig^tiop in^ quesiti parti, he Pdesie giocose del^ 
Sig^ Vinciqii nqn si. sono qui' antór vedute, SeP 
ha pcca^oMe^di scrivere a quél Signor^-» «He à 
stolto; ssftipise de^ mi^i amici: , lo* riverisca^ a mio^ 
wm^ .■ Dd Taìsso^ costi andar lènft^ienée ella^ 
n)ii scrive rim^-essionei t&at in yetiezià^ nqnsd 
ohe ancMT sia- comindata ; e pùà èssere ctie» il^ 
confisonto: abbia spaventatcf^ queir im{^sèJre> 
Coli pare sa di sicurp'^he non sf imprime la- 
tamo^ ricercala Istt>ria del VUrcìii' y ma ^ebbd 

deside- 



/ 



x 



. ,lÌ4 . t t t t.J^ & B B t. ^ •\\' \^^ 

<d$$iderat>ile » che anco .^aesta si reàdesse pubÙi^ 
ca per ria delle stampe. Non ho tocor veduto 
\i Pastor Fida ristanipató , in Londra dal ^ Sig. Rojl-^ , 
li; ma mi tieiji dettò ^. che Tediaione sia. al. ma^ 
giotiegno sqùisijta • lodd il .cordiglio 4^ Idi 
datagli di ristampare T Orlando riformato dal Ber- 
ni, gia^hè ha in animo dijdar fUori le ra4jt^ 
sime, a|>cre di t^é ^t degli aìtri di quella scup- 
la • Mi viene scritto y che un gioriio si tistani-i 
peranno le X^^^^o ricercata Epistole, d^ Pier Del- 
fino, insieme Con più vplvimi di altre del^os^te^' 
so Religioso i che , non mai ..jonp state iitipjcess^ • 
Chi lìe.hs preso l'assuiito sOpra.di. se ì ha. ta^ 
laotp e attenj2iond per ben.cohdurr^ ,a finè^.s} 
lodevole impreca , ed ; io non ;hQ maticatoi di dar-^ 
gli coraggio; ed Impulso. Egli ^i . è . il dignissimò. 
P* Abate Cam^tdoiese . .Qio: Benedetto Tassi^.. ^ 
iindde'^iù éijesti $ e jaegtì lejfcetati ^^ th! ^o mf 
iab{>ia tiiai.conpsciuti^. fjIU ha tuitta iragiorie .di 
star ispspes^f p^r.non, privaci. del bel ,Ms.d'Ia«^ 
Scrizioni , che. ti^ne ,di Fra GiòcOft4<> Veronese i 
In esso :la pregò di os^erirair^^ se ve n$ sk-àl^ 
cunai <^ve^ ^a espresso, alcun G>nsokto di.Boò^ 
2ÌQj o di Simi^aaco, qupluQque,.e'|[ia^,' e diccH. 
niamcarmene 1^ notizia..cpill|i copi? esatta di. 
essa* Mi sarebbe .parimente ^3iai cara una co^' 
pia delia. <lcdica?ione, 3^ òhe fie^jfa r autore i e 
anco ,delU su^a prefazione «^sé pijiire.ivé <i\ha air 
tra .oltre la dedicazione • yjix lignifichi, similmenr^ 
t^ la qualità di es^o Codice, e l'ordine cheyi 
tiene j e se lo crede originale dell' autore ^ dte^ 
fu disegnatore eccellente di Simili còSe antiche , 

tome 



/ 



ffusae si Tisdè aver htto nel suo Vittùvio •' fiqi 
ftèsto qui aVicmó là fiera > con Toccasioiie déti 
la quale ^^anno libraij di lipsia , di No^ìm^ 
berja, ed altre paid di Germania. 'Non soW 
sa ppiteranno *di nuovo j è di ^uo^io . Se tn>yer& 
co^ de^uL di ima -notizia, non inancheiÀ dt àvn 
v£$aniela, in retribuzione di tante ^ altre > * e si 
peregrine , che ella mi somministra . Spero' che 
il) essa ritroverò aoQ) per lei un ipmolX* déi% 
la' pihlioleca Greca del: Fabrìcio ^ per cui il R 
mio fratello nu ha data la conunissionf» \ e ^u» 
bìto cercherò mòdo di fiurgildo jpervènire per, Viì^ 
sicura y e noi\ dispendiosa • II' P; Gamier fieqcr» 
dè4^o% della Congregazione' di S»'Maurq » ci 
£u:jL godere \ma migliore edirioné , di* quante 
sii|òr ne abbiamq, di tutte l'opere di S* Basilio 
G»' L. Colà pure si è stampate ynS. Cirillo Gt- 
rcispUmitajjQ « Noti so a qual ^eghq' sìa in pggi 
l' adizione di $. Cipriano , incominciata dal Ba^ 
Imio avanti la di 4^ ^tte « finisco » e coq . 
t^tto Tossequio sono « . • • ' 

T&ppp fi eb^ Yp $• lUwi la l>o^tà ^i ccn 
mandarmi che If facès^ avere una copia 
de) mio l». Caplrio , cì^ ^toìe pri^na 4a al^ 
txi^ ell^ aveya ^ccolrb» di si buon occhio .JpiiQQ 
ma^e^i di ubbidirla facendoglielo indirizzare C(^> 
stì ^ Sig, Filippini i eii(ie sperft ^:ìq re^jtrppla- 

re spe- 



>. 



le 6t3edìt0fe .^rà {jerrenuto iti stni ai«o • Vùeedl 
àhQ pjà di ftequea^e dlU xni.dew ^c»àoi/t\4i 
jaModa servire hi cote di aaà ma ggaore prema^ 
ras s dove io ineg^.<p<Mbestal.i^k «soiloscere la 
nU divcMuone» e per dacie pia stimoto atmisò* 
kbmi icit quefta sioèera oiia ^i^pplica^ eocc^ dbé 
ii siiprcndd la oonfidetièa di i^kbcoere alla soa 
protecione per raocomaodarie <lAa persona che <pef; 
Verità Ae è meiijiten)le 'i Qpesca si è la Signora 
Giovaniia Stcadio^- VetleKÌana ; la quale di'pre« 
iente a questa Gocte si ti;ova « Elia è féndatis^ 
sima iìeila Musica* e ae ben sia óra i'iìa pral^ 
fessati tra le sOedomesriciiepsiretiy desidera iì6h« 

, ditnejio di iarsi sentire finalmente atxjie inpub» 

ìfLìeii. Gmta eccelieiiténiedte bene, e coti tuctft 

^fitóch«ts;^à, trasportando ogni cosa per quatitto 

sia difficile air improvvito ^ e accompagnandosi da* 

per se sola di una maniera mirabile • La sua vo^ 

\ ce i anari in meèce soprano 4 eh' in contraitò ; 
^11 teatto per guanto to%&^ vasto , per lei non 
farebbe che picciolo » avendo grla petto, e voce 
da farsi da per tutto sciltire. La statura cresce 
de} mediocre» ha buoni portamento , nobil per- 
sona ^ ed è tale clìe può fare sopra la scetia un 
assai maestosi comparsa. Inoltre e d' ottitiii cos- 
tumi » se pure questa è condi2Siotle che in chi 
profesia la Musica ^ i^icerchi. Ora questa Gio-^ 
ttne avrebbe detiddrio di far la sua prima com« 
l^arsa aopra coteste scene v o nell"^ opera dell' Au^ 
tunno^ o in qu^la del prossimo Garnovalé, d 
neìFuna, ^ t«àir altra ancóra , quando cosi ag^ 
ImpressarJ ^9t^$$ii^é £' ricorsa a me con ispa-ai^ 

za cb' 



A p ó 5 T p f p % i y ó: tH 

^ ^"|6j)ófs* fv §\h|^ cp&a 4i «IO valiti^* 

chp aqiindp ? lei j^^ì:^il 4i P^^ipprla, 4oA sia 
CQ^a jdifficile il i^derlii 9{|»^^si:a, Quot isieirefì^ 
jpo$«<^ 4icl6 che bò mt^ U qpfificteaz^^ chddd^ 
la ripscitiat hqq $i ^wi i9Qti^ j^ peàtirst, nd 
per 1^ io ayèrU pn>pp$(a, iié é^r use in averla 
PFPB9$t«* Ob^ftP vQlUf ^i)i ha volttU» sonticbi^ 
Ansii^ti^fimp Pà^roQe, da cui àn^^ra lie ha eoa» 
seguito m gtiefpsQ r^gilo. lo j»6r y^l^ °^mi 10^ 
]|p nw ìt^^Oi folitp impacciarmi in eotali feoce^i- 
4e: ma questui volta ncm ho fUotxx ditfstklcnm 
dàlk in^tanàse, che ni^iie sorto ijtattf fatte, alle 
qùaU ha dato i^^ch^ forata U merito della Sigiuiàrà 
(^ioyanà^. Atstm^ò dalla sua risposta uà hok 
tello risi^oj^t^p della sua hoóti ,. e gentileasa vetr 
SQ la mia gerspiaia i tuttoché &i^na cp^ può fare i. 
eh' ip jsia p^u di quello i ch$ sèmpre sonò staff ì 
^ profe^sQ d* f §ser* ... * 

^ |P(Ì* ÀI ^tfi C^^i^^ ^4tdé aaikUu'S ; 

./ ' , ' • ■ ^ 

LA^idfi 9^mm^ i titpH • i oon^>limettti éà 
part^ft scriViamopi co^ quella libertà ecooi-^ 
fklenz» i con cui; si sctìtev«io qise* valentuomiai 
accora del X VI^: fecola . Mo ricevuta la vostra 
g^^sima lettera ) la quale mi ha i;nioit0 4i 
piacele ceca^tQ si con V avvisp della vostra salu^ 
te, come «^ la. jiotìaia della vioiiiia pubblica^ 

3KÌ0M 



X%9. l I t T E K « it I 

|5Ìoke del vostro S.^ Gaudenzio . Fpci vedere U^ 
stessa al Sig. Gvntiloéti , U cui precisa nspostà 
ritrove£6t§ neiroccliiio'viglietto, donde intende--' 
jretè le' dUigehze inconùndate ad usarsi cfa lui 
per' rèndervi servito' circa quanto gli donuindàtè 
intorno ai \pstix Adeltn^nno^'^ FiUstria. XJlti- 
. mamente mi è capitata uh' Opei^H^tta stampala la 
JLipsià'da Già. Federigo Gladit^fiMDCGX.in4^* 
con questo titolo : Di ÌUustribuì 'AlemannU \ 
imprimis iis y quòs JhÙgdeiurium oh nobilkatem gen^ 
tis' a VlL tetti saecutis ad se recepii y ofqueinde 
per mnem EuropaM m ptAlicum ^rhis^còmn^àMm dif* 
fudit ,&t. V Autore sì è uii tale Urtano Qoni^ 
fredo Sikèro Arcidiacono diSnèebèr^.' Qpiviegli 
^arla a lungo del Véscovo JHeimanno àiììSL^^g.: 
52. sino alla 72. Bnetende che quegli $1 chia-* 
mi^sse Alemanno y o JUmdnn^y coma Siieherpo^ 
^putito lo dice^e che trovassi^ questa dénomì-n 
^azione dall' antica sua origine di Alemagna ; 
I^oco però Q nulla dice di lui più di quello che 
pe abbiali detto Sigeherto el itrkemo fra i più 
antichi » il Mabillony il j^lèoy e qualche altrp^ 
moderno. A e. 55. 58. porta i Rytlmi alphahe^ 
$Ui cfi èsjo jfdilmanno dt f^iris Illustrihus sui, 
temporit\ e a e. 58. , e 6i. le Annotazioni del 
Mdhilione^ A e. poi ìéil 72* produce Idi Pistola^, 
del, medesimo a Berengjtrio y senza iarvi sopra 
alciiha Nota, e senza che si veda averla lui 
coUaziohaìà con alcun Gxitce, ma tronca e mu- 
tila tal quale! ^si vede negli astoplari già impressi 
si. n 4^. Filasiria poi del Fabrizio y io qfuasi 
pre^aitivameQéBy^ assicurerei esser egli una di 

quel- 



A » o s T ò.i:. o Z E H o« V»f 
qiidte Òpere > cbe possono ^ ancora zytst luogo 
lidia Bibiiothecéi pramisjM & Utcns dell* Almilo- 
veen^ e quésta è la prova sopra di cui fondo 
la mia corighiéftura . Nel MDCCXYIIL pubbli- 
cò il Fahriiia in Amburgo la seguente Opera 
in foglio: Bibliothecd Eqclesiastivég ^ nella quale 
egli i;oraprese e illustrò con sue I^te tutti gli 
Scrittori antichi , che hanno^ trattato degli Scrit- 
tori Ecclesiastici,' cioè S. Cirolumo , (Senn^Ho 
di Marsiglia , S. ' Isidore di Si^vigUa , lUtfan'^ 
so di Toledo , Onorio ctt Autun , Sightrto Gem^ 
blacense , e i loro Continuatoli GÌMÌÌAno e Teli* 
cà di Toledo, e Y^ Anonimo^ oltre adi Arrigo A\ 
Cant, e V Anonimo Kiellicense, À>/ro Casmen- 
%t^ Ptacido Romano, el Tritemio^ e per fine 
V Aggiù^ia di Auberto Mirco ^ che prima di lui 
pubblicò e illustrò con Note graii/parte deglr 
Autori suddetti. Ora egli al cap. ///. àtW Ano-^ 
«wl? continuatore ^ Isidoro ^ e tS Ildefonsò y fa- 
cendo yna lunga ed erudita Annotazione ^opra 
lo stésso S. Filastrio^ non tlice cosa alcuna cir- 
ca l*avét posto in esecuzione quanto aveva dise- 
gnato di voler fare sopra ^i questo Autore > an- 
ni nemmeno fa motto di aver avuto in animo 
di pubblicarlo.- e lo stesso silenzio usa egli lad* 
dove fa qualqbè iVb/^.. kK cap. LXXXIV. deirO- 
pera dell* Abate Tritemìo^ che quivi parla dello 
stesso Filastrio : il che certamente noA, avrebbe 
dissimulato, se egli o avesse dato fuori V Opn^ 
scolo di quel S. Vescovo, b fosse stato in pro- 
cinto* di darlo , noQ. avendo esso per altro lascia^ 
to di* ràmmemorarje akre sue fatiche sopra que* 
Tom 11^ \ ' gU 



l^Ò i É t t E ifjB D 4 / 

gU Scrittori Ècclesia^ki j che. m var) tempi Jiw» 
va fatti ristampare, ó de* quali era^ bccorso di 
favellare nelle sue Opere da ìoi divulgate • Art* 
coVa non mi è capitat-a sotto l'occhio lalLPar-^ 
te del Codice apocrifo del N»T. pubblicato ulti*- 
màmente dal • medesimo Fabrizio , e pero non 
ho ancora osservato quaiit<^ con molta borita gli 
è piaciuto di dire di mia persona ^ di cui pet 
altro in più luoghi della sua Bihliotheca Gr4ec4 
ha parlato con; espressioni assai maggiori dei me^ 
rito mio. Rendavi intanto grazie dell' avviso, 
come pure deUe ioJi, che date al Tomo xxxii. 
del Giornale ^ le quali però tutte si debbono ali* 
attenta cura del Padre mio fratello pef le buo*, 
ne cose che vi ha inserite, e principal\nente per 
quel beir Articolo che concerne Lhììì Ala- 
manni , donde confesso aver tratte licite noti- 
zie, delle quali, io era affatto ali* oscuro * V 
Elogio Aiagliabechiana avrà certamente il suo luo- 
go nel Tomo seguente , e se sarò a tempo , an- 
che la mia Dissertaxiùnt sovra Boezio . L* aria 
di questo paese fa in me queU' effetto che ci suol 
fare generalmente , cioè che mi rende più del 
mio consueto tardo allo studio» in cbe però non 
ha poca parte V esser privo de' miei libri , ipol- 
ti de' quali sarebbe inutile qui ricercare . Inten- 
do con piacere quanto mi scrivete della Disstr-* 
tdZsioni vicine a pubblicarsi in risposta a queUa 
del comune amico . Esse precederanno la vòstra 
ài tempo , ma non le, torranno il primato del 
merito . V opinione di lui ha più ammiratori 
per la lievità, che seguaci per la forza delle ra- 

giV 



A p ò i f e t d 2 1 N o* ijr 
gtbnii In essa egli ha volu&> confonharsi al ^ud 
direttore di queste materie 5 che. è il celebre A- 
baie Bacehitii . Pregovi di tivetire divotamente 
a mio noma il chiarissimo Sig* vostro fratello i 
imo singolare padro^ae > e di ringraziarlo dell' 
incomodo ^ che si prende per proccurarmi le iié^ 
tizie desiderate dell' amico Doni defunto , le 
quali mi saranno carissime ^ Gli direte inoltre 
che ben subito avrei dato ordine al Padue mio 
fratello di spedirgli le Epistola di Plinio con le 
Nope de' Far} , se il mio esemplare fosse rima^ 
sto ih Venezia"; ma e$$o è uno de' pochi libd 
che meco ho recati di qua dai monti. Starò ia 
attenzione di procacciargliene un esemplare , e 
in ogni caso, quando a lui piaccia 9 lo servirò 
del mio proprio • Finisco ^ e abbracciandovi con 
tutto il cuore sono • • « • 

* 507* Al Sii* Antonio ysllisnicri ^ 

Viennn^ z$. Maggio 172^^. 

NOn ho che scrivervi se non dirvi che go*- 
do pafetta salute , e che fo una vita ri»- 
t>osata e tranquilla. Per chi ama da vero , co- 
«ne voi fate > questo è dir tutto . Desidero a ver 
nuova del vostro statò . La. stampa del vostro 
libro si va ella avvantando ?. quando credete , 
' che ella sarà terminata ? Ho inteso dal Padre 
inio fratelto T addottoramento del Sig. Uber . 
Non dubito che voi non gli abbiate > anche à 

H 2 mio 



t$> t » t T ip ^ » ^ I 

mio riguardo prestata ogni amorevole assistete* 
%k: di che vi rìngraj5Ìo quanto so e posso. Fa- 
temi ave<è uoa' copia della lettera scrittavi da^ 
gli iiQCi^àeiYUci li^differèfìti . M' immagino che 
libila sia una delle solite freddure di que! poi^i 
iicioli Milanesi, che sempre hanno perseguitato 
ìt nostro Giornale • Ho scritto à mio fratello ', 
^he nulla vi badi , e' ch^ tiri avanti senza de- 
gnar costoro di risposta . Ma se vói sapete chi 
^óno» rimostrate à loro» che hanno il torto di 
dolersi . Chi fa uh Giorhale , no^ ha l' obbligo 
di parlare; di tutto mii)utatn6nt^ • Esso h% dei 
Riguardi iipi qualche occasione V cbe uh' altro not> 
avrebbe. Se lorp ne spiacè uh silehzio che non 
gli offènde, scrivano a loi; talento un* altro Gioi:- 
liale » e si soddisfacciano * £ poi a che tanto 
àflfannarsi di veder nominate le pose loro, e de! 
loro amici in un' Opera , di cui tanto sparlano , 
è che d|t gsii è giudicata sì dispi;egeyole ? Io per 
ine non mi contenterei gianjniai di vedermi no- 
minato né men con lode in un libro , che fos* 
se §ciogco, e da Qulla • Il ^ig* Cogrossi è un 
valentuomo nella sua professione 5 onde avete 
fatto benissimo di averlo guadagnato afforesta 
Università. Rivefite gli amici, cioè iSigg.Rpp 
leni, Mo^rgagni, Bosip , Fa^ciolati , Lioni , e 
gli altri tutti . Il nostfo Ippolito sta bene , e^ 
con esso di qui ad pttp giorni mi poiflr-erò ai so^ 
liti bagni per meglio consolidare ,' e asciugare 
la gamba, che sempre si risente della passata 
sciagura, poco, o molto* L'ultimo Tomo del 
piprnale nii ^ piaciuto gr^indeindtite^ 9 Sua M. 
^ ' ' " • ' . me- 



À P O S.T Ò t Ò Z E N Òi- iii , 

{ncdesima rtóa molto gradito. Rassegno il soli- 
to ossequiò alla Sig. Laura , e alla Sigi Oau*' 
diaj e di cuore mi dico qua! sono ; • i * 

jàS* Al Siii Andrea C^rnaro. k Venezia. 

yitnnd 8i Giugno 1720Ì 

L'Avviso del vostro felicissimo . arrivo mi ha 
grandemente consolato. Io era impazientis- 
$imp di averne la .notizia j quale, appunto me 
Favate avanzata. Lodato sia Dio Signore di tut- 
to , e {)iacciagli di mant^iervi sano , e di prcv 
sperare lungamente le - cose vostre • Goda che 
abbiate trovati, in perfetta salute tiitti quelli, di 
hostra casa. Non mi stupisco » ciie al ritorno 
siavi sembrata piit vecchia , la Sig^ Madre di quel- 
lo che r avete lasciata • In una persona dellat 
sua età ùii mezz* anno di più fa assai ■ maggiòit 
tangiametito 3 che in una che. rie. abbia 35. o 
30. anni di meno i óltté di che. i cangiamenti 
deiraspettd non sono cosi Sensibili a chi gli ha 
tuitto giorno presenti,* còme a chi si disavvezza 
a vederli per qtialche tempo • Abbracciatela ca- 
lamente a mio nome;» e riverite pure la. Sign<^ 
ra Cognata, le SoreÙé, i Nipotini; e gli ami- 
Nti* L'Abate Vianello ini ha scritto di aver ri- 
cevuto 4^ voi i quahto vi avea consegnato per 
esso. Egli non. lascia d* impòrtuiianm t ma un 
Vo^ró . sodo ragioriamèntp ^pero che finirà di per^ 
suaderlo della impossibilità, in cui sonodiconif^ 
piacere al suo' desiderio ^ Farò col ^ig* Conte 

-t j . Sa^ 



^34 IrETTiREDl 

SavalU y y^diXchtsQ Bartolommei , Conte Mosche^ 
ai e altri, quanto mi commettete • Al Sig. A- 
bate Pariatì pregovi di scrivere due righe di scu- 
sa con lettera a parte : il -che sono certo che 
da lui Sfirà sommamente gradito . Oggi final* 
mente ho ricevuta lettera dal Sig. Zio Sevastò , 
con una diretta a voi di >risposta : la quale tro^ 
verete qui occlusa. Ha mostrato molto piacere, 
cke gli abbiate scritto , e se n' esprime nella 
mia con molto sentimento • Scrivo al P. nostro 
jtateUo , che proccuri di feir capo col Sig* Con» 
te Sava , Coasìgliere del Czar qui abitante , p^r 
la sicura spedizione al suddetto nostiro Zio di 
lima cassetta di libri , che ho ^tto apparecchia-* 
i5e per lui . Se trovate apertqra di raccomandar- 
la a quel Signore^ che mólto ama la persona 
del Sig^ Sevastò , mi sarà molto caro . S, £• Fo- 
scàri parti jeri mattina • lo sono stato a riverir- 
lo piiL volte , e mi tratteni seco in lunghi e 
soavissimi ragipnàmenti . Compresi , eh' egli vi 
ama di buoa cuòre . Mi disse , che nel soffitto 
di sua casa aveva alcuni armar) di libri vecchi , 
9 con la sua solita frase me ne fece un rega-* 
lo . Oh 5« fossi costì , e pote5>sì avere la liber- 
tà di vederli,^ sonp certo , che ne trarrei fuori 
qualche buon pezzo: e forse anche mi risolve- 
rei a comprarli tutti • Bisognerebbe potere far il 
catialogo. Se riuscisse a voi di ottenere, che il 
K nostro fratello li vedesse , si potrebbe fare 
un buon colpo . Nulla voi mi scrivete dei libri 
del prete di Eontana^fredda . Questo è segnQ , 
che Q ijion avete p<jtuto vederli , o non vi sie- 
te 



A Pi S T O L O. 2 B N O • 155: 

té sopra essi acccMrdato • Intanto, vi abbraccio dì 
^feore , e sono . • •, . 

*j0^v-^' Sììk ^t9nÌ9 FaUismeri. aPddàva. 

Vienna 15. Gingnd 1720- 

PÉr minile prove di debito e di amicizia po- 
tete essere molto htn persuaso , che poche 
còse ini sono più a cuore , che le vostre sod- 
disfazioni, e i vostri comandi \ e che in occa- 
sione di potervi' diraosfraife questo mio deside- 
rio, incpntrandosì dalla parte mia qualche osta- 
colo , segno e , che ho tale precedente impegno, 
da non potermene distaccare e rimuovere senza 
niancare a me ^esso • Tal« appunto si è la pre- 
sente congiudtura 3 in dui mi fate sì calda in- 
stafnza d' impiegarmi à favore del P. Caraffa ^ 
Monaco Olìyetano, per proccurargli l'onore di 
queào Cesarea pulpito. Io per verità ^^^ oltre la 
vostra attestazione ed impulso > ho molta stima 
per CQtesto Soggetto , e forse inclinazione di a- 
doperarmi pe:^ lui ; ma sappiate primieramente > 
che in niun modo da me dipende , come costì 
ne córre voce,, una sì fatta elesjione: ch'io né 
mai ho proposto, né mi prenderei la libertà di 
proporre ad un tanto Monarca ri suo Predica- 
tore di Corte : in oltre , che '1 posto per 1* anno 
Venturo è già destinato al Sig. Canonico Badia , 
t>en noto per tutta l'Italia; che per Tanno* sus- 
seguente seno tenuto , il che non dissimulo , a 
fere ogni sforzo ,per un mio carissimo e degnis». 
\ H 4 simo 



ì^é . JL E T T E H È . b i 

Simo araicd mio , non meno che vostro ì eòa 
cui ne tengo antecedente parola^ e di cui non 
posso far confidenza ne a voi , né a persona ; 
se non dopo l' esito * Tutto quello , che mi à 
concesso di fare per Voi , e per il P. Caraffa ^ 
si è , che se 1 suo nome sarà presentato allo 
Augustissimo Padrone > e che a me ne sia di^ 
mandato parere, io gli renderò quella giustitia ; 
che se gU deve» e che per qualunque riguardò 
noh' posso negare a persona di merito i cqme es- 
so ; Di tanto potete assicurarle quel nobilissimo. 
Reiigioisò i Ho inteso dalla vostra con sóm^io 
rincrescimento il pericoloso stato di S..E. Sei 
Bastiano Pisani , al quale desidero un pieno ri^ 
stabilimento in buona salute anche per riguardo 
di voié Piacemi > che la stampa del vostro li- 
bro -sia terminata ^ e che la Dedicatoria siavi 
riuscita degiia del Monarca ^ e di voi . Odiando 
indirizzate i libri per la dedicazione 3 fate, che 
vadano in manp al Sig. Cavaliere Garelli 5^ac=- 
ciocché esso abbia l'onore del presentarli « Sip^ 
piate in confidenza, ch'egli è un buon amico ^ 
uomo di onore ecc. ma sommamente dilicato i 
talché mi mette in . soggezione ^ quando parlo 
con lui. E più facile averlo amico da lontano, 
/ehé da vicino, ed io fo tutto per conservarmer 
lo 3, e per verità non ho occasione di lagnarmé- 
ne, anzi essergli tenuto di molto : ma i come 
dissi i serbo tutte le misure^ e le convenienze} 
oltre di che egli fu il primo a parlare del vostro 
Libro ai Monarca , onde se gli cedo la premia 
nenza 9 non fo eh' il dovere , e insieme il von 

tttó 



À p o^ 9 t p £ o .3 t ;*.<>• t^f^ 
iimJraftcaggiQ * Sempre più mi obbligate p^ 
quanto a^vete Éitto » e andate facendo per .initrii^ 
zione del Sig« Ùber • Qsiel Ricettario Ms. cho 
gli a\reta dato^ ^ un faror? partìcolate , e per " 
cui può essere, che ai^maì^zi a suo tempo «qual* 
che .dozzina d]^^ammalat;jl.di più ; perdonatemi : 
i^o fallatq: Volli dire di ménb;> di quello che 
avrebbe fatto ^enza di esso. Atteilderò. la Let«* 
tera degl' Indifferenti jsoù vostra comojdità • Ma 
come sono Indifferenti > ^se. sono tamto appassio^ 
nati? Voi molto bene, avete, a. costoro teutatò 
il nome ^ in quello di Coglioni : aggiugnejcevi 
quello ^i pipecidenti • Coi Sij^ Cogrossi .e Scp^ 
ti sempre più si rinforzerà cos^ il partito dp* 
galantuomini Professori)^ eh' è. il vostro • Miral<^ 
legro ^ che lo Studio abbia^ fatto acqiiisto . di utì 
sì degno Riformatore, quale si è j' Eccel^entis- 
sÌQ(io Sig. Frocùrator Cfi^lier Grimani ■; mio sili* 
golare Padrone j e con cui qui bene spesso bd 
tenuto ragionamefito circa la vostra persona r 
Salutate gli amici, e abbracciandovi i resto ..; 

510. jil Sii* Contt di Savallà. et VUnn^l 

Vienna 20. Gitiino t^tél 

IL passo di Plutarco ^ che si legge nella Vita 
di Teseo, sopra di cui è piaciuto ali* E. V* 
di chiedermi il mio sentimento , ha dato occa*' 
sione a molte persone erudite di esaminarlo atw 
tentamente > e ha fatto nascer dei dubbj i ifl^ 
torno alla cui soluzione trovo divisi ì par^l 4 

io 



|o mi sono appigliato ^ quella pairte, che; giu- 
dicai la* più ragionevole , e- che 3» per quanto rU 
<;ave daUa sua tBedestma lettera , sembra anche 
9, lei la migliore • Io fo gran caso iri simUi ma.^ 
ferie, che riguardano 'F erudita antichità , del 
inatm*<> gìudicio di V^^-J^. ijion essendomi ayve- 
Buto di sentirla ragtonaire sopra alcuna quistio- 
ne, bei^chè difficile e astrusa , senza riconosce- 
1»* che ella si lascia muovere e persuadere dall' 
aBìore della verità, e dalla forza della ragione , 
^nz^hè dair applauso della novità , che molte 
|>ersoae anche dotie. -affettano di wnsegqire, più 
per parer singolarfc^ che perchè elleno sbi^ssé se 
ne mostrino paghe e convinte^ 

Dice adunque Plutarco , che Tes^ fe battere 
una moneta in Atene , scolpitovi sopra un bue , 
per ' simbolo deF tpjco Maratonio , oppure del Ca- 
pitano- di Minosse , ovvero per eccitare i suoi 
cittadini alP amdre delf agricoltura : dalla qu^I 
moneta dicono essersi appellato F Ev^ambeo e 1 
Dtc^eo. te parole di lui sono queste : eV^ì 

rtfi^, i Sipt rk fAifm gpotrr^if 9 w irfk ywpyletf rig 
VfXlretg Tr9tpa9ut>Xv . «V*" 4x«»« Jé^ fu^r ri inourif^fio^ 
i#vr^ 7-J <^X)«i0«iM «V/^^d'niKa • le quali secondo 
la versione di Guglielmo Silandro , significano : 
Signavit (Theseus) etiam fmmnmm incisnm ho-- 
ve y vel oh tawrum Afaratboniwn ^ vel oh Minois 
I^ucemi Vii ad agricHlturam cives incitans . tìinc 
ytrum^ JHbcÀt^mkoeoH & Decahoeon diilttm . Non 
diveBsamente dal Silandro sono spiegate da Er- 
manno Cruserio: e assai prima dell' uno e dell' 

al- 



Apoaxote % n if o. tj^ 
altro le' (rasiate hdfto fiiraga » il giovane , dà 
Castiglionchio , aggiugnendovi però qualche co» 
per maggior chiarezza del testo: Nummttmprsc^^ 
urea st^itmt , bovemque in io in^idit , vel ^ 
M^V^hpninm taurus^ , vcl ah AtànoU 4i^cem y vft 
qnia d(i diri ctiltion^m cives prùvacarc velUt ♦ 
Ah €0 nummù. Jdcitur Htcatombaeon , qmà fstctn^ 
tum hgHm , & Decaboeon , quod 4st 4ecem , n9^ 
fwni praxisse . Il Consigliere Jacopo Araiot , la 
cui versione di Plutarco dopo un secolo e mezw 
2K> in ebrea, è ancora in grande stima appresso 
i s9oi Francesi, benché in essa siefio^ stati no* 
la4 gravi e frequenti errori , trasportò in questa 
guisa le suddette parole ; D* avantagù il fip fot-» 
ger di la monnoye , q^i avoit panr n$arqH^ un 
»<keuf^ en m^mcire dn t^iureau de Maraahen , a$e^ 
d» capitaine de Mines , eu poHr inciter ses cit^ 
yenj à s* adonner 4h lahonrage : \(^ dit-oìi' , ^ke^ 
de Qfttse monncye cnt depuis i$4 ìfppell^s HecéUom^ 
hoeon & Decaboeon , qui signifie 'uÀlant éent hoeufs ^ 
& valanf dix hoeufs , Su queste ultime parole» 
cade il primo dubbio di V. E. /poiché intcrprc- 
tandosi letteralmente la versione dell' Amiot , 
corrispondente a quella altresì d^J/Birago, se T 
ecatombeo valeva cento bovi animali, éìdecabeo 
ne valeva dieci, "dovevano queste due monete , 
e la prima in particolare , essere d' una smisura- 
ta grandezza . Per la qual cosa sembrar potreb- 
be più verisimile il credere, che la moneta del 
bue battuta da Teseo , essendo di poco peso , e 
di poco prezzo, V ecatombeo non fosse che una 
moneta corrispondente al peso e valore di cent0 

di 



ÌJJ.Ì tÈfrÌRB b i . ^ 
dì queste plcxiole monete ^^z^'^ él deuiei liiìl 
èorrispdhdente a quello di dieci; pi queste mo- 
nete non etóetidó dallo storico specificato, il me- 
tallo,, ne ilasce Un secondo dubbio ^ cidè, séfos* 
itero d*òrò> di argeiitò; di rame, di fèrro , ò 
d^altra. materia ; sapendosi the fino di stagno 6 
di cuojo^ ri' ebbero gli antìctìi nella prima loro 
instituzionèl , 

Jl?^r procèder còti ordine , ^senzi di cui s* ira- 
hf obliano ; pia di quello che si sciòlgano lei. 
difficoltà , dividerò la materia. , di dui debbcl 
trattare per ubbidirla , in alcUtii punti j i quali 
tutti à meglio spiaiiar la qùistione contribuisco-^ 
ilo i h Sé la moneta appellata hue (osst battu- 
ta , p no, coii riraprpnto di questo ariimale ; 
IL di qi|al metallo ella fosse . .III. di qual va- 
lore. IV. sifto a quali tempo si masse in Ate- 
lie . y. Se r ecatomheo è 1 decahco ,' che da tss^ 
presero il home, fossero riiortete vere e reali ì 
o fittizie e ideali. VI. Sé il valore di essi deb- 
bisi intendere corrispondente a quello di cento 
hvi animali > Ò a quello 'di cento b$vi monéte .' 

, Non sembri punito strano a V. E. ch'io pori- 
ga di primo tratto ih controversia uria cosa i 
che. da Plutarco vi^e sì espressamente asserita: 
cioè se Teseo in Atene facesse veramente bat- 
tere una ifeoneta marcata .con t imprpnto di xin 
bue. Ottofne Sperlingio, letterato insigne Dane- 
se j' pufbbHcèr venti anni sono' uria erudita Di^ 

ser- 



yertazìone' 5Óprà le monéte non battute fi degli 
antichi, sì d^'nióderni ( Amstèlaéd. 1700. in 4^ 
^. Francùcum tìdlmam ) . In èssa egli impiega 
parte del capitolo I. e* tutto il XXII- pei; soste, 
ifère che quésta' monéta bue ^ e le altre cogno- 
ininatè da 'èssa, fossero di quelle che inai noii 
uscirono "^ dai mopétarj ; é^ perchè le' paròle dì 
Fiutar éo son troppo cohti;arie a questo' suo sea-^ 
tiiiientó 9 ;iòh si fa il menomo sfirùpoìp di di- 
r^' , "che fallii & fÀUìiur bonus iÙ^ philes^bfi/ 
{ >^* 143- )• Egli vuole pertanto ^ the Te^ 
altra non abbia* fàttp, se non insegnare agliÀ- 
t|niesi il modo 4' incìdere' e tagliare in tante 
lamine tanto ^\ orò , d^ argentò , o^ il* altìo me-, 
tallo, quànèo loro bastasse a comprare un bue : 
Iq quali lamine si appella^sei^p* ^ert;i , non per 
C?$e^ cpniàte dfill^ figura di questo animale, ma 
per essere di peso equivalente al yàlprè di uà 
bue: e che quindi ancora fossero détte Eeàtoig^ 
b(^ e decakei le lamine , che "a "proporzione ^di 
pè^ valessero cento , q dieci bovi effettivi .' Ta- 
li lamine^ pertaiitò èT conclude ( p^j. 146. ) npa 
^ssèr nummi, ò monete di conio, e bàttute', iìik 
pe^i , masse, imìiiaata^ ^fy^fn , m^JiiitH ^ tàglia» 
t^/e segate instai guisa, perche più ageVolnifn- 
tè nei vicendévoli contratti si ipettessero in u- 
sò^ le quali essendo rp^ie e imperfette, fiitt)]|o 
yh primp abbòzzo e modèllo delle (honète , cke 
*? I^rogre^so di tempo vennero nel commbiiio 
introdotte . Pretende inoltre , che prima di bi- 
done re di Argo qon si coniasser moneta , e 
che nel luogo allegato' di Elutarco , come pure 



t^% L È ¥ f £ H È i» i 

in un altn> di Erodoto » ( Uh L tu 94. i9t tèi 
ctns. pùstr» jàt. .Gràftvv. 4. 1715; ^ ove ragiona 
dei Lidj, come primi inventori di essQy unapa-» 
tola non bene intesa abbia fatto errare gì* in* 
terptetl . Dice egli pertanto ( p. 7. ) che il vet^ 
^ neTrrmy di òui si servono Erodotto 6 Plutaf-i 
co ne' luoghi accennati, non significa percHtere ^ 
ii^nare nwnmtim^ ma iecare ì €ons€Ìndere ; e chd 
là dove scrive Plutarco , che Teseo iw\è uiAffrfm 1 
dò non si abbia ad intendere di monete ba^tu-^ 
tei ma di lamine tagliate ad uso di moneta « 
Sigììificat énim iti^r^ nullo modo pì^oprie cudè^ 
re y sed secare > conscindere; quod de nammù 
non casi$ in lamellas ■& alia kipfÀecrà pra usti 
nummofum sedis melius dicitur , quam de cusis « 
Tutte quéste còse però di tlpeciosa appatenza 
SQno addotte dallo Sp9rlingto senza V appoggio 
di alcuna prova , e tutte le suddette iantina 
monetali escono dalla mera zecca del suo ca« 
priccio . Imperocché primietamente qnatito al ver- 
bo «fl5»y#^ j egli è ben vertf che di sua natura 
significa tagliare j incidere in parti ; ma quando 
sì parla di monete, non altro significa, che^^r- 
tere e coniuge le stess? 5: nessuiio esempio ed au- 
torità potendosi allegare presso gli scrittori Gre- 
ci, -che faccia a favore di. lui : certe vel iexcen^ 
tis Miseri posset loci/ thrrm ìotua-jatM non aliter , 
quam de signatura nummorum intelligi posse : 
scrìve, contro di lui Tiberio Hemsterhuis nel suo 
dotto comento sopra T Onomastico di Giulio P9I- 
luce . ( lik tx. cof. IV. segm. 60. p. 1028. ) 
Non inganna adunque , e non s' inganna bonsti 

• ille 



A i> o $ T ó t ò Z fi H 0; I4J 
illc Pkilos0phHs y Quando asserì» ch« feseofe|MKt*j| 
tere un danaro con T impronto d' un ^, d2l 
cui ne prese anche il nóme. Di questa itìoneta, 
la quale fu certamente la prima che si usasse 
dagU Ateniesi, trovasi menzione appi^esso iGre* 
ci scrittori i Ne parla lo Scoliaste di Omei^ al 
XXIIl. deir Iliade i dove pure ci rende un* al- 
tra ragione del ine scolpitovi sópra j diversa da 
quelle tre, che ne ha recate Plutarco . Gii an- 
Wri[y/\ die' égli , avanti l'usò delle monete perH^u^ 
iàvam le loro merci còri animali ; iootide ^ ritrò-- 
voto dipoi l' uso delU medesime ^ le segnavamo coh 
V impronto del hue per dinotare F antico itoetwnet 
fih hr duna f^ir^tv» • La qual cosa conformasi 
parimente con T autorità del compilatore delgran^ 
de Btimologico, vanamente attribuito da alcuni 
ad un certo Nìca ^ nella voce- ixàtrtw^t^ « Anche 
£usta2Ìo^ il più celebre degli spositori di Ome» 
to, scrive nel comento del II. dell' Iliade , es^ 
serti fatto ciò in onore del suddetto animale 1 
ma da g^sto animale furono le monete appellata 
bovi , e perciò in esse incidevano parimele nm 
bue 9 principalmente gli ateniesi in onore di es» 
jr(^« E in uà altro luogo conferma la stesila co* 
^: Impef occhi gli antichi onorande questo ani* 
male ìH per molte cagioni , sì ancora per esser 
sacro y^ scavano da una parte della moneta tà 
figura del hn/e» e daip altra l* effigie del re. Non 
4 pure da ommettersi queUo ^ che ne dice Poi* 
luce nel luogo sopracitato : Ma antica era la 
moneta degli Ateniesi ,, ed appellatasi bue , pet* 
che m/eva impressa la figura di un Ime : (e «^< 



>JHTO 



I 



I{44 , ^ t B Tf T E «l « » I 

autorità, ed dtre, che potrei allegare , di' ÌEsi-' 
cbio , di Suida , di Zenobiò^ e di altri ^ stiina 
i sufficiènza provato, che tal moneta fa vera-[ 
inenté battuta con V impronto di questo anima- 
te» da cui anche prese la denominazione (ti ^^t^i^. 

Più brevemente mi spedirò nella ricerca de( 
fecondo dubbiò , che è , dì qùal metallo' eHa 
fosse. Riferisce Ateneo { Dipnosópk lih. XV. p^ 
^69^ edk LugA éu 1^5 7. f* ) che Dionisio , o^» 
ratore e poefa Grecp elegiografo , fa il primo. , 
che con una sua orazione inducesse gli Atenie- 
si a servirsi della monéta di rame » è di bron* 
zo, %sCK$^ ìofita'fAttTt > dalia quai. cosa egli* poi 
ottenne il soprannome dì d^kày cioc Ene^\ che 
più volgamiehte dir non saprei,' che bronzin$ . 
Con questo soprannome lo distingue anche Arit* 
stotile nella Rettbrica ( Uh. IL c^. I/t )• Ma 
' in qùal tèmpo questo poeta vivesse , non si sa-' 
frebbe agevolmente ' determinare , se non se no 
avesse qualche indizio è barlume da Plutarco , 
il quale nella Vita di Nicia racconta , che un 
ccr^ Jèrone confiàcnte di esso Nicia , appresso 
il quale era stato educato , spacciavasl j^tt fi- 
gliuolo del poeta Dionisio , che CMco fii cò^o- 
minato '• Non molto prima adunque di Nicla » il' 
quale visse ai tempi di Alcibiade nell* Olimpia- 
5le XC cioè a dire intorno a otto secoli dopo 
Teseo, e quasi due dopo. Solone, fu introdotto 
' dal 



A P O^ S. T Jt O Z E H. O • l^p, 

^ suddetto Dionisio iii Atene V uso di batter 
monete di metallo, delle quali, come di moner* 
te, i;ecenti e cattive , parla con poca lode Ari- 
^^o&ne j che non molto lontano da que' tempi 
fiiMrivil^f tielja CpnimediA delle I^ane ^ v^ 7|o. 

^HfsM nostra ^ CittÀ^ spe^s^ mi: p^rp^. 

Ikgli uomini da ben far t uso istesso,^ 

Ch$ fa dille monete antiche f nuove • 

ISioieke non zi^ wi^^ ^k Rame, oViou^o^ 

Ma /* OTTIME disprexxA e quelle lascia 

Che hanno impronta n^ioro^y e^, miglior suono ^^ 

Tra i Barbari j' e tra i Greci andar disperse^ 

Jfia t altre di vii ramb.^ ^, |^ssA ieÌ?^»^^ :s. 

Che C ALTR,* nKfur battute^ apprejuui e spffii^ 4 

7*4/ anche i cittadini ingenui y < jw^s^j,: ^U^i* 

ÈgiuJÌti^j^ e onesti^ e necessari^ £ *«*/k^; ',^.; ^^»^ 

jÌ la palestra avvezxi% ai cori^ t ah cantà\ \ ì '*r 

Lascia Ut non calej .9 mette in opra f vili ^ 

di stranieri y i fli^alv4gi ^ olii cattivo 

Scmo^ prodotti , alme servili , e, sf^ln ^ 

ÌErfk noi pocl^uizd^ ad allignata, vcHHte ^ 

B^icercar moneta, ijn Atene avaiiti il tempo del 
suddetto Dionisio, fuorché, di asgento, o di oro, 
arduo sarebbe ed iQ^til^. Lo Sperlingio però sup»- 
pone^ ma senza fonflaipento alomo » che la mo- 
neta bue, noa fosse, che il. pe^ di una libbra di 
ranv:. ìa che nondimeno egli s' inganna di tmh' 
to • Ellai era di argegro , poiché valenilc^. ,^ come 
vedrassi, àxit dramme^ ^t%^tndoàtti^didracmai 
Tomo III. IC, si, 



1^-6' L E T T È H È D i 

SI sa, che «fBanda èì parla etélk Ai^aflimé, S A^ 
tene , seiJz' altra speèìQcazio&e ^^ étla s* iàtetìtjé 
sempre di argcftté ; onde da; Alésfsarcò , déttó V 
innovatore delle parole > pre^à» Atetieè f libi Ili. ) 
\»e|[ , chiamata semplicemetttó 4^^/; eìdè <# ai?- 
gento,; ed in que' versi de foriderihus & nknèm 
ris i che vanno Sotto il nome di Rennio Fan^ 
nio Palemdne , e che àlduM attribùHfcom> a Pri- 
sciatlOi leggasi; 

„ ì» sàfupulis pernii dfaeftiìianl ^ #o p0;ideré 
doièù ' ; 

^ At^mì facilù' siinatPti' nwnmks Jlt&eàisi 

Sicché 4* antica ftictoeta dd ^^ fcatfota dà "te- 
»ed Jfì* Atene era solo di Argénioy e ndii àktì^ 
menti : la qual coia apparirà aricòrà pia mani-* 
festa, fieir e^me del tèrzo queiito i al quale, of a 
mi avan2<»^. 

§^ III. 

Del valere di qtiesfa moftet» ci assicura VóU 
luée j da €vii ( L t. Segm. 6i4 p. 2025^. ) ab- 
biamo , che ella valesse due drkinme Attiche 
di argento, e però fa detta ancóra didracma . 
Attesta €gli, che nella sacra legazione a Delo 
il trombetta gridava , in occasione di assefgnare 
il prem^ ad alcuno , che a questa saranno da* 
ti tanti bovi , e che per ciascun bue gli saranno 
contate dui dramme Attiche : <f ìli^^ttà ,%éÉf ?• 
)(A?^y Jìif ^ fyOcpMi 'ArrtnJk * E da ciò alcuni 
argtiisconp essere statoci! ^Ȏ wia moneta pro- 
pria 



Apostolo Zeno* t^f 
pria di quei di Delo ^ e non di quelli di. Attf^ 
ne. Esichio nella voce ièndfi^m asseti , che pec 
la suddetta ragiom ^cuni furono di parere i che 
il K» fosse moneta dei Detiensi » alla coi Iso* 
la ciascun anno mandavano gli Ateniesi unasa*- 
età legazione , della quale ha fatto nominanza 
Callinucp nei suo fniìo a belo. Ma ritornando 
.^ al yalore della moneta di Teseo , Im Scoliaste 
antico di Aristofane al v. iio6» della Comme- 
dia intitolata ili Uccelli i dice espressamente i 
che le prime monete degli Ateniesi erano didra^ 
cme j e improntate con V effigie del iu^ ; Tel 

Se tale era piertanto il valóre *-di questa piccola 

moneta» ben vede V. Ecc. non essere in verud 

^ modo credibile il sentimento dello Sperlingio 4 

I il quale pifetende^ che ella fi)s$e detta ^^ non 

per la figura impressavi , ma perchè con essa 

fo$x stabiliéo il preizo di un animale bovino i 

Mettendolo egli a costo si vile , solo per daif 

peso alla sua opinione : quando air opposto ajtK 

Èiamo da Plutarq? nella vita di Solone > che 

un bue efiectivò valeva in Atene cinque dram^ 

me. Imperocché dice questo incóoiqparabile isto« 

tì^y appoggiato anche all' autorità di Demetrio 

F^ilereo ^ che Solonè fece una legge , con la 

quale ordinava , che a chi avesse recato uà lu« 

pò , ftstero date ciaque dramme ; a chi unal lu« 

. pa una dramma: aggiugnendo che unaDuAMacA 

^ era il prezzo di una pecora , e ctH^i Draì»» 

MIT erano -il PMZnà di un nvt • ^ 

Egli è però da avvertirsi ^ dkt avanti Solont 

K 2 una 



r^S L ^ ^ T 1^ DL f p K 

una Dramma Adfica era di maggior valore: imr 
pci:cipcchè la miiia Attica , la quale dà prima 
non costava» che 4i sessantatre dramme , fu da 
^so Solòne ri4otta a cento : talchi una àtini^ 
ma, che prima ecà la $e)s^aote$ima tersa ^ parte 
a una mina^ yenfie poi ad '<p$$erQe la c^tesi- 
qsa ; e questa alterazione fu ordinata da quel 
Savio legislatore ad oggetto di sollevare inqùal-- 
che parte i debitori dal peso dei loro debiti , 
$enza pregtudizio dei cfreditqri » sitcqmè nella 
Vita di lui ci lascia scritto Plutarco' « Notisi 
ài|Cora , che io Atene ebbe corso un' altra mo^ 
neta improntata còlla figura del kue, d'etti W^^ 
fy^Hs y niwuiiH 9 nominata da Aristofane nella 
Commedia intitolata la Race; sopra il q^al lùo^ 
go dice il suQ ^colia$te, che if collikq era ima 
specie di vii moneta > della q^ale ye '{le fu di 
rame , come rapporta E$ichiq ^ e ye ne fu aiico^ 
ra di argento , come attenta Polluce i ma élla 
non fu mai appellata tue ; della qual denomi-^ 
nazione rìiiiase solo il privilègio a qi^èlla di 
Teseq • Noterò altresì di passaggio , moltissime 
esser le piovete antiche , is principalmente delM 
colonie Greche^ le quali ppÀaQo impressa la fi* 
£ura di questo animale : é |e prim^^ i^satq dai 
domani pprtay^Qo Tiste^so improntq , o quellq 
di un porco» ovvero di upa pecpra : Quocircéi , 
dice Plutarco ( in P^tlUcla ) shas féicultéitei, 
(tiamfmm s pecudiius peculìa naminant ( RùfUéh 
91 ) & vemstissimis nummis^Qynu^ aut ij^em ^ 
éuit suem insculf^^Mt: e la stessa cosa 6 ri^ 
féte ip a)t]:a sua <s>era> ' 



Adottato Ztitì^ Ì4# 

$* iv; 

ChM^to tracio dotasse ia Atene T osò delUt 
hioneta twc ; noa y\ hi per quaato io ne sap-^ 
pia, chi siasi preso la briga di ricercarlo • So* 
pra.di questo io recherò, alcude mie particolati 
toaghiettore; acciocché V B. Y. ne giud&òki» ^ 
me ne corregga. Ella .clprtamente fd in uso dal 
tempo di Teseo a qijiet di Dracone » che primxj 
ciiede . agli Ateniesi le leggi , nòti per altra c6^ 
sa più celebri ; che per la loro seventi 9 e ri^ 
gi^eeza x talché fu detto di esse i che egli Id 
àreva scritte còl sangiie i Fu Draconé Arconte 
fn Atene V anno l . dell' Olimpiade XXXIX: 
( Cdvis. Cromi. ) éidé a dire DC. . e più anni » 
dappoiché, Te^eó ateya. quivi cominciato 'a rei 
j(nare t XXX. anni prima cU Solone ; che ^essen* 
do Arcónte in Alene X anno {IL dell' Olimpia* 
de XLVI. annullò le leggi di Dràcptle j e pre- 
À:risse le sue « 0r^ tra le leggi Hi Dracone ( Boll. 
Qwn^. L e p.' io2^. } tì ecai quella iTTfrikif 
iimftdmi cioè pkgxre ti» dedàte^^ « ria diecina 
nete hwi : pena promulgata cóntro coloro l tìat 
aVesseid pocct decentemoflte parlato : donde ; se 
órediamo . a Zenobio ( Ptavgrb. LXX. Cent. . II. )\ 
liacque,il si trito adagio > fik fVi >Xflbr#f /Ì<iMi<fè 
sta il bné nelÌ3. lingua \ e si applica a chi ih 
parlando utsa òircòsfpetioné e iigùardd ^ Aititi pé^ 
tò gli danno diverso, significato \ applicandolo 
à certe persone in particól^. &M:e;nsi i ctìf hoa 
tanta cèiàe diée PetÌ6nìó LSkf^ik ki^i XIV. } 



I5« ilTTEaEDI 

Nùrtnamquétm vfrbis vendere verha solente 

«a sì lasciano tactomfQtt con danari , accioc^ 

\ che jtacciaflQ^ e tradiscaiiQ la cau$4 de' loro clien<- 

'U:v contri de' quali aon pu^ contena: la sua bi* 

ie. quella grand' anima di Gug|ielrtio Budeo ( de 

^ue liii. V« ) senza querelarsi altamente ^ che 

spesso . di siiiùl peste ve ne sono stati ben mol» 

ti in ogni luogo; e poi soggiungendo: qttad gc- 

nms kminnm cmn sfmptr nùxium rsbus hcffc g€^^ 

rmdis ffiàf tum vero iUi detprimi > atque txi^ 

fialej , qtii non tàvem fnodo in oreysed wjbm in. 

frpmt\ & x^lptm in (or4i get^fit r Caiuai a chi 

cade sotto le zampe di ^i &tte bestie ! 

Ma ritomaxtdo all'usq continuato delia soprad-; 
^etta moneta, io t^on ritrovo che Solone tià mur 
tasse !• imprónta' 4i prima ^ quantunque ad altro 
peso la riducesse y quando ordinò che la mina 
Attica non più di LXXIILma di C dramme co^ 
sitasse* Ritrovo bensì, che Ippia figliuolo di Pi» 
^rato , ùttosi tkanno di Atene V a^o II» deis- 
ta Olimpiade L3^L ( Calvis L e. ) vietò la 
snoneta d'argènttì, allora usuale in Atene ^ e 
stabilitone il preEoo, qual più parve cfa^glitor^ 
passe in profitto, còmatidò chp tutta fosse por* 
(aia al <^ €arrario»^ggiugne Aristotile, da cui 
ilo tratta questa notizia { Oicon^m. lib. Tl^ ) ^ 
cfec il tiranno fettovi improntar sopra un altro 
diverso impronto ., jf t^v )!«pK«rfp« , soddisfece i 
SKloi cittadini cxm quel medesimo argento , che 
fm ricevuto da loro- artificio, di cui i pnnci<- 

pi 



Apostolo Zbno. iji 
ipc eiii:be a* j^omi nostri si sono più cf una voi* 
ta serviti » OW senza loro pai^colare vMtag* 
gio^ ma sempcp ictm pubbtioo detociorapEienio cM» 
le (issali «noneier Q^ fo^ H dìi^eiso indoor 
^ 4li 1^ lurooQ coniale le mx^^ ipod^te <& 
]^ia, Aristotile tión lo «Udùara : ma lio ferie 
ragìpae f^sr c^eàmp ^ ^ iCMiceUato«e l'. antico 
im^ fiiccedesse so suo luoso .la fguca dalla €i^ 
tmffay icofisacjnlia a Pslkde ^ JkJiÀ tutelare . di 
Atene, lo Sociiaslte 4i A|iiiio4m$ ( in Jlrib. «v 
li^C^ ) lesponenilo itfeyni «ersi del Conùco aftr 
eesta, che la n»Meta ac^naia die]^ c^vi:«r# era 
al ^ di Eiloooro^ sméAM^m^^ fijpè di qmitto 
dramme^ meiifre le attfoiofiì monetie eraoip di^ 
dtacmij (s avean^ la ifigwa del ^, sVjnifyv. 9f,^ 
ipt» ffjt^n^ii I vetail di Adstofalae , aopra i qiuals 
cagiona io Scoliaste « suonano.^ oo^, «a voigaBe 
lingua: ^ r ^ 

Zr ciy£TT« Lamiftùèi mài meno^ 
l^on vi verrsn': ms staran f^iusc» ^ nid» 
Vi fm:m ntU0 bwAà^ e in niwrigrfi 
MDNS3ffe cfcluder^np^ :. 

cioè a xfit» avrete m abbw4«tm lie m/èiftMèt- 
tute del metalto caiu^ dal Ifwio^ m queste 
mofiete che ^mmo, inaggtori > è mrétdréfcmi ^t abo- 
fikaano f i^q dette jcaimm «e didr^tcme^ ciie ces- 
ila i àffvl. Sp dunque in A^eoe avaw!^ ;ie mon 
nete coq U Agitta d#i ifiràrr/^4 ivm it'iisitfH^^^ 
che ^^ueile ool.iegno «te^ j^ue^s &^ l\SMeripiEÌ e- 
cono fiMÌ fUi^9 fffxhi H 4Mf siolp^fdiimm.é^ 



Xyi LfitTEUlDl 

le ^stencnri più gràaii, perchè di quattro >' è ie 
finalmente Ippia fu quegli, cfie'pttme alle vec-^ 
<;hié monete canglaisse i'imprdkito; e un ^Itrò 
ve rie fecesse coniare: >eirisimile patmi ; \he 
. Ippia fosse quegli, che iiducesse il didracwM col 
bue al teiTAdtacWM con là vivettM. E, questo se^ 
condd danaro, benché più grande , dovette per$ 
essete di peggior lega ^ e di meli fino argentò 
del primo^ poiché Ippia iFece espressamente qUj^ 
sta altercàtione a mdtivd di approfittariene :. di 
che anche i versi soprallegati del Comico ci ùsc^ ' 
00 fede; ^Alciifiè di queste seconde monete di 
Atene , che ebbero an lungo corso , àvevariò da 
Una parte la testa di Paliade^ e non già diGicP 
ve} cerne vuole Polluce (i.cls^tm 63.}, se pure 
non i^ è falld nel testo ^ e dall'altra la figura 
di una; due^a^mi e se ne ctàb$etymó an^ 
che in oggi neTgabtàetti de* curiosi a 

$i V; 

Ala e|U i cjnfiai tempo' ; ch'io Venga al ^ Ai 
tdtea^ e all' Ecstomtfeo ; i quali . éìt± Plbtarcd 
che presero la denominazione dalla moneta del 
Me • V Amiot tacila jua tradu^iòne.^ o parafrasi i 
che *ogliam dirla J dichiara che l' imo Valevi 
dièci^ i>t/i i e r altro rie Valdl centb > senia peròf 
specificare i se egli irtteildeà che valesifcro tanti 
animati bovini, o tanti ^^t^/ id moileta* lotioa^ 
dktìènò àvàtìti di ayaniafriii allo scidgliraento di 
qiiestó dubbio j mi conceda TE. V. che io né 
premeftii un altto ì non afiatto alleho dal n<^ 

ètirò 



Apotta.tb e « fi o: 15^ 
stM argomento ) ed )^ , se il dii'ifiif0\ t Vicài 
fèmitù fossem monete reali » o ideali ; ò àia bat* 
tute » o* non mai batiste . Lo Sperlingio §i ià 
hdk di Fiutar^ i e di Polluce » per aver egU^ 
m\ secondò lui; creduto ed asserito, chel de^ 
^ésto% e Vet^^aàth^i ibiserb t^re màiete còniaa*^ 
-te coA r effigie .del he l è dà eisa fosseré in tal 
guisia denominati^ Ma iQ.tioii s6 Hiivenire, dg^ 
ve P uno ; o 1* alti;o abbiasio avanzata .totesti 
propòsixMme i che. loro il Critico ittribdisce; 
P^itarco non asserisce altra iiòlaì se iiotx che 
dalla moneta bue ritrovata da T^eti dicesi l' ttà^ 
tìrtàte0y,e*ÌrdiCéibeé esjer denoq;iiiiati , fìèiAàHheU^ 
è ptUre lo Sperlingio il ripreniEle : iei fsllit » d^ 
fàiiùur huus Ute Philosaflnù : kunpism tnim 
DbcabòJii^^ìMFJ eési fiéfmnt^ miùto mhm nt-^ 
cÀTOMBoai • Poco dopi» e' SQggijU^e » che .nell^ 
stesso errore cade Polluce, le cui pai^é da me 
riferite più sopra egli allc;^a: le qtiaii però tùtt' 
altro diiiòtanb , da quello che esso pretende • 
Per altero egli k verissimo i, che U Mcake^ , ^ i* 
ecatombeo non furond inai battuti d^i monetar j| 
e che debbonsi mettere iti conto bensì, di mòne^ 
te> ma di .quelle che solo coftoAo ne" contrae;^ 
.ti secondo ili. valore ideale ^ che ìo^ò impone i* 
opinione degli uòmini quali erano li talenti , i| 
mlne^ e tant'alcr^ , e. quali anche in oggi tìf 
sonò stabilite nell'usuale commercio appressq 4* 
ogni nazione/ . > 

A somiglianza del decàbeé è ddV ecétpmbe^ 

. trovasi, mentovato il tetrabeoj valore dì quattro 

Ì9vi \ V e9(n€4$h$òi che è di n^ve i il iecUc^beé di 



^iia y V mni$$ di v^nti ; « £ieilmetite re m 
caramio <iegli aitici di questo^ gene»* . Tutte te 
^uaU mapLete f;bi potrà mai Àgurafsi, che fosse* 
fo tealpiente t^atrate 5 rìflettetido aireaornie graOf* 
dézzà 9 4i cai avrebbono. 4o}nìXo x^star le 010^ 
fteiime pei^ ^sere equiv^leati al fe$c> e ndore 
JUi vintiquéUtré , di x^kvr^tfi^A ^ e fino di àn^nt^ 
pannile Attidie y cke relativanimte tanto a^^ieb- 
bdoo inifx>itatò i '^di^dàei y^ gli icwsi tei y e gli 
€C^mÌtiì Qjiesti nomi pertanto di «ioaete «or 
1^ • stati ìsktoà^itìik per e6p;r£m6ie o «die compre, 
^le mercédi valore, et mp^nero di tand Arar/ » 
che L^MÌpcatori Coreano dare per t^se^ o iidr 
le pene giodki^e la quantità^ di quelli , die i 
rèi doveano^ fSig^te\ iXHne il ànah^ nelle leggi 
di Dracene ^ e V eCéitdmlMidié pcesticilsìfiliio, efa|t 
fra una pei» di <fnto kcmi ^ ^ . 

$. Vt 

Vengo aU*«kimo del éAh) da n^e giiioposti «« 
^be ^ , se il dtMkt» » e If 9CMomè^ cerrisgo»^ 
desseeo al valore di t^nté im/r MÌm^^ » e a 
mello ^ sinté lnévi móntti • Omero é stato del 
primi à fame menzione neU* wo ^. nelf «Itno 
étì sìoqk maggioii Poemi , iicSjia cui didìiaraftio- 
Ile «u, questo^ui^to ritrovo notafcilmente <iiviso 
)A secltimento é€ 5Uoi comeataitori > e di altri • 
Omero adunque nel sesto deir IKade raccontan- 
Ho il cambiaraentd delK" awm , ci« fecero tra di 
loro Glauco , e £)fòmede ^ dice cosi : AlUr^ U 
Jtgtiuéh di S4mrnn ésaréht il.Mréf^ ii GUm^ 

C9 l 



A R o 5 T • f ^ 2 » N 0|. '|5j 
armi £ otq fir émm ài é^}M^ > «>W eki%^f^ 

VMO CINTO. BOVf » ftr Wmi' cki W ^^^liSlM^ 

di^e 1^2ogiii r ec^tonik$a ^ dice espressaroasire 4*7 
gnificarsi coin esso uqà cpsa eia àppi;e;^r«L {^ 
f^i2/a, is molti Imi éfniméùiiimtnocchi^MMSf^ 
goe, w» ^' JtrvivMfi, dhmm^try Ftolluoer^U? 
opposto ( A f * segm, éQ.':^MÌd&par:.aìireC plc}»t# 
dèlia moneta d^ Irncy dx(^.i^Q^Qmomr/x^l/wAf^ 
detto luogo iotmdb» secóado afcuiki , iddi). stt^<< 
sa mofieta; ma più sotto (juti^'/ptjj^)^ Swh 
bra che egli aqo $ia ^ato di lai pacete^ foicbè 
rapportando que* versi del V lì. vdeir Qiade » dovi 
Qxnerq raccoi^ta, (Cbe i Qtetì iocrendo ifi folk 
a prpyoiierti del viao di teànd, aicuai da^iit 
per esso del rìune, altri 4d £en:o.> altri ddc^ 
joji ed alcuni fino d^ iovi* , . . 

Dice che il Poe» pppooeo^ Al i^k^i)^ M^iiirf ^ 
t%tssi-i^iy nianifestwieote dìiK>ta <oa U fWobi 
<ìi^w^ r4«<iii^/tf/, e tioft U moneta di questo 
nomei &cendosi allora tatti i covami p^ vis» 
di caiiibip^. Plimof^. KHXL cap* l-) aMu^M 
suddetti versi» quaodp eiclìs»3aò>- ^Mnom/i^ ffìif 
'€ifir€ £vo» CHfp rU if;^a pcrmut^JpMim' inM^ n.9 
sicHt & TroJAfiif jttmpnrihn^ faiiit^i^um , fiam€rt 
ttstt y creai cofwenit %^ Itawm^ «r 4^nor^ Cfim^ 
mertu viSus ira4^ inventa , idiéf ^riif Jattma^ 
dli0i ferro^ eoftit/i^H^ rekut f^tatff trsditt 

qfiOUn- 



ìjÀ t fi ir TÉ Ài i> t 

^kéimq^M^ & ipse miratus aurum ^timatio^e^ 
tenìm itét fecif , ut c^NtUM boum éirms perm 
ì»f$tatJe' Sldkcim JUceriì cum Diamèdis armii 
140 t«M BoUMé Dà questa, parole di Plinio parmi 
dì i:^céoglierej che egli, fosse di^òpinioiKei ciie 
OmetO ii^ on luògo abbia inte^ per hovi gli 
dfnìiàdli 5 e ili ;ua altird le ix^;?^/> ^ cfi qiies(o ,no*p 
kié i e che IleU^1^90^^ ci ^ abbia voluto dar^ T ef 
^mpid dipormutakione^ énelP altro unìo diyeai 
dita é G>mmii(^e7:feràr ^e ne 2d>bia a titàéiei 
egU itòd ;è ^.mettersi in dubbio i che i con* 
ttatti èi feos^ prim^ pier ^ia di cambiò , di mer^* 
èi coà. merci j iht per via di cómpra; di. merci 
tofi^ soldo : la ^qual * prededenara di tenq^ é ricò!^ 
Hcì^fiiiità da' migliori Giufisccmsulti , e appravatai 
dà Giùstiniafìo al titolo de inlftlone & venditio^ 
ài; àévCi la ^emmta2!io0^ è ehiaiki^ti ateitichis-^ 
sima. ^ ; v ■ ". ■ • --. 

Non posso partirmi da Omero sefi^a rappòr^ 
tarne un* aletò pa|S|ò.| tdko dk h dell' Odi^s^^ 
dove parlando d'una certa Ericltfft^ narra che 
ìàeite tempo fk k comperò (i^/ai/#) con le sue' 
facoltà,* tàeiltre ella èra ^cora gtovanetta » e 
diede per e^sà yehtl bòvi : ttmiplpitt^ t tikktv: il 
che (KJnderatd da Matteo Osto (//Ì« A de reniti 
inar. pk 46*) d^ cui éonfe^sò . eS^erriti ^àti i6m^ 
ministrati tdóìti, buoni Iiiitfi intohid a . qétesta 
matèria, persegli motivd di dire^ ehie Iti quel 
lùfò|<y di Òmero v'ha \ki eiempib' cJi fondita/ 
4hìì r^i Mmm$ xemparafitùr ^ Ma diversa, dalla 
ftn sfetitenz'a è la spiegazione , che ne dà il Gre». 
tti SéoHatte i t iòosiiTeò e è m eettS fesò ài 



A I? Q ;5 T p t 9 2 n H y 157 

^AtefiÀ metallica 9 con cui si possane c^mperinr, 
yENTi 30VÌ j gW^ -f^' ^ jV tktrabco» w» ri^f 

^TATTRpiV/ ÙO05CAB1SO, ^Oh Cui DOPICI,* e /! 
ÌCATÓMBEO) f^i^ (TM^* CBNtQ • ^ ^^^''/^ ^^1^*^ <Crf/* 

)f«?n w> j f ^« Ik inali si ' cop^p^inm altretta^nti 
BOVI. Dal cbe si vedq , che ({uestp Scoliaste 
Dioii fu alieno dal credere , che . Òmero abbia pch 
tùtò intendere per icosiheoìX vajor^ dìvf^nti bovi 
<:ontanti ; é però lo ste^sp e^poi^e^^do là ypce di 
,^£atomieo nel II. dell' Iliade, diC(^ c^e tanto si 
pilo irjtèhder pelp quella il prezzo di corno hovi j 

4ÀiiXMr^*, qùiioto di cento bovi Ì ero; mentre del " / 
bue d'pt^o in moneta si fa ancora ipe^zipne ap* 
pressò r Etimòlogo Grecq • 

Concludo da quaptp espost in questi ultimi 
parti della ipi* lettela » che la diversità d^' pa^r 
re^i , qpii cui yepgpnb dichiarati in Òriier^ , 
V e^dtombeo , V enneabefi $ e sìniili derivati» 4ai 
chi iijtesi per aiiimali, <la chi pernioneté| tofl* 
fe^a appuntò la mia opii^ione, cioè che il dcm 
cabioy \\ t^atombeo ^ ecCt non fossero , s^ ^loti mce 
nete i4ea|i, CQrrispopdenti al v^ore di ^^f ^% di 
cento tee, iponete ^wi> essendo afetto ìì^su^Ìt 
steste ir doppip sentiinetitQ del|ò Sperlingio » 
cioiè che il . bove > il elefabeo » e V ecatombon 9 
fossero la mina di tal peso di rame, di argen- 
to? od* orp, che' cori esse sji pptes^rp cpmpQi:^- 
x%'uno^ dieci i o cento bovi effettivi; ovvero che 
il bove fosse ima libbra' di rame non battuta, il 
iecabeo una di argento , e 1* ecatombeo una di 
oro, fondando questa sua feconda asserzione fo- 
pra :u^ f agguaglio ^di prepdrzionè , che gli asse- 
gna 



goà si valm di questi tre metalli, incoada ia 
<{»aie taia libbra ili ranis ne tale dieci di ar« 
ì^ento, e ceata di rame una i oro.* e peto as* 
adgtta ^ prezzo di un ammaie bovino una h^ 
Aiitia «di pes<^ $ o di*, cento dtatnmé di fame i 
il di disti di argento, i ò di una di oro . ì/ideé 
nfj ^pidm suÀvittr Ubi vii do&^ fingMt ^ ^uU 
épuiUfi nns^HMm^ quit €iit9 Mullé itUriti jcrifta^ 
fii tntinmiio pràèdri póterunt 4 conchiùderò cdii 
fe p^tfcise paròle del moderno commetìtatoire di 
Polluce ( piiié loiS. ) pronunziate a codfuta^ 
22ionè di^ questo patere delio Sperlingio } e darè^ 
lint a questa ormai pèt se stéssa tibpDo lutìga 
e stiicbevole diceria , con la quale, tardi final* 
Mmté tùi accòrgo di aver portato civette ad A* 
Mie^ jpti vaienai di on proverbio desunto dall' 
^ atgomemomed^undb Resta solo , che 1* E. V« 
non mi coiìdaniii aìlà^ pena prescritta dalle leg-^ 
gì <fi Dracone \ per la trc^pa libertà , clié mt 
jdno predò ài tenerla a tedb ni inutilmentcT • 
Ma qualunque sia la sentensa eh' io ne riceva , 
é di gradiiHento^ o di condanna , rispetterò là 
sua Wgge^ non altrimenti che i suoi cittadini 
mM» Miiti riguardare quelle di Sólonè ^ cioè 
fiaM Éi equità, e di giustizia.* 

^f4» Ai Éii. Ahssttnérp AùorttlU . m P^tcnétid ; 

f^tnnm 12. Cingm ijio. 
/ 
On prima occasione sicura clie mi si oflfbi 
risca 9 far» avere all' £• V. il suo man<> 

sciit- 



A F o s T a t ò Z fe » ò: ì$f 

serto 4 Hoa è stata mia trasomàteztar T avetri^ 
differito iiooia la spaliiiòne : ma e stato desi- 
derio di meglio ubbidirla^ col farlo vedere agìi^ 
aimci letterati dì questa- Corte , alcuno de' qua^^ 
li HW Io ha rìtefiutti pia del dovere « In avv6^, 
nire é^i non uscirà di niià mano ^ se non pét. 
piBsàr^ alle sue*» Rendo ora di liuovo grazie a, 
y. £. della bontà i cdn coi ila volutfó commet«<. 
tere r siaoi ^iici cotdpoiiimtnti al mio giodi^ 
ZIO ^ ^ quale ip to assai stieno di fede ^ di 
qìicll0 che ella ne abbia j Siccome quegli che. 
•sono di mia insufficicaéa pienamente informato;. 
é ps:ò prima di coniufiicatle il mio sèntiinéntò. 
ho voluto raccogliete quello degli altri a 't'uttl 
unitamente riconoscono spirito e^ vivezza ne* 
▼ersi ^ V. £« è 1 difotto ^Ipponto eha essi vi 
trovano , si è il riconoscerne troppo ^ Il titdkn 
stesso , che. a lei è piaciuto di dare t niedesì* 
nii> ci dà a vedere^ che ella stcssz li cònside* 
rà come scherzi: e pere non satino acconsenti^ 
re che Vi E. di sehno e sapere maturo , e ap^ 
plìoata Bestini) piò ^erii , debba risolversi alla 
[iubbiicazione di essi , dalla quale mi hanno con^ 
tordemente dato sttmcrlò a disiuaderla t le mi 
S»:ei gfnardato di scriVcHrglieite coH qne^ta ì^àet^ 
tà ) e di mio sentimento , cèrne troj^pd intere»* 
tato d'ossequio e di ainote in tuti9 tiÀ che n^ 
gHatdA la spa persona: \ììà il parate di UominS 
cosi assennati mi parve avere tal pésd é éì^tAj^ 
ti iti se medesimo , che avrei stimato di tfà^ 
re ilTOto debito 5 sé mi fossi asfenutó di >alew 
sarglielo. Non temo che dila ^a per dole^ft'. 



ito XbTTE&E 9 1 

di* io gliel abbia comunicato » dappokhd (fai lei 
|ié sbap' stato richiesto • Le rendo poi «levotisst-i 
me grazie dei citr^itti q medaglie in rame. iiua« 
gliate» delle quali ella ha voluto geaerosamenr 
te regalarmi» acciocché io'gossa venerare inquaL-^ 
che modò/pre^ente». chi taqto onoro , e riveli^. 
SCO lotttipcio • Ne ho fatta la distribuzione al 

Letterati e a* pittori , che tutti le hanno grande- 
lènte commelidate e gradite • U elogio» che giù* 
$tamentè vi si legge impresso , del suo raro e 
^lice talento , è dellp varie c^ copiose cognizio- 
ni eh* ella possie^de, ha confelpiati n^ggiòrmen- 
(e gli ;mimi neir espetta^iq^ne ^ qualche cosa 
di più grande da lei ; che .di giovanili pctesie • 
Nuovamente la prego ^i sicusa , e di conse^ar* 
ini il suo patrocinio 9 assiciiraòidola eh' ìq' «qjm 
- «Oli tutto r ossequiq • •• ^ 

t 512% ^ Sii* Antonie ì^lisfHm*^ 
S PdàovA. 

eRedeten^, vnatissimcx mio Yallisnieri, cho 
. se fos^ yfxfì quel tai|to , che, $i dice, in 
coteste parti > e$set^ io (* arbitro e \ disposltore 
di que$to Cesaieo pulpito» e riportarsi la M« S« 
alhelezipjde dei soj^getti ch'io fpssi pei; farne » 
io mi «titsiarei Tuomp^ più infelice del mondo) 
mentre tutto il giprnp sarei stordito ^ a^ttornia- 
to da suppliche e memoriali frateschi , e 4^ ami- 
chevoli raccomandazioiu V essendo questo unboc* 

cone 



4 



A p Q s xc ^ li a Z n k o. léi 

^0tie: (S più di cihqpaecento oo^rì,, che con poca 
&tica> econ molto gusto scingo j&. Da qualche 
Csvati^sre. 4i Corte qualche volta mi si domanda 
f informazione dei soggetti, proposti più a titola 
di curiosità , che di decisione ; ed io la do sin- 
c^caipnente >; perchè se volessi dire, diyfirsapiente 
da quello che sento, potrei rendermi ^un giorno 
ri(tiicolo., o fapni credere, appassionato. Gò vi 
scrivo non per esimermi da impiegarmi ^ quando 
^errà T occasione , a ;lavore dèt R Catafe -, ma 
«ciocché sappìafe- fa: verità, e possiate, regolarvi 
eiiiJspQndere ìq altre somiglianti occasioni . In»- 
tanto. riverite a mio^ nome quel degnissimo. Re* 
IJgbsQ* Poiché i libri del Con^ Alvarotti: si 
4ebbono distrarre per via di vendita, e. questo 
4&re è raccop^andata al Sig. Come Bosio,. s^ 
presso il quale so quahlso potete. , fatemi il h^ 
ivoce di. proccuraimi la n<^a dei^ manoscritti, e 
xlei libri migliori dell' ultime:^ inq>res^i^i coi 
4oro. commentatori ^ segnata dèi foio ultimo 
«prezzo , acqiocchè io possa provvedermi di quel- 
le, che mi potessero mancare • Io lascio le àn« 
^cfae edizioni a'Sigg. Inglesi, che hanno più 
tqisattrini di: me,' e mi contento di quelli» che 
^ono men. rari , e più di uso « Scrivo tutto que- 
jco in ca^Q , che. non. si volessera vendere i li- 
jbr^ tutti ins^eme^ . nel> guai casa, io mi ritiro den- 
aro il mio guscio,, e non ardisco fiatare* Per d[«^ 
^o io vi raccqmfindo quest'affare quanto so e' 
posso . Avete (atto bene a disingannarmi dallo 
sbaglio, eh* io aveua. preso^ nel :cred^e. presso che 
ienpinata» quandof qo|l ^ ^ncoT) comupiciatai If 



• ti^ ' -1 'È T i^B k k * i 

àmpressbué dei voistìio ìibfm i Di $raièla fwtè di^ 
sia a&istìfò di biiÀiia stsimjpa^ koatta^^ ì^^oc^tie^ 
m^ RtiHreriÈe al ioéitó tiitti <& oaia^ e fùki <& 
cà9i f e credéeeum <iuài idiiò * u^ 

f ■• • ■ 

ti?^ i^ /^- Pier Cubwrinb Étn9i drf^ms^^ 

HOfartùnUajtmti^&tì^vàtù U Sisaea dàspeelk«- 
^i y ie lo sverete àsti la Poggiala p^r maM 
4éL Sigi Filippo Bohlà ^ che {^aeCtllÀ ben^prèsta ters<» 
potestà paifte . Includerò nel fa^dttihd àwete il 
librò Mté dei Sig. Marcello y ài qidaiè lo ren* 
derete una tolta ^ per tracrmi foorà di cjtiesto ìm^- 
pkcip. Q^i oedt^i ricéverla due forgli dinoti^ 
-zie 'spettanti alla tita del fu Dmtienicd de Ali- 
geUs. Non IO se mieliti TUtio airalti^ih eoeto 
uniformi; ma Voi pofarefè ' fariìe^ il riscóntro i^é 
raietvene ptt il Giornale ^ Vi timanck) la ROti^ 
tia stampata del nuovo iibcó del Vieo^ cii*io 
pi xfaì arcHra, veduta pt^sso oii amico # Vi cou^ 
fesso il vèrOì> che trìe Volte Tho tetta atttàta- 
mente» e Tultitiia volta Tfao intesa meno, che 
la prima. Mi è difficile il credere, che f Auto- 
re istesso sappia quello, che ^ha voluto dire, o 
alnkeno sappia trovare il preciso ordine Atl iub 
disegno.» Il libro àon txoy&^ì niolti letbriV poi^ 
itiiè non molti saranho colon» , cbe si vonraiuito 
ròtnt>ere it capo su quelle sofistieberie d che me- 
soolftmento di; tem^ rosnsri , eroiei ^ ed istorici 1 
^ fa^sle, di poesie, ^iioiric! «ti Rortiàdtxd, di 

Gre- 



A> ò i T o L o Zìe n o. \éi 
eretto y di Ethifcb! QjieU* 'c«:aiIònfe'^tÌq>HDttd 
tiétt ii iarebbé stànìpatà cértàihehte ìnVèhezià^ 
tóme tìè stàiiiiJatiìnBoldgriàs Pbisiftllé cRe iiàsi 
^tiitò scàmàUté qitei Greca; che ^àtlavà ati un gen^ 
tilùótttó e di «ti ^éntìlaomd di refiùbblica f Molti , 
é ili itiàggiòt hùitléró tóiSd licl nioiidò letteirà- 
rio quégli che vàn fdrhitì d* ingegno , che digiti^ 
dicio; Se mai Jcrivété al Sig; Cavalier ^éttima- 
ìd i àggiùgnéte i che Kà più d* uh mese j che pét 
Auga$ta'«|lt ho tìfà^niesso una mia i della quale 
non io hiai àVtitat risposta; Io Id piregaVl in et^ 
si per la iricerea di alcuni lib^i da ihe segnati 
lìl un càiiaiògd tedchlo cfi un librajòdiÀugu^^/ 

NOfi (ài a ittììpo di ìrispdnderé alla Vóéttt 
/lettera dèlia tè'ttimatia ^sàta i aVetidolà 
ricévuta a^sai tardi. Léssi; è rilessi bensì- subi- 
ta coti &ftéfÌfeione> e ndn sénca fotìtenoziòne di 
aniiSd là cétiiaputà mfbrmaiiohe ; dalla cui lettiiri 
si àétrébbè in itìè maggiòtmetfeé il desiderid di 
soddi^àte ai vostirì cdmancfi , e di • consolate k 
Vòstre premute ^ e quelle di Sé fe là Sig. Ptinci* 
pessa MiAotl^ di iTrébisaccid ^ fe acciocché non 
languisse iniitìiftìéàt» qdésttì mio desiderio > ec^ 
cóvi eie che ho òpterafti in Quésti giortó ^ e c\jb 
che mi é' riuscite di pdteir itica^ài<it* Mi sono su* 
bit» tr^fel^ìtd ^ptèHo fino de' Miniitti dèi Real 
Censigtio éi Spaglia > Asio pàietie^lar Signore , eé 

L a ami- 



iuiico , ^ 4eUa cui fede posso in questa » it In 
ogai congiuntura far singolai: capitale . Lo zìtton 
y4Ì non solo inforn^tissimo si ^el gassato ,^ ckOi 
del presente st;atq dell* affiire » ^^ d^^stissimo a 
favorirmi; ma nel medesimo tempo |i\i rappre- 
^eiitò alcune ^9^ty le qi^ali stimo f^e^ess^ariq d^ 
^^poryi, acciocché discon;ei^doiie coq % £• poijr, 
siate prenderle quelle de^ermina^^ioni , che yi par- 
lano più espedite , ^ più |>i:oprie • In qualq 
ttatq sia a^ pressate il regno di I^Japqli» egli q 
superfluo il rapprc$entarvelo . Le qose inpa^tÌQo- 
l]fre della ^arcfegna faanqo fattp, che esso sitro- 
^Y^ indebitato pe^r più di Si, mille Fiorini ; pei? 
il qual suo debito è stato preso decreto » che 
si debbano vendete tut^e |e c^richf^ , It quali 
suderanno vacando , e ctie le vendute per poco 
si debbano riyendqre, e saldatone il primo com- 
pratore , applicare il soprappiù in benefìzio della 
(la^^a Rqgia. Di più ordina, il dec|:etQs che|ioti 
;i pQSsa da chi che $ia propor co^a alcutxa io 
CQi^trario, talché dqbba aver sen^pre la sua forza. 
^ vigore . Vero è , che seibbene ultimamente $« 
ne ha u(i esempio che mostra pon esserct invio* 
labile quest* edittp» ciò è perp ^tato a favoc 
di persona portata coq alta manp y e protetta, 
con forte impegno da cl^i ppò moltissimo ; tal«./ 
che la difficoltà deU' esen)pio fa anzi spaventò , 
phe coraggio a chi yplesse tentale una somiglian- 
fq fortuna. Preme;ssami questa notizia datami dal- 
l'amico, egli concluse che stimerebbe esses me^ 
glio in tal congiuntura di cose porger supplica 
% S. M. per qi;^lche ufficio ^ o altro iìe}la Sicir 

lia: 



A F ò 5 T d i b ^ i * o: 1^5 . 
liaì in che pure darebbe spedicnte inatieggiàrsì 
còli celerità, avafatichc tra i molti ptetendeiiitl 
he siaio divisi i beneficj e gV impieghi ; Sopra 
di questo attehderò le risoluzioni della Damaecl 
il vostro sentimento • Ho parlato annoia per gli 
ÌBoo. ducati; che S. £• d9vrébbe esigere libei 
ri d' ogni gravezza ^ e che bàt Sono ridòtti 
al miseràbile ritratto di soìi dUgento • Sopra di 
che riamico mi disse 4 che si potrebbe dar tali 
ordini^ che i detti 8oo. le fòiserò interamente 
assegnati : ma di qtiesto patticjplare sono altresì 
lieceSsarie chiare ed esatte instruzioni • Dopò 
tutto io di nuovo vi prometto tutta la fhia aà« 
sistehza pei: quello che da me dipende; ma vo- 
lendo pròmo^ere questo affare; vi dirS cottfidetp 
teméhte, che è necessai^ia uiia persona, la qua^it 
le possa fiit la figura di procCuratore per la Da^ 
ma, non potendo io supplire à ciò , ne per li 
impotenza della mia gamba; che mi lascia toi:-- 
tir. di radb , né perii carattere che qui tengo di 
servidore di S.M. Alla Sig. Principeiisa noti sa« 
rà difficile aver persona iuffidehte , alla quale 
S^Pfog^ìait questa faccenda, la cui direiiobe peli 
altro io |>r^nderò interaitiente sopta hie stesso. 

* fl$i Al Sii. Antàfiio P^éUUìhUtri* « PiuUpM* 

^ùnnM ia. Agosté fjtó^ ' 

Non poiso farvi il maggior regalo dì quet 
lo che ora vi fo: e non ho dubbio , che 
saiftfté ))er jtingrasiarmene. Egli n é 1.* occasione 
t 3 -i 



1^^ L I J T E R I P I 

a cui mi vaglio dì fervi coi^osce^e <U pwsenap^ 
j'IlU Si§- Qio; penpd«^9 6»;U9"i| ^^Nipt^c^- 
pp di §. M. C ^^ afilla cui lp4 vi feo ta%|ip 

p. Voi ben ?ap^te quelito io Ip yen^ri a F «,- 
rpi, onde è superg\iq c^e i^i flujostj pa^t^ i^ di 
vantaggio pi stenda. Bi:e§OYÌ ^e^ brey^ soggiorr 
l^p , che e^^ far4 i^ cqtpst^ {^Re ^ di fat? pe^ 
j[ul quejllp che fareste pe^ me medesimp , e di 
giù àftcpra, $e lo pQtefe^ pqichè pgli <}i piw Iq 
pepita , \^ ew ritroiferf te RPH s^ se più c|i sa- 
jprp , q di i^entiiezza , ?»s^^do 0|f^ati§$imp di 
tutte* quelle dc(ti , cjie in ppchi lettera^ti ^ fto- 
v^no , e i;^ tiitti dfiyr^l^bpqp sindsH: ^jq^giunte • 
Egli h^ ifl c)J[tfe per yoi tutta que^U sti^a che 
yi è dovuta^, e p^rl^ c^^lf co^f y<^^^ % CPPiQ^ 
ti^tti colojfo, cl^e 4i fioq disce^nirap^to jonpdo-r 
^tì. Quanto farete i^ suo pi?^cere , sisfriyerq 
t^tto a mio ^ebitp : |na no^ avete bisogno d\ 
ficdtampntg a psercitare. \3l vostra natugle gen- 
tÙez35^ verso pgfsppag^i ^ì merito gr^pde e di^ 
$^ntg. fategli yp^e^e il vostf 9 Mu$ep ji la Strina-: 
|eria ^ ^iblioteqi ^el Seminario ^ e ci^ che y^ 
paff^ più degnq di psser da ]u\ y^uto , e in 
particplare i galantuomini Professori vostri Col-» 
legKi 5 e npstti c?m\iai Amici . ^ ppx ^ne di 
cuore vi abbraccio , e col solito ossequio /vi fu 
yeriscqi • r • ^ 



jl5^ 



^ P q 4 T QJC p ^ « « 0, |ft7 

.:-. . . ^g^OUMJ li. -^^ i^a#. 

\ 
\ 

oie/ba$Ì9 a iiMfteitk) «mimam^té caiCfomaiidat* 
ikoQ i^tft a yeji > ohe a tueti| git amatoli ctelia 
HìigliQrf {«fi^ratmiai figlie V lUmQ s5];g. Gio: Bj^ 
notetfiet Qmtnlonii ffibliotfffiaflio^ $i;^^M^CC e 
kttHSirati^ ék quei merì$c\ e peso.» efao a tutti ^ 
motxi. Ss oltre alla ccosidera^^a d»^ l\^. nutria 
to persojgial? , qudk: agpyogiie^^ vMrete ^^Ila di*^ 
voKiq^e e aiDÌci«ia, |aiacticolair&, oca cui^ pe^.roQlw 
ti tkpH ÌQi gli sona vitretta e tenuto y io som' 
èucSmexitt persuasa, che voi lii aceverete,. noa^ 
ta&to, coni quella stiiùa , che voi professai;e^ ai 
suo ipecitó^^a^ <iuaiiia^ €onl queUà tei^^pepa , ctan 
©li ^[ic^yere^^e^nie atessòc*:^ Basta* vóéerto a coao^ 
sorlo > ipet;. axnaakii i cumei bastai leggen le cos9 
w$ {^^ |aQi]pirajd<>, e; M^tlb^^ Tuttò^ qpelloL (dkr 
voi (aif^. pec es$a, ^à di ^naoiaai&mQ ài mk» 
ci90re ^ c^ 41 qiaakdkei letc^us^iow atte infiaioor 
obblig^iaiii, cbc^ h%^ àkìbhxk di fio$assati^ ^ Da. 
lui ^yxé:ù il (x^mato 4' in^endese il mìa ottL 
Qttn tfa^o> e 'Il de^ìdfiSiQ cbe ts&ga di sivadenei.» 
e di alibiaciQiaraà , come Ij^ a]^ {tcaseat^ co» mitk 
(%Jl;0Baae5 



5X,7a 



i69 -^r t È é T £ «l'B lù t 
. 4^f. Al medesi$Ȏi. <d P'mekSai ^ : 

' ì^nnÀ2^ jigosto n%òi 

IL $ììì^ Màrcbetó b^ ^ ìrésientstd il sub li&ró % 
die e kato nudto gradito da S. M. Piaccia 
» Dio , che ai gradimento succeda il j^remio # 
Io far^ ogni còia per contribuire al vantaggia 
éAV amico V che cèrtamente ti è de^o •. Jcri 
me he ha mandato un etemplare in ottima car^ 
(fa, e asiai imUtamentè' stampato ; Ne ho lettdL 
il primo cahtoy dove osservai ìnolte cose ansate 
^Ùene. Qiii occluso ritroverete ; il progettò di» 
uha grand* opera, che s' impirinie à Lipsia , in^ 
^rnò all^ antic^tà della Germaìiia; Dì 4^adai 
monti, troverà moUi completori : ma pochi (iksé 
iti Italia '• Prégdvi però di dirne qualche dosa 
nei npstro Giornale 4 Voi vedete spogliata la Vi^ 
(Una LòitiDardia , e anche la nostra città delle 
sue coie migliòri da^li oltramontani;^ e ne de- 
plorate la iiùseria * Ecctovene tm aim> novella 
esempio » dal quale conoscerete ^ che questa dis^' 
grazia è Comune \fi tutta l'Italia; Ho studio de* 
|Sig.. Valletta in Napoli, ha pèrduto ùnò de' suoi 
inigUorì or&amenti > cioè (tutte le Statue anti-^ 
ohe 9 dellQ quali era nobilmente ìadbrnato, e che 
il jreecfaio. Vaile^a^'avesi con tanto studio e di^ 
spendid raccolte, ^ònò estate vendute ad ttnM^ 
dico Inglese pel basso prezzo di mille e cento 
ducati Napòietani. iSòao rimaste presso gli ere^ 
di ^nedesiini alcune unle bellissime di straordi^ 
t ^ I baria 



/ 



&xh ^andezkais che fece già diseg&2^e H cèiéi 
l>re Jacopo Tollio con aniino d* illustrarle e f^flb» 
blicade con tue dotte cKsseltaziofii s il che ^ 
^on fece per MOhe iofMarveaiitagli; Sentesi eba 
«àcbe qùest* urne iienò ih dettato di vendita ; 
un àlttb Inglese S^itaÀdovl . Io sb^ centf V 
die dopò queste avranno la stessa ibrte le tùieÀ 
daglié, )sa i libri^ e in particolare i bei Gbdi;:* 
d , de'.quali ho datò il catalogò, klel Giornale i 
Ogni giòmb benedico rfiminentissimo Gomaroi 
che non ha lasciato tortir d* ItaUa » e di Pado^ 
vi que* libri delV Alvarotti ì U R Paoli; chetili 
hcitiàcò^^ il fatto delle Statue . suddette ^ mi scrive i 
che il Mutatofì^^ abbia trasmesso un volume 
Ms; contenente U Ots€f^étzj^ni Ctéicbc àél* Ahk 
Anton Maria Salvini s^cà i due Tomi ^Ibl 
Pnfehd PècsU italiana di essiti Muratori » èS^ 
che si stampino .* che per entro ci è del buMno i 
e del buono assai : che V autore Vi fa mastra dì 
grande erudiilonet ma bhe forse forse la critica è 
la quale per la maggior parte cade su la jin^i^ 
^ua, è troppo minuta} e che Si cerca mòdo di 
farla stampare, ma the fin qui non si trova lo 
stampatóre; che vo^la addossarsi tal jieso; Ghe 
Giuset>pe Sorge Avvocato Napoletsuio ha dat^ 
fuori uh libricciuolo intitolato *y Dt wklUne 4« 
qHi0 Disstrtdtiù perctieiris ; dove cerca » :se oìbAm 
giando il mellone da acqua si guasti II digiuNf 
no Ecclesiastico: ctie veramente egli ha dato in 
una soìeàiiissima. mellonaggine > a gran Éitica 
raccapezzandosi la sua opinione » che è s chò 
mangiandosi di quel di mezzo » t come suol 
' K ) dirsi 



Ift 'l*^^? * T 1&. % % 1>rX ^5 ', > 

W^ 10icci()l^ prejÈ^iqofi ; ^«»ix| pmfHa fferm- 
Imhf. Ck^ il Sig^jiR yiGq ila iofi^cttt^t^a ^ifiicoit 

G^i^fsi, ^ iiicttsatQ di apprivirad^ ^ dicbiataiu! 
^H aj^Q cot&tfar^^ alte me, i^tf i che l' utia^ 
C l'^ill^/^hlKìfCdtQ^ iosiemQ ^ti(òaou:ate $ipai> 
tiscM[ii^^iHpftb|evQ^me suxijueggi^ti :. ^« ft^V 
9ÌasiCQ$e i\ detta t^vJUoc^ oqql teine didonoa^ 
^^ ^ $i^ yiCD V ^^\ dv;6« iQtt^ JQè^Àfi^ Ati& 
<;2u:itàlSjlPa> ^ egli ^i^tp^Ii di n^ i.MÀ. fcjwi 
ìt Mi^ ktto tifisi il ^ Al»i(te> ^ j^arjfSÈc km 

^nmfn irjtm JP^^iij ^. abei oxt il Yica Sa in^ 
ftaMi did gli siì^ smpì^w^t^ ^n ^Itirci revisprer* 
]|gli ^ ben varici queitQ feyisiQtc^ Napoliiana d% 
q\idlÌ9^> ^h^ sorti ^tl il nostra Yàltijtti^ri, Sejs 
k in«ltQ i^ cQOtiiiuo j^ioi^iai ,! chfii i^^, ^iviattfCQK 
IB^QÌ^4lldoji tip vobito ^^vi qaes^ 99f^kf^.x H 

1k^¥^ al soHtQria Si^. Mùì^c^^, . itt^^ ;ali^ tmk 
di. |asiL« Akfisia yi av»à, i^calie agjvt^^^^ # m» 
sulutcì ^ ilulki xii ^foii^iiuigot qìs^ ìà mia inecH 
msàxk% pfkià era ui| bopirwup et ìm cimediaT^ 
Mi .Vi dò m «o^diak ^tMcpuo^^ o addio* 



ji8. v^ 



4 F O S f f 1 f Z f HO. *Tt 

NQ% pptotf fittmi CQ» più scau ; eie 9» 
daxvok nptificat^dp 4 awyì acquisti ià ym 
^Ltti e di^ fmi dei HM V^f^K? che ì^ «ptah 
no per ip^f . F^ i rettami cke costì tenga» 
ne 4el>|)9i^Q ^f ^f 4}c^M <leUa Zucca <M Dwui 
della ^fccctiia impr^iom d^Ms^CDlùù^ i qisaìr 
$p vi seryisi^o. ad agsiu^e quelli» eto ayeto 
presf^ de) ino^^sinip libra» p«>tret9 y^tarvenQ « 
yostrp pi4cij9f nt9 « Io per ^9 m MAgQt costì 
vuti esieinp|2ire beUq e perfetto.» cw cui potietfi 
fiscoiBj^r^^ il yos^. Y^mdo itgli altri vi àf^ 
queUq fl^f m Vfi tqvY^fftt Qìi»! Capito^ del 
Gl4^ib9f\i«fm9^C9$a SÌ9» nècredo^ ^iouti %yein 
io v^^t^. Jutt^ycdta queU^ attaccamwttt deUa 
ì(^vo}^ di N4rci$(\ n^i di qualche tft4fei<( » (Via 
possa i^>g^n^^rmi^ e4 avefja ìfra le oiift Mimt-« 
Iai|;ie^. lslo;(» yi s^ete iegact^ta in ^teciere» dui 
Qi^WtP ^h«iai:49 i^$$e Yene^iaiuì^ ma hoa era 
dell' osdi^e PatifÌ9(ÌQ , itia di quello de!' (Sitt^ini • 
Fiorì ppco dopp 4eUa s^ssa^i^ougUa \ui Antonia 
Gbcfafd^ ppttof di t^eggi» « Bpeta a»ch*^gli» 
e u^q 4e' FojRdatori dell' Aocadetnia VMQta ixkr 
st^it^ in ca» ^ Federigo Badoac^. Ma toiD^ 
ivindft a ^^^» i'«^?i^^^ ^«Ue sue l^inaa » 
ctjA ypi avete iiìjpce$;^e in ìkmz dea 15 ^8* mi 
gi\)g%^ t^n^va , Iq tenga costi del mede^ino auto'^ 
sa im li^f^ivwla intitolato ; M mffi Mhmt èk 



jOuinto Gherardo in Ventziii 1537. xtf 8^ Nòà 
|io memoria dello ^Stam]patore. Se mii vi capi- 
tassero queste sotto l' occhio » avrei caro che le 
colla2ÌonÀ$tè con le V&stìe ^ e vedeste se sono 
la stessa cosa^ o diversa, e poi me ne deste 
avviso* Qjie'dae opuscoli deh* Albi<:ailté , jptiè 
ifu' tino degli eitiòll e avversar] dell* Aretiil)» 
fstainnó àncbir fra^miei libri. Nod ébsi qile'due 
Cónti di Sigismondo PaòÌilcci3 Filogenie , di cdi 
però tengo un jgrosso poema ihtitolattì C^;/^/;7»i^ 
xiùHt idi Orlando Ff^rioiéi impressa in Veiie^i^ 
dai Niceòlini 1543I in 4. Bellissima' è la noti- 
zia avanat^tami intornò à Marinò Saiiùdòr il 
• cui testaménto vdriréi tutto avere per disteso, e 

. pregatene a tpio Honlè il hoitrd Si^.Leonardui:-^; 
zi^ cui caramente salutò i Ma sopra V aver luf 
èccitto dopé il Sabellico per dtdine t)ubblicò , 
) ho qualche difficoltà* Avverto primieramente i 
che nel titolo del testamento vi dee essere er- 
rore, dovendosi leggere £:^ testiàimehù Marini 
Sanuto $ MAGKlfici^ non^ q; Marci D. Leo-^ 
nardi: poiché quel Marinò, che allora scrivevàv 
ristoria Veneziana, era figliuòlo dì Liofìdrdoi 
non di Marco : di che ne ho sicurissiiifé prove • 
Trovo secondàriamente, che questi sGflVevà 1^ 
Istoria Veneziana nel 1501Ì iu Cui Aldo glide^ 
dico r edizione di Otazio in 8« dove cosi dice 
Aldo : Alanti Rom. Marino SanUtó A ^; Leo- 
nardi filio . • i . EuM igitur {H^dtiikm ) ad té' 
dono fnitrimus , Marini Sanutè ^ vir omnium bn- 
manissime^ ut lihris quomm ptenam titi esse ti^ 
kiothecam vidima , * & Flacéui bravissima hàc^ 



^m^: exCHSut ddddmr > f/t^ M ^^^ P^nT/ftdfM 44 
/# hzeném^ cnm v^fl ^ mtnmhs pnblicU. tal 

A YbNETA&UH lUlllUM COMPQ|f£MI)A HUX0|LXA 

f€ss4re patef^ invif^t. Se dwque eiSQ Marim 

iscriveva IMstor^i Veneziana nel 15.p1. yoìhm 

^vedete che la scriveva yiveaté i\ Sabelliqo,^ a| 

q^jia^ allóra vivente i( Cposiigli^ iU X. non 

av^rebbe sc^tkuko un'altro» che Ì2( condnuacse 

pef lui, (pn torto cpsi^vldente« Osservo di più ^ 

ch^ li ^anudp era incoi: vivo nel 153;}. in cut 

fo^e il.suo teitainento. :$e, chmqu^ |i &t>fllicQ 

if>^9 stata isQ^tityjIeD U Saoudp « ^ non il Navat 

ge^o.» quando avrebbe avu(30t luogo questo $ecom 

dq per C5ser^ eletto a scrivere d'ordine pubbli 

CQ( Certo e. che il Nav^igero prèniod almenot 

qi^ant* anni prinu del Sanudo ». poicfaEÒ mori nel 

li%9* Nò si può mettere r.elezioeie del Sanudo: 

dqpo la morfcf diri Naxa^ro, poiché egli, è cer-» 

tit^Qio, che a quello 61 sostituita U;Q^bp.^ 

dicendolo lui medesimo nel prii\cipio della su^ 

Istopa ^ e tutti gii Scrittori delb sua Vit^ •• 

Sifch^ io aon s». trovar luogo pec V (PteaUomi: 

de^* altro; il quiale oltre a. ciò noU.fo nomina* 

tp giiamni^ da chi che sia, e principalmente daL 

Carciinale, Yalierp che ne. fa esatto r^istro, tra; 

gV Istoriografi piubhlici. Di più vi. dico j^ che li 

mplti libri scritti dal Sanudo iopr4 le co^ei yfpr, 

nexi^e, i quaU pei: quanto mi 61 assicurato .^x^ 

si conservane^ la XII* grossi vilumi in. foglia: 

nell' archivio segreto deir Eccelsp Consiglio cti,Xi^; 

sono mentovati in più di un luogo delle Lette-^i. 

re Volgari dal Cardinal. Sembo» il ^ual^ c^v.^. 

mol- 



/ 



teolo» ìfèM lapene» le qix6l tanto ^ egÙ tié 
««risse ih ivi; Uttti della Istoria lìr Miù X^H^ 
$éi fy^ stài» ctfia{iòstodà luiper |iéMdicàODr^ 
iaN»iòfaei ti; noti avi^ebfare ixiatK^tb di tt^eàiitDrlè 
ioi' qiuàcbe ÌMgiii ^ ddl' inorici i d dèlie hétté^ 
te^<^i^ ^U di iui • Io ti(»i ile 4qtti le Me 
iMtevèi tha. iiiiiiia j |>a^inii icmtà ài Gipi àell* 
£c£€lsÒ9 sparlai c&e lord diituuidl di péteSt ^o* 
ire ìitfe' libri <^ ^ebt)eiìé cód pis^cà rpètadsiià dl^ter^ 
ile lAcò^i^e eoisa alcdtia \tt imdfitii ttia p^d 
i^dìò^ ieiisé%Ù «iéeessaiid di avf^li s^Pl>tGifièi 
H^ K^cUe idubbid aticòriij <tE^ lìeito idricti iti 
lingua VQlgàre^^di che potrebbe a^sicitràrvi d-i^^ 
é^^oné òcuiaièdi <)taaÌdieSeiiatoréj tUéìq^ell'^ 
archivio àhBià ìdcesso • Da tatto xfàesitó càdclu-^ 
do$ ìAké ii Sadudd^ se bètiig ha scritto la St<^ié 
siiddeitta ^ é «r inètte é>h^ p^ovnAótiè ài i^òi 
dueatl aànni^dai Corisigiìdi À }C<^ lìoÀ la kri^sé 
pesa» di piibbìtca cotnmissiode i rùsi ebbe qiieilà 
Ipmvi^iicme Ini premiò delle moice fatiche dstiui 
knpièj^atc^ sì ilCdlo scriyer là stè^à i sì per le 
xMtcf aitili 0096 > tìxé itaxkm alle fàintiglie ^ itia* 
gt$tffxd^ «ìalisre aAtldbità Veaeatiatie e' raccolse « 
Séttépót^ «ina vostra 0{AfliX)tie i miei cdibiì i 
-pKÉiitìr j^eri^ ^ rimetterirai alla vètkà ^ dVé rifàg- 
gibr kine itì> ise abbia/Egli tioà dovette eV^ere 
xtìbìta^'Atcéi fOViàè àtl i^àié èglifii eletto Ca- 
iHefi&lf^ di Vòrortaji è nel tfoi^ tòrdato ift Ve- 
tsàU {{i tléM- Savffi^ d^li Ordini ^ cdme si kk 
Mia dèti^tasibtie lattiigli da Aldo dell' Epistola 
Cipiete di Oftóiii ^neir anno iiiedésiitìtì/ e pària 
a«dW( di Itti làèU^rfr^iM» &lk Opere del Pc^ 

lizia- 



-ItéiaM^ S(nacétó poti aver copia di cjmicstai ii^^ 
«fem» àlndénb ^t qttd tantò cte xigiui^dala^* 
-mm, Ili lai > Mi utt t&ò pcc bri à feaMantu ; 

iHregòVi iU' ilnm thiscfivere ^lli inidrkiò&é 

«é fienèdie^a Brugiìolb^ iì qiÉaìe fii dà L^giiaglr., 

«lei ^éfonese^ posta ndlà i^hkla db' Firàti imi 

4a sita effigie V;ddia qyialé se BVctéòibd^ 4iiar«i 

«iisive^ ud disegnò j TawS niotni caaii; Sbkm 

obidigatd» di t^ avvisi^ ii àvoi^ cfìe al niróstÀl 

aniiLtifóiìiìd Si^ Zèndrflii ; il quakf iSiréHretb cih 

rtóiente a mio dòmeì 2 H Sàti$b^ino bfct wi^ dice 

fafola nelÙ sua Venezia i e 1 Palerò; ibd rife^ 

tisce €a sua. mscrixtc^tie mi Ms: ck* io teoMt 

Mid qlbl Ìp^»e8l^en»tt,erò nari Idi <^ 

^glio ^ iita&ti?e per tnoitissiiììi dtf 1 Usconèri tht 

iie». Ii0> fatei^ li Ho trwati difetémisi»simi^> « dt^ 

«attratij Skx^tedé^iò petlsd di &dàr {>ostillaìid0 

il ioaso Vìi- deirUghdli ìà ^ moltissimi hió0à 

m me àrsenrati j « die senipttf^ atìdrb ili' àinre^ 

nìtt osservando i psi doverlo pài ^ mtituifei al tìr\i 

Colétti i dtidet t^potùL valeismé Ad tótfltf dbi 

Sisp^imetttii cosi nort wttéi'speMeì^ d^èàssó^ 

esso^ ma sóle avéiSo al tiióokr di ni^rd impresti^ 

tot ìe con rtdèbligd di fargliede résdtbziòàe ìi 

Dei lettera Volpi ComstKibì afldrì» i^ttìiàè 

qwlhi chef ìA! vtrfe raecólftf life* tcrài bhtéo 9 

ina credit dte àà p&éAgArmì è ftk yh n^ dàéè 

te nftitie^ DÌ^GìtólaiUé soné fi-é jlpi^ainiilt « 

f4 «0^ delia Raécoita di <^^: Pk'Ao ^^óéttAì 

€ sonò i tre médeiiml tòe sta6c^ k >. iSil Il4 

tttnò L dilla Ra^eèétà dtil tbScaf&i 4 A ^ <f ^^^ 

tre 



ttè belUssimi componimenti poetici di Giqs Aii- 
4P9Ìo\ Voi avete gli- otto volumi delie Rimedi 
^yet^si in i. ia alciaoi de*quali vi $ono compa* 
ntmenti dell' uiio e dell' altro • IV Mt. cbe avete 
jicquistatot di FcàncjSscQ Contarìni^ sati buon» 
.per coUa:2;ionatlo con le due edizioni ^ ■ cbe m^ 
4ÌjbianH)» di LioAe e, di Venezia « QiieUa di V^ 
jnezia tfa cqsti fra*, miei libri in 4« nella ^ class», 
^leglMstorici particolari delle cose di Toscana • 
jpialdassar BoniÙFaccia U fece &re dal Pinelli , e vi 
:^giaqsQ del suo Ehgia C^Hpmufné^ > P^ ^^ ^^^ ^dU 
^ione e: rarissima , e r^rercatissinut ^ Qièsti Slogj o 
.^aiuio annessi al mio e^emplar^e^ , o ^raunp 
trs^porlrati ijiell* amiadio , ove sono gli altri iniei 
libri Genealogia 9 Le cose delSig.AnnibaileMsav 
^esje hanno bellissimo aspetto « il ino libro, e 
^tato . 4;i . ^tta ¥ Augustissima P^konanzà corte» 
isemeate gradito, e da tutti sene^^ada con lode 
« stima, ed io &> la. parte di t>aon amico. ÌJH 
h^ imposto di saiutarvi • In lui sempre più tro^ 
^0 un gettilisisimo e amabiUssimo Cavaliere • 
Ho speranza che otterrà qualche bpon impiego 
iib^sua patria, eysseotdo sostenuto dal suo morb* 
to, e dal iavocfi di molti principali Ministri « 
CoA la prima occasione io n^d^simo ne parletè 
f $,.. M* ^e Qva va quasi ogni giorno alia cac^ 
eia; lo. sto sano.^ ma sempre initomodato o dal 
peso 4ella gamba , a dall* altra>rQtt2ura^ Sto sem^ 
p^ più col timore di diventare, inutile e per me ^ 
• P^. sii 9lt;ri. Se crescerà Tincomodoed ilpe>* 
j|;ifaIo, verrò ^ qu?Icte ris4iluzio|ie, che nu ar» 
xicinezi p^iù a)U ypstra^pìQissQAa^ 4^€u aj^iatis^ 

«imo 



^PQ. STO j^.^Zeno. 177 
^s|mo fratello * Conseryateyi e. per voi e per ine\ 
AfìiixQ nuovaii^eate di cuore.^ 

Ma aon, vot germinare , ne chiudere questa 
lettera, sen^ <:Urvi qualche cosa intorno al ca* 
talogo degli Scrittori della nostra Città , e del- 
la disposizione,, che loro avete data : la quale 
tuttoché buon^ , e giudidqsa , perdonatemi però, 
se vi dito , cb^ di moltq si pptrebbe perfezic-^ 
nare. Prinùei^Lmente io. vorrei > che al titolo, di 
Rernm Pi»€ forum Sariptore^ si aggiugoessero tre 
aec^s^e specifìcazioni ; T una , che dinoti gli 
Scrittori che hanno Latinamente scritta \ la se- 
coada gli Scrittori sinora stampati >, mentre de« 
gli inediti si farà una terza raccolta ; la terza 
gli Scrittori che. non hanno . scritto, d* ordine pub- 
blico: il che stimo, tutto esser necessario a di^ 
chiararsi nel frontispizio della Raccolta , per le 
ragioni che da per. voi stesso, potete indovinare» 
e CQng§gcte. 

Tomo L / 

Avanti dJiPgU autori che tratt^òo. d^I sito del- 
la città , stimerei, bene che si mettessero , come 
.han fatto qua^i tutti i più moderni in somiglian* 
ti collezioni , Excerpta ex Scriptoribus antiquis , 
come Strabone , Livio , Plinia, Tolommeo , per 
qu^Q che hanno detto deli-aprica Venezia m^* 
rittima \ cosi pure la lettera di. Cassiodorot , jL 
passi degli Scrittori dell* ^tà. di: \v>^%o , coU3e 
Costantino Porfirogenito 3 Paolo Diacono» l'ano- 
ni^no Ravennate. ,^ e simili monumenti ^ anzi a 

Tomtf III. ' , M tut- 



If^ LETTIltS DÌ ! 

tutto preiiaetéereì quel tanti> che ne discorre il 
Cluverio nélV/talU antiqua , o'I Cellario neir 
Ortis ,antiqui$j\ A questi farei succedere quaL 
che buona descrizione di Venezia f à&fo i due 
trkttatelli del Sabellico da voi notati ) fatta da 
(|ualche valeiltUomo'; dòme dal GmfréÀd$ nelP 
ArthmtùUgià Cosmica ^ dal Reùsaeré ii D^Hnri- 
p^ione halia^ t altri 5 che più à jptòpòsitó giu« 
dicaste . Non sarebbe male^ aggiiàgnervi Rugenis 
Favalii fiir Fènetum j e F$m Franeitei Sfirm-i- 
U /ter FenitHm\ e anche, làni Pàmnmi ab Iti^ 
neribns JacoU Anfnii MarcilU Pi Ve i quali 
tre opuscoli in verso Latino sonò tiella raccolta 
intitolata Hodoeporicorum di Niccolò Reusnero i 
Unita ai Gòritarini de fypnk Fenet. dell' Edizio^ 
ne Elzeviriana in 32. v' ha un* opericciùoìa in-i 
titolata : Feneti Éominii Cherographica Descriptié 
&c. ex va^iis aù^ot^Hus colleEla \ che si potreb-* 
be inserire ih fine di tutte le suddette cose, le 
quaji credo che per sé baéterebbono a costituire 
un giusto volume; e qiiaìftdé ciò non fosse suf- 
ficiente , vi si potrebbe attaccare Je: Meursii 
Majestas Finèta } il Panegirico radissimo di Ve- 
nezia scritto da Pietro Paolo Vergerlo ^ il gio. 
vane, avanti la sua apostasia 5 e '1 Durafttitìo ^^ 
Landi^Hs Urkì Fenetiatum i d$qHe ejns ÀisHplu 
na^ quando questa vi paresse che fosse degno . 
Tutti questi libri*^ e qualche dtro di poca itio- 
le su tal proposito sono costì fra mici libri , e 
voi U potete esaminare « 



Tomo 



A P 4 t Ó t O: Z £ K o • 1^^ ^N 
. tromb Ih 

lì secondo Tonio potrebbohd formire i traen- 
ti autori , die trattano dd governo delia .Re- 
pubblica* 

Sabellieus de nmetii AÌMgis$rankHs . 

Qasfétr dòniarenus de Mé^istnuiifu^ & XìH^ 
eolica yeneterunii --^ 

Donsti jànnotii DUlegus di yèn; Rep* 

Nicolai Crassi junior is Nota » in Contar* & 
Jannot. le quali darebbe ^bene di contrassegiure 
coi loro lìumeri in mairgine. 

Ejusdem de forma Reip.renetorum liier singHtàHs. 

Balthaù Éomfaeii Epistola da modo sfiffragan^ 
di in Gomitici Veneti 

Efusdem Epistola de Pyride^ quam Fineh¥um 
MagistrattiUfUk CoUegia adhHen^i Qj^iéstc due E-* 
pistole n<« menò die il seguelité opuscolo i stao^ 
no coli la suddetta edizione del Contarini ^ Neil' 
Hist. Ltidriiea di questo autore non so se vi 
possa esser Avèo al proposito • 

'/•• Cot^iei Synépsis Reipé f^ené 

Pancratius Justinianus de ptradàris ignote A^ 
Hspéetatia gestii . Quando però^ non vi piaccia 
di unirlo al libco dell' Egilatia de Estemplis in al^ 
tre Tomo « Molte cose v4 saranno da esrcarsl 
dai libri delle etesso . Panctaaia intitolati Parth' 
d»xa; Epistola^ Pandelta* 

Soacius de f^èmtetfum & Romanarum M4£Ì^ 

-^rmnmn eompa^mUne . Opera plausibile > e unica 

per l' af^^emente» fda nen S9 quanto bene e^^^ita* 

Ma- ni- 



iBt^ , ' X £ T T B a £ O à 

III. JV. appresso voi II» e III. 

A questi non avrei die aggmgaere , qiiaindo 
ciò non fosse un' operetta di Jacopo BpnfadiQ in 
8. costi impressa spettante a Venezia, il cui ti-; 
tolo ora non mi sovviene , ma è Éicile a ritro* 
varsi . Andrea MoMroctni J>Jarrjntio de suctis. Lyp-^ 
sanis &c. potrebbe riserbarsi a un Tonio , ove, 
ex professp si trattasse delle cose sacre ^ yo*. 
»€zia^ 

He prigine finm^um^ 

Agli Scrittori che trattano di ciò 9 premette*? 
m tre autori, che hanno scrìtto la Vita di At* 
tila , dalle cui desolazioni fatte in Italia è cor 
mune opinione esser nata la nostra città : doè 
J^ilippo Callimaco Esperìente , e/1 non mai da 
me ritrovato, se bene due o tre volte impresso > 
Celio Giuvenzio Calano Dalmatino , rammendo- 
rato da Bernardo Giustiniano nella sua Istoria . 
Il nome del terzo autore ipi sovverà un' altrc^^ 
volta. Oltre ai notati da voi, se darete un'ocr;, 
cKiata air Epistole di GÌo: Michele Bruti starar», 
pàté in Cracovia, e ristampate io Berlino, trp-? 
verete un bel trattatino di esso de Origine Ve^ 
netimrum^ che non inerita di essere tralasciato. 
Al vostro Modesto AViminese fate venir dopo % 
Geritici Auàiberfi Fenm^4 > già impre^sp da A}^ 



, A p e « t o t d Z t U Hi . til 

do il gióvane iii quarto ^ e poi ristampato ìli 
Hannovia dal Wechelo, Poema Latino di molto 
grido , pet cui Fautore fu fattx» Cavaliere dal 
Senato . 

Vii VII- Vili.- IX. nel Vostro catalogo Vi Yh 
VII. Vili. •■ 

Nella Storia di Pietro Giustiniano aggiugoelf 
a suo luogo quel tanto « che ne fu levato m 
dalla^ prima ^ nella seconda edizione^ 

?• / • • 

Àfarini Sanudi Torselli Liber Éeèretornm fi* 
dtlium Crucis . 

Ejnsdan EpistaU XXlL e^mdo tutte sopra IH 
stesso argomento con molte particolarità notabi- 
li intorno a Venezia, giusta l'edizione delBon- 
garsio. "^ 

XI. XIL XIIL 

Istorici di cose particolari i 

joi JmcoH Ghilini de Cksaris étdvéntu in It^ 
liam i 

Petrus BiìUIrrus Jdfmensis de Bello Qyfrio. 

Jo: Petrus Cont^renus de Sello Cyfrie Nicolào 
StufMo interpretem. { scrisse il Contarini ia 
volgare J. ÉasiL 1575* 4. 

Francisei Petrércha MpisteU de héutiludU » 



>|i Lettere di 

^iiod fiSm» fuk in PléUea J}^ Mèrci . Ext^ in^ 
$er ijuìdem EpUtpUs. Altre ve ne ioao tra es- 
èe degao di eitere trascelte e distribuite a suo 
luogo . / 

Croci Anonymi Chronicon breve aliquot gesto^ 
rmm Grmvrwn^ Kemteartm^ & Turcamm G* L. 
interprete Mnaele BuUialdo Cum ejus Netìs . Ex^ 
stae in Hisu ByzAnu post Ducét ^ Michaelis J)h^ 
«y nefotisy Mstòriam^ Chi scorresse quella va- 
sta collezione, il che stimerei t^ecessario , tro* 
vérebbe altre cose da inerìrsi nella raccolta • 

jtdnonymus de obsidione Jadrensi* Sta nel libro 
di Gio: Lucio de Regna Dalmaci^e & Creaci^ : 
dove vi sarà forse qualche altra posa da non o- 
rtetwsì e ' / 

Angeli /Chabrielis P. V. Libellus bespitatit mu- 
nìficenti^e P^enetermm in c^ipiendM Anns HfginM 
jUti^ngariéc. 

AAck^tUi <rf0rrÀ7/i Hin* de Belle Mdàìmiliam 
ni CesAris ctm Venetis gesto s* ijii, 

Béiptist€ Carmelito Historia Belli Cameracen-^ 
jìs Carmine hexAmetré enmraté. 

Historia Venetét Joi Baptist € L^mbertini ab 
V. C. ad annum ijol. liber V* (E^ VI. Antuerp. 
1635. in S. Non so cosa sia. Ne ho veduto il 
titolo nel Catalogo della Biblioteca Mallincro* 
ziana a r. 300. Essendo cosa buona , dovrebbe 
riporri niel Tom? VL con gU altri Epòtomatori 
^ir Istoria V^jteziana. 



XV. 



Apostolo Zeno. iH^ 

V XV. 

^ i 

yite d'Uoaùai illustri. 

All' Egnuio^ si aggiimgano alcune cose s^ar* 
se nei libri del Sabellico de £xemp^ , e altre 
toke dati* opere di S. Pier Damiano • 

£^k Bonifjeii >Ef^if^ Càutmr€na . 

Nicpléii ^Crassi Pu/mrM Gens . 

j4t§U Fnscareni Prùcwr. jp. Mar^i fritta ^. 
B^i Jn jùinnio RédiUfho Sfortim» Pìhh. dpud 
PÌMiUmm Ì6iì.'^ \ 

Nudai : Crassi Elegia P^emtèrwn^ 

Antonii Stella Vita Bernardi Justiniani . 

Jo: Casa Vita Card. Gasp. C^ntartni . 

^ntonii Maria Gratiani Vita Card. J^. Ft^m^ 
ciseV Cemimnd^ni * , 

^HgHstini Valerii Vita Card^ Bernardi Na»t^ 
ni. 

jacobi Phii. ThàmawU f^ta Cassandra Ftik- 
lis . ^ ^ ' 

Jacobi PhiU BergomaHi Vka <^Hidem CmsMì^ , 
dra. ■-'■•-: , / 

Petrir triehi Qtmìo in funere p: Mapfista 
EgnéÈtU. " • ^ 

Je: jintottii Vulpii VitK ainétii Nanierii^ 



/- M 4 XVI. 



]^84 Lettere b- \ 

X-VI. . 

Cose Sacre k 

UlheUins de Patriarchis Grddensilms & ^w* 
tis &è. 

Vlmus de TrmsUtioht ciìrpòYis Si Nicolai. 

Birnarduj Justiniantu de Fìta , Tramlutiàne ^ 
& Apparinone D. Marci. 

Kit a S. Gerardi Sagredi aurore Arnoldo VKion . 

Z«a medesima scritta da uà altro autore Lativ 
namente, di cui ora il nome non mi ricorda; 

Bernardus Justinianus de Fita & òbitu É. 
Laur^ntii Justimani • . . 

Petri Delpbini Epistola de ObitH Card. ìM^ 
pheii Girardi Patn Keneu 

Aàdrea Aìauroceni vlarratia de sacris Lypsa* 
nis . X 

Concilinoli P'enetiis habitum sub Alex. HI. A 
At. an. 1177^ apud Labb» & Harduin. ^ 

AEla SS. Surii &c. Ée ^S. FeheHs y wl vi-^ 
ris sOHEiitate illustribus* 

Ho notate le opere confusamente ^ còme mi 
sotio andate sovvenendo » ma si potrebbe maturi 
rar rérdine e la scelta* Altre col tempo me no 
vetranno ia mente . 



* 51^ 



" / 



I 



ArosTOLoZiAOé tff 

* ^19. Al Sii* Antonio y)dlùmmm [ 

if^iinna 14* Stttetnbri i^aa. 

T L nostra $Ig* Dottóre Schendo tpi ha dai4 
JL, una cassettina per voi ripiena di beUissintf 
pezsl 4i minerali^ eh' esso ha raccolti e, poirt^ 
dalle miniere della Valacchia ^ e TransilV2mia> 
Con r occasione di un mio amico ^ohe pgttv di 
quì^ io là ho indiritta a Venezia al Pfdr^ jxi» 
fratello, con ordine di farla sverei a^jrof7<:^f9 
giuntar di clie con esso v* inftip4jBrq^e.^f>^4l: pa^ 
desimo amico^ che altamente, si pr€gU(:^di .f^$9^ 
^tato vostro discepolo i e che ngeraj(il(8n|e/f% nigi- 
tò onore al suo maestro ^ m'« injpp«e:di j^vèrir'^ 
vi a suo nome ^ e di dirvi ^ s^^'-a^gx^ pe^ 
più rari di minerali come di ofO/ e 4i #geti|% 
egli si riserva di portarveli fra pochi nlQ6i^'iÉl 
persoAa, avendo ora solamente voluto sgridarsi 
degli altri, per minore incomodo del suq 'Viag<^, 
.gio. Diciotto mesi egli fu in queste parti ,-dofv^ 
de ne riportò moltissime cose di. raro pregio i 
ma ciò che è più da stimarsi^ più di trenta mir 
ia fiorini in tanti bei ungherl; di fresco e puli»' 
to conio 5 che cavano gli occhi , e più '1 cuore 
a riguardarli • Dite il vero : non ha egli in qU€k 
sto il discepolo avanzato di gran lunga il ma#!>' 
stro ì Né crediate ^ che queste sian baje • N(Xi 
vi ho detto , che la pura purissima verità , e 
alla somma ho più tosto levato, che aggiuntpi 
E^U vi«n q^asi ogni sera a trovarmi, ebenpo^. 

teté 



/ 



%Èi L « *» T B'R e:, f f 

fete figurarvi , che spesso spesso il ragiona^nea* 
to cade su vùì\ e vi si febna gtan tempo , non 
potando mai dirsene a sufficienza ; e non tanto 
si farla del vostro «aj^ei» ^'e rara letteratura , 
quanto della vostra gentilezza , sincerità , gene* 
lo«ità> e; eent' altre 4mai>ili 4oCi ^ che actoronno 
il vostro' afiinio, e cbd' vi tostitulscono , senza 
tfo^^o di ttieftzògaa o di adulazione, un rani 
<e^%lài:6'4el ^alintuon»o ktiemp» 
* Egli è Àolto tempo i die «K)ii ho vostre let* 
tìté ^ è''c&^ tiÌMi he novèlla ^Ha impressìMie 
ilei H^mqi^U&^ò"/ Scrive vi prego , friù di 

^quinte ^^^aati*^ àVviso <teUa vostra salute , 
'tfte;^ìrtir>dé^^s^^^ cara, ben covvenendomi , 

46e si^Wèt *^i^^ y^^^ ho doyiito la mia ♦ Ho it^ 
fèso^ il bel'ScqiuUtOi che ha làttò^ il Seminario 
^dlli 3Libt«ril' de\ ^u Conte Alvatotti" / e mille 
^^lte*!ik> benedétta e lodata la grand' anima> di 
^otet$to Eminentissiinò Vescovo Cornaro , al qua* 
ìe: fiK>n ha sofferto il cuore di lasciai' uscire un 
sì (atto tesoro dalia nostra (ta)ia, contitmamien* 
-te in^iimìli ornamenti saccheggiata e irapoverU 
^a^ dall' avidità, oltraniohtkna • Qu^mdo avete in* 
t^ti;o di riyèriire Sua' Eftiinenza , vi prego di 
fartìjii 1* onore" di rico^rdarle il mio profondo « 
sincèro ossequio , essendo feen rkdrievole dei 
segnalati femori V^hd i<^ ^àrj tempi mi ha fat- 
ili . Prégovi ancora ctì ^n* altra grafia , ed è , 
ehe nella Libreria venduta c^ifeendoviiftolti/ libri 
duplicati >^ e che già erano k^ora nella Libre- 
ria dèi Semkiatlo , e però dovendosi esporre ftk 
la vendita , voi ne parliate in n^io tióm^ ai Sig, 

FaO|- 



, faco»lafi , o al Sig. Canale ^ ii me ae pKocciar 
fiate il catalogo » fegftatt» del presso di cìasphtii. 
duno, acciocchii io pos^ ppporcu^amec^te pcon* 
vedermi di quei che mi ipapca&Q* UiiostioSt^ 
Ippolito se la passa a^sai beoe ed ^giraaieiit^i 
ma farebbe volentieri una scappau m Italia » 
fU isgrayahi la schiena di certo peso» ^ no» 
^i di r aniino di scacciare su queste sucidissi- 
me intnehùi . Per me bo appese X armi al buca 
Priapo, e la nece$sisà ba fatto il voto » non 1* 
elezione* Addìo cam amico • Riverite al solite 
f Sig* Poleùi. Morgagni, Lioni, Faccìolati ecc, 
dandovi p^ farlo ogni plenipotensta \ ma ^ sopra 
tu^o ricordatemi servidore all' Ulme vòstte Qoi^ 
sorte e Figlie, e credetemi di ^uóre^ 

jf20. M P. Pkr jCétirimo Z^no% 4 Fiffixia. 

FiànMM ^9. JS€ttmlnt 1710, 

HO letto con aommo piacefe il testamenti 
di Marino Sanuto , al quale in nessun 
modo può contenderla it posto fra g)i altri • Se 
mai potrete penetrar cosa alcuna di quarto scris« 
se in cofitifiuiis^ioae al Sabellico , mi sarà caro 
di essenie ist^ito ^ La sua prefazione potrebbe 
dirci. assai sopra questo particolare • (iratissima 
altresì mi è stata V inscrizione posta lul deposi^ 
to del Brognolo > non riferita da <alqano • Ri*- 
Stasiate il Sig. teonarduzzi del grande Incomo- 
do t die si è preso » e del segnalato fiivoc cbe 
tm Jia ibtto j e io riverirete canmeote a mi» 

np- 



i»8 - i u f f ÉHt hi 

nùtrie. Oh qùatito desiderio tiudrlsco di ntéttiì^ 
ce agli abbaiidonati geiii^i. iHiei stùdj : itia qcà 
«<m ho uè il tempo i liè il modo di poterlo fa* 
«e ; Scriverò' in ringraziamento al Sig« Gailonico 
XSagliardi per la cdpia dòdatanii del sUo Libro ,. 
xhe ^edrò ben tòleiittèri a suo tempo idsieme 
^on ^lelU destinata pel Sig. Gentilotti, quando 
non gliel' abbiate data in occasione della saa 
breve dimota kostì^ Sono slata soddisfattissimo ^ 
che egli sia statò à trovarvi, e che egli sia par- j 
^ tito còli sòddisfaì^ione da voi : I>a Napoli mi è 
scritta altresì la grave malattia del P. Berti,' e*l 
>suo migliocam^entd • Q^eir aria del Vasto , per 
quaàto mi viene detto, è di tal fatta ^ cbecbiun* ' 
que vi va , o muore , o incontra uria mortai ^ I 
malattia. Per me mi guarderò certamente di mai 1 
capitarvi ; Piacemi il pensiero di aggiungere al« < 
la nuova raccolta degli Storici Veneziani un To- 
ma di Orazioni funebri di Ddgi , e di- altri ixì^ 
sigfti personaggi Veneziani . Io pure ci aveva 
pensato , e parmi di avervene dato un qtiaìcbé 
tocco. Per 'me farei ^ che ella non passasse U 
i6oo. a fine di non impegnarci ad inserir nella 
^stessa tante sciocche Orazioni recitate pòsteriòt'. 
mente nella morte de' nostri Dogi: sopra di che 
risolverete ciò che vi parrà più espedieilte i DI 
Gasperino Barziza ho veduto molte cose • Fra* 
miei MSS. debbo averne alcuna sì di lui coftte 
di Cristoforo ^ èredo ^ suo nipote » Fra i libii 
ch'io attendo d'Olanda, v'ha un' antica edizio- 
ne in 4. delle rarissime Epistole di Gasperitio 
«inora in vano xia me ricercata 1 Fra' miei C^i- 

' ci 



Qt ve a'Iia uqq c^jrtacep ia foglio scriciK> V m^r 
no I450t» in GpqSigliano, 4a uo tal Francesoot) 
Ferra?e:si Notajo', intitolato GL4ig^m B€rg0men^, 
MS Ckarimmi Or^fms^ Qrfhogr4pHa.. Comincia ^ 
Qn^nàatn nda mip^nrOf^*^ Un' altro ne tepgp i^ 
4; ^artacep col titolo: CbristopjbpriB4rjdsui Btt^ 

f^. Quum luGHkri^tionum fftesruni • In vatie ocn 
calte tengQ sparse nK>.lte, epistole dì Qasperino , 
e qu)ltì ejso^dj orate»:); U^ i^n- al^tro Codice uix 
STO tcaiGUtelltì ^ AUgisfK4Kitii( ^oms' ^ il cpi 
c^unciamentot si è ; JLexRfiimi4us^i e puq e^s^ej^e 
qq^cbe altra cosa^ella t Tanto potrete scriveva . 
al 5ig. Ab.T Giotgi, editandogli X opeir^i mik ini, 
Ogni cosa , ct\e fo^e di s)]^ pia^e^e ^ il G^ 
^ì è stato sempjre , e s^à sempre un matto : 
ma \d, burla che ha Éitta al P«^ ^l^ini per y^ 
rit^ ^ni h3i f^tto molto li^idetig • Ijon. so > ^e 9 
quel VQStrp dabben religio^ ella sarà molto p^-^ 
cl^ta ; ma fìnalmeiite è ui^a galanteria ^ 1^9. 
scl^erap* Addio di cuo|:e.. 

Fi^m^ y. Oft^he 1720, 

A tempo son gignt^ le Novelle JetÉ^arie » 
che mi avete trasmesse^ per aggiu^erle;. 
ad alcune altre, ch'io aveva già ricevute da 
voi, e quindi pcesentarle al Clei^ìentiss^imo Pa<t 
drone , che le ita sommame^tf Mf^94^ *. : T?^^?ir, 

nato 



\ - 



Mfo" il mio c^mpÉAi^ato ék lai ultimanie&té 
t^maortatènli i mi dissd ehè b«ii presto Tol&rft 
ib|^ie|Armi Itt qtlàktie altrat M^à di {itià rilievo, 
è se ii6 eÀpjTds^e adehé ^1 Si^. Conte xJi jlavd^ 
H^ mie gfsti p^étettore^ scarsi pere dicbiai'afii 
che co^ àl>bia ad essefe. Io ^arò {>tofitd à tu^^ 
t?> €o(i la Volontà; )«à no£l s^^ scr ai desiderio 
coFrhpdfl<lér& il taiétito eia l&ti^; Martedì; che 
fu4Ì giortiò deilsl si3à fiasciia-j imitd il pifitueo, 
e levatosi di fiietisaj presente tiitià là /Corte mi 
prese per uiàiioif che dèe volte io lyacial. rive- 
ren'temètité insieme cpfi quelli delta M; dell* Iiti^ 
pèràtricé) e poi si tfattende à discorrer rnèco 
per ijuasi un qiiàrto d'ofacsoit somma Beiii^i*^ 
tài la qiiai cosà veduta^ fìoa sd come a qual^ 
pfafddufiò éàiìt piaciuta é Là risoiu;^toiie presa dal 
Favino di tìstampaife la Teologia Dònirriatlca del 
Petàviój noti può esser migliore^ Troverà ubiti 
associati ; ed ^ò médesinxj he Sarà uno; Ma òtif 
j^uò àisièùrare^ ch'ei là prindp), '« principiata 
U teloni i ncHi dico a perfezione ^ ma còitipe»' 
tentemente beile ? Delia disugiiagliariaa dellà^^ài!'- 
ta adoperata dal Lovisa tiel proseguimento dell' 
opera j fu tguAìó beiie da tàé avvertita^ e non 
senza indignazione i ma dai nostri stàtlìpatóri 
nulla (fi compiute pA operarsi. Anche dedizio- 
ne delrUghelli qui non finisce dì soddisfare , 
principalmente per la infelJdti del carattere , e 
^|Jer la mditiplicità degli errori é Qualunque però 
ella sifli saràsettlp^ una buon'opera, e ricer- 
cata . ìhì itàmò arrivati in gran parte i libri , 
che ho fattì comperare in Olanda . Vi darò la 

nótl-^ 



Apostolo Z«fo: zpr 
éotbia di alcufli, che haa qi»lche ^ singokrità i 
. L Jéttù Pmnnmii Qmnqme eccUsitf$sU £piiC0fi. 
0p0rÀ\ Scc. Bdsilià per Jo: Ofininim (sens'aa^ 
ao ) in È* Sonò bellissime Poesie Latiìifi ^ e ra^ 
dssiiiiò libro; Fd discepolo ciel vecchio GiuriAo:| 
la cui Vita egli scrìve in un long^ Panegiiricc» 
Epico : ai quale ne succede un altro di JacqK»- 
Antonio Marcello, P» V. e Capitano di molte 
gridò ^ nei quale si descrlvond a^sai. {airticoIafe>« 
BK&rè le co^ de' Veneziani avveilstt ni quel 
tcn^ iabttò là direzione di lai tonde sarà ini 
novello còiT^iiimentò per iaraccoita da farsi ; 
Il suo titolò èzJÀni Panàmii ad Jétcohim iém^ 
totrìttm MMrcrìlum Fenttum PÀutfyricHs i e co*: 
iì^cia dalla pag; 4St« sino a 157; onde ben po4. 
tetaé atgòineÀtare noxi essere cosa si poca ; 

Il^yl^ Fitràpii 'PoUUnis di jlrcbjteBurà ^ deÌ4 
la beila edizione ìÙusttata con le note de* vdi|^ 
é còti altri opuscuìi da Giò: di Làet j e £àtta ia 
Leida' liei 1649; in foglio ; Ctà che rende sia^ 
golare ià mia copiai si è ; che tuttt> il testp di 
Vitrurio k stato colla^nonato , ik >dapò a^iedi 
&>n un testò i mano di Pier Piteé did famosol 
Stefano Baluziò ^ possessore di es^ò esemplale 
stampato j in fine del quale scrisse ^i stesso!^ 
segiienti parole: Cinteli cum vetustissima còdice 
MSi 4^i fuit r. C.Peiri Phhmi jékiàvi /IA 
Kdl. Se^tettttr. MDCLXXXXIX. £ più sotto ^ 
StiphmHs Bàlézius : il cui nome pure segtiattf 
di sua mano ieggesi al basso d^ frontispiciò « 
Io V ebbi pet 1 3i fiorini i ma iiod H darei t>e^ 59« 

liLDiGsrus^mmCoÈ^ùtMtdddS^M^ériua^ 



Vf.X ' l.UXTIRE mi 

t^Tassp. lihriXXlIILA(tlUéo& Revm9 3ig. il 
Signor Cinthia AldobrémÀini Card, di S* Giorgio. 
M Pdrigi affrtsso AbcL C Angelini nella primM 
coténna, del palazxjo M.D.UJXF:. ( cosi in veco 
4i: M.D.XCV.) in iz. Vha, oome ndle altre v 
k dedicazione, di Angelo Ingegneri , e la can^ 
«one del Tasso al Card. Aldobrandino, eunso- 
|ietto in lode del divin^Sii.T\T*ch^ principia: 
Amici y questi e il Tassa ^ Ma avanti il spnetto 
à legge una certa lettera in lingua Francese 
dello stampatore Angelieri ai lettori; dalla qua^ 
le si rio^va > che egli dopo avere impresso que-< 
$jto bel Poema in prosa Francese , .tiudotto. éa un 
fit^sonaggio de'. più eccellenti , come egli dice, 
del suo tempo > ha dovutp , sì per U bellezza 
del Poema, come per Tinstanze che gliene fa- 
céano i Francesi, porlo sotto il torchio; non già 
finendo i' esemplare per t addietro impresso , ma 
Afipra una nfivella ^opia del tutto camiiat^, e ri->: 
veduta dair autore^ inmatagli da, Roma^ ecc. £ 
promette di stampare in fine alcuni canti di qoe- 
4^Q Poema in Yersi Italiani^ e Francesi : il che 
i(^on so, 'se poi abhk fatto* Qjaesta edizione è 
Ideissima, estiraatis$una:.poicI\à bea sapete, che 
<dla fu condannata e suppressa con decreto del 
Parlamento . di Parigi del di primo Settembre 
t$^$. a riguardo prìncipaliiiente di^XVIIL vetsi 
posti quivi: B,.c. 17Q. nel liòjro XX. come versi, 
dice il decreto « contenenti: sentimenti contrarj 
all' autorità del Re^ e ai bene del Regno , e cor 
me infamatori deli;defunto Re Arrigo IH. e deli' 
allora regnante Arrigo IV; non^ ancora ammésso 

»; in 



ì 

m quell'anno al grembo della S. K* C e non 
uraca assoluto dalle censure • Di <)uesto decreto 
paria H Dupin nel suo trattato JOe la fuissance 
ScfUsiasti^u & tensfortlU y impresso nel 1707. 
in S. ma. d troya distesamente inserito a e. 154. 
4^5.. del Tomo L del libro intitolato Prcuves 
4^/ Libcrtiz^iU. fE^ise Gallicane y della seconda 
acci:esciuta impreissione fiitta in Parigi per Bastia-* . 
ao e Gabbriello Cramoisy 1.65 1. in ibgl. Hovo« 
]»to comunicarvi que^e notizie 3 che però forsH 
DQa vi giugn^anno nòvde • Salutate la Sig* 
Madre ^ e tutti al* solita. Addio ^ firatella^ ama^ 

P« S. Mi età dimen^dcato di. dirvi » che il Sig. 
Gentilotti mi ha scritto da Trento con espressio- 
1^ di nioltì[> amo^^ e stima per voi • Io non ave- 
va alcun dubbio, ch'egli noti partisse da voi 
che soddis&ttissimb » e ne ho tutto Ur. piacere • 
Pup cissece» ch'io gU risponda qi^sta s^a , e 
ngn maccherò di scrivergli io pure di' voi (x>n 
quelle parole e concetti , che stimerò più con-» 
venienti . Io per verità l\amo singolarmente , 
avi^odola sperimentato galantuomo, e vero ami^ 
co. 

* 522* Al Sig* ÀnUnio f^llisnUn^ ékJNidivM. 

VUnn0 j. Ott^e 1720. - 

Circa r afiàre. della Dedicatoria , di cui ave- 
te parlato col Sig» ^entilotti, e di culmi 
avete scrieto, intenderete . 11 modo di regolarvi 
Tomo IIL N e per 



1^4 . L s t t 1 a E D 1 ^ 
e per, If/Co^e i e per le iegatlare dalla kstleir«^ 
del Stg. If>|^Utót che sapra di eie ht leulttM 
lungo ragionamento col Sig. GaraKerd Gàrdli i 
il quale non meno di .me vi facconumda la fa» 
litesza , e la correzione della stampa • Gii mi 
figuro, che le cepie déstiàtte per Svu Maeitii^ 
saranno tittpiresse in carta distinta per qiialitì è 
grandezva : il che è necessario • Del resto io 
volli es^e^samente > che V idfocfnazioQe vi ^^ 
oisse espttsssttnenté per la ria sopraddetti délì^ 
atidco, accbctbè di nulla e' si adombri « che aU 
tri fuori^ di lui voglia Éursi nieritd di servirvi 
in tal affare , e tutto passi con la sua dire^io^ 
ne e consiglio & Nuli' altro io curo , se non che 
ottengbiate il vostro fine . Vi rerido gràiie di 
quanto aVete opeifàto . iri servigio del Sig, Geli-* 
tilottii il quale è ora a Trento ^ e di là fìà 
ha scritto tutto il bene di voi. £* un b\iangk^ 
^antttomoy ed ^ bene tenerselo amico i Io noà 
ho > e non/ voglio avere per antici grand' uo^ 
mini forestieri per riempiane cotesta Università, 
quasiché he ittancbino all' Italia . Cotesti SSig» 
RR* hanno pur fresco sotto l'occhio l'esempio 
del BernouUi . Mi rallegro del Vescovato di 
Tricarico conferito a Monsig. Cai^affa , e molto 
ancora del bel quadro , di cui .esso vi ha^ regai 
lato • Dei Mss. acquistati dall' Ab. Giovanelli io 
non ho altra notizia» che la datami da voi. Se 
capiteranno , che non crédo , saranno i ben ve« 
/ditti > principalmente da me , Che di simtl! rar>> 
tk non sono awexzo a gooterhe, dacché lAi trcu 
vo i» queitfte parti . Mi è italo detto da varie 

par- 



ri^ 9 fini' datlie Gansetter ledticlié itatafseej. 
yxmri andata a Mèdetia pen tmaspì qatììà. 
Prhidf{tessa Spàsi.: ;Mi tallio (kit ooòre ^ é 
elei tégàlcy^ che ti artétt guaklagttat«r : .iiia<>c]i 
tMitf m^ ne ^tteparòU, e por la^tc > (che. nM 
Vo esserne d parte^ Goà^tevdò pxsise da peiì-vòt 
sdier in sÉiila |iafc& y è Irofoi (>t:ó« ti.fatccca.* #; 
vntn-fb 4^ i passati giorni uà mèdico co§ii<Shii^ 
hafer ^òcholiràr^ che ha .labiata uà' eredità dì 
pia di ucr miìlione di fiorini ;^ e poi ti ist»|piì€^ 
te, che il nostti Scheildo ne abbia §Ettidagitato 
^cr. mileti <^ìeàtb per Verità, è idà buon tetso» 
nd^ t^ soler per ahi sa ben piaòtartri le sqo 
earotQ • (^lel . Fdema dell' Ificsrnaiiotie del Yes* 
hdi d& cbl mi sdriveta essere statò uitimamente 
impiffifisso^ e dedicata al nastro Augtasto MonaC'» 
QÉrUìl è affacàzr scoisosdutd I Sé sarà capitata 
aita C^e,. non inaiflcherò di siaperlow Vi pjtegfii 
dir farmi avere, Mbito uscite ^ si la Tragedia del 
Sìg. Gmitè Gioì Attkti di Porttia, kì quella del 
Srg. Morateri • ' Vorrei pure ^ -*qual4inqùe e' sieno # 
qiiè' doe Ktol istoriti ultihianiénte usciti dèlia 
eatfa^àtoa ,^ e di Budrto « Fàte|li avere H Pa- 
dfc mie FratelllT'^ dtt Ouiind s^ic^e subito riniA 
toi^ltftò Ifel:o0s»9v E' sèraiià?ds](à) die.i Ver^ 
ei abbiati hm prefulef gùéni con gli Angeli j 
Che dite di questo concetto 1 Non sarebbe ttl^ 
to felice a chi fosse venuto su la penna nel 
secolo del liSoo. anche pensatamente . E pure 
credetemi io ve V ho scritto senza pensarvi : ma 
questi sono cose ordinarie ne'^Poetl Cesarei ^ stan- 
te il privilegio dell* eccezione , che voi con to- 

N ^ ^ ga 



^ m^l^istrale avete ad essi loro rilasciata » e 
pero ve ne sono qbbllgatissimi. Mi sarà caro V 
indice dei libri dupplicati della Libreria del Sei 
minacio • So che, ho da fare eòa gente die sa , 
ma mi sono dimenticato il buon costume d'Ita^ 
Ita di comperarne a buon meccato . Lo attenderà 
j^rtanto o^ vostra comoditi « Ho veduta quel- 
la Raccolta Epitalamica di Modena v €t in vero 
per entro vi sono ' mplti buoni co.uponimenti : 
ma .la troppa adulazione vi guasta qu^si ogni 
cosa« i^ned etto quésto grande Imperadore , che 
sempre comanda ^ che si parli con tutto il ri* 
guardo più moderato ; e pure qon si potrebbe 
giammai a sufficienza lodare • Credetemi > che 
iiiuna cosa pia Io disgusta > che una lode che 
soverchia a lui sembri ; e uè ho ogni giorno 
chiarissimi sperimenti* Ama grandemente le let- 
tere ed i buoni libri , e ultimasaenté ha speso 
^n una libreria 70^ mila fiorini , che per sq> 
stessa ne vale più di dugeàto mila.; Il catalogo 
^ stampato in Olanda, e se potrò , ve ne faròt 
^vete una co{^a • Riverite a mio nome V 111. 
Sig. Laura, e figliuoli; come pure i soliti ami^ 
ci, e in parti^are il mip amatissima Compaq 
re , e Amico 1?oleni . Cotiservatemi il vostrq 
cuòre , è tenetemi viva nella vostra mempria ^ 
^ddio, carissimo Amico , 



5*3- 



A 1^ é i tòta ^ É n &l t^f 

jx^é^l Pi Pier Céffmn^. Ztm^ * Fèn^jÙMì 

Attrè..yol(e mi avete: domai^clate noci^rie in^ 
torno alla perdona «li Roberto Titié Trii 
quelle che yi ho tra^ix^sse» non tni (ovviente 
di avervi indicato > che. aelF opere |n foglio ^ 
Marco Velsexo, e prÌQeipi4nieat^ , nelle sUe £pir 
stole si parl^ pia ^olte di lui.t.yoi poèr^e tcol' 
varne i luoghi nel libro. medesimo, che tfdv.<J^ 
lete tra' miei Epistolari in foglio 4 Date anche 
im' occhiata , alla prefazipno dicUe Inscrizioni ttjd^ 
coke ^alGruteroi^é ail'indke degli Autori^ chté 
hanno contribuite e somministralo materiali per 
iare queir ifisigne collezione \ il qual indice é ^ 
dopo la prefazione « Credo che avrete osservato! . 
Jbgni cosai nia ho voluto per ogni rispettò àor 
prabbondafe# Da Mons. Albani mi è ^stato dattf 
il Libro di Mòns; Fontanini sopra le cose ieU 
Parma e Piacenza, Vi dirò cónédef^temente ì che 
9gli ha voluto provar troppg^ e cjae preveggo > 
quando sia ietto ed e^jtnii^t^) più tpsto disoi^ 
dini e pregiudicj per la ^ fa^sa^ che altro ^ 
..^fon tviXxs> a giudicare de) inerito:, ma molle 
cose odiosfe^ e giàraQce^ ^e pf»cò albispgno .0^ 
portiine pé^evano disshnuljursi-; e tacersi: ma 4^ 
^piei capo fervido è itpffétuc^p Qon si poteva as» 
gettare altrim^ti,. II. tutto tenete ideiìtrò di Vw^ 
èssendo io risplujgo di parlarne OÀiil^a^ om^iio 
che posso: é ka.i^Mstq e#l9# ^^^re ac)4lf 



%§§ -i . jti » T 't É * « - n r 

V0i> che nel Qiomale non sarà che ottimame^* 
te .iJtt» 41»»nea dfcne f)ati#|a, fct àm ^t^afém \ " 
impegno ne con T una , né con 1' altra parte • 
Mi-èrs^aiOfìasé «ttintfaM^ <k Napoli il D^cameu 
rone colà ultimamente stampato in ottavo: raa^. 
4 mokid «coiwdtò ^'^Mi fioin i>uott& casta ,^ e'*\4i 
uniste catactere . > H^ì'^ infti ^^r0 ,; cb^ dncr^sofr 
iiiP&le, che n€ii tiiio Dramma <li L. P^piriib iA 
iponga niaiao <la «hr pretende èli ^aperse più <ift 
^à|è-t-Così altiielMr, ^ tKmciiKcirà, €oine<:recio; 
ia cò*!^ non^' sarà <lt me toloi ^1 confronto 
•<àìrà tonfoscere, ^ TavrantÉo raggiustato , ognalT 
«to. Lo stesso Orsmima si redtem anciie inMirT/ 
{ano nel pros-sk^o carnovale >' ima pef qiiaato m* 
teado dal mùsico XSaeta&o Orsini i ohe come 
41^^ cosi là àiÌGorà rappifesenterà la patte dvQ; 
f^abio , coÀ poc^ ó £|iuna mutazióne , e per quan^* 
to mi scrive y con la stessa musica delViceraae- 
«Ék> Caldera. La Insigne Biblioteca HòbendorSa^ . 
fia comperata da S, M. C. C. pei^ yò. mila in? 
^cz fiorini , è già capitata ih 8o. gran casse •} 
^ «li stanno facendo gli àrraadj per collocarla « 
<li«poria ih lana gtHeria di Corte f>er ora, ìnsi- 
•#0 a tanto ^cfie sì feccia^ 'la gran^ fabbrica piar 
• ripprvi tutta • là %astaBà)lioteca Cesarea, IlCi- 
^logo dèllat <HofcéhdorÌSana è ' «ta;tO' impresso m 
<Sa»da , ed io afe: ho ^vute diie <:(^te , una dei- 
Ite ^ali t ^r ^01 V € vi capiterà con prima si- 
-earà ooQasiohe-*' V^'^ ringrazio della co^a déOe 
Jnscrmiòhi del ^Vàsto^-nkncfàtevi 'dal P. Blrti, il ' 

qcòJ tìstaÌMlimerttó «dlàrsió -primiera salute mi v, 
tià dato liiokè ^*^cim,^'mii * ^^Ancbe il bi:»on 
1 ^ Pa- 



A i> S T 6 1 o Z i H « • tfi. 

Padre Laudati ha passata una bruttar burrasaa : 
ma \gmzié^ a Dio, ara si è riiticsio assai l>dnft',' 
e n saluta caran)Mte» coma fame i^igg. K%e^\ 
cméi é Marchese - "La spiegaaicttie datii 'Ha 'tùii 
^tìm^!3L dtìle suddetta InscrìzioM è ottlnta, 
e n^a: ho ch^ iJdire in coi»trario« Qià^ icaii^^ 
mtìJk €ol sua pi€de quella di' M. ^B^o^^ corret- 
ta ptà attentamente nella secon^ bevMo^ ; 
che il P* BtfA ^fe fece; Un giorno faro dilii 
genza pressp i colletto^ di taH atklchiiài, p^/^ 
rincontrare quali vi sreoo prodotte, ^ quai tio. 
Pet riempiere il meteo foglio mi manca la tna-* 
ttria ed il tempo ; Saltiate caramente la' Sig. 
Madre, e tutti di^ caèa 8yb$tra'5- e vi ^bblraocioi 
col cuòre. '. .:.r. :• -; r ■ J. e' ■■' .• •-. 

524. JÌl sii. Anàttà Ctfmto. 4 f^i^naUM.^ 

Rkpondo aQa: ^vostra lettdra ^l'^og^i y che in 
questo ^unto rìceror* Xa continuazione afil- 
la vostra buonsa iàlate, e di quella della S%. 
Maitre, e di ti^tS; '^i c^sai* Un avviso j>er me 
scm^ grato, e di* tonsolazipne • Pòic[;^ non si 
-può fare. 4i méne ; con vien psusiimtàce , e atten- 
dere il nuovo anno per la -spiedizione di que' 
libri iiì'MosCovia al Sigé Zie Sevàstò. Vi con- 
tiguo però a fer .cjapo anch« co^Sigg. Cottoni:, 
iMntte qualche Volm suol capitare 4traor4iiiair^ 
^iasione t>er qùìslte patti. VI' «ringraiEÌo innato 
d0U*avirisp^ • vi chiedo c^pSiiaieiito^ del ftU(^ 



\ 



A 



ZQÙ tifTTERt fili, 

vó : inpojn0do , irh* yi reco* Né le Còniftiedle}^ 
che ora costì si recitalo, ne i Driitiiint, cheià 
hrefvt vi si averanno a recitare, mi muov^HiC^ 
piiiitojii pnarito tfinterveàirri . Io ^odo piàUot*^ 
lamia piccioia stanza già qoa^i tutta rìpiieijto<ti 
bisoxii libri y che di quutiui\qtte altro divartimen-^ 
to> Ho termina«!i la mia Serenata^ che sri pan-» 
^erà ptìi li 19: dei venturo JMoyembre ', gLortib 
ti^larédel Qome della regnante Imperatrice £lìP 
sabetta^ Kel prossimo mese si Slargherà aCór« 
te. alquanto il corruccio , e credo che questo 
carnovale sì fati T Operai che già il Sig» Parlaci 
ti ed. io avev2WQ preparata pel carnevale paSsa<^ 
to* La morte, del Go^e.. Stella segui poti dolOt 
re di tiitti , e in particolare di S* M. martecU 
dopo il pràhzo • Ha lasciati molti legati pii , ed 
erede, universale il^^ nipote $ che ayeva .presso di 
lui . Suo fratello Arcivescovo di "Taranto ha per* 
duto.un grande, appp^iQ^ ^ una grande ii{iérah^ 
2a di un Cappello Cardinalizio* La peste non 
e pra. tanto fiera in Marsiglia > quanto in Ais> 
capitale. delU Prpvetizac » die non ostante ogni 
sua dìligenta rf i ,, stata fieranieAte attaccata ; 
Senteri che i^Moscóviti abbiano fatti nelle sjjiàg- 
ge della Svezia due sbarchi :!* ^^sito ancora iloii 
A sa; ma è % facile indovinarlo i in<ietldj^ Stragi i 
predei e disòlazionit' Intanto si .maneggia una 
treguii per due mesi ; e si eired^ accordata : sarà 
però sèmpre tafda per quelli, die a queséòrà 
piangono il danno sofferto; Voglio darvi, una 
nuova, $d. è^ che studio atr^bbi^itamente Ialina 
gua T«Jwa# Se mi vedeste ^ e sentiste ^ crepie^ 

teste 



À 1^ é s % ^ t à 2 fi H # ^ tòt r 
tMti 4dle jrisiT: tali è tante som le amorfie i^lfé 
mi. conviene iai:e per.ptònùotiare una parola | 
cbe talvott^ t^ tu » o sette, consonanti di se4 
guito^ sensa il conforto di knez^o di Una sola 
vocale . Qi^alcbe vÙUt ha paiìia , che alcuiianit 
«e ne attraversi nd gptia; onde per rimediare 
tengo sempre vicina unat bottiglia di .bUoiivina^ 
con cui teiigo inbrbida la goia> e pia sdritedò» 
l^vol la lingua» A queiti Tedeschi ^ cfa^ beoni 
i^nto > comincio, a bx ragione^ esisendd imposi» 
bile parlar làia lingua si faticosa senaa assetarsi i 
Voieté sapere qiiai profitti) siilo ad óra ti a^boNl 
fatto? Ve lo scriverò» quando io stesso loisap^ 
pia.* poichi^ sioòca noti xaA ne accorgo & ^nùt 
non vi lasciate prender daila^malinccinia^:. cho 
tiuUa giova nd male » è ch^ aiizi è un Movi 
jnale, Patìs per m^ uà figliale, an^lesso dila 
:Sig4 Madre» e riverite la. Sig^ Cognata, e te 
^O^ellei.e baciata i ni^ti» e scdiza pregiudicio 
della' clausura » anche CatAriOia in $• Rocco.; « 
per fine sono di cuore. ;•• 

52|f Al medesima ^ s f^cnezids 

Pìennd 9. Novembre Ì7Ì0; 

ALtre/Mttete di vostra . ragione . da Vàirsai 
via^, p:.d^L. Dresda non mi sono più capl^ 
tatek Se yeriranlìo, siate sicuro» <:he yi perire»» 
tanno sicuri^.é Da Utre parti, di Lombardia^ ni 
viene scritto esser comune quest'anno la disgra» 
sia della rac^ba d^ granii ^^ bucati^ 

^r 



^ . » .-t.B-T t $ m n -fri*. ' 
«RtSQ iti vtnrtlmi, che lo divttnno ^ f otta chr$l 
fvUuppa ìq ana farlallinac: V altro ia uao soa^ 
fftfei^8etiQ':»/die ila i naturalisti appdthfi'/^^^r-* 
p$ùlo.4$l ^rés». Di gravia avV^itiiar bene -^i 
tMM luJìarvi in quopt' annoi. iti/ pui^ littp 4iqtt6^ 
ita iì»ta rdi grano ^ efae .^^sdc^tameiifd non puòt 
(Asor^ ^ 9be < nocivo r : fallavi i^uona, '^tovvigiQQa 
disi Mocéììoi ^ potete, avaaticfaè 4f vantaggio 
Ittsarisca*» U contagio di Maniglia; che sempre 
piò. ^l dilata e icifieri^e, mi fa tremare anclie 
per la povera Italia • Sono prccocM^ tutti k pre« 
iodi, die deschi wno T Istorie passate, inaestré 
4^. tempo ^ cioè' prina il contàgio dt bestiami ^ 
t ctfa ku'<:epa: dagl'insetti. Piaccia a Dio, cb<| 
^ijiest^ vcita iieno. vani I pi;edi^j« Il Sig* BerMk 
|t «iba date btìoiui dovetk ^tta v%étra aalutfc 
€ùa mìo mólto piacere* Esso , il ^ Parlati > 
•l Sigt Ippolito y| ^ali^anp cernente • i^ateyòl 
lo ite&so a mio nome alle Sigg. lliadre , Co», 
inata. Sorelle, e Nipotihi.' 

^ 5a(« ^/ S!i^ Antonio FMisnieri. a Padws^ 

VitnnA 9. I^ovemire 1720^, 

HO ricevuta e letta. la vostra bella Dedica* 
toiia, (hjB subita iio fatto paika^ In/ina- 
«p al ciostro. Sig* Qtvalier Garelli- • E^t dipoi 
é.statpa troyarml, e come pia di voi e di me 
iben intoioaio del gmco de| P^ronei^ ba giddl^ 
€afiD> die da'oéftì^ si debbano levare ^alcune es* 
'imssioni di:tsoppa lode» ò troppo caricate, per 
^ • - ridur- 



fidàilà allò Slite fiv^ moflììt^ i ed i# «ifende4 
46ifè<fl>o$tr0 i^rti^'bcia ybli^tien ^si eoa* 
^to nel wo f9ir%ò^i it«to '{>ì& Hprbtkameii^ |^ 
^endoiot» filanto <^ \:(ki la So^dra 4tttéra a lui 
iìirdCC^ fU-date ògai .auioitità ^ dt lata ciò dot 
^l&ì€ fia|afii^ a toì giovévole «l^dreésti^, ey 
^to od 1^ ve la ^ittiatidi tiéife ^settin&iiit^ yeiN 
lura^ atcìècchè pòssUte staiiipiSrU cél Ht^òv Vi 
«ì ajjglugttafa-forae uà periate ihtomò alla vè^ 
f*naató tó^nte--è'-Sfeig<^ar Bfercrir^tìtìmaliidW 
^cquiàtata ijft Sr^K* eoa lo èUorso ^iótorko à4 
««>• 'tóla '&(kini'iyét aggiuglieflà- 'ali'' altra i^ 
tounìtìwìw^ toccolta ila?su6i ma^gìérP/'Uaita cfcc 
Mi& Viihk àiraltfa, « cpHocatà (Dfoiaqnaado^ 

«fi 'uii' Ci^afeéi ti isèftlinanf^. vé«rtti*^'^àvrb\Q(?i^ 
tìb^e dì spedirvi • la caifetìttìArf dtì 'itóntràl; 9 
4dae^opte. del Catalogò, di essà^ librerà , datèaÉi 
per voi da! fiig. GétdUi; Se. Ja'Càtétedra't^^mfe 
'^ L^ggé è data ai Ceffi$V n(?; vàiifièrà^'^'^aittai 
tiel^qual caso racì^órrtanaóyi -il ^- t<>lpi^- ten 
«àpeado ijuantp Jpcissìi; esserci ■ ÌH vaSttagé^q Ik 
.yosèfe -paróteziofié • lia letteratura "^i tteve' moffo 
per le fcreUe edijióhi che ha -fiittè di buoni li- 
-bri, e le siié {i^refezSoni anche di qui dai Còli- 
ti «Qfto ^fndko* stimate'. Vi rétrdo gratie per le 
due Istorie mandatemi . Io però le ^deva a prè«* 
zo , e non in regalo • In avvenire mi guarderò 
di darvi simili commissioni « La vostra generq^ 
sita me ne leva la confidenza. La prossima Fie- 
ra di S. Caterina faxì capita|:e i libra) di No* 
rimberga, e d- Augusta t Cercherò qualche buom 

libr# 



"^ìti Vtx esemplare della Storia Latina del Sat^eÌ« 
lieo' iinrtrei^ i|i catta i^eeaca ^ «to^skltite à .q«el- 
io di casa Natii ^ io ne vidi nella libreria del 
Sig. Sicff Qaràem i if fu «itf tempo del famóso 
Andrea Reniero Cavaliere e Proccuratore , gen- 

, tikaB» ieiteratiaiimo » ià trtii ixma éM le llùf 
lettere iniotaii del sdd» nome A» lU vi na pi^ 
litam^Hte rìiinì^ae dorata ^ piSiicifttii dèli' <H» 
pera « Verissii^ i k vostit osscrvaieioae direi 
TattenzioM ssaM dai diftcetiéeéti di Qua HmX 
di Gausateegi» « e .|K>ra ift: ti&e delle, sàie tu^ 
stre l^^ttrAt baservata i ]}fe itetd (Mid lin al^jdl 
eienifio. nei Nani dèlia Giisièca^ pretto i qiiall 
si fiiislodiscooo àdn meit2k diligenza 1 prestimi 
Mssà de* Pi^triàJf€hi Brnioiao e. 13toieUo Barba^. 
rèa <tei^ ^^^ ^ssi fareno isist^hfie cdi Basadoithsi 
gli eradi è Se cosi fatte avessero gli altri ^ ttn* 
ti edcdiehd <lod(cI'ie vbedifféàd non sarébbef#^ 
vK^dti di^ Veóefllia* nattgandoit^fiflo in Olanda èr. 
in Inghilterra i né tanti andati à male iislle bolsa 
teglie de'cimbamaii è de* batti P ord. Ma <)ue^' 
^e disavventure possono |»iù tó^o de^ofarSi > 
4iie tifarsi. Il male si è, che il passato* Àdti 
ipstrifisce dd pre^nte , e che finirànitó ^ f»èr« 
dem ancora qlte^ pochi Mss/che ci fìnlatìgcmòé 
Ì!f8 abbiamo dei fresefai esempli anche in. ;ikuni 
<U <pi6^ Patrie) ^' che professano amole t^rto le 
Ietterei e si Itpaéeiano per letblei'Ifti « Il Sig. Bi 
T. ftvea cominciato a dar mataè allo spoglio tfe^ 
Moi. Nefk so qneHo che si fafà col tèmpo de^ 
gif tkri > ehe ione testtti IlDipo ^dft §ìia nft^rté . 

Non 



127. jtt f. Pier elevino Zltm^ 4 finexin^ 
Vienne \6. Névmbfif ijio. 

DI Robecto Titi cqsi fa pienzione il ^ruto- 
rp nella pré&zione alla sua ^ti( raccolta 
delle IascrÌ2^umÌ' antiche p.4f . 8. j^id récenseum 
C^^um STMCMUilum \ 'LùdovìcuM Sepfalium ^ 
f^tnnem C^ttwkmtky ÌFrandscum Piftan^ y Anto^- 
ninm CarottuMy Frederiam Ctrtustm^ ROBÈR*' 
TUM TITIUM2 Conttpuando a nominare diver^- 
4 altri letterati j die gli prestarono a)ilto mtal 
lavoro , Qonchiudè z Singulis kit i$0t universis^' 
pUfìf 9» fwe leBér » utfote sint qìtibux PémàorM 
kiiÌHs! nif strae stn^Mrd numqùém fervenisset età 
màgnit^inis, ^Mf or pilchnéulini^ ìHpremi^m cid^ 
mjin Co^ pure iieiU* Inpdice ài quelli ^ qui sf^ri^ 
t^s tmvatis frtfitermii , v* Ita Robenkf Titius « ' 
Iq ^n indice di libri venutomi aicimamentc da 
Lìp^sia bo osservato tia quelU in 8. il' seguente i{ 
ff&a^aptiifét Nani ^quifis «f* Marci . Pdfavii 
]f é8.o. in 8. Non 90 cosa pos^ esseie • Avendo; 
<o^ commessa la spedizione (fi p;arècchi altri , 
y\k(X posto ancora il suddetto • Sp sarà ancora 
i^ esperei ^ mi saia caro, per saper cosa sia. Di 
quei Miss. <ii qasa Nani anche teanipo fa mi scri^ 
veste. Il trattatello senza nome d^antore: ^i-^ 
bm in artilms^ adfiUsc^nj Venemt^ àeheat exalle* 
rr^ oÀ Bern^rdum Zane:, sam probabilmente o^' 
peia di Agostino Yaliero > che fu pei Ordinar. 

.leT 



fot . ^ .; t * T vf « * » V » r '' 

latue p^r. voi all' Augustissimo Packme > le 4^ 
li^SÀ^ ^^^^ ^^'^ (^^^^ mepto vostfo $òsta;iuitc 
f; difese. Al pricseate che dails^ vd^x kttesa 
^i;rittaxtdi fi da altri avvisi venuti da varie par-- 
tl> ^i Jiiaril fondamefito di si fatto filso run^re, 
^ tornata la tranquillità negli spiriti., cke n'era- 
no agitati; e in particolare nel mio, che più di 
9gQÌ altro si^ pre|ia di oonosdrre il merito vo- 
stro , e di andarvi. Il tutto vi sia scritto in ami- 
^vK^ confidami. Ho Vicdata, im ^1 di pa$- 
faggio, la sgrktui^ delle ijagiom della Saata Sede 
$ppra Darma e Piacene* Farmi che ài più forte si 
Riduca al terzo iibrp. Se qui gii si abbia a far dar 
lisposta, noi so, perchè non ne sento parlare. 
Molti, luoghi per verità vi ho osservati , ne' qua^ 
li malamente, vi sona trattati i vostri Modane- 
fi , e spesso ^esso fuor: 4i proposito • Ma che 
{ion fa ia passione? 

Ip nqn /tengo qui aloino dermici G>dici, per 
jpoteryi ^^ervire di quelli, che io stimassi opportu^ 
ni alia raccpka che pensate di fiire degli Scrit« 
tori inaiti RsYum ItaìiMmmx pensiero, che co* 
ane capete» io i»uq una volta niidriva, ed acca- 
pezzava j e. ^be nim ha alteramente deposta , se 
qui a 'me riesce» e ad alcuni miei dotti amici» 
4i stabilire yna. buona stamperia sotto la proter 
iljbne Cesarea., dov« si imprimano fra T^dtrecose 
moljti insigni Mss* e documenti» cfe' quali é ri«* 
ea 1a copia questa Imperiai Biblioteca , ukhna- 
mente accresciuta d^ pi-ieziosissimo acquisto dell* 
H^kcndorffiéina , mediante uno sborso fatto da S« 
M« O <;:. ^fm»^ e fitt.miUe iorim; il cui 



A p o s !^ o L o Z 1 » o ^ ao^ 
Catalogo impresso, se vi sarà caro di averlo i 
iccrch^ò iriodp di fare qhe senaB* aggravio veruno 
io abbiate . Mi sar^ qaro di avere il catalogò de- 
gli $ioti^i inediti , cte pensate di pubblicate -^ a 
Jìi^e 4; po^eryene ej^ibire alcuno che non abbiate, 
e f^r cui ^. ^Mo tempo n^ sqriverò in Venezia^ a 
mia fratello, on/egU ye lo trasmetta. \ Vi avr 
yertq solp , chp come ng tengo ben molti con- 
.cementi le. cgse Vene^^iane , e unitamente con 
l^sso mio fifatello tengo impegno c»l mio Pubbli- 
.co .di pubblicare un^ cprp dj Storici^ Veneaiiam 
non. qaai stampati^ terminala ctie sia T impresa- 
sione già avanzata all' ottavo. t9pia degl* Istorici 
Veneapiani, a voi nota, penja egli di dar fqpri 
uaa. xrolìea^one degl' inediti , frai quali ve np sa- 
fanpq akunì asjai ^nsiderabili ^ o ppco,; o niei^ 
te cqnoscititì . v ... 

^ Sig, Abate Padia ^a pia di. ijigiorni, che 
é arrivato. Io non gli sono stato inutile , quan- 
do fu chiamato a questo Cesareo pulpito, e se- 
cq ne discorsi in yeQjp?:ia poco prima 4i^lla mia 
paj^enza, dgve fui uno. de' siuqi più parziali udi- 
tori f anzi io ebbi la commissione da, -5* M. di 
dargliele prima d' altri 1* avviso , ed» fargliene T 
i^vitc^. \q, gli ho parlato di voi , e mi ha im- 
posto di rlv^riixi, sigcopae fanno 1 Sigg. Genti- 
lotti, Bibliotecario di S. M. e Alessandro Ric- 
cardi, Fiscale del R. C. di Spagna , uomini di 
quel grido e sapere , che a voi è conosciuto , e 
che distintamente yi hajcmo ìi^ pregio y come più 
volte con, mio piacere se ne son meco espressi . 
Vi ringrazio poi del generoso • sentimento , con 

Tema III. O cui 



^ 1X0 L E T t E A É D I 

cui avete intesi gli atti di bofità, che tìSéttò iià 
esercitati , e èi eòìatinua éseitiià qtìtés^ kicom^ 
parabil Monarca i Io ^dh posso àarrafvS à suffi- 
cienza i segftalati e fréc^ilentì fàyèìi ^ thè he ri- 
cevo- i^a^rébbe jattahza iì aitila è ^ì!fr nto ia*- 
*ébbè che verità. Non sóàó ifià the citte gitani, 
x^ie hii fé fare un rég^ó cfi niifle cìnqìiècftWò 
iìùrini i Ma ciò che più stìiWó cg tùtt» ^i è V 
'onore che egii mi fa di tenermi Secò fìùL >Mctftfe 
-per ciasciià tìiése à ten^è faftóiiaiiienì^ s»^ 
Varie cose^ 'e in parcicolàr letterarie-, iièllé ^qàa- 
, ii ha intelllgéttóà e diicètiiiAfeSfcò %(3priffinb ^ 
accòriil)agható da marav%Ì4osa metìtoria SfièfiSt- 
gtìertf della sua qualità ^ é Xfòn kdSos^ òfA tì 
gratt M^naAJhia; Égli è ètrtai tèmpo , the dia 
-fine 2t qtìesta 'mia Ietterà 5 lieHo scriver là alia- 
le ho avuto uri particolare piacere, pensando <fi 
scrive-rlà ad uri tanttó amko % Ihnahzi peiÀ di 
chiùderla ^ pregòvi Si ìifti ^ègftafate favore ^ -ed 4è 
di conmriicaAnl riòvitt ^^ttéràrfe 5 èhe ^ènèànò^ 
Vòstra notizia^ mst che tati le giuìKchiaitÉ <là po- 
terai particìpàré alla ÌÀ. 5, che e Vaghissima di 
averne contezza: con là qukl octalsìòile pìfend^. 
roriimi anche la confidenza di ^parlarle éi Voi , 
che per altro ^li siete noti^Siihó; ^ cjui 'ctì cuo-. 
re abbraficìandcM mi irìcòràò più che mài * * * 



* 529* 



Ai» o % r o i ó Z i^ n o. ili 
* J29. Al Stf. sdnt^nio r4lUnieri. à fàda^é; 

IL nostro SIg. Ciiralier GaralU vi hai ^e<iU|l 
nel passai» ordinario la VQstra de4ic4tQrU • 
S. Mi la alcune cose accorciala^ accr^^ciù A t 
tome già avete veduto \ il ciié si t follo di ^^ 
iBirné parere » non già perché 0Ua ftelìl pri$m 
manìdra non. istesse beòissio^i ÌBa |^rc;hé s^ 
|)6ndo noi ; che siaoxi qui ^ 1' u$i^ Cotisaet5» i e t 
particolat genio ild Padrone^ «bbianao .«(imatQ n ^ 
|)topositi) di tkA fare per Jnaggior vosuo «fscv?- 
gio . Con jqueka riflessione io son cect^ > ^ \ n 

cóiMlorieicete il ijostrò ardire^ e in p^rtici^j^ffs % 
imo ^ èbe ben per aìtiro sa^te » quanto io rUpéi^ 
ti le cose vostre ; e ne sia stato in s^i tei4p0 
ineneratorei Nod aggiungo 4i vantagfio ^ ^ch^ 
lo di parlare ad amÌ£so discreto ; Dal Sig» iQei^\ 
tilotti , che già è ritornato ^ ho idteso il voi^tr^ 
ottimo stato di salute i e le grazie ^ che gli à-* 
Ve(£ Ìéìsìaì di lObc niobo. jsi ì^d^é » ia p9#tìóo- 
lare Si chiama schiavo dei vostro tratto obbli- 
gante >^ 090 cui vi ^liàdaguate i cuori di eia* ^ 
«cheduno . M* impone di salutarvi caramente ^ ed 
j$aic«tìrvi> cte in iui avrete M ógni i^^^récf - 
^Ea «uà bvion ^m<)b « I «inneraii posti in imP^i ^aj* ^ 
, setta » dattim per m dal; ifentil^i^sinió nostrp 
Schendb^ cfa'f tióa delle più car^ conV)ers9RÌot|i 
fih'io qui lai abbia» e due libri coi^{^natÌ£cii 
flmilfbMte ^ voi dil Citiriai9r G^ir^Ui^ s^op 



O » /^^^^i 



Stati da fne spediti franchi di X>gai spesa al R, 
mio fratello per via di 'uà vetturino siqùrp l 
Può ^ssere che ogni cosa vi giunga prima di 
qi^esta, mentre à quest- oca' it P. suddetto do- 
vrebbe averla ricevuta. In questa fiera tiò presa 
per voi Id. Spermatologia Historjicp ^ Aiedicd di 
Martino Schurìgio , impressa a Strasbourg in 4. 
nel preisentè anno. L'ho presa suIK altrui rela- 
zione come cosa buona ; ma ella e opera di Te- 
desco, e non ve la mantengo per tale. Ve la 
spedirò al primo incontro che nii se offerisca • 
|>el i^to io sto al {^esente con perfetta salu- 
te, riavutomi affatto da qualche mio vecchio in- 
comodò . Compero libri a gran furia , mercè le 
continue e generose grazie del Padrone 1 II Sig, 
Ippolito intodéschisce nella lingua e negli ossi; 
può essere che ye^e scriva 1 Finisco i' perchè 
fra un* ora debbo essere a' piedi di S^M. perVeiqt- 
bergliene divote grazie • Salutate là Sig. Laura , 
è tutti di ca$a vostra • Addio , mio carissima 
Amico ...* ' ' ' 

5)0* Al S. Bur Céiurino Zino. 4 Vtnexj^n 

Vienns 7. Dicewirà 1720. 

Riceverete con questa lan altro foglio dell' 
Elogio Magiiabecliiàno . Voleva farne di van- 
taggio, ma non mi è stato possibile. Penso pe- 
rò di esserne alla metà , è oggi otto spedirò for- 
se il rimanente j non vedendo V ora di essertite 
uscito • Farò poi succèdere alqune Novelle letie- 
- • ra- 



. A p 6 i T io £ b 2 fe k a: Ìi| ^ 
^arìe. Era sicuro che la Gismonda d^l Tasso ad* 
thè per voi fosse. tuia notizia del tutto nuova 4 
Non dubitate di non averne' la xopia . Ne ^iiò 
parlato al Sip Gentilòtti^ il quale mel'Jia prow 
messa, tostóthè abbia terminata di ricevere, dal 
Sig. Cavi Garelli. in consegna la Hohendorfiana » 
dove quella rarissima Tragedia è compresa « U 
uno e r altro di loro, còme pure i Sigg. Mar- 
chesi e Riccardi caramente vi salutano > ma ià 
particolairé il Sig, Gsntilotti ; che i tutti parla 
di voi j e. dice clid ha guadagnato molto in què» 
sto suo viaggio ; perchè ha guadagnata la^ vostra 
conoscenza t amicizia • Credo che ne abbia par- 
lato anche al Padrone 1 Ho pensato più posata- 
mente a quel Bernardino. Ròsabardo, che. ha da? 
to à stampare ih Parigi quella Tragedia, del 
Tasso ^ e come certamente tal nome non mi eri 
affatto. stranieto^ finalmente mi sono ricordato ì 
i:fae egli et^ uii Ferrarese j commediante di. prciP- 
fessione; détto Comico Cànfidemt . Costi fri le 
mie Commedie vi. ha, da ts^ìt tìna Commedia 
di lui i intitolata^ V ^IchimisM , impressa in Fer- 
rara ^ credo, dal Baldini^ del iJSg. in 8. ìaqua* 
le fa poi ristampata in Venezia appressò 'gli er^ 
di dì Marchiò Stésa 1586. in l2« Io tengo qui > 
trovata a caso^ la seconda edizione, la «q^uale 
vien ricordata insieme con la terza dall' Allacci 
nella Drainìnatùrgia ^ dove però non fa motto 
della prima • Questa piccola notizia non Vi saii 
forse discara i Di^qnell* antica .edizione della Bel-- 
Umano veduta presso ilBustii altira memoria non 
feci» e non hè^ se txoi^ che ella é di Venezia 

i 'm^ 



1474. ià^ 4» Ocaxrendovi, potrestap scriverne ^ 
lui medesitno, o se io volete, me ne pref^deri^ 
io la briga « Di giorno in giorpp ringrassto DIq 
éi avere accettato questo servigio. I soldi da' 
Ctpqdistria non si esigono: queHi del Pisani 
sono andati in perdizione : gli anni si avanza* 
yaBo: gli utij[i cessavano* Che sarebbe stato dì 
àìeì Finalmente sono in una gran Corte, con 
un assegnamento , cui pochi della mia professio^ 

xfte hanno goduto V eguale , sotto un Monarca , 
efae di bubn occhio mi guardi , in un ten^ ^ 
iove si' pagana puntualmente i quartali ^ e in 
luogo finalmente^ dove nulla mi manca per un 
vivere onesto^ e siami lecito dirlo, per essere 
ben veduto da tutti , e ^a non ^pochi 'stimato • 
$e ypì foste , o poteste esser raebp , e <mt te- 
tiessi allora 1 miei libri > saz^i tròppo felice t Id- 
4ip pon ci vuole tali quaggiù*/ Ancl^' io sono 
4el vostto patere, che quel libro del Canonico 
Scardbva., qualunguc obliasi, abbiasi ar&enere« 
Qlfel titodo deH^Oitin/q troppo appìccalx>vi per 
significare Amé Vnmw» troppo^ è da porsi yi- 
^cim> a gudlo édJC Jintoniiem» Margarit4 3:X3^ 
ini Tt>^f q^ filosofo Spagniiolp intitolare ti soò 
|ièiK) filosp^o 4al fioine 4^ Antonio vsui fs^dm 
it dì Margi^erita sua inadre .* ma qaestq seconda 
i Iibtb I& molta fonsideraKione, non tanto |>e|: 

Jii sua tarìtài, quanto per e^ser la fonte 4i P»p4* 
fé iriodha^io^i 5 che poi Cartesio con plagio evi- 
iSlente', ma tardi conosciuto , si fece sue , Q^ 
sub famoso: Ego^ f egito -y ergo snmi vi si trova 
^n cerfiiìni , e <p$i ^molti^ime TÒ&tt cose , che 

ben 



A p o s T^q i Q Z E H b. 'iif 
htìf^ l^fbb? c^^ ^ qu^yicbe valentuomo si met* 
tesse a r^coi^tca^e nello Spa^QualQ, e le tauces- 
s§ ^oQQs^re 4 i^bUco con una eiudita dlssec- 
uig^n^. Ma ritQl^f^lAdP dUo Scardava» io non 
sQ fh^ diQftte pioite Tragedie e Commedie , del- 
If qwli ?i ^ 4 iUp^o^ nel suo. p«4w rr^^, 
s^tre 9ie $ieQ9 jstaj[9pat«> che quelle due della 
Jjif4s;9 ^ 4e\ G^iMfckwff> le qu^^i sono rarissimi- 
n^, %^o noj^e: talché ne met)OLr Allacci le 
ha 7i(^ukte ndla $ua pcs^}?i^(atui:già*. $q pegole 
tengft. fiotti fra' miei, libri, e le ba gioito caca. 
Yep^rteteyi curic^ità ^ vedeile, e di ejaifllnarle, 
1$: petme ntrpvace 6;a le mie Cotiune^ie in g. 
V ìfLTit e V aitila soijìp »crUte iiy^tos^, fuori d?^ 
U prima iceaa. d^Ua iVi^t/e , che è ia, versi s<»iol« 
li po^ti in bopca alla Sirena Cluteria. Getta ^ > 
fhe quf^ta é ì^s^z favola mari^ima anteiiofe a 
quella d^U* Ongarp ; e, lo Scardova si pregia di 
essere. i^ve;[tf6r9 ^, 41 questa » si della pastoxale, 
aoR ti^Jtp al ffincìpiP, di ts$^ , quanto nel frour 
4:ifipicio dej[ ^t>^? dav^ le cbiam^. ^imfndM fwr 
r4 dfltmf^fmmf^ f^M^lV*' Svisceratamente ab^ 
braccip la Migliora Ua^e , h^ Sorelle > e tutti i 
nostri di ca$a> e voi in particolare ^ iddio ^ 
fratello apsifUswPv 

>^ ni* '^ *?* •^^*^«V f^iiwkri^ 4 ^aJfiVén. 

CIrn la 4aiif ifiRrlai nvil' jdtȓ. l>ft : f^ak sog- 
giungo , rìm^jttmdonn iq tUtto, ft jquello ». 
O 4 ' c^ 



^lè jL-E T T È R fi ^D i 

che dopo iì Sìg. Càvalier Garelli io vetiéfcrfi-* 
'si tieUa mia precedente . ' Allo stesso ho signU 
ficato quanto mi accennate intorno ai libri che 
avete presi per lui e per mfej e al primo cen- 
no che Ile diate di averli trovati interi e per» 
fettij scriverò al P. mio fratello, acciocché ve 
ne rimborsi del danaro • La cassa eòi minerali , 
e i due cataloghi dovrebbero essere à qut^st*'dra 
arrivati ..Al Sig. Schendo ho data la vostra let- 
tera, e qui occlusa ne trovaréte la risposta^ 
Egli è un grato discepolo, e non si saeia di 
amarvi ^ benedirvi y e lodarvi , e vi fa dal can^ 
to suo molto onore ; Spiacemi d* intendere le 
opposizióni i che trova il Sigi Dr. Volpi per 
conseguire la Cattedra 5 e che 'principalmente 
ess^ vengano dai Sig. Gavaìier Mòroslnl , che 
sempre ha avuta |a massima diproteggei^ei suoi) 
e i letterati dello Stato i Ma T amico L. vuol far- 
si nuove créature ^ è rendere questo sinistrò uf- 
ficio al Sig; Vbipi , che V ha più volte nelle 
sue stampe esaltato. Pregòvi però di non abì;. 
bandonare si giusta causai e 3e lo stimate op» 
portuno , e che V ufficiò possa èssere a tèmpo i 
avvisatemi i eh' io .pute ne scriverò càldamentii 
a quel di^ijisimò Cavaliere^ Nella persona (5di 
del Sig. Cògrossi si è fatta una degna elezio^ 
nei Risalutate a mio nome il Sig. Canale; e 
ditegli , che maggior favore non può farmi dt 
quello di farmi avere » subito finito i il catalogò 
de' libri duplicati, e se lo. avrò accompagnato 
xlalla specificazione del prezzo , la grazia mi la*^ 
rà f)ià segnalata» e la cómpra di quelli che ia- 

irai^ 



£uUlo di mio piacere, si fiarà' più prèsto* A vói 
e a tttta la vostra onoràtis^inia famiglia 4èsi-^ - 
dero dÀ €ido ogni bene e fdìcità. Vòccisi^ 
ne me ne vlen suggerita dal tem(>o die si t¥^ 
\4cinà delie Santissime Feste Natalizie i\e del 
proséimO' fiòVelIò anno ^ al qiiale ^ égual pas- 
so e tenore molti e rùòtti ve ne iUCcéd;too ; 
Fate per me lo stesSo ufficiò a* Siggi Pòlenii 
Morgagni, Faeciolatt, Canale, e Liéùe^s ^c; 
é per fine di cuòre vi àbblraccio • . • • 

532^ jll Sili CMédtet Amùnfriine^c$ MMrMl 
4 Firtkzjt\ 

Ptenrm tZ^ Dkmhrt tjioi 

16 noli e^iigò a V. S. Ulma le ragidid 4fel 
mio lungo silenìKio, non altronde nato; che 
da una mia lunga e molesta Indis^sisiane; di 
cui non mi sento ancora perfèttamente riavuto; 
Io ne lìb sSèritlo qneétà àeia, medesima ài nostro 
Sig. Marchese Maffei , dal qbale potrà aver Ta 
bontà di tendercene pienamente informato • He 
inteso pei: altro e da eiso Sigi Marchése, e dal^ 
le lettere dei P. mio fratello le sué giuste doì 
glianze per la tardanza dell* Elògio Magliabtf- 
chianoi ma grazie a Dio, che in tutto questd 
teinpo non essendo uscito il Tomo XX^lILdd 
Giornale, nel quale iti le avea data la fede di 
farlo; ihsenre , sono ancora a tem{k> di os^ser^ 
varglida r cóme di fatto dia gKene verrà ossero 
vata^ stante Tarver tttlmeìsa ài Rmio fratellci^ 

ehù 



^i| ^ E T t « H it PI 

j^lt |9 .t;#ftf giè in ^ potere , Ja V*r% fii ««^ 

* gl^' ««?«*?» ^is^^S» ^^ i^ f?4^1s»ci\^ a l^l^gbQ 

ili slstìf^m , 1*^ i* d%ttf f ^ t^e .nw®)4^ , ^i|<l 

<U Jei ra§ fic( |oi|9 Mftta U^vi^?? i P«ò fssi^e > 

{ , RCt $a^ f 9qft|«pvQ gli ^tfjsi «^glii^^ti h^ì sjiina , 

fatti nmcr^ A^ lmS9^ i§t^^ cpil. 

fanti e tanti segnalatissimi suoi favori ^ Resta 
91^ «l^> l^r ^ ^ f^dpia (^(^'9! i( suoMs. pr 
riginale, il che farQ/^ii pròna sicura occasio- 
ne, che 'mi si .presenti^ e quandi questa, o; mi 
M«S4 wm^ , «Pppft; «tì si ritardi ^ prenderò 
la risoluzione di raccomandarla a\ gentilissimo 
lif* Maficàe5$ ^armlpwi^ì ^ Inviala, di cotesti 

ì» <ji (dr^li^t firn ^ to|gipr^js<41?^^^ 

4Èlla ^n , f t^ li , è presji g rigiwd«i mio . in 
floercwà» W' m^ ÙSf fi' |;i^rl^i^i autich^ 
a^ftm^, 4ì^¥€ i\ iHi®e di Sftwo» ft di Siouna.- 
jm 4 h^em • s *? bet^e pqjrq ^ «^ niilj^ te è 

^Mtsì restii j>r?r0 , 4^ ip jp** j^ie pe abbìe sora- 
«a iQttóig%zJ«i« • ' 6J^aB*E«jeg)t^ i^i m i stata 
.cara IfL n^tiiia 4^1 im^de^nuir J^s, jcoi^p^ii^o^ dil 
«de&re. jF. ^ìi[^9ondq V^finQS^ , e ìn^j^^ ^ ipci- 
mt ptgfejsioiie, ph^ dtla «f s» «i .è pf«la* l' ia- 
J9omìsi0 4à xmmxsà, ìssb h yq^ugle Ia indirà- 

' . " za . 



f» n Ùoas, Agalli Ara¥e3Coy^ «tó CoieitEal 
ma $e non fosse (reippo U mio ardire^ oserei di 
sQpplicarU anco 41 una ^opia ^la «eeoocU, dm 
9ta a r^ jéf;* siccome ella nsi accenna. A sua* 
tempQ ye$hrà'ella gli ^detti di quettie mie «ijpr 
pliche 4s i|istaa2e . Credo che dal R» mio Àatdv 
lo, cui tempo fa lie diedi la commissioEte » tlla^ 
avrà fifev^to in testimoaio della mia fwQtemn 
il IXt volume della Biblioteca Crepa flel Fabbri^ 
ciò • Seiite ciie otit $ia stampatio il X* e im , 
saìtto I Lipsia per wprm due copie , iina 4dh 
quali ^arà similmeate ^r lei. (^m\Dpsa mi 
vkn 4etto^ ci;? avnt U suo compimenta nel Jo^ 
mo XII? £lla seuM dubbiq è utilissima/ e iia 
dato i^oilto di ripumione al suo mitsxel Vtàìm 
9Ìone dell'opere d^ T^^ ^^^^ ^^Pf^!^ ^^"«^ 
^una issai, lenta \ Idia assai più to|ta' a prìnci* 
piarsi j» po^ xihe a filarsi 9 ^ ^uelbt deU^ Pisto^ 
le del jB* Ambrogio promessa al pnbbiiao fino 
da <|uel tempo > che 1^ tPpmiaciaftì i4 nostrp Gior« 
naie 4'Itaaia, cioè a dire dieci aont hf W&k 
coQÙacio. ^ 4is]>eramef Se U Sig. ^eroesco^ti è~ 
costì , 1^ prego di dvqrirlq a inÌ0 ^,tsm * Ok 
i|uant^ è^àtQ:^ p^iiifcipalmepte in m modico di 
professipiie , quel di l^i bel geoiq di racc^Ue^ 
re ottimi «Ubri ! jua è AS^ai ^^rara jik jran^ in 
un musico quella fina intelligenza del buono, 
che ^gli possiede. Io credo, che ix^ questo tem- 
po Y? S. lilma avrà dato ^onunciamento alla 
laudeyole impressa di compilare il Catalpgo de* 
Mss. della Magliabecchiana sommamente deside- 
rato • il nostro Sig. Gentilotti ha terminato quel> 
. lo del- 



V 



io della Cesarea, e adesso si pensa a porlo ÌK>t^ 
tò la ^àmpa. Il mio ritrattò a quest*ora dov«^ 
rebbe esser ^fiiiito ': di àh6 qUaddò ii' abf>ià la si* 
cur^Ezà, darò órdine a Venezia, che se gliene 
nutìdi Una copia • Io certàmedte ancóra non i' 
bo veduto . Il Sìg. Marcbese Bartolommei là risa* 
iuta eórdlalmente . Soventi vòlte facciamo^ tecó 
onorifica menzióne di sua dignissima |>eriona • 
Novità letterarie sonò qui per me un piacer 
molto ràroi Sento tcrininata in Rotterdam entrd 
qùest*anna la quarta 2lrapliata edizione flel Di-: 
zionariò Oiticò-Istoricò del Bayle in 4. vetiinii 
in fogliò. Ho scritto tolà per averla ^^ In uit 
Catalogo novellò di Olatida ho lètto éhe il P; | 
MontfaùcòH abbia fatto ristampare Jl suo Dia^ 
kio Italièo con là giunta di V. 6 VI; Tòmi di 
monumenti inediti aiìtidii* L' Eccàrdo 'in Lipsia j 1 
di cui abbiamo variò cose , darà fuori una nuo-^ 
va colIeiioUe delle Leggi antiche de' Goti i Vi- 
sigòti, Longobardi, FràncHi, Aleitianhi,. Sàs$(yi 
Hi, eccé Corredate di sUe aiìnòtaziotìi • Con che j 
iioh mi rlmàneUdd altro da dirle ^ mi ristringo 
a formar di euore utì votò per U sua lunga è ^ 
intera prosperiti in occasione delle prossime Fe^ 
8te Natalizie , e del tiudvo atiho i e divòtàmed^ 
te le fo riverenza > e sònò..i. 



^Ì3. 



J33. 41 P# Pier CAurinp Z€n9% 4 Kk^xM; 
Fi€f^4^ %U Hicpmkre. I7«Q* 

PRini4 di tutto vi do la buona novella» che 
^no rimesso ii^ pedet^ salute* Non ho piìk 
febbre; inangiò da pàrasito; dormo da poltrcsiei 
« ìql una parola sto meglio che poma dell* ii^ 
coibodo che hq sofiertoj. Del mio L.'Papirìonoi| 
vi pr^dete, come fo io, pena ^ alcuna; vadabe^ 
n^, o yadà male. Sapete gì* impegoi dell* ai^io 
falsato con qixelF altro ài^male per. r> Ifigenia • . 
Io p^ che posso » voglio staile Jontaiioi e bra- 
X1Ì9 che ypi facciate là medesima cosa, la qua^* 
le diirete purè al Sig. Andrea, cWqràsi ppràh 
jtq da ticqppo amore ha. fatto \uió sproposito , col 
vokr C9nipeìai;e ioo* eseiq;iplarì del Patirlo dal 
Lòvisa p^ dispensagli qi^ e là , dove ne sen- 
tisse dir mate* (o ancwa gli scrivo su quésto 
parjticolare , pregandolo di tacere e di ridersi;. 
Piaccmi^ cl^e il mio ridrattcl $ia (eiminato dal 
stucchi ; e qt^ridò io f abbia , Ve «e scriverò il 
lìiiio sentimento • Pel distico' ncm mi importa;^ 
Mi sacche piaciuto > che^ ne fosse uno dà voi 
composto , non di mia lode , -ma- di^ amore fra-* 
tèrno , <;;b(3 ha qercàto v\ qualche moclo di av<si: 
(«ciese^te, chi lontacio amate e vicino «Tutte le 
alti^ lodi per me sari^bopo state affettazioni, e 
yoi sapiete quanto io le abbia in* abbommentp' . 
Còsti non nìe date, che a pochi, ciòò uno a 
^nijo s;oo.(;qrq> upq i n;OStrp ix^^ùo,^ wq alla 

so- 



/ 



àzà i fi T T £ i È » K 

sorella Maria > uno al Recanati, cui V ho prd^ 
nirào i e falche altra a chi Vocrete voi; pegll' 
ansici lontani n* abbiano il Vallistiieri i il Pole^ 
ni4 ii Meàd^ à Marmi ^ lilSavini^ ed altri che 
darebbe superfluo il nominarvi • Qui pensò di iion 
fUm^ à pccsòna: ma akiìno ne spedirò per Ger-^ 
Éiàiiia, e Olanda é dàdde ni vieti dcercatb i Io 
j(km eòi uè mai ho ^Miàtb nominare dii;$iai'i^*^ 
im^ HamaMM ; 41 coi Sigi il Vaiider Aà vi iri^ 
Mlt:a« Alò tsssste; cbé iattàdà ddl^ AhMÌ9 Dm^ 
àfideM; mòrto costi ^quaiiti àìuii sono ^ <|ella 
coi petssaàà ^odccte essere isforniàito dai^retiddU 
la Chklia di S» Manta ^ ^ove sedeva iiirinéssa« 
£gii tiodL ixi Campato aloni libm eh' id sappia, 
isA Hie hi éxitti ibiokissùnl ^ tutti Gensado^ici 
4i £iirnigHè Sorttane di Èutopi^ e I^Izie i Non 
fefà di ìBÉoto ddteriò nel distinguere gjbi àutod 
imri «ti^i japocrifi^ dòme per lo pia torna oon- 
m di ùa:é A chi ti^avaglta ili i fridcip} deUeaii'^ 
ticbci fanaiglie* Ogni stài ooi^iettuì'a gli facéa 
^^i è ^métteva negali alberi éuttiì gU oaxtìtìi^ 
toii Al ^Ksà Maérelio da & fiaold in sonò ^iìé 
gmssi$»sii tomi in iogllo frìtti da liai óiqiai^^ 
ia casa 9 tielte ^ualtf fa entrare tutti i iiaii^lìi 
JLónsmi # a iMbrceHi e MaiteMini Santi ^ è t^cìn^ 
(Mgci^lS VeftCcsHL^J^^ libreria Esteàstvì so- 
«9 I^ùré dar gstii volumi di qoeMa cusapncàle^ 
^tta 4òptD ^ altri ttnofaé àà bi derivare dà^ 
«Asnof SLtmittìi Q^ieilef stiattze col nóme ddjsoe- 
^ StìMmrd JFiértmim i è &oi^Mssinid'£be iieno 
SqueUte òitàtei dalia Crusca gei titoio dk Èaéiia 
di AéftOÈm 4 a iatcr |bbqo irei» ft0 <en^ di prò- 
va. 



•tà. À nie mti ^ mai iS^t» divédcA-léàè^mm-: 
filèji É^ lÉftfiìMièHtté ; Il toiib Veit> èmtotè i^ 
^&k tòpècè «he Ib il ÉftnésQi KÌàl^scklk) ili Frài^ 
^ìà Pkró «il FHìt)^ Sttoi^ i ìalMIàte k JSig. 
Mftdt^^ é tfitti di éà»a i fìratéilé àhladssiiho ^ 
addici 

^ 534 ^ iS^ ^immiè Vdlkl^iérié À Pad^di 

E Gli è tó tolitò «ffeetó ddk ttistirà siògotar 
géktileziéi il gtftdlntetito , toft tui àvietérij- 
.|;dàfdaft6 M accolto qttel ^cò chtA iè ikttb iiel* 
là i^ttehi édhsapirea« Quftodi^ sili tetà^ % ope- 
i!ftir ai«rd à Mostrò Tatitaggio i li^ii si tàsÀchttH 
4àl tniè Cìtmé di dÀtVèiie j^id ^ééti attestati ^ 
"jp^èteétàfidò peirò che t«ftM t\ià di, Molto inf^lr* 
;6è ài «ferito tostié é ^ ;^mò tìéskeridi II ^ig. 
iG(5iitfÌatti vi rìàgtasit, della ilseimria che tèsrieté 
di lui ^ e m^ impone di riverìtvi cafaiiiòttte ; Ho 
Inteso <?òti piacere I che fiiialfiietìte siàsì dacòco- 
Jttriticiaittèsitd alia stampa del tosfcfd làm ; 1* 
WhktìL v4 frsttti rìioltò male ^eòh tmté sdttigfii^ 
^Qi ic^^idò per a!iit> dé^et)^ é t>esd d*otb pàw 
fare le to«è vòstre^ i:ìie tt^cehdò H iààttó ttìù 
maestm i e dì tahtcì ;^ò ^ acetéjfikàiib 1^ t06 
'«(àmpe< Mt i iioslri ia>l:2èf jòhò di si fatta tem^ 
ì*rai che àltìré ìitrtl prez^afta^ thel lòt j^HvàW 
iNakdettd fntei^sei ^^^^ j^y 'Àrattai^ cbìl tebtri ^ 
iDà Àìemé eoH Imeàrfi ; f^amò ftdahtb i p^ 
i^è la Me ini «raspottefèbbe tMjg^ ohtt < 



t 



^Ji4 L' 1^ T 1^ E «. « B I. 

.]^a ca^^etta dei mioerali » e i libfi ddi CfareUL 
^yrebbonvi esser giunti > >e anche damplto teoi* 
pò 5 Ha qiiasi un mesQ e u^ez^p che gli ho ^pcr 

Ìiti al P^ mio fr^teMa per uà vetturino, al^qua-^ 
e ne p^ai apche la fra^catur^ 03a due fiorici, 
acciocché senapa veruna vostra spesa ne rimaBest^' 
servito. Il Sig, $chendo qui presente vi saluta 
^\ cupre. ^jsso ha risposto due $eitima;&e • 1^ aUa 
vostra lettera, la quale vi fu da me spedita con 
altra mia^ 4ÌJ^tta^ giunta il polito, al Sig, Colpi- 
te Savioli. Attenderò occasione per mandarvi il 
libro, che hq prpso per voi. L* argomento, èoo- 
;^io$o ;. m4 non so , come maneggiato • Voi ne. sa- 
rete giudige con^peténte • (| Sigé Ippolito parla 
tetìcsco pome i^n Turco ; .e4 io cpme un muto . 
Per me vi $o^ dire, che non ne Ca?enjo, niente» 
ì^i si s$orp^ano^ le parola in bocc^ , (e. nù si a&- 
traversalo in jgola . *£^sogpa poi yalefsi del isygo 
delboc^al^ per ispignerle gii^ : pi^e cgn^atite 
costoro^ s; i^essoan^h' eglino corrono^ ^ questo 
^umettatlvo riniediQ. 

Il ^qnte c^ PorzLia non ha Ragione 4.1 e$f&[^ 
m colletta col Sig. Muratori per xxtf' amichevole 
j^ensura. A ^ più dispiace^ e f^ o^sa up'^d^- 
lazJLpi^e servile, cj^e un^a critica ragipaevole., e 
più mi gioya ^ser cprrettO;, che ingannato. ^ Se 
uscirannp con la Tragi^dìa I3 critica ^ ^ la dife- 
sa, vedras$i chi ha la ragione, e^hi hai torto.. 
Conservatetpi la vomirà buoina grafia • j^iv^rltea 
miq^nome 1^ Sig« vostra consorte^ e tutti di ca- 
si vostra, ai qìfaU in p(:casione de^ nuoyo^annp 
imploro dal Cel^ ogni bene . E ben pQtQte ct^ 

dere 



dfece (^ vi parla di cuore , chi si pregia di esse- 
re da tanto tempo » e per tanti titoli • •• • 

> 

• * 

1^ifn94 4« GtnnAjQ I7ir« 

NOq perche lum creda intecameate alla vo- 
stra lettera , che mi. ireste, torto e dispiace* 
1^^ S9 ne dubitaste ) o se credeste che io ne du- 
bitai \ ma perchè, desidero^ di metterla insieme 
con altre djL t^i njitui^ » mi sari caro di^ avere 
Waa Cpde a parte. d^Ue 50^ n)esse, deUequaRvi 
t^b pregato. A^tre simili instanze spero di poter- 
vi darip. a)t];:e, volte ^ e per lungo tempo:., méntre 
creder, che il b^e che faccUunQ> e. ci facciam 
^e in questa vita» si trovi più prèste^ nell*al*^ 
tiia, quaq^P a Dio piaccia di chiamam^^ a. se, 
^ chj^ sia piòc sicurp il prepararci da 'nqi stessi 
questo tesoro,, che. stame dppo morte su laiede \ 
di ch^ resta dopo, di qoi • Al Sig. Marchese Ba^<- 
tolo^nmei , gentilissima Cavaliere > e Inviato di 
5* A« di Toscana a questa Corte, ho^consegnato 
i giorni, passati il , Ms. del Sig. Cavalier.Manm 
intorno aila Vita del Magliabechi. Esso Signore 
mi disse, che avvera prossimo incontro di Éirla^ 
avere per via sicura in Fir^nz^i ia mano del me- 
itesimo; al quale, sp avete occasione, di scriver^ 
gU d'altro» potrete significare anche questa. mia 
consegna : ond* egli n^ resti • cheto e contento • 
Sici^vQ. q^psta sera in Perugia al Sig. Dr^ Busti, 
fer avei^prf^ise notizie dLqueU' antica ediauone' 
7€PW 1I\' ^ \ di 



J 



2z6 h E f * É k É » r 

di Venem della JKellatnitio i Ma se e$sé vi ita 
assicurata, noa ;nrea: pia iì dcJÈto libro ^ e aotl 
esser più in suo potere alcuii catalogò de^i al- 
tri, che ave^a in Venezia J io téimS cHe noiifié 
ricaverò più di quello , che Tòi né avete rica- 
vato. Certo e, che in partire t^ii mi ìasciò 
m^lte sue notis di libri, e tra essi uti catalogò 
medioctMdftte esatto dèi Noetici «si^eiiti piresid 
di lui; ed iil queste note trova enuticiMtt 1^ édi- 
2iòhe del 14^4^ delia Beliamaao; ma tiòà coii 
akta particolarità ^ die qudlà ,^ che già vi sci^i^. 
si^ €^ chd tale ancii' io diportai su la saa ^édé 
nel ilio Catalogo geniale de' Poeti Ilaliam éé 
opere loto^ Idteiiderei vòleiitieri, se tìdla Viti 
del Silvestri scritta dal Zòrii si dioà cosa alcu* 
na del fàttd dell* Oliva ^ per àii ì Sigg. .Reca-» 
filati e Faccioiati sono in tadtacolldra. Anch^i<i 
tengo U medàglia idei Magliabechi ; Ha ael ro* 
vesdo U motto: Jfciri hòjtrmi ìhenèii^Ucii Ve n* 
ha però un* altri ton altro motto ; Avvisatemi » 
4|fial da r acquistata noyeliametite da Voi^ Se si 
Ipoteise avelie quella del éelébró Card^Nòt^is^ mi 
sarebbe carissimi ^ À proppsico di medaglie i ha 
latto uitìmamehte a<!qui5td di uri bellissimd e 
singplat medaglione^ in ofo ^ del J^sd di ro^ 
imgherìi d' òttima cotlservaaione ^ e non ancótt 
i^eduto^ uè registrato dagli aiitiquarj i Da uni 
{>aft« ha la testa dell^ Impeifatore Vaiente ^ die 
tietie in mino uri globo ^ sd ètti sta una vitt^t^ 
ria Iti atto di polvere i lui ùilt coroni di ille* 
ro<là !e$geridi è D.N. VAtEN& MAXi ÀV- 
GVSTVS. 0aU*iltra vi l la flguJ'a dclT Imperi- 

tortf 



AposToip2;ii«o. ^i. 

|<^e fy>l itU4^fnai stantia ^r^ uà cano tatto a 
foggia ,di pi4pilfif ticatp da sei cavalli n e; all' uiW 
é all' altra UtLQ dÙQ ViifpHe ià^anà eoa m mano per 
tia^ched^a^mà cbfoìia diaUpllo^i ealrintoroa** 
RN. VAIENJ VICTQl^r SfiMPÉR: AVQVS^ 
TVS: N^i Bà^o della nwJàsJiia^ V ha U modioi 
ed al^«i ibpsQceUei cqà 4^Q Intere iaiziaìi del qo^ 
tìie forse è cogaomd del iiiQii;iet;ù:ÌQ ; Q]^é$tpm^^ 
daglidti^ vieti qui Valutato più di iqo« uf^b^i 
dallQ t^^rsoóe mtendentii e |^u6 ^^exc ctie aìU 
itÌQui ile $u<ceda i^a giorno U vendita ^i S^avctQ 
p^isipng di parlami con S: B^ Tic^iiQtp^ e épt 
Cav^ ttom j feomuoicategUea^ la notizia ^ Io ro- 
jjtd ^tprdit^ ili iseQttre cbe il tucioì ciie ora ti4 
il Re^aiiaitìi sia dfUa àt«ssà édi.iione ) c;he ^U 
altri iia^ Voi Veduti! cioè di quella di^^ Francfpit 
col i^sp fcoìitispl^to di iii^Ql^d^ ; Egli poco 
ia Èeftainèate he ^ aveva ting^ i» M , carattere ' 
litKìfidbi s^eoddo ii buQii gostp dfi.meaeu-f i 
im cQ|ÌQ$a deU' alt(p ; e qu^ta fu la ca^^io^e j 
Cbe io dopo iì i:i$CQ)8trp fattole nù ^onp ìfi^t^ 
to a privarmi deircs^mpiafe (;|)i, aveva ; Salujtiìf 
tutti al sòlito i f, in pam4t>iai:e la i$ifr M»4^ej 
^ «arameùtei vi ahkràc;f4Qt 

tS àiìa inQ«i9 4cÌ, nipQtUid ^p9$toÌ9^ M pn»^ 

P » e». 



cevere questa acerba' novèlla : ma* benché mi vf 
fossi apparecchiato , 1* ho però 'mentita si ' forte , 
eome sé mi fòsse putita improvvisa • Beato lui 
che ne ha lasciati • Beati anche noi , se à' suo 
t^mpo saremo coq cssq a parte di quel gran bè- 
ne, 'di cui egli ora sta' sicuranièiat^ godenào I 
Mi ha peir altro molto ' raccc^sòlatò T intendete 
foor idi pericolo il nostro Càtarininó, e la buo- 
na salute di tutti di nostra casa , qhe Iddio Si- 
gnore lungamente , e felicemente conservi . La 
|)rospera gravidanza della Signora Cogitata risar- 
cirà noi della, perdita che abbiam fatta , e rin-* 
i^razio voi della amorevole disposizione che ave- 
te di conservare nella famiglia** il noiii^ eli una 
persona, in cui può crescsere l'obbligo, ma non 
l' amore 1 La generosità $traordinàt;ia del Padróne 
è stata molto opportuna per le còs^ mie > massi- 
inamente in quésto tempo , in cui tardano a ve-^^ 
nire innanzi i quartali ,' de' quali la bancalità ce - 
ne deve al presente due: ma! anche questi un 
^orno verranno. Verso il Settembre sonorisolu^ 
to di fare uria scappata peBCotesta parte: e con- 
fido che non me ne sarà negata la permissione « 
Credetemi, che sono impaziente di vedere la Sig^ 
Madre , voi , il fratello , i parenti tutti e gli 
runici . Facciane Iddio la grazia di rivederci tut- 
ti in buona salute • Riveriteli frattanto* ^ e i^ 
particolare la Sìg. Madi:e , alla quale averci serie* 
to questa settimana , ma^ lo farò nella ventura • 
Mi è rincresciuta la morte del Sig. Gio« Mbrq-^ 
sini fu Avvogadore , mio antico Padrone : mìa ho 
inteso con piacere» che dal fenato £ccma sia 
" f sta- 



itata recrdutà giustizia al merito del Sig. Andrei * 
Cornaro i eletto Pit>veditor Generale da Mare , pet 
cui ho sèmpre a viltà diitint^ stima e riverenza jf 
e vi prego di coagratulpirV^ene a mio noi^e $2 
con esso lui, sì co'suoi Sigg. Fratelli , a* quali 
sono generalmèdte temuto di molte grazie • La 
stagione che qui córre, è pessima: senza vento, 
senza éóI^.ì e sqnza freddo, con perpetue pipg^ 
ge^ e calighi: Io per lo più me la pàss^ in ea^ 
sa, ma lontano dalla $tufa; Non penso di -mu« 
t^rmi per ora di quartiere , , trovando assai coino^ 
do e proprio quello i ili cui sono;, e ogni gior- 
np ine ne chiamo più contento i Si ioti comin^ 
date le pròve a Corte del Dramm^ da recitarsi 
nel prossimo carnovale. Toltone il difetto dèlU 
lunghezza , credp che tutto, sairà plausibile : ì[nk 
serve di scusa alla lungliè^za V aveirci dovuto lii- 
tradurre undici personaggi i due intermezzi i é 
quattro balli. Se staremo in sei ore ^ npn sarà 
poco; Ma còsi vuol chi comanda « Fratello atna;" 
tissimo , addio di cùote * 

if^y. Al Sig. Frmc€s^0 Jk*GUnnini^ m Òlmitti 

UNa mia lunga e ttavagliosa indispo^iziotìe 
mi ha tolto bensì il modo di rispóndere 
sino ad ora alla dotta e cortese lettera di V. S» 
Ulma} ma non già levata la ricofdania di adem* 
piere a questp mio debito ì cóme fo Qra> che iti 
parte xni trovo solleratò 4ai gii lotfertQ mioia^ 

t j co^ 



tdtftodte. Lt ^òttfbso il véro, che fad |ettq ^f|- 
lètto più wlt6 If stéssa ddti ttiio sommò piace* 
tt^ sì pèrche èlii mi sette ili W ami caro >àt. 
testwb della benignità sua t^niò di fiat , sìp^^: 
che rh<i ritrovata ripiena éi èì peregrine notitie 
lèstratte dai Codici fe libri <fi còtesta «ua Biblio* 
teca Capitolare ^ che ne sono rimasto insieme e 
^ddisfatti} > e iiistrttito • La cttoiideraatione dt 
éssè mi ha fatto ravvisate è cótìigiagiieré U gra- 
vai dannò, che ne^ risulta dai tanti* bèi ftipqu- 
^nti, èhe $ònó andati à male perle pacate di«^ 
iavventììTè , che V. S. nima si yivamentcf mi ha 
Jàpptesefttate V Quello che |iè è rirtiàsto , dt 
mólto bene a divedere i| pregio di qiliello Che 
ella dovetti? èssere nell* afttico suo stato , ^ che 
^hl ne ^ raccogiìtorè primiero , ha saputa co-- 
libscère i! buono i^ è scégliere F ottimo .' Ma^ iic- 
èoiite al passato non y* è rimedio-, cosìlcidosom^ 
ttìatnehte P attenzione ^i lei, che con tai^tostut 
kiò e fatica si è posta a rassettare , e riocdittar* 
fé le preziose reliquie , che ne sono rimaste ^ 
jìon avendo \o pufitó dubbio ,► che dall* esempio e 
rfàl!* iitipiilsp dì lei non sienp un gkiirno altri eccitati 
a risarcirne i danni patiti * E ben ella mi dà una 
fioyeJla spefanta di farmene sentire gli avanza- 
menti, con r acquisto dei preziosi Codici, chea 
^a notizia son giunti, ed' ora esistenti ìtt ma- 
llo 4i pili fton solo non pe conosce il valore, e 
tie fa poco conto ;^ma che un giorno' potrebbe ^ 
fome spesso è avvenuto, gittarl^ comp iputili e 
Inintelligibili 'anticàglia,' o darli a qualche fori- 
gtìetpj che aitjtjve M tìfasportasse , o a qualche 

hot- 



Ij^ttCfajo per farli servire di tonaca a caviale e 
sgam^j(i) ò di coperchio a fiaschi e bottiglie* Ma 
vetiQ(\do/al particolare dei^ Mss* che y« S. Ill&ai 
stu va rifereadó,^ ine ha recata non. poca me-^ 
ravigUa r udirne uri esulto numero de*no^ribr^ 
vi Italianji in cotesto parti ^ dove, ajlcutto avre^ 
be stinuitq^^ cb^ appeoa v^ 6^ g\unto^ il no* 
me r ^S^V ^ ben vero ^ che i^el fine del se- 
C0I9, , XV# e nel coini^cUnif nto del^ susseguen^ 
te solevano, i nobilf giovagli dell* Austria , deU 
la Ungb^eria , del|a iNjIocavia , e della i^konia 
tra^rir^ in 1,(a|ia , ove allora as$ai più cUe. al 
presente ficcivanp uomini eccellenti , e celebri 
professori, per quivi imparar/ le scienae j e ia 
panicolsure la. buo|ia lingua patina s c^ mi^' ^y*- 
viene , che 14, que'.tenipl Aldo il, vecchio^ e al- 
tri doni uomJ|ii dedicarono libri a molti^diqM* 
sti loro ^iuicepoli è allievi , e li coftiinendaroiio 
alta^e^te n^Moio scritti « Di che noq gliene té» 
co esempli « perché so thè i)^ farlo sarebbe alla 
sua ervidizione saperi^. Fra essi Codiql mi è 
riuscito nuovo quello del (^tneEytario,' sc^ra la 
Rectorica; il^/Qiceron$l. scritto^ da GandianQ/^ol^ 
lai^i , (gentiluomo yeneaiano > e ^osofo insigne» 
il qua^e^rii ael^ \47o« £gli. scrisse un' altra 
opera sopra il. Genesi» diretta a un frat^ C^t- 
tosino^ per ooniè Andrea l^^nnonio nel. ]4ÌS6« 
4A qnjtri^ibro, mi ^pvviec», a^r, V^eA^ct due testi 
a penna in Venezia 4 l!4]jàci.nel^a lii^ria del fix 
O^ f^tìfpsL^i^ V i*ialtra i« quella de* PP, Do- 
«lenjkàai di S.j^eP^òlo^» l^rce egU^aijtCcM un^ 
Comento» che e inedito» sopc» U Meteore di. 

? 4. ^^Ì^T 



Z^^ * L S T T £ a £ ]) i 

Arisebtile i un' opera filosofica e aitrdtiqtiiiei 
de iignis céUesrìbm\ e di lui pure vidi presso uii 
mio amico in Verona ima Orazione Latida ìil 
lode di Francesco Sforza Duca di Milano^ ì&t 
di quel suo Comento Sopra la Rettorica di Ci-» 
cerone «01:1 trovo alcuno che àe, parli ; onde Id 
stimo Còdice singolare: e però la prego di no* 
tarmi tutte le particolarità di tsso (Codice , ^ioè 
la sua forma ^ la qualità della <:arta , V anno iti 
cui può essere scrìtto ^ la pref arsione ^ e^léprii^lé^ 
e l'ultime parole dell'opera) dovendòméiie va4 
lere nella plia Opera degli ^ scrittori e ùdkuinl 
letterati della città di Venezia mia patria ^ se a 
Dio piacerà di darmi .vita e riposo per termina^r^ 
la. L'edizione di Ovidio fatta ih Milano del 
1477. esser, dee molto rara i poiché riótr trbvd 
chi ne faccia menzione ^ nd meno il Maittairé 
ne^suoi Anndles Typographici ultimamente stampati^ 
ho stapij^atore ne sarà stato prdbabilmente o Ah^ 
tomo Z^tòtto^ o Filippo di Lavagna j che erano ^ 
allora in somma riputazLcHie 1 è le cqi stampe 
sono in credito pre^ gli t^ltramodtani, al par! 
di qualsivoglia* Il Marziale di Venezia 147J1; 
«ara quello col Comento di Domizio Calderina 
Veronese. Il Dizionario ,^ecò Latina j di ciii 
ella mi Jcriye^ è stimatissimo, per e^^ere prift*' 
ctpiilmente il primo che fosse stampato. L^autd« 
re ne fu quel Giovanni Grassone ,* Piacentino , 
Frate CarmelitaM , che* nel 148^1* diede alle 
stampe di Milano un Salterio Davidico Grecola* 
tAnOi e nel 1480. la Gramatica ^rècolatina del 
Lascari * li lessico Grecolatino di esso ^io. QrasU 

toné 



t^ 



A p 6 s T a LO 2 1 il o# SÌ5 ^ 
^bike.iu impcesso in Reggio nel 1^97» e poscìl 
in Modacia od 4499* Veggoperò» ^e heUa^uà 
lettera essa lo chiàitna col nome di Già. Batiste 
Matitwkno CéÈrrnHit^nù^ ài cdi non fio àlcanA 
notizia. Cuti^se soptaiU tutto. sono lo hòtizie» 
thè ella mi ccMnunicà intorni ài varj Còdici del 
Petrarca • Q^lla. memoria <hi^ principia Lmtrà 
trépriis vifttmhuif itìkstrùy trovasi anche sj^am» 
jpata ia aicuiie déUè prime edizioni del Canzof^ 
hieb^del Petrarca» e Jn utia prin^palmente eh' 
io . tedi^p in Venezia in forma , di pidcóio foglie 
tieL iif7i« Mi è stato percK ciro di Sipetil» ésse^^ 
i:e. la étessa Itsdta finora del Codice ^^tiéo della 
Biblioteca di Pa^ià del DUca Galeaitd; Viscen* 
ti^ che tpl titolo 4^ Co^ttfi di flirta Vièn i:i^ 
b6hosciuto dagli istorici del siìo. ^mpo 9 e éhd 
si ireiìdetté famoso con aver radunato un bucai 
mimerò di Ckklici) é, postili nel palazzi òhe te^' 
neva a Pavia.. Fra gii opuscoli del Petrarca e^ 
instenti nel terzo Codice , |ho pedsiero, che al^ 
cono ve ne possa esser d' inedito : di che tì,oA 
tni posso assicurare \ per noiì aver qili il vòlu^ 
ine delle sue opere : e segnatamente lo credd 
qnelV uimwdianù^f miìssM^ Magistrù rAt^ìroHo i 
té pure fra le sue opere noti pòrta diverso tito* 
lo ; Ddr Invettiva contfa quel Cardinale noti 
òli sovviene : ma dia .se ne potrà assicurare eoa 
riscontrarne V edizione Enricpetrina di Basilea i 
Con singolare piacere ho ricevute tmte le cose^' 
che mi ha segnate di questo Codice , non mend 
dsLt quelle, delle versiodi Boemnu e Tedesca dell* 
opera dello stesso autore de nmàdiis utriHUmè 



fìrhMOif,^ |:he. ^ferito d'esset qiia$i iti tutte )e 
>" lìiigM yiyeiitL d'Europa trtslatatt. Verìssìifia è 
^ l' ósi^vdaXoai da |ei fatta| dopC^ U Letbnii;io 64 
tltfi lettorati di qua dai moati,' che la no$tt2t 
\\xkpà^ ba il pr^tq diaVe^Q alatori ^olti e puliti 
lo bit $^GJk>]i dove 1^ àltfc |ingu^ Volgari iioit 
Hie caqtavafio alcuno . I compi^arori à^tì Diziò^ 
aario dell* ^ci^àmù^ Francese scinto st^ti costret^ 
ti a tiinfelsarlo» lìo^ valenc^siper testo di loro 
lingua (oor cbe ' di autori recenti \ o, al più di 
alcuno i^el aecòlQ XVL consideraì^do gli altri 
frutti per barbaci e i^ico^ti scrittori ^ e ^ lingua 
^he prima si parhya in (^rancia, per piente pu^- 
|ita , n diversa iq g^au ^te da quella che ora 
ài parlai' ^«a^do ^ f^ostr^li^plà di q^tio sé* 
foli > che ^a^tH scrittori purgatisrìnii^ e d^ som* 
lua autorità; presso^ di * noi ^ onde, possia^np, valer- 
cet^e per esemplari. Ma troppo, a lun^o io la 
tengo a disagio con vane ciance, ^ e ma^e retri* 
buìsco Je belle aot^^ie, ohdei ^c\ 2^bójt^a^^za mi 
iha ("opit^^ |a aii^a dòtta lettera ^ RestaipV per- 
tidlito ^ avvi^inarim alla fine con rendergliele 
infittite $1^391^1 e saipei (|ul . zsaX pe^ terminare » 
f e. j^. fni9^ part^ccdare^ e insieme per pubblico 
,M<^ta|gio lipi^ m rin^t^esse di due'^ose a pre^- 
p^a \ ' X t^^Qa a daire T ultii^a niano al lavoro del 
Cataipgq de' ^i^anos^rkti , di fui la sua ^nti- 
lexza %\ ei&hntt di farmi parte :- V altra éà non 
perder^, di i^ira il lodevole pensiero, che gli è 
venuto ^ mepte» di andane scrivendo IMstoria 
tfi Potestà 9ua Cbl^a, la quale manca di «ark* 
tmt y o^e a lei soia né è riseirvata la gloria » 

II 



^ P Ó f T p ^ P Z W1» O. tglL. 

d pato dke ùe hatmo ietto G&»é Dabiario^ « 
gii altri scrittoli 4elle cose di Ifòenimias e Cfi«I, 
^forgio Stseiemikf nella sua Stprìa Saca 
])lorafia^ Aòq basta fd appagare ia racMlp akOip 
115 r att^ti^idtie del pubblico:, anzi pia ^to iciv 
ve a solleticarlo . Tanto /^à ella ne avrà di ma^ 
rito e fii' lode , quapto p. campo ^ ^14 ^^^ V 
e più Copiosa la |ii^sse>. Restami ai^cork ' di un^ 
altra coia a Vivamente supplicarla, ad ^ cheti*. 
|a mi ^oni^cvi f on^e della s\i^' stimatissimi 
p^My e ad pnoratnii de' ^òi comandamenti ^ 
ocrde nella e^ecutiòne di essi possa dalle a CQ% 
iioscere, quanto io wi • • • « ' 

538. j4Ì Sii* JbfdrM C^murè^ m nuxÌ4^ 

QUantè occupatissimo pà: molti affiuri nii 
^€rovo> tanto sono in ottima «; perfc(t^ sa^ 
Iute, alla 4^^a ^n poco coatri^iscft r 
dére il voiti%| ottimo stato l- e iquellb della Sig» 
Madre 5 fSagnata, Sorelle^ e ^ipotmi ," qiie tati| 
ti carainente abbràccio é salato. Mi ^ stato e»; 
ro di vedere un ^esemplare del mio L. Papiriii 
costì rii^aimpato V e per ' y^ità ^ndbè 411 mold 
luog&i lo ibbia trovilo mutilo e tronco, ti^ttsi^ 
volta W confesto óbblig^tissimo 'alla gentileasM 
-del Sig. Piovane 5 per'ta sua cortes^is esp^easIcM 
fosca |ìeir ayvisc^ ai lettore f fmde yi pn^ di 
ringraziarlo a mio nome. Farete ancora'cheMa^ 
fino yi dia un altro esemplare di esso Dram* 

ma. 



p,l6 ■ L i T T E.k fi i t ; 
Ina, ma che non sia puntd tagliato nel niargtS 
ne ^ e lo direte pórre nella cassa dei libri còti 
gli altri Drammi del presente anno ^ già rice- 
vuti, per quanto aedo, da nostro fratello. Ho 
fiensàto al libro ^ che vorrebbe il nòstro Rossetr 
ti fai: tradurre daJi Francese;, e, 5tàm^aré: ma ita 
yejjrità nessuno mq nd. sovviene al.propqsita i 
Credo ^ che noi potrebbe dispiacere V f storia 4el 
' Fertot^ ctìe é vino degli Aecadeiiuri dell' Acci.^ 
demia ^eale, autore molto s^ràatò, intorno. al4 
le RivdktioHi sùcc^dfi^e: ?iH. g^frff^ della .Repnl^ 
ilicà Komana. to Iho letto, cori pi|i(:ere:* Nòna 
opera di gran mole , essendo in tre piqcoli vo^ 
lumi in 1 2i ristampata all' Haja neir anno pas- 
bto I72Ò. per la seconda volta « .M^n 2lb tiit- 
tavolta, se questa mia opididne sarà di suo gu- 
sto , ; o di qualdie altro Ì ton cui se ne potrà 
consultare. VVc altresì V Istùria dei sene Sm^ 
delU Grecia di M. Lmft^ \\n dije Comi iei 84 
impressa p^hi anni sono a Rotterdam; ma ben- 
ché curiosa , la stimo meno universale p^r t ,e4 
«ito. $e. mi verrà per mente . qualche altro. Ik 
bro migliòre ; . ùòn manchetib di Mig|eriryelò , 
per desiderio di far piacere allo stesso , che ca- 
ramente saluto; àggtughendoli ^ che vi sarebbero 
alcuni libri notanti da ite nel suo catalogo ^ i 
quali io mi risolverei a prendere ; m^ volendo* 
ne esso troppo , e tfoppo contandomi là condot*- 
ta , e i dazj ^ stimo betìe di poh ^ro(e ulterio- 
re dimanda • Con che abbracciandovi di cuore i 
90no9 e mi dico * • • » . 

5ÌP* 



* " • < V V. -■ k " < >• \ te . 

139. ^l Sii* Gji4nnMtùnU Filfi^ 4 Ssdox^. 

SQno desideroso di sapere in quale stato sieQo 
gli affari di V« S. Illma cir^à il coii<;^rso a 
potestà Cattedra di legge,' e quale effetto possa 

' av^r procTottà là mia^ lèttera di raccomandazione 
per lei' a cotesto Eccnio Sig. P^roccuràtqrè e Ca- >^ 
valiete Gritiiani, Y^èhdooe rltarda^Q gli effetti, 
e avend(^ inteso, che Sf £.11 Sig. Càv,' Gìo; 
Francesco Mbrbsini 4on sia interamente 4isposto 
f suo favore, raéi^trè' rìcecjcafoggetto forestiero,' 
ho 'ansato di scrJvergUen* q\ieista sera a dirit- 
tuta, con isperanza che un ufficiò > al quale d*v 
albo ^QQ soQ mossp, che 'dalla con^uderazionc 
e conoscenza che tèjpgo del ipésito di lei , 'av« 
valòtiato dalla lun^ servitù cli^é bb col medesì- 
mp Cavaliere, possa produrre qualche buona ìm* 
pressione in esso a dar finalmente mano ad una 

^ promozione , la qq^alè à lui fariumpt^ ^ e 4arà 
a cotesto Studiq Vantaggio • Piacciale , * se non 
altro., 'di gradire in ciòla testimonianza delPamo* 
£^ e della stima, che le professo: non dico del^ 
Iq obbligazioni I i^entre nuli* altro nii muove in 
^i\es$' occasione,* che giustizia, s^nzachè v* abbia 
f arte riconoscenza « Mi rallegro poi sqmmatrien-»' 
tè della somma rlputazi^r^ / che vanno aoqui; 
staiado le sue belle ectizioni • Ultimament;e ha 
letta negli Atti di Lipsia la relazione onoriev»» 
ICi ch« $€t ne di di (juella di Cornelio liirepo*"^ 

te. 



ali ^ L j| T T « n * ni . . ._^ 
ie» che pochi mesi fa io stesso mandai a dooa^ 
re al Sig; M^ack^o ; Ia fx^ , 41 CQfìse|«iar 1' 
occlùsa al Sigi sub Fratello^ e di conservare il 
sud àWQrè é me» che ieiio 4i verd cuoife;.; 

DÀi 5i«. Tcfierité 6iÌo4mÌÌo I>^éttitf 
tigò^ vi %dià cGftis9gtiau Up^^sentemiiìct^ 
terì insieme c<3fh uii fagfifttitia j Qvé spticf lediié 
iòipie del tórno ib^ deUi fiiUioteca Greà del 
Fil>rigÌQ ì delle quali vi hxmx cqiì, altra iiaUÉ 
é^ìaisieoie ki mi dato ragguaglio del mtcf otttT 
ilio itatd di fallite j iti cui àt^ m trovo ; Ma 
4|tttstfif dati tutto il varit%ioj fUe licaveletfir 
dalla consiglia di qiiostà lettela i , m^tr e ud nugr 
Jii^ ve ne risultei^à dàlia àjcasiptie che anetti 
di far mpio^cenia cU una pe? soni j; ch'io itifini^ 
imB^ùté imdé étimo^ per le sue singolari ddtij 
f fier le quali égli è, ben degtid di^siere aiiilatd 
41 stiriuitq da voi similmeiite; Egli è Grótiluo* 
!«(( Cretehsé di origine | Venéeiaho dt ì^^tria i 
i»oà vasiSxi fleili sua professione militare ì c\^ 
àe'isKteni Àudj tnoltai aperiméntatd j onesta è ve« 
|qì ^ajitiiomo i ed , amico mio : tutti ij^oti^I ; ^f 
h (piali àon hp dubbie alcuno j che da Voi iarl 
gSiiiif^saÌBenté accolto^ é all' occoaretise servito; 
£gli per certi sua òperia j soffra di cui sta; titt« ^ 
ttviil lairoórandò^ ha bisc»gno d[i ctit3i J^smiJmi 
ùtim94Ìum^À Àiì fy^Hé Ma àÌ9tèÀi scritti 

assai 



' À p lo i T 6 i 6 Z I lì ò ; i]^ . 
assai eruditamente dal ta Medico Alessandro Pi4 
9Ì9 là. quale manoscritta in fogliai di nonnipieai 
mole , t senza alcuda coperta èù nella stara* 
4efmì€i libri; Io vi piejlpi pertàdtd di pòendervi 
r incomodò uà giorno di an^luré a cercarla; edt 
tóiiie^^atla al medésima} da -cut dt^ l'usòchà 
|ìé àVri Ìattd> verTam destituiti i avttddola ia' 
ìxioitd cara^ per essere cosà biiona ed originato 
di maiiò dell' àùtcMre ; .^ però forse tinica ; SaluS 
ttt icaraniencé al solii» la Sig; Madrv j é tùtd 
ili tasa» é #c» cordialmente abbràcx:iò; 

^41; itil midesim. a Fineziai 

Vknnà 31; Oennég0 jjiii 

IL Sig; Gentìlbtti vi saluta affetéiiòsamente ; 
Eiso mi ha data la Gitmoridà del Tassò} ac«^ 
cWccbè Vie liè iacdà uni còpia: ì'riml di (>brci 
iMàù; ho voiutii le^gdrtà coti ogni àtteiizi^e; 
t*&0 trovati di Itampìi cdsi àcorróttà 4 che iàon 
VhA qiiàsì i^ersd cUe vi sii ìdM i e in niòltis<f 
«imi luòghi tìofl se ne può assolutameite rica; 
tace il senso ; ora per istorpiameitò e maiiea« 
ineiitd di j^olej osa per maitcaiiM di versi ioìì 
teri: Cii) tuttavolta non n^ avscbbe arrelàìtrf 
dal diesiderid che aVlvaj di ktvi édii grata col 
fiirVeiié e mahdafvene c<^iaj se fton avessi fatta! 
tuia scJdpeitai la quale vi soipréijidecili certsmcdJ 
Mi comò me |^ di hittd anconl dòr|lteso ^ Io 1^ 
9Vei tutti gii létctl 4i éapd a ^i t^d ioé 
PÓC0 tttacefej a^Mdok travati aséai taodà .4 # 

ttòii 



^4q Ibttsils ni 

Soti indegna in tutto del àome del Tsusp^ : mai 
i poi raccogliendone le specie in me ste^sp , 
parvenu di aver qualche idea di averla altre ypI^ 
le letta* Gohtenendq e$sa là stp^ìa di Tanaedi 
Frincipe di Salerno, feci jDlftessione» che due ce» 
lebrl sctitto^ còetai^ei al Tasso avevano tratta^- 
fo quasi nellq stésso tempo questp ^sfgomento , 
<toè Pomponio ToreÙls e Asipari, Coiste di Ca« 
iheràno ; Per buona 6>rtui;ia io teneva presso di 
m^ runa e Taltia, è dato di piglio a quella 
àeirAsinari di primo tratto, la trovai (a ^ssa 
stessissima, che la pretesa Gismoada del Tasso « 
potate, cbQ q^Jesta dejL Tasso e stampata un an- 
tico primk dblF altra) méntre essa fg pubblicata 
da Bemardjaa Lombardi in Parigi Tanno 1587, 
iti 8., 1* altra delP Asinari fu data alle stam- 
pe dopo la morte di lui da Gherardo Borgo^ 
gru in Bergomo per Comiàa, Ventuiìa T ai^ 
jio ^52.8. in 4* collazionata da lui in Milana, 
sopra due miànoscritti • Il Borgogni noh fa akun 
ihottQ delja edizione della Gismonda , n^ dell^ 
impostura dei|^ Loqtbarcli.; il che fa credere oon 
averne lui. avutp cpgi)iz^(>Qj9 • (Ihe poi ella sfa 
4nzi dell: Astàarl, ckfi del. Tas^. , sono indòtto 
j^ giudicarlo si perche esso Tas$a non; ne fa men-i 
9|icme alcuna nelle $ue Lettere, si p^cbe. nessu^ 
to l}Ka m^i iregistr^ta t|elle opere di lui^ sì per*' 
diesila, ed.egli$te;so se ne lamenta > naokeàltre 
cose es^<^listatp, supposte, che noó' erano sue, si 
perchè essendo allpr^ lui vjtv^ntfi , che in Parigi 
Al impressa dal Lombardi la pretesa Gismonda > 
% vedendoci cke. d^ ^ji d^a,* vm^ ella tipa si 
. , ^ spar- 



A p o s, T p ^ 9, 2L E ij o . 241 
spars^, xiè^ fu ristampata, come sarebbe sicura- 
lue^èé s,e^ui|Ep, seella vi fosse giunta , e fosse 
^ta rkono3ciuta per opera genuina di esso ;. 
. scigno cche iì Lombarcfi medesimo , o avverti- 
tQ.deir inganno , o vergognatosi dell' impostura 
l^pccurò.ben tosto^. di, suppr^metla : Costui , co* 
m^ altre volte vi scrissi, era commediante^ cioè 
a dire capace d'ogni viltà^^ .Ko' uij altro riflesso, 
ch^ il Bqr^pgni avendo^ stampato il Tancrédr 
déU* Asinari .i|^ Bergomo , 90C pella patria deli 
medesimo Xassq, che allora 5|V trovava ftiFer-:' 
rat?, avrebbe rì^èyuto feèilmeote avviso da lul,^ 
che* il Tancredi delj' altio èra spia la soa Gis- 
tnoiida i "C che pe^ò giÌQjie fosse cerxdifta giusti- 
zia^. Ma tròpp9 ini. dilqfigo. iti riQes$ioni. , dhe 

voi f ap^^ f^fi JW^gV^v ^ me> Vi. dico[ bene\ 
essersi 'ipganijato il Bargogni ìfl, chismiare il Con^ 
te di Camerano autoire della tragedia col hoQiiè 
di Ottéiviano y in luogo di chiamarlo con qùeL 
lo di Federigo : il qual nome non fu avvertito 
dall' Allacci nella Drammaturgia > essendosi la« 

. sciato ingannare dàf Borgogtii • Molte rime di 
l^ederigo :^siÀài;l^ sonq spa^jje nelle ràccqlte de\, 
500% e costì in Venezia ne sono due Cò4ici. di 
quel secolo, in fine de' quali vi è anche la T^jf- 

- ged^ suddetta del. ."^jncredi : V uno era tempo 
Ca presso il fa Angelo Boldù , e l'altro è in 
pggi presso il Sig^; fll,ecanati, il quale credo che 
^ abbia fetto acquisto anche dell' al(p esemplare • 
tinirò di parlare d| q||ie$to puQ^to eoa unV altra 
p$|e|va5fione , ed è \\ke il i^fgognì dicàidp óel- 
)ji dedicazione che i àj^e Mss. del Taiji^crii qra-x 



24^ LlTTÈR'Edi 

no sens^a elivisione di atti , nella sumpa si ré- 
golò eoa te ragione dei cori ; ma il Lotnbardi 
tèntle Bènsi la stessa divisione i ma in vece di 
atti libiamo scene le divisioiìì della Csvola i tal- 
ché ttella. stampa della Gismodda ella viene dd 
essete diiirisa in cinque scene , e iiofi in cii^tte 
atti. Ora aVèhdo fatta questa scoperta j ho sos-^ 
posò di Éurvi ì^iar la Tragedia » Ve ne mandò 
^lo il precisò titolò^ e la dedicasetonè delLohi- 
bardi; i&e peto vorrete il rimaneixfie , vi servirò^ 
Volèn/tieri i Ho poi pét mio gusto colbuéiòriato 
U Tancredi con la GisdbÀda, la quale, se be-^ 
àè scoixettisMihll^;^ nù ha^ petò ^amministrato mol» 
te Varie lezioni assai bubne^ e kncbe alcuni po- 
chi Versi mancanti net Tancrectì ( i quali , co* 
me aasblbtàmaÀte faecessarj ^ ho à^liuhti e se- 
gnati ili margiiM al mio esemplare ì 3àlt3tàte tM* 
ti, e in patticòJtare la Sig; Madre • Jò sto eoa. 
oteima salute; fratello carissimo^ addio; 

VI nngraiiò delie vostre cortesi esibizioni 
pei: la «camera, e a Dio piacendo, sarò a 
goderne gli effetti heirAutUnób Venturo; Intet»^ 
do coner coìti \ruiiàorei che io Voglia ripatriaie 
cori animò di non più ritornale di qua dai mon- 
ti ; fe di feìmarmi iii Italia ; Dite à Costoro ; che 
essi soli pazzia tè lo ttedànoi éà io più di ìo^ 
fo i te i» &ce$si i Sempre più^ ton riguairdato di 

bqoii 



ÀpostoiÓ Zeno. , Ì43 
DMQ ocduo i e, beneficato dal primo Mooarai 
ideUa terra i là dorè se venisfi a star costi ^ tro^ 
irerei tnille occasioni di petitintiétie : Oggi ap* 
|yantò sonò stato a* jnédi di S^ M. in uti t<Kto 
ragionamento ; Lunedi si farà là prora getìeral^ 
dell' Opera i cké riesce à natavigiia i ed esso rat 
iie ila parlato ùm. . jparticolar gradimeo^ i Puè 
essere j cfae Cióredi sd ne Éiccia là prime, rap<^ 
presentazióne* Si è rallegrate ìiieco della buone 
riuscita dei mio Papiri^ in Venezia ^ e soggiua^ 
^^.cfae hon, dubitava che non fosse applaudito 
aóche in Milano; ctbvé se noti è andato; deyé 
andare ia^ iscena di giorno in giorno • La mii 
salute è perfetta. Sonò oonsolati^simd pei5 inten^ 
ilere qii^ìla della^Sig. Madre ; e di tutd'di ca^ 
ki tiostra ; dhe caramente salutef^tè. à inio noN 
kie ; e aibbraà:iand«n con tbttq 1* àÉttto lèi mW 
(amo '• . L • 

. . " •5. <> ,-, .. , 



alzando io lessi , il ehe feoi con attenzicmé j 
^la Vita del Nani scritta da^Voi, <^tti al4 
tÉà cosa mi venne, ifi |>ensierd ; fuorché la kes^ 
sa,|)ikessé a cjii ciie sia^ benché dilicatòè scribi 
j^>lo90ì parete ima censuia e satira ì ànzicìràim 
jNinegisico ed elogiò di quello Ist^ob ; Ma 1t 
igtiòranzà; tìón vo'dire malignità; ka sapiitòpé» 
't^i^OM \^à ^tté ikdt iàcÀmò altrui ^ di <^ell# 
Ùì| n!^i ll^ei M^IM 4|irarea s0|Bar#» Ì'0pp4» 



^44 ilifXiJi»? Pf 

$aiopr perà fatte a vói, q alla st^mpatoi^ m^a 
1^90 d'alcun rilievo. sChi inetti^ ig( yista le op<- 
posiapipiii a fine di farhé {a di^i , jpòora , e 
iiofì vilipende i e farebbe^ a} censurato ima mag-- 
giore censui^a dissimulai^dole /poiché cpn ciò 
IKvrebbe mostrato di non sapere com^ difenderle * 
S'io avessi fatta i'opèr^, per ipui tai|tt materiali 
ho ammassati, iijtorno agli Scrittori Veneziani» 
pve noi^ solo con l'altrui giudicio, mai con T. 
fsame preciso dell'opere Iofo portò |a mia opi- 
nione del loro merito e den^eritò, ctie cosaàvret> 
bon d^tto crosti t revi^ri; Mi ai^rebbo^o certo 
proclan^atQ e accusato, ^òme ndmico della pa-> 
tria, quasiché le materie letteri|:ie siejio punti di 
stato, n Lovisa ppi ha fatto in' <|uestaoccasio^ 
])Q ci^ ^ che ha ^àticat^ t^egli altri tomi ^ l^ 
Vita delSabelli'ca, del Bembo ^ e del Panità (tèa 
anelarono sotto altro occhio , o revisione , ch^ 
que^lla del P. Ì4. 3ertollo} e allora non vi fu 
che dire io .contrago. Io però gii^icp che futtà 
questi |i)QSiia terminerà d^, se stéssa senz' avei: 
maggiori conseguenze: di che ne attenderò coq 
Impazienza l'avviso. Erami afl&tto uscito di: nien- 
te , che nel Giornale si fbs$e {^ttp deìUà* tfiòtv 
tè del Gravida 9 e riferitole il testaiT^entQ ; Egli 
è poi i}so wiver;ale quasi. diye^qto il copiare il 
Giornale sen:i^ nomÌQa];lo. Si é veduto su 1^ 
$tìstÌQ nmsicali il Tas$o e l^Ariostq • Niuno $\ 
èia peQsatQ di condurci aficqra ilGuarini. Q^ 
ala gloria tie avrà il bravo copista dell' Antigo^ 
9a> al qu^lè riuscirà sempre meglio il laypirai: 
'^ V altrui » che sul suo • Ri8aliitiit(^ Poóipilio , 
♦ i e dit^ 



A p ò s t o io É E il d; Ì41 , 

U ditegli che quel silo Cavalière raccoaiftndatòqil 
ha pòci fortuna ia Corte , dove chi va pcmeit« 
te; è senia quattrini » non può esser atnmesioi 
né a radunanze j né ad udienze. Ad alcuno atdl 
dato neL naso la buòna riuscita della Tragedia 
Lazzarihiana. Qjii pure costata grandetnenteptà^ 
ciuta i in particolare alt Augustissinia Padrona];)^ 
éaj la prima rètità fattasi i giorni {i^issati, dellf 
Alessandro Jn Sidòne composto ^dal Sig*. Panati 
è da me. Noh incontra che una sojia , opposlzidr 
ne, ed è là sbveirchla^. lunghezza >. durando ^ià 
di 5. ore e iòezto*. Ma questa volta non si è 
Ì>otuto f^ di meno iron ùndici |>er^ònaggi > t 
quattro balli. Io lo previdi tre mesi fa , e lo 
ìdissi al Padròtie , il quale ,con benignità rispose i 
che ciò poco rilevava, .e che più sa^etìbe dura* 
èo il suo piacere. Soddisfatto lai 3 io j$opo con* 
tentissimò, uè mi curò di più# Si replicherà nel^ 
la settimana irentnrà; I due filòsofi Cratee^Arfr 
$tippo sonò hìir'abìlnQente rapprèséhtati dal Boro« 
isini e dal Casati •* Con pfinùl oCcasiolie .ve il^ 
inanderò esemplati «pf r vcCi e per gli amici . Dal 
Sig. Ifiiviato di Modaib . Còaté Ritci^rdi n)i . è 
Stata, regalata la Disamina del ;Sig. Muratori sco- 
pra le cb%t di Comacchio ; la quale è di &ìA 
lunga e pia htodestà ì e pii\ dotta dell' alt;ra dei 
suo aif vetsario y ehe per. ferità nóri ^ , che ufl 
ammasso d'ingiurie è di Villaiiiéi .talché quanti 
r.han qui veduta, ne sono; amasti %cz3^i:àì&at^ 
ti. V'invidio, il, vostro bel Ms. tioyellamcntè 
li^Qiii^tato...Q£iel PUtro/Odo MonUpóiin non k> 
chi sia.' kt erm€À M^^mÀnà izxk un MH^ 

€1 i ^Ì2Z^:i 



fteiamQSto c^ quella di ij^actii^ Còlono pottiet^^ 
^anp; e di si fatti Volgariazameinti sono' enóa- 
yiati 'altri Codici fial P. ^chard. Nelle 'OraKioni 
4el Filelfo, che còsti Wgo ' stampate 111^4.' po^ 
irete vedere^ se vi sia p sto quelli ' del yostrcH 
podice. Il GahhM Xkh (Generale de' Frances- 
cani i frada che 'fo&se cosi cognominato dalla sua 
Mtria di Lecce. N^ parler!' il Vaddìngq ne'suoi 
Annali T Molte altre opere ha scrìtte quel ' Gio. 
Michele* Alberti , da Carrara , Betgamasco , di cui 
ha parlato in un Tomo del Giornale * Quanto 
àir^pera sua de kella L A* AL &c. se «avi al* 
irò olti^ il primo libro*, io predo di no .' Date 
m'occhiata allo stesso Jomo del Giornale, glife 
è il' XVI. L'Oraai<me detpànprimta ?iiGenoresi 
è stampata, ed t<> ne d^si pnqite cose in altro 
Tomo flel GiornaleV pi quel Xorenzo Zane Àr- 
eivescovp di Spalato j^rla molto il Lucio nel suo 
libro *^ Regftù Palm* Fu nipote di Eugenio IV. 
èssendo nato di Paolo Zane e di Berìola fon- 
fiulmara figliuola di Bartolomn^eó t Se quella letr 
tera non fosse troppo lunga , itemene una ccv 
pia^ tanto più essendo ella diretta a quel Gioj^ 
gio da Lazise , Veronese / il quale |u istorie© di 
ijualcbe grido a* suoi tempi .' Il traduttore di quel- 
la' Omelia di S. Basilio indiritta al fembso Co- 
lucie , pioè a Pieno Colucio jSalutati da Stlgna?? 
fio ,' Segretario della Repubblica Fiorentina , non 
fo altri che Liopardo Aretino, la cui traduzip- 
pe trovasi ancora stampata. E questo è quai^to 
posso (|irvi così in due piedi sopra il yostro M^* 
al ohe aggiugn<»:ò^ cito del suddetto Arciyesco- 
'.'''' ^ " ' yo 



Apostolo Zeno., 147 
fO jLorienxo Zane parla più volte Lorenzo"' Valla 
in alcuna delle sue opere ; e che nipote di lui fu 
Beqiardo Zane , ^parimente Arcivescovo di Spala- 
to» di cui sono alle f stampe alcune Orazioni ; 
una io due delle quali Aprono da iui recitateiiel 
CodiCklìp cti Laterano ' tenqto sotto Leon X. se 
non erto. Ve ne ha un', altra di Jui detta ad 
Alessandro Y|« io Consistoro. Saluto caramente 
la Sig.' Madre» e S(»:elle » e tutti di casa no^ 
stra. Il P/^ariconi, e'I Sig« Ippolito vi man-- 
dano pure uq.^ affettuoso saluto } ed io col cuore 
vi abbraccio t ," 

j4j.^ ^l Sii» Lodovico Antonio Alatori ^ 

^ f%€nnét 19. Fifbhajo J721, 

VI do in primo luogo una buona nuova, e 
credo che sarò il primo anche a darvela» 
ed è » die ir nostro ^P# Pauli verrà a predicate 
in qujfs^p Cesarep pulpito nel prossimo avvenu)^ 
e sussegi^nte. quaresima /lo {iq avuto la com- 
missiòqe ' spvrana di farglielo sapere , ed oggi ap- 
punto gliene ho ,fcritto . Fuori ^ di me'npn. Io 
.sanno che due o t|« in questa Corte » e tutti 
-da me: che a4 a|^ri non ho vi>ìiuto eomumcac<-. 
ia ,' avanti di scriverne a lui medesiipp ^ Il Sig. 
Conte Guicciardi n' è per anche air ospira » e 
dimani glfe^i^e darò l'avviso •' So quantsoi 1* amate 
e stimate, e però ho voluto notificarla anche a 
voi» Dal Sig, Conte G^icciardi mi e ^ata data 



248 * L^E r tte A È ib ì ^ 
una copì3L della vostra ultima Saittutà; là <pii^ 
le tanto è piaciuta a me, al 5ig« (^ntilotti, è 
a tutti ^ùeÙi che Than -veduta ^ quanto ha sto- 
macato r altra; da dirsi con più ragiòi^ libel^ 
lo,- del. vostro ay^feriarioi Con tutta l'amicizfaL 
che ptofesso a questo ì non ho potuto noti isto- 
macatìnene in guisa, che senza poter finire di 
leggerla; l'ho da me gittata lontana , col pen- 
^iero^ determinato di non mai più rivedork i Vi 
assicurò, tHe gli $tessi interessati noii sòia iioÀ 
ia difendono, ma la detestarlo f onde [^tStèite con- 
solarvi, che si rende a voi e a lui piena ghi* 
stizia, senza che quello possa rallegrarci di a* 
veryi oltraggiato ^ ile vói, dolervi di iino si jm^ 
trattamento. Egli e pertailtd superfiuo, che se ne 
facciano ulteriori passi , al quali per altro voi 
bea vedete che non. sarei proprio mezzo senza 
mancare a quel debito di amicizia, che relig^- 
samente da tanto t^npo anche air attiro io pro^ 
feisò ; Se si trattasse di sblkvaJrti da qualche 
angustia ih * cu^ foste $ lo farei di buótì cuòre ^ 
rotto» o^Ai qualunque riguardo: ma non trattàri* 
do$f rtke delle vostre convenienze i que?te sotUi 
si. beijic 'sostenute da voi; e ricevute dal pubBli- 
co, che non avete bis(»gno dì più éfiìcàcc ripa- 
ro ; né dì più valida assistenza . Delia eòtifideii- 
za per altro, che rnì avete fatta, de'vostti m- 
gelwiì e giusti risentinienti, non avrete mai^òe• 
calorie di dolervi ; e 'perchè io parimente so coli 
chi ùratto; mi Spiego con piùconfìdenzadi qUel^ 
lo che son solito fare in somiglianti occasioni. 
Circa l'altra Scrittura soJ>ra P; e I*; hdn sento 

dir*. 



A p b s t;0 £ ò Z'$u o. 4^ 
^ti che alcuno iti prepari a tìspònderè , né dà 
S,M. ne è uscita alcuna coniinissione; pdrquaìi^ 
tó io sappia « Tóngo per voi una còpia del Ca^ 
talògo stampato della insigne Librerii atqiiisiati 
dal Padrone: aèteiido occasibnet per mandarcelo ; 
é m0 ile sono raecomahdatt^ al Sig» Cónte Guic« 
tiatdi, è al Sig« Sòragna; accick:tfaé trovihomoi» 
do di farvelo avete speditamente i Vi soriver^ 
|)iù a lungo i ina <mi manca il teippò : taitto so* 
nò afibUato* Amico amatissimo ì iddio* 

^ 545. j^l Sit^ Canònico PaoU ìSMili4tdil 

f^nM 19. Fehiràfo ijzù 
.' '.' i ' - - . 

HO finalmente r^vuto il vostre ^ ;<74li^ 
denzia^y e ftnajballsnte xil^dò alla, yoscr^ 
lettera» L'Openr (>ef tutti i tapi. merib lode» t 
l'esige. Stampai Carta > e correzione » tutto d 
é òttimo « Le Prefazioni ^ e le Nòte non posso^ 
ho essere più seriamente concepiate ; e |^iù puli^ 
tamehte distese. Il Sig.-Géntilotti me ne àvevst 
iletjtò mólto per P avanti ; ed io ne aspettala pur 
molto . La lettura dell* Opera Iia fatfb nmaneie 
di gran lunga inferiore e la lode di esso, e ÌM 
mia éspetta2iòne ^ e 16 farebbe. rimanere ancora 
tutto quello che id ne potessi dire a; voi stessp^ 
Non ho potuto far mei^o, né ^aputofar, dì van- 
taggio per testimoniarvene il , mio sentimento > 
cbe farne legare pulitamente in damaschinole ortf 
tui eéempkdrej; e presentirlo id ste^ alPÀtÌRio:^ 

Ha 



05t 1 E ir T E K I fJ f 

liE AyGV5Tis$|Ko , che lo h& 9cmHxitnaettte ^^tr 
di^ 9 e poi wcor 'comiTieiidito , Coa >qttas^ <>c^ 
fotone mi Ita rìci^ieste-iuttfcm Intorno al no* 
Ilio EmJfìontimiQo ^arbàrl^» ^ ^ cui' hp detto 
vtutto qutfl htc^ » die |u( sapido/ <^: éivttto , di 
(ciie ne fluiate itiolto tamt^moz e questa |>arti^ 

^ sigQtfi(;«sé>lk> 9te$ao» kx ^trgwieQtcr^^eir an- 
tica e fràbx^^ Yei^eia^done , che mfi&trvo da 
{ungo tenpò per lui- fo tì toefldo^ pòi distinte 
grazie de} bel? esemplare ,' di cui vi siete com- 
piaciuto di |a^ ^etierofo dono , e molto più 
cieir onorevole Ipogo , <%& r entro ' avete voluto 
dare al'Wo nome, e che' oer quanto,, iq mene 
ccMBopea immeritevole , non pu^ da me psservar- 
si senza pafit^folare soddisfazione ^ sì per V ono- 
|e die ine »f; viene ^' ti per vedcrtniv^ in còm- 
Mgnta $ì pr€|^0ie e cara > come ?[ è quella del 
iig. ^e^otti , cbe pia yoke si è meco * doluto 
éi ACMI a^ver ayutip l^ncontro (ii palesarvi a vo- 
ee ^'sth»a'e amore» x;be vi ^fessa, in occ»* 
àoBe dbl passai suo viaggio in Italia» A lui 
|ì0 data»' il ;fu0 esettap^re giusta ia vostra com^ 
loessìÉicie, e. può essere fh'egli sia sttK^ pia di 
4»p dfligeote ^ rifigrtsi^TYene f ^Iq dovrei seca* 
i)|C!e yVprkna di levar la numo» come dirsi suor 
le , dalla taytda a quoticbe pai;ttooiar^ della va- « 
Mm Opera s sia que^ mi portercbl^ ^oppo in 
lungo per le (fante e * tai|te ^e cow , ' <:he vi 
ho osservate e appttese con ratio progtta e pia- 
cere . A qtiastti luoghi {oscuri avete dato del lu* 
wH a quanti stcavolti ddi* ousdi^c i Molti bei 
./ ' punti 



4 J» q i T p X q 55 1 it o» *Jt 

di confoodeie i Wtri iivversarj , * yi «pop beif 
messi in yitta è nelle pre^ioQt^ « nelle Ao^r 
notazioni/ Oltre piodo mi ^ piaciutt la sa?ii 
confutazione e censura flel troppo ardito />«p/» , 
cbe spei^ ha dat^ e frecipitati i suor gioiluij ^ 
o per pojòj avvertenza^ o per groppa 'passione » 
Del * Vescovo ' no^txoF ilàstrio non Vi ^ alcua 
Codice nella Cesarea /I giorni passati b^ tuttf 
da capo a^edt attentamente rivolti e letti tdoe 
volumi in 4. déUa, £iklioth^4£jfliif4 A4^^ 
pM di Ant§nÌ9 Sémim ^ ' és|H:essatneate 'per ye» 
dere » fé' ye ne fosse nominato ' aleuti testo di[ 
quelite Librerie della Fiandra | delte ifàjàx ess(( 
ne ci^ il catalogo," e posso assicucarvi ^noo: e^ 
servene'pnre un solo. In Basile^ io nonbo ciain 
ftoscenze per profcuraryene ' ia * notila ^ Ottima 
mezzo pottdsbe essere il Sig. Ermanmy già Pip^. 
fessi»:e di mateniaticiie^inPadovay e grafideanur» 
co del Sig. Poleni, con cu^ potreaie £u: capo ^ 
cssepdo quel Signora molto cortese ^ 4 f^^Vf^P^f^ 
ancop yostro apnico. Manca a me per. tanto oc«* 
casjpne di ubbidirvi e servirvi 9 qtiaiido opa me 
ne diate il contento am altro vostro comando é 
Riyàrite diiftintamentè a nuo 'penne il Sig; W 
stio fratellp, da me singolarmente amato 'e sti- 
mato. Mi figuro ffae al presente vi tetta 411 oc* 
cnpazione la risposta , che yi siete obbligato ap>* 
presso il pubblico di voler dare al MStfo S^ 
Marchese Xlaffei* in difesa delia yostra ' patria . 
In una iVo^^; al :s. Qaudenwntù$iecvu ilv»- 
Itro impegno « Avete campo <ti funi Wox9 e di 

dire 



ilìre molte rare cose intorno agli antichi CenoS 
Inani , da altri ò niente o non molto bene coti^ 
siderite. lo^ fo fine, e nella vòstra Biiòtìà grazia 
bii raédomandò • • • « 

. 546, 'Al Sig* Giàfinantmiò P^olpi. 4 faàhàX 

P'itnnA ì\ HkàriÀ 172 !• 

LE doglianze di V. S. Illtqa a me. confidale 
nella sua lèttela , sono giustissime ; aim 
sono modètte; dicefido aissai meno di quello chiè 
élla.dovr^béì e di quello. cH' id stésso conniòl* 
ti altri ne dico. Io benché. da lontana,, ho cp<» 
•^oscfuta la mano ; dòh4e le ..è venuta la tnali^ 
siosa persecuziohe , She non le lii fatto ottenere 
la Cattedra; che ella meritava i > Non pertanto 
ella non si perda di animo : poiché finalmenìte 
la^ malevolenza irimai^fa, schernita ; e '1 inerito sik> 
con le «spenuize de'^uoi buoni amiti jaccòrìsola» 
to • L' Eccellenza del Sigi <3avalier Sdorosini mi 
ha risposto intorno alla persona^ di .lei con es- 
presàoni di xnolte stima; e le predse parole fo! 
tùnó da me t^pó fa comunicate, ih lettei^a al 
Pi mio fratello j dal quale facilmente siaraiìiiì^ 
state le medesime partecipate andi^ a lei i aven- 
dogli ib scritto che lo facesse; Mi eretta; Sig. 
Gìoi Aiitohio amatissimo > che^ le cose, sue^mi 
•$onp molto, a cuore , conoscendo iti lei eancé 
•beile doti , che la rendono dégna dell* amore' è 
della stima di tutti , e vedendo quanto onore 
Acciano le cose iue alla letteratura Italiana, che 

in 



i. ^ - ' 

A P $ T.Q ;. <^-/* i « Q* \%% 

ip Oggi iti' asssdi podbi 3i sostiene.^ i quaU ^qcI^ 
fra di lofo lac^raniibsi ,e ìny|ctia|i4Q5Ì » carcai^ 
quanto posspgQ V <l' annientarla e CQjttfoiMterJia * 
imzichè incoraggirla , .e difenderla^. £ ciò/n^scié 
dall' ayp^' la inagjgior pairte di .e4»i fio tQ$tp bùi^ 
ingegn^, che buon-cii^re, e dall' ay€i;p più v ti»?. 
Taglio' e* intécèssè nell' altrui ^abi?a$sam^tQ^,.^he 
sella propda riputazione} 1^ ^\ule ip fosse ìpt^ 
y Cliente a cum^ ^ si ^^itérfet^bodio a tuttg po«(^. 
«Ul maccbiarla con un yi?io shtìiil^^ e sì lode/ 
gDÒ di un., véro letterato • J&la t^aibc^do sipii^ 
li' coilsiderasioni^ dajle quaU f^t jS^q Jiòn tor^ 
irei sì préstQ la «ne4te e'U penna^pass^r^c^diih 
1^9 che il iud Vlalerio Fiacco è òl^i pia^Qiutq <3^ 
stremamente a que' pochi , che hanno baei^ g}^ 
sto* Pressoché tutti i dodici esemplari se ne so^* 
nQ Sfacciati. /rod'^uQQ di e^ p^nso.in^ndarlQ ff| 
Lipsia al $ig. Menchenio, siccome feci del ^or-^ 
nelio NèFMote; della cui edizione si è vantaggio- 
sanile L parilo Hk quégli Atti. È piaciuta an^ 
Cora all'estremo la impressione del S* Gauden^ 
^o, ^t^mabili^sinia msien^ get le psefa^ionri ^ 
n^té ^ delle quali 11 ha CQcréd^ il ^ost?;p Sig.^ 
CancMÙco Gagliardi ^ ]o mi $Qti fatto V onói^e di 
pifesentarpe un^ copi^ air AugustissiiQQ Padrona, 
^ cui fu cctn bontì gradita > e cc^. giustizia iof 
4ata« io pèn$Q. a qualche cosa^ pe<: li^^ che st 
^i riuscisse 5 credei^ei di ^ver fàttq un bel ccdU 
Pq:, ma ci vuol teippp ed 'ingegno. Citca il li- 
Ijìjo del $ig. Salio , cui la pr^o di rendei gra^ 
a^}p a mio nofxie pe^ le du^ Ò9RÌe. inviatemene^ 
i? pos^Q »tte«aj:e;i c;fee qùeUp ftj . flr^iKt?«o .4» 
^ ■ ' * ■ ■ ' ^. E. 



♦ -, .,,.- 



:)54 t • ir T E R E • f 

S. fi. il &g^ CòMé A Sa?aUi (fi propria niatt^ 
iir li^l^atrteé R^àfit^ dalla ^ale fdiHcevittO 
ioiì Jkdtem béftigtii^ : In quel Pwmà ho troVn^ 
m molttt cSsei -ciié mi sonotiibltó piaciute; La 
|k^ par ibi* ii^ c<msema:iTÌ& it ^uo amerei è di 
at^mfisi f <A? io «ono : • « ; 

^. S» La pregia <li jpi^dera infiocmazione l « 
ii^!sàÌ!iBi; se U^&g* ^aUo iììl B^iàe^i ^ di»* 
étsàésiàe^ 4a quef due Poeti Baànmesi ^ Giorgi» j; e 
Vaiatiò Salii ide'^qi^i sì trovano kinte nella 
IntccdliA da' l^éeti Bas^ l (atu dà Loreiìao 
Mithiàmii i/é imtMoessa dal Fnmcésciii in Véa^ 
zia aei i$i6* in ^ ìeiei . quali ancora iarelibena 
àfcai «afio 4i^ arer ìiaHde patticotairl àUi lon^ 
tilà i^Muinti; 
•■-*' •"'!,••>•,', ' ■*».*".' 

147; 1^ Sig. tspaiùrt AfUwiffmCim JÙéir^ 

GÒft mia aomnui òonsolaKione ho ricevuta 4 
letta r umanisfiìma lettera di y. S. lUma j 
aomé navello atteétàtoi della continuazione, <lel 
auo imore è boikà Verso la mia j^ersana i che ki 
ytMà tampd nod ha lasciato^/nè lascerà di i^ 
ferirli e «ti amarla,' ^. per riguardò della <xh 
iuKcenaca ; che tengi^ delle sue degne condizióni ; 
fi par la ixseinória^ che mi sta imjsressa heira«^ 
miao ^ dei molti e segnalati favori, che ho A^ 
(a¥ùti di lei; UH è similifièhte stato di molta 
MQtaAiiBaà i! iàdùitera^ che fit^tiMiita U siend 

per* 



^rveauti i saoi fegU contenenti le memorie dà 

ini ertt^etoi»té distése della Vìu dd nostra^ 

belèbré Magiìabèchii dà me pi4 di tre mesi fa 

già coilite^ati. e raccbaiàfklati a questo geotUis^ 

sixiK) Sig; Marc^^ . lóiiàtd Bartoipmoìei ; che 

iem{>ré mi assicurò di àVergUeli próiitàniente sf6^ 

Ulti; e per >ià di amicò siéurò l Xe n»idò poi 

divotd,i^aAÌe,delU pena, che si è presa per £fr^ 

vorirmi in ^icdpialidò dia stèìsà la lunga ^ti 

ìc^da ^i^a2iocie del siioi M%. di Fr^ k^iocofidoi 

la qUalé Ittoiderci con tutto ìnù còmodo ; , dou 

i;iendbmi ella s^vir di inbltó J>eir ceftà miaDi9« 

sertaisione i che penéÒ di (pubblicare • AV.S* lìLtìttà 

• e4 a hi^ ugUalm€»ìte Bà móka peiìà ladii^aiofie 

delia pubblicatone del kXXIIh Tomd del Giois 

naie} ma ciè^ iiofi ostatìté la ^Éego di coixipatir'- 

he il Padre iniÒ Catello ; il 4^^ ^ vi e statò ebf 

bligatò e da iiha iiià fastidiósa indisposizione ^ e 

dà molti e mditi indispensabili suol disturbi i ed 

occupazióni ; che in si fatto ténlpò é , per àttèn# 

dere ad altre , tose lime ^ e t>er levarsi da àhiri 

impicci > gli è conTenutò di ., sujierab ; per poi 

pia mamrameiité attèinderé allo stesso Giornale > 

^ àiì posso assicuìfàrla che faò còdtiihii seimÒM 

ti e impulsi èà qiiekò Àugòstissinb Mònaria j 

con iriii s{>esse volte faó avuto il còiìteàtò é l* 

onore di ragionare i Esso mie fratello mi lui 

scritto ultimamente; che ora tròvatidosi j^ressck 

che liberò da àkri fastìdj ì volerà Unicam^iCi 

Bilicare à questa desiderata pubblicazione} Àà^ 

la quale kicnràtheiitè avrà inògò, T Elogiò M^ 

^bechiaà^^ cU tiene presso dì s». lo iba 

man^ 



VQ^tò di sollecitarlo a dò; per quaotcì 9tsiao 
Qpnveniefìtje • A lei per aitco è ben noto, cjie^ 
qbi ha sopra cU siis U gesor e.lal direzione dì uà 
Giornale 9 • non dovrebbe; avere, altro pensieto e 
4Ji5tra%iQne.« Una tale impresia i bastante a td- 
jiete occupato tutto un uomo, quando ^o^'ìa 
jpixlo fuori i^e^olarraente : e niùno ' j>ii4 di me , 
€Ì^e ne bo fattp sperimento, può testificarlq epa 
Verità. Dal medesimo ella riceverà quanto prima 
s^ una copia del mio' rIl:(4tto, sì un ^semplace 
del X. tomo del Fabricio , j^upplicatidola a gra« 
clir l'unoy e l'altro, come piccolo contrassegfio 
ctellè i^ii^' tafinìte obbligazioni yersq- di lei , 
Citando usciranno r.XJ» e'I XXI* tqmq di^U'ope- 
1» stes^ del Fjtbrido, che ancor^ màqcanct al 
suo comi^iitiei^to , avt:ò l'.atten%ìqiie^ cqmenebo 
^ debito, di farglieli. pervenire; e se in qqeste 
parti vi fosse cosa di suo piacere e servigio , mi 
Comandi pure ^on libertà, poiché tutto le deg-. 

: Ella ^à molto be^e d^ dar nnoyi stimoli al 
P* Abate (^nneti pét l* edizione dell' epistole 
4ei BL Ambi:Qgioj[ t se crede; V che le mie in- 
M3MZ6 pqssano . ayisì: vigore di datforzc^ alle sue ^ 
t^ .te aggtuqga>ut:e: ma temo, che per aid^so 
<^on ce ne vedremo qpnsolati^ 'i:Qentre il detto 
dotti^imo B^eligioso» fià diyeitito dalP edizione 
dt cert'QÌ)gra genealogica ^dv(;ui mi è stato co- 
municato il (j^Ip 9 ola qiedQ 4hQ stia, occup^o 
nelle annotazioni, al Qpadfiriflfgio di Federigo 
Frazzi, già Vescovo di Foligno, il quale al pr^ 
$e«t€ $i VA riiijanv^do pj^ p^Utanjc<jt^ di pi?* 

ma , 



A P O ^ T O t O/' Z B 1A O. 15:31 

tgOLf véòdìcabdòld dàljtà falsa opinione di chi ha 
ybliito aiìtribaire quell'opera ad altro autore » 
come ella sa^ Con prima occasione le spedirà^il 
Catalogo impresso della Biblioteca ^Hohendorfia- 
iia, ultitnamente acquistata da S. M. con V es- 
borso di So* mila fiorini > copiosissima , quant' 
altra mai, d'ottimi è i^ari^simi libri , si stam- 
paìi j che iiiediti , legati nobilihente ; e dove son 
certo che ella stessa ne osserverà moki e molti 
è non niai veduti, o molto difficili a rinve- 
nirsi. Sì sta intistdbdd, pierchd si fabbrichi uà 
grande e bel vaso , il qukle non ' sola questa , 
ma 1^ vecchia anòora Libreria' Cesarèa cohten- 
^\ numerosa di più di pò. mila volumi a staili^ 
pa ed à penna, e che però, difficilmente avrà 
alti:a che la pareggi, noh che li superi. Not} si 
j^rda ella intanto di animo ii^ proseguire la beh 
cominciata^ impteia della Magliabedhiana / nella 
quale non tanto ' vi*ta il nome di chi l' avrà 
fondata ; che di chi T avià eifettuata • Ho vedute 
le due ultime scritture , delle^ quali V. S. Ulma 
mi parla nella sua lettera , sopra Ùaiàre di 'Co- 
macchio. Per verità che non ho potuto senza 
indignazióne e nausea leggere la Romana: tan- 
to r.ho ritroi^àta piena di astio, e di rabbia. 
Quel trattati^ sòprar la Carità Cristiana sarebbe 
assai bene che uscisse , pei: insegnarla z chi cosi 
se ne abusa ^Qtiel Teatro alla ^loda del Sigi 
Benedetto Marcello , che è fratello del $ì^. Ates- 
f andrò, è una satira get^tilissima : ma altisettan- 
tò è insulsa e piena di errori quella Foggiana 
ài ii^ V Eofant , i\, quale c;cfn essa si è scredita* 
T9mo IIL R ta 



ijg i E T T B*a E J) I 

to m0lt0. Spero che il Sig. Rcscsuuut gli pernii 
dasserà malto bene indosso la lana* Si fatti ol* 
tramontani » che voglion disracrere e decidere 
de}l^ cose nostre, sono, e si mostrano sempre 
fanciulli • Ho commesso ctie mi si mandi T qpe^ 
r^ del Canonico Bòldétti Stampata in Roma j es^ 
sindone V argomentò "plausibile ; nia npn so se 
ben maneggiato. Il nostro P. I^iuli è stato di^ 
ciiÌ4(ato , Predicatore Cesated per il ptossicDo ar^ 
vei^fò i e quaresima suss^étite : Anch^ egli in» 
h^ scritto intoifiio a quella Raccolte di lettere- 
memorabili/ che in Napoli si sta facendo • Ne 
vorrebbe alcuna da nie; ma di fatte nottneten^ 
go ; e p^r farne non bp tempo . Il merita de^ 
P. Giuseppe Maria Brenibati Teatino^ mi è picn 
namenté noto ; ed enimi gràndécrieiìté à éudre , 
che queste soggettò sia elètto pei: Predicatore di 
$• M* C G per 1' anno Iji^. Fuori di questo 
in jtal pròpòsitoi hi ho , he prender posso altro 
impegno; Dt gii né ho fatto, parlare al Padrc^ 
|ie , e farò ogni sforzo i perchè V eiezione cada 
su lui ; in che tuttavoita noti còfivieiie afrettar-» 
si ^ mentre qui pet P ordinario tutte le cose si 
f itàho in lungo; É questo è quanto per oarapos*, 
so dirle su questo particolare ; La prego di ri- 
verire a m^o nóme il Sig. Cavaliere Perfetti ^ 
sernpté mirabile^ e crec^ò singolare, nella pron-* 
tezza e pulitézza del sud verseggiare all' impròv-i 
viso. I Sigg. Bartolommei e Óeritìlotti e Fama-i 
rio ; e la stimano ^ è la riveriscono : EUa ìa 
mio nome Éicctà lo stesso a* Sigg. Abati Salvi^ 
nì^ e Casòtti; ÀI nosd» Si^ Marchese Mai&i 

f escri» 



Ata$TO«.iO'Z»ilo» %f^ , 
isesaivj» questa sera medesima > e per fine supplii 
i^ndold di Èontiattamu la sua buonagrazia, tné 
U tiìcd 4ii cuorey quai sooo * . • • 

J48* ii/ ?^ AVr CatèriHù JZen^* n FkMzSs. 

ff» . • . • . .■ ■ ., . .. ■ 

T A vostra lettera della settimana passata. mi 
X^ ha polto iu grande a^itaa^ione. e travaglio» 
ibn per alttb' moti voi «« non perchè da ^ t%s^ 
ho conopei y che. voi pure siete . in travaglio a 
' in agitazione l càgioìiatavi dalle diiscus£i(>hi i ^ che 
^costì si vaftnò. facendo per la Vita del Nani 
stampata dtl>tovisa« Sento che ella è stata pò^ 
sta tottó -mólte revisioni^ e che qualunque he 
sia stata là opinióne <ié' revisori; non si è atv^ 
Cora. venuto sui alcoli^ decisione e risolusioùe... 
Io di imòvo ho ^olutó attentaiheiìte . rilegger!^ » 
e disaimnarla '; per vedere se , posso indovinare ^ 
bve cadano le imposizioni ciegne di tanto schia* 
mano .• e per ^ varifeà ^ nod ho iaputo ritrovarle, i 
ètSerùpre pili s^no rimasto persuaso » che, mula 
ni si contenga » che tion sia a gloria ^della , oo^ 
stra Repubblica ; e; a lode d^ quel celebre tsto»^ 
ideò» il quale se vivo fosse > anziché dolersene» 
si ccHifesserebb^ tenuto a chi si . pulitamente , 1* 
ha scritta* Se jprer trarvi di «h^bblez^Éa e d' ii^ 
^[oietezn Jmò esser bastante la mia. àpprovacitCK* 
xie ; e 'i fnio .nóme > . sono conteikissimo che ve 
M servile all' ocèastóne,* nella miglior forma « 
che Vi parrà ptk éaqpediditè ; Sa Iddio , e '1 mio 

R 2 cuo- 



%6<$ L « V t B KM 9 I 

euQJce y che darei molto più per dÌmosttacvl« il 
mip amore , e la mia |:enerezza • Io voglio per^ 
sperare , ct>é t^qn vi sacà bispgao alcuno per va. 
stra difesa : poiché V opera stessa vi è sufficiente 
e manifesta discolpa. Dite pare liberamente ^ clie 
io vi, ho somministrate e distese tutte le notizie 
di quella Vita , le quali ho raccolte dalla viva^ 
voce dì quella grand' anima del Cavaliere Bati- 
sta I^ani ultimamente de^ntp ; il qualif? sapen- 
do che io dovea scriver la Vita dell' Istoriof; Ca* 
yaliere e Proccuratoce ^uo zio, mi ha datimpl* 
ti lumi 9 e suggerite molte particolarità intomo 
ad esso, acciocché ^oà 1^ òmmettessi in i^odo 
veruno. Egli moltq bene sap^a non solo le pre- 
cise azioni del suo antenato , e i pregi déllf^ 
Stpria di lui; ma ancora le opposizioni , che a 
qisesta ventano fatte in paQicolare dagli oltca% 
montani ; le quali se si fossero taciute da chi 
ne scrìveva la . Vita , ciò sarebbe stato u^a jip* 
velia censura, e saìrebb^^ parutp^ che come ye^- 
re, si fossero' dissimulate • Bisognava toccarle 
per confutarle , come molto bravamente avete 
fatto: talché e la memoria di lui , ed i suoi 
eredi ve ne debbono rimanere con obbligo . Ciir- 
ca il luogo della mediazione del Nani rigettata 
dall'Ambasciatore Spagnuolo, che cosji dite di 
più di quello, che se ne ha dairistorìco Miche^r 
ie Foscarini, la cui Storia scritta d? ordine pub» 
blico fu approvata dall'Eccelso Consiglio dìDie^ 
ci) Le opposizioni fatte allo stile , alla favella, 
e alle concioni del Nani sono benissimo ribut* 
tate : il che è stato molto ben fattp , poiché que' 

li- 



A P ^ T Ò 1 d È È il d. %|i 

libri, ove elleno soatì sparse, van^er le raaàl 
di tutti. E da. quando in qua diventano oltrag*» 
gio^i gli Scritti, ove, si rapportano leT censure ^ 
per ributtarle , e codfondetk ì Piacesse a Dio ^ 
cHé. si trovasséird cittadini così zelanti In somV 
gliatiti riscofitri; a*qùali doterebbe darsi premio 
e Éivòre ^ anziché JFarsi querela e persecuzione à 
Qiieste ed altre considerazioni che potrei aggiu- 
gnere, si della giustizia della vostra causa i 4 
della. equità e saviezza di cotesti prudentissimi 
t gravissimi Senatori i mi dannò confidenza - a 
ispefaré $ o più tostd sicurezza a . credere i cha 
tutto finalmente resterà sopito ^ e ridonderà a vo- 
stra quiète ed onore. Mi serve di fondamento a 
ciò il vedere, che noli è uscito in tanto, tenw 
J^, in cui sM presa per mano questa, faccene 
da; alcun ordine pubblicò^ per cui re^tisuppres^ 
&a o. sospetta ìa mano del Lovisa la distribuzio^ 
lie degli esemplari del tomo , ove tal Vita sta 
impressa: il che è segno, non esser la ttiedesi^ 
tua stata jiudlcata tale^ che meritasse si rigo», 
tosa condanna < Rifletto di più j che nulla può 
avvenirvi per essa di sinistro , quando aiiche vi 
fysse qualche còsa i che non v' è , la quale di&> 
piacesse; mentre non l'avete pubblicata ne alla 
macchia, né in luogo straniero, né tacendovi, 
o ma^cherandtrvi il nome^ ma l'avete fatta in 
Venezia , col Vòstro nome alla testa « e dandola 
allo stampatore i acciocché la dess^ a Hvedere , 
tome credo che ^{^ fattoi bnde per voi està- 
tò soddisfatta in ógni parte al vostro dqvere • 
Sicché Itile jfin^ <^ animo ripesato « £i|raaqmir 



a*ìl LETtERE »I 



l9) e al più' senz* alcuna alterazione rappresenta- 
te le vostre ragioni ad alcuno 4e* tanti vostri è 
miei" padroni , tra* quali vi nominerei SS. ££• Cav. 
t P^oc. Grimàni^ Andrea Cappello ecc. "sé non 
credessi di farvi Wto col suggeriryelì '^ Io ilon 
mi ifarel scrupolo alcuno di parlarne ' anche a S. 
^. Cav. Gio: Francesco Mc^ósini , che e trop^ 
j» savio è giusto, per non approvare , quanto 
feste per dimostrargli 'a vostra difesa» Presso' di 
lui potete anche valervi del Sig.' ^Antonio Val- 
lisniè'rr: nja non y* e bisegno'dì mezzo ^ ove il 
jpudice ' è giusto , ' e T innocenza patese'* Sono 
stato forse tròppo lungo a scrivervi sopra questa 
itoateria : ma la premura *cbe ho della vostra 
quiète, da cut dipende la mia ancora ,* n* è sta- 
tjt-cagìpne. Se si volesstf poi, che nel' Giòma^ 
^i ponesse j^ualche onesta dichiarazione, o nella 
yita stampata si levasse qualche ' perioda • pia 
per soddisfare a qualche doglianza, cfaeal^biso- 
gno, fatelo pure di buona Voglia : ma* non cre- 
do che ne anche si verrà a questo passo , pel: 
jH^n^ esseryene bisogno alcuno^. Ma passiamo ad 
altro , solo dì nuovo replicando ,' che quanto a 
me e ai nome mìo , diciate tutto* quello che più 
irtimaté spediente per vostra quiete. * ' ! 

" yi ringrazio' pel Lessico del Calvino , e pei: 
que*Kbri che avete presi éa Teodoro Garbiza'. 
1 dufi rpmi (iella Biblioteca Rabbinica' tìon oc- 
corre che per" ora passino ' i monti • ' Riponeteti 
presso il yolumeddPImbonati nella stanza d^ 
miei libri. Gli altri tre , cioè P Inchoflfer , le 
iSetelstrate, e PÀUa^eie-, ttS sarà caro di àvei^ 
. ' - Il 



Apòstolo Ziko. H^ 
\i qui con altra spedi2ioflfe . (^atidò scrivete a 
Rohift al P. fialdifìij o al P. Zuanelli j riverite 
r uno e r altro a nrio^ nome , e raccomandate 
ad eisi toro la ricerca del II. e del IIL tomo 
dèlia su<ìdettaBibliotèc2i R.ab$inica, la quale mi 
sateU>e molto j^rato'di poter avere bella e per« 
ftcta ; tpdL prima Éitene co^ti diligenza • 

j4^w j/il Sii. CMvdlUre Già: Francesca Mor&sini . 

rieÀMd $. Aprite lyiU 

Npte iio prkn^l d'ora data risposta air urna- 
iiisiima lettera di V. E. poiché liberò di 
faccende incaric^teitii da S. M. ho voluto più 
ieriamcnte applicare a quello", che io potessi r^ 
scrivere intorno àll*^ Istoria della Università di 
'Padova , cìxé ella pensa' molto saviamente di vou 
icr fefe scrivere da àlcufio di 'que*felebrl Vftfè^ 
$oti* lo le dirò pertanto ingenuamente ^opra éi 
questo U mio puere ,' as^ggettandolo umUftiefi- 
te al>avio InteUdiftidnto dt*Y« £. cui ta^o è 
a cuore k gloria* di quello Studio , Due setitfo- 
ri ex profèsso bacino trattato / cotóé èlto sa V U 
isad4etto argomenti) ," tìoè "Antonio RiccoWni % e 
*^cop<f Filippo TottutiasJni ^ ^ che lu poi Vestovo 
di Òtta" Nuova nèll* Istria .^L'Opere IWo petvè- 
l^ì coftte|igoii(>' inoite co^ otthM '#Ìrkigokr^ ^ 
e sono dtegnedìf molta! Iód6: ma Vmàetéi- 
aof f haiino' fatto si «Jatsaa^ , che in que- 
sta ^artt'fawno pia to^co iòUtttkHtp , efa^ sod- 



2#4 J^ f T T I a, E > i 

disfatto il desiderio del pubblico. Nelle ahticKè 
notizie o sono mancanti^ o poto esatti, e nel re- 
gistro de' pubblici Professori de' secoli passati nod 
hanno preso tutti qUe* lumi che ^ano nécessarii ^ 
Stimerei pertanto , che quandi dall' E V. e dall' 
Eccmo Magistrato de' Sigg* Riformatori unitat* 
mente fo^se commessa a soggetto abile ed eru^ 
dito (di che non è punto scarsa quella insigne 
Università ) V impresa di scriverne ^di pianta ^ 1* 
istòria con miglioi: ordine » ,e con pia eìtehsi<>. 
ne di quello che ilRiccobóni e il Tommasini ab*, 
biano j^tto ^^ tanto a riguardo dell* origine e avan^ 
2ameato della Università in diversi teoipi e go- 
verni; quanto a riguardo delle Vite de' Professo- 
ri e de' loro^ scritti , fermando ili quelli pritìcì^ 
paliiiente la naitazione^ bhe pel crec)ito ed oper 
re loro son più distinti^ e frammischiandola col 
racconto . de^li avvenimenti pubblici e privati , 
che la riguar^tano , e coi documénti dcÙ^ savi6 
^ordinazioni di ehi vi ha ^reseduto ; si potrebbe 
avere un'opera di molto decoro, e, di molto gib^ 
vamentQ, Abbiamo l'esempio di. altìre jàazioni ^ 
presso le quali si tlrova, da bellissime istorie il- 
lustrata la memoria delle loro università^ .aniu- 
na delle quali^ né di antichità, né di pregio ce^ 
de in. veron conto quella di Padova . Qìiesta 
non ha; da invidiare ad alcuna di esse , sé 
non la fortuna di un bravo istcl|ri^o ^^ the la 11^ 
lustri^ come hailno ^tto Cesajre Buleó per quel- 
la di Parigi i Gipvaniii , launojo per quella di 
Navarra^ Antònjo di Vood per quella diOsford^ 
Gio. Gristoford Beemanno pisr quella di, Frano» 

fortj 



A » a s T .o ;l o . Z 1 il o« àif 
felit e con àltii . Mòkimme cose kb osservati 
iiyÉi*miei var) stod|» e notate su questo proposi^ 
to> le <{Qali mèlto yòleatìeri »dei per sàggeri* 
ire a chi fósfis incaricato di si lodevole impresai 
e mi stimerei a gran sorte di poter .còntdboirè 
qllalcbe cosa al buono ipcamuìindmento deità 
ibede^imai la quale ridonderebbe anche, in ono- 
re a cdtesta mia Serenissimsl, Patria l Vero é ; 
^e tali nojtitie ;iòn ho t^e preiso. di.me, e»* 
^endo rimaste costi in gran parte coVmiei libri i 
'^na spero che verso la ,fiae dell'anno avrò dalU 
M» Si ia permissione di fare, una soótsa in Ibù 
lia: ed allori avrei campò^ di ràc<M»gUere tutto 
quello che mi è oecbno 4^. osservare» e notare* 
Tanto per .adesco posso dire a V. .£• sovra qu^ 
4to par^colare » aggiugnendolc solo i die se V 
idea dell' Eccmo Magistrato fosse di èontinuar» 
solamente il Gymftàsium féUdvimm delTòmnij^ 
sini; in falcai foeù più avrei da ÌK>mministrartó 
xli quello; che 3i ritrova nei pub(dicl registri 
della stessa Ùnive]fsitai,,e dell' Èccmo Magistin« 
to; anzi nulla di più di tali notizie vi si dkH 
vrebbe aggiugnere» per non allontanarsi dàll* 
«ardine e dallo stile dell'opera sopraddetta» 

f5o« Al Sigé ÀmàtUC^m'éOfì. à Finèxisi 

Fùnns it. ApriU ijiii 

Quando vi scrissi la settimana pusati» che 
^a momenti. dovea partire Monsij^or Alb»^ 
ai alU voiu di Roma i non vi ferissi À 

vero» 



ftiù y poiobè il sabbafiÉ iiésto USL buso «lattiiiè 
«fa fWliio aU'iAfrecta i e 'I ^ibiiiq avaati era 
dealer fatto agais^dtik & M.^ di un bdiUsim* 
diananta raìntatò 17* mila iSorini 4 Gti altri 
tutti SOM» iti calammo ì» ({uesta settimam^^ sic- 
óòme vi iBodi avv^c^ r e (tftti cM mm poicb^di- 
apenolia; df quiest^'M^afcaV^ Veago. óra/ alla itck 
atra lettfra. 1a iicn^ata h^nte ddla Sig. Ma- 
lira mi ha toék^f rztcmstAsM i e <famào mafi* 
già di iMiod» api^tito; è<buot| ^^t» « Ha fatto 
^116 a -^ ^ '|iii(m> il^ ^uo' te^amèitft) ^ e pre. 
j|0[ Dio, cltfe di ^ua( a iMlti aaai abbia aàcera 
s xifarto^/Mi ^et6 fta^»^ (fi abbracciarla ca* 
sameote a . Wu^ Mine i^ « ' {6 sttsai^ (^^ ^^ 
^ €ogaat^/ Sorelle; p l^i^otiai^itutti dal pri- 
^o airtt^im<^ « Ick^ ì;\^ |a >^ i ^^^ ^f<^ 
att». nmcì ^ a boM porto l Nb àhé al Segretario 
Vìgnolà , <:lio éaféMdnto vi Mi|atai , la ^osttii 
kttora^ diretta al SegtMario Catombo; per Cc^ 
àtamiiiopoli , dov6 la apedtr) coti prima occasioÀ. 
BC di pubUteoi dispaccio/ àccidocbè vsMai pia sh 

Sf staio ^iMtirgaiidgo dì morte q«ietto darò air 
uccisore della ^vtra' BkkbiM ; ina itoti v^ i 
mòrte che ^^^t\ a chi e caduto nell' orribile ec- 
ct^f^ di uecMerè' #&pó i^ ]Mwp»<> perire kf :. (no- 
gliè'e la figliuolina', avanti 'uccisa fhe nata • 
Pare i^pedibilaV^oi**^ ^ ^i^ovino cuori umani 
più bestiali dei bnitì medesimi ,'e più feroci j. 
Moia ko'^ufo^ ^H^, •^Ife Tostta * lette j?^*atVY^ 
*«iivetito/ isi'6rri6U% ed etfcmn^, sen» tutto raé- 
iapiieciarimV Ad swfSÈtoÀ ^€^^^ aMai bel- 



I4 e soave, ma tròppo asdutéi/ Si votrebbìeora 
deHa pioggia >V e perchè ai atima ^n^eoaria\^* e 
perchè si 'teme ,^^che né voiga in tempa in«p. 
portuno» 6 allora eoa troppa abbonìdanza •' Tutti 
vorrebbero un Diq a loro 'modo, e * I9* iStagioni 
a loc gusto : ma T Altissimo èl dUpósitoré . ^tf 
tutto, e i 'nostri sciocchi desideri non lo rimp^ 
ao pùnto dalle sue santissime ^téene !ciisposbiio«« 
tii • Delle cose di Roma mi è stato detto > chof 
il CanL^iUbcmV^ i^^ un coreiche qu 

giuntò a Fossc^nbtooe , a qucst* ora siar in Ro^ 
ma : che ^è* due primi assembramenti del ' Sacm 
CoHegio il Cardi Paulucci 'abbia 'riscossi prinui 
8* € poi lé. voti, mancat^dcme solo tir ^' £tf^ 
Io Papa; e che dall' Ambasciatore CesatOB»' Caiw 
àìnàk *d' Althaif sia mto protestato co&trq' dil«è 
• nome di Cesare, Se sia^'vera lacosa^neolso:' 
ma c^o può esser yeia^ * SaiW questa ìeaxn 
nella sera' del sabbato'santo^oM 'tal' vigor di 
salute^ come se ancor fossi hd primo mac^ték 
A qiiai:esima> a non avessi quWta osservata , tt 
Sig. ìhdoIUo vi'saluta caraìnente, ed io<^lcu^ 
re vi^abfacacdpy e sono . ^W 



\ 551- 



iifé .' .'tir t « à i ■* I 
. 5 j I, Al f> fier ffatiriftf Zenit . *■ Fenizàiì 

V? Cc0^i lillà fiiccoli Novella ìettctàtìt qiii òoì 
JZ# elusa da'pjor nel Giornale, la cui edizione 
molto nìi f£ètfie') essetidottè ^tatd èfficàcemeiité 
stimolato da Sé M« T àltt' jeri , che fu il giorno 
innanzi; the égli partisse per^Laxeniburgo. MI 
sonò seco icuiàtd su ie vostre indlspdsiziohi pas^ 
iàte , ed joc^pationi présédti ì assictìrandolo p6i 
jcò j che la cdntinuazidrie dell' o^erà vi st^ri à 
€mte i ed egli ^e né mostrò soddis&ttò • Mi pre- 
jn^e^grandMiéilte ravvisò;. £he finalménte sospi- 
kù^ dà avet voi dito il Tomo i' revisori; òiide 
lN>i. i^assi in titutho dello statmpatòre • Mi è shìtd 
e^issitna» se beii noti qòntieiie gran case» quel 
Hstrdttó ddie attorie di Vicenza fattd dal Ttijsi^ 
fio» che per lo t>ià lo Ha trascritto dal, Pà:gHl^ 
iSni • Tra i Mssi del yòsttó, Goiivehtò lasciati*! 
dai JBergòtici. ne troverete una còpia ; di cui tein^ 
^ fa n^ feci memoria nel catalogò che rie pref 
sii fra i qtiali vi sodò altri Mssi àp[:iaiténenti a 
quella città ^ i qiiaii uii i6r^pó diÉOà di cas2l 
Gualda ; e fra essi in patticolaré V ha un AÌè^ 
f>MrÌ0U^ di C9i€ k^^ilii è nnàM illuttri di p^i^ 
tcnzAy scritto iti foglio^ iti forma blsìutiga, do-; 
Ve può èssere che ritroviate qualche^ notizia <1! 
qliatitd atidate cecéaddd. lì detto MemoriMè ha 
pere uri altro titolo , cioè Ficenza tMnisatà di 
Girolamo Gk4ldà 16^9. tp9i hccrescintddei iS^^jé 

- dedi- 



d^dk^À 4 A tr^anmcQ Bjtrhéiréi^ C^WPw:a»^ ^ 
Q^teUa yo^trif. cf^iighiettua iQtocQQ alt avei;esa% 
to e indiripatò il TfissiQQ il suddetto .competi^ 
dio a fra Leandro Alberti, perchè se ne vales- 
se mìX^ Vaa.De;qcmio9e d* Italia» ciceiicat^ne 
(la lui, mi è piaciuta estremamente, e la ^timo 
molto if quasi la creder certissima. Prego vi pqi 
di riverire a mio nome il Slg. Càv. Zorzi , e 
rin^raziarne^q vivaitieqce del fevo^e fettotui col 
dar^ cc^ia di quel Ms« ^ quanto prima gli^e 
scriverò in ringicaa^iameqto a dirittura, con»; è 
ào^tx^i m^ o^ fono troppq oqiifupato ii^ una 

tracluziqae^ che deggio fai:e pe$: ^oh^ndatiieiitQ 
d^l' Ip^peràtric^ di ^n tinatta^lo di S« Agostii|q^ 
e cJtié fra tr^. o quattro giorni, dpvi:ò teroònare , 
fsi ^ver poi dai; cominciamentp 4 primo Cb:;un^ 
v^ da fai;si. Non v'ha dubbiq poi :^ ^he se ti 
H^e$$ero soQto. Toccbiq quelle /lettèt^e «pettaoti 
^frissitio^ che iqno pi;essp de' su/c>i c^^edi , séno 
pi^tiebbonQ trarre xpolte buone nòtiÌEÌe per. iUu** 
^tcare 4Ì la Yita di quel grat^d'uomo, si la^to* 
ria tetterarjia de' suoi tenq^i • || Cansponier de) 
E^triirca è bene, (;be si ristampi dai Volpi, c^. 
s^dovene ora scarsea^^a , lipassimamieiite di bu^ 

^Q^ edi^iopit Pel libro di Bo^iq ye Q*e^ poca 
necessità; ma queir Elpide, di qui si.«. triovanq « 
o si ^redonq gi'Intiì, che portano il suo nqme.^ 
npn fu mai moglie di Boeziq : e(l iq ne bo^ 
cqn rispetto di quanti 11 hanno asserii, ^scoof 
tri cosi sicuxi, che sarebbe pazzia il dùbitamat 
o'I.. contenderlo • La posta d'oggi non' è ancor 
giu)at4,,^d. iot^sonp f^ccu£^tissij^04 oncte^^Wr 

4o 



i 






Iéo ai iQÌit»*€acdiatm6&C9 tutti y è itt partioolàr^ 
U Stg; Madre; vi abbraccio f?ofì tétt» VàSMiit 
Addio; fratello àzxìkimiBO* . 






L^ 



E nostra connuii Ietterò si riducono al ^le^ 
sente quasi alla sola consolaziatie di comti* 
ìlicarci r un • T altro il nostro, ottimo stato i meiw 
tre ora a me iion odcòtte .«ii pregarvi di còsa ai<^ 
icUna; e Tot a me tlòndàèe; occasione di Arno 
^uÉM^ in vostro iseìSrigio . Tuttavòlta. quel pò* 
tersi ìlire a. vìcéii(&L ^ sto bene^ è'I prìncifale j 
lenza di cui il -rimanente noìi, sarebbe ,che\ c^ 
ttàvaglio* Atudie la. salute ristabilita della, Sij^i 

\ Jiladte ,ini fièmi)iie di cònteritekza i e quella dtt 

tutti di casa nostra,' che salutetete caramente d 
snid .home ^ Qtu son venute nuove che ai Car-» 
itiìial Goziadini noti è . mancato che un sol votò j 

. ^ cunr Papai Ci^^ono i politici, che ancora 

' lo pQSsa essere il Cardinale Pauluzzi,, e che per 

' lai eÀtto sia stato di là spedito V ultimo cor- 

y fiere 4ut giunto ^ e . quasi, tosto partito con Je 

tispoisteiU altra )Bri (ioi lungamente, coti S* MJ 
dft;èui. k» ssntitò dir tnolto bene^ s^, <^. Cardia 
naie Cenuro ì . sì àék Cardìnaie Barbarigo ; e al^ 
coni: particolari me ne richiese. Potete benfigu^ 
sam ,' die A ^Qon cu^re abbracciai T occasiéàe 
iti tefjcitf giustieia a que' due PoqDorati Pitiìi) ^ 
ete^ fiuioé in nfgi st sraxkke bnoré aUa ^/ai * 



A P t T^O I. O : % 1 H o: %fi 

U mmùga&aie giamo, faxa V A^^ustiiStmo Pajfih 
ne .per Lacemburgo ìmwiM o^n V Impecàcciof ^ 
che prìfiiai, della metà ilei, «d^se VecitutQ s' iocam* 
minerà , ^à vicdtà icki Baj^ìii Ut Praga i i qiiaU 
faccia Dia (Itb^ le riescano «altkevoli li par lei; 
sì per qitesta vlésarea Casa ^ Crèscond i 3«^spe(ti 
dell' armi 4e^ Turchi CMtra la Pdildmà ^ pret^st^ 
l>er poi venire ^ r^tttira con qbeéta , Potensa ^ la 
qoalt però y^xin^hóàù veder prima ii altro; im^ 
jp^^fio diranatata 1 Iddio tieassistorà^ Al SigtNa* 
dal Berti, dcòèdatemi buon . leryìdóro ed aoucor^ 
Invidiii r andata à Roma, di Cotesti Vostri <^àlàh 
iiiomiiu ì Sì (ditte occasioni tion vengono , si di 
fireqUmte i il, tHattimi^io della Pisani Morette 
Col Pisani del Banco avrà disgustati ceàt' occkl ; 
che si kiafigia^aiio col desiderio si ^uom bocccN 
iie; l^a. qOeite non sono torte cl^e si paìtisQaw 
Ho : debbono toccar èuttei ad uà solo • Tra pàrbV 
le e Calice ho fattft lajetMraf ei tra sinéèri sih 
ì^ i e cordiali abbracciamenti la fiaiicb ìj ÀfUki 
ài .<:upre; 

POcId pQ«sono dèsideiar più di m0> chd ìfki 
kaioiia del Scmrano Ponti6càta riesca n^ 
h pccsiin^ ck2l; Emineikissimd Cornu^^ ; fOV^i 
pochi, più: di: me. pmoòò amare e. admattf 9^4 
gotti pdaooaggìo , die mi iia &tti ta vitìA 
XMOfù^ «u^Qlacisiin4 faVori ì ciia> hi iirtté tà 

^ùa- 



/ 



^X» ' L « t T B U E t ^ 

qualità necessarie , per ottenere il ptimq pa^ 
ftò deila Chiesa Cattolica ; Se questQ sortisce » 
io né sarei contet^tìssimo, ed anche a vòstro ri-^ 
guardo 9 ck^ sieste della 'stéssa famiglia , benché 
dà lungo tempo se ne sia £atta la diraniaziòi\è^: 
ma finalmente dove è comune lo stipite » il san- 
gue è sempre comune « come appunto Tacque, 
the in più canali derivano, benciiè di molto sì 
3C6stinoLdàlIa so^rgjente, sono però tutte acque 
della stessa sorgente, Qtii si sta in un sommo, 
sil^zie dei maneggi dèi Conclave » perché pochi ne 
etannò in attesìzione. 'Ha stj^rdito universalnien^ 
ie il fatto del Cardinal Salerno , dichiaratosi d* 
^Itro partito ; benché V esser suo Io ' Heonosca da 
^hi sapere. Il soggiomq in Verona ilei Principi 
di Módana h credere, che possano ancora dare 
^a scorsi a Venezia. Il Re di Danimarca si è 
rimaritato dopo una Vedovanza di pochissimi gior- 
ni CQn la vedova Duchéssa di Holsiein Gottorp, 
alétta di Slès^yic, 1 timori che si avevano ^ella 
mossa dei Turchi verso la Polonia , vannosi di* 
legnando. C^edesi che ta|i nuove fossero disse- 
minate per^ri^ardi politici dai Religionarj della 
C^rmania , dove pure le controversie di R^eligio- 
né si vanno mette|idò in migliore aspetto • la 
città é quasi tutta a Laxemburgo , o fuori ne* 
ix)rgh£, e ^e*. castelli « Si sfa in difetto di qu^^r. 
tali , e questaj[ é la nuova ciie^ più mi tocca • 
Disturbi- liòn me ne mancano .'Nella ventum^ 
settimana darò principio al nuovo Dramma' per^ 
la Favorita • Bregòvi di salutar caldamente e te- 
neramente a nuQ ooipé la^Sigi Madi^,' e la^. 

Co-. 



/ - 



Apostoi-p Zbi^o* 273 
Gogaata , le Soretle , è i' Nipotini • Il Sig; lA^m^ 
imsdàtore è ahch* egli in un pallazio di villa 
lontano di qui intorno mezza lega; e può és- 
aere eh* io Vada presto a stór con* lui qualche 
giorno # Vi abbraccio caramente ,' e sono • . • • 

< 554. -^/ Sig. ^ Antonia F^llisnieri. a Padova. 

Vienna 3. MaggÌ9 itzu 

IL Sig- Domenico Maissardi , dipintore "Bolo- 
gnese , tni ha- rfe^tà la vòstra lettera . Ben 
potete figurarvi che molto volentieri T'ho vedu- 
to, vcnendotìii raccomandato da voi . Farò qiìan- 
io mi 'fia* possibile ih sub >?àntaggio; ma spi'àce- 
ml , che ai^cbe quìsstò nosltro ttaliaho sia venu- 
to in iaq pSese, è in uh tèmpo dove v'ha poco 
da sperare per chi non è tedesco « Sono quasi" 
tré anni ch'io sono qui, e con tutti i miei 
sfoi^zi, e con tutta la premura che ne tengo, 
non 'mi e -^neórì riuscito di: trovar Aicchìo a 
proposito pel i^òstro' carissimo Sig. Ippolito , il 
quale ptìcò iton disperò cfi vedere lin giorno ben 
provveduto per' fcomuné consolafciotìe • Il Sig.' 
Cavaliere Garelli ha rkevùtir i libri," che puresi 
avete per lui dal Preti dèi '^Senunarip , fe h* è 
contentissimo . Credo i eh* esso ve he avrà scrit- 
to « Ai i:^. egli partirà con la Maestà dell'Im- 
peratrice Verso i Bagni di Praga in Boemia, e 
vi dimorerà^ intorno a due mesi. Ihtanto termir 
parete la statìipaMcft vostro libro, il quale hori 
^ potrà presentare al Padroiie^ prima del ritorno 
Tmo m^ S deir ' 



< 



\ 

^ «ta hila, e darvi nuove del mio ottimo stato; 
ed io che sono desideroso di j^termi adoperare 
in qualche modo per lui , vi supplico fistaiite* 
mente di supplire iti ciò le mie veci, e di te- 
stimoniargli con r opera vostra il grato animo \ 
assicurandovi, che mi farete. cosà di mio som- 
aio piacere. Deggio anche aggiungervi, che il 
méctesimo mi ha ragionato di voi con sentimen- 
ti sì affettuosi é obbliganti , che pei: vostro n^ 
guardo ancora avrei dovuto amarlo, se per mio 
non fossi stato astretto ad' amarlo, come face- 
va. Fo fine, ed abbracciandovi col cuore mi 
aicb • • • • 

556* Al medesimo • a Venezia. 

Vienna ij* Maggie iT%u 

Sicché non mi sono malame»te apposto nelfaic 
r indovino in proposito di quelle Osserva- 
zioni del Facciolati. Quelle Lettere del Redi è 
bene, die in qualunque rnodb sieno stampate . 
Vi ringrazio della notizia dei due Mss. di casa 
Nani . Gio. Francesco Benedetti , autore di quel- 
la letteira, ò sia paiiegirico al Doge Barbarigo, 
fton mai , eh* io s^pià , stampata j fu Cittadino 
e Segretàrio Veiij(|àno\^ Era amico deV Polizia-^ 
tio, tra le cui Lettere al libro VL ne troverete , 
alcuna di lui. Mori nel 1509. e fu seppellito 
in S. Maria delle Grazie còn'epitafió, che dal 
Palfero sta riferito , come segue : Sepulchrum 
Joannis Fr^H^irci de SenedilHi f^eneti Sécretarii ^ 
'^ ' fri4' 



^ À p o s T tì £ o i i il ó; àff ^. 
Mv/r Thì Sis Qh^hc Àfemor. ijostr Se mal ^ S. 

vi occorresse per altro di andare a queir Isole4« 
ta , e vi riuscisse di osservarlo , fatemi il favore 
di ricopiarlo, come sta e giace, notando arme $ 
forma di depositò i o altre curiose circostanze'^ ^ | 

PliiBsto è quanto so di ess9 Benedetti. Iti dett» \] 

Isola stagno okre al, Sabellico sepolti inoltigraxv 
di. uomini ^ come Luigi Pisani Cardinale « Pietro ^ > v 
Giorgio^, Lodovico Marcello Dottore e fenato* 
re. Bertucci Vaiiero Vescovo dì Verona, tiììppo 
TTerzi letterato di grido, ed altri - Al Marctiest 
Maffei ho risiposto mercordì passato ^ssai a lun* 
go. 11 suo Cassiodoro sarà più applaudito, %9 
vi aggiugcierà altre, cose inedite antiche djài Co*. 
dici Veronesi . Io V ho consigliato a farlo . Le 
altre notiiiq letterarie mi sono state carissime .' 
Nella . rac(:olta degli scrittori delle cóst Padova- 
ne pubblicata da Felice Òsio, osserverete dietro 
la Cronica di R,olandino due antichi Cataloghi 
Latini dei Reggimenti di Padova; nel primo de 
^uali a f • 12 2. e nel secondo a r* 129. trovel- ' 

rete .farsi mcn^zione .della rappresentazione della 
Passione e, Rifprrezipne di Cristo celebrata nel 
gran Prato della Valle in tempo della podestaria 
^i Galvano Lanza l'anno. X24}* il giorno éì 
Pasqua • Roìandino non dice cosa . al<;una di que* 
sta rappresentazione $ .ma ben di simili feste , cUcf 
ixcl suddetto Prato della Valle fijLcevansi concadh 
ti e baili: si può osservare quello che esso ne 
scrive //^. I. cap. x. p. 1,4. ali* anno laoS. t 
lib. ly, cap. ix. p: 41. ali* anno 1239. Se la 
f uddletta rappreKénttamcac finse stata fatta la' rl^ 



1/ 



<" , Ì*[È L X t E R B i) ì 

A ifia e lingua Volgare, sarebbe si<iuramei!te ante* 

Kore di molto a quelle, che poi pe furòtio fat- 
te e rappreseutafe in Toscana . Il Tommasi nejr 
Istoria di SieAa P. n. p. 6^. pretende, che le 
tàppre^entàiioni sacre 5i coitiintiassero a mette- 
te in uso in Siena tìn dèi ìi^i. in memoria e 
laude del B." Ambrogio Sanóedohì, chft impetrò 
l!àl Pohteficè Gregorio IX. T assoluzione de'Sa- 
Aesi dàlia scomunica, e perb ogni anno se né 
Celebrava là memoria nel venerdì .di Latterò . 
il Oestimbèni nel Voi; t. del Comentarj pj€g. 
't\ì* e sèig. parla^ a Jungò di totali rapprésenta- 
jionij ma pare che egli non le creda ' introdot- 
te prima del 144$. In che vói j^etì vedete, che 
ti mólto s'inèantìa. No|i ho questa volta che 
|>iii sóggijigflere , se noti che Riveriate càramen- 
te la iig. Madre, le Rotelle/ e tutti i nostri, 
^àte sanò , ed amatemi • yì ràecomando T oc- 
eluse al Lalli, ed al Volpi. Io sono occupatis- 
simo nel lavoro di un Dramma^ di cui non lib 
tatto altro che^ lo scenario , e dopo fatto , temo 
Jtt averne a fare un ^Itro sopra altro soggetto, 
^ riguàildo dèlia difficoltà che incontro nella rap- 
presentanza di lin fìnto abbattimento tra Perseo 
è Cenietrio , figliuoli del Re KUppo , seguiti 
^dai lord Macedoni; menare dicono, che il tea- 
tro della Favorita pon è capace di tale spettaco- 
lo ,* il che è falso ; e che S. M» abbia gli anni 
J^assati datò ordine , che simili abbjtttimenti più 
in avvenire non abbiano a rappresentarsi ^ a ri- 

rardo di qualche disordine, che n* è seguito j 
cife tttrfo che sia tettf -'Nuovamente vi sa- 
"^ luto. 



APosTOtò Z ^ ^ ^^ 179 
luto , e vi abbraccio • Sono obbligato a vói e 
al Sig.Facciolati dei lumi dat^i sopra la voce 

r€HmÌHs y e sopra 1* altra InsntUantts ♦ "^ ' 

1557* Jil Sig. Anàttn Cvmdrò. a Vénctia,. 
p^ma 2^ Ma^gtp 1721^ 

LA elezioìie a jSqmmo Pontefice del Cardinal 
Conti, il quale per rinnovar la memoria di 
Papa fenoofinzo III. uno de' suoi ascendenti , ha 
preso il nome d' Innocenzo XIIL e stata ^ molto 
b^nfe ricevuta in questa Corte •/ dalla quale gli 
sono stati prestati anche non pochi favori . Due 
suoi frateUi , o nipoti, son morti inoltì anni so- 
lio militando in Ungheria al servizio Cesareo . 
Dei Ministri, che si ha nominati-'in questo co- 
minciamentQ del suo Pontificato, qui è stato in- 
teso con piacere, che 'abbia dato il carico di Se- 
gretario "di Stato al CaMinale Spifiolà , che fa 
molti anni Nuncio al nostro Impcradpre . Tutfti 
parlano 'bene del/ nuovo eletto ^ confessandolo 
tutti Idi un ^cuore franco e sincero ^ ^inclinato al 
ben fare a tutti , amante delle lèttere , avendo 
raccòlta un* assai buona libreria , e |n una paro- 
la uom da tfcne , e lontano da ognL interesse e 
passione ; rfcchè se ne " spera ' generalmente ^ un 
•felice Pohtificato ,'che Iddip^ Signore per 'molti 
anni concedagli, e sia ja beneficio di tutta la 
Chiesa • Ho inteso con dispiacere 1* arrivo ddfe 
innumerabìli cavallette comparse in coteJte par- 
ti, fino a coprire 5. miglia ifi paese . 51 fatte 
^ S 4 ' be. 



bestie uè mai fanno del bene ove sono ; kè thal 
ne annuncialo per , dove , vanno ; ..Spesso spesso se 
ne son ve4uti pfissimi .affetti » Lodevolissima e 
santissima si è la vigilanza e zelo di cotesto 
Eccmo Magistrato d^ia Sahità , che subito ne^ 
ricerca il rimedio e 1 firesèrvativo , avantichè ne 
avvenga di peggio. Non tid sovviene ^ che dir^ 
vi di avvantaggio > e però desiderandovi ognibe^ 
ne, vi abbraccio col cuore » e sonò • • • ì 

J58* ^/ P. Pier Ga^eriné Zeno . a VènezSa. 

• f '. , - . ' ■• ■• • • • • ' . 
yUnna Ì4. Giuinè 172 lì 

LA risposta ,datavj da Firenze intorno al Vo- 
pisco 4el Burchiello noti può essere più ri^ 
dicola. JEgliè più sano iL^ir^t cpméfo io^ ngil 
lo so,) che il parlare a sproposito ., Alcuno lo 
^ avrebbe potuto dire un soprannome Romano dsK^ 
tosi dallo Scala giusu Tinstituto dell' Accademia 
Romana e Napolitana» che aÙora,gotivano: ma 
io non so, ,chéJo Scala fqsse dell' una , o dell' 
altra > e nell* albero. de'$uoi asceAdenti, che fu- 
rono da Colle di Valdelsa , e di bassa leg^ , pò* 
sto nel fine della, sua Storia Fiot:entina, nrpn sd 
che .alcuno di essi sì chiainasse Vppisco, al,q^a- 
le il Burchiello potesse fare^ allusione . Del|a 
morte del P. Garzoni il P. Mariconi ed io ab- 
biamo provato ì un grande rincrescimento • Io lo 
aveva (già prevenuto con, la notizia della sua ir- 
' remediabile pialattia participatami da voi •, ][ddio 
Signore T abbia, come e. da sperare diquel buon 

feii- 



A i> è^ è T é J, o Z B H oi ili 
ir^igiòsai nella soa eterna . gloria • Il posto dà 
Segretario Po|itificio 4elle lettere Latine ^ a' Pria- 
^pi ^ statò degnamente epaferito, a M9n3.^ Pa$^ 
ìionei dal nuoto *r4[naote Pontefice ^ U;<^e4i 
iiìòlta. ^speranza di voler riuscire uà gran Papa^ 
e di voler fare un glorio^ go^vernot Df. ^uen» 
huòVa ho sentito . molto. piace2;e ^ amarao ,6 , ^t^ 
mando da malici anni singolarmente 4 .su4dett<» 
Prelato;, e iCon e^ual piacere ho inteso similqi^:^ 
teinuovf titoli e onori ottenuti da Mfms^Bi^jtik 
chini »^ al> qua}e sonot obbllgatUsìmo per la me^ 
daglia del Cardiiial Noris, da lui data pfr me 4 
P. Baldini j> che mi sarà molto cara • Deli" I^^K 
ItHliCHm del Mabiìlon servasji purjs ji tutto suo 
comodo il Sig. Arciprete Conte MuseUt « poiché 
à s\ buon usò se ofi sei;ye. ,Bas(afni. solio il riap 
.Verlo^ quando ne sia finita la epilazione col Ms^ 
esistente in Verona delFandico Órdine- R0m9no« 
Aiu:hi io Qj3n ho, molt9 buoni riscontri ^ intorno / 
a Moni. . Fptitanini y al quale però desiderp.ogni 
bene^ essendogli stato.amico per tanti anni ^,c 
non avendo cagiotl^. alcuna per j(ion continuarlo 
ad amare > se bene in alcuna delle sue Scrittu« 
re sopra Comaccbio non mi son pptutp indurre 
.ad approvare xerta numera di. scrivere -^iroppò 
yiplenta i e aliena da^la carità Cristiatìa coi^tro 
del suo avversario. Il tipme di Aurelio Amaltea 
non mi e sconósciuto • Mi sovviene di aver vQib 
duto, molti, e molti ai^ni sono > più. di un vo» 
liune Ms. di poesie volgari presso il fa D* Àa^ 
tonio Ottoboni y che ne facevii molta stimai i 
Trovasi anche stampato del luò un l^^ro in S(^ 

net- 



pttd intitolato f^nttiM ^otéAngliésa. In P^Hetid 
p^èà/o il JHliàco\t6y6. itìf 4. e afi àMm ititko- 
ìktó II Ttmpio delld paci fiMftcatP dal Cardia 
itàl MézXarifià ^ Stànkjt déV C^aitere- Afndteo 
( ma questi efèdó, che fo^se 'Ascanio' ^uo fra^- 
*éUo^ il quàlti full Cavaliere') |)t Parigi pr e s^ 
S0 il 'ciritfhùiì^ té. ... ih fbglìù.* Qtiesta hn\u 
glia è'celÀre'jtfitidpalmtote pei? li W (tatelli 
Amaltri , tSitòJartio , Gidt batista, t Gonidio, 
tutti e tfè' bravi Poeti Latini, Il iecotidò dèi 
gttalì, cioè Giò. Batista ^ si dSettii molto della 
irolglr pòetìài wine y^^ eia' su<>Ì <^ortìpòilìàiert- 
R Sparsi per ratie raccolte. Avrò paro , eh* sì 
^tarapl la ftaduzioh^ 'delle ' Tragedie di Seneca 
fatta dar Suddetto Àtareliù . Ricordatemi (>tion ser- 
yidore iX nòmù Sìg: Gìo, |àtista Bono , nostro 
più buon àttiftip', fhe parente. Vi ringrazio del- 
le notifcicf dàtehli ìntfitfnò alle lettere scritte di 
éiversì grandi uomit}! al fiimoto Tassino • Il De* 
iMtrio precettore di lui nella' lingua Greca fu 
IDemc^o Calcondìlà ,''Co^intinopolitano , arai- 
w>'del pembo e dell' Arrosto /il quale adche 
lo nòmina |ieHa sua Sàtira al Bembo. Osserva- 
W »cl Tx>mp XXVIII. del Giornale juir- 1^*- ^ 
Irtiut^iitazìòtie da me fatta ad una sciocca annotaa 
kìonedd Rolli '.Avete «igionc in dine, che 
^tod bonétto del Tris^ino rfafkttó cóntri Vicen- 
À , amci che contra. Veneiia . ' Pure il rumor cor- 
sfe, che fesse tcOTitro dì questa. Vedete le Ltt- 
tétt dei Ciaco^Adria a e. 34^ 35. delia edt- 
fttofie di Venezia \6t>6.m 4. Qyel sonetto im 
è* «ito ca^issfatto . fo *ron Tatea mai rtdvto , 

né 



^è sb che io bicMa raecekk lia tiptmté* Un 
llùoVò prdìtìé mi Viene impostò fli ilDil più tt^ 
tagliare dietiw àlJà Serenata^ ;iia diètro J' Op6A 
fa . O quanto feitì^ , che' pur m* etu' nccesèt* 
rio, mi si è httò ptriete |nutilméhte! Paté ci 
vviòl pàziefi2a. Salutate la Sig/Mad^', e totei 
di casa Ao^tra* Il Sig» Ippolito j il Sigi Gcttti* 
lòtti 5 e'I P. Mdricòai vi maiidano tm aifetfu6^ 
so saluto y ed i6 più di tutti tordialmeAte ' ri 
pbbttLttio . 

5^^. ^f Sii* -^^àreifi C^hdrè • M V^ntiSà, 

VitWHà fy Luilio tftU 

SEmpre più nii consolo déir ottiitJo «ato èli 
tutti di nostra casa, e in particolare di quel- 
lo della Sig* Ma4re, è 'dèlia 'Sig. Cognata i il 
cui male passato né a lei darà timore, né a voi 
cofripassiìphe per yefalfiJ ad altri simili esperimen- 
ti . Piacerai però sì fatta risoluzione, poiché voi 
la volete fate più tosto da marito Cristitóo, clic 
da pfStklcb. Al gterntì^ d'oggi molti $ì inarita- 
tto pét aver prole, e poi <emeftodl aveifnètròp* 
pa; onde laotiano di praticare in loro ea^a quel^ 
lo , di che fìoft si astengono 'fuori *^ Non è poi 
dà maraVigliàlsi , che tante fajiiiglfe Vadano à 
ìtìaie, e periscano. Veggo ^na fiuovà finezza ddl 
vostro cordiale e fraterno affettò verso' la mìa 
persona nel nome , che vi Siete eompladtìlo èk 
rinnovare nella vostra caia, chiamando col mie 
nome T ultlmanicnte a voi nato figliuolitìo • Vi 

ne 



•n 1 



Ile ringrazio di Cuore, e Iddio Signore lai Bd-* 
nedicai e cotiseryij )q[uando petò ciò abbia ad 
^sei?e per gloria, d^ Dio ; e pdr nostra ; contea-* 
tezza • Lx^nddi si attende di ritorno , o 1 giori^ 
tegqeoce la nostra Augustisslnli Imperatrice , la 
quale ^pde perfetta salate i Per. li dieci^ è la gala 
della Vedova J^mpèratriciì Anjalia, 1* quale poi 
ai dodicr^psirthà a^ aggiornare per sei settimana 
à\ suo delizióso ritiro di $érnprun , , nqn molto 
discosto dal Palazzo Obizzi , che quesp' anno ba 
preso a godere il ^ig. Ambasciatole Friuli , spes- 
so ivi d^ nie visitato all' <)!ra^ de^ prànìzo,» Egli 
ha sempre buona compagnia, ma nel tempo del- 
la dimora deUf Irapetatric^e T avrà ancora miglio- 
te pel continuo passaggio de* Cavalieri ébe ne 
andfaohò aliai visitai 

fióé Al P. Pur Cì^èrino Zené. n Fenczidi 

Fie$tn4 12* Loglio 1721. 

àUesta settimana 5 cioè domenicapassata « n^i * 
^è finalmente riuscito di aVer. Tonpre di 
baciar la mapo ai Padrone» e dppo varie cose 
ragionate insieme ^i cadde il proposito del discordo 
sul Giornale, e su Ja. vostra persona. Mi valsi 
dell' occasioffó » e gli ^esposi le nostre comuni 
suppliche e desiderj. Mi rispose^ b.e9Ìgname;n,te 
ascoltatomi > che stendessi il memoriale , e ^be 
poi vedrebbe ciò che potesse fare, per consolar^ 
ini : di che umilmente lo ri|igrazi2(i • Vedrp nel- 
ia venti^ra Settimana di stendere il memoriale e 

di 




/ 

A p è % r o L o Z i n o. sSj^ 
jii presentarglielo , e rie spero un buca Àicce^^ 

j sò/ArSig. Giovanni David io yorrei aver fooi 
dò di far cosa di suo piacere ^ Vantaggio*. Qh 
AÒscòla bontà del giovale, e conipaìtisà) la sua 
liiiseril* Ma qui non v'è nianferà di f^erJó 
CoUpcanè/si per non aver lui la lingua Tedò« 
sca» sì perche dall'esempio di più di trenta ik>7 
stri Italiani 5 e la maggior parte Veneziani » ho 

^ manifestamente impai:àt^ > ette quanti ^i vengo* 
Qo con le mani vote , con le mani vote qe par* 
tono; e Iddio ' sa quààte' carità mi è convenutp 
di fare , per non vederli perire di disperazione e 
di fame, consigliandoli sempre, e àjotandoU ^ 
ripassarsene i 'monti , e to'tnatsene 'in pàtria • 
Non sonò molti giorni, che qui 'mi si e pre- 
sentato un giovane Atehiesè , 'c*he sa ben^ di 
Greco, per nome Andrea Miari , raccomaridatoi^ 
mi caldamente coli lettere dal Sig. Marchése 
Mafiei , acciò lo kjufi e lo assista per metterlo 
pressò qualc'he personaggio. Ma buon Dio! lì 
pover* uòmo giunse , che non aveva un quattri- 
no, male in arnese', é bene in appetito. Io credo 
die' dovrà fra pòchi giorni ribattete a piedi la stessa 
^strada che ha fatto : ma intanto io sarò , come sono , 
condannato nelle spese . Qui non piace il Grecò , 
ni meno quello che sta nei fiaschi ; stimandosi. 
più una bottiglia di Toccai, e due di Borgo- 
gi^a, che cento dì Greta, o di Cipri. Scrivo còn 
ìjn grave dolor di capo , cagionatomi dal dover 
cpn troppa fretta lavorare il JDramma , di cui 
«ono a quest*ora solamente alla metà del tei^zo 
^ttQ , cioè a dire di e^fo . A propofa^ic^^ che I» 

lina 



vm Q àìfì MtMi mi convita ttwv<larl9 alilaf^; 
$tra (tì^muf^i^. Cpsì noà ho mocip oé dirlp^i- 
1U1«,II<( di <^r9Sgerl« i «9» f b^ di nùgUprar- 
U^ ó immU: co^à ch^ più OW mi 4 aJuc<;«d\Jh 
(9 ; Fari pfirder^ il teinpgl iiiiitilinéptie ; ^ i mf^ 
x^ (9CC4 U peiÌ4* $al4t^e U $i$* Mi4ra i « 
tWti gU al^rt « di ^uj^r* vi àtecfiQ. 

|^<- ÀK^k^ '4^àre4r <:«riMr«i. 4 Vf»W4^ 

16 tui trpvo indpwo ancbe di Agortp tutti i 
ve«titneiiti di Geonajo : per;:i>é 1q stesso rigpr 
di fredda vi ^i >eiite e pauli^e. $X^g\6v^ ^iiViii. 
disordiq^ di questa lioa bo iii^i provata V niiei 
giorni. NpQ so cpme v« la passiate ià Italia s 
ma pf r quello cl^e . ne yitn ^tó dà altri i paf^ 
cbe^ le Hoà vguale^ alipelip iiisplitsl $travagan^ 
VL di tfmpi W' qi^asi universale « te malattie 
spnp moUe e {iericplose i 4 piaccia i Piò cb9 
peli* autunòo no^ né seguapo di , peggiori - la 
Francia seraj^re più peggipranp gli affari àélU 
f^9t^i la quale dopo un anno ^ in cui pareva 
gpnfinatà sqIq nella Provenza, si è stesa anche 
<iell4i ìjùa^dgcdi in più luoghi; il che metterà 
più i^ apprensione quel Governo ^ il quak 1^ 
4^e finora non n^ abbia p^so molto fastidio ^ 
iiv^dovi ; per quanto si dice i inandate e tarde 
9 scarne le provvisioni per sostentaménto di que* 
popoli «desolati . Grazie a Pio ^ che tutti stiàni 
^a^ di ^u(re > jse ^en d'^luo poco contenti : 

ma 



'Apostolo Zi^nro. :^aj 
ma in ^i^esto taóodo non si pu9 av^f mai beaè 
seo» mescolamento 4i travaglio^ jil quale $e):v^ 
di merito, quanclp si tollera cpn umiltà e con; 
paziènza i , ^ • ! < 

Q^i occlusi riceverete la copia del Diplomi 
(conceduto da Ferdinando L d* Austria ; Re di 
Boemia^ nei 1538* al Cavaliere Qurlo Cappello • 
Esso è molto poorificò per lui i per Francesco 
Cavaliere sud pa^^e^ 9 per tutta la sua npbilis^ 
sima famiglia • In oggi tali testimonianze non si 
costumano • Mi era per altr<^ stato, fatto crede- 
re, che fosse privilegio di titolo di Conte nella 
sua posterità/ ma in leggendolo non ho trova- 
to , che còdteiìesse tal cosa ; ma solo uni ono- 
revole dichiarazione del Cavalierato conferitogli ; 
pare Betisi l che tali fossero i Diplomi cpipcedu^ 
ti 4I CaValier Francesco da Ferdinando di Sp^ 
gna i e dall' Iti^peradore^ Massimiliano I. enuncia^^ 
ti Ui quello del (2aValier Carlo: i quali se pel- 
tro ri4venire in qualche parte ; non mancherò 
di farne prender cppia,' a di inaiviarvela per far* 
H quindi passare in mano air^ccmo Sig» An-*< 
drea,* mio singolar Padrone^ al quale potrete 
l^gg^re tutto questo paragrafo; aggiugnendpvi ìa 
fine le attestazioni del mio riverenti^simo osse^ 
quiòj come Jmre all'i^ccmo $ig. ^irplamo soq 
figliuolo < Ho fatto trascriver^ il^ Diploma X(^ 
U sua medesima ortografìa ^ e co' suoi meciesimi 
errori 4 Doménica passata lui a praiizo appre$i9 
$; E; la Sig; Contessa ii Felz^ e vi trovai **• 
che l' J^ccmo Priuli • Il pi-incipio 4eÌ diesinare fU 
allegrissi^no, maappew m?ng«^ w'attiitìa^up. 



^^^ l B -^ T E & S 1 

»a,' tutto ad un trattò calò utia fierlssimsi flus- 
sione accompagnata da gonfiezza nella màiicfib'u- 
la (destri è nei denti ^alFEccmo Sìg. Ambascia- 
tore ,s che non gli permise di mangiar di vantag- 
gio, e questa gli contiriiiè cinque giorni, obbli* 
^àndoìo anche a lètto : ma jet rhattina che fui 
a riverirlo, io trovai al tavoltnà^ e in assai mi- 
gliore stato di prima ; >talchc lo spero In tte o 
Quattro giorni dèi tutto libero. ^^ 

P 562 Al Sig. Canonico Paolo Gagliardi. 
' a Brescia p 

Fiinna 3. Sttnmbre 1721. 

GRatissima mi è stata la vostra lettera si 
per yenihni da una persóna che (fatico amo 
ed onoro, sì perchè da molto tempo n' era di- 
giuno e voldnterosQ . Io vi ringrazio quanto «o e 
#o$sc) della cortese memoria, che avete fetta di 
nic con cotesto Emo Vescovo Barbirigo , e tue- 
ta professo alla voàra gentilezza ed al vostro 
amore la l>uona opinione che di me ' tiene , sa- 
ifendo ben io non essère in me qualità alcuna 
fer meritarla. DelP esemplare del vòstro prege- 
volissimo «P, Gaudinzio , che ho' avuto 1* onore 
di preisentaré ali* Augustissimo Padrone , ho 
ricevuto tale compenso del gradimento che là 
Kf. S. ne ha mostrato, che : sarei molto indi» 
scretOy quando da voi 'ne potéssf accettare un 
altro cambio' del' presentato •- fìregovi per taéto ài 
dispensarmene, assicurandovi, che in tutte le 00- 

ca- 



\ 



Apostolo Zeno», aS^ 
casipm» che ini sono oflferte,*e che mi si pò- 
tr^iino offerire , ove possa far giustizia al merito 
vostro , e dare attestazione della stima , che vi 
professo , nessun riguardo me la farà di mago 
;5faggire , parendo a me di essere a parte della- 
gloria che hanno le persone che singolarmente 
^mo e onoro • Da: un Catalogo da me ultima- 
mente iis^iervato , compresi esser vicina la pubbli- 
(azfione del S* FiUstrio^ che "da molto tempo è 
stata projTiessa al pubblico dal Sig, Gio: Alber- 
ta Wahriw • Qiiali fatiche ci abbia fatte sopra 
questo letterato, npn è a mia notizia, ma pro- 
babilmente vi sarà qualche erudita ' Prefazione e 
qualche Annotazione, più tosto generale, che 
ad illustramento del testo, in quella guisa ap- 
punta che egli è stato solito fare in altre Ope- 
re dì Autori da lui fatti ristampare in Ambur- 
go , e negnSàmente nella Bibliotheca Ecclesia-^ 
jtic^. Comunque ne sia, starò" in attenzione di 
avere il libro , tostochè ne sia compita V edizio- 
ne, e di farvelo avere per la via più spedita e 
sicura. Circa lo spedire al Fabrizio un esem- 
plare del vostro S\ Gaudenzio ^^ io crederei che 
esso maggiormente lo gradirebbe , riceyendo- 
lo-accompagnato da una vostra lettera. Vi po- 
treste valere del Sig. Dottor Faeciolati , che tie- 
ne con esso corrispondenza letteraria -da mol- 
to tempo . Il Sig. Gentilotti , che si è riavuto 
dopo molti giorni da una travagliosa indisposi- 
zione, mi ha promesso di usar diligenza per 
trovar le edizioni del S. Filastrio ^ che. possono 
essere nella Biblioteca Cesarea , e quando le ab- 
Tomo III. T . bia 



>9ó JLetteredi 

bià ritrovate i andrò io medesimo ad osservarle 
per vedere se sieno le, ricercate da voi. Di tut- 
to renderovyi opportunamente avvinato . Nella 
Cersarea non v'ha sicuramente alcun Codice Ms. 
di Catullo y avendone fatta usar diligenza tem- 
pò^ fa anche ad istanza del Sip Marchese Ma£. 
feÌ4 JLa vostra Disserfaxdone iritàPHtf ali* antica 
statò de' Cenomani , ed ai loro Confini i illustrerà 
molte. Còse s dr^ cui siamo all' oscurò i Tutti i 
Veronesi di buoti gusto e sapore che sóAó vis- 
$ùti sino ad óra ^ faan posta certamente! U città 
di Verona nei Cenomani • io avrete os^^fyato 
specificataìneilté dei versi del célèbre FracMttof'o ^ 
e nelle Caitig4tio?ìi del dotto Francesco Spara-' 
Vieri y dove egli dì dà uno Specimen rerum Fe^ 
ronensiumy che quattórdici anni prima dèi 1 676* 
egli avea cominciato a distendere : opera vera- 
mente utile al pubblico, e a lui lodevole , se 
l' avesse compiuta e divulgata • 11 fatto delle' 
metropoli antiche , principalmente in Italia , par- 
mi che ancora sia grandemeilte imbrogliato ed. 
oscuro . Crederei però che considerato in diver- 
si tempi i e sotto diversi governi ^ sarebbe più 
facile lo svilupparlo e illustrarlo • Cosi sono di 
parere 5 che avanti che i Romani si rendessero 
padroni dell' Italia j vi fossero città capi di po- 
poli e di* Provincie , e per conseguenza metro- 
poli : così Brescia lo era de' Cenomani j Ascoli 
del Piceno i Capua della Campania i Taranto del- 
la -Lucania 5 Brindesi de' Salentini ec. le quali 
città, dopo la conquista fattane da' Romàni ^ 
fossero tutte ridotte alla stessa condizione che 

le 






A P Ò S T 6 i 6 ^ È N ò. *^| 

le altre i divenute respettivamente quale coloató ^ 
(juale municìpio ec. Sotto gf Iriiper«ldori dipoi 
ili progresso di tèmpo tòrriatorfsi a restituir le 
rrtetropoli , come si ha nella NoiisUa dilt ff^fe-^ 
rio , e in tariti Autori ^ cfcé ne tìaniid eccellen- 
temente trattato • Ho messi insieme tutti i vòAr 
teriali per distendere la mia Diiserf azione sopra 
il ^biitico di Boezio i e per èotofatafe coìoi^, i 
Squali ^ifiora han v^ftametité creduto che la fa- 
mosi Élpidé fosse sua prima mcrglie : ma noti 
èa (Jùatìto mi avanzerà di tèmpo a porri mano 
e à finirla." Al preseiite sonò occu{5atisiìmo nel 
fecondò Dramh^d , che deggio aVef tehninato 
entrò qùestd.mese^ e appena rie sono alla me- 
tà ^ e ciò che é peggio , la te^ta rioii mi stt 
molto à segno e iri vigore ,• essendo ella assai 
«tatìcai Egli è fur la cosa faticósa il fat versi 
quando s'invecchia,' ed ìó già piego versò cin- 
quantacjuattr'' anni delP età mia •- Ma lasciamo 
quésti petìsierì e fagionarteìiti melancoìici i' Ri- 
tornò alla vostra Disscrtaziorie i Sono persuaso, 
che si vedrà una cosa iri questo geriere perfjet- 
ta^ e singolare;; riia guardate che non la gua- 
diti il nome, che' disegnate dì porvi iri fronte . 
Io rièri meritò Veilmente sì grande onore ,- e 
tutto if prègio ne ricevo dalla Vostra amicizia , 
in riguardo alla quale io non posso iri nlòdo ^ 
alqund ricusarlo ,- qì^iiriqrief sia per essere la 
Corifusiòrie^ che me ne verrà daf pòco mio me- 
ritò. Mi è aitato scritto i che il Sig, Madrisio ne 
abbia fatti un' altra in difesa! della sua Aquìlejà , 
antica Metropoli della Vcrieiia . Io non 1* ho 
T a anco- 



^CQra veduta, ma hq scritto che mi si man* 
di , U ^aceirdpte Panagioti mi è notq , ed è uà 
valerftuprào per insegnare la lingua greca . Mi 
cqqsqIo deir acquisto che ne ba fatto la vostra 
patria > perchè gliene verrà giovamento. L'igfip- 
trac quella lingua è uq esser sempre straniero nel 
pae$e della buona letteratura; ed io pur tcoppo 
per i^perienza il confesso. In un catalogo di Li- 
breria già venduta iu Olanda ì^o osservato il ' 
titolo del seguente libro it^ 4, Thcophili Bri- 
^Ifnsis Carmine. jSri:^'ia 1495* Nqn ho qui i 
miei libri per indagare chi fo^se cotesto Teofi- 
Ipy e di qual casato. Scrisse egli, pure unDia^ 
Ifigo in versi esametri lìe vita soluarim , & ci^ 
vili y a Guidubs^do della Rovere Duca di Ui- 
biup . Avete voi mai avuta la suddetta edizione ì 
Gontien ella cose diverse d^l suddetto Dialo^rq^ 
Finisco ec. • • • • 



; 



J63* ^l Sig* Andrea Cornaro ,. a Venezia^ 
yiennik ?• Novembre 1721. 

MArtedì è anda^ in iscen^ per la prin^a 
volta il mio/Dramma intitolato Or»/W^ . 
Le nuove del siiigolare e indicibile applauso ^ 
che ha conseguito , sono ce^jo *che vi saranno 
significate da altri . In mia bocca parrebbòno 
effetto di vanità e di jattanza' . Dirò solo che gli 
Angustissimi Padroni me ne han fattp distinto 
elogio, e avanti e dopo la rappresentazione , 
Per tutta la Corte si dice concordemente non 
.. ^ es- 



Apòstolo 2 t i4 ó: i0^ 

' èssersi veduta sul teatro còsa pia magnifica i i^ 
Vendo corrispósto la bontà della musica ; T atti- 
vità dei cantanti i la grandiosità delle scene , e 
la magnificenza degli abiti . Io stesso ne sono 
rimasto soi'pì'eso, tuttoché due volte in toutarà 
la scena siasi convenuto aspettare ciie gli opera) 
finissero di apparecchiarla .• al qual disordine $i- 
rlmedlerà nella secòtilda fecita .• anzi né men 
questo sarebbe seguito, se si fosse potuta fjure 
Uria pfova gerierale pfima della redtay mi le 
scene riòtì erano in ofdine , e però é convenuto, 
farla a ripentaglio, ed io mi era figurato dipeg*- 
gìò . Direi che per quést* anno son libero d' ofghi 
-impiccio; ma il desiderio che ho di rivedervi 
con tutti 1 tnlei nell' ariiiò vetìtdro j farà che béft 
■ presto ripigliérò il travaglio dell* Opete e degli 

Ofatorj da farsi i Quaggiù non si può a<^er bene 
e piiacrere senza travaglio ed incomodo. Gtó ^er- 
j ve,' Kà a- fare ciò che dee, non ciò che viiole. 

Alla prima occasione che mi si offerisca i vi spe- 
j dirò le solite copie dell* Opera per vói e per gli 

I amici 4 Dietro a quéste glorie vorrei che veiiis- 

I. sero i quartali, se fìont i fregali: ma di quelli 

lioti se lié parla , e di questi tìon se ne speta . 
Qiii da qualche giorno si è in molta costertìa^ione 
t fer voce sparsa* 5 che inVeneiia essendosi data t)ra- 

; tica ad uri bastimento venuto da Marsiglia i vi iì sia 

itìtirodotto , che Dio tat guardi , il contagio < So di 
( certo che il rumore'^ndn ha alcuno fi^iìdstmento ; ma 

desiderò di averne positiva sicurezza con qualche Iet« 
tefa da voi : sicché strivet«ni due tigbe ^pra di ciò ^ 
e ac:<;énnat€ifu . sópra di che pòssa essersi Invea^ 
i T 3 tata 



9f4 I-jBTcgjLf or 

(ata cj^testa fi^vola e claacia • JE per ^e sala- 
ndo al $olit9 tutti 4^ casa , e in particolare la 
^ig. M^P > y^ abbraccio caramente ^ e sono • • f 

if(^ yjf/ ^/i". Capelliere An$0nfri^c€seq Aùirmi f 

yifnna i^. ^aytft^hre 1721? 

ALcutd letterali, ciie in questa G>rite dlnioT 
raop, si sono messi ìq risoluzione di fare 
pna nuova (edizione deUa «Storia famosa $lej[ Guic- 
ciardini, ^he siji la più ^mpia, corretta, e nii^ 
^iore di quante 3Ìno ad ora ne jsienp uscite ^ 
^ tal fine si ^osw> posti % pollazipnare quante 
fte sono uscite in Firenze ^ in yene;^ia, in (Ge- 
nova, lèd altroye; inserendovi iancpra ajic^iluor 
^i che si trovaioo impressi ^ qua 4<L'|nonti ìq 
un libro intitolalD Tìm^nus rcstitutus . Ma per- 
che j^nnp ^he .questa (edizione sarebbe imperfet- 
ta, « mancante di molto, se pon fos^ risconr 
trista e ^supplita ,cpl MapQSf:ritto originale d^ll' 
iN^ore medesimo , che si ritrova in cotesta ]LÌt 
^reria Ducale, ed ^ssen^o persuasi 4e]|a parti* 
cplar servitù frhe tengo con V. S.IUfnai ^ del- 
la somm^ sua bon(^ e intelligenza 5 banpofattp 
a me ricorso, ^A ipstanza, perchè io dpye^sì 
scriverle efficacemente, come ìq^ ?u questo par- 
ticolare, e supplicarla ili trascrivermi ^on diiir 
jgenza quc' luogfci , che per pegligep^a de* cor 
^isti, degli stainpatori , o per qualche altr^ 
ipa^giiMie )^s$ero ^^ti neU' Istoria impressa su4« 

detta ^ 



; 



Api>t5TOLO Zeno. a^j 
4^fta, o tronchi > o alterati e guasti. Coa ciò 
Y* Sf lUma fera a persone ben meritevoli ^ ed a 
n^ incora, che per és$Q ne ^no, intercessore, 
ina grazia s^egnalata > assicuratidola , che in pub- 
ilicQ ^4 ^ privato mi regolerò religiosamente 
is^ qije^ie norme ecoQdkaoni, che a lei piacerà 
4i pciesCriyérmi • Lungamente già le scrissi con 
akira mia. ixitorno ad altri punti in risposta del- 
la ;ua lettera, ^ spero che essa sicuramente le 
sari pervenuta .* onde altro per ora non rim^i- 
nendpmi a soggiugnerle ^l mi dico qual sono • • • • 

^ ).€$. Al Sig. Ab* Giuseppe Bini^ 4 Milano . 

iry^ non mancare al mio debito trasmetto a 
X y. S. Illma il $)econdo mio Dranima di quest* 
ana> recitato per Ja prima volta ai 4. del pre- 
sene Me^e nd[ giorno <iel nome del nostro Au- 
gustssìflip Padrone , sperando , che ella debba 
onpnre m^e questo del suo benigno compati- 
mento • |.a decorazione ^ }a musica ^ e la virtù 
degli attori , qui V ban fatto universalmente gra- 
dire , fi in pamcQjaire con distinzione dall' Au- 
gu^ti5sima PadfonMza; ma abbandonato da que- 
sti a juti,' non $0 ^e tale sarà V* S. Illma ptf: 
litrpyarlp nella lettura di esso , qimndo nòti lo 
figuardi con queir occhio di bontà , con cui ne 
ligU9jrda V autorje • Giusta il suo primo coman- 
dimwto mi feci V onore di trasmetterle anche 
r altro già recitato : ma mi saràr caro di averne 

T 4 un ,^ 



29^ LlètTERE DI* 

un suo versd che me ne accerti . Vaglioitii éi 
questa occasione per supplicarla d* inviarmi coti 
prima congiuntura che se le presenti ^ una scrit* 
t^2^ ultimamente costi pubblicata da D. Girola- 
mo Barizzàldi su 'l'affare di Parma , e di Pi^ 
cenza, intitolata Parma i t Piacenza Imftridi 
di Girolamo BalAozxjori > in risposta ad un d- 
tra , che porta II titolo , di Dichiatayione deda 
natnra degli stati di PiaceuzA , e Parma j la 
quale credo che sia stata impressa in Parma « o 
in Piacenza : e se alla prima sopraddetta unisse 
anche la seconda , il favore sarebbemi più sin- 
golare, assicurandola 9 che à niund verrebbe ia 
me confidata la mano, d*onde ricevute le aves- 
si ^ : La grazia mi sarà carissin^a » ed aggiungerà 
un nuòvo titolo e pesò alle tante mie obbli- 
gazioni» che le professo, e che mi constituildó- 
nò qUal sonp^ e sarò sempre i 

j66% Al P. Pier Caterino Zeno, a f^efieiia. 

Vienna 21. Novembre 1761» 

ANticipo d'uri giorno ìa risposta alla vostra 
lettera, mentre dimani non t)otreJ farlo 
comodamente, dovendo intervenire ad una rap- 
presentazioiie della mia Opera j la quale lunedi 
non 'si è recitata i come n'era già uscito l' ordi- 
ne^ stante Una grave flussione di denti soprar- 
venuta all' Imperatrice regnante , che per tre gior- 
ni è stata obbligaA a guardar la Camera. Do- 
menico David , Cittadino Venezian*^ , di famiglia 

anti- 



À F S s T ò t 2 f 5 ò • J^ 
ixìAOi e nobile aratiti il ferrare del Maggidt 
Consiglio 5 e ndla quale fu un Vescovo di C^ 
stello dello stesso nòme^ come osserverete tld 
Tomo V. dell' Ughelli ^ mori ixH me:&ao-giòrno 
del di ultimo di Giugno 1698. FU aggregato à 
molt^ Accademie d* Italia >' e ie non ertb, an« 
d^e a quella della Crusca • In Yehezia éerta^ 
niènte fu di quella dei Dodònei, dei Pàèifid, t 
degli^ Animosi. Si addottorò in Padova in Filo^ 
sofia' e Medicina; ma lo stùdio delle belle ìci^ 
tere> e in particolare della poesia lo tenne ioh* 
tano dair eaeirdxio di questa^ professione • £bbei 
amicizia con letteirati di gtido; e in partic^Ur^ 
col Dottor Jacopo Grandi, Modanese» Medico e 
Anatomico insigne in Venezia > e gran Mate^ 
inatico^ e letterato in ógni bodna disCipUni'^ 
cosi pure col fanìoso Avvocato Giovanni Qjilri* 
ni , e ^on quanti Gentiluomini ì e d' altra cdd^ 
disione Coltivassero in Veaes^ia.al ^ud teinpdgU 
studj* Io che Tho intimamente per più di ^tì% 
anni praticato i non posso ricordarmi di lui sen* 
1L3, tenere:^za; e senifca stimai 'avéndt>lo tròi^eitd 
sempre d'animo ben cdtnpostò^ è di amabilissi- 
mo tratto; tuttoché un 'certo ino contégno na- 
turale lo facesse éA alcuno parere alquanto rù^ 
vido e altero • Delle opere d^ lui in vario teiH^' 
pò pubblicate, e giunte a tùia* nòàzia^ etcoViil 
preciso catalogo . 

L tf glorie divotéatè dell' /Ma- & Éì^cin^Sigi 
Linrenzfi C9t:,cò, Iti Vetì.. per jGib. Pietro PinelH 
i66i. in 12. 

IL Lo SvenìHtat^i IdiltU ÀLè^Udè L Im§i^ 



\ 



fP$ tir T5E;R E # < • 

fftprf. I» Vap4 lyjpn P4«1p^ Ba^om K74. m 
4^ Pai:l^ ili qve;t9 J4il|i» di » ft^sp » chmctfi 

ffuai^W: Qd4 iPtara(«t* o^lje ^Ime fmfhi ecc. 
fc V,e©, per Andrea Poléttì 167^. m j^vCon- 
m «ufSt* Qd« Uicì fiftori yaa x:er^a Cotica $etiza 
ific^i; 4!;tti(9i:^; mi In quale jfu. ^ liccom^ egli 
«IL iiQtfs^ . ^ vpltje > «criet^ . dal Dottor Ciò. 
Mmu^ jC^ilMiiii ^ Modan^e : 9Ì at questa (Ispo- 

..^H/'. ^hii4 fsfzc^. In ye^eijia per UValvasen- 
f^ ^|tS i# tu 4> Qsim" Apologia ^ta (:p;|ti fra' mici 
Jiki ^.QrieiiQ» e <fi Jiing»a vol^^tì* 
,.y/ W>W4 ii^^^^ {in ptt^Yj riina), In Ven. 
f)^ Ciò* france^Qo V^ìv^^nfie i^i$4. iq foglio • 

VJ. Jl MvQsim in iG4ron0 {'m qmyz, riira). 
i) V/ene^iia 16^4* ift fogligi 4 . 

yih 1.4 CoìtM9ì^9 Qdf A lA^fQldii /. intera-^ 
f§r€, lì^ Yen.. • ♦ • 10 foglio* 

yill» ^ MammUiaf$9 ^méwefe finca di Bé^ 
&Wf4^ % Q44 pr V 4Cj3»Uto 4i M^M * ìsx Vfitt^jper 
^rtren Pplj^ttì 1696* m foglio. y 

J^m ^ Qié • l« V^B« m Afìdr!» F/odetti i6^^. 
m ^glie* 

: X- Carh //• t$ Me gpmnf, Qig . In Ven. 
per Andrea Poletti i6%j. in foglio. 
^ JCI* i^f^k -WwA^ ^//# 4ltiixj^Snmsnmt di 
firèipanM Qr^n fm^iu 4i ToscMé ( da que- 
sto Principe egli era grandemente onoriuo e ^ti- 
JlWtp ) / JH^éiàmé^ l^idmp frìmtffxa. di £a^ 

viera . 



A P f T p X O Z f y O. fff 

pifrs . Qd§ . Ivi per Andrea Poleetj ì^%if it 

fiit^to in S.ltuc^^ It^ Ypn, p^ ^ll^icolwii 1691. 

XIII. Z4 IForzA M^aFir^k^ Pr^tf^f^ tfrmHf 
^icM recipéUo iif Sf Gio; Qri^ostpfno . In Yei^ie^^iji 
per li Nìcòlinji 16^3. in i?. l^oa fi p^^ ^^ 
fi bastanza T^f^I^uso, ch^ ott)sn;Qie que/sto pptn* 
po^m^liitp prainmaticQ • ^u r^citatQ j|i jtutti i 
migliori teatri ^'Jta|i;i, e replica/to i^ y^exisk^ 
lUi j^yo pfjaulp ppttor Giai|oin|r s^an^ aiM^e po^r 
j[;ro 4i ((|uesto Pravun^ paa fpfyclace cernia i 
dalla, quale in. pubblica radu^a^^a fu jli^so d?r 
^i Accademici ^fxiwQsi ip ^asfi ^rjiqiia^ y py/p 
4opQ fìaita rAcca4emi^ fu 9f sa fubblicai^iiegte Ij^ 
suddettji (ceiiiSyra.. Dai lifcri fleU' Acc»^n4|i , jcfep 
foQo presso i Siggf Durli , fo^/eAe fiqayaiie 4 
|;empo pr^cisQ di questa funzioo^e^ $1^ per yieri- 
tà fu assai strepitosa , e i noini f|egli Afxade^ 
mici, che yi fagipt|a£pno la ^ifes^ ^^el Pay)d , 
«mo de* quali apc;)i'io ^. 

Xiy. y^wr < dover y l>rdfmM P^ Pm4Ìf^ r^ 
fit4t9 in -y. Gip: (irispstpm^ • Jp Vep. ppr MNl- 
colini i6#7. ip i;a. 

JCY? -P?^j/> /.i>/Vib# ppjftHmf^ Ip yie». per Po^ 
piepico lovisa 1700. ip i2f Ip qpfifJta ffcgojt^ 
stanno gran partje dei suddetti conpiponipiQpti jU- 
rici de> Pavidde? Alitri ve ne ;sarjappp sp^si ìp 
varie raccalte, p da per se .stap^pati* limili ba- 
gattelle sfuggono facilpiente all' altrui cPg(9iÌ7Ì9- 
pe . P4Ua prcfoionc delle suddette fpfsd ff 



3dé ' 1 i i T É R È b l 

Ìtu79k flcavetete qualche altra notizia della sua 
viltà- Presso sua sorella, la quale non so , sa 
pia viraj' eiranò altri suoi scritti di prosa e ver- 
w, e quakhe altto suo Dramma • Abitava nel- 
la contrada di S. Felice , se non erro , e quivi 
àrtcBè morì u Fra i suoi amici particolari nomi- 
nàte li Dottor Gio: Batista Magtlavirii, e Ffanf- 
cescò Redi . Giti abtia \$arlàtd di lui , non lo 
so , fuorché il Cinelli nella Scdtód V. della 
Blhliót. VéL a r. it** e'I GrescinAerii nei Comen'^ 
tarj FòL\lVé k ti iSi. Col riònie di Osiro Cé-^ 
di^eàtito* egli fu àsóritto agli Arcadi di Róma 
ddlà^Solonia Animdsa . L* Accademia degli Ani- 
mosi 15 conta* per uno def sudi fòftdatòrì • Ùil 
?Jtro stjò compdnimerfto tròVaÀ impresso nella 
raccolta di poesie intitolata Piéf^ $ ingegno y iti 
lòde di ut!à pittura di Cado' Màrattì rappresene v 
tante la primavera * impressa in Venezia nel 
Ì685. itì li. -Q^Std è quattto in confuso he 
saputo dircene i ' 

XI Sìg. Conte Colfalto mi Ka datò due copie 
del suo ritratto intagliato costì daLtueiano.^ V^ 
Ite mahdd una , clie potrete ì^oite in frónte al 
Petrar&i dei Muratori dedicato a quel j^etitilis- 
Simo Cavaliere, con cui jeri' appuntò insterile 
col P. Paol^, die caramente vi saluta, sottosta- 
to a pranzo . Vi stimo àssaìsJsirfìo AA gran prc>- 
'fitto fatto da voi così presto hella gentilissima 
lingua Tedesca, della quale Io ne sò fiiifo ad 
ora tanto appunto, quanto ne sapeva prima dì 
partirmi d'Italia 4 La tradu2!iotìe medesima del 
èoccaecio che avete Vdi in tallingua composta, 
' . trova- 



tjToygsi anche Ms. nella Biblioteca Cesare^ ^p 
ye n'ha qualche altea impressione più vecchii^ 
della vostra . Eccovene uQa ^ che pure non è la- 
priiTia , col in^desimo titolo : 2(H Sfrasjfànrg , im 
Nans KnohloHchf Urncksrey . M.DeXLVII. in 
ìogL U nome 4^1 traduttore non $i legge ne nel 
Ms. ne agIIq stampato : m^ 1' anonimp Alemam 
no fu certaqiente il primo tFadluttore » chefaces-. 
se quest'pnore al npstrp ^ocpacciOf Viveva nel 
fine del secolo XV. o nel cominciaraento del 
XVL Quell'opera del Petrarca capitatavi tradotta 
nella stessa lingua^ trovasi anche traslatata in 
lingua Boeipma: e pccprrendovì pptrò darvene 
la notizia comunicatami da un Canonico di Ol^ 
mutz, nella cui Biblioteca Capitplare ella si 
«conserva scritta a mano> e parmi anche sfain* 
pata* Orsù ;tate s^np ^ aUegro.^ Addipj fra-i 
tello ^iiati^simo. 

567. Al fnf delimo. 4 P^n^zia^ 

Fietma Z9^ Novtmére 1721, 

UJ^a delle maggiori contentezze che abbia, 
mai provate, si è stata quella, che anco-», 
ra provo 9 dell'onore conferito da S» M* al mip 
amatissimo Sig. Conte di Cavalla , da lui pro-t 
^ mosso tre gìpri^ sono ajl- ordine de* Cavalieri del; 
Tospn d' oro . Dimani egli si lascerà vedere eoi^ 
l'abito ai 'primi vesperij e lunedi dopo la mes- 
sa solenne sederà con gli altri Tósofiisti alla 
stessa tavola con V topgratpre , Capg syprerao 

deU* 



3f^|. I:sf7£RE DI 

)dàffQ f^V BartoIoHimeo Bennati e Mattia di 
JParma, l'altra 4 4ì 18. Novembre per Piero 
Cremonese 4ettq Veronese. Mi è stata carissin» 
1% notizia iex libji^giqQli 44 voi novellamente 
accipistatì* QjjeUa dell' Amoco^o Ricordo delLi- 
t)yrtik> mi *è^givi|ita del tu^to nupya . Qggi si 
far^L pej: la quit|ta, ftd ultima yo|ta |a recita del 
. inio Qrnii$daj Mai piii qi4 non si p recitato 
tante volte alcmi Draipma ^ né con tanto con- 
(Corso : e difficilmente se ne vedrà altro cosi 
mjignìficp, e cpsj gradito, prafeljip amatissimo, 
^dio, 

* 5^$*«<2^/ Sii* Antonio f^allisnieri . 4 Padova ^ 
Fipnn^ 6. Dicmbrc 1721. 

EQli^ è qualche tempo ^ che non ho veduto 
ij Sig. Cavalier Garelli, al quale però l'ul- 
tima volta non ko mancato di rac^mandar vi-» 
yaipente P ^r$ del vostro diploma, esibendomi 
di.pagajrgU, subitp frons^guito , quel tanto che 
ci a.r\dasse di spe^a per. Jp conseguimento di es- 
so: e da }ui mi fui assicurato > che lo proccura- 
rebbe in maniera, clie p^r voi fo$$e il più d^ 
coroso y e insieme il meno dispendioso * Disse- 
nni, che vi aveva scritto per avere certe noti- 
sele intorno alla vostra persona e famiglia , con 
le quali sarebbe, riuscito più pieno e più gran- 
dioso il Cesareo attestafo , e ciie le stava atten- 
dfsndo da voi, per dover poscia ultimare questa 
faccenda. Qit^à il tirolp di Cavaliere , cui de- 

side- 



AposToto Zino,, jojjj 

siderereste aggiunto a quello di Medico Cesareo , 
egli non giudica la cosa per questa volta fatti- 
bile; ed io stimo , che a lui non piaccia di 
avervi compagno in questo i Egli è ben vero , 
che non essetidost da principio parlato a S. M. 
per averlo ,, ora parrebbe <^^asi indiscretezza il 
domandarlo, dopo concedutavi già la collana , 
la quale è di suo medico : oltreché se aqcbe si 
potesse pttenere, la spesa del diploma impQrte-* 
rebbe dì molto. 'Mi è stato poi di sptrimo pia- 
cere l'intendere T applauso che vi è stato fatto 
]»er r onore della collana , e la rabbia che ne 
kanno avuta i vostri emoli , de' quali mai pon 
è senza ogni onesta persona : talché quanto più 
si studia di operar bene, tanto più si é sogget* 
to a soffrir del male • Continuate ad amarmi , e 
riverendo di cuore tutti di vostra casa , mi taf- 
fermp qual sov^o vostro • * • 

569» j^l Sig. Lodavic4f Antonio^ Murafm » 

Vienna 24. Dicembre 17*1. 

PRima di tutto vi desidero e imploro dal Cie- 
lo ogni bene , e per lungo tempo • Spero 
che a quest'ora vi sarà giunto i} Ms. di Con**' 
forto Pulice da Custoza , da me indirizzato al 
Sig. Zanelli, e inviato con sicura occasione • 
Anche Taltr'jeri parlai al Sig. Gentilotti , il 
quale é prontissimo a collazionare il vostro Si- 
cardo con quello della Biblioteca Cesarea , ogni 
Tomo III. V qual ' 



|0é t B t t E R È 1 

t]pal volta vi compiacerete di Éirglì avere il vtt* 
è;tro esemplare : e. dopo il riscontro di questo » 
occórrendo» apcor^ ve ne farà fare Qot^ diligen-^ 
za una copia .-Ho scritto in Venejiia a miofta^ 
tello, che ini mandi la Cronaca di £i^cenz^ « 
che colà tengo ì ma finora nqn gli è xiuscito dì 
trovarla: di che però non avete ^ stupirvi, raea-y 
tre nel trasporto fatto colà de' miei libri da un*! 
casa air altra dopo U naia partenza» questi sono 
stati genéiralmetite confusi» né mai ci sono sta-» 
ti riposti in buon ordine « Scapperà lìoQdimena 
fluori, e sicuramente, l'avrete, lo vorrei dopo la 
iprossima Pasqua dare uiia scorsa ip Italia t nel 
qual caso probabilmente ripasserei per costì, do^ 
ve a lungo discorreremitio di gioite cose al vq^ 
i^tro nobil disegno appartenenti, o forse non vi 
darebbe del tutto inutile tal mia,, venuta. Della 
protezione di S. M. G. ve ne. potete ac^ìertares 
sì per la naturale propensione di questo glorio- 
so Monarca versp le perdane di merito e IctÉc- 
rate , si per la conoscenza che esso tiene di voi , 
e per la stima che ha di così bella raccolta sot- 
to la. vostra dii'e^ione . La Sìg. Contessa di Col* 
lalto 3 per verità compitissima Dama , mi ha im» 
po5^ di salutarvi a suo nom^^ Più volte vi sì 
^pn fatti dei brindisi alla sua tavola » ma sen> 
pre col vino di Toccai della, migltor qualità < 
Elia mi dissQ di scrivervi » ^1^ Con altro \\skO 
non sapea bere alla vostra $a^t« • . Parla ^mpre 
di vpi con affetto distinto» non meno che ifl 
Sì^. Conte $uo naafito. Il nostro P. Pauli si «è 
fatto mol(o onore con le su^ belle Prediche in 

que- 



A p ó t r à i b i ii a ó i l^y 
<}ùes<^ avvento. Vi assiemo che tutti ne ^or>d 
cementi) ed io in particolare ^ parendomi dies-i 
sete a parte della sua gloria^ Noi ci reggiamo 
ogni giorno i mentre abbiamo V alloggi» nella 
h^desinia casa; e ben pdtete figurarvi, che il 
Veltro nome fa spesso una gran parte delle no' 
stre soavi conversazioni* State sano^ ed ama*' 
temi* 

$^Qi Al Sigi AdATchest GmaH^i Pdtni. 

ég Padova • 

Vknna %\i Genna]^ \^^Xi 

NQn ho potuto > che con somma tenerexn 
e consolazione ricevere e leggere la vo- 
stra a tne gtatissima lettera : dei qua! piacere e 
favore da tanto temt>o io ei'a privo • v Del noa 
avermi voi scritto non altro tfè iii colpa, che 
il. mio luogo silenzio ^ e senna te^arvene s^use^ 
Ve ne fb libera confessione, e ve iie dimanda 
compatimento e pétdono. Sarei per altro incon^ 
soiabiie, m ascriveste qnosta mia cqlpftoanlali^ 
cania di afietto^ o a dimehtkanza di obbligo 
nel mio cuore verso di voi . Vùi ben sapett 
SKm essere capace dì tal bassezza T animo mio é 
particolarmente a riguardò di una persona damo 
si distintamente rìveriu ed amata: ma la vo* 
«tra medesima lettera scrittami cc»i tanta beni- 
gnità mi rassicuta dà un sì grankle infocfonio^ 
le mi & conoscere, che muna cosa mi ha reca* 
to pregiudicio a!(mno dentro il Rostro bel cuo» 

V a re. 



f te. Io mi accordo ben volentieri con voi nelU 

giusta condizione prescrittami, clie in avvenire 
non si abbia né dal vostro canto, né dal mio 

l a stare in sì ostinato silenzio; e ^i parlino piiìt 

sovente i nostri cuori anche con \e lettere ; co- 
me si parlano con la memoria e con T affetto • 
Nella lettura del vostro foglio mi è stato sin-, 
golarmente grato F intendere la vostra buona sa^ 
Iute , e quella di tutti di vostra casa , che ad 
uno ad uno cordialmente riveriscped abbraccio. 
Iddio Signore continui a ricolmar loro e voi di 
tutte le sue celesti benedizioni per lungo segui- 
to tf atini , e le vostre contentezze sieno a mi-» 
sura dei vostri meriti , e de' miei voti • Mi ral- 
legro della prossima edizione del vostro Fronti-' 
no, la quale «icuramente vi fora molto onore 
anche fuori della classe dei Matematici, men- 
tre l'opera si spargerà per le piani di tutti gli 
amatori dell' antichità , e delle buone lettere , 
Il libro aveva somma necessità di essere illu- 
strato, e per verità alcune volte che mi è oc- 
corso di prenderlo per mano , ci ho rincontrati 
varj luoghi , che poco ho saputo intendere , e 
cheo nulla o malamente sono stari spiegati dagl' 
interpreti; alla cui disattenzione e insufficienza 
non ho dubbio alcuno, che avrà supplitola vo- 
stra intelligenza e diligenza. Quelle note dello 
Scaligero , qualunque es%e sieno , renderanno 1^ 
opera di ftiaggiore riputazione , e mi sarà caro 
per altro di veder lui confutato , che in ogni 
é occasione si è dichiarato e scatenato contro i 
letterati del passato tempo , e del sua, massìr 

ma- 



ffiaraedte. Italiani: atteso che ^gli uùa tanto, <<. 
iettava di essere riconosciato discendente ed ero- 
de degli Scaligeri Signori di Verona ì quanto dì 
essere giudicato j e vensrato per Principe di tut* 
ti i dotti . Accetto con tutto V animo la corte*- 
éè esibizione che mi fate di farmi avere la stes^ 
sa òpera , sì to^to che si sia divulgata : anzi di 
Vantaggio ve ne prego ^ e anticipatamente ve ut 
ringrazio.. Se Con essa me ne farete avere ua| 
dozzina di esemplari , ve ne assicuro prontamQi^ 
te lo spaccio al prezzo ahe sarete per determi- 
tiarne; mentre qui di già vi. sono molte perso- 
le letterate^ che sono impazienti di provveder* 
sene; Novità letterarie, qui non mi giungono ., 
che rare e tarde i ,Facilmente averete vcdiJli't 
tre gran tomi in foglio del Thesaurus jinecd^ 
torum novifsiftnis ^ del P. Bernardo Pez BenedcJt^ 
tiiioi in alcuno de* quali vi ha qìaalche trattato 
matematico sin ora inedito^ come la Geometria 
di GerbettOj che fu poi Papa Silvestro IL con 
altro suo Trattato de tansa diversùatis arearum 
VI trigono aeqHÌUtero ^ scritto ad Adelboldo .Ve* 
scovo di Utrec, di cui pure v*ha un opuscolo 
de ratione inveniendi créissitudinem Sphaerae : 
annessi al quale stanno due libricciuoli di Er- 
manno Contratto V uno de mensuta AstroUUi , 
1' altro de utilitanhus Aftrolahii in due parti di* 
viio • Alcuni le giudica^ cose rancide ^ e di poca 
utilità: ma pure è sempre bene l'aver cose veCf< 
chie , e 1 vedere cojpe abbiano «pensato e scrit- 
to quelli > che furotiò avanti di «loi. Sappiate 
poÌ> che in 3|uesta città egli imero accidente > 

V s che 



flit Lett^I^ì^i 

iMie si ecavì , o capiti qualche buon^ librò ^ Id 
ne ho rzcco^tp un tal numero^ che ne ho riem- 
|Mi;ta uéa buon» stanza : ma la maggior parte 
mi son &tta venire da Lipsia, da Norimberga^ 
id da Olanda: tutti per lo più ad alto e rigo* 
IK^ prezzo* Mi è tt^ttavi^ più caro avere i lir 
briy che i quattrini. Di questi ogni poco mi 
basta: là dove di quelli sono insaziabile. 

Per darvi motivo di risposta, ricorro ad istan? 
%^ di un gran Cavatile » mio amico ^ il quale 
^aivaglia dietro un Comentario dei libri di Q 
45iulto (Sesare, ricorro 4ico, alla vostra virtù, 
jer discioglimento di un di^bbio, sopra cui e^ 
<lesidera di essere illuminato « Cesare dopo il sup 
ficoroo dalla Germania nella Gallia, rifinisce > 
€he benché poco mancasse alla fin della state 
( exigHs fmte acstatis rellqua , lik IV. fif 3j^X. ) 
e benché la stagione non fosse oppprtuna alle 
spedizioni militari [etsi tempHs a?mi a4 hllum 
gerendum deficertt) ; determinò tuttavolta di pas- 
sarsene con Tarmata nella Bretagna, ora In- 
ghHtcrra . Cercò primieramente d* informarsi dei» 
la grandezza, $ito, costumi deir Isola; e non 
trovando chi sapesse soddisfarlo in ciò, stabilì 
di mandarvi innanzi C, Voluseno fon una n^r 
ve , e datigli i suoi ordini , andò intanto ad 
aspettarlo di ritorno nel paese dei' Morini , cor 
me il tragitto più breve dalla GalUa Belgica 
^fiella Bretagna. Dopo cinque giorni ritornò % 
lui Voluicno, recandogli quanto avesse potuto 
mitrarne di notizia 5 setoza però aver osato di 
pender tejrra, ? dì por piede nell'Isola. ,CÌor> 
* - $efo 



^ Apostolo Zbno. jii 
«ero alquanti giorni dopo il ritorno di Volusé- 
fio , priraachè Cesare avesse raccolte le navi , e 
fatti i preparativi necessarj a tal passaggio; e. 
finalmente nadns idoneam ad navigandHfn terh- 
peffatemy sciolse dal porto su la terza vigilia , 
-e con felice viaggio giunse alla spiaggia Bri- 
tannica verso le ore quattro del giorno . Stette 
su 1* ancore sino ali* ora nona , e quindi dato il 
segno , e sciolte le ancqre , andè a fermarsi con 
le sue navi otto miglia incirca lungi dal liicf- 
go , ove prima s* era fermato , e quivi non scn- 
Z3L difficoltà e contrasto presero terra i Romani . 
Premesso questo racconto ,1 si desidera di siapere 
in qvjal mese, e in qual giorno seguisse cote- 
sto primo sbarco dei Romani nell' Isola . Per 
disciogliére in parte la difliGoItà , può giovare 
molto il seguitare le tracce di Cesare • Egli scri- 
ve, che il quarto giorno dopo il suo arrivo in 
Bretagna, i8. sue navi furono battute da una 
fièra tempesta , e che la notte immediatkmente 
seguita fii il plenilunio (eadtmnoEte deciditi ut 
tsset luna piena 5 qnae dies tnaritimas aestns ma-^ 
xifMs in òceam efficer-e consuevh y Uh» IV. n. 
XXIX. ) Notisi , che colà non era tagliato an- 
cora in quella stagione tutto il frumento ne' 
campì (». XXXI.) Più gìotni -si fermò poi Ce- 
sare in quella parte. Vinti e soggiogati i ne- 
mici , € ricevuti gli ostaggi , non volle e' subi- 
to arrischiarsi alla navigazione, quody propinqua 
dii AEQUINOCTII y infirmis navikwsy kitmi 
navigationem suhjieicndafn n^n eximf^akat' ( n. 
XXXVL ) Trovato poco «topo miglior tempo , 

V 4 snol- 



} f a I E T f E R B D I 

iciolse dopo la mezza notte dal lido, e salvo 
si ricondusse con tutti i suoi nella Gallia, Per 
disciogliinento adunque del pritno dubbio con- 
viene; indagare il mese eì giorno, in cui se- 
guirono i due pleniluni antecedenti immediata- 
mente air equinozio autunnale : poiché qjaattro 
giorni avanti V uno di essi plenilunj segui l'ar- 
rivo di. Cesare in Inghilterra; Un'altra difficol- 
tà nasce ancora dallo stabilimento dell' anno , 
in cui si fé tale spedizione i alcuni mettendolo 
all'anno avanti V era volgare 53^ al^i al 54. 
e altri al 55. Il Cavaliere » che chiede la so- 
luzione» si attiene alla prima: onde su tai sup- 
posto si dovrà stendere la risposta : é se per so- 
prabbondanza si vorrà darla stando ancora sugli 
altri due computi , tanto più segnalata sarà la 
^azia. Crédo > che in un tomo delle Tran/azJa- 
m Filosofiche d' Inghilterra si agiti questo pun- 
to: ma per non esservi qui si fatto libro, non 
posso assicurarmene. Perdonatemi il disturbo, e 
continuate a^d amarmi ^ come fo di cuore , e 
per fine riverendo di nuovo il Sig. vostro Pa* 
dre , e la Sig. Comare vostra Consorte » mi 
dico • • • • 

♦571* Ai Sig* Antonio Fallisnièn . s Pi^va* 

Vienna 'f. Febbrajo 172**. 

IN primo luogo vi darò una novella 5 se pur 
tale vi giugne , che darà aì^cfae a voi , co* 
me a me ha dato , dello stordimento . Io V ho 

letta 



A P O S T £ O Z È ti Ò. 31 J 

fetta neUe gazzette di Olanda i tì^ qualche ri* 
scòÀtìrò me n' era giunto anche ^ prima ^ ed è > 
ch'il Sig. Principe di Valacbia ha cacciato yer^ 
gognosaitiente fuori di quello Stato il Dottore 
Schendo^ e fattelo scortare ai confini della TraiW* 
dlyania • Sin qui mi era notd il fatto ^ ma li 
cagione ipe n' era occulta • La gazzetta me }à 
scuopre, lasciando io tuttavoltà il suo luogo aìU 
la verità ^ tìóè f eh* esso Scbei^do unitamente con 
un altro grecò avevano con^piraté di avvelena* 
re quei Principe* Se ciò è vero > io non poss^ 
abbast«inza detestare la scelleratezza dell' uno i 
àè abbastanza lodare ed esaltare la demenza 
dell'altro. Il delitto meritava , certamente, assai 
peggio I che un gastigo di esilio* Dietro la spò^ 
siziohe d^l f^tto sieguono otto ^ o dieci |:ighe i 
nelle quali si descrive la qualità ^ figura^ statua 
ra ecc* dello Schendo ^ , acciocché ognuno sé ne 
possa guardare : cDn cb^ egli è infamato e per 
sempre , e per tutto • Ho voluto avanzarveiié 
la notizia, acciocché possiate farvi sopra le vo- 
stre riflessioni • Pregovi solamente di tenere li ' 
tutto dentro di voi^ e di non dire a persona » 
eh' io ve n' abbia scritto • Egli é mio costume 
di ìricoprit quanto posso i difetti del prossimo x 
ma questa Volta avendolo letto negli avvisi pub- 
blici, non mi sbn &ttò scrupolo di avaiialafve^ 
ne la notizia. Del vòstro aflfare niente vi script 
vo, poiché so che siete di mano in mano rag' 
guagliato dal Sig. Cavaliere Garelli , che vera^ 
mente vi assiste da buon amico. A lui ho con* 
segnato il Bacio ^ e gli altri libri i che gli ave- 
te 



4è irasmeisl. Mi ba toccato sefìstbitmefite ladis. 
^tÈLzisL acoadata al Sig. Dottor Volpi , amaodo^ 
fo io per moki riguardi • Piaccia al Cielo che 
ticuperi interamente la sua salute, s6 bene sarè 

rr lui irremediabile la perdita della spo^a. Mi 
allato 4>enst gratisaimo , che la faccenda della 
carta arrestata sia finalmente terminata in bene 
pel nostro ^mune amico • La Canzone 4e{ Ca- 
valière erudito, eh* i a Modena 5 si è lasciata 
vedere ancbe ^m: ma voi le avete dato per irò- 
i^a l'aggiunto di bellissima • La venuta del Sig. 
PHneipe Gianfederigo a que^a Corte non si dà 
per sicura i ma del fatto del Sig. Cumano par- 
tito di Reggio, ne ne parla molto , e tutti gè- 
neralmente lo compatiscono. IlTomoI. dei sup- 
plementi al Giornale sarà opera molto lodata > 
perche la spero ben eseguita. Il Sig* Ippolito vi 
saluta caramente , e forse ^ vi scriverà qualche 
cosa in aggiunta s^lla mia • Riverite a mio nou 
ine tutti eli vostra casa, i?h*io tengo fiducia cer* 
ta di rivedere di nuovo prima che tamini la 
imona stagione- : ma prima mi convien termina- 
fé i due Dxàmmi , che dovranno qui recitarsi 
ilei presente anno. Questa quadragesima sarà da 
ine occupata net lafoix) di essi ^ Vi abbraccio , 
1^ sòto • f t 



572. 



^ F o 5 r o 1^ o Zeno» |ij 

57Z. ^/ Sip Andrea C^rnmrQ. s f^tnezMf 

FU9tna 14. febbr^o l'ji'X* 

Finalmente si disin^anerani^o Stesti Slggv 
Impressarl di teatro y e resteranno persuasi 
che l'opere di certuni non sono buone , die a 
rovinare le scene;» e a disgustare gli spettatori* 
Ne hanno tanti e sì ^tti esempj , che saranno 
ben pazzi, se in avvenire 5' arrischteranno an* 
Cora a produrle. Non so qual esito potrà aver^ 
}a seconda volta il mio Venceslao , recitato an^ 
01 sono con maraviglioso concorso ^ Esso inpri^f' 
mo luogo non ha il vantaggio dsUa novità. Se^ 
condariamente messo cosi air i^fìretta in musica 
da tre diversi compositori corre pericolo di non 
essere in tutte le sue parti egualmente plausitn* 
le. Xerzo sarà corredato di decorazioni già ve? 
duté, non essendovi tempo di farne tur deH^ 
nuove . Pure con tutti questi e altri pregiudicj 
speco The non ne riuscirà affetto discaro lo spet- 
tacolo . Sono curioso di saperne il vero esito , 
jLunedì si farà perla terza ed ultima volta il Dram- 
ma del Sig. Pariati . Con S. E. Friuli ho fatto 
allegramente il giovedì grasso . Tutto il mio 
icamovale si ristrigne in qualche buon pranapT 
coi padroni e gli amici . Ho scritto la settima- 
na passata al novello detto Ambasciatore Do* 
nato, da cui facilmente ve'ne sarà stato parlato . 
•Si spera, che presto seguirà il concesso diCam- 
feraj, a riguardo delle iitanae cbe ne ha fattt 

fare 



\ 

i 



5td[ tEfTEKED? 

tare alle Potenze interessate V Augustissimo Pst^ 
drone^ il quale pochi glorili dopo Pasqua dicesri 
che si porterà alla Dieta di Presburgo in Un- 
gheria p per farvi determinare dalla Dieta il pun- 
to della successione in quel regno a favore del- 
le Arciduchesse sue figliuole in mancanza della 
linea maschile : dal , qual male' Iddio preservi 
la Cristianità, essendovi troppa ragione per tut- 
ti di temerne le conseguenze • Q^i è seguito' uti 
duello tr^ .due Cavalieri ^ V uno di Slesia ^ che 
è morto sul fatto > e l'altro di Torino ^ che pu* 
re due giorni dopo ne mori dalla ferita. che 
pazzi ! Il motivò della rissa nacque sul giuoco , 
e la differenza non era che per ^^o. fiorini: ma 
ci andava della loro riputazione a n0n aramaz- 
zarsi é Chiudo li lettera col solito abbracciamen- 
to e saluto alla Sig. Madre ^ Cognata^ Sorelle , 
Nipotini , e a voi pure di vero cuòre addio • 

573. j4l Pi Piet Caterino Zensé a FènexJd 4 

Vienna zi. Febbraio ijiié 

STimo a$sai il Ms. di Antonio di Tempo , eli 
cui altra copia del tutto consimile alla vo« 
stra, siccome ne feci nota, ne vidi in Verona 
appresso il Marchese Maffei* In quella però non 
v' era il nome del copista , i^è quel sonetto acro- 
stico di M. Znane Falaresso . Sappiate poi , che 
la suddetta opera si trova stampata in Venezia 
in 8. Panno non mi sovviene, ma la tengo 
Costì fra' miei libri» e la troverete o nellVarma- 

dio 



Apostolo 2 i a g; «^ |i^ 
dla'dei Gritici (U che è più focile), o inqueU 
Io de- Poetici, quando vi piaccia di farne ilris*^ 
contro. Il /volume è legato alla rustica col ti-? 
tolo al di fuori scriao di mia mano, e di pi^ 
piola mole • Lo stampato è in molti luòghi diverso 
dal Ms. Veronese • Manca in quello la 4edicazione 
dei Giudice Cadovano a Alberto della Scala • In ma&: 
gine ad esso Ms« e a riscontro dei sonetti , é degli 
altri componimenti volgari rimati eraa notate le sen^ 
lenze dei varj autori, daljie quali il Tempo pre^ 
se il tema di essi • Ma nello stampato a e, 3 5^ 
vi^ s'insegna il modo di fare l'ottava, e se he 
inette una per esempio. Se questa ottava è del 
Boccaccio , cbe c(»iiunemente si crede tssese ^ta-* 
to l'inventore di essa, non saprei come potesse 
sussistere cbe il Tempo avesse scrittp U suo li-^ 
bro nel 1332. mentre il Boccaccio, allora assai 
giovanetto j molti inni dopo comincia splamen-: 
te a scrivere i suoi poemi . Se non è del Boc^ 
caccio, ad altri dunque dee attribuirsi V onore 
di aver ritrovata l' ottava rima . Il fatto si è ^ 
che nel Ms. Veronese manca la suddetta otta-, 
va , né vi si pasla punto di questo genere di 
componimento : onde, forse altri posteriore d- età 
^èSjs^.d^^ppiccsityi nella stampa la suddetta ginn-; 
ta,.f$il2a pensare più oltre; e questi forse por 
tra essere stato un altro Antonio da Tempo , 
pur Padovano, che visse nel XV, secolo, cento 
e più anni dopo il primo , e che ^ uno dei co?, 
mentatori del Petrarca àvoi noto; mentre Usuo 
fomento sopra il Canzoniere di esso Petrarca fu 
campato ^ ristampato pia volte ^ e I9 primi edii' 

zio- 



^iif 1 i f f E il i ì» i 

Éione credo che ne sta qii^a clie ia 4. {u> vediìfi 
flessa ÌPP4 Camaldolese dì S^ Michele di Mara^ 
noj iwL 6xie della quale si legge: Fetutiis VIU^ 
Mali MXCCCJLXXVIL e lo ^ampatore ne fa 
IhmÌHÌ^ ji^U S GéUpMTé siliprdHd^ > il col noi» 
tfiei si ìeg^ a pie della dedicazione dellibro &t4 
tane da* Ini a M. Federigo Qooz^a • Per benei 
elucidare l'^tày in coi TÌssèro i due Aittcmii 
da Tempo ^ ben sarebbe esaminare attentamente 
laiche là Suddetta edizione. Salutate tutiì, eia 
particolare In Sip Madve^ Addio 9 carissima frah 
^ tello. 

574» Al Sig. Csrh JÌrchM9^ é Jólofié é 

E^ Supplicata ùmiiiiieme TE. V. di restar per-^ 
suasa i che a me non è meno a cuore T 2lU 
fare ed Sig. Argelatl di quello^ che possa es^ 
sere a lui medesimo, sì per l'affetto che prc^s* 
50 a lui) si perc&è conosco la grazia esser di 
tutta convei:^enasa e giustL»a , sì e molto più^ 
perchè mi è noto, quanto il conseguimento <H 
essa sia di premura a V. £. i cut .comaàdì sono 
da me ai pari di chi che sia riveriti • Mi sono 
testimoniò mimo Cavaliere suo figliò , il P. 
IkOreficdi e altri ancora, quante volte io neab» 
bia parlato, e all'Augustissimo Padrone , e si 
Sn £« il 5ig. Conte di Savallà , e analmente 4 
S. £• Monsi^or Arcivescovo di Valenza, nelle 
cui imm sta ora ìi dar com|)imenta al bene in^ 

Cam- 



\ 



A ^ $ t a t ó Z U ^ ài ^i^ 
taxùwinato affarci e tìiunà cosa v' ha ià-oggl 
che fi opponga al (:ofnim desiderio ^ se non la 
consueta lentezza 5 con cui tutto il resto proce- 
de. Per finir 4i vincere ?»che questo ostacolo * 
io stimerei bene ^ che V E. V. avesse, la bontà 
di scùvome efficacemeàte all' IÙ4^ Sig» Gonttf 
Reggente P6ri;usatÌ9 U quale per «e stesso prò* 
teggq caldamente i^ Sag. Argelati, e che aven«< 
do ^ùa^i ogni gknnq occasione di essere con deti 
to Monsignore Ai^^^vesco^j il che altri iidn puà 
{as0 ^ che con fatica e di rado ) può ancora paùr 
facilmentcl di chi che sia rimostrare al medesis 
mo la necessità di o^a ritardarlie di vantaggk> 
la spedizióne) e di conseguirla « Io oon onlraiet^ 
terò frattanto, dal canto mio alcuna diligenza 4 
che giudicherò opportuna^ € facilmente dimani 
ayrò l' onore di parlarne di nuovo al mio €le^ 
metiti^simo Sovrano > il quale è informatissimo. 
del merito dell' opera che èì , stampa > e veda 
qvanto sìa giusto il consolare le suppliche del 
Sig. Argelati. Spiacemi che nel primo incóntro 
offeritomi di poter dìmostf are all'È* V. il ittkl 
a<Hnmo otsequU»^ moà abbia awora tutta la bocM 
qa f^ttmsLi coma so di aterci ttitta i'attenzicH 
tio% desiderando^ sopra ogni cosa di renderla «idii) 
ta cV io sono &à fiìk prof^nd» fei^^itlo t • ^ « 



SS7' 



3a* L 1 T T E R B «ni 

. 175. Al F. Pier Céuetifw Zeno. 4 VkmxJ^^ 

HO data qualche ora i giorni passati aldub-. 
bio da voi propostomi, se nei primi se- 
coli della Chiesa ió^%t, in uso di ca.mbiai« i Hot 
mi agli adulti , o gentili , o Giudei che si foj- 
«ero, ntel ricevere il battesimi. Nei due primi 
secoli ftoiil ho saputo trovarne esempio. U Mar^^ 
tene neir^ opera de Hinhus Ecdesine pare che sia 
ex contraria opinione; ma non ne reca altro e^ 
tempio, che uno tratto dagli Atti del martirio 
di S. Ippolito prodotti dal Baronio . Ma questo 
è del IIL secolo; e quegli Atti non sono di 
inolta iFede . Il Ruinarziq non^ gli ammette nella 
$ua opera , jiHa frimornm Martymm ; e ^1 Til- 
lemonzio nella sua Storia Ecclesiastica yi trova 
difficoltà a mio credere insuperabili 5 una delle 
quali si è appunto il cambiamento del nom«. 
Nell'opera suddetta del Ruinarzio se ne incon- 
trano due esOTipli, Tuno e f altro nel comin- 
ciamento del iV. «^olo: il primo dei Martiri di 
Palestina riferiti da Eusebio nel libro VI. delfe 
sua Storia Ecclesiastica: ma questo non è inolta 
chiaro, e non interamente forse al proposito: il 
secondo è tratta dagli Atti di S. Piero Balsa- 
mo , il quale aveva questo secondo nome avan» 
ti di battezzarsi 5» e poi ricevette il primo , quan- 
do fu battezzato . Voi potrete riscontrar V uno 
e V altro nel suddetto libro , che sta nella mia 

5tàn- 



A p o f Tj o L o Z fi M o ; 3^1 
stan^ , legato ia carta pecora in foglio . Nel 
V. $ecóló cominciano ad incontrarsene esempli 
pA frequenti ; U più famoso de* quali ^i è quelt 
Iq di Atenaidie, ehe divenuta Imperatrice , emo-r 
elie di Teodosio II. si chiamò al battesimo £u- 
cfossia'. Per ora non mi sovviene di vantaggiò 
sp. tal proposito. Rispondo ài vostri due quesi- 
ti» ma nulla posso dirvi, 'icbè non sappiate. Dei 
libri impressi da alcuno dei Manuc^ri non ho 
mai veduto catalogo a parte. Nel li. tomo del> 
la Biblioteca del' Gesnero , Nche io tengo costi ^ 
-te h' ha inserito uno imperfettissimo . di quegli 
che furono impressi da Aldo il vecchip^ e'^oa 
Paolo. Aido il giovane soleva' in a}cucio de' li- 
bri ^da lui stampati porre ora nel fine» ora nel 
plrkieìpio un^* picciolo catalogo, d'egl' impres- 
si da lui» /e in parte da Paolo \suó padre > 
co© la nota d6l prèzzo^ Mi soyvienefr^ questi 
. ù da iui^ posto nèir ^Lgricoji.tura di Carlo Stefano 
volgarizxataiLiMa assar' più copioso si^è quello, 
che sta in prkicipio delle sue Eleganze , ^tam* 
paté da lui in Venezia 'nel 1594. in 8;^ Esso è 
di sette facciate, e vi é* a flanéo ia nota del 
.prezzo di ciascun libro -, il che soleano fare mol- 
ti vde* nostri librai» fra i quali ora mi sovviene 
H Giolito • Delle edizioni dèli* Ar<;adia fatte da 
Aldo io non ho^v^utà» che quella del i^ii:* 
e quella del 15 34. l'una e Paltxa in 8. Q^l- 
1^ del 1514^ fij fatta lui vivente s mentre egli, 
che che he dica il Moreri, non fini di vivere, 
che nel ijijf. Vedete h prefazione dell' Egna- 
auo al LattatetQ di Aldo stampato in quest*an- 
Tmo ///. X no.. 



V 






tio. Che- altre edizioni prima di quella dd 15 14^ 
ne possa aver fatte il suddetto Alfio ^ P^ò esse^ 
re , e forse qe sarà uììa alcuna • delle due fatt^ 
in Venezia avanti quella di Napoli nel 1^04^ ^ 
iii .4. nella quale Pietro SuiiMnpnte atiilco del 
Sannazaro si lamenta ne^a dedicazióne da* lui 
fatta al Card, di Aragona delle Egloghe del 5»anr 
fìazaro impresse tre anni prima in Italia^, tutte; 
deforiiiàte e guaste, e poi ristampate con errpri 
intoUetabili dagl' impressori Yene^aniw Ma voi 
che avete ìa suddetta . edizione di Nà^li^ l' 
avrete anche esaminata* Il suddetto ajliìG^ ^5^^ 
Filippo di Giunta la stampò ih Firen:?^ did me^ 
se di Marzo in i* e gli eredi dì -esso Filippo 
di Giunta altra impi^essione n^ecero nella stes-» 
sa forma nel 151^. còme ^xe Bernardo di Giuijt^ 
ta nel 15.32.' ristampo le Rime del Sannaz^o* , 
£ questa edizione pa^e- che sia molto pregevole. < 
Qiiel titoip di Presidente datovi dal Vallisnieiri 
e assai bello ì ma dò t^o|^ .ostante 10 puce^.m^ 
ne sarei risentirò ^ e in ogni niodo 1* ayrei ìat*^ 
to cancellare dal libro óól cangiametìto della pa-« 
gina ,neUa stampa* Moki ctederanno, che vi sia 
stato dato per cagione della^itlcipale assistenza 
(^he date al Giornale i ed io non istimo. b^ne 
che tutti lo sappiano 5 sjs {>en itiolti lo Credoi^o < 
Il P^dre Paoli vi saluta cà^amente^*. $ssp>^à 
vicino al terrnin^e delle su^ »sa^re fatic{)e;i^[i.qj»e^ 
sta Corte . Non pos^, dirvi a basfanzf.U iSii^ni^ 
e l'amore che presso tutti si ^, gu^agnatcì^ {ov 
spero che r Augustissime^ Pa4rQ|^e potrà jtifhia-. 
marlo qualch/s altro anno , essendone in : questo 

rima- 



Ai* à s f ò i. Jj 2: E H éi |i* 

rinaaso s(^dis£attU$inio ^ 4 nie j>iire la tfaat^tì^ 
non ha recato nocumento alcutioTi sé ^ne gca^^ 
zie a Dk>, T i)o r<ygjLo$ai;neate osservata» a disy. 
petto dì Questi pessimi pesci , die mai noti v^nv 
goncf alla nua tavola ,' clae non. mi ftu:€iaoo 3ov-u 
venire di cotesti così squi^* Qgandp sarò coh 
sti^ yp'instttuirmi asùrhp dfc state un' altva intera 
quaresuiva. Salutate al solito tutti, e U Sig^ 
Madre in ^particolare , e. le Sorelle / Addio /fra-' 
teiio amatissimo ... 

57^^ ^i Sigi Anàre^,Q^né^Qyd f^€n$xi4i^^^ 

Pìcfma. ^i^ Marx/i i'jtz* 

E'difl^e ch'io sia costi per la; pros^n» fie- 
ra delr Ascecsa^ mentre^. sona m^olta. ìndie-' 
tro nel lavoro delle due Opeire f che mi coàvie^ 
ne teenimare.avantik di fii^tte^gii ìrx vìaj^ • Sea- 
t2L qiiest^ condizione noii. avrei ottenuta U. n^ia 
licen». Godo soamtaoiente bell'ottimo stato di 
tuttL di nc^^ra ca^a j: cte riverirete ad ut>a ad .uni» 
earaiiient^ i^ mip^nQina^.da«doack:iié un bacio adb 
Apostoletto ]( il quale se o^mé di noine^. ò sofiiK, 
gliante di volto anche al zio, non può essere 
Che bello è graiioso à nlaravigÙa i E' itato de- 
gno della graii mente del Sig. Proccuratpr Gri- 
mani il pensiero venutogli di far ripulire i be^ 
Mosaici della Chiesa Ducale^ e le preziose co^ 
lonne pòste avanti la facciata di essai come pa- 
re e di molto decorò al pubblico P ordine dato 
di far lastricare la piazza di Saii Marco di pie^ 

X t (re 



\ 



i \ 



1^^ ' L 1 T T É BL t Vf t \ 

txe da Este» come sta nella merceria» e ia ài* 
tre cot^trade della città y la quale da molto tem« > 
pò sarebbe già stata presso che tutta lastricata 
della stessa maniera y se le ^ueir|e passate non 
Avessero inteirrotto cotesto nobil disegno • Iq 
quest'anno non ho fatto alcun Dramma incora- 

\ pagnia'^del Sig. Pariati. U ultimo, che si À qu^ 
recitato nel passai c^ovale^ è stato tutto pat^ 
tb ingegnoso di lui.^anto vi aflfermo non per 
sottrarmi al piaccrey che avrò di servirne voi 

V el Sig. Alessandro Morosini di due esemplari; 
ma pecche si renda piena giustizia ài merito del 
yero autore • Riverirete intanto a mio nome 

^_cuel Cavaliere; epdr fine ^abbracciandovi mi ^pn^ 
èirmo • • . . / \ '7* 

P. S. Jeri alle due dopo pranzo è arrivato 4 
^esta Coite il Principe Gianfederigo di Moda- 
nij e h^ preso quartiere non molto lontano dal * 
lino • Penso di aitare a far riverenza V- S. A. 
^ella yegpentè settimana /X^Comici Italiani $ok 
no stati congedati da questp Imperiale servigio. 
Hanno perduto il loro principale apppg^fo^rifii' 
€ònte di Althan, al q^ale oggi a t ténnìoato 
4i ceicBrare i funerali. 



\ 



i. 



«f?' 



ApCfStOtO !t M ti 0é 141 

^jj. jàt Sig. Pdndf^^o Pémdolfini Vicis^jrnéirk 
ÀfW jicc'4é^mi€ dflU Crusca . 4 Finmi . 

IN quai s9uue<ra ip cìebJA rendere ^uk^Qate (^ 
gras&Ie a cotesti I^mi Sigg. Acca4emict9 e ia 
parcicoiare a V. S« Illma del ^a^nde, onore im^ 
partitomi i)^eir avermi ammesso alla Imo inogh^ 
te^ipo (relebratijsima adunanza, non trovo ^Joà»^ 

" spefo di trovar mcklo di farlo i anzi sulbelprtc^ 
cipio im sonof còdi'confosò e sitdtdito, cbe qu2« 
si in luogfii di piacere me ne viene tristezza ^#^ 
donde altri ne trarrebbe soggettò 'di vanità % di ^ 
colaggio, in me si ^te^lià abbattimenito di spi«^ 

^ rito e ^coilfiwfìorie di mente* Non posso da ùii^ 
patte dar lode alla loro elezione > senza mostrar* 
mi pròsontuoso; né dall' altfk^ a mio riguardo di^^ 
tópprpvaris^ senza far torto al lorodi^sceminaeiH 
tQi Se tuttavolta si pu^ far mèrito di una na- 

- tiifaie inclinazione 9 e di ufi sommo ossequio^ 
io ardirò di credere di non t^txt affatto iisde* 
gno del loro soyrafio beneficio} méntre in tutto 
il ccMrso della mia yita il mio maggiore studiò 
e passione è statò qi^ello* della fiostrà voì^' fa«* 
velia i he per altri mi soli sentita portare a più 
di stima e di ossequio i cbe per si dotta ifkccade^ 
mia 5 che l'ha in tanta parte arriccfaica e ìUij 
«tfatà : talché non 'si può disgiugdere l' autor de 
una daiu stima àell^alurai né far passo ir 
la di buono, chi dajdt àcritti e lai^gMìnentl 



I \ 

1 

I 



/ . 

ài questa non se ne prenda la guida ^ V e$$cr 
io rfìvttitito cittàdifto di così dotta repu1>blica » 
e itiéttAtò idi si illustre corpo , mi darà in* avr 
venire eccitam^to a farmi ciò che non ^ono , 
e a^ tèhdenni meno immeritevole di un titola^ 
che ora non riconosco > che dalla loro bontà e 
gentllerta. Io prqgo intanto V. S.Ilima rap< 
presentare à tutti cotesti nòbilissimi ^ccacjemici 
I più sijnccri e diYPti sentimenti deir animo mio , 
t di supplire con quellfe più forfi ^espressioni , 
che ben saprà dettarle il yigor del suo spirito e 
ad suo sapere , i difetti del mio scarso inget- 
|no ) attestandole però che ,dal >3canto della gra- 
titùdine e della riverenza, io ne conserverò i 
sentimenti a tante grazie più tponveneypli , JL^ 
pothe osservazioni; ^he.mì è .occorso di fare 
intorno al tanto ntile e tanto stimato Vocabor 
lario dcir Accademia , ia tui novella e più co^- 
plosà edizione è «desiderata dal pubblico, e sin- 
golarmente dagli amatori della Toscana JLihgua^ | 
verranno un giorno in ]atte;5tat9 della niia nb- 
J>idienza? ma prima mi conviene raccoglierle , 
essendo sparse, e meglio .ordinar;le^ e pulirle', 
onde meno mi .arrossisca in sottoporle al loro 
purgato intendimento . Debbo al predente futt^ 
Ja mia attenzione al lavoro di due componi- 
mentì Driimmatici in t^ervigip di questo Augu- 
sto jMonarca ? terminati ì quali V. S. Illma éì 
;assicurt, che sarà mio unico affare il ripigUsire* 
pct mano" le suddette psservaisibtti j e può "essere 
rhe mi sia data permissione di fare un viaggio 
» Venezia V dove ìtrovcrò fra' miei libri molte* 



\ i 
i 



ì 

Apostolo Zino. 327 
memorie colà lasciate in aggiunta ad altre , che 
qoì ne tengo ; della quale opportunità può es^ 
sete ancora' ch€ io mi vaglia per Venire a de- 
dicarle in persona la mia singoiar riverenza , e 
a proccurarmi il vantaègip di conoscere di pre- 
senta y. S. iUi&a , e cotesti in$igni letterati , 
che venero da lontanò e per ftma y, ^ qui col 
pili profondo rispettò la prego di, avermi nella 
sua bóona grazia , e di considerarmi qual mi 
dichiaro essere col' pia profondo ossequio di tut- 
ti .gVtìimi Accademici, e in particolare diV.S. 
Jllma'.... , \ > 

* 577. -^/ Sii. ^ntonio Fallisnhri . a Padova. 

f^lenna 11. aprile 17Ì2. . 

IL 5ig. D. Niccola JSfardagna , Medico Cesareo ^ 
ini |ia fatto ayerei in nome vostro sessanta 
fiorini, che subito ho' consegnati al SIg- Ippo- 
lito per altrettanti da |ui dati al §ig. Cavalier 
Garelli > Qssjia al Referendario Puel , per avere 
il magnifico diploma Cesareo , diN:ui siete sta- 
to onorato, e che nel, prossimo mese riceverete 
con la venata in poteste parti del mio araa^s- 
siniio P. Pauli; il quale ha predicato alla Cor^ 
te con un singolare applauso di. tutti , e in par- , 
ticolare della Padroaan2;a, e ha sostenuto in Ger- 
mania , anzi accresciuto di molto il . buon. no^. 
me» che si^jé#^con le sue .dotte opere guada- 
gnato in Italia . Egli è ben degno di essere vo- 
st^ro amico , e vi assicuro che parla sempre di 
^^^ X 4 voi 



I „ 

i 



^26 L , E T T E k B DI 

Voi con particolare stima ed affetto^ ed è fieaé 
di desiderio e d* imp^ienka di conosc^i ancke 
di presenza^ come vi riverisce per ^,.£una/* Del 
restoy mi ^énsòlo* Avete un Diploma , che fari 
pia vStrepitp che ìa ^ià ricevuta colìana i e sarà 
iieila vostra tasa uh nioaumento. perf^t^o di o- 
hore e per voi 9 e per li vostri figliuoli, e di- 
scendenti • Se questa y^lta non creppano di rab- 
bia ì Vostri malevoli ^'^pé immortalici ìjgior- 
, Ài passaci sono stato a^ faf rivarenàa ai Serenis- 
simo GÌaniTederigo , che mi accolse coÀ tu jxm-^ 
tà e gentilezza 9 che s^nVrmiasta confuso* SI è 
parlato mólto 4i voi » e oen potete figurarvi » 
che non se ti* J dett6 se non be^V, a nijjsujra 
del vòstro"^ merito . Lo stesso^liò * fatto coi P* 
iìhessi, il quale pure tali confermò , che la lé^ ^\ 
tura -dei' vostro libro aveagli fatto mutar parere 1 "^ 
intorno all'origine delle fontane à Vedete ^ quan«: 
lo possa il vostro sjipere ^ iiien^re lia tolto dì 
pregiudiizio un Gesuita é Dello Schendò non hp ' 
saputo altro; ma credo che sia ancora ih Ttan- 
sil Vania. Universale non credè che vi sìa quel 
iiiaie, che né, sta scritto nelie gazzette : ed io 
per bene <Ìi lui desidero ^ c&e tutto sìa falso • ' 
Voi siete uh graiidé adulatóre » e slete più cor- 
tigiano di me, dipencio berte per rigi^ardo poji- - 
tico di chi altrimenti ne ayetc in altro tempo 
giudicato. Vo darvene però, lode., senzk, segui- 
. tarile T esempio. Riverite ^gU amici , e In par; 
ticolare il ÌSig4 Compare . Marchese Polehi , al 
quale vi pregò di dpihandare , se <lal^ Sigi ^F^eca- 
nati ha iriceVutà una mia ietterà ir alla quale mi 

pre^ 



V, 



- / 



A p ó < t o £ d, £ 9 » o é \%^ 

pttìat eh" e* dia lisppsta* Ricordate àdche Umié. 
ossequio alia S^vLaara^ vostra , e^ a tutti 4i 
yòi»tra casa); è per fine caramente vi abbrao^/ 
è sono \ • • ^ 

TL Sig. Piàaofeonio Filippial» vói^endp costi ,i 
JL vi .recherà una nìia . lettera ^ desideroso di 
conoscervi t e di .^venrvi. Troverete. ia lui una 
persona degna^ detta vftstra s^ima e del vostro 
amore > e però lo tengo da. se bastevolment^ 
raccomandato • Avrei vcjlentieri voluto potervi 
nuuidar con esiio un esemplare delle Epistole del 
. Kepploro >* n^ 4)Ui p^ mala ^rte .non. ve ne h^ 
alcuQ esemplare 9. e^.qudlo c^e in Lipsia si è 
commesse) p^ Y*^!^ non è ancor arri\^to% Ger* 
chérò altra occasione, per £u:vel£\perveoiire , e 
aUa più lunga lo riceverete da me con la mia 
venuta y cheTa Dio piacendo farò quesf anno in 
Italia. Vi, ringrazio distii^tamente a nome anch# 
del ^ Cavaliere » per cui ve ni^^ feci richiesta, di 
quanto^ ini avete scritto intornò al temper pre» 
cisò ddla spedizione Britannica fatta da GiuUo 
(Cesare .. Egli n' è rimasto molto soddisfatto ) f) 
veduto che voi pure meco convjsnité dell' anno 
J5; avanti Cristo, in cui vediamo seguita I4 
^luddetta spedizione dol consenso de* migUpri Cro« 
>oÌogi,>enso che anche. e^ muterà opipione » 

' ' ■'^^ e 'si 



/ 



/ 



e SI riserverà a seguitare la tìò^tra. NtffleTrafr* 
Ifàzioch Atì^cam y^ha \m Disserta:done sti 
<{«!iestop\9«itet Bla ^ c%ata d4CrLbsóii nella $ua 
Dissertazione de Portu Iccioy per quanto mi a^- 
.seri il medesioip Cavaliere ^ il quale ha fatto 
scrivetfe^lfn ftìgWJterra-, per averne unn copia . 
L' autore ne è Edmbhdò Halley , e vq} forse V 
arerete vedi^ta al num. 193. di e^%^ Transa- 
zioni \ Si aspetta coA impazienza \\ vostro Fron- 
tino f L* indice erbe ci fate ad esempio di que- 
gli iU Mntm l^e^hini , ssarà utiHssimQ ; siccóme 
tali Ilo sempre ftiai. giocati quegli die abbia- 
mo , «^ vòrieei che gli avessimo di ciascun auto- 
tè, e principalmente di Cicerpne, e di jLi^io . 
I Francesi che travagUarQno a farne per uso del 
Delfino, ne presem T esempio da un wstirp Ve- 
neziano , cioè da Niccolò Erìtre0 , ^ più tosto 
Hicc^l^ df fyjsiy che ad esèmpio di molti altri 
¥olle grtciiz.XAr€ il ^o noine^ Egli, come sa- 
pete, fiorì nel secolo XVI. e itct rfndice dì 
jhjtte Je yoci e modi di dire Virgiliani , che ulti- 
mamente é stato ristampato nella bella edizione 
éì Virgilio, illustrata da Pancrazb Masvicio, e 
stampata in dup tomi in 4. a Leovardia per Fran- 
itesoo Halma, I717. Vi tendo grazie delle vo- 
stre amorevoli inibizioni , (piando sia per yenir- 
«nene a Padova; p ben pot^e assicurarvi, che 
k SUD tempp isarò per yale^mene, sapendo per 
farite esperienze hntrx^^ qua^tp bene e affettuo- 
tòmente io vi sia ricevuto e trattato p Riverire-^ 
te « mìo nome tutti di vostra casa. Padre, 
Ccmsorte, e fi^mdi. Ho scritto a Lipsia per 

proc- 



ft!òceatàrn^ì «tee prkm fogli del $é$to En^kic^^ 
rojà staflipato dajL C;i6<kischio) etxistodiè gliab^ 
èia» allestivi saraaiìo Spediti • Del jKeppjleio aoa 
^i è stampato altro ^e* il Tonio delk JBj^istote , 
fer Jà cui edissione dedicatoria questp Augusto 
Monarca ha fatto un regalo di 4000. fiorini ai 
Sig. Nanschio , e di più ^^noratolo del titolo di 
suo C0n$iglia:e. JEgli si era pre^ co} pubblico 
r assunto di proseguite la stampa di tutte jl'o« 
pere Ke})plénan€ , ma credo che .sul Jbel princii» 
pio si sia pèrduto di forjce , per maiflcaii^à di ca- 
lor naturale, e dej. /f>é ^»;^»j . Contpuatemi il 
mostro amore, e nella vostra buona grazia yji^ 
y amente mi j:accpmahdo>, 

* Ifyf. Al ^i^. A*^t9HÌ0 f^aliUnitri . ^ Pad9va ^ 

Ggi si sotio posti in cammino per VenezI^^. 

il P.' Pauli, e 1 Sig. Filippini miei carissimi 
amici , il primo de' quali ha seco il ^yo$tro nobil 
Diploma Cesarep-v^e jio consegnerà a mio jfratè^ 
lo, da cui lo riceverete sicuro e beai custodito^ 
Eglino alla più lunga arriveranno colà ^ai ^j.i 
O 24* del corrente mese ^ je può essere che 'J 
Sig. Filippini pa$?i dopò qualche giorno in Pa- 
dova , onde pon manco di raccomandarvelo di 
fiuoyo ^ In caso che abbia bi$Qg«io di vostra as- 
sistenza, tuttoché gli abbia consegnata altra let« 
tera esj^essament^ per Voi . Speto che al yedc- 
i:c,.c ieggere ^ssò piplbraa rimarrete contento, 

non 



^^ ' ' - - ~ / 

taon metto Cbei vostri ftfxùci $ e al C(Hitrartp <kM3M 
' fusi i trostd maletoli » it pui? oc avote» ed è 
feria che ^1 9 ^ mentre à ^eatuomiaf non ne 
inaQCati giammai • Cod lettera a mio fràcejUo vi 
ho fatCQ t)òrtare mie. ratcoma^dazipm per Ifi Sig» 
Maria Landini Coati^^ che di^tintameote riverii 
SCO i come^, pure il Sig.' Franeespo, suo màrìte^^» 
Funo, e l'altra. ben degni d^la^ vostra a^sistea- ! 
za ^r ia stima iìi eoi totip pressici questa h\x^ , 
gusto Monarci . Questo ^sol nome . lor basta pres* 
sor di toi per qualan^^ie akro uffizio ciie tol^s^ 
À passarveue a Jpr fasore. Il no^ro Sig* Ippor- 
lito sarà uno. di <^esti , giorni a baciar la mano 
^ al Padrone per rendergli grazie dei 500* iiorì- 
ni » che la M. 5. gli ha benignamente accorda- 
— ti per la buona ot>eradaliti prestata, è da pre-t 
starsi in cose di suo servigio. Q^iesta doncessio^ | 
ne^pa^lserà peif VarvSirei éqmejn annua j^en» / 
sione ^ onde il galantuomo, che ben lo merita, 
' / .respirerà da qudche -sua o presSnte d futura in* ^ 
digemca » comecché dal canto ihio i p& quante! 
mi è stato , é mi fia possibile , noti siasi man- 
cato^ né siasi per matìcareyad esso in conto vè^ s^ 
i^uno . Jk) son certo che di tale arvisp ne re-» 
sterete con^platò e al presente j e molto pia air 
/ y-' effettuai:^ della ^azta ^accordata * Nuovo titolo 

^ _ di onore 51 aggiugne nel Pritìcipato accordatovi 

di cotesta chiarissuna Accademia de' Ricoverati: 
onore non tolito coùferilrsi dal contegno Pado# 
vano, che a loro genttloonoiini ^ e però ad esso 
voi rendutdpìù decoroso • Io pure non fltlan^ 
^- di significarvi raggrqgazione fatta di mìa pec* 

' "sonai 

V " . ■ ■ ' ' ■ ' : ' ■- 



o 



9pt^ uh kmo$3. Accadèmia deUa Crusca \ prce 
posto alla stessa per prdme di quel gran Duca^' / 
ìpi accettatovi » il che è insolito , eoa tutti i 
voti alla prima^ baliottaatòné • |L^ diss^ta^ipòi 
dai voi/ somministrate per Io secondo tomo dì^ 
Supi^leQieiiti del Giornale » ìiqqq di Curioso e pe« 
regriììo argomentò » e^ non dubito che non fac* 
.eìanò ui^»^as^ai beUa comparsa » essendo u^It^ 
da si bravi' ingegni . Il nbme del Sig. Ale^sftì)^ 
dro (Suarini mTmuoye a pregiarvi di riverirlo 2| 
ibio npme , e di pregarlo a darvi per me uqi 
copia esatta dell'albero di sua ^sUniglia , inco- 
.iivmciahdò alnienp dal padre del vecchio Guarì- 
np Guarini , e ponendovi sotto gli anni è i mesh 
(^'giorni delli: nascita e morte di ciascheduno j 
e i locò matrimoii| / Avrò occasione di valer-* 
sne&e in pia id^unl congiuntura letteraria • Ho; 
sqolto piaciSM» dei yantaggj che - proccurate pei' 
Sig. Abate Lioiii dall'Altezza di Parma* Io nìon 
qe parlerà a' chi che\sik ^ se non dopo la per- 
missione che s2Mrete per darmene. Se tutti i let- 
terati fpsseró cosi questi e di sì buon cuore co^ 
mf voi ^ e tome io pure pretendo di. esserlo » ' 
eglino sarebbero più in prezzo ìq 1^ lettere av- 
rèbbooo pia seguito p riputatiòne. Ma. spesso il 
male delle arti viene dalla maligniti de^Ii ar^ 
t<i£ci, e da qi^el perseguitarsi che -ftontf 1* uà 
1^ altro, in luogo di darsi mano t di sostener- 
^ • Se la lapida destinata al Marchése Mafféi <& 
inedita^ mandatemene copia, cbemi sari cara* 
Riv^iti la Sig. laura 9 tutti di vostra casa V 

\ ' rìxsh \ 



\ 



\ . yi 



534(r t i r T ii i * :D f , . . 
V'implorò dal cielo os^ b^ne t contentati i 
9 sono fià che mai • ^ • . . 

jitóv ^/ A -ftVr dannine Z^df à FkniKiét^ 
tJatiife Ì9 scrissi ia Vita dei Vèscovor G<»-' 




^i^ci0oi, esaminai aft^nfasaeiiteL'atuiodeU' 
età 9^ in; tnì venne: a xnairte> ef f^rveini ak 
iQfà di trovar iragioni sufficienti per credere ed 
asserire^ che ^S^i morisse di at^ni 6u e notk <li 
41 4 nel tf4iw.Di tutte le sijiddetté tagicMH situi 
fu^ allofat molto esatto a farne nié^iotia > n)eii- 
tre nù tiserv;ava a parlarne più distesainetlte nel^ 
la ima Storia de' Poeti ^ che. aiÌÌ(iFa.,h)i $tav(a 2I 
cwfel ei pu6' essere che tra leniie carte ne akf 
bia fatto ifegistro. Al presente adunque ijieti po^ 
W aJlti:^^ suggerirvi i se i^on che la inscriÀioae 
sepolcrale di lui riferìtiC dall' Ugbelli nel Tòma 
IL iteil' Italia Sacra ,^ lo di^e morto di anni LXL 
t hovL df X^rt . come sàisse Lelio Gt^dicciom ; 
e^ sovvienimi aticora.(^be avmd<pei|tquel t^no^ 
sSC^iita a Lucca al Si^ Fiòreiìtini ,. per ^aperiié 
il preciso i egli mi assicurò con sua lettera » 4^6 
toà Slam espresso nella lapida sepolcrale , cioè 
IXh Di più allora confiderai, che ^^ Gujdic€ky« 
ni essencb stato fatto. Vescovo di Fos^mbrdue 
fiel 25014. dai Qenìente VlL se fbs$e egli Hior* 
tqf dfanAi XLL avrebbe ottenuto il gover^oi dt 
q))^«: Om^k 4 anni, 24^ $0 T ab^so di quel 
r- tem- 



'Apostolo % ir ^ <ìì jjJ 

ééhipo ,. al quale sì rimediò dal Concilio di Tren-' 
to; ma pure convieoe .cqi3L^d^i;arQ « che il Qui* 
diccioni. |s^ iiojLxiiCf, <^i.<^i;e4jÌto ì^ Jjàcc^ ^s^ pa-^ 
trla avanti di {>assaré à B^óma, i che in quella 
i^ecitQ Qra:^ioiu pubblicami^ii^} e che pqrts^Qsi ai 
Ròmi vi siette niolti anni al ,s^yi$id delC^d# 
AlèSjjafidro, Farnese i. ^he.fi^ dipdi Paplp, III,, ixx 
(qualità di ^uo Au4ìtore: tutjt^ le .q^ali ao^ ai;^ 
lai j^ii Si pattano' ad |^ Uf^, ì^creditaM 
di 44* anni j ch^ ad un gioy^^e di ^4*. Trassi 
^inoltre dalle sg^e Rim^ ^gooieótà per ^t^etiiernAi^ 
alla suddetta opinione ; In più d' uoò de' ^uoi 
Sonétti confessa Un suo innamofahientd per lo 
spaziò di io; ed ancbe^ ^u annij del; qi))^ in 
altro Sonetto dipoi confessa di essersi à.,fp«za. 
liberato^ ili abbraccianda lo stato. 4^. Vlal £c-f 
clesiastica ; ^ 

Il yerà^ dell'iti n4 foc^ vissi ^ / 
E pùnse il cor sol amorosa curai 
Poi fiocqufi zitr^, disì(>^k È^ A* Ciiéi é»ffi, 
tegge 4> n^ 4ifi9sò iil^ti pì^««:i;isfiu . 

C^he égli sia statò iahàmor^to^WM^* e^nhi %f^^^ 
VfL quel S^ttqttfl.- 

iOup l»?t|;lìp lim^òU nmS^^, vivm^l^ 

£ di ^nii^iÌQ^ dic0 «I. quoto ictó jpriA^iwaii -4fc* 

bel 4^etaur0 ecQ^ 



è quel^ 



/ f ^Itì èrrtr ewrtgpi , 

/ ^ Otv w' étóvilslt * v4 r undednf anno . 

0n se <f anni 24^ egli (osse stato pDotnDSSb. a| 
Vescovado » e se undici anni prìma fòsse' segui- 
Co il suoltmamoramenteb ; voi vedreste mcltopér 
tèinpb innaiiioràtò un ragaauio di miictéip^i^ e 
l^treste Aure h^ke 1||aziòni'poeo vantaggiose al 
buon ' nome di cotesto Prelato • Vedesi andiQ 
in altri componimenti di lui chiaramente^ ^^^f-' 
sa la sua età, già mtaxra* Som xò8* 

Or ch§ t-tutte 1M4 t^ verde i gifat 
e Son. 62. ' [ 

Mdturi: 
i^ Som 6^ ^ , 

At^ gii csàf éU jm firn guest* egrf vhtk : 

digressioni più convenfend a c}xì\ mén sessag^fu^ 

rÌ0^ che ^fMàrAgenme . Ma quelle » che io pò-, 

/ xp aveva osservate nelle Lettere del Caro > son 

cbnv€i{iiepti al dolore » cl\e si ha di un atmeo 

perduto • A chi ama 9 par seqipre di peider tròppo 

per tempo la persona amata. Il direche^uao, ^ 

q!»il che p^enfs pherf^, Me ìm Usdéto 4ncar gie* 

wme^ oonvien benhanno a chi muore ^annt 

N Co» n|qrQfK|o^ allodra in latti molti anni primsi 

del corso ùtdi^arÌQ della vita , ohe ai 70. ynea 

eircoscritto : e però Da^te » che saisse la sua 

Cymmed^ 4'auni 35* la coisinciò con quel verso : 

'" '. ■" / ' Nel 



9 



I 

^ P O 5 T o i Q .Z f N O. 337 



JNel meixA9 M ca^min di nostra vif^ • 

Qjiesto per ora posso cosi dirvi iq due piedi .^ 
Noa ho qui il Gfailini per, vedere, che co$a an- 
che questi ne abbia detto nel suo Teatro • Se 
altro con più comodità nn verri perniano, non 
mancherò di comunicarvelo « sqttopoi^eiidQ però 
sempre il mio saottimento al vostrp , e a quello 
del mio stimsttissimo P. Berti : mentre sarò sem- 
f le un di quegli , che han più piacere di es- 
ser convinti di avei: errato, di quello chesifac- 
cian glòria di persistere nel loro inganno ed er- 
rore; amaiuio io più in altfi il vem> che in me 
|l' opinione f 

l' edizione dell' opere Latine e Volgari del 
jgembo sarebbe molto applaudita. Avanti di pat- 
tiirmi d'Italia v*era chi la promoveva ^ e le da- 
va non poco stimolo Mons. Bembo Vescovo già 
di Belluno, el Senatore Pietro Bembo suo fra- 
tello* JLa cosa di poi svani, e credo appunto 
per la ragione della t>pposizione del Lovisa, il 
quale converrebbe avanti d' altro acquetare ; il 
che stimo ora non moko difficile , che stimo 
quel negozio dopo la morte del vecchie esser di 
molta deteriorato ; e lo argomento dal tardar che 
ÙL la e^iziotie del Foscaont, 4ji cui tutti qui si 
l^bnentano • La disposizione da voi data alle stesse 
Qon.può esser migliore. Ma 'I volervi aggiugne- 
re le altre opere tutfe, impresse ed inedite^ di 
que' della casa del Bembo j sarebbe cosa di trop- 
po impegno e difficoltà, oltre che ve ne ha al* 

Tomo III. Y cune 



338 L-E T T K R E- ili 1 

cune non degàè di questo onore. Bernardo Bern^' 
bo, padre del CaMinale, fa uook^ tfotdisimo;,' 
iscrisse molto , e fuori di qualche lettera latina 
stauspata. tra altre ili scrittori del suo Paxifo y 
ixijlla 9 cbi io sappia-^ di ìui si trova ' alle stwtM^ 
}^ ». U Baruffaidi aveva Uà vdLunie di orazioni 
I«a4»Ii!^ di lui;. Se: vi riuscisse di averle , baste* 
rebbe èure^ nti primo tornò di csi^ e di quanto 
p\xh ritrovarsi dei nibdesimo 5 ag^tsìitavi la VitìL 
di iui; e contiAtìatie di poi la racceìtà con quel* 
}e dd Cardinale kùa Hgliudlo. Ponendosi que^ 
3tó ad icffettOi ' vi pótì^ei isuggerire qualche noti- 
zia opportuna • €itéa te medaglie > che DètrtMi* 
co Vicentino vi mòsttò i già vi pregai am 1* al*» 
tra mia , che me le pretidiatè iii ogni htmt ^ 
conìécfaè nòli vi sièno Poèti per la mia fócfeol- 
ta^ pochi letterati > ed alcuiu ancora^ i quali 
del tiitto ini sono ignòti. La Biblioteca Tecdò» 
^gica di Br^ni cohiiene molte cost contra lano^ 
stra irdigione. Io he tengo le tii^ ^riiiie clslssi: 
ma voi se ne pariate nei Gioniale ^ aódaté riguar* 
dato 4 Ella è ftertamenté d' idea uflifoirme a queir 
la dei S^>piimenti del Glcmialei Di così' fatct 
apére ve ne ha {>areccfaie in Gemiània ^ e in O* 
landa • Occorrendovi di averne notizia , potrò 
somminìstrajfvela . Salutate tutti. A rivederci con 
lettere al mio riti^rno dai bagni* Addio 5 ksXeU 
lo amatissimo. 



sii* 



A P Q i t Ò L Ò 2 £ N 6. Jj5», 

5 Si* d^i Sit* Andrea Cornare i a F'tmxi^é 

p^ifnHa i. Giufffo 1722. .. 

Lunedi mattinai son ritornato da Bacten . Mi 
soQo bagaato i piedi alla sorgente quattor^ 
dici volte ; ma sentendone poco beneficio , e più 
tosto nocumetito, non ne voUi di vantaggio # 
Contini^ qui con altri rimedj di profumo assai 
buoni i che molto, mi giovano y talché ora mi 
trovo passabilmente migUcMrata la gamba # Spero 
era pochi giorni dì sentirmene rimesso intera^ 
mente . Alla Sig, Madre e a' nostri di casa nul- 
la dite deir incomodo passato i e solo del bene 
presente. Si è stabilita e divulgato il matrimo- 
nio di questa Serenissima Arciduchessa Amalia ^ 
figliuola dei fu Imperator Giuseppe i col Serenis- 
simo tóncipe Elettorale di Baviera * Verso la fine 
di Agosto probabilmente se tie solenizs^fant)» 
gli sfi^nsali i II ferirne Pratnma $ su cui ^ra 
travaglio^ sarà forse destinato alla celebrazioat 
di quella lolenhità • te novelle cittadinesche te- \ 
muhiéatemi^ mi sono state' aisài calre • Senta 
che rOrmiada mio^ che ora si ttciu in Bolo^ 
gna> riesca mirabilmente: di che ho ^nimapia- 
cere • Ringr aftiàte il vecchio ictmo Piero Grimal 
ni della cortese tneaaoria 6h« di me tiene } come 
pure Monsìg^ Vicario Sùarefli^ e gli altri tuiti» 
che di me vi Aan parlato 5 o vt parlano ^ sa^ 
ranno p^r parlarvi • Io (uh lo stesso *aUa mia 
veiiìita costì. U nostro Eccmo Amb. Friuli U 

Y 2 tolta 



1 



\ 



)ifO L£XT£R£ h t 

tpUa a Laxemburga P ultima udienza di eoa- 
gedo da S. M. la quale creandolo Cavaliere , 
lo ha fatto regalare in uscirne dalla visita di uqi 
jkellissimo ritratto giojellato, che per quanto mi 
yien detto ^ avrà il valore di sei mila fiorini ; 
benché corra voce , che ne sia costato più dt 
otto mila. Dimani lo vedrò probabilmente. Il 
Sig. Ippolito si è rallegrato molto della felice 
rimasta di senatore dei Sig- Farrigo Reniero , 
Egli vi saluta caramente; il che fanno pari^ 
mente ì Sigg. Vignola , e ,Pariati , e Conte Mo- 
sconi. Il solito abbracciamento cordiale alla Si^^ 
Madre y e con tutto ' V affetto mi protesto • 

583. ^l Sii^ LoèAVM Antonia Afurétori^ 
>f MéiUnd f 

VieHHd IO. Giugno 1711» 

MI confesso molto tenuto alla vostra corte* 
sia e amorevolezza del benigno gradimenr 
%Oy che ha dimostrato cotesta Serenissima Al^ 
tesza pa: quanto ho dovuto scrivervi in atter 
stazione di verità intcMrno al Serenissimo Sig. 
Fdikipe Gb: Federigo , die ^mpre più si è fac-r 
to stimare ed amare da tutta questa gran Corte » 
lo ve ne ringrazio per tanto, quanto so e pos- 
^o 9 e pregovi di tenermi umilmente raccoman- 
ìdatQ al vo^ro Serenissifno Padrone ^ la memò- 
ria dei cui beneficj verso di me non sarà mai 
|>er mancarmi, che con la vita. Il P. Pauligià 
9^1 Stato a vederci, e può essére che qìiest^ 



ApOSTÒLÓf i % n Od ji0 . 

kttersi lo ritrovi ancora costì : nel qual caso i^ 
abbraccerete affettuosamente in mio nome ) Qjgi 
61 parla sovente di^ Ini , e sempre con lode ^ • 
nuovamente vi attesto i che difficilmente trov<^ 
successore nel suo impiego 9^ che lo paleggi , t 
niuno certamente 9 che il superi. Il mio viaggi» 
poi 4 intomo al quale ini ricercate 9 non sì effeti 
tuerà per Italia ^ che > nel venturo Sett^bràf 
quando pure non me lo. faccia diflferke all'Old* 
tobre la necessità di dovere assistere alle festo 
teatrali da celebrarsi in occasionfe dei già stàbi» 
liti sponsali di questa Serenissima Arciduchessa 
Amalia col Principe Elettorale di Baviera; mai 
può essere ancora^ che io trovi modo di esser** 
né sollevato. Mi è statò di piacerei T Intendere ^ 
che abbiate già ricevute le due Cronache Mss^/ 
di Piacenza e di Padova speditevi da mio fxiH 
tello • Spero che queste non saranno le ultime ^ 
principalmente se non mi viei» impedito il mia 
venire in Italia^ Dopo il mio ritorno dai Ba^ 
gni , che air incòmodo della mia gamba anzi 
nocumento 5 che giovamento han recato i npn 
mi è avvenuto di vedere che di p^ass'agio il Sigi 
Gentilotti: maalprimo incontro ch'io n'abbia^^ 
npn mi scorderò di patriargli della Cronaca di 
Sicardo j acciocché ne solleciti la collazione del 
vostro testo con quello della Cesfarea ^ se puro 
il vostfer é in siia mano i S(>iacemi dt aver tri^w 
pt occupazioni j e di lifon avere pui^ tanto temi' 
pò da potefvi 10 stesso servire sinché in quèsttf 
travaglio: ma F attenzione e gentiiezia di lui 
iup^ìtrà » si^cieaza. Souid sf^s4 ai i^agiòcte« 



1*^ -ttfTERE P t 

«lento ed a pranM col Sig. G>ntd CoUaltO;» H 
i^juale v& Hiirabilmente avaatfaAdlo nel buon mo- 
da di scfiver sonetti y e uliimiimente ne ha fatti 
fireceki , P^ quanto giudicar pos^o ^ da règi- 
•trar$i Ita. gli pttinij* Sì fatti personaggi fanno 
^M^ore alle lettere, t possono janche promuover- 
le e bendiloarle • I Cronisti di Genova antichi , 
fhe avete rieevuti^, son molto da stimarsi. So\r- 
iirlemnni idi averne in Venezia veduto più d'uno, 
t mi ricordi dì un Caffaro, se pur .non erro 
«di nc»n^^ e di uno Stella; e costoro tanto più 
MO^ pregevoli ^ quanto che per lo più non iscrU 
vevano\che le cose del loro tempo, o vicine^ 
• p^mi anche eletti dal loro pubblico. «Sono 
gitati dagli Storici di Genova posteriori, e se ne 
farla ^ài compilatori delle Vit^ <de' letterati Ge^ 
lìM^vesi , Foglietta , Giustiniani , Soprani , e DI'!- 
4cano. M^ A jche queste ciarle} Vasi a Samo, 
« civette \a4 Atme • Il P* A^^i^i Domenicano 
è mio amico 9 e non inutilmente mi son ado- 
ficrato i^er lui ne' suoi passati travagli , e nell* 
impet^^gli un Diploidia di Teologo Cesareo, 
49I quai titplp ya ora fregiato il suonarne. Io 
lono sub amico, e lo conosca per buon lette- 
iato», e religioso: onde 'ben |>otete figurarvi , 
éhe air occasione non tralascerò cosa ' alcuna dì 
tua servigio . Pregovi dopo tutto di risalutare i 
wjo nome ì Slgg. Marchese Orsi, Zanellì, Tor- 
ti, e Corradi; e per fine abbracciandovi .1^ 



^8f- 



Apostolo Zeno^ 345 

5f4» Al Sii. Andrea C^vméifté. s Vmttia. 

Kiema ^.I^fi^lh 171 z. 

Dfìlz iHia gxiì&asèò ^i^iiiK), tòt^ilìicip* 
picamento, cui non v'ha più rihiedio, él 
più p meno pesa sd^ondo il cangiaménto de* 
tempi : ma pure da molti giorni in qua |ie sen- 
to njolto sollièvo 4 tiÀcbè dopi» la rfiia disgrazia 
non mai me ne soti portato metimale. GobIiiÌ- 
éocìò qùa$i sempre ste ìif ti^ y per tion perder 
di vistali lavoro del Dramma , di cui non mi re- 
sta a fare, che U- terzo atto • Questa mattina si 
è pK>vata la musica del primo ^ che per vero di- 
re mi; jè riuscita eccellente , e né scine soddis- 
attissimo. Buon prò vi faccia per U "^ravi èirin* 
disi che ini avete £éitti con nos$rQÌrc(teIto i^giorno 
di S. Vito • lo ve gli ho rimafìd^i > btoch^ tai^i , il 
giorno che mi è: capitata la vostra lettera • I 
ifuartali ancor tardano; ma qiiesva^ mattina mi i 
venuto un bt^on ajqto dalla clemefiza Cesarea, 
che pcìfiltp mi ha sollevato . Le buone nuove di 
casa mi tengono allfgpo. Iddio feliciti le vostra 
idee , che tenctoqo al vostro vai^taggto • Gli ami- 
ci el Sigt Ippolito vi risalutano • jPate voi lo 
stesso alla. $ig. Madre d a tiitti'i soliti a nome 
mio. Lunedì la Corte pai^tirà^ cot^ le Maestà re^ 
gnand a Presl^^go , dove si fei^neranno tre seti 
timane, per quanto si dico. Qyi v*ha otìt pia 
di freddo, che di caldo. Il temp^ sente ftò del 
clima 5 che della stagione • Non vi scrivo novi* 

Y 4 *tà. 



^44 ^ ^^ T £ R B 1 

ià, perchè non uscetido di casa, e aiiimetteticttf 
poche visite, non ho chimeoe patii, ed^iptut* 
t' altro leggo,, che gazzette* Vi do uQ cordialfli 
abbcacciamento^, e sooo**** 

^$p ^ A PÌ9r Cdtmn& Zeno . à P^HetUé 

f^enné^ 25. Lttglio ijzii 

Ringrazrate i mio hòvùé ti P. Alacatti eH 
Padre Toletta deir esem{dare del libro , di 
cai essi ini favórisiootìo ^ e assicurategli che ì* 
altro esemplare sarà da me stesso presentato alT 
Augustissimo Padróne; Il Sig* Albrizci nostro 
gentilissimo è in uno de* borghi di Vimna , e 
fion si è più lasciato. da me vedere , senzachè 
io ffo^B, indovinarne la cagione • A dirvi la ve- 
rità, è degno figliuolo di saò padre ^ e fórse 
anche in qualche conto gli sta al disopra. Non 
è da fidarsi di quanto dice e promette v Crede 
di essere un grand' uomo, pieno didottriàaesah 
pere, ed è un arcisolenne petulante. Fa il Teo- 
logo e l'Antiquario. Mi è 9tatd detto ^ chepre»., 
^entemente stucQ di Greco per saper leggere le 
medaglie Greche ^ quando ancora non intende 
punto le Latine • Delle due ^medaglie dotiatevi 
* anch' io tengo la prima , che è quella di Fran- 
cesco (girini. L'altra di Dafiiello di Anna non 
l'ho mai veduta, né so chi quegli siasi . Tia fa- 
miglia e Napoletana* Fra le mie ne tengo una, 
intomo alla quale si legge MARTINVS. DE* 
HÀNNA. non ^Atn4^ come mi Scrivete legget» 

si 



si fidla vostt^; Nei rovescio ha lioa figura dk 
donna -m piedi con vesia svolazaaate ì e ooa le 
flaani unite ^ e soUevate in alto vet;so-un gnm innitt 
che n' esce » e col motto s SPES. M£A^ IN«i 
D£0. £ST é Ella è di più eh? mezaana grandesi 
za> e di assai bravo arte&e • Qt^esto Martino 
di Anna mostra all'abito di essere stato Preia* 
to i Queste due medaglie starebbóno bene insi^^ 
me* Spiacemi d' intendere i dispareri de* Sigj^' 
Cenedesi col kfo Vescovo. Egli è testa cfilda» 
€ non sempre la più arrendevole « U Sig^ Be^ ^ 
nardo suo fratello 1>» m^ lo temeva in freno, e 
più volte gli accomodò mólte cose ^ dove per 
alt]3o sarebbe riuscito 'coti .pocd onore . A Die 
4tìQEii piaccia y che non gli succeda eoa ootetié 
Pabblioót qualche incontro , di suo ma^ior dis^ 
piacere . I parenti , che gli . stanno é* intorno ì 
hanno la maggior colpa di tm^o • Peìr altro i 
di ottimo cuore ^ e ha mc^e partii che lo ren^ 
dono degìio,di. amote e di lode i Un cordiale 
abbracciamento alla Sig. Madre ^ SordUe» e tutti 
di casa. Il Sig* Ippolito ùl lo stesso con vdl i 
Addio 9 fratello amatis^o^ 

586* j^ meéksim»^ a Venezia. 

Vienna gì Agptù ijiìi- 

Alla sdprascritu della lettera al P. Pàult 
conoscerete il titolo finalmente da me. ini* 
petratojgli di Istorico di S. M. C C iiel Re^^ 
ipo di Napoli . Il diploma non astcdra è ^tatii 
' ' àot^ 



^^ X E t 7 B R e: Pt 

.»tfi>scritt» dal Pa4c6u ^ ojgl. soio titoniàlo dal 
ib0 ^iag^o divoi(b^ di Maria Zeli } m»* lo farà 
T^Mà» fi^ìxaa, y essetidoii fatm il più col Éurto 
«spproracd, beturhd aon setizà apposizioni, inqve» 
•^ iU C. di Spagflia / taktoclà par ùx Ucere 
f^ op|K)sìi<KÌ ^ é ^roftvenuccr prendale il iiieazo 
47er4titae 4i itttteolarlo iitoricò Cesareo ;M49^egfk> 
4i Napoli itt twgo di dir^ i^ R^ao diNafio^ 
Jg..: il 4lhe fioalmente p<»chissimo impoctaf dee a 
4pbi'l^ ka co8$égi|ko • Gliene d» avWso ^ecm T 
iHiiìes«^y la quale al vottrd ^indire rjurconumda^ 
Aaefae r ArgeMAi fiaalmj^nte sarà contento , eg^ 
seciddsegli inSpetraCd il titolò di Provveditore de' 
libri per S^ M>k &«4n Italia rcoii che potrà li* 
taaMenee stabilire il suo Degenio di lU>reria e 
sùiinper^ in Milano , il che egli flì fture soni- 
mtmeoBise desiderava »i Ma voi pu direte; pertut^ 
li McÀ siete buono a qualéhe cosa , fuorché per 
v^fro fratello; mentre detl^ affaire di Roitia non 
pvkÀ aticora. vedersi. la conolusione^ Piacesse a 
I>io, che i^idipèiiddsse'intetàtiiente da questa 
Cocte : che ^ ^nosa' sarièbest ceit^ento ^Ifettua* 
to • Spero tuttavolta <Ìi sortirne £dieemente ^ 
mediante pn nuovo memoriale da pie disteso , 
e che sarà^rafcocnandaié alf^^^ dell' £m* 

Signor Cardinale Cinfuegos tanto dal ^larchese 
Pestassi qu^QCÒ dalGo^ di Savallà: p ho buo- 
na ragione per predere , che questo secondo ten* 
iatfvo riuscirà più feti^^me^ife delfaltro . Aiitea • 
io non saprei disvi il tempo preciso , in^ cui n 
«ominciè a psodus su ie scene le maschie di 
jPaiitalnAe, Stettosn, 2anfti eec. So^viemmi so^ 

la. 



A PpLS f* • 10 ZSN o« ^^f 

^megkte di averne ye^te aloune fi^p ^er^ i^ 
I58i»f laelle quali non solamente era impresse 
il nonie, ma aticora la figura • Tenete dosti il 
Pacbimere giuntovi da Iloma • Siachè noa km 
gli altri dieci tomi che vfà man^^no » poco iim 
preme di aver P opera mezzp iaVianiia^ emù^ 
%o in Venezia. Spero , che ilP. Ru|>eis potrà 
ritrovarmi in Parigi que* che mi mancano « JLé 
piregai di £ìa avanti la sua parten^ . per fx^x^ 
chy doyp poi gli ho fatta far6 una buona rif 
inessa, ta^to per /essi, quai^to per altri libri \^ 
miei, che di altri . Tengo qualche dUSpollà aif 
creder legittima quella jidscriaiono ài Spello # 
Qpel LEM. c\ie indica il nome della tribù Xr-» 
moma , di cui si pretende che foue il Proper^ 
^io della lapida » dovrebbe essere ira il «qi^f 
Amrd. e'I cognome froptift. e non in £nd della 
lapida • Egli è pure di raro esempio ii vederci 
quel I. lOominip figliuolo di Lucio della ttìkk 
jLempnia senza ¥ aggiunto jdi ìin. fognami ; i^ 
che pure era xarisisimo in tempo della Roraàt^ 
Repubblica « Mi rknetteìò iuttavolta al giudi? 
ciò , che sarà per dame il «nodeiiaa coaspilat^e 
deir ^ts Crima LafidarÌ4t^ , c&e se ne 'avrà coftn 
tezza, non mancherà dì farla esaminare « Li 
circostanze del luogo , ove sì dice essersi ulti- 
mamente scavato il marmo , tutte spirano im- 
postura . La ypstra osservazione sopra J' Aminta 
bagnato dell* Ongaro è ingegnósissima . Nelle 
Rime di lui v* ha certamentte più sicure prove 
intorno alla sua patria • Questa mi fa ricordare 
^ àx pregarvi di un favore, ed e, che usiate ogiu 

di'» 



X 



^^^ L E T t E n E ni 

diligenza per ritrovarmi un. esemplare dclk RÉ*' 
me di M.Gaspara Stampa 3( rìraatrice insigaePa^ 
dova&a, comechè ii Ziiloli e rCrescimbeni la 
dicano Veneziana. Di queUo ch'io aveva ^ ini 
è convenuto privarmi^ per fame un donoalSig. 
Conte GoUalto i che ardentemente desiderava di 
averlo 9 per essere la maggior parte di quelle 
Rime in lode dd Conte CoUiltino da CbllaL 
to, di cui la Stampa fu oltremodo innamorata. 
Anzi vorrei i che scriveste a Padova^ per inteif- 
der, se di fai famiglia sopravviva alcuno, e se 
pressò gli eredi della medesimia ^ d altrove si 
conservi il suo rìtrat^ ^ <ht ad ogni costo n 
comprerebbe, ovvero se ne farla pretldei^ còpia* 
Ella per altro mori «in Venezia poco prima del 
1554. in cui da Clfas^acidra Stampa sua sorella 
furono fatte stampare le Rime di lei per Plinio 
Pieti^asaiìta.^ e dedicate a Mons. della Casa • II 
Sigi Conte CóUalto cerca notizie spettanti alls 
Vita di lei , perchè vorrebbe fetne ristampare là 
Rime illustrate eoa sue note , e col ritratto del-» 
la medesima i se si potesse avere ^ e coti quelld 
del Conte Gc^altino suo aniante. Afaèraccio cà^ 
ramente la Sigi Madre, e di cuore saluto ttìttii 
Fratello anuttinkno i addio i 



't * ji 



3«7« 



A P O $ T-O LO 2 I M O, i^f 

j8j. jit ìmdisimo. a Fittizia. 

Fìittn4t,^2. jfyoU0 lyxa, * 

MEsi sono m'inviaste la copia di alcuni So^* 
netti del Burchiello contra Bartolommeo 
Scala ^ in due de' quali egli lo chiama per deri* 
«ione FopiscQ . Noi allora non abbiam potuto in-*» 
dovinare, che cosa e' volesse intendere con tal 
soprannome, e perchè cosilo chiamasse. Il Sai*- 
vini i al quale ne scriveste , non ve ne seppe 
dir cosa «dcuna • Ora io leggendo i giorni pas? 
sati il tomo VI. Csrnt* illmtv. Poet^ haL$tzxQr 
pato ultimamente in Firenze, osservai a e. 82. 
dove incominciano i versi di Cristoforo Landi? 
ni, esservene alcuni da lui indiritti ad BartK 
OPISCVM Scalam ColUnsem , e altri con lo 
sti^sso titolo a i\ 8é« Da ciò venni subito in 
iCognizione, che Sopisco, Qsia,Opisco fosse un cot 
gnome, che air uso de' letterati di quel tempo, 
i quali adottavano un qualche nome^ cogno^ 
me antico. Greco <r Romano , ^i fosse ai^o- 
priato lo Scala; e forse allusivo a qualche par-r 
l^icolarità e circostanza del suo Venire alla luce 
del mondo fuori del ventre della madre • Vopisco 
in Latino significa nascer ucottdo , o posteriore 
di due gemelii» il primo de' quali sia uscito per 
aborto fuori del ventre materno. Opisco inGre* 
co può essere lo stesso , che hrivi'teg 9 aversus.^ 
seu posterier. Qviesta mia considerazione gen^ 
f4^ fari megjiio a vpi considerare la cosa , • 



||0 & i t T E RE » i / 

darmene sopra il vo^ro giudicio . Osservò afì« 
che nello Setptilai cbe t^iiW i ila a^ìunto dato 
a Diana 3 qtiod parturiemium fationem & cttram 
habMtt Goti (Quésta guidia fe' intende pegUòquel 
verso àéi Burchiello i 

£H titlf Gnco e il sidiigwM ti vani péCoi 

Oi^ftsra setttmàha ho ^ta ac^titSto per p&co più 
4i ' sei fiorùfti di un Bel Msi^ iti catta pecorina ila 4« 
civù^^o À% Sòmemtd di Gio: Fiérehttno \ idelt 
Ordine de' Preditfatori ^ il quale fìofcì iti teii^ 
del Còtìcilio di Hrenzt? i QjaéJtQ è dédi^àtd éà, 
lui totJL Ho'aée Saffica a Pief de' Medici^ che fu 
iggliuolo di C^s^tao ilgraiideK padre (klla patria é 
L' opera è tutta in versi elegiaci Latini i divisa 
iirit IV^ libri ^ ihtitoiata TheòtéMi^ e coiitiene la 
Vita e le lodi della Beatisisima Vergine ùei dud 
primi libri; e nei due ultimi tratti delle basilx-« 
che di Roitìa i di Toscana ,- e di Firenze i alla 
medesima dedicate.* e péro se né cavino molte 
beUe notizie iberiche ^ Il Codice e stiritto nel 
secolo dell* autore , e molto puìitattlente . Vi rin- 
grazio della beila medagliai di dui mi favorite , 
di ÓanieUo di Ahna^ La porrò vtéinò a quel-- 
Uidi Martino della stessa famiglia. Mi e stita 
etra la prómò^^ione del Sig. Volpi alla Cattedra 
di NotOfiiia* Se vA àvatiaerà tempo » ne Arrive- 
rò quelta «era al Sig. suo Fratello t ma temb 
che la prova del téatl!é mi leverà dalla segrete»» 
ria • Staremo a vedere cosa sarà questo Corneo^ 
tm del Apceacci» càé si vuole stampare ìa Na^ 

poli 



poli sopra tutta la Commedia di Dante. I ris«' 
contri cbe si hanno ^ cha il Comatitstore non 
hsse passato «col suo travagliò oltre la prima 
Càiiticst j «faiiilQ a^che i me dubitare^ che in ciò 
forse non si pretida mi granciporro maiuscolo « 
Saràtiìio pia 4i 24^ aohi i ehè ebbi 9ottò ì* oc- 
chia il Codice già póssediirà dal fti Dottor |a^ 
o^)ò Grandi^ scritto nel XIV. Secolo 1 il qua^ 
ie oon cooteiieviiL èhe il. Cometìté del Bocca^ei^ 
^Gfira r Infermi Axicbe il SaWitii scrìsserett tetii* 
jjki hi che i Mss. dalai veduti tebainaTano n^l^ 
li stessa guUai Nella ibscriaioiié di Bev^^gnà 
tibn tiròvó cosa che me la faceta sospettsk d'ìm*« 
postura i Iklli famiglia jitàtia non v^hàìikmo^ 
ria nel Griiteró; tè nel Reineàioi ma bène ka 
psÀ luòghi dell' .4N^'^^ Vedrè volentieri le ra^^ 
gioni^ per le 4^ali ella si erede supf><>9tà * La 
risoluzione pregni dai Sig* Proceorator Pisani di 
tener per se tutta la libreria del fu Pròc; Coti- 
tarini > è esosa degne di im tanto Gav^iere.. là. 
unirà a quella del fo Girolamo Coiéaro'^ d sari 
una delle più belle é numerose private d!It^ia* 
Sarà Celebre la sua casa e per questa^ 6 per te 
studiò de^ medaglioni uniti cori tatita Sffesa dal 
addette Cortaro* Finisco salutando tutti cart^ 
tritate^ e ili particolare iaSig. Maclre^ allaqua>^ 
le somminìstrarété scaii' alcun ngdardo tutto il 
ysognevola, che potesse esservi lìcercati di lei 1^ 
^Ukfió» fratdlo àootatissiiiit 4 



587- 



^^p L E T T E a t D I 

Sono quindici gionù clie mi smto ttavagU^ 
eia una tal debolezza di testa, e da uà si 
fiero dolor di schiena > che per poco <phe dò mi 
duri , non sarò a tempo di sccivere H seamdo 
Dramma , di cui non ho xtecseggiate che le {^* 
me quattro scene. Conosco sempre più» che nif 
invecchio non meno, nel corpo , che nello spici^ 
to, e che questo mestier di far versi non è più 
per me. Già ne dissi qualche cosa al Badcqiie 
«eli* ultima udienza, ma né da lui, né da altri 
mi viene prestata fede • Ma ciò poco m' unpor^ 
ta. Quando non potrò » non potrò; e ciò ch^ 
vuole, altri creda. U mio Dramma si recitesà 
per la prima volta > che sarà anche 1% ultima , 
dimani . Lunedì la CcMte prenderà lo scoruccio 
per la morte della Principessa Sobieski, Zia del 
Padrone. Qiial applauso abbia incontrato il mio 
eomponimento , io non ve lo posso esprimere t 
Mèglio lo intenderete da altri. £^ opinione unk 
versale , che io né abbia composto , né possn 
compome un migliore * U Imperadore disse in pub» 
Uico , che // fatte ppcr4 ftm si vtdtvMo in Ité^ 
li4y p$rchl in JkéUis nùn v* $vs mm édtrùu^sfùU 
Zeni che sapesse camparne: precise parole ^ M» 
f he jeri appunto , giorno di gala per essere V 
anniversario delP Augustissima , me ne diede , 
insieme ^n essa, lode i^rticolave. U Sig. G>n* 

te 



A P O S T Oi 1 O Z E N O^ 15} 

M di Savallà mi soggiunse, che gli dispiaceva 
(^e }o avessi fatto si bello , poiché ciò mi avrebbe 
difficoltato di ottenere da S« H* la pertnissione di 
non più f^rne . Non crediate però eh' io vi scri- 
va queste cose per vanità , eh' io ne senta . L* 
anuno mio le aécoka con indifferenza , è solo ve 
le partecipo^ perchè so che ne avrete piacere. 
Col Slgn Genttlotti non passeiro 1* officio di con- 
gratulazione che mi ordinate, se prima non sia 
co;lclusa e promulgata la di lui promozione • 
Fìe^. la carica di Bil^iotepario si fanno molti mo- 
vttnenti ^ e principalmente dal Cav* Garelli > che 
è molto avaati » avendo fatta che anche V Impe- 
fadrìpe pacli caldameate per lui • N|oki pensano 
a niQ, j^ià io. non voglio assolutamente , ^e ho 
pregatio con tutta lo spirito i miei padroni » che 
non £|(;ciano il minima passo a mio favore ; 
^ mentre ricuserei, aache se mi fosse offerto» quel 
posto} yoipQdo stare più gioito che sia possibi* 
le 9 ed essendo risoluta di non vojer morire, se 
a Dio piaccia^ in questi paesi» de' quali sono 
aonojatissinK^. Il tutto scritta vi sh, in confi- 
denza • La Cronica Genovese scritta dallo Stel- 
la era Ms. in foglio, appresso il fu Angelo Boldu 
da ^an Trovaso • Rimase con altri Gidiei pres* 
so i di lui figliuoli j| dai quali cinquenni sono 
fu prestata anche al Sig* Recanati » presso il qua- 
le la vidi la lecpnda volta. Se. questi poi Tab^ 
Uà ad essi loro resituita, o pure ne abbia fata- 
to acquisto, non saprei dirvelo di certo* Tanto 
potrete scrivere al Sig. Muratori, salutandolo a 
mio nome. Ho detto al P* Mariconi quanto mi 
T0n0 II L 2 ave- 



e • 



5154 Lnrrtìiihi 

àVete significato; e in* impone di salutarvi catal» 
mente ■• Lo stesso fa il Sig. If^lito • Abbracci»! 
te la Sig* MadJre^* e tutti di casa a nuo nome* 
FrateUo aiDatisskno^ addio. 

Sdlisturgo i6è Ottobre 17^24 

Questa rnatdiia sono» grazie a Dio^ felice* 
finente arri vattd col Sig» Segretario Vignoli 
in questa città ^ dove egli è probabile eh' 
io mi fermi simo a martedì ^ per una dolce via* 
lenza, che già preveggo dovermi esser fatta da 
Questa Altezza Reverendissima j acciocché io si%, 
lino degli spettatori del Drattiiiia, che si recite- 
rà nel suo teatro di Corte lunedì, giorno àflni^ 
versarlo di. sua eleaione . Il Sig« Gentilotti , Gòii-* 
sìgliere 6 Caricelli«r di Corte di S. A. Rma, e 
fratello del nostro Sig. Gentilotti Bibliotecaria » 
da cui anche sòn favorito di carrozza , me ne 
ha gentilmente oggi insitiuato il desiderio del 
suo Padrone , protestando che un^ antidpa^e la 
nostra partenza , sarebbe un fare a Sui Altezza 
un gravissimo dispiacere . Il Sig. Vignola se n* 
e difeso, ma finalmetke converrà cèdere all^ in- 
feriore, a cui l'obbedienza risulta in onore ed 
in merito . Ora tornando al mio viaggio > hù 
trovato sìuora le strade parte buone ^ parte cat- 
tive, ma non mai pessime, come quelle di Sti- 
ria e Corintia . Da InspruC , o da Trento , con-^ 
tinuerò a ragguagliarvi del buon pioseguirtiento 

del 



Apostolo Z.è.k o^ ||5 

ddl mia cammino,. cbe tanto più mi dì. di .piéi 
cere, quanto più a voi mi a^TVÌcioia. < . ^alutaM 
tutti i e in particolare ìa Sig4 Madre ; FrateUo 
amatissimo i addio^ 

jfpo* ^ «fìii^. Marche jé éiavàmni Foltnii 
a Padova i 

Vtntzia 25. iisvémM iixjiè - 

; '•'• "• •'' • ■ - *■ ;"' 

Ho ilicevuto il vdstro imìgne Fantina i \€ 
ho cominciato a goderei ^tòn imo vantag^ 
gio della lettura di esso. Nella £>issertazione^ 
che avete, premessa ìntortio alla vita e scritti di 
lui, siulla mie rimasto che desiderare ^ tutto 094 
fiendovi molto bene disposto ì e molto gjudicio* 
samente pensato e detto* Le còfighietture mede^ 
slme hanno aspetto di prove ^ e nelle tedebr^ 
istesse mi avete porto un gran lume • Qjuuid0 
sia sparsa e veduta cotanto beli' òpera i troverà 
In ogni parte persone che la loderanno ^ e at'» 
crescerà da per tutto quel!' altk rìputaisione i che 
ti siete con le vostre altre opere meritata . Io 
me* tie' consolo di tutt$ cuora con voi y e ^af-' 
ini di essere con voi a parte, della vostra gÌoh_ 
ria i 2L riguardo del molto interesse , che déllBò 
avere in ogni cosa con un- amico i che sì singp* 
larmente venero ed amo* Mi iono avanzato ail« 
che nella lettui'a delle Annota^^ioni ^ le quali 
godrò più pienamente, quando dal legatore mi 
sia restituito il librò , che gli ho consegnato i 
giórni passati 4 Intanto dal saggio , che qua e U 

t % ^ ne 



I |}é >X & T T E a e o I 

ne /no peèso^ ho rkonosciuto di qual dottrmi 
ed ecudizìooe ìe avete corcedate , e con qua^ giù? 
^cio avete illustrati que' luoghi, cfa^ più di bi-» 
sogno ne avevano. Npn finirei giammài, se dii 
volessi tutto quello^ che ne penso. Oggi finale 
j mente è arrivata la cassa , in cui sono parimen- 

^ te 1* Epistole Keppleriane . Scrivetemi , se volete , 

^he a dirittura a voi le trasmetta, o se debba 
aspettare ocquione siaira per darvele, opertras* 
mettervele • La cppia di esse donatemi da chi 
i : le hft fubUicate, osi è piacere , che passi in yo- 

I 8t£a mano, e simanga pcessg di voi, che sapete 

I Céurne così buon uso ^ Non posso . risolvermi dì 

! venir costì , se prkna non do un abbràcciamen- 

I ito al nostro Sig. Recanati y che .sto di giqrno 

\ in giorno attendendo ^ fatto già uòmo di Chiesa • 

Iddio Siigopipe benedica cotesta sua santa 'e sag- 
gia risoluzione , e faccia sì , eh' ella tomi in 
vantaggio e onore, di lui. Riverite tutti di VO9 
stra casa a mio nome^ e per fine mi dico^ft 

^ $%!• M Si^. uintomo f^dUisnkri^ a Padova f 

j Vtn€iUà Sii Dicmbre ij%x^ 



) . 



fTpUt^e! le }etteire» che mi av^te scritte , 4ac- 
i X che sono in Italia , $Qno in data^ di Piove 
ili Sacco. Si^te ancora ritornato _a Padova? M 
vefcc ripigliate le yostte Legioni ; Siete in istato 
di lasciarvi qui , o' cpsfì riverire ed abbracciar 
i:e ì di che io song impazienris^imo • Mi era sta-r 
t9 dipttp i f:he ^licemente ea guarita la Dama , 



|>er cui yi era convenuto {Partirvi} e'fiehoa^vo^ 
ta c<Misola2ioile pel: essci> e per voi: ma dotf^ 
giorni sono mi % riferita la cecidiva. dell^ me-^ 
desitna , la quale a Dio piaccia di preservare a 
quella dignissinàa casa. Jeri mi è venuta eoa 
l'altre mie 1* occlusa, diretta a^ y0i^ ed è dd 
tidstro Sìg. Ippolito^ il q^ale vi càrica di tito- 
li nella soprascritta 9 e fra essi ne mette del 
suo. Vedete a qual grado di autorità egli sia 
giunto 9 che pòssa onorare al pati* delle Repub^ 
blicfae e de' Cesari 4 Ma non vi stupite • CXr 
che '1 Teatro è sioitto la sua direzione , egli dis- 
pone a bacchetta delle persone Reali i e fin^^ 
dei Conili e Proconsoli Romania A lui ho 
mandata la vostra lèttera, acciocché legga il 
{paragrafo 9 che riguarda lui , e Ìo stato di sm 
casa. Ho detto al Lovisa, quanto mi avete im^ 
posto di dirgli , e ve ne ringrazia . Ho saputd 
qualehe cosa circa V af&re di quel libro f che 
qui si è stampato i ové s'impugnano ^ modesta» 
mente però', le vostre opinioni. Circa questo a 
"Yoce parleremo a lungo : xiSLà intanto mi farete 
piacere di credere il Sig* Efottòr Lodovici i im* 
ntunie af&tto da qualunque sospetto che potreste 
aveif concepito di lui^ Egli e uomo trop|>o one* 
sto ^ e so che vi stima molto , e non ha alcu* 
na parte nella [Pubblicazione di quel libro , anzi 
se si fòsse date orecchio a lui 5 questo non sar 
rebbe uscito . Tanto io so ^ e vi dico sincera* 
mente f e fondatamente^ , a l' amicizia che seco 
tengo dai prìitu aiini della mia fanciulezza éipto 
al predente « non i ciò che aà ot^ìiga a scri« 

% 3 Vej:^'^ 



Véivi > m^ la verità i e voi ben^ siete perso^tso 
<|uanto io sia lontano dal dare il falso agli a* 
nùci i qual voi itti siete , e i|i oui io cono di 
vero cijore .... 

CQmjB i) più forte stimolo di ripassarmene i 
monti , e rivedere per qualche mese 1* Ita- 
lia e la patria è stato il desiderio dt abbracciar 
té i miei antichi amici e padroni; cosi uno d^ 
*nìei maggiori piaceri skrebbe quello di riverire 
presenzialmente V. S. lUma, che da tanti e tan- 
ti anni singolarmente amo ed onoro , e cui . di 
tante e tante grazie mi confesso giustamente ob- 
bligatp . Ma poiché fra lei e me s' interpone uq 
}ungp tratto di mare , e questa contentezza mi 
viene tolta da- suoi e miei affari ^ e convenienr 
%ej resta in qualche parte riparato ij mio dan- 
no dal ricever che ho &tto i giorni passata il 
suo umanissimo foglio, e dal vedere con la let- 
tura di esso, che nell'animo suo nulla mi bà 
pregiudicato né la lunghezza dei tempi > né la 
distanza dei luoghi : in che con' tutta la sincer 
tìtì le protesto j che io pure mi pregio di con- 
servare per lei eguale affetto e cordialità , sen^ 
n veruna diminuzione della mia stima ed osse^ 
quio Ora per rispondere ordinatamente a tutto 
Quello di che V. S. Illmà mi richiede nella sua 
lettera ^ }e diij^ in primo luogo j efa^ di saluta 
' ■ .di 



/ 

Apostolo Z|^o. 359 
ifi cprpoy e di quiei^ di apitng non mai sonq 
sfat^ meglio, di quello, che al pf esente io mi 
i^ai Non sento alcun incomodo, dal pe^ c|egti 
BXìpìy pet altro non poco, essendo questi oltre 
^ 54* e ^e nqn mi fosse succeduta la disgrazia 
della gamba male accomodata , mi parrebbe di 
essere in tijtia nel fiore <leir età mia • Oìii co- 
munemente gli ami^i mi dicono, essere ringiova- 
nito, e per essermi ingrassato alquanto , sóg^ 
giungono aver io qui riportata un'aria da Te- 
desco. Qcca il mia statq in Co^te, le dirò che 
nulla di vantaggio posso né debba desiderare , 
poiché se lo clesiderassi » starei men bétie di 
quello che sto. Godo l'onore di essere ben ve-^ 
dutq ed accolto da tutta la PadronaQiea ; delle 
cose mie mostrasi particolar gradimento y e per- 
chè come lasciò scritto quel Poeta Siciliano , 
préicmia Prinoipum esre ékient cUm munera //- 
kirMipatis, bene spesso me ne dà generosi con- 
trassegni l'Augustissimo mio Padrone, dal qua*- 
le oltre al mio annuo assegnamento , ho rice- 
vuto in poco più di quattr* anni oltre a dieci 
mille fiorini in regalo • Il mio* impiego è di suo 
Poeta y e di suo Istorie© • Nel primo ho trava- 
gliato continuamente : nel secondo si dispongo- 
no le materie , si replicano i comandi , ma si 
va con lentezza , perchè è arduo il lavoro , e 
còhviene ben esaminare se stesso avanti che dar 
di mano ali* impresa • Per altro la Poesia non è 
stata sinora la mia' continua occupazione • Mol- 
te Dissertazioni istoriche ^ e filologiche mi è bi- 
sognato di stendere, per ubbidire a chi deggio: 

Z 4 e que- . 



g<Jp Lettere dì ^ 

e queste ^eitaao sqiolta» e nasoise, ali* altrùi 
$guar4o e ceàsura ^ U. Sig« GentUotti , che per 
molti anm ha, degiumente so^temito il posto di 
BibUotecàxio Cesareo» è stato ultimamente prò. 
mosso a quello di Auditore di Ruota in Roma 
^er la nazione Germanica. Con quella ing'ehui- 
là i che sen:4)re è ^tat^o nuó tostume di profes«» 
sare nelle cose mie» rassicuro, che solo è da 
me restiiÈo di non essergli successore nel primo ^ 
che era vacante. Non era di mia utilità» né di 
mio ripòso r accettarla) e me né farebbe anch* 
ella cagione > se ne sapesse i motivi • Me ne 
sono pit>testato altamente , è ho parlato ih, gai* 
sa» che & M« ebbe ella stessa a comptendere « 
che aveva i miei^ riguardi per ets&e disposato* 
Dopò il mio arrivo in Italia ho avuto il piacer 
Ire d'intendere, che in luogo del Sig« Qentilot^ 
d sono stati eletti due fiibliotecarj, cioè ilSig. 
Cavaliere Pio Niccola Garelli , Medico di S. M* 
eì Sig«^^ AlessandJ^o Riccardi^ Fiscale del Real 
C<msiglio di Spagna » r uno e T altm letterati 
di vaglia i t miei degni amTci^ Eglino davranr 
no assistere al trasportameilto> che un giorno si ^ 
farà > di es$a Biblioteca dalle stanze vecchie del 
Palazzo nel gran salofae ^ ct^ ora si sta fabbri- 
cando sopirà la cavallerizza di Corte, corrispon* 
dente, aUo stesso Palazzo. £ acciocché ella si 
fo$s^ figurare quale abbia ad essere la grandez- 
za del salojoe^, sappia es^iere la Librètia Cesarea 
nutnerosa di pia di cento mila voluiiii y dièci 
mila def quali sono Manoscritti: tesoro ihcom* 
parabil t singolare à Là mia dimora ih Italia sa« 

ri 



.V ) 

t\ siào 2Cd AprUè; Alleva ia animb di feirtSàùrni 
iasm0 a Ma$gb ; ma vói iztl forta acceletare 
la mìa andata \ z.jAtut di trovar S. M; anoot in 
Vienna j e servirlo pdi nella sua andata in Pra- 
gà nel Maggio sedente'» in cui ha detetmiiia- 
to di trasferirsi colà insieme con V Im]peratrictt 
regnante, e tutta la Ccxtè^ Il itiotivo aj^areti- 
té di tale andata si è quello di solennÌ2zare It 
cóToà^àioàe da farsi della medesima Imperatrice 
in Regina di Boemmi^s e credesi Che il loro 
sòggtofiio in quella gran cag^itale bon sari me^ 
no di Jdieci mesi : di che strillano gllAusttiaei^ 
i quali sentiranno il grave pregiùdicb delv^er 
lontana la Corte da loro per taiìto tempo. Q^idlo 
che costì si dice della lenteìsza nel pagamento 
dei salariati^ con cui si procede^ non è che in 
parte vefor nm pure alla fine vengono acomùdtt 
sollievo. Di presente non andiamo creditori » che 
di tre soli quartali : di che però a me non resur' 
di che dt^lermi ; mitktre intanto supplisce la mu^ 
iÀdcttasL Soti^ana coi donativi. Non è poi ca« 
pa^ ^ma lèttera di contehere le lodi del ìtnlo 
Mónaica* Q^el suo gran core , ornato d^ ogni 
virtù ^ non si finisce mai di conoscere i né co« 
nosciutò mài isi finisce di ammirare e di amafel 
tJn giorno gliene formerò uh ritratto più sorni* 
diàiite^ eh* io possa, senza timore che v' entri 
1 adulazione d dove la verità è si evidente • Io 
ho l'ònor d^ essere bene spesso a' suoi >iedi ^ e 
di godere da solo a solo le ore intere de' suoi saggi 
ragionamenti . Qs^l le dirò solamente , che in 
materia letteraria egli j^énetra a foiufa»^ e la sua 

ine* 



.|p«^ - If t r r ^ ^: B? »•! ' r 
tnemoria ^>cqsì /«coada» ^ì^^ pià volte me', ùe 
ioao ^tupitp ; e fra T altre soVvieiprai , . che * uil 
gioroQ esjiepdo entraci ^ dhjporrere 4eUa jfilpso- 
^a degli Stoici, me ile e^tpse i vantaggj ., e i 
difetti ^o|u:a Vallee secte clegti £tmci, réamdo- 
oe le pfoye caa le precise parole di Epitetto e 
di 6eae^a,,yciie stfnui che di fresco aves^e^stu^ 
diato quegli: autori espi^ssamente } quatido .egli 
mi ^e$tò; essm^ più di quattordici anni ^ che 
jp^r manor lu>a/gU .-avea presi ^ Oltxe. aUa\soa 
lingua natntale. parla a.perfei^ìone 1$, Latina, la 
Italiana, laxFrancese, )a Castigliana , è lai Ca- 
talana; e se il suo impeto goderà fe;fma pace, 
avranno in liii un* Augusto protettore' fe scienze 
p le buone arti. Iddio g|i conceda ogni: bene , 
che ben lo merita, e lo feliciti di prole ma^ 
cfaile; per comune felicità e sicurezza* 
: Ma è tempo che io venga , all' affare della 
vedova Qartoli , della quale ho poca (ragione di 
lodarmi , vedendomi sì - malamente soddisfatta 
nelle mie riscossioni, Qiiesto è un punto, al 
qua|e debbo assolutamente dar }' ultima mano 
avanti di partire d' Italia ; e quandQ vegga , che 
ella si,^ ritiri dair onesto, mi converrà abbrac* 
lutare le prQpiosizioni di persona sicura e facol- 
tosa 9 }a quale mi si esibisce di prendere la pos« 
Cessione a più vsmtaggio^er condizioni > e di bo- 
nificarne i miglioramenti, che vi potessero es- 
sere^ à chi fosse di convenienza . Io vado cre- 
ditore dalla stessa di più' di xlugento ducati per 
tate cor^se e maturate: delle quali assolutamene 
te; intendo di . esser saldato dentro il venturo 

Feb- 



Febbrajo : altrimenti in Marzo preodetb altro 
iwisure. V. S. lU^ ne vtedrà il ristretto di^ 
<pntp dal foggio occluso , J-a mia fede e -1 mìo 
buon nome son troppo noti , perchè ^lei abbit 
a diffidarsi cb'ip la fpssa defraudare pè puir di 
yn quattrino r Io non ho altre note, che quelle 
che troverà qui segnate, ed io di mano in ma<^ 
Ilo ho fatte le debite cauzipni e ricevute al fu 
$uo marito ^ C^r^a quel pezs&o di terra della fu 
vedova .^anzago, che n'è stato tolto npn so 
•con qual ragipne, egli è di tutto dovere, che 
ìfì dia alla Partoli il dovutq compenso. Ella 
ben Y^de che nel niio procedere non mi diparto 
punto dair onesto; e cotesta bypna donna do* 
yerebbe una volta lasciare di àndajr cercando 
pretesti, e pagar ciò che deve. Se costei vorr^ 
ostinarsi, torno a dire^ che prenderò altre mi^- 
(ure • Io mi confido nella buona fede e autoriti 
di V. S. IlIAa per veder terminato amichevole 
mente T affare; e qui per fine imploirandole dai 
Cielo ogni felicita ^ mi cpnfe|:mo col solito os* 
lequio • • • r 

jf9|. ^l Si^f fjodavicif AntonU Muratori* 

SOno in Venezia, godendomi gli amici che 
qui mi sono rimasti , è vorrei nel brìeve 
tempo, che ancor mi avanza del mio soggiorno 
4x qua dai monti ^^ poter essw f costi e in at 

tre 



I / 
I \ 



\ y 



tre parti d^ttalU, per rivedére e abbracdlafé gli 
altri amici lontani. Tra questi potete ben esic* 
te persuado , che voi non isardste degli ultimi » 
'amandovi a itiisora dei vostro, meritò^ e del mio 
dovere. Io per dir Vero 4 aveva deliberato», di 
fairvi una visita 3 ma la risoluzióne presa dopo 
la mia parten^sa dàlP Augustissima Padronanza di 
trasferirsi a Praga con tutta la Gorte dentro il 
prossimo Maggio ; mi obbliga a sollecitare il mio 
ritorno colà un mese prima di quello > che io 
m'era proposto é stabilito; Mi è fona di leva^- 
reXquesto spazio di tempo al mio génk> i per 
darlo alle mie convenienze • Chi sa mai ^ se u^ 
na si bella 'occasione di esser con voi mi si 
presenterà più in avvenire? Mi giova sperarlo i 
per consolarmene; Io stimava inoltre conia mia 
venuta in Venezia di ritrovar qualche cosa per 
la vostra' insigne raccolta: ma la disgrazia j che 
quasi generalniente ha spiogliata P Italia' de' mi« 
gliori Godici j die ornavano le pubbliche libre^ 
rie e le private, si è fatta anche qui comune;, 
talché cori mio incredibil dolore ne ho ritrovati 
moltissimi di già passati oltra i monti ed i ma- 
ri in mano di Olafadesi ed Inglesi , che trion- 
fano delle nòstre ipogllé ; 6 sì f iddho della no- 
^ra sciocchezza . Alcuni pochi òltire a ciò , co- 
me il Ferreti Vicentino > ed altri , so che gijf 
vi sono stati dorauriifcati ; Se scriverete al Sig. 
Canonico Salvino Salvini, non vi sarà difficile , 
di ottenere da lui la Cronica Ms. di Ditld Cora- 
pagnl delle cose dei suo tempo , scrittore avaor* 
ti Giovan Villani j e niente ad esso inferiore 
; " ' lieiìa 



/^ 9 9 r-o %. O Z 1 11 Q. J<|| 
adla pulitezza della Toscana favella* Io ne ^n , 
veva una copia recente ^ ci^e ppi feci cpllaasip-? 
pare da esso Sig. Salvini cpn testi a^ticiii esi^ 
stenti nella Strozziana » a fine di pubblicarlàk 
per via della stappa; ma la mia ancata in Gei* ^ 
mania interruppe questa ^ e altri imei^ l^esar| 
idisegni. IJ'mio Codice è ptesentemente in ma? 
no di esso $igf Canonico* Qiii pi:es^q un Qen^ 
tiluoniQ di casa Lpredano v' £a un antico Codir* 
ce ^T^embcaaaceo , contenente fica V altre cpse un* 
ogtra i^tqrica sìnora inedita, intpmo all'4ss«di9 
yp$tQ 4Ua pitta di Ancona in tempo di F^eri-» 
gfi It 9utpr della quale (a un certo Mae^ti:^ 
Quoniiipmpagno , di pui si parla da Giuliano Sh 
raciQo nel VI. librp della luaStofiia diAi^cona* ^ 
Pcoccurer<!( di £uvene avere una ^opia ,^ in easfpr 
che noti V abitate , Vomei ^imilmenti^ » cbe trc^, 
vaite modP di bx trascrivere la Vita di Carlof: 
Zmoy il più celebre capitano che abbiano ayui 
tq i Vene^iaiù ^ scritta latinamente da Mom« 
JacqpQ Zeno, Vescovo di Padova ^ e chemor^ 
nel XV. ^ecolp. L'edera ^ scritta assai bene, % 
cpntien fatti degni di esser saputi dal pubblico r 
^è abbiamo a)le stampe una tradizione. Jtalii^ 
na^ e anche un ristretto in nostra lingua ^ M 
io ne parla in un Tomp de} Qiprnale • - Ma i| 
testp Latino si conserva in un bel Codice tnoxxh 
branacep in fQgìio nella Libreria del Semipariq 
di Padova , donde potrete agevolmc|xtp impietrar^ 
ne una copia . Tanto per ora mi sovviene di 
scrivervi sqpr;i la vostra rappolta > e ciò a i^n^ 
di }itt(fstaryi , fhe mi ricprdp di voi, ech§t^n- 



^éi l È t ± EU* » t 

g0 a cuore k cose voàre^ Pf^oyi di tifinbvftA 
réf al Vostrd Sereqissitno Padrone T antica e. pro^ 
fonda mia riverenza ^ e per line abbracciandovi 9 
mi dico • ; ; • 

; » 5J14- Al Sig. Canoriiùó Paola Ùdglid¥Ììé 
a Brescia é 

P^netia 27^ MàrxM iyi^* 

SÉ soho $tat(l in Italia più mesi senza scrk 
vervi, noli vo* però andarmene , serizaÉ che 
Abbiate mia lettera • Io pàitirò fra dieci o do^ 
dici giórni 9 richiamato a Vienna da ùtì sovrana 
eoitinitdo^ al ^uale noti nii e lecito di frappor-^ 
tt s)dtt$à o dimora • Eira itiiio fermp proponimeli-' 
to di vefnirvi a dare un anuchevole abbraécia^ 
mento i avanti di lasciar l'Italia^ nella qual'oc^ 
castone avrei potuto appagare anco il desiderio^ 
che da tnolto tempo ho avuto , di rivedere la 
fàccélta delle Lapide e delle Medaglie del fu 
chiarissimo Sig4 Antonio Averoldii Illa mi sono 
Mat^ e tronche e impedite le mie misure ì tal- 
ché debbo essere in Vienna dentro T Aprile i 
qUaiido per altro tutto il Maggio mi eCa stata 
conceduto di termine per la dimora » Ghi serve 
non ha sèmpre tutto il piacere > benché pos^a 
Hsultargliene tutto il Vantaggio . Gli è duòpo 
sagtiflcare ali* ubbidienza tutto se stesso , e non 
pèrdere cort una sola renitenza o inutile , o im- 
prudente, quanto può aver acquistato di merito 
Gon. uii lungo attento servigio *^oi ciò non o- 

«tan- ' 



A p d'S f^ o t CI yl!^>E¥r d* féP^ 
stante cofìtiiu3a[tè ad: amarmi ^ còme avete hm 
per lo passato y cesiate persaas#f che pòchtf^e^ 
éoaé amo cohié voi ^ e iiWa più di voi amat 
posso i Subko« 'ricévuta V ultima vostra lettera ^ 
parlai al Dottor Coleti ì perchè vi spedisse Una 
copia del librò del Sìg. Abate Giorgi tanto de-^ 
sideratà da voi, ed egli mi dii^se che T avrebbe 
fatto là sera medesima ì Sinora dunqtie V avretf^ 
e ietto, e Considerato i il che io non ho potutb 
fere» perchè i dacché sonò ih Italia > o sono sta^»' 
to affollato da affari , ó jpoco h& goduto di pet^^ 
fetta salute, dssehdo stato travagliato in part&< 
Colare da più di due mesi in qua , còme lo sog- 
lio ancor di presente 5 da una ferissima ostina^ 
ta flussione di denti e di orecthio^ che qualche, 
giorno e più notti nii ha dato acerbo fastidio è 
Il Sig. Marchese Maffei ^ ha otto gicnrni iticiiu 
ca, che è capitato in Venezia 5 * chiamatovi éà 
una sua lite di non leggerò rimarco ^ « di i nòli 
poca premuta • Io secò mi troVò quasi .ogni gicn% 
Jio^ e spesso spesso si parla di Voi, per cui egli 
professa di avere stima ed amore i Oh perchè non 
abbiamo potuto essdr insieme qualche tempo t 
Qjiante cose Ci saremmo dette l'un t' altro, che 
o ne manca lì tempo , 1' ardite di esprimer 
Con la petiù^i Avrete intesa la promoatione di 
Monsignor Genttlotti all' Auditoi^àtò di Ròta pet 
la Nazione Germanica • Il po^to vacatite di hU 
bliotecario Cesareo , che egli godeva solo ^ ò 
stato diviso e trasferito in due , cioè nel Sig»^ 
D. Alessandro Riccardi Kajpoletano fiscale i^ 
Real Cotisiglio di Spagna^ é nà Sig. Cavalièc; 

Pi4? 




1^ Nicmia Garrii Medio» di & M. O |2r 
fO^tti deigni, 6 di yagUa ccij' 

|9j, -rfi{ iP» /^/ir Catarina, Zfng. é{ f^ezJs^ 

^ Uesta settimana ho aymz^Lta di molte io 
jaliite • Dòpo 35. giorni si è fermato il 
mio sangue emorroidale , e spoo oggi cia^c 
que giorni » cbe tion me n' esce pur goccia ^ 
iVera è che mi contimia la febbre e la vigilia } 
jma giovami sperare , cbe cessata la cagione , 
4^sserana ancbe que^ie^ e le ^ze ritorneranno 
al loro primo vigore . Cradcicemi » fratello ama- 
tissimo, che il pericola è stato maggiore di quel- 
lo che vi ho descritto ^ e che dai Medici si è 
KsmatQ in me un principio di idropisia • Qia sto 
{«fendendo J^acciajo, mio ai^io^ e giovevole ^e- 
^rvativo, e di oui comincio già a provare vi-* 
fibiimraté ottimi effetti . La vei|tura scalmana 
m pai!terò a Medling, luogo di qui lontano in*^ 
tomo ar I5t triglia , e poco discosto ^a l^axem» 
burgo, afSi\e di godervi e miglior aida di qqe^ 
«ta, e più ripQSp, e sopra tutto T amabile con» 
ters^zione del Sig. Conte di S^vallà , che colà 
pure mi attende. Non lasceiiò di scrivervi m* 
^e da quel luogo 3^ acciocché per me non vi 
aiettiate in ti^avaglio f palla v^ra lettera ho 
ifit^so con somqm consolazione 1! ottimo vostro 
$tAt0> e di to(t| di no$tr4 casa, che caramente 
s9Ìa%9PSte a mip nom^» e i9 partìt^are la $i^# 

Ma- 



/\ppSTOi.p Zeno. ^69 
Madre e Sorelle • Della Storia Napoletana c^ui 
se ne parla assai male dai buoni , e assai bene 
dai tristi . Credesì che V autore sia per capitar 
qui fra pochi giorni . La sua opera in Napoli è 
stata pubblicamente condannata e proclamata • ^ 1 

Ha detto male T autore di essa insino del san- \ 

gue di San Geanajo , ed è stato in pericolo di I 

esser lapidato, dal popolo , che per le strade mo- "^ \ 

straval© a dito, e befiavalo. Nel vostro Codi* ] 

ce di nuovo acquisto vi sono molte cose buone , 
delle quali in altro tempo vi dimanderò notizia 
più esatta. Gli akri libricciuoli da voi compe- 
rati soa rari per F edizione. La prima dell^ Let- 
tera del Citolini mi era per V addietix) - scono* 
sciata: ed ora V ho registrata noli* Indice .11 
Medico che mi assiste , è il 5ig. D. Gabriel 
Longobardi Napolitano > Medico anch' egli di S. 
M. e uno de' più degni uomini , che m* abbia 
conosciuti f Fratello amatissimo, addio. 

5^6. ^l Sig. Michele Schenda Fanderbech. 

Vienna 12. Giuinb 1723. 

IO risponderò alla sua lettera del di 29. Mag- 
gio passato con quella sincerità » che sempre 
ho nelle azioni mie professata • II giorno che 
ebbi il contento di riverirla in mia casa , ella 
^ sovverrà molto bene di avermi ritrovato in po- 
^o buona salute, e molto abbattuto da un ma* 
le , di cui tuttavia non mi sono pienamente ri- 
messo. Appena partì ella > che aggravandomisi 
Tomo III. A a que- . 



^yo L ft , T T ,E R JS Hi 

questo con febbre» e con grave dolor di eapo,^ 
mi convaane pormi a letto , e d!^r orbine cfaea 
quanti io^sexo veyauti quella ^era a visitarmi i 
sì rispondesse non QssetQ io in istato di dare ii« 
àÌQQ^^: e fra questi eoa mio rincrescimento ^ 
la putie dovette essere compresa j non oslaote V 
^ppuatamentQ della seconda sua, visita ^ Eccole 
ingenuamente esposto il veiro e pri^cipalve nu>- 
tivOi del i^ìo non averla potuto ricevere , assi- 
curandola iion esservi stata persona > e tanto 
meno^f^uella che mi nomina nella dua lettera > 
da cui potessi estete stato disuaso da.àmmetter'- 
la la seconda volta in mia casa • Tutt^ U te^ 
stanjte , che dal Sig* Ippolito le ^ stato detto 
in mio nome ^ e stato per rappresentarle , cb^ 
del fatto di Valachia impresso aella Gà^asettsi 
Olandese si è parlato nella Corte assai focte^ 
mente ^ e con poco 8>%o vantaggio .* talché io. me^ 
desialo , che non avevei altra conostenjsa del fat^ 
to 5 che quella che era a tutti comune , come 
non voleva condannarla a riguardò della. nostra 
antica amicizia ; così non poteva giustificarla , 
perchè non ne aveva alcuno particolar fonda- 
mento. Ne da lei me ne era stato avanzato un 
distinta ragguaglio 5 né da altti io n' era statò 
precisamente informato j e il Sig- Trapesunz^D 
ìion si è mai lasciato Vedere io ima. casà^ dac-^ 
che giunse qui notila della disgrazia di lei » 
e della sua uscita di Vakchia • Noa le soggiun- 
go di più su questo padttlcolare , se non che del 
dispiacere, che può averle recato la risposta del. 
Sig. Ippolito > io pare sono stato a ptrce; onde. 

la. 



ApòItòjAo Zàito» ^ji 
la sua gentilézza dee usarm<^iie comtatimetttS # 
anziché farmene rì^rensiGihe e querela : Mi iiJt 
stordito di molto qiielia {larté diella ^ila lettera^ 
nella quale mi aòcentia eli' id dbbia taaoctota^ 
mefite cooperato alla sua disgraiia toa dm niié' 1 

lettere di scinso équitoco • QtlaU {KDfhàno essate . 

queste mie lèttere »^noa lo so 'w Tutte le céfS.fi • -^ ' \ 
di quelle efae ho scritte a Iti^^ ilon ;neiio cto 
di quelle che ne bd rìcevuee, Maa kk mia ffia»> 
no-, e non v' ha parola , tióa che periudd ^ per 
cui io possa rimproverarmi un si ixitò difetto »* 
Ho 4^tà risposta òhtara i quanto tiri vehne scrit- 
to da lei y né V àa bisogno <tl8 io ricorressi 
agli equivoci^ parlando coti per^na> dacui to^ 
leva essere inteso ^ e caraitando di cose ^ do^ 
nulla em di mtstetioso^ o di occulto. Del resto 
Sig. mio, il assicuft di avete in me a^ll' occasio- 
ne iln bu^no ed onèsto amico , e che non sono 
di qoelli che amino belle prosperiti , € abbaa^ 
donano nelle disgrazie . Anio li persona , nott 
la fortuna degli uomini onesti e dabbene » nel 
Humei^ de' quali bo cooosciuto io ogni tempo 
esser lei; e se tale fiiofi t aversi conosciuta ta 
ogni tempo, ia fidssuoo avtei preso ad amarla * 
Compatisco al sommo la sua sciagura s «^ **^ 
questa dee regolarsi più con la prudenza , che 
con la passiona • S' é c!àlutinia e impostOca « la 
confonda con la ragione, facendola rappresenta- 
re, quando ella atoia ftloio , o coraggio , col 
mezzo di qualche autorevole e accreditato sog- 
getto o chi pu6 gtuaUatk . II Si|. P^i«èlp^ ^^ 
Valachk è in cokicettè À un Prinlipèoifr rett^ 

A a a dis- 



171 L^BTTEl^RE DI 

^scernimeato , di alto sapere , e cf illtt)ata giu^» 
tfdzia^ Cerchi mezzo di far dileguare dall' ani- 
tno eccelso di lui le vane ombre ^ che V artifi* 
do de* suoi malevoli vi avrà fatto nascere. Sa- 
li glona maggicn: di lei il farsi veder sollevata 
m Caccia del mondo dalla mano medesima, che 
Pha oppressa* Né creda , che i Principi si ar- 
_ iDSsiscano di fiar conoscere al pubblico di aver 
cerato talvolta sei lor giudicjt e ricusino di' ri* 
^trattarCx una conosciuta ingiustizia f 1 tiranni se 
ne arrossiscono , e lo ricusano : ma non i Prin^ 
cqpi giusti^ ma non i Principi saggi , i quali 
anzi si ascrivono a gloria di render ragione a 
chi la merita, e di risarcire 1* innocenza per con- 
solazione dei buoni , e per confusione dei mal^- 
▼agi • Cotesta ha da essere la sua vera apolo^ 
già, il suo lodevole manifesto: io glielo consi- 
glio da vero amico-^in isaitto ,v\come gliel ho 
consigliato anche a voce. Qgni altra scrittura, 
# sia stampa , o sia a penna , e poco sufficiente 
alla sua discolpa » e niente utile alla sua quier 
te , Si lasci <](u»ta volta reggere da chi deside- 
ra ogni suo maggior bene/ e se non altro gra^ 
disca la sinceriti de) mio cuore j e per fii^e 
dono • • f 

597. jil Pt JBcfrnsrdp de K»hù. a Vèntziét. 

■ • ■ » 

NOa hp prima d'ora significato , come età 
tfl^ :det»itp » il mio anivo in questa città 
. aV^ 



A p o « t o t o 2 È a o. iff 
a V. P. M. Rda . EUa f ià d' altra parte, anè 
intesa la mia travagliosa indisposizidne , e mt 
he avrà compatito. Comincio da qualche di a 
respirare i e adempio il dovere vetio di lei sensT 
altra dilazione* EUa sa di avere uà buon setK 
vidore in queste pacti da potersene valere àUH 
occasione: ond' è superfluo che di vantaggio io 
le offerisca r opera mia. Questa matttoa è paj^ 
tità r Augustissima Padronanza alla voka di Pran 
gai La Corte la y^ seguetido alla sfilata • Io 
prenderò pure le mie mosse dòpo la metà del 
venturo . Crédeva di esserne dispensato : ma ud 
replicato coman4amento ha deluse le mie sperane 
ze^ e messa alla tortura la mia obbedienza « 
Mons. Gentilotti ha rinoticiata» ne* giorni sono, 
ai nuovi Bibliotecarj la Biblioteca. Guai a me» 
se Capessero eh' io li chiami Bibliotecarj • Va» 
gliono che .il loro titolo sia Prefetti della BU 
blioteca Cesarea . Il suddetto Prelato partirà di 
qui fra dieci o dodici giorni, ma si fermerà qual- 
che mese in Trento sua patria > talché nqn vucd 
essère in Roma * che verso i primi di Novem* 
bre. Pensa di passar per costà verso la 0ne di. 
Ottolnre, dove sarà facile che gli si^ a riverir* 
la , avendomi più volte tenuto ragiona^iiento <fi 
sua degna persona. Ho poche novità letteraria 
a comunicarle. Il P. Bernardo Pez ha dato foo* 
ri i mesi passati il iV. tomo del suo Thtsémnis 
nwiidmus Anecdùtommi ora travaglia sul quin* 
te. C^ uscita contro idi lui una forte scrittura 
dalla parte de* Gesuiti 9 pet aver lui due anni 
sono impugnalo un libro del P. Gabdello £t#[ 

A a } ncsio. 



^f^ L X t r E K E B I 

||e|k>9 inHtpl^tó Cura salutis : nel qual libro 
éicesi cbe . il P. Exenesio sostenga ^ che i neces- 
sario a salvaursl T essere cbila sua Compagnia. 
dio* Giorgio ficcard ha dati fuori in Lipsia due 
tdmi in foglio di Scrittori Istorici mdìi atvi^ 
tk maggior parte inediti» Tra essi tira a se la 
curiosità il Diario istorico di Mona, Burcardo^ 
gU Cerimoniere Pontificio sotto Alessandro Vlt 
# poi Vescovo df Otta .- una. parte de) qual Diar 
Ilo , sotto il titolo d' Idistori^ Mfcana , fii puiv 
Uicàta pockl anni sono dal Leibnizio. Del Lu- 
écvvig ò uscito il V* toi^ delle fyli^Hiai Aiss^ 
J>ifl&m4tHm , da me non ancora veduto » Monst 
Gentilotti mi ha detto , che vi sien molti do^ 
coment! notabili « Nel I. tomo della • suddetta 
iraccolta dell' Eccard sta impi^ssa in primo luogp 
)a raccolta di tutti i documenti del Codice Vdi^ 
ridano , per cui il ^P. Pez e *1 Sig. Gentilpeti 
vennero in contesa, come è a lei noto • Orsùf 
Mn vo tenerla più a tedio. Riverisca cttstints^^ 
éiente a mio no^ie cotesto P« jLettoee, e si aì^ 
sicari die sono a tutte prove «.«^ 

yipS» M /• Pkr Catirin$ Ztm f 4 FèntniM p 

VunnA 19. OÌMOno 1713* 

MAjrfcectà paisàtp son rìfiomato in cktà dalla 
naa brìewe villeggiatura 4t Medlin\ Due 
«odùe sono stato a* questi ultimi giorni a pì^ 
iki Padrone » il (piale f epjlicatamente mi ha co- 
ittasdato di portatmi oo« sollecitudine a Praga i 
^ viag- 



Apostolo ^eho* 375 
viaggio che m'ificomoda per la spesa», e pei* 
nw^ti altri riguardi; ma bisqgna ad ogni' c^st^ 
ubbidire. Iddip me la mandi bidona in que$tai 
5tate, lo pÉirtifò verso i ij. d«l venturo » Oggi 
è partita per Praga la Padronajiza 1 ||Sig. Conte 
<fi Savallà pratideri anch* egli la sua^njos?^ den- 
jtro sei giorni. Vienna rimarrà presso che deso- 
lata. Non si sa quanto $ia per istarne lungi lu 
Corte; ma quanto a m« $on dì parere che qui 
.sarà di ritorno alla fine di Ottobre, o al ed- 
^ninciar di Novembre . S. M, ne fa un mistero 
^'suoi: fila: più ragioni mi persuadono a così 
predere . Jeri solamente Ito 'ricevuti g|i esemplari 
della Storia Fiorentina del Segni . Mercoledì ne 
dari paste ifi Augusta ai Sig. Cavalier Settima- 
na A voi il Wander Aa ha dedicata la ..Stor^^ 
di Cesena 4d Chiaramonti y e a tné il Irfoiis 
<^tnot4fhiA Piséma^ mandandomene un esemplare 
puiitafnente legato .^Di Cristoforo e di Guiniforte 
troverete notizie negli Scrittori Bergamaschi del 
Calvi, e nell' Efemeridi di Bergomo del medesi- 
mo autore . S' io. avessi notati i- lt30g;hi , dove 
presso diversi scrittori si tftgìotia di essi, po- 
trei saddìsfarc alla dimanda- die me ne fate . Di 
Cristoforo non ho veduto altro che le due De- 
damàzioni , che costì '^ono fra* miei Mss. in 4. 
Il Calvi nomina qualche altra cosa di lui . Da- 
te un' occhiata air Alberti neir Italia , e a Jaco- 
po Filippo da Bergamo nei Supplemento Istorico • 
Dovendo io partire per Praga nel mese seguen- 
te , potete scrivere d Sig. Canonico Gagliardi , 
die non si affretti per farmi avere \1 Dittico, 

A a 4 ma 



^jé Lettere iri 

ma tenga' lì trattato in sospeso » quando peri 
non gli riuscisse dì ìarmelo avere per 4o« zec- 
chini ; nei quaì caso non dia tempo ai posses- 
ìsore di esso di pentirsene. Di salute sto bene, 
fuori delia mia flussione di denti » che spesto 
^esso 9 pa: hcn dir dì continovo ^ mi molesta • 
Spero tuttavia che anche di questo ini liberai 
il caldo deÙa prossima state ^ Salutate al solito 
tutti > e in particolare la Sigè Madre v Fratella 
amatissimo > addio w 

^99. Ai Sig. Michele Sehenৠf^uiàerhcbà 
a Lugié 

Viennd 30. Giugnè 172^* 

DElia sua ietterà scritumi di Liege sòtco li 
ì9» dei corrente mese di Giugno, io |ion 
risponderò che a una s(4a parte 1 traìasciatido 
quella, sopra la quale sarebbe superfluo che io 
replicassi di vantaggio, dappoiché ^a Jia presa 
la risoluzione, che le è sembrata la* più conve- 
niente , anzi l' har quasi eseguita con la impres- 
sione del Manifesto • Non è già, ch'io con 
questo silenzio concessi di acchetarmi alle sue 
ragioni , e di approvarle : ma per non potete ^ar 
altro le risparmio la ;io)a di più lunga lettera» 
Solo le soggiungo, che mi si accresce per tu 
guardo di lei un nuovo rincrescimento > iauden« 
do che la sua scrittura sarà stesa con aaimo« 
nia e con fierezza di espressioni t e tión m*im^ 
porta f eh* ella in me ciò ascriva a genio troppe 
^ man* 



L/ 



A I» é is T L o Z E ir ! iff 

ttunsuetOy o troppp timido» porche io creda sin* 
cero • Qiiaiitb alla seconda novella ^ ch^ csUa mi 
. scrive essersi impressa nelle Gazzette di Olanda 
contro di lei ^ e che non per anche mi è sor* 
iko di vedere nei foglietti di Amsterdam » che 
Jk^o due volte alla settimana } io T assicuro 
«ih^^da me letta e considerata le fa anài bene ^ 
(phfe male ^ e/1 gazzettiere con la insusistenza 
della seconda dà ' un gran tracollo alla prima • 
Innanzi di passar oltre > la prego che saivendò- 
cìi in avvenire^ tralasci di più fiurmi parola del 
suo Manifesto ^ e della pbrsona contro cui é di- 
rètto. Per que' libri da Francfort, ne* quali com- 
presa la (Condotta e la legatura» ho speso, co- 
me le scrissi» cento fiorini per T appunto^ ella 
non si prenda altro fasti<^o • Ql^ti resteranno 
plesso di me per mio conto : che sé bene molti 
di essi non sono al mio gusto , suppliscono tut^ 
tavia parecchi^ altri di essi» che mi son cari* 
Non voglio che per questa cagione ella abbisi 
minimo nocumento. Sto accrescendo il mio pie^ 
cioio studio ài medaglie Imperiali d* argento': se 
in coteste parti gliene capitassero di buone» me 
lo significhi» concia qualità e loro prezzo: di 
che le, sarò con molta obbligazione • fi con tut« 
ta «ncerità mi rassegno. •#« 



«00. 



SA^ato v&rsò;^ meMd gl^ne, dopo^ei gìttìL 
ni ^ "Éiek^G^ <ii Nicìmnao viaggio» sefto il^• 
Hrafo ift questa ciltà veramente raagniiiM, erféc 
^a dipinta resìéei^a Imp^iale. La Germania cer- 
tamente ii<^ ha Tégàale, d ^ia per la gwadeis- 
ìpa del suo reèkito, ^ sJa per la «obiltà delie 
fafcbricbè , e t?ia per la €estìtii?;iofte del sito j 
^dande «empre eoa dolce salka vergo ìj/inottte ^ 
jteve sta ift pajawo ftaperiaie; a cui paco sidu- 
fa fatìcgi ad arrivarvi con due «èli cavalli , inas*. 
^imamente quanto vi «a ghiaecie ^ o poco as^. 
flutto 41 terréno . Qyattf ^ eittà concorrono a fc«rr 
mar tetta Praga j cioè la Città nuova , la vec- 
el^ia, la piccioli , ed il Rasefain ^ dove sta la 
€orte ; alle qùtìì alcuni aggiungono come per 
qtrinta 3 ghetto de^ fibwì ,• ehe tuttavia iionc 
^prlamente the ima paiite" della GitÉà vecchia 1 
H feip.aHògglQ 51 è nd cuore 41 questa ^ poco 
fontano da quello dd nostro Sig. ^J^nbasciatore ^ 
t 4tl Sig.' Gpnte Colialto . *f on è molto biìó- 
no, e lontano assai' dai p§daw5o; ma ^erò che 
. fra pochi giorni mi sarà questo in altro cangia- 
to sopra il Raschin, e più dafipresso al Sig. 
Conte di Savallàr e di ciò T altr' jeri ne feci 
instania al Padrone, che con bontà si è esibi- 
to di farmelo avere, avendomi accolto con di- 
mostr azioni distinte di affetto s le quali però vor- 
'. . , "^ / ^ ' rei ' 



rei cbo fossero ^.ecaiitpagnate da qualdie sussidi» 
di datìaro , esseadi^ae iq per dir yeco al fresco»- 
te assai bisognoso : fna ne dubito niolt<» y perah^ 
so di certo esserne in rtstrette^sl* <bi dovrebbt ' 
•ommlnistrarmelo ^ Ho visitati questi libra| : mt 
nulla vi bo ritrovato di bqoao , e stanne peggu^ 
di queMi Vienna, che peraltro he stanno malis^ > 
simot Praga poi è per se stessa assai popolata <; 
. onde figuratevi quàl ella siasi a) premute , do» 
ire da tutte le parti cpncorrooo persone d* ogòi 
c:dndi;5Ìone a vedeila. Vi ^ atte^idono di giorno 
in giorno i Principi di Lorena, di Sassonia , e 
di Baviera.. }l giorno di Sant- Agostino, che è 
il natalizio deir Augustissima , ^si f apprensenteri 
in un gran teatro fatto a cielo scoperto una Te* 
sta teatrale, componimenti del Sig. Parlati , la. 
quale costerà oltre a 50. mila fiorini^ Il luogo 
sarà capace di più di (Quattro mila persone ; Tr)§, 
Io non sarò di si fatto numero | poco curando** 
mi di sofierire un incomodo di più di sei ore ad 
aria aperta , e di notte , per aver ^oIq il diletto 
di uditia ; e Io stesso farei , se fosse mio prò-" 
prio c«rDponimeiit0 • Sono contentissimo deiP 
acquisto fatto della medaglia di T«Quarcino àn* 
che per le joó. lire. Se bene in essa non sS 
legge , che DIVO JITO , ella è però del Tu. 
ranno vivuto verso i tempi di Severp, e primi 
«lei XXX. ^ Tiranni y ( se pur non m' inganna tà 
cnemoria ) e non' mai dell' hiiperador Tito , co- 
me si vede dalle fatte^zze di lui . Ella è delle 
pm rare, che si veggano ne' gabinetti ; e pochis* 
iime «e ae trovano • Il primo a produrla credo 

che 



|4lo .''^ L 1 1 t E R E B i 
che sia stato il Tristano • il Sig. Ippolito iàeà 
anch'esso in Praga fra pochi giorni. Esso mi ha 
«erkto di aver ricevuta dopo la mia partenza 
tadto la cassetta col Ms. ^1 Redusio , e eoa 
ie medagUe, quanto l'altra con Tacquevite , e 
altre quintessenze ; Non Éfecendonilsi da roÌ al- 
cun motto del Sigi Andrea^ noti solo credo che 
non sia aiicora tornato i m^ che non ne abbiate 
.ricevuto altro avviso. Vi raccomando V oèclu» 
al Sig. mi^o Suocero 3 e per fine vi dò un S€»a- 
vtssimo abb^acciamenlo con un dolcissimo e te« 
nerissìmo addio ^ 

ioti ÀI Site Andred C&mAto. m FefttxJa^ 

. Préii4 14. Sm^mhrè 1723. 

LA vostra lettera mi ha recato molto 'piace*'* 
re i per aver inteso da essa il vostro felice 
ritorno in Venezia ^ e con perfetta salut;e à Di* 
mani anch'io parto per Vienna ^ annojatissimo 
di questo soggiorno in Praga, che sopravvenu^ 
tomi dopo il mio viaggio d'Italia, ha finito di 
smugnermi la saccoccia \ e tanto più non àven« 
do ottenuto verun sussidio , ne mólto , uè 
poco dalla bontà del Padrone ^ né meno per gli 
Manoscritti » che gli ho presentati • Giovami spe* 
rare che le-C9se ahdranno meglio in' Vienna ai 
ritocno della Corte ^ che però non vi sarà pro- 
babilmente» che dopo la metà di Novembre. Il 
bel Museo di Medaglie trovate in casa Sorauzo 
sarà quello probabilmentse > che già cento e pia 

anni 



\ 



anni fa raccolta da un Giacomo Soranzo , Sena^ 
tore studiosissimo di si fatte co$e , Il Sig. • <Sia«^ 
corno Socanzo figliuolo de) vivente Prìoccurator^ 
é Gentiluomo amantissimo delle buone lettere ,< 
e raccoglitore di ottimi libri : onde non sari 
cosi semplice a lasciarsi uscire di mano , e - di 
casa per poco un sì fatto tesoro f Rendete per 
me grazie aU'Eccmo 4^ Riva delle due meda-; 
jlie, delle quali mi ha &vorito« Colui che in<9 
taglia diamanti^ è un valentuomo ^ ma èunpaz*r 
zo solenne • Se vuol guadagnar molto , perchè 
intagliarvi un Nerone > e non più tosto un qual*-' 
che gran Monarca vivente? Ringrazio Dio , che 
)a cpsa' non sia andata a gusto de) l^adrpne di 
quel diamante : ed io feci benissimo ^ non ca<» 
rìcarvi sopra le instanze. Là cosa si sarebbe un 
giorno scoperta ^ il che mi avrebbe dato o dan* 
no, o rammarico )^ p almeno discredito.' Siate si<* 
curo che non ne parlerò con persona • Mi sari 
cara la lista de* libri promessavi dal Cavalier 
Lioni, al quale però non bisogna creder tutto r 
anzi convten creder poco. Riverite a mioi\ome' 
l'Eccmo Sig. Gio. Domenico Tiepolo, e ditegli 
che non mi sento in disposizione di privarmi del 
mio medaglione di Valente in oro per meno di. 
cento ungheri • Sessanta- due volte ne ho rifiuta^ 
ti. Risolvendomi di darlo, anteporrei a uguaL 
prezzo Sua Eccellenza ad ogni altro • Anzi p^ 
facilitargliene l'acquisto, mi oflferìsco di rila's^ 
darglielo per loe. ungheri in questa ^nnniera.^ 
Cinquanta sieno in contanti , e gli altri ciò- 
quanta in altre medaglie d' or^ > o d' argento 

scel- 



Mclté d4 ttim^ist 4^e tante du^cate thè ^* 
tìtìxi^é I giMni pftssatt 6oinpèraiqiMuiiii altro bei 
iM^^ione d' ota 4» ^eso di ^ttto^ uogberi , 
ctm la teila di GaUid&o^dt ima patto» e dalT 
^dfa MA un. fecole étm daira, e pdfó di lio<k 
M , e la le^Uda yìr$uì ffMiini An»Mti 4 All' 
Bearne. Sig» C^valterQ Astònio Nk>cemfG^ fate i 
ariiei conopiiinató^ c^tte t>ure riT^Hte il Stg^ mìo 
SoòotfOi A 11 Sif< Cognati i iSor&Ues Nif>otiiii^ 
c.in i^attifolar^ la $xg* Madre < Aàéio di cBore. 

^ 6oa« ^ Jil;^ Antimi^ FklUsnS&i* 4 PéJUvà* 

■''."■- ; i. ì ' " • . ■■ ■ 

PAltto ditnatii per yieana, é ISiscto più che 
coateneo quésta gran Città ^ soggiorno ptiif 
m» tra^j^o. tttCwioéQi ei diipendiaso* No» voglia 
però pÉiStiniKifK^ , seosia dar risposta r a più vosti:^ 
lettere t chtt da molto tempo vi debbo. Q;;ieir> 
Abate; Nidcdlino Alcalà ,^ lioo avendo potu^ 
to ottenere in Vieiàtia quello che si. èra préfis* 
sd^ e (^he «i teneva é,cmói so che p^t tutti l 
ItK^glii si Va dolendo di ine^ come cagione rde!^ 
li sua poeo (mena fortutia^ quastdìè io gli a** 
vessi passiti milL«f&|: presso il Eadròne a fino 
di àrgli del indie. Amico caro, ^0i mi cond-» 
•cete^ d vi paxìò da tiomo di otìore e di co^ 
•eidnsaw Io ttoti so sovvenirmi di lui^ senta 
considerarlo come uàa persona, alla quale to . 
cercato in Vienna (jiaentire prima appena lo cb^ 
Avieeva eii vi^a) di iar del bene ^ ei, alla qu^^ 

le 



U to cori vefkà di noii ^atel* m^'&t$0Hdel tniH 
toji né ixieiii €0l< peAsi^toi tioti che, coci TippeFai 
Q.^n ù v^ce. Di teifiù d'wai vai» te par* 
iato con lode i ^ i^vorevolmeiitdv al Padfotio •• 
gU ha ppecacciata V> a»^cì«il e la: stiitia; dei G»» 
Yàlìcti pia accreditati > e ia particolare del Si^ 
Coote di ^avalla i om Consigliere ìmifM di 
Stato): c^ì meszo del qbaì Cavaliere gU >o ÀCr 
m ottenere da S; Mi ìia regalo di 4^6^ ifioriaii 
gli ha dati i per . quanta, mi è ^tato pos^iòiìe ^ 
amichevoli inscruziotìi e consigli ^ -^i se gli ave»» 
se seguiti 9 noii jsi sarebbe fatto t^ltnale d^sé 
m^deiimo * Qii^sto è tutto quello che ho fatto 
coiìtrò di lui) è se eie merita th'egli f^arlt di 
me , e mi promulghi per aiitòre delle sue: dis- 
grazie 5 Io faccia i^ure & suo grad0, j:h*i<^ ^ieki 
'perdono di cuore ^ e ptintò notimene inquieto^ 
Qj^el contrasto eh' ekbi eòn lui iit proposito del 
Conciliò di Costanza è stato tra iSteé due dascH 
lo a solo, ed appena egli usci di mia camera ^ 
che più non me ne sovrehne ) sicòoim nòti m 
sovviene di certe inciviltà e impertiinMzè kh'<l!gU 
mi (tifse pochi giórni prima dì sua partenxa àat 
yienna» e che avrebbe^ in tùtf aitriche nktai 
commessa indignazione e rissentitnento : làdbvtt 
io le .intesi con non cucanza » e le ributtai tam 
derisione e dispifezzo • Tanto ho voluto scrivere 
a voi, non perchè credessi di aver bisogno di 
discolparmi con chi mi conósce si a fondo f 
quanto acciocché conosciate il genio di costui » 
che in Vienna, In Praga, e per tutto dove Si 
e fermato, si è fatti dei poco^amorevoli^ sema 

sa« 



')84 LfiTTERS 9 1 

sapersi faire alcun* amico • Sono por pochi i left* 
terati^ che al sapere aggiungano la moderaziotie 
el j^udizio! Vengo allo Schendo, di cui prima 
che da voi , mi fii scritto ^a altsi circa la sua 
venuta in Italia. Non ho ancor veduto il sua 
libro > né mi curo di vederlo. Egli ò anno|ato 
di vivere 9 ostenterà a ben guardarsi. L'ha Gol- 
eata con uno » che ha le mani assai più lunghe 
di quello Che egli abbia i piedi veloci. Volen- 
do ^ lo potrà giugnese da per tutto. Per j||tro 
me ne dispiace grandemmte, iqentrenoir vo«?ei 
sentire arrivar male a persona , massime di inia 
conoscenza • V ho persuaso e a voce e con lab- 
tese a non lasciar correre tal libello alle stam* 
pe, in occasione ^di avermene lui parlato nel suo 
passaggio per Vienna . Avendomi egli risposto 
ostinatamente ^ gli ho scritto che più non me ne 
sidrivesse, essendo inutile dar consiglj a chi non 
vuole ascoltarli . Può essere che eia V abbia pò* 
sto in collera > poiché né vidi più sue lettere , 
tè più seppi novella , se non ora che da voi 9 
é da altri ne son ragguagliato. Uora tarda ^ é 
le occupazioni dell' essere su le mosse non mi 
fehno esser più lungo i Risponderò da Vienna ad 
àltn punti delle vostre lettei-e. Salutate tutti di 
Vostra casa, e ^pvam^nte vi abbracdp • • • • 



ffoj. 



ioj. -4? A ^^^ Caterino ^^fta^ 4 VèntxjU^ 
Fìcnna \. Ottohr0 1723* 

DI Paolo deUa Pergola yi scassi alcune cose 
pec cQAghìettura , ma non per certezza 9 
essendo in Praga sprovveduto ài libri • Q^ ora 
tra le mie memorie ritrovo, che egli fu Letto- 
re pubblico di filosofia in Venezia salariato dal- 
la Proccuratia^ e che morì nel 1451. ia cui a 
di 1 6« Dicembre gli fii nella Cattedra sostituito 
pomenico Bragadino con assegnamento di ducati 
d^oro 150. ultra ilìas^ pensione! ^ qnas ipse Aid-^ 
gistcr PohIhs recipiebat a Pracuraiiis^ pr0 simili 
IfHur^: siccome sta nel decreto pubblico esi« 
steste nel Voi. L del Catàstico delle scritture 
appartenenti a^Sigg. Riformatori p. 19^ Di esso 
Paolo trovasi impresso ia Lfiiè'Ca^ siv€ C^mper^ 
dium Logicts in Venezia I48i. e 1498. e un 
altro libro de sensu ompùsitQ & divisa • Venetiii 
1500. in 4. al riferire di Cornelio a Beugfaem 
nel suo libro IneunabnU Typographiae p. io5« Al- 
tro di certo intomo a lui non sapi^ei suggerin^i • 
La Pergola è grossa terra nella Marca Anconi- 
tana: e perÀ potete dare un'occhiata all'istoria 
di Ancona del Saraceni stampata in foglio; ed 
è tra' miei libri costi , dove può essere che si 
trovi qualche menzione di lui. Che egli sia 
stato frate » parmi averlo letto in qualche cata- 
logo; ma non posso assicurarlo. Ho qui rice- 
vuta la vostra lettera degli 11. Settembre, Ve.- 
Tomo IH. B b ^ nu- 



hutami per via di Praga: dalla quale coh^red^ 
dò il dolore da voi avuto, per non avo: rice* 
Vùtè mìe lettere in quell'ordinario, eh* io mi 
tfóVaVa fierissimaniteiite tfavagliato da dolori dì 
fianco : i quali sen2a darmi respiro mi continua^ 
I^0fi0 per io spaialo ^i ^6* ore» :D* aUpra iiKiua, 
grazie a Dio^ più 0od me ne sono. risentito, 
ta Preii(;4 de' se^ni del P. D. Hypne^ da Sehh 
( Dòme fintò } è un opuscolo f arissiiiio « Io ve ne 
dirò il vero autore ^ cfaé fórse a voi non è no- 
to « Egli si è st^to il famoso Daniello Barbaro: 
in prova di che dirovvi csservene un'altra edi- 
zione in 8« senza luogo ^ anno ^ o stampatore, 
ma Col medesimo titolo: dietro al i^ale v'ha 
una lettera di esso Barbato alla MonernssimM tir 

. ft>irtUQsissim0 Madonna Giulid Fèfrtta; dove ù 
dichiara di averla composta coifte per sogno « 

, Alia Predica succedono cinque Sonetti intitoliti 
del Dubino: ma non v* è la Canzoiie che mi 
accennate • Una copia di questa edizione è ap^ 

, presso il Sig4 Ab< Recanad , impressa tatfói ia 
carta di turchino é Dell'opera delle Medaglie del 
Doni io ne tengo ^ né ho veduto, che il priino 
iibro • Pregovi dì copiare il . titolo del libro , e 
tutta la lettera del Doni al Conte Collaltinodi 
CoUalto • Qiielle che sono nelk Lettele dell' 
Aretino , o . di diversi a lui t per ora noa mi 

^occorrono. Ha data un' Qc^iata agli ultimi mesi 
degli Atti di lipiia >. e aM' ultime Sezioni del 
Tomo VIIL dei Supplementi ^ e £no a fiotto il 
passato Agosto^ e £no a tutta la VL Sezione 
di detto Tomo nuUa ho osservato , che sia ia 

rispo- 



APOSTOLO ^ è U 6. iif 
iispocta ^la Difesa dai Sig.Cmte Fàghani pd|« 
blicata ^el Toteo L dèi SuppiemeiÀt del Gior- 
nale • ^lamefite^bo veduto kaisi n^Ua iz. 5o- 
zioaedfi'Sufpl^iéÉti dello stesso Tonio la me- 
desima IKfesa di lui tradotta in Latitò alla fi 
75* ^ "f^^JZ* Salutate la Sig. Madre» e tutti 4( 
casa • Iddicf Signore vi feliciti e éoos^cti» 
Addi© . 

604^ ^i ^igé Andrea Corniiro • ^ rmfì^M . 

, VknnÀ p. Ottobre 1723^ 

PRi^n^ di rUpeAéere a due vòstre lettere itu 
coavìeae 4arvi un diserbo ^ in cui è $1^ 
cessarto cbe usiate tiètta la vostra atten»io«^« 
^ tutto U vostro ansare i Non ho potu^ dis[>^c^ 
satf^iaie) f^r esser tfoppo obbligato al SigrCar 
CoUMto;» che me de inc^atka^ uè ho S2^ut^ a 
chi aaeglio appoggiarlo ^ Ch^ a voi. £jCcovi ia 
ristretto il hisagda^ U Sig. Qonte Collalto ha 
avuto l'oQdre di avèlla per ospiti gjli Aùgustis^i^ 
UH Pidrom ndla loro andata con t^tta la Q»-^ 
te 4i qui a Praga i e li ricevette a Pirnitz « 
luogo di $)|a giurìttiizione in Moravia j alla^ m^ 
4el cammino da Vienna % Praga • O^ nel ca^^ 
torn0 che dabboa fare Jiel mese seguente da 
Praga a Vienna , «sso^gi* Conte av,rà V ottuer 
ili servigli aPimitz la seconda volta ^ ^ dij^ saia 
ai 12. del ^venturo Novembre. Ora come qoct 
gloHìo cade in ^fexsA » così dovrà egU aervinli 
di peste al pianta » e fiarse anche alla <^na « 
B b a Desiai 



, / 



||| LfiTTEltE 01 

jDe^ideca pertanto di esser costi provveduto del 
^glior pesce, che possa aversi nella presente 
stagione. Acciocché meglio ne intendiate il bi- 
«gno^ vi spedisco qui occlusa la sua lettera 
iltessa • Voi ben vedete quello ehe avete a fare • 
Primieramente far la compra di 300. ostriche 
delle migliori, e più belle ch.e possano aversi: 
di due o tre gran rombi : di i^aa dozzina di 
grossi 6 scelti barboni : di moki belli granci? 
porri , di uno o due astesi , ma ben grandi 2 di 
qualche bel brancino, quando stimiate che p>ost 
6a durare t e di ciò in fine cl|e crederete éssce 
più raio e stimato j ed io crederei che una doz- 
zina di orade dalla corona non sarebbe ciisag^ar 
devole • Qjii cosa rara si stimano le nostre cappe 
«ante , e i gambarelii rossi col corallo • Ma ìq 
son pazzo, volendo suggerire a voi ciò , che 
voi sapete meglio di me e di chi che sia • Se- 
condo, intendervi col Sig. G>nte Savioli per la 
spedizione dicendogli esser cosa 4^ servigio del 
Sig. G)nte CoUaito per uso di S. M. e spedire 
per istaffetta ai 5. alla più lunga dd ventura 
mese ogni cosa^ acciocché sia qui pec li S.delr 
id stesso meses e subito possa esset inviato à 
#imit2, onde il Cavaliere T abbia ;^lchegior- 
ho avanti i ii. per poter dar ordine, che sia 
allestito ogni còsa • Terzo , indirizzare con la 
ttaffetta la provvigione suddetta , e fatta' metter 
da Vói in buon assetto, acciocché per camminq 
fotisca meno che <«ia possibile, indirizzarla dico 
S.£. il Sig. Come Antonio RéwAédÀo di Col^ 
f^to a Plrnitz per Vienna . V ìncoiiiodo è gran* 
-. . - ' ; de^. 



Avoirótò t i ^ à. ìlf . 
iti xnsL r obbligazione sarà inagglofe é Veagt 
ora alla risposta alle vostre^ Spedirò » tosto che 
abbia fnodo 9 danaro a mostro fratello^ pet co^ 
tninciare la lite coi Nj U; Pisani^ RescrivecIdA 
al N. U; Daniel Balbi ^ e al Sig. Conte Fagna^ 
ni, risalutateli a mio nome; e fate lo stesso y 
vedendoli $ ai Sigg« VianeUie Cassani^ ed agÙ 
altri. Finisco salutando tutti, e ici particolate 
la Sis^ Madre i e carameofie vi abbraccio è 

60 j. j/Itd Signors Lnisd BerialU^ 4 ì^tntxààì 

Alla> gentile nùn menò che "^^dlerosd Signifra Luisa 
Bergali i jépMélo Zeno felkiti e sedute . 

thennti 9. Ottobre 1723.' 

HO ricevuto e letto con moka s^ddisfaziòtfe 
il Dramma intitolato Agide , uscito dai y<^ 
kro felicissimo ingegno , di cui ayete voluto far-* 
ini parte a, titolo di gentilezza!; benché la ve^^ 
jltra modestia voglia f^melo credere a fine, di 
èórre^ione^ Esso a dirvi iincer^ménte Tatiirncy 
iliio^ mi è piaciuto sov^a q'uaifti ne avete ^t 
r addietro composti) ^ eredo, che ssCr^ («r dare 
Ib stesso giudicio a Éivòr di (fucili che andrete 
in ay venire, scrivendo j mentre con T esercizio e 
Gc^ io Studio la vostra poesia fi va. sempre, pie 
ripulendo è perfe^tionando , a somiglianza dei fiu^ 
mi reali ; che più créscono S acque nel Corso ^ 
e più acquistano di limpidezza. L<^<3ivi poi sdm^ 
miamehte i che iasdati i sogjj'etti &vobsi e pou 

Ibi ^ tÉsai&i 



)^# t i T T É R X P r 

mmai^ vi siate appigliata agli eroici , i quali 
jMÙ degli altri portano la fantasia a ctif cose 
gmndi e sabKmK« e 4ov€ meglio s'intreccia col 
ik»bile ranipr<)5ó) Al genio' molle del secolo 
piaciono sulla scena le passioni più delicate ; ma 
spesso ancora ^en nauseane^ , quando non le tro? 
vin ineschiate con le più fottio V une setvonp 
.^* altre di cpn<iin)ento , come in ben «Rispósto 
convito ^le dolci vivande le aspre e le amare f 

Jl viluppo del Dramma iè facile e naturale; ma 
e seiog]tme|ito è jnirabile, non potenda e$skT 
meglio pensato ^ condotto » Al primo vostro cen- 
ile, è alla prima congiuntura te ne manctejÀ 1* 
esemplare. A riscontro dei versi vi sar^ di c^uanr- 
do in quando qualche coserella da pie notata^ 
più per farvi cosa grata , dacché me Io richiede- 
te , che perchè ve ne fosse bisogno . psso poi 
^ digi^i's^ioìf^ della protezione del Sig. Conte Bar- 
Mi , cui divot^fijeitjite riverisco i e; insieme della 
{mbblica comparsa sopra qualunqùe'teatro : 3 che* 
un giorno non ptià mancar di^ccedere» jLedif- 
Scolta che jincontrate , non vi «gomei^tino • I 
' ceminclamenti di ogni imf^resa sono malagevoli/ 
disastrosi : ma finalménte la maligniti cede al 
meritò .• Nel mio soggiorno di Praga ho parlato' 
a luqgo di yoì col Sìg. Pallavicini , che non 5ì' 
5»zia di onorarvi e jiodarvi . Salutate tutti i vo- 
sÈxi 3.' mio nom^ , e al primo incontro fatte lo 
stesso ajllà ij&compairaibile Sig. Jlosalba , e a tut- 
ti quei di $ua casa i e per fine sé anch' io pos- 
ao fare in queste parti cosa alcuna di vostro 
piacere e servigio , ptef^wi dt taón lasciarmi di- 
sutile 



\ 



AposToto ZsN9. 39J 
«olile e ozioso» Sute sana, e nella vòstra buo. 
Ila grafiia mi raccomando. 

foé^ M P* Pifr Cmnrf9 Zeno , ^ FèncTua . 

J^ienn^ l6. Ottobre 173 3. 

IQ {^^ fie sto tranquillo^ e quaii semine in 
casa^ dove da hiidlti giorni ia qua il "sfiato 
Ini tortnen^a ostinatam^nee^ e di quando in quando 
mi sc^prav viene il tnio doiot di denti • Ogni giot- 
no più invecchio , e dalla salute sempre incorno- 
datai be^ me ne accòrgo; La Cóttt ha di&rito 
il SUO arrìyo sino ai 23. del venturo. i^Uorale 
cose mie- è ri^gliéraiino inigliore as^tto , o dì- 
verrannp peggiori. Me ne . accòrgerò' ai tarimi se- 
ffàz perchè chi sta in Cortèi raffina la vista* 
Speriamo bene , perchl yoì atesso, me ne fate co- 
raggio. A l^alentino ho fetto intendere con buon 
inchiostro il vostro e mio risentiriiento • JEgli non 
è tanto pazzd, quanto sagace e ifìtolente. vQl^i 
é carico di dèbiti\ e no« lascia tuttavia distrai 
altri nella tràppola. Ha più di 15. giorni, che 
non rbo veduto, fe a voi óra e facile Tindo- 
viiìarne ia (ragione • Ma non importa • Ha più 
bisogno di me^ die d<@i é£. fiorini^ che ne hz, 
carpiti. Bisognerà ch6 venga bón le' mani piene, 
^e vorrà essere ascoltato r perchè '0^ ^ue chiac- 
chiere nulla bado. Più e più volte' gli ho det- 
to: siete un gtattàe' oratore: rna- non avrete msu 
modo da persuadenti a erèdieré. Le due prime 
kttere della inscrizione di Tcnrii^ ' 6- 'C. taq|ò 

B b 4 ;, ; pòs- 



59to . L E T T E K E o r f ; 
|ioss:ono tBsefe interpretate con probabile éòtii 
ghiettwa secohdo il parer vostro Genio i Caih 
quanto secondo quello dd Marchése Scipione 
Cai Ciauiii. H male/si è che non trovo esem^ 
pio, che la semplice C in nome di famiglia sia 
posta nelle lapide a stgmliiEare la Cldudia^ po^ 
tendone indicare più altre principianti dalla me* 
desima^ e tion lo trovò nemméno della G* pres- 
sa pet "Ctniush Potrete date pere un'occhiata al 
iibro delle Note antiche Romane ddl' Orsati in 
foglio y che sta fra* miei libri • La vostra co&- 
ghiettura per altro lui sembra più semplice e 
na;turale, essendovi moltissimi esemj^ nd, Gru- 
tero di inscrisipAi poste al Genio di persone aa» 
che private % A ^* MXVIIL z. ho osservata quo» 
sta di un Ì^f>M> posta in Novara^ addome 
lo stesso #S|^ col nhiéu^ 41 qudìa di Toribo » 
GENIO 
% ATTItlIi VlBIANI 
CLARVS LIB. 
Per i|ap tion vi dia fastidio il prihdpio ààlz 
|aj«lii 4iai gémtivi G.CENNIÌ4 VIBIÀNhmol- 
Ij^imé èssendone nel Grutero> é negli altri Cdl- 
féttori con tal principio ^ senza, che que' casi 
veggansi nella lapida retti da alcun sostantivo • 
Vi soprintende DIS. MANIBVS , ovvero D. U. 
come dicono inolti * Nella linea seénnda ddL* 
insctizione non farei cangiamento a,lcuno a - ca-> 
priccio^jm^ l^gS^^lj come sta ^ LARTtt)^ doè 
Létrtidiaei ^miglia di eui v*ha nel Grutefo più 
d' una volta memoria é A Ck CDXXVIIL y* v^ 
t^ una LartìdiA Philemsé Né &€tia scrupolo il 

vecie^ 



A P è i « O & « Z fi K O • f9| 
Véikc!» ttiia fìu^glia con tre n^mii Jmi4 Zi^itjp 
Wi4 JPrisci^ai l Romani antichi in Repubblica 
oon l'arrebbono ^sato: ma ai. tempi degl' lippe- 
ìradorì la cosa andò altrimenti;, é ne ton. pi<»ie 
ie lapida • ITiitto qnéseo siari detto » percl^è me lo 
comandate '• 

Poiché siete inteso a finir P Elogio dei Baor 
chini ^ non vi dimenticate^ sé. non ì\ avete £it^ 
to ^ di vedere qoanto ne dice il Do Pin in uno 
de' due ultiim tomi della sua Biblioteca Ecde^ 
siasdqt.^ dove ne park lungamente , esaminane 
do il librò de HUrMnbU EcHesmsfUé ^ri^niìfM 
di esso Bacchini. Nelia V. ScMk deUa Éikio: 
ttca VèUnn del Gnelli si riferisce un di. lui 
JPanegkicO) e in altre Scanzie aiàcora* Là Let« 
tera Latina del Baccbini al Magliabéchi sta in* 
serita a e. ,97. del Tomo XV* àdle N0nvHles 
de U RepuUique des Lntrei ( mese di Gennajò 
1689. } di Pietra Bé^U ^ I^M. Petr$$s BéUéens i 
Elia è sopra una medagUa pretesa di. Scipione 
Affiicano:.in cui dall'una parte si vede la ,te^ 
$ta nuda di lui con intórno ?. €. SCIPIO AF- 
RICANA e dali\altra lo stessa Scipione sopra uìl 
carro trionfale tirato da quattro cavalli cpn un 
ramò di palma nella destra. Il Baccbini la at*-^, 
tribuisce a Scipione Affiicano il niinòre i Ma 
sappiamo che detta medaglia è un' impostura evi* 
dente « Il Vaillsuit si è guardato di riportarla 9 
come pure il Patino ; e l'Orsini 9 tra le altre della 
£unigUa CòrndÙa nei loro libri ddìe MedagU« 
delle FanugUe Romane. Oliando i^' intese i che 
ai tenqpi di Scipione si lasciassero sci^lpiré sule 

hMf- 



liièds^giie |Sfi^;déf^itta£iifi> Goiiuitcib queito 
iiSéeinpitli' Cesare dòpo la pikatu^ pei^^étua 
dkà^uÀta dà lui r e gii- ^nàplir ^he se ne acf^^ 
^«òdo Àneenori, dome dì Siila ^ è di «quache aK 
ikoy scftio o éahhiùsi e épatrastati» p fa^éi ma^ 
^ìfestamente • Trpvansi bei^e nelle medaglie Ro^ 
piaae le testé di Romolo , «U Ta?Jìo, di hfuma , 
di Tulio ÒstSKò» è di Aqcq Marzio i m^ que- 
^e forònp fìtte' battere héi ttmpì di Cesare e 
di AogU$t(> da chi pretendeva di trarre la di9^ 
penédt^2L da afcuno di'ldro. Co^i la fanlosam^* 
daigHa di Òf asiq Coélite hr fatta b^tttere assai 
. (dopò di lui, e »è ne trova anche con la leg* 
^enda , ^ cui app^isce , che (n festitulta da 
Trajaao. iromitnio al P. Bacchini, ^ alla det- 
^a sua, Lett^a^ ideila quale egli si ^^ iptèontro ^ 
ifL questa pf^posizipne } ma lym (tfiiì^ -cosa che 
persuada in contrariò. Riconosce bensì perfelsa 
Hit' altra medaglia éaisteìit^. »el- suo Muserò , ove 
itttornp alla testa leg^i PRp/5?iIP|QrAFR^ICÌ 
è nel rpyescia^ oltre di detto di 4;ppra y* ha la 
leiggeQda CARTHAG. SVBAC V uQa è ^ta a 
Jmitazipoe dell'altana; il Bacchiai riconosce que^ 
Mft per falsa, e spstkii l'altra per vera, laqua^ 
ìe lera nel Museo del Comunendatore Càrlanto* 
Ékk> dal F62ik> in fl^ma f Pél sup |:ibro poi éU 
fUir^ihià EfcteHétncé oriiinihìs y di cui si è 
iirto r Articolo nA {^ornale, non v' ha altra 
edizione > che quejfa- di Modana • la collezione 
delie aMichità £.braiéb& 5 ed Ecclesiastiche promes- 
sa dal Fabrizio non mai vide le stampe , e sta 
àÀeora iiett*idea di, chi l'ha cencepuU* Ed. ec- 
covi 



.ftf^ì dettò da me quel pòco xhe ha, saputo » in» 
tomo alle dimande fattenù# Non mi rioaiie^ $t 
pon y salutati tutti di nostra casa , e in partii 
cibare la Sig. Madre, darvi con un aAèttooao 
|ibbra$:ciamento un cordiale addìo» 

* f^ennà 30. Qttohr$ 1723. 

VI lingraaiìo delta copia della lettera del Hoh 
ni al Conte Collaltino , e la fatò avere 
fMSk primo inccmtio al Sig.|òpnte Af^onip Ranv 
baldo, che ora si prova a ^imit;^ • Dei Fasti 
jLetterati di Bergomc^ ncm ne spajti&, che ina« 
nùnatl dia yoi . Il Calvi potrà forse sugjjeriryenc 
9ialche altro. Il Jeatro dalie donne letterate è 
opera «di Mpns. ^Francesco Agostino ^iììz^ Chia« 
sa. Vescovo di Saluzzo* E^ in ottavo , elotro*: 
verete fra i miei libri Biblioteca|>iÌ jtegalo ia 
carta pecorma ^vecchia «^ Il libro dei jFasii 4el 
Plaistorfido del Guarini stampato dal Ciotta ^ mi è 
del tutto sconosciuto,. Il Ciotti stamj^ bensì ia 
12. un libro di Rime di diversi 10 morte dei^ 
GuaiÌDÌ .* ma questo non porta seco il tltplp èsL 
Fasti ctel Pastorfido . He goduto sommamente là 
affbrietta parratarai dei quàdtietti piiniati di casa 
Nani, ia pergamefia dei RUI§m Nkotm Laelii 
CoJmici dovette essere il froptispicio delle Rione 
di costui Mss. che pro&abilinefite «aranm» andk* 
le a male depo ^levatone SI frontis{»ciò» Clusa> 
se fosdeto co^ differente dalle Cftittom» che m 
• - " / ~ tro- 



^9^ L E f T B R e; E i 

èrovano ipipresse di lui ^ il quale bene io . s»« 
peva che ia aggiunta al home di Niccolò ne 
portava im altro Incdtaificiante dalla Intera L f 
ina non sapeva che questa getterà dincrta^ie qiiel^ 
to di Lelio. Isella medàglia singolare Che di lui 
tengo beliissiiTia di quarta graildeiza, leggesi in- 
torno di luì N. B. COSMICI. POETAE CjL. ; 
la qua!/ leggenda ora tutta intendo mercè al vo^ 
^ro a Wisp • Ma chi sa i se quel Lelio fosse sé-> 
condo nome di lui, ovvero quello di suo padre? 
Tèmpo fa il Prete avèya^un grosso Ms. ih 4^ 
di Sonetti e Canzoni del Comisco, intitolato .* 
RtrHtn vnliorium jtagments imipiunt ; diversa 
dalld staitnpalo. Sentiremo cosa scriva d^ Rt>ina 
il P. Baldiifi pirica le sue . medaglie • Jeri ne ho 
vedute di assai belle iiibudn nttmerp» e. ih ogni 
metallo presso il Sig. Conte Ar]p!(tt $ Capititno^ 
di Ufi reggim^to Cesareo^ che 4* ordinario at^ 
in Transilvaniat dónde per nda insinua«ioìfe.fa. 
cohdur qui In tre barche sopra il Danubio i in 
ubbidienza ai com^indaxnenti A S.M. più di^^ 
salita Upide antiche i colà ukim^ente. per ti 
maggior psarte d:6yatesi» a. fine di abbelire. eoa 
esse, al di fuoti il gran vasor, della Biblioteca 
Imperiale, che ora ^i st^ fabbricando «Mst sgca^ 
agiatamente una di tssf barche i debelli per sé 
.^tessei si è aperta nel Tibisco , e andata ^fecM 
do con U perdita di XIX. Inscrizioni » le quali, 
esso Sigi Conte mi attestò essere le pia iK>ta^ 
bili «Spero tuttjivia che Sa M^ <Urà t^i ordini^ 
die le v^emp rìcupfirate dVl letto . del fiume 
in cui ^iaci^Mf Cr^do^che di tutte avrò co^Ha^ 

é ne 



A P O S "^ ^ ^ e Z B M^Q. jVy 

^^^ ne iacke<^pc]^itoif amente; atvisatQ* Sqqò im« 
paziente di sentiire <;bè finalmente sia cosa ^iuiit 
ito il Salio • Ha più di un mese ^ chje è partttd^ 
^i qui. Salutate tutti > e m particolaire là Si^i 
Madre. Il Sig« Ippolitb^ ed io yi abbracciàm9 
caramente ^ ' r \ ■ 

éio^. Al Pf Oir: PrMcesoQ Baldini i 4 Hms . 

Ficnfts 3. Nov€f9Art 1723. 

Essendosi ^eso la F. V. M. Rda' a miS rì'^ 
guardo un tanto e tale incomodo, col for- 
mare il catalogo della serie di meda^ie Impe-* 
rhtii in argento 9 da lei raccolta e posseduta^ e' 
col segnarmene ad una per una il valore ; mi 
ha fatta una grazia cosi distinta , che già mi 
C0nfesso impotente a potergliela retribuire : onr 
de per questa parte io le sarò sempre mai de- 
bitore, e resteri sempre accesa a suo credito la 
mia partita • Per V acqmsto d' esse ritrovo ben$i' 
assai meno difficile jl trovar modo di renderla 
soddisfatta; non volendo io dilungarmi dal cpn-r 
veniente , e sapendo di avere a trattar con per-» 
sona così intendente ed onesta* Ho letta e con-; 
sMerata con attenzione tutta la serie \ e se be- 
ne mancante di molte teste , che sono T opiar 
menip dei gabinetti , la trovo pregevole , t ta- 
le , che dà a conoscere il bupn gusto di chi P 
)ia raccolta. Se mi riuscirà di lenirla alla mia^ 
che 1^ numerosa di quasi altrettante , crederei 
iclie ella potesse f pmparire co4 qualche decoro , 

"^ e far 



j98 t E T t 1 IL E ri) t 

e fat U sua buQU figw» tra moke altre • tfi2 
sta cbe si Mavemalmo del preèto • ILitrof« ve- 
jramente U notato da lei i citiscuna medaglia 
as^ai ragiodèv^e » quaócki a parte a parte vo* 
glia considerare , e per ehi quài di questa i e 
qual di <)aellà né tenga bisogno • Ma eUa éee 
riflettere^ che io le compero tutte ad uct trat- 
to^ ci che dellK metà quasi d*és$e^ tra le qiu- 
lì ve nel ha pafiitlenté ben molte delle miglio- 
ri 5 mi trovò ^à provveduto « Contutto'ciò quan- 
do élla sé riè contenti ,' io le oflfefisco pei" tutte 
le descritte nel suo catalogo»^ oMdptese le Gre- 
che i ^ U tii di Gordiano il vecòbiò 4 di Giù- 
Ita^ ^ ^ G>staritÌ0ò^ le offerisce^ dissi tiiece&to 
effettivi scudi Rchnani : ta tttet^ avanti che me 
ne facciaL la spedii^tone i e 1! ailtr'a metì diie nie* 
à dopo arrii^até 4 II denaro le sarà costi rimes^ 
aa a mid cònt^ìf coti polizze di cambio f e quan- 
do si conchittdiL il tontràttd,- penseremof ai mo- 
do di fai^ ventre^^pÈ^via più jsicura e spedita ie 
stette «iedaglie. Perìit^^ms^VasKione è legitti^ 
mità di esìe nulla le scriva ^ non tanto petcàè 
'«Uà tutte me le mailtiene ben cotiservate e fo* 
Intime j quanto perché cocioscc^ e la sua inte» 
gritàf e la sua intelli^sa. Attendere a rispo- 
saca la sua tt^^xbne» e con essa- r onore de' 
su^ cttmaiidimMti • 



«09; 



yUèf^à $' Ntffemiri 17 ti» 

LOreoKÒ Ve&iero » Qfa(ìlaòmp ydiesé^fìo f fl| 
ìfiglii^old di. Qiaanaoidreii ,5 uno de' più insìr 
gni {Senatori dei f^M toinpQ nella R<^Ù)Ììqei « 
Suoi fratti! i^^0 l'Uigi^ X>omehicò i FÌ99C^ 
SCO t Q Girolamo ; dal quale discetiriqiid i Vo- 
oieri della contrada di & Vitoì dettt i Biòndi » 
cioè quelli dei Vivente Proccutator Girolamo ^ 
e fratelli 4 Doi^ehicò ^ t^raiicescoi fratelli di Lo^ 
renaci ^ occiH)ariQ uii bei pósto fra i letterata 
coi loro conq>o4Ìmenti che ne sono rimasti i Lo- 
fenid ebl^ dvie figliuoli ^ Luigi , la cui line) 
maschile id un Giambati^à si speiise i e Ma£« 
&oi^ <:be fa Arcivescovo di Còrfiij e Prelato di 
ijioltà xlòttrina y ^ Ì9|i8n^ in particolare nella 
poesia ^. U dQtt«^ torentio fu allievo e cre^o 
deir Ar^ìPMl^ ^ poscia ia0 grande aniic^s <ed e« 
gli fo^ <;h<9 fé stampate iil Venezia in 4^ 1 due 
primi Canù di M^fisa di efiso Afetino 1 dief ptU 
«la 6^iio-4isciti dallQ stainpé ^di.Aócoqa aitmh 
ti . e .guasti i pi:eniettàidOyi u^à »>a l4ttjtìL « 
Ili 5 ««Ila qiiiile %\i dicfe : «f tfiR#r »/^ 5 |^ ^ 
mo ^Ih eh' ié iè frd i né esHt ^^^'f iglt 
^ssend^ assai giovanetto i eoa ia dketÌQii^ deU' 
^.tetinò suo tMeéttòi impresse net i53Mny^ 
nezia in S. uti libro in ottava rim( ditriat %| 
tre Canti » e intitolato 2>^//4 PuttMa trréimi dm^ 
ti tre : al ^nate te aggiunse m altw k iw«^ 



4o6 LiTTtaBi^r 

lo canto col titolo // Trentuno , Non vi maq^ 
do il preciso titolo né dell'una, né ddl*altr^(L 
pera; poiché 1^ unica copia eh* io n*ho vedutsi 
di questa edizione , mo^tàratami dal Sig. Barone 
Filippo Stqschiq Prussiano , era difettosa di fron* 
tispicip • La P* E é dedicata dalli* autore all' A- 
jsetino, e in essa oscenamente descrive |a vita 
e le azioni infami di una donna di mal a&re* 
Il Trentuno è Sfritto contro una tal Angela Zaf- 
fetta, soletmis^ima poltrona , della quale garla 
l' Airétino in pia luoghi delle sue iètteée » e al- 
trove. Lo intitola il Trentuno^ a riguardo che 
essendogli stato fatto un oltraggio dà colei » se 
no vendicò ben viUanescamìsnté , ma secondq 1^ 
abuso che allora ne correva, col farla aChiog- 
già condurre, e giacere In una sda notte con 
trentuna persone: il che yà sporcamente descri- 
vendo in coteste sue stanze ^ indiritte anct^ es- 
se all'Aretino . In fine vi sonai due Sonetti d^ 
incertp in lode del Veniero , senza però nomi- 
narlo: poiché avete a sapere che né nel frontispir 
ciò, né, a pie delle lettere d^elV Aretino vi si 
legge il nome di lui. Credo bene che nel fron» 
tispicio della P. E. stiaci il suo nome di^gnatD 
dalle sole lecere iniziali L» V. V» cioè Lofaai- 
zo Veniero if^eneziano. Di tutte le suddette op- 
se vi recherò ora le forove • h Che il Venia» 
fesse giovane^ quando scrisse i suddetti versi , 
ricavasi dal primo SQn^9 d'incerto, che vista 
Ipostq nel fine: 

Z^gi duf9fg»o Utoory^no io éàti^mt^ 



A p Oi s T o t à 7: ^ li o. 401 
Se ntf'CAovtnt in ita' tanto discorre^ 
Che nàrakU non i quel ch^il del vele. 

II. .Ohe il Tf^pttié^e fatta dare alla Zaffetta se- 
gmsst oel r53][, a ctì <. *tf Aprile in Chioggia, 
|o jdtce r autóre ^el fyìe di una stanza : 

Mestati a Chiéxji ^fùtili cempagnofii 

Scrisser per ogni muro ^ e in ogni vÌ4^y 

Cerne 1^ \^giela Zaffa nel trentino 

yrf sei d^ aprite a e hiexA ehhe il rKi^uj^vvo* 

m. Ci\9 ^s%f^ un Gentiluomo di casa' Vq\icro 

quegli, ^he la sì fatt^ guisa si vendicò di co. 

tei 9 af^arisce da una stanza ^^ che cominciai h- 

<:^do' parlar la medesima: 
/-" 

.. fienksaem per eontgMa qists^M r quella 

f JbuMiua di, mia. kwma sett^. 

C^me il y«i^iBR le sa , farà novella , - 
i*erfk'^rir non li wisi kn 4^ ^^ forte . 

S nelU ^ijltima stanza più espressamente si 
^ec«Pia la ragione del disgusto a lui dato , apo* 
st£bfimlo<(egU alk stessa f la quale , sé' male 
nim mi ricwda^ Gbiamavasi la Z affetta per es-' 
«er figlinola di q» xjaffe Veneziano , tanto pa-^ 
fimdoim aver Imo m una ^lle .Lettere dell' A* 
idiao ) 

. jineìtik v^ la mid parte de f henerei 
Sen tmMiém , fitt0 a dmarvi 4eni 
Tme III. Ce ^ f?»- 



40:» '. I^BtTSR£Dl 

fìfnni 'a ^Mnar per fnn4 rhmrem%,4 i 
JUa ddl balvìtn mi fk élMa:.iémms • 

ìy. Che r dutlte della P^ £. fesse tjArtmà Vi* 
n'uTQ y U che più di tutt» ^ tfóc^sario di pD»& 
vare^ e cbe fossis ili età. gidtntiiis ^ pUòr'^a^ 
vàrsi chiaramente dai seguenti versi della V» 
stanza del Qmifsi tk dlfliar S% £«:^ > :^^ 

PwVtó tliì % onesto in^dzxir ad àovèrq ^ 
Se fìóh ire vòlte ^ atmén sèfnii'ifi annoi 
Peri il ifoftro Lorenzo Venieìiò 
tìk fMiso orÀ il cervello s saccomanni : 
Jt^ditdppHU y non th^nh giovin , ìdrì Piero S 
Tiiìii t àòi U pHtidke Massi fanne ^ ecc. 

fiernatd« jkfoàttà^ m l^raòdiiè À^ éf^la Mn^ 
noye^ vìyeixtQ ktMrato ^ e «aò dtU^Àlff€àdemia 
di FraÀKia^ uòiw quant" ahfi tuli óra" fecèstieri 
versata Aellà «ogàiéiéiie de^i ^òrittèri tt^iani, 
sopra i quali ha fatto delle osservazioni parti- 
colari V paci* « lungo at nostitt f»f^&sìé# bei 
IVé 'X^sttà detU Mmagiailk % t^ i^^^. i4d»"« 
2%i« Niilla per verità egli 4Ìdii:^li' io èSÉ-^RI* 
pessir ma co^ tutM ^ poAsè^ (tì'^vt €rakrif«l!U 
Io» poicbè mi rts^tinOà là ktlbàk 4k ^Éfikirk^qM 

è li ripeseaiiM- i/>d €«t<i^<^'^^^ >^^ "^ 
ca. /a iS^tf creduto altre volte che il Didlàgp M 
Maddalena e di Giulia > ehè ha per titolo la Put- 
tana lèxt^esmi kok fksM^ Mi^yÉtefin^^ éd^M i^ 
renzji f^fd^é me èllkxfè . Io m$ fmAki/ìIt^k que^ 

^'* sta 



V. 



i A P o i r ò i ò % t ì$ 0: ^ 

m crtd^mca sìtfm Ipte'vfrH detf Aretino mah 
sitw nel àn0 €ntif9lò ut ^u^m di Aétnfpì^aì 

. A^ perck Ì9 sento' il prés^^tf aU^otlére^ 
Vft' oferettH iit qfief, eéimhh galme^ 
Vi mtmdé hora im mi Iddf^ e trAAitott.^ \ 
Intitolarsi là f^tànu Mrfunté^ 
Dal yknieiré t oneste mio cr^Me y 
Che m'ì in dir mnl qnsutró ihrMnte iHnmOe A 

io uni foniuva ultresì in . tede, opmione | perfAi lek 
Méiiiè le Foyer pag. ^f6i dèi xm Diàhto d« 
Marllge ed. in 4^ mokndo diro nnà pu^aha eoa» 
sumatà dsàe la pauóLùz del VeMiert) i D^ 4ì^n^ 
do %/eélteeé nn Poemn di qetàttrè canti { notate 
che lo dice di quattro Canti ^ cfòitiprésoirt aocki 
quella del Tfencuóò ) in otttet^a Hmà^ ùltitlflsh 
té la Puttana ettante di h* V* Y^ dot di lA^ 
iwaò Vetìlero Vmeaiané^ tnaHoscHtH ^ ma H* 

I Copiato Éopra fintptesso in P^eneì^A l' dnno 153 1^ 

pbMohbi eh' io mf trsf ingaktiato i e ette i tìtrsi 

[ ^ptalieiaii riguntdàé^anè solamente onesto Poéms % 
òifU iùteéo tmtjeens tstert dertisJintmnoMtò deif 
jiritin»i noft^nmé che il Ttentuaci ddla Zitl^ 
lètta 4 Poemd di 1 14^ stdnU parimentt ié otta/M 
rimd^^ stM^patìf dietrer il prim sètto il medtsim 
fMs$ nomo dot fritta : àmpofrìminti tun$ e rat* 
irte ipiiifìfMnii pie disp^tez/oti^ipiìemostrmoi., 
è Mia per le paiole ^ sia per li eemimemi iitkumà 
t^ela i pi$$ Atmìmìi the si possano id^re. Ih 
terrò Memardim Afelià i detto altrimimi f Armei^ 
Uno i in im$t Uttéfa M Antiwo in da^a di T^ 
C e a fino 



L t T t e ti £ I 

rf$iè li 17. Ottobre 153 1« tli scrive ^lla pbe 
deguei Ho vediito di nuovo uti2( puttana erraa^ 
te y condotta insino qua a Turino • Ah l la bel« 
la festa che le fanno queste madonne intorno , 
7*4/ lettera si ritma trs qtitlle che seriib state 
scritte alF Aretine y stampate in Venezia in 8« 
in due i/olumi fer Francesee Afarcàlini • £Ua è 
.del /. voi., pag* 104. j^est- Arelio si fe^ poi re-f 
ligioso Benedettino della Congregazione di Santa 
Gijestina di Padova » e prese il nome di Don 
Pacificò, pag. 300. del suddetto volume • Giio. 
Alessandro Zanco in una lettera in data di Pa« 
dt>va li 26'. Marzo ISÌ6. prega t Aretino di vo^ 
lergli inviare la Zaffetta corretta, e la errante» 
La lettera è sottoscritta : Io AlessandJ» Zaneò 
détto Poetino • Sin qui il Moneta • V Aretino 
patirla in più luoghi , e in più opere di Zxiren^o 
Veniero. Nella Commedia della Cortigian^^rr« 
2IL Seenn VIIL E chi non istoriar lieto 3 ndenda 
le piacevoli invenzioni di Lorenz/^ Feniero f^ 
ntlV AttoVf. Scavili. E non vorrei che tu scé^ 
fossi ih un trentuno , come incappi A^cla dol Mo^ 
f^o. Forse era. cotesto il cognome rero della J7^ 
fitto. Vedete anche l'Aretino nt'Rogionam* a a 
^j* e in tolti e sei i libri delle sue Ledete • 
Ma basti il già. detto intorno a Lorenzo ^ 

I due sopraddetti libelli di Lorenzo impressi in^ 
Venezia nel ijji* forono ristampati a Lucerna 
in 8* con lo stesso titolo nel 1651. ma nel 
fiàntispÌ2Ìo dagli eretici stancatoti, o da. chi vi 
assistette alla stampa, vi fu ^giunto il nome di 
yJUoffeo Femeto Arcivescovo d{ Corfk y con um 
• ' . ^ */ fi- 



irlt^tto, non so se vero i o finto ,. di que^«l 
Prelato col di lui nome all' intorno > acciocchì 
tanto più comt>arÌsse qual ne fosse V autore , taiQ^ 
to in fronte della P« E. quanto del Trentuno > 
mutando a questo secondo un tal titolo in quei-» 
lo delia É^ma. Egli ha più di 30. anni ^ 9 
pure sovviemmi benissimo di aver avuto in mai» 
nò un esemplare di questa ristampa nella bottCM 
ga di GÌ04 Negri llbrajo ai Frari , dal qtìalè 
non lo comperai , perchè me ne richiese ùnd 
scudo i e allóra mi parve caro: che ora he ét^ 
rei per esso anche quattro. Essendo periti ^ 
esemplari detla prihià edizione ^ si sparsero 
quél della seconda ne* paesi de* Protestanti i e 
de* Riformati : e toe<fò al ndstro Maffeo Venie- 
fò. Prelato innocentissimo, di entrate anche egli 
nella lista di tafìte altire persone Ecclesiastiche^ 
fregiate delle più venerabili dignità, della GWe- 
ii\ alle quali fu imposto malignamente ^ e dia- 
bolicamente lo sfregio dì essere autori di opere 
ifqatìdaióse^ oscene ^ ed empie . Se ne vorrete 
csempj^ questi miV saranno alla mano. Vói bea 
vedete, che autore legittimo e Indubitato ddla 
P* E^ e del Tn sì è stato LorenKO Veniero^ pa» 
dre di Maffeo^ e noti Mafieo figliuolo di lui • 
Lorenzo gli scrisse, e It pubblicò nel rjji.ndl 
qual tempo Maffeo noh eira ptobabiùnente ancor 
tìato . Ve Ile ^ttete assicurate air Avvogheria 
nel Libro d^Oro* Che pòi gli eretici abbiapp 
diffamata tal Cosa, e l'abbiano divulgata e cre- 
duta» no mi $tupiscoi ma che il Sìg» Rolli-, e 
riialto più che U Sig. Ab. Salvini 1 tanto erudii^ 



j 



I 4/^4 >L ia r T £ R B PI 

[ HfyXà Cfe4aM, e 1q dicano» ne resto tcmàt* 

l tewsflto. Voi fatene U difeftinfiUapiù savia ma.- 

^ trfera, a più.pmprìa« T<Jtto il dettovi da me 

. p^A i da ridirsi : Aia T ^ detto m>Io ^ acciocché 

f m Ceciate la seelu coovwevole* 

['% 

i ' , 

DA Picnìtt mi ifiriirf #1 $ìg, Coatq Cullai- 
^, che aveva mfffv^to il pesce , ottimo, 
«ano, e frescg, 1^ deUia migliar qualità 9 che si 
fo^sfi potuto desiderare , e pbe T Augu«ti$$ima 
Padronanza la aveva g»i^tat0 e lodato assaissi- 
mo , e ^Itire misura p mn meno i:he tutta la 
^rte» che j|eneralinfn$f ne iiyeva goduto co» 
^ abbondanza r Esso Sig. Q)flte mi commette di 
«endervene milij^ grazie 1 e vi isi protesta phhli- 
patissimo per sì graiide iafomodo^ che arìgnar- 
4do di lui siete preso 9 ed ip a' suoi ringrazià<- 
isM^ti aggioqyso anch^ i meit Vi do poi la no- 
^ aìi&ia y che la Maestà dell' Imperatore è rimasta 
^ «jfsì spfvafktta, e contenta del magqi^o tmtta- 

nieftto^ con ci^i taoHio alla tavola^ quanto al 
ifarco^ dove a lume A tprpia gli fu dato un 
.ìiersaglio ac^^mpsgna^ da ricchi precn|iion solo 
:jicr la Padrosanaa, ^be pei^ tutte le Pame di 
Coite ; che nel flartite da Piroitz d! {iroprio mo- 
to dicMirò il à^tìm Sfg* Con^ per suo Intimo 
uCpnsig^re di StaÈo: <»tolo onorevolissimo, e 
^.aofe liMnratp a'piàmsKkiitevoli persònag^, è die 
^ ■ I .^ ' < - ^^ per 



A«9^TQto Zino* 407 
fU.Qcs^eo'àsaMo, ba il pr^tamento di IboctU 
4fifis^ 43L chi iche sia, àhobè. da' Principi il Al- 
ttfua» 4 Sovrani, iccpmpagnand^ae l' onore ccm 
gfiSì^BQM^ jD^bligantissiaie. espressioni ver$o di lai , 
QM anche. V Augustissima Regnante regalò £ 
$vi^ {nano |a Sig. Contesa di CoUalto di un 
J>^Ui$liA»)j5{^|9Jiie giojeila^ del valore di j^ù 
di mille ung][ieri; e tutta la famiglia • 61 pari- 
meQt^ (ialle lorp^ Maestà imperialmente regalata • 
Ho^ v0ÌRto rifemyi ogni cosa V pisrchè so cke he 
avrete piacere , trattandosi di un . nostro Patri- 
zio, ^ di mi mi^ 4 (li^t^ite padrone ed amico. 
Egli non ^arà in Viefiiìa prima della fine della 
iQttìma&aY<^tu|a, per c^aiito.osack). Ve»goaIM 
VQSt]3i lèttera (lei xq. iskel ^QXfmOA. tempre pm 
fomnsca da etm il glande 9 sommo disCìirbo\, 
cbe vi siete pteto pts ]^ provvigione di dMp 
l^see» e seoapse {ujì v/ù ne'ringyay^. Ho tetti 
la iiita della booiia f ^ara qflialiti di ei^l ù 
£Ìt^ guato nel jeggeetal O ol^ xiKlggior jiel go- 
derne ) Me li dhiotava coUà fao^ia, voà il 
^iwtre n'era digiiuuoi, e qi^ta v^ta 'f itntna- 
gt^^ione in ne, come st^ol diesi, non ftce il 
casa* Uq itracciatd il vi^iettd, cfae vi i stato 
àgio «' Non è rasf fa noe , e Ixpsoposta fattavi 
a snÌQ riguardo pu»a di simomaco • 'A tal patto 
«00 xofcttt divenire siè mena il {ìù ricco uomo 
4eMa t«nra« Se quei soggetta cb^ desidera il 
Vocovado , kt n^eciti , e titoU gfustj^ per Me^ 
nerlo, li produca, e gU sarà fei^a ^lìstiziar • 
Ricevo ora aitila vostra, aUa quala ri^oded^ 
4adP ordinario venturo» lataAtso mi cdns&io con 

C e 4 voi 



4C& LiETTBkE Dr 

Voi delUa felice* e gloriosa rimasta di S. & it 
51g« Próccutafore Gio. Emo. Priegòvi di ralla- 
^rarvene seco a suo tempo, e ora ià particola- 
re con gli Eccmi Sigg^ suoi Fratelli » passaftido 
un tale ufficio di vero cuore» e con tutto l'os- 
sequio. Abbraccio caramente la Sig. Madre ^ ^ 
tutti feneralmlentè , e vói ia j^artioJare , è 



J iti. /ai Sii. AntofdàVallunkn. n PwimfAé 
-^/1Sfjwr4 27. N^tmhtè 1723^ 

COa thì anM^> è icóh dii so che mi aifià'i 
non fo scuse, né mendico pretesti, quan^ 
do gli scriro di rado: sicconié taon ne ricerco» 
quando di rado mi giungono le sue lettere: ìmm 
vtniam pefimusqfte tlamtu^e zdcisifim^ Direte al 
Pw Burgos^ che faò steso il memoriale a favore 
del Sig. O. Antxmio Moleti, pei: ottenere la 
lettera desiderata da Mons. Arcivéscovo di Va-* 
lensa al Sigw Viceré di Sicilia dtca i' affiure con^ 
isaputo: e che dentfo«}a settimana ì^tura speto 
di vederne la felice dOfettùasionei Riveritelo a 
mio nome, n componimento presentato qdi dal 
Sig. SaUo è stato gradita da S. M^ eU Signor 
Principe Pio gli ha data la commissióne di uno 
degli OratoFJ soliti cantarsi nella Cappella Co* 
^rea in quaresima. Piacendo, come nóh dubi* 
to, Hcevorà probabilmente qualche contrassegno 
della^munificenza Celsarea . Vorrei iscrivervi qual- 
che novità, ma fra le tante ^ che mi si affolla^ 

no 



A 1^ o s « i> e l> 2 s >t ò i i0j^ 
Ito lioa ne txòro alcuna degha della ròstra cn^ 
siofkà. Letterarie non ve n^ sdnoi Péliddie ^ 
àon è mio costume né di aikdafne iti tràccia ^ 
nò di. d^lme raggug&Oi Bure vi dirò^ che 1« 
Pace generalmente si dà per Éitta e conclusa i 
^anctie non poco contrU>uisce Tindispèsitione del 
Re di Spagna; ìJl nostra Auguttikisimà è ritòì?^' 
nata ai 13. dd corrente su l'ore 4. del dopo 
pranco» Insieme toh V Angttjstisitmo e ne hm 
tutti racconsolati la buona e intera salute, cc>ifi 
cui rivedremmo te Maestà lòto» 'Là- gravidanza 
deUa medesima va proseguendo ocuì tutt^ feltd^ 
tà. Un Frate. ha fatto un' anag^anittfa numerico^ 
da cui risulta, che ai 14. di Fet3l)rai>jó déiraniib 
i7a4« avremo un/beUo bellissimo Artìduchiiìb ^ 
è qui gli si pre^^ tutta la fede. Io sperò e de* 
iriderò avverato il pronoìtìcó^ hdi sia qué^o àt 
a^ ai 28* ià Marzo, o in A|)irile, po^iò mi 
x:moy né vo andarmele con la fyllz e cfon là 
comune dei pazzi* A proposito di nascite » mi 
callegto con voi del felicissimo^ parto della vò-i 
-stra Serenissima Principessa 3 che ha dato tìÌM. 
Serenissima Casa d'Este un bdlissin» prinloge^ 
nitó* Esultala fecondità in questa parte, quani 
do disperasi toì quella di Toscana. Crescono I 
guai alla nostra Italia ^ quanoa^ ^ mancano^ te 
linee dei Principi che la governino* Vi ringi»; 
ttiò deUe nóveil» letterarie, che à suo tempé 
leggera inche nei GionialeV Riverite gli an& 
ci, e £itemi servidore alla vostra Sig. Laura i 
e a tutti di vostra casa . Vi do un^ tenerissiniif 
addio, e aono di vero cuorev.i» ^ ^ 



éitftii^ frfifr i^éiNrm ZmàM.é Fimuim^ 

iÙigitP > nw^iSnaa^ cIn? »1 fóg- Andoa. > di qg^ 

l3teBI (^ Pt Cìii»9^taiÌQ^ ch« Si yaaaa ristàu^ 
<#inà> «a Nicoli M fm yQl^m in 4* «a ^ome 
y94mm9wm è »tminm^ ^ egli npa ne ha 

jrii^^vqti , «te Mp^ P?W^i ?PWÌ) »« iion y^ggo 
;«9da $& RttA4firi|ii un'e»$ta ^ve}la jlettfra^ia 
4P«: M ^il^Q Gisrnak* A pr^i^e^i^ fl4 (^iorna- 
1#> ]à morti doi £È» Duca > eia sJ2ccessip^e ddi 
figlilHSdif |3eg|it||fte lo priva ilei solito jurotettoce • 
fieéi^^iurlQ alla Qrbn PriocifiSMa vecjpya aq^ mi 
1^ 9QfiVMi^Qi:^f Sicc^ti^ pccà^uinpdi dar fuor^ 
4 il lllipv«r TpnaQ ci.to. Uscuei usdure «e^z^àl-^ 
tnà^L ^i<MontÌ4 4 fiaodi yedece^ se visi pre^- 
«fSli p«r l' tevfioirar mitj^ ^poogiuntura / evvé* 
M te d^dMÌ|eix^ a( Msccó jS^i enissiaif» Frincipe ; 
M i^ btsiereklM J» iCfaiuder^ la hpcaà a ciafcuno » 
« «mblK^ liq&iPBialKWpte lodato * Qjpaluaque di 
«Mptti due putiti 9«|i^e> noi^ }q stimerò che 
ìtft iat<to, ta Aptifia ddUe Urne dtflSaa&azaro 
iflpresif im a» ìa Napoli àA ij»3a» ita ofl ii» 
Im:^ ddie 0iie ncmftde » e Vb» tiatta da uà 
iMMilìttts die «e vidi ia VMasdia pressa ilDc 
Busti > il quale rtit icgoat» altreiì »e'su«i Ca<> 

ta- 



<tldghi» che QMJ lengp? jL.^ «dii^ione 4i mtt» p 
opere pi4 mifi^t» 4i Dante ^ |:Ì9tai»parfi 44 
Volpi e uft pttimp coqmiglio da voi mgg,mt9 
lotQp Ai ip 6ÌiigQ)an«eatie y approva* Vonrei paca 
^he ci av^ie ail entrare )a éi iui I^V^ scritta 
dal Boccaippb» lifcontrat^ et^n |e tra ec^^ipni 
^cbo ne al^biamo» cam^ pitta U suo CgnyipU^ 
t la ma ^/4 Mé^itSt Pa Fir^iize ^ene potrebr 
bono avere 1^ iFarie Uziord tratte dai Codici 
aBtictu > ciia poU ae ne serbano e Lqdo ei^d '?i 
a*ia$erisca U ra^ia^inio ppuicolo 4f pnigari #/«b. 
§^nti0 9 tal quale sta Dell' edizione dal ^oAl^ 
nelli ^ fpn T^Bs^une d4b versione ^afie dal 
Triisino, cke per qyanto già |ie ^pi risfroatFiEi 
in molti luoghi^ é pochis$i(no' esatta t ^felIa<Sa}» 
leria di Minerva T''>nio I? v' ha pna sua 4atta 
libera > cV io feci quivi stampare comi^aicat^tiii 
dal Dr« jLapconi^ e credQ che la copia avutati* 
eia costi fra'mi^i Codici» quando qui npn Tab* 
bia fra le mìe /irarts. Di si|e rime sparse^ cltrt 
all'accennate dà voi, v'ha una Canzone fra' !• 
Annotadoni d^l jiedi al spo Ditirambo . Tr^ 
isuoi Sonetti stanno n^la flaccolta dell'allacci 
a e» %^if 2fz, ^93. N911 atà cosa contenga di 
lui un libretto stampato con questo tit<^; f^erH 
morali di Dante y del Petrarca y delf Ariosto y e 
ài m^ti altri au^sriy per utiUtÀ p^mume insieme 
raccolti f In Vine^ia nella Contr^a ài #f . Maria 
Fotm^My MDJLIIIIt in 16, Bisognerebbe poter 
trovare un altro libro intitolato : Dantis Floren^ 
tini quaestio de natura duorum elementorum aqiuif 
& tnrm éMmtoitt^ edera, frcnttiii 1^0%. ìsl^ 

Per 



%t% ■ t % r 't k'ti i li i 
f^ renderne l'edizione più compiuta cònverrétìi 
bé ottener licenza , ma Id stimo difficile 5 di 
ristampare il raro libro de MonarcbU di • esso 
Dante i di coi mi son note quattro edizioni 3, 
tmte di qua dai monti htté nel passato secolo ; 
€ agglugnervi k fianco la bella traduzione ka« 
liana fattane da Marsilio Ficini > fionttìai stam- 
pata; un Gxiice della quale bdlissimo e cor^ 
rettissimo io possedeva gii tempo» ma ne' miei 
bisogni partili di averlo venduto al Sig; Mar- 
chese Mafeiik che lo diede al Sdbanti insienie 
con altri miei Mss; i quali ora ricomprerei col 
dóppio sbórso di quello» che allora ne ebbi ^. 
Noe» posso ricoMarmene mai senza rierapiériiii 
di tristezza* Non so» se si avessero a traìa* 
sciare quelle Rime sacre » che col nome di Dan- 
le stanno impresse in fine delle due antiche edi- 
stoni della sua Conunedia con T ampio Gdmèiì* 
to attribuito a Benvenuto da Imola « e a Jacopo 
della Laia^ fiittt in Vèilezia 1477» e in Mila- 
no 14784 Ma di ciò abbastanza per ora; Pia 
cose potrò dirvi a più beli' a^^ quando da ve« 
ro si dil di mano air impresa . Addio a tutti » 
e in particolare alla Stg4 Alkdre ; e di cuore vi 
id>braccié. Folti 

6i%k M Sig^ Anirt^ Cornata* a f^enèzid. 

Pimno II. DictfHhre 1723. 



N 



Uovamente vi rendo grazie per le due tè* 
ste di Seneca » e di Platone » le qùali^ sd^ 

benq 



bme di artefice inodenio» «pur.nu.scm case» im 
ftardcoiare -perchè . le riguardo come att^ssuti det 
VQstro aamr? verso di n)e, Vengo a}le meda^ 
|[lie. Olireste é necessario che ripiglia la strada,^ 
per cui son venute. La Didia Qara, el Perti-. 
^ace jono tutt* altro, che T effige lorps il bun 
lino vi ha Javorafio. all^ intpoio ^ e le ha voliate 
far aedere quello ^ che in fatti aqii sono. Se 
fossero legktmiet per ima loia yi »vrei fitirpvaii 
fo il danaK), che mi si ricerca per tutte; Le 
due altre ìa metallo sono. antiche,.!;^ assai noilt 
conservate,, e non possono trpviu: kiogo nei buoi 
Ai musei • Delle quattro yin argento tse sono^ 
Consolari » e òsdttiarie ^ e mal conservate > sìg< 
chiè vagflioAo poco. pia di quello che pesano. Lar^ 
fuaru che ha xla una parte la iesta di Augu-^ 
sto» e d^U'^tra quella di Agrippa ,v sarebbe di 
preua , e a^ssai raia , se non lìùse un bel g^^ 
to moderno di eccellente artefice» Né crediate 
c^'io parH di tnia sola. opinione. Ella ^i <0a-i 
imne al parere ^ di due altri smtiquar|, che «mio: 
^t» persone intcndeniissime di'>ii faDte antica», 
^ie , Farò considerarle anche ad altri dilettanti «. 
$incbc mi viene vottr' ordine del come rimandar^ 
la* Acciocché non si facciano da voi infruttuo» 
samente tali spedizioni , s^ à bene che prima lo 
£u:ciate vedere al Sig. Lorenco Fatarci • mie» 
Compara amatissifno» che sinceramente ve ne die 
rà il suo parere» e lo riverirete. a mio nome.» 
Cotesti altri, antiquarj s' intendono ^a di lora» 
e non cercano , che d* ingannare « Se la moda^ 
glia è c;attim fi ^sa» dicono. che à legittima • 

vera; 



4r^ L i * t £ à i J> I 

««rai Stt.bilOta; to ^furMBibOH^ Hitimcbi noli 
éica^ 4tl paese^ < possa eàdar lòijà if sotto. It 
Si^.l^tairoÌ è uii Vesai ed óttMSta «aiantucnm/ 
Acklio di v«R> éuòte. 

H4é jit Sii. M4ì^chèsè aMmMi p9Ì9m é . 

Non posso ÉàM ìwgtky càrf^óchnoiitó ài ft»^ 
tdkr artio» tbe iCiA éssidoarei e imptonN 
i» di i^ fiig&òrè à voi e alia toftra^àasa ogni 
nàggknr boirt Unno scrtrttrTÌ;.di iadò è cofo' 
fKàsatiÉ daUa taetìUms^ tàxi te^gor cotttsImmiM* 
te di voi) ^ de £1 cbe in ogni téiri^ ^. voti 
di féliiàià per la yésjtià dégna perteià^ e piaci» 
O il cìibrQ ia&ùke téitt oeU^aniiOi c^..^ li 
mm, lok la coil^t^tttdine tiél péinoipi^ di caso 4 
Col Sig. Jllariikmi noa è gsomù cbt 4% ve^ìà^ 
moy il the bené^fpessb mUeàti che iroi ime 
aiate 1* ai^Miietlto e 1 aéggecti» de^ nottti cagiona^ 
«lenti 4 Egli ed i« ti rin^fciiattui oA %. Filip^ 
piai delta oseeri^òm Asttoisomica rhé ci ntM* 
dat0^ é che neretta qnatios prima cm aitei U- 
Inti di tiìa ligiMid^ e di nda* L'uno e Faterò 
di essi n tiÀutano càramstìté 5 r- ptiegofi di 
ftt k nesso in aaìa hotùe al Sig^ vostro Pad^^ 
alla Sig« Comare^ ài f^liotcb^ ed atmd. ÈtM^ 
sé iù, aitensBioiic per« qudl'aneàde > di ali nd 
activete/W cose SM Msritano esser wdufe y è 
•cifoistàcei A» ^uerà Tedeiciii di natta piùL ai 
> - .' cu. 



r 



A 1^ A 4l t^mho ji: £ k òé %t^ 
(gtfidiìo » che. di squisite bottiglie • Rispondo poi 

liei di danari nòti molto i i viaggi d'Italia» e 
di 9i»S^ laé^'iì^Jiaànò: ascritti i e assorbiti . Il 
soggiornò di Praga mi è stato d'incòniodo i di 
dù^siù&ó ^e di ùìfSÉL piataKt ^r.le ^^% tutti iòni 
<Itt| tìfiktttlti soli Ib Stei^ .ibnCIh^ 
ria'dd éulBàsé aie iha iat^ andkr «iì/.iispriiÌLift 
atquisfd 4i àaèvi libri: pura n^'lili iMipwrail 
j^^^édii Àsbà buMi ^ la ilota éi quMi fi ^dati 
ìì^ itóltr0 Sifp Abate ileàniiti^ìd i^ ^tmetn 
ftrìlà presente bccaiiò&e^cte il ertti hMie sarà 
ktildttkta ift: Prcgadi^ ^n miev Hovèlkr iììm» 
»)it^« àìA ÀiiaiO;a ifliA tog&hionby ferirò ma 
siHid^»iiiÌ2» portala «Vi do basì ftuovi^ ékè 
aUte» bd-Mihiiiciat»^ iwtàasc « seu^ì v t^ 
o^iab éi^ fcÉd^Càidne^ obd tecchuk si dcedd al^ 
lafitu<to driià lii^Qa l^dasr^ 6i ttovd tnko il 
Udo piader^i,^ s^ffiorei dk irtniàié a dipè idpo» 
to fempii y se ftoti ibis} disamt» *daild . (àuandm 
ìàk^^}ì\ fià^ds «^ Dii» likék^le dòli iar Aàsthi 
ta d'Un AMdum, aUà ^ab^ alcuna di esse sii 
«à «lestì^ta.Miiubst» S)%. Ippòitto iif b^p^tf 
dt ¥lv«^irM <ì4rftniltt0f ed io abbtic€ittlltovi ilì> 
dtat) vsf^ tfSNièvttittlssiftiti è j %)•-:' 
:Q!^el iVbsflftisifl» mÀ tdfe tgH •« i^ri? 

!• ? ' i • .M'^ t .. *. • *• ^;, .1 '. • ' i 
.. .'•.. J '. 1. ir: . .' • .' i _ 

6I5Ì 









^tunardiVf^. M. Rj&t io m! età ^ 
irteità pérsiiai» istte >eUa àoa pòiesffii'js^ nà 
à priraf «i della tua serie ^ utè a iroien&eia ala^ 
iciare per H 9|0ia», ccudi .&òaìbu v db.' io gtiena 
ai{as\ra.offechil£Ìp^ fece» chetm. questa, leispa 
Im-vmne: idsutto £ iiamii&i0ner.|iarecchtei nelle 
^fmìì avm CjUpacnakto. U datia^ iì » (dna ini 
fo$ie giunta U cortese kttert , che •or» cicisva. 
Ciò ì^mY^ta.SkM voglio che «li seiT]^ dipfete»^ 
«Icuno per ayeoe a disciogliese la, condosi^nedi 
<{m^tOL si»ÌQ:zSbàtìii. £Ua mi Qnhb(^$ cbAique la dotta 
4oti le à<sjmm tà stsèilite ..cqAidiztQCik per 350^ 
<a3di &ocQa«i < io gliene aveva eiìb^iti sQlà3oi»» 
sd qoaU présemènieQre altii ^5* ae aggiuagos ^e 
par tmotf Ar«. le dilazioni con li «piol^plicità d^e 
sieste > le^invìp <^t ocoluip^im.iOi^e mercati 
«te de' Si^g* Wentel. e comj^t^iau .oote^co &ì« 
€10. ^tt^o.BeUQni di cc^jnf^^a .¥• P. M^Hd^ 
immediatamente .dugftito scQc^» ^liffi^vaQdoini .p«)«* 
scia il dièbtto i6r foctit^fedt p^ ^ a)tti t>5« 
due mesi dopo la rìcipvata ^Ue stesse medaglie « 
Non gliene ho fatte la dimessa con una cam- 
biale, perchè essendo in dubbio, che elU si eoo» 
tentasse di tale ^^flfcrta, non ho voluto in tal 
caso soggiacere al siculo discapito del canaio 
mercaiotile ; là dove non s^ucsidQiie V accordo 

-dia 



A p OS % o ìb. o Z I M o; 417 
dia ^ pregaù a rknati<dacmi il suddetto ordine % 
9ìcdocchè festitìieodalo ai Sigg. Wenzel e ectopia 
goo, io sia libero del debito e del coQtamentò 
del, soldo j ù del pagamento del cambio • Se poi 
ella si risolve una volta a cedenni la detu se- 
eie, per la sotiuna suddetta di 315. scodi ; Jba 
ima pfoata e sicura occasione di farmele avere 
a flirittwa qm- ia Vienna , cioè per via del Sig. 
Cavaliere Cento di Sa^vaUà, ciie in cotesto col- 
l^b è ^0: fra loro aUevàSo, e ch'è figliuolo 
del più distinto padrone» di'i^ m* abbia » e dd 
fià degno Cavaliere» cbVio m'abbia mai conò^ 
^ioto, e al quale né posso mai rendere grazie 
equivalenti al mio dovere, né dar lodi propot- 
suonate al saio merito. Ora il suddetto Sig«Con^ 
te ^liuolo. doyrà in breve prendere il camnuno 
per questa patte i e lunedi partirà di qui il ca- 
megere intimo del S^ig. Qmte suo padre » a ciò 
da lui espressamente ^)editQ. Già sarà scritto di 
qui » dk^ venendo da V. P. NL Rda consegnato 
fec me un pacchetto di esse medaglie, sia rice- 
vuto e portato. Accioccliè poi esse medaglie non 
soggiacciano in questa dogana, ed in altre, co- 
me ne ornare l'abuso, all'aggravip d!ei dacj; mi 
6ktk fiivoce di* porre sopra il pacchetto , o cas- 
settitia che sia pec fere, jI* S* M* ilSii.Fran- 
W$o I>anéit9 AmkéU€Ìéi$ér9 Fineto . d Fienffs : 
che cosi mi verranno del tutto franche -, e già 
di ciò mi sono inteso con S. £• Egli è poi su- 
perfli^ ch'io le raccomandi ]i* accomodarle in ma- 
niera » che nulla patiscano per viaggio » e che 
nù vengano ben cotuUaionate t In ciò ali* amor 
Tmù II/. D d suo 



wflS L £ t T £ R S f> J 

$uo ne lascb tutto il pensiero. <• Confido poi $ 
che questo possa ^seiìe un. principio di xomxnss:^ 
ciò tra iìioi letterario sopxa di ^etf o «t A lei not| 
mancbel;aànò occasioni di acquistarne per. me dell* \ 
altre ^ che accrescai\p la mia serie anche in quel- 
le ch'oro rie quali pe):ò oosx sono di presente in 
gran nùmero ^ poidtóimxon viene ptoaaésrvilea*- 
tatnehte^ ^ a mismoa .delle me f<»te • Ho do«- 
lor^ e rossore di.essétnu postò cosi Mrdi a si 
/atta itQpresa..* jiu pirìnul non h0 j)otu<x;i. I libi 
n^i hanno assorbito il pia del deikiaré: ^ che in 
mia vita ho guadagnato; ma già avedddhe tma 
racC^ta numerosa di più di dieci mila volami » 
part^ i^ui, parte ia Venesia» comiacib a trovar* 
mene, sbanco ed imbarazzatoci Ond^ èchedaqnal^ 
che tempo le cOnHnissiohi snhd più ifare i e pia 
•Idggifre^ Se avanti la spedizione ^ dette meda* 
- .glie qualche buona testa, gliene fosse capitata in 
.arg^t^^ p alcuna Ae avesse in oro, di tui vo^ 
.lesse privarsene » potrà unirla alle stesse i che 
al significarmene il prezato io la soddisfarò pun- 
tualmente. In jona parola nella .c6tK;hiusione di 
questa faccenda ia considero più il vantaggio che 
ne spero, di quello che ne ricdvo ^ oltre a quel- 
lo che potrà risultarmi e dalla sua ccttrì^nden- 
za ,, e dair o^ore. de^ suoi comandamenti , de' 
quali sarà per donarmi * Dal cameriere del Sìg. 
Conte di Savallà le sarà montata la lista di 
alcuni libri, de' quali S. £• desidera di esjìèr co- 
sti provveduta . Io la prego di assisterlo in qu^ 
sto, essendomi assicurato di comprometterglielo^ 
per la notizia che . tengo della sua gentilezza : 

'^ con 



'A i à à r o i 6 % ì jf 6 . 4jj^ 
fioiì ^iie di c^jqre la xivmsc^ , e, nu .confcrnH? 

sfmpte più . i,^ ; :U -/-. ; . .'. :■ ■ \. 

,: .Henna iu^M^zj^ x^^^ 

NOn pojso sigpificire bastievplqaetite iV. Si 
Ulma la come^t€Z2^ ^be mi Jba jcagtònata 
la sua gefitilissima amorosa leti^ ; veii^ndonu 
da inas^ persona che tanto àjeSo ed onoro ^! e cui 
tantd debbo. Il pa^p.di ^uest' 4lU£ustissiàiabn- 
perattice Regòat^te sh H avvicifìaed^ , e piaccia^ 
a Dk> cfa^ SQrttiscà /élicèmeht^ ^ giusta i coipu« 
m voti i e gi^ta il bisógho «Mia pa!ce e bene 
del Cristianesimo #\ poverd)b<: .Àe^ulre o. versò 
la fine dd corrente feese^ò dentra i primi die- 
ci giorni del veàt)ir<> Aptile . Mf è ?taU) ;Co- 
Hiatidàto di scrivere usi Dranuàaa iz canitarsi ia 
tal congiuntux^ «^ Ciò* ciie teodetà ti^atdevole 
questo componimento già da ntcÀn pochi giort 
ni termijiato > sarà -Hon Ia qualità dello stesso ^ 
ma quella degli, attori iclue Io reciteranno col 
canto « e lo accoii^àgàecatiAd d|» la danza i e col 
«uoncf^.SardiìiKi. dùnque gli attori^ ì sonatori .^\ 
Oli i hàlioriói» tvrtri nobillssifui Cavalieri e Dar 
Rie t^ X.' introduziotie 4i un baHo avrà il cornila 
ciafncéito dal canto (futa delle piccìole ArcidUf 
cbbsse Sèrisiìissime , cioè dalla SerenissiQia Ter 
tesÉ,y che è ta maggiore • V ultimo. {)allo iva 
danzato dall'una e 1* altra delle medesime Ar- 
ciduchesse > accoftipagnate e seguite da altri fìin- 
V à 2 ciullì 



4i9 Lettere 91 

eiùUi e fimoti41e nobili , e degne di hx f&tU§i 
gio alte stesse. Ma ciò che tirerà pia ^ qgt 
chi e la stima del pubblico» sarà il vedere ta 
persona medesima di questo --Augustissimo Impe^ 
radore, che accompagnerà al cembalo da ^apoft 
piedi tutta la musica ^ e sarà alla testa dì tut» 
ta l'orchestra, n teatro sarà (atto espressamen- 
te a Corte in. ^ma gran sàia , che si ch^ma I4 
Sala di Spàgqa ^ con tre sole mutazioni \ pec 
adattarsi ài sito ; siccome pure a me conv^oine 
^restrlgaere a l^revità e piccioleua di anione ì 
ma tutta nobile e allegra, il mio componimene 
tò. Già si è dato principio alle pcove od pA^ 
no atto, che riesce mirabilmente ; ed o^ ap^ 
punto mi conriene trasferirmi a Corta , per as* 
sistere alla seconda prova , che vi è stata otdir 
nata • A suo tempo mi hrò ptacei>e di spedirne 
una copia a V« S. Illma» accompagnata da qual- 
che altro mio componimento , acciocché la sUa 
gentilezza abbia ad esercitare il suo solito com- 
patimento verso le cose mie 3 come pratica ht^ 
io verso la mia persona • Rendo grazie air U^ 
Idlio Sig. p>nte Sabini suo Zio della affettuosa 
memoria, che d* un suo vero s^srvidore conseD» 
va ; e la prego di riverirlo distintafnente a mio 
mom^ , e di assicurarlo che tengo a cuoce 1 tan- 
ti £lvori che in ogni tempo mi ha fatti, e un 
vivo desiderio di poterglieli all' occasione retri- 
iMiire • Dopo tutto ella mi conservi nella sua 
stiiBatissima grazia , e di cuore mi dico • • • t 



fl7* 



A # i» I f « t « 2 il n «. 4ii 

'* " *.* 

IO teègo biiògiìb cbe èsercitiaie Wtw tÙ is# 
v|ia parte di qiìfUa c^irì Crisliite ^ cht i^ 
biavameitte ini^ate agli aitti. Né lta^>^ «è vtnf ^ 
gito scusarmi 4(^ jBton ^venrin^i a(Élifo .4a lyw 
go tempo • Gli ^Itri invecchiaflido ifiventaiio % 
aordi^ o ciechi^ e d*altrapf>teiin Ìilettiiosi:;ig^ 
ine 5, a misuta che èreicoiiogU aiinii e siai^iH 
j(aiio a gran passp verso la yccdbiajaf si £si di^ 
fetta ed. abito la pigrizia ^ la quale in me 4 
sostenuta da innunUeraiHli diittasieni t iheen^ 
benae» che, alla giornata mi sopraTrengono.^;; 
Con ttttiD ci6 non prediate ^ amatissiino Sigop^ 
te ed amico mio» che. la torpedini^ della mano» 
l»ve si tiatta di sorime^ passi al|a mente %X 
d cuore; Ad ogni occasione^ i e questa bea# 
4)esso mi si presenta ^ e tagio^o di Vqì » f 
ittco \mt di voi $ e pfttsp ^ voi 4 .e^ooa 
inai mi scordo di voi i Può essermene tràoA 
testimonio il nostro amabilissimo Sig» Giratdi ^ ' 
te» cui non è volta eh* io mi titzovi ^ che . ly 
Vóstifa dignissima persona non sia il pi'incipal^ 
soggetto de^ nostri tagionamenii; Gli ÈccmiSigg^ 
<t}bnti ìbl Savalii e di Collalto pòttcbbcmo àiu 
mene uguaìmeflte giustima# non meno che ^fs^ 
jte^ SèroiissiiiÉid Principe Eslensei e finor X Au-^ 
gustissimo mio Padrone^ taiito kf^ k vero » che 
D d 3 mi 



j^^i* '' -11 ^ T T £ Il Ife lf V 
ini fo onpre e' piacere di far conoscere a tutti 
l*anioife e fa Mima tht vi professa • ÌA^ tfedo 
che ne si^te da voi medèsiiliQ persuasp ^ poiché 
pienamente mi cotioscete. ^fiIle grazie fi|:^odo , 
dbllA vòstHi t)dr|9^ra) di cui ultimamente vPì^ 
favoriste ; e tanto maggiori ye le rendo , quan^ 
é6'"chè nella lettura eli essa faon fanto trova dì»- 
jféttb la rtì^ftfe '5 4^tfat9 uSM' Pal^n^a cpn lèpie 
Mkisstme ^he y' instÙIaté •' jBéne^è V abbia letta 
©"^itìlétta, nbi| $o risòlvami • à |)òrla nelle scan^ 
fie; poiché ^la^ trovo meglio 'itfllócata sopra ii 
Aio tavoline^;. ^t± iè. per yerilS iih:^|ibro 4'6m , 
sè'IxenmP figutt^, «he non mj^néìjHeii^fhì ylstt^- 
piifi contro, ntHipercjHè non di'cfelMS ìj y^rò ; 
|ha |>erchè àppufttéVlo dite. Nulla poi yt spriyQ 
dèlia vostra' tjWlf^- fLacgóIti IsBrica y phe s? 
^a si t)eha a^àiizatido * Elia ^ |!alé ^ ciie - (k $# 
^là iè bk$tanéé a^tnettere i^'ol'fedtt^ il yostrò 
ftome, e la néstif* Italia • Posso aisicuraryi , cBé 
più vòlte ' il ' Padrone' ine ne fià fiarlato fon nSéfe 
la Ipde* It' nostro ■'Sig/Giraitìl ben presto avrà 
finita la «opfel ^elBeMoniV XSB ho etjibitò f jt rftì^ 
DlMo Cott^P^g^ Mttoiònatp coi''^^ ^teMftt 
^fì^zknal. pis^emi;^ che ne a*tetfitey%té Uiiesera^ 
jpiàre dà JP^:^ J'Tett?<> inèdrfa }ai^ Cronidi^ "-* 
itìeir^rcltó « "Ranieri di {Jkcópb ^^Ihigardì^ Mf 
airètTOy sciatta in terza rima/ délfécò^e^ ìl^ftr - 
iMA pWna^ é^4t\ Itèmpa suo /effe- fu' yersó^ '»» 
1 3 8c^" Sé t*'^ piacerà djb favèrlà,- jarÒ^ pr^to àe<^- 
<nuiii]?arlar'*àirafitìeo s kc^ioc^hè 'per vói .*la tra*- 
lÉtivaT Tèrrei' aver* di Vantaggiò />^ér poter lW*r 
^io^^Mr?i;.Qì»nad l^te finito di valerci 4i 
• ' ; < ^ <"'. xjueliii. 



A p o i t o tf. 9 ZBffo; 413 
quella Ccottica Padovana, pottet^ rìmaiidame V 
iyrigifialè in* Veiiezia al P. *nfi© ^ateMo t Prepo- 
nete^ 4lel rcit0 di me in tutte quello che fK>s^ ; 
Kiuàa f30$a mi sarà mai <più a cuore , che il 
«mpre più f3ftfef marmi jj <^àl fai é sàuro sfeitì- 
pre.-i,. ' * ■• ^ ■"''■''^ •• ' ^ ' • 

' ^l8« Ai Sig* Andrea Cètn^p * fif^hezja • 

Cpii la yostra lettera ho ricevuto il Tiberio 
ih oro ,• che mt^ avete tevikto • La meda- 
glia mi ^ stata fara^ ^e f>en nèf' aveva altra sr- 
«ile ii| t}^lt^ le sue patti; poiché né>a mièptin* 
to <U$cile^ di cki^{]larla in alhra » eh* io ancóra 
mm aM>iai. Mi t?émtéQto anche a rij^oardo del 
pxeasoV ?'iié ringraziò tì voi^ t\xé me T avete 
proccunlta , sii i| mio amaitii^iimo Sig. Compare 
Fatare 9 che si amotevolrtiertte vi ha assistito 
per favorirnìi • Fate voi le mie parti . Scrivo a 
nostro fratello, ^he yi 'rimborsi próntamente , 
com* è di dovere , ^ quantp avete dato ddla 
medaglia suddetta ^ a ragguaglia di due zecchi- 
ni , e gn 13. per il peso, e di imfilippo per il 
soprappiù che ne ha voluto V orefice • Medaglie 
Imperiali d' oro di egual peso del secolo alto si 
possono prender sempre a tal patto : non cosi 
tutte quelle del secolo basso , che pesano appe- 
na la metà; quando però non fussero di qual- 
che rarità o per la testa, o per il rovescio, in 
particolare quando sono d' Imperatrici » che nei 

P d 4 seco^ 



4J4 i i t r 1 k I 1^ t 

secoli bfssi tutte sonò stimevoH e rieer<!Ue 4 
Nel secolo alto U te$te di femmiae\sood.qiftan 
tutte rar«^) cioè fuori di quelle di Sabtaa \ delle due 
faiistine, dilaidlUf le quali m wo s<mo ftej^ 
wriiné^^ quando non abbiano ilarità bel xovc^ 
scio • Dei XIL Cesati in oro , le t^e ^ iù go« 
munì sono di Augusto ^ di Tiberio» di Nerone, 
<& Ve^KUEÌano, di Tito, e di Domiziano ; Ciò 
«Kcoviper vostrarègola: ma la più sicura per j^à 
iiguardi si é^ xihè preildiate sempre il consiglio 
dsl iSig. Fatatola di éui solo e p^ la dnceritài 
e per l' intelligenaa mi fido; Tutte lè medaglie 
d'oro con più testf sono^rare ) cosi quelle che 
l^ei roveicib han molte Ugure > o qualche teni« 
pio, ò altra àbbrica. Io q)ero ancora col xtse» 
zo dd vostro àteore , e della buona direziono 
ddr amico far quaìcl^e beli* acquisto • Ma non 
iio fietia, poiché ìe ÌFonie non reisistooó al mol« 
to aggravio , e i quartali y^^^nò leàtalnente % 
Ne matura il tene; con questo mese , di cui 
siamo alia fine. Salutate caramente tutti iti mio 
nome ; e per fine raccomandandovi sempre laSig^ 
Madre» vi abbiac^jo^ e mi 4|wi^ 



^19^ 




laadi che Vi sii|e peesi a ii^a ìagimdai' 
yer &i¥Qrire M Si^« Aiuln:a mio &ateUo ddte 
yort» «iMicMa àtsìi^BO«a \ ónde «è eglii nèio) 
iesicUmo i)!igàfl^^ natta rii^ei^a^ «Iftda^iaij^ 
l>editi 4* oso À ea^mto ; dtUi fMM aè&MÉ 
di aoctoje ^suasMnào la ^jecela sMie w clie già 
mi droa^ 41 aVeir^. 4o ^ pre^o 4i ttaaittiici»!» 
dQuaiùdo i VMtrì fiMf^ ^ foioiiè^ «òdi ódft ha ^ 
ile coAiQiicó persona di mi possa tike|^ fidarmi ^ 
che di voi^ taj&tQ per f intklijtenaa % quanto ^ 
la rettitudine (teli* animo Vostro i il Tiberio ia 
droda voi védnto mi è stato duo } kéii SMo 
percbè, io. non r avessi porche di fitto ne s^veva 
altro simile; guanto perchè di elio ^so valerne 
ad avere qualche altra medaglia > che mi manca ^^ 
4Ìperòcdi poter atete da lUxmi nnh Aerie di piii 
di 350I iiiedagjUe <Paigeittoi fra leqùali ve ntf 
h^ di rarissime è è anche di. singolari} é Colà hai 
già rimessi dugcsntd scudi Rjomani a conto d^ 
quasi altrettanti, che doVrb sborsarne doi» riJ 
eevute le steise ^ Toltòcbé ^^ss» mi sidio ginn* 
te^ vi orasmetterb il catalogo delle teste % chei^ 
mi mancbecanno in argento ^ acciocché mi aja« 
fiate a ^é a questa serie qualche compime^; 
to# Io ne tefl^ qui iiello stesso metallo intorr 
no a }9o» ^hè postevi le Remane adesso « 

co« 



jcomifìceraiitio a fare qualche comparsa. I>i quel^ 
Ile èst orò ^caao flttc^ «|Mì^#ìì«f6 : tu in (|ue* 
^e per deficienza ^i for^e mi ponyiene <^dare 
piuitetttanmto; f^es^tìk ^e capita alcuna » 
pon me la lascio facilmente %ggi^ di mano . 
^ òostì Ve i|i» opitasse itiouta liefi ootue^am, 
f iHMi; f^^iiit fec^ voi ^iprtttdAti^a ^112;' ahm 
^ mei 4^te del presxó ^ dt tàtió ne kifcioair 
Mun yosecol^lr alrbitrio • Mi (tfnpwtteti^e «om , 
yorèhi iqupn^yl' {Kurli del|e medaglie in kt»i« 
l»»i cb« «o«^ ^^^ 'st»nme ^^ Vi mpqn^i^ ^ 
|he con pottfaa^iiiob yo' incominCfai», e coomoi* 
te ini imnca pusr pra o^'l lebdov P r incQnuro « 
U tenipc^ p^tià> fiim^^ «^ bifc^ae^^ 

Inette 3^ #4nisinto metterò a (fSMe q!|a)ei|e pic^ 
pio|a sMHpns^ fta ^&> pòi senzai in^niodQ w Ed 
gccgnà^ Coit^paiem^iatis^ttiti^ entrato 19 iiq caun- 
pò, oy% noli 'mi'^oi^ msu- ^ri^ilcht^^ di £armi> 
"«eder; i nom ^ fÀcàkè ine ne mincftsto il 4^^ite« 
lio , mt pa?is^è nnt| pfi^teya .fai'e ^|trim#^i . La^ 
iiumi4censca Cesaiwa »l dà /^a -.<|Ujdcbe foi^g* 
H^: al ^he $1 ^g^^« si cM la mia libreria , 
}n qu4^ ^iiiQi^ iiai' ha 'n$«»ri>ii[?o' ^1 ip^ce lolda* 
«he tnl ava0l^9«s ' é S^ttctti-a W segno ,' che 
me ne ohianiia quasi còntMtoc. {volumi cbeteoNr 
gà pafte C04tl v^ e patte qui anccMrt ^ giuagonQ< 
etanoli ai nuniero di pre|l«^ à 4^Hi mìiz :^ per 
nn privato anch<^ fs«ppo ^ Ma igU^ 4 t^^P®' che 
in fnisea d* Impoftmaryi » per^onaom» per tan*' 
trib -disturU. Bisponpte di mt ^ poine^ di; a^a 4k 
ìm^ tempo gii vostra ; m Msicuatevi cke sono > 
«k «aè ^ift opiL teiépo- . •. • • 1 ;..... ^ 

-^ * é20* ^ 



^ P (• » T 9 * P ? i # «. ^Sf 

EGgU ^ un grafi témp^ phe non vi sciivd/ 
GH addi '^ iil^ che yaanoinye^ckij^ii^^^ 
^tveotai^o ^irjaftri, p mdébpll^to&o di visia> m(|^ 
(Cadono, in' lakri: effetti • Io comincio a . impigrì* 
re > e '1 viito^^ n pòc^ s^ poco si yà facendo iia^ 
fura» ^^però yetb^ che ne -séno in parte cagio^ 
jié le continue p fnce^santi ime '^cdupi^ioniV 
ina pure- con* yei non yo' ili' tutto sensale, ac« 
^occl^è abbiate qualche metito in usarmi com<* 
patimento. Sto per altro di btìonk paiate » p t^ 
Quaresima,' benché' siasi ih -penuria -^^ icoèeilt 
pesci , dà me cotdftto }^ anno p^àto > goduti v 
Qui assai ^£à i^hé dìe!|t |ìuòyo'pàpà';>''$ist2'fiiaé2 
tèfnzione dei pfòssìmo partsQ ' déUa^oStra )n^^ 
fatrice, Ta fjùàle spirò che nòn't:a#detà dx\p m^ 
fiimane a licitarne con ù^ beUò e tàito tos^ 
rato AtcIdu^Èa; '^ va alla^é^atèa proykndcMiff 
iniò picciolo cbmj^niìneoto Dramimtito y^ che iéài 
cantai)» tutto da Cavalieri' e da' t>2(me ,^ fé ^lua^. 
H-^ure còrtlè'*je picciole Ar^icjudbesse fàicmìl^ 
ranno i balli.* T'orehestira , * iurta anch' es$ft ffxm 
mata di Cavalieri, avrà l'onore che vi stia al 
ceipbalo Io stesso Augustissin^o » il quale con 
tutta yeriti posso idiryi, phe suona fia ydente 
professore;. Non sarà egli questo un itxiagnifico 
t singolare spettacolo, il quale, direbbe un Ma- 
rinista! non invidierebbe punto a chi vedesse 



4»t iftftJfti bi 

Irappi^eatare un suo Dcimma dalle nove ìàdsé 
€ da Apollo^ è danzato à$Uiè GMh « dail^-i 
ceri? Che si» che vorreste esseme uno degli 
àSciJiiBtori ì Mtk potendo altro i farò almeno che 
Io leggiate a suo tempo. Ho avdtd il librò del 
^g. Femdi é Tho &ttb sùbito .avete al ^gai 
Prìncipe Eugenio; Ringraziateiie TAuiofe. della 
éppiai ehe me nje lii trasmessa il i^ta^ 9uc^ 
nànrigo. Nqu mi è capitltò che falor'jeri,^ e 
]9frò non ha avuto Uncorà ti temp6 ^ leggalo é. 
Diie settimane fa è stàio cantato riella Gappeila 
Cesarea 1^ 0r«tQtrio; de^ Sig. Salto » intitolata 
«4/r< , ed è riuscito iQJirabilmente . Rallegrate^ 
vene, cton F Autore i al qu^e scriverò questa 
aerai ^e avrb tempo di fiidoì dovendo portami 
dggi a Corte aUa prova di tutta l'Opera da 
hiéi: nelle stansie ^leUa Regnante.» Qpando uset<«, 
là fuMi U tnjLO Draotouif àe.iiianderò copia ati<^ 
che al Sig* Fee^locttl citi scd^Nsudo» pregovidi 
riverirlo iti mio jnonie; jLo accompagnerò con 
«^laiche altro dm^. atìteced«nti , poiché non ho 
modo «di ^servirlo di tùtd * RÌv^it^ a mio nome 
la>S%* tgoffàj e tutti di vostTjacà^, come {iure 
^ amid , e in particolare il mio amat(ssiiKO 
Sfi^-Gompare Poloni v Ù Sig. Ippolito sta bette « 
e^^'Vi eaiuta it ed io jibbracciams»vt mi dice4«i> 



étu 



LpdacoDio, siano aitimi alla sattGiPa*iM 
con buona salute :. ìdàio Signpre a loago 
«e la oofisenri con la piettezasa <teUe sue cele* 
$d beilédizioni. Se voi non j^roccunM di din^ 
diate a uo male» che mi soù fatti» dame ne»T 
•0 > me m; testéti sem^i^e rìnctescimeinto % Iq 
«reva della stampa del Royillio m xé. 1* At»i 
sto» il Décaiìseioné j il Cottigiaao» ilBetcaroi» 
e Dante^ Ho dovuto nmtq forcato tegalarìm 
un amico. Se vi tie$ce di tfovatmeàe altri e^ 
•empiati > ma bei| conservati » prendeteli smxf 
altro* Mi rallegro con voi dd beli- acquisto 9 
che avtte fetto del Codice di Dante. Il suoc» 
sato è scritto diversamente. Alighieri, Alaghie* 
ti, Akichieri^ e Aldigbieri. Della sua^ opendi^ 
visa in tre<Iommedie non so intanfì esemplari 
da me veduti di avente notato esempio. Della 
medaglietta' d'argento mostratavi dal Sig. Abate 
BeUQtti, ve n*ba una ne^a serie del P. Baldi^ 
ni, notata di pìre^zp dieci bajocchi, e in tutto- 
simile anche nel rovescio a qnella, per. cui ve 
ne fot richiesti dieci ungberi; se non che la 
leggenda flella testa è DN ZENO PERP j^& 
cioè D^miìOis Nosttr Zino Pirpetuus AtfgHMut 
che cosi appunto dee stare. Andatevi ora a fi* 
dare de^ libri stampati^ Anch^ip in ìeggepdo la 
Risposta dei P. de Rubeis al Vf 5criy, cor4 

iiiinie- 



Immediate ad assicurarmi di quello i che sulprd« 
pQ9Ì»éA wommff di S» TG«vita$9 4^Aqw»o 
ne lasciò scritto Giacchetto' Malàipini -, e non 
trovàlMil^lOi mUi «tàaipa ne restai sbalordito . 
Vi ringra^piof pertanto della bontà ^ con cui vi 
ùt^ ^dnvtaciutò di cemudicarmi qr^ Còdiee 
tal 4uale ^ta nel CJ)odice de' Sjgg^ Zr^ugni di 
IFirenze ^ Fu^ vefà^aent^ troppa ftijtichezsl T in|^ 
f$i6te che. tissc siatfpatd* Q^$tò difettii sco^ 
ptft^ mi £i dubitare che ve, ne possaiid esseice 
aftche degli al^ ; Anche i Vìilam che abbi«^ 
m^i, U Gtiicdardinii ed altri sono $tati sono« 
piasti «Uq' stesso infprtonioj No «>^ sé tali e^ 
stòitìife fervano pel regno deV Geltj Aitm ora 
iiQti mi iimad che soggiugnere i mi fórse non 
mancbejri là «olita {Coscritta « AUd Sig. JMÈadre « 
Sordte i soliti cordiali abU'aciriaineati ; Addica ^ 
£catdla imatissimo^ ; : ... 

éz%4 MSig^ Lorefumi Paiàrol. d PìnézJdé 

o trienne %i. jit/rilé tyt^é 

NOn mi po8$0 sapar di leggerle* e di gtista*^ 
re la yosi»iiMrtQse l^er^*, ivero xkr^tta 
del Vostro sincera amabilissmio cuore é Egli i 
flaolttf ternpo^ che non ne ho ricevuta una pia 
aura f né altrimatti doveva attendere da un 
amico, «i degito 4 ReiidoVi pertantcNle maggiori 
^a^e. ch'io sappia^ sì. delle vostre cordiali es- 
fitessioni ^ isi delle vostre generose ^ esibizioni ^ 
udlt «uaU la $t6ist modestia mi obbliga >e m' ; 

inna^ 



A p o ff r:i Oì 4: a 5i ^e ti o* 451 
I iaqaobra; Vt^^miè^ bX ^poétp^; delle medaglie i 
I Qim* 4p«i$J0 diityi iòti ^icutefisza ^> ote; quelle 4* ar^ 
^ |^n(9/» delte qiùlii >i|i4 Tiicmsi: eh' ìa ' era la 
eoM^aittO' coti mi; midi àmicQ id Riiina ^ permmi 
, idi fede e d' iAtf^ié^jàstì^i paMefatìod fra poco ndl 
I hàk>. pick:iold $tiiidiò>i:>ejMti4on t^i (ktormmato 
I a dafiliieie pec l^òMstdr:|>cezfccl qhe ^li bé esibip^ 
^ té.: te ,tftste, che ;preseÉKtementè mi xtiaUicaììo per 
dare qiialcàe compiniéi^ò alla sèrie} iche ut sto 
fociiiaBdo i saranno per, vostra instrustohé notate 
iieirbcdiMo foglio 4 £lìeno ) ar dirr verd i soa 
molte ^ e la maggioir patte assai rate* i ma da esse 
conóscerete ^ che. moke sonò i e fra 1 iquekti pa« 
teccl4é altresì di rarissime (Quelle ) die teìi^q « 
Pensd di p^tàtla^ per quanto* tfcii sia possibile» 
6ibo ai più bassi teniiH» snpplehdooVehoii si pos- 
isi in argento ; xfcòii qoeÉt ditàriagraiidesia ìA met 
tallo. 5 delle quali ne hò parleccfaie non pdcd pre« 
gevoli^ secondo ii.gi^dició» che il P» Baàduri 
ne rende; Lé.segttàtó iiii margine coii ufi aste- 
risco significano qtislle, appunto^ che lid dì me^ 
tallo .^ e che vorrei avéi'e d^argedto |»ard^ b al« 
meno impuro 1 Già sapete^ che le medaglie di 
{aird lur^etitò dopò i. tempi di GalÙeho sono ra« 
isissimd^ fuóixrhè iii alcimi pochi Im^Èraddri ^ oh 
me' iti Diocleziano 4 in Mà^simiaim ^ id Costane 
tey e ili qualche altro t e di sì Éutte tìòii. mene 
lascidi all^ocdàsioiìi0 sfuggite àleuila di mano • 
Tnttp que^d siavi detto , acdoccfaé spieiate il 
mio derìderid e 1 mio bisogno ; ritìoidfetlcniiidovi 
, nuetvaiiietite^ die ìtir tuceo e peif tutto -sairè per 
I SDttosoivctnii di buona voglia a quamo »rà 1^ 

proh 



f[|:o(vaitQ e( subilko ìi yoi^ a( iielk qwlUà , <É 
nel pccz^zo. Iiiìomo poi alle imc^aglie d'oconoa 
vi lo alonna {^e^izioiift , poiciiji, oc teiifo 4 
poche, ishe quasi tm convioii dice <iU( avere appch 
]t\a i^èo^inckito i aiMi teneodràe cM q^uuantt 
ificirjca, la na^ioc/paiM dftlhas^ij tempi « Pn>* 
cecb in qo^e. più lentameate « si fCGftó nm 
ini se oc presenta Fiiiqatitroi |t perchè ^^ «e. be* 
ne il desidecio ò graode, limito peiÀ V acuimi» 
con le focze. Se aiooiia per^ y» ae dia. pei* nut» 
PO 9 che ;ia ben cQnservàu , e a buon fiattò «^ 
leiiassimatiiente se sia dei secoli avanti Co^aii^ 
no.» mi farete favoie d| fiennarla a mio còoto^ • 
Del resto sappiate , che k> stesso riflesso j pi^ 
troppo vero» deHa tenuità d^el mio po^^e » s| è 
la ^a e priocipal ^gione, per cai ancora noia 
mi sono posto a fiure acquisti di medaglie ìa 
bronzo • Non per altro ho cpmindfiito da qwU« 
in argenta, se nqn perchè di queste mi è statar 
jià ùcUe casualmmte rindontro, e qui ve m 
ha altresì maggior copia. Conosco bcM, il pre- 
gio dell'altre, «seriore a queste di moltp ^ e 
come questa anno penso di andar continuando in 
vie più accrescile la sesie g^ die ho di molto avan^ 
ut^ ; cosi r anno venturo ho in animo di faro 
uno sforzo , e cf impiegare ail un colpo qualche 
centinajo di fiorini neli'acqiusto di un qualche 
studio se già ne ho in imra più d^uno^ Se qui 
volessi applicare a metterne insieme una serio » or T 
una, or 1* al^ medaglia comperando , a misura che 
vengono., nulla di buono mi riuscirebbe ditìfiìtt- 
im insientf, e y^r^bbe anche a epstaimi i^op- 



-^pos, Tqto ZEi^Of '435 
pò; mentre si ^tta mercatanzla costa più qui , 
che in Italia. Ma di ciò un'altra volta. V' ho 
già infastidito abbastanza, e tenuto di soverchiò 
a disagio • Aggiungo solo , che se in questo tenv* 
pp vi capita* qualche medaglia Greca , sia in 
^^nzo, Q 1^ in altro metallo ^^ e di qualunque 
grandezza :( avrò a sommo favore > che la pren* 
^iate per me, quand' ella non serva per voi : 
mentre a dirvi vero le medaglie Greche mi fen- 
no un particolare solletico, e a riguardo d'esse 
in questi ultimi mesi ho ìfatto qualche studio 
nella lingua Greca, ove impiègo quel poco di 
tempo » che mi avanza dalle mie più necessarie ^ 
ma non già più gustose, incombenze. Ho inte- 
sò con piacere che abbiate veduta la mia libre- 
ria, se pur m*è lecito cDn tal nome chiamare 
la . raccolta de* li^i che costi tengo , e phe ella vi 
sia piaciuta. Occorrendovi di valervi di qualche 
lifsfo, fatelo con tutta libertà. Ne ho scritto al 
Sig. Andrea mio fratello, che vi serva di tutto a 
vostro piacimento . Còsti avete veduto il maggior 
numero d^essa: ma a mio parere qui ne tengo 
il pia scelto^ che alla giornata cresce notabil- 
mente : mentre non yo* che il nuovo genio per 
le medaglie pregrudicfai al vecchio affetto • La 
nuova da voi datami della morte quasi repenti^ 
ila del nostro Sig. Giuseppe Durli , mi è stata 
assai dolorosa . In lui ho perduto un buon ami- 
co,' e di molti anni. PrìegovI di passarne uffi- 
ciò di condoglienza col Sig. Pietro di Idi fratel- 
lo. Ho fatto pregar per lui néf Divini sacrificj: 
che questo èl miglior contrassegno d' amore. 
Tomo ÌIL E e che 



4H Lettere di, 

ttie dar $i posìa ad un amico defunto. Iddìo .Si--' 
gnore conservi voi lungamente; e con ciò. di 
vero cuore mi dico e protesto • • .. . 

ÉàJ. Al Sig. Lodovico Antonio AiHraxori . 
a Afodana* 

V'Unnà kó. Maglio iix^ 

PRimà di tutto vi darò notizia del niio Co4i^ 
ce della Cronaca di ser fiartolommeo di %^t 
Gorello d'Arezzo. Esso fu scritto in. grah fog- 
gilo nel i6i8; tutto à^x mano di Jacopo Burali 
Acetinoi del quale parmi che sia alle stampe . 
un libro delle storie dei Vescovi di quella Clxie- 
sas nel qiialé è probabile che abbia parlato di 
detto sei: Bartolòmmeò detto Gorello i Tutta la 
Cronaca è piena di lunghe note di ^i%à Qurali^ 
e per saggio di ^s,^t Vi .mando T occluso foglio , 
che contiene I9 metà del secondò Capitolo i Da 
questo saggiò (Conoscerete, esservi del buono e del 
cattivo « Il Codice per altro non mi par molto 
corretto 5 ma coil tutto ciò T ho in qualche sti-^ 
ma , e se voi X aveste , come potete averlo, oc- 
coftendovi 5 forse lie fareste qualche usò \ Ora 
per venire a quailto mi ricercate ^ vi dirp , che 
anche nel mio Codicei il Cap: IL termina 5 come 
nel vostro i e'I Cap. ìli. incomiricia dal due ver* 
si , che mi accennate ^ dopo i quali sta scritta 
di mano 'del Burali, qid manQhémo- molti vtrds 
continuando così:- 



To- 



Apostolo ZéMov 4^^ 

fosda Unnnciò come a lui pUce. .^ 

jl XVIIL e ultimo' Capitolo finisce come nel vo*- 
stro ; e nel mio non vi è dietro appiccato quel 
friiiunéxito ,* che nel vostro comincia: 

Se AUrcó\àv€ssé d moki amici qresoì 

ónde sqpra di questo rion ho che soggiugniérvi ^ 

Della mia Cronaca di Dino Compagni , colla* ^ 
zionàta dal Canonico Salvino. Sàlvini coi Mss. 
Strozziàm, potete disporre y come anche di tut^ 
te le cose mie., a vostro piacimento . C^àndo 
scrissi a mio fratello y'^he vi mandasse la Cro-- 
nichetta di Piàcetiza^ ò gli scrissi, o crecki di 
avergli scritto ; che vi spedisse anche uria Cro- 
Hichrttà LatiriàL^^adovana,^ scritta nel principio 
del I jóo; ( sef non erro di memoria ♦) dji uà 

^ certo* Frate Giòarmiccio Domenicano ,• dove osser- 
vai qualche particolarità dèlie cose di quel tem- 
po noni dispregevole V Se questa: noti ti è capita- 
ta , datemene avviso , che subito scrìverò in Ve- 
nezia, a mio' fratello, acciocché ne siate servi- 
to • Il yero padrone della Croàìchétta di Anco- 
na , da me già veduta in ' Brescia presso il fu 

^Fortunato Viriaccesi, e poscia in Venezia presso 
n. Sig^ Gio. Batista Loredano ^ j^trizio Venezia- - 
no, credo che sìa il P. Audiberti ^ della Con- 
gregazione di S. Filippo N^ri, dimorante in Bre-» 
scia i dove la comperò o da esso Vinaccesi , 6 
dopo la morte di lui dagli ei:edi . Qjiesto e quanto 

E e ^ pofr- 



4.$^ L t^ t T E K E pi 

^sso dirvi sopra di ciò» Io ne parlai nel 7«. 
XV. del Gioraale a e» 312. e parmi che il Sa« 
racem nelle Istorie di Ancona produca un lun* 
go squarcio di essa Cronaca del -Biloncompagno) 
di cui pure credo di aver notata qualche cosa, 
ma non saprei dove, ora far ^apo a trovarla. Le 
cose vostre mi sono a cuore, come le mie pror 
prie^ je non lascio Tòccasic^e 4i promuoverle e 
di esaltarle , come è dovere •* ma qui tutto è 
pieno di buone intenzioni, e di nulla più • Il 
Sig. Gt^erajrdi può farvene testimonianza, essen- 
done informatissimo ^ Voi per tanto non vi sgo* 
mentate dal proseguire sì grande e si illustre 
opera* Dal bene finalmente ne dee venire ^ei 
^ene* Vi scriverei più a lungo, ma mille oc- 
cupazioni 11^ affollano , e )' ora tarda non mi 
permette^ di vantaggio . Conservatemi la vostra 
cara amicizia, ^ credetemi guaì m dichiaro di 
essere f • ^ , 

( j ) /0 ti dirh il pnncipio del mi^ stato ^ 

{2) Di mia natio» antica y t àe\ miti nati ^ 

E qual 

( I J No il principio, mz il rinascimento d'Arezzo 
4lopo'la cacciata cti Desiderio Re delli Longobardi, fude^ 
^ofe ; e quivi habitavanp ti^ci anieri , e chi ,arte non faT 
ceva« non era a^nmesso alli ofEtii, perchè il popolo non 
li Tolèya ; è queste sono quelle famiglie nominate dallo 
Scrittore, e dirraronp ' d- essere sole al governo delU citr 
ti i fino alla venuta di Federigo primo Imp^r^itore > di OtT 
tone IV, e di Federigo II. Re di picilia, quali nobili- 
tando con privilegii le Citti di ^Toscana , furono causa 
che li Nobili ,- quali tenevano tutt^e le castella del c^ntaT 
co > venissero ad abitare ad Arezzo ; e fu la rovina • 

( ^) h suo lucfo si nomiflcraonp gli Pettamali ft V* 



A P o 5 * 6 t O Z 1 it d. 4J^ 
£ qual di lof d timpQ nfhd honorata^ 

{ 3 ) Quali virsQ di fiu san stati inirati ^ 
E fatto m^hannà sèmpre ónta e vergognai 
Ne vale perch* io gì* hMia gastigati . 

Certo sonsio^^cke non dirai menzj^gna^ 

( ^ ),£t io lo scriverò , padre mio a$nenòi 
Che chi la scrive ahajando agogna • 

Quando che si4 forse fia stréno ^ 
E tu meriterai P opere tutte i 
E metterai al, tuo Cavallo il freno ; 

E le malitie tutt^ fleti distrutte 

Di fuelli che fan tanto vitupero y, 
E le virtù dei buon saran construtté i 

( f ) Et io non diro mal dicendo il vero i 

(6) Come ti piace : chi pur vuol f ddiriì 
Io vivrh pur con^ t animo sincero^. " 

£ lacrimando con gravi sospiri $ 

Coi^ colui che tosto non s" Acqueta i 
Perche sgranati li sieHo i martiri * 

La tua parola par tanto discreta , 

jf / ben comprendo la tua opinione i 
eh' io ti diro ogni cosa segreta i 

( f ) Disse egli a me : Tito Livio pone i 

eh* io fui dei tre f un capo di Toscana i 
E fui con li altri Etrhrii àkn pennone * 
E e J ir** 

Ò ) ti tìottoiii Camajani, & Àlbergocd* 
( 4 ) Lo Scrìccore deve essere Firìi||co» 
( f ) Q^ veritdtem dichy mmim injmiéun féché. 
ié\ Concetto òi Daatc nelja XVIIL del Paradisea « 
( 7 ) Arezzo ùtia delle i>.. Colonie > quali pìh. ami iw 
fono ^dvfemate da Perugia , BoUeoa, e Arcato ; & Arc^ 
^o per alcOq mapo^ fui capo^ WB» pOQt T, Ììtìo Anb^ 

TMIO, 



4^S L E T TE R E %> f 

Sinché si dica per la gente vana^ 

( 8 ^ Cìff Aurelia prima n9minatafos^§ 
Per ifiella che si fé di maneha ^ana • 

JSuperbiay invidia la stolta commosse 
Udendo pomandat mio nobil sito 
Col suo figliolo suo principio mosse. 

JJdendo Etrusco il subito partito 

Non preveduta lor paro impresa ^ 

E che 4 ìndia sempre havesse invita ^ 

£ così certa/mente e stata accesa 

Era i miei figlioli e più fra molti- e molti ^ 
eh' hanno di me per se fatta contesa . 

( 9 ) Sono superbi , arroganti , e stolti 

Comunemente più che non han possa y 
E "son per ijkesto spésse vjolte colti . 

Schifai pero la disdegnosa fossa ^ 

(io) Che vien del Casentin dritto a mia foce ^ 
E, (^ando } presso a tne ^ fa sua rimossa f 

Ma quel che più di lor forte mi coccy ^ 

JE^ che del iene comun non z.elosi . 
(il ) Per chi Sibilla ver dica sua vpce^ 

iDel proprio bene son desiderosi • 

-' '■ ^ £• • 

( 'S ) Favola ^che Aurelia fos^e inoglic di Tusco ^ e po- 
nesse nome alla Citti ; può bene essere > che vivendo Ta- 
sca Principe de'Lucumoni, e Re di Joscana» e facendo 
tcsldentia in Arezzo con Aurelia 5ua ^ donna * fusse chia- 
mata detta città Aurelia > coti dire A<)<^i^ó ad ÀureKa l 

( 9 ) Superbia vanadejli Aretini^ che non haVendoni^* 
la , presumono pofèr far gran cose • 

( IO ) Dice d* fitVLO , il quale , come dice Dante , torè? i 
il muso , vedendo Arezzo , e va Verso il Val d' Arno . 

- ( 1 1 ) ^ Artttnm ftdcherrime sitnm cives invidos farh i^' 
farnm reipubltcMt amatwra ^ fmr»mhcn4 9 fmtnfitfts ff^^^f 
^lienigenae dtvorahtmtn 



Aposto tó Zeno^ aj^ 
JEfur invidia e proprio lor mtio , 
£ dei^ altre virtù sono famosi . 
( 12 )^ Il verp nome mio fu sempre Aritio 

Per le mài f Are cìf eran nel mio centro ^ 
pove alti JJfei ^i f4ce4 ^a^crififio. 
( Il ) Toti^ fni vif^se ^ che di fypri p dentro 
pisf^r mi fece per dispetto é^ltrui ^ 
E par tornato a star spesso quincentro ., 
A non ti dipo crudeltà di lui^ 
^ ( 14 ) Parche son r inovate e assai pin crude 

Hai me doglioso^ perche i e da cui $ 
Lassommi tutte le mie membra nude . 
, * U ogni fortez.z.a y. sicché poi convenne 
I Cittadin fuggiti alla palude 
ph pò rimesse eh* hehher poi le penr^y 
Ate riponessero in picciol^ form^ y 
• fChe dai P Codoni a sommo piazxjt tenne . 
( i^ ) Ma pèrche molti si fan della prfna > 

E e 4 ( i^ ) 



f IX ) Qui si ctìptradicc , pcrcli' ^sjendo la Citti d* Arez- 
zo cosi cliiamapa in lingua jgtrusca > quale fu innanzi alla 
Latina e Greca ,^ «on può esser detto ah Ara neoue ab Art^ 
lì; sed ab AtfHa. Tùsci uxorty seu Festa y Ù- Areta ^ quae 
sonat ttrram f^ttUm ^ 

( 13 ) Non Totlla, ina Alarico nel 41 x. dette um sacco 
ad A^ez^p > ma non 'Jp guastò f q > 

' ( ^4 ) Qui i8!i nota che assai peggio faann9 fatto li Cit- 
tadini ' alla Citti ) che non fecero quelle ^enci barbare > 
poiché essi non la destrussero • Ma é ^r vero y clie li 
successori di detp Gotp e {Longobardi in progresso di 
tempo sono stati quelli, che hannp venduta la libertà alli 
Fiorentini ; ma se era la Città* rifatta per loro ^ giusta* 
mente la poterono .vendere conpe cosa sua* 

{ *f ) Qui si nota , che si son fatti nella Città molti 
innesti di famiglie antiche ^ quali di presente passano per 
nobilissime • 



44^ Lbttersdi 

( l6) Dodiifi fwr le C4S0 sfar tdl bdnidt 

Pdrwi che a numerarle tu ti dorma» 
( 17 ) Ftcemi poi la seconda griÙanda^ 

Che ancor si vede da Sani Agostù^o , 

Quel che mi volse far mutar vivéOida i 
Vescovo mio primo Marcetlino ^ 

che fu mio nato ^ e per st$o vitio iHflse 

(iS) Tormi all' Imperio , e darmi al Fiorentino ♦ 
{ i^ ) Di tali impresa molto mal ili colse % 

( 20 ) Fu stt'oginato fino a Castiglione^ 

E poi la vita un tanto error gli tòlse « 
E degna fu la sua condennagionè • 

Così fosse punito ciascheduno . 

Che € del mio dolor vera cagione h > 

. fior ti vuo dir figliol ad uno ad uno 

E" miei figliol che son degni di nota 

Quel che si veste di hiancbo è di bruho t \ 

Al hor si pose la mano alla gota , 

Come huom che volessi ricordare^ 

O 

( f ^ ) n medesimo scrittore», come Aretino invidioso , 
non le vuole noniinare. Come ho detto ^ questi etano ar* \ 

cleri 9 e li nòbili erano nelli monti • 

( 17 ) Qui fo nn salto di anni foo. la teonda crilIaiH 
da di mura la fece MatcèUittò iijóé ouale tirava 4a Sali- 
to Agostino aopra la Via, Sacra fino ai casaménto » e poi 
saliva per la piegala di Marcello, come si vede, e come 
si cava da una lapide di marmo in Viterbo : ma si inteif« 
de delle prime, perchè Marcellino fece le seconde. 

( 18 ) Però si puà. dire» che li nostri anticiii sdega<b 1 

tono obedire all' Imperatori, e poi si sottopósero a gente ' 

vile. 

( 19 ) Q]ieito avvenne , per la nimidaia che aveva con { 

li nobili. 

f so > Tu menti per la goli , fperché ftì impiccato t 
Palmerino in quel di Anchoaa per ordine 4i Federigo II* 
Lnperatore • 



A p ò s r d i o Zia 0; 44)1 

Ò pensi kmit inìfmnci U rotei \ 

( ti ) Jn tlruciferd vaglio ihgamincifre ì 
/ Perche e U sammitÀ ^- miei confini f 
kt in ciò non mi par figliola errare • 

{ ZI ) Perdona AÌontehuofts Aù^abmini^ 

Berlinghier ^ Maffci y Ghì4ì i e PagéimlUi 
{ ti ) Guidoterni » & anche Bostolini •. 

Se ien son tuiti a me crudeli e felli 

Per lor isupetiia i e fton voUer mai pari 
Xion lor vichi, se non cóme lupo a agnelli ^ 

Seccbmar j Totiy Catenacci^ e Gazzjìri^ 
Cioncholi y Sinigarii , e Caponsacchi i 
JDichiy ms. jignesch^y e sua sicarj . 

{ 24 ) //r San f Andrea fa che tu i* attacchi 
jiv^rardeschi ^ Manoclli , e T^ascipni^ 
E i Testi yèilor vicin non tHìo che fiacchii 

( lì ) La Cittì ìirikz in 4. porte , & hamdo ih sé 
poco MDulo , era allora niente , mentre cHe era klblfata 
&0I0 dalle npJMte famiglie. In porca Crucifera i^. In por» 
Santo Andrea 7. con altri pofolafi. In porta, Foi^ la. In 
poru Butgi 16. Fanno il naoiero di jfu tàoiit pia erano 
quelle di fuori. Se bene ho detto chela Città havevapo^ 
co ipopolo y è anchor vero che vi era il Consiglio di. 400* 
ma in questo vi concorrevano li nobili contadini. 
, ( aa ì Parla il poeta a passione, poiché tace le nobili^ 
& antiche famiglie, ,e numera quelle che come dice disoc^ 
to, erano discese di notar}, e non quelle che derivano 
d'antichi heroi, come parte di quéste. 
^ ( a^ } Ne discende (cioè dai Guidotemi ) la Casa dei 
Btandagli ... 

( 14 ^ Molte famiglie hanno avuto in quelli tempi ori* 
Kine da più ville « come li Marsopini, Ricoveri, eDasds 
Baldnoci, Lappoli» Maitre, cne tutte vennero dalli q|iar«* 
tieri di Qiiaraca 9 o di luoghi circonvicini • Può ancorai 
csseìicà che vi sieno di quelle che alcuno tiene per pia 
nobili di Quelle di Qturatt) ft in qucUi lemi^ fusseio 
lA cQr|K> a ^ua madre^ 



'^IfHCci, I>offiigìdHÌ ^ e Rédolfont^ 

uiltfi^ ve soH notori e fntrpataniiy 

( 1$ } £ Sàrchiàtàlr M zUfché g. di jfop^f^i ^ 

^entiUixA di fuori hor vho che cdnti , 
CasA degli Vbertinty e PetrdmaUy 
E dirai il vero senzjh-f^r fini ariti. 

E coii/^e fu a sommo di mia scala y 
In altra farti H fia manifesto , 
E quanto ' ancor per me p stata mala . 

XdSyoti , iì cui vestire e color mesto , 

( 16 ) Biidofnini , Cathani , e Ranier vidi 
CV hebber per ^ arte lor voler si presto • 

TéiU^^^^9 ^ppdritiy e Sraccifidi^ 

Ratutci y uirnatdiy &, ancho Afaghalotti^ 
Epa in Burgho convieh ^h*io ti guidi . 

( 27 ) Dove fur gli tTdumeri gid molto datti : 
appresso lor vi sono acciai i Roselli , 
E quei chi nf han sì concio , gli Jl^lbergotti . 

0id più di lor non vuo che tu novelli • 
u4ltroi/e ti dirh se non mi scorda ^ 
Chi sono stati e chi son hor a quelli • 

(.28 ^ foi son Guasconi y se ben mi ricorda ^ 

(29) 

f af V Api! akrj s perchè quc^i crino Ai pòrta Fuori . 

\ %6 ) Sotto nome di Catcani Venerano tutti li Nobili 
di Contado lassati indietro per inyidia. 

( xt ) Gli Udutneri habitavano in Valle lunga: Il Al- 
be rgotti nella loro contrada. Della famiglia degli Udume- 
ri fa mes* Bonaguida, e mes. Bonagratia, huomini dot* 
cissimi • Peri qui ]aisa dietro pnoltc f^ù^lie che fors^ 
gli erano nemiche. 

{ 18 ) Pare che nomini per forza li Guasconi , quali 
etano d'anticfi nobiltà forye più delli altri, se già ^on 
etano aggregati ; della qua! casa si crede fossi Santo An- 
drea morto, anno »oc. ( nm s$ se dica laoo. ) 



^ p é ^ j q f. o Z j^ ^ o. 44} 
(29) Ràtzjtlli^ Accettanti :, dncj & -Azjtji ^ 
E Camajan che fan mia voce sorda • 

^e^HÌtavan poi i calorosi Pàzxiy 

Dei qukl pon so^ch'ip possa dir vergògnéf 
O contra me fatessfr mai tramazjd. 

j( 30 ) Pift non ti conto per non dir menxji^na. 

f 6^4. Al iSigi Canonico Palilo gagliardi ^ 
a Brescia. 

j^ienna 1^ Maggio 17Z4. 

Voi yi scusate '^raeeo gentilmente del non 
aver mai scritto dopo la mia partenza d* 
Italia , jquand' \o debbo dom3.ndaryi perdono di 
avere ih ciò mancato al mio Movere con voi ^ 
jMa <;osi va : la yostra gentilezza non ha modo , 
e a me tocca a fare con un amicò di troppo, 
buon fupre , per non avere a diffidare che mi 
sia usatp da lui ^ il .compatimeQto , che gli do- 
mando • Mi è. stata cosa gratissima \^ nuova da- 
tami da voi, che sia cosi vicina ad uscire alla 
luce la vostra erudita pissert^tione intorno ali* 
Antico Stato de* Cenomani ed ai loro (Jonfini : 
nella cui pubblicazione mi fa piacere V onore 
^he sarà per derivarne a voi ed a me ancora : 

a yoi 



( 19 ) Dalli Accettanti ycngono quelli derBeiie di Fi- 
renze. 

( 30 ) Havendonc detto a dozzine si vergognava di diV 
9e più ; e che questo sìa vero si cognosce che non vi hs 
nominate jnezze le famiglie escluse dal' governo : l'incluse 
poi erano almeno sessanta y quali governavano • 

/ 



^4 t ^ T r à àà ti 

a voi per gli applausi che ne consegmretè A^ 
pubblico; ed a me per la pregevole, testiimnìian-i 
za. , che vi piape di dar al mondo dell' amore 
che mi portate: in ch^ però tutti concisceranno 
esser questo più un effetti della vostra gentilez* 
XI i che d'^cun medito mio; quando f^rò a me* 
rito non mi si, ascriva la ^ benevolenza e la sti- 
ma che vi professo • Io laccio /voi ixì libertà di 
dire di mia persona tutto quello che vi sugge- 
risce il vostro affetto , di due cose sole pregan»' 
dovi a far parola , cioè della nostra antica aoii^ 
cizia , e della bontà con cui V Augustissimo Fa^' 
dròne riguarda me di continuo e le cosp mSe i 
e con questa occasione potrete lasciar correre un 
periodQ a gloria di questo gran Monarca y chef 
è non solo protettore delle buone lettere. , ma 
lino discernitore di esse > sapendo e^i e iegget^ 
do molto: in che noh^dir^e che il vero . ,Da 
molte parti ho inteso lo stabilimento onorevole 
dei nostro Marchese Scipione alla Corte. di To^ 
lino. Idoio Signore sempre più lo feliciti i co-* 
me di cuore glielo desidero i poiché di cuore lo 
amo. Si è fatto bene a rispoi^dere. qualche coss 
ai Giornalisti di Lipsia sopra quanto inorante- 
mente o malignamente iianno opposto nel rHe-* 
rire il vostro S. Ganìenzio . Ma perchè que* fcf- 
gliétti non hanno molto credito > non sarà che 
ben fatto dirne qualche cosa di più in uno de* 
Tomi del Giornale d' Italia , il quale è ^ato 
principalmente istituito per vendicare i liostrt 
letterati dalle censure de' Giornalisti oltramonta- 
ni é V anno passato oel mio ritorno da Praga 

mi 



\ 



\ 



Apostolo Z | i^ o, ^^ì( 
§f& sono postò setiosamente allo studio della lin^^^ 
gua Greca» e vi ho fatto qualche avanzanietit9» 
Le inie ihcorabeiize Teatrali me ne hanno distolt 
to da sei mesi in qua: ma tpsto che mi sia da:; 
to un poco di riposp , lo ripigtierò attentamen<> 
te, conoscendolo necessario onninamente a chi 
{professa letteratura • Da questo studio mi sono 
avanzato a quello ancora delle medaglie • Hq 
cominciato da quelle di argento, delle quali mji 
è riuscito con Tajcquisto 4i una grossa partita ^ 
ottone in Roma per ottocento fiorini, di ayan^ 
zarne potabilmente una non dispregievole serie j^ 
arrivando glà-epiéste al numero di ottocento y e 
da Giulio Cesare fino a Gallieno, non i^iancan^ 
domi che intorno a dodici teste y alcune delle 
quali non sono delle pia rare. Ne ho comincia-? 
tat una anche in oro , ma in queste yo assai 
fin lentamente^ perchè le forze al desiderio noi|' 
corrispondono. So che la più stimabile si è la 
serie di quelle di bronzo i ma per' questa' aspetr 
to clie mi si preséhti qualche buona occasione 
ad un tratto» non volendo incominciare con po^^ 
ehe • Se costì conosceste chi ne abbia » e a prez- 
{20 onesto voglia disfarsene , troVerì in me ut| 
hdl^ compratore . H Sig. Conte Ignazio Zanar- 
di, che da mplto tèmpo in questa Corte tratr 
tienesi, d)ssemi che tempo fa aveva donato un' 
fcel Codice , contenente un* Opera del celebre 
Monsig. Altobello Averoldo al Sig. Gianvìncen- 
«io Averoldo fìgjiiuolo del fu Sig. Giulio Anto- 
nio di gloriósa memoria . Mi sarebbe caro di 
/essere in£)rmato 4el cpntecfuto di esso Codice , 

e con 



/ 



4i^6 jL ? T T E It E 5 1 

è eoa tale occasione rinihoverete b mia. aitici 
servitù a cotesto Sìg: Gimvidcéiizìó Avetoldo • 
Pi Moi^gnor Gentilotti ha più di quattro me^ 
$i che non ho risposta ;^ma spi ,' che ha tnolte 
faccende in occasione del pres^n(|e imbrogliatissi- 
' ino Conclave,* che da motivo di: molte dicerie « 
lliverite caramente a mio npina la stimatissima 
^ig« vostro' fratello j e per fine^ mi dico ; • • 

05; u4Z Sii* Art^reÀ Cornerà: a Fe^tezidi 

,; VitnnÀ zo*JI4éiggio ijz^ 

TtJttà questa settimana è stata per me ienzai 
respiro , e di, , continua fasica > 'a riguardo 
dell' Opera:' marni vi sono a|&(;icatd con piadere » 
Sì per la feliciss^nà riuscita di €i$sa , si perchè con 
la giornata 4* oggi . avrò modo di riposarmi > e 
starmene al mior tavolini^ dietro il lavorò ddl' 
altra... Del t^stp non pos^ipl descrivervi adequata^ 
t^sfitt 1^ applauso^' che ha óttmuto il mio Dram- 
ma.,-, recitata^ sonato i e danzato- a maraviglia 
da queste Dame ^ e Cavalieri ì i quali hanna 
avijito tempre alla testa dell'orchestra al priiiio 
ceu^a^ò questo AugustissimcT: Padrone ,< il quale 
spon^ 4a professore ^ e con la maggiore y e più 
£na maestria #^ Oggi sé ne fari la terza recita , 
ed è peccato che tìpn l'abbiati potuta vedeffesc 
non pochi 9^ e scelti^ e; nominati di^ S^ Mi^ Tro- 
verà modo di maó4«u:vené presto degli esemplari ^ 
anche pet gli amici w N^ libro Vedrete il nome 
di tuiitc^ le Dame ^ e Cavallai 9 che had ocim* 



A p q s T. o. Là T^fifol ij^j 
^ost9i. e aoiraat? ^fi sì jp^|;;ii^ò^.sp^fa^ , ij( 
quale sarà costato , . fattc^f; ^4 .' giiist^ , computo , 
óltre a ceiitó mila fióilfii ^\a, ^^orj^à, ìnip^tidle^ 
té tre Dame cantatrick in ^axti^ppl^ 50119 ritj^ 
scité 4 niai^^iglia, e se fossero della sfera d^ 
piiisici ordirtarji e avessero a i^iiadàgaarsv il yt« 
Vere cantando a prewo., anche iq |tali4 farejjj- 
fcqnp tri le prime là prima comparsi ^ col c^^^ 
t0i che coA r^ziotié; Ma da altrjl i^.jriceverf^ 
té. gli avvisi i-, onde io aie ne. asitengp ^ ^acciQCr 
cl^c ùp^^ i^i' crediate parte; intergs^a^,. JLà :^i^^ 
flussione, di dehti cre^cq é^ diminuisce a xnlJ^^^t 
che il tempo e buòno i o càttivp / }na,;^e)r£hè 
qui per r ordijdariò e ^disi^g4àle i, eiajizi. càttTvà 
che nop id. co^^eg^^ri^a quasi, di; fotìtiiiud me 
he risento; jL*unjco riitiediò di .tanti fhe hpprow 
Vàto, si è la ^^zieriz^; Mi Consolò coti: vqidel 
singolare acquistò, chf avete fatto del S^ìy^tore 
deiriàsighe PittorjB Par^ Bordone i Jé cui Òpere 
sonò {Stimatissime.^ iSa^^^ta^c; tutti ^ e ^bl^iicci^^ 
itovi fò- fitte,; ,, ^ , -,, . ; . .... ;. • ^ - 

Nljpyamentó vi ^ringraziò 4^^ diligenze usa^ 
te per. c^el ritratto 4ei Conte Manfredo 
di CoUalto: e cqtì a^ti^a mia/già y^ne; .slgpi^-? 
Cai alcune cijrtostanzei- con U scorti dellq^oa- 
U potreste piijL,faeilnient€i indagarlo ^ e sdoprirlo* 
Certamente c^ ^oiu? ur^ tesoro i bei Quadri ài 

casa 



I$a5a Batbarigo dà vói veduti,^ ì quali sono h^ 
ihosi presso i dilettatiti e imeadenti . Ànch* io 
lunedi passato ^uo stato finalmente a vedere col 
nostro Eccito ^Sig< Athbasciadoris il Tesoro Im- 
{>eiìale ^ ripartito in molte stanze^ e con buo* 
hissimo' ordine. Vi sono cose assai pregevoli e 
Ì>er natura è |)èr arte; e in particolare due qua- 
dri del Correggio, e un arraaro intero di e^ra- 
iifiei> alcuni de^ quali sono di ^misurata grandez* 
^ sa > e di eccellenti antichi maesdi ^ A considé* 

rar- bene -sòl questo ci vorrebbpno mesi interi, 
^ pan che una inezza giornata . Mi è stato di 
gran piacere T intendere quanta avete operato per 
gratificare nella persona dd suo congiuro il S^ig. 
Avvocata Durighello » mio caio amico » il qua« 
le riverirete* a mio nome, nella cui'virtà edas- 
liistenza per la tnia causa eonfidQ moltissimo • A 
tutto quello che coùcerae la stiessa ^ risposi al 
3ig«niió Suocero, e a vbi la settimana passata ^ e 
ne scrissi anche alF uno e ali* altro de^ nostri Ayvo* 
cati • Riverirete a mio nome V Eccmo Tron ^ § }i 
fenderete grazie della bnona ^«inione, che tie* 
pe per li miei cptiìponimeoti. Dei I^ammi da 
ine composti , e adattati al suo teatro , e alle 
^ due parti da lui stabilite di Niccolino e Roma- 

Bina , in numero di sette personaggi , n^n sa^ 
prei qual suggerirli, che pia /a proposito fosse 
disila Nitocrf: ma conviene troncarla di- molto 
per ridurla a misura: in che bisb|nà gran 4^ 
stjrezza e avvertenza; akrknenti può facilmente 
guastarsi , come intendo essersi ora &tto del 
mo Scifiùfu da persona 9 <he pogo intende il 

tea- 



V 



A <". a $ T 9 ft a Z E >^ o. 449 
leatioì ia quale però non sq veramente qual 
dasi. Rivenite a mio notne la Sig« M^ixlre, e la 
Si$- Cognata : ssdutate le sorelle e i ni^tini , 
e abbracfciandovi caraumentc resto , e mi coiì^ \ 

fesmo • • ^ • ' 

^17. Al Sii* Aiarcbcìe Giwémni fokni. 

V- 
PUnHd u £MflÌ9 1724- 

Appena arrmtq^ ^ questa Corte fl 9ig. Con- 
te Ehise Buzzacarini» io ebbi il coqtento 
di essere uno de' primi a conoscerlo , ehe i lo 
stesso che dire a riverirlo , e ad amarlo • Né 
dui^ gran p^na a ritro^Io , ^ichè è venuto 
a slare di alloggio nella stessa casa oy* io abi- 
to» difimpettp al mio quartiere nello stosso pia- 
no • Qjiasi ogni giorno pi starno ve(faiti , o in 
casa, o alle tavole, dove siamo spesso unita- 
m^e invitati • l\ pAtn^ momeq^to, della nostra 
conoscenza egli mi ha parlato di 'voi, e incoa- 
tineiktf ho preso ad amarlo di vantaggio, aven- 
do compreso quanto siate amato 4a lui . Dopo 
qualche Mapp di ^òno trasfeiìto, a Medfin per^ 
esiare pia da ^esse alhfc Corte « el^e allora sta- 
rasi a laiMiburgòi e là fu che mi pervenne la 
vostra a me cariilsiiha lettera, con la quale mi 
caceomauMate quel Cavaliere. Io non so, se la 
lettura di essa , che mi veniva da parte si cara, 
abbia potuto accrescere il mio debito el mio 
amore verso di lui ^ poiché era persuaso di amar- 
Tmc III. F f lo 



\ 



459 Lettb&b Di 

lo quadro mai. si. {Kijte^e» esseoda egli dotala 
d^ t;ali. qualità » cbf tu^o^ ad uà tra^tto. si. fia-* 
dàgj(>abp; 1 ^upri d^jtle pecsdoe» .e. shnzno p^i? 
COSI dirq. ramiqzìai Pure me gIi,,i$ond esibitq 
anche a, V9strò riguardo ^ per non parere, che aà 
trascuraissi 1^ uffizio ^ e fo conto ^ quand* e^li sarà 
(>er coi^'di ritocoOr 4i .tà^c^as^rla anch'io 
a voi ; poiché pretencjo. di > ncul amarlo inenò di 
voi i Gii ho fatta tenete la vostra lettera avanti 
di toi:naic;m^e. ^ Vienns^a dove poi mi disse di 
avervi data rispósta ^ e presentemeilte m'impone 
di .darvi ^n amor^y) ^alutq ; I^ò manydat/s àlqu^iii- 
te copie. del' mio pr^mma^ recitala da. DanJKS ^. 
Cavalieri j e con marai^^igliosa. riusicitaj al P. 
mip frat;elÌo« con ordina che. una he; fa^ia, te*.- 
nere a.voi^ ^P^^<^ ^h^ 1' avereté già, ticevula. « 
Cofìtserv^ièmi U v^^tco. aii^tto ^ è rif^eriftp at Jpio 
nome^^tutti di vostra. ca§f ; e p?r fine Cordialr 
m^nt)^ abbracciandovi ipi dico .• .> , ,, : . 



t ' 



S'£i|ffÌi?vqRsi,dc)v\i^.s(;riv^rvi,» i^»iy»v«et |kii- 
,ti^;farlQf;^i^i3^^,:|PMfi|.- ^fi^ «J> ^fiflobett- 
tof dal iflÌQ: iwpmg^o.r?t8pre^Vte^ > '^'•^ ■«* ^Jt- 
tay^a mi. c^ftijjiu^ /f fl».perèri;ótt:fi^^^4^^^ 
ZA, .J^on usfeadqaii U.fj^nggeK :c^> m. ^9mi(m^ 
nor.jqogìa . .Ho cfxpffti^aìm a4 .u?2«e i rimed) ,■ 
co' qut}l\, SR^ di wn^t(j^rm^ in pqfilii gÌQ»i« Il 
buojijiPfdigj ^o^a^rpj j)iì nQxi mi: «cri^e •> .Egli $i_ 
■ r: * 1 H ;a^ «y^r-. 



A P O * T 0;i ;Oi % 1 lì O. 4f% 

io^ Hdn^ iteoacisciiìfte |»er ÀUe > bh meno aiì rìl|- 

cresce la suacbàéisipne ì di quello^, che mi .$%• 

rii fiaciescialqr ìLsud ingatiit0 «^.DstrqiifJilQ shr 

visggoi^ e M x}ueÙo cbe mi seiive T òcQCiéiKx Siìi^ 

Pàtati^ì^ P9Q0 di bnono é di siocecà ki sì, ititit 

geoftre. éi cose si -può' sperar. 'da cosd »' e gejter* 

nltueilte' da qiialua^e luogo ;} joadé sempre > pw 

sono Jcooteòto della. «compra che ne ilo /atta d4 

nostra P.' Baldini* Qiiei^ Antiquarirrte. atiiDaM 

pia .di- 2000. fiorini ^ e pure noà mi costano 740^ 

I giorni passati mi è fortunatamente xrapitatQ .ui% 

terzo .itiedaglio0it Sri. ora àk peso' di dtique xin- 

ghem.eLiatt quairts> ^ ed.è)jbenissimo conservato'^ 

e :^% tQr(l> purissima^ haatuta in AquiJejla. > coma 

si ricava jtlalle, lét^eore AQ^^Sé cioè Aitiilejae si^ 

gttatM.i.p(jist3S inifondo del rovescio « La testa à 

di DidcIetstanDrcoii la leggenda^ IMP.DIOCL&- 

TiANUS R F AYQ y r. nd »v«scio v" è un 

figm»!/ di donna ia piedi stolta:;, js rivolta vec^ 

so la < destra y nella» iqnale lieiiie una bUanciay 9 

nella sinistra ìi\ corunoopta. Nel camj^o sojtto U 

bilani:ia v'ba uaai steUa,: e nelF àltsoc Vh e so^h 

toi cóme' disaii AQ«:\S£.la lèggeiubb aU' intorat 

si c;SM:it MOIìJET^A AVGG.ET CA^S NOr 

STR.^: Questa meda^ìai trovasi comunemente in . 

rami^ ài mesiàana graniiezsa ^.11 fianduri sullgt 

fe^e dei MesQzabariia.;tle. riporta una sola in orci 

eon^mile^ ma né *ilv ^Mezaabadia^ y né il .^<ta* 

ri dice che: sia ^medaglione : sicoiiè là mia yia> 

ne ad essere singolare , e la stimo di taolto. i 

e tanto più quanto che anche questa non mi vie-. 

- . ' F f a . ne 



4$$ tltt-&ll£ 01 

01$ t OMtare» che un utigiiero di più defi' pn»^ 
iiccocne feci dell* altra bel medagUone di Gallie- 
•o acqi^stato itt Praga • V- ba qui un bellissi? 
«o Costanzo Cloro ii^ eco di peso di ciaque 
Ungheria ma chi lo da, non ha voluto lascwr 
Irido > benché io gli abbia oberiti 15» ongheri; 
•è io mi sento volontà di dargli di più . Hoii 
fo se il nostro Marchese Maffei sta ancoira in 
Venezia» né perchè tardi cotanto a rispondermi , 
Alla Sig. Madre e a tutti i nostri date un cor^ 
diale abbracciamento e salutp ^ Addio ^ fratelli 
amatissimo* 

P. & Potrete rescrìvere al Tummerman ^ che 
TArgelati icol pcomedcergli quella licenza che é? 
gli desiderava (f avere , non. ha inteso d' inganr 
narlo per aver qu&'li(iri a miglior mercato r ma 
ha creduto di poterlo servire in cosa » che gli 
fosse facile ad ottenere • Io sono buon te^tlmor 
Aio, che esso ne ha stsrittot tanto a me, quan^ 
to ad altri, e in particolare a Mpns* di Valen-? 
sa, con cui. io pure ho parlato di questo afiìiT 
ffe; e £• E. era disposti^imo a farlo , ma altri 
liei Consiglio W lumno fatte taU opposizioni ^ che 
tton si è potuto dipoi supératlé • lamalattiaDsucT 
ceduta de| Prelato ha finito di guastare agili cor 
sa con diio sommo^ dolore ^ che a fìi vere del 
Tummerman, mio Compare, come, sapete ,'so 
di aver fatte le parti di buon atnico : sicché ini 
ciò non può giustamente dolersi { d' alcuno , se 
non se deUa sua mala sorte w Vi lamandp la su^ 
lettera^ 



ftSt 



A p d Sf T 6 t o Zyi rf o. 4SÌ 
* 619. Al Sigi jintofrié Failisnkri* m Péàovét^ 

l^AI Sigg. firstelli Serdahna ho ricetuta 1» 
JL^J^ostra lettera,; ^ insieme. h notizia del vo- 
stro ottitno stata.: il cbe mi ira recato moka di 
tontetitezza • Del mio passato incomodo, ca:gio- 
natanìi dalF emorroidi eon lunga copia di sanr 
gue^ e da una susseguente febbretta^ gcazfe a 
Dio, mi trova ai&tto quarri riinetfiov nonesseft- 
domiene in oggi rimasto che un poco di debole»- 
2fò. Vi ringrazio per gE libri ehe mi avete fat- 
to avere per via dei addetti Signori ^ mandativi 
da mid fì:atello, al quale parimente ne scrivo • 
Dal nostto Maffei ho aVute più lettere > daccbi 
£ ritornato da Tarino; e spiacétni del suo mail 
d'occhi» di cai egli pure mi dà contezza. N<m 
mi par& che d' animo sia niòltò coamito , non 
ostante il suo buon soggiornò a Torino ^ e 1* 
onore e l'utile,» che rie ha riportato. Ho dolo- 
re, chel Burgos continui a star male: ma mi 
ìrien dettar,- die ne ha gran colpa, il suo noti 
volersi governar da malato. Se B Sig. Abate 
tonte Lioni è in dispcrsizfone di voler prender 
moglie, penserà poco più ai -Supplementi, t ttoa 
$arà pocdf che àon sia in b1soghcr,,cHé altri fi^e 
facciano^ per lui . Dal * Perone - io vengo béHe 
spesst^ sollecitato a fare questa paizia : ma iot 
SCO $aldo a non entrata di ftuotó in si Iktto pt«t 
ia^; à un gionio prateflte rldip^ritriee # tìf^ 



4S4 OL B T T è H E p t 

jpDsi > che jt mi si voleva dar fnoglie vecchia ^ 
i^iiU$a nm univa per niec se givùant ^ io non 
serviva per lei. Per Dio che yoglio vivere e 
coaservarmi pÉf <|uanto posso , e almeno in que- 
sta parte godere della mia libertà * Si son co- 
«tiiiK:àte le ptéve d' un* altra taà. Opeta » «tid- 
-tdatà Anàtamatam Dopor questa ne Terrà uà' 
altra pur mia , intilioiata Giangmr Itnperator del 
-Mogol ^dt cui. forse non isi. kadL fatta la più 
magnifica. A sajo t^voofo avrete T una e 1) altra; 
45e fcene so cbe |)oco vì curiate di legger sì fatr 
^st l>aje. Se >poa altro yi seryicamnp come atte- 
ntati della niemaria , che ^i voi conservo • li^ig* 
Ippolito sta bene ^ e. vi saltata ^caramente . Fate 
imi lo stesso in mio liome a totti di vostra ca- 
^a . Io mi ^^ pontinuamoité godendo F amabi- 
lissima converkajsione del Sig, jCohte Duse Buz- 
t^adierini \ di cui ; hon posso saziarmi , e cui a 
suo tenspo non potrò Veder partire da questa 
Oorte , dove tutti T amano estiipano , senza un' 
estremo rincrescimento. Conservatemi il yostrp 
•Atnore , e prcdeteral qual mi <lÌco ; . •'. 

' , 530. Alla Sigt Jjfisa Serialii.a yenezJa» 

' ì 'v, 

P^iemra' 19* jigosts kjz^ 

* . /■' ' , 

Edi è prxnai tempo» fb'io risponda aUa vo- 
stra gentil lettera : 'il. che ipet la^mia già 
superata iiidisposizione non fcci le due settima- 
tte passate é Mi soft giunti fon -essa i ^striitue 
•vSonQtti , i quali ini smid piftcìnti grandemente , 
; '. \ e su- 



Apostolo ZcNOf 455 
e cubito , scritti cosi di vostra mano , gli hq 
spenti a S. E. il Sig. Conte Collaltp 2^ Pirnitz, 
luogo d[i sua giurii^dizione nel(a Moravia , si- 
gnfficatìdogli (lello stesso tempo la prontezza e ^1 
piacei», con cui avevate ricevuto 1* onore fatto- 
vi da lui nelP accettare là dedicazione della, vo- 
stra Opera . A risposta della 'mia lettera egli si 
tesprtme in- commetidazìohe di voi e dei Vòstri 
dùe.SWnetti d^una mlnleiia , che la vostra mo- 
idestìa ti0t\. saprebbe in ' ytrxin modo difendersi 
dairàYérnè interno compiacimento j e 'fonie egli 
•è proittisìsimo/ m simil genere di compèJiiinenti^, 
fe d* una vivacità mirabile 5 còsi lo stesso gior- 
no, in cui ricteyette la\ liii^ lettera , e* i vostri 
Sonetti, ^i^osis a questi' due jpoù \e medesime 
ritne ^ paiole \ ^ ^ggiugué^dobe , tre alttì : man- 
dandomi e iiuègli e questi , acciocché ai vòi.^i 
facessi ìnoòntaiie^te genere, come. ora. fo : onde 
xjui annessi li troverete . jKla^ acciocché meglio 
intendiate il.tei^or dì essi i iriì. è necessario à- 
vanzarvi alfcune notiziiei , the tiòn Vi iriustìranho 
discare» L Vàasco Creteo ci nome pastòScalé 3i 
S. t. neir Atcademia degli Arcadi iinkoma, al- 
•li quale è aggregato. ÌI: $mà)rp ' ^Imbólià è'I 
nòrn^ mio pastorale sortito nella sbpraddettà Ac- 
tadeipi^* ni. Madonna Cus^àray 'detta anche 
Gdspaxina StdtnpAy fu una delle più eccelleri- 
*tì'ritnatrici, die mai sienq fiorite. Nessuna al- 
tra pu^ andarle Innanzi ^ e le ^vie p:imè . iiiif*e^' 
^ in Venézjar^èr Plinio Pieti:as,anta nèì *i'554- 
in 8. pubt)lic3,te dopò la motte di lèi. da M. 
Cassandra sua Sorella, la quale le dedicò al ce- 

F f 4 lebrc 



4S.è' JL B T T B K E II 1 

iebre Mons* Giovanni 4dlaGasa, Nunciò alic^ 
ra in Venezia » possono .anda^ del pari con quel* 
ie dei più famósi poeti Italiani di qiaalunqtte età 
e condizione. Óra siccome la detta M; Gaspara 
amò suadentemente » ma d* amore onesto » , il G<m« 
te Collaltiho di Coìlalto , stimatissiràò Cayalie^ 
re in qu^ tempo, tanto in armi che in tetta* 
ke» e specialmente in verso Italiaàò, e fratelto 
del Conte Vinciguerra^ che similmente fo bra» 
vò >òeb ; cosi quasi tu^e le di lei Rime sono 
in lode di detto G>nté CoUaltino , e in esptes- 
, sione del suo tenero amore ^ IV, AmusilU è 
finto nome , il quale diedesl heHe sue RJmt la 
addetta M. Gaspara » dorivaàdoio da cj^ùeìla^del 
jfiume AnA$s9^ dettò volgarmente la Piave 2. il 
qua! fiume cmge ed abbraccia le a&tidiissinie 

?'urisdizi(»ìi della Casa iCoìlaltb nella Inarca 
rivigiana : sictchè ÀnisiilU è lo Itesso ^^ che 
Kinfi del fiume Afiasso. Mi scordava di dirvi 5 
2;6è qùéita donna singolare, isx Padovana di n^- 
fecita^ e Venéstiaha ili domicilio, di condizione 
civile., e alla quale non è mancata che un'al- 
ta hòbiltà per andar più lodata^ cóme 4i £atto 
lo meritanra^ {>uì di Vittoria Colonna è di V^oni« 
<9 GamBara^ e di tatit<i altre dame It4iane9 
che scrissero hello stesso succiò asiai pulite e 
lodate poesie. 

Accioécbiè poi siate infermati delle notu^ 
oppoifutié ^r formare la vostra dedicazione a 
S. £• io qui ve le suggerisco di suo gradimen* 
to e. saputa; £ quantq ai titolo da porsi nel 
froatispiciò 4 A Snk EQciHkmU li Situar 



^é»mi4^^ XMmt4ld0 Cmn éU CMàké^ Sun Séd\ 
^0^4, R^^ Cr^ÀMKX^,, C0IU di SMnAùmimi 
t^MU9sfnt S^puhre di Pimitti Tìmtè-Riiù^ 
inrjc* # Cx^nM 9 Ifp^icario P^ssess^ delidAfik* 
té itìfhmi4 ed Ikmnéià , ConsiiUeri imimà di 
StMk di S. M. C. €• ecc. Nella deRlkatorìa 
)K>i [MNHdyQderete ccm due, periodi. dalle .'grandest^ 
ze f aatfchità i ttobUtà insigàe deiln Simiglia Gol^ 
Idto discendente per erìgine ^ et per parentadi 
Via. caie ^^otrane e Heali . Vi ferni^reté hella 
gloria, de*^uoi aiitèóati) màssimamaite d^i ar 
-knatori dopile lettere» e in particolare delle Mt> 
se 9 no^nando, i Conti Manfredo V. CoUaltinb 
i. , Vinciguerra UL Antx^nip, IV. CoUateral gene* 
tÀe deila^ Seri. Rep." di Venezia ', Vinciguerra 
iV. Cavalier di Malta # ^ue Massimigliani il 
grimo p*l fecondo I Sertéìrio Abate di Nervesa^ 
Rambaidb Vili. ÌX*. e X. Già Batista IL An^ 
tonio- Carlo, e Qaudio IIL e IV. tittti uòihint 
dotti f e generosi promotori delle scienze si con 
ia proteziom» ciie cbn f esempio; atendo fon-^ 
date Accademie, donati poderi, e assegnate pen« 
8i«ni a letterati s da modo che di loro fu detto i 
Jtigftm 0pes 4iqHémt éinimis . Non vi scordate di 
parlare della StéimpM^ della quale di sopra ti 
ilo suggerite sufficiente notizie ^ Discendete pfer 
Ultimo aila persona di $. E. lodandola peir T 
biriiàitieiito di tutte le tutù de* suoi maggiori; 
le quali egii possiede in se . raccolte ^ con ac- 
cresdmelitb di gloria e per loro i e per se) Si- 
gnificate il desiderio che ba il Pubblico di ve- 
dere alle itan\pe,i suoi poetici eampoiiinienti • 

Non 



•Moia ^'Aetteeèj^aitii^zki^^t^ tò'^m e6|^r| 
iectdt^ evènti i |^ tnoki ^^ t^udi- gli dcéffikrou 
tiè i .ftM libn > e r igére^ationft di flit ^dft 
fmtid^aii' Aoejic^èmie tf* ftMià yè in parlic3o!àrfe 
i^ ^^ dèì^ Ai!<^i rfli kottià , fe della Cm- 
tca '4i if^nì^ « £ tdiitp basti ìntomo ijilia dc^- 
flfci3i«to^ew^lDtee'<!os^ sdggiiiìigo |>ér Ultimci ? f 
«ina tiiè '^glè litdiaté f»te di altri Vostri f orapo^ 
tiiffieiati,' è the di ^uatWk) if^ quando ne ahdia- 
tc steiulifléè'igUaìchq a^^ drè 

i»so dséiidefit^i avere Uyéstri|> rittàttV' da ^^ 
Te liei S130 ^binetto , bvt tie rien fni>!ti altri . 
Lo yotrebbe \h tela |)ìù tostd grande , thè nie- 
i^ixrore'^ <0 iii^ato nrótt Hea pitt^eépca , e con ve- 
iltitnenti ^éeali fe poètica Ì' dii tìfano 4ellk famosa 
ÌR.o*alba, !p dd yecthio Belliutci ^lio kitrtc<)- Sfe 
|o vorrete' far ai maiió vostra, tanto più lo a^i 
^là catb. Fo j|ne , palato tutti di yoftrà càisa, 
^ mi diwv.éi^"^^'' ^> ■ -•' V 

f jjr Al Sig. Lèrcio pMtàhfL ifi f^enikx^. 

^p\ A tuitì^^ fràtdlq xiéh vA è statò fitto alcun 
jlJ motto intorno alle pre«tìùbe'ditbt€sttt Ba- 
dessa di S. Zftccheria ; ma irte ne è $tatò strìt- 
tó AH mstto Pavini , ài <}uà!e non rl^qdb , 
fet esière occupatissimo j ma tea yì ptego a dat- 
•gliene ili yéce là risposta ♦ A pàli^tri iittcétì- 
«ente,* a iTie hcm ék V aftimo di portar le mie 
^ù{)^licte topri &fé&ML fecttm^ al. mio Augusto 

Pa. 



A p O ^ T « r p -Z-EìK:^. ^J^ 
jPadcme ^ il^ <|ude certafiieiite «e la fkrefickarabbé 
ia fgmòco,.e hòn ifoixebbe ^.jdS9^^^ 
torità al ^wore 4tl ^ligiosoiraccomandatx) ^ l<» afe 
parlai {giorni rsoùo ^ odi P; GiranèUi , digaìssinao 
Sacerdote della .Cobipa^oia^ e tooofessore jEfeU^ 
l^eratrice -Amalia ,'U quale» ^ iscdubnente* im hi^ 
consigliato a poa tentare voa oosa « dorè noa 
ftnsdrei «jon poore* Se làcast^ preme tai3tQ.*cot 
«ti, perdièiXiostt non <ji *i:erca«)di far ricorso a 
fotcsto Ecdraò Sig* Ambasdatpre Cesareo ^ 1(1 
quale caldameofte^ ne -scriva al' "6^ Marckese ytì> 
las, Sc^retmào diiStato, ne che l molto pc^i»bbe 
fC€ otten^ie la gOiAk e Tacite, poìsete imiibui: 
ìiestraaiente , dicendo con ^ncbezzach'io smesso 
^e oé lìo {soggetito jl consìglio • Vorrai potsi 
di yanta^^jb, per senrice.tanta.a ftà e al: ;Sig; 
Pavkio , quanto a quel: Mbiii^mo Monimsfà ^ 
per- cui kà tutta la stilar p :. venerazione 4 <pui 
.«questa yolta coiwSènè ^iie gradiscano al atìarboóBi 
solére, non potH^ido operar di yanta^io . Q^ 
«ta lettera ^tiafrcaso. di ^^ e non la.xoina^ 
sitcate a persona^ non-piacebdcsni c(ie irada)iJÌ3;L 
rgiro> come potrebbe^ in casO'che ^ la jkscia- 
5te n$dreodi inano . Sarà a sufficienza ^che in 
buona forma: ne dichiate il 'contenuto • i. 

Vengo : al punto, «della pomizia G^a^ ictenu 
avete rìinandirta. Non. jicv.jnai inyptejgato meglio 
il mio danaro)^ come ndla suddetta $ poicbè 4a 
lei pai jè praveouto . il; -piacere e^l vantatici 4^ 
«ricevere ^nà si^^iotu e sì sairia lèttera , peonie 
la vostra . Ella per : me ^ vale un tesoro V avei|- 
idomi fatto aprir gli* occhi sopca iQoltecose> con 
% la 



4*<J i i^r ^ à k à Si ' 

ia scorta delle quali saprò in avvenir regcdaf^ 
mi • Sonò tanto perso^tsd della falsità della tn^ 
da^ia» die avrei scnipòld di darla par budasr a 
ctì tale bredéndola j nie la rieetca ,' e 1116 ne 
èfiBisds un prezzo maggior del costo 4 £;d dl^in- ^ 
ganherò del iód parére col fondamento del vo^ 
sào; e :^e .€iè nonostante la vdtti dappoi; non 
ftvrò riguardo di . datigliela i pdiehè dorrete capere ^ 
jbhe qui si |iagaiio assai bene da alciintle medsr- ^ 
•glie anche false s in mancanza tleUieèuòne; pur- ) 
chi sienò teita fstra ; pensando egiitf o in tal rhodo 
di ciempire i - vaedi , e di perfezionare la serie • 
All' annco poi j da cui con boema fede Tboavu^ ^ 
ta >i]on abbiate ddbbkf , eh' io^iàai ne scrìva : ma stat^ 
iSDmqii nella {olitatindiffeterii^; IhureUè gli fao ri^ 
maùditetahre medaglie 5 con le quali pensava £ 
"j^cTfflft gàbbafela iitebatodi volta , si è vergognato 
di pia scrivermi i ed io piccóne dito; C^i^chè non 
9'éémào di avere le medagHe Zane duplicate > las^ 
pristino di più ragidhariie . Se col Marchese Maf- 
£sì;}.rui ora sol^ è tenuto in pensieri di racccf- 
gjlier' simili antiobità ; non riesce di accordarsi 
per ife medaglie del fu Ambrogio Franco; e avcn 
paresse^ che TiBqaisto'ne fios^ onesto per chi 
vende, e par chi cotepca; io vi: applicherei vo- 
lentieri anche a tutte. Mi rimetterò sempre al 
vcmro giudicio. Di metallo io non ne. ho : on- 
de direi un qualche {principio con le migliori ; 
che ili tanto numero conterrà pure che ve tie 
siem> parecchie; Qfiaiidc> poi non lo stimaste a 
proposto, separate dà qudle di brónzo V altte 
d' 0x0 e d' argento , e di quéste fermate il pres* 

zo 



M per «e col Sig. ^uonayetitura MineUl ^ il. 
quale è anche mia amico» e si sqvyeirriì: ^cil^» 
mente ciò cbc feci per ìut, pec fai^g^i avere' il 
governo 4^^ Dogana di Mare, quando ne^feci 
ikxpnzia» e lui ebbi p^ successore • Serdonate**- 
mi il lungo fastidio die vi recq • Vi ringrasiq 
d^la buona accoglienza da voi f^a al mioEu^ 
ctsjtjso*; e.pcr £oe col più vivq affetto mfdicttm 

5 6i^. Ai Sii* Antonio Fkilùnini.^ JBaéttKSf 

HO spedita idtimamente a mb fratèllo al? 
quanti esemplari della mia Anésoadca^ , 
dtterde^ quali gli ho data la commissione di far 
tenere a vm^aeciocchè poscia delFuno di essi 
i^cciate parte* coni sicura occasione per Guastai^* 
la al fiig. Pégolotti » che riverirete in mio no- 
me • V altro è gii vostro > ma non 'ardisco di 
pregarvi che gettiate nella lettura di esso quel' 
tsmpPt di^ i^pdte si bene^appto^ttarvi neir^ 
ore; che vi Hiii^gonQ libei;e. Eccovi il disegno 
di un' uccello stravagante uc^ciso ultimammte in- 
uno di questi sobborghi « veduto anche da. mp >' 
ed jKCcede^ della- pietà la grandezza ordinarla 
di 'un Gorv0 •; Son. certo , cte/se foste^ stato qui,. 
la jcurio^tà vi avtei>be spitm»' a vederlo • Il no- 
ttirp Macssbese Maffei ha veduti^' , raccòlte , ed 
esaminate in&iite. cose dell'antichità . Ha mpl^ 
te idee tutte vaste: or su V una, or su T altra 
si ferma» pia> lo ^ c;osi ^pessp» che dyfblto chf. 

alla 



^a^ gaònDti SB^ ; peCi tevmmarfie oioerMa ^ Hi 
caiigìatGì. di iiuB$iiBa:> Da ìpcum aoai m.. degnava 
^ iteppor». di tigdttéanc i 4ltd^ étì\ libd y che u. 
scmuM edntta i^suoi sctitiLi: adesfid gli diana 
ùààdkà aaicbe le aaasche ,; a imòì p^Ii^le per 
àcia: sf* mqoièu i s' iiksòUoidsce*) e pmìe il teni« 
po^' é> finire dii rovitiaie iai sita per ialutot . pec«» 
coQsisteiitc iafaale l Oltsrè; ;i. cimti àqot disapgiù 
sonò sì vasti, cHé la borsa di uri privató non 
à bacante a.^ieggesae» V knniMsa s{fesa> e pbchl" 
sono' id oggi i Princìpi j che si curino' di stipen- 
diacci' ^rak^gbÌBiaU Bo imtesdl con sdinind pia* 
cere il risanamento del liostro Burgos : Caritinsi 
iàd iX.léàQi e si :cekbi:ina spettacoli festivi al 
suaEsculapio liberatóre . (^i^o il SÌg: Abata 
'ò>ntii. lictei è polca fortsoatòr nelle iue^ spernui 
zo,* ejneUQ ^e preteiuuòófl , tànbo pia/ lo èista^* 
ta MorisigiT, Suareà>^ che j. cosi ia i>Jàeve tém^ ^ 
e ifli «ccMÌ Dtescà ró ha dm^gakèt il [bei Vesco- 
vado. di..Feltce^a Cbé contento per Monsigtior di 
Ceneda. u«i ùc^i . iik. cuii giótkL js vantaggio ri« 
dondsL là dignità del nipote.. ! Macoedìi.. mattiaa 
snl^ÒÉ dd gioctùi e partita di qnp 3f àmabiiissiw 
rvà «jQtfQ Sig. Conte BuazaccaiDki alla volti di 
Praga y dove non si tcatjtercà che tre ò quatltfo 
gicurni* ^Di là pass€|^à,à vedere^ la Corte d££lres^ 
day la fie»rdi Lipsia)^ e. quinidr la Città di Ber-* 
ìiooi e .un'allM jbuon tratto deila Laniagna^con 
^liino timhito di esser—poi qui èi . riltìmo il 
giorno • 4* di N'ovembre in., cui sarà spettatore 
della tna^nifica Opera che si va allestendo nel 
Ipran Teanso di Corte per soh&iniaaxc il glorio- 
so 



À P ? f Tr;05ii.r<i: ? « Jf ài ^^^ 
$6 fifvnf 44 mia .Ajiagustp I^roqi; . Oiiesta im! 

5aiià . pili : seii$ii)U^ i quaofip 4l J4 , a: pòcii^ «toim 
iti^ dM^ uà tenero, <ibt^»ccii<^eai:< per r)tOEMiK 
^Ci *U*-j patria edj^i^cfttjjQ/cbi) d^^; cbo 

CwÈ9ii.,^ye « é fottìi . distìotameiiW Wlaiìèt.^ 
stilile f Spiabeml w^rM iHiitosciutQj^.tafdi;,^» 
in avv«ì«e lo aoi^iriò» wich' io vivai* : Voi iioii: 
ini direte- die esageri -» ppiqlic Utt $ep*U[i, che» 
dico as^ai nìenp del y^p^ U rubiitta 5ig; Ijìikh 
lìtp saluta VOI canaiii^te » «i (ulti di.yo^tm ca-. 
sai P.IÌ siiiiiUsiì^nt^ iat^lnù.gi'àzià cUpòttaii^ imieà 
piùi cordici 94uti;:. Sta, boMji d ttoi^ 6> disordini 
ni; Npn mi levate Ut»», pai^teì del/meritóii.^cbt. 
credere; qUistfa qMeraas&kie ;. inipot^ns^ % ilUiiyniiK 
umii-cofA^ vi aimt9 é.assifttjrattvicbe itoad^^.à 
saj;à(i»e9ipr« . ; • ^ t * 

i ... . , Fipm^ ajN Smmkni ii%4à 

N[ìmi Qon maggióinfitìté ipi^obUigft «hmK 
pur con lei k «tfèlte^lq^pti di! io: m^ers^ 
fa^to ,41, UQ, peri^eijiifli.tftifixizloi: «0 «laiii il -foiM 
^cr^tiplcì.<;^ im, faiiiaifeci fidi' annoo i;à<i»>a lei»» 
t«!fA .4«i , 1 6^:4^ coerente t . Qiiùx^M. <s$ai P i» 
g,lu$li^à.chei.eUii «ili/ìki col ciadémi e\cai motk 
cesarmi, colpevole di.ùti^ passano ^:tk' ib «Mt 
cpnoscQ^ No* Minuiikiaiiiaia Sigooc teid # ob'i» 

non 



bojaat i^ovato» fiè..4ni aedcy^ipue tfinuii 
ojvartii bva pissiocfe <^1' o^^ la questo c^n^ 
io lacinia coscienza aoi^ imi rimorde <fi aver mai 
ibaacaito a quanto da me ieiig^no onestà e reli- 
fioc^ei • Soaci ^tato suo amico » ed ella non bai 
Voluto di* io pialo fessi: ma (ÌaHS([mc^U 
pas^to ^a'kiiÈUkmiz^^nak^^ estre- 

lao,. He mtà desideralo the mi si pt«spatas^ 
ncmvone di adotpetarmi in cosa di suo vantai 
gÌQ ; e quando al mio ritomo in Germania ri* 
passai per Salisburgoi^ ringraziai il Sigm (^ti- 
lotti d4 nuovi favóri, ebe eisole aWcompar^^ 
titi nella scelta del secoi;iéàt sw Dramma ^^ e lo 
pregai a c^^tiauj^gliene la protezione • Avtt^do 
dipoi inteso, che ^tjuell' A* R^i^a av^ preso si< 
sbluzipi^e di valérsi gU a^ini seguenti di Dram- 
mi già fatti altrove , n*ebbi rìn&r^scimento a ri* 
gnacc^ di lè^i , in cui svantaggi veniva eia a 
fidondare. G>n eguale afiSizione e compatimen^ 
f o mi è gimita ora la imova della grave per* 
flita fM4 da ieiv ncfla tnoite del 6x Mons. Y«s« 
fovo di Erbipoli, intenqyo massimamente che ne 
attendeva Uà à genwMK) soGcopso » e ne aveva 
impetrato un si vantaggioso staèilimento • La Di« 
vias^ Brq^yideim, la quate veglia pes tutti, $e 
fei chiude uiia poita, gtiaur aprirà qualcfae al. 
ara. Ccmfldiinlei, eheaba aumcaa nessuno, a 
ae thamà, coBÌKdatat lQ>4oao un debole stru- 
annto, aiajycneiMo iacontcoifavorevole , per me 
una rilas(à«(à di coopetarri a tutia mia possa, 
cade gli éflfettfe ié ocHupiavino me^o il mio 
cuo»» JU aiagrazip di quaaa> mi scrive circa i 
' * mìei 



A V © s X a t. a 2 t n o., 4^5 

miei Drammi 5 che si pensa di far vedere di ^uqn 
vo su cotesti teatri : itia ie assicuro , che ni^ sap- 
rebbe più caro il saperli dimenticati e negletti, 
che scelti eoa altro aspetto ad una secpnda com- 
parsa. Po. fine, e pii protesto . . . 

434. Al P. Pier Caterino Zenp • a Fen^xJ^d. 

'^enna. 39» Setumhre lyz^ 

Quando scrhrète al Sìg. Ab^te Conti , rive- 
^ritelo a mìo nome , e ditegli che mi è 
stato assai caro T intendere che conservi memo- 
ria di un antico, suo servidore , il quale mai 
non si scorda di lui j siccome avrà potuto In- . 
tendere dal Sig. Conte Carlo Quinto, Gentiluo- 
mo Vicentino, che e stato qiii i mesi passati , 
e ultimamente è ritornato a Parigi. Se quel let- 
terato Francese , di cui mi scrivete, peosa di vo- 
ler correggere la famosa edizione del Boccaccio 
del 1527. con averla coUaJEÌonata con altre, che 
se ne sono fette innanzi ^ dopo3^ prenderà dei 
grossi sbagli, sapendosi quanto in qijieste siensi 
preso ^i libertà gli stampatori ed i cprrettori . 
Bisognerebbe , che per penderne persuasi , fosse 
a lui pervenuto qualche codice pili antico e mi- 
gliore dì quel del Manelli , fetto suil* originale 
del medesimo autore • Staremo a vedere , se man- 
derà la sua Dissertazione , e qual possesso egli 
aver possa delle finezze dì nostra lingua , e con 
qua! giudido e' produca quelle sue pretese corre- 
zioni . Le opere di Giordano Bruno son molte , 
T^mó HI. G g ? tut- 



l 



4.66 t E r T E K E D i 

é tutte rarissima. Non è ora solo, che sr dici 
e di qua e di là dai liioQtl, che da e^ abbia^ 
nò il Cartesio, il I^eibnizio, ed altri rubate no9 
poche idee « Il Bayle , e 1 BaiUet ne had pnv 
dotta qtialche cosa: ma nessuno ex professd si 
è presa 11 briga di dimostrarlo. Mi e nota To^ 
pera di lui intitolata La sol a hms trionfdnu i 
nia solo sii l'altrui relazione. Posso peròvCavar- 
fnene la curiosità col pòrtafmi nella Biblioteca 
Cesarea^ dove esià si còilserva Scritta a mano, 
t ìricòpiata dallo ^tànlpatò iti I^airigi nel 15-84. 
Ideila medesima Libreria itailiio altre opere del 
Nolano i Italiane e Latine; SoVrà i j^unti che 
mi ricercate ^ io non saprei còme meglio e pia 
fondatamente rispondermi » che con la testimo- 
niànza ^ che', he dà Gasparo Sdoppio id Una sua 
lettera scritta a Còrra^do Rtttersusio in d^ta di. 
Roma a di i;?, Febbrajd dell'anno 1600* chtì è 
il giorno preciso i in cui per sentenza della Sa* 
era Inquisi:iFloné fu e$s4 Nolano abbruciato ia 
Roma. Questa ietterà si trova a r. 64. segg. 
délV ^ìla Ufteraria ex mànH/friptis erut^ at^ne 
colleSia cura Burchardi Gonheìjfii Struvii Tom^ !• 
FaiCicuL Y. Jenae sumptibus Bielcì^idmsijp^*S^ 
dove lo Scioppio dice primlecanlente così* ^ 
vero nùnc 0piam scriberemy hàdiern^ ipsa Mes 
me instigé^^ ^ua lORDANVS BRVNVS pruder 
baeresim vfpkf vidensque publice in Campò Flora» 
ante Theatrwfk Ponipeii est combustHs. Io non 
vi starò qui a ricJdpiai'e tutta la lettera^ che è 
assai lunga: ma solone trascriverò qualche pas- 
so con<Sernente la dimanda vostra, e del. Sig* 

Aba- 



Apòstolo ^ i li ói 4éf 
Abate Conti. A e. 66* Fuit enim Branus ilU 
fotria Nolanns ex regno Neaj^litano i prqfexsime 
Domiùkantis : qui eum jam annis éibhinc oBode»*^ 
€im de iranmbdantiatione (raiioni fdmirum-i ti9^ 
ChfysóstamHs tuns docet i repugnanfè) duifitare , 
imo éam prorsus pugare y. & xtatim vtrgimtatem 
Rt Aéariae ( ^fiam idem Chryiostonmi àmnihn 
Chertéw & Ser^lnn pnrisrem éUt) vi duiitmt 
vùcarè èotpisset i Genéiiam aèiù i & isthic tien^ 
nio Cominoratus i tandemqué quod CaLmìiir^m§m , 
qtia tamén nihilreEia moigis éfd atheismeim duciti 
per ammA npti praharet ^* inde èje^us Lngdufmm y 
inde f'olosfm ì hinc Parifios devenit ,- ihique ex^ 
trapjrdinariii^ Professerem egit i cum tfideret er^^ 
dinarios eegi Atistde sacri interesse • Pesied Len^ 
dinttm proveEhés likellum isthic edidit de fiestia 
thrliun^hantei h» è^ de Pap^i quem ifeJtri (il 
Rittersusio era Luteraiio) hmeris causa iNfsnanf 
appellare sùlent i Inde Finèmbergam aàiit^ iiiqiU 
pnblice pirofessus est biennitm^i nt f alter • Hine 
Pragam delatus UhioH édit de imìnenso 8C infi- 
nito ^ itemque de innumefabilibus (si tituterum 
sai teSh meminii ifUm lihres ipsos Pragae ha^ 
bui ) & rursùs aiinm de utnbrìs 8c ideis i. in qfd^ 
bus. herrendd &c. Gontixluandot a dare in ti^tretp- 
tir r empie eceste é bestemmie t^gistrate nei li- 
bri del Bruna. A è. 68. Prag^ BrunsmgAM & 
tìelmstadium^ pffevenitf^ & ibi aliquandiu prefes^^ 
sus dioitw* 4 Inde Francofurtum librum editnrus 
abiitj tatidefnque PTenenis iti tnquisitionis manue^ 
pervenite ubi din satis Cnm fuisset ^ Romana mis^- 
SHS ejt^ tifi saepius a S» Officio, quei vacanp , 

G § ;^ /n- 



4^jS Eette&e.oi 

/nquisitionis exéoninatus , & 4 summis Theohgi^^ 
fiùnviSlus y modo qHadragint4 dies ohpinui^ , quibus 
deliheraret , modo promisi f paiiìtodiam , modo de-; 
nuo suas nugas defendit , m^do alios quadragima 
4iei impetrdviti sfd tandem nihil egit aliud ^ nisi 
ut Pontificcm & Inquisitionem deluderet . Fere 

. igitur ètiennio post quam hic in InqHisitionem'dcr 
vemt , nupéta die nona FeiruaKÌi in supremi In-f 
qtdfitoris Baldtioy pi^aesentibus lUustrissimis Car-r 
dinalilms S. Officii Inquisitionis ( qui & senio ^ 
i^ rerum usu , & tbealogiae jurisque scientia re- 
liquis praestMt ) & consultorihus theologis y &- 
jaeeuiari magistratu , Frhis GuhernMore , fuit Bru- 
nus ille in locum Inquisitionis introduEku^y iii-r 
^U€ genihus flexis -sententiam eontra fé pronun^ 
eiari audiit * £a autem fuit hujusmodi • Narrata 
fuit òfHs vita , studisi , & dogmat0 , & qualem 
Juquisitio diligentiam in convertendo ilio , &frA 
teme munendo adl^ibuerit ^ qualemque ille pertina^ 
oiam & impietatem ^stenderit : inde eum DpGR A- 
DARVNT, ut dicimus 3 prorsusque excomm^ni- 
earunt y & saeculari magistratui eum tradiderunt 
puniendum 9 rogante s ut quam clementissime ^ é^- 
sint sanguini:S effusione puniretur • tìaec eum ita 
essent peralléy nihil ille respondit aliud , nisimir 
naèiundus : Afajori forsan eum tifuone sententiam 
in me fertis , quam ego accipiam» Sic a liBori-^ 
bus Gubernatàris in carcerem deduiius ^ iàique as- 
siduo ^asservatus fuit y si vpl nane errore s suos 

^ revocare vellct ; sed frustra • tìodie igitur ad rch 
gun^^ sive pyram deduQus-y eum Satvatoris Cru^ 
e^fixi imago ei jam fnpritnro o^cttdfrctur 9 torm 

pm 



idi» vhUh asperndtùs rejecir ^ ncque uinUdtitf 
mUere fcriity irenunciatùrus ^ credo ^ in retiquih 
ilHsy quos finxu mUndu i quefUm pdSe hominem 
Hasphemi & impli d'Rémknii tremori seUésnt • 
Da tutto questo si raccoglie > che il Bruno fìi 
. Domenicano y e che vivo fu 'abbruciata in Roma 
tiòn per altro ^ che per cagicn di eresia^ cofft* 
vinto dà' suoi libri, e dalla sua bocca medesU 
ma. Chi potesse vedere i libri del S. Officio » 
ove sta registrato il di lui processole disseppèUf» 
rebhene fuori molte cose recòndite^ e forse tm 
esse qualche riscontra ne trarrebbe del|a str^ta 
Intelligenza di lui tol Cav^ Sidfieo , per còrriàK 
bare il sospetto del Sig. Abate Conti; Per al- 
tro di cotesta sua còngbiettura non mi sòvviede 
di avef niai letto scrittóre che la soffiragbr. Po^ 
trei allegarvi altre testimonianze intorno al fra- 
tismò del Bruno ^ negato i o messo in dubbio 
dall' Echard ^ a' suoi 'scritti 4 e alla sua molte \ 
ma dubito che anche il già detto sia sòverdno ; 
Onde passo ad altro « Il Cav. Busi alcuni anni 
iòiio fu sfrattafò di qui per supremo òomando .« 
lo non ne so le precise ragioni, e non voglio 
merle, ^gli è verissimo, che ultimamente à 
mòrto un suo zio, il quale ha lasciata una fa« 
€olti di 150. mila fiorini: tna pagati i debiti ^ 
e soddisfatti i legati pii ^ <lavrà il Residuo divi* 
derst in noVe partii una delle quali tocda A 
suddetto nipote del defunto^ e non arriverà a 
.r2*tniia fiorini; Tanto mi è stato assicurato da 
persóna^ che può saperne 21 vero^ essendo uno 
degli esectttori tevtamentarj . U P« Giorgio Tom« 



49» . L t T T X i. B p r 

Jainvìlle^ Priore del GmveDto CoUei^ale 
Ae^PK DoiQeoicaoi delia contrada (de la Riie) 
idi S* Jacopo di Parigi^ £ace e recitò l'orazione 
Jadna funerale In lode del P. Natale Alessan- 
dri^ della imi morte ^ià vi scrissi. Da questa 
Orazione si ha che esso Padre morì li XXL 
'Agosto su la ;nezq^a notte, orando co' suoi Ite- 
^ iigiosi^ dopo pssece stato parificato dal sacra* 

mento della penitenza, e dopo aver pcevuta 1' 
^estrema unzione, d'anni 8é. di vita, e 68. di 
' i^fesstotie. Prese jl' abito, e fecei suoi voti nel 

I convento di Rohan. fu onorato della berretta 

l Ài Dottpre della Facoltà della Sorbona nel sud- 

I 4Ìetto convento di S. Jacopo di Parigi, alla cyi 

^gliuolanza fa associato ^ jFa Priore di esso Con> 
evento , ^ anche Pripr Proviaciale dell* Isola dì 
Francia • Pubblicò yarie opere e più ne avrebbe 
pubblicate, se la cecità sopravvenutagli quindici 
^nni avanti lasi^a piprtenon gliene avesse stur«- 
Ibato il lavoro.. 

.635. uil medc/ip$o. ^ yjfneziaf 

yiennA 14. Qttàbre l^^^ 

HO avuto analmente dal mio legatore il ttt- 
zo e *][ quarto tomo della raccòlta ìstorica 
di Milano^ e subito per servirvi ho preso per 
mano il terzo, dove a À 423. ho osservato il 
Trattato 4i Arnolfo Arcidiacono di Séez , e poi 
Vescovo <fr,iisieur, che i raccoglitori dicono 
^ jS^oviinsh in jQogo àiJLcjfovi^nsis , tanto in quel 

Juo* 



Apòstolo Z t v q ^ 47 j 
itóo^o , quanto negl'Indici, dove lo riferr$conQ, 
Dal titolo d' esso mi venne sùbito in mente , 
che queU' opuscolo era gii sta.to impresso dal P. 
Luca d" Achery , Monaco della Congregazione di 
S. Mauro nel tomo II. dd suo Spicilegio a e. 
33 tf. ddia prima edià?ìoi)e, è posto a r. 152^ del 
tomo primo ddla seconda , ]^gHnq V han sicura- 
mente creduto inèdito : poiché altrimenti àvrebbonb 
corìrettp il suddetto errore del titolo ^ e inoltre cof- 
lazionando T esemplare Che avevano Ms. con 1' 
impresso xie^o Spicilegio , tolto da un Codice 
tii un móhastcro benedettino di trancia , avreb- 
t)tnio avuto modo di ristamparlq più emendato 
in molti luoghi 5 siccome osserva^ là diversità 
dell'uno dall'altro in tre o quattro j[i^ghi del 
solo proemio che né fa Arnolfo , il quale lo scris^ 
$e ili ttalia, dóvb sì eira portato per impararvi 
la giurisprudenza, a Gaufrido Vescovo Carnuten- 
se i( di Chartres ) y Legato in Francia di Papà 
Innocenzìo IL II detto Arnolfo fu fratello di 
Giovanni Vescovo di Seèz , il quale gli premo- 
rì . Fu am^co di S. Bernardo , che dì lui parla 
con lode ndr Epistole CCXlVlì. e CCCXLVIII. 
giusta }* e4Ì2ÌQne NJabilloniana , dove potrete cer- 
carne , Pegli stutòri che ne parlano , "Ìtiu rimetto 
a quanto gii vè ne scrissi» Nei sopraddetto ter- 
feo tomo della raccolta' Milaiiese à e. ^/^i.tsei. 
Sta Imprèssa la Vita di Papa Alessandro llL fi- 
fcopiata dal Codice di Niccolò Cardinale d' Ara- 
gona. In fine dei. libro iiititòlato Concorda in* 
fer Àlckandruni ÌÌL sutnmHm Pohtificém ^ &Fri- 
dericunt I. Imperatùrèm cóhftrm'kti nArrktio ecc. 

G g 4 deir 



^7^ LlTTE^lEBI 

dèir Abate felice Contelori y Custode della li- 
breria Vaticana 3 impresso Pàrisiis àp«d Diony* 
4Ìum de U N0uey via Jfac^hd, sub signo ìmminis 
JesH M.DCXXXIL in fd. sta impressa ^ Vita 
di Alessandro III. presa da un antico Codice * 
Non so se questa sia la stessa con l'altra. Ve 
ne potrete assicurare facendone il riscontro > Io 
non ho il librò del Conteìori» che però misa* 
rebbe caro di avere. Può essere che lo abbiate 
ideila Libreria del Convento? ma in ogni caso 
jpotféte vederlo presso il N* V. Bartolommeo 
Morà« che con tal odcaslone riverirete per mia 
pa^tó : e certificato che ne siate > datene cohto 
al pubblicò i quando Ìò stimiate opportuno; Non 
saprei rimettere a suo luogo questo tòmo senza 
^confidarvi una cosa '» che mi ha sorpreso . Era 
]txella librerìa del q. Gio: Cariò (Srimahi un pre- 
gevole Codice in foglio in carta pecora, digiu'- 
sta mole, e scritto nel secolo XIIL il quale 
conteneva le Vite di alcuni ?api , corainciando 
dalla Vita di Leone IX. e terminando eòa quella' 
di Gregorro IX. Era il suo titolo: Gesta Papa- 
rum vmissa in Chronicis • Era nel Codice^ ^ il 
imi sóvvieàé che era senza alcuna coperta > premés* 
so alla dette Vite Pontificie Un opuscolo di po- 
che pajgine^ e di tutt' altra materia^ Intitolato ^ 
siccóme ne feci memoria, quando la prima vol-r 
ta lo vidi : Likellus de pratservàtiùne ak epydi^ 
miai iompilàtHS per Maginrum MaynimieMéy- 
nefiis de Àiediolano Phiìòsoptuae JPhysicaeque ar» 
tiùm prcfeisorem , anno fiomini XICCLX. lì co* 
miiiciamento si e : Simile est opus : e ì fine : 



^ A P;« S T o i O Z B N o^ 473* 

^lorid inestimahilu. Ora quando io fui ultiioa*^ 
mente in Venezia > usai ogni diligenza in tssz 
libreria Grimani per ritrovare il sikldetto Codi-* 
cev non senza, speranza ^ di farne acquistò i sic- 
come mi riusci di qualcbe altro. Non mi af(dò 
fatto, di ritrovarlo » per quanto ne ricercassi; e 
non senza, mio grave rincrescimento ora credo 
essermi chiarito della mia inutil ricerca • Osser* 
vatene il motivo a e. 274. di quel terzo tonip^ 
dove scorgerete citato e, descritto un si fatto Co- 
dice con le medesime circostanze, passato nella 
Libreria Estense , per qual via non so é ó più 
tòsto non vo saperlo. Q^i si diceche T opusco- 
lo del Mainerio fu compilato nel MGCCl^X; ed 
Io notai MCCLX* Può essére che io abbia tìras^ 
critto malamente : ma parmi che . la Scrittura del 
Codice fosse anzi del XIIL che -del XIV* secolo ; e le 
ùltime Vite dei Papi , che vi sono comprese , essendo 
anzi di quel ,. che di questo > può essere, che lo 
sbaglia non sia dal mio canto • M^ ciò poco 
impòrta i Tenete ìik voi la notizia che vi *confl- 
do ; Sono curioso di intendere ^ che mai vi sari 
risposto daMons. Fontanini sopra i' due Arnolfi 
istorici Milanesi : ma credo che abbia torto , e 
t\x€ 2hhìdL equivocat dai due Landolfiai due Ar« 
noifi. La cosa però »Kin meritava, che il Mu« 
ratori ne facesse ir "^^ quella sua prefazione tanto 
schiamazzo: ma il^^iogo gli è caduto in accon- 
cio per dir male del suo avversario 5 da cui 2^ 
itato si fieramente . .^ato • Addio di cuore * 






4^4 JL E T t E Jt i p t 

«36. jM medesimo, «f VèntziéL. 

t^ìtHnìi 4* Novembre 17^4, 

OGgi è •! ^iojmb ftstivt> di S. Carlo . Oggi 
si tolenni2za coti ^ala il fìotne dell' Au« 
-^ste PAdriMè • Oggi $i fa la prima recita del 
mio Dr^tiHnà • Oggi succintamente rispondo alla 
iro&tra lette!!r^» la quale pe^r il dubbio della vo- 
sirat salute mi trova ancora pien «di travaglio è 
'tiaiotes di cui però ho speranza cjbe ìnitrarran- 
•fk) gli avvisi, ch'oggi hii^iori ne attendo. Per 
l'ai&re del Sìg. Yblpi io miadoprefò da amico, 
jottd* egli né rèsti consolato e servito : ma biso- 
gna che attenda la venuta del $ig. Conte » e che 
ipTMda pa'oira) in cui |o yegga sano e d^buon 
Wiott^ Le gratie si ottengono ìq ^n tempo, che 
fissilmente ^i ti ricusano in un altro . In ciò qonsi- 
istt principalmente V atte e '1 ^iudicib di ^\\i Ha '1 
^voré dei grandi. U tomenlo del jgoccaccio so- 
lata patite sarà un' opera per più motivi applau- 
iita ^ pubblito , e '1 Sig. Cavalier Manpi ne 
tVBa ^ii gran merito presso tutti . Ma il &tto 
jBta , the ini JNfapoJi lo Stampino bene e corretta* 
joié&te. Jba maggior parte dei saccenti correttori 
teoderni vogì^ònp aggipstar?^ V ortografia degli 
Hfttichi a }or fantasia, e qt^ndo incontrano una 
lK>c6, che non è di loro iptelligenza, o dì lo- 
to gusto , e iphe lor «embra troppo rancida e vie- 
ta, ne sostituiscono un'altri tutta alU moda > 
e spesso anche contraria al sentimento del vec* 
"* • chio 



f 

^i0 tutore;» Fo fine sàlutafido ttttti, % in pa^ 
ticoiare la Sig. MstAre e le Sorelle . yi àbbra^^ 
,cto con un tenerissimo àiddio. 

* 657. s^/ «T/^» C^m^nico Péiòlù'Gffiglim'M m 
fi Brescia . 

^ P^enna 11. N&vtmbré 1^2^ 

HO differito finora di rispondere alla vostri^ 
lettera, poiché sono stato in attetizione 
<ii ricevere il vostro Libro che T altro jéri sola- 
mente ^ giunse . Io r ho letto da capo k pie*- 
4di> e tutto, per cosi dire, ad un fiate, te coti 
tanto di piacere f, di frutto , che nòli saprei ai>> 
bastanza significarcelo. jL*ho trova^to in tutti % 
liumeri ottimo , giudicioso , elegante 3 pieno di ^òàk 
^critica , di peregrina ^erudiaipne , e di purgata 
dicitura, e tale in somma, che fa onore a voi '^ 
alla vostra patria , ed al vostro jistesto Avv^r*- 
sarloi se pur tale mi e lecito di chiamare chi 
lodate .e grattate da amico. Ma jma Cosi bdf 
Òpera meritava di portare in fronte un nom^ 
più illustre . La vostra generosa amicizia ha vo- 
luto onorarne il mio , e farmi parte di ^quella 
gloria ;> <che per essa a voi ^oprabbphda • Comò 
riconoscerò io un tanto beneficio , che mi fari 
vivere nella memoria dtf secoli ? Confesso il yt^ 
ro , che la moderazione dell' animo mio ^ per 
quanto grapde ella siasi, pon sa .difendefnri dà 
un interno compiacimento , imassimanMite pol- 
ire avete trovato modo > che venga il mondo a c^ 

»o- 



\ ^ ; ^ \ ì 



47< t i r r % t^ n t^ i 

.ttoscerc f quanto io vi ami^e quanto tàiàtìiAté 
da voi* Ho cominciato a far p^rte agli amici let« 
iefati delle molte copie, delle quali vi è pia*^ 
ciato ton tanta generosità farmi dono. Mi farò 
on^re di pt^en(ariie alcuna 01* Augustissima mio 
I^adrone, di cui in po^be parole avete fatto un 
pieno panegirico , qual altri V avrebbe diffidi- 
m^te m l^mgo ragionamento potuto fare i £gli 
ha deUa stima per voi^ e sono certo, che que- 
8ta nella lettura .del nupvo libro ^i si accrescerà 
inaggioi^naente * Tempo fa nii sovviene , che égli 
parl^andomi dell' qpinione d^l nostfo Marchese 
>faffei interno alle metropoli , dissemi espressa- 
mente, OfiS NOK POTEVA BNTRARE NEL DI LVÌ 
PENTIMENTO é NON MENO CHE INTOR]tlO A Qj/£L- 
LO CHS tO STESSO HE HA SCRITTO 50PKA DEI 

tULMiNi • Staremo a vedere che cosa potrà P amico 
xispcmdervi in difesa della si^a Ricefrca . Il vo*- 
stro .sistema, è ^ a mio giu^icio i si chiaro ì si 
certo, e sì bene p]:0vato, che non patisce otiiu^' 
na o almeno assai debole contraddizione • Può 
essere che ad alcuno dia un poco di fastidio 1' 
%aver voi fatta entrare tra le famiglie antiche V 
Aviola s mentre pare che questo sia più tosto 
un cognome odagnome, non già gentilizio, fnt 
comune a molte famiglie , come all' jicUia , alla 
CMinUy alla Siliat e ad altrui ma eia nulla 
pregiudica al vostro proposito. Non vi avrei àc« 
cennatà questa piccicda osservazione ) ma V ho 
fatto per ubbidirvi , giacché mi avete ricercato 
,di avanzarvi cpn sincerità il mio giudicio • Ho 
.piacere che nel yenm:o GlorffdU ^ ove si darà b 

con- 



Apostolo Zeno. 47^ 
i (contifiuazion^ dell'articolo di S. Géi^denz4o^ si 
I fionda alle sciocche opposizioni dei Qiornélisti 
I M Lipsia^ a' quali m verun modo non si dee 
; far buono un sì fatto ardire . In que} ìJ\,s. de| 
[ viaggi e negoziati del fiairaoso Vescoyp Alto- 
bello Averoldo si conterranno certamente isto^ 
riche ed eccellenti notizie , essendo egli statp 
Prelato di gran mente, e in tempi e affari dif- 
^cili adoperato. Jeri ho avuta la ' grata novella « 
jche il mio amatissimo P. Pauli avrà nel rven- 
turo anno ia seconda volta P onore di venire a 
predicare l'Avvento, e*l Qiiairesimale nella Ca- 
jpella Cesarea , e questa sera gitene avanzo P 
avviso. Ninna cosa mi è di maggior godimen* 
to, che l'occasione di fax del bène e di servire 
agli amici , fra i quali tenendo voi un posto così 
distinto , ' ben potete credere , che fioin potrete 
giamjnai farmi maggior favore^ che quello di 
valermi di me ad ogn' incontro, ove io possa 
^operarmi in sostxq sei^igio^^ec...»* 



:^ine del Tnno T^rxj ^ 



TA- 



47* 

T A V Ò t A 

2>e^ éògnonu di cotorò à* quali fona 

ixidìxìitAtd le Lettere! del 

Terzo! Volume^ 

Archìsitò Cacio» Pag. 31^8. 
éadoarq Macco • Pag. S^n. 
Saldila Cipi Fcsmcesco* fagf, 3^17% 41 fi^ 
Bergali Luis^^ Pag* ^9^9* 45 4(. 
Berti Alessatìdrò Pompeo. Page n,j. 
Bini Abi Giuseppe. -P^. 61* 7^ laj. 295. 
Copiajcd Andreas P^^. 3,. 13^ ;,é^ 47. 4^. 56. 
^8. 6,7. i9,, ^7. 8^ sk^ 

t^Jm 3,3,5. Ì4Ì. ^65vi{ 270» 

1.W* 2,pv 315- 5^3^ 3;3jS^* 

4^6* 4ii* 323. 446^ 447. 
Fodtànini Mpp^* Giosto.^ i'4iff. tsr* 
Foscati Alvise < Page 63. 
Gagliardi danònico Paolo. Pag. 1%^ 69* izj* 

249. 288.' 366. 443. 47'5. 
de' Giannini Francesco^ Pag. 229^ 
frisoni Francesco. /'4|;. 358. 41 9^ 
Lalli Dometiicct. Pag. 4^^. 
Marcello Alessandro. Pag. I58. 
Marmi Cavaliere Antònfraiicesco ^ Pdg»^!* 122. 

217* 254^ ±94- 
Morosini Cavaliere Gio: Prancescd* Pag. 2<3. 
Muratori Lodovico Antonio. Pag* 207. 247. 

305. 340. 363. 421. 434. 

Pan^ , 



U3V 


199' 


aoi« 


271. 


2f9* 


2^3. 


3+3- 


380* 


387- 



Pandolfioi Pandolfò.' P4Ì' ^tS^ 

Patarol Locenzo • P^g* 6o. 42:5. 4^8; 

Poleni Marchese Giov^oni. P4t 45* 307* i%fé 

^ 355- 414^ +30^ 449- , ; 

Rècanatl Gioi Battuta. P4Ì- 6^ léii 
de É.ubeis P. Berna^d$]b« <P4!& 4i« )7«<i 
di Savailà Sig« Conte • Pag. 96. L}7« 
Scheridd NÌichele; P^f* 36^* J7tf. 
Vallisnieri Antonio. ^4^. 23. 41. 50^ rij;. Ij^i 
135. 160^ 16$. i8^. ^pj; ao»^ :jn. 21V 
323; 273: 304. 312; 3,27; 33I, i^6f 5.8,2^ 
408* 427. 453. 4^1. 
Volpi Giannàììtonio 2 Pag. 26* Ì37. 2 5; 2» 
Zeno P. Pier Caterino. P^f0 9^1^ ^S* ^Ì^^Sk 
35. ^8. 54; ^^i $4^ 74f 7^' 9p* 83* ^A9I« 
109* in; 117. jJi9i» 1ì6a* ^67; i68i. IìTIì. 
187. 189; 197; 205; 2X2. 221.^ 22*5. 2*39» 
^Ì9* i43« ^59; 2&Éi 275; 276. 280Ì 2^4. 
296. 30K 316. 320. 334. 344^ 345. 349«, 
35^- 354^ i6S. 374^ 378- 385-* Ì9l*, 39lS< 
Ì99* 410. 429^ 450- 4«Ì- 470- 474-. 



NOMI 



NO^I dei Sìgg. Associati che si ascristero in 
questo Terzo Tomo. 

Arigoni Rdo. Sig. Don Giuseppe • 

^anderini Illoioy Sig. Marco • ' 
• Beltrame Rdo. Sig. D. Angelo. i 

Buffetti Illmo. Sig. Qio. Battiità. ; 

Buffoni ^g. Alberto . 

C!availief Sig. Andrea qu; Giuseppe ^ ^ 

Carminati Rmo. P. Rinaldo . 

Cortesi Antonio di Maceratta * 

Dandolo N. U. i. Mattio . 

Drandi Sig. Luigi. 

Btno N, H. i. Lunardo . 

Fabri^j «Imo. Sig. Daniel Med. Fis. i 

Qilbtan^ lUmo. Sig*. Giacomo n < 

Gritti N« H. i. Zuanne. 

Guiitrnieri Ottoni il Nobil Uomo . , 

Il Sig. Co; Aurelio Patrizio Osimano . 

Lpc^tel|i Francesce di Bergamo . 

Miller Sig. Francesco. . 

Molìn^ri Sig. 6io: Battista . a 

Paulini Illmo. Sig. Antonio. 

piazza Rdo. Sig. Don (^iovairnf • 

Pisani N. H. i. Paulo di JV|r. 2orri P*oc€nra*>r 

di S. Marco, 
polita Sig. Spirìdion . 

de Rassetti lllmo. Sig, Gii^seppe ^ ' 

Svagier Sig. Aniadep. 
Spadon Sig. Qiovanni, 
Vfdali Sig. Antonio . 
Zuccbi^ti ^4ot Sig. Don Domenico. 



f£B 1- 1950