(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "L'Istoria della Volgar Poesia"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non- commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 

at http : //books . google . com/| 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



1-^5^ 



Google 



Digitized by ' 

É 



Digitized by 



Google 



.-IJJ^ 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



' Digitized by 



Google 



DELL ISTORIA 

DELLA 

VOLGAR POESIA 

SCRITTA 

DA GIOVAN MARIO 

e R E S e I M S E N I 

VOLUME SESTO. 

Contenente la Beflezza deHa Volgar Poefia; k Vita 
deir Astore fcritta da Franccfco Maria Mancurrii 
w Breve notizia dello Stato antico, e moderno 
«dlAdurtanza degli Arcadi pubblicata l'anno 1711. 
un Riftretto dell Jftoria della iùddetta Adunanza 
fino ali* anno 1718, il Racconto della Funzione 
lattali nel getto della prima Pietra ne* fondamenti 
^ nuovo Teatro d^i Arcadi} la Defcrizionedd 
Teatro medeCmo, e il Catalogo degli Arcadi per 
4>rdine diOTabeto. 



Digitized by 



Google 



ai 



.' r ^ ' 






' \ 



Digitized by 



Google 



LA BELLEZZA 

DEhhA VOLGAR 

POESIA 

DI Già MAELIO CRESCIMBENl 

Canonico éi Santa Maria in Coftnedin» 
e Cuftode Generale d*'Arcadià« 

XianàM, mrtn»^ # Merefcìu» iti Nèm DUUg* ikllf 
fiaff» Auttrty e rifimp*lm itrdimt itlU. 

iJl'EmìneBtifllmo, e Reveren^ilimo Principe 
IL CARDINAL 

LORENZO CORSINI 

ORA N. S. PAPA 

CLEMENTE XIL 



IN VENEZIA MDCCXXX^ 

fttffo torémaa Balegiò .. 

CON LJCENLA DE'SUPERIOR/t. E fZIFJLECIO.. 



Digitized by 



Google 



/ . 



k i 4 

r V 






^' ^ .' '. 



C.l'. / 






Digitized by 



Google 



IL C A k Ji t Jt A,L 

L Ó REM Z O Cd r; S I N L 

ÓRA N. S. PAPA 

CLEME NTE XII. 



^IOLM<^R;IO CJl£^CXMB£NI. 




y^qwft quepi ìta^ìùnamenti velétwe ftm 
* pò di tante frttìmamy quanti ej^ fono , 
per tompìacere ad una privata Converfa^ 
Xhnf d^V omini di lettere, agl*ifhpulfi della quale furono 
anche dati allefiampe ; e però Io t$on credeva mai , che 
dovejtn tahnente incontrare tuniverfal fodiùsf azióne y che 
nel corfo di pochi anni éeveffero dovuto ritornar Jotto iltor^ 
cbio. Ma giacché la hjt buona fortuna à cosi portato; fic^ 



Digitized by 



Google 



vorevol gìué&Zfà^^'^^^^ jà.iba(xJaJSiefmhUics leturarìa^ 
ò io fiìm^to mh, debito dt rìveMì^^purgarli da molte men- 
de y dbe^treram eàrj^^ g^glu^lhfef ijuwito U hìe-deh^ 
lì forze slefi^f^j$o,féha»cbe^acéitj^ceri^^ coti dfàh ancor 
fùddì^fari^idhanmfty tbe fon temno y tomrfaiuT ^ portar 
toro ^ pr^ccurando 0r mio podeve^U far 4!^ nmvo ufciro^ 
Ig publdica v^ ^uifii mklfigll^ co» tutte jguel maggf^ 
lufiroy che Jia pojffthile. X>uefta Eminbntissimq itrincipe , è 
punica rojgione, per la quale Io poco men^ che a Voiigno^ 
tOy efen^a alcun precedente merito y prendo ardire di /aSr- 
dkargli all\B.V. imperciocché chi non gli riguarderà con 
ammirazione y veggendo loro in fronte il Voflro gloriofÉmoi 
NomCy che da tante vive forgenti tramanda poderofojplen* 
dorCy quanti nobilij^i pregi y che fono infiniti y in Voi fi 
racchiudono ? Io tra quefii non intendo annoverare la chia- 
rezza del i^ angue renduta fempre più cofpicfM dalla lun- 
ghiffima ferie de" Vofiri incliti Maggiori , altri in Arme , 
altri in Lettere y altri per Dignità y altri per Santità y e 
tutti per Eroiche anioni rinomati y e famofi; perche tan- 
to vafio y edrnfefftt ^ ^tiethtmey chedlfoàdano le Vofire 
proprie Virtù y che ajfin'bendo y e confondendo ogni altro lu^ 
me avventìzio y non permette y che io rimiri altri y che Voi; 
né che contempli y fé non in Voiy t intera ffandezxa della 
Vofira Profapia . Ed invero quaì vivi raggi di luce non ri- 
dondano aallaVofira prudenza $ dalla Vofira ^(fiiziSy dS^ 
la Vofira fortezza d animo y dalla Vofira genfrof$fims mé>- 
l^ > ^^ gi^ illufirarono le gravame cariche da Voi fintemi- 
Uy ed orarvi .rendum oggetto it amore y e di venerazionir 
no» foto a ftoma S ma a tutta l* Europa f Di fual pieno 
lume non fa pompa ìlVofiro faperey il Voftro fenuo , i/J^ 
firo configlio^y e quella- magnanima provvidemzA^ che tmt$e 
4e Vofire operazi^i governai In Voi ^Manente la gfOM* 
^d^Z^^-^ifff^ttelfiio più^pèeno ff^uio mmfte$rMta^ néif 
pifpiende ellajljpmm in ^cgìf^té^ii/^ del caraterò Bccler 
Jiafiicoy che con mti^^ atti àif^nepht^conriéuanmh 



Digitized by 



Google 



te ^ualificatf: tanto pìh accetti a Dio^ guanto meno pa-^ 
iefi al Mondol Or Voi^ che ^ tant<> lufipo^ ^on tfdegnat$ 
àaggf unger guello Jel prote^et le imone Àrtì^ 9 fpe^taU 
ìmnte Je ìettere ^ ìe guaii ie proteggete non fecondo il co^ 
jiutne deh fecolo: facendo Vói «i* Pfofefforì dì quelle con ma- 

nendo Untane dalla loro sngeemità tutte quelle Afawen- 
twreytbe iafo^hno acampapiare: Voiinjomma^ mellacui 
$rofonda^tneff$e ^ tnd cifi gr/m cuore i^ene^ guanto mai 
poffo immaginar J$ fplendido , €& €ofpìcuo > ì£ pregevole^ 
JUmkalftte^ ^ftttta'queltéf ghrkt, ^eln- te^ra può t»4fe- 
gukfi ddlaTirth: Vài ìm^oro per Protettore S gwpamht 
Opera > cTft ora rinafce più a me e ara ^ qualunque altra , 
perche pik provata dal^tuSxìo degli nomini . Supplicar 
adunque P E.V. con <>gni più umile fentimento a volerjì de^ 
gnare x6 riceverla ^ t :gracùrla; e ne fpero la gratta da 
quelle fiejfe Voflr^ Eroiche Virtù ^ che jfuro^o fola cagione 
del mio ardimento : jB ^dJttfjffjfia Mh cci^^ertn lungamen- 
te V. E. ^ fua maggior ^oria , t vantaggio della Cattolica 
tìnejà^ t Ad efempio de'JPrì^cipi. 



i 






Cirfo. Jjl.mi.A^,:Tm.rù..:. *%4 ^«7> ^ 



Digitized by 



Google. 



LETTEB^A DEDIC ATOB^IA 

Premeffa atta prima Eé'^om 
et •17-00. 



AU'Enainentìfi. e Rcverendifs. Principe 
IL C ARDI N A D 

PIETRO t;)TtQBtì^l 

. Vicccancclhcrc di $. Cfiicfìi 

< * ■ .' .. 



CTÉS TI Diaforiii ^ quantunque Opera dct' 
minimo tea gli ocrittoci 5 aVbi fonadovu- 
tiy EMJNENTISSIMO PRINCIPE ^per- 
chè annoper oggetto. la Bellezza delia Voi- 
gar Pl>cfia> af rifoigimenDo della quale Voi 5 tra tutti gU 
aJtrij^ avete romanamente cooperato^ col' proteggere i fuoi- 
feguacij « col promuover Jfr fuc ragioni .. Fo fo;y che parlo. 
d*^un'Artc oggimai ripiKata incapace d'effir rifguardata da*^ 
Pt-incipf a gran cofc applicati ; e pcròt fon certo^ che nel 
tempo fteflb 5 che io fard* notato di foverchio ardimentOb 
iieir avervi dedicata un'Opera poco propria della Vòftra fa- 
viezza-i Voi noiv farete lodato > che di troppa bontà , nelT^ 
averla benignamente accettata ^ fìccome fpero^ che laretCw 
Ma oh quanto quei 9 che così divifano^ grandemente s" in- 
l^nnanO)^ e fanno poca giuftizia allaTublimitè dpi Vbftro^ 
intelletto 5 e all'ampiezza delVbftrocuore^ onde tutto com-^ 
prendete 9 tutto abbracciate ^ fenza che Tuna cofa porti al^ 
ralcra minoram^itol: f orA I» f rpc^jÙMic^ che Voy t»cte^ 



Digitized by 



Google. 



dc'Xcftcfaff^ Cjipafticólafìficftt^4iiquci5 clSè pfof^nolc 
bdle Lettere t) che fono gU imiverÀili Hinikri «leìbLettit- 
rawra, diverte h Vpftra attenzione nel. sì b^ mantener y 
come fate^ 1^ fommt.Djffìitk di CttrdlnaJt) e Vicecancejlr 
IferC) o Taffiftenza^ che giornalmente preftace a tante Sa* 
ere Cotìgrcgazioniper .bdaefizio $ì ^Uo^Scata EcckfwJììMP 9 
CQfBe di tutto il CriilianefiiQOe! F^rì^ /ceina iH Vot labetu- 
goità d'impiega le pocfee ore.5^ che. mì avrt^za<K>da'gravi af- 
hrij in alcoltar h Biolticudinc di quei 5 chea Voi ricopro- 
no) ed inoploranO' la Voftj^a heneiìcenza? Fotk^vj tq^lie la 
cmtimKi vjgilanzaribpni^ tanti Luoghi jed.Opefe pie n che 
pm^g^t^ o.rkard«ik>p il^coofisgH^PMntcO de* rigi;ar4eMoli 
vantaggi x:CMnvocÌ9>$:bcc ritcagSMQ oaiki VoAr» sppero- 
fiià incomptfajbile? Jrof&:V^a^ienat^ m) ny>inento da jcpn- 
tioui attilli pietas che lenaa.iiNfMiM voi fate ^/ovv^t^ci^do 
largamente a'^bjfognofi^ anche. con^ pubbliche àim^oAmio- 
Ai) e promovendo e con T autorità) e cce reièiiipio^;ca)i 
l'aiuto 9 ovunque ve n' è porta occaffonc) il culto Divino > • 
€ l^ferltazione delb.Qwf%4r.Pio> Or ie iI,FPQitgga]e > 
Letterati 5 e if volger talora Io /guardo alle Lettere umane 
non folo iiofì: ifcemano in, Vo|r/IPeli<^Ìo()e«, Quelle c)irev 
che fono, proprie del Voftro fupreipo Ordine 5 ma v'accre^ 
cono uà fregio 9 mer<;à il quale il ngfivo Secolo ir* acchun» 
per fingcjare 9 perchè noi non dovrem recarvi in tributo <f 
oflfcquio le noftre Opere ^ e Voi noa dovrete' magnanima- 
mente accettarle? e perchè Voi avrete a fdegnai^eil nobilif^ 
fimo titf^J^. di P4<^A;de;'£icu^ratÌ9 e noi avremo a perdere 
ttn tanto noftro foftègnó ? xa Voftra gloria dunque prenda 
mifura dairopinione^de\S^gg^^ i-cuali ben veggono % che 
fimil fregio tanto è pròprio del Voftro luprcmo Ordine y. 
fianca 2V Y<^^t£a nitei maggjormente fi conviene ^ perche 
cuftodile le gloriofe Ceneri del SANTO |>9MTmCE 
DAM ASO 5 il quale non ifdcenò d' annoverar fa Pòdia tri 
i più .fìjJcadidi orpa^menti 4c' tuoi fantiffimi Studii ; e Gz 
coDtraflegnò ti che la chiara voce de* prudenti ^ e aflennatt 
«iunge folamente alle Voftre orecchie^ il gradimento di quc-^ . 
Si miei Dialoghiti i quali 5 come diffi^ pel fuagetto , che 
ncduudonoat lono^ e ai Voi degni> ed a Voi jOOvuu*- 



nói 



Digitized by 



Google 



NOI REFORMATORI 

D^o Studio S Padova. 



Mtìi 

ttsto 
•co/ 



uat- 



t Aadreat Scisuiìtù^itóo Rifornì. 
ì ^ecro Cf ifflftni Kny, Proc. Rlfort». 



.l»r- \ 



. ' ■ ■ jìfffiÌHù ùtAiUttti S^gfttitrìom 

^ Rcgiftraixj od Magiftrtni idegPfBirftfiffiBri ed EcccMcntif- 
ilmi Signori Efècu cori contro la Bcttcmmia.' 

f ♦• : • ■ • 



Digitized by 



V AuiHt 



Google 



li AiAtwt A chi %rt 




{.AnchUiffinM marnerà adoperata ndla Urica Tofà»;' 
uà cUi ÀBgelo di Coftaozo , RiraacofiD dd fccoto' 
XVL e poso coAoTbitita dal Secolo XVII. moOefi» 
dal principio delL'^inftituetone della Ragotiaoza d#»> 
gb' Accadi» noU poclii.di loro ad iniitaria/e pro^ 
niaovechir , e Q)eBitatmcntc il dottiflimo Viacenz^r 
LcoMO» che pcravveoraca fu. il primo»* che oc de^ 
(eaaJlomacoocena agltaècn.- Ma perchè le Ri« 
me. di lui ftao & ifiodtvaAo impreffe y che fparfcmen*^ 
teio aioitit mrtflimc IbKfotee;. S'^porcoofi^iocfliad non potevano dif- 
iooderfr dappertutto ; Aokte atciò: Wloto bdlezzanon potevaiwena» 
ante concepire da ognuno pe« lo corrotto gufior die era cocioqaa^ 
fi tmtvec£Umeote fino < ar qnd tempo ;: però T aan» 1697^ ciKa il mtf» 
ili Settembre deliberaiona alcnni Arcadi di provvedete ad ambedue Ir 
Suddette snneamc, facendo* riftampartr lo Bjmedi qoeflo iofignePoe-^ 
ta ornate d^oppònum annotaziooi «. lotefisro a.ciò^ él tutto pvopofito* 
il foddetto* Leonia, iì Baróne Amonio Caraccio, il Canonico BenC'» 
fato Metixiai»^ l'Abate Giuitpp* Paoinociy l'Avvocato Gio.BatiftaFe^ ' 
li» Zam y Filtppor Leers , I- Aurv^Pcancefeo Matta di' Gampdlo, V 
AburPon^cofigan». Jacopo Vicifidli»^ Silvio Scan^gMa-» ePaolOf 
Amonio del Nera, Lettetati ttoctir de!prkieipftiidi Roma , i quali s' adn-^ 
uvaoogtomalmetiteia Letteraria Gonvcrl'azione .in cafa dèi detto Aba^ 
tePaoluccr Segretario dell' Eminentifs^' Cardinal Gio»Batifta Spinola- 
Camarlingo di S.Chsefai e ftabiiiroiK>, cbnogtM Gìove^ doveffe tii»^ 
ài loro portar qoakhe Sonetto del Goftanno oBoato d'antK>tazioni ,, 
in forma di comentat j y .0* ieuurr. Ipcomiociò^ l' imprvfa con molta> 
[ £dicitit Cd aidoae^ eflendo ftaio il prtmicto ^ racc^ennato Leonio ^ 
\ «bepiodttfle aliai Conrorfazioiie un piemlfimo comeoco/ fopca il So»^ 
iftto» 

MéUtcberap pr/eM nt méPe i fi/ci r t l^miÌ4t.> 
Ma dopo alquanti me&, elTendo convenuto ad alcun de'fiiddeui aA* 
femarfi da Roma ; ed altri avendo dovuto intraprendere impieghi di 
auf^giore importanza, ootwenne all'opera nel piti bello simanecfi. io»» 
rctfcita» In quefto nofail con^effoobbi io l'onore d'operare tutti i 
Giovedì del me£ft d'Octobci della fteflo: anno-s pordiè poefi ISmpeipw 
ti cavar da quattro Sonétti del Coftanzo quanto bifogna per la Liri- 
ca Tofcafia y come fi riconofce ne'primi quattro de'prefenti Dialoghi «. 
I Vollero poi gli fleifi Amici,, che feguitaut^ e compiefli una Poetica;, 
ton parlare anche delle altre Tpeaie della Poefia y efaminando Aiuora 
ad effe adattati y che furono fceltt tutti moderni, perchè io non vol- 
li concorrere con que* grandi uomini ^ che anno fcritto Topra gli An- 
tichi. Terminata l'Opera, voliera altresì, che la pubblicai -» ed ia 
alla fine mi v* ioduni^ V anno 1700. Né da indi itr poi vi ò più penfa- 
to^bU ripigliata, dopo la nu>rtedel de^ilfimo Monfig. Marcello Se- 
logli ik d^ cui ci adunammo' alcuni anm dimezzo ^ la medefima Cqui- 

vtrfar 

' I Digitized by VjOOQ IC 



wrtaziotieapprdflb^lo.Arflb Abat# Pdohitcf» coiriarer venta a9cb€ tifi- 
gli eraditiflimi Dottor Pier lacopp Mart«Uj^ Abate Giovanni Migno- 
li » Abate Niccolò de Simon! » Abnte NkcdlÒ M^eia di Pufco» Cefai 
te Bìgpiottr» Abate Angelo Antonio Soma! 9 ed altri nobili Letterati^ 
era dimortoti io Roma; ed eftndo da quaiciie tempo fiimoreitó di 
ditta Opera 9 à moftrato la. ftefla piò* volte defiderio di vederla riftam- 
pata: al.<i» io* non* ò potuto* didcotire». si perché è mio- panicola» 
coAiimt di compiacere agi i^Amici» al anche pcrdià dalla ripmazione», 
sella qiiale era quella falita^ e dalia ricerca f.cbe g^iornalmctte fé ne 
fìaceva anche a preaco eforbkamiaimo9.cooof€eva» che ella era (tata; 
gradita dalU Rar^ubblica Letterari»^ Per mezaa adunque della Soci#« 
tà d' Arcadiat che anohe rifpetto a^queft'Opera mi à voluto favorire.^ 
eccola di nuovo^ alla ^bblica vifta, con quatte fiàticbe di più», che 
debbono gli Autori impiegai^ aatle loco Opere » che fi (iftaùnpano > 
per non aì>nfarfi del favore vol< giudiiio». che dt-eiTe é tato dato» oè 
carrirpondergli coa.burban«i^ iM^can modeftiav cioè rivederle efiir^» 
lameme» correggerle, e purgarle da ogni mendavthe vi foSc corfav 
« migliorarle al poflfibite • Oltft acciò aconspiacenca della ftetfaCoiH- 
verfiuuone vi^ò ageiuaco un?imero< Dialogo (oprala niaaiefa,.€hoora« 
praticano i noftri Afcadi> mafllmameme oeicompor Sonetti t e fopr» 
il gufto del prcfcmc fecolo XVI IK. in fimiti-opfe^ della qual materia^ 
non. potei tratian quando compofi T Oper^^ peluche allora non pete«^- 
va affermare q^ial ver amarne dovefie eflbre^ii gatU> del fecolo non mn* 
Cora emratoi benché dalle circoftanza aveflS potuto cooghiettuearla^ 
Ora qaeftenotlrie Aimo bene di.larlaf^ibbliche permoSrarmiia^oal^* 
che maniera grato a i Promotori in prima, e (»ai>a iFamors' di qua^- 
fta mia faticai ed; anche perché fi fappia, che io non farei mai nato- 
ffit mo fiedb cocamo :MFdito>.ah« mi tótR mafea federa a Scnuma ài 
dettar precetti di Poefia,i4€ il cafo non TaveiTe voluto, e ora atcon« 
fenfo univerfale.nol rivoleflCe.* beo conofceodaio>. che il dar leggi è- 
cofa.da Monarca, e non«da'Servo,.qiial fono io di tutri i Generati». 
Aoai perché in qnefta mia Opera apparifle quaiiro meno fofepaSbiflih 
i( Maellro, quando io per verità non ebbi altra mira, allorché iapro»s> 
duflS,^ che d'eiporre il mio parere alla Gonverfaztonc,,che il ricbie? 
deva, volli ileoder la in Dialoghi, ne^quali iM>n detundofi ex cacbcp 
dra da im.fob, maragionandofi famigliarmeote tra pia perfone , le- 
twtf en w ,^ v* è buon comodoni, promulgarle in fembianza Ji meri pa« 
iert, e di kUciarle per lo più^nelle loro controverfie , acaioccbè ik 
ieooia: Caccia dagiodìce>,e fcelga.qjiali via. ^. gli piace.. 



Digitized by 



Google 



HiOTMSrA DELI* JUTOSfi. 

i^UeYeotimentt di FiloTofia Platonica »o cTalcta Etnica Dottrina^ 
\Jcbe diCcordano da i veri Dogmi della Fede .Caetotica, procfifta 

r Autore d* averti adoperati» come ornamenti della Poefia Italiana; 

e non gtt per approvarli^ < crederli fufliftèmi ; e però in fenfo-da 

wità affatto li ripruova» e condanna. 



Il 1 ^ » 



Noi foctofisciui Pop«taa^ ìm ^goio di foMiàl «Mrtii co M t an it 
alla noara Adonaosa dai Rev^rcodirs. P.Maèaiode) J^Rafami 
Apoftolico» avando liwdou a ccMc ddlk iMci ddla fteAuMoiia^ 
za» I* Opera del Sig. Canonico Già Mario Crtfeìmbrai «oftfo dir 
Aode detto Alfiifibeo Cario^ URicolata Zd BfUiZJi0 MlU 9Vg0r 
fnfié^ ritnidmm^ cmwmsf $ éucrrfHmsXto. giodiefaiaiDO » che F 
Autore polla nella ctftampa di effa fecvìrA del Mmc Mlorate) < 
dcH^inregaa dd MOtoCedraM^ 

Vrdtd§ Tit00 Pd/lmi Arcadi'. 
Tir/i JLeucsfi^ 'fsflmri AnMdi^ 
jicsJÌ0Lémt^mi9^Péi/hm Arcéidi'* 



AtteTa la foddccta R^laMoe, itf ^mt della detta lieokft concedtM 
da Sua aRevoreodfftM^ 4 4à Kcnta ad Alfeflbeo Carb Co- 
Hode Generale d'Arcadia di fervifG nella riftampa della mentotaea 
ina Opera^ del noot, è dirirwftgtta fiUkleif i^ Dato In Colle|iod' 
Arcadia d V. dopo al XX. di Scirofòpione cadente, l'Anno ULdelt 
rOlioipiade OCXXII. ab A.L Olinpiade VI. Anno IL 

Locol»4kl 



fjtrini» TtuhMte Stttt»^ 
fAfitri 



Digitizq^ by 



Google 



Pibtttoo Ciffeo . Monfig. PcHegrìoo MaflfckiVdtanU^ dette Sign?«?rc 
' di Grazia, e di Giàftitia.. . / ; ' \'\ ' ^ !; 7 

Dietimo Ocio ^ ^Antonio Ma^iAcQdu BlbÌwccatio'/geirA.Rj,)iel 

Granduca di Tofcaoa. • • '^• 

£|naro5imbolio« Apoftoto Zetra« 
^UAlioAhcaùca^ JlJ^CuPjria) Andrea Fatimi flrrnlrì Srgrmùo 

delle Lettere Latine dell'A. R. del Gran i)uca di Torcana. 
Lammdo<::rÉcidA^ .! VAb.. P^pIp tooaédx GaMotitoi di /Graffe. '^ j ^.r 
JiriìJie«ca6o-L"Avy..OiQ. B«tft»Fdi6cZappij[ ' . i ; *^i 
ArìAcDNGrarìD,. X^Ak ^coa MéMATSalvini Roo£diIÌQie4i<Ljiigtia^GrC' 
• ca Milo Scttdfto di Firedxc«! . • 

JkleoQei5irìD« H P. Carld d'A^utfw biella Contpagma diKIesu. 
<;et^o TciiiQoio.* Moofig. fraMcfco JV^asuisuo Gontieri Ai;civeitevo 
- d-Av.^EIPlse'>.' • T . . * : ;.•..• >■:•.. 1 ... -i ' ^ 

Elcifio CaUdio.. Moofig. MafccllA.iS«wrcili.'Scsano3Ìttl«:Sigfiaaira 

di Giuftieia. 
Logifto Meiiieo« L*Avv. Praneefcó M4uft:.dt CtoipqjHd. 
Xicida Orcometuo* Malatefla Strinaci. . 

Nitilo^ìerefteo • Monfig. Leone Strowi fìrdafiQ Poaìt(lkn dì N. .^. 
tJranio Tegeo« L'Ab. Vincenzo Leonio.. 
JUcp Maotineo^ Il ^So^acoi Fii ippix- Btiqnmtei^ 
Npdillk) ^ollidCii II Cpnre-^jkOdaligio.VmarQfij. - : * ; ' 
Alflli Cillenio. L'Ab. Gi^f^^HK^ (Viotooosw . . ; i n.jj. 
'MilciIo9ia9idìa.4 II Poiiit;Pic«»JaCM:)^Ma^^ ... ct:.;f> /. 



,::c^.uQ oi;isio lab ij^ o:c^ 



.4 ^"^ ,/.;.n\''j^ ^'v'\ 7\ 



DELLA 



Digitized by 



Google 



DELLA BELLEZZA 

DELLA VOLGAR 

P O E S I A 

DIALOGO P K^IMO. 

Mei quale Xi (piegano le Bellezze Poetiche in genere^ 
si efleme, come intetne*» e fi confiderano jquelle 

' della Lirica nel caratcece iUblime in un Soneitiio 4' 
Angelo di CoHanzo . 



iblJiZlfV^--^"*- 



-%* 



(t)Mfonfign. 
firi. 
pna . MmgliMbiC^ 

tdk 31 ERCH£ non andate^ Diottmo» stnafolìta coo- 

verfaziofic? parmi oramai, che fia giunca TcAra. 
Dhn Rtt dkvi il vero, JFabumio, non ò penfiero 
d'andarvi , .perchè oggi roon mi knto d^appUcar 1* 
ingegooadifoorii'filoroficfl, e teologici, per li qua- 
li colà ci raguniaino • Fdè. Oggi per mia fé fona 
anch*jo del medcfimo genio« o che la Stagione d'Autunno dedicata 
all'amenità della viUeggiacNra, Tdegni, che tuttavia badiamo a'&ve- 
li divertimenti ^ maffimaniente ^ in quefte delìaiofiflfime Tnfculaoc 
Campagne; o che 1* ingegno Raìaco dì volare, £ fpaziareper le Tubli* 
mi» ed ampie inveiligazioni^ nelle quali giornalmente colà s'impie- 
ga, deCderi alcan giorno di ripofo^ Jìhi. Ma non però vorrei > che 
qnefio riposo ci Easeflfe paflT^ la gi<5rnata oziofamtate ^ Fdt. Anzi» 
andando « camminare fuori della Citcà , Tpero non minor fhttto ri- 
trarre da ateo A mea grave ragionamento, che voi vi contenterete di 
itfmi^ Di0i* Tanto appunto voleva dire io: «r (iccome mi avete tol- 
<04 col |)re venire, il luogo di dirlo, cosi, vuole il dovere, che toc* 
ehi a vQì di trovar «ragionainento alUttofisa Jncenzione confacevole. 



Digitized by 



Google 



% Isella Bellezza 

lereìno per 
; e pccoek 

.afcoltanri , 

e isfccta al-* 

i%)A 9»f. Dctla quato 

Anton. Cm* \ componi* 

rM€€h • er.mcBzo di 

ScoCttcmi» 

tt> non può 

4o fomma- 

e vcrracìflfH 

>nimenci ite gli anciqhi Tofcznij diàaf-» 

i^o, chci pec quanta io m* abbia ifcdi^ 

^oOb toeficr^* cioè (ir r agr^omenco del 

Roia > cBc incomincia;* ^ ~ ^ 

del Tccr^ca^ {C&e iocoaiincia.* 

«UU9 l'abbia involato • .Di^ Bìznsaro ^ 

ad^iTo anno fcricta; nu petavKcniora 

:.i perciocdié qiunci^ r Quindi v'é oioU 

I >e te parti di^cilmenrc V pedono atter- 

lecifione» fctcìii daU*iin canto aoovor- 
LccQipocU Mcilcr Gino» e dalPalcro non 
[omenti il feca^iffinioPctfatca. Féik Di 
liam^ia fuori della porca. /}/>iU Se fac- 
to il noijUo 4iva:tiaicòc« in trtvar^ ar« 
ibiliffima cEgina; e con cflTo lei non pò 
I Tuo acutiilimo, e rpiritori0iftio ingegna 
fcnza impegno ci divcrtiCca . Di0t. Vc- 
i:ao(KÌite Tingegno di cosi tenera CiovaAcxiaj&xmcabsk. F^j^.Bafti il 
iconfiderare f cbe ^ila è figliuola d*un Padre^ che fé nella aolnlcià po- 
iphi eguali 9 certamente nel talento ^ e nella fpcfietiza delle coht è u* 
fuco ^ Di9t. Sete appunto arrivajta in t^einpo^ ÀimaUflima ^gina: 
mentre ^ avendo noi oggi l^ciata la foltta convcHazionc > pcf diver- 
tirci con gualche ragionamento mcici grave , non Tappiamo trova:^ 
argomento • che ci foddisfaccia ^ Se dunque Voi non ce ne date 
alcuno* carriam iiifciiio di tornarcene fcnza confeguire il nolho fine:. 
MgA Volentieri voglio compiiicervi : e nei tempo fieffo cofnpiacerè 
axìche a me ni^djtfima. Io ò adito damane lodarti al più alto fegao un 
(h) Il Cmn^ bonetto dei Cofianzo da£^] AlfcfibjCÒOidode della noflra Arcadia* ìa 
gìm» UnrU favj^llando lui^on mio Padre; ^e coachiuderfr^ «iier ^ucl Sonetto pei^ 
Crefeimhtm fcttiflliiio , per comcqere ia fé mì(Ve due li^Uezze » che egli le appel-- 
Anfrf. |^Y3 interna^ ed eflerna;. Vorrei adunque* ic!he» con buona grazia di 
quefti gentiliffitni mìei Compagni, vi conipiacefie d'jofegnarmi, qua- 
li Geno Le dette bellezze , non Capendole inveOigar per me ftdfiti e 
come fi ricruovin^v nel Sonetto^ che é il feguence« 
NclFd£€di9 cTMddf chi emfts firn 



Digitized by 



Google 



DdlaiVofeufFoefiit.DiaLL 9 

'Mi tieni s tMlrcbetéUié im/rifit ié^U/cty 

Bencbi mdnciitk mfiSf» pndi.fi fafir ^ 

Per giif ictki^f non ferì i*4lmi^ k mmfirli^' . . / 

Hecbk le viene e^fher fer ditte fems' / 

&ellìimtmifn' gentil ^ che déUle fdfct' 

Le Se4é' it Ciel fer cibe y endk rinetfce 

In lei ^Uvlgeee ^*e fftexxA egnerU merte^ 
Xk infidie^ untétne^ méi'^f ni. csfo' awerfe 

JfmrMnneréf^teinliieotmpa^fmiKMf* 

Cltilln fi rendn » e cUàléiét 4' mutar ver fi. 
Che qn^a^delliinfirmé affìitts fierot^ 

Dlfoert dibatte iVmie^ déftin ferver fé ^ 

Tétme àeeare* il fenfierfiètdit > e rinfevzA •> 
FmH. H^ grand^boprefa e r »ir accingere y» Égjna y^ e molta alié mie dc^ 
ftoif fbfzr Fuperiort .. Sarebbe mtgtio » che^ fopra una cosi grave ma-^ 
una» tmerrogafte cotefti vatorofiflimi Gompaflèrt r i:be con eflbvofc 
vcooti fono 9 e a^NotddEte altro argomeoto piilalle noAre forze ade** 
g9ata»,teggecido io , chcancbe DtotimoeoDCorrrcolgeftonel mio* 
prerr^-f/Uo'Wglioda Tot itfavorei rqueAt^genritiffimiiiiteTCom» 
fagDÌp nteae datt* lièemea : e godranno d'afcolrafvr noir mep* dì quello »^ 
ch'io, mr farò .' PmH^^Sc dunque cosi volere » io per mevotemieti m' 
acciq;o*a rendervi paga il mc^io y ctiefaprò neiraogttftia di quefi<r 
tempo «. />/^«>Ed io',, ancorché molto meno'di voi) oFaburno > mr 
cttKiCca»abilr) iK>n*ric«(l> rincarìeos porche cominciate' Voi v Fnk.^ 
4ii fàpei^ 9^ che la voRra' mode(tia^invteTO*fem;a'pafi^ avrebbe accet*- 
tato Kimpegno con quefla c^mdizione « Comincerò additque io 9 ah- 
noftnndoad'Egina ambedue le bellezze ^ t poi ne prenderemo una. 

KciafeKedtMO'Y pet^rifcotumrhie ttcl recitato fonctto. Eg. Corf^va^ 
e f orcominttater.' F^i^. La Natura ,.' e KArtemadri ,« e maeftre- 
et cnrto^cìò^,. che vcggjamo» pec& dilettar; colht* varicti»* ancorché dot- 
tino qjOaUinque torTopera^i o efle^Mmente ,, o iiitcmamemr'dràkuir 
fitgio rij^ardevote , i quatti fregi fi chisimano bellezze «^ nondìmetiO' 
ve n'à moUe,. chVellebor fernifcotiO'dfambedue tali bellezze mefboHitr 
inGetne, IrqiHiiipenciò perfette fotio^^^fop^iòriatucttle altre. Ora< 
sl^Focta ,. it'quale y;fnvemando 91 la natura.' immitando >. Varx* rap^ 
prefetitf ^ anch^gli: m^ teCTendo i Tuoi lavori ,< fi vale'dbllemiede(imc' 
beUe^9le pidr abbellirgli^ crrendergli ntilì, ediléttevolrr e tra quelli 
nelta fteifiii^fa le divide . La Pòefiti dunque à peroggetto lìrbdlèz'- 
si« {jftìmaiido io , cRe neil^ bellezza Q Comprendìi ogni cofa defidera^ 
bit»9 Éf*commetidabtle T la quale- di tre Toiee pb6 confiderarfi^ a nofiro* 
ptopoflio.r Ca'primauchiannr^brnaì; ed' r quella, che noird'ahro* 
vaga vdiedl^llmngat' coIV apparènza V s'attiene' al (blò dotte ,. pane* 
Art ihie »i al^ qaaté è rndiritta la^ Poefia* , e- peràvventura> hi^ meno im^ 
pcmame .* Non^ rìfgtlafda^»- che a^ dilettar cotr ifcelte- parole 9- coit^ 
pieni vtrfi», con Varie figure >• con leggiadri modi di dire r ed infom- 
ma ratta'ttt di f&orìtintefavil fròmt^zfo^fblkmemeabbéTIiipjprocarasi. 
me fi prende «tbunr briga dbir interno deiredifizio .. A quatta 'totale 
mente oppoÌH é la feoonda^tbe imerqa fi chiamar liiquarrdeHtap^ 
parenficoTe poco curantevffUudiatfolameiiKt dir celar » diciam cosi 9» 

A. 2. fotto» 



Digitized by 



Google 



4 Della Bellezza 

fotte ruvidi ma(n prcziofe gomene « empiendo le eompofoiotti di pro^ 
fondi fenfi > di nafcofii miftcri , e di UoMci ^ e teoiogicr^nfegna^ 
memi * Colla prima uoppo fovercbiamence ^ anzi infidicememe luf- 
foreggiaroao la ma^ior parte de i Poeti dì qneft» (ccolo- .* di moda 
che t fe il fenno di alcuoi > tra i quali vo» dovete effi»fe annoveratr». 
o gemiliffimi Compaftori » noti aveflc gagliasdameme iòQenute le 
parti del vero modo di poetare % fenaa fallala Tofeasa Poefiar ( del- 
la quale folaoaeme mi preferiva di favellare) farebbe gicaa mina: per- 
ciocché la corruttela del prefente lecolo» oca cocMentadel bando da- 
to irremiflSbilmente airinteriu bellezsa » l'icficnia di tal maniera dif<- 
formò con barbare locuzioni r con^ durilfimi verO> con viziofe ligure 
e fpezialmenre con iped^li t traslati > e metafore > continui r e fpo» 
porzionaii» che perdutofi anclie il dolce» a cui è diretra reftcmabi^I- 
lezza r la Tofcana Poefia più non il poteva ricoopfcere da' fair giih 
diz| y e come moftruofa » veniva da lora abborrita » Ma della feceii^ 
da troppo seligiprameate fi valfero i primi- Padri > che nel Secolo^del 
dugearo fiorirona: di ouxlo cbe > toltone Dante y e Cito ,. ed ii» qnal^ 
che parre Fra Guiu^ne d'Arezzo > ed alcuni altri pochi Rimatori r àt? 
Baoltiffimi^ che fé ne traevano j ed io 6 veduti , fi rendonanon roe^ 
wo (graditi» e dUpiacencty che incomprenfibili ,* e per lapiiì nauTea 
cagionano y e abborrimc^iuo •. E» fé non cbe il divino Petracca s'op^ 
^t a ul difordioe colle fue nobiliflime Rime , certamente moriva 
ta fafce la Tofcana Poefia »^ Qr perché quegli è buon Poera» t(< quale 
accoppia in guifa l'utile cot dolce r che dilettando iofegni» e infegnai>' 
do dileui : perciò » rendendo ambedue le fuddette belici » come ^ 
dimofirato ». per fé fole » e. l'una daltalrra difgiuBta y, maochevole- y e 
difiectofoil componimento y fic€ome»per vero dire ^diffettofo» e man» 
cbevole fi riconofce ogni parto di natura y e di- arte y che una fola 
ddle dette bellezze contenga in Ce» fa di- meftìeri » die il Poeta fiftu»- 
djy e con ogni diligenza fi sforzi d'unirle ambedue y e con ambedue 
talmente abbellire i. parti del fuo ingegno» cbe forco leggiadra» e v|f> 
ga corteccia fi racchiudano nobili y ed efficaci ff nfi » facendo in .tal 
guifa il cotuponimento pofleflbre della terza perfetta bellezza» y che d 
detto appella miQa ; il che a maraviglia adempiè il PerraKa » € 
per Jc fuèonorate vcfiigia. focerail Bembay ilCafa» ilTanfiUoy iiSan- 
nazzaro » B Cara » la divina Marcbefana di Pefcara » e cerna alrci 
del paOaro Secolo ;. e de'ooftri fate Voi tutti » che rei* afcoitatc y e 
cento akri valenci Ubmjni fanno »: ££. Dal vo^o pienidimo ragia* 
Hamento già fono rimafa pienamente contapevole della qtulici delle 
bellezze poetiche ^ Or veggiamo» fé il Cofianzo nel celebrato Sonec-* 
lo i iir cib meritamente coi^eguita la lode • pire Voi» primierameek 
tey.Diotiax>v la voAfapane, acciocché tuttanto Fabucno fi rifcuoca 
del difagio ». che il lungo favellar gli avrà apponato • Dht. io pes 
me foa di parere » che a gran ragione il nafiro Cufiode abbia* detto 
contenerfi iiel mentovato fonettadel Cofianzo mifie ambedue lVe<>^ 
He bellezze interna», ed efternav ritrovatidole ambedue » non meno* ita 
f^% che ia ciafcun'altro del medefimo Autore • Per ufcir d'obbliga 
;|dunque».torrò a rintracciarvi labellezza edema» lafciando riatema» 
come più: nobile ». per la aobiliflimo imclletta di Fabuma .. WéUh SA 

ancora 



Digitized by 



Google 



Della Viafgar JPoefia* Diali. ^ 

«Dcora Tulle cetimonie? D/ci. Per. farmi confegutrc il mio^nv , con- 
tentatevi, che premetta alcuna cofa circa rideevoflili del comporrei 
acciocché» ritrovando pofcià a q^aleWcaVateenga il Sonetto > delqual 
£ifcllianTb ,. pofla dithoflrarlo' eReraaiMme bcWo-^ ' come è mb pefo • 
Variefonole divifioni dello Atles c4)6 altri cara^epe, altri iorma, altri 
idea appeUarono « fifrcondo le opinioni jiiqnrei) che diciòfcriircxodipco- 
poSco, -iqualt futKmafrmogeads'DeinetHo Fal«fcoy eCirecone^* ma 
pecdie nella divifiioliedeirultffflo fi-cimtengcmo quelle itegli aateceden- 
ti, petctò io co»Ckerone caniimàa«do:> ditò^cbe loeftilc fi divide in 
He ferme , là pi^ma delle quali s^^petta Sublime «iaYeconda ambile, 
la terza moderata • La forma -del fublime vico coftitata , oltre alla 
nobiltà deU'arg^metuo-, e «a* concetti egualmente «obiti ^ dalpariare 
fcelto , traslato, e figurato , dal circolamento de'peciodi , le dai filo 
adeguato delle voci, die remtodoioRoto, ^e otimeWo^ primieramen- 
te ^il verfo, indi la can^ofìiàcmo ; Lafciandc» adunque per oca:4ÌÀ d& 
porre le qualità dell'altre due idee:» enorme* ( il xhesinxiualcfae altra 
eoGÌgiuiitora pie opportunanieote. ^^rtsetnr tecapo dii face jt mentcr ìq 
ccedo ,.etie:aipteika'0:iblimc fi appactenga^ ilrO0aro Sonettoi,'>pafl(icò 
a dimoftrarvi il fondamento distai mia crcdeaxa • Che rargonaentó di 
effo fia proprio deiridea fublime, non iftimo, che vi fia chi^poffa du- 
bitarne «^ perche fi parla d'Amore, e d'Amore celeAe^ o imelletcuale , 
^ pe&tti^4vMihieVo<MiMrjhmè<itt>vaeo,Faki^ dlorchè diceV 

& fede/ire j & ntivale fr^elium ^li/eLdt ifa^Ko^^oratio y.'vei de^Cmh,^ Eia 
ragione fi è, perche, non^ffnulo ohroi ooiscerti^ cbcimmagim delle 
cofe, che mlnoflro animo fi formaoa; tanto fono maggiorr, tjuanto 
-flftggitei roiibfiecoA:,^a4^leq«iaii eiS >vengoBCKratti ; Checof»dnBqae 
Ve più fobKme'4 e pia grande del celcBe Amore:, dali}iiale osnicofa^^a 
creatJt^v fi'gQve«ia,'>e.mantienei acci,, ohe l'amore. fi» adegoato ne 
^iezialfuggettoper:loftilìrublime, viene afermatndai^^aQte oe'Hbrif^teJ* 
il Volgase eio^enza, ove afiegnaodo. ireibmi^ da covare aigomontii&i- 
-blimt > il^fecòttdoioogocoocedhc aH^Amoreo Soaoflocbe éiblinu l'^cgo^ 
mento del rechiac0*Soaetto , ed i fooi conceici , iterdaé iBLdTì delmen- 
•tovaK> Amore fitratuin forma di. battaglia, «e d'afledia/ i4 die pari- 
«emefu avvertito dal medefirao falereo, comeidimoflranoJe fopraip- 
<itatepacolc. Ncqcttfia.foblimità d'argonietto, ediconceuiè fpiega- 
fa. con minor fttfalimità dt voci i, e periodi ;.iinperoebhèc> quanco/alk 
^oct i qudke fona tutte rcehifliÉ2e,.epìeiiev e Bumerofisv etaon. punto 
:alicoe disi fent itnemO' be|licào£3 f. dar s!efpane . Avvi ^indite e nobìUffimi 
cónoorfi di vocali-^ si difermi^ come unifinmi; e ijpeEÌabnenre quei 
jtetrottavot» e dellfundecimo vedo , ehe.a^mieravigliattcodociagraveil 
componimento^ dB^: bendxè da alcnol eccellenti AittòiH fuggiti fbffero , 
nondimeno i pia. coU^empìo d'Omero y e/noi.Tofaani ddtìoRroPe* 
irarca.» U.rtaonoCchiamo, é abfaracdamo >, come pane^imegrale della 
^3ivhi r;ei) Taflo^iiekla Xezione, foprail &Metto;del £afa ^ ^ifis 
Wéi^mant4l 9 cbf\in una '^im i» dm , oonfidera in^^que) Sonetto i mé- 
«fefimi cpocorfi; # e.nr^reea def fatitfffimi * ^sìdel Stracca , come di 
l>anM. Anzi .cffendo. parato al>Rufoelli, che innavertencero»ie avef- 
<c Dante (atto jMl.conctnibiiQ queLitèrlbjdcl4>ctao dd E^adtià« . 
. JGrefc. Jft. Folg. Poe fu . Tom. VL A3 r%di 



Digitized by 



Google 



jDiéUa Bdilesaa 



tgetk 9 ma lo Aorptdfe* 
quali rendoBo magmfichdt 
:oof cario Jc voci j>copriie 
grtvìffiiiii allodi di dire» 
I il ^Qttalit/Cgli i affai aobtl 
«le iPlatoiiica dal kutt al 
'aborao quinci a poco «e 
lemo di murar pcopofico» 
^ttcOo ìfenfo ri|so Mchc H 



iffe: 

r#.. 

ojdquaaro d'ignoUla 4em 
kt ^quale parioieiKC Si «al* 



a/citd^ fimilftieoro 4al fb- 



irte nsagoifidie j^cd tcc4- 
ilezza» e ptoprìcfi è crac- 
cere 9 per guardingo ^ che 
on luogo .dircorfo» io era- 
lio di me pocrece Volpo: 
aecto ^ Auat la ftcfla anri- 
caca 9 come troppo obbli- 
[^ apparisce neceffiria » al- 
'ma f fd é0ktd , fi ri^pon- 
^razioneeOer perJGrtta» ito- 
le uè pare • £ giacdiè Ga- 
lle in queftocomponiÉieii- 
pofto dai terremo Aoiore 
ìtio^ di^poichè colla Ra* 
Ielle ; là <|ual figura t Mm 
ima elquiikezia finoaUu 
cori voci ^ e oiodi di di- 
fcmea dubUo la ftiaounu 
(fia^ Di gran fi^ardo poi 
ì ocU' anmmia» e nel imp- 
«rcffeioi periodi, chel^ua 
; tacci git eccellenti Autori 
cktoftaìDU «ecèfraria ne i 
Sonetti 



Digitized by 



Google 



Detta; Yafetf Foefiav DialX r 

Sboetri di fiUfublìme (u dichiarato dal Taflo" nella rococovata' Lezio- 
ne. Eg. Ma tota* egli) è ciò r fé mi ricorda' aver letto io uda Lettera 
dell' eruditkfimD Mpoa£Ìo traile Tue Mefcotaiite, ripotarfr viziofi cali 
fiBàfsgt 9. cDlL'àotoiitàr del valènte' Critiiqo^ AMandroTaAToni' nelle 
AmofaaonryehV fa fopra* ìV Petrarca >^ e' »- fé ood^ìooo errata > an- 
ebe dol^ <^az«o nel Dialogo intorno alla* Poefia ^ X7iW«^ Gli Autori da 
vov ckariv ocK cafo v nel oua) . parlano^ dicoittr ìì vero r n>^' ^ ooff 
d il- caia ,' dtl^ qpale noi mvelliamo : percioceb^ eglino biafiniano il 
yailaggio del feorìiatnto: d'iino' in altro «inadernario^^o ternaria di^ 
Sooeiio,^e d'ona in attrae ftrofe di Citm^sOfie .^ Ma quando mai^ vi foc- 
mKcttdeflirfOfanclle tlcaib floftro» io ia;qocfta parte mi lancerei pià^ 
Mlctitieriitracrc; dal- parere del Taflb >..per^ella« ragione ». che pop»- 
cando' la rotondità, del periodo graviti. alKorazione^ col^ trattenerla y^ 
Biaoccnerla» tarda >«qoantaq^Uo'oe'verfi (ari più prolungàto^tie cir* 
colatoi d^ modO' che xtakgfi» allo rime ^lalclie {>arte dell'amile r che ri-- 
cevona* dalla: eoofoMnaa »i tanto^ più* geave >*. e maeSoforiaicifi il com^ 
fooiiQfWo*' Peitocbèr Greci >.e iLatiniP0etrcbm{ioCerO'la gravtf-^ 
fima: Tragedia di gravifliini ver& giambi», e i noftri Tofoani la^ mede- 
fima^d'éttdecaÌUIabi(ciolii«vEiIflalaìeQteooQ è^ da tràlàfciArfir' la ri«> 
fltdiòne deUHmiti* del Sonetto», non poco operante colia foa perfezio- 
ne: al; coofegntflieflco delUeSema beltczza* •* la: ou^r unione mi« haftèrii 
oreria accendala^, appaseiftkxper fiprfielEs} abbaOaosa • £ coocbiodfen^ 
da ^ cBe io^ rimiow nel- Sònetio'fiittr \c parti »« che coftituiroono la*^ 
keUezza eftteiòre > lafcerò , cbc Fahiu«o*pa<& a dimolitamir lloierio^ 
wt.^ Eg. Veramente » Dioctmo. ^- voi con ranta^ cbiaiessz^ >* e ffienitaBzait 
«rete Caveliàto » che in queda parte a me non retta v dir. defiddrare»' 
Afcndar^ doov^ da Eaborno il: compimento' del favore • J^/^,- Perché 
ooMÙt^awinifln.U'iera». fenza^ pomo- divertirmi in parole dicO0ve- 
«epzavbadferò a fcsormi:dàtl^obbl^O'> £ perchè la bellezza interna^ 
ami' confitte' roloine'TeiKtmenti perle ftedS gravi ^e n(ri>iU > ma nel 
aDdMtieiteKtiio' gùi(ia r che da quegli uniti' fi^ wragga ijcutiaimaffìma»> 
«he ci* apporti utile >* ctie è ràltra. pane del' fiae della Pbeffa :' ptetiò r 
liidiiarando io' in prima»» ciò ^ che abbia; voJtito'eTptimere il Poeta nel 
SMstiov deMqpatè^ii tratta »- vcdcò^ pofcìa »* U abbia e^i coofeguito il* 
4io- fàìti e ^ecT ultimo cerdìcri^ di ridiirrc ad > alcun' ^vevote^ princir- 
fio iimv i feiwamemì di quello.; L'argomento^ adunque fi ^V che,* ve- 
nendo* impedita ali Poeta la viftadeila fiiaDòofttr ^ii fi eonfela col» 
non cncdecla pia necc^ria'per li><Ciio*attK>rev anzi col moflhtftic ne^- 
^cefl&ria:4aifrivazione .Ora' per i^icgar queftò' aflSoma 9 che al volgr 
limbs^: Ìe«M^ dubbio pacadoObv ooó) voglio^ gù^ vakimidi qvu^lav 
'^p«a»crd^inieria»4>eUinaa y^ciie/n^ o vtwile cUameromor ^prove^ 
gnemrdàlivohunrdell'àlle^ldiriavcome liei' necirato< SòociitO| addivif^ 
ae ». neHqoalè fotto' aUègoaa^i continuatov e segplaro^ atf^dio' fi fpie-- 
fano*^eft<ti'del'ien(o ve della* ragione negliatnaotii ^mabeof'di 
q«eiraltca;»<ebe aeAiu da nae fi^appci&» o remQtavdtmocantenelpià 
yrafondò ». ed UKitno^deffeotamemi »* apreodomufi.la ftcadàcol^premer- 
tere oieonaACoCa intfSNrvo adi Amore >* feconda ròpìqioner do' PUtooict *- 
Mal per k> iìi4^ adoperiamo «.uaendo-d'im* bene* »*il:qnale^ fòmmo» 

i AmgTfft «wisaleyt ctw^fi* cicomfeei^gnalaientr (bmmo » qcud** 

A> 4 ^^^^ 



Digitized by 



Google 



8 Della Bellezza; 

-iìz perdita di ooi ftefll , deviando aal diricco remiero f e A;eg1feiidc> 
•m UQ^raco di vaghinìmi Morì, e dt faliuifere crbecce, Tptne, criboliv 
Bappelli, e cicucie. Voglio dire^ che s'itigatma moko ha maggior pars- 
ec degii uomini, in credetido, che ta nobi4i(Iìmay e potenciffiotaDeir 
A d' Amore atrra noa fappia donarci di bene > che ii po(feifo della 
-corpora^ bellezza «4^ quile , fiecome non è il Tommo bene r che fol» 
ci può beare , ed a cui dalla mano d Amore &ara follevaci , cosi non 
dovreitimo , coiue non dt ggiama , a quella badare , (e non quanco 
bada per indirizzarci all'a-confecuztone dell* unico noftro fine ,, ciie ò 
k fruizione del medefimo fornaio bene 2 imperciocclié quanto folle 
farebbe ripuraco colui, die , correndo alla moca , tracco tratto fi r» 
¥olgeflÌ9 , o toroaflc indietro , tanto nKntecacto è l'uomo , il qualc^ 
poiché colla vi(b della corpofal bellezza fi à facto fcala all'alto fine. 
ove Amoce conduce i fuoi fervi , per renderli beaci ^ colla medefima 
vift^ fi rimane ,^ o fi volge fovencc a quella ^ Ma pochi ibno gli fti»- 
diofi del faddecto modo d'amare , perciié pochi fon quei ^ che cono»* 
ftono il vero-eflTer d'Amore , e la prezioficà. del fuo dona ; e quindi 
è , die età poco dolce » molco* amaro fi trangugia da gli uooiitM , i 
quali fi fon fatti fchiavi dell'arbitrio della donna • Noa cosi fece i( 
noftro Coftanzo, il quale, delle detoe cofc ben confapevole^, Alagraa 
fercuna efiimava l'eCTer privo della vifta della donna amata , come 
dimodrano- chiaramente i fuoi verfi^. Vegnamo adeiTo alSonccco. Voi 
ben fapete « Egina , in che modo s' introduca Amore dentro dell' anir 
me; dovendo ogni uomo neceflaciamence amare,. per fare acquifto di 
quella felicità' y die tanto fi brama • La cocporal bellezza è cagiona 
dd nafcimento d'Amore ; imperciocdii , paiCTando quella per la via 
degli occhts che la rifguacdano , al cofperto dèli' anima nodra, qacr 
fta fubitacnente s'accemle, e defidara di poflederla> e queAo défiderio^ 
che fi appella appetito , egli è quell'Amore , che T Amichici collocò 
tra gli Doi. Or fiocome tal voha avviene de'poveri bambini ,^cui le 
bi/bgnofe madvi abbandonano* in mezza d'alcuna via >. Amare fubita* 
ditegli nafce , fi rttruova abbandonato fopjrariuiige^ fentiero, donde 
molta fi'fcende, e molto fi falc^Si afirectano due gran nimici, l'uno 
dalla fatica, detto ragione, e l'altro dalla fcef», nomato fenfo, e ga&- 
itoggiana^er guadagnarlo » S* egli fi dona alla ragione , viena dalla 
gentile , i nobile Donna gaidato per 1' erta al poffeOb dell' ampliflii- 
nio-) e tfdchiflhno: Regno del noQro Imellettoi , e quivi tutco^s'at>- 
bdlifce di fpiritali , e cdefti arredi : ma fo col fenfo rifolve andarfe^ 
Be, difcefo-aUa piccola abitazione del cuore, e di loazo loto ricope&^ 
IO , co' bruti animali accomunandofi^ mifcrameme fi perde. £ per^ 
4hè molto adopera il noflra conofcimenco , per indirizzar- l'Aaaoce ab- 
ia via ragionevole , perciò dobbiam noi diligentemente vigilare^ che 
m poder del fenfo egli> non caggia , e feco- V amma innamorata nom 
candtKa nel precipizio • Perlocbè ^ quaiKo in pritm^ la corporal bel- 
lezza farà neceflaria , e profittevole per la naicita d'Amore , tanto poi 
fi renderà fuperflua, e dannofa per la fcelca dal fuo viaggio: non'PO-* 
tendo in qnelia, la quale è terrena , e feofibil cofia, .a lungo andare 
jAmofc non tofdarfi, rdì fcnfuale diflfocmità non riempierfi • £ qui & 
vmrfe avvenire ^ che npn peccbé Amore $'aflSdi aliai fasÌPliejccffja. il 
' £cn(a 



Digitized by 



Google 



Della Voigar TaèfklDiaI.I. cs 

(ctt(oiSrpùblé o^i iMxdio , pct ttvtìorz (ci^qiùnékè yHx^t^^tod^ 
Amore > mentre Tale, ciuamar&tMI fenfo ^ ed a^.qudlo ifivóigeAdofi ». 
e ccm cffo lui dechinando al dcfidedo dell'oggetto fenCbtle , e corp(H 
tilt , ricorna fovenCdCf^ ,t)nde parti : • convieagtidi nuovo ioc^pmin- 
dare il cammino; dei quak cauivo eflfeico altra cofa non è cagione» 
cbe hi vifiar dell'amaca^ Doooat ; r però i Saggi » poicbèuna volta aa 
qaeUa veduta^ e feocooo dentro fé ftcffi nato Amore >. iK)n folo ooa 
coraao dr più vederla, ma ne figgono, diligomemente la viAa r pec- 
che non abbi|i li foifo, onte- fr^oroar TAnlore dal diritto reofiero-f 
il che per Tappumo ìUCoftanzo efprìme* nel Soneétto,. dct qaal- pairliar 
ino y come oca'ConoTaectfte didla (poùzioae di eflo . Dice adunque il 
I^MU prknicramente-r che m amando r deca. avvicinato alT alàa iny 
fnfit cioè al vero iioe di cbi ama> il- quale imfr^/a & appeUa » per 
ladiflScuUà di confeguirlo*; e mIm per la Tua nobiltà, eonfiftendo nelr 
la fruizione deHa £)iviilaf beHozza y per le quali difficultà > cnobiltà 
ctnamò anche Venere sita imjfrefn quella,, che poe&dffe a i Sacerdo- 
ti del fuo- Tèmpio» appreGTait Bembo nelle Scanae» come dalle anedcr 
&i)eStanee llp«iò racoorrè, e((iextalmeiitedajqtBeUai,tch&ÌBConiÌ9CÌa. 
Accinga e^i dunqne 4tU*Mlta ìmfr€/d ^EiehtJ'€mpM.firtej cioèrAmoc 
fcnfttale, o-, per meglio* dire , i' iSicffo fenfo y gli aveva pofio éjfidifi' 
emdeU : ma avvegnaché glrfoffe impedita daLdtfiioo , come, a fuD 
luogo vedremo , U vifid della Tua Donna y della qtial vtfta l' Anim^ 
abitatrice v e flgoora deb corpo», .rocca^ aCTedianì , Jk fafcfiVA ffr iU 
^cchi: pie€vtndoU i non però wun futu (l;rttimavar« L' empia Ù3riei>> 
egli è'aaani&fl^ cnoCa, che fia^il feafuale /appetito* ;. meticre ybfpoandp 
fimili voci difovventura ; ficcome. aveatura forvi eblilcra v fé buona y (r 
pietofa forte' diceffeco, Punica difgriazia di cfaripiritùalmcnce :araa , è 
'hxonvcrfione deiV'anima al feofo . y ray.viCata anche dat noflro Diptir 
mo, per lo quale ci alknianio' dalla» Divina .vifioiie, exaggiamoneU* 
sbiffo d*<%ni mifevia. ChDpoi tal^empta forte adoperi nelle cofc amo- 
tofcrce to.atteftaiit^Pdtrareanel Sonett» » £JmMfjisiddlcn-9t$LJf/l4^ 
àecimo^Amtùy «rte dicev " , ' ; ,. -. . - . 

Véimàrmi è^>doic^y*^u$Sii il^micrdAmtpf : • .■ •»:■,.. .t 

£7 vw0r grmfe\ e fregè , (fff0gU avAHSLi^' 

L'etnfiarfmimd y e Hm^ mk chiuda émti t 

Mfiru i b^i atclri , chi f Mar mi Jwma. 
Sk cfaiatna , ol«re a ciò y ilfenfo emfio y noo tanto* perchè Ji Poeca^ 
come ótvitio^ , fecondo Platone ori Fedro , (enaa' nota d' empietà noti^ 
poteva da alcwio àfkt ofM& , qikiico perchò y amatulo lui iìpiritual* 
nfente , e turto* inósTo a giungere al godimemò della bcllezaa di Dio»- 
cotRTa il quate , e foe ragioni ^empietà ù commette 9 non poteva il 
fenfo- non efler^empto , tutta volta cbe proccnrava di fraftomatlo ^ E 
che lo) fpirituale Amore r e i nobili Amami (iena ragioni di Dio, non 
può in dubbio rivocarfi : anzi gli antichi Scrittori y anche il fenfuale 
ftkaardno tale v come fi cava dall'Etnia feconda del prioio Libro 4i 
Tibullo, ove del' fenftiale amore fi parlai 

' ^uivis àmort ieneuir t/tt tmuf^My/Acerq^^ ? 

tp Egli è bea veto ciò, che dite, o Faburno; ed iti quéftofropofiuy 
^ lb?vìuied^in^fti80ia^ £psgraiomad?oaciaoauto A^cocc r nel qua^Qfi» 
- ^. fgrida 



Digitized by 



Google 



ro DeIIki&Ue2Z» 



no ifticoniKlcrazioae: della tigora corporea ucsa immaginevolcnence .: 
la coocempiazioQc ragionevole xlella bèticssa^uniyerrale di^tucfii cor-^- 
pi: la convcsGooedeirammasin fé fielTa >«€ il coooCcièiecrcadclla (ila. 
dignità : il ricavare, io Te fìcOafìlilome dctla:>beUecus e Aataienrc il 
ritrovare il ined6fiaio*lfime/i)d'Xcia>aiiKore>tChcé Iddio ».£4 accioc- 
ché > avanti di fiàrc^aUa.fpofiziooe::de!rtniao6iìti>vecÌa » voi iate coft- 
lapcvole di coite qQdfecnTc^cbc^aciò'&aKìatceQgona^ iarpìai» cbo: 

le for- 



Digitized by VjOOQ IC 



Della Vol^r PodOia; DiaLL tt 

le fecce dcflf wiìitxìa^(ccaùéoii»PUMùicu (oéo(^yXÌoèftutOt go^ 
to » odorato « udkO;, mù^^ red imanigmaci v« « Cfelle ^cre «priinc^ che 
rìgoardano la ^mamiait *€ tpcrciò ^adceiCeono al icorpoj» «oulla:, «o pò» 
cedi rigore rariima'rtceve, «ni di«ffe.ii>v*lf,.dif .per«cotifar<o» e 
eorrimeiKo del «corpo : «daHe^aUrerpoi^ ^e^wlì Tono j>ofeoM rpià no* 
Mt« perché f iù4blievace ^al «^po , ^la.^Modeàl rigore per giun*- 
gere al riioififieda^e«(pofto^i^A^at*e^ra<eAe2ia tiAa è di mag* 
gior pregio «]^dhé^o|»erafprfnciptfti^onceiieU':^^ H 

cibo delki veritàt; ^ per ^oefla prigione ^acfie ^ggÌMKH «che ella i 
gradò priiiMro<ddr.anwce»fpirit«a1e^ ?De(tfmeo .iLfiio^^^ meU^aflle- 
dio> ed il coraggio «detr.aoima;, tpafla il iCoftamo ;a dimoArare» mi^ 
de quella rieeTeflfe vigore^ ^ffeodole 4iiipedéco^ ciboHdeUa ^ifiacoc* 
porafe» e dice « ^r&e ^$tm li vitni fir édtn fùi^ie ^fmUm4mméitù^ 
tmUe^ ièt^éOU ifàjti U dkdiit Ciih^ xih^ :£k<kKiie ^ue iforcd 
d'ocelli ifUboiO)» ialina ^eftèrkiiert «colla .qaale ^lUmoia «tdeve il 
Mdecco cibè4leHai^(la > I* altra inceriore^ «cbofimo^liioccU «delia 
flieacr» per ti ^Halt «IKamma^ traaiandarii cibo detr-koaM^iiiei» dd 
qsale appreffot««éUetelnoi<osl il Pocu4bmt^4aifu«vRooea dipiik 
parte, refteriori :déHe^qMli^at)doiiiipediie dall'afledio» dtee» tiia 
da ^Onri fmt^ cioèrdaHetimefiori^ ^Ttceve il cibo Vmmà, ìhools^ e l# 
riceve ^tV «ta, /percioedtiiqfitlle.iiotce non |»oabiio<Mei|parfi^ eo^ 
Aefi occopeno t^reOenori.^ ^da^vicctidedi^forfaM» <<oda i«!petodi 
éeofoi e talt.fodo aMiie te/pone ideile fU>cche»^aie5qiiali alctioaire 
t'è ttafoÉRa,<"infetna9 die^^m fdtievraiiea4beeorre,glij^ledi^ 
ti. Per edr adooque il prhfim^ accoo^pieBaco daHmimemMaa» ap- 
pcefta alÌ*atiima1'ifiimagiQe'dellarbelieaza>iml?ct(àle.de\oerpt.^ il et* 
lo della qitale^ .cMaiaaroxtivatf# dal noftfo Peeu>t a, peno .n quella 
della belleseatpaidcotaréieiiébilef»tche.èrosso» e vite 
ca paragonato al meicare^Hf all^aiQijÉofia. 

Prnfc^ tm winre^ién sì tM^ixcA^y 

Chi émU^fiM^tt.n^tiir^mm^iwiéHf MiGinf^ 
E ranicna avrstlorataptta^qtidiOt <doUa «cnraildo.tidP.afledto dei UHB^ 
Ai» regoe a petfiBÌ»oBarfiriiet*ftia amcnw» e paflaincoomeme^i gode- 
re di qoeUa bcHea^a^lla quale godevatitmaozi<cbeÌbfledfDtnei<^anel 
corpo; nel che» (eoondó i Ptatoniciy fieenteogoooil qt^artot e il 
qnioto grado per iginngete atta frai£ionedelta belksza di Dto^^^n- 
di «CHI vr tnaravìglieretet che il i^yeta 'dica^ t\\t *dmUi fdfce^ cioè 
daUa cteacioiiei tra (tata data^nn'tdMnagioe per cibo ali' anima ftia. 
éU CMr^ eioe da Dio» il ^qntiei iPtiionici ^pellaa'Gielo » col men> 
■opere di Giove, vCbe^ltiì «Sdamano pcioiaMeote^oiiiLetlecto, al- 
tri Anima del Mondo; rimpereiocdié 'le aniaEieY fecondo la ttefla opi^ 
ìdoae PtatoaieaaripreMnita detta tioftra ReHgiotie, prima di ^cSere itf- 
Mt ne*corpit ^compiendono la ^loro nobiltà appo il loro Creatore t 
ehe Ir.tiliinmia^ e godono della vifta delta teltesaa «ella loro Tpezie 
wiivetMe^ rafiai 'più perfetta ditqitello> che fia (a beltezta fenfibile, 
aacfie dMverlViloienfe cdoiiderata: tionrperò tal bellezza é perfetti^- 
ma^.iion -potendo alta perfemffima arnvar gli ^omini^ fé prima con 
ceceflodi petfcaione non s'^miCcono in tutto cotl'imelletto, toccaa- 
4e M fitto I Cd nlttmo grado deir^morc;r ma «bene della perfettiflfoia 

è fimu- 



Digitized by 



Google 



ÀiiiQQlacra ve ferir Imm^giÈe del l^ta Vteade^ca; tr.cUìUfaiacdoi* 
la\ancbeil fimiboin qud SooottK>; che iaconiocisi ^ Mmfrt il fcm 
àifim mi t9ilh0^ è -#1^4 , Nel cai prirao quadernario^ fé noofoa^cRr 
tAiOi fi rtcchiodt ki epilogo miiabitmenre totto. ciè^ che & coocieoa 
od Sonerrodel Ooftanzo, del qaal parlìahio«:Udàtelo« 2 

' ' M^mm il fer9 Jkfttn mi togliti e vieta • * ;...:,. * 
►n:. Veder MédokHM i r titwmp in Altr^ fmrtr^ * *r,: t.. le s.- 

': J^a^'keUu^iwmégiH fua^'veéata in f^r^r»-*' ■ .t . *.:if; v ' : 

6 ' .- it diiè$mifàfc9^ e-i miei /e^ri -éCn^ttJl 4^ ■; ; . :o; r 'vl^ « ; 
Dal.cbe«'ti(H>4ibet*raleA«0' giudicar potremo^ ^ffcftt'amofè del Potui 
gintiio a t«if« pe»fot&iooe^ elie nbo più, che'uw.gtado gli maocaya» 
per^livenit pevfettiAinio; Segoe egli pofeia<diceoda^ cbe.odr«Qtm« 
féH4fc9U'9igw4y il che (igniica, die ella ritorna^ieUa (oa^pufoifM 
di§t>f€i^ fatta iti ^uo padcon» del corpo , della ^ual.dignttà /la fN»^ 
liìa il 'feM&ivOiAppetico perav^eacara: 1? avet a/pogMaca i '.Qdj^^ 
mo, che «'tal firò fi mie il Poctadeè xztm\t\fiiritmfci»9t>i 4I quelc-Ma*^ 
tfenc il quarti» grado dd nobile aavottf / Ocrjionvì feriibcij (team»^ 
alic fi ohfiaDai quefto feudcntfoco dot difpcegiodtlla mone ^•iinpereiac'? 
ckiè,<fiebbene le taiolie Tempre defiderabo di ricornare ai fopratmtrra^ 
«o' godtflttemO)f(còreiiUo a tale effetto coQttnaacnente le caodid^^U» 
delie qualr^bao ^ititef; nondimeno ^ fiiiché ittllapiiCa già. dettatela^ 
òorpo'ooo fir'^diftaccftiìo:, tna amano colPappecitef'fenficim»^ faJorgfai 
V3fr aKMarfi da ìqveUo , 'mediante la morte •* Néa iqiiando éiAaocate da 
ogni feotualttà pervengono al detto* gaclinientor,.pià'noo. fi curano jiiok 
cMpa; ma, attendendo fenpre piw a.por£enionace il loco afDore.4 pea 
maggiormeate godere , spregiano ed ti[Q y e tu^te le calamità ^ialin 
qnali i itiggetto: anzi defidetano 1» nwrre, per diftaccarfi affiutp dal 
medefimo coipp:^ pectocliè appunto :Cantò il PetrarcaneltfecondoCaiu 
del Triónfo della Morte- .: • ; •. r ^i-uv t^ 

La Atvrte e fin à*uftA frigimee ofeitrM\^ » ' ''k .%» . • «. \ 
A gli animi gemili ^-^'<gU' altri i nùay . >«. :>: 

^ i Cl^Àmh )fèfi0 wel fat/gotófiii* lernicM.. ' . s- '• i.-.'*l 

Quanto poi graode*fi foffis ildiipregio^ die ranisia faceva del còrpa^^ 
e delle ragioni di quello ^^ ce '1 divota ciò , erbe ^ien foggiuiuo da^ 
Goftanzo^ cioè, 'die eie umant infiék ^ni av^erfi^afigiìitmmMi jtwneb- 
teroif^lei avute forzjè bafievele n farla arrendsrt^ asemee i».refaaltira 
portar non potrebbe , che il ^riiorno dciV anima airamoc* (ìènfinvofL. 
Anzi', che quefta fia iavera mtelligcnàsa di quefta^faflpov>cbtaranuaif9 
te fi ricooofce dalla fpa magnificazéone 4 diccndéfi «rcbe non «fiold pen 
cafi awerfi l'anima non fiftt^ebbe at^ndata# mit'naB:alurefabo.iinirft«»- 
t9 "verfe , il che altro non fignifea y fé n<m chcl^acMnanoa favebbo* 
giammai tornata, indietro ad- amaice fcAfiiivamafice ^* • non areiidha -Il 
amore altro, che un verfo, il quale io quanto fcendo ,.ehiamai fco4 
fitivo, in quanto afcende inctllettaalc', ^e di'^qUe^a^coavorEotìc^inter» 
fc Diotimo, quando diflfe^ che > quefto > modo tdidke, xliaio^UHva cob^ 
vcrfione. Non è egli ^ro, Diotimo^ ZKtfiu^ppumo; Fetk.iCk jAàm* 
4endo il fuo maravigliofo eomponimemo fi Posta arrende la ragion 
ne, per la quale l'anima^ fi ritrova ftab«le, e ferrea, eibnaa:alcun ti- 
more ; e dice , .cbc quante dell^àtjènma » ed afUtNkfienA > cioè delro^ 
• - i . pò fot- 



Digitized by 



Google 



Della Vdtgàf Poefia.^ Dial. L i$ 

po ibrto il tcuigo afledio oiAncbeyolc,^ e kifieboUco*, per b privazione 
dell'oggetto vifibile 9 éMine di fnmri UJua àefiim 9 Mni^ U penfier^ 
ed S ditnr^AidMVd 9 • rmfirx^vtt r perche dal peoficro , come ab- 
hun deit« » viene appavecchiaco all'aoima il ciba (jpiriiuric » é cele^ 
fle . Il éc&hoo poi ^ del qoate qui <i ragiona , é Ì9 forza fatale 9 che 
ci cofaiogt ad ^toare^ inemre^ feconda Placoorr fi fceglie d^l defti* 
no r€>ggetro fenfibilc del nolUo amore : ovverà l^arbitrio della flefla 
DoMa amaca 9 il quale fi ^il dafiinadi cbiunqut ama Cenfinvamen- 
te; e firvtrfi^ 6 dice > perdie impedifce all' anima il confeguifiiema 
dd bene v r la ricoodnce al mate r Ma perche a qnefta difavvemora 
non poteva più bggtacent l'anima del noftra Poeta r la quale avva» 
lerata dal cibo ìmerno $ e molto ia alto poggiala nel perfetto amo^ 
se, nolla fentir poteva de'travagli daU'affedfo cagionati; anai^neavei- 
va ricraera utile , merci del:mccito r cbe fi acquiA»da> refiftere alla 
chiamate del fené>» però egli chiaaia /■# il deftioo, cioè del fuocom 
po 9. e non già dellf anima : vegoendo in tal guiCa a coociiiuder dìriiK 
tameike ^ cba qiKUKo; piÀ di mori* gli^ ee a dal defiìno impedita la v>* 
fta4eUa ftia Dootia) e dal fenfia veniva afflitto coHa memoria di tal 
privasioner tanta pie di denteo l>'anima fi femiva conforuta» e avvar 
IraRa alia pcnfecuzìooe* del fao viaggio vcrfo la perfettiflima bellezr 
j»di Pfo-y unko teroune dell' amoie. Datcbe a benefizio di cbiu»* 
qor ama y dertva on^ inconccafteri^ìl pciacipio : cbe ^ paicbè FUomo i 
compìoco il' prima gradO'delF amore colla vKlacorforale dell' ogget- 
to amara» daMiea graa vencnca recare il non piir rivederlo y accioa^ 
ebè fi perdano' afFarto le fpeaie macesialir irà fi perturbr, e difiolgày 
anima daU^alto J^iaggìo» cbe i a fere per giugoere al- dcfiderato fua 
éat. £g.Qtì come eecdlentemenEe ci avete fpiegatar o Faburnor V 
imema bdlezm d» si- nobil Soaetsa.i Io per me foy che 9 f« vivefle 1^* 
Ainore > ve ne avrebbe la fieifo grado t cbe ve n'ò io ». avendo voi 
fenduto il fuo componimento idear e norma del vero tùoio di farfo» 
Miti.. & adeflb m'accorgo^» ebe npnyfenza ragione il aoftro Cnfioda 
lodava cancaquefto Sonetto re Spezialmente ladavoi dimoftrata inte»^ 
na bdlaBa p perché non 4 guati>, ^fao io -odiè da lui n» fua Sonettov 
ehe da eflafenna fella prende l'origine * £h9t. L'afcoltei^e» volentieri- 
£i^ £''impoiBbile» che pofla eieardarmene 9 oon avendole afeoitata, 
cfar ona^ftria voha « Fabé^ Se potefle ricordarvi d^t principio r fecil- 
menta tfrvenebbe ^ che io avefli forte di foddisfere al genio di Dk>- 
timo, e alla voftra gentilezza f. o figina r cbe defideratadi fevorirla» 
mendo ia a memo aoa pochi de'Sonetp dell' ifteflb noOro OiA#* 
de» il qnidafpefe volte, dopala ftndiodcHe malarie legali^ allequa- 
K è applicato^lboley eooverfMda meco , divertir la feria applicaBio^ 
ne con fimiir eroditi , ed ameni componimenw . Eie Di fes eia ma 
dì fanniQ; ed eccone appunto il prano vetfOf 
Dicmi^i i mm f^nfier: dikji c^n/élé^ 
Jaè. il foi^ a fegue i» <|ueaa gnìTa ^ 

. Wwft^mtrti àAmvf fort§- ék^nrn noi 
Di rk00di«r MnMnzJ s gli Hcbi tim 
QyilU hihxJLS in ttrrs unicMy e /e/^r 

ftilfU M it^ da m kmgfi im v^ ^^^/^ 



Digitized by 



Google 



14, Defilt: Bdlì^acai 

OvitHènférkiin'lùrivcwùfpi . ^ 

TM > chi Jp fra- il. dijir rni'»4rdi firn 

LaditiLviJ/fd.mi JirifiBiff^.. . 
Cara tenfiir^/dgiiù ttnfien^tim^^ 

,Qkaftt0 firn b$lU. im te. mira calti t 

Cht farti ^. mal fya.ir4dm\itntrù il mk pttai: 
Tica.ia timgra, si kett gli. affanni $mii%, 

Qht.fprJt^Jcnmriafi IL mia dilcua^ i 

Lei r$tttggpida^^andi.4Ì èel tu fai.. 
Diat.y.QÌM fitte* dtfiuamenre appofta^s. o Egioa; ». ptrettdo aocbe » 
me 9 ch&altronder ood (ia deriiiaco^.qacfto Soiimo 9.che;iUl foocc 
del noftro Poeta .F^A. Or diccfiil;^ che ri pare del Sonetto de> Qoh 
Hanzoi, non meritava egli. la loda » che iliCuftoded'Ascadia gli di^ 
iàt >, e. voftro Padre^ confermò «^ Eg. Sena». dubbio ». ed^io^ non capi-- 
fco in.me AeiTa p^er l'aUegcexxa:». cbe./ettto^»« d'aver riiearato'di tao* 
to valore: nei poetare oo' Alatore non .conofcinto > da tutti *>. e? in * avve- 
nire vi prometto di Eare imoroo a ioi ftudio panieolare • Fah* èai^ 
zi > giacche vi dirponete a ciò», per maggior vofiQO>comodo>»JB 
DC potrebbero io altee, coogjiimtttrt. djÉ^ divenfommo» esporre de. j^ 
altri ». fé cosi, a voi piace ** Eg.^ AppQiital> coitO'Fabmia ». dé«e. io 
non ardiva gravare la A^oAra Tomaia coitefta» o Arcadt>GenriUflSmt.. 
X>i>r^Ma capare »• che voi/ fìiaie. ancora* ali^antoibfpeTa'^' ditroia» 
dii grazia ». vi rimane, forfè, alarne dubbio tnr cedine, at inetto » cbe- 
cbhiamo rpitgaco ?" i^^«.Per patlacvi?ooMa tìbeni »-daie ammette. Im 
feonverfazione» avendo loafcoltatadaioiv^cbe loflil fublhk)e».dqo6W 
lo».cbevien.confli€Uito dalle parole traslate ,ve dalle figicre^.|aà< to«- 
fto cbe^dalte^ proprie voci» e; dalle femplici loasiont». le quali indi»- 
Hanot ali! umile ì e all'incontro^ ricoaoftendo dal rs^onameoto di Fa^*- 
bumò^quanta. mai»filo{ofta. fi Bstccbinda- nel prefemer Sonetto» nà è- 
nata ut^ dtflicultà ». delta^quai&vorrei^lò'fciogManoto^yteft'è > cbe^^ 
ficcome.fr fentito dir più voltrv non &< convetnndo a>Fik>(bfb». cfae 
profMMet Toci » e. fempiici modi ' di dire ». o lo « (HI fnbtinier non* con^ 
fide in ciò» che votdite^, o net S«>neccé non- Ki;fpn»'t}uc*fentimenei^. 
cba Eaburno-ci & dimoftratii:o it>Co(laozo i errato in trattar di: co 
fe filofofirlie in fublimc carattere ^. Diau Bello» e (bt^e è il^dubbìo», 
che voi: movete»' .ed un^fimtte ne muove il doctiflSmo /taffo nel tnciw 
tovatoComonto fopea.il Sonctto^del Cafa»^ tratto dir;r precetti di Ci«» 
cerone nel perfetto Ocaiora » e.*dali'èfempia^ di^ Locrozk^»^. il quale 
ftrcbè. Cagionò di^filofofia ». non adoperò ne'fooi verfir».. fe: nomcon 
ifcliierfezza » e proprietà » e s'aUontanò per lo più anqhe dall' inrnv* 
nia.* ma itiTaflr(>«metkfimo ce 1»^ toglie »^dtceodc^'» che.»>iì&il Filofo* 
Ib infogna » e parla^da mero- Fìte>fofo ». e fcolafticamente» come in» 
refe di far Lucrezio^ nel f»o P&ema». allora certa è ». che propciamen^- 
te » e fchtettamente^debbe parlate." ni in tal guifaifi può fllofofare 
coirideà fublime) anzi- chi in magntileo Rite è vago^di tratrarei fik> 
fofici infegnamenti» dee fuggire at<enramente un$^« fatto parlare» Ma 
fé rapprefcnta» none vietato^àl Fitofofo parlar: magoUÌ£a|(nente> e fe*^ 
condo che richiede il rapprefantaNv; e petrconfeguenia il Poeta» che^' 
vuol filofo^fare tiella Sublime Idea deli» Poefiav4ebb& colia ogn^Rudioi 

aftrarre^ 



Digitized by 



Google 



Della Volgar Poefia- DiaL L i j 

tlllrarre» e depurar^ da oeni iproiola. j e vocàbolo ::all'4oregflar de* Fi- 
lofofi ^ppdumcQic i£\oic6ci.ifat€gmimtf\ii ^ .e quelli tfpito at^a fac« 
eia raf ptcfieérare, 'come oflmòYeinpTe il Petrarca , ed ogni buon Ri- 
marore «c'IHflcflro C^ofianzo ^:panicó1arcQenccDd'SoiietK> , del qual 
fiTeliaco abbiamo ;^cì quale volendo rasi<>nàr jdclJaicala Platonica t 
/j rapprefenta coir allegoria dèir affedio. £;• Ora rimango paga ; e 
ipprtOb ftabilìreaio un'alcra-gita-, .per€^rre.alcu|i*aiiu-o deVS^étd 
del noQro Coftati^« Ma noa però avrfcu voi^^^roo^ cDiociii^ 
geiitilifljmt» ad averne la'bri|a: volendo Io , chei^vethuoArpalig^ 
tà £cnàro • iFak^omc volete • ^a gii^i Topraggiunca la fera ; e ci 
troviamo ooo pocoiimcaoi dalia Città • £i. Il meglio /ara , che ce 
n'eotvìamiQ tutti nelle carrozze, che abbiamo eoa eSraot.,'e di buon 
padb ci ritiriamo «^perchè Paria della fera per l'ordtD^onon «è trofw 
fi» b«ooa. f ^é^.^acetafiicìòi'Chc vi. aggrada • DiW^'Che ditcora^^o 
FAbucno ì Abbiamo f(iggiiratf\(9liu^c0nucrfazioiie > pcr^noo^^are 
di materie filofofidié , né tijitle | ^ pure non ne abbi^m potuto |are 
éi meao. Tdt. VcàgaM di <Ìu6Ae difgrazie , fé con tanta ricompenfa 
aie giungono » qiianrartw ubb^^im^circaitad^adolcinìknacoavedaEio- 
ae della nébilidimaEgina. f;^ 'Fuggiamo le ceriinoniei e «compatite 
b mia importunità^ perché tratcandofi d'imparare ^ i ferme fla a gli 
aflennati maturi Uomini , non che ad una DonzèlTav come io mi 
{ano é Dht. Quella modeftia fenza pari^cfae voi avi^cc^ciMiira tm^ me- 
rito confiderata io me, oFaburno, gtuftame^eora'ficofivieite;id.£gi« 
au • ^.iSiaccfaé aoo fi ceffa dai comiAiiSiiKt t «ootemìamoci ditaeere • 



B fine ed Dialcgo Primo. 



1 1 



DELLA 



Digitized by 



Google 



ff ■ ■ ■ 

DELLA BELLEZZA 

DELLA VOLGAR 

POE S I A 

DIALOGO SECONDOi 

Si ragiona de difetti» sì degli antichi, cerne de' mo- 
derni Rimatori nell'ufo ^e Bellezze Poetiche; 
e poi Ci elàminano riflefTe Bellezze nel caratcece 
umile iti un altro Sonetto del Coftanzo^ 

E^im. 
c»)jifji»i» i^) Emaro Sméolh» 

rérn^ui JU^Eg. Sii Al E il ben venuto» Enuro gemiliflicn^ : t Ar« 

fli$. il palio, che folo mancai Em. E* può eflfere » che an- 

cora non fia ufcìco di cafa , e(&ndo curcavia per 
tempo « Eg.Oz iiachè egli giunge, defideterei dal- 
la voftra gentilezza un favore • Em. Non mi Aimo 
^ felice , fé non quando mi veggio riconofciuto da 
voi atto a fervirvi • Eg. Difle FaDurno nel paflfato ragionamento , co- 
me voi «fcortaftc;* che nel valere delle bellcup del Sonetto , si gli 
Antichi, comedi Modèrni peecaroho : perciocché quei dell* interna* 
quelli dell' eftema furono folamenre vaghi, efolleciti; né feppero ac- 
compagnare runa col l'altra, come il fcppero, quei , che nel fecolo 
del cinquecento camminarono per la via del Petrarca. Se dunque non 
v*d difcaro , vorrei , che mi recalie alcun'cfempio J'ambedue i mento^ 
vati difetti',* acciocché più pienamente riconofcendoli nel Uro fonte» 
pofla guardarmene in componendo, fm. Più che volentieri voglio fec* 
virvi. Ma voi face torto a quelli eroditilfìmt Arcadi» die vi alSIIo- 
no, e fpezialmente all'iAfeOoFabumo, a cui ciò fi appartenebbe.ff* 
Non già per verità: mentre il ragionamento tutto diquefta giornata 
a voi, e ad Arpalio fi appartiene* jEi». Ubbidirò adunque \ e facen- 
domi da gli Antichi, cioè da quei Padri, che incomiociarooo a dar 
la prima torma alla Tofcana Poefia, i quali folamente di si fatta men- 
da fono notevoli, dal più coTpicuo tra elfi, e per altro nobiliflSmo» 
e da tutte V età fiimatilfimo Dante Alighieri trarrò V efempio del So* 
neuo interna belki^za folo contenente) e da effo a beli agio ricono^ 

fcerete » 



Digitized by 



Google 



iDelh YDÌeàb9>odfu. DiaL IL ìj 

(terne « <)Moiatiid^jQiMlo 4t cpoqwrre Oa xmi^cbaiftide.» e itAKC^ro* 
IJJÀu uii dc'S^wi tiri fMrOiMmurc^ 

Quandi s àtffàrf ^iénìfr véM%Ua ^mntfié 

Péjfa una D^nnd bAldéinzjùfMmcme<t 

C^mt criei 9 the mi fi crede torre . 
« . Qf^md^^ih 4 fimmà 0fiè d$ ^$IU 4nfìe^ 

Che 0^€€ i %ii4nde Camme j^cem/effie^ 

Ode.mwd'ieees'eUr fihàéimenfej: ^ 

LeviUi^ ^JfeJÌ^i)pmt4 ^ ^ nm ti ferr^^ 
Che qititU Jifiwif^m she di fi^jL fiede^ 
. t ÌÌjtéinio4$fiin^ cbeffé44i ^ergsj, 

Cewf elU velfe » Amor te fio le diedi.* 
E quando quelU accomUtétr fi vede 

jOi*9iitiH4 pirite dt^vfAm^e éikergé;^ : : 
. Tnei4^ dififftA di vot^^tM^ ritdet^ 
£g. Aliimè 9 che cqOi 4iCSU qutlvi che voi duri Io ff^er simiw io» 
ceiido^iuHa; € i^Axm'i, anzi im'^fHÌoyiiKtto^t d^e un c^MappoinKoto ^ 
onde polTa rkcaricnc ikììc, e dilecco. Em. AU' ^%f^x^oLz.^ <£U (cazf 
fallo radftmbra tale , mercè deil# flcayaj|af»ia ^oMa macchina ».dclla 
fouczia della -<c^l¥4c3i della ccMi^fioce de*c99ce€t(t e de'^em-ìmoa- 
u filofoficJ > e fcfir^ il curto deU*9rcurifà ,« coUa 9jaate il Boeu aljpreC- 
(irì^anedefimi fcmiiDefiti^. Mafc^iiri^ccincroTi^iiec^iDo ^aymamcn* 
M >pec ^ifp i iroverc^o :» ei)^ guanco taliSonefca c|cfcc /allUOe;^ 

gre 9 e fpiacerue:»i|U^P aeiriiKeK%9:fi^:ncQ9pr€e,fÀc^co> ^ leggiadro^ 
» Se ^OA f '4 -ctopfte mpteA^^ la «nU 4owioda « branfteret r» che ^09 
dmoflrafle cai ckchcazat e iegg^^lila» «00 à^àom ì' ^^^ikfxxdì.ria» 
ccacciarle,per me flelTa . £0^ A croRpo a)ca ia»§r6£a voi^nì cliUfQ^ 
u,e non ri^ctbile • che ad Arpaiio » ti cui.ìmcUei^è.veramcocc 
dìvu^ ; cfondimcoo j^leccaco d^U dol^e^za del yoAto c(Mnai\do,t -mi 
^(ùigiieirò d'dfler^e.^^i^ltt c|^c4)pD k»u^ Pqr ubMdjit^ùadMiKiiie dirO)» 
tìf^^ accodo alcami> Panie toel .rac<;qiifacp:Soi^efco imepde diilifnpr 
ft»ce » cMe eflSuido.fì^ca 1^ Tua Pa^aa/non vj^i^ cìooaiiiPcarQjaia 
Io giadicó più^ofto, ,che\efpnaa;a. 9 cUe qj^^^oiaUioo ama «^gtpoi- 
wlmeoccjy^iQè.CDn.quello/ptrìcale ^Aiaoi^it ciie r aUr' ieci.iud<CM 
i^llarfi piaiooico, abboK4r<;e9 e diaccia ^ggs CppAiaJicà* Ladiftefii 
poi di rj^Je ai;gcfii)encot o , por iiygl,Ì0dif4^» U giacchip^ » 4eAUK>-ia 
guale e'G ^ipdCj» parmi» c;be,fiai» cU^ pejr/^oeUa fl|ad^,;R«ir la %ual^ 
ya^aibeUezaa apoirare aip^re q^llaii^ocef cioè perr^glioccbit pa(|à 
KD^ Dciofia» cio^ TAoioce f^niìcivp^ potate X^ftV^^v^^^ doiéo Qìh 
f|rfcaH)d nqljai^fnofa C^iì^l^e.delt^Amorceircpa, d^ - 

Donna mi frega > p^rAf voglia dire. 
adtftìDzione dell'm^ellecniale* cbe.fr,opriaiDMce%6 clMaoia Amore» fé* 
condo roptoiooe del celebre Pico ^Mirandolafiou che. al Libro cecso del 
foo Codiemo iìofaca la Canzqpt 4cU'Amoce in^alkmuale Ai Girolamo 
Beaiviem» queOa diftiozione rife|ifqe i,e gaffaodo fuuil Oottoa bai* 
daozoTameAce ^ rome chi credf\ vii costa, avesc, » .C90fiirac« a fc -U vo- 
\<mii dd Poeta» giunge, a pU Àt\\^ Xorra.» cioéy.iUU' icicellt):co, che 
Torce fi chiama» per la fua altezza» dem(0 M 4|iail ^frittcipalmen* 
. ^ ^/sr/r. Jfi. fyig. Poefié • Tm.n B te P 



Digitized by 



Google 



^tt Torre il ooftro indi v.idao dal •M«e ;atbi itMoctf ftr lofqdàl traiti 
^al*AfQQce ) driamato Tocxe^anmsaia^^ <d*tfirp inMttcnò iripkfia.dj|l 
f ccf:atca nella Canzona^ £' fi Àéàik it fii4^ ^t* 
TIel bilti0wml frw=, 

la qoal Torre tace » ^aodo Vriàta^ aceanfeme » il <riie iracK dioe« 
xbe quando Pammo X il ^qv^We^ a p9t jAimà » o fer {KMAftà delibera* 
tivaj <ioè volontà^ fi piglia À qtidtar^ 0he fta atta' guardia d^a Toc- 
re) acconrem^ air amor »rmio^ ^ irilTeATOy^tef^oi^curiM -guada-* 
^ar .la Torre» ella rimaQ ^nsirà d^tf^eforcttio <lrHat SùzìóMoml 4 tm* 
porcaodo la paròla uctr.t z\\c reflie jNrhuiQfie^ Aoft ]fìù ftpfoeflb 4 La- 
tini » come^ 

Pir jtmicé filintU tMHé^ 
Ai Vergilio^ rcioé jn tempo» ok hi Imi è prin 4i lumef ? che tra i 
Tofcani» come fi vede in Dante «oeddlmo^ ilqaale ii iftiredcirifteiTa 
ihettfQta iftella <ifa CMMnedia àrprifno4dnnf(fec. 

Mi rifignwa li dèv0 il Set MC9^ 
(è ttelqaimodeiriftefio. » 

l^^tnminltin^i'^ifii^tiicéimtH^ 
Ma eie non àv?fene ilei ^téTo del Sonetto di Da«tt $ «nentt e U efólM 
Dottda arriviaca « ^ disila Torre afeotti robkattctfre Ma iroèfe » <tie 
la configKa à éìffMkiciìt ^ perché ta Torre ^ fl|Mr«ggiattt dfa nM^K^ 
tra Domfm ^ die fiedc fOpra di «elfé ^ cioè dalla Ramona v <\\t ridedé 
Delia uteiicey ibmitiltà ddla Tortt^ \à quale da Atoofe» era ftic^fattii 
Sigttofa atfolaià iitiramortife ^ofe di iXmte.* t>ftdtt i* Aidor ^«nfuaie^ 
'quifldo fi tede Coti f igectato y fé ne parte tutto vei'gogùòfo ^ cono« 
frendo non ipoittl orteaere ciò « che credeva d'atere ottenuto • Wt^ 
éeit or Yoi , come ^efta itlacciikfa è tmta ripiena di fentimenfi Plt«* 
*onidi « e diiquihta belletta itfrernMiettte^ adorna ì JEg^ Il ^t|Ui^ 
iberiHBtno } t non poco mi maraviglio > che Dmce, e g^ti Altri iiitkhi 
di tigìifttéó^ i^MÌ iMtco "ben fapdvàtfò il fine «della Poffia[(i»iiciM!« 
«èhdo lo-^l^ tùttitztà ndl«'Jòéo%iòde» pctt^òCiC^ ln<ttfct tèmpo 
ftt' Lingua TofbM* c^i ibatttbkia ) alfcrta(ferò di chiuder' ,^tto si 4i(c^* 
tt, e diScHi nuicdìine si iìtMAi Jentitnentt^ Sm^ Non ve tiemaravì»- 
jgliatei fcrcUè ^terantente «frettavano rat mododt comporre* Ansi vé 
«e porrei fàccomare :d6* ]>tù Areni v ipczialmctne di Dante » ilquain 
compofe «ma vdhà lunflIKerà Canzone ^ - teflutià di verfi fteven^ali » 
Tofbanl -^ e Iditllii «egaalnience difitibiiici ; fi». £d è pur veroi fan 
Veèifiimo; e per togliervi *^^giii dubbio » ve «e reciterò alcim verié 
rìmafomi itrittentenel léggAfta^ iE2vX^àfeòlfeeò«'oleltckri>'JBlK JG«S. 
covi il principio^ 

Ahi f49rtjt¥ti fet ^ irai kMff 

OtnUs mnsf Et ^4 riti fèti , 

Chi fétte m^kéèi c^à /pktMM fhtn4^ . > • 

Jwm Mkdiffm piftm mHi\Qréei » - 

Sèi Mm dmrif Jhtmei ^ è vns fdvtì^ 

€hf ingàméhr nén e àiiM M haAt\ 

Tif fu im nm iéènéé 



Digitized by 



Google 



Délx Y«ÌBitri fPi^^ DiaLIL §p 

J>lhiÀMi9méfÈH€4isdifin^t<tv€rét^ 

Smmw ^oUtntoct f)eltonidK eftcroo' . Bmk- SI focaia^ il' voftio^ uU»^ 
ttr*- Prf ceeifcuvb up.&HwrDo* dòiiiih fipliuBwtr dffttmia' JbtUinm^ 
10» peofii' Qfirir 4^iìoftrp>, CbOMXP- ^ 9c«YÌ9Ccbi ^i< A«Uc iptrir 
«gtii' Pbpc«; ^4ó|a il Péinfct; ,. > l'iAcfTo» Pècmct! ne è sitcnai^tri^ Ir 
ftr lUoir /.led: miimo'iHMttur tale qoe^ 

m •- (^fémd^ éU ni v$ltr in^i putis: 4d0rm' >. iiel> qiMUr oltSQ r £bil 
ngfitaM^.DoarotcovAre^ Mg,^ CootcneaMy i rcfliaupkK iirwiBiftìrf #> 
JQv^' Kicofrsr inmitov 

Jk cut tÈMtun s^/i fttjjk C0m^9^^ 
IfiT /mma mttfi^ k^gfmrmif |Mff|N« 
W» iiimUtilienif ultima* gièftn^.^ , \ . 

Clic H IficcM Di$9 tlifé'Hi^ 0uU itJtgèirmr 
SùétirvóiÀmbti4vteriiPi49.ilk9fuciu09, 
Cèmv0rJ^iiìf4dm$i0iristtid'4Ctfi4f 

MJtindi:im^ic0Ì\i4riimUt:rrpiro^ 
. J^iarli:ràidd:m$0SpU^'ifr^twv9e0X 

QfimlAuedèiiiuyifjfartfiiiiCCr 

J>kll%tfiMii^Jtm»tiamMi'ficm^r 

Sém^tBelféCikiirjH$Ujà/jf0/0ilf0m.* 
J^ifBT in: qoefta^SooietcO'il Coftànao» comctSindia^SstìUk'ffmxnmf 
^ticqi9^odofio£r> da^Uaa Dóttfta •• di qiiclb s'ismuBorò ; « c^le arsdmea- 
fO'pcp varo^èi t9«mita<con' iofinica-l^ieiadffiav e taancfgia aKUtòil^' 
^tiigUEe». oUfe^alIat £odca kxmzioiir, alla pfoprittàxlc^ gli q>itfci'^. 
# alla BObilci^ delle éfaff >* e dr gli a^Sgurati modii di^ dire i^ di? aianie^ 
ca- ohe tutto' è tifiiabo' dit gcasic ^ non mcn" <Jie' la Dónaa^ >e di' cui i» 
4ffi>' 6 paria $' e tnccD" è oderòTo al pàt dall' acq«iav oimÌc il' Poeta' vto^ 
aie rpronafo *- Ma contenta' dalla bellaew eflérna »f Mila di riguarde- 
"^oifcìùadt al'drdamaair' perlocbòl,»i:0ma'dèlU (nine- dall' utile a0acr 
flor^ mufecbevoie^Y^ ipianntinque' cell*altra:' dd* diletto' rimanga' brnpno'^» 
san' frrqoefto' ft 4òm ^riputa» pctfètcpv. £af.. Il catto' bene x ma i 
Mbdéttarv-. chr di«ilBiiniO'>avoc^ peecata* per eilerfi .(bUtfncme attenup 
ti mila: bellezza eftènia:,^ fé a miAicardel^ Coftanzo l'àvraiv trattuta»* 
iVMrpanmv cfaerficn' degnr di taccia »r ttttaocbè perfètti CocnpoGu»-' 
ri ooo;piiflr«katdk& .« fìe^^Saimrarvyie U' vofirg giudiaio* ie v Mo> 
deau> 40, l qualié&iece l'albr'ieti pasolàv fi* Céffiato* valliti dell* eftèe- 
m^ bdlA^ 4^ e«ile^àilaud«cl CoftiiOtMyr ma »- pcv diclia' gniftav la^ Uh- 
•o elbuaW beUécGc^ dai ntepa^ oorcia' >« o? xegtd» dariira /.' pèffeioocliè 
eiafflhedmr f CÒt<|Mkocyd di fupf oaprteeiir te- Tè pttfcritu v «^eendo* 
ei«ca4e)UeUtitRa s^eficuwftcada;». ^ocbein'ci^ lafisiiNaei dai^ Pc«r 
<. v: Bi »: aarca- 



Digitized by 



Google 



ite - -iDiOa- 

Ittrct » Eg^ GMtte 2 tfli mai ciò. Em.Otcn udite qmmt ^*dl i 

TI modi dì loMCtafe ?o di«vj^co9Ì iirdue |fè d»'iniod«rm fanrkOica* 

ti^ Aiert volte ti Soletto ^argere de^tv JMb ^agHardia» id^cftro, 

col qoale Piadaro adoperò nelle Odi y aliri ao» badà^ « die aé equi» 

vóci ^ costfappoftf » argime > e. Mi r akr i pqfe ogni Aodiir , in 

iljparger per le Tue Rime laMMfmi , Mct^ fe(i{ui^stli r 4Ìptì final- 

mente di mecafofe r e crattari Vìzio& « e>(f<merar) volle t^octparir^ 

lUorno; e di tal cutgidczM di loooziòae il vailo « ctaf rtimi v«rfi al'- 

Jo jftrepica detta bombtvd» fioflbao affomiglì«i:&^ e okM-a ciò tutti 

^•IIÌKcIve oeHe Aiddetie guife eoi&po<el:o^.«di fiK^K^MaiMcme ^itf- 

^adcAO pet Modctoi » per lo più eU*ofoQviià.« e di vaniti' r t d^tn^ 

-avvertenza , e di fproporzione > e ^^ifyveriTumtkttdinc «latar: fi/ldti>^ 

bono r eflCendo pieni d'emdtziooi fqperfiue , # Timore , tfi (mtimeti» 

n: a ouila giovcvoli-y di fciUi di igore.aul* concepore , e di- mocebine 

fiintafticbe > a niuna vera 9 o venfimile ragioneappoggiate^^peircioèi' 

cbé non- traggono gli argomenti dalkcoTt inamndi, aè^à^i -forni cot^ 

ftieri : ma a capriccio li fingono ; r por cbò veng% £atta^ ioM dVpor 

hi iuAnm deii' iiicegno « fioco^ badano a^ vero , e mtno ai .dovere ^ 

Ansi » (e aHoro nonetti noa precede un'aaipìo ritoiotcrpredivo dcir 

intcnnione del Compofitort 9 -no» fan- capit fi dn qunkro^ue peti^ica^ 

ee Lettore 9. i\ che non addiviene ne'' Poter ^cl boo» fccolo r i qualv 

fenualcn» tit^o laTciaron gire i tot» compontmetuf » perxbè erano 

liavorati fecondo le buone regale ^ nà aveitatr bifogn» d'alcuno aiu«^ 

00 , per ^ buona comparsa dinanzi a t Lettori •* Ma tat^fecdò fioif 

eoi meraviglioro Torquato TafTo : né altro » ci>e4jn'.avann>s^ aticlia^ 

leggiera ^ ne confervarooo alcuni per pocbi anni ». de'^aii J*ultimo 

fti perav^enfrur» il dokiflìtno Autore del PaAorFtda, £<r«iK deb 

Marino y un tempo cosi rinomaite > ehe nr dite ^.£mp Dico , dm: 

egli debbe torfi dal numero di qoe''faK > de'qnali' ora* parliamo y e 

keneiif neiv poflk eoltocnrfi tra i Poeti del buon (ecoto, cioè del 500^ 

'nondimeno ^ egli* à non fo cbe di» partieohre ,.cbe rende i fvmcosoh 

ponimenii^ non dirpiacevoli anche «ad^ ognrpiè puagotoc gindistoi r 

pee veto dire 9 (e vi fofle iahi delle móke c^ dir lei. date allo (lampe 

fiiceab fcdta » potrebbe ancb'egli andar co^foddetcrr che nel .beo» . 

iecolo Tofcanaroentepoetìirono - Eg* Meecco^ Arpalio » £m« Mob» 

«D ) Afpilm > mti6 indttginco ^ ^r. Grave faccenda fopeag^untamv 

ji'é finta cagiono :• ma comecbé io abbia taisdmo , avrà' pure Egin» 

eoniiegtme ih fine d'afeokare alcun; fnMooofp e^iooamento^ in^qoéflo- 

'lempo', poiché- voi' a giuda ora farete venuto &*> ritrovarla ^ £^« V«& 

vi^fiete appoilo : avendo io y i» appettando veit^ fbmito^di ijpianarr 

ìl'4i(corfar^ebe &i iattor r<aUr'ieri<, rovéi delhi.gemileiite»«e(deiren»> 

diatone d'fimaro ncrftio >.' Ia:'qunle mi à tolte lieutie litfficnkàiy: cbe 

m'oraoo cimafe . Me ri>ra^« affai avanzata ; e volendo .ooi^ ufcìr d» 

Città* > e^poòeffarc r che il tempa ci' mandi per «bmpkre ileagio 

namento*, cbe prenderemo.» jt^.Sm vi aggrada ypee oggi potcoae 

«agionara io qoeftafleire^mflin^^Giardind »;.te ddìnie dd^ quale agK 

gòaglianot qnaki0que diporto - Ei^do y rpen: me ^m^é' mirnUoman» 

dalt loco gttfiov.JSm. Preponete adunque r Efina y iàiSoneata««idpc» 

Hi %oale doveem favellerò ^d!^.« Molti meiSk ysimpér.iUi meniet^ pen^ 



Digitized by 



Google 



Ddla Vùìgax l^oefia J KaL II- »* 

IbiAtewnni ad uéo, che parendocni di conio diffieteim ^aU'alcTo gjt 
efpofb^ mi tende pie foilecìta di faper ia cagiMe dette faa di&rence 
Ccmbianza-» * . 

Occhi y che fin di V0i: f0i ch^io nw ff$m 

nder fir tantù ffazio U vifo fémték 

Fsttm cm HH990 ^ € difi$fnt0 ^fLmt9 ^ 

f fumé méiggiér^el fyM^€ dell* fhr9^ f 

O mn vW9ite$erd Cmlu fcn^wo^ • * 

Che vel dimofirs mI ver fimU* temiti " * > - 

Qfècfi9 €9nfmrt9 il cw rHi9m atquanMt -■ 

Nm mi 9 che-fimm mdtifi éU itme v^tùa ^ _ v, 

SfmrxMtttfi ingminmr vpì fiM Amwì 

E cofi ffiffo mitdr^MltraieUezjcaf . . - - > 

Figger 9 cki que{Ì4% e f0rre M pimc^ il psm^ ^ 
AW fùcrem fmr: che nofirA tdfts ofuvtTLZji 

jttl*0§rìadtl M vif0i édm^y^ finnoj 

Oif^Ukr$ .0ggett0 figgi y 0di4^ t diffi^xx^éi. - i 

Em. Maravigfiofo vcrameme d il voftro gtadkuo:; inentfe » avendoci 
t'akr' ieri anapolto un Sonetto d^idea AibHmci oggi ^le neastipoiiesÀ 
ano dVfdca umile , clie é oppofU alia^rima : petlochè^to -giudico^ 
die voi molcotben Tappiate ttuttò ciò > che da ^oi :nio%ate vokr ti^ 
pere ; e attendo in un'altro diTcorfo ^ die proponghiate'ii ««tzo die»* 
attere temperato • Eg. Io per veorràconfììpevole noo fono diluii 
cole » te non quanto ne ò udito da voi. Arcadi ditettiffìmi, ebe fa^ 
Tdrite di mtot^efti^rnele ; cootuttocìò la vaghezza di fapere mi fia 
eperare a mifora giufta • jir. Or via , Erbato , a noi : che t^a. vici- 
nanza della fera » e la mole deiralfiate non ammettooa dìi^xffiom J 
Em* kicomindando la fpofizione della bellezza «efternarj, per. catmoH 
nar co^princtpj già fondati neiralto ^ragi(Miansenio^ acciocché 4>iù a« 
gevolmeote nel recitato fotietto pofla ointracciatla^ ^ vt ritomecò %> 
memoria ^ o Egitra, che lo Rite da Cicerone in uìpartìtameme df«K 
io ia magoifico » o fublhne » inumile » o baflb «^e in moderato.^. a 
temperato .* delh prima fpezie fé De fece A\ coofroota nel Smiecro 
gii.efpoAo : ora alia feconda badar dobbiamo ^ e&ndofi.di quella 
vaiato il Cofianzo nel Sonetto , del qual H parla ^ .Dalia lettura di ^ 
Cicerone nel trattato dell*Orarore fi liconofioe.) lo ftile» o idea noii-i 
le eOer quella «, che vien coftkuita da locozione propcìa » da tcadi^ 
zjoni , e metafore piaM $ e famigliari , e da fentenze di non moba 
hune ; e per quanto fi può , debbe elTere fciolta dafnnmer i « almeno 
Al quei » che riguardevole ^namento arrecar fogliono ; ^e febbene 
egli dice » che debbe eflTer da*nunieri affatto fciolta «^aondimeno ciò 
noo può aver luoga-n^l Sonetto «, per la necefljcà^el mimerò.» mer«- 
oì dell' armonia del verfo » e sì della rima • A ciò io 4iggitingo ^ 
che tale ftile non è <;;ipace d'argomento gran .tratto elevalo : ma de» 
Jdec^.timiti., é^afle cofe*» perciocché ,effendo,fe parole imiusrione 
de* coficetti t i <)<]dti fono immagini dc^ie cofe , fecondo Ariftotile » 
lògni volta , che to fiile uinile.cichjede parole proprie v^ con quetl^ 
non ^ttblio ti^ttarfi concetti biblìmi .9 viene per diritta confegoen« 
za.> che le eofe da ^rartar^^coirumiie non debbano eSec fubtitm ^ 
Crefc.Ift.rclg.P0ifi4.T9m.ny B 3 ma 



Digitized by 



Google 



ma baffc . Coocutcociò , non perchè fi debbano irattar bitktcXei 
pocratmo quelle eflcr vili .- anzi per Ja vicinanza » e pendenaa deU* 
umiltà alla viltà ^ viene quefto itìle riparato diflScultofo oltre mòi(p^ 
« tale .da ingannare qualunque più efperto , ^ guardingo compoficò« 
re , ic attentamente non bada a ciò % <he e* fa . Di maniera che ♦ 
quanto è facile > che il (ublime-maneggiat^o inavverccntemenie fi ri- 
iolva in frìgido » altrettanto i facile ^ che f ncnile jdegeneri in vile i 
,€ però quejla Adla prudenza , la quale ^ebbe fCopocQ citi xompone 
in fublime fiile , debbe eguaUnence governar Ja penna di cohii» che 
vuol trattare rumile flile pecfeuameote^ Cìpcfto Oile , perchè fecon- 
do Cicerone è oppofto al'fiibiime.( benché fecondo altri non fta op- 
podo diaroetraln^ente , come il frigido , di cui fa parola il Falereo ; 
ma tranfverfalmente <, ed in quanto non fopporta magnificenza ) ri- 
getta ruttje quelle :Circoftanze « che fono abbracciate dal fublime ca- 
rattere , come 9 ^Itre alle già dette cofe » dalle quali xle^bonò afte- 
nerQ j maneggiatori di fimile idea , il concorfo delle vocali t la cir- 
colazione .de'pieriodi > e il paflaggto'4e^ medefiroi olrra due verfi .* fic- 
come per lo contrario di var^é circofianze dal fublime rigettate fi 
provvede all'umile , come deiracume, che fi chiama anche fottiglicz« 
za» o afiuzia y de' modi » e delle figura :troppo obbligate , e che daU 
la magnificenza del fublime» pe*i loro poco valore» fotio difpregìate* 
come Tantitefi » e fiuiili • Ma non perchè-al fublime » che cidiiede 
x>gni diligien^sa ^ V umiU: fi contrapponga » dovrà qnetio cflfer tratta- 
ro eoa negligenza ^ anzi farà pefo del compofitore di coprir colla 
negligenza jan'jcfauiffima 4iligenza^ Or vcggiamo » fé il Sonetto del 
Coftanzo è a baftanza dotato de'premefli riguardi ; e fé in quefio ge^ 
nere » poOa » quanto airefiemo » dirli perfettamente brlio .« Che il 
fuggetto fia umile non può rivocarfi in dubbio ; metKre altro non 
contiene» che una querela » o per impedimento » che per lungo 
tempo gli avrebbe tolta la vifta della fua Donna » o per lontananza 
della medefima/ potendo in ambedue i modicfporfi le parole ^rr#4ii<- 
t0 /p4zi0 . La difiefa 9 o condotta 4i quefto fuggetto non meno amile 
fi riconofjce» eflfendo ella fatta dialogifticacnente » introducendofi gli 
occhi a lamentare» per non poter vedere Togetto amato; e il Poeta» 
die proccura di confortargli . Che poi il Dialogo s* afpettt air umile 
^orazione > è fenza controversa » jperchè ricbìede in primo luogo la 
proprietà^ e la famigtiarjtà ; e del Sonetto dialogiftico » come di cofa 
appanenente alPidea umile » xmn jmancano efempj » cffendovi » infra 
'mille» qtiel dei Petrarca ;• ^ • 

Occhi fiétugesi » acc^mftugHéUi il cere * 
e quell'altro del medefmio . 

Che féiiy Almuy che fenfi^ évrem msi fàceì 
cooieanc^e Tattro del Cafa» che iiKomincia. 

'- Temfé ben fors emai ftolte mU-te^e,^ r 
De" Concetti non accade favellar gran fatto » perchè per fé ftcflfìap- 
parifcono umili » come tolti dal fonte delf umiltà » che » nel ragio- 
nar d'Amore » fi è la bellezza efterna della Donna » femplice » e 
- fchiettamente considerata; ficcome ne meno delle fentenze , le qua- 
t ìi da tanca poco fplendore fono illuflrate» che gii occhi di qualunque 

. , ; . iatel- 



Digitized by 



Google 



Della Volgac .Poe0a^DiaI. IL i^ 

fistdiettò 9.^dfbels >.chc tìcmy^ poffooo fofteherla; cmm i 4ivl« 
b ; cbe la nQflra effipaùoaieasa a giiavvci^fi* ca& porge rimedia e^ 
pkBio > e qnella ^ che- il ft ofo'4M>n fi pafee > che ttrcofe fificbr ir ^ quel*^ 
U : cbr zt coacuptTctbilc apperho d foddisfaccia con eq^ùvaleore og^ 
{rtto ^ e finalmcfitr qudUii : che TaUto fi 4Soi^vertt in natura •* Ma: 
Éll'mcomtof ù dee confidccare r come fieno ftatr 3Ì facci concecci , « 
(cocenzr ornatr >• e abbellici* dall' Autore dentro r limici' dell' umile f 
mentre y avvegnach^è fia^ propria per lo più^ la locuzione ^ cìt parole 
vecamcnte la coCar figiaoreggino,,. non/ vi mancano de' cr^dlari y e 
delle raetafoffc • ma^ piane ^ e uCuali y come /p4XÌ9 per cempo» ^' 
m/ fàuaop^en fitme » pee pianger lungo tracio v Mdrirfi dif hme per 
tiaiicafc ^e.fmrfriuofMl.fkéinf0'y, por. lanciar di pianare •- Anzi' Jicll* 
parte della mccafora è fiatoin qucfloSòfierco aj^rvecciridimo il Cor 
fianzor il quale per coofegiqroon maggior cercezza; il fine dell' umi- 
le preftritfofi ^ à voluto V la' prima n»tafora »f che coiK' iperbole do* 
vcva efler conginota y la? quale conviene al fublime > tempecaria cok- 
ki rproporzione y t ioprabbondanza , che abbalTa l'ipesbole alla frigi-^ 
dezza , fecondo il faléreoy dove del frigido ragiona} dicendo » cto 
anebbeo fatto 

Fiume mMggi$t del RiWy t diU^JhtrPr 
il che £» oflervato in prima dal Petraica nel Sonetto y I fUnfi r mr 

Ò«d'r' fnél tr^r di Ugrime ut fiume r 

Per sceoreiéir del mie wveit U tela , . 

Cbe nen fwr fente^ e iusday e remo ^ e veU^ 

A£é fcdmfMT nen petrewumi a/ìt y ne fiume •> 
Si frufend\^u ^e di sì Idrié: efenée 

Il péunger mie r e u, iungr I0 rivn »- 

Clf'i*v*dgiikniev4 cel genfiere- sf pensar 
Ora raìaéttete all'altre cireo(buize> e vedete, come a i petiodi non d 
dia afcuna circolazione oltre t due veefi } névi fi- legg^ alcuna entrai 
fa d'bno' ia altro verfior ^. «he rompa l'armsoma^ del" medefimo' verGo^. 
fiior foTamcnte quelle cfcl primo nel fecofrio*- h mw/fere'vedeu^ fer 
ernie' fféuie^ e del duodecimo»! net deccmotenBO. NeftfMwfi^m^^exj' 
KM éU fèria del hi vi/e, Qjiandoy ficcome fii deeto L'attr'ierr »< fecon-r 
do il parer del TaOb^ lo ftil fublime raggruppa fino a ut » e quattro 
verfi •* Diconcorfi di vocali ce n'sb alcuni r ma^ tanto agevoli y che 
ninna pienezza , o durezza cofiiruifcono ; e per ciò li dobbiam ripu-r 
tare come s'è* non ci foflero .* nel che di non» minore awerienz» 
dee lodarfi il Coftanzo ;^ mentre per alerò neU noftro^ idìomai y mw 
in focaii termiaante y è diffieile molto i per nonr dire itnpoflibile y^ it 
fir cocnponimentofenza: tali concdirfìi - Ci ibno poi parecchi amplia^ 
zionr fopprabbondevoli y e ridanduncr y le quali rendono umile lo Rì^ 
ky come nuuve , e di/ufuee;' gjene^ y -e tìnre f vi> I^He y Mlmw^ erfe^ 
eenuy e fioalmente ypa^y edia , e éifyrexjue ^ Hi ìt numero ,, o per 
piti acc ou ch mi eme dice al noftro psopwto y rarmoirìa y li allontana 
ponto àalL' umiltà; >, tieoiR^endofi* dtolciflSóia v epianiiOmar e per 
mona amarezzar^ o durezza foonfolaca ; e oltre acciò dalU poipofizio^ 
ne de gU avverbi » ecH<aMtnAts » o loco oallocazionie in defoenza <U 

E 4 vetfo,^ 



Digitized by 



Google 



14 I>etfa BeOezz» 

y trio 9 Boll poco viene abbacato il numero» Còme Vìfrfdnu^ ed 
pir /hmlt tMtù, rivfl4 alquanio^ dthme wro^ vifteffi almeno^ vi- 
f9 4lm$^ t/Swwf. Ms qucMo, che mi fe credere iodubitaiamente» 
Cile A CoftMzo iti reOiMido quello Sooecro, fi (affé prefcritiar Fide»» 
deUa qmt favelliama, egK è il fotcìl moda di pferfoadere famigliar- 
Hience .. ft che dìiara opparUce dat proporre a gti occhi pi imierameD. 
te l'uiucodel penfiero, e poi deUa Ahzionere l'acu^czaRr delie rifpo- 
Ile de'medefimi co& egual feoiigiiaricà porcata r rifpoodendofi alla 
f rima peffuafioQS : cheifl penfiero » come imertio » può ' atatare i( 
cuore parimeoce iocemo ^ non già gli occbt 9 che eftemifcmo ; e al- 
1» feconda e cfaeaffuefaiti gii occhi alka vtfta del perduro oggett^T 
mon^^rperano accoraodarfi ad altr» viAa . E con ciò parmi avere-y fe 
«on baftevolmeMC^ itoeno per quanta s'eftesde il mio ingegno > 
feddisfotcof aH^incaricOy gtodicando io pienamence di efierna bdies* 
sa dotata il Sonetto» del qual firs^M* £f* Con tanta pìcnezsar» e 
feliciti avete , Emavo » lifcomrato nel Sonetto da mr recitato , le 
parti torce dell'umile idea» die non pure egli poffiede perfertiflBma- 
mente l^eftesaa belleisa ^ ma e(emplace panni > die poiSa eOere per 
difuoque vtxil fonettare in si fatta idea, non mancandogli circoftao- 
9a aicona, per minuta, che fia «^ Or vegnamo air imerna^ nella 
quale »r non fo quanto , o Arpatio , avrete campo dt favellare , per- 
ciocché Fumtl carattere è manchevole d'infegnamemi d' alta, impoi:- 
tansa , noa potendo ritrovarfi ampie > e ^rolTe fondamema iotto 
piccola , e balTa jcafuccia • Ar. Compatitemi ,. Hgioa : voi io queOa. 
parte fete non poco ecraca: mentre » non perche ride» ornile riget-*- 
ta ogni magnificenza, che abbdiifca efiernamenre Ir compofizionr^* 
i vietato ripor fotto di eflfa magnificentiflim» femimenti » Ma; vi ft 
debbono riporre in guifa , che cMin trasformi Tefieraa fommeffa ap- 
parenza in ninna , anche. miniina' parte. £;• Volete voi dice , che 
tali oomponsmcixi debbono effeie ,. come le riiQiche Statue dhe' K* 
leni degli- Antichi, destro le quali fi nafcondevano le dcvkiirà infie* 
me colle più prezidTe gemme , e coi più cicchi tefori; e pune elleno 
noli» ami màidieperdò apparivano agli occhi de'rifgnardanti. JÌr* 
Tanto appunto voleva^ dire*- Eg^ Ma egli è rate ii Sonetto* ddCoftas- 
zoF ^r. Si , o £gina ; né può non el&rlo; perchè dovendo*, come 
già dicemmo' ,. il componimento > per ottener la defiderata-petfezio* 
ni\ aver mefcolato- Tutile coi diletto-; e Putile d» gli infegoamentt 
provvegoendo y ogni volta , che vogliam coOituire il Sonerra dd Co^ 
ftanzo iO' grado di perfezione, fa di meftieti , che fia dotalo di am-^ 
bedue taU prerogative •* EgU è ben vero , che fecondò i^cavattcri U 
bellezza interna fi dee regolare v peecioccbè, .confiftendor la^ perfe^ 
zione doHa bellezza eAcma.dcl caracrere umile nell^offervaiiza de^ 
precetti raccontati da Emaro ^ i quali non- eccedono y die il vile t 
k perfezione dell' interna bellezza dei medefimo xaraitere confide- 
rà in racchiudere integnamenci di mometuo non riguardevole, pur- 
ehè anche da effi poffa cavarti alcunar oMOima » che apporti utile t 
arrecando tutte le n\a0mie utilità y o- magnifiche ^ o umiU r chr^ 
die fi fieno • Non per qneOa e però vietata anche in tal carattere T 
imciofeca bcHczza magnifecntiflkn;i % ittlUi manicca. detta.di; inpoi. 
^ * * dfeglk 



Digitized by 



Google 



Della Volgat Poeiia^ DiaLII. ^ 

degli amtcfai Sileni: ma» fcbbcoe cai magoiiceciza accrescerà io cbt 
k|^^ r ammirazione» ritrovando focco uiiiiiiffima fcorza alciflìma 
nidoHo 9 fcemerà noadimena la pcrfczÌMie deU! interna bellezza deir 
vnil carattere 9 la quale » come abbiamo dacco». cosfifìe aeireOere 
■gaali r incerno» e l'cderao» e pccò^ non 'difappeovando k prima» 
Ama fallo tùi ancrcei alla feconda maniera.. il^« Rimango già ptfi^ 
foafa della voftra opinione. ^r.Ora afcolcacenc il confronto nel So* 
Becco del Coftanzo, concinnando io riocraprefo coAume di dicbiafar 
re inr prima ciò, che abbia voIiko ofprimefe il Pooca^ e poi^di nlp- 
àrare> ft T abbia efprcffò » e per uUioiodi cavarne dcona maflnna 
generale. L'argomento datane di cai Sonetto fi è, che cacndainaik 
caca air Ancore la vifta della foa Donna, glt occbi fene dolgono» e 
afficnrano il medefimo Ancora > che non vi (ara mai perfitaflone, che 
H pofla liberar dal dolore • QtttQ» argomenfo vien traccato con non 
Bunor Filofofta Placooica di (luella^ che l' aUr'ieri fu /piegata / Egli 
i ben però vcs», che dee averfi riguardo alla divarfità del carattere 
decta difq^ra; perciocché jper foddisCase all'umile, i^ Poeta fi prda> 
ve <pii cofa fifica» e fenfibilCf la qaale i umile yerfa la mecafiica^ ir 
incellctniale; ni a. vokitot eccedere il pcimo grado deU' Amarti cioè 
la vifta dell' oggetto maretiale» fé non 4tian»> può efler poffimcelloF 
magmatiira non depurata dal materiale > ni fiefa airomvetfale, mm 
riftref ca nel foo oanicolare feofibile : il die a gran fisica arriva al 
feconda gcacto« Ferchè dunque più agevolmeme io pofla ciò dimo* 
Irare, in ere parti dividerò il Sonecto, ponendo aeirunagli ocdit^ 
ebe fi lamemano (feHa privazione della viOadeHa Donna amata.* nel- 
fatua il cnore, . che alquanto, di confecio . riceve dal penfiero, che 
gliele rapprefenca'v e nella cerza il Poeca, che proccur» ili coi^ase 
i medefimi occhi.. Io non iftarò qui a rammentarvi il princi{»od*A- 
Bx>re, e come egli in noi figeneri, e come crefica^ e come eoi'fenfb' 
decfaiaando fi perda, e c^la ragione alco poggiando fi beatifichi,, del 
che Taltt'ieri fi favellò ; imperciocché io commetcerei non leggici 
^lo, caccsaadocb poco accorca la voftra fingolarn^mersa ; maiolap 
rnmie tipeiendo qcKatuo è neceffarìo per fondamento del nùo ragio^ 
nare, óaò, che geneiaodofi T amore dalla viAa della bellezza corpo- 
sale- d'alcuna; Doma, ricevuta per gli occhi; qiuefliy perche in primo 
ktogé adoperano nelPamorofe cofe , fi chiamano guide y e duci di chi 
araa^ come li chiamò il Pccraica nella Canzone» Si à dcbiU il fii$^9 
4 cui s'éUiem^ 
. Z firn toi UT fumte^ émtie te luci% 

Che dHs firMàM HjUtm mi fittm duci^ 
r piitiia di h» Ovvidio«^ 

Ocdifimt «a Ammt9 éice^^ 
né gir occhi per la loro opera notr vengono jnbiuneifatr; aittf comi' 
uno aiameoco n'efigono, iienza il quale perirebbero di fame • Em^ 
Eglii veriffìmo; e mi laounentay che fimil fentimeoco ^prefle apw 
punto itiOiftode della soSca Arcadia , allor che diffe^ 

A jibr Hcbi H ear: fr it /afrV# ériimsm^y 
Dict^r4$:mM9uUrmitmi ttBffp^ téurààtt^ 
Csn^^wiimè'^ cbt4iÀkfitM^»f4U^ . 



Digitized by 



Google 



26 Delk BeIIez2x< . 

mane èrmi ic fittile .. 

r fojfiénn^ contenta . . . 

ìUe /anluM$z,e Mwuuei . 

rudorig^ celate i 

» mi dei tua termettta.- 

che goda noa poco d'afoolcace: I coiapoAimea- 

Em%. Stringono' intanto i fenfier tutti Taier 

E ne fan feudo al. cor ^ che già Cinfegfìa^ 
Di morti fcorgt orrihiUj, e fatale t 

JMa. Ragion it altagjriia ; invan difegna 
Altri porger' rimedio al coffiU male :■ 
Ctf ei la parte amo fol men^ pura v ' degna •- 
^ri.Non è fuori di propofico il pcefcote Sonetto ; t da tSo veggcp 
agevolarmifi la flrada alla madimav che deggio ricratre da quel del 
Cofhmzo.. Ognb voltai adunque^ che gli occbi> dell'amante vengano 
privati di tal cibo , (e ne rammaricano gagliardamente >* perchè fi 
veggono pro/fimi a perire : tinche poco men* che appieno apparifce 
dalle pf ime paroledeLSoneiBo>.«dove il Poeta ^ compateadail loro 
fiato, gì' interroga in maniera importante altiflimadt&v veotora ^ Or- 
ehiy.cM fia di voiì E perchè l'imbelle gente,, e' quer».;cbe- d'altrui 
vivono,, come pufilhinimi , non faa eomraftare co- gli avverfi cafi , 
né procacciariì conforto ,. che dalle lagrime; peràilPoota. fa, che gli 
occhtì eRerni ,. L quali mtndìcanu^ fono ^ e d'altrui iL mitricano^e in^ 
confronto de gì! interni fì riconofcono imbelli, e puGllanimiv rifpoor 
danot-che piangeranno v fincliè perifcanat camavolendo fignificare la^ 
magnificazione dell' iperbole». . 

Farem con nuovo y e difufato^ pianto ^ 

Fiumr maggior del Retto ^ e dell* Aero». 
come fi vede anche nel teAo del Petrarca da voi , Emaro,- portato»^ 
nel Sonetto*. là pian f$^ or canto j, &c^ nel quale ^onchiude il Poetaci 
dopo* aver magnificato- con^ iperbole di più,* chei|Umeve mare il Aio^ 
piangere, che il Cielo vuole ancora ch'io viva ..Né ci dovremcrma? 
ravigliare, che a tantadifperazionefofler giunti: eflendo;loro , non» 
pur mancata la vifta > ma. la rperanza^ di più vedere >. come fi cava; 
dalle parole.. 

..•.«.*.«• PoicBio'non fpero^» 

Veder per tanto fpazÀo il vifo fanti .. 
e per mio credere,, non può darfi iolÒEcuQio'più atta a condurre al-^ 
la difperazìone , che il maocamencp'della^ fperanza • Ben conofceva: 
il CòAanzo,, che il male>i onde gli occhi fi aifiiggevano ^ era^ieqza 
rimedio;, nondimeno per vedere di mitigar tanto ,v fé' notuil iBale y 
almena Tapprenfione di edbV che quei s'induceOferoa pxoCcorarquàU 
che- fcampo,. e temperaffera la fmifuracadog]ia. colla. fpecanz» dicono 
fiqguirlo> propone loro alcunkrimcdj: apparentemente giovevoli 4 e in 
primo luogo» dice che fi pascano* della vifta deirimma^nefd&lla: fu2| 
Donna V che ilpenfiero fimiU^nmaal véra conferva «dìpinca: . il che 
quantonq^ue propriamecvr. oompaffa» ioddisfiase^a gli occhi efierni^ 
che fi pafcono del fenfihilei.iiQQdii9etto^J|pii?à. vabtol&aBclìbper lo^ 
':. : . ro j mcn- 



Digitized by 



Google 



Bella Volgàr Pocfia DiallI- iy 

«0/ tnéntre-f per vvtro .dire, «on :fiflb :fetiricro fa veder cosi viva d« 
^ cotto r oggetto., :a cui -fi ,f eiffà/, ^hc gli .occhi /^'ifigannano -, e fo- 
no addivenuti -di taohi trafi , ^che^taiuno .è ,cOrfo ad .àUiracciar V og* 
getto dall'immaginativa Tappcefemato , o à parlato ccKielIòlui^ ed 4 
tfermato d'averne udite le 'parole , •come fé il rvero oggotco gii & 
ArfTcfiacto incontrai, e g<ì aveffe rendota rifpofta: ^cl^che rfa fede il 
Petrarca nel ^onctto^ che litiGoinincia, «come. fcgue« 

Per quetar la vu^heeXA , che li flingi.^ 

Trovo thi Mia JJonna Avi difingt^ • 

Pir far femfremai verdi i miti defiri . 
Con leggiadro dolor far , ri* ella fpiri 

jilta fleti y che gentitvore flringe. 

Oltra la vifia^ a gii secchi orna^ r infingo 

Sno tioci vive y e fkoi: fanti Joff tri. 
t odia Canzone* Di ^enfier in Jinfier di monte in mome^ 
Io Phofiif volt£ ( or chiJiày^.meH crodaì) 

J^elC acqua chiara » e fipra t erba verde 

Veduta viva^ e nei troncon d^un fàggio; 

E in bianca nnbe sì fatta » che .Leda 

Avria ben eletto ^ ckejii4 figlia ferde 9 

Come flella , che il Sol co}re <ol raggio \ 

E guanto in flit felvaggio 

Loco mi trovVy e in fik deferto lido^ 

Tanto fifa helU il mio fenfìer tadémbra.^ 
t rifteflb noftroCoIlanzo nel Sonetto. 'HelRe dei Monti ^Um finl^ 
fira f fonda , teftifica, efperìmcntor ciò al par del Petrarca* 
Che non è valle 9 fiaggia sì folinga^ 

Che ne i tronchici no ijajfi^.^nelt arena 

jimore a gli cocchi miei non ia di finga ^ 
Anzi tate immagine alle volte à non foche dipiù leggiadra, .che non 
è la ftefla Donna, /econdo che l'immaginativa è.più vemente; epe* 
rè è più atta, non rmeno ad ingannare, che ad appagar la yifta; fic* 
come accadde a quel Cane, che Jn paffandoil^mecon ut) pezzo di 
cameaffannato, veduta r#mbradi<)uella, lafciò lacarne, e corfead 
affantiar l'ombra, perciocché il rifleifo rendeva maggiore 4' ombra , 
che la cofa non.era.. E quct^ che adopera i\ rifleflb d«* corpi trafpa- 
renti nelle antipoRe cofe, adopera in noi l'immaginativa vemente^ 
come era quella efprefla dal Coftanzo; e, perciò da lui vien detta 4/- 
14, cioè profonda;. per lo^)é il noAro .Cuflode «cantò nel Sonetto re- 
citato da Fabumo nel rpatTato xagionamento • 
Caro fenfier^ faggio f enfi ero eletto ^ 

Quanto fik bella in te miro colei f 

Che forti y mal fuo grado f entro il mio fetto. 
Seco io temfro sì ben gli /^attni miei^ 

Che forfè fcemeriafi il mio diletto ^ 

Lei riveggindOj onde si bel tu fei. 
ina non perchè il Poeta proponcflTcquefto conforto a gli occhi, quei 
ti riconfolarono; mentre ben confapevoli della fpiritualiià di effo y 

niente 



Digitized by 



Google 



1$ ' Ddla Béflc2ìuL ^ 

nience adegvaet per dii di feofibUe fi nuitic^-^còme fatto gV ifteffi 
occhi » clic orgfiifiidi verità raltr'iert farofio ftp^lltti , toftimeote 
conobbero 9 non fi coavcnire tal rimedio ti loro iafòrtuoiot comechc 
adegoato foflTe per fodditfare al cuore, il quale# fcbbetie anch' eflfo eni, 
a parte della miferfa de gli occhi» per ooa aver r amore farro paflag* 
gio- oltre il* fecondo grado ; noodiraeiio noo poco eotiforto ticevevà 
dalla viHa tnceroa t e rapprefentativa deit' oggetto amato • Anzi io 
qui» per pia acconciamente efporae quefta verità, direi » che il cuore 
metonimicamente vien prefo per V anima » che , fecondo gli antichi 
Filofofi, nel cuore ritien Tiia lede, e veramente vede » e fi pafce dell' 
interna rapprefentazione ddKamato oggetto i t perciò gli occhi riC- 
poodono: 

Quefio conforto il C9r rileva éttqndfftc,* 

Non noi , che fium noàriti ni lume veto. . 
Ed awertafi , che il PoetA à con ogtii eonfideraxtone poRo qn) il con- 
forto del cuore, e delPaniràa , provegnente dall* immagine della foa ' 
Donna .* dimoRrando , che il fuo amore , tutto^ che nel principio del 
viaggio , tendeva al vero , ed ottimo fitie ; meoitre in altra gutfa fa- 
rebbe ftaco creduto totalmente fctifuale, non eflendo vietato all'anima 
di cadere , e abbandonarfi pienamente al fenfo , come fn detto nel 
paflato ragionamento , e come accade nel càfo dd Sonetto del noftro 
Cuftode, che voi. Emaro ^ ci avete recitato. Aecortofi il Poeta, che 
gli occhi fi erano molto bene avvedati della fallacia dd rimedio pro- 
poftò loro, pafTa a proporre un'altro non men vano rimedio ^ non pe- 
rò copertamente, come ih prima aveva fatto, ma fvelatamence il prò* 
pone ingannevole, dicendo. 

Sforzjitevi ingannAr voi ftetìi Mmeno. 
e notifi qui la bellezza di quefia avvertenza ; perciocché più facil- 
mente fi traggono in altrui parer fallace gli uomini accorti colla 
dimofirazione della fìeflfa fallacia , che colta continuazione di eOTa» 
quando da i medefimi accorti vico da principio difcoperta •* mentte 
la continuazione dciringanno , in tal cafo , più tofto conduce Tac* 
corto ad oftinarfi , ed imperverfare , che a cangiar configlio .' L' al- 
tro rimedio poi fi é il configliarli a trovare un'altro oggetto, e col- 
la fpdTa viftadi quello, fuppofio rifieOb , che il perduto , racconfo- 
larfi • Sottiliffimo invero è il ripiego ; e perawentura giovevole , fé 
l'oggetto per noi medefimi ne lo potedfìmo fcegliere , e non ci ve* 
oiSe dato dal Defiino , fecondo Platone , come già udifie ; perchè 
eoo ifp^fla vifia d'altro oggetto formandofi nuovo abito nella enea* 
te , di facile accaderebbe , che fi pcrdefiero col tempo le fpezie deU 
la primiera amata bellezza , e s'inducefie 1' amante a furrogar la fe- 
conda in luogo di quella : tanto importando qui la parola fìngere . 
Ma perchè il Poeta dalla prima rifpofta pur troppo era fiato fatto 
avvertito dell* accorte2;za di quelli , die con eflbiui favellavano , 
fuppofe , che i medefimi fapeflero anche lo fcioglimemo del Tuo fe- 
condo configtio ; e perciò come inganno , e finzione loro lo diede : 
nel che non rimafe errato ; perché gli occhi tomamente fi dimoRrar 
rono confapeveli della fatalità dell' amare , rifpondendo , che efii » 
come avvezzi a veder r oggetto perduro » difpregiavano , fuggiva^ 

no» 



Digitized by 



Google 



Della Vofeir P«e(ìiu DialH. ìj, 

w , ed csdiavano e^* altro osg^tio^u^ óel the t'otidfìè fL Defliao ^ it 
^11^ tìùm ibrièiìdo fòglttre ^not N 4iber(à tftfirofrbtcria , ci rende 
étfpitgcvottr e odioAi ogA^àllro voltar t cosi cr^oQttngr ad ^mafc 
«bit a Itti fa gra^'f (entra tòv^Cfilai' nbflro flfbitttof e qitefla ma- 
mia dVprmeie i> defKno ^motofa coH^odia » « cot dirprezzo d't^h" 
^ftro ogferto > à H GoAaozof ptftfiri^ociiia- ìmpuai» dal P^^rarca ad 
fopetcos che Micc«nifieb9^oiBrfegii€tf 

jibi'MU li^ertéètCémt^'t^t'n^héii^' 
Era U mi^fi^u,^ qit^à» U fi4méjhdl0 

- Fe€$lékfÌAj^^ màlid^nèH gH0^méi^ . . '^ . 

G/f #friffr invìèghirv alhr fi éf ht gnaiy 
Cbe^l fri» deHs rsginii ivi mn védt^ , 

£4/^9 C9M d4 prìma gtiuivvexjLéH . 
€ad Soneiio. fi^m di qucUa ifftfdMe d^em^m 

L4 mevìe 4 càffffmftar /9ÌM c$Jhi f 

Cb^alrré' non vedici t^ii^ cbir Memi Uiy 

Gii piT antica wf^ntÀ 9àÌA\ $ àifprnxM ^ ' 

E fir que(h> paffo nea dovede crpovfr in^ qìieft* urtoieipà poetica ten 
la dar jor 'r ma nell^thra dtcu d^ voi ,p Etnaro, cioè, che Fabito eo9- 
anmtttr » naruf & non può lafeiarfi 5 io » con voftra pace , norefci' di 
Jolrtazar ^K occM dell- Amore, r ^oali «per foddìsfiire alPabiiuazioiie y 
tt» A'cm^mo di perire ^> q^ando^/peciat^eme eonofcooo i( preeipi- 
xio , e vien diiiio^lFaia loro alcuna via da fcampame .- di quale flol-^ 
ima non dòbbiam cenameme votaf Ir y avendogli di fopra djcbtaraci 
a accorti «. Tmti i femlmeiiti » e le dourine détce fin qui fi rac«^ 
cfaiiidono denrro Fefpofto Sonetto ;• le quali t perchè contengono i 
primi gradi delia Scala Plaionicar ficcome non eccedono Tutixrlta a 
rincontro deTcntiiTìentfi e delle dottrine del^antecedetne y che ab-' 
bracciavft gli akimi, e perà fublime in detto efferercosi perfiettamenK 
te beih)». anche nclJUntcrnoy vien da me il medefimo Sonetto dichia* 
rato r Bon men dell' alno > cbe^ fi dichiarò i paibti.^iorni ^ Egr Par-^ 
mi y ArpaKo f éfi«^ Voi abbiate chki^ i( vbfi'pG^ ragioÉaraenro ; e pure 
vi manca il pia eflfenziaie • ^. Non a cafo ò chiufa la fpofiaìone del 
Sonerr^} perchì la maflSma dee pigliar Tori^ine da a^tro principia 
eftrinTeca , e rimoto; ne ò- voluto , che cagioni qtialche confofioar 
riftferir tal principio nella fpofizione del Sonetto . Eg. Accortamente 
invero., u^r.- La mnflmia y che può cavar fir da'^rentimenti del Sonetto y 
egli è » che Tannar (enfuaflfiieQte è incapace di godimento perfetto;^ 
ncmre eflenda l'oggetto finitoy finito anche diviene il godimemo, 
e Tuno > e raitre è {oggetto* or murazioni y e fcemamenti t anzi dr 
Sion godimento può^ dirfl capace y efiendone affatto prive le cofe ter« 
rene y che giaccioBo nella vaile delle miferie : perlochè non fi ritrae* 
altro y. che foememi r e calamità <Sa si fatto- amote y come e(|prime il' 
Coftanso ad^ fnoSonenov e come fi debbe intendere la morte deS 
cuore» e degli ocel^ efpreAi dial noftro Cuftode nel fao> e come dii^ 
k il^ei^^^fel-fooeicor A fm 4Uira/g€néir$ mai sì vinto , 



Digitized by 



Google 



il che noa^ avviene. oell-acDorc^ietctletruilf , fbc^èìnfwo^pttffàè £ 
iofioitO'Oggirtcove ni Cielo s;«uien# pjcriik dri fp^imenEe^-Cbeiioi^ 
il CoAaozo abbia: voluto ia^qafftivSÓQeuo^ \^ki$MW fimtldocumcap 
tOf.cbianunencc^ vita: nam&R^ta dalla vifioat di efadaise fatta ih 
Ibpira'f tneoure gli occbl& dolgono». e ileuorcvO rapiva isonne pri^ 
va di confóno; e IMutore» che^raPfvaril /aonobil fioe».*Don (iii)«- 
flra,4 cbe femplice coofigliere; né^ il fa» vedep (9Ì\cekOfAÌc noo^iian- 
fo la carità richiede verrachianqoeveggiaqd-niirérabile»^ e ridótta a. 
perire v^l^NobitifliinoidocuiQeiKO 9» t^ mile al par di? aqalimqae al- 
tro • . Io per me- ritragga tal proitto^ daUa^ vodra^ eooveaauone » e di 
tanto dilecco mi riefcono i^ voftri'ragk>namemi^ cbr nop^^tse ne^ vor- 
rei mai dipartire >- contuttoché coooica- Ir briga »^ che vi reco»> ^.^ 
Ricordatevi». E^ina, della pcomaflav di^^aodire affaitOMdaHa-noOca' 
adunanza, le cerimonie ^ Io «^nofco». che volcTo ^irr v che anche do- 
mani ci vocrefle aWofti^i refvigf 9 noiré egli* vero ^^f•Ap9nmo». ^«» 
Non mancheremo r anzi verraro più pir tcnyo ». per maggiormente 
foddisfarvì ^ Em^ Ma< troppo grairtaino Bgim>^ o Arpalioi prescriven- 
dole cosi bttève tempo per ifccrra T altro Spoctto»* mercè dell'appli- 
cazione a gli' ftud>. più (erj r che non' de bb# tralafciare «. jfrJC^^k è^ 
una marnerà di cerimonia di^ nuova invetoi^e^ f'^^^l^'^fcoliafeivó* 
Ari ragionamtmi di gra]}>lunga^:avansa qualunque ftùdio^epecòcioa* 
vi difobbliga dal fayorirmi><|ueft9^fcura«£ff7« Guardimi il Gietot^cbe^- 
io adduca ^eu(eppl^ non rerwuvi..^f..:(^vfti feto» fiù d^tnaoi^ w^ét- 
iccidotttcti t e ragioneiMao gii- eniditiOiini' XirTi^^^ e tamtndo ^ 



BTmMDiatogwSeeonJii 






IJEtLA 



Digitized by 



Google 



3» 



DELLA VOLOAR 



p 







Si crfttca-delle medefime Bellezze nel (Carattere modi^ 
rato , ccpiJìaeranaóli rutt'.aitro Sone'tto rdeHiftèCrq 
CoHatKZa . Si ^tÌA^eursmctits «del fCoacotVo éeìl' » 
Idee; x finalmente il di 41 !lfì(lKsiia «dixattà S'Opera 

\^) Lamìndo €m$ik : t^V'^^t'" 

ibi firfi Imffi,, .£^2;?; 

coci Turtit Egina.» TA"/Ed «ttoéì afflai rpcrtempO;^' 'f#-^//« • 
I ancorché per la fclvraftante pioggia non pofTa ciftirA 
a diporto* £;;Ma il tcmpaoon vi fopravonzerà' ccr- 
camcnic, avendo io faita Qoti:fìctola provviGone 
di .domande; e perche ^poò andie adcHvtnire, fhe 
vcrtie Tia alcuna, cbei^tdiiegga là vifb-di quÉlche 
libroy però radi il «meglio, ^be ci adagiamo :i|Ul.TffvOrv2a -incomiii- 
€Ìate:tcbe;fiamjgrà.piofKi a.rervirviài^^tmjco^fè per rutto, Eg. Shtir 
gbiomci prima dalla fpofisionc del 'Sonerto-dèl nmhro Cofianzo, che 
i la 'faccenda ptincipìrfe^ 2^4. Proponetelo adan^utf^ f^.^ditelo. 
.Metnr9 a mirnr U Vira.y ^à infinita . • 

FòfirdbwUàjCktMPMtft il fregia i,Hlf$^ 
Timeavmgliùcchi9ifn'fenji€r.ràt^f&^ 
E"/éPinÌitr4€4f4lnu^9 itita. 
Ci/r dtmd in -tal ^fiactr -shUm invì^kks 
C9n$impUr mh fétta ^ri , the firn métt$ 
E*ds rftimétrey il vh^\ 9 diinn xì9lt§ 
L* dita fmdimisy & /MefiéHé mita^ 
Or rimM/9 di fmreir fàe i V9firi ^rài 
<:iec9'diifii0r9^*mf9rt9!Ì*9i9hi9ittHrn9^ 
9^9ggi9 , cif^ .7 min - JU tw quH , eh* $Pi0ifdi^ 
E nyliggidàrd dentri vintifcmi^y 
Che > ardi fc9 dir , che n9n nfcì giammki 
A# M Uw9r dà màmMl Mé0r9 £t9àm^ 

La. 




Digitized by 



Google 



f » Della Beile22i 

Jja.Gii diflc ieri Emaro, che og» atpctcava dt voi im Soqettod'idea 
roodecifta, come e^li è queflò ; k)U fetc pirfic loTfpiiitoib ìfìgfgno / 
T'ir.Ed idmo'i diffio* ma v'aOkura^ die rifietteadof^^flfe^IKifafceU 
ca da priocipio la Scala Platonica per la bellezza ioterna, e di quella 
«flerfi efpolVIi pii aUi graai.Mi primo r^ionamehtó , e i più baffi nel 
lecondo» afTctrfo mi prètagiva di dovere afcolcar* oggi un Sonetto» 
chejonteoeffe autif che G.truovano i(i..qjezzo. Ir^^p^ile veraoi 
cet'e bizzarro etilato ilvoftrf penderò» óEgioa» ^i riìteohcrar là 1 
lejKTr^Iel Sonetti in Ang<kr 4i Coaan^ojker Pide# di Cicerone n 
•élcrn#, e per 4» filofofia>itf nobile *i-»atonc neTt^rft terno. £^.„ 
cafo à adoperato ^r me: Te dunque non vorrete» dando lode. al ca- 
fo, errar <òn ](|iief»^chc^Jo Aimano autor d^l UUUtoì^ celiata lii darlo* 
de a me» e imprendete a favorirmi fecondo l'ufato ordine • La. La 
3ro(lpa'4nodeflù .iu)p,c ;mi|)oreNdel v^Aro fpmi9r Jaondc#v(pamoiuié 
niiria^o fuetto ^ tanto dovrepap yjbbid*re a;, ^ BcUo pcrftttt- 

mefite pcrrèftenio io giudico il Sonetto, del 4ual favcTliii»p ; per- 
ciocché» npmaodolè appatttnetice. air idea médctata liconofct^'io'er- 
fo 4uttc le cicoq^p^w^ ^ k qiiali fono proprie de^^ medefan^^ ideai la 
quài eofa perche pili fàcilinéntè pbffa io dfmojfrarvela , fa di meftie* 
rit che ih prima fi annoverino Ite dette circofianze. Eglti la teoipc- 
rata un idea, fecondo Cicerone , dlie^cóme collocata tra le akt^due, 

;cioé la fublioic» e rumifc, debbe effere alquanto |iiù gagliarda , ed 
elevata di ^^ueOa, e alquanto meno dt qi\ella : fcffodiè. U luo f^tgct^ 
co, fé non (ara magnifico, ne umile, MniMiak falÙ «ffei àolfte } 
ficcome anche tali cffer dovranno i concetìi, che lo rapprefemeran- 

>o, e ir>oten2j^, cte vi a.i|)afgfcral(nj>, le quali avranno ad alzare 
proporTsunaumente. Ammette qucAa id«a le traslazioni « ed ogni al- 
St^ grazia, e friendoredVloqyenza^ «a dairintciUgenza comuncgran 
iratto nofk fi dilungai e pecche ii ^ir per lo ineza» non puòcoatan- 
ja accur^UQiza farfi. che alle volte npn fi pteghr alquanto da alcun 
de'Uti* bcnctó fi vada dirittamente,- però qucfia idea per fua fpezial 
pricrogatìv^a può participar d'arabo gU irtr^inii -di modo cbc^op tói 
sta clScr nomata d' imperf^iionie* .ogni volta ciwt fi vegga miit^ di/u&> 
Jime, e d'upile; non ppròdce per verwi conto aittenecfi pia airuno^ 
che airakro de gli cflrcmit perche fc; (qìq al fubUme .tenderà, o iblo 
all'umile, non idea temperata j ma Oorpiaiaento di iublinic, ^d'u- 
mile cbiamerafli. I^^u^fta idea fi .reputa pia facile dcU' altre , e 
meo biibgoofa d* avvertenza ; pcrcio<;cbé quanto più è Aimnco diffici- 
le da'fa^gi ri tencrfi nel meza^, «amo più, come dica il Oelminiog 
que(U Idea richiede prudenza, buon governo ^ e •fommo atftfzio, 
merce della participaasione delle aUi^ . Or vegnamo al Sonato . f 
argomento è amorofo, e in eOo £ dipe, tl^ la privastiooe della vi- 
Aa della bellezza cfletna ideila fi^a Dònna ayeva portato T Aàcore al- 
la coocpmplazione della bellezza interna detta medefima» cioé^ delle 
vjriu^ delle quali era adorna y e p«r fumi .cooc^emplazione H wa fat- 
ao accorto, clic qi^aot^ ^veva yedmo in prima, era U miMr parte 
della be4Jezza di lei , avendola «JU nuova wfta riconofciuta. così 
fcella, che la giudicava ^1 più keì lavoro, .die «nai foffc ufciro dalla 
faano dell'eterno Ajn^cc^ Qi^fftQ fuggccta pankipa deir cimile, in» 
A quanto 



Digitized by 



Google 



Della Voì^t Pocfia. Dial.IIL ^| 

^oatoco air amor re&fibitt è appattencnte , e del Tubliiiìc , rnquanto 
tirioteUeecoale : metìtte non e affatto renfibtlc , -e per lo conrrario 
hqh agghinge -a *gli ^ItUIiim gradì dell' inrelltttuate , ma fi mantietìc 
nel mezzo d'ambedue (come tic dmioflcerà Tiffi ) e perciò parmi ac- 
coBciOiino per Tldea moderata . I concetti , co'quali tal* argomento 
McSo j< diiDoftraNi viene , non {mpaiTano la mediocrità r 'perché il 
iire > che dalia vifta della Aia 'Donna fi tragga falute .* die altri ap^ 
piicaco timo «Uà viAa xlelP efterna bellezza non può farfi alla con- 
templ«KÌofie dell' imetna di più pregio *, e clve il vero Amante , al 
BODcargU la vMa materiale della /uà Donna^ gode , e molto più go- 
ée in ccNitemplandola imellercualmenfe » Tono Concetti > che ci Tap- 
pcefemano coTe > le quali ficcome-non poco eccedono 4a comune in* 
ligcnaa» cosi «on poco fottopoftèrimangonoairintclKgenzafcelriffìnTa. 
Ma cdmecbd si fatti concetti non s'aflontantno in tutto dalla mtet* 
itlKgeiiza oomane, forio^nondtmonoper fé riguardcvoli,'e nobili; nS 
nisoce^ 4aKibìlcà^ cdk qoale fi fpiegano , elfendo tutte le parole fcet- 
tiffinsc» ficcome anche le frafi, e i modi dei cfire, fie'quali -fi truova 
ogni ornameaio , e ofgm grazia « cATcndo poco men <fhe tutto il So- 
■etto raeraforica» e traslatamente parlata; ma nelle <nedefime meta- 
Cote 9 e crasiati acconciflimo apparifce airintciligenza <:omune> mch'^ 
tre infimito per ioarrirabile , ten^ rivolta il jenfier^ ^^t pcnfare , r^- 
llitrt H fregia per foperare , trar falute per guadagnare , ctwtemptnr 
§$lFMtma per immaginare^ rimétmt ciecè per rttrovarfi al buio , fifcìr 
a wumo per refler fatto , e fimilì , per mio avvifo metafore , e tras-^ 
Wd (ooB^ che a ntooo fi nafcondono , fef>ben éer ^fe fteffi dì fommà 
vi^uKCj&a , e leggiadria faiKio moftra \ perciocché quadro dal parlar 
cociiaoe QxlihiogaDo » tanto s'accodano all'intènder comune: il che 
aacke dico delle Sentenze , le quali a mìfura de' concetti* fono ta^Ha* 
le» <ofiie è quella. 

FigiiOf ùVeHmen di voi quetj ctfió mirai. 
dklla quale 4>er la mediocrità «non può datfi 'più acconcio » e aggta- 
taxo efemplo;.e (e mai quefte cofe più j clte per poco , dalla comu-» 
se imeltjgeoM fi diftaccaflero, non farebbe degno di taccia M Poeta 9 
cofiveoeiido , come abl>iam detto , alla mediocre 'idea il difcoftarQ 
4al coofuitieé Ma per darci il vero efemplo dell'idea temperata ,^on 
tolo egli volle -rapppefes tate nel fuggetco la panicipa^ìone , che ella 
aver debbe d'ambedue 4e altre.» fubVime , <à umile ." ma^nela dimo* 
Arò io ogtn parte., che coi^ituifce Torazione fpiegariva'del fugget^ 
IO • E per vero chi non .confetreri la verità dei nrio 'fenrimenco in 
xifltfCtoiido all'artifizio d'atcvma negligeaza , e fconvenevolezza ufata 
éa Itti nei Sonetto , del qual parliamo ? lo^ per non tediarvi colla 
looghezza del mio ragionare ,, ne fecherò cinque 4ble dimoftrazio- 
m, rooa circa le parole^ col fito di eflene'verfi, l'altra circa i pe- 
riodi 9 la -tenta circa le collifioni , la quarta circa i concoidi delle 
vocali» e l'ultima circa l'armonia^ o numero^ Quanto aMa prima, la 
collocaziooe delle voci tanto acconcia , e propria fi ricònòfce dal- 
la IczicMie dhd ^oetto^ cbe per quanto altri fi (hidf , diffìcilmente fa- 
pri porle in guifa, che più ornata, e rigaardevote apparifca Toratioiie» 
Cd il verfo.» Perloché quefta magoificeosa di collocazione vien dal 

Crffc. Ifi. Folg. Po€fi4. Tom.Vl. C prudcn- 



Digitized by 



Google 



34 ^f^^ Bellezza 

•pTudentilfinio artifizio del Pocca corretta col quMi foyercbio ufo de i 
qaadrifillabi , i quali » perchè ;tolgono mon jpoco alla pienezza t el 
;araionia idei vrrfo^ ibno iproprj deU'Aiimle ifiiie « isccome anche col 
£to della xefura » (per lo ,più nella quarta , <c /efta tillaba dc^ verfi ; t 

J|uali 'dtt ^ fecondo il Dolci ;^ -nel ;fuo mttato -della Volgar Lìngua^ 
òno i 4neno degni ^ .e i più 4imili^ Circa poi alla ieconda^ già ii dif- 
fe nè*.paflati .ragipnamenti^ che la circolazione xlel ^periodo , quanto 
.farà più rotonda>s e dilauta, e Àn più verfi entrante -^ tanto più ma- 

foifica ^ e Sublime stenderà Torazione ^ «fecondo 41 .parere 4i xum gii 
crititori,, e ipeziadmente del iFalereo : Siccome :per Jo monetario qua»* 
to meno delle Suddette tcircóftanze farà dotata ^ tanto «più Vacccmeià 
All'umile^ Or veggafi come nel :Sotietto^ che efponghiamo ^ d'idea 
«loderata » £ i in quefla parte :ben contenuto ti Pocca 4 «mpercioo» 
'jcbè 9 formando tutta la fua orazione di <lue foli periodi TÌgirari » V 
^uno per fette ^ 4*altro ^r fei ^erfi ^ il xIk Xenza ;fallo rmagnificentif- 
iima ridea .«ndiico pavtebbe^ con non poca t accia<deirAurore ; à agli 
ranca ^n[^gn£ficenza «temperaca con bicone negligenze ^ clie fanno i 
'detti rperiodi tendere alqqan^al bzSo^ «dando <on ciò ia fua pane 
all'umile : come \ tralasciando i tre refpiri della coma 'pofia nel fine 
4iel fecondo^ terzo» e quarco verfo» e gli altri 4ne collocati nel fine 
de) decimo» e duodecimo) tiegligenza 'é l'ufo del quadrifillabo in fin 
Klel verfo» clic non poco fnerva , edabbaffa la magnificenza recata air 
-orazione dairara^onia» eccome parimente è negUgenza quella omilìF- 
lima niafuera4iiiire » scolla «quale terména ii fello « e inconùtifiìa il 
fettimo iverfo : .Ch$fik moUo^ 1^ )?»jiMr^ *> .e tinakneotea flegligen- 
àz fi «debbono afcrtvere i nove xnonofiUabi^ che fi ricruovano nel 
floezzo del vtrfo undecimo, da i quali e^fi rende rotto » ed afpriflfimo» 
< perciò npQ poco dalla perfezione lontano • Ma , come h detto» 
fimili negligenze , anzi che biafimo, lode recano al Coftanzo , di- 
chiarandolo, come gittdiziofiAime 5 ed artifiziofifltme, dotato di foro- 
tna prodcnza in governare ti temperato Aile ^ jLa Terza -dimoflrazio* 
fie , che jl prefente :Saoetto ipacticipi 4'amhe tìdee r» -confifte nella 
^ollifionc» Bel fuo più ampio iignificato spigliata ^ di modo che ogni 
rompimento » ,e .traiafciameato aibbracci ; le ^luali collilioni molto 
adoperano oella coflieuzione deirjdea, f ercl>è dal .foro tifo» o mifuiò 
proporzionatamente fatto » quanto acquifta nervo il fubltme 9 tanto 
acquifta Aimiltà il fommeOb \ vero nondimeno è ^ che il verfo non 
può leflere ^rmonSofo fenza ^ollifiooe ^ mdUmameote il noflro Tof- 
xano di undici ^llabe,. Ora il £ollanzo , che j>en fapeva la vera arte 
del Xoficano 4K>etare^ :in atteggiando Pidea moderata nel recitato 
Sonecto , anchCr^ielJe coilifioiu à voluto tifar moderazione t mentce 
avendone fatte bielle vaghimme» <e fpefliflSme nel fecondo » nel quar- 
<co^ diel x|u^o ^ nel «ono, neir^ndecimo , e nel decimoouano ; di 
minor -nu^iero di xfie ii ferve negli altri vserfi »* « ve ne lia alcuno» 
xhe v!è pcivo totalmente» cioè .quello^ 
E jè l€uJji4lréiJeHtro^ vi Àijxm'n^^ 
il quale è4kffatto -umile » e poltovi arufizi^amente^-^tendofi per al- 
Jtro alzare con tutta agevolezza » dicendo» 
E dtntra ù Uui^àrd 4mdi vi/arm^ 

La quar* 



Digitized by 



Google 



Della: VofeuL Pòefia.DiaLIIL i% 

là qoana dimoArazione del incDK>vaco participare rifgnarrda il con- 
corfo delle vocali,, il quale dicemmagià,. che q;iànto è più copfofOf. 
tamo-pid magnifica y quaiico* mina»> taoto* più^umile rcndel'òtazioiie •• 
Vedete ocav come il prcfente Sonetto- panicipadel fublirace colcon*- 
cofii> di vocali flmilf » come nel qaano* verfo /afutCrC viUy e diva- 
rie», come nell'ottavo prudentU j. $ onefiatty e in più altri luoghi, è 
io una fleflai pacola:„ come fregi» y. tenes >« traed^, foteétr gntdbntiay. oc- 
tU^i e alPiocomro participa. dell'umile ,. per li verfi ,. che alcuna di 
oioiy riguarda ne tengptta,. come il nono,, il decimoteczo» e il deci- 
nxKiparto ; e pe» qacHov che aftatta n'c privo ^ 

E st hupaèc^ dkntra vi- difcemo ^ 
La quinta» dimoRraziooe finalmente nel numero,, o neirarmonla con^ 
fifte -, la' quale perché tot alroenr e- dipende dal fito delie voci ,. e delie 
ceùire >. dalla coUifione ,. e dal coRcorfa antidetti^,. lafcerò dt farne 
parola %. potendo voi > pec voi fielTa ,. riconofcere ,. come ad^ ambe-- 
dt»e le idee efireme s^ attenga il prefence Sonetto >> anche rifpet* 
taal numera;, e (blamente mi ri/iringerò a: quello delle definenzct* 
a rime y lic quali fona (celie con graod^ artifizio per l'idea, moderata : 
mentre al diflSllabo,* e trKQllaba pieni, cioè, che airaa doppia cor^- 
(bnante neliar dcGnenza „ come voito^y intemo y rivolto ,. eremo ,. che 
aHa^ fublimttà fi appartengono ,. comrappofti fono il qiuadrifiAabo ». 
come imfimMy.ÌHtmtl9it4rC il diflillabo,. e trifillabo fcemi,, cioè fen* 
za. confonanti neUa. definenza r come rai > giammai y mirai >, che 
fecvonok airumiltà*. Eg;^ MoltO' cHianmieme ,* e pienamente avete,. 
eLaroiada,. coflfideraie le circolante della moderata' Idea: nel So* 
Mftja da me recatovi : peclochè. in* quanto- all'eftcrno belliflìmo fen* 
zar altra io- la giudica .. Or veggiamo y Tirfr ,. fé a- si bella conecciai 
tot rifponda* il miiollo •. Tir.^ Certo che si y Egina v né perawcl^ 
nura molta avr^^ da* affaticarmi pei^ foddisfervi: avendomene Lamina 
do coli» fpofiziofiedel fuggeitOv o argomenta,, aperta agcvolilfima: 
via • Eg- Orsa dite ;• che vi afcoltiamo .. Tir. Creilo , che abbia^ 
milotadire il Poeta nel pcefente Sonetto- abbaftanza ne l'à additato* 
LaaRodo- Per vede&dunque> fé Pàbbia detta ,. non fari che bene»» 
di aonoverac di luiovo i gradi del Platonica Amore r mentre ,. (e & 
k da. confeffare il vero ,. Timerna^ belliezza' de^Sonetti amorofii noti» 
poOiaraatrarmeglia, che dal metafifiico ,, e fecondò^ gP it»(egnamen« 
ti di nasone: eSendo noi feguaci del Petrarca y il quale aitco fonte 
pie abbondevole 9' e litnpido non feppe ritrovare ,, perchè fenza dub^ 
* bio- non (i rkniot^a ;• e però- voi molro' fagsiamente vi fiete avvi» 
(ara y in ifcerre tra* i Sonetti amofoO* del» Coft^nzo- y quei ,. che fonò' 
ficchi di tal filosofia ,. peo rintracciare in effii If intema bel leasa^tlelP' 
«morofai Pbefia^ Tofcana •- Sei dunque fono^ i mentovati gradi y cioè 
la vifta' ddK oggetto» (enfibile amara: lat confidetazione ddlx figura* 
corporea» inusaginevol mente fatra ; la* contemplazione ragionevole 
dellai bellezza di tutti i cotpi' : la. converfione dtiràiùma m fé flefiav 
e lar coaefcenza della fua dignità: il ritevimemo' in fé Aefla del lume 
della bdlezza..' e finalmente il ntro^^amlentadel medsfimo' lume nel 
Éio Autore , cioè in> Dio . Di'quefli gradi ». come pacimente abbiami 
merfnto, gli ultimi doe^ come ^blimiìlknir tiridea fobtime fi appar^ 

C 2. tengono:. 



Digitized by 



Google 



af Delk Beltezzsc 

.1 cri , come bafliflimi s-fi rifcrKcomr 

\ uà pon riiTUOgooo della detta fca*- 

iic gradi di mezzo y cioè la cootccn^ 
I i univerfale di miti' i corpit » e Ija 

I i 9 colla cogoiziooe della fua digniir 

I la bellezza» ineerna del prcTcnce So 

naramenio apparifce dalla divifionc 
I delle quali dice il Poeta y che una 

ellezza della Tua Donaa riconofcio^ 

che toglieva il pregio alle altfc ; e 
non folameme la mirava co^i occhi eflersi , ma col peofiero ; e ^ 
anima era di tal piacere tutta invaghita», conciofllacofachèjndi rv* 
uaeflc e vita >. e falute .. Nella feconda foggiunge ,. che perciò non 
{poteva contemplar coll'aaima quel >.cbe molto più della faddetta beU 
lezza , è (limabile ».cioè al volto e vago ». e divino la prudenza y € 
V OQellà unite • Tralafciando adunque pep ora il rimanente del So/- 
netto , il quale di nuovo dividcndofi , alla primiera divifionc fi ri» 
Ccrifce y^aflerò a dimoAcarvr y^Egina » ^m^ la detta primiera divi- 
fionc rifguarda per l'appunto i due gradi mentovati del Platonico Ar 
more ». cioè il terzo , ed il quarto • Che la prima parte della divifio- 
oe contenga^ il terio grado r a belTagio fi raccoglie dalle mcdefime 
garole deirAiuore. ; imperoccliè giudicando lui la bellezza della fua 
Donna aver tolto il pregio all'altre , ed e0kr vera r ed infinita , il 
die imporra utu cognizione univerfale di tutti i corpi >.la qjiale nom 
può farfi». che coir immaginativa > e nel che confifte il detto grar 
do terzo della Platonica^ Scala >. nec^flariamente fi debba dire , chr 
il Poeta.coir immaginativa > da lui chiamata penfiero , fofl'e andate 
inveftiganda qualunque terrena. ,. e corporal bellezza : perlochc nom 
un penfiero folo >. ma tutti i pcnfieri'egli pone in moto ^ mentre bob- 
poteva in altra guifa dare il detto giudizio ; e quefla intelligeaza 
non. poco viene confermata da i due aggiunti dati alla beltà della 
fua Donna >«cioè disverà y. ed. infiNÌta^ , e-^molto più dall'altro j che- 
^. legge nel fecondo quadernario , di divina ».i quaU non potrebbero 
adoperare 9 che falfamente » fé roglie(fimo di mezzo \* amidetta pre«- 
cedente confiderazioiìe della bellezza corporea- uaiverfalc > dalla qual 
confiderazionerifutta tiella mente deir Autore la cognizione ,0 clia 
la. bellezza della fua Donna è maggiore della bellezza di ckfcun* aU 
tra Donna r ovvero [ e più acconciamente ] che quanta bellezza 
zycv^ Iddio diftribuita nelPaltre Dònne ^ tutta T aveva poi unita , e 
rifiretia nella fua : il che più pvopriameme importano le parole 1/ 
t^^gio- à' tolte ; e perciò quefia bellezza fi chiama vira » cioè imera> 
a differenza di quella dell' altre Donne ^ le quali falfameme fi dico* 
00 belle V perchè non poOfeggono , che una particella di bellézza » 
la quale folo fi truova incera nel feffo Donnefco univerfalmeme 
coofiderato 1 e fi clùama anche infinita , perchè V intera bellezza è 
r^le, riguardo al fuo fonte» che è Iddio; per lat;|aal ragione fi cUa^ 
l^a anche divina • E* da tat cognizione , maggiore della confiderar 
zione della femplice figura corporea deir amata Donna , anche ini* 
maginevolmente fatca 9 che t il fecondo grado >> agevolandoli it 

jaffag- 



Digitized by 



Google 



Délt Vòlgar f oefia DialUL ^7 

' fdtàggjto al terzo > aozi.penfeziooandofi il detto paflTaggio ; mfmre 

4airMUverfal confideramone procede Ui contemplazione; oimmaginik 

zione deirioMra^llezza 'Corporale > -e feoGbile , che è il medefimo 

teno grad04 4e il peoiiero, o l^nteUetco fi ferma -io eSb , crede 4^acir- 

OMC fhrar da tal coficempiazfooe fl^uo bene: ranco importando 4e 

ff)(c« E J!otindi$rd€^ /éUHte.t t vitdf cioè credeva di avier trovato il 
bene; perchè la falHie «ifgttarda il bene temporale del corpo» da 
vita U bette «temo deU'attin» ^ e però come fcacQrtgiÉi , onde deriva 
^'aim> bene» o vero» o apparen»» ne poflTooo piep^mieote Spiegare 
hAet^ bene; ed in qnefto fentimento ferTappuaco il Petrarca» aven- 
do chiamata infinita la bellezza di Laura^ get ^oojHCO . Óh41 J^mfM 
mtindi s glérìifé pmM &C. ^^ 

N4té vi sHmyord >: ehi tuii éUlci turni 
S^MevtifiMH fer viMkTM » # 9W fer strte. 
ed avendola anche chialnau ^(^«riM nel Sonetto « in qu^ fsr^ Ad 

Per dipifid btlU^XM indnitm mirs 
Chi gli occhi di cófiii^giémmMi non 9àle. 
diCe 9 che daUa viAa di lei rirraeva '/ktkte » r vtf^ ì aelU Canzone., 
Poiché formiodeftim. Uditene le parole» che paiopo tagliate aliano- 
Ara mifura. 

Poicho Dio^ e Nmnr4^ od Amor votfo 

Locétr oomfttémonto -ogni virinu- 

In quo* éogU oc4hi -» ondato gioiofo Wm» 

Qnefio <, e queir éUtro rivo 

Non coHvien » ch^io trafajfe^ e terra mute. 

A lor femfre rlconeo^^ 

Come a fontsna d^ogni >mis f sintomi 

E quando d morte defiando corro^ 

Sol di lor vifia al mio (lato [occorro^ 
Sono » olire acoiò » le fuddeu^e parole di ritrar pLlneo » e a^ «capaci 
H altra » non meno accenda afpofiziooe-; cioè » che rimanendoli 1* 
intcUetto- nel piacere ^ che fi cava dalla bellezza foddeua ^-nè aitco 
defiderando» che i)' godimento di quella» la quale è corporea-» il xte- 
fiderio » come appetitivo » trae Tàftcde intellerto al rùfo» operan- 
do » che la ragione elegga d'uuirfi con quello ; ^ perchè il fine del ffn*- 
io è il godimento del bello corporeo » perciò perfezionandofi qacfto 
pimento nella cognizione ddla bellezza univerfale corporea» diocL 
li ffoeta » che ritraeva dalla vifta dcHa Aia Donna falute^j e vita ^ 
cioè» cbe -era giutKo al fine dcflderatd ^ ritrovando in «al vifta'iI>(uo 
bene» cioè la Aia fe4iciri» a^fomigtiaoza di quegli fciocchi^ che ogni 
4oroleltcità in qùefta vita ripoTero » nulla delPaitra cnratìdo.» ove fi 
citniova la vera felicità • Ma non però il Ck>ftanzo di ul fenTualità 
poteva efler notato : manifeftandoci il contrario la feconda parte del 
Sonetto » dirila quale apparifce » ciie egli defiderava pro(eguire il viag- 
gio amorofo per gli altri gradi .» fapeiuio » che v^è cofa migliore » e 
più bella . » oUre «alla -bcUezza univerfale immaginevolmente confide- 
cata,» cìqc La bellezza interna della medefima fua Donna; la contem- 
•Crr/r. IJl. Folg. Poefia . Tow.FL C J pia- 



Digitized by 



Google 



I 

J 



?« 



DdlaBèUe^?^ 



ylazkme delta quale» afìzi.^he àmoAtismQ ^ XQmc ^ quatco^^a^Qj^ 
^parteoga •> vi dcggÌQ iase avvertita.^ ^ £ginaus ideila (bmma iK:^urah 
c«zza dol CoùaiDiK);,, il quale» yoleDda.^fpfimeret lipUeeie.^ chetwae^ 
va dalla Vida corporale della Tua Donna 9 ^ vale del rermiìne miwm-f^ 
che e piùt che vedere ^ 4n4>orcatido attencanKOie ^ e firacneiHe vede^ 
« t ed A anche incriofeco il ieniiimenco^di adoperare per ottenere al-* 
cotia.^ofa^/ooded derivala il colgali ijKJdo Ai dire ^ 4tw /4 liwriiv 
Ma.traccMdoM'-erpfiifnerc.ii piacere^ f\m fi xtHmgge ;dalU -Vida ìHt 
telletrti^le^ two «là di^e hpàt^^ >,^% jcfHf^mfUr^ ^pttc^U ^ftt vor 
caboto Qgnificaiaftrawma .' vo^ndiOjcoiixiò dinipflrant^^^cbe Hcgit idti^^ 
fiderava .aerarli 4 tna nourfof e?a » perchè veaisra inàpedùa -dalla viftg 
corporale della Tua Donna , la quale coacinoamesice gli € moftrava ^ 
f€ cai defideriof velatamente ir dieMara dalle parole mti f^M icbe di- 
notano volontà di far cofa idiverfa ^a quella , ^be faflS ^ Ma alla fine 
pur fi diede congiuntura ^ Paeca di /oddiifare a tal Tuo <lejSderìo » 
mercè d^la partenza della Aia {>9iioaidal.1uN9gp ,. ov'egfi diaiofavsi; 
mentre allora ^ 'non"percut1>ando1o più la vifta materiale .i <oipittCÌ6 
ad aftrarfi colla contemplazione ^ J& gaardiftattentamcnte jal modo col 
quale erprime il paffaggiodaila-vifta alla contempi anone ^ dicendo» 
che al piartir de i xaggt della fua Donna <ra riaiaA> ^«>ì^ ? il che 9 
iebbene ktteralmente?uona> fecondoJa Spiegazione f^ta da Lamio- 
do, ceflaztone d'efercizio di virtù vifiva ^ come addiviene , quando 
«parte il Sole, ed annotta , che per la mancanaa ^ella Ince ^ la quale 
imprime gli oggetti ne^noftri occhi > nella gui/a»<be fainuno4pecchio» 
ximangbiamo» come le cieclii fofluno : il che più <Iuàraniente il me- 
defimo :Co(ianzo efpreSe in un'altro Sonetto > come dimoQrano i &- 
^uenti verfi;. 

Poiché al vojhro ffurire afcurs^ e yriwh 

Refto del lume fuo chiare , e fklgeiHi^ 

Né fik iegne inviate al fece ardente . 

Del cer fette ia mia -virtit vifiva ^^ . 

tMndimcèn il vero fenfo ., cioè il ini(tico j fi è 1 ^cbe dovendo ^ p^ 
'giungere a. contemplai , afirarfi , né potendo. Uh riufcire , finché 
iion fi perdono le fpezte materiali ^ la qual perdita allora fi fa , che 
<plù non vegnamo perturbati da^li oggetti fcnfibili ^ il che a ninno 
meglio fiefce , die. ai ciechi ; il Poeta ^ per dim^Orare , che , cf- 
iendo partita Ja fuaXIonQa ^ non farebbe (lato mai più perturbato 
«da akuiu Spezie materiate di i>ellezza corporea , dice clie al far tir 
de raggi Ài ki > cioè al celargiifi ia fua bellezza corporale ^ egli era 
rimafo €iece di f More > cioè incapace d .e(Ter più diOivrbato 4a vifta 
id'altra fenfibile fpezie di bellezza « Or veggiamo , che cofa fece il 
Poeta (dopo tal fua edema cecità ; e come egli nel tempo ^ che com- 
pofe il prefeme Sonetto folTe /alito al quarto grado della fcala Pla- 
tonica , e al primo del contemplare intellettuale^ £gli dice , che 
afri gli occhi interni ^ cioè V immaginazione 1 non iftendepdomi ad 
altra più larga fpofizione di quefti ocelli ^ perciocché lungo difcorfo 
già ne fu fatto nel primo ragionamento ; e \ìót , che il meno della 
l>ellezza della Tua D(^na era quello , che aveva veduto : perchè vi- 
^e la bellezza intema della tuedefima Donna > e gli fi appalesò iia 

ftiìe 



Digitized by 



Google 



DelTa: Vofeir JBaefia. JDiaL IIL j<|. 

^ frudémjk , € Vwtfià y ed ft» fxnnina: ià ricohabbe if-faeMai ìnpcma^ 
tietne^ chc^ la^ giudica il più foeL lavoio ,. che foOe oieho- dalia. man<r 
MreccrnO' Aneficc LaiieileBUb ioferna cooTiAenell'ÌEioiairay^Aè è vi-i^ 
fiUfCy che all^aoioàav e perciò dice ilCofranzovciie daliar viRa^Acini- 
(irca gli era impedito di vedere coVl'Antmk iecrinfecameme la^ detr» 
tdlesza: dellat foa Dònna : ma ^^Korcitrè l'anima per fé dcdìa fia bellff: 
fcpra ogni bdfezsacorporale ^ nondimeno ^ pecthè ella? è fpiritiAaler 
uè malda alcttao^ flaca vedoxat ,. noti è la lua beUezza immagnaatùr 
fer il pcrchèifenó» viene cavacstfuuri;; r fatta: vifibi le dalle vinetti: r 
dtftoeni^a^ifri , e éì>ftunti v cb^ la. ra^refentan' beila in prima^ alla vi^ 
fiay e" pòi airificelfetco ,. non' pùÀ della belleszx^il lei darfi. giudizio ^ 
anii fe il» Véce 'della viniì». il vizio ne la cappteCeotecr ,. più^ tofio la- 
riconerceremo bruna y che bella: dal^ che manifèrftaitdofi: anoi^, chr 
)a bellezza dell'anima dipende dalla, virtù y francaraienre aftraaar por 
tremo > che ttudrafnima* i\t pid bella y^ dte di maggiot^ornamento di 
virtù riconofcerenEK)^ abbellita - Er i>erchè , per confegciiir l^ima' dell^ 
amante qiieflo riconolcimenro y è necefiariO) ciie prima: ancii'efla fi 
admgga. dal fuo corpo y e riconofca: y noti pìir fé ftéfla y ma la granr 
dézzà, e dignità della Aiafpesie univerfole^ acdochèriAikandoqmn^ 
Hi l'idolo perfètto della bellezza dell'anima ,. po0a farne .ii confronto 
-aelfìi. Mzi^ anima dell* oggetto amat« *r Perciò nel fuddetto riconofci* 
némo» fi cooiieik vjnuatmente il quarto grado dek Platonico Amorei.' 
Qie poi oèlP Anima della foa Donna rieo^iofceATe il Poeta tutte le vìd^ 
fu V b<^i>cbé: <iiie fole ne atmcveci y cbè la PrndeikBay e ^'Qoefià > noa 
^dnbitsu^nev mentre in^ altra guifa not» avrebbe pottuiogiudicarhi 
jierlo* pie bel lavoro ofcirò-dailai mano di Dio^ xiè^'efpi;ei&one <U 
due (ole toglie il vigore di tal mio fentiniento y perdiè la Prudensa^ 
^ l'Qtoefta fono i due cardini ,. fopra i qtiali tutte l'altre vircà: fi ag- 
•gìranior^ almeno fono» le pia imporranti» che &> richie|^^^Qo in Doli- 
la» e però- nell'^uno»^ nell'altro fenib poffono acconciaoi^me inten*^ 
devli per tittte». Ma percliè hi peBfbzfonriti: Terrai», per vero dire >. non; 
ftirnova-i né altre anime nefbno ftasecapucr^r die quelle da.' Dio* 
iHliMcate % t do^^cndovi concorrere tal perfetione»^ pec.didiiflcar talu- 
-0ò per lo pitr bel lavóro della mano di Oio^. però' ti Poeta .y ben coft^ 
-fidevando,. difeonvenirti quefla lodealla^ ftia. Donna Jepoplicemente 
ézt^y volle ^rreggitrlay e temper aria' colie, parole 4né^.^r ^ Oc 
vedete ^Sgisa' y quanto fag^iamente y Tana y e l'àltia viila^ beo poB- 
demodoy dica il Coffanzo ,. chey fcbbene lai vifta edeeoaigliavevada- 
^doOrat» una' eofai^' al domino bella,, nondimenoiafpctfiov a» quella^ die 
|*ii dfosoOrÀ- riiHer«aT ^a^ fuddeita lomra«tellc»a era il mttmy oioè 
ia: nflenr degfi» pane delli* fua Donna» pencendoA y per cose dire y d*^ 
^tver tlabto bad^eo' a qucUa^ ed in quella» aver pofta ogni fua mira^. 
-m qoat fentimenro fenza fallo* adopera la parolai mrjirinel verfo un- 
decimo •> dal die per noftro infegmimetuo verremo dirittameme a 
«onfcrfMre ìx maffhni^H cavata gii dal primo degli elpoAi Sonetti » 
-eioè,dieMa viftfit éeWiOtrig^ttoamacOy compiuto, il primo grado dell" 
«K>fe^ fìefce d^mpedimento per ki^ confecurioiiexlel fine^dicbiama;. 
^pttò fi dee laggiféV « recarfene* a grcAr ve^tmra^ l» psivazione^^ Egm> 
(al coene ft marsiràglM uncbe wi » o Xitfi ^ avete tatOo ad effetto il 

C 4 voQro 



Digitized by 



Google 



4& Déki Bélczs» 

toftco ptvpmismetite ! Io per me refio |>erfiiafiAimà % «te qatflbr 
Sonettafia ripicRo Anche interoamencc d'ogai bellevza y fecoodo iti 
Akx coraccete >^ oé mi refia in ciò ^^ cti^v defidcrace .« Or verrei- , Lar 
tniiido , finché Tìcfi prende tipoTo » che voi aii fiurotifte ». per ma»» 
gìot mia iacelligeiiza r ài riadogere ^ ed epilogare tt SifteiDa delia 
perfezione del Soaecro r fecoado le già dctce cale: aazt » percbc di^ 
cemmo ael primo AtfcaHo r che la medefime coTe fi rìdneggoflo^ai»- 
abe per la perfezione d^ogn'altfor Poetico componimento r defiderer 
rei di* pia, che mi anooverafte cime le maniere de'componimenU T0- 
fcani r • tna !• rido^Oe a i forni» o fpesie della Podb« i^. Ahiaié» 
a ch^ malagevole knprefa voi mi cbeamaie • £i^ DaUa graodeaaik 
deirimpr^a mi(tirerò la grandezza del fiavore , efae mi forese .^ 7*«a» 
àamiado'» obbidìce: perché i pricghì delle- Doàne fono eguali a quei 
«te" Grand» y che fi convertono facilmeme io comandi «* La^ Anzi §)f 
tAeffi pFtegln fono comandi*» come Scarna Aufootc. 
Staiti m$ JÌ9ip$fltis tkhty & mts Carmine p^/M 
Pini rtiiémf'<i kldnà» vh iutn imftri^^ 
TitiTamo più èinefcofabtle'Ogiit dimora •. Lii^ tocraprcaderè dway 
que ad ubbidirvi ti mqlto».€be m^ verià permeflo-dal mio debole iar 
gegno •* fa. E vai, oTirfi<> non ridere, perchè vi* foca qjialclie prcr 
ghiera anche per voi • 7#KEdamch'io ti meglio*» cliè foprò ,« fcrv^- 
rovviu Ef. Cberenfate , Lamindef Léu.Pcào r ahe ti favellar dà 
auto dò, chefo di melUeri per foddisfora al voftio defideriot^richio- 
da* altro tempo » de quelto ^ che. d^la prefeate gicaoatar nmatic^ 
a cosi, fo a voi tiot^é di(grade > Ainiereir chù-toSc k meglio porrà 
aa aaria ^ comr in diftgno »« l'iAeflb -filtema , coli' annoveffazionc». 
€im voi bramate r perché poi con pi||ì facilità it^ altri ragionamenti» 
potremo fopca dit efi> fovellare ..£;•« Non» mi difpiace il p^ofierau. Rìr 
eìriamocra quel Tavotina , dove è appreftato^il ttuto per ifcrifeca*. 
JL««^Io*m^rfmateò fopea quella ad operare; e voi mcaBtO't figio^ 
potrete intecrogac Tirfi. dir quel -ptày che defideeace fapera # Mt* Sa^ 
giamenta voi configliate: rtaaanetavi aduiM|oes e noi ean quefiiaU^a 
Arcadi traggiamoci , Tiofi , in dìCpaice ,> por noit frafkmai^ LamilV 
4k» dalla foa applicazione «. 7Vr.'G>iBa vr aggrada ». JEf • Io vorrei (^ 
per. da voi*,. (e la giàie^pofta idee fono capaci mai di convenira infia* 
me ; di* modo che un componimento- fenza nota d'imperfezione ,. 9 
feao vcntvolecza , poffa efier coftttuico.da pii>Uee.;* avvecovdebba 
neceffariameme effer contento d^utU' fola , eome fono* i* tre. Sanettj 
^l Coftaiizo, fopraù quali abbiam ragionato^ T'ir.^ La qjdftionc, chr 
voi movete t Egina ,. é non. mano neceOam a deeidarfi , per confort 
guiro la total ioccll^iiza del perfeao modo di ?eompa»re r che ior 
4Eftgati(Itma^ e ripiena inguifa di difikultà, tanto pelala pane alTesr 
raativa ,. quanropeala negativa» che incorno a ciò ioftimo impo^ 
iibile il dare utra ferma , ìed ioappeliabila decifiooe ^i diravvi nondir 
meno brevemente il mio parere^ acciocché pati iKciate dt^eCfo il vor 
Uro talento» Io giudico' aéuoquc, che il cpfiearfo dtf>iù.idea.G^via- 
aato folamema io uno Oalfo membro , o periodo*»^ e in.qaf'compor- 
aimenti , che, pec la Ior corriflima- te/fitura ,3 non immeuono variar 
aione d'a&tcii;.ma:fe il compofumecifoi.diftefo per^fii^ mai^rj ^ # 

periodi,, 



Digitized by 



Google 



Ddla VofearPoefia.DiaLin. 41 

fenodi» o che abbia t» peffaadtre > o^ad infc^nare^ o a^difetrare» 9 
che ad altro fine Ga direna* ficcome per confeguire il* prefcrìtto fipe 
dovrà tscammfiutfvifi per li fooi meni» cbe or graodi» or' ornili, or 
BMdiocrf ÌTooo, doti porri cootekieffe varieté d'idee; tglt è beo però 
fero, cbe ana idea <lom efferl» figaore^gianrey fo^o ilr BOfoe della 
foalc cacfHiiintrà te locuzione » tattocbe per varie idee maneggia- 
ta. Né a ifuùo parere credor cbe podi» nuocere il confiderare, cht^ 
f idea (ioblime , come oppoibi aJi'tuniic, nonjmò con quella pient- 
ntence aecozxarfi; doveadofi ogni fentenz» pigliare con difcretezMi 
e. la dtTcfeiezaa dimoftf aodoci r eflcv'dtflScil cofa» -cbe in un compor 
ilimeoto di lunga difle(a » come fono i Poemi Eroici r le Tragedie » 
ed acDche non poche delie compofisiionr-Liriciie, ancorckè per (eflef- 
for abbia riéea^ figoopeggian^e4 non vf lia qualche membro , concef^ 
tOs-fenfoy o perkxlor cbe ad ahra ideaft ri^ecifca: tanto più fircon* 
'idtreremo l'idee feconda (a numeraiione d'Ermogtne, chey ttagt» 
nerali, e foitordinatef infino a ventine fiabiii^ anai rìAelTo' Ermo- 
gene 9 ed anfcbe Demetrio r che in qaawra le divifcr panni ^ che ne 
ammetrano W eoncoifo ^ eceecta quellor dell» magnifica eoUa tenue fi 
ifcondo' la^ dfviftoiTe dv Demetrior a della MMmt consumile > (ecimi^ 
do TnlHo : ma anclie tra queftc nella |ui(a: detta di fopra r fecondo' 
ine r il eoncorfa 6 puè ammettet'e; benché ciò affai di rado poffaav» 
ventre, ne riefca U fiacla acconciamente r fenza fomma accuracesH 
tst'r prudenza y € gindisiadr chi compone^ £g^E nei Sonetto > cbr 
è brieve compooimentoi potid ofatir sì fatto conoorfo <enaa fconve* 
VKVolezaa ^ Tir. Maini.* perciocché J4 Sonetto, febbene fi riArtgtie 
drorro i^ bf leve circolo' di quattordici verfi y nondimeno agguagli» 
fculooque perferta orazione atta a^ mnovefc gM nmaniafott ; oltren 
the di molti- concetti, e fenfi i capace, più periodi contiene y e il 
itianeggio delle figone iiveOb-è nà^ar io ^ quanto in qualunque lon^ 
go Poema : la quat cofa molto* picMmence è Aata dimoftrata da quot- 
ili Conipaflori wUa fpofiziiooe dtUVfl«na4;^eizà de^5onertidelCo>- 
ftioiTb f e perè> varie fòrmcr ed idee poOSonoim: eflb concorrete « fo» 
^eondo-la vari^ de'cDncetu, e delle figure » dèlle^uali^ per confego»* 
je il fuo fine, f Autor fi> vale. Il che parmi, pcifla readcrfi^ appieno» 
falefe cov qjiel Sonetto del Petrarcait cbe incomincici.» * 

Jk qiéél purtf M ciih , in qumlif idtd ^ 
9el quale tottetrè le ferme di* Giceronè io ricooofco, fenza cbe Vomì 
fNirtrv nocumentor all^ altra • £^^reoieact)o di grazia ^ 
Xlr^ M vmi fémre del CifU^in quah lAtm 

S^d M vif9 Utiiàèn , i» cb^ 0IU votft 

Jkhftwnr qu^^tà r qi»^nU' Ufm fotM ^ 
^st Nmfk $H fmtì , in ftlvf mai quni Dtm 

Chhmi étwé sì firn ali sum fciùlftt 

finétnd0'nm cm témtt im ($ viptuti étccolfif 

Bimbe ta fmnmd i dà mis mortr^ r$a ^ 
Wkrdìvifta MlenJis intUm^ mird 

Chi ili- ^ahi di etfiiSfgidmmmi mn wkp 

Cmm fmnmtnm- dis> gja^^m^ 

JtUm 



CTigitizecI by 



Google 



4)L DeUaBellfiZi» . .^ 

NM^fà%. C0iHr AmùT fanay e c&mt émeidit^ * '^ "^ : 

Chi tt$n^f4 9 cerne d9Ìc€ eUd /e/fira^ . ' .. 

E: cerne McepurU^edekeridt*'^ ..,.,. t 

f f». Voi me oc recate un! cTcnipio cosi- cbiarov O: Tiri!».- che^ to« refto' 
appagatiflfima* dei voftra parere» Marchi all'^anifizidre perfczione^dd 
Petrarca, può gmgneret Tin figli è ben vero» oheper quamo* altri 
«^ingegni » DO&arr Lverx atU pertezione dei Petrarca ;, ma: tioa pet que- 
flo maocano' altrit ingegni >. cUc adoperanaccceUcuiemcme nel fooct* 
tare r anzi- in propofito' del cancotCù deli' idee «^ l' ifteffo CoftantO" ve 
nfà de*oobiU(fifm«^ e fpezialiniBnre qpello».€hé tficomincia «^ 

Peiche tHùs &" io t^arcàte ^dimtme^ Vende ^ ■* 

Maeeco' Lamindo : veggiainocfò ^ clte taqud foglioà rcricto»' EgXbc 
£acceikla.<egtÌ7C malqucUa». die avete iacea v Lamtnda^ Ldm^E\\\ i 
una* tavola» che dtmoflra quatìiovòl ok' avete, comandato^ i^^ Fa- 
te », die la^ veggia.. £«iKr. Eccola* in voAro podere*. f^^Leggiadra. figiK 
ta^.^he ci capprcTema- la Poefia in forma' dii beiti flmuvNappQ v àut^ 
tro- fhquaie cacdiìude it necure v che ci rende cmniortalt «. Orsà^. 
LamJiìdo^;fpiegatecl.ont ia.V£}(b:a;ioocQKÌone. £4f»f».Giacchè^oiaMe- 
te datO' nome di' Nappa alla* mia. figura >• di cQb mi' varcò v per dimo- 
'Ararvi la mia intenziotìe». La parte ruperioreidiqueOo' Nappa abbrac^ 
eia rutto-ciò, che è dettone'paflati.dircor£iv p^t iftabtiire, )a» per- 
fezione d? ogni componimento », e rpezta4mente del Sonetto- Il piiedr 
poi comieac-l'annovètazioii^ de compotitmenti Tofcanr ridotcr (otto^ 
te loco* {pczie , b fonti .. Qiìattto alta: prtma^ parte >> da'paflTatt rag^^ 
memliacavo». d>e Teflienzàdel componimemo^ {xsk la bellezza*^ iia^ 
qpale non« meno^efternamerue >.xhe internamente debba^conCdecttfti ;- 
etTcioccbé,.ficcome dall' eflema: bellezza. ne viene il diletti)». cosi ne 
deriva' l' utile dall' interna , fenza. il concorfa delle qtiaii> due cofe la 
-compofizioneé manchevole», ed imperfetta- I fonti' poi delP utiltti> 
abbiam detto ^ che fono^ gì' infegnamenii > die (òtto il velanEie Poetica 
ù comengono » i quali da ogni fcienzr pofibnoeflerne porti :; marpt*- 
zialmente dalla Teologia ,, dalla Met^fifjca». dalla^ Ftiica ^ dalla Poii tf^ 
ca, e dair Etica r allo 'bcontra l fonti del diiettafonar idee ^.o^Atli 
7nae(hevolmente maneggiati v che in.fublitiievtNfeife».^. temperatoti, 
abbiam- detto ».dividerfi da Cicerone, ponendo* lafotto il- govtròodfr- 
gllflill mentovati»» non pur la. Poefia. Lirica^* deBa. qtiale & è favdla» 
to ile' paflatr ragionamenti >, ma anche la CooMca» laTragica ». e L'^k 
ca». delle qt^IlperavventuraavraOl ntvgioctiaafavdbrc.. Pec^laper- 
fezione adunque d^un componimento »- debbono concorrere tUtre te^ 
fopraddettecofe unite». e iniicme eongiuiue». di^modo^cbeuìia. com- 
porzione folameote utile» ed unafolaraemediicìtteyole»' tuttoché buo- 
na,, non potrà dtrfi perfetta*. A vvcctafi però», che per la ptrfezione». 
ftccome UD^ idea» bafterà nelPeftemo per dirlo bello», cosi odl'lnterna 
baftera un*inregnamento.*. Paflandaora al piede dd: Nappo ». in: effo ò 
diftefo in prima lefpezie generalldellaPoeua».cheqitattca*XòiK>»,cioè 
Ditirambica ,« che Lirica», e aodìe Melicav puote appellarfi). Epica*, 
Tragica ; e Comica v ed a quede quattAv ò j:i£etÌAa.tutci &coitponi*^ 
menti da'noftri Tofcaoi ritrovati ,. o ufati». toalafcjaiìtioiquel», che 
antichtflimi |. o rifiutati fono», o dalPeskacoa. uso «tati^^ rome le 

Cobr 



Digitized by 



Google 



Della Volgar.Poeria.Dial.in. 41 . 

CDUKalc>-t*.Mocficcti> i Sositm^rimcraa») e i dóppi,] gli Stram bot- 
ti, e ieiDifteft^. è^reccbi piiU ancortbì di .Oiftefe n'abbia ima il' 

ualaTciando ^nchc , xome (incafpaci d'%(Ter dìAmcafntme atstiovcraci» 
aioici.di'jqaelLly ctìc^noti aanoccrca»rcgolarOtK)rnia di inenro:; ^fe- 
condo le macerie^ delle qualità efTt fi tratta, o i mecri^ rco'qiaali fi 
eompoogaiiap$|x>arono> alle cent , «e ilecermirK»« rifetirG , ^^mt gli 
EpicaUun)» ^i' Idillj, gl'Inni, e \c >Pift^, vle<^Se1vc,^ e oonpoefii nal^ 
iriw V£.picz àffotto fé il fuo compotómctito pàittedlarc-ciocil Poe^ 
ma detto 'Eroiccu La Tragica à parimence il fuo parrticolat coH^poni-^- 
vento , detto Ttagedia «Xa -Comica , oltre alla'Cocpmedia particolnr 
Aio Poema, due altre Tue rpezieà.fottordinate, cioè la Satirica, il 
etii. proprio cotuponiaiento^ Capitolo, o Terze.rime Bcmefcbe appef- 
)ctemo> per contraddifiinziooe da altri Capitoli,^ e Terze TÌme^Ltrt^ 
che; e la Bucolica, alla quale ^VEgloga fi appartiene^ e quella^pezie 
di Dramma, *che&'appell a Favola F^ftorale^ La Diiirambicalinalinen^ 
te, che :poi in Lirica^ *o Melica fece- paflaggio ^ :in quanto Dittram- 
bica atioovera foto due componimenti, cioè il Ditirambo ., coine^ il 
Bacco in Tofcana del noftro dottiflfimo ( a ) Anicio Trauftio , e la (^^ Trance f» 
CanzoDeaa Ditirambica, tii cui bellifllmi efempi fé ne veggono tr^rco^edì. 
le Opere del celebratidìmo nofii'o {b) Euganio.Libade, :p€i'ìe(\Qa\i(b) Benedite 
à egli meritato il titolo di .grande Anacreomico^ Inquamo^poi Lif i-^« Menx*ini. 
ca cootictid nove (particolari maniere , cioè la Fronòla, come è la 
Canzone 4cl Petrarca^ <heincomincla.t MMm^n vo più cantar ^ &c* 
La Ballata, che fi divide in vetlita, come è quella del Petrarca* Di 
tmfo in umpo^ X^c. e in ignuda, come l'altra del medefimo. Laffd- 
reil vfloy &c. La Sedina, cbefi divide in femplice, cioè di Tei Dan- 
ze, e una riprefa, come è quella del Petrarca,* U aere gravutOy &c. 
e io doppia, xioé di dodici danze, ^ parimente una riprefa, come i ^ 
quella del mcdefimo Petrarca, AHa benigna fortuna ^ &c. Le Ottave 
rime, t> Stanze, come fono quelle del Bembo , che incominciano. 
Neil* odorato j &c. Il Capìtolo, o Terze rime, come i Trionfi del Pe- 
trarca : l'Elegia, nel quale fiile nobilmente conipofero, Bernardo Ta(^ 
fo, Luigi Alamanni, e Fabio Galeoca ; il Madrigale ^ la cui fembian- 
za antica poco graziofa rinnovellò, ed abbellì con moderna leggia- 
drtfllima gtazia l'ittgegnofiCfimo GiaBattfta Strozzi; il Sonetto, e la 
Canzone, la quale di tre caratteri fi truova, cioè Pindarico^ Ana- 
creontico^ e Petrardiefco : del primo, e dclfecondonobiliflimiefem- 
pj fé oc truovano nel Chiabrera, e del terzo in ogni buon feguace , 
ed imitatore del Petrarca^ ed in particolare per l'amorofo nel Tanfi- 
loi cl>e'l grave neliodatiflìmo Torquato TalTo* Bccovi omai fpiega- 
ta 9 o Egina , la mia intenzione , e la Tavola da me delineata , lafdan- 
do lo da parte ogni difputa , e le varietà delie opinioni , e quanto 
quafi in/inito numero di Letterati an detto, e quifiiotmto, non me. 
no fopra le fpezie generali, che fopra le particolari , della Tofcana 
Poefia> perciocché né io intendo di prefcrivcrvi una regola certa, in- 
•d abitata, e infallibile, né voi di ciò m'avete richiedo: ma feraplice- 
mente intendo di foddisfare alla Voftra dimanda, con dichiararvi la 
naia intenzione , e quello , che io mi fcnto intorno a ?i fatte cofe • 

Eg. 



Digitized by 



Google 



44 DelU Bellezza 

Ei» fieUiffiaa per mio avvUb » ed ucilifliina fatica è qu^a » che fa 
eoe pie i fatta Lacniiìdo: ooa £ egli vero» o TirS? TVr.Certameii- 
ce» ^gioaì e vi adicuroi che noa ò adito alcimo trucac della To« 
fcaoa Poefia più ptenameote ^ e con maegior feliciti ia groflb volo» 
me 9 di quello» che eglià £acco io iuia iuccima » e brieve dicnoftrar 
zione» o tavola* E£. Colla quale io (pero feaza fallo fe non cooTe- 
gaire« mercè della mia debolezza» imperfette comporre, almeno co- 
lurfcere» ed ammirare la perfeaione de' compolkori del buon lecolo» 
e vEiAra» e de' voftri pari« Léim» Di grazia uoo richiamiamo le abaiH 
dite cerimonie ^ Avete altro da domandarci? EiAo fono foddisfattif* 
fima; ne tal refta dubbio di far ta alcuna» parendomi d'avere intott^ 
confeguito il mio fine* T'ir* Se vi aggrada « profeguiremo la fpofizio- 
ne de' rioianenti Sonetti del Cofiaazo* Ei. Senz'altro voftro fcomo- 
do» fj>ero» mercè delle aficoltate cofe > per me ftefla appagare il mia 
defiderio; fé poi mi bifognerà alcun* aUra notizia • farò rìcorfo alla 
voftra gentilezza» tiovitandovi tutti all'intraprefaconvierfazione» che 
ora fciogliamo* Lém.Onà^ giacché aUro Egina non vuol da noi s e 
rimane ancora alquanto di giorno, farà il meglio» che fagliaoao a ri- 
verire il fuo nobili Oimo Padre « Tir. Voi mi avete pievenuto nel dir- 
lo, non già nel fi^nfarlo. £{; Andiamo «* che vofervirvi^ LdmAopet 
me non permetterò 9 jpbe voi vi moviate dal voftso appartamento • Eg^ 
Dirò adun()ue, che non voglio fervir voi, ma me Aeffa» con farxon- 
iapevol^ mio Padre dell'accaduto in queAinoftri ragionamenti, dei che 
a lui non ò ancor deuo nalla. 77r«Come è co^ p vfixdu purp a v^ 
Ibro ralento# 



M Fine del\pialogp7en;fi 



Digitized by 



DELLA 

Google 



4J 

DELLA BELLEZZA 

DELLA VOLGAR 

P O E S I A 

DIALOGO SlUAR^TO. 

Siiagioaa del modo- del compocre u(àto da i Goecì> 
e come poffa l-iftèffo modo imitarfi dagl' Italiani r 
e poi fi parla exproféflb del concorìa delle idee, e 
fi dimoltfa,- (ècondo il fiftema, in uà' aleso Soaeo^ 
to ^1 medéfimo Còftanzo.. 

Ca) Milko CrafUfi^ c*rL*jtM» 

— / . jhtU»ÌUr$» 

tintìf» SmlvM. 




'^^^' i k %(9^ Jt S l^ ^^^ ^^'^ dòbbìam fctvirviv Egina t Kg. Tanto 
fu il godimento, che ricevetti da i paflTati ragie* 
namenti' fopra la Bellezza della Volgar Poefia >> 
che rapi il mio iotelletcoy il quale oggimai' fi pa*- 
re> chGadaltfofiudio nonf&ppia applicar v che a« 
quello d'andar riTcontrando ne' buoni* Rimatori 
ciò, che egliapprefe da quei difcorfi : ma addivenendo* a me, eome 
a novizio Pittore, il quale altro non fa dipingere,, che quel , che e- 
(ecnplarmentt ^li fi pone davanti, per vero dire ,^ qualunque co- 
fa ne' detti ragtonattionti io nt>n afcoltat piena, e difiufamente rpie*» 
gata per me flefla non fo rintracciare*; e ciò per P appunto mi èr 
accaduto- Ramane ,' che intorno al concorfo degli (ìili da Tirfifpiega- 
gato aodav» fiacendo (hidio ; e quello- ritrovar volendo in» alcun Sonet^ 
«ov ben cento ne ò letti, e confiderati-; ma non ò già confeguito ti 
nio fine ,' imperocché foloteoricamentc, egiimi fece noto fimilcon^ 
corfc. Vi ò adunque richiamati tutti a ragunanza; ed ora defidcro^^ 
che voi, cArifteo, la teorica di ciò a pratica mi riduchiate , qual- 
the Sonetto recitandomi, in* cui concorrano più Aili, edimoftrando** 
ni , come vr concorrano •- jéri/.- Io non ricufo incarico alcuno per 
fiesvirvi, benché le mie forze non fieno* da>fopportar gratrpefo : ma 
perchè^di qoeflo concorfo vv ragionò Tirfi^ il medbfimo dee compier 
l'opera,, acciocché non vi confondiate colla dtverfiti*, che in quai«- 
<be cofa fopra di. ciò peravveotura potrebbe eficre tea il fuo,. e il mio» 

parere*^ 



Digitized by 



Google 



parere .. £;.. Voi dite bene ; ed iaò fatto anche a lai faperc h pre- 
(ente adunanza> ma chi confida di ^oder pc^ un^fol momento , noor 
che per mezza^ giocnata ^ deU^ fiiat^4:bnyerCi7,ipnc. »i^ dggimai r che è 
giunta) ini FraTcati labelliflima EuTonia,. verfo' cui egli rooflra^ tanca 
inclinazione P^riyiCocnpytìieinr: voi non v*app<>ae(e t^ Egìna .^ per- 
ciocché in vegnendo' io da voi > mi fonò incontrato con elfolui ; 
ed avendomi riduefla delA^a viaggio.^. e udko ^..Gbp sa voi eokiar 
diritto > mi à accommiatato f>/ condire «. colà quinci à poco ci rjv- 
drema : laonde: oggi^ godrèmo della fu^ converfitzioi^ ;; e vói àz 
■hri' afcolteretequamo bramare - Eg^ ©m»£ faccia; itfvoflro' talentD": 
ma fìnch'egli giung|t> in- che ci divertiremo h ^i/i A. voi ftà il- «o- 
, mandare ». £;.. Nella. Tavola; della TofcanaPoefia , che fice Lamin- 
do l'alt r'ieri » fotto la fpezie Dicirambira- egli' pofe il Ditirambo , e 
.la. Canzonetta del medcGmo nottie ,. e le Canzoni Pindarictie v e te 
(c\FrM»cef^ Aoacreomiclie s. e me ne apeoci^^ gli efemp). de^ilòctcKCmi ( e ) Ani* 
C0 Redi». cio>,ed; (^). Euganio noflri , e di Gabriello Chiabrera ,. i qitali io ò 
(d) Utnedit^ veduti attcncamemc». e ne h veduti anche degli- altri dc'^noftri; Pafto- 
to Minx^ini.. ci , .e fpezial mente le «tcluzioni in XoCcanajEima»^ Catte, daino Aro .Cu- 
flode », d'alcuni componimenti^ Greci del cdebratiflioia' (<) MéonaLa- 
(c) P.M.Di. Cìonìo'y e perchè in sì fatti componimenti ò> io- riconofciuto* non^fo 
j'^*^'^^^ che didivcrfoda quell'ùfaio comporre poeticamente in.To(cana,Lin-^ 
4i,M$ro.. gua>.derquale nc'paffacidifcotfi abbiam ftvcllatd^sinello ftilc ^ co- 
me ne.Tentimenti ^ e infogni altra parte %. pero vocqtt » die mi diceftc 
la cagione di tal diverfità ;. ancorché mi avviG ,. the pet eOcr Tiifara. 
Volgac Pocfia. nata in. Italia >. e quella* vd<Ua*qpa{M9gìoirìaiipo'i.rol» 
ra dagli antichi Greci». la dtvcriità de' linguaggi , e de' conumr deK- 
le Nazioni», la. di ver (ita del comporre poffa portare •. jirif. Lajrifpo- 
Xlai appunto i quella >. cbe detta' avete >^ provegnendo per vero dire 
dalla diverfità d^r idiomi » e de'coflumi di^^eOe due Nazioni la. 
cagione della^diverfità dell' uCataeompor volgare dal compot greca- 
mente;, perciocché iK linguaggio* Greco- [ io favello delirànùca J a ìnt 
fé moltO' più? di pienezza V e di c/prcffione ^ e il^coftume , e la ma«- 
nier» del poetai» de gli antichi Greci è afiai differente dal nofita voi» 
gare » rapprefcnraDdùO da cfli-cofe fenfibili ». quando i Volgari alle- 
immaginarie fi coiKlucono ; e perctò^ chi nel noftro* idioma vnole^ 
smtcare la Greca. Poefia >> non^ è maraviglia »; che apparifca diffifr» 
centeda gli altri «.figlie ben: pera difficil cofa pec le dette, cagiona* 
ìL feguitaria i né pecavventura che leggeriflTma ombra, di: quella pof. 
(bn- chìamarfi' i componment i de* mentovati Tòfeani^ ,, cher Ì*an; fegtur- 
tata ^ Eg^ Ma pure il nofiio Cuflòde nel dettatrafpotta parmi fi poe- 
ti ii^ modo ,. che il TeRo Greco nulki perdas di grazia >. c: di: maei» 
. fli :. ik che nol^ farebbe avvenuto ,. fé il Volgare idioma non ne fbf» 
fé in tuito' Rata capace^ ne miicmbratiomei^ vaglie le /enfihili co-^ 
fé: nella> traduzione y. cbe nel reRo- medefimo ,. per quanto poffo- to co» 
nofcerc coih qualche intelltgtnza». che ò> detla^Grcca- Eingoar dal ciie 
io cavo ». cheppffa. anche la: Vòlgar- Pòefia* cflfercr agcvoUnente mar 
noggiaca- come* la Greca ,. origine*», e fonte det poetiaameatrcempoo» 
re», jìrif.. Orsa già ò compio il vdiro defiderio •. Vói volete» cbe 
vi dìnraRri il modo^deL Poetac de sl»«iittclifc Greci > e come qneto 

{offa. 



Digitized by 



Google 



DdU Vclgar Podla. Dui TV. 47 

fofla imharfi Aarnòiinelnoftcb ATolgaceldioitia • £g, £ di più la ca- 
{ioiie » per U quale » ^tnii^iMdo fidi la 'Arada dà^^rtifìi MacArt dei 
foenure camminala» -aH* altra-, che 'Og^imàtfCàldiiamo^^t-fiam con- 
4ocri) e finitmeote qual delle <ióeiia^a più QciiFa»^'!^ i^iùdkma per 
fioagere air^nmiortslUci^ tmico pftmto Sellar Poeiia^ ^r#/. Ne';pri- 
oieri feooli del monde la più 'porte de -gli nomini vivevano ^in<g4iifa 
Kozìy ie ignorflod., %^he, :non 3i>urmfana«co£A'fape vano ^ «che aiKirmà* 
Bici s*appartenefle<, ma-incapaci aerano •difaper1a;'ereftii^<e 'non ^cu- 
raoct »'OCct]poriaifocto^al)efp2M[!oni1>rUtàii ,-per niuti^attra^oTa difw 
hunti apparivano -dalle ^beftie^ «che ^r:ia sfigura dell ^corpo^ 'Aando 
oppreflb nel loro f ncòllerco x]qc1 lume /d''eterna ragione-^ fClie Iddio ^ci 
a dato, col •qualci Separiamo <ia'broti'anin^H.^ ^ loto Signoreggiamo. 
Ma alla fine pur venne <ihi a tanca quafi imiverfat -miferia dclIVuman 
genere di provvedere prefc «onfiglio^ E'furon ^oftoro alcuni mommi » 
che Poeti ù Piffero » tie'qnaU non Solamente la ^ragione^non dormiva ; 
su eoa moka tivacicà'Operava^^no ad alzargli ail'iQvéAigiiione del 
pernierò fsrincipiodi'tQrte/tercreatexofe se benché ded la diritta ^ia 
fiflero anclì'eglino tnolto lontano, nondimeno non poco vatfero , 'per 
odor gli uomioi a civil vita > e dirgregartidairaccomunarfi' colle Fie- 
re. Qpiodi d, che l^giamofcritto nelle am iclie "Favole , che ^itfio- 
ne fabbricaOe le mura di Tebe-, coAringendo i faflr a >niciovcrfi^ t 
fopprapporfi l'uno alP^tror, colla dolcezza del fuo cantare : .clie<>iy 
feo in cantando vedeflle correre ai'e ed arbori , -e rupi , e fiere -man* 
fiiefacte ì c <be le lice d^arot>edue foffiero «lono di .Metcuri» ? ma io 
h«ma verital limili ^a^ole rìgoarduoo laioro eloquencUf, -^ia^cida- 
àoDc de gli nomini al >vii{er civile 4a loro'facta : perciocché -Anffione 
fa 9 cbe, raccolti i difperfi per le campagne, li coofònò ,-« condufle 
air edificazione -di Tebe , e ad abitare in fottificata città 7 ed Orfeo 
d'altra patte allettò altri uomioi «feroci^ ed indomiti , re adinfegna- 
mentii ele^i^'critiifoggettolli: il.che noncon^altro^vcbe^olta^a* 
cidczza^ e colta dolcezza «irataveloqucniemente fi avvifarono di'fare^ 
peccbè veggiamor^càe quelle fotamente atte doiìo^adaromanTar le £•« 
re» ^le qaalierano'fimili^li.tiomini in quella ^etàs «e perciò del^uo* 
00 9 e del canto -fi valfero,, inventando ritmi .^ etnetri^, co qaaU in 
prima tolfero la ialvattcbezza , quindi la ferocia^ efioatmenteil yfc* 
lo» dal quale nella diente timana la ragione era coperta : <iò ^poi 
coorimiarono i Popoli d'Arcadia^ i quali , fecondo .Ateneo ^nel r\iHLt* 
cordiccfimo libro delle One .de' Sagpi^fc ben miTamnymca^ manche 
adle più gravi bifogne adoperavano il canto, 'cot quale -non pocotat- 
nemperavatio %\i sanimi Htidonmi » ^'feroci della lor ^nazioiie^ 'Afa 
focbè io quei princìpi ben confideraronon faggi riformatori,! qua- 
li già in lor «mente ie cofe ttitte avevano ^ridotte ad un fonte ^ ^cioé 
a Dia , che lenza lacogiiizione'di Dio ra ^gli niomtni , non avrebbe 
fli^i potuto avere labilità -nel inondo ài toroDobiI proponimenvo; e 
die impodBbile farebbe Aato il .far .comprendere in fé , come ella Aa, 
Boa ec4a <otamo ia aiuyc rtfibite a geme novizia neir operare coir 
iateHecto » andacono ^rciò invcAigando proporzionato .modo per 
<ooapiere aiFare di si alto riguardo ; e alla tioe tifai vetxero di crafpor- 
tare il racdcfmto Iddio lion (olo 4al metilico al £fico^ ma di render 

fenfibili 



Digitized by 



Google 



48 I^zBélezn //yi 

(enfibili tutti i foot attributi, e tutte le fiK n^Asiooi». e irelGott dT 
Aunaiia figura , e deificarli fcr im^giotaseiice ceoderU venerabili 3 
iiceome aochp fecero di tuui i vizj^ je delle virtù^ e di cuai i beoty 
-e di tutti i «naii* ed in ToauBa di tutto ciò^ cbe viùbiìmetHc «npa 
apparifcc » x alia fede» alia contemplazione, e airinveOigaEione 6 
apparsene i .e tutte quefle cofe adecnpier vollero còl canto», non* Ma 
{>cr la già detta sragione >« m^ anciie peccfabè le cantate co^ f qa più 
iaciUtàfìdtengQnoamenKKi^* maOimamente da gente imm.ì «: igoor 
xante. EgfBgA è molto ben vero., o Arifteo; e ne: lo coo^etma il 
(e) Il Bst. ^ofUto Lacone [^] nel Tuo nfìbilUIUno Pomi* deU*Ia)peùa YcAdifiar 
idfiifi^». ^^^iOf dove dice^ - , . >• 

Nutnrs f ì €^ al lufinié^r f^fftnt^^ 

JJ0I rdgicnéir dille Alvini Ai^ft , 

Chi fi riidin c^n fià ftrmixjfnk d matti » 
jArìf^ Molto a pcopofito avete quìrfwa meosione di Poeta -ai .riguarr 
idevolie.. Or pcofegueBdo il mio ragionare, .dicovt^ che dalle rac- 
contate cofe^ appaoifce cbiaran^enie , die quella fteffa neceffità ^ che 
. coftrinre i.pckni Padri a porse in uio U vorio^ffai ;ptiì difficile , e 
inen naturale, cbe la profa, la quale bx da Ferecide -recata in com- 
«nerzio, fecondo *il Patrizio, fettecetuo , e più anni doppo« cbeaddi* 
vennero le cofe pcede^te , « quando già gli uomini erano dhicniiti 
faggi, ad «ccorii, gli sforzò anciK .a veflir ne'lor Poemi , e fifio»- 
mente dunoftcare tutto ciò, die cantjavaoo^* *e^ quefta maniera A 
valfero, e quella fieiTa ftrada calcarono poi t«cti i Greoi Poeti, «^* 
^talmente iquelli, cbe efpofero oiilUriofe cok, « Filofofici , .e Ixo- 
logici infegpamenti.. Ma di (ecolo io fecolo fi «enne -affai dirada»*» 
do, o, per meglio dire, diminuendo tale flretto modo; si pesdié 
veniva iempre più celando la ragione., per la ^quale e'£a introd«- 
to: si andie percbè .-si fatte macchine £avolofe^ ; cbe da4>rincipio -fio- 
rono neceflfarie., non folamonte col corfo del sempo 4 piconobbcro 
infcttttuofe y ma lincrefcevoli ; percioecbc ao|i -tuiri erano capaci <U 
giugnere x;oU' ì^tcMeito a iVelar^ le altrui traveQice , e mafcherafc 
f^piniooi A 5 però nel quarto (ecole della rGcrca Poefia , nel *qual( 
fiorirono Piodaro., Anacreonte, e la .più parte di quei^ de' qaaii . 
ora leggiamo -i componimenti., il uricamente comporre fu riAcetro 
focomen$ die affatto, alfemplicefrafeggiare, e figurato modo di éi«- 
ce, il che per vero riefce molto nobile^ e -graziofia ^ quando c^li.£. 
faccia coU'avtAertenza ufata da Pindaro : nel rimanente cole vece^- 
I! fenza macdiina fi cantarono ; né alcunapiù là del vcrifimilciedbeLv 
Poetico fi fece ardito di trapalare. Eg^ Fecmiamci qui , pencbè^cv^ 
farmi, che. giunti fiame alla feconda domanda , elfcndofi riiovaio T 
ultimo dato del Greco .poetare^ Arif^ Egli è vero, £eina: vedremo 
adunque adelfo, fé la Greca inantera, colla quale poetarono gli ul-« 
timi mentovati, poflìarao noi Tofcanamente imitata, eccome il poP* 
fiamo • QjiattrQ foco per -mio avvifo le cireoftanze principaU idei 
Greco poetar^ , cioè fc^za di lingua» veftimenca di cofe , «rerità di 
concetti , ed entufia(me,. o,4>er accodarci più a quel 9 cbe rcicoso- 
icbiamo negli Aiuoci Greci jda noi imitabili .^ ^rq^ Q^nto al^ 
* la pri- 



Digitized by 



Google 



Della Vflfeair Poella. DiaJL IV. 49 

hfdauiL f anoorclui , come abbioni dcico , il Greca idioma ùa, pia 
fieM r elle aoa é il Aoftra Tafcago $ e pia copioTo^ td erprimcn- 
le ) e le /uè ^oci fieno |>er Ce batte voU ad ilQpicgace rie coTe fenzn 
citcofcciztone ; «ocUlimeiio • ficcomc a i Lacioi Po^ci non fi difdif* 
k Ttimicasioiie de* XSreci m queAa parce f kieoche la .lor Ucgua meo 
forfetta « dickun cosi » ella foffe delU Greca j t coUa diligenza > e 
callo ftudto 4 e coir accuracesz^ t fi cod quache fauc» di pila egli* 
90 ù: fecero cooorccre aoft indegni Csguaci della Greca Px>eSa ^ cor 
àio Akno » cbe noi coi nodro idioma ado{^r^ soffiamo ^ né a 
aaì maggior £MÌca « che a' i^uol .ùiri. mceflaria.; . dii(co(tandaft la 
loftra- lingua forfe laen « cbe J^ l^ro« dalla Gce^si ^^ per ^oqco de* 
gli arctcolt y che mancano a i Larini > ed avendo anche noi ampia 
copia di vocaboli ; anzi pei efler la noftra lingula viya « fi può og- 
gi in efla pia fcherzare • che nella J^^cina «» per ^cco^a^a air fAAiQWn 
devokzza » .e aMa eipreffiooc della Greca ^ £ che tal wo ronùmen* 
m aoft fia aliano dal .varo . ^^P^c^im^ifi 4I dimqttjc^no le spemovar 
IO vadimoni del noAro CulMcoiclle quali < vcocqe -anche yiHG0a-' 
Akraco avetet^ la ToCcana fS^v^ila adderà quanro 1^ Grcjc^, nel 7^ 
ftd» Circa, il ve Air le coTe,^ cioè .rendere fcofibili ,r dipei»dendo <i6 
dal maneggio delie figure^ e parcicolarmence delU metafora ^ noa 
pvò effec* anche in foefta parte da noi imitabile il «ompor de'Gce* 
fi> Ma ia difficuicà ella è grande neU' ufo di fi (aiu» .ittAimenco 4 
ptrcbè uè poco « Jiè troppo frequenta v ma qaoUo ^tfcr^coi^egli ^ 
far dcbbe .4 .ficcome veggiaoio aver j^itjo Rio^^MTo bielle fi»e Qdi.j 
iMdeod^ la penuria poco magoiSco lo ftiie^ e la Jr^pqoenaa affai 
oiciiro al.coiQponimentp ; eoUre a /piò^Jl (qverchi|[> ufp.^ qnwt^.ac* 
CGcfce di gagliardia allo fiìle » tanto fccma^ di dileuo in ^Hi 1^ ode^ 
«dcfido ia varietà quella s che piace in tutte le coTe ; e perciò veg-^ 
giamo «che ta troppa dolce^cza di Claudiana ^ o per «legHo dire 9 4a 
cùociAiM f ienza niuaa durezza j! né amarezza! ne rompimento,. non 
4*aiea(^ ooiofa ) eripecdcevole di qu^lo^ che (iafi il troppo.» .e 
ooocinno ffompimeiKo 4 e 1' aTpGezza di Ì4Ucrfzio « Or paffianio- alia 
verni de' concecM ^ colla quale pòecamoo i Greci ^^ Sii due (b^rce^ 
io confiderà tal verità vi 1' tina fi 4 j vChe k coff , delle qt^aii J cqnt 
Cerri fono* imaaigiai^tr fieno vere.» e :pcopriamenta fi r^pprerencioo a 
l'alrra» che eUeao- vere Ceso > ma pqeti/camente fi parlino. Mi.Spicr 
ifuevì meglio • jdri/^ il dire Fillide è bella » percJ>è à i.capelU bion? 
4i t gli occbi oeri è le labbra vermiglie, y-r^gli ^ <co(a ycra 49 propri4t 
maote jrapprtfenuca • Ma Ce diremo : mp gli occjii di JFiMidìe AoMr 
rei i( fup nona-: ,le Tue -ebiome .fono orp finifiimo..* gel vermigMo 
iqqrlabbrpifcfaeezaJa grazia ^ terremo a rapprefcntafe ugualiDenu dt 
vfdcà della beUesma di fillide , maqpaetican^n(e^« C<^ ambedue i 
detti modi di upprefentare ifvero.» ancorché Ji . fecondo s' aocofii 
più aIwmei;afifico # che al fifico , poeurono i^reci ^ ^ma pecò<oa 
|ak avvenenza., che , fé ciò , che piavano.» ^era ad iftorta a|ipar- 
taatmof come il lodar gb* Eroi<f più aVuienf veno al primo ,, (e a ve- 
rifimil finzione ^ come il parlar di CQ(e amorofe ^ più, il ffecondot fa- 
vorivano: il die manifefiamente ricpnoTchiamo dalla tezione di Ph^ 
•darò, e d!Aoacreoj|te. E .perob^.^ipbedue quffle m^pief^ iooo jfaóùr 
' Cr^c. fjl, Foli. Po€jÌ4j. TonuFZ t> glia- 



Digitized by 



Google 



5» ^^^ ^Béltuzi 

gHari » e aecomodàte per ogni ingegno , però io ftitiur , che i&Aé 
incorno al Ttftjtje.cofet direct .fieno imitabili driToTcani. MaetrN 
.ca remnfiaftno.» '.o\eftro^ affai in latco ;fi liCornhiSDro i Greci ; memar 
:( tralafcio lo'SilHHe^ *r alconi ;P^i -del primo iAoìo ^ i oiuitt ^ Af» 
4ria> cbe gio^eflGero ;aqiche i prqfecare ) chiara cofa ^ -^ 'Cne eglino le 
l^.volct .cocaoco.fi .aftraggQoo > e fi foUevano /opra^i^uiTo .comune^ 
maffimafticBce fi .Diiirambici i che ^ppatifcono /ovromani ) e quindi 
avviene ,9 xbe i doro Poemi reggiamo fparfi .» non fut .di Arani ^ € 
jmovi «modi di dire^ aia di lodi dàxc , «ora a Te fteflS .y ora^ al lor xan* 
:fo> e di magnifiche i ed anche ^prtiìnacijrali operaiìioni d€*;CMdefiaÉ 
Rkci :, che le pattano i e guefto i j|u^sfaror poecko ^ fcr io j^iute 

fidiate ' ' ■ • "' * • V ' 

Efi t>tufin mtis0 jigkénte iféhfchm^ ìlh^ 
Io xMì dico > che di si facto entuGaTmo , o éftro % rpoflano «tfltr fit« 
iiiaaittKe poflèflorii To(ìeant> ficcomeiflucanoiGceci 1 peréhè^'qiMH 
da anchi? il i>ocedQerOfefiere in (t ileffi « m>1 fons^heMefler iMti 41 
«fevfteffis mancando ;loi:b in parte ia forza d^ vocaboli dacfpddneclo? 
ie xion tfiStquaMo, alcun Tofcano iri /offe ^antoifligegoofo^ .che faptft 
i>rpre(fione della Toscana Xingua ponare » JicKìam coct^ al vcnti- 
qoacttefimo carato .9 come è quella de i XScecij fielqQal,cafoao^tde* 
jTfi» elle la Tofcana poceOe di pari cammtnar .colia XSrecaj^er ^ia éé 
mentovato iiirore ^ £l^ Ma fi paò egli fare cocefioinnateacneniol 
Ari/. l<y^t me ilidao di si » eMo fitruovo io varie iradiusioni Xofea» 
ne.: 4i perche in ,étk ^ ove la ioc^a deVocufboU Tofcani mm i fOiuco 
.contrapporfi iiUa ^onta di^^oc^ibcAi ficeci^ fi è a quefia xorn(pdlo pé, 
caricare il feotimenco ^cr^cdocto tanto fopraciiò» che avrchteperle fief<- 
io il Tofcano ^nodo portato .9 cìk arriva :alla fòrza ordinaria .del Gre- 
,£o Idioma 9 fi l^agguaglia : inel che operan molto il fito iklle -vocii la 
compofizione xtcfperiodi^ ^ fopra il tauo J'bffiervaaione del/rafeggiare 
alla Greca: $i anche perché 9 ^eozar tanti dgnardi 9 io Aioio ^ che in 
qualche j>ari;e pòffa imitarfi da i Tofcani Teftros alméno de'Greci dd 
quarto ;Ctcolo^ poiché 9 eSeodo ingenerato } eftroJa jumor malinconi- 
co» il quale é eoiQune a r«tte le Naaioni^ non ptùmegli smcichìGie- 
^Ì9 ^he ji^jDodétni Tofitatii può cicrovarfi: che che fiafi ^etPbptniooe 
4*afóuni fopra ilfurore dé'primii che poetarono 9 il <qoale rìferifcooo 
a dono di -Deitadi 9 o Demoni .9 che lor commovevano 4Vanimo con 
lancafie da /oprannataral JnmerapprefetKate: ^de^qnali Poeti» ^delqnal 
ffirof!e io iMn favello^ né incendo di favdfare ^ Ì/U anche In ciò la 
maggior di65cuilti cottfiae Hd faperfi calere .dell'eAro io guifa 9 che 
non appariifica9 i> affet!tato> o fpreporzionato^ tié^ fet mìo awifo v'i 
io Tofcana Ai Tabbia hpmé maneggiar meglio uU Gabbriétlò-Oia- 
brera, fi^a^ne tra i Latini iiiunmaneggiollomeglio4'Orazio«J^ Io 
già fono p^uafa 9 ette rimt£azf<me 4e* Greci non fia iiegata a* To- 
fcani,*' e mi rifnangocio iblameace due leggiere difficultàri' mia io- 
torno al vjdamento delle cofe v l'altra cicca i^adro 6jddot<o « Qpa%- 
Mo adnnque alU prima > iovorrei fapere fé ^iriaameare optrafle al- 
cun Torcano' 9 il quale con macdiioe veUfle il vero ad imitazione 
de' primi Padri Greci > che t^ effe coprirono la lor Teologia 1 e 
lairca ia £rcimda> fé l^Oio porti eoo fé il difuio dette regole del coni* 

porre» 



Digitized by 



Google 



Della y^4C Poc£4^ DiaLIV: |t^ 

pttrrs pirifidomi^dic a» Profetivi IeSibakvedi/«M si f^rfi^kl 4^ 
teor poetico .accefr 5* ficcomr aocbcr r con^Btori de' Piikambi: i* 
Moa^ l^fr (» fieno" ftiggctcati «^ ^njC E»fe mus fooo' attrimenti' 1^ 
gkic. ledn&tthà' #. ette movete ^ atiz» aeceiflarte te repoio^f er la piep^* 
aa cog|BB3BfiDtir <ielU^ cofa •« Adunque ciccala, prima'- ridondo ^ cU$- 
àUo» prrawfmura> aoo» rarebbe i\i cbtoderc? a« beliac |^fla> mtfteriorf • 
eo(r cfcntm*ttraitcrinaccIiÌBrdi:favolr»« e novelle;^ maf tuéHUftCuai^ 
ateo* Ylana* ». er pooo^ accorra? òpoaaabne v pcrciòdcbè' >iu coma' abbiaait 
Uno'^ è^ git mottiiScnìt fécdi •< cKe^ èrxeflìta'lìt' cintone' fittela' 411%' 
Ir rpmntert; Porti 6mci>ft &ttaoiemr:<ociipoAMr ;:^ aliai 4*aiep9ce^ 
Ir gtot^enir^m^allta'.pacsiproto^ c«0aca« r cioè r cSm notf pptadbè coiov 
fio cercftflero' xtdur glii uomini a: civil'vitav volevano »f càe^la^lòfa» 
faenza fóOe nel Tuo profióodo^a^ tuttv palrfe»^roapep aonpetider quella- 
veneraziotie ^ che eglino^ perciò^ iiti;«iryatio' da gli uomiiii'c ma- og- 
gwar »» cher tanto» ogni' fcicnaa: f«g]^ni»diS«ifii »» e^ (patTa'^er V^Aiver- 
hr e^ parfénza- fàllo^ vana^ cofa* ,. che irPòeti'pretemtàno'di* non^co- 
attné cai^con' altrui' le' lonVidoctrtiMvepcrjquefta*vta gingiiìtre alla ye^ 
nrraaiòne:: oltre a.-cKe*>^ comunque' fiafiv e dfella iiiddectarMtofif^iro*- 
lfia> gimtì^a!tSr Gcrtt^reglit^è v> cbe- fimSrimaediiQev tome afeurilfiine »< 
rprs lotpèl'aiiefae d^imerpetrazioorineapacrv con niun'utilrpooki^ 
fimo* dttèKO' anrecano» aocorcbé: cotr> eccelienaa* poeticamente: fie^ 
no fap|wrf(meatr»> per «flÌNre^ l'oToarità^ vitio* cotante* lacm^o'^eber 
Itpmbétìctaek^ fftmkw aflbrbtfice »> e/ diffórtnav «* Et^ Miu pure ih Petrar-r 
•9 iòcw velami' poeticfL nafbMdrieittimentè profondtfimr «• j^ifi* 
l^ è ireco : ma qoe' velami: figutciano ,. r noir macchi&f v: ni le 
4Wbfiè »» cbé nelle r'raie deh Petrarca; fi; leggono ^ fooo' difficili > a* 
aEifo>fte V ma*piaoes^rn(bali<^an»dieiErlé*cofe più'flotev epià 
«igke' folameiite^ trafceUe^ il* Petrarca ^ e poeticatnenie vtAlmdJDÌt»* 
M^fimeompontoienti irfparfe ;* Del reik> rammemeretevi'»^ figma^ 
abcrsel'nfoftro ifriaxPtagiDnamoQCo ^ in-fiii^Ua&do& dcH^ intama bet^ 
teaa ,r tm condkntata' ai^icKe hv ttóp^ cmccNiw ak'|»rMì< PiuMrii dell 
yoftat»'|wwiaic ,i pcfebè ofcasidk^ ci^òov atlch*^eMàr> «" rincreféitaeiK 
to^v peikicfaè:v Doiy negando* io,» che potfanos» aaai^deBbano*ti»K> 
eaafij ìcftìtnter ne'Rbemii ooip irioliy e coni immagini^» e fimulàcri » a* 
apme dke il'Kaxzonh ntinintrodiiziòne' ailà«Di£efa: della Gómme» 
4Smév Dknte* r itT manieta* credibile ; e .tièr meno* ,^ rlie la* fàvola fia* 
agcetfaria'»/maflimamevite i|eHcrt£ommed!e 9» nelle Tca^die ,* e né^ 
Sbemi» £pi<tir9. ooUer^olr' peeò^ad^cflEa prefcrinéda^ rMàtfirìf) deU 
9Anef Dbetka ,« Mo* qoeUe maccfiinry «favole* condimno' »* tieUf: 
qpnlr |>tKfC0D«boo> ^ Antorldi cbiadeo Sifiemi' òi« fctenar non' cognii 
m'^cfae' a^fr medèfiìaii v come' ÉMvaw^ isl rpeflb tnemovati^ pti^* 
ii|ij CEperii Pbctr j- Sg. Non pia ;' che ben' mv fatnmonta;r ed^ or conR> 
Ite 9* die* ^d'ultimo mio* dubbio è fimo partmàto^dhtta'dimrmióao^- 
iìèai : ftioglicie aMm^ar là iecooda} 4i6Scultà' cìrta« l'Efito' ^ AHf.^ Id' 
per me* éom vo^ìcm qaX(lonar qai^ fc' it pMf ar de* Pltifeti'». e deller^ Si> 
Klkr foOTer (a^ymK a<*règohr ,^0/ libem*r ftpmdo^io'^ciie: tetii^oel' Ibr' 
pgUfpiai iaiMu^>« e cc^tMeratr riatta' imnneni'r chetglimrficaftfìfflenr 
al' ivr^iriàrer anetf«èfli re^olcr ebbero v edt oflirvaiom^*; come' t%^- 
"'"' ^X^tansiO' Baaniaoo V) e San^ Girolamo' oelUi PiMà*»^ tba: 

£y 2. (brive: 



Digitized by 



Google 



5* ' ODdfa BfSgxèi 

ferke t Paolim fopra \z Bibbia > ed à Patrizia rifccifce tftufbkr (>» 
fctt sì àe gli 4int9 covof deiralcre, coopofle ia v«ciì efamecri, crtfa^ 
sAeirt giambici i- e m altre forre 'di 'verft; ficcofmt Irebbero aneb^ 
r-Diiirambici y Tartifizio de' quali coiiflaeta io celare V'ttttlh am^ 
feio i» gui(a f eb» noa fi conofceilb ia die manierai faflev fabbrica 
li i loro* compommeoii ; e pareffe detta* a caia , e foori' d» prope^ 
fitax)»éllo V die co» grand' arte eca detto : mentre m qurào mtxto 
•tano-giodicati più rà(iieiii di poetica forore ; e okfe accibahre tè» 
^e avetwmo y come le iraci psoliOe r e eempofte y « IkenEigfe i 1 
tvofiyt H figure ardite 9^ aaimofe ». e da loBtaDo pigtiate r e le.ipet» 
bolt fpefie » , e grandi » di mocio cbo fi potrebbe cottdnuckre » comi 
awverri P^Adimail io aoa. lettera Copra di ciò ioipceffaiielUi iua Tv» 
duaione di Pindaro» e primai di kii Oraiia*. 

Lege fUutU.^ 
ebe i predi'» e i numeri de i Ditirambi erano fcioltr d^ ogni J^eggTy 
Bon percbè tal Pòefia noo abbia rcMla». ma pcrcbè cammina con pia 
Uceoxa - Ma feveUando de* litici Poeti ^ e- fpesiatmeme di Piodar-o 
kanro capo« la cut- maniera viene imitata dagli Italiaoi vagiti di com» 
porre alla Grecia ndla natia, loao Lingua v ehiar» cofa è r che eglino 
fono xe^otatlflimi' f e dalha loro lezione io ficoRpTco! notv fblameme 
eflere fiate da effi oflervaoe. t« leggi de' piedi t e del mecro ^ ma deK* 
la dkjpofiaione r e- condotta dd compooimento r ficcòme in- pardco* 
lare fi poè ricoooTcere dalla lezione di PiodaBo \ arca- ìb qoalé il 
tnencovàto Adimari ^ vedeee» che febbene aocii'cgli cercava iM>n £tp- 
le^pp^ir t'arttfiziorOondimenoeregolacifiimeJe (ne Odi oompoDev»r 
fiQii* ve: ne eflendo pur' una* » che intrododotie ^ propofizio^ > coo^ 
$trmaaio|ie , digreflioiie » ed ejpilogp ordinatamente .neir intriofee»' 
tloo contenga ;^ e la.ragiooe e cliiai»ffima> perebé fensa regola mii^ 
oaPetfia può (uiBAere ; ed Arifiotile fttfiQ> mae&oo^di qae'mede^ 
limi % i.qndi tolgono ahfaft»: poetico* il patiate eegolarmneme • ag- 
gìogne alta-oatoM » e al dooto* furore* per necetfaeia compagna Tener 
£gÀOt fé dunque dalle detta coTe fi^ jiende laatrifefto ^ cte la- fioa* 
«a. Arada rè buona y e puè da' Tofcanl edcarfi*» pendiè» lafciata 
^elia V abbiamo ioeraprefa l'altra » cioè la mtcafifica » osiamagioi^ 
Aia dal Pcrearca ritrovata ? jdrV^Innand che. ia rifjpoBda- olla vofina 
domanda». the e la terza 4tlle quattro» cbe mi avere (ìiì bd ptìnoir 
pi<i^ fatte»! contentatevi:» dieidiAingoa oiiovamenca il Greco poclO' 
res perciocché quello nfatirdai' pigimi Padei, tmi fdo dai Tofear 
oi » ma aoclie da i Ladoi hk aUstndonaco > pet It jcagiodi poco do- 
i^anti dette ; e per niun conto vr (Hmo r clie.didbba mai dpoxfi in 
commcrzio ; ma l'altro ^ del q&iale fi valfepò i fecoindi Pactei»» non lo- 
to non il dee tralasciare » macertatnenre non* fi, tfakafcia» come di* 
mòQraflo»^ tra i moni »< ambedue i Ta(&»i il Gluabr era ^* ii BaUoccii» 
eddtri 9. « ifiai viventi: »> non pochi de* nòfiriiGompafiori y cbe-aSa. 
Greca nobikneote oompongono*: comattoeiè.più comune èYàbràài 
comporre Pet#orcbevohneme } o molte fono le ragioni »« per: le /quali 
ial\ifa i più abbaaceiato^ Eg. Eavocitea^ dide*. Jb^ Pecche. la fam- 
- ■ . viriL 



Digitized by 



Google 



D^IIa Val^ Poeria;^DiaL IV. Si 

^iil'M tcitip(>'V ^èà -cBGtr , ohe* noa mi pcr/ntita yi'dFrte tinte , iti- 

IMeJmdò i6 meM importanti J^ ^tiatiro/olc rtfctìratiiic . E* dàcotb- 

idetarfi prkmèratminre , ^tiic alle ptioprie oofe fi porta più amore ^ 

rti alle akrtH 5 fctd»ft<|ue ki Tsfcana li«g«a -, <\\t oggimai and/ et- 

krlip«ò chlftinat maére '^ per «fiere Mirtr-falmemè appagata , e paf- 

i»t> à il pt^^d^^odo di cempoffe vaglùffliAo, ^ ftobi^flSmo , lai^^ 

»^iroa'UMinJWi*i)^^afqttato3è un proprio *ifrovamctito dcT^cani , 

cofOT^i <litò:^iti*'^UMiclo 4e*lanrerafi4:agiotte, quando *cifct -laforma; 

Jdi»qtiJdex|ui'pailar:-vc»gUoij.^idiie#e^dgni d09cn^ , tìw gritattani; 

ftoone la lM:4iiigttfl^c0lt47aiio ;cd9^^«l riatto HYiodd compengafla»^ 

katar «OTccmui (fcr almii ; ^ rettene w/o r, che c4rca 4a fciroià «otì 

poco dai* Rròtenzali: toUeéo i Tofcani y ^ome *e Cassoni , ^ le SeftiJ 

Wiiotrt^ 2r1 alcuni akcf cmnpOBiineQti otra HO» piti -in >u(b,^ dal 

Gfcct: ftefll toirero i4: caranere elegiaco^ del qaale fa* iùytmotic Cai- 

lònàco»: iientUineiYo^e'|»ù Ìp^i0:àc*^ompottim«titi'0g§t ofati^e'fon^ 

tiuovanieati dé'Tofeaai.,' «o^meiil nobtlìFfìriinor&oaetPO ./' 4^ perfetta 

ooSnisfoar <kb<{oate''fi'«lcbbèiBi Rra Guit ont xif^reesxioCàvalier Gau^ 

daD€ej»'is'^Teaea<itiia.,^ciie' invento I>ai«cev t' Ottava^ Teciindo TAfca^ 

ToCnuRi^ pia: nobile cectameme del Sictliatta , LìtiTOvat^ da G^ovalH 

BÌr3oceèccÌ9<^ 4l-nece(ferto. .Vedo iciolxo ^dol quale 'GiovaoGior'^ 

gio 7iifBna/ii «AMtore^^ i! la PaAbral tavola^ la 'Coi- im^tuione Vat** 

Btboifceiad Ag9QìnO'de''fiecdarC'Cerrac^rc ?i .e peo^qckcà quefta pi4» 

maTngipné.!fii|Hiò>conc(iiiidc«e ffol.>ghidii9Ìo del £acdmalf'Bctnt>a v4fr 

qsale daffeisìelle fae: fioaifev pariando.:deUo forrverfe ydie ei)4»idu^4tf 

nB&ra't]fi9sa. viva. ^^ betta , nisbiie v'c ftimata » dovèta riputar 6 po-^ 

oo./avte qotWiitatian'» , ' che ttalatciktabi ^ , c^n a^lttf^lmgaa ^Tòri^'C 

m, il.cbecodn ^cevateun'alcra.Nazidae ;< e ih ;pact isolare ( paHà«9 

dò-feturraffncitee'^ giiEbtei, n £recti « L Latini fcriffieico^eNoraldfe* 

ni, camécfad pofScdij^c pi^am^ence gli. alccui ^ Debte olire acciò a-^ 

vtifi nsnardo'allaqpcyra.corriip&ndienza y cbeiih uraliana- Ungtia c<sff 

nmtoiiy' co'.oooditl) v e coHonfonaa dcild fioe5e'^ si de i Lockir ^ oàb^ 

ate'dei<irce]^ briQuklac;qirrx^andema':dotaato'poca*, dkm&f^rc-j'tU^ 

Findtaòa L'mgiHi'JvKiti-À i niemyndv'nbm^cì:^ is ^«Ite forme d^me^ 

d^mi^Italiaof rinnemaièi '^dn^trraDnon ifappia pòeckameace^ ^^i; Co^ 

■» é egli ciò:,) fo 40 ò mèmoptà cfavenueditto un \rolanie iliT^aaiìÉi 

IWfie iM fecói pa(Iacd ; itcni^vecii'fallteCaRietco > ' e ^1 ^ peocamett «^ 

«urHpoafdono^ x ^kì/« Fu viò ricccnrampntn di. Motrfig^Hny Claudica 

7òliiiMi>, i/cbei^efcitò^er qitaJcfao >senipGr . instale aAoe Jffon poco^ 

appl ^ufo v'c tngnof^gmpggest £attaìgftc&a),>jttìe>Naoi^a egli chiamoK»' 

ia» aióii^èltefafce;%rtl ^lome^dt sìgranbeacerato^nèll'aitre fnc^triDe^ 

f ninf nftc tfecoàdm V ufo ancor^ve ,«16 vivrà ièmpreiDai* Ma non pe^ 

tkio fungo '^ che^pofla rf%ilcitc alcuna cofa compofta ad alcnn'nfo* 

iinnnrd^ "Wggenrioy che il;Safico rnetre in Tofc^no.Idìonfia nonpriK 

6n.èg0aa^ofo^'olfapendo , cH' avibiislù tiene v cbe le canzoneUc dtt 

CbaaHmn.^od eompolilia di- ierfi^ifpondcntìa i Qiambiy e a i Ttx>- 

€kéi.^ifyottn\i e trimetn* Oaco bene ,j ;ch;egii érin ciò oeceff^rla 

gnm gtti^ionDj^ po^en<tofltiidiireaAai di tacite k)eUaibaflflrnaa> « net-* 

b vM^i r il percbi 9 gcnevalmenre parlando ; Odetto^ die gli Ira-^ 

Uboì verfi co^eiri , t nufned'ftraaier^'anila pòca cocrì(jpondenxa. 

f4Srt/c./}.rQli.PoiJ!a.Tomri^ ^ D 3 La 



Digitized by 



Google 



54 DcHaBéllerai 

Xa terza ragione» per la quale dal modo .del Greco comporre elfiMo 
:alienaU> riguarda la Religione « ^cnct^è itmil .ragione non fia ^tncìrii- 
Jc .p ma ipezialC;, circa jI tcocnporre aoDoroCo ^r jiel xbe fer vewià tt 
Petrarca .è capo^\cd egli jnvcnu) il inodo^oneOo ^ ^ metafiiìcp t ebe 
jioi tenghiamo . Il trattar iificamenccamorQfe co(e è <* iftcOa » che ti- 
.durre l!amoi;ie ;dla iempUce fenfuàUti $ imperciocché 4tyfndo la fiAta 
pecogg^ccoil .corpo <» jguctlo :non .poffiamo «fiAcaosicmc ;a«ure »x1ii 
ìenòudmeot^ tion .r .amiamo.^ attenendo il ,fettki;aocb»e8Q iU cnrpo« 
jQuefta maniera ten conveniva a t iGrcci ^ Jt a i^Launi ^ «cbe^iM 
£/cntili« )i quali e Venere ^ e Cttpìdinc^ se" qMli la.(ciiiciaUti ^re^ 
Jafcivia rorron^endevmo ^ venecsieafio per Der M tc fcnà xicssunio^ 
.che ienza ciguardo alcuno ^ maiTunaoKcuc % JLirtci > .cantavano ien- 
^ali cofe ^'c riempievano 4i lafcivi Xentimenii;^ e astiosi t loro Ppe* 
Xùì ^ jiiMtfendo a Jodare i^aboiccimvobnentc: iafioo :alle «cofe pia 
ofcene .>.£hcf arimente venccanan p^Qeìrada »i «^TKracntfonCr da' lo« 
xo /ecoli tfomma.lode ^ :ed cftiowuonc ;4 JMa a noi » ^hedatfbatttv t 
Caciptici j&amo » jl'iftefla /naniera affatco ii dirconyteoe % te httrìèi^ 
£erni ,^ .gtocqifatntmeipoetudo <« lotto i^e.diegQrk^jnoke^ofcae 
jcofe jrappterentaffe ^ e. ad <femj>iodiJui i'ifteffo.&teflcfo iiantpòcfai 
valenti jjoctiini del paflato fecolo i nonditaeno a iqoe' -jiocnj da i ùg» 
%i > e coftumati alTat poco -fu gradita fimil Poefia > latitale molti 
Aocquc » ed in particolare al Cafa > e ahTaflifitlo ; e pid « chr ad al« 
«un'altro» airinfeUce Niccolò Franco \ e a^gjjorni Aoflfi ^d e^kio» e 
i lor fegdUici icondannati ibno 4alla /agra Inquifiaione ^ Pecche, aditn» 
4)ne il ;f:cli^oiiffimo Petrar^ a^ ^ ,di yciò i>eneavvjifod[t ^.oel dacfor» 
ma alla Tofcana Poefia jper .celebrar ron^ffa, ìt /uà Lauiraj» ed t loc 
cafliflimi ^(tnori » poteOe ibddisfare » non pur iinuaa Mafimo^». ma con 
Jode > al /uo proponimento ». titrovò il nobiUfllnio modO'dkiBerafifr» 
camente fcriver d' amore » involando i pA va^ ^ e leggiadri fiori 
Platonici, e .quegli adattando alla foefia ; co^ qaaU > « calla perfo* 
xi0imà Jocwione» < ^oHa 4olctzza incomparahile de^vecft» ^cpltfac» 
4y>niaunt> maneggio d'ogni ^x^ica itguca f nd che lùi.tlffcofiafli 
^ i iSreci^ Ile jdjrXaripi J xiitraniandò ia Pòcfia Toécosa ^ cfaeoggi 
noi reguitiamoi e ÀUifpnè^ejU loventùlla firiacipabnente per le amo« 
fofc CoTe, nondimeno alle tvoke anch'egli ài ^trattar cpn efia gravi 
argomenti, prefe configlio » di modo <hr i fnot ftguaci «nteo a' di 
iiQftri il vision d'effa per quahin4ue argomcma^ jE j. A 'qtieftaTor- 
tA ragione AoTalxjraiìTag^ungerci , cioè ^be il jiarlar le cofe oUfà 
maniera* che uCaroho t Crcci. Poeti , che. noi imitiamo ^. pare pbco 
aito a muovere Vzfktto amorofo f perchà la gagliacdia ddlo ftiic * e 
ÌV poetico furore > nel. che i Greci jiofero ili maggìoae fiadio V n^ad. fi 
Donfanno col genio femminile , e colla placidezza « e doloraM * cMe 
amore f idiiede ^ Ari/. Egregia cagione ; ed appunto era 1^ ukima 
delle quattro , che io mi era projpofto. dladdurvi ^ J^^ Ma ilsaitre- 
onte » e Saflfa anch' eflfi mi paiwo àKA^Okaì « e teggiadciffimt * 
Jtrif. A ciò drponderei 9 ^c* Anacreoòte fia più acooncio.ar addetta* 
re , che a muovier raflkcro^ e oltre acciò equ^H » e Saff» futcìrano 
ben muover gli aflttti de gli. uomini di quei tempi ; m^: perche gli 
frumenti , co' quali tal mozione eglino hxt fi (|odia?ano> non etar 



Digitized by 



Google 



Della V<%u: BòefMu. Dial IVI. ff 

#0 t ficcoBie abbiam dcrtMr tbpra' ^ puntò* adeguati alla nòfìra Re* 
Kgiooc , ocm potcvaao» «Àtw ak Pcimc»^ nell'amorofaititiÉd Pocra- 
re opponuor ^ Eg^ Ohi qii«i«>«^»Etò' y> AriCtèo ^ d^ odirv^r AvAtare : 
ciedeceiiu> die io fiimo^|>ré8;ìorai^iidla> n^iofRar» » bencliè* Tirii noa? 
capicaflc • ^r.* Pec me ella^ £ uterameaie tele r avendo iafenuna di 
compiacere; al voQco nobiliAiino* inceltetiO'v' £c^ Non' pcadiam tfiiK 

B: cowemaevi ornai di' rifpoirdiere air'ukima m jirif^ 

ta; y (e non fono erralo r fi- ^ y^.^joabdctle dot firade» o la Gre*»- 
Ur ù^ \9^ Pè€^iofe(cav fia^ pi* iiciiraf y r diritra« per Ir ToftrMi« 
Pocct«^onde ags:ittgitèrpo(rMO' s^lL'iiQimvcàlkà .» £^.' iÌ^pu)iro>' wtfrl^ 
A ciò» fàiite ^ fo tifpoAi^ ** impevbtctvè ^ ridotta )a^ Greca ài feto' 
Kndlaro' ( cfalafeiatido' io ^ come^ fòor di propofiro^,. l'EpiCtf ,« e fo 
Traga t m ffoefia>> «Bile quali anche ^^IVcanV è preferite»; ta t3rec« 
Ik^ti»): araibedue io le gtudkoegiaaUnenic diritte » e ficur^r cofidiicrea-' 
tb 9 Jecondo' )ìt jià <*ette cofr y ai«()ed4Ìe j^ comeché' pe^ diverfb* ^rid- 
tipiov aU^imn^caltft^i me«tre''per:g(i' actioiKy& aflEarJjpte«0^te' t» vla^ 
*A Peccarca^* e^pes^l'illnlki > e gtorioé r Inalerà di flndaro . Noù^ 
Aeo^ pcr6^«« ebe foAevoté^non^ fietKTt^ ^attto* all'^imorofo^ r h modii 
inebe di ^MUOilSMte'y 'e'di»Saficry^fioò(^^ quei 

éet Pfettacca? r il^ pertiiè non' li daMnerenu»* } ma' men' fiìccire Arade li 
dicBiareremo' \ e dat calbarfr folameme per variare alquamo* >« accioc- 
thè i iibAri* Gmtooierif riefcano" per* la^ varietà^ pid^di(ett6tolr7 e V 
iftejQb* fi'pa^ dire anche' de i Ditiratiiéì' > paOTaci dalla: Grec^ della; 
Toìcada V Eg. Già abBnim' cbibfb^ il^ rasfottumenioi;: € Tirff abcòr no» 
i.vede - .^A^ Or cónoTco eflbt vero* 11' voffir<^* atvviro ,. elite l^arrivò 
Mbitm^ Éb^ma^ Vivrebbe' divei;HtO' dalla; noftl»€k>iiVeìrra%ione • Ei^ 
iMb&ianfioiky adunque' y e0ièndo' legittimo^ il< Tuo impedimenro i tvtx 
V>n» perdere il poco tempo y che ci^ jirafane di' queftaì gioìrWita v (w* 
jDglMnyo' AJtone to' luogo di hii .. Alci' Purché Ariffeo* interpongi» 
w^Segìi a foo aiitorevot giudizio nei difcotio»i che dbvrem fare , io* 
irofetàiert obbidifco^ •# Q* S^ptar di ciòi torend^teveìa! coiy lui .* che k> 
BD» voglio' entrarvi . Ari/^ Io per me non» ifcanfo fatica' ,i dove D* 
tmta* (H> fervtre ad' Egin» \. e per^ di()>ooete di me » O' ADcone^ co- 
me ri a^raida^ .i Al^j ProfegMendo l'ordine de gli altri noRri ragiona- 
OMiri^ iècrfetift^in: prioia no* (bnetto* délliiEleflb' Co(hinzo ^ e in^ quel- 
io riatrac^rò^ il! cooeoife' dell' i^ee >. acciocché vegga^ Egina >: come 
<a eiTò» rifulti rèftema; bdlez» ;> evor, che intanto avrete goduto* 
^gEiaIchetiporo*do|>o' il' faa^ n^nvmemo». che* avete fatto* y dimo- 
Afferete pm* rintivbìi beftezza: r per* coothkidere r che anche éc\^ cott- 
eocfib delft idee' conline fa periFetiotfe sella Betliezte^ mìfta •• jtrif* Ma. 
qnat Sicmeteo» fcerremo l £;« SenzT'altra diligenza* nfteflb' y che Tirft 
ilMev OMitenete il concocfov nell^ulttmo» rugiiòaamento», il' quale £ ìli 
fi^ueiitc*** 

f^héi PUr td A véTCMt à'ùTiwfo' tvndt 

Dell- atra Stig^t € farem fu0r ài ffent' 

Jffkfffmii ad ahitar [atdenti mrpn^ 
\ : ^^^BUHf palli infernali imsy tj^^findir 
f§ ffftmtisiti^ affai dólci y€g$Mnd^ 

Mi farcth i immenti» $■' t^ftrt fmi 

4. itviàer 



Digitized by 



Google 



%S Dèh Btììezzz 

-^, i Mwidirvefin luci iUme^ i finm^ ^ yy>.s*. .^ 

Chf /i^pfrtia j e di/degmff or\mk m^^ndé^ : , ; io .; 

- . iTemfreriéi. il d$hr di'm^rtir vffiri i >i> 

.CM\iitttj0 piéccr éU mi^ f imme *. . , ,* . . ,. j .1 

.Per fùc^ ik vcflrp^yUmh per troppo émàriw- . >,: :^ 

Xi# pwtf niuàtifi^fp^ikvtrjl i ihieftri^ -, ... v t * i 

^Mr» Pcrufck del mio «bbjigo» ùom ìnteado f ipecd qui le circogaor 
».t cbe cofticuifceno ckfoiuia idra^ mcAUe f^TM lorto ^ fisJUmof^ 
iogcgiìo d'Egida, c^ Jit à già akakMKc > «n foito^m^ UiprppòA^ift- 
racfcrnuta da.Tkfi oeV paflaca diicorfo y cbt ogo^ c^f^poonneoct 
dcb^HB avere Tidea fifooreggianie i e delieOo > Tecpo^o alte «^hK4e 
ciò » €b« iiKciTo fi paria> > vi poffiMie coacockk apcbe la iMtt ìde<r> 
Coe effa adun||af camminando^ vedrcmQ in. pi^s^ l'idea y ^beifigiMr 
Mggia ntl recitato SooeHo; e poi come io t Oo coacoirf ^pr Qpporfqr 
oametire incile le 2kte : (HbwkIo io>* che jcuuet ve rabbia uf^ca^.iT 
Autore i. e fiaalwcBie r Mine ^Jebbene ri^ca»^i¥3« è mwa;,r fia-il S^ 
acKO pcrjGHiamfDU bello ^l'aAesiK); e che .tali Sementi àjk m^gg^Wf 
arnfizto fiefK> ripieni « cliic gli al(ri , iqwaU cootc;pgojK>a fola lu^ 
idea* L'idea figooFcggiantCrreoM alcun ^dobbto. t elki e k Q)fzz^ay^ 
e temperata ,< perchè ella provai^» od Sooeiio • EiìJZoixìq è pglf cjfip 
tt trat^aodpfv prìncifa1fì«eme nel Spne(co;^ol}».f(i:i^auofi^.^dfìlIaYÌ(if 
-corporale dell' ao^ata DoAoa> ìX Tuo argon^nto i»(9a|:^i^t^,MI'i49 
.iiQVtk$ come il diòo nel Cocoiido «agi^^nara^ce i ,Ak^ Egli^c v^cp y ^ 
.Wttifwk io 000: flai^ appongo , perciocché oQn;4W)tenrfo ndì#.iHn«Ap 
gi^iiama^ concprrere collar fublitne , npn.cbe a\,qaiilia figj99KfiS^fi^ 
4pa(fìmaBiento io Pofma br^vifficoo « f^otpe è ìL^pnestgf y-.per. la Ipr^ 
BeceiTaria pìpogoanza » « (o^ale.coDCtarietà; quando gol cp/Korfò 
.degl'idee fopra umile acgomeo^oM Poeta adoperai vuole. ^ ^tf9^^^ 
ip^guira.,. che nelcoococCopcepQndcriJa .mpderaca > 9x^\fì%^ff\ii ^ 
fujplime ^ la quale verfo Ja-uiodicE^tg not> à tant^icipugi^i^^a jr^qH9flr 
.funque mai non fi- abbati a ferviro: allVutpUi? npn i(d<)g^i^Àce^e{f 
a' fervigi deUa moderala r-. Qi/.efla teÓMca .egpegiaipfnte po(|a if 
pratica dal Coftanzo fi ricpnofce i>el Sonetto^ del^Hal- parliamof 
^dappoiché per ridurre l'umilo argon^enio alla moderaia-.idea »-,no» 
.ib)p lo vede per lo più di. entimemi r e concetti moderatameotf 
j<;lf^Y^tì .* ma il fecondo .quadernatio ,<;a bafe »« e ii iprioio .terzetiOi^ 
q vol^ ,^ dppa iqtcri alla flefia. idea ^ ed in eqnfeguenza. dup.dellj^ 
.'qaattrq pa.rù' del Soneuo \ Ctfejché ij.coqfvpqto di ciò J^ ^vcc^ 
^Ua d^poflr^a^opf .dKciafpuo^, ide^V |>oifaM^te{^aù >* cbe fenr 
^. f^ù iacpia^ pa0aggio alia fea>nila^^ia,pro|^(Ìztoiie , dicuofiranr 
dovi il concorfo delle idee nel recitato Sonetto*» il qual fine poo(e«- 
guiremo più comodamexue «col. dividere in, ite parti* il medefimo 
Sonetto , e la prima dare ali idea ^blicne ». la feconda; allasenipera- 
ta , e la terza all'umile • Ch^^l ^onc^tq ipcominci con idea fublir* 
me, manifeftamence appaci(ce dalia confiderazioas del, f rimo qua^ 
dernario \ imperocché prin^ieramente^ ivi fi paiola dell* e(eri)iti> cbe^ 
dopò la morte incontranal^ nofiro iàixf^ >^Ja quale. £?n7i^^dubbioi^ 

non 



Digitized by 



Google 



Della ^afglir^Pófiffat DiaLIV: ff 

^"père'i^ìatgaiMlc^ fabl«me>, ma feitendei con coo^riMàpiòUo ai^ 
«ire altainotltev>^*9àbiliiiicnsè/fpi«gari>« coitieif'Oito il. vatcsa Toode 
^Srigw^e l'«ftc^ccldda8tl[^o^«nzt:rpéRi^ abitar leardemi ar»- 
•e dcMe vvkilf ioAsriudii: iltidle^Ameii paif^gio Je^Ret daUa viva^ 
aanporalè8ti^4ceriia.mdb«)^<$.iiraovo*olcrft«jiciriò io qaefio iqaadev- 
airi» tin paélare nuto «rariàto^; ed affigusàto > ^e di mcnrfòre ripit- 
BOv^iKie.'.Aabìts^Je*itu^BÌfiehe^ come^ Vjmm\P mde^ :éi Siige por 
yaffarcf^ail^lofetcb^/jSur 4i.j(ìpr»rp^^^ facnfMCfevnaonencs ^ àkfsrùf ^re^ 
«i.pcf dinioiw^iiitaleto luogo ^ v^llkittffmMU pea TifieiTo Inferno^;: * 
4^teoliiiooaooé&Ui'.?tOEaUy e dirdiecoDgfti còsi, bene adattatr^ ebe h^ 
fiéédiMio Ridkoj^a^rey coinè' ftno^i due: d^Ipcìmo vetkh^Pnchi Foi% 
^/«'t^e tur^4firMr4»^f equal^ òtVitcoùào^'SHgtr e /arem^-^ e gli 
ttari w dtlfqtuinò7 ^«f//i InfirnmlUtàe^ e frèfùttick E finalmeote ià 
^fix> pròpoficoiici^ervo'l'ta|ipfimiBa Ik delle voci r che fom»^ 

«Kte pieae,^ «Titofiaitti, itimmlbao»! ed armonia- [BterfectiflSma deVcrf 
4^'rlopraìitHMO'jl ?ttcokttiieml>dtltftiQÌ€o periodo^ che racchiude 
miic qyefta paecedet &meow, «it.qfaMe fi raggira con ibniraa gravici 
|«r coffo^ il qmulesoarioi: ed eotraodojd' ucào i&^rro verfoy gli comi- 
«mee uitci fii>*gnifa^^ ohe non puòiarfi. aknoa pofàta r aè pigliarfi re-' 
ipiao^ fiqcbèiaonfi giuage ak ttttniae ddla modefima prima parte: le 
qualt-oofe più che abbaftanxa ót^ fanno vederey queamo maeftrevolmen» 
le abbia il Gòftanm^còHa^ (bblime idea ìaconiìticiator il Sonetto y che 
#iamo'«ipon»Éidi>^ Jta {e2oadà)4)lrce i fidatati fette vcrfi comprende^ 
^ìtc^ii ftc«indo<jpiadecdaria>. e ìlopifiitpo:»erSeettov* i qnali io dUR- efe 
fes.dfjdeci'MmperatSfvpeithè»» 6ìbbeiir T argomento* , o il ioggena ,, 
ebe^. ^tcga ifi'efli, ctotto^fure abbiam deteoy d^erlicncpiù airu<- 
«tte«wGhe al «emperaro; nòndimòio egli fi: efpcime con coficetci mo^ 
«detaùre-^ooogn^ftltra cifeoAanzadaJ^lft'nioderata idea ricliiefta r S^ 
«o ìnconcetci adattati alla moderaaione > ptrchè nobili fonone parttr 
tt>lacmeote iiioeprtaoipalif cioò la fpemnza del Poeta di poter go« 
dea» deibi vifta^deHà 6sa' Donna >• la quale allora gli- toglievano la fu^ 
fti^ta« e:f) Uifdegao- di qiKlla, akncao do(»>'la mòrte dentro l'Infer^ 
•asv^'peoe.dfh^ale.dà'talvifl* darebbero, a lui (tate addolcite» e* 
^jdiJetfOr rtdaàpìate i tr il prevedere y c\\t alla^ fua Doniu avrebbe tem«^ . 
femr, e raddolciti i t<»rmenti infernali il diletto-, che avrebbe ella* 
mvxff^t ift^veggeiìdo il nialo di Xmf^nxA f^Cy cioè maggior di quelhy 
d^i^oi^idtca damara Animai percioccliè, oltre al male delle infcroa* 
it^pèoeV rifarebbe in Uii' (teto^udloi; che rceava^ feco morendo , cioò* 
I tormcDti achoréfi d'aUo fdegno« e dalla Superbia della medefima fua^ 
Seoaa^ eagionavìc e quefti concetti tono vohWu perchè le cofe v che 
iappi!efeinano,qvKmfto Adift|oftaao dall»fttbU^ e fcelta' intelligen'- 
aa>- taiKo all'ornile ^ e coniane fovraftanoy come chiaramente apparir 
Ibe.. On si fatti concetti lono fpiegacr noa meno fplendtda, t' gracio^- 
iamemcv ebe convmottty giudizio^ perchè la grazia r o to fplendore 
daUa' cotouoe intkUigenxa gran^ intatto* nm (v dilunga » come fi rico- 
floficerda-i modi del dire, e djalle tiasiazKHii, e metafore in eflicon^^ 
eefime^>ieioè,/!fr'«^0A7i-i tornanti C0U0 vìfis detti luci ddht/na Dòn*- 
muì»a/i»mUrfi: le mtdefime lud Ì4Ua fitperhié'^ tiÀalle fd^nov mird^ 
itiiLmMÌ€re^fmBfréàreUdoiencolBÌ4e^€UU4 del fenare str 



Digitized by 



Google 



4mLj iqiMriitibtio modi per ceirco t di^molca* gfiiBtt:»'.e (pl^mdore^ 
^pteni, e. atcrtsi ad ogoiiiiMlUKeozà. adattati. fic-^M^jehemofa è omt 
^tìclla ixttDiera di dite ùssmaimz,^0lfi:é^ì^^ mi f^ 

Tikhrirurmenti't e rM/fre pine ? A me fSafliknbrr^» aàssr Cali»' «r r fona* 
-fUtimà i, che altro ^ pecche ràggcccivo .|iag3Mfc;»^ obe^èr femfmÉule ^ mal 
fi comPieii&a.'rM»«i#/.iollàmbp ma(Bhite,^t^ 
cl)e ìbfiiAkfttvvofemmhittetlrj^r .^^r 
caco mfldo'di. dire»; et molto' graziol(>rì(MKato^iiiiànpdsl4^ 
(a; BtW#A)-.iQo (^XEiigOTiaUbade ocHa? foaJ Poetica ,^ovcif^acilèggi»0'^kluiefc«fc- 
t03l«»«i/»i». ^^fc beni mi ricorda.. fjJ^ avete coUad'umgraiMl«ittpaccio.«^«^/a»/ 
Àguiterò^ adunque. il/iiito>ràgiottare*«^ £i^.A^ wftitMomodo.- yikiMf." 
cavcgUofa: pot^ la'diòiara* demro'i^ limiti del^aiodèraro^»^ obeip^qao- 
fia parte i fatca ilCòfttozo» lacuale è;cama ^ cbra> gract fatics^i^* 
Aimo ,.chr altra^naggiorepoOTa travarltar: percioGofaèr qoaitti|t|$sfi.cio- 
coftanEa>.ai fub(ime».ejatL'ttmitc^€Mt)QauKhiiiauv^cirQa^ cflot*' 
teccariiaicofitraria^,. ed^oppoÉ^itegligeciza»^ £iJCmmui^un^ài^t9i^ 
ftirarmelc. ^/r. Ri guaidate ta prima <iU fiu^deiltiuMs i^^ 
li,, perche coliranifid»fii(nmaitcoUbcanoartH^ 
po pieni y, e fabì imi vcqmrcertwrtpfircr famUidraw wo^o» (ceti» fe» 
za: dittonghi di^Stao tnomento^traccomp^yiate iagj^àvcliei'wqi' 
dai itiolrii concor&dii vocali- fimcK* ii<m^firaa ingTMdici v ie cendu^ 
ixùgnifict : maiinonMperò.>(bno^daquegli'abbandomBÌi^;aifa^ 
cene due tsel fecondo^ quadcmacio . > Pàfltocrijbli atiàtcnifttipo 
fi0div iPcircot^àmemodé^qtiaUvcbr tex»Ì€tdb\kfàUfcì6titxmé^4 eotse^- 
ge. dal gtudizto«.di<'meccef la;comr io^fiat de^ verTcr^ :erflDn3lardiaryii 
alcuna^ vocev.cfie/abbu?aecefl&rio^bi(bgi«o^delta:'. compaggùaMliiqwb- 
)6>. cbtle qnali mctmiinciaùlrverfo'feg«^^ 

p^ficazfotiiid^ epneiii.comcrMti y,irii9cmtéf y.€d:isÌM t'/irmr^tcboi^ 
oome dicernmanel féc^mdo'ragiamimeoto^- più;ainomile^&»coflive4i»- 
gcmo..Confrideratrifioltn^ le^oolUficmi^rhe^iiocyto^poo'a Lvcró Ut' 
tkitcezs&a ) e là grami» defiderare:'daUà7 modirace' tde#y e impedifeMi^ 
Itero ' nel';tompa>'fteiro |! ahsarfi ^ iiiistìme v««r tV: cackir oelL'^cRmlén* r ^ 
Batmeote radere- lat^fcna v^ -e gpaio£a; armonia «^ '^ numero» del^^os- 
dov^ del terzo». derqtMr8o^4rdetifefto de!ver&di$<{iiMEJta' partevcoc^ 
rettoi C9lla^ poca r ^ fgrazìata>det'prìmo\ e det^ qiihEfto ,. « coli' infioìt^ 
feftamivaro^dtt vetbo^firsMrrpofto'io'timftftKV'i^^ e iaftroppsi 

^eoczza^delle deCtrenzc ia^#iMlr,re iit 0||6iJv£Dcrvata! colla^pocaedett*' 
fttcrein-^jvr^ein'^fr.e lamolcadolcezza detpiimoverro^inafpricat 
dalUDdura^nnifonanza ttVrW»* e ia'éU'r^Ji fgetmrei'ch^'sffiip comeaW- 
If intostta h' trc^pa:' a<preze»^def^ fefto« mddotcicft^ colla; le^siadriadel- • 
i'iattra' in^^rve io^ ir^iLMérrthi.mumtir^ Mastemcpè^ ornai di for- 
Pffl^ggio* alla t<cza^ parer conAQtme neh fecondo^ terzetta ». ilJ quale- 
viene abbracciato' daliromfle)ìdea'\. li fuggetto^ diqoefià: panré ac— 
toocìflial^o per l'umiltà*:; noo^eflendo^egui altro», che tl^lvogov dove- 
aibeigar dovevano VAnww^ e? rà^foa Donna nell!^Infisr«^v 1^ Anc^** 
ri ^ che or I6i rapprcientaoovpiaiif v e^- Baffi -fono v ma^ noo^ già vtlis^^e . 
fe^ voGÌv cfie €e?gli«%irvanai^ tutte piofrriei e da*nttinaiQieiafiMPa% o- 
f raahirioner dbbdlne%- Non^c' è y. dir nn^fecnpiiccconeorfó di vocali ^ 
ma tt^ meit fi>iioco«» e {iài giacilr»* chefi: ckcovi wcìoà deJla lettera I^ 

che: 



Digitized by 



Google 



Bilia Vcjgaic Itodia. DiaLlV. $9 

4K>aaroMÌt fioclk:^ <ÌÈm*9SÌÀtcmkiq Jtsgjm^ugmmQ ^é^^cf io ^ rigetta 
fi 4*r iubtìme 1lBc^^oCQOle ^nN^^obb^gaccr^.^ 4i>fo^iigcgiìfidcrajMit 
itt» c4>eirJ'iAc(Ik«9gioDeuabbcaaàdiiÌHl^ c^cMiomuc dirot 

ao» 4Ur4UDÌicà appaaoai^(i;dO<^e4«-^ioce.Mm4r#,poaa/ÌQxicfi^ 

< i Mih i i4 ipi » jpocQ»apamuHa> diitt9ràli/al;i'ubUii^/C(irafxcrc% fxeafkfc 
4o olic&4nodo'baÌR]^^pifgttdico U>V0tfo)»>a)affiaiai9eml^^ 4^4W^ 
^ ^UyioMuqMtihftfc» .cony iC ifiotlla» nltii ^juiMì^vf llùma. Cbiude-r 
. potìfq|iMfefa;papcatfoO»iffiìnfi .cdcfc 

Jb diMcfiii 4d 4iiagQ.|:Me4tiicfta(leoi«|»a^ o' riflcffimcff; «i .inulto ioi» 
tik» e pecb JBpIto ^dawnr^alUumile .4dfa,, 4aaaalc3 omn^.paciomite 
i é&SEù ad «OKOtàvaca^fMoado ^i^gimaoicfito» >molt0 il >r«oii}piace:^ 
n fmm -(biHgiiene ; j«ui.rfioO;pcf&d«ipa à ^ucfiA,.|ttrccvakiMa«eoCsitt 
4bt' «erìd'Xigiufiia» Titrovaiido Jo/ia^eflaUa ^ieutczzà «dcUa ^cOwq» 

i«9.-o#CKtiifiia>afitt«baf) o iiielU quarta .acccotaub «che fC^^Male ^a3la 

^un^pefi la^ficMCZiMkiii!a;»fii»Q^ le squali ^ciucc -Tofio ki psiDcipali;^ e 

hfià knposcanfci idi ctiitte4eialif» ^^e.iiQalaieaccvJa .<;ircolazioae.(iel 

fenodo» ia5)tu0e isaon ^^«^tocca:^ icliCi(ja>iii>ayfefq|>tMC/QD«ia^ mèlicaoni» 

4o verfo « £ 4ii lYctoxaoyaidlco.^iidiaio^ 41 tCoflanm 4iotriU€ataf|ue^ 

ftaparte.ctftfe^aredcuf iicttti;4eVQti.(UQCo(Ufi« > taipeioc(ìbè> efleodp 

fcivA.dlogm/macalofa^ ja.«caskco.> e d'ogni. ^raui modo. .dt.dii»i 

flttcjie ili 5|MÌ9 :tbe aU'>tdeajMÌlfl.0oa.fi,4ir«oiivMgMC(> ^(accbhr.d^ 

lAxa pcf la roa^.tinpfM.Ufxttft^^^pocM^GCDQm^a^CQyoeu^ 

loe doe idee codcoicervdovéflUMHr i iiìè ^lo^moflcoaTa^afiriAcuftum ii> 

-coQofciocay.^^.didbcaBe; ««diui^coofcgacoza di poco^a^eoriaav^Me 

Imo coafegateaa.-ceeeia jtU!Aticore » >it .quaki per .la Atllk : cagionedelr 

la moflroòfitin aocfaii^la >«»agfaiicisi»a della «rubUoie idea alquanto 

^ocxefle ccrila^ccfÉfaisd tccaa ^Mtfo deKpùiao quadernario ,^£stfukiiel«' 

WMUi fiUaba^ Ja«ptale é4ÌàUe:iiieiM^guùoki«,eMb)bili ;^*coUadiik 

rlian9iiedeM\eplieco^le;4Mtli.9<«clMaìàaod f.ff>^ukiff,,<4l)cif 

ifieflb figoifiosmo^ ola:c«lMaitro3epiteia>^7ff^vw4/#; .ta/qual /duplica 

niDoe» comr frddeecoifiitttvoice^t copvieiu: aoù^aU-ttmile,» the al 

iabitme caractenei ^^bo 4MidbevpatriGQlar.;i:iigciatdo^i^eaiere uni» 

ciffiaie'il S«MMUx%. del quaiXt.fadai^vl^^hèJ'aoiofie perfetta iapaf# 

-iife d?'uiHi«oDaUoaàdca\41.4et»fie«».àl quaiiu ^^te^ccver :iUateeoi»> 

■MMfor 4aiia^«ecfici dÌ4fMlle^ :aiAi|aAd0 4ie^darioMiacco^iÒ9 ^ 

legge, giudica poi .aAifiainiaJavtnediiinuxUKKluà^ giunge. a 

ticooofeerUi .«MU&iiHimeaie& ^acà.accon|k%gfiau xqo tal ^ficMótà di 

f«fi9gioi^^«b«sii.aic«a*idca% cfarl^abballaiiicptov q riofulsaincBlo 

ikfear Mtaifibfle^ ^ome a-viene jod^tfcfeme .\Sooeua. I>alle ^eticco»- 

fe adao^oe artfaka «tiÉia Jieeellaiàt<caìtcgueiiasa , wcìoè «cbe 41 coooorfo 

4lillb idee iiMK ptoA dulcite lieua ^conc^zza ». -e JinoAuiofi^ y Ipeaiial- 

moote ki<mB^pMÌamati^TbiUfiiCH^t(efCiu^ al^uai»- 

«er conperi»^ ed in p«eifi:akffD l'^eQrcine;. c^fccdui liyiooaio a ciò ai^ 

gm dil^enaa^y^e ftudio, e-arciizto il coi]^pciiìtui:emi«c 4cbbc t però 

tgil maggior 'lode acqoiftcìi dalie oompofisiooi -con %i Caici coococfi 

lavora- 



Digitized by 



Google 



60 . Della. JBeIl«gta^' lìhG 



nacai ina. duMtay- cito Udivcp&daddifiilU^^ fapyotcMt fai pMa-dìAH 
ba tflbre aguale» tioÉ li divida, e noa .li cpnilaoR is-dfv^aéiikH 
ftro > J* Udo datl'akr^ dirgiimco ^ ^Qicftd e lurto ciò , ^ cbe *.i votato 
crprimcrp U Pocfta<ntl pr^feme* 5onet«oi/£k)»iw(im9: alienò ^edcce.s' 
egli rà cfpriDiro; ma'PCi'd)è'dall«1t!2»oa^wilci tSoiièi»apcn«^^ 
fiCcorg^, ^ffer di (aLmameca^efpreflbyTjdie liQniiV.Và^die.ddidecaiy 
&2di'pià, io ai:ulòtò^ua[feitgÌj^do4UcQlii«4>afli idcgiù 4<vftvli(eGdtaièi^ 
io:» e intoioo^d cfll*uaikrò fac«àda qualche tiAatRg^t^iBjpuaÀtty 
mencff è 43eceèaf io - y<^é qual ^o0e ^ l' amore, jdel Poeta »» . «je guaite ^V 
odio ileUa Doiiiib^ amata^ Io ^er me^^ ìw^mo.bW ammattì Poeta» 
Aimo, xbe fb(Ie fenfaale^ si pecohài-niKi cootieAe»^bc«ii^ de&fenoi 
della viAa corporale^ella Do!paa::i. si percbé .affaiouil (Poetai àie 
dopo Ja. morce 4aiKibbe (lato coadawiaco : all' Imfcnoif^dmttii renfisall 
junaotiiba condaoDacive non già.i^onieipplaunyjchB féooDdoiAa» 
£Qne> anctie io >ù(a)(t<faeaùficaQa:».si peialiè.gravi.fcfiet>di0e«doiwf 
jpaùre.pec ciò I|eil^Ia£e$flO^ si^finainctucTcsd|Ki/il «eoppajai^^ 
Poeta ù Jc\\htasifaU0\iÀliq\xsA ténoiine iiett:figoi£(»kt ifitiiH)» cbeixo^ 
^oppa. fetirualicàegU ainaifa<«>Cilxa vpoi l'oétO'.delbi Donm^^i^ 
^hiaratncme.fi ric^tnofce* dalla coniidecalziotte dfitlcjpAfakvd^.'Scioec^ 
{o depv^r dalla. i^uprcbia^ 4a x)iiaie cu;()uelia#.ii)eiJ9dMd^a.la0Oflb 
Da a dirprcgriate, e (idcgaaie lUiuo^^dEBt.P«ta>i;ei&ig9ir dall^mift* 
di luii e fimiliuf ecbia. apciil offa ifi>chtiasa fMf^j^ pctaig^fi^dìfoc^^ 
caosepte parlaodp iiecandp^.lPkitow adi C^iirm(>V'>cbi,(djcg9a.fdf>e4bi!f 

Amaca» e fionnaoiiLiX xfio» |a0u>¥i:di uyiiè»^a.dÌ4Ci:iid«lit^v ^^9^ 

dìfur- 



Digitized by 



Google 



Defla Vofeir Voèùsl. DiaL IV. et 

S liirtOf pcKhè ruba V anima deirAinancc : d'oniicidia 9 petcfaè V A» 
maftte to fé (ttth uccide^ ^ivaadota dtll'ammà / e di fagrìlcgioy 
ftrchè non (blo^r anima, che ruba, ma l'iiieffo Amante» tontro al 
quale fi pon manaf come aìnamet è cofa fagra, per le ragioni ad- 
ddrte m attor ragioaaitìeaio ^ Or quefti falli anf^dae (bap tlcfgni d' 
Memo» hiogo adegnacoy si per la fenroaliti» colme per ta fuperbfa. 
ftt cfprknefe adunque il Poeca^ che egli avrebbeproTeguito ad amae 
It Toa Dotma, e quefta a lui odiare y anche dopo la mone > inco- 
nuficia a dire» che varcbetanoa ambedue l*midd dì Stige^ cioè paP- 
feranno all' InAnrno « il eai cammino^ feeondo i Gentili « d incerft»- 
càio anche dalla Palude Scigia^ehe nafce dai fii{Mrabbondante ribolli- 
meato 4et fiume Acheronte ^ e faran condannati ad abitar quivi fit^ 
xj^ffftAntA di poterne ufcìre # f^^Tfatcenecevi^ Ariftco; e fcioglit- 
tcnri tin dubbio » del quale rum vorrei dimenticarmi « Arifé Dite pu- 
le # f^.Come dice qui il poeta» che faran condaimaet atl'Inieniii 
fenxa Speranza di ufcirne» fé i loro. (aUi non mapuiono tanca enor- 
mi» che un giorno no& poffatK> ed esltf e la (àa Donna avpre fpe- 
lanza di paftee a gir EÙs) Gampi» ,4onde feconda VergiHo» ^iara 
cofa iy che ritornano al mondo le anime > Arif^ Leggiadro dubbia 
per Tcro^' ma per ioglierl6di meazo, comeetò bafti il dire > che 
\ ficcDmr a me pan } rAueore non fi à valuta dell'opinione fuddec- 
ta di Vergilio nei teflcfc il prefonte Sonetto; nondimena confiderà- 
ee, abr> ammeffi » falli dlcoftorof nel grado, che voi dite y quando 
«cbe paffiiflevo a i Campi Elis^^ e ritornaffer qiùndt al mondo ^ non 
niQtnefcbbero ne'medefini corpi}. e 'okte accio per robblivioncy 
cfaèv gHtfta Vergiiia Aefloy le Mime beona nel fiuma Lete , più noft 
fi'rémtiiaDtefabberoy né di fé ftefle, uè dell'amore , né dell' odio ati* 
tifttfY V però dice il Poeta /ciku /pe^ » effeitdo lo fteflb non tor«>^ 
aur piày e tornare affintodiverfiir £^wNobilfflimo.fcioglimet\io • Ot 
«iHKinaata il vofiro ragionare • wéh/. Soggiunge pofcta il Poeta, y.cfae^ 
flrff tofemo eglf pdtvebbe a foa voglia f e talenta goder della villa 
stella ftia Doima» la quale dalla dnerbia di quella ^ mentre egli vive, 
^It ^ietie invola»! a da eal> «ifta fpererebbe di ritrarre tanto diletto, 
m gioia, ciie itormotKi, e le pene ialfcmali afeigU fi diminuirebbe^ 
fa, e addolciitbbefo«^ E avvertite^ che non. dice affermativamente y 
<te rttfareU>e diletto, ma che ffertrebbt di ritràrh^ col qual termi» 
»e tanta 'pii^ aprirne la gagliardia del fuo amore y e del fua defido* 
aio^: mentre^ betichè conofceffe f non poterC dar nelP Inferno cofa di^ 
lenofia, notkfimeno» tanto era la dokezxa del fuo amore y che fpe^ 
lava, che anche nell' Infecnp avefle potvta farlo godere,^ Che pòi gli 
nmaanri hfktM. ogni lor godimem a pongano nel fenfibile > non fa di 
jnefiieii ripeterlo qid, per eiler db cofa notiffima^ e negli altri ra^ 
g iowa ma ntt averne noi partaco abbaftaina^ E con quello il Poeta 
▼itila ebiafamence a dnnolltarer che egli avrebbe dopo la motte a^ 
mata ecceflftvaiòeote la fua Donna r- come in vita faceva.^ Paflaquiiw 
di a ia« «edere» eome queU» avrebbe iegirita ad odiai lutv e per i^ 
piegar qaeOa eofar 6 vaie del jpiaeere, che fente chi odfa in veder 
ITO l'odiato^ e 4ice che laniua Donna avrebbe rattemperato il dov 
\ cs^nacoii~4aUa infamali pen^» cok diletto di veder Uii daUt 

Aella 



Digitized by 



fetoco 

mvcai 



Google 



4jb DéJkBcUczz» 

fi ifi(eitiaUipet)e«fBitto V e tal piacere lo chiama inHff/k ^ pet ttpaì^ 
met lav finezza. ddPódio della; Dcùma »> concrappofta qaamttauvamcmf 
Alla, fioczzat ddU umoB ùjio ^ Eg.. Ma pecche. diiaiDa: JìmM^fm^ Ir fur 
pene 9, e non gii quclie deila^Donnn ^ Ari/Ì?ctchc;4iff^€gll&^WT 
virava 9» che effec doveOero vcomr poco fa. ancheAlcone hft» coilfid«^ 
tato >. cioè le kkfénìzìi^ t le amorofe ^ mciureqpeAè^ oQiKCtflanOi> 
icrchd akn;maDÌa.;;jha4p«ll[aoo>coiraiiìina^air altra moadov come ^ 
ce Vergtito »* Cmn^nm ifjk inmiri^'rdinq^Mtu^ £^.AppiMi€0'dd>h< 
effercosì .. ^i/..Ma voLuictaviaiftacefo^efii i ^«.Penfo^ al qoafi. 
univerfat' coftnme delle Doaoe dt^ diTpregìac chii le ama ^ e: 'a mafr 
gtore amore cootfapporrems^gk>r^ difprezzo «. ^ri^.. Spicfatevi* ipey 
glio •. Ei^ In ogni di ^ e appreffo^quascrmat aafio-rcrittpfde'ftopfj, 
amorit.leggo a&t più mifenr»- che* dolcezze •> Scrìve Ovvidio*^ 

lióriveilEiuaccaY 

E /$ iin t . cVi» V0 diitr$ m qntl » ihe m*émd$ ». 
e tralafciando ittfiiiiti;alfri>,rtAeffaitoAro Coftanzo fcoi^: 

^^VAf. tul crMàebà-9€àèy€ c^mfma.s 
'j^yi.Nott'VeiiemarMfgitace>.£gioa^percbècosa va la cofa^ e iioéi 
!»& perawffionrar olttameote afidacc«..£x^.Laif ragipfie I ^r//. Motcc 
fom>« le; ragi(Hil>. pcc le quali le Domic ,t affai più^ cbergliiuomìm^. 
fi? dilettano' di- noft^ i ìamare^t e iafiipcriifcoiKK centra» cht le ama; iak- 
HCfciòcchè; altre ve n'àv>che in>si£itte goifa ofterrao >« pen effiet pie* 
da^tiQommh amate v^ perche geatmndò- appeeiro la privazione v fA 
càe la Donna fi. meAta reflia/» p.iibndL*ùoom rirdcfideliDamorofo a* 
aceatora ied;ÌD»queflo affiònurv certose ^cbefe. Donne »«fioarme«< 
^he gli' nomini >. fooiit ottime filofofantt '«. AlcremaHfoffcrendO'la'fu^ 
sezione», che ii.fcmmtntbftffo>)peonactira)3 legge deM)e al macchile •« 
daiqvvdls' proccnmtKMdìu Ubioacfi ^ perquano^ loro petmeOo^vienev 
-eof mazzo* di;: non. corriippbderer aell* e&re amace %;; e^pe^' vera dtxae 
ftqnlftàoo per fiarile ftraday ioffm. glii oomÌDrper;.lo^ p.ià.<ltrppika fi- 
ggmria .. Altre a buon f fine fi > conriiicono^. a: none corr i^oderey per ' 
jMfteoare il troppa empito deU'aoiorofó^ dcfideria>n»«lt«,amami » \^* 
4àtfsMet da qticllo^fat loro otieAà ^. e la fama loro ve taf fiport^ M%- 
dònna' Laora*coi:nQ(!h>' Petrarca ><Ìiccome eUadiec.per boocadtkiìf 
Perchè: d /dlvén tt^t. mm nnUljUttd* vié$i i 

ErAMUmfirAiimmiitm^fiméttj' 

Nirftr-ffrKA i: firh-wufàrc*wun^ ^a ^ 
Ma* perchè notrfiam qui^^ ciòp ngnnatf v bnfièramroqncfte ragionii 
Pier foddisfare al voftro defidciio;;o fenza più ii^^ratteofcmi>«condoCr' 
lò a fine^Ufpofisione dtl^Sónetto*del' Goftanzo •.fx^filie fimo leprab- 
ttondevoli*. jrfhrjf^ Chiodefie finaimenre iU SoDetta*<lel Cóftanzot eoa- 
iMa-dabitazione». la qnale(rc»vChìecffettdo fiatL^faUklonMliaflaearal*- 
mente ,.perr din cosl-^ cpfssoftr-t^ctoè il^fuo^per amate: coneifioiipa) via* 
lenzf ^ e quel) deltni Dònna' penmiila:aa>aoe».aQzti cfDppHabbODriw 
f tanto* iìa|ortana*aiteniiinf:di /«r^v edi ry^j^ ^ficoonBetkonofiw^ 
4at «omefiadi'umD^ikSoacctQX egliteme ^^heascocchàie pene.iir* 

an4>edae4 



Digitized by 



Google 



Della V<4gar PoeTu. -Diat IV. 63 

iidrinfertid«fi60O^pericflrtre^isudÌir» abbiano quivi ad offcr 
iti hi diverfiictfiiAtri^ oltaogbi)»oiiin;'iDd'qaélfcafc^ pe^^^ 
mvinebboD "comotoM weétiù «'(areKbcro :ambedue privi del 'diletta » ,cbe 
^U ricnr TpoitiHJbt fltUa vifta He) nroltcdi ^Ici » edielU ^daHa vifta 
àiìk pette di 4ou ^Goatien t)oefto patTo fvelatameotce vinoabnemc 
là daosoArazioaerttcìra'quarird , e qotttità 'delle tpeae > «colle quali 
■eli* Uiletii0£,^Hmi(famia 4 ^oe^alli aitila <i^ e delP4iinot :ltii^ 
1baler«l tSberperrtnegltodmeDaeret fificr di^vere» die varie $oroQ0 
le optnioDi <le' Pderi tintdtaa latcfiftema rdeltMolferBO ; timperciocdiiè 
Vergilio tra ì JLarloi > tnerre il ^prÉBoipio ili i)oélky ^demto una Selva 
f^tto Cuiifa ; e per una (petòocA «irconaaia dafetidi^iaoiioa^a io^ 
cominciame la fti^da , e <|aivi parecchi ibfcmali pene acmovera ^ e 
difpoiie'; e quella de*morti privi di Tcpolcura ftabilifce-^tprinia xlivpaf- 
laie il fiume Acheroate^ Di li 4Ìal>fiumefoi itocela '4»occa deli* Ère- 
bo» ove colloca d'aiiime de'pargolecrì-, <che 4Uuoìono Tn/£afce, -e quel* 
le di coloro •» xhe inudionota^rza^Xcnza^olpar» «octe^jatie deflì s' 
sViccidono.* quindi feguira m dire-, -effervi iinaTafta^cauilia^a^ ^cite 
del pianto è'deira»«ove'Aanno ranimc di queir, clie da Amore ad nt^ 
felice fine fono <€Oiidottl« Snella -fioifira pane 'di detta ciampa^na inet- 
te TAbiffode i rei dannaci-, «eitiella.Hkftra'JaX^màidi'Pttticme veda 
efa per la tnedefima -ftrada ai Caniipi£Ksj dice^ffarGvTraà 3W- 
cani alquanto ne (ragiona 'r-Atiddo -, >il t^uale -ne pon l'entrata m 'Etio- 
pia, e dice trovaffi appii d'un gran monte una grotta.^ ond'efce -puz« 
^, funK>,pianti, e firida;.e in fuirrcntrata 'incomincia a Hdi(jporre i 
ftd de*rei , >c 4n ;prima appunto ,^arla delle ingrate Donne, ^e*quilitò- 
00 condannate a ^offerire .-perpetuo fumo^. Ma trainfdando'o^aEritta 
^^ionc, mi atterrò a quella di 'Danfe, il^^watetletcrive^'Inferno;, dir 
videndolo in move cerchi ^ alcuni rde^^quali fi <fuddividonoiin «gironi» 
e in bolge ; <c oiaTcuno ditdefti cerdii-, -e flti'Cgli adfegna ad 'un de* 
ikto per la punizione ^'Secondo adunque queflo 'fiAeina a gran'ragto- 
oc il Ooftanzooiemeva d'effer condannato. ad ^abitare in diverfo^chiCH 
Uro da quello^ -dove la fua Donna ibit^r doveva} ^imperciocché 'B^^ea^ 
do noi detto ^ olle il* fì^P f^leiftj^jìi <^Ì9v«fiya^da ifenTuale -amoit , 
«qoeilo doveva efler punito nel fecondo cerchio leol BagAlo di/coiYctnaa 
bufera, e neve raggirata dal venro'i eal fallo rdellatXmna da ftiperbia 
derivante il quinto cerduo^era dovuto^ ^ove dentro il lago fa^gofo, 
■t pozzoieote ^ che «circonda da *Cit ci di 4Ditc ^ "fi ^puirìlìcono i fuperbi 
iotefi per flegias-, del quale -neirottavo Canio 'déir'lnfcrno Dante 
Tagtona^ Ei. Ala convenendo diverficbidftri ^ i fallimefitovati ; e 
dalle voflre parole cacando ?io^ cbe^aiveiTaMè la pena de'Ufcivi, e de* 
fiiperbi ^ perciié il Poeta «dice , che le/pen^ d'ambedue faranno cguar 
li> ^ri/l L'egualiti iqui '^ -debbe intendete quantitativamente > e non 
pà qualitacivamente ; percioccliè le pene itifertuli tutte fono atro» 
ci , e turte «terne-, 'e però iilTòeta fi vale della voce tinaie , che 
dinota <)oantixi 4 mentre 'per dinotar qualità avrebbe dovuto dire» 
<fae lagena fai«l)be itata Piftelfa in ambedue.» Ma -quando anche qua- 
tttavivamemc le volefte confiderare , -non «panni > «he gran divario 
raffi tra la neve , e Tacqua , pene ^ alle quali dannati fono i r<i def 
UKoi^vati bà\kp ^condo Dante « £i. Appieno mi avete appagata^ 
' ■ - " jiri/. 



Digitized by 



Google 



^4 Della Bellezam 

'Arif^ Afcokace adanque U maflSma utili 0111149 die io CMO Aà^xtf^ 
pofii feocimeitti > ne i quali (i cap^ercma Ip fl:ata degli a«fUMiti feci^ 
filali; cioè che Pamac (eofitivafdeote l ^agipoe d'eccoao danno; 
quando ^r ttcro Amore é principio d'eterna frnizioQe* d4Ìeito> e 
pace» come fi è dimoftraco nei i^flati difcorfi ; e eoo ciò ftimaodo 
avere in cucco adempiuco quanco mi fi apparteneva , cooduuderò ^ 
cbe il pcefeoce Sonecco a me par bello lorornamM» > non meo da 
quello» che fia panico ad Aimone joirca TeÓerno. £x. Adunque* coo-^ 
MDendo mifte aoibedue le belle^ze^ ancb'eiTo farà j^rfdco.at par de- 
gli altri ^ ^ri^ Seaza dubbio. wrl/cuAriftco, la notte é già immineiv^ 
tt> jirijf^Ckimicu alerò 4a noi» OiEgiaat^^«NAn gii per lapieiea. 
^ ce giornata. £g» Adunque appreflb altri ragionamenti anno a iiarfii 
(0 Ma^ £1:. Un'altro é infallibile; e rocclieràad Elcino. [/]« che finora é lift- 
Misrc, Sevi^ co afcokance» a far moftra del fuolbvmmano fapere ; e vo dargli pec 
^}'. f compagQo [1] GeraOo, angolate di pan naila ge«tile:»Li e nella e* 
(g; a«p»/. rudiaionc/ wW.E fppra di che? fx^ScHfatemi^ £r jioa velo dtco> 
u!^''^aM ^^^^ vorrei, cbe giugnefle nuova la cofa, quando un'altra voltaici 
ii^rì*^ aduneren»^ Atif.Vtt levarci la curiofiti» vcrreot domani» £xwf^ 
* lo. Te 10 si brieve tempo potrò^ apparecchiare lutj^ il rbìifegnevokpcé 

quello , che avremo a /are; cucfavja venue» cl^e io vi Aarò erieiw> 
dendo^ 



U Firn ed Didog^ S^mii^^ 



i ' 



I " ! ' 



DELLA 



Digitized by 



Google 




DELLA BELLEZZA 

DELLA VOLGA R 

P O E S I 

DIAlOGO JIUINTO. 

Si comenta. un'altro Sonetto delCoftanzo; e poi ei^ 
minandoti 4' £/w /avola faiìorale dtH' Autore àér- 
la prèfeme Opera , ^ì Ipiegafio i pi^ecetti ^eUa Vq^ 
ùa, Tragica > e fi mofUa , cotne la meddunà po^a. 
Accoiiio4arfi col coftiimé^attpr^I^. 

<a) Gerajlo Tritonio,, . (a) Af«»/ì. 

(b) Bicino Cakdio, "mUm"!!*, , 

^ ^ - Cantieri 9 

^"^ggTaBCTM Q^to per ten^Dfcte venuto^ o Gerafto?<7m Abbia- (b) Af^/i/if. 
tene grado al voflro nobiJiÀimo genio di virtuosa* M^ralU 5#« 
mente converface» il quale a poco a poco mi didac* vinti ^ 
ca dd'^iucci gU affavi ^r uia ^non -però Ja mia fotlepr 
(Udine .^èftaca.(t)dggiot;e di quella d'Elcino , che è 
gÌ4DC04)rima di me ; ed io I' ò trovato alla porta 
del vofiro Palazzo, intefo» cotneipi .parve » a disbrigarli, d^ yn non fo 
«bi» che quivi importunainente pcoccurava di t rat tenerlo « £g. Ma egli 
pi viene co gli altri foUti compagni . Elcioo » eh cotne è poCfìbile» 
cbe voi fiate ftato il fecondo ad arrivare.! El^Ao farei fiato il pri- 
mo a capitarvi davanti , ficcome fono ftato il primo a mettere ilpiè " 
Alla foglia della perù del voflro Palazzo .* ma uo' accattabrighe in* 
difcreco « che mi aOalta.ovunque mi truova , eOetnlo quivi foprag- 
giunto f per lungo tempo mia trattenuto.; .tfet poco non fono 
nomato in collera per la pertinaci flima indiCcrezione diluì. Eg. Egli 
(ara n^LUL la bella fcena quella, «he avrete fatta tra voi! f/a. Oh ella 
è Rata più tofto per efler brut»^ Ger. lateuompiamo di grazia ogni 
indogiè » fercbé i^andemente mi fttmola la curiofità di fapere la ca- 
gione di quefta novella noftra venuta • Eie. Deb, Egina y.non ci te- 
nete a bada : ditela fcnza più , perchè anch'io fono bramofiflkno d' 
afcoltarla,* Eg. Finora ò .adoperato., come fcolare : oggi vo fare 
«Bi.poco da.maeflro , fe.pure me/l permetterete . Ger. Che dite ! 
£1^ Volere voi .fac(e xfporre alcun Soncao del iioftro Coftanzo! 
4>4c.Ift.F0lg-P<Mif$4.Tm.ri^ E £f . Ap- 




Digitized by 



Google 



44 Isella Bellezza 

JEg. Apponco avete indovinata la cofa .- ma nel far da maeftro t a1tr« 

IO /^olarp ^ Ger. Oh il po- 

a0i ìqui 9 CompagfiLiniei^ 

iorno farà coneflfonoi quet- 

lìerzo^ Eie* lo Pafcriverei a 

> Gerafto ? ùer. Vorrei aa- 

^1 vleOfei^^ come h^^-ùir 

iggt • £f. Orsa ecco 1^ R^ 

éer. .G^nfcaQcbczza mih 

• £g. Io 4m fono .{preparare 

\Q a <|ua1fi(ia^ «chemi venga 

a nei 4>rieve ceoipo paflato 

rmeflb .di .chiuder gli occhi 

JMUa,;paQ)^ta nptic^ £/rI'Noi non potè vaino immaginare, che voiave» 

;fie dovuto jpor^TifUio /ad imp^cfa^ gr^ivdé ; ^e pcr^ iep fpjnrì dalla 

xurlo^à fliceouno ;di yoler, tornar oggi^ Ger. Xancp più fari qi^ravi- 

f liofp ^ ^ ^Q^evoi^ il .i:agi(ynameiKO , che lEgina ifarannc ^ ££• Or via 

cooieQjtateyi woire alta <celu • dr^&jciao ^ ic$g\ictc t ^eado .a ifoi 

dorato jqueft* onore , £be ^i^vete maj^i^r piratica di ^rJU 9 <^ à^ioj 

Ser la beiliflima conferva , che fate » 4i quafii innumerabili Volumi di 
Tofcane PoeOe« Eie. Anzi a voi fi debbe > perche voi mo\topjià',''xhc 
io non fono, fete partigiano dello ficflfo Autore. £^«Eocoai alleodio-^ 
fé cerimonie. Ccr. Noi certamence c^pn faxtimp nulla » ^ fcfò fa;rà il 
Aieglio ..9 che voi , o Egina > prendiate il primo «del Canzoniere ^ Eie 
PnideiitA(nmaii;ifoljuzionie^ Eg. Mcnn^e è cvciAjBtc 4' ambedue *. m' and^rrò 
al primo I il quale» acciocché poflTa ridur ^meglio a memoria le conG- 
decazioni da me fatte intprao ad icflo , permettete « che attcatametta 
fia da «K jctto.» Ger» Leggetelo pure, « rileggetelo j cUe tann jpi&ae 
^odremo^ quanto oiù J*afcolteremo^ 
A* ^If^fi^^ '^ ^ 9kr4 felci , Pǹ il focili 

tfAmnf irnffi quii foco , ovi À fm*énni^ 

ChWde il nUft^ ,cor , 4ih come il Mondò ingàntUi^ 

Mofiréuiduii il zjriité -, 4 sì ginfiti^ 
Chi CTiderid , chi poi con tinguM , r filli 

JXsvirti slxAts éU ciil tu mi condanni 

A fdffar di mia viu in tanti affanni 

Ott^i ornai , non fwr Maggio , od Afrilgl 
E chi fuéutf^ia jpin piarla , / pii^ languì fca , 

T^fto min pojfa fair , cÌ9i VéUmd^ étcariA 

DilCirror fuo àa a fi difunifca^ 
Or per mi fi fiaadi in ^tto è morta^ 

Io non fi ^ comi Amor non arrojtfca , 

Poiché tal crudilti vidi , i comporta j» 
Perche il ripeter qui le ^teoriche d'ambedue le .Mlezze» co\ mìftodd- 
le quali dee ìu Volgar Poefia lefler maneggiata ^ farebbe non meo va- 
na., cA inutile ^ <che Juoga « ^ j:inc«efeevol cofa 4 e oltre acciò il do- 
ver non vjuolje, ,cbe jibbiate voi, 'lungo tratto taciti , la noia d' afcot- 
tarmi ; né pcrawetitura io durar potrei lungamente a ragionare feo* 
i9sa incercompimeato ; però farà il meglio > che pct focUisfore a toxti^ 

ieùid* 



Digit-ized by 



Google 



Ddìx Volger Focfu, Dial. V- ^7 

ftr foddecte convenieàzcv fcnza ufcit daii'ìmraprcfo fiAcitia) voi , Ge^ 
tallo r m'interroghiate fopra^ l^èft'eriife' cofc ; cvoiy Ekino, fopra l'iiv^ 
ternt -, finthè fartm» ^iontif a confeguire ib noftro* fine y cioè di far 
cedere il prefeme Softectcanch'èflo' dotato' del mifto» d*ambcdae le 
Bcllezee «^ (?rr» Prudente^ itv veritàv e'diCcreto'penrieso: m» pure avre-- 
ie minoc briga* ,» Ar voi ragiptiafte a" voftira calemo;; e noi» aridaffimo^ 
TOvendo» tKHto' tratto quelle diflSculrà'y cfìe' cr fi' pallerò* dinanzi nel 
difcorrer > cke^ voi farete •. £/r^ Anchfio concórro^ nel- parer di Ger a- 
fio ^ £i^^ Poiché tale^ è il voftro confìglio y fon pronta a* fe^icarlo i* 
e Joconffineierò»dall*%fterno .. Ik prefewe- Sonctto^v feconcfo^me , all^ 
tesile idea s'^ap^rtfene j, percioccliè ib (vxy argomento^ è ulnlle y con*- 
«nrenda in fé il femplice fenfibile Amore* dtì' Poèta» r no© cosrifpoflo' 
dalla ftia Donna y bcttchd lungo teinpo- abbia egli f^fFcrto^ y e fervito^ 
Umili fono aothe ì cotactri , co^'qiialif fr rapprefentano^ I» durezza^ 
dell» DotfQa- ^ e la lunga fctvità' y e foffcrcnra del Poeta y il cl)e non* 
tfiif affatico- a^moflrarvry come né mena rumiltàs d'alcuna^ fiemenza*r 
perche mteo^ ciò» pes fé fteOb' apparifce chiara >> e dalle altre dimoftì ar 
Ibrasioni y che dfcggio^ farcy vieni confermator m» afquanto' mi diftetn- 
dirrò' imbmo* alla locuzione . Ella* non à dubbio* >< cber ne'c^dernarj. 
per la qfuanfcitar de^tr^^latry delle meraferry e de'figiirati modididii»^ 
pare non; poco" nobile y e alierra^ dall' umiltà : contunocii^ntuita'delle 
memovate cofe efceda i limiti airmnile ftile prefeticci y al quale no» 
è dititecto^ l'ufo» di quelle a fua talenta r quando^ tali nòO' fieno ^ xhù 
a altro' e«attere fi convengatro ^ Vcgg-afS ir merafont ddÌM/tiu per 
\a Doaiiit amata. t ella è umile. Veggafr l'altra óeìfmU por kr ftm^ 
iisfltOr Mltqiiale Amore accende il fuo'fuoca.'^ ella è umile;* imxk 
Ubm^ la giodicherebbe anche vile .> Veggafi' quella dcWérd&eil twri 
^ coftfio^e ad^ amare: anch'eira, come ufatiOimav i popolare, eé 
umile ', e di si fatte metafore fi valfe il Petrarca nella Cansone . HU* 
U ftmgiwn che il del ragide^ inchina y la quale tmta dcnt^ail' carattere: 
amile fi ragg^ira» cioè della primay e della terzalvelatamentc >. e deU 
«a feconda , vinoarmenrey ^in quei verfi ;; 

C0me m*ét accefncia^ il fece^ - ( 

Di qnefia viva petrm\^ 
Ifè menD* umile é qtseiriadtra eta^ef àlzAU al ciele^lkfnm Ihnna cef^ 
U lingnMr e ctile^fiiley t benthc il Petrarca fi valefle di efla in queli 
Sonetcoi dt carattet^ magnifico •> U genfavét a£éi defitti eJler fiilVàle^ 
•ve dtflt^ 

Mdi npn pma' voftnr penn» etfngegn^'it 

iVw cheftil grave ^ o Un^a^ 

MmfiuEicno y cerne nota y^ e popolare y può aKh^elltf fétvite' airupiir- 
là ^ £/r. Ma cMae ,. a Egina y fi- può innalzare alcnri) col la> lingua »» 
e cotlo' flilel Eg^ Voi uCcTire della metafora r perchè innalzare al Qe- 
flaconi lti^a> e fiite^ fignifica celebrare al* più* alta fegno* ^ Ma non» 
fMtè y attelie propriamenre parlianda y que&a reDKimento> zéppiehercb^ 
%# / peca&è liaì H^ua y e la flile eoi foona delle parole y die vie» rite» 
MO daUTaria y e poiitaro in^ alrov fone^ firumcMi btnrartiad< innaiìea^ 
r, alpap^diqpoalla^rd^e fiirebbonle ali y come fi i»i?oiidfce dal fudde^ 
t (affa del H«ma:MV ad ^«eile fi* di ii vola ane> parale r iMn menr ehi: ^ 

' E a alle 



Digitized by 



Google 



Della BéIÌe2!z^ 




MfiOy t la vius e tra le ftagiom di qii^o^ e l'ttadi di qae&a.- G^ 
€iacdiè Ekkìo vi i fatta ut» domanda > voglio ÉacvcBC um aacor: 
io. Vorrei fapcr da voiy quali età fpicgatc vcDgano da i mtù nel Sok 
•etto nominati ^ Eg. Non fotaoientc io voglio ,> GcraAo 9 jrifpon4firc 
alla voAra domanda ; ma di più voglio moftracvi^ dentro la mttafora 
de gli fteffi mcfi contenere il tempo precifo , che corfr fra rinnanlo- 
vamento-det Poeta y e U cooipefizione dal Sonetto f <lel qiitl parlt»» 
IDO • Gtr. E'j^ttinde il voAro ingegno >^ Egtoa/ £;- Àfcokatemi ^ Aci<- 
notile nella Recorica, dividendo l'umana vina in tre età», cioè, gio- 
ventù y virilità, e veccbiezzarcoflicuifce il vigone del eorpo dal trca» 
tefimo infiho va treotaciiìquefimo' anno ^ e dona poi tatti gii auto- 
cedenti alla- gioventù, e tutti i ruOTegutnci alla vecchiezza.. Dividen- 
doli perutRo-a detta roiTara n>etaforicamentc tannor imtiq per Io 
eorfo della vita nmaaa , e* fi verrebbe a cofiicuire la fua gìovaniù da 
Aprile infino a ttitto AgoOo ; la^ virilità da Setfembvt a lotto Otto* 
htt% e la vecchiezza , da-Novembte a tutto Gennaio: portando Tan^ 
no in qnefti tempi tutto ciò ». che all'età {addette aflGigna Asiftoiilt: 
fenzai aver riguatdo a Marzo ,. e Febbraio , i quali y come iimboieg- 
gianti i due eftfemi della vita y fono incapaci dVcosfidecazionc < Oe 
pvaticbiamo'quefia teorica nel cafo deLCoftanzo. Egli dice, cbraraa 
fttte anni , che amava^ la Tua Doima • QjieiH fetse aoni fi decmo dt^ 
Aiiboire tra i n>efi> iK)minath nel Sonetto, che fono Ottobre per lavir 
Biliti,.e Maggio'9 ed Aprile pes la gioventù* 5e adunque divideremo 
gli anni foddetti induepani, e lamaggiorcrcioè anni qnattror con- 
cederemo alta gioventù , com'è iMovere r ftuiìi la* virilitinon era 
ancora oompiota, comedimoflia La voce «0141 , che è avverbio impco- 
ficxione di tempo dinotante , vesremo a- concbiudere y c.be il Focta a' 
innamoraOe d'anni ventifeiin cifca, eqoandocompofe U preftntcSo- 
netto, aveOe intorno a trentaquattro- anni. &«r. SoKiUffiina pOerva» 
ztone è quella, che avete fatta , o Egina; e ne godo ^ e me ne raU 
tegro ;^ perehé da efla feorgo apertamente U incomparabile perQki- 
sacità del voflro intellectoic perchè la nobiltà dì tale o^rvazionc» 
merita ogtiipià efatta diligenza, per toile ogni neo ,• che vi poter- 
le elTere; però contentatevi di rifpoodere a due difiicultà y cbo v*^ 
incontro - Eg. Dite pure •* Ger^ Secondo la voflra (fofiztone , il 
Poeta s^innamorò quattro anni prima della virilità : Inon è egli ve- 
9QÌ £iv Verifllpio. <?rr« Ot come dice» die aveva padati il Magfìov 
e r>Aprile della fua vita , die fono i principi della gioventù: h {o.ptc 
»e Ùiato y che avefle dovuto più tofto dire il Luglio y e rAgofto> 
» quali< folio più proflifni a'mefi, che dinotano la virilità; tanto più ^ 
che il Poeta neirefpnmese il fine della virilità , non fi valfedel Sea- 
tenubre , ma nominò l't>{cobce ». die è rùlrimouieiie alla vieilifi ^ 
degnato .. Eg. £' facile lo fcioglimento , fé fi confiderà «>cba il Poe- 
la nel primo cafo , dovendo efpriroefe la gioKUtò già finita j.. noa 
aveva: bifogpo di mcife deoermìoato % ma eo^cm-ralerfi di ^^aii«b- 

qjiic 



Digitized by 



Google 



Della Vioigar Podia . J>ì4. V. ^ 

ìqific mrfct pigUamilo la pafte p/t tutto ? e gli piacque -v^ilcrfi dcl^Mag- 

STO» « ^IcHT Aprik , pcriShé ^fti due mtA^ ^ùmc di PrimMrcra » più 

^Kcceoci fono» t meno efcuri > per dimofirarci 4«.gfoueii«ù « Ma nel 

fecflodo eaf» , «Km eflcndo «errnmat^ la virilità ^ «ra jm^dATario , xbe 

nefteOe detef minato il meTe t acotoe<Aè fi potelfe cicrovafc il ptecifo 

iemp9 dame fpolto di fopra ^ Dite ora Taltra « Cir» A tue parb^ che 

il Coftamo abbia turbato qoiV ordine de' meQ » nomtnaiido prima 

Maggio^ « poi Apfik • - £/«- Voi direAeranamenre , Te inaanei a* 

d€tti Meii BOA f#(ft «aio Bocmtiato Ottobre, a cui, quando js'anac^ 

«ni ali^ todiecro , come qui dee fatfi ^ à più vicino ^Maggio;, ciie 

J#ciie^ firaoiàce attio ? ^ir^tiim gii . £if* TornianM*ad4iDqi|e at 

cmifroaco delK amitf& ide g^i omNMieMi^ eiie abbeliifcono i quadcr- 

oarj del pre(fB(r Sonettoj e veggiaino « che i Kaslari pariiDoece iìMO 

nintU > coaie fi^c^ , per fciotilla ^m^^^é per appacioe .9 pdffr Ì4 

OTM pef vivere » 4 quali fono tauro popolari « <Iie ornai proprie 9. e 

oaB ptè aaslase voci fl. porrebbero dire ht. né le vagiiezse <leUa iingua 

Iparfe per quefti verfi fono tneno ioielligfbili ^ ed irfoali « «oine£ 

q^wlta.del vmbom^0re^n firorìmeiiro d'^eflere ^^H quii verbo,, anche 

^inmnde ferve hiL tiir# pineale » adopera colle terze «voci kìo^ mmcro 

del oieiio i e tal v^agiMca è u(aciflHiui appo ogni Toftano Sccitcor^^ 

Ma io non artivo ad incendete il vaiore dclTav^erbia pai^ i>el primo 

jwttto del lecondo quadernario 4 fé i)ur non àfià quiri ia luogo della 

f repofixtotie Àaf^ « e non è ^ fatto caosbiamento anch'affo "vaghezza 

di tiBgtu « £/r. Appunto t^avverbio p«^ in ouefio pado'é'Ufatoincaih- 

Uo-deika prepofizióne dafu ; e benclià di siifaica vaghezza 'tioo fé ne 

tffnavtno moki efeoip) , ne io ne abbia veduti altri , che quei di 

inocdco da Barberino , il qoak ne'Docunienri d' Amore foceo Indo^ 

fttia alla regola venteitam^fia di0e ^ ^man poi m^rsi mfmma W* 

wmtHki e focto Prudenza aldoouaento primo .• E pri mtu étrrivato; 

E qMeiraltfo del Tradauore delle Pinole di San^Girolamo • Pei fae- 

ft9^ fimijlUntffnmtt ^i é^mm^nific , the » &c. iiondi«iMO la fiua trop* 

pa €ikfpÌ2X\xì 9 .Htm fola non Ja rrafporta'fuor ddi' omil carattere,* 

JBaqnaixo la ^eade incapace d*eflec congiunta allo 4)il foUime > pec^ 

ciocché gli eftsemi fono tutti vikìoQ , tanto airunrile la^fa adeguatiiu 

Né vi macav^lsAte 1 che iliCofiaoBO fi fia valutoMlla fuddetta gui- 

it del flKDtovato avverbio , perché fi pare t che egH fopra gli altti 

avverbf goda frivàlegio d'efler da' buoni fcMttori ftrananaente ufato^ 

Eg. Comedi é ciò^ £/r« Il Petrarca , eiwima di loi^Dantet e gU 

aUsi ilatidù tutti «tifaronlo fetida \^ che fua indivtfibile compagna -% 

<ÌMiùgliaMa del Pixyveozaie pes\ e fondato fui loro efempio fecelo aa- 

chcLil MoktaiieUa Canzone , che incomincia,. JJdpfekhe ^penm ie 

weU ^ ferme fielh^ 

^mtjem ^tpel nen. mi. lice 
J)i fielie enmr le ahipmet^ 
jllU mie ^mn4 -» C9w$e 
zGU dArÌ4temA il ira» FiiHuei M ^iever^ 
J3èr4e pettrsi^&c* 
T^uovafi appreOb il Boccaccio anripofto alla panioeHa dd^ che fuol 
Recederlo.» e di d4fi^.fatto pei ^jt.; e nl»c acciò^e quefti >a il Pe* 
,Crefc. Jfi. Folg. BoefiA^ Tm.VU £ % trar- 



Digitized by 



Google 



7(t Della Bellezza 

crarca » ed altri alcuna volta lo toKcc di mezzo dal défùicbr é e 
fcriOero dd che \ e fioakuciito ^on pochi de gli aoticiù Kiinacori f 
accordarono jcoiia xima idermimfite jn ui, ^ xlelVe quali firaoiffitne ca^ 
(e non vi fecojcfeoipi t fctcbà appr<fib iì Bembo al tetto libro del to 
Aie Profe potrete a vollro talento :tcovarne ^ £;« Potremo ad^snque « 
mio propofito concbiadere» che biella fieffa firava^ataa è la voce f^S 
sfufiUe \ 4 però jqoelte Mgbezze di lingaa ^ che da ^efla fi traggono f 
iono adattatiflime alla comune intelligenza^ e jcorae tali ^ ben fi a|»- 
partengono ,all*4imjle Aile . Mio in 4)uanto a me oon vi i dubbio # 
,Oer» MaxUtemi» Eginar /e ravYerbìo^a» Aa in /enumentò della pre^ 
fofisione éUt9 » alla x}uale altro cafa non ferve » :ctie il quarto , beo» 
rbè il boccaccio jalcuna v^lta al terzo 1' abbia ^congiunta ^ come ta 
quefto paffo dal Coftanzo Viene accompagnata col jfecondo » e dieeA 
f^i jd^Avtnf Eg* Rifpondeji^i « che la ài non loflfe qui {egno di ^o % 
ma cotnpagnia dell'infinito, col quale patmi ,» che ^ogni imono Scm« 
<ore coogiungaipeffid ^fimìl pariiciella* 04r. SgregiattumejuijpoBdcAe » 
£g. fccpvi aduaque ^imoftcata;, £he gli >omjtmemtde^qttiidemarf non 
ripugnano .air lunii carattere ; al quale anche ii .aljpettano V antitefi 
4* éUfefire ^ t dur^ « a i quali «epiteti il.comrappetiigQtio gli atcrì di 
ftéu , e gemile i jl baffo modo idi 4ire in $miH j00inm :: ta rariti 
^e i concorfi delle vocali .* e finalmente la debokzea della rima im 
ile , e la poca grandezza dell'altra in Mni . EU. Ma come .vi guar-* 
alerete dalla circolazione de* periodi , che in quelli qnadecnar] è ne- 
oiffima 9 e però jiulla per l\umile ftile adeguata.} Eg. lA^venire, 
Elcitio^ ^h' eUa ^oo jpoco jè jrotta ^alJa scorna nel fine àA ^càaAp^ 
del terzo , jt xlel Xeflo Viorfo % <e |>oi ^anta «nagnificenza verrebte. 
/enza fallo abbafiata ^air .altre non «poche «circoftanze umili già da 
me annoverate* Mie. Mi avete appagato appieno ', perciocché , fé t'à 
a, dire il veto » fion bafta la rotondità ^d periodo a ^ofiitulve il 
Sublime flile» ma debbono con effa concorrere le altre circòftanze 
ugualmente magnifiche . t^affai;e ad 4>ffervare i terzetti «^ Eg. Da cflE 
brevemente pettfo inganni , •perchè \c cole in ,cAi <fprefle ., e le vo^ 
xi > .e le Iran ^ colle quali £l efprimono ^ mtte fono Aifuati , e pia» 
ne > e proprie ; ^e oltre acciò avvi .due quadrifillabi in <definenza y ^ la 
rima in ifié afflai mefcbina « ^e debole ^ di tnodo iche ^e «on folftro 
i verfi fofienuti nella maggior parte dair armonia pia efquifita , e 
dalla pienezza della rima in erta , fenza Mubbioaóotto fotto all'il- 
mile queffi versetti aaderjebjbano ; i ^uali ^ mercè, ^elle fieffe cir- 
coSanze, non apparìCcono <lifformi4a'quademarj, oè con efli ma- 
lamente accompagnati ,* JGtr. iAbbaflaoza iopra 4Ìi ciò ragionato ave» 
u;x oòigià fiamopcrfuafi dell'^efieraaikeUesza^ Che nedire^ Elcino^ 
Eie. Pico x:iò^ xhe voi dite \ edi più^lico, che Egina.tnquefta parte A 
giunta al foiiuno della pcr/ezione -> e fé (come credo) farà lofteOb cir- 
ca la bellezza intema, ella, o X^erafio» non avrà più bifogno di noi» 
né d'aiuto altrui^ Cer. Ora efponeteci , £gina , rimema bellezza , e 
rendete vero il prelagio^ che ^i fa Ekino . Eg. Eccomi pronta-, txm 
Iddio fa quanto ifeliccmente farà perriufcirmi . Nel prefcnte Smetta 
fi maraviglia in prima il Poeta d'eOere fiaro ingannato dalia beitoza 
della fua Donna t e il' averla ritrovata ingratiifima : io feconda 

luogo 



Digitized by 



Google 



Delk^ VofeatirotfiklDiaLV: 5t^ > 

faogo $ lamtoia dti^aoima/ua y che da ^utiìa» non ii disbrigai e |0 
Aie fi maraviglift d'Amore y ciac coprpoosaf la xrrodcltà della mcdefim* 
Donna r Qyefta argomeoro m due parti coofiderabilif fi divide y l'ung 
delle quali dimoficay cocnc s'ioganniaa aite voltagli aofemtry creden- 
do buotky.ciò^ > ehe è belio ; e l'altra ^ ccsnc la^ forzai d'Amore calore 
noo permetta airamante notf ^ocrifpoftò dl.lafetar :d^amare / e ambe^ 
due (oflo^ foSenìue da riguardevori dottrìne^faumdo^dttnqStte alli pr^ 
ma parte y inefla fi.fpieg» riospEmno*' di. chi di fede alV'appaiscmKar 
pcff^ioclcbè iì Coffanzo* da» veder beli» efirinfecamBcnte fa( (vm 0ooa« 
(canto vaglionor qui lepacroTè^^M y cgintilf) gfafelicò l'imerfla bctr^ 
kzza di lei \ grata > e gentile la; credette^aacfie jmeriiamei«e ;. ma^ 
egli atsdò errato y porche ritrovolla tanto per entro iàgrata y e cru^ 
d^c y quanto di fuori appariva grata y ef entile ^ Ger^ìAn v'à fondar 
meoto^ dottrinale per si fatooiiogannor Eg^ Moiai^ G$r^ Riféricelov 
£z* Tcalafciaflido quelto > éhr ad cenano ipalefey xioèche la tellenr 
ea dei corpo fia ficuro argon^entcry aathe naturatmetKey della; belle»*- 
SEa deifadgmoy percbò q^eUa proviene dalla perfezione di qucfiay o» 
4c diSc i'ArìoOo^ 

Ci^fe la jkccié fui del C9t dar fiJk^ 
Tutta hiìiigm^ e tutta tra difcrgta^ 
idcro fondstaBeoco yoglio addarvi y men per mio avvito noto y e pi& 
iraiìdo y ad qual rìconofeevece ancbe y come si paò^ giudicare fenia 
wganflarfiv il.cfaey percbò io pc^a adempier più faciliWDcey premet*^ 
teiòp due ificonttaftabili prioicip} : l'aao y che it belfo è fpezie di ber 
ne ^ e due fono le bellezxe fpiegate da Platone nelle due Veneri vol^ 
garcy e delefle.*^ l'altro y che l'oggetto def defiderìo è il bcncy o verojy 
o appaireate; e che dalla qualtci dell'oggetto prende qualità il defide- 
rio y di modo die nelle amorofecofey fe taluno , in veggeiido alcun* 
oggetto bello y l'ama y e fi ferma nel dirSderto dell'^efirinfeca bellea- 
za di Ittiy la quale è cofa corporea y • fiotcay il Tuo defiderìo fi chia^ 
enerà appetitivo i. ma fé all'intrinfeca bellezza it defiderìo farà pa(^ 
iiaggtoy la. quale e incorporea y ed infinita y egli vdiotirà ieullecittale 
dovri «ppetlatfi « Secondo i fuddetti priitcipy adunque in due manica 
re nella vìfia d'une beir oggetto fi puòr defiderare: ma non già da an>' 
bedne il noftro defiderìo faprà ritrarre riffeflb utile y ancorctiè la beV 
iezaa y cokne abbiam dcttOy fia fpezie di benev mentre y eflendo la 
beilesza.^efirinfeca bene aq^^arsme y come cofa corporea y e finita y e 
perciò fallace y e ripiena d'imporfetiotti 4 il Hoflfro defiderìo da efia 
fàdloaemc può leftare ingannato y e ritrarfle y anzi afflizione y cbe 
flodiamao.vil cbe non addiviene al defiderìo deirintrinfeco bello y il 
quale i vero faeney perciocché è incorporeo y e infinito^ e come tale 
aoo foòòigaanate chi lo defidera ^ ne di eflb può non trarfi dilet* 
to > e godimento ^ O dell'' uiiOy o dell'" altro defiderio y che ranima 
iioftra slieccadt tie( itcevcre in fé An^KXey pafla faUtamente neirog" 
iptco annaa y fafciando «oi privi del peltro di noi y e perciò tnop* 
tsf flM »Q0 però lo Atto dell'' anima appreflb ramaio og^to è dit* 
dcnnceida^qiBeltei^ net qnal fi cniava y atlorcliè parie da noi : laonde 
le pnnicft CM defiderio appeifcm), farà cita fuggena ad eflere ii^an- 
— It «« 99BCvDei (c€9a defidertotatellctsaaley eanfeguirà godimento«^ 

£ 4 Or 



Digitized by 



Google 



7A Della Bellezza' : 

Or vegliamo aUa fpùùaìont del Sonetto « Dalla ìtzìimt^ dfi tìhtieìai^ 
noTco» che ramoc del Coftanzo derivava dal defiderto della beUezzsi 
corporale della fiiar Donna t da cui egli dice effere Aaco ingamucoi 
pcfcitè fcorgeadoU grata r e gentile ÌA di fìiori v (ottàò il fiio defide^ 
fio in cai b»e apparemc; e crederu intrìnléaainettce buono eiò^-che 
e^inCecatntnce eraJielto «. Ma percfaé , come abbiamo premeffo y il 
kello eflfioTeco èfeltace» ed il bene appareme non tcCi&Ct e^er pooo 
fa altrui godere» alla fiae il Pooca Q. Sgannò di (unti' credenza , rico* 
Aofcettdo 9 che il cuore della Doan» aoo rispondeva alla faccia ^ fer« 
ciocché quanta queftaappariva adorna diconefe bellexza, ramo-qoeU 
lo età aemato di crudele ia^faticudine •. Né a lui giovò feguitarlor^ 
a Tervirl» r e adopeiare ogni più fino , e nobile (iracagemnsa per t^ 
aMioverla dalla crudeltà: concioflQaoorachè ii cfe(cinienK> del lueriM 
sa Itti cagionafle ia lei dii^exao auggioee • Taara adunque (a i^m^ 
gpKiradioe di lei ^ die fette aamoianceaae il Poeta ia pone , e ioi> 
meori ; r canto (a Tabbaciacoento del mpdcfimo Poeta' al lume di 
quella apparenta geotileaza^ die ooa prima del gionx>r clic c^mpofc 
il prefente Sonetto » egli fi accorfe dell'inganno , e d'effer aiteto afi> 
fatto nel Aio aiuore privo dì corffiTpoadeaBa ^ Gtr^ Coaie intendete» 
Egina» quefio- morire affatto neiramore} Ei^G'n lo dtlfi. Muore af- 
fiatto- raaumtey quando daH'aaiaco ooa fiftuote corrt^poodcna* Gtrk 
Vorrei pii\ amplai (jpiegazioné - £g. Qtkiaquc ama, fecondo l'aflezio* 
ae 9 aiuole i» fe-y petcioccbè in- ?c più aoa peafa ,.e noa peiifaado> 
perde l'edere, ed è mono.* mafe dall^aaiaca e corri^(lo,.non muo 
jce affiano y perchè vive Bell'amato , dove^paffa- ranioM^ f uà ; e quivi 
pen(a , ed opeia , e maixicne il Tuo eflere} anzi ritorna fubitameace 
a vivere anche in fe (ìeffo coU'aniou dell'amato oggetto,, che paffaim* 
lui , talmente che può dicfi » che dalla (uà. morce attragga, aoapu^ 
una, ma due vitCy come caatò colui ,. 

Se poi^ aoa i conriipofto» affetto muore y perclié in. fé noa^ vive > ^ef^ 
fendo moccor né ^ve nelUogeetco amato , per effer da quello fcacci»» 
eo, e abborsitOk Ger.. Adunque fé egli è, eooie voi dite, malamoata 
Soggiunge il Coftanzo ,; che l'anima fua (lava unita- colH amata-JDooi» 
«a, dalla quale egli noa veniva corrifpofto. £j» Q^kAo dabbio^pocta^ 
con Te la fpofisioiie deU'altra parte ddl' argonieatot; per la fobixioae 
del quale^ bafterebbe dire ». che lai voce mnom ^^ boachè per^k^ pia 
fotih intemémmt^y ndqua^eeaTo ooopv'à duUùo^» die^ facondo IVÌp»* 
Dione d^alcuni , il^ Poeta avrebbe errato ^ aon* cflbado' Itaasmafaa ftota 
ricevuta dall'amato oggetto snoodimeao^ alle voke vale per émtkim^ 
xjone; ed ia tal cafo> aacbe fecondo la detta opitaone, ficcarne nom 
«i vietato air anima di ftatie unita coir oggetto amaro ,. anoocoht.dtfK^ 
caceiatar, cosi non erra, chi ,. fevellando dfr fimii moote. >.dice ,.cbo i! 
^ma mof/a difuoìc'fi dall'osgrcio^ cbe ama. Goneuttocfòptiufbcctèi-. 
mente. cammiqaodo .eoa aifiraopinjooe r n dico v ohe tfattiaia.iiai. 
muore, t>à può.^siorita^epecò quando fi dioei ch&l^aai«te aaiore^ 
A'iacende circa l^épera^ipoe ddraaiau A beaefiiiodei fiiacoepOi.BMi. 
^iàcirca lamedefima anima; né è l'aatoiadell'amantf, ebcaclla^toiriL 
m9U^ i fe0GciaiAa.edifBficzBau.daU'anaarò^,4aai'iaclfo^ 



Digitized by 



Google 



Della Voigar Poefia.JDiaLV. yj 

feft dgotBL coffdrtà* Ma pcccliè^ comcfi &.«dtscD> rrOAmso.ol^ 

morto imeramente oet fiK> amore y dappoiché i'antma Tua^pci: ìuino» 

adoperava né in lui , che aveva abbaodonaco*, né nella Ekomia ama* 

ta» ove fi ritrovava 9 parò fi: inars|vigUar die quella aoBC^BoTca 1^ 

trroie^ e «co ritrai aiiuoccMrpo ; e fdegoando riogsaco c^ctco»^. 

non faccia U medcfimocorparìfiifcicare : pecciocdiè lo fdegiK) Mi^ 

mente è quello^ che fa Ttfarsete il tiioria,amaoi«# E ciie psf vcrolo^ 

aoorte fia del corpo, e Terrore delPaatm^, vtea dicoofiraco dallo Ae(r 

fo Coftaiiio, U'-quaie so parlando de'cormemi cagtonati.dall'JORrattr 

tadine delta DisBiia,. totii li coi^deraift fé fteffo^ e x^ofn gik nelTl^nir 

jwi : T$à mi c^fidanui a fAfféw ài mia viss in témti ^ff^Mm Oti^f 

wm m ^ &c. E fhi quMto io fik.fimtgs^ e fin UngMifid &c*Or/€ per 

tm fietade in iutié i martéi C^r.ma parlando deirciforey egli lo rifo- 

fìfcc all' anima, e non a (e: CI» PéUwtm MCcem^ieW errw fH9.,<}er0 

Ma Te l^MÌna dell'amante^ the è morto loratmence, non é^ ficco-. 

ne voi diccy quella cofa, cbe dtfcacciata viene daU'ogget^ amato*,. 

come mai paò Aore unica con quello, il quale nic^a di conirpood^ 

re? e che fa quivi, non ad(it>efando per mantenere in vita l' amato» 

oggettOy il qaale i la Tua propria; anima, né per benefizio del corpo 

dell' atname , il quale é morto totalmente ^ Eg. €^ Sia tal'amnia 

«elfi^getto amato., non é da dobttacfi ; imperocché vi paffa oeU* 

ifteflb momenco» d^ fi comincia Ad amare; e quivi ftar debbe \ men« 

tre non dimotaoda nel proprio corpo ^ fé Qou dimorale .in quelto 

deil'amaco, ^tro Don potrebbe ditiU ^ooit ohe ftede in aviai iUhnr 

«oarafliAt, né meno ferodo le leoricbe dell'amore ; e quandomai 

f^ifiefle» nulla potrebbe I* anima operare y per confeguire il f no fik 

mt , cioè r acqui AodeHa corrispondenza, e confespememente no» 

potrebbe mai accorgerfi deU' errore, del quale dice il Gofiiaozo, che 

l'anima Tua già fi era accortale Neir.pggetto amato poi^fitbbem fi*- 

miraoima fton opera per. mtaotencie'inr vita l'iftefio oggetto^ né pel? 

benefizio del cofpo deH'simanre; nondimeno oper^ -per fp:medefima^ 

e pa fuo benefiooo* movendo nell'oggetto penffieci vifioÀviie ail foo 

^nento, e aMa fuo luc^a fevVitù» e a cofe fif^Ui,^ mejrcé dtllc cp^ali 

fàffz ffttsKj £he Tof^io amato fi renda ,* e le oorti^ndflt; ilcbe 

^crametftteihai non avverrebbe ^ non potendo mai l'' anima Mopii» 

iktt^aamto,. che rpctzza i'aaunce, f^rquffio movimento^ cbe e queir 

io, per Ma bene fpeflb dopo.luugo di^egio^e lunga tipugnanisaa?^ 

iriene, che U aniato: fi renda , o corrifponda «^ :M<i pei^rbè r-^iaioaditt 

fiKtartiel tfoofodi fet» .imni, e nello^ pi4 Api ida^ gioveAtìK e yirili<^ 

eidilni.néaock3!:Mitit.i loodìf o Aratagemmi più^eflfiotoit fto»af^ 

9a aeqatftato imlla dpf^reflTo la^ Donna am^a, a di più manea^^^e la^ 

^eranzar divincere , nonreSaodoie che fijà «ap^efentarei^ ciocei:iion- 

se; però iVRocfla fi meraviglia, .che quellaacpotta finalmente dleU'ei^ 

me mm.fr "diTuoifca, e non £t ne rifocnial Aio-corpo « & per veri»- 

«kdbtifnskjroppo.acceeatav ma d^sbbefr compatte 3: Fercltó neU^ìBtttro 

cofei eofé cale é toloraa dVAmofe , cdequauio mqin xnnAgninmo^ 

tuw pjè'defi deri ja m o» e l»^era<si^iO:guffa;<:ilafinga;y isbetanco* 

fiàMst'fii creder «ìcttto il yMioientOY qia«»mpìiiÌrio< rini^iamo'^oiK 

*«ii0^olttt acdhi àfieada ^ w i rni coftiCKa^adr eostfe <U1 Defitno% 

: '^ ' ficcome. 



Digitized by 



Google 



ficcome: quefio è immutabile» così è «nmutabiie TtmoT di qoetfajr 4^ 
pecò» diffe il Petrarca .^ 

E ffkeny che vù dittre^ m qml^ che wféxii^ 
Cer. Egreghmente voi dite.* f^.Io ^proccttraco rifpoiiderB^ a i due 
pumi' proposi al meglia») che ò fapucoy né mi' rioiMe a dire altro» 
J^/tvAdimqaéavetr terminato il ragioMmemor Eg^CuiMìtTii^^ Ji/a 
In grazia mia: vorrei ^ che lo profegoiftealquaoco piar»* Eg^ Datemeat 
^ampo • EU. Dite qualche cofa circa ii fecondo^ tersecco»» dove il Poe» 
ca fi mar^iglia » che Amore non* arroflSfca» ii^ veggeodo la^tamacror 
deità della fua Dònna » fjr^Voi volete fapere la^ ragione» per la quaW 
Amore* dovrebbe di ciò vergognarti. £/r.^ Appunto-: il che non paroM 
men confiderabile» che gli altri due ponti già motivati da GeraOor . 
£^ Volentieri voglio fecvirvt ^' La crudeltà della Donna iiy due m»- 
tiiere tifulta in vergogna d'AtiKire.*^ netllmay perchè & diTprcgia queir 
lo inviolabile fua legge» cioè riamare chi amar nelt'aUcav perche efi> 
/endo Àmprenn gran Dio> comraffertfconot PÌaaoiiici> e con efli t 
Poeti; etT in coirfegtienza giuAo,i noffdovrebbe lafciare impunita la 
crudeltà della medefima Dònna «: I» quale di tre fopplicpli rende' dc^ 
gnay come rea di tre gravi delittiy'cioé di furto ,• d* omicidio» e di 
fagrilegior, i quali delitti furono efpofti ne* paflatr ragionamenti > e 
però il Coftanxo a gran ragtome ftoiaravigliafy dib Amore non airoC- 
nfcar in'^veggendo (iinil crudeltà r t lar comporti^ eiton^ la gaftìgfai^ 
£/r.^f ratamente • Ef^RiflUngeilto' adunque le dette cofe ad uo'tiir 
(bgnamento, giuda il nofiro'foiitOv confermerò- la-maflimar che al*^ 
travoltaci fu recata r cioè che infelteiAi'mifono' quegli amanti^ it 
«hfiderto' d^quali fi pafcc folamente della bellezsa fenfibiley perchè 
Mtlla». come fallace » ed in^natrice; fa di loro^ miférabii governo %- 
&rf;filci«b» W voftto^ prefagio' è riufcito veridundv dappoiché Egin* 
t pervenues al fommo* detta perfeattme> anclie circa V efporre l^inter*- 
tn betlastar avendola rierovatay ed e^poftav nout mendi quelloy cfae 
mr *vefli potuto fat'ios nel Sonetto , di cui partiamo > \l quale l« 
iberoè db lei perfettamente bello, aacfaentirintemo fi dee giudicare^ 
JE2r*Eglt è y come voi dite: ed io «e (emogtubbiloitiefplicabile ^ Et^ 
OhiRrà, già tornan le cerimonie «^ C?^. Non è cerintonia ^kIIò, cbe 
iMii'dkhiutnor del Yoftro operare, che fenza dubbio è maravigliofai.. 
dE^. Se il ragiooatnento da me fatto" comiene in fé alcuna^ cofa;4i 
hàxxny da voi debbo rioonofcerlov e però' lodatelo* (me, perchè lo^ 
decére riò^^^ che è voftro. Ma ora che fareifr quir cimànendovv gnu» 
tratto^ dff giorno? Ger. Se il tempo non MSt iattt9'tfit6a«Or pocttn- 
ino ufcir dt cafa a diponarci srfq^nto. Eìc. Né irebbe ^ che beoec 
atccjoccliè prenderle adeguata foltievo la mente d^Bgina cotamo-affa* 
ricata ► Eg. Nò y non è tempo d'^ufcir di cafa.* pettfiatna ad alena* al- 
tro fuggerto da profegunre it td^gionaMiewtò;' Elc^ porrebbe (porre 
quatclf'^ altro Sonetto^ del hoftto Coftanxo« ^» Abba(bni«rper ogg& 
abbiaiti <H>nverfato eo'^morti. '£/r»Clie dir Vol^e^ ciò » £g. Vqk 
giit>tlive^ che mi prende" defid^É^d» tìt raj^iontfr Uftu it^tefie A»or 
vivènte*. {^^.Pureftè étovi abbia a ^tlktA n emfrontt ^ e paragoni 
taqto da taoi abb(9n:itl>^i 40on^tacetemò«« che «e4ite, filcteo? O^ 

Confec- 



Digitized by 



Google 



Della Vergar Poèfia. Dial. V. yf 

re « Eg^ Giacché lil tCuftode ^lelbtfioftra ikróuUa a ^lo ^nb^ivQ aqu(;r 
fii ix)flrì:ra8ÌQiiaiiieBU»^:<tfltoyaK«olc3.cbt«g!i fia^j^Qc^* iPocrpaiQ 
^ «dunque difoQtmtt :£Bfra1a Favola PaftocaleU '^t^*9&U A ^Hibt^icar» 
fioo à giiacÌH:ol\fne2xaìddle«^umpe>.£/aA|9umQildidftava) pccl4 
piena «ncdligetma di ^iieUa^ alcune ;iioct»ìe» rie quali da (Ocflun'aUrq 
poOb pia ^iciUnetue .avece ^jsht /da -voi^ -o iGccafio j il quale ictt UQO 
de*EV9fctfiagg»>.^cheia.eflaj^iaiiovx perawrmufiki) più;Ì9iicQ04ttni* 
co ddl' JLucore^ Jl»1icgdfaim,^ fé m ^aggcadi » il ^^ifoi^ ^intcai^ 
ciandc^ in ^rìaia i'incenziooeTdelttAomc^ por^coofulf utfMP iaicmj 
e io ultimo ^loe^isndo» (t ;^gli,^i>iaifi0n£tguito .il ^Qf>d ^ ii pref-* 
cetile; e/opra tmcociòfocnaK), £f<»VKÌOK:be^t^ 
swerrogarci a vioenda« ;£/<*• Non vuole, il /dovere». ((b^tvoi ofigi^- 
iacicbiace di vanuggio vii vnftro iogagno. <XIoot««icace.vi «d'jicoirar 
Jioio* cantò pia. che ^aiftìateda.^rcbcs* alida t rateare jCnioAio^gi:^ 
a Toi ùnte.i^MÌVDOjfakit,^ cbef>er Ic.teortchtAl'^QQltije: fepoi 
ÌA nfcoitaodoemffontrerete qioÀchc* diSQJÌÙ9 :|>ot«€i^ >aUcra«chiedei:? 
ne da noi lo fcioglimenco • £^vSi iaqcia scorno voi 9<on6gtia«e.« Mie. 
Ocrà» Gcrafta> ^ voi cocca jrenddmri cagtooe rdi ^aric^^ofe da^a 
nocace nellaJcz1one«dellarineittotata9^avola Pa(tora(c^ <<7ir. ^Vbiipé • 
£lcino> voitoiiaccfgQinencare: ciò s* appartiene. all!Aufore.J5/c.£d 
anche a voi » ^be in .efla parlate • :<7m:La .cofa » per svevo .dire :fla co* 
8Ì9 laonde inon ;pocefido fcnsa. taccia. ricnfare^ mi sforaerò in lOgoi 
mododi.lbddisfafejii mio^dctàto. J5/c«^li Schiara In .pcetanfioiie 
dcU'Autore ^ shc M fuo Elvio .fia Tragedia : iaomè eg^i veiolkcaflo^ 
Ger* Cereamente ; 4mperciQc;Cbè ii ^riooncfCcono tutte }e linee tirate a 
cai fine. JE/d Vorrei adunqiie/apejt da voi» per qual cagione Eawcda 
Paft<H:ale9 js non Tragcdii, abbiala mtirolata . Gfr» laftuno^ .die jsìb^ 
bia ciò iatco^ per ^sfuggir rofttnaca quiftioac fopra la qualità de^Perr 
feaaggi della Tragcctia. £/r» Spiegatevi iroegUo,, tGer^Lz Tragedia • 
fecondo il parergli molti ^ richiede Pecfooaggi ìuoImU^ ^e riguardevoli 
cftrinfecaaaoote^ come per chi^reaza.di;fatigiie»<):per.ticoli;t.edignÌ7 
tàs epercbè qiiefta nobtlti oianoaineiiftMibrojcàfo^ traitaiidQfi.traPii^ 
floffj» però il Cuftade 9 per non accattar^brighe» .li.farà voktto dcryi» 
se dei nome gcaarale di Favola^ »ii«quale,abbcaceia aocbella Tcage* 
dia. £^. Ma Tenta reDriiileca«quaiità nobile de' Personaggi <» come 
egli pretende d'aver teOntaTra^dia} Ci^ Coir.aUra opinione^ che 
bafii la quattcà nobile de' Pesiònaggi^ntcinTeca» cerne fono Je^virtùt 
e ie iliiififi aaioai^ ie^uali Cttuovano non meno tra i Paftori^ che 
sdlé Città» e óelie^Ccieti ^più fpleodide • £/c. Vorrei, cbencl cafono* 
ito qualificale maggionnente la voftraieotenza • (€er. Voi non viap- 
pegice della qualità iatriofeca» e defiderate l'.eArioTeca > non è egli 
"wttQÌ Eic.TsoHo io vorrei. (7#r«Ora V è ;ancb' ella .- .eOTcndo il Pro- 
tagooifla, o primo Ptrfonaggio» cioè Elvio, come dercendente da 
naa Deità, qaarè ApolUne., .fuggerto ttiobile , ancbe eRrinfecamen- 
se, beacbè Principe^ e Mwarcaiwn ita. ^r* Ma degli altri Perfo- 
attgiv ebe direcei Ger.Okc ia^qualitànol^ile del .Pjrougonifta e bafie* 
wb, porche gli altri Pcsfonaggi non £eno vili, ^buffoni, o ciancia* 
ud, e tftoni non fiicccaao ripugnarci al nobile avvenanento Tragi* 

co: la 



Digitized by 



Google 



iititQi«flr# 

àTrage- 

•cffo del 
j..l|i qua- 
le il Cofo pia cantar non fi afcolcai idat che.clùarafmace a(ppau5- 
fte, che «I Ptolo^ è il primo Ateo, dopati i^Uemim il Com e 
ti Cotò fBMfr<de di eancace ^dopo il qaarai^ pardic tccmifiBfido col 
q«aic^ i^'tiodo'^ il qmntoalt^elifoi cioè alba fctogtimeciiovèiafiegaar 
to; G^n>Stip0CTebbotto togiiece^aiobedoelo decne: loppofiidooi colxi* 
tendere 9 circa 4a prima^ clìc^ (ebbene il Prologonctlc Tragedie gè- 
fleraimcme Jloo^'à Tepara dal4>rtmo Acto^ eoDdùneoo oon ^victaco 
il féparado neMa gaffa, che fu rq>araco:da^i Ladoi nelle Commedie % 
«He quaU r ifteAd merodov die atie Tragedie^ aflegoa iAtifiofCiie^ pef 
quanto fi cava da quel poco r che dello^lQinniedte'egliicrtiSè'i^e ia 
fcparazione allora farà maggtonncme peroieffi^rdbeiil: Proteso, noa 
eodcérrà alcuna parte rigufrdefole^deUa Famla^^'Cvanco p^ià-^vrihiQ'* 
go 4 quando tteno il Aiggecco delia Tragedia fard noio^ cenne io pro^ 
polito del Prologo facto nella foa Orbeccfae dal Giraldi^ cbt faH^ri» 
mo ìncrodmcor de'Rrologhi (eparati nelle Tofcane Tragedie ^ diicone 
il doccfflìmo £gidia Menagio nelle Offervazioi»/ fopra I^Amima del 
Talfe; e oltre atc«ò anche iXjreci, e a loro.ei^enipìo i La(int$ alte 
volte prima d* intotnindare il Prologo delia Tragedia imroduflRrrt» L* 
Ombre afarlaie: il cbebafUtebbe per (alvar t'ufo 'del Prologo lìcpa» 
rato . E circa 4a feconda , ci>e v' è i's&mpki di più Tragedie di^Se«e«> 
ca, nelle quali dopo il quinto Atto efce di muovo il Coro . Anzi a 
me pare, cfae non -fia vietato d- imrodur dopo la Tragedia un pianto 
di popolo, o un batterli di petto, detto Gommo ^ ouoa congrattda* 
uione^ « aMegramemo^ ciiepuò appdlarfi- Epicara»9 iecooda illSfiC9 
o lieto, o mefto della fiefla Ttagedia,.la qualcosa -andi^eOk é ipor 
lAt di Coro, -e alla- Corica fi appartiene;^ Ma to.ciadaicào dgniiragio* 
ne, e dioo9 cbe ambedue gli oppofit <aHi gltrcpti» GomtneflSa beHo 
Audio dalPAiitore delf £lvio^ per coprire ia fua intccacione di lelTec 
Tragedia, ficcome reputai rincitolamemo di Favola Pafiorale^ EiGm 
Accetto la fcufat, fé non ladifefa: «on ancora però ni rtconiiglio» 
che Tragedia ella fia, perche la confiderò fondau cotalmenre fti '1 fio- 
ro. Cj^r. Avanti cfierirponda alia nuova obbkzione^ compiacetevi dir* 
mi^ ieil fatto, in leggendola, vi è parato cuoto'verifimle. £/r.Uiia 
fola coCa m'avrebbe icemata la total veoifimilii^adine » ciod quella 
ftrana beftia, o moftro, che da Lticrina viene ucctfo^ ^ non miiof* 
fi avvifato, che in ogni tempo di'fimtlmoAri fé ne Amo trovane ed 
anche di più terribili, e fpaventofi.<?rr. Rispondo adunque al qóefi* 
to> che il fatto è vero, e non finto re però dii lo fafiimeralioqual* 
é, chi non «lo fa crederi^ che fia^ftato vero, perchè >lo aicoiiofcerà 
vcrifimile , come dovete crederlo anche voi , cfae tale lo ricowsfcete • 
Ma non però io conlento, efler nece&rto nella T^gedia, cbq ilfac^ 
co fia vero* lodando AriftoUle ad iionuno la Traigcdia.dd Fiore d' A^ 

gatoncf 



Digitized by 



Google 



tteHa Vofear Poefitr- . Dial. V. fj^ 

ftrootii tbe di pura ioyenzkme é cocnpofta/ si pecobi neUa Poeiifli 
a?endo il vefifimile fotz» d» voto,» ogni vok» che riovMieioae della 
Tiagodin fia verififBÌle^ pouà efiges 4«gi^ afooltafHMacMDpaffione» 
t il tetf^e ». oi^o fine di ^fla fpezie di^.Poofia ^ sì aocbr perchò 
nella Tragedie leffare in fimil i^ifa fi tìtosickt naggiore artifizio^ 
cka aelle foadace foiri(tocìa> quando per^ T Moria na igniida > pò:'' 
cìocckè' fa ella farà canto favoleggiau^ ehe- altro d'IOoria noa ricc»- 
ga ». che il aome> ia giudico Ai effar coaia;deUa auda Favola*. Nò 
oAa^ l^'apiatone del Taffo ad tractaco del Poen^- Eroicor conKaria at« 
la mia ftactoMi cioè che ({ttclle cofe loao ertdibiUfi le quali & poC« 
fioo lare ;- ma quelle» die noa è. cbiaio^ che iea facce r (aao credila 
le poco paflibiliy e per coafegueaza poca adeguare afiiggecco'diTra<' 
gedia V potendofi rifpoadere eoa ritorcere L'atgomencoy cIk effendcr 
csedibile ciòy che &può Care; ciòy che non fi é £acco> e fi coaoTca 
cfaiacaniemerclie può- fasfi).^farà creduto poflibile: che poOia. pai far- 
ti r ne dipeitdtBà il giudizio dalla verifiaùlicudiae> e però ò pretaef» 
fey cbe ik fiato 1 non larno per le fi^Ob^ quanto pel yecifimiie è fag- 
getta adeguotifliiao per ia Tragedia^ e U Tafla-medcfioso ao lo eoo* 
Cifroa» avendo il foo TotrifiBoado landaco affacco fu -l fiata ^ Ett^ 
L' Aoiere aoa potrebbe nN(lie difeaderfi^ panama ad akco ^ Co» 
aie falcerete la cataflcofe priva dell* edrcmo della felicitar ia qoV 
le ia Elvio Protagoaifia aon appaiifce> Gcr^ Gagliarda lea)bi» Top* 
fpfizioae^ aia ia più inodi può' toglierfi di mezzo •» £g)i è vccoy o 
Ikiao f che le pia» voice & Cogliono rappecTentafe gli eRjEemi della 
BKazione dello ftato ambedae «idotti» all' atto ael giro d'un giamo i. 
eBctl'aaioae £are apparice ia priraar verbigraaia feliciflBmo y e pot 
lafeiicifliBU) il ProMigoaiftav coacutcociò aon i vsetato.il* primo dnT 
^oddeai eflNmi» ciqe Ja felicità ,• rapprefcntarlo cacitaaiente ^ o ìvr 
feafibiloicnca col toeccete in bocca, de' Pesfanaggi la felicità del Pro^ 
tagoaifta» come fi ias nella nofka^ Favola y nella quale Elvio fi rico^ 
aofce felicifltma pcc la coBrifpoadtaza di Lucf ttut »^ e fi dice anr 
cbe tate da Amaifama,. e da NitUo y e da a» y dichiaraadala.nai at 
fòoiaKy ftimaM ifi A4K;adia9 ed Eioe, e Secaideo.rt Anzi qaeflo fe^ 
coado Bìodov come pia Teeifimilcr e natuealc^ a me fembrail mì^ 
fUorcy pcrché.y aoa dovendo la Tcagedia contenere azione y in cai 
«erjfimilmeate pofia eOerfi confumaca più * cbe il breve giro di uà» 
giocnay rjffce affai duro> a csederfi ^ cbe in un giorno poffa una* 
aitualroaite: cife» felictifimoy e infeliciiSmo; il cbe nel fecondo moi»^ 
do* BOft addiviene, nei quale, fi (oppone* la feUotcè avanci ilgioma* 
della perfezipae della caiaàrofe r Ma qaaflhdo non bafiaffeia ie decr 
te lagipni». e vi richiedeOe la. eataftrofc y giufta il primo nKido» aok 
the ^uefta vi ritaoverete y fe confidecetete y che Elvio in* prima apr 
parifee infeliciaiaio per lafdegno di Lucsiaa,. t poi feliciOtmo per 
k> confeguimemoy che ist àr lei • EU** Ambedue le rifjpofie foiH> ao^ 
conctaime»^ eemechèla feconda y nel togliere una dimcuUà y ne fa 
flbrgeoe un^ altea y cioè cbe il lieta» fide taffembra n0nF>poca ditconr 
«enevaie alla Tiagedia. ^^«.Voi.v'ingaoiMtey Elciao. £/c*Coma 
tt'tngannay fé la voce Tragedia «(prime fempee iadlbìzia4 (7mQ|KS^ 
la i l'oféoiona del volgo» aoncM la^^ila %'.à al naOeo Bco|K>fiu>. ìk 

oeA(^ 



Digitized by 



Google 



7S Delfa^ Bellezza^ 

teflo erpreflbd*Ariftorìle» che dichiara le Tragedie di lieto fioev ootf 
folamcmt buone vma'ottimc.^f^vS^eg^re vi piÀ^pienafnfme»*e dkc« 
mi' ancor te- ragioni peo tneglio rendermi paga ^ &#r» Che kr Tbge* 
die poflMiO' ceftrfi' ab Ketaficie^ non puo^ dabitarfeoet' perchè , fé 
iovcftiglteitinc^ ih piik rimoto pf incìpio' di tal' componicnettco,. trove* 
remo 9> che ìmainco' ta Tragedia va per Is^piil a Anire iofclicenitme» 
ni quaiKOi tratta di fatti- di Peffromiggi Grandi , y quali fatti fi raggi- 
rano^bpro; gran' moli ^ ed^ anno- grandi ^ « potenti emuli ; ed^ il con- 
tucbamento^dellecore è tale^chemon (afcioglierfi ^che^coA efitomi* 
ferabile*>Or quefti conmrbamentirdri ncglieràtrehe allrvottepoffand 
felicemeore terminare r ed ceco? il perchè^ le Tragedtr(boo> capaci di 
lieto éne» non tnea che di mefto.^ Che poi le Tragedie dr liett> fi* 
«e fieno ottime V egli è aguaimente chiaro; imperocché ^. fé dar quel- 
le 9 die terminano infelicemente %- ritraggono- gli: afcoltàml l*atile 
infegnamentOrche i falli fi punifcono; le altre di lieto* fine loradf' 
moftraoo* e V UleATo-infegnamentO)! e l'altro noo minore, cioè che \* 
itkìXDCctìmii' protetta: dai Cielo: il perchd le prime poflTono contrap- 
porle' al^ntite del tercore iLda«ina del la^difpera^ionertna) le feconde 
iril! utile del terrore coegìnogoso fùtiledel conforco »i r della^ fperan. 
sa f ooltre acciò leTnigedie d'infelice fine ,> lafciando'fem()re amareg- 
giato 4*anÌTnode'rtgiiardanti 9 non- fanfio^confeguire* al compofìtortla 
fignoria nniverfate de gli umani affecti', pregio pia riguardévole del 
Poeta. Ma fé egli opera- ia^goifa»: che I-infelice rifbrga neirokimo 
paflkx dettar Tragedia ,'. l riguardanti avranno- fenza fallo^ maggior roo- 
vimtmo»U'aAecti,. per lamefcolanzaf dèllat con^ffibne > e- triftettaa 
^(Taia coiraHegc^zaar e coogratt^azione'prefentev la qualr, tamo' 
più' riufcirà diiettofarqtiamo piùfópraggiungeràinarpetrara | e eie 
ma(!fanamenterckbbeo({ervar& nelle Tragedie >. iU ProtagoniOa delle 
quali vien- tormentato,; non^ perchè fia colpevole*,- ma perché tale è 
creduto , come accade neJla. Favola ,. della qiKile parliamo. Ed 
eccovi^ Egina,. fpiegaca diAintaroeote ciò v che aftcattdmente ad El^ 
cinomio ri(po(i . £f* Cotitcntarevrdl far cort^ andJe nelK altre rifpo* 
ile che ad< Elcino reiuleretr ,- le quali fé non per lui, che- le fa r 
per mcv che per lo piai non le fo ,^ piene ^^flfer- dovranno . GitriSatr 
te fervita.. Or voi,. Elcino,» che penCater £/r. Penfo,. fé rionocen- 
ea.d* Elvio,, la quale £ fomma,5 fiafugg^tto adegiii^to,. e proporzio- 
tiatcdlTragedia,. la. quale- richiede. foggetro, né in^fommo reo^ né 
ìn.foimilo«imioceme,. per isfiiggir , oome voti fapete,iPodio;derrl^ 
guardanti'»., o* verfor il condannato,, o^ verfty il condfixmtitore,< feoon^O' 
il teAo dlAriftoriltril qisiledice>«che la-miferia , ed l cafr atroci 
dei Perfonaggioinnocentiflimo ,- e famiiltmo voon efigoiia compaffio* 
ne,. né fpaventovtna<al>bonxiBa£Ì0new€Vr».hv ordine^ ciò [^cbeccbè 
fii dicano* gli fpofitorii; fopra. la; mentovata fenieoza d* AriftotAe,. i 
qpali variamente V inrerpetraiio ]; io- fono^ di fcttCHMmo ,. coir ak 
cuni moderno ,. che Acàftocile- pcoibifca. la. fomm^' imfocoiKea',*'fo>a-*^ 
mente quando- é'patefe a chli^camlamia'r ma< fc qoUbhe falto>,> fe^ 
son vero ^akneiv cale avdoro^dàvchl t'hinoceitte afflig^, cwmotn^ 
tbj»\ PtotagMifttiv come» avvtene^ m^- cafo> noftk-o ,. tìotk fata* iK fug>- 
fjHto^ rtpntam» comnriQ^ lUcfrespt^'iddNa Tr^Mia > rioodoficMdd» 

ìadalU. 



Digitized by 



Google 



Bella Yofear PòcCa DialY. 7^ 

mo daUb lezione «ieliaifua^Poeeica,* ^edcr .tale.il femìrooiito d^Airiftotì^ 

le ; il ^uale non. ^può.effer me ^tnoBoalcraint^imc ; ìperebè- la crodulicà 

^el vero è baAevote , 'ooomen «chela verica., a UlMrare ii condaw- 

nacore dall'odio de'Tiguardaoti » rper <lo «qual r^ne fellamente Jlnflotilt 

pcefcriflc 1a>fBeoe0vata'4egge^ Ì4el.tiofirax:afo adunque «gli è chiara 

cofa, che ^LucrioargiuftamemecredeiTe Elvio Teod'itìfedeltà^;si Derl* 

incoftanza .di ;Iui -neir.dtnore ; sì per f amore.^ 'Cte^ a lui .«poctafva Miv^ 

zia; li finalmente per la. -promefla^ .-die pcgli fece di liberar xòlei 4ftl 

Moflro » con evidente ^Tifico ^ ffua vita } le quali /CoTe giunte ^llajpMi^ 

fidcrazione, die £lvio aveva iner^pcefo/arface azione scontrar ia ;al *vo« 

lar de gli Dei , e oion più tentata <]a ailcuno.» cpottvaao rfcndei: Lu^ 

crina dell'amore ^di lui ^erfo ;Mitzia gioflamente fofpeccora » :e peto 

compatibile neiraverlo c^mdannato,, quantunque per fe'ileffo.inix>cea*> 

cìffimo egli fi fofle* JE/r«.Mi.avete colu* una gran. difficulcà imperché 

non avendo proiue lutteJe.circoftanzc nella tneiDocia,^(Ufna\M'^'«bd 

Lucrinafcr «in feniFrtice/ofpectov'tuit» doueffe £lvio:pecreguitare cott 

rama oftinaztone;<finoa11a inorce^ Un^alpra^difCciiltàmi rknaM^ 6/r« 

Proponetela ^ £/r. L'agnizione etla.concenie .^ la quale parmifopraak 

naturale, facendoli, per via d'Indovino. G^.^GraviOimo. fallo .awebbt 

commcflo il noftco Cufiode., fe la.cota andafle «come voi jdivifatev uui 

eUa non va cosi ; ipereiocdiè .ragnizione è.^acuratìflima^x'pigUail 

(no principio -nella prima (cena din l'Atto 'quinto, dove Uranio>^cre* 

deodo già divorata dal MoAcola fua dtlettiOipta Mirzia^ dice al Sa^ 

cctdorc » che avrebbe ^relo ryyadcrta jd'Elvto., ogoivòLtacbc vgli avr^ 

(coperto un'affare^ Or Uccome^ui Tagnizione. farebbe >riufcica(Oatu« 

ralilEcna » fé Uranio atsefle^velata 4a co^^alSaccrdore^ <cosiaB<^be 

^bbe ella giudicare, quando .fuccede,CQfiiec1vc Uranio veiiga.allora 

condotto da altri tifarla Teguirci /offendo la ferie delle ^cofe.t)udlai 

che principalmeiue t'i a riguardare ^ .per la naturalezza .deUVagiìizio* 

ne t e le cagioni impulfiva , e finale , non giiTidrumeinale , ^die ò 

la meno importante • Anzi riAeOo Ucanio dilcuoprella^b(mtà^ t Ai 

anUzio deir agnizione in que'verfirCo'qualirifpoodeallapropofiMO- 

dAe di Nicandco. 

JVm m\imf9rtétm stlmr 4i ferdcr.mprtm 
Chi mùr$A éilUr credes : 
Ma di ftrdirU vivd,^ 
Orch'ilU € vitia^ ^ffaimì f^a^ ^ UmU* 
JUc. Voi mi avete talmente rappagato., anclte in qucDa parte , che 

?ir mio giudizio ipoteva^pur francamente il noftro.Cuflode intitolar 
ragedia il fuoBIvio^ £^. 'Ma rnotr avete j^ appagata me ^* avendo 
anch'io ddle difficiSkà (opra la FavoU^ chefi confiderà » 'Je i^otfti non 
mi paiono dilpregevoli « 'G^r^ ;Ma xome voi potete raverne -> fé la 
Tragica Poe(ia To(cana -non vi d fiata rfpiegat ai Eg. DalPufo inoder* 
no de' noftci Teatri ^ rdalla .lezione di x^ualcfae Tragedia Tofcana aor- 
tica ^ e dall'avcr .t:onfiderato ri&elToiElviott il^ualc anctTcffomi 
pareva lavorato allWo antico,, e -non già al moderno^ m fosv^ ftact 
^omiiiinìRratc ^ Ger^ Dite imre . Eg. Primieramente «vorrei fapcr di 
voi , perchè neir Elvio, non lieno fiate inferite rantaziom <lt fceaat 
ci vedi non fienorimatif fecondo Tufo moderno. «Grn Circa la prima 

domanda 



Digitized by 



Google 



fD , : Della fiefleziat - 

4«nafida tirevemence io vi «Uìpoado, che ficcome {ter l^tivetifiinjftnt' 
dine non vien.perroeflb^ >cbt Taaiooe pAffi.da on tempo ad pn'.ahoo 
«mpo lontano^ così non dee concederfi, che da «m luogo ad od' al* 
ero Ittogo fi conducano gli Spettatoci» die non fi muovono » «è a.pr<y 
deirìnverifim^uéinc fSò allegarfi atcan*tiÌQ ; perché ogni oTo circa 
quefto.panioolatc » come afeufo » dee condannarfi^ Storno alia<(e- 
«onda fi voole avvertire » <iic due oggimai fono ie fpezie delia Tra- 
gedia.- i'una /pezie fi ^te(fe per camarfi ne' Teatri» e quella in grazia 
4dki. mufica riceve le rime, le qn^^ fono più acconce per^o canto: 
l'altra ferve <blo per recitar fi' » e qiiefia dd>be alToiutameate confor- 
laarfi al verifimile » dal quale » certa cofa é, che il vetCo co^la ci* 
ma Xì diTcofia affai più » ciie quello ienca rima ; t benché lo Spero- 
ni ,' che fèrav ventura avrete voi letto, inferiffe nella (uà Canteo 
inoltiffime rime , nondimeno in me la. ragione prevaie a quatnoque 
autorità. Oltre acche U rima^naoto accrètce air amenità édioèt» 
k » ramo toglie alla gravità richietU pancipalmeme dalia Tragedia; 
onde dice i\ Tafib odf Trattato .del Poetna Eroico , che l'armonia 
4elte rime ron^iene più rodo alia piacevolezza de gli affetti amore* 
fi» che Mo firepito dell'armi; ed il Padre di lui aveva detto l'ifteffo 
molto prima, come io mi ricordo d'aver letto tra le Tue, Lettere, o* 
ve afferma eiFer di parere ^ rbe le rime txm convengano al fioema 
Eroico , parlando in propofito del Tuo Àmadigi te^futo per altrui co-^ 
mando in optava rima , e non già per propria oleziooe ^ Per la qual 
€ofa voggiamo ^ che i Greci ^ e i Latini ^ er lo più non fi vaUoro 
selle Tragedie ddf^efametro ^ o daltro verfo armoniofQ , ma del 
giambo fenarìo , che £ principalmeme gravcL« Eg. Ma ^ure avvi i 
cori, die A»no rimati^ Gir. Egli évero; ma non però ne fegue^ che 
Ja Tragedia comportar debba ancb'efla lerime^ colla quale nullaan^ 
no comune i Cori ; e fi compongono rimati , perché fervono per in» 
fermedj a ricrear l'udienza, e richiamarla ^alla feria ^ <e grave ap()li^ 
cazione in afcoltar Ja Tragedia ; jc pere «'iiurodudero ameni , e 
dilettofi \ per confegfiir maggioro^sme il qual fine , anche nelle Tra* 
gedie recitate fi pofero , e pongono in mufica , a cui , come diecina 
mo, la rima è più confacentc • Anzi non folo le Tragedie , ma le 
Commedie fteffe , le quali non richieggono gravità , veggiam da 
gli at|tichi Greci , e Latini effere fiate compoAc di verfi lontanifiimi 
da ogni armonia, e più toAo inchinati alla {)rofii , come fono i 
^iiambi ^f^ttooari » o ottonarj ; non per altro , cred' io , che pet 
ucanfar l^nverifimilitudine/ dal che per mio . avvifo fi fono molfi 
i noftri Jofcani ajcompor .Xe Commedie in profa , eoo fomma lode 
dell'inventore^ che fu il Cardinal Bernardo da Bibbiena autore del- 
ia Commedia deua Calandra • Eie. Voi fate autori delle Comme- 
die in profa i Tofcani; e pure Grate, o, come altri vuole , Oacete 
Atenieofe rifcrim da Ariftotile , fircotido Topinione dello Scaligero. 
Siotata dal Piccolomini, ne compofe alcune • Ger. Io non ifiimo fi- 
cura Topinione dello Scagliero, perqiiello, che ne difcorronoil Ric- 
cpboni , ^-il Batifti , allaieotenza de' quali mi.fottofcrivo :. e 'ben- 
ché abbia memoria d'aver veduta una (Joromedia Latina .in profa, 
dataiuori per cofa de^liiUicìchi Romani da Akio Mafiucci,ioLttCi; 

ca l'an* 



Digitized by 



Google 



DeIk^Dlgat:PoefU DialV. «i 

UfMflo 15664 CO) titolo LgfÌ€U Comici Vtttris Tmif^^oi ; »oiiJh 
foeoofieff l'tficcmn iiclU«ofa^ «vendo io udito Aitt più volte dal 
iieftrodegùiCfieio (e) Oiocinio^ clic tai-Favela^iàinollerfia, eoperadì(c) Antmh 
LcQfi Bacida AHxrti ^ vtiole ti dovete « che bod fi privine 'i Tofcani hUglié^tt^ 
di qocfio pregio^ £k. Samduiìo* é 41 voftro parere / nomate al princi-^^'» 
pai difeorfo^ Ger* Chiuderollo eolla confideraziooc > <A\t tasto ^ ve* 
ro, <be foiosi vcrfo (ìgiolto fia ac«o per la Tragedia Tofcana^ quanto 
è vero, cbe. niuna Texana Tjragedia^ fi rruova compofta prima dclU 
$ofocièsha del Tridino^ U quale icKventò i «erfifcioltt . Eie. Ma pure 
Aiiflotile nella Tragedia «ichteck il 'foavie ^ il qtfat dice ^coofiftefé «et 
wunero* ooH-arrooiiia» e oeUa melodia: or qual pia beUa armonia dfr 
qoella oelio rvne i Gtr. Compamemi 9 Elctno • che la voce artnoma » 
mi tefki à* AriOotile , io div6rfaraciice4'4merpetro, intendendo per 
effa la perfetta «oRroxiooe de* peoìocli « « 4cirorasione • E per ver» 
dire noa credo <, che fi pofl]|. altra cofa intendere , perchè mancanda 
ia qoe' tempi le xitttfi \ it AriftotikjCoUa voce numero la patte me- 
dica • 9 il fitoia (piegali^ • -e colkt vóce melodia ia parte corica^ 
o orcbeftrijpa ^ TaroHmìao .v^ rifteOb» cke 4I !fiumero\, o al^ carat-» 
lere « e ftiie fi riferifce • Egi Ma die domiu gii i mai quef vatici» 
oiot che Nicandro tregge daHo fpoCaliaìo d'flvio xqn .{.ucrana nelf ; 
al|ima fceoa? 

// voftr0 feme Herm 
Occfig^à Ia ierrA ^ edJ ^onfit^ 
ly^rc^dia fliraf^éftda y - 
J>i m» pie viifii ihrip^ girmit 
Vduri0 fiC9Md€rÀ . lit^ dii <GMfie^ 
E 4^' Giffimer] l*pnfeo$nàe étriw^ . 
£gli è fe.ozaiallo impouibile.a verificarfi . £/r. Anch* lo dovevia Iti» 
cerrogarvi fopr« di ^i6., .Ditemi'» ^ravventnra contien quel palTo aW 
ama allegoria? (?#rv Appuncoc non é perii foto il lecitato paOb.» clie 
contenga allegoria^ eflendo «llegorica la^avola eotta • Eg. -Di graoìa 
(velacela ,« &#r. Ptje Cono, le alJegosie ^ efae fotto il velo della PaAo- 
xaL Favola dell'Elvio fi 'chiedono ; , T imafemplice ^ V altra miftica^ 
iiccQgie due ^990 4 cardini t fopra i quali ella ripofa , cioè gli] amo- 
fi di tucrina con Elyio « e la faggezione dell'Aacadia al Moftì»^ 
La prima allegoria » o pi»i toAo lAoria velata di Poefia » riguarda il 
iatto tra Lucrioa > ed Elvio 1; -e di,quefia<non parlo , per non .efie- 
re a me pakie \ né, altro poffD dirvi , Te noci che qualunque circo»- 
Jftanza fafiocalmeote parlata » è vera » e ceale » benché per altro raf*^ 
fembci poetica tioziope ;« o figiira ^ecifpettoa queAa il variciniodt 
Nicandro riefce taje ^ quak voi dite • Parlerò adunque della fecon^ 
da, la quaj^ s'appartiene alla nofir a .Arcadia .« >Oove(e Capere 9 che 

Jltum^lo^fu «fondata 4a Ragunaoza degli Arcadi colla fcelta de* più 
anofi Letterati ^ e felici ingegni d'Italia , fi dettarono conerà si bel 
CongreUb molti pcKo intendenti ^ .e metto aflfe2ionati allo fitte Poe» 
tico del ^uoo fecolo > ,i quali invidiofi cominciarono ad invefttgar 
Mi e iqap ugnare alcuni riguardi., e^fini particoFari de'nefirì Arca- 
4U., fupponendo , che. per quegli ifiituica -folfe l'Arcadia ; t non'po* 
co ^no ci ^c^ro • Ma fioalnieoce $' avvide il Mondo , che T uni» 



Digitized by 



Google 



$t Della. BelIè£Ea ^: 

to.(iiie era t'immematpema della condt^tone deUe buMe fecctee i^è 
il coldivanfieBt^ delie £&ieti;M ; il ytcccbè que'meficfatBelU rimafeco mi<» 
fecamcme acccrcaci* DrbbeA adunque pec£ivto iDtender^l' ingegno^ 
il quale qclr cftt^aio delle buooe/leaere ., e fpeziaimeme della Poe^ 
fiat in qMcAo l'ecolo fi é dimoflraco incoftaoce ,- e infedele! conttKtò- 
cliè pei alerò fia Auo in fé nobile, t e riguardevole , quanto in ogot 
alerò fecoio# Per Luaioa fi fpiega la buona Poefia » la quale , uuan* 
(unque a forza» pur finalmente à tirato > e guadagnato > e refo fedele 
ìi nodro ingegno « Pel mofiro venuto dalla pigra i ed infingarda 
Beociai fi paicfa rinvkUa degrignoranci : tanto portando il greco vo- 
aabolo idi. Twf9n9nt y al quale Nicandro , cioè il Senno ; o la Pro* 
^enca % fa fagrificare di tònpo in tempo una Vergine , per le quali 
Vergini s'incendono i fuddecti fini » e riguardi particolari « i quali 
cran fuppofti dagrinvidiofi» e cavati da alcun Teoiplice eafo» coose la 
protezione deTrincipi> ravanzamento d'alcon' Arcade, il poco fegui- 
ao delle altre Aeoademie i e co(e iimili <• Per la gelofia di Lucana^ 
e pel fofpetto della fedeltà H Elvio debbe intenderfi la follecicudioe 
della buona Poefia verfo T ingegno da eflh' guadagnato , acciocché 
pott fi faccia trarce da altoo fine, che dalla gloria • Ma perclié t fud^ 
detti % e^ill^ni riguardano la provvidenza « e il mantenimento » 
per lo quale fi fpiega Uranio padre di Mii;^ia ; però quelli prega El* 
vio ad imraprcndcre la difefa di Tua figlia , intefa per uùo de' fiiddet- 
ti fini ; ed Elvio fi obbliga di farlo i per T amicizia di lui , perchè 
tiiuna cofa è più amica dell' uomo , che il pregno confeniMieoto • 
Per Mirzia innamorata d' £lvio »-& dimoftrano i fini mondani imcfi 
a guadagnarci ; e- per la medefima non corri^fta « &^ dimoftra il 
Saggio » il quale ogni cofa fdegpa , fuorché la gloria • Per Elvio fc^ 
deliflfimo a Lùcrina , e conftantiflimo ,.' fi fpiegano gli Arcadi , i 
quali per ninna occafione fi vogUooo diftaccar dalla gloria • Xftt Po- 
libo padre d' Elvio , che crede il figlinola folamente gnardingo della 
riputazione » s'intende l'onore , dal quale folamente ^ó i Poeti fi- 
gnoreggiati . Per T aijpetto orribile del Mofiro , e per la viltà del 
medefimo , fi pale(a la teuttezza , e WItà dell' ignoranza # la quale 
(paventa fiulo colla vifta ^ Per la vittoria % che Lucrma diporta dell' 
ifteflb « i" intende la potenza del fapere fopra I* ignoransa ; e per f 
impedimento , che da Elvio Lucrina riceve , allorcliè ella vuole oe- 
cider Mirzia' , vien dimofirato » che fé é vietato a' Poeti il ricerca- 
re» non è però vietato il cònfeguire alcun premio» odi lode , o di pro- 
tezione t o d* altra utilità ; il qoal conieguimemo vien fignificato 
dalla fcoperta di Mirzia per fordla d' Elvio v e perchè con si fatta 
fcoperta ^ tolta di mezzo ogni gelofia , Elvio » cioè T ingegno , fi 
congiunse colla buona Poeua da gli Arcadi promefia , però fi ren- 
de probabile a fuccedere ciò » che predice Nicandro , <toè la Pra- 
denza. £|. LeggiadrifiSma , e nobiliflima allegorb per veros e non 
poflb erprimere » o Qecafto , quanto pid ora crefca appo me T efti* 
inazione della favola del nofiro Cuftode t mentre , fé prima vi po^ 
reva rìconofeere refieme bellezze , per le rifleflioni^da voi fatta '^ 
forno alle circoftanze , die a perfetta Tragedia fi convengono ; of^ 
•vi riconofco aocbe T interna > die nafcc dall' allegoria da voi 41^ 

velata* 



Digitized by 



Google 



DcUa Volgar: Foeila . ' Dial V. iP^ 

rtktta; Gir*. Cercani^ote clleiono rìguardevoli le coTc, che ^oi ditM 
ina PO» coli {)er6»jclie non ve n'abbèa alcuna maggiore • £g. Q^3l\*ò 
t\ì9k mai ì &rr«j L'accoppiamemo della gravità Tragica » colla fcmpli- 
ckà paftoralt^^enza^liaL'una neccia ali'altra in alcuna parte ;<of», 
la quale è amcfempro parata imp^ffibile. £/r.Nonviid^bio; ed io 
noti ì> fatto dt cffa nmiziofir 9 pìerobe'jv^ vi aveva* itiuna difficolti. 
Bt^ Vorrei Mcb'io tttit piéoataeméi^onTapevble dhin tanto artifizio» 
€0r.:lì diinoAfacvdaninncamfnfei^vC'a parte a parte 9 noA è fae* 
cecidi da CQOvkffi lif^ od diCooofo f: e in pochi momeoti di t^mpo* 
Vi acccnoat^pcrtaanfraictma cèfa:^ che vi fervici diitràccias onde 
polBate (coprite pee voi ftcfla il rimanerne . Mg. Gootenterommi di 
dò • Cat* Baftivi^adunquc (aperc circa i vetfi ^ che a bella poOa 9 e 
SKm*a cefo , TAotore ì fparfi » ed iirferiti verfi dì fette iillabe per la 
fax FavoU i avendo^ con elfi avata mira di correggirr ia rroippa gra- 
vici dcM^endecaìMabo ( verTo amcamente acconcio » anche Àcondo 
me » per la Tofcana Tragedia)* e delia circolazione dè^pericKli > cfaf 
veramctiieNè.gravifiiata^ e citta la Teotenza 9 che ove^qàeUir^s'inMikr 
za 9 VieQ.cortetta.coa cogliere alquanto allo ftile ; e ove a'abbaffii'» 
con accrcfcecKii uà poco . A totto aueOo aggkigiiete na'efottiflma 
ciffaii'oflEervar fccnpre la nobilti , e il decoro ricfaieBi dalla Ttag^ 
iki pct quanto al J^ftoral' coftome può eflcr pematflb / caloieotc 
che non uxwetece 9 per qoxmo cerchiare ,• bel componimento » del 
qoal^ptfliamcn iiè nn biodo di dire* né ona fentenza, oè un^a^ooe 
ktfiii#:?o'. tfile ? il xlie per cerco- à 411^0 béd petttielfo di fare neUe 
f^Aoeali.Caiirolry come daHà teziobe 9 anche delle più rinomate 9 f^ 
irere accorgervi • £g. Soprabbondante è qfuel , che voi avete detr0 
ifl.qoì circa Tartifizìos ed ora non mi maraviglio > che (d) Eudo* (d) G^ffir^ 
uro Linfe i )'A quale à fmo impvimere rifteda Favola 9 abbia detto Villimsff^si 
«ella kttera da lui indirizzala a chi Ugge > che ella accrerde nn naò- 
w^catattièra tUa Poftoral Poeda t cioè ti Tragico > dei quale fin qtrf 
calPoc£a éftata priva. Madftemiy GeraOo: quefto nuovo carattere i 
«gitdtftinta 9^ Ccdiverfo^jii tredi Cicerone 9 co* quali abbiam n<» 
camniBaso cìrca-la Lirica Pòefta l G^. Non già ;( petciocchiè eglit 
ibiilimcncl maggior grado di foblimiti 9 del q«ak è capace la fcrah 
f liciti PaOocale : altramente tragico aoflf farebbe ir componimento^ 
nonpoccndo la Tragedia efler ftgnéveggiaita da altro flHe 9 che dal 
grave .9 il qnaie 9 teondo la'ftoftra dvviftone, é chiufa^nel^i^blime^ 
perlocbèfOvaridio'diflCe» " ' 
- • Qmnrgmèu fittfti trétvkMU Tragmdiék ^k^j 
Zf» Nottt.tantanga per&afa • G^* Vi perfiderete 9 f e eoliàderàfMd 
tflenfin.ftti Aatemaaeggiate da'Pttflo^i le idee moderata v rd Utirttdt 
direte 9 x:fae4^a:pa(rfl a'medrfimi la fublime 9 mertrd detta Trage- 
dia del iwftro coftode^ e che ficcome •ne^eemponimenti PaAorali le 
alrre due idee lenan alquanto meno del - gia(to lor^ pelo « richicAo d< 
eemponimeiKi , diciam eoli 9 ^Wili-; e put^ non perdonò i for va- 
lore, peff Id coUevanaa^ chea'PMIori ^^lici> e rdzai è dchfutav co- 
ai anche la Mlime , che aèlté^ragelie tivi»ddbb« ifflWr >ieniflftnaV 
«M p^derèil nome^idr MOiét ], aKorcUé Bètlé PaiOdrali Tra^di^ 
adopetaoto^ 4aaÉMlcirfl^a)qttàa«»iAeA {4#*at anzrv come abbiadi 
.-' •• F X detto. 



Digitized by 



Google 



«♦ 



DeDa Belicsèa 



detto,, qudlò ficdb fcermcnenco è richiedo dat^aRifìzio • £g.M^ ètiH 
tal fublime idea poicanno concorrer le altre } Ger^ Senza dobbiov 
ma òpporcimameiucv e giudiziofiflimo dovrà effcre i4 concorfo , maf' 
ficnamencc dcH'idea «roilcy accioccbé alla foblimc fignoreggiamc non 
trrecbi cosKurbamcoto ; nel che per vero U noftro Cuflode à ufata 
particolare avvercmia ^ Eg^ M'avete tolta ogtii difiictfkà • Ger. Voi 
ridete r Eìcpào ^ Eic^ Rido » percbè ade0b^ m*accorgo dell^aftcrzta del 
tioftco Cuftc^Je , il ouale io volendo t«ftre usa Paflorale , ben pre^ 
vide » cke adirebbe incomraca poca fortuna , fé csmininava per le 
;diie foUce Sfade dal lìaffo y e dai Guùmo aperte >. nel te ^:)oali gfi 
Aedi Amori an prefo luogo » tiè permettono > cbtr idcri lo prenda^ 
< però fglii per alria via non più lencata prefo configlio d'andare*» 
Cer^ Qelk confideraziose é quella > cbe vm fate > Elcino ; ed in ^e>- 
^tà no» poco ghidiziofo i ftato il noAro Citftode. Elt* Ma pace» (k 
•la memoria i»on m'ti^nna > parraii*d'a/er vedute altre Favofo Pafto^ 
:^i teffiite da', loio Atwort colla Aefla mira r anzi taluna ve n*i V che 
-PìQfta eziandio il titolo di Tragedia in Frontifpizià • G». Anche a^we 
jbA (ano capitate: non pefi^ gli Autori aa conìteguito il iiney at qualt 
jifjpìravano v per (luanro topodb giudicare » mercè fopra M coao' della 
palila dello Aile ^ del quale fi fono ferviti^ che noli» > o poco mi 
i paruio diOimile da quello delK altre Paftocalf, die fono comune»* 
flaeme in^iifo <. ELc^ Voi dkc bene ; perc^ non baila pc0 k'eflfecto^ 
ed qua^ fi pada-». iotroducre azioni d'ÙliiAri Principi aetie fdve , o 
grafici avvenimenti tea* Paftori » (e non a'^ervano anche tutce le 
4ltre regole» alle ^ali da Ai ifiotile la Trà];edta viea fotcoppofta y r 
farcicolarmente la qualici della locuzidpe » Ja quale é qudla^ , xbe 
dee difgiegai^ iL Tragico boschereccio daU' nfnale , e farlo id^in»- 
sucre a i Lettori » o a gli Aicokacui) cMcioAiacbé pec aicro qnifi 
tutte le favole Pa(k>rali contengano in fc. tragici ^^venitnenti , e 
iòpra. di eAi fieno fondare > come dalla lòr lesione maaifcftamente 
appariCce » Eg. Giacché fiamo ki quatto diTcorfo > cobteacaceti di 
kvarmi un' altro dubbio - Daci^, die fi è' detto» io traggo , che 
le Favole Paftocali ^ che coi^unamente* fono'in< ufo »: non lafcino tuo* 
go allo-fiila foblime • Or fé ciò è vero , farà anche veto*», cbe in 
effe non fi^ potranno uatme eroici argomenti • Etc^ Certamente 

tu eroici argomenti ripugnaìto non pòco alt'effenza <leita Faflroht 
.afiorale % lau quaie non^ fi difcpfta. molto dalkr Comorcdia^; co»- 
«uttociò non folo non è vietato , ma io giudico molto- lodevole il 
trattarvi in forma^erpica ^ cioè nobila ,» a aftmcta dal noflonit vite ^ 
o (cooc^od^U voigp ^ quegli, ac^omemi ,. die ad effa.aontdifconvattr 
jptiO'; si peifCbè le Fa^vola Paftorali » tjoamunqoe pe^i carattere fi 
appartengano alia Comica » non fono tormente ditctee al rìfos- co- 
mò è la. Commedia/ «*^ anzi piar toAo tendono dlav commifrr astone^ 
che rifguarda, la Tr^giea y ricevoqdo^in fo gli awvcoimcntt. Tragica 
(ià volentieri «.chad^ak^rana», <ome poco'.Ca A è. denor si anche 

Serchè j, febbeoc tra i Pa(W>r4 è inverifiimle lai lavettac&iblime» cbe 
verifimile tra, gli £roè; non fono però invertfimali« biAoai ooftttmi^ 
ed i' buoni abiti v mercè de* quali poflbno anchra Padoce pèe <iuanto 
fop0Q£ta la.JLoi;Oj Mndirionc ogaacc. in fonna^esoicaf^ ie le loro t»^ 

fticnc; 



Digitized by 



Google 



Della Volgar Poefu. Dial V. 




;ryajii d.'erempi 




fo, talmente^ govc^to il coftomp de' PcrfonaggU ejic ben potè i* 

Jfm, Ger. Anzi qucBo nobiliffiinD mgcgoo non contento di<iualifi- 
car k Selve conj|j:oici coftami , ora p^ditando-^qualificV^ 
.fteffa Coifica, avcBkyfcompoftoyif Dramof fbttiato neh 

*" t r X'?'*'-^^^*^ \3 Z'' «Piy3fa dal Sena 
a!CoiirooLcpid<^U AmotH^rfipel qSifDrammafd 

fti Poemi anche da pm guardinghi , per maggiormente efprimer l'af- 
v!7,3..Ua J>a^one amofofa. i;<;.4 a|K;l^e-l' ifleffo nptap d' Ainofe é d« 
qqettaf aJfetto^ «bandito . £^. Colle glorie id'qnsifr'chéròfó .ed Ìnclita 

patmi fia^utfto al fine; e perche le quiftiom dibattute fopra Ja Fa- 
vola del Cuftodc riguardano quella fpciie di Pocfia , che Tràgica faeU 
Ufoa Tavola , diffe Lamiodo. appellarG, la quale 9ggim#i Mch'clTa 
e a me baftevolraente f alefc } vorrei , c^ie^ i\ f^tt^.^cato MénJefte 
motivo , amatiffimi Arcadi, di compiermi il favore, cojtvaeionarmi 
un altro giorno alquanto dell'Epica ; e fé a voi ptacè , perirebbe fcc- 
glierQ il Poemi deìVImpmoreitdicM. 4^ na(U&dfM(Riiio ((/fi L»- 
cooc Crornizio Ger, La dom^daT^lffl^ 

tìJali,c;ifc e ai- Poèma EMtcó.'ffzlìz Ttzgcdìi foholoàhioi. £lc.Giì 
iafcya, cl)c alla fine voi volevate da noi, uEgina, un'intera Poetica -, 

i 01 faic invano affaticare , éappoickè tnol- 
chi^mo 9 ne rchdc dolce òg0i fatica ;. Eg. 
oritmi*, v* afpctto Dormomca. proflinia ; e 
. ed t i 5 Uranio^ i j. 

> Poema^ coaic farò ài ar 

:o,^ die $*a\^ri da fare ei 

ani , clic per me e p ^a 

orniamo anche domar el 

r. Sarete fervita; ma ii >1 

dirlo : farà però mia e t. 

J Licida, e [ /] J[,og ^ 



Pian OnA^m 



eh. 



Leone ^ìrcx,m 

(h)Vineenx.9 
Leonh, 



ir.h. r ".n 



(i) M^Ute^ 

fi^ Strinati , 

{ì)France/'^ 

<• UtirU Ài' 

Ct^mfelU • 



U f'mid Diabgo J^m». 



. - •r : ■ le . 



•'1 . 



, tr/uic. 



Crefe. Ift. rolz. poefiA, TtnhVl, 



F 3 



DELLA 



Digitized by 



Google 



WfMnctff 
àùiris di 

Csmpelh* 



DELLA BELLEZZA 

DELLA VOLGAR 

PO E SIA 

DIALOGO SESTO. 

Sì dKcorre di tutte le Ibrte d'alterazioni, che circa h 
verità delle coièii£knno da' Poeti ^ e poi fi parla 
della Commedia « cfamiiiandofi i Slitti deli* 
Ariofto. 



ì: 



(a) LegjfftoNemto 



X«. £ librò e cotcfto , o Egma? r^ £gli 8 la Tvt^^ 

a del (7/f/rr delBucanano tradotta in noftra Lio- 
ladaircrudiriffìroo Scipione Cargaglj « £,9^. E che 
>Ietc voi farnci Ei. Icrfera dopo Ja voflra partcti- 
> capicò da mio fadre il lodatifllìmoEieoco [r ] t in 
(e) 7/4ji#e/r» «vHipo appunto ^ che egli Hava leggendo ^tiefla Tra- 

dei TixiiM^ .sedia i e afc<]rltai .« che atìtibedue conciìiufero , àve^ V Antere ertaid i 
aUerando varie circo(Unze della 5'acra Scritturai 4.à curiofiti t>ertap' 
to mi àifpinto a vederla; e per verità ò trovato « che ineflafifa inorit 
la Figliuola di Giefte nel giorno medéfimo, cbe<ial Padre vien coti' 
dannata, <}ua^do la Sacra Scrittura dice., che. tra la <ondamiagione , 
. X la morte , .corfero duc^mefu Or perchè io non fo, -die "forra di fal- 
lo (ia quefto ^ e fé da i Poeti fé ne poflano commettere anobe d'al- 
tre force ,* però il difoorfo , che coi oggi faremo^ cònfiflcti intor* 
no a iimil materia • Loi. Bdltffìmo i il motivo ^ che dare ai ragio- 
namento : ma poco potrem dire a propoGto feoza libri ^ Eg. La vd- 
fira feliciOIma memoria, ben faprà ioppUre* Ot^ Cavorit^mj ; ed io* 
cominci licida, come tnaggipre d'età* Làc^ QuMito i\ Poeta fi vale 
deiriftoria nel f'ormar le fue tavole , non v^à dubbio alcuno ^ eh' egli 

!^ode ampHlTinia facuità di variarla ^ mutarla, « aiterada andie orila 
uftanza ^ facendone tutro /ciò , che gli torna hcnt ^ t che Taiata a 
compiere con felicità il fuo p roponicnento . Quindi è , che veggiamo 
Omero aver finto vincitori i <?reci «ella Guerra Troitot -t e Penelo- 
pe cllcrc 



Digitized by 



Google 



Ddk Vofeur Póefia. DialVL tf 

fé effsr^ ìNm. caOiis <|tta«dd per cottfeofei dci^Iftocici addireaitr tiic>' 
co il cnptcacia;. ladnde csmò- rArioflcy». dio^Oiacro' ^ 

T»//^ rf/ cmtPéoriù' t tftariA' converti ^ 

Cbt Gncis^ '^ima y ^ chi TnU viurict ^ 

E clm^PéitéUfié^fii^mamrite^ 
Vergilk> aver tuppofto- latciva. Didone ^ qoanda ftz verità lAotica. fi» 
caflUSiaa D^ntw ;; Umentaodafi. ell# niedeihna* di (al calunniai a^ 
pceflb' AnfooìO' r iL'Aciofto -avft iinta' OpfeodO' iciipaz2i«6' per aittore ^ 
qoandO' Plfiorie Jo dicinavanoaiTeflaatiaittia y e da alconl viene* aor 
che potto àet numero de gli' Ero» tenenti per Santi >> e* finalmente 
veggiamo aver Vergjlio^ finta Didone -i n* tempo- d*£nea ^ x cw era< ella: 
andata avami pasvoelù; eentinaia d'atmi r ed avc^ tneOcv ìa^ bocca di 
PaUouco it porto- Velino ^ che* fa fabbricato gnindiAbiu> rerapo* dopo* 
H venuta d'Enea ii^ baita .. ^i è^bea vero*», che' alcuni vu^iono». 
che il fine dell^a^ner no» pow alter^arfi; v ma io per me confiderò», 
che qfkvndóf è lecito d'alterar la TnAatiza r 9l (àì&a^ aitamsiòoe com*- 
prende MChe il ^f de)l*«3zione;; oltte> acche Vi de glirefimjpj, di gra- 
vifiTmi Amori ^ che Iranno fàucp ;; e però' mi muòvo a fennre il cdkH 
uario .*' tanto più 9. che la ragione* afliOe al mio* pareri r imperocché 
inraiiio» fono perroefle- al) Poeta ,. anzi: al Retorico y e al Filofofo r le 
altefazioni , e variazioni deiriftorta > inquamo ikm> poflG^noeffer ^khi-^ 
vinti di bugia-;: o^ercli£' glMftoòcl fieno tra loro* difcordi ,. o perché* 
f ifloria^ titm coftriiaga altrui a credere per noceflità ciò , die ella nar^ 
la ^ Or- qcttR4i ra»6ne milita egqalmeme nélte fuftanza ,1 e nejgH' ^^c^ 
tìdeRci y> nel pcinìEipio ,> e nel fine di qualunque soione f epetò iti- 
fuiuo a me V io non avrei' difi&ultà alcuna di variare il fine y fic** 
come non Tebbe Omero nel metKovaco'tcambiamemo del fine delt** 
lliade^M Q^a coti sfrenata liberti d'operare ia un fol caTo vie» 
iimiutta V il quale è quello , che già abbiam dello r cioè qftando il 
K^tuò^ficr commiato di bugia ,. perciocché peideodO' iotalcafo 
' ht^M^ » non pocri reoderfi' mirabile > e diJettoCc^ ne^fnoi racconti y i 
iloaH. fiofi. faranno credibili v ogni atiehe leggiera v e appareme foilfa'^ 
petù^bafteri per fai vare il Poeta dalla perdita detUfede r come co* 
tei,, clienon-èobjjligato/ alle leggi della verità: >• ma folo a quelle 
del ven^nùle ;- e per confcgueoza o^ni piccola bafe a loV ferve ^b 
foadUDQÉpxo ^ Siavi d^efempio la; finzione di Dant^ >. il qi^al' narra, 
dtatèc-^védute all'ìoferoo anime di perfone ancor viventi», e die 
atta ^K nata con^^ lui con verfavatio ^ Quefto meracroisi^mo'v non v^d* 
dnbbio V cbe & rende afiatto* incredibile y mm potendo altri, creder 
motti quegli uomini^i cbe egli Vede ^ e co'qpali converfav toondimeno 
percbè egli fiippone,; che l'anime de' traditori nell'atto del^ tradimen- 
to efcano d^ corpi v e vadano all' Infèrno^ ene^'eorpi entrino in« 
(oc vece i: Diavoli ,- l quali- gli gova:inino fyicht muoiono > e quèfta 
bppoficione allegoricamente può'- fofliftere 9^ perciocché nel peccare 
gli ufiwaiavwmiooo alla grazia-,, e t^nimofi* cangiano in* Diavoli». 
Bom effitMualmente , ma per IMmioatoné della malieia degli- fleOi' 
Dliimli;' j liecò' Dante non dee bidbnarrD neiraver* iarifa una sì ftra«- 
fi^ApHofaaone't ancorciiè per altror elfenctalinenfe confiderata dkr 
MtafiUftOmia,. edimeoOibila a^darfi. adimendere altrui^ C^ieftn^ 

E 4 litaicar 



Digitized by 



Google 



lìmtaiione àfbiaqoe^ cbc nùlita a faimr ddrifloi;^ owùmM ^ qowca 
più dovrà roiitcarc iot^np alla faccai» come è 4» Bibbia^ la t}itale()C9 
efferc fiata dettata dallo Spirìio Santo r iti ogoi fua paice^ e in tutto 
ciò » cbe riferifce , è iùUììihiic\ di modoxbc cbt Paktra(fii attcbe io 
luiaima cofa , non fole farebbe da i tetiori riputato biigbcdo , ma 
potrebbe incorrere «ella taccia ài teoierado^ e fagritego.^ I^g^X^ ra- 
gione %. o Ucida ; che a?ttt adclotto , oca rai pare <oii fliiogeme» 
cl)c Q»'phbligbi a fegoitarc il voftiorpame , fot dieliiarare iaalteca^ 
le la Sacra Scrittura ; impcmocehè , eflefkio.la Atflia % cbt milita) 
«omc voi avete doceo, aachetielk co(e pcQfaae^>ficcociie al Poeta da 
ogai piccola» fcnfà toà fatvaco oeU' alterar (HieAe ^ toA per rideatiù 
della cagione ogni pi^cpla fcti£»4o Salverà ocH' alterar qiielle ; il che 
aoa fi- accorda coi mio parere ». il quale fi i 9 die egoi akeraziooe 
della SacEii Scrittola fia a&Ktc vietata * Làc. Voi Boa Y/apponéccvi; 
porcile riafaHibiUci delle coCe -pcoCifie può eflfer fotacneate èfirinfen 
cfr »vcÌG|è ^amo 9:noi ». cbe taAi liia.veggeiKiole » le giiidi^hianip.> 
n^Hl^Ua dtfUc faque è aiKbc ittriafeoa , wÀ quato ad afe .cote* 
cht jealoiefxe; (Ì9iK>rtali > quali oai jo^yi^giaaMor;^ « però tra l^'unal^ e 
Taltra v'è tanta difEerenza» che bafta. a reader. capace di fcafcil 
Poet»». che altera. Tidorie profane » benché ne k% incapace eisca ie 
facre • l^g* Anche ideile coìe profioac può- daefi infallibiliti iatrinfe- 
ca T licp Coirne a dire ì i^g^ tgli-paemi* inialliUle .iouùnfeca wio 
ci9 > cheveggiamo aivvtiiira alU giornata ^ Or Te i^ Pocnafidgatàf 
c^ .accadeOCe aiakp. prioi^de'^aiDOn .tempi tal coTa^ , cbe oggi iul? 
divenga^, icome. vorrete vai dite s ^ tat Angimcato «oti' fia coattarr 
tip all'lnt^riofeca ififaUibilità ^ ìE/. Ma può darà ih€ngiaieDto»/ che 
voi dite l LQg^ Certo cbe sì.» e ferva dXempio » non puc ranactor 
ai^model Porto Volino ^ e il ractacroniTmo diDaa^Cr da*qiiali p^co 
<cX iTlUr.fii ^bbiag» patj^to VtPia i^nofiri Lacone (r )y ed C^ ÉudoOo ».il;pr^ 
[Antmia Ca-mo da^qi^li^aeLfuo hnfm0 f^ftfdica^ poae fé fieifo > iaufb- lotta it 
^^ri^v / aojiiiQ del Salewimn (iumììo dalla fua propria Pj?ovincia) adatCAittf 
2 • ' W <^' Dandolo , cbe viffe malte cent inaia dilani i^; it fecondo nel 
CsnMrV OxoC^iém^o noti, ancor pubblicato , Unge nella Regiad'Acetia iataglim 
i fatti della Reina di- Svezia dauci conofciuta » Lic. I «afida^voi 
fiifer4ti non fono iatrinfecamcate infallibili , ancopcbè fieno avveno* 
(i ne'noftM giorni i imperciocché non fi può da efii convicec di bUf 
già. il* Poetar efcludendor come i Lcgifii* dicono > con negativa cpfttv 
l^iay il potere eSere aw^cnuù per .cagione incognita alla nofira^viSa* 
come d^ lui fi Aarmao y e che ciò fia il vero r apparirà dalie t difefe 
de'p>edefi{»i cafida voi riferiti . £^i e vck) , che Vergilio- fiipfiCMM 
il Por-tO' Velino , come fé vi foffe. fiato nel tempo di Paltnuco; ma è 
> anche ver^» r che fé tion v'era il vocabolo di Velina in que' tempii 
vi' potè eOere il Porto , il quale r per no& fapeifi cerne fi chiamava 
s|el tempadi Palinurovi dovette Vergilio nominarlo col. nome «. che a^ 
(u9Ì tempi correva r akcamen^c non avrebbe potato elfainMiAoiX.f^^ 
npn v'era il Pprto » v'era certappQte la fpiaggia r ad- il.fita: ì okfir 
a^^è Palinnso » c^^^e nudPK^ìiifia r bea potava* i'apai^a il./nM^ 
4t Velino ,. cbe a]|ai>ei: darfi % ^eJrP$>Fto . Egli è loro^teha. S^^ 
Mi'fipg^ il uiapAlbmcmO: 4K Pmi^ no^coti» .<M Tsa^iwni ai .i.(inff«i 

.... \ ; le veci 



Digitized by 



Google 



Della Volgar. Poefia. ;DiaL VL 99 

lè Mei ^iranime loro paffate all'InfciDo: m^t è aocjM vtro, che per 
dtfi&a pcrariOìone ì OtmoM potTona emrac 00*" corpi degli uomioi / 
€ noi oon (mppì^mto cbe^ekt io etti facciano 9 e come vi ftiano • E' 
vero, che il ooftfo Laconr ora vive* e il Dandolo mori nel iioi.raa 
è aache vera, ckc egVu merce del Poema di LacoBCy è citornatoa 
vivere tmmorcaiffleme nelle fue opere 9 le quali fono fiate da Lacottt 
celebrile , e liberare dalla iforacici deU' ohUivie^ie ; sei xlie app«mc9 
confifte TaiucOy die egli finge di dase al Dandolo;» E fioalmeme è 
vero, che EudoOi» nella Reggia d'Aretia in. cenjpo del Colombo , il 
qaal ax>ri nd 1506. finge intagliati i fatù illvflù di Criflina AleflTacK 
dia Regina di Svezia da noi conodciuta^ ma è anche vero^ cheqaek 
la Reggia fu fabbricata fopraonaturaimente da Spirite iniefo del fi^ 
ttf»^ Vedete or voi, come anche nelle cefe, che noi veggiamo pof^ 
ttmo tf^aittiarciy giudicamèale infaUtbiU nella loro apparenza v epe* 
tòrio diffi» che {^ cofe profane neta anno in k l'iofaUibiliià incrin- 
kc9 » la quale io incendo» clip fia quella» che non può altrameme 
fleit, elle nella goiTa, che fi tmova; ma felamence V cftrinfeca , che 
i qoelhy. la quale può in le conteneie diverfità da ciò^ che appari** • 
fee* £pf . Secondo queOo vpAro-dìrcof/òr ancliela Sacra Scricrura con- 
ferri rinfallibilità eArinfeca 9 mercè de' rei>fi miflici , die fi chiudono 
(òtto i fatti» i quali vtfi raccemano» e delle parole, colle quali fi 
ffarccmrano. £#r«Yot dicebene: ma con e da è congiunta anche Pin^ 
frinfeen; perchè qtìamo al di fìiori, cioè al fenfo letterale r ognico* 
k, come ft«> èinÌFallil?ile> quaneo pb't al di d»tro> cioè al fenfami^ 
VcQ» è «nfailibile* eh' egli vi fia; ma non cosi» che abbiamo a crev. 
te per,<tfMcolordi fede tutto ciò, che glìErpofiiorì per loroarbierio 
cavano di mìAicchy e per anftica ne lo additano. £^rE qual mifiico 
4ovrem credere inrrinfecamemeiafaHibilct Zir« Tutto quello, chedi^ 
ddaniy e approova pofitivamcme laOttefa» auttmicando il ifiiflero^ 
la perfona di chi lo eava.^ Log.Ot comunque fi fia» io nonToper*. 
feadermi » che la Sacra SoritinBi| non pofla dal Poeta alterai^ per ìa 
foWragiotie d'e8erein6d libile; eilefidererei qualclie ragione tnen (u^ 
getta a^iftionàrvifi fopra. Ide^V'è il fcnfa ttìiftìco da voi riferirà^ 
e confidetata anclie dal Gbitardelli nella Difesa del (tio Cofianrinùr 
imperetoccbè non folO'i fatti y ma le parole, che gli efprimono» di<^ 
Ipofte concordine y che fi vede in efln Sacra Scrittura» contengono in 
(e particolari mifieri/,r fegot rfpreffiiiì delle verità delle cofe future; 
di modo che variandofiy tMVutandofi» o fconvolgcndofi anclAcinmi" 
nima parte qualnnq4ie4 f^rola^puà cagionare il cambiamento del mi" 
Aero; cofa veiamence iUectt»^ e da non permetterfi in conto alcuno» 
^•Ma anche quefta ragione pu^ aver la Tua diflScttltà.^X»V. Non fa^ 
prei vedetla» Log^Vc la diri^ io. Lir. L'akolterò volentieri.^ Lag. la 
cavando i fenfi mimici della Sacra Scritt4ira non fono gli Efpofitori 
BcceflQtati a concordar' tutù inun^iAciTo fenfo y ma ognuno ptiò ca-^ 
vaine» fecondoti det«atnt della (uà propiia cnemev e però ficcoroe le 
eflervaoiont degli E^oAtori poiEono.dirfi più rodo pie roeditaaioni^ 
cbe^aieÌ€oli-dr fede», ne' qualt concordano tutti > cosi il Poeta no v 
farà legata da effe» o^. per meglio dire» non farà obbligato ad avetf 
^gttanlo nel ciwi^(e*a^iaeUo> elicgli. Efpofitpri dicono ; fé purei 
^ . . i (ali 



Digitized by 



Google 



ja Della Bellezza 

ncflc (come aoche voi avete dcttoj^dd^ 
il qjaal cafo, noaoftame ia divecmàdfr 
i legato ìL Poeta da cde^ non mes. die 
y, e del Boovo Teftamento^ Oltre acche 
ed altro l'errare come Teologo; ni fi 
iaaa^'oguiione teolog^ica ,, e pure fia 
iccade ocToeti Erericu per li q.uallnir«^ 
aBacanaoQv il quale dal Padic Mattea 
Lfiitori della Tua Parafrad m verfi Lati* 
. chiamato Jt^/tax p0eta\ & fefftmut A* 
itìflima ; perciià k leggi della Poefiafo*^ 
i Gentili) e tta eOe noa v*d la riprova- 
l miftici;. anzi noa v' è né mena qpeila 
iti, e letterali. Perlochc il gtndiziofiiì^ 
% Trattato della Cóftruzione della Tr^ 
ivata Gitfttài^ Bucanatux T accoRta^ 
corti tra la condaniugioDe,, e ta^inor^ 
I quali cofe fi faona ambedue fegutre ia 
ota L^ Autore d^'a^er cofumeflo ùllo di 
gplaf oetica.». la quale prefctive al ptrio^ 
lauro, o pocogià, e non giddue mtfi*' 
tamafiimando rtleinfio, che duci il periodo, delki deaa.TÉag(Bdtadii 
Giefte, contuttoché il Bucanano fi ftudìàfie eoa romma<tilig<9i»a4ir^ 
fimularlo; e le fué parole ,. Te n« mfiflfaoiio»..(òno te fegueoti^^ Ak^ 
^triodo iffc mv ludit :. fiAm sd, mimmitm dumum efi WMnfium ^ «A*^ 
inìm, diflardndA fuii Flrgijiit4$; imài mà$. tUéittmum : qu&d difii^^ 
l^vity, ut ftuit. Laonde pet fermac lavoftca. propofiziooe circa 1^ 
ixialcerabiiità della Sacra Scrittura, in. Poefia,. io coofidcrereìdi più 1^ 
cfficr quella JCbria ,, come dettata dallo Spirito Sauro ,, cofa^tacroraii' 
ta in guifa, clie noa fia perxneflb gpaftada, confonderla , o. toccar^ 
La in. modo, alcuno , ficcome noa è. permefTa toccai: le cofe facre, \t 
q.uali. fi. venerano,, e fi. lafciano. fiare^ come elle (bdoi. ed innoltre il 
potec taluno, poca perito mettere in. dubbio* la verità della: medefiml 
Sci-ittura. nel vederla. alterata, dal Poeta; e ouefio^attiyo effetto, che 
pou'ebbe aafcere dalla Poefia alterarne la Sacra Scrittura , fecondo 
me,, batta folo per togliere al Poeta. la. liberti d'alterarla*. i^V< Otti^ 
mameme parlate i. ed io confermo* il* vofira parae .. ££.. Anche a me 
egli fembra fanifCmorma per iniendecoiegtioril tutto, vorrei» che 
mi difiinguefie tutte le fi>ue d'alterazbni*,. e poi mi fpicgafic ^^^] 
Hàno le pili fcufabili ,. e- finalmente Te alcuna^^ di efle pofTa. aver miL 
luogo- nelle materie della. Sacra. Scrittura ,. o del Vangelo^ IiiV. Fri- 
ma. di rifpondere alle vofire domande», deggio' premettere per regola 
indubitata,. che il Poeta & obbligato- neTuol componimenti, a* dilettar 
gli Afcoltanti ,. o i Lettori \, ni per mio avvifo vi* ^ fonte più. arto a 
generar, diletto ,. che la. marawglia, la. qjaalefommameiBe lofii^ail fl^^ 
$ro' intelletto- vagp> (empte di. pia fapere,. ed< intendere^ Mi^ pecche le 
cofe , che noi. Tappiamo , . ficcome anche- quelle ,. che ooocinuaneiife 
vieggiamp,. poco,.oAulla diioaravigliaci recano; ed inoltre molte cole 
«wcmuc X, od modo ,^ chefono avvenute , npa fi rendono mj^raviglmci 

perc^ 



Digitized by 



Google 



Della V<Àm PoeOat DiaL VL »t 

^fiA il Pdcia fke «ralaTciar la vtrità delle «ofe i e fancafticameott 
fricpecaodo « cavar dairimpollibile^leiae favole ^ e qudle Tender crp» 
tUbili ; acciocdiè iicoo atre a jene^ar inaraiu^ia»/t diletto > Per fab* 
bcicare adunque tale impoifibìle credibile fari neeelfario^ che il Poe- 
ta abbia libera poicAit non foto <li finger cofe affatto nuove > ma d* 
alterare, e faJCeggiare tutte le cofe èia ricevute» riformandole> ego* 
vernandole a Yuo talento, fenza badare ad altro , xbe a dar loro for- 
ima credibile, e fcanfarc il pericolo ^cflfcr convinto di bugia ineTcu* 
labile « Or paflSamo alla prima delle votare domande « Due fono le 
ù>exie principali «lelPaltèrczione i Tuna fi ^ circa la Aifianza dette co* 
ic, e l'altra circa gli accidenti. L^ alterazione ticnia fuftanza ii divide 
io altre due fpezie, cioè in finzione di fuftanza affatto tiuova-, té in 
riforma di fudanza già ricevuta « Le fudanze affatto nuove fono i 
Ccntaorìi gr Ippogrifi , e fimili , tra i quali , anch'io concc^rro nel 
parer di quelli , che Aimano doverfi annoverar la Fenice ; perciocché 
quelli mofiri non ft fono mai trovati nel tnondo^ La riforma 'della fu* 
Oanza già ricevuta fi commette , quando il Poeta tina fuftanza tra- 
fonica in un'altra» o la pope in véce d'un^ altra •» come per cagion d' 
cfempio « quanto alle cofe naturali y la fuftanza del Cielo., fpert)uiàfi 
«niverfal coofenfo ^ è nn efoatto , o quinteflenza degli Elementi ; 
noodimeno v*i tal Poeta > che la fuppooe tntta di fuoco ; quanto al* 
riftoricfae > mi varrò deUa Lupa di Romolo , che fu una Donila, U 
quale » per effer meretrice., fopraonomoffi Lupa , e pure i Poeti fin- 
fero, che foflè la befiia del tnedefimo noipiM ^ L'alterazione degli ac- 
cideata li fa, quando y lafciata tntatta la'foftanza9 li variano , tnuta* 
'to^t» eamtnaoo gli accidenti delle cofe i e t^l mutazione ^ variazio* 
le, o cambiamento può farfi in piiSl «modi -, «cioè ndla quantità ^'net* 
li qiuliti , ndla relazione , nelPazione , nella patfione , nel tempo, 
nel Itictto, nel Cto, e nell'abito, de* quali modi io non v'addiutòaU 
no f cne qualche elempio , ragionandone appieno il dottìflimo mio 
(attiocto Mazzoni nella Difefa della Commedia di Dante ^ L' jArera* 
^ione adunque della quantità fi commette ^ tjuando dal Poeta ^ faU 
fifica la vera quantità stella cofa -, -vcrbigrazia V Iftoria 'vuole , che 
Niobe aveffe cinque foli figliuoli; nondimefio Omero ne annovera R* 
fio a dodici^ Curipidefioo a quattordici^ Saffo fino a didotto, e Pin^ 
dare, ed altri fino a ventt^ L'alterazione della qualità rifguarda pia 
cofe, cioè le potenze^ gli abiti^ o coftucnì^ i colori, e le forme, o 
^re • La potenza fi può alterare , o attribuendola afuggetto natu- 
tatmeiue incapace ^ o dandole un'effetto ^ che le fi difconvenga , o 
tapprefetuandolamaggiore,o minore 'di ciò, die veramente fia, co« 
me egli è d'attribuir lontra la verità <deiriftoria naturale V udito alle 
Api, la guardatura torta alPocchio del Lione ^ e l'acutezza del guar- 
do airtKchio del Lince , cosi efficace ^ die penetri le muraglie . Gli 
àUri fi alterano^ variando la difpofizione -, e 4 coftumi^egli animi, 
come avverrebbe-, i)ualot fi fingefie tin Xippardo domefiicato in gui* 
fa , che fervtffe al Cacciatore in In^o di cane : cofa contraria all' 
abito > e difjpofizione di si fatto animale « Circa i colori fi fa altera^ 
«ione 9) variando i colori delle cofe ^ e finalmenre circa forma fi fa 
altaazione t col variar la figura de'corpi a bel capriccio • L' al;era*f 

zione 



Digitized by 



Google 



rgii'è 

1 »vaJ 

j rva (T 

i JO gii 

^ ti del' 

I sppofi- 

j mima- 

j^^^^ ^ irario- 

«c', clic fi dice dcirazionc, in qtiiaStccò^'wodì fi può •commettere, il. 
pcimo dc'quali fi è OArrar le azioni divèr(amcntc da' quello, che (btftl 
Satc; il che fi fa in due maniere, cioè variando Ttizìone intefamen- 
ce, come, per cagion d'efempio, Tlftoria porta, che Falart opcròf 
Tempre bene, e vircuofamenre ; e pure da Steficoro vico diclìiarat6 
empio, < tiranno 9 o variando folamentc i particolari di cffa', verbi- 
grazia Scinide fu Ladrone^ ed ih qucfto con vengono tmrj; nondifpc- 
lio circa il modo d'uccider quella, ch'eran da nii vìnti iti battaglia, 
difcordano; perciocché altri dicono, che gU legava alle cime di due 
Pini piegate a terra, onde gl^ infelici corpi rimaneOero fquarciaH col 
ricorno 9 che violecicemenrc quelle facevano in alto; ed altri, elicgli 
faceva coricare fopra un breve letto, e troncava 4oro tutto ciò • che 
fuoi'i di quello avanzava da i piedi iti fu : il che fu anclie detto di' 
Procure. Il fecondo fi fa (quando l'azione <1* uno fi trasferifce -ad tstf 
altro; del che prendete i'clempio dalluccifidìne de'figliuolìdi Medea 
fatca.da'Corintj) e da Euripide rrasferìrà aUa;nadfe« Il tèrzo « ^uan^* 
do l'azione s'attribvifce a dii laioB v*à parte; come fece Otticrb', cW 
condttflefU AtetMcfi co gli altri Greci alla guerra Troiana contra la 
verità ifiorica, la quale vuole, che gli Atentefi non v' aodaffcifò^l L'I 
ultimo, quando fi aumentano, ed accrefcotìo le azioni, faiivà però'fa 
fufianza loro, raccontandole più grandi, e màraTigliofe di quH, che 
porti la vertti^ del che, come di cofe aflfai frequenti; nelle poefìe^ 
tràlafcerò di recare cfempio. La quinta alt^rralione. Che é quella dé)« 
la paflflone, confifie nel variare le pa<fioni« alle quali per iftoria ,-óf 
per natura, fono Aati fuggetti gli uomini, e gli altri animali ^ coitìéf 
é il £oger Tantalo tormentato air Inferno con diverfa pena da quel- 
la, che comunemente fi racconta ; Achille mòrto diverf amante, da 
quel , che vuole V Iftoria ; il Lione fuggetto alla paffione del ti- 
more, « coTff fimili; e quefta alterazione fi può fare, si circa la fu- 
fianza, come circa i particolari/ e può anche in qucifta aver liiogol^ 
divifione de* quattro modi riferita ^i nel favelfarfi dell' altcra^onf 
delP azione • L' akerazione del tenlpo^ che è la fcB^ delle annpvera- 
ce, fi dice comunemente anacronifmo; ed è la più frequente di tut- 
te l'altre ne' Poemi, come tcftimonia il mentovato Mazzoni; e firi- 
duce a quattro Spezie, cioè a trarportamento dalPantico al mo|ierno, 
o dal moderno ali* antico, a reftringimento, e ad allungamento ; E- 
fcmpio della prima fpczie fieno le tìozzc di Peleo , e di Tetidc riferi* 
ce da Catullo neh tempo, che Pelea navigava co gli Argonatiti alla 
cooquifta del Vellp d'ovo-j quando tutti gli altri Scrittori cotìrcmcf> 

no, che 



Digitized by 



Google 



Della Vofeai Poefia* DiaI.VL f j 

tei che m ^acì tenipa noo /olo foOcro Seguire ie ixnc^e '^ ihz di etCé 
nato già Achilie. OcllarfeCQOda^.efrmpto fia H Porto Velino ptà.vol» 
ce menzionato » che da Vergilio.Tien fatto nominare da Palinuroy 
concatcocbè fofie fabbricato molte coninata d'anni dopo la colui mor- 
te. Efempio della téraa fia lia carcftia di fette anni patita nell* £git^ 
tOf e rifecita dalla Sagca Scrittura «-Q^efta iAoria fu poi trasferita 
negli ferirti de'Genriii;.*e Oalitmaco4a eflìprendesKtòla» ed alterati» 
dola» foppofe.la ftc&xadeftia effe? djurataàam tK)7c.'£feinpio final, 
mence.ddla qoasta fit iliaco d*£rcQle nel carmi conpfcimcmoddift 
diK|uaint^^tiuolè:(ii:Tcfpio, asrveotttov' fecondo Omero» in unafo* 
Unoae; qaandOiV'^à lAoìSci» eiié ve nt.fraramctumo, e confuma^ 
no.nèn meno di cit;K)tui^ta » La feccimar akeraiione detta del luogo fi 
commctcs» alloccbé a ù gKBde na Itiogo per un'altro y come fece 
ondi inoeca, che chiamò Tebe coè^mcime d'Kole Beate; contuttoché 
Tebe non fia IfolayC Vlfotr Beate Qieno nell'Oceano molto diftami 
da Tebe; o fi f iippotie uda co£a cffere in luogo divetfo da qtiello, do» 
.ve verameme &trfiova; vefbsgfatiA Iuì^iìzìq nktfte rEgitto dilàdtt' 
reqmnosiale» quando per vefiiè égli fia tuttótdi qui» e nel noftr# 
.emisfero. S'appùrtietie poi a qiieAa,^zie d'idieraziene anche il fin- 
ger luoghi affaccD tHioyi» come fece Dante» che mife in vidà stelPak- 
tro eoiisferó la' bocca del Purgatorio» e i'Arioilo» che finfe in Etto» 
pia quella deiliofifcna^ ^lanAoiCcuacofa èy chefopra la Terra non fi 
tniova né' l' una» ni i'altra. L'ionavaalieraoBione appellata del fko» 
addiifiene, quando fifalfifica il^o» o nanirahi» o aciifiziale, o acci- 
ètntale delle cofe* Fatfifioazione di .fico naturale cemmtfe Pindaro» 
ftfpoocDdo il mezzo del roóndore0er V Ifola di Delo , il che è felfif^ 
6do : (|*artifiziale icommtfe DaQie > dbe fuppofe il 3agitratio per cari^ 
cai :r arco dover tirar la corda air orecciùa» quandi fecondo Tar^ 
eudla fi tira ai peuo» 
"^ Chòràtt frrfe unù finte r e cMd c^cté^ 

Fect ts borea i»ditn^ MU MéfitlU ^ v 

d'accidentale commise. Licofroficr' die aflEsri Agamennone ei&re ffa^ 
to ucdfo nel baj^q» contntcocbé ^l'bfcifione feguiffe, memrVgli era 
a tavola r éCatalIp; riferendo^ che Latona partorì appoggiata airuli*' 
vo contea l'autocsti cCOmerpy e di Plinio, ì quali dicono» che fi ap« 
po^iafle alla palma; e finalmente Apollonio Rodia»- che pofe il ùixf 
de^nesti AAV uonao ia UMuieca , xlie ith lor principio- fofie nd cuore » 
quando Ipoceatey ed altri Modicè lo* pongono .nel cervello .^ L'ultima 
ipeaie^lle alaecaziont»: che é quelhi dell'abito» cioè delle vefllrde* 
gH ocKunenc»» ardì* altre ftmiU cofe». anch^'effa f> d^tvide in più fpe-^ 
xiev' l^uoa della quali fieommeu e »i quanda fi varia 'alcun- abito» a 
impreca» o* altea cefo 9^ che taluna é Iblitp di portate:: verbigrazia £f«' 
ehàp -vuole ». efae neUo fenda di* Polinice fbih dipinto* un'uomo ar« 
maiD » condoMo per mano da una Donna» ; dal die difcorda Euripi*^. 
de» it quale èdi^ fendm^iKO» dia vi fbflero dipiate alcune Cavalle » 
ehe.aoaibcatto r: Omero* -actribttifea ad' Ercole per armi pffot^rie l'ar-r 
co» e Idlaettei^ quanadb-dal roaimi con(en(o de'Poeti^li fu attribuì^ 
ta la mazxa^.o clava «^ L^aUca» allonthè sr** attribuisce allibito, alcun» 
Inalici dà!vaii».daU9 propria^ domfé U finire alcun cinto y che porr 

cai4> 



Digitized by 



Googk 



tato io doflTa produca amore era marito, e moglie^' come dfiriOìn^ 
co • L'alriia finalMieiiiey 4iua»<k> fi dà a talono atcuo' abito ^ cbt ^ 
noivfia ftaco mai folico di portart > come al Dottóre la fpada» alSoW 
dato la toga> al Poeta la corona, di lana riputata propria^ de'iV>eti da 
Properzio imI S^rifixio > che fa atte MuTc^. Quofte (odo t«tte tè foo- 
ce delle aktfBsAoni f dtìk qMlt ia vi à tagiomto brevtmeore ^ per- 
fbè j come di(BVfarla dicffe*diflbfamcmif»^coi» pimifliiiua dbàma 
al /uo^ (olito il. mfo<(to«tifiimO'MaBEzoni i io citk potrete foddisCarW.. 
Ofc tttcteqiiefte akecMioiii' foao permeOe à^^eti krnsa cacaàcm.^!^ 
cuna y ed anche (etna cbei ^' &$f'9mQtki 4i Scmtòrr >. Hv (piate ^jnra 
loto di fondamemo; petctii» ebbene it-Poei^ di pid optaioM akcdt 
può fcerre^e feguìiafe ^udllay cIm pw gli piace » ancorcbè mettidelf 
aliPe autorevottf'» ivMdimefia «pti^uralafctarle torte r e fuppov laxoCi 
fecondo ropitìfone «Tua ^vófm^AÉM è -rama taAlla Ut lìbersà d?liPoe- 
ta tó qutfie mafcrio'^ che |>(rii'ailciie>peì::fMdàme<iiO' valerft dvIPbpi» 
moni altrui , bcDd^à^iguaikiiiiovoh'eftH^ toui^iDeiire cppoRo' aU%flc«» 
«o 9 per la quale ili Po^a^fr'^afe diede'; «ome^pttraagìcnr^cfQaìpio 
mai non fece Propcraio nel- giodicar^ propria j^oporafe i Pbeitla 
oorosadi tan^f bendié PlaioM' 9- che di taf corono fai l'iiiveiKofey b 
defle lofo pi4 tofto per lìctfntiarli co» ^>bo > eifMnaiBctie per ìf 
ofaemìffgli» altoreliè I» eacciò dalhi ^^StùpMkìic^^^ìEfl M^voi, pai^ 
mi 9 che abbiate tra1a<biata u<ia ^atrd'aiwaaìMeV^iiU^'E:<ii^lè 
•Ila) ^«.QueMa^ delPoc^diiio dHIe evTel i£m?. SpiegatevifvMegKa «-^r 
Boò tcuaila Gueri^ Saterardf^ Gcru/nAiinme deTcriitaiuliiir AreiTèftO' 
vo di* Tiro 9 e parmi y^^lVeTordiae dette' coAi in ìtèlfia ^^àccadore Aa 
mòtCD ^liverfo da queir che racconta il Taffò- bcI^ 6ia Goffredo • Lic^ 
Ojiefta no« fi chiama alterazione y Eginav ma peotorbazionc ,. la qua* 
le noD^Tolo^è pecmelTa, mapcefcrirt» db! Mae(teoai fieetii e fi fai» 
due medi y il primo de^quaK è r quai|do il Poeca:cMÉn'a perturbndo 
Pbrdine di tutta^ rifiorìay e Faltro quando penwba Mamenre t me^ 
XÌ9 lafciando i^ principio^ e it fine>.o^ ahoeno ikiblo fitoonei Tuo ef- 
lìire iftbrica ^ Il primo àciodo danne^^nproverebbe 9 poiché cioNo di 
inezBa rordtoe del ^princìpiot ^ed landhe del^ £oe > if^ifiir petitoefabe 
affatto il filo eflere y e diverrebbe an'alcca eoTà > la^qdaie doveebbe 
dirfi fenraftica, e propria: invies^one del Poeuu e non j^ finto ift(K 
ateo •. Il fecondo 9 come ò< detto , vien data per .-prcpetio al Pivgta> 
perche alle volte le eo<i» narrate eoirordtor ieaftiro tfoa generàdo' 
inara viglia ^alia qnateé inéfràtrs^la-PoefiarlaGMeitniez^b', rpft 
Ib^ pie anche il principio dee namaHi pertottiatamiaifce ; imaoipetò* 

Juanc^al prinoipiay colt^a^veuettsadi nòo ìfeonvDlgerio 9 nècd^K 
>nderlo : il die oficevò maravigiìoCamente Vei9lia.>.!TaccontanÀ> 
■et feconda dttl' Eneide il peincipio ttolla i^mntf xfEiiea in' haiiav 
allorché nel primo tncomineiò il Pbónia colla ^enfpe^ di mate 9 ab- 
k quale foggiacque Enea nel paatirfi.; da Troiaf *:: 3Qt|e«r acche < fpefi^ 
avviene ;,cbe lardine delle cofenon i tale v qiialdòy«ibba<eirére;'r 
però iii fiocca 9 il quale é obbl^ar^ a nocnar te ^tìfe-r^wam^oamcrio- 
wo y^ mtt come e(fct dovrebbtoo9 dovrà fèrturbmaliov nctooeàdélo cob- 
kb perturbazione a t rcrmini del fuo obbliga ^ j;^.i)£gngtamente^ 
ma qjoal delle caccdacata alterazioni' |ai?i I4 fiàJ'fau&hìle Eliii. 

lo'gtta 



Digitized by 



Google 



bella Vd^ Poi^Ai DialVI 9$ 

Ift fét'mC'ieiYailo coite ugittlaitiy«.f nàUtMdo per tiicce Utlietb rat 
gìooe; QOBilkBeiìo iÌB neU^ègmittcà pu^dafifi difiereottki dkm i die k 

Ì>ià (cu£abl)i<ò£Eeiro.gU amcjMaotimt ddia^feconJa fperie^ ctoé ddr.&W 
tDgameajDd ^i Aicocoi«isnto del tempo i pierciiè quefti hoa alceraflo 
alcocu cofa .efléflasìale^ «é toccano t. e gnaAano ckcoftaflua akiuia 
ifiorica dì cjgnocdo : poco Ànporcaado ^ che la <oùl lui laccadttca in 
due giorm*, o m dieci 4 quando per alerò vi concorra la vecifiiniUta* 
dine* £q|aiAocb*io (opìétì vettto parere^ beachè mi (iasoco^ «ffervi 
Criticità ^ofae Vorrefaihcra vedese affalo xAcrminarì ^li anactonìTmi^ 
csedcadoli 5 jooa già ^gorr y e aiuto 9 ed anche pane delle J>ellezzt 
Poccicke^t owÀlU dignocaoM^ ed pepati infopporcabtlt i ^. un^di 
quefti ècii Mificfli* clic in.itioiù xle'fiioi^Progtfiniàim Poetici .parla di 
effi con troppo^ appafiooata deeiiione > condannandoli rutei ^ comun- 
que fi fieno >, a da chiunque fotti: ma a me pace ^ che egli s'inganni 
grandemeofc t fiocene s'iiqanna io molnflbne alme opiniomlpatlie 
per detti (nói • PtoginnaTmi ; e*pclma di lui fi fieno ingatmoti qneit 
che furono di fai pacete ^ e da in fi citano ; .perchè .non foiamemc 
lotta la turba 4e*Poeti Crtoif JLatinijf x ToCcatit-ne anno iatù > « ne 
iitnno s ma per ^oao«o poffonafofErrire le fpeiie deiie materie.^ «e dot- 
trine ^ che trattano 9 ne an fatti» e ne Canno anche gli Atffi lOorici^ 
e i FiÌorf>&t e ìLesiftiì di modo cche fi pai^* che fieno fiati cendoai 
autore voti, e j^k coti dire^ canonizzati ^-in^guiTa dal xoniitnfo uniter* 
(ale di] tutti gli Scrittori « ^e di <«tce Terà^ che fi renda oggimai ca* 
IvuHoro ^ € fuperfluo ìLquiftiooate (opra la lor fuffifieoza , e dò ap^ 
fKifee dal medeflm^o: Mifieli oe'icimci Pmgtmnafini , ove agli ne rac* 
coata infiniti de'più'gvavi^ :e ifa^ci MaeAri^ e ^ccittori, (ienm che air 
coDO fi fia mai rgomeatoia, e afttnuio di fatnè^ per quanto abbiano 
ofiinaeamenie i Critici ftrcpicnto . Lk. Or di tucte^ le alteraaiooi^ 
delle quali vi ò ragionaco^ ntun^ è permeflTa nelle materie della Sacra 
Scrittura f per le ragioniNgià dette *f intendendo però io ^ quelle ma- 
cerie fotamence» ohe liinn efprefe QeUanfieilefima,> non già delle ioir 
plicite « e eonghietturali ^ circa le quali aon ifititio rnuetto il Poeta 
a quatta si cisorofa kgge ,$ (e non ie quando «sui gli Bpofitori conr 
«cordafiìero nella fleflTa ceqj^iettura >» tee in ogni anche minima parti- 
colarità di queUa j di maniera che ogni leggiera difcordanza^ anche 
4Ìi Semplice , « meno auccwevole Sccitiore mi baderebbe per aflblvere 
il Poeta dal dovac fegoiure gli Efpofitori , sì nei miftico « carne nel 
vtttfimile , e oonglnecraraie delie cofe non efprede ncUa Sacra Srit- 
cara; e la ragione è evidcotiflSma, perchè daUa Chiefa non è didiia- 
taio^ 4ièè di fcide, che refaafiziooi fieno ftatexuccc dettate dalloiipi- 
Vito Santo , fiecomèt^ di tede « che fia Rata dettata la Sacia Scrit* 
eira; esperò pdfanoicifpecto ad efle i motivi da noi già addotti , per 
Ji quali vìen riftietia la libertà del Poeta, il quale fotomeote è tenuto 
a lafciare iotatae le macerie ^ die noi abbiam chiamate infallibili d* 
iofallibilità intriofeca * Eg- Parmi ^ che abbiate fotmto il vofioo ca- 
gionamanco « Lk^ Appunto • Eg. Ma \tJO^tt ohe avete dette, fono 
tante «iC di tanta gravità , che fé non ine le riducete a pratica con 
qnabeh'.efempio , intorno at quale .cadano le regole da voi flabilite» 
mg» jEAt non atrivetò mai a pienamente camìcie . l^^. Il trovar ^- 
? to nel- 



Digitized by 



Google 



^ / Della Bellctóa 

eo nella Sacca Scrittura v m cui foffano cadere tutte le teodcbe éi 
WKÀ ^bilice 9 noo è cosi agevote i come ioclìe tmidagioace i e però 
contcncarevi d'un'erempio , che vi faccia vedere in pcaccca tutto ciò, 
ciie abbiam detto io ordine al 4i<<>bbiigo del Poeta nel regoicare gli 
Efpofitori delia Sacra Sccictora.Sari >egli il fatto di David raccontar 
co nel terzo libro de^Rc, il quale dopo aver dichiarato Tuo Succeflfo* 
re Salomone , e fattok» unger Re io faccia d* Adonia altro fuo figlio 
ribellato , mori ; fenza cbe vi & esprima il rempo intervenuto tra la 
detta coronazione di Salomone , e la. morte del roedeflmo David; 
Ora ditemi, a Egtna ; fu qucfto facto & potrebbe tetfeoe una Tragc* 
dia I Eg. Certo clie si : ed appunto «.(e voi bea vi rjunmeotate , ve 
Vi teffuta l'inclito noftro Compaftore Acclamato ( e ], Craieo Erici- 
(e) nCMYd. hIp^ inentre non v'^fliendo tempo tipreflo nella Sacra Scrittura , può 
fj^/^ oriA#» ^^^ j^l po^^ fiogerù accaduto il tutto in na ^orno ^ per non ufcic 
^* della regota del cempo prefcrirto all' avvenimenio tragico 9 come fi 

finge nella mentovata Tragedia « U€. £ voi , che ne dite ^ Logiftot 
Ug. Approvo il parer d'Egina/. ma dacchii abbiam qua fatto onora* 
' ta menzione di tal .nobilìffima Tmgedia » la quale { come v'é noto ] 
io ò avuto l'onore di veder tufcere , e perfìeziooare » lanciate , die 
comunicki con enfovoi alcune coofiderazioni criticiiie fatte in quello 
propofico da qualche profie;ffore cicca la Oefla Tragedia * Lic. Uictle 
pure a voftro talento • Lk^ Alcoltatemi adimque «. Sebbene ne' libti 
de i Re non s'erprime il tempo , nondimeno no' Paralipomeni fi di- 
ce^ che Salomone due volte fu confacrato Re» vivente David Aio Pa- 
dre ^ e die la feconda conCacraziotie fegui il giorno feguente \ laoih 
de nei fatto raccontato da voi la Sacra Scrittura ammette e^licir 
tamentetlue giorni ..JLir* Egli è vero.; ma ciò non rilieva » perohè il 
gbrno prefcrirto all'azione tragica può regolarfi xial Poeta come gli, 
torna più in acconcio , purché non^ ecceda # ò di poco ecceda le ore 
i^cntiquanro^ die lo coftitutfcooo /Se adunque nel cafo nofiro preo* 
dereme il giorno, o le ore ventiquattro , da un mezzo di all' altro 1 
per l'intervento della, aotte^ fotcà itarben^ , che il di leguente kSt 
<oroaato Salomone per la feconda «ok a \ .e che dalla prima coroni- 
lìQfùt di lui alla morte di David Don CùntOuo , che ore vemiqiiai' 
tro , o poco più . £f. Ma gli Ebrei cegolavano cosi i loro gioroii 
iÀc. \\ tempo della Tragedia non fi regoJa fecondo l'ufo delle Dazio- 
ni > 4 fatti delle ^nali ndla Tragedia u rappre^Mitano \ ma fecondo 
fofo di qudle « alle quali «fi rapptefentano ; e però ppco importa > 
die gli Efecei r^nefiero altro coQume nel regolaoMinto de' giorni» 
trattando noi di Tragedie Italiane • Nel tafo noA^^ poipoifiamo an- 
che dire, die gli fibr^id-egolafìcro io quefta gpifa i Joro giorni » fo- 
•cotido il Maeftro delle Sentenze^ il quale etti patere» che }\ gioruP 
. incominci quando nel Sole e maggior perfezione di hic^ 1» cioè io 
^luell'ora» che noi' chiamiaiiìo mezzo giouio ^ col fondamenta • cbc 
-iè opere di Dio. tutte ufcirono perfette net maggior grado della loro 
persone ; e quefio parete vita, comprovato iJalla.ftcfla Sacra Scrit- 
rurz nd principio ckl feoefa « ov« parlandofi ie' giorni deija .crc(f- 
. ziooe ddle'Cofe ^vìù nomina più volte , puma il Ycfpro.» e poi il 
mattutino . £ìJS$lbtj tj/^Sft/ftrf ♦ & méWiAifs airifir> J^ f griCgicfc«o 

ambe*! 



Digitized by 



Google 



Della Volgar PoeCi: Dial. VL 97 

smbcflbe Te rirpòile - Jjfg. Ma gli Efpoficori concordano 9 che tra hi 
prima, e ia feconda corooaztofie di Salomone « e la mone di David 
correfle tempo confiderabile .; e peròefi4>are > che entri la voftra 
reorìca ' , che quando cuui gii Etpoficorì concordano 9 il Poeta è re- 
nato Seguitare la loro q>inione « non men fed^lmenre di quello » che 
fia cenato fegakar ciò, che fi troova efpreflo nella Sacra ^Scrittora • 
lÀt. La mia teorica citata da voi ^ oltre al patire eccezione ^ allor* 
che non i icerto ^ efae refpoflsiaiie fia approvata , e dichiarata per 
cofa di fede daHa Chtefa, « per confegaenza dorata d'infallibilità xn^ 
trinfeca, à luogo ^ quando gli Etjpoficori concerdano tatti in un aite* 
«kCmOf e individuai retnimento; perché alloraciò^ che dicono, comò 
cofa ricevuta dal confenfo uaiverfale» non potrebbe il Poeta alterar^ 
lo fenxa pericolo d'effcr convinto di bugia , ogoivoluché non ab* 
bia come icuCarfi • Converrà adunque, che noi efamioiamo tutti gli 
Bpoficori 9 per vedere <, fé nel caTo 4)oAro favellano a mifura della. 
aia teorica • Ijog^ Io .di tutti non potrò tiicordarmi • £/ r« Riferite 
quei > che ramipemate « JJg. San Girolamo nella Piftola a Vitale 
dice > che vi corìfero alquanti anoi^ e. con effolui cammina il Pine* 
da nel libro delle co(e di Salomone ; il Xoftato oe'Comenurj fopra 
il primo de* Paralipomeni dice.» che vi oorie alquanto tempo ; e il 
SaUano negtt annali eoa^auxirca due anni • Lic. In fuQatSBa^.turt 
fi ^i Autori da voi rifetiti 9 i^quali vagliano anche per tutti gli a^ 
Iti, jcfae di qnefta coCa «n parlato ^ concordano nel parere , die vi 
conreffe tempo ; cna difcordaao .nella, quantità di.eflb : anzi difcoc* 
d»o con molto xKvario , «perchè il termioe d'alquanti anni è mofto 
diflerente daU'aItco di circa due anni « e molto più dall' aluo d'.al<* 
qsanto 'rempa, anzi di non gran tempo ». come jni ricorda^ che dicis 
ia altro iaogo l'cflcflb iToAato . Variando adunque gii Scrittori neir 
acctdctKeddla qnantiil , lafciano campo al Foeu d'el^orre il bio 
giudizio diverfo dal loro intomo al. medeiinao accidente; benché par 
nitro fftoo pofla eijporlo circa la^uflaiaa ,/ nella, quale tutti concorda» 
so -, e però quanto farebhe.fallo.il cappi:efentare .».cke David muoia 
nel medefimo idante , ohe Salomone vien coronato Re la (econda 
volta, altrettanto fari 4«nneflb il farlo poche ore dopo la detta coro- 
flazione; e moi to pià.feprinia della morte di David^.c di detta feconda co* 
fonazione, 6. pone nella Tragedia il perdoooi, che Salomone concede 
al ribelle Adonia « perchè con qneft'attodi fuprema autorità. eferci* 
fata da Satomooc Q verrà a qualificar la fuftanza del tempo , benché 
pochiflimo , e di fole ore • iMg. Ma in quello cafo a tal Re^o di 
Salomone potrebbe convenire la becu., die dà Cicerone al Con(!> 
lato di Caaioio Revilio , che durò foto poche orc,« Lic* Il paragone 
non cammina; imperocché Salomone anche in jquelle. poche oreefer- 
cìrò l'autorità Regale, come ò già detto; e poi Seguitò ad effer Rè» 
anche dopo la morte.del* Padre, quando all'incontro Tore del Confo- 
lato di Caninio corfero , fenza ch'agli facefle ^Icon certo atto d' au- 
torità;, e poi fuccedette la Jepoiiziotie dalla dignità.. Nel rimaneote 
tt rignarderete bene al conteflo della Sacra iScrittura, conofcerece di 
più, che S. Girolamo p^la^per congbiettura, o fi.confideri il tempo 
corfo tra la prima» e lafiecooda un^tonc^oxoronazione diSalomo- 
, x:rifc. Ifi. Fili. Po€fi4 . Tom. f7. G ne , e 



Digitized by 



Google 



ft Dèlia BeIIe2iSa : 

ne» o era la prima eocooazione del inedefimo« e la mòrte di DaitìdV 
come apparile dall' iAtOb Piocda 5 cbe lo cica.» anzi dalla. Itela Cua 
lettera a Vitale» ove- egli fi vale del termine dici fHifi » il qual ter* 
mine non è atto a politi vameote ftabilir coTa alcuna ; e le parole , 
delle quali io .ben mi ricordo » fono le feguemi • jld /timmMm HUà 
dici piiefi 9 V^^d in Rtgm Dsvid Sulmi^n ^ am dmdiiim effst mm- 
rum f^linm Pétris phimerit y & f^Jhd » qiùa. Snifimra rriifùt imer^ 
tnm y vixerii David regnému irnn fili9 dti^$t émnoi >* che il Toftato 
parla per verifimtlitudine, fondandofi neireflere Arano» che tante co^ 
ie di riguardo fi poteffero compiere ienza ituervallo di xemfo ; e 
perchè confiderò» che tale intervallo poteva efler poclùOimo » però f 
vaire determini. aliquantum ttmfus » e mn $mig$mm timftu \ e final* 
mente che il Saltano può ingannarti , perciocché apparendo da i P» 
ralipomenì, che David nel dichiarar Salomone per fiiofacceffi^ei gli 
diede le partigioni degli ufizj , tatuo iacri ^ quattro profani » caloaa 
delle quali fi dice faru nel qoaranrefinK> anno del RegnQ del mede* 
fimo David / e appatctido egualmetKe da i Paral^oment » e da i Re 1 
che- David mori nel medefimo anno qoarantefimo del fuo Regno t 
non fo vedere come il Saliano frammena due anni tra la prima » e fé* 
xonda unzione di Salomone » e la mone di David • Egli è però v^ 
co i» Ce* ben mi ricorda » che egli non fraimnerte dtiir awn » ma h 
patfaggio dal joac al joai» de gli anni dei' MoikIo ^e qadft' amia 
y>i\. lo chiama fecondo del Regno di Salomone » di modo che può 
anche intenderfi» tra le dette cofc non effer catto » ohe no anno » 
o poco piar ma in quefio cafo gli ofierebbo il parere di S. GiiolaaOf 
il quale» come abbiam detto » ftiiQa ^ cbe vicocreflàro alquanti an* 
ni * Ne fi rende impoffibilc » clic ii mentovato Annalifta poffa m* 
gannarfi ; perdio » Te fi i a credere a Sam' Antonoio^ il quale nella 
(ila Cronica mette il principto del Regno di Salomone negli amii 
det Mondo 2989» s'ivigannerà egli anche intorno a ciò » alloratèpO' 
ne il detto princìpio negli anni del Mondo- 3020^ e per conseguenza 
anni 31* dopo il computo di Sant'Antonino* i>;*lda io non viccu^ 
cedo» die il Regno di David doraffie folo anni qtnuranta » e<bndovi 
molti Autori» che lo fiendono a parecchi mefi di più» i<|ttali fi tac^ 
cionp dalla Sacra Scrittura » o perché non vengono ftimati degni di 
confideraztone » o perchè ella cammina co gli anni interi ne' compU' 
c# delle vite. lAg^ Anche a me è noto tal qoafi univerfal fcmimeti- 
lo V ma non però il Saliano farà fuor di pericolo d' ingannarfi » noo 
badando il tempo di circa Tei mefi ( tanto é quello ^ die fi traJa&ia 
dalla Sacra Scrittura ) a dar fondamento a i due anni del Saliano ì 
^ oltre acciò» quando anclie fofle (alvo il parere di lui » non potreb- 
be coodaniurfi il Poeta, eOrendovi Scrittori » che di quefii mefi non 
favellano» e camminano firettamente col compuu> della Sacra Scrit- 
rura » annoverando foli anni ooaranta ; e un di quefii è il Pioeda * 
nd citato librò delle cofe di Salomone» il parer dei quale fecondo le 
teoriche ftabilite baficrebbe a faivare il Poeta » quando ve ne fiiffe 
bifogno ^ Ijog, Voi adunque fiete di parere ^ ctw per la dUcordanza 
degli Efpofitori nel tempo corfo tra lapi:tma» e la feconda utmone di 
Salomone» e la morte di David » pofiail Poeta £arfeguìre » tantoqueW 



Digitized by 



Google 



Della Volgar Poefia- Dial VI 99 

Itf qoamo quelta» nel termiiie d'ore vcotiquatcroy o poco più > ac* 
cozzate di due mezzi giorni? Lic* Appoaco. Lo^. Ma avete avverti»* 
IO» o Licfdar qtiatue coife di oiotfo figoardo> e ricbiedemi del tenw 
pò a peritzionarS fi cacconcaoo datb. Sacra Scrittura, e fi fraimnei* 
tono era Vuùo^ e Tabro de'faiti ftiddetti? Uc. V'intendo: voi vole- 
te dire « clte il Poeta non poOa tralafeiare akana di effe coTe : ma fia 
okbligaco ioCertrle tutte nella Tragedia ; e che » ciò facendo , non 
potrà teibr favola » o azione verifimiic , e credibile , per to difetto -^^ 

àgi rampo congruo . />;• Tanto voleva dire . Lic, Or Tappiate , che 
9i fttta ^itiione non iftà a manello : imperciocché il Poeta lìon è 
MMff^o in moda alcuno a fiferire tutto ciòv che porta Plftoria hn 
torno ad un £kco» ma (olat|uei itaiKO> die gir par baAevole per prò- 
dar la fua favola io fàsau credibile ; - e di ciò noir vi reco autOTiti 
di Semcoer alcuuo , perchè eolla lezione delle Iftorte » e de' Poemi 
tratti dacie potrete accmarveoe ; e quefta teorica procede ancher 
ti^pecto.all! iftaria Sacra, la quale , benché non polla alterarfi , non 
peto obbliga ilPteta axiferire tutte lecircoflaoze, e appartenenze d' 
iia£uti>,^cbe da eiTa fi^itagge; madimamentc fé le circoftanze non 
ionn ài tat manteca: aqwe col fuftanziàle, che, tratafciandofi quelle ^ 
fi vdriaffe s o leogBeft il miileiti cbinib nella fuftanza del medefima 
fatttr, e fioeviKO antverfahnente da tutti gli E^&toH . Or peocbd 
tacer le cotfe » che fi «airano dalla Sacra Scrittura tra la prima niw 
zìane ài SalonxMie, e la morte di David , coqiechè per fé Arffe mi^ 
fttrtfife 9 M>o iono unite iadivifibitmcme nel mifiero colla fuftasza 
M f;aio. fcìeho per la Tri^edia r come iboo le dette partigioni de^ 
niaìAet , te convocazioni del Popolo , .rimervemo di tutti i Capi 
dclKegnoàlla. feconda iiQztoi»,^ altre fiiiuli; peto io fiimo^ che 
foffimo tutte tialafciarfiy per ridite k'aziooe a tatvto» quanto può fop- 
peetaie verifitnilmeitte il termine d'ore ventiquattfo , o poco più » 
prefcntte -alla rappreieotazione tragica • Bg^ Ma quando concordai^ 
feco nio» gli Scrittori nei riferire il tempo precifo , che corfe tra i 
fcmt faemoìnati, farebbe e^ lecito al Ptera4i valerfi dell^tiracromf* 
BHk4el sftftringiflasmo.itel tempo ?' Zie ìar tioar foprei condannaiv chi 
lo.£Kefle.^ quando, però il tempo: foffe Jbrevet e gii Scrittori non ve 
lo coofidetaàero» perchè nella qoamità, o numeeo» verbigrazia» d^ 
giorait a.mcfl oonfifieflPe qualche mtftero , tid quale egUr.o coacor^ 
daffare» je fofle uniy«rfalmeme ricevuto. Vi ferva d'efempio il tempa 
conGdefatodagH Scsittorinct cafonoftro> r quali, bencliè difcordino 
ndila: qnamkà ,. nondimeno concordano iteti' incercedmiemoi e pure 
m^tooit che quando toella quantità coticordaflirra in tempo 1>revè di 
pochi. gi0mi #.l!aftacrciBtimodel riftriflgtmefho foftefermeflb , come 
iiao.-^ c^ di poca confiderozione v nfafKmeme in un'oper^r quat'è 
la Xsagedia^ in cui non è neceffaiio efprimeì? tempo akunt) r poteii' 
énfi le ove ventiquattfo fbpporlt ^ e che ciò ftz vero y apparifce dal-* 
. le ccotee ^'Cciòci: y te quali anche nelle materie profane , non 
veggi», che toécfamo altri anacionifaTir che qtielU conèdentiin cen^ 
ttnant» « imgliaia^amii ^ Bg^ Mar voi perchè nel ealb noftfo iocli*^ 
nate piuiaùtopioione^ qoeì^ -che vìr^imano eorfo pòco tempo ^ che aUT 
aàna dj^qncì ^ ctm vìcpufideuaaod^i aonif Lic^SÌ per imporre a) Poem 

G a qjie' 



Digitized by 



Google 



tao Della BéieztsL 

que'mioori tegami, che poflb; ti anche perchè 9 a dire il veta^ fo^ 
cbfffìmo fu il concrover fo tempo , fecondo quello » che poflb coo'* 
ghkrcnrare dalla fleffa Sacra Scrimira , e dai mcdefiini Ef{M>ficortr 
Eg. Come a dire Y Lic^ Dalla Sacra Scricitira fi vede aptrtameote, 
che la ribellione d'Adonia > e la ftiìmu coroonione di Saloomie w^ 
vennero nel ttìedefimo giorno; la feconda coronazione poi dell' iflef- 
io Salomone r e la morte di David r e quella d'Adonia accaddero io 
un'altro giorno, come fi cava dal Plneda al cap. 10^ del. lìb» 2. ddk 
cofe di Salomone, dove confiderandofi il tempo, cte comtnciò-a re^ 
gnar Salomone , per la parte , die iocomiociaAr dopa hi mene di 
David, s'apporta, tra le altre, la fcgaenvt r^ione, cioè che Adooié 
qMp die film regnum iniàdt S-éUcmw^ nmrtno' farmte y ^Ui tmtm^'^ 
Jimis regni MufficHs , poJtiiUvif ^ (^ ohmtrif Jinink Mifsg U»9rm, 
£ febbene quefla dottrina non' baftaflc a ftabtlire per iiìtebitara la 
noftra opinione; bafterebbè nondimeno- per ifcufaie il* Pntta da^gni 
ffiArigtVìroento di tempo conghtet turale ,. die 4nai' focefiey qiiandoegtì 
fofle tenuto a camminar reltgtofameote ancbe circa le «ofe conghiec^ 
turali dellsb Sacra Scrittura «^ £g^ 11 ttittn^bene ^ ma come-provaiCy 
che tra i due giorni da voi riferiti non> d frappnneflcczttmpo alenai 
Lic. Io dico* > che o non vi corle , mentre la S.^cmtnra non ne lo 
póne , o anch' eflb fu cosiì breve , che non meriu' d^ficct avntvin 
eonfiderazione , ftceome non^ l'ebbe la S^Scnnura r la jnidr.per «h* 
HO riferifce tutti i tempi efleoziaii ,: anche di nit6 • Che poiHab^ 
biano conGderat^ giir Bipoficori per l»*terifimiUcuMne ,»poco impof^ 
ta al Poeta; il qnale è ben tenuto a Seguitar lat& Sooitnifa ,• laa 
non gii le conghierture^ e le .rifteffioni degli Efpofitoriv- avené»egK^ 
autorità per.fe Aeflodi creare il veriikmla feozaiaiuto d'altti • \l^^ 
Agìgiungete a tutto ciò , ebe io tanto David ù moffa a fax feguire 
la feconda coronazione di Salomone, in quianto vi<)efidcravailco»^ 
knlo d^Adonia, e de'fuor partigiani , i quoti nella prhna corooazio^ 
ne non erano concorfi , come dice il Pinetia , ed anche il.SaitanOr 
er fé David nel tempii, tanto deHa prima y quanto' deUai feconda co»* 
venazione era malato gra/vemente , cocnt cicca iì tsmpo <leUa prima 
fi dice dalla Reffa Scriteufa , # circa quello della feeonda & cava 
dalle parole del Pineda da voi poco^ fa rifetite, nelle quali fi iàf-- 
pone David eflfer morto^ l'ifteflto giorno della feconda covonazione di 
Salomone s e di tal feconda coronazione col eooienfo'uniwifale era 
egli molto foUecito ,. come apparifce dalle dottrine eitate > e fi mo^ 
coglie anche dalla egualità dellha^ofar non è certamenta vttaianbv 
chr frammettefle tempo confiderabièe teal'una , a l'ahf a : ma bene 
è vcrifimile,. che le sbrigaOe con' tanta celerità , che appanafi pofla 
dire, che vi correffe tempo. licvEgiagtÀ tifieffione «^ JL^^ Manan 
però io fono* foddisfatco , percliè fo y che nel tempo ^ che, regnò- 
Salomone r vivente David, v'è miftero: dicendo Safn^Ag^Atoo del- 
la Città di Dio al cap. B. àcV lib. 17. N^c eb^ìàtinà^ vìutm^ mIòmc^ 
pstre fio rtgnare Sat^mpH c^fit , ^tieà^nnUi iiimm.Jit^m^ewtig^ 
nifi , nt hinc quoqkt féuis InceéP nifi efe ii^km y qinm fmfketimi^ 
fri€fign4t , qM4 ad «ex fM'im là^tHitmr dicins \<!r trit , cmm Jm fìsti 
fiutim àiu tnix& dwiAiit am tjttriiM tuis^ fafci$àké^ famep maà 

g0jt 



Digitized by 



Google 



Della Vo%ar l^oefìa. DiaL VX ,foi 

#•/ ti-, qui itti di viffiu tH0 , & jfrdpATMh regfìum UUns . Zk. TaH 
T^arole non portano con fé «ftra ncceifìcà per fondare il niiftero , fé 
«Km che Salomone abbia regnato uivenc^ Davida .per verificar la qua! 
coTa non cflendo neceflaria lunghezza di tempo, anzi badando un fo- 
to momento, non fi potrà mai dire, che il Poeta alteri il •fcofo mi* 
ftico di qucAo ^zSo col riftrigneve il tempo conghietturale nd ter-* 
mine d*ore ventiquattro; tanto più» clieTiftcOTo Sant'AgoAino, con- 
fiderando non elTervi necetTarìa lunghezza di tempo , tace il tempo 
affatto , e f e n'efce con le fole parole tfivtntt jtd/utc fdtre [tuo rtgnart 
SMltmm cdpit : an^t fi vale del termine c€fit , il quale .» come riC- 
guardante il femplice principio, può verilicàrfi rCoHa 4ola coronazione 
(egotta vivente il Padre; e ciò tanto più fi.i;code indubitato, quanto 
più confideriamo , che fé nella quantità del tempo confifleOe il rot- 
eerò, fetiza dubbio la Sacra Scrittura Taytebbe efprelfa^ alicamente 
bifognerebbe ammettere, che fi de0e midero in ciò^ che /non s'eijpri^ 
me.- il che non fuflTifte • Q^efta ragione 9 ia quale toglie di oiezeo «l 
miOero della quantità del tempo ^ bada per rifp^ndere alla diffimUà 
moflEa da voi , fenza<nirare a vedere , fé il miftero. riferito jla S^aat* 
Agoflincfia unito iikliirolubilmente , ed effenzialmeme conneflb col- 
ia (uQanza del 6atro , che^orma V azione della Tragedia ^, e in.eOb 
coticordino tutti gli Efpofitori ; di modo che per 1* autorità del con- 
fenfò untvef fate , o per altro riguardo fia fenduto di tal pefo^ qual* é 
la flefia Sacra Scrittura ; tiel qual cafo , fecondo le mie teoriche ,, Jl 
fòeta farebbe obbligato. a lafciare dare il tempo» con^ egli fia< Ave- 
te a dice altra, o Logiflo ? Log. .Non gtà.paretidomi , che voi abbia- 
te picoifiimameme provata , e (alvata la vofira (entenza • Lic. -E vqi, 
oEgina , che dite'! Eg. Dico , die non io defider^r di vantaggio \ci 
qoele materie ; e folo vorrei fapere da voi , ie vi fia alctin' Autore , 
o e^ficor di Poetica, che tratti di efle ^ Lic^ O' memoria d' averne 
vedoù parecchi, come il Mazzoni nella fua-Difefa di Dante al .cap« 
•6. del lib.3. deUa prima parte , lo iScaglicro nella Poetica al cap. 4. 
del 6, libro, Udena Nifielinel progin. 33. del 5* Volume , il Toc- 
tolettt nel Dìfoorfo Apologetico della fua Tragedia dcLGiucamemo , 
e il Ghirardefli nella citata -Drféfa del fuo Coftantino} .ma tutti fi.ri- 
-fiiiogono alle alterazioni fuQanztali , e d' ogni altra cofa parlano , 
che deiranacronifmo del ri(|ringimento del tempo, .maOUnamente qqq 
-efpreflb dalla Sacra Scrittura , e conghietturale,, ò vei;iGmil<; ; fi «il iP« 
Tarqùinio Gallucci^ die nella Difcfa del Crtfpo paté ., che ne .farli» 
non difcende alla qniftione dei tempo non jefpreflb ., refiandofi coi 
foppofto > the il teropp fia cfprefib alalia Scrittura medefima. Log.lAa 
il Tortoletti parmi , che parli anche di ciò • JJcm £gli è vero ^' ed 
ora me ne, ricordo ; ma favorifce la«noftra parte \ e fé iioniono er- 
rato, loia colie fegiienti parole. Ne mene nel tempo vi i Mlterdtie- 
mei fer.cioechi ^pn effendi egli e/frejfo nel Sdoro Fkngelo , hn foted 
édhir fnuedere U gjnrrd col Re di Ddjmdfùo ,, e fdrfi in un fol gior- 
no , ^focp Jfin , tome vuole Arifitkile » non come jU SfdgnuoU <ofiu- 
mie» 9 4n$if eie , che nel Drdmmd fi rdffrefentd . Eg. QtieAo tix- 
giotUMtnento i già terminato ; ma perché non è ancor terminato il 
'jBÌQÌPo> vorrei» che trovaflimo alcun' alerò fugge tco per chiuder col 
4>f/r. Jft. Fèlg. Poefid. Tom. Fl^ C 3 giorno 



Digitized by 



Google 



lOi Della Bdiczza 

gìorao U prcrciicc tornata* J>x* Datene pure il morive, Ef.VofM 
ai'coltar qaalchc cofa circa la PoefuComka; meocrc febbeoele Favor 
te paflorali riguardano tale (peùc^ ficcocne to raccolgo dalla Ta>Kri<w 
<he già fece LamiadOf' aoQdiiii«QOir£Jvio del ooftio Cuft<Kie fucoO" 
ceduto alla Tragedia ; « però mi manca , (e non io rutto $ aUoeiif 
iù buona parte la cognizione di quella « Se adunque a voi foOTie tu 
frado ^ potrecnnio conliderare alcune delie Cooroedie iiW Ariefto » 
Log^ AfTai gtandc « per vero dire « e il vodto giudizio : pecciocchc 
tra le ToTcane Conunedtc quelle dell'Arioso fono a iato parere 1^ 
più perfette • £g. JMa io mi vaglio di cSc > perclìiè di pocbe più ò 
aiotisia. Log^ OlMcnè , die coCa am dite , £gttMi4 fono JFainoOÒifnr« 
e note ad ogni« ancorché roezsano amadoce di buone lettere, UCc- 
«aria deirCpscuro Napolitano^ il Capitaiio del Dolci» il Medico del 
CafieUiai, glMnamteiitni » ed altre del Ccccbi , V Egle del Gixaldi, 
la quale è ceiTuta ainifura de'Satiri de gli anciebi Greci » la leggia- 
driflima Tancia dd Buonarrotti fctiua in lingua ruftica di ficeoaci 
e molte altee t ie<qnali fono degne dello fguardo , e dello (tudio.di 
qualunque più pucgaco giudizio. £^ Non vi maravigliate >.LooiftOf 
di ciò, ferdic , per dirvela giufta » taluno m*aveva dato ad inceodp- 
ce j cbe la buona Comica • Gccome ancbe la buona Tragica » d ri- 
crnovi in f rancia» e non^in Tofcanai e però alla lesione delle Com- 
medie t 'C delle Tragedie f caoceii ò badato » quando d;i leggeroe h 
avuto takott) ; e iiolo per accidetuc » o^r curiofità » talvolta ne ò 
letca alcima Toscana. I^* Strana cofa.mi dite; ed é forza» cbe chi 
è di -fimil parere non abboa veduto^ .oltre alie fuddette » cbe in vec6 
Tofcani (eno compofie t le belltfiime Commedie in prpfa degli U^ 
Itant^ e fpezialmeme la Calandra di Bernardo Diviaio Cardinal di 
Bibbkna primiera nel :oempo , e petavventura anche .nel >valore ^ ^U 
Stxxiccìont del Caro, e le Comaiedie del Salviatt » dell' Arnica » M 
Piocoiomini » del Parabofco » ^e d*alt^i pia tra gli antichi .3 e tra i 
•moderni (^uelie di Sforza d'Oddi» d*Oxtavio d'iifa , di GtovanibatiCta 
della Porrà , e di non pochi. altri ^- e tra quei. de' noilri tempi i gra^ 
xiofiilimi Trerpoli del R;icciacdi» tutte le quali poflaoo eziandio -fané 
invidia alle (Greche^ ed alle Latine « E bcaìchè circa la Tcagedia iot- 
fé ancor non fia ftato occupato in Tofcana il primo luogo ì ntm fe- 
ro non fono elleno «c^ilillinie.» e degne di gine a paro con quella 
de'Maeftri^ fca l'altre molte^ la Sofonisba del Triffino» U T&Uliadcl 
MatteUi » r Ocbeochedel Gicaldi* U.Rgéiixmda dei RucelJai » IV A- 
drianaidrl Cieco d*Adcia » la Caaace dello Speroni » il Ttmrifmooda 
del Tadò» l*Arcipamia del Uccio» e il Corradino del noftro Laconc. 
Eg. Godo». cbe mi abbiate data quella notizia ^ e .vi prometto di va- 
ittme^c. IfOg. Fatelo i e foao certo» che me n'avrete gcado* £^« Or- 
N»ù fenza più indugiare favorìiemi fopra la donnasda^ che vi ò,fi»ita. 
L9g. Ma puce« che icofa vorrete afcoltar da noiB *^. Tanto» efacmi 
bafti» p«r aver V cognizione itollavComica ». ficcMae V ò delia Lirica» 
^ della Tiàgkz •Jjtg. La faccenda ricbitdefebbe tnoìto lungo rag^ 
^aamento: n» pel poco tcmpo^ che abbiamo » 4iii ^fidtzerò ti' annove- 
rarvi in •oomp^sndio le oo£e piti eiSenziali» Dallàl'uetica d!AriAotite'fi 
cava» cbcapf)^e4lo i GrcciiaCommedia » e la Tragedia aitno le mede£kmc 

parti» 



Digitized by 



Google 



Della Volgar Poefu; DiaLYL loj 

^ittf 9 che fi chiamano di qualità, ntì quamità • Le parti di qualitt 
fono la favolci, il coAimiic, la (emcazar la tocuzionc > Tap^arato , e 
tt melodit: qudic «K qoaoaii il prologo, Tcpifodio, Tefodo, e ilccv 
n> » Ma i Laciof divcrèioieflre cohkcrifcooo ic parti di quatittti • rif- 
peno atta Cotmnedia ; impercioccliè elle fono appreifo loro tf titolo ^ 
Pargotncnto, ti prMoga , « gli atri , i qaaK cinque tfler debbono, e 
fi diAribu>fcof>o te proponimento , cioè in proporre ri pericolo dellr 
eofe» ifi vUiippo, o imreccto, cioè in accreiCcerc il medefimo ^rìco- 
Jo , e in tt)«r;»ioAe , cioè in rirol^rc ie cofe di mefte in Jiite ; le 
%ualì parti V fecondo i propri vocaboli, ft ddacnano proraft ^ epkafi». 
e cataftrcfo ^ Or ferchè i noftri Tofcam, cioè g^ amichi » de* quali 
io {olamrBre fa*^lio , co i Latini ^^uniformarona «el ceflere \t lor^ 
Gotnmedie , io br«v«men(c rasionccò , coole le parti da r Latini alli^ 
Commedia eofVitytte concorrono nelle Commedie Toficaoe • Le pari-» 
adunque dicfuatirt^ come difli, iiei Tono, cioè fevda, coihnnt, ka- 
lenza» locozioM, a^araco, e meiodia. Qiianro alia favob, e al co' 
ftome , i^vendoTi d!acnbo(tae a cractae pieaomeiKe nel ragionar , che ft 
hxìt (opra la^ Poefitf fiptca, ritira ooa diro ^d,. fé non che eflkndo la^ 
Commedia imitavicme di peggbri, fecondo ciò r elie è degno di rifo,. 
fenza dolore» e morte, dovià la favolaper laCommedia conreneoca)^ 
nnimcfiro popolate, e faccetida di privare perfoner e-oant Dobii cir^ 
ceftanza rigettare y che per la Tra(gedia fi ricbiedecebbe -y la quale* 
iaririi le iHoQri azioni ) e otue acdòiAui una, cioè conterrà un' azio- 
ae d^ft M pedbnaggio; e comptma, e rale, che nel ghro ^un giof - 
«a poffa ayveoiret te ouati «ofe anche alld Tra^dia* fono cornimi; e 
HeoAuitter qiMnfo neln* Tragedia & richiederà É9bile, e d'iUiiflri j fr 
^oeeofi ^biti orflaco , rant» nella Commedia dovcà elTer vile ^ Icoth- 
fio , r Tipieoo di ^ziofe «naOime , di (|iidl< pérv folaaieme , dallr 
^li^"può cavare il rito ; il perchè faranoo {oào aooofici perfonag*^ 
gi di Commedia* Parafiti , Avwci ^ Servi y Boffeni , Cuochi , Mitllan**^ 
vatorì , e fimilt , i quali i^ fommo deMoc vizi dovran^ toccare i ac- 
tÌDcché muovano ^il' irifo, clie e al «priiicipal fine xicUa Commedia y 
Wconao AdftoTÌrte ^ e finatoieme «mn^ dovr» ella «concenere iti k co- 
6i impoffìbile df incredibile impoflihilttd r H qual precelso compre»- 
de anche la Tragedia > «Mne altre *volte è ftaco detxo « Della (eoh 
iena ,. e della locazione abbéanvo pienameme parlato ne' Ra^na- 
mentì ft>pra la Lirica ; e moho parimence s^avrà a* dire anche tii elfe 
1^ difcerrfo dell' Epopefo^ laonde ora vr dhò-^blo, tion ù convcoirc^ 
ikto- carattere ^lar *Commedm , che ramile , ^^ pi^ infimo gwdO' 
^tett^umìkà >. per mm Mfilicaeela'CondiaiDnie delle perlbne ^ che in^ 
trodacr ,. «eome confiderà H CalWvewo ncrila Giuma al libio primo- 
Mie 9mX^ 4é^ BenAo^ dv tnodo*ctie non oferei afcrmare , che io^ 
iffa poffft mai* concorrere U moderato, fé :nonfe (in cafo, cbedoveSe 
maoverfi- con quello il rifo r nel ^quai ta(b anche ìi fciblime ben puj^* 
tioncorreftvi • Ma- «oo^ por^ doverà ho tfkike delWConBuedia efibr co^ 
tasto vite, chrte^ femeoca abboadrAdi* ofcemcir c^dv aMuifira , da ca- 
l^onare anz^-coomthamento^dtoreecbie , o-dt^^fHMnaoo- , ^he rrìfo* ne«^ 
iK^rfcéltÀlKi : tlDtrbadando io iiiYfiie(fai^arte« qwllo^ cliet-rii»(i»ia|i«- 
Ikfai ToGcani fi'fetfsro > >tiel die fanza. faUO' non :fr. debbono imicaiie- 

G 4 EirM^ 



Digitized by 



Google 



iC4 VéhBékzzz 

£g^ Ma dftcrat) perchè le Tofcane Comtnecite Tofio compofle iìytA 
luccioli , come fono queOe deli'Arioflo ? Lei. Perchè credettero 
quei primieri r die ne compoTero » di corregger oiaggiortnente colU 
debolezza della defincnaa (drucciola il miinero dei ToTcafio eodec^f 
ii4labo r e oltre acciò perclìé afTai t e noo poco y conferifcoBo gli 
^cuccioli per render profaftico il periodo legato dal nutnero » come 
cuanifeRamence ricooofcer potrete daHa leatose deUe Commedie > che 
avete in mano». £^. Dalle voflre parole io traggo « che più acconcia 
fia la ftohy che il verfo per la Coaunedia.^ Log. V'é chi ftima disi, 
td anch'ia concorro QeiriftefTo parere y perchè la verifimilimdinr mi 
piace fopra tutte le co(e ; e però quanto loda t Latini » che ( come 
parimeiKe dicemmo nel paflfaco Ragionamento) compoTcfo le loco 
Commedie di verfi lontantffìmi da ogni rsfonanza» e de' giambi (et* 
^narr r e ottonari (i valfcro non molto diflìtnili dalla profà » tanto 
lòdo i ToTcaniv che il verfo rdrucciolo vi pofccio in opera ^ '^a mol- 
to più lodo il Cardinal di Bibbiena > cfae delia ptof» a^rolucamence 6 
vaife y ferfe perchè né meno il verfo fdfticciolo gli parve adatut# 
per la bifogna :' non potendo » per vero dire ». i verd volgasi difco- 
ftarfi mai tanto dalla ri(bnaoza> che cqutvagltaoo alla pco^., quanto 
equivalevano i mentovati verfi de' Latini» ancorché gli fiefli fdiuc- 
cioli TpelTe volte terminano coll'articolo del Aidainivo » col quale 
iacomincia il verfo > ctie feguer loro » come per entro cotefie Omo- 
medie dell* Arioflo oflervar potrere ,. il quale ciò fece % per maggior^ 
mente difcoflarfi dall'armonia del verfo i Eg. Se adunque lacoTa^c 
cosi, ul voftra fdntenza abbraccia andiela Tragedia.. Lbi. Non mi- 
ca ; perchè troppo chiaro è il te(to d'AriCtotite » clic richiede il nth 
mero nella Tragedia : il che hon può dirfi della Commedia r P^c l^ 
quale il Filofofo nulla Còpra di ciò AabiKTce; e beocbc fi poOìa cre- 
dere», ette Te qualche coTa avefle flabilitOy ella darebbe ftara il iHune» 
roi nondimeno nonpodram noi tnfallibilmemeciò affermare, e moK 
to meno qual fona di numero Coffe fiata per effere \ e anche perchè 
alla Tragedia ^ come a nobile» efublime Poema, non (anco fi difcoik* 
viene il dìtcoftavfi dal comu» nodo d> parlale ,i quanto fcosEa dubbio 
alla Commedia y che è popolare» ebaffa;e qnefta confidcrazionefoc- 
fir non mi farebbe » circa le Tofcane Conmedie feguitare U Temenza 
del Filofoto V quando anche alla Commedia aveffe egli prefcritco it 
numero • Eg- Sanamente paclate : torniamo ora al principal ragionar 
Ite • L$g. Vi rimarrebbono delie par»r di qualkà Tappotaro y o Umclo* 
dia : ma di effe non è neceffario difootreve y peichc rifguairdano gr 
Xfirioni , e mm già il Poeta ; oicre accbè di quel ». che fi v^iooo 
ambedue appreflogU Amichi , abbafl ansar v'è eba ferivo ^ ^ appreOo 
noi r ècoTa* paMe ad ognuno,, che va ad afceluir Commedie «rTegna*- 
Kio adeffo alle pani- di? quantità « La ptima di» effeè il Hcolo, cioèT 
iscrizione dellai Conmedia y la qnale fi piglia ad acbioicr» o dall'argo* 
memo, o dalla cofn di più impomnza di effo'r # àoì luogo» o^da i 
riomì de*perfon«ggì principali ,.0 dalle cofeconeffolofoccmgiume».» 
dal principaleufisio^etoOumedeglifttffi; ncakm^fidee inciòavvcr* 
tirey fe non chril ticolottella Commedia abbi« per fopidaroenro ilcaC- 
dine» (opra il qjuale fi saggjea la £ivola *. La fecondi^ è r&rgomemo v ^^ 

<{tteffa 



Digitized by 



Google 



Della VQtearPqefiaDial.VL ios 

fuetto a t JEiaftri Tplcani noopa^sò per cii'colìaDzaaeceiraria; e moU 
li fepanramciiu di ul parte aon fi yalfcro> ma nel prok>£Oy o nelle 
psimc icenc.del primo :^io la dùufero » come oe potrete vedere gli 
efempj oeilc fteflTc Cpoimedie deirAriofto • La cers&a è il prologai rna 
egli è queflo Prologo » del quale qui fi favella» una faccenda, che 
o nulla» o poco còaiuoica colla C< ' ^ 

incrodocro ad altro fine» cììc per acci: 
ri; acciocché nel commciacfi della C 
vedere» e aTcoUare. Ma la quarta par 
la quale < la quatticà tutta è appoggiai 
Gnnmedia» i quali in tre tempi» o^^ 
Iati» cooic abbigin detto» prorafi» cpi 
Mxta la parte della Commedia »>cbe a 
uo non fi fa» che proporre il pericolc 

frmiy narrar la fomma flelte cofe Ter 
è rifteOb viluppo» nel quale fi (|eb 
riva fitio al principio dello fcioglimen ^ 

quale aUrf si s'appella peripezia» (ci 
parti delta Commedia» ikU» qual gu 

principio dello fcioglimento» il quale vicn comprefo dentro di effa , 
oè rifteOb fciogliinento ì e accade > allorché le cofe fi mutano di 
cauive in buone» a di ipefte in liete > col Pinter vento dell'agnizione ^ 
la qnaie nella Commedia è neceflar^: non è però vietato di termi- 
nar cofiqualctie meAiziat» fé la flelTa mefiizia ^à atta a 
tifo* Per conferma di tutto ciò» che ò detto» vi fccva d 
coteftedeirAriofto quelki» che è iniitolata i Suffofiti^ p( 
ipreihlono in cambio più perfooe» Nel primo fuo atto i 
pericolo col tknore del fuppofio Dulippo, che il Padre 
condifcenda a maritar la figiioola a Ocandro Dottore: t 
nel terzo» e in buona parte del quarto fi fa »l viluppo collo Orata- 
gemma ordito à pra ét\ detto Oulippo dal fuppofto Eroltrato » cok 
flKzao d^lSancfe^ i) qualSatiefer fin^ii Padre di efib EroQrato^der 
eoavaUdàre le pcomeffe di lui» e in tal guifa torre lafpcvaozaalDotr 
foit dKcanfrguir PolÌ9e&a per via di piomefie , le quali Tempre pia 
crefccvano; e finalmente nel refio- deb quarta» e nel quinto fi feto- 
^ie la favola collo fcoprimento di Polinefia fluprata dal fuppofloDi»»^ 
Uppa, colla coAui carcerazione» cd'rarrivo del vero Padre d'Eroflrar 
lot e co^i'agnizione del fimo ErofivatOy che fi fcuopre per figlio det 
Dotterei e fcopertofi ancj>e il finto Dulippo pel vero Erofirato ». fi 
fifii^oBO le nozze Ka My e Polinetla» e fi perfeziona la catafiroCe 
col mmamento delle cofe di mefie in liete «^ Gli Attipoi vengono iiv- 
leifecatida gl'iateimed> » t quaii appreflb i Latini erano fimiti a 
quelli 9 che oggi fi ttfana tra noi;, perciocché ora con mufica » ora 
con ballo» oia con gitiochiy e era con akri ijpettacoli gli compone- 
vano. E avvertite, che non è lecito* terminar gli atti ad arbitrio de( 
coflipofiteve^ mafidebbt oflervare, che terminino si^fattamcnce » clic 
gli afcoitantt reAino i«a qualche o^o^a paghi cifca le ioic paffatr r 
f^Vienifllma lezione mi avetevoi Catta Copra la Commedia; ne mi 
iknano» iaMit» £uoi4hé icr la Favola Pafiorale debba camminai coUe 

tetre 



Digitized by 



Google 



10^ DelTa Bellezza 

flcfTè rtaAi àt\h Commedia ; e perchè la Satira alla Cogita fMSé 
fi riferita. Log. La Favola Paftòrale too à altro didi^ÉTòdalidCoiiK 
rtiédta^, (t noè il rat)prefet)rare alquamd vMù viti cóft^ € VViatoà» 
perfohai^gi tìòn rétito vi^iéfi: òlTetido |)iaictiito é*dffdirta in (|ttiAa ^ui-^ 
(a ad Ago(Knò de^ Beccaio! da Ferrara > the dalKcgloghe tìt traìffc rio- 
Vehzione. La Sàtira poi, ioiiettie colle tétte titììt i ^ captcoli Bciv 
ncfchii fì riferirei alla Còmica, pcrcliè dadla «bbe tra i Gttti ifadi 
pribci()j, i quali drammatici furono i e vi s* ine róducetano 4 Sacki » 
fate ficonciffime azioni » 6 d'incurie» e ^^ittìt>er^ caricare idttut.^ £(^ 
Egfegiamei^r^. £«;.RinTtacciamoora odia Comica la belUi&za ilitep- 
na, la qliate è tiecefratia a faperfiv e mi mataviglio» céiné (^pr^ di 
éOa non mi abbiate imertogaro. Eg^E^tgM adunque capace ki Comi^ 
ca d'interna béllezta^ L^ì^Hùh mcActie 4a Tragica > a ttiolu> più 
che la Lirica -, pèrche nella Còmica» non pur da ì fentimenti, ma 
dall'azione, fi rìtrai;gOfto infegnamenti utiliffimic £/«.Fav<M'itectii di* 
ftimàmènte rpiegarmi la cofa; £^.Là bellezza interna delta DraixK 
matica Poòfia confifte non folo ne i femimenti» clic tiafcondobòpte^ 
certi, t dottrine y de' quali fc^ttmeotl la Drammatica è tìMta pie 
ricca, che la Lirica » per èfTere i fooi Poemi aflai pUk kiù^ii ,. e rt* 
pieni d^aflfai più cofcs ma neirazione» la quale ad ingegnarci ildicit-^ 
ràmehte vivere è tutta intcfa; e miefto infegnamento è d'affai mag-^ 
gtor' utile, che qualunque altro. Òr là bellezza intrinseca deiPaziotte 
rìfiede tstl Tuo ufizio» il quale fi è di farci accorti de'nofiri n»j , e 
difetti , col dlmoRrarcdi ìù altrui,, e di purgarci da 'e<fì> facendoci 
vedete le difavventure^ e pericoli > a i qliali pec efll foggetti fiattto» 
è rapprèrcntahdoci la bruttezza» e dcfofmicà^eVMdtfimi; e peròAlr^ 
botile ih dtffitscndbla Tragedia,, dice» fecondo il femintiéntodclMag» 
gi, e del Ntfieli, quella eflFer purgatrice d' affetti vi^ìofi- coi meaao^ 
della compaYfìone, e del terrore; e della. Commedia giudica U Padre 
Donati, eflfbr Poema ^ il quale c^nfègna afCcutar rutile dal danao> 
e abbracciar quello, e qucAo fcanrare*. £;» Vtrainent« non £ poco i* 
ùtile > che fi può trarre delle Commedi^^ nkt ia si f^ttc Commedie 
non le ò mai vedute ràpprefentare ). Uè fe,.fcYcliè fieno andare in dp- 
Virfo ., L^i^'Pct tatto fi corfo del fecòld del cinquecento fiori r«rte 
Ifirìonica, di modo che altre Commedie non fi capprefl^ntavaoo, ebe 
nella guifa poco dianzi raccontata ». Ma percltè Oitavio Binnccìfii ,. 
rinnovando nella Comica Tufo dc'Greci > e de'Lacini». che > fccoudo^ 
l'opinióne di molti v cantavano intere Tragedie^ fect rapprefemtare al- 
xune fub Favofe Pafioralt mtlTe in muficèy ^ht al fecola* del fecemo- 
amico di* noviiì (giacquero' ai pia alto fegdd > ptrò^ V. Ar^t 4(hiraicai 
perdette alquatuo de^la riputazione, mcfae^era (àìke^.^ 4neaklii>ncia^ 
tono ad afcokarfi avtdamemc fimill Pafloraili ^ delle quali ne udbiro- 
no aliai luce Ih pc^hi ahni qpafi. infinire w. Fu ^oi TArte iììrionica aiK 
ch^èfiaifeguiriarh, finché Giacinto* Andrea Cicognini iniorao^àlLa me- 
tà, di quel fecolò con puVfeiicc ardimento iiftrediKI^ i Sfammi col 
fW). Glafòne, il quale per veii^o dJfe è il* ^iAio , eikpfà perfetta 
Dtamma, che fi trùovi> e còn^eib porrò. l'éftesminiòden^lAriMiea:,. 
è^ petf donfeguénza della ve'ra ,..e buòna Comica , e^^dla^ Trafitta Arf- 
età, iinperciocclrc per mag^i6rmemetu6n|areiMUc!n9yiKÌ.la 6^•É^ 



Digitized by 



Google 



Della Vofeàr I^QcfiaV Dial.VL 107 

W g|ift9 degli rptfccacori « naMfc^ojti ugualmcme 1^ vilcà delie cofeCo- 
Q^be, e la gf^vui d^lle Tf^iche, l'ioveutot de'Dcamtni unì l'uo^» 
€ TaUra hì effi, mettendo peptica coq mofiruoiSlcà non più udita tra 
Re, ed Eroi, pd altri illuflri P^rfonaggj, e Bufifooi y e Servi, e vl- 
liflimi uptiì^iu. QiieOo guazzabuglio di perfonaggi fu cagione del to- 
tal guaSatnetito delle regole Poetiche» lo quali andarono di cai tna* 
oiera in ^Ku(p, civcnè meno fi riguardò pia alia locuzione; la qua- 
le» coÀretca a (ervire alla muScat perde la Tua puricà ,^ ù riempiè 
4'ì4iptjirmi • Fm tralaTciato il maneggio regolato delle figure, cheno* 
bilie ^no V orazione , die fi rcftrìnfe per lo più dentro i xermini del 
parlar proprio, e fainigiiare, il quale é più adattato per la nsufica; 
e fin^lcneiKe il legame di ouei pk^olt it)etri , appellati volganuentc 
Ariette, clie a Urgamano li Tpargev^np perle fcene, e La flrabocdaf- 
vole improprietà di fare altrui parlar cantando , totrero affatto da i 
<ompOQÌa[ienti la forza degli afFetti, e T artifizio di (Qi)overgli negli 
a(c9lcanri . Sa'l cnodellp de*Dr^inmi il medefimo Cicognini fabbricò 
aocl^i le Commedie in prqfa, le quali prefero tal piedfc ne*Tea(tri , 
cbe ridutlero alfine l'Arie ifkioQÌca ^ converfar colla più vii pkb^,per 
le boctegiie, e per le piazze. Crebbe grandemente quefla dtfavveQ- 
iiuz per tutta Tkalia per lo corfo di cyuaraiKa, e più anni, tie'quAli 
t Mutici fucceflbri de gPtftripni eoo ^ai pbì forruna, clie queipon 
ebbero, guadagnarono incredibtl favore, e grazia, e ricchezze: ma 
alla fine , ficcome intorno alle altre Aofe Poetiche , cosi ritpe;io a 
^oefie, pare oggimai, fJ>e Tlti^lia incominci ad aprir gli occhi, e a 
iQQofcere il poco utile^ che le proviene dall' aver tralaTciata l'aiitica 
fiiada; e benché non abbia apcoc^ richiamata la vera Comica; nqii- 
ilicoeDo» di due mali eleggendo il mpopre, il moflruofo fìroppiamen- . ^ • 
IO praticato 4oora à cll^ corretto in molte cofe, prqccuraqdo alnic-^*^^ •??*'" 
no di tcflcre i Drammi in tutto nobili, e fcnza buffonerie, cbmeog/f^j^x ^!^^^ 
gi fi pratica nc'Teatri di Vinegia; e di lafciar ne' recitativi qualche ^^^^^ ^ 
luogo agli afFetti, col diminuire la foverchta quantità delle ariette : nel (e )*;/?. i>. 
cbe il noflro £ 4 ] Olino già defunto, e T crudirifllmo [ ^ ] Emaro , i?j>^ Mì^ 
che ^btam con efTonoi, anno principalmente cooperato ; e però loro relli. 
è dovuta principalmente la lode, fn Roma poi abbiam veduto ricor- (d) 5/7vi> 
«lar la Tragedia,* e comechè sfornita di mufica , e ripiena di lutto, StMmp'ghM. 
ognun Ta quanto fìa ftya oopr;i^a, ed iw)pl^«jdita xla tutta Roma, al- Sj? ^ ^* 
lorchè fuM Teatwdcl nobil Collegio Clcmeniinó- comparve lo Stili- ^^^'^'.^^'J^^^^ 
cone» e te altre Tragedie trafportate drrl Franzcfcdal gcntiliflImoSo- ^^'^ ^^Monì'- 
lero [r]* Ma più, che ad ogni altro, fi dee 1 onore d'aver ritornato ^//^ ^ 
fimil buon gufto in Italia al noftro inclito acclamato Crateo , Auto- (g/i/ Dott. 
re della nobiliflima Paftorale dM* Amore Eroico tra i Pafioriy il quale Giacomo Si* 
è fiato il primo, che abbia ripigliate le amiche regole, introducen- h/^ìs^ì^'. 
do in eOTa i cori, e varie altre appartenenze della buona Comica. Eg. ()^) Pietro 
Con quefte voftrodifcotfo in fuftanza avete condannati tutti i Dram- -^'''j'*'? ^"'' 
mi. LdgAo per me non folo non ne ò condannato alcuno 5 ma con- V)nMrloSim 
ktto con libertà, die non poco godo neir afcoltargli ; e fpezialmente JL^nLca^ 
quei de' noftri Compaftori Palemone [^] Tirinto [ri Nardilo [/]^^^^/ 
•Panopo [f ] Cromiro [A] Metifto [i] e Amaranto [i?], i quali mr (k) Girois^ 
fÙQDO aSrai migliori di tutti gli altri, che ò afcoltati: dico bene ymoGìsU. 

cbe 



.Digitized by 



Google 



io8 Della Bellezza 

che chi griiivencò» poteva far di meno d'inventargli; id avrebbe per 
< ravventura facto meglio a Urciare il Mondo come trovato l' aveva* 
£;• Compatitemi > Logtfto: troppo rcru|K>loro» anzi (litico , parmi> 
che voi fiate iti quefla materia; ed or m'accorgo, che a gran dovere 
fuol dir Lacone, che chi non vuol mai giungere al fine della compo^ 
fizione d'un Dramma, lo focioponga alla voflra cenfura* L^g* Non 
fuò dirfi fcrupolo, né flittchezza quella, che condanna dircrecamen- 
te ciò, che non è lodevole* £/r. Ma voi lafciate d'annoverar tra i 
(') ^P^v^booni Compofitori de' Drammi nobili (/) Egilo voflro Zio! Log.L^ 
^^Ji'^*' ^^modcRia n'è cagione. Lsc.ll faremo adunque noi, o Logifto ; poi- 
^ ^* die non folo ad Egilo fi dee onorato luogo tra quelli, ma di pin in 

quanto a me lo flinio il migliore tra i compofitori de' Drammi eroi- 
cogiocofi; imperciocché in e(H, oltre all'ufo de*fali, e delle arguzie 
tratte dalla miniera di Plauto, v'e tarartifizio, che la qualità digio- 
cofo non toglie punto all'eroico; e fenza moftruoGti vi fi veggono 
unite si fatte due fpezie, anzi immedefimate, come chiaramente fi ri«- 
conofce dalla letrura dei Pandolfo, del Mario in Cartagine, deir A- 
mor vuol gioventù, e d*altri gii rapprefentati ; e con maggior fua lo- 
de fi riconofcerà da un'altro, che ora fta egli tenfendo full'IOoria d* 
Atetiaida figliuola di Leonzio Filofofo. Ez.Otsù lafciamodi ragiona- , 
re, perchè la giornata è già compiuta; e domane v'attendo per dif* 
correr deirEfopeia • E perchè dallo ftudio da me fatto intorno al Poe- 
ma, che dee cunfidcrarfi, mi fono accorta, che difficilmente id un 
difcorfo fi potrà compiere la total confiderazione ; però potranno prc- 
>*P^''J'** parar fi anche Lieo {iw]> e Ntdift> {w], i quali fuppl iranno il gior- 
ni ***^® appreflb alla mancanza. Lic^ Prudentemente voi dite , non pur 
*Yd) MCp "^f^^ ^^"^ lunghezza del Poema, ma del groiTo numero delle circo- 
jB(rMnéUlix$0*^^^^^9 clic fi richiedono pet la perfezione di fimite fpezie di Poefia. 
Fe»er§fi^ 



UfinedeìDiak^oSe/h, 



DELLA 



Digitized by 



Google 




*09 

DELLA BELLEZZA 

DELLA VOLGAR 

P O E S I 

DIALOGO SETTIMO, 

^ ragiona pienamenee della Poefia Epica, confide^ 
randófì u Poema del Baione Antonia Caraccio 
in^colato Jr^*lm^eri§ V(ndie(U9* 

{^) JsifJh Gerejfetf, U)u»nfy9. 

ih) Uranio le^o. ÌT ""*' 

(h) rtnetn^ 
[Cco il fV>ema del .rtòflffo La^^oife {ó\: flfàbilìainDP*iVX#tfj»/tf^ 
Quinti che dovrà rctìerfi^ NiuhgVt e già fatta; te) S^rw^ 
piercbé io prima Uraaia ragioflierà gentfratmente fo ■^'*'f»'> C4k 
pra fa bellezza cfternìaddrÈpica Poefia; e por ori* ''^^^•» 
uno, or l'aUro di Aoi itv parte ve la dimoArcremo^ 
craemto %\$ efempj dal Pbcma ii Lacone; e domar 
Bcdcl rknaoeme, della bellezza interna favellerafR . £;.Orsù, U-* 
raaior, iùcomiocMe •• Cfn L'eftetna' brlt^sza aoclie(feir£popeia9 oEpi» 
C2 Poefia, i quali vocaboli vart«ttuy fempre PifftelFo, coniìAe» come 
fi è detto cvecz l'arlrre (pozie della Poefìa, nel dilecto, il quale da due 
fcantrjgini procede^ che di qualità, e di qnaatirà (i chiamano*, ecia^ 
fcaoa di eflt annovera più parti** JU parti di qualità fono la favola ^ 
il coftnme, h femenza, e la locuzione^ e quelle di quantità il proe** 
mio, e la narrazione^ E'Ia fàvola la prima ^ e più importante parte 
liell'Épopeaaì e mdie circoSanre debbono concorrere in eAPa^ accioc^ 
chi fia perfetta: dovenkio elha etTcre imita, intera, grande quantità-* 
tivamtfttCy macavigliofa, credibile, beneepifodiata, lietay e varia*, e 
finatmeme può leflerfi fempliee, e compofta , 'delle quali due ma* 
Bìcre la fecoada è di maggiore flima.* Il coAume anch' eflb à le Tue 
cifcoAanzer clie fono bontà, convenevolezza, fimiglianza^ ed egua* 
lità-, (iccomealla remema conviene eOfer vera, concorde y propria, 
nobile» e foffioiente; e alla lo<;u:(bne9 cioè allo ftile, o carattere^ 
il quale» fecondo me ^ per TEpopona è il fobtimt^ tGCer pura, chiara, 
ed ornata, le patti poi db quantità miàor fuddivifione patirono ^ 
ìnpcfocdiò il fioeaiia comieoe Colo A pcòpqrre » V invocare ,. e il do^ 

dicarev 




Digitized by 



Google 



Ila Della BeHezs» 

annovera altro , clic il viltrppo» e ìofciai' 
ilTo nel Ti;anaio(|el Pf>ema Erpico s^qnat* 
i quantità > cioi mirOd\à2Ìoac\ j^cruirba- 
>. la qual divi&one a me molto più piace .^ 
opeia còfli(bifcé : <It tàpdo che qneUo f»- 
t Epico 9 ch^ dìt vi^iàrao , ftct quale toc- 
te le raccontate parti conpgcrcranno.. jE'j^ii^ pocl>e:pacole avete cbi«* 
fo gran coCc> Uranio: aia ^nta brevità p^r me non ^ buona ^, che 
fono poco meo cbe novizia rj7r. Io ò ilu^i/to d'e0cr biieve , percbè^ 
di eiafcnna parte fi dee pàriaf diffuTaiMinto nel prog^odel itagioa^ 
sei ed allora rimarrete iPpieQo /pddisHtta» £x«^i;>l<>t^J^P<)u# icn- 
prenda La v/piegazionexiellgi Eayoto. i^. Sonà^ podbta a iccvitvi : pei'- 
ma però (limo ncceflacio di darvi qualche contexz? dell' ciTenza d^U 
l'Epopeia. Egli è adunque l'^Qpeta» per wei» che io oefMUXiiad^ 
iaziooe d'azione illuftrc» grande » e peretta, h^tii nar^aA4o •coo^ 
lemperato ftilc, fecondo' il nrio parere», il eguale liccio e comrana a 
quello d'Uranio» per muover gli animi rbl dilettò ,. e 1^o(iir tmraviw 
^lia a conofcere> e reguitare U meglio.. Dico imiiéuJone^ perche T 
imitazione é genere > e abbraccia ogni poefia: d'MzJom, id»fhf^y cioè 
della fpezie^ che debbe imitarfi >. la quale dovrà in (bmmo efllbre H- 
luftre, per diftinguerla dalle azioni ricbielle dalla Cornicia» clijp fo- 
no cofe popolari ; e dovrà anche elTcr grande .quatKÌtàtivamei^er> d» 
modo che in fé non chiuda meno di quanto póò tedare nella fntmo- 
m d^ un* uomo dotato d'ottima ritentiva», dappoiclìè il Poema fata 
flato da lui letta; e finalmente per£etta> cioè non eflere di&ttofa^ o- 
gcr mancameaco» o per foprabbondanza • Dico jjoi/^ir^ Mmn^» ^ 
diiferenzadcirimicazione drammatica» che &fa t%^i^[toiwA^ i e » 
tal narrazione ia preferivo lo flil mezzano» il quale e pia ana per 1*^ 
avidenza> dalla quale fecondo me fi cava meglio il diletto» e ptùÉK 
cilmente fi defia la maraviglia ». e per alae ragioni, che ^durrowr,. 
quando parleremo della locuaione.. Dico io ultimo f#n mn^wr ili aai^ 
mi cotdiUifPr f colU méP^vitUa 4 cm^cen^ t ^Méirt il m$ilm^ v 
perclK» efienda proprio dell'Epica più » die di qualunque altra focta^ 
di PoeGa». toccare il fonunp d'ogni viftà» t d'ogni vùio# cdiptc^er 
^ gli uomini rutti, noncomerona». (na come dovrebbono eiiere« ctò.ia*- 

V Irebbe foverchio» fé non vi foffe il fine di £ar conofcere y e. feguttaca- 

il mèglio a chi legge » con viCvegliare nella fua niente penfiari gane^ 
sofi», e veftifgli l'atiimo^di defiderj nobili» e invaghirlo della perfet- 
sunne*, e quella e l'utile», cbe fi ritraa dal Poema Erotco;^ il quale: 
lant' è maggiore dell'utile» cbe fi riceve da gli altei focmi^ quatea- 
ÌJ tutto è maggiore d^ciakunafiiai parte: mettere la Tragedia akif 
utile fK>n à» die il phrgametKO dal cersore, t dalla coomiirecaakine^ 
con^ alTuefarci a cetnerc v e commi(erare> rapi^efencaflifiba amoee ascici 
ae ; e la Commedia^ non^ già akro».che il difpregta deUe cofe vili». e 
abbominevoli^. perdiè quelle folaroenw imitar.. Ma r£popeia;abbracr- 
ciac qiiefia utilità» ed ogni altra; perciocché imita», e rapf^c»» 
ikutce te fcrfone». e ^otte le cofe;: né, già com'élle fado>».ma4iàL mafK 
fior grado del vizio> odell^ virtù -,ied^ ciò fpeziatmentc io*«traiiao^ 
fB^ a cccdcce» che r£poecia.fiaL Poem» affai {iàaohtii^ ^ die JacXiai^ 



I 



Digitized by 



Google 



Ddk Vd^ Poèfia Diàl VH ^it 

gedia; alla quale non fi concedono perfooe» cbe di condizione mez- 
zana, cioè nèJmone» né catrìve; e non li aflegna azione ^ che ter- 
fibile,^ miferabile. Or torniamo, Egina, alla Favola. Eg. CMi egli 
era necelTarto , che voi mi dette la nocizia , che data m'avete ; per- 
ché fenza di efla avrei io alia fine faputo teflfere il Poema Eroico^ 
(enza Capere, che cofa egli fi foOct Nit» La Favola , fecondo Arifto- 
tile • è la llefla imitazione delf azione , che fi dee tratrare so, per 
pia chiaramente fpiegarmi , è l^itteOb ammaOamenco , e concatena- 
zione delle coTe, dicr àn da occorrere, o concorrere per coftituire t* 
irairazione dell' azione; e^uefiapane è principaiiifima ^ ed impor- 
tante a regno , che lenza di effa il Poema è come i\ corpo fenza r 
anima. Ella adunque, ficcome avete adito da Uranio^ debbe inpri* 
ma eflfer' una , <ìoè omtenere una fola azione di un fol pcrfonaggio 
principale ; perciocctó imitando il Poeta la natura « ficcome quefla 
neir operare fi prcftone un fol fine ^ cosi quegli ad un Polirne nelt* 
tmirare dttbe atrenerfi« Tra t Greci unaé la favpla dell' Iliade, per- 
ché Tira d'Achille i per fine; una è tra i Latini la favola dcll'fneide^ 
la qoale anicamcnre riguarda il paiTaggio d' Enea in Italia ; e una 
uè più oè meno è tra i Volgari la favola delP Imperio .Vendicato^ 
avendo ella per folo oggetto la vendicazione dell'Imperio d'Orìeme 
fiata da BaMoioo • Eg. Ma il Furtofo dell' Arlotto t che4o ò letto « 
non parrei , che abbia quefta unità di favola ; e pure appellato viene 
Poema Eroico, Nit. Egli non à unità di favola il Furiofo , perchè è 
Romanzo : ma anche i Romanzi fono fpezie di moderna PoeCa all' 
Bfopeia apparrenente? e fi dicono Poemi Ermci , perché imitano le 
taatefime azioni, colmedefima modo, e cò'medefimi ttrumenti, co' 
fialt imita I' Epbpeia , ^e per K quali quella fi dittingue da ogni ai- 
fra Poema ; Eg. Come a dire I Niu II Romanzo imita le medefi- 
«K aziom , perché acieh^ eiTo tratta di cofe illuttri ^ e d'armi, e d^ 
amori, « d' Eroi : fa^irainRÌone nel medefimo modo , che fa TE- 
popeìa , percM imita narrando per mezzo della j>erfona del Poe-* 
tat e fiiialn>etite fi vale dell'ittefib firumcfito ufato dall'Epopeia, che 
•è l'ottava rima. £;• Ma fono lode vcjli si fatti Homanzi-) iV/V.Tra le 
<ofe imperfette, certo é, che fono degni di lode ; ma axonfìrontodf 
una perfetta, còme è PEpopeia, biafimevoli io li .reputo , e fatti più 
fcr dileno del volgo, die degli uomini letterati^ Anzi mi maravj^ 
glio grandemente, e mi fa male , che TAriotto, il quale in ogtii al-* 
tra parte del fuo Furiofo :é divino, fi fia lafciato lumgare dal popo- 
\$xt applaqfo , e fia caduto tn un vizio tanto brutto , qual'é la pln- 
«atità , dalla quale cagionata viene la confufione; e queU che mag- 
gior maraviglia mi reca, fi é, ch^egli (e ne lodi dicendo^ 
• E fer^bi vsrii film a varie tele 
Uè fé mfen^ che tutte erdire intende^ 
Vr. Ma io ( compatite Nitiio , fé imerrompo il^ voflro f agionamen* 
to ) non ammetto tanta difuoione nel Furiofo , perché egli propone 
di carnale il paffaggio de"* Mori d'Afirica in Francia fotto Agraman- 
le, cbe fi vantava di voler vendicare la morte del Re Troiano , co^ 
me confiderà il TaflTo nel fuo Trattato del Poema Eroico, e come fi 
òcooofce dalla propofizione del jnedefimo Furiofo. 

Le Den- 



Digitized by 



Google 



Lf Dònnty i CétfsUer^ Pétrmiiy e gU MMtiv *^ r' ^ 

Le cortefie, i*MudMCÌ impre/e rr ca/tto^ 

Che fur0 di ttmfo^ che fàfféiM i Mtri 

D'Africd il MdTty € in FrdnciA nfcqutr HmHi 

Seguendo Pirt^ e i gi^t^eml furori 

lyAgrMmdntt lar Rey che fi dii ttdnt^» 

Di vendicar la morte di Treidno 

Sopra Re Carlo Imperator Romano » . . 
E ciò col Aio filo a maraviglia adempie^ ceraiit&milo coHostoagliOf' 
ed eftcrmiDio rotaie di caai i Saraciol , e chtudeDdo colki mone 
,di Rodomonte; ed a^ueQa evidentiiStma dimoftrazione. aggiuogete 
anche tucro ciò 9 ette ditfaCamente fcrive Simoa Fornari tntoroo 
air uniti di quefto Poema nella doctiffima ^fiziooe^ di'ei fa del 
medeiimo, e Marco Antonio Severino nella iba FiloTofia degli Scac- 
chi , fé non. erro » al capitolo 6. e benché v'abbia qualche patte di 
favola , che noli fembra rifteOfa 9 come è la. guerra di.fiìfecca^ ciò 
io chiimo più rodo epifodio non xroncacenaco eAtinfecaniefite , che 
favola diftinta ; ficcome ancorché egli fpenda molci canti prima d' 
incominciare a cantar della propofta azione , non per queAo fi deb* 
be cbnchiudere la diAinione ; mentre ciò , che fi farla io eflS « ti* 
guarda la cognizione di molti perfonaggi^ e di moke cote noceilatie 
al Lettore » innanzi ctie s'inoltri neH' azione del padaggio de'Mnri: 
maStmamente che ti Furiofo feguita • ed -é coogiumq caU' kmamo* 
rato del Boiardo • Nit. Ma si fatto incominciamento iiel nezzo $ e 
quefto porre» per dir cosi » il capo nei ventre , parvi egli buono 2 
£rr. Quando fi riftringa la difScultà al fito del capo , la coTa va a 
mio favore ; iniperciocchè iebbene Arifiotile , e ogni altro Sccittot 
di precetti poetici vuole « che il Péema Eroico incomioci col pnio- 
Cipio dell^ azione -^ che fi toglie a imitare ; tiondimeno quando ciò) 
^he fi premette al principio ^ è neceffarim in qualche nibd» perla 00* 
gnizione della ftefla azione ^ ovvero per tenderlo confegucote ad al^ 
cttn* altro Poema « io fono di parere « elio poflano fpenderfi <te' canti 
prima', che s'incominci Pazìone; Jt fé i canti > che im tal guifa fi 
(penderanno» non vorremo clùamarli capo» li chiameremo omamen- 
ro9 e abbigliamento di capo , ogni volta però che -l'aetoiie nel Poe- 
ma abbia per altro il f«so f rincipio » il Xuo mqzzo ^ e il fno fine » e 
tutte le altre fue parti adeguate » e proporzionate . Anzi il dar co- 
gnizione in fimil guifa » che fi chiama artifiziofa » è ienEa faUo più 
pregevole, e da rincrcfcermeno a chi legge, ilquale non vien noia- 
r-o da lunga ferie di notizie di nomi , e di cofe leggendariamente 
raccontate^ die per xicceflfità debbono efler vanguardia del Poema, 
che incomincia coli' azione • Eg. Ma (e il Poema dell' Ariaf^o prende 
a imitare il paflTaggio de'Moriin Francia^ com'egli s'intitolaOrlaodo 
Buriofo . Ur. Anche Omero propone Tira d'Achille « e pure intitola 
il fuo Poema Iliade « Ma TAriofto per mio avvifo pigliò il (itolo 
da Orlando , perchè feguitava le macerie djel Boiardo >, che da Or- 
lando intitolate fono; mentre il fuo fine era tutt' altro « iche la pa^ 
zia d'Orlando, cotpe abbiam dotto di fopra^ ed e^i oiedefimo loda 
a conofccre , allorché dopo aver difcopcrto .nella prinaa fi^n^a del 

Poema 



Digitized by 



Google 



Della %hrttJ!o^W.rPiaL VIL $i$ 

^TOrlaadp» diporto., A>^ d'Orisf^M Hm^mdt/m^ i^vwc^ » iVi>. Qr^ 
vu.Bon.più «U ci^ ^ por6bé4ie».ficiiccnio-iaaì .• e ci diliiilgbercmc» 
cao(o dal iio(ko:prQpooi«>0ii(o.t -^Iicia vQ(;e 4ì coofidcrace U PcKma 
diLacoacy iaremo aii'inaùle dirpaca,fopra.il Burì^fo ; il quale « an* 
cocchie noB ^bbia qucUìcAftùOSinii^cilùà 4i.:fav€Ùa^ ^ciic finc()ied£ceÌH 
fae, io (ìjmo^ lodo,» c^^epucedrgiio , aoo t^ur diel prtmace Cf^ i Pocn 
mi Romaaze^chi, m^ d oiìiocaco luogo appreiTo j;£pape.j^ ^Oi;tQrnat|« 
4o al oofiro.£ag«oaam€fii;g^>dicov4>, £gin^v>tC|it l^iavoia 4cUMmp«r 
ciò VendtcaK> ^ -una-» ooa jriguard^gr^lo alKo fiqe^ i;hc la vcndic^zio^ 
ce dcirimpcrio Gcccos '«d è ta^ca Q^efta pxucìt » cl)exiijeflra..t.e ddU 
iua condona» io sò> ohe /opra ogp'alrcii^icou^ yama Lacoqere.p^r 
verità cagionevoliflimiaiD^te ìjc benché, »el coQCttrbamento della iar 
vola fiepo ivolci^.e mol(i epi4>dj,, a^gM^ fet ^fto V ^w^Xi toigUei 
impenciocchc ^li ^pifod/ Tono totri icqncateodtu CiQoogivmi iaguif;» 
coAa £avoU« cl»e Te uno (euce coglie 1^ ^vola fi diAraggC(« J^^^iÀ 
taau la ftrcuezz^ ^(ata ^all'Aurore ia ^uefta par^e, c^.pcf noaifce* 
filar ,Qà OKQo ia 4pp?«cnz4 ri|nione>^.^U^coodotca' 9 qu^Q tucre le 
craa(i;i&ioai Ca egli coocaceo^atamente »/e,j>er4)arlar,col piopr|Q icttnì^ 
oe » per ponce : né ve ala alcuaa di riguarda» die 4ia:fa(t.areDzacot|- 
careóaziaoe^o per (a^o,« ££. Spiegaierm-che co(a fi^oo Uli craplì* 
«oai> e qual4icae (ia la mi^gliore 3 Cf^^rcafemepe aUPOp.cfippipi^. 
Mt^ L^ cranSziQpi ft>oo^t paSaggi» cl>^ fi faonp da u^a, a4,^tra cor 
ù,^llocd»è li tJ^^rciMlPelUit ^he fi narra, e fi pa(r^,a |ian;ai;ae ^aT 
altfa« pi due fo^ elt^fi ^roovaao /altre fono fciapHci., e fenzaci^T 
lifiziQ» e ii dicoooiaotc; per (alto 9 cioè ralcan4ó dia uoarC^a.ad 141^' 
jbca feoza alcuao intervallo, o legan^epto; e di quelli .fprta fpno 
fieni. i Poemi si de'Greci, ede'Latini,^come ^eTo^aau e baQiyi p«ic 
esempio quello dell' Ariofto nel canto die iottefijcno^ nel quale, dopp 
tvec biadato del f^^tp «U^X^rifqpt.in. D^argaico^/a j^P^^jg^ Afi^.^Vi 
le cofe della gueri a in' Piutigi* ^ . ,. ^ r : . • 

Aia v^M M UMi'dùrd v/J^a d^fferiM ... 
^ racc^m^ cik$ fhe/di q$efi^ dvvipm,^ ' . .^ < 

Del Imm Re Celarlo f»i convien feimey , 
CA« emura Zedm^me in fi-e^a venne . 
altre fono congÌAMite^ e àriifi^o(A,.e.fi, dicoaqfac.ee c^miuìa^ndo p(^ 
{Kmtc \t il CQgiuagiaipnto fi ia naturalgienie y e^^e^flafi^ente^ 
di modo che ^ Iscoado rprdineraaturale , i. pafTaggi apparifcooo ne- 
ccflarj. Diiqueftaibtia fi valTc fopra qgi^ ^Itro .Ovvìdio ae^le («e 
Trasforn}aziooi.;.c,fc;guit:«do le vefti^ia di lui,, della ipedefiiaa fijè 
valutoJl^nof^roJLgcope, con rantoArtifizio^.cbeiriettorciivfenfibil- 
xnesKe^ vede da. una cofa iyternato in un'altra •:jQfefta feconda for- 
ca (efOLSL dubbio è la migliore , apcprchè 1 aUra.fia più ufata > , fprfe 
peci^ ciefcc più facile: invcrcioccbe il lettore non refia amareggia- 
to dal 4afciar pendeni;e alem fatto » del quale egli defid^rerebbc v^- 
dqrc.il fipe: mentre come lu> detio , yeggendofi portato in ua^ aUrp 
faao'dal medefimo fau%, che lafcia • crede neceffaria la ieziope del 
cuiQvo facto pcrA'ulMmawne defiderat;a del tralafciato ; nel die fic- 
i:QI«e.gcaDde anifizioyd^bbe impiegare iKPoeta 9^ cosi cectamence pia 

^tifc. Ifi. r<^lt- Poefia . Tom. H. H lode^ 



Digitized by 



Google 



ti4 Dd£i ^tì«t^ i ^^ 

Oltre acche il Ik AierHcf fc Mfe tu? 
feo^e migliaK»jfal««liÌofi , H «ffi# 
la ^opMtenameae del PMma » fcrdiè 
lora MacaiMaci iùtdnfecanieme» cioè 
richieda ; ma anelie eOriQ(ac«mcfite « 
; che li f« Beccatici cmni^, t deekttèdd 
ì avendo «gli oarcato » che p^ fMian 
ri» avevano i Capi dcll^rercito Latina 
ce i e voicado far ptib^ggui^ alla iMim' 
;dav fas che fet via roprag^ttnd idee* 
uno albergo per ricovrarfi noo al «io« 
lovino i|n*alcro Omdiòitv chcgt'iatror 
raca loro la faa miferabite iSoriaiec- 
»a Aia (iglioola rapitale dal Gigante 4 
9 e dar notista de) detlo Gtgime $ e 
Cavalieri fi offerìicano di iiberare Scie- 
eia » finge 9 che per via s'abbattano co 
ifiM 9 da i quali Tono inforniati dd 
proove» che egli faceva^ Vedeteorvoii 
no legati infiecnes e coitie daironoallf 
che la piMedenza ddf mio fi par ne- 
' alrrò • Or ^tvefio-modo di paflate tf 
deuo» oeir uniti della fiavola^^fae di 
All' onità delia favola debbe edef 
^ooitMWo t cioè dovrà aver Ta fiivi^lt 
» e il filo fincn n principio fi vuol feih 
UMae anche il fine ': i messi poif aoao 
liA gli corna in acconcio. £^. Ma co- 
idorico airEpica favola, Te giioelpif- 
lofi della Traslta r fi ftabilircmo per 
finti! Nk. Coll-iofiirifà del tafibocl 
. A^f Un^ fi)pra di ctò Imgi^ dispu- 
ta , e ri^jcttata la ^omrmt àpiorimc 9 con niottMiaie fagioot <on- 
ff"»* '^ (uà fcntenza ^ U quale appreso di me è la ini|;liore 9 come 

migliori Poeti 9 cioè Omero» eVer- 
i fiiggpttt de' loi Péami 9^ E r ijblb 
e, non cootenuodomi dcU' t^mfio 
ifidtAe 9 st perche molti V0glfo«o 1 
t a didiiarafe ottimo le Tragedie 
|iac«re ad Àgatooe fuo imimo mi- 
iù r à ragkmi più forti 9 e meno 
pnti , tfr^ Ma 10 » Mifilo , fono di 
be oggi non fivpiamiy ac^rdarfi la 
ii^ lodevoli 9 non pure «dia Tra^ 
r famafijcbt qoaadp fieno ramo ve- 
ierfi 9 quando fi ilifcocre di ciò oc' 
he fe col finto varifimile il Tri«f- 
r indut compadrone 9 C revrore oc 
furgarli 4^ mcdefiiM paflSooi^ 
* fccoa* 



Digitized by 



Google 



Ddb V^Ogtf Poetk DialVU iij 

ArMòiilf ; eenTcgvIri coir tdeflfo ancbé TEficaH fine d^n! 
«ccatoiacRcai0 de gif i 
ir: it cW pctawseonis 
In^rdi^ I ftrcbe gli 
Bo» afefcioct(*iciiii 
le Tf»gèdic fòcktaie » 
fièpMr iiéemH>èdcg 
il T«fla da TOf ckata 
fiinvfco V itui nel bel 
uitMffSfi0o,rif ntgati 
l« oofki I ró cèTfien 
Ar ii0ufm€isre ttfaM 
atiMf fiMaooft fi Ap< 
uùmtìrM ymcf t noif i 
ètte diiiik bugia ir e dj 
ciocchi il cMrriù^Qf ci 
fccmiEioHrìr»Dadc^ 

lbi»4Mlfigm^érUi 
knm cftl vciifimiley 4 
dar virile fi £ detto i 
KttaiTragtdùff cbr « 
o»CMip^iaidisat Fg 

%Ér; qimto fià avn 
ttftUr votf ^ dwtaluK 
fcr conitrmaf la itita; 
tiiÉsaifi da i mmw 
«crifiMiifV rgualoitoi 
«Kli^fla airài cottghi! 

||tm> d'tfeaipio Hgttardevók pH (é ^ airtoda omlfo dcif&adr d'Om&r 
»t fici q^df poema fi fiipfimt y che i ToMOf <ofttco perdficcfri.r e i 
tìttci «tocitort 9 qnaiidar ii fatto v per qtiafi mmùtki parete de gl^ 
HprfcÉ y Mi& airoppoffò i» ^iuVòf molta dke; e pcrcbè cfò f dm 
dice è dÉMt> di matura coofideraziòoe r te qoalc ora noi» ni è per-i 
de MTc y ^tfremateri di fetbar tal qinAiòar ad altro rempopift 
» i e a^rfenttrc per flddTó alta mia àpitOonc 9 ftnzz alciu 
_ ^ deKà voftra « USr» Ne fon comemo «. M>^ LKbtia adiin« 
fdTilaqnri dare it priìicìpar » e H fise alta Isivùta del Poema Efoicor 
iiotiVpooe dovri efltc vera y e tenxilniue nei modbr, nei cmale tet'^ 
Bunerebbemoiffa^ ctoè:cc4la verkà ./ Vecb^rasEÌa» fecoodioia ^ca^ 
mone tAktnaiùitm velia giieiìra<di Thnat Greci foiotio vnKitorry co* 
aie À Ototto fi^tfciivoilar joa; fc fefleco ftaci vioctiarf i Troraai, 
coote Suppone Umtiia t cerraaieote Omero avrebbe cdmmelfo 00 
gtaii fìnor^fct W maocàÉsa^etta veriii nel fine deilVeiòiie.. I meair 
a poi dOvfaatì^ effrr (ofiimiotftritt datla ifmaìooe : non fare per& 
wiaw 4Ja feeodeene^aiiclir dunfloirta t e doofeodere infieme if mrrpi 
col finto V E fé ^«Mf vtocura g^ aìtveiiimemi florict , pàre4iBral^ Fba- 
taiCfaé'pOleireiir itai^lteatfi, potriegK, cdofnk hdoi peieiocc&èit 

<H X Focca 



Digitized by 



Google 



Poeta Epico *rf>Be aver più rìgaardcyaU^ìitìiverfalt, clie»rf>^^vdfftl<M 
particolari , conflderando «gir ìtcóté wlon wme ft>0ó (làfe ^ ftd^^^ 
me dovrebbowo etTere; e^ quindi addivìMe v che fé ^gK^ntr? era coitt 
ordine ftbrico ^ echi tal ttarraziòtfejfoi^ifafcetì maravigli ia , nfé di*- 
Inrd, e*tiocefàaB di-poco anifiziofo, egiodSziìofo, per aver trafciira- 
u>'4i vakcfi del privilegio dell'àlcera^fìone^ecoAftifión^, che per do*' 
ftw ki maraviglia y e if ditatto* gli i coRcednto ^ Ma no» perchè T 
Effepbiaisfreoda'daHnftorfa il principio ^ e if ikie r Seguiti', che debba 
clW twrrare* comeriftoria fa f iropicpcioccbè fi viid far )a nacraìlo^ 
lite con artiraiiV) <ón(baéeiid<l r e pefrucbandoe {• t^mpi , ieperfoi^y 
é iéréo(éf ehe M^ meezo cònitutfcoQof ftnra aUìO' riguàcdo , chedr 
eonddrfi coir tal tfièanca al dio* fine . Or veggiamb , fell I^oema oeb 
BoRro Lacooe canimtm colle foddette circc^nce circa t^istegrità; 
dcHaiavola^ La Favela^ dell'Imperio Vendicato, non Vft dubbio,. cbr 
fia-iixera ^ avendoteli' foo priocìpie-, cioi ti moto deir Armi Ladnr 
aD^f^xttfa della' vevdtciitioiie dett^mp«rio^Greco >.e il ùio >fiAe , Jàu^ 
M .Bl^'VStidicsrziiofìa; attfbedue tequalvroofe ^cutot-veret^ edf Itimi* 
efar^ J mezai'pt»^ perii quali B-va^ ahderto liiie,: mohir vcvt toAoi 
mUti' finti', e moki mifii» Tra tvarlfi aimovetiàflio Vètezione AiAab» 
duino C^it di'Fiandra^ per Imperadoc de'Gwci «'-il ritirameato^ d^ 
Ahdfio Fratrie ida> alia' ÙMf quicce, * od aM ; oltre a i* Pcrfonaggi , i 
qtK|li<quii{r:cncci veri fonov e co^pcoprrnonriy'cogootnr^ e titoli a|^ 
peUario bnai'itteicaè flara la^dtligMzadd Aoeta^in quclhi parte , jlir 
pi(bcoAoofpèr>ilcccDdi' cagionsre a prima faccia ìncbi 'legge qaalche 
oobfufioae, per la duplic^eione 9 « rripticaEcione:'de^-medefinyi nomi r 
opòco gradimento' per t^a^rezzsJ di non pochi de g)r fteflS \^ chfe fai? 
inmamdnto)^:ììomr proprf in finti ^ Tra i finti poffotìo^ confiderà^ 
or i' fitccefir^^Ararpina , e d*£udofla, Gaogilòne, l^Atloro di^Foeidet 
le Fare, Dìcrf^lov emoitl piò» Fra' i mifl'i,. Dafdago, che fvunKfa^ 
^ di' qiie^ceqn|À detto BafilaciOr il Salemina,^ pel quale il^ Poetit'iiK 
t^nde. (e ftoflb ,. 'r{gxtk d' Andronico , r (atti dMfrruro , e raolii altri y 
pane de'qualrf me fono; parte, veri r e p«roe^ alterati . <^iattto poi 
qur fti' mezzi fieno^ antfiziofi^ , r artiAsioranieiito ^ e con^ ordine per»^ 
tvtbataradcOneatl,. to dimioArano gliepirod|^v che petalo' pia fona 
Mvaild0*ciàr, che precedeva nell'lÒoria Paanone » colla quafe inco* 
miocia.t] Pooma^. cpmt l'epifodio doH'occnpaanone dM' Imperio Gre^ 
ao/fiattadtt£acda ^ cbefi racconta nd canto i7;.ed^Urr.. E di eiò ba^ 
Vf^Egina> aver, la notiei&^nieinre potrete riconofcerlo pienamente 
dailà4e2ionodc11'lftoriay e.dctPoeostat rimanendo a me pocotemp<^9-^ 
mohe ahre eofe danltre » jE^Ma «omt è egli ctò^ feà me pare >^ cbeit 
JbeOK^ coodncra narrar per fllorimorifflmaroemc?' iV/r- Voi fere er- 
sarà V peccioèchsicg^i^comioci2:con*raprìmenfodeit4ncetizfone de^W 
legati*; la quale , Jbcochc y ncllp ftringciffi lategay fi manifcflbffe eflcre 
ièriporre nel^oglio Greco IfactoaccecatoveÀieflio'figliaolo'diUdT 
Boadaciienorimjiinfecanitntefi fu la vcndicasÌDsedeirimperiad'Orìen-^ 
16^ colTiunìmcntoodelbClìiefaGrèea/oollaffcatina» dattaqQalil>l'àve^ 
dirifa toScifimvj^cotneiappacirceda ifeeuemi.vet&dd pcimìO' Canto* 

r ^it/, i&l l£l^ 



Digitized by 



Google 



Ddla Wteir Poefia^ DiaLVH icigr 

t 24 S^e.vpuli€Mr:y.fi che non refii 

E vPt(hMtim0 fu Mn^flrhgtfii 
j Ld Gfici^ al ^imbo rivccar di Kcra^ ' 

i^i C0jttuf^ce 4M*mm'tédi inganni 

I^ilKré$nd9 in %n temfo » 4 da'Tiranniu 
€ qoi^fto ApcJmtata.^. ioteostoiic è Ja iuftutn» delf aaaooe « ^Stut (I 
prende . a i^cuace «* laoode hoo gii dcnocacnente « o ab ^vo « come 
(ool dirS ) 4 iocomìnciato ìlPpema; tua dalla fulhiiza^ e daifrio^ 
f4pio proOfimpt come ircemiOllbiUnenté fi dcbbe fare, acotocdièqueU 
Ja Doqiia r <he dice Oraauo eSier la Poefia , non fia fenza teAa ^ o 
la (eRa non abbia mei petto « V incomiociar poi abx>yo è qucHo t 
fbe fi fa da pcincipto cknotifliino , cerne (eguicebbe fé -ulano.» verbi 
gi^a, volendo, cantar della guerra Troiana cagionata dal rapimon- 
<p d Eiena, jncomiociaffie dall'uovo., dal qaale Elena nacque^ che é 
llctempio recato da Qra»o , e donde è defilato il pro^rbio ancidec* 
tp> 4^ì qoel^o^inodo fenza fallo e viziofo^ e biafiinevok^ come alieno 
dair 4Wopc , che dee itnicarfi \ xd allora . farebbe fiato tale il Poema 
del noQro Lacone^ quando egli avefie itKominciaco col^aOaggio de' 
latini jkQ Ccecià « i> coU* unione della Xega pec detto 4>afl*aggio^ o 
rolla promeOard'Ifacìo di riunir la Cbiefa Greca colla Latina • Ma 
^i^qqeflc.jCofe., e Ai mokp altee precedute, fi «ragiona perturbatameti- 
xe^dcpg'o^ il Poema4 <^ -^ome ò detto^ jfi traggono da efle abcbe mol- 
ti cpifodj* Egli i ben vero, cbe io lecgendo le pcime fianze dell' in- 
^todifziopeiy.ove fi di contezza, i^lo fiato del Mondo ,. e de* gover- 
iutori^^di^o io-qucTt^inpi? chi oonjegge con avvertenza ^ {indica 
iLpriqcipio, come voi giudicato avete: ma. per veriti si fatto giudi* 
2Ìo ièjpcp amorevole-, e la cofa debbe.<onfidiÌDrarfi aluramente^ men- 
ile [tcalafcio, che queirintrodttzione a gran«pena occupa tceftanzej 
)' Ifioi^ 9 che vi fi. narrano ^^ fonoiibnd^nenti et tutta Y azione t 
fenza i quali era.ja)poflBbile« far priniripio da ef&re inteio: maffima* 
nijBte^liPvfi.uacUYa d'un' Ifiocia», laqnale^ comccifè^oota, non à 
noidSfpa ,. nèjiade.» cjbc jda ogn'uno a primaiiaccia^pfia jriconofoer* 
^p Ma quando mM ogni ragione tvenife tncoo ,, bafiecebbe folaoienr 
;c 4Àre , ^be jmtcaod^ di g^rra ura .Crifttaoi^ era neceOario di por* 
te.iil &CC9A la giiiéizia di efla, co^iirtcbiedendo la Religione, come 
ij^vAxi 44ttf fianze, nelle qu^li fi epiloga 41 «ciHmo ftatoxlelfoxac-» 
toliclia iCpfcu npi^pnre^in Terra SatitacV«it.tra i Grecia mercè xotà 
dcTiwrhj^ e ^ dcgii^-Scifinauci/,. lische , .«ficcome , fa -veder dotato 
^i fìiolta.prudcnzft.ìl J^eta« .cosi^non dee per conto alcuno. biafunar- 
fi^ apcQ^faè per jiUro.non fòde^oeceifario^ PiUIiamp ora alla terza 
circofiao^ » cioè alla grandezza qoantitatjva « la quale non meno 
delle due precedenti .è «neceflaria per lapeifczionedella.favola. ^«In« 
d\igi^e alquanto^ ftorchè non. so ancora capire » come pofi'a il Poeta 
Cfì«fofid4r.rJl(|oria,^CLdic dappoi quello, cbe prinut^.edirprimaquet, 
fbf rt^ppoi .è feguito> Ni$. Se le cagioni, clic avete afcoltate,.vnon vi 
bafiano^^C^^HiKncare^ £|ÌQa> Ja Jgora detta anacionirmo , ve con efia 
foofi^maiido la mia opinK)tie,4>otrjeteben perfuaderui : imperciocché 
ella contiene in fé un de'iQOdi d'^^cerarc , e peraweniura il più Arano, 

.£Vf/r. IJt. Folg. Poefia . Tom. ri. H 3 facen- 



Digitized by 



Google 



faccùdoG per effa prefence ciò » che da gran compo » e pec Mf« 4i 
fecolt è p^flTaco t o aicrrtcaiuo 4opQ è av vtiMce • Or (è per %]ra é 
lecito di jfarjp una si graa ^onfauonc di esempi t moko piùr farà tccito 
farne dpllp parti d*uo fattg ^ o dcilp azioois o eircoftaiize deHa vita 
d'un Momo^ ovvero della loro narrazipoe» nel die coafifte priocipal- 
meote 1^ percarba^iooe dell^ ordèoe nchieftà d^ll^ fpvpeìa p Eg. Grai 
io(^Jl ^/dtikz figura Qd'era ^cit^ di memt; ed appitKo Madanoat P 
asacfontrmo del Dandolo, e del SaipMÌno tte'canti $3^ e 34. aUor» 
die Io Ie6[i, per 900 a^^r poo^co capita , ^tmj» il dandolo favìeilafé 
col t^^ljuidiia « per lo ^tiale sfiaccdde Tifteflo LacMe } ancorché di 
queQU> preciTo /ano » (iccome oc mi fovvifoe ^ Mi? ieri jwti cola^ 
m^ce parlato . NU^ Aazi quefto facto » qaaoci» alle fetione è tn»- 
ftto^ifmo i ma qtsamo adte co<is é versta , per P ^Ite^oria , che n 
accompagoata coU'anacconifoio ; perche il OaodolOt mercè det Poe* 
ma di Lacone , arriv;^ veraaiet^tc a cogliere il .Latir^ dpir immorta- 
liti nei monte Paroafo ; e Ijraza doU^o si fatti aaacrooilctfi alfego* 
rici fono ingegf^ofidSmi p e fopra ogo'altfO lodcfoli . Eg, Ot toroa^ 
jre al voAro ragionameoto ^ iVi'/> L^ grandezza adunque , ìfct i^ 
dirmi eoa brevi parole , né poca » ne troppa effer debbe $ ma pro- 
pornonaca ; e tale » die la favota contenga dcfttrp di fé % tnttodò) 
che è necelTario per la cognizione di le , fenza cbp abbia bifegnò 
^ argopipnto > o d*altro Àjmo efirtaiipco ^ e Aparaco ; f^iperdoechè 
eflendo il Poema ^imco il p«^ pobil cmpiponimemo Pòerito • ek fi 
rru<>v^ , àfc avetar in fé ogni pernione ^ a ioQ ^efler bifogoòfe d* 
aiata^ftrinfeca > per far moftra di per^a bellezza ; ed è appunto 
aoroe la Doma , la quale fé è troppo grande , o troppa piecoTa 1 
fé accKta 4^ i beUeni , e da gli ornamenti eflrin(ì;dti la beRezta > 
non P9Ò diri} perfettamente bdla»- La pvoporziopa poi deU>e^éBcr f^ 
gelata dal oop^v^n^vole^ fròipf dipeoMÉa poc'anzi ; di modo che tKm 
fi concede T ecceditr c)ael tanfo » che può rinpaettì da una peifeftì 
meiQOri^. dopo U lezione 4d P^ema: jotfodend» i(^ della favola fec* 
ca » o det ^Iq pripoMle ^ tmn gii di tatti gli aef idfttlt « e 4i rotte 
le particolarità, e tofyMmp ^ peépb^ di qaefte, ^ manHiatince tmpofll- 
bill?» che per &to, e gradarameme poffa oimyo^ripòriarfi , per qaaoco 
egli fiaG di memoria /dice* ^^^ Vorrei» che mi flabitifte tal quahiri. 
fi precifametite , e prattcamènte ? Mr. Di Cf6> é di4kiie dar prerìfa 
fentenEu ^ c4me V efperienza t^imoftra ; imperciocclid tra i Greci, 
tanto l^ade» qiiaoto VO^t^ d*Oaien> è tapaee df lYbri^tentfqoat*' 
ini } ^ iti tanti, si Tono , come Pattfo ^Muna 61 dittiate <la Ariftar- 
co a^ ifmpOf far? 9 me^di PifiAiatOp Tra i Latiot PEMide é dir ifa 
in dodici libri , Stazio divife la Tabaidp aaritnoire in dodici, , ho* 
catto la Farfaglii^ in di<k:i> e Silio Italico (a* fe^oada Guerra Carti^^ 
aefc io diciaiifette ; e tra i Tofcaai il Trinino 4a (m Italia Liberata 
in ventifett^ , f A<^iofto il fao Fortofo in qttaraQtafei , il Bolognettt 
il fuo Coftancc in <^tci , il TaOb il foo <ìoétd^ in nati , e lo Set^ 
g4iani il fno Mondo^ Nuovo in tr^itta^aattro : cooconoeiò io dirci t 
che infitio a qqara^ta ^mì patelle aggiugneie ia hRighezza della 
Tofcana Epopcia , perchè tt dialeao de* Tofcani wm i nmt^tkco $ 
Bè i tanca forza» quanto il (#«ecot e il Latino { e fmò eglino bifo* 



Digitized by 



Google 



Della Vofear I>ócfia- DiaL VII- it^ 

jDofitj^ di contiiiQe ckcgfcf isìofii > le qtlf^i COBtAiminotlc'yeffi} € 
lapico alloogMo il Poema : K&flimote wntìgtitùtmo reca, l'ufo della 
fina^ o^rrc accbè readajra^Uabo Toreador 2 ftò breve deireTaroetro 
nUte da iJGr«ci» e da t Lattili; éyctò feta jnattda dcToemt Eroki 
d'Otfero Sa ghidi^ata <ttact di. tteiiderfr fina' a veiltiqfttatcì^ UMy 
yofnùMio (effluì dubbio i ToTcitti ftcodtrla &Ky aooacaour à^tóccbé 
abbiano cai^po di dir ùù(e affai f e^oiM il Poema Eroico ricfilede ^ e 
tiMimtBU a mìo giodijcio la favola » cioè il filo prroci(tòle diBefo 
per quacaiita^eimi pu^ couiodiflimamtDte rkenerfi da una ^rfetra 
mmcnAMg à€^ la kaiooe .- Ei^ Egli e vera ^ o Minilo; ed io Aefla 
uaSw dire d'éflfeC (dotata di tal taenioria» dappokfaé de) filo, del Pòe^ 
Madtl flfo&roLa^oae, mi ttocMcfot&tMxcKùtté Nit^Vcftìapio adtm^ 
live ^r U difltoizkyie delh qilatfcifàsr pretfdcteto» Egiùay dalPoMU 
dtLacooc r oel.qwiÉle ^ come avrete offetvato^ ia mole è prbporziof 
uùfSam^ e dcQcro di^ k comitnc qfuama per la M coi;DÌ2iofie; fa 
di mefti^tlft e Okme di liieùo ^ eiiieoce di pia.* ricònorcendofi ope^ 
ssA^ teme dkeiwnOi> tntti gli epifodi^ ed eiTetìdo I& cracrfiiiom ral<^ 
negt^ ^OficaitMie)^ cbr tmUa reflui féfttùs isoìta a deikleMrfi^ aul^ 
laa€Oiiofcffr0:# dapporiebiè egli è letto; non v'é alcuno epifodio di^ 
toww « liè fpeuato/ oocr v^é akoaa digreOiode ùìcft di propofiroiF 
Mo v*é atoma foprabhitKvdailKa ^ o alcun neiaiicaoiemo di riguardo^ 
e iifomnaé tanto t die fé più Me > f;irebbe fovercbio y fé meoOy 
IppariCfbbcmMcbrrole :: ne alcun bifo^no eftrèafeeo a egli » fuor fo* 
bUMtr quelfo della cbiave iteti' allegoria y (a^ifiMle è ^obiliflima ^ tf 
ft .^a ragioderaOi a Aio ictnpo • Debbe in quarto rootgor W favola 
ÌfìC0L tfOieriaaraviglìpfa; e la maraviglia à ad elbre e nelle cofe r « 
arile parole r-^ io qtìtfitf menti della graaù dd vetfo/ io quelle^ tnes^ 
ai d&Ì«diffaCìCaaenco dall^brdioariov ed nfuale/ ma non per6 faranncr 
le cok prive della verìfiniilitudine ; anzi quefia dovrà eSer mii fem^ 
pee .eoogtmifia colla maraviglia. Eg. Voi dite cofe contrarie \ perché 
il mirai^c è.diftriittiv0 dal verìfitmle* e queAo di quello • I^k^ Tal 
teiMta nott parmi Tana; imperciocclHi il mifabilef a li v^ede^oii i 
a arodtre r (e 6 veder non fialo fori vetifimire # mz vero: fc s^avsà a 
ceedeae^ o (ara vertfiaaite^ e fi cre<fecà> a ioverifimile ^ è perderà 
h fedcy e per cottfegnenza Tefiereir laonde il mirabile^ non (ola non 
fìea difinttto dat verifiaitef ma da qudlo pn^ndetl fuo ^ftere^ Con* 
fiAecàpoi il mirabile neKare opeeareai aitivay ehe palfivameore ipcr« 
&M^ggfcci|^i defPioema: percMkmoni, egliakfccafide^pcffonai;* 
giitraogtHiif e non piànominati , niooa maraviglia recano; edinci^ 
MOfOco^atmodìkctaco qita0g<i Epki coctir nel rapprefif fltore in ec^ 
cellenaca gl'idoli ; nd trattare efqoifitatDeof egli affetti « e te arnioni / nel 
finger mofbiy giganti # e incacefimi: ndr attribuir forxe foprannat»» 
tali a ff fw^naggr* e introdotte Maght, fate t Angdi 9 Demonf y. e 
ftimii9 ma in, ciò 6 vuole adoperare con molto giudizio; mentre 
per render vetifimile tak potenza t dovrà il Poeta io modo rappie^ 
femarlay cbe il lettore fobicamencr la riootiofea provegnente da cbc 
piar darla^ ek^ da Dio y la coi xjnereè atsclie in qoeAa parte il toàf 
taviglio6y.lt render vetifimiie; non v'efffndo dubbio 9 che gli Att^ 
Idi > i Dentoni y I Magbi y . e l/e Fate y abbiona pod^flà- fopranoai-^ 

Il 4^ tucale. 



Digitized by. 



Google 



119 DelUBeltcm 

furate, p ert iic t tc nilù to Iddio ; e olire accia dovrà il Poerff sf^fc^ ^ 
tM diligeptemeare, non pia al pQfldbife, che al convenevole 9 feask' 
>k quale il nrirabtle non può renderfi vcrifimiie . Ilcrioehè fe'fììisellè 
.ìiecbigDazia', che alcoM deità de* Gentili fovo7Ìff« la ReUgicme Cat^ 
lotica facendo pratica , e cooperando per bcneftdo » e vdnraggfo'dl 
quella colla dìAtozione propria, eYarebbe ben maraviglio^ cofa^ ma 
jciverifimrlcy perchè non conrcnevole . Gii efempidr qutfta cirooftan- 
jsa fono froquentiffìmi nel Poema di L^onev stnzi to fiéffi^fbema è 
xuuo efempio y 00» v'ìcflendo particella , che maravigliorEi' aofrfia • 
lAvvengono in effo t cafi anche mìferabili fempre in perfose , delle 
quali il letrore già aveva avara io prim^ partkohir nocicia t di- modo 
«he nelle battaglie tuxi vien^ ferito , non muore »^non uccide' , e tioa 
guadagna alcuno , ette non fia perfonag^^ bea> cognito «* Kalafciai^ 
doù i folicf racconti de' moni, e dc'feriri» affatto ignoti, e-de^qoa* 
lì >. e della vitande** quali nulla at lettore importa; e più^toftt>-tioiav 
ehe maraviglia gli arrecano • Sotto in effo gì' idoli>' maravigliofiflSaii'i 
come quella d' Andronico » io* coi fi fa t'idea det cavaliere* ^ quel dA 
Gaagilone , io cut fi fa riddo dell' arroganza 9 e-cosi dtfcocretadi 
cotti gli* altri , de' quali fi'parleri didimamente , allorché efpohrema 
laparce djel coftume; perciocché fono con tal diligeaaa lavocati , e 
portati a canta eccellenza ,. e perfezione , che tmn* poffooo^ non* ea** 
gionar macaviglia in chi gli oifTerva, e li riconosce molto fckpefèwt 
alla comune natura degli uomini.^ Nel maneggio degli* alfin^ti^ fi ai^ 
seca non luinor^maraviglia, veggendofivuactati nella ptndtUcata'i ed 
•fquifita maniera, che mai poOa tratcarfi *, e perchè di- ciò s'avtà'ft 
dire , altorchà fijparierà delb: locuzione , baAerà , che quiioposca 
per efempiagii affetti d'Arafpina fopra Teftinto Re dr Pomo* fuor Fai^' 
dre • Ei^ Oh » Nitilo r Toi avete toccato^ un paOb r n«i quale io .nota 
fola n& maravigliai ; ma non potei paffrenar le lagrime), JW/; E ifoe* 
fio appunto- è iKfegno^ die egli fia pzSo mirabile roè meno mirabii^ 
fono, le azioni tutte fparfe pel Poema r misurando quelle ia^ lor mara^ 
viglia da cl)t»anQo l'efleffc^cbe Eroi fono, e per fe fiefli maraviglio^ 
ùiùvnàr come abbiam d.erto; anzi per mettergli Eroi tn-maggiorcooii 
fiderazioneappo;chi;le^ey acciocché pia facilmemr colla qualità cof^ 
piena. del perfonaggio fi defii-la maravigliarla avuto il Poeta riguac^ 
do di fceglierli-tutu Pr^cipii, e Signori d'alto diominio ,^ né vern'è 
putfuno^die fiavaflaUo, o aknii obbligato .mentre la confiderazio^ 
ne della foggezione impedifce non* poca aUa nofira mente il pocea 
formare concetto mirabile d'alcun' uomo «- De'moArt, de^Gigaari', e 
de: Maghi , come di Dicefeilo ,. di Serpandro ,. di- Biifilago , deUe^ tre* 
€eocte,.e degli effem y che da effe & parto^vano, ede gli altri fimi^- 
li> pecche, per (e medefimi fono mirabili* cofe , folamente io diròt. 
die non falò die fono verifiifìili y ma vere^ percioeché in^drefinaf* 
conde tutta I Iftoria dello Scifma de'Greci :. efprimeadofitin Bafilago t* 
iAeffo Scifotagtaecaloientc coafidorata: nelle creGtotcc fotta iiTem^ 
pio, e neglieffetttr cheda quelleufcivano,! tre membri della Scifitia^y 
cioè la duditàde'Capi della Chiefa, la peoceOfone del lo Spirito. Sanc«> 
d;al foto Padre ,. e la negazione del purgatorio : in Dicefalo didué coim 
ahiianu ndiapuma GfiQtra ^ il pcimo didecti memhrif;« nelle tempeftc 

dcW 



Digitized by 



Google 



Della Volgar Poefia. DiaL VIL nt 

éeH'iocafiCo'NiccAo provogneiici daH'aprimeiito'ddisi hcondà Ctoxu$ 
ditta 4«'te9tiy H Tecotidos e mila p«Ae di Teffagtia cagiofiàca dair 
eftre fiaiot fpemo il fiiaco> che (i cooferfara nelto tersa Grotta > il 
terzo : tiellii riflaova^iiiffe di Bafiiaso, e oelki Aia nuovai tìkt, il rin* 
novamemo drefo Scifoia più voice accadata; ed in fotinna rutto ^iò, 
che rigmida iocaoti , e nioftruore cofe » coopre i» Te quatcfae parte di 
<)aefta Iftorta/ del che s'avri uo giorno diftimiflima eognizioflè ior 
formar iftoric^, per ^Scsvi tbi già à intrs^prero fimil fatte^r edinqw-* 
ftafco£» fefiza ^dubbia^ l'Autore è maravìgltoTo al pari del fuo^Pòemay 
tvtiida rapato» accomodar tanto poeùcacneate materie cosi feèc&e , e 
difficilr; e 4i parole for coTe r e coTc nnrabtli^ £ fiaatmeme non ini« 
nore è ta nuiffavigiia» ctie naiicr dalla geasia TpasTa ne' verfi^ e nella 
lefficura dellr ottave r della quale aonpenfo qai ^avcUare, perchèdeW 
ki grazia dovrà* toattarfta foo^kiogav e .okce accia per k fteflb il Poe*- 
ina H dimoAra i chitroque legge .^ Sia adunque in quefta pofte detto» 
abbaflaoza'i e:paflBamo ora aUa ccedibtlkà parknente klaita àivol^ tì^ 
eirieAa.vLa credibilità confifte nel narrare le cofe in forma crodibi* 
le, dsinod» cbr piò ioAo fi deroglii al vero ^ ctit al verifimile y 
qiBttdò>il vero non affeaabri credibile ^r Quefta circoAatKsa primiera^ 
fflcair ti;^arda *la foelta deli' argomento , a £avoUi' fecca r o tnateria 
BOda; Toì la di^ofiaione di efla; e finalmente le convenienze» e gli 
oMameiKivdeUa medefima.'L^gonieaco del k6i votar pc^ efler credit 
bilTr ^Ht àiFaft€orifi deM^ Moria • che già abbiamo ftat>iU«a eflfer ne^ 
ceffartar i»qciefta (orta dtìPòefia,* debbecoótenèee m fé la verità dei^ 
taHeligìotyer ^ notiaiadelFIftoria:, e un ginfio^ corfo di tempo.^ Nmi 
bà pec tantb^ lecita ad^ un Cattolico' prèndere aigomento dal Gentil 
kfiaua, o da'Profeflbti di divevfa Riel^ione ; perciocché i toro avvo* 
ondemi apprefib* noi«r che vivtaofiùrcocr diverfi peiacipj , non ponno^ 
per lo più eflbr oiedibili^ed inoltre neiringrandk gli Eroi poca fe^ 
de incootresà il Poetar k quei faranno inCedel»; perché proponendo^ 
ci per everta ii Poèma Eroico nomini più. eccelleflti de qnethr, chet 
OR fiamo, jioff potreoMy pedtmdarcir che fietia tali i Gemiir, e chi 
mm profe^ qoelioi ReUgione ^ che noi pro^ffiamo* Né meno fata ac- 
caockr argomento wi'ifiosia affatto ignorar o*poebiflixm> paiefe, per* 
che Boiv e credibile quel , che' noi non fapptamo> che fia^ o die fia^ 
fiatai e febbene -appreffo gli ftudiofi dell' iflocia poò tal' argomento' 
etojEtoro-; nondiroeoa ciò aoir baftaV pcrciié deefi aver più riguardo^ 
aKosiyeritaley che aif acicolare ^tcfiendofi FEpopeia por tutti, eno» 
per pochi; e da ci^ viene incoofegnenea lume^ereartr né intnoglin 
avvenimenti aaticbiflSmi y i t]iiali per cocfo^ di gran fecoli fonoanda^ * 
ri in obbitvione.' Ma àSoil meno iaraot» adeguati i fatti y che pre^ 
Ccmemtnte accadono r o che do poco tempo (bno accadtHi ^ perché; 
queAfr come noti aratri, non fonocoediÙtir fé non nella lorjfia- 
ceriti; né fon capaci de ricevei: teflburadi £avolcs che credibili Cie^ 
Bo> oc fi' poflòno tfvefli formare idoli de'pedboaggir che noi; abbiami 
coooftiutir 9 ite^i|aati, e de^ loro coftumii abbiamo^ awoto notizia da^ 
nofiii Padrì^ E piér^ vero chi* darebbe fede ad un, die dieeffe v chr 
Beila Kbeeaaàoire di Vienna aceadnca .i paflTati anot takino de* Capir 
detl*^e(eccito» limpctt^o s^cra innamoraro d^oaa Maomettana, e cai» 



Digitized by 



Google 



ut . : Detla^ SeIIeZ2at 

fam' tkro" qcciCb a» tnefico , e coife fimili) e pure le fleflfe cofe ttggiif 
Ktamo nel Tado^r cbe. finge Twcrédi innamortco di Qariodav eodr 
VAtìotio^ che da Knggieto fi uccidete il MbAro Marino; e credibir 
li le ripuNamov per la ior» ¥evifikniliiadiae^ conjpomacon pc0poKÌ<r 
|9ata lontananza di tempo.. Dee la ctedibiliti^ e&r' i£ncbe nella dUpor. 
iizioae della matefiai; cioè cbe le coTe' fieno difpofte col fina otdioe^ 
e con gioAe n)iAirt*di tempo y e di fito^ mentco (cv vorbigraztf » fi 
fingerà, che un' efercita cammini cinquecenti miglia, in on^òra» o(e 
ufk Pòpolo & ftrìttgtri in tatuo fpazio » m (|uaot(r capitebb^UQ'ttmx)^^ 
e* óottCìtannatal^cok credibili 9; per difetto dif dirpofisione di tem- 
po « e di fito congrui >. e proporzionati ^ £ finalmente la credibiliti 
nelle cotyrenienze >. a fieno* ormunenti dellàr fàvola» come ne i riti i 
■felle cerimonie ,;t)eirQfanze^ nel modo di gueereggiareyC d^'armeg- 
giare ^ ne i conviti», ne i vMimemi,- ed in tutte le altre cofe v cbr 
lìgnardano il-coQumei o rufanEÙ^univerfs^.* perlocbè qoeUa favola v 
che £otfeoggt td&Ka-coll^uumaf, e co' riti, e coftomL itegli AnticM^ 
Egimkni %■ o Greci ,- a Latiniv óoo^ (oUy noa Carebbr ereditiere >^ ttìstn»' 
iàyC rincreCcimentoapportetebbe a dù leggr^ perefaé^oggl alcramca;- 
tr fi pratica y e moito' pili nobili r e; gentili^ e ripnlkt fiottrt* coftumi i 
e però* chi oggcconducofley per cagiona d'efem^y mna Figlinola di 
Re a lavare i pimu ìioi al fiumev4> cbi narraffet. che un* Efoe mectr 
a. fooco* della carnea gira lo fcfaidooef e s'impiega iiv altri fimilvmir 
ttiAerj vilidàni, come fecéOinerot il qnala rappcefemò- Nonficaa, i 
Proclo», ed Achille- impioti in'taltfaccende^>q^ir eecramtnTeikNi> 
iapprefeftcrebbe tofturoe credibile: percibepiiè oggi Và(o>é totalinea^ 
te diverto r e i paoni lini fi: lavatuy da^ fémmine Vili » e da^ viti^ uooi*^ 
tti fi^ mette ^ fiiocos. e fi cuoce acroft^«. Ma non: pe« qucAo raraooo' 
•tconei 1 coftilmiv e le nfanzc ttnppo^ mo d ertie» perchè tneorno* ad ef- 
ttf che fon#* tvoce ad ^girano, non potrà il Poetar Cavoii^giare; thr 
e^odoior toglfcra loro la credibilità ; e tion facendolo^ ritnarri pove^ 
fa d'ornamento la. favola .. Laoiide fé il* Eoeta vorrà poter fingere fo^ 
fra i coftdnri V e imitar cofeda^ ttcc {^uKta da. i latnMrr, e non iti'' 
correK- il^ viziO'deli'^inctedìbiliter dovrà:^ porre ogni Budio ttv ifl:erre 
aigomento» né amico ^.nd moderno», ma» comeabbiana^dìtao'» di 
mezao tempo: diahiaraodomiperò»» che per cottemi io> qui iofietido^ 
quelli»* che da oois^'appellimoufante» e non gtt^ quegli altri > da i 
i|0ali fi^ formano in nói gli abiti», die ficrame non^ fono fuggctti » 
mntamentOy cesi npn* poflono-mai varànfi^i: e uv ogni tempo »r e ap^ 
preOo» oni tiwiooe fono gli iiefii v come i coftomi del fanauftb > del- 
giovaoes^^ de^ vecchio ^ dtl^ rtccir». det mendicov e fimiti • Sv peniene 
inalménte alla cotivemraza> oon^ imitar fatti* impoflSbili y aflched*im« 
■pflibiJilià monde: il che non* oflewè^ VAtiaAoy qonodo fièfer cbe 
kUiggiefa con mi^ fof coipo* di lancia-tffafifle fet Soldati v e tuttavia 
asfteibe fe^tkto ae trafiggere»v. fé la lancia* no» fi- foflPe tìoita^ nel fe- 
llo ;: e qtiaoda dife» cbe RodomocKe cmii un pugna fjnofe l^Eremita* 
pvik mìgtia lontano ^. e Orla0dO'coir uv calcio un^ AGm) con tutra» la 
fiamav le qoali cofe fono difconvetiientiarmcv perchè tmpoa9>ili, e^ 
pÉkòh incapaci d'effer credute.» £^^ Ma dir còmmetteOe alctm £all» 
cttca: If oficrvaoza 4cUe cofe fingerà dette da voi> perderebbe il nome 

Pocuè 



Digitized by 



Google 



l)dUVcigar3>oèndl)iaLVII. n$ 

Wmtk e il Tu« ^Poema daynbbe ^affauo di£^i(irov4|cfi ^ NùuhUm mt^ 
<*» £^oa : egli è hai iVcto, .t7bc>iièà^ Poe» .?pocrdibe dirfi gtodttkK 
t%t nè^il PMnia •inmo^ t pecfeuoc .ed .iio.<ól mìo r^iiMuie im en^ 
do mo^atvi V idea dcl>pecfeccoPoeim^ ti tqfaalC) peCfeiTer cale t ri» 
chiede tutto -ciò, cberò d^co> ;e foti jKrdùe, iecondo Ja eiia^i^ 
iitoisc« £^PtofeguÌM pinre ..iVìt» Aadie roelb parte della ccedìUlKi 
della i^avota itt Poema dì Xacooe è .fetfaKìOkxìo : eflendo fla[rra€a:Ognl 
eofa io forma cosi etedibile^ di' 0*0011^ ffi far ?ravola>an^lftorìa^<o fi 
riguardi JHotto, o le pani, cioè gli a^v^miiinenctdiàtiicamentei.per* 
dSè ^appcefeota .aati^octoocaDa da ^i per gitiftocorTo .di tetopo , qaaP, 
t quello di <iiittCtffo iti cinque tfecoli: adeguata .alla/ooftra .RcHgione t 
ooca fé Qoii ^ ogmmo , ^ateneo .tonto,» che .ignora mon Si .può* dice i 
elfeodo fiata qaefta ^di^wtieffioo mot^ riguordevoleY xm i^Xìwo- 
ra Sacra caocata ?dal Taflfo. E'.«gli poi la favola del ^tioftro Poema si 
beo éiiìpoAas Bofiibio -ripeto al turtOv mercé d^la.coocateoaxioot 
de gli eipìfo^y e delle tranfi^ioai, ma circa ogni particela» e ttel 
tempo» netlicot e i« ogai altra coTa , cbe.quaa^uiiqoe il raccotito 
de'fMzei Ga penurbariffittiOf t actifìziofiffimo,, non /per qaefto appa* 
rifce cftriaTcca la^perturbaatooc^ e rartifiaio> il quale ò tanto .ben ce- 
golaco » die il lettore non »* todorrebbe a credere^» ^be;fofle:ii :faito 
addivenuto aUramenre^.e.con dhrerfo^ordine.^ per <ioaiito :dtrì giUde 
affertoaSe; e per fine Ml|e,coiHeei)ict)ze^;edocnaf9eoci. non. amore è 
la credibilità; perciocdiÀ /Ognt coftumey o ufatiza» è adeguacilfinm 
per UfOoQ^a credenza }, e ò^ Cacto da .«gtii.akco afonie trae la m#- 
tat^ia^» vClie d;aU^tlnpo(B<|tl(ta': ^,nd xhtno (o^ ,cbe Xacòne i iacoo 
lartiooiare Óudio; e lo pnò^oonofcere chiunque leggerà il Poema» 
diti^atcmente offinvandolo. Xa.fefta circofianza.della ^favolaifi è» 
cbe ella, fia' bene eptroditta^ cioè ricca d'epUbdj, i (juali fietio concar 
tesata» accioochè dia ^ftigga il vizio d'oliere epifodica» nel qoale im 
corre» quando gti. epi6)dj Tono difgiunti » è icà^e nati da eOa ; <ed i« 
qoefta'paMTté » quamo fia ricco il Poema di Lacooe già l' alibiamo dt* 
moftratoy ^eado vedere t non iblo etifer .cepocamiati gli epifodj,^** 
laaodafevola» marifiede traofisaiooi daun'eptrodìo ad on* altro ^ 
Or |li epifod) foooie aztooi» o auyaRÌmeon»xbejadoperaQq nel c«- 
4icuire il mezzo ddla favolai e fi incendono dall'. efirioileco» e fooi» 
dell'azione principale i e poifeno.eiTcrcoaguinncon quella» o.necedia- 
rianaente» o veriSiniUiKme :. nel paimo.taodo fono congiunti» perc#- 
gioo d* efeimpio» alia favola di.Lacotie i fatti di .Bafiiago Ne^rnan» 
te; f oxiocdiè dovendoli far moUe cote Copcaspaturali , era tieceffa^ 
rio ioqrodar peisfooaggio^ cNe^veOc podeftàdifarle.* tieliecondo,poi é 
congiunto Tepitòdcòdi Cefareffa decio già ; la quale, come Gogna- 
u di Bonifazio», cbe^' uno de^ftincipali pci^Qoaggt della favola», è 
verifimiie» che tra i mezai ddla l^effa favola anch'cOfa fi antiov^craf- 
(e. Q^eAt epifod^ fono qodli» che compon|{ono il.meazoddla fave^ 
la*» ag$w)iaodo, impedendo» e difturbaiido il fine deirazione^ die il 
Poeta prende ad imitare; come tidla^aiMadi tacuoe>> mez» d'ag^ 
tolazieme iboo le Fate Bianca» eRo»flri;^,il$alomino» 'Folco» Baldui* 
nj , Bonifazio» Ptanco» e tutti gli altri» «che in alcun modo coope* 
)fcr la perfezione dell'azione prefccittaj mezzi d'impedimento fo* 

noBa« 



Digitized by 



Google 



1^4 Della Bellezs:» ; 

Ila Ba(il&|0 ; CangUone.» Dicefalo^ Serpaodo» Foca» DofifeOy.còtt 
quei tttcti, che m qmdcke goKa impeili(£Ofio la detta pcffczioDe; ii^sr 
tt« finalmcoce di di-ftiubo poffoDO 4irfi le Domie*» cl)e co'loco.anvvi 
4i(V|cbaiìo i Guerrieri <lal froTeguimento dell'azione finolct come A* i 
xafpÌBa9 die diltufba Androoico» Madooia, che diAurba Arturo» e 
fimili. Sano oltre accia anche di didurbo Cefarefla» iche cratcieoe i 
Cavalieri itsviati dal Campo a racchetar 4a ribellione dc'Soldaci del 
Berrji la (ìefla ribellione ^ la Donzella» che prcfema il Mppo deU 
Inacqua al Dandolo; e le altre $ì, facce cofe^ A queOa condiuone fe* 
gue la {etcinaa» che la favola fia rèmplicet o ravviluppata* La iìnDplt* 
ce favola è quella^ che nello Ccioglicnenca e. |HÌva del la. peripezia i 
cioè della mutazione delle cofe in iftato contrario, e dell'agnizione i 
cioè 'del riconoTcimento *> e cai Gtvola^ ancorché perfetta i viene iSt* 
mata meno ingegoofat come è 1* Iliade. d'Omero, nella quale Achil* 
k non fa paifaggio da uno ftato ad un' altro •contraria ,. come da Je- 
licita a miferia, oda mifeTia a fcUoicà* Maja ravviluf>pat;% à con- 
ftiunu la peripezia> la quale pel perfetto Ppena i egli ad e(^e;^dim^ 
fie cofe in liete, iquarè l'Eneide di Vergilio, came^dunodrer^i quap- 
4o farem ^ntui alla condizione della letizia; .ovvero T agnizione s o 
ambedue iofieme ^ come rOdt&a d'Omero^ E^^Mz fenza mtu azione 
ài cofe incontrario» a clic ferve l'agnizione, quando ella Gadirgiim- 
ta dalla peripezia) iV//, Toglie l'a^eoimenco della Aeffa peripezìa. 
J£;. Spiegatevi meglio. iViV. Un Principe, verÌHgrazia,.è fofpcttoap- 
preffo il Senato d'alcun fallo, e perciò fi muove difpota fopra Ja foa 
dfipofizione; or fé avviene, che fi :rìconofca ribaocenza,di iul, 
Quefta agnizione toglie la peripezia ^ cioè la depofizione, e U muta* 
, zione della fortuna^ nella quale altcameote tal Principe farebbe ca- 
duto^ £^Re0o appieno foddisfatta^ iVì't.Ma «on perà la: favola 
fempUce è atfarto f riva dell'agnizione almeno accidencalc :: impcc* 
cioccliè nel mezzo può fcnza fai lo alcuna contc^otte: effendo ^ecM.* 
«iflima t'a^ni^Mone per muover gli affetti, e ren(ter«e^i(aÌHle, e.di- 
Jettofo il Poema;; ficconfie nel mezzo fuò anche averne la cavvilupp- 
pata« Or torniamo alla>Cavola di Lacone • Tal £w«<a.èi:aYVÌlupptta, 
perchè , come- da principio diffi ^ comieoe la peripezia , o il mura- 
tiiento delle cofe di mede in Urte, cioè la vendicazione deU'Impetio 
Creco^ ed anche fi conipie la peripezia .coll'agnizione, mercè delti* 
•conofcimenco della £ota Diana per, Andronico; ilqualriconofeisìeii* 
to è cagione delle nozze di lui con Arafpioa Regina di Pomo^^Ja 
^uale^ coofederatafi perciò coUMmpcrio Greco già tornato ^atcoli^Oi 
.(latHlifce la pace, e la quiete del medefimo Imperio; e però perfetta 
favola , ivel maggior grado dcUa perfezione^ anche circa la^condiziot 
ce , della quale or iavclliamo , fi vuol giudicare «^ Oiti:e a.qucfto 
£ne , altre peripezie^ e agnizioni nobiUffimc' (fMh /ono per lo 
mezzo della defTa favola • Di peripezie femplici .evvi quella d'Alelfio 
I>uca ufurpatore della-Covona Imperiale, de' -Greci , iacto prigionie- 
xo da i Bulgari , quella del Lafcaro eletto Impcradore.^ «je^foi co- 
ilretto a lafciare il Soglio , .e a felvacfi colla fuga :v «nellaidi Dofir 
Srto Patriarca Scifmajcico dcpofto, e condannato, e Jki>alte aicee^ Fra 
le peripezie unite coll'agoiziQnc s'amioMera quella dlAcruro nei xaflt 

ito ircn- 



Digitized by 



Google 



- Defla Volgar fbefò. DiaLVIL rxf 

lÉmiOÉMiiMeGfl» ^^^iie di mon^xiiido V t diTpefata, lieoBofceiid^ 
foiha'MadaBta f«fPO TpbgliQ de Romko»y fi liconfola y e Tiana ; e 
ftulmeiicc d^àgttksÌDm feàù peripe:dfa ve ^n^i par<tdhi , e delle più 
bette» ciM( paìfuì farti io l|pesnalol«iice quelle di Perìeno Re- d*^ Iberìn 
rìcooofctota eh» Booifazio'jlel caatotrenrefkno^ y della Duche^Ta di 
Curerai che f kottofcc Diaaa per uomo bei» canto trematreefimo j 
et utfattirar the rtconofes Rerjeno per Liberio fuo Cafiode ^ quaii« 
do tra prigioniera., ntL canto vemifctufono^ e fia^nieme d* Ar^ 
nvo ^ clic At) camà vei^uattrefioeia rkonoCce Madook , a per tnt* 
gliodirrY^^ fioco fUi^fkirocper hi faa fiarfina», ha^itiale è fopra rtar^ 
te bcUrflmi»«. Ex^ Giaedié fiamóneAÉ'i^ìzioae', eontentàievi dir-rai 
te qnaocì nx>di fi po& £ire» Nit» In tei modi può farfi , ti primo de^ 
quali V cbc è il meno arcifieiofo ,. anzi. è. privo d'ogni artifizia r fi di^* 
ce pei regni *> e addiviene y allorché fi: riconofce alcuno d^ qualche 
(tgoo , die egli abbia ^ o innato ,^oincrfona quei y che» fi portano^ 
diU^iMVo maremoy è volgasnientc fi cJùamano voglie > o ttifidenta^ 
le,ijà qaal pob e^eritel corpo ,^ i^ome fono le ckatrki^ o atrri fegnl 
hfciaci da inreraM « o da aleva cagione ; o fuori del corpo , come 
fono gli dnelii , te medaglie , ed altre fimili eofe r ebe f^ (pgltoao 
poffare, a'ddofio. il fecondo , non tanto* difapprovare dal Maefico , fi 
ékc per tediz). ^ e tali. CenD le agaiaioai ,• che aafcoao da accidenti y 
e eiacefianze «ftrikfecbe f e di%»ttme dai Pcrfoaaggio y che fi dee ri^ 
cooobetc T^conik teie^qatUe. fatte per «i^dl lettere r o di ^orié di*' 
piaiq iirtavoU» o^er altra finti goì fa, ed anche itutte qaetle, che 
Apendenp tdtairoeate italFarte del Poeta, é da lui a Tuo capriccio ^ 
hom^iaétcmc* £i.Ìofrìfm;c^pifcorr coiDd fi dia agirmone diCapprova^ 
rà, aerchè liafice dalParie del PtKca;. parendomi r che tatie le^agnizio-* 
ai fittizi tutte le altre paKtddla favola,^ txafcaao dall'arcadi lui. Nif^ 
Egli è vero, che ill^»a finge, e eon^pone rurce le agnizioni ; ma* 
^iìé^^gnìziooe tanto più' é:fiin)afailey e perfetta^, quanK> piùfica^ 
vada^le-viftere della favola; ppcò fe»il Poeta notala caverà dalla far- 
volar tna la farà nafeere a fuo arbitrio y ella sì apparterrà z' quefia fe-^ 
conda Tpeìcie^ £f. Vorrei qaalch'ef(brapio«^ Nir^dct dimoftrare ladi^ 
veffirà del fingere deli i^ta cot trarre d^lte vifceee della tavola r * 
col £» nafeere a foo capriccio,. beUifiimor efempio, è quella y che 
poeta ikfiftotildr tratta deirifigenta d' Euripide,. liella quale fono due 
agoìsnonr, Tutia artèfiziofiflSma « cbtf'èil riconofcimeotor che fa Ore* 
fie, d'Ifigenii foa Sorella:, e l'altra aaeno artifiziofiv la quale accade 
a^-vicoiKifetrft Otèftè daHa fteflb Ifigenia ^ Ciré» la- prima r finge il 
IWta» clu eOendo Ifigenia eoftretta in^ Tauri da quella barbara gen** 
te a facrìficare iritrime umane, e volendofi liberare da u» si crudele 
efereizio t cònfegnt ad Orette non cooofciueo da lei, H quale dovevai^ 
partir per la Grafia y.um ietterà diretta a'fuoi fraceUr *, e perchè du«^ 
bita». che fé la pofia perdere nel lungo^ viaggio , die i^dst fare , però* 
ftkna.bena d'informarle dei conceoocp dleffa, acciocché almeno pof^ 
fa egli i^tialQ a boccav daU acquale ibfetimzione^ OlFefte viene ió^ 
eegntzkfne-, dse qodta d' iAgeniaf fi<» forclla»}' e quefio* modo* per ve-' 
tftài è nigcgnofiffimo; péxofad nafce AoA , coepo ddta favoTa , effendt^ 
vtaifimtte >, die IfigitiÒa. faceficqiod ^ ciie -fece ^^ 

e ddi' 

\ 



Digitized by 



Google 



tt4 ,. Del&:BgUe2?ir / I 

r ààA*iKi8k moda r cfat fi cbun* per neffUfanilic^dtet^ arri 
•ppiefi». QjpsuxD' III fecondo^ vottadc fase il I^Mia > €te Cmìì kitt 

tof^ pcìr le otulir Uceni» gli abbiti t. cndctt Mi |NriMfffele jtr ImcI^ 
te >lefo>lj'tagiom»eiodbiyPO»>WMk»4i | ! tiri^ itÉmkmh^ 
ìpafeento dall^àsbìam del Poeta^. ùnt^^ <ibt qimtky foebiid» asodd 
Meogè mtvm» meno' «•rifieibfe'^ 2K*;^L*efetDfio v* ckt v0i aitte lecaio 
q^t«ciMcdace^^aiifam>wd'iiìayvar^^ cha coamtuifio' tlci^ 
1^ »' allacehè CftvtlUiiKio^ d» tffmà^titcmtiÈ? ^f&na j^mminmi^ fcmì» 
poi cktùpio 1« laKttft,eooftgMca! da Ifig^oimad Ok^» (tmsttìànttf 
le^ che ragrtrinna oelcaftì^ d'fiiifipide^ coiaeto» bett avete'CMftic^ 
fata» Mff confiftcBettalenera» asL oeir iofermaaiMt » ete Ifigddk éi 
adi OfeftrdeUoAtenutodiefla^ Nit,^MiMiatm€kMtofà''kìM[Vt v^ 
4«ei#.^.Paaiaflwa giraluiiiiodi.. A!ii»Uterto,. tb^Mte^^tlfrioM» 
de^ficottofctaieiiù artifiziofi^,, fLappeiUpetictnUìUtoBa^ efaflS» aKw 
cM il Pierfiòaaggia». Tanf^o > oaCcolltaadp'itJUiakbe^cofo,. ft whta 
t« dc'fiioApaflatiei^»Jedicef ofa cob». mercé della MXla vieMàfta^ 
|fiafi«. U^^iaKaoiédofr ia:peifiUtogì/kio^ 

IM a* colata, che fi. i a i icoooicett 9. il fornica detooi ^atrkiolarii (tali 
fan» i cofiamiv le factezsey a fimili 1 def ìm» detti;^ e^deffuotltf» 
t» caU atgomentoychccc lo auiiitfcfta.^ It<|mto^ vinrdeifó^pcrrji» 
flaiogifmov € &(& qitaada rargonsota^. che noè fortwafno da i aà 
di cai s*i a ricpao2teiae y è jagaonavole- > ohm feodaio nel ftiia 1 ^ 
Cflocepeitt: £il(ai coitfiegiicaza ^^ e quaAa Qieair tigoecdd} v ao* |M t 
irtftwgrirayalilaaapyaCtmai»» che il leaaev e gli' (ftaiaaarli. 
cbcr aadrfld&s'iflCaÉMiio ». EgjQs^cBa qMMD^modia aioir arrì¥e a ei^ 
pialo aSKCOi. Nif.Lo capitete». afaatoaiidO' l^cfaropio ,. dc(< qfizì ft tal* 
<ii AriAocilc s. cavata daHa Tracia imicalata» ik FaUa NbniìydfUlK^ 
(^> dalla viak a nofciioiitègiiiKa^altfo >. c6e Ktìtoìcy^ Si^Oapn 
adafK^ ia^ cfla r fecondo» cbc coagbiactura ih Rìccoìmxiì: oeliÉAia Ah 
8afra& della Poetica dìAmBbt^y, cbr g|r Atnami di Peoelòpe ^ per bl*^ 
darla a coslifeendera a aao«0aoiae «.le facaflte capSoure itoaaoit: w 
tale y che ftippoab& fior dalla foa 6Datallèazacoaq)agbo' d*^ ^fìUSéy It 
aec^fle faKa aovdlar ddla morte d^ lui r e perdiè ateim»' fèit leifir 
garole » & ofltciTse di tiGoaoftat L' arco , che foleva poftat e it nuAt^ 
dEio- UliOe prima d^a pattcaia r fiecome tra malti > che glieM fin<^ 
aot recati avaati ^ flogoOc di riaooafccdo ;, da^ che aoa 0ttr PaMlapc^ 
aM^glafpec€atoMtuttrfiiMffcro»aiaeadere9. cheti Mmaao^e0^il>eior 
t^aogocneataaOBOtCosir chi rtcoaefeó rarco*d7UlfjBb è vttaNioxie 
dcMa morte éi taf: quefii lo ricoooTcc r aritanef aaso^ Nìateio r ftiK 
a» ay vifarfi v che efleodO' fiiifty il< prìmo-fiipppAbv veaita a teaderfi^ta^ 
te aachc tatto V afgpMMOta r pcithè dalla rici^teiiiotte delir*arco^ d^ 
VU(fe>. noti & pQÒii pcp oeceCncia cottfagueaza «afinrife la ifentà della 
mone deh roedafimo^ i^ Equèfio* inodo>d''at g oBHaotaae ii^pAatfole 
fi cbiaaia paralogiifno^ i^^Appantow Ei^ Or lepMare'a paetkndd 
aiaiaaeme. A]rr. Oltre a i^Kaddccri y^i oaTattfoiaodlxw di^kriiteiile 
cttauna per vcrifimiUtodiae r e toò^aclbe dirft per ladtekKlédaHko»^ 
defiaur^avola, o perdiipQiisiooev e ofdiaedrcofe ;: e ^odfe» ^imgie^ 
4i6acapd)iiug^iotc dituitigM^altri^pet^lìi fi £19^ 

lecofe» 



Digitized by 



Google 



B^ttiMòmm^ ^bfùtaepdM .AttesAifofit didiMwi iPiigiiiikHiiJtW 



b ietiQ 4eUe iMfe a^iMprir MiiiatM /ToKUa. if ^tio. 3Ht.lE'mgd é 

QOMt shhì^ ^n»m>9 ^M^kcfi «qiriYi kIcH'ÌMcmìm:* «m #tt)Mtonl« 
t^ aeiWcipHnfiifDo» ^[ladiè (ìoomk Aon doveva ftipfor «et die 4i 
irf fecetmie era 4a. tei ilfUitiei uomo tcost M^vig^ che 4per ttot 
fttécte xm^mUmm 4me» ^cowé ere Miaie MCunt m c Mtimkm^ 
Mia ^ .aveili tqttmàn alla «occe d* Bivio tfranete adatta aneadknfc 
MasiaicoiÌ4K«va4o8B>t« che vedute leoofe^gteora xidjpefioo<> 
la» che Elvio jNsatoeate «OH fi p9ieae<aivare.» inijblli «odono ftf 
or.fteflt» A lieafwiiQe ilr fBfrcio*^ Mg. Ma flMhbevbaftaKa «fiatt 'fianooo 
per te f iooooKioMora t D>% V toienép : volete vm dire fé io av^ jh 
mm aA aver fede oe^aaieidecd. JEf.AppMco.CA%to .Aimecei uU ol 
ad^eafio dt^oeAa Favola .Faftoc^rte^ ove io (emo inuodocto^ come 
Mo de*Mioitei del Tempio; mf quali 9ct4a 4oroiÌDper«aiQoei<Seo^ 
lai non amnevevalio 'boìpay od a*i|iiali ciecaawoct ^aodeaaBO : ed 
eia hen n^awjib ddUc^gmes.periawialera^Ckrflode.fi'vdMè dMT 
bdoMioi ed et iiirebè dilbitaodo.deir^Écflb» del.che voi diWéaio 
opfte t frolle aocoeiiaaie ^rindo^oo 4e rime 4pacole^ fervefiloidli^ 
h, fcf caofa «on^pkÌBcnalev ma idrameoule «ddP agnniooe:; 4Kl 
«Mi .odo mcm iSAmo wteio H v«krieiie.« AAfr^Oyefta lUliiaia flpeEÌe^ 
fétefce alcooi raooowmMovdiftiora dall' atcfCt^iioodiffieDO {per itec# 
4m^ dia ooo è diftiocat foceodo comprendecottorufle alrrett ic^wth 
iiofoi volca* che .iffariraono naice dalle nifeeie détta ifiivotat ^ 
lìBOO aiich*e#e artifeiofidSbBiet ed octiniè ; di enaoiera che fi.fNÀ 4o 
^eefta materia per omflima gcMrale aflenaace^ die r.asfeazioae o»- 
cepià è boooat qoaoco |dà fi dedoce dalla ifavola» e uolo.piè^èGà^- 
liva^ qjoaotQ'più dall' arbimot M ane del Poeiai dipeodeme^ fto^ 
(egntodo ora i^ fwiÉoipal tagiotiaiimoiOi paSerò .idf occtva ccoodìsìo* 
or MI' Epica faraHat U qaénéò^ 4te<cUa dehba^efler aietaf.» ^^oè 
icmtiiar con ine tino: t beochè AridocAe didiiari, xhc l'Epopeia' 
à ed avore le .iQede6iDcibrQie della Tiagediat 'Cioé che debbeedcre » ^ 
fcaiplicet 9 nvvilo|i|pata» o moeata^ iO patetica ; e .da ciò ifi tracco!- 
ÌH ohefo^tefsedi aocbcdi awAo nie» coemre ie è «awiliippataf la 
eeripieoiat che <oftiioìfct il vilQppO:^ mò ^«goHr temo di coTa mefta 
m jieeat ^oaoen wfti licu4o m^Qa^ o iti .paicttca't pvtdicctintà'doveà 
kbir tutta mefta^ coofi&ceido oeHonieftsaia^ *e tiel dolore ti gamico t 
CHoe per i'appuoif^^è jcgli laTubaide di Scoaio^ iioodiaeiiQ< checché 
fia di €Ì6 1 cfseodttK» per J^'uod:! -e per Taitra tane fraviaiim:Scrittort | 
io modico piàffi^pir^ r£|fpeia di 4ietOiioet pefiqodlagi|itaTdiffifflà 
nfioiie» che^doveiHio4ipi /imitare aeioai adeguate alla fxmta&eligio» 
oc t eoa» gii ,4iceimno<t t' fi parrebbe 'difcoQveaevoie ^ e ifeoooilMia 
ce4 aenoioar le favole £iaidie<dl daimo- de i Cattolici tecato \(ko da 
i oilnicidelJa ooftrafedetcoioeitesokebbe le^ià vòltCt (e rEpiehe 
£avokt che ooi teffiamot mefiamooce 4hiiA»fp : «oo difan^ovo fere 
«icUedi oKfi» fio«» ma gsa«o il g^udixia dé'Poeti Cattolici a trafccr 

glieroe 



Digitized by 



Google 



tìmoc di èli liecob come a» latto il Triffinè •» il Tdfe :^ € Uttoira^ 
LicoM-^ £ fiAlorod^cfeaipìa Ometo» iiqualeuitifetivctutoHIUadc('A 
«gli e varo , obe oeUa Ciietca Ttoiaoà iiauak tùSot pecditorU co- 
me ftitna Ucaoio ) pia «oAo volle c9&t tsendàfic > che fink colUi 
perctiu 4^*6101^ Gfeì^i, E ^olcre acct^ avendo noi facneoce ftabtltto, 
che gl'idoli dciibao ior aiarfi Del maggrar grado ddla pocfetioiie , e 
|>IM:Ucoilar«|eilie <mcft d^ gU Eroi , die ogoi vinà io eccelkiìfea do- 
ìHMk ppSfd^e v^.iemiioaQfinìo le £a?oic tmn roéftixsia f vefremmo 
« fare^^oQtca^la^ (cnttnt^ deirifteOb Ariflotile, che gli oc«iiii;tioaittii 
«09 fieno, ad^uaci fuggetti per la ped|ttsia>9 o «noanNUo di.ftaco 
Jieto..Ì0'nirQQ » ^omeTe fi caiDoienta •% o Egioa » fi difle in un de' 
paOati Ragiondmenù « £^« Ma voi nel ugioDar delia fetctnia condi- 
tiooe dìceAet» le favoje effer di due Torte 9 cioè fcnpUce , e imreo* 
€h^ta4 ^ iH^anKÌ mi pare» che inGno a qoatcca «Gabbiate nomimcei 
4ggìiiogefidevi^a morauu e Ja patetica: or*id non^tncendo ^osM co* 
ÙL • iVi/« Ben dice i e d^eva parlar di ciò » quando favellai della 
4e«iplige'^ Aiddividmdola inonorata > e patetica ; mena» Ce in effa 
prcyajefd il coflome-» farà .» flK>n più iemplice ^ ma morata ; e fo fa« 
ti tuica ripiena di meftìsia 9 diralfì patetica^ Egli è per6 vero » che 
(f ambedue qtieflc Torte di iavole 1' Epopeja non Tuoi vnkrfi ^ fe noa 

2uanco comportano {li epifod), che il fuo tnezzo cofHcttiTcooo « Ei* 
k)mpati(e la mia troppa laviditi d'imparare. Nit^ Non nunipaonti^ 
•ce> percbc godo al nHiggior Atgiio^lì fervirvi^ £f«*GiaccliÀ ract.v^- 
fo di.^mt^cosi liberale » prima di paflare air^uUima ooodisiott dtUa 
iavoiàs pormetteiemit che vi faocta una domanda , la qiude > (ebbe^ 
»f é aliena 'dal pretisnie ragionamemo; nondimeno da odo cniètoa 
ritornata a memoria -» né vorrei dimenticarmene • JNU. Cbiedeie 9^ 
re • Ei^ Aveikio voi poco fa ritoccata T opinione » che la Tragedia 
li può teflere ai di lieto» come di mefio fine« mi fono ricordata dd 
defiderio» che ò avuto in quefti giorni , di chieder nuovamente^ 
di qucfte dltia forte fia la migliore } perchè qoantnnque GeraAo acl 
xagionamofito^ cba fece» dccide0ìe aiavpr della-^eti^ia; oondimeoo» 
«ffendo lui (lato quivi più ^ofto parte iniereffatat die giodice» come 
difeniore d<ir£lviodclnoAro£nflode^ che termina felicemente, 000 
io io in tutto accliecarmi ^ e non dubitate delia ^ioflixia del fuo pa* 
rerc* laonde contentatevi ora voi di compiacermi • Nit. Per rifpoii- 
idete adeguatamento ai quefita, che voi mi fate^ e*togiieryt ogni oc* 
cafieoe di più dubitare» converrebbe iinpicgar non poco jrempo, ca- 
re moltq Qudio; e({endo«gli inirigàti0jmQ, e difficitiflGtfoo, come ri' 
conobbero il Vettori, ^il Piccoloaùni» ed altri efpoGwvi della Poetici 
4^^t40otile4 nondimeno in quella anguftia di tempo, Uro quel tan- 
aOv, che può ^ggeririni Tambiaione ^ che ò di fccvirvà » riicrbando a 
miglior tempo più difiufa^ e macurn rirpofia. Due fono itefii^urinci'' 
pali d'AriBotila, ove fi giudica del valour, e della dignità d'ambedue le 
Aiddette fpeaiodi Tragedie: .nell'io fidice,. cba le Tragedie,; kqaa- 
li terminano infelicemente , fono beUifitme , perchè ri^coaio tragi- 
chiaime,.e atcifikne ai tragici ufizj: nel!' altro ^xhe è ottima-fopra 
uitte le altre queJla Tragedia , in cui l'atto atroce iion ^fi manda a 
j^ecfiezionc^ e i:impciti(cc allora aei>omo» che dovrebbe ctoguirfi. Qr 

perché 



Digitized by 



Google 



Defla Vblgar PoelU^ DiaLVIL ttf 

^teuhi qisdti 'dne cefii fono (cqzz dubbio tra Ce contracj ; oc perav-' 
ventura v*à ftaro » o vi farà obi gli accordi in guifa » che la conerà* 
ricci affatto fi diftrugga ; pere io per darvi almooo una tilpofta 9 che 
concluda ^aldie cofa utile, ftimo seceflTario ^oofiderare la caufad- 
liale della Tragedia y si ne'teiqpi d' Aciftotile » come io quefti noflri: 
efftfidotal caufa quella» cbe come più inoportante » dee prevalerci 
ratte l*atcce. Al t^npo aduoqoe d'Ariftetilc il ine della Tragedia era 
di purgar gli animi da gli adtetti molli , ed effeminati deUa oompa^ 
fioac, e dd timore « che fi traggono dalla vifhi delle altrui nuiérìe 1 
e perche fintili affetti fono connaturali muffimamente «el popolo rot- 
WKo, per6 avvifoffi Arifiotiie di farlo con avvezzar l'occhio a vedere 
attoci /pettacoli^ la continua vifta de*quaJi hen*avoebbe potutoavvez* 
zargli a dirpregtare'il timore» e a non effer capaci di condolorfi;. Or 
ferodo quefta caufa* cerca cafaè^ che al tempo d' Ariftotile belliffi- 
rae erano le Tragedie t cbe terminane con iniferiat perchè il mefto fi* 
ae non folo^ rappre&ntando Tatrocità indotta air atto / fi Tende fiù 
efficace al tcs^ico'ufizio; ma lafcta iiiaprcffa di modo J'immagine atro- 
ce nel penficro de gli fpettatori^ che per lungo tempo veggono men- 
talmente la fpezie ocribile « colla quale partono dal teatro : x^ 
queib effetto può cagionarfi dalle Tragedie di lieto fine .; perche il 
godimento^ che gli Sterratori ricevono dal veder difturfoato» e .imp&- 
dito.refito noUerabite, s*oppone nella ter fantafia al terrose 9 .cfae v'era 
dapprima entrato^ e comechè con lo vinca affatto^ nondimeno l'ab- 
batte « e iofiefaoltfoe in guifa^ che non può più adoperare ego queMa 
i^emenza 9 che altramente facebbe ; e che per vero dtioe quefto fia il 
teitimento d'Arifiotile» fi cava dalle ftefle parole del tetto 5 ove^gli 
jiuéica in fovor^lle Tragedie di inefio fine 4 dicendo , che elleno 
fo^ belliflSme^ percltè tragicItiflSme^ e più atte ^ i tragici ufizj t^ 
di^iacando apertamente .9 che a quefta •torta dee attenerfi il I^oeta^ 
allorché imprende a fcrìver fimili poemi . Che poi egli.» quafi dimen- 
ticato di ciò 9 die innanzi aveva Àabilito » dia in altro luogo il pai- 
n»ito a quelle di lieto fine^ ciò non può oftare alla precedente ien» 
leaaai perché qoeRo (econdo giudizio vied dato da luifenza addurre 
alCBna Tagione da qualificarlo; e quella 9 diet per la fua probabilità 9 
fiirende verifimiie» -che foffe per eflere ftata.9 quando avefleegli ^vo- 
lato addurla^ cioèla foddisfazione degli fpettatori 9 i quali partono 
|ià^voketHieci 4al teatro col diletto » chexoir amarezza » ^on pacmi 
buona s parche il gufto degli afcolta»ti non dee prevalere aR'.urile 9 
cbe fi cava dalla Tragedia 9 e molta meno diflri^gerlo 9 comcfegni- 
xpbhe^ 4e a'ammetteffero per migliori le Tragedie di lieto fine; eflen- 
4bqueAe9 come ò detto» meno atte a purgar gii animi dagli affetti 
ddlacompaflipne» e del terrore; e. più toAoyCooperandoa fomentarli, 
xUf « diftnsggerli : je ciò badi per quel molti/fimo 9 che fi può Jire 
enea le Tragedie.9 ohe fi rapprelentavaoo in tempo d' AciAotiie . Ma 
n^oofiri tempii (econdo qoeU cbe a4neiie pare 9 diverfamente dee 
giodicarfi 9 ferchè il fine delta Tragedia «non è.» né può p iù effcre*, 
l'affuefar gU uomini a non compatire le miferie altrui 9 e a ^on te- 
mere di provarle in fe flefii/ difconveneado affatto un£necosiem^io 
,aA0Ì9 che iiamo Caitalici» t obbtigatiadofiervjre il Vangelo 9 con^ 
Cre/c. IJf. pyliy P^ejiés Tm. I<U l quello , 



Digitized by 



Google 



nyo ; ^ Dèh Bellezza " " 

<)ueUo^ che diftrugse^bc il ciinoc delle. pcoe,t tle'gaftighi de* fatll^^ 
e la compaffione vcrioril dioficD {voifiina ridotto a^tmiitria . Qu^ot 
che vcurafncQce paò per mio awiCÒ, e dcbbe «ffere il Ant della Tragt^ 
dk de'xKiftn tem^ ^ £ e l' affoc^arct ad operar bene col tncito della 
vifia de^^aftighi a'quaii /oggiaccfoiM» 4mcfae igcandi, < pocemi Ptinth 
^i , e Monarchi ,r fe «lai faliifcoao ; e a non cernere^ eOoodù kfMetiH 
€i, (d'ieiftcicnat condafioati, col tntZEo dciiacoafidcraztooedelfa^orei 
e deità dìFefa, che alPionocenzavienedal Ciclo. £ perchè il Protago- 
«iAa ^le ocvraie Tragedie debbe cflfeoe dì mezzana bontà *, però la 
Trasedia moderna» feiaridireccacoUiccofitc, cfacèriAefiò, chedufi 
«olnconofcfmeacodciringtoAizia deUa pcfia, dovrà fempve givdicarS 
migtiore; perchè okre al dettar flié*noftrt animi il timor del gaftigo de* 
fallii d fari confeguirc anche Taltro nule profegtmire dalla eonfide^ 
razione, che il Cielo é protettore dell^bmoccnza, e vegghta atladHe^ 
ia di c|«el4a; e per «confegiienza godtento de «li effetti d'nmbedoe le 
farti ^del AXf attuale tiot ftimiamo dirette le moderne Tragedie* B 
qtiefta confiderivsiooe per /e fola è ài ranco pefo^ cìie non folo Kflde 
migliori, < più per&cte le Tragedie di lieto fine$ ma condanna quel* 
le, die fono reflute altramente^ condoOiachè il v6deve cader la pena 
in chi, non veramente* ma to^o ^ipparencemence, n*è meritevole > o 
che egh &^ prima ^ o dopo Tefeaizione riconofciuto per tale. Tempre 
eac^ionerà negli fpetcatori, non pure amarezza, eabbominazione, ma 
diffiJenza , e disperazione , e ftarei per dire , anche Tdegno , contri 
l'iftedb Cielo: maffimamente nella plebaglia, la quale non à cosi ac* 
comodatala mente, die riconofca grinfortuoj dì qoefta vita » come 
favori del Cielo, e cagioni d'eterna felicità ', e per conreguenza affai 
più, danno f che arile i Cattolici ritrarrebbero da un Poema si*n<rf>i- 
le« e fruttuoTo» Né crediate , die non £a a noi lecito variare il fioe 
4e)la Tragedia; perchè, liccoaiefa lecito di^irto od Ariftodle , che 
lo trafpottò daireccitamento 4ell*eklio verfo i Tiratmi, nel clie inpri* 
4na conflOeva i al purgamento degli a^ti della compaflione , e d^ 
terrore ., fer ia fola ragione politica 9 che il governo monarchico é* 
Aleflfandro Magno in 906* tempi Mm pennetreva , che ù fomentai 
fìe^ popoli hi paflione delFodio verfo il Principe ; cosi, e molto pia, 
dee permetterli a lioi, il cui priiKtpale dudio confitte neirofl^rvanza 
dei Vangelo, che c'infegna operar bene , e «lon temer di pericolare, 
tosi <»peraodo. Tatto ciò i quel tanto , che per foddis^re al vofir» 
defiderio , o £gina , po(fo ora dirvi intorno al qnefko, che m'avete 
fatto, feoza Aifcir da i termini ^d parere , che diede GeraOo , il qua- 
le fu faniflimo; e forfè fi renne troppo fnccinro fieUlarlo, perMcta* 
re a mefonore di fervicvi anclic in qaefio partta»1are . &r. Vi ren- 
do inefplfcabili grazie del lavor , che m' avete ^tto ^ rtmànenéo io 
pienamente appagata « Nù. Rimettendomi ora in iftrada , e ripi- 
gliando ia fpiegazione delie oircoftanze ddla iiavola £pica ^ dicovi , 
che in ultimo luogo dia debbe effer varia ; e ha v^ieti fi ^ava dalle 
:petfone operanti , dalle cofe operate , dal ^nodo d* operarle , e dal 
modo di narrarle, cioè dalla locuzione • Dalle fttUmt opeìratkt^ 
^avarfi varietà , tttifceglieiidone di diverti coftunii , cioè àftre fot- 
•ti i altre aftute^ altre pie 9 altre generofc^, akre temerarie^ dere pi: 

gre» 



Digitized by 



Google 



Della Vqlgar PQeÌii|.Qial. VIL ^n^ 

jteé ahff etoqitfiui» e fimilt^ c^me p«r Poema «ii tucoife^ iKl.X)aQ^ 
dolo fi dcktìve la prudenza *. in. Fianca TardueTM^ itv Andronico 1% 
gentilezza» in Folco la |ìeti ^ ioi Cai^iJioii^ la l^cniecic^ ». ia Bonifa- 
zio la foltezza u«k» ecrtlapiodenza»* io^feduc L'orgoftlìo » e- final- 
mente in Batdoìno ogpi abito*. (fottima\l€ttpera4or««^ Le cpfe pperater 
debbono elTcc varie > cioc io pgnà Hbro % o caiiMr del PocoEra conte* 
Berfene parecchi^ equamofaràr magg^re la varietà» tanio maggiore^ 
itti ìt diletto» dir (eoe ritrarrà mila lezione*^ Di ciò, non cecoffcoK 
pio > perche id> voifleifo poaete ibdJisfarvt » leggendo ik Poema dk 
Laconev it^qaale nooà canto, cbe pia. cofe non oooteng^» Pcbbong» 
«ìcbc le co(e fimili variamente rapprefemarif operatr.,* e asri^nute ». 
come egli aUalti ». le morti > I daelU > e totter Ir altre cofe. » le quali 
non uiYa ». ma Tpefle voke accadono ne' Poemi ; eà aocbe C4ggtono 
fouo quefto avvertimento le deCcvizioni dtì giorno» e dellefut parti», 
delle ftagiooi », delle almi» delle vcAi». 4e* cavalli» ed ^tie fioiili w Ii% 
t& io Scaligero ftima &iudiziafi(Iimo VeirgilÌQ^:i) qsj^e^ iiek dd^rive<t 
te fpeztalmeme le tame mpi:u » xbe (cguooo oet fuo Poema » ^pipr^ 
la fa eoo divedi» modo fegi»ii:e i ed iO:di no» miqo? ^odi^Up r<tptt>^ 
toi^jM^o.Iawney ricoMftendo.iK:! Aio PomiaiU Aeffjbv^rie^i» 
iiméta ouraUte ìli Veiglirio dallo ScaKgei^ $ dappoicii^. U^^yz^k ciò» 
E|iaa » per ogni efenapio^ eèe circa ik vario modo d'opecar^^ voi de^ 
fidecaAe > Nicéforo Re di Ponto muore per cagikm di Vjeod^ertay Car 
oabò pcK al^uìi coniglio > Perinea.Reginai della Coi;fare pejr iinpriir 
taizft» Tcfigpnite^ome fr^udoleiHo» Zioolfmndo pei vilt^de'/goj 
ioUati > AkoùéSó per fedinoqe da lui Qeffo moffa* ÀrOriuo p^t^ iifs^ 
tt.airditftt;aa »: Foca per jnaocanza di fortonav GlodoviQopeif anìmofita» 
laamrare.pcc dùTgjraaia^.Lmfeuro per non poterQ difjendire »c e $iMlf^ 
fltt&te Caiìgilone per airpgaeaa- DivetA poi ascbe (bpo gli (Irumeflr 
ti>.e i iMgbi > ove^ e co'^quali le memovate morta regiioiH> » il cbf 
Boo poeo.accrefce la varietà^ Rigpacdano inoltre qjuefia condiziopp- 
gli epifodi tutti». xJic i£ meaao €o(tiuiifeQCH>> i quali » come già diOir^ 
«^evota^^^ydi&if bando » Ojimpedradfr 'A £ae dall' imprefa > lariffih 
vmodl vatis^r e'^QO ciòicEgina «.mi pare ts€m » fé «on app^ 
am ^ akneo tamo r quantq ricbiede Ja brevità del tioipo ^ favéllfiio» 
fecoodo ilmio ifcntimentoir dellaperfrcta favola y primieia «klk p^4 
di quaUci dcU' Epopeia ^ £xr Picntflltmo è ftaio il v^dr o ragioiiainear 
to • Ora rocca, a voi»^ Uranio, di fpiegar la feconda parte quMitacir 
va'» cioi itfCoftonìe . (Zr.Molto minor briga Tari la mia » Tion cotqf 
preodcndio if coflume tatve cicct^anae » e coódirioqi » .Qjjel^ w cbf 
ia coQumey giè a voi Caca palefe per la lejUooe d'Af iftorile» il; <^alf 
dire eflere un ccf to. cbo r onde s'apre %tfk maniftffa la icQlta ^ o iì^ 
rifiato^ cbe fi fa >r delle .«afc.da i pcii(iMMggii adoperami mll^ favola »^ 
« muccè4iMlk aprimet}io# e nfamieflaatone» noi vi^iwnoia ^o^nìr 
aieser delta bornia o malvagità de gli fteflS perfooiaggi.' Gli ffi|imw9ti# 
fea Ir foalcdanoiii riceve tal manifeOfazioney fonolc opere» lepavole^ 
a le une * e le altre cpi^me. infiemri^ Serva per remopio da( coftiir 
4&e.gittdiaMo dalle opere ^ il fatio H Cangiloce ^ dia «c<id(e cbiopr 
^e tt09^fa dacoMÌaia d'Andronncor datcbe oat pudkbiaDi^ lan^ 
àialita del jpedìefimo Caf^iloflei^ edck coQume giudicato dalle pc^olb 
-^.^ . li quanto 



Digitized by 



Google 



I}» Della Bélexz^ 

qaaoto àì&e Mofiferte la notte i che obblisafll a CefoeA fcr ta Sf 
£eraziofie di Sdcrcoa. ^ 

£yr n/oi/f o 4, €ke là ikiddr mi f9ffé 

Per toHfèri etiche^ mr 0r mi men^ mfinids:' . 

iVir di U tornerò y che tei ri/ce ffk ^ 

Qui nm ti rechi ; # ebe tèi mèrt9 ie esàa , 
àoXit qtiaii parole rubkatnente ci fi palefa Titnpaziemt ardire t e I» 
bravora ài\\A. E ^itatmeme delcofhime giudicato dalle opere 9 edal- 
te parole eoo giunte inficine y i feguenn rerfi cfpfioBeiiM il detfo> e il 
Atto del Re di Poma coiura Andronico •* 

Tit nen ti vAntersi » fdzxo f filone , 

Della tradits f^tridf io tei frfmtettor 

Et un tal colpo tratto^ ili dy che offonf 

Invano it CavttHep /♦ fendo eretto • 
Ì9k t quali verfi poco fofifereate > e meno geptite il Re df Pomo &> 
KìoÀrÉCo- viene. Ora ilcoftiHae quattro conìdizìont debbe avere r cioè 
«()e fin buono» convenevole ^ fimigliante» ed egnale • Citca hi beo» 
▼arie fono ropiifioni de^Comeotatopi d^Artftotile , volendoalcanr» 
che per toftume buono imenda il Maeftro l'bneftà dei ceffunie^ ed 
alcuni ahti» che la bontà confida neireceeltenea di e0o collamc»e 
buono, o reo^ che fiafi^' E perchè io TvpoaoTco ambedue qaéfte o^ 
moni probabi1i> avendo ciafcuna per fr ottime ragioni » come potet- 
te vedere net Piccplmnini' , nel fieni « nel Vrllanr » e ìa* altri; però 
io» congiugnendole infieme» dico» che t^opinioDer che la: bontipie^ 
fcritta dal Maefiro* confitta Bell'^oneftà t fioctde ne'perfpnaggi priih 
cipali» come nel procagonifta della Tragedia^ nel q<iale ì» borni do- 
vrà eflbr mediocre » e nell^'Eroe del* Poema y il qaale dovrà eflieie al 
fbmmo^ buono* ; e ht ragione- è ehiariffima » persile dovendo 9 ceoe 
abbiam detto i»el palTato ragiooamenio' r i cafidd procagootfta della 
Tragedia efiger compaOione » e terrore da gK afcoltanri^ » *ic egli è 
in fommo buono » e]Qgerà pie rollo abboroinatìone veefo tl^tormen^ 
ratoiei fé camvo»^ reo» non farà compatito r quantun^e pofla ap» 
portar iferrore Tàtrocitè deTuoi^csrfi ; e TEroe » rcfempio' del qoali 
dovrà avvak>rafcr al defiderio del meglio »- ciò non porrà inai lare»^ 
te (ite» fotMIerato- » e reo uonul y e qnindt è y «he HEro» debbe eflet 
dorato- d*ogni^ virtù»- e d'ògnv bnonr coftumcr coirne fono- Enea ^ Gò^ 
iredo » e nel Poemar del noftra Bacone » BaUuino • L'altta opinìopt 
|K)i» che per I» bontà s^menda Teccellenza- del Odfturoe , qualunque 
ti' coftume fi fia* » fi adatna a> gli altri perfonaggi : ioìpcfciocchè d 
fatta- ecocllcnna' è pii^ atta aè arrecare » non felo macaviglia r e di- 
tetto y mamiler riconoscendo noi con ciò la-brotnzza de' viz)» e la 
bellezza delle vmn aflài' niegtio »' e pià-faciimcnce , e pienanieme» 
che fé con mediocrità ci* foflero rapprefentati ; e bencfcè ciò (cmbri 
fuori del naturate , nondimeno al* Poeta Epico ben fi conviene di 
farlo» per l^bbligor» che à di rapprefemas it cofe » non come fono». 
Mia come dovrcbbono ettctc / é per vero dire » fé ambedne le dette 
•pitùòninon fi congiungono» la fentcnza d'Artftòtitc noir fi rende: 
praticabile ; mentre fé i perfopaggi della Tragedia foflbro tutti boo^ 
ali'» ed'ooeAi). non vedremmo tachax^ ficcotuelive^imot; configliAn 

feeller«:. 



Digitized by 



Google 



Della Vdgftr l>cSfkVDialVIL ^t^ 

icéttcmi , nuDxi falfi map<;biaaipù di co^giutc » adi;riafori, e limi« 
li, e oeToemi Eroici iM^^pi^empIt tipiiiecarj 9 iocomMiemi , e mal- 
y4gi; e-Zc^p^^^-frfliaiiiafiiftìl'fi^qFltenM c^ftume fi ticfaicdcf- 

fri c'farpbbc, ceuiX^ tnnp jQir?8c4c,^ ^fH^ncio (af^ece» ipcr ia Trar 
^dia ancbe ^a Caputalo uooio ^ ^d uno Tcel^^i^acifl^Rio par rfi^ope^ 
141, pur(;hè la loro facuitàx e /celler^gjoe tocpaderp il. Caratilo • Ve- 
jn^p AdpSo ^*^Qàpio: aql Poema di Lacooe , baoDO « coaeOaal 
femtno 4 ^alcittino Eroe di quello t defcriveodaufio, geacroTo, fouo^ 
(Ulj£eme.r.H)d^(edfo,.cleaiciH&9,SÌuflù)y libera)e« magnaaimo^ (aggio ^ 
qoàantc> roipporato^ ed ia fomma cipteoo d>gQi. virtù j « buon co^ 
fitifi^» cop)^ di^U^ lezione jdelPoctqappaòxicQnQrcacc» idi modo che 
fo^lapfM^irce lai^ra i^eji.cicirErqe ^^ Soiiuy^poio^QiEvaci io ieccd* 
lenza i cp(|iuBÌ.-pcgli al^i ppr(onaggi ., .^ra3^aft4ofi^i4Qlo ì, ^c idea di 
(iafciuio^ come. Aodrooico i m eccellenza idea di cav^iere « tutto 
gqitilc, tmtf^ ^^rqCa.9 a uiuo guardingo di non fare ^zicme inde- 
gì^j, che «fugge più V9lte di fare imprfla» pec 000 (WDxaao.iQ fao^ 
y^ qivilc; e >t^queUf^, n^la quale uccide il \<c^ di^^ofuo^, ù cooducfi 
per ucctllica,; CjOotjdifflf»o.dpao il fat^o^ d'av.erlpferipfi jjcnte: &>• 
jùmìff^f. a,! foixuQo gf^pfo« nj^andolo al foomio (aggìp*. Blapcoal 
fw^<^jbwvot:;?Trigio«jite al foiiuno rccucra;o., Vp^q^ al [ommo^ 
9» Af cura al -Tcvarao icddc^ Madxuiia al fomo^ rol^aote^, , il Lafcact 
^MOfmo feroce 9 eCangilaaealiocutno beftiale •* L' idolo .del ()iial0iadvt 
V^ipqùcAivetO,, e fpr«avij>er esempio di tutti ^ialulf 

^'ii^'fiiì^ di fituiurfkfTA fi tKen4c. :. , .*. . ; 

^ ,1. M4t.4ptn 9 im 3rp9mz^^i%jC^rf0.fipU€Ì , . • . '. 



Digitized by 



Google 



i>4 DdUBcltaai 

Ni fini h rUkn « /#X4 il ritdrdé^ 
Chi'l tutto ^n riiiMi ^ ^ffif^d ^ & éffÀà^ 
La feconda ceadixioiie del coftume i la eowmffTc\tax \ cloi die 
il coAume non & collochi in fcrfonar» n cui fi tMcdoveoga « Qpdb 
condizione fi coofideta fpeziabneAte ineineci ^ tiel feflb » nello ftato^ 
e neirnftnos icnpcrdocduè quanto atFetà » <itverfi fono i coflmni òi 
faneinMi» de'giovanis de'cobafti^ % de*vecchi \ quanto al fe0b « xsaà^ 
fi coftumi fi conv^cAgono agli uominit ctie fi dtfconveogonoaile don- 
ne : incorno aUo «Rato » ì ricclii ^ e i poveri anno còftumi diucO^ 
ficcome 4 jpro(]peri « e ^ li sfortunati , i nobili 9 e i plebei s e circa f 
ufizio^ tra il Xe 9 e it Suddito, il Capitano» e il Soldacd , il Padro^ 
ne ^ « il S#rM tion v'é convenevolezza di coftiMc « I giovani fona 
defidenf j^-aoimoii, violenti, impazieiKi, arditi > incanti , mutabili 
negli -affetti, e imemperatt nette paflSontr airincontto i vecdii poco 
deuderaoo , fticilcnente paventano , e tardi ibno , e flecnmatìct , e 
gnardtngiii V fono £srmi ne' pifopofiti » e faggi , ed autorevoli : me i 
robufti , cioè quei 4*t€i virile ^ per riq)p«Bto tra il mezzo 4e i gip*» 
vani 9 « de jl vaccbj camminano « Siavi d'efempio per r^eti giovanile 
ci^, jofae fi tt^ra di Volco^ nel canto trentafeefhno^^ilelt'Inq^crfo TeSi 
^ate^ ove ^gN fi deforive in ducHò col Re della Taurtca^ in ifiato 
di morte per la Viotéfiza 4eiraroore , che pORava ad Eudoffa « e fi- 
ffalmeate f refo dai nilovo amore di Sclerena ; e qoivi rifcontrau a 
parte a parte- i coAoaU cucti , clic al giovane fi aEmvengoiio . Per f, 
età fenile potreoio valerci d*Ugone dome d*Ai»efia, cbe nel diflfoi^ 
dece rimprefa della vendicatiour^ adopeta Muimé «on tutti i cofta^ 
mi deVeccbi; e per La ^virilitì !^ fatti di Bonimio fdno accoociflScm* 
Ma non però a tutti i feffi, éi^adi, a nflz) il converranno gli fieffi 
coftumi alegnati all'età (uddetra ; imperdoMud iegiovam^mie ^ 
no timide^ pufillanimi 9 creduk 9 più feràae negli almi ^ cbc i gio- 
vani uomini , e più caute nel celar le pafBoni ; ficcome per locoo» 
trajrio le vecchie donne co*vecchi uomini non convengono ne* coftu* 
mi, eOenéo ^[uetle coUerlche , violenti 9 incaute 9 incredtilè> tnqpah 
denti, e maliziofe^ t le inezzanemefio temonib, |riù aldifeono, tsak 
caute, e più fagtffi fono 9 che le gitivani , < men coleriche', e vio- 
ienti , e pitt caute , e ^rudemt » che levec^te : maquamo difcon- 
vengano si fatti coQumi da quei de* mezzaifi liooiAkii 9 ficileod è 
aiconofcerlo* Diverfi altresì, come abbiam tietco ,' fotio i coftumide* 
Nobili, de'Grandi, de*profperi, e de* ricchi , da etnei degl' ignobili, 
deprivati ^ de^niiferàbtli, e deVòvtri ; ptriochè il Poeta dee nel def- 
crivere i coftumi camminar con fomma confiderazionè 9 e riguardar 
bene quel 9 che fi convenga a, i perfonaggÌ9 che {prende ad imitare^ co- 
me à fatto Lacone \ e voi , £gina % potrete càtaSchrvene 9 oon foto 
pct gli efcmpi tefiè recati; mi, cdHa le^pMedd/tó. Poema : non fi 
parendo ttxx^o opportuno, oggtqnai di fair tninuce oflTertatiotMdeVao* 
ti>, e si varj cofiumi, che per quello fi leggono fpatfi* Laterza con- 
dizione del coftume i^la fomiglìanza ,. Ancbr fopra di ciò neirioter- 
pretazione <ÌtLteÌkrd'Afiftotilc v*à di molte opinióni; maio, fegui* 
tando il Piccotomini 9 e il Robercefli , folio di parere, c!hé4a flinigliaosa 
r jgqardi folamentc le pcrfone , i coftucni deM^^nali dAiattti imiftbzi a noi 
v/- •* * i • i,\ .j \ , fi^no 



Digitized by 



Google 



Della VofearFoidkDiaLVire 1^5 

feoo ftati defchtri) e che talicoftowi a noi non fia lecito di variai 
ie> facenday ptjfcàglbn: d'eÌ%nÌpMÌ » jtUhtlTcoiaecfole's QfeSe lieto y 
Ulifle balCEdov (^oa^toi^cci Autori ce Ir defcciMmot ilpciruo iracon^ 
dò» VtìttQf nudiircoaica >it itvwo aftitto«« Coirifteflò p^ere fi è uni- 
lormato il soffio ^^^bìpe y;pfr qi^llo». che s^afp^tra aN'ìlRoriay aveo^ 
da ffapprefeotati fiatdulho ;Jonuazio >. it bandolo «Folca y Bafilaga 
co gU flcffi cofiomf y de'iiu^ pev mea^» i^H'UU>ci%a^Ì2Mno'nDrisìf^ 
la 4|Mtt9 coodttione finUarme è r^gaalità y e« quella rigua^a i 
perfbotggir che noVeUainMte noi ii^toducMmo qk'oqP^ì Poemi y.j» 
ciafcanaxle i qnaii dobbkun nor skStptóc iì fuo^ coftomr r ^ qpittto» 
comtflixure' ta.ititte le foe azipni: 41 mQdgcbetanfiracoB^Qv fia: feoH 
pre mcondo y otr feroce y Tempre feroce y ut» wnido' y'ienpre timi-^ 
do . Gli ^fenipj di ciò' iriitti del Poeo^ di Lacone y^ijà ve g\^ ò re-^ 
€M ìò favenandoddlai temi àtV coAonie y ovi^diOi y:c&e^ i^Otuni 
dovevano eflet tali y ^lie ^e^^ idpèo' i(el< pèrfoowsro ; r l'idola 
non può^ mai fiSrinarfi feiiza rcgui^ttàrV.Cgljr'<S^^ però vero y clie fé co- 
llina £ui iacoftante nei 'coAutéps^nondòvrein giudicare poca accora- 
to li Poetai ognivolfacbè nel: Poei 
«oftante-f memre io efla Tklola de 
zi evvi y ctir ftima: y che per queffii 
ftiiuasiente Ariftòtile aimeveiata 

siy il quale cosi giudica k^ldovep; .^ 

■e dei fioùlè abbracci anche le pei 
Ila qpBaorttnq^e it Maeira prefeii 

tovàsey r^non» ùaì fonata ilf Foera < 

yerrtotirirf Tiftafla Maeftra dice „ i 
tt marne y e pnji ben hiBf feazs i 
ar gnenittór y copr nel Poeoi^ di 
nar i «Mcbii mdiaiffiim y con/e ii 
ripngsano^ id ftataìrat coftume ^hiti 

conviene al Pbetat nlare grande, «wrcrcensar y e con ftxnma giudifl^io 
componrcy per aoa inconrere neHar taccia di poca confidbeaca» come 
di lacile potrebbe accaén^H • £t^ Nìtila » già Uianio à fornita il 
filo ragìodarcy benfìo me nfaifve^gio. Or;. Vói vi ficee appofta ^ JVit^. 
Segìi k fomitoà* io Toftpeomo a ripigliarlq .. £f. Noi vuole il dolere y 
a:«eiida unra rima y qiuasKa Talcia di voi cagiooata abbaftaasa io 
qaefta gioraaray té qualis 0» per mancare y e però domane pfcendèia»r 
no y come dicecmna» ie voAre veci (s ) Licoy e ( j > Nedifto y per Ca> if^#a fU 
ctepiere ti ragiooamtncaloprai IfEpòpeìa » . KfftrBmtmmwm' 

7b) Jf cit 

Wkmffw 



UFh»M IMdo^Q Scttim^ 



l 4 DEtLA 

Google 



Digitized by ' 



';■ DELLA' 'fiELLEZZÀ'- 

■ DELLA VÒ 1,0 A P. 

PO E SI 

::: dia l ó g o ó tt avOì 

. Si eontHiua^y e .fi tefCBiaa. la materia delT 
^ • antecedente, fecónda l'or4itìe ; 

/ in effoifafeitttb^ , ' 



'^ 




-i 



YiMrofi o MgioBatDrnio termina eoi tìt ^kgatioDf 

bime 9 cl^ è la ftconda^ patte qulmrin 

3peia -Or-vm, lieo ptéftgctirc latteiia; e 

iiAo avrà >l pefe derhuguofTET e email ri^ 

e oiflierjyefciiM» Hofdine ftaMlitb n^irifteflb 

_ amcmo ,/iku:kè farrnn' gkioti al fme . IiVv 

las (cBicmSi ìbììwo yìOTì et ^^chrt^jiidi»io' d'abiti inieHtfckualr» per lo 

qualofi 'modraiCÌò V che fì;.afab]?a€cm*, ofi rifiuta^:, io in •panico* 

hre.vo in-uniffeirale) e diff^rirccdil coRume , perchè il coftuicte.è 

indizio d-'ai^tb morali i ; e vi unita colia .locuzione i non potendoff 

temere per •azioni ^ ofegni, come H caAiune/ ma non però fialie- 

■à daè coftuine'v» an£i: peti la jfiiù con eflò^xfco conj^noa^ te Icf €0» 

Asma » in jie 4iiu)di ir poò oHa fntenivro t ad pnmorfi dke femeo» 

.^ v.->/'. 'n:zaflvaUnu^ cosipcstq > che efjpFimiamo; noifccoodcyfiMrmiant fentei» 

•^^ «) * ' Vza, quando approviamo , o.ri&aciàttooiqUsuttroola: nei terzo fepteiv 

^ze fono quei detti Ainiverfili >'clie altramente appelliamo dogmi» o 

'^' . afliomi.;. e , fecondo il Bcfii > il Tuo iifìzio è di cfprimere adeguata- 

^ . '»eme , e convcnevolm^ie i ffntimcqti dcirapirrw » di modo che 

IO eflfa l>nimo«itl||^v,Ì<cO<l pffDtVaiJbclicÀilriU^ meme^^ 

Quefta parte annovera ancb'effa le fue condizioni: e in prima la feD- 

tenza debbe eflfer vera > ne contener falfità di dottrine r di fcienze^ 

d'iftorie , di favole y o d'altri fuoi fondamenti; imperctocdiè /e fa- 

rà falfa , non potrà partorire alcuno di quegli efietri , per li quali fi 

pronunzia, cioè dimoftrare , confierinare , fciogliere, confutare , di* 

AÌi^uire^ ingrandire > uiuov^rc ^e funiii.; non effendo il hUo atta a 

- * ' ' perfuar 






Digitized by 



Google 



Defla Volgati Ebefia.. IDiaL VIIL i j^ 

poffoùlcfer lo^ftcocbbkioga debbc effctcMtocdt, dod fibn difcot^ 
dance dol «oftome'> ed atioca^arfMie 'difeontaotev qtiendcp atcrp df^ 
ccfscr altco^ face^ cdlu>r che la iemeiiza' pvoiNntóia; OY«iroqmnd0 
fi facefse prununziace ad* una donna >. verbigrazta^^o ad un giovaneik 
t^kmuMOL.f tediai d> eT4axiamra>- o onuica: il^ che direbbefi anche 
fallo di' poca convenevolezza. Difcordanza ancor fi oommeaev all0c« 
clic & varia dopo la diditacaKÌóoe dtkVpwcfè fopra alcunìa colia » che 
abbia più opinioni; perché fé e alano dir e ,< che Adùl^eèda JLarifsay 
che Omero è da Smiroaroon può dir poi, die ^uè^Hv è di Fcia» 
nfuefii ék^Coet^ benclic vi fietia ambedue Je opiniom.» Ma perphS 
iotruovo, che alle volte Poeti graviifimi'ri fono/'yaluvi* d^ambe teopi* 
nioni in si fatti cafi, 'eomefpc3Ìalmetotes\ifieivaviii Vergilio>.che ta* 
hva^chiama Acbrrie LaFÌffeo, e talora FDia, perciò giudico, die tal 
vaciazione syoty & Fccln a Mìor o>Ati riftretco il fallo nel fola caib<,. 
file il ^Dcia icopcidì^ il fida parere in. aianui^ófa^di rigpaidb:^. vnrbf 
grazi* dogmatica ; e non fi ftenda alle cofe accidentali > ed'ornamoiv 
tO) come fono gli a^gianti^o epitetiv «cofet Amili • 'Si ndriede al-' 
utd ndla fentenza ti decoro, e ìsl nobiltà a mibtfa de^'pérlònaggi y, 
che s* imitano : perloché molto male àwifoffi per mio giudizio il Csk 
flelve^ro, quando diffcy che- la fentenza doveva efler popolare'. Egli è 
bea vero» chcr fé non popolare^ à ad edere ioteHigibtie, «a la faci- 
klotelligenza non ledovKt toglier la nobiltà: torendcndo io^perde» 
coro^ e per nobiltà, la manieùr roigUoae, nella quale po^ebbÀ patlare 
ciafcun perfonaggio r che s'imitLIaquano* luogo vi&ricetcalafof- 
ficiènea» non dolendo eflbt là fentenza nlpotféfz^ né foprabjbòndaàfr 
te, ma contenere in fé quel tanto, che le fa di mefiieri»*per la qua! 
cofa fu dal Batifii il» queQo pcopofito notala il Fetórcà di mancasi 
za in quel paflqv 1. 

iJcroy U perle j e $ fier vermiiSy e Bidnchhr 

Che 7 vern^ d^vrid /nr ian^idi , e ficchi , 

Son fer me mcerèif # v d k ni fi Jkechi y 

Ch'io frot^ fer U fetto^ t per tè fiantl^ ^ 
nnocaodo fecondo lui alt'orove alle perle lacorriipondeoza, cfat^K 
■DÌ fiorire rerbe co gli Aeecbi velcsnofi. Ma con pace del Batifti 
e^non cammina tal nota, mentre per la figura filleflr, a deprezzo di 
iDOppo dfligfiizay che vogliam dire^- della- quale in quel paffo fi JvaUb 
il Pectttrca y il cralaCcianKsto è be» fatto*,- ed à lodevole > eoo»' egli à 
|Bdevole;qttelKalsKy.dei;snedefimo Stettarca^ ^ • i 

ed in quiU /pine . u 

Colfi le refcy e ìm-^m pi/igie^le Imnt^ , *. . 
recato- àeit Tada per efipoipio di detta* figura , ove il verbo eelfe rv- 
Q)onde anche alle brine, benché propriamente fi convenga alle fole 
refe. Efinalmeìite in quintóioco debbè la ien€enza^ efler nuoVa, cioè 
propina 4eU- Alitare,, che la formai ernafcer dalla coTa flefla r àe;\\± 
quale fi ragiona, come é quella dogmatica di L^one» ^ ^ ^ 

Vird ieNtécenzA-^di^ ceipA^ami^ 

e quell'altra. 

DifiarHd dtlk leghe i^mìo vetwit. ^ 

t mille altcerpaiftfcl ìmo Poema^ nd; cb&è fiato Laeoae acjFurMJTf^ 

fimo;. 



Digitized by 



Google 



9%Z D^BH&^ ^'- : 

itroo; e riccbiflTmO' di novità & e dioioftcato., Ifb af vertice» Ej^i; 
che rinvoi^roe altrui non è vìcotto». ficcome aa Ima Vergilia» ìL 
Taflbv e ciACeaa' altro», ogpmàtnchà irrifiztofamcmc E ceUr il fimo ^ 
a d rcndai propria». tiSmnsakàoty, a miJKliotaodp^ I* ktuemtc iovoiau » 
come fovcnte a fauo Lacooe», ed ia particolare là^ ove dcfoiicad» 
rAifan» di Briolafto „ dice ,. 

Che beviftda taÌ0r téUv^^ i€Ut0> 

'De U \Tm^ nstU fciiUà cùL fifte^ 
il qual fentiaKDiO' è tcaKo da. quel di Stazio* ari ptsmo^ delle Selve > 
ove del Cavallo di Marte & dice v 

•.•••• ••. ingfmti tt4féUif Snymmt^if fUtu ^ 

fr non. poca migliorato», per l'epiceto di gelato ^, che ft^dà al fitune» 
imcorcbè l'epiteto d'immeofo^ dato al &d»> daSraxia qpialifichi> e 
fiiccia affai fpiccare.r iperbole •. E4 anche là », dove nel omco iefe 
dice.. 

Siceemr émviètBf tfd. hfimweis' tmmé > 

QvtilficrùlAmjfnfià^ffeme. 

Di Oli finii i rtigidir e ic g/rémdmms 

Tlrmféiìfi fibék frejfù: mt rùtcbia/ù 0rmenH t 

Gode fét di mirsr L^errids fiìrms 

Del CMpa^ di' cui frims eUe ffmfau^y 

£ delle fkuci ree jàdmeff^U eMnm% ' 

MUeMcemle le i^tmU XÀiemi-^ 
2t quali paffo t tolto pacimoite da Sraz»nel nono flbco* detlai Tebai* 
de 

Sic ubk MàMTA dik fe^Mtur twrta Lem u m^^ 

Quem gregter claufique irege^ vi^Uni^emépfirft, 

Pdftertm Uffét eUieUMvere cekerets^ 

Gdudit 4i€r:.méigoe/uke9attclnmererCei^Ì9^ 

I^réuepfuntqut JHMJ^^ immmmw^e et a veeltidMi^» 

Damnéiqne cetmmeweePMt •. ^^^. ^ 
amcon^ non^ leggitatiiiij^iof amento», per eficcr ffiara. da. leeone tolts 
viaiqpella. 0rappaca di-^i». che à alquanto^deL CaocioUefico} (è pare 
le- parole gnecergimtqke /ir^4/». non^ fi. (jpiéi^Uaecoi per ghetmire la già» 
ba». e aiterarla' eoa forza», per ppi ipalaoeare al Lione 1% bocca ; cA 
anche con; non piccolo accre(cimenK> v come apcrcameiu'e fi vede : e 
fiialmente là », ove nei cania feconda dice della, nave di VicaleCai^ 
^lo*. 

Settet-lei far^ebefiiàjej^eilfmetr^ 

Gli fydSLtiemtieeido^dM. CetfùJUJ tendi ^ 

E:€hediivett$iff9feU$0flmffi' 

M Ciel: cmtie fm veUnmnqjf^ t*ffl* 
Kiiqaah fenteoza. ancb*c(sa: a. Scazìa è involata» die dHie nef priin» 
dciriWlùIIcidc^ 

• . ^ • . ip/im fiem fi^fihs éeqnee^ 

Deficit t & tetes cenfimtme cstrisfa vemes\, 
tiùn (eaza però V avvcttenza di temperar. P acdkezsai dtll^ìipfifcole eoK 
leiba ^e^^ e colK efgreflione della, viftttà deUa wve ^ Ma degni 

dipa^^ 



Digitized by 



\dby Google 



Dèh YiilffiX Todtt. DiaLVUL 339 

4ipttttC(dftc ^ottfidtfraii— e ifaoo Aoc ^^ » ch'egli a toki al TaOb 
iielU OcmTalenme 4EM tnAmiglionuBnmat che qod :grati Boera V cf 
vivielTe, eVty ameme ^dtf'^vpefebe yadO;> 3t j>riaio lì tniovtnel canto 
^BìmiH t>ve it Sigoer 4ì JMaoaca ^coisfacniii'i'qoi 4|glitioU ad oppò^fl 
al forare del Re de Pomo^ 

F#;^/i (ri iiVr4 ) vklg4r€ i qt^lFmnri^ 

Si qiiefi0 Riferii m4njmfftr$muf€ 9 

SéUvitZA aI Csmifi^ 'ig^mris s mi tu sfkmt 

B ghri4$4l^iè*^fitm$ìi^j9AméBgi'r99 

Siméù$,tiriiéim^imfu li ^fMtri9 0rintt 

AùmitiMJilzj>Mm dàji tétì^érmi.ifirmfst 

Ot^mw9Mir^c9rts4Mti4inttM. 
Udire il Tafla^«chc in parlando ;de'^gtiooU.tltIitriilOittts>ttSnt coli 
SotÌBiaooy dice* 

£d ieciiAH dui jànrm ifimfU 

Jlgmji»4no4U fdnguiti u fkrr^jè tiri^ 

Dice igli Imn : sHdidmkitipi qmWmfié 

Figgimi n^fkzgiH9i in/iffiriinn 

JVi fi4 ritardi U fémpUmfifimMh^ 

eh" ii fé di gli Mtri^ im vii XmjMi ér4k%^ 

Pire chi qudh^^fylÌ9'9 vitamurf^ 

Cui MiH éuUnti éUcuH fMffiUi mrmn^ 
Il fecondo fta nel ^Tediceliinó caiRO>» ofe di .Focsfiidiee^' 
' Gim^givii chi gidi Tauri d0fivé$sMfki 

Da i Franchi -imai jfaaan ffdn iifffift 

£fiendarMfifv^aÌriafi/nffma/^ 

Ni n/fingum^ ni Jefiimaa tififi^ 

D*na arridar {eh* errar mi^fiÉiJimUi 

A veta filiali nd^/iffifi) 

Prefa la hrigtia in man,^ ^fif^amfalfay 

Ed igli fil arilti mmieiì^dta* ' > . 
illaib ad canto nIfiiiiotfavetkndotIr'SdIiinttOétfice. * 
Oimgs in eamfognaftifidàj^verikigliaf 

Chi d^era in erafia di/4ngtmmidisgia§ 

Si chi il ngnù difèorumnai frmi^ia^ 

Cb'itn i erh^/imij^iga^ i'f^Hgfia. 

Vidi m dtfjhiir,^ chi^DWMndfne figlia " 

SiutArettvrftrdfevrfiipèirMgrigpa^. 

Gli getta al finn 4a mant i-t V vea rderfi 

Af intèndi fremii te f^^ ft^^ ^' cerfi^ 
Ma fopta il torto ^n6bilflBme fono nel Pocnia A\ Xieooe «quelle feftt 
"tenze^ che abbiam idetto.^biafflacfi4otitti »«o'^qoali «t'4ncoimocia 
ciafcon canto* £ì^Ob appunto io defiMcava^Tapeffe» dlieoo buona 
cofa tali incomindamenti : parendomi , <be i tLatini ne ^no^privi » e 
tra i ToTcani -il TrìOmo, e il Taflb^ i£^. Ellai'&ibuona nettamente » 
almeno perchè ìnxOi il Poei!ir.4lmoft!9^e>^ftelib^'« i;rad'CQift^ » e 
i AncimMeì <lttl*a«bibiiriio (^i^^c(ii.^lrr««eif(iMssatd adegui tare i 
<#«mi de'perToiiaggtY che iocrodoce^ £d 4in»ro^ «raifl> E^na; fie 

foi 



Digitized by 



Google 



i4^ .IL /; ''T>éSk;sm^^r -i.'/i 

voi DOtt tonoraeftc L^conti, .e; ooo vi ytta:^bc M VHFO ijir«l|D:jd«lb 
IcnicntCy che egli ftptiiìt^ mc^^inmitoHztiffm^iih 9;^c6.tifintfi 
dotato 4i rtinti ^quegli abiei«. che (i irichttggMP «H^UA bmffXnil^lie* 
«e> £^ ^![o0 jv'fL .dulitN» < ^'ff^Qicre a^xinè: il Maa^EMÌ. oejlf .OifrMcl? 
la Commedia di Dante non por loda i*ArtQÌter^AeU!cflprfiEyii(9^0^.fli 4 
fatti ptincipj, ma lo difende dalla cenfura di Bulgarini>*^coy«i34opÌ6- 
ni(fìaiamence efler non folo peoncifó^ au in ii» ccrtp nip^O^f refcric- 
to a' Poeti d* interporre alle vatUc il .propiio' guidili? •coll'atffprità d' 
Ariftotile^ e coir^ofeoipio dtOm^io^ AOfti^f9U^c v«ikfe iMPÌpapitoli 
quarantefiroo fecondo ^.^qoacaoiefioiMefSOt bk poo, fvM^n^to, del 
quarfo Ubro della parte ^ccoQdt.\J^<ftQr.iicofaguì^ 
adunque, o fentimea(a^i^il«8«i&^ dbe (la*. à*d4,qttaitfi^:fp|p(ie. Al- 
tre fì dicono fentenze di cofe.già ^apuACi ^ isoiiofcàftie^ ^office qoel- 
ten^ Poema ^ -di: cui <^vcUiamo>. - . ^ " ( V » ' 
Il Ci ci di rado i mghittofi diutàm ^ . : . i ^ ■/ : 

Altre fentenze fono di cofe> cIìe^ubii|icpaBU«$*4QUO(k»o.i,e/wcc^^ 
dure* come quella ncHUAeffcu^^ ' \ t , ì . j ^ .:, / 

DifcardiM dille leghi ^U.permtu^ - 
•o quel lai tra* ; vu ^ .. :• -. v. \ 

Che fii* publici erroi^i^^/fmmififii - 1 \» • . 

Nen i iPicofidHftj^rit Zforim'séii^glio» . t- 
iVItte fono di cofe^ che ^•bifogno 4i,ptUovatiO dà aino^ità^ clie di 
ipruova à vigore : tal' è quella MNtll-iftefo ^oepa^- ^ . . > 

J>ijpcil.t(ffy,èitmrìim0nffeiui^: - - ^^ , > • ^: - .•., .;: J 
eh' ubbidiifnA fiii.fimzM' ù§^eit$X'. -...».,' , .u.\, ' 
Che {echi fat$ CHkft[tmi4$m^'4mi. . %v i^ : .\ * v; 
lyntU cernirne y e dkeemmwmfé^v - . • ,•> ' -' V 
£ metti quei di si définièx metiei^ • ». . >. . , ^ ^^ 
Che leghi irà$itndint% ^ nmmn^^ . , . ^ . . . ^^ 

(C <iueiraltra. ,' '.,••.•'. 

• . * • ^ 4«wr r«i^ *Ma^ :-.,-•' - . \ \ 

Che figlie è l'uno , indfÀ^m4ggier 4^é§Mm *. .. . i 
Df /4 wgtméir^piCdUeriii^à'nféi^^. /n u-tur^ : . . /l .i 
Jinteniù U fd j ^he ^mt memenea Jk^Ì^ 



,1 -^ 



X:he fé gli éffxieirdil grmJtJmperii U frnta^ 

La nave^ che tnÀeafi un mondi ékffr'effi > . 

Anmfeirfrafjiinif^un"Ej^%ii/em ^ . : ■ 

tiena qnak la praov^^^c J? aucoriti isfieme Gieggona^ C^lmem 

altre ^'appellano fentenu dicofe bifii^iiofedi piug4^a,aql|l«0Qntrappo- 

£zione del confutamétH^^toil i:(te-4>ei:«io pi« c'off^vsi Jieiiccofe , clic 

fi difpQtano ^ comé.oe' cqafi^ di CMfCfa^ c^i^ pgpi »alir9r cafo di 

wiai(Moni<^ r«(M»pioft^glirfek> M \m»^\^ fcimo^aiicp» ow^^ 

f4W ,jC^figUattdo^il^dcirMM0lo.4all^^pu(a^ xiiw tra Va^ì^^^\ 

^n-'. ^Até^ tfj cm^\f: viltà ed C^-^iffo ,.. ^ . . ^ 

: \vSiver<éiaJ'4^^^ Q4tp4Ùnf f4ir^jtimAn' - 
<. . :ì,ÀÌjitlhek9 Iht^e i 4i\meM^m i -. ^*'n--^'\ ir- . /i i. . 
rj , i :v-J^fC¥ i\^rMfiét0* efimtì^ li ù'.^ ^ o.'- ; ^ on'-.i. t:. 

i«Ha <ia^v femempif: ièfi»Q«df»oiil Cooii^ ^i Fit»Asén'\tà <lflH:Cwi(Mi 

Ci' 



Digitized by 



Google 



Della Vol^ Podk. PiaLVUL 141 

Clf^^ Pimfnn^i trefi^ e ita mhff$ir^p 

JW 4»l/» ^yefèh M del i configli intoff^ 
e la q«ie'veffir x^'^^ Alco(affo còoiigl^ l'efercijo a t^affaffc il 

i^#r iìf^tìrfi délU pdtridfirs^ 

Jhmn/erioiz^ it emtfiglèarfi f^ ^ 

Até. ftit umarvi d0f9 hmiù 4ffi§ld0 

Atm uHfigHéirJi h vi€ màuji^^mifiglhm 
Oi voi 9 EgtM» ^«MdeN!ie.^ance siucHzioro fia ffato^LaCcm «di 
feffinif le fenreosett vcAeaMe. d«Ue a^ccflarie coiulizioair cwic ap^ 
panCc&y no» fokxki igià dtcti ciÌNBpi^ ma daceoco «.e fcnie alili 
ifarfi pe^ Poema ^ e Ntdifto pro£rgui(c9 a ragiooara àt\\» mana |^ai« 
te di qualità r cftsdoiDi ia già daM^a-ce»a dUbrìgaio..iVM£ Che co£» 
fia t^auKfoae, e quanro adoptcif no» fa di aitftiori i cliè io xì^^ 
tUvAm cofe ty^mm^'r iiccomè «it mciK) £a di ooiefltcfi pallai delle 
fcoM 1^ a caracierr ddHa Jocnstiona^ ter^ìoc€;bè di e& luagaiBcmc fi 
i fovcllato ar*pafftfi B^yieciaiMiHi ; td anche i ftatogii flabilica 
<|0afe ftìle ad uoseampotiimenio fia cootacavolay quale ad u»' alerei 
pcrlociiè » cralafiSiaBdo pariaiesta ìt Taeiilìme dirpiicfy fé rEpopeian* 
(bregiga locuaieoe inecrìca, e (% ne' Tofcaoi Poemi Eroici debba ella 
cflere dì mètfo legato eoa tìvati oelcbe» aon feiiza feandaloy leggo» 
fm» cbe ceogoao opiinooe Mgaùvai aaderJk CnoplìcenieDce (Ocean- 
ia qael lauto > cba fiknecà pvopfio deirjEpopeia in ordine alla loca- 
xiaiie» ed akana toh di rjgaarda fin ani non toccata r E primiffa* 
ncnoe io- fono- del parere d' Uranio » che la fora»a»^ idea fignoreg- 
liance dcH'epc^a-ua la Aiblime. Ma-perchè iotorao- • ciò Nicilo è 
4*dfye^otfetì€ÌBientOr ceiti'egli dichiarò nel patTàto Ragionamenre-^. 
ycrò-far4 ben? r che io* qui prendeoda le veci def medefioio Uranio , 
liferiica la ragioni y che mi muovono a tener la Tentenzay cheiatea- 
goveipcr confegoaoza a iion appagasmi deir idea (celta da Lacone 
fel (aòfPoem^ai la quale è la moderata.* Io giudico adooque» che al^ 
y Epopeia &ooavei|ga k> ftil Aiblune col paur d- Ariftoiile , ij gnale^ 
febbóia^ naa la dice (velatamente» aondimeno dalla Tua Poetica <i 
cavano tali confetture r die equivagliono ad una cfiiarar e letcecat 
(tatteza • E primieramente nel capitolo* ventefimo iecondo e' dice y^ 
che all^Epopeia è dovuto il ver£o Eroico, come quello , cbe i fopra 
egn'ahra (onoro^ gi^de, e magnifico» ricevendo in fé la. diverfitàda"^ 
litiguaggift e le tcaslazioni, e le metafore y^ dalle quali vico- cofticuiio* 
«Higgioca^di tutti*' Se adunque l'^imitazione dcU'Epopeta èia pia Aa- 
btiaie àA oatte l' altrey e però deve ufare il verfo eroico», che e il piÀ 
ArnofOr é ii più grande y come vorremo dire r che parifnetue nondeb^ 
ba ofare I» locazione magnificar dalla quale più> cbe dal verfo, fi- 
fulta la gvaadezza^ La feconda ragione fi può trarre, dal capitolo aU'* 
tccfdente » ove il Maeftro j dappoiché k detto, quella eiTere locoaio* 
ne magnifica, ed efcUutente il plebeo*, cbe fi v^lè de' vocaboli pelle- 
inai» eioè'deUa varleti delle liague^ e della traslaauóni , e d^l'ak^ 
laaginmata delle pan4c»< e dituao ci6> cbfc loataaq dal pcopri^^ 

foggiimr^ 



Digitized by 



Google 



>4& / Delfi BelTèÈoat . .1 

foggiungc , che le voci fcorhpoftc fomratrtietHe imoo^àtSéHhe it i 

duicambi, e le craslace da i^ giambici , tctA iveff{i>té»if» abbracciano 

tutte \c fitddette > ed ogiv'altf a ciècoftatiza màé^oiika »^ Ot'fc^U loca- 

zìonedelL-Egiopeiadcbbe dar luogo a panott'fefefHtre^'^uiéietafori- 

cl>c, a compoftc^ é ad aliene affetta dat pro^io^V 4a locnzioofclrti 

ve ^ e magnifica e quella^ che vien conAituita da (imilt parote >^fenaa 

dubbio grande , e magnifica dovrà ciTer là locnKionè dcltVpopcia * La 

terza ragione deriva da quelle pacofc delfiftefli^ capìtolo » ov)6^fidicc> 

che la. Tragedia dee portar cddrre la n>aravifNa > Mt piùi affiì lo dee 

l'èpopeia*. Se adunque* nU'^opeta piùy che ^la^Tfagt^^'Cònviene il 

f «rtOPfr^rttM^iAv^ e <^(ta ttafce ^alta ^a6{4iMria«0<vÌ€& ddlte c^ 

ò^ fotti oii^(%pk«>i>itt agèvettMmccoii(iégiiifif oaHa locuziotie ma^ 

'gdifiràyta'^qualé foptrail cenftietb i cfte colla mediocre ^ laqaalt 

giornàtMetire (net femirfi ifl becca di ciafcuno « La quarta oafct dal 

iìapitolo^ si4< là ttove dice^ che rEpopeta è* piò nobile della Tragedia; 

fecché i poema indirttto ad uditori pia gravi^ e^iudiziofi> cba tM 

lòflo(}uegti,'i'qtsa(f rigttarda la Tragedia y^he è lodìrizaata afpciraK 

•tori ki|)p«rif i > ^^ volgari t òrv (rcond^eid^ $ ehi fotta negare > che f 

Epopeia noa debba «ver locuzioM pia ^ates'« magnifica » cbe li 

Tragedia» la quale ct& altro ftKé n(kt0 può tefflnev tbecol AUìM 

Io quimo luogo dica cosi.^ ta Tragedie & vale éA n^nifico fitte > t 

liiiura il contrario) come cantò Oràrio» 

Effittire téz/fs irrdiifM TragmliM^^erfiis . - * 
ptfchè imita pertbne itlnAri; e però Ariftetitt net <[^)An>Iò f rkM^ 
isk I^oetica àicty che^Sòfòcfci. ed Ofiberafonogrittefli «óMtitori^ in^ 
tandosi L'uno,; ciieTalttopétfbnaggi graridi) e nellc«pitolofegQMi^ 
the là Trat^ia^ è Pepopeift conyei^ottoneU'iàAr^fni^t^ 
bili, ed ilkiSri perìpner adunque» ficcome alta ^àgedia è^vmol^ 
ftil fubltme,. cps^ eYarà dovuta anche alla Epopeia^ aMÌfel»Tra9t>- 
dia dee vakrfi del magjni&ca ftifey perché' tratta d1Uufhràzìoiit,^i^ 
nmque incidemeroeme , e pec t^a^^ocfoi. eflendofoKta rrattar di prò- 
iofito ,^ e con piiV frequenza macèrie- aflEèttuòTcv per-H» qtfaK fi par ^ 
propria uno fttle pura >, e femplice^ p^réhè in rat guifà i più^'vtrJft' 
Mie,, che favdli cbi è piena d'affanno i. a d'altra 1A^ Atta' petHirbaK 
tiene r quanto piar dovrà valerG. di effa Tepopeia , la quite'^l«^ pi* 
tratta di maieric illuflfi ,. t grandi ^ come fono batraglie> tfpapìnio- 
ut di cirtadi y, conquifte di Regni,, e fimili,^ e noti gii incidenteUMO^ 
te , e per trafcorfo- , ma principalmeme y, Se ex proposito ì In feto 
bK^o confermai la mia ragjoi^ il cònfidetare,» che fé nella Tragedia 
ove mal non- parla il Poeta y ma Tjcn fert^prefavelFana coloro,, i^be Uh 
iio intfoctocti , fi rictóerfe niMt maoteiradi paflare-menatìfàta , rrf- 
fitto diverf» dàlPòrdìoaria r qoanta più^ dovf*tìè^ faffi; ndl'%épeìai 
Bèfla. quale per la piò' parla l*" iBcflb» Rjcta quéffi coi* un'altra> riiagtta^ 
come difle Cicecone , ^iigendo d^'effer^ rapito da fisror divina fopr» 
di' fé nìcdefiraa „ e di Eavcllac coli" àima delle Mufe ^ 6 dliltra Dei- 
tà invocala è Ma ,.olife-^lte ftidrfette ragioni »/qudla: nmggfiotìivto- 
le ihi toioirc ,. trtie cHcttdo lan foturiorte una rapprefeb^atzione,^ o im- 
ttiariti^delle a>fe,.ella^dcbb?- aver proporziotid' cotlà m ed eff m c ^ epe- 
1& Wfond^ ActAòtileiidhi.^tt6rica at'diSo'iRèM&nft-del teram ttt*»^ 

Boa 



Digitized by 



Google 



Dellar V<jte« JP^efia. Dial. VIU. »4) 

tM^^Mà'èisr igrfciNlÌ0MÌdle «oTepiccdk, 'vè iiitiU& ncHc granii : laoti* 
de r£pi€0^ nxiMMlaridi «ofe ^rnudi^ e^lt porion^ liiloflri;» ^oUilig««> 
to fenzSai' (Mbia lad u&r ^rMdc^ ^ illufiteloomicme^ Alle ^qinM ra-» 
gtom fi traol per. fine aggiugacM ^ che del iwio ppece ibno mcti co- 
tero ^ che finora on davo preceai ^ queftftirpeeie di Poofia; «cosi 
4M pnckataa nnglàiri Poeti^ <«oè Vctgilta'ìra'Lacfat s e il Ta0b: 
cn'Tofcam « ftiV^ ^Giacché voi afireteptorata- la vofhra iTencami ^ ^ 
Ncdifio, io ^ die. foftevgo teseci ài Nittlo, tt'<)Qald-èdiparetecoi>-' 
mrìo , mi ftimo obbligato a i|rovar la'fua , the è aodbeiniai e per ^ 
eSer fei breve^ che fia pottMIe •, farò unche Audio dt cìTpondef nel 
flsedeftmo tempo ki-quaidie modo a i fortiffimi argomeori » ^die voi 
wfQt porcari» Ned. Egli è il dovere } e con fomma comécà vi ftarò. 
ifcolrando ; pctcìoccbé io fiooca à creduto ^ che non foto fia anìc*' 
la.iQtjt {eotena ; ina che la «ootrarta ia incapace 4*e(fer -foftenurai 
e dif^a « Lìc*Im locuzione mezzana adunque per mio Jiwifo dee 
figoonggiar TEpopeia*) imperocché rat fonna è ptà. propria pertktr^ 
race» ed arra ad e()»rtmcre l*evidiinaa4eUe eofc, e a rappre(emar pia- 
ti vivo gl^ idoli, e^a tnaover con pia fàctljcà gir afierti , come chia- 
ramente il cicooofce ne'^Poeini d'Oineco, e dell' Arioflo, i qnali con 
xét idea camminano , e anno fervilo d^^JTempio , e d'autorkà al no* 
firo Lacone: nèpercbè all'Epicafia prdcritto imitare axioQe-iHuflce^ 
nel che in foiianza. fi riftringooo rotte le pmove portile- 4}a -voi in 
contcacio» ne fegne per necefTarìa confegaenza ^ -cheTidea fignoreg- 
giante della locuzione debba .e(Ier la robtim&, come .accade al Tragi* 
ce: niellate il fine dd' Tragico, come gtd fi diOe^ :è di purgar Pani- 
mo dagli affetH ddla coropaflione » e del terrore ,- il che , come coTa 
feria, tichiedìe Ail grave, e (ubiime,- né per confegnire il fuo fine à 
bifogoo dell'evidenza, che nafce dalla locuzione , valendofi di quella^ 
cfaeco'toro gefiL, e moti formano ft'iflrioni. Ma il fine delPepopeia è, 
<ome pacimemefi cdetfo^ d'avvalorar glranìaai ^ifaeqoiflo della peiK 
iszv>ne col mezao.deila marraiviglia,« del dilettò:: ìlicbe,<come«co(« 
lieta, è oltre accib bifogoofo dett'evìdenzti^ che proviene dalla iocu« 
asooedel Poeta, die narra vfebbene j^iEpopeiaimita illuArì azioni , ed 
anche è più nobite della Tragedia , tiondim«nTir cidiiede neci&flfaria- 
mente per idea ^ die fignoteggi , la temperata piàiatra per l'eviden- 
Ka,'la quale per. generar maraviglia 5 e'dilctco v è* la condizione piik 
imporcaocc* £^* 0>me condizione più importarne? Lir. Certo, £gi« 
na^ perdìc l!eirertizioddrevideoaa èdi condurle coft, dimoranti t>d* 
le potohr » al noftro imellettot il quale depurandole , e «TpogKatidote 
delle Aeflfe parole, che te ammamano, 'le riduce di nuovo .^«coCe^ e 
qnafi io le le rigenera affai più belle , che nel lor .materiale c(fere non 
(bfio, perchè la rigencrazioDe è fpirituale, e imellcttualcieianto^ià 
nobili, quanto è più nobile la loro idea, che eflfe medefime . Or da 
qneSo ciaafcimentodelle cofe nel nofiro inrelletto cagionatovi dalfevi^* 
^Ifiuaiaióraggbiaaao Aoi ^maggior dilette, perché hconofchftmole d>- 
£r, nongìà come psano altrui , ma come proprio ^-eimaggìor tnarai/i^ 
glkiv'pefcbck nReggxamopiù belle^ «più nobili, cbcnon levedremmo 
nella loro maiciiaKtd^ '£^. Voi diteìbcniflìrao ; e' adcllò comprendo*, 
fcrcbèw foglia goderaaffai più di legger 4efcriccc4aalcuo buon Poe ta> 

vcrbi- 



Digitizecl by 



Google 



vetbigriftta., le pani d'tin bel vifo j che in v#4fflo dìpÌM0«atdt » 
qnaliknque hoon Oiptatore^. Zie. Or fi^cbè il tOfemmito cìEkco deli: 
«Ktdeoza è <U fcMamaxigiiicdo^ e4^ t mìo fiildiftio iioo ve a*à tni^ 
gictre tu qneito ^ CGfofiM ; fttò io'diai* che r£Hdef|za4fcr geacror 
isaeavigUi.» e dilecM i tt coftdhùonft fìu kii|KM:<ftiiie ^ Mm mmaiid^ 
ftl prii^pal jragtoAare vi dico leoltttit jclic l'aaìaae iUafisr» ebe fi fi- 
^iedeacU'Epopeia, s'iatettte cicirt. li /avola Auda» # peron^iodì* 
se^ riftiMMt o il sodo. £acté# /opra il quale a*i a tefiere ti Poeisa; 
£ non già òttonw a i mezzi • i qtiali» come pcefida incanti^ amori « 
avvenctwe^ e fimili» « agevolati» o impediti da ogm.focta d'aomioi» 
£ di doQoe.» non fono legati, aè ceouci alla legge d*ctkct ìUaAri^ E 
Itercbè il mezzo i quello* che aSòrbiiice quafi timo il Poema, ecer- 
u cofa ^t che a quello piii & coavitne la iocuziooe mezzaaa ^-chc 
qualunque adtra ; però si latta idea fcnaa dubbio iati hi £gsoreggiaii^ 
te. Eg.ìAÈ, come è egli ciò, (e gli amorit e le battaglie nel primo 
Kagiotiameoro dicemmo ipeuacà ali* idea rublime^ Uc.Qs^^mm^V 
amoce^ Ce hca sai ucocdt« Xolo il Platotùco« e di^efflò i étie. ultimi 
«radi all'idea fabtim^ fucono cottceduci^ e circa ie bacti^ie^ fioa fa 
allora cooftderata l'evidenza, e al foto argomeaco* oiatto fi-ebheri- 
gotf do , il quale può efler foblime r benché fi 4urci jcon moderato Ai- 
Ve^* r poi quando anche le battaglie fi lafciaOSero al ittbttme fliie^ noo 
&gutrebhe,.che;itiU pcependerauc; e ^«almeore allora fi tcatt^^ della 
JLiùca nella quab diverfameoce 1* idee ù. coofiderano da qoel , che fi 
faccia netl'£ptca; ed io quella fycjùc di .poefia ancfai' io concedo , elie 
le ba^ta^, e gli farti degli Eroi abbiano a cattcarfi io tftìi foUtaie» 
«ome fe<t:e Piiìdaro, Alceo^ e ogn'altro^ cbedifimili eofe lirtcamea- 
ce a canrare imprefei perciocché il Poeta JLirico , jqoeUe imitando, 
(empre dtebbe adoperar con eftra» il anale è incapaet d'ogni altro Al- 
le , ckc non iiaTublime^* il ckc non a a fare il< Pecca £fico «Me foe 
narrazioni^ A x|oefte ragioni fi potcebbe aggingnerc ^« che t^fipico 
continuamente i a muover gli affecci ; x cuui gU affetti foao »m ad 
^er mofii da lui/ uè qoefto monsìmeofo |inò ageirohaentt ifarfi -eoo 
ftiblime fiile^ al «qaale eimi ;ttoppo .6 conviene la israana ^ c4a «eiia* 
ftà, ed il qnale & pocUOino capaoe di generare evidenza ; te^qaali 
grazia^ .ed ^evidenaaprìncipahnence fi ricfaieggocu» nella locozioie t 
per muo^ gli affetci. JE^Ma^cooie foò.e(fer mai vero^ die 4o*ftil 
Aiblime fiapopo atto « mu9ver gli a&ui« Te la Tra^otia^ aHa qat» 
le^ come già ò 0aco decto^ unicam«Dte è dovma la fublimtcà delia 
locnmone^ non foto è jùcchidtma di movimenrt d'affetti , ma è iodi- 
siua aila^mrgazione, non più dd terrore, che deiraftno della com- 
paflioue. Z^fcSenza dubbio la Tcagedia muove gli affetti.* mariftm- 
metico^ che prinopalmeme opera in ciò, non è già T evidenza , che 
deriva dalle parole, perchè» come abbiam detto di l'opra^ la rappve- 
fentatlva à altro (hù vivo iòt^ce^ doode nafce il movimento ^ e fono 
gl'Iftiiieni fteflSt i <^ali oolL^ toix) vive azioni s'impadrooifoono de- 
gli affetti de'cigoardaoci ; e pjbrò nocumento alcui^ non reca alPevi* 
densa della Tragedia la locuzione rublime* la quale. aHo*0co«C4OjnaJ* 
xo aiuta, anzi acccefce» la ferieti,. e 'graviti .dell' azione • JdaJiìdìa 
jiacratixa altcamome £ fta la coia; imperocché icmta la Xua levideofi 

firiv 



Digitized by 



Google 



Della Vdlgar Pòe(Ii« DiaL VIIL «4^ 

fl ftflfflgbe 'fietlà lócuztofte ; la quate tarmo -meno titx(cin adanatt 9 
«^iiiiiro più i^étUStti ad a AiMìibìiì^ €<i in ciò imvi>€l' efempio , Egì^ 
na^'il Ta(Ke>, 41 q\la>f , percbà del •<elo Hili/aUioBe fa vago oetU fo* 
GerafalMMse; viene, per cooTeiifo immrTale, dìdnraca di poco n* 
fOM fiel m^imefuo degli afieici; né ia^iò /opera T Actofto^ ctie fi 
cometttò dett'idea moderata ; aococcbd il ùxpcti iirnoa -poche delle 
altre ctrcoftMze :- e la ragione ^ per U quale ^ affecd foootin^ffi 
con maggiore efficacia datta locazioae mediocre» 'fi if pecdbè qacAa 
coH'ovidefflza graaioramemeiafidoata^ pemnrìpìà addentro nel 00 
ftfo •ctsore^-te^lè'at vm><ne cocca; e si vrveìrapprsfiracade ooie<> che 
la &ncaGa ^inganna , parandole* quellevederc ^ Per ia.qti^cora io 
foglio paragonare lo (iil /abitine ad «na roba bcoccaca d' oeo ^ che 
poRa fopra d'un folto, «on-fa difUoguenie le fiactecne^ ancarchè^non 
gli colga la forma; e l'idea mediocre* ad mu finiffimo velo» .cbefetn 
bene ricnopreìl v^tto , «on toglie il ray velario daflàocomcnce. J^ed» 
Ma vflj, cotnpatitcmt. Lieo» panni y chexoofondtaae i> ^oemadExot^ 
€0 col Poema Elomatizefco > al qnale'poò convenire q^antovoidice-. 
Uu V'inreodo» NediOo : voi fece di quelli » die.tcagooo.opìnicmrt 
che r£popcia fia di crt forte$ ck>è epica>, romaosefca , e giocofay.e 
cbe alla pmna fia adeguata l'idea foUtme» la mediocre alla iiecondà^. 
e alla Terza l'ornile y non è jegli veto} JSleìL Apfmoto^.Iof. Ot si fao> . 
ta^iniatte ^ cdn<9ofira pace ^ a me .non qoadra>'.e paemirpiù fob- 
tigliezaa ^ cUe altro ; non trovando ràfttffiftenza akctuia nella men* 
covata diwifionet ansi. ella apparifce vana dalla fìeffa diffinÌBÌotte:d^' 
Epopeta» fiecoodo Diomede « che dice , eOer i' £popcta un'anione di 
divine, «roicbe.,. ed umane^ofe difleta in «(amoeri ^dccfii^ cper c^rf»» 
goenra le conocde il mifto di tutte te< cofe^, il quale è incapaoe d'^di^ 
ftr divifo / e^q^utodi è, clie rifieffo Taflb, il qtukle aU'£pope|||^fiectt- 
ciaaoMOte aifegoa ìtà fiil -iublime » rifecifce il Romanzo all' Ipica ; « 
(ebbene non fa negater die pilo fieflb & convenga quaklie tifo ^ co* 
me poeiete. vedete nel fuo Trattato del Poema. Eroico ;; nondimeno 
090 vuole pert^vemo coiMo>afimctterk> per tfjpezie divetfa. Jaolcroire 
il Romanzo, come fu dettatoci paflaio Ragiommento, jK>n èdi(lìa«- 
to dal Poema £rotcoi»^petch6 imita le Aeflk aaioni ,, coiriflcaOTo modo» 
e co gli fleffi ftnime«t% come ora volete diftinguerlo? r circa iLgik>- 
cofo , o egli non metìca d'offere avuto in coo&decazionf a' pertcifcc 
pia foAo invenzione de'Tofigiui $ cbe de' Greci j^o de'Iùaeini ^£Cta4 
qoali non fi^tmora Poema: afanmo giocoC^ «di .cai; csgiurdo v che 4a 
attp a icrvir d'efempìo' v o oome/croppo fipognani0*AlÌA nobiltàjleUr 
EpQpeia • dovTcm rigenailo^ e ^oncedierlQ alla Gomca^, coUoiqMdo 
aoii piar il acoofta , :fs)a. da«eS»^^Ua ebbe oitigiao.; leffcndo ^^ibèoA- 
do.il patere d'AfiiAofiile., i^opo tuìdell'^Accademico AldfiaaQi,cioàHi0* 
cela Villani «^derivata dai Poema :giocofo del JMargite ^'Omeeov-rbo a 
notnon è giunta» igU e ben vcro% die la fuddetta^ivifione , at iooi ìrh ì 
mnmilicuneWEpopoia^mnUta^itfgaamemencUoJUrìfia , laipialdM: 
hidiTeiiricàdeUe.CQÌes iìhe difliottmente imita»' {Miò-iiotpportateumAe^ 
foioemponiflielieo#(,vecbigiami il Sanefrco,. or cuttofiiblime^ ot^utto 
no^i ufi^ niiipaitfi iioìilr. ffimr fi if v^ionepafiati Difcotfi^ Ni 
tniiTcpItca^ft». chiostri jyfeaabbjalaXittldiy Mi Aefla» i n ». Ai hl tm e^ 



Digitized by 



Google 



^^ Della Bellezza 



aio cénpo do^i aoiplic awtairiet cUe il fcoococfo delle idee tKM U- 
lormi usia regiuUcà djpUo Aile^ che %ì Poeiaa fain an ftnào vestir 
fOp o wcéisQ da Zaooi^ £f. Paciò t die voi ora dtie » fcmi iifcr- 
jMCce d*eairare in quefta al jpave» t óMciì cotwUf paim (K)tetca- 
iracc tm*aitra fotemiiCiiìa ragione • per coofeniiare » che Tidca mcz- 
jB^oa Ja la principale per r^o|:«u; Aeocrc eftadia vero» che il Poe- 
ina jBoMca comci^a ogni forca di coTe • l'idea moderata poò fervire 
iBgoalmeixe alle icoCe mblinir» e alla cofe nmitt : alte priose» taquap- 
$^i ctpace d'ò^ornaosanco, e lume d'eloqocni^a: alle recoodet ia 
qnwip non debbe afacjua jriloocaoarfidainMrUigcazacomttntt come 
C dtfet paté a^me, nel terao RagionamMCO^ Qi (e egli è coti» aop 
vi può ioaerdohbiOf che meglio coneffaidea s'adoperi nè'Poeoi Eroi- 
ci; uDWccìocchd fi foglie la dirugguagliaoù^ellòftite ^ cfaedalcoa^ 
cotfo deirìdee per necefltii vioi cagionata « e ^oo poco iCceina la 
perfezione t e U decoro deir£popeia i Tepore il ^oncorfo ooìi è caa- 
fo arcifisioTo t cfar lailiverfiià delle idee non fi riconoTca : il che ^ 
pOioralaienie impoflibite, che pofla riuTcire oeifa natraiione, oyefem* 
pre una Ùcffin jpcrfona parla « cioè il Poèta : jwiiunmnu riofcir poA 
nella rafprefcmazione » ciodouandoil rnrn iiroÉrr algri a parlare; 

: ^ ^ ^ ^^ -' .nella 



Digitized by 



Google 



Dclk Volger Pòefi» Diaf. VAL 1*47 



iw %> i^riir 



Digitized by 



Google 



14^ DeQa BeIIe2»i 

- €f 9h$ Uhrh ntifm di noi fi triM ^ 

^ * ahrU di cui ténf in uttra Grecar 

* ' Ed in Rà/pd brMmat9 avtéono novdf 
Bi queiim Jtoccd il Cafteiùm caruft^ 
Et i quH CavnlìiTj che ci' diftjfe . 
r Iti pia altri lD9ghÌ4 Srabtlica l'idea principale l e l'ópportaiio eoo^ 
corCo delie altne^ vèggiamo ora quali coodiziobi debba aver la^ loca*^ 
ztooe. Secondo QnintiHano, ella tre coodiziosf* richiede » cioi purir 
tà, chiarezza t e ornaraento. La locuzione para ò quella p che noo' 
contiene io Te alcuff drfirtto» o notd'dt b^sbarifino^r ofolecifmos ed i^ 
emendata 9 e purgata fecondo le regole grammaticali di quella Uagoa,. 
coUa quale fi fcrtve^Ma gtufia Tòpioione d'alcuni, barbarifaio peHa^ 
iioftra lingua fi commette ancora r ponendo in irfb alena vocabolo di- 
lingua ftraoiera yi a( che io oou confenco : aozigiudico y che eOendo ?i' 
v» la noflca lingua »'fia lecito dTàrricchittaV purché ue^' iFocaboli- , cbe^ 
corremo altronde , concorrano le condiziooi annovctate dal Biembo 
nelle Tue Prole» edki altri ,^ciod che ileao-efptimenti>. nobili ,'aniH>nto«. 
li,«neceirarjv e dtill*4]fo renduti intelligibili > e Camigliari ^ Egli è httt 
vero» che non dovrtma goder noi di- quella licenza» che ebbero Dazh 
ter Fra'Guittohey^e gli altri Bocci del primo* fecolo» i^uali<noo folo 
da i Latini^ ma da i Provenzali »> dagli Spagnuoji y e di^ altij QraBic- 
il fenza tifpaimtQ^tolfer TMÌ7' ìporcioecbè lero.era beo pcrmefib, tre- 
vandofi bambina» e povera inique' tempi la Jingaa noftra» la quale al 
peefeme Àrobofta» e ricca. ^ Giaeebiilamo entraci in quella di« 
ftorfo» dftèmf)# Te* a noi fia lixico aggiunger le voci mancami a qu^ 
vecbiv che chiamiamo difettivi y, come Tono CéUerrt artiere y /oltre ^ e 
ikàiìi» Nodi Io per meftimerei>di sii non^^eflendo ragione co&vm<- 
éence» che perfindail contrario» come potrete vedere dalprimode'tre 
Difoorfi » che fa il Rio/celli cornea it Dolte» ove fi parla di. ciÌKdif&fa* 
menie •Ot^al'.Poenr Epico- per iljpczial privilegio , fecondo Ari(tot)le». 
è lectto^valarfi a foo bel talento de'voctbpK fir^nieri.* ma» checche 
fiatli ciò» io a>si Caua^fentema^^cost-iddiflfoica» come la pronunzia 
ibìilotilò » noafo acchetarmi; e*(HmQ»' che cai privilegio fi. conveojga 
piajalPoeta.dicicambico» cheairrpice>^ma0imamence nella noftralip*' 
cuas tiè per certo mi arrifehiereidi far più d^quello» chea fatto il no- 
mo Leeone »« il quale con lócuzionepuriflioDa à*cefli)f9 il Poema »rp«C'> 
gendòlo dinuovi vacaholi » e nonovellandone w^hede' vecchi : ma di^ 
fcrecameme y e per non cogliere al^fiio PoeWla maraviglia ».,e lagraoh 
dezza» cite da tali parole^ fK>fltMio-i Poemi* ricevere » La chiarezza è 
inoltre prefcritca alia locuzione \ e quella condizione è per me ditan^^ 
to valore» che^fenzadi eflTa» qualunque compoaic^entapei: nobile» che 
fia» nonifiimo'un frulla? ^OMiondo» facondo me» la bructeaza deir 
ofcurità quante mai b^kneponoo armare un Poema .- Né n^ làTcio 
iofingaredairopinione di colofoni qualinVogUonovclìe lifirtrntà ge^ 
neri maraviglia» magnigceonat» e veoprafione» eomc^^aide') de gir 
ococrtf>^ e deHe ^#fetiei.impe|cioectiè Tofcurita .fi^à ben cagjpf 
w.dà:tale etféaotnegl'tgoorami » che leggono' per- non incendete», 
c nelU conAifioat del pt^Perioioielleito ripongono la toc maravi2^ 



Digitized by 



Google 



DeQa^fólgiu^oéCÀlDiiLV^ ^149 

^tk^ Ùtft4 t^u AaraVigltofi, e slegai di ftima, e di veoecaztone gut* 
dicàndo eglino jr libri» qiiaocQ pili dàlia lezione didelfi veogoa eoNtt- 
fcfit^maAOn Mai li<rVoni~uomiai,.i cpialif oqn folaiioo ammirane, 
né venerano le cofe ofgures ma« iiccomc lediamo» le dtfprezzano » 
e aggiungono infino a darle idlei^mcne . il perché cki «0011 .vuol cal- 
dere ìa quefto enocmiOiino «vizio » dee^gic la troppa lunghezza^ 
da troppa brevicà de'periodi ^ la collocazione d^lle voci in mi im* 
proprjs « (convenévoli ^cioi qqella rolamemc» chc^rcompiglio geoe- 
ca» e confufiooe, nea già l'alerà^ che asrocii grazi* 93C naagoificeo- 
za» come appreflb diremo . .* -«l cpotinuo parlar metaforico : il fover- 
cUio ufo delle parole sì troppa aoticlie» o rìfimate^ ^pme tvoppo mor- 
derne» o novelle» ed iofmwcia.taQCo ciò» cfaq puòjeiTei: d'intoppo air 
imelUgenza di ctù kgge ^e queftaxoTa tanto wpià la debbono oficrva* 
re l Poeti Epici» quanto più eglino an bifogno delfevideoza« Uqiia^ 
le deriva principalmente dalla chiarezza della iocuziqne.» Aerarne di* 
lige&tementc Tà oflervna A ogffcpXacooc. Ma romamctito^ «che in 
terzo iuogo fi riceica nella locuzione ,» confile nel giudteio^ ma- 
neggio delle figure regolato dairidec* o Itili» nè*qualt fi teObao 1 com- . 
ponimenti ; e perché di gfueAe ^cofe, lungamente i fiato 'faveiUuo.^ie* 
difcorfi » clie i di paiTati abbiam fatti » però anderemo oca annove-^ 
rando quelle figure più importanti» delle qualt nulla» o pocoil,òJSa 
qui ragionato» riducendo ciaCcooa di decòtto Tidea» «cui fi con- 
viene» ^.recandone gli efemp) tratti dal Poema di Lacone •. Incornila 
cìando .adunque dairideafublime » o : magnifica» iO grave» ^cfae vogliam» 
an9Uark»OUfic alla meufora^x all' iperbole ^^ delle, ^uati^più voice 
éfia^migioz^ udito diicorcere » . appartieofi a quefia .idoa ta tignai 
detta apoftrofe» che in no(ira lingua diremmo coos^rfiMie* Dimoila 
lotte fi. formano le conveirfioni » ma la migliore jè queUa.» ch^ ^ il 
Poeta verfojl perfonaggio» di cui racconta iiatt^ coooie oel.Poems^ 
del qual parliamo» fa^on podie volte Lacone» cfpeiùaimtatetnqttel 
paflTo.» ove narrando ^{.ebie .Artico» riconp(ciata Madonia» «eJUioverle 
comparir davanti^ ftaiia pcnEando al.qiQda di fcubrfi delle fcte^rcpiiUe» 
fi^ rivolge airi^ffo Attuto^ « come-fccaaeifixLuiiavcUafle^ gli^ 
0ovella» che Madonia gìà^ccafuggiU. . ^ . . 

Aid 9 Re/U figlia di lUccsrd^,^ a (inmn^ -,. , . 

-^LkMgi ^' a coftfart^ mnar Ài Iwi^i duflai . . 

£ Jd fifrtkmà JdVtrev^l $Mni4 f 

Vi cui ti credi dvtr fcrmst^ H w/i» » 

O come liive » e ferfi4d\4ktHtàn^<^ 

Ti ride in fmcia » e gei ti Uffd./fl9.\ 

n Ruiiier p/ito\jf U ^admà vers,. . . ; ».i j 

Pii$nHn4vigUe,étAlkÌ9Ìékmfnerik.*. 
joà'joflairate in.qufftg pada » quanto accreicana la magaiioMBa 
il nominare Arturo per la fua difpoizione» o defcrizioM » o amano* 
mafia» cioè Redtfitìie ii,i;«tc«rii».ed.aMtieél^felaniaziotte<in mez^* 
zo della ftanza:-elbndo anco iLnon|Mìare pec aòpviMaafia ^ quanto 
iUllahiarfi V fiflmè^nchi'eile appartenenti all' idea iablìofte • Avvei> 
Idfi^pèrò;^ ci)e J* apolkofie >» formandofidi.fentàiftnfi adeguate alla 
tmcdiocrità » ptòfier^se^ache all' idea inczzana t « xnotto gcanofa 
i>^refcJft.yeli.Peefia.Tm.rJ^ K 3 rie- 



Digitized by 



Google 



cidce » come pocceie tkmokcu 4a q9cl>9t(ib t «ri Wf^ tt «fA*» 

Poeta • rtccontando il daiotc d'Ar^piM per. U fiot^ Dum » é ri* 
volge alla SefEa Acaiipìiia • e «loftu parlar com eOo lei » . come je 
foib prefeme» . 

À4;ìi# ififf /a.iif nfrgimlld mèi 

Cmf éKméUmr git^ in haiéme.Pétrti^ . . > 

Qiumti fw dm ttfiei firn trifid dffkif 

fpT Ia Ummns, smicn mr\pM9d.j ferii: , 

Ms cbc^ émi€d fik iko ì s cb^. firn pmnip 

Feribt beila di Pmt9 « ii tMfingéni* . 

CùM qufié àmmjtà falfo fmkimu^ 
Jmì 



Si 9 min éumcs firn ^fii word ^sm$0is 
SctYc afiche al rublioie riovetCooe detta iperbato • ia quale faflS dtf* 
logaodo le'f arolc dal fropdo iito « etfivertetido il, kiro ordipet ce- 
rne accade m quel vtrto^ . , . ^ 
AUaCidi MCir n$n.imi9i a frifirip^. 
iniqiieiralaro. . > 

Miei féUfd àf PàfU tndimji* 
e finaUneote i» quell'altro* 

Sw$rthis Jfdbr^ CdwUifffétr fiims^ 
e la gradazione t cocoe*. 

Smxjd Ài Cài tu Jrmdé di pnHé cede^^ 

iV# VÌWÌ0 mévi in rdw$0 » e rdmé in ftilp* 
e Tepifoaema» te qoal figura faffi » allorché, al giufio (emìcBeoto i^ 
guifigbtiinio cer oroamecito alcufucoafideraziofie» o altra coCa di ptu^ 
jrome appanfce daque'terfi, gli. ultimi quatcro de* quali ieivooeiii 
femplice ocMineiito. 

Qumi dd Id Cium t €ht grifi inndnii^ 

i^i mp p wiii 4"i0ì drdliiwtdii frinir 



Pim $mm vim Diafaln giiémtiy 

Chi di^qui mifiri ^ chi fi wdggtin firn: 

Mijhl Jtiffitti arìndi > e diJmkUmep 

ftdna wHn amfiiialt i yipi mim; 
qMH$9 firn dfdlgm mmiii ifimmit . 

E* di mdlvàiitÀ mmki imerm^ 
Oltre alle fuddette » cvvi per la lobliine la fioeddocke £gota uTatif- 
fima » e frcqucntiflima » colla quale la. parte ponghiem per tutto» 
come# 

Nel difidirii dncir {li fin mmé^ 

Di Bdfilid FifhridH fdfi^ ^ 
cioè la Città di Baaiea, 

Squddre di Fenexidmt i frdi éWM^\ 
cioè navi de'RoOi» £ir?Ì4MKbc iBc^etiziootddla fleffiparoiat wm 
io quei vetfi.,- ^ . . . r 

In qmfimvkd ^ dmU 'Uminm mrètif ^ . 

jfnzj témfifisi , dwU in§m9ii mnim^ 
n^ì qual palio è nocabtld Talt ra ^ra confiAcnte oelpofrc in fioe la eoTi 

I più iinpor tante > efìà grande» dìmodocbe&foOefoAa piìma^ teebbe 
'orlMiooe priva del fooxreficiiMOto; t i» quegli 4Uui« 



Digitizéd by 



Google 



Della Yolgu i^oeCal ISalVIHL <x> 

. Ma pòi ch'dgimii w^ i w$n ignéhè^ 
Fini di ficchi 9 ^ diJèmtnH wtét^^, 

s^t^ iff vif^i$ étsrmmfff MfC9 

^ pir dkt$ n$t HétfftUù mfim4g^. 
e tft flgva ckctft zcmnmftt la qmit fi fa » aHi»rcbig i) vf tW« e il acv 
ne CQflvcflgooo in cmto» foorcM ne^ gepcct, o nc;^ ootacro; ptrlor 
àA qucfid figura , io iUtto , tht non poflb.ciMiiDoltaiacitnè (m&9 
fé ncm ae*fK>cnt coUctciviy comefeact^ popolo» tmkay tjifnìli» tot 
ne in quc'vcrfi • : ^ * * 

Tnttdtdd fétte ri$Cftevé i.lidSt ,- l \ 

E ritétnavay ove reffimi firoy . j • . . 

Fincbt Adatto écmfi^i wfimyetnfr v 

Cd/e. . 

e rtpaoafbray ta qoate confifta nel cominciare» e&im eoo qnafM^ 
k pacota, dìrgiugàando t membri» cbc componggoa ilptastfa^ co^ 
■afi>ede ncfegnenti vetfi> y . 

AéeiMfi.mJenà.r0 mmetm in méir nufepMt 

Seiuirdnfemt^e ève J^Cnfepmtmm^. ; 
wa qtsefta figura affai di nulo può farfi parteta WTofipati Poe^ 
ni , mefcé deirobbligo érllakìiosa ; a parò in affi pid iasilmenre 
fiofcira di (arlanclP altra manieni agiiatmeaca.piaucaca.ti cioè cìk 
patendo Tifteffia paiola io pivi captVcrfi » coma a(^acike< ne* fa^ 
flacan. . \' ♦ . ;• . ".*^- 

Ceà pa Cétre Pep^^ al Ciel feP0mi0^:t 

Cesi canfufien tCdVtk V infime • 

Cesi U face altrui xriem daUa purts i ' . 

Cesif Signer^ cesi iiffem in t^rra *. 
Siccome di tale idea 2 anche propria la palUaaioae» cioè il /coprire i 
nalvagi femimemi cai vakaia dal AiO'eoi9iraaio«*.coll*nneai> verbt- 
trazia H djfonefto y colte pieti t'empio » colta« ginfiintm ù cradelc ., 
Tal'è nel Poema, de! qttat {draUkma,.lìnipriklena drAUaMTo». co- 
pena col marno deUa prodenn y allaeabdagU coftfigKa rafercito a 
laTciar llmpref^ , e il campo: e Piraiiia^ iatqsaiavaaobìliiima ia 
qneh paAor ove 9Aiuìao^gÌEÌcla l>reMilft incaia aè cfi^gnìMil» MtM»* 
IO coofiglio d^'Altòfaffo ^ 

O nobìl efréSye Mtìgemjtieptm 

Di csfitém^ che fi frecscci hée4 

E deve er vi9 qualfinadem Hfegfm 

Sì numerefe eJfercite^e^fteàeV 

B eemfmimverMri^epbr^CitefetnM^ 

9efe- emee^ remerfcie di' mei^^ede^ 

Depefiétr SS Irnigepe si neiefe 

Jkver di face k temfe^^ rdi^ ripefeà 
a rommiflSòne» dia i Latiorilatia» peeccriaìMm^^ la qari^rpaday ma^ 
•laiidia dicaoaaar M«a 

imt^efokràccemar chi fiacefeSr - . • 

Che ne garU fttrtrùfjfe- ii'rnfk^ d àm e'^ i ; ^ 

Qiumdè ametoTci irh^MtMqe^'fs^^ 
^ Tuiiìlf^chemiaeGte&^eifelm^e^^. 

C 4^ a finali^ 



Digitized by 



Google 



e finalmente fa profop^iMa , là quale per vera è partrcotarkiima éS 
quefla idea^ perchè dznéo'VMMàMt inanimate cofe, è atta pia». 
che ogni akra» a generar marAfigtia. PafSamo ora alle flgtfe^più ira- 
portanti, che fervono airideà tnoderafa*, e ^fa ^ffe anndvef iamone ii^ 
primo luogo aìcmié» che fi apparcenpono aMa fìiblime ^ impapciocciiè 
4k fi Uxmstìo eon graaua , e per trpnmer concetta pvoporziooato i c^ 
appettano alia ^nnedioefe^» come i la tipetMoM ^ la «piale è g^mìl^ 
team^oci piflb^*' . . . . r « 

Deh cejfàr Amsèil nico^ ohimè j deh cejfs - - . 

Di fiit tester q9iefta infelice omiii^ ; •;. ' - * 
e migliore in queU'alcro 

Onde ce» nnpidce^le firrifa 

A la Dncbejfa diffe\ effer vwrebBe^ 

Che sUeri fie jk il tue Mfem ttttte^ 
e TuÈt0.nenfiadeltueitferteitfmtt0'. 
mt\ qual paffo debbe ootarfi anche lo fcberso» ihqoah» affat'islentiv^ 
fi è ricevuto dalla modevaia idea v £>Mprkx anche di quefta idea r 
cpifonema» qaolto vago io queSrerfv 

Segna che^tmiel: /fatele fr0f^r4emleiT ' ■ 

E in' mezj^ d$Ue Jn^ fyuààn^Jjuìm 

Vnefr disfiinfló^, ed i fnei Duei fite r ' 

TMtù amenr^pi^d Panfiittmdiece. * ; . . t 
rPifooìa ftofktì^ton ìTcherzo, orifo, maravigli'ofa, e^nctltAm 
ift quel paffo, ove Liferoa v ragìoiiaDdo' dd nimico^ Andccn^o difi>^ 
fo da Clovianda». dice ^ 

Meraviglia avev*iei che qui fir nno^ \ ^ ^ 

Tan futile Camfionf<ket Ciel ne manàer 

Per/skfexAa^ eàon0rrnèn faffe alctme^- b ;ì 

Che fet lui fopli^ 4 fiiét da la fiut kanda t 

Mi tediai Ciety^ebe in rem fo'/ieffenmtPi * 
> yitmte cefiei-^ ft$ltéeek$' fitlanda^ 

La qual la-g^tlt^fdine ei dittir 

MUm0defiiad$^difetmidetH* 
ed^ià qucU'ttluo, m1 qttale AhoTaflo feguiratfCMUglioc aireTtmio^ 
la ganenza-dal campo ^ 

Ma ferfey cerne il Dandole^ eH Tirami^ 

Di Menfirrat^ an riaihti i /uri r 

Cojr alcunWtre regn^ancep ^urranne' 

Cia/cun per fé di queflv nefiri Errimi 
e in fomma tutte le altre >- che mondo il eonceffOy ó 'fe pafble, va^ 
liano quaiiti . Ma di propsiaqueAa idea^abbrMoia la CMcn^pofizior 
Bc: tale è quella»^ « > , 

Fattene i e fia per te fiie fertematét 

La perétta^ che H vam acquile mio*' 
la variazione de'cafi, la quale <ta alcuni vicft AMiaachrallldea tèi 
bliaie> e grande ; come ..... 

Mét m cVudij cl/leewil Atanbefekt mta^^ 

DofcuipeteawktlripararflimeerrA^ 

A F^ca ricetn'i fjpenuedé ait^ ^ 



Digitized by 



Google 



Dcffa Volgar Pocfia. DiaLVIlL ij j 

^ S9I0 de Ihì^ cVi cH Mmtheft in^tmnfj^^ 
Elli 4VM ^ rgmfiM cmfgfurs ^rdUÀ^ . 
Tta il Re ferocia e U vicifu Tem»^ 
£ '/ d^fté di lui fer tal vi4 tìravÀ 
Di vecchia f0lU femtewLM n§xfd 0^ \ 
h coopaiazìone; comt 4Ea tnilla». oobftliflknar è qucHa* 
Chi trm i mutiti del «SUivt» • bt%^ i Marfi 
Òrfof miri con un leigier Mdfiimr 
AùmèruM ^Mit to» V nnehiét-in srid fidrfi^ 
Pir corte ovw-Ji faccid d Uti vicinò w 
Vdltro dgUo^éU mcmtrd ogn^or girdrfi 
Si vedi inforno^ e fdr vdrio cdmminop 
È ft d voto colili Id Intdmd dhkdffd^y 
Primd che U rilevi il mordo f e fnffd^ 
Tdl di quei duo foòimmdgindr V dUdUo 
Cdng^on mond/f9jlo\ focolài ^ 
V dltro^ or con ritird$d% ed or conJdU^ . 
Fhuo donde cdUr In trdvo mkd^ 
E prid ciosndver U foffd in dko 
M TdTtdroy e /coffidr nojdccid Pirdt 
Coglie d mi/nrd H tempore /otto entrdnde^ 
Sfe(fo fentir gli fd me^fidnchi il htdndo. 
hdtfcTìzìont: aa hod già calla kifluria delle parole» e dcUérag&tz^ 
se, colla quale adopera il Lirico* Udite. la dcOprixioiie dell#> valle 
tórobblivìoBC* 

jtfrefi qui trd le frimiere rufi 
\ Dell* erto monte und frofondd vdllo^ . 
' ^-''Cbe dofo dUr difi^ i /mei dirupi 
• P^erfdUezxd mdggior fer dritto edile Y 
Torce 
Ifondi^ 
Che qumj 

Dd 1$ mdtgioto jmd mimo momdguid^ 
J finma d fio de. InSmfird feUend 
Fedodfi nfcir dd fotnrtdned gronddf\ 
E Id grimierd dttrdverfdnd» mcMd 
V onde fue chete dlld vdUod fecondd 
Uni/ce il fonte tmd con JC'Merd innd% . 
Dove und torre i d Id eomrdrid Jfonddi 
E di là foi fCTi^vidfcofce/d^oroetd ^ 
Shèo Id mdggior ^dlzj» dffdr U groetdt 
ma io altro hiogo fi defcrive la ftefla valle pitt^ropruoieate» prrcbd 
nella ddcrizione del luogo fi rtconofcc ì^ qiialiii dtlla>figiiiM9ia di e^ 
foy cfatera t^blivfOne. 

.Brw*M^9dl^eimomointormebittfét^ 
Non che dd Jole pdnte y o fetve fole 
IféUfefire hdlz^ M^:abeuheit0efcb^ . . . ^. 

Ld luco opfor jdel gii oocmete Solo^ ^ . > . 
Md'jPmf4f/curiidi9t^.v9deir/t^0 
^ ' ^^ \ Jh U^ 



TiUezXd mdggior fer dritto cdtUf 
r d wtnn dejhdf e sì lontdni^ o enfi 
U fuoi trd duo contìnue f Edile ^ , . 
\umfiin tutto /ofdTd s fcemfégnm 



Digitized by 



Google 



114 UettskvMeB» 

In lieta fiTM^^à^fo l^dHn/«9b^^ - , , - 

Che in nulla vffcnM^ i in ntffm mùd^anrifim. i 

Il fajfi^efj uè 6a vagante vifi^^ 
Et il rifaifo della ru^ anfimta 

Fufsey.0 che'L Sri^ ntt p^ttsNtetJk àfimUp, 

Fa^^ non tragga s fìmfiélme sfera ^ 

Ne pure un vernieri m^ves U frenai; 

E H^aert tante temserat^ ti^era^ 

Quantun^e mai n§n fi ri^wrg^ » # mmtelà^ . . .^ : 

cSe hca^ alcun een lar nemmrr alxerna 

Non V* annet ardm di efiat» , • giel d^int/em0 «. 
EUr nen ^uoi y che fiaeer^ fiaiti^y. #- e^n$mt^^ 

Che né fu i rami augtì camand^ vMm^, 

Ne riatmJ^Hirmnpe il cerfalent^; 

Ma ne men fi fua iir^ che fimi ajj^mna^ ... 

Selitftdine fenzA iMCPifeiwnm9^ ^ ^ , 

SilenzJe^fenxAPediaAi^fmfiUftnm^ - e - 

Vna tal quietitMdiney qjuéé femt^ ' 
■' Farla fiuf«r di mente y^tie^'/emta^ . . 

Tutta U tra/terrea tir mexjj^ un fium^^ 

Njen gonfie gii^ n^n fu. le rifèfmùy 

J^e già r^mgendoimgergeglidmifpme^ ' 

Nt ,m Jhefìtofl veirtici cenPérSù^ . .x 

Ai6i eneto^fitr^ itet amrat cefiime^ . « ^. 

Elentojiyckegarfiagnan$€y.emerta^ 

l^na nebbia denfiffima diffonde < ^ '-'- 

Dovunque pafsa ad. aweèedu m /# ffmtàe » 
EgMz il Lùteo CQme luffurìaDttdcfenvtrt? NtdiW ft» MipliafiiftP» 
circoTcriveoilat ed empicBda i ietxioarmf ^ io cMceoì ». a ptfifi a par* 
te di grazie 9 e di vagbaitae». t di qiÉ6»> cheda r Lami fi diòònoli^- 
piri^ fcaaa ri^craia alcufìD9. id atia^a rmo^ ^/^ TEiJiico p(h 
crebbe egli mai defcEÌy«M'ili< sih€K>i»Mo?' AUmòn già^» It pura 
aon avtffie da cfprifnereqoalcJiee#DacitV9.cfae «hitovagboza ckev^f* 
fe evidciiM 9 aé alcMmcme ^fnxS^ gmerat manurisiia. ^ «r dUtoco •> 
Uditene un'efempio oel Parnia di Laconc*. 
Erailvìfe^ìjindronice^diqntgUy 

€he dar fegjliaMeé^ U btma menti:: 

Ofityf e latte U gtiMneiay^mre'i^aftgU^ 

f^ cmmiU i lahiriy^e j^e iàimix 

CU aceti ^ non écchiy ma fulminei fp9§Ul^ > ' 

Ond* arde jimm* rimemmanee genti:t'- 

Ciet^feMntafrmee^9veMfeirvu^y. 

Mtt n^ amen^y.fn nrixMPe il S^ m 
Mg^Ck Tegmitaie il voftn^ragiooamciKo.. Ned^X^eXcùme^ tnfniA(^ 
àuaat è atìcbe capace ta^modanaca ìie^ porciocahiqiidIaiMNkecTCO 
accfcfce U grazia > come ieqai^vscfr. 

Selt infin' ftr Eudefe^ s^nei mcfirmtÉ 

Gli eecbi » e la dolce vecir ^mt riln- farla •. « . 
• iti: ^tiatrh#> ff%v^rrh'^y ''^DTiK TwnTimnaift' TJan ifflteilooetift^ 



Digitized by 



Google 



UÉbitìk^pfìttiéaiÉ ii'9 egli* fi» tse^ ins« e fimtlst cernie. 

« flfiftlÉKfiie 4* àlcairiÌ4)trdU » o deito >popolaré« 4he aUt irokè mek* 
ieaeatttw>U gratjiay «omo tfi quel paflo^ 

Ti frigo dricitr^Céroilmi^ Xm^ cìm mglU 

Sinz.4 fàtijno f^irU^ $ fmté d^s^ 
« inveir alKo; 

• Ct^'irafiiTéKta in giim<^$ era véilmn^ 

JH^hiJiftgai^ 4 foUmim 4»- Mmmt . 
Si appiraeM t\tnù aU' idea tneczami la «sodesaaiobo^ • ^mmàoo6i 

CU9 fdmi$ 49tèkkuàìm A vùld 

A 4M^« chi uéH wirrehi^ mkì F Mém ^ 
ecome^ 

Qa^ Cdifdiert fint* ié fajiw M lul^ 

NiÀ^ ài MM, /^ Pir me ^Hf$kii f^^ -S 

Chi r$fchié'^it0% ad i^Mitmi mmrti^ ^ 
Pmicolarè «ztaiHiì;^' della <Waa 4dea è la diftrìliiitiwe 9 U ^ale h 
fMìfRttA^^ qiieliffliflé, ìii'Ml i%rieii»ii*ic€kige alhi:ft|ga, per af*: 
caaTar, rodio del padfe» e del fratetto^ 

E di qnì étwim da qmfis ngU fiims 

VinvliiM deljfrételh^ #7 fuù ardiglii^ 
tkè del padre* 

MiL Fun^^ 4 tediti Mpt 4irmifft éifutanm 

Con la mia ioritanamLày o cV io ^ inganno^ 
Sodisfaremo al ftaiMtéiiTj^ttmf 

Togliendo^ con andat ìmuì tornano ^ 

Tneta toccafton^ tum il foffHto 

In fugna di venire mio germano^ 

Sodisfaremo al filiai riffetto^ 

Togliendo (che Iterar noi de^io ùwsno)' 

Tutte T occafion^ tutti i fr4t^ 

jilgenitor, cb'irretkiittoei^o^efii^ ^ 

e il riguardo di dare a ctafcunacofa il Tuo proprio rCMteidfot'reifiik 

// grido f e il Piamo t le PtrcPjfi arrendo 

De ie genti , de farmi , àfi^apalli # 
Ma e' fi vuole avvertire^ che aoh poche delle faddecte dgvce ^ fé fi 
formano difgiunre da i traslàei^e dalleft)etafore$ divengooo proprie 
<ieir umile idea .* il {^^rtbe cònvfeiie al i^oeca Aar modo guacdtDgo^ 
e accurato ncirufo di quelle* S^^ >t ^^tc^ pota quefla idea sVpec- 
ta la grazia s la quale può difitoitfi effere €«tca avvenenaa» «xfoaviti 
ptocedcnce da un particolare^^ e pulto adaceémemo deUa locuzione 
alla fcntcnzav e fioaltnente a lei più» che ad altra è ^vuvo il aaa^ 
peggio degli affetti aniotéfiv e però abhracekmcte ie figures che da 
i Retorici per tale effetto fono ftace iiìyeotate ; ledali cofe molto 
più dilettevole rendono il Poema» e non tUcAomaravigtiófo diqueU 
che (i facciano gli avvemmtoH ^ g«etf^. AU'UMMe Mea^^ s'adat^ 
tano le £gure tutte », che a poco valore congiuogoao stoppa obbliga^ 
^tmti e di fià il concorro ài inotu aggitiMif che ftooiuirìtiio fi di- 

"*^ . CCf e 



Digitized by 



Google 



iS6 . ; Della BeUtisaL// :.:C 

ce, e U ropUcaziMC delle iUflc patole» pe; «iiCsiomefHe ^icturtll 
coQoetto^ detta epaoalefll^ e p«reochi ahiit4ipla»c>iic^ Rialzamenti 
fòprt la Licica Pòefu* ài f^atiLiDiTifertlbot fffftoda.quefta kk^Mt/iA- 
to povera di figure^ i^«Poco.9qdtiiiaue xìsnofffcxà il t«<rCM«qf£Mket- 
TEpopeìa^ Air^. Atisi è egU aeceffarto^ teiperdoccbé eea.eflr^, fecon- 
do il par«r di Lieo, più, ebe eoa altea ifotMiacno l'evideoi^ tanto 
<lair£popeiade(iderata. E ben però vero, che'* óe'PQen)i»,U liKocion 
de'quali è fignoreggiat^dairi4eafn^dÌ6cre, TckhiIc per Iq pii^ fi con- 
solide 4i modo colla fignoreggtame,.<iclit.4a tfh ffi^ .^Stiii^o fi dì' 
.fliagocj^ar in qutìli, nc'qubli- prcxate laìublinie^. ft «CI»! ^doperif, 
o molto fconvcnevolmente adopera , non s'accompagnando voUntieti 
infieme l'umile, e la iìiblime, doinc più^VAlre jMiiwo^iHtpari ed an* 
die per quefia ragione può datfi principakneiue la geiKUnvEionc dell' 
<viden;za alla mediocre, la quale colla fublime s'unifcé più facH^f li- 
te, quando per altro andrebbe conceduta all'umiter J^.idolte voice 
abhiam ragionato di quella eviden^ai :e p(i^ apccK undo^To pienaaQcn' 
te concepire , che cofa élla fiat e come fi (SonO^ntfcà.. ^>j^Ella i 
btA dili^ceoe(proffi(MiejdellecÌ9C4)aanze4^« o^ik%d^ Ì^ im(¥^% 
(ker la quale k ftefle coTe fame ^ere^ Iii,qpiiHi?o m<^i,ppi;ri^oor 
ieguifce r efpreflione , fecondo lafoggetta (iiaiecìa, cipé^dairanoo^ 
verazione delle parti, cbe4a colia coftnaifcbno , d^lladeicrizione degli 
atti^ e d/ movimenti, dalla narrazipne delhe app^M^tencnzc , 9 CBnte- 
guenze della cofa, x dal congiugoimento diel tuono , ;€. numero de' 
verfi colla defcriziose dciranp, die A^rpri^Qc; il^lu^PVgli^ì'ietUQ'. 
4erete da gli efempi* E/Sjcoti il primo ̻d49^%^ \ . . . 

£ vede ìm quel^ che irato il ^HérMajir^^ . . \ r., \r' ^ 

Un tiacU'Uom^ ctpefit^Mè J0a il pifiimm0^ 

Ed s Vernerò Jilfefa un'aurea lirs, 

E tromba in.màìt di figliai a ariemoj 

IH mex^zAfta fiéUurd ; e quM fi mira 

Su le frondi cèder neve col vinto ^ 

Tal fu il [ho nero inanellato crine . * i ,' ., •■ ,* • | 

Verno incaru afgaria di rare ìrine,^ r \ivv ^ 
£cco^ il Aicpodo* . f ,: ih r . ; t 

Da quefio dir di Teodobran^ che faesite . , - w 

Con un frofondó ufficia/a inchino ^ . \ :\\ 

AUo hishiglifi entro la tenda nacque . *' 

Tra i Duci de P efercitp Latino ; 

£ cominciar 9 fi co0u/fiacqHeyOfÌ4Cque^'. .\' 
a^/cun» a fit/urrarcal fito wcin9'% 

E veiier tutti a BonifazJo pi octhi ^ ' ^ ;:..»; 

A ctfi farea^ che UriehiffUfoccÙ* 1 :. :,: ' :yr' 

£ in altro luogo.. , : , T . ^ 

r>^ . E in etn frofiuviOf <he di [angue gine^ 
« ^li /t»jf^o la.vitay e ht parola: ai 

Pmt tHttaviM ead^md0:i labbri move: , 

M^ mommandp eifcA.lék/chi9tma/ifl4^^ 
Eccovi il tenui. . • 

<U/t fubitanH vtftH imAÌ(nrtfn4 ; 



I 


n ZkL^ 


. i> -.ì ••■ 


;t 


:^ ont 


. ; J .1 ' 


ò 


V -.:< 


, ' -'C' 


w 


' ' 1^ -* 


'Stvìfz 



Digitized by 



Google 



Della Volgar Fodla. WaLVIH. 1*5:7 

Sì vMentA in tura 9 e in mmfi mé§gp : , 

Che di t'f/t^ftf Regim fìemm. > . 

TtiMér fi i lidi t i fwrìt al citi téren^^ 
Eccovi finalmcareii qi2arto> ti ^uale.ètifiasa fallo pia «rcifiziofo» co^ 
me ptà^ cri. vivo capprcfenuiuc» la quel puflby «ci tj^aie dkyvendofic^. 
primeffe rot».del écuac Toraginora^.dkcA^ 

. Ni èn Jhifi»fi.vfl^Hci CMtàmrM^^ ^ 
H nomerò dcb^oal' veifa^ e rarmonist cfeUcr (wole r e6e Idsr cmipoa^ 
goob y por«auii ieco ìti&dh acto • Ma tGOocnctoché V §yidcms rkbi eg-* 
p i* efpfeflSonr Mie (uuiir e delle ckcoSaoa» delle oofer aoo dovriif 
fila fiMrfi efaniflSmai' e Della f9nna> diditam eosi ^ ebe la il Pkcorer 
mlie cele : anzi è neceOario avveoctre d' eljpcJMaex ciò ^ die baOa > e 
Mai'più y cradafciaodo* qttel>i cho i fererebio 9 a di poca r^guacdo ; o 
non ^ faoeodD» come ia il TriffiDo nel ruoPceoiar cte £ra IcmoL? 
te t» d^tcrtver Tactadel vefiirfijdi.GìaAinkiQo lope^Mloce dicet cbo 
prtoia' gli fu mefla Jaic eamicia ^ poi ik giubbone» iodi le. calie ,t e lo 
fcacpe y poi & lavò' le anni y poi le afciusò y appreflb gli Ai pecunata 
k cbioroa» e quindi glliu niefla U berreua^.e la cocooa» eia ve^e» 
e il manvo Imperiale rdeTcfivenda minurifliaiaoieacer e I9 camicia» 
e il giubboae^ e le calze »^ le fearpe, e il^ vafò delPacquag e.ildrapr 
pò, cor quale, a^ii^ lo mani» e ia corona» Uvefloy e il manto^ 
pecche fimili civcoftanae» quantunque piene di proptieia > non mar^ 
vtgKav e diletto, nm^riocrefcimento» e peeavventura ancbe xiTo, ca^ 
giMac fogltono in chi legge «^ Uè bafta a f^lvare il Triffiao da. quefta 
taccia t^^fkmpio d' Omero »> cbe apri talrftrada: imperoiocchc o do-* 
▼mero a'tenòpi d*Omero eflev dtletcevoU, e ripiene df maraviglia si 
fatte i^prefliooi>.perehe i coftumi> cooae un'altra volta abbiam det* 
to, noa erano tanto ripuliti, t dtlicatty come oka fono; adobbia-; 
mo dire, che d'Omeeo fi vuple imitare iìr buono^y avendo ogni grana 
la fila veccia , e il (up loglio : o fioaUnente s' à^ a ccedere r che l\ifd , 
fcvome itt ciò^ condanna i feguaci^ abbi». condannalo* ancbe il Mae-^ 
firo^ Ora udite io cafo-poco diflimite da.quel .del Triflfina come it 
ooftto Lacone fi: contiene; e con qoefto rifeoatro> fornifco di sagio-^ 
aare« Net canto arigefiaoterao, ove fi parla del Dandolo, e di Gu*^ 
gltclmor che faeooo albergati dal Saientino, tra je altre cofe, fi der 
ferire la nìenfa, e.r^to-d'adagiarvifi^ noUa fegqence guifar 
Aia f$trUi vakpir C9l nim» fyU. *: .-• . 

Ridergli: ift d*ifid i temP^t e dì riftar^v 

Ch9 de le menfe in fi le^ìtisncbe Jhlt. 

jy effer pi i cibi cem» fan^ cMer^i :- 

E nel fin di queft^ uhimt péùrMm ... 

Levnti in pir m i grimi /eui /mt 

f^enner^ ave anenàeM» i jirii^ chini 

Ce i cdvi argenti in manette i bi4tfcbiJinf^ . 
S^nrfirfi nlqunmo in fu ("efiremé dii^ ; . 

Di éUJfilhti fieri MQ^ ì^ mp f ^ ik ^ 

:ui'^prMn menfét / i^jfi^^ 

ja^ pegiéten :vinémà$ im cegiA pfi^9 

Ove 



Digitized by 



Google 



15^ DéU BdBka^ 

Chpe'ld firn /éénm wfi» emétta^ 

Fu il TMiimm ìmI Iw fisnmP^r 

£i i dueCdtmlitirtfèrmtiiMnmUr 

ee ad! cTi^raiii <|ueUe di qoottiiàvXiculhi efle J^ccYCiMfiir peilfo^ sbri* 

farmii ». imperciocc&èV feceodo 1«. difìfiooedi Totvitw». 4kt« g& da; 
rranìò> \m quale anche » me («ùr pìtce^ cbe qpalmquic alua»» eflen- 
dD^dle qoMtvo^xÌDé^ iatMiKioM pertii»ÌNM(Mer o^ vìAm rivoi- 
gk«Biiir^o/p«ipBsia». e fino le cse ultkoe^iiimiiBcncr e^MiAe Airof 
noy •llorcbè ft* tavella della fovola;: e peròi non rìmaiie aftiat. che i» 
prkmttioè l^imgklù'JÌ>Dc»> la (^le aon tichìedè «olcrimrQlc» Qs^ 
fta parr€ tirti^ coflfcyin; di^ tre pankellr> «ber piopo^taiie:^ iovoca- 
tiùùer t dedionloiie s^ appellano #lAp60|3ofi2toae£%MUa».£he^di^ 
«biavaoda tirevMSmaotfoce rimeiumoe del' CcktttrkAorBO all#iiiac^ 
riz dal- Bbeim». Aièga la fola: aaMoor pdoeqfalef e BenchÀi lurt rOir 
iidi&<tiiiàìoiii»: le-eila abbia a ftrfi krfuliKiiiet o io umile lU^: fe 
abbiar a coraiflciar per cafov retto %, or per obUiqoo*. e Te debba ùs& 
ay^mit* o dtfo* l^fovocazfcme;; io*» aMato^ me», ftfktiw alia qk» 
defimaFt^cbe m pdma luogo* fia di ftiié' eoo fe oaac all' idea:» «Iie figno- 
itggia V di' modo cbty fe tal^idea: (arikfi^fóne». dona; queUa..cflreE foUi- 
me $ fe farà iooderata » dovei tlfer TOod iW Hii tf icifarnido- iuopr^ cbe 
Inoomstics^coo» qmi de'iliir cafi 9. cioè pcimov^ e <^ar(«r»«^fir piw ler^ 
»ec4 iff accoècio al >IVieca i percEiè qjMOUioqiir V ituxiinéfieiaF fMCir 
fi>:obbliquo> abbia pia del magoiflcos. nooìtmeoo'Uel T o fao O:idkK 
tAm te ptà'tokeciefce'«raro». e: a&ittto ^^ maflkoMi^iie^nt il. cato* 
obbliquo'fari ilie0Oìido9.^il tazo^^o M'ieftorie;fiiiallwo|tejCbe ad»- 
IMI' ondara avamii alt? imoeaiiMi^ ; ptteb^ ambe iicUc> cQite.iiatarQ' 
li ool ^aceiàm^piìma la» ptopoi&Mwr i e poi iopt a» ^ellì^ upfhMr 
mo' ir^fniiO' di Dior 9, o ddl Ptioeipe ^ o« d' altri r- fecondo til- 4>ì1o0IK»J 
t' oltre; aeci&'f ufo eori. c*io(eginr r tftodq poebi .qQeihpoimi' t-ooi' 
Mo^ Tòfcatir >• tot Lotkà t* e Gfccr v cAr^tucomiiieìiio ec^ tovo- 
elione «* Coovieue cziaodio* aHa pfopoAume rffitcr breve ^ -e Be'* 
Tóftaoii Poemir Eroteir. noir paffarr tona^ tkntus r-noerer il npiflr 
del perfooagi^ pruiDìpale>^ o* tumoarto' per amooowiafii;r o^pf 
ftioi-titoliv o per circoAbofle»^ o io altra g«(a« Tiit»^oeae ornila 
Èioùi fi ritmovéDo^oelUì erogofitioiie del Ptema^. ^L %oiri^*fimli^ 
Macno*. ■<'.•••' • n - . 

loschi fin trcmtmo^kmtmém^ ^ ! \ 

l)ifiifi4r9im0f4ldMilidiHUgm^ ^ 
Figlia tir mtimmmfù' dmi^0umt0* . - : 

gir rAopfrtociatf»rt\giawiiiii /;r ;^:,y-y 

F$rU0tii^m$0/k$itàimmim^4^\ ^ .-... 'y.;. . :^s 
&9iniUGi^VM^^,é^U KmmmmClSèfki '* .^-.':t^..- .^ 

JQr«Jtfa ih Qucftb piyy»fìfiiMM''Oi«rpaiP0orfi^^ i p«:ìÌDl^:q«!lttn^ 
leifi.. AiV;;^ Egli & il veroni) cbeonuUai fccvoooeec l'iasione», dell» 

qfiale 



Digitized by 



Google - 



Ddla Vc^gat J>oeria- DiaLVIH J59 

^Wk ffi acanticc; ma «un lé dittato al Poeta di cominciare col dar 
iiodaia di (e« e dé'^fiioi .ftud j«* come £ ^a^Kf^nieotoiuui vcffi : e v'c 1' 
«Tcmpto 4i Vergi lio « die itee ìTiftafe ^ «ijfMprthid priaeipio ^1 
t(ito Botola ^qo^vctfi aioctiBni;* ^ - 

Arme wif i mi ui mmp <^^ ' 
< ciò naoko più ii cMwoe al tioftra Lacooe* al^snale poM^e ji <atb> 
tire con idea «odcrara^ 4dla ^z\e <|iialcbe iqpEflibpiidffìn «9|i 
pure ^t)eriwfl!i'#tnaj«dicriica^ collie ^Ailaipro^ 

pofiiioflc viene apprelfio f invocazione , la «qoate ^ aieneflaf ia ; .e tioi $ 
che fiaroo Caccofiri v non dobbiam farla di JhUk Ikkk^ ma jdd jm>- 
Ato vero Iddio , o dr nofira Donna ^ o deVSanci > fcome A rfiuco Lar 
conti che invoca lo Spirico Santo • Qotndi alcnni ADn.fenfta-xagki^ 
ne bbrfhnano il Sannasezaro ^ il qoale net fnò Poema «tei Parto jdalla 
Vergine anvoca IcMufe ^ m Dame^» fCfat invocò Apdlo^ allMctó 
doveva ttacrtrt di cOffo faipoifamiflSme allanoAca SLtHipiùM^ Oltra 
a quefta ragione ci obbliga àciò anche nn' altra > cioi^he dovendo . 
noi trattare aaiooi Ctvorevoli al CridiaiMénio ^ egli A pm. di(coft* 
benevole » e impropria cofa » die ci abbiana ad aioure.gti .Deioildr 
H Gentilità» che fono DeMm; , e probabiimeme aviamìo .cooperato 
contèa^ la ideini azione ^ Awetxicetperò^ dieiipaD ii0.vottMcr.anfihe 
ApoHn^ f4èl4o(exlc|po4afrtatieraiin«Qcafliwej» ifuandOi&iafl^ 
io gola» tiicf ilflicndano per icifi 41 jioftro intelletto;^ :la fQ«Ar^«eQr 
te t o la'fttflTa aviìrdel poetarti Xa<ledicastone«<!ba in tenÈO.hio* 
go tea Ir parti ddPintroduaiooe s'anìKnicra.i jnò dirfi .parti .p«| 
di coavenienta'ixhe 4i neceflhà» «fiebicdondovela il^lo ufo.» stolto 
peravventnra 4at cofboie de*Latint » i jqoaif in luogo deirJnv^icar 
catiotie ponevano ia dedicàziione^ che jleU'Opccc^loraiicevailo.ad 
aicnn Alincipe » ^come iece Owidio iielrXibtn df lùtfti.*je V^cqgilit 
aeUa .<S#o^ai le^-qoefta fiarte «on € ptìlcmt idico;ptacerto.»<cl¥l 
quello dr^igire» intodandi>4 Ptioctpi^ a^nt^uiedicano l^Qpeie» 
ani adotai^iine 4 ^ ^ontenecfi dentro i- termini del vero iqgcan- 
dtto » « magìdfikaio «oir^miaaiento della Poefia ; «el che licont 
i Aato ginditfiòfiflimo 4 ^neotre dedicando il /foo {Rocma .alla Rt^ 
pubblica di Kàiegia » ^opo ;aver ibraeeiceote. noccata la ^tcnaa.di 
quella X paffa .fonza ;ptà a conGdecar rutile» che dalla lezione xle'iaKi 
degli Antenati potranno titratre i Pofleri ^ora. invetai • . £s. Vxixsl^ 
mente con ibmma frieneoa^ ^ chiarezza.^ ^oi infitme cp'^^firi 
Compagni^ che xagionatono àtri ^ nai^airete tdtinoilrato i)ixj«no li fif 
chiede per ccrfHtuir la ^perfetta ^Epopeia^^ e^^ «obili^^tacio ^ati gli 
efen^ toki dal Poema di laconr» xhe belliffiiiuntitlVcAetno. io lo 
gindien » come contenente in icAoofolo o^nL regola» od >4;$ni leg- 
ge^ ma^alufuiae più giudiziofo riguardo ^iCd.efqiiifita:artifizio» 
Or vetnamo alla bellezza intema • KctL Benché ti a^ereia ultimo 
XnogjB faveiteto Lieo fia cagione^» che oM^a n»nooditla ipòliziione,^ 



Digitized by 



Google 



i^o Della Belle» 

deiriocerna bcMctzci'i nondimeno pcnfo lafciafac attdte f§t f«i. Ut: 
figli fìtta troppo atto fovore • Eg. Ed io godrà d*afcokarvì ambedue 
Ibpra qoe(U parce 9 ficfomc yi 6 aTcokato /opra T altra «^ JV^ Pec- 
che il dimoiarvi a pane a parte la 4>etlezM ìocetna 4et {^ma di 
Lacone ^ derivante da tutte le icléiiee » e arci libetaU , e* vioù 
morali » che fono per effo Tparfe a iarghiffima mano , 000 pur dif- 
ficile 9 ma impoflibii coTa eYarebbe io cof i poco tempo * |>èr la lot 
4)uancìtà » € qaaKtà ampiiflfoia^ x graviOima^ perciò io mi riftcia- 
gerò a dir folamcnte quaidie cofa circa raUcfiacìa, che- fi rac- 
tliinde icì efla , comprendendovi anche -quella ipeoulaaione ^ colU 
quale fi co.nduceiÌ ooflro intelletto alle cofe fuperiori^ detta Anago- 
gia, la quale per comoa (raiimeoco è nobiliflStaa io quéfto Poeroat 
e feravventora la più bella » cbe 'dopo quella d/cMa Commedia di 
Dime fia ufcita nel noftro Idioma. Siccome adunque l'allegoria 
tre eofe riguarda 9 cioi rintelletto » il collume ^ e il negozio , cosi 
nel Poema di LacoMdi tre docce ella fi trnova, cioè rateiteuoaU^ 
morale , e negodatiVa. Della morale abbalUosa fu parlato «d Ra* 
f idnamento fopra 41 coftutne » ove fi dimoftrò fotto il veloxle^fatti 
jdi Bonifacio l'uomo geoerofo rio ^ue'dt Votco fuomo forte; intjuci 
.dtt Lafcaro l'uomo feroce ; io Quei di CaogHone l'uom befiialc, eia 
i)iiei d'altri perfonaggi altri ^iz] , e virtù; per la qual coTa prc^em^ 
menre'hon fa di meftieri trattare > die ddla prima , e della terza. 
Ce l'Allegoria iottltenuale eoo puc riguarda te coCs inferiori , nel 
;Ctie ^oprìameoecr confifte l'ailegocia ; ma come abUam detto, ci 
coddùòe alla fpeculazaooe aiKhe delle c«»fe fuperiori , ietoudo le ma' 
fei4% i che fi tcattanay ci featimeoti , che cotiede fono .^ad ; e 
però 4:ami0dk> oeIJa Tavola » <hd fece ibpra H Sifiema deiha ^gu 
raefia $ da quattro fonti ^ oUce al morale ^ ootò pocerfi {peziahocn* 
le Mrcei (eotimenti^ da chiuderfi ^otto il velame poetico 9 cì#&.dal- 
ia TMiogia 9 « dalla Mectfifica • cbe riguardatio rintellenuaie %^ 
tior« , e dalla Fifica 9 esalta Politica 9 che fi percengono all'iaul* 
iettiate itìftriecé V' AiPoema Eroico adunque è «Doveoevole tal' al* 
IfgoMa pia, che ad jritrf; e può aveda univerfald',^ partioelate* « V 
à univerfate , quando .tutco ciò 9 die fi (jptcola da tutte le cdfe , al* 
meo principali del Aiema , è.dioetto ad ao fine i e regolatameuce vi 
fi conduce, come è quella della •Gemfalemme Liberata del Tallo > ii 
quale iguca , ii fiie Poeoia eflere uo'uomo inrefo alPacquiflo della 
felicità; e lutie Je linee le dimza per formar tal'uomo • Ma qoeftat 
Mcorehé beUiflSma, oon è oec'efiiBria, come troppo obbligata , e vi- 
cioa ali' affettazione . Via fìadle a farfi 9 e ad jcaere apprefa , e oea 
IMO 'fruttuofa è la particolare 9 cbr fi tiae da i farci » che fi raccoo* 
cano nel Poema 9 diflintamente confiderati , e fenza concatenazione 
d'una cofa con altra 9 come fono le allegorie del Boiardo^ r dell' 
ArioAo, le quali anch'eflie tendono^ tucce ad agevolare intet»ti«eote 
4a cognizione 9 e U copfeguimcnto del meglio : il cbe è il An t <■' 
quale é indiritta l'Epica Poefia. Nd Poema adunque del nofiroUoo^ 
fie. l'allegoria particcAase è nòbiliflima; ed io volentieri ve ^fov^ 
imiB pienamente, fc aveffi umpo bafievple . Vi couteotercte povao: 

joj chp 



Digitized by 



Google 



Della ^^IgarPoefia Dial- Vili. mt 

to , che ve ne (piegai parte , cioi quella cóocenuca ne* primi can*» 
<ì\ la ^ile peravventura è la principale ^t x la più iniportame • 
E^ F«cciafi4l vodro talenti^ .* godendo io^ che mi iafctàce Ja cura 
d'invcftigace il ^reAo ^ per {^rodur poi (otto la voftra cenfqra in al* 
om'^lroo ragionamento quel tanto »<he n'avrò ricavato.. J^ed. Nel 
primo casto per le varie opinioni de* Collegati fopra U vepdicazio* 
•se dell'Imperio dallo SìCma , acchetate dal Dandolo .cui: coofiglio 
d*ete;ga?e uo Capo, che dilpocicamcnte governaflTe : a dare Hqual 
configlio viene egli molTo da uno Spirita» che gU pr'efema unofpec- 
chb) ci fi dimoftrano le potènze dell'uomo ircdbftute in vendicar l* 
amma dalia tirannide del viziò » le quati non ponno mai siccordarfi^ 
(e la ragione col mezso della {>rudenza ti^n ci configiia ad ekgge- 
re , e fetmamente' fiabilire per oggetto delle nofire azioni un foto 
fine* Nell'approvazione , che fa di tal coniglio Folco uomo (auto , 
debbe ronGderarG , che le rifoluziom ragionevoli fono approvate dal 
Cielo •; e in Altofaflo , clic iedace Tefercito^ e lo guida a lafciare 
il campo «per ritornatane a gli agi della patria;, Axonfideu-lapar-* 
te fenfiiiva incefa a fraf^ornare i noAri. penfieci dal giufte ^ e dall' 
Odetto* Mei fecondo canto |>er Baldiiino» che^ acchetato i'.efercito» 
i acclamato Imperadore, come più d^nodi tutti gli aitici. Capitani^ 
fi dimoflra * che il fine » diedobbiam.frefcriverci.t debbe etkxfijA 
migliore. Per Altofaflo, che richiama da detta elezione, e viene uc- 
cifu da una faceta ^ (enza vederfi , donde ella fofle fcoccata ^ fi fpie- 
ga ,.che il 4eafo^ fé cfmtrapfta all'uomo la cpnCecuzione del fine mi* 
gUoiie^ jclie fi ò frefcritto^ «1 quale è l'eterna feticiii., dalla Gra- 
zia Divina viene atterrato; r ^naltneote in Balduino , che vuol ve* 
der TeCerciro in moftra, fi ^alefala follecitudine^ che fiamo^bbliga- 
ti avere , dS eicono&cre i mezzi , co' quali vogUam vendicar l' ani- 
ma noffara dal knCó « Nel terzo in Errico , clic fi affronta col Re 
di. Pònto confederato d' Aleflfió Duca Tiranno del. Greco Impevio^ 
s'.'additano. le battaglie .de'peisfieri ragionevoli co'fenfuali ..In Bada- 
se:» isiie fi tinflovella , e da vecchio ritoraa gtoirafie , fi adombra it 
mio, che fernet pia truovafi vigorofo ; neiriflello > che (occorre *it 
ZinnnQ 'con'ifc^glier Dicefalo moflro di doe corpi , l'ifieffo vizio, 
che foccorre iffenfii có[ dlfcioglimentp dell'appetito , che in conca-' 
pifcibile^ e irafdbfle fi divide ^ e.perd>è l'appetito non può uccider- 
fi , «flendo. intiato oeli' uomo,, ma «ben Ic^arfi., cioè raffrenacfi » 
però fi finge nel Poema > che il vincer «Dicefalo confina.net legar- 
b^ B qtiefto baOi.pec l'allegoria intcllectnale.. Or vai ,,Lico , con- 
tentatevi chiudere il. rag tonamétvo. con dir qualche cofa fopra la ne- 
goziativa .. jt/C' Grand^ofUDrc voi pit fate ; ma poco me ne potrò va- 
lere : si perché i pafli prìncrpali di quefia allegotia fono fiati pooo fa' 
toccati^ ^ perchè io io, come già difiìa die altri fia ora teflendo r 
iBoria delia fiefia allegoria j e si finalmente perclièyelandofi in eflTa 
inaccr«e,iftarich« i.oon vorrei commet^ qualche fallo nel^ deferi vcr- 
le . Sarà.adunqiie ilmeglio dies' per ntm rifiutÌMr.le voftre grazie, e 
poiìMcanfare ogni conveiAenzat^ «.timore ivtraUfciando la generale 
ffoùHoùCf mi: attenga ad.dpon4uald^ fattd panicolarei^ appunta 
fir^rft.Folii.Ppif$4.Tm.rù X <legno 



Digitized by 



Google 



i6t DeUa BdlézSi 

4i0gno di (picg^omt purmi I* epìCodio. raccomato nel eamo tremt^- 
tree&no » ove il Saten^ind impedifce , cIìù il Dandolo hqa beira deW 
Tacqui oflGertagU dalla poozella del Poottf « t lo condole a cogKer 
la ftoode del Lauto • Siavi adcuiqoe pabefe^ c^ la Donaella » delia 
4aalc ivi fi paria» ed è v^eOica dWabito» il cok)r del qu^teoop p«è 
difttogiicdi # e l'ohbttviooe ; e fi finge 9 die ali>erg(u io mnt^^llc^ 
^ve noo è né giorno» né notte » non dpruova auitamemo di ftagto- 
tii» né vi fi Tente affanno» né diletto; perciocché le cofe tocche dal- 
l'obblivioiie ^ono £ooie fé ftaf e non foflero» Per Tacqua y che a ctirtì 
|>oi:ge indi&centetDcnie li fuddecta Donzella » dinocafi ^^ che. ranco i 
grandi » quanto i privati Totio fortopoiU tairobbiivjone« Pei Saleac»- 
00» il quale opera » che il Dandolo non beva deU' acqna^otimagbv 
fi dìmoftra il nofiro Lacone « che coglici PifiblTo Dandola-dtlTob- 
i>Uviaoe» ove per altro farebbe caduto. Pel Lauro poflirnte aiiberar 
dall' incanto i Cavalieri » c'intende il Poema dell* iOeSà Lacootf > i 
verfi djcl quale anna liberato tanti Eroi dairobblivkone . Pct Pac<|«a> 
che caduta Copra il ponte fi converte in.iiainma » cconfuma U me^ 
defioio ponte ^ e la torre delllncanto» e fa <{fiarìr laDoneelLancItem- 
pò Ae8b» ch^ il Saletuino toglie al Dandolo il berla ^ è' :addita» che 
l* obi^ivione fi rifolve » e fvaoiice t qoaiutuiue volta sT incontra nef 
Poeti^ FtUgonfi poi due ftcade» che conducono alla Grotta del Lau- 
ro» Tuoa per lo ponte» che fignifica le iliuftrì azioni » le quali con* 
ducono chi le opera all'eternità'» e dicefi facile» perché IVi^ratbeoc 
canfiOe nel voler di chi opera » ne poflòao non eOer capaci (fimmc^ 
talità le buone operazioni: ma queftafiuda à 1' intoppo della Con* 
svita ^ knperciocchà. tutte le umane azioni » quantunque per fe^ Refe 
degniàìme fieno di patire af pofteri » foggiaccìooo alla voracità del 
i;empo \ perloché fenza T. aiuto del Salentioo ^ cioè del Poeta » non 
può per quefta Arada » per quanto facile » e piana ella fta » arfivarii 
alt^immortalità» intefa per la Grona dei Lauro* L*altra ftrada fifìt^e 
pel moiKe» cioè per lo mezzo della Poefia» la quale ftrada fi dice dif« 
^ile» ed afpra» e-diriooimo difagio» petxiièil carattere di Podca non 
c'acquila» die con doriffima fatica » e ileoto: ma alPfocontro.fi re^ 
puta più ficura» |iercbé il Poeta refla immortale nelto tfoe ftetfe opo^ 
re> che non foggiacciono all'obUivione • Nelle nove Fate » che'asr* 
.volano a>aflaggieri la via del monte fi dirooftranò le nove Mole, U 
prima delle quali abitante alle falde del monte ». dona al Satentino 
una lira.* nel che Lacone intende d'efpcimere» che egli » quando in- 
cominciò a poetare » cV^tctme alhi Lirica PoefiaujNdr liltre Hate» 
che hi (teua lira gii accordane a varj fnoor» ^ fpìegatioJe varie fpe^ 
zie delia flefla Lirica da lui maneggiate 4 finché aOa medefima lira » 
vi fu tra le Face » dii mutò le corde i impcfciocchéindi pcffir Laco^ 
ne a trattar lo fiile Tragico » compotiendo il (uo fsónofiflìmo Corre- 
dino : Illa dall' ultima cioè dalia più nobile » rit^evé la tróoiba \ il 
che vuol fignifieare 9 die s' appigliò all' Eroica Poefia » merce detta 

Soale ginnfe al titolo^^dS spoeta t rpmo impt^ittindo xiò^^ che fi dioe 
el Salentino » che per virnV del tuono jédla.crombà)diveni)eOiffao^ 
de del {.auro ; ^cen ctò anche fi 4imoftfa » dir non può^>dii3fi ve* 



Digitized by 



Google 



Detta Vofear.pQelìa.. DiaL Vili i^y 

imMit Poeu ia.c£celleoza cbt non tie i ìceve il carattere dai a»* 
«Kg» tMi EpopeU ^ Rer Ji Tecic. GttUkUasJf^ o CoAodt okti Lauto ^ g^ 
iraiidoM Obacxo^ Vtf|;ilio».S$asìo> Lucano^ l' Arioflo 5 il Taflb ^ 
fdcffisLacMic «i^ le porte rieoopiat»» e eurate «tal epefciineoco 
lidia tett#9> fi dimoiltmo i Poecf Ejiici aotiebifllmr^ i qsatt Iboo^ o> 
aSttt< andari k> perdistoaa.f o di loio a noi noi» rimaM.» che pic^ 
(ola piettorsa. Per k alate porte difegoace^ jt 000 fòcirite', ni aper-^ 
itf s'addkaaojqfi{e*RoetU.ciie verranno depo noi : il |%rcbè ^ (ebbe*' 
se per amiantfa i fiato pft£a luogo ne' JPoeim firoict da i aonùiiàil 
A rapray sondebiKitio pecòrgl'ing^tM avviitrfi , irknaMiidoveiid ao- 
che per altri # Pie i|iiei ^ dia alber^aDo il recoodo , e terzo gireoe^t 
ove (oàa dtvac6>aiclM y da r qot^ ii cc>glìe il Lwro con qualche fa^ 
cUirà , fi rpic;paK>ri. fioett Tragici > che knmortalano pochi Eroi ^ 
Fer quei, cbe abitano gif aluigiconi» e vanmrdaile fioeèrteoglien^ 
do qualche fronda def ntedcfindo Lauro , s' incendono i Lirici eceel' 
Icmif Per impotenza della Maga d'uccider Planco, ed- Arturo fimo^ 
kra» che Pobblivione può bene addormentare la memoria delld coTe^ 
ma non difiruggerla : potendo anche dopa corfo di fecoti le memo»- 
rie riooovarfi » come appunta è adivenuto a gU Eroi del Poema del 
sottro Lacoae. E finalmente per la nimicixia di Planco, e d' Anturtf 
colla Maga fi fpiega » cita le belle opere ^ c\t geoerofis azioni coi»« 
trattano al ienq)o , uè f^no feuoporre all*obblivione il proprio vive^ 
le , ficcome fanno le cattive» e viti , die poco anno di vita > e ap- 
pena nate perifcofto •'Or che vi pare» Egina; non i egli iKybfliflima 
^allegoria » che vi ò/cfpoftaf £^ Non ri, dubbra ; ed è tanto a mar 
piachita» che' non ò talento baAevole a fpicgarvene il piacimento ^ a 
mi dtcbbro avervi grand'obbligoy perdié con ctò^mi avete infegnata 
il vero modo di leggeXCy.t Audi^r fppra i Poemi $ €\ ^i non iarcome 
laluoi y che gli ìpggst^ (mT^ riOnure é rj^r ftmt^ce genio , ehm 
«ano y d*^ udif favole » e novelle • tic. Eccovr adunque fignificata 
V^oto fa di meftiefi per la Tofcaoa Epopetar Ma prima di l^iarvi^ 
€00 buon» grazia di Nedifto» e degli altri > che an favellato in'que- 
fti Difcorfi > i qpali io fo , clie fono del mia parere , voglio avver- 
ikvi, Egina» due particolarità^ La prima fi è , cbe le cofe dette ne*^ 
paflati SUgionamenti y o almeno buona pane di effe i fono anzi of-^ 
(rrvazionir che precetti: voglio dire » che in componendo y fé il fa* 
lete con giudizio y e con riguardo di veftire^ adequatamente ciò > char 
direte > Fifteffa natura ihfegncravvene anche di' vantaggio : anzi ta 
Mmo^, die tante regole y e tanti precetti più rofio alfaccino » e ioH 
Moino l'ingegno, che gli agevolino la via di ben comporre \ e ere*' 
detemi , che la tanta varietà delle opinioni in quefte materie dà oc-^ 
caGoQt a i compofitori di dire y e fare a lor capriccio ^ trovando 
<empre come falvarfi* Egw Ottimo è ti ricordò, e molti fcrupoli con 
eSa mi levate % che già incominciavano ad occuparmi la mente ^ 
Le. La feconda: che in quelli Difcorfi » maflimamente circa i pre« 
\ tettile le regole fondamentali della PóetieavJotendiamod^avetfcnv* 
t plicefflcnte favellato pef ouel tanto , cbe a noi pare: e non già per- 
dtt lanoftaKL^ainione abbia^ ad eflervi norma infallibile»^ e prevalere 
' 77: '! L * aqiael- 



'Digitized by 



Google 



a quelle di moltiffimi raleoci nomini » a cui pcravvdOttiraTaiipaMi^ 
to il «onrrano,* le quali noi flimianaot e lodiamo» e lafciamoiiel lo* 
co credilo appo U Repsbblica lefciraria : di modo ebe^femat v'im* 
batteftc in alouBO;dlloro', e t fuoi pareri vrfembraffero migliori r 
Boi vi diamo la total liberti di ftguicarli » feoz^ cho abbiaterignar- 
do alcuno a: quello ^^ che avete da noi afcoltato ». jBlr.- Quello rfcordo 
lo riconofco ptd convenevole » clìe ncccflOacio : contuttociò loticesfov 
e ferbetollo in mente « come effnto della voflra modeflia.^ lopolnoof 
fi rigranzio» gentiliflinu Accadi , del'^golarfì&vore f cliefotto ini 
avete» perchè egli è tale r che oon v^i parole > che poITaMi efprinKt- 
lo» non che cmcraecambiario ^ iWi; Favore à queHo, cbewr*iafc* 
le fatto ) riputandoci! degni d*ibAer da* voi accoltati » Lic^ Ecco le ceri- 
monie. £t. Or via non più : che in si fatti cafi , meglio-coiramniai» 
ahe colla^ lingua » adoperar H* conviene-^ 



M Fmt èil^ido^ (kmm 



Digitized by 



DEI^ 



Google 



DELLA BELLEZZA 

DELLA VOLGA R 

POESIA 

-D lALùGO NÒNOi 

Nel €uale fi . discorre del guAo del fecolo ptefente 
XViIL nella Lirica Poefia Volgare, eiegnatamen- 
• cenelSonefCOi eÌenefQri»ala|u:acj[c^^ 

( a ) Mf Cillenh . fif^'^^^ 

Ib) MirtHo Ùimìdiù. {b)iiDétm 

I Appoidiè rultima fera de' ooflri coogccffi lo tten 
4iedi airra giornata, fiè fiomiaai altri difcoucnti; 
€ peto fi parve , che la ooftra birogna ioSc com- 
pìtica 9 ditemi in cortefia ^ Aleffi » e Mùtilo gen- 
tflifliim , che allora^ runanefie (tvaoi difcorcvce » 
fé mal di ine Iblficacoi avete , come di q4}ella» 
che poco coato faceffe del tvofiro vatoift* '^. Guardimi il Cielo , o 
Egtoa, che mal di voi poOa avvifarfi chi, com'^to^xonofce la voftra 
indole generofa . Ben tcC à fapoco Arano di rimaner di fiiori ; «na la 
fone q^ò -accurata , die nel Servir Dame mi é Qataiilempre poco pro- 
pìzia. Eg. Eh voi, Mirtilo^ che ne ditc^ Min Io, canto ìè lontano » 
che abbia ^n. una voftr4 pari roéjpetcato tn^^ uleocD fverfo di noi, che 
tttzi 6 cceduio , « ccodo tuttàuia » cbe/avreAe chiamato almeno uà* 
altra voka il congreflb*, e che al voftro incomparabile .fpirito non fa- 
rebbe mancato argomento da hi discorrere dUioa materia, che allora 
parve affatto digerita-, e finalmente ,' cbei dt£correnti /aremmo (tari 
noi, che foli rimanevamo. Eg^ Voi vi /etr^tppoQo ; e m^tvere fatta 
gia&itia« La fovercbia tardità deIKoca, che fu terminato rulctmoca* 
SioDamento» e più la vaftità della cofa » che fa tuonata « difohbli- 
gaioiia allora la mia «nemoria daV peoface a ftabilice inuòvc tornate ; 
a)a non già mi tol&ro il dcfideria d'ascoltare andie voi ^ ^ il noftro 
AleiCi acquali pròfeiTo non minore ftima di quella!, cbe^abbia diqoa^ 
iMqor pia eeidbce Ijetteratò » Ora ecco ilCongreifo adunato « ove 
ambeduc;.3r(^ fÌEivdleretfi ; pdi qo(z no9 mca grave 4cUe faflTate , né 
.Xr^^ Jjl. f^clg. P0eji4. Tcm,f% 1 3 mcn 




Digitized by 



Google 



t66 Della Bellezza 

meo neceffariat per Avete una compiuta nocma da diventar l}Uot)?de« 
ta Voi;gail6,.^r*4tfcl^ri^ £tie ^nòri iCNam fmV ftCoiV TaS|if«ti in- 
torna alili tuxifibc xkUaWOra. Boàùtti <ma ietieodcioa (aciif btftevo- 
li a farmi <ben .comporre s ^e non mi 's'inicgna » o almeno non mi s* 
apre la ftracld da ilnpiit^r da fttt Iki/rtz H praticali fitfn'dtco gii quella 
pràtica;, -che^iffcèflaUe fltlatò a i Verfr\, « i* vlcrB ^ i ^dmponimeotit 
ina^ien quella .j^*e .ammacflcaa bcnjjiaferc al Secolo -, ocLq9^J(ì 
corninone, Che^ ^ome pm^v^^e ò inciSolpire, è Tifmcò'^iudke^cofi- 
jje^ctiìf in^fimile-' affare- IfTiQ^ die o^i^fecolo i^^oluAi nella Pdtla 
^^Halclteicpfa di'^^qprio ; «4>iiUri /e ìi m mÉ B fcelca ro n w ^ alcri cam^* 
va. porrei adunque fapcr 4a voi ^uat fia qpella* -clie attalenta ^ k* 
^o\ noftro;: t.quM vU abbia i^ teneit peP.<:oo(fg«iriii*; né a voi fa- 
rà difficile il comspiaoermi, |>erchè To, che gli Arcadi ^ era' quali co- 
tanto ambedue xifplendece, ben la pofleggono* Mir. Che parvi «^ Al- 
1eait<li quoft»ìt0iilfliiida)t V^glntta^Hey^hc^^um-^oi tjutm «fare 
4e^pa(rati inijfj^utori) w4^iafpcr.ine Àimo^ che molto niajtgpooefit 
iì noRro pefo^; perctìé xtò ^ che jda nói'.cniede Jbgma ,' non fi tritòva 
/crltto ^e' libr? t « ^cd^^Mn^c^arfo^àl «offra giudìzio ( « pAifoit à 
giudicar Nanamente, ^/r. Ben dite. Orsù all'opera ; e lafciate a me 
la prima parte , che ben Capete, che, febbene di finouU snateria non fi 
tratta ne'libri, nondimeno io Vò apprefa. abbaftanza ^lla bgcca del- 
lo (leOTo Apollo, la cui feotenza ò io regOIrata-hetniioCon&entji'io. 
Ciò, die di proprio nella Volgàr Pcteda à it ko^n lecffld appena na- 
to è quello 9 òhe an cercato tutti«{ paflfiaftfecdli^Ve iìè faieti VcCthìtn 
faputo .<rov^e 5 e .queflo è:rottimo . Non vuolcegli fncdiocriti ne** 
coippociimenti ; non fi contenta ., che non vìbUAwo difetti ; nfima 
anche il buono^ /e ccniofee^ cbe >1 buono può effer .migli9re ) e fic- 
come colui 5 che i vedute le virtù , « ì vhj deYóoi antcceflbri , per 
gi' innumetabili volturni .di Pi»&e ^ cbe gli atmo tramandati , cerca 
fer fuopo^efiB.di fuggir jquefli 9 «d aumentar ^quelle ^ e Jn fufianza 
introdurre «na maniera 4li:poetare, che, dandofi alte ftampe^bàRi a' 
pofìeri il trov.af la «notata col 610 millc&no ; |>er riputarla ofegna d* 
èOex ìffKz , € Sbracciata ;* Pa t prìmi.fadri a egli prefe i fenttmcn» 
ti Platonici per le^nfe aoicWe; ma abborrifcc queìratfettata imiti* 
zinne, per la quale fi ridiconp le ftèffe cofe, die .quelli difiera ^^e fi 
jridiconp infinitamente <leterìorate .* Q{ilndì «on fa applaudire né a' 
cinqueccmifli « i più^e' qtiali iamandD in qutfta pane trop^ refi' 
jgìoTamente il Petrafrca^ fecero /are alle femtnze di Ini qneHa com* 
par£a « cbe 4icono^ .che fan le gejame jncaftrate jneUe jìegoe guance 
delle Popne Etiopiche, ed Indiale : irraggi da^nefta licfaiara il Sem* 
èo f ma egli |>er poco noo è il Petcacca medeluDO n corpo v^ in 
anima :. ma fìt meno ;ipprova iquei «del fecemo 9 che fcotcndo ^Smà 
il giogo l'etrarcbefco , ansi ogpi giogo, iamaflicaixmo cante maoie^ 
re » quanii-cffi furono ; t per^Qfcir 4ella Monarthia v fi divifero in 
f ance iRcpu|ibiiciie^ icidcona 4eBìrf^ttali mteoén iignorc^giar 1* altra , 
4» loro Aed[e aita, fine ù xliRruOero ^ :e inficme col fecoio retmiaaro^ 
IIQ« Coatuciofiò 4a4nefti il ieoot aioftro i preAy)! cpragagto di m^A 
ritornare alla tarai foggezibne Perrurcbefcaf macotrKempio MTm- 
Hai, del Cafat 4el Taitfiilo^ tàd Coftanzo^ itetRaioióS y dd Venie* 

€0, del ^ 



Digitized by 



Google 



iJeirji Vofeu: Poe(k. DiaLXL Uy 

fO»ddTift»yCd'alctvfii»Uinoogiirifaelti^m»Uiiflfaccn:idi 
Marftro» caminioar per U vi» di Itar ^ nunnoirsgta) ricalcac le (àe oiy 
me.' Còy cbc'dko ielKamoroiarCoore tqcfaer peif.facror»> pe^mosafer 
e per TfCDìco^ impctcìooché U Betrarca&ooo' fiiece tanta cccupac 
da t penfier» d'Anmre ^ cbe alcuno no» ne ijpeivdrflc anche intorob» 
ad altre materie s e clii legge la CanzotK^ Firg^ne felUy e Talcra lt4^ 
tismisyt Talm «ffiW# §tnìU ^ e la pie parte dcTTrionftr bc» co- 
Bofce ».cbe quegli era mataca non men. tiek grande , e net gnive> 
cbe wtìf amorofe» «^ i A'^preCo anche dak^^ fecola precedènte fé ntaniere 
Gteched*Anaciponte^ ediPitidarar lequali fiirono* tentate da al*^ 
eaaprdet eitquecentov mai^niono le.feppe riifaire « /gìM» mifim» 
ungilo del Oitabrera ^ il <iaale fiélicemente trattò^ con ette gir at^go*^ 
mact tnai ^ che gii & pararoo davanriv Ma ao^* qtteiFe maniere* 
egli le vorrebbe ai fommo perCbttes e vorrebbe y cbe mafCmarotntr 
li Piodartca fòOe ona. co(W tutto fàa» e- cte nulla^ avefle ne dal' Mae-- 
flr^Greeo^ né dairimitacoc Tòicano,^ o tatKopoco> cbe & confòoK 
^Oe 9> e ptsdeile oe^ proprioi di lui » Vi egli a: queffa fine ritwrac^ 
ciaodo il parlar de'Ph>£ètr y cbe furono Ebrer ^ e non Greci; cliiamà^ 
t configtio le fonoole iditirambiciie > che eccedono tanto it fuUnpEir ^ 
cbe fiioridel proprio componimento,, che dicirambo s'appellar danno 
set £rfgidt>: affètta una ccrtar egualità di aile, cbeia ilaa la fantafiai 
faaprr in moto > e full^'ali^ non vorrebbe dir parola ». che no0 foOr 
la'iamiagiiie: tion ammetterebbe una^fillabay che facefle il verfo men» 
riftioare d^nar bombardia: inibmma; notp gli baftar fare a^chi afcoltadi 
tempo in tempo inarcar lecigjia> come £e Pindaro >ma> vorrebbe »r cbe 
hatfttthzfcGQÌdffc:^ dimìinieaarcbe vorrebbe ridufflómaraviglia; afcàis- 
aniìiarfi tutta f edifperare». per non raper%ccedece anche (opra l'ecceT- 
fà^ Q^peA»manìcr«' v'ìè chi la pofliede in ecce llenzarr cioè il' degtriflhno 
«•Aro £rik> (e ) > come fi riconofce dalle Tue nobiliflime Pòefie date (e} V Mi' 
alleftaeipe ;: e molto pià^ dalfa traduzione cecrameme mirabile d'alctir^^€^>^r«' 
BtdrlledottiffimeOmaUedrNwS.. PapaCLCMENTE XLcbe già'flj^per ^mdi^ 
pubbliearffv: inatti TAutoreà (eoza d^bio toccato il fommo' della» per*' 
iauouermaegii irebbe pus le bel la cofa^» (e potyOeonrverfalmente pro- 
itftrfi^^ e ne fbflfe a tutt r agevole l'hsicazionev come l'è ad Eroto ( ^}Vf j y iicé»»^ 
ilqgale perverìtà è rutiìcor che per le onoeate veiBgnr d'E'iio poggi }|J^,^ ^ 
roaraUopiedei0> Pamafe.-^ ErAto,. che pel' fiqgplar talento, eper IkncN/j^-^ 
lild si donatali,, cbe del coflume, fi rende in* Arcadia^ ben piguartfe- 
^K>lity enpocata». Chi nobteme fiiacearfi il* cell(ty>r faltabellando contx-^ 
ncmeme' (ull'^oclo- del precipizio^ può* arrifcbiaifi» a* tenere ^ fàitn 
Mfeieni i ma fé poi (ti fiacca ». Aio dannor cotawtnendo* molto più s * 
vedi ralir <fae egrimitarori di Pindìaroy ciÒr» cbe avverte Orazio .. 
finàiomm ^^qftis fiudit mmUri 

Nèmins tfmucr.. 
H iketoiié^qgwfta: parte ne vuot^ di foven^o r tm refperfeiiz» allin 
ioe ^v &tè «onoiicere r cbe^ Pindaro bafta^ pel* caranere Greco' toh 
Uime^: e iàm iH Cbiabnera k d^ lui eftratto quanto bifojnava per fon^ 
tele la Copila io Il^iv^ OcUldlo il parUc; de' i^oferi era parUur 

L 4 di0iOp 



Digitized by 



Google 



1^ Delk Beilez» 

di Dio ; e Icktio ora ntoforla per mezzo de' Votti % ma bra dVVt^ 
éicasori > a'qnli noo pftfcrive k parole » ma inaiila ifjiQcimead» 
e Dei rimaacms gUlafcia parla» a lor modo • Qt^tOo è il gafladek 
fcccdo prefescc oqlia Litica^ e queOa è la BMokia t die ceogono gis 
Arcadi per piacergli :tralafcia«do io gli alttì gestri della Poefia, per* 
che oeU'£p«co » iioa può emacfixli qoo f»iiurc o VAriofta, o il 
TaiToi sei Tragico» ooa v'é ta noftra Poeuaora ataro eTempio, che 
il mio, del quala aon ifià a me ri giudicare 9 e sei Comico fiè a&c» 
co perduta ia, veca fcvpla y.«:aiBcora ocm uè tentato ridiìaa^la a 
vifta*. Gooci«diamoiadaQqae»ricbe il gofto ». o per miglio dise t) fioe 
ed pcefem#<tcalaèili pigtiavi da rimi ifecoli.aotecedeixiil mcglia^ 
e ammaC^odolo^ e siiidizio£Miicme ttfandolo» ùtù uoo ftile propria», 
die noa fi poffa dir d*alcco (ecpéo; o fi componga alla Tefcaoa , o> 
alla Greca; ofi maneggi il «enero» oil grave». il grande ^ il cke io-» 
fomma vuol dire » cbc cecca di riformare io meglio la. Poefia , e ar- 
riechirla diooove forme di dire», e d!alcri omaciicnii». die ^rjo paf* 
fato.» o non fi Cepperò» o aooG voliera iapem.».o la royerehiafervitÀ» 
a\ecchi raaeftri né vietò la li^à.dij«ctecU in viperai e ove nel» 
cto^necento ii non coàofcerfir difetto poficivo badavi^ per render de^ 
gno mi componimento deirapplauTo unlvetfale» ora vi fi i^biede d» 
più l-efler ndle fae parti tale», dse de(U la maraviglia «egli afcdtaiw 
ri •. Infeoima i Lirici del cinquecento »: in cpnfromo di quei del fet* 
tecenro » poflboo paragooarfi a quegli Oratoti» che alftempo di Gcùi' 
sotie» ripooevàoor tutto il pi:egÌQ del dire Acticameme oel-dir cóoipur' 
riti » ed el^ansa » fenaa badar poi Te roraaione rtoCcife priva » di* 
cbiam cosi» di fangue» e tesza colore :jMrr4ir# rafii9»4J€c e^idi qoa^ 
fii tali neir Oratore», qyi twridi» incuUèqm Miét .mmb iailttmur 
mmeltétii^efdcidìy €um frium Atticè di^en^t poigl^fgrida^eABJiiaiaOi 
àorquidtnim JU Atticum difaant; iUqittntnmqpi ^ ipjàur ttrilmif 
• * 9ton $mlficiliité$u /m mttiémtwt *. Se quefiofiney al quale fono frette; 

' -> tutte le linee de'^moderni nofiri Poeti » coofeguirafli^ dal^ ^9lo> io 
md voglio indovinare e dico bene» die le^cofa viViocamminanoxon 
moUo fervore V e con affai buona fperaozaima ficcome Tiagegoo pò* 
flro^è iofaziabtile: ddla. gloria y cosi io Aimo » cfae quando il fine Qk 
coolegttiica> non comeoci noi di. queOo tanto ».teQiertmo^d*tnvcfli' 
^ , ^ .game dtrettamo i e a poco a poco foftnomando i termini del eoo^* 
venevole» daremo in>quc^li ecccfld, da'qudii fòrza precipitare. Mar 
fucili finiAri augurj laTcìamli da pane ^ e Jodiiamoci perora delbuaoo 
ingMflodd fecolo con quel la piena riccbeazar e con qiiel vivo rpleador 

J; e> i/ ^w^x^ ^. ^he v*ò già di^iCato \, e readiaai grazia al ì^nomaio Polito ( e ) >*<thi; 

y!!f^5^^^^ ciafaputoinCegoar lanianìera difeguitare il Pet^rca» teiza tacd»tdì 
/n%*^^^ fervile; e al celebre Euganio (/>» die ilbaonChiabrara 4 riflaeflo 

itnédtif ^^ commerzio;, e ad ambedue infieme» cba ci anno apeataunai liberti 

MtnMt^ ^^^ temeraria ». e una fervitù gaoeroTa ^ Ef. Vai^.fl)!avefet iaito , o 
Mirtilo» un si grande apparato della finezza dd guAot <k'nofiri tem^ 
pif ». cbe^ quanto» io- rammìro ». absf rtanr/o dì0HÌo di po%irjaMi entrain 
ad riiola di que' felici ».cbe i) fanno jpcomrace» Mjrt* l^aè eglit 
cosi», Egina ; e*fi par la.difficil (ofa ; ma lempo » e (UidiqiiUflsodoiHADn 
IO agfsvole » q^anco ^Vìa.fia«maifiataLQ!^viC|jCMPf0tl.tfi^ dooivii^ 
- perchè 



Digitized by 



Google 



Della Volgat PoefiaT DiaL IX. xfiy 

peièkèlrsiiratt^lUsinamisieVc'iQfaf^ ^oeiUr d'altt> a£» 

feiè, «ome iion'èitÌF?«tck«.>4iòJngQéi^ tamamitid di cu», 

edt peiifiet», ^c^fuliblki»: e;.pftiMcu i|ttam4.ae Icompigl tatto U fio* 
ftca) cosiovt fi app&tf^jglt ftudjrpQeckà^ xicfiee piai ,- dteja maf» 
cbite^ ftdes» € vi^^oérfa ciriiprod«iriifioie» e psltcgrine fanfafie, e 
raie> e mirabili fatine i e:;fiavi d^cfesipto biBoac» cbiaiiOima Etet^ 
tra (f ),.^ quaomo9ie>ia&li ailr Mtife ft conéagcaOc -, noodinaeooCg) X«c«s^. 
per eflaiaoclie le Donde anitt> parce, nelia fondazipiiexlcf igoflb, 4^^^J^rudtn^ 
qoal rratoMiD* f;^. Voglia Iddio, xf}e.«ldtycoga di me quello y ctidf:^ QMrìeU 
voi ^efagke; Otardippoiciic Miiùl» à ciuaiio caota ai woii gooiò'V. ^^f^-*^ 
del iMiei^me £oòoUy>>xfce a me pare di y«damek> «vaati giiibcclìt 5 pro*^ * 
fegoite 90&, o Al^ y rpgio na a dom tnklla.manieQ adMccoodarlo . At^ 
Perchè poOiate confegairc il vòfltb ^^ fa di meAieri proceder par- 
tirameme airicnprefa» Due, come Mmiloi detio^ fono lefcuole og- 
gi fte(}aencace nella iioftra ^Poefisu rufia ioacigioe dal Petrarca » Tal- 
tra dal Chiabrera: quella è propria degli luUani loiicfta e colta da' 
Greci. Abbuccia ambedue .tinti i geoefidWgocnrmi ^ e qMtttoix|M 
alla prima fieno ^ dile^ gki .aauxòfi , ralla feconda gii eroici / 
sondimeno rjefcoBpio de' nominati Polibo ^ ed E^gÉHÙo ci fa manife* 
flamentc conoscere, die l'ona, e Takia per diverfe flrade poflbno, e 
vaglion lo (ledo. Ci&foAo, vcggiamo ora» come ai nelPana , che 
aeir altra (1 gfimga a piacere al prefcoce fecoio^ cbe per verità non fi 
cementa del poco* Tralafeiaodo aduiK)tte le resele generali aropta- 
ncme parlate ne' paflfiati ragionamentU dirov vi eoHam^^ior brevità 
poVribiie, cbe il primo riguardo 9 ^tie^dovrete .aver nel comporre, à« 
cftr la recita delle voci, e delle fraQ poecìebcy adattate all'idea, cbe \ 
prenderete a trattare* IRimarori «tei cinquecento non credei^ono poe- 
tico, fé non il linguaggio dtl^trarca^ di maniera che, lalvo que' 
pochi fiomimui'da Mitrilo,, noti fapevano arrtfcbiarfi di profferir po^ 
rotai cbe non foffe ioterita nel Canzoniere drquello* La'fteffa maf^ 
fima rtianten|OBo alcuni aMlieal prefetttei ma il buooPoliba (ib)à ih) M Sfw, 
iQoflrato^aintflAkt che la railiicra,dc!lU irate poetica è fuiftavfa ìtk^i^t^^nM 40 
Uxikk i e ciafcUQO'poó arricchiri«Qc a fiÉb tsdentOf ove adoperi né^^*^^^' 
gfiditld. A^egli ufate tutte le voci joobiiiii euttibi modi ài dire co- 
tfitìati e con marévigli^ felicità Je bellezze delk^profia le à traiAre 
ne'^^eiiiy con tanto, e tale artifizio r cbe o non fi rioonofcono per 
ptofiifticbe , o, fé fi rtconofcono , .{e ne da lode di' Autore « Io (é 
aiblio bene, «he il principal pregio^j ohe renda ki.troftra lingua fapc«^ 
riofe aW^ altre vivey e peravvemura anche alle morte ,f fi i K^rfler^ki 
la feconda di* due preziofe mtiMefe^ l'«oa per la profa, e^Paltra pev 
la i^oeéév ma fo ancora^ die (a fiweccbta fervisè al Petrarca y che ne^ 
cioqMcreimfii à Mìrtrlo condannata tfderittòdaqocaa dtverfiii dii^ 
nicre, e dal non voler trasfonder nulla di quella iirquefta, il cheftì 
ancbe cagane, che quei per altro valenti uomìnt più alle co(c amoi* 
lofe, che ad altri argomenti fi acteneflerò; e ove vollero emrar net 
inorale, e fi^f eroico, fi rimatieffcoo fecclu y e mefthiiHr Notrfqto 
adunque ora non* è vietato introdurre nella Poefia voci^ e forme nuoMi 
ve, purcbè quelle fieno di buona liiq^a» o abili ad impinguare' te 
WoÉla lineoa.» e ^utft^flon eccedano il convenevole d^casattflBfc^ 

si«e 



Digitized by 



Google 



17© • DelkBdtoit 

che & mettoiior kii;Opera ^ oi» %hii vnoLpiacere al Recalo «.^appidflbìii 
qfialc è ropiniooetlc'faggt^der^arla^iCemaièvpkurttiUi^ tJr^fafWhk^ 
cHov pcGehd il,i)o(lix>iÌ8C0Ìa vilolbaàacM} ciuod tteU|et>Ocfie ^ic^cob 
rado fenxa. la. DòÌ2i:dcUe vtpeuzioqidtfilet meikii!ne.voct» C'Iralt > e 
tsnza. it' ffioctefeimetiea deHc concitMie ciroolaàMoi.di pacote» ctiepcr 
tCprimcfe ctò^ che noait^rpreOe ttPcccaroa^ % JLkoaeori dovrcbboo 
ésLte y^ fé (olot le fue voci aveflcM per poetiche it e pcar coafegueneacfat 
-aunpoflcrbifot^a». che abbia larg» ec^ta da ntemalr. do: ncuere ia 
epera ;r e npa.fia liOfeoada attco> eh» dal glodaxtoidi beoe^afliectaf* 
lo atfacquc^laiìgMrapoettcav clieatAio £ecc- ^Ott iJf.Betfitfcaà. IlCao* 
aamiere di PoUbo,. come òi doco^. lè pieoodr^dfta^dovaiiap e.pciw 
che fappiace^ come ra a^aca^ fpecdiiavefi smlU fi^uefice Aiofe dcUà 
iMt Canzona sa lode diGio?atmì IIL <Re dt Poilonia ^ 
JU stmfdtf ^pru M €iéi cm^fagi$ in ^utra^^ 
^MiliUìt tiinmfinmns^ ultA vcmura^ > - . 

ìiiilia^okUit$fr$i^^cf4riit^izjié$Atmr9Ìi 

. :AtÀ ctn quaè /cmU wmì^ nr ^umI jtmmm ' . . . 

S^i% SifffPi^» ck Ìa sì chiéKtM fétcm , 

^u di PrHBiUit Mmta€€i * , i , . 

.. >.:UfU^iità^ctrÌ9fli^fr9fuU^ 

. £ qugjl» ftil ìi'éicctMià^ . ... ' . 

TVcirr'r». rinomiti dtt^di H miumrt^ 
ìfSedeie per entro» quaftaAiKife quante ftn^tiffkoàooQ^' cheiMmittfi^ 
■o* adbpcfiàte dal^Fcrrarca ;; e furono igwtte qttafi a. tutti r eioqmeefl' 
«Air: e pucerchi oCeri- condsonnarle adèpcoTaftidic^o di 4ìffoc83Ìda{ 
feBadel fiayallarc^ cbc £ accoftaE alla Feoraiclicfca; manietor ì Dke «r 
dttiKiMG co» gmàiiìo i. .e dite p4ii?e ciòk «. cheVaggjcada :- «he tutta i 
IWiraÉfiadidire asofat & beo tlire ^ Fenhato ifc maieciale dielle patol^r 
#.ddle frafr,» paffiamo orar ar a vetsfi»». Alcuni 6 crectoiiO'>. che i'inmaf^ 
ìLPétraica' eoùfì&m He^far la fcimia. d'akunif fuoiveril lanfui(Aifr fiac* 
abiv* cafcanti ». e che non» & xerrebbon (vk colle ^tucee j- e quelli vaih 
a&^i cipeft andò* per eotcor ik-dgizoaicrr dà lut> e quella imtcaso^ 1 1»^ 
. faBoortama} pouifa ». che q^ando^ ftm'ginoti:ad aajmaflamer uirSoocc*^ 
cov ne: vai^ VBQmSÈ^ e fi- par bMK> dii federe a^fti^ainia: m Pàr»i(bii)att 
ali Maeftro .. Marqjieft»: tali fecaediMiDtdi-ftacerr at prefontefè^oto» f. 
ìl^antiano» alfa» gaoffa *. Il- Pètaarca; à fattii feria beUiifiiBi»^ eroobil^-' 
mi >. e tali ». ch^ nittaTaltto^dopO' luì' gir à laiputà £ac maglia»' Q^efii 
diupdno* ioiirarfi ». e lyttftif ptaeciona ali tioflro fecola p e quelli iboo* 
4lMllr>. che randona maravigtiofo^ il Ganaoniere di PoUbor psojfpùon 

Su ifpeechio nel^^ poeaare aHaJ?ètcarchefcav figlà è beot peab^vero». che 
eome i' armooiff^.pesi cffer perfette ,. debbe ttkt eemgota^ dk varie 
ìMCi j: cosi': » motar cdmponiBxmi^^ maflifnatnftntequeUiv Ckt: ^ooala^ 
t dirfoli endcoafiUahi ^ per rioCcia gFaditi t. rìcbicggpir verfi di 

variai 



Digitized by 



Google 



Della Vofear PòeCa. DiaLiX- 471 

VfltU anoooTt : di mailiHacbc noo*tHKoi'ijU>biaàal^>fteaA.gÌ9QÌ(ur«AV 
«cceoto^ e «mn^ tutti #e0d«t)#loite^4iiooo, |>erotò*laibWrchÙKo»- 
fermiri del iMia rdlde4PK«ii:|potiiifkomo.^ftucd^ notofo^ < 

(gradito ; ma ancate ìnu^ vi vuol del ^Mmo da ijEipererfiGecrej ov^. 
quello^ ove qucAo foono ti 4efid€rr,« ore il dolce v>ove l'arpro» ove 
lo iilnicaoleTOte, ove il Mito t <!?& il ^^oro foffa f at jbeoe la iiia 
comparfa^-e'niolto piàda<fa|>er >ndiiiftne4c0Ottiodareii ioooOi» «che 
fion rtod*«tl verta difeaiofe,.<ièfè elie il variar l'Aramma^loo iicsm 
la ndbihà, xlie nafce datto^Msttàfor^a^el verfo, ^e dalVaccosaan»»* 
co de* vcFfi ben (sfti^ Lo4teÌb 4IÌC0 ati^e dcMe^itie,' le tiiMili «debr 
boflo e(ier vovie difìidoo^ e «09 Cempve di parole d'aoo fieflb tivaxK^ 
ro di flUalie t ed avverrire, die alle vbke anr^infioitD^ ^un .gerondio^ 
Qn quadrifiltabo in rimandahMIo a -tatra^gUa^ >quaiiT<mqoe jper ^r ov*- 
diaarfo debbaofi foggite>9 coanetfilifttì» <»UNardaievHopra -tt ^urto.dal* 
le rime ftemaie^ ^cbèlti^ uà <0 4 i »oi i WDe ino ftiatfc ?ytiò jeflfer rcofa ^ 
the più loretida rpiacev^eAe^^be ufi^ma cabefutavifa forza ^^1 tlie 
per k> pia addiviene <}uaiidD 4t tdmpofitorc a^àtliuanora «delle irìtac 
pTfoidMHi IC'ijuaH tioa^Maproptìet^eooQÉioevoIr alla ^maceria del:- 
la qoaWicfli tratta. Quando .aduo^'vi ^crovaie «B-necefficà d' av^ 
le ad «slarruna lima HirAisdifaia; anzt die ^ò fare, rmotatectutte le 
precedami f e prendete altre «ipiegOt >perjefpcifnerc il ivoftrofentimeD- 
to .Olire afttòi dovrete badare , che -nel xoinponimentO: non ' ^fia nir 
doodaeiza vìsìoiia di neflunaiforta/ taiiiMe gli aggiaati a larga rma*- 
no diffnninati, e «(iieUìt ichenoMa operano^, e il .foVcrdiJo ufo di 
(|aei^fnonoliAtbi^ <beràdopCTaìioMtoratper ^vaBbfzza^nngua.; « 
ifiaMeote tottoci^^ ^die^aiffe., cometiIvclidiisGy penterarlMidhe^ I 
oompontmcntt lunglri^ binali fono. Je^ canzoni « i coitoli 9 «e le ftanze^ 
i qndi ora folamence /ooo in oomméisie^ ^delafcmio ayer 4Ui ^difcorfo 
perfetramente eomlDiioa finfr? meciKlo però rfecoodolaffcuola 4?etfar« 
efacfea^ perchèitaOiiabr»i;erca,ÌJ^}i]ahdfe Lkeoza di ?pitk in rqueAapac^ 
molane» oomeuftretaoiaiieoitogo. iD^e«gU<ol fBOtsrdinerproce-^ 
iaey « cc>lle'4iln(*ii^cg^>|^^'^«^>^ ; -nèio ciò vi^ 

te ingannare dia <qiiei>taÌKr che 4a»a9f er.priocip«l«eqtiifito dell!eftro 
pèetieo il parifetre IRMrfmgHataniéflte « e fienz' ordine, e l'incominciar 
vcribigraztaxoUa: Iona; e andare a finire ne*graactMé^oidebhiamtfar- 
ci ìnuniderev^ tstht graditi ; e nanci faremo rmaliiuendeceparhai- 
dr a^teiy erpfocedenilOi» come/acAdicri alpina i^efice^ o. aklaiotta** 
te^qae^ aeligioifMvnrs amicai jitrpecnntca^p e laeTetacc. gracchiate 
eiiìa«qiie^« Aloeov* Orazio, e iPvofeti»^ te Sibille vi vknea'Cat 
calare alt^orefabfaie; & giàcdiè (iflitHDfemratir>iìe'cQmpomracntiliìRct 
Uiafiìiyiict «en «vare^^toeiHirvi to di traevo, debbo avvertirvi 9 <1ie 
'à if celolda i Pìsttanrahifii ^i «defidera ttivifi in onetr i re^lati o> di Ikoi- 
fc, <^tì terzetti^ à di^ataze ; eglirdefideraahresi rimari^ e non ifcìoi- 
tt^ dinutnerache )»lnfll%ieard3«fta,^heinciò fallafle» ilfecòlefenp 
zrdÉblio^aiebbeMunJCMaUtu Jf^Ma^PidifU>fie(rrfÌMioxigUvet£fcioi« 
11,^0 'làtlialiaiMza^ggejdi.mevnrfb jiUGtxcà ^oMt fi .a^ettaa'Maaì* 
aifiy ^ ndnr^ Bneaed^fti 4i ieddiifiire il €ecoio^ .il qnale fede de* 
Kfrfi ibioltifbdJiMfaltiy x>v4c fpogbn .fm iardoc ^^gorav cm:ticmtitt tetre 
^ìàmaza-'^dtì ^Eaft^^^te;Àna*i»i(U^lPa>.«eli4DZ^ 

Alte- 



'i^ 



Digitized by 



Google 



lyt -'^ Detta Belici^ / 

fi ìifDw#f ^'^«"o CO V e «ella EiJototìft moiak d'£ogioio £ * Js cfer-prt nofci 

AhJTdmdré" éiigttnìz aococa.giaecftQiio inedite» e. im/ftim fimiii Poemi ddafcali- 

hUrchfttu ti,* e non già otMa Licka» cbe di bcUsfiitnfV^iovaiictfa» che late» 

(k^ Cm». Bt^éi it f^trarcacolIbrnftfMMO delie cìme^ e^e'roetrif. divttrebbe tnt- 

»eirri« Uin^'Ji^ eflì più grinza deirAsicroÌ8> e più fcipica delia Cameriera del Be^ 

^(^* Ili. Chi configlia il comrarto y. vuo^ diftFtigger la Keptii)blica poetica 

volgare) là quale pec fondanìema) legi|{r-)^ daHa Pravenza 90 dalla 

-értiiia » oMdf road€% ctMiie la pceDdfÌi;e,,v0lte'lA rtfi9e> edj loetri; e 

gU tvtte'» petcfad laJK>Afa lingiua e ìi«iai|Mi«e dl'oflecf aonoTerata per 

f lediv e di rendere eOfei'ruaficno^itecfrofil iiuawro<,rcbe fendevaoo 

1 vetfi Latini > come re^iiaafa laiaa^fe^^aMaiif.iCliMidio Tok}^ 

e da altri Talenti uomini à dimoArata i té colla ibi* poesia dell' ac* 

-cento può afrrivare ad. ma noipiile» egMstofa'arniotHa»r quahtaèqoeb 

-fade'Larini» e de'Greci vetj(i».)C poemir»: Si conOderi di. più, chefir 

cometila, ebe ò.ooa^cMnwoQAdeltaftioguà.iattifia^.iioeiobUtKaf)» 

eflirt ben parlacav afadar latioQ % c^ii.l voffi , cbe in eflTa fi ptariH' 

'<ono ; e clie Yoso fioipi dc^vetlir latini ,Mcii debbono coftrisferi, fct 

eiTcr ben fitti « a £atfi coU^ cegole. da' Latini ; e ificoome fifmtìk^ià 

il Profatòre s'altantana dal tatattifaìo » titoto pm fariaibct|^tefca«ati 

cosi c^amo più ii RiiiKktore yaUomaoadaU'^ukilaaifHarv tram (bùi 

tende pregevole e. ohre acefaè> rilìpetto a i metri v gU aona^Mti a»; 

che i Latinr; e non Colo effi >ina i Greci'; e k rimcvf ufturOìio^i 

£brei; e Iddio non iblo noli If protbi loco^ naa inotle^ parlarvi andi* 

ttiot Iddio, che noa è veriiinicile , «be tolcftìoficir da tteméiAdd 

naturale, che '-è qo^ grande iUlcKa>diin^i.i Verfi/cibUiAi.) «knnbdc? 

qoalt, per diventar gran iWcrffQn. pòca faffìna^ e akoni akri.peri» 

te andare in odio , e in rincrefviineaeo la toefia Toicana 9 e^per n^ 

cedità fpaeciame poi é* altra lingos v cbe ora & rimane poco laica » 

che {oprafiacta tla qodla , prcdecanocomca le «ite 9 ed i meori , co* 

t<ie cofe ripogoanti^l parlai^ iiatàin^^ e KQgtioaò:i«lròdttrfe una Lfr 

rka da far inggir da'Poeri più , cht da ijGiarlafaoif /^MAionocnae 

cito per -ottener l'affettata lapgbeaa»r., aneherdove 41011 ipnò enorarvii 

fl danno dil^rataitente a iParnoioaùa d'ogni fiom 5 if o^ ftnpoi 

d\>gni feflaca , cbe iocontcan.per vk; e taovoli diflbodoao ii:die 

alla fine la giunta non foto fovercbia , ^ afl^toi aflbtfoi£ce laf^det^ 

rata, accozzando migliaia di vérfiprìcna d* entrate ndracgomemoi} 

nel etti buon maneggio confiflendo la difficoltà:, o per.i0anchetfi 

d'ingegno, o per mancansa d-aite ^Aò ftrozzano poi^,^ moflrpoitf 

mente io poclit verfi il eaonichiacio « Stringamo jdmiqu/e.^cèe ib 

noArk Lirica à metri « e rime i e^Jiifogna , cha gli Jébta per piate» 

re; e dopo fette (ecoli , cbe glLi ^Bedmi>, ooii ^afemo nCtcìtm di 

levarla di poffieflb) i Rimatori del pefo >£be vl& narrato*) eiferifpct' 

iWr-jik* ^ ** metro aHegaifero l*attt0rità ^det no&ro Etilct ( /), che alle voH 

Uff' Gutdi ^ * coropofto fenaa cflor rif^opdériei , che neceeilecfza deìt^^e (m 

ju€j,. wiii^fr^ 1^ finezza deirarmoBia» che poflSedè veraan«te»Aopeoda $ il fatano 

non condaimare utii Arfabnente 1 e tfhr perrcènfegaenaa Mti batta in dh 

la fua aotoriti , iparbifogna'eÀr 'lui ,:peB 'galere idi K)uofto primlc^ 

gfo . Meno irragionevoli fonò alcuni attori « cbe Idfcbsnbitb pace bi 

tima , ed il metjcon Jsa vonebbco» togùeno^da onefio l*'joniformicà 

delll ; 



Digitized by 



Google 



Della Vc%ir PoeCa. DiallX, ^ tff 

AU^ahMOia io tmtc le flrofe dcUà' Canzone , UftiftAdo'il Poeta jir 
libdtà di pofx» i fcgoi* dellai pattTa- tir ciafcttna ftrofc» ove- gli aggina- 
4à.' Qpamoaxtò^ io sioa fo-io' cucco» €omi>ad<lico» né in tufcoapprcH 
vace.* a me piaccica più io Canzoni^ cbt anno anche xiTpettoa qae^ 
fio la ÓcflbL vcgoh rottame «> e fenna in cince le Rtoh > ma fa» che al 
feeob oeo «iifptace il conciario t e ^approva nel lodato l^libo im)^(my JfSkifi' 
il qnale noir dK isciònovaiofe » avendo per fe^ ncm feloi-aacorici d%* di SUi0Mt^r 
prìmv IHulri yina del Bembo ^ del Ca£a> e del Pecraa[ca Aedo , ^come 
IMmce ricooofctre nel leggiadriflraio » e gindisioriflìimo Comencario- 
del noAcD Minila qui prefeme,eOU0 f» ne leggono gli ePcmpi. O'dec^ 
te poc^anzi » chri Chiabcerfifii noii' fono canto obbligaci , q»anco i 
Pctraichift]> a^ camminate col* pie di piombo Aeil^ oòndocca ; imper-^ 
ciocche dovendo^ jcfli am nuggior forsnt d'eftva eCptÀmec to^eofe , e 
produnre rpelle. tramagiai) la Lor fuica6avdt?ercov che (la Tempre agi* 
im «« ed aftiocca : dr maniera che quanto feirebbe improprio del Par 
naceiiifta.»' che fb^ructo io Te nel* comporre y procedere •fenza' ordine r 
canto lo (acebbc dd Ctiiafareriila?»* efae fta non poco fnori di fé 9 'ù 
kào eottODdioft efocco • Bafti aduoque a qtte0o roedine9^1a condocca 
iafiy€iu».e un ttd-q«4l filo neìFelplicito» che non faccia canofccri» 
da* chi il legge» o-l-afcolca» per fanacico> couie fa^it Dicirambico» il 
qaale impunemente falca di Mto>ifi frafca»' Abbiala- condona; ma fapi^ 
pia copmJa» nella^guìfa» cheril' feppe il gran Pindaro ^ che quanto al' 
di foorr fembra (regolato) e biftorco» a)cf»ccaiico> por entro fixmovài 
ordinato f ccxmé fa^vedtre il celebre Aledaodfo Adimari nelle Sinopfi 
unite alla triduflitme delle' Odi di luiv E^égli libero dallo (tretco- ufo 
delle particelle congiuntive d'un periodo , x> d*un fentimente con un* 
altra; ma* pure dee far sh che i periodare i fencimoatiaonviftiano' 
nel compommtocoy come le peBzrnel veflito^del Zaanr: puài r anzi» 
dee ufia^-dsgreflioni.) ma è obbligato ^ ritornare al fiia proporrò •■ In-- 
fomma i da appaiare ^(tratto » ma non. folle i ed ifmeinorato*' Anzi è 
cgU tanto ;%offOr che anche gl'ia^vafati dal Peftro fono in noftra poefia^ 
tcnatt'aU^ leggio deirbrdincr che gli fiefli Ditirambici non me fono' 
afittb'.èftmt y iqualr ndla ftiAmma: debbono camminare col dbbita 
filof^ie coìKoacacii d'andare a falM negli" accidenti •> Eg, Ma ditemi:» 
glt;Aoaceóoncici»cbc anch'efli con^>oD^no alla Greca»» godono fimil* 
bmefeio^dol difordiae almeno eAc«ofeco? Ak Q^^o genere di Poe- 
ti» otìme quello ^ che. non meta aUvor chf amori ^ e cote vaghe i^ e.' 
l4giadre-9noB)à alerò eAi^,*che quello»* che ooi^cbiamiamo (pirico w 
e vivezza > e però debbono effor ve^aiiffimi^e nell'inuinfeco» enell'* 
efitiofeco; ansi debbono avero cuctt- i riguardi poffibili nel nomponre ^ 
di maniera che non* poflbao prender alcuna licenza r non foto dlqueW 
le permeare a gir «Ieri Greci*» ma né meno delle permeOe^ a'Petrarcbi*» 
ili. Som gli Aoacreoocici ica'Poeci*^ come chi' Piciorl i* Miniatori : 
ogni neo'»* per minuto che 6ay pr«gi«idioa egualmente a gli uni y ed« 
a gli altrifi. e ìiccemme i Miniatori debbono toguifa* perfezionar lo 
loroopeue» ebe chi» le vede h» giudichi faite coir animar cosigli 
Anacreontici anfK> a produrre lo loro canzonette ramo finite r chenoo^ 
fappia defiderarvifidi^vamaggio. PaOando ora a^'compooimecui brevi t> 
leasingcrammiaLiolo Sonecco^VB^cbà il Madrigale fier la^diffltult^ 

dicali- 



Digitized by 



Google 



174 Wla; Bdlesa» 

di rioTcir gradirai è poco in ufo: né' altri coitipofiimMri bii^rAM' 
«AoirimaS dc'raoUirCbe aeinv««afoiigli Antichi ^ £^^£'«gti«hNh 
^oc ramo difficile il Madrigale^ ^^ Quello > die ora piacerebbe, aft 
certo à difficiliflima > percU un folo dcYuoi mokifeooifiii > che gli 
snancbi , pettTe ogni pregio y « l^adoperarli rutti «on e puma agtvo* 
le ; pi e'u^are > che dìTconveDga^ ai vaiente Rioiatoca pirder óA 
tempo iittoroo ad umi poefia» che sdla fior» q«aiidoaiichr riefeapcm 
feuà.>.iion è» che una baczecola in coofirooto della altre »•. lif. Aih 
noveratemi» feviaggrada^ si fatti reqoirui» die almene «iiermaBiw 
per erudizioa». j4L Novità» brcvità> propriata» duaresza» o MictU 
fono It condizioni y che debbe aveoe il- perfietto Madrigale ; pertbè 
coaQAcQdo tutto il ftio capitale odl'arguziar qaefta di tutte le nv* 
eacc condizioni debbe eflcr dotata ^ La noviri à a aenfifiar^ nell'io- 
veozione>,la proprietà nel (cntimeoto > la cliiarenza ndl'efpriaaerlot 
la brevità' noi^ folo ne' periodi» nik nel iuM&cao.de'ìiierfi» e la Celici^ 
là in tauele corr».cbe.quefto.eo»poaimenco cnflituifctMKW Eocmo* 
ne l'efempio della Didone d'Aufonio Gallo » uaTportara '&lfCÌlBfBh 
Bìeotenet noOra volgare dal Guarino» che» (enza £ai cacio ad alco* 
■O0 èOacoUcniglióce Artefice di Madrigali ^cheabUa^svata'l^iMUa**- 

AiaL fornita d^étmami^y. i di mdrimi . 

7*1 fu qi^ tréuUiQTr f^^fi^ trsd^ta>i • 

M^i^ tuwy fjfiiggijk^ .... 

Fuggì I^AltrÈ^f mmrifli^ ^ . 

ni tccovene ùn'akro «uno proprio dettoftaSS» Goastno ** 
Hcgéiuml pur crudét 

D^hti^wi(h'^clQiaf9l0\ 

Net4ttifm lUni§lkbt fér^lr; 
' Miis$$mi pia^f minide-9 éUts;. 
. ,Nttétf0mi U vitM ; 

Atk mf^ mi ifiMRMrrra 

Qfiil'i che m$géir ^^Uti ^ ■ 
JfX* ^cre bea ragione- di aflfermar difficiUflSma la rìofcinrde'M&dn^ 
|[ali; perchè a dir vero fé anno tocci ad efler come icecicati4d Gaa^ 
reno» eglino non Ibncof^dagenar fi giuperpaflatempa: or veoghtaii» 
al Sonetto «^^y» Il Sonetto, 0'Egtna»^à il più bdio-^ ilpià nobilevC 
it pia perfetto PoeuM» eht abbia la Lirica Italiana ve direi la Foefia 
unia^ fé non temefll d'incorrer rocceflSo ddla rabbia dirakmo^cfae*!' 
vorrebbe bandìo* dal xommerzio mnano »nen cbe poetico ..E'eglid» 
gìiiAa grandezza» e di regoh^a armonia^s'adatta ad ogni argomoo* 
te» riceve ogni. caivMtere; non è incapace d'efler rroteaio con do» 
qpenza poetica » con vaneti di figure ». e con maneggio d'afiettti fi 
canta egualmente bene e fulla tromba ,- e folla/ tibia» e ftiUa lira » e 
folla aampogoa > s'acoomeda non roen felicemente col deammaticoi^ 
cbe col narrativo; e infomma ciò» die in grande ci. mofir a- l'Epico r 
ti Tragico »^ e il Gomtoo » non die il Lirico «. cel moftea io pìccolo 
anckeil Soneuance.* di maniera che taiKoegli^ Poeta il Taflbperla/na 
Cerufalemme y^oanto il Cafaper iii'uoif ocl](i Sonetti • Ed i cgliei p»^ 
dt il l^e^ di qpefto comBooimemo ^ che npnxrederei d'arrifcbiacme 



Digitized by 



Google 



DdU Yoìg» PoéÉA. DiaLDC 275 

lÌHerclrio.» fé aifermifll# che uo fol Sonetto perfetto fia capace di fa<- 
rs uo Poeta • Dificile «rfcre cgm credere é la fabbrica anche di que- 
Ao ^ema , per piacere al prefeme iecolo^ na non già tale^ die non 
poffa accivarvifi da clit v'impicfa congruo ftodio: non offendo fcon^ 
veoevde a qualunque grand'uòmo di lettere fpeodcr del tempo intor- 
no ^ on Javoro^ che quantunque di ptcctola mole , può tetiéerio 
immortale al par di qualunque pm grande. E qoefta è la ragione per 
h quale v* è , come ò detto > chi non può foflferice il Sonetto tra i 
componimenti lirici ToCcani» e tuoi darlo a Cfiedece per i^urìo, e 
per tftorpios e aborto deUa noftra Poefia, e per uno ftrangolo ddl^ 
«BS)tgao« coArecco a clMuder gran oofe m brefegiro> e tra^fbrtiflSmi 
legami di verfi, di mctri^ di rime* e di pmteggiattura^ Impercioc* 
che con molu più facilità £ produce an lungo co m ponimento» ove 
ritegno può a Tuo talento /paziare> maffimamente Te non à freno 
di metro > e di tlme; e ove i difexci mencomparifcono, e più tihìh 
ciDo li ^bellezze :< oltre acche poche longiie poefie compongono un vo^ 
tame, che bada arender'uno almeno in apparenza Poeta, e ad aprir*» 
gli can^ di vantar d'aver fatto, «aver detto, e di contendere alia 
bella prima co^ Maestri* Ma fimili novelle lafciamte a chi per ifcao- 
far la fatica ripone il pregio delle poeGe nel numero aritmeiico de' 
vetfi; e conformandoci al parere, di tntti i fecoli, non che del no- 
Aro, ftabiliamd ancor noi il Sonetto per neceiTario nella Urica Ita- 
liana; e per quel mirabil lavoro^ cbe à venduti immortali i ,più de' 
oofiti MaeAri. Ed in vere quanti fi fono provati nella Tragica ; ^e 
pure chi è quel fortunato, che abbia faputo aOnefare i noftri reatri 
alle Tragedie volgari ? £ fé al ^noRro Mirtilo non rìefce ài prefente 
d'occupar queQo pofto vacante , cbe con tanta iinezza d'arte n'i 
prodotto un nobiliffime volume , il quale non men fotto gli occhi 
de' Letterati» che in qualche teatro, à fatta e^re^ia rooftra ; o al de- 
goiflfimo Erik), che prcfenumcnre con maravi|liora cfaitezza ne fta 
componendo una, iiKomo all'efito delle xofe dt Sofonisba, chi può 
i^rtare d'occoparlot Qu^^i ^"^ comica anno con lode ancfo : ma 
^i oggi viene per elfa.* oggi^ clic la buona comica è aflbtto andata 
m difufo? Ddreptca non favello , perché di cento^ e cento famofi in- 
gegni, che fanno trattata, i foli ArioSo, e Taffo , vivon per effa.* 
wA qorfta é^ ramo fallace, cl»end meno à perdonato a chi fabbricol- 
faio noftra Pbefia fui modello d'Omero^ cioè al Triflino, la cui Ita- 
lia liberata, come afferma io Aeflò Xaffo Aio partigiano , appena na- 
ta, fi vide qoafi perire nella memoria degli uomini. Che più; laflef- 
fa iicicr qmtntì f^ti à ftrbati in vita colle fole iCanaoni) Io per me 
son vi fo altri > che iil Oiabrera; ma ben fo , cbe nioltiffimi fono 
qqelli, cbe col meno de' foli Sonetti fi fono prefervati illefl dalla vo** 
CKità del tempo-, e 4 preferveranno anche oell' avvenire . 1 Guidic^ 
Cloni, i Coftanzi, i Ràinieri, i Venieri, e più altri lor pari ne fac^ 
cioofìede: làf<:iaiidoIoiXàrfia,4Cara, iCari^ tTanfilll,«d altri oca 
pocU^ da delleCanaoni anno unite a'Sonetti) «itott più per-qddne» 
^ptfr qiidftt fono ftàti, faranno mai fcriiprc io pregio. Orchilèn- 
^ taccia di giudice jfigiuflo, ed appaCBonattf fi fktfl a condannare il' 
Sòttttto. e .taMDditlIrdal ruolo de' legittimi figli della ooAra Poefia, 

quan- 



Digitized by 



Google 



2y6 DeMa BelieeZA 

filando tanto bene apporta a'ioc Padri > quanto fioa gitene Fa apportart . 
tìiun de' fratelli ? e chi non fi metterà di propofito (opra la fabbrici 
xl*un si degno coropookxieDCo^ icbe alla fine 9 voglia , o non togtià 
xlii è di coorrariojpacére , à ^atto ia ogni feeolo tra le più tigoif- 
devoli cofe della ToTcana Poefia la prima comparfa ì Ma ;iion ter- 
•mina colle condizioni dette fiaora Tartifisio di quefta iabbrica ^ £!• 
la.» o Egina., richiede dì più ona coadotu^erfetMflimat -e regolata a 
guKa di concludenttffimo fillogiftno. Quefta condotta -al noftropro- 
poGto debbe^ATer di due generi: runolemplice piano, e concatena- 
to dalle leggi dell'orazione profaQica; equefto riguarda que'Sofiectif 
la cui pompa confifte nell' eloquenza , nella dolcezza » net maneggio 
•degli affetti) e inGmili altre circoftanze pia proprie di chi vuol per- 
suadere^ Q infegnare, die di chi vuol dilettare. iL'altro .enfatico j vi* 
beato 9 e 'fornito di (jpefle pofaturc ». e -rotto artifiziofameate in tal 
giliifa » die le rotture accrefcafUO' grazia » e brio al componimetite^ 
^he fi produce meramente per dilettare , quali fono i Sonetti « che 
fcherzi anacreontici > o di ftile vivace appelliamo .Si gli uni {tirò, 
come gli altri annp obbligo di proporre, cfrovaiie ne*- quadernari, e 
.e di confermare , e concluder nc'tertetti'i e ciarcun.qudttnaeio,e 
ciafcun terzetto dee chiuder col punto fermo, o emm altra pofatorO) 
che indichi terminazione di periodo ; quantunque alcuna volta f et 
maggiormente render magnifica^ e grave l'orazione , Fona nell'altra 
,paf te fi Ufci entrate ; ma ^iò di rado ^ e non fenza fiunaio giudizio 
dee fatfi . Siccome debbono altresì i Sonettami badare con ogni atten- 
zione a diftribuire, « digerir talmeme la mateaia 9 clic ognuna delle 
dette quattro parti n'abbia 1a fua dofe proporzionata.; « non inttri 
venga loro, come^ a quel Pittore, che , piageodo una figura umatial 
per -non avere avuto oigaardo alla difiribuzioae delle parti fopra lat^ 
la, la fé (enza piedi « perchè i f ìedi non vi capirono^ Quefta ÌBaa|r' 
verteozaìprodiice tali efietri difformi «quali fono tra gli uomini i gobbii 
i nani, gli attratti, i monchi «. e in fomma tutti glialtri fproporzio- 
aati « che per belUifima • che abbiao la faccia » fiorpt fonò^ ;e non 
poffon piacere^ Ma egU non d fola Tlnavvertenza a prodacoe si iatro 
fcoacerio; imperciocché alle volte n'è cagione U foverdfi^ quantità 
della materia. Vigono de'compofitori , clic oooìe fc in un fol Sonetto 
doveffe condftere tuttala lor mercanzia ; ed<e'dòvefforo terminarjd^vi* 
vere col terminare il Sonetto « vogliono in eflb cacciare a viva fiocza 
qiiaoto fanno ^ e quindi addiviene^ die o per timor di mancanza (li 
fito^ fi ftciogano tanto jie'quadertur j , che -foprappoogano un corpic* 
ciuòlo di ! pigmeo ad iHì paio di gìgame/clìegambe^ o temerariaaieote 
HI quelli fi dilatino a.fogiK>i che pofiao fopra uà gufciodi ìqpiootia 
groflfo popone. «Con vicn confidorarc, che foli quattordici vecfi codi- 
tuifcooo quefto componimento ì e io efii dee campeggiar tutto ilpiùbel 
lume, -e tutto- ^iò a che^di buono >i la poefia;.e però bffogoa fctnpre 
fceglicr fuggctto y ^e argomento propocziooato ; . e contentare J'^nario 
^uel tanto , che può bafiate, e nop più 1 -e.tevai^fi di t^Oa^ecci prcgùi' 
dizi di volere apparire con un Sonetto qqell'uiDivcrCat icttcratOj f^ 
conijn pieno Can?soniete fi può apparire t Né minore fcooijerto^^^oe 
j^t^Obvicr^x^iooafio dalla {o:li;A4€Hp.ia^i&zc« ot^_ vqepa.fgciliti^ 

xòntc^ 



Digitized by 



Google 



Ddla Volgar Poéfia: DiaLDC i^ 

toitaocorG iitlCd o peif poca pazienza oel dar loro rulcima mano »- 
cnecterhe io tutta flgtira) e riralco» Siati in ciò licgola generale per 
cvicare il primo difetto » non intentarvi mai di fentenza > che non 
iia infitmenaente nobile , €''t>e(kgrina : e per isfoggire il fecondo » 
dacché è difficile, per non dire inipoflibik di rtnvergar (entenze nuo- 
ve t non vi contentate dirle Come le anno dette gli akri » e molra 
meno deiedorate 7 ma proccorate di farvele volire « e ovigUorarle ; 
nel rimanente non poco vi gtoforà per U novità I' «ntrodur nuove 
formCf e maniere di 4kty e frafeggiamentinon più afati, i quali ve* 
fitranao Ja feotenasa di tali amefi, che non la faranno raffigurare pec 
figlia dì cdui , obe prima di voMa prodàfTe • Quefte^ue condizio- 
aif die fecondo nse coditutfcono la feivenza , cbe piace al ficC^nxc 
fecoio « debbono adoperarfi in ogni genere di Sonetti *, imperciocché 
eUeno conveagooo cniuo al carattere , o flile vivace, e fchei^evole » 
quanto 4U grave 5 al oiagatfico, al dolce , e a qoaliioque altro ^ne in- 
veotaÌTe il fecondi(fii&ò d^idee Ermogene^ e in tutti alcresì ènecelTa- 
ttq» cbe fi chiuda colla ientensa ptàco^tcua, e maravigtiofa,. della 
qiule i eapace l'argomento, che itnpreodete a trattare*, e avvertite» 
che fé la materia ^ che trairate , nella guifa » cbe la trattate , non 
fanotifce ena cbiiifa , come Xuol dtrii , di sientiquattro cacati ., voi 
perdete il xempo «* e ui lotoa conto Jafctar Timprefa » o figliarla fec 
altro verio i percliè per bello^ che iia il .rimanente del ^otietto ., oic 
finifca Xcipiiamentc v dù^ien unto diAocme , quanto J' è *ne' piedi il 
Pavene, e come le ^rene»ohe anno . bel liiCma faceta, teggiadriOimo 
imboAo, proporzioDatiajmo' ventre, e poi terminano in fozzopefcc* 
Ad alcuni «laon pafc d* avere imitato il Petrarca , fé non chiudono 
fciaitfatamentc s e qucAopocoxraritativo concetto ebbero del Petrarca 
la maggior parte de'cinqueceiuifii; e Iddio voglia , che anch' oggidì 
«OD ve nei^eno. JMa^ come anche à confiderato Mietilo , i 'il Pe* 
, «acca il fua pcrfeaio injiuue le cofe, ed à il luo imperfetto: or per- 
chè a ad «(Ter lodevole irattai^ \* imperfeao>, .e /non ahbiatno ^d ^effet 
ttQQtt ad imiiatiei il cperfettal.Convien riflettere , che il Qetrarca , fi 
MdiCi)<li^«biventa(re , oercbd ia nofira Ittica in realtà da lui fi^ 
coaofce il bello, del qual fa pompai e chi inventa va alle volte ali^ 
cieca, ed a4 buio: ma non per quefto non avrà egli bene inventato, 
fé ci avrà lafciata l'idra 4)erfetta da feguitarlo con lode. QueAa idea 
^aell'iofigne Maefiro ce l'à lafciata; ed Sellatale., che prevaledigran 
lopga nel fuo Canzoniere airiinperfetta.i e però non dovrem ^ai di- 
chiarare alcuno per feguace /lei FetÉarca , (e imitandolo nel pili de- 
bole , il vuol dare a credese ;per quél , die non è , cioè languido , 
cafcante , (nervato , e-.poco pratico del metodo dell' orazione , che 
feinpre dee crefcere , e per eonfeguenza chiudere col Tuo m^gior 
cteuàmento^ Ma voi ridetevi di queOi tali ^ perchè interverri loro, 
coose a'menzionati cinquecennfti, i quali più , cbe il Petrarca , etti 
. pteodono per Maeftri , cioè di *ftar lontani dal gullo del noftro fcco- 
lo, qaaiKO può vederfi co gli. occhi. Molto, e molto più potrei dir- 
vi^ per farvi eonofcer gli abufi^ che nella buona imitazione de'Mae- 
Ati fono .ftati introdotti, o fi ^vorrebbero introdurre \ e nel mede- 
^(ten»& farvi divif^r le belleace , che gli fieflS Maefiri ci anno 
C%pjc. Jjt. FqIì^ Pi^Ji4 • Tpm. f% M lafcia- 



Digitized by 



Google 



I7S Della iBcUctt»- ^ 

laTciacc dm imitare • e tocbc accrefcef e ; xaà fictchè iu? p«flki t«gW 
naqicmi « € rpczìaimeocc in ciò t che d favellato Mietilo » carni fosti 
^ quefte coTe ibno Aati ^fparfi» che ben voi iteATafatrete coltla tauO' 
tie de' i>uont Poeti « e col «netcere «n #racica ciò » che da ncn avete 
jrfisoitato « fcoprire si quelli « che qoeRe ; però io npo fftafichecò ài 
vantaggio là voftra «ttenzioDe* e terminerò il mio difcorfo con affi* 
corarri ^andi'io, ctie il gafto^dd preTence fecolo oelU JLkioa voigire 
coofifie tono io ona ctf»rma in meglio di quanto ù è fatto per la 

? affato 9 fenxa «però ufcirc delle regole fondamentali inlegnated dd 
erratca <» e dal Cbiahrera • Eg. Con si favie teotìdie t e con tsota 
pienezza avete andie voi favellato» o Alefli » che io per me refto ap- 
pagatiflima ; uè mi cimane « •defidtrare co(a alcuna intomo alla isa- 
teria da xae propofta per <}bbietto del ooQro t agionamento • Contut* 
cociò» perché pia facilmente fofla condurmi a mettere in opera ciò» 
che da voi ò afcoltaco ^ vorrei» che prima idi lafciarmi « «ai cecittfie 
'qualche dempto di Poeta del cinquecento» col nsezaco^dei quale polfi 
con^ccre qosiU fieno quei di qod iécolo» che debbono Audiatti , per 
fenderfi poi gradito ad corretite nel comporre ^jed anche me ne reca- 
fle alcuno di quelli» che oggi compongono» e piacciono» per potrr- 
ani ad ^effo atrenere : intendo ]>erò \» che quefti cinipi fieno del fola 
Sonetto» perchè anch^io concorro «lel gind icario per lo più bello , e 
f>erfetio componimento» che abbia la Tofcana* Mìrf. C^atuoal pri- 
ino vo io fervirvi ; e ve ne Tecìtcrò due dei cinomaio^^iton Frao- 
ceico Rainieri» futK> di carattere eroico» e grande; Tnaltro di bori- 
to» e leggiadro : ma uditeli attentamente ^ ferchè in elfi cmverete 
guanto finora v'abbiamo ambedue infinuato • Monfig. Toiomd odo 
.de*principaAi benemeriti della noftra lingua» e Re della famofaAcci- 
4]emia della Virtù» cbe verfo la metà del fecoki del cinquecento 6> 
dva in Roma » avendo f accOko un fanciullo efpoAo in riva dd T^ 
vere» mentre il faceva allevare appreflfo di fé» ofpf »ann# foleva cel^ 
1>iare Vanniverrario» che raccoliìelo ; e la celebrazione cónfiftevaneU' 
invitate a prmii Poeti di Roma a lodare il fanciullo Corta nome Ji 
<2uintiÌlo« Ora il Rainieri una volta in quel congrego cecitò il ^ 
^uente Sonetto nel fuo genere fiorito perfettiffidio« 
Ecco Vdtmd del del cMdidd Amrers » 
Che col tener Quimillo s un fdrte nscfit • 
Sf èrgete Arnki ederi^ ^derat^tMetne ^ 
Ninfe, 4 cui Cslte rive il Tare infieré» 
9iéutfe, 4 Tmtre vitati uftenàefàem^ 
Il liete fko defiin f tMntù U /piscque^ 
Mm di fertnna Mcceho in frené^ tnctnet 
Or co' Regi » ed Crei fcherxje » t dimers^ 
Dite 9 # cnneri Cigni » il fne hi cafif 
£ cerne si fsrgolette effefie nfciro 
A déir te Ateft il Utte^ AfkU i verfi. 
E dite come il del Remule ^ Ciro 
Effofe A Vende ; t Vun vinfe fOccéfit ! 

E relfe f altro in Oriente i Ptrfié 
Qaefto fi chiama imitare il Petrarca fcnza rifriggcilQ ; qoefto 2 pMt 

derda 1 



Digitized by 



Google 



Della Ydt&i Poefia. Dial. DC ij^ 

in da f fecoli paffaci il migliore > e ammaflbdo , e riprodurlo per 
t^ propria accrefciura > e migàtorata ^ queflo è iaveoure imtcaiv 
te*, e pariate eoo noviiàfemmentf orìlle voice partaci ; qucSo ìa 
famna é £tf SoiKCf idatfiacere ai- diiieacolcuecentoj. e da no» poter 
difpiacere né mena a i più barbari fecentifli » Ora udite i^ fecondo 9. 
anch'efo nel Aiageneredello>ifteffope(b> evaloM,. iaccoperlà piomo» 
ztooe al Cardioalato d» Giulia A€qitama9> ehcper la famicà della vi- 
ta» e per \z vaAici delia dottrina > meritè^ iaeti di ibla verni anni dir 
piti fi coTpicua ..... 

yèiy chi q^él giovémmp^ ErcHi^ Mwfi^ 

Di i iiie camim diverfi il dtMi0 àt^émtip 

E e» i f infierì al fin femliy e Jkmi - 

Làfciénà^ il mM€0y M àefir^ U fià vdg9fi$^ 
Ecc0 te vii J^ntory ch^ertiy e mUefte 

y*apf/trivMfi^JmtMnxj 9 #r'4 vù quéfUi 

RtCém diletti V etc^ ck*s voi fra tMtti 

R tii tenerù crin ferfera vejh^ 
Ecco g^oine il TehrOy eccofeifm^ 

Fsrfi im fronte il Soheto^ e voi fegunim 

I nT fottkri ée mttu^orfyeme aferti^ 
. M KmeicMtm gir co^tétàriy. éKvuU» 

Gloriai fot mtbegH oecbi > trémeU in fen0 

Mersrrìglis tra voi defvofiri morti •> 
Eioqnefta Sonetto oflervAretra le altre infititte giodiziofe bellezze» 
l'cotrata del primo terzetto nel fecondo ^ quanto conferifca alla ma« 
^ficeoza> e coft^naiuo artifizio fieno fiati collocati i due gerundj; 
iod€finenza> e ne^loogbidaferfézionas l'eloquenza grande » ed il* 
MtOy e da non ifccmav TaiitBooia d^l vir(b> odenijpare lo (plendor 
del terzetto» Or voi» Alefli» prendetevi cura del reflo; ma come fa* 
irte a fcegliere i Rimaiori vivente p fenza offender qaelli 9 che fi ri* 
natraono indietro i* jlL Se altri > clie una Dama pari ad Egina» mei 
comaodafle» io certamente tio& entrerei in tm'impegno sipericolofo;» 
naOSmamente che in tanca dovizia d'ottimi Ritnatori^ quamanedi» 
Qofiraoa le belli0ime Raccolte iti qpefii anni.ufi:tte da iucca ». e da 
Bologna, ed io particolare qmefta okimat. ove tutto il fiore de'EUma» 
tori viventi fi vede giadiziofi^mamente racchiufo» ip^ cbefiimo tutti 
cmalmeme > mi troverei il più eoofufo > e iiutigato uomo del moo-^ 
do; e no» fofe lapefiC ufcimeroai eoo onore «. M^ dappoiché ella cop- 
ti vuole > io v^entrerò; e per lei foftirò quaiuuoqoe difaflro me ne 
avvenga ^ Eg^ Min» voglia Iddio » che per me abbiate ad incontrar 
bc%he .. Io mi voglio addoffare tatto quell'odio r die poteOTe nafcer 
dalla fcelta ». cfar defidare^ fperando , die ninno fi. M^menterà di me » 
fe vi pregherò > cbe fcelgbiare dalla fola eruditiflima G>nverfazione ^ 
cbe nelle vofire ftanze ogna^fera» io fo> che in Roma fi ra^na;^ ef«^ 
fendo bea dovere,, cbe imftriateqAielliy ebeconellovoi cootinoametv^ 
te coftumano*. Mirt^ Giudiziofo ripiego , e bei» degno del voftro in^ 
«KDpwablle /pirico /^ ^.. D'un gaande imbarazzo m'avete tolto > o 
Kjpna ^ ere ne Ibcorto il grado del tnondo .. Ora per incominciare a (er^-^ 
^ìm >0aiiiUr& iafenaa li»ga fei grindp^i maniere d t Sonetti ^ 1 1 pregia 



Digitized by 



Google 



iSo Della Betle22à 

della pritna confiderà nella grandezza , o magaificenza ; e qiìeffa nu^ 
niera è tutta propria dell'idea fublime; e ve ne reclierà..due^ belltf> 
(n) Ci/éiri fimi esempi dtt noftva Clidcnio (ir); nel pruBO de? quali fi £ei¥^Ha 
jKl$l0fi$. deUa diiiK>ra , die fa in Roma U Soreniffiino ttìmìfC^Aktùmàn di 
PoUonia appffcfle la Reina faa Madre. 
Dil m4fff anima ]Uy che cH cen figlio^ 
E cMa /fdda fé onerMta acquifia 
Del Ssrmstice Seettrey enee fu vift0 
D*Afid , e di Ubia inumiUrfi il ciglh^ 
Tu fei^ Signere > inclita /pme^ i fiiUa ^ 
E tal tH fei , che slngonife > e trifi^ 
Par veggia egni infèàel fefoh a Crifié 
Far fi il terren del f angue fne vermiglie^ 
Talché fien di fietade^ e di valore 
yidremo un dt cen mille imfrefe^ e millif 
Che del gran Padre ereditafti U cerex 
E fé eir giran fer te l'ere tran^Uh^ - 
OzJa non è > ma generofe amere^ 
Q^al fer la Aiedre eibe il feroce Achille ^^ 
t nel fecondo fi fanno alcune riBtflSoni incorno al Sepolcro d'Adria^ 
Bo fulla riva del Tevere dentro* Rocna^ ora fidotto in fonezza y cbr 
fr appella, come fapeie * Caftel Sant'Angelo^ 
Ecco la MoUy il di cui^ fkde ingombréo 
Ampio fpaxio di terrai e di qnaPers 
Se ben non ferba ognifua forte èmentr 
Serba ff Under i che ogtfaUr» chiaro adonéna^ 
Che fé il cenere Uluftrty e ta gra»d*ombrm 
Auiufia accolfe neWeta frimier^r 
Or fa^ che della torbida onda altera 
Placidamenet il Tebro in Mar ft f gemerai^ 
E fotte ifuoi ròfari , e Patte muray 
Più cht atf ombra non fé dH CamfàdogU&pi 
Di Roma H gran defHn fi rafi^wra^ 
Poiché y domo^ degli anni il duro orgoglio ^ 
Prefiffk il del , e Velia tonoffe in cura 
De'ficeeffor eli Pier le Chiavi j e il Setìip>^ 
jna'feconda^ maniera aiTegncrò per pregio lo fplendofe ddretDqoer 
sa; e anobe qaefiaal rublime concederò. L*efeKipiopou:eni trarlo..,.^ 
Mirt^DsL voi raedeficno; e fcufattmi fé v'isiterMinm ihdifi:offo»ei 
entro nella» voflra Provincia s perdiè la voflra wddU» » che oerrar 
mente non vi farebbe Cctrxo vor medefimo » do» dw fiurvreflcr privo 
di quella lode> cho« fopra tutti gli altri, voiiDenrattli;>mÌ9gìodizio^ 
e di chiunque fa difcernere in qut fft ntar^ if :■ eflendo ferita fallo il 

Eegta y del quale ora fi) tratta r il fotte df'^voAfi Sonetti • Ai. Oh 
iictiiov che mai dite > voind volermi onorare, offeadecd non meno 
il voflr<> gittdizio , clic la vofir» fincerità.' Aiirt. N<» no* «on efleod^ 
me Puno, aé L'altra: foben'io,.i)iicl eb'io n>iditoj»e peiskè nonab* 
biate più lungatnente ad indugiar nelle ftufevaffol|Klkfaxle'VoflF0pa^ 
ii> reciterà due vofici (glendidiffimr Sonocrii àmsmi^ ne^ ^aali <xxoor 

t0Ì 



Digitized by 



Google 



Della V<^ Potfi^ JDiaLDC il« 

Iserà beb pieiwiieotc Egma» come G pacli ia^poefia <o» eloquenza 
Tulliana) ed oh quanto fiallegrereU^eco il TftflTo Pache » e il Viachif 
<he dello ftelTo pregio con unta avidicà.aadaronoinccjaccÙLi/cdifir 
miU Sonetti n'aveffero una éoexina «eUoc 4«ansomerU 
Se è ver j cke a nulle dmate smdr peràens 
jtmmte^ e fé à feter fotr^ nMwrs.% 
Come. da i dardi Juei franca^^ e fienra . 
Ceftei zir k^U ^ e wu li ftmge.^ e/preuél^ ^^ . 
tih che de' miei fe/pr l'aere rifmna 
Tante ella fiu fen vitL^tn^erva i e Àtt^^i 
E far né lei diriiemré^aBpa^ 
Ni me riniinfio emfie Signor /jp^giena^ 
Or fé tanta a domar rigida affreesjua 
Non ufi ^0 jimor #• nodi fii^fnfti ,» e fhralU 
Di f m/ ^ik degna faUaa avtm^ vaghelz^ 
Ma fé a tal uofo armi ai fur Jenté ^ e fi-ali, ^ 
O me rifana , e. i. lacci 9 e VoKCO ffcwjk ». » 
O frendi imfrefeM.tucjéte^ nuiaU* 

' • ^ * • 

iSr q^ 't^fi^ % che wU eie» femf^ iu d^gUc.p . 
E miemfie ii petm ^ c*l aer di Jredda tema,^ 
Donna y a voi ffiaee si «, che taUr /cerna 
Unel fofo.ar^lor »jcW«9 v0i fer me iS^acoogUe,^ ^ 

£edfa,,k.d*Amar^^he.ftejfo e g/tnio,9 voglie 
Cangiando in noi > fa che mt. traffìo io f i(M 
fenfando^ ch'altri a ^^l ielteMa.^Jlrefita 
S'arrenda 9 voi d'arder fin grata invoglio;* 
Non e {eri 9 ch*$o creda ite tmto /trenta . 

Piflra fitta fer.la -mia Jitnga fiagat* 
Ma ciò nitllas.A^Ktte foco il' duol rallon^H* . ^ 
Onde d'uopo farla fer. rendm gag^ . ^ 
Aùa disila ffetne 9^^arv9i di ma cottfcfttés 
Ch'io' fejfi meno aman^y^e^t^oivmon.vagt^» .. 
I recitati efemp) poffono^rvift «ndie.Aer uqu 9 o idea {«ivt> die 
porrò per tetea maniera ,0 cbe nd fià Aé meno « fecondo la divi* 
fione porcata nel principio àc' pEctTeoci cagiooanieo^i » 4J carattere 
foblime fi.rifctif^e i e coll^.^qMle molto egcMìameni;/e mai^eggia 
fra gli Altri argom^mi i OMOMbU iljMsft^o iì^ioj^ ^ quale trarrò (o) VA*. 

gUj^empl* ,^^..\ ;: ... ., k : ■ c^ ,• s * \ Angelo Ant$^ 

,dhime ^ cho ovunque il reo penjier mi .moftéi^ ,:. ' : nieSomas. 

Mi ferfegue l'mror dct^mapffaator 

O derwht % ovagUj^ \0gn*oK mi . vegpo m. iota 

Jl timor 9 U vergeva » ola mia fetta>. 
fer f antica trovar fétfe fntewa \ 

Panni alfe/he.fgj^e$$i^lie)telnJ»UH^^^^ \ 

JDiVtf : o queirio nmt finoà^Oé^kAongi^t^^^ .^ < r 

Son9 che me fteffo ioa^ic^tn^co^fiCM* 
Verrei laffo fuggir da i fitiUimieu • * /. 

Che affliigonh'éimHHmida fma^ita^ 



Digitized by 



Google 



S vorrei v im n9Bfa fi§lr cUi^ mt 

O p'sn PékÌr0 del riko'^ im ftr9 % ààA\ 

T» furia C0Ì miei fimm i /ìm/i *^ 

£ U frima jme MM0e rieeems Jm 



pél ciec0 AiMr^ fhe ^emrm tptmH wm^a^. 

IncMté ifenfi^e^tfr^éd p€rUfM€Ì0^ 

Dn$UflriÀfCVéé0fiteifi%0VM40fmtPéi€CÌé 

Di fm faida hUd9 che Pdemt^fpip^^ 
PHg^jn U mmte écperea , i à'dfrt^ paga • 

Seveme ajfale^fH Immdfjìre Mgpééeteim^ 

E ferehi il fint0fn$ fiac€rl$ fiama^ . 

If^errer Hafc§nde deU^émHcs fiéigéel 
Ahi 9 che giure fui fier nemic^t «i smfh 

feeder imi fii^^f^ di Jks mèle diefieeea^ 

Jp j$ltmi mi per 4^1 fk^jmerw efemfier» 
Me fé in pitezM itgti i mm ferti jeféatui 

Segna il fuejliù 190 fefi^rrèimfemefiùi . 

Che fida eeremmr fel chi cemèstte^ 
Ma la quarta, che dolce s^vpeM*, pntké ìi emigim fmpBgsgmtiSi' 
de oella dolcezza dello fiMCf beocbè calocji lem al jcsnrme £raiide« 
noDdtmeoo le più voice t*j iccei u od )a al taorieraw.; ed mi tu mara- 
/p))f;^i^;ii^yigliofo per verk4 è Uraeio(f }^ Udweko ntlffROklei^ e ^911^9 che 
jLeMie. vi recitjcrò, iè un ^etto foiro i» op^^Jfmir fSh «knpisai» ìémc é 
CriQjaa Aleflandra^^egioa MSvmU. * 
Quande rjilmé ftral vìder h fietPtf ^ 

Che Fall ergea per fétrw Mi rid r ì u m m ^ 

Tutte fer aciuijfar fumé fm jtéenm 

La ricìde40ém da ^mfffrfortiif 0'^ftlU. 
Chiac€reM^^$kS0t4ie0M^V'^fir0(e30r0Ìk^ v. 

Meco s*aitiri a qnefta sferM ileeorm* * 

Meco^ yiner dicH'^t^tMa/ftggfmm' .^ v 

Chi peflì gim nd fmtfènm liheUo^^ ^^ 

Dnnqm altr'arhf fk^l mfip^f «r fi à^jUmp 

Marte gridécxmj a Mf ekamtew tmito 

Le mi» tfirthrf* ft mf i'PMt m9 vicinsH 
M^t Qi0ve éd^ k ler cmnefr wÉkei^ 

]^^ in peta^efcUmki ìtét»a iMm^ 

Che fift femfe jnfepui st toma Uee^ 
Uditelo ora pel.pnodlMMN>;'^^ . '^ v ^ 

NùH ride fior nel frate v "0mb0 m n fim e^f 

Non fcieglie il voto'éoqpit > 'ttmt/f\ 

Cui fiémgendo $0^ mm dèem ofnt i 



QtfeWacerbo dolor # che il oefrettkfimgi - * 

Ma quando a Mj che^mi^éilHkiy o m^tg^^ 
Vamorofo fonpér mr rm' ^ i^ Ptttou\ '^^ -^ 
Afftna articolato U frim^scetmu^^ > 1 
Sfaventata U voce al fm rifugge t > "^ 

Cosi Amor, ck'ognk fhfMxdo i inmrrHmtt^i 

Ftri0^ 



Digitized by 



Google 



rWfi Vofeir Poefia. DiaLDC if j 

Férimmi i g litftrkm a Ui^ ch0ftù$^ 
JibJt cbe' igàtmÉf4i mu^fmtH^ pmitim i 

A WÙ9 €%m^ mtìMrimui4 4 $f M fin vU^ 
hnì olcre utìò it flooìéor # ohei! Uqnimi BMoitri f aiicb^eflk (e- 
€Ofitftf YcfpKiMkh #ni CMT .^jiftlliBfy •» «ut qucfbi idctf «faiperame* 
SiraFgo i Iq) ipQìhé Jrtcanttme oiiiilfa y cte ^tiuMcitfqiie 1« Bori* (q > '<*%^ 
dczza ^ che Ì lo ffeflfo y ibe romato* d# Ciectotte « À pn|Mrift della^^^'> 
ttKKtti^^ idea ^ BonrUmtÉor' amìic ttcl Aibtine feMft d«rogàr paoc<y 
«Ila gratìdetffliy cod fottima anìtitiity riomftaj cfie è^o^lo^» che deb»* 
ke oflervare cbiuoqu< ì fiU ptopno > e ofaniera: lir« pascolare ^ nel 
tfipiiiger co git fteflf cotoni iiutiglf argoaieim j» cte knfafdireiide % 
camare • ScopririavvI qoefltf verni H ttéaaùtt bM Sonetto /òpra iH 
hnceoo riftoraco dalla Sanirhè e» N^ tS^ Pap* CL£M£NTE XL 
ftiiVk il Tirnmm àHPmmmM t^€ 

Sul mMg^mr Ttmfh usi ié féké mmmft 

Ogni fna ffeme^ gfnà ré^mè rif$fi , 



NellUM^M dt'GHi in 
M^LfùkìféétU imfi Iki q^Jn" fimfi 

Véomii iii nég tnmm é'uim^ m Clim$t 

Iféinét f di félvìf mf dnhftmlxmnftfii^ 

Chi P nimniì » y fi nd àijhfé M fimné 
fiitdiìf UjfelUrcbefMuiìffil.mmfÉi^ 

C0I fmg lume UfiéfifUnànr viÉnflm * 

Refi nte^fr^ riM 4 ghindi nU^ifit 4 cmùi^ 
Omègnnniméinìfm'&mnémr^^iin^Oi 

Pir ti fik MU mi etili ^mni m frmU 

Vive il Timffi ijifxìfpi iwUcm' JfA$ti^^ 

feria morte drEugadio(rJv (r) Jfcsn^ 

QnéOuU la Gipvinmn d'Oriénié "JS!^ . ?•" 

Tinge il ptr^Wi^ tft$ln in ^èlmr étm^t Mnztnt^ 

ViggiMe ditéOéH iinm0 Angfi cm m é ^ 

Cui finngi l*jÌrWy U M m nlié t^mf^ 
Fagioli i € 0m4 àkhd tingm$tgf0f $ mtnn . 

Vmémn n&9 ma Jti ótUfitt MrVy 

Vdìmdéitnmi^^^éHt^édiiàntnrhré^. 

Ikn t^ì min tmfUincbiiminnéii finn m 
fmm i l*éMe$ cbg i^fiifn^ i cUnfW Fm§Ì09 

Cl/i0im^^ ideiti fgrh mttin mi f^np 

£ finriii^ n^nUmtft nmlk^€{fmi§^ 
Cnntdniff Amki^ Jid^'i^i #fl)Rr» fismnr 

Chg fi in mm^ tnggiif^ tné^jfif rinéfc^r 

b klh iwmat f m muHM mmimt > cbe I0 PnpfMo vivice ^ e di ti* 
Wtoy ftfiEbl Mcc« é pie» éa tivflcttày é tte'ìfinimM0cry e ntUe hn- 
mxAc àntffémMf ^mwMlto cooinmM. Mirctlor^ i|MAaiè huroAca*^ 
Min. Me VrKxg fifirai; t noi fin nffetfomcmn hnm «. Or tk diip: 

M - 4 pur 



Digitized by 



Google 



tf4 Defla Beìleiéii '- 

pur fu: che le ragioni fon tutte vodrc. Ak AodiVITa è piDffrurdM^ 
idea mod«catas ma il giudiziofiflimo Artefice -la fa beorcrrireaDcheait'' 
altra V trattaddo con efla naarerie gravi ^staodr» • notalr) fiò»>ineiv 
che tenera, dilicate» e leggiadre. Afcoteare ito paio delìttoi-Sotìettiy 
Jfuoo d'un genere, e l^ro' d'uo'akr» « Nel primo*» ehe^ iKegjaea- 
«e , s'intrt>duce a Éiveliaiv la Città di Botogoai aUa Caia ftìontem- 
pagni allégoricametm chiamata Albero, mdla proaioiiMc ddl <&«di^ 
fiato diiquefto cognome, Arcivefeovo dio&Citt».^ f ; e' 
. AlPiT» mh^ fé furi fMTP nmdejjb'^ ^ . ' . . > 

TantP Im^i éiliué teffé i rumi- vrimMuM^ •- ^ *^ ■ * 

Si ienffu^fù in eritrea sid ti ffumdij- 

Qfiri% € Métti Jeflieniy $ Scmrij $ MrémJH^ 
L^un Triregmo éii gjiérfifrm y # l^/Utn sffr$ff§ p 
MssWiurirymi'èripgréùdircmciff^i 
Sia ilariéi éU tronco il gewmoglùi^ si grénàk^: ■\ 

Qfofi\n tuo Gcrwnr mdmrmi fawèhio éiwouLU^ 
£ /fero, altri omamtmi alld /iu c ki o mM ^ .« >. 
Con tal /f orar 9 che diverrà cohìzam ^ 
Sora Pàtria al mio Ramo inzNm fi'nmma .% r , 
iW tengo il fhdey^ e ne terrìi T altezxjt ;* 
2Vé il cederò , /e non lo ceào « Mfima .- v > ,. 

S'altro è indiritto ad un figliuolo -defunta dell 'AiitMe\i:« « ^ 
Jo vedea ne*tuoi bruni 4vcbi ettvierir 
Duo di quifto mio ^to jmmagitUHOi^ 
Scorgeane uhSattré in tue fimlnanz^ eioitt : 
JS^ in quel vifo a me fiaequij^ed in qf^tHui^^ 
Ma i Umi'i W mi' ff occhiai wvolpnierir* 

Oggi ahi morto feri di fnefaett^v . . t '. 

• S^ennerleguame^^O'inUitìe'daofWMtBO'P . ' 

Ne quefto^ o figlio ^ i il M frojfil di ierà^ 
'jinz,i di me la miglior forte w iMguo^ . ^ »' * 
Che il fiià teco ne z^nne; oÀio^mulrefia^* 
Poco men^ che nud^omèra^*^ corfo ofangfi^i^ 
Se dunque rechi entrmlU^lfimofi» 

L'amordel Padroy e lefiittexxe^ rJtfénguei 
Deby figlio 9 omai che non ti forti ii rojféì i 

Opefiein fodanza fono cune te nianiece, cbe^me pare» ctò oggific^ 
so io ufo; e quaotuaqurrcomerabbiam detto ^ttxie feogano.dal Pc' 
franca ; nondimeno adendo ftarrC' prodotte àoà ^ifto^di diveiéi ikcolì» 
come fi conofce ocubt»ntiice , ora rivcolte , e^m^iénicé Jbrtnaoe» 
il guftòdd fccol prefente, cbevfecondo'la^aniflima opitnone di Mir*^ 
filo, vuole il Petrarca 'imicaco , e non rifritto ^ lìbero v e nod^ fervi- 
le, accrefciuta , e/non-ifctroato di pregio; e infotmna^uotie^un Pe« 
trarca tutto fuo , e non del^fecoio , che ^ii iioit ^.lo-^ib^t^die m'io^ 
-Mntlonor i' faggi, e giudÌ2Ìofi;^epecò n'imeiMlcroee apKTfrtòi , ebedi 
^aviezza^) Ctdi giudizio oltrtpafltte di aioltoil«vo&ra*ieffo» La^oria 
•del Sonecroiinora Tavete rawifaca t«aì Feccarcbiftt ^ auuelU non^ è mcft 
grande nel r altra fcoola>» die dal Gbiabreoa abbiao» deaominata; 



Digitized by 



Google 



Della Vofe^ Podffà: DiaTJX. *«5 

Deli' imitazione d'AnacrcdiiM Ae^^occu fi tritovàm^fecnipe' Ganzo- 
MwM "BibsklbOrdelGeaty^ell'AcfÉiteiio^delCarkeo; del Cófiia»- 
sanò)^ e^ altM^i <|U«fta genere^ cteifiortvono a<4 fitte del AKotodel 
quatcìoctmo r mt fieèome allora nóaiebtefeguiro ^ pcnrchè' t'ifntmzKy- 
ae fa anzi ^ccMeocalry cheiuQaiizkler e peri fo imratciata^ di «an» 
dtfcctìy cbt oe/tiiiBife' àdtoifaicaq^iei pocodi buoao^ chd v'era; cosi 
era àflbrto aodajta.m^bblmonati.taQio moggiorfneiite ohoit Gbiabrc*- 
ra, e i ftioiì Tegùaci,. le 6>le CanoDerte giudicarono atre ad eflet \^ 
vocare fti quel tofma';'ttiooftro>fttMceiita aocbe quoA^ maniera 4 ri* 
ftorata^^ t Va cjflcaraca>:e p ecfai opatai» ta^fagaos^efe nqp v*àdal^ 
bto, ' ch'eilai è dmnàta ^a propua capifaJe;^tDte& ha lode df ciò» al ^ ^ ^ . 
gemtirffiQio Ttcfi ( r ) ,. ti? quale ce n? ^ aperta^ ei belh ftrada-r elie og^ (n ^^^«^ 
gi la (eoo!» Cbiabrerefca: con (iaiilrSoactti fi rende perawenmra più ^^. ^^^f 
hcfkohi delFaluia,. E per «AFiduìlbYia»^ te grazie , « vezzi > e i Icg* ''*'^'*W*^ 
giadri 9^ e p reziofi ocnataemi r de' qmii ablooedaaa ^ non* poffona non > 

cagionaff ndi^aaimo^ degli aficolrami Feccedbdel diletto r e della^ma* 
ravtglia>. Ponetoo.esUtxr lo fièflb iacffitefinao.'jMUe orecchie deglraf- 
colcaotfy ehrnnfr bcUtfiimap giovanett a d'aero aflhre nella ^a> mag- 
gior gal» (XMUtrebbe agli occhi de^riguardanti • ,Fate conto dr vedeir 
m mila ailO' fpeccbio,» meotre ti?udit«ce gli efempi > che io v>l cecir^ 
ia?ò« Eccone uno,. 

Cairn 9UMfi pf^Htni Awmri 
Stmmn9''Jm S Jihtrxiémd^ in rif§^^ ^ m^^^hc^^ 
&ii di Imr €9mmciì^i fi veti un pac§^ 
.jDmf P un riffpfi; $d igU: ut mUàj^ Cim^ ^ . « 
Biffe*; rwkrpnjtmi M mh M fi€»i 
^^u^Ùimtmvd d'jifi al fik lenti L dé'fierìz 
. . Gii M. trio y tU*l UUn^e tumidener in fiieriy. 
E* chi quefio fi {refe , e chi qiiel lece .. 
Éei vedere il mie ken d'nmeri pienei ...«.- 
J^ celle f^ci ef^nn^negd ecchi^e dnf - 
Sedifan- ceìt arce in fiil ciglie'/epmte ^ 
Era tne q^uefii' un* jimet^ine^r éi cni 
Manca' /^ geta , e 7 imUn^ > -€ cadde in fin^ 
Biffe agli aUri: cbifiamegUeM m»i - 
Icca L'altro 

^^ di Cifre inr filila f faggio amefhe 
Uk'aUa Reggia 9 deve Amer* rifiede ^ 
CalÀ mi ffinfi ; e\del JkgnaMe al fiedef 
Prefentai carta d^. nmUpi ripiena .* 
Sirer il figiie^ dicea i Tirfi^ che inferni' 
ServU finer y la kier^À ti chiede y - , 
Ne .crede ergegUe it elemkndnr mercede^^' 
" S»fe fitìr Infiri.dà ftftfii catena^ ■ .r \ 

lMiiCdK$m.ei-fréfe4 eimeffmilvelteaffiffet' 
Ma legger nen pMa^ megli era eiece\ -*' / 

E cenebbe il fue /cernete e fon^ajfliffe .. l 

BiJ^ceìTatte^JUfdegnefe^ e hiecot 
Gitmnmi in faccin fé mia firitPe ». # diffir. 

JDalJ0 



Digitized by 



Google 



EfrUm ^ vero» o Aie flVi ^»ifti lainwirf iotiokamc&tt mi |tkcr ; e 
fipoza Àllo'i a €ila ia'piMift»»«ci«r4atflMrb^ diftgukaar*» >ÌAt^Npv 
£^0ar wài fia^ l'ohsimtf ,r pettM 6 Ja ptàfdtfBeik ; ttoMkaut^ ùe 
è una' pknira v che non fi gaito# dir da irkioo^ r «agir occhi per 
cosi div follarcela: dtmamcr»«ÌM^og«vfienk>Qaoliafl^ 
dere cuuo il bolhi, e per 6oaCqpieaz»«tmae il-imgio^' ad t Mt fe yì 
fono t & coqdCcobo^ TettM iarnc nttaa^r Atace aUny cbo dicry AlrHi ì 
jiL Rcfterebba folamcjur d i^ iae «edere ìV Saaiuxj(^ iiMlrittr PittSirieo > 
mia iebbeor i^ Cliiabeeeai alte irofiìe^aikloésòf^ittefforireitaifi^ e ti- 
(r>l?^».cfie alioftri giorm il «asaoin» Efik# £/! fé a'è aw (boHtta^ loda fa- 
^w«. {^1^^ aondimeno^io'ftin^y ciieta* g»afideez# di Pind«rov fepottfaò 
cta^eatfi oe^ Sonerei r ia lafteffar chr quella: ^ (cbefid cacatcert 
fabiine adoper ia^M^v e die per cMttpttmst iaPiiKbnca ,^ e br Pernia 
cbefc» fcoola io^ci^ & coofooddoir.^ AUrtXjffOiì^t^BDi y Ak0i ; voi 
fiere etifeiraf perc&& i^miiiKiqjier egli fia. cerco ^.clie non di comKièr 
che eoftiiniCce \m ^^etui iaaitaaiQiKr di Pinfaio neUe GanzMrr^ é tt 
I^Moe il Sònocto ; ooiKliiBefiO' delk^Aile i^è capuciffima^ che piò tf- 
titehtrfi- di bcMe^ jK peUegrioe mxóts^m ioferke per emitr il gire di 
fplewfide , ed iUoftrr parole r mar coimefr badarvi iir quel poco » fcr 
con eccedere V e dar nel freddo. Il lodare Eriloy cbe cohfoo fmoK 
vigliofa giudi£Ìo>^ e col)» fua noniottlabiK^aitr A coiteecco' PìodacD t 
fcrvire a tmri ì caaai^PÌ>^.a)lo fiéife' «nilr PaBOfirie^ emat moAriK 
no le bcHiflime poeiie da lui prodonein; yar) tempi par tk fldfibr A^^ 
cadia ,. ffosa^ cbe ti^ gpndèeka Pàodacvo telila puma al9 fMoiltà ville- 
leccia V e quella a quella y cosi còcopone i Sonecrif e^bcio' e^ido ftK 
maciOimi» ebeafibdtfifiigueQO^dJrita fchiera del fobtiaie P^RrarcheP 
to »: come apparile daK fegframe* im^ morte di D^Lu^^dlti» ÉMriaWM^ 
dfo^ fui mare dà-Tisrchr.- • . * 

Érnn le Dct del mér lièttr f ^^mtik 

Intimo al Pìh' del ghtidUiétà Am^f 

E rider fii vedeém trofie fr^pmde^ 

Séno U pwrm del M Itgne^ étliìmr.^ 
Chi fette ITEimm tétmei: ekkme éhttdt' 

JMkpMr e cbr it re^tl dgU^imrrkrev * 

SèlePreeee^neftferféétirerdalCender 

Cke de' f^ti [cantèi f étffrù> ftnfkfr^^ 
EBentefie^mfgéirir^Aen^tiifdm^ 

E fembimz^a cdnt^jtr Vendit trmquiUe^ 

tnfie* trencw dk morte ifooi begli nmm^ ^ 
SStmiro* di giefadè' Mie^ fdvilkf 

Li vie-Jklm^eiie^wrmttmtifé^imeii^ 

Tèti terna f,che^ iàmwmttv0 ytltiiUe^ 
E ptMvwcmur» pia chiaramente da qneft^ aUitrv eVee^ ooffipo(e per 
tm fsibbmcaK dòl' Pbrra alla riva: dei^ l^rvere appseflé» iklepokfo» d'Au- 
gpftooidihata dal Regnante Sómma Pomonirev "^ .< 

Del grande- At^pifle^ mllegrofi temirMr 

E dell' urna ekiiliè rdltMrmmt>%^^ ^ 

A fui mirar cernei Clememe admkrm 

NelC 



Digitized by 



Google 



Ddk YoÌBSt I>odGuL DiàllX- é»7 

Niitùfre fue U nm^ iéumd^ 

Li rive ^t Tjéf09 ^ s^.^frisre mW 4ifiim^* 

DM Mfiro di Mti ftdindù jtWpwérM 

R9W$M s' ékAerna dmer $ mite JfMnm^ 
E vd tewifr4md0 U ftrMie^ e'I jitmU 

eh" $Un idljemfo^ e fià ÀmI firr^ ift^t^^g - 

Per cui fìMiué miifitfa^ € ffatfé ^^/mie^ 
OrÈmrneriiéeMfneijftmdstpit^es 
.S$ nm.effM fu9 SigmrMMm^im fifh 

i Gntj jfis IV4 i Meti di dl^w^tj^.. 
Eccovi Pindaro Ac'jSoQ^tùi €4 ^ccofvtiv beilo^ gtjittck» 4tm$ffiiAcos 
e figlio aQch'«ffo tcgictimo» ^ nataiaie dcl\nq(io^iecolo.« iMaJo.vo 
farvi vedere Mdie «n'atcto Ceeco ìMwiiiiaaato Jle^So|leltt tdal .feccM ^ 

noftro in ooa gaifat che con tutti i Cuoi artadii Arilltesccd j ;e |iaÓpnir 
Ut paò federe a tavola ro^o^éa ctf fiioii ;Barbafl<m dta^aimfo:»<eiise 
re ianamorar le Mufe ooo-omiov ,oto legate 4^Poeti di jpiSmb »ran- 
go.yf/.E cbi i mai coteilui^ jMB.è .ifli ibrir Jeocrita^ yf^/.Teo- 
etiiè ap^tno/ ma a£calia<e>. 4E^bN^ JU>lÌro cfecoloéi ebe a fi» ,aii»rt« 
atat o fioeisa di genius. d*j0gm co(a vuol «cavar l^xtto » perciò /a 
che in ogni cofa veo^j^, ^alalie farUeeHat i iacomìocjaco > ,ftir »no- 
tomia aoebe de'foveri Soocinicc;»» ,che /asno ipaftqri d^ArcMia » i 
^i militano Cottola Teocrkan* hanliera^ 1 iCÌn<(i|iaeiittfti > <cbe 
prima di loro vi fi protaawo» ^ioMfeio jC0Q|/eau4i >tutto^ « che 
dair idea natile j>uò averfi 4t hc\ìm^ jt di biao«^^ <a |ndcò ^ a Jor ,So- 
netti Paftorali ciofciroiior pet kipÙ mei^binft^ ^iMt» intfcaci»^ 
in fouuna affatto inoiiiii jt tolta .loror<|iKricte do^keaza r AO0 merira- 
no certamente d'alte i:on0deraii jfetjfìcBt^ ffcegio.. U Clarini più fe- 
licemente le bofcberecce .cofe jcrauòy xna pure à conienne denuo i 
termini del folo amorofo^* Ora iliopu^moiaiisipoato ^Eo^ganio C^] acI ((t } Jf^ffa* 
fine della fua vita trovò ben via ida jrc^dirr iiecefltarf ^cbe Ajiiefti» t^ini. 
darci Teocrito .in piccolo « non mea^iUifia» h(X\9 y ^e graziolo del 
grande : di maniera che chi oggi vool Ak :$oi|BttiPaftotalio può .eol- 
la fcorta di lui farli di tal pe(é» ^e j:ìi6m90 fodliti nd' ^Boko Par- 
ralio al paii di qmalnqne altra niànoUlf^ ^ le^ì^^iPOefia.. Nò- 
tifimi fott» i Sanerri Paftocali é£nganio»'X Campati » a li&m^ati ; 
xaocmnKìò' jrfooltinnDa »n paiai H efempi : 
ijifit CéfPi méifidm» ji fioefi in Mfa 

Gir ftsUpìtpf jf firn ffe^jift<4er/imfMCCi4<^ . * 

MUkf<rfi^p^i^Àifimià0r4ficis 

Dagli Jt un fdffe ftd le cerndm ,e 7 mufe . 
Se Bncce il guntn^ 4$ /eefdem mm giufe 

Da iuel fue xarre » .4 cui jtrT^^aiUc:fis i 

firn prece ie fdegne Mitre ficadiék^ 

Qii^' k jcen q^^ 
radi fcacciarle^ Eiiimt fscéefmmfienda 

Maligne ildeiue^ a firn nen reàa i» wru 

Vnve nafcemitedilier Nema^ntèap . .^ • a 

. DiM 



Digitized by 



Google 



Di /«# fikefif che ^n dì l'éUimr J*é/fttM4 
Me Succo i da amir^ che sHcar nm^ f 
JM Cafro infiemo^ ^.àol PaJUr vmmifia^ 

JUentr'io dormi a fono queWdci meér^a^ 

Péirvemi^ dijje Mcofg^ fer l'ondo chiaro 

Gir navigando^ M»de il Solo afi/mre 

Sin dove fianco im grernho al mar ^ t^^* ' - '• 

£ a moj foggiunfo Elfiny nella fomofa 

Fucina di Hilcan parve À'entrarot .- v . * . 

£ frenderUrmi it artifizio rato-- . , . . \ 

<3rand! tlm^^ e fyada arderne » t fidminofas 
Sorrife Uranio , che .per £ntr.o vedo . . 

Gli Mtrui fenfier col fonm t e m 4**^ scceoui. ... 

Proruffe ^ jed^ciuiftè crodeuzjL^ e, fido ^ .'*:,'. 
\Siatei3 Paftori^ a qtéoila amra mmoi^* t . 

Che'Igiufio citi i^fenfaeér wiidMr^ r- . . . 

M fognerete folleggi i od Mrmomid . .< ' r Vì' 

E per giunca ve ne to dire anch'uno del aofiM Gu&onb^ ^tefim 
(u) V AM' [li]» cui grandemeilce %ì foua maniera- aaaJoncir^ 
serjg^ Ofmin^ e* affreffa Jl Nembo . Odi ^hè emigg€ 

Jl mar mcin dal fior Lelkrcifi fco£o^ 
*j' > Semi PMfHùl éHo»^ cboM enantoJi doffo.'^ - - . ;.j 
' O^Ua^'O Mila tana ogni Mimai rifngg/tM^ 
£cco il fnimine^Mmè for i* aer raggeli \). 

Tmogreggoop'iè fot/o di U\dai foffoi 

• Doh:4i fak^a aiman tu : niieurcor fei mojjaì ^ 

Pi Tit/i^ che / Off latta , Eg^e% cko fngV^ 
Così Cedro t/damava; ^Opmno a iui: 



fugga, dei Od chi weai /canfarjfi creda 
.U ira y tftimlor fatffrafia a^ falli fui . i 
A me .trattion fiiU intmcenxjt U fiedo; 



i 



Ma far s'egli ìmol farmi tfm fio alihtré ^ ' : . .i 
Dimmi. quid, fia for me ficur^Jeàeì . :^ 
Xginà) che vi par di Tcoorico ne!moderai Scmeiu? n9tk ò «gli bdl« 
quanto. neirEgloghp^* e più- fruttuafo ì Ma|>iri;bi veggiAtie a V^ 
icgne di finezza d*arre s'indirizzi il ii<iAfat£e«eéa ìd iqocfta .iiiaiec4A> 
vo' farvelo veder tale anche ^c'fig le tde'Soneilftì^ «cbèiiaLiò^^Sdnetti 
cocnpofti di verfecci ^.jbwft^ o*ii'oico filiale « U A#cMi)eQ imo^ che 
^x^^/p.jftf-gcmil Vallefio £;r] in qucQo gehff» cxtt;ftHmciffia|0>,UtìÌlcnc^ 

,lonio J^'^-cttnodc'fuoi. . » .:. :.t-\ . . ,^ 

^ dlìa Qj*^ff^9 ^h quante ingorde ^Jitfio \, \ 

Uadrsii^L Qiìf intorno mrUro.io^^^^^ . . , 

Tiru^ oma$ dallo contare . . \ 
Jiichiamiam lo ffAr/o^miteajk \ \ .vi 

'AhigidforgOteiteoK.mifetCo - - - '. , ^ <: /' :ì^\ 

Delle frode alio Jamo^tà^* .. vj\ -» , . ,(i x : * .. ;.\ 

Ahi fer monti f a.ifóf^rim$rt ì.. *. . . -, \,\.\ \ .;a .* 
1-1 /.: £4Mt$ 



Digitized by 



Google 



Della Volgar Poefia. DislAX. li^ 

Tm$9 è U ddmt0} r vri Pafim^ 

P#r )Stfn># €rm0 fpmlki .... 

FUhiuidteimiimismmt ; * i 

Ov^i il fmmàl ovi Pniprici 

Fidwmn M9ifi in forti cmriì 

JÌbiy ahimè mkndti ikftUii^ 

S^fè^ €4fr0 msMett& 
Mms it gf^ue in certe rufi^ 

Chemiifnr^ eke fer M/feti0 ^ ru 

Figlia ferhiw Ifoctm é i tufi^ ,: y^ - 

Md y ei /igne ^ ie fon cpflretter t - 

JX Ufciéirla in ^tefti enfi 

jintri M ili erji \ eun dì U geitm ' 

Gm fer bnlxx^ e fer dbrufi^ 
£d il ti/cbié^f e il cem^ invitta 

Onde sltier eetxjt, e gnerreigis^ 
'E /evertiis effti eenfiitt^^ 
Fesche là fenéUr fi veggis 

StU Licee cen qnefte f eritto i 

Perche rnsl guidò la greggia # 
Otay Ateflff» ripigtiando il fs^ionarey ehiodirre <faf Toffrd pxtr « jff^ 
io ptr me non faprci chiuder nicgKo di quello j clit avete voi fatto , 
avendo voi appunto detto guanto mancava per perfezionare il mia 
^ifcorfo. A£r/..Conpat itemi» che ci avecejafciato il «egtip; tdtgli 
Cyd'avverfiM Egtifa» Che t'ihiitazionrde'^Grea^é fieità» e buona in 
tatto, fuorché in quello » che piu,^ che in altra coTa, P imitarono fe* 
KciflSmamente i Latini r cioè nelle cofe l<afcivey ove s'entri nell'amo* 
lofor Danno alcuni poco curanti deli* onore della noftra Religionè^^ 
ti some di coippof fiucoy ed evidente ai eompor lafcrvofmo airofcè* 
mire vogliono, che ficcome la poefiar debbe effere una'imitazione 
Mia natura in tutte le cofe^ cosi (tebba trattargli amori in guifana* 
turale y che è io fteflb, che brutale; e & ridotto del Petrarca » che 
per trattarli da buon Criftiano titrovò^ il* metafifico, e l'intellettuale^ 
Ma qucOo veleno fe'V bea chi i ftomaca da digerirla : ctie noi a fna 
tfHpetto voglrama eflfer Pòetif» e Cattolici nello fteflb tempo ^ e vo-- 
gliama trattar é' Amore , e non efler tacciati d'ofceni; e vogliate 
piacere al fecola con rutt'altroy che col malcoftume.* e però, oEgi» 
sa, ove mai fi defle alcuno > che ofaiTe ferirle voAre caftiflSmeoreo^ 
chie confentimemi Catullianiry e Tibuilianiy fparfi pe'fìioi volgari 
coroponìmciKi amorofi-y banditelo dal voftro cofpetto , e guardatevi 
dar ItH, come Agnclla da Lupa, o Colomba da Girifalear e lafciate 
pure efagerarcy che quella fia^ la vera poefia, e la noflta fia la fialfa;. 
pcncliè Apolla non fece mal fabbricar cbiaira in Pamafo *, ed è egli 
certOy che per inille altre ragioni a? fimili uomini ignote , e Catullo ^ 
e Tibullo, ed altri Etnici Latitii, e Greci lor pari, vivotio colaiTufa 
nmo|talr| té anno cerna altee vere bellezze >> die fi rendono imitar- 
-1 J'^.. * bilff 



Digitized by 



Google 



i90 DéU Bellezza 

^tdft da' Cattolici > Cenz» che s'abbiano a4ir grati Poeti y petcbè grao 
laTclvi» e Ceto» porre per fòndacnenco della beUezz» de' los 9otmi la 
fcoflumatczza^ dell» loro» Religione- jtLHobìtiJlSam déafa > degna 
invera det voftro ii» tutte le cofe perfectiffioMK giudìzio.. ^-Ob co- 
me bene mtr avere ambedue favorka l Or» le io no» (o fu profitto^ 
egli è fenz» dubbio eridente fegno» oche noa fon» naca per la Poe* 
fia ». a che noi» ò* fpirito* bafievole da ofcir dell' impegpo ^ mentre o- 
mai nulla manca né di Teorie» », né di pratic» » dar potervi entrar 
coraggiofamentCi. Vi retuio* adunoae le pi» vive graaie;; e perché do- 
mane mio» Padre penfa. tornare a: Rpma> effend» giè cemiiiata qoa& 
affàtta la villeggiatura» vi prega noOi abbaodananaai né me» coli ^ 
ove avrete campo* di ricoiioircere iie' compotumtatt ». che predano» 
Ce avranno £atta buoi» frutto i voftrt fav} cagjiafiameqti «. 



jf Fme del Nòna p eiMma Dtifb^i, 



/ 



Digitized by 



INDI> 



Google 



I N D ICE 

DELIE CaSE NOTaABlU. 

efeinpiadi xi^rMim Torta 9I« e 
A (cgu. <)ii«|ejpii) (cxsÙkkit sh ne- 

Accffaria al Poeu» « perchè ai 6. 
dune ^afpetta «Ilo Ailc >f%^Iftoria, Poeta , 'Sacra Some* 
limile aa« " tiira« verità^ aaacrooifmo. 

Adtmarì ^ ^ Aleffuidro Alcerio^ ^aU AleflandroMardiec- 
Adimari. ci. 

Adonia fna mone fé fia foggetto Afkianci « Loro -morte [platonica 
proporzionato per Tragedia 96. quando, « icome fcgua .72. 73* 
fino a loi. chi li faccia Tifoi^ere 72. 

Agamennone dove ucciTo vi* Amaranto. V. Girolamo Gigli • 
Agatone f uà Tragedia del fiore 76. Amore. Suonafciroemo» fecondo 
Aggettivo femminile 9 ove fieno fu- i Platonici, e come debba go- 
fiantivi di più generi » può col- 'vemarfi ^.9. gradi della Scilla d* 
l^arfi vicino al fuftancivo maf- Amore, -quali ^o. 35» f^edl «n- 
chile ^8. <be Scala. Seofibile, dopoilprt- 

Aggiunti in definenzar deVerfi 23. «no grado, dee fiiggirfi , -t per*- 
Agoiziotie per macchina, riprova^ <cbc. 19. 39. Platonico abborri* 
fa 79» neceffaria nella Comme- fcc la fenfibittH ^7. Terreno^ 
dia 105. dirgiuma dalla perìpe* ^etto Dotioa 17. CetoAe detto 
zia a che ferva 124. >di quante Amore 17., Il pianlto a quale A- 
fortc, < loco fpiegaztone xiS* e mor fi convenga 26. Amor fen- 
Tegu. fuale incapace di |iodimeniò29* 

A^ioo de* Beccari inventor dek- in^annevote7i«4meltettna)e per* 
la Favola Pafioralejs» 4ondene «cbe apporti -godimento 3o**7u 
ttaeffe Tinvenzioae saó* ^noocorrUpoflo i^tagiooe di tre 

-Alanoanni • ^di Luigi Alamanni • .delitti in chi-noncorrifponde éo. 
Alcooe Sirio. #^G8rlo d'Aquino. 74.Ceflruale, dove, e come fi pur 
Aleflfandro Adimari .173. diifca oeirinferno, fecondo Dan- 

Aleflandro Guidi 1^7.172.175.186. te. 1S3. 
Aleflandro Marcfaetti 172. Anacreonce può kiiitarQ da i ToC- 

Aleffi Cillenio. V. GiuÌGippe f^o- cani 4?. a che fine J4. ^ome 

lucci • debba imitatfi i8i. 

Alfefibeo. KGio. Mario Crcfcim- Anacroniftno che fia , e di quante 
beni « forte • ^2. 93*'i I7* -più fcufabile 

Alighieri. TiM Dante Alighieri* ^'ognt altra alterazione 9Kfoo 
Allegorìa di qtuleifitlepiù propria ufo difefonomra il Nifieli 9l« 
6. di quante forte jSo. Intellet- ^nelle materie della S. Scrittura , 
coalc:, < *TttOi efentpi :i6o. Mora- come , e fino a che tfegoo pofia 
le , e fooi Scolpi 160. Negoeia- .«(Ter permellb ^p.Allegorico quat 
riva, efeoiefempi 162. le 118. 

Alterazione di quante forte s <à Anagogia 1 che cofalia 160. 

An- 



Digitized by 



Google 



AofioDc petjdi^ fi dici^ che edifi* 
pò Tebe 4>na Ccan donatagli 
da Meronio 47*'^ - 

AngetoAotonioSomai. Saggio de* 
Tuoi Sonetti i^i. 

Aneelò xK Gò<latt».^OB. N^lPaf^ 
ftUo &C.1. Tuabellea^a efterda, 
f|Hegara'^> Aio fiile $. Aia bel- 
lezza inretila , (piegata 7. e fcgu. 
Son. QmsphU W M &c. rpicgaco 
19* Son» Occhi che fia &c. ai. 
ài che idea ai* Tua betkzzaeAer- 
na^ Tpiegata 13. efegu. Tuo ac- 
jomenco 24. 25.rua bellezsaìn- 
iDénia > (>iegata 19. Son. Àinih 
tri a mirar &t. <li che ftile 32. 
fuo -argomemo 324 Aiabeikcza 
«(terna, fpiegata 33. e fegu. la- 
cerna, rpiegata 35. Sotu Poiché 
fW, & /? (^r.conrienc ik con- 
cordo deHe idee 56« Tua idea 6- 
gnoreggìance 56* come vi con- 
corrano V àkre idee 56« fino al 
^i» diehi<traro bello eAemaroen- 
te , e \p4ù ariifiziofo degli altri , 
iAkt antio Qoa fola idea 6o* fua 
<>eJlezza interna fpiegata 60. e 
legu.Son. Alfifité^^ t àurei &c. 
46. di cbe-Aile 67^ iaa bellezza 
^ftèrfia fpiegata 67^ (ito argonen*- 
co , < beUeiza iiwema' Tpiegata 
70. e fegir. lodato ^166» 17^ 

Anicio Trauftió Paft«;Aic«deioda- 
to ne' Ditirambi 43. 

Anima^ Sno cibo ju eiiogit» fue 
fòrze , fecondo j Platonici ii. 
4el mondo quale u- quando di- 
^prezftfi H corpo f a^ iéa converi- 
iìonocbe cofa fia.i2« fua^ bel- 
lezza, come fi mantfeAi ^fìxo 
fitoriiac^e' corpi , fecoedo Ver- 
gilio 6u come paffi neU' ogget- 
to amato 71. dove, e come ope- 
ri eOendo morto H tuo corpo 
aeir Amore. 72. 75. : 

Antiibai Caro iodato 4» 175, 

Amitefi a quale ftile più conven^ 
ga 6. 59- 70. 

Amonio fietloni 167* . 



Antonio Caraccio* Sua Tragedia 
/Tftl Cmrf^d^P a. lobato 48. A04- 
vcibnifmoi^ (kl Saleotioo nel Tao 
Imferi0 Findicdté difefoSS.fpic* 
jgato.i62. fuo /mf^i^Plmdicàtt 
^còcithterato^n k^M» U^ dà^ pini 
113. fioo a 164. pane di foa al- 
legoria fpiegata 120. 260. 162. 
varj pad! tolti da var) Aatori 
138^ e (cpL, 
Antonio Francefico Raijiier^%66. 
I7S^ due f uoi SoocKi I7SU^* 
Amooio Magliabecbi i. '^ '^ 
Antonio Maria. Salviiii 45. " 
ifi» Antonio Tomafi^ Soneui 188.. 
Antooomafia di die ftik pcopria 

149. . ' 

Api non aoQo il fenfo dcH'adito 

ApoOoloZcno léulodato ne 1 Dnm- 

€XÌÌ I07* 

Apoflrofe figura di clie fiile fto- 

pria 149* 
Z)^ Aqtùfto. Vedi Carlo d'A^ma^ 
Arcadia. Fidi Arcadi. 
Arcadi Anticlii fi fervi vano delcao- 

to in qiuIoti|uc loro affaoe 47< 
Arcadi moderni foctontefi nell'ai- 
. .iegDciadellaFavolaPaOoralcdcl- 

VElviPi e come 8i.S2. 
AriOno Oattio * K AntoA JMaria 

>SalyiAÌ^ \ ' 1 , f 
Arpalio Abeattco Paftt Arcade «^^ 

Piero Andrea Foizoni Accolti* 
jy Arezzo Guiuone . FI CwM» 

d Arezzo* 
ArtoSo K Lodovico Ariofto« . 
AtenieG.feinteryesiififeroallaGatfr 
< fz Troiana 92* . < . 
Avere verbo in fentitnentOi d'effe- 
. re> come tifato daTofcaoi 69* 
Avverbj in fine de'verfi li retulo 

no umili 23^ Avv. enr4i diaoca 

inaperfezione cU tempo é8.Aw« 

pai i|i vece della prepofiziooci^ 

fd 49. ufato in altri modi 7^ 
Avvoltoi fc coiKepiicìii dir YOfto 



Digitized by 



Google 



«515 

> C«iitiij<»Rchfiino»JboC<m<bl«todi 

Ganti de' Poemi lErotci fe poflktio 

BAIducci • /%i»' Fraocefco Bai- , • tiiaQmiadttificoaremeD«e«t39« 
doccL CaoKone« Sue i(>ezie 43*. loro jufo 

J^iiacA di quMtc (iocte^^ : pcefo da 4 IkoveosaH 53. fensa 

Sactita Gii^ì«aJodafoao.i>ecchè « oitifa riprovate 47 i«t, 
ioctrolaffe Trastconunedia. il CaMOnetiaiDtùtainbica^j* 
Alar Paftorddo 7& ledata nella CaoameEie., Loiaixietri collida' 
detta Tragicommedia. 84.xia'fna- Latini 9 fecondo alouniji. > 
(frisali ]74« , X^coe • ^ Carlo ;£apcce. 

Beccar! • f^iìAgofttnodeìBeccari. Capitolo 43* 
Bclkzm Poecica^d^r ocgriacefe- Giaccio «f^iAmoato Caraccio; 

coQdo lo (Ule 24. f^. aacbe Doifia. Carattere • V. 0ile • 
Belletta Bpqpioaovefi croMÌiflcera Cark>d'Ac)iiiop4ella Comp.diGc- 
jó. internaincliecoo&fta^9*chi . :2ià45. 

la manifefti 39. efterna è argp^ Carlo Capece lodato iie'DDammt 
esento deillioterna ^u è ^p^cie di 107. 

beiie7i*eftcraa Ì9gaoiievQle72. Caro .^i/i Apoibal Caro,. > 

imeroa verace 7i.come fi defide- Carrara* A^. Ubertino Carrara*. • 
^i la bellezza 71. Capizacchi • V. Prudenza jGabfitel- 

Bellooi • y. Antonio Belloni. li C^zucdu^ 

fien^« ^4r4i Pietro B^mbe^. -* Cafav^^Gio. deHaCafo.. 
Benedetto Manzini^ Viàihàt!ms!> Cataflrofc quale, e di quante fiarte 
Libade.. 77. parte ddla^ .Commedia {.05* * 

Bcticdotco Varcla i8l« Cefare Bigolotti t faggio de'fiioJbSo- 

fiermardy « f^$à* Paph> fieraardy • netti^ Sq. ^ 

$igQlqiti« V:. Ce£are Bigolom^ Ccfurc de Ver fi volgari 34. 5^ 
BernacdodaiUbbicqa inventordel- CbbbifSi^/^^lGabbrtclloCbiabc^ 
. IcComipedie. in Pr^a $o«- ra • . , 

Bernardo TaOb lodato neir Elegie CUufe de^Sottetti^^onse, « qmdi 
Volgari 43.ebbìp ancbe maniera 177* 

Greca 53. Aio Am#digi teOuto Cibo dell' anima fecondo Platood 
in ottava rima contraU. proprio cbecotafia^ e come AriccvAj» e 
parcxeSo. lodato 1 8 !• ' di quante force, ij.^ 

Bernardoni AT- Pietro AntonioBer- Cicognini. f?i^ Giacinto ^Andrea 

nardoni. - Cicognini. 

Boccaccio . Vtdi Gio. Boccaccio ." Cielo di che fuftanza ^i« 
BrandaligioVe^ecofii)^ Gino da PiOoia lodato4. 

Baca^lanp fuoGietfe86% ceofiirato Claudio T^loraci iaventor della 

9o. giudizio intorno a lui 90* Poe Ga Nuova 55. 

Buonarroti • K Filippo Buonarroti • CLEMENTE XL N. S. fue Omelie 
Ba^ /^QiulioBufll. réj^Pameom RifioratoiS}. . 

Cljdeu^o. /^^Cefare Bigolotti. 
G ! Cobb9le45.. 

Collegio TCIememino . Xfagedie 
/^/j^mpello* Viii Paolo <H.Carn- incflfp rapprefecipite «07^ . 
V/ pello, e Franccfco Mauia di Coliifioni de'verfi volgari , e lor 
Campello* . forza 34» , 

£refc. IJl. Foli. Poffa • Tom. VU N Conv 



• Digitized by 



Google 



Commedia • Sao Pcolofd (eptta- Cnueo Eridoio P. A. Aal 6ufp 
«o dagli atti da i LatioÌ76. che ?oIa Paftoraleteffuta dicoftome 
verfi va otaOcio i Greci » e i Lati* totalmente nobile. 8$. Tuo Dra» 
ai So. in P^da chi ritrovate» ma teAico nella fteffa gmfa tf. 
«peccliè 80. 104. varie Commc- Tua Tragedia tratta dalla S. 
die TòfcMe lodate ioa* ToTcana .Scrittota ^ lìftoratore iAf^ 
fue pani» diflfinttione» tempo^ ricbe itególe ^tla Comica 1 1 
fine » elo flile 103. « iegq. in che Tragica ptoj. 
verfi debba compairfit04.tejpro- Oefcimbèni « ytdi Kììo. Matio 
faflDdiacai!epetdièjio4.<reiqpio Oefi^bent*. 
4i ComoiediaTorcanaio;. &I- CriftinaAleOandra KeginadiST^ 
ìezfl» Jmema <lelle Comme- sia 89» 
St in che confitta 10& Co- Criftofaro £a1ondio ^quando lood 
mica modri^nt si infiroTa» co- ;89^ . 
■ me in<verfi:so7. rutile che fi Cromilo, f^ Pietro AotonioBff* 
cava dalla Commedia ,é no. «lardoni^ 
J>Qona (Comica jmdata in difofo Cuore per Anima 28. 
tf75* dOode d'Arcadia. ^^'Gi0.tiii^ 

Commo che fia ^6. irio Crefcimboni . 

Comparazione Ai cbt idea £a^à 

Concetti» che corafieno5. 

Condotta de*Soneni di quante fer- TN Atte Alighieri lodato 4« difero 

MI76* XJ dal TaOb comrail Rirfcdli 

Confofione . F. Alterazione . Ana- 6. Aio Son Per quella via (^r.fpic; 

cronifmo. gaco 17. 18. Sua Canzone di più 

Coofolato di Canlnio qtianto du- Lingue 18. In ventor delle Tene 

rafie. iF^Caninio. rime jj. Tuo metacronifmo dt- 

Contrappofizione figura di che idea fefo 87. 88. notato neirinvo- 

fia propria 152. .cazione della ftta Comitiedii 

CorifiMj occifero i figihioli di Me- f 59* 

dea92. {>avtd.. #^ DoméniTO David . 

Coro . r. Tragedia. Cedic^ione ne'Poèmi Eroici qua- 

Correzione figura di che idea fia 'ettf^ 

propria ly y. Oefcrizione di che idea fia pia prò- 

Coftaozo . yidi Angelo di Coflan- rpria , e quale fia Epica 153. equa- 

zo.. le Lirica 154. 

Cofiume fue circoftanze 409. fua Pefideriocbe cofa abbia per ogger- 

diffinizictne iji. fuoi iftrumen- ^071. da chi prenda qualiti 71* 

ti ^ <ed efempj 131. e fegq. fua di quaniie fone fia 7t. come fi 

bontà che fia» e di quante for- defi4eri^4a {bellezza 71. 

te 132. fua «convenevolezza io Peftino in Amore^die importi i}* 

checonfiAai34.dieiafcunaeii, che faceta 29. come sforzi ad 

feflb , e ufitia 134. fua forni- amare 29. fua forza74. 

glianza che iia J34. fua eguali- Detti popolari nella locuzionemo- 

tà in che confifi^ Ijy. fuecon- derata. ijy. 

daioni non 4boo infallibili 13;. Dialogo a quale fiile s' afj^ti 

di che cofa fia indìzio z}tf. con 22* 

che t'erprima 136. Didooe fefoOe caflaS^. 

V Dio- 



Digitized by 



Google 



0SDCÌmo i Fidi Antooia MagKa^ Epiearma che ùz 76. 

becchi «r Epifonema di che ftile fia propria 

OiAefa. 43«^ i5o«' 152» 

DiftriboKiofìe figura di cheidc» £ai Epifodl dclt^EpopeSfKinali x 13. 123; 

pn^fia' 755^ come debbaoa c&cs coocaten»' 

Diticanibo'4$* a quaUcgga fia fog^ ti^coHa favolav ed eTempio • 1 1^ 

getto fu 17^ uta locuzione ooa- 123^ loro» ofiEio" iz^^ 

k i42.fuoptivil^o circa riiTo Eplulami 43. 

delle voci flràoiere. 14S» Epi 

Domenico David lodiito nei Dram^ Epi 

mi lo^' a 

Domenico Vcnieny \66^ 175;^ » 

Doopepertfae piàfiadlia qoqcoc^ Epo 

silpofldcre Dell- Amore 62» logra- n 

le ree di tre dèiSrti 6o»74. Poem* >^i 

fr pia yigìD06fe degli nomiaiy e 

epefclièi69^ e 

Drimmi che cofa ficna y e come tai e (oa giudizio i45«' 

tefiiti jo7«' ioc» riforma' pce-^ Eftok iir quanto^ ceknpo conobbe 

iemennmte 107; varj' cunpofito* . le figliuole di' Tefpio 93^ 

ri di Drammi vivemi lodati: EjriUyQeoneovf^.AleffaadroGoi-' 

X07. e io8. gitidjzftO' intorno a^ di «^ 

fniL cemponimcmo .107^ . Eroco • Vkds Antonia Belloni . 

Errico Dandolo quando mori «^ %9^ 
£ CrcKÌo»>oEfitocbeco(a^fia7f» 

Eftcoy (uà ùtÉBt cottfUerataìA va** 

Gao«' Vidi Pàolo di Campelloy rier ifwie dìf Pbiesijor Uf poOW 
Egitto* dove collocato da Lu- comporfi con efib Tofcanamen- 

ciiedtf:93V te 50. cbe fia fo. k porti coup 

£gl^ a quale fpecier dif Boefi^ t* (t il difufo delle regole poeti- 

appartenga 43^ cbe 50^ 51 ^ ji^ 

£lcin»e^lidio. Fida Maicello^e^ Eudoflb. F. Ubenioo Gsumra « 

veroli«r Euganto Libade Pa(t Aicad.' Mar 

Elem43;, (oo Oilr inveixatof da( co> nelleCa^OEonette Anacreonti* 

Cairnsaco' Sì^ che 43.» nella Foerica 58^ loda* 

Elenco BxaJttiePaS^.Arcad..f^ / ra x^&rfuaFiiiofofiai movale iti** 

Francefco» det Teglia •> Smetta in (uà morte 183. (ag- 

£tcfu:aCiteritfrK Prudenza Gab^ gicy de' fuoì Sonetc» Paftornli 

brittiiGapizucGlii.' x87«' 

£lvi9 Favola Paftorale cenfuratay EfìtTemay (mr ibfztf no. filo cCtt^ 

edifer» 75r fitta al 84. fna al- cizia 143. 149.* che locmnone 

legori« ffiogata 81^ fuo* fiile richiega fC .. tHic ^ ikicMHbxiz 

quale Sjw km agniziDne dìMf^ per muMrer glk. affiati 144^ Fi^ 

127.. di Tmttdia ..Poema; fiioico^ 

Emiro •XApoffoIor Zeno «^ Cbe eoa fia « eia qiianri moda 

Epanaleffi propria» dellT idei» umile ; & confiègoifcaf 15.6«. rroppo e(ac^ 

Dd. '.^ ra fi rende viziofa f ed efwipi 

tpaoafora di che ftifc propria ^ e Xj?** 

di quante force I^JK ^ . . 

H z Fabia 



£ 



Digitized by 



Google 



Ì5rrf 



F 



FAbiò Galeoni lodato neiPEIegic 
volgari' 43; 

feburno . Fedi Pel legrinò Mafleri . 

Falari fcfoflfc Tiramno9i. 

FalQficazione . Fedi- Alccrastto-^ 
ne. • ' 

Btvolsaeceffarià ne'PòtemiEroiciy 
' « nelle- Tragedie ^ e Commedie 
5 1> donde debbi tavatfi por ge- 
nerar raaravigtia 91.^ fut condì-' 
zioni lop. che co(4 fia y e ftie 
condizioni rpìegatf iii. fino^l 
139. fuaui^icà III. Ala imegrki 
114. fé pofla fitigtrfi iti timo 
canto nefoemi Eroici, i|iMmo 
selli Tragedie 114^ t fcgu. Uxi 
grandezza circa TEpopeia n8. 
nia maraviglia II 9- iiia credibi- 
Ucà 121. Tuoi EpirodJ eguali laj. 
Epiibdita quale , e Tua difai^ro- 
▼azione ii^, rempiiceqoale fi4# 
ravvilappat^ quale i24.faaleci« 
^k 1:^7. le ne'Poemi GMci po£> 
fe reflcrfi di AieRo fine 117. 
morata qoale (28. patetica qaa- 
fe I28« Tm varitci donde £r Ca- 
iri 1 30. 

Favola PaQorale > che fpezie di 
Poefl» riKOavdi 43. 84. loS^ da 
ctii ìtmiiltata 53.^ fé poflia effer 
Tragedia perfetta 83. 4e mn 

' flOtcta argomenti eroici r e 
trattati kt forma eroica' , e 
nobile S4r^ in mu6ca r e Aio 
ttfo'lpeqaeiiriilima' 106^ 

Figure proprie dell* idea roblime 
X49* e fegu. proprie dalia nK> 

' dèram ly^^ proprie per Kamile 

* >y5. /&ij'a*ruot luoghi ciaf- 
èuna df quelle pii^ importanti. 

Figaro troppo obbligate a quale 
Alle a'apparvengano 22.^ 

^ Fiticaia ^.Vidi Vinctnao' da 
Klieaia.' . • 

Filippo Buonarroti 136; 
> Filippo JLceci ^ S^gffo de' fuoi So- 



netfi 220U 
Filippo Merelli Somafco Tradtit^ 

tore di varie Tragedie £rafic«0 

107» 
Filofofi come debbano poetare « 14* 
Fitofofi poflbna alterare la verità 

delle coTe» e perchè 87. 
Fine , parte d» quantità deU^^Epo* 

pcia no. • - . 

Forma* ^Tii ftMe. 
Forzoni Accolti • r. Pietro Andm 

Forconi Accoici» ' 

Fcancefco Batcfaàcci qua^ manicfa 

di Poefia ieguicafie nelk Cod- 

zonì 52; . 

Francete) dei TegMa lodKo 8d. 
Fraocefco Maurizio Gontiecr Ar^ 

civaefcovo d'Avignone 6y^ :: 
Fsanceiisa Maria di Canaptila 

Francefeo Fotrarca Riformatore 
dctla Poefi» Tofcana4.fuoSeii» 
Fi$ fnrfi &c. di che fiiJt é» 
donde trafle la bellezza inter- 
na de' fuoi componimenti 35» 
fuo Son. In quMl fétrn &c. che 
ftiif contenga 41» perchè noa 
ù vaMe delP imitazione d^Ana- 
creonre , e degli akri Lkici 
Greci 54. difefo in nn pafla 
contra il Bati(Ui.37. come deb- 
ba tsmarfi 16^. 170.. e in^.pià 
altri luoghi. 

FcancefeaRjedi..JP?^AniCioTra» 
ftio. 

Frottola 43. 

Furiofo Poema : ^idi I,octoyico 
«Ariofto*^ 

Furore Poetico «.f^i Efiro- 



GAbbrieila Chmbrcra lodato 
43*175* fuoeftro 50. Metri 
delle tue Canzonette Xòltida'JLa- 1 
tini fecondoroptaion« d^aloml 
53. capo della fcuola Pindaaca»e^ 
} Anàcfcontita 1^7* : 
Galeazzo dà XaafiaaTtj^. 

6ateo^ 



Digitized by 



Google 



- ^97 

Galeot*. ì^ii^MorQxXtoit^ . Gio.OvveDolodatòkitinEpigram* 
Gec afto Trttonio .- K^di Francefco mt 9. 

Maurizia Goorieri.. Giraidi • ndi Gio. BactftaGfraidi • 

Giacinto Andrea Cicognmi Inveo* Girolamo Gigli lodato ne i Drammi 
^ tor de'DrammÌ4 cdcirOpcw in 107. 

'i froTa Eroicomiche 106. Tuo Già. Girolamo Elufcelli fiprefo di4 Taf* 
fone lodato io6. - fo per aver corretto ^uo verfo dt 

Giacomo Sannazzaro lodato • if.no- Dante^ 
taro oeiriQvocazioae del fuoPoé- Giulio Buffi lodato nei Drammi 
ma del Paito.dcl la Vergine 157. io7>. " 
Giacomo Simbalii lodato oe'Dram- Giuieppe PaoloQci 1^5. fuacoover- 
roiio7. dazione lodata 17^ faggio de* 

Gie/te Tragedia del Bucanano da Tuoi Sonetti i&r. 
cbi tradotta in Volgane 8é.cenru- Gontieri^ fi Frane* Maurizio Gon* 

tieri 
Gradazione figura di cbe ftile pro«* 

pria 151. 
Grazia nella locuzione clMpartorir* 
ca I44.ne'cedarìa per muover gli 
affiextia44. oomef u diffioifca 155. 
Gaarioo^ r^di patifta Guarino^ 
Guidi, f^. AlefTandro Goidi« 
Guidiccioni. f^ Gio, Guidiccioni • 
Guittone d'Arezzo lodato 4. Inven- 
tor del Sonetto di forma^ei;fetta 



. 'Tata net falfeggiatnento della S. 

Scrittura S6* 90. . 
Gigli ». f^ Girolamo GigiVi • 
Ciorgip Bucanano. r. Bucanano. 
Giorno fé pofla, incominciare dal 
. mezzodip6. . 
Gio. Andrej Moniglia lodato ne' 

Dram93Ìior. 
Gio. B:uiftadcMiro« Fedi Meone 

I«afiooÌQ« 
Gic^ QatiSa: Gif aldi^ fowntor de* 

foploglii fcparati nelle Tragedie 

Gio. B4tifla Marini, lodato 20. 187* 
Gio. Batifta Strozzi lodato ne'Ma- 
. drìgali4^ 

Gio. Batifta Zappi 31. 6iggiode'(uoi 
;£Spnetcìu^aa4. 
Gio. Boccaccio In^entor del l'Ot- 
tava rinai 5% 
Giovanni della Cafa lodato 4* 166. 

173- 175. 
Gio. Giorgio Tri (lino Inventorde' 
arerG rcioltÌ53.dellaTragedta8i. 



IDiiiofiferchè daCGreei ridotto ri 
fifico^'C m«Uiplicatò47«c feg. 
Idea.. dittile. ; • 

Idillj 43. Invenzione de'^MaFlnilli 
. 171.^ • ^ 
Idoli della Tragedia, Jj: Tragedia . 
deltaXjommedia, f^. Commedia « 
deirEpopcia • V. Poema Eroico • 
Ila. n Angelo Antonio SomaU 



jdotatQ in un palTo della Tua kalia Immaginativa^ juaiorza in Amore 
157. fua Italia 175. 27* 

Giovanqi Gut4icciooi«k)djrto.i7^ 

Gio. Mario CreCoimbeni %. Tuo So- 
netto DicMmi &C:i^ Tuo Son. 

. jltli ^cchi (tre. %y fue Traduzio- 
ni dal Greco di Mepne Lafiooio 



ImmagitiC'è cibo dell' Anima con- 

templanoe ix^ 
InfalUbilici di quante ibrce 88. 
Inferno fna defcrizione fecotido 
Virgilio, k altri 65. 
Paft* Arcad. 4^. (uà Favola Pafto- Infiniti de' verbi poco buoni ad elTec 
raleintit.^'£/«/itfCQnGderAta7$* pofti in definenza di verfo 58. 
£no al 84., (aggio deYooi Sonetti benché fervano di Aiftantivi ;^« 
PaftoralijS?, IniiÌ4j* 



Digitized by 



Google 



.lncccQiedj So» lirici dd ipo. lóro ittaiiiecitié& 

ImroduzioDe ^ «parte 4i quintiti 169* del xjoo. loro maniera x6& 
. 4tli'£popQu I za itie particelle difetti (fàlciial 172. 

piegate ijSà. Locuzione ridondante convieae 

Invocazione néToemi Eroici quale aH^idea XJmlc i> delPEpopàa. 
. .itjsu Sue condizioni 109. 148. diti- 

:|perlMtfodicbe1liieCapropriai5o. xatnbica quale j^%. Locuzione 
Iperbole a che Ailepiu il convenga che toC^ fia 143. come pan 
>. «^ . 348; come «biara 149^ carne 

Ironia di che Rile propria I5t« xirnata 149* P^^ Comoielia. 

KlomProfaoa^nqiiamimodifOflà figuro • Poema £coìgo • Scik. 
^ 4ilifirar(l da- Poeti 86^ fyf(x a loi. Tragedia • 

della Sacra Scrittura «on può Lodofica Ariofto . Sua alterasi»- 
.. .alttcarfi iti modo alcuno 28. e jie d- Iftoria 87* lodato otite 
fegu. poflbno ben tralafciarC le Commedie loi. (uo anifiùo 
ciffcofWmze 9 ehe non fi uotTco* perchè i verfi xidte fue Coni- 
no col /ufUnziale ^9« ^(tdi Sa- medie inaggiormente 9^accoK>> 
<ra Seeìicuca* .iu> alla prof» 104* f|M> Cqcmc 

iftrtonica quandi mapcafle ia& dia de* Sàffut/ki eoa ^ual^ord* 
ItalfiaiUy^bcfenvooa iaaltrr Ha- ne teOTuta jo5« Aia Fwh/o^ 
guei die la propria) biafimati» <he 0>ezie di Poensa fia iiu k 
4epercl)éi5)» abbia uniti di favola in. e 

fe^ ^rcba s'intitoli Orlénè 

I. Furiùfp 112. lodatp iii, i75.fao 

Fwip/p di che flile 143. attif- 

LAcone Cromizio • Vidi Amo- fimo per muover g\i aftcù 
nio Caraccio. 145, 

Lamindo Cratidio. K Paolo JBer- ZogiftoNemco. ^Fcance(coM^ 

nardy^ riadt«Campdlo« 

JLatonacome paitotiflepS» Luigi Alamanni lodato neirElQtf 

JLeevs • r. Filippo Leecs . irotgarì 43. 

Iconio f^. VincenzoXeonia« Luigi Tanfillo lodato 4.' ndleCan- 

3.Qone Strozzi 109» . £onÌ4v 166. 175. 

Xtcida Orcomenio * J^ Malacefta Lupa di Romolo cbefoKt^K 
. Suinati^ - . 

Xtnce . Sua vifta acutiflkna 91, M 

JLico Mantìoeo • f^. FilippoBuonar- 

^ ro«i^ « £ Acchine , quali in PocGa 

Jbi»©ia Greca di più pienezza, che JVx Tofcana debbano riorovarfi 

l'Italiana 46. ji. 

4i«gw ToTcaoa • Se le conviene il Madrigali ftioi elempi 174. 

titolo di Madre 53. àil Tuo prò- Magliabechi. FI Antonio Ma- 

priq modo di .poetare Sh fw gliabechi^ 

poca corrifjpondcnza co* metri MarcbeTànadìPeicara. ^Vittoria 

Latini 5}> Jce /empre più ar- «Colonna^ 
. «iCGhirfi di vocaboli i4«. fé fia Marino • KGio^Batifta Marino. 

lecito apgjongcffjvoci a'fuoi ver- Alalatefta Strinati «<5* 

hi diffitttvi 14& MarcdloiScveroli DeeanodeUa Si- 

iione non à guardaturatiecjl9x* ^natura di Giuflizia 65. 

Mar- 



Digitized by 



Google 



t99 

« Uarehetii •: ^ Alcffaiidfa Mn^ fthiTi*^ 

cfierti«. QocfiiiKlfeDQcmeciLtamo'iragtia^ 

UacuUt ^ Fidi Pier Jacopa Mac- 99.. 

ttm •. Orazio Fiacco .. Suo eftro 50^ 

Maflfeti « K Pellegrico Maflert ^ Or&o peroiié fi dica » die col caste» 
Medea (e uccidcfle i faoi fittoli tfaava afe le fiere 47- &ut lira di 

9^- . '• ' cfaid0iiO47;. 

Menatili - K Beneéetco Mesziiii .. Ortaadcrft folle tnaipazzo $7^ 
Mcone Laficmio Paft.. Arcad*. leda- Ofooritàdi tocuziooeda dieciigtor 

tiy^S.. nacai^..* 

MecetU . K fiKppo MereUi . Ofiio. ^. DomeoicaDavid - 

Metafora a quale ftile più fi 000^ OuaveiMief Y*d»cbfria«eiKate|3«^ 

vcBja 6^ t$Q^ quale pec riiaiijr Tofcanr fnu* perfotce dr iinma ^ 

23. 67.^ comiotto p^lar metafo- che le Stcitfane 5 v tipucace da^ 

rkoripeoiraco,. epercfaè.149. alcoaiiti^r^tiepà Poemi £coi*- 

Metifio «. f^ Cnior Capece •> cr 8b^ 

Meu»> heceffarto- nelle Caozon» Ottavio Rioucciiiiprih» Totrodut-- 

27i.SafficoiK>n fi^difiliceioPoe- tore delle Paftocalì. im Mafica^ 

fiaTofcana-FlCanBDoecte*' 106^ 

Miro.f^Gio.Baciaade Mito . Oitoboni . f: PiìetroCacdioaleOc*^ 
MìniioDianidio ^ F^ Pier Jacopo toboni • 

Martelli:^ Oweoo • Fi Gio..Oweno ». 

Hòiiigtia./^Gio.Aiidre»Momgtia*- 
Morte Platonica . FI Amaoti .. P 

Mottetto 43*- 



PAIeraone • Fidi SilviaStampi^ 
glia. ' 



Palliazfone figuraci die fiiie pto^ 

M Ardilo. f^Oio.. Andrea Modi- pria 151.. 
glia.. Palude Stifla ddnde oafcatfr- ' 

Narrazione ddrEpopeiff .. Sue par- Ptaopa. KXSiacoinaSmìbaldi ^ 

titio.. • • Paolo Berowrchr 51- 

Kcdtflo Collide ^ K.3irandaUgio> Paolucci. ^GiufeppePaotocch 

Yenerofi.* Pàolo diCaaH>ello lodato oe'Dram- 

Niobequanri^iuolt avefle 91.. mtEroicogiocofi'iog;. 
NitiiòGcraflto;. A^ Leone Strozzi.. Paffaggiò. f^ Ttanfizkme. 
Mbvità nelle Tragedie r e Poemi PeltegrinoMaffen4^refoto<fcc. u 
Eroici in dia confida^ 1 1 j.. Periodo* Tua entrata d'uno* in altro» 

qjiiadernario^ r o d* one in. altro* 

Q' terzetto ne' Sooet.di MMbbtiinCf. 

£ipurata»vizfofo 7.. d'arno firakro* 

OCchi • Loro ofiziò ncll- Adoorr verfo ncecflariiapea lo fttUfubHme* 
io..detti guide d'Amore 25« or- 6^x}. 34.:57^ruai totoniMLiende* 
ganidiVeritiiK gtavelforarioner. peatoflilèo*^ 

Ombre introdotte nelle Tragedie imleq«iale23..34UoaoiireolMld- 
7^ ^ nenon'baftvperrefldevfotttiine 

Omero •, Siioiibemixla^clìidivifi int to ftile' 7a quale pt e foggir l%)f- 

lìbri iiS; diche JKtte fieno 143. curiti della locuzione 149* 

Qk&miflionefigttCA diche Ule prò- Rsripeaia . F: anclie Cataftro<é •* 
.. ^ ^ N. 4. Par^ 



Digitized by 



Google 



100 

Pane di quantità de!t^ Epòptìa 
1 IO. sqvai' debba effer neir' Epo« 
peia 124. . 
Fcrtiì^azìonc difl^rilcc dall' altera* 
f affone r e che cofa fia 9 e di quante 
force 94* neccfiaria ncH' Epopeia 
^4i annoverata tra le partfrdi 
quantità ^lo^^come fi£accta ii6. 
in che principalmMie coafifti 
l'I 8. f^edi dm hi Vergili© <i. 
Petrarca • fCFraaccfco Pttracea ^ 
Cier JacQ«)o Martelli 165. 173*. fag- 
gio de'nioi Sonetti 1^4.' 
Pietao Andrea Foraotti Accolti i6. 
Pietro Ctonio BeraaMeni lodato 

fotto nome di Cromiro 107. 
fiietfo Bèrobo lodato 4^173. 
Pietro-Cardinale Otioboni-f^«^Cra- 

ceoEricinio. 
Pkidaso può inricaifi daTofcani 49^ 
regole da lui oflervate 52U73.fuo 
errore circa il roezào del Mondo 
difefo 9;. 
Piftole 43. 

Pleonafmo propria dell'Idea umi- 
le rjj- 
Poema Eroico, fecondo alcuni» nb$ 
dee teOetfi con riaoe 8o. fua bel- 
lezza efternain che confida 109. 
Tue pani 109^ 158* fua effenza 
no. uttle>cbe fi cava di eflb i io. 
più nobile della Tragedia 140^ 
liio. donde abbia a comtnciarfi 
1 IO, Li6« yidi ambe Perturbazio- 
ne » e Eavola • Suo. Eroe quale 
.132. principi de*'(uoi eanti con 
fentenze le ueoo lodevoli 1 39, 
r foatocufttone fé debba effer ne- 
fUca» ftfimata i4iiiffefubliinr, 
/ «.modenacay o^asianii>eramt;e- 
. due le parti I4i«. e più fcg. in che 
: aonvenga> e^lla Tragedia 142. 
, aiie imiti :^iane ilitiflrc , cerne fi 
: debba infondere X43wErotco dell' 
Epopeia d iverfo dal r Eroico del I a 
: Lirica 144.. ftcdi anche Epopeia • 
v.Ciie vi fi^poOano inferir voci flra- 
nicrecomedebbatotenderfi 148. 
^ (Ila bellezza interna* io cbft couf 



fida TiCr - 

Poefia. Sue bellezze quali y e qtiafr 
te ^. perfetta quale 4»ciiernaqiKiv 
le 5. e feg. interna quale 7. Sua 
Siftema 42- e fegu;^ Epica , e foo 
componimento proprio 43. Tta<> 
gica, e fuocompon. proprio 43. 

. Comica y0:6iefpezié 43. bcncU 
ripicna^efirodeeaar folle r^o^ 
le 50. 51. 52. 

Poefia Butilica noGqae a molti Pot^j 

ti 54- . ' 

Poràa£>itiranihica« Sue^ezK:43^ 
Lirtca; Sue fp€zie43«.^. Sonet- 
to - Angelo di Coiftanzo .. Trt- 
gica • f^. Tragedia ^ Comica • 
^.Commedta^ Epica. F.hxxok 
Eroico» 

PoefiaGreca perchè oggi^poco fc* 
guitata 46.1f8« 5 i.x fegu. <4ie cir< 
coftanzeprincipalÌ48.poco atta 
per gli affetti amorofi 54.. atta 
perla Lirica Eroica più della.Pe^ 
trarclie(isa55*. 

Poefia Nuova biafimata^e AiopM^ 
cipio, e fine 53. 172. 

Poefia Petrarchdòi perche abfatai^ 
ciatauniverfalmente dagl'Italia- 
ni'52«^ e f^u. atta" per la Lirica 
Amorofa più della Greca 55. mi 
peqoifitij7e... .1 

Poefia \folgare fenza mt^tro^ofenza 
rime ove ammeffa» e ove riprovai 
tai7i. • 

Poeta quando pofia alterar la verirì 
delle cofe 86^con più iieg* filo itfr 
zia , ^tnock) d'eferckarlo 90^91; 
Corona di Latìa iabiliuglfda 
Platone , e perchè 94« fc po0i 
intcì^orre il proprio giudizic^ 
nelle Tue narrazioni 140. 

Poeti FilofoficooMdebbaM pom^ 
re 14.. . >. 

Poeti Anacreonrict «. yUi Aflftr 
creoiue.^ • - 

Poeti Greci fé debbano, e poflancr 
imicatfi dagl'kaliafit 4t7.<fi0oal 
55..in€lieéebb»confiAere rùni; 
iasione toso appceifo i Catt^ 

Ci 



Digitized by 



Google 



.««# 



: €lii9p. tota oggetto nel p^etarér 
47# e fegu. decimi feCQll> e ìov 
eoe 47. e feg.pef che invencasooo 
taati Dei 48. e fega^ quali di efli 
oggi poffan fegaharfi 48^ 
Poeti Lirici debboaaoarrar rcittpre 

concflro 144^/^ Lincia . 
Poeti Fiodarici • . Tr I?iodai:o - 
Poeti Tofcaiìi fé debbano , e poflTa- 
' fio imiiareiPoetl Greci 47^ fino 

ai 55-^ 

foets Toscani Antrtbr a qual bel- 
lezza Poetica più r^ardafliero 4. 
efempjo ly^perchèmm ponevano 

' ttiK>Uneilo»conipOMmeixi2o» 
^Lìrici «^ 

Poeti Tofcaoi Moderai a qual bel- 
lezza Poetica abbian più figliar- 
iato4«^erempio ip.^chi fieno ^ t 
lofo difetti 20» pecette |)OBgan0 r 
titoli ne'ior. eotnpooiaienri 10. 

• Fl'Lirici.' 

Polibo • Fedi^ Vincenzo da Sils- 
-catai 

Proemio deU^£popeta J Sae parti 

Prologo della Tragediaxbe cofa fia 
76. redi anche TtàtgeJia.'Com- 
media .^ ; . 

Properzio dffefo nel^apppopeiaT^ a*^ 
Fbeti la Corona di Lana 94.^ 

Frc^fìròne^delPoema Eroico qua- 
le 158. 

Profopopeia di che fiile propria 

Protagomfta •* f^.- Tragedia » 

Ptota&cfaecofa fia 105» 

Prudenea nette donne quanto va- 
glia a^*- 

Pruden» Gabbrielli Capizucchi 
169. 

Pmueggiatura y iao ufo nelle Can- 
2omJi73.' 

Ql 

QUadrtfilbbi in definenza ab- 
baffano i ver fi-34.» convengono 
allo (Ule umile 70*^ 



K 



R Accolte di Rime fatte in quefti 
antif in Bologna, e in Lucca io^« 

uaie |.79* . 

Rainieri • f^. Anton Francefcp R4Ì- 

nitH » • 

Redi ^ ^» Francefco Redi .. 
Rettoricipodboo alterare la verità^ 

delle eoTe r e quando , e pecdié 

87. 
Rime inchioatìo all'umile 7. qual> 

proprie di ciafcuna idea 35. jS^ 
: ^^.r 70^ rigettate dalla Tragedia 

80. contrarie alla gravità 8o»de- 

fiderate dallar Poefia Volgare 

172- 
Rinuceini • Fidi Ottavio Rinuc^ 

Cini» 
Ripetizione figura r Fidi JEpanar» 

tòra^ 
RivoIgiment<x. /^Peripezìa.' 
Romanzo in che differifca dal Poe> 

ma eroico 11 i.i,454n che fondai 

to 115. non i rpeziediverfa dàl^ 

Poem^ Eroico 145^ ^ 

Rufcelli' f^Gkolamo Rufcelli*- 

~' S . 

SAcra Set ittnra iron pu^ alter^fi^ 
da' Poeti ,/ e perchè 88. e [cg.90. 
96. che infallibilità contenga 89. 
ftiofenfo miAico'fe poffa aUerarft 
da*Poeti 89*^5.<ongbietture de* 
gli£Ipofifori incorno' ad' elTa (e. 
poffan^variarfi da'Pòeti 89. 5?5** 
efempioper dimoftrare a che fe- 
gnopoffa ftendcf fi il Poeta nell^, 
alterare circa la Sacra. Scrittura 
^^Ug^Auwtiy ohet^na^tanolà» 
quidione > fé le materie della Sa- 
cca Seriirura polTano alierarfiit 
101. 
Satomond quante voit# iKi corona^ 
to Re 96. quanto tempo corref-^ 
fé tra le fue coronazioni 9^* & 
{cgfti' Mifieco del . fuo Migna*;; 

rcvi»- 



Digitized by 



Google 



tùi. 

re vivente Davuiràa Padre loc 
Salvinì*. K Anton Maria Salvini • 
Sannazzaro ^f\ Giacomo Sannaz- 

zato» 
Satira che fpezie di Poefia rtgaafdìi 

43* perche attribuita allaComica. 

Scatad^Amorc fecondo Platone. Fi 
•anche Amore . Qoalidc'fuoi gra- 
di fieno atti per lo Alt fbblime i r .. 
35. quali per Tuinile* 2$.29» quali 
l^el moderato 36.. 

Scena Te pofla «mmetrer mutazioni 

• Ec. 
Scherzo figura di die idea fia^o^ 

■ BHtai52» 

Schtmde come tormentaffe t foot 

Prigioni 92*. 
Secolodei ijoo^lodato^ e fuafine 

20^ 
SécoU>de! 1700/uQ goffo nella Poe- 

fià 16 j. e feg.ciò» che à prefo dagli 

antichi s e da imodetnl 166.167^ 

Senfo chiamato empia dal Goftan- 
«o, e perche 9^ 

Sentenza .. Sue condizioni 109. fu». 
diflShizione i ^6^ di qoame forte 
rjé^/nor efempj i ^7,. fua ufizio- 

- 136. fue condizioni! ij^.dee effer 
▼era 136^ concorde 157^ nobile 
157. fofficicnté i37*.OttOva 137^ 
fé» e come pofla involarfi. ad air 
rrii38,.i77^ 

Seflina». di quante forte 43». inveii 

* zionedeTrovenzalr53^ 
Severoli • PZ Maecelio Severoli •. 
Sille(fi,.che figura fi a , e k» efempio» 

137- 
Silvio Stamprgfia fod^a ne'^Dram- 

mi ro7. ^ 

Sineddoche di che ftile propria^ 

1 jo- 
Sinihaldi f^ Gracomo-Sthibaldi** 
SicalgQ ^ f^. Filippo Leers - 
Soavitirichlbfla^da Ariflottle^nena» 

Tragedia'diefia 81.. 
Sbteto*./: PHtppa Nferclli*. 
Somai .. ^AngdaAntoniaSomai- 



Sonetto di flit fublime^Sua bèUèxza 
eftecna in che confifla », ed cfem* 
pio 4^e fega«. interna in che y ed 
cfenapio 7. e ftg. Kiì oef oad An- 
gelo di Coftanzo .. Che cofa 6t 
4r«. ammette il concorib» delie 
idee 9 ed efempj 41.^ forma per- 
fetta invenzione -deToicaoi jj« 
fuasobihà 174.. 

Sonetto' del* guRo prdente qoile 
174» e feg.fuoi efempì 178^ e (cg.. 
fue condizioni T74^Ì76..fua eoo- 
dotta I76..ftiachiu£a I77*> Sonet- 
ti Asacreomici ». e fuoi efempj 
185. Sooettir Pindactci > e foci 
efempii86.Sonetti Paflorait tir 
ofo prefente r qiùli > e fud efinot 
pJLi«7»cfcg^ 

Sonetto rinterzato 43 - doppio 4^ 

SoprabbottdamEa di ^locozione ìa 
che caf^permeffar54. 

Sperone Speroni introdufle 4e ritte 
nelle Tragedie 80^ 

SrampigHa ^ K SiNioStamp^ia*. 

Stanze, A^..Otiave rime^ 

Stile ^ Sue forte quante ». e quali 5- 
fublime quale 5^ quali argomcfiti 
gK fi coinrengano 5«.umt)e» qua- 
le , e fuecirco(hinze 2i.2z».nigi- 
doquafe 23^umile diqual bellcz^ 
za interna capace 24*. moderato- 
i(uale ,. e fue circoèanze 32. t 
' feg. fé », e come pollano coacor- 
reK più ftili in uà componimeoto 
^•.c feg« 56..fino a 6o..umilenoiv 
può figpoeeggiare il fublime 56- 
fé tutti podbno eflen ttauati oet 
PaRorale 83 • mezzanoottìflìo per 
revidenza Éio..r43'^ ^ feg^maffi- 
mamenteneirEpopeìa» e perchè 
I56^divei:()tiiral*evidenzadell0' 
ftil fubKme»^ edet mezzana 145- 
opinione ». che ogni Itile fi fuddi- 
vida in trefpezié». riprovata I45»- 
e fcgu^concQ^fiK dell'idee facil- 
mente cagiona^ difagguagiiao2a 
dllòcuzione r46«.maffimam^ite 
nella narrativa 147^ 

Sceambouo43^ 



^Digitized by 



Google 



Scrinili. KUsAatcAzSinataà. 
Strozzi • K Gio.Batiftafitf(XBZV9 9 

Leone Sidogbzu 
Superbia come ^fi poniCca alflnfer- 

VO9 tccoùàolfAtÌQ&o iyJt!€on' 

do Dance 63* 



TAcere appo i Pom allrvoiosiinp 
pona^pcùraztone i^. , 
Taofittò • Vi LmgiTaBofiUo*. 
a; Tarila Caieazzo . r. GaleaJEZO 

di Tarda >r 
Taflo. ^. Bernardo TaOb* 
Taffo • K Tof qpiara TaOb * 
Tebe<r /^ AofioDe^ 
Teglia^ K Fcancdeo di Tpgkia^ 
Terza rima4aclii invencara n* 
Terze rime bartefcbe, clie fpezie di 
Pocfia fieno 43* percjbé anribaitt 
alla Comica io6. 
Tirfi Leucafio • PI Gio. Bacifta 

Zappi* 
Tirinro. K Giulio Buffi. 
Tolomci. ^.aaudiòTolopiciir'^ 
TociiaO. J^. AfmomoToinafi • l.\ 
Torquato TafioMatoxo. ijy nel- 
le Canzoni 43. ebb& anche cna- 
niera greca 52% fuo Torrifmondo 
fabbricato tutto di finzione 77. 
lodato nella Pafiorale S4. TuaGe- 
ruTalemmedi che ftìle 143. itile 
della Gerufaletnme poco atto a 
«uover gli affetti 145. 
Tragedia in die veì^ la kffcScip \ 
Greci 9 e i Làtml • 7. 8o. qual 
verfo le fia proprio fr;^. Tofcani 7. 
fuoi perfonaggi quali 75. 103. 
ili. 1 31. TepoSa ricevere ilpro- 
logo feparato dagli atti 76% e il 
coro dopo Tatto ¥.76. ombre in- 
trodotte in eflfa a parlare 76. fé 
poffa fondarfi ruLfint076. 114. 
e feg. Tuo fine 76.'faa Cataftro* 
fé 77- fuo tempo 77. ,90. fé poffa 
teÓetli di lieto fine 78. qual deb- 
ba eflere il protagonida 78. 132. 
itanuaetta mutazioni di fcenat 



« if^reviascnio di rime 8a fiioS 
cori rivMà^ e pevchi 80é qual 
"verfO' Ga ateo per la Tragedia 
Tofcana^S u qua foaviti ammet* 
t aj lUe poda farli 4'avwsiìitten** 
topaAof^e» ie comcHi^c ftgu. 
<)ualità della locuzione neceOa- 
ria principalmcDce neUa Trige- 
*dia83.fuarloctiztone<tiilaU 142. 
ino giorno regòlarfi fecondo il 
<of)uBie della oazsonef a cut fi 
nipprtfenca 9^ rasie Tragedie 
Toccane lodare iox% varj fuoi 
precfcti zo3vfue pani to3« in 
profar riproTara» e pctdiè 104. 
•c^nizìone della Tfagedio io6. 
faprofa rìmeflEi mufo 10 Roma 
• prerentemecxe.107; urile^-die fi 
cava dalla Tragedia no. qual fia 
migfiore quella di metto 'fioCf o 

J|udte di lieto i2S«'fÌQQ al .131. 
ùofine tra'Cattolict quale 130* 
primad'Ariftorae quale 130^ può 
farfi fenza coftume 135. Ja che 
convenga coli' fipppèia :i42* di 
che evidenza fia bilo^nofa 143. 
che iilromenti adoperi per .muo- 
ver gli affetti 144* 

Trzn&ùowc di quante .itbrte \ ed 
esempi .ii3« 

Traslati fi convengono al Tublime 
6. per inumile quali^3. 69. 

Trifiiao . PI Gió.Giorgio Trifiiao» 



VAUcfióT/^. Antonio Toraafi, 
Varchi . K Benedetto Varchi . 
Variazione di cafi «.figura » diche 

idea fia propria i^*!* 
Ubertino CarraradellaCompagnia 
di Gesù.. Anacronifmo nel fuo 
Poema del C^/^m^^t difefo88* 
Veneri di Piatone die fieno 71. 
Venerofi . PI Bcandaligio Venerofi. 
ATeoicro . TT. Domenico Veniero . 
Vcrgilio. Varie fue alterazioni d' 
Iftoria, e anacronifmi 87. ana- 
cronifmo del Porco Velino dife* 

fo 



Digitized by 



Google 



*04 

fo^S. Iodato Bel modo di pertur- fimAmeme doTe^oooìoifOio fa 

bare il racconto 94^ » . .idee 59. 

'yerifimile Taaiorza 114. Maggiore Vocali , loro concorfo, o accozza** 

oelP Epopeia Ji;« (e poda dar inehco fi conviene allo. AH fubli? 

c#o^Qaco col mirabile 119^ me S\ J4* quale aonidìfcotvvGBga 

yericà in ^oami iHodi paò aUerarfl all'umile 2 3. 34. jS*. . 

daToetu K Iftorìa* Vocifcelce » piene» e numerore con- 

Vc^armoniofi per lo ftil fubltme vengono allo Qil fublime 5. ed 

.6. Giambi tra'Greci« eXacini» e anche le traslace 6. proprie s*af- 

£adecafillabi rciolù^aTo£cani • fcacano al rumile éne apparcetso^ 

froprj per la Tragedia 7^ di q/azV no al filosofo 14. voci ftraoidrs 

. armonia per l'umile 2 y» eoo av- fé , e come poffano lìfarfi oe'Poe- 

/Verbj^o aggiunti ia definebza uri 148. quali per fuggir Tofcaritl 

perlopiùriefconoumili.24. loro nella locuzione 149» 

armonia in che confida. ^5. f^ Uomini • Accorci come poffaflo 

, Tragedia 9 Commedia • lacerna perruadeffia&nc'prtniifecoliio- 

Eroico • Sciolti per la Tragitdia ro coftumÌ47. da chi cotreui Vh 

Al. Xdmcciolipcr la Commedia loro eri iecondo .Ariftotile it 

io4# princìpio de' nervi .dell' .UO01O 

Vincenza da Filicaia i69^ 169. dove9). . 

efempio di (uà maaiera 169^ Uranio Tegea^ fS. ViiKenzol^o- 

17^. " aio. 
Vincenzo Leoaio xo$u iaggto de' 

Aioi Sonetti 18^ Z . 
Vittoria Colonna lodaca 4*. 

Uaironanza di varie vocigiudtcata hw Appi;, f^. GÌQ.6atJ(ta Zoppi» 

^8. ^2Leno.J^.ApoftoloZeno. 

Unità necefiaria per (a perfezione Zeummachcfia^ e di clvs.fiilpitr^ 

4e'Compooiiqi;ntaPocticÌ7^aùr- \priaijx* 



IL FIN E> 



Vi-' 



Digitized by 



Google 



VITA 

D 1 

I G^ M A R I O 

CRESCIMBENI 

MACERATESE 

Arehrrtc iella Baftliea tti S. Afona in Cofmeiin di Xmt 9 
e Cn^ode Gemale dtAreaiia» 

SCRITTA 

DA FRANCESCO MARIA MANCURTI 

I M O L E S E, 

CU raittmto^ de' Fatti pia memor^iti della kagttfuaiXA 
d^U jireadit. 



Digitized by 



Google 



^^*-; Af 



\ 



r>» 



1 * - , ' 



.' H *■■ ' •» 



** -.*' 






Digitized by 



Google 




*07 
MEmktmìlPimoy a BtvtrmdilprM Prlnc^p 
IL SIGNOR CARDINALE 

^ R O S P E R O 

MAREFOSCHI 

Vicario .di Roma. 

TRAKCESCO MARIA MAKCURTI, 

Élla ^orìa è >della Patria vofira» 
Eminentissimo Principe , 
vantale à*dìno(lri'UQminì, eper di- 
gnità, e per ietterefamofi. Ben può 
eUaandin-lieu, .e faftófà, 'Oggi che 
yoijunmàra , <ed -inchina iìio chia- 
irìflìmo Cittì^ino , >omato .di iàcra 
Porpora, premio già più vòlte do vuto^dneocelib me- 
rito , che preflb tre Sommi Pontefici còlla'prcffonda vo- 
ftra cognizione, e lungo. uib della Giuriiprudenza ac- 
cumolato vi tìete. Edéla'ùeCùi jpuòrecama ^raro fùo 
pregio lavet veduto tin'illtiiìre Tuo Figlio riiloratore 
in Roma dellal%oefia Italiana , « uno tde>rimi ?Fonda- 
tori, an2Ì tra tffi Autore Si una nuovaletceraria A- 
donanza, qual'^ l'Arcadia, la quale altamente 1(1 glo- 
ria d'annoverare Voi pure, idottiflìmo Principe, tra^' 
fuoi acclamati Pafton. Avendo io pertanto avuca U 
forte didefcrivetéla di^Iui Vita, ho (limato mioilre»' 
tiflìmo obbligo farlex:omparìre iUmmortal vdflro Nom- 
ine in fronte*, imperciocché, ciò riguardi lui ftdTo, 
o la Patria fila, o l'autorevòl comando ^di chi mi ha 
Gommefla quefta ^deicrizione, .unicamente .e ali* E. V* 
dovuta. Egli vien da me riguardato non foiamente 
come voftro lUaftre Concittadino, ^ma come quello, 
cheVoidegnafiediun particolare iiifretto, «patroci- 
mo, della di cui vaila erudizione» in tante lue belle 

Opctc 



Digitized by 



Google 



«OS 

Opere fparfa, fomma Itima avefte'j quelIb,'Hte£ Voi 
con letizia indicibile acco^iede, allorg, ^i^ando pri- 
' ma d'ogn'altro de'fuoi Concittadini venne à Voi da- 
ftral^ti tut!p pieno-di gàudio ^lalled'a^ dell'amplini- 
ima Dignità Vofti^a, e pòi anbùip drcflì torn^ a palfr 
farvi perl^ft^ffa Voftra efà^a^nelf ptàpàp^ eillo- 
ro giubbilo. Giovami adunque fperare^ chenccome 
allora lo riceveftc<:on tanta iimanità, fiate per rice- 
verlo ancbe adoilb, ch'io ve lo pr«ièn^o Gì qu(^ fo- 
gli defcrittoj'che fe non Tio io meritò alcuno per 
' aSèÈkwiqjasib. n^adeTcDiaohej pere^ non fiavi «t^ 
faoo dilcara ^ baciami l'autorità delHnfigne Prekto 
Moafignor filuftriflfimo Prancefco de Vico ^ voftro 
óobili/Timo Concitraidino, -che me la impotè"» per ub- 
i>f<fire a^'di- cmeeoty., miacciinjfì all'aita improà» ^* 
priore in 'Vero.aUQ'mie forze-, imprela,'che certanìett- 
teiBeritava d-jd^eréadunó depiù eruditi, e feliei Sene- 
tori dellSerà prdGence appoggiata^ affindié (Iqgaaella 
fbde edel Soggetto intorno acui cut^a è rivòlta, cM- 
r£.V,acui èconfègrataj ièbben confido, che-dopodi 
me non mancheràchi a'jxùei difectifuppli^$« «ciò^.djb' 
io di que(k>'ickiariflGtfno Letterato, o oon ho (àpHCo^ 
o malameote ho efpreflb, altri ;più cC9iipititf9eBce,.e 
nobilmente delcriva. Volentieri avrei perciò fin ^alprio- 
dpio a qualunque altro ceduto queft'Operatma il comafh 
do di chi ine l'addogò, e Tamore* e4a ftinvi;, die al 
JLeceerato fteilo ho tèmpre portato , non iWan{K> in at- 
omi mòdopermefiòdi ricularla. Qualunque ^11$ fiafi, 
«miknente la o£ferifco a V. E affinchè, k mai alcuno 
jtrendA abiafiuiarla, fiadaVoi protetta,, e difeià) bra- 
mando jo altresì con quella occafiotie guadagoi^mi T 
altiffima Voftra Protezione, e pregiarmi d'éfièce iaa- 
mortal voflco-Servo. Finalmente' aanipiufefici*» epiù 
lunghi il Giel vi dphi , e:vi ferbi al gutóulo di quella 
gloria , a cui per univerfal benefizio delta Criftiarta Re» 
pubblica felicemente giunger porete- 

i4 ibi 



Digitized by 



Google 



JDT 



%A chi Lei 





! L^ne lodevoljfljcno delPAduoanza degli Arcadi m 
far dcfcrivcrc le Vùc deYuoi jptó Illuftri fìa(ftart/, 
>fa di far palefe con gtaOiflitne prove la lorfania» 
da eflTi acquiftaca nella Repubblica Letteraria ; 
per pofeia alzare ai imdefiroi nel Bofco«Parrafio 
una Lapida di. perpetua metnoria.-QueAo però non 
è il fine da me prete/oìn ìfcrivefe la Vi(a<del*XSe- 
neraU Cuftode delta OeOa Adunanza vGto: Mario 
Crefcimbeni., die porrò iti quella il Nooe^Pafloraic d' Alfcfibeo Ca- 
rio. Imperciocché non v'ha chi a lui contenda 1' onorato titolo di 
Famofo ; il quale egli vivenre fino dalla- fondazióne d'Arcadia fi ac- 
quitto , e che poi co'progiJeffì di effa » *cd altresì con lame egregie 
Opere da lui fcritte , e «pubblicate , ogn'ora più-meritò^ oome dime- 
ftrauo le teftimonianze aroplifllmej e giu0i(fìme di canti» e poi tan- 
fi cbiatiflkui Scritrori > che atramente il celebrarono in V4ca , e in 
mone. Per la qual cofa fuor d'ogni dubbio viOe , e tnori^ci^li famo- 
fo» degni (limo perciò di perpetuo immortai monumento .Ciò , che 
adunque m'ha indotto a ftendere fu quelli fogli la defcrizionè della 
Vita di Lui» i dato un aucorevol comando di Alonfignore lUufirif- 
fimo'francefco'de Vico » Brelaco tanto celebre in. Roma. Egli, co- 
me ottimo Concittadino, e oordialiilimo amico del Crefcimbeni,.4e 
di cui rari dime doti ha fempre avuto in alto pregio , dopo la di lui 
morte volfe il penfiero a randerne perpetua laHnemoria,,;Con far 4c- 
fcrivese quanco quegli oprò , 4ncntf<e vifle , a.eomun benefizio del 
Mondo Letterario.. Per la quale ìmprefaeffendofiegli coropiacciuco «li 
fcìeglier me, uomo affatto inetto ^-e del tutto^jnfufficiente per que- 
fto affare, m'è convenuto ubbidire, e Toccombere a uo pef<f alle mie 
deboli forze Superiore. Di' quanto perciò ho io<|ui fcrieto del«aflro 
'Autore, molto ne^fon tenuto alla.diligcnza delio, ftefib Prelato , che 
belle fiotizie mi ha^fomminiftrato , ed a lui prinoìpalincnte ne debbo 
render ^onto ; perlocbc , quando qnefta mia debole fatica iiKontri 
la di lui foddisifaziooe ^ poffa/perare^: che abbia ancora ad incontra- 
re t'aliroi gradimento .'Ma perchè quefto diffieiln^eotefi-^itciene, do- 
vendQ la prefente Ifiorla ufcire in pubblico , e paffar fotto gl'occhi, 
è fovo la coofiderazione ditmolti, per fotcrarmi almeno, in parie da 
ciò, che in coturario potedero eglino dire, mi veggo in obbligo di 
far le feguenti dichiararfoni • 

Pricnkramaite è da faperfi, che fin da quando era vivcnteiìl Cre- 

fcimbeni, alcuni Letterati prefero a fcrivere la di lui Vita ; tra gli 

altri a me noti ,. fucona Gio: Luigi Vander Planchca.Canonico della 

Chiefa firugenfe, detto tra gli Arcadi Ideo.£oreatico ; e Paolo Bcr- 

^rr/c. /fi. Folg. Poefta . Tm. VL iO nardjr 



Digitized by 



Google 



AIO 

Hardy. Proveazale» che tra gli Arcadi porta il nome di LatniiidoCrac 
fidio^ 4.* tmo^ e raltro iacJnacDeote «amiociarono a fcrivcrla » allot- 
xlìè 9 facendo jeglino dimora io &oma , ilrinftro amicizia col Gre* 
fcimbeni , e «famitiarmente c%n eOb lui conveffarono « Anzi die il 
jNrimo jFece alcune /mAfe ir irar) ^oo^odrinenti foctici dello (leflfo 0^ 
iciv^nìa a iCtti Aiandio i^viò una fua Elegia latina > e in dire ave- 
va m :aninK> di defctivere r Arcadia per darne piena notizia a ^t 
OUcamoncaoi^ dal «be iare fu da immatura morte kiTpedrto 4 ficco- 
'tne ance dai ^oAfgtiire la dofcticiobe ilcllo fatiche leicerarie 4ei no- 
^ftro Ancore^ deHt quali più UiMigo r^conro a noi fece pofcia il det- 
M BcEoardy» di c\iì mi iene io vaiato » per 4ar principio alla ceffi- 
tura della prefeme Vita« 

Ma per maggiormente in efla diffondermi » e alficararmi idei veni^ 
ho 4mo rìcodfo alle opere t otte » si compofle « che promofle » e rac. 
<€olre dallo fteflb Crefcinibeoi, le <)Qali in vero <ia naeicorfe^ e dili- 
gentemente xiflcrvate» gran campo incanno aperto per ifcrivere- la ve- 
rità , ^e per dilaga» ia Storia > « fopra racco gran Inmi ^ e cogoiatrai 
m'aono fommèmOrato le prefa^uon» dello fteflb alle 4ette opere 9. nel 
«che ho sfotto particolare 4>flcrvazioiieu 

Vero i>9 che non tutte le notizie I10 potuto dalTopere flefTe raccor- 
rei quindi molte n'ho ricevuta dagli Atnici più intimi p e famiiian 
^i lui ra^Bmo; oltre 4li.cfat io ftefla poflTo cifere tcQimooio dimoi- 
;re c^e, xlie per lo fpazio dì otto anni , che ho avuta la forte di go- 
dete frequentemente la (uà /^^iUariifima icouvo^faziooe > ho da lui 
ileflb udito ^ 

<;ran valore |>qì riceve tutto ciib» che di luì 1k> narrato , dall' aa- 
'borita di cerno» e più Scrittori» che Tanno altamente ccld>fato od- 
io opere loro» mentre «gli ancor viveva» ^ra'quali ve n'ha parecchi 
xlegli Oltramontani y i ^uali tuni tn' anno aÀkurato non folaneme 
della di lui fama universale per <qoarant*a&ni fempre crefciutà per ct- 
io nel Mondo letterario ^ ma eziandio «m' anno tatto credere , efe 
lui degnilGmo di fomuma lode tn tuct^ ie opere foe , e oeUefaticbe 
letterarie <la 4ui incraprefe» e gloriotamcnte terminale iiec lo fiabiU- 
mento d'Arcadia» e fèr lo riftoramento deHe buone Lettere » parti- 
<olarmente per quello » die riguarda la purità delio fcrivere tofcaoa- 
mente in profa, e in verO. 

So nulladimeno , che non è egli andato immune dalla cenAirair 
alcuni Critici *> <lalle impoiiure de'quali valorofamente «gli da fé M- 
(o fi difefei ficcome altamente pre^co a difenderla con le dotte hot 
penne alcuni ^raviffimi Scrittori « £ fé egli^jugliè quaicfie sbaglio» 
e ne fu notato» non ^ebte a male» ma io correife nelle riftampe del- 
ie ppece^ 

iNon tni prendo io in quefta Vita l'arduo affare di dar giudiaiOf e 
di fare efamina particolare di cucco ciò » che ^li ka fcrttto » e pób- 
blicato » non eOTendo qtirfto mio iftituto » né fcopo di queAa mtt 
defcrizione» ma unico mio intento ià è 4\ ;(iarne un fiocero» eddTac- 
co «acconto ^ driportandomi al favio giudizio ^ che ne ao fiacco Uo- 
mini dotti ia materie letterarie^ ^Jo^oefto floftraftcolo molcoce- 
ifbri. 

Lor- 



Digitized by 



Google 



XIC 

l'ordine' da* me oKrvaco ntV ttflete qoefta Vitw i Cronologico «« 

rKr/rppcjoH^^jla: Scofja ',^4iv#cidQi-fcrti^ in ^afg^oe tmzii «ìi ai>* 

Val'ptiocipio uho aV noe del Tua vivere^ per interrompere la Cctic^ 
là del racconto •. l^ba|i voifa. a: vdta. ablieliiro'xleU^ornameato de*" 
ver& de» noflro^^ Roete^^^^'aUA ikt#d«-dUuK4MdeBak>. 

Ho giudicata altresì Ben Cacto di unire ainAoria* della Vita di lui ^ 
<lBetlir«Daor^deHi'Adqiiiirfta /arcadica ^/ COI 
fce tìotr (òlameme per una deY9oii FoadaM 
^rore % e por ^pre , RacKci viife ^ g^ 
tempo in tempo fé: c^ife più, fibgolarr dr qi 
Vane vicende >. i péògteut ^ le Colonie , j 
ftomr itr cflTa^ mtrodottì , e pfaticm dagt» 
^^i onori ad effreoflOpaniti dai Soitimt i 
4liùa y e nrooificttaà de i f^iociei ,. e Ma 
t^fimiii.' ^ 

« Ib' 6oc v'iiO' afiBraoto- il Qiti^lpgo'dt twtte le di lai opere edite» e 
ÌDed(te> tà tfcmi^ che fQ^4it^^ ^ P^ coitipjmcoip di queft»' Vitar 
e per far cofa* ptir grata > e* piiV utile a ciMi^aque avrà pke^rc di kig> 
gerla r v*" ho fattO' ffamparc le belle Imprefe delle Colonie V e delle* 
Rapprcrentanze Arcadiche y per crenologia diffoflrr le qmK /ottp 
il^ Ctrì^odiato del Crefìrimikni alla Romana Arcadia fiirono^ aggrega^ 
te V aflSirehè iiy una* occhiata fi* vegga' fivf dove fiafi^ diftcfo' il Rcj^o- 
paftorale della noftra Adunanza^ rV^io in* ultimo' teflbto -nn^ Indice 
beo copipror ed efacto- delle cofe ia cflTa. Vita notabili •• So* che mol- 
to pili dr tutta quefto v'è da dcfidesare ;- ma notv giungendo per ore 
t'ìà oltra le mie deboli forze v lafcio ad altri per maggtoi? gloria del' 
noftro^ Alfefibccs t per maggiocifoddfsfazione degli erodici Lettori d» 
ictfeztonare si grande imprefo - 



>L-y'.. 



'U:ì\ . ■ . -. . ; . ^1 1*;- •: 



: V . o^ t NOf 



Digitized by 



Google 






NÓI REFOJIMATOKI 

Dòlb Studb di Pàdova. 

A Vendo vcditra pM^ la Fede di RevifioBC V 6' Approfct^ 
a&ione del P. Fra Tàmmafo Maria Gtmtéri Inqt^itwe^ net 
Libro intitolato l^ttit dì Gioì: Mario Crefcimikni 5 fifit^ 
m da Francefio Maria MknewtH non' ?'efler cos^àlcuna con-^ 
tro la Santa Fede CattisHUca > e parimente per att^ 
flato dèi Segretamo- Nbftro y niente contro Preadpi) 9^ 
ìjQOtii Goftumi y «oncediamoLioenasa Z'/u>ftn%^' Safes^f 
Stampatore ) che polli eller ftampato;) oflèrvando ^or^ 
4ini in materia dt SMinpC) e prefentttiido le Iblice <(K 
pieall^ Pubbliche Librai di Venezi^T) € di Padoìra** 
Data i2é Novembre 172^ 

C Gio: France/bo Mbrofini Itàv«. Riforma 

(: Andrea^ Soranzo Proo Rifomv 



uigfifltiiù GkdaUam Sigritttféé^ 

Adi a4.'Gennaro 172^- 

Reeidrato nel Magiftraeadegl^UluftrìifimiedHccelfeoal)^ 
Jmi Signori fiiècucori contro la fiefteamia •- 

jhgfh ljgmi%i Sigt^Urk^ 



Digitized by 



Google 



^ r 1 « 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



"£«3 



I 



Alta grM 'Miidro degH Sfudj :JB«logna , è kuM 
xtiinionc^ die abbia origine la famiglia Crcfcìnir 
bcoi^ dalla quale Uomkii io lettere cbiatri uforro- 
no. Ercole oltre ia varia leitcratara , ed erodiaio* 
n^ ^ di ^ui fu orfiatiflimo ^ dontorfa eziandid di 
«ale accoirezza ^^fervoffc^ ae celestoà nel rra^tate» 
e condurre a 'fine ardui» id alti affari» ehe acqui- 
ftofli il Dorot di f olgove ',.perIocbè in Romaaper* 

IO nella gran Corte dcU? EcceilentiflRma Cafa ^AU 

tesDps » fo SegKmrso delf ampliflìrao- Cardinale Marco Sitico ^ e 
del fratello 'Conte Annibale^ Nipoti ambedue del Regnante allora 
Pio IV* Pontefice Maflirao^ Si onosevoie impiego ^oflenne egli per 
tremocc*anfiiton tanto. Tuo decoro^ che da .i due Principi ^:fuddettj 
fi» più volte fpèdifo per -riegoz;) rilevantifitnH ai due Imperadori fe^ 
diiiatida,<e Maffimi^iaoo » a i Rè di Spagna:» ;di Francia, d'Inghikef- 
««» e ad altri Soycani.Pec le qoÉaliyAed altre illuftri doti dell'anitno 
fno il Sommo Pontefice Gregorio XIIT. l'onorò pofcia.di un Canoni- 
cato della fiafilica Lateranenfe*, osella quale eziandio dal riUa(^iflImo 
Opitolo eli fu conferito il decorofo uffizio di Secsetario.' 

Franceico Crefcinbeni pure ;ful principio del XVIL .fecoto refe 
celebre^U^iftio nóme enolla Scàmipa di un Volume d'Epigrammi., 4a 
cflb dedicati al Cacdioai 'Gtuflinbni Legato.aUoc di Bologiu » a cui 
fa rAocore carifBmo ; e imprefli ftirono odia Città ^fioffa Tanno 
1609. ., come rifenrce Gio^ Ancoiùo .Bumaldo nella (f«a Biblioteca 
fiolognefc. 

jlrefc.jp.Foli^P^eftéi.Jejn.yL O 3 Dira- 



Digitized by 



Google 



iMt4 Vita DcIP Arciprete 

) di-'eCi^ trartaMoffi 

Citta ao teoifM te* 

gSonliU veftigj, fic«' 

^tcempcdaflo nel ino 

ò rAalSUir(l.iQ Jila- 

£k .dccome ^fto 

*attar oegozi , inda- 

^ lui facile in b^^ 

itila Città fuddetta. 

na della famiglia de* 

Mozzi , l'ai tra de'R^i^elli, Illdipa 4c*Frontofrt[ , ciliare famiglie noa 

folo ili Macerata'f ma in tutta ìa Provincia ."^aftì rétbnda'» Maria 

appellata ji. forella di Camillo Teforiere generale della Marca ^^ 

treò figliaoli y ddk tre Màfchj , ed iona FemtQiBa i i( primo (fMfE 

maficò dì vita fuf ^r deé^iuni foof; raltro,xioè<Sioatt'J^ilipfÌD.«t>- 

be l'incarico di propagar la fua ftirpe; il terzo appellato Anton Frao* 

cefco mori in B^oma fotr^ \^k^ itrnp(> éftxc^b li le|al f rofe(fiofie, 

e per la mólta Tua perizia, ed eTperièìiza "ifeltà Roman Curia fuAa- 

dicore ^L Moi^figooT Ottaviano Cpriiiii, Decano i^c* Chetici della 

Caramer^^Ap^oftiSttl. » /Tn^'^J T^. : . /. ^ 

Gioan Filippo adunque nelle buone ani , e molto più nell^ Leg- 
gi perito collocodi in mattimonio eoa Anna Vtatsia' (^;tjttcftat|i 
Valerio Barbo >. nobile della Patria fua , e della nobiltà Romane it- 
ludrato; e furono quefii gli avventurati Geattotì del nofiro Ci». 
Mario Ccefcimbeni » la cbiarilSma vita di eoi ora fcrìviàmo. * 
^jijfi Nacque egli in Macerata Tanno. i66^ alli 9* di Ottobre in fiat- 
1663. 410. di martcdi fui mezzo di» e dalTinfigse Prdottd Girolamo CmMia- 
ta» poi Cardinale d*immonal £ama » ifu. levato al Sacro fonte per 
vaciw di Fra Ginfeppe Antonio Cooipagiioiii Cafaliere del nob^- 
fimo Ordine Gerofolimitano coi noari^di Gio^ Maria > pirokiWj 
Ignazio» Saverio, JGiafeppe , Antonio ; di ranci Donti feto i foli due 
|u:imi ritenne ; anzi egli pofcia Gio. Mario volle effer déico i fegutii- 
do cosi il coftume d'alcuni cbiariflimi: Letterati , (iccome tra gfabri 
coftumò.il famofo Pontano , che il .flome.fuo Sicmanm cai^gt^.-in 
^Ì0ZjMtt9 i e com9 il Molza ancora., per quacto^ ho io oflervatt)» > )1 
fuo nome Fr/mcefe^ MétriéLj variò alle volte iil quello ài.Frdnc^cà 
Mario '9 ma perbene ordir la vita di lui ci convien prendere dalla (oa 
fanciullezza principio, . . 

1669. ^^ qneflà tenera età non del ^nttoAi fimili^ a^'ahri fancinlKv unr 
perciocché, fé i più di edi alle «nezie intenti fono « egli fin d'àltam 
moftrò grande inclinazione alle leitete ,, orpatticòlaraiente alla vol* 
gar Poefia > ciò fer avventura addicindoil forma doli' Arioft»*) che 

K vaghezza delle figure 'm eSh impreffr itveva tea )gli altra libri del 
Jre tao fcelto a guardare i^ e a tenerlo con gran piacere in mfaaa^ 
il che non fenza ftapore off^vò allora il Padre « « ^(&r rammcótar* 
io folevaì il quale perciò fcorgendo il figUuol fua cosi indinam attt 

lettere» 

Digitized by VjOOQ IC 



Ictrm^^ poft.c^itt eitrf ja («rio iftuive 4a .oukni Pcc Cftccri » fbe 
iebinn qttcfti m o^ù riràf o foift carls pare jaLl^LMaccrarn KfQvvedar 
ca era d'un Sacerdote aÓTai douo ^ramacico > chiamato Fraocefocf 
eiètaaaUgfli MaoerateCey fotto cw felicemente apprefe il fitmcixido 
Gm: Mario i gramattcali principt^. Incanto Vogmo iéT4* ^à ìiìanM 1674* 
ét\ fmààénm Anton Fraocefco fuo Zio nBMttdata dal Padre in Stotna, 
ìq ratta quel ceoipo , cbe vi dimorò » fa ckMo d^l Zio ftcflb in cuta 
a< i2|i Bccte ftmcohrio^toM ^uale ncm. molto s'appco&tò il fi^Uio* 
k^y. d^tto per alcso^ come abbiam detto» di racrflima indole, L'an* 
»D poi &67!5».aiino ctel.Giabiilfio » cbe Santa fi appella > ù trasferirò- 167^0 
mtk in Rooka i di lui Genitod y i qnalt pofcia nel ritocno: » che fece^ 
so io Picria 9 condo&f^ Teco il (Sglinoto » configgaci cosi dal loro 
atfofto; roH ficoodattt) » fadalGenttore altaeducazkines ed ifttni^ ' 
ZKMie deTadri della Cocnpasnta di Gesà grandemente raceomand^^ 
lo^ed io vtm canti progreffi.in breve tempo fece nelleJdODtfcuolet 
cbe alte fjpefianae ne conoeptconD. £ quefte maggiormente crtbberoi 
4«a«ido. ramo 167^' perfauona forte della gioventù Maceraeeft ginnn 16760 
ip iii»4}oclla Città il celebractffimo Padre Carle d'Aquino della mCf; 
flc&na CoR^agma per infegÉac Rettorica • Sotto sì gran Kfoeftco^ 
atto a coltdvace gli elerati ingegni ». tanto fi aranzò il Giovaoerta 
CrefcioB&eoi > che fopca di akri faoi coetanei (e conofcete il fuo 
valere ia ogni genere di Osnponimenici, e particolarmencé ne* po(^ 
tiei% Imperciocché^ noa foto fi- efcrcttò in compor verfi di poco ò^ 
aìiui momento , come per lo più far Cogliono gli fcolari » ma ;Con. 

^licr acdimenco {bllewaodo l'ingegno fuo a foggftti tnaggiori,. com- 
pone osa Tragedia ad knitauonc di Seneca» ctbè della R^a di Da* 
rio Rè de' P^ ; rEieaiplaee di cui , ancorché foffe immaioro parto 
delFingegtiolOvdifce|k>lo9 ma per altro maraÈvigHofo » perche fiiperiQ^ 
re atte forar dell'età fua > il Ptecettore fieffo appreffi>ili fé lo volle nel 
partir 9 cfiec fece l'anno dopo per Siena» colà pur mandato a dar pte*^ 
cotti rcttortci • In oltre ia viella. Defla età H finivorofb Giovane pet 
Ui^juitocal faciliti» cb'afléva in vtr£e^gtate» fiipofe all'alta imprefa di 
Ka(|)ort4ce in verfi volgari la Farfiaglia di Lucano » due libri di cui 
feltcemcnDe tradufie» non fcnoea maraviglia di cfaiJileflc». dovendofio 
kù perciò la gtqnaid'efierè Aatojl primo a trachir quella in «tava 
riraa > qoandb il P. Gabbrlello MelonttUi Barnabita penfavit fbfle a 
fe Acflb dovnta» come egli confefTa nella lettera ai Lettoti dcUafte^ 
fa. fua- traduzione, con dire .* h mi MtX4rd0k 4 queft*éardm$:$mfr€fm 
fai Jkff9fi9 étiiere fiat» il frim0 , che riduffc imìottdvs rimd unu tak 
0ferM\ ms^ PertuUxJène dell^Abstt Già. Ai^rio Crtfiimhem^ ym /imM 
dells moftn Artsdis. ^mih^ finatmenu di/tfìganmU0 . Qjitndi 6n d' 1678» 
aUora ^Accademia de' Difpo^ di Jefi fHmoffi grandemente onorata 
per cffere (lata la prima ad afcrivere tra Cuoi Accademici si pdlegri» 

- ao tagegoo. OcqnafUuiu|ue allora fofie nelle umane lettere fufficiea- 
fccneatc erudito , ed efercitato » ficdiè ad altri fembrallc non aver 
più d'uopo di Maefiro; egli però fòggiacer voile pcc più lungo tenr* 
pò a gli altrui itìfi^namenti .. Trovavafi sillora in Macerata Niccolò 
Aoroaio RalEaellit uomo per nobilti, e déttrinat illaihre^ a lui duar* 
q[ue poctoffi per lo (paxio d'otto mcfi il Crefcimbeni avido d^ afcok 

O 4 tarlo» 



Digitized by 



Google 



2j f Vira DdPArdjprete 

anelo» e con fuo gran proficm daliii apf^rofe precetti d'cfoquorarf^ 
ti«a » e tofcaoa: mi 4|aai i«iiipi> CGCiaodio ipplicoOi alio fiodiadelto 
Pilofofia . 

Ma comtccliè ptr lo più i Gasitof i (ogUoiio i psopr} figliucti a 
quegli ftudj medefimi , che profedaroso , iacamioare » ti GioTane 
Gio» Mario per feguirc le veft^ic 4«l Padre y e per compiacere afr 
di lai genio applicoflii a)lo fhidìo delle Leggi , ptr c«ì iuolc' apcirfi 
' latgocampo alte ricchezze» ea gliooorii; pereto il Padre tfteflb» che 
eoa uoo de' due primari Lctt^i dell' Unive«£tà della foa Patria»- vol- 
le efler^lì Maeftro oelle Civili Iftituziooi » aCociiè vane ooo f m ttcm 
a lui nuCcite le Tpcranae , che del figliuolo avca coftoepac^ » fé ad 
altro Preccttooe io wU ftiidf confegiuto Tavefle ; fono ì» idifcipKla 
adunque del deuo fuo Geoitorc divenuto fiudiofiflimo fcolare » co- 
aMTCchè e^li era> ardentemente defidcrofo' di £ar profitto r e d'efieto 
coli' acquiito* delia 4ot»iiia la^ gloria più bella del Padre fuo ^ .nùn 

1^79* molto 4opo nella celebre Univerfita della fua Patffia L'ansa 167^ 
alli 3* Ottobre eonfegui eoa pubblico applaufo la Laueea dottorale^ 
aU4^ quale (a promoOo da Aleflaodro Compagnoni t AcckHacqoo dà 
quella Cactedrale>e.noftro Arcade, e di ptàfuafcritto nel CoU^fa> 
de'Dottori, rneH'alttodeglr Avvocati», e Curiali; ambedue de^ualt 
Ollegj anno la nobile prerogativa ,. e fpecial facoltà di permiare ilr 
merito' de'Dot ti coiroDoicdella-medefinu Laurea. Q^indi^ dal Oah* 
figKo» cbe cbiamRuia di Credenza», fii deuo'Letioc pubblico d'Ifiim- 
tape» un'amio.^ , ' ^ 

Jttt^ Parve allora tempo opponuno aP Zio di ricRiamare in Roma ift 

^ Nipote I nelle Leggi di non mediocre dottrina fornito , per applidic* 

lo all'efeipcizio delle medefime^ €on fommo onore » e vantaggia nek 
la Romana Curia» al che coodtfceudeodo^ più* cbe volemicri il Cte* 
nitore coli il rimandò y confegnandolo al Zio> » cbe rama follcck»' 
dine di lui aveva»*: giunto in Àoma r e accoltordhi Zio fteffa con 
Ib^ più vive diroofiraziom d'affetto »< fotto la di* lurdircziotte comia* 
aio ad intraprender la pratica drlla^ profelBoor legale , febben noi' 
medefimo tempo coltivò le buone Aifi, ed aiiri più gravi ftudj» fpo9 
aaudo egli di confegoine oiaggior fama » od onore da queAi r che- 
da' quelli' delle Leggi ^ Al bel genia dì lu> non fi oppofe gii il Zioi^ 
aia* perche forfè quefti ara della opiciioa di cotom r che follemente: 
ftìmano leggierezza voler accoppiare i più ferj fludj deUe Leggi ^ co* 
i fià amen» delle beli' Artr, fu coatema »• che ti Nipote Gio;. Mario» 
di' nafcado- profrffafle^le buone. Lettere *> ma non i^leOii mai farne 
pubblica oQeotaMone». Aèbi;^€ciò egli* il faggio configliadd Zio » 
per qualche anuo in tal maniera fi comenoe ». abbancfaè nel tempo 
iffeOo non pocfai poetici componimenti produffe » particolarmente 

'^^5*^ nella volgare noflra favella» efando per lo più lo Aile turgido » giac- 
che allor feguirava la fcoola del Panivalla, profeffatameU'Aecadltmia 
de gli Infecondi di Roma « nella quale fu egli' annoverato y a più 
volte mofirò il fiio (pitico £on recitarvi i proprf componioieati ; ii^ 
tak gpifa cominciò eglr il corfo de' Tuoi fìudj in Roma » perlochà 
di hi» eoa sagìoae pò» difle PAbata Votmn Rinaldi noti/Gtnft 

ArcadCr », , j 

Midi' 



Digitized by 



Google 



Gio:Mà£Ìd Ct€(cìaòcni 4^17 

Mi ài cAniiJU m§»P€^ $ 4i /mW . . 2*^2 tè Mime 

i^tfiumi 0m^i in fitl pwir digli snni " delCnfiimk, 

Tps i fiitfeiKri infierney e $rA $ fm ffMvi - iii^9^f^i*4ffx 

Siuij viubUnd» ingUtfiffi ^éunij Mi3k.i^ 

£bb§ in C9f enl$^t$nfiir$^ 
Di trur i^édmn é$i vere arnica 
Per ffinii/e cme fintiere 
pHnee^mte érdunfaticn^ 
Ma nnalmcoM TanfiO 1687-^ elfefldogrf p«r fittgofar ftift fone pcrr n^f^ 
yemxct alle mani alciiM delle Canzoni citgamidime di Vinctnzta 
di Filicaia Fiottmiao ffinomatidimo , da 
tarie di Vieana contffa i Turehii e qiutll 
dUlcHfimo PofCa Vinceneip Leonia Spole 
Rontar, ove egli lodevolmente fr efercicavi 
Uaiorifla» in hxk del Doca.di Baviars^, 
Crefcimbeoi lavorare fo lo ft ile de gli i 
unta flimar te fei?eyjche in niun conco pi 
v& efcnipfiv che in allor» fegmc o* aveva % 
fimme ogBr/fua paffato- eomt}0|f imeneo j 
tivt Poeti , tatto fi diede a feguir Tottim 

imito pia che mai eot (uddeico Leonia y ip t<iHi i Aioi ftud j r come 
lome a Te davanti il propèse » iifoimo di non perderlo g^iammai ài 
vifta^ (apenda snolt» beM y che qtiegK ^ oltre eOere d'ogni dificìplioa' 
omatìifimo ^ era dì più della buona amicixiar religiofiffimo caitore^ 
Proccoranda egli adiinque di conforcnac fé fieffo a tanto templare » 
Tannor fiiddetta corapore una Canzone ^ neUa quale eoa degne lodi 
altamente ^celebrò il* Gaididale M* Antonio Barbarigo » eletto allora 
Vefcovo^ di Monte Fiafconei e £u la fteOa dopo alcuni me(i due vol^ 
te data àtle ftanfipe ,» per compiacere cosi al comun defiderio de gli' 
Amici j e fmgolafinente de gii Uomini letterati ^ che in Roma al*^ 
lora fiorivkmo ^ i qnali L'ebbero itf ako psegio v Qjiindi Léonard^ 
Gerardi 9 traigli eradici OK^tto (limato r prefe bella occafione di ral*^ 
legratfi con cffa lui y con diagli t che quel felò Componimento beò 
éimoftfava y quanto* ih gtosia dovefle egli un giorno accrefeere ali» 
volgar ^efia > rama appunta avvenne > come a parte a parte ve- 
dttmOé • 

In qtieflo menrfe con (ito grandìe rammarico- reRÒ- privo del buoi» 
Genitore 9 grave d'atani ^ uomo per la Tua dottrina >< prudenza r e inr 
lenità molto benemerito- della fua Patria y il di cui Sepolcro fparfe 
l'addolorato figliuolo* non tamo'di lagrime> diedi giuAe lodi> cora» 
ptdé tn^quel fno Soneno'» che comincia; 

Pnce 4 tej care S^Jfe^ evUn ripefi ' KmedelC^^ 

Dei «#> heof Geniter l'offn enitréiH ^ Aimè.^£,20i 

E alla cbiara memoria del medefimo fece un giufto y e mòdefio Elo- MdiìiM 3» 
Kb^ che kggefi^ nel fecondo Libra della foa Iftoria dell» volgar Poe- 
fia a carte 167» nom.- 99^ della prima edieione -, fiecome di Ini Bef- 
fo onoracaraente rariona nel VIL Libro diella feconda parte del. (e* 
tondo Volume de- Moi Commentar j r intorno alla medefima Iftoria 
fa^ 425. Biilrniotivo diede a lui Rofeiadi comporre un Poema Ge>» 
- • nciliar 



, Digitized by 



Google 



\ 



ut V^DelI^ Arciprete 

necliacoii fortunato nafcimcntode) Prìncipe di GaUtt^ o^ijbcopo 
IH. Rè della Gran Bretagna^» dci^ai Poema ia onorava roenotODc Gio: 
CinelK nella ScanziàXtIf«(lenà BiMidceca ^poknrte foglio i^.ln tao-' 
co per si nobili parti del fuo inferno ftrinfe aciricizia il tidftro Gkv 
Mario con due Itluftri Letterati , Tuno Jacopo Maria Cenni Sanere, 
Segretario del Cardinale Giulio S^noki, t*liltio ^oJo Frànct(coCa^ 
li Fiorentino» Segretario dd CarditNrfe Sùvìo Melltet . Pec far cofa 
grata al primo , incominciò un Poema , qtiaàf ratto ^rio di cogni- 
zioni^ Pilorofichc » intitolato.* Jt Haggh^ detid Fdtidfs^ ; rappaciato 
pftrimetKe dalPiAeflb CittclH nel luogo fuddetiO'. Per compiacerà pai 
^'aleto amico » giacchi quvftl molto fi diteaaf» dette Rime piace* 
i^oU, e del tepido Aile» con felice, «perenna vena compofemohi Ca- 
lcoli, e Sonetti ad imitazione del Bemia, e del Burchiello v fparfi di 
tanta lepidezza , che ben cNmoAravano , quanto foave , ed anMo 
fi>(re il loro* Autore* Molli di edi m un volume ferirci andatonorper 
lunga tempo per le matti degli Eruditi ; ma cosi valendo IfAoim» 
nno- (burnente n^è rimafio , ch^egK Reflb dedkò- al thitrìfifift> La^ 
iftrttw Antonio Magliabcchi , BiMiotecaffio del gran Daca di To&a* 
n^Cofimo III. e foo grande Amico • li qual^Capkoio vien^pnrtife* 
nto dal fuddetto Cinelli. 

Or mentre con cuefti fuoi componimeml itKontrav» il genio de^ 
letrerati Amici s rovente con eflb tor cdMfariva ^ e io virtvDfi con- 
greflfi trattenevafi ; fecendo conofccie , quamo mai perduta aivettaa 
ìc buone lettere della vera , e antica lor «énofti nel paffato fecola; 
e perciò elTer d*uopa a quellaif refHcuirte^ dal che prefe pov ocodbae 
di cominciare a racorre notizie per poter a fuo agio ftendere «oa 
perfetta Moria della Volgar Poefia , della quale più oltre ^coneenl 
dffcorrere. 

Celebri erano allora in Ronui le Accademie degK Uoiorifti , degl* 
Intrecciati j ed Infecondi, fra qnali (come abbiam detto) ebbe 60: 
Marìn decèrofo luogo*, ma i più di qtie*nobili' indegni 7 che lecconi* 
ponevano, comecché il pravo guRo di qne^tenipi cosi voleva , pia 
fbtie tracce de'mali, che db*bucmi Scrittori c^munìnavana. Adonqoe 
il Crefcimbeni a tutto foo potcfe ftudiavafi di rimettere i dii^tem 
Audj delle buone lettere nel primo loro fplendorer mdio c onfid ando 
nell'a/uto d'alcuni dotti Amici Tuoi , tra* quali il mentovato Leooio 
fi primo luogo occupava . Con cffi a tal fine ebbe in cofimne di por* 
tafG in qualche ameno luogo fui Tuli ime ore del giorno , ove tutti 
dalle loro pia ferie applicazioni liberi , per ooefto follkvo de* lo» 
animi 6 ripofavano . Ivi portavano i loro componimemi» e l'on l'al- 
tro afcoltando , attentamente oifervava , e davane prono^ , e £um> 
giudizio » 

Penfarono perciò d'iftituire on^ Accademia , per meizo delb quale 
ar poco a poco dalt^kalia fi eflerminniTe il depravato gufto r»lle le^ 
tare, ed il più puro, che da cent'anni fi» allora noaera nèapprcn* 
nro, né conofctuto, tomaffe nuovamente » riforgere. Convcnnepe* 
ih loro nfare intorno a ciò moka fegrctezza, affinchè focceffa fclice 
fortivo avete il nveditato lorpeofiero; faggianience eglino adunque T 
occultarono» e fiatto pcctefto4i ^ar riOoco agl'animi tcco n&aigaia 

dalle 



Digitized by 



Google 



tirile mokftc. occnpaziooi d«l Fom « .e delU Covu in. tùttipo d'jcfitee 
ranno 1690. fi iduoaroao ittii«roe« ora in iinot oca in ttn*akr& de* 
laoght ddmofiy clie^Roilu concede aTuei felici iU^tucori* ^vvcaac 
penaaio un gtocno » che fedendo eglino iu uo ^fde Psato » «reci- 
tando i toro Vecfi, uno di effi più rpttico6> degli aiurt difle fcr gio- 
co.* Ecté fer nd ì^firts jircddia^ lì qual ikuo» ancordic per allort 
non (offe più^ cbe taoco coniidtratp» non .andò io vaooi impercsoD- 
cbè tetintnacn il viroiofo loro coofreSo^ il CccTcìinfaeni col Lcp- 
ttk> acconipagnacofi per ifirada cm^òsli , cbe ciò , ohe l*altro per 
«IchecxD area decco » egli penfato avea di farlo riufcir vero « £ che 
però lodevol coia faria^ata, die in Roma anellèco cfli foadata una 
nuova Accademia col nome d*Arcadia« rinnovando con effa t dolci 
Cadi > e gli innocenti codumi 9 die gli aaci^ià Arcadi {n:atìcarono« 
Piacque al Leonio il bel penderò, e medicarono infieme circa il mo- 
do di felicèmeme ereguirio; ne woìxo perci2> vi volle^ 

Si radunarono di li a foco i vircaofi amici per U /olirò loro lc> 
cerarlo 4ivet(iaienco » nel qual noencre giunti il Crefcia^eni ^ e il 
Leooio kopckono cmhBdue, la medicata idea della nuova Accademia* 
aUn qnalc tutù d'accordo lieiaqfien» applaudendo, fi raUitaron (cam- 
bievolmemncon nomi Paftorali , ed ai ^ d*Quobre fui Colie Giani- 1690* 
Qolo nslla Selva de'PP^ Minori Oflecvami Riformati.in S« Pietro in 
Monrocio£ tenne lacrima Adunanza Arcadica^ alla sonale conce»- 
£ero^ oltre i. Fondatoci ,* altri Letterati « cfie vendei» ateritti ai ^me- 
defimo Ceto, non eflendofi ^i in qoefta^ che neiraltrepcime adunan- 
ze ammeOt > cbe i filli ^cadi ad aìcokace « 

Tutti adunque di bdla ^lorta accefi iccmcordemente Mnveonero 
«dia pronta efecnzboe 4i quefto tanto alle lettere vaotaggiofo óiù^ 
gao ; e fio d'allora dafcnn di effi quel nome Pafiorale aflunfe » che 
dalla forte gli fu conceduto. Furono quefti il Cavalier Paolo Coardi 
Torinefe » l'Ab» Gtufeppe Paolucci da Spello .« Vincenaio Leonio. da 
nSpoleti, Silvio Stampigiia-^a Qvìta^Lavinia, Gian Vincenzio Xatavi- 
na Cofenrino y Gio.* Mario Crefeimbeni Maccratete , V Avvocato Gto: 
Aatifta Fdice Zappi imsdefe, rAb« Qacln Tommafo Mailburd di To- 
uroon Nizzardo, poi Cardinal di S.Cbida« i'Ab^PompeoFigarKjùe^ 
wof9tCe^ Paolo Antonio del jNe^oGenou^e ^ il Cavalier Melchiorre 
Mag^ Fioccarioo , Jacopo Victnelli Romano , Paolo Atnotiio Viti 
Orvkiano » e KAb* Agoftìn Maria Toja Sanefe « Lfi(ciaiido qui u» 
dì dice qual nxne ^Paftorale i<>rtiire a oiafciiiBiiitóo di ceiS , ptonun- 
•2ìerè folameme ^qucillo^ che toccò ka Toc^ ai «oAro Coetcimbeat ^ -t 
fii jjitf$fik9^^mrié% nome per tutta Europa , oam c^ 4ìe;>LW(Qlaik»- 
4ia^chiariflitno9 ^'eti pfeieme^ ed alla^ura Tempre glorioto:^e« di- 
Armem degno^ 

. Cosi nacque 4a novella Arcadia iftituita da i novelli Letterati -lod- 
4^ti, i quali mecltamenteifi acqaiRarono il h^ titdo^ 4i Fondatori 
dieOa» avendola poi col tempo di «amuncnnienfotxottiaggie utili 
gkiftidime Leggi ftabUÌM • EUa^ a giiira«di Rftxokèliea Democrati- 
^, cbe (otto il fuo dolce dominio qnkfi timi i ^evoerati di Italia, 
X non pochi Oltramontani dcc^lle « *Nian Proiettoec , ò Pì^ncipe 
«U^itìconofee» ma un folo Cuftdde « cbe tua» VMmM» rappreren- 

la, e 



Digitized by 



Google 



%ìX> VitttDeff Arciprete ^ 

Ma ^ g^vemr; e qacllo si onorevole Mmì&cso fid dal ^iortto delb 
feodaziooe di quella fii per elesionc pEi&leciro alnoAro A^bco : il 

£iale poi io ogni Olimpiade per wcm l'intero. corTa di iua viufoo- 
rmaco io caii carica, laceScj e la (o&cnDc(cmp%c<on alia (i&artpih 
nazione » ^ eoo fommo vaacaggio della Lecceratura^ Nella di lui J>er' 
4fQQa collocarono gli Eleuori posale uffizio » '*«! pecche fra tiitrt lui 
conobbero più dogn*aUro degno « a ibfteoerio, ^i anche porche daiitt 
ptincipaicnenre «nconobbero V invenzione dell' Ii(Uri»o dal pctmo foo 
principio \ petlocbè nella fua Patente ^tol Guflodiaca ftà eCpceiTo , <ii' 
egli fu il frim^ y cIh m/e fiuU in jércsMd ^ Coficcbè potè poi eoo 
1 cagione di lui dire il nobile erudito Nedifto: 

C MfMmUL Ti M Péirnsff ilpém CMegi9 fcelfe 

renerofitpm. . » Rifindtvr JUIU fM$ i^if grimi % 

4. dilli Kime^ £ ^i jf^ g^i^ feciméU 

dilli ArcMd€ pij^ dilfM'iUs imfrf/M U gMVi fèndÉ . . 

fs£^ a6Q« 1^^^ appNDoa^uefta letteraria AdooaoKa* videfi tollo micahflmeme 

croTciou; unpctcioccbè non (olamente 1 piil chiari ingegni » che ^- 
Ut fiorivano in Roma» vi fi aggiqnfero» aia «aolti eziandio delle più 
celebri Cini d'kalia« anzi d'Europa^ fofaito^ che Ja faoia volò adat- 
te loro contezza^ con gran piacere vi concorferot noffi dal lodeyo* 
liffimo oggetto y iche elU ebbe di naggionnenre .cokivare lo Qudio 
delle (cienze^'C risvegliare in buona parte d'Italia il buon gofto dd- 
ie .umane letcece» «4 ìQ pacticolare della Pqefiz volgace alquantoad- 
dosnecitaco ; come anco» allettati dairamenità » e novità xf aodat 
tutti mafcherati fotto la finzione de* Padori dell' antica Afe^k,^ 
dalla qoale la converiazione pcefìe il «ome i ^ i Soggetti > ^ie la 
compongono^ Paftori Accadi fi appellarono» .« fi appemoo» con che 
fi venne a togliere ogni riguardo di prenùneoza « -e psecédenza xtji 
i 'Besfooaggi » .<Àìc la dovevano formare \ ficchè non ebbero g^un- 
mai ripugnanza akona^'jelliervi annoverati ^ non dtco-iptu iniìgiu 
Letteray ai Regolari^ rome Secol/iri ^ oaa anche molli Ctf dinali « e 
Principi » € Prelati d'ogni ordine ^ anzi gli fiefli Monarchi .» e jfioal'* 
foence non poche Dame al <ulto delle lettere applicate «* fiocome.da 
Ciò che a ma^o a mano dicemo fi fari diiaro • 

Adunque fotto il dolce i^ìoveroo del 'CuAode AUefibeo que^ prioii 
Arcadi Pafiori f acevan (oMenie rifonare il Giaoicolo Mooce» cHrena- 
«o per loro uà novello Pamafo » de gli ar-mooiofi poetici rloro cas- 
ti • Per vanto fingolare di qnefto feUce Colle » icd altresì ^r eeoel- 
f> ooorc di ^iiet fublìmi ingegni » mercé de* ^li cotaCitt ebbe U 
, ^oova Accadia ia fna prima origine ^ ben mi fovviene qocl ieggiadffi 
Utch. <7^A^Bato dei ìEioflro unto.celebce Micco « che^ a 4iuel Monte ^ oveii 

^•''"^^]JJ. prima volta fi ragunarono i Padri d* Arcadia » rivolgendo il poiftenu 

#/m'« '^l 'cosi caiitò. 

Selv(i.9 tra i facri^ Infcbiricci mrm\ 
Il iictm ^Jii tm$i. 4 qfiefti jUIotìì^ 
Chi dMC$r dolce Wksmm^ in ler ne r^^ 
Qlfi^ dow feria nwUlXi^ri dffrefis^ 
Si éji/in qfiei grimtMtmi Fifien^ , 



Digitized by 



Google 



Gioì M^cia Ciefkiwbtni. i x t 

. Ttmoffùi^ quefiét g€PKÌt f^iffd--: 

ehi deft^ dvrebke atUi^é ^ in breve d Mulir i 

€mngett émpri- ^imfU ififtretu fchierd , 

Che-mmia s iiiji Mi^é^lierdTfieicéiNtol ^ 

CA» d0t$0 alerebbe: MnérkmreRomd aUersr 

Mè$ che nm jmà^irimief unim ,- e t/enr ^ 
Pbcè^oonaco qocM oégt'ammi di quc'primi Pintori ,* che dui HéfVo^ 
fe> coii< etri «gifno lo ftud io* dcMC' buone Ictctie promov^vano » altri 
tobili ing0gBf coiTHnoflis $a tffi oon^gran defidcrìO'(i<-aggfunrwo; e 
Valcrut gescroficà motkto a. da» loK>'in*più' ampio y e comodo luogo 
bcafgao" accoglimento. Riufciira* peravveiKova aagufla la pianura di 
. ^1 pictoio-Orto r poflafiit Giaokolo per- lo nomerò de' Paftori r 
ibe ogn» giorno citfceva* '«^perhocbè r <iopo d'avervi fané alcune ler- 
itiliri» adunanze » prefeio oonflglfodi aiTentacfene r Mentre dunque 
Mofiivaoò d^ portare altrove la lor fede » TAb*- Girotoma Mattea Ór- ^ ^ 

tei ,. £>ue» di Paganie» aprii Ibro» eoneie adiro nel fuo magnifico» ' 
6iacdìoD fuH^fqiMtttio Mon»e pnedb* ii Tempio* -dedicato ai Vincol» 
M Principo àé gli Apoftul^.* Bella fa> ptrcamo vedere gH Accadi fare 
alior paffaggio dal Gianìcoto aU^fifqutlino.. Ampia apri loro la ftrada 
ii generoTo* Goftodt ^^ che ginne avanci* » tutti* » dietro* a fé no» fola«> 
flMiice i^Paftovè gttidamlo >. ma utia> liceità conmiv» di nobili» e doc^ 
ie«perfone,»le^q«Ritòrrétte dalla novità delta' poc'an2Ì fondata Acca^ 
éemià > <^oA gran' piacer^ i\ (eguirooo •• Coiafsù-. ^untt i virtHofi Ae^^ 
caMiMci tfta i^ibhe Piarne ^ che fon e(»cona^aÌ colte y ebbero* apei*^ 
IO ad* loro .leeilesac)« «fercizi- vago^ Teatro r « foircrbor» terra feden^ 
do .triibrémmcò gli* IMitori colla prontezza r e foavitidel canta 
ia" vihuafe>^<liveftimtnto ^ f ipoftandoBc ninivcisral lode y ed ap*^ 

Eran<r gi^ dot aofbi'y die ìm Jgi^ Regina dr Svezia CrHIioa'^ Alef<^ réoM^ 
fatdr», ji»eéi^in Lèttere ^^ or le Sciettee tutte fiitotio egQaknctUe pof-< 
Mate*^ è ptovenes tva mancata^ ili^qtieAa vita i E& oh fofle pur Ella* 
mto'vif&ita^, che ai^(fe veduto' nafcei^ la nuova Arcadia / QueOar 
ceitamebte «vrtbbe avovo' ^a- gtorìa- dì effere onorata tlafgli aufpicf^ y 
dal-fìivore» d^Va prefenaa^ e dat maraviglioro intendimento dell* Aa- 
gaftapDbmKlr. NttlladtfUenO'VoHepo gli Arcadi fegoare oe'Iaro Faftiif 
wartofo Nome di Lei fottoqdetio'di BafiliflE»» ficuri, ohe s'Ella fe(^ 
il Attiatpcteatrioe delle «obilt' faticber da eflfr cntraprefe p^ la reftì^ 
tarritaìfte^delle^kttorte an> ai primieeO'^rò*Ìplendore) beiraltror'ched» 
applaufi^e d» <ruAic^'xÌont avremmo vedurr i chiari Ingegni genero^ 
■nMmrpflomimir conia: aocortaawmepoiitò^ il iaggio ^litilo ^atlo^' 
chèdifle. 

M§sfifpeB^refvh)nt^*RijtH;ffklité9reft Utenf.Zeemer 

Ppétmié néff veces t* no0 rìtflkd^iond videtsef»» Sne^tJ 

Qtttnttvgli Arcadi fteflì,-( alcun» dc^ quali gii erano^aferiiti ■tlla^^»^-'**^ 
Koala' Accadèniià dtUa iteffa- Rc%m»):pei' ferbiffcogn'orpiù viva la'^*"* ^* PHf^ 
iMoaiùiktelle giocioAtioìattfc dèllar medèfimas^ Irtr^cirono al Re»* ^^* 
^GhirdnKy]! aniwffa al Palm^ Mari fotla- Via. della Lungara^ off 



Digitized by 



Google 



ila. . Vitx DdCArc^etff : 

lungamente Ella viffe >. e poi mori » ceiebrandoae ^ffi eoa YacboCcaflk 
li i Funerali* Tra gH altri > che vi fi udirono» fingplàre &iT Egloga; 
MtomMnn hi. dal noftro Alfefibeo latu' v « recitau tofiecnccan Alpaga y ciSKenoa 
Amigont Ab. pcc la^ fua' parte >.iiuicolata» RàfUiffÀ^ ìn'j^\\oKffmaoto'9mt!n(> Ino- 
CAmMlàoUft:, go incomiociò- rinduQria^ de'kiovelli Pafioria: fortiitre im pitciol Tea- 
tro da e(fì chiamato Qofco Parrafievtl qiMilc per ftìtora aitro iioiifu» 
che un Tempi ire rìtondo foOo» entro il quale la gira (edevano y. eo- 
c 1^ M^ "^ '^^ rapprerentala defcrtzionc degaate» cèejie fi^ce ti fiMectoNi- 
iVrTut^t liliQ jn una fua Egtogt. lattoa- nel ritorno >>cbe fecero gli Accadiilair 
796*. ' Efqptiino 9 pie del Giaoicolo., Ivi», a die vero», fecero d&pitty che 

mai pompa deMoca ingegni», mercè della: iockftiTft cura ddCnttode 
Alfetibeo» che nuovi». e Va^hi argomenti», fu cuiampianttate dìfcor- 
rcre». loro proponeva» indirizzaci a oìoftraré l! eccedenza v cckH pr»^ 
^tto de- gli efercizj di lettere » die gli Arcadi profeAEtiv^aso ». Tal^ fiisl 
ragionaoiemo del Senatore Filippo Boonarioti Fiotetìtìoo>.dèt^Lieo 
MantflDco ifiaoarcu>< a varie applìcafttt&irde gH Arodi ^ ^nl prÌMÌpb 
M¥ùf,] delirati qualcycosf difle per £ar odore- al BùSro .Alfefibeo* E^r^nt^^ Ibvb^ 
AycMéi- M.i^ra^ cifc ha ^tlc. €c/e n^flre il di/irmiffimm Cujlùié^t iì ; hcut » eglk ik* 
t^Sf 1^7- Iti ^itifio dmemj^mo B^fi^^tha nm ffmndB tife fsciU^ ma te pmfir^ 
crr». che ili fotefftro* venir in ftnfitr^eHuÀifft^ tifignerebki. tmer fih 
Kjenz^a », ed ubbidirle » Con altre tcama. (lima, di lui parlò parimeme il 
CavalterGiuCrppe CàfcinaPirana» detto LacrìtoScot anco fui hdprio^ 
cjpto d'un Tuo ragiommentO'dell/àlodidellacoiklfzioM^e ddlaPtef 
fr^. digll^xófc* faeton c (pcziatcnentc de glrtAccadi>. -Mottbi^AiBt^r M^gmd 
ArcMdé tp. r^cwméinda del noflru. Cuftode AUfefibeó mi Mue^ÈMi if^r v « nPÒitifim e 
fsi, 116^ ^ùrttiofi^mi. P^jhriy im fiiQfb fvefiM cetekre-AdKmàii^nfjgvdlÉn^ 
h pttchè Éorfe dal principip delia ntiova^ Accadeniar takitti ^ S: ^gno* 
ranti»rò malevofi dicevaoa». -co» akctere if»dis^ifi^$' PaAoci di efla», 
oon appactenet loro di volerealsare iì canto a>(f»iÉre:toiCa<k della na^ 
tiira».rAb*.Pablo della Stufa Fiorentino col -configi io* dello- fte£FbCu^ 
ftocfie Alfifibeo d'otramebcr». exlxbq^ateaKfice;r6r vedere^ iti no foo 
Qobik difirorib », che- a i Paffor ixl! Artadia^ qqd^i Idoatéoevole «rcaettar 
nei caiKa argomenti gravr ^ dòtti ».* e (nblini $ coineiti'.&iti li tt atti' 
tuno^ it che abbUlanza'dìmoftranorfle Ptio(c»;é le Ritaieiord'». poTcia 
16^^- pubblicate •. Pec la qaal co£a ih celebre fienedetto^ Mensifii >. detto Eo- 
ganio Libade> s^'indtifle ancU^egli a moftrar ciò in^ ima fna; Aròb». 
che poaa il titolo». UArcndia refiitMtu altAmàdid^ neHatqfuate h 
I^^^fl ^^X^vedere ». quanto fiano onefli». ed utt Irgli efarcizj ddla. nuovaJlaoadta *. 
Ìmi i e'* '* per Id quale inrrade una ermmté^it criniti A d à t té mm y ckt fegUenàefe 
i^X^ 05, r^. ^^^^^ ^ pMnief^Mle. àri^U ffefém^i av^ééwnt jéacmlemtedt fdm% 
$d ÉftrcitmuU'Cingtffn^ |ra# ifim imnceniivéiUàìi: M'Cf^tff^^ ' - 
Imento* peccfò IT indefeffot Cnftode: i^ ftibìlirela2nnov»leftecatìit 
Adunanza ^. ftefe alcuni avvertimenti pe^: buoa* regolàmeoco-dèUai 
«. . . ^ . medefihia ». avendoli prim»<omutucàtfA^>n^doe -de'-pfÀieìpali PidiDri », 

Eoeto » ed. Uranio ». cioè ^ col Principe Do» AncooÌQ O(eobom>5e coti' 
Vi9€t$ni€^ LoQCiro*». eiiotm Pr^uftodt ». c;ptne aìMoitab r doCtiiPlrirt 
*é\} ^ Cado d'Aquino ^ e: Nicct>Hr MarftrPallayieinQ. «^ CoAikt'antedM^^ i 
* '* cooi. altri de!puaiiArcadr>i parerti de'qiHdiafobiii^ potiia;igliraff«* 
ftcf L9K»ti ftcdi iofiemc'cad:re(lQ Jflr<^«i(lettò[:> cH»mpil^.èrti ^tta» 
.;ì,' fttiflfe 



Digitized by 



Google 



^iax Mario OefciinBenL :2.x) 

Icriflc H» M t^l^tCodtce rtqpamcme ornacoyiin cui approvata^ chefii 
dairAduoaAM lacdo^lazione deYudckcti^vveniroeDti , gii Arcadi' 
tucci li forcrìflcEO cò'f raprj «orni i^aftordi ., ^e tic giurarono la j>ieiHi 
oflenouiu^ ^ 

Crcfceva In tamo la fama di xiiMfta>.'e infieme del fooCuAodcpet 
le più IlluQrì Citcà d'Icaita^ e gii «omioi <tocci, e leueraci perqoelle 
fparfi gran defidefìo avevano jd!aggiunser(t a i Paftori d* Arcadia > e 
d]aver loro Coaccadeniico 41 CuOodc tfteflb^ Lanciando qvi ora di 
dire» Goaic gli Accademici Xloncordi di^avenoa '^«n pr^io Aima- 
fono d'arerlo rtaeffi aonoveracot dirò, che qttinJi a lui , e iofieme 
a Moa.fignor Sevcroliv e al Xv^détto Leooio venne in penfiero di de- 
dur le Colonie Arcadiciie in alcre Città, non ranco iper Soddisfare al 
bqpn genio de gli Eftcri verfo la tsoflra Paftoral Repub1]1ica ^ quanto 
per confervare la Tòfcana PocGa ^ dove qoefla ù (offe mantenuta, 
ed aliresi f>4;r riflorarla do«e datta barbarie del Secolo XVII. fiifoOTe 
pcrdfita^ Là prima di qoefte fu la FamatA d'Arano -, per la fopda- 
Itone della quale molto fi adoperò col Crcfcim^eni il chiariflfimo 
Franccfco Redi , gran RiBorarore della Poefia Tofcana , non ?fola- 
menre nella fua illttAre Patria ^ ma «ziandìo per torta 4calia; al di 
cai valore , ed iromortal memoria il Crefcimbeni fleflfo in molti 
locghi delle Tue opere ^ e rpezialmenie nella Ifioria della tolgac ' 
Poefia fece elogia^ dal quale chiaramente apparifce quanto grande 
amore qoefto famofi> Letterato portò air*Adunanza de gli Arcadi -, al 
giudizio de*qosdi non ifdcgnò di foggettarcifaoi Sonetti prima , che 
dati foffero alle ftacopei e le fue lettere al iioftro Alfefibeo da lui 
indirizzate ben fanno fcocgere qoanto e TamaATe ^ e lo ftimafle i 
comfNcnfando pofcia il Crefcimbeoi tante dimoftrazioni d'affetto , e 
di Aima con alzare al defonto Redi Lapida di perpetua memoria 
nel Bofco Parrafio, cbe fu la prima, che alzata Coffe ne gli Orti 
Famefiani* e Tunica * cbe per (iiigolar pregio <lt gli (ledi vi rima- 
neflc. 

^ Due luftri eran già corfi , da cbe egfitidn aveva ia dolce Patria 1693. 
riveduto 9 coU dunque per prender foilievo delle . continue rfacichc, 
e per dare a gli affari doméQici provvedimento , portofli nell'amena 
Stagione^ dell* Autunno • Lietamente l'accolfero i gentili^ e nobili .' 
Cittadini , a'quali tanto ooor ridondava dalla erudizione di lui , e 
dalTalta riputazione , di'erafi egli in Ruma^ e.in altre nobili Qrtà 
acquifiata • Sageio del /no valore diede «gli neli'Accs^demia de'Ca- ' 
renati della fua Patria coli' erudito difcorfo , che^vi fece, v-et:on /altri 
funi poetici componimenti. ,..cbe tra l'ozio di quella dimora., produf- 
fé, e recitò • Qiiindi facilmenre gli riufci d'introdurre il buon gufto 
delle amene lettere , e particolarmente della volgar Poefia ndla fua 
Patria fieffa , già da molto tempo perduto ; e per ciò fare con mag- 
giore agevolezza, e Aabilimento vi fondò una Colonia Arcadica^ fa- 
cendo fcelta^é'migliori ingegni, che, allora vi fioriOero; £/tr/4 chia- 
mandola , dall'anctco nome «della Città • medefimau 

j4a richiamavalo Roma ad imprefe maggiori. Circa ^ezza Olim- 
piade avevano ^li Arcadi farro rfoggiorno nel già detto ameniflmio 
Giardino» delizie un rempo delta .xncAtovataiRcgina^ «ffeodone Loro 

fiato 



Digitized by 



Google 



Aa4 Vita dell'Arciprete 

ftìco cooccdtito Turo dal Marcbdc * Pompeo Azzòlhu % detto fra gR 
Arcadi Decilo ^ Erede .della ^gioa Aeifa ùtm men nelle (ubante, 
idie nella grandezza dell' aotroo; e da Don Livio OdeTchalchi Daca 
di Bracciano , decco AquiKd » che vi abitavano ; Ma poiché qoefli 
quella &^gia abitazione abbtQdonai:onOi convenne agli Arcadi ancor 
^partirne » e carcarf altrove più fermo Tìcoveco • ^l4offi perciò dalla 
fama de gli Orci Palatini « oggi detti Famefiani, ove regnato aveat* 
antico Arcade .EvandrOt dal di cui figliuolo PallaoieT quei Colle Pa- 
latino era decto^ per mezzo del Conte Francefco ^Felini ReGdeote 
allora del Duca Raouzzo IT. di Pasma in Roma^ fu loro facile d* 
avervi ^ito.» e.d^aver comodo di trafportarvi gli efercizj loro Ict- 
cerar) • Apprefo la ^lendida magnificenza di Tua Altezea Sereniflìitia 
. fabbricar fe^ce preflTo la .fontana de'Platani un aflai tiobile^ e maefio- 
fko Teatro di più ordini di /edili ^ vediti di lauro « in mezzo at qua- 
le di pianticelle di Buffo formata era la Siringa^ infogna d'Arcadia, 
la quale col vegetare delie verdi Piaote vivacemente crefceva^ Ol- 
tre i verdeggianti fediti t che intorno intorno al TeaKo efan dHjpo- 
fti> a tutti comuni* altri in piàeminetKe luogo tran formati pctg^i 
acclamati Paftoci» ed altri fuori del Teatro in luogo alquanto rcleva- 
.to iuron compoOi , ^e desinati per quegli Arcadi « die nel <anto fon 
più de gli altri famofi ; per la qual cofa egUno fi allontanarono dal- 
la primiera loro feroplicità , e dalla eguaglianza, che tra di loro per 
Taddiecro avean.fentpre oflervata. Di quefto tx>bil Teatro oltre ciòi 
«he ampiamente fcriflTe il Crefcimbeni medefitno nella fua Arcadia a 
czv. 17. della feconda edizione , il fopranominaro Leonio fece deferi- 
zione con paci felicità , e leggiadria io ima fua Egloga Latina fatta 
'Carm.Arcsd.idQtme » e recitata con Monfigoor Leone Strozu -nello fteffo Te*- 
P4r. i./^i.^ro, uno fotta nome d'Urania, >j'altro fotto queUo di Nitilo« Ferri 
^^>* eccelfo^ e celebre Juogo ftimaronfi molto (elici gli Arcadi » e il co- 

mun loro gaudio per dfi tutti fé altamente palefe il cbiariffimo Ak(- 
fandro Guidi in quella fua Selva» intitolatati/» Arcddh in ^#IM« ca- 
tì cominciando. 
tome ' dtfti ^ ^^^ ^' /ircadia foHundté Gente ,' 
^rcad.\om. - Che dope rettdeigiar M dMia /erte, 
X. its^. I36, Sottra $ CeUi Romani abkiéim feggiemei 

£^oi in tal guiCa cfaiudendo ; 

>Or mMve il guardo mi Palati ne interne^ 
Del nejhra Arcade Evandre alme ricette y 
Ed eh quante nel Cor Uete f off ire ! 
A te verremo , e gleriefa Terra » 
Celle Ghirlande d'onorati verji; 
£ di letizja, e riverenza grani 
,Orner^m le /amefe ombre de gli Avi^ 
^ D'anno 4a anno più volte laffufo andavano gli Arcadi ^irecittt le 

)or Profe , e Verfi , facendo lor guida il Cuftode Alfefibeo da rotei 
amato, e riverito non tanto pe I fuo fapere., quanto pcYuoi manfàe- 
ti coftumsviAficchà dihii cantò il Guidi fteiTi^.in un aJtra -fua Selva 
ivi pag^ 145. intorno ai colhimi d'Arcadia io tal gui(a« 
Sol di Saggio Cu/lode altri J!oftiene 

Vétmà' 



Digitized by 



Google 



0»i vjKlarjd OefcW^ni . ui 

t^40Ml ^W0^ lei mmf Ititi ttgkU , ' 
£ rifodar facevano il Palatina ccAom 'Ganti ogni ratta; cbe-olerapo 
dal Coftode correfememe àvvUati ^ per telebraryjidifkiù Imi» ttìor 
tenni > (iccome il dotttffittio Padre Aleflfandro Borges Minore Con^ 
vencaale, Pcc^eflbre aUoca di Eloquenza notrArchiginnafio Romano* 
e poi di Filofbfia nella Univerfità di Padov;a , ^e finaimetic^ VefcovQ 
di Catasta, in una Aia^Eglo^ar a no! ifanintema.» .ODOidiat;? 

. jtttéi. f^jdmtiak/mnmfwtt.aUmimt AÌ0i^.é * * * j^cstm Aresd. 

S^luerc'iurt m^ffes fflemnia V9ta <pÈ0tÉtmns^ 

Aveva lane&ra Adunanza fin dal >prtncipio ftabilito^ xbè nel com«- 
puto degli anni fi camnahiafle per uia d'Olimpiadi \ per la qnal cofft 
il CreTcìmbefli fabbricò un'E&oiende ;perperna*coll!ttflj6anz^ 9 ed 
ajuto deir eruditi ffimò MonTigUAre francefcò Bianchim.» detto S^ 
vaggìo Afr0difio4 flodi^njtofi Ifim TaUrodi ridurre r&nno Olimpidia* 
co a corrirpondere all'anno Giuliatio % come fecero MUtotno.a.cbt 
vcggafi^un dircorTo polroàto,dal'Cre(ci(nb^ fteOé nel fine della bre- 
ve l^>ttzia dello ftaro antico/'C moderno d'Arcàdia ^.pag. 43. 

Molti dotti ReligioC orano gii' a 4McAa;nuQya Adunanza afctitcì.) g[694. 
alcosi de'quali dcfickrofi d'infl&bduvre Aelta Relij;«Hi loco'ii buon^u^ 
00 delle aaietie*;l^cce.»\p«)CciiracoiìO; a (utta.iof pofiadi, fondare 
rca.e(R una Cokmcaj^reodioa^^JE primi i che un tal. igeiiio aieflbro» 
ftaòAo i Mnnad idi CiAaUolj^; i quàllnel cokfenet^lor MenaAico di 
CUflein Ravenna /andaimno rpec Ja Religion.ioro laXjOlonia Cémsl- 
doUfe > tra i. fondatori (della quale celebri fono i RP. Abati Romano 
Meriehi, Floriano Maria Amtgoni, Guido^randi ^ « Pietro Canneti. . 

Né fol toqf 9 gU Ordini Kriigiort^: mai Collegj de'nobtliOimi J^P5* 
Gwftaki, ^:.aUi>.CQllura4eHe buone arti 9 e delle foitnze fonoap- 
ftHcati fijcnttciotfcffo od aver. Inogo perpem»,tra gli Afloa^i^ al :buoa 
4tB0tidf i« :^quali 'per foddìsfàseè ^fuj lorrccwÀifam iino^ ordueUiogin 
de'rifervati per uno, o due decloro Collegiali ,.cketraFgli. Are adi tut- 
to il corpo del Collegio rapprefentariCK^eìqt^BdiRàpprcfenratti^e de- 
nominate fono le loro aggregazioni , il quale ònere prima d'ogn' aUro 
vanta in Roma il Pontificio ^Coilcgio vGtemen^ino.y la.dì! cui Rap- 
prefentanza è difiinca col titolo di SttékvitgmH^ 
^ Ancorché rAdunanzafcelta avefie per fua paniaplaceinfegna la Si- 
ringa di fette canne , cor(UM*<di I^io ve di Pino:,' fimbolo della 
pd^ta aonnnia^Tepn ìz^^f^Ac TAdynan^ia Aeda góvcraafi, e Dmbi)- 
io aUresi delle Poefie , Eroica» e^JiaAorale» non aveone però^Sn'ora 
avuto l'ufo il Cufiode » al quale pofcia fu dal comun Cpto degli Ar- 
-codt conceduto di^pocer ufare l'infegna medefima, si (emplice» come 
anco mefcolata coll'arma geniiliziadi luit 4aél qual tempo Monfigno- 
re Leone Strozzi > poc'anzi mentovato > tolto dal fuo preziofo Mufeo 
un intaglio di Corniola., nel quale ;^fcolpHa rinfegna fteOa » ne fe- 
ce liberai dono al Cuftode, che pcà.la*/e Icglarc iti anello^. 

Ma era ormai tempo , che il Crefcimbeni efponeflfe ailavpubblica 

luce alcimi di ()ue*Poetici componimeli, difegli fin dalla iAicuzione 

dWr^i^ j^v^;,^tyi;j..4j^nflt non già per voler proprio « ma per in- 



Digitized by 



Google 



%U Vita. OeH'Ardpiec^ - 

fittoazione de* dotti amici pubblica una (nar Fav^ Paftorak , ibticO' 
lai» l*Elvìo« 4a kri dedicata a Oocioa Anoa Beatrice Carrai Sptuet' 
Il PrifK^peffa della Scalea , detta uà gli Arcadi Aasataoca Eleufioa» 
la 4|iial Favola Mifimkcmc « e gÌDdìzì#faaiefite fa da Itti pofoia cfa- 
cni&au «el 4|iiìiitD Dialogo della Bellezza della volgar PodGa» di coi 
« ftio luogo il tona éjScQcCom 

Merita benciiioB. poca lode liCceCciaibefiiperdectafaa Favola^ poi- 
elle non crovandofi nelle atoui Optre 4rammi|riohe ^ per quanto fi è 
oifervato^ mai perfone 'vece vìventi introdotte > né atcona Palbnle 
f eiTiita colle regole ^lla perfetta Tragedia> egli fcravventura i dato 
il primo ad introdurre pearfone vive nel foo £lvio >» cioè alcuni Pa- 
fiocii ed alcune Paftorelle Arcadi vureoti » pmcotaodo d'accomoda- 
te la fenpUcità dello ftile Pafioride alla graviti del Tragico» ia mr 
oìeca % die voo aon cuvbi Valilo . Pdrlodiè fu legantemente lodau 
dal Carne BrandaiMoVenecofi Pifanot. detto Nedifto Collide iaoaa 
Ina cansone al CoAode Alfefibeo iadrizsatai loietita oel 4* Taon 
4leUe Rime degli Arcadi pag^aj^u 

Appoefb -diede aUe llainpè le Tue Rime» da tei ofiierie in donoi all' 

AltexzitSereoiflioMt del Principe Antonio» oggi Duca di Parma» ca- 

awcchè fofleeoUlori eaccolti negli Orti Farnefiani» ne'quali» comcs'i 

detto ^ il Duca Ranuaaio IL ^ lui Padee accolta aveva rArcaditt e 

pofcia ilDdca Frattoefco, fratillo4dd Regoanieqggt Duca Antooiot 

ve Tavea cooferauta.* Ddle quali 9Juxiic ooO'OCflorfe qui altro dtrci 

fir non che ci additano l'orme éoi'due ^an leseti « Petrarca ^ e Cbia- 

bfera » i quali /egli nnicampote ptefe ad imkace » ficcome nel ptoe* 

filiate deYooi Sonetti fi pioiefta egli medefimo» con dire • 

Rim. Cn^ Sw di Fièra $ Citim^4 M Smmfs^ 

fcimb. IH. u Soggiungo altresi» che fé per le lue Rime laude» e ^oriafi acqm- 

fsg. u Edix,. Ai» confefla egli fteflb d'averne molta ^obUigasaone al 4cfi^a nomioa- 

3* to Leooio» che gii fu guida » ed etenpio snella imitaEUQne de*Tofca- 

ni Poeti ; il die leniadramenté e^fe in aur foo J)itiinn|bo $il^. 

nio fteflb in tal gcwa« > ' 

39i» Pr9fttd^€ fida 

_ De^ift wrfi^ e chUr0 e fimfi $i 

Onde anch'io 4éUmr dalPArno 
N§nindairM 

MH9V0 il fil di glma al Tmpto^ 
Ivi fsg. i93« A cui pofcia cifpondendo il Leonio i'onocèdi qmÙe tmUBmt Mi 
Di ^al mt0ua am i r$fi a a/ftrfi 
Feuoinrfi 
Del pmfè Alfe fiMk 
^ W^ ridiro in fmet abmmè 
llfor^ 

Lamjfoui^^ f^^fipf^^ 
O chen^rH U dard0é9lfé$ 
Di Ctéfido^ . , . 

O il valer ^i^/emmi 'JBreii 
QsAnU Niccolò <ifogoari avendo UncoAfidOBato» ed atuminii 

il 401- 



Digitized by 



Google 



Gio^ Mario Creicimbeni. txy 

a coito ft9e del Crd]pswbco> nello kùtttt TofcaoafìKfice» TaAnove» 
fò tra quei celebri nacnioi > che fot fine del Secoto XVU. cokivtn> 
iK> » o per dir megtio .vtfloriMmia la Tofeana Favella > e focaii queftt 
da l(?i rifcrici nel fua ^ifcocfo di nuova mvenzion^v^ Segni » Redi» 
SalWm» Fìlicaja» Mafatoccf> Bellini , Marchetti > Gnidi ^ Manzini» 
Gravina > Maggi» De Lemene > Or/cimàem » Car^ciò > Moaiglia; 
vegga& al f3glia i;.. detta Edizione iati a io Ptettia ló^é.. 

Fìdou fa paftpffale Adunanza degfi Arcadi end mante nota ntU» 
fua primiera» e-natita innocenza» nà eoi vincolo d'alcuna tegge era 
aftretra» ma fol tanto recata dalla dilezione cTakuni awerciiseiifi» 
come fopra dicemmo » raecoh i dal Cnftode ìùma Còdice » ebe dal 
tempo » che queHi erano ftari fiuti > prendendo il nome > Codice <^ 
oro fi appellò . Poicliè adunque mance Taorea ecè nella paAomTeRe*^ 
pobUica» per te di(Ieofioiii» che iocoaiaoctaRMio a forgiti^ «ea i ptin«^ 
cipaii Paftori ; non baftando i foddeai avi^ertìineiiit a coofecvare. V 
unione dell'Adunanza y fi venne aU'ordinaziooe delie leggi» dal O»- 
fiode ifieflb eavare da i medefimi airvertimencr «. E perché Aabili » 
e perpetue fodero » e da rmri venerate » e teoMiie » fa ritbtnio di 
fiurle pubbtfcametice rogare net BòTco Bwrafi^o » fegueodofi in cidi U 
coftome degli antichi Rimani > nella cui lingua iurono flcfer coft 
maeftà di fìile proprio di quel perduto Idioma dal rinDmaiìakiioGiao 
Vioceozio Gravina » e da eflò poi anco fpiegate eoo pari ctonrioa^ 
Cd eioquetna in una Aia Orazaooe latina / il che fegtrf ^^'^•^'^^opmfiHÌ^pse^, 
Maggio 1696^ nella pfomnlgazione Mtc qualiy fatta dal CoflkMtrmev 195^ *^ * 
defimo » coVoci lor favorevolr concocdenieote concosfefo ^liAncadi 
radunati» E qui per ttveffenza di quefte Leggi » fiatàt lecito eicoct^ 
date » e ridire ciò» che per la promulgazione di aOe cantò il ^ftao» 
ntaaco AlefiuidBO<3uidi^ 

Or priricafrilfr4P$09 'M$m, iggli 

O fimif Jjigti ^ éUh ndf€nni if9^y . Anmi^ t$m^ 

£ iti Aruiii Fstfmr fw «MIT frmàiHz >• ^» »5«^ 

ìTbì Jk muwm itbmùtéir f9NU 

Lm fi/cd » e étMiég tute i 

Sttmnmf^iftn^/fréipun'éSétdiJfip 

Ncfira immte tmrUftmtrt viéqp^ 

Ed ArcéiéiM vtdrifit 

PimM; fih dell''§frtmF€nitrétmÌ€Ìif 

Or Vói ffltnètft ài vìpìt MejKr» smkbrp 

Cht ft imdMpalfe U Féttm 

A ncmmt i felidL Imfiri ffiri^' 

Scolpite poi furoiio4e flfeib L^gc in dna gnMi tavole di Aitffm^ 
«anno » e collocate negli Otti Faroefiani » ove atlota il Bbfco Par^ 
tafio vetdMgiava» (oprale quali tavolr imntanBoalcresi eraimalzat» 
la cHebre Stringa di fette canne ciicondata di lauro» e di pino» 

Indetto BofcocMamatt dal Coftodegli ArcadiD; radanamMio» mal^ x6$7^ 
An amuac negli efiin giornia recitarr ftofe» e Verfiii e febòcoe fofr 
k in liberti dictafeMor co«vofrc6riioaUifoglia anoameoi; i|naado 

P a però 



Digitized by 



Google 



iz» Vhf« Delf Arcipréftf ^ 

però fi fefltf prerentata occafióne di celebrare i fatti di qìi^fdH^Cìroe 
allor famoTo, a itrpace» o ìft guerra", era^i* tra* i Paftori » chi pitrt* 
dera a ce4ebrat4f cot camoj tkcome appmto feeeH noflro ftifefibe&i 
che coti tim bell'Ode celebtò il valere àeì Principe. Eugenio di Sa^ 
vò)a^, detto tra- gli Arcadi Eralgo* Ermioneay perla- tittona riportar 
w de*Turchi lungo il Tibifco-, 

Né folameme in lode degli* Arcadi defomir ma eàiatfdfo in lode 
degli Eroi più iiluftrr-, e rinomati ebbe -, ed ba in coftamc la nodra 
Repubblica di celebrare i Gkiochi Otimpicr', pàrritolai^eme fieiU 
rtcmovaiiotie d'ogni OtìmpiiKk > il ^tiul cofiànte ha ella prcTo dagli 
Elei amicbi popoli dtl" Pelopoiìóefo i non gtà per efercicare io detti^ 
giuochMe (om del corpo» come quelli fecrvano, ina bensì le fon» 
dell' ingegno r cof meszo di cinque Giuochi Poecici*, nel primo de* 
quali fi' eomengono brevi Ragionameaù , nel fecondo Egloghe , od' 
terzo Canzoni» oti quavco* Sonetti , e nel quinto Mihlfigali » o Epi^ 
frammi V ficcoroe da r* fin ora celebrati « e pubblicati alle llanfpe fi 
ptiòolfcrvaffer dp*che aot^ fiam debitori aH'indufhva del noftroCi^ 
llode 9' Tempre intento a trovar nuove maniere d'ordire componimeip 
vii e che l'altrui gefie^illaftrafleso r'é inficine, ai noftri Arcadi gratf 
fcma arreetiffero<* 

Studio allor di qaefti' era d'imitarer nella ttritaToftatra Angdodi 
Coftanio» Rimatore chiariffimo del Secolo XVl\ , e di promoverde 
cùandio Ir imttaisiooe , giacché pochi^ o nifino nel Secolo XVII. co* 
oofceva la.incoii)parabite maniera di* poetare di qucRo Autore • Tra 

£i Abcadi , che a taleiiodio attendevano ,• it dottifilimo Vinteozìo 
(OHIO 9 dr coi altre vtAtt abbiam fetro-- menzione « fe peravvemant 
ti primo, «vendo egli in^Roma prima d'ogn'alrro (coperto lebellent 
del Canzoniero di Coftaozo • Ma perchè le Rime^di queftr erano ia 
varie ^ e rariffime Raccolte Tparfe > ed in oltre , non tofti potevair 
- pen^rare la: loro bellezza rp^r i4 peflfi'mo guftcscbe dtnnitiato aven^ 
' qnafi per tutta Italia fino a quel tempo/ quindi l'anito 1697. circa il 
roefe dr Settembre rifolvettero alcvtH Arcadi ài fav liAamjxart le Ri* 
me di qaeftoiafigoe Poeta, il lufirato d'opportune aonotaTTicmi. Quel« 
li, che a tate imprefa appaltarono > ftifono*ibfoddÀto ILeonio> il^a- 
rooe Antonio Caraccio , il Canonico^^B cn edc ti o Menztni ,^ 1' Abate 
Giufeppe Paolucci^» e l'Avvocato Gio.* Battifta Felice Zappi v Filtpp(^ 
Lcers , l'Avvocato Francefco Maria di Campetla, TAbaie Pompeo Fk 
gari, Jacopo- Vici nelli» Silvio Stampiglìn •, e Paolo Antoniodcl N^ 
R), Letterati tutii de'ftincipali di^Romn:. S'adunavano quefli'digior* 
no in giorno in cafà del detto Ab.Paohicti^dt coTe letterarie fra j6^ 
tt> trattando, e preferoconfiglios'e poftfeVnia rMblimone ^i obblig^ 
re ciafcun di eflf! a fcicgl tese qualche Sonetto del Goftanco-, e por* 
«a>i& iihiMrafO:d^dnnotazioni'a fesS^^ ^^ eòmentar)» o letture, il^be 
<k>veafarfi ogirì giovedì dar un di loro ^ il primo de'quali ftiilmrDto»' 
vato LeoiUo, che tnqoel letterale eonfe0òport6èQdottf(&no«D0ie& 
to (opra il< Sonetto.'' ^* 

Mancée^an frin$M élm^ft i f^i\ » l^mfdk •- 
Con tale urdore fi die principia al l^apiefa, abbcncbd porper la partefr* 
tta d'alcoMdìque'Lcciecatcd* 'Roncai: e jier la^occupazione d!àlm i* 

cofc 



Digitized by 



Google 



ceftA maggior rilièvo r rìmanelSe' l'Opera impclrfevta' • Nolladhnesio 
il ftrvtdo npAro Crefckiibeni , a cui in ^uel coogrtff^ cocco di opc^ 
rare rucct i Giovedì ddmeCc d'Ottobre dell' aooo fiefio « prefe Tim- 
pegno 4i cavare da quar»o Sooecti del Cofiaoto rmtco il bifognevole * 
per la Tofcaoa Lirica Poefia, formaodone quauro Diatogbi^'Ae'qiia* 
li iotrodulTe a ragionare alcuni de gli Arcadi con far kiB) icoprice P 
imenia» -ed efltcòa beHeaza della Po^fià viadgare. Piacque ai lettera- 
ti amici taoi Topera felicemente inctaprèfa > e p€tth^4^ muù folTe* 
compiuta » lo pregarono v che feguitaffe , e perfeaùonaflc una l^.Qetr- 
ca » con ragionane anche dell' altre fpecie della Poe£a » Accoctie egli 
con pari prontezza» e felicità cTegoi » perlochè pordalk preghime d&* 
gii amici flefli fii cofiretto a pubblicarla » al ctre CacB «ce anai dopo 
s* iodafle *, e quefta fo Topeia de^iOima r che poi dMt alla .pubblica.' 
luce ^ col. titola ÌM/a SeUnUs deità wlgétr PpìJU^^ diicai appoeffa ' 
pia àmpiameàtc diremo^ 

Ma.meQtrecqoeft'opQca tenevarcìpofta^ coaveanegU tadtfpeiirahil* J698. 
meore pubblicarne un*^ra» intocoo alla quale eran dleoi aani^ cke 
vi lavorava^ cìoèi'/fimis delU vfigér Poe fisi par teffer la qoale^ 
a a cofcf K fofle impedito da altri più gravi dudj » era giorno a raccoc^ 
it tee grofS volami» comeneau fopra mille Rimatori ^ e già pecmoU 
te Città d'Italia 9 dalie qiialt a lui giuogevafìo opponuncoockie per 
la deua Ifioria» fpar^a era voce , ch'egli la preparava, (ebben per tao-- 
oei)ooravcak <taw aDcun otdine , per pofcsa e^ìpoila-aHa^ucc^ Mea- 
trèadtwiaeagU'vi faticava ebbe ceroezza.pcr teAimoniamui .d!auto» 
tevole Pcrfotiaggio^ cbe in naa Città dltalia era chi ftudtava dipre- 
veatdo» con dar quanto prima alle ftampe una Amile I(|oria^ Per la 
qaal cofariToluto il Crefeimbeni di Jioniurfi guadagnar la roano ^ a 
toglier, laglooia dall'Emulo » con gra» (olkcit odine gli coomma' 
fogliar darti tolumi di oocizia ». e cominlar l'opera in ^ <libci divi-. 
Uv Nel, pfjiao egli moftra rorigioe » e lo ft^to della volgar Paefia». 
facendo caooiScece quanto nel primo Secolo fbffe ellaroiaa > «cqom 
ori (e^oodovtngraadiflTè » come nel terzo cadefle^ quanto g^ala* 
mcate cifttfgeffe nel.quaKp^ ^ come varia ^nel quinto «fiafi dimoAoa» 
ta tuoQ. a i «oftri giorni» iùie. a più glodafa rìfotgiroaato A dirpooc^ 
va t merci dello ftodia , « della, coannua fatica di .malia «nobiliffimi' 
ÌBgegm^ aUor viveatr» il cbc'x l'unico fine» per lo qaalciqnefta iAo* 
ria4^ a 'làrlirere imprefe^ Nel iiecoado libro dà giadaùo fopralC; 
Otaere Poetiche di cerno .Rimatori dofiaui più fcelti pes ordine eco- 
nmogico annoverati »' nel che cxmftQe il maggiot' «lervo dell' Ifiorii^l 
pedòchè egli ^la camminato non più colla propria opinione» checoA 
qaeliade^più davj ingegni» che io si fatte materie fiociflEero allora 
sella Corte di Roma • Nel terzo apporta i faggi de\Poeti annoverati 
nell'tttecedeate itbro » par tifcomrare la vcdcà de'giudiz) dau AeV 
dettQ fecondo libco • . Nel quarto forma un Catalogo Alfal^ico di 
molti altri I^imaMÙ dpiiMiti» degni di memoria^ de'quaU fi irovan 
Kime appreOò lui ftelTo » non comprefi nella Cronologia fatta di (or 
pta..Nel>qttioco fa im ràccomo delle fariche faicefi intorno aHc ope- 
re^ OK>lti.fieeii volgari» o da gK flefli Poeti« o da altri. Nel feto 
ioalmfntcrapppru per via di narrazione moki « e diverfi Trattati 
' . Crefc.IJl.r^li^PoefiA. Tm.ru P 3 S^'^^t 



Digitized by 



Google 



genaraUi e pmteéhtA Xopt^i'éax ipoeuea» e le 4iie (pftktf « fepttt 
compooìmemi poetkt cofcmi , e ié alcre ragioai della volgac Podii 
in grazia 9 e vaacaggio 'de'JStu4eott ^ Qpefta JOark Ai da lai dediet- 
ta al v<3can ftiacipe di ToCeua f erAiModo » ^^e U sradi cw 6goi 
di moUa Amui <came am^iameiKe itimoAra ia .di Jai iectaaaU' Att- 

XJfd appetta t|iit(l' Opera io puttUin » die eoocerbro fakkeii 
<iDQraria con degne iodi ìsoIm dthiari Scdfium « Il celebre Attcoi|^ 
deUa Calleòa di Minerva ftampeta ia Yeneziaiier 4'Albcizxiix698. ia 
£>g4io > (lemd teczo > 'pene ftìaub ^ pag. .8^ dm d'aiitr 4aco Mtx |itt- 
KlÌ3BÌadnolco "vanttig^afb per detta Iftona^ ^d altemeclattanenceipi^ 
:gato jl-conttnaco) ttoOcato f ordine» econCderaio io Aile^ rod 
«onckinAe : jMkìjM smfmmM il Sigmr C nfdm iif A fm ^tufU fu 

favéU fdfimràU 4$W Elvio ftémffté in Romèi f$t Gioì Smi^ M/lo 
%69$* i» ^9 tfotit fm jRkm iw^jtfftrri i6#^ in i^^^mwiU pim 
fmu Arile <9mi fi wooflrd SUgetM imitmoro dil Pttréotcs r Jtnct^é' 
tTAfi eofifirmaMU limona Satris Jri CUéénrs^ o tutte vémxfmot^ 
fi m gH sltri XJrici comfemmonfi . Beooff^mfi^ émqmfii jQfH^ 
io'fdociémo émeho nm fiorm rijSttwere a fàkU^m'e il firn TrmetMo Mk 
hm»0 MU vo^mr feefis « éi tnipoSm ^mjUJké Jfkeriékmewidm 
s tur. 33^. 

Arrigo Stkio Collettore ddla BiUioccca. de^ nuovi libci. ftauipitt 
la Trajemr al Roto- 1699. in ri» a ca& 695» dà un pieno ciggiuf fe 
•della Iftoridi fteOTa del Cidbtmbeni, onocamlok» c^l ciroki dt Chim- 
fimo; deUa quale por diedero jKtizia iGioroaUfii d'Olanda nelle a»* 
velie della Repùbblica letteraria Vanno lé^fu «car. 169^ » e pèìk difr 
fanmre fa ne Ài conasaoi ne H&mxxì de gli Eraditi di Lìpfiii» Am- 
pati ranno fteflb xtf99« a oosr^ 9a&^ tO«e dopo «m iUftrcn» di nuts 
Toperacorildiiut fi legge: De cetoro do3ijfimot jiulhrifenmmàoeitfi 
eridite tééerjo létudem jtétulewmr^ vitmmvfi^ nr »«ruiiw tmàjue^ ■poi 
tromittii pfms f tt» £oe potuti fterìmne feehfife màetm ^ffetoh 
mmr > «r vri epa e$Um iémiéHijfitite exemfle jNe$iems mUsm mrr 
nmntétm fmeodqm Weefm diliimtiue 4xmlettdmm^ epffqm wijpnaif 
^frogn^Jkm Mmrramitm iwtieentter ^ Madelle lodi ^ die per ^uefl^ 
•opera 4a altri Scrittori A italiani» che Cilctainonwni egli liport^» 
stireni pia idtaogp» qosndo verremo alta Tìftampa dellamedefia»* 
" Non debbo gii inialciar di dire » fuanu ^ibU^jannne profeflalb 
4^i ^ la compilaaaooedi detta Iftorb a Mon6§ndr Maredlo 5^ 
wroli \ il ooalc avendo ragonau una iiteltiflSnm » e cppiofifian 
librena dì Ihieti^panic^lamieMa volgete» in pocbtflimo tempo eb^ 
be agio il Crefeinihent A coropiBar Topera-» e metterla alla pobbliea 
«ita/ fens» il qnalc ajoto nudagevole molto ^ per ndn ^diie iaf 
/poffibile » era par eioTcìre nna^ tanta m^ef» ad on f ol Uomo » di* 
iPiedto ancbe da altre neoeSKcìe 4xcqpaaiani > «oanr egli Aefiò oeu- 
fcfla- r . 

in tante fi predarono |^ Accxtdeniici Pifiocritì di Siena di ao* 
noverarlo tta loro » «d i^ual tempo dedtcè egli al Catdinate^ FfW 
Cffco Macìa4e^cd]0ialcafK ine Stanze per lalibcrnone 4i Siena 

dai 



Digitized by 



Google 



ilgittgaroBO tct. ttt •v«#nwilovr il mo» di Mambev^lM xqd tmp^- 

di pacdcòlafie.. Ehtfii» spiale iBfigyie Accaédmiai pr^e poi il nDme Jima 

Colocìk^ Anctéicav detti» jé«àv^ .. Afi^cefla in- fiologoai eiiandio 

fafiò HOT dcHe soif^ CoKD0fe9. cbr dal SMie del i^iceiol Renov cbe 

bagfia la Cittk OcaW ,. Kmiit & an>ella •. Tale fa Ja^ flimat» cb*cbbcco 

iWF Adusansa^ de- gli Arcadii le ptù; ìUaiAry»* e dvctìe Cì^ci d'kalia^; 

|er cJi&dttc: pe£ uoitor Ur bócca* » mai' Mlotxr». ebr Hb ^al- priiKipio' 

te dt ftiMiaiiu oa», im' ^ vaièoM di ciò ,. cfaeidiar ii ooilìo «JLcodìo ^ r /,^/^ 

ÌB^ m» foo' agiaBamoKO ttcìcuo* opf Bbttsa fi^oMUìo ranno ^&* per j^^^j^ Jjf^^ 

4À(dm d^akDiie tsoft^manec della moderna Amdìa' ^ CnidÌBa«aso' al- 1^ t^x^inS 

€iiBti sbpnidMiiflfana. etfeié Aaca*i'aiesio»rdi qoeflt! Iettati ,* iqiia^ 

& r «iMKia* £aa dae Poetif fotta finma dkPàAori^ A^l^^tasfi da fe* 

flitfliv dicMiao» qpeflr ndii ad^tmaisavmbil oaccditldijcaotar cofeo» 

ak%T o* vaiNr ». o^ eomaaiie a^Baom colhHid* v a improprie r ed iinrer^ 

fiottfi^; :» ciafcitta' dì? qptfte oppofizioQè ri^^ egli eoo diipoArare »* 






m^ Fsjfm ^ wmmMti Milk Cimr^ r napfiti $telé€ jHeiniàmifT e ftjdM 
fiiiitéÈti $m hr diUité'Prd /# SHpì 4 fiirPiin JTéfifmU r nmt g€9tcii fi 
«(iìr /or» a gHtr slum^Mt^r # gmAmmur fseoirej: r cémtémdé ijff 
S or/ir ii/^ /er»' 4n#r Msttm Csmpigm dffmrtmattt^ ww prqféifim 

fmdk té t^iUd dclU P^fiM r nm cmfijfer imWdimj^ difitt^tri^ ms 
«fttr kmtii dtlU imitdtAmm r e fk tmuno S^mifm^ <0»um Jt 

ma di cnmdir enOiUfiaetti fpnù iffi cuntàrey^^f/um fmim éifr 
JftUGmwrMml PM^p^MPmffmP^^ 

jibit9r 0^ turni'. fi^mpdl$ éip^ ^ 

Mi di fi^fiir r ni éi €9fiumi WHX$:: 

Di fffidt* tfpm it Saiìk^ # j/f Elnmutì i 

Di Mr|r4 V f' dki! Cid- gUt éUti figmdv 

La magg^' fw^ir amhat 

fadeUafacreAA/i^ 
JMa mniiamo^al Creìvnnbetii - ir di luì Zw Amoor Fraoeefòo' y di 
Ci» fitasnmo* dal bct» principio nsenadoner vedendo il' nipote rotto a£^ 
fand e wny «U- Arcadia y ^ dalla> Cudì» alieno^ ,, cale lodifoecerar osò» 
cMBTcr di' iorji ci» lo coftrinfe a cercac^ ttinBa fiiori dr foaCaTa**^ dit-^ 
ivwennira' coimiffie' a^ i nobili^ ingegniv cbevtnmcufaiido-tit vilei»^ 
ierefle-r raoflfcyiolfaidenre ìik cecc^ d*òoofe r -t- dlmmortid' nome co i 
tuo pf egfadffini' fcricciv prcfero perciò* di \m cofto- compafl&Kie gli 
ihncrv e tra gli allrt* il gotierofo* AldTandro- (Saldi* Albico racccme 
aritc* he: Cmaae io Palarao» Facaefe ^ e^ per: pie me (r io* convibò' alUi^ 
Aia outfifia p aMi> di p£^ impettogli' daU» G9rtc'4i> Pbom» r a. kii? vid*^ 
aa l-abiì»Aonrii d(6lbii.qMlreetòinoni fod'oop» idi Crefejmbeoi? v»- 



Digitrzed by 



Google 



t$t Vita Dell* Ard|>tete " 

UtQf poicbc pct la mòne del àeuicrfoo lio^ cokifegal aa'tufdfoilr 
f rcdkà 9 e cosi , Ubero 4la ogni impactto \i fati yvCvgaut le fwfiii- 
. ^ in prò. ddU volgar Pocfia » e H fuo bel genio, io proiMovere i||li i 
. avmQ»iiieiiu d'Arcadia» Ma puv^ «MÉura ta^ l'uà dura era a ^efia i 
anicanieme rivoka t fi diede occafionc dì far ben prefto iaaridire il ' 
figlco I^iirafio» che. allora glorio6Bae&ce^ come abbtam decro 9 "fiori- 
.va ne ali Oni Faraefiaoié Nacque ii caTo fatale dada reciea d' alca- 
»|. vera > la iocefpsetasioDe de'qaali aodava a ferire il fculdetto Gri- 
jdi> aiicorcbe egli ófiodeAi (fimo diAntUaffe il colpa » t gtt Aceadi 
foàcto prooti a darne foddisfazìooe» per non perdere laconcionsni» 

IO Duca di fiamuii ma U Miniflto 4i 

'degnò pxbc no» vi 61 modoa foddirfih 

meaciamentc abbaodonaroo» git^Arcadi 

oKÉOj Ibrxaci ibi ramo a lanciarvi le ia- | 

I canto per metnoiia de" rice?mi favorii 

ka > imperciocchd avendole elS rkAMc 

diopo alcotti anni per ira^jportarle nel BofcaParrafio^ piaotacoy coiai 

fi dUà apprcflb i dalla KHmificenia del Principe Rulj^liAiirAvtncioD^ 

JTAlteaz^ S^enflfinia di Parma oqn volle concederle ^ pregiandofiA 

iitrbara ne gli Orti Tuoi quello tnonnraenca. Cui appnoco A proceda 

in una.. Tua teucra fcricra te quefto affare al M^belc IgnaaiodeSan 

4i< ^ MiniAro>in Rpma» nella qaale fi leggofl» quelle fteflepae» 

Tém.t.ddr0l^ : No» ertdidm^ % ni ch€ é^ N^fis hùt/éifritutpci di ma sìfp 

Sim'.dt ^•^y^gif^rd^zf^U ÈnfiimmiMZji \ nèeke in eia fi^ far imfifitre il Sipi^rfrii^ 

^^gJZuMti^^t^ J?«yH^*» ii qtuds dùwÀém^ i0Àer€ dcltdftima.^ ibédm AWoiai 

^^^ fiitta^ di q^iÙé imdi$s AimmnsLa yJs quéUtJUbd pareè tmrnu i» d 

iféui frtiifi • Tanto poi niancap ^ che* ia Ragiinanan perdei^ 4Ìi Aion 

pre0o Aia Akezaa* . 

1699^ ^^ pc^ quefto però tungafaeoc» aodorono qoi » e là ffaailngbr$ 

e vagabondi gli Arcadi Paftori , come ibrfe calano avrebbe volocov 

irapercioccbd Don Anton Maria Sai vieti Duca di Giuliana egoal*' 

menae nobile > che cortcfe di£ loro accogHmemo in nmi parte del 

Giardino accanto al magnifico iao^ Batagio filila vta^ deua^dlalaih 

eara ^ a pie del Gianicolo \ ivi conduflTe gli amici PaAor» » e quel 

Aiolo diede egli loro in ufo; ficcbè fra poco fevgervi* fi vide unTèa* 

aro io forma ovaie» in cui ia femplicicà paftorale emulava il £afio fi- 

gnorile . Scavato tutto fu^r fodtx r<ritcno nel dorfo dtUa Collina ^e 

nella parte fuperiore era elevacoper la meli deNa^ circonferenaà 9 e 

difiioco in^ tre gradini di pietra, per Tedervi affai comodi v poftiaoel* 

L'in£eriore per U oe^ante iklla cicconferensa^da uo> (bio grado eoacir^ 

eondato; damodocchè fabbricato quefto. nuovo Teatro fulle pesdidi 

del GoUe» alloKl«t dà.numerofo popolo* era occupato > vago^pio^*' 

aorai i riguardanti-, rendeva* 

.^ Pofta ivi lai Ioa fede gli Arcadr , vr- pocearomr r loro* letterari^ efe^ 
^tzfs» pe' quali la lor fama ogn-ora più divu4gavafi per nobili Citte d* 
l^aUay tra le quali Fecoara non rnlcpìore ad alcun^ al»a nella colrara 
4ellc buone Ietterei, aofioi^ di regoiarfi colle leggi deila RomanaAr^ 
ciìiiia» ebbe 1* Golonia-^ dalia. Cceà ildTa Firràrejt cfainmaca^.Ami* 
fusa poi de'paogieffi della: nuova Adunanza crefcevanQ m^qgsÌJttiBenci 
. ■ : . . . ìc Et- 



Digitized by 



Google 



Gio: Kfaiìò Crdfcimbeni 25 3 



n riftoó» (trUa vbi0(a 4i/I!r€frett , e gtàMrra lecfiiiBaia il ptinRy 
libro ci^mMfmf uo^fMoeMé- ikllo ftasi» omìoo ,= e modtnio detto 
Ciui Y < la lt«k de*. VelicQv» , ed aliti dM^ libri* tee Aava pr0(>arall- 
do y uQp^UaièrU.drgli Afctytkovi ^ r m» alno dd^ ferie degti 
£letiori« Il dciro primp Itbfo ebbe i' appcoraatont^ deit^ ^tudtfMIina 
Aof 09^^ Malia Salvini % aocorcbe qudU; Iftoria Ben fia per anro 
aUa pobbKca . luce cooiparfiiu; tbvfe pcicbà V Amoie lafciolla im- 

Scretca^ amicitia aveva egit coi» mi Cuàcm» <ld(a CiM(kA^tH^ 
uqC^ Uomo per oobHii» té etudt^m tra gii Utafttt Ttttkefi co* 
^110. Coa^fii nel flKfii d^OctobiC imraprefe il viaggio hi To- 
lama. Giuocty cbe S^taùo ho Siena ^ Vtm i dìvffe daH'attro , impera 
^cìpcc^ il nobile Trevirefe^ verfo ki Patria fm mdiiazò i conte erti 
4ii0jCcofo% il commino y e'> Crtfcimbnot in Smnm ù rimare '^ Ma ai^ 
pena ivi pofe il piede « cbe da mtfiflnprovvifn ^ e grave itifenmri fjti: 
i^ik^9 periochd mt Io spazio di due tncfi AeeoArerto a farvi dìtiu^ 
iZ3 f ^u ma gran Jone l*e0eee ftaio in^cafo^dn MarSNor Mariani C»' 
«ooko di S, Maria di J^roveasHOD eoo Tomm» conefia ^ e liberalità 
^tfcolco» e di iocti que'Aiccoiii ^ cbe a rimeicerfi in buona falote ft^ 
rono a Jui neceffarj g^eoerofamence provvedoco # Hefliiuito adunque 
«Ha rapili ft/picat^a » in imifa di Aia convaleTeeiiza per (oHevaifi dl^ 
■qointo dalla, (operaia malarti a y godette la fo^e convetf a2f0iie d«T 
-toscani afniti^y .alni gii noà moiio prima, per levrete ^ da I qtmli 
«M» pMii gAWÌiivokf^t ijplo^dore Sa riceeiwo ^ paftieolavmeòte ki>9>> 
jonzr da Filif^ JtePfarrotiy Udiioie allora M Grao Duca di Ta^ 
icana Cofimo ilÙ » coi quale aveva gii in Roma- ftferta amfciria t 
come anco da .Amon-Marta SàWint^-^ Pier Andrea Fneaioni Aceotw 
tt> da Beoedeiio A^raai ^ .Uomini toni i e per chiara fama f e per 
escelleoca di doitf ina mollo illoQfi v e ierpto» ognr alvro da Amoni* 
Ig^liabcceiii s tamo rinoniato pei Ja^ua Kblioieca 5 ^ per il vaAo 
fnot fapere i clic fcoibrava qoafi un orafcolo per 'le* pronte faf gie fuer 
rs^Ac jn;q»aUin<)tte Acolca^ ftato fofle rictrcaio ^ la Siena: fm <Mw 
tre Teffi^re Aatot» coH^e abbiam detto , ricevoioy r grandcmeme aflF' 
ftico tir caCa del Canonico MarfrUo Matianr per «lurrer M tempo di 
ftm infermità y^ cui perete il GtcMimbenf obbKgarfAhno ù ptofttt^ 
va r ficeveite non ordinarie vifice y ed accogliectze da Girolamo G^ 
gh^e dak Dott)oc€ riti o Maria Gabbrielli ^fondatore delPAccademin 
dn^Fifiocrkici . Né fobaoente dar private perTone fui egli in tal mv 
niera onoraro y ma /eziandio dalla eeceifa Signori» di Siena fa con 
ftoSolariiriiBii onori difUnio ) iknperocchè far eji^i iovicaw net Pi<^ 
laBO del Pubblico a foniMofo bancltetto da^ chiarMIimo l>Hvto Ben*' 
ro^nmir^Uoa^^ in cni lanobilcat e l^^erodizioneei^^ritnmefftrel^ 
plcndono> eflfefido qoefti alloffa 1100 degli eecelA di quel AtpremoMa' 
SÌftratDv.e ki unomaiiAtina Accadeoii» degli InironarideifeiCitfi'nMti^ 
éefbaa deicoo lo ù^noUK d^eOel*. annoverato^tw quèi^chiariffirarin^ 
(agni i cfae lorcigni tonpa i»e(£»éoeieoQo , «omparcndov* col^ nome 
dfe iao^a/UMT^r >*•.'*»;. .j.i , ■ " . *•: •> ro - '''' 



Digitized by 



Google 



K ft$4 Vita: DdTAixi^rBte 

. Pubj>l«Blie (KmoAcasioiii aaccM di flémi » « 4t tftctCKt l4ir fieifo 
igi^kc0zc»i t4 sa Siam i nóUtt. ecL<fudm: Uomkit i. mm h9^i hè^ 

dsHÉdolo»; come riftocmiMe:<ldie ToAuMrloiMre*. IVa iMCt «pori w 
fofom llir rcft^ dr cofiéigttire kt Kroixe > cioè dififfc ofloqpia a t 
Sereoìllknl fiftficipi»< ficcomeeglè gfasdwifare'bfMMTa', e iP fuddci*^ 
fo fiMnrroti t^ foco^ fiio* pomse {yowcwtva'v «a p«r rafleosar de' 
ntdcfioMi dalla. Giaà'r ed aora^ per tar kidì%pfisioiie:.der CfcArinstoiii 
iBeflB»». imafe di ioko^omc ptivo^ » leMkoe ià egi^ ai ScMMdM^ 
di ToTcaoa per ùm^notOy, e molco. cara pec le opeffc fae ><r'alcaiut 
dcVIfr qiMrffe avot Ma £tftl^ loi xtooa*. 

.Tomaio- poi Micootace^» lUnaai iMn^naocatottgli; movrM* 
.cafiooi pec far maggiocmtme cfcrckarr ^ Ab' tvvace mgÈgm^ efeo- 
dtre fenprr pt& fàsoo^ la* noflrat Adìmaaaa «* Faceva attor a< fa» diiio^ 
.A HI Rema: lai (ra&&eSK^l^'l^a^€afinika>. vedova: di Gk::!^ 
vktifllmotRè diiPadonìai; ritmila* Arcadia per dar ytttfir Jfmoto i»^ 
^qiialoe dti gaudio f)drat&tvo*ikeila. ReatDtNUia r ^rithtm* preOaaor 
G(WKia di pootkhe lodìt < oel da lei pcopcio' Palagio eoo gra»Ìe0at. 
« gittUlo glie la o&rfe^ Mercè daUai iaduAria „ e^follecktidìar dct 
C£Ì0iDde Al&AbcQ-». ciife U GoiBooa: i^^ 

irSoDtccaaprìlusocaaipO' a. i nobili iìii9pgai«4^pòcer taflfcreaMpìefi 
«celfe lodi alla* Regina^ Ebbe poi Eilatil^pr^kr,. e IUrtia«deila w»^ 
Ara* Adunanza ^ cbe cipncò^coisièe» d«g»a dWa gfMdesza< detr'aiur 
9io«AiO'iK<ooi|Mcer6.d'eflervi-ttftMvo^ ùccomrm^ynmtf, aUor- 
«be-comincredii^ appHmfo da. tuteo it Ceto- fu atcacneMO* acdaour 
«vie^iAimacoloome pa(tocalrd'Atiiiaìfca«Tdéa .<2piodi al Cso' 
iskp^ìmak |cifide ooote siaggìnafe >« quando^ egti- iit^coiapagiiia» di dar 
ji0hìliffiairCa*«lic€rt. i c^li furono il Gèo» Gkl#» Irrico'&D'lkAat-' 
aiao'PifiaajMcfet.c i^Coptc, Otaria d!ElciS5mafe < pciftotò a»> R»- 
SJiia> Aì:&.ia.dii lèi Acclkivazmier in Arcadia v da eSa con: tal gradK 
Manco* ricevma ^ chaman^ ifdognò» di« rtcoooioefe^ per gcaaìa' tie^otoe. 
aaÒE^^dikeaiiimo ifancaggìo^^e ibaaaasflbnirdeilìliduMfiza*. 
K|Dow £céo» giti fire- anni »,<be atava pronta'per le fianlpe Topera fopfae^ 
oeonafa^ dalia &llafleai datla^^garPòafia r Egraodavacitte^ eradaliai 
Itecawias I^cfiabbiica a%acrata^«. Eia» quii diffèriegii«d» pabMioatlà^» « 
fa: DOinaydlr perciò- a«aco'iniptslf<>dan'aoij amici v not|ifi) (aacbbe (txk: 
iadocKi' ai porla^ ini vtfta^ PuiibièDoMatagli: adunque ^< i^ ìodirì»ii aU!' 
EaiìneniifRfno«Cai3dtnate Pietffo>Oc«aiN)m.,. Ptincipe-dalleKaone lc(-- 
lere-^sanotiinàBO «. e; goan^ PcataMOffe- daMerraaati .. Già di fópra di^ 
Qraifno«qiial. taociva 9^ ed oecatìooe avalfe ilvCóc^mbeni^d'iomiprett* 
étit^ 9. e comittcre atfiòe queftà opera) ^h noo^ altro» ioggiungeoi^»* 
aijc il*aicoado^«« ePoccttne^cba-ceone imiaaoearla .. figUiia; iMe w 
Diaìogiìii pcL oom conopactrc in. eOà ,. coaoe Miialkoe v ma* poaM-^ftoù* 
liaritfiaioamióopfotchè^ quando la pi)odt]|lc5,«KHrebbe akratnikav 
atlfr d'efporreiHuopaeeoie a gUi amìcii dalla* kctesariaoonvaifizioDe». 
&a> dàvife atertttt w orco Dialoghr,. confide^ando* nel ftiniO' ìcr beiles* 
qa dellàJLirica: PoefiéMial caanrareAibUine»^ nel( fooanéaqoQlkL mcktMr^ 
aamae. lunile ^ oel ^przoq^lénctaumrtere aaMlaraio^ nd^uarcotpt^ 
ta. dalla. ìtmiazione», e delconcoifiMteneldee ,« nel q)iiotOvdAUa< Xraga^ 

ca» nel 



Digitized by 



Goògk 



a SigUmonaa lYapolda<fiOftcc^Ìi<k>Uo<ittz Cawo«m<ilcUftCliiciftdi 
StrigMia 9 poi ampliòimo ^CaKlìaaie Hi & GhieCa^ >Mlla ^ptalé^dà 4i 
qae&o :Si£aere 4>teiia tno^óia :4itb iUgyiiaiisa idtAroadìa «colle ^fue ; 
Le£gt>« col Catalogo de ^K:^ei^ .. . . 

iiuttày<taamotper lii«él^^>«lirifi#iiè 1^^ 

pffaa dì Qiriaù pcsoecu MMrao aUa» i9fiilgar'iI\)Qfi^ 

io(d 4 Aoftri iiaKaiM;^a^£aca8a.s?a»^ieMM0i, aiat^l|<IUmnefiias£ ait*> 

•com » e :pOTMediariB«Ém.«la4esiidht>di4i^ Actt^wià^^rier 

none ^<x ^g, 45^^ otoHrM giM todt /4ait»dÌlso AsaaiTe ;fi de pìr^ 

tu contessa 4idla éectaf jfiia O^nb» ^ Ja ^qtMlc\poèl£aU tn ^oà alta fi*' 

fuiazianr^ die gfMmwiomsn^ét mfmemt^màÈt ^fiCaKo^.erorliicaate,» 

caai» I» €Ua fraliia léaUft lUimbfcik^ 

to ftttà#ycfflc:aasiwtoi> ^ > y a a di e .yiò ^o^ewtfiHtMiitip^lìarfirvd^ 

.'Maiovt ^pregi miiak lAuBqM'. 1^^ wiM >, mwxt ^ ^fmacStrc <coiMt# 
jmfcmetico 4iùk T^tean i^nsu^ et r <etebci ^étcod'dÉme .di d^icii- 
se» cioè U FkiMwisayi4*dti^4e»a Grafea^ e^iìettai^lr.^ ^^f^ftit 
fegaacoQQ il di l»^oMat4iè*loca JaftW aAMfenéndoioifCratig^iaiiflrt 
)a0» Acoodcmici 2 .id4eiie4ii0ti ofeiiaatteiiet)<iioÌltf6rd'àlluttere Hcniiilt» 
liflUte Mae^dk vTtaMiUa rPwHflr Ifafficii^ndeaca Pidalm» J^Mat* 
de^ natia «n^i(pràk£ii«Hlà£)kkai^ ailotoliejdi 

ioicoti diflet ■ -^^ '••'"■ 

Daim^aà a men^yi9 i piimimtmr fèfirfi^. rd$l cnfcim^ 

Inohre ael fiaciciflSinfii foóto^etla detta Ctctà fin 4à)rota:iariioftrai^tj»i Hb.snu 
Aduiiaaa t^kkt il if^XUS» A% MBk Canspigaa f%^ JEimmànét ifCMì^^g. dQ, £- 
AppcUBOa. .'^ > - . ' • /Wi*.3, 

^QlMdliMtem 4tte{IlkiibiCittà deQaTofeana^ccloè^Sieii»^ ^IH^- 
foi» aitihadite'ÌBbtarilBme^fer^lr >ftiid) \ acoMfem dar «Coleirir d'Atea* 
diai ÌMptrciocobòi'fidHe^ Srae&tCanip^^ ^mi ;£u> eonterta una col 



wamt di Wijmititkmi* ^oit diiomaca^la gK Acfcademict^FioIicrìtacri 
on fecAco «oiMtadé'^QAi %i ali'Arcariia rnrorp0rato> dell^quateCo^ 
lMÌ« il fopfmoaMiata Pirro irlarxa'GaMnieHf ^ *dctto EcsfifioOiro» 
rco'y itt- i)tftiio»v<lefùMBaao ^iceciiAoéB > anzi PomcennocJTav, ?e b 
^rera ca^ooe'^ -pctdie il nmnttrpatD tUappcUo;^ .Icehri ^oeU ^Paflori 
Ibflkrtra glif^icadi ^Pttovtvaca V Inipetmocdiè> coma 'poc'anzi ^bbiam 
detto # iior«iqr*atldoil0efci4atòni<i^aicemieaa:5tena, o^ 
ce ^pertaianc^ 4tKlKoprofitrtvtile di tonfiglio v ^ Pópcra > del GabtoicBi 
per liberare dalle ottinatc. difficili malattie -9 cfaei^sppriraevaaD^^ma 
efebi iMqiienti tict^f te tii^ e hmga cotnodiità xK pienamente ànfòraur- 
fi i0 taéxi^ 4 varjeradkidircbrfi^ cfae'fearcaneflb lui» della^^totcri* 
na^ d«M»rtim4rigegiio del'it>edeGiiièrper'laq,tia(cbfa't(Mmtou8b^ 
ma^He^iMie > e ii^lle^iibbttdieMaoan^evdc^li Arcadi nim-si 
tNmév^rie ^oAiinqnftraaa ne^^ftct t trtie tntiri ^pdi di ebuon groio cdo^ 
c»»fcrttaifti/TicIiieÌto*fiMddioiie^d«M0|anenciMttta^k^^ ^ L' akra 
fOi di^ nfo^ jMf90& appella ^4i cai^qui^^on ^^'<nopo far lunga d^ 

greffio*: 



Digitized by 



Google 



prefiioM rfé'Mn^am il Coote 8rtAd«t*gia ^hmttàA 9ifiA# «iJfcm» 
llcdUtoj VicetuftoMle della Cotooki itiedeficna ^ onorò m4«cuocc** 
fioBf al Cffcfoimbem di queUa bclUdlnia taiule, con 4ire«^ 
k/aM i#/fl JEJ Mi dgditd vigiUnx,4 , f >iivii9 > 

2ifr4w<l f#,4# Fi /j 9 eh di fémtm ?dft^dlSmhim ^^ ' 

^•a<»« Smb^ CHoni9 Mmil trikuf 'ÀUmm ^ 

" ^ ìiAf^dàU Wm$m Mn^it MHdkmé i ^ 
> Moa è^p«r^4i^ criirc«rai<l «M 'filfturie -^wlf £gioga Pdcacoaia^, 
cb^^l-cpicto CMifor itecfcò^il ttoflr6 Alfeftbeo Sn^iAa KagiMana Ar- 
cidìoa V eftPDddtlltftitO'ìt friii}# » ohe «tta tal focta di Pbocioo 
cMAponifMiKo , ad fankaBionc dol'ffMfo cdcbre Beracdiop Hoitt 
tea i iioftri Affcadi teggiadcamtaM «vaccaie natta torcaoa Svelta «^ 

Regiiam allora ^loriofamciicc il maffiuèa BomeicelDooceiizo XIL, 
al lesale » per cllètfcat y i f tO' 4a ima Josgk^ tvfercmu davMO , gU 
Arcadi ft tidcco itt obb)ig<y\ti'fai«tèiiiioflraKÌooi 4t fobbUco gaudio^' 
Adimò «duoque IbtltcicMicme ì\ CtttMaAìkùbeo.QU* Acc^eaigì* 
e J'Oracoce » che « «otne dì aO} "Arc«ti reodiéttc ai Sooimo^ Paftore il 
idlmta^diuo fiMrfilCmoigìoUÀlOyfoikfAftM^ BaiKla Felice 
Zafpi^ idctco Tirfi Leucaiioy die cotiaOM gcave« « ^plndida facoo- 
dia deflb mannrisKa negli aoimi ddgii Udicorlt alkoccbc trecico iaCDa^ 
Oraziofie>fiel 3o<ca farrafia m*»f. Maggior l'amM Secolare I7do« Ma. 
vario il fine 4i<|«0Ro loaocò^ ^rtrai'iftefla^Bomefiae; da^tama gio^ 
lieia ifiètnoria » aiciai nel Poocific» S^liò foceeA iOèmeéce ìfUm 
ikciiiKit ereacotil dii>reme(it*octeraOicUnNa^ è poflibi» 

le fpiegarfi qaaoto gaudio rccafle alla Criftiana» e infieroeaUa Lec^ 
ceraria BLepubblica • e particolamtenteiaUa (UguiiaiUEa degli. Arcadi 
refalcaxione di quello Maflijno'Pooccfipt ,» efane 9 laebac eca Cardi- 
nale , fa cm i (arimi di qoeir ampliflimo Ordine y.òbe otior afferò lai 
naficeme Axscadia» nella quale Ji compiacque egli dLtenparire fotta 
il velame del nome Paftorale di Aioano Melleo » e che poi;cantD.U 
amò^ la favorì 9 e Ja^iproceffe • Per lajqiufl ^fatj^ooidUac a fìtqglio 
di ricevere al bàcio (ddr Piede iliCrefóianheni'» tì^oaàiQaÈàà^^nék 
tale d* Arcadia » il qdale in qtiellA:xxrcafione> per fegna^ieyigrató» 
Iasione « compofe on*£gloga « che leggefi avanci ^la.CorottaiPoeaica 
170U rinceczataf da lui confccrata alla immerul gloriadellor:ftefib*BobtQ» 
fice« la quale fu iba nilova ioveaziobe,.coaipofta dtqtiar^taSoneot 
ti di ahreuanei Arcadi. Appisefcoogdiliò.ia ceIrhwTiiiin >det Cikioobi 
Olimpici « conq)OiKndo. un* Oda<pec Uidedifiaziotte.de' niedefent in 
tributo d'oOeqnso al nuovo SommorP^floce > in di ouiiode àiHékt 
con ammirazione i cinque Giuochi Poetici » i quali, aveva iiaveniata 
per celebrare in effi Teotrata d-ogni Olimpiade 9 eome dagli Elei ani 
ticamcnte ii coftumava« ... 

Uè (blamente in Roma gU Arcadi celebrarono co' Im can^ 
ti pubbliche fefle di giubilo per V Affimaionc di , effia . Pon* 
tifice 9 ma in Bologna eziandio quelli si rinomata nallori/^cl* 
la Colonia del Reno ne fecero rpnhUtei encon^j janoiuuMjfigtoT 
|be fiampate 9 tra le quale -in yna piofta ai: UJslAoitììyu tA. ÀMfitr 
Ara quanta gloria 9 e quanto fphendoit recardovfiva.afiKlìa L' AdiH 
nanza » e in&cme al Cii&odc di effa r efalcazione dal Paflor MaC; 

lima 



Digitized by 



Google 



Gio? Mario Crefchiì&eni^ t^ 

fB» Arnoso » il quote degiN(Baio rcaùm^nto i» qu«fti verfi é sk 

JD'etirtti idkri in AWinir fmn^ 

UAtiifibeo riffUniUrM h chinimi 
Allora poi fìi >; che nella crionfame Cicca dì Urbiib , fbmmvtìflS^ 
m» Patria di canto Pontefice f bx fonOac» larCotonta Arcadica ^ l# 
quale ék\ Fittine y die feorre prtifla la Ciaà AtOi ^ AAtsaricéf fi-api* 
pili* V l'impvefa deUa quaht in ritroifaiaicttto*del Créreimbcni y ehe # 
quella propofe una Stella crinita^ coi moitfe»*^ >Mìrii/ Mf^#ffi/v#/,. alln^^ 
dcfldo aira'Scetla«gentilma do^ Papa<» ki quale wiprefa 6s rkeVueav « 
approvata dalla fteOa Caioma.- Era gii tsU • queft'oca afcfitto nelle 
cÙarifDmc Aceadeotic de'Gdatr di Bologna y de* Cuciofi' delta namc» 
d'Aog^ifta, det^a Leopoldina >- ed or Garoiina.,* dal vìvente Imptradoff 
Carlo VI«r appeltata^,^ er de'Spenfierati 4i RolTano * 

Mamtmre egli indefeffo ne*nobìli èfefeiaì dilettate rendevafi rem"* 
pre pìiV aftiabile > e caro non foky a ^h mmci , ma a^ Prioeipi anecK 
tZy cadde gra temerne ammaiaco co» eflaemo dj<jpiaceve di RftomacuH 
tZi la quale oolapiangeva nei medcfimp tempo- (a* perd>»f>ar ciie teme-*. 
Ta , anchd del (ùpi9f da noi mentof aoo Micetto Severol^ ^ Prelato» 
ampliOimo', anch'eflb da mortai malattia iorprcfo' , e fii kmma glo^ 
ria di Qio: M^rio il vtderft compiamo iafieose con un si goand* Uo« 
ma* M» ninno meflrò paflTione maggiore di que0a dirgtazia del nov 
firo buon Cuftodey cbefV* Eminentiffìnao* Ootoboni> iV quale, poicbi 
cgK riforfe^ i^olle prendw fepraf di h la preuìura deU^ di ini conva^ 
kbuoits^y che durò okre due mefi t e oMandatolo nella Citti d* Atba» 
ao alla faa nobiUffim^ Badìa di' S^ Paolo r quivi' cnn ogni atKnzio*> 
u , e generofità fece fervirlo daYuoi miniftri ^ e tanta 9f intcrefs^ 
Bdla di' lui falme^ che noo folo con aifctruo(ì()ìme 4etttre più volm 
glieha ricordò caldiOmamente ; maeffendo pòi venuto anch'egli i» 
Alb^tx) y più da Padre, elie da ftgnore dimoftiofli vedb-di lui v affitio 
invero quanto ami^rabile nella perfonadi qiieflo Lette9i|tiflìnK) Cstrdt* 
aale, altrettanta proprio de^Prineipi »* che murirdebbonoaimioipleiK 
4ido, e generofo'vcrfoiLeiterati# A tanto amore 9 e beoeficonsa vo- 
lendo pocc moAra^fi gr^to il Cre(cimbenì r per ailora npn Teppe cbf 
efprìmere recerne Tue obblrgazioni in treSonectir cheindirizaòaldee^ 
to Principe Aio Belpe^crore^ pendendogli poi (cwp^e con vere lodi d»- 
fiintilBme gratfic. Giv amici poi lieti' tutti mcentcoalui andarono coof 
piliv&congratuhizioni y ecofraurpic;diluffiga> e felieiffim»vica*r no» 
fliaocando,^ chi tra loro in* tal goifa di^ lui cantale > 

yivmii Jitf^fiiio y vivane t^trnoi , * ' 

Litto^ Heri i fwoi fdfchi ii Sol rimiri \ n^MneMkr, 

Né fontim li fui ir^ir^ o 3i4ti ,. r ytrw^ . ?^^''-''^**J^ 

Cmir^ il Iran Nme in van roMlii.j*adiri^p 'Ji r-^^Aì^ 

M» fgnfir fùHi il! ài Ut mite givtmm «/ mJTìJS 

"• AmiiwUgliwijircadiamiarìjffiri^ j^ìll^jl 

Skabilìco cosi in buona rilute , eolle focaer ripigliai ancora i Tuoi 
folift ftudli e bella occafione gli (i prefentò di sicoooTcere con fegni 
di vera ^aticadinc i» fomma bcneficcnKa- del foddetta Cardinale Pie^ 

tre 



Digitized by 



Google 



xiZ Via dell'Arciprete 

Uo Oitoboni ; allocclic V Eaihiciiza 6àz mi Paiagto di fuar Btfùàemx» 
accolfe già Accadi a cetebtarvi una ictceraria Accademia per la £iia 
delle CateDdi d'AgoOa» GoilfiQé qucfla ia un' Egloga dell* Avrocato 
Gio: Barifia Felice 2Lappi fopraccMfta€o> e detlo ftt0b Orefcnnbem , 
ambedue per la lor pane > da cffi «liticcfiaca H Fm'étg^é^ ntlU quafe 
CQn degmflfiiDe lodi innalzarono la fpktdidetea i t geaeroàtì di c^l 
Pi«rparata«^ Ebbe ^tieirfigloga uoivecfale apphMtfo , eper la novttàdcir 
icKenzÌQQe » e per b muBLgiMeeuLx del luogo , in cui fii reeiuta » e 
per la dolcezza y ed^nmoma de'tami t e fuom i cbe a ?oka a volu 
vi furono eoo miraUt grazia incoodoctià. - 
2_^ ^ r La flif»a poi» ch'ebbe feRipre di lui i|uefl^Emtoeni)ifl[ìoio Prìncipe » 
iece^H cte della di Ini ùftt9L freqaememeoce fi valefle nelle cofe 
knaracie^ Aveva 1 Enineoza fua v per il fan bel genio alle lettere » 
ed alle pia nobili fcienze% iAicuita nel Palagio foddetto una cospicua» 
e nvolco orile Accademia» della ^uate dietdarò Segretaria itCrefeim^ 
beni % con ordine » cFk dovdk egli fcr4vere i fatti della atedrtima » 
ikfiome £Me. Goo^xmevikAo qatAa i più cbtari ingegfif , che fodero 
io. Roma i ed ofgni Lunedi ft adunava ^ e gli Aecademici ìnfieme con 
Sé E^ operavano per lo più impfoy viiaaaenf e % or» con utiK , e faggi 
dtfoorfi» oca con dilettevoli, e vaghe poefie» degnandofi TES. non 
Iblo di afeottàre» ma conmaravigtiofa prontecza» e profonditi anche 
efercicare il fon raro talento • A poco a poQo fe ne flefe il nome» 
ed incominciarona a intervenirvi per ascoltare e Cardinali » ed Asf 
bafciadori» e Principi , e Pretaci» e Cavalieri > allettati al pari dalla 
fl»btltà de^compooimeott > che vi recitavano ^i quali non più iin- 
fr^vvilAmente » ora « batto Audio & componevano , e dalfa dolcem 
delta nmSca» obe^&E. fi compiacque d'aggiungervi,, dimaniieia». che 
nndè perdendo hi qualità di privata , e come pobbKca dovette confi» 
derarfi; il che poi diede 9>otivo airE.S. (orto il gior^ 6^ di Marzo 
1702» di dicUaìrarla Accademia , e dark qualclie regoU , perche pò? 
•lefie fielkemenre durare ^ le quali cofe iofienK con qoclle , che di 
•tempo iik tempo andavano fuccedendo , furono dal Crefbicbbeni diii» 
-fOenieatence notate ^ come Segretario à Ogni primo lunedi Siel mefe 
fiicevafi TAccademia col difcorfo, ma negli altri lunedi kix^ (tìfcoc* 
io.. Nella Q^avefiaia poi in luogo deMifcorfiy facevanfii CMracorj facd 
m mufica, e io oltre vi fi recitavano brevi coroponimeori ,. tomeSo- 
•netti ,. o Epigrammi «. Per la fefta della Santiflima Aimutìziata eravi 
Accadcniiia obbltgara fui fej^setto di eOfa fisAà ,. ficcome anche per U 
J^afiione di NoAro Signor Gieii^ Crifio. Fiodiè quefta^ Illuftre Acca- 
demia durò % vi fi odiiòoo dottiffimr,. e bellìffimi* componimenti de 
gii Arcadi in profa» e in verfi , tti imptowifi ^ che fludi|tt ,. come 
tiCbrifce il Crefcimbeni mede&no net primo volume de*" Coment ar^ 
della fua Iflorta delta volgjar Poefia ^ di cui appreOb» opportunamente 
mi converrà faveltaic 

In quefio medefimo tempo il Mafiimo» Pontefice Cferoente XL a 
cut le lettere tanca debbono, e* per cui lebunne Arti ri£oi£era m Ro- 
ma,, iftituila celebre Accademia defeDifcgnainCartipkit^ì&,.éd appog- 
gia akrcsiiacucftdetlacelebffaaoiiedeUlaimedefima alla nofirn AduQan- 
«a; pecioch^^iAffcadiEoifeinpceUce&rachiarai-eorioradifim'fise 

poeti* 



Digitized by 



Google 



Gios Muìo Ci%Ì£Ìmi>eiù« i|^ 

poecfcr componìmcmi A«iiipflitì« Il ptìmo de ^ Ormmti'^ che «ì^«cu 
uifei fu il tneocovacoAvvocnto Zajppi» oooceiiìifttiifacogìi daitto Acf* 
fo l\)ncefice; t on<xc aliceli «oh cooocdoc^ipitfck £e noo a JNrelori 
cloqumiifliim; e fàroo %ae(U : MMfignor LodcnwM Scrg«i^ ., Son 
Amiìbale Albini» og|gi Am^ifliax» Ctrdìaate^ Monfi^nor witk 6iaì« 
feppe CozzadioU j>òtfcia ^kadiere ^ieU^Saatt Pdrpow^ « VefeiMPè 
d'Imola; Monfigaor CamiUo Cybo « Prùicipe 4»€c la /aa xoriHIma 
pietà > e doctrina.Q^i decoco ^d Scnara ApsAolica^ Maofig* X!joì^ 
nelio ficDtivoglio » Carduialf anch' c||li lecteraiUfimo ; hkm&nmz 
Vioceacìo Sancioi, Monfiogor Docnoaico Riviera, Meofigoor f ilip* 
pò Maria Mondt Moqfigoor Niccolò Foriegnecri) Moofignor Carlo 
Majelli j e Monfigoor Gie. VioctNuiio Lnccl^fiot ; •cufkmù dd^ quali 
{uccefli?aracnte per io fpazìo di dodici anu tlhiAcfr la deoa Acca- 
denia » allora quando mercè del magnanupo |enio > e delta «non»* 
ficcQza dei roedciicno foomio PaAoee bevano io Aonur pompa dàift, 
flcA le Arci co/picuc^U Sootcurat Picturay « Atcbitettnra.. > 

Ma vegnendo ora aM^acceonaio volume ^e Comencar) detOtlieim^ 
beni; è da fapere , ch'aveva egli, come ho dianzi detto, pidÀlicaro 
riftoria della Volgar Poefia ) ma considerando eppreflo^i aver egli 
prodotto , piottoflb » che ^ una piena Ittoria, un ,picool .modetlD di 
eila , voleva feguita^la^ come aveva fprooieff» , « come aitceéi t»^à 
fiata ftimolaco da molti Uomini ietteratiyepavcicohMrmeme Jn Re* 
ma da MalateftaSicinatif da VincenQE»a<Leooio^^fe' .dall' A4k^<3ìu&o 
foDtanini^'Oggi Prelato di tanu fami^ . Penrava;eig|i^r /tanto .di .ri- 
cominciar da capo , e jrite&r l'opera jin modo.» che la già ftampaia 
più non (erviffe a nuUa • Ma perche quella f febbene ìmperfevta, in*^ 
coatto » come ù i di foora accennato ., l'a^tovaaione ai in Italia^ 
che di là d|a'Mo|KÌ , per^ò rtfolve«te di lanciarla Aate > ed ooatnirai^ 
prendere i Cmcptaìi imocno alla ileffi^ oonecta»^ am^ata. £r« 
gii circa iinindieianm ^ die raccoglieva nociaie .per '<ioefr opera ^ e 
mohiOimeA'ebbc dalle BibUoteche di &oma, re di JFicenie, e da vari 
eroditi Amici ^ e Ifetcerati d'Italia^ da' quali ogli:rìc«inofee til .frutto 
di quett'o^ra-, e particolarmente dall' alfoe volte nominato Mon* 
fignor MaKcIloSeveroli, Decano allora delfo Segnatura di GtufihMOt 
e Prelato di fommo valore in ogni genere d^donrina, il .quale dopo 
hi pobbii^xione^dell' Jfioria del Crercknbcni con gran rfpcfarmire «a* 
fieme unaSibliotecadiFilòlogia Tofcana, o Ijpeziahiienie ^di Poefie^ 
tempre apetr a a comodo «della «converfaaìone 4ettetana , ^choin ^fua oar 
(a gimnalmente fi rs^gunava • Dedica |)0i ^gli quello frioK» volume 
dcXkment^l al {Regnarne altora Papa Clemente XL, a coidcftimto 
aveva di dedicarglielo fin da qomdo ora^Cardinale . 

Oc mentre <|uefi'«pera era per ufcire in pubblica, comparve in IR.0- 
ma, capitato nelle mani d'alcuni P^rtesa^gt, e di letterati un JFvon- 
téfpiao fiancato con data l'uppofititia di Aniburgoi>er Aletino 'Pii^l 
iToa. » coUitolo; One dvvirtìmmfiM S^nrnr (9m Mdri» CrtfcémUni 
Mr iU ^mFt^ajJdiù ^ tk^ p^mmMt di furi m€"C0m9mmj /$frM.U fi^ 
ìfimsdiUÀ w$lt4rìp0ef$4 . Pre^nde l'Anonimo Autore cercale , fe 
il libro i^ debba dko Iftoria i tnófirarc tion reffrr ^vana^ maiitile, e ne- 
ceffa^ iaqtteftiooci fé Je Rit|]De Italiane «vengano dalia Provenza j 

o dal- 



Digitized by 



Google 



*4« Vita Delf Arc^fiett 

odatlii Sic^un éitciopaxt gU cfrori d'iftoritt « dì Cromiagia; pale* 
far quanto ingiuftameme^^arU coedHJpr^io di molti Uomitii illuftri, 
e di ft(tri eoo lode; iefamioar raccorgimefeico iieUe Cciegliere i (ajgi, 
e 4t quic^ fiàìM bafteyoli a dar <xttilo de'loro Autori 4 wder (t il oo' 
OMiro dc'^ti morii Ga beo còmpiuco.» e dirpoflo 9 e qaal fcrfezioiie 
abbia in fé qiKlIo dcf vivi^ xagiimar fopra i liudizj dé'coa)ponjn»MÌ 
4e gli uni» e de gli alari > e (Opra l'utilità dilla bHOi^ Cmica^ e dar 
£oalme|ite 4Hi' idea generale^ e particolajre^ ioanar i'Iftoria ddli 
Poefia kaiiaoa^ * ^ 

Coofideraodo il Ccefcisibeni» cbe il Letterato» il quale eoa tamt 
parzialità dt affeuo intrapcefe cosi gran fatica per la pcrfezioAc della 
UxsL cpexzi fùutk beo far «loftra di erudito it^MOo > °>* ^^ %^ ^ 
ooaieguire il fuo fine, pcccbc egli avverti per lo pìù ciò» che daini, 
o da aliri Lectcrau <oo< acnici fu avvertito; peiÀ ftimò Tuo obbliga 
faibòliearc uoa.bceve rifp^a eoi xnetaco delie Aampe iné^rma d'avvi. 
fo> noo già per ambiziooeidi faroe poeofà^ óafer farla 4:apicarei^ 
le inani di-coioi» d^ volle avvertirlo» non fatando il nome « uè po- 
lendo inviarla nsanbfcricta^ ^nza pddto allontaoarfi dalla fua^ Seda 
opera ceof orata > riifore» che il materiale dai tuo Libro è Iflóricoaii' 
dbe nella parte (je'Giu^iizj^ rifcrendpfi in dTa ciò» che da im fi ne* 
4Eleti:e infiedcìe eoa gliikri^vje.ciie il'foimak e dtipófiofécoddo le ra* 
gioni addotte nella lèttera a' Lettori dtlla'ISÒitUi eneU^^iodoziooc 
del prkno. vQUiBie,d(!*Cooiehcarj> Difle, «chcl'jnposniu:' là vanità, e 
la ióutiliai della 4lirlliot)o» fc. leRiiné kaliaoe vénéano'dal^ Fbanrcn- 
za« dalla Cicilia» non tocca f>uiko l'affare della ftia Ifloria» iticoi 
il afferma po(itivamenie> .che la Poefia volgare nacque io Siotìià» f 
che gP^aliani fteferp la maniera da'Provenzali; Affermò, cl^eaktiBi 
errori tfiflen»iaU % da altri amici anche avvertiet» e da (e AelTo toào- 
iciutt» £: eorreggcyapo deotr<^ i Comentari^ e t;he qnaato diiledilo- 
dea o 4i bfofmio imòròo a:i Po^(i> rifgaarda le Imro Pocfic^anzii 
che quei: I?Qcti.«.idel: valor, de* quali mal fèravvóiitiica. può far fi:de un 
Sonetto» /oMiipoclùfllmi^.DiraoQrò circa* il com|iinienGo dcKnuineso 
de' Poeti mcMrti» aver detto a fufficienxa la ìAia intenzioiie denteo Ja 
lettera a* Lettori dell'Opera, coti smco de' vivi , e cbe gittndemcflte 
eragli dirpiaciuto non aver aviito fiù «aoigo di valerfi deU'aVvérti- 
lueotoiotorno- l'Idea j avendola egli formata ^ ed io buona patte fiam- 
{>ata» non oflance» cbe alcuni lo irodrigliaflero per lo cotTo dipiàaa- 
nla.'te^cla dtivcrfamcnte» ed a. farla Cronologica:» recaodo kCcufe 
oell'intcodozione del detto primo volume de'Comentarj^ laonde po; 
eeva l'Autore del Frontefpizio coniiderare bene i Aioi luoghi» ch'egli 
pTopofe» ed afpettar che l'opera fofle compiuta» fé aveva talento d* 
x>norare la Tua fatica intera con le fueconfideraziotii^ £ eiòèaftifcr 
difefa deirOpera del 4ipfiro Autore. 

Mentre poi egli attendeva alla contkiuazione deJlaftia lAoraa ideila 
-voigar Poiefia» ebbe opportuna occafioòe di tradurre io «crii i. cento 
Jlpologhi di MonCAKor .ikraardinobìBaMiii^ nobile ^Ur binato » Ab^ -^i 
£uaftalla» ioCgne Poeta» filorofo» e. ilat tematico del Secc^X.Vi 
yji egli c^lebr^irequcAo Scrittore dal fapientilIiaEkOi oracolo della viva 
voce di Papa Ci cornee XL^ .a oli pjcr far cgU £taca} AudioflI di fa- 
re la 



Digitized by 



Google 



Gior Mario C^èlcimbéni. 041 

re^ AnHttca^aduziotie^ t* da- t(fo'feUcèiiie«te cèmpk» tic N'ozio 
(ièlle vacanze atKtmMti-,.t; decHcara aUo Om9o f^attUcc. Qui però t 
da^dperfk cbeqfoefta Aefb^ttradcnioiie fumotro prmMf^enrara , e ìdco- 
^itiiotfaia^& OH ceno Capaccio. SerllTe qoeAi un Jibro^et' Apologhi ia 
vcrfi volgari , tra quali molti del detto Baldi fi trovano , ma in tal 
giiffa confufi con qnelK* d'altri, chefcmbrano d*an iftcflb Aittofc, fcb- 
bcn egli confeffa d*a venie rotti dal Baldi ; ma gli ha ciafcoCH con ta- 
te ifftMcfO'^t;hc fa credere fooi xosì quelU dei Baldi, tìonfegli »4truu 
Ciò ppfòAnòn toglie nieme «t Crefcimbeni di gloria^ amii aioho pia 
f^béWMX^koy iiiifeA:iocGÌiè s'altri comuidò l'opera', cpiU xtpigUò^ 
eleitidflleiif kta wtcpim^o i e fe«k» fr l'appropriò^ come faa^ 
egli fà^iakiò come atcrui.ipano , coatODÌòfolafnctirerd^averla veftita 
di verG, e di rime, e-d'tvorciò fiuto a giadtzio decotti coti maggior 
Micità àc\ Capaccio ) it qtia}e nella Aia tradazrane troppo fi è allai> 
g^tOy adlc Rime è fik>ito fcarfo ^ e nella locozsone^oco pulito; de- 
vecfebè ik>Grerciii)fbnTiifi -è contenuto con bievitì ài parole v con Ccvh 
nmebtt attuti, fi é obMigito allciRim^».e nello. ilile^ pnrgatiflSino; 
iaie'd il giurdìzio , «be'ili'tai fece il fqyraccennato MtiatcAa SrrixMit- 
ti^ oofifo cfats&iffim(;>^Afcadev in una foa lettera pc^a in fine Je gii 
flefli Apolo^bi ; a t qnali egli aggiunie le moralità in profa , iatte 
pofcia leggiadramente in vetfi dallo itete CreTcimbeni , come fi veg- 
góoD neila terza edizione delle Aie Rione per tutto il Libro quwv- 
to , La fiefTa traduzione viene ancor molto lodata dal . dotco Padoe 
SigiAnondo di S.Sihrtrio , Chierico Regolare delk Scuole Pie nel 
fuo libro intitolato : Obftrvati0itc$ iU^iatini fgrmmiì puritoie , eie- 
gémtÌH , (^ «nricrÀTComc può vederti a car. zj^. dell'Edizione Ro- 
mana i^e da "Franccfcb ArU) nella Aia Cremona litterata Tom. ai 
pag. 276^ 

Ma non Anldisfatto il nòfiro Scrittore d'avere illnftrata coTuoi wrfi 1703. 
gli Apologhi in^proAl dal mentovato Baldi , voile di più tefler ampia- 
mente/la vitaiidrl medefima,. la quale manoTcritra or fi.coiiferva pref- 
fo.gli EmIì >: e di cui neH'-accenfiato luogo delta fteflb libro fa pur 
coniode maizìooe> il xierco Padre SigiAnondo , con defi^erio di 've- 
derla pubblicata V opera cenamente > ^die pofla in pubblico arvrebbè 
incontrato non A>)amente il genio della Eccelleiuiflfiina Cafa Albani^ 
e della cbiariffìma Città. di Urbino^ ma eziandio della Repubblica 
Letteraria; per coi afEaticando mai Tempre il CreAdmbeni » era pur 
eglf.unb di .4^egl' IlluAri Soggetti^ che imcapreiero allora in Roma la 
iodevol: fatica (fi continuare, ed accteA:€Pe Tkàlia Sacra dell' UgèeK 
It \ (ipeca. 9 che ^Kiicin Vinegia Ai coUd Qmiif9 9 e coil' ajuto di molti 
Letterati à nc^ftri jgjtòtn ^cgtmà*,' 

Appscffo avvenne, 'die rEcceltentififàxK) Don Annibale Albani, Nir' 
potè del Regnarne allora Clemente Xiv, or Cardinal Camarlingo di 
o. Cbiefa , con tmiveriale applaufo fu in Urbiiki fua gloriofifllnUa Pa- 
tria laureato in ambe le Leggi ; A)llecito altera il Crefcinìbeni flefe 
aiia1)en lunga , ed erudita lettera v* nella quale nobilmente tfeCcriffe 
quella A>lenne funzione , in Urbino con ^on pompa celebrata , e or- 
dinò una Corona Poetica a i più cUarì Paflori d'Arcadia^ componen- 
do egli il Sonetto Coroiwle, in fcgna di ftima al eletto Pdncipe Lau- 

- -Ci^. IJf. Folg. r^tfyi • Tonu FL Q, reato > 



Digitized by 



Google 



ti4t VìtA Ddf ArdpiìBte *> 

ifcatoi tà «he ftfe boa MamMte ia Roiba lieiaiMlicc ,c«M«iiimi 
tiofiri CoiBpaAort » tta^-qoali fc tiocabik 4a firomcvU' MI' tnkno del 
celebre P. 6. GuMoCrandiOcaMicfe^Ab. éi CeneMoti > ìlquak 
nella i^ Egioca i)er la Adfo Doctoraco4»ri «difle ftc xivcioiza al 

Quémd0 ffèas ^f€mt% m0g$fi Cufimliit ^ mttm 

Ma in rertara eaindio iquelli -della^Colonta AroadkA > gii da ^ 
che anno Idiidaravi ^ iri fi agghiofieto t^rfmmdmrt ̀'tmm^$ ffmm^ 
re drifjtkétt Crefcimbmi Cafi^^^tmmr^ djÈmtàim ^ ^pfik'» i$ 
'mi édtéà fiè Mls tmitmmm^ «wiraMomo^dìcc 4i tei ti *0elit>t( 
l^tor <3iroIaraQ BMUfMdi tteUadeforiwiM d^'Ateaenea de^AiOpii 
Arcadi 'della Cotooia fettarefe » C0iifoeacape& J» Janea tlelTaDclir 
ixuco Paftore PelkceoTatgecsde^ <ioè del /addetto. Don AmMi 
Albania £ «qui j^ 4egM lode del aoAro AMaflfaeo imgUo 4(wiiii«i' 
n » die ^ella fila detrAccademta sii detta, «avi il rìtcauodi M» 
lignor OMaelb iBeoùvoglio ^ ora^apUOmioCardhude di.S.CinB)- 
ÙL^ e&ejsio MiffiArote ilDiiia detta Maeftà CaitoUcadi Ftlìpp#Qpio 
to Rè delle Spagne , ed io qod teaipo ViceooAode di <|iU)Ua Cola^ 
ina 9 col fegoente Diftko fotco dt eÀi ^ nelqtule eoo ffriaicoTa Vf^ 
giadria fi fa onore non omdo al detto Reelato^f ietto il nome 9f&t 
«ale di Entello» che alooftroCrefeimbecit» iòcto quello di AlMilMi 
In tal guifa • 

JndkiSf EmMt9 & Nnmìmi infimt mis^ 

Ad onorare il Pdncipe lanreato ^ eoo laCokmta FerrareferimtiE 
iKncorx la ^tWxMi 9 fondata aUora in Napoli, Ja qwale taccola io tn 
librò a tal fine varj componimenti Poetici de'più (celti, ed elevati ia- 
^egiit di qoella iivndtabtle augoftaCtfiti i alami de'qoali pr<icteczUo* 
dìo alodarr il Coflode Alfefibeo co i fondatori dfAacndia.* e pwtko* 
tormente AgneMoAlcJfcìdiBlafioioiitiftfqafilgogowotea^ 
toni, <^dfgoaCmd fVctaio, fatiomite jnonafoalglocalatina. 

Mentre iqoefie ìUnfiri Città per mezzo d'Arcadia rendevanopiù cip* 
Mre il loto ttome , idtreoeHo f fflh Timpì fi artTfrrtr ttt dqfittlr^ 
A si belila glcviai qoindi femivooo le fondaziooi di varie Cdioaiei 
ideila CfùJUlU in Reg^ di LocnbaMia , deUa Atmeiéum iielU Rtl»- 
Sione de' Cbietici&egolati detteScoole Pie, deBa i(a*iri»M in'Ri- 
inini , àtWIfétìiticm in Pefaro, della. €Ulàfi io. Cagli » 4rila MUm9(^ 
ioMilano^ della tSkdim inUdine^ e d*alcTe, come appreflba Tuo \ù> 

B) diraffi; dalla fondaaiooe dello<.-q42ali confidctando il dotto Pa4K 
iccolò Maria da S. Domenico, Cfaieiico &cgolate delle ScootePie» 
il gran ^ftmraggio^ cfie tfe radoodaem «11* katia^pet riCoigimeoMi deUe 
Tofane, e Latine lettere, <cù ^Sc in lode d'Aocadio% 
O nm roi^nj cmmicmdd ftfierii ; . O ;:. 

Qfét fmc9Ui rtéigiàim demtrmi .;i 

( XnUmitàmtc fomim ) 

fètìfÉ viff ti ùtqm00is wgmhcfi ; "^: . i . . f, 

£t tkriore /4^§ ' ^ .^ • * •^' ■ .: -u *-f. *.; ' j 



Digitized by 



Google 



Et téwik ficifti 9ii4mt 

hU fe moLm foUecittNlnie > e éitigeManis&' il Cfefciiabcoi lir pro^ 

movcre>eco0iteiiea>btMi»4oete^cofe l«u«fftrie^ (aiggrfit^lr dal 

koUì genio » molw pìgnr praricòj mi cftjwiff ggcllfe wcdUttc dd fi»» 

ttkor p^Arvo di giEon IMòug^ • Emfi in Ronu per 0U|o vemuct^ 

f tti ptà ìa C^HMoi àiMBD» la CSiMiiu AmooiiNKt» ch^T pec iniqua foff 

le» ancorai (iil QiwOratoriaMfletni giace i perno pei atea la gras 

•cme del Rcgnowc 9Ììom Somia^ Pomefice* di tr igc«lir> (mi miov» 

Mra«igli#alhk pubblicai vìatEr^ Quindi il QirdiMir Mcok^ <dteboiii i. 

la ift ctt^ iodttftria nelle cofe tcettf acìe fw kmpft: ofnmirabile 9 maok^ 

i^arcMaipavr il^Ccdaaibent r e* concen^ÒKcoO'efl^Uiiiuoi^iDlennt' 

Aocadeinia^ pei la: it eainnr di dettai Cotenna y dandogli > eoo» a St» 

ctetacioi deNoi Cm A^ntenin varj oidin» so t^óefi)» pwpofito- Ed tf^ 

fromiffiaia radine ben prcfto h pia ^(ito& iosiqgD» dii Rooiaf i^nn* 

K Aik piopofto atgotnaaco prodttdeta beltillKnr compoimnenu % nitrii 

poi iofieme rarorftf > %:flmap9xi^ trafliiiala il Crefoimbeni yti» la funi 

pirtr . Kè ifQÌ fioinoinr per tale impcefa; te Aie iocombenxe , impei^ 

ihaM <a* appreOFo cliianm€> dai M b afig p o i Niccolò Giudice ,. c^gi 

CmKnate di S»Chief;i , e aHDc Paefidtncr delle StnMie ,. ik fmle gtt 

cooMufe' d'ordine del^ Pape iftdlp- lia relaaìooe delUabbafibuaema dell» 

iaUettftColbnna v iorocfio-adkrAitegléubbidieaiìiafiBiOilieftela, o 

tenninata». clv'èbbe il radcomo' ^ egi» (teth m peclboa prefentoHò* » 

Sua Sentite ,> clic la UiSf > e correOe alcunat pacota ». come dal: fuo» 

Originale apparisce •. Oadioò^ poii la SàatiiàSua> che la^ommandell» 

finnone dwcfe ti CreGsicnbeQii ftave »> (come f^uà^ iofinnr colMk 

imx^ Melato> e coIlfAidiitecio^neli palchetio> ahatopet; eflB dSUnnK 

mente » e che norafle quanta accadeva $. tid che fiire fw m!» e&ttaC»* 

fina , benchi l'abbaflbmenco dr dena Colonna non* fegoift nelfioVi* 

ao' flahiiito f, nut tnUporcato»fio£EB. adi altra g^oroaca-t» cooie or orai 

direno» 

Era giàc|dì daqjoarcRe icm paoc t npataneiratfaJngibiHr delFe Gtedte 
M'fudettaPbotefice» e a mano a manor cbeofeivaao» egUletrafpoi^ 
Mra inèiK» Tofeanofi e col' oome di lo»fc^aKadel bei' éni& d^Ae- 
cadHnin^ dtiia Ci^fcar crana impvefle in Firenze» d'oodeveaneftn^ 
pMala decima», riveduta dalFAccadeor» iftadb»» per agginowla alkr 
aftr^già adites. pea le q^ialì incomaò' 000 poco* il! gpnio^ del rapar o: 
éivKU ù» ficcelfentfflmia Cafa Albani ^ 

Vkf tamipO' fteflo* r dwr la felice pernia del* noffny tmdSfo^ Scrfttorr 
m nelle fudlk8teai(eim|piégaea»i pur fé anche eftreicarv inr altflv Ib*^ 
iwoleacpBpaeionc r Ad: eia ooicaineBre' appoggiata dia vPadriddU* 
Caa«i|pai»da Gesù , e foqoeaiaJédefcrina^ 
cbe^ molti GboMitorii del Semioana Roomn» ». cheeou' pati fha^ 
ebea»»», edt eli^gaan in; breve tempo» dàfteTév date* poicva alle ftMpe v 
i]^ nom è d» preierife > come ciò) avveoiiie- A^vevana e dettii Pa- 
dti » per dair ali pobUita on.baoii:(iqsio« deV valete d^ìoobili €10-*- 
wn. ComrictoeK m Ksoere »»e i» anafe prepaaata^ una folìMnir Acca* 



Digitized by 



Google 



244' Vita DeH^Aroprete i 

demia , per la quale avc^t^Abo nobiliacme lapparale^l^ Aerìo Garrir 
del Seminario aiedefioio > incorno a cui eoa vaga dife jiar , e fime- 
tria avevano collocati quaranta oieàagliòni^y nc^qoaK cfanò crpfeffi» 
e dipinci altrettanti Letterati illuftri » tìgìn, tutti dcUa fonufltatiffìma 
Patria dèi Aegnamt allora Oemeot« XL, aia poiché qutftt ciòinie- 
(c^ moflb dalia incompatabile Tua modeftia , die (ubico dfdinc « che 
é levafl^ quelle iaunagioi • Ubbidirono prontamemc i Padri y ma 
pcrnoa ^glimre l'Atrio del pia vago oraameofo, cbe vi fi aomiìraf' 
iti cangiacon pcnfieroy e a i quaranta chiariAjmi Letrerari d'Urbi- 
ao foiri^aronD altrettanti iliuQri Gueri4criy. già un tempo Convitto* 
«i dei Seminario ifiedò. Qiiiiidi, per far note le va^orofe tmprefe de' 
'medcfitni, fortemente impegnarono ia franca. » ed eruditisi penna del 
Csefcimbeniy ik quatt ia*ona fola notte fotto gli occhi de* foddetii 
fedoi in cofpicut £logi .quelle deficrifle , e ridrinfe i fatica ia vero am- 
Mirabile» clie a lui po£ciia cagionò non leggiero nocumento dalla fa- 
airi^ é ciò» che forfè a lui piiù dispiacque » U privasione ancora A 
poi^ godere la viOa di quel Teatsoi e la i^tcita dell' Accademia > la 
.quale il. di vegnente fu Utta con pompa veramente inagaifica> e con 
indicibile piacere » ed appiaofo di rutta Roma v 
- . ProcuQode allora^ d' Arcadia era il^ molto Letterato Giulio Cefarfr 
Grazini Ferrarcfe} quefti non folamente delle buone lettere ornato y 
SDa eziandio delle più nobili arti, per (uo bell'ozio prefe un giorno a 
dipingere il citracco del CreCcimbeni , veftieo in abito corto da» Ec- 
•lefiaftico 9 avendo* quefti già lafeiato la procura, del Foro Romanov 
&i coia veramente Angolare» che eflendo Aaco qnefto iì primo ritrai- 
lo, cbe abbia facto il Grazini >. gli riufcì aIKociginale fipiiliflimo ^.i 
cut ne fece poi.dono^ Ma più, che \* eiSgie di quefti , dercft0c egli 
pnfeia l'ingegno « e l'animo di lui co i leggiadri verfi , cbe al mède- 
iimo Creicimbeni iodiriazò in un fuo Pkirambo ^ alcuni de' qitsali 
Qhì qucAr*. . ' .. 

del Cre/cim^ i/ErciUp /€gn9 .. \ . 

hni lib. IV,. jii 4ol€Ì carmi ci fCftC'y 

ffg. 476. £• .. £ 4/ 4^fgt jtifi^ 

^*.3- D'AUw^Fcbcp 

Intrecci A éUmc ecumene •> 

i>»/## ,. e gcntih . . * V - 

j C0H l'alta Imct irréuHé Ji - 

E Campo Urge 

Bimargo'im marg9 
. * Grcfcc alla Itella Arcadia^ 

i E ben poteva con< verità dir ciò di Ini il Gra:^tit ^ mcncre allora 
appunto esa/uTc tra «alla ptibblka vifla la feconda cdizini^ ddle:.Rimé 
del noftro Poeta molto* pie ^opiofa > ed atricchìba.,: da lut .dedicata 
all' Ab^Domeoica Rivira. Cavaliere Urbinate V oca^aoipliSmo l^e*- 
laro di gran* merita, e valore, xlietì'AbbeaiTai gcadiipanrov^ccon)^ 
ancora gradi moitb l-ifteflo Pontéfice ClMente Xi.^ y%\yet il Crercim» 
beni dedicato aye(baidectoAb..KivieraÌ4<>Para!itckJiioiélkirc. Ma 

per 



Digitized by 



Google 



Gìot MkriiSt GteCbiizibefii • i^y 

fttrht .«^ eoff moka più gr^ca a SuarSaoucà , ie iirefemb un librai 
del Dottor Antonia Gatti Lettore dcH'Uoìverfiti di Pavia Aioainico, 
ificitoiaco -* GymnajH Ticin^nfis Hifiwù^^ y & f^dki€ : ufcito poco 
avanti dalle ftanpe ; < il Papa in bel contraecatnbto > lo regalò dei 
Hbro ; Dt puer0gat4V4 OecimenicM fi$mtndÀiioÉis , <(^ fiotefiaus R^^ 
mani Pantificis a ConfiamitutfoUums Pr^tfuliims ^fHrfatm ^ HijtwriCA 
iifirtdth ÀuBore AntmioVAir^ Fi/iet^ &Cé dedicato. al Papaiteflb» 
Comuoicò pofcla colla Sancirà Sua il iibrerco de'fTMsi àìit^i Ac\\x 
Rcpobbitca letteraria d'Icalia, del quale occoErerà più jbuo d^ rag-^ 
guagUo» Piacque al Papa quella notizia^ a 4m per aitco tiufcita tot* 
ta nuova; epaflando ad ^Icri difcorfi gli diede varie mcombenze io- 
torno alla fiampa delle /uddetre tradotte Omelie da £arfi i^i Rocnt» 
e intorno alla Vita del fopraitiemovato Bernardino Baldi« e ali' Ulo- 
ria de gli Uomini illuflrì d'Urbino» die a fcfivcre aXieva intraprcTo. 
Oltre a ciò poco .dopo. ordioogU la «radozione d'un iibpo latino 03»- 
Bofcritto in Italiafio^ che porta queflo titola ; EfifiéU .ex Indiisjè- 1705. 
Atmis Burihefii Medici Mìfftenis Chinenfis tranfmifféi ^ SémRiffimù 
Demhw JNojhre Clemente XL P^ AL^ qnd fungi twr Pétiriiirchs jdntie- 
chenns 2}« Carelus MsHUrdde Teurneu Ad Paulmm JUéUtfreditm Pr^- 
eeftartm io. Febmarii 170^ in irapo a tee giorni pofciauda lui felice* 
mente tradotto >. e dedicato allo.fieflb Pontefice^ 

Intanto debbo io qui riferire » coaie fin dal principio uli «luetTaiir 
no» gli capitò ^ui libretto venutogli per la Roda intitolato: J frmi 
Di/egm delie RefubUica letteraria dJtaliM ruhbéiti di fegreie , e àe* 
Pdti Alla curie fità de gli Altri Eruditi da Laminde^ PnitAnse Mafoli 
^703. in ottavo. Nel quale è un Catalogo de* Letterati, che fi («p- 
pone , che compongano la detta Repubblica^ e tra eflS v' é anclie il 
Ctcfcimbeni ; e quefli Letterati.» die fono in numero d« quarancaoo- 
ve > fono chiamati Arconti .della AeiTa Repubblica > e vien loro Aa- 
bilito il titolo di chiariflimi . QueAo libro » che apparire e j:oo data; 
di Napoli, benché forfè fiampato altrove , ^miene 00 uoiverfaleva^. 
fliflimo SiOema per unire tutta la letteratura d'Italia a promuovere , 
e aumentare lo iplendore delle fcienze in,que(lo Regno • E inficiiìe 
col detto libro giunte al CreCcimbeni una lettera d'avvifo 4ella uaf- 
miflione ^ la quale non idimo fuperflup qui fotto apportate ,. quale 
ella è nel fuo Originale • 

Fuori - j^ir IlUtfiri^m^ Signene mie Signer^ Paàfwe Celendì^md 
il Signor jib* Gioì Mario Crefcimbeni - Roma -* Dentro - JUkjirif: 
fimo 9 e chiarijfmo Signor mio Signor j e P4drone Colendijftmo^ 
y^ Uando fi fi ava ^enfiando di comunicare fegr et amente a V* Signo» 
kJ ria /llufirijpma , ed a Jutti gli altri partigiani il di/egno pre- 
ftnte per ot/enert dalla di lei frudenz^a configli » ed ajuti » e regolar 
tutto maturamenu s onde fi fotejfe foi aprir la fcena in tem^pi mi^ 
gliori « e quieti : la mins ha prefo fuoco prima del convenevole , e 
iael^ che piU import A prima befferò competentemente perfexSonatAé La 
teca cauteli A^una Per/ona , l* infedeltà di un^ altra ha cagiottato que^ 
fio di/ordine . Già /?' era /cappata fuori quAlcèe copia f eritta a nuh 
no y e quefia dìJgrAxÀa ha pojciA fatto precipitare l* adiiuone • Poiché 
non s*e potuto far meglio , F. .S*JUu(iri£ima riceverà qftefti fogli co» 
Crr/c. /fi. relg. Poe fi a . Tom. FL Q, 3 P»"^- 



Digitized by 



Google 



%^ .vita DdT Aicì^twe^^ 

greihiert fam ^ ttmjc ^ md^ché fi. cmenti f ^beùL fii9 fMfe éem^ 
mtmt fi Jcriwt ad CMmltpf deiU HtfMicM ^ t àigni d4 fui innath 
zÀ éi ricoH^ttm « c#a9r Jii4 ^t^t^ jAMfumxA % t frmmìfìrU ^ 9 fr%- 
cnrarlc ée iPr^tmicri • t è^i mmi « S^ftM^tuu^^ i frtgutm di wtme* 
rt in €Mta ^^dU^ che in tM fe^fitw U dctfórÀ U JmAfmàafZM^ tm 
fignific^J» a J0mfigmr JUtnahim^p U ittsie per mra /^ri cmmmeJk' 
fdfitéuié di qmftd tufcmue Xt/Mifca , jU m^defm^ wnìpcherÀ ^mli 
Mitri eruditi > ckf CPfmfommerittvtii d*entrmr $ttl Cstaisgò , mn M^&auk 
ftrmejfé /' Mitrui indiferexJme , c^ fi/Mvid fui frmdpio ginfiitjà 4 
tutti. E^findlmmt* fimtrgiurmté Im ài Ja hmttà m c$éftrars in ttutt le 
firme fogibili m qit^ tmfrefd^ in cmi i itttfnnMs ìa rifnt^zSvttt id" 
tftaUs , e fMVMKAmatte téute èifiderme éUlt fi:itnzje ^ 1 4dl* éirti H- 
^ ier^li* yìpM felice M 

Ciò , <iie il Cstfcinbcoi fac«flfc , per fecondare ti genio dt cbi 
f i*aidfiitzò <|tK&t lettera col foddeoo libco « fion mi^ è «oto , A 
bène, ditegli non ti>be maggior premura « che prooiucyvcre V ìngraB- 
dhnento della Repobbtica letteraria « il che attenne frolle miti « € 
dilettevoli opere, cbe diede alia loee » colla Iftitauone dell'AdniMB* 
Tmè. 11. n de gli Accodi'» e colla fondazione di molte Colonie Arcadicteit 
«ile ^aK ora sHij^anfero la Liguftied io Genova » e la Vertmefe io 
Verona } per le quali cofe il ctld)raciffiino a noiìri giorni Scipione 
Mafchefe Maffci Vcroncfe in on Aio Oifcorfo per U prima Rada- 
hanza ddla detta Colonia Arcadica della Tua Patria, onora alcamen- 
ce il nome éel Crercimbeai infieme con queUi de>rù chiari Poeti dd 
bofiro Secolo, i qoali fdeAtme , come egli dice y^n gierne ntl Tm^^ 
pie deltd ImmmrtMtits cenfecrdti . Paritnepte il rinomato Salvino Sai* 
vini Fiorentino nella fna lettera dedicatoria al Ccefcimbcni ReSà , 
altocche grioviò la Vita di Lorenzo Magalotti Fiorentino , noftro 
Arcade , Liodoro Elateo appellato , da efo fcritta » così gli fcrivt: 
Vit. degli Af'J^^f^ certdmmte armi deMn , Gentili Jfiwt» Alfefibce'^ U Citti diKe- 
c/M pmr. i.fttdi netta quaie efende emi fiate mte dt^Fendateri éUUa ceieére jlccéh 
t ^1*^99* demia de gli jircsdij l'enme fei^ e cella indefeffa vigitamLa veflra , 
e ee*frefrj fcritU ef aitata , e mintemi fa mai fempre in qnelCalte pn- 
te di gteria^nel quale ella i. Ella , fer mere d&e^ ha date camfe e 
metti ingegni di venir /# , quai vigerefe piante in emtfle fertile terre- 
ne ; e a vei frincipalmente he forte materia di difiendare la w^à 
eruditifflma IfiwiA della brigar Peefin y e per raeceglìere , e metiert 
. infieme altre epere degne f a cenfervaxJone nen mene dtUrapaffaìi Ria* 
firi Ueminif elee di féellif che a di nefiri fi rendene d^ni di rivertn- 
jue^ ed enere. 

In £atci la fama delle di lai open tant'oltre fi ftefe, cbe moffegfi 
Oltracnontani a domandarne un ben diftinco ra»uaglio • Quindi i 
Padri , che allor componevano il Giornale di Trevoax fcriflìero in 
Roma al P. Carlo d'AÌ|aino della Compagnia di Gesà ,^ che proccti* 
rafle dal noftro Scrittore i rifiretti di tutre ledi ini opere già edite , e 
la notizia di quelle, che tenera all'ordine perlailampa , e di Quelle 
tintora% cheQava componen<to , e dell* altre , che meditava di tare ; 
alle quali domande coodifcendendo il conefc Crefcimbeoì , foddisf^ 
et al dcQderìo di i^ue'doctiffimi Padri. 

Ftt 



Digitized by 



y Google 



CkKÌ4^k> Oxkiatttà. . Ì47 

Wét pm «tttro Sinuco U di fui gkuliflk) > e 4ikc»Ì8iiai«^ ac^k c^ 
k ìtttmw^ 4» gti UwikH.4<xci » td ariidki^drl wftM Secolo : tatr 
fo k 4yMa» cbe dk hit «bbcioir ut gli a^cti^ cfat p«tiei ^iii addiiirt>_ 

• risrftllM no^fitt PctfM^ìtiicMUil' quarta vofaiai&actk opncM 
Stata Ctlttrma dì Situa > Ir qMit alloi fi SMquivaaa i& dtcta Ch- 
tè^ wttrappaeaca aUt ^U opeie fog* 177^ d iMko fingoiare ^ e ca» 
» rElogio ptìyt iy €4gU AcOb fece al CrefctflBbeoi ^ di cut dkf c^ 
«.- AceaitmUo^ tntrMdtA> r ìa^a Cnaf^m^ f di hutà i Caligli kfurm- 
ti AmlìéWk^' tf di fmdti di Ì4 é^'Atmti de^gwmmem^ iénmdta Cujldidi^ 
id 990 éttrmi Padri àAnndiéf.^ per U mi fmddzSmat. fr^fagémià- 
H^.§ difija » ficcùmt dilim firn ih^it^ tm/fagnim de*ÌMt0rmit cht dé^ 
firn ^eia Ji^/i rminoita ^ b ftrìa iménrPtHid y eht Ba dmor tMti 
étbtjb^à VMM a^arii khrsUy difiiiwu ^ e>di fiiinj^atiy mniu r che st 
ft» itddàkakih ìagift^fiM atLéuim ogni Cin4 sfertMotcmmercspidai- 
kJhdiMnéLnta^HnwfmuwuM^^ Cl^fe^ir ataiuno r^^mbraflc ualecccfi- 
Ì0di|tiopfo affettala tede» qua cbramb io lotcfiimoflio |a grave amo- 
fica del tanto celebre Gìo;Gtufeppe Fclke Marchefe Ot&y i\ quale fii 
Crtnpre d*aittmoitecaroaflrxsàMiaco» eri^^uofovecfo ìlCfcfeimbeoi* 
A qpefli majodè egtk di Bologna:, per rivedere, b &ra litpoftft fatta % 
i Goornaliflì di Trenooz \ t i|uole fecero «ei \oi gtoraaie ima Cfiri^ 
tm al foa libro ifttitdaeo: Cmfidat^mitm foftm U ménUttA di àm 
ftnfdtt y cioè fopra i pritni tre Dialoglù;. la qoai rilpofta dal Cre^ 
ftimbeoi riveduta fofaìia aiteftGamenee ^ egli fiii» ateunc o&rvazio» 
■fi f. daMttt fa(ci9 na^daur ai dttko Macckéfr » cui goa^deaioiyc .ft^^ 
aosD accette* 

E pecche più ;)cluaeàfliente fi ^cggs fuaato alco^ concetto avefiftr 
qucAo* ioAgne Lectecato del ooftro Scrictiare^ deibo io. qui rapportare . 
cti^ r .chc^gli Aeflò ne lafciò fcritto ad raddecco fuo Hbeo delle co» 
fiderazìtmi Copra b tnatrieni di ben peoiare > ove nei Di^ogo fecon- 
do a cor.. ix% partaJbdo della inieraa » ed eftreae bellczsa della volv 
far Poefia l'ima, nella femenBa « Tatna nella locezkme co&fiftcodo» 
eome dottamente oe (ctlde vi Óefcimbéni at'fìKft: Diatogbi 9 dice im 
iat gmfai ì Ci» pè-tmcàffk/tifgw'cif^ firn amgU ifirtimo » ^# n'ira^ 
ff4K tutu- il meilio raccolta in uh egrtgio volturno v ultima m i mtt dst^ 
P0 Ime dal fimofo jMftfiheé^ Ckjhdt d^^An^dia ^ ITjih. GÌ01 Marim 
Cre/cimliofti ; ègU flteome^ emfiirmcétfe im tate if^lgne ^dtmi^msi^y ^0- ^ 
jì piò i^ci Maefito^ im, quefta d^tvima ^ E apimOe nel Dialogo fcD» 
timo £ cat^ £So^ pada dcH'IOoria 4keUa vol^e Jpbefia del CccfdiDb^ 
ai C0k fentitnt ota di qaefte pavoke i Se mot Pemf0 f cko fi^ fcritta A» 
wummrm di Hem tmfiere y ^ffe Jketétmriteé Fìfmia^Us^ méigar Po^ 
fi0y eomfàUt0imo lu wtoltodal mfiro QfeJUmhm^r io^Jk.d^ei èmof'- 
mefahiie it mi^'jtntmfe f, rnewere $0 tatjotfonegowimemo 0tmeUf0 jPMiw 
00oro e h mo^izie > ^if^^i d^eompfmdeetH di tueei i noftru WoeH^ 
iDoltre llficflb^'dottMimo» Marcbefe Orii neHa^ eoa; prima lettenT ilo 
iropofiioidel ftio^ libra fuddetto delle Coofiderazioat «iMU» f^f-* H^ 
«M prende a erodere -l» ftoria^ Utafo^delt CrefciiQbe•li^.. E^0er0^ 
4kÉti^l^)A0\^àMàodi$d04mlM04k9^^ 



Digitized by VjOOQIC 



14* Vita DcITArcifM*» "^ 

re » non ers ftàtm fofmatd émcard JUIC jib* Oh. Méirim ffrr/Hwtèni 
CenerMl Cu fluii iAtArcAdim fiflms delU vég^ f^^J^ r ^H^y e Ai 
noni dd dir fi frofriMmenti wtd RMCfriu > cmf$i èÀ^ dicano à tmflri Pa* 
drii md fhe lontenendofinfnÈi gmditLi di nni i mftri fytti$ wrirdb^ 
menti ferve dd ijhuirt » e l*àdlid 9 ^ le IfdKÀ&ni fhrdmre del mcrite 
hro » / deHero fin fingeUri cemfonitmmti . Tcftinaoo) » die oTcict dal* 
4a peooa d'un si graod^ Uomo » e d*oo si grao difcnCore » e feftcgfìo 
della ietreratufa italiaiia , meriraoo d'e&r venerati -, ed accsefcono 
»na gk)ria anfai confidetabilc al CreTcìmbeof»' 

A quefti Aggiuogcf quj per ora porrci il rinonvRiflSnio a di Mftcs 
•Lodovico Aocodìo Muratori ^ il di cui giodisio ia mactriedi lettere 
«on è inferiore A quello di 4i«ahioqiie ahro Valeacaocpo dd noftro 
Secolo; ma per non portar qui troppa a&llan i pareri dà tasti Seri* 
lori Aiiropere del noflro Amore, ciii brama^ oflervarH > vegga tra gli 
altri il detto Muratori nel (ho Trattato della perfetta Poefia kaliana 
tam. u lib. I. cdf. jo e tem^ z. lik 3. cdf. 6. #7* e lik ^ fdg^iéuy 
e f 34o ^ (^apr^ con quante lodi egli accompagni gì' ingegnofi >paai 
-del Crc^cknbeni* . ' 

Fino a quefto tempo fu differito t'abbaffamemo deU'^amidetta Co- 
lonna Antonina» di cui ftefe il CreTcimbeni fieflb per comando, dd 
Pontefice Clemente XL un efatto» e fedele racconta , dato pofcia 
alle Stampe» ed anche inferito «ella Parte fenima dd quinto reno 
della Galleria di Minerva .. 

Ma pur finalmente dopo tante Cariche 9 giuafe egK a goderne qnaU 
ehe buon frutto s imperciocché Tà clemenza del fuddetto Pontefice dr 
fuo proprio moto gli conferì un Canonicato di S. Maria in Co6Qedin«. 
ienza, ch'egli ravefle domandato» lìei che fu^^empre mirabile la mo- 
deftfa di lut» non avsnda. giammai alla Santità Sua» ne in perfona». 
né per mezzo d'altri offerte fuppliche , per ottener grazie » e fovorì^ 
contento di quell'umile fottuna, iaciì^^fempre viOfe; cofa veraoieme 
tamo più in lui mirabile» quajito fu maggiore la confidenza» ditegli 
ebbe per si lungo tempo con Sus^ Santità; di modo che vedeikioognr 
nnos cIv'egK ad effa aveva sitonttnao acoeflfo» ed era conti nttamente 
dalla mcddima cfertitata la di It^ipenoa»: cceducoavrebbe » cbeamag^ 
^ori onori falito 6>0e «^ 

Non erano dati per ance^ celebrati dalia noflra Adunanza i Giuo» 
ehi Olimpici in lode degli Arcadi defunti »' effendo ella dopo la par- 
miza fua dal Giardino Salviate priva di ferma abitazione.. Per la quat 
eo<a il geilerofo,. e fplendido PriiKipeDon Vincenzio GiufHniani o&^ 
isti hèn volentieri di' Adunanza il ftia .Giardts^. pcR laeelebraKiooedt 
4ettt Giuochi • In.èflb fu £aito «n finta».itia^Glai i^g# Teatro di pia 
Pedini di panche coperte di paiBt arazzi di color vende» taibraudd: 
liliale era fmollda^ eden^artorniatadarooltc Picamidifkbbricaredi le» 
g|n«mi». vediti di verzura ». in ciafe«na> delle quali, ei^ collocata nna 
delW lapidi^di memoria ». che: PÀduUanza (teffa fnolr lafciar. ahcare- da 
il viventit a'ùioi illuftri I^ftori- defunti r ed alkwa per Ja {^ohl volta 
^tflct>miodiaroné> ikiCilekraQ.qikftt:Gfluoehi-dla.>in)emdrià de' roa^ 
«\Ai^adi . U «CtlAode <cc jÌìatoarai£.giatiUlPémefipecfnòhQé^tM^ 



Digitized by 



Google 



Gior Mario Creicim&enr ^4^ 

rltStftti dedicò, ed'ÌDferfona gfieli prcfeotò). gradcAdoil b Sancita 
Sua al niaggiot fe^òo, e modraodo graficie iaclioazione di fac qual-^ 
che benefizio air Arcadia* ^. . 

Mentre |>etò^ con tale feitfkà fmto 6 adoperava io promovere i no-' 170^ 
biK fiudj[, cfav dalla CittCM Adananza fi profetano, non mancò a lui 
tempo di eferci^arc il fuo (tiie neiia Sacra , ed £cclcfiafti<:a. Iftorìa ^ 
imperciocché ferine egli diffitlan^rney e nobilmente ha vita dr S.NÌG- 
c(Aò df Toltfnvino > rifoi mandola ia tutto ciò , che fin orajr^è ftato^ 
fcritto, e conformandola a quanto fi fcgge ne' procedi della Canc^nia^ 
aaàone , ed in altre fcritture autentiche r noo più uTcite alla luce; 
avendola perciò io quattro Hbei divita* Operai a hn coaimeOa dai Par 
dùAgoftioianirdi Roma, non per anca data alle fiampc* 

PreparavaTi allora in S. Pietro io Vaticano la folenne funzione del lo^ 
trafporto delk'oBa di Papa Aleffandra Vili, al nuovo fepolcro. Fuquc- 
fia fatta coir inierveato idelk'EminefKiflfinia Ottoboni Nipoc< y e dh 
moltxaltriCardinaiiy e quantità di Prelacurar e Perfonaggi*, aUaqua«^ 
k con dìftiiieione pacticolaHe il detto EminemìflSma fecje aÓiftere an- 
cora ti Crdcmbeoi» e pofcia finita, l'Eminenza Sua commircaMon^ 
figaor Sergardi una relazione laticìa< di détta fucizipney e al Grèfcim*^ 
beifit un' ahra volgare ^ acui Suà^ Earincnza donò una medaglia coir 
efliigte del Papa, e col rovefcio del fuddetto Dep<>fito. Per vago Tuo 
Keob andava ailor componendo una'elegante Mufco'-, perloehè fopr» 
^ogcnro, e trema medaglie io maemo d'uomini letterati Illuftri anti- 
chi, etiKxlerRi, tolti i tor Ritratti da ftampa, edifegni aecr^ditati^ 
fece egli jncklere «^ Oltre a quefti adunò uir copiofiffimo' numero di 
Rtrratti, altri io carta difegnatiy altfi intagliati,, non pochi io tela 
éifmiy àt*^ìà fiamofi Letterati d' Europa deh noOro ScfioloV e noflr^ 
Arcadi, del quàl Mufeo fa degoa memosia Gr^ofano Cardilceti nella 
^aota al primo tomo del Giornale de'Lettetati d'Italia a ear.io. 

Avendo, come fi^ è di fopra accennato, la fteflfa Adunanaa d' Arca- 
tadia la direzione deU' Accaiemia del Ojfegtio in Campidoglio pei; 
quello r cbe foi tanto riTguarda il letterario r vcrite quella infigne Ac- 
cademia annoverare tra fneyi Accadenuci accorsa il Crefc imbeni, co- 
oc quello,, cbe perle pregevoli arti della Pittura» Sculturay e Archi- 
lettura nudr) fempre un genio particolare,; e come Cufiode d'Arcadia 
& prefe la cura di niùce all'Accademia dcU'arti ifteffie usa Schiera d» 
fcelti Arcadi r che feceeo fovente coH'acmoniade i detti, e leggiadri 
loro verfi tralmuiare in Pindo il* Tacpeo ^ Qjiindi il celebre Putore 
Giofoppe Giiezzt Segretario di det<ta Accademtai, di quefta nobile anno^ 
aerazione maodò al Crefcimbent uoa fpeciale , ed ampia refilnpooiao*- 
za ftampata, e autenticata da lui coUa foa fofctiziofle » e col SigUlor 
dclPAccademia iAeffa^ 

Per lo commercio adunque , che hatmo le arri foddeete colla Poe^ 
ta, inoAffi Arcadi ftil Capitolmo ebbero più volte K onore d'eflero 
afcokati ^ ma molto più V Efquiltno Monte andò cliiaffo per W km 
canto y allorché il geaerofo Principe Don Fràacefcd Maria Ru(^« 
colarla óìi loco ogni comodo nel taoGiardioo di fac ciafcu» anna 
kAdonanae* ^ . 

All'oooce àiddetta al Creicimbeoi co mf a gt igQ (iair Accademia del 

Dia- 



Digitized by 



Google 



x$^ Vita Delt Aiwprete ,, 

DifegHo» un akso beo Angolare gli fi aggtoak 9 aie«tte gli Accadi^ 
mici Infecondi di Roitia* l' ekOi^Q per pruno AiCAeóteal h»ccr Prinei^ 
pc> ch'era allora Mpnfigoor Camillo Cybo o^t Amptt(fitaoCafidHM^ 
lev la qmk Accfttearta era g quei gbmUapm antka, che io Roma 
fi'naanicncfle» e fu.gffaDdeni«me prottna da PapaCtesHem^Nofiofic^ 
come dopoi fenpre ^ctce la proreanone dfUia BcccHcnctflimai Ca^ 

fH^^y^ Rorptgiio&« Così pore onocerol menziofle di lai ftec nella lezioBev 
« diftfsb di cm Sonertadel Copf>etta QiaciatoJViocintt Ukiftre P^re- 
f ino, e celebre Arcade delia Colonia A^gufid^ di qncftQ recupo fon* 
tjoi., darà in Pecogia .. Cotnc anco gU Incolti di Mom' alto neb Co(cmìm 
graxiofanwttte r.anno^rendmx^ aUa loto Acrademia», nsiuidandogH in- 
oltre le loro leggi» percisè Ir rinredeffie» e CQriaigge(re> ficcotne fece» 
e conferendogli k carica di proraorore di efFa pec l'^ltalia- 

^ncati erana a qoe^ giorni moki nobili Letterati amici ftrettifr 
m\ del OcTcimbtni > e tea gli 9ÌKn lAonùf/tm, Eabbretti, Mon^nor 
£e\feroli> Moafignor delia Noce», il Redi^ il Filicajav il BelliiB» it 
Manzini» ed altri cbiaiiiSmi Arcadi. Adunque la nofha. Adunaott 
confidcrando quanto aUecti gli animi getutii^. e va^bi cEmefta glodi 
ki rperaAz;^ che poffa gtui^ere il nome loco afl^fiert, eeoratoi» 
l^bblichc leftimonianzedi ftima» decretò», che a qoe^Qo^iv i qpali 
?iveBrfo aveffera ottenuto dalla Repubblica letteraria il titoio di fr 
»o6, fi potefle alzar nel fuo SòTco. una lapidi di* n»mocia> cbe i»> 
dicadf in qual profeffione feflcco ftati eccellenti^ Pei figntiScar poi!» 
Ima» ordinò fi. ferite/Ie k^ prima la vica> e fi detfe ad efamitiace a* 
£teptt«aci^ A ciò iut impegnò turco- £e fleflCatl diligentifiimo Oj^ 
de, ddb qiial opera fir egli il principat prOnotore v e cite poi parte 
in i(cri?ere» parte in far defcnvccerle vice de'^defiiAci tllàftri Accadi» 
pefe la mofm (na accurarezsoa » Fatta perciò di jcffe uim degna caecoW 
Ki» ne iorm^ il primo volume», tra le quali v'alia* egli di Aio qadkdt 
Mottfignor Raflaello Fabbneui Utbinat6> tra<pocraia dal Tetto latino 
dtirAb«cDomemco Riviera in buon ToTcaso» e qitetla di Monfigoor 
Angelo deth Nioce ArcivcKoove di Ko&oo^ da cda dedicata a Moar 
^^not GìoiCriaofoffoBacceiliir ficcome a hd (Ma&i dedicata daBù* 
Ufo Ma|oli óf Avirabile la vita dì Francefco d' Andrea Napolirane*. 
Qgiefio primo vohime dcUc ftiddettc vite bx alrrest dat Crefcimbcoit, 
eome Cuftode d' Arcadia» dedicaci a^ Papa Cleme^icc XL» ^ cui pre- 
Ibntolio-i» Pcrfonaju inficine eoa altra fiia opeca». che porta 4t titolo* 
^Arc^ia, detta quale occorre quiora oppormnameoce fia^^elbtfe.. 

. Xfo9K Riconofcendofi egli gMndemcoreiobbk»;aco-alla Radnoana de gli 
Arcadi ». pensò di fcriverne la^ ^ria» fa&ica a lui^ ceduta da altri>\cbe 
tamedirave^ e per recat ditetto a i Lerton» risolvette di ornare ti 
racconto iftorico colle vaghezze delia favola col. configlio d'^ÌJoctiipi 
dirglr^ode iiKeUigcnza^r Aveaia giàpaieccbi anm pijmaabbozBara i bai 
naMdapofcìa.e^ d:^ip fiato fecolase pafiaiaairBcciefiafticoi» fi rk 
mtfe di lavoMevi>fbpoa^>IoUadimeno ftimolaro^de quegài.Aeu»^ che 
néll- abbocco fleflb avMattoc<MBponimeiiti proprf^^t 0d ance da.g}tCM<^ 
uninoaeani». chedtfidevavano^e notizie di queiVAc^i^cmìav là À)i»*tr 
. la pubblica. Ordioò poiegli quell'Opera (uiridea dèirAccadia.dei S^ 
«Msacp »v MaeQnci l^cuin^^diile cok^ ((aftòiaii^c q «ddter aiffesi, thir 

tU(C«b 



Digitized by 



Google 



mrreaideTb^» àit ojàtjàmmioìc^ oji'^cfttèiio^ 1^ (Arcadi, al lor-vi^ 
testi 9 introdotti fidjri)ptra, parlano > folle loro propiiio*, uoctido t*- 
ziandio aUa kctcti .deUe iDatcriCf xlie vi-fr trattano^ i^amenkà dei? 
cofflpommtnti atnorofi, avendone efenapiD de' Padri) e A4àeftri AHs 
fofcana favella 9 DaDfic^ « BetraETca. Quindi fa iaiptetc^ oosa «fo^ie^ 
ih «sa Sroria cEonotogica di tutto ctò^ cb^^è 4Kcadmo éiiia ^iWA4r 
none delPAdtraaoEa tóso al tempo , in rm {aibtalfcò qfurfl'Op^ca^ ma 
un racconto di cttctcqt>elle tiothicpià fittgolad, « «i|;uardcwó4<^ «>« 
ItOpeca abbraccia*» le quali fecondo it frimoifeboaeoiarriyano^fiooal' 
Taono 1704. Appoctfb i da ùifcrfi , die qaeAa beUa fatica fa «mo di 
qtic«ii ntÀliffimi frucri Ittcerarjt cbe ^produde la vfrMk>racoftverfia;io*- 
Buon'Avvocato Zappi » imperctocobè in canti <^ovm1«vÌ fa dal 1^ Ad* 
tere-fnrmaKa» quanti fono i libri » che iacampofi{ono^ Dedicollapoi 
c|ti'Ìidla £cc^lltiitiffìma Ponna Maria Jkrnardiiia Albani, Cò^M^ta 
di Papa Qemente XL» e avendogliela prcfcmaica^ Tebbe moltoagra*- 
doqaeHa^àora, la quale fi efpreflTe con elfo lofi am (egmàim^ 
o ftUna^ defiderofa 4i tnoftrarae co gli tfUnì H gradimento^ ' 

Diede inoltre égli cotnpimento alla tradu2ionedi alcre feiOtneltet 
fia^ora giunte al numero di vent^sna, ftampate in Firenze^ dal Pa- 
pa, a coi le prdemò, (bmmamtnte gradite ; delle ^ùM j^rima 4^ 
ch'altro padò con molta lode l'Avvocato Francefco Memmi Fiortn- 
tino in nn Tuo racconto iftorico; ed atKo ViiUre volte tnefKMondro 
Leooio in un Tuo Ditirambo al Cre/cimbroi^ pofcia ne fe<oerd anca- j^;^^ ^^/^ 
ra encdmio i celebri «Scrittori- de' Gtoimli *dc'U?nerati d^ltrtk 4' an- ^rcnMdi t^.u. 
no 1710. tomo 4* a cane5>, ^ ^3^ Quindi ftendendofi ogn'^m >pid .^^^^^ 134. 
il citiaro nome di lai non folamente per le ItaUane Citta, maea&iati- 
dio per le Oliramon&ane, {li Operofi di Lubiana QrttÀ iìeila Carnio^ 
ta l'aggregarono alla loro Accademia, la quale fa altresì agjìttgaca al- 
la naftra ArcìMl'id, pTcndeildo il nome di £^ma^ 

Due ricdie , e fptimdrde raccolte éi Rime ufcirono di quello tefn^ 
poaUa^mbblka V4Aa>,i*«Qa ufci in- Bologna fottoil name di Ag0<li« 
iiaGol^i {^farefcft la quale corniciando daiRimacori del primo Se- 
colo, in cni nacque ta Volgar Pocùi^ fiegae fino a qncUi del pres- 
te. EUa ddivifa ka tre pani; e nella terza^ die Contiene le Rimi^dt' 
Poeti noRri^ allor viventi, ve n' anno molte del nofko Crefcimbeni^ 
Qpefla Raccolta divenuta rari<Iima fa gli anni addietro riftampata 
in fiolc^na^ ed in Venezia per foddisfnre al defiderio de' Letterari ^ 
preflb i qnan é, e fata fempre in alca ftima^ L'alerà poi fa fatta in 
Iucca dair Avvocato Bartolomeo Lippi, la quale le fcelce Rime de* 
Poeti del noftro Secolo fotamente abbtaccia ; nolfe qaaK fo^i^nr tom- 
prefe al4Qcine del noltoo Autore^ Or mencia altri , dair*e(empio di lui 17i^* 
pcTavventbra ndoaì, ftudiavanfi a lor potere di ravvivare f ami<:a di- 
gotti della volgar Poe(facon si rate raccolte^ egli firofegoiva ad itln- 
ftrit riftoria della medefima condotti fnoi OÓmemarj.. Perciò egUef- 
pofe al pubblico il fecondo violarne de*niedefimi divifo in due Spartii 
Contiene la prima TanipUazioné del fecondo libro di detta Iftdria, 
medtanti^Ie vite, i gindizj, e i faggi de^ Poeti Provenzali > <he furo- 
no Padri della Acffa poefia volgare^ Furono queAe vite 'prima fcritte 
<a Uagua Srancefe da Giovanni di NoAradacaa > Proccuratore della 

Xoru 



Digitized by 



Google 



15^ Vita Deff Afd^fete 

Coite del Parltmèneo di Proventa , e da Gio: Guidici ndf Ic|liaQ^ 
tradotte y.^ impceflTe da AleflanJco Marfi.li io Lione 1575* in 8.^ »:iua 
affai laigUore acquiRo elkno fieccro, irafportace, che furono di nuo- 
vo nella Tofcana, e illuflrate, ed accrefciuce dal aoftro Scrittore; il 
quale però afferi d' avere per la traduzione di eflTc grande obbligo al 
fopcaoiraentovaco Monfig. Marcello Scveroli, cbejoe fa il promoto- 
wc ; ficcocne anco fér la medeiiina fi renne non poco obbligato ali' 
altre volte citata Vincenzio Leonio» che lo configliò a raccorre quao-. 
to avevano fcrìtto de' Provenzali Poeri i noftri Italiani > e quanto fi 
trovava ntlle Librerie MM. SS. di Roma. Egli adunque la terminò, 
e Tornò dippiù di tutte quelle note» che Teppe mettere infiemcf nelk 
quali grandifiSmo ajuto gli diedero gli Abati Anton Maria Salvini, 
e Salvino fratelli dottiflSmi, in ifpogiiando le Librerie di Firenze, e 
particolarmente il detto Anton Maria, il quale inoltre gli diede mojk 
tiflfjmi lumi per trafportare , ed illufirarele dette vite; delle guali» 
per far cofa molto grata airEminentifs. Card« Filippo Antonio Gual- 
tieri Vefcovo d'Imola, e Legato iofiéme di Romagna* fece dono con 
bella dedicatoria all' E S. Univerfale applaufo elleno ebbero, p gran 
lode da gli uon^ìni letterati acquiflarono ; tra gli altri, il più volte 
meuzionato Pier Jacopo Martelli, avendo per ordine del Revcrendif- 
CpmeniMf, fimo P. Maefiro del facro Palazzo riveduto qoefio volume afierì : effcr 
Vùl.i.fMT. I. quefto ftr U frofonda^ t rara crudi z^icncy di €ui è piena , malta diUt- 
uvali s^ll dm^tari dtiU vallar Paefia^ veggenda qnafid c^sì balla , t 
jgemila a/fer figlia d'urna Ai idra na» mena razjLé^ che ftraniara ; a auh 
miranda aUresì , che i Provenutali Paeti linea fortuna abbiano aimta^ 
che le lar vite fieno fian feritte a dì nafhri con quella efattezjua 9 cau 
Citi furano fcritte quelle de" f Ha fama fi Paeti Greci y e Latini. E qui vuò 
aggiungere , ciò , che , non ha gran tempo , odervai nella vita di 
Lodovico Caftelvetri tofcanamente fcrirta dall'altre volte mentovato 
Lodovico Antonio Minatori , ftaoipata Tanno I727« in Lione coir 
Opere critiche dello Aelfo Caftelvetri ; queAi traduffe Canzoni d'Ar- 
naldo Daniello , e dì molti altri Provenzali , ma per le perfecuziooi 
contro di. lui infocte fvanì quello Tuo difegno, e furon AilftiSt k fiie 
fatiche, delle quali dice il Muratori ; Avrebbero potuto profittare nau 
paco il chiarijfima Arciprete Già: Maria de* Crejcimbeni Cuftoàe gè* 
nerale dell'Arcadia , ed il Canonico Antonio B afiero Barcellone/e 9 
che in quefii- ultimi temfi anno faticato non ptKO in Homa per illufirar 
quella lingua ^ gli antichi Pacti.f che in affa fiorirono^, f^eggafi à ur- 

Della traduzione delle (iiddette Vite de'Poeti Provenzali^ fatradal 
Crefcimbeni, parlaG ancora con lode .nel Giornale de'Letteraù d'Ita- 
Ha Tomo -2. Anno 1710. a car. 509. 510., e 511. e lo fteflb poi fe- 
cero 1 Compilatori de gli Atti di Lipfia , con ifiendere un bel Ri- 
' ftretto della prima., e feconda Parte del fecondo volume didetciCooaen- 

iarj,pofio nel tomo dell'anno MQ(XIXIL 

A quelle Vite , che > come fi ^ detto occupano la fiima parte del 
2. volume de'fuoi Comentarj, àggiunfe la feconda Parte contenerne 
l!ampliazione del fecondo libro delTIfloria fuddeta, con dar giudizio 
delle opere de' Poeti To(Jcani ^ e varie notizie appartcocmi alle lor. 

Vite. 



Digitized by 



Google 



\KreL £9li:U:pubblicò:tl'Df:diiie della Gcwcile Adimaozà Uè gli At 
cadtyéd^icallaat CatdSnafhf fienedetto Panfilio 7 ff^vt fpknddre d^- 
bt Romana CÌMc(av e delia lettenrU R«pubblÌGa<^ Fu queAa^ parimeli* 
mente riyedaca daf Aiddetto ManeUr, che la^ giudicò pur degne ycbe 
tMljhu9fic'ItMUanx-m ringraT^ umtamcott [^^nrcrev mentre agni di CùmenraTt 
U fmnhciA'y 'la^fmn merer^ Jiptdt^orat^ di gloriofe memorie de" fimi voltUfM^t^^ 
fimti'Beka^^jathi ^v e wli* ecceUenx.a de^^futiiVIiMlia frimfM /elcan 
temente di thHi ^t Efieri . i . - 

iNoo méAcarono 7)erci6^^ altri. kerreratLdt caiorare treno fìcffQ rem^ 
po^y AoRffaSafitiorrf iniperciocchè DoaieDÌcp .d'Andrea* de Mtior 
^dodtpò ia XIII. dcMc foc Prpfe ftamiiate ki Napoli» ia qnaJ Prora y 
è ifltKotafa.^ife Ipàe della ffita Ibtfi^céiy Cw Domenico de Angelisncl'^ 
U'prioia pavte.tkbc- Vice dé'Leccerarl SaientiiH » gli dedicò la Vita» 
(^Addita PefchfuMt i cekbrandail ooite 3» e le raùilìme doci/di' Ium 
cotv:wc, r bea ^liftc iod».^ .,':.,.. 

/Wendapoi rEncncnrtflimo Cardtmde Pietro Ottobont, fatto wp^ 
]Htfeotaf« coHa»ioKttf fua nugniflcenza' h^Qobili(fìmo Dranìnia del 
Cofttarkiò'PiQ nel Palazzi di* Aiat/RelkléEiea iiv Rofinà^y toOTecoiK) gli' 
Ari adi una Coron^Poecica y dal Cuftodé Ajfctìbep promoffa r fuggeren- 
do^lbfo gran copia di nobili pen(ierril fuoSohcttoCoronalCr AppreflTo» 
didtcò e^i ai fmdecno Fotpocaro la foconda<partedelle Vttede gli Arca-: 
(hlUufttiir, pcrcriTàte ftacoqaofti pcK^und)de*prim« Cardìdaliy che fof-^ 
(ero -acclamati Pallori Arcadi ^.Prinéipa in verordHa^noCUa Adunaqzai 
afezioBat^HinK>,.éacui'el1ano ha>re(ppre ricevuta particolare aflìAéiH 
Mt favoPÌ^^,e;bonpfizj . la detta fccotidar parte y'ha*il Crcfciopbani te 
vita di NffonAgjìor Marcello Severoli altre volte mentovatlb ^ da IttUcrit^ 
ta^' Tuo grandt i^tca, epromoto&e di quafi tutte le foe ope*e ; perle 
qaaliegli (i proeeAa d'aver ncevouy.da- q^ucU^tnfigne PkUco; grand ifi}-^ 
mèajarf, avendogli focnmtiiiltcato più cbeabbondaote materia-colla co- 
piofa, e fcelta Biblioteca di libri Tofcani, e particolarmente Poetici^ 
a» dhe-8**'f«'iS«^*^di pbter tendere rifloriii della. volg^ Poefia». adi 
nMttH>"in^ii^etìp'lrCòmeiwar;.fal4 mcddfima.' ^ . 

•Contiiruatldo eglt aJunquoia pubblicar quefir fuoi*Com«tttarj , dicde^ 1711* 
ali» Iute il tcreò vohimp, che contiene l'ampUazitìt^c del t òrzo libro* 
Wriftoria Aiddetcav mediarne i* faggi di. focemo Rimatori,» d«'qiialr 
^totio (crictt-gli Eloj^j nella parte fccofidai del fecondo vòUitnedi e© 
CoracBtarj^vc dodicoHo at Pfmoipc Aletfandro di' Polonia y e Litua* 
aia- ^ Toccòf pure al» mentovato^ Pier Jiscopo^ Martelli di- rivederlo- ^ a 
coo-iwta giuiltEia ncfeceqnefta- encomio^ cooidire:' Effer quefl^^nn^ 
iaoeeit^y di. cui fin otjì^ nenim svttto^efemfi^^ /* JmH^ ^ mentre in ijuefti>^^^^^^^ 
cmfoHimemi ^ ehe vanm^nnipi ni iiérp- anfeceldenteménti fiamf^t^y fi Wtj.- 
ha déU^principie deU^ Lingua^ volgare fino ^ i gi^ni neftri una cempt- 
t4 nnizsia delP effere ^ de' cofìnmi , dell* opere èU àut^i i degni Peeti di^ 
Vtffln Prwin^ > e ml^ faggio- di ciafi^hedana y^^cdréMere predfo dei^ 
ie loro diver/t Idee dt comporrti corri/ptmdenti ai gikdisiioy che ve Ha» 
àluo l*^ntor% net precedtntr volume ;. cofa> infeticeneente temata 9n:Am>^ 
Jftrdtm Cnnno 1691^ fopr.t ctrca 50^ Poeti Francefi dall* 4»tore delle* 
««jfwr/Vj'f tnagti d» S^pngna'y e ^r felicemente eonfegHÌta dal Signor 
Ofiefcimbem fogta urea 600.- Poui Ualiani.' 



Digitized by 



Google 



atj4 Vie» DcItArdf"*^ 

Nel medefimo tenwo diralg^ aocoravil quàrtOr e tì qaloce vobt» 
de'Cónittiutfj fteBB dfiirctfoe pasimemr ddU Aduoaimb dr'|l» Arcadi» 
L'odor d» Iuidedic«o>m>D.Carlo Carnifi»Daèit di Abdilow,, comienr 
na Mtmombe diaK>Icft Rjmtart x aon comi^eft ock Kbio^qaanadi 
detta: ftttlddetaidelhiT^jsafi (te fia 9, coafaflegìmKe,» coimabal»^ 
Ukifteazipm dd tncdcfimo s. iiitonwar<tiiate ci fk 9?emciUXimiif ii 
molte cole per foa difcoipa.. Egla dice», che vc tt tt Bcmc ebbeintqti» 
ne di dar giudizio^ e p>nare tùiggi oclKamplìaaàoneddbftialSoria^ 
anche-dii tutti! qucù Pom^ dcTqjDali nel libro 4.. dr qoemrdMer riiota, 
il femplice Cata!<!ypx» rùz per maocaKft <H. tèmpo « dt agio, e per il 
ninnerò, doaft infiotta dt tutti quelli », cIiTannoiVolgjusntme poetato, 
tentò peflM«o«.efi.rtfbbret(e^tKm6urealtroiai!c» 
corre^erlo^„ Mieiarb> rirpett» a qoellr> clik va ib^ ìnctofi % e accI^ 
ficetiadTaltri nuovif» cocnefivodcnelpaefettte votame» peoìbdii noafl 
fua fcopKlt rifèrireia tSi>r né tutte le notiae dtlte vite dr^Rinutoti 
comprefivi , né hRte le opere , che annaeglièo prodiKtD^». e tutwaioii 
dar giudistò^fefle;^ mafemplictflEieme didirr foori qoaino rimaocno^ 
fiioii 2Sihaldonl dopo- U cotnpilaatooe del fecondo-voloaie»» e&r okqnk 
tiadi moll»Pòetr, de'qnali>pet Ifài^amiQooiavevapanco fevetlate>aftt» 
do però^lciaTcuno itidicato onaTcbe componi manto ». perche^ fa il Lc^ 
torevoldTevedcelb^Hle di'ImVfappiat ove poterti foddisfi»^ awetteiK 
iloflioltre,. che de' npminati dà Monfigpoc Lione 'Allacci ndTIiidicr 
oongtumo alia Aia Raceolt» de** Poeta anckiH^ ,. fi us»àB» Rtme ) a 
neNai Vaticana ^ o* ndUai BtiEèerina*» o nella Ghifiana,, comeìncMoal 
cfln> rndibe li* legge ; e finalmente rifpetfò» ai qnelKs cHr trovano Qd^ ' 
le librerie di Sani fjkema y. e degli* Strozzi di Firenze , qtfefte inoo 
Tedttte ,.e fpogltate per tur da gli eradicfflimi , e gemiliflimiì Abid 
itoton^Nfiiria , e Salvina Salvini,. e Ntccolòt BargiaccM». ^qéÈÌkn^ 
dene friieniflime grazie» e^a: qndunqae altce„ <bc ìsb qncllanticap^ 

f-alè|Dtx«oinme, cKeÌil'qofìm>ed'aItimodeTàddi!tri CboMtttàr], <!» 
teitdedicati a DbaGiacimo Fàlletti ,. Miuchefirdr Soffiò ^ contiene^ 
vterlecorrezziooi , eoxnpilasioni'dd qnimo^ e fello Kb» della fHà ì9o^ 
aia ; aiMri(bndacokfaD4blitoaGCOf|imemoil Letoara^ che iirqfiaSofloà 
Ha aratolemifBidi parlare di timS |. Pbetr„ o« fcmec le loit^ Vke , 8^ 
teoariAbiìMellaSbefia,.tiea^laKtoalebafta ,^ il.ieoìpo-yiacot 

i«liix>^probabitmeiitefiòtitnno',, daVqnaleft^tava il crefeiinemó». elide 
apefcimeiitòdelliitcxrodizionedella1fetta> cbeè mwltb a ppntte-», cheto 
IBdbferAol^topo*». ecbefeiniibed'ògnivoliime baigli poftb^ giootc,. 
r coecrzioni* più vottevartatr». eiò^èderivato ddlai firam. , colta qittlc 
tli conveone^ar fiàorilflftoriaipcc leiagiònti accennate neHHmoodon^ 
nedi eOa ;; od atictte'dallkvaiJcfàdtHcopinionrde gli Scritraij>. nel che 

3»liimecacafctt(a>. (^raiidtid%ffisapec alccD^ gradatov Ct now per altro,, 
meno* per Pinvetizióoe.. Dtl«rìinaneote„ come^cbà. ^lià: amantifr 
wao dellai variti ». pregia l lattorf ,« che inconcraodo^ in* detci? vohiioi de 
gli errori », gtfelttftgntedfc n>i a m i rhc >ri m ù Ke etft€Ott a^ eveoio 

4i rift^flnpa**. 

egiochi gla't Atstori; del^ Giòmalè^ dfe*: Ccuecaii d^kalia » aveode 
ikiRchi! gli sbagli prc&daLCrefcanbenioeUà detta (oa Storia » con m 

dcAiii 



Digitized by 



Google 



46^ iraiide» fetnu pcixto» « lui ip«mo 4i ftima^ wA Tamo^ «bìdo 
171 1« arc*4« pag«.rà7L cosinii iui (onvono-: Nm tés msn^viilun^fi»^ 

^émU is fué ingtnmà n$L '^amf^crfi^ m fi^'m^M it ^pìt ^ìcLuo -ìm 

tiitimfiì félcTù in iMtA varitti dirCofcy M^ludHUiiiuUi^étnmdfp 
fsm fiffiUiUt # /BumfifìSp l'arare é fi*M/l $9$cfjpt4 » ^ merita ^md 
i:mf4tiw9itttsy ich Jnufimfi^ ^Anche à noi i ^nownuy^ di 4vznrtir0 qnal^ 
àt^ Aé^iafm tmtù il mvfiro. Gimtnle^ 41 cà9 ^dUfinim ^rinto férM 
fmA ittcmm dijfiàndMamt -» nw j^tTrgoniè ài cenfiirM % $»a y9r-4mmt 
id ifin • £^è>$^ ^tvftt ^sccrmut^ ìn-^t^c luoio %m ^^uù 4i^dwth 
u fifpuù MLmmn-diti'j^prty /cwm, ^^y^iMi^ in^roitu^o^ 
rìf^e^ HI ck€f4rreU§ ^msl TdkfOo , vjianénx^^ pd libalo Mwevr 
tuDcmo fMfico non li «cbianò •oficfo il Crcfcimbcfii » ^i^ mu v^c tcv 
fi^4ofo .media «4ilbK^;ato> aa)])racotaii(*o4>oi ^li il coftfiglìo, ciie^ 
ilicdcrOf «OH av#rgUin(jt)Uam 4ii:jpo»tai« a^Aioiliii^bi tutto le iiHir 
twooi^ C0ncùomy e ie.giuDcc» che a pie d'^oi ^v^mcide^Co* 
fi^iirki «v^ per Qc^eflità coltocàto, fictome poi^fect'MlUiviftaip- 
pa di.4teiYa iflà:i» # 4fU4^ quale ^ccxvesà « 4oo luogo r^ig!iM djf 
«Orio» , j - .. 

(Mure i GkxmsA^fi» 4a t!ie fiferin» akrì^móhilTecmm ^hxtisnl- 
Ymirona de* sbrigli (parA nella «ntdefioM lAorta del noftro Autcre'% 
tra quali 6» ti 9aylt nel ruoDizkmarìo lAotico^ e Crnico dalla fer. 
^pode«cli2aoiiet ip^mt^Cmnido^ 4>ag«iii}« iiin>nKK.iina4iione del Molf 
M. GÌQ* Antonio Votpi Padovano Mila rifiampa de^rAmiom^ei Taf? 
ie^l^cta io Padova ^171^ > ove Deltaferie^deUe'v^ie edizioni diqucV* 
)i iSm>^ Paftorale Incorreste il Crtfcimbem» ^*1 Tomatmi dello ebìar 
^ dtOQi'^diasioue^ ««pariineate nella riftampa deirAlcéo d' Antomo 
yog2tQdi pania l^tooeft^ quando egli €a Padovano ^ xome anca 
il ropra«ae«tovacQ Moracoriin varj luoghi del lupTcattato ^della^peE* 
teta;J^if^itarnM^i il Come Gìfokmio léieni noftro Àrtade *Bclle 
fqedpts^apttotniooi fatte fui t'Ankoto V» de*6upipti<i^<>^i ^ ^^^^^ 
tondo del X^iooisitede'Lenerati ditalia» ;pag«ai i« , e parimente nette 
8feaQUziof^4a^effo giudiiioTaaieote' fatte ruU'A9:ticoU> V« de'mede&- 
tatSmlimencial fomo3. pag.71.. ed altri^ cfie^uipef Htfatràlafcio^ 
per titcfkìl in 2^|^eA> fiù opportunamente^ J^ea è vero rperò ^ che 
quegli ifl^ » ^ di fquc^be ^oela tiorturono il noDtQ Scrittore -^ (mh 
pre di lui ^larono^eatvf^ntimentidi fltma^ e di rirpetto» e lerante k>- 
diy^efae. i(i» diedero noMaftcompaiirecosie ^oOruofi-que'picciélidi* 
fo<^ «lie #cò|^ neUe^dJ lui Opitti) te ^alt da turi AeOb fK>rcia ri- 
fia#9re riffrirono-alla pdM>1ica toee corrette > ampliate ^ ^ di nuovi 
pit;gi,frriecl>itey come appunto ufci l'opera intitolata l'Arcadia, tiuo^ 
vaoienìurfiobbtuwa 4^ ordine 4ellaGeiK^ Adunanza degli Afcaéi^ 
colla giunta 4tA cat^pgp dè'medefimi» dal Crefciftfbeoi ^dedicau a 
Donna Maria ifabeHaCeCA^lpoli Pctncipsiffa di Getvetert. 

Ma c$imo non fu mai al Mottdo fteftfbbfica^ ili cui feid^a alcu- 
na non lorgede» cosi la lerteraisia «oftra Admiai}zam)n*pocè tnasiccr 
ticrfi per luogo, tealpoonita^i^l]^amocchà reclamando. im'Are 
l'dczioo> 4e*C0l^lH deiraon^^7^^y «d avca4)(^It^(^tAttàl Cbiamar/ 

? . cai al- 



Digitized by 



Google 



(armila ofàéX tfopcoiibro ccmocinque Arcadi »-r60titie le Art$ ia i& 
^mcc» € in voce rocco il àìzu Lugkto per £eaai|taquaurq.vooi rìgec- 
ffata la prcKofioiie di .4im y « ^rdinaro 9 ciie fi oflcrvafle il /olirai dTo 
cedamamc^ ed atovsisiuof ixaurgtani fi divifeco dal corpo dèli^Ado- 
naoza , t fccLcfcro portare ali^ov^ la Aicdcfini^ -td eii spocidr foli ro- 
Akiiice tutta rìoceca Atcadìa; 4;ón:aiidO;di (ovvcctir de gli ajtflpct 
4iccrefcece il ioi:o*4»«|ticoi jna la Ragutiaoza pec roglicr^ ogoi confu^ 
iiooc» £ <coficcrfOH cbr^potcIEr aaiirere da gli acceocaci de' mal con- 
ienti» •editto fuumiacamct^e, clic fi «lif^oradie ia. vekuicà di OM^cim 
Arcadcvf .^qual pactic* voleva, ivisimarc* Ocquello ckUa ^giniaiA Aica- 
dia^ ò quello della icKTura* ed doggcodo ilfria)ó| ^tt& daiipah^ 
ia per Ycritruca > che non avrebbe mai operato > ac x^o^perata pakfet 
iTncnce» p fogi^taaieore pel ..partito contrario; tà eifetido fiati iaao4a- 
^ti/i fo^li ia g;iro > non /jùlOfpcr/JBjoma» ina.perj)gni Cina, e-k»- 
^o » ove dimocafle ^Vc^a i^rcade>;tiKri li' riatandaroaQ.fotcoicrittiis 
-parola d*(more,,iB>rpcualmenie^lc Ct)ioaie,.ariuIìetift4^^dL'aigAaii L<)iil- 
4i per non |a(^r(i.U certe^zt dellajoffo.^niìa^ poiève&rKvchftihte» 
-cere. oonjCoflno. Iqc capifate^ e^d'ateMi altct^pMbi, ohe /«oliera rir 
^saneriC indifferenti , o adeueaw aUa.£caSura^jd^liiiiqittiQ.cbKiopoi 
origine ìQuirini. Per la qual cora tra.cfli, e gli Arcadi una gcaniir 
4e 6'accefe^ Speravi alcutto 4e'np(ki^»^cbe a cuko (uq potete ^ eool- 
Ja A^oce , e <olla p^na £ affiMÌcafle pec Ci4>erarla^ , 

figliti. Rimt' J^t^fMi A^rc4d4dy^ch mfi /uda in wiMf^j :, . . - 

de gli ArcM' .1 . P^ féur fi Mgnft'àt^Hn" eterna' lodi >. ... v* .... .r . .r- 

i/i ro. 2^ ps^ Scriflc. egli per looflra di&fa ampiaH)eiuc«.cd.effiaÉBemefttev-fln»- 

389* dofi con cffo «lui r Avvocato Zappi col valore, di Tua . ^condia a <cn- 

¥ere per i giuOiiTiuM diricu della oofira Adun^ii^a. Agitavafit. periaa- 

co nel foro qiicfta ritevaoriflima caufa; tM al Sommo Pontefice Oe^ 

mente XL noo parve dicevole, die più. óltre ptoregniile tlcontniàio- 

(q litigio i .perioché p«€(ua(b Ulti le v^Udiflline ragi0«H:.dOAifiilnej^fl» 

•q^èoza procìotce dal.d^(tQZap^i nella fua dtfefa» .daijMdefinio vb> 

Tentatagli in forma di m^^moriale a 7. di Giogao J71Z* ^ oi4«oà4 

1712. .Moiifignor Corradi ni, allora fuo Udiiore^ cona CiM;<iiii^^ ili JLQùc- 

fii, che decfetaCic la rcmiflione della Caiifa aUup Giudice ordifurioi 

eccome feguì a'29. di Luglio deiranno fieflb. Le dette ^i&ieiklCre* 

/cimbeni.ft e 4el Zappi manofcricte (i coofervMQoel Paftorale Af^ 

vk). d'Arcadia* ,.. ^.:i ^ J:, 

Poflofine in i^l maniera alla gc^n con^fai. ncUa primaf Adunaoza 
fatta da^Ii Acc^uli nel fiofco P#rra(]o il /opramemovata VinqciDzia 
L^ooio, per accendere di bella gU^ia gli animi. d'aicimi nuovi Pa&(H 
fi aggregati airAicadia dopo lo fcifma d'alcuni degli Arcadi, . recitò 
il Tegiuente ^otietto, ciie qui non fia difca^p^nnovamemc afcokarc* 
Kim* ditti ^fi^jran fdvit, che iiCivii ajc0ud0 

Artidi tt*t, E.Uu'fiMl trAlan>t*h/ittfir<ftt\ .. . ....,.-. 

/*i.3»5. EallofitJp>fo£^ar.d'4tr4t,(mi(fif ,. 

lumgMtt dallf r44fci ime t^ ^ jfr«fpn4e . , . , . 
far domi colfavtr 4^ aure (ecoidf 
CI' irati, vetifi ì P.it Fo^filt iHfejit» 

-.. . . \' Ftr, 



Digitized by 



Google 



.>r wijfìrti gentili oggi rivejtt 

Nuwi: p0r , nnnfijrtifti^ mkùvf fronde-^ 
tremati #r dunque èffe Mfwmhe quanti 

Feh^ mr lieti ^ e fertni ^ ut frifti » e jéfcìA 

V$ detterà ^fenfìeri ^pntfti , -e fami-. 
Veèréjfi foi , 'ch% Zdxj varmi ^ p in TefM 

JNen anno invìdia ai più feavi canti 

Dell' altere ^ittà gli Arcadi Mofcbi-* 
firt allora il BoCco ParraGo dall' £fquilino pafl^ito fuir Avcnfinb 
Colle, mòdcaote la rpicndida generoflcà del poc*aQ2i tQcnco?aco Pria* 
cìft RuTpoli; il qvtic oeU'ameiiiflfrma Villa , gii un tempo della Ca* 
/a Savtlb , e poi finalmente dei Cardiitate C>ot^eoico <3innafi , fami^ 
jKa oabìltdima d' Imola mia Patria » 4lal Conte AleflTandro Ginnafi 
prefone luogo capace ^ fabbricar vi fece un dobiliflfimo Teatro por 
ofo de gli Accadi ; l'idea dei quale è tmta dello fieflogenerofiOìiM 
Brincipe^ e nebbreviifimocorfo di foli venticrnqoe giorni fu fatt« 
egr^amente efestiiteda Già* Barìfta<>>nnnt.»:^ebreArchkct^ 
Koaa< li gendliflSmo Cavalier Girokimo CXJam » noAto Arcade » «e 
fa altresì ilavemofr, e ne fece il difegno, e l'iociGone in-rame eon 
ogoi efauezza» e£nezzadiguSoi avendolo in oltre con pari vaghetza, 
ed erudizione abbellito, afiSncbè proprio del AoTco Parrafio foffe ilbeir 
Elogio , che gli pofe in frocKe-«. ' - 

' iWr quis Jk Incus » quo fé fluì j/Aet Afotte^ y^rg, Zcl. ì% 

i^ finalmente il noOro CtWcimbeni ne Refe colla fetice^ua spenna on* % 
ampia, ^ Aobile defocizione^ 4:he leggeGnietla fmi'brevetiotJsiia delio 
Aaco amico., e moderno» deH^Adunanzd de ^i Arcadia, -ftampata ren- 
ilo fuddetto, e da lui dedicata allo AeOb Pnocipe drCerveteri; tadi 
cui incomparabile generofità per la fabbrica di detto Teatro fu alte- 
mote celebrata xLa no» pochi de'nolirì nelle profe, e De' ver fi Ipro., 
« partìcolaroieote dal .già mentovato Pier Jacopo Martelli fui fine di 
D0 file ca^onameotQi ò prolufione per l'apertura dello fteOTa Teatro, 
e dalf Ab* Midiel GioTeppe Morei in un fno Sotietto, che leggefl nel 
(ecofido. Tomo delle. Rime de gli Arcudi pag;2;ai/^< come ancodall^ 
€ioli«ìo di'S. Agata dcHe Scuole Pie, oggi Monfignor Sabbarioi ^ e 
dall'Ab: Anton Fnncefcò de'Felici i in due loro Egloghe inferire nel- 
la prima parte de'Vcrfl latini de gli Arcadi ,'pag^aii. , e 235. , ed 
cùitfidio non poclie vtflredaU*Ab.FrancefcoCavonfne'fuoiargiiTi Epi- 
grammi^ Alia liberalità del ftiddetto J^incipe s* : aggtanCe poì>^aneò 
la gmerofa beneficenca dell' altre volte mentovalo Bmlneiuiflimo 
Cardinale Pietro Otaoboni , pe'l cortefe accoglimehto ^ato aitali' ota 
in poi ogo'anno a gli Arcadi nel Palazzo 4% fua Refidenta , per ee^ 
icbrarvi con folenne pompa la publ^lica Accsvdeinia in onore dlOti^ 
Ao Nafcente , lor Toitelare , che fuol farfi in una fera tra trottava 
della Nafcita , e dell' Epifaiiia del mcdefimo Salvatore ;, venendo 
quella accompagoau con feelra , « foave mufica , e tal vólra'^ colla 
cGimpacfa d* un luminefo , « magnifico Teatro u concorrendovi ad 
afcQltarla non folamente i più dotti , e ietteran ^uomini, ma -i prin- 
cipali Perfonaggi tanto EcclcfiaAici , clic Secolasì ^ in Roma dimo- 
towui. . * . " 

* X!t^/c. 0. rolg. Pee/ia . Tm.^L R Sta- 



Digitized by 



Google 



x5< . Vita Dell' Arciprete 

Stabilita nella detta matiicra per alcun tempo in quel deliziofolao- 
go la lor reGdenza gli Arcadi» pubblicò di bel ajiovo il Oefcirobcni 
l'opera iua Aiddetta della Bcilezu della volpar Pdefia, per compiacci'e 
al defiderio d^una pavana cctnverfazione di Letterati amici , che in 
-caTa^iel fopramentovato Ab« Paolucci 6 adunavano >* erano queOi il 
Dottor Pier Jacopo Martelli >^ gli Abati tìio; Vignoli, e Niccolò de* 
Simotfi, ambedue in oggi dégnifllmi Prelati, l'AbéNttcolò Maria di 
Fufc(^, Cefare fiigolo|ti« Ab. Angelo Antonio Somai, ed altrieruditif- 
iiifii uocbim» cbela tletca converfazione onoravano; né fol tanto pcc 
condefcendere^al gpQÌai>articoUre^lr()uella > ma eziandio alPantverÙe 
<lella Repubblica Letteraria 9 prc^ laquatè ropeca flefla era fatica io 
ulta riputazione» e gran ricerca Te ne faceva, Elia ^adunque ufci nuova- 
Ipence all^ pubblica vifia, ma affai più bella, e ricca di queW cbéfoi^ 
ieper t'avaiuiì imperciocché efactameme la rivide , la correflÌT,* è li 
IMirgò daiOgoi menda > cbe vi foOe corfa v e T accrebbe dd no- 
op Dialogo falla maniera di compor Sonetti tonfoeme i' ufo de^oo* 
Ari Arcadi , e fopra il gufto del predente Secolo XVIIL netta Li- 
' fica Poeiia volgare t proccu^aodole un i^rpetuò forti ditnodifeiv 
foit 9 qoar i V Eminenciflimo Cardinale Lorenzo GorOni» Princi* 
pe f cui molto debbopo i Letterati verfo di eflit tanto fplendido » e 
liberale* 
Segui appreffo in Venezia la rifiaropa della tua traduzione delle Om^ 
^7^'* liediPapa Clemente XI* fatta dal Poleci> colla giunta delle due otti- 
ma XXyL>.eXXYIL non più fiampate» della ,qual Traduzione fé ne 
<iiè piena notizia ^nel Giornate de^Letterati dlcalià tom« XII !• a cir. 
491. con molta lode dell'Autore^ il di cui merito rifguardando per 
fante iue letterarie fati^iie alcuni dotti > ed eruditi Scrittori del do* 
fifo. Secolo^ al di lui nome cottfeci?arono i nobili Pani de'Ioro ìoj^e- 
^ni 9. iiccome fecero il Dottore Antonio Valliinierì , pubblico profcT- 
iore prtmacio di Medicina Teorica neli^niverfità di.fHalova, cbe gì' 
indirizzi^ il R^ionamento incorno alPAn^ Poetica ^ inferito nel foo 
Trattate^ dèlie cfperietize» ed offetvazioni intornci aU* origine di varj 
nCettÌ9 tmpreffo in Padova 1713* t car. 117. D. Ottavi^ Ligoofo» 
<lie gli dedicò la qtiinta delle/ fue lettere eniditeftampace in Napoli 
l'anno (leflq. E il Dottore AJfonfo Cavazzi Modanefe, che dueaoni 
addietro aveagli dedicato la fua Tragedia dell' Adelaide impreOaio 
Modena 171 1« Molti altri poi nelle dotte lor opere aveao già fatto di 
liii onore voi jnepzione. Euftacbio Manfredi Bologutle in una àia lei- 
torà pofla tra qitcUe di diverfi Autori io propofico delle conGddrazio- 
pi del MaDchele Gio.* Giufeppe Orfi fopra la maoitfra di ben peafarc, 
.ftamiiate in Bologna 1707. a car. 42a« Loda la di lui Iftoria della fot- 
.gar PoeGai Gto:Batifla Cafotri Pratefe nella lettera prefiffa alle opere 
del Cafad^rEdizione dJ Fi^nze 1707* a car. 54. nelfe Memorie lAo- 
ficba 4eiriininagiae di Maria Vergine dell* Improneia par. il a car. 
II7,, e patticolarmente nella fua lettera folto nome ^eir laviiante 
Accademico Innominato*, pofta avanti allcProfe ^ e Rime de*due Boo- 
.sviccorG da Momemagno^ per opera fuaftatnpatein Firewe r7i8>9 ^ 
altcesi iieUe dtipotazioni da lui faue alle ftelTeProfe , e ^iine v GirolaoK^ 
Carufialdi Ferrarefe nella lettera dif^nfiva di M. Antonio. Tibaldeo a Lo- 

dovi: 



Digitized by 



Google 



Gio: Mario Cièfcimbeni . t <9 

rfovsico Aocpnio Mucatori » e nel Tua Olttramba imicolaco la iaba» 
cficìde a car» 71. i<4*> e 222.> ove dHoi dice : aver egli c^le/ue^ 
oftri iUufttdts la vo^at P^èJU > tM mp^my^t§mi ih ver fi % e C9lla 
fdmà/k 5 4 fdticp/a e fera di^ommtari à^Ua vétar Nefta > aver egli 
mofiraU l^accreftimemo^ e la wuteazione dili^ fiiU feetic9.. Il P. Anto^ 
aio Tomafi Chertco B^egoUre della Madie di Dio nella dìftfa deiPe* 
crarca^ Cacca da dtverfi Autori» e ftampaca io Lucca 1709» a car*2^7«. 
Il poc^anzi Dominaco Maratorì nelki ma del Petrarca > anoefla aile 
Rime di (^UeQt pubblicate 171 1» Gii autori de'Gioriuli de' Letterati 
d'Italia» più volte da me riferiti» nel prtnK> Tomo aitnoi7io» appor-» 
tano ractimo giudkio > che diede il Crefcimbeoi de^Sooeni di Bue* 
naccocfo Moflcemagno.» dt AgoAino d*Urbitu» > d'Angelo di Co^n^^ 
zo 9 e del Guidicciooi «. Il P» Ciio: Batifia Cotta Agqftiniano^ nel Aio 
libro intitolato Di^ "nel principio della pte&zion^ » ed anco pec entro 
effa pia volte; U Topta mentovato Pier Jacopo Marcelli fovence poi 
di lai con, \oi€ ragiona 4tiet fuo 0)memariov e Canzoniere ; Aleffan^ 
dro Pegolocti nel fuo Ditirambo >. Aamparo m- Mancova 171 1«. nella 
lettera a'ictcori parlando di quelli > che^portarotìa dalla Greca neir 
Italiana Poefia il Ditirambo» loda in particolare il Redi»^ ilLemene» 
&*ìt noflro Cufiod^ » con dire.* Quelli ^ che fi accinfero^ efegnalunnifi 
intorni a così nobile imfrefa , fiereno frimifalmente il Rediy ed il Lt* 
mene > è il Crefcimbeni y valemmmini eattp tre »- come è neta dà riguar* 
devetc carature y ed ingepie ne gli a^rl Poetici felice mtimbilmeme 9 • 
leggiadra • Poi foggiot^ > thteoll^efemfhy e JulPidea ^Artefici si 
valeròfi lavori egli ibfio DitirawUfo \ nel quale inoltre a can 29» £a 
onorevol itieiu:ione del Crefcimbeni» e finalmeme 4 car*. 58» coa^oo 
vago Sonetto orna di lodi le opere del medefimo intorno alla Poefia 
volgare; (aiacinto Gimma di Bari ne' Tuoi Elogi Accademici delli 
Spenfierati di Roffimo diftifamente parce fecónda ^ Elogio 50. pag- ^ 
257. n^lè diflertazioni Accademiche Tomo u nella lettera dedicato^ 
ria a Metifignor L|ncifi» e altrove >i^come pia oltre dirò» GioiGoaf- 
co nella Aia Iftorìa Letteraria di Reggio di Lombardia parecchie 
volte , e fpezialmchte a car^ 290» 358» all'Accademia de^Muti della, 
qoal Cicca era già il CreTcìmbent un'anno prima Rato onore volmeo* 
te aggregato • E per lafciar qoi addietro tanti » e poi tanti di minor 
conto ; aggiungerò A>lamente il cefebr atiflimo Anton Maria Salvini 
Fio!^tttio> il quale neTuoidiTcorfiAMademici» para*. dilcori^.pig.. 
2 59 Jo del OeArimbeniqnefto. raro Encomio: B^mmeriti vengono dtao^ 
qui ad.effire deèFmnan gp$ere y della OraxÀa di*^gram SigP^ri% cho 4^ 
^llofrefeggoH&i, moritevolijfimi coloro^ ebt con tutta lorfoffaqnefia ù 
Mia facottè coltivano y ed illufirano^, come a faro ton inmmrtal glorié^ 
a di nofiri Fernditijpm^ Cmonic^ Giot Mario Créfeimbetei ^ a cui U 
Poefia Italiana'^ della qualo ofifioria y e U èettekxa y. ifm^étx 
Poeti d'ogni Secoli % tltfite virek ci fa mì^nkibmmtt vedere yfairàot^t^ 
Momento itftuta%. "* ' 

' Ma pure meiitre qneftt diiari Amori fcrifler» coh tanta ftima y e 
lode del Creftidibént» uTct iitilibro<f Ancore AiKmihio isdtolator^/ 
toetìoa in fbtréas difertàtionibus ferquifita » d^vindieaea &c. Lm^ 
17134 in 4«» nel qtuilc in pìil luo^i a'icnpogoano le Opere di Moar 

R ^ fi&noc 



Digitized by 



Google 



i«ft Vka Dell' Arciprete 

fignor Fomanini >. e quelle del noftco CreTciaibeni » ove /jpczf atteéotf 
ifaccarono quefti deU'Amhita del Talfor^non. potendo il detto Aikop 
se Toffrire » ch'egihiQ abbnm lodato » e difrfo if fadde^o gcaodiiRm^ 
Po^ca . Né qal fermaodofi » pia oltre- a^ cane iiS^ dice in tal ^uìfa: 
D* Fontaninn^ 4n^ ÀminiMéiiins de SmsNlio » étrgutis R^im jAcidi» 
^ireffo, firs0 /( remiti it- aé tpuiitiffimos BD. Afoftrium Ztnum , &, 
Ludovicum JlénTdimfiMm i ikidni 4Ìcriel^§mAnémimAcddmiMmtV%^ 
ttrtm ffimirttm > Pr^fidi Rnmtnàifimo Ortfdmbtni^ 9 éviqu uovm^ 
quam txcU^rt fhdìiUtxceUifftiMmMS Abbds Gravins^ Cdldèir ^ ex 9ii#* 
fmmJhdiif^^ecn^Mìét vtrtPdS' clart/tet jucundius y ut fcirt fojfimus , 4^0 
ftyìp utexdum fit inter Pdft^$s.y &- sn TMgicd y & Hiftmca r <fr */- 
ftcilUma fim-inttxifidày vei pHiui ruSd » & midipcrid , qud lauw 
€rtfcimhnius'y /èdxmtrdrid nm reffnit C^mmenu tem^ u lik^ 4« C4^ 
9^ Ma con pace di qiiefto Scrittore , il Fontamni non dice mai ul 
«oTa» not>« ripoFtandofi ad altrf» cbe al Zeno ». e al Muiotori r corno 
nei fno Aminra dtfeTo a ear» 179* fi vede» nella qtiat*opera non parla 
de'noQri Araadis fé noà a carré 194^ ove dice» die a quella Accade» 
tnir» quancxi nqut Paftorale non fono dtfdicevoli le mattrie dotte » e fobli^ 
mi» uè parla* punto d'Arcadia veechia» e di-nuova:; mentre' lo fcirma 
dd Gravina Topravvenne Panno 171 1.». come poe* anzi abbiam oai^ 
rato» e l'opera dekFontaninì fu-Amipata l'anno 1700- dalU quali 
knpoftoce fi* raccolga la fede » cbe merita TAutore » ed il valore ddl!' 
opera» ripiena di fimili» ed alare maggiori mende v. 
' Nolla adunque io curando eiò». cheahri bapretefo dire di lui con 
troppo ingiufto* criterio*» rcon» giudizio* mólto lontano dal- voto » cod^ 
ftlero alttesi » ed ammtj:o<qaeiral«a flima ».che di eflb ebbe un tcKf 
gìofiflfimo» ed eloquentifldmo Cardtnalf v QUal fu a'rempi noflri Eram 
cefco MariA Cafini». detto ti Gardtoale& Prifta» il qnalCy tK)n&ian« 
*' doQ peravventura di* fé mcdefimo » che pure e pe*! lungo Oudie^) e 
per la nativa fiavellav poflfedeva Ia.pi4pùra locnàoneTofcana» fidep 
gnò di'dare.a rivedere al Grefcimbeni le ine doniffime » ed ekK|<ien« 
ttflfum Prediche » pcima^» cbe* alla pubblica kice compariflero » il cho 
io non oferei di'direr» (t i vigliati mandati dalPE. S. al Cre^cicnb^ 
ni» e fioorconfervati » npn^lo facefleao a^mi^palefe . In unodieiS 
cosi PE..S. ferivei Signm^ Abdt^x mlU cdrità^ chi mfd di rivtdtri 
hmk.Predkbecùthftrr^tdl^d cbe muti fdfpUy ppercdiipndi.fouf'f 
m di cdcpftnidyùdi frpfrittd^.^.^ ViS^ Uetid tuttp.^.^ E ioiun^al- 
fro così* ." £ Wtf/nWe » chi il Sigmit Ahnt -frcwdd tutti gt^ di^itrjt 
ràr* giudicd àfportuni:; dltrdmtfiié mn Mierthh hem « » • • . . Ma 
egU qmifi nulla Vtbbe a izxt » eflendoeHeno piene non meno di Ai^ 
Mime fapienza» odVmrea £acondiar chcdi^pnriflknofiile ornate. Pef" 
lochc». volendo pofcia^iKCrefcimbeni far p^àtft Palta flima.» e vMOr 
trazione » ch'aveva di^qnefto, doquentifflnno Cardinale», dedicogiili 
terza parte delle Vite degli Arcadi ìllnftrK. 
1714. Sempre più poi crebbe verfo di lui l'affetto » e ìa.beMficenza di 

Papa Clemente XL». al quale avendo egir in una hiqga udienza pr^ 
fentanla nuora edizione Catta d^l Poleti*ìn Venezia dfl)a traduzioni 
adelit Omelie r^ i duenltimirTQmi'ckHa fuelftoria della Volgat'Poefia^ e 
Taccennata terza parte ddle vite degli Arcadi >. allora. AAinpata»,ooA 

fola- 



DLgitizecf by 



Google 



tììo: Mario Crefou»!^ ^Ui 

Iblamente tutte queftc beile oliere infinitamente gradi la Santi» Sua, 
ma gratificò l'Autore di due bcncfizj fcmplici , vacati allora in To- 
lentino • All'udienza di cui poco dopo nuovamente introdotto » fu 
benignamente accolco dalla Clemenza dei Io fleflbrontcficc^ rficfidc- 
^nò leggergli varie orazioni fatte da 5ua Santità nc'Conciftori in di- 
verfe occaConi , e di fargliene vedere du^ intieri tomi manufcxittl. 
Finalmente promifegli al^ri benigni efìfetu della fua muni6ceiiJ.a , e 
fpezialmentc qualche grazia per la dì luiColle^giata, .avendo la Santi- 
tiSuamoflrato grandifUmo gufto, ei^'egii ne fcriveÓ^e i'iOoiia^ deUa 
quale fatica , allor da eflfo intrapiefa» gli diede pane; e della fleUa 
apprcffo terrem ragionamento. 

In ramo mi convien dire^ che nel fudder 
de gli Arcadi IlluQri^ egli v*iia quella del C 
Maillard di Toumon di chiaridima ricordan 
zionc ncirAnniverfario della morte del Card 
fcimbeni recitata nel Bofco Parrafio l'annoi 
la nupva Ediaùone delle XXVII. CXiiclie tra 
tino, comparve aOaipiù cocrcttadclJe altre^ 
noftro Traduttore. Inoltre Tlfloria fua della 
riQampata d'ordine della Ragunanza de gli 
ra». riformata, e notabilmente ampliata # e • 

niflima del Principe Antonio di Partna ^ oggi Duca felicemente Re- 
gnante. Intorno a«qi^fla rilUmpa e da fapere-f che egli abbracciò il 
cooiiglio de gli Autori. de'Giornali de'Letterati d'Italia, i quali^ co- 
me s*è di fopra accennato, nel Tomo XI. art.i2. pag.zS^* gl'infinua- 
ròno di riportare a'fuoi luoghi tutte le mutazioni» e le giunte , che 
a pie d'ogni volume de'Comentarj gli era convenuto fare a queft'ope- 
ra; e quando alla nafcita della voigar Poefia » dice , che nella prima 
inspreflSone avendola {labilità nel 1200. , in qnefta feconda edizio- 
ne G corregge ^ -e la fegna al 1184. , avendo trovato un componi- 
mento Tofcano fatto in quell'anno « Ma chi ha letto 1' opera , avrà 
oflfervato le correzzioni fattevi dall' Autore ^ fenza > ciie io qui ^e 
accenni. 

Nonpafferòinfilenzio, ch'egli fu aggregato all'Accademia de'Filb- 
poni di Faenza, nella qual Cit^à fa nel rempoile(ro dedotta unaColo- 
nia Arcadica col tìome di Lamonia , così dal Fiume Lamone , che 
fcorre prelTo la Cirta fteOfa., appellata ; ficcome pure nella Religione 
de'Cherici Regolari Minori nel medefmio tempo ne fu fondata un'altra 
col nome di Partema-, E un anno dopo un altra in Piacenza > Treh- I7i5' 
^i>/p/V chiamata.* nuovi acquiftiper la noOra Adunanza, meccc dellaia* 
faiicabii cura del diligcntifficno Cuftodc A^fef]bco. 

Lavorava egli allora intorno alllflor-ia della fua Collegiata , detta S. 
Maria in Cofmedin., in benefìzio della quale gran cote egli ottenne 
dalla fomma Clemenza del fuddetto Pontefice MaOìmo ; conciofCa- 
che tra le Chiefc di Roma, da quefli in gran parte riflorate, laìfud- 
detta Collegiata non è ad alcun'altra inferiore • Egliiò porre in pia- 
no la facciata dejla medefima , nella quale prima fceadevafi per cin- 
que fcaglioni^ì e"^ fprger fece in mezzo alla Piazza una vaga Fontana 
con nobil dife^no edificata -, e di marmi > e di ftatue abbellita rnon 
Cre/c. IJiyclg. Poe tu . T^m. VU R 3 ^anto "" 



Digitized by 



Google 



jttf* Viù Dell'Arciprete 

fatico per ornamemo della Piazza , quanta per benefizio de! vicraò 
Popolo, che gtandcaienic penuriava d'acqua* Or queAi nuovi edifizj 
slndaflb il Pa{5a a far efeguire non folamcnte moflb dal bel genio , 
elisegli aveva di afcccefcere il decoro de'Sacri Templi, e Tabbclliden' 
IO deirAlnia Città , fda eziandio dal mdlco merito del Crefcittibeoi, 
chiariffìmo Scrittore delle aoiiclie , e nuove memorie di quella Col' 
legiata; eflendofi perciò dichiarata la Santità Tua , che ad intuito di 
quella Iftoria del Crefcimbeni , le dette fabbriche aveva ordiiìaro , 
non oftanteJe molte contraddizioni « ad imp'edire si bei difegnifu- 
bito inforte 9 ma pofcia a un tempo fteflo diffìpate • Né foltanto im- 
piegò egli l'erudita fua penna io defcrivere le memorabili cofe della 
detta fua Chiefa; ma ciò che più importa, contribuì colla molta fua 
generofità al rìftoramento della medefima . Era la Cappella fottérri- 
CnCcìmh °^* ^^^^ TAItar maggiore di eflTa , che Confeflfìooe fi chiaina , gii 
jfior di s <laquafi due fecoli incognita , e chiufa , ed in gratì parte ripiena di rer- 
idariainCoi^^^ quando egli «loffo dal fno(pirito, econfigliàtodallafua pietà, ere- 
fmed. /li. j^ligioiieverfo quel Santuario, fece putgarlo dalla terra, che v'era, e ftt- 
fMf. 1 8# te aprire due fcale , per le qual i comodamente vi fi potefle fcctìddtc , re- 
flitui il culto pubblico de'fcdeli al medefimo facto luogo 5 ovVr^già flato 
f ipoflo il facro Corpo di S« Cirilla V. , e M. , figliuola AoguRa di Decid 
Imperadore. Anzi canto affetto egli vi pofe, che avatiriia Confcflìonc 
ifteffa a pie delle fcale , vi fabbricò fin d'allora il perpetuo Aio modcftiflì- 
mofepolcro *, le qciali cofe a noi chiaramente additano la Ifcrizione, da 
lui fatta incidere in una Lapida, pofta nel murò , che guarda riogrelTo 
^lla medefima Confeffiont \ ove , cosi appunto fi legge/ 

CLEMENTE XL P. O. M. REGNANTE 

SUB AUSPICIIS EMINEN. PATRIS AC DOM- 

I>. ANNIBALI» HUJUS BASILICHE DIAC CARD, ALBANI 

VETUSTISSIMAM HANC CONFESSIONEM 

IN CUJUS- ARA CORPUS S, CYRILLifi V. ET M: 

FILILE DECI! IMPER. ÒLIM CONDITUM ERAT 

A DUOBUS FERE SACULIS CLAUSAM , ET IGNOTAM 

L MARIUS CRESCIMBENUS IN EADEM UASIL. CAM. 

APERUIT , ET PRISCO CULTUI RÈSTITUIT 

SIBIQUE IN HOC VESTIBULO 

MONUMENTUM VIVENS EXTRUXIt 

ANNO DOMINI MDCCXVIL 

La detta Iftoria , non folamebte incontro il gradimento del Papa iflef- 
fo, ma ancora luniverfale applaufo de gli amatori de* più amichi, e 
feconditi monumenti , che perciò nel Tomo XXIIL del Giornale de' 
Letterati d'Italia a car.jio. v'è Particolo X., che contiene \ztt\m> 
ne, e il riftretio delta medefima , parlandofi tanto dell' Atitore, che 
dell'opera con molta lode; ficcomc ancor ne fcrJfTe conbeircncomio 
si celebratifiimo Monfignor Fi^ancefco Bianchini nelle note fatte ad 
Anafiafio Bibliotecario par.i. opufc. rj. (c6t.i. iag. cxxvij., il P-^Sc- 
bafliano Paoli de'Cherici Regolari della Madre di Dio nella vita di 
Monfignor Ambrogio Salvio Ycfcovo di Nardo , ed altri chiari Scric- 



Digitized by 



Google 



Gio: Mario Crefcimbenf . %($ 

iOfì ancUc plcr^Mpwt^ipi ^ cpmfi B^i> oiftrvjirfi oc gli fisti df gli JEm- 

flici.di Lip(jji j>,iit)^licACÌ raQQ9 1718. pagr.4pQ. 
p pqr «Taggio^iiwptf poft^fi jgrajo allp fttifo PotJwtìciB, infr«)rc- ^ xyitfr 

/e ,egli ^ (cf'^vftc Vlfìow di S, |(?|p. a Pprcg MhQjì) d^ ^nfo all^ San^ 

(icd r^a <poQÌie£i:ac^, ^d .offjpu^» ^I^c ioprcuiio.4iqueft^ 0^ova (acicaf 

gli regj^lò !^P4 iPcofio.ae di Spagna di Tpudi S9* aoa^ . Q^iÌAdi pgli 

pr^fc ^img di Tcrivcre aocor^ i'Iftoti^ $lcl)a v'Ùcf^ ^i S. MippQlp ìq 

Carqccc, avcijiclp, p^ ciò f^rc, riccjai 

mcQii 9 iC v^ri/s noti;ipif 1 perlcM:!^ egli 

)a (Uijc ^^ di qyella facp(rir.FraQ<;e/'co I 

ficffa CUlef^ l^c^ò uoa tror^ /i:^fi^4 

re [e Memorie rft.o^ichie dclHn}9>;4l^a 

Grazù? oeU.^ Ch|efa d; S, Sai-v^pi;e ^1 

lotcJLo de^t^ Nazior^ M^rcii^gi^na » 41 

dip.aìc jF^b.r^ip P^placci • Proc^ctpi^ 

CoDgrcgfizion^ Ccgw^ » tl^bf: tjcii > Pj 

cbeeiaot onorifica luogo r 
Nptt pendii f^fò quj alcut^o, chfi me^tff pg\l in trani.^Q(Iajr(^ ^ i Po^^ 

ftcci le i^hiarc memorie di qHcA&.Cbie(c , pìoQoMvcSc ia jdin^^fuiAafW 
za la foa diletta Arcadia*, imperc tocche nel canapo ,fte do ^pcj&:^iirò^glr 
di far conorcere al Mondo Icaorgrio il .ipialp ciforgicnei^p .del buoo 
guSo Qclie belle lettiere f pbc ^u rutricp $tkc 4^1U l4icwÌQ9P 4<^cac|i'' 
ca, per mezzod'una HaccpU^ ck'pQtetjki CorppoQio^pt^, .chedaprin-' 
cipio furon fecneQ^^ > r pyQÌ fjcatto deirArcMi^ i.^p/jj^ • Qtt.epne eglp 
dunque dalla geircrale ÀdupaQz^di pocfr pubblicarp Ud^tt^i R^ccol^ 
ta di I^imc, tre Tpnot delle quali ÌQim A^4eAcno tempo f^comp^^rira 
^lla pubblica luce, .^dedfc^ H primo ^1 nie^ovato Poq FrancefcoMar 
ria SU^i PjTÌJiicìf;^ di Q^t^vf^cri» il.CecpfKjo a ppnqa M^i^Coftau- 
za Bup.nconppaem ^^iaftioiaoiPf inc,ipe0*a di B^ff^o^ p }! t^if^o al P^io^ 
c^c JÉugeoio di S^yoja» £bi>ero qu^Ac d^tiiuti quetli^ flif^ ideila Pp€^ 
fia Tc^caoa anno ottimo gi^flp y gr^ivi!^ accpglimeocp , cppcedp^^o^ 
cgliiK^ quefta bell^ gloria a gli Arcadi $ cioè d'ay^r eflfi cpltiyata 1» 
Lirica Italratia cpp p^ più nf^ixidfst tpa|ùcr|i ^ « p cFavvemura con 
qualche nov^^, e leggi^^dfia di più > ^kc sci SecploXVIr QPi> la col- 
tivafferp caati ill^ftri liigegoi ; i^n mf:9 .de'quali faranjap p^r fej^pvqi 
farapG j^i Arcadi PgpM 1 OKfce delia ^celt^ y e dcila p^bbli(cazione 
^*'ee^VAdrilpr verfi, fatta dair^cc^^tiflimo Cuftpd^s- di fpi perc^ 
diOe rjtkigqe Poeta Arrcade Fraocefco Gavoni ifi u^ Epigr^Oima ab 
Cuftode inedefipio iodirizzacoy cIk in cai guifa cominciar 
jircM4i€ C^fips y mira qui cùiligis aru 

Qualiacfim^e fHt4S carmina f^Jfe te^} 
CfiJMi ad ^rlfitrinm q^^^^ flunc fi^t rara p0ith9 
JVpn m(^Ì9 foft cimres fama fitf^rfifs $rif z ^ 
Di si Ibella iUccpIra furono compilarori il Paota^ci^ il Lepnio, jl 
Za^i, il Rinaldi, fi Lorenzini, il Cojorem, il Mirici, <d ìJP*Gìuk 
)iaao di S. Ags^a > o^i Mpnfignor Sabbacini Vefcpvp d'Appollopia y 
Arcadi «oc ti di etiiaro i^nier ed j^z^ioQ^ci^mf i^U'A^ttaaaea ^ Del' 
^ fcelc^ delle Ricne fiefljp ic.ceco , zkifi%ì memoria i imi Giopnaliftp 
J|cl Gio^mle àc*}AiiU2XÌ 47calia Tqtixog^é^ a car^47P. accompagnaoiT 

£l 4 dol« 



-Digitized by 



Google 



1^4 * Vita Dell'Arciprete 

dola con laude dtl Crercimbenii facendo nello fteffo tempo loJkvd 
menzione della fuddata Tua Iftoria ddl^ Chtefa di S. Gio: a Port» 
Latina s riferirà parimente ne gir atti de gli Ertlditr di LipGa Panna 
1718. pag, 436. ed accennata altresì con lande del noflro Scrittore 
dal celebre P. Ab» D«. Cefare Benvenuti Canonico Regolate Latera* 
»enfe nel dotto, ed erudito ftio Efifcorfo Storfco-Cronologico-Critii 
co della Vita Comune de'Cherici 5 attribuendo alle diligenze "Stl Gre- 
fcimbeni le fcoperrc belliflniìe in effa fatte , cap. y. pag. 42. ediz. 1. 
Quindi flendendori, per le dette Rime pubblicate ogtK» più la fama 
delia Paftora4e Adunanza, qnefta ancora didefe i ruor confini ; imper- 
^ciocchi due Colonie di effa fiirona dedotte in dtte akre Città , cioè 
ima in TìvoH col nome di SibUlindf l'altra in Brefcta col nome di 
CenùmaMd"y alle quali (i aggiunfe una nobile Rappreftntatlza nel Se- 

1717*. minaria Romano, detta la Rapznv^ta »^ E col rooltiplicarfi i volumi 
delle Rime fuddette, giunti fino al muderò di fette, fi mohtplicaro- 
uà ancora le Colonie >" effendofi fondata Ufi atmo dopo- la Rifirrnsu 
in Cefcoa, l'Innominata in Piemonte , e la /^«/^^//ni' in Foligno , ed 
anco una Rapprefencanza detta NazjLortnd nel Collegio Nazarena 

171 8. ^ Roma , ficcome un' ^nna dopo in Monte Ptìlciano fondata fa ani 
Goionia» chiamata FolixJana. 

Mn {perche la^ noftra Adunanza non la fòla Poefia , ma PEhxiuen'^ 
7A oratoria eziandio profefTa , t^ nolhro diUgentiffìmo Cnftode tre 
tomi di Profe degli Arcadi mife infìeme ,/ le quali abbracciana 
Orazioni', Ragionamenti Partorii , EMfcorfr Accademici , Dialoghir 
Novelle ,. Declamazioni r ed altro-, aflSochè pubblicate, fi ve* 
deffe , die l'Arcadia noftra non è*, qua^c talun la- crede', un^ Adir- 
nanza introdotta per femplice divertimento- inutile , cavato dall'ira* 
mitazione dell' Arcadia del Sanazzaro,.ma accoglie ogni fcìenza, e 
ogtn genere diktiere, e tuttr egualmente le riguarda, ccoltiva, pct 
renderfi firuttuofaalla Repubblica. Il primo tomo'diiJette Profcdedicè 
egli airimmortal nome di-Papa CleraenrcXL Pontefice eloquentiflìmov 
H quale favorì, cproteffe l'Adunanza d'Afcadia- prima del Pontificato 
colla prefenza , e col nome , e poi crtatb Pontefice , (crviflfì di effa 
per il cor fa di dodic'ànni neirAccademiadel Difegno in Campidoglio^ 
pcrlochè fece riforgere , e rifiorire in* RomaMottc le belle Arti. 

Or mentre non pochi egreg) Scrittori , per le fin qui Operp date 
il) luce d^l Crefcimbeni a comun- benefìzio della Repubblica lettera^ 
Ila: grati a lui fi^ moftrarono- con^ parole tutte piene di' chiare lodi, 
ficcome fecero- Gaetano^ Ciardi na nella fua- Epiflol a dedicatoria , po^ 
fia avanti al libro fuj intitolato: Bc rtSiit meth^do citandi AnSmiy 
^ lui indirizzata-, Aleflandro Pcgolotti nellà'Ietterar a^tettoripremef- 
fa al fuo Ditiran»bat Già. Antonio^' Volpi nella nuova' edizione' de* 
Latini verfi d'Andrea Navagero, ed' altri, ette per non^ molto diflbn*^ 
dermi tralafcio; il' Senato-^ e Popolo Romano compartigli l'onore 
della Citradinat»a<y e Nobiftà^ Romana pep privilegio , accompagna* 
IO da- efpreflJoni' di grande flima della di- lui perfona ,. e del molta 
di lui merito » e* fu appunto i4 ò¥ primo Getinaja 171^. Mk più d* 

x8l^^ «gn?àltro il fuddetto Clemente Papa X I. , gratificollo altresì cott 
iikiy pòfcjacbè fui griotipio doll'-aimo ftefib j^li confai ^Ar<<ipretft^ 
^ *- tO'dd^ 



Digitized by 



Google 



GSor Mario Crelcimbeiii . £(^$ 

tò (fella nlcdeiima Chiefa dr S»> Maria in Cofaiedin > ove comr 
abbiant dcno, era Canomccr; della qtial digaicà diedra lui poflcffà' 
Monftgnor Franrcfcodc Vico ftiachiariffimoConcictadirto, Vorancr 
d*àrabc le Scgtnturc, Prelato domeftico, e Segretario della Coiìgrc?» 
gaziont dcHa DifciplÌBa Regolare, a cui molto- fi tenne egli obbliga- 
to per molt r onori pToccurattgli» Qyindi piromoflb a gli Ordini Sacriv 
• fatto Sarerdoto celebrò fblennenrentc la primti Mefla ntlla fua 
Collegiata il dì nono d'Aprile lyip^gtornadi Pafqua^di' Riftirrezione. 

Aveva eglr poco prima prefenrata allo fteflb Pontefice la* Coron» 
Poetica in lode della Beatinftma Vergine Titolare della fua medefima 
CoHegiat;i> fatta da gli Arcadi in" occafìone d^l riftoramemo dellti 
Piazzai, e della Fabbrica della Fontana, di eui- facemmo fopra metf* " 
zionc. Oiiello peròv che inpropofitodita^e rifloramcntoconvien q^ui 
fapere, fi* è, che avendaun anno avanti il Crefcitiibenrordinata urf 
Adtitianza letteraria da farfi in Arcadia in* lode del Papa medefimov 
liberaliflimo Rifioracore della Bafilìca^ e Piazzadella fuddetta Colle- 
giata, ed eflfendaftata commeffe «• Monfignor Niccolò Foneguem 
dottifiimo' Prelato » noftro' Areade l-'Oraziotxe, qucftt con^ maniera^ / 

SraziofiiBma facendone fciifa cofCrefctnìbeni', gl'inviò^ una rifpofta 
ÌTt forma di lettera familiare, da lui letta in- Serbatoio a' 28. d'Aprilr 
f7i8., nella quahe degne d^eOer quì riferite y e rammentate per gra» 
lattdt e dtl M:afiimaPomefi);e, e del Crefcimbtni , e della noftraAdu** 
nansa fono* le feguentr parole indirizzate al Grefckubent ftbflfb in lo^ 
de del detto Pontefice .• Se non era hi^ dove farefie voi ; e à$ve f^e^ ff^fj^gi^jg^ 
rmmoì Dove Pofere di UrHi Divini Porti, e celebratiffimi Oratoria cadi tom. %^ 
Qnetle fcehe eosf leggiadra ^ e di Rimd er di Pro/e, che a mi danno pag.p^^ 
unto nome,] ed a vàitant^ lodèy fé eghi norr fianchtggiatp» dazrvero i 
nejhifikdjf di che fdPihhro elle fiate ripiene a per mr dire , quando 
evre&e voi ni fur penfatO' di farle} L* avervi egU dato l^effert , ed il 
tonfervmrvi % fino daehlle grazie y Mftfsheo mio caro, che montano un 
fico più sk d'una Fontana , d^unj^ fia^x^a , e d^ t^n abbeìlimtnto di 
Féémea\ tanto pik, che di quefte eofé n* ha fatto tofitOy e poi tanto ^ 
eh' egli ha per coiì dire rinnovata Roma ^ 

Graro perciò egli- ogb'ora più" moftpofli verfó la hragnan{ma liberà-^ 
liti del medefimo Pontefice, al cl)e fare efercitò di continuo rerudt«- 
ta Aia pernia' in dedicare nuove degniflime-opere alla Santità S^a «, co^ 
me appunto nuovamente fece , dedicandole ilfecond'o Tomo dell'Iflo-^ 
ria* (ttddetta della fua Collegiata intitolato r Staio di S. Maria inCofi- 
medintcol Catalogo Cronologico de* Senatori di Romay colle notizie at^ 
piani amichi della medefima , deU*/kiua Mariana , del Afonto^ Tefiac^ 
fio, e detia Ragtmanz^ de gli jdrcadiy con molte figurO' in rame y e ih 
tepn^ Q^cfV^anno^ parimente s' aggiunfero* ad Arcadia due Colonie^- 
ttna nella Cirrà dell'Aquila,- detta Aeemìna t l'altra in Camerino » 
Chentina denominata^, e V anno feguente un'altra in' Chicli col no- 
me di Tegea^ e un? a4tì:a in Cremona, detta Cremonefty coUa Pqpo»- tjlai 
(azione delle quali sMutrod^OTe in quelle^ Cicti la coltura delle buo>^ 
»e htttcre , e particolarmente della Poefia^ ToTcauay per mezzo d* Ar- 
cadia, «^(tdl'accuracifiimo Cufiode A4fefibeo riforta, e affai vaga ri* 
loci^a.^ Per la qjial cpfa alla fuddetta r^iccolca dèlia Rime do gìi< A» 



Digitized by 



Google 



i66 Vita Dell' Arciprete 

cadiaggiunfe egli Totcavo conio ^ da Itti dedicato 9^ Pripcìpe Fr^Ma^^ 
(^o Amooio 21ondadari^ Gran M^Aro della Rfligipfiie Gecofolipaica- 
Sì^. Appreso pubblicò due Tomi ^elie Npcizie Ktprichede gti Accftdi 
morti) dfi'^qMali con brevi, ma pieni JE^j 4 f&Q poct a'Pofterilc 
qualità» e prerogative più nc^plart , per cai #glìiró meritarono ^'elTe^ 
re tra gli Arcadi annoverati» Quei^i Etpgj, ancorché fi^no di varj Au- 
tori, una gran parte però, e forfie la maggiore di e(fi , fiefi futooa 
dalla Celice penna del Crefcimbeni ^ a cui perciò preflb a cento de'oo- 
Ari Arcadi defonci fono obbligati delia immòrt^tà, che egli donòat 
loro nomes ficcomc non mancarono chiari Scrittori, che del conci- 
QUO ecevna rendeflero la memoria di lui ancor vivente ; Cqsì ora fe- 
cie l'Ab. Breueville nella Tua opera intitolar^: LElo(iuenz.k dtl Ptrt^ 
910 y e del Foroy tradona in Italiano da un I^. Carmelitano MilaneTcr 
sella q]LiaIe a car. ij6. vengono propofle fé opere del Crefcimbeniper 
c(emplare aqueMi, che con purità , edelegan;&a Tofcana vogliono fcri- 
vere, non mendi quella del P. Paolo Segnerà ed altrettanto fcceTAbr 
Anton Maria Salvini peHe annotazioni Ui\c a| Trattato dell^ perfet* 
(9 Pocfia Italiana <ji JLodovico Antonio Mur^pr» , fpniQ ^poodor 
pvje (i confid^rano alcuni componin^nti poetici àfiX <!^eicimbf{)i ^ E 
ppi il S^lvini f^ di lui sì nobile encomia , con ^vft: BiÌogn4 n^dpr 
giufiizja ai merito dp Monfigfme ^r ci f rete Cn^cimbem j che |4 coroMé- 
ta fa nojfr^ Poffi^ di sì hU< notiz^i^ , # di it giuSi gi^dì^ dp*no^i 
Ppctiy e tHfto i/ giornp ^derni^ H Mptfdà dp fflicifuoi farji d^^nge^r 
$d erudizJottfi^ 
iT^r*. Pronta itgli aveva per le (lampe la vft^ di Mor\([gnor Gio: M^^ 

JL^k^cXi) N£cdi(Co ^ Clemente XI. , da Ipi (erutta ^ e ^ledi^^taall^.^Ai' 
.ri5^ fi^a; q)^ mentre era per pujbblic^j.a, niaiicò ^i Vma q^A^cQo glcK 
l^ofi/Smo J^oiKeficfi Aio Sovra^pric M^c^iU^» ^ VW /oAfg^ d^lU 
.Repubblica letteraria > alta immprta) mipmprj^d^l quale, .fip^me -^gli 
perr^vamicQi^ccratoa¥eyamoft«lellf Aieb^Ueop^c» taAtojn p^y 
che in ve^fi» cosi poi (^^(^ VQ «nipio, e iK>bil9 Elogip, e il di JujSe- 
p^Cjrp GtT^ di bella ITcriziiocre; il q.ual Elogip ^biudìp il Tpmo t^za 
delle fuddctte Notizie de gli ArcAdi lUPCfi» da eflp aUor div^iesttp, 
t dedicato^ al n^erko fubiime del foprafmxtfQtpvaco Mon^^gppf FjTAn- 
fefco de Vico in fegnp dJcMe taptje pbblU^ipoi, chic ^o^ò ^ qve- 
jRo jn0gnc Prelato» < (juo Aimatiflìmo Concittadino j a cì^ì <cz^^dia 
gier gratitudine nella fna Bafilica di S^Mma in Cofmedin, verib la 
quale impiegò lo fteflb Prelato la Aia benegccpza» innalzò egli inlic' 
"me colCapitolo Lapida d^ndelebile memori^.. 

Eletto pofcia Pontefice MaOimp fonoc^nzio XIII. della ixpbili/Jkna^ 
Caf^ Comi Romana, con MniverTal godimento di Roo^a, e di tutto 
ii Mondo Cattolico,, la noftta Adunanza fubifp xoncorfc a dar fegni 
ili puibblfco giubbilo per la esaltazione dpi fuprf mo Paftopp ^ cl|e de^ 
CBoifì, mentre era ancor Cardinale, di portare tr^ gli Arcgdr il no^ 
me di Aretajgo. QuindriI noflro dilìgentifTlmo Cuft^dp» pr^inò un» 
Corona Poetica, ci Giuochi Olin)fticii pjcr la Cflcfcrg:sÌPPP > e recita 
^cTquali il fopranv^eozionato get)ci'o6flfl«no Principe ji^rppli appreflò- 
6iir Efquilino la Àia ViHa,, giacché allora (all' Ayemiop qp^^^c^to er* 
« gli Arcadi l'ufo del fuddato npbiLe Xeacrfi^ 

Noai 



Digitized by 



Google 



Gior Mario Crefcimbeni. tby 

>Jon cratt per anco in luce comparii alcuni de* Vcrf latini de gii 
Arcadi , fcbbcn notì' pochi dì c(Ti ira' latini Poeti del noflro Secolo 
«fino per fama^ celebri « Poiché quantunque m Arcadia princtpad^ 
mente fi coltivino le tofcane Mufe » «on pct quefto pcfò furono 
luaì non curate le latme; anzi è coftume della Paftorale Adunanf:a>t 
che ogni volta , che nel Bofco Parrafio scàbbia a fere pubblico let- 
terario congreflb » oltte alia Profa, e aHtf tofcane Rime , debfea 
effervj indifpcnfabiimcnte qualclie latino componimento , e fin qirt- 
fio de' principali; cioè, o Egloga , o Elegia , ó fittriir , che aM» Li- 
rica latioa appartenga . Avendo adunque ii dilìg^ittitlimo Cnftoée 
adunato una buòna Raccolta di cotefte latitfe Póefie de gli Arcadi, 
«e formò U primo volume , e d'ordine della genc^altì Adimanxa la 
pubblicò, affinchè fi vedefTe, quanto tit\ vctio latino gii Arcadi va- 
Icffcro • Dedicollo pòi egli alla Real Maeftà di Gio^^iAi V. Rè di 
Portogallo , lì di cui gloriofiflfìmo nome altamente fi pregia la^ no-^ 
Ora Paftorale Repubblica di veder fegnato nel catàlogo dc^fuoi P^ 
fiori, e di riguardar eflb,.come Fautore de*Lettcrati, e Propagatore 
delle fcienze , e delle buone arti nel Tuo forrunatiffimo Regno ; e 
«rtamente di lui più , che d'ogn'altro Principe ella dee glorhnrfii 
mentre non v*è fiato fin* ora chi lei abbia con tatlta munificènza» 
e niagnanimirà ingrandita 9 e fiabilita , come egli ha fatto; il che 
più oltre ampiamente riferiremo* 

Frattanto crebbero le Colonie per la fondazione d'una ti^ Albeti- 
ga, chiamata htgéiwna ^ ed un'altra in Palermo detta OreUé\ alla 
quale s'aggiunfe una Rapprcfentanza col nome JlAngufiìata , eretta 
Mi Collegio de* Nobili di Savona, e crebbero altresì le premure del 
vigli antiilJma Guflòdc in proccurare con nuove flampe acquifto di 
maggior fama a fc fteff^» , e all'Arcadia. Alla fuddetta Raccolta di 
Rime de gli Arcadi aggiunfe il nono Tomo , da lui dedicato al fo- I7^2, 
prammentovatò Cardinal Pietro Ottoboni ; E perche la fua traduzip' 
ne delle Vite de'più celebri Poeti Provenzali, già da lui prima stam- 
pata , e inferita nel fecondo Tomo de'Comentarj fopra la fua lAoria 
della volgar Potfia, fu tanto univcrfalmcntc gradita, e cercata, che 
xltTcnDc rarifldma , egli fi rifoUetce di rifiampafla a parte , e farle 
fare da per sé, la fua comparfa, come appunto fece» con pubblicar^ 
la di nuovo più corretta , « copiofa; dedicandola a AionCgnor Gi- 
tolamo Crifpi allora AfCivefcovo di Ravenna* 

É benché folefle tal volta interrompere quefle virtuofe occupazioni 
col dolce ozio d*una breve villeggiatura, nulladimcno eflendogli «a-, 
turale l'affaticar l'ingegno , e Pcfercitarc la penna , in Villa ancora 
produfie bellifiìmi parti delU Tua mente , pieni ili molta erudizione • 
Qjiindi avvenne, che trovandofi egli in Tivoli, ove per lo più ne gli 
ultimi anni di fua vita foleva pafl*are alcuni giorni, o di Primavera, 
o deir Autunno infieme con molti amici fuoi, i Pallori Arcadi della 
Colonia Sibillina, fondata ih.queHa Città, fecero più di un'Adunan- 
za; in di>e delle quali il noflro Alfefibco fece ^ e recitò due Ragto- 
namemi ; «ho in lode diclla Città di Tivoli , l'altro fopra una Cava 
d'antichi Marmi, che fi faceva nelle ruine della Villa -d'Adriano, 
poAa Qel Territorio della Gttà iiìedefima*, Aampati fofcia 9 e infe- 
riti 



Digitized by 



Google 



jLét . Yita Déir Aróptece 

#lti in un libretto intitolato^ RAgunAtiTA fétte AéC Pafteri Ar€étA4d^ 
Js Cohnia Sibilline^ in TàvòU ntlU vilUggUtwr^ Ài J^rimav^rs l'dfh 

Ma dopo d'avere per belPoxio 4n Villa impic;gato lodevokDeme 
^nalche foco di tempo nella profana erudizione» cornava foi egli eoo 
fiù vigore diiorze, .e di fpirito a concedere la 'maggior parte deli' 
jmno all'erudizione facra^ alla quale da molto ^enspo erafi con tutto 
io fliudto applicato i per la qual cofa avendo .egli pronca 4' lAoria del- 
Ja Bafilica di S. Anaftafia di Roma la diedealle Aampe» exonfecrol- 
4a al chiariflimo nome del Cardinale de Cunba^ Titolare diefla BaG* 
J^ica » roa gran magnificenza dal 4nedefuno riftoratat ed abbellita. 
Pubblicata quella Ifioria, il i?. Anton Maria ik>nucci> per tante ope- 
re notiffimoGcfuita^ diede fuori la Vita della .fleflTa Satua» nelfaqua- 
Je v'inferì un Capitolo di rifleflSoni, eh* egli luppofe poterli cavare 
dalla detta Iftoria» intorno alla medefima Santa ^ le quali cerranicme 
flè pur fognò 11 Crefcimbcni, da quelli poCcia riggettate in una foa 
.rifpofla al detto Padre. 
^y^. AppreOb illuftrò egli la SacroTatua Chiefa Latetanenfe eoo ampia, 

" ^d erudita defcrizione iflorica, avendone defcritco lo ftato^ e prole- 
guì poi a defcrivere anco il redo di detta fiafiUca) mentre l'ALA* 
kflandro Baldefcbi aveva rolameme in/uo Racconto defcritta la Na- 
vata di mezzo della medefima. 

Mentre poi egli era intento ad illuflrare la Sacra Antichità, laKa- 
gunan^ degli Arcadi rivolfc il {)en(iero ad onorar lui medefitì^o per 
mezzo della riftampa delle di lui Rime, già c«efciute, e in numero, 
> e in belle;zza4 eglijperj, comecché quelle giàferd^ie volte erano fia- 
te date alle (lampe, aveva difpoAo di non impiegar piii^hre il peo- 
iìero incorno ad eflfe, non tanto per l'età Tua inoltrata» qi^anto perla 
gran diverficà, che corre tr^ lo (lato fecolare» in cui al tempo delle 
dette due edizioni , )sgli fi trovava, e quello, clie ora pcofefìTavadi 
Ecclefìafiicoi .contuttociò a lui convenne di condefcendere airAdur 
nanza (uddetta, che ne decretò la terza Edizione, da farli di Tnooc* 
dine, e di Tuo proprio nome» non dovendo egli tralafciar di coltiva- 
re neiretà feiìile, e nello flato ecclefiafiico , quegli (ludj innocenti, 
£he furonproprj della giovanezza, e dello flato fecolare, cocnerefeoh 
pio di tanti chiari, ed illuflri Padri n'infegna, e di nutrire que'pini 
del Tuo ingegno, che univerfale gradimento inconuarono« Queflo vo- 
lume delle Tue Rime, in dieci libri ora diftimo, dedicò egli a Mon- 
fignor Domenico Riviera, al quale avpaio già prima indirizzato » di- 
\\io folamente in otto libri. Eflendo perciò flato eletto il foprammen- 
tovato Monfignor Niccolò Forteguetri a rivederlo , lo flimò degnifC- 
mo della pubblica luce, p^r U vaghezjut, ed il eanàore^ e per U fe- 
licità dello JlJle, e per la varietà degli Argomenti^ e de* meeri ^ ed itf 
fomma per le tante bellezxx^ che in effe rifplen4eno» 

Quindi per opera Tua fempve più dilacofli per le belle Città la no* 
fira Arcadia, eiTendofi eretta in Rieti una Colonia, relinA chiama- 
ta, e ogn*or più acquiflando egli di flima nella Repubblica lettera- 
ria, non celarono giammai di fardi lui onorata memoria nobili Scrit- 
tori: tali furono, xl ibpraauncntovato eruditiilìma Conte Girolamo 

Lioni j 



Digitized by 



Google 



ék>£ Mario CieiciihBeni x(9 

11001} oe^applimemi ai Gtomalc.de JLcuetati d^toilia-r (omo frimai 
io Veoeziav 172^ ankolo-;.. pag^^tS^^^»^ ove beUiditiic afiootaziom ft 
kfgOA»' dell' Auioré ìfleflò , e iòppoi^muinehce fi citano i Comemar).» 
il Tratuto* della Bellezza della Voigar Ppefia» e te NoHzic iAoncbc 
degli Arcadi, eoo lod^ del sottro Ocfcimbeoir comò anco nel toono^ 
(ecmi^ de'dccttStippliiiieiui a.carcr.i54.» € 43^.»^ ed eziaadìo ncUe 
aoootaxìoni altomece«zod€!medefiQÙ^SiiM>Uine9ciarùealo5.pag^^ 
€ 69r Gtureppe Cito nella. Vica dì Niceol^ Ameora^ pt^fiOb al Trai* 
tato della UngM nobile d' Italia del detto AKneiicaa.fiswpaC0 in Na* 
foVr Tji^^ Giacinto- Gianna più», e più. v voiic OfirUea. della Iftoria- 
dcHIralia letteraUr iropoeffa. T anno fteflb parimente io Napoli*. Il P*. 
AbrD. Pierso Cannai CamaldoleTc nella OiOercazipQe apologetica iip-^ 
lorao a) Poema def quattro Regni* > o Qjiadriregto di^ Monfignor Fo^ 
dtrieo Freni*» ranno< fuddetto (latnparo in Foligno.. Eflendopoi axw 
che flato iituftiraco* l'iAefla Poema da Gio«.jBait(t» Bo^colinì ^ con- btl^ 
le dichiarazioni d'aicont voci>.€ da. GiuAiniano PagUarini con idoti- 
che offervazioni *> ambedue queAi Letterati anno più volto celebratoli 
Bomr, e l'crtidtziono dck noAra Scrittore,, come può oOei^varfi nel fé» 
fondo tomo. I Padci Francefto Grimaldi > e Contuccio Coatueci c^ 
iebri Gcfaictr l'uno nel Tuo libro De f^Ù4 Urbétiér l'altro nel libro 
kcmio- d» UngHd MdUv^y inikofaifio.: De OrigÀff^ P^fis It4lic0 \ a 
kii Aeflb dedicata coirornameoto di eccelfe ^ ma v^ne lodi •- A i quali 
aggiongaGiovatmt Fabrizio Profiiflore in Elm^ft^c» il*q5:kalenel tomo 
fefto delia fua Iftooia Bibliotecari» £a un: rìAretto .bea puntuale delle 
di loiOpere, e drfaMÒri ccMopartitigti da>'Sommi Pontefici •- 

Nel Soglio Pontificio^ era ailor Succeduto y dopo il Breve Pontifica^ 17241. 
tod'Imiocenao'XIIh ,. il Cardinale Fra Vincenzio Maria' CMini delIK^e- 
dine de'^Predicatori, col nome di Bjinimtto XIIL oggi Regnati^ 
te; dalla cnrfomm» liberalità >.fc vlia CapitoUxli alcuna. delle fia&» 
KcbCy e Cbiefie Collegiate di Roma*» che ita Aacop^ticolaunenfiedir 
flimo^con Gngolarfr onore,, t decorosi lè Aaco fertamajg^e <)iieUo della 
Bafilic9 di S. Maria io Cbfmedin ,. di cui D CrercÌA)beQi:ara Arcipetf- 
)^> egliadnnqoe, e. tutti t tuoi CafK>tiiiCÌ« furono- dal detto Pontefiot 
^omaoeamentfr e graziofamcmc decorati dell' ufo dell^ Cappa M% 
Soa, e Roccfaetio, ed ebbero percià luogp^ tra. le principali Bafilicba 
«clic Proceflionìv ^ . 

Nella AeAa Bafilica era gii ftartattòatmo prtba^imoGftlQtta unadl^ 
▼ma' Novena per preparar gK amitù de' Fedeli a ceJebren la FeAa M^ 
la Natività di Maria Vergine ^ Titolare di. effa S;l' Arcipceie aduin}oa 
ad Ofo di detta divozione compendiò laiVkadfill««Beaiiflima.Vecginov 
dividcnJéta in nove capitoli,, e la dedicò^ al Cardinale AléBaodroAl^ 
^oi Diacono della medefimaBafiiica.» E' perciò mirahile ,.coa»e uoT 
^omo, avvezzo per lo piar a trattar cofe profane >* negli ultimi anni 
di fua vita* rutco itiiento fofle a fcrivere lAorie Cskcse 9. e dionee % nel^ 
<l)e ìDoftiodi agli- 00 vera EcelefiaAica.* i 

^ Imaotot éon trafcuiando gianmiaiegU. le iocombemerileUa GenenK 
^ fua OiAodia, e i -peogvefli. della PMorale Adunanza attefe alla pso^ 
F^^aioaa draffa eoa portare in Correggio unaColooia jGoI beloopitt 
mfi€irf9 tra l^^altre diAiiita> a tra le Ica 



letterarie £attcbe ^ da eflb pob^ 
blicata 



Digitized by 



Google 



%yo Vita Ddl* Ardpre». . 

(blic^ie in queft' ami» s affai confidar abile 4i é la Vica di MofiGfiieit 
Gabriello Filippucct Aio CoMictacUfib) cZio4lel foo venceatiÌ|imD 
.acaìco MonfigQor de Vico fuddetto, Prelato catifl&feio> non camdpa 
;ia£eaero(a riounsia^., che fece della Sacra Poiooca» quanto perlafoa 
doccrioa» e iof^e pteUi laqoal Vita ^conTecco egU airincomoarabil 
..niefiio deU'fimincnciflimo CardioakGaleazio.Marercdcn» a'diooflrì 
•ammirato come un efemplate dciranctoo fplesdore del Collegio Ape> 
flolico« tii menrignardevoHfono g^tmorl» cbe ricevette dmlP.NJO' 
-colo Avancinò Cbèrico Regolare delie Scuòle Ra per la dedicami 
a )ui fàcca diuiia fuaOrasionepcr la foiennecocon^ztone del Sereaifli- 
•mo Domenico Negrone Doge di Genova i e dalL* Accademia de'G> 
-fiaott di Cofeosa» alla quale fu Tenia fua faputa gtoriofameme aooo- 
1725C -verato \ e dal Capitolo della Cattedrale di Macerata ùaz Patria^ da 
cui fu eletto ad addite infieme coirAb. Pompeo Cotnpagneni fuoCoa- 
cittadino a coi)|{ratiilar(a in nome del medefoo Capitolo coir Emi- 
nentiffimo Cardinale ProTpc^ Marefetcbi per ia efaltaBuone di quc&i 
4iU*ampliflSma Dignità del Cardimriato* 

' Per bella gloria di Siena « e d'Arcadia, trovavafi allora in Roon 
nella Cone della Sereniffima Gran Principefla di Tofcana Violanu 
Beatrice di Baviera , portatafi all'alma Citta in occafiooe deirAnaa 
£anto, il Cavai ier Bicrnardino Perfecti SaneTe, neir imptovvifare e^ 
celleotiffimonoftre Arcade > il quale fin datr.anno 1711. per fuagcaa 
Ycntura fu degno d*eflere afcoltoco dal Poocefice ClenBUìte XI. diglch 
riofa memoria . Or queAa fecónda volta avendo e^ :per xomun fod- 
di»fazione de*Letretatt in più luoghi pubblicamente con iftupore di 
rutti dato pieniflìmo faggio dei fuo maravjgiiofo improvivt(are fu qua- 
liinoue' argomento , che gli ftipropoflo, liccòme avvenne ne) Semina* 
rio Rqmanoi nel Cotlegtd dementino > nella Biblioteca Cafanatttfir 
(e, ed altrove i e giunta perciè-la fama dd di lui valore aU* orecchie 
del ^pa, ordinò quefti per meano d^ Cardinafe Segretario di Stato 
alPAdonanxa degli Arcadi di fare reijpevimento preventivamente per 
ere giorni deir ingegno» t valore di detto Cavaliere nel cantare. alf 
improvvifo fopraognt fcienza» e materia in ogiiiroeuo tolìcano^ per 
foicÌM coffonacto folennememe in Campidoglio» come avvenne il di 
<3* Maggio I7a5« con univerfale applaufo di tutta Roma«. 

Avendo per tanto gli Arcadi avuta-uiìa sì gran parte in detta Co* 
fonazione, ben poflono andarne per fempre glmiofi i impeceioccbé^ 
«I A confideri la Aiprema aurorità del Pontefice» che ne diedevUnroiih 
eombensa^ o la generoGtà d/ellaGcan Principeia» cbe nel uhi Vuhn- 
to gli accoife per tre £tre eominue a far prova dell' eceelteilaa della 
fieiTo^^aetay o U (plendidetza del Senato Romano» cbe (ui Tatpea 
apri loro vaghiflfimo Teatro'» ridonda in perpetua gloria de*knedefimi» 

Str la quale atiderà fempi^e più celebre il lor nome» e valorte^ Diquò- 
afoknniflSma fenztom fece il Crefcimbeni una ben diftinta» epie-^ 
naRelazione» Rampata infiemé col Ritratto in rame dal laitfeatoCa- 
valiere^ che incider fece 11 CreCcimbeni ù^o a proprie Me » e pò* 
icia. da effo fattottoovamente (lampare cdllagionta dcUa tccondaiùf* 
ce» delia quale fu fatto il riftretto nel toma 37^ del Giocnakde'Let* 
larati d'Italia a carta 104» con bella lode dd nofita. Scriitoce > ève 

parir 



. Digitized by 



Google . 



Gio: Mario Crdoinbci^* i7i 

parimente a carte 844. fi di norìTta della Vita d'Alcffaharo Guidi . ^ 

da lui egregiamente Tcritta, pofta avanti «Ile Poefie del aletta Gnidi . . .: . i 
nobilmente ri ftanipate iiw Verona k ^ . .^ 

Finora, x^oait opportumamente & è di fopra nartato» la Ragumn- 
za de gli Airadi ^ or qui , or là vagando s non ebbe fede Aabtie ^ « 
ferma per fare i fuoi congreffi letterari; finaimenie ghinfe ad aver* 
la f quando la Sacra Real Maefté di Giovanni V. Rè di Portogallo 
gcadeodo.d'afletc Aata dati' Adunanza fteffacoo acciamazione for^ 
rogata alla Gam^gna Arcadica'» in eOa vacarne, della Sk Me. :di Pa- 
pa Clemente XL , le fece donordi 6»idi ^quattromila da àmpiegarfi 
nella compra d'na luogo penoattcnre per la Sede de gli Arcadi s per- 
lochè nno.cIe*piu antichi , più. cdebri , ed affezionati Paftori , quale 
è Ila Orefiafio, in udire auo di si 'magnaniou pr^foSone ^ rollevan- 
da il t^eofiero, con eflro Improwifo dMe^ ^tfitU ji»^ 

Qfod M0M tn ProcBTtSf^qHod nm fecen ut MmAy. ^^^'^ ^om^ì. 

^ Bn^tii una din , f^rri^t uttu métmu. 
Eglino adunque da si angofta monificenza favoriti ,• penfando in 
qoal parte de'Latini GoUi poteflero perpetuate 11 foggiomo , dopo d' ^ 
afcr ben confiderataora imo, tnra iin'altro Colle, •cerne que'Pdlegri- 
bì» che dopo un luogo corfo di varia fortuna , UnaUnente TÌf ornano 
al Suol nativo^ fi sicooduOero fui Gianicòla, ove, -come fi è detto » 
ebbero la prima* loro orìgine, potendo .«Ili dire con più gruAa ragio* 
ne di quclytrfae in fimile oc'càfione già diflb il ^cfasartliiifu^Nittlo.' 

. itófirt» iur^ mutfih fitfmitM Tyhrèéis mmU > ^ - x:arm. ArcMd. 

JaaicuU tandem tBnfedimtu jircdà^^t^ pmt. 4. fa^M 

Et nurrart juvmt vìtdta firicrila %»• »'«^• J96. 

Ivi trovato un comodo , e dilect evolc {ito :, ut fecero cc^i^a , 'e 
facto fare il difegno del duovo Terreo, dal celebre Architetto Anto^ 
nio Canevari noftro Arcade , e cavati i fosdameoti verniero il di 
IO* d'Ottoboe 1725. a^6ffe il getro ddlaiprima i^iecra con fdlenne 
funzione , delcrtrra dal OBercimbcnij&l |)irincipia 4^CotiqKM»nientt 
poetici de gii Arcadi nel gettarfi^la éecra'Ciacra^.da^eift) dedicati aT- 
la Santità di Papa BENEDÉTTO XIII. , ^che tra -i^li Arcadi* -portavi 
gii da grani ^mpo il homoxii Teofiio, coficchè allora avverato fi vide 
ciò, che rami anni prima predetto avtva il Seoator Vincenzio da Fi*- 
licaja , detto PoUbo £nioniaxi^ro Arcade in no fuo Sonetto , 4c 
due rerzine del iqnale non difpiaccia qui miovaniènte afcolcate • * 

invrd l^Arcédid f t^ la fatai cmgiHTd ' Vh, degrAr- 

De glK^mni tdàcis the jì ratti vamtè^ . . - ^^j^- p^^^ ^^ 

Fid che a Ui di far jfrenteahkia paura* • ' . * f^S*^^* 

E fin quandi a merir le cnfr atudramne 
Neltagmia del Mmda^ e di natura^ 

Arcade >, i Befihi rifonar fafr armo * ^^ ? 

NÉ foltanto in R^mà viveri queRa , ma in tante ilhiftri Cini d* 
Atalia , quante fono le Colonie •Arcadiche , {ondate in effe , tra te 
<inali occupano perfora l'ultimo luògo le due dedone indite nobili 
Cafietli , eioè io Fabriano , ora Ctrti , t in Corpi ; V^cma col come 
di Gmitm , raitra idi GdMia appellate; perlodid poti dire con veri»- 
^ il tante voice nominato «obiliOimo Miàlo:. ^ 

Arca- 



Digitized by 



Google 



r^z Vita. DéH'Acdprece 

'Càr\ Aftéi^ jlrcsdid ixiemUm Putrii f^finis MgelU 

<ft7« Et ntus fief dein vefira Colonia MtmAm^ 

Non eflbndo mio ifitcacò 4i far qoi la ddcr iziotie dei detto nuo- 
vo Teatro » lafcierò ^ ohe i Lettori appìeao fi foddisfacciano io ieg- 
Ker qdella ampismeme » td eroditameme fatta dal gaociliffimo no- 
^ro Arcade Zeiiodo Elaka, TAbaie Virtorìo Gìovardì , e coofidera- 
re la iigtrra di «Io T«auo toobitoeMe. itt carne kiragiiaca , fyoa > e 
Taltra a fiie fpefe f^tta ftarapare , *e datai generoTaneote o&ata pò- 
foia io. dono a gli amici conipaOori<, 
t7i6* Sqggioogefò beasi > tbe ridotto ìi foédetto Teano io forma tale, 
cbe comodamente vi fi potevas fare i letterari congreffi , fo per la 
f rima voka aperto per la celebraziooe de*<}tuocht Olimpici in Jode 
della Sacra Real Maeftà di Giofamii V. Rè di Portogallo in feg» 
di gratitudine aUaRagal Tua a^uaifioetiM« furono detti Giuo^bjpro- 
moffi dal Cuftodet ne^quaii^gli v'ha la fua pat^ di Cotopooimenti , 
canto in proCa» che in vccfi^ ì&^fìiroho celebrati coir intervento di 

fiù Ctcdinair-i dell' AmbaTciatote della OeflEa&eal Maea& >. di molta 
reiatura, -t Nobiltà» con grande «pplao<e« ed irmxioiie di Popolo il 
di lieto f^ Settembce 173^ t e i'«ooo fiòfib imprefil» 
. 1727. Era già qualche tempo» che ài Getieral ooftrO'Cuftode.ftava piep»> 
rando Iaqiiartat>artedelle Vitede gU Arcadi tllufiri j pubUicoHaegU 
adunque, io queifanno d'ordine della 'Generale Adunanza 9 e oocife- 
crolla a i due Emiuenriflimi Cardinali Albani Annibale ^ ed Akflan- 
. dro« ambedue Benefattoci<«m^iffimi dcHa <aa^ Bafil&a ^i S. Maria 
in Cofmedin, come dimoficano t «obiti Ediìisj in oda facci dalla io- 
xo genecofirà'prr comodo del Capitolo » ed ornamento della Oiiefa; 
alla .toofitfcenu dr^Uaif aitò egli infieme co^fuoi Canonici nella flef- 
fa Bafilica Lapidi di ecema- memopia^ In detta quarta parte v* In del 
fuo.il Crefcimbooi r£logf> Ifiorieo di ViooeDStoIxonio,, detto Ura* 
nicoTegco^ ^raViaadiMonfignor Gio: MiKk Lanctfi» detto Eriiia 
Macariasni) iàqtuUcqaÉfittoKifirettodèqiMl'anipia» e diAi£ai che 
Aarapò aitai prima. 

Fin qui giunfoo le ipìrtuare fatidie del fioftré CoAode Alfefibto 
tiute indirizzate aHo (labilimento » alla propagaziopei, e alia gran- 
dezza della noflra l^aiftoraie Repubblica , e più di quelle e più otttii 
e glociolie gii da 4ni ^meditate « a^ebbe^ànimìsfame<Ke aotraprefo, k 
lina grave infcrmttà non ravefle^^arrcflaio'. Non «fa^t anco fatto 
il fuo ingrcflb Panno 173*. , efar gii egli fu forprdbt da gran dcbo- 
lezza , e da xnolefti dolori df^ poeto.» che t^I volta, gf iuipedivaoo il 
'refpiro • E (ebbene dopo qualche tempo ripi|^ ali^uanto-le forze , 
dando fperanza di rimetterfi in buona falute > nuU^Mioieno (ul prìo- 
172& ^iP^^ ^^^1' ^^^^ Tuddettò fr^di nuovo aflblito da maggiott « e piti 
acerbe doglie , cagìooategli da un interno motbo irrimedtsAHe di 
|>etto • Durò quefto per lo fpazio di qnafi 4re meftda lai cpftantc- 
mente (offerto. Gran diipiacere n^cbbero i' fuoi pio^cari Amici » cfee 
dovente in detto tetnpo il vificartmoi^ /basemente confola&dolo , e 
tutti offereiiio(i iq pnò di lui peM fummo dfefiderlo » ch'avevano del- 
la di lui falme» e per iaonolu Alma ^ che ne facevano « 1 (noi più 

dìainri 



Digitized by 



Google 



WtA^MM& i tim'ItnEliriinoMpniblti Pn0ci>i ^ € 'CafdifMOi gttt^ 
tJMirjwr aMÌiriig|giyk;c(]Éipaiiàohaikxto jIo. Om» i^ 
IIMdliirMcOpttt. vcir«i. «)fiflraH» w lot «ome oan^jdptéflSHi' ^ fin- 
«etittoo 4ltofici4iiti(WabiSèdhii» Poimfice , cbe ttooniaentt baite- 
li i fMOdò pià.id*iiM «okft Moofignor Aa^ei» cMtria ;€cdeo ^(u0 
Cil|foUaoo*<(iefraa » ft yedoila* «Cié dkgli^ òkcIUictpiir licfid # d« 
pvevi cbi pofgMirà Qmi fsr lai ; e (a TaiUaM Ocan J^ctooipdb d« 
Tofcana, che in queft^anno crafi di nuovo portata a Roma colK'&lct*' ' 
tote di Colonia fiio Nipote , aveddb.la fera avanti alla Tua partenza 
iatefa la perìcolofa infermici^ delyCréftimboit » a c^ii pia lettere 
W»MÌFIilMT\if(eM«^ tenitu flmftw^^conmiifepaH'Afa» lUkf 

chel GiurepjH^M9iet:di aadado • viikare ia («OiftoiM «-ed j^rpciMcty 
gUilfuodirpiaceie^ :.. ; j . o 

Fra cotti però i faot Padroni » gamici pia ^'ogc(*akro moftroflat 
^1» «ij^tUnt KQ^fmi terfo di Ini afimoniàicMMiaiblie dei YioflCJ 
(90 ipmno ^ 6 cQAfiénM « il .qMic , pdr <|sriltt »* cbe tif intrda il .tei»» 
pon4^y ^ 4t)otto fpkL' VQfierno » f«ninimftroglt Maa eimiwta.>fliitenga ^ 
AnBva ^ ^ jViiklie Ano raviamooie priavMdiii» alle difpofisiom 
4iiU'Mk|ma :^^«»|pil|à.r^ in £acMd# il/no XeftainettC0^ nel qnale^ar 
fci^ unica «mk la iw dilocta Chìeai di S. Macìa in <2olìnedin ^ ;CM 
vìocoIq 4i qnakha «M Legato . 4Àmi dirp^Oiflt aSìMì d^ XdMpa» 
iHMcanieme attrita oneUi dtU'Etevniià* 

Tra le altr< cp(e air^teaia /««a fallite apparoenemL*r6ngolavè fa Ja 
l>mMi;f\Cfbf f£jii fbbc.di mork Rdi^ofa dtiia Compagnia di Gtià« 
«M w^o -p^^ » c^;ftaco ^offe a ini podSbite» pier .cpiì adempiore* 
uìSfC^.Aìtk » pna promefla facta 4% fna Madisr a San franp^sfot 
Saverio t allorctiè fapciulUno per ìnterceflione idi queftp SaMo otie»* 
Qf mìci^Mi32xnie la ianità corporale • E febbcae una cai pròmofla 
MÒ tfoté giammai ^bUgario a un^efi RnliginfOr» «m efle^ovi 
CfAc^c^ I9 Aia jfoipntà 9 la quale ricbiedefi orila. eiecicwe, dello ftar 
ro; egli oondiracno prima di morire bramò , e iaantemeniiir.<ifiniam* 
dò di oflervarla , e inQaAa di/^ddisfaie 4lla(ìia jwiinl4( dsv«none 
vetfo il detto Santo • Il fh% avpodo confidato al P» i^rancofco Maria 
Calluzzi Religfofo di detta Compagnia t «e fiio Padee ipirìtuale » fa 
pienameocc compiaccinto ^ queflo-piifCmo^ defidcrioi imperciocché 
lutane prefientare la fupplica al P. Generale della Affla Reliaioné» 
quefti benignameme a^aMfenii * Con egli coafotac^^^pcitò pouia ia 
prefeoza del detto Padre GaUnafti ia folka ioraioU'd6*voci. Cemplica 
di cffa fiLcligione , e la fottofcri0e ^irpropfìo pngM^. i4caodo ona 
pkna oflferca iì tutto fe ^nft^MS^iiMitl nckcbeiaiuì egUISefetn- 
pio di Monfigoor Leti SipplaiM^^ e d*aUri» «he. praticateli io fleflb, 
Confeffa altresì il detto Padre « cir^ ^mmm aramdm^ifrfM delica^ 
tiZJUi éUlls di Ini c0/ciinzA,»tU0imi quif$H fMtigU di c^Jt % cki fdré^ 

ferfficéice m vedere eff$i Jr9i/ifl0..Adm^iK jùù v^e in detta fua 
lyalaAi^f quinilP J^i$^(Sag^Mia«ci j^ ^ piliif:0lar diyosione.i e 
fcK,ipa4ae Mbbìdko^ aUa S* Mtfkft OUefar»^ q»&,gcaa «oSapza » « 
uCogiKizMVfcifMtomjMi^^ aU^^iloiWi^ ^$9ii^ pariiMi^raseaie 
Xk-^/c. Y^.Feti. Peefi4 . Tem. ir. S <ul 



Digitized by 



Google 



Tita BfiU^Mci 



^ 



49\ ftidéecto Adrej ^anl ^U di rqucte unoctal Mca il df^mw^i 



fobbUd»>flb!|^^ 4^addeiu Am Spitiu ^ «ellc^^iairte a?aiitl1h 
Confeflioiie -già da ^rao. tempo 9 -coiiìe i^étxv^^ 4rai|/ireparatoHiir 
unatle Scpelcfa/ filila 4Ìt cui Lapida aowkr écct to StàiiiM» ^fiio^Cia- 
«ìlixìo ^olaSiiiBia Saaocakiiqpfa^ *aiiaMM<vi iftAoipire^Qlli 

totcte" - ' ''^^ ' f . , • » 

f :■ . / i ■ ' I. ly|* C. - ' • : . r^. . • 

dhe dir ^mgimA^ J$Mmn Mitrimi Cnfi imtmn ^^wtm Amàm 
tMhi^ £4topa4a di lai «losca iri Amo ineìTe le<tewflai« 

oHur/if. M^nii MDccxxpim ^ 

I)VxdtQd dd iuddecco JdoofigflOT de Vì€o 1% «yem li Cadavcco M 
lo ^ « qoeUo « che ii-ofcrvò di rilievo tilgll' y iiufa di g o diti <» eiT 
•óodc surf «vesoe tee paB a tilmeocg la unorce « £ la «0 Vino ci^^i^ 
fiei cuore ^ <e «oofiftenrno ona thraordioaria 4Uat«aiooe4i' tom e 
.doe iifoai Veomootiv e dtUtiTue mtcAk^mi iO^MfpMto vi 4 rde 
òffctvabile ^'iónoffamemo dd frioapio ddlTjrceria mS9tgam ;i^iicoti^ 
faciofi^ ftidee«redeae^ owliofciioa^-cbe il ^ooréicomiaciaae a di- 
lacarfl ; tale appunto è TEpilofo ;della retasiooet «be «oircrirto «le fr 
ce i\ 40C91 ) €d . eoeettenie Medico f raoccfeo ScoAoaio ^ . 

<|iiate « e foonca fcMUca aibUa Aura :Mtla diiliu ouMte VAreaétti 
«OB .occorre «9 cK*io 4nt dtffaoda m »oftrarla;^«M>aftafin la fii té- 
tioftwe la pftfeotc aomgactffiiiia' 4ite «ictrfitexboe dei «lovo -€0^ 
itode iofom ^ la quale ^kmc ìù ferieoio la lettorarla Aduoanea « A 
lar falefc Jl comoo ddolo de fli Arcadi 9 por iif ò fio 90Ì ìolaOKS- 
te del celebre Mlieo rooftio Proouftode » e tioio calo aì^ defòoii 
AMeSbeb 9 tio Sonetto.» ^iomooii ^ima d*«jo'jdao iio cale <K«i|fiMe 
adlemaoi* 

Anàdi #r a^#i 01 divieni in C$ri^ 
E éltermui fiémgfmU itfiémt^ mÌ0* " 
Il fTM S9f$Ur9U di fimmni fi^ri 
Sf/tTi^ » e éccffim téirèfn ihhm dH h^ 
riititiefiimkUdi gii eterni AtUrt-^ ^ 
AjpCfn^etdM nenuc^^tl4i0^ 
Di tèi ftmii^ 4 $4i Jiet<imi le chime 
Al càTé-jIvet tmrem fei €mih^ in 
tfAtfefieeff0t ven e rar vi il mme^ 
Scritti né S^Qe ifretifnei mem flétnm^ 

Mn qtiéde teififi^ i ^ n nme ^ftétìe^ e tmne^ 
' il SÀ i'ArcMin^ 4 4 Befchi^ìiit$ il fntme. 
' Osoeocftro pm ìAiMio od effaitnere It loto doloceiier «i fgnm fet' 
dita 9 1 a cetebrtr te lodi del motto Guftode i^iioe Rappycfttnn>rt 
Aicadidio én RoMai e «lori dlcaiie CdlMiòcoo fobbl^ Accaiie* 

j ■ Olici 



Digitized by 



Google 



^z àii ìm ..ioMP^ift^igvMnwi» .gr»yMpnP! ^n M)»io r e noUlr 
Elogio 9 parCD' deirerudiia^peoiut del P.^ IL Picf Caderiao- ZeM^ 

Qgale ci fioft , e v^mcof^v^ffc y r ccxnc p oku^ r«0ip«c ali» pa>^ . . 

ferale oofilai Rcf^iibblica^ y aazi a tucco^ il Mondo^ Ict^MMP JbfQ oo-^ 
la, io^ora k>.m^fc»^'3'fptìKM^'ài^ €be 

i» foti» per la» Tcfie 4cit)ft MHii/aoiii^affiocIie di ìuk» taoi^dcllé L^ir 
mt beocmecko^ «. reftii^aa Teli. BM(f9^ y e. la^ Jucara parpcuia^^Mr 
mù$U.> Or mi timaK* aidy :toev«4nffHc;4e7o^vi(|MìM^ coOmAi,. ir 
Mie- raie vìarà:^ che l'aAmo» foo^ adofUaMooj^aofiOsct^ dai fior^ 
tela & poflaoo^ aKayotofAct icoi^gp«r- 

ia iiQavk^ dcTAioi cdAumi ff^agdMicm»' rSfj^aofditva nel Cóo difipoi^ 
fc» t Klialba^ coimi«toÌ0Mt.4i BKKia ^bei^ qijeUi # cbr 

maflb luìt Oi taa««ciraiaOw neAafr^ffi liigai» da i coptrft uffiafr e. dal^ 
>t gnoili maniere' dr lui medefiiuo ì fU la^gn^^cofa non. fi^ il»» 
iiie aUcMov-paniiMi di iMia jr ag tp qe - fiaC dotilo »^ fia> rimafio del 
ÌKi>openH:e ma^asMcaur re mal^ ioddiifatto #• Coo inai r a fólTeco» 
4^^f ^ o* néenog't a (e »>itt famHr orbana r ed oflftioio v miii accoi* 
l^a con* Hamà. di; vétta r c^ov fincanci» d'animp; e qualbua; do*» 
vefc fg)i dtfe ik Aia Aocimeofo*^ I e rpriniavaì coo^ pari enervi t 
ttHiaMa^ r fenaa mai raiftafrfi^r P (cocqeprAj qi^i é >. cb^'cmndicr 
itBèf fi»4pir$ 9* èm^nke um^i fikf^(ff méfifrit da cmumxiofia Crkkm Kltm d^èf^ 
mmm^trnm éUtmm |irr |»iri# i7> fécifi^p^Ju^vnip ^ cerne oflc^v^ U mx;. 4k/#x«* 
«rasMiM P^ Abr Canni/ *» mMitrét r tk ^^m €hi4m£^n€ ^r/a^ «^»«m ^_ 

«Bùi «i! Anni da qpaft» mofleoAì eg»i cosi ^imanre t, $ht 6^ prii^ùpio^^']^^' ^ 
driropererAie pre^ i Lettori a 6iiiglie)a.,massio9mantc cooofcac» r e ^^ '^^ 
awertiiio/cis quegli atrncr % cbribno kiemaUUi a» cfaìooqiia prende'^* ^ 
i rcfjvere Ifloria ^ perlocbd poi cotta aiflampe ripMi^Mfopcre .aefle^. 
wgpaiando quelli v che piib cbìaii Unni gli diedero npec lìntoac^ia-^ 
leitveao- 

Q^fta fiu» tara- moddCtai iiè poi si», «be ff gtbriaOe^ «ncorad^efleer 
mnoveraco cr^ i.molii allievi 9* f^e, fece Vincenaio li^eonto nell'anr 
mbìiiflimaL della Volgar Poafiailaaica»* ad immisa^ooc deb Pòsaaeca ^ 
rquamunque l'Wenaionrd''Aicadi^ipain6Ìpaloi^nte a Ini fi debba> 
the fìi^ il primiera a; mettaayi piede..»* nnUadimafco cadacte : a)r ifiefo 
fceanib» il primo onoar d'aver fìiuó int ;Koani ^^ifiociira. il .bonn* gufto» 
aellaLinoaiTorcBoa;. Edinlerca cinFÌ3Qnrta dalla Votpr Poefia intibnnr 
ooiCbolenrarf „ beóelié fiaoMaecediltti/oio ».noadifnei»egli ingaa» 
pute* le attrìbtti a Moofisnoi^'MatQeUotSaaEeaolitcClìe foltantor com» 
•bbiam^ detto ^ fomntnifitogli ooUai^foa icalu 91 e copiofa BibUoceca». 
i oMrerijfdi \, ficaome^fteonobbe cgli^Hve: ie dona* (bc; iiticber intounr 
alllsi: KIteznaì della^ Voljsar Pòafia. ^ <: intomo* ali^Arcadt^ ^ «Mi Via^ 
mtà còcnrecAÉione de* fi^^ amici i> nelU» i«aal^ agli 4<tte opere #li*- 
tabeote pninAi vtnttk eflfetii dellaufaar iotoinpaniftilft modeOsa , .alte 
^fMle fo cni^linnite m e nfnrmd i nr triaca- icm^fc rde # 

& 2;. tnuii 



Digitized by 



Google 



timi C4ra» e^ tointio mfeMòi» aitimi cMe^iob^ ni fp 
dote propm di tuf ^ come oflTierv^ it dotto P;'hUcc«t# Maria da & 
Domenico delk Scuole Pie ib «m fa»EflÌiHi fa' Gcefcimbeiiii Icf»^ 
filetti io fine Qosidice: * - 
CM9m.AfcMÌ.. . CZr r» Paft^rum dicus » d" whiijtìmt f^pWr 

- Che Te f ecnic iyvetrir fhote a t iMmlf e vIcMirriiigiiSfllY Fab* 
imi invidia , '^ matevoleoza éHe volle ittMmtiò , patti€olac^e«e fUi 
f/at\U^ ctié figUafda la Ice tMititó >' esli dtIBsMrtaAdo ciòy che àh\m 
j^arififffirro , m^^MfHtkto » ^perturUbile Mn ce6^«iai dalle faitd» 
kirraprere f er U reniiuxioiie della Volger Pdefia air«mico Cuo fpiai^ 
dorcy mediante la nuova Adunanza degli Arcadi» bcI efaempSrò egli' 
^a;d^^oftafìzai e fimnezza d^mimo. Dirò^ inolcfc». e diiò il f«DD> eh* 
egli con- altteccame iodi cempenaò le dialdieeiBe di cokiie^ cfic a 
tovto contro di -hii 4 o nigiotoeriMio » o itùSup ^ a- i qaalì ^ e vive«it 
e «ioni fece betUAfaM Elog4» ( ' ' • . . ( 

• <Ma elle dovfò poi dite della ftMflina graticndiiie «• «on ^mk egli 'é 
fdoi benefiitcovr corrifpofe j Balla oflìrtvare le fne opere ,. e fi vedràa» 
no in fronte ad effe i* gloriofi lor nomi ^ da lui- tanco- onoraci ncHi 
foe lettere dedicatone. Bafta entrate neirAttio> e netta fiafiltca.di.& 
Maria in CoTmedia^ di cui fu egli' prima Cinoi»co,.epoi^ArciprDtay 
e fi vedranno per ogtìi parte lapide diferpetua » e gmca-memotta ak 
Mie da lui-i e daifuo Gapitoto-sdla mnnMkcnàadi Prelati » di Qk^ 

- - jfinali^ e di- Sommi* Fenteàci* VeWb gli ornici poi 6 mofltò grato ia 
iMiorarli^ tanto nelle fue opere , ora iotrodncendoU a ra g inii ate acf 

* ' Dialoghi 9 èra celebrandoli con* degne todi s oca ceflcndo loro am» 
PÌAimi* Elpgf .. Qui trakfeio la dolce amenità ;dcil faoiconvcdare ce* 
, gli amici » e la dolce letiata , conicoi egli - coni eflio loro (eleva* gie* 
oondamence traitenerfi v pohriié abbaftanza «e lo diaK>flfiano gli aiD^ 
aiffimi (noti Ditirambi égli- amicf Aefii' indirizaati •* Vero» d però» 
eiie da poiché egli daHo ftaco^iecolaré paleo aU^eccle6|i(lito , e ps^ 
ticolaripeme dopo d'effere (lato promoffo al Sacerdozio >^ la fua eoa» 
wdntooe fede! tutto feria; per la qQalco(ìr<^onverfava egli del c4nti- 
Buo coirefemplariflhno Prdato Moofignor de Vico » ditrcui foceoma 
più voice menzione; quafi ogni fera da hit portandoC«per confi^ife 
con odo cote gravi , e rilevami r appattenenu alla* Gifciplina ecele- 
fiàftioa y air Iftoria Sacra » # airoMamencoidelta ina Chiefaa ^ Cbe fa 
ari volta pcr^ onella ricMafeiòor dVinimo paflarai a coovetCare eoa 
^oalcbe amico (ito geniale 9 ed ateeno ,. i|tarfli per lo più fii il. mcot 
lOvaiO' Ab. .Michel GinTeppe Moréi > colettale foleva cratteserfi neo 
•amo Der fellievo dell* animo fno>. qiMmo per gK ^ari d-Aecadta 9 1 
aal veAta ancora» in meno alla eoaiverfaziooe 9 ttaiportaco daU'eftiD 
Aio poetico % piacevolmente veflfeggiava. all' improv^ifo 9 prodoceodo 
ee Capitoli» or OitinimU» alcuni de^^uali dallo fleflb Morei i 
coftTervapo;^ Matta 4liMamsci<fuoi'paù de^^lialtti^debbo^ 
BÌ9Efi.qoelli ^ die fiioe di< Roma egli.fi guadagnò ;. tra i molti > che 
fòtrti oomìiiare aeceanecùiiatiano Leogafiio da C^^ 



Digitized by 



Google 



Ciotìdanà OefchhSeni 177 

Kfdf y 'ApoQoto Zeno , Gio: Giafcppc Felice Otù^ Eìiftachio Man- 
fredi , Pier Jacopo Marcelli y Lodovica Amonio Muratori » Vincen- 
zio da FiLicaja » Pier Andrea Forzoni AccoUi , Anton Maria » e Sa^ 
vino Salvini , Antonia Magliabecbi , Gre.^orio Caloprefi > Domenica 
iladreadi MilOs'Alrdaodro Maichcttis Francefcadi Lemehe, Carlo 
diaria Maggi , jLofeto Mattei , e enne' altri chiarimmi Letterati Ita- 
liaai dell'età iK>lìra9 a i quali aggiungo alconi Olcnmioat^r , cioè 
Paolo Beroardy Provenzale » Emanuclr Martini Spagiuioio » Federico 
Benedetta Carpzovio, CriftUno Arrigo» Poftello, Godifredo CrtRmno 
Goexio> e qualor^aiòitiàltci eruditi Uomini di li da'Monti venivano 
in Roma» l'andavano a riverire in cafa» e gran piacere avevano di co- 
Sìofcere» e ragionar con quello, la di cui fama , era per tutta Europa 
gii fparfa» 

Oltre agli amici ebbe ancora BobilifliAt Padrotn » rra''()aali i 
Cardinali Bonvifi » Ottobòni > Vallemani , Cafini > ed" altri; Dod 
Gregorio BuotKompagni Duca di Sora » Don Antonio Ottoboni» 
Don TommaTo d'Aquino Principe di CaAìglione , Don Darcolommeo 
Ceva Grimaldi Duca di Telefe , Don Francefco Maria Carrafa Priiì* 
cipe di Belvedere > ed altri Perfonaggi y i quali non folamenre lo de* 
gnarono d'affetto » e di Sima Angolare > ma eziandio Tornarono' di 
belle lodi ne' poetici loro componimejìti » ficcome fece il mentovato 
Duca di Sora in un l linciar 

Marmi y che Var 
Il Principie di Cbima^ grindiriz- ^^^^ j^. 

xò un fuo Sonetto Fr Frincipeffa dilCre/eimK 

di Piombino^, la quai mbeni cosi. nKupsi.zi\ 

cominciò il iuo» #29.JEii;u^ 

Ci^no gemile 

Dopo la quale Mofe ) vengo* M f^z. %u 

no appreib colle medefimo le II- 

lufiri Donne, ki 1 » FauQina degli 

Azzi ne Forti , F crini , ed altre tyiM.TXfmgl 

«oblìi Rimatrici • ^. 1/ tfVJ^ 

No» mancarono a lui dunque, né nobili amicizfe, ne potentifflme *^^J^ V^ 
protezioni» giacche egl^ di tanto merito ,, per la fua erudizione , per tasi 
le fue opere > e per tante^irttìr Canicolari , abbondava . Farmi però, ^** • ^* 
che a lui mancafTc quella* fortuna , che di raro a i chiari ingegni 
Aiole efler compagna» periochè ogn'un creduto avrebbe , che ad alti 
oiu>ri foflc egli Rato follevato; ma conKCclvè egli ebbe ferapre un 
animo fuperiore a tutto ciò , che il Mondo apprezza , non fi moftrò 
giammai defideroTo di quegli onori » de^ quali in Roma , che più d' 
ogn' altra Città li difpenfa , molti, e molti dall'ambizione agitati» 
fono avidifllmi . B^n'egli (apeva , che quaggiù un Uom favio non 
dee collocare le fue fperanzt , poiché tutto fugge , e tutto manca* 
Il che non ofcuramente volle egli fignificare in quella fua nobile 
Iraprefa , nella quale fi rapprefema una Rondine, che paffa il mare, 
col motto tolto dal Petrarca : Di qui nm ffero • Quindi avwdo ri- p^fi».^.^ 
pofta ogni fua fperanza colà , dove l'eterno , ed infinito bene fi pof- cmi^x,.uvtf^ 
ficde , (enza timore di perderlo , rinaefcevagU ogn' indugio • Al die /p U 
Cf$ff.}fi.FUg.P0e]i4.Tm.If\ S j wHc> 



Digitized by 



Google 



17^ Viti Détt'Arc^rete 

volle y crcd'io»^^ pcravvenrora. alludere con queA'alcra foa rpiritofa lor 
^refa,. nella quale vedeG efpreda uà Cavalla barbaro dentro lemoffev 
che brama di ufcire da quelle i» col motta prefo* pur dal Petrarca) ed 
e il rimanente deiruddetco' verfo ^ cioè » Vk/fetiMr m'è- n^jd : Sebbene 
voli.'egli principalmente eoa ciòt alludere aUa yelocicàdel fnoopefìK 
re >. che» per non. avere alena citegno , raimojava.. A lui fetraotaba- 
tiò di conTervare nella, memoria, de' Pofieri it ùio buon nome r come 
ogo'^Uomp^ onorata può ^ e dee- quaggiù, innocentemente pcoccurare^ 
^ fé noa altro >. che quei nobili Rudj , co' quali acquiftò tanta gloria 
afe fleflb» e alL'Arcadki ,. non Co&ra gianunai fcberniti&;Comeappvar 
to egli bramò ). con. dire.. 

MJm, éiglCrtm, Bétfia , che fiino vile cui non fiewe» 

feimb. Uh. x^ Di/ch€mo\ e chi gli udrà de fé mia merte^ 

t^ii^Uix^l^ treihi rifefe èlle freid^ejfd dlmene^ 



Digitized by 



Google 



A T A L O g'o 

DELLE OP E UE 
BIGIO: MARIO CRESCIMBEMI. 

L* Iftorit delia "Votgar Pocfia divifa in fei libri, prima zdnioat^ 
in R;oma per il Oiracas xSsfS. in ^m 
V Iftoria tnedcfima^ edizioDe feconda correcra> tiformata^ t 
aa^plìara^ Koma per .Amooio de Koffi 171^^ in 4. 

I Comeocarj intorno alla ilViddecca Ifioria» tp^tici io cinque Yoli^ 
jni in 4* 

Volume T. contenente T ampliazìone ^zìl Tupplimenco » -e varie cof- 
rezioni det mimo libro della .mede6ma. Roma de Roflfi 1702. 

Volume IL Parte prkna.'comenente l'mpliazione del fecondo Libro 
della tnedefima mediante le vite^ i giudiz)^ e i faggi .dcf Poeti Pro- 
venzali. Ivi 1710. 

Volume IL Parte feconda» -contenente Parofrtiaziooe^xiel fecondo 
Libro Ai detta iftoria col ^ludisij^ delle opere ide'l^iToicsni, Ivi 
1710* 

Vcdnme UL contenente !r.tinplia«ane 'éA tetn Librodi detta Ifto- 
Tia»lvti7ii* 

Volmic iV^ fCoiìtcndìte1\ni^ìaiion€ 4e1 <qaartoLibroili <dettaIfto- 
ria. Ivi 1711. 

Votame V^ contenente dieeife cartttioiii ^ e l^antpliazione > e ^» 
Libro ^i ^etta Ifloria. Ivi 171 1. 

he Vite derpiù celcbci Poeti iProvensflU tradotte nlal JFrancefe^ or- 
nate di copÌQ^ annotsBont^ ««cerefoiiitt di mokifllmi Poeti , fccon» 
^a <dizioiir»''!RtNifi de Rodi 272a« in 4. 

II TxattMÓ-della .BeilezKa della Yolgar Poefia^ f rima edizione • Ro- 
tta i>er jQia:!Franeclco Jtoigtti 1700. in 41 

Il Tr^to med^fimo» «dizione feconda dvedutai corretta^ ed ac« 
crefciota. Roma de Rofli 1712. in 4. 

L*Iftoria d'Arcadia» prima edizione^ Roma de Roflli 1709. in 4. 

V Iftoria :medclima^iiecoiida cdizionecolla gianta; Roma «de Rodi 
1711* in 4^ - ' 

L' Iftoria della Bafilìca di S.HariainCofmedln col riftretto di mot- 
te altre Chieft^ Romane con molte figure in xame^ Roma de Rof- 
fi I7I5* in 4* 

Il fecondo Tomo <£ dertalftoria ìmitolato Stato <lt S. M^ia in Cof- 
medin col Catalogo cronologico de' Senatori di Roma ^ colle notizie 
(le*pjai|i aoticbi della medefima'» «delFAcqua tioriana , dei Monte Te- 
(taccio, e della Ragunairza degli Arcadi* con molte figure in rame» 
^ in IqgQOV. IW»na 4e Rofli 1719* » 4« 

L* iftoria della Cbieb di &Gio: a Porta Latina ir parimeote con la 

.['Ij S 4 notì- 



Digitized by 



Google 



pocizia d'ctm CAìefe» e conimolte f^ure iof^tet e c^ VAf^ttti!^ 
te alla modt^na. Xqma de^di 17I6;. in 4. jr 4^ ^ s.^^' 

L'Iftorià cTclta Bafilica di S. Anaftafia» parimente con la notizia d' 
altre Chiefe, e con fifur^n rame. Roiqa dt Ro<n 1722. in 4. 

Stato delia^ Sa^rofanita Ghiera Pa[me LatetsDcìffe còti figure in ra- 
gne. Roma a S. Michele a ^pa 1724. in.f* ^ , / / v 1 ■ 

Omelie • ed Orazioni dLfìapa Clcmenco Xt. ^vòlgafizzate« ' Fireose 
X704. in 4. Le medefime accrefciute • In Venezia per Andrea Poleri 
1714. in 8. 1 

Vita di Monfignore Gio: Maria Lanctfi» Medico di Papa Cleroeo* 
te XL Rpma de Rofli 1721. in 4. V 

Vita di MonGgnore Gabkcielio Filippoceì^ Roma 1724. de RÉfi 
in 4. Wi 

Atei della G^ronaziooe delCavalior Per£etti» fatta iaCampidog^lio. 
Roma de Roflì 1725. in 4. 

Memorie Iftoriche di S. Maria delle Grazie in S« Salvatore itìl» 
10. Roma de Roflì 171^. in.S. . . '^ ^-^ 

L'Elvio Favola <PaA9ratc^ Ronuupcr G.Batifta^Mdo 1^95* «n S. 
, R4^dclCrercimbeoi« prima /oét3BÌoii&. Roma, per Gio;' fiatifla Mo- 
lo 1^5. in 12. r . 

Le ftefle> feconda edizione. Roma de Rofli 1704. in fi^ 

Le medefime» terza edizione dtvifa in io. libri^ ivi 172^. in t. 

GU .Apologià di Bernardino fiAldt nadoui hi V^ecfi* Roma de Ro(- 
fi 17Ò2. in 12. 

EpiOolaidcl Dotcnce Qio.'&ti)Sbe(i Medica Acc' tradoctk in Tofca- 
00. Roma 1704. in 12. • : ; i 

Leti^raipfH^.U J^^itpra^ ilei jSagtioie IX-Aoaibate AlWanl. Róma 
fet il Koffi 1703. iti 12. 

Brtv; Notizia dellQ StatQitstko» e moderno deirAdénttRa degl' 
'Arcadi. Roma'de Rofli 1712. in 12. 

Compendio ddlt Vitia della Beatiilima Vergine «d ufo detta Nave- 
ju per la fe04. <tftlU ^aUvòi della Acanti ;Bearii&m8 Vergile ^ RMoà 
de Kofli 1724. in i& . . .^ 

. , , , _ . . * *ìi - r .' 

JVrf fuiietH Cdtéloté f&no jidtt tTéil^fctm$ hOftri^f^jpkntt , *sW/# pé 
Jifd memJpne U fi^go Cnfcimbeni slUfine dèi /m TrMttdié Me 
SclUxjLM ÀilU rolgétr Poefid riftdmtàtù mi 17 1^ ' 

Raccomodi tutta l' operazióne {>er. I^elevaxtoM^ -# Abbaflf&meitto 
della Colonna TUitonina. In Roma nella Stamperia dell* À. C'A. 
1705.. io 4# .. ,..-';.'.'.' '.»'.'... I •' . * i 

Corona ftintemata in lede di R S» Bapa Cleintnee XI, trT Roma 
per Luca Antonio Cracas 1701. in 4. . ^ ■ 

Viaggio di Moni, di ToutoonaPondifced. in Bxmtajior Gaetana 
Zenobj 170J. in 12. . . 

j\ccademia d'Armi» ve di Let^ece Scc. In JLoma per il lloflj 170}. 

Notizie Iftoriche di diverfi Gapit^m lUoftià ^c ta'RoiU ijiitil 

Rofll,I704. in Ui^ , .,, .'1...: i « .c:u' .-1 :- :v. -> ^ '' ' ' "" 

: 0P& 



Digitized by 



Google 



P ERE EDITE 

I Giuochi Olimpici in lode di PapaCIcmcme XL R«ma per G«|à« 
fcppe 'MoBtIdi l7oT^ in fif. '^* 

I Oitiocbì Oli(fipic4 in lode tic g(i Accadi defuBti « Roraaiite 
Rodi 1705, in -H 
I CiuoélM OMmpicj parimente in 4ode ilegli Arcadi defumi « Roma 
de Rodi 17 IO. in 4» * 

I GiubcM Olimpici ki4ode di Papalanocenio XIIL RMia<lelt.or« 
fi 1721. in 4.« ' ^ 

I Giuochi Olimpici in lodiT di Giovanni V« Aè di Pdrtogalto. Ro- 
ma^de Rolli i7fté. lA 4* < }«' • 

Le Vite degr Arcadi Illnflri co i loro Ritratti in Rame , divilcL io 
quattro Parti , in 4. ^ 
Parte L Roma de Rodi 1708. 
Parte lU Ivi 17 io. 
Parte IIL Ivi I7i4* 
Pane IV. Ivi 1727. 
Le Rime degl' Arcadi^ cKvife in nove Tomi in & 
Tomo L Roma de Rodi lyiéu 
Tomo IL Ivi 171^ 
Tomo IIL Ivi 1716. 
Tomo lY. Ivi 1717^ 
Tomo V. Ivi 17 17. 
Tomo VL Ivi 1717. 
Tomo VIL Ivi 1717* 
Tomo Vili. Ivi 1720. 
Tomo IX. Ivi 1722. 
Le Profe degli Arcadi , diftinte in tre Tomi io & 
Toma L Roma de Roffi 1718. 
Tomo IL Ivi I7r8. 

Tomo IIL col Calalogo degli Arcadi, « colla ferie déHe Coionie 14 
e Rapprefcntanze Arcadiche^ Ivi 1718. 
Arcadom Carmina Pars prior^ Romae de Rubeis 172 1. in 8. 
Notizie dcgH Arcadi morti, dìRribuite in tre Tomi in 8. 
Tomo L Roma de Roffi 1720. 
Tomo IL Ivi 1720. 
Tomo IIL Ivi 1721. 
Corona rinicrzata in lode d'Innocenzo XIIL Roma de Roffi 1721. 

in 8. 
Componimenti Poetici nel gettata la prima pietra ne' fondamenti 
». 1 del 



Digitized by 



Google 



Ì8^ 

del traovo Teatrod'Ateaitta., ia$e|De co9jiàaC0lbaafi»tie»1^ 
V ' cetwta «Ajlo(lt.<liPap« BENEDETTO XUL Rom-de^- 
fi 1725. in 8. 

ÓiP ERE INEDITE 

Istoria dellt Qii^a dì Treverì« 
Iftoria della Cbiefa di S. Niccolò io Cuctn di Ronit* 
Vita dì & Nìceolèdi Toìtmmo^ divida in c}iiacci:^ libri; «djd- 
mode^ quali ii eoncieiie la Vica^ e iimcacolifioo aliamone^ ai 
^kuL Catioiiizazttfie« Nel iecoodo i OMcacoii dopo tamorce fino aipM- 
lenccs Nel terzo Tlftoria^ « i miracoli del Pane benedetto di detto 
Santo* Melavano V Iftoria delle di lui Saiw Braccia »^ td altre coft. 
Vita di Bemardiiio JBàldi d'Urbino Ab. di ijoaftalla. 
Vitr degl'Iltuftri Uctcraii d'Urbino* 
Un Volume di lettere ccitidie) enidite« e 4ì(codifc eoo alni 0: 
fufcoli^ 



IM1 



Digitized by 



Google 



g . % ^ ■ - 



Dette Gcilonie» e delle Rappre&otanzp 
A R ,q 4 P I C H E 

Di/pofte fev or£ne Cronologica . 

DUe anni dopa la; Fondazionr d'Arcadia; ìa Roma,» cioè Tan^ 
no 1691. ù, die prlocipio' alla propagazione di qiieAa Lctrc-- 
raria Paftorale Kepubbiica per mezxa dette Colooity dedotte 
ia altre Cicca >, entro> e faorid'Icalh. E dall^'ora io'poi fi- 
sa affanno i^iS. (i contana le foodazion»^ quaranta Cobnie» e di 
qaatcfo Rapprefemài^e Arcadiclie » da lioi fol tanta accennate per eiH 
tra la Vita del CrcTcimbeni» Rimane adunqiie^ che qui appmiama 
lebtfegner o Imprefe di ciafcaoadt effe co i moiii eznndioy de'qn^ 
li^fe non tutte» almcna'la maggior parte delle medefime»; rpiritofa-^ 
meote (bna abbellite , e QOafi che animate -ForoD già elle altra volta 
tfprcffe net fine del.TeCBa Toma delle Profe de gf» Arcadi per opera 
(fello fttffoCrdTcimbeoi;: ma noni erana pec. anca giunte alfuddciita 
oaoiero. E perciò qui alcune fé ne aggiungjràò». noó bar per Pad* 
dinto (colpite» nd imprrfse.' A tutte però preceda la Paftorale Infe-* 
IPa d^Arcadia», di cui foa quelle ornate» coo^. appreffo*. 

INSEGNA DELLA RAGUNANZA DE GLI ARCADI 



t% Siidivi di (toe enne dreon^ 



tlfSK 



Digitized by VjOOQ IC 






I. 



II. . 



. f. e 



COLONIA FORZATA, COLONIA ELVU, 
ir' Ftnjtti «'a. di Gitfm 1691* 





tTA. EtlKrópip voltato ,f^ .'Sole ^^ ' Vó'Agbélilno» che prende ^ latte 

;o: O""' 



'.,\<^na tnàdre., col motto: CIBO 

ALTRO non; vuoa.. 



COLONIA CAikAtDÒLtsEV ' ÒÒtÒkfÀ' ' 'Xk I MOSH , 

W<mdàU HtU* Kjtlig'ioat de^MitUr • •' . ^ ^^^ i4»4 t» r*ntxj* ik*x9^Ì 
ef CMtaldoUfi m' ij. ^''., ^ , ^itf£ri7» 1698. 





Dae Cblombe fopca uà Pisa: 



/ •; 



t7B*Albero cireondaco da!l'E<t«ra; 
col tnotto: TENUES GRAN: 
DIA.. 

V.COt 



Digitized by 



Google 












Ub Vngofto- flppté d'iia^Alberoi 
cor mono r MATRIS SE ^U- 

VII, 
CQLONUl FISIOC&ltlCAv 



Usa CoioM di Unio';^ 

' . . • • • . ' * 

TIIL 
COLONIA alfea; 



ImJlàt4i in SìMd HiWAeeéUmi0 FmufM» ìnPift s'indi Mm»^ 
UTifitctititi 4^ì9t ^ '' • »?'»' ' 

'C'etatdk Y700» 




Vo p«tZ04)Ì f tetra di Faragcpe fe^ 

L prawi defcoi col mòtto: VE» 

faSf QpOD KJSSIT VINCE- 

uefaIsa^ 



Un ccao ^ Koft foccbiofr; 



IX.CQt 



Digitized by 



Google 



0^ 



COLONIA ìxerxjRscMi coaionmQKOSToiiàt 











V)ia St6tra> col mono.*^ MICAir Dor Sptdé^ iheroeÌMfaiàtc » Cd! 
INTER OMNES.. hioiio ; NON PORTANO €JAr 

GUEREU. N^ NOSTRI! CAR^ 



XIL 
COLO N lA S EBrEZ I A„ 

tt'jtttfit'lJO'i.. 



COLONIA MARJAl^A^ 

Erenàétutmtllà Reli^Mne dt^Cknti 
Rtl»tkri dell* Sciule Pii«l^%* 
di. BTmmbrt. 1703.. 



umaiit^ tini.rppe; eoi motto ^ HINC 



XIIUQCK 



Digitized by 



Google 



coDowiAi wininDiDiKjq coldcniì} *s Aranci ^ 



VmlhsioUtfflimojUrJuhhi Uaa Hovoc*^ 



.1 f. 



XV. 3CVI. 

<X>LONIA CAL1ESE, COLONIA : 3IILAN£S£, 

riiUéh$Ì0CJiiU4fA,MMitgU JFmUulttMlàié4CuÌi. 
' . 2704* JHéiui» 4704* 



V»» iiMiiiw m vui.v «I 



Kt/vtOT wu» s^y 



XVII. co- 



Digitized by 



GoQgle 



iti 

fmUtà in Vii»* -.•*4. * Sm^òiMunm -f «»..« 

£i«/i> 1704. f «**»</• »»o^ 



Uo Tronco ;f«*lìató ai ficondi. Un Ciimeeo col «otto: WB- 
col motto : TRUNCO NON FONDERE PARATI. 
F&ONDIBUS^ 



COLONIA T&ftaWESE» GOtONIA AUGUSTA, 
tMidéù» itt VeroH* 4' x8. JU EtniéU* in Perugie 4* M* ^' 

OZ/AATf X707' 



£* Afffitenro efiatwc ia ^vetla JUn l.«i«o , ^oljmtó : Aucv- 

' . v •- ,r. 'CSttl^^ ; ■ .:,'•. ' ; CTO;,AU§W*>'-':- . '- ■ 



XXI. CO 



Digitized by 



Google 



», 7. » OfiBrxM 1709, ^ -FMHZJt étl I. )tU 



il '05 



.iC':2:ilfPSiUo'<i*«o^ 



i' 4 4 >, ^ ^4 



IL. \' y. /' 

1»# J7I4. 



* Febhdjù 171J, 



<»sfr..-sw«!r. pif^ai, r««. FI 



Digitized by 



Google 



COITOMI A j^j^^IIv^iHé, ♦C^feWlAlCBlìmilAIIA, 

. . Jfn4^*i» Tivrii < j. «li . wF«*lM i»|««^ ^\iuM. 



XXVIL 



fUiio ftaolo dì :CigDi iln naa -oX* 
m>caÌjnptto: ET.11ESP0N- 
DERE PAELATU 

:xxviii. 



(COL ON I Àiif FORMATA, (COLONIA INNOMINATA, 

é«nÌM4.ìtÀtj1ccMÌeitl^^àf'. :FmiiÙtÀmttAct»itmU*&h- 



i^fl* pianta di Rift£»«>tra Ha -quale ] 
' flrìfciaodo Dna Serpe « vi.lafcja 
; la veocbia ^oglitu' • 'J^ 



xxnLCOi 



Digitized by 



Google 



COtONlA rutCiUt/i-y COtOHlA POLIZIAVA 

VmÌM»U Petite ìf'iéiàè^ VmUfMÌH Mmeiultiétt» éi 

.Sȏmirtt7\7'- 7^ it\itgnU 1718^ 



r 



larLuttjcrefcente', cotmotior WOianàil viti , col' motto t ¥0^ 

UNUM- ' ^'■■ 



XXXI. xx3ur. 

COtaNIA ATERNmA.. COLONIA CLUENTINii^ 



Aliati^ Aremorio ]ffg|Ulrim^iur; UViime<Sutmàk{ivtSffttuvm^ 
àut tùMd^feli^Sìriog^ Aicadiea, tàr co» om Siriojsa ia «ano» 
«or motto: V£L MURMURE cor mono t ìEQUUM F0£> 
CONGORS. mjs. ^^ 

- T t XXXIILCOr 



Digitized by 



Google 



COLONIA TErG:EA,' j CQi-OVIA' <C:|IEMQNBS€V 







COLONIA PRETE A^. 



«* 



> i , 



., ,,.«R':f?f."fAWf, 



; 



\d4t* in Pdtterm» 4\iz^ Fondsu.in ^IheHUL nelP jicait' 

-l'-i- .«■•,,•1 ii7ij. .','1 Clvi 'O 




U0'S«rpeftreglìaito>al!diaao cftllil Attrane'J piwtO -d^riGiakiiKii ioli 
. ' Skmu y còl momx -£XCUS- • oiòctot. L^Tl-REOEUNT;. 
SUSDULCEBIN&^XJRGITv • .' : ' !i ' 

■ ; r- -i 

XXXVILCO- 



Digitized by 



Google 



*t3 

COIONIA VELINA, COLONIA EST^N^E^ 



'ttHÌ4t4 in JiiHi I72> 



Ftnddta in Correggasi u 
m Dic0mèrt 172^, 





La eadara dd Piaine Yeltno ', col 
jnotto: CADENDO RESUR- 

XXXIX. 



L'Aquila 'bianctt gentilizia £ 
Cafa d'Efte. 



XL. 



COLONIA (^(ANIA, COXONfA GA8EL1A, 



Fondata in Tahriauo 4* 6. «T 

Jg»fl9 I7»J.. - ' 



Foaddté in Cor fi éf 27. 
4> Dieomlmt ijtt» 




Uo Serpente , cl>e topprefeota Un' Organo col motto : XJJJOr 
quello trafitto da Apollo. dopoU J^IAM CONV£NIMU.f« 
DUavio. ' ^ .- 



CVrf/f. ^. r*/f. Pwy?4 . Tom. If^. 



T 3 IN'. 



Digitized by 



Google 



«54 

HJSIJSMGNB DELLE. AAtJtlBiESEnT.A^Zl» 

I. II. 

RAPPRESENTANZA A AP PRESEN T A NIA 
STRAVAGANTE, RAVVIVATA, 



^màéUi ftA CMtgUCltmtn- 

tino jU RmA *' 24. di 

jltrilt i<pj. 



.TmdatA nel Stminm» Rm^ 
4' 9. diMéggi» I7i*j/ 





Un'Arco cemyoAodi-dae rami di JJa Giardino , -o 'Poniero* <ol 
«..„-- ... r.r .^.r^to ^oKo : POMIS SUA NOMI- 



Palma, col motto.- PLACIDIS 
4C0EANT IMMITIA^ 



NA SERVAT. 



ni. . ^ IV. % 

Jl A PF R ES E M T A NZ A H A P P R E S E N T A N ZA 
N A ZZA RENA » A N G U S T I A T A. 



Fmdaumi C^UH* JNMXàrtn» ii 
Roma 4 ili II. di Novemirt 
1717. . 



.TondmM net CoHegio di 

Nobili di Savona ti 

If» .£ AjB'f^o vjxi. 





Dtie Spade Jncrocicctiiaté con fo- Un fafcettodi Razzi, col motto: 
pra una.Stclla fotto la Siringa RESTRICTIO VIRÈS. 
Arcad ica ,col motto .■ TIBI MI- 
LITAT. 

IN- 



Digitized by 



Google 



INDICE 



«5 



Dc'Nòmioatr nell^ Operar e {Falcane 
cofe più: notabiUr 



ACcsuleQua; éM LH^po^ 
238- 3^4«* 
Albani C«rd^' Giow Fran- 
ccfco* ( AlDana^ MeUeo }/ 
vedi Cleemtt XI^ 
Albani Gacd. Aonibaie ( Pòttatccy 
TAigcridc ) 239* 7Ì^U272.^ 

Aìhskùi Ckd^ AlefltandrO' ( Crifalgo' 
Acidmceo) 269^272./ 

Albani Q;ficrnardÌQa«r 251./ 

Alcflaodro VIIL 24^^ 

Alfoa: Coloniai Arcad./ ìhj Pidi«' 

Atfiriibeo' Cario ,. ilome Paftora-^ 
le di Gio.. Mario Crercimbcni • 

d'AUosta . Card»' Tbmmarp' Fiiippo' 
{.Cacìftìo Aftcriooia) 277.^ 

Amraca Niccoli' (. Ptfandro Aa- 
lioiaoo)' 269^ 

Amiconi P*. Floriano* Maria ( Al- 
pago* liiilaolizio ) 2J2. 225*' 

d* Andrea Vtvaccfcx^ ( LariTca ]a- 
feo ) ^5c«/ 

de Angelis Domenico» ^ Arato 
Aialcomento) : 253. 

Aogofiìaca Rapprefentanaar Aread«r 

nel^ CoUegia de' Nobili diSavo- 

'•# ' 267.' 

AouBtìtM 'Juokmì^ Acead*. in Ve- 
nezia^ ar^i*. 

jftfMnofr Aecadcnici 4i^ Veoezni*' 

Anonimo., . 229*' 2^9^ 

AfatìAi Accadamicii di Firenze ^ 



. bMelMdItradMrtiaiverfi: 

éàì Crefckttbeni. at^. 

mk^iim R Carl<^ f Alcole Si^ 



• tto). 215. 222; 24^ 

d'Aduno IX Tommafo (Meli»* 

io Leiimonio^) 277*/ 

Arcadia: iftinittiiiv Rom» ^ 219^ 
Atì& FranceCco' ( Eufeme Bacio) 

241*. . . 

Aif rninar Cokoaiar Ai cad«o nell^ 

^aila»^ 245«' 

Jif'mcima P^ Niccolò' ^ %jù^ 

JbNKitino' Moote • 257* 2660^ 

Avecaoi Benedetto» (Coriloorl^t» 

fio > N 2t 3«. 

Aagtifta Colonia^ Arcade in Pie» 

n^a . 250*' 

d'Avicabile Ma)oM Biaga>' ( Age- 

ro Nònacride) 250*^ 

Amore della Galleria^ di Minacva ^ 

Vedi Apoftolo Zeno.* ttfo^ 

Azzine^Fòrti'Fauftina ( SetTiE^ia: 

Euriooma) 277*. 

Azzolini Pompeo' ( Decito TMbate}^ 

224-' 



B' 



BAidefcM Aleffandtfo;. %ttlL. 
fia'di Bernardino. a4T«t45. 
Barbartgo Card.M. Antonio «^ 2 17»' 
Barbi Famiglia Moceracefe •- 2 14«. 
Bargiacchi Niccolò ^ 254. 

BaroflUdiGicoìaia» (ClbontoNe^ 
. otnio); Z42W25K 

BflAé»Amoi]io^( Iperide fiacchi»^ 

C9} ' ^2i 

Battelli Moaf.CfòwCcifMbroCArH' 

foAeneFarofio)' 250^ 

di Baviera ^noraMre Beatfiee^Graia 

Priocipeiar di XofaMatEkmni. 

Telea) 27o-.x75* 

BiqHte* j . / affj- 

BdlezatftdeiraVotgarPoefia». Trarr 
T 4 tato 



Digitized by 



Google 



*5< 

tato del Qrcfcui^bwi « M9* 

2^4. 258. 
Bellini Lorenzo ( Ofelte Nedeo) 

250. 
BENEEftTTp :X1H. >tf9.'«P* 

Bentivoglio Card. Cornelio ( En-^ 
cello Epiano ) 239* 24^* 

Scnyenuti ,P< <Ab. Cefare • 264. 

^QAtogliemi Uberca ( Geiani^ 
Sccheoeo) ^i* 

Sernardy* Paolo- .(Lamiado Grjact* 
diol 276. 

Bianchini Monf. Francefco ( Sel- 

\ veggio Afrodifio ) 22af. 24éu. 

. 262* 

Oifolotti CcTare ( CUdocBo TnA 
vio) 2«& 

Blaflp AgntUo Aleflio > ( Opilio So- 
fiano) 242. 

Boccolint, Gioé BatiAa^ ( Ecolo Siir 
Ictneo ) 2A9. 

Bortoni Monf. G|ovàn»i (Lau- 
rino Polio ) 242. 

BretteviHt* 266». 

Bttonarroci.Eilippo (Lieo Man- 
linec^ 222k 233*. 

B^ncompagni Gioftiniaai D. Ma- 
cia CotlansAfe 2634. 

Baoncompagni D. Gregorio [Vi* 
talbo Cinofurio] 277. 

Buonvifi Card. Francefco [Pro- 
nefio Cauncino ] 277. 

itargos MpiiC.- AtcimdfD [ Eoio^ 

QfXatizio}. 22^i 



|r>Àliefc OIodìa Arcad.. io Ca^ 

Caioprefi . Giretto ( AlcimedM'^^ 

. f^Crefio] %if6. 

GadiaUiorefeiCotonia Arcad 2 25Ì. 
Campello FranceCcd Maria [Lo« 

.giJto'NfincfD] 228^ 

Oiaevari Amontp [£lb«fco «......] 

.a7i.. :- i 

CapQeti P. Ab. Piecro [ CarjtecFI 

► NcCo ■'}y . 415* «^tà A^75-^*. 
e:..- 



d;^:Gapcia leopardo f Alcefib Q^ 

. letico] ^ ' a 27éi; 

Caraccio Anconio pLacone Cro- 

. inizio} - t^zjf^S^ 

Cadi Paolo f raMafeo" [Cotidtec 

Marachìol. 218. 

Carpzovio^ Feàerico Benedttco . 

276. 
Carrafa D. Carla^ [ Armindo Toc* 

tunio] 2S4. ! 

Gocviiffli). Francefco Maria |(li- 

candro Tueboate] \^i^. 

Carrafa tinelli Anna fiÉurio» 

[AraaranM Eleufina] ni. 

Cafaoata Card. Gicotamo . 1 14. 
Cafctna Giafeppe- ;[ Laento Sco^ 

ranco] ' tii, 

Cafini Card. Francefco Maria<Arc^ 

rimo Sireo ) 260. «77. 

Cafocct Gio. Dacìfta [DaUflo Ntr- 
ceàte] 258. 

CattfBacr Acoademicrdi Macera- 

ca. • %n^ 

Gavazzi Alfoofo [Oìmo Perfaioif 

Gavoni Francefco [ EraRo htéo- 

boarico}^ 257. 263^ 

Cenni Jacopo Ilaria- [AmocoNio- 

fadio}? 218I 

Ceoomana Colonia Arcadc^in Bte* 

(cia»« aé^v 

Ceva Grimaldi r &• Bartolon- 

meo [ClnrifeoEgicto] 277. 
Cicognari Niccolò (^Dortlio £g^ 

mooio) 227; 

Cintili Giovanni • 21& 

CitoGioftpiKi'CP^fiio 'Beccatelo) 

269.. - 

Cntadinanta » e nobiicà Roma- 
ita idolwsi/ ai GkeitinlMBfr ^ 
. 264. 
Clemfimie XL 29;6*.2:g7..'239. 243ÌÌ 

244. 21^3. 248. 249. 2 50. 260. 2é2. 

263«^2$4. 265. 2éÓ. 
Qvemina GolontftiAocad. «oCa^ 

merino. -^1^ 

CowliiPmto ( B^fdtf^,Mtti^> 

Cplle^/dir S^/jaish 'i».ai& 
medio ^ 



Digitized by 



Google 



tnedin.. ^uiSz^ 

G>llooit2 Càrd.'Sigtfmondo Leo- 
poldo [Eroteo Nafitìo] 235. 
Orfdo4a«Atitbmna.* 1^4^:2^ 
Colonie Arcadiche « e loro Itime^ 
fé. 284. «'(egu. 

Coloretu Amonio ( CorfiUo Al* 

Coiceotarf tM . Creftinbcm falf 
^ la Tua Iftoria tkUa VQ)g« Poe- 

fi« ^ 2)9^24o« 25U 241. 2c53a 

254^ 
CoiBpagnoiii AicffaDilia (Tonno 

iUaltofocnto ) 216. 

Compagnoni Giufeppe Antonio ^ 

2rl4r .' ' * rr. ^ . 

Compagnoni Pompeo. sfo. 

Compendio cMla Vie» di MARIA 
Vergine fcricca dal CreTcimbe- 
01 ^ ^6ft 

Concordi Accademici di -Raven- 
na.- 223;^ 

Comi Card. Vfichel' Angelo ( Aie- 
f »lgo Acgirto • Vedi Innooemo 

Conmcci V^ ConY«eiio ( Ltfena 

Bolejo] 2i«9- 

ConverfaMOlM det^ Cff (icimbeni ^ 

Cocrodiil Ctfd. Pier Marcellino 

. iS6. . 

Corfini Card;* torenzg C Lirioio 

A^fireo) f 25S. 

Clorfini MonT. Oi cai^iafto^ [ Dorifto 

Cratidìo) * %i^ 

Ceftanti Acciulemìcir di Céfenaa . 

27av 
dr Coftanzo Angelo. ')2S« 

Coftdmi del CttfioimUùr. 275^^ 
Caria P. Ciò. BatiRa [fiOtìoCaun- 

Oemoncfe Colonia Arcad.io-Ore- 

Crtfcimbeni Anton FraiKefoo • 

« 244^915^ ^6s 29ìlv 

Oéfcimbeni Ereole. %ii. 

Ctffcimbeni Gio.- Filippo ; xi^. 
« m6. XI7.. 



CrefcimbenrGio.lMarra( Alfefibea 

Cario ) 214.. e fegu*^ 

Amose > t Cufìòde Gener^^ 

d^Arcadia. * 219^ 

; Canonico V e|K>i Arciprete del* 

Ja Cotiegiatadi S«^ Maria in CoS» 

. medin. 148. e 2^4* 

. fuc-Opcre: - 279. e fcgu^ 

CoHpi MonC Girolamo' (dEocrifa 

* Unoadde^ '2'67«^ 

Grotolia Ccdonbc Arcade in Reg>- 

gio di Lombardia. . 242.. 

Crufca Accademia: di Ftsenee ^ 

2^5. 

Curiofr deHa Natara , ' Acaadomtci 
d^Augufta. ». 23 7* 

Cybo Card. CaroHlo- [ Rovi)d<» 
JLeuciaoitide } z39..2;o» 

DEfcrìziotie IfloricadeHa Chìc«^ 
fa Laceraoenfe 9^ £ttta<tal 064^ 
fcimbeniv '268. 

Dtni FraoceTco ' 259^. 

Difpofii Accaciemicr di Jefi.^ 2:25^. 



ELogi di XL. niuari Gumierii 
Con¥ittpri del Setàioorio Ro^ 
mano^defcnctidel G^cimbe-^ 
ni. 244» 

ElVia^ Ceiosia Arcadi isrMacera'T 
ta. 223.. 

Elvio Favola Pafioralédcl Ctefcim^ 
beni^' 2r26w2:3o«. 

Emonia Colonia Artad.*ia Lubia- 
na.. 251;. 

Epiflola deV Dotr.^ Gio. Bocgte^ 
tradotta dal Crcfcimbeni 24^;! 

Et^iditidi Lipfia 230*235.2 52.263* 

Eiquìlino Monte 22i..a22«^249- 

Eflenfe Colonia Arcad. in Cqrregr 

J«i0.t ... . -• ;■ 269Ì 

Eugenio Principe di Savoja^EraU 

fiO'EiimoneDJt 228.263^ 



ti- 



Digitized by 



Google 



»»s 



FAbbcccn.MotinJlafftello (Jafi* 
teo NàiilioI 250.' 

l*abbrÌ2Ìo Giovtom** 269- 

FtUctti. D.,Giacimo ( Lariflb Nc- 

. «efianoì 254:' 

Faroefe AMOnio Ptioci^e >. oggi 

t Ooot di PàroMi ( Cacifia Ala»* 
' tino) * 216. 25i. 

FarneCe FraocèfcoDacadiParma* 
226.232.. . 

Facnefe RaDuzzo IL Duca di Par- 
ma.. 236. 

Ear(aglia> di Locano tradorca dal 
Crede imbeni.. 215* 

dtFeUci Antoa Frafnccfeo ( Seml^ 
ro Acidonic. • ^57* 

Felini Francefco ( Erbeoio Para- 
genite) 224. 

Fetrarefe Colonia Arcad. in Ferra* 
ra*. 232«.z4&. 

Figari Ponopeor ( Mostaao^ Eaioo» 
aia}* •2r9.228«. 

Filicaia Vincenzio ( PoMko Emo- 
nio ), . ^i?» ^^7* 250..271..276.. 

FilippucciAionr.Gabbriello* 270. . 

FiloponiAfcademicì di Faenza.26 1. 

Fiorentina Accademia di Firenze*. 
235.. . 

morcfuiaaCiKnpagnaArcad. tyf.. 

Fifiocrìnca Coloniau Arcaci, in Sie- 
na.. 235. 

Fifioccicicl^ Accademici' di Siena.. 

. 230.. ^ 

Fondatori d'Arcadia. 219.. 

Foiua|iim Monf.. Giudo £^Milefio 
Mcàeladio } ^39^ 260.. 

Focce^uerri MonL^ (liccolò E Ni- 

: dalmoTUao] 2 39«i66. 269* 

Fi>izata.€o(onja in Arezzo». 223. 

lorzoni Accotzi Pier Andrea £ Ar-^ 
^io Jlbeatico] 233. 276J 

Frontoni Famiglia Maceraidt .. 

•214* 

Entginia Coionia Arcad^ in Foli* 
gno*. 264»^ 

df Ful^o .Niccolò Mavitf C^^^^^- 
no Melpeo] 258. 



GAbelia CòU>nia>Afcad.ifiCa^^ 
pi. 27T. 

Gabbrìelli Pirro Maria [ Eufifio 
Clitoreol 233.235. 

GaUuzzi P.Eranccrco Maria .273. 

Gafpaorr Francefco Maria £ Eurin- 

• . do Oiìmpiac<^> 237. 

Gar^i Aotonio' ( Rpfaiirp.... ) 245. 

Gelati'Atcadenùcidi Bologna. 237. 

Gerardi Leonardo. 217. 

Gbezzi<ìiureppe [ Afideno Badto] 

. 249.' 

GìMìa Colonia: Arcad. in Fabria- 
no. 271. 

Gianicolo> monte ^ 219. 220. 223«. 
252».27r.. 

Giardina Gaetano [/OrmiroPro- 
macormio]* 264. 

Gtj^i Girolamo (, Amacaoto Scia- 
ditJco)> ' 233.247. 

Gtmma Giacink) [ Liredo Mefto- 

Gioftafi C AMTandra t CtoMute 

Arabifco]^ 2J71 

Ginnafi GacdvDomettleo*. 257.. 
Gioannangeli Francefco. 215. 
Gìocnaliai de' LetrerdkilcalicflS. 

249^2 5I..252..254. 258*2;9.2éK 

2to.'263.'. '■'*-»• 
Giornalifti d'Olanda.. ^'30.. 

Gioroalidi di Trevòiix.' ^4^. 247.. 
Giovanni V. Re di Porrogaito [ A- 
. rete Melico] 267.271. 272^ 
Giovardi Vittoria [ 2^tindo. £tat* 

ta]: .<' - 272^ 

Giudice Cardai. Niccoli! [ Emictno 

Krgenfè} > ' 243*. 

Giotia Colonia Arcad.. in Uttine*. 
• 242.V -^ 

Giuliano di S. Agata [OtiioioCo* 
^ «imi»>' * 25«. %€i^ 

GinocLi Olinspici.. 228..236« 24^*. 
■ 266..272.. .>':•* 
QlQftiniani^ Vincenzio [EmìoMiifr 

Giittjcf} - 4 . . ; Ili. ^^ 
Gobbi Agoftino*. -xsi^ 

Goezia 



Digitized by 



Google 



tfoezio Godifredo Crifiiano. 277. 
«Gozzadini Cardv Uliffc Giurépgc 

(Altaco.EItcio;) ;239t 

Grandi f. A(>«GuidoXDobeno£n 

maDzio'i 126. ^^%. 

Gracitudioe .dd Crercim1>ciii 176. 
Gravina' GiaòYiBceorìa { C^icb 

Erimfincco ) 2 1^, 327» 260» 

Grazifiì Giulio Cefare [ Bcnaco 

Deocncnejo] ' 244. 

Grimaldt P. Franccfca. 169% 

Grimaldi iGcvi^anolomiiieo (Cla- 

rtfcoEgireo) 277» 

GrtfQfano Cardilc^eti • ^49* 

Guaitfcri Card. Filippo Antonio 

( Megalo Pecrofacio) 252* 

Guafco Giovanoi [ ^atildo &in- 

fclio^ 259. 

Guidi AlefTandro [ Erilo Cleoiieo ] 

224,227.23I.27I« 



/ 

JAcopo IILUe déHfei GranBefea* 
gna. 2X8. 

imprcfc del Crcrcimbeni • 277^ 
Imprefe delle Colonie » e delle 
Rapprefctitaaze Arcadiche^ .283. 

« ic^o. . , 

lacolt^ .Accadeoitcì «di Monc^Ko 

flcl:Cofentino* 250. 

Infecondi Accademici. di .Roma. 

.artf. 218. 250. 
Inganna Colonia ,Arcad« in Alben- 

««• :*«7- 

lonocenzio XII, 2j6* 

Innoccnzio XII L .x6&. 

InnooitriaùtColonia .Arcade in Pie- 
monte. ;264» 

Intrecciati Accademici /dì Róma^ 
218. 

Intronati Accademici di SiAia.. 
23^. 

Uaarict Colonia Aread. m PcT^cdv 
242. 

lAorii 4' Arcadia (cricca dal Gre» 
icimbeni. 250* 25 5. 

Ifioria della Volgar Poefia rcriica 



dal Crefcimbeni. 229. 261* 

Iftoria della Collegiata diS. Maria 
in Cofmedin (cricca dA Gre- 
fcimbeni^. 261. 2tfJ. 

Ifloria delk Cbiefa di S. Gioi^filli 
a Pona Xàtinafccicta dal'Git- 
fcimbenl. ^63. 

Iftoria della Collegiata di & Nic- 
colò in Carcere fcritca.dal Crc- 
fcioibenL» 26 }• 

Iftoria dellaChiefa di Treveri forici 
ca dal Crefcimbeni • 233% 



LAmindo Pricanio • 24]^ 

Lampilia Colonia .Arcad. in 
Faenza. %6u 

Lancifi Monf.'Gio. Maria (Et Clio 
Macariano ) i66. :272« 

Leers Filippo ( Siratgo .Nin£aGo) 
.228» 

.Leggi d'Arcadia. 227. 232. 

di Xemcne Fcancefco X ^^^^^^ 
Gateate) :2^7.276. 

Xeonio Vincenzio ;[ 'Uranio Te* 
geo] 217. 2i8. 219. .222. 224. 
226* 228. 231. 239* .^Ji« 252. 
256% 26 j. 272.275. - 

Lettera di .Lamindo Pricanip at 
CteTcimbcni incorno a i .primi 
difegni {fella JLepubbtica Let- 
teraria d!Icalia* 245. 

LtgQoTo Ottavio . 2I8; 

Liguftica Colonia Atcad. in Ge- 
nova* .246. 

Lioni C Girolamo (Romindo... 
255. 269. ' 

Lippi.DarnMommeo» ajr. 

Lorenzini Prancefco tPilacidaLu- 
ciniatKT) 253« 

Luccbefini Monf. Gio. Vincenzio 
{ Timene Alcimedonzio } 239* 

Ludovifi D% Anna MiM:ia» 277* 



Maf- 



Digitized by 



Google 



J^ 



M 



MAffet Scipione [Orildo Bc- 
renteaticd) 246. 

Ms^alocti Lorenzo ( Lìndoro Eia- 

227» 247. 

ia [ Nicio Me- 

.227- ,276. 

iiQ [ Diocimo 

218. ?3J* 276. 

lo. 1 ^35^* 

> ( Aci Delpa- 

258. 276. 

Maracti Zappi FàuQina ( Aglauro 
Cidonia } *^72* 

Marchjctti Aleffandró. |Altcno i- 

^ Ico] 227. 2^©. 

^^efofchi Card. Profperp (Filote 
Sofidio } 270. 

Matetc^^ci Cari. (Galeazzo 270* 

Mariani Marfilio ( iPereteo Ama- 
Bano) 233^ 

Mariana Cqlopia Arcad. nella Re* 
ligione dc'Chérici Rjcgolari del- 
le Scuole Pie ^42^ 

Martelli Pier Jacopo [MirtiloDia- 
oidio J 252. *253* ijS*. ^39. 
276. ' 

Martini EmanfieUo {Eumefo Ole* 
nio]. * •' 276. 

Ma(fìan Piolini Petronilla X^Wal- 
'ma Pairtentde] 2 3 j. 277. 

Mattei Loreto ('Laurin^do Acido- 

Matte! Orfirìi (jirolamo [Licota 

' Oftracinio] - ' 221. 

de'Medìci Ferdinando G. Princi- 
pe di Tofcan^. 230, 

de Medici Card. Francefco Ma- 
fia.* ' 2jo; 

MeloncelU P. GabbrieII(^ [Lucinio 
Merco] " 215: 

Memmi Francefco £ Arnauro' Epi- 
r>o] 251; 

Memorie Ifloricbe dell' Immagine 
della Madonna delle Grazie &c. 
kxitte dal Crercimbeni • 253. 



HtnpktA Benedetto <£ciganio UT 
bade ) 222* 227. 228. 230. 

Merigfai P. Romano (Retilo Ca- 
ftoreo) 22$. 

Meraurica Colonia Arcad. Jn Ut' 

. bino^ 237. 

Mtlanefe Colonia Arcad. m Mh 
laiio^ 242. 

de Milo Domenico d'Andrea ( La- 
, dino Bembinio ) 2J3. 276. 

Modedia del Crefcimbeni. 27^;. 

MonigUa Gio.,An4^d (Nardito 

/ Azonio ) 227. 

Monti Mon(. Filippo Maria { Ori(- 

• bo JBoreatico] 23^ 

Morei Mj<cbel Giufeppe £ Mirco 
Rofeaiico] 220. 257. 263. 273. 
274. 276. 

Mozzi Famiglia Maceratefe* 214. 

Muratori Lodovico Antonio £ Leo- 
coro Gateace] 245* 252'. 255. 
259« 260. 266*1 

Mufeo del Crefcimbeni. 249. 

Muti >Acca4fnnici di •Reggio' 
Lombardia^ 



O' éi 
^5t- 



NAzzarena Rapprefentanza Acr 
cad. nd Collegio Nazzareno. 
264. ' • . 

del Wgro Paolo Antonio [Siria- 
go Retep] 219. 22«r 

Niccolò Maria da S. Domenico 

"rturiftene Aleace] 242.275. 

della Noce Monrr Angelo £IfmeT 
nio Langiàno] ^50; 

Notizie Iflbricbc degli Arcadi mor- 
ti, . , 266. 



ODam Girolamo ( Doriodo Mo^ 
nacrino ) 257. 

Odercalchi D* Livio (AquilioNa* 
Viano) r ^n. 

Omelie di Oemeatc XL tradotte 

dai 



Digitized by 



Google 



Opere edice dei Greteìmbeni.iyy. 

. beni. :><.. aài. 

Qpefe)ÌMdi«;r<ÌQVCrtrcinib;fetti^^Si. 
Operofi Accademici di Luliièfia^. 

CkftesL Coloaia Accad. iosBtàenao^ 

Orii GfQwGiufeppe Fotice [Ataireo 

. trinftidi©'] . ; . . 147. 

Orfni Card. Fra Vincenzio Maria 
f TcoffloSacnio J vedi BENE- 
DETTO Xllfc X69. 

Orti Farnefiaoi. 224.232. 

i^VM ' IX Aimoiò^ f fincto^- 

. «co; ' - e »aaa*2)7. 

Oicoboni C^rd^Pt^trd ( Craieo E< 
ncioio 234. 237.238. 243.249. 



. . I 



PAgUariAtCioaSnikito ( liiìmaiÉL 
ro Ponziate * 269. 

>akitinQ*l4ome*> 311^ 

Fall avkilia P^J^iecoiò Mam [ Sa^ 
,. ,l|Cio Borea] . ; 2*2^ 

ì(én^Ma>CariÌ4totiM«tM' ('Fitnioìó 
..; iariflfco) il 2153^ 

9w\% P.Sctó(tìano Maria CTodia^ 
s' jo ..••• ) af62. 

Paeiucci CacdwFabbmio (Miftar-^ 
^ iK> Nwtino.) 3é3« 

Paolucci Giafeppe [ JMeiR^iiie- 
.^liiyio] i* 2^P9^^ì&2yS^z67^ 
Pacf rnia Colonia Aroadiéa nella 
-..ilelisÌQtttf de^ChoÉDi» Mioonr'. 

iì6u 
PaUTcf inf GAetatof ( Siltia/ Lkoati<- 
.•^) 2^7^ 

P(«4oc.ri^ Altfffiukko E Ofìtto M» 
.:?licjab0i> „ I59«'2i64.' 

VWivtfiiiBerilaftHiio^^AlSnmEiiBO^ 
,-«fo) . , I . jyo. 

Vir«hium AnàHA IMsi^ F6l0etK 
.«1 . y ' :2jj,. 



SO9 

JoHasiana Colonia At«bl.iiiiinA)a^ 

'; .tC^^J^uiciancrv ' 264»^ 

di^iPoltooia Priitdpe AldEaodro 
[ Armonce Calidio J > 2:5 j, 
di l^ifllQoiaRogina Maria Cafitn^ 
. r^ (^mìxiicgi .Tcka ) - 234* 
PqfteMp CriaiftQo Arai^ [ Alouv 
.Of JPurib] . X76m 

Sjéq[c degli Arcadia 264^ 

RAffaeHlNiccolò'Ancimio^axf*. 
Ragionanìel^ti del Crefcimbc- 
.. M faiù^ in "HvoU */ 267;' 

Ra^iizzo IL D^c^di Bmamxz^ 

lUyvWata^ Rar^fefemdttza Aeca^ 
. dica nel &minaiìto Romano •' 

264.' - . 

JUd}:FfancefcO! [Aoicia'TntttQial 
,"^23^.227. 250. 276. » 

SUoi jà jQrfQDia Ai^aiL' in Botogad' 

RJLfiprmara- Colonia AMad;»''in C^ 

ietta. . 264^ 

Rkne degli Arcadi.'2é3.* 2^5.^67.' 

Rime del Cfefcimbeni. 226*' 230.' 

,244^ 2) !•« 2^8.1 

RtnatcU Pompeo (CocalbaAfeo ) 
(.aj6^2)^;.. ' .• 

Ritratto del Cnefcimbeni.^ "244^* 
Rivicv^Mofld Doneitice' ( Metani 

reoGeruntino) 239. 244.' 250.' 

.268.^ 
Roteili Famiglia Macoratafe^ 21 jr 
Rubicona Colonia Arcad. io». Ri* 

.nttno.- •■' i • . ' • • ..242;. 

RufpoltD. Francefco Marta EQIin- 
. :toAv(ef)io*>249'. x57:2^2é<«. 
RuTpoli Cefi Maria IfabeliaLAkai^ 

fide Ecalia 1 - xjé^r 



S' Àb^atim Mon(«GÌiiUaq0 #W 
tinto Corineo] 257. 263- 

Salviaci D.. Antonio Marja ( Ufo* 

£4^ 



Digitized by 



Google 



LimiAtUe); »3i%^ /, , 

SaUibi Anioti' Maria*' ( Acifteo ,1; 

Cratio)' w7-^33-i5»'^54' 

259. 266. 276.. nrAìa AfoOia^ Muda* (S&m 

Sàtvini Saivioo ( Crifeno Eliflfo- Jt meteo)' 119. 

neo } 246*. 252. 254. 27é.. Tcgea Ctonia* AceaÉk^ iiì^ Chieti. 

Saocinl Moof. Yioceufo ( Alcuno^ . 26j^ 
. Ateneio) 239*^ ToauQafi P^moiikv CVàlltfio€i^ 

Sciftnat d'Arcadia.: 255. . ionico )> ijiN 

Scutfonio^ FranccCco . . 274* di Tòorium Càffd% CarloTóóonafi 

Scbezia Colania. i^rcad%. in Napo- ( Idajtga^rafiaio >/ 119-1^^ 

li^ 242. Tfcbbicnfc Colonia Atcadaa^Pia- 

Sc^. AietTandca^ (Forainio>Mv cMza^ - %U 

ioetfdt} 22^ 

&:r&9rdL. MonT. Lodovico ( It- V 

cooc^ Tcacbia) 239. 44^ . 

249c> \vAllenianiCard.Giu(cpff{ti9^ 

SeverolL MonT.. Marcello' (Elcioti. V doco Spfidio }: rrh 

Càlidìo} 2 3o.%237.. 239* 250. VailiAiicrl AocoMa* (Vólaoo»F^ 
2J2..2JJ. 17J.. nido.' ijH» 
Sibillina GokHiia Arcad. in Tivo- Velina Coloma Afcad:^ in Kmi 

Si^oondodi&SilTCfia^^QMto^^ Vei)ccofiBraodàIigia^(NédifloCol- 

rilumioo) 241.. lidc) 220» 226* 1 3^* 

SilddAmga«. 230I yctoorfc Colemia^ Arcai* in Vg»- 

da SimooiMonr^ Niccoli (Aoaf- . na^ 24^. 

co. NioCadio ) 258*. Vcrfi Latini^ degli^ Arcadi »• 1^7^ 

Siringa. dL/cuc: canoe.. 225%. Viaggio dctCreCcìiùScni' m Tof- 
Somai Angelo AncooiO' ()lat Ore- cana.. i}ì* 

ftafio), tjt. 271.. Viaggici; drlla*Jcticicà«. Poema M 

SeenficcaciAccadenucixIiJtjdflìuio.. .; Crefcimbeni.. ut* 

*»37.^ VìMncQii Jacopoit(MirtitlcvAm- 

Sta^l|>ig)ia' 5il?ao^(PtolecnoM U^ nio); «i9-2i>^ 

cario ). 119^. 22S. 256. de Vico^ MooC' FranceTco' ( Timo* 

Snavagante Rapprcfentanza Ar- filo^ Entfpeo ) z6y^ ^€6^- a?>* 

cad.. ad Coli^0o^ Occnenrino^ . 273. 27^., 
- '22>5. Vigiioti&ftNif.* Gtovamlii(Alto' 

Sl|MlatlMalatefta (LicidavOrco- ; oioRipeoX ^i^ 

mettfo)^ '2319. 241^%^ Vancioli Gknnia {LcMce Fri- 

SètQBBai. >4onC. i^one- < NicOa^Se; neo 1: ^Y^ 

ceAeo). 22U.222..224«.225.27rL Viuk^diAidbodroCiìddifartftadil 
..3C*. Oefcimbeni.> *7I«^ 

delhL Stufa Paolo. ( Sileno. Per* Vira; d^Mbofi.AfigcU^ detta Noci 

rafio), ^ 222^ .r icr tota dal Crefcimbtoi.^ i5^ 

di Svezia Regina Criftina^AléOan- Vita, dii fieÉnMiii» BaMi fcrina 

dqsk (Bafilìlial Mi«.astVa2^ . rbl Grcfcimbeni « H^: 

C Viead£Ho¥:jtiìptecafcffittad«l 
^ . .^ .. . Crefcimbeiii*. ii9^ 

ViUL 



Digitized by 



Google 



303 

Tki ai MoBr.,t«iietfi.rcrÌtn dal Créfclmbènl, aji. jé?* 

Ctefcimbent. ^■^66.172. ^ite degli UomittìilIlrfftfid'Urbr 

Titadi MooT .Marcello .Scveroli nofcrittedal Oefcinibcoi, 243' 
_&ùtta tlal/Q-efcirtbenu ijj. Viti Paolo Attorno ;( Catino .DÌ 
TiradtMana'Vergtrie'm.eompeii. peo) a 19» 

«0 Ifcricdft ^«1 .Crefcinbeoi., "Umocifti Accademici .di Roraa« 

Vi» di .& Nieeolè di Tolearioo Wolpi Già. Antonia. .155. atf4, 

fcntta dal CrcreimbcDi^ 149. "^ ^ 

Yiiadi Oiionf. Raffiieilo :FaM>rerti, 

tradwn.iavDlgace.dal.Crercim- Z / 

benU a jo. 

Tua del Card, di 7oiinien vferìtta f>V AppitSio. Batìfta Felice ( TirB 

dal .Ctefeimbeni.. 261. ,i^ Leaca6o(.xi9.'2»S.:a}6.a39* 

Tua)0.£logio di Vincenzio Leo- 239. a5i..'a56. a6}. 

nio ^ferino tlal 'Ciefcimbeni.. 2Leno ApoAolo.CEniaco.^imbolio) 

*7»' 220.. 160. 27$. 

Tue/deglì.AtcadìlHuftri^ :»J5. .Zeno.P. PiercCatrerìno.\ 274. 
.„ *^ _ . Zond«aarìFra<Marc«^/tetcaiìo ( Ip- 

yited6»Ptoeuiftovefizali.(critteJ«l ^fOéd Mi«sriaap) :%66i 



\ 



BREVE 



Digitized by 



Google 



<•,;:> ..' (/.;r. : - ' i^ .ri. '^ h, ri • 

,: . i ' " ' . ■' .-•' y . ' . •: . ..Ci. *^\ il .! "-» ^ . f'- 

-'l' ' j:^ ' "'f/- 0:1*. '.'. ì; i-- f)f Lno.\ «^^ ' 



''*\ ^ -vj>* >».A 



/ 



■■•A ;-/.-.A.*> 



V.». 



«^Vj-. ^.^^i' riÉilMiMill '^.-F^ Jl 



; 



7 T 



Digitized by 



Google 



BREVE NOTIZIA 

Dello flato antico» e moderno 

DELL' ADUNANZA 

DEGLI ARCADI 

PUBBLICATA L'ANNO 1712* 

D'ORDINE DELLA MEDESIMA 
ADUNANZA, 

hjkme cdla defcrh^hne dei tmovo hieg<> ftd 
Colle jiveftttHo per li finte 



Digitized by 



Google 



A I s I T o H :•: V a fi ? 



A ;: -' \ 



/ 

' 7 



Digitized by 



Google 



jtBtWuJk^^lm ti EccelttmilpnKp S ignote 
IL SIQNOI^ 

aFRAisfCE :o 

MARTA RUSPi 

Frincipe di Cerveftri &c; 



GlCXMAtLÌO CKE&CIMKENr. 



Gcnerofo aictta». che TE V^ òa fempre moRiratd' 

trfo rAdunaoza d'Arcftdisi , e ponticotarmcnte in* 

Bcfto anno, che Voi,, Ma^:» AR.tfl«<i:' P'% i n«lxi»b,, 

avete provveduta ti*im laogp^ tanta oo<jpicuov e td*uh 

Anliteatrov che eè piùi maeftofo,, oè più proprio^ poteva dia' giaimnai 

ideare pet le Tue ftmzioni accademiche ». ben debbe eiigere dalla tnedc^* 

iìtna quegli atti di gratitudine ,, che fona dovuti a chi ha fornico di ftj|« 

hilirla. Piir troppo ella: conofce ciò ^ che le li: conviene^, ma ran||uftia 

di pochi giorni impiegati dà Voi a favorirci y quatito ha £itto- (piccar 

la gtoria della Vbftra g^ncrofftà >. canta ha tolta a'not la manièra di cocw 

rifpondere adirgitocamente a: quel pronta favore y, che fi può dir prUm* 

fatto», che meditato ^ Vi. degnerete adunque' colla confiieca; Voftra beni* 

Sitàacceccare,. e ^adirperora la piccola C^perav che lò^ come Ci»* 
de», vi preCcncoa oome^ dclPAdunanza r la. quale nondÌmenaefibetid9> 
fetto il Vb(£ra guarda it fua fiftemaki qoefti pochi fògli rifirecto», viene 
•differirvi coo; edi cuccale Aeffà ;. e neloedefiinocempa palofando ocf 
QMdelimi 4a gloria del VbAro bel geoio^ a. cocca* kk R^piìbUcat leiM» 
caria», rifivita^ a fitt>plir per adel&>ovc ella manca ». celebrando il^ V<^ 
fikt> Nome», al pari di quello» do^ alcco^ pià^ acclainaco^ fuo^ Bmcocow 
I la Divina Clemenza efiiudifca t ooftri voci» cucci: dìtecd alla VoAft. 
toflrecvtsimc^ r ddhi Voftra Nobilillima Cala^ 

V i: Per 



Digitized by 



Google 



ioZ 



maggiórmente cottivarHo Audio détte ficienze» 

rifvcgliare in buona parte d* Italia il buon gufta 

ile lèttele tttyifte» e#in pat€[b1arÌBL nella Abcfa 

DlgaiCy'alqiMbtìDadiDrtteniiRa» fu da aicyo&Jtt- 

rati inflituita in Roma Tanno 1690. a' 5. d'Ot- 

bre utÉBL Cod^^rrazibnetettifariatin CoifnadiRe* 

ibblrca Democratici , che 2rt>braccia ^uafi tutti r 

etterati d'Italia 9 e npn pochi anche di là dai Moo* 

ti» e per togliere ogni nguardo^di preminenza, e 

precedenza tra i Perfonaggi » che la dovevano formare , e anche pc6 

allettare coiràmenità» e novità^^fi ftabili d'andar uitci mafcherari fot- 

co la finzione de'Pafiori deir antica Arcadia, dalla quale la Gonverfa» 

zione prefe il nome ; e h Suggectt ,. che la compongono Pafiori. Arcadi 

s'appellarono, e s'appellano. 

I fondatori, furono il Cavaliec Paolo Coardi Torincfe 1, poi Cams^ 
fiere d'Onore di N.S; T Ab. Gfufeppe Pàolucci da SpcHo Segretario del 
Signor Cardinale Spinola Caroerlingodi S.Cbiefa, Viticenzio Leoaic 
da Spoleti, Silvio Stampiglia daCivitalaviaia, Gio.Mario Grefcimbe- 
ni MaceiateCe, ora Canonico di S^Mariain Cofmedin , l'Avvocata 
Gio.Bacifla Felice Zappi^ Imolefe , e rAb.Carlo Toiiimàtò^ M^ltut^iJi 
Tournoai NazzacdcH poi Cardinale di S..Chiefa., T Ab. Pompeo Figari 
Genovefe,. Paolo Antonio del Nero Genovefe, ilCavalier Melchior- 
re Maggio Fiorentino, ora Referendario di Signatura > Jacopo Vid- 
àelli Roman», Paolo Antontb Vi<rOrvìetanay.e l'Ab. Agoftift Maria 
Taja Sanefe> oca Canonico di S. Angelo in Pefcberia^ 

Qiiefto.Qoasreab e tfodito,. appena nata, ebbe il Tuo creTcimeocov 
aon folo perche varie Accademie Italiane delle più celebri vi cdbcoc^ 
fero*, ma bc^ tutti i più infigni laterati.siiRejgolari, comeSecolarn 
e oUre acciòu molti Cardinali, e Principi,, e Prelati. d'ogni Ordini;. 
C finalmente non.poche Dame al culto delle lettere applicate ; di xnor 
do che nel coiib di. ventidue anni & arrivato il. numero degli Arcadi 
grcflTo a mille e ircccnco.. 

Sogliono ragunar& gli Arcadi pubblicamente in qualche Bòfco, 
Prato, fette volte l'anno nella State,, cioè dal i. di Maggio , che it. 
CùftodQ apxe^ flccome fi finge, il fiofco P^rrafio, luogo immutabile 
mente defiinato per le Ragunanze, invitando tutti i Pkfiori fparfiper 
!• Arcadia a coticorrervi , fino 9^7. d'Ottobre, che il- medefimo Cu* 
fiode chiude il Bofco, e licenzia i Paftori, che vi fono concorfi^ì edi 
quefte Adunanze Tei fono desinate per li Paftori , che dimorano in 
Koma, i quali di qualunque grado fi^ fieno debbono recitare t loro 
- componimenti dà fé ftelli , fttorché i' Catdinali ,- e le Dame, chepof^ 
foi^o^farli recitare da altri Arcadi réd una per la lezióne de^coropo- 
inmentl de'Paftori Arcadi aflenti; e.queOa fuòlerinfcire la più co- 
fsofà^ a. la più piena,, afcoltandofi in effa gli Aili di tolta 81 Ietterai 
<ura d'Italia. I Compooimciui poi, che £;rcGÌcano ». fogUoao f^Ai^ 



Digitized by 



Google 



^^lificucrfi Ih Segreterie eArdiiviov obe i^aftonliMDte t^appeilA 
oerbacòfo-« , ; - ' i , 

Oltre alle Ragahìsmze Gtteralit (t aepaOboo fare mcht ddle pad' 
ticoiiiit si II Stat«, come 1* Inverno; ooq già pecò nel Bofco Pacr*- 
fio, «a nelle capanno de'PaAori; e pec farne non vi vuole alcuna 
aotoùti» eflendo lecito zA offtki Paftore di convocarle in fua capaar 
na, porcile vi. aflifia il CuOode» il (^aledce notarle nel Codice de* 
£itti dcKlt Affcadì focto ti noaie. 4' Adunanza particolare nella capan- 
te ^eliiPaQaie , . Q¥e fi fa Mte.pnimlcima vokffe fare qualche funzio^ 
ne al Bofco Parrafio , gli è permeflb col confenfo ^el CuAQik , che 
iuxrbe quelle dce!fcrivece,perfpartttefart«* mane quelle, nèquicftean- 
|K>^f> poSooo avete akima Novena d' Adunanza Generale « 

Le prknc Adunanze feguicona nel Bofco 4e* Padri di Su Pietro ia 
Mootorio^ ove fedendo tmti gli Adunati fopra un verde Prato « & 
kmdix qntfta krceracia Coovei^aioi^. CK quindi fa fatto paflTaggiaal 
fiofco dd Ducdidi Paganica arS. Piètcp m Vincoli^ ove parte de'Pat 
Aori auifi fulla nadateera.^.paue ^pra^oftici fadi , cecitacono a(cQ* 
ne Sfolte, i loc raasponiaietHi ; raacNfeÀBd^ la mokicudine degU Af* 
coltami» cosveiineià*^}?; dì Maggip 4eli69<. trafportar la Cocivcfffa- 
%ioiie alP aUro BJ^fco del Giardino Riarj alla Lungara > 4>ve vifle* ^e 
mori la gloiiofa Criflina AleOandra Regina ^ Svezia • e quivi alita 
cooiodo ooA s'«t)be9 che d'un fenaplio! foflb ritondo > (otta fponda 
dfLqttaJffedevafi. LVaooo i^<^34 fiiHtenne dal Sereniamo P(4ca4i 
Panm iÀogo ne* fuot Qt/à Palatini , p^ gli Arcadi fabbricarono r. e a' 
7> di'Gingno.aprirociO'Un Jk)fcbcreQci<^ Teatro di forma ricoada ^Ur^- 
sU di due ordini di fediM compofti di palizzate piene di terra» e vor 
Aite diJauri; io effo fi icwava per quatcco flrade: io mezzo v'arano 
delle pianticelle dinùrco io guifa di(po(le » che ccefcendo avievaaofo^ 
nata una affai vaga Stringa di fette catane» infegoa diqu^a Adunati- 
tt^eodia pane, di faccia fopra un U^o<levato v'^r^iui fedile del- 
la jÓiefla fabbcteat ma sdooanto più nòbile, per gli Eqoinemifs. Cardia 
nati» i ^ali finoai)iiel lempo. iT erano dey^nati àccomodarG allafen> 
fHeirà deU' Adoo»^» Cj6tnK0«i d'un fpl-ciiifcioo»' e quefio fedilje vi?- 
niva foftenutai da un groffiormufo» ove fi vedeva la detta Impcefa io** 
Seme colle leggi df^ Arcadia» fatxe incidere in marmo con ogni ma- 
goificenaa» e donate alla Ragunanza dal Sereniamo Principe Aoto^ 
oio di Parma. Pafs& quindi la Radunanza l'an* 1699* nel mefe d'Ago- 
flo ai Giardino do^ftico del Duca JOon Anton Maria^ Salviati» ove 
fece nel pendio d' ima viecdir ColUfoetca fcavare il Te^vo di forma ova^ 
le» die dalla p;uxe Aiperiore aveva* tre ordini di fedili , e nel!' inferio- 
re noo; e quivi fi farebbe peravventura fermata» fé iodi apocbi anq} 
non fiofle fopraggiuntala morte del Duca» che fegui nel principia dt 
Gennaio del 1704* Celebrarono poi gli Arcadi nibl me^ di Loglio deU 
ranno 1705» i GioQcbi Olimpici nel Giardino del Principe M Vìn-. 
ccQzo Oioftiniani} e per qualla^ozione fecero un finto 9 ma affai va- 
goiTeatco di più ordini di paoebe coperte di panni Arazzi di coku; 
verdci la fcrm^ del quale era ritooda; ed era at;or eliaco da molte Pi^ 
ramidi Cabbrio^c di leggami coperti ^i veraura 9 e d- altezza circa ven- 
tJIpMmt, in irtaCc^uot^lte. quali era cotloMM HiM^ M\c lapidi di me- 

. £>e/c. Ifl. Fblg^ P0rf$4 ^ Tpm. ri. V J moria , 



Digitized by 



Google 



3?* 

noria, che fogtionfl «IzarocU^ticfta.Aduaattn «YuditTMoMIItAhi 
•defunti; ed allora la prima volta incocnioerarooo a celebraffi 1)0084 
<;iuocbi alia memoria debiocti Accadi « Ma>.atta£Qe4'iflioa't707; «\git 
x^i. di ^ttecnfareOTÌpofaf<inoap|ffc(IòIX17tanoerco!MarURti^^ 
icipd diCerveteri^ il qtt^e.hageMi(yfiaÉnKe<d8to4ccoogiiitooiiBodoml 
ino Giardino fui Monte £r<)miino4i ifarctdctm'anAo le AintiMxc ria- 
finatramocbè gli ha nel ^corrénre anao-Atbiliti Janna nobtiiffiitta Vii* 
la Alt Colle Aventino , *ovc ha «gU Ibno <on piena magolieeiBa fab- 
i>ricatell Inogo per- le ;medefime Adnnaaze a^ifa àiAmQuuto^ ài 
aguale parleremo appreflb^é . . 

Il Goterno di qqefta'Oim«iCai3mie è Demomnoo.^ «o popolarti 
«on avenda;nè:?rocect6re9 nd Principe; fnafcmpItcememeaiiCoftodfl^ 
il quale fappoefenta tutta T Adunatm; it qneAo idiniftlo £ elegga, o 
conferma dalla medefima Adunama per •poAixze /egrete ogni Oliospi*' 
^de , xjòè ^>gQi <)uaetro anni compia»} ; e tion ^a aicmi Siperioce , ^AÌor* 
jdìSIa^efla Adunanza, 1à'qaideda4QÌ<Riedefimof&c0aaoca4iel rempa 
d'Inverno almeno due volte l^ann^•} e ^ "t^iiqgaandéy »tkona ^otta :«a- 
^e la Stace; e fimili conv#c«»iMi^9^a(pptìlanoCiiiamairGetierali; • 

Il Collegio > che è il medefimo» che il KAgiftraro tonualr^- detta 
^ra deVColleghi, ma prima della •rogasfonc deUe leggi » appellato H 
Vtcecuftodi> fi elegge' ogni anno dal Oiftode , coiraffenfo verbalcdet- 
l'Adunanza; e fono dodici Arcadi de^]>iù idonei, i qnali gli fce^ 
da tnttl gUprdinij fuorché da qoellodegli Acclamati^ cfaeiboo cfen- 
ri 4a queftif efi; «con efpreffa "kgge però, che camminando per tarao, 
ógni anno ne rimnova rei,^ioé4 pctmtiCbi{ cMifermi i^feeoodi feit 
^gli feriva per primi; e fei n'elegga iineviv^ gli feriva per fecondi, 
})rendendoli fempre da tmto il numero degti Arcadi dimorami in Ro- 
ma, jmrctid noif' fieno Acclamati 9 fenza badare fé altre volte fiegli a» 
Ai antecedenti sriibiano foftenuta la ftefla Carica. Tal Magiftrato, al 
quad il Cuftod^ prefiede, ha la antotiià di ipadireogm affare, ecce»* 
to le acclamazioni , e le furrogacioni . figli i ban farò vero^ che f 
Adunanza può iri vacare qntfbmquc tkùt«aiaii6 'pca(k4a Imi di moiti^ 
rache quelle ^Ifdlui&ioni ^ che anno ad offervpai|iime ^ntiiea fard 
xonfermaire da cfla Adunanza^ E fé fta anno aleun C«l(ega é MgK^ 
£ente nell'intervenire" a* Collegi, fé De mocve^ colf ,aff»sfo .verbale d* 
tOb Collegio , un'altro dalP ifleffo CoflMc .; il -qwala lia aodie faieol* 
ti di furrogare i Collegbi fra aimo in cafo di «norrc, o tT aìSema, o 
dì renuttzta, o d*alrro fimile.. Nel AmaiMiic «I -Cuftode Ju "varie (^ 
colta pafticoiUrti che le fpedifee ^femail Cottegi<i.t mriiiaanaimefah 



torno al ^regdlatnemo del Serbarono « te qtMtifaeiokii^nfcooo idagK 
AvvertimemilòndamientaK d a'qaaltfurono cubare l&^eagi detPAdcMianza^ 
' Oltre al iuddetto Magifti^ato, fi ^putaiio datl'ilieflb Cttftadc 4ae 
SottocuRodi rimovibili a fuo arbìtrio 9 ì quali debbono ìtcner costo 
dcMe rifoluaoni si del Collegio ,^8omt dell-Adonaasa., deUefcrittove, 
de* Codici 3 e d*ogni aUìra eofa «fiUtncè' appo il Oifioale in Serbai 
toio,,cfo(criVerG^d'0|gtH atto, e fìrrimna*, che^^ivi fi faccia, odi 
qitrindi éfcai e in lor^ a{fti«a ^opptitbeicflb OaAode i o airri di foa 
commidione « Ma fé akbtio di tfR Rà in ixàstio 4*ìiKero anno , può 
paffare al CoHegato}';^ ti6M fi truccano ambedae, |pu4 paiarfi ilpil- 



Digitized by 



Google 



Ve ancjie J'ùfi^i^ del Viario v.o Procuftode « il ^ualc in m%ncs^tkr 
^ dcLCifOiKie ha le ficoUà^di'lui!,* :C' itkunto' an€h*^£p> hm il voco ìm 
tbllcgio;rfitmlmeoce quello di Deputato, o Sopronceodeme «'litoti 
de^Coo)B^iiiii»Bti»i quali ippcAm<^ fot)o quamoi e il Cuftodc- 
per Ip pia gir fckglic dal namero de'ColIcghi; ed a«iiio il p^efo d'ii^ 
i^igilaic CoftZf ÌZi «^ìrà^.d^'cpoaBopifBMti da .rcci(ax& nel Bofcbo •* 

CqoveoAiKkK poi riyc4orralcMa.'0^i^pcr.iliMàpiu:fi'CoJ'nOiM P^- 
(forale ,« fi deputano^ dal m^djc^iQo. Guftode due , o tre. fenCori per 
cìafcaoa Opera, i quali Carao la ceta^tipne in i(ci;it4a« e TeGoodo eOiit: 
il Cbtltgio^ fa poi il dèercii» ih e tanu^9Uf Ua > quatto quefto (i ftash- 
pano ii)&eine col l'Opera y quando ve^ga^j4>ecovsUa9^re però Alcrainca^ 
te-Bos ordinafle lo ftéOfo Collegio •' . t 

le leggi V colle qu^li ora quqOa Coorer/aaKqne G governav bencbf' 
fieoQ pocbrflQmer non paibado-, ilxiiiin^o, di dicci ,/ come fi vede dal- 
hi copia di e0c in^ fint dr qi^eSo f decanto ^ nóndimeiH) coisprendoap' 
quanto- fa di meftterr^ bpoii gov^cnq^^ dei)a« medefiiua ^ fmotH> tU 
icao^^ pubblicate' r^inno^i^?*^ cnvare da oiolii àvveKtinem^ r cbe 
craoo fiati &tti di tempo io tempo' gli anni antecedèatr, fecondo che 
licbiedévail bifognov i quali avverciaieoti in* ciòv cbe non comprea* 
doDo le leggi , e le tnfiituzioni di effe fpiegative , fono tjiitcavia im 
Ttgorofa offervaoza}' e di* più fervano aocii'éCC per {{piegate le tmode-- 
&ner leggi r ^ infiicu^ooi ^ Qtcnr a cocco ciò» vi fono t* Detteti mo^ 
deror ^ omutr « e vapatit fecondo i teippr , r Ir occafibni;; atcwi de'' 
cpiali regifiirati infine del.prtfeiMe^ fono^fifi^re però fono' fi/mp^ii»* 
e fi mandano a cbiunque è aoime(G> airAdUnanza.^ 

Niun' Arcade può pcoporre in Adunanza ,.o in Collegio, fuorché il 
Cùftode , il qtiale procede per via d'interrogazione ;. fé poi alcuno' 
vuol' ricorrere ali* Adunanza,* dee prima il fuo ricorfo ricopofcerfi dal 
Cbilegb r e- (è e giddicato/ degpQ^ r cbe fia. portato* in; Aduoansut «^ vel^ 
porrà ir Cuftodev 

Tutti gli Arcadi fono* cenuri operare ih qualche niodt^ per benefizio* 
dl:lla Converfazione r e però , o col recitare al Bofco ^ o coll'afiifien- 
za' alle' congregazioni, e eoo fofiener le cariche ,> e ìt deporaziòor, o' 
n altra forma , (ucti,. anche gli: Acclamaci ,. anno io* Serbatoio* ree* 
moria' d'àlcuoa operazione^ e da> quefto' obbligo: non fono efcnti ni 
meoo-gll Arcgdi forefiier i it caneggiandofi* cooif 0b laro> tutto^ l'anno^ 
dalla Segreteria ,» o* Serbatoio- d'Arcadia •' 

Per entrare io qwflà Converfazione fi richieggono* tre' requtfiti •• 
II' primo l'età d'anni 44*^ ma^qucfiÒ! può' di^ftnfarfi dall' Adunanza; il 
tecDBdO' la civiltà .de' natalr ,. untca'allai bontà de' coftumi ,- e il rerzo». 
teflercogmio per erudito ^^ alineno^iir una delle fcienze principali;, 
ma riipecto* alle- D^rnie fi richiede di più ^ cbe actoalmente profeflinQ» 
Poefia,. o* akra- forra di lettere umane - 

Qyei ^ cbr v<^ltono edere annoverati ,< fe fi iradfvaiio* iir Koma» 
debbono dimandar l'aggregazione al.Cufiode per viglietco ; fé foiM- 
iftmii ,. debbooo^cc^tttire un Procnracore Arcadr fclmedefimo ef*- 
fttto. 

Ogni Arcnde ttfiil fuo nome FafitNralcvche fi dà dair Adimaoza» e 

V 4 fi car 



\ 



Digitized by VjOOQ IC 



51* 

fi cava a (éttt , e «Hhi (feh(MiHatiètfe^t>^ ctit qmktìe foogo rrgmts: 
«fevote ddrADcica Arcadia, e di Aia^ragtooc; le quali ragioni dipciw 
^ono daU'éOct dichiarate Hdi dairÀdutiansa j 4 qucOt dcnomina^iofii 
fi chiamano luoghi. 

Le aggragaziooi poi fi faooo io cinque modi . If prima fi* chiama 
per AcclamazioBe i e quefto fi pratica fotameote co^Gar<(ina}i , e<^ 
Principi d'ili to dominio ,. €(/ Viotti , t conati Ambafciacori Regij;, 
é non fl paÀ per voti fegteti ,. ma » viva vocci e per qìieAe Ac<la- 
«nazioni fi* rtngOQo «'luoghi riTervati s benché alte votte fia fiato 
-acclamato alduo'Perronaggte, e furrogaCd'adnh'altro Acdamacodè* 
lùntoi nel refio fotte le Acclamatrioni-^fi fanno dati a Ragunanza. 

Il fecondo è per amiovei^ziooes e quefio modo fi pratica colle Da^ 
me , e colle Colonie per voci fegreti dal Collegio , a cui- tutto ciòv 
che rigiiaida si l'unè, cheTaltre appaKÌene cumulativamente coir 
Adunanta; alta quale però « qnattdb il CoUegio' annovera > dee c^ie- 
dtrfi la coefermazione, che ruoteoneederia a viva voce, manche per 
qnefie annoveiMUKiant vi fono i laggiù rifervati-i e oltre acciò di fimi** 
K hiogtii* rifcrvati* ftp i# annoverattkrai « ogni atmo ne può chieder 
quattro il Collegio , e due it Cuftode , per conferirfi a loro richieda 
dalla fieff» Adunanza a'Segget^i raerilevoli *, e tal collazione va a vo^ 
«i fegretts 

Il terzO'2 perfapprefeiKaziònere qùeRo- rìgiianda (blamente i Còl- 
Hrgj di' Nobili Giovani, acquali fi concède une, o due luoghi , pari* 
mente dc'rirervati-, per uno, o-due deloro Collegiali » che- rapprefcn- 
tino tra gli* Accadi tutto il corpo del Collegio; e qnefli Rappre(en^ 
tanti fi nominano dagli fieifi Collegj, fetondo i*decreti fopra ciò fat-^ 
M, e fi confermano ^1 Collt^io a^voti fegreti , come fi e detto delle 
afiiìoverazioni . 

Il quarto modo fi chiama pee fùrrogazione r* e ttil'modo conìprcQ^ 
de tutti gli altri^ chevoglionoefiere aggregati'^ i* quali ifon poffooo 
ottenere l'ammiflione. Te non nelle vacanze , concorrendo a'iuo* 
ghi degli Accadi morti >. a cancellati s e quefte furcogazioni fi fan- 
no a voti fegreti dalla piena Adunai»a , a cui fono rifiK'vate ; ma 
perctie Tefperienza fece in breve tempo vedere , che fimrl rifiretiiva' 
era pregiudizialifiitna alla fiftoraziòne , e propagazione , delle buone 
lettere , cinico fine , pel quale fu infiituita l'Arcadia; mentre si per 
Itt'fcarfezza delle vacanze, come aiKhe per non a<vfrfi perdio più no^ 
tizia di quelli, che vacavano, pochiflmii Soggetti potevano annove* 
mfi, e-moI^ifOmi anche de-più riguard^voK fi r4manevanoin dietrov 
però l'Adunanza JntroduOe il quitico , edoltimo modo , ohe è detto 
per dcfiinazione; defiinando a i Soggetti t luoghi da vacare; e in* 
ranco dichiarandoli Arcadi*, parimente a voti fegreti , e dando loro 
il nome PafioMte; in occafione poi di vacanza il Cuftode ha inconh 
benza d'empiere i luoghi, dandogli' a chi de'fuddetti giudica più me 
sitevole MÌia fé rAdiinanzarVuo^ conferirne alcuno nell'atto ,^etie aiv- 
Mvera, è in fuo arbitrio di fartó^ 

* £ent;he varj fieno i fùddetti modi d^ggregare; nondimeno gli Ar« 
cadi fono tutti eguali; né v'è alcuna difparità fra loro, fuorché cir<* 
te gli Acclamati; i quali anno' il titolo d^Arcadc Acdamato .. Bea 

vatift: 



Digitized by 



Google 



itffk? (ÒTìò XtfptàhSoiì , a'fflpIdH^ i die fi diaiidMD a gH Aggregai 
ri, aven<k> datemi deTaddecti modi il diptoma p^cicotare s catti i 
Mali (i fanno colla dai^ delia piena Adiitianza, anche quei4i, che fi 
^difcooo a gli annoverati > ó confermati dal Collegio; e fi mai»* 
dano ffCT ti Meflro> o Nunzia Pubblico, 'foorctò t diploAì- degli Ac«- 
elomatis che 6 prefltntano d« ano, o pia AmbaTcìaoorr Arcadi •- 

Le Colònie fono Adtinanae d'Arc^adl in altre Cktà t^\t quali ben^ 
tbif facciano i reéìràmenti , e te v^mgfegaaioiii i nondimeno^ fi rego^ 
tane coUe ieggi- ééllu Ragbnanza di Roma.- Anno elleno un Viceca«- 
ftode per ciàfcuna', che preflede a) gotrernof e prendono 'A nome>i 
e dalle Cicri , oì^ fono fondate r o dalle princif^aU Accademie , a 
airce ragioni^ di effe, t vacando- i luoghi in^efle Colonie^ fi furcoga- 
no altri Cittadini'y o Accadermci , eoine pKi diffufanaeme fi^ice nel-^ 
riOruzione intorno ar ctò^ dar itiéctertì in fine del p^efente racconto «^ 

te "Colonie poi kuftituke fiMofta* fono^ vefKuiYar, cioè diciannove 
iiecolarr , che fecondo ladine dell' inftititizione fono le feguonti • hz 
Forzala itr Arezzo ,' lacu^ imprefa' é una' pianta di Gi^afoli voliai» 
at Sole;' TEI via rn Macerata r l'ifnpMfia detta quak è unp Agnetlino- 
inaud di prendere il latte dalia' madre , col morto Ciiw Altre ii$ff 
vuole ^ rAnimofa in* Veneziay che ba pef imprefa un' Albero- circonda* 
ro d*Edeta-y col^ motto Tenncs graniU\ la Renia , o del Reno in 
Bolegfla, la^ cui impresi é ui^ Virgulto- appiè di un' Albero,; col mot* 
fo Mktrh/e fttè^icitumhrét] la'Fevrarefc*itvFcrra»a,Ja<iù'imprefa>ancora 
AooèltabiHrà; la Fifiocricica ito Siena, Timprefa della quale à nnpezzo 
*i pietra di' Paraijone , col motto, Finis , 9tfod' fofftt vincere falfii; V 
Alfea in Fifa, la cut imprefa è una piànta di Rofe foccbiùfe; la Me^ 
^aurica in Urbino-, che alza per imprefe una Stella, coi motto A4ìcm$ 
mttr mmtti-; la^Croffolia in Reggiti di Lombardia, la cui imprefa fo# 
no due Spacte incrociate r col motto i9on f&i^Pam gU gnerrm d neflri 
Carni V la Sebezia in Napoli , la -cai imprefa è il fiume Sebeio;: \^ 
Rubicona in Rimino , la cui imprefa è un Dairdo getrato in aria*, Il 
KaurìcaF ii^ Pefaro, l'impf>éfa d^a^ quale è una Rovere i la CalUefe il» 
Cagir, l^acui imprefa è nm 2Limpogiia appefa ad anJLauto, col mot- 
to Arèer vitforiofA y e trionfiUe; la Mitanefe in Milano, che tuttavia 
e fenza imprefa , la Giutia in Udine r che ha pet imprcCa unLa^o 
valido -di tropea, e fcarfo di rami , col morto Truitco non frondibus ;: 
h LigufHca* in Genova , che alaa per imprefa no Canneto- crefcente y^ 
col motto Ref fondere fumti \ la» Veronefe icv Verona , la cui imprefa^ 
e un'Anfiteatro; i' Augufta in Perugia, la quale ha per impref» 
vn Lituo , col mono" Augufio Akgkri^'i e l'Emonia iiv Lubiana nella^ 
Carniola , Hmprefa della quale è il Vello d^oro ; e due Regolari , V. 
nna detta Camatdolefe , nella Religione de' Monaci Camaldolefi, 
che alza per imprefa un Pino , nella cima del qnale danno due Co» 
lombe; e l'altra Mariana, nella Religione de'Cberici Regolari Po 
veri della Madre 4L Dio delle Scuole Pie » la cui imprefa è nn Mon^ 
tonc, che fi pafceln tùia rupe, col motto fJinc /atur. E notifi i che 
ogni Colonia fopra la faa< Imprefadebbe metter la Siringa difese can^ 
«e Infegna d'Arcadia. 

io ho detto di fopra^». che F Arcadia, oo» ha protettore temporale 3^ 

ma. 



Digitized by 



Google 



mjk non però 2 prir»* della (pkicwlev tffènétifftwC^ Cono tà nmttt 
dei Simiinmo NoAro^SisiioraGesùN^cente» U oiifefta non poteor 
do ella celebrarla nel di >. die fi> ceiebra da-iuscr i £qdali ^ perchè: la ftar 
«ione d' Inverno' non perqìecteererctcarfi nel BoTce» foleva gtdioleiK 
frizzarla ogni anno nella prima Adunanza Generale»: che fi faceTanct» 
Ip. fteifo^ Bofco } , ma poic effeodod coofidecato ». clie il Jiiago- iatcrvali» 
di tempo», che fi frammetteva rraU «rerafeftav e qoefla: noAra cele- 
brazione ^ facevartufciff. t!aco(a<olue.m«doArana;rfi è prefo erpedien^ 
tfitdi^&re per cai cdebraaòonc agiti liQimtta'AduMBza' pamoolare nel*- 
la Capanna d'akun^P4f^cteol^icMcya.fiia^debicafCc»npa; ei 
ce anno è (lata fatta con nobi^iffima pompa in quella dell' Acclamato^ 
Crateo fric^inia». cioè nel Palazw. (iella.* Gaocelleria Apofiolica refi- 
denza: 4eJir£minciitiflimo Cardinale Oitobonì». che in ogni occafio^ 
neper. Tua bontà fi degnai favorire larnofìra/ Adunanza*. 

in. oltre perchè fin^daK prìocip^o^fi^^ftabiU » che nel c<Hnpnto degli 
anni fi cammicKifle per. via d'Olimpìadi»* feconda un' effemeride perpe- 
tua, fabbricata^. dal Ctifi^c coli- a(fi0enza». ediaiuto- dell' ecudicìfficno 
MMf^^Jrancefco Bianchini y. decco^Srlvaggia' Afrodifio». i<)tia)i< fi sfdr- 
zacpuo di. ridurre V anno^ OltmRÌadica^a coerifpoiklerei alt'aniKx Gio» 
liaooy.come diATufamente appanfce-da ua?difcoifo'>.c)ie parimente ft 
riporta in fine r però T Adunanza prefe per cofiumedi celebrare ancbr 
^a nella^rinnovazione- d'ogni Oliinptade^J Giuochi Olimpici >-.nofr 
già per efevcizio del corpo y. come fi, faceva dagli Elei; ma bea per 
quello degriogegoi) col meiszo diicin^ua Giuochi Poaici»^ nei primo 
de'quali & covitengpno brevi ragiofmoMmci»^ nel fecondo Egloghe^» nel 
terzo Canzoni »., nel quarto Sonetti »« e. nelquiiico ^4adrigaii « o £pi. 
grammi ..La difpofizbne di quefii Giuochi Io non« tadefcrtyo» |>etcfaé 
efiendofi dati alle- Rampe tutttquelli^ celebrati- finora,. ciaiC4wo può^ 
vederla ne' Volunai di efii: Tolo^dirò» che ,lbg)iooo celtbrarfi in lode 
degli Arcadi Defunti^ nella, precedente: OliaH>.iadc fé. pure» r Adioiaiiza 
iK>n difpone altramente». 

L! Arcadia* ha. per infegna là Siringa di fette.' canoe- ctreondaia di 
pino>.edi lauro re queAa infegt»a ooii può ufarla neifun' Arcade » fe 
non ti CuftodrneUa ó»fe^fpei.tamii> air Adunanza GcncEale, e dee por- 
tarla intanello» e può tnfecif la anche nella faayaane;; Ma nellctCpe- 
dizioni del Collegio», e in^ altre fcritture» cbe.efcono- ànteiKicbe dai 
Serbatoio ufa.riflfegAa^dcila Cuftódìa , che e im cane appiè: d*ttoa 
verga. i?!aftQra)ecoi^9atAdispioo».e lauraQretfo>.ecoaMoefib iofieaie. 
éit un ramo d' edera *. 

I* Serbatoio,, che è lo fiefib»^ die la^ Segreteria,, e T Archiviò» fti* 
appreffò il Cu(lode, il quale dee leeerner e* renderne cotKo». Io effo* 
$ confcrvano i Sigilli pubblici» il Catalogo originale degli- Arcadi ». 
gllAunari),. o Codice de! fatti, ette di giorno in :giorno* accadono», 
varjtoitil di altre fetìti.BreocigitHdi>.r£ffemefide Arcadica-,, e il Mi- 
BucàVio^di tutte le. lettere, p d^>l<H[nt,.che efcono^^pome^delP.Adih 
nanza,^ e det Collegio ;i; e^treaeciò tuttiiCoi^Btiim vinti'», che tt 
fuandan^tdà^Pafidrt abitami f(i0ri di Ròcp^; e qoeUi, che fi taCctano^ 
dopo le recite del Bofco da'Pafiori dimoranti in Roma , dc'^qctaK^te 
9t fono farti fin'ora quiudkigcdfli Codici^ tutte le lettere» cbevcor 



gOMà 



Digitized by 



Google 



315 

fooodilborf» le liliali ogfi*afìiio:fi ricfncoiio in Votame i^ ve. ncTo* 
na fio* oca VoUimi f^dici^.e fioatotilici:^ 1^ libri Ihwnptt» 4^\y AfJqqatN 
zat cbuGDaiparre dt.qoelIK^ che fono ftatt impr^ffì dalle Colpnio, « 
da'Paflon^ÀmcoiJDrL .Ncl.riinatleDtc4l:S6rbftrQJ0 tè orn^0 meco di 
ricrarti d'^rcadi^effctidopcaiieio a icUfooo Arcade tMndatviilfyo^y 
t vi Acanktf^soo aadìe'tQice:{c{ lapidi di metDiMria) che fin'pr^ (ooo 
^e Yattei per icoltocarfi a fito ceoapo net rfiofco Parcaiio alla ptijlybli- 
ca vtfta; e in qoefto luogo fi fanno le Coo5r^afl(ÌDnÌ4Ì<d^ ir Adulali- 
za , come del .CoHègto\ oliere depifcaxe » ÌArtiKt^i le;qaarti /di ?ifua rah 
gione «atra di rCuftode*, jed . lia di ^voco.^ «d 4ec jioiaro^ ^ o farne <notar 
gli acci dà'Soccocuftodi ne' lil ' ' "" 

FinaloicDce. PAxcadia -halpc 
lare (limade'rfuot rPafloriji ^v 
al farfi.meiseriaiiè'libridléNFa 
ad ooare^'adigntciidiiìfQiiim 
to» fcfjveoéofi^ivfvyilsiorDO 
e rìTpecco a'Cardjoàlit menda 
calarli con jcSo loro aoiome 
Pafiori concinna corrifponden 
faooo :non <men de' pwfencl tv 
cootrp la Aagtmanza « ieeve i 
componimentì da 'leggere^ ^e ic 
ire fimili dimottraciom-? e qit^ 
memoria ncMetri Ubr^.ooiaa 
della loro morte; efe^ono.t 
che dagli Arcadi .4oto amica 

marmò dette di fQpra.%iPer tàte/ataamema^^in primo .luogo 'fi cornea 
tono da^ Collegio<ie.freparaàienii.Y perle tjuaU^I CuDode deputa un* 
Arcade,» che feriva ta vica«del Soggetto > e quindi ^re Onfori , ùìì^ 
i'e(aaùniiio f^ /e .facciano la .relazione, dei .merito ; xolia «quale 'l'Adu- 
nanza procedendo \pet ^vbt i 'fegreti c> »fool .pm regolarti nìe) <deore(ar I41 
^Ht ; .f .decretaiidofi^ il Còl4cgio di la eterna «ddl'àoif^Tigione « che 
dere inoider^fu Tawo 49 vite » quancò^e «rdaziopi Ti .riducono di 
tempo 'in tempo >ÌD iVotooit 9 che fi 'dàialle . Ramperà inficme cq' Ri- 
tratti di quellt^.a'qnali fono 'fiate le lapidi decretate , e colla forma 
ddlemedefime lapidi re di tali Volumi -fin'orane fono (lari pubUir 
cati due 9. ^contenenti veoriquattxb Sugg^tti, rclie .fono A regoenti ^ 
il. Dmtor^f aocefco Redi .Aree ino > detto Afiìcio Traufiio^ 
Moof. Ai^elo delia Noce NapoUcanojArcivefcovo di Roflano^ .d<t* 
to I&nenio ijongtano. 
Fraacefco d'Andrea Napolitatioi ilectoXarirco Jafeo. 
Marcello Malpigbi Botognefe » detto Teronc Filacio • 
Cario Maria Maggi Milanefe, detto ;Nicio ;Mene1adio. 
Raffaello Fabbretti Urbinate» detto Jafiuo Naf{lio.> 
Il Dortor .Lorenzo 'BeHini>Fiorenti0O) ikttoOfelce Nedeo« 
Vincenzio Viviani iFiorentino,fdctto EronefCtonio. - 
Jl Burrone Anionb Caraccio da .Nardo, detto :l.acone Ccomizio • - 
Benedetto leonini Fiorentino, «detto Euganio^Libade » 
l^anecico de JLemcne Lodigiano^ detto Atezìp<jjitcaitco% 

11 Car. 



Digitized by 



Google 



51^ 

Il Cacdinaite 'Etnee K^vUVeratìdbvdètm EttCtttté Agdcèti^^ n 
Il Dottor Liooardo di X^apoa Napolitaoo ^ detto Alctfto CA- 
ictico ^ 

il Donot Titto Mapit X^abrieltt Samfe , 4etto Eofifio Clitocco^ i 
<;regorio Meflere Saleotino, detto Acf^ Caracollalo^ > 

' Il Senator Vìncetizìo da Filicaja Pio^entinot detto PoUbo £oH)irio^ 
Il P. Niccolò Maria PallaWcìoo Genovefe deUa CoofZffÙA di Ga- 
^ù, detto SalictoBorco, ' ' 

- Atidpca Pcf^hilH.SatetKÌno, 4<t(a Meri Foberìco. 
^ Cario Canari Orvietana Decano degli Avvocati CoocàftocUit det- 
to Filemone Clario, . ' . i j - 

^^Benedetto' Ai^erattl f iotemroo, dettoCorileo NaiEo*. 
' Loreto Matrei iReatinOf detto LauriiKio Acidonio^ 
' f4onfigti6r Gfo. X^taftinoCiampoii Roimiio, detto famnone Oej^ 

* Il Cardinal Domenico Tarogi Orvietaa»» ^cstOiEgeeio Dafeo. 

* Monfig. Marcello Se^eroK ftomsmo , detto £lckio Calàdio • 

-Ed' óra fi prepara il terzo Volame , ove ira igU altri faranno il Ca^ 
V)inal ^i'<7uMon tHK> de'4K}Art Fobdatoerr » ^;il celebce Martematiot 
Vitale GtoTdam, » .• : n 

' Ha anche a benefizia degli Arcadi foodata io fé Reffa rAdaaaau 
«na •Società di ftaiti^ per agevolare la pubblicaziosé » e la ^looda 
delle loro Opere ; e qtiefta Società fi t^la dal Cuftcde , « da dar 
Deputati^ fecondo alcuni ftaWliaiemi £^ti ilalla modefima A«Iib»o> 
«a, ed impresi ,^< xsaodati io givo pei icifooa.fttdla Società ha ^ 

Micati parecdìi libri . ^ n . - /^ , , 

' Nel f imantnte ptt tnaotanimento tli fVffta Adaoaazar fu fiabiiiu 
;ta raffa di tre giulij Tatioa p«r e iafcim* Accade dianorantr m Roaii; 
é v'é l'aUra d'una piaftra » tiie 6 paga da chiunque è aonoveracoi e 
^uefta é a6R?gnata 4a cpnto dette ipefe ordinarie delia Segreteria. 

* La feliciti 'della noftca Arcadia con ttuto che: face ffe Aabilc,.e 
ferma 'i nonUiffìeno ha ooffò piricoto per dar jeagkmi ,- tSiea dri^ 
linali (i è) che reclamando an Arcade dair^tezioneda"^ Colleglli dfff 
anno pàflato 171^.) ed a\«ndo la General Chiaaiaia* À)ia<|itak ctnh 
xorfero cento ciiK|<ìe Accadi ^ fcntice le fani' ihifcritto, e -in woei 
lottò il di 2Z. Luglio per fettantaquattro-votii civettata la preteaéa» 
ne di lui , e ordinato che fi •ofTervafle il fotito; eflTo Reclaatamei 
ed alcuni fuoi partigiani fi dividero dal corpo dell'Adunanza» e pr^ 
tefero portare akrove 'ta tnedefima ^ <ed effi poobi foli* coftìtiiire tntta 
finterà Arcadia ; cercando di fovvectìr degli altri per acierefeeee il 
lor partito • L'altra , che non avendo fino a quefio tempo f Arcadti 
avuto mai luogo Qabile; ma eflendo andau fempre vagando nrqdi 
or là , alla fine a poco a foco anche i pia affezionati andavano qler- 
<}endoG d'animo» rtc^randofi a deplorare la (poca fortuna deUe lecrcre. 
Ma ta buona mercè di Dio^i, alla £ne «non folo è Aato dato rimedio 
ad ambedue qucfti mali; -ma eglino fono fiati queiti, che anno vcTh 
ment.e fornito <ìi ftabUire ,^ e perpetuane l'Arcadia « Al primo^ha ri- 
mediato la 'Ragunanza; la. quale per togliere <ogiM..confofifye « e 
fconcerto, die potefie nafcerec^dagli. attentati de^malccUtenn, ordi;^ 
primieramente i «cbe^fi^jrfpiocafb la vok9itiJi.ciatoinJliicade\,.qaal 

farcito 



Digitized by 



Google 



^Ua IcìffuKi' V ed d^ggieodo i!h primo • doveile dar parola per ifr* 
ctictura» che imr non avrebbe operato y oè cooperato palefemefite » 
e fe^etaiaeme pel partito coBtcario> ed edetido Qaii; maodarà i fo- 
gli m giro , non foto pev RoaM.y nu^per ogo* Ciftà > e luogo é 
i)ve ^dimori alcMi' Avcade^ Mici giri anoo rimandati fottoTcritti in 
parola d' onore f e fpaaMiiBente. le Cploaie 9^ a riserva d' alcuni» ì 
i)iKilì per oot> foperfi ki* et ttezza dcU» toro Qaoea t» può^ eflTera > che 
k Ituere non fieno Jnr oapkatei» e d- ^oxm altri- pochi , che fi fo- 
no voluei izimanere jsidifierenii> a annoi aderito all# Teiera » Stabil- 
ii poi una Congregazione di otto Caputati», i quali con fupretna aur 
roricà radcttaflero il Catalogo degli Arcadi a nùfura d'una inAruzkx 
ne, che e(Sa cnedefima decretò r e diede ipso; e cosi r affettato lo fa-' 
coffevo fidampare , abolendone ogni ^Uro., che fin' ora fofle flato* 
fiampato; e queflo è il Catalogo y che fi v^dr^ appreflb * 

Ai fecondo ba meOo ripavo la geni iofiti incomparabile del aofll>o* 
degaiOimo Arcade Prtocipe di Cerveteri fopcarome^tovaipy il quale 
non folamente b^^dato ftabii ticecto ali* Arcadia tanna amenidima 
Villa fui Colle Aveatiix>; ma vi ha-fatto fabbricare un nobiliflimoAiv 
iccacro per le^ue Adunante» le quali a riguardo di quefla fabbrica», 
apn è 0^ poflìbile incominciarle prima de'i^p del cosreme mtfe di 
LugHor 

Laonentovata Villa e quella Ae0a ppcflb Santa Sabina 9 che fu ne;** 
paifati fecoli della Cafa Savelli i e ficcome narrail Ciacconio» nel par 
laazoin e0a efi(tente fu fatto il Conclava d'Onorio IVr Pontefice di 
quella FamigHa,' ia.cui f^i detto Papa Niccola IV^ Escila circondata 
di mura a fomiglianza di Portezzai ed il Palazzo r ove abitò il Poiv 
t^fice Onorio, frale altre riguardevoli cofe ha unvafliflìmo Salone ri-- 
quadrato» ed una maeftofa Loggia» Per compiere là delizia di q^iefli^ 
kiogo akfo non manca y ehe l'acqua; ma ove rattezza del fito ciò 
vietava, Supplì I arte coftifcavare un profondiffiino pozzo ^ che andaiv* 
do a ItveUare col vicino Tevere» da lui riceve acquaio abbondanza» 
la quale viene fommicii(Vfaca anche ^a uiv' ampia ciflerna» ^he racco» 
glie l'acqua piovana • Ao(icameote Paria era quivi la State non men 
iKKrva, di quello che fia per la Campagna Romana^ dicefi a cagione 
iltlle molte acque flagnaoti, che allora v'erano intortio: di maniera 
che il mentovato Scrittore racconta ^ che i Cardinali patirono si far* 
iameace isel Conclave y aUorcliè quivi fichiufero, che ne dovettero 
ttfcire prima di venire all'elezione del Pontefice ,^ per non rimaner tut^ 
M oppeeOl dalle malattie, che vi comraflero; né altri vi rimale, cba 
il Cardinal d* A/coliy ù quale al ritonu) de'Colleghi in tempo non pc« 
ricolofo, fu poi alTonio, come abbiam detto ,^ al Pontificato « Ma ora 
i*ariai «anco falubre^ che può agguagiiarfia qualunque altra piùpui> 
gara di Roma, di maniera che anche la fera vi fi può dimorare alla 
feoptrtp ficosamente^-anzi nella fera confiAe la maggior delizia dell"^ 
aria; eficndo ii giorno la Villa quafi tutta coperta dal Sole*. Alla fa> 
^rità dell'aria s'aggiunge una veduta, che è peravventusa la piùbeU 
la, che fia in Roma \ imperciocché dalla Loggia ^ e anche da uno* 
toperco contiguo ajl'^Anfi^eatro fi. vedp in prima il Tevere» che fcor- 
* ' " re ap- 



Digitized by 



Google 



5«t 

U appooco fotte* lt.Vitta<blìa^|Mtr4i ponente « cU li cbd «nleiiiM^ 
miocìa.* goderli» la vUUi di' Romf.dieqvdicint^ 
do m oocSo* luogo 9> e fpestalmenie in faccia^ viÀ'lagcani fithbrìcadtl^ 
V 0<ptaio> di Ripa dal Regnante SomniO' PopMfice ton vi^ masnii^ 
cenza. ordinata» né qui fa folamcnifr vedocA il Tevere;: tcnpcroiaccbè 
kopreiKlo&di noovain lontanaaM vei<b il IVinct &»t' AngeiPt e'< 
pare».ctiela Citti iHmda«no9 ma da dorllooitf fia iorarfecaca • Se- 
foe poi la. ▼educa, della. Ompagna rparfa^deUe;ticineCinà>.e Ca Ari- 
la «, e qnefta va n terminare aroiniflìmiflwnier col mate >- godciKlo n 
{ol girar d'occhia tutto* imorno^rcopercot^zonici (norcbS dalla pa^ 
tetra levante, ctBex2odiv> che è coperta. dal ^itaxao^el luogo», e dal- 
^a contigua. Chiefa: di S«Sabtoa «. 

TaLdelizìofo recinto ebbe dopo i Savelli divarili pofleffori», roltimè 
de* quali fu il Cardinal Ginaasj Decano dd 5acPoCollagio».c famof(^ 
Letterato de^ tempi fuoi ^il quale in-eflb, è fama v che componefle r 
infigncL opera de* Comentar}' (òpra l Salmi y. che poi d iode alle ftaaipe v 
e (auto fa ne compiacque ». che meditò di fornirlo di ciò», che onici' 
mente vi* mancava» cioè, dell'acqua v conduceadovela. biiogwaado ari^ 
cba fotta il Tevere i e non ofiaatc la. fmifttsata< fpeCi». che- vi*oocon«- 
va ». avrebbe cenamentc egli mandato ad efecnzione ta) fuo peo6erov 
fé non fi. fofle trovato» che i livelli/ delle- acque- di Roma« erano tutti 
più bàflS di quefto colle Dal Q>nte' AleflTatidro Ginnasj Imolefe. ooAia' 
Àrcade», moderna erede noamen delle facolcà». che- deb fapenr». e del- 
la magnanimità, del Candioale, it qualo^ aveva' panicolar godo , clit 
qoeftafuo/luogafer^vifle ali Arcadia, prendendolo il Prtocipe per no- 
ve anni», immantinente ne difpofe per effa^^c acoomodoilo al bifogod 
de'fuoi letterar ); efcrciaj ^ . 

Dalla pane adupque di Poaenre^focto relfremiti delle gran loggia 
fuddetta,, che quivi' termina, guardando con una grande AocataverCo 
Tramontana, ordinò Egli la fabbrica d'un* Anfiieatro in formadiSea* 
kfb.mprata di tre ordini diiedili,..iL!piik! elevata daViaallha un: ccNoodd^ 
^iW^SSìo ,. o ,. come fuotdir (i ,. parafckiana ^ lì diametra della plàreadi 
mezao tài palmi* fe(rantotio».non^effettdofi fatta maggiora a^rigna^ 
do». die le voci dc'tecitanti 6 poffanoiafcoltar fenca' denta;, e il ci^ 
euitor depredili fi flendc: in tutto^ palmi fecemo k di maniera che TAo- 
fiieatro è c^ace di fopfa tcecenta luoghi* da adagiacfi ; e dietro ik- 
dilL v'è anche luogo pcx^ pia di altri cemauominiMH piedi»', a taleaV 
tezza> che veoganaad appogg iarda! pari^cbiena;fiiddetto..Si eiMvaki 
cQb per. quattro Qrade». due dalla* partr di mezaogiorno, che viene ad 
e0ì^re appunto fotta la detta eflremità; dalla, loggia ^ tra. le quali^é coi- 
locato un nobtl. fedite di dtKHclhioghl per llSigXardioali'»«al quale 
a!afcende pee tre fcalini^ ed ha il parafchiena ornaro d'ut» baOò rtlie- 
vadlflucco» ove^coo affai vaghezza »«fchet»L una. vite», pane dell'ara 
ma* gentilizia. del 'Principe .. 

Le- altre due brade s'aprono propopziònatamenicdiriinpeftaallefod*^ 
dette > ed in fàccia. al fedile de*Cardinali,'fòpraiunigaippadl monti», 
rimanente dtir arma mentovata , ne' quali è il contodb da fMaia pcà 
Difcorrcme ,. e per li Compofitori delie Egloghe , fi vede aOHa wm 
Apollo egccgiamence lavorato » che colla defìra s'appoggia aHa lira^. 

e colla 



Digitized by 



Google 



e Militi iteiAifl! MHep» 1^ SitìDgft di rrtitrCime r UtapttkOitgH Ari 
«aéè>^^bii|Mte è tetn^diiinetollo docino; «e ifec Qo irMppQ * clie4 4I? 
•tecizs^ ptlod -yeniiirt-.^ iioq piiò*^prìmcrfi quamo acccitfai 4t 
«Bghnzjt della iabbtka > la quale jè xmu% di «cokice di ^aaiteniocs 
fiSOTciièla^aaciia 9 che è/tnarmoriiia/. ila'Plarca fi rimane in noéft^j 
aiUM ^twda'^ -non pcenrtwndo la ftagtone fovesckiameoce .ataniwai 
che &.iUjfKCtt • cbervt iialca»vcraira^ dalla qaé)e<oegli «inni mvvenirt 
(acà ffieopenaitnaa a gnifa di amriio praticello > ^come apinreBb ù^ 
Ek cktiiii.tiitco rAnfirearro ientra un ffedntoo o ^altiera ^i ilaori» 
che ìll/totQcaHtrà.a^aritoadtxoo^^ > lenta iimped^c l* 

msitmtàiùàm^éilàt icopmiL ,vta mirdbilnience viene aumencaca ^ 

Dilecttvols^ e maeflofiitrfcre modo.è.quefla >fabbcica**) ma quello t 
che le dài'drimo finimeam» i è la fiiddcu» loggia > dalla cui gran- 
de Arcata «non (bUttneare fdò fodere non ;!k>co numero d'Udicari ; 
BUI c(rfidcflBidofiffoKto.itijtfla<%'Come dee (eguire;9^e leggi d'^cadia^ 
e cmie 1e:laptd*.di:nieniotia fatte » ^e da farfi i«li Arcadi ^lluOri Me- 
liniti ^ v parrà a chi la nede anzi .patte rprincij^ilfima di quello ino* 
derno lavoro > che co£a antica : Tidea del (quale è tutta tdeUo fieff» 
gctterofiffimoi^rincipe di Cerveteri; e!nel fareviffimo xorfo rdt foli 
imKfctnqoergiomi.è ftatafatta egregiamente .efeguireda^Gto. Badila 
Cootinio ceiritoe .Arc^ttno di ouettaCittà.. 

Io iu>iddaritio*qoc31oHieIixitf(orloogo rper le mie forze;, ma .perdio 
fiottìi. cnfefBon ^ofiano mai rappre&ntarfi cosi .intevasaemexclik p^ 
solet :<iie:>il dettare jNoCi venirne in piena cognizione., come il farcit- 
ile colla vittas petali grazia ipeziidmence de' forefiieri > mvendolo «I 
Gcnrili0imo Cavalieoe. Girolamo :Odatt moAro Arcade , inventato^ 
dcUoeato ^ ed incifo in orarne con ogni efattezza» -e finezza di/gufto; 
bo Atmato mtafottnna di poter con quella fua nobiliactcì» la quale 
ba fervitò di (vigtiettOjper intimar ria prima ^Adunanza , rper Vaprt*» 
attuato deU'.Adfi tencwy^fiipplire « qualunque nuo^Bancamento % cotf • 
SiBaflBodela a.?prefetiti sfogli « '( i ) ^Ctrca la cquale rnoa .mon^hcoà 
aanrenìre^^ fChei*ti|gegac^ inmstore Vita «ttormata d'un oroamentni 
iMtt <iBen vam % rebefemdito » ^captrciocthè :ìn pie ili cflo iù vedo 
ttsa tetladi uonaa laureata rapprdfetKsnKcIa Poefia.» fopra la quale 
fooo piovute bielle ^mme > xbe /indicano tqueir eftro .^e' Poeti » pel 
quale eglino vantano^ 

4SJI Diux im nétàs.^ mikmité tdlrfcimnt Uh . Ed appumo quelle 1iam« 
Me anno .perrorigìne* la gran 'STELLA ALBANA , Jncifa^clla Tom- 
flMCi ^et^aame ;.i|ier.YiBe&Eo.deUir tinaie il Ciato tcnmatida tion pi^«a^ 
la PoeGa Y che tille >fcienze> te buone arci tatti :t|Qe' copigli ^benefici 
ittflitfl ».cbe avvtfoijMx>»<eacQeadofio?gl'4ngegni alMie ^ t virtuo- 
famente operare per ornamento » e ben^io della 'Repubbl!Ìca > e pec 
iare anjinSo dell' etertùià ^el nome^tcbe viene efpreffa dalSerpente, 
<Iie circondando la mentovata tcAi^kllaPocfia» addenta la propria 

eOre- 

f r > FàriMH: jfmgkìenumint^tfhigfd Usl'Crifiimhidi UfttnttufM ài fuefià 
'JUiftééif ^ ctn0r0 n9n€pik in tjHn^ atèismw trtdmUfmperflm^ Migiungtrme 
^i ìm fsmrsy iém$é^mdaior9im9$^ th fià im^ti-^ti$réi0 in^tlM 4$l aa#w 



Digitized by 



Google 



$10 

«flfrciDitt -, « i ?oèii^ni!fcirte|^«i tìr t AieXJfeiftv ém 
Co la Odia > anno di etk tal dovizia ^ che:aMK»<teVoliiirafe «le, 
f anircokio a chianque ha fiirmoa 4*e#er <motm^4Èt' tono vatfi «^octa 
la StelU finabneiice v'èrienptoCà dVtecadia % iifitrcbè4ia«ila^r;|0» 
telare Gesù Criflo N. S. Nafcame; conie:aoche>evciii fionfce iìRCff 
gli aurpkj Ilei Regnante 6ommo Pontefice, cte iempce htnitgasumomc 
$*è degnato di dguardarla ; «d a quefra Iinpcefa fono (cKoaffìRe doe 
Kombe ^ fer éimoiVrare , che iJ fÌE«ipiice feiono della -Siciaga ikulìI^ 
letta tanto gli animi d^li Arcadi , cte cion fappianoxlaf «ki«nixi 
anche alla tromba; e dalla 4]iafezza' ddle paAorali rkar» ibllbvai^ 
air altura dell' Epica Poefia : di tnaniera che bea cionveniga^al bofm 
Parrafio l'elogio inctTo nella Cafcia, chcrfvolaeza (éiv^Tìmpaùt,. • 
Ne qui^ fìt lucus , quc ft fluì J4£t^ AfUà^ 
Chiuderemo poi quefto f acconto eoo dar AOcJsia , che H prtfeme 
anno per la {carfczza del teippo^ioa potraoiio favfi fU^ Tei Ada* 
fiaoze, cioè cinque de? Poftoridimotaniti io Itoma itxrila* prima ddle 
quali » che è ftato aperto HAtiibeainrt eitgot Dofneuc3i.24. del 
corrente mete dì Luglio, ragtoài con incTplicabihfivacirà 5 estra- 
dizione , il Dottor Pier Jacopo Martelli Segretari» dèW&^gfOMKV 
di Bologna in Roma a tuimerofiffima » e l'cehifllma Aodieo|ui> oett* 
intervento di vari EmineariOtmi Cacdinali , e di qdafi t«ta4a Preia- 
tnra, e nobiltà Romana; e il Soggetto di qucfta Adaoansa è Aau la 
Canonizzaxione àc*SS. Pio V», Andrea d'AjvcUiiio , Felice da Canta* 
Kce 4 e Caterina da' Bologna , fatta ultjmamdÉie da Soa SaMìti , e 
celebrata in. qaefla funziona Accademica da copioib. numero' di Cm* 
ponimenci Poetici , che forooo afcotratir ^ doa> pienifllmar dtiinvid 
toddtsfazione . Ndla feconda, d'ifcorteci MonC -^iodenaio rflaointit 
nella terza Monf. Niccolò -Fonegneai, ambedue' Camerieri d'Cteore 
di N. S. nella quarta l*Ab. Amento CoUoreti , « ncMa quiota J'Ab. 
Paolo Antonio frefcebaldij^ una per la lettuca .de^ompeeimeoti 
de* Pallori Accadi /oceQicri, il dlfc^rfo.» cheifiatè{n^à neifar q)eate« 
fard del celebre Abare Anton Macia Salvhii F|oipntiiio> e (pf^iano 
nel valor di quelli , che vi debbono operare i e odi favore deUsi<3DP> 
te , e di Roma , che Tempre ri ha aflSfiico*^ jché am faratu» tì\tm 
ftt riufcire in nulla inferiori alia f rinn gjà ignita* 

JL E G E S A R C A JÌ) U M- 

I. 1^ Emr Cemmimfimmd f^efhu.efiè.. Aàiim'4ntUèm tmmm 

IL Cufiot re(m$ gerìindis'j & fmcmwiMf finptìs Wymfikd. iClMi- 
mwi creator y mim/que idmitus remavetw . - • ^ 
. in. Cuftodi f^ìc^pus ^ & CeUegée^iMdecim ddfum^ . E^^m JSMgttU 
énfiis Cufios , ^nfiil$9 wuverfeJCcnu , nm^sfex in 'èrkm eltiii0 , fax 
veienm retineto. AdminifbrQs fihi dues adfimite. Prater hdc alia im- 
pera fuklicd ne funto. Patronus nullns eft9. 

\\Y^^ S^ré^gi^ifcretaJ^^^ ^.t^^^tpm^vn- 

4^,t, ìrifariam dividumr^^ 4^flm^c,^^^^rHs\^ud fart$j fym^ ^ eaierh 
iair$l^ lùfdriam.4i/fMjmi^„f HU^ite fmem dimidiiim^»itr»tsy 



Digitized by 



Google 



kméhifi^Jhs f^. Sìfuh^dfiiàmf iieràmmr. V&Hcefìrts. fmi. cùm^ 

miitit^r. 

'>^¥. 'Qik9M ffor CMigium dc^ rtèus cmummibw éih$m^i if/tummtftut , 

$K# prpHim vstmm fin^ f^ Cufi^dem si Cmnnmte rtfcr§m. 

' VU Cmtus unhftrfiu rùatioMus^Miiimdi^ » sdifqitt c^in^fcundisJfywr 

m^fMpim Hi in JExUìmt, Cérmimkus akttm^ & OréUÌ0mbus /vm^tf- 

ciémdisj fréfemium quidém P^fitmm fer 4nttum ftxhs.^ ^fentinm ftt 

mtìi verni ty & mjUvhfiriisdn Ntmns Pmprkafium xfm Ci^Hl4m /uk 

• Vn. Mdéd Cétrmim ^ & fum^/d^ tdfficfM # fif€rfiitU/4 » imfidv$ 
fii4f0a ne ptmuHciammr. 

fliifiihìf fittemi ^ Or^wibni qmtntum ves fari Adhiba^^ 
' 1X< j1rmdic9 tumine Tjfis iftfuffn fuUic0 m \uid editar., 

X. Qn(H'fr^§nim ArcéUicmrum tiiuiij tnidgm Psftotest P^wrMHh 
Vt'n^iHS/wft0, Jftqm mmtfti^ ém $xtnnEki l$cum éiUm fi^ii^crJ. 

Si qui/ éidper/f$s H.L. fdcit^fiucit^ f eceri t^ quive fdàt^ j^^xii^ fn 
teritve quaminns qnis fecHttdmn H.L/fdceret^ feciffetve^ JA&wrufve pety 
C9nfe^im exéerc4s ^0% cfttfque aamen caram Celiegio fer Cuftedem mh 
ducifer. 

Si quid in hislegibus obfturum^ ferpleécumve {lee^ five^emprehenfum 
fm fiee^ C^ ne tm ni' .Arvédum cenfultis jfenitimfus in^er P^eres mare 
imijerum ineerfretAndi fufflendique jue^ tjh* Quedqtie deercsum^ judics* 
tumtff fUe fenes <:ufiàdem sidfermtmr^ ite Legum TdlmléeMe redigit^^ 
AutU motféis Legei ferre fas dfie. 

jilfheftbaus Curius Cuftes Ccetitm ntiiverfum its regdvk^ Felipie JH* 
èeatis jircadeS', ne qud in bis legihs ad nejtri Cemmunis regimen cem* 
pthenfMy ferfiriftaque^^t^ amémrirau^ iufi^queiceftmffni j^fid^ raté^ 
firma ferfetue fient , iifdemque Paftores pejthdc emnes ferfeiuo tenean* 
tur^ ut quicumque Arcadicum deincepnemen ddfumfmt riiPri5u4 HJL 
mkti fscramente fiee^ . » m .. 

Ceetus Vniverfus f Civita ; 

Olympidd. DCXr/N. AmlIU 
Ah Arcsdid Jnftdmrdiét. 
Olymfidd. IL AmM. 

Adam J)eereti delf AdemMKA d^ Arcàdia 

NOtìù pofla cnetccre iti modo iriciiao il nome PaAorale« uè it ti* 
colo di Paftore Arcade nc'fo^t , che fi ftampano volanti. £ cm>-^ 
ca le altre Stampe ia Vohirae» non pofla mecfcrfi, fé prima non-fi la* 
^ otreoura la licenza in iforitco dall' Adunanza Generale per mesza 
del Collegio , che la darà« xiopo che -farà fiata veduta V Opera» ^ ap- 
Pf<»Tata da'OrQfori» da deputarfi fecondo il (olito» la. quale approva- 
zione, e licenza dovranno ftamparfi ad arbiKÌo del Collegio infieme 
coU* Opera approl^aca. £ chi conoràffarà» fi caacdlli dal Catalogo de* 
gU Accadi. 

Oc/r. //. ràlg. Peef$4 . Tm. FI. X , I tor- 



Digitized by 



Google 



^1» 

I toMdU gl%iqtti^i; t i icdizìoS fi éMami mmmktf tUmm 
fi correggono» fi caocellìiio dal Catalogo* 

. I Soggetti da proporfi per xnMooere te Gohmie già fondai» ^ wm 
poflano prppavfi, ^e prima ooo 4arànoo fiati appronti > e dickiataa 
«bill dalla maggior pane de* voti de*PaAori delle fteffe Goiome ptéi 
tuie a^rovnione debba matidarTene in Sarbatoio d* Aficadìa. iedc Mr 
ctncka da i Vicecciftodi delle medefime Griome* 
^ 1 foreftieri M>n fi poflano proporre » /e prima non fi faranno pmk 
le dovntel informazioni della qualità 4oro « £ i medefioii doiiranM 
chiedere r^nnoveranqne per Jecrara aI Cuflode, tncdianre «leda Ar« 
cade, o ^dtra j>errona , coHa quale eOb Collode poflEa craicase : fioco- 
tné I disKiranri in Roma ti dovranno £ar per vigtietcn* 

Se le Coionio, morendo in effe alcun Paftore^ denno nn Meiir di 
qua) e due mefi di li da^ monti, dal di della molte di anelfo , non 
ébiederaano 4a fortogaxione di un* alno, il kiogo di fioui dcfonto 3 
conferirà la tSenerale Adunanza, anche fboci delle Cdonte. Skcoae 
fé dentro lo ftefib tempo non chiederanno il nuovo Vicecuftodc inca- 
fo di morte , o di renunzia del vecchio j la medefima Adonanza eleg* 
jtralfo ex officio^ 

Le Colonie non po0ano ammettere alla recita nelle loro Adunane 
«tciRia^ che non fia Arcade« Siccomealtresi nonpoffano d.epocarCe^ 
fori per rivedere Opere, che scanno da itampare col ìiome , o rscolQ 
Padorale, ovvero in nome di effe Cotonie^ 

Chiunque s'annovera, foorchègli Acclamaci^ in qualonque moda 
s'annoveri, non s* intenda .eOere annoverato, e oonpofla fcrivccfind 
Catalogo degli Arcadi , fé non avrà prefo il folito diploma dell' anno- 
verazione, e percffo pagata la caffa d*ttna pìaftra fecondo il cenordc* 
Decreti fopra ciò fatti « 

IJtruKhtu fer U fmdMti9fi0 éritt C0tmn€ ^ 
AnjuUcbi. 

IN due modi fi fondano le Colonie Arcadiche, o fovmandofi ihu 
Congrega di Suggetti d'alcuna Città , o aggregandofi Accadeoue 
Foreftiere. Nel primo modo la Colonia fi denomina dalla fteOa Cittii 
o da qualche parte cospicua di effa, vetbigra8ta<7«ffiv>4 Ferréurefi de 
gli Arcddi: C^l^nid del Ren§ [cioè di Bologna^ ditti Atcmdi tìhr.NcI 
fecondo modo, (a denominazione fi prende dal nome della fteffa Ac- 
cademia , come iM^miJi FmrtMm ékgli Arcadi » C4mi4^ Anìmrfs etili 
jircddix iiuendendofi delle Accademie de' Forzati d* Arezzo, e degli 
Anìmofi di Venezia^ In ambedue i modi fi aflegnanopel mansctùncn- 
^o della Colonia almenoidodicì luoghi, t quali vacano iempre a bcmh 
^zio della fteffa Colonia: dimodoché «loreodo 410 Cittadino, o un* 
«Accademico^ che fia della Colonia, iKuo luogo fi dà ad un'ddtroGe* 
^radino, o ad un' Accademico ; porche la Colonia domandi la forroga- 
-ztone in tempo congruo: e quefto è uno de* privilegi , che godono le 
Colonie. 

Se donque la Colonia iniol farfidi Cittadini, fi debbono onire die- 
ci^ o dodici di loro, che fieno Profeffori di buone Lettere, e focco- 
- fcrivcre 



Digitized by 



Google 



tahettrnnió^ìà nò tpialefi: cùmmgst U tfomaAd^ d'c/Tere aanove-^ 
iati ira gli ArcadU e cU dichiarare I» toro- Ctcà ikt Colonia à* Ar^ar 
db» e quella É^ìio va mandane ìa Roma al Cuftodc 
. & pm ia Còlottia è d'ilccademici » fi dee naif V Accademia » e £cd» 
gitcre t Sdggetrt» che dovratmo compor la-Cotoniar^ e fbccoTerkro p. 
che q«rfliavfaiiiK>«tLfCflio fnddetcoai dovrà il Segretario di dfa Ac^ 
cadetniar mandarti at Cttftode a nome delta medeffma. Aocademia*. 
. Se le Cotoote s'iam» a far di Arcadi già aoaoveratt» poò^^fttk RcS^ 
Ijpedideil Gifloctei madoveodofi far di miovo)» devono, i* So^etcu 
chedovtaniio compie edTec pa&ci dal Collegtof per voti fegrea » 




nei 

ii.foniiaoi> di Gctadioi poflòno Tceglierfi ttit'Imprefa a loro calenco » 
Coo^aggjongere alta nnde&na U (uddetu d'Arcadia .. 

Afverra&>.cbe gli altri Accademici t. che noa raraooo* del Banner 
ddb Ccrfooiav pocaaimocbei^ recitare nelie Raganams-di Guuo della^ 
Cokmst. «mnon già iurte vemct alle CocigregazioiiiTegctte biella ftc^ 
fa» It che noo milita», qmodo la Còtooda (ia Citcsklincfca » mcmre io 
^uefia cafo Tolaquei che coAicuiicono laCotooiay pocraono eccitare» 
aè potei' edere amme^ $à operare altro Cittadino^ fenza djprelTo or* 
dioc^ddla Ragananza d^Areadia» e qncRo ^ cm' altro* Privilegb». che 
godono le Cok>tue coftttaite d» Accademici.. 

££natfneiireKC&e mttiigli Arcadi poffixia recitare le tor compofi-- 
ziosi» aoQr fdo Bella Generate Adaiianxa di Rotna». ma in ogoiCo* 
Ionia : ed anche afliftere alle Coogregaxàont iegfetc di etfe Colonie m 
eoa VOTO perj^ ooofiirtiva folamente: mentre il decHiva non* r avran* 
■a» che nella chiamata Generale di Roma > e nella propria Qrfonia^ 

mjm/lt iammMl"^ Efiwuridi Arcàdica prfitnm 

PER la piena ioteH^gensa delta perpema Effemeride Arcadica i nr- 
cefiario* iaffaUar pcima dell' amtcbe Olimpiadi r e del modo di 
cocnpùrarr y che fi escava cot)> efle r L*aana adutu|ue Olimpiadice* 
cosi detta dalla celebrazione de''giuochi Olimpici, che fi facevano il» 
Elide Città dell'' Attica con&iaote coli* Arcadia ^ nel principia d'io^ni 
quinta anna» fbrda^'fooi prioM citiovatori ffabilitadi mefii dodici f. 
oréinaramenre detti EcaioaibeoBe » Metqianione > Boedromione» 
Memarteiiotie ^ PianeflSone y Amefterione » Pofideone > Gaoselione» 
Elafebotionc y MonicbcoBC ^ Targelione y Sciroforione > a ctafcona 
dt*4^iiali fi aflegoaiotia giotài trenta divifi. in tre decine > la prima 
delle qttali fu detta mefe ftame » la feconda mefe atidame » la terza 
mefe cadente: i quali giorni uniti infieme cofticuirona Tanno di 
giorni uecenfaffanta y^ ma perchè la corooozione dc^ Vincitori ne* 
eteri giuochi Olimpici y per legge watrcrabile doireva feguire aet 
XV«. d^EeaEombeone , enei ptenilunia piò vicina at Solftizìa Efti» 
vù^ e cij^ era impoflibiie y che avtetitflk ogni Olim^ade y veggetK 
étò aperramcBtey che la Luna y dalla quale prende regola l*'am» 

. X a Olim. 



Digitized by 



Google 



5M ^ 

OlicDpiftdfeo» compir il (iio meftn» eorfa i in» già ìm ctemr ^gM? 
oi» ma iiv vcntiiiovc, e ore dodici » e aliamo dì ^à; di mqdo 
che il di trccearefinio (eflagefimo non può effcr l'ultimo della 4odc* 
cimia» LuoazioDe > ma farà i4 (efto i« circa deUa ^actmaceraa > pec^ 
pec toglier di mes^o qucOe iticoppo > il quale ia capo^ a qoacct^anoi 
portava il crefckneiKo di- qtiafi una Limaztoae y cio£ giorni preflo a 
ventitré, t'avvtfacoDo gli Elei d'aggiungere al quadticBoio ddlOiiia* 
fiadc i fette gioioi maiKanti al compimento dtUa detu docimamrea 
J^ut>azioftie ; la quale appellarono Imecealare ^ e con si fat«a ^inma 
ottecmero poi il ritorno del novilunio nella Neomenia dScacoakbao* 
ne primo mefe dciraono-Olimpiadic^» e per conTeguenafr il concor- 
ib del XV^ si* del inefe come della Luna più vicina fll> Solftizios 
nella ooronaaione de'Vincitoriv epercbè il crefcimemo di detti ff» 
«12*3^ non accadeva iotcrameme nel iine d'ogni Olimpiade > ma ili 
ciafcuno de' quattro anni rimanevan. confomatif giorni fei^ io circa, 
come di fopra & è detto y perciò egiino' dar non vottero'al quarto 
anno fum la giunta de' giorni fecta da lon> ftabilita ,* ma^ la difiri*- 
boirono > affegnando due giocni al fine d'ogni aano^» .i qaal» giorni' 
chiamarono aggettisj y cà Anaccbi , perciocché in efli ceflara^ ia giù* 
aiCdizione de* vecchi MagWcaci> e fi eleggevano i nuovi*. Ansi perchè 
intal gnifa t. non- fette , ma otto giorni venivano a^iuntii» vollero^ 
f^ùt^toftn agguagifar le-cofe al meglio», che loro veniva pehneiflb, che 
guafiar l'ordine del biduaAnarco, e coti tolfero-airultùno mefe deli^ 
anno-quaroo il fecondo giorno, fottoponcndoalia Neomenia timmrcfia* 
tamenteil dì terzo» e véndendo il mefe di gioeni.vencinpye>.UBttòehè 
il di ultimo fbflTe detto trentefimo». * 

- Paflando ora alla corrifpondeozadeiraimo'Ottmpiadica^ deh quale 
il^ Arcadia prefoitemente ci vagliamo» coiranno Giuliano., che pti4^ 
ma del noftro paflTaggio al coftume Pafioralc tra noi era in ufo , e 
dovendo pt» CQnfeguit ciò^» aver la'Certe8aa.ti!akkin'annaiOlimpiadir 
co ,. mi. varrò di quello , di cui ad.un^ (ktiil propofito fi valfe il fa- 
mofo Cronologo Ccnforiuo , il quale è fenza fallo più certo d'ogn- 
akro come d'ògn* altro più celebre ^ e tal' anno fi ^quello dcUCo^ 
folata jtm'Rxmiani di Ulpio, ePonaiano» die &i il dugentefitno^trci»- 
lefimo. ottavo dall'Era di- Grifia Signor Noftro, da i giorni Solfti- 
Mali<icl qual'anno incominciò Tanno Olimpiadica millefimo decimo» 
quarto, cioè illLdcirOlimpiadfrCCLIV^. 

t N^itnerendo adunque dah detto anno di Crifto a^S^ t' rimanenti 
anni del medefimo» fino al caduto^ 1^92^ che fono 1454» e ad e& 
aggiungendo gli anni Olimpiadici ioi4.r;-fi avrà il numero de'mede- 
fimi anni' Olimpiadici in 2458.., i quali computati- ad ufo d*Oiia* 
, piade , reoderanno il caduto anno di Grtflo 1692*. IIII^ dell' Olimp*^ 
DCXVII. 

Ciò flabilito , per dimoftrare il circobunento della pei^etita EA^ 
mcride Arcadica , fa di medieri, die T^anno Lunare all'anno Solare 
fi contrapipongas il che facilmente cònfeguiremo,. cominciando il cir*' 
colo de gli anni Solari dairaono Giuliano 1685. fecondo però iacoP^ 
rezione di Papa Gregorio, dal quale tali aoni inavvenice fempre no* 
mineremo Cse^tiani «^ Impecciocchè fi.cruova.y.chftìn tal*aftno. il 

- : nóvir 



Digitized by 



Google 



m«;fì«lffo^>M«Md ftl'lf^^ aMa<té Mi £ primo M 

^ ' di Luglio , a^iifetàmomt 'ti^>oftde il «oAra Ecaimoboone; 



fu adunque il novilunio più vicino al fotfKzio.efltf04 e laNcon»- 
aitd'Ecacanbooiie dtril' anno primo ddl*Oliinpiad« DCXVi. il dt 
ptina di l^igtio delf anno Gttfgoviano «ó»;. 
• £ fwcbè f amo Solait ^ por cftr •ooftic«ÌK> di ^gionii y6f. tpovu 
feco giorni tre di più del Lmuwc Olinpiadico 4cipraddf fcritto v ài 
«ale è compofto di giowA 96a« (laicio gii accidenn si dell'anno 
dimpiadico d'effere alle volte -di ^orni^óiu si dell* anno folare df 
eftrre di ye&. dei che appr^Ooikvellevemo) pcvciò^ addiviene ^dut 1* 
anno' Lunare Olinpiadico iopominci tte giorni avanci il Toiare. DcIh 
befi nondimeno torre da qtiefia regola 4'anno quanto d'ogni JQIknpta* 
déf il tinaie efendo cofiittiita^' come Cri detto, non di gioeoi ^Sié 
ma di ìtfz* inpomincia quattro giorni prima » cbe il folare ; i^oome 
aodte addiviene ciò nel biCefttle de' Gregqriani^ Mtchè ui'attào>t|oo 
i di giorni 365. ma di 366« mercé delle lei ore di più, che ha Tanno 
Solare olcca i funi, giqmi ^6^ ie qnali o&e nel cnrfd.di anni quattro 
famio Uff integro giorno. 

Da tale anticiipaniemo adunque detPanno Lunate naice, «cbe é^^nr 
0D in anno tanto il anedefifnò.anno Lunare fi ^tragga indietro, chtjiel 
corfodi docOliaipiadi il folftiabredivofticceda à^ il XV^d'Eoemn* 
beone , .di niodocbè aon.poffa conArgnird Ucoronaziotie de'V incitosi nel 
XV^ giomo del primo mefe^ e della più vicina Lunastone al fetfti»Q 
delia State , eome è neceflario^ 

^N^:n ciò:pmteU>eìpeEavventQradnrfi'rimedio^ fé -noi vaiandoci deiC 
autorità de gli Elei , non^giugneflimo» ficcome abbiamo aggionto^ 
un mefe interealare ora di 19. dm di go^ giorni , fecondo , ^he rl^ 
chiede ìL novilùnio nxfà (Idebbe arrivare , dentro i quali fi.ritrove* 
ranno anche i due giorni, che foglion comporve4 minuti non avver. 
liti della. Lumi 'nel >eor(b di-iedfOf àntii^ e quello mete intercalare fl 
pc^à dopo l'ultimo mefe dcll^anno quarto d'ogni feconda Olimpiade» 
e fi chiamerà Sciroforioneftoondo, ad .ufo de'Xkect» die fimtlmeore 
i loier«mefi inenrcakurl asconoiavaoo neUa fteffa maniera » An2i p6t 
comedo di fcrittura il mancamento detto di ibpra del iecondo gtoi> 
00. nrllf nltimo mefe delln detta feconda Olimpiade fi trafporterà ;al 
mefe intercalare » faqendo l'ultimo mefe .perfetto di giomiarent^>«.e 
togliendo al mefe intercalare H fecondo , con dirlo terzo , e fé fari 
d^to tntercalare\di\ gìoriri %9^ fi viogKeA anche il tetto , e disafli 
quarto^ numerando poi infino a trenta giorni anche eflb mefe inter- 
calare » :dop0 il quale fi porranno 'i . doe gi(M3ii Amfàbhi 

Con fimtl regola fi ayri>ogoiq|uauiro.Oltìnpiadi ». cioè ogni fedìclati* 
ni» il circolo perfetto delia Luna» almeno per confeguire il noftro fi« 
ne^ cbe la coronaBiooe de'^ Vincitori ne'^toòchi Qiimpici fi facciaioel 
XV. del primo mefe» e della più vicina Lunazione al folftizio edivo: 
di modo che ogciifedici anni tomari MXiina al fuo flftcìM ,'e T-a^: 
no Lunare al fq^ pféncipios ma non^già in tal tempo ritornerà a con^ 
trapporfi all'anno fólare» richicdendofi» .peo^ :<iì> Tegua^ qoaraiKn 
Olimpiadi , cioè anni cenfeflànta jSregoriani » doM i quali' tomandci 
il novihKHo più vicino al :fe^»0 eOivo^ e la. Neomenia del prinx» 
.binile. ljt.Foli.foifin.Tm.Vh X 5 mefe 



Digitized by 



Google 



rMrfc deirOlimptade nel pkioio di I4vliD^iidl^l■M-Gre|oriUl0i} S 

renderà in cai guifaperpeniA la .noOct.^ffcpecìdé^ si nell'anno liMUi? 

re come ^nel Solatcù . : . " 

DebherLifinàlnWKeavvtnire > -che mei fine d'ogni iinacàntefimt^liflip 

piade non fi. dovrà imercalareriL.6>Uc9 mctos nda rolaownte un sii»- 

SK)*: }taator avansandoy e -non pi^ if anno Solftfe foya il Lniiaie iaral 

tempo ;:ranzt mqatttojpnoao4Au:ùh'tdaì :s6S5« al ^^46^ né meno til 

gìocao (W-à neceffario.^l'rioteixalarlo^fRTeaeè dflb'Coctoak^ did6r^ 

. gorio , jcbe «coglie il bifeflo-air anco :? 700. ' 

'j Tutù 4 6iddetci^ignardf ii Cono afuù^r Uiòrola&ionr.della^tth 

fti-a EAnnedde; e benché dal decfO-Jfitt^ui^ e dalla villa, della tIld^ 

finta Efiemcride .abbaftaasa *& pai a>. che ciafcuoa. po0a compreódei li 

Doftra'mebcei nondimeno per nniggìot fitctlirà ibccoporremó alpre^ 

ise ragììniamenco ana xavolaitncono^ qvefto ^eEsce-di «egole ftaÙi- 

Ile» e- fermef* 



7*iQ.I cotonino i Vincitori dPGinodu Oliniiici nel/plontiteio<()ia 

^ vicino al folftizio efttvp dopo ogni quatto; aiuio.»!. 
IL La prima Neomenia deir.aono, inxoi.-comindà 1* Oticnpiade ^ ^ 

quella^ che firomediatamence vprcccìde^-ìl 'plenikniio ibddctto . 
III. Sia il giorno» io cui^cadcila.dma J^eoaRma^f^dtnoknkunoil^l- 

tno deir>anno^ ovvero d'Ecatooibeone.!. 
JV. ^1 .quarto anno xlell!iOUmpiade li Méetr agga rqn ^giorno ^rtìtaV* a- 
' na non àk-^it. xorat :gli altriv roa di 3^ i. 'giorni^ 
V. Ogni òtto anni s' aggidnga ifnme^e intevcàlare» cosi ricfaiedeiulo 

il corfo della Ltma^ .-acciocdiè il ptcnilanio ^ìla .Olimpiade ia il 
- frimo <ippoirfolfttcio^ . ■ -. 

VI: Tal 4T)efe imtrcaiare-ne* primi-onoatiiii £a di fgk>rror:29w'« ocV 

'goemi otto di gionri^ccnta^ e coti ^fi >£aceia 'd'hocco id octdaonif 
' ' ^ pure la «cceAtti non «ridiÉede ^Icaonemcu 
VII. Ojtni ccnfeOant'atoniin vecc/d^naoid^ s*iiter€nlÌTun;gioco(K. 
VIIL NeLpFÌmo«ciceototfail.it685. aljUfS^ :iion s'tocercaii oèmeo» 

il fuddetto giorno^ mettfé della correzione di JP^a Gregorio» «che 
'toglie airaooD 7700; iLbiffftou i. . ' . vj 

^nZ tALl D^AJi€ A.JÌ 1%A^ 

AlfeSbeo Cario Cuaode<^oerate.Jt Cani Gio. Macìi» Crefoirofaem^ 
AleflS CillenioProcuftode Cenerate; L'Ab. Giofept>e Paohicci; 

Mirtillo. Aroaolo. Jacopo VJckiHlii . .' 

I^gHtoNemco.'L'Avvi^Frflnccfcò Mj^ltt diCaWJpiilIdt^ . . » 

OfemrioUrumeo^ìL'Ak Cario Doni. * 

Bàndalto P^jszeoi fiietror AnJreozzi . - > .^ ■ -• ^ . ì' . 

Velalbo Trifiliano, L'A^. Andrea DtoiàWevi^ ' - - 



Digitized by 



Google 



• , i* •. . . Metti.» ... : 

Gorfildo Alfeio.'L'Ab« AncoDÌo Còlloreci.. 

Earicte Locioiaiio. I^CQDte.Lucfo^£A1ilio Avelli •>. . 

Odetio Afrodifco • ILDòrtore Oronzio' Amò • 

Eorbante JppodaaDÌeo,»/U;CavaUìex!Ì>totailevi £aooadrau«# 

Veriodo Xueboatc ^ Bécucéino'xii Cameellp «' 

Egelio^ Tèrmùmov.Fraocerco^ Bòr^iafli*. 

M2£iù> GcMomeo ., Domenico Bagnar i •. ^ 

tnciCMfi^didtUè^Colonie degli Arcsii.. 

Aiuóne Sfikcitarefc' PcovicesttÌ&de:<kUai Col.' Forzata .. II Baly Greto*!* 

rie Redi Aretino.^ 
BJoflndo LiGadc P. V..C. della Col.. Elv: 

ccrattìfeV .';.,.' ^ ,\\ \^ 

A}^t>ago Miraon7io YicecuftodCc della Co'*' 

iFlorUtiì^l|()irsa.'Ai)ii$Mn CainaU^ i 
Eaiarp:^tipJ>Q)ÌQ V^ C^ dtlla>^Got*^ Amr 

nÌ£Ìa!no',.* ' • "V • > 

Altarcot Ei^idiò ^^ Cfl défla ìQpl wRepi^l 

Gio. Gioreffo OriS^oìognere. * ci • 

Api «l^lopgéo P..V. C d6Ha4:(d.:CF^rrttiittÌ;.^l. nìxclUiùSaSioM* 

Sagrati Feriukfefe.' 
TemrfotDo. Ocàonio V. C.^ dellaiX]oU« Fifiocricica«>. Il Maiccben 



mJL- 



6o>fficbf^Sane(b«' '• 

Nèdifto* Collide; P.yV. C.della:Co1;. Ail^a.. li.Com&Brandali 
nerofiiPifano.. 

Beno' Andaoboo V;< C della Gol*. Metaucica^ Il Mardie/e; PompUjo» 
Còrboli Urbinate •' 

SbtildoStiofelioi VX.. della Col. Crofiolia.. Il Dottor Giovanni Gaa- 
fco d»- ReggiO'di^Looibardia ••. 

Agero'Nonacride VX.^ dellaCol^Sebezia •• L* A vv..D«> Biagio Maiolii 
d^AVkabiler Napolitano.' > r 

GMlo Peltuntino V:Crdella Còl.Marìana. Il P^.Sigiimondo'di.&Sil- 
^erio C.R^ delle Scuole Pie • ' ' 

CortsboCatarfio' V.C. della CoU.Rubioona.* Carlo Firanccfico* Màff*^ 
chefelli Rlminere». 

Nératbo^ Miragetico V. CI della-. ColonÀ Ifaurica ..Ciovanniì Abbati dai 
Péfaro*. 

Amareno Eraeltate V. C^.dt Ua^Còl^^Càliefe .. Il Cónte/ FiRancefco An- 
tonio* Berardi da Cagli.. 

l?ÌgenoSàoridto* P.V.C, della Cék Mitanere- Il Canonico Giufeppe 
Antonio Caftiglioni. Milanefe ». 

X. 4, ClfMc 



Digitized by 



Google 



5*1 

CUoM EpìteTe V.C ddla CòL Giulia. NiecolÒ Madrifio XJdìmk. 
Placifto Amkaomo. V.Cdella CoLLigaRica^ Gia-Baufta GmctGo» 

aovefe » 
Qrildo Bereocaatico P.V«C dtHa Còl* VccoMit. UMaicbefe Sd^ 

QC Maffei Verooere,. 
Leome Prìneo • V. C della GoL AngoBa. L' Abr GiaeniO' Vincio!» V> 

rogino • 
Floridaoo Diiaeo. T.C dellarCol<m;£inciiik^GioMGcigOfial]ialai^ 

(chea de Thalberg. Lubìonda nella. Caenioia. 

tncuJMi fiéniC9Uri\. 

Arpalio iUbeatico Ptociiflodt delle Campagne Fioremine ^ II Dioitoc 

Piero Andrea Forzont Accolti Segirer. delle Letieie Ladat delPAw 

R..del Gran Duca. 
Liredo Meflbleo- Procuft*. delle Campagne Bare&.< 11 Cìmì«^ Giacimo* 

Gknma • 
Lamtnda Claudio ProcofL delle Campagne PjDOvenyali ^ ftXiuk^ ho- 

lo Bemardy. 

gifUmt^ deltyiorU della eekBre MmaiK^ éfftjr^ 
cadi ptéblicMo da Gh. Mario Crefimim nd 
Capii, del libro ^ della fua t>peréf intitotatA 

Stato della Baiilica di S. Maria m CM^ 
medili in Fxmia tji^ in 4» n p^ im^^ 

DEI Teatro degli Arcadi abbiam huo xttcnaiooe ueiV Iflona 
idilU fuddeué JK4/;/^4) ove (avelliamo della^Ghiera di S.Sa- 
bina /ir. 7* C4f ..ly*. jmi^. 375^ ma perche qmvbpocbtlfimf pa- 
role vi abbiamo impiegate, ficcomeabbiaoM) imo di'inttelc 
dicre cofci che non erano iaisrei però ora>>cl)e.le cirooAanne pia li^ 
guardevoli non facre della noflra^ Parrocchia^ abhtaoi ptefo a-diAift- 
mcnie deTcrivere» vuole il .dovece^> che anche a quefta facciam gkifti* 
zia, che certamente traile pidcorpicuc ottiene il primo luggnv^lacoi 
tllc^à'né pia né meno viene deflderara;. 

Qiianto r Italia fiorifle^.e fofle piena d'UonMoi ti|figni nelle Scien- 
ze ^1 Secolo X VII., a ognuno è 'palcfr ^ che a. qoeUe accenda ; ma 
egualmente p^lefe è a'profeObri delle letcere amene quanti! la conéi- 
zioM di oueflt foiTe deterìoffatà; maOimamente circa TEloqoniza» e 
la Poefia Volgare. E febbene l'antica purità loro ^ e il loro decoro 
venivatio gagltardamcme fodenuti dalle noftre Accademie, della Cm- 
fca, e Fiorentina, e da var} Letterati fpezialmente Napolitani, Bolo- 
gnefi, e Romani; nondimeno \t più delie nuove Scuote nello Aefia 
fccolo aperte tanto prevalevano dappertutto,^ che. pec poco non veni* 
vano decifi que' fas^i vp«dJM;^ti9ri del buon gufta (ofcana ,. noache 
foflTero da alcuno Tcguiuti^ 

-- Ptìl ' 



Digitized by 



Google 



ht ttcf ar» adtaqtte V^IhRz- ék d iatt^ BarBarie penraroixr alcun» 
BtokBwi dmocantrìfi Roma d^ in(Htti{se un*-Accademìa a precifo efi- 
Ktco d^ eftermiiiart ilr catcko gotto; e proccurare, cfae più non zvtC" 
U a riforgtrtt pefffguiuHiidolo coottnuametote ovunque^ fi aHoidafle». 
» oafcoodeOty e io fino ftcUe Caftetta, e nelle Ville più ignote , e 
impenfaca^ e qMOi fbrona il'Cavalicr Paola Coardi Torindfc póiCa- 
«erìer d'onore di N.S^ GioTeppe Pàùlucct da Spdlo poi Canonico dì 
SrAosria i& PMchtriar Vincenzio Eeonio da Spoletta». Silvio Stampi^ 
{lia Romano^ GtOr Mario Grefcimbeni , poi^ Ganonice di S. Maria io 
Coftnedio» e pia Afciprecc defla fte&Bafilica-» Gio.-Vìfliccnzto Gravi* 
m Napolitano r poi Lettor di Leggcnell-'Archiginnafio Romano». VA9^ 
votato GiorBatifta Zappi Imolefe» poi AOMfore del Trilnioale deTÌ'A* 

Skoltura» o FiTcalt df quello ddte^ Strade^ K Abate Carlo Tommafo' 
aillard di Touraon Nizsardo> poiCardiaaledi Sanca Cbiefai Pom* 
peo Figa» Genovcfoy Paolo Antonio* ifet Nero Gcnovafe, il Cavalicr 
Mclcbtocro Maggio Fiorcotioo, poir Rtferendario' d'ambe l«t Segnata*» 
M» Iacopo Vìcinelli Romano, e Paolo Antonio Viti Orvietano , e 
Rodino Maria Tata Sancfe ,^ poi Canonico di S. Angelo in Pefcheria ,. 

Ma perche coofiderarono, die riotraprendere alla fcoperta una can- 
ta iaaprofia» avrebbe eenamente cagionato infelice rkifcifarvo almeno 
avrebbe ricbiefto lungbiflimo tempo per confegotre 1^ felicità dell'eli^ 
io; però; rilblverono di tener celaco*, ed occulta il lor penfiero ^uan^- 
tomai Cofle Aato podibile, uè palesarla fé non dopa c<Mi(eguito it fi-^ 
ae defiderac9'} e^.per maggiormente oGaoltaBlo>^mottrare> therinfti^ 
tozìone era indirisEamaf al mero ritloramenco dègK animi opprefli da-» 
gli affari della Coria, e' della Coree» maflSmamente net fervore della» 
fiater cbe per lo fovercbio caldo i Tribunali foglion^ concedere qual- 
che ripofo ^ 

Socio fembiance adunque d^'onefto diverrimenro nelTaf flfagione pie 
calda, e menò^ occupata, fecero eglino alcuni tongrefli in Campagna^ 
nella State del xé^o.^per fer prova di ciò, che a Roma ne hStjMsvk^ 
to; e ve^enda tale adoperamema applaudito,, fecero por a^yw d'Òcto^ 
bre dello fteflb anno neiramena Sei «cttaHefiftente dentro TOrto de'Pa* 
dri Minori OlTervanti Riformati- in SJ^etro in Montorio,. la lorofbn-^ 
dazione in forma di Reptibbliea democratica, o popolare, e AabiKro* 
no varie cofe fotto nome d'avventmèmi^ i quali creTciutr por a nu- 
meco affai eonfiderabik, fbrona riftretciy e compilati in dieci tavole» 
^ leggi, cbe pofeia tradotte in lingua Latina antica dal fuddectoGio.^ 
Vinceiaio Gravina ,' fevono folennemence rogate a'ao.^ di Maggia 
ii96^ e fono le feguenti«. 

yigg^ftfi v^fit leggi JfdmféHt ài Afrs a fag. ^09^ 

Il Tuo governo r come fi è detto, e democratico, e rifiede apprefla 
l'Adunanza Generale i e per ramo^ntftrazione v' è un Ufiziale con ti- 
tola di Cuftode, cbe fi elegge, «o conferma daH'' Adunanza Generale 
ogni Olimpiade y cioè ogni quattro aimif dal c^ale fi eleggono uo 
Procuftode» che adoperi in roa mancanza » dodici CoUeghi annuali» 
e due SoccocuRodi ; e quatti tutti formano il Collegìa, o Magìttraca 
d* Arcadia, le cui rifoluzioni, perchS abbiano perpetuità» dcbbona 
coofermarfi dall'Adunanza Generale •. 

Gli 



Digitized by 



Google 



130^ 

Gli cftrciz) fcftentff,, chcrintimiliciiho' òeoi arniGraC r. di NTagr- 
gÌD^.c finifcooo a' 5;. del' fegncnte Ottobnry ocono farft'in Campagm: 
apenave n luogo & chiama il Bofeo: Pàcvofio»' una delle ftùcofpieu^ 
ragioni) dell' amica Arcadia, J cui BaftòrLhixiacfla Adtfoanza fi rafi- 
prcTemano^Ja quale hail nome: appdnio^ct! Arcadia; e per maggib^ 
tneiHe conceder liberta, eioyagbirei'Ltccèfati, e-ogni genere dtUo* 
mini di rtgdardo a concorrérvLallétcacidsllaintfvitiy e datili amenità,, 
i\ prtncipaldilabiUmento (i è,r:ebétiMtijdebbano andarmafèlieraricoB 
DnDotne cbereoté.a quelli degli amiciii PÀftori di qwWà^VM^ìiKu^ 
e con una denofmoazbDl&prelada^ucdcàe^xekibpe/tagìd^ ftefb 
Pirovincia. • . - 

Ebbero oltre acciò orf.àhrd fit>e nella fcelt^ddlo- ftata Pàftorale j 
ft fa d'^incomiociare a moderare* fenta-moftrar di dar regola, e pr^ 
certi, laYoverchk tnrgkhara, e ampolloficà dello ftile poetico, che 
allora regnava in Italia ^»c»fla^fcnipttci»à*, e natùcdézza de)l6 fiile Pa- 
ftorale,/che da principia (koffervaTa- con 'efattiflima diligenza ; bec- 
che; ora,: che fi iconfcguttailiihe , 'SÌi;adoperiho>tlttriglt.flili ap- 
provali'.. ' ' 

In fi fanì efcrcizfj il.prìneìpal.luog* tiene un? ragionamento , cbé- 
ora può teffcrft: dL qualunque genere; i-più ptdprj,. e graditi* però 
fono quelli ,. che. anno il velafne.patorale,*^ e poLdu^ Egloghe, Tana 
Latina , e Taltra Volgare; e del rcfto -pedono reckarficortipóoitiicofl 
tirici d'ogni.fp<zie . eontuuodà'qfiéfto non è>infthaii:o ad aìifò 
Ggg^itOv,<*cpc^ coprire il faddcato^cj menKt per -altro rffrtHruto 
^ecipoofré uti^cbtirfnuc^'catteggio dei. Ci3ac^^<>Xi/ tu^ra la Let- 
teratura dltalia , e anche, in: non pochi luoghiidi- là- d>^/i Monti; «' 
tali corrifpondetìza ha.^ portato ,. èlie. a poco^ appoco eMrpataafl^ttO' 
ogni, barbarie ,. oggi fi Ccrive nell'Adunanza , e per coniegoeoza ia 
quafi rutta ritalia, ri in proTa^ cbc- in verfi eoo tanta piirgarezza » e 
finezza, di goflo ,. che il pi;efente fécoto rispetto a ciò noti haMnvidia 
a' q^onquo altro >a(Iato ^. come, ben idimollrano i fette Volami di 
Rima V e i tre-di Profevolgi^ti->: chegli Ar^adi^antio già: pnbblieati 
eoi' nìexzo delle ftaiiif< , e a foo tempo il dhrroftferàniio ^ anche i. 
Volami delle cofe latihe, che pceTencémentefi ftan.prepar arido.. ' 

Ora. quantunque V la Dio mercè,, fiafiVgtà adempiuto il defid^rio^ 
di quefta Adunanza Mtondimcno tuttavia fi proféguifce collo fleflò 
iiifticuto , il quale tatuo Ttefce. gradito uniiretralmeiue , c(]e non può- 
i^nmaginarfi ,,non ette efprimerC con^pàroie ,.4Mamo fi fia dilatato*,, 
ec^oanto vengef onorato ,. Tiverico ^^ e abbracciato .v deh thè beir h 
ampia fede il fuo Catalogo data alle. ftampe,;rntrut rifpetto*aglf Ec- 
clefiaftici fi legge: il R^»aiicc»Apmmof»»teficeGlememe.XL.'N;.S.. 
con quarantafei Cardinali , e più'Cenrinaiatra'Patriarchi,. Primati,. 
Arcivescovi , e Vefcovi , e altri Ptelatitli tuttii^li-ordini della 0>rte 
Romana, comC' Auditori Jlella. Camera ,Te(brieri Generali , Proto- 
timarj Apoftblici , Qoveìpnatoii^t Rom^ ,< Auditori di^Rbota , Cle- 
rici di Camera ,, Votami^ ddle Segnar lice ér Gi»azia , e<di GiuAlzià». 
Segretarj delle Coti^egationi f e limili' y. oltre a'Prelati R^olari^. 
die anch'eflfi coftitmfjcono non pìceol numero i Quanto poi a*Secdl«- 
ri vi fi vide la Regina Vedova di Pollonia Kiatia ' Cafimira , còli 

Princóei 



Digitized by 



Google 



il Pr lucilie ^ 

Nipoti -HQO 

fuoi Predccc 
tiffiniì-aliri 
Al »je cuccar; 
oompicfoyì. 
^rJe.biic|o< 

zà'i ma anci 
tini Iibrt>f 

rendono fra 

pò di predo a nuemiiia aggregacu 

Ne rechi ^ 
io quale forfè 
ti nel l'anno v< 
è fiata inRiii 
giudizio ha I 
il fine nelrif 
certamente n 
gì d'autorità, 
tutto > e , daf 
Talmente fpar 

Anzi tanta 
fetnpre ricevi 
qualità del p( 

ta d'aver 4€UsK>i;^li fpixù p0r;l*£uropaim non poche Cicca Ira ,alh 
che fandsKQidplie:Raguiucde«piaktiicòlan^ le.quali>:per*cM)n ufcic^kl 
(iflema , figftsuQtÀvht^zyì^xQ^'m&tr, quarè ; L'Arcadia » ColoqÌQ Afpair 
diche fi «p^liiop.rfi^eAc^itridoiuiaì^ YtcccjaAode.t 

che tiene .in efTa le veci del 'Cuftode dimorante tempre in Roma* 
•dopi^aùo CQa;ttttidrari ftffeccizj snella ^guifa.i che fa in Roma. U 
Generale Adunanza ;^ne fono da;€(ra in nulla dipinte > fijcctme i 
loraifoggecti 'iiii«iiUaialtroy fd^a^^iOimi da gli altri .Arcadi,, che 
compongono :J:i^Qaato .diiRoim.i ^.o.;(oiio. fparfi per.>rEu|rQ{]ta;..e 
cooctnaamcnte /od 4Ì^imieticÀ)oinB{^lA Segceuùa..^^^^ 
cras cU lomcol. jcartegf io»xoft«iMpo;;^tìaA « Uumagibabild» ^uencoinai 
cileno arrechino utile^ tum pMf$.dllle£iii^j* ovc^cmo 6lfidatc<>.ma a 
tutta la Repubblica Letteraria : Te quali Città , che le godono, fono 
Venezia, Genova 9 Milano» Napoli, Bologna, Ferrara, Siena, Pifa^» 
Piacenza ^ Perugia -y '>Brefcia > Udine , Urbino , .Macerata , Arezzo » 
Faenza ,'Cerena^ Rimini, Cagli, Verona , Reggio <li Lombardia, 
Pcfaro , Tivoli ,lFolignOf9 Montepulciano '^ Lubiana ^nella Carniolat 
'C Brà nel Piemonte^ 

Ha altresì intifodotte fimili XZoIonle andie'tra'i Regolari : delle 
•^uali ere ne fono già in eflerc> nelle Religioni Omaldolefe, de'Che- 

rici 



Digitizsd by 



Google 



33» 

nei Re&0laii Miàcfift ^ e ie'G^M^S^afì '^eflie ^èvAefiéO^ 
fretto poi, che da tali Adtuiatfj^c fi càta r beat appttrifce dàlUe taolM 
raccolte.» e da*iibci ptibMicatif da «ffe GéleUié, o da^ loro foggetti col 
Olezzo delie ftampe - fi pei che la Nobile Gioventù pofla onoh'elh 
godere de'frutti Suddetti » tool concederfi a i Collegj rìgiiatdevolt qaoi- 
che luogo io Arcadia 5 ài quale viene ammelTo alcitii Gollegiaile , 
Convittore „ che rapprefeata tutto il Collegio > e per qiieRo Rap- 
prefentaoze <M cociceflioiii fono chiamate ^ e anche qiie&e nella goi« 
(a delle Colonie formano ctitto ^la corpo coU* Adunanza Generale A 
Roma , ove ne fono <re ^ cioè *nel Seminarto Romano ^ e ne'ColIcgi 
dementino^ e Nazzareno « 

Siccome l'Adunanza Generate ha la Tua Infogna , fono la qoale 
ratti gli Arcadi militano » ed è la Siringa di fette Caane , coronili 
di Lauro » e di Pino» Simboli delie foefle Eroica^ ePaftorale^ ad- 
U ieguente guifa« 



cosi tanto le Colonie , quanto le Rappvefeoranze fuddèire anno k 

loro Infegne particolari » compofte detta^ ftefia Siringa , e d'on'ftltro 

corpo 9 per dimoftrare fanione > die unno coH' Adunanza gener«lc; 

le^quali Infegne, ;^r abbellimento di queftaOpern» qui da tlois)o^^ 

rifooDO* 

FlfKdfffi li fifràocUdié infesti Adiim'9 §Ufé U^fìtM dHP Atm 

ri. 284. 
s'inferifcc altresì Tlnfegna d^l Serbatoio ^ che cosi chiamafi rAr- 
chivio , e la Segreteria degli Arcadi ^ la quale è formata d^on CsM 
appiè dHma Verga Paftorale colla parote CUSTO£>tA , e colla O 
tona eempofta di Ijuiro , e di Pitio anttodati infiame^oo un legaat 
4'£deiai come moftra la fegneate ^ora« 






Digitized by 



Google 



m 



fes indicare , xkc il Cuftode , che di qtiefta lofegoa fi ferve , debbe 
priòcipalmeoce vigilare a tenere imico q^uedo gran^ corpo in amiche-- 
voi (bcieci. 

Degna altresì di menzione fi è la ftima « e i'àSetcov che !• Adunan-^ 
sa porta aTuoi figli non pur viventi ^ ma anche defunti y e la grati* 
tudine, che ufa verfo di loro per le fatiche ,^ che fanno ad aumentaci 
k la gloria ir Iropercioccbè quanto a'Viventiy non folamente proccjira^ 
ella di folennizzare quei giorni > ne' quali loro addiviene alcun con^ 
fiderabil vantaggio d'efaltazione r regnandoli come Fafli, o,^ fecondo* 
ii proprio Vocabolo diefla Adunanze- y Lieti»,, ae'fuoi Codici , ed 
Attuarj y e ciò particolarmente fi pratica nelle afliinzioni al Gardi^ 
Baiato y, e neiracquifio dell'onore di Grande di^ Spagna r di Duca, e 
Pari di Francia y e fimili ;^ e fé addiviene , che un Arcade afcenda 
alla fuprema dignità del Papato y il di della fua aflunuone perpetua«^ 
mente è Lieto, rinnovandofene ogni- anno la memoria •* ma aocha 
promuove' i loro fittdj, y e pubblica le loro fatiche leuerarìe ^ come 
dìmoftrano le fuddei tt >. e akre Raccolte , e libri da me dati finora 
alla luce col fuo affenfo - lUfpetto poi> a' Defanti , celebre è il grafl> 
Funerale ,, che ogni principio d'Olimpiade ( computo col quale efla» 
cammina), fotto nome di Giuochi Olimpici,- celebra in loro onore;; 
se' quali Giuochi ^ il cui ordine può vederfi da ognuno , per edere 
fiati Rampati pia volte , altro non fi fa , che lodare , e onorate con* 
componimenti Poetici gli Arcadi morti ia quella Olimpiade v o gè* 
neralmente , o particolarmente , come più aggrada a'compofitori.: 
Oltre a ciò > noa ipen famofoè l'onore , che a'Defunti infigni fuol 
far l* Adunanza , decretando^ loro Ja Lapida onorifica , il Ritratto ,. 
e la Vita , delle quali cofe gi&^e fono alle fiampe tre Volumi , che 
contengono i feguenti famefiflimi Arcadi ,. <k>è il primo Volume 
Francefco Redi Reatino , Monfignore Angelo della Noce da Mafia 
di Sorrento Arcivefcovo di Rofiano , Francefco d'Andrea Napolita- 
no, Màrcellb M^lpighi Bbfognefie, Carlo Maria Maggi Milanefe^) 
Raffaello Fabbrettr Urbinate ,. Lorenzo Bellini Fiorcnrino , Vincen- 
zio Viviani Fiorentino , Antonio Caraccio di Nardo , Benedetto 
Manzini Fiorentino, Francefco de Lemene Lodigiani» ^ e il Cardina^ 

IcEik- 



Digitized by 



Google 



le £nrko Hoth YnontCe^ lì fecondo Leonordo» di Capoti Nc^Ii»^ 
no, Pirro Maria Gabbrielli Saociéfr Gregorio Meflbre Saleniiao»il 
Senatoc Vincenzio' da. Filkata, Fiorcncinò ^ il P.. Niccolò* Nbrta Pallth 
vicini Genovcfe della Con^zgmix di Gesù» Aodrea' PerchkiUi: Salenti* 
no, Carla Cartari Orvietano» Benedetto Avecant Fiorentino > Lore* 
to Mattei: Reatino, MoniTgnoc Gio» Gioftino Ciampsni Romano » il 
Card..DoaienicoTaragi Orvietano $ e Monf. Marcello Severoti RooM- 
no.. E il terzo il Ord^^Carlo Tommafo Mailiard di Tournon Nizzar* 
dos che fu qna de' Fondatori della Aefla Adunanza > il Card.,€iu<eppe 
Maria Tònma& Siciliano,. FUippaKCaccberellidat Rimino > Viocett^ 
zio Anria Palermitano,, il Cardinale- Sperello Sfpcrelli, Vitale Giorda- 
mi fiitontioo, il Conta Lorenza Magalotti Fiorentino,. l'Abate Atef» 
(andrò Guidi Pavefe, e il Cardinal Marcello d* Afié Romano r ed ora 
(l fta compitando il (quarto,, per q^uanto prima aneli' di» donare al pub* 
blico-[a| 

Di fopra ftnalmefite abbiam detta, cRe ta ptima fondazione diqnt^ 
fta Adunanza addivenne «ella Selva di &. Pietro inMoncorio/ niaquK 
vi poche tornate fi feccia pec Tincapaciti del fito;; per la qnal= cagt(K 
se ,, e pec alcrii accidenti,» le i contenuto dappoi m^rarpiù volte 
luogo» non efrcndofi. mai trovato,, chile abbia conceduto^ Oabntt^ ricee^ 
tO. Di quindi adunqnepalsò ella al Bofcadel Dtieadi Pàganica a S. 
Vtetro in Vincoli,, ove pane de^Paflori adifi (olla noda terra , pftrtè 
fiopfa tuAicl Yaflfr,. r0ci(acofx>' alcune venite i lor componimenti • Ma 
ctefcendo la molticudine degli afcoltami, dovette dia {jiocacetaf€pid^ 
ampio ricovero^ e allora Cu» che al Bofcadcl GiasdinO' RiarjjaltaLiiiK 
gara fecepaflTaggio,. nei ctiicongiunca Palazzo vifle^ e morf la gloriò- 
fa Regina di Svezia CtiAitiaAleffaiidra;.' e ciò' addivenne a^i7« di 
Marzo ratina, itfpu nà q^viahro comodo godievona pelerterar j c^c^ 
eizf, che un^graafeflaritotido,. fulla fponda del quale fedcvano alla 
tio^fa e gli Arcadi, e L'Udictiza,. imicatMiofi nrta^gufÀltf (empiici^ 
aiPaflocale anche da^PcBiòtiaggi pia eminenti y. e coTbìciirV Ma nel 
%69^^ cHTeiKlO' Rati acoolci daHDuca di Parma ntYuoè iamoff Orttl^ 
faiiini y, ia efll noiL poca la libertà ,. eia fempticitic (Mdetta riciiafe pie* 
giudicata y imperciocché giacque a k piiV,, con< no» fatK> coiifigHa, di 
ébbricarvi un* bofcbtreccio. Teatra di due oedioi di {edili ^ compofti 
di palizzate piene di terra v e veQke di lauri ; ia mezzo alla enì Piaz-^ 
za vi erano delle pianticelle di monella difpeOe if^guiCa ^ ehecrefcee^ 
da avevana formaca fa Siringa* di<ettecafHie,> inlegfia delI'V^dtmanza^ 
Aliarono in luoga pia eminente unrordijie di Tedili pe^CaMioati , 1 
q^ fino a quel rempcM sbrana degpad accomodarli atta, lod^ta^- feii^ 
liciti , comenti dr'un< fot cufcino r e« qui«i fitrono* efpott'e alMi» pubbli^ 
ca viAa le memovate Leggi farle incidere io. mafmo* dal Paificipe Ao*** 
txmia di Parma L e qtnivialcrcsi viikfi; la. (rima Lapida di memotk 

poflai 

fta^ Sa#/# fluita* rélkm§ t fài^: fmlUkém^ Rt Rama per Aatoaio de* 
Roflj ^ay. in it^ é.€9nfitm$ ii/lfiuenti^ r;*## it Sèmmo^ f99t^e- C/rjwjna 
X/. $1' Sommo Ponufeo- If%nécn$JL^. XI It.. Vlic§nxfi Lm^ìo* Sfibrino , Géùfif^ 
fé VMit^ih ìUpòbtmno^B^mMfdimé k:ìiumMt.Umi C%rp€fàn§y Meffkndro UÙ^^ 
ihe$ti 4arPóAi»rm^ ,. QU.BsnfiéLWifìn Tmfpi imtibfé^ Èimf. QU. Ué$rUlM^ 
tifi Marnarne ^ « FemmlU Figlimi Mis/tmi UéurScmnè ». 



Digitized by 



Google 



335 

•1 kmbbi Fnnecfeo Redi dd Cuftoded'Arcàdk uMaefimo. 
la queftodcltiioGfltauì 'luogo fiiartbbe ccnamcbcc perpctiuira ladt» 
l|M>r« deU'AduoMeti i^er la gencro&fliim ^nastcri^ cuUa quale la S^ 
^oifliaia Cafa tii Itacout tanto io t^iiiieiiH>o alle iccccce favorcwle^ 
e propizia, ve Taireva accolta; ma per leggien cagióne d'atconl ^f€X& 
isecitativi> iimKCiienrì qualche allegoda paftonde alquanto poogmte^ 
con trqppA anaoloficà e ienza fondamento incerprctacA da cbi ^dloni 
io Roflia era Mini Aro di & A. per cofa, cbeàndaOTe a ferite un 4i«- 
f c n dc nce di qfueila Scrcnifliina Cafa^ convenne alla iine per acdietarè 
i cUttiori> -eie 'violenze* <die di ^ata weure quegli ifece pei corfo di 
più tncQ^ e liberarfi da qualclie improprio procedimento^ abbandona 
Aace il luogo xon difpiacere ine^icabtle» non ^mr' dell' Adtmaoza t 
ma; ddlo fteflb.Ducay il quale tanto era lontano daH'.autorizzarectòt 
che it Mtoiftrolaceva» che. anzi»-come1fi4egse'in una lettera di q«eW 
la Corte > etiftcnte in copia nei Serbatoio d'Accidia ({d)y -mn MV9!0é^{%)^ùm. t. 
tmfiàmMs lek .t9fA nitme jim di ^uHU:^ «b# '«m ? 'parole^» che vengono ^cfuttur.onf. 
mirabilroeme f piegate da un'aUraJetiwajfcriiia daÌS.A. aliìinffdtnr/«/^ ^4». 
te Miniftro Marchese ignasio 4e Sandis Vanno 1712. a* 15* 4% Xu« 
cito» inpropofico» clic dal PrÌKipe Rofpoli^ di cui <favellera(fi appref^ 
^9 glifuroòo^ri^bieftele TuddenéJLeggitte tnarenoffimafeneHneniova^ 
ri Orci; 4a quale lìcuopce l' afletco, t la ftioat "die A^A.iS. tuttav^ia fi 
degna di nynreorre vetfo «gli Aicadi^ «e per confegnenza la {mattcan*»' 
atn del fuo aScnfo iie*jM:ocedinmiri ifoédniti; e<|ocfta itanera » oche ifi 
traova attreéi io copia nel.4tiddeip> Sectefoio '{i^jftcflTcndo affai van-tb) r#w. 4* 
taggiora per la gloria di qoetU .Adonanza^ «teniam inoflro lObbligooeti^'^'^^'./^V^* 
^^civerla qui come iacciarto. ^ £Vhtuic dU 

Dil Sirenijfhm di fmmM,iM Ciimm i5« Im^ «711» ^^' ^ ' 

Tjc Infidi » Su cai fiMnn9 smcifi U Zeggi dHtJÈccdimis d$gU ^rc4* 
di > fvk^tt^ mt* mpri Gimrdini di C^mfù Vncoim wifmffsi fciffiCMm§t. 
mma i$lU fnw$s infiituu0nijdeUd dtud Mlé/hf ^ccMimiM > figititM 
C0it iiJftfcnaLii Y r fétm^e Mia m^mCafin 9 fere mm crtiiém» me ^hé 
40 mrifmieciie Ài ^ivMTci di unn sì riguéttAn^le ufiimvniMntjn; ni che 
dm fièfid fer iwfifiere il Siznmr Primcife Hu^eli^ n quale devrÀ oh* 
xi leJire delia fiima y dbr da nù ^em fatta di quella nudità Adunane 
x^y la quale da Imijfureèaenutajm ss grjtn freii^» Ne$t rifuinìam0 
fare %'che vtHemda nii ^cefia deile ieigi fuddeue^ gli fetmenijtte di Hlf^^ 
rétmeme ^arU traftrii^e y ende 99^- fi 'jpffMù -ancora f colf ir e in alrH 
wmarmì da affigerfi et,e fiitf tacerà : vetende nei credere , che la gentiles> 
XM di effe Signer Princife xenefceri iajiufiiua di quefie nàftre /enti- 
mecnfy e ne re fiera feddiifaue.^ 

Per tal ragione adunque* tafciatò quel lunga > .paTsòla lUgunaoza 
Tanno 1699. nelmefe d'Ai^ofto^al Giardino domeCìicodel Duca Don 
iVntooio 14aria Salviati ^ ove* nel pendio d'una 'Colltnerta ^ fece fca- 
^are il Teatro di forma ov^le , che nella parie fuperiore aveva rre 
ordini di fcdili , e ndl* iifraiiore uno; ed anche quivi fi farebbe pe- 
ravveniora fermata % fé indi a pochi anni non fotte fopraggiunta la 
inorte del Duca^ cbc feguì nel principio di Gennaio nel 1704* 

Cele- 



Digitized by 



Google 



Celebrò poi diamt méferdilbg)iò'r^^:t OiuocM*<^ 
Giardiiio del Principe D. Vincenzio Ginftiniaai^* e per qorfla fùMio- 
«le fece un finco >. ma aOaì vago Teatro di ptà ocdioi di paodie 'Oon 
{)erte di panni Arazzi di cotoc verde : la tocMa 4el quale era rito» 
da; ed.era accomiato da molce Pkamidì^ d'altezza xirca venti pal^i, 
fabbricale di legnami coperti di vetzura ^ e di trecce di ioti : ia 
ciafouna delle quali era eollncaca una delle Lapidi di memoria » cfae, 
come fi è decro > (òglionfi alzare da quella Adunanza aYaoi illulÙ 
Defunci ; ed allora la prima volta incominciarona a celebcarfi t|affti 
Giuochi alla xneinoria de'moui Arcadi » il qual co&ucne muaviaj^o» 
4ìtiua« 

. Ma alla fine l'anno 1707* a^li ii. di Settembre cipoTarono gli A& 
cadi appreOb Don Francesco Maria Rufpoli. Principe di Cerveieft >il 
quale gentrofamence diede loro ogni comodo. »d Aio Gia«dioo ^id 
) Monte ECqailino^^ifrftnattamoobé vA rjf x. ftabcti Ja loc fede io am 
oobjliOima Villa fui Colle Aventino , ove fece fAbbricare-^on fìeoa 
magntfiocnfie^ il. luogo .pec IL loro erercizj a guifa d'Anfiteatuo , il 
quale 9 per efler-fitmato dentro la nofira Parroccbia^ è Hate qotllOs 
che ita dato cagione al pcefmte tacconco.) 

La twmovata V\\\z è quetta Aefta pceflb Sama Sabina ^ &c^ Am- 
va qtU ift/eritd VAm9t$ U àefcritime fiijjM d^ itti ftéUicéUa mi- 
la Breve notizia <^r« <•« ^. favole wmiefiw^ -% che fi Uggm^ di ^à 
pag* JI.7- Ad>^igefM fgrà M^^tèn in^a/iidire il ^estww ten mnét sì kmgé 
rifetitMue % € abbiamo tratafinmta , ( miUira fui chhffipa fijfi vap 
di lejinUa , feddàfarfi mi /ofracfiia^ luega ) ritoifndo fA tmmf H 
fnt del penultimo ^ e l'tdfimo paragrafo , «#' qjMU vi $ qttalcbe di- 
ver/! ed ^ 

« • . La Platoai ricoperta tutc^ di ferpolfo a gnifa d'ameno praticel- 
lo; e l'Anfiteatro finalmente è chiufo dentro un recinto 9 o rpalliera 
di liuti > che il Corinoma a mtftirà di compier . la: vagbdcmi 9 iea- 
za impedir racdeaiià • che daUa ficopecra aria mirabilmctite vicm 
aim)eatata« ^ 

Dilettevole « emaellora okre modo i queftafabitica^ mannello, 
che le dà rulcimo fioiitiencot fi i la fuddetta loggia, dalla -cui gran* 
da Arcata può godete non poco numero d'Uditori ; ed ella è iicu^i 
in guiCa , che >tembra a chi la vede anzi parte priocipalifliroa di qa^ 
Ao moderno lavoro « che cofa amica : Tidea del quale è tutta dello 
^tto Principe di Cerveteri \ e i^l breviifìmp corfo di foli vcòiicm- 
iqne giorni fu fatta egregiamente efeguite dal Cavalier Gio. Baiifta 
Contini celebre Architetto di qoefta Città , e anch'egU Arcade • 

Ma ficcome le coTc del Mondo non anno mai AabiI permancfmt 
cosi allorché credevano gli Arcadi d'avete a godere appreOb qaefla 
magnanimo Principe impec turbabii quiete , fi videro proffimi a <2- 
dere nel maggior difturbo^ che abbiano nui foferto* Imperciocdii 
4Del 171 1. difunitili alcuni di eflfì dal rimanente del corpo > non £oli- 
inente fecero (cifma » ma fi avanzarono, quaoMinqoe non èccedemi 
il numetodi venti, a pretendere di coflicoire Tintcra Arcadia» eeiie 
<utta Tautorità appo loco rifedcATe » Quefta controverfia durò* laagi , 
U0>po9 e fu molto Arcpitofa nella Corte d^ JRA>ma) e per^cbe io varie 

guife 



Digitized by 



Google 



117 

|rife ne andarono attera Hi giro It rehzioiil , feoondochc Mp^tt' 
giiot venivatio •fcritte a i^a capriccio 9 però in grazia, della verità «i 
non fcoza fperaQ2a, c1)e fia per gradirli da* lettori > la riferirem quL 
oella tnomktz^ qhr dalle fcrictwve prigiiiatt «Gflcoii od Serbatoio de*; 
gM Arcadi (r.)A raoooglie* Lteagiotteradimqtie prinoptle fi fu, che (e) Tm. %, 
ttelta rionovazidiie: de'Coliegbi fegaita io i|oeiraoBo iir pteoa SLagtSri h i«'a. iW- 
iMOza a^ i^.'ài Giagfld^.fcetefero aloiiatt die noo <i potere eiegg(cre ii^frif. mg. 
di' nuora elfi areva godalo qaeirofisio uo*altra volta; ma dovc&oO'* 
iiroameme reiezione cadere in Arcadi « die pi(\ noo foffece àaci io 
carica, interpetrando eglino cori (a legge IIU delle crafcricttf di fo* 
pra, ove £ dice, che debbano eteggerfi in Orkem^t per eonregiicoza 
woa pofia tcMtiarfi a rimectìere alcuno» (e pdma noir è finito, il ^ro 
di tatti gli lAiKadi. Ben la Ragnoansa fapei«, cbe la Legge non io* 
àttvz ioterpctraca in quella guifii; ma» fecondo che Tufo ^timoSravat 
la (ka jnctfrpetraziooe fleta^^c fi è, che davendo il CuAode confer*: 
ntar ici vecchi, ed eleggere fet naovi, i dctùiei vecchi dovefleroef- 
fer gK Aedi iei» che Tanno precedente erano flati nuovi; di maniera 
che ogni anno i primi iei niciflero» i fecoodi fei raliOero» e lei altri 
eatraScro novellamente; contuttociò per veder di acchetare il tùmul* 
to, the immantinente fi levò» prefe configlio' di deputare a tenor del- 
le fteffe leggi, tre periti» che confultaflero fopra tal coixroverfia» fie^. 
come anche fopra due altre parimente fufcitate » cioè che l'deziocie 
dc*Cotleghi doveflTe confermarfi dalla Ragunanza per voti fecreti » e 
cbe accadendo d'averfi tra antio a furrogare. alcuno in detta carica la 
furrogaziotie dovefTe altresì eflèfe aworizsau dalla Ragunanea tKlIa 
fiefla gttira« I Periti eletti furono pienamente informati non folo colla 
viva voce , ma co* documenti in ifcritco ; pe' quali .oculatamente rico- 
nobbero non pure che la legge era fiata interpetrata dairuib ; ma che 
non poteva interpetrarfi abraoieme» fenza dar cagione ad ionumera- 
bili (concerti, anzi alla difiruzàotìe d'Arcadia ; con tutto ciò piac- 
qae a due di loro» non avendo il terzo voluto kiiervenire al eengref- 
fo^ di aderire a' reclamanti ; e a' 2. di Luglio dello ftefloanno promul* 

Ìfatono (^) il lòr confulro, e il mandarono io Serbatoio» ove fi con- (d)l>#fNr#« 
erva nel fuo originate. Ma.fattafi dal CuQoJe la.general Qiiamataa' ^.fsr.ì.Scrslik 
21. dello ftenfo mefe per interrogare fopra T approvazione » o riprova- ^rixi/h ] 

aioae di eSb la Raguoanza^ la qtule in quel di fu numerofa di fopra 
cento Arcadi» i cui «orni fi leggonp negli Attuar} d'Arcadia (*) i ed <c) Vàl.t. J* 
avendovflo letto, i Coogregari vollero Mentir le ragioni dc'Reclanian- At/i>#^.4ii. 
ti, e qndle altresi dello fiefib Cufiode; e poi vennero alla votazione» ' J^^'^f 
e per feffanta quatto voti il confiti»» fu rigettato» e ordinato» cl&eio 
tutto fi oflcrvalTe il folito </). (£)Denùv$L 

Tal fine del Confulco diede principio allo fcifma*, impetC40cd>è i \jL.ij^ 
Reclamanti accolti» e favoriti da un Perfooaggio » cbe credette favo- ^^* 
rire in e(B l'Arcadia tutta» come da loro gli era flato dato ad iticen- 
dcre» dei che egii«poi ben s'avvide» ma in tempo» che -piiì. non pote- 
nf recedere dalt^ impegno» montarono in tanta animofui » che vaa- 
tondo^ come abbiam detto» di coftituire T intera Arcadia» della qua- 
le eleilero Cuftode perpetuo lofieifo Perfonaggio» iotraptefero adefer- 
citare ratte le coftumana» degli Arcadi » e (peziakri^tc fi adunarono 
' Ot€fc.Ifi.F9lg^Poifi4.Tom.FI. Y alcune 



Digitized by 



Google 



Tit 

alcune ^vélte m un 'fico /copérco» die il PeiCoùàg^o aveva doMci^l^'^ 
tofoori della Porta Flaomioia^ pdel Popolo ; fopca ringrcDb 4^ 
quale fivedc^uoa pioccdalapidat m^oté iocagliaca la memovia dèlia 
dooazioiit'; -e ilagli Arcadi vi fi «lafoia't nctturia Aare» [perche reftt a'P^ 
' fieri un' am#pwce^ e rpUbbiico itocumemo idei ;loro aneotato . 44a atb 
'fioe per ^tadbeoarli conveaiie liocerporvt Piaucwìcà*de1 Giudice^ tbeìa 
- ' primo Hciogoif a iMonfigtior Carlo Cerri allora Ì.oof oceoeDce . dell'i^v- 
dfiore della Camera Apoftotioa » avoori il 'quale fi fpedì ir moimorio 
:per ioccodur laJiceibpra laYuddeua^lor vana^pt^eofione? matterà- 
*(ofi da 'loro.» come ibifpcxto^ quel docto tjtodice,» eqtmtdi aflbficolni 
air Audicorato di Ruota , accedè in fuo Itego io detta carica ÌAùtìlL 
Marco Antonio «AQfidei»^>ra Adeflbre dd S»17&bÌO| Prelato, e pec4i 
doartnat» e per l'^ijperieoBa cdijpìoooct avanti a ckii fi piati non br(« 
tempo? infinattantoché morto il Perfonaggio Protettore» e velario 
e^no di:nonfporet piàfoOcner l'impegno^ ed efffcr-prcèimi ^ Tpeth 
raentar ^:effeni ddla retta giuftizìa.di qud degno Prelato ^ al i. é 
Gennaio.1714. rinonziarociD finalmente alla lite, -e a tutte te loto pn- 
tenfioni, e Totto altro nome, ed infipgna impvefero a militare. 

Qtiefta 'tiBUQsia ^ <ome etfetto anche «delPastorevca booti ad- O- 

dinaie Lorenzo 'Corfini ^cade Acdamato , fu portata in Collegio i 

JVrcadia dair^hate £ark^ Dpni Tuo Maefiro di Camera, e noAro A^ 

cadtf, a'^. detto Beffo mele di Gennaio ^ 'nel cui Serbatoia originai- 

(g) Tdm^^.taentcii coarerva [f]» ^ pubblicata dagli fieflfi Divtfi col iegocntcti- 

;/>rf. I. delU gì ietto ftampato, x mandato Fin gito. X' Aocadiwd$iu^ chi Jin4 mì »à 

^ ^ ^^ .AccmiUmis <QuèriMé , fi nàmnrÀ Gi9vidì 4. di Otnnsio del 17 14. Uft^ 

T4 ^i wt9ték feir dar ftiacifi^ si /»• In^itìM miU Gallirid deitEm^ 
mmi0im^% # Rfp^nndijfmé SigmtCéardèmdilMtwt^Cmrfim^ e poiptà 
ampiamente con «A ^tiaimpteab.akresi in Roma nella 'Stamperà 
della R. Camera ApoftoUca lo^eiTo^umo 1714» e:fatfo<egaakiie«t gi- 
rare , ove fra le ^lt«e «ofe, «che fi tràlafciatio per ^Oer le flefic com^ 
nute Dd VigUetto^, fi legge <b€ iglim fniis$ifi'Éigm Ur drittp^i t n^ 
mt ArcMdi€0% iàfimmìnUfiil ikih d* AccéuUmU Qtdrina^ comiMW 
r0fi0 duGiwidi 4* dH frefiwii mmé ^171^ sd m'^M *dÌ4M$tf s4Ut 
frincifi0 si ior0 imftitu$9^ 

Io tal differenaa si lunga » -e claoorofaf « piena d'impegni anche 
di Redonaggi qoàlificatimmi , due «cofe ibpra il tutto furono » e<bao 
degtie d*e(kr coofiderate / T «cu la marawigliora unione , e coftaoai 
degli Arcadi nel di(fetKir dallo ^Scifma ; «imperciocché eflfendb fiata 
dalla Ragunanza Generale con lettere circolari, qoanto a*Fofeflìen, 
e con vigliecti, quacKo a quei dimorami inRoma, esplorato Vaniaio 
di cudcuno ; tutti, , quantunque in quel gtoflb nutnero , c'be abbiam 
riferito 4i .fbpra^ airiferva dipochiOhni, che per lo p^voUero tao»' 
ocre indiiFerenti , dichiararono ia jfcritto iedelti alP Arcadia> e per* 
patua guerra alloScìfma:e rparialmente leColònie^ alcune ddieqoai 
li furono gagKardamenie-da i Divifi ternate^ e battute i e Ji qnele 
dichiarazioni Te «no confert^a nel Serbatoio d'Aròadia no ben grofle 
Codice» che è la parte feconda del quimo Volume delle Scfitmce ori* 
sinali • L'altra la geacroTa > e gagliarda difiefa Mia caofa avamt il 

Giù: 



Digitized by 



Google 



fSiklKcv fatta, dk^ PktiOt AiKireom dkiBèVilgaa^cbiàro^Gìc^^ 
ébquc^Aa Cucia.», uno d^'Proccttratori di. Col iegìc^ « delle. Caofe del 
Sacxo' P^Uzzo/ApoftoUco». r dejptflmo«Arcadf< ; il quale iHm purt 
((olle /ne dopt fati^ie fodane «lif abilmeiifte le ragkiDi dcirAdpoatir 

»^ IIHt volte ^r^ /OPRlir*^ <W tf1«»ÌO ^ tttlK:; if; fptfo ,. fihC.Vif: QCf 

Ukf imi$éUt0 : Couipoiiimfmì Poacicl <^^^ ne) gf uadL la prioMk 
Pietra <^^ in jBjoma. ]725*>^» ^ 

LA iUgmi«n9«pd<«)^ Arca^ ioftìtsica iO) Roiaa .Pàneo i6fa A'5; ^ 
Oftpbfe rplMpaireGjallicolO'».ncl BoTm defPadcLMiMri Ofttw 
yaoci HifpoiKiii V volgariQCOtedtttidi S^ Pìcko^ìo' Mbntorié^c dopo* 
avete niel oifrlo^di ànot trcmackmicr mutate nooi poche, (adi per £aor 
Huoi CoogrelK letterar; > feB3a;cueviiiai^4d>bia.potuio>ottaDerne usa. 
flabilcL • e percnaiietHé i alla, fioe à put giunta, ai vedere adempito^ atH- 
ithe ^lefloi. che «ra il'inaggioce;de*/^aokdcfider|:.«iipetcioc€hè effof 
do (hta>«cciamata dalla oiedefiaia:». « fttnro0ta.Al' Juogo in tfa ▼»* 
caute pcc la morte della S.rM».di Psipa Qeaieme XI».UvSacca Reoi 
MacOà di Doa GIOVANNI V.. Re dis Pouogai|Ot> la MaeM Sua», 
in* fcgop^dit grofdioieoto*» «oa* inagi:ùficeina< veiaioeate Regale • ed 
incomparai^ile » k fece dono >. per osczzo di' 5uai Eccellenat Doa 
Andrea de^^ MeUo-de CaQso^Coate:da$.Galveas.^ruo Aitibafctaiore Or- 
dinario* alla^ Santa^Sede >, P(Mtfotuggio ,, 0011 più.iie) Tuo Mim8ero#. 
^ infogni alironobile Audio ^^ al più ako fegtio verfato ,.ed efper* 
IO, di.rc^iiquattromiila;,dell*impiégp de'^pali il principale oggetto 
fi fu il proyvederfi dr <|aello Rabti' Ivogo f. ptt l^cq;iifto del quali^ 
fi erano icidarop fpefi in si. luogo teòipo tanti peofieriv. 
• Mercè: adunque di si angpftai itiunificenza >. eOeodofi fatta oompm* 
d'ìm, cmunIo*». e dilettevole (ito* (ullo' (idSo- Colle Gianicolo %. ovo 
dlatCCvne-G è detto^ebbe Ifuohprincipj^.deftìnoffi il diiquintodel 
paffatomefe di. Ottobre >. che* cadde in Venerdi ««ed enu annivec^urio 
della Tua ififtituzioiie>. pel getto della prima. Pietra; ne* fondanHOti 
del nuovo Teatro per li Coogreffi' letterari » i quali già erano ftati 
eavati^ col difegno,, e colla direzione d'AtKonio Can«yai|: celebre 
Architetto V aTOcUatotca gli> Arcadi Elbafco*, e* coU' approvazione^. 
noAt pure deT Deputati fopra. queAo aflfare >. che furono Mbnligooc. 
Erancefco dt Vico Vcfcovo d^Eleufa detto Timofilo >. il CadontoO' 
Qiiféppe Paolucci detto Aledi >. TAb.. Anton. Francefco deTeIki dètco' 
Sèmiro^»;elvAi>^ Michel Giuseppe MoreidettoMireo;: mai anche del 
Collegio d'Arcadia >. e della Beffa Generale: Adunanza^, tenoca ai^iOè. 
del precedente Settembi;e^ Ma pcfchp in. quél giomo> la Aravagamn 
Hiel: tempo per lo più' fiovofo .no5^ pecmife- di- ftare. io» eampagtia >. in: 
^diflkritailai funzione al 'Màruedifeguente.. 

La mattimiidia tal giorno i. die fuil.nooo delio fteflb^mefé^. eflem 
4É>fi portato ati foddetto* fito.il Cuftode Generale d'^Arcadta^f. Gio; 
^ì/bxìo Crefdmbeni: Arciprete^ deli: inOgne Collegiata <ldla fiafliicn: 

Y a diS^ 



y 



Digitized by 



Google 



dìS^ Maria te CofittédJtì , toffeme co* corpo éé CofUégio ^ e altrt 
Arcadi» alfa prefcnta loro-, e di nott podhi Pètfooa]ggi , eLececcaii 
foncorfi alla ÌFu«zione » tubi a òiafcppè Pcrogi»iuno iic'Capinotaì 
«H Monfigaor Aoaifore tfella Catnel^^Tlpofolka'^ e4%ta)o akreii 
MI^AJaiiattza ,. là Pkini , che ddtcr#'gètcdrfiS acctecfcè^fcrivcn*^ 
dola I fi rogafle poi della fuoztopc del getto > ficcome fece» ccbitHtqoe 
tjHè vago poti^ riconofcere negli Atti di lui. 

EHdtxta prim^ Pietra <!lniàriiioì liìogt patit)V una» e onde qcM^ 
uo, & measDa» loega palmo ttno > e groifa once fei- » con un- cavo » o 
chiuQno ki mezzo >' lungo Xince diéci^y e largo fette y nel qtsate^fa 
collocata una caflettina » con dentro- varie mediale $ e memorie d' 
argento » e d'altri generi di metallo « altre erprimeiut il Santiffioio 
Naeàtc di GESU^ CRIStCV Signor MoAto , Toiéfaie d'Acci^it ; « 
ere coll'^Immagine del iBedefiino^Grifto io^fi^ra di PaftoM colle pt- 
Mie Ego^/um Paftéf bwusì altfe co»quCtla della Boarà Vagine « per 
iodkare (o-Oabilimento deUa Kagunanza lìelb Parroeclff» deiranrl» 
ctùflima Bafiitcs^ di S. ^k^ia' in* Tra(kf?ere v altre ad- onore di & 
Pietro t Principe degli Apofloli > la cui crocifi/Tibne » vicnedm nrolti 
gravi Scrittori afiEmnato « eOer feguira nei collt Oianicok>; altre ili 
legno d^offequio al noftro SantilTioia Principe» e Padre > BENEDET* 
TO XIIL Sommò Pontefice ^ ftlicemén^e KcgtMUitc^j altee eoi glo- 
sioGffimo Nome di Don GIOVANNI V. Ré di Portogafto ». aiht 
cui Real grandezza d*animo, l'Arcadia $i altamente è tenuta , t cotC 
infcrizione MUNIFICENTI A REGIA .• altre coirfnfegna della me- 
desima Arcadia » che- è la Siringa di Setie Cannes e fifral mente akio 
GolP effigie di* Jacopo Sadnazzaro ^ fótta- nomed^AMio Sincero* « Pa« 
dre della Buccolica Tofcana si egregiamente da lui tmoeggiata nella 
beiliffima Aia Arcidid ^. dalla quale la noftra riconofce la prima^ 
Origine^ ed Autore del famofo^ Poema de l^tu yirgms\. 

Qpedo cavo poi era fornito del fuo- coperchio- parimente di mar^ 
moy fermato con quattro fprapghe di ferro 9 fopra il quale erano io* 
tagliate le parole: DEONATO , alludendofi con effe atta mentova» 
Ki Nafcita del Redentore , a cui la Pietra era dedicata >. ed- d'ìtUroit 
dedicato il Teatro*» che fi fia fabbricando. 

Or dappoiché quefta Pietra fu dal Cuftode^gettata nella cavade* feo* 
ikmemi » profoiida per dodici palmi , i>el mezzo- di quella parte 
appunto y fopra la quale dee fab