Skip to main content

Full text of "Materialismo storico ed economia marxistica"

See other formats


<^PETTO CROCE 

SAGGI FILOSOFICI 

IV 



i 



»'• JATERIALISMO STORICO 



ED 



ECONOMIA MARXISTICA 



QUARTA CUrzrONE RIVEDUTA 




BARI 

GIUS. LATERZA & FIGLI 

TIPOGRAFI-BDITORI-LIBRAI 

1921 



SAGGI FILOSOFICI 

IV 
MATERIALISMO STORICO 

ED ECONOMIA MARXISTICA 



BENEDETTO CROCE 



MATERIALISMO STORICO 



ED 



ECONOMIA MARXISTICA 



QUARTA EDIZIONE RIVEDUTA 




BARI 

GIUS. LATERZA & FIGLI 

TirOGRAFI-KDITORI-LIIiRAI 

1921 



PROPRIETÀ LETTERARIA 
A NORMA DELLE VIGENTI LEGGI 



Stampato in Bari, coi tipi della Ditta 

MAGGIO MCMXZI • 58196 



ALLA MEMORIA 
DI 

ANTONIO LABRIOLA 

CHE M'INIZIÒ A QUESTI STUDI 



2032382 



PREFAZIONE 



Questi saggi sono stati sparsamente pubblicati, nel 
corso degli ultimi quattro anni, in riviste scientifiche 
e in atti accademici ^; e io m'induco a raccoglierli 
in volume non solo per la ragione libraria, che le prime 
ristrette edizioni ne sono esaurite, e intanto accade 
che essi siano molto discussi e di continuo richiamati 
nelle controversie che si agitano sul marxismo; ma 
anche perchè, riuniti, si chiariscono a vicenda e, se 
non m'inganno, offrono nel loro giro un esame abba- 



gli primo, col titolo: Sulla concezione materialistica della storie, 
in Atti dell' Accad. Fontaniana di NajMli, voi. XXVI, 1896, o maggio; 
il secondo, in francese, nel Devenir social, a. II, fase, di novembre 
1896, e in italiano, Napoli, Giannini, 1897; il terzo, anche negli Atti 
della Pontaniana, voi. XXVII, 21 novembre, e poi in francese nel 
Devenir social, fase, di febbraio e marzo 1898, estratto col titolo : 
Essai d'interprétaiion et de critiqiie de quelques concepts du marxisme, 
Paris, Giard et Brière, 1898; il quarto, in francese, nel Devenir social 
del novembi'e 1898; il quinto, nella Riforma sociale di Torino, a. VI, 
fase. V, maggio 1899 ; il sesto, in Atti della Pontaniana voi. XXIX, 1899, 
7 maggio. Il saggio sul Comunismo di T. Campanella fu pubblicato 
neW Archivio storico per le provincie napoletane, a. XX, 1895, fase. IV. 



X PREFAZIONE 

stanza compiuto dei problemi teorici fondamentali di 
quella dottrina. 

E stato affermato, da più d'uno, che io, da rigido 
marxista ortodosso, mi sia venuto via via mutando e 
abbia assunto, in fine, atteggiamento di critico e di 
oppositore. Non avrei, naturalmente, nessuna difficoltà 
ad ammettere il fatto, se fosse vero; ma che non sia 
vero, non debbo spendervi parole intorno : i saggi qui 
raccolti, e che sono tutto ciò che ho mai pubblicato 
in materia, bastano a provarlo. Si vedrà che già in 
quello sul Campanella (pubblicato nel 1895) si criti- 
cavano le stravaganze filosofiche e storiche di uno dei 
più autorevoli marxisti ortodossi, del Lafargue; che 
nel secondo (messo come primo nel volume) sono tutte 
le idee, riaffermate poi negli altri, sui limiti entro i 
quali il materialismo storico è da accogliere, e vi si 
discutono i punti a mio credere non accettabili della 
rielaborazione fattane dal prof, Labriola; che nel terzo, 
sul Loria, pubblicato sul finire del 1896, è brevemente 
forraolata la poco ortodossa interpetrazione della teoria 
marxistica del valore, svolta negli scritti seguenti e 
che ha porto argomento alla recente polemica col 
mio sempre ottimo amico Antonio Labriola. Dunque, 
per quanto io cerchi ed altri cerchi, non si riesce a 
determinare il tempo in cui sarei stato « marxista or- 
todosso», e il momento in cui sarebbe avvenuta la mia 
« conversione » . 

Un disaccordo e una varietà è, di certo, in questi 
scritti; ma non già nella sostanza del pensiero, sibbene 
nel tono o nel colorito che si voglia dire. Composti in 
tempi diversi, sotto diverse impressioni e con diversi 



PREFAZIONE 



sentimenti, — da quello di entusiasmo, che desta la 
prima lettura dell'opera geniale di uno scrittore come 
il Marx, a quello di disgusto per le pedanterie, i sofismi 
e le vacuità dei suoi prossimi scolari, — è naturale 
che, di tutto ciò, questi scritti si risentano. Ma spero, 
che non si vorrà confondere il variar del pathos col 
variar del logos. Nel raccoglierli, non ho voluto farvi 
se non poche e piccole correzioni; e la sola soppres- 
sione notevole è quella della lunga appendice biblio- 
grafica, che accompagnava il primo saggio del vo- 
lume : bibliografìa, che sarebbe ora superflua, tanto più 
che si è intrapresa in Italia, a cura del prof, de- 
cotti, un'edizione delle opere maggiori e minori del 
Marx, dell'Engels e del Lassalle, tradotte nella nostra 
lingua. 

Mi sembra opportuno ftir notare che i miei scritti, 
benché condotti con altra forma di esposizione e, direi, 
con altri abiti mentali, e con maggiore interessamento 
per la pura filosofia, rappresentano in Italia, nella in- 
terpetrazione e critica delle dottrine marxistiche, la 
medesima tendenza, che si è venuta svolgendo quasi 
contemporaneamente in Francia per opera del Sorel, 
e che procura di liberare il nòcciolo sano e realistico 
del pensiero del Marx dai ghirigori metafisici e let- 
terari del suo autore, e dalle poco caute esegesi e de- 
duzioni della scuola. Mi auguro che i saggi del Sorel, 
cosi importanti, vengano presto anch'essi raccolti in 
volume. Avvertirò anche che. per quel che concerne 
la prima fase del pensiero del Marx e la sua costru- 
zione filosofica e metafisica (la quale resta come stra- 
scico, e talvolta come semplice fraseologia, nei suoi 



PREFAZIONE 



scritti posteriori), io non ho avuto occasione di farvi se 
non qualche accenno, piuttosto per indicare le questioni 
di genesi storica e di critica teorica da risolvere, che non 
per risolverle io stesso. Ma l'argomento è stato ora 
tolto a considerare di proposito dal valente prof. Gio- 
vanni Gentile {La filosofia di Marx, studi critici, Pisa, 
Spoerri, 1899), e io rimando per questa parte al suo 
ottimo lavoro. 

Napoli, lug-lio 1899. 



In questa seconda edizione, la raccolta è accresciuta 
di alcuni scritti, sparsamente pubblicati \ che si le- 
gano alla materia dei precedenti. Altri, più brevi o 
più occasionali, non mi è sembrato opportuno racco- 
gliere. 

Quattro sono le tesi principali, che si difendono nel 
giro di questi saggi. La pi-ima concerne il modo plau- 
sibile d'intendere e adoperare il materialismo storico 
dei marxisti; la seconda, l'interpetrazione da dare alla 
teoria marxistica del valore, perchè anch'essa diventi 
in qualche modo adoperabile; la terza, la critica della 
legge circa la caduta del saggio di profitto (legge che, 
se fosse esattamente stabilita, come il Marx credeva. 



1 Sono : Marxismo ed economia pura (inserito nella Rivista italiana 
di sociologia, a. Ili, 1899, pp. 738-748); le due lettere sul Principio 
economico (nel Giornale degli economisti^ 1900 e 1901); la nota 11 giudizio 
economico e il giudizio tecnico (negli Atti dell' Acc. Pontaniana, voi. XXXI, 
1901); e la recensione Economia filosofica ed economia naturalistica (nella 
rivista La Critica, diretta da B. Croce, IV, 1906, fase. 2°). 



PHEFAZIONE XIH 

importerebbe né più né meno che la fine automatica 
e imminente della società capitalistica); la quarta, 
la proposta dì una scienza filosofica dell' Economia, 
che sorga accanto alla comune Economia empirico - 
astratta. 

Posso dire, che le due prime tesi sono state gene- 
ralmente accolte; tanto che le forraole da me coniate: 
— che il materialismo storico debba valere come sem- 
plice canone d'interpetrazione; — che la teoria 
del valore-lavoro sia nient'altro che il risultato di un 
paragone ellittico tra due tipi di società, — hanno 
giovato a metter fine a molte discussioni, sono dive- 
nute usuali, e si odono ormai ripetere quasi senza 
che si ricordi chi le ha messe pel primo in circola- 
zione. — La terza tesi è forse più dura ad accettare; 
ma io sono lieto che uno dei più esperti conoscitori 
del marxismo, l'economista e filosofo Ch. Andler, abbia 
avvalorato la mia critica, giudicando: « Très sùre- 
ment, M. Croce a découvert dans le marxisme une 
erreur grossière, qui est la déduction de la baisse du 
taux de l'intérét; et le 'ò° volume du Capital en est 
ruiné tout entier » (nelle Notes critiques de scieìice 
sociale, di Parigi, a. I, n. h, 10 marzo 1900, p. 77). — 
L'idea, infine, di un'economia filosofica è offerta più 
propriamente alla meditazione dei filosofi; ed io spero 
di avere prossima opportunità di mostrare ancora una 
volta i servigi che essa è in grado di rendere alla in- 
telligenza più profonda della costituzione dello spirito 
umano. 

Sulle relazioni del marxismo con l'hegelismo non 
sono più tornato, avendo per implicito detto ciò che 



XIV PREFAZIONE 

mi sembra se ne debba pensare in un mio saggio in- 
torno allo Hegel, che vede la luce insieme con la ri- 
stampa di questa raccolta ^ 

Napoli, maggio 1906. 



La terza edizione ha ricevuto solo lievi ritocchi, 
perchè, sebbene in altri miei lavori io abbia ripreso 
alcuni degli argomenti discorsi in questi saggi, consi- 
derandoli sotto nuovi aspetti, e abbia svolto, e anche 
qua e là corretto, alcune delle teorie che vi sono pro- 
poste, ho voluto lasciare inalterata la fisionomia gene- 
rale di un libro nel quale non poco del mio posteriore 
filosofare è come in germe e in abbozzo. 

Nei venti anni e più, passati dal tempo in cui la 
maggior parte di esso fu scritta, il mondo, al suo solito, 
è andato innanzi; e sono andato innanzi anch'io. E se 
ora ricerco le cagioni oggettive dell' interessamento onde 
già fui preso pel marxismo e pel suo materialismo sto- 
rico, vedo che ciò accadde perchè, attraverso quel si- 
stema, io risentivo il fascino della grande filosofia sto- 
rica del periodo romantico, e venivo come scoprendo 
un hegelismo assai più concreto e vivo di quello che 
ero solito d' incontrare presso scolari ed espositori, che 
riducevano Hegel a una sorta di teologo o di metafisico 
platonizzante. Nella concezione politica poi, il mar- 



1 Ciò che è vivo e ciò che è morto della filosofia di Hegel (Bari, ]906: 
ora nel voi.: Saggio sullo Hegel ed altri scritti di storia della filosofia, 
ivi, 1013). 



PREFAZIONE 



xismo mi riportava alle migliori tradizioni della scienza 
politica italiana, mercè la ferma asserzione del prin- 
cipio della forza, della lotta, della potenza, e la satirica 
e caustica opposizione alle insipidezze giiisnaturalisti- 
che, antistoriche e democratiche, ai cosiddetti ideali 
deir89. Per queste stesse ragioni, mi attraeva la fi- 
gura del Marx, del quale testé i più dei suoi seguaci 
italiani e francesi hanno appreso con maraviglia che 
caldeggiava le guerre, ammirava i Bismarck e i Moltke, 
e giubilava delle vittorie tedesche contro la Francia: 
maraviglia assai ingenua. Molteplici testimonianze di 
coloro che lo conobbero da presso già ce l'avevano 
descritto imperatorio di temperamento e sprezzante, 
estimatore della sola aristocrazia, alla quale si argo- 
mentava di ergere contro, non già i poverelli o il « buon 
popolo», ma la sua nuova società lavoratrice, conce- 
pita anch'essa come una sorta di aristocrazia. 

Chi tornerà col pensiero sulla storia della cultura 
italiana degli ultimi decenni non potrà, a mio avviso, 
non avvertire la larga e benefica efficacia esercitata dal 
marxismo sugli intelletti italiani tra il 1890 e il 1900. 
Per quella dottrina, penetrata nelle università insieme 
col giovanile socialismo, gli studi storici furono, dopo 
lunga decadenza, ritolti alla incompetenza dei puri fi- 
lologi e letterati, e dettero buoni frutti di storia eco- 
nomica, giuridica e sociale; e il pensiero filosofico ne 
venne assai stimolato per la ripresa di operosità alla 
quale si andava allora preparando. 

Ma ora, dopo più di venti anni, il Marx ha per- 
duto in gran parte l'ufficio di maestro, che allora tenne; 
perchè, nel frattempo, la filosofia storica e la dialettica 



XVI PREFAZIONE 

sono risalite alle loro proprie fonti e vi si sono rin- 
frescate e rinnovate per trarne lena e vigore a più 
ardito viaggio, e, quanto alla teoria politica, il con- 
cetto di potenza e di lotta, che il Marx aveva dagli 
Stati trasportato alle classi sociali, sembra ora tornato, 
dalle classi agli Stati, come mostrano nel modo più 
chiaro teoria e pratica, idea e fatto, quel che si medita 
e quel che si vede e tocca. La qual cosa non deve 
impedire di ammirare pur sempre il vecchio pensatore 
rivoluzionario (per molti rispetti assai più moderno 
del Mazzini, che gli si suole presso di noi contrap- 
porre): il socialista, che intese come anche ciò che si 
chiama rivoluzione, per diventare cosa politica ed effet- 
tuale, debba fondarsi sulla storia, armandosi di forza 
o potenza (mentale, culturale, etica, economica), e 
non già confidare nei sermoni moralistici e nelle ideo- 
logie e ciarle illuministiche. E, oltre l'ammirazione, gli 
serberemo, — noi che allora eravamo giovani, noi da 
lui ammaestrati, — altresì la nostra gratitudine, per 
aver conferito a renderci insensibili alle alcinesche se- 
duzioni (Alcina, la decrepita maga sdentata, che men- 
tiva le sembianze di florida giovane) della Dea Giu- 
stizia e della Dea Umanità. 

Viù (Torino), settembre 1917. 

B. C. 



SULLA FORMA SCIENTIFICA 

DEL MATEEIALISMO STOKICO 



Il materialismo storico è quel che si dice un tema di 
moda. Nato or son cinquaut'anni, visse per molto tempo 
vita ristretta ed oscura; ma in questi ultimi sei o sette 
anni è giunto rapidamente a grande notorietà, e ha dato 
origine a una copiosa letteratura, che si accresce di giorno 
in giorno. Io non intendo rifare ancora una volta la sto- 
ria, già molte volte fatta, della genesi di quella dottrina, 
né riferire e criticare i luoghi, oramai notissimi, del Marx 
e dell'Engels che la enunciano, e le varie opinioni degli 
oppositori, dei difensori, dei divulgatori, e dei correttori 
o corruttori. Il mio scopo è soltanto di sottoporre ai col- 
leghi alcune poche osservazioni intorno a essa, prenden- 
dola nella forma in cui si presenta in un libro recentis- 
simo del prof. Antonio Labriola, della università di Roma '. 

Per molte ragioni, a me non ispetta di lodare questo libro 
del Labriola. Ma non posso non dire, quasi per necessario 
chiarimento, che esso mi è sembrato la'più ampia e profonda 
trattazione dell'argomento: scevra di pedanterie e di pic- 
cinerie erudite, eppure recante in ogni rigo i segni della 
conoscenza perfetta che l'autore ha di quanto si è scritto 



1 Del materialismo storico, dilucidazioni preliminari (Roma, E. Loe- 
scher, 1896). Si veda lo scritto precedente dello stesso autore : In me- 
moria del ^Manifesto dei comunisti ^ (2' ediz., ivi, 1895). 

B. Croce, Materiaìismo storico. 1 



2 SULLA FORMA SCIENTIFICA 

sai proposito; tale, insomma, che risparmiala noia del po- 
lemizzare con vedute erronee ed eccessive, che vi appaiono 
oltrepassate. La sua opportunità è poi grandissima in Italia, 
dove il materialismo storico è ditfaso quasi soltanto nella 
forma spuria datagli da un ingegnoso professore d'economia, 
il quale se n'è spacciato ritrovatore ^ 



A chi legga il libro del Labriola, e procuri cavarne un 
concetto preciso della nuova dottrina storica, un primo 
risultamento dovrebbe mostrarsi chiaro e ineluttabile, che 
io raccolgo nella seguente proposizione: « Il cosiddetto ma- 
terialismo storico non è una filosofia della storia». 
Ciò il Labriola non dice in modo esplicito, anzi, se si vuole, 
a parole, dice talora proprio l'opposto ~. Ma la negazione, 
se io non m'inganno, è implicita nei limiti che egli viene 
ponendo al significato della dottrina. 

La reazione filosofica dello spirito critico gettò a terra le 
costruzioni innalzate dalla teologia e dall'arbitrarismo me- 
tafisico, che aduggiavano il campo della storiografia. La 
vecchia filosofia della storia fa colpita a morte. E, quasi di- 
spregiativa e deprecativa, nacque la frase: « far filosofia 
della storia», per dire: fare storia fantastica e artificiosa, 
e forse tendenziosa. 

Vero è che, negli ultimi temiti, sono cominciati a rive- 
dersi libri che prendono a titolo appunto la « Filosofia della 
storia » , e che parrebbero accennare a una risurrezione, la 
quale in verità non ha luogo, perchè si tratta di cosa assai 



i II prof. Achille Loria; intorno al quale si veda, in questo vo- 
lume, il saggio II. 

2 Lo chiama una volta : « l'ultima e definitiva filosofia della storia > . 



DEI. MATERIA USMO STORICO 3 

diversa. Questa recente letteratura non vuol dare vita a 
una nuova filosofia della storia, ma rappresenta sem- 
plicemente un filosofare sulla storia: distinzione, che 
inerita di essere in breve rag'ionata. 

La possibilitjl di una filosofia della storia presuppone 
la possibilitc\ di una riduzione concettuale del corso della 
storia. Ora, se è possibile ridurre concettualmente i vari 
elementi della realtà die appaiono nella storia, ed è quindi 
possibile fare una filosofia della morale o del diritto, della 
scienza o dell'arte, e insieme una filosofia delle loro rela- 
zioni, non è possibile elaborare concettualmente il complesso 
individuato di questi elementi, ossia il fatto concreto, 
die è il corso storico. Nel suo complesso, il movimento sto- 
rico non si potrebbe ridurre se non a un sol concetto, che 
è quello di sviluppo, reso vuoto di tutto ciò che è conte- 
nuto proprio della storia. L'antica filosofia della storia teneva 
possibile un'elaborazione concettuale della storia, o perchè, 
facendo intervenire l'idea di Dio e della Provvidenza, leg- 
geva nei fatti le intenzioni dell'intelletto divino; o perchè 
ti'attava il concetto formale dello sviluppo come includente 
in sé in modo log"ico le sue determinazioni conting'enti. È 
curioso il caso del positivismo che, non essendo nò tanto 
grandiosamente fantastico da abbandonarsi alle concezioni 
della teologia e della filosofia razionale, né tanto severa- 
mente critico e intellettualmente agguerrito da tagliare il 
male alla radice, si è fermato a mezza strada, ossia proprio 
id concetto dello sviluppo e dell'evoluzione, e ha definito 
vera filosofia della storia quella dell'evoluzione: come legge 
<;Iie spieghi lo sviluppo, l'asserzione dello sviluppo stesso. 
Poco male se si trattasse solo di codesta tautologia; ma il 
male è che, per assai facile trapasso, il concetto della evo- 
luzione, nelle mani dei positivisti, esce sovente dalla vacuità 
formale, che pure è la sua verità, e si riempie di un con- 
tenuto, o meglio, della pretensione di un contenuto, molto 



4 SULLA FORMA SCIENTIFICA 

simile ai contenuti teologici e metafisici. E basti come prova 
la quasi religiosa unzione e venerazione onde si ode dai de- 
mocratici discorrere del sacro mistero dell'Evoluzione. 

Con tali vedute realistiche è stata fatta, ora e per sempre, 
la confutazione di ogni e qualunque filosofia della storia. 
Senonchè la stessa critica delle vecchie costruzioni erronee 
richiede una discussione di concetti, eh' è un filosofare, seb- 
bene sia un filosofare che va diritto a negare la filosofia 
della storia; e, d'altro canto, la pratica storiografica fa sor- 
gere molteplici quesiti metodologici. I lavori pubblicati in 
questi ultimi anni, in senso prettamente realistico, col titolo 
di filosofia della storia, e dei quali ricorderò come 
esempì l'opuscolo del Simmel in Germania e, presso di noi, 
una prolusione universitaria dello stesso Labriola, conten- 
gono per l'appunto nient'altro che tali ordini di ricerche 
e dilucidazioni. I filosofi della storia, che, continuando nel- 
l'antica maniera, offrono disegni di storia universale razio- 
nalmente dedotti, sono voci clamantium in deserto, cui si 
può lasciar la consolazione di reputarsi apostoli solitari di 
una grandiosa verità disconosciuta. 

Ora il materialismo storico, nella forma in cui lo pre- 
senta il Labriola, ha abbandonato nel fatto ogni pretesa di 
stabilire la legge della storia, di ritrovare il concetto al 
quale si riducano i complessi fatti storici. 

Dico « nella forma in cui egli lo presenta » , perchè il 
Labriola non ignora, che parecchie correnti, nel seno della 
scuola materialistica della storia, tendono a ravvicinarsi a 
quelle concezioni viete. 

Una di queste correnti, che potrebbe chiamarsi del mo- 
nismo o del materialismo astratto, introduce nella 
concezione della storia il materialismo metafisico. Come si 
sa, il Marx, discorrendo delle relazioni del suo pensiero con 
lo hegelismo, usò una volta una frase a punta, che è stata 
presa troppo per la punta. Egli disse che lo Hegel pone la 



DKL MATERIALISMO STORICO & 

Storia sulla testa, e che bisogna capovolgerla per rimetterla 
sui piedi. Per lo Hegel, l'Idea ò la realtà, laddove nella 
concezione di lui (Marx) l'idealità non è se non la mate- 
rialità trasformata e tradotta nella testa dell'uomo. Di qui 
l'afifermazione, tante volte ripetuta, che la concezione ma- 
terialistica sia la negazione o l'antitesi della concezione 
idealistica della storia. Sarebbe forse opportuno ristudiare 
una buona volta, con precisione e con critica, codeste af- 
fermate relazioni del socialismo scientifico con lo hegelismo. 
Per accennare l'opinione che io me ne son fatta, il legame 
tra le due concezioni a me sembra, più che altro, meramente 
psicologico, perchè lo hegelismo era la precoltura del 
giovine Marx, ed è naturale che ciascuno riattacchi i nuovi 
ai vecchi pensieri come svolgimento, come correzione, come 
antitesi. In realtà, l'Idea dello Hegel (e il Marx doveva ben 
saperlo) non sono le idee degli uomini; e il capovolgimento 
della filosofia hegeliana della storia non può consistere nel- 
l'alfermare, che le idee nascano come riflesso delle condizioni 
materiali. L'inverso sarebbe logicamente questo: la storia 
non è un processo dell'Idea, ossia di una trascendente 
realtà razionale, sibbene un sistema di forze: alla concezione 
trascendente si opporrebbe la concezione immanente. E, 
quanto alla dialettica hegeliana dei concetti, a me sembra 
che essa abbia somiglianza puramente esteriore ed approssi- 
mativa con la concezione storica dei periodi economici e 
delle condizioni antitetiche della società. Ma, checché sia 
di queste obiezioni, — che esprimo in modo dubitativo, sa- 
pendo la difficoltà dei problemi d'interpetrazione e di ge- 
nesi storica, — se è certo che il materialismo metafisico, cui 
il Marx e l'Engels dall'estrema sinistra hegeliana facilmente 
pervennero, ha dato il nome ed alcuni particolari alla loro 
concezione della storia, altrettanto certo mi sembra che così 
il nome come quei particolari sono estranei al significato 
vero della dottrina. Questa non può essere né materialistica 



6 SULLA FOKMA SCIENTIFICA 

uè spiritualistica, né dualistica uè monadistica: nel suo 
campo ristretto non si hanno innanzi gli elementi delle cose, 
in modo che si possa discutere filosoficamente se siano ri- 
ducibili l'uno all'altro e se si unifichino in un principio ul- 
timo. Si hanno innanzi oggetti particolari, la terra, la pro- 
duzione naturale, gli animali; si ha innanzi l'uomo, in cui 
appaiono diiferenziati i cosiddetti processi psichici dai co- 
siddetti fisiologici. Parlare in questo caso di monismo e di 
materialismo, ò dir cosa priva di senso. Alcuni scrittori so- 
cialistici hanno espresso la loro meraviglia perchè il Lange, 
nella sua classica Storia dei materialismo, non' tratti del ma- 
terialismo storico. Che il Lange conoscesse il socialismo mar- 
xistico non occorre ricordare; ma egli era uomo troppo avve- 
duto da confondere col materialismo metafisico, che era il suo 
assunto, il materialismo storico, che non ha con quello nes- 
suna relazione intrinseca, ed è un semplice modo di dire. 
Senonchè, il materialismo metafisico dei fondatori della 
nuova concezione storica, e il nome che a quest'ultima è 
stato dato, hanno sviato non pochi. Citerò come esempio un 
libercolo recente, che è per questo rispetto degno di nota, do- 
vuto a uno scrittore socialista assai reputato, il Plechanow '; 
il quale, prendendo a studiare il materialismo storico, sente 
il bisogno di risalire agli Holbach ed agli Helvétius. E si sca- 
glia contro il dualismo e il pluralismo metafisici, affermando 
che «i pili notevoli sistemi filosofici furono sempre moni- 
stici, cioè intesero per materia e spirito solo due classi di 
fenomeni di cui la causa è una ed inseparabile». E, conti'o 
i sostenitori della distinzione dei fattori storici, esclama: 
« Si vede qui l'antica storia, sempre rinascente, della lotta 
dell'eclettismo contro il monismo, la storia dei muri di 
separazione; qui la natura, hi lo spirito, ecc.». Non pochi 
resteranno sbalorditi a ([uesto balzo inaspettato dalla con- 



i Beitrtìge zur Geschichte dea Materiaìismus (Stuttgart, 1896). 



DEL MATEltlALISMO STORICO ( 

siderazione della storia alle braccia del monismo, in cui non 
sapevano di dover aver tanta fede. 

Il Labriola si g-uarda accuratamente dal cadere in codeste 
confusioni. « La società è un dato (egli scrive): la storia non 
òse non la storia della società». E polemizza con pari vi- 
vacità e buon effetto contro i naturalisti, che pretendono 
ridurre la storia umana alla storia naturale, e contro i 
verbalisti, che dalla denominazione di «materialismo» 
si argomentano d'inferire il significato proprio della nuova 
concezione. ]\[a dovrà parere anche a lui che la denomina- 
zione dovrebbe essere cangiata, perchè la confusione è in 
essa, per così dire, intrinseca. Certo, si possono piegare 
h' vecchie parole ai nuovi significati; ma fino a un certo 
grado e coi debiti avvedimenti. 

Innanzi alla tendenza a ricostruire una filosofia mate- 
rialistica della storia, sostituendo alla onnipresente Idea 
l'onnipresente Materia, convioie riaffermare l'impossibilità 
d'ogni costruzione di tal genere, che, quando non si perde 
nell'arbitrario, si risolve in una pura superfluità e tautolo- 
gia. — Ma da un altro sviamento, che si nota tra i seguaci 
della scuola materialistica della storia, e che si congiunge 
col primo, è da aspettare un danno, non solo per la com- 
prensione della storia, ma anche per l'azione pratica. Parlo 
delle correnti teleologiche (di teleologia astratta), contro le 
quali anche si oppone, con tagliente polemica, il Labriola. 
La stessa idea di progresso, che è parsa a molti la sola 
legge storica da salvare dalle tante escogitate dai pensatori 
filosoft e non filosofi, è per lui resa priva della dignità di 
legge e ridotta a significato assai particolare. La nozione 
di esso (dice il Labriola) è «non solo empirica, ma sempre 
circostanziale e perciò limitata »; il progresso «non istà sul 
corso delle cose umane come un destino od un fato, né qual 
comando di legge». La storia c'insegna che gli uomini 
sono capaci di progredire; e noi possiamo guardare le sva- 



8 SULLA FORMA SCIENTIFICA 

riate serie dei fatti sotto quest'angolo visuale: non altro. 
Né meno circostanziale ed empirica è l'idea della neces- 
sità storica, dalla quale bisogna cancellare ogni traccia 
di razionalismo e di trascendenza, per vedervi il semplice 
riconoscimento del piccolissimo campo che nel corso delle 
cose è lasciato all'arbitrio individuale. 

Dei fraintendimenti teleologici e fatalistici si deve rico- 
noscere, che un po' di colpa spetta allo stesso Marx; il 
quale, come una volta ebbe a dichiarare, amava di civet- 
tare (kokettiren) con la terminologia hegeliana: arma peri- 
colosa, con cui sarebbe stato meglio non giocare troppo, 
onde ora si stima necessario fornire di parecchie sue affer- 
mazioni una interpetrazione assai larga e conforme allo spi- 
rito generale delle sue dottrine *. Un'altra cagione è in 
quell'impeto, in quella fede che accompagna, come ogni 
azione pratica, anche l'azione pratica del socialismo, e ge- 
nera credenze ed aspettazioni che non sempre vanno d'ac- 
cordo col cauto pensiero critico e scientitico. Ed è curioso 
osservare come i positivisti di fresco convertiti al socialismo 
superino tutti gli altri (che cosa vuol dire la buona scuola!) 
nei loro concetti teleologici, nei loro schemi predeterminati, 
e riassorbano in quel che ha di peggio lo hegelismo, che 
avevano un tempo così violentemente combattuto senza 
conoscerlo. Il Labriola ha detto benissimo che le stesse 
previsioni del socialismo sono semplicemente d'indole 
morfologica; e, invero, nò il Marx ne l'Engels avrebbero 
mai astrattamente affermato che il comunismo debba acca- 
dere per una necessità ineluttabile nel modo che essi dise- 
gnavano. Se la storia è sempre circostanziale, perchè, in 
questa nostra Europa occidentale, non potrebbe, per l'azione 



1 Si vedl^uo, per esempio, le osservazioni intorno ad alcune pro- 
posizioni del Marx, contenute nelParticolo Progrès et cUveloppemeiìl , 
nel Devenir social del marzo 1896. 



DKL MATEKIALISMO STORICO 9 

di forze ora incalcolabili, sopravvenire una nuova barba- 
rie? Perchè l'avvento del comunismo non potrebbe essere 
o reso supertiuo o affrettato da taluna di quelle scoperte 
tecniche, che hanno finora prodotto, come il Marx stesso 
ha mostrato, i maggiori rivolgimenti storici? 

A me, dunque, sembra che si faccia migliore lode alla 
concezione materialistica della storia, non già col dirla 
«l'ultima e definitiva filosofia della storia», ma 
con l'affermare che addirittura essa «non è una filosofia 
della storia». Questa intima sua natura, che si svela a chi 
ben l'intende, spiega la repulsione ch'essa mostra a una 
forraola dottrinale soddisfacente, e come al Labriola stesso 
.sembri appena agli inizi e ancora bisognosa di molto svi- 
luppo. E spiega anche come l'Engels abbia detto (e il La- 
briola fa suo quel detto), che essa non sia altro che un 
nuovo metodo; con che si vuol negare che sia una nuova 
teoria. Ma è poi un nuovo metodo? Debbo confessare che 
anche il nome di metodo non mi pare del tutto giusto. 
Quando i filosofi idealistici si provavano a dedurre razio- 
nalmente i fatti storici, quello, si, era un nuovo metodo; ma 
gli storici della scuola materialistica adoprano gli stessi 
strumenti intellettuali e seguono le stesse vie degli storici, 
dirò così, filologi, e solamente recano nel loro lavoro alcuni 
dati nuovi, alcune nuove esperienze. E diverso, dunque, 
il contenuto e non s:'\^ la forma metodica. 



II 



Ed eccoci al punto, che è da stimare sostanziale. Il ma- 
terialismo storico non è, e non può essere, una nuova filo- 
sofìa della storia, né un nuovo metodo, ma è, e dev'essere, 
proprio questo: una somma di nuovi dati, di nuove 
esperienze, che entrano nella coscienza dello storico. 



10 SUi-l.A FOKMA SCIENTIFICA 

È appena necessario rammentare come si venga via via 
superando l'ingenua veduta comune dell'obbiettività dello 
storico: quasi che le cose parlino e lo storico stia ad ascol- 
tare e a registrare le loro voci. Chi si mette a comporre 
storie ha innanzi documenti e racconti, ossia piccole parti 
e segni di ciò che è realmente accaduto; e, per provarsi a 
ricostruire l'intero processo, gli è necessario ricorrere a una 
serie di presupposti, che sono le idee e le notizie che egli 
possiede delle cose della natura, delTuomo, delle società. 
I pezzi necessari per compiere l'oggetto, di cui non ha in- 
nanzi se non frammenti, li deve ritrovare in sé stesso; e 
nell'esattezza dell'adattamento si manifesta il valor suo, la 
sua genialità di storico. Onde riesce evidente che l'arrie- 
chimento di quelle idee e di quelle esperienze ò condizione 
di progresso per la storiografia. 

La parte del libro del Labriola, che tratta delle nuove 
esperienze e concetti, offertici dal materialismo storico, a 
me pare assai bella ed efficace. Il Labriola mostra come 
la storiografia fosse già pervenuta, nel suo svolgimento, 
alla teoria dei fattori storici; cioè alla concezione che 
il processo storico sia effetto di una serie di forze, che si 
chiamano le condizioni fisiche, le formazioni sociali, le isti- 
tuzioni politiche, gl'individui dirigenti. 11 materialismo sto- 
rico procede oltre, all'indagine delle relazioni di questi fat- 
tori tra loro, o, meglio, li considera tutti insieme come parti 
di un unico processo. Secondo questa teoria (com'è detto 
in un brano, tante volte trascritto, del Marx), sostrato della 
storia sono i rapporti della produzione ossia le condizioni 
economiche, che danno luogo alla divisione delle classi, alla 
formazione dello Stato e del diritto, e alle ideologie delle 
costumanze e dei sentimenti sociali e morali, il cui riflesso 
si ritrova poi nell'arte, nella scienza, nella religione. 

Intendere esattamente questa concezione non è facile, e 
la fraintendono tutti coloro che, anziché prenderla in con- 



DEL MATERIALISMO STORICO 11 

creto, la enunciano astrattamente, al modo che si enuncia 
una verità filosofica ed assoluta. In astratto, la teoria non 
si può sostenere senza distruggerla, ossia senza tornare 
alla teoria dei fattori, che è l'ultima parola dell'analisi 
astratta '. Parecchi hanno immaginato che il materialismo 
storico voglia dire: la storia non essere altro che la storia 
economica, e tutto il resto una semplice maschera, un'ap- 
parenza senza sostanza. E si affannano poi a cercare quale 
sia il vero dio della storia, se l'istrumento produttivo o la 
terra, co)i discussioni che ricordano in ogni punto quella, 
proverbiale, dell'uovo e della gallina. Federico Engels era 
assediato da gente che gli si rivolgeva per domandargli 
come si dovesse intendere l'azione del tale o tal altro fattore 
storico rispetto al fattore economico. Ed egli, nelle non po- 
che lettere responsive che scrisse, e che ora, dopo la sua 
morte, si vedono comparire su per le riviste, lasciava in- 
tendere che, quando insieme col Marx, sotto la lezione dei 
fatti, concepiva quella nuova interpetrazione storica, non 
aveva inteso formolare una teoria rigorosa. In una di 
queste lettere, si scusava di quel tanto di esagerazione che 
potevano, egli e il Marx, aver messo nell'affermazione pole- 
mica delle loro idee, e raccomandava di badar piuttosto alle 
interpetrazioni storiche da loro date, che non alle adoperate 
espressioni teoriche. Bella cosa (egli esclamava), se si po- 
tesse dar la formola per intendere tutti i fatti storici! Ap- 
plicando quella formola, l'intelligenza di qualsiasi periodo 
storico diventerebbe tanto facile quanto la soluzione di una 
equazione di primo grado -. 



1 Per questa ragione, non chiamerei, come fa il Labriola, la teo- 
ria dei fattori una «semidottrina»; né mi pare del tutto calzante 
Tanaloojia con le vecchie dottrine, sorpassate in fisica, in fisiologia 
e in psicologia, delle forze fisiche, delle forze vitali, delle facoltà del- 
l'anima. 

'^ V. sua lettera in data 21 settembre 1890, pubblicata nella rivista 



12 SULLA FORMA SCIENTIFICA 

Il Labriola concede che la pretesa riduzione della storia 
al fattore economico sia un'idea balzana, che può esser 
venuta in mente a taluno dei troppo frettolosi propugna- 
tori della dottrina, o dei non meno frettolosi oppositori ^ Am- 
mette la complicatezza della storia, il successivo fissarsi e 
isolarsi dei prodotti di primo grado che diventano indipen- 
denti, le ideologie che si cristallizzano in tradizioni, le osti- 
nate sopravvivenze, l'elasticità del meccanismo psichico che 
rende l'individuo irriducibile al tipo della classe o dello stato 
sociale, l'inconsapevolezza ed inintelligenza nella quale gli 
uomini sovente si sono trovati circa le loro proprie situa- 
zioni, l'insapute e l'inconoscibile di credenze e superstizioni 
nate per istrani accidenti e ravvolgimenti. E poichò l'uomo 
vive non solo nella società ma anche nella natura, ammette 
la forza della razza, del temperamento e delle suggestioni 
naturali. E, finalmente, non chiude gli occhi innanzi all'efti- 
cacia degli individui, ossia dell'opera di quelli che si chia- 
mano grandi uomini, i quali, se non sono dominatori, sono 
certo collaboratori di cui la storia non potrebbe far di meno. 

Con tutte queste concessioni egli viene a riconoscere, se 
non m'inganno, che nel materialismo storico non bisogna 
cercare una teoria da prendere in senso rigoroso; e, anzi 



Der socialistiscke Akademiker di Berlino, n. 19, 1° ottobre 1895. Un'al- 
tra, del 25 gennaio 1894, è stampata nel n. 20, 16 ottobre, della stessa 
rivista. 

1 Anzi egli distingue fra « interpetrazione economica > e « con- 
cezione materialistica della storia >. Con la prima designazione in- 
tende «quei tentativi analitici che, pigliando a parte, di qua i dati 
delle forme e categorie economiche, e di là, p. es., il diritto, la legi- 
slazione, la politica, il costume, studiano poi i vicendevoli influssi 
dei vari lati della vita, cosi astrattamente e così soggettivamente di- 
stinti». Con la seconda, invece, «la concezione organica della sto- 
ria», della « totalità ed unità della vita sociale», dove l'economia 
stessa « vien risoluta nel flusso di un pi'ocesso, per apparire poi in 
tanti stadi morfologici, in ciascun dei quali fa da relativa sostru- 
zione del resto, che le é corrispettivo e congruo». 



DEL MATEItlALISMO STORICO l'ò 

che in esso non è punto quel che si dice, propriamente, una 
teoria. E ci conferma in questa persuasione col narrare il 
nascimento della dottrina sotto l'impulso di quella «grande 
scuola di sociologia», com'egli dice, che fu la Rivoluzione 
francese. Il materialismo storico surse dal bisogno di rendersi 
conto di una determinata configurazione sociale, non già da 
un proposito di ricerca dei fattori della vita storica: e si 
formò nella testa di politici e di rivoluzionari, non già di 
freddi e compassati scienziati di biblioteca. 

A questo punto alcuno dirà: — Ma se la teoria, in senso 
rigoroso, non è vera, qual'è dunque la scoperta? in che 
sta la novità? — Chi dicesse così, mostrerebbe di credere 
che il progresso intellettuale consista solamente nel perfe- 
zionamento dei concetti rigorosi e filosofici. 

Accanto a tali concetti, non hanno forse valore altresì le 
osservazioni approssimative, la conoscenza di quel che di 
solito accade, tutto ciò insomma che si chiama l'esperienza 
della vita, e che si può esprimere in formole generali ma non 
assolute? Con questa limitazione, col sottintendere sempre 
un «press' a poco» e un « all' incirca », sono feconde sco- 
perte, per intendere la vita e la storia, l'afiFermazione della 
dipendenza di tutte le parti della vita tra loro, e della ge- 
nesi di esse dal sottosuolo economico, in modo che si può 
dire che di storie ce n'è una sola ; il ritrovamento della forza 
reale dello Stato (quale esso si presenta in certi suoi aspetti 
empirici) col considerarlo istituto di difesa della classe 
dominante; la stabilita dipendenza delle ideologie dagli in- 
teressi di classe; la coincidenza dei grandi periodi storici 
coi grandi periodi economici; e le tante altre osservazioni, 
ond'è ricca la scuola del materialismo storico. E, sempre 
con le predette cautele, si può ripetere con l'Engels: «che 
gli uomini fanno la loro storia essi stessi, ma in un dato 
ambiente circostanziato, sulla base di condizioni reali pre- 
esistenti, tra le quali le condizioni economiche, per quanto 



14 SULLA FORMA SCIENTIFICA 

possano risentire l'influsso delle altre, politiche e ideologi- 
che, pure, in ultima analisi, sono le decisive, e formano il 
filo rosso, che attraversa tutta la storia e ne guida l'in- 
tendimento » . 

Anche per questa parte, io sono pienamente d'accordo 
col Labriola nel giudicare assai strane le ricerche che si 
sono tentate dei pretesi precursori ed inventori remoti del 
materialismo storico, ed affatto errate le illazioni che da 
siffatte ricerche si vogliono trarre contro l'importanza e 
la novità della dottrina. Quel professore di economia ita- 
liana, cui ho alluso in principio, còlto in fallo di plagio, 
stimò scagionarsi con l'asserire che, in fondo, l'idea di Marx 
non era propria del Marx, onde, se mai, egli avrebbe ru- 
bato al ladro; e snocciolò un catalogo di precursori, risalendo 
fino ad Aristotele. Or ora, un altro professore italiano rim- 
provera, e forse pili giustamente, al suo collega di aver di- 
menticato che la interpetrazione economica era stata, già 
prima del Marx, illustrata da Lorenzo Stein. E potrei mol- 
tiplicare gli esempì. Tutto ciò mi ricorda un detto di Gian 
Paolo Kichter: che noi facciamo collezione di pensieri come 
gli avari di monete, e solo tardi cambiamo le monete in 
godimenti, i pensieri in esperienze e sentimenti. Solo la 
presenza nella coscienza, la visione della pienezza del loro 
contenuto, dà importanza effettiva alle sentenze che si so- 
gliono ripetere; e questa presenza e questa visione sono state 
nel caso presente imposte dal moto del socialismo moderno e 
dai suoi duci intellettuali, il Marx e l'Engels. Finanche in 
Tommaso Moro si può leggere che lo Stato è una congiura di 
ricchi, che trattano dei propri comodi: <s. quoìdam conspi ratio 
fiiviturriy de siiis commodis reipubUccv. nomine tituloque tra-, 
ctantium», e che i loro intrighi si chiamano leggi: « machi- 
namenta iam leges fiunt-»^. E, lasciando stare Tommaso 



1 Utopia, L. II (Thomae Mori angli Opera. Lovanii, 1566, f. 18). 



DEL MATERIALISMO STORICO - .15 

Moro (che in fin dei conti, si dirà, era un comunista), chi 
non sa a mente i versi del Manzoni: «Un'odiosa Forza il 
mondo possiede e fa nomarsi Dritto...»? Ma l'interpetra- 
zione materialistica e socialistica dello Stato e del diritto non 
è perciò meno nuova. E, certo, è noto per comune proverbit) 
che l'interesse è fortissimo movente delle azioni degli uomini 
e si cela sotto le forme piìi varie; ma non è men vero che 
a chi si faccia a studiare la storia dopo essere passato attra- 
verso le lezioni della critica socialistica, accade come al 
miope che si sia fornito di un buon paio di occhiali: vede 
ben altrimenti, e tante ombre incerte gli svelano i loro con- 
torni precisi. 

Rispetto alla storiografia, il materialismo storico si ri- 
solve, dunque, in un ammonimento a tener presenti le os- 
servazioni fatte da esso come nuovo sussidio a intendere 
la storia. Pochi problemi sono più difficili di quello che ha 
da risolvere lo storico. Esso è simile, per un rispetto, al 
problema dell'uomo di Stato, e consiste nel comprendere 
nelle loro cagioni e nel loro operare le condi- 
zioni di un dato popolo in un dato periodo: con que- 
sta differenza, che lo storico si ferma ad esporle, e l'uomo 
distato va oltre a modificarle; che il primo non paga di- 
rettamente la pena dell'aver mal compreso, laddove l'altro è 
soggetto alla dura correzione dei fatti. Innanzi a siffatto 
problema, la maggior parte degli storici (e mi riferisco in 
particolare alle condizioni di questi studi in Italia) si con- 
ducono a casaccio, press'a poco come gli eruditi di vecchia 
scuola facevano la filologia e cercavano le etimologie. Gli 
aiuti per una comprensione piìi intima e profonda sono ve- 
nuti finora in più volte, da diverse parti; ma grande è quello 
che giunge ora dal campo del materialismo storico, e ade- 
guato all'importanza del movimento del socialismo moderno. 
Certo, la coordinazione e subordinazione dei fattori, che il 
materialismo storico afferma in genere, per la più parte 



16 SULLA FORMA SCIENTIFICA 

dei casi e in modo approssimativo, deve essere dallo storico 
resa chiara e determinata per ogni singolo caso; e qui 
è il compito suo, qui le difficoltà, che possono essere insor- 
montabili in taluni casi. Ma ormai la via è indicata a cercare 
la soluzione di alcuni dei maggiori problemi della storia, 
almeno quale si è svolta sinora. 

Non dirò nulla dei vari tentativi recenti di mettere in 
pratica storiografica la concezione materialistica, perchè non 
è da sbrigarsene di passata, e penso di trattarne in qual- 
che altra occasione. Mi restringo intanto a far eco al Labriola, 
il quale nota saggiamente un difetto comune a molti di 
essi, che consiste nel ritradurre, com'egli dice, in fraseo- 
logia economica le vecchie storie prospettiche, le quali, negli 
ultimi tempi, sono state tante volte tradotte in fraseologia 
darviniana. Veramente, per ottenere un simile risultamento, 
non varrebbe la pena di promuovere un nuovo indirizzo 
negli studi storici. 



Ili 



Due punti mi pare che meritino ancora qualche diluci- 
dazione. Quale relazione intercede tra materialismo storico 
e socialismo? 11 Labriola, se non erro, inclina a connettere 
strettamente, e quasi a identificare, le due cose: tutto il so- 
cialismo è, a suo parere, nell'interpetrazione materialistica 
della storia, eh' è la verità stessa del socialismo ; e chi ac- 
cetta l'uua e rifiuta l'altro, non ha inteso né l'una né l'altro. 
Io credo queste affermazioni alquanto esagerate, o almeno, 
bisognose di schiarimento. Spogliato il materialismo storico 
di ogni sopravvivenza di finalità e di disegni provvidenziali, 
esso non può dare appoggio né al socialismo né a qualsiasi 
altro indirizzo pratico della vita. Solamente nelle sue deter- 
minazioni storiche particolari, nella osservazione che 



DEL, MATERIALISMO STORICO 17 

per mezzo dì esso sarà possibile fare, si potrà even- 
tualmente trovare un legame tra materialismo storico e 
socialismo. L'osservazione sarà, p. es., la seguente: — la 
società è ora così conformata che la più adatta soluzione, 
che contiene in sé, è il socialismo. — Osservazione la quale, 
per altro, non potrà diventare azione e fatto senza una 
serie di complementi, che sono motivi di interesse econo- 
mico non meno che etici e sentimentali, giudizi morali ed 
entusiasmi di fede. Per sé stessa, è fredda e impotente, 
e non basterà, p. es., a muovere l'indifferente, lo scettico, il 
pessimista, ma servirà a mettere sull'avviso e a impe- 
gnare in una lotta lunga, se pur vana nel risultamento 
finale, tutte le classi sociali che in quel processo storico 
scorgono la loro rovina; tranne i proletari, che desiderano 
appunto la fine della loro classe. A darle avviamento po- 
sitivo, a trasformarla in imperativo ideale per chi non 
senta la spinta cieca dell'interesse di classe o non si lasci 
avvolgere turbinosamente dalle correnti del suo tempo, oc- 
corre dunque che vi si aggiungano la persuasione morale e 
la forza del sentimento. 

E questa è l'ultima questione che mi pare da mettere 
in chiaro, quantunque anche per essa la divergenza tra me 
e il Labriola non sembra possa essere di sostanza, A quali 
conclusioni conduce il materialismo storico rispetto ai va- 
lori ideali dell'uomo, rispetto cioè alla verità scientifica e 
a ciò che si chiama verità morale ? 

Senza dubbio, la storia della gecesi della verità scien- 
tifica viene anch'essa rischiarata dal materialismo storico, 
che tende a mostrare l'efficacia delle condizioni di fatto 
sulle scoperte e sullo svolgimento stesso della mente umana. 
La storia così delle opinioni come della scienza è in parte 
da rifare sotto questo aspetto, e se ne cominciano a vedere 
saggi notevoli. Ma coloro che per tale considerazione di 
genesi storica tornano trionfalmente al vecchio relativismo 

B. Croce, Materialismo storico. 2 



13 SUI.LA FORMA SCiENTIFICA 

e scetticismo, confondono due ordini di questioni affatto 
diversi. La geometria è nata, di certo, in date condizioni, 
che importa determinare ; ma non per questo le verità g-eo- 
metriche sono qualcosa di relativo e contingente. L'avver- 
tenza parrebbe superflua; ma anche qui gli equivoci sono 
frequenti e curiosissimi. Non hp letto finanche, in qualche 
scrittore socialista, che le stesse « scoperte» del Marx sono 
un semplice «momento» storico, che deve essere necessa- 
riamente « negato »? Il che, se non ha il significato abba- 
stanza ovvio di un riconoscimento della incompiutezza e 
provvisorietù e transitorietà di ogni opera umana, o non si 
riduce alla non meno ovvia osservazione che il pensiero del 
]Marx è figlio dei suoi tempi, io non so quale significato 
possa avere. 

Anche più pericolosa è codesta unilateralità storica rispetto 
alle verità morali. La scienza della morale sembra che sia 
ora in un periodo di rivolgimento: l'etica imperativa, che 
ha le sue opere classiche nella Critica della rag ioii pratica del 
Kant e nella Filosofia pratica dello Herbart, non soddisfa 
a pieno, e accanto ad essa sorgono una scienza storica ed 
una scienza formale della morale, che considerano la mo- 
rale come un fatto, e ne studiano l'universale natura faori 
di ogni preoccupazione di catechismo e di precetti. Questo 
movimento si manifesta non solo nella cerchia socialistica, 
ma anche altrove, e mi basti ricordare gli acuti lavori del 
Sinimel. Il Labriola ha perciò ragione nel rivendicare nuovi 
modi di considerazione della morale. « L'etica (egli dice) si 
riduce per noi allo studio storico delle condizioni soggettive 
ed oggettive del come la morale si svilu]ipi, o trovi impe- 
dimento a svilupparsi ». Ma cautamente soggiunge: « In ciò 
solo, ossia entro questi termini, ha valore l'enunciato che 
la morale è corrispettiva alle situazioni sociali, ossia, in 
ultima analisi, alle condizioni economiche». La que- 
stione del pregio intrinseco e assoluto dell'ideale morale, 



DJ5L MATERIALISMO STORICO 19 

della sua riducibilità o irriducibilità alla verità intellettuale 
o al bisogno utilitario, rimane intatta. 

E forse sarebbe stato opportuno che il Labriola avesse 
battuto un po' più su questo punto. Nella letteratura socia- 
listica si nota una forte corrente di relativismo morale, 
non già storico ma sostanziale, di quello che considera la 
morale come una vana imagiiiatio. Questa corrente è stata 
principalmente determinata dalla necessità in cui il Marx 
<? l'Engels si trovarono, di fronte alle varie categorie di 
utopisti, di affermare, che la cosiddetta questione sociale non 
è una questione morale (ossia, secondo eh' è da interpe- 
trare, non si risolve con predicozzi e coi cosiddetti mezzi 
morali), e dalla loro critica acerba delle ideologie ed ipo- 
crisie di classe *. E stata poi aiutata, per quel clie a me 
sembra, dalla origine hegeliana del pensiero del Marx e del- 
l'Engels, essendo noto che nella iìlosotìa hegeliana l'etica 
perde la rigidezza datale dal Kant e serbatale dallo Her- 
bart. E, finalmente, non è forse in ciò senza efficacia la 
denominazione di «materialismo», che fa ripensare subito 
all'interesse ben inteso V al calcolo dei piaceri. Ma è evi- 
dente che l'idealità o l'assolutezza della morale, nel senso 
filosofico di tali parole, sono presupposto necessario del 
socialismo. L'interesse, che ci muove a costruire un con- 
cetto del sopra valore, non ò forse un interesse morale, 
o sociale che si voglia dire? In pura economia, si può par- 
lare di sopra valore? Non vende il proletario la sua forza 
di lavoro proprio per quel che vale, data la sua situazione 
nella presente società? K, senza quel presupposto morale, 
come si spiegherel)be, nonché l'azione ])olitica del Jlarx, 
il tono di violenta indignazione e di satira amara, che si 



1 È notevole, sotto questo riguardo, l'antipatia clie traspare 
nella letteratura socialistica contro lo Schiller, il poeta della morale 
kantiana esteticamente temperata, divenuto poeta del cuore dei bor- 
ghesi tedeschi. 



20 SULLA FORMA SCIENTIFICA DEL MATERIAL. STORICO 

avverte in ogni pagina del Capitale'^ — Ma basti di ciò, 
perchè mi avvedo di dir cose assai elementari, e che solo 
per equivoci o per esagerazioni verbali si possono scono- 
scere o sembra che vengano disconosciute. 

E, nel concludere, torno al lamento, che ho già fatto 
contro questa denominazione di «materialismo», che 
non ha ragion d'essere nel caso presente, e fa nascere tanti 
malintesi e serve al gioco degli avversari. Per quel che ri- 
guarda la storia, io mi fermerei volentieri alla denomina- 
zione di «concezione realistica della storia», che 
segna le opposizioni a tutte le teologie e metafisiche nel 
campo della storia, ed è tale da accogliere in sé così il 
contributo che alla coscienza storica ha recato il socialismo, 
come quelli che le si potranno recare, in futuro, da ogni 
altra parte. Perchè l'amico Labriola non deve dare, nel 
fondo del suo pensiero, troppa importanza agli aggettivi 
«ultimo» e « definiti vo », che gli sono sfuggiti dalla 
penna. Non mi ha raccontato egli stesso una volta, che 
l'Engels aspettava ancora altre scoperte che ci aiutino a 
intendere questo mistero che noi stessi facciamo, e che è 
la Storia? 

Maggio 1896. 



II 

LE TEORIE STORICHE 

DEL PEOF. LOEIA 



Al nome del prof. Achille Loria non manca una certa 
risonanza internazionale '. Taluno dei libri del Loria è 
stato tradotto in francese e in tedesco, e si leggono di fre- 
quente, nelle riviste straniere di economia e sociologia, ar- 
ticoli suoi riferimenti alle sue « teorie ». Anche nel Devenir 
social^, in uno degli ultimi fascicoli, il Kovalevsky ha avuto 
occasione di accennarvi. In Italia poi egli non solo ha go- 
duto, negli ultimi anni, universale reputazione d'ingegno 
originale e di scopritore di «nuovi orizzonti», ma è stato 
singolarmente diletto al partito socialista, che, senza anno- 
verarlo ufficialmente nelle sue file, lo ha considerato quasi 
come il teorico italiano del socialismo. E il prof. Loria è 
riuscito a essere, tutt' insieme, autore insignito del gran 
premio reale dall'Accademia dei Lincei e collaboratore ben 



t I libri del Loria, ai quali mi riferisco, sono: La rendita fondiaria 
e la sua elisione naturale (Milano, Hoepli, ISSO); La teoria economica 
della costituzione politica (Roma, Bocca, 1886); Analisi della proprietà 
capitalistica (ivi, 1889, due voli.); La terra ed il sistema sociale, prolu- 
sione (Verona, Drucker, 1892); Les bases éconoviiques de la constitution 
biadale (ampliamento della Teoria economica, ecc., Paris, Alcan, 1893); 
Problemi sociali contemporanei (Milano, Kantorowicz, 1894) — ; oltre al- 
cuni articoli, che citerò ai luoghi loro. 

~ Questo saggio, come si è avvertito nella prefazione, fu scritto 
j)er Le devenir social. 



22 LE TKORIE STOltlCHK 

accetto della Critica sociale; antiborghese e fregiato di 
quelle onorificenze cavalleresche, che sono bersaglio predi- 
letto della stessa satira borghese; noto, per una parte, come 
critico fiero di Carlo ]\Iarx, e per l'altra, come suo prose- 
cutore e perfezionatore. 

In qual modo si spiega codesta duplice opposta fortuna, 
codesto concorso di amori molteplici, sebbene accompagnati 
da giudizi che formano contrasto? La spiegazione si comin- 
ciava già da qualche tempo a bisbigliare tra i non molti 
conoscitori esatti delle dottrine del Marx, che sono in Italia. 
Ma l'anno passato essa prese forma pubblica nella prefazione 
dell' Engels al terzo volume del Capitale, della quale parec- 
chie pagine sono rivolte al Loria. Il segreto si dice in due 
parole. Il Loria ha eseguito un plagio delle idee fondamen- 
tali storico-economiche del Marx, abilmente dissimulato, 
in modo che sembra talora una correzione, tal'altra una 
confutazione. Plagiando e censurando il Marx, era facile 
passare per pensatore di gran nerbo e più o meno socia- 
listico. La poca conoscenza del Marx, solita nei nostri eco- 
nomisti ufficiali, e la confusione dottrinale in cui si agita 
il movimento socialistico (il quale è appena ai suoi inizi in 
Italia), hanno preparato il terreno pel giuoco ben giocato '. 



1 L'accademia dei Lincei, nel rapporto ufficiale pel conferimento 
del premio reale a,\Vopus majiis deWAnalisi della proprietà capilalista, 
la diceva: «opera veramente originale, nel senso e più genuino ed 
elevato della parola (!) ». Ed ecco un aneddoto, che tolgo dallo stesso 
Loria: «Un de nos meilleurs députés, M. Giustino Fortunato, disait 
à la Chambre italienne, le 17 février 1890:— En réaiité, Loria a 
raison! Tons les systèmes politiques, toutes Ics constitutions de 
gouvernement, sous quelque forme que ce soit, s'inspirent toujours, 
consciemmeut ou non, des intérèts prédominants des classes sociale?, 
qui out la direction suprème de l'état » (Les bases, p. 144 n). Un 
professore, suo scolaro, lo chiama (nella Crit.soc, IV, 250): «il con- 
tinuatore dell'opera scientifica di Eicardo e di Marx». Sopra una 
grande parte delle teoriche economiche del Marx (è detto nella stessa 
Crit. soc, IV, 265) il Loria «ha rivolto la sua irresistibile e geniale 
forza dissolvi trice ». 



DEL PROF. LORIA 23 

Con l'accusa dell'Engels, e più ancora con la difesa del 
Loria', veramente compassionevole per l'imbarazzo e le 
scuse mendicate, il processo può considerarsi chiuso. Gli 
studiosi hanno innanzi tutti i documenti per giudicare da 
sé ■'. Né io ho intenzione di riaprirlo, o di riesporlo, e molto 
meno di aggiungere colpi ai colpi: le parole adoperate dal- 
l'Engels contro il Loria, e nella prefazione di un libro come 
il Capitale, han molto peso, e sarebbe poco utile, e insieme 
poco generoso, insistere qui nell'accusa. Anzi, io metto af- 
fatto da banda la faccenda del plagio, e dico invece: — Fac- 
ciamo l'ipotesi che il Loria abbia fin dal principio adem- 
piuto al proprio dovere, chiarendo nettamente la sua rela- 
zione verso il Marx; che nel testo, anzi nelle introduzioni 
dei suoi libri, ci siano tutte quelle avvertenze, e a pie di 
pagina tutte quelle note, che non ci sono; e domandiamoci 
che cosa egli ha prodotto per suo conto, e come ha rettifi- 
cate, applicate o semplicemente intese le idee del Marx. 
Se ha avuto la debolezza di voler apparire più di quel 
ch'egli è realmente, questa debolezza non ci tocca. Lascia- 
mogliela espiare sotto il flagello del v-ecchio Engels (che 
quasi per testamento ha provveduto a somministrargli una 
seconda flagellazione^); e restringiamoci, dal canto nostro, 
a esaminare l'elaborazione scientifica, e sia anche la mera 
esposizione letteraria, ch'egli ha data di quelle idee non 
sue. La divulgazione dei libri del Loria, la nominanza da lui 
goduta in Italia, e non solo in Italia, rendono necessaria 



1 Intorno ad alcune critiche dell' Eìiy eh, nella Riforma sociale del 
25 febbraio 1895. 

2 Questi documenti si possono vedere raccolti nell'opuscolo: 
Dal terzo volume del Capitale di Carlo Marx, prefazione e commenti 
di Fedkrico Engels, trad. di P. Martignetti (Roma, tipogr. editrice 
romana, 1896). 

3 Alludo alle polemiche ed aggiunte postume, edite nella Nene Zeit, 
XIV, voi. I, pp. 4-11, 37-11. Quest'ultimo scritto dell'Engels si trova 
anche nel citato opuscolo italiano: Dal terzo volume del Capitale. 



24 LE TEORIE STORICHE 

tale disamina: tanto più che anche di recente si è visto 
combattere il materialismo storico nel suo rappresentante 
perfezionato, il prof. Loria ^ Ricerchiamo, dunque, se egli, 
pur avendo usurpato l'altrui, è poi perfezionatore, o, per 
lo meno, buon espositore e comentatore. 



La concezione materialistica ha molteplici precedenti così 
nel campo dei fatti come in quello del pensiero; ma di tutta 
questa varia storia il Loria, nella prima edizione del libro, 
la Teoria ecoiwrnica della costituzione politica, si mostra af- 
fatto ignaro. Egli, con certa leziosaggine da letterato che 
gli è propria, narra nella prefazione la leggenda di un 
guerriero anglosassone, che trovò a casa sua, dopo una 
lunga assenza, un bambinello, che la sposa gli disse esser 
nato da un fiocco di neve; onde colui, condottolo seco in 
Italia, l'uccise, e al ritorno dichiarò che « il flocco di neve 
s'era sciolto nella terra del sole » . Così la nebulosa conce- 
zione germanica del socialismo di Stato si sarebbe disciolta 
innanzi al limpido ingegno italico (Loria), che, dissipando 
lo false parvenze, all'idea etica dello Stato avrebbe con- 
traj^posto la chiara dimostrazione del fondamento affatto 
economico dello Stato. Insomma, secondo questo dire, il 



i Si veda lo scritto del prof. C. F. Feuraris, Il materialismo storico 
e lo Sialo, iu Nuova Antolotjia, aprile e maggio 1896 (e in volume, Pa- 
lermo, Sandron, 1897). Il Ferraris scrive che il Loria ha cercato di 
dare al materialismo storico « una forma originale, e vi ha aggiunto 
svolgimenti elle mancano nei libri dei due Santi Padri del socialismo 
scientifico (Marx ed Engels)». Anche il dr. Paul .Barth, Die soge- 
nannle maferialistische Geschichtspliilosophie, nei Jahrhilcher dello Hil- 
debrand, fascic. di gennaio 1896, spende parecchie pagine nella cri- 
tica del Loria, pp. 21-28 (si veda ora il voi. dello stesso Barth, Die 
PhiloHophic der (reschichie als Sociologie, Lipsia, Eeisland, 1897). 



DEL PROF. LORIA 25 

materialismo storico sarebbe senz'altro nato in Italia, per 
mozzo del Loria, e come critica del socialismo di Stato ^ 
Nella seconda edizione ampliata e pubblicata in francese, 
serba parimente il tono dell'inventore. Egli sarebbe stato 
condotto alla scoperta « da una lunga peregrinazione in- 
tellettuale attraverso il vasto campo della sociologia eco- 
nomica » . La buona fortuna del suo piccolo libro viene colà 
attribuita « alla serena franchezza, con cui denunzia le 
enormità della morale e della politica contemporanee (?), 
contrapponendo alla falsificazione sistematica delle cose, 
solita alla sociologia moderna, la sincera affermazione della 
verità'». Quel libro ha mostrato che, dove si credeva es- 
servi la mistica Iside, si trova invece un avido e spietato 
coccodrillo; e, come tutti i libri geniali, «ha svelato il se- 
greto di tutti ». Senoncliè, in uno degli ultimi capitoli (p. Ili, 
e. V) il Loria si risolve, infine, a raccogliere alcuni raggua- 
gli storici sui suoi predecessori. Ma quali ragguagli! Comin- 
cia dallo Harrington (1656), che per altro sembra rinviarlo 
fin su ad Aristotele, e continua con Davenant, Montesquieu, 
Hertzberg, i fisiocrati. Adamo Smith; ritrovalo stesso con- 
cetto, benché con qualche indecisione, nel Mario; e, final- 
mente, lo vede « exposé de la manière la plus nette, par 
Jones, Proudhon (!!), Marx, lequel, à ce propos aussi, 
a quelques vues lumineuses, Engels, Lassalle, Scheel, 
de Molinari, Gumplowicz et de Greef». — Marx e il signor 
de Molinari, Engels e il signor de Greef-: così si fa la storia 



* Questa prefazione è ora incorporata nel testo dell'edizione fran- 
cese, dove può leggersi a p. 37i segg. 

2 Quanto al de Greef, cfr. poi p. 429 n, in cui dice che le idee di 
lui sul proposito « ne sortent pas des plates-bandes fleuries de la 
littérature phraséologiqne » . Dunque, ragione di più per unirlo col 
Marx e con 1' Engels. — È strano poi che il Loria non faccia mai men- 
zione di un libro italiano, pubblicato sin dal 1893. di Amilcare Puv^iani. 
Del sistema economico borghese in rapporto alla civiltà (Bologna, Zani- 
chelli, 1&93.1, libro, per altro, che gli era noto, perchè ne scrisse una re- 



26 LK TEOKIlfi STOlilCHB 

delle idee. E con siffatto procedere si può concludere addi- 
rittura che le idee non hanno storia, perchè tutte le idee 
sono esistite sempre. Il Loria sconosce con mirabile fran- 
chezza i canoni elementari di tali ricerche, e come altro 
sia metter fuori un'osservazione incidentale, che si lascia 
poi cadere senza svolgerla, ed altro stabilire un principio 
di cui si sono scorte le feconde conseguenze; altro enun- 
ciare un pensiero generico ed astratto, ed altro pensarlo 
realmente e in concreto ; altro, finalmente, inventare, ed 
altro ripetere di seconda o di terza mano. Quella conce- 
zione storica vivifica tutta l'opera del Marx, ed è stata da 
lui plasmata in alcuni opuscoli narrativi, singolarmente 
importanti, come // 18 Brumaio di Luigi Bonnparte, e le due 
serie di articoli sulle Lotte di classe in Francia, e la Rivo- 
luzione in Germania nel 1848-49 '. 

Sul significato preciso che ad essa spetta, ho avuto oc- , 
casione recente di dire il mio avviso. Il Maix e l'Engels 
non hanno mai ridotto quella concezione a teoria rigo- 
rosa e saldamente ragionata, nò potevano ridurvela, non 
essendovi in quel caso gli elementi costitutivi di una teoria. 
L'uno e l'altro non ci hanno lasciato sul proposito se non 



censione nella Rivista critica delle scienze giuridiche e sociali (Roma, 1883, 
p. 118). Le relazioni di esso coi volumi del Loria{La rendila della terra), 
e dei libri del Loria con esgo, sono evidenti. L'opera del Paviani è 
uno studio sullo svo]o;imento del sistema borpjhese e sulla efficacia 
delle condizioni economiche nella vita politica, sociale e spirituale, ed 
insieme un tentativo di previsione del modo in cui il sistema bor- 
ghese si dissolverà. Per il tempo in cui fu scritta, e per l' intenzione 
che la muove, non è priva d'interesse, quantunque appaia, nell'ese- 
cuzione, lavoro di giovane ancora inesperto. E da notare che anche 
in questo libro del Puviani manca ogni sentore circa le origini storiche 
delle dottrine che l'autore espone, e mancala piena coscienza della 
loro importanza e del loro valore filosofico. 

' Al Loria si potrebbero rivolgere le stesse parole ch'egli scrive 
a proposito della teoria dell'evoluzione : «È cosa ben nota: quando 
un pensatore scopre una verità, v'ha sempre un professore, il quale 
scopre ch'essa era stata già detta da un altro » {Prob. soc, p. 97). 



DEL PUOF. LORIA 27 

aforismi generali ed applicazioni particolari. E quella 
concezione, per restare vera e feconda nei rispetti della 
storiografia, non deve uscire da codesti termini: dalla forma 
aforistica dell'enunciazione, e dalla forma pratica dell'ap- 
plicazione. Con gli sforzi fatti in diverso indirizzo, si rischia 
di snaturarla. Essa deve servire di avvertenza e stimolo agli 
interpetri della storia, e deve vivere nelle opere storiche 
che ha ispirate e verrà ispirando. Chi ben l'intende, ne 
accoglie in sé le suggestioni; ma suggestione non vuol 
dire conclusione ^ 

Ai frettolosi seguaci, che vogliono avere in tasca tutta 
la storia in una forraola, e ai facili oppositori, fa comodo 
semplificarla e irrigidirla, in modo che poi diventa oggetto di 
vuote, noiose, interminabili logomachie. Semplificazioni', 
che nel Loria tocca il culmine. 

Per lui, veramente, il solo uomo che esista è l'astratto 
ìioTno oeconomicus, noto agli studiosi di economia pura, e 
ch'egli interpetra come l'uomo egoistico per eccellenza. 
Tutte le altre manifestazioni dello spirito sono gli stru- 
menti, di cui l'homo aeconoviicus si serve. La variopinta 
scena dei sentimenti e della fantasia è un semplice « mi- 
raggio » degli interessi economici. Ogni fatto ha « un nòc- 
ciolo essenzialmente economico». 

Gli sfruttatori (padroni di schiavi, signori di servi, as- 
soldatori di salariati) hanno bisogno di una serie di « istitu- 
zioni connettive », com'egli le battezza-, per assicurarsi la 
sottomissione di coloro, che essi sfruttano. Queste istituzioni 
« connettive » sarebbero lo Stato, il diritto, la religione, per 
non dire della scienza e dell'arte: cose tutte, la cui essenza 
si chiarirebbe in ultimo, come si è detto, meramente eco- 
nomica. 



1 Si veda il saggio precedente. 

- Il Baktii, nell'articolo citato, vuole che per l'esatta espressione 
analogica si sai'ebbe dovuto dire «connessive». 



28 LE TEORIE STORICHE 

Ma di tutte codeste istituzioni gli sfruttatori non pos- 
sono essere diretti amministratori; onde si servono di 
una classe di mandatari, che il Loria chiama, risuscitando 
una vecchia e disputata denominazione economica, « la- 
voratori improduttivi». Sono, nel campo della morale e 
della religione, i preti e i moralisti; in quello del diritto, 
i giuristi, i magistrati, gli avvocati; in quello dello Stato, 
ora i sovrani assoluti, ora i deputati eletti dagli sfruttatori o 
fatti eleggere mercè la violenza e la corruttela; e, negli altri 
campi, i poeti, gli artisti, gli scienziati, i tìlosofi ^. 

L'invenzione sarebbe infernale e invincibile; ma il cre- 
scere della popolazione, e il congiunto decrescere della pro- 
duttività della terra, mettono, un brutto giorno, gli sfruttatori 
nella necessità di restringere o ritirare affatto i pagamenti 
ai loro mandatari, ai loro preti, ai loro scienziati, ai loro 
avvocati, ai loro poeti, e via enumerando. Che cosa fare in 
questo caso? Cercare un altro padrone. E i lavoratori im- 
produttivi passano a servigio degli sfruttati; donde le suc- 
cessive crisi storiche. Le quali insomma, per il Loria, si 
riducono a una ribellione di servitori a spasso! 

Di crisi in crisi, si giungerà alla crisi ultima, in cui si 
attingerà la forma-limite. E allora si stabilirà il libero 
giuoco degli egoismi di tutti: si avrà l'attuazione piena e 
integrale, non solo dell' /ìO??^o ceconomicus, ma della societas 
^economica. 

In tutta questa trama di teorie colpisce, in primo luogo, 
la curiosa incapacità del Loria a porre e mantenere la 



1 II Ferraris, 1. e, scrive: «Il materialismo storico rivela tutta 
la sua grossolanità, il suo volgare concetto della vita, quando, per 
la mancanza di carattere economico, per non essere produttori di 
ricchezze materiali, è condotto necessariamente a designare quali 
lavoratori improduttivi Dante, Shakespeare, ecc. ». Non mi par 
giusto attribuire al materialismo storico in genere le gi-ossolauitii 
particolari del prof. Loria. 



DEL PROF. LORIA 29 

distinzione tra il fatto e l'idea, o meglio, tra il fatto parti- 
colare e il concetto del fatto: operazione elementare senza 
cui qualsiasi disputa scientifica è impossibile. 

Mi spiego con alcuni esempì, e comincio da ciò clie egli 
dice della morale. Il Loria entra sbadatamente, come uno 
che ozi tra i libri, in mezzo alle varie teorie sull'etica, e 
senza aver afferrato il punto della discussione, si mette a 
criticarle. — C'è (egli dice) la teoria, che riduce la morale 
all'egoismo; ma questa teoria è unilaterale, perchè, se con- 
viene interamente alle classi dominanti, non conviene alle 
classi oppresse, che operano secondo il proprio egoismo 
apparente, ma, nel fatto, altruisticamente. C'è l'altra teoria 
(continua), che la riduce all'altruismo; ma, per la mede- 
sima ragione, è anche meno resistente alla prova dei fatti, 
ed ha a mala pena un'apparenza di verità quando venga 
riferita alle classi oppresse. Ce n'è una terza, che ammette 
l'egoismo di specie, ossia istinti altruistici che trovano la 
loro soddisfazione in azioni giuste e benefiche. Ma, se questa 
teoria fosse vera (egli obietta trionfalmente), se ci fosse tale 
istinto, la scissione degli uomini in due classi non produr- 
rebbe danno alcuno. E continua allo stesso modo esponendo 
le altre teorie, per accettare in ultimo quella dell'egoismo, 
che percorre un graduale svolgimento e trova completa e 
universale attuazione nella forma-limite della società. Ora, 
la stortura di queste critiche salta agli occhi sol che si con- 
sideri che la indagine non volge punto sul fatto dell'esistenza 
di egoisti e di altruisti, di persone che sbagliano strada, e 
così via. La discussione che s'agita tra quei filosofi, i quali 
il Loria critica e combatte senza intendere, è invece sulla 
qualità dell' ideale morale. Nell'animo umano si fanno vivi 
sentimenti di obbligazione incondizionata, che si chiamano 
sentimenti morali. Come si giustificano? Su che si fondano? 
Sopra un comando divino? Sopra un principio speciale di 
evidenza, ch'è un giudizio assoluto di pregio? sopra un' il- 



30 LR TEORIE STORICHE 

lusione, come hanno sostenuto i sofisti nell'antichità, e tanti 
nitri nei tempi moderni, della quale teoria gli « eminenti » 
Spencer sono ultimi e non classici rappresentanti? Queste 
furono e sono le questioni trattate dai moralisti teorici. -^ Il 
Loria è padrone di accettare l'ultima delle vedute ora ac- 
cennate, eh' è la più superficiale; e credere per suo conto 
facile e indubitata riduzione quella, p. es., della benevolenza 
all'egoismo, che, a fil di logica, non è riuscito ancora ad 
alcuno di dimostrare. Ma non può sbrigarsi delle altre teorie 
in nome delle condizioni di fatto, perchè non è di queste 
che si tratta. — Simile errore fondamentale (ignoratio elen- 
chi) appare qua e là nelle sue critiche del diritto e dello 
Stato. La concezione etica dello Stato, per esempio, sarà, 
ora come ora, un assurdo pratico, ma non è assurda come 
concezione ideale. Lo Stato pedagogo, creduto, pensato e 
quasi ipostatato da tanti filosofi tedeschi, è qualche cosa di 
affine (almeno in idea) al governo tecnico vagheggiato dai 
socialisti, specie sansimoniani. L'errore comincia quando si 
confonde quella costruzione razionale con gli Stati esistenti, 
nei quali appunto, per condizioni di fatto (ossia per le an- 
titesi degl'interessi di classe, direbbe un marxista), l'idea 
etica dello Stato non può liberamente attuarsi '. Lo stesso 
«contratto sociale», al quale il Loria avventa tardivi ed 
inutili strali, ha il suo lato serio, se lo si consideri quale 
ricerca del fondamento razionale dello Stato, e non già della 
origine storica di esso. Ed è noto, infatti, che negli scrit- 



1 • Altrove, e segnatamente in Germania, le vecchie abitudini 

feudali, r ipocrisia protestante, e la viltà di una bori^hesia che sfrutta 
le favorevoli contingenze economiche senza portarci dentro riè spi- 
rito nò coraggio rivoluzionario, mantengono all' ente Stato le 
mentite apparenze di una missione etica da compiere. Oh zucconi 
e parrucconi di professori tedeschi, in quante salse poco appetitose 
e digeribili avete voi cucinata cotesta etica dello Stato, prussiano 
per giunta! "(A. Labriola, Del materiali-imo storico, p. 4i3). Qui l'il- 
lusione è riportata alle sue cause reali. 



DEL PROF. LORIA 31 

lori del secolo decimottavo era un continuo ondegg-iamento 
sul modo di intendere lo «stato di natura», il «contratto 
sociale» e simili concetti: se cioè si dovessero conside- 
rare come realtà storiche, o come semplici posizioni intel- 
lettuali *. 

Questa incapacità si riattacca alla forma antifllosofìca 
della sua testa. L'Enj^els ha detto (e non ha detto cosa 
peregrina, ma cito lui, perchè nessuno vorrà sospettarlo di 
metafisicherie e di vuote astrazioni) che l'arte di operare 
coi concetti non è alcunché d'innato o di dato nella co- 
scienza comune, ma è un lavoro tecnico del pensiero, che 
ha una lung'a storia, ne più né meno della ricerca speri- 
mentale delle scienze naturali -. Il Loria è affatto estraneo 
a questa attitudine e a quest'abito mentale, senza cui si 
potrà fare forse, fino a un certo segno, la storia narrativa 
o l'economia descrittiva, ma non si può lavorare sui prin- 
cipi ossia sui concetti fondamentali della scienza. Si guardi, 
infatti, la posizione ch'egli assume verso i due tentativi di 
concezione del valore, condotti sotto aspetti diversi ma 
con pari intenti di rigore logico: la concezione, diciamo 
così, classica e obbiettiva della scuola ricardiano-marxi- 
stica, che riduce il valore al lavoro, e la concezione utili- 
taria, propugnata dalla scuola che si suol chiamare au- 



1 Raccolgo di passata questa bella spiegazione storica dei con- 
cetti etico-religiosi del Kant. La teoria kantiana (dice il Loria), che 
fa di Dio un postulato della ragion pratica, «répond merveilleuse- 
meut à l'àge féodal, auquel l'AUemagne de Kant appartenait en- 
core, àge qui, pour détourner les inasses des actions conformes à 
leur égoisme réel, a besoin de recourir aux croyances religieuses » 
(Les bases, p. 40). E dire che il Kant fu ammiratole del Rousseau, 
sostenitore della estrema sinistra egalitaria del diritto, e scrisse in 
modo da poter passare per un collaboratore della costituzione del 
'93, tanto che Enrico Heine soleva metterlo a una riga col Robe- 
spierre. 

2 Si veda la prefazione aW Atiti- Da hring (3'^ eùiz., Stuttgart, 1894), 

p. XIX. 



32 LE TEORIB STORICHE 

Striaca '■. Verso la prima, dopo averne discusso infinite 
volte per dieci anni, il Loria conchiude: «Del valore a cui 



1 A parlare correttamente, la teoria proposta dal Eicardo e perfe- 
zionata dal Marx non è una teoria generale del valore, ossia non è 
propriamente una teoria del valore. Questa teoria generale è invece' 
l'assunto della scuola edonistica o austriaca. Che cosa è, dunque, 
la concezione del valore nel Capitale del Marx? E la determinazione 
di quella particolare formazione di valore, che ha luogo in una data 
società (capitalistica) in quanto diverge da quella che avrebbe 
luogo in una società ipotetica e tipica. È, insomma, il paragone 
tra due valori particolari. Questo paragone ellittico forma 
una delle principali difficoltà per la comprensione dell'opera del Marx. 
In pura economia, il valore di un bene è eguale alla somma degli 
sforzi (pene, sacrifici, astensioni, ecc.), che sono necessari per la sua 
riproduzione; e salari e profitti del capitale sono entrambi economi- 
camente necessari, posta la società capitalistica. È impossibile giun- 
gere mai, per deduzione puramente economica, a circoscrivere il 
valore delle merci al solo lavoro e ad escludere da esso la parte 
del capitale, e quindi a considerare il profitto come nascente da 
sopralavoro non pagato, e i prezzi come deviazione dai valori reali 
per eifetto della concorrenza dei capitalisti; se non si tenga a ri- 
scontro, come tipo, un altro valore particolare, quello cioè che 
avrebbero i beni aumentabili col lavoro in una società in cui non 
esistessero gl'impedimenti della società capitalistica e la forza-lavoro 
non fosse una merce. Si mediti quel passo nel quale il Marx dice 
che la natura del valore non può apparire chiara se non in una so- 
cietà in cui «il concetto della eguaglianza umana ha raggiunto la 
saldezza di una persuasione popolare»; ed ivi anche le osservazioni 
sui concetti economici di Aristotele (voi. 1, 4» ediz., pp. 26-7). E, in- 
fatti, evidente che, se la forza-lavoro fosse considerata come forza 
puramente naturale, come la fecondità delia terra o del lavoro del- 
l'animale, non ci sarebbe modo di stabilire un sopravalore. L'egua- 
glianza umana, affermata e presunta nella stessa società capitalistica, 
è ciò che mette in grado di qualificare sopralavoro e sopravalore 
la derivazione del profitto. — Per tali ragioni bisogna concludere che 
è vano ogni tentativo di confutazione delle teorie del Marx in nome 
delle teorie edonistiche, come del pari è assurda la confutazione di 
queste in nome di quelle; e che l'apparente antitesi delle due diverse 
teorie del valore si risolve col riconoscere che la teoria della scuola 
edonistica è, senz'altro, la teoria del valore, e la teoria del Marx è 
un'altra cosa. Che quest'altra cosa non sia poi una vanità o 
una fantasticheria, basterebbe a provarlo il fatto che il concetto 
marxista del Mehrwerlh è restato confitto come dardo acuminato nel 



DEL PROF. LORIA 33 

le merci non si vendono, ne possono vendersi mai, nessun 
economista clie abbia fior di senno si è occupato né vorrà 
mai occuparsi; perchè quello strano e inarrivabile valore 
sarebbe una specie di noumeno, che non si manifeste- 
rebbe giammai nelle cose (?), e del quale il teorico potrebbe 
tutto impunemente afiermare (?). Ora il Marx, sostenendo 
che il valore delle merci è determinato dal lavoro, ma 
che le merci non si vendono mai al loro valore, giunge 
precisamente alla creazione assurda di un valore-nou- 
meno, avulso, nonché da quelle della realtà, dalle leggi 
stesse del pensiero (?) » ^ Egli non sospetta che di codesti 
« noumeni», come li chiama (ossia, in prosa, concetti gene- 
rali, concetti tipici, o concetti-limite, secondo i casi), e che 
gli paiono tanto mostruosi, sono piene tutte le scienze; e non 
le sole scienze, perché si tratta di un ordinario ed ovvio 
procedimento intellettuale. E il concetto del valore della 
seconda scuola, che comprende così i prodotti ottenuti in 
condizioni di libera concorrenza come quelli di monopolio, 
questa eh' è unificazione di due concetti parziali in un con- 
cetto più generale, un ritrovamento della vera qualità dei 
fatti economici, sembra a lui «un'unificazione verbale», 
che «eleva una condizione generalissima dello scambio 
a legge del valore medesimo » ^. 



fianco della società borghese, e nessuno ancora è riuscito a strap- 
pamelo. Ci vuol ben altra radice medica che non i ragionamenti 
dei "Bòhm Bawerk e simili critici, per sanare la piaga. — Si veda lo 
svolgimento di questa interpetrazione nel presente volume, saggio 
111, § 1 e 2, e saggio V. 

' L'opera poduma di Carlo Marx, in ^uova Antologia, 1" febbraio 
1895, pp. 477-8. A quest'articolo si riferiscono le osservazioni del- 
l' Engels nello scritto postumo, citato di sopra. 

- La scuola austriaca dell'economia politica, in Nuova Antolcijia, 
l" aprile 1890, pp. 496-7. Anche in quest'articolo egli mette innanzi 
l'idea, ripetuta poi da altri, che la scuola austriaca sia sorta dal 
bisogno di difendere il presente sistema sociale contro le teorie delle 
scuole socialistica ed evoluzionistica. Che è una insinuazione caluu- 

B. Croce, Malerialismo storico. o 



34 LE TEORIE STORICHE 

Sogg-iungo ancora uti esempio che tocca il concetto stesso 
della scienza economica, e ch'io tolgo da una critica ch'egli 
muove al Messedaglia. Questo egregio economista italiano 
espone, la distinzione fra una teoria dei dati fondamentali 
economici, che sarebbe la scienza generale, e una disciplina 
descrittiv^a delle forme concrete (o storiche) dell'economia. 
Ma il Loria obietta che siffatta distinzione è ormai oltre- 
passata. Perchè nella storia della scienza si possono distin- 
guere, egli dice, tre stadi (di divisioni in tre stadi, nella 
storia della scienza, il Loia ne ha immaginate non so 
quante, parodiando a ogni pie sospinto Targot, Hegel e 
Comte): nel primo dei quali la natura e la società vengono 
concepite come stazionarie; nel secondo si continua a con- 
cepirle così, ma poi « la mente si abbandona, quasi sussi- 
diariamente, e per isfogo di perdonabile fantasia (?), ad 
elucubrazioni piìi o meno fondate, sulla legge di trasforma- 
zione dei fenomeni o delle loro parvenze esteriori (?)». E a 
questo stadio apparterrebbe la distinzione del Messedaglia. 
Ma ora siamo nel terzo stadio, avvolti dalhi gran luce della 
dottrina dell'Evoluzione; e quella distinzione non ha più 
ragion d'essere. « Per una filosofia, che tutte le cose con- 
cepisce nel movimento, non esiste alcun dato fondamentale 
che del movimento non sia esso pure il prodotto: per essa, 
quindi, lo studio scientifico non può mai assumere ad ob- 
biettivo la immobilità, eh' è un non-senso, ma deve ap- 



niosa e un errore teorico, giacché l' economia pura, appunto per 
essere pura, non prende partito prò o contro il socialismo o il ca- 
pitalismo, quale che poi sia l'atteggiamento politico individuale dei 
suoi cultori. L'Engels stesso (prefazione al III volume del Capitale, 
p. xii) ha riconosciuto che sulla teoria del grado terminale di utilità si 
può costruire ugualmente il socialismo (egli dice: un « socialismo vol- 
gare »); e uno dei rappresentanti del purismo, il Pantalkoni, dichiara 
che l'economia pura vuole soltanto correggere e migliorare la forma 
dei teoremi economici del Ricardo, del Mill e del Cairnes {Frincipi 
di economia pura, Firenze, Barbèra, 1889, p. 172 n). 



DEL PROF. LORIA 3& 

puntarsi al movimento medesimo»*. Vero è clie l'umile 
logica insegna che le cose mutano sì, ma i loro concetti 
possono essere fissati, tanto che ci appaiono come extra- 
tcmporarì. Ma il Loria intende l'evoluzione proprio a questo 
bel modo: ch'essa renda impossibile il pensamento logico 
del concetto. 

Per un altro verso, della sua finezza d'interpetrazione 
psicologica dà sagi^^io la classe, da lui immaginata, dei 
«lavoratori improduttivi». Trascurata l'efficacia che le 
persuasioni intellettuali e morali hanno nella psicologia in- 
dividuale, per lui l'uomo è spinto sempre, consapevole o 
no, dai propri interessi materiali ed egoistici. 1 pensatori 
si mettono a servigio dei proletari, quando non sono più 
retiibuiti in modo soddisfacente dai capitalisti. E verrebbe 
la voglia di domandare se anche quel « róle modeste et pra- 
tique», clie il Loria affida alla scienza di fronte all'Evolu- 
zione, non si esplicherà se non quando gli scienziati e i 
professori di università vedranno diminuire i loro onorari. 
Intendiamoci bene: qui non si nega che le idee, o le asser- 
zioni d'idee, siano talvolta, o anche di frequente, interessi 
larvati, più o meno consapevoli; ma sono pure, altre volte, 
convincimenti e persuasioni, che si formano ed operano come 
tali, e tali realmente sono. Il processo psicologico è assai 
sovente l'inverso di quello che descrive il Loria. Ecco, per 
esempio, un ideologo che, pure avendo in cima ai suoi pen- 
sieri ciò ch'egli chiama il trionfo del bene, per incompleta 
conoscenza della situazione reale delle cose giunge a con 
clusioni ed espedienti pratici, che aiutano o raffermano il 
trionfo del male. Come parlare qui della suggestione degl'in- 
teressi? Come c'entrano gl'interessi? La suggestione è degli 
errori intellettuali. E, del pari, l'accrescersi dei pensatori e 
idealisti, che si mettono a servigio delle classi livoluzio- 



1 La terra ed il sintema sociale, pp. 48-53. 



3fi LE TEORIE STORICHK 

narie nei periodi critici, può essere effetto in parte e per 
molti della suggestione degl'interessi egoistici, ma nasce 
anche, d'altra parte e in molti altri, dall'acquistato con- 
vincimento che ideali e fini, creduti prima inconseguibili, 
trovano nella nuova condizione delle cose la possibilit;\ del- 
l'attuarsi; dal fatto che, dove si credeva non esserci via di 
uscita, a un tratto si mostra innanzi chiaro e netto il cam- 
mino da percorrere. Per lo storico dei moti sociali codeste 
differenze psicologiche potranno avere importanza secon- 
daria; ma, pel moralista, esse sono tutto. 

Delizioso è il quadretto che il Loria delinea dell'etica 
nella sua società perfetta, ossia nella forma-limite della 
società. Ivi l'egoismo individuale basterà da solo a deter- 
minare un sistema d'azioni morali, che assicurino il benes- 
sere sociale e «rispondano all'ideale di virtìi più elevato (!)> 
che possa mai immaginarsi (?) ». Il neminem hvde non solo, 
ma il quantum potes iuva si attueranno nel modo più com- 
pleto, facile ed elegante, per effetto immediato dell'egoismo 
individuale; giacchò il danno fatto ad un socio si rivolgerà 
immediatamente a danno di chi l'ha operato, e il beneficio 
a beneficio. Il produttore di capitale, mostrandosi benefico 
verso il lavoratore semplice o verso l'altro socio produttore 
di capitale, accrescerà l'azione produttiva di questi ultimi, 
e, per conseguenza, il prodotto totale, e, per ulteriore con- 
seguenza, la quota che toccherà a lui, benefattore, nella ri- 
partizione finale! 

Intorno a queste sue teorie il Loria ha raccolto un co- 
pioso materiale di notizie storiche. Parlando di sopra del 
materialismo storico del Marx, ho manifestato il mio avviso, 
che quella concezione debba affermarsi nella pratica delia 
storiografia, ossia nel cercar di risolvere problemi storici 
che con le precedenti dottrine restano insoluti, o risoluti 
in modo poco soddisfacente. Ma la storia è cosa assai com- 
plicata e delicata, e richiede il dubbio continuo, il più 



DEL. PROF. LOlllA 87 

scrupoloso esame e riesame, la pazienza: essa non tollera 
di essere trattata bruscamente, ed in essa, come già disse 
I\Iachiavelli, non vale se non ciò che « particolarmente » si 
descrive. 

Per le quali considerazioni, non entrerò ad esaminare a 
parte a parte il materiale di fatti che ci offre il Loria, 
inefficace come prova delle teorie, perchè i meri fatti non 
provano e hanno bisogno di essere essi spiegati, e, come 
tentativo storico, privo d'importanza, perchè sono una con- 
gerie di fatti non presentati né chiariti secondo il loro 
ordine reale, ma disposti secondo categorie prestabilite, e 
spesso così genericamente e indeterminatamente enunciati, 
che non si può dirli né esatti né inesatti. Il Ferraris in 
Italia e irBarth in Germania hanno enumerato a lor modo 
gli errori di fatto e d'interpetrazione del Loria, e ne hanno 
formato cataloghi non l^revi ; e di recente il Kovalevsky ha 
notato lo sbaglio che il Loria commette nell'assimilare la 
storia delle colonie del Nuovo Mondo a quella dello svol- 
gimento economico dell' Europa ' primitiva. Bisogna, per 
altro, riconoscere, che il materiale raccolto dal Loria da 
libri svariatissimi, italiani, francesi, spagnuoli, tedeschi; 
olandesi, inglesi, russi, ecc., dimostra letture assai estese, 
e potrà riuscire utile a chi se ne varrà con la cautela e il 
discernimento che in lui non abbondano. 



II 



Senonchè il Loria non si è ristretto a cercare le « basi » 
della costituzione sociale, riponendole, secondo che si è 
visto, nella vita economica. Di questa vita economica ha 
voluto scoprire, a sua volta, la «basi^ »; cioè a dire, l'ultima 
causa, che verrebbe quindi ad essere (per la riduzione già 



38 LK IKOUIE SIOKIOHK 

indicata) causa di tutta la vita sociale, di ogni e qualunque 
storia. Egli ha voluto scoprire la legge delle leggi, come 
la chiama, la legge dell'evoluzione economica. E questa 
scoperta è la sua gloria di scienziato. 

Della solenne scoperta delinea altresì la storia, focendole 
percorrere i soliti tre stadi. Nel qual punto confesso il mio 
impaccio, perchè trovo, nei suoi volumi, una doppia serie di 
tre stadi. Nel 1889 diceva 'che nel primo stadio «l'uomo 
contempla i fenomeni sociali come l'emanazione della sua 
volontà o del capriccio individuale, e ravvisa quale causa 
del movimento storico umano se stesso, le sue passioni, le 
sue costumanze, il suo genio. Dappoi, questo concetto si 
perfeziona, e causa del progresso umano si proehima l'in- 
telligenza, che trascina nel proprio sviluppo lo sviluppo 
sociale ». Ma si guardava dal pur accennare in quali tempi e 
luoghi si sarebbe mai svolto codesto primo stadio. A voi, 
dunque, buoni filologi, che vi affaticate a cercare nei poeti e 
storici ellenici per un verso, e nei profeti ebraici per l'altro, 
i primi germi della filosofia della storia, addito e abbandono 
il vasto territorio, scoperto dal Loria, e a voi, finora, inacces- 
sibile e ignoto. Il secondo stadio aveva qualche particolare 
determinazione, die permetteva di collocarlo nel tempo e 
nello spazio, perchè in esso, egli diceva, «sorge il concetto 
che non piìi la mente umana nella sua universalità, ma la 
sua esplicazione tecnica ovvero lo stromento di produzione, 
sia la causa del movimento storico umano, e che le grandi 
metamorfosi sociali non siano che il prodotto delle meta- 
morfosi nello stromento produttivo»; e a rappresentanti 
ricordava il Fourier, il Marx, l'Engels. Sicché, meno male, 
pareva che si fosse nel secolo decimonono e nell'Europa 
occidentale. Ma nel terzo stadio, infine — rappresentata 
tutto dal sistema di lui, Loria — si fa strada il concetto, che 
la causa della storia è riposta nella stessa natura; che « la 
storia umana è un fenomeno della natura»; e che «a base 



DEI. PROF. LOIUA 39 

dell'evoluzione sociale siede ed impera, regina ignorata, 
la terra » ^ 

Invoce, in uno scritto di solo due anni dopo, il primo 
stadio s'identifica con le teorie sociali dell'economia clas- 
sica, del darvinismo,, della dottrina delle razze, e dell'an- 
tropologia criminale; il secondo, con le teorie storiche del 
socialismo, e (si dia buona attenzione) con quelle degli eco- 
nomisti che propugnano il mono o bimetallismo, il prote- 
zionismo o il libero scambio, e simili -'; e il terzo è sempre 
rappresentato, tutto intero, da esso Loria; il quale, a 
quanto pare, modestamente si costituisce da sé in epoca 
storica. 

Rinunziando a mettere le mani in questa che a me 
sembra una assai arruffata matassa, mi fermo solo a ciò che 
ora importa: all'esposizione e critica, che il Loria fa, della 
teoria del Marx. Secondo lui, dunque, il Marx riduce lo 
svolgimento economico al cangiare degli strumenti tecnici; 
e il brano al quale si riferisce è quello ben noto della 
prefazione al libro Zur Krilik der politischeìi Oekonomic . 
Dove il Marx testualmente dice : « Nella produzione sociale 
della loro vita gli uomini entran fra loro in rapporti de- 
terminati, necessari ed indipendenti dal loro ai'bitrio, cioè 
in rapporti di produzione, i quali corrispondono a un de- 
terminato grado di sviluppo delle materiali forze di pro- 
duzione. L'insieme di tali rapporti costituisce la struttura 
economica della società, ossia la base reale sulla quale si 
eleva una soprastrazione politica e giuridica, e alla quale 
corrispondono determinate forme sociali della coscienza... 
A un determinato punto del loro sviluppo, le forze produt- 
tive materiali della società si trovano in contraddizione coi 
preesistenti rapporti della produzione (cioè coi rapporti della 



1 Analisi, li, 'J55 sgg. 

- La terra ed il sistema sociale, p. 9 sgg. 



40 LE TEORIR STOiaCHB 

proprietà, il che è l'equivalente giuridico di tale espres- 
sione), dentro dei quali esse forze per T innanzi s'eran 
mosse. Questi rapporti della produzione, da forme di svi- 
luppo delle forze produttive, si convertono in loro impedi- 
mento. E allora subentra un'epoca di rivoluzione sociale. 
Col cangiare del fondamento economico si rivoluziona e 
precipita, più o meno rapidamente, la soprastante colossale 
soprastruzione... Una formazione sociale non perisce, finché 
non si sieno sviluppate tutte le forze produttive per le quali 
essa ha campo sufficiente; e nuovi rapporti di produzione 
non subentrano, se prima le condizioni materiali di loro 
esistenza non siano state covate nel seno della società che 
è in essere » '■. 

Ora ecco uno dei parecchi burleschi, anzi maccheronici 
« rifacimenti » di questa pagina, che si leggono nelle opere 
del Loria: «Ad un dato stadio dello stromento produt- 
tivo corrisponde, e sovr'esso si erige, un dato sistema di 
produzione, quindi di rapporti economici, i quali foggiano 
poi tutto il modo di essere della società. Ma l'evolu- 
zione incessante dei metodi produttivi genera tosto o 
tardi una metamorfosi radicale dello stromento tecnico, la 
quale rende intollerabile quel sistema di produzione e di 
economia, che sullo stadio anteriore della tecnica era fon- 
dato. Allora la forza economica invecchiata vien distrutta 
mediante una rivoluzione sociale e sostituita con una forma 
economica superiore, rispondente alla nuova fase dello 
stromento produttivo»-. 

La sostituzione dell'espressione: -.t forze materiali di pro- 
duzione» con l'altra: «strumento tecnico», è affatto arbi- 
traria; perchè il Marx enuncia: 1") la dipendenza della re- 



*- Ho citato secondo la traduzione, che dà del brano il prof. La- 
briola, nel suo scritto: In memoria del « Manifesto dei coDiunisti * . 
- La terra ed il sistema sociale, p. 19. 



DEL PROt\ LORIA 41 

Stante vita sociale dall'economica; 2") lo sviluppo obiettivo 
e naturale dell'economia; 3°) il prepararsi delle epoche 
rivoluzionarie per la contraddizione che si genera tra il 
pi'ogresso della ricchezza e l'ordinamento (giuridico) della 
proprietà (esempio, nel periodo borghese, le crisi e la pro- 
duzione capitalistica fondata sulla proprietà). Ma, sebbene 
egli abbia altrove messo in rilievo l'importanza storica 
delle invenzioni tecniche, e invocato una storia della tec- 
nica S non si è mai sognato di fare dello « stromento tecnico » 
la causa unica e suprema dello svolgimento economico. 
«Grado di sviluppo delle materiali forze di produzione», 
«maniera di produzione della vita materiale», «condizioni 
economiche della produzione», queste e simili espressioni, 
che s'incontrano nel passo soprariferito, affermano bensì 
ciie lo svolgimento economico è determinato da condizioni 
materiali, ma non puìito riducono esse tutte alla sola « me- 
tamorfosi dello stromento tecnico». Né il Marx si è mai 
proposto questa indagine intorno alla causa ultima della 
vita economica. La sua filosofìa non era cosi a buon mer- 
cato. Non aveva «civettato» invano con la dialettica dello 
Hegel, per andar poi a cercare le « cause ultime ». 

Che cosa significa, invero, che la causa della vita eco- 
nomica è la terra? Il Loria medesimo, con la sola terra, 
non riesce a movere alcuna storia. Ed lia bisogno di ri- 
correre, se ho ben contato, almeno a cinque elementi, 
che sono: 1") la terra; 2") la popolazione; 3") il variante 
rapporto dell'una rispetto all'altra; 4") l'homo ceco noni icus; 
5") la forza brutale, o l'inganno, il quale renda possibile l'u- 
surpazione che una parte della popolazione compie sull'altra. 
E, stando alla storia cosi semplificata dal Loria, si potrebbe 
dire alla pari che la regina dello svolgimento sia la terra, o 
la popolazione, o la forza ])rutale, o altro degli elementi 



1 Dan Kajjifcl, I, 113 7i, 335-6 n. 



42 LK TEORIE 8TOKICIIF3 

cnumera,ti. Ma il vero b. che cercare la causa unica di un 
fatto che risulta da elementi cooperanti è contradittorio, e 
che la ÌQgge suprema dell'evoluzione o dello svolgimento è 
nient' altro che una frase, e « legge » ed « evoluzione » sono 
due parole che non vanno d'accordo. L'evoluzione s'inter- 
petra e descrive, ma non se ne cerca la legge; salvo che 
non si adoperi come i positivisti, i quali raddoppiano il 
fatto e lo chiamano legge. 

Il Marx ha pensato così poco a far movere la storia dal 
solo strumento tecnico senza tener conto della terra, che 
la pretesa correzione del Loria è tolta dallo stesso Marx. 
Non bisogna lasciarsi ingannare dal tono col quale il Loria 
offre i «risultati della sua sorpresa», le scoperte che gli 
vennero fatte quando, «per circostanze accidentali», fu 
posto sulla traccia fortunata, e « pensò » di « analizzare » 
la storia delle colonie del Nuovo Mondo. Non bisogna farsi 
ingannare dal suo continuo dire: « Aguzza qui, lettor, ben 
gli occhi al vero *. Quantunque l'architettura della sua opera 
sia diversa, quantunque egli vi abbia stivato negl'interstizi 
una quantità grandissima di aneddoti, l'ispirazione glien'ò 
venuta tutta dal Capitale; e specialmente dall'ultimo ca- 
pitolo del primo volume (cap. XXV), in cui si discorre 
della systematic colonisation del Wakefteld, e si adopera 
l'esempio della terra libera per far meglio risaltare il ca- 
rattere di sfruttamento della produzione capitalistica. An- 
che il Marx ricorda il caso di quel tale signor Peel, che 
parti dall'Inghilterra per Swan Kiver nella Nuova Olanda 
con cinquantamila sterline e tremila lavoratori, uomini, 
donne e fanciulli, e che, giunto al luogo da lui designato, 
si trovò, dopo pochi giorni, sempre con cinquantamila ster- 
line, ma senza un servo che gli rifacesse il letto o gli attin- 
gesse l'acqua dal fiume. «Povero signor Peel! (cementa il 
Marx): egli pensò a trasportare ogni cosa, ma dimenticò solo 
di trasportare a Swan Kiver le condizioni economiche del- 



DEL PROF. LOHIA 4'ò 

l'Inghilterra». Il ]\Iarx soggiunge ch'egli non intende trat- 
tare dello stato delle colonie, bastandogli l'averle ricordate 
come riscontro; ed ecco il Loria a profittare di questo tema, 
abbandonato dall'autore del Capitale, per rifiire l'opera del 
M?frx nell'ordine inverso, con materiale di notizie in parte 
vario, col cangiamento di qualche teorica particolare, ma 
con le stesse linee fondamentali. II che, eseguito per bene, 
potrà anche dar luogo a un libro utile, ma non costituirà 
già una scoperta né porgerà alcuna correzione. 

Del resto, nemmeno dalla moltiplicità di elementi, surret- 
tiziamente da lui introdotta, il Loria è in grado di dedurre, 
come immagina, l'evoluzione necessaria della costituzione 
economica; perchè egli non può far altro, e altro non fa, 
che aggruppare quegli elementi variamente, e, secondo il 
vario aggruppare e le varie ipotesi, stabilire verità come 
le seguenti : 

1° Poste la terra libera e una data popolazione, guidata 
in ciascuno dei suoi individui dall'interesse strettamente 
economico, non è possibile se non o l'economia dissociata o 
l'associazione libera a condizioni eguali e senza profitto. 

2° Il profitto non può nascere se non: 

a) dalla violenta scissione del lavoratore dalla terra 
con la forma della schiavitù, e, crescendo ancora la popo- 
lazione, con la forma mitigata del servaggio; 

b) dall'occupazione della terra, ossia dalla cessazione 
della terra libera, resa possibile dalla crescente popolazione, 
di cui la parte, eh' è esclusa con la violenza dall'occupa- 
zione della terra, cade nella condizione di salariata. 

È questo il contenuto della legge delle leggi, che il 
Loria raccoglie poi in una formola generale: «La legge 
generale dell'evoluzione economica è questa: la terra libera 
determina la negazione dell'economia capitalista, la quale 
perciò non può fondarsi che sulla soppressione della terra 
libera, ottenibile con metodi che sono diversi in ragion e 



44 LE TBOIUK STOItlCHE 

dei gradi successivi dell'occupazione della terra, e che con- 
dizionano altrettante forme successive della costituzione 
economica > . 

Non starò a esaminare se le deduzioni qui accennate 
siano in ogni parte corrette, quantunque a me sembri 
che, a guardarle nei particolari, vi si noterebbero parecchi 
salti e un poco legittimo miscuglio di analisi astratta e 
di dati storici. Noterò, tuttavia, che il Loria si fa un'altra 
illusione nel credere ch'egli riesca a provare la verità delle 
sue leggi non solo « coi liberi erra menti » (è la sua parolai) 
« della deduzione », ma con l'induzione, col più perfetto dei 
metodi, col metodo di concordanza e differenza. In realtò, 
egli non può altro che mostrare come i suoi astratti ag- 
gruppamenti abbiano operato molte volte in questa e quella 
parte delia storia, sempre che altri elementi non siano so- 
pravvenuti a impedirne l' azione. Tutto il materiale di 
fatti, che raccoglie nel secondo volume dell' Analisi della 
proprietà capitalista, varrà come scelta di esempì, e sarà 
anche istruttivo, ma non ha forza probante. 

Tra le deduzioni del Loria ve n'ha una, che splende di 
singolare importanza, j)erchè, nientemeno, ci metterebbe in 
grado di conoscere con sicurezza la prossima fase della evo- 
luzione sociale. Al Villari, il quale, appunto per aver fatto 
tutta la sua vita il positivista, movendo in un'inconsapevole 
nostalgia metafisica una serie di accuse al metodo storico, 
scriveva che la storia «non c'illumina sulle tendenze ul- 
teriori della società, sui suoi ulteriori destini, sulla via che 
si deve seguire, sulla mèta verso cui si deve tendere», 
il Loria è pronto a rispondere: che la storia scien ti fica, 
come lui, Loria, la costruisce, sana questo peccato, e pre- 
determina gli ulteriori destini dell'umanità ^ 

Per il Loria, infatti, la cosa è assai semplice: il crescere 



1 La terra ed il sistema sociale, pp. 36-7. 



DKL PROF. LORIA 45 

(Iella popolcizione romperà la forma capitalistica presento 
per dar luogo a una forma più produttiva, con la rico- 
stituzione della terra libera, che sarà la forma ultima e defi- 
nitiva della società. 

Ma, poiché qui siamo nel campo della deduzione, io 
non trovo, nel gioco degli elementi stabiliti dal Loria, 
nessuna necessità logica per la quale il crescere della po- 
polazione debba far abolire il salariato. La sovrapopolazione 
in certi limiti, come è noto, è condizione indispensabile 
del sistema capitalistico. Pel caso che diventi o superflua 
o pericolosa, non si vede perchè non si debbano accettare 
le conclusioni del Malthus, anzi che quelle del Loria. Pe- 
stilenze e carestie aiuteranno '. 

Lo stadio futuro, di cui egli discorre con tanta sicurezza 
e come qualche cosa che non già si congetturi ma di cui la 
scienza < predetermini » l'avvento, non ha alcun carattere 
di necessità razionale, come, del resto, non possono aver 
mai tal carattere le previsioni storiche. Nelle quali le forze, 
indeterminate nella qualità e nell'intensità, permettono solo 
un certo calcolo dei probabili. Calcolo che farà nascere in 
noi il sentimento della speranza, quando favorisce gli ideali 
da noi vagheggiati ; ma perchè si generi qualcosa di piti, ossia 
un'operosità pratica e politica, è necessario che intervenga 
la persuasione dell'efficacia degli sforzi individuali e col- 
lettivi a cooperare con le condizioni o forze obbiettive, coor- 
dinandole e indirizzandole. 



1 II pensiero del Loria sembra più particolarmente questo: la pic- 
cola proprietà tende a elidere la rendita della terra a vantaggio delle 
classi industriale e lavoratrice; ma l'istituzione universale della pic- 
cola proprietà sarà resa necessaria, come forma più produttiva, dal 
crescere della popolazione; dunque, il crescere della popolazione ri- 
solverà automaticamente la questione sociale. Cosi pare si possa 
raccoglierlo dal libro sulla Mendita della terra; e non mette conto 
notare l'arbitrio di ciascuna di queste proposizioni e deduzioni. 



46 LE TSORIK STORICHE 

Che questa persuasione sia viva e operante nel movi- 
mento socialistico, quale è stato concepito dal Marx e dal- 
l'Engels, mi sembra indubbio, perchè, se anche le espres- 
sioni filosofiche, di cui il Marx e l'Engels qualche volta si 
servirono, suonano equivoche, la loro azione politica parla 
chiaro. Ma il Loria invece, mentre da una parte esagera 
la forza del moto obiettivo delle cose, cangicindola quasi 
in una necessità esterna, dall'altra toglie forza al movi- 
mento stesso col privarlo dell'elemento volitivo e morale. 
Gli è perciò che, a dispetto di tutte le arie e di tutte le de- 
clamazioni dell'autore, il sistema sociale del Loria è quie- 
tistico; e, infatti, in Italia, i conservatori di ogni sorta, ben 
sentendo il nessun pericolo di quelle dottrine, non hanno 
mancato di fare al Loria grandi feste e di colmarlo di ca- 
rezze e di onorificenze. 

È questo il luogo di esaminare la seconda delle obie- 
zioni, che il Loria muove alla concezione storico-economica 
del Marx. Si è veduta la prima: che cioè quella concezione 
si arresti all' istrumento tecnico, come a causa ultima della 
evoluzione. Ora al Loria sembra inaccettabile « il concetto 
mistico di una coincidenza quasi provvidenziale fra le esi- 
genze mutate dello stromento di produzione e la esplosione 
vulcanica delle passioni, che risulta dalla metaformosi dei 
rapporti produttivi. Imperocché non sa vedersi quale con- 
nessione si riscontri tra la difettiva conciliabilità del pro- 
cesso tecnico coi rapporti produttivi e lo sviluppo psico- 
logico reagente nei partecipi della produzione. Se vera- 
mente lo stromento di produzione, giunto ad un certo 
stadio, pone il problema, ma, in luogo di risolverlo esso 
stesso, ne affida la soluzione alle passioni umane, con- 
vien dimostrare che queste risolutrici del problema addi- 
vengano a maturanza assieme al problema e non prima 
nò poi. Questa simultanea maturanza di due fenomeni 
assolutamente disgregati e diversi, l'uno appartenente al 



DEL PROF. LORIA 47 

mondo tecnico, l'altro al mondo psichico, sembra addirit- 
tura insuscettibile di dimostrazione » *. 11 Loria non ha 
compreso che il Marx non fa della storia alcunché di au- 
tomatico. L'organismo capitalistico produce la proletariz- 
zazione e l'anarchia sociale e mondiale: sono condizioni 
di fatto; e tali condizioni rendono possibile l'azione prole- 
taria per un nuovo assetto sociale. «L'umanità non si 
propone se non quei problemi che essa può risol- 
vere » '. Ecco l'ovvio nesso tra il fatto economico e l'azione 
rivoluzionaria, che al Loria sembra un «concetto mistico». 
Di questa azione e formazione proletaria, che prende 
sempre maggiore importanza, che cosa giudica il Loria? 
Dobbiamo porre tale domanda per veder chiaro nel fondo 
del suo pensiero. Egli non crede possibile nessun'azione in 
nessun senso: né l'azione dello Stato, né l'azione violenta 
delle masse. Ma con questa « azione violenta » accenna al 
movimento socialistico? Mistero. Dice anche, qualche volta, 
che i «lavoratori improduttivi », quando non saranno pa- 
gati pili dai capitalisti, si uniranno alle masse oppresse 
per « rischiararne le rivendicazioni ». Ma come si espli- 
cherà quest'azione dei lavoratori improduttivi, e, daccapo, 
in quale relazione si troverà col movimento reale del socia- 
lismo democratico? Mistero. — Dopo essersi aggirato in molte 
parole, non vede speranza di salvezza se non nella Scienza, 
la quale deve rischiarare (ecco un altro rischiaramento !) la 
classe capitalistica, « guidarne la legislazione », e prepa- 



i La rendita della terra, 1. e. 

- K. Marx, pref. al Zar Kritilc. Cfr. Das kovnnuiiistische Manifest: 
« La borghesia uon ha solo foggiato le armi che le portano la morte: 
essa ha anche pi'odotto gli uomini che le maneggeranno, i moderni 
lavoratori, i proletari». E più oltre: «Con lo svolgimento dell'in- 
dustria il proletariato non solo aumenta di numero, ma é raccolto 
insieme in masse sempre più grandi; cresce la sua forza e cresce 
la coscienza che esso ne ha» (6' ed. ted., pp. 14-15). 



48 LE teorìe storiche 

raiia a cedere il posto di buona grazia alla forma supe- 
riore. Quanto ai socialisti democratici, il Loria non è loro 
avaro di lodi e complimenti; ma li confonde in uno stesso 
abbraccio coi socialisti di Stato, coi socialisti cristiani, coi 
liberi scambisti e simile genia utopica e maliida '. Il suo 
cuore è grande. Ai socialisti teorici poi, ossia ai seguaci 
del Marx, memore forse di qualche piccolo debito verso di 
essi, e riconoscendo che i sofisti (Marx) aprirono la via a 
Socrate (Loria?) ^, è disposto ad assegnare un posto privi- 
legiato. Essi formano « una legione irregolare, che talvolta 
è indisciplinata, che spesso intralcia i movimenti dell'eser- 
cito irreggimentato, ma che però, nel giorno del pericolo, 
può porgere (all'esercito degli scienziati) preziosissimo aiuto, 
e decidere l'esito della battaglia » ^. Quale battaglia? Quale 
pericolo? La battaglia e il pericolo dell'accensione dei lumi 
per rischiarare la classe capitalistica? si tratta di cosa 
alquanto più grave? Anche qui: mistero. 

Giova fermare chiaramente che la forma futura, la forma- 
limite, verso la quale si volge il desiderio del Loria, non 
è la forma comunistica. Ben diversa dal comunismo, 
la forma da lui scoperta, «lungi dall' imporre un soffo- 
cante intervento della potestji collettiva nel meccanismo 
della produzione, della distribuzione e del consumo, limita 



1 La terra ed il sistema sociale, pp. 58-60. Per intendere il suo pen- 
siero in proposito, basta guardare la pagina precedente, e vi si tro- 
verà detto che il socialismo cristiano e il socialismo di Stato, « ben- 
ché in apparenza ispirato alla filantropia ed alla tutela dei deboli, si 
rivela alla indagine spregiudicata come l'organo incosciente degl'in- 
teressi della proprietà fondiaria, i quali si vantaggiano dei limiti 
al commercio dei cereali, nonché dei freni opposti alla libertà del- 
l' industria » . Critica per una parte non nuova, e per un'altra non 
vera, ma atta a lasciar intendere quale stima egli faccia del socia- 
lismo democratico, lodato alla pari degli altri due, che qualifica a 
quel modo. 

~ Problemi sociali, p. 77. 

3 Ivi, ivi. 



DKL PKOF. LOKIA 49 

l'opera dello Stato a guarentire la proprietà libera della 
terra, a conservare intatta la base sulla quale poi l'interesse 
personale illuminato verrà spontaneamente a foggiare la 
forma economica adeguata e l'equilibrio sociale ». «Questo 
ideale, ci sia lecito osservarlo (egli continua), risponde assai 
meglio dell'ideale socialista al nostro carattere nazionale: 
perchè quella terribile onnipotenza della collettività, che 
tanto agl'intelletti germanici piace, a noi genti latine lia 
qualche cosa di spaventoso e di ributtante, che ce la rende 
più intollerabile di tutti i moderni squilibri » ^ 

Ch'egli poi riesca a determinare con qualche nettezza i 
caratteri di cotesta sua forina futura, anticapitalistica e anti- 
comunistica ad una, non oserei atfermare. Al solito, molte 
parole e immagini: questa forma si può dire che differirà 
meno di tutte le precedenti dalla forma dell'umanità pri- 
mitiva: «come il volto dell'uomo assume la sua suprema 
bellezza nel momento della nascita e nel momento della 
morte». I popoli primitivi l'hanno divinata; e qui il miste- 
rioso Kneph, emblema del ritorno eterno delle cose, il pa- 
radiso terrestre, l'età dell'oro, — e ancora la leggenda 
commovente di Mazeppa, « simbolo meraviglioso e pittoresco 
del movimento storico umano», e simili eleganze-. Ma 
sarà un ritorno alla costituzione dell'umanità primitiva la 
sua « associazione mista » , « nella quale uno o piìi produt- 
tori di capitale si aggiungerà uno o più lavoratori sem- 
plici a lavorare con esso, dividendo il prodotto in parti 
uguali »? — Che egli stesso sia assai impacciato su questo 



1 La terra ed il sistema sociale, pp. 60-1. Fino a pochi anni fa, la 
«libertà» era considerata attributo dello «spirito germanico»; per 
il Loria la cosa sta proprio al contrario, e non dico che abbia torto, 
ma dico che sarebbe tempo di finirla con gli spiriti « germanici » e 
«latini», che si prestano a ogni sorta di giuoco. — Controia forma 
comunistica, cfr. anche Probi, soc, pp. 734. 

- Les bases, pp. o90-l. 

B. Croce, Materialismo storico, 4 



50 LE TEORIE STORICHE 

punto è comprovato dalla sua dichiarazione, che della 
forma futura non si potrà dir nulla di preciso se non quando 
« tutti gli eletti del pensiero » (tutti i professori Loria del- 
l'universo?) « faranno convergere verso di essa le loro forze 
in un'alleanza fraterna » ^ Aspetteremo. 



Ili 



Queste contraddizioni e ondeggiamenti delle sue idee 
hanno riscontro, e forse origine, in un difetto radicale del 
suo spirito. Debbo dire la mia impressione: il Loria non mi 
pare che prenda troppo sul serio uè le sorti della scienza 
né quelle della società. Egli è un vero temperamento di 
letterato, di quelli che amano scrivere libri, dare prova di 
ingegnosità ed eloquenza, raccogliere elogi e lasciarsi ap- 
plaudire dagli studenti. Credo che ciò volesse intendere 
l'Engels, quando violentemente lo definiva: «un avventu- 
riero letterario, che in cuor suo s'infischia di tutta l'eco- 
nomia politica » ■-. 

Si guardi il suo modo di scrivere. Il Loria è scrittore 
facile, abbondante, immaginoso, fiorito. È in lui evidente 
la tentata imitazione della forma piena di umore e di 
fantasia di Carlo Marx, e di quel presentare in modo 
figurato e animato le astratte categorie dell'economia po- 
litica. Ma la forma del Marx risponde al carattere del- 
l'autore, è intima e significante, laddove nel Loria è ap- 
piccicata e vuota: calore, indignazione, ironia ritengono 
in lui un ufficio puramente esornativo. Si ascolti: «Il rug- 



1 Op. cit., p. 389. 

~ « ...ein literarischer Abenteuer, der im Grande seines Herzens 
auf die ganze Oekonomie pfeift » . (Prefazione al III voi. del Capitale, 
pp. xxii). 



DEL PROF. LORIA 51 

gito bestiale della proprietà, defraudata del suo profitto 
della terra libera, eeheg-gia nella vergognosa crociata ch'essa, 
bandisce contro la libertà del lavoratore » ^ E sullo stesso 
argomento: «La distruzione della terra libera è Dalila, 
che recide la chioma del gigante lavoratore; è la demo- 
niaca potenza, che fa dell'uomo nominalmente libero il 
servo della proprietà fondiaria e del capitale; è la forza 
misteriosa e maligna, la quale consente che, di mezzo ad 
una libertà giuridica universale, si elabori e si accresca la 
servitù delle masse, e che il capitale, senza usurpazioni, 
senza oppressioni e violenze, possa conquistare un profitto. 
Come il ritirarsi delle onde lascia scoperti i continenti, così 
il cessare della terra libera lascia scoperto il profitto auto- 
matico, il quale d'Improvviso fa la sua apparizione nella 
storia » -. Ecco un ÌFarx retore e secentista ^. 



1 Analisi, II, 171. 

2 Op. cit., II, 233. 

3 Qualche altro esempio, in nota. Discorrendo del terzo volume 
del Capitale: «Soltanto, qua e là, fra le pagine astratte e le disqui- 
sizioni matematiche, spunta qualche parola corrucciata di minaccia 
o di sdegno, come, fra il sereno delle nostre campagne, spunta di 
quando in quando una croce a ricordare qualche antico misfatto • . 
Paragona il secondo volume della stessa opera alla seconda parte 
del Faust: «poiché, se in questa trovo una serie di scene inanimate, 
splendidamente int&rrotte dall' incantevole episodio di Elena, nel se- 
condo volume di Marx le squisite pagine sul giro del capitale sono 
la gemma fulgida e solitaria, cinta da una triste corona d'inutili ra- 
ziocini. Se ti piacesse, o lettore, una diversa rassomiglianza, direi 
che il primo Capitele sta al terzo come il primo al terzo Bonaparte, 
e che il secondo, rannicchiantesi tra l'uno e l'altro, ha tutta la mo- 
ritura, fiacchezza e la cadaverica tinta del Re di Eoma » (artic. cit. 
della Nuova Antol. ,Y>io- iHi, 'i7 1). Se codesta è l'ettorica di pessimo gusto, 
talvolta, se anche di rado, diventa addirittura scorretta: come quando, 
in un certo punto, egli si propone « di disossare il complicato fenomeno 
della proprietà» (Prohl. soc, p. 60): un fenomeno che ha le ossa!; o 
sul principio della prolusione letta nell'università di Padova, in cui 
dice che sale su quella cattedra di economia i^olitica, « come lo sposo, 
che per la prima volta s'inoltra nella camera nuziale». 



52 LE TEORIE STORICHE 

E si guardi anche il suo atteggiamento di fronte agli av- 
versari. Il Loria si mostra affatto privo di quella asperità, che 
è una pecca senza dubbio, ma una pecca solita negli uomini 
di forti convincimenti. Fa di cappello a tutti, s'infiamma per 
tutti, e alle opinioni di tutti dà gran peso. Nelle ultime 
pagine del volume Les bases économiques, nel capitolo Exa- 
meìt d'ohjectioìis, s'incontreranno in fila « uno scrittore emi- 
nente», «uno dei nostri più spiritosi scrittori», « due altri 
scrittori di grande ingegno», « itn eminente pubblicista», 
«un eminente filosofo», e « un illustre scrittore», e « un 
altro assai distinto»; e poi « uno splendido articolo » (contro 
di lui), «un altro pieno della più possente eloquenza», 
una terza critica, « scritta con quella grazia di stile che 
tutti riconoscono al suo autore», e che contiene « una pagina 
di squisita eleganza»; e chi più ne ha, più ne metta. Venlam 
petimus damusque vicissim: egli s'inebria di lodi, ma offre 
in giro coppe spumeggianti dello stesso vino. 

Gli è perciò che le sue parole contradittorie intorno al 
Marx a me sembrano contenere alcunché d' ingenuo. Per 
lui il Marx è « il più grande pensatore che abbia avuto la 
scienza sociale dopo Ricardo » , « uno dei più grandi pen- 
satori del secolo » ; la sua opera « è libro magistrale, mera- 
viglioso, il più perfetto, il più simmetrico (?), che conosca »; 
è « un capolavoro » ; ha « un carattere altamente scientifico » ; 
il terzo volume del Capitale gli desta il bisogno « di una 
genuflessione morale innanzi alla potenza meravigliosa di 
una mente senza pari». D'altra parte, il Capitale è «im- 
bevuto dei più viziosi sofismi», anzi di « eonsaputi » so- 
fismi; il Marx fa uso di «paralogismi, pur sapendoli 
tali»; quando non riesce a risolvere una difficoltà, la ri- 
manda, con « ingegnoso espediente » , a un volume, — che 
si proponeva di non scrivere mai. Senonchè il volume, di 
cui il Loria aveva arditamente affermato la non esistenza, 
si pubblica davvero, postumo; e il Loria, dopo le genufles- 



DEL PROF. LORIA 53 

sioni sopracitate, e dopo avervi attinto le maggioi'i gioie 
intellettuali, giudica che la soluzione data dal Marx è « il 
gioco di frasi più volgare», anzi, è «una mistificazione»: 
Come si può conciliare l'insulto con la stima, l'insinua- 
zione maligna con l'effusione entusiastica del cuore? Ma il 
Loria, abituato ad ammirare sé stesso, ossia l'abilità, l'in- 
gegnosità e i falsi brillanti della fraseologia e della retto- 
rica, abituato a concepire la scienza come fuoco d'artifizio, 
non deve essersi reso conto della gravità delle accuse che 
scagliava. 



IV 



Che il socialismo si svolga lento e spesso incoerente in 
Italia, non è certo colpa di alcuno. Ciò deriva dalle condi- 
zioni del proletariato, dal ritardato sviluppo dell'industria, 
dai modi di formazione politica del nostro paese, e da tante 
altre cose, che sono poi le cose tutte che fanno la storia. 
]\Ia è certo notevole il fatto che il socialismo dei propagan- 
disti non fu, fino a qualche anno fa, se non del bakuninismo 
irrancidito, e che tutta la discussione dottrinale di quest'ul- 
timo decennio (fatta eccezione di qualche solitario pensatore, 
la cui cultura e il cui sviluppo mentale sono di altra origine), 
si è aggirata nell'equivoco di un Loria, creduto scopritore 
del materialismo storico, e correttore e perfezionatore di 
quel Marx, di cui poi nessuno sapeva niente di preciso per 
dire in che fosse stato corretto e perfezionato. 

E finisco con un paragone, ch'è insieme un aneddoto 
della storia del socialismo in Italia. Alla costituzione della 
prima sezione dell'Internazionale, a Napoli, nel 1867, 
nel bel mezzo della seduta, fu introdotto, con improvvisa 
e melodrammatica apertura di uscio, un personaggio stra- 
niero, molto alto e molto biondo, dai modi dei vecchi co- 



54 LE TKORIE STOKICHK DKL PROF. LORIA 

spiratovi e dal parlare misterioso. Intervenne come per con- 
sacrare la sezione. Ancora cinque anni fa, un avvocato 
napoletano, ottima creatura, un sopravvissuto di quella adu- 
nanza, raccontava, con piena persuasione, che quell'uomo 
alto e biondo fosse stato Carlo Marx, recatosi appositamente 
a Napoli per così grossa impresa. Ci volle tutta la scienza 
di un meglio informato per persuadere l'avvocato (oh de- 
lusione!), che il Marx genuino era di media statura, scuro 
di carnagione e di capelli nerissimi. — Bisogna riconoscere 
che molti concetti del Marx sono stati più tardi introdotti 
e divulgati in Italia per opera del Loria: ma ahimè!, era 
un Marx, anche il suo, alto e biondo! '. 

Settembre 1896. 



i II prof. Loria ha poi raccolto in volume i suoi vari scritti sul 
Marx (Marx e la sua dottrina, Palermo, Sandron, 1902;. Si veda ciò 
che ne ho detto nella rivista La Critica, I, li8-9, ora in Conversazioni 
critiche, I, 291-94. 



Ili 

PER LA INTERPETRAZIONE E LA CRITICA 

DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 



Del problema scientifico nel « Capitale » 
DEL Marx. 



Sebbene dell'opera di Carlo Marx si siano fatte molte 
esposizioni, analisi cistiche, compendi, e finanche estratti 
condensati in opuscoli di propaganda popolare, è cosa tut- 
t'altro che facile, e richiede non piccolo sforzo d'ingegno 
filosofico ed astrattivo, intendere la natura propria della 
ricerca che il Marx venne eseguendo. All'intrinseca diffi- 
coltà della cosa si aggiunge, che non pare che l'autore stesso 
avesse sempre piena consapevolezza della peculiarità, ossia 
della differenza teorica della sua ricerca rispetto alle altre 
che si possono esercitare sui fatti economici; e, a ogni modo, 
disprezzò o trascurò tutte quelle spiegazioni preliminari e 
metodiche, che potevano chiarire il suo assunto. E si ag- 
giunge anche la composizione dell'opera, mista di teorie 
generali, di polemiche e satire amare e di esemplificazioni 
o digressioni storiche, e disposta in modo che solo il pro- 
fessore Loria (lui beato!) poteva giudicare il Capitale uno 
dei libri « più belli e più simmetrici », che esistano; quando 
invece è veramente asimmetrico, disordinato, sproporzio- 
nato, urtante contro tutte le leggi dell'estetica: qualcosa 



56 PER LA INTERPETRAZlONt E LA CRITICA 

di simile, per taluni rispetti, alla Scienza nuova del Vico. 
E c'è, infine, altresì la fraseologia hegeliana, cara al Marx, 
di cui ora si è in certo modo smarrita la tradizione, e che, 
in quella tradizione stessa, egli adoperava con una libertà, 
che talvolta sembra non priva di una punta di scherzo. 
Onde non deve far meraviglia clic il Capitale sia passato, a 
volta a volta, per un trattato di economia, per una filosofia 
della storia, per un complesso di cosiddette leggi sociolo- 
giche, per una requisitoria morale e politica, e, finanche, 
nelle teste di alcuni, per un pezzo di storia raccontata. 

Pure chi si domandi qual'è la forma e quale la com- 
prensione della ricerca del Marx, e prescinda, com'è 
giusto, da tutto il materiale storico e polemico e descrit- 
tivo (che spetta bensì all'organismo del libro, ma non a 
quello della ricerca fondamentale), può scartare subito la 
maggior parte delle definizioni sopraccennate, e stabilire 
fermamente questi due punti : 

1°) Come forma, non v'ha dubbio che il Capitale 
sia una ricerca astratta: la società capitalistica, che il 
Marx studia, non è la tale o tale altra società, storicamente 
esistente, della Francia o dell'Inghilterra, e neanche la so- 
cietà moderna delle nazioni più civili, dell'Earopa occiden- 
tale e dell'America. È una società ideale e schematica, de- 
dotta da alcune ipotesi, che (diciamo così) potrebbero anche 
non essersi presentate mai come fatti reali nel corso della 
storia. È vero che queste ipotesi rispondono in buona parte 
alle condizioni storiche del mondo civile moderno; ma ciò, 
se conferisce importanza alla ricerca del Marx, perchè giova 
a fare intendere organismi sociali che ci toccano assai 
da vicino, non ne cangia l'indole. In nessuna parte del 
mondo s'incontreranno le categorie del Marx come perso- 
naggi vivi e corpulenti, appunto perchè quelle sono astra- 
zioni, e, per vivere, hanno bisogno di perdere alcune parti 
e acquistarne altre. 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 57 

2") Come comprensione, la ricerca del Marx non 
abbraccia tutto il territorio dei fatti economici, e neanche 
quella sola regione ultima e dominante in cui tutti i fatti 
economici hanno la sorg-ente, quasi fiumi scendenti da una 
montag'na. Essa si restringe invece a una particolare for- 
mazione economica, che è quella che si ha luogo in una 
società con proprietà privata del capitale, o, come il Marx 
dice (con espressione che gli è propria), «capitalistica». 
Eestano fuori, non solo le altre formazioni storicamente 
accadute o teoricamente possibili, come le società a mono- 
polio o le società comunistiche; ma benanche Tordine delle 
operazioni economiche comuni alle varie società e alia eco- 
nomia individuale. Se, insomma, il Capitale come forma 
non è una descrizione storica, come comprensione non 
è un trattato di economia, e molto meno un'enciclo- 
pedia ^ 

Ma, stabiliti questi due jjunti, non si è ancora conosciuta 
la qualità propria della ricerca del Marx. Se il Capitale non 
fosse altro che ciò che abbiamo determinato sinora, sarebbe 
semplicemente una monografia economica delle leggi 
della società capitalistica. E una simile monografia il 
Marx non avrebbe potuto farla se non in un sol modo: 
descrivendo quelle leggi, e spiegandole con le leggi generali 
o coi concetti fondamentali dell'economia; riducendo, in- 
somma, il complesso al semplice, o passando per deduzione, 
e con l'aggiunta di nuove ipotesi, dal semplice al complesso, 
pjgli cosi avrebbe mostrato, con metodica esposizione, come 
i fatti apparentemente più diversi del mondo economico, 



1 «Una colossale monografia» (intendi: di economia), lo chiama 
il più autorevole dei marxisti italiani, il prof. Antonio Labriola, nel 
suo nuovo libro {Discorrendo tìi filosofia e socialismo, Roma, Loescher, 
189h). Ma in uno scritto precedente (hi memoria del « Manifesto dei 
comunisti', '2* ediz., Roma, 1895, p. 36 n) lo aveva definito, come 
già abbiamo avuto occasione di notare, «una filosofia della storia ». 



58 PER LA INTERPETRAZIONE E LA CRITICA 

siano retti, in ultimo, da una medesima legge; o, ch'è lo 
stesso, come codesta legge si rifranga variamente passando 
attraverso ordinamenti vari, senza mutare sé stessa, che 
altrimenti mancherebbe il modo e il criterio della spiega- 
zione. Tale lavoro era stato già in gran parte compiuto al 
tempo del Marx, e dopo di lui è stato ancora proseguito 
dagli economisti, ed ha conseguito un alto grado di perfe- 
zione; come può vedersi, per esempio, nei trattati econo- 
mici dei nostri italiani Pantaleoni e Pareto. ]Ma io dubito 
assai che il Marx sarebbe diventato economista per darsi a 
un genere di studi d'interesse soprattutto teorico o scolastico 
che si dica. A ciò ripugnava la sua personalità di uomo pratico 
e di rivoluzionario, impaziente delle ricerche che non aves- 
sero stretto legame con gì' interessi della vita storica e at- 
tuale. Se il Capitale fosse dovuto essere una monografia 
puramente economica, si potrebbe metter pegno che non 
sarebbe nato. 

Che cosa, dunque, fece il Marx, e a quale trattazione 
sottopose i fenomeni della società capitalistica, che non 
sia la trattazione di pura teoria economica? Il Marx as- 
sunse, fuori del campo della pura teoria economica, 
una proposizione, che è la famigerata eguaglianza 
di valore e lavoro; ossia la proposizione, che «il valore 
dei beni prodotti da lavoro è eguale alla quantità di lavoro 
socialmente necessaria per produrli » . Solo in virtù di que- 
sta assunzione la ricerca sua propria prese cominciamento. 

Ma quale legame questa proposizione ha con le leggi 
della società capitalistica? Ossia, quale ufficio essa compie 
nella ricerca? E qual è poi il suo intrinseco significato? — 
Ecco ciò che il Marx non dice mai espressamente: ed è 
questo anche il punto intorno a cui sono nate le maggiori 
confusioni e piìi si sono sbizzarriti gl'interpetri ei critici. 

Alcuni dei quali hanno considerato la legge del valore- 
lavoro come legge storica, propria della società capitali- 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO t)) 

stica, e che determinerebbe tutte le manifestazioni di que- 
sta^; ed altri, stimando giustamente che i fatti della societA, 
capitalistica non sono punto determinati da una legge di 
quella sorta, ma ubbidiscono ai generali motivi economici 
propri della natura dell'uomo, hanno rifiutata la legge come 
un assurdo, al quale il Marx sarebbe pervenuto spingendo 
alle estreme conseguenze un concetto poco felice del Ricardo. 

La critica si aggirava così tra l'accettazione totale, ac- 
compagnata da interpetrazione evidentemente errata, e il 
rifiuto totale e sommario del procedere del Marx; quando, 
negli ultimi anni, e segnatamente dopo la comparsa del terzo 
volume postumo del Capitale, si è cominciato a tentare e a 
percorrere una via migliore. In veritfi, nonostante le calo- 
rose difese, la dottrina del Marx restava sempre oscura; 
e, nonostante le disdegnose e sommarie condanne, essa 
mostrava pur sempre una vita tenace, quale non hanno di 
solito gli spropositi e i sofismi. Ed è perciò inerito dfl 
prof. Werner Sombart, della università di Breslavia, di aver 
affermato, in un lucido scritto, che le conclusioni pratiche 
del Marx si possono rigettare per ragioni politiche, ma 
che, scientificamente, occorre anzi tutto intendere il pen- 
siero di lui '-. 

Il Sombart, dunque, rompendola apertamente con la in- 
terpetrazione della legge del valore del Marx come legge 



1 Lascio da parte coloro che considerano la legge del valore-lavoro 
come legge generale del valore, ai quali basta domandare come 
mai quella legge potrebbe essere < generale >, se esclude dalla consi- 
derazione una intera categoria di beni economici, cioè i beni non 
aumentabili per lavoro? Del resto, sull'argomento, si veda il § 2 di 
questa Memoria. 

2 Werner Sombart, Ziir Kritik des cekonomiachen Si/ntenis von Kail 
Marx (neWArchio fiir soziale Geselzr/eòiing tind Statislik, volume VII, 
1894, pp. 555-594). — Non ho ora a mano la critica (condotta secondo 
i concetti della scviola edonistica), che di questo articolo del Sombart, 
fece Fanno scorso, a proposito del terzo volume del Capitale^ il Bòhm- 
Bawerk, nella Miscellanea per le onoranze allo Kuies. 



60 PER LA INTERPBTUAZIOXE B LA CRITICA 

reale dei fatti economici, e dando espressione più compiuta 
e più coraggiosa agli accenni timidi già fatti da talun altro 
(C. Schmidt), disse: che la legge del valore del Marx non è 
un fatto empirico, ma un fatto del pensiero (keine 
empirische, soudern eine gedankliche Thatsache); che il 
valore del Marx è un fatto logico (eine logische That- 
sache), il quale serve di aiuto al nostro pensiero per inten- 
dere le cose della vita economica '. 

Questa interpetrazione fa, nella sua linea generale, ac- 
cettata dall'Engels, in uno scritto composto qualche mese 
prima della sua morte e pubblicato postumo. All'Engels 
sembrava che «essa non potesse appuntarsi d'inesattezza, 
ma che, tuttavia, fosse troppo vaga e convenisse esporla 
con maggiore precisione » -. 

Per la stessa via accennano a mettersi le acute e du- 
bitose osservazioni che, intorno alla teoria del valore, ha 
pubblicato di recente un valente marxista francese, il Sorel, 
in un articolo del Journal des ecouomistes. Nel quale rico- 
nosce, che dalla teoria del Marx non c'è modo di passare 
ai fatti reali della vita economica, e che, se essa può 
dare «schiarimenti» in senso assai ristretto, non sembra, 
per altro, che possa mai «spiegare», nel senso sciontiiìco 
della parola -'. 

E, or ora, il prof. Labriola, in un rapido accenno alla 
stessa quesiione, alludendo di certo al Sombart, e parte 
accettando e parte criticando, scrive anch'esso che «la 
teoria del valore non rappresenta un factum empirico, ne 
esprime una semplice posizione logica, come qualcuno 



i L. e, p. 571 sgg. 

2 Nella Neue Zeit, XIY, voi. I, pp. 4-11. 37-41. Cito dalla trad. ital.: 
Dal terzo volume del « Capitale » , prefazione e commenti di F. Engels 
(Roma, 1896), p. 39. 

3 Sur la théorie marxiste de la valeur (nel Journal des économistes, 
fascicolo di maggio 1897, pp. 222-31, si veda p. 22S). 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 61 

lia almanaccato; ma è la premessa tipica, senza della 
quale tutto il resto non è pensabile» ^ 

Questa espressione del Labriola a me sembra, invero, 
assai più esatta di quella del Sombart; il quale, per altro, 
si mostrava esso stesso scontento della sua denominazione, 
come chi ancora non abbia in mente un concetto a pieno 
determinato, e non riesca perciò a trovare una locuzione 
soddisfacente. «Fatto del pensiero, fatto logico», è dir 
troppo poco, perchè si sa bene che tutte le scienze sono 
tessuti di fatti logici, ossia di concetti. Il valore-lavoro del 
Marx non è solo una logica generalità, ma anche è un 
concetto pensato ed assunto come tipo, ossia qual- 
cosa di piti o di diverso da un mero concetto logico. Esso 
non ha già l'inerzia dell'astrazione, ma la forza di qualcosa 
determinato e particolare, che compie rispetto alla società 
capitalistica, nell'indagine del Marx, l'ufficio di termine di 
comparazione, di misura, di tipo~. 

Assunta questa misura o tipo, la ricerca, pel Marx, si 
configurò a questo modo: — Posto che il valore è eguale 
al lavoro socialmente necessario, mostrare con quali di- 
vergenze da tale misura si formino i prezzi delle merci 
nella società capitalistica, e come la stessa forza-lavoro 
acquisti un prezzo e^diventi una merce. — Il Marx formolo 
tale problema con modi, a dir vero, impropri; giacche il 
valore tipico, assunto da lui come misura, egli lo presentò 
come la legge dei fatti economici della società capitalistica. 
Ed è, se si vuole, la legge, ma nella sua concezione, 
non già nella realtà economica. È ben chiaro che si 
possono concepire le divergenze rispetto a una misura come 



1 Discorrendo di socialismo e di filosofia, p. 21. 

- Tanto più facilmente accetto l'espressione usata dal Labriola 
in quanto è la medesima di cui mi servii anch' io un anno fa. Si 
veda il saggio precedente sul Loria, pp. 82-3. 



62 PER LA INTEKPETRAZIONE E LA CLUTICA 

le ribellioni della realtà di fronte a quella misura, che ha 
ricevuto da noi dignità di legge. 

Formalmente considerando, non vi ha nulla da ridire 
contro la ricerca istituita dal ]\Iarx. Non è forse procedi- 
mento solito di analisi scientifica quello che prende a con- 
siderare un fatto non solo così come è dato, ma anche in 
ciò che sarebbe se uno dei fattori di esso venisse a variare, 
e nel paragonare il fatto ipotetico col reale, trattando il 
primo come divergente dal secondo che si assume fonda- 
mentale, il secondo dal primo, che si assume nel senso 
medesimo? Se io costruissi per deduzione le massime morali 
che si svolgono in due gruppi sociali in condizione di lotta 
l'uno contro l'altro, e se le mostrassi divergenti dalle mas- 
sime morali che si svolgono nello stato di pace, farei qualche 
cosa di analogo al raccostamento compiuto dal Marx. E non 
sarebbe neanche gran male (benché non sarebbe espressione 
felice e precisa) dire, in senso figurato: che la legge delle 
massime morali del tempo di guerra è quella stessa delle 
massime del tempo di pace, accomodata alle nuove condi- 
zioni e trasformata in modo, che pare, in ultimo, contrad- 
dizione di sé stessa. Il Marx, finché si aggira nei limiti della 
ipotesi, procede con perfetta correttezza. L'errore potrebbe 
cominciare solo quando, esso o altri, confondesse l'ipotesi 
con la realtà, e il modo del porre e del misurare col modo 
dell'essere. Finche non si cade in siffatto errore, il procedi- 
mento è incensurabile. 

Senonchè, questa giustificazione formale non basta: ci 
vuole dell'altro. Con processo melodico corretto si può per- 
venire a risultamenti senza importanza, e compiere semplici 
giochetti di pensiero. Assumere una misura di comparazione 
arbitraria, e paragonare, e dedurre, e finir con lo stabilire 
una serie di divergenze da quella misura; a che mena? Ciò, 
dunque, che occorre giustificare è la misura stessa: ossia 
occorre determinare l'utilità che può avere per noi. 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 63 

Anche tale questione, sebbene non formolata proprio a 
questo modo, si è presentata ai critici del Marx; e una 
soluzione se ne è data già da un pezzo, e da molti, col 
dire che l'uguaglianza del valore col lavoro è un ideale 
etico-sociale, un ideale morale. Ma niente di più erroneo 
in sé, come niente di più lontano dal pensiero del Marx 
si potrebbe concepire di codesta interpetrazione. Dalla pre- 
messa che il valore è eguale al lavoro socialmente neces- 
sario, quale illazione morale si può mai cavare? Se ci si ri- 
flette alquanto, proprio nessuna. Lo stabilimento di quel 
fatto non dice nulla sui bisogni delle società, che rendano 
conveniente l'uno o l'altro ordinamento etico-giuridico della 
proprietà e del modo della ripartizione. Il valore sarà bene 
eguale al lavoro; e non pertanto condizioni storiche spe- 
ciali renderanno necessaria la società di caste o di classi, 
divisa in governanti e governati, dominatori e dominati, 
con conseguente ineguale ripartizione dei prodotti del la- 
voro. Il valore sarà bene eguale al lavoro; ma, anche 
ammesso che nuove condizioni storiche rendano mai possi- 
bile la sparizione della società di classi, e l'avvento della 
società comunistica, ed anche ammesso che in questa so- 
cietà la ripartizione possa aver luogo secondo la quantità 
di lavoro da ciascuno contribuita, tale ripartizione non sa- 
rebbe già una illazione dalla stabilita eguaglianza del valore 
col lavoro, ma una misura adottata per ragioni speciali di 
convenienza sociale ^ E non si può dir nemmeno che tale 
eguaglianza contenga in se un ideale di giustizia perfetta 



1 Facendo un' ipotesi di questa sorta, il Marx distingueva netta- 
mente che, in tal caso, * il tempo di lavoro compirebbe una du- 
plice funzione: per un verso, come misura del valore, per l'altro 
come misura della parte individuale spettante a ciascun producente 
sul lavoro comune» (andrerseits dient die Arbeitzeit zugleich als 
Mass des individuellen Antheils des Producenten au der Gemeinar- 
beit, und daher auch an dem individuell verzehbareu Theil des Ge- 
meinprodukts) : si veda Das Kapital, I, p. 45. 



64 Pfill LA INTBUPEIRAZIONK E L,A CRITICA 

(se pure non attuabile), perchè il criterio del giusto non 
ha nessun rapporto con le differenze, spesso meramente 
naturali, nella capacità di compiere un maggior o minor 
lavoro sociale e di produrre un maggiore o minor valore. 
Dall'eguaglianza del valore col lavoro non si può trarre, 
dunque, nò una massima di astratta giustizia, ne una mas- 
sima di convenifnza ed opportunità sociale. Entrambe que- 
ste massime non possono fondarsi se non sopra ordini di 
considerazione affatto diversi da quello di una semplice 
equazione economica. 

Assai meglio il Sombart, tenendosi immune di questa 
contusione, ha cercato il significato della misura posta dal 
Marx nel seno stesso della società, e fuori dei nostri giu- 
dizi morali. Egli dice perciò che il lavoro è « il fatto eco- 
nomico oggettivamente più rilevante », e che il valore, nel 
pensiero del Marx, non è « se non l'espressione economica 
del fatto della forza produttiva sociale del lavoro, come 
fondamento dell'esistenza economica». 

Ma questa ricerca a me pare che sia stata piuttosto 
iniziata che condotta a buon fine; e, se dovessi dire in 
qual verso essa dovrebbe essere perfezionata, direi che bi- 
sognerebbe sforzarsi di determinare e chiarire quella pa- 
rola «oggettivo», eh' è o vaga o metaforica. Che cosa signi- 
fica un fatto economicamente oggettivo? Non indica questa 
parola piuttosto il presentimento di un concetto, che la 
formazione distinta di questo concetto stesso? 

Solo in via di tentativo, aggiungerò che 1' « oggettivo » 
(che ha per termine di relazione il «soggettivo»), a me 
non pare che convenga al caso. Prendiamo, invece, a con- 
siderare, in una società, solo ciò eh 'è propriamente vita 
economica; ossia, nella società complessiva, solamente la 
società economica. Togliamo poi da quest'ultima, per 
astrazione, tutti i beni che non sono aumentabili col lavoro. 
Togliamo, per un'altra astrazione, tutte le differenze di 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 65 

classi, le quali possono riguardarsi come accidenti rispetto 
al concetto generale di società economica. Prescindiamo da 
ogni modo di distribuzione della ricchezza prodotta, che, 
come abbiamo detto, può essere determinato solo da ragioni 
di convenienza o anche di giustizia, e sempre dalla con- 
siderazione di tutto il complesso sociale e non già dalla 
considerazione esclusiva della società economica. Che cosa 
resta, dopo aver fatto queste successive astrazioni? Niente 
altro che: la società economica in quanto società 
lavoratrice ^ E per questa società senza differenza di 
classi, ossia per una società economica in quanto tale, e i 
cui soli beni consistano in prodotti di lavoro, che cosa può 
essere il valore? Evidentemente, la somma degli sforzi, ossia 
la quantità di lavoro, che le costa la produzione delle di- 
verse categorie di beni. E poiché qui si parla dell'organismo 
sociale economico, e non già dei singoli individui viventi 
in esso, è naturale, che questo lavoro non possa essere se 
non calcolato per medie, epperò come lavoro socialmente 
(di società, ripetiamo, qui si tratta) necessario. 

Cosicché il valore-lavoro apparirebbe in questo caso come 
quella determinazione del valore, propria della società eco- 
nomica in sé stessa, considerata solo in quanto produttrice 
di boni aumentabili col lavoro. 

Da questa definizione si può trarre un corollario, che 
e il seguente: la determinazione del valore-lavoro avrà 
una certa rispondenza nei fatti sempre che esisterà 
una società, che produca beni per mezzo del lavoro» 
Nel fantastico Paese di Cuccagna questa determinazione 
non avrebbe nessuna rispondenza nei fatti, perché tutti 1 
beni esisterebbero in quantità superiore ai bisogni; come 



1 La quale è cosa diversa dai lavoratori od operai nella nostra 
società capitalistica, che sono una classe ossia un frammento 
di società economica, e non già la società economica generica ed 
astratta, produttrice di beni aumentabili col lavoro. 

B. CaocE, Materialismo storico. 6 



66 PER LA INTERPETKAZIONE E LA CRITICA 

è chiaro anche che la stessa determinazione non avrebbe 
modo di attuarsi in una società, i cui beni fossero inferiori 
ai bisogni, ma non aumentabili per lavoro. 

Ma la storia ci mostra finora solamente società che, ac- 
canto al godimento dei beni non aumentabili per lavoro, 
hanno provveduto a soddisfare i loro bisogni col lavoro. 
Cosicché questa eguaglianza del valore col lavoro ha avuto 
finora, ed avrà ancora per un tempo indefinito, rispondenza 
nei fatti. Ora, di quale natura è questa rispondenza? Avendo 
noi escluso: 1°) che si tratti di ideale morale, e 2°) che si 
tratti di legge scientifica; e avendo tuttavia concluso che 
quella eguaglianza è un fatto (del quale il Marx si vale 
poi come tipo), dobbiamo dire, come sola via di uscita : 
che è un fatto, ma un fatto che vive tra altri fatti, 
ossia un fatto che empiricamente ci appare con- 
trastato, sminuito, svisato da altri fatti, quasi una 
forza tra le forze, la quale dia risultante diversa da quella 
che darebbe se le altre forze cessassero di operare. None un 
fatto dominante assoluto, ma non è nemmeno un 
f a 1 1 o inesistente e semplicemente immaginario'. 



i Poti-ebbe dubitarsi di questo intendimento generale del valore-la- 
voro per ogni società economica lavoratrice, nel pensiero del Marx 
e dell'Engels, ricordando i molti luoghi, nei quali e l'uno e l'altro 
hanno più volte affermato: che nella società comunistica fu- 
tura sparirà il criterio del valore e la produzione sarà 
regolata dall'utilità sociale; cfr. già gli Uinrisse dell'Engels 
del 1844 (trad. ital. in Critica sociale, a. V, 1895); Marx, Misere de la 
philosophie (2* ediz., Paris, Giard et Brière, 1896), p. 83; Engels, 
Aniidiihring, p. 335. Ma ciò é da intendere nel senso che, non essendo 
una tale ipotetica società comunistica fondata sullo scambio, l'ufficio 
del valore (di scambio) perderebbe im^Dortanza pratica; non già nel- 
l'altro senso, che per la coscienza della società comunistica il valore 
dei beni non sarebbe più eguale al lavoro che alla società essi co- 
stano. Che anzi, in una simile forma di ordinamento economico, il 
valore-lavoro sarebbe la legge economica imperante pienamente nel 
giudizio dei singoli beni, prodotti di lavoro. Si avrebbe una limpi- 
dezza di valutazione, quale il Marx descrive nella sua « x'obinsonata > : 
cfr. Das Kapilal, I, 43. 



DI ALCUNI CONCETTI DRL MARXISMO 67 

Anche bisogna notare, che nel corso della storia questo 
fatto è andato sottomesso a varie vicende, ossia è stato 
più o meno contrastato; e qui è il luogo di far ragione 
all'osservazione dell'Engels a proposito del Sombart: che 
cioè il modo come quest'ultimo detìnisce la legge del valore 
« non lasci risaltare tutta l'importanza, che ha questa legge, 
per gli stadi dello sviluppo economico in cui essa domina ». 
L'Engels faceva un'escursione nel campo della storia eco- 
nomica per mostrare che la legge del valore del Marx, 
ossia l'eguaglianza del valore col lavoro socialmente neces- 
sario, ha « doniinato » per parecchie migliaia di anni ^ 
«Dominato», è forse dir troppo; ma è vero che i contrasti 
degli altri fatti contro questa legge sono, stati minori in nu- 
mero ed intensità nel comunismo primitivo e nell'economia 
medievale e domestica, laddove hanno raggiunto il massimo 
nella società basata sul capitale privato e sulla più o meno 
libera concorrenza mondiale, ossia nella società che produce 
quasi esclusivamente merci ^. 

Il Marx, dunque, nell'assumere a tipo l'eguaglianza del 
valore col lavoro e neirapplicaiio alla società capitalistica, 
istituiva paragone della società capitalistica con una parte 
di sé stessa, astratta e innalzata ad esistenza indipen- 
dente: ossia, paragone tra la società capitalistica con la 
società economica in sé stessa (ma solo in quanto società 



1 Dal terzo volume del « Capitale » , pp. 42-55. 

2 Per ciò anche il Marx, nel § 4 del cap. I: Der Fetischcharakter 
der Waare und sein Geheiìuniss (I, pp. 37-50) si faceva a delineare 
sommariamente le altre formazioni economiche, della società me- 
dievale e dell'economia domestica: « Ailer Mysticismus der Waa- 
renwelt, ali der Zauber und Spuk, welcher Arbeitsprodukte auf 
Grundlage der Waarenproduktion umnebelt, vfrschwindet daher 
sofort, sobald wir zu ander Produktionsformen fliichten » (p. 42). La 
relazione del valore col lavoro, negli ordinamenti economici meno 
complessi, è più evidente, perchè meno contrastata ed offuscata da 
altri fatti. 



68 PER LA INTERPETRAZIONE E L,A CRITICA 

lavoratrice). In altri termini, egli studiava il problema 
sociale del lavoro, e mostrava, col paragone implicito 
da lui stabilito, il modo particolare in cui questo pro- 
blema viene risoluto nella società capitalistica. Qui 
è la giustificazione, non più formale, ma reale, del suo 
procedimento. 

Solo in forza di questo procedimento, e alla luce proiet- 
tata dal tipo da lui assunto, il Marx potè giungere a porre 
e definire l'origine sociale del profitto, ossia del sopravalore. 
«Sopravalore», in pura economia, è parola priva di senso, 
come è mostrato dalla denominazione stessa; giacché un 
sopravalore è -un extra-valore, ed esce fuori del 
campo della pura economia. Ma ha bene un senso, e non 
è un assurdo, come concetto di differenza, nel para- 
gonare che si fa una società economica con un'altra, un 
caso con un altro, o due ipotesi tra di loro. 

Anche in forza della stessa premessa gli fu possibile 
giungere alla proposizione: che i prodotti del lavoro nella 
società capitalistica non si vendono se non eccezionalmente 
al loro valore, ma di solito per più o per meno, e talora 
con deviazioni grandissime dal loro valore; il che, espresso 
in breve, si direbbe: il valore non coincide col prezzo. 
Se, per ipotesi, cangiasse d'un tratto l'ordinamento della 
produzione di capitalistico in comunistico, si assisterebbe, 
di colpo, non solo a quel mutamento delle fortune degli 
individui che colpisce tanto le fantasie della gente, ma anche 
a più mirabile mutamento: a quello della fortuna delle 
cose. Si formerebbe allora una scala di prezzi in gran parte 
diversissima da quella che ora vige. In qual modo il Marx 
dimostri questa proposizione, con l'analisi della varia com- 
posizione del capitale nelle varie industrie, ossia della parte 
del capitale costante (macchine, ecc.) e di quella del ca- 
pitale variabile (salari), non è il caso qui di esporre in 
particolare. 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 69 

Per la stessa via, ossia mercè la dimostrazione del cre- 
scere continuo del capitale costante rispetto al variabile, il 
Marx procura di stabilire un'altra legge della società capita- 
listica, ch'è quella della caduta tendenziale del saggio 
di profitto. Il progresso tecnico, che in una astratta so- 
cietà economica si esprimerebbe nel minor lavoro occorrente 
a produrre la medesima ricchezza, nella societA capitali 
stica si esprime nel graduale abbassamento della rata di 
profitto *. Ma questa sezione del terzo volume del Capitale 
è tra le meno elaborate di quel così poco elaborato libro 
postumo; e a me par degna di uno speciale esame critico, 
che mi propongo di fare in altra occasione, non volendone 
trattare ora di oassata '-. 



1 Das Kapital. L. Ili, capp. XIII, XIV, XV: Gesetz des tendentieìlen 
Falls der Profitrafe (voi. III, P. I, pp. 191-249). 

~ Compito dei marxisti dovrebbe essere sciogliere il pensiero del 
Marx dalla forma letteraria che prese in lui, e ristudiare da capo 
le questioni ch'egli si propose, ed elaborarle con nuova e più precisa 
trattazione, e con nuove esemplificazioni storiche. In ciò solo può 
consistere il progresso scientifico. Le «esposizioni», che si hanno 
finora del sistema del Marx, sono semplicemente materiali; e taluna 
(come quella dell'Aveling) consiste addirittura in una serie di sun- 
terelli, che seguono capitolo per capitolo l'originale e riescono più 
oscuri di questo. — Sulla legge della caduta del saggio di profitto, 
si veda ora, in questo volume, il saggio VI. 



70 PER LA INTEKPKTRAZlONiS E LA CRITICA 

II 

Il problema del Marx e l'Economia pura. 



Dunque, reconomia marxistica è quella che studia 
l'astratta società lavoratrice, mostrando le variazioni che 
questa soffre nei diversi ordinamenti economico-sociali. Tale 
ricerca il Marx ha compiuta di proposito per un solo di 
questi ordinamenti, ossia per quello capitalistico, conten- 
tandosi per l'economia a schiavi e a servaggio, pel comu- 
nismo primitivo e per l'economia domestica e naturale, di 
semplici accenni ^. 

In questo senso egli e l'Engels affermavano che l'eco- 
nomia (l'economia da essi coltivata) era una scienza sto- 
rica -. Ma anche qui la loro definizione è stata meno felice 
della ricerca stessa; noi sappiamo che le indagini del Marx 
non sono storiche, ma ipotetiche ed astratte, ossia teoriche. 
Meglio si potrebbe dire che sono ricerche di sociologia 
economica, se questa parola «sociologia» non fosse di 
quelle che piti variamente ed arbitrariamente si adoperano. 

Se la ricerca del Marx è così determinata, se la legge 



i «Per eseguire completamente questa critica dell'economia bor- 
ghese, non basta la conoscenza sola della forma capitalistica della 
produzione, dello scambio e della ripartizione. Debbono essere egual- 
mente indagate, almeno nei loro tratti essenziali, e prese -come ter- 
mini di comparazione, le altre forme, che hanno preceduto quella 
nel tempo, o vivono accanto ad essa nei paesi meno sviluppati. Una 
tale l'icerca e comparazione è stata finora, sommariamente, esposta 
solo dal Marx; e noi dobbiamo quasi esclusivamente alle sue ricerche 
ciò che sappiamo sulla economia teoretica preborghese » . (Engelsì 
AntiduJiring, p. 154). 

2 «L'economia politica è essenzialmente una scienza storica». 
(Engels, 1. e, p. 150). 



DI ALCUNI CONCETTI Ì)KL MARXISMO 71 

del valore da lui assunta è la legge particolare dell'astratta 
società lavoratrice, che solo frammentariamente si attua nelle 
società economiche storicamente date e in altre società eco- 
nomiche ipotetiche o possibili, sembrano chiare e facili con- 
seguenze: 1") che l'economia marxistica non è la scienza 
economica generale; 2") che il valore-lavoro non 6 
il concetto generale del valore. Accanto, dunque, alla 
ricerca marxistica può, anzi deve vivere e prosperare una 
scienza economica generale, che stabilisca un concetto del 
valore, deducendolo da principi affatto diversi e più com- 
prensivi di quelli particolari del Marx. E se gli economisti 
puri, chiusi nella loro specialità, hanno mostrato una sorta 
di gretta repulsione intellettuale verso le ricerche del Marx, 
i marxisti, a loro volta, hanno a torto disconosciuto un or- 
dine di ricerche a essi estranee, dichiarandole ora oziose 
ora addirittura assurde. 

Tale è, infatti, la mia opinione; e dico, in verità, di non 
aver potuto mai scoprire altra antitesi o inimicizia tra questi 
due ordini di ricerche, che non sia quella, meramente acci- 
dentale, della reciproca antipatia e del reciproco ignorarsi 
di due gruppi di studiosi. Vero è che alcuni han fatto ricorso 
a una spiegazione politica; ma, pur non volendo negare 
che le passioni politiche siano spesso cause di errori teorici, 
non mi riesce persuasiva questa taccia data a gran numero 
di studiosi di lasciarsi ciecamente e scioccamente dominare 
da impulsi estranei alla scienza; o, eh' è peggio, di falsi- 
ficare consapevolmente il loro pensiero, e di costruire interi 
sistemi economici per motivi extrascientifici. 

Veramente, il Marx stesso non ebbe tempo e modo di 
prendere posizione, per così dire, rispetto alle ricerche dei 
puristi, o edonisti, o utilitari, o deduttivisti , o 
austriaci, o come altro variamente si chiamino. Ma era in 
lui sommo il disprezzo per V oeconomia vidgaris, sotto il qual 
nome soleva comprendere anclie le ricerche di economia gè- 



72 PER LA INTERPETRAZIONE E LA CRITICA 

nerale, le quali, a suo avviso, spiegano quel che di spiegazione 
non ha bisogno ed è intuitivamente chiaro, e lasciano senza 
spiegazione ciò che è più diffìcile ed importa davvero. E 
neanche l'Engels ne ha trattato di proposito; ma quel che 
egli ne pensasse si può ritrarre dalla polemica contro il 
Diihring. Il quale Dilhring si affaticava nel cercai'e una 
legge generale del valore, che dominasse tutte le possibili 
forme dell'economia: e l'Engels a ribattere: «Chi vujol ri- 
durre sotto una stessa legge l'economia politica della Terra 
del fuoco e quella dell'Inghilterra moderna, non può pro- 
durre altro che i più volgari luoghi comuni». E scherniva 
le « veritA di ultima istanza », le « eterne leggi della na- 
tura», gli assiomi tautologici e vuoti, che avrebbe messi 
in luce, col suo metodo, il signor Dùhring ^ Leggi iisse ed 
eterne non esistono: manca, dunque, ogni possibilità di co- 
struire una scienza generale dell'economia, valida per tutti 
i tempi e luoghi. — E se l'Engels avesse inteso riferirsi a 
coloro che asserivano l'insuperabilità od eternità delle leggi 
proprie della società capitalistica, avrebbe avuto ragione, 
e avrebbe raddoppiato i colpi contro un pregiudizio, che 
la storia basta da sola a smentire col mostrarci come il 
capitalismo sia apparso in vari tempi, sostituendosi a forme 
diverse d'ordinamento economico, o sia anche scomparso, 
sostituito da altre forme. Ma, nel caso del Duhring, la cri- 
tica andava lungi dal segno; perchè il Duhring non in- 
tendeva porre già come ferme ed eterne le leggi della 
società capitalistica, sibbene stabilire un concetto ge- 
nerale del valore, ch'è tutt'altra cosa; o, in altre pa- 
role, mostrare come, sotto il rispetto puramente economico, 
la società capitalistica si spieghi con gli stessi concetti 
generali, che spiegano le altre forme di ordinamenti. Nes- 
suno sforzo, neanche quello dell'Engels, potrà impedire 



1 Antiduhring . pp. 150, 155. 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 73 

che tale questione venga posta e risoluta, perchè non si 
può convellere la mente umana, che cerca il generale, il 
più generale e l'universale. 

E sarebbe considerazione istruttiva quella dei « rimandi », 
che sono nel Capitale del Marx, ad analisi non fatte ed 
estranee alla sua particolare trattazione; nelle quali neces- 
sità di analisi mettono radice le ricerche dell'economia pura. 
Che cosa è, per esempio, l'astratto lavoro umano (ab- 
strakt /nenschliche Arheit), concetto di cui il Marx si vale 
comedi un presupposto? Con qual processo si compie quella 
riduzione del lavoro complicato al semplice, alla quale 
egli accenna come a cosa ordinaria ed ovvia? E se, nell'ipo- 
tesi del Marx, le merci appaiono come gelatine di lavoro 
o lavoro cristallizzato, perchè, in altra ipotesi, tutti i 
beni economici, e non le sole merci, non potrebbero appa- 
rire come gelatine di mezzi per soddisfazione di 
bisogni, o bisogni cristallizzati? — Leggo in un punto 
del Capitale: «Cose che in sé e per sé non sono merci, 
per es., la scienza, l'onore, ecc., possono essere vendute 
dai loro possessori; e così, per mezzo del loro prezzo, ri- 
cevere la forma di merci. Una cosa può avere formalmente 
un prezzo, senza avere un valore. L'espressione del prezzo 
diventa qui immaginaria, come certe grandezze della 
matematica» ^ Ecco ancora una difficoltà, eh' è additata 
ma non superata. Vi sono dunque prezzi formali o im- 
maginari? E che cosa sono? A quali leggi ubbidiscono? 
sono forse come le parole greche nella prosodia latina, 
che, secondo la regoletta di scuola, per Ansoniae finei< sine 
lege vagantur'? — A tali questioni rispondono le indagini 
dell'economia pura. 

Anche il filosofo Lange, il quale respingeva la legge del 
valore del Marx, che gli sembrava un «parto sforzato». 



1 Das Kapital, 1, p. 67. 



74 PER LA INTEKPETKAZIONE E LA CRITICA 

un «figlio del dolore», reputandola impropria (e in ciò di- 
ceva il vero) come legge generale del valore, molto tempo 
prima che venissero in flore le ricerche dei puristi si orien- 
tava verso le soluzioni, che sono state poi date da costoro. 
« Alcuni anni fa (scriveva nel suo libro sulla Questione ope- 
raia), ho lavorato anch' io a una nuova teoria del valore, 
la quale dovesse essere in grado di far apparire i casi più 
estremi delle variazioni del valore come casi speciali di una 
medesima formola». E, pur soggiungendo di non averla 
condotta a maturità, avvertiva che la via da lui tentata era 
quella stessa, percorsa poi dal Jevons nella sua Theory of 
politicai ecoìiomy, venuta fuori nel 1871 ^ 

A qualche marxista più cauto e temperato è apparso 
chiaro, che le ricerche degli edonisti non sono cose da ri- 
gettare semplicemente come erronee o mal fondate; ed ha 
cercato perciò di giustificarle rispetto alla dottrina marxistica 
come una psicologia economica, sorta accanto all'eco- 
nomia vera e propria. Ma in questa definizione si racchiude 
un equivoco curioso. L'economia pura è tutt'altro che una 
psicologia; anzi persino il senso delle parole «psicologia eco- 
nomica » è difficile a determinare, perchè la scienza psico- 
logica si divide in formale e descrittiva, e in quella 
formale non può trovare luogo nò il fatto economico né alcun 
altro fatto che rappresenti un particolare contenuto; e in 
quella descrittiva sono di certo compresi anche le rappre- 
sentazioni, i sentimenti, le volizioni di contenuto economico, 
ma così come appaiono nella realtà, misti con gli altri fe- 
nomeni psichici di diverso contenuto, e inseparabili da 
questi. Onde la psicologia economica descrittiva può 
essere, al più, una delimitazione approssimativa con la 



i F. A. Laxoe, Die Arbeiterfrage (5* ediz., Winterthur, lS9i : l'ul- 
tima curata dall'autore è del 1874): p. o32; cfr. a pp. 248 e 124 w, la 
citazione dell'opera, allora pochissimo nota, del Gossen. 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO <0 

quale facciamo oggetto di descrizione speciale il modo di 
concepire, di sentire e di appetire degli uomini (in un dato 
tempo e luogo, o anche in genere, quali finora si sono pre- 
sentati nella storia), per rispetto ad alcune categorie di beni 
che si dicono di solito materiali o economici, e che oc- 
corre in ogni modo specificare e determinare. Terreno più 
adatto, veramente, alla storia che non alla scienza, la quale 
non vi coglie se non vuote ed insignificanti generalità, come 
può vedersi nella lunga trattazione, fatta di questa materia 
dal pedantissimo e pesantissimo Wagner nel suo noto Ma- 
nuale, che, di quanto si è scritto sull'argomento, è ciò che 
si conosce di piìi notevole, ed è pure, in sé stesso, cosa 
tanto poco notevole e conclusiva ^ La enumerazione e de- 
scrizione delle varie tendenze, che sono negli uomini quali 
si ossei'Vano nella vita ordinaria: tendenze egoistiche e 
antiegoistiche, amore del proprio vantaggio e timore dello 
svantaggio, timore della pena e speranza del premio, sen- 
timento di onore e timore della disistima e del disprezzo 
pubblico, amore dell'attività e odio della inerzia, senti- 
mento di reverenza verso la legge morale, e simili: ecco 
quanto il Wagner chiama psicologia economica, e che 
meglio si direbbe: varie osservazioni di psicologia 
descrittiva da tenersi presenti nel risolvere que- 
stioni pratiche di economia"'. 



1 Adolf Wagner, Grundlegiing der politischen Oekonoinie {'à^ ecliz., 
Leipzig, 1892), voi. I, parte I, libro 1, cap. I: Die icirthschaftliche Natiir 
des Menschen, pp. 70-137. 

2 Mi si conceda di notare che, in simili trattazioni, si commette 
di solito dagli economisti un errore grave, eh' è di far coincidere 
il concetto dell'economico con quello dell'egoistico. Ma 
l'economia è una sfera indipendente, accanto alle altre, dell'attività 
umana, come la sfera etica, estetica, logica, ecc. I beni morali e la 
soddisfazione dei più alti bisogni morali dell'uomo, appunto perchè 
beni e bisogni, rientrano nella considerazione economica; ma an- 
che solo in quanto beni e bisogni, non in quanto morali o im- 



76 PER LA INTBRPETRAZIONB E LA CRITICA 

Ma reconoinia pura, che cosa ha essa, di grazia, di co- 
mune con la psicologia? I puristi muovono dal postulato 
edonistico, ossia dalla stessa natura economica dell'uomo; 
e deducono da questa i concetti di utilità (utilità econo- 
mica, che opportunamente il Pareto ha proposto di designare 
con un nome speciale, «ofelimità», dal greco cbtpéli^iog), 
di valore, e man mano tutte le altre particolari leggi se- 
condo le quali si governa l'uomo in quanto astratto homo 
cecoìiomicus. Fanno proprio ciò che lo scienziato dell'etica fa 
per la natura morale, e lo scienziato della logica per la na- 
tura logica; e così via. A questa stregua l'Etica sarebbe, 
dunque, una psicologia dell'eticità, e la Logica una 
psicologia della logicità? E, poichò tutto ciò che cono- 
sciamo passa attraverso la psiche, l'Ontologia sarebbe una 
psicologia dell'essere, la ^latematica una psicologia 
della matematica. E avremmo in questo modo confuso 
le cose pili diverse, compiendo uno sconvolgimento di cui 
non s'intenderebbe il perchè. — Onde noi concludiamo che, 
se ben si consideri la cosa e vi si rifletta sopra alquanto, 
si dovrà riconoscere che l'economia pura non è una psico- 
logia, ma è la vera e propria scienza generale dei 
fatti economici. 



morali, egoistici o altruistici. Parimente una manifestazione 
con la parola, o con altro qualsiasi mezzo di espressione, rientra 
nella considerazione estetica; ma solo in quanto espressione, non in 
quanto vera, falsa, morale, immorale, utile, nociva, ecc. E cosi via. 
Gli economisti si trovano ancora sotto l'impressione del fatto, che 
Adamo Smith scrisse un libro di teoria etica ed un altro di teoria 
economica; il che molti traducono a questo modo: che si occupò 
nell'una teoria dei fatti altruistici e, nell'altra, degli egoistici. 
Ma, se fosse cosi, Adamo Smith avrebbe trattato, nell'una e nell'altra 
delle sue opere fondamentali, di fatti di natura etica, pregevoli o ri- 
provevoli, e non sarebbe stato punto economista: conseguenza stra- 
vagante, che riduce all'assurdo l'identificazione dell'attività econo- 
mica con l'eeroismo. 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 77 

Anche il prof. Labriola mostra un certo malumore, che 
a me sembra non del tutto giustificato, contro gli econo- 
misti puri, « i quali (dic'egli) traducono in concettualismo 
psicologico la ragione del risico ed altre analoghe con- 
siderazioni dell'ovvia pratica commerciale ». E fanno bene 
(io risponderei), perchè anche delle ragioni del risico e della 
pratica commerciale la mente vuol rendersi conto, e spie- 
garsene la natura e l'ufficio. E poi, concettualismo psi- 
cologico: o non è questa una transazione poco felice tra 
ciò che la vostra mente vi mostra eh' è davvero l'economia 
pura (scienza che mette capo a un concetto suo proprio), 
e l'indebita inclusione, che si è criticata di sopra, di essa 
nella psicologia? Sostantivo e aggettivo non contrastano 
tra loro? E il Labriola parla ancora sdegnosamente del- 
l' « astratta atomistica » degli edonisti, nella quale « non si 
sa pili che cosa sia la storia e il progresso si risolve in una 
mera parvenza » ^ E qui nemmeno mi pare che il disdegno 
sia giustificato; perchè il Labriola sa benissimo che in tutte 
le scienze astratte spariscono le cose concrete e individuali, 
e restano solo oggetto di considerazione i loro elementi; 
onde non si può di ciò muovere particolare rimprovero 
alla scienza economica. Ma storia e progresso, se sono estra- 
nei alla considerazione dell'astratta economia, non cessano 
perciò di sussistere e di formare oggetto di altre elabora- 
zioni dello spirito umano ; e questo solo importa. 

Per mio conto, tengo fermo alla costruzione econo- 
mica della scuola edonistica, airutilità-ofelimitt\, al grado 
terminale di utilità, e finanche alla spiegazione (economica) 
del profitto del capitale come nascente dal grado diverso 
di utilità dei beni presenti e dei beni futuri. Ma ciò non 
appaga il desiderio di un chiarimento, per così dire, so- 
ciologico del profitto del capitale; e questo chiarimento 



Discorrendo di socialismo e di filosofia, lett. VI. 



78 PER LA INTEEPETRAZIONE E LA CRITICA 

con altri della medesima natura, non si può averlo se non 
dalle considerazioni comparative, che ci mette innanzi il 
Marx '. 



1 È curioso come anche negli studiosi dell'economia pura si faccia 
sentire questo bisogno di una diversa considerazione ; il che li induce 
poi ad affermazioni contradittorie o ad imbarazzi insuperabili. Pan- 
TALEONi, Principi di economia pura (Firenze, Barbèra, 1889), parte III, 
§' 3 (pp. 299-302), combatte il Bòhm-Bawerk, domandando donde il 
mutuatario del capitale riesca a ^^rendere di che pagare l'interesse. 
Pareto, Introd. critica agli Estratti del Capitale del Marx (trad. ital., 
Palermo, Sandron, 1894), p. xxx w: «I fenomeni del plus valore 
sono in contraddizione con la teoria di Marx, che determina il va- 
lore solamente dal lavoro. Ma, d'altra parte, vi è un'appro- 
priazione del genere di quella che condanna Marx. None 
affatto dimostrato che questa appropriazione sia utile per ottenere 
il maximum edonistico. Ma è un problema difficile trovare il 
mezzo di evitare questa appropriazione ». Un dotto e accu- 
rato lavoro italiano, che tende a conciliare i concetti delia scuola 
edonistica con quelli della ricardiano-marxistica, è la memoria del 
l^i'of. G. EiccA Salerno, La teoria del valore nella storia delle dottrine 
e dei fatti economici {Roma., 1894: estr. dalle Memorie dei Lincei, s. V, 
voi. I, parte I). 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 79 



III 



Della circoscrizione 
della dottrina del materialismo storico. 



Se il materialismo storico deve esprimere alcunché di 
criticamente accettabile, esso, come altra volta ebbi occa- 
sione di esporre \ non dev'essere nò una nuova costruzione 
a priori di filosofìa della storia, né un nuovo metodo del 
pensiero storico, ma semplicemente un canone d'interpe- 
trazione storica. Questo canone consiglia di rivolgere l'at- 
tenzione al cosiddetto sostrato economico dello società, per 
intendere meglio le loro configurazioni e vicende. 

Il concetto di « canone » non dovrebbe incontrare diffi- 
coltà, specie quando non si perda di vista ch'esso non 
importa nessuna anticipazione di risultati, ma so- 
lamente un aiuto a cercarli, e che é di origine afi'atto em- 
pirica. Quando il critico del testo della Comedia dantesca 
adopera il noto canone del Witte, che suona: «la lezione 
difficile è da preferirsi alla facile», sa bene di possedere 
un semplice strumento, che gli può essere utile in molti 
casi, inutile in altri, e il cui uso retto e proficuo dipende 
sempre dal suo discernimento. Allo stesso modo e nello 
stesso senso deve dirsi che il materialismo storico é un sem- 
plice canone; quantunque sia, in verità, un canone di 
ricca suggestione. 

Ma era poi questo il modo in cui lo intendevano il Marx 
e l'Engels? Ed é questo il modo in cui l'intendono, di 
solito, i marxisti? 



1 Si vedano i sasreri I e II. 



80 PER LA INTERPBTRAZIONE E LA CRITICA 

Cominciamo dalla prima questione, difficile veramente, e 
di molteplici difficoltà, delle quali la prima direi che provenga 
dallo « stato delle fonti » . La dottrina del materialismo sto- 
rico non è chiusa già in un libro classico e definitivo, col 
quale si sia come identificata, di tal che discutere quel libro 
e discutere la dottrina possa sembrare tutt'uno ; ma è disse- 
minata in una serie di scritti, composti nel periodo di un 
mezzo secolo a lunghi intervalli, e dove di essa si fa men- 
zione per lo più occasionale, e talora è semplicemente sot- 
tintesa o implicita. Chi volesse mettere d'accordo tutte le 
formole che il Marx e l'Engels ne hanno date urterebbe 
in espressioni contraddittorie, che renderebbero difficile al 
cauto e metodico interpotre stabilire che cosa fosse per 
essi, così, in generale, il materialismo storico. 

D'altra parte, non mi pare che sia stata fatta la debita 
attenzione a quella che potrebbe dirsi la forma mentale del 
Marx, col quale T Engels aveva somiglianze, alcune di 
natura, altre d' imitazione. Il Marx, come ho già notato 
di sopra, provava una sorta di fastidio per le ricerche 
d'interesse puramente teorico. Assetato della conoscenza 
delle cose (delle cose concrete e individuali), dava poco 
peso alle disquisizioni sui concetti e sulle forme dei con- 
cetti; il che talvolta riusciva a indeterminatezza o defor- 
mazione dei concetti stessi. Onde si hanno in lui molte 
proposizioni che, prese alla lettera, sono erronee, e nondi- 
meno sembrano, e sono infatti, piene di verità *. Conviene 
dunque intendere alla lettera le sue parole, correndo il ri- 
schio di dar loro significato diverso da quello che avevano 
nell' intimo pensiero dello scrittore ? conviene interpetrarle 



1 Non a torto quel troppo flagellato Duhring notava che nelle 
opere del Marx sono frequenti le espressioni, « che paiono generali 
senza esser tali» (allgemein aussehen oline es zu sein): Kritische Ge- 
schichte der Nalionalokonomie und des Socialismus (Berlino, 1871), p. 527. 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 81 

con larghezza, con l'altro rischio di ottenere un significato 
teoricamente forse più accettabile, ma storicamente meno 
genuino? 

Certo, queste stesso difficoltit si presentano per gli scritti 
di altri pensatori; ma in grado assai notevole per quelli 
del Marx. E l'interpetre deve procedere con cautela: faro 
il suo lavoro caso per caso, libro per libro, proposizione 
per proposizione, mettendo bensì i vari testi in relazione 
l'uno con l'altro, ma tenendo conto dei vari tempi, delle 
circostanze di fatto, delle impressioni fuggevoli, degli abiti 
mentali e letterari; e deve rassegnarsi a riconoscere le 
incertezze e le incompiutezze, dove sono le une e le al- 
tre, resistendo alla tentazione di accertare e compiere 
di proprio arbitrio. Può darsi, per esempio, come a me 
sembra per parecchie ragioni, che il senso nel quale è 
enunciato di sopra il materialismo storico sia quello stesso 
in cui lo intendevano il Marx e l'Engels nel fondo del 
loro pensiero ; o quello almeno che avrebbero accettato come 
proprio, se avessero avuto maggior tempo a loro uso per 
siffatti lavori di elaborazione scientifica, e la critica li 
avesse meno tardivamente raggiunti. Ma tutto ciò importa 
tino a un certo segno all' interpetre e allo storico delle idee; 
perchè, per la storia della scienza, il Marx e l'Engels sono 
né pii^i né meno di quel che si dimostrano nei libri e nel- 
l'opera loro, personaggi reali e non ipotetici o possibili '. 



i 11 Gentilk, Una critica del materialismo storico (in Studi stonci del 
Crivellucci, voi. VI, 1897, pp. 379-423), muove dubbi suU'interpetra- 
zione da me data del pensiero del Marx e dell'Engels, e sul me- 
todo stesso dell' interpetrazione. Eiconosco volentieri che, nei miei 
due scritti precedenti, non è chiaramente indicato il punto preciso 
in cui finisce la interpetrazione dei testi e comincia la parte pro- 
priamente teorica; la quale esposizione teorica solo poi per conget- 
tura, e nel senso sopraindicato, si può dire conforme al pensiero 
intimo del Marx e dell'Engels. Nel suo recente volvime, La filosofia 
di Marx (Pisa, Spoerri, 1899j, nel quale lo scritto citato è ristampato, 

B. Croce, Materialismo storico. C> 



82 PBK LA INTERPKTIiAZIONFi B LA CRITICA 

Senonchè, per la scienza in sé stessa, e non per la storia 
di essa, anche i Marx e gli Engels ipotetici o possibili riten- 
gono uso e valore. Ossia, ciò che a noi ora importa soprat- 
tutto è farci presenti i vari modi possibili d'interpetra- 
zione delle questioni proposte e delle soluzioni escogitate 
dal Marx e dall'Engels, per scegliere tra queste ultime, con 
la critica, quelle che ci sembrano teoricamente vero e so- 
stenibili. — Quale tu la posizione intellettuale, che prese il 
Marx verso la filosofia della storia hegeliana? In che consi- 
stette la critica ch'egli ne fece? E sempre il medesimo il 
senso di questa critica nello scritto pubblicato nei Deutsch- 
franzoslsche Jahrbilcher del 1844, nella Hciliqe Familie del 
1845, nella Misere de la philosophie del 1847, nell'appendice 
al Manifesto dei comunisti del 1848, nella prefazione al Zur 
Kritik del 1859, e nella prefazione alla seconda edizione 
del Capitale del 1873? E parimente, per il pensiero del- 
l'Engels, neWAìitiduhring, nello scritto sul Feuerbach, e 
negli altri vari suoi? Pensò mai il Marx davvero a fare una 
sostituzione, come alcuni hanno creduto, della idea hege- 



il Gkntii.e osserva (p. 104) che, se è una maniera molto comoda, ed 
in parecchi casi legittima e necessaria, «quella d' interpetrare le 
dottrine, dichiarando parte dei loro enunciati scoria o forma acci- 
dentale ed esteriore e caduca, e parte sostanza vera e propria e 
vitale, bisogna però in qualche modo giustificarla ». Egli intende di 
certo chiedere che sia giustificata come e interpetrazione storica», 
perché la giustificazione come correzione teorica non i^uò esser dub- 
bia. A me pare che anche storicamente l'interpetrazione si giustifichi 
non difficilmente quando si consideri che sulla sua costruzione me- 
tafisica il Marx (come dice lo stesso Gentile) «non insistette», ed 
insistette bensì sulle concezióni storiche, che formano il nerbo della 
sua critica della società presente, e dell'indirizzo politico da lui 
propugnato. La personalità del Marx, in quanto osservatore socio- 
logo e promotore di azione politica, è certo preponderante su quella 
del Marx metafisico, quale egli fu quasi soltanto da giovane. Che 
poi giovi studiare il Marx sotto tutti gli asjDetti, qui non si nega; 
ed il Gentile ne ha ora egregiamente esposto e criticato la giovanile 
concezione metafisica. 



DI ALCUNI CONCKTTI DKL MARXISMO 83 

]ian<a con la Materia, o col fatto materiale? E quale rela- 
zione aveva poi nella sua mente il concetto di materiale 
con quello di economico? E la spiegazione, da lui data, 
della sua posizione rispetto ad Hegel: «le idee sono deter- 
minate dai fatti e non i fatti dalle idee», può dirsi un'in- 
versione della teoria dello Hegel, o non è piuttosto l'in- 
versione di quella degli ideologi e dei dottrinari?'. Ecco 
alcune questioni di storia delle idee, che saranno risolute 
una volta o Tal tra '. 

Mettendo da parte l'aspetto più propriamente storico del- 
l' indagine, a noi preme ora avanzare nella conoscenza 
teorica; e ciò ho tentato di fare, domandando in qual modo 
ci possiamo valere scientificamente del materialismo storico, 
e rispondendo con le ricerche critiche ricordate in principio 
di questo paragrafo. Senza tornare sulle quali, darò qui altri 
tsempì, attinti allo slesso campo della letteratura marxi- 
stica. Come si deve intendere scientilìcamente la neodia- 
lettica del Marx? 11 pensiero ultimo, esposto dall'Engels 



1 Confesso di non essere riuscito finora a ben intendere, per quanto 
ci abbia pensato su, il senso di questo passaggio (che dev'essere 
jierò molto chiaro, perchè è citato da tanti e senza nessun comento) 
della prefazione alla seconda edizione del Capitale: « Meine dialekti- 
sche Methode ist der Grundlage nach von des HegePschen nicht 
nur verschieden, sondern ihr direktes Gegentheil. Fiir Hegel ist 
der Denkprocess, den er sogar unter dem Namen Idee in ein 
selbstandiger Subjekt verwandelt, der Demjurg des Wirklichen, das 
nur seine iiussere Erscheinung bildet. Bei niir ist umgekehrt das 
I deelle uichts Andres als das ini Menschenkopf umgesetzte und 
iibersetzte Materie! le > (Dan Kapital, I, p. xvii). Ora a me sembra 
che r/c/ee//e dell'ultimo periodo non abbia nessuna relazione col 
Denkprocexs e con l'Idea hegeliana del penultimo periodo. Cfr. il 
saggio I, p. 5. Ad alcuni è parso che, con le obiezioni ivi esposte, 
avessi inteso negare l' ispirazione hegeliana del Marx. È bene ripe- 
tere che oppuj;no semplicemente l'atìermata relazione logica tra 
le due teorie filosofiche, perché negare l'ispirazione hegeliana del 
Marx sarebbe negare l'evidenza. 

2 A parecchie delle questioni sopraindicate risjìonde ora il libro 
citato del GKNitLE, La filosofia di Marx. 



84 PER LA INTBKI'EI'RAZIONE E LA CRITICA 

sull'argomento, sembra essere questo: la dialettica è il 
ritmo dello svolgimento delle cose, ossia la legge interna 
delle cose nel loro svolgersi. Questo ritmo non si determina 
a priori, e per metafisica deduzione, ma anzi si osserva e 
si coglie a posteriori; e solo per le ripetute osservazioni 
e verifiche che se ne son fatte nei vari campi della realtà, 
si può concludere che tutti i fatti si svolgano per negazioni 
e negazioni di negazioni ^ La dialettica sarebbe, dunque, 
la scoperta di una grande legge naturale, meno vuota e 
formale della cosiddetta legge dell'evoluzione. E non avrebbe 
altro di comune con la vecchia dialettica hegeliana se non 
il nome, che conserverebbe il ricordo storico del modo 
come il Marx pervenne ad essa. Ma questo ritmo naturale 
di svolgimento ha realtà? Ciò non potrebbe esser stabilito se 
non dall'osservazione, alla quale si appellava già l'Engels 
per afiTermarne l'esistenza. E che cosa è una legge, che 
viene ricavata dalla osservazione? Può esser mai una legge 
che domini assoluta sulle cose, o non ò una di quelle che 
ora si chiamano leggi di tendenza, o non è anche, piut- 
tosto, una semplice e circoscritta generalizzazione? E la 
raffigurazione di quel ritmo naturale per negazione di ne- 
gazione non è per caso una scoria di vecchia metafisica, 
della quale giovi mondarsi?^ — Questa è l'indagine che 
occorre per l'avanzamento della scienza. E nella stessa 
guisa si debbono esaminare altre proposizioni del Marx e 



* Antiduhring, parte I, cap. XIII, specie da p. 138 a p. Ii5, il quale 
brano è tradotto iu italiano in appendice al citato libro del Labriola, 
Discorrevdo di socialismo e di filosofia. Cfr. Das Kapital, I* p. xvii i 
« Gelino;t diess und spiegelt sich nun das Leben des StofFs ideell 
wieder, so mag es aiissehen, als liabe man es mit einer Kon- 
struktion a priori zu thun » . 

' (ria il Langk, a proposito del Capitale del Marx, osservava chetla 
dialettica hegeliana, « lo svolgimento per antitesi e conciliazioni, si 
potrebbe quasi chiamare una scoperta antropologica. Soltanto 
che nella storia, come nella vita dell'individuo, lo svolgimento per 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 85 

dell'Engels. Che cosa penseremo noi della polemica del- 
l'Eng-els contro il Diihring circa il principio della storia: 
se questo sia la forza politica o il fatto economico? 
Non ci parrà che quella polemica possa conservare bensì 
qualche valore contro l'affermazione del Diihring, che di- 
ceva « essere il fatto politico ciò che vi è di storicamente 
fondamentale», ma in se non abbia quella importanza ge- 
nerale che accenna ad assumere? Si rifletta per un momento 
che la tesi dell'Engels: «la forza protegge {schutzt), ma 
non causa {verursacht) lo sfruttamento», potrebbe esatta- 
mente invertirsi nell'altra che: «la forza causa lo sfrutta- 
mento, ma l'interesse economico lo protegge»; e ciò pel 
noto principio dell' interdipendenza e reciprocanza dei fat- 
tori sociali. 

E la lotta di classe? In che senso è vero il generale 
enunciato che la storia è una lotta di classe? Sarei 
quasi tentato a dire che la storia è lotta di classe: 1°) quando 
vi sono le classi; 2°) quando hanno interessi antagonistici; 
3") quando hanno coscienza di questo antagonismo. 11 che 
darebbe, in fondo, l'umoristica eguaglianza, che la storia 
è lotta di classe, sol quando è lotta di classe. lu verità, 
talvolta le classi non hanno avuto interessi antagonistici, 
e molto spesso non ne hanno la chiara coscienza; il che sanno 
bene i socialisti che si adoprano, con isforzi non sempre 
coronati da successo (coi contadini, p. es., non sono ancora 
riusciti), a formarla nei moderni proletari. Quanto alla pos- 
sibilità della non esistenza delle classi, i socialisti, che pre- 
sagiscono questa non esistenza per la società avvenire, 
debbono per lo meno ammettere, che essa non è cosa in- 
trinsecamente necessaria allo svolgimento storico; perchè. 



antitesi non si compie di certo cosi facilmente e radical- 
mente, nècon tanta precisione e simmetria, come nella 
costruzione speculativa» {Die Arbeiterfrage, pp. 248-9). 



86 PER LA INTEKPKTKAZIONE E LA CRITICA 

anche nell'avvenire, e senza le classi, la storia', giova spe- 
rare, continuerà. Insomma, anche Tenunciato particolare, 
che «la storia è lotta di classe», ha quel circoscritto valore 
di canone e di orientamento, che abbiamo riconosciuto in 
genere alla concezione materialistica '. 

La seconda delle due questioni, proposte in principio, è: 
— Come intendono il materialismo storico i marxisti? — A 
me non pare che si possa negare che, nella letteratura mar- 
xistica, ossia dei seguaci ed interpetri del Marx, sia dav- 
vero un pericolo metafisico, contro il quale bisogna star 
vigili. Anche negli scritti del prof. Labriola s'incontrano ta- 
lune proposizioni, le quali hanno porto di recente occasione 
a un critico assai rigoroso ed esatto di concludere: che il 
Labriola intende il materialismo storico nel senso genuino 
ed originario di una metafisica, e di quella della peggiore 
specie, quale sarebbe una metafisica del contingen te ''. 
Ma, quantunque io stesso abbia altra volta messo in risalto 
proposizioni e formole che negli scritti del Labriola mi sem- 
bravano disputabili, mi pare ancora, come mi parve allora, 
ch'esse siano escrescenze superficiali di un pensiero reali- 
sticamente sano; o, per dirlo in modo conforme alle consi- 
derazioni svolte di sopra, che il Labriola, educandosi nel 
marxismo, ne abbia preso anche alcune di quelle andature 
troppo assolate, e, talora, una certa quale noncuranza nel- 
l'elaborazione formale dei concetti: cosa che fa un po' me- 
raviglia in un antico herbartiano quale esso è ■', ma die 



1 Sulle classi as tratte dell'economia marxistica e le classi reali 
o storiche, si vedano alcune osservazioni del Souel, art. cit. del 
Joumial des économistes, p. 229. 

2 G. Gentile, op. cit., in Studi storici, p. 421, cfr. 400-401. 

3 L'odio per ciò che chiama « scolastica • è davvero eccessivo 
nel Labriola; ma non sembrerà, nemmeno in questo eccesso, al 
tutto inopportuno, come reazione contro il modo che sogliono tenere 
negli studi i puri letterati, 1 gretti eruditi, i vuoti ragionatori, i gio- 
colieri del pensiero astratto, e tutti coloro che smarriscono il senso 
del nesso intimo tra la scienza e la vita. 



DI ALCUNI CONOBT'll DKL MAKXISMO 87 

poi e^li corregge con osservazioni e restrizioni, se pure lieve- 
mente contradittorie. sempre beneficile, perchè riconducono 
sul terreno della realtà. 

Il Labriola, per altro, ha un pregio speciale, che lo di- 
stingue dai soliti esplicatori ed applicatori del materialism9 
storico. Se le sue formole teoriche scoprono qua e lù il 
fianco alla critica, quando poi egli si accosta alla storia, 
ossia ai fatti concreti, muta di atteggiamento, quasi getta via 
il fardello delle teorie, diventa cauto e riguardoso, perchè 
ha in alto grado il rispetto della storia. E non cessa di ma- 
nifestare il suo aborrimento pergli schematismi d'ogni sorta, 
là dove si tratta di appurare e di approfondire determinati 
processi ; né lascia di avvertire che non esiste « alcuna teoria, 
tanto buona ed eccellentissima per sé, che ne abiliti alla 
sommaria cognizione di ogni storia particolare » ^ 

Nel suo ultimo libro, è particolarmente notevole un'auìpia 
disquisizione su ciò che possa mai essere una Storia del 
Cristianesimo. Il Labriola critica coloro i quali assumono 
a subietto di storia l'ente Cristianesimo, che non si sa dove 
quando sia esistito; giacché la storia degli ultimi secoli 
di Roma (egli dice) mostra semplicemente il nascere e il 
crescere di quella che fu l'associazione cristiana o la chiesa, 
variante gruppo di fatti tra condizioni storiche varianti. 

Certo, chi fa la storia del Cristianesimo intende qual- 
cosa di simile alla storia della letteratura, della filosofia, 
dell'arte; ossia a trascegliere una serie di fatti, che rientrano 
in un determinato concetto, e disporli per ordine cronologico, 
senza perciò negare o sconoscere le radici che quei fatti 
hanno in altri fatti della vita, ma guardandoli da parte 
per comodo di piìi minuta considerazione. Senonchè let- 
teratura, filosofia, arte e simili sono concetti determinati o 
determinabili; e il Cristianesimo è quasi soltanto un motto 



1 Discorrendo dì socialismo e di filosofia, lett. IX. 



0» PER LA INTBRPKIRAZIONK E LA CRll'iCA 

o una bandiera, di cui si sono coperte credenze spesso intrin- 
secamente assai diverse; e, facendo la storia del Cristia- 
nesimo, si rischia di far sovente proprio la storia di un 
«nome vano senza soggetto» *. 

Ma che cosa direbbe poi il Labriola, se rivolgesse la sua 
lente critica su quella Storia dell'origine della famiglia, della 
proprietà privata e dello Stato, eh" è una delle piìi grosse « ap- 
plicazioni » storiche fatte dai marxisti: desiderata dal Marx, 
schizzata dall'Engels sulla traccia delle ricerche del Morgan, 
proseguita da altri? Ahimè, in questo campo non si è vo- 
luto far semplicemente, come forse si poteva, un utile ma- 
nuale di fatti storici che rientrano in quei tre concetti, 
ma si è creata addirittura una soprastori a : una storia, 
per usare il linguaggio stesso del Labriola, dell'ente Fa- 
miglia, dell'ente Stato, e dell'ente Proprietà privata, 
con ritmo predeterminato. Una « storia della famiglia » (per 
fermarci sopra uno solo dei tre gruppi di fatti) non potrebbe 
esser altro se non un'enumerazione e descrizione delle forme 
particolari assunte dalla famiglia presso i vari popoli e nel 
corso dei tempi : una serie di storie particolari, classificate 
sotto un concetto generale. È questo forse ciò che offrono 
le teorie del Morgan, ripresentate dall'Engels, le quali la 
critica moderna ha ora corrose da tutti i lati?-. Non si è 
giunti a presupporre come stadio storico, percorso fatal- 
mente da tutti i popoli, quel fantastico matriarcato, nel 
quale si sono confase cosi la semplice filiazione materna, 



i « Se altri intende per Cristianesimo il solo complesso delle cre- 
denze e delle aspettazioni circa il destino umano, queste credenze 
(scrive.il Labriola), in verità, varian tanto, quanto è il divario, per 
dirne una sola, tra il libero arbitrio del cattolicismo post-tridentino, 
e il determinismo assoluto di Calvino ». (Ivi lett. IX). 

- Senza citare l'opera, non molto metodica, del WErJiKiì.MAKCK, 
History of human marriage., si veda in ispecie II libro di Eknust Gkossk, 
Die Formen der Familie uncl die Formen des Wirthschaft (Freiburg in 
B., 1896). 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 89 

come la preminenza della donna nella famiglia e quella 
della donna nella società? Non abbiamo udito i rimproveri, 
e anzi le derisioni, di cui sono stati fatti segno da alcuni 
marxisti quegli storici prudenti, che negano di poter affer- 
mare, nello stato presente della ci'itica delle fonti, un comu- 
nismo primitivo un matriarcato presso il popolo ellenico? 
In verità, non mi pare che, in tutta codesta indagine, si 
sia data prova di molta _ avvedutezza critica. 

Vorrei similmente richiamare l'attenzione del Labriola 
sopra un'altra confusione, fr(X|U('ntissima lìella letteratura 
marxistica, ch'ò quella tra le forme economiche e le 
epoche economiche. Sotto l'efficacia del positivismo evo- 
luzionistico, le partizioni che il Marx enunciò all'ingrosso, 
economia asiatica, antica, feudale e borghese, sono 
diventate quattro epoche storiche: comunismo, econo- 
mia a schiavi, economia a s e r v i , e e o n o m i a a s a 1 a - 
riati. Ma la storiografia moderna (che non è poi quella 
superficiale cosa, che i marxisti volentieri dicono, rispar- 
miandosi con quel dire la fatica di prendere parte ai suoi 
difficili avanzamenti) sa bene che quelle son quattro forme 
di ordinamento economico, le quali si seguono e s'incrociano 
nella storia reale, formando spesso le miscele e le successioni 
più bizzarre. E conosce un medioevo o feudalismo egiziano 
come conosce un medioevo o feudalismo ellenico; e sa 
anche di un neomedioevo tedesco succeduto alla fioritura 
borghese delle città tedesche prima della Kifornia e delie 
scoperte transoceaniche; e paragona volentieri le generali 
condizioni economiche del mondo greco-romano nel suo 
apogeo a quelle dell'Europa dei secoli decimosesto e deci- 
mosettimo. 

Connessa a questa arbitraria concezione delle epoche sto- 
riche è l'altra che pone la causa (si noti bene: la causa) del 
passaggio dall'una forma all'altra. E si ricerca, per esempio, 
la causa dell'abolizione della schiavitù, che dovrebbe essere 



90 PER LA INTERPETKAZIONE E LA CRITICA 

poi la Stessa, o che si tratti del decrepito mondo greco-ro- 
mano o dell'America moderna; e così del servaggio, e del 
comunismo primitivo, e della forma capitalistica: nelle quali 
ricerche mal dirette si è reso insigne presso di noi il Loria, 
scopritore perpetuo della causa unica, che poi non sa bene 
esso stesso se sia la terra, o la popolazione, o che cos'altro. 
Pure, non ci vorrebbe molto a persuadersi (basterebbe leg- 
gere perciò, con un po' di attenzione, libri di storia rac- 
contata), che il passaggio dall'una forma all'altra econo- 
mica o, in genere, sociale, non è effetto di causa unica, e 
neanche di un gruppo di cause che siano sempre le mede- 
sime; ma accade per cause e modi che bisogna esaminare 
caso per caso, perchè sogliono variare da caso a caso. La 
morte è la morte, ma si muore di tante malattie, e ogni 
malattia è individuale. 

Ma basti di ciò; e mi sia lecito chiudere questo para- 
grafo con l'accenno a una questione, che anche mette in- 
nanzi il Labriola nel suo rec(mte libro, e che egli riattacca 
alla critica del materialismo storico. 

Il Labriola distingue il materialismo storico in quanto 
interpetrazione della storia, e in quanto concezione gene- 
rale della vita e del mondo (Lebeiis und Weltanschauung). 
E si domanda, quale sia la filosofia immanente nel ma- 
terialismo storico, e, fatte intorno a ciò parecchie osserva- 
zioni, conclude, che questa filosofìa è la tendenza al 
monismo, e tendenza formale. 

Qui io mi permetto di osservare che, se nella denomi- 
nazione di «materialismo storico» si mettono due cose 
diverse, ossia: 1") un procedimento d' interpetrazione, e 
2°) una determinata concezione della vita e del mondo, ò 
naturale che si ritroverà in esso una filosofia, e magari con 
tendenza monistica, perchè prima vi è stata messa. Quale 
legame logico è tra quei due ordini di pensiero? A me 
pare che il Labriola, questa volta, a proposito del ma- 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 91 

terialismo storico, venga esponendo quello ch'egli reputa 
rorientaniento necessario del pensiero moderno verso le que- 
stioni ontologiche, o quello che, secondo lui, deve essere 
l'atteggiamento della coscienza socialistica verso le conce- 
zioni ottimistiche e pessimistiche; e che la sua non sia 
un'indagine, che metta in chiaro la concezione filosofica 
giacente in fondo al materialismo storico, ma una semplice 
diorressione. 



92 PBR LA INTERPETRAZIONlfl K LA CRITICA 



IV 



Della conoscenza scientifica 
rispetto ai programmi sociali. 



È diventato luogo comune, che il socialismo per opera 
del Marx sia passato da utopia a scienza, come dice il 
titolo di un libriccino popolare dell'Engels; ed è una de- 
nominazione corrente quella di socialismo scientifico. 
.11 Labriola non nasconde la sua scarsa simpatia per con 
simile denominazione. 

D'altra parte, noi udiamo i seguaci di altri indirizzi, 
per esempio i liberisti" estremi (i quali cito di preferenza 
Jionoris causa, perchè sono anch'essi tra gli «idealisti» dei 
nostri tempi), nello stesso nome della scienza, condannare 
il socialismo come «antiscientifico», e affermare sola con- 
cezione scientifica quella del liberismo. 

Non sarebbe opportuno che, dall'una parte e dall'altra, 
si facesse un ritorno sopra se stessi, e una piccola morti- 
ficazione di superbia, e si confessasse che socialismo e 
liberismo si diranno bensì scientifici per metafora o 
per iperbole, ma che né l'uno né l'altro sono o possono esser 
mai deduzioni scientifiche? e, riconosciuto ciò, si trasportasse 
il dibattito del socialismo e del liberismo, e di qualsiasi 
programma pratico sociale, sopra un altro terreno, che non 
è quello della pura scienza, ma eh' è tuttavia il solo ad essi 
conveniente? 

Fermiamoci un istante sul liberismo. Esso si presenta 
in una duplice forma intellettuale, ossia con due diverse 
giustificazioni. Nella forma piii vecchia, non si può negare 
che abbia un fondamento metafisico, ch'è in quella per- 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 93 

suasione della bontà delle leggi naturali e in quel concetto di 
natura (diritto di natura, stato di natura, ecc.), che, sorto 
nella filosofia del secolo deciraosettimo, fu dominante nel 
decimottavo *. « Non impedite la natura nel suo operare, e 
tutto andrà nel miglior modo ». Simile concezione è colpita, 
in verità, solo di sbieco dalla critica del Marx, il quale, ana- 
lizzando il concetto di natura, mostrava com'esso fosse il 
complemento ideologico dello svolgimento storico della bor- 
ghesia, un'arma potentissima di cui questa si valse contro 
i privilegi e le oppressioni, che mirava ad abbattere-. Quel 
concetto potrebbe essere sorto come strumento per un fine 
pratico e occasionale ed essere nondimeno intrinsecamente 
vero. « Leggi naturali » equivale, in quel caso, a « leggi 
razionali»; e la razionalità e l'eccellenza di esse leggi oc- 
corre negare. Ora, appunto, per essere di origine metafi- 
sica, quel concetto si può rigettare radicalmente, ma non 
si può confutare in particolare. Esso tramonta con la meta- 
fisica di cui faceva parte; e pare ormai che sia tramontato 
davvero. Sia pace alla «gran bontà» delle leggi naturali. 
Ma ben diversa è la forma, che il liberismo prende nei 
suoi seguaci piti recenti, i quali, abbandonati i presupposti 
metafisici, stabiliscono due tesi, praticamente importanti: 
a) quella di un massimo edonistico economico, che essi 
assumono come identico col massimo desiderabile sociale^; 
e h) l'altra, che questo massimo edonistico non si possa 
affermare pienamente se non per la via della più completa 
libertà economica. Con queste due tosi, noi siamo bensì 



1 Brevemente, ma esattamente, è toccata questa connessione dal- 
l' Inguam, Storia dell'economia politica (trad. it., Torino, Houx, 1892), p. 62. 

2 Si vedano, fra i tanti luoghi: Marx, Misere de la philosophie, 
p. 167 sgg. ; Engels, Antidiihring, p. 1 sgg. 

^ Sui massimi edonistici, cfr. Bertolini-Pantaleonj, Cenni sul con- 
cetto di massimi edonistici individuali e collettivi (in Giorn. degli econ., 
s. II, voi. IV), e Coletti, nello stesso Giorn., voi. V. 



94 PKR LA INTEKPETKAZIONK K LA CRITICA 

fuori della metafisica, e sopra il terreno della realtà, ma 
non già sopra un terreno scientifico. Infatti, la prima di 
esse ha per contenuto una determinazione dei fini della vita 
sociale, che sarà forse accettabile, ma non è deduzione di 
nessuna proposizione scientifica. La seconda tesi poi "non 
è dimostrabile se non con un ricorso all'esperienza, ossia 
a ciò che sappiamo della psicologia umana, e a ciò che 
possiamo congetturare che questa psicologia sarà ancora 
probabilmente in futuro. Congettura che si può fare, ed è 
stata fatta, con grande acume, con grande dottrina, con 
grande cautela, e che perciò può anche « dirsi » scientifica, 
ma solo in senso metaforico ed enfatico, come abbiamo già 
notato ^ Il Pareto, che fra i recenti espositori e sostenitori 
del liberismo, com'è dei più intelligenti, così è anche dei 
piti leali ^, non nasconde il carattere ristretto ed approssi- 
mativo, che serbano le conclusioni del liberismo; il che a lui 
si mostra tanto più evidente, in quanto egli si serve di for- 
mole matematiche, le quali non illudono sul grado di cer- 
tezza a cui possono pretendere aflermazioni di quella sorta. 
In effetti, il comunismo (che ha avuto anch'esso il suo 
periodo metafisico, e, prima ancora, un periodo teologico) 
può opporre, con pieno diritto, alle due tesi del liberismo 
le due altre sue, che consistono: a) in una diversa conce- 
zione, che non sia quella puramente economica, del mas- 
simo desiderabile sociale; b) nell'affermazione che questo 
massimo si possa ottenere, non col liberismo estremo, ma 
anzi con l'organizzazione delle forze economiche: eh' è il 
senso della famosa sentenza del salto dal regno della 
necessità (= libera concorrenza o anarchia) in quello 
della libertà (= dominio dell'uomo sulle forze della na- 



1 A proposito di questi usi metaforici della parola «scienza»: iu 
Italia esiste finanche una Rivistn di polizia scientifica. 
~ Cours d'economie polilique (Lausanne, 1896-7). 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MAliXlSMO 95 

tura, anche nell'ambito della vita sociale-naturale). Ma 
neanch'esso può dimostrare queste sue tesi, e per le me- 
desime ragioni. Gli ideali non si dimostrano, e le empiri- 
che congetture e le persuasioni pratiche non sono scienza. 
Il Pareto ha ben riconosciuto questo carattere del sociali- 
smo moderno; ed ammette che il sistema comunistico, come 
sistema, sia perfettamente pensabile, ossia teoricamente non 
offra interne contraddizioni (§ 446). Secondo lui, esso urta 
non contro leggi scientifiche, ma contro « difficoltà pra- 
tiche immense » (ivi), come l'adottare i progressi tecnici 
senza l'esperienza e la selezione che la libera concorrenza 
compie, la mancanza di stimoli al lavoro, la scelta degli 
impiegati, che in una società comunistica sarebbe guidata 
non da ragioni esclusivamente tecniche, come nell'indu- 
stria moderna, ma da ragioni politiche e sociali (§ 837). 
Egli ammette la critica che fanno i socialisti degli sperperi 
prodotti dalla libera concorrenza; ma li crede inevitabili 
come modi pratici di giungere a ottenere l'equilibrio della 
produzione. Il vero problema da risolvere, egli dice, è: se, 
senza i tentativi della libera concorrenza, si possa giungere 
a conoscere la linea (la linea, che egli chiama mìi) del com- 
pleto adattamento della produzione ai bisogni, e se la spesa 
pel funzionamento della produzione unificata (comunistica) 
non sarebbe superiore a quella richiesta dalla soluzione per 
tentativi delle equazioni di produzione (§§ 718, 867). Anche 
riconosce quel che c'è di parassitario nel capitalista (« il 
cavaliere dalla trista figura», del Marx); ma sostiene, nel 
tempo medesimo, che il capitalista rende servigi sociali, 
che non si sa come altrimenti surrogare ^ E se si volesse 
ridurre in brevi termini l'antitesi dei due diversi modi di 
vedere, si potrebbe dire, che i liberisti considerano la psico- 
logia umana come molto fissa, e i socialisti come molto 



i Cfr. anche la sua citata critica del Marx, p. xviii. 



96 PER LA INTERPKTR.AZIONE E LA CRITICA 

mutevole e adattabile. Ora è certo che la psicolog-ia 
umana cangia e si adatta; ma l'estensione e la rapidità di 
questi cangiamenti sono sottratte a determinazioni sicure e 
abbandonate alle opinioni e alle passioni. Potranno formare 
mai oggetto di calcolo esatto? 

So passiamo ad altro ordine di considerazioni, ch'è quello 
non del desiderabile, cioè dei lini e dei mezzi da noi va- 
gheggiati e reputati eccellenti, ma di ciò che, nella con- 
dizione presente, la storia promette, ossia delle tendenze 
obiettive della società moderna, non so davvero con qual 
animo molti liberisti gratifichino il socialismo della taccia 
di utopia. Con ben altra ragione i socialisti potrebbero ri- 
cambiare con la stessa taccia il liberismo, se lo studiassero 
cjual è presentemente e non già qual era cinquanta anni 
fa, quando il ]\Iarx pensava la sua critica. Il liberismo si 
rivolge con le sue esortazioni a un ente che, ora almeno, 
non esiste, all'interesse nazionale o generale della società; 
perchè la società presente è divisa in gruppi antagoni- 
stici e conosce l'interesse di ciascuno di questi gruppi, 
ma non già, o solo assai debolmente, un interesse generale. 
Sopra chi contano ì liberisti? sui proprietari di terre o 
sugl'industriali, sugli operai o sui detentori di titoli pub- 
blici? Il socialismo invece, dal Marx in poi, ha fatto ben 
piccolo assegnamento sulle buone intenzioni e il buon senso 
degli uomini, ed ha affermato che la rivoluzione sociale 
deve compiersi principalmente per la forza di una classe 
dirottannmte interessata, che è il proletariato. E i progressi 
del socialismo sono tali, che il pensatore si deve domandare: 
se l'esperienza che abbiamo del passato giustifichi il sup- 
porre che un movimento sociale, di tanta estensione ed 
intensità, possa riassorbirsi o disperdersi, senza fare larga 
prova di sé nel campo dei fatti. Anche per questo rispetto 
ricorro con piacere ai Pareto, il quale riconosce clic, finan- 
che nel paese del sogno dei liberisti, nell'Inghilterra, il 



Di ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 97 

sistema si mantiene non per persuasione che sia negli animi 
della sua intrinseca bontà, ma perchè esso è favorevole 
agl'interessi di alcuni imprenditori ^ E riconosce altresì 
che, facendosi il movimento sociale al modo stesso di tutti 
gli altri movimenti, secondo la linea della minore resistenza, 
è ben probabile che sia necessario passare per uno stato 
socialistico, per arrivare (aggiunge lui) a uno stato di li- 
bera concorrenza (§ 791). 

Ho detto che i liberisti estremi sono, ben più dei so- 
cialisti, idealisti, o, se si vuole, ideologi. E noi perciò assi- 
stiamo in Italia a questo curioso spettacolo, di una sorta di af- 
fratellamento e di spirituale simpatia fra socialisti e liberisti, 
in quanto gli uni e gli altri si dimostrano critici acerbi e 
penetranti dello stesso fatto, che i primi chiamano « tirannia 
borghese », e i secondi « socialismo borghese ». Ma, laddove 
nel campo dell'azione pratica i socialisti (e qui non parlo 
piìi del caso speciale dell'Italia) compiono passi innanzi, i 
liberisti debbono star contenti alle frasche e ai fiori della 
maldicenza e dei sospiri, formando un piccolo gruppo di per- 
sone di eletta intelligenza e di buone intenzioni, che si ascol- 
tano tra loro -. Con ciò non intendo dir nulla in biasimo di 
questi onesti e radicali e consequenti liberisti: che anzi la 
mia sincera ammirazione va ad essi, né l'insuccesso è loro 
colpa individuale, ila voglio semplicemente affermare che, 
se gl'ideali, al dir del filosofo, hanno le gambe corte, quelle 
dell'ideale dei liberisti sembrano poi cortissime. 

Potrei proseguire siffatta esemplificazione, ricordando 
altri programmi sociali, come quello del socialismo di Stato, 



1 « Saufl'Angl eterre, où régne le libre échange, principalement 
parce qu'il est favorable aux intérèts de certains entre- 
preneurs, le reste des pays civilisés verse de plus en plus dans le 
protectionnisme > (§ 964). 

2 Si veda il Giornale degli economisti, eccellente in tutta la parte 
critica ; e specialmente in esso le « cronache » del Pareto. 

B. Croce, Materialismo atoiico. 7 



08 PER LA INTERPETRAZIONK E LA CRITICA 

che consiste nell'accettare l'ideale socialistico, ma come 
scopo ultimo e forse non mai pienamente conseguibile, di- 
stribuendone la parziale attuazione sopra una lunga scala 
di secoli, e nel porre la forza efficiente, non in una classe 
rivoluzionaria, e nemmeno semplicemente nell'opinione dei 
ben pensanti, ma nello Stato, concepito come potere crea- 
tore, indipendente e superiore alle volontà individuali. Non 
può di certo negarsi che anche l'ufficio dello Stato, come 
tutti gli uffici sociali, per un complesso di circostanze tra 
le quali entrano la tradizione, la reverenza, la coscienza 
di qualcosa che supera gl'individui, e altre impressioni 
e sentimenti che la psicologia collettiva analizza, acquisti 
indipendenza e sviluppi forza propria; ma nel misurare que- 
sta forza si cade nei maggiori inganni, come in molti casi 
ha provato la critica socialistica; e, a ogni modo, grande 
o piccola che essa sia, siamo sempi'e dinanzi a un cal- 
colo, e, di nuovo, nel campo dell'opinione, in quel campo 
che la scienza, in parte, può ancora acquisire al suo do- 
minio, ma che, per un'altra gran parte, le sarà sempre 
ribelle. 

Oh gli abusi che si fanno di questo nome « Scienza » ! Un 
tempo, questi abusi erano monopolio della metafisica, alla 
cui natura dispotica parevano consentanei. E si potrebbero 
arrecare esempì curiosissimi, anche di grandi filosofi, di 
Hegel, di Schopenhauer, di Rosmini, dai quali si vedrebbe 
come le piìi umili conclusioni pratiche, fatte di passioni e 
interessi degli uouìini, siano state spesso metafisicamente 
convertite in deduzioni dallo Spirito, dall'Ente divino, dalla 
Natura delle cose, dalla finalità dell'Universo. La meta- 
fisica ipostatava ciò che poi trionfalmente deduceva. E già 
il giovane Marx spiritosamente scopriva nell'hegelismo di 
Bruno Bauer !'« armonia prestabilita della Critica criti- 
camente condotta (kritische Kritik) con la Censura te- 
desca». Ora coloro, che più hanno la bocca piena della 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 99 

parola «Scienza», fanno di una particolare forma dell'in- 
telletto una sorta di Sibilla o di Pitonessa. Ma il deside- 
rabile non è scienza, e non è scienza il fattibile ^ 

La cognizione scientifica è, dunque, cosa affatto super- 
flua nelle questioni pratiche"? A questo paradosso si vuol 
giungere? — Il lettore attento si sarà già accorto, che qui 
non si disputa dell'utili ti^ della scienza, sibbene della pos- 
sibilità di dedurre , come alcuni pretendono, programmi 
pratici da proposizioni scientifiche; e solo codesta 
possibilità si nega. 

La scienza, in quanto è conoscenza delle leggi dei fatti, 
può essere valido istrumento a semplificare le questioni, 
rendendo agevole distinguere in esse quel che è scientifica- 
mente accertabile da quel che si può conoscere solo incom- 
piutamente. Un gran numero di problemi, sui quali si di- 
sputa comunemente, vengono, con tale procedere, schiariti 
e risoluti. Per dar un esempio, quando il Marx mostrava, 
contro il Proudhon e i suoi predecessori inglesi (Bray, 
Gray, ecc.), l'assurdità della creazione dei boni di la- 
voro, ossia del lavoro-moneta; e quando l'Engels moveva 
critiche analoghe al Diihring, e poi altre, forse meno giu- 
stificate, al Kodbertus-; o quando entrambi stabilivano 
la stretta connessione tra modo di produzione e modo di 



1 Si può osservare che nella difficoltà di dividere il puramente 
scientifico dal pratico è la principale cagione dei pericoli e delle 
miserie delle discipline sociali e politiche. E si può anche sorridere 
di quei naturalisti o di quei loro ingenui ammiratori, che si offrono 
a compiere la salvazione delle scienze sociali e politiche con l'ap- 
plicar loro 1 metodi, come dicono, delle scienze naturali. (Un can- 
dido quanto valente astronomo italiano ha proposto testé la crea- 
zione di «osservatori sociologici •, che farebbero in pochi anni, dice 
lui, della Sociologia qualcosa di simile all'Astronomia). 

2 Si veda la prefaz. alla traduz. tedesca della Misere de la philo- 
uophie (2* ediz., Stuttgart, 1892); e ora anche in francese nella ri- 
stampa del testo originale della stes.sa opera {Paris, G-iard et Briére. 
1896). 



100 PER LA INTERPjìTRAZIONE K LA CRITICA 

distribuzione, essi si agg'iravano nel campo proprio della 
dimostrazione scientifica, mirando a provare l'incongruenza 
delle illazioni con le premesse, ossia le interne contraddi- 
zìodì dei concetti criticati. Lo stesso è da dire della dimo- 
strazione, che rigorosamente conducono i liberisti, della 
proposizione: che ogni sorta di protezionismo importa di- 
struzione di ricchezza. E, se fosse esattamente stabilita 
quella legge della caduta tendenziale del saggio del pro- 
fitto, con la quale il Marx intese correggere e allargare 
la legge ricardiana dedotta dall'usurpazione progressiva 
della rendita fondiaria, potrebbe dirsi, sotto altune con- 
dizioni, scientificamente certa la fine dell'ordinamento ca- 
pitalistico boi'ghese, pure restando dubbio ciò che potrebbe 
succedergli . 

Quella clausola « sotto alcune condizioni » è il punto 
da osservare. Tutte le leggi scientifiche sono leggi astratte; 
e fra l'astratto e il concreto non c'è ponte di passaggio, 
appunto perchè l'astratto non è una realtà, ma uno schema 
del pensiero, un nostro modo di pensare, direi quasi, ab- 
breviato. E, se la conoscenza delle leggi rischiara la nostra 
percezione del reale, essa non può diventare questa per- 
cezione stessa. 

Nel che si può vedere come ben sentisse il Labriola, 
quando, mostrandosi scontento della denominazione di « so- 
cialismo scientifico », proponeva, pur senza dirne le ragioni, 
che fosse sostituita da quella di «comunismo critico»'. 

Se poi dalle leggi astratte e dai concetti passiamo al- 
l'osservazione della realtà storica, noi troviamo, di certo, 
i punti di congiungimento dei nostri ideali con le cose; 



* Anche il sostantivo « comunismo • è più proprio, perchè vi 
sono parecchi « socialismi » Cdemocratico, di Stato, cattolico, ecc.). — 
Sulle relazioni tra la dottrina materialistica della stoi'ia e il socia- 
lismo, si veda Gextile, op. cit., passim. 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 101 

ma entriamo anche in quelle previsioni e congetture, nelle 
quali resta sempre non eliminabile, come si è detto di sopra, 
la varietà delle opinioni e delle tendenze. 

Di fronte all'avvenire delle società, di fronte alle vie 
da seguire, è il caso di ripetere con Fausto: — Chi può 
dire io credo? Chi può dire io non credo? 

Non già che qui si voglia raccomandare o in alcun modo 
giustificare il volgare scetticismo. Ma occorre, nel tempo 
stesso, essere consapevoli della relatività delle nostre cre- 
denze, e praticamente risolversi quando il non risolversi 
è colpa. Questo è il punto; e in esso son tutte le angosce 
degli uomini adusati a meditare, e di qui nasce spesso la 
loro impotenza pratica, che l'arte ha simboleggiata in Amleto. 
Né si vorrà, di certo, imitare quel tale magistrato, famoso 
per molte miglia all'intorno del paese in cui amministrava 
giustizia per la giustezza delle sue sentenze, di cui rac- 
conta il Rabelais, che aveva il semplicissimo metodo, sul 
punto di prendere la decisione, di rivolgere una preghiera 
al Signore e giuocare il sì e il no a pari e caffo'. Ma 
bisogna sforzarsi di giungere a un convincimento subiettivo, 
e tener poi sempre presente, che le grandi personalità sto- 
riche hanno avuto il coraggio di osare. « JZea iacta est», 
disse Cesare; « Goti helfe mir, amen! », disse Lutero. L'ar- 
dimento storico non sarebbe ardimento, se fosse accompa- 
gnato dalla sicura visione anticipata degli effetti, come nei 
fanatici o negli ispirati dal Signore. 

Per fortuna, la logica non ò la vita, e l'uomo non è 
solo intelletto. E, se negli stessi uomini nei quali è svolta 
la facoltà critica, c'è l'uomo fantastico e passionale, nella 
vita delle società l'intelletto ha parte circoscritta, e con un 
po' d' iperbole si può anche dire, che le cose seguono il 
loro corso, indipendentemente dal giudizio nostro. Lasciamo 

1 Fantacjrueì, III, 39-43. 



102 PER LA INTERPETRAZIONE E LA CRITICA 

ai chiacchieroni (che predicano, non dirò sulle piazze dove 
non sarebbero creduti, ma nelle aule universitarie o nelle 
sale dei congressi e delle conferenze) il gridare che la 
Scienza (e propriamente la loro scienza) è la regina e la 
dominatrice della vita. E noi contentiamoci di ripetere col 
Labriola, che «la Storia è la vera signora di noi uomini 
tutti, e che noi siamo come vissuti dalla Storia». 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 103 



Del giudizio etico 
rispetto ai problemi sociali. 



Il Labriola, eoa l'arguzia che gii è consueta, sferza co- 
loro che riducono la storia a un caso di coscienza o a 
un errore di contabilità. 

Con ciò egli richiama alla doppia considerazione: 1") che 
pel Marx la questione sociale non era questione morale; 
e 2") che l'analisi da lui fatta del capitalismo importava lo 
stabilimento delle leggi che regolano una determinata forma 
di società, e non già la denuncia di un furto, come al- 
cuni semplicisticamente intendono, quasi che basti resti- 
tuire all'operaio l'importo del sopralavoro indebitamente 
esatto, perchè i conti tornino in regola e la questione so- 
ciale sia bella e risoluta '. 

Lasciando questa seconda considerazione, che ci dice 
ancora una volta quali travestimenti burleschi si possano 
compiere di una dottrina scientifìea, fermiamoci un po' 
sulla prima formola, che suol destare d'ordinario i maggiori 
scandali nei non socialisti; tanto che molti si adoperano 
a riformare il socialismo con l'aggiungervi la moralità. 



1 L'assurdità di questa iuterpetrazione si farà evidente sol che si 
rifletta che si hanno frequenti casi, nei quali il capitalista industriale 
paga pel lavoro dell'operaio un prezzo superiore a quello che 
poi realizza sul mercato: casi, è vero, nei quali esso capitalista 
va incontro alla rovina e al fallimento, ma che non però gli riesce sem- 
pre di evitare. « Marx part des recherches faites par cette école an- 
glaise, dont il avait fait une étude approfondie; et il veut expli- 
quer le profit sans admettre aucun brigandage» (Soukl, 
art. cit , p. 2'27j. 



104 PER LA IN'TBUPKTRAZIOXE E LA CRITICA 

Invero, non mai scandolezzamento e indignazione sono 
stati messi innanzi con minoro proposito. 

Quelle asserzioni, che paiono d'iiìdiffereiitismo morale, 
hanno nel Marx significato ben detorrainato ed altresì ovvio. 
Si pensi per un istante, come è stato del resto pensato 
tante volte, che nessun ordinamento sociale, di nessuna 
sorta, possa sussistere che non abbia la base della schiavitù, 
ovvero del servaggio, ovvero del salariato; vale a dire, che 
schiavitù, servaggio o salariato siano condizioni naturali 
dell'ordinamento sociale, senza le quali non si ottenga quella 
cosa tanto necessaria all'uomo, che, da quando almeno è 
uomo, non ne ha fatto mai di meno: la societ;\. Innanzi 
a tale condizione di fotto, qual valore avrebbero le nostre 
condanne morali contro quegli esseri umani domin.itori, clie 
si chiamano padroni di schiavi, signori feudali e capita- 
listi borghesi, e in favore di quegli esseri umani dominati, 
che si chiamano schiavi, servi, lavoratori liberi, i quali, gli 
uni come gli altri, non potrebbero essere diversi da quel 
che sono, né potrebbero compiere se non l'ufficio ad essi 
assegnato dalla natura stessa delle cose?'. Le nostre con- 
danne sarebbero le condanne dell'ineluttabile: un impre- 
care leopardiano al « brutto Poter che ascoso a comun danno 
impera». Ma la lode o il biasimo morale si riferiscono 
sempre a un volere, buono o cattivo; e tali giudizi sareb- 
bero invece diretti contro cosa che non è stata voluta da 
nessuno, ma è da tutti accettata e sopportata, perchè non 
può essere diversamente. Si potrà, di certo, lamentarla; ma, 
col lamentarla, non viene distrutta e nemmeno intaccata; 
ossia, si perde tempo. 

Questo è ciò che il Marx chiama impotenza della morale, 
che vale quanto dire inutilità di proporsì questioni, le quali 
nessuno sforzo può risolvere, e che sono pt>rciò assurde. 



* Si veda neU'Antiduhring. p. 303, la giustificazione storica della 
divisione delle classi. 



DI ALCUNM CONCBTTI DEL MARXISMO 105 

Ma, quando invece quelle relazioni di assog-gettamento 
non si concepiscono come necessarie per l'ordine sociale in 
genere, ma semplicemente come necessarie per uno stadio 
storico di esso; e quando cominciano a formarsi nuove con- 
dizioni che rendono possibile l'abolirle (come fu il caso del 
progresso industriale di fronte al servaggio, e come i socia- 
listi stimano che sia per accadere per le fasi ulteriori della 
civiltù moderna rispetto al salariato ed al capitalismo), allora 
la condanna morale è giustificata, e in certa misura efficace 
ad accelerare il processo di dissoluzione e a spazzare gli 
ultimi rimasugli del passato. 

Ecco il senso dell'altro detto del Marx: che la morale 
condanna il già condannato della storia *. 

Quale difficoltà si opponga ad ammettere giudizi siffatti, 
anche da parte di chi accetti la piìi rigorosa delle dottrine 
etiche, non riesco a vedere. Qui non si tratta di sconoscere 
la dignità della morale, e di volerne fare qualcosa di acciden- 
tale o di relativo; ma, semplicemente, di stabilire le con- 
dizioni del progresso dell'umanità, riportando l'attenzione 
dagli effetti inevitabili alle cause fondamentali, ricercando i 
rimedi nella natura delle cose e non nelle nostre fantasti- 
cherie e pii desideri. E si deve credere che la ripugnanza 
venga, piiì che da un errore intellettuale, dall'umana su- 
perbia o vanità, per la quale molti iìramano conservare 
alle loro povere parole l'efficacia del verbo divino, che crea 
la luce col suo fiat ^. 



1 Tra i molti luoghi, che confermano questa interpetrazione, si 
vedano Antiduhring , pp. 152-B, 206, e speciahnente pp. 61-2, e la pre- 
faz. alla traduz. tedesca della Misere de ^o p/iiZo«op/ite, (2'' ediz., Stutt- 
gart, 1892), pp. ix-x. Cfr. anche Labriola, op. cit., lett. Vili. 

• Si vedano in Larriola, lett. cit., le osservazioni sulle difficoltà 
che incontra la dottrina del materialismo storico nelle disposizioni 
degli animi, e intorno a coloro che vogliono «moraliser le socialisme ». 

Un caso, per certi rispetti analogo a questo delle discussioni sul- 



106 PER LA INTERPETltAZIONE E LA CRITICA 

TiO Stesso sentimento deve trovarsi forse in fondo alla 
maraviglia onde si suole accogliere l'altra massima pratica 
dei socialisti: che l'operaio si educa con la lotta politica. Ma 
il Labriola ha ben ragione di ammirare, nella crescenza del 
socialismo tedesco, « questo caso veramente nuovo ed im- 
ponente di pedagogia sociale; e cioè che, in così stra- 
grande numero di nomini, e segnatamente di operai e di 
piccoli borghesi, si formi una coscienza nuova, nella quale 
concorrono in egual misura il sentimento diretto della si- 
tuazione economica, che induce alla lotta, e la propaganda 
del socialismo, inteso come mèta o punto di approdo » Quali 
mezzi hanno a loro disposizione i predicatori di massime 
morali per ottenere un effetto pari? Che cosa sono quegli 
operai, che si uniscono in associazioni, che leggono i loro 
giornali, discutono gli atti dei loro delegati, accettano le 
decisioni dei loro congressi, se non uomini che si edu- 
cano moralmente? 



Tetica del Marx, è la critica tradizionale all'etica del Machiavelli: 
critica che fu superata dal De Sanctis (nel capitolo intorno al Ma- 
chiavelli, della sua Storia della letteratura), ma che ritorna di con- 
tinuo e si afferma anche nell'opera del prof. Villari, il quale ripone 
l'imperfezione del Machiavelli in ciò: ch'egli non si propose la 
questione morale. E a me è accaduto sempre di domandarmi per 
qual ragione, per qual obbligo, per qual contratto il Machiavelli 
dovesse trattare ogni sorta di questioni, anche quelle per le quali 
non provava interessamento o sulle quali non credeva di aver nulla 
di nuovo da dire. Sarebbe il medesimo che rimpioverai'e a chi faccia 
ricerche di chimica di non risalire alle indagini generali metafìsiche 
sui principi del reale, — 11 Machiavelli muove dallo stabilire un fatto: 
la condizione di lotta, nella quale si trova la società, e dà regole 
conformi a questa condizione di fatto. Perchè doveva fare, lui che 
non era tagliato a filosofo moralista, 1' etica della lotta? Egli va 
diritto alle conclusioni pratiche. Gli uomini sono tristi (dice), e coi 
tristi occorrono procedimenti tristi. Tu ingannerai chi t' inganne- 
rebbe di certo. Tu farai violenza a chi farebbe violenza a te. — Queste 
massime non sono né morali né immorali, né benefiche né male- 
fiche; diventano tali secondo i fini subiettivi e gli effetti obiettivi del- 
l'azione, secondo cioè le intenzioni e i risultamenti. Quel eh' è certo. 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 107 

^la in quel seiitiiuento di ripugnanza, che anima molti 
verso le massime pratiche dei socialisti, e nel desiderio che 
essi mostrano di prendere in nome della morale o della 
religione la direzione spirituale educativa dell'operaio, c'è 
anche, direi, un timore e una paura. Il timore, cioè, che 
la forza politica del proletariato possa portare a uno sfre- 
namento bestiale di masse popolari e a non si sa quale 
sconquasso sociale; quasi che simili sfrenamenti la storia 
non li ricordasse appunto nei tempi pei quali maggiore si 
suol presumere l'impero della religione sulle coscienze, come 
nelle jacqueries del secolo decimoquarto in Francia, e poi 
nella guerra dei contadini della Germania, ed in cui era 
nulla la cultura politica delle plebi ^ E la paura, che vien(^ 
dall' intendere che i moti proletari istintivi e ciechi si do- 
mano, laddove la coscienza riscliiarata può ricevere solo 



una morale che volesse introdurre per la guerra le massime della 
pace sarebbe una morale per agnelli da sgozzare, non per uomini 
che lottano per fifìermare il loro diritto. « E se gli uomini fossero 
tutti buoni, questo precetto non sai"ia buono, ecc. ecc. », dice lo 
stesso Machiavelli {Principe, cap. XVIIl). Il Villari è ancora impi- 
gliato nella vieta formola del «fine che giustifica i mezzi», e del 
«fine morale» e dei «mezzi immorali». Pur basta considerare che 
i mezzi, appunto perché sono mezzi, non si possono distinguere 
in morali e immorali, ma semplicemente in adatti e disadatti; 
e che « mezzo immorale », quando non è un'espressione del linguag- 
gio volgare, è una contradizione in termini, perchè la qualifica di 
morale e immorale non appartiene se non al fine. E, negli esempì 
che si sogliono citare ad terrenduni, un'analisi un po' accurata rico- 
nosce subito, che non si tratta mai di mezzi immorali, ma di fini 
immorali. — Il culmine della coufiisione viene poi attinto da coloro, 
che introducono nel problema l'assurda distinzione di morale pri- 
vata e di morale pubblica. 

Mi si perdoni la digressione; ma, come dicevo, dubbi affatto ana- 
loghi ricompaiono ora a proposito delle massime etiche del marxismo. 
1 E sarebbe il caso di chiamare a paragone le rivolte di contadini, 
delle quali ci ha presentato ancora esempì l'Italia odierna, con le 
lotte politiche degli operai tedeschi, o con quelle economiche delle 
Trades Union» in Inghilterra. 



108 PER LA INFERPETRAZIONE E LA CRITICA 

sconfitte temporanee. Non osserva il Momrasen, a propositi> 
delle rivolte degli schiavi dell'antica Eoma: che gli Stati 
sarebbero ben felici se non avessero altri pericoli faori di 
quelli che ad essi possono venire dalle rivolte di proletari, 
« che non sono maggiori dei pericoli che danno branchi 
di orsi di lupi aifamati»? 

Chiarite queste proposizioni di etica e di pedagogica 
socialistica, alcuno potrebbe ancora domandare: — Ma qual 
era il pensiero filosofico del Marx e dell'Engels intorno alla 
morale? Erano essi relativisti, utilitari, edonisti, idealisti, 
razionalisti, o che cosa altro? 

Mi si permetta di rispondere che questa domanda non ha 
molta importanza, e nemmeno opportunità, perchè uè il Marx 
nò l'Engels furono filosofi dell'etica, né spesero molta parte 
del loro ingegno intorno a siff'atte questioni. Importa bene sta- 
bilire che le loro conclusioni rispetto all'ufficio della morale 
nei moti sociali, e rispetto al metodo di educazione del prole- 
tariato, non contengono nessuna contraddizione di principi 
etici generali, se pure qua e là urtano contro i pregiudizi 
della pseudomorale corrente. Le loro personali opinioni sui 
principi dell'etica non presero, nelle loro opere, forma scien- 
tificamente elaborata; e qualche frizzo e qualche sarcasmo 
non sono documenti bastevoli a instituire una discussione 
in proposito. 

E dirò ancora di più: a me che, in fatto di etica, non son 
riuscito ancora a liberarmi dalla prigionia ddla critica kan- 
tiana, e che non veggo ancora superata la posizione assunta 
dal Kant, e anzi la veggo da alcune tendenze modernissime 
rafforzata, non può molto garbare il modo in cui l'Engels 
discettò contro il Diihring sui principi della morale nel suo 
noto libro*. Anche qui si ripete il procedere, che abbiamo 



1 Si veda iu particolare parte I, cap. IX, Moral und Reclif. Ewigs 
Wahrheiten. 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 109 

già censurato a proposito delle discussioni sul concetto ge- 
nerale del valore. Dove il Diihring, per bisogni di scientifica 
astrazione, prende a considerare l'individuo isolato, ed 
esplicitamente dichiara trattarsi di una costruzione astratta 
(Denkschema), l'Engels dice (spiritosamente, se si vuole, ma 
erroneamente), che quell'uomo isolato non è se non una 
nuova edizione del primitivo Adamo nel Paradiso terrestre. 
Anche in quella critica sono molti colpi bene aggiustati ; 
ed anzi essa potrebbe in generale dirsi esatta, se la si ri- 
ferisse solamente alle concezioni etiche nel senso di com- 
plessi di particolari regole e giudizi morali, relativi a de- 
terminate situazioni sociali, i quali complessi non possono 
pretendere a validità per tutti i tempi e per tutti i luoghi, 
appunto perchè sono sempre nati per certi tempi e per certi 
luoghi. Ma, oltre queste particolari regole, l'analisi presenta 
i principi fondamentali e direttivi della morale, che danno 
origine a problemi 1 quali possono essere, sì, variamente ri- 
soluti, ma, di certo, non sono dal Marx e dall'Engels presi 
in considerazione. E, veramente, se alcuno potrà mai dis- 
sertare della «dottrina della conoscenza secondo il Marx» *, 
dissertare del principio dell'etica secondo il Marx mi pare 
fatica vana per mancanza di materia. 



1 Si vedono i pensieri del Marx : Ueber Feuerbach, del 1845, in 
appendice allo scritto dell'ENGELS, Ludicig Feuerbach und der Ausgang 
der ìclasnischen deulschen Philosophie (2* ediz., Stuttgart, 1895), pp. 59-62; 
e cfr. Andler, in Revue de vièta phi/sique, 1897, Labriola, op. cit., 
passivi, e Gkxtile, 1. e, p. 391. Sotto quest'aspetto (ossia restrin- 
gendo l'affermazione alla dottrina della conoscenza) si potrebbe par- 
lare col Labriola di un materialismo storico in quanto filosofia 
della praxis, ossia come di un modo particolare di concepire e di 
risolvere, anzi di superare, il problema del pensiero e dell'essere. — 
La « filosofia della praxis » è ora studiata di proposito dal Gentilk, 
nel citato volume. 



110 PER LA INTERPETRAZIONE E LA CRITICA 

VI 

Conclusione. 



Le osservazioni precedenti sono in parte tentativi di inter- 
pt'trazione, e in parte di correzione critica di alcuni concetti 
e dottrine del Marx e della letteratura marxistica. Ma altri 
punti meriterebbero di essere sottomessi a revisione: a co- 
minciare da quel concentramento della proprietà pri- 
vata in poche mani, che minaccia di diventare qual- 
cosa di simile alla screditata ferrea legge del salario, 
fino a quella ardita proposizione di storia della filosofia, 
cheil proletariato sia l'erede della filosofia classica 
tedesca. E si potrebbe portare l'attenzione sopra altri 
gruppi di quesiti che noi non abbiamo considerati (p. es., 
sulla concezione della società futura), e sugli svolgimenti 
particolari e le applicazioni storiche e pratiche del mar- 
xismo *. Se la « dissoluzione del marxismo », che alcuni 
preannunziano -, dovesse significare una rigorosa revisione 
ci'itica di esso, sarebbe davvero la benvenuta. 



1 Alcune interpetrazioui potrebbero essere semplici spiegazioni 
verbali, come circa l'ostica proposizione che il socialismo miri ad 
abolire lo Stato. Pur basta riflettere che « Stato » pei socialisti è si- 
nonimo di differenza di classi, e di esistenza di classi dominatrici, 
per comprendere che, come si può parlare in tal caso dell'origine 
dello Stato, cosi si può parlare della sua firte; il che non significa 
la fine della società regolata (cfr. Antidilhring, p. 302). — Non poca 
elaborazione ci-itica i-ichiede la concezione del modo in cui viene con- 
cepita la fine della società capitalistica, sul qual punto il pen- 
siero del Marx e dell'Engels non é senza oscurità e contraddizioni 
(efr. Anliflilhrinri , pp. 287 sgg., e 297). 

2 Ch. Andlkk, Les origines dti social isme d'état en Allemagne (Paris, 
Alcan, 18.97). L'Andler promette un libro, e fa ora un corso di lezioni, 
sulla «dissoluzione del marxismo». 



DI ALCUNI CONCETTI DEL MARXISMO 111 

Intanto, per offrire in compendio i principali concetti 
«sposti in questa memoria, dirò che in essa si propugna: 

1° Sotto il rispetto della scienza economica, la giu- 
stificazione della economia marxistica, intesa non in 
quanto scienza economica generale, ma in quanto econo- 
mia sociologica comparativa, che tratta delle condizioni del 
lavoro nelle società ; 

2" Sotto il rispetto della teoria della storia, la libe- 
razione del materialismo storico da ogni concetto aprio- 
ristico (sia esso eredità hegeliana o contagio di volgare evo- 
luzionismo), e l'intendimento della dottrina come fecondo 
bensì, ma semplice canone d' interpetrazione storica; 

3" Sotto il rispetto pratico, l'impossibilità di de- 
durre il programma sociale marxistico (ma anche ogni 
altro programma sociale) da proposizioni di pura scienza, 
dovendosi portare il giudizio dei programmi sociali nel 
campo dell'osservazione empirica e delle pratiche persua- 
sioni; 

4" Sotto il rispetto etico, la negazione della intrinseca 
a,moralità o dell'intrinseca antieticità del marxismo. 
Aggiungerò un'osservazione sai secondo punto. A molti 
sembrerà che, ridotto il materialismo storico nei confini in 
cui l'abbiamo ristretto, esso non solo non sia più una 
vera e propria teoria scientifica (il che siamo ben di- 
sposti a concedere), ma perda addirittura qualsiasi impor- 
tanza; e contro questa seconda conseguenza noi, come già 
altra volta, torniamo a protestare vivamente.. È, senza 
dubbio, cervellotico l'aborrimento che professano taluni per 
la scienza pura e per le astrazioni, giacché quei procedi- 
menti intellettuali sono indispensabili alla conoscenza stessa 
della realtà concreta; ma non è meno cervellotica l'esclu- 
siva stima delle proposizioni astratte, delle definizioni, dei 
teoremi, dei corollari: quasi che in ciò consista non si sa 
quale aristocrazia dello spirito umano. I puristi economici 



112 PER LA IXTEKPETK AZIONE E LA CRITICA 

(per non togliere esempì da altri campi, e si potrebbe tro- 
varne in copia nelle matematiche pure) mostrano col fatto 
come non sia poi sovente cosa troppo importante, e neanche 
troppo ardua, la «scoperta» di «teoremi scientifici», se- 
veramente, impeccabilmente scientifici, e nondimeno poco 
sapidi: basti considerare, per persuadersene, quanti e quanti 
eponimi di nuovi teoremi sbuchino fuori da ogni angolo 
delle scuole di Germania o d'Inghilterra. E dalle reti a 
larghe maglie delle astrazioni e delle ipotesi scivola, inaf- 
ferrabile, la realtà conci'cta, ossia il mondo stesso in cui 
noi viviamo e ci moviamo, e che c'importa conoscere. Il 
Marx, come sociologo, non ci ha dato, di certo, definizioni 
sottilmente elaborate della «socialità», come se ne pos- 
sono trovare nei libri di qualche sociologo contemporaneo, 
dei tedeschi Simmel e Staramler o del francese Durckheim: 
ma egli insegna, pur con le sue proposizioni approssima- 
tive nel contenuto e paradossali nella forma, a penetrare 
in ciò eh' è la società nella sua l'ealtà effettuale. Anzi, per 
questo rispetto, mi meraviglio come nessuno finora abbia 
pensato a chiamarlo, a titolo di onore, il « Machiavelli » del 
proletariato. 

Ed aggiungerò anche un'osservazione sul terzo punto. 
Se il programma sociale del marxismo non può essere con- 
tenuto tutto nella scienza marxistica nò in alcun'altra 
scienza, anche la pratica quotidiana della politica sociali- 
stica non può essere, a sua volta, contenuta tutta nei 
principi generali del programma. Il qual programma, ad 
analizzarlo, offre: 1°) un fine ultimo (l'ordinamento tecnico 
della società); 2°) una motivazione storica di questo 
fine, cercata nelle tendenze obiettive della società moderna 
(necessità della dissoluzione capitalistica e dell'ordinamento 
comunistico come il solo progressivamente possibile); 
3°) un metodo (aiutare lo svolgimento estremo della bor- 
ghesia ed educare politicamente la classe destinata a sue- 



DI ALCUXI CONCETTI DEL MARXISMO 113 

cederle). Il Marx, mercè la sua politica genialità, ha per 
molti anni accompagnato e guidato, col consiglio e con 
l'opera, il movimento socialistico internazionale; ma non 
poteva dare precetti e catechismi buoni per tutte le con- 
tingenze e complicazioni storiche. Ora, la contiziuazione 
dell'opera politica del Marx è assai piìi difficile della con- 
tinuazione della sua opera scientifica. E se in questa se- 
conda continuazione i cosiddetti marxisti sono caduti tal- 
volta in un poco ammirevole dommatismo scientifico, ta- 
luni casi recenti chiamano a meditare il pericolo, che anche 
la continuazione della prima possa pervertirsi in un dom- 
matismo di pessimi effetti, qua! è il dommatismo politico. 
Ciò rende pensosi tutti i più avveduti marxisti, il Kautsky 
e il Bernstein in Germania, il Sorel in Francia; e riempie 
di gravi ammonimenti il nuovo libro del Labriola, dal quale 
questo scritto ha preso le mosse. 

Novembre 1897. 



B. Croce, Materialismo storico. 



IV 
IL LIBRO DEL PROF. STAMMLER 



Chi prenda a leggere con attenzione il libro del profes- 
sor Staiuraler * si avvede presto che in esso non si tratta 
già del materialismo storico in quanto utile canone per in- 
terpetrare la storia concreta, ma del materialismo storico con- 
siderato in quanto scienza o filosofia della società. 

Sta di fatto che sopra le primitive osservazioni del Marx 
si sono venuti accumulando molteplici tentativi di una teoria 
generale della storia e della società; ai quali, e non ai meno 
arrischiati di essi, si riferisce lo Stammler, prendendoli come 
punto di partenza del suo lavoro di critica e di costruzione. 
E forse appunto per questa l'agione gli piace discutere il 
materialismo storico nella forma datagli dall'Engels, che 
chiama la piìi perfetta. !'« autentica » (!) esposizione dei prin- 
cipi del materialismo sociale, anziché in quella del Marx, 
■che gli sembra troppo frammentaria, e, in verità, meno 
facilmente si riduce a schematica teoria. L'Engels, invece, 
fu dei primi a dare al materialismo storico significato su- 
periore all'originario; e all'Engels si deve, com'è noto, la 
denominazione stessa di «materialismo storico». 



1 Wirtschaft uncl Rechi nacìi der materialistischen Gest-.hichfsauffassung, 
Eine socialphilosophisclie Uutersuclmng von dr. Ecdolf Stammi.er, 
Professor an der Uuiversitiit Halle a S. (Leipzig, Veit u. C, 1896). 



116 IL LIBRO DSL PROF. STAMMLER 

Non potendosi perciò negare che il materialismo storico 
si sia efifettivamente manifestato in questi due modi, lo- 
gicamente se non praticamente distinti, ossia 1») come 
movimento storiografico, e 2'>) come scienza e filo- 
sofia della società, non v'ha niente da opporre allo 
Stammler, quando egli si restringe a questo secondo pro- 
blema e lo ripiglia dal punto al quale gli pare che i teorici 
l'abbiano condotto. Ma importa avvertire, ch'egli di storia 
e di questioni storiologiche non tratta; ossia, che lascia fuori 
di considerazione ciò che per parecchi (e per me tra questi) 
è la parte viva e scientificamente interessante di quella 
dottrina. 

Il prof. Stammler nota come nelle proposizioni di cui si 
valgono i materialisti storici: «il fattore economico domina 
sugli altri della vita sociale»; «il fattore economico è fon- 
damentale e gli altri sono dipendenti», e simili, il concetta 
di « economico » non sia stato mai definito. E a buon diritto 
fu questa obiezione, e le dà somma importanza, posto ch'egli 
considera e intende quelle sentenze come affermazioni di 
leggi, come rigorose proposizioni di scienza sociale. Met- 
tere a fondamento della scienza un concetto che non si 
saprebbe poi né definire né chiarire, e che resta perciò un 
semplice vocabolo, sarebbe, in verità, alquanto strano. Ma 
la sua obiezione perde importanza quando quelle proposi- 
zioni vengano intese come « riassunti di osservazioni em- 
piriche a sussidio di chi si volga a interpetrare i fatti so- 
ciali concreti». Non credo che nessuna persona di buon 
senso abbia pensato mai sul serio a cercare in quelle pa- 
role una determinazione rigorosa e filosofica di concetti, 
sebbene ogni persona di buon senso comprenda agevolmente 
a quali ordini di fatti esse accennino. La parola « economico » 
corrisponde ivi, come nel linguaggio corrente, non a un con- 
c.etto, ma a un gruppo di rappresentazioni alquanto dispa- 
rate, alcune delle quali anche di contenuto non qualitativo 



IL LIBHO DKL PROF. STAMMLKU 117 

ma (luantitativo. Quando si afferma che, nell'interpetrare 
la storia, bisogna guardare principalmente al fattore econo- 
mico, la mente corre subito alle condizioni della tecnica, 
alla distribuzione della ricchezza, alle classi e sottoclassi 
legate da determinati interessi comuni, e così via. Di certo, 
queste varie rappresentazioni non sono riducibili a concetto 
unico; ma non si tratta di ciò, perchè qui siamo in sedo 
affatto diversa da quella in cui si dibattono questioni di na- 
tura rigorosamente concettuale. 

Se (per spiegarci meglio su questo punto, che merita di- 
lucidazione) « economico » si prende in senso rigoroso, per 
esempio nel senso in cui è usato nella pura economia, ossia 
se per esso s'intende il principio conforme al quale si cerca 
la massima soddisfazione col minore sforzo possibile, è evi- 
dente che, col dire che questo fattore ha parte (fondamentale, 
preponderante o eguale a quella di altri) nella vita sociale, 
non si direbbe nulla di preciso e di pensabile. L'economicitil 
è un principio generalissimo, e puramente formale, di con- 
dotta; e non è concepibile che si operi poco o molto, in un 
modo o in un altro, senza seguire^ bene o male, il prin- 
cipio stesso di qualsiasi azione, eh' è il principio econo- 
mico. Peggio ancora se « economico » si assume nel senso 
che, come vedremo, gli assegna il prof. Stammler, e se con 
esso si abbracciano « tutti i fatti sociali concreti»; nel qual 
senso sarebbe addirittura assurdo affermare che il fatto 
economico, ossia tutti i fatti sociali nella loro concretezza, 
dominino sopra... una parte di essi fatti. Per ritrovare, dun- 
que, nella parola « economico », quale si usa in quelle propo- 
sizioni, un particolare significato, bisogna uscire dall'astratto 
e dal formale, concepire azioni umane con certi fini deter- 
minati, aver presente l'uomo storico, e anzi l'uomo medio 
.della storia o di un'epoca storica piii o meno lunga; pensare, 
per esempio, ai bisogni del pane, delle vesti, delle relazioni 
sessuali, delle cosiddette soddisfazioni morali, di stima, di 



118 )L LIBKO DEL PU01\ STAMMLBR 

vanità, di dominio, e via. L'enunciazione del fattore econo- 
mico accenna allora a gruppi di fatti particolari, che si sono 
costituiti nel linguaggio corrente e che sono piìi particolar- 
mente determinati nella storiografia e nei programmi pra- 
tici del Marx e del marxismo. 

In fondo, lo stesso prof. Stammler riconosce ciò, quando 
chiarisce il senso corrente delle espressioni « fatti econo- 
mici » e -< fatti politici», rivoluzione « piìi politica che eco- 
nomica», e simili. Queste distinzioni (egli dice) non pos- 
sono concepirsi se non in concreto, lùspetto agii scopi che 
sono proseguiti dai singoli componenti della società e ai 
problemi particolari della vita sociale. — Ma, per lui, nell'o- 
pera del Marx non si tratta di simili « piccole considera- 
zioni»: che la cosidetta vita economica eserciti un'efficacia 
sulle idee, sulle scienze, sulle arti, e simili: roba vecchia, 
di poca conseguenza. Come il materialismo filosofico non 
consiste nell'affermare che i fatti corporali abbiano efficacia 
sugli spirituali, ma nel far di questi una mera apparenza, 
irreale, di quelli; così il materialismo storico deve consistere 
nell'affermare che l'economia è la vera realtà e il di- 
ritto è l'ingannevole ap])arenza. 

Senonchè, con buona pace del prof. Stammler, noi cre- 
diamo che nelle proposizioni del Marx valgano appunto 
qiielle « piccole considerazioni » da lui accennate sprezzan- 
temente; le quali, per altro, non sono forse ne tanto piccole 
né di lievi conseguenze. E perciò il suo libro non ci pare 
una critica del materialismo storico nella sua parte più 
viva, come movimento o scuola storiografica. La critica 
della storia si fa con la storia; e il materialismo storico è, 
a nostro avviso, storia fatta o m fieri. 

E non costituisce nemmeno il principio di una critica 
del socialismo, in quanto disegno di un particolare movi- 
mento sociale. Lo Stammler s'inganna nel credere che il 
socialismo si fondi sulla filosofia materialistica della storia, 



IL LIBRO DBL PROF. STAMMLER Ili) 

quale egli l'espone: su quella filosofia si fondano piuttosto 
le illusioni e le fantasticherie di alcuni o di molti socialisti. 
Il socialismo non può appoggiarsi sopra un'astratta teoria 
sociologica, perchè la base sarebbe insufficiente appunto 
perchè astratta ; non può appoggiarsi sopra una filosofia della 
storia a ritmo o piano prestabilito, perchè la base sarebbe 
fallace. Esso invece è un fatto complesso e risulta da cle- 
menti svariati; e, per quel che concerne la storia, il presup- 
posto del socialismo non è una filosofia della storia, 
ma una concezione storica determinata delle e o n d i - 
zioni presenti della società e del modo in cui que- 
sta vi è pervenuta. Mettiamo da parte le sovrapposizioni 
dottrinarie posteriori; e, rileggendo senza preconcetti le pa- 
gine del Marx, si vedrà com'egli non abbia sostanzialmente 
inteso altro nel riferirsi alla storia come a elemento giu- 
stificativo del socialismo. 

« Non è provata scientificamente la necessità della socia- 
lizzazione dei mezzi di produzione » . Lo Stammler vuol dire 
che il concetto di necessità è qui malamente introdotto dai 
marxisti, che la teleologia è arbitrariamente negata, e che 
perciò la tesi della socializzazione dei mezzi di produzione, 
come programma sociale, non è motivata logicamente. Ciò 
non impedisce che quell'affermazione possa essere veris- 
sima, sia perchè accanto alla logica dimostrazione vi ha 
la felice intuizione, sia perchè un risultamento può esser 
vero anche quando parta da una premessa falsa: basta (e ciò 
è ovvio) che si abbiano due errori i quali si elidano a vicenda. 
E sarebbe il caso nostro. Negazione della teleologia; accet- 
tazione tacita di questa stessa teleologia: ecco un proce- 
dere scientificamente scorretto, con risultamento che può 
essere giusto. Rimane da esaminare tutto il tessuto di espe- 
rienze, deduzioni, aspirazioni e previsioni, in cui consiste 
davvero il socialismo; ma, innanzi a cose siffatte, lo Stammler 
passa indifferente, pago di aver messo in chiaro un errore 



120 IL LIBRO DSL PROF. STAMMLEU 

nella tbrraola filosofica di un presupposto lontano, errore nel 
quale incorrono alcuni, o molti che siano, tra i propugnatori 
e pubblicisti del socialismo. 

Tutte codeste restrizioni sono necessarie per determinare 
l'ambito in cui si aggira la ricerca dello Staramler, senza 
voler già concludere da ciò, che il punto di partenza della 
ricerca stessa sia da rigettare. Il materialismo storico (dice 
il prof. Stammler) non è riuscito a darci una valida scienza 
della società; e quantunque questo sembra non fosse il 
suo intento, praticamente si può essere d'accordo, che In 
scienza della società non c'è in quella letteratura. Il pro- 
fessor Stammler soggiunge che, se il materialismo storico 
non ha dato una teoria sociale accettabile, contiene per altro 
un « eccitamento di somma intensità alla costruzione di simile 
teoria». E codesto è forse, più che altro, aneddoto di psico- 
logia individuale, perchè le suggestioni e gli eccitamenti 
sono diversi secondo gli animi che li ricevono. A noi la 
letteratura del materialismo storico ha suscitato invece sem- 
pre il desiderio di riconsiderare la storia in concreto e di 
iavestigarne il processo effettivo. 

Ci è ora la tendenza a dilatare eccessivamente i confini 
degli studi sociali. Ma lo Stammler ragionevolmente riven- 
dica a quella che deve portare il titolo di Scienza sociale 
un oggetto determinato e proprio, ch'è il fatto sociale. Ciò 
che non abbia per principio determinante la socialità non 
può far parte della scienza sociale. Come può essere mai 
scienza sociale la Morale, la quale ha per fondamento casi di 
coscienza, che sfuggono alle regole sociali? Fatto sociale sarà 
il costume, non la moralità. Come può essere scienza so- 
ciale l'Economia pura o la Tecnologia, i cui concetti si esten- 
dono del pari all'individuo isohito calle società? Prendendo, 
dunt^ue, a studiare il fatto sociale, si vedrà ch'esso, con- 
siderato in generale, dà luogo a due teorie distinte, l'una 
delle quali tratta il concetto di società sotto l'aspetto cau- 



IL. LIBRO DEL PltOF. STAMMLER 121 

sale, l'altra sotto l'aspetto teleologico. Causalità e teleo- 
logia non possono sostituirsi l'una all'altra, ma 1' una serve 
di complemento all'altra. 

Se poi dal generale e dall'astratto si passa al concreto, 
ci si trova innanzi alle società storicamente esistenti. Lo 
studio dei fatti, clie si svolgono nelle società concrete, è 
assegnato dallo Stammler a una scienza, che egli chiama 
l'Economia sociale (l'Economia politica o nazionale); e 
poiché è dato astrarre da quei fatti la semplice forma, ossia 
il complesso di regole storicamente date cui sono sottoposti, 
e considerarla indipendentemente dalla materia, si ottiene 
cosi l'altra scienza, la Giurisprudenza o scienza tecnica 
del diritto, la quale è sempi-e indissolubilmente legata a una 
determinata materia positiva e storica, che essa viene elabo- 
rando con procedere scientifico per darle unità e coerenza. 
In ultimo, rientrano anche negli studi sociali le ricerche che 
hanno per fine di giudicare e di df^terminare se dati ordi- 
namenti sociali sono quali dovrebbero essere, e se gli sforzi 
per la conservazione o pel mutamento di essi sono obietti- 
vamente giustificati. Questa categoria si potrebbe chiamare 
dei Problemi pratici sociali. Il pi'of. Stammler esau- 
risce, a suo avviso, ogni possibilità di studi sociali con 
siffatte definizioni e partizioni, che si possono riassumere 
nel seguente prospetto: 

, i causale 

/ studio generale / 

della società J , , , 
i f teleologico 

Scienza sociale 

(1 dt'lla forma (scienza tecnica 
studio delle , del diritto) — • della materia 
società concrete) (economia sociale) — del fat- 
' tibile (problemi pratici). 

Crediamo di avere, con questa tabella, esattamente in- 
terpetrato il suo pensiero, pure rendendolo a modo nostro, 



122 IL, HBKO DKLi PKOF. STAMMLER 

e con parole alquanto diverse da quelle da lui adoperate. 
E, poiché una nuova costruzione delle scienze sociali, do- 
vuta a un ingegno serio e acuto quale si dimostra lo 
Stammler, non può non esser accolta con premura da tutti 
gli studiosi di un argomento eh' è ancora così incerto e con- 
troverso, giova esaminarla a parte a parte. 

La prima ricerca intorno alla società, la ricerca causale, 
sarebbe diretta a determinare la natura della società, della 
quale si sono date tìnora molte definizioni, ma nessuna gene- 
ralmente accettata o che goda almeno di qualche sèguito. 
Lo Stammler, infatti, scarta, dopo averle sottoposte acritica, 
le definizioni dello Spencer e del Riimelin, che gli vengono 
innanzi come preminenti e rappresentanti di tutte le altre: 
la società non è un organismo (Spencer), né è semplice- 
mente qualcosa di opposto alla società giuridica (Rii- 
melin); perchè la società, egli dice, è « la convivenza di 
uomini sottomessi a regole esteriormente obbligatorie ». Re- 
gole da intendere in senso larghissimo, come tutto ciò che 
leghi gli uomini conviventi a (jualche cosa che si soddisfi con 
esterno adempimento: ma che si distinguono poi in due 
grandi classi, di regole propriamente giuridiche, e regole 
di convenzione, le prime obbligatorie senza che si 
richieda il consenso dei sottoposti, le seconde (nelle quali 
rientrano i precetti del decoro e del costume, le forme del 
galateo, della moda, il codice dell'onor cavalleresco, e si- 
mili), solo ipotetiche. Il complesso delle regole, giuridiche 
e convenzionali, è chiamato dallo Stammler forma sociale; 
e sotto queste regole, eseguendole e determinandole, o anche 
violandole, agiscono gli uomini per soddisfai'e i loro bisogni; 
e in ciò, e solo in ciò, consiste la vita umana. Il complesso 
dei fatti concreti, che attuano gli uomini operando in- 
sieme in società, ossia sotto il presupposto di regole sociali, 
è chiamato dallo Stammler materia o economia sociale. 
Regole, e azioni sotto le regole; ecco i due elementi nei 



II. UDKO DEL PltOF. STAMMLKR 123 

quali consiste ogni fatto sociale. Se mancassero le regole, 
si sarebbe fuori della società: si sarebbe animali o Dei, se- 
condo il detto dell'antico; se mancassero le azioni, si avrebbe 
solo una forma vuota, congegnata dal pensiero per ipotesi 
e non attuata in nessun luogo. Perciò la vita sociale si 
presenta come un tutto unico: separarne i due elementi co- 
stitutivi varrebbe annullarla o ridurla a forma vuota. La 
legge di movimento delle società, non può essere in un fatto 
extrasociale: non nella tecnica e nelle scoperte, non nel- 
yazione di pretese leggi naturali, non nell'opera di grandi 
uomini, di misteriosi spiriti etnici e nazionali; ma deve 
cercarsi nel seno stesso del fatto sociale. E erroneo perciò 
parlare di legame causale del diritto con l'economia, e 
all'inverso: la relazione di diritto ed economia è quella di 
regola e di regolato, non di causa e di effetto; e la ragione 
determinante dei movimenti e cangiamenti sociali è, in 
ultima linea, nella precedente esecuzione concreta delle 
regole sociali. Questa esecuzione concreta, queste azioni 
compiute sotto regole, possono, infatti, produrre: 1") muta- 
menti sociali soltanto quantitativi (nella quantità dei fatti 
sociali, di una o di altra specie); 2"^) mutamenti anche qua- 
litativi, consistenti, cioè, nel cangiamento delle regole 
stesse. Onde si ha il circolo della vita sociale: regole; 
fatti sociali nati sotto di esse; idee, opinioni, desideri, sforzi 
nati da questi fatti ; mutazione delle regole. Quando e come 
abbia avuto cominciamento questo circolo, ch'è a dire quando 
e come sia sorta la vita sociale sulla terra, è questione storica, 
che non interessa il teorico. Da vita non sociale a vita sociale 
non si passa per gradazioni, essendo le due diverse condi- 
zioni, teoricamente, divise da un abisso; ma, finche si abbia 
vita sociale, non si può uscire dal circolo sopraindicato. 

Forma e materia della vita sociale entrano, dunque, in 
conflitto, e dal conflitto sorge il mutamento. Qual ò il 
criterio per determinare come il conflitto vada risoluto? 



124 IL LIBRO DEL PROF. STAMMLEil 

Appellarsi ai fatti, inventare una necessità causale che sia 
tutt'uno con quella ideale, è assurdo. Accanto alla legge 
di causalità sociale, che si è esposta, deve esservi una 
legge di fini e di ideali, ossia una teleologia sociale. 
Il materialismo storico identifica, secondo lo Staramler, 
(uè sarebbe la sola dottrina a tentare codesta identificazione), 
causalità e teleologia; ma non può neanche esso libe- 
rarsi dalle contraddizioni logiche, che così introduce Oi su- 
scita. È stata molto lodata questa parte dell'opera dello 
Stammler, nella quale si mostra come il tcleologismo sta 
continuamente sottinteso dal materialismo storico in tutte 
le affermazioni di natura pratica. Ma noi dovremmo con- 
fessare che la scoperta non ci sembra peregrina, e ripetere 
ancora una volta che il centro di gravitazione delia dot- 
trina marxistica è il problema pratico, e non l'astratta teoria ; 
e che la negazione, che il materialismo storico fa della fina- 
lità, èia negazione della finalità meramente subiettiva e cer- 
vellotica. Tuttavia anche qui, quantunque non ci sembrine» 
del tutto esatte le critiche al materialismo storico, siamo 
d'accordo con lo Stammler nella conclusione, ossia nella 
necessità di costruire, o meglio di ricostruire, con nuovo 
metodo, una dottrina del teleologisrao sociale. 

Lasciamo per questa volta da banda l'esame della co- 
struzione teleologica dello Stammler. che contiene parti 
assai ben condotte (per esempio, la critica della dottrina 
dell'anarchismo), e domandiamo invece ; — Che cosa ò co- 
desta scienza sociale dello Stammler, per la quale egli 
si vanta di creare un quissimile della Critica della ragion 
pura kantiana, e di cui abbiamo riferito i tratti salienti e 
caratteristici? — Il lettore non durerà fatica a scorgere che 
la seconda delh^ ricerche, quella della teleologia sociale, non 
è altro che una ammodernata Filosofia del diritto o 
Diritto naturale. E la prima? È forse la tanto desiderata, 
e finora invano ricercata. Sociologia generale? Ci for- 



IL LIBRO DEL PROF. STAMMLBR 125 

iiisce un concetto di società, nuovo e accettabile? A noi 
par chiaro che la prima ricerca non dia altro se non una 
Scienza formale del diritto, o Dottrina g^enerale 
del Diritto. Il prof. Stammler studia in essa il diritto 
come realtà, e -non può quindi ritrovarlo se non nella 
società sottomessa a regole esteriormente obbliganti. Studia, 
nella seconda, il diritto come ideale, e costituisce la filo- 
sofia (imperativa) del diritto. Chi scrive queste linee è d'av- 
viso che i fatti della società non possano dar luogo a una 
scienza autonoma, perchè il complesso concreto delle convi- 
venze, i fatti sociali, appartengono alla storia, che li descrive. 
Ma è ben possibile studiare questa convivenza sotto assai 
diversi aspetti, per esempio sotto quello giuridico, o, in ge- 
nerale, delle regole, giuridiche e non giuridiche, cui può esser 
sottoposta; e ciò ha fatto lo Stammler. E, ciò facendo, ha 
indagato la natura del diritto, prescindendo dai singoli diritti 
conox'eti e dal tipo ideale del diritto, che ha preso poi in 
esame da parte. Ecco per quali ragioni la ricerca dello 
Stammler ci sembra, sì, ricerca assai ben condotta, ma non 
punto scienza pura e universale della società. Una tale 
scienza non è concepibile, se non come sinonimo di scienza 
formale del diritto. 

Quanto alla seconda ricerca, che è di teleologia, qualche 
difficoltà si oppone a includerla nel novero delle scienze, 
ove si ammetta che gli ideali non sono oggetto di scienza. 
Ma in ciò ci viene in aiuto il medesimo prof. Stammler, 
il quale attribuisce lo stabilimento della teleologia sociale a 
(j nella che chiama Filosofia e che definisce scienza del Vero 
e del Bene, scienza dell'Assoluto: alla Filosofia come una 
volta si intendeva, la quale stava regina sulle scienze, pro- 
ponendo ideali e paradigmi, additando alla terra l' inattin- 
gibile Paradiso. 

Il prof. Stammler parla volentieri di monismo della vita 
sociale, e accetta come buona ed esatta la denominazione 



126 IL LIBRO DEL PROF. STAMMLER 

di materialismo, data alla concezione storica del Marx, 
e pone questo materialismo in relazione col materialismo 
metafìsico, applicando anche ad esso il giudizio del Lange; 
che, cioè, « il materialismo sia il grado primo e più— basso, 
ma anche il più solido e fermo, della filosofia». Per lui, 
il materialismo storico ha detto la verità, ma non tutta la 
verità, quando ha considerato come reale solo la materia, e 
non anche la forma della vita sociale; onde la necessità d'in- 
tegrarlo col restituire il suo posto alla forma e determinare 
la relazione tra forma e materia, congiungendole nell'unità 
della vita sociale. Dubitiamo che l'Engels ed i suoi seguaci 
abbiano mai intesa la parola « materialismo sociale » nel 
senso che vi ritrova lo Stammler; e il parallelismo col ma- 
terialismo metafisico ci sembra alquanto arbitrario. 

Quanto al gruppo delle scienze concrete, ossia di quelle 
che hanno per oggetto le società storicamente date, nes- 
suno che abbia avuto occasione di occuparsi del problema 
della classificazione delle scienze sarà disposto a ricono- 
scere carattere di scienze indipendenti ed autonome agli 
studi dei problemi pratici di questa o di quella società, e 
alla giurisprudenza o studio tecnico del diritto. Qu<^sta ul- 
tima non è altro che interpetrazione o dilucidazione di 
un particolare diritto esistente, fatta o per bisogni pi'atici 
o per semplice intento storico. Ma, più che tali questioni 
di terminologia e di classificazione, ci pare che meriti at- 
tenzione il concetto dell'Economia sociale, presentato dallo 
Stammler: della seconda, cioè, delle scienze sociali concrete, 
entimerate di sopra. Le obiezioni, che questa suscita, sono 
pili gravi e volgono sui seguenti punti: se si ablua innanzi 
davvero una concezione nuova, o si debba ridurla a qual- 
cosa di già noto, o, infine, se non sia addirittura erronea. 

Lo Stammler polemizza a lungo contro l'Economia con- 
siderata come scienza a sé, che possegga leggi proprie e 
metta capo a un principio originale e irriducibile. È er- 



IL LIBRO DKL PROF, STAMMLKR 127 

rore (egli dico) quello di coloro che pongono una scienza 
economica in astratto e la suddividono poi in scienza eco- 
nomica individuale e sociale. Tra queste due scienze non 
c'è possibilitji di unificazione, perchè l'economia dell'uomo 
isolato ci presenta solamento concetti tratti dalle scienze na- 
turali e dalla tecnologia, e non è altro se non una raccolta 
di semplici osservazioni naturali, spiegate per mezzo della 
fisiologia e psicologia individuale: l'economia sociale pre- 
senta, invece, la condizione propria e caratteristica delle 
regole esterne, sotto cui si svolgono le azioni. E che 
cosa può essere un principio economico se non una 
massima ipotetica: se l'uomo vuol raggiungere il tale o tal 
altro scopo di soggettiva soddisfazione, deve ricorrere a tali 
o tali altri mezzi, « massima, eh' è osservata piìi o meno ge- 
neralmente, e talora violata »? Il dilemma è, dunque, tra la 
considerazione tecnologico-naturale e quella sociale: non 
vi ha una terza cosa. * Ehi Drittes ist nicht da!^. Ciò 
lo Stammler ripete molte volte, e sempre con le stesse pa- 
role. Ma il dilemma (pel quale egli si è malamente ispirato 
al Kant) non regge, ed è il caso di un trilemma: oltre i 
fatti concreti sociali, oltre le cognizioni tecnologiche, vi ha 
una terza cosa, eh' è il principio economico, o postulato 
edonistico che sì voglia ciiiamare. Lo Stammler afferma 
die questa terza' cosa non è di egual valore delle due 
prime, che viene secondariamente; e noi dichiariamo 
di non comprendere bene che cosa questo significhi. Ciò 
ch'egli doveva dimostrare è, che quel principio si riduca 
ai due primi, alla tecnica cioè, o alla società regolata; 
il che non ha fatto, e non sappiamo davvero come si po- 
trebbe fare. Che l'Economia, così intesa, non sia scienza 
sociale, siamo tanto piìi disposti a concedere inquantochè 
essa stessa ciò afferma, denominandosi Economia pura, ossia 
tale che per costituirsi prescinde da ipotesi particolari, e 
quindi anche dall'ipotesi della molteplicità degli individui, 



128 IL LIBKO JJEL PKOF. STAMMLER 

che è fondamento del coneelto di societù. Ma ciò non vuol 
dire che essa non si estenda alle società, e non possa dar 
luoi^o a deduzioni di economia sociale. L'elemento sociale 
viene allora assunto come un medio attraverso il quale il 
principio economico attua la sua efficacia e produce determi- 
nati effetti. Posto il principio economico, e posto, per esem- 
pio, l'ordinamento giuridico della proprietà privata della 
terra, e l'esistenza di terre di diversa qualità, e poste altre 
condizioni, sorge di necessità il caso della rendita fondiaria. 
In questi ed altri esempì simili, che sarebbe facile recare, 
si hanno leggi di economia sociale e politica, ossia dedu- 
zioni dal principio economico operante in condizioni giu- 
ridiche date. Certo, in un'altra condizione giuridica, le 
conseguenze sarebbero diverse; ma tutte quelle conseguenze 
non avrebbero luogo senza la natura economica dell'uomo, 
eh' è presupposto necessario ed originale, e non può identifi- 
carsi col presupposto delle conoscenze tecniche, o con l'altro 
delle regole sociali. Conoscere non è volere; e volere 
secondo regole oggettive, ossia etiche, non è volere 
secondo ideali merara ente soggetti vi o individuali 
(economici). 

Lo Stammler potrebbe dire che, se questa scienza del- 
l'Economia, così intesa, non è proprio una scienza sociale, 
egli la lascia da parte, perchè sua intenzione e di costruire 
una scienza che meriti a buon diritto il nome di Economia 
sociale. Ma (facciamo anche noi un dilemma!) codesta Eco- 
nomia sociale, da lui vagheggiata, o sarà per l'appunto la 
scienza economica applicata a determinate condizioni sociali 
nel senso che ora si è detto; o sarà una forma di conoscenza 
storica. Una terza cosa non esiste. Ein Drittes ist nicht da! 

E valga il vero. Fatto economico non è per lo Stammler 
un qualunque singolo fatto sociale, ma un gruppo di fatti 
omogenei, che presentino caratteri di necessità. La quan- 
tità di fatti omogenei occorrenti per costituire il gruppo e 



IL LIBRO DEL PROF. STAMMLER 129 

dar luogo a un fenomeno economico, non può determinarsi 
in generale, ma è da vedere caso per caso. Con la forma- 
zione di questi gruppi (egli dice) l'Economia sociale non 
discende al grado di registro di dati di fatto, né si con- 
verte in una statistica puramente meccanica di un materiale 
bello e dato, ch'essa debba solo enumerare. L' Economia 
sociale non deve soltanto investigare il cangiamento nella 
esecuzione concreta di uno e medesimo ordinamento sociale, 
ma le resta, ora come prima, il compito tutto proprio di 
disegnare, in primo luogo, la pianta per ogni conoscenza di 
una vita sociale reale. Essa deve partire dalla conoscenza 
di una determinata esistenza sociale, così rispetto alla sua 
forma come rispetto al suo contenuto; e allargarla e ap- 
profondirla tino alle più. minute singolarità dell'esecuzione 
reale, con l'esattezza di una scienza tecnica, di cui siano 
chiaramente segnate le condizioni e i fini concreti; e con 
ciò liberare la realtà delia vita sociale da ogni oscurità. 
Le sarà perciò necessario foggiarsi da sé stessa una serie 
di concetti che le serviranno al fine di tale spiegazione. 
Ora il concetto dell'Economia sociale, così proposto, è 
suscettibile di due interpetrazioni. La prima è, che s'in- 
tenda parlare di una scienza,' che abbia davvero per og- 
getto (come è proprio delle scienze) rapporti necessari, nel 
senso rigoroso della parola. Ma come si stabilirà codesta 
necessità? come si foggeranno i concetti propri della Eco- 
nomia sociale? Certo, lasciandosi guidare da un principio, 
distinguendo nella realtà concreta un aspetto o forma ; ed il 
principio non potrà essere, per l'Economia, se non il prin- 
cipio economico, e l'Economia sociale guarderà il solo, 
aspetto economico di una determinata vita sociale. Il profitto, 
la rendita, l'interesse, il valore-lavoro, l'usura, il salario, 
le crisi appariranno allora fenomeni economici necessari in 
determinate condizioni di ordinamento sociale, attraverso 
le quali si eserciti l'efficacia del principio economico. 

B. Croce, Materialismo storico. 9 



130 ÌIj LIURO DEL PKOF. STAMMLBR 

L'altra interpetrazione è, che l'Economia sociale dello 
Stammler non debba far g'ih lavoro d'analisi concettuale, ma 
guardare tale o tal'altra vita sociale in concreto; in questo 
caso, essa non potrà se non descrivere una data società. De- 
scrivere non significa descrivere esteriormente e superficial- 
mente; ma, appunto, liberare quel gruppo di fatti da ogni 
oscurità, mostrando qual esso è realmente, descriverlo, per 
quanto è possibile, nella sua schietta realtà. Ma questo, per 
l'appunto, è conoscenza storica; la quale può assumere 
forme svariate, o meglio, delimitare variamente il proprio 
oggetto, prendendo una società in tutte le sue manifesta- 
zioni per un dato periodo di tempo, ovvero in un dato mo- 
mento della sua esistenza, o anche assumendo una o più 
manifestazioni della vita sociale e studiandole nel loro ap- 
parire presso varie societù e in vari tempi; e così via. 
Storia sempre, anche quando si valga delia comparazione 
per istrumento di ricerca. E tale disciplina non avrà da 
foggiare concetti, ma li prenderà, secondo le sue occorrenze, 
dalle scienze, le quali, appunto, elaborano concetti. 

Sarebbe stato, dunque, assai interessante vedere un 
po' meglio all'opera questa nuova Economia sociale dello 
Stammler, per poter determinare con sicurezza in quale delle 
predette due categorie debba venire collocata: se cioè sia 
semplicemente l'Economia politica nel senso corrente, o lo 
studio concreto delle singole società e dei gruppi di esse. In 
questo secondo caso, ai tanti nomi di cui è stata camuffata di 
recente la vecchia Storia (Storia sociale. Storia della civiltà, 
Sociologia concreta, Sociologia comparata, Psicologia dei 
popoli e delle classi, ecc.), lo Stammler avrebbe aggiunto 
un altro, anzi altri due: Scienza della materia della 
vita sociale, ed Economia sociale. E il guadagno, ci 
si consenta notare, non sarebbe stato grande. 



y 

RECENTI INTERPETRAZIONI 

DELLA TEORIA MARXISTICA DEL VALORE 
E POLEMICHE INTORNO AD ESSE 



I 



Ho sempre liberamente discusso le idee manifestate nei 
suoi scritti dal mio egregio amico prof. Antonio Labriola; 
a mi fa piacere ch'egli abbia usato la medesima libertà, 
sottoponendo a critica vivace (nell'edizione francese del 
suo libro sul Socialismo e la filosofia) '^ l' interpetrazione 
che io ho data della teoria marxistica del valore "-. Il La- 
briola dice di essere stato a ciò mosso dal desiderio d'im- 
pedire che le mie opinioni passino «agli occhi dei lettori » 
per un compimento, da lui accettato, di quelle sue perso- 
nali; e, "quantunque io non intenda come' « agli occhi dei 
lettori » (soggiungiamo pure « intelligenti ») tal cosa sia pos- 
sibile, perchè ho sempre garbatamente ma attentamente se- 
gnato i non pochi e non lievi punti nei quali dissento dai 
suoi giudizi, nondimeno, persuaso che la chiarezza non è 
mai soverchia, piando al suo proposito di mettere in piìi 
viva luce che io non sono lui, e che, s'egli pensa con la 
sua testa, io penso con la mia. 



1 Socialisme et plnlosophìe par Anto.mo Labriola (Paris, Giard et 
.Brière, 1899). Si veda p]i. 207-224, Postscriptum à Védition franqaise. 
~ Si vedano i sasjgi II e III. 



132 RECENTI INTERPETRAZIOXI 

Il Labriola rigetta anzitutto il metodo da me tenuto, che 
qualifica variamente di « scolastica », di « metafisica » , di 
« metaforismo », di « astrattismo », di « logica formale » . Se 
io mi son dato la cura di accennare alle differenze tra homo 
aiconomicus ed uomo morale o immorale, tra interesse perso- 
nale ed egoismo ^, egli si stringe nelle spalle, non rifiuta una 
certa indulgenza a codesta « scolastica tradizionale » e mi 
paragona all'uomo del volgo, che parla del sorgere o del 
coricarsi del sole, o della « luce luminosa » e del « calore 
caldo ». Se io ho tenuto fermo alla necessità teorica di una 
Economia generale accanto alle varie considerazioni di eco- 
nomia sociologica, egli mi rinfaccia di creare, «oltre tutti 
gli animali visibili e palpabili, un animale in sé». E mi 
accusa ancora di voler dare un calcio alla storia, alla filo- 
logia comparata e alla fisiologia, per sostituire a tutto ciò 
la semplice Logica di Portoreale, come se, « in luogo di 
studiare le epigenesi reallter avvenute, quali il passaggio 
dall'invertebrato al vertebrato, dal comunismo primitivo alla 
proprietà privata del suolo, dalla indifferenza delle radici alla 
differenziazione tematica del nome e del verbo nel gruppo 
arioseraitico », possa bastare iscrivere questi fatti in concetti 
dal più generale al piìi particolare, nella serie di A a^ a- a^ 
e via dicendo. 

Ma io non saprei difendermi sul serio da queste accuse, 
perchè dovrei ripetere cose troppo ovvie: che formare con- 
cetti non importa -r creare entità »; che giovarsi di meta- 
fore (e la lingua è da capo a fondo metafora) non importa 
credere alla mitologia; che fare esperimenti ideali e astra- 
zioni scientifiche non importa sostituire queste e quelli alla 



1 Distinzione che mi propoago di ribadire ancora, non già per 
ostinatezza, ma perchè la stimo necessaria e urgente per la solida 
fondazione dei principi dell'Economia, e mi è accaduto di osservare 
sovente i cattivi efletti che la trascuranza di essa porta nelle di-, 
scettazioni degli economisti. 



DELLA TEORIA MARXISTICA DEL VALORE 133 

realtà concreta; che adoperare, dove occorra, la logica for- 
male, non importa sconoscere il fatto, il divenire, la storia. 
E, quando il Marx espone fatti storici, io non so altro modo 
di avvicinarmeg-li se non quello della critica storica; e, 
quando fissa concetti e formola leggi, non so altro modo 
se non di venire esaminando il contenuto dei suoi concetti 
e verificando la correttezza delle sue illazioni e deduzioni. 
Questo secondo modo ho, dunque, tenuto nell'esaminare 
la sua teoria del valore. Se il Labriola ne ha un altro mi- 
gliore, lo proponga. Ma quale potrà essere mai quest'altro? 
La logica reale? E, in tal caso, restauriamo pure franca- 
mente Hegel e sarà il minor male: almeno c'intenderemo. 
Ovvero (variante peggiorata) quel mostruoso metodo empi- 
rico-dialettico evoluzionistico che si dica, il quale con- 
fonde insieme e maltratta due procedimenti distinti e si 
presta così bene agli amatori di profezie? si tratta sempli- 
cemente di una nuova fraseologia, per la quale, continuan- 
dosi a lavorare più o men bene coi metodi antichi, si scan- 
sano le vecchie parole? 0, ancora, codesto disdegno perla 
logica formale è nient'altro che un comodo pretesto per di- 
spensarsi dal mostrare le carte di giustificazione dei con- 
cetti che si adoperano? 

Il Marx ha posto un suo concetto del valore; ha esposto 
un processo di trasformazioni del valore in prezzo; ha 
riposto la natura del profitto nel sopravalore. Tutto il 
problema della critica marxistica per me si riduce in questi 
termini: — La concezione del Marx è sostanzialmente erro- 
nea (totalmente, per l'erroneità delle premesse, parzialmente, 
per l'erroneità delle deduzioni)? Ovvero la concezione del 
Marx è sostanzialmente giusta, ma è stata sussunta a una 
categoria alla quale non appartiene, e si è in essa cercato 
ciò ciie non può dare, sconoscendosi ciò che effettivamente 
dà? — Essendo venuto a questa seconda conclusione, mi 
sono domandato : — Sotto quali condizioni e presupposti è 



134 KECE.NTI INTERPETKAZIONI 

pensabile la teoria del Mai'x? — E alla domanda ho pro- 
carato rispondere nel mio scritto intorno alla interpetra- 
zione e la critica di alcuni concetti del marxismo. 

Ciò che il Marx ha voluto fare, o si è illuso di fare, mi 
par che alla critica interessi fino a un certo segno, perchè la 
storia della scienza prova che non sempre i pensatori hanno 
avuta piena e chiara coscienza del proprio pensiero, e che 
altro è scoprire una verità, altro definire e collocare al suo 
luogo la scoperta fatta. Può darsi che chi confonde la ri- 
cerca ideologica con la ricerca storica riproduca meglio 
lo «spirito» del Marx; ma il lavoro sarà in tal caso non 
una critica, ma un bozzetto artistico o un rifacimento psico- 
logico, e ritrarrà, con la parte sana, la parte inferma del 
pensiero dell' autore. 

Entrando nei particolari, il Labriola cerca di mostrare 
la vacuità e l'oscurità di alcune mie definizioni e l'errore 
di alcuni raziocini. Avendo io affermato che l'economia ca- 
pitalistica è un caso particolare dell'economia generale, il 
Labriola nota ^en passante, eh' è pure il solo caso che ab- 
bia dato luogo a una teoria e a divisioni di scuole; e io 
confesso di non intendere a che miri questa osservazione^ 
sebbene si confessi fatta « en passnnt >^ . Il Marx e l'Engels 
-invece lamentavano che le economie antiche e medievali non 
fossero state studiate al modo stesso della moderna. Dun- 
que, saranno concepibili almeno tre teorie economiche, del- 
l'economia antica, dell'economia medievale, dell'eco- 
nomia moderna: e non sarà lecito costruire un'economia 
generale, ossia studiare in sé stesso quel quid comune, che fa 
sì che i tre ordini di fatti siano designati, tutti e tre, da un 
comune sostantivo ? — Si domanda poi il Labriola che cosa 
possa contenere codesta Economia generale e sopra-storica, 
e se mai non sia buona a servire alla « psicologia conget- 
turale dell'uomo preistorico»: barzelletta nello stile dell'En- 
gels, il quale, a dir vero, ha talvolta abusato di barzellette 



DELLA TEORIA MARXISTICA DEL V^ALOKE 135 

nella discussioiio di cose serie. Credete clie non ne sappia 
dire anch'io? Ma non mi pare il caso. — Si maraviglia della 
mia «insaziabilità», che, dopo aver accettato le teorie edo- 
nistiche, voglia accettare anche le teorie del Marx: come 
se tutta la mia dimostrazione non fosse diretta appunto a 
mettere in chiaro, che l'antitesi tra quelle teorie è solo nella 
fantasia e nelle parole di chi ne ha discorso, ma obiettiva- 
mente non sussiste; e che la teoria del Marx non deve con- 
siderarsi sistema economico totale di fronte agli altri sistemi 
(«qvelque chose de tont-à-fait oppose», sono le parole pro- 
prie del Labriola), ma ricerca particolare e parziale; e come 
se per « edonismo * io intendessi tutte le personali convin- 
zioni filosofiche, storiche e politiche di coloro che seguono 

dicono di seguire quella scuola, e non già soltanto ciò 
che discende legittimamente dal suo principio. — Avendo io 
chiamato « spiegazione economica » quella che la scuola edo- 
nistica dà della natura del profitto, egli interroga sarcastica- 
mente: «Dovrebbe essere forse non-econo mica? ». Ma in 
quella mia proposizione non c'è pleonasmo: l'aggettivo «eco- 
nomica» è messo per distinguere la spiegazione dell'edoni- 
smo da quella del Marx, che, a mio parere, non è più mera- 
mente economica, ma storico-comparativa o sociologica che 
si voglia dire. Si maraviglia altresì che io discorra di una 
«società lavoratrice», e domanda: «In opposizione a che? 
Forse ai santi del paradiso?». Ma l'opposizione è da me ad- 
ditata tra un'ipotetica società lavoratrice, ossia tale che tutti 
i suoi beni siano prodotti di lavoro, e una società, economica 
bensi, ma non esclusivamente lavoratrice, perchè godente di 
beni dati naturalmente accanto a quelli prodotti dal lavoro. 

1 santi del paradiso sono un'altra barzelletta fuori luogo. 

Ho chiamato il concetto del sopravalore del Marx un 
concetto di differenza; e il Labriola nìi rimprovera di 
non poter «dire esattamente ciò ch'io intenda con queste 
parole». Pure, non è mia consuetudine aprir la bocca o 



136 RECENTI INTERPE'l RAZIONI 

maneggiare la penna quando non so bene ciò che voglio 
dire, e qui credevo di avere espresso chiaramente un pen- 
siero, che ho in mente molto chiaro. Prendiamo due tipi di 
società: il tipo A, composto di 100 individui, che con capi- 
tale comune e con eguale lavoro producano beni che ripar- 
tiscono in proporzioni eguali; il tipo B, composto di 100 
individui, di cui 50 in possesso del suolo e dei mezzi di pro- 
duzione, ossia capitalisti, e 50 esclusi da quel possesso, ossia 
proletari e lavoratori; i primi dei quali nella ripartizione 
abbiano, in misura dei capitali che ciascuno impiega, una 
parte dei prodotti del lavoro dei secondi 50. Che nel tipo A 
non abbia luogo sopravalore, è chiaro. Ma neanche nel 
tipo B voi avete diritto di chiamare sopravalore quella 
parte di prodotto che è riscossa dai capitalisti, se non quando 
paragoniate il tipo B col tipo A e trattiate il primo 
a contrasto col secondo. Considerando il tipo B in sé 
stesso (come appunto fanno, e debbono fare, gli economisti 
puri), il prodotto che si appropriano i 50 capitalisti, ossia 
il profitto di questi, è un effetto di reciproca convenienza, 
nascente dal diverso grado comparato di utilità. Voltate e 
rivoltate, e in pura economia non troverete altro. La 
natura usurpatrice del profitto si può affermare solamente 
quando si applichi, quasi reagente chimico, alla seconda 
società la misura, eh' è invece propria di un tipo di società 
fondato sulla umana eguaglianza, tipo « che ha raggiunte 
la saldezza di un convincimento popolare » (Marx). « È so- 
pralavoro non pagato », dice il Marx, e sia pure; ma non 
pagato rispetto a che? Nella società presente è ben pagato, 
pel prezzo che realmente ha. Si tratta, dunque, di stabi- 
lire in quale società avrebbe quel prezzo, che nella 
società presente gli è negato. E, dunque, benedetto Dio!, 
si tratta di un paragone. 

Non è originale, ma è tuttavia affatto gratuita l'affer- 
mazione del Labriola: «L'economia pura è così poco una 



DELLA TKORIA MARXISTICA DKL VALORE 137 

soprastoria, che da questa storia attuale ha preso in prestito 
due dati, di cui fa due postulati assoluti: la libertà del la- 
voro e la libertà della concorrenza, spinte al loro massimo 
per ipotesi». Se apro il noto trattato del Pantaleoni, leggo, 
proprio nel paragrafo primo della Teoria del valore, il teo- 
rema fondamentale del Ferrara: che «il valore è innanzi 
tutto un fenomeno dell'economia individuale o iso- 
lata». Tanto poco la condizione storico-giuridica della so- 
cietà entra tra i presupposti necessari dell'economia pura. 

Dopo di che, il Labriola non dovrebbe scandolezzarsi 
se io ho scritto « che il Marx ha preso fuori del campo della 
teoria economica pura la celebre eguaglianza ^ del valore 
col lavoro ». Mi domanderà: donde propriamente l'ha presa? 
Ed io gli risponderò: da un tipo particolare e determi- 
nato di società, in cui l'ordinamento giuridico e le pre- 
supposte condizioni di fatto rendano il valore corrispon- 
dente alla quantità di lavoro. 

Il Labriola non trova giusto il ravvicinamento che io (me- 
tafora per metafora) ho fatto tra le merci, che nella econo- 
mia marxistica appaiono « cristallizzazioni di lavoro » , e i 
beni, che in economia pura potrebbero ben dirsi « quantità 
di possibili soddisfazioni di bisogni cristallizzate». «Finora 
(egli esclama) solo gli stregoni hanno potuto credere o far 
credere che coi soli desideri si possa conglutinare una parte 
di noi stessi in un bene qualunque » . Ma che cosa significa 
«conglutinare»? Il bene a, per procacciarcelo, ci costa x 
lavoro di un dato genere: ecco la «gelatina di lavoro » del 
Marx. L'economia pura dice, con formola più generale, che 



1 Scrivo e eguaglianza » , perché così scrive il Marx e perchè alla 
questione presente •' affatto indifferente l'altra: se il rapporto di 
valore possa mettersi sotto la forma matematica di un rapporto di 
eguaglianza. Per mia parte (e seguendo in ciò gli edonisti), nego re- 
cisamente che il rapporto di valore sia rapporto di eguaglianza. La 
dimostrazione è stata già fatta da altri, e non è il caso di ripeterla. 



138 RECENTI INTBRPBTRAZIONl 

ci costa quella massa di bisogni che dobbiamo lasciare in- 
soddisfatti: ecco la « gelatina », che potrebbe cucinare l'eco- 
nomia pura. Non si tratta, nell'un caso, di una realtà obiet- 
tiva, come par che creda il Labriola, e nel secondo di una 
immaginata stregoneria; ma e nell'uno e nell'altro caso 
dell'uso letterario di espressioni immaginose per designare 
atteggiamenti ed elaborazioni del nostro spirito. Al qual pro- 
posito il Labriola, quasi per restringere la portata di quelle 
immagini che sono diventate usuali nel marxismo, dice che 
il Marx, come scrittore, era un «secentista». Permetta a 
me, modesto studioso di lettei'atura e autore di parecchie 
ricerche sulla natura e la genesi del secentismo \ di prote- 
stare. Il secentismo consiste nella ingegnosità, ossia nell'in- 
troduzione della fredda intellettualità nella forma este- 
tica; donde il paragone sforzato, la metafora continuata, il 
gioco e l'equivoco verbale. Ma il Marx abusa invece di espres- 
sioni poetiche, che rendono con efficacia sfrenata il conte- 
nuto del suo pensiero. Si ha in lui proprio l'inverso del se- 
centismo: non il disinteresse della forma rispetto al pensiero, 
ma un abbraccio così violento di questo con quella, che la 
povera forma rischia talvolta di rimanerne soffocata ^. 

Il lettore sarà stanco di queste repliche a una critica 
negativa; ma la critica negativa è pure la sola che offra 



1 Croce, GiambatUsta Basile e il < Canto de li Canti * (Napoli, 1891); 
Ricerche ispano-italiane, serie I, paragrafo iiltimo (Atti dell'Acc. Pon- 
tan., t. XXVIII, 1898); I predicatori italiani del Seicento e il gusto spa- 
gmiolo (Napoli, Pierre, 1899); I trattati italiani del « concettiumo » e 
Baltasar Oracian {Atti dell'Acc. Pontan., t. XXIX, 1899). 

"^ Il Labriola, (che riproduca qua e là assai bene nel suo stile 
quello del Marx) scrive nel saggio sul Manifesto dei comunisti, 2» ediz., 
p. 79: «Il Manifesto... non spande lacrime su niente. Le lacrime 
delle cose si sono già rizzate in piedi da sé, come forza spontanea- 
mente rivendicatrice ». Le « lacrime » , che si rizzano « in piedi » , pos- 
sono far rizzare i capelli « sulla testa » a un uomo di gusto moderato; 
pure, anche questa espressione, se é violentemente immaginosa, non 
è secentesca. 



DELLA TEORIA ilAKXlSTlCA DEL VALORE 139 

il Labriola. Quale è la sua interpetrazione del pensiero del 
Marx? o quale accetta, di quelle messe in circolazione? 
Qui il Labriola tace. È vero che altra volta mi parve scor- 
gere nel suo detto, che «il valore-lavoro è in ]\[arx la pre- 
messa tipica senza cui tutto il resto non è pensabile», 
un consenso con la mia tesi. Ma veggo ora che debbo es- 
sermi ingannato, e che quelle sue parole debbono avere un 
altro senso; il quale però, avvertito dalla mala prova fatta, 
non cercherò più oltre d'investigare. Intanto, il Sombart ha 
«almanaccato»; il Sorel ha fatto «elucubrazioni frettolose 
o premature»; il sottoscritto «non ha capito» (p. 224 in 
fine). Siamo dunque innanzi a unmistero? L'amico Labriola 
si compiace di ricordare (p. 50) l'aneddoto dello Hegel, il 
quale avrebbe dichiarato che « un solo suo scolaro l'aveva 
capito » (l'aneddoto, mi permetto aggiungere, è narrato da 
Errico Heine, e in modo ben più spiritoso) ^ Si rinnova 
il caso per la teoria del valore del Marx? 

In verità, pur non volendo sconoscere le difficoltà che 
oppone il pensiero, e la forma del pensiero, del Marx, a me 
pare che il mistero sia ormai chiarito. E dico ciò, non solo 
per la ferma persuasione che ho circa la verità della mia 
interpetrazione, ma anche per l'accordo in cui mi trovo 
con parecchi critici, che quasi al tempo stesso e con pro- 
cedere indipendente sono pervenuti a conclusioni simili 
alle mie. Una medesima tendenza appare in ciò che scrisse 
sul proposito il Sombart nel 1894, l'Engels nel 1895, io 
nel 1896, il Sorel nel 1897, io stesso più a lungo nel 1897, 
e di nuovo il Sorel nel giugno del passato anno 1898 -. 
Di certo, il vero e il falso non possono stabilirsi per segni 



1 «Als Hegel auf dem Todbette lag, sagte er: — Nur Einer 
hat mich verstanden ! — Aber gleich darauf fùgte er verdriesslich 
hiiizu : — Und der hat mich auch nicht verstanden ! » (Hkine, Zur 
Geschichte der Beligion und Philosophie in Deutschland, libro III). 

- Sombart, neWArchiv fili' soziale Gesetzgehtmg und Statistìk, voi. VII, 



140 RECENTI INTERPETRAZIONI 

esteriori, essendo unico giudice di essi il pensiero, che è 
giudice il quale concede infiniti appelli. Ma è pur naturale 
che nelle condizioni sopraindicate sorga un sentimento di 
fiducia, come se la discussione stia per esser chiusa, e la 
questione prossima a esser collocata tra quelle risolute. 



Il 



Credo perciò opportuno rivolgermi a quelle «elucubra- 
zioni » del Sorel, che il Labriola giudica così severamente 
e sommariamente, per far intorno a esse alcune avver- 
tenze, non di confutazione, ma di sostegno, e per chiarire 
qualche punto in cui può apparire ancora un disaccordo, 
die forse non ha ragion d'essere. 

Ma qui mi si conceda una protesta. Anche col Sorel il 
Labriola è ora in guerra guerreggiata : il suo libro Discor- 
rendo ecc., nato come una serie di lettere amichevoli al Sorel 
delle quali mi feci io editore in Italia, si pubblica in fran- 
cese con un'appendice contro di me e una prefazione contro 
il Sorel. Causa del dissenso è particolarmente ciò che si 
chiama oggi crisi del marxismo. 

Ora, se per «crisi del marxismo» s'intende l'affermata 
necessità di una revisione e correzione delle idee scienti- 
fiche, delle credenze storiche, del materiale di osservazioni 
di fatto, che hanno corso nella letteratura marxistica, bene: 
a tale crisi credo anch'io. Se s'intende anche una muta- 
zione di programmi e di metodi pratici, non -nego e non 



1894, pp. 555-594; Engels, nella Neiie Zeit, XIV, voi. I, 4-11, H7-44; 
Croce, Le teorie storiche del prof. Loria (ora in questo voi., s. II): 
SoKEL, nel Journal des économistes, fase, del 15 maggio 1897 ; Ckoce, Per 
la interpetrazione e la critica di alcuni concetti del marxismo (ora in 
questo voi., s. Ili); Souel, Nuovi contributi alla teoria marxistica del 
valore (nel Giornale degli economisti), giugno 1898. 



DELLA TEORIA MARXISTICA DEL VALORE 14:1 

affermo, non essendomi mai vei'Jìato di proposito nell'ar- 
gomento. Se il pericolo, dal timor del quale sembra com- 
preso e agitato il Labriola, che una qualsiasi crisi del 
marxismo, o l'annunzio di essa, possa essere adoprata da 
coloro che hanno interesse a sviare e a far disperdere il 
moto proletario, esiste davvero, provideant consules. Ma, 
crisi o non crisi, scientifica solamente o anche pratica, ti- 
mori fondati o timori fantastici ed eccessivi, sono tutte cose 
che non hanno che vedere con le questioni da me mosse; 
le quali concernono l'erroneità di tale o tale altra proposi- 
zione teorica o storica del marxismo, e il modo in cui tale 
o tale altra di esse deve intendersi per tenersi vera. Io sto 
su questo terreno, e sopra questo solamente accetto la di- 
scussione. Potrò sbagliare, ma mi si deve dimostrare. Se mi 
si dice invece, in cambio di risposta, che la crisi del mar- 
xismo è opera della reazione internazionale, della quale gli 
ingenui critici fanno il gioco, resterò certamente assai stu- 
pito; ma non per questo mi sarò persuaso che la teoria 
marxistica del valore sia vera, nel senso maccheronico, per 
esempio, in cui è esposta nel noto opuscoletto di propa- 
ganda dello Stern. 

Il Sorel aveva prima supposto ', in modo molto in- 
gegnoso, che il Marx avesse costruito diverse sfere eco- 
nomiche, di cui la prima (quella del valore-lavoro) fosse 
la più semplice: la seconda, comprendente il fenomeno 
della rata media del profitto e la formazione del costo di 
produzione, piìi complicata; la terza, in cui si considera 
l'azione della rendita della terra, anche più complicata. 
Passando dalla sfera più semplice alla più complicata, si 
sarebbero ritrovate le leggi della precedente, modificate dai 
nuovi dati introdotti, che avrebbero dato origine a feno- 
meni nuovi. 



1 Nel citato articolo del Journal des économisles. 



142 RECENTI INTERPETR AZIONI 

Nel nuovo suo scritto, abbandona questa interpetra- 
zione per essersi persuaso che l'esperimento ideale del 
Marx non mirava già a conseguire la spiegazione totale 
dei fenomeni economici per mezzo della crescente com- 
plessità delle combinazioni. E, a mio credere,, fa bene ad 
abbandonarla; non solo per la ragione verissima da lui 
addotta, che la ricerca del Marx non è un sistema econo- 
mico totale, ma anche perchè il procedimento da lui sup- 
posto non spiegava come mai il Marx, nel considerare i 
fenomeni economici della seconda e della terza sfera, si va- 
lesse di concetti che hanno il loro posto solo nella 
prima. Non spiegava, insomma, quello che io chiamai pa- 
ragone ellittico, e che è la difficoltà dell'opera del Marx, 
o, se si vuole, dell'esposizione letteraria del suo pensiero. 
Se la rispondenza del valore al lavoro si "attua solo nella 
semplificata società economica della prima sfera, perchè in- 
sistere nel tradurre in termini della prima i fenomeni 
della seconda? Perchè chiamare trasformazione del sopra- 
valore ciò che si presenta come naturale effetto economico 
di capitali, che debbono avere, per la loro natura stessa di 
capitali, un profìtto? E, quella del Marx, una spiegazione 
da principio a conseguenza, o non è piuttosto un paral- 
lelo tra due fatti diversi, di cui si mettono in risalto 
le diversità, rischiarandone le scaturigini sociali? 

Ma il Sorel s'avvia ora appunto a siffatta conclusione, 
riprendendo una felice espressione del suo primo scritto: 
che l'opera del Marx non è rivolta a spiegare con leggi 
analoghe a quelle fisiche, ma solo a dare « schiarimenti » 
parziali e indiretti intorno alla realtà economica. 

Il mezzo, del quale il Mai'x si vale nella ricerca (dice 
ora il Sorel), è uno strumento metafisico: egli foggia una 
metafisica dell'economia. Questa espressione potrà o 
no piacere, secondo il vario senso che si dia alla parola 
«metafisica»; ma il pensiero è giusto e vero. Il Marx co- 



DKIXA TEORIA MARXISTICA. DEL VALORE 143 

sti'uisce un esperimento ideale, che gli serve a fare com- 
prendere le sorti del lavoro nella società capitalistica. 

Quali sono i termini dell'esperimento ideale del Marx, 
e in che consiste la sua ipotesi? Io avevo scritto che il con- 
cetto del valore-lavoro è vero per una società ideale, i cui 
soli beni consistano in prodotti di lavoro, e in cui non 
siano differenze di classi. Al Sorci non sembra necessario 
eliminare, come ho fatto io, la divisione delle classi. Ma, 
poiché egli scrive: «Il Marx concepisce, come il Ricardo, 
una società meccanica, perfettamente automatica, nella quale 
la concorrenza sia sempre al massimo di efficacia e gli 
scambi si effettuino in ragione di rapporti generali; ed imma- 
gina che le diverse qualità sociologiche abbiano intensità 
misurabili e che questi numeri possano essere collegati da 
formole matematiche; onde, in una simile società, l'utilità, 
il bisogno, l'uso dei prodotti sono conseguenze della 
divisione in classi e il valore perciò non sarà 
una funzione di questa qualità, laddove esso è ben 
funzione delle qualità di produzione; e l'utilità, il bisogno, 
non possono apparire se non nelle forme della funzione, nei 
parametri che si riferiscono alla divisione sociale», 
poiché egli, dico, non fa, nella sua ipotesi, dipendere il va- 
lore-lavoro dalla divisione delle classi, mi pare che ciò sia 
in sostanza un prescinderne effettivo. Ed è, forse, più 
chiaro prescinderne espressameTite. 

Avremmo dunque: i") Società economica lavoratrice senza 
differenze di classi. Legge del valore-lavoro, 2°) Divisione 
sociale delle classi. Origine del profìtto, il quale, solo in 
comparazione col tipo precedente e in quanto del 
primo si trasportino i concetti nel secondo, si può 
considerare sopravalore. 3°) Differenza tecnica tra le varie 
industrie richiedenti varia composizione di capitale (vario 
rapporto di capitale costante e variabile). Origine del saggio 
medio del profìtto, che, in confronto col tipo precedente, 



144 RECENTI INTERPETRAZIONl 

può considerarsi come una trasformazione ed egualizzazione 
dei sopra valori. 4°) Appropriazione della terra per parte di 
una classe sociale. Rendita assoluta. 5°) Diversità quali- 
tativa delle terre. Rendita differenziale. Le quali rendite^ 
assoluta e differenziale, solo in comparazione coi tipi pre- 
cedenti appariranno come ritagliate sulla massa dei sopra- 
valori o dei profitti. 

Il Sorel consente con me che, ottenutosi nel modo che 
si è descritto il concetto del valore-lavoro, questo concetto 
non solo non sia una legge nel senso di una legge fìsica, 
ma non sia una legge neanche in senso etico, ossia tale 
che debba intendersi come regola di ciò che dovrebbe es- 
sere. È una legge (egli dice) « in senso tutto marxistico » . 
Ciò anch'io cercai di esprimere quando scrissi nella mia 
Memoria: «E legge nella concezione del Marx, ma non 
già nella realtà economica. È evidente che noi possiamo 
concepire le divergenze rispetto a una misura come le ri- 
bellioni della realtà di fronte a quella misura, la quale ha 
ricevuto da noi dignità di legge » . 

Nell'errore d'interpetrare il concetto del Marx come una 
legge ideale o -etica ò caduto, a me pare, anche il giurista 
prof. Stammler nella sua opera: Diritto ed economia secondo 
la concezione materialistica della storia^. Egli è pienamente 
nel vero quando, respingendo il paragone del Kautsky tra 
il concetto del valore-lavoro e la legg^ di gravità (la quale 
si attua pienamente negli spazi vuoti d'aria, perchè la re- 
sistenza che questa oppone produce poi effetti speciali), so- 
stiene, che quella non è nulla di analogo a una legge fisica. 
Per lui, invece, la legge del Marx si giustifica (almeno for- 
malmente) come tentativo di ricerca di ciò che nei giudizi 
economici, posto l'ordinamento della società capitalistica, 



i Wirtschaft und JRecht ecc., pp. 266-8, 658-9. 



DELLA TEORIA MARXISTICA DEL, VALORE 145 

sia obiettivamente retto. I giudizi soggettivi possono 
dififerire; e ciò non toglie che debba esservi un criterio 
obiettivo, che dirima il diritto e il torto. Ma il campo eco- 
nomico può dar luogo mai a un criterio obiettivo? Chi 
ha inteso bene il principio deireconomia edonistica, deve 
rispondere di no. E se lo Stammler affaccia quel concetto, 
è perchè egli ha malamente negato carattere e ufficio ori- 
ginale all'attività economica e, di conseguenza, all'Eco- 
nomia in quanto scienza ^ 

Il Sorci crede che il procedimento del Marx abbia reso 
ormai i /servigi che poteva rendere, e non dia alcun aiuto 
nello studio, al quale bisogna accingersi, delle moderne con- 
dizioni economiche. Se non isbaglio, egli vuol dire che le 
speranze dei marxisti circa la fecondità del metodo del 
Marx si vanno mostrando vane; e che le pagine che quegli 
ha scritto nella storia della Economia sono press'a poco tutto 
ciò che da quel metodo si poteva cavare. Buona parte del 
terzo volume, in cui il Marx si comporta come un semplice 
economista classico, e la grama e stentata produzione della 
letteratura economica marxistica posteriore al Marx, sem- 
brerebbero comprovare col fatto il giudizio del Sorci. 

Ma, se a me pare opera salutare questa del Sorci nel 
cercare d' intendere e circoscrivere la portata delle ricerche 
economiche del Marx, non potrei giudicare allo stesso modo 
i tentativi d'altri per riformare le basi del sistema del Marx, 
non accettandone il metodo e parte dei risultamenti. Alludo 
a un libro recente del dottor Antonio Graziadei ^, eh' è stato 
molto discusso in questi ultimi mesi II Graziadei mira a 
dedurre il profitto indipendentemente dalla teoria del valore: 
via già indicata dal prof. Loria, e la cui fallacia dovrebbe 
apparire a primo sguardo cvidetite, senza aspettare che tale 



i Si veda il saggio IV. 

- La produzione capitalistica (Torino, Bocca, 1899). 

B. Crock, Materialismo storico. 



]46 KPJ(JENTi INTERPETRAZIONI 

venga provata dalla vanità del viaggio. Un'economia, nella 
quale si prescinda dal valore, è una Logica in cui si pre- 
scinda dal concetto, un'Etica in cui si prescinda dall'obbli- 
gazione, un'Estetica in cui si prescinda dalla espressione. 
Ma vediamo un po' come il Graziadei svolge il suo pensiero. 

Egli tenta, in primo luogo, di provare che nel Marx 
stesso la teoria del profìtto è sostanzialmente indipendente 
da quella del valore. Il profìtto (dice) consiste nel sopra- 
lavoro, ossia nella differenza tra lavoro totale e lavoro 
necessario; onde si può farlo nascere dal sopralavoro senza 
muovere dalla forma valore. Ma distrugge egli stesso 
questa argomentazione, quando più oltre (p. 10) obbietta, 
che, se il lavoro non è lavoro produttivo, non dà luogo a 
profìtto. Appunto perciò (rispondiamo noi), per essere in 
grado di parlare di lavoro che sia produttivo, il Marx do- 
veva muovere dal valore; e appunto perciò, nel pensiero 
del Marx, teoria del profìtto e teoria del valore sono indis- 
solubilmente connesse. 

Quanto al costruire esso, con sua responsabilità, una 
teoria del profìtto che sia indipendente da quella del valore, 
il Graziadei vi riesce in modo molto curioso: con lo scan- 
sare, cioè, accuratamente le parole «valore» e «lavoro», 
e col parlare invece solamente di «prodotto». Il profìtto, 
secondo lui, non nasce dal sopralavoro o dal sopravalore, 
ma dal sopraprodotto; sicché si può, e si deve, nella teoria, 
partire dal concetto di prodotto e mettere da banda il va- 
lore, eh' è formazione superficiale, dell'ultimo stadio, del 
mercato. 

Sopraprodotto! Ma il sopraprodotto in tanto è soprapro- 
dotto economico in quanto è un valore. Certo, il capi- 
talista che paghi il salario in natura, e, nel riprendere i 
beni da lui anticipati, si appropri anche l'altra parte del 
prodotto (sopraprodotto), può, invece di portare questa sul 
mercato, consumarla esso direttamente (come nell'ipotesi 



DELLA TEORIA MARXISTICA DEL VALORE 14:7 

del Graziadei). ]\Ia che il prodotto non venga portato sul 
mercato non vuol già. dire che non abbia valore di scam- 
bio: tanto vero che il capitalista l'ha ottenuto per mezzo 
di uno scambio tra lui e il lavoratore, e perciò l' ha va- 
lutato in qualche modo. 

Ed eccoci daccapo alla teoria del valore, alla quale si 
era cercato invano di sfuggire. Anzi, poiché il Graziadei 
considera esclusivamente l'economia del lavoro, eccoci 
daccapo al qpncetto preciso del Marx del valore-lavoro'. 

Il libro del Graziadei contiene anche talune correzioni 
alle particolari teoriche del Marx sul profitto e sui salari. 
Senonchò mi sia lecito notare che le correzioni, per dirsi 
tali, dovrebbero concernere i principi direttivi e i concetti 



i Permetta il Graziadei ch'io noti che non è la prima volta ch'egli 
fa scoperte, che sono poi equivoci. Alcuni anni fa, dibattendosi nella 
rivista La Critica sociale una polemica sulla teoria della formazione 
del profitto nella dottrina del Marx, il Graziadei (voi. IV, n. 22, 
16 novembre 1894, p. 348) scriveva: «Noi possiamo benissimo ideare 
una società, in cui, non ^ià col sopraiavoro, ma col non lavoro 
esista il profitto. Se, infatti, tutto il lavoro compiuto ora dal- 
l'uomo fosse surrogato dall'opera delle macchine, queste, con una 
quantità di merci relativamente piccola, ne produrrebbero una quan- 
tità enormemente maggiore. Ora, dato un assetto capitalistico della 
società, questo fatto tecnico offrirebbe la base al fatto sociale, che 
la classe dominante, potendo godere per sé sola la differenza tra il 
prodotto ed il cousvimo della macchina, verrebbe a disporre di una 
eccedenza di prodotti sul consumo dei lavoratori, cioè di una so- 
vraproduzione, cioè di un profitto, molto più considerevole di quanto 
alla produzione concorreva ancora la debole forza muscolare del- 
l'uomo». Ma qui il Graziadei dimenticava di spiegare come mai po- 
trebbero esistere lavoratori, ed ottenersi profitto dal lavoro in 
una società ipotetica, fondata sul non lavoro e in cui tutto il 
lavoro, gi'i compiuto dall'uomo, verrebbe compiuto dalle macchine. 
Che cosa farebbero ivi i lavoratori? L'opera di Sisifo o delle Danaidi? 
Nella sua ipotesi, i proletari o sarebbero mantenuti per carità della 
classe dominante o finirebbero per isparire rapidamente, distrutti 
dalla fame. Che se poi egli intendeva che le macchine producessero 
automaticamente beni esuberanti per gli uomini tutti di quella so- 
cietà, in tal caso faceva la semplice ipotesi del Paese di Cuccagna. 



148 RECENTI INTERPETRAZIONI ECC. 

scientifici. I nuovi fatti, che si vengano osservando, non 
infirmano una teoria solidamente stabilita per mezzo del- 
l'analisi degli elementi; sebbene sia naturale che, col can- 
giare delle condizioni di fatto, sorga una nuova casistica, che 
il ]Marx non poteva considerare. Per quanto egli, nella sua 
varia e lunga vita di scrittore e di agitatore politico, abbia 
fatto talvolta previsioni dimostratesi in prosieguo fallaci, 
non credo abbia mai preteso (come quel tale «sguaiato» 
Giosuè) « fermare il Sole » . 



VI 

UNA OBIEZIONE ALLA LEGGE MARXISTICA 

DELLA CADUTA DEL SAGGIO DI PROFITTO 



Questa legge è esposta nella terza sezione del libro terzo 
(postumo) del Capitale. Poche critiche sono state fatte in- 
torno ad essa, le quali variano da quella del Sombart, che la 
dichiara svolta « nel modo più splendido » {in glanzendsier 
Weisé) a quella del Loria, che la definisce « un colpo di pistola 
della metafisica {sic) d'oltre Reno », e crede di abbatterla con 
obiezioni, in verità, affatto improprie: altri hanno opinato 
che la legge sia bensì vera, ma spieghi solo in parte il fatto 
della caduta del saggio di profitto e convenga integrarla con 
altre leggi già note all'economia classica. Ma i piìi di coloro, 
che si sono occupati delle dottrine economiche del Marx, 
non l'hanno indagata in nessun modo; rigettandola gli av- 
versari (come il Bohm Bawerk), implicitamente, col riget- 
tare i principi fondamentali del Llarx; accogliendola i mar- 
xisti, segnatamente tedeschi, umili o proni, senza discutere, 
con quella mancanza di libertà e di originalità mentale, che 
si osserva in tutta la loro letteratura. 

L'esame, che qui se ne tenta, è fatto sulla base stessa 
delle dottrine del Marx, ossia è condotto col presupposto 
che si ammettano i fondamenti di quelle dottrine, e quindi 
la premessa del valore-lavoro, la distinzione tra capitale co- 
stante e capitale variabile, la considerazione del profitto 
come nascente dal sopravalore, e del saggio medio di 



150 UNA OBIEZIONE ALLA LEGGE MARXISTICA 

profitto come nascente dall'agguagliamento dei vari saggi di 
sopravalore per opera della concorrenza. Vero è che tutte 
queste cose io le ammetto in un certo senso, che non è 
il senso dei volgari marxisti, in quanto cioè si riguardino 
non come leggi realmente operanti nel mondo econo- 
mico, ma come risultamenti di considerazioni com- 
parative tra varie forme possibili di società eco- 
nomiche. Ma tale riserva, che concerne una questione da 
me discussa a lungo altrove ^ non ha quasi nessun elTetto 
nel presente esame, le cui conclusioni sarebbero presso a 
poco le stesse, anche quando quelle teorie del Marx si pren- 
dessero nel senso che io credo erroneo. Si tratta qui, non 
più di determinare e delimitare esattamente i concetti fon- 
damentali del Marx, ma di vedere se da quei concetti, anche 
intesi nel modo corrente, possa mai in alcun modo dedursi 
la legge della caduta del saggio di profitto. La qual 
cosa a me non pare. 

La legge è stata dal Marx ricavata dalla considerazione 
degli effetti economici dei progressi tecnici. Il Marx afferma 
che il progresso tecnico accresca la grandezza e cangi la 
composizione del capitale complessivo, facendo crescere la 
proporzione del capitale costante rispetto al variabile, co- 
sicché per tal modo venga a diminuire il saggio di profitto; 
il quale si genera, com'è noto, dal sopravalore, prodotto dal 
capitale variabile, diviso pel capitale complessivo. Egli si 
figura così il fatto. Accade un progresso tecnico; si foggiano 
nuove macchine, che prima non esistevano. Il capitale, im- 
piegato nella produzione, è stato finora, supponiamo, com- 
plessivamente, di 1000, ripartito in 500 e. e 500 v., ed impie- 
gante 100 lavoratori : il sopravalore = 500, ossia il saggio di 

esso al 100 %; e quindi il saggio di profitto del — — = 50 "/V 



1 Si vedano i saggi III e V. 



DELLA CADUTA DEL SAGGIO DI PROFITTO lÓl 

Per effetto del progresso tecnico e della costruzione di nuove 
macchine, i 100 lavoratori, che sono mantenuti dal capitale 
variabile di 500, restano sempre impiegati nella produ- 
zione; ma, affinchè ciò sia possibile, dovranno mettere 
in movimento un capitale costante più grande, che sup- 
porremo di 200 maggiore dell'antico. Onde si avrji, per 
effetto del progresso tecnico, un capitale complessivo di 
1200 = 700 e. +500?;.; e, restando immutato il saggio del 

500 
sopravalore nel 100" „, il saggio di profìtto sarà di = 

circa 41 7o> ossia sarà disceso dal 50 "/o al 41 'Vu- Dunque, 
decadenza necessaria del saggio di profìtto sotto l'ipotesi 
del progresso tecnico. Ma questa ipotesi è il fatto reale, 
di tutti i giorni, della società capitalistica moderna. Dunque, 
decadenza effettiva del saggio medio di profìtto nella 
società capitalistica moderna. Ma questa legge .è piìi o meno 
attraversata da altri fatti, più o meno transitoriamente 
controperanti. Dunque, caduta soltanto tendenziale. 

Perchè il nostro esame riesca chiaro, è anzitutto neces- 
sario scindere i due gruppi di fatti, o i due stadi della mede- 
sima società capitalistica, che il Marx fonde insieme ed ab- 
braccia in una sola guardata alquanto confusa. 

Il primo stadio è dato dal fatto puro e semplice di un 
progresso tecnico. Ora il progresso tecnico, tra i suoi effetti 
logici, 0, eh' è lo stesso, necessari, non ha punto quello di 
un aumento nella grandezza del capitale complessivo. impie- 
gato, e neanche l'altro di lasciare immutata la grandezza 
del capitale complessivo. Ha anzi, per effetto necessario e 
immediato, proprio l'opposto: cioè quello di restringere 
il capitale impiegato. (Non occorre avvertire che qui 
siamo in scienza economica, e aumento e diminuzione si 
riferiscono sempre a valori economici). Nella sua for- 
mola più semplice, supponendo costante la quantità degli 
oggetti prodotti (200 scarpe sono richieste, e non c'è ragione 



152 UNA OBIEZIONE ALLA LEGGE MARXISTICA 

di aumentarne la produzione), il progresso tecnico consi- 
sterà, puramente e semplicemente, in un risparmio di spesa 
sociale: stessa produzione con minore spesa. E poiché ogni 
costo, nell'ipotesi del Marx, ài risolve in lavoro sociale, si 
avrà: stessa produzione con minor lavoro sociale. Se non 
fosso così, non varrebbe la pena d'introdurre quell'innova- 
zione tecnica; si avrebbe, economicamente, non già un pro- 
gresso, ma lo status quo ante o un regresso. Non dobbiamo 
considerare gli altri effetti che sorgerebbero per aumento di 
produzione, maggior consumo, crescere di popolazione, ecc.: 
fatti estranei e sopraggiunti che qui non ci riguardano, 
avendo noi da fare col solo fatto del progresso tecnico, tutte 
le altre condizioni restando immutate. E, in tal caso, non 
possiamo simboleggiare il progresso tecnico con la serie cre- 
scente che il Marx adopera, di capitali complessivi di 150, 
200, 300, 400, 500, ecc., ma con quella, decrescente, di 150, 
140, 130, 120, 110, ecc. E, per restare nell'esempio addotto 
di sopra, ponendo che l'avvenuto progresso tecnico abbia 

fatto diminuire — del complessivo lavoro sociale richie- 
10 ^ 

sto, avremo, in luogo dell'antico capitale di 1000, un ca- 
pitale di 900, composto non più di 500 e. + 500 f., ma di 
450 e. -j-450u. (La diminuzione deve affettare proporzional- 
mente tutte le parti del capitale, giacché tutto è, in ultima 

analisi, prodotto di lavoro). Dei 100 antichi lavoratori, — . 

ossia 10 di essi, resteranno disoccupati: una frazione del- 
l'antico capitale resterà disoccupata: la quantità (o utilità) 
dei beni che si produrranno resterà la medesima ^ 



1 Supponiamo qui già percorsa uua serie di peiùodi produttivi che 
basti a rinnovare l' intero capitale complessivo coi nuovi prdcedimenti 
tecnici. È chiaro, per altro, che, rinnovandosi il capitale in porzioni 
successive, in un primo stadio fungono, come capitale, beni il cui 
costo di riproduzione non risponde più al primitivo costo di prò- 



DELLA CADUTA DEL SAGOIO DI PROFITTO 153 

Corretta così la descrizione del fatto, non vi ha dubbio 

che il pili piccolo capitale complessivo impiegato, restando 

da una parte immutato il saggio di sopravalore e dall'altra 

più non lavorando 10 degli antichi lavoratori, assorbirebbe 

una massa di sopravalore di 450. Ma non per questo il saggio 

di profitto ne verrebbe alterato ; o meglio, appunto per ciò 

il saggio di profitto non potrebbe esserne alterato, e si espri- 

, , . 450 / . 500 \ 

merebbe in ^^ I come prima m — ^ — 1, ossia sarebbe, come 
900 \ ^ 1000/ 

prima, del 50 7o- 

Tale caso semplicissimo non ci dà, dunque, la legge del 
Marx, ma l'altra: «Il progresso tecnico, tutte le altre con- 
dizioni restando immutate, fa diminuire la massa (non il 
saggio) dei sopravalori e dei profitti ». Questa legge ha 

per ipotesi che quel — di lavoratori, rimasto disoccupato, 

sia diventato assolutamente superfluo: quei 10 lavoratori 
saranno ormai pezzenti oziosi mantenuti dalla carità altrui, 
o periranno di stenti, o emigreranno — in un nuovo mondo. 
Di essi, sarà quel che sarà. La produzione sociale resterà 
al livello di prima, in grazia del progresso tecnico, pur 
facendo a meno del loro concorso. Questa l'ipotesi. Ma, data 
questa ipotesi, qual'è l'importanza della legge? Per vederci 
chiaro, basterà spingere ancora, com'è nostro diritto, l'ipo- 
tesi, e supporre che, continuando il progresso tecnico, diventi 

via via superfluo l'impiego non solo di — -, ma di—-, di 

— , di — , di 1 lavoratori, ossia che l'impiego di lavo- 
3 2 

ratori tenda a diventare = 0. In questo caso, la società 



duzione, ossia il cui valore sociale attuale non risponde più all'an- 
tico. Ma considerare i singoli stadi sarebbe qui inutile complica- 
zione. 



154 UNA OBIEZIONE ALLA LEGGE MARXISTICA 

capitalistica sarebbe, come tale, bella e finita, perchè 
sarebbe finita Futilità del lavoro, sopra la quale essa si 
fonda. Dove non c'è nulla, il re perde i suoi diritti; e dove 
il lavoro non ha utilità, il capitale perde i suoi. Gli ex-capi- 
talisti non avrebbero piti operai da sfruttare; si sarebbero 
mutati in possessori di fonti automatiche di ricchezza: come 
quei fortunati mortali delle fiabe, arricchiti di coltelli fa- 
tati, di lucerne prodigiose, di giardini producenti con foga 
instancabile e spontanea ogni ben di Dio. In altri termini, 
la legge qui si risolve in una vuota generalità. 

Ma il Marx non si trastullava in codeste generalità vuote 
e nelle congiunte fantasie, e voleva proprio determinare la 
legge organica delle variazioni del saggio di profitto. Infatti, 
egli (come si è visto nell'esempio recato) non suppone punto 
che la forza di lavoro diventi superflua; ma anzi che i la- 
voratori trovino nuovo impiego col crescere del primitivo 
capitale costante. Avvenuto il progresso tecnico, anche la 
produzione è cresciuta; e questo secondo stadio egli con- 
sidera. I 100 lavoratori lavorano ancora tutti 100, il capi- 
tale costante con cui lavorano è dovuto crescere da 500 a 
700, e il complessivo è quindi diventato di 1200. La legge 
ch'egli ne deduce, della caduta del saggio di profitto (nel- 
l'esempio, dal 50 "^ al 41%), si presenta con la gravità e 
l'originalità di una scoperta scientifica. Tutto sta a vedere, 
se della scoperta scientifica abbia poi — la verità. 

Il nerbo della dimostrazione del Marx è nella proposi- 
zione: che i lavoratori, che dovrebbero restare disoccupati, 
trovino invece impiego, ma con un capitale cresciuto di 
un tanto (= 200) sul primitivo. E esatta questa proposi- 
zione? In qual modo il Marx la giustifica? 

A questa proposizione fondamentale si riferisce la mia 
obiezione, altrettanto fondamentale; la quale, se ammessa, 
viene a negare nel modo più radicale la verità della 
legge marxistica. Esprimo tuttavia il mio pensiero sotto 



DELLA CADUTA DEL SAGGIO DI PROFITTO 155 

forma di obiezione e di dubbio, perchè, trattandosi di un 
I)ensatore del grado del Marx, bisogna proceder cauti, e 
ricordarsi (come io non me ne scordo) che parecchie volte 
errori a lui addebitati si sono chiariti equivoci degli av- 
versari. 

Per quale ragione (domando) i 10 lavoratori disoccupati, 
per essere di nuovo impiegati, avrebbero bisogno di un capi- 
tale costante maggiore del primitivo? 

Il progresso tecnico non ha fatto diminuire l'utilità 
naturale della produzione (anzi, nella nostra ipotesi, non 
l'ha fatta neanche crescere, e l'ha lasciata immutata); ma 
ne ha diminuito solo il valore. Si avranno, dunque, col 
progredito ordinamento tecnico, materie grezze, strumenti, 
oggetti di vestiario, mezzi di alimentazione, ecc., della stessa 
complessiva naturale utilità di prima. Il valore economico 
di tutti questi prodotti è diminuito, perchè in essi (per ser- 
virci della metafora prediletta del Marx) è conglutinata 
minore quantità di lavoro, ossia vi è in meno il lavoro 
di 10 lavoratori. Ma, sotto l'aspetto della potenzialità a 
soddisfare bisogni, le materie grezze, gli strumenti, i capi 
di vestiario, i mezzi di alimentazione, ecc., stanno, per 
virtù del progresso tecnico, allo stesso grado di prima. Se, 
dunque, capitalisti ed operai saranno restati sobri quanto 
prima, e il loro livello di vita non si sarà elevato (e ciò 
è nell'ipotesi), la produzione offrirà, come prima, mezzi 
d'impiego e mezzi di sussistenza pei 10 lavoratori restati 
disoccupati. Rioceupandoli, ossia mantenendoli con gli an- 
tichi mezzi di sussistenza, e facendoli lavorare sulle antiche 
materie grezze o sui nuovi prodotti, i capitalisti verranno 
ad accrescere la loro produzione, o (eh' è lo stesso) ver- 
ranno a migliorarne la qualità. Ma, poiché noi sappiamo 
che economicamente il valore di quel capitale è diminuito, 
si avrà che un capitale economicamente minore assor- 
birà le stesse forze di lavoro di prima, ossia la stessa 



lóti UNA OBIEZIONE ALLA LEGGE MARXISTICA 

massa di profitto; e massa di profitto eguale con capi- 
tale complessivo minore siguitìca saggio di profitto cre- 
sciuto. Proprio l'opposto di ciò che il Marx aveva creduto 
di poter dimostrare. 

Tornando al semplicissimo esempio nostro, i 10 lavora- 
tori troveranno impiego con un capitale, che, come uti- 
lità, è restato lo stesso, ma economicamente è disceso a 
900. 11 che significa, che il saggio di profitto è cresciuto 

500 500 . , , _^ , . ., ._ „ ^ 

da a ossia dal oO "'„ a circa il 5o 'o- Quanto al 

1000 900 . ' ^ 

saggio del sopra valore, esso, essendosi ridotto l'intero va- 
lore del capitale complessivo, dovrà calcolarsi non più. 

500 
come prima del progresso tecnico, in ^ , né come nel 

oOO 

primo stadio da noi considerato (in cui il progresso tecnico 

abbia resa assolutamente superflua una parte del lavoro) 

in , ma in ^^ , ossia non sarà più del 100 Vn ma sarà 

450' 450' ^ '** 

salito al 111 ° \, circa. 

A questa mia obiezione non ho trovato risposta né espli- 
cita né implicita nell'opera del Marx. Solo in un punto, 
dove egli parla delle cause controperanti, e propriamente 
della sovrapopolazione (cap. XIV, § IV), accenna al caso 
che forze di lavoro possano rimpiegarsi con capitale co- 
stante minimo. Si può dire che qui il Marx sia passato 
accanto all'obiezione senza urtarvi, ossia senza acquistar 
coscienza dell'importanza di essa. E, se vi fosse urtato, 
dubito che l'avrebbe spezzata e spazzata via; e credo piut- 
tosto, che la sua teoria ne sarebbe andata in frantumi. 

Prevedo ciò che si potrebbe dire: — Voi avete supposto 
che, col progresso tecnico, resti disoccupato non soltanto 
un numero di lavoratori, ma anche una frazione dell'an- 
tico capitale complessivo, ossia di mezzi di produzione e di 
mezzi di sussistenza; e, quando i lavoratori si rimpieghe- 



DELLA CADUTA DEL .SAGGIO DI PROFITTO 157 

ranno, è vero che nel nuovo ciclo produttivo non si ag- 
giungeranno alle antiche frazioni altre frazioni di capi- 
tale disoccupato, ma perciò appunto la quantità della pro- 
duzione che ne verrà faori sarà aumentata, e nel seguente 
ciclo produttivo si aggiungerà una frazione anche maggiore 
di capitale disoccupato, se pure non si continuerà nel rini- 
piego dei 10 lavoratori, nel qual caso la frazione disoccu- 
pata sarà piìi piccola, ma l'aumento diventerà costante. Ora 
tutti questi mezzi di produzione e di sussistenza non sa- 
ranno consumati (o saranno consumati in parte e in parte 
l'isparmiati) dalla classe capitalistica; e quindi si avrà una 
crescente accumulazione. Le somme di beni risparmiate, 
per la spinta dell'interesse economico, non resteranno inu- 
tili nei magazzini o nelle casseforti; ma saranno gittate 
sul mercato come capitali chiedenti impiego. Ciò farà au- 
mentare il saggio dei salari, e quindi avrà efficacia diminu 
trice sul saggio del profitto. — Benissimo: ma in tal caso 
siamo fuori della legge del Marx, L'agente, che qui si 
considera, non è più il progresso tecnico per se preso, ma 
il risparmio, il quale potrà essere, come si dice, favorito 
dal progresso tecnico, ma non si può da questo dedurre; 
tanto è vero che, facendo il caso di capitalisti gaudenti, 
il risparmio, nonostante il progresso tecnico, non avrebbe 
luogo. E come il progresso tecnico favorisce il risparmio, 
cosi questo, in sèguito, favorisce, per mezzo dell'aumento 
dei salari, l'accrescimento della popolazione; e quindi la 
riduzione dei salari, e di nuovo il riateo del saggio di pro- 
fitto. Senonchè, quando entrano in iscena il risparmio e 
l'aamento della popolazione, siamo già nell'ambito della 
legge della domanda e offerta, ossia della comune e accettata 
economia, che il Marx disprezzava come volgare, e in odio 
alla quale aveva escogitato la legge della caduta del saggio 
di profitto dedotta dalla più alta composizione del capitale 
per effetto del progresso tecnico. Credo anch'io che soltanto 



158 UNA OBIEZIONI!} ALLA I-EGOB MARXISTICA 

l'ovvia legge della domanda e offerta spieghi le variazioni 
del saggio di pi'ofitto; ma ricorrere ad essa è non già di- 
fendere la tesi del Marx, sibbene rifermarne la condanna. 

Comunque si consideri, cotesta tesi a me pare insosteni- 
bile; e anche più insostenibile se, lasciando per un momento 
in disparte i ragionamenti a ili di logica e i calcoli aritme- 
tici, guardiamo con la limpida intuizione del buon senso. 
Ecco qui (per seguire la rigida ipotesi scliematica del Marx) 
da una parte una classe capitalistica, e dall'altra una classe 
di proletari. Che cosa fa il progresso tecnico? Moltiplica 
la ricchezza nelle mani della classe capitalistica. Non è in- 
tuitivamente chiaro che, per effetto del progresso tecnico, 
i capitalisti potranno, con l'anticipo di beni che valgono 
sempre meno, ottenere gli stessi servigi, che ottene- 
vano prima dai proletari? E che quindi il rapporto tra valore 
di servigi e valore di capitale si altererà con prevalenza 
del primo valore, ossia che il saggio di proiltto crescerà? 
Con l'anticipo di beni (capitale), che prima si riprodu- 
cevano con 5 ore di lavoro ed ora si riproducono con 4, 
l'operaio lavora sempre 10 ore. Prima con 5 si aveva 10: 
ora con 4 si ha egualmente 10. La spugna costa meno; ma 
la quantità d'acqua, di cui s'imbeve, è la stessa. Come 
il Marx ha potuto immaginare che col progresso tecnico 
cresca sempre la spesa dei capitalisti, in modo che, pro- 
porzionalmente, il profitto resti in perpetua minoranza e 
finisca col fare, di fronte alla spesa complessiva, una ine- 
schinissima figura? • 

L'errore del Marx è stato di aver attribuito inavvedu- 
tamente un valore maggiore al capitale costante che, 
dopo il progresso tecnico, vien messo in movimento dagli 
stessi antichi lavoratori. Certo, chi guardi una società in 
due stadi successivi di sviluppo tecnico, potrà trovare, nel 
secondo stadio, maggior numero di macchine e d' istrumenti 
d'ogni genere. Ciò riguarda la statistica e non l'eco- 



DELLA CADUTA DKL SAGGIO DI PllOFlTXO 159 

nomia. Il capitale (e ciò il Marx sembra avere per un 
momento dimenticato) non si misura dalla sua fisica esten- 
sione, ma dal suo valore economico. Ed economicamente 
quel capitale (supposte costanti tutte le altre condizioni) 
deve valer meno; altrimenti, il progresso tecnico non 
avrebbe avuto luogo. 

A spiegare l'errore del Marx potrebbe valere il fatto, 
che il terzo libro del Capitale è un'opera postuma, di cui 
alcune parti sono appena abbozzate, tra cui questa della 
Legge del saggio di profitto; la quale, inoltre, non appar- 
tenendo allo «stabilimento dei principi», ma essendo con- 
seguenza e applicazione, non fu forse maturata al modo 
stesso della parte fondamentale o centrale della dottrina '. 
È probabile che l'autore, se fosse potuto tornare sul suo 
abbozzo, l'avrebbe profondamente modificato o addirittura 
distrutto. Ma forse dello strano errore si potrebbe trovare 
anche qualche ragione interna, nell'avere il Marx sempre 
abusato del metodo comparativo, al quale ricorreva senza 
rendersi pieno conto del proprio procedere. E si potrebbe 
dire che, come già nelle sue precedenti indagini aveva per- 
petuamente trasportato il valore-lavoro di un'ipotetica so- 
cietà alla reale società capitalistica, così nella nuova que- 
stione è stato tratto a valutare il capitale tecnico di una 
società pili progredita alla stregua del valore di quello di 
una società meno progredita. Qui, nell'assurdo tentativo, 
il metodo gli si è spezzato tra le mani. 

Avendo noi combattuto il fondamento stesso della legge 
marxistica, ci pare affatto superfluo proseguirne gli svol- 
gimenti ulteriori, che ci avanzano in forma ben poco ela- 
borata. Basti notare che in quegli svolgimenti, come in gene- 



1 Spetta alla parte fondamentale l'esposizione del processo pel 
quale sorge il saggio medio di pi-ofitto, eh' è nel terzo libro del CV 
23Uale, e che il Marx dovè pensarle insieme coi capitoli fondamentali 
del primo libro. 



160 UNA OBIEZIONE ALLA LEGGE MARXISTICA 

rale in tutto il Capitale, vi ha una continua mescolanza di 
deduzione teorica e di descrizione storica, di nessi logici e 
di nessi di fatto. 11 difetto, per altro, si risolve, in questo caso, 
in un vantaggio; perchè molte osservazioni che fa il Marx, 
intese come descrizioni storiche di ciò che accade di solito 
nella società moderna, potranno ritrovarsi vere, ed esser 
salvate dal naufragio teorico della legge, con la quale, per 
fortuna, sono d(^bolmente connesse. E anzi, sarebbe il caso 
di far tale indagine per la stessa parte da noi combattuta : 
ossia domandarsi quali fatti, da lui realmente osservati, po- 
terono spingere il Marx a costruire la sua legge, ossia a dar 
di quelli una spiegazione, eh' è teoricamente inammissibile. 

Somma era l'importanza che il Marx attribuiva alla sco- 
perta della legge della caduta del saggio di profitto. 
Era qui per lui « il mistero intorno a cui si era travagliata 
tutta l'Economia politica da Adamo Smith in poi»; e nei 
vari tentativi di soluzione del problema vedeva la ragione 
delle divergenze delle varie scuole economiche. Lo smar- 
rimento del Ricardo innanzi al fenomeno del progressivo 
decrescere del saggio di profitto gli sembrava nuovo do- 
cumento della serietà di quell'intelletto, che scorgeva l'im- 
portanza vitale del fatto per la società capitalistica. Che 
la soluzione non ne fosse stata scoperta fino a lui, Marx, 
gli pareva bene spiegabile, considerando che l'Economia 
politica aveva fin'allora cercato a tentoni, senza riuscire a 
formolarla, la differenza tra capitale costante e capitale 
variabile; che non aveva saputo esporre il sopravalore di- 
stinguendolo dal profitto, né il profitto nella sua purità, in- 
dipendentemente dalle sue singole frazioni in lotta tra loro ; 
e che, finalmente, non aveva saputo analizzare a fondo la 
diversità nella composizione organica del capitale, e, molto 
meno, la formazione del saggio generale del profitto. 

Rigettata ora la sua spiegazione, due questioni si pre- 
sentano. La prima concerne il fatto asserito e pel quale 



DELLA CADUTA DEL SAGGIO DI PROFITTO 161 

occorre dimostrare se davvero sia e come. È accertato un 
graduale abbassamento nel saggio di profitto? E in quali 
paesi e tra quali circostanze? — La seconda concerne le 
eause storiche; perchè, se la ragione economica del fatto 
abbiamo visto che non può essere se non una sola (la legge 
della domanda e offerta), le forme storiche possono essere 
parecchie, varie secondo i vari casi. E l'abbassamento del 
Sàggio di profitto può accadere per un aumento nominale 
dei salari a cagione della crescente rendita della terra; 
come può accadere per un aumento effettivo dei salari a 
cagione del più forte collegamento della classe operaia; 
come può accadere per un aumento anche effettivo dei sa- 
lari in conseguenza del risparmio e della crescente accu- 
mulazione, che moltiplichi i capitali in cerca di impiego, 
(^•uesta indagine si deve fare senza predisposizioni ottimi- 
stiche o pessimistiche, apologetiche o polemiche; nel che 
gli economisti hanno sovente peccato. Gli orecchianti, d'al- 
tra parte, si sono impadroniti dei risultamenti di ristrette 
e condizionate ricerche, ora per cantare un inno alla forza 
spontanea del progresso, che a poco a poco far;\ sparire i 
capitalisti o ridurrà l'interesse al mezzo per 100; ora per 
fare inorridire gli ascoltatori sopra uno spettacolo non meno 
fantastico, dei proprietari di terre, soli padroni di tutti i 
beni della società! '. 

Maggio 18S9. 



1 E il caso contemplato dal Ricardo, nel celebre § 44 del capitolo 
VI, On profits. Il Marx sembra dare a questo caso poca importanza, 
avendo piena fede negli incessanti progressi tecnici delPagricoltura, 
per non parlare delle altre cause controperanti. Bisogna aggiungere 
che egli, in conformità della legge che credeva avere stabilita, so- 
stiene che anche la rendita della terra ha una tendenza a cadere, 
ancorché possa crescere la sua massa o la sua proporzione rispetto 
al profitto industriale: si veda voi. Ili, 2234. 



B. Croce, Mctcrialismo storico. 



VII 
MARXISMO ED ECONOMIA PURA 



Il prof. V. Racca, nella recensione dei miei saggi mar- 
xistici, pubblicata nell'ultimo fascicolo della Bivista ita- 
liana di Sociologia *, mi rimprovera di non aver il coraggio 
di abbandonare puramente e semplicemente la teoria del 
valore del Marx, e di essere in ciò illogico. Ma io, sin dalla 
prima volta che ho toccato della questione (in nota allo 
scritto sul Loria), non ho fatto altro se non ripetere che la 
teoria del Marx «non è una teoria del valore», e che la 
teoria scientifica del valore non può trovarsi se non nell'in- 
dirizzo puristico o « austriaco » che si voglia dire. Non ho, 
dunque, bisogno di «abbandonare» la teoria del valore del 
Marx, perchè non l'ho mai riconosciuta come tale. 

Il Racca dice anche che io intendo valermi dei presup- 
posti dell'economia pura per ispiegare il sopravalore e altret- 
tali concetti che l'economia pura nega. Io ho scritto: «So- 
pravalore in pura economia è una parola priva di senso, 
come è mostrato dalla denominazione stessa; giacché un 
sopravalore è un extravalore, ed esce perciò fuori del 
campo della pura economia » {Per la interpetrazione e la 



' Cfr. V. Racca, Recenti interpetrazioni del marxismo, nella Rivista 
italiana di Sociologia^ anno III, fase. IV, p. 476 e sg. 



164 MARXISMO ED ECONOMIA PURA 

crìtica, ecc., v. questo voi., p. 68). E potrei citare almeno 
altri dieci passi dei miei scritti, in cui si ribadisce questa 
affermazione. Dunque, non solo non intendo valermi dei 
presupposti dell'economia pura, né fare del sopravalore un 
concetto di economia pura; ma dico anzi, espressamente, 
che, per intendere il pensiero del Marx, bisogna uscire 
dall'economia pura. 

Ciò che non mi rassegno ad accettare (e forse qui si 
trova il punto di dissenso tra il Racca e me) è la pregiu- 
diziale: — che quello che non cape nell'economia pura 
non debba nemmeno discutersi. — Lascio ai signori De Mo- 
linari e compagni la parola, che vorrebbe parer modesta ed 
è orgogliosa, da essi adoperata di solito innanzi al Marx: 
«Non capisco!», — con l'aggiunta sottintesa: ciò che noi 
non comprendiamo a primo tratto non è degno di esistere. 
Il punto d'onore intellettuale deve consistere nel riflettere 
tanto sulle cose che non si capiscono, da finire col capirle. 
E criticare uno sproposito è capirlo: altrimenti, lo spropo- 
sito ci resta di sopra, come una forza indomata. D'altra 
parte, non si vuol negare che vi siano pretese dottrine scien- 
tifiche, consistenti in puri e semplici errori ; ma che quelle 
del Marx appartengano a siffatto ordine, mi permetto di 
dubitare. Anche a giudicare solo per indizi, non è facile 
persuadersi che dottrine che hanno avuto e hanno tanti 
seguaci, e che tanto hanno affaticato e continuano ad affa- 
ticare gli avversari, non contengano la loro parte di vero; 
che un uomo come il Marx, di cui basta leggere qualche 
pagina per avvedersi subito di aver che fare con un intel- 
letto sopra dell'ordinario, abbia totalmente, ossia volgar- 
mente, spropositato in ciò eh' è stato il compito scientifico 
della sua intera vita. Sarà; ma non bisogna essere corrivi 
a crederlo. Sono, codesti, segni esterni, che non bastano per 
un giudizio definitivo; ma che dovrebbero pur bastare a 
rendere guardinghi. 



MARXISMO ED ECONOMIA PURA 165 

Essendomi messo, dunque, a studiare, con piena libertà, 
sebbene col presentimento che non si trattasse in nessun 
caso di un errore volgare, la dottrina economica del Marx, 
sono venuto alla conclusione, che in essa sono mescolati 
vero e falso. Non ripeterò qui le lunghe esposizioni che ho 
già dato di questo mio giudizio; ma dirò in breve e per 
accenni che l'aspetto di vero consiste, a mio parere, nel- 
l'avere il Marx richiamato fortemente alla coscienza la con- 
dizion alita sociale del profìtto: di che lacrime grondi 
e di che sangue quel profitto, che nelle unilaterali e forma- 
listiche esposizioni di coloro ch'egli chiamava i « commessi 
viaggiatori del liberismo » pareva quasi nascesse per virtù 
miracolosa, insita nel capitale. Riportare alla cb scienza 
non è scoprire una legge scientifica: è, semplice- 
mente, riportare alla coscienza. Perciò appunto ho applau- 
dito alle giuste parole del Sorel: che la legge del Marx «non 
ispiega scientificamente », ma semplicemente «rischiara». 
Il procedimento, del quale il Marx fa uso a questo fine, è 
stato da me definito procedimento comparativo: parola 
alla quale do importanza, perchò mi par che indichi il 
punto essenziale. Quanto alla parte fallace, essa consiste 
nell'aver dato il Marx qua e là, al procedimento compara- 
tivo, valore di spiegazione scientifica, e nell'avere preteso di 
soppiantare, coi risultamenti di esso, la vera e propria teoria 
economica (diremo così, per intenderci, dell'economia pura). 



II 



Il Racca ricorda di avermi invitato, nel Giornale degli 
economisti, a dimostrargli che il Marx la pensava per 
l'appunto come me, suo critico. Veramente egli non m'invi- 
tava a questo: diceva invece, se ben ricordo io, che restava 
da chiarire « se a me spettasse solo il merito di aver bene 



166 MARXISMO ED KCONOMIA PURA 

interpetrato il pensiero del Marx, o l'altro assai maggiore 
di averlo completato». La dimostrazione, che pretende ora, 
non posso dargliela, perchè la tesi da me sostenuta esclude 
che il Marx la pensasse come me, salvo che in parte. 
Né dalla mia memoria Per V interpetrazione e la crìtica ecc., 
sino allo scritto Recenti interpetrazioni ecc., io ho « spostato 
la questione», come il Kacca crede. Esordivo, in quella 
memoria, col dire che il Marx non aveva avuto « chiara 
coscienza» del suo pensiero; e dimostravo (nel 2° paragrafo) 
che l'antitesi con l'economia pura e l'aflFermazione dell'as- 
surdità di questa (svolta poi specialmente per opera del- 
l'Engels) era, infondata, perchè non si poteva dedurla dalla 
genuina natura delle premesse del Marx. Con ciò venivo 
riconoscendo la parte fallace, eli' è nei libri del Marx e della 
scuola. Nello scritto Recenti interpetrazioni, addirittura ho 
taciuto della forma mista di vero e di falso, che il Marx 
ha data alla sua dottrina: e ho procurato di meglio mostrare 
come sia pensabile ciò che ho chiamato di sopra il suo 
aspetto di vero. Non mi par che ciò sia uno spostare la que- 
stione; è un battere ora più da un lato, ed ora più da un 
altro, secondo l'occasione e l'intento delle scritture. 

Che cosa significa domandarsi quale sia il pensiero di 
uno scrittore? Uno scrittore ha creduto di pensare tutto 
ciò che ha scritto e che dicono le sue parole: osservazioni, 
ragionamenti, ghiribizzi sentimentali e fantasticherie. Ma, 
quando noi diciamo: « Il vero pensiero di Aristotele fu... », 
o « Il vero pensiero del Kant fu... », facciamo una scelta, 
oltrepassando la materialità della parola : abbandoniamo una 
parte come scoria, e cerchiamo, non ciò che lo scrittore ha 
creduto di pensare, ma ciò che ha realmente pensato per 
la forza delle premesse da cui moveva. 

A Carlo Marx, che scrisse quei tali libri ed opuscoli e 
fece quei tali discorsi, appartiene così ciò ch'egli pensò real- 
mente come quel tanto che s'illuse di cavare dai suoi pen- 



MARXISMO ED ECONOMIA PURA 167 

sieri, e che rappresenta invece una contraddizione di quelli, 
un'appendice ingiustificata. Ma nella storia della scienza 
economica egli entra solamente per la parte reale del suo 
pensiero, e non già per le debolezze e i miscugli sentimen- 
tali e politici che si notano nelle sue trattazioni. Questa di- 
stinzione tra pensiero reale ed elementi estranei è nota 
a tutti coloro che indagano la storia delle scienze, e non 
potrebbe scriversi storia di scienza senza valersene. In Ita- 
lia abbiamo due modelli di storie condotte a questo modo : 
gli scritti di Bertrando Spaventa sulla filosofia italiana dal 
Einascimento al Risorgimento, e la Storia della letteratura 
italiana di Francesco de Sanctis, che un criterio analogo 
adoperava nel dominio estetico, e i poeti considerava non 
secondo ciò che vollero fare, ma secondo ciò che obbietti- 
vamente fecero. Nostra vergogna non pregiare abbastanza 
quei libri, e non averli additati agli stranieri come frutti, tra 
i più degni, dell'ingegno italiano. 

Ecco perchè il Racca non può pretendere che io gli 
mostri nell'introduzione e nei primi capitoli del Capitale 
quei presupposti, che io ho cercato di mostrare necessari 
e immanenti al pensiero del Marx, ma reconditi e al 
Marx restati oscuri. Se fossero esposti chiaramente nelle 
prime pagine del Capitale, quanto lavoro risparmiato ai cri- 
tici! Ne io, per mio conto, mi sarei dato l'incomodo di 
scrivere i miei poveri opuscoli, ma avrei, tutt'al più, sem- 
plicemente tradotto o fatto ristampare quelle prime pagine 
del Capitale. 

Ili 

Certo, si potrebbe provare, contro di me, che quelli, che 
io ho stimati presupposti necessari, tali non sono. Il Racca 
tenta ciò quando oppugna la mia affermazione che la ri- 
cerca del Marx sia intrinsecamente ricerca astratta. Non 



168 MAUXISMO KD ECONOMIA PURA. 

è astratta (egli dice): il Marx « voile studiare dal punto di 
vista economico la società capitalistica attuale così come è: 
naturalmente non analizzò una sola società, ma ne astrasse 
il tipo, in cui fuse tutti i caratteri reali comuni, a suo av- 
viso». Astrasse il tipo? E non è proprio, questo, con- 
durre una ricerca astratta? Il tipo esiste forse nella realtà? 
È forse qualcosa di più che una nostra costruzione per 
fini scientifici? Ricerca astratta è qui opposto di ricerca sto- 
rica, ma non già di ricerca scientifica positiva, come par 
che creda il Racca. Che poi il Marx credesse di fare una 
ricerca storica, o anche una ricerca non comparativa ma 
scientifica ed esplicativa; ch'egli «credesse vedere (la sua 
legge) nei fatti come un centro di gravità naturale, cui ten- 
dono i valori all' infuori dell'azione di cause perturbatrici »; 
tutto ciò è verissimo: l'ho detto anch'io; ma siamo sempre 
11: fu la sua ili usione . Al Racca, che reca più oltre l'esem- 
pio del metro, dirò che, se uno dopo aver misurato esatta- 
mente un pezzo di tela e aver trovato eh" è lungo dieci 
metri, s'immagina perciò solo di aver prodotto lui quei 
dieci metri di tela, certo cade in una illusione e commette 
un grosso sbaglio; ma non per questo la misurazione da lui 
eseguita diventa inesatta. 

Il Racca scende a dimostrare falsa una mia particolare 
affermazione: quella cioè che la premessa del valore-lavoro 
sia pura di contenuto morale. « Perchè? (egli scrive). Io 
confesso di non capirlo affatto. Invece quando vedo tutti i 
predicatori di riforme o di rivoluzioni, da che mondo è 
mondo, far la critica del loro tempo paragonandolo o ai 
tempi trascorsi (pochi) o a quelli futuri quali la loro im- 
maginazione li vede (sono i più), e so che il IMarx aveva 
gli occhi fissi nel futuro, la logica m'insegna a non creare 
un'ipotesi speciale pel Marx». Qui il Racca si mette in 
opposizione non solo con lo spirito, ma anche con la let- 
tera del marxismo: con la lettera, essendo notissimi i luoghi 



MARXISMO ED ECONOMIA PURA 169 

nei quali il Marx dichiara che la legge del valore-lavoro 
nou è una legge morale, a cominciare dalla polemica del 
1847 col Proudhon; con lo spirito, per le ragioni da me 
svolte nella mia memoria, le quali meritavano confuta- 
zione un po' minuta. La supposta eguaglianza del valore 
col lavoro non ha natura morale, e non dà luogo ad alcuna' 
regola morale, non riferendosi a una relazione tra esseri 
umani. Il valore è eguale al lavoro. Bene: e che cosa se ne 
dedurrà ai fini della morale? Che a ciascuno spetti il frutto 
del suo lavoro? Si? E come questa regola si connette 
con quel fatto? Si faccia la prova di connetterla e si sarà 
costretti a ricorrere a una serie di presupposti sociali, non- 
ché a una generale legge etica che li domini. E si vedrà 
anche che, secondo le varie condizioni sociali, la morale 
potrà imporre quella particolare regola di ripartizione, o 
un'altra affatto diversa. In una società, p. es., in cui tutti 
lavorino, ma che sia composta per metà di uomini fortis- 
simi dal facile lavoro largamente produttivo, e per metà di 
deboli o di malati, la regola « a ciascuno il godimento dei 
frutti del suo lavoro » sarebbe regola tutt'altro che cari- 
tatevole e morale. 

Questa indifferenza morale della premessa del Marx non 
esclude però ch'egli, nell'opera sua, fosse mosso da vivo 
interessamento morale, come ho scritto io, o da spirito di 
rivendicazione giuridica, come eccellentemente ha mostrato 
il Sorel. Altro è il movente psicologico, e altro il prodotto 
intellettuale. Il sopra valore è il semplice stabilimento di 
una differenza tra due tipi di società: il Marx nel chia- 
marlo «lavoro non pagato » ha torto, perchè è lavoro, nella 
società presente, pagato pel prezzo che ha sul mercato. Ma 
queil' erronea espressione sta a indicare le sollecitudini 
morali e giuridiche di lui. — E a proposito: vorremo noi 
sconoscere, in omaggio alle negazioni che il Marx e l'Engels 
hanno fatto degli ideali morali, tutta la parte che l'idealità 



170 MARXISMO ED ECONOMIA PURA 

morale ha nel loro pensiero? Ecco un altro caso, mi sem- 
bra, in cui bisogna distinguere tra pensiero apparente e 
pensiero reale. 



IV 



Proseguendo nelle mie indagini sugli elementi costitu- 
tivi e sulle deduzioni erronee nelle dottrine del Marx, ho 
preso in esame la legge della caduta tendenziale del saggio 
di profitto, finora non criticata o malamente criticata. La 
conclusione, a cui sono pervenuto, è, che quella legge del 
Marx sia affatto erronea, per aver esso, col proporsi un tal 
problema, sforzato la natura delle sue premesse. 

Il Racca si dice d'accordo con me nel giudizio dell'er- 
roneità di quella legge; ma non è poi d'accordo nel modo 
in cui ho condotto la mia dimostrazione. Egli mi muove 
tre obiezioni: 1") la riduzione proporzionale da me am- 
messa in tatti i coefficienti di produzione essere infondata e 
contradetta dai bilanci di qualsiasi intrapresa industriale; 
2") non esser vero che il progresso tecnico diminuisca il va- 
lore del capitale impiegato nella produzione, giacché, dopo 
un progresso tecnico, il capitalista ritira una parte del ca- 
pitale esuberante e l'impiega ad altro scopo produttivo; 
S") avere io considerato solo il caso di monopolio e non 
quello di concorrenza, nel quale ultimo non è sempre pos- 
sibile, con capitale minore, sfruttare la stessa o maggiore 
quantità di lavoro. 

Mi perdoni il Racca; ma queste tre obiezioni mi provano 
che egli non ha còlto il punto della questione. Il Marx 
non considera il singolo capitale o il singolo ca- 
pitalista; ma il complesso di tutti i capitali, ossia 
l'intera classe capitalistica. A questo caso si riferisce 
la sua legge, e ad esso la mia confutazione. La stessa elemen- 
tarità ed enormità degli errori economici che avrei dovuto 



MARXISMO ED ECONOMIA PURA ITI 

commettere, lo avrebbero dovuto far accorto deirequivoco in 
cui egli è caduto. Se egli rilegge la sezione III del libro III del 
Capitale, e poi rilegge il mio scritto Un'obiezione ecc., vedrii 
meglio in che consiste la questione; e mi permetta intanto 
ch'io mi risparmi la fatica di riesporla, tanto più che dovrei 
ripetermi. Quel mio scritterello è brevissimo; e lo riscrissi 
più volte per ridurlo alla sua più semplice e breve formula, 
persuaso che le troppe parole e i soverchi svolgimenti im- 
broglino il lettore invece di aiutarlo. 

È curioso un rimprovero che qui mi fa il Bacca. Io ho 
detto che, nell'esame della legge del Marx della caduta del 
saggio di profitto, non si può tener conto della legge gene- 
rale della domanda ed offerta, dalla quale il Marx prescinde 
e in opposizione alla quale costruisce la sua nuova legge. 
Dunque (dice il Racca), il Croce non vuol tener conto della 
buona, perchè il Marx, lui, non ha voluto saperne. — Non 
ne voglio tener conto? Se dico, anzi, eh' è la sola buona! 
E dimostro che il tentativo del Marx di costruirne un'alti'a 
è fallace! Ma è chiaro che, per criticare il Marx, non do- 
vevo tenerne conto, perchè dovevo collocarmi nel 
suo punto di partenza, e mostrare che da quel punto 
non si giunge a nulla di ciò che egli cercava. 

È curioso altresì che un economista-puro come il Racca 
mi richiami allo studio dei fatti concreti in un dibattito, 
eh' è di pura deduzione. Il Marx aveva creduto di trovare 
una certa relazione tra i concetti di progresso tecnico 
e di diminuzione del saggio di profitto («col pro- 
gresso tecnico cresce il capitale costante rispetto al capitale 
variabile, onde, per aumenti che possa ricevere la massa 
del profìtto, diminuisce il saggio di questo»): io li ho rie- 
saminati, dimostrando che da essi non si può ricavare la 
legge proposta dal Marx; e che, accadendo un progresso 
tecnico, e tutte le altre condizioni restando pari, diminuirà 
la massa del profitto, ma non mai il saggio; e che questo 



172 MARXISMO ED ECONOMIA PURA 

anzi aumenterà, se, tutte le altre condizioni restando pari, 
neanche il tenore di vita dei lavoratori si sarà elevato; e che 
per conseguenza la legge del Marx è, in ogni rispetto, erronea . 
Come c'entrano qui i fatti e le statistiche? Ho io bisogno 
di guardare le misurazioni degli agrimensori per ragionare 
il teorema sulla somma dei tre angoli del triangolo? • 

Le statistiche e le osservazioni dei fatti particolari oc- 
corrono quando si voglia conoscere per quali circostanze 
particolari diminuisce il saggio di profitto in questo o quel 
paese, nella tale o tal'altra epoca. E questa questione, che 
ha carattere d'indagine storica, è stata da me espressa- 
mente distinta dall'altra, e riserbata ai competenti. 



Al principio della sua recensione il Kacca, dandomi par- 
tita vinta nella mia polemica contro il prof. Labriola, dice 
che ciò accade « per quel tanto del metodo e dei risultati 
rigidamente scientifici, che il Croce, primo tra i socialisti in 
Italia, seppe assimilare dall'economia pura » . 

Lasciamo stare se io, per la natura delle mie occupa- 
zioni, possa dirmi socialista: ciò non importa ai lettori 
della Rivista italiana di Sociologia, e, a ogni modo, il titolo 
è di quelli che onorano, nel presente periodo della vita pub- 
blica italiana. Ma non mi onora l'essere ricordato come tale 
in una discussione meramente scientifica: quasi che io sia 
dei credenti in una scienza, adepta di questo o quel par- 
tito politico. Crederei più facilmente a un minerale socia- 
listico all'elettricità socialistica. 

E non vorrei che si esagerassero i meriti dell'Economia 
pura, la quale non ha fondato nessun metodo scientifico, ma 
ha applicato, meglio che non si fosse fatto da altre scuole 
nel campo dell'economia, quei metodi che sono di tutte le 



MARXISMO P:D economia PURA ITìi 

scienze. Contro la scuola storica è stata una reazione bene- 
fica. Perciò aderisco alla scuola puristica; ma in questa ade- 
sione mi permetto di prendere alcune cautele, delle quali 
non sarà inutile l'accenno. 

In primo luogo, io credo che ci sia ancora da elabo- 
rare filosoficamente il concetto di Valore, e che bisogni 
percorrere fino al fondo quella strada, che gli economisti 
puri hanno percorso solo fino a un certo punto. Si veda co- 
m'essi siano ancora perplessi tra i concetti di egoismo, 
legge del minimo mezzo, soggettivismo, psicolo- 
gismo, edonismo, eudemonismo, e via dicendo. Tro- 
vare il fatto primo economico, l'elemento irriducibile che fa 
dell'economia una scienza indipendente, è un problema non 
ancora risoluto, benché sia avviato alla soluzione. Non mi 
pare che la soluzione sia soddisfacente nemmeno nel recente 
System der Werttheorie del prof, von Ehrenfels. 

In secondo luogo, credo che l'economia pura debba scio- 
gliersi dal connubio col liberismo, essendo il liberismo una 
persuasione morale-sociale-politica, ottima, giustificatissima, 
santissima, tutto quel che volete; ma non già scientifica. Bi- 
sogna lasciare che i puristi in economia siano poi quel che 
vogliono in ogni altro campo, com'è loro diritto, senz'ac- 
cusarli di contraddizione con l'economia pura, perchè la 
comune accettazione di leggi generalissime si presta ai piìi 
vari ed opposti programmi pratici e concreti. 

In terzo luogo, credo che bisogni porre termine alla fal- 
sificazione matematica dei principi economici. L'unione tra 
matematica ed economia pura è accaduta pel fatto che pa- 
recchi valenti cultori di matematiche si sono occupati di 
scienza economica. Ciascuno traduce le proprie idee nel lin- 
guaggio che gli è pili familiare; e come i matematici hanno 
tradotto le leggi economiche in forraole matematiche, così 
un naturalista potrebbe tradurle in un frasario tratto dalla 
fisiologia, e un poeta in personificazioni e simboli -poetici. 



174 MARXISMO ED ECONOMIA PURA 

Il linguaggio matematico avrà, in certi casi, taluni vantaggi; 
ma il pericolo che porta seco è nel lasciar credere che il 
concetto economico, il quale è essenzialmente concetto di 
valore, di preferibile, di desiderabile, ossia di alcunché 
qualitativamente distinto, sia, invece, concetto quantitativo. 
Tempo fa, riferendo in un'accademia di Napoli sopra un 
concorso a un tema di materia economica (a quell'acca- 
demia appartengono cultori di tutte le discipline), e citando 
io e approvando la proposizione di uno dei concorrenti : 
«che il valore essendo un rapporto, una somma di valori, 
ossia di rapporti, non ha senso», un collega, professore 
di geometria superiore, saltò su a dire: — Che stravaganze 
sono queste? che cosa mai ti esce di bocca? perchè una 
somma di rapporti non ha senso? non ha senso una somma di 
frazioni? — E un altro, astronomo valentissimo, lo appoggiò 
nella protesta. — Che cosa volete? — rispos' io, — Bisogna 
ringraziare i matematici, che hanno regalato all'economia 
tutta codesta fraseologia confusionaria. E permettetemi che 
io vi dimostri, con buona pace della matematica, che, in 
economia, una somma di rapporti non ha senso. — 
E lo dimostrai con lo spiegare come il rapporto del valore 
non sia rapporto aritmetico o in alcun modo matematico, 
ma un rapporto sui generis, qualitativo; e che le qualità 
diverse non si sommano, come non si sommano tre bovi 
con quattro cavalli. 

In quarto luogo, a me pare che molti economisti puri 
facciano il possibile per iscreditare la loro scuola, perchè 
prendono proposizioni facilissime, di verità intuitiva, e si 
sforzano di rivestirle di un'inutile armatura di teoremi e 
corollari. Non so chi possa durare a leggere i loro libri, i 
quali saranno forse buoni titoli per concorsi universitari, o 
anche abili giuochi di pazienza: ma, francamente, non ci 
s'impara nulla. Gli autori stessi dovrebbero accettare questo 
giudizio, perchè non possono non sentire di aver faticato, 



MARXISMO ED ECONOMIA PURA ITO 

non già a scoprire il vero, ma a metterlo nelle forinole 
regolamentari e di moda universitaria. 

E in quinto luogo, e tornando a un pensiero già accen- 
nato a proposito del Marx, credo che bisogni provvedere a 
che l'economia pura non soffra troppo dei malanni di tutte 
le scuole; e cioè, non chiuda le menti ai problemi e alle 
verità, che non rientrano nei quadri della scuola. 11 Racca 
mi esorta a lasciare da banda l'ozioso lavoro d'interpetra- 
zione del Marx, e a rivolgere ad altro la mia operosità. Or 
bene, egli sarà contentato. Ho raccolto in un volume (che 
pubblica il Sandron di Palermo) tutti i miei scritti sul Marx 
e ve li ho composti — come in una bara. E credo di avere 
chiuso la parentesi marxistica della mia vita. Ma dico bene 
«parentesi»? Chi vive, come me, la vita delle discipline 
morali e psicologiche e storiche, può non fare i conti col 
movimento intellettuale che prende origine dal Marx? Può, 
dopo aver fatto questi conti, non riconoscere il molto che vi 
ha appreso, sia pure giungendo a conclusioni parzialmente 
negative? Anche il materialismo storico è, come generale 
tesi scientifica, erroneo. Ma io sono lieto di esser passato 
attraverso quella dottrina; e, se non ci fossi passato, av- 
vertirei come un vuoto nella mia mente di uomo moderno. 
E, quanto al lavoro da me e da altri eseguito intorno al 
Marx, mi sembra cosa ingiusta qualificarlo di vana ese- 
gesi: quasi che ci fossimo affaticati a metter d'accordo, 
per intenti religiosi o settari, il Genesi con la Paleontolo- 
gia. Studiare uno scrittore come il Marx, e tentare di 
penetrarne il genuino pensiero e di sceverare in lui, come 
meglio si può, il vero dal falso, non ha che vedere con l'ese- 
gesi teologica. La scienza progredisce, io credo, con l'os- 
servare la realtà, e col criticare i pensieri propri e altrui 
intorno ad essa; né le due operazioni possono disgiungersi. 

Perchè, insomma, gli economisti puri si affannano tanto 
ad esortare di metter da banda il Marx? Questa esorta- 



176 MARXISMO ED ECONOMIA PURA 

zione non sarà seguita da nessuno; e non la seguono essi 
stessi, costretti di continuo a fare il contrario e a iinmi- 
scliiarsi nelle polemiche marxistiche. Verrà tempo che il 
Marx si eliminerà da sé. Ma ciò accadrà quando sarà 
stato ben digerito; onde si può prevedere che verrà 
ancora discusso per qualche tempo. 

Con questo facile prognostico, termino, non senza avere 
prima ringraziato il prof. Racca delle sue obiezioni, e della 
molta cortesia verso di me con la quale ha voluto accom 
pagnarle. 

Ottobre 1899. 



vili 

SULLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 



L'Italia meridionale ha dato alla storia del comunismo 
il contributo di un pensatore. E — curioso riscontro — 
questo pensatore, Tommaso Campanella, nasceva su quella 
stessa terra di Calabria, dalla quale, sul finire del secolo XII, 
sorgeva l'abate Gioacchino di Fiore (il « calabrese abate Gio- 
vacchino»), la cui profezia fu segnacolo in vessillo a tanti 
movimenti eretico-comunistici medievali. 

Il comunismo del Campanella è stato molte volte comen- 
tato e criticato, e, da quando si scrivono storie generali 
del comunismo, il frate di Stilo ha preso in esse posto co- 
spicuo, quale si conviene alle straordinarie sue doti intel- 
lettuali, alla forte personalità, alle vicende tragiche della 
sua vita ^ Che ci sia ancora qualcosa da dire in tal ma- 



1 Basta accennare alle storie del Suore e del Malon, e alle trat- 
tazioni dei « Romanzi di stato » del Mohl, del Kleinwaechter e di 
altri, alPanonimo volumetto Schlaraffia politica, Geschichte der Dicli- 
timgeti vom heden Staate (Leipzig, 1893), e anche al libretto del Di Ca- 
stro, Vecclde utopie (Milano, 1895), pp. 107-127, che per altro contiene 
vm cenno assai magro e inesatto della Città del Sole. Per la più vecchia 
letteratura, si veda il D'Ancona, Opere del Campanella (Torino, 1854), 
pref. Se ne sono occupati, più o meno largamente, tutti coloro che 
hanno scritto, negli ultimi decenni, intorno alla .vita e alle opere del 
Campanella (Spaventa, Ferrari, Berti, Fiorentino, Amabile, Franck, 
SiGWART ed altri), ed è sempre tema prediletto per articoli di riviste. 

Conosco, per la citazione di un catalogo, il titolo di un opuscolo 
del Tròbst, Der Sonnenstaal des Campanella., stampato a Weimar nel 

B. Croce, MalerialìsMO storico. 12 



178 SULLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

teria, sembrerà naturale a chi ripensi, per una parte, al rin- 
novamento della biografia del Campanella e all'interpetra- 
zione nuova del suo pensiero politico, che si debbono negli 
ultimi anni alle ricerche dell'Amabile; e, per l'altra, al 
sempre crescente svolgimento scientifico e pratico del so- 
cialismo moderno, che rende possibili nuove osservazioni e 
nuovi giudizi *. 

E sarebbero ben venuti due lavori, die escono in luce 
quasi contemporaneamente sul comunismo del Campanella, 
se l'uno e l'altro non fossero, pur troppo, assai mediocri, 
e tali che non conferiscono nulla alla migliore conoscenza 
dell'argomento. L'uno proviene dal campo dei socialisti, 
l'altro da quello dei conservatori o «borghesi»; ma è il 
caso di ripetere che si è questa volta peccato dentro e fuori 
le mura d'Ilio. 



I 



Il primo di questi lavori è una monografia del signor 
Paolo Lafargue, che fa parte della recente Geschichte des 
Sozialismus in Einzeln-Darstellungen, che si va pubblicando 



1860; ma, i^er ricerche che ne abbia fatte, non mi è stato possibile 
procacciarmelo. Ho saputo che l'autore, morto pochi anni or sono, lo 
pubblicò per conto proprio, e l'opuscolo non si trova in commercio. 

Posteriormente al mio scritto, sono stati pubblicati uno studio 
di M. KovALEVSKi, Boterò et Campanella (negli Annales de l' Institut in- 
ternational de Sociologie, voi. Ili), un altro del Felici, Campanella 
e la Riforma (nei Rendiconti dei Lincei, 1897), un discorso di N. Ar- 
KONE (Reggio di Calabria, 1898), e una conferenza di I. Sanksi (Pi- 
stoia, 1898). 

1 L'Amaiulk, che meglio di tutti ha ricercato i concetti politici 
del Campanella, non poteva per le sue tendenze ijolitiche conserva- 
trici (cfr. I processi, 1, pref., XLI, p. 122, e Camp, nei Cast., II, 273 n, 
Del carattere di T. C, p. 89, ecc.) fermarsi a studiare con amore e in- 
teressamento la dottrina comunistica del suo eroe, sulla quale passa 
rapidamente, spacciandosene col dirla «generosa follia». 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 179 

ili Germania *. Quest'opera, redatta dai signori Bernstein 
e Kautsky, dovrebbe offrire la prima storia scientifica del 
socialismo; e ha parti abbastanza buone, e, presa nel 
complesso, offre lettura istruttiva. IMa ne ha anche di sca- 
denti; e, frale peggiori, bisogna annoverare il capitolo sul 
Campanella, come l'altro dello stesso autore sullo Stato ge- 
suitico del Paraguay -. Il Lafargue non conosce punto la 
vasta letteratura campanelliana. Egli ha attinto i materiali 
della sua monografia a qualche trattazione antiquata o di 
seconda mano, che sarà stata probabilmente il volume della 
Colet, stampato cinquantanni fa, o' qualcosa di simile, dello 
stesso tempo. Dell'opera fondamentale dell'Amabile, che 
pure ha dato origine a molteplici discussioni, non sospetta 
nemmeno l'esistenza. Cosicché la breve biografia, che egli 
tesse del Campanella, è piena di asserzioni, che sono da un 
pezzo provate erronee, E si comincia fin dalle prime parole, 
concernenti i particolari della nascita e dell'adolescenza: il 
nome del Campanella era Gian Domenico, non Tommaso 
(p. 4Gy), che fu il nome che prese nel farsi frate; non si fece 
frate a (.[uindici anni presso i domenicani di Cosenza (ivi), 
ma nel convento di Placanica presso Nicastro: e via dicendo. 
Né é esatto che il Campanella per dieci anni percorresse 
l' Italia, di città in città, per disputare di teologia e filosofia, 



1 Stuttgart, Dietz, 1895. Se uè veda il voi. I: Die Vorhmfer des 
neueren Sozialismuìs, parte li, pp. 469-506. La monografìa del Lakak- 
ouE è stata ristampata iu fi-ancese nella rivista Le Devenir social, a. I, 
1895, fase. IV-VI. Qui è preceduta da una introdnzioucella sulle sètte 
eretiche (comunistiche) del medio evo, eh' è afìatto fuor di luogo, non 
essendo vero che « les aspirations de cette douloureuse agitation po- 
pulaire » siano state consegnate, come in testamento, nell' Utopia del 
Moro e nella Città del Sole del Campanella (pp. 309-310): opere, che 
hanno altre motivazioni storiche. 

2 I compilatori, del resto, non si nascondono l'incompiutezza del- 
l'opera loro, che rimane ancora semplice abbozzo; si veda la pre- 
fazione, e cfr. una lettera dell'ENOELs pubbl. nella Xeue Zeit, XllI, 
n. 17, p. 647. 



180 SULLA STORIOGKAFIA SOCIALISTICA 

Ottenendo grandi trionfi (p. 470); perchè i dieci anni di 
viaggio passarono in un primo imprigionamento e processo 
d'eresia, pel qaale da Napoli fu condotto a Roma; donde, 
uscito dal carcere, si recò a Firenze, e a Padova; e qui ebbe 
altri processi e fu daccapo trasferito a Roma prigione. Né 
è vero che, per opera dei Gesuiti, ricevesse l'ordine di 
tornare al convento di Stilo per aver dato scandalo in 
Roma (p. 470); tornato volontariamente a Napoli, vi si 
trattenne altri sette mesi, e volontariamente ne partì nel 
luglio 1598 per la nativa Calabria, perchè malato (egli disse), 
ma di certo non solo per questo. Sul punto capitale, che la 
congiura fu cosa effettiva, il Lafargue si trova ad esser nel 
vero: ma ciò gli accade, in verità, per la povertà stessa 
della erudizione storica della quale dispone. La sua fonte 
antiquata si riferisce per la congiura ai ragguagli del Gian- 
none; i quali, impugnati dal D'Ancona e da altri, che ne- 
garono la realtà della congiura, dopo lungo giro sono stati 
in fine dimostrati veridici dai documenti ritrovati dall'Ama- 
bile. Del resto, anche qui il Lafargue cade in non poclìi 
errori, per esempio quando fa morire giustiziato il princi- 
pale collaboratore del Campanella, il frate Dionisio Ponzio 
(p. 473), il quale invece, imprigionato col Campanella, dopo 
alcuni anni riuscì a fuggire, e, passato in Turchia, si fece 
musulmano. E lascio di notare le altre inesattezze relative 
alla prigionia: l'odio dei Gesuiti, l'amicizia dei Papi, la 
libertà dovuta ad Urbano Vili, ecc.: tutte cose che sono 
state riconosciute favole. E favola è la stretta relazione del 
Campanella col Duca d'Ossuna e la parte che avrebbe avuta 
nel moto preparato dal celebre cospiratore Genoino ^ 



1 II quale, presso il Lafargue, diventa uu •Grermino». A p. 481 
si attribuisce ancora al Bruno il sonetto: ^ Poiché spiegate ho l'ale al 
l)ii desio, che ora da un pezzo è provato esser del Tansillo, e non di 
contenuto filosofico, ma relativo all'adorazione del poeta per la su- 
perba marchesana del Vasto. A p. 491, si afferma che il Campanella 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 181 

Molto alla lesta, con vaglie generalità circa la filosofia 
medievale e della Rinascenza, si sbriga il Lafargue della 
filosofia del Campanella; per la quale è inutile dire che 
ignora i lavori dello Spaventa, e anche uno scritto assai 
più divulgato qual ò l'articolo, edito più volte, del prof. 
Sigwart *. Come si fa, del resto, a metter bocca, in cose di 
filosofia, quando, accadendo di citar san Tommaso, si scri- 
vono queste precise parole: «San Tommaso d'Aquino, che 
era un po' meno goffo e meno sciocco (plump und einfoltig) 
dei Padri della Chiesa...» (p. 495)? — Il Lafargue, peral- 
tro, ha fatto una scoperta, sulla quale insiste con singo- 
lare predilezione. La metafisica del Campanella, secondo 
lui, si svolse sotto il modello della Kabbala. Quando (egli 
ricorda come prova di fatto) il Campanella nel chiostro dei 
domenicani di Cosenza studiava filosofia, conobbe un vec- 
chio rabbino, che gli svelò, tra l'altre cose, i principi della 
Kabbala (p. 484). Ora, lasciando stare che dal processo si 
seppe che il vecchio rabbino era invece « un ebreo, a nome 
Adamo, giovane sui trent'anni», ed altri e curiosi partico- 
lari, qui il Lafargue (o la sua fonte prossima) è caduto in 
un bell'equivoco. La notizia risale, come ho riscontrato, a 



credeva che la semplice descrizione della sua Repubblica avrebbe 
convertito i popoli della terra « come Fourier che voleva convocare 
un congresso di re e di capitalisti ad Aquisgrana per far loro adottare 
il suo Falansterio». Che il Campanella avesse tanto semplice cre- 
denza non pare, perché si dette la pena di congegnare un complesso 
di operazioni, di astuzie e finanche di delitti politici, coi quali si 
sarebbe dovuto giungere all'attuazione della monarchia universale. 
Quanto al paragone, è strano che il Lafargue scambi il Fourier col- 
rOwen; il qual ultimo, del resto, non voleva già convocare un con- 
gresso ad Aquisgrana, ma presentò di persona, ai sovrani radunp-ti 
il 1818 ad Aquisgrana, proposte per risolvere la questione sociale. 

1 Thomas Campanella und scine politischen Ideen. Fu pubblicato la 
prima volta nei Preussiche Jahrbìlclier, e se ne ha la terza ristampa 
nella 2» ediz. delle Kleine Schriften del Sigwart (Freiburg in B., 1889), 
I, 125-181. 



182 SULLA STOUIOGUAFIA SOCIALISTICA 

una lettera di Carlo Cafta, pubblicata dal Cj^prianus, dove 
si racconta che l'ebreo, strettosi a colloquio col Campanella. 
« cabbalae cuiusdam beneficio per pauca et brevissima 
principia tantum Carapanellae lumen indiderat, ut in tantum 
virum tamque admirandum excrescere brevi potuerit » ^ Si 
tratta, insomma, di una delle solite storielle, nate per ispie- 
gare un inj^egno e una dottrina, che apparivano prodigiosi. 
Pel Campanella, il miracolo fu fatto dall'artificio, cabbalae 
cuiusdam beneficio, dell'ebreo: un'altra storiella voleva che 
egli avesse ricevuto la scienza dal demonio, ed egli rispon- 
deva ai detrattori di aver consumato più olio che non essi 
vino. 

Senonchè il Lafargue, preso l'aire, discorre per lunghe 
pagine della Kabbala, con notizie punto peregrine e che ri- 
sentono assai di dizionario enciclopedico. E, secondo lui, il 
principio della dottrina della conoscenza proviene al Cam- 
panella dalla Kabbala, « nella quale l'essere infinito, gene- 
rando il primo Sephirotìi, riconosce sé stesso dicendo: Io 
sono » . E Campanella comincia col dire : « Quello di cui io 
sono certo, è eh' io sono». La Kabbala avrebbe preceduto, 
per tal modo, e Campanella e Cartesio. Ma un altro curioso 
equivoco ò il tentativo di spiegazione del nome di Hoh, 
che porta il sommo reggente o il Metafisico nella Città del 
Sole. « Hoh è una specie di papa — dice il Lafargue : — 
nella Kabbala il puro essere si chiama Ea Sopii: tra questo 
nome e quello del supremo governatore della Città del Sole 
c'è una certa somiglianza di suono (?), e qui forse si cela 
un significato di speciale importanza » (p. 497). Ma, nei 
manoscritti del testo originale della Città del Sole è detto: 
«È im Prencipe Sacerdote tra loro che s'appella 0, e in 
lingua nostra si dice Metafisico: questo è capo di tutto 
in spirituale et temporale: et tutti li negotii in lui si ter- 



1 CypRiAxus, Vita Th. Campanelke (2» ediz., Amstel., 1722), pp. 4-5. 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 18."> 

minano» ^ Nella prima edizione latina, che fu pubblicata 
dall'Adami nel 1623 a Francoforte si legge: « Princeps 
magnus inter eos est sacerdos, qiiem vocant suo idiomate 
Sol: nostro autem diceremus Metaphysicum » -. E nel corso 
della stampa è chiamato sempre Sol, ovvero è indicato figu- 
rativamente con O. Nelle posteriori edizioni O è divenuto 
un o tra due //, e quindi HoJi. Ma VHoJi non è se non il Sole; 
donde il titolo dello scritto, la Città del Sole, e il fregio 
del Sole raggiante, che sta nel mezzo del frontespizio della 
prima edizione ^. 

Venendo a discorrere della Città del Sole, il Lafargue 
non par che conosca le Questioni dell'ottima Repubblica, 
che sono complemento importante di quella, e gettano tanta 
luce sul pensiero comunistico del frate di Stilo. Non mi 
fermerò poi a notare la materialità dell'esposizione, e qual- 
che inesattezza che pur vi s'incontra^; ma non voglio ta- 
cere che, in uno scritto di storia, il continuo riferirsi a sen- 
timenti e passioni dei giorni nostri, e il tono acrimonioso 
verso il passato, non sono di buon gusto. 



> Nel Codice delle lett. autogr., Bibl. Naz , XII. D. SI, f. (55 t."; 
nel ms. della stessa Bibl., XII. E. h'ó, f. 3. 

- Beai. Fidi, epilof/isficcc partes quatuor (Fi'ancof., 1622), p. 425; cir. 
p. 472, e pansiiìi. 

3 II Campanella in nota all'elegia al Sole: « Il Sole è insegna della 
semblea d'esso autore» (Opere, ed. D'Ancona, I, 170). 

^ A p. 505 si afferma che il Campanella confuta sant'Agostino, 
quando invece, cosi nella Città del Sole come più volte nelle Que- 
stioni, lo chiama a confei'ma delle sue dottrine comunistiche (cita, tra 
l'altro, il detto di lui: Amputatio proprielatis est augnientinn caritatin, 
ed. D'Ancona, li, 306). In quel punto, e più ancora nelle Questioni, 
il Campanella si rivolge contro Aristotele, non contro sant'Agostino. 
Onde il Lafarguk combatte contro i mulini a vento, allorché sog- 
giunge : « Questo santo, che considerava la schiavitù come un' isti- 
tuzione divina, aveva una povera idea dell'amicizia, ch'egli faceva 
consistere solo nell'interesse: eh" è poi l'opinione d'uno schietto cri- 
stiano». Lo « schietto cristiano» verrebbe cosi ad essere Aristotele! 



184 SULLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

Nel corso del suo lavoro, il Lafargue va applicando colla 
magg-ior facilità, come se suonasse un organino, la nuova 
concezione materialistica della storia, da lui ridotta a co- 
moda formola, che basta pronunciare perchè tutto sia spie- 
gato. Anche qui le sue disquisizioni sulla Kabbala offrono 
gli esempì più sbalorditoi. Si ascolti: «11 panteismo e la 
trasmigrazione delle anime nella Kabbala non sono se non 
espressioni metafisiche del valore delle merci e del loro 
scambio... Il Marx ha dimostrato che lo scambio capitali- 
stico comincia col danaro per riuscire al danaro, ma al da- 
naro con un dippiii: la teosofia della Kabbala parte dal- 
l'unità, il primo Sephiroth, per riuscire col decimo Sephiroth 
all'unità complessa, perchè esso accumula gli attributi dei 
nove Sephiroth precedenti ». Questo significa dare, agli av- 
versari del « materialismo storico » , buona occasione di ridere. 



II 



L'altro lavoro sul socialismo del Campanella è dovuto non 
più a un socialista militante, quale il Lafargue. ma a un 
prefetto del regno d'Italia, al senatore Andrea Calenda dei 
Tavani, e s'intitola: Fra Tommaso Campanella e la sua 
dottrina sociale e politica di fronte al socialismo modenio '. 
E io non vorrei giudicarlo con troppa severità, giacché, per 
la qualità stessa del suo autore, non si presenta con pretesa 
scientifica: è l'opera, o forse il passatempo, di un uomo 
che spende negli studi letterari gli ozi lasciatigli dai pub- 
blici uffizi. Ma poiché pur debbo discorrere delle pubblica- 
zioni recenti sul Campanella, e questa del Calenda forma 
un volume abbastanza grosso, e mi è già accaduto di ac- 
cennare al poco pregio di essa, mi corre l'obbligo di dimo- 



' Nocera inferiore, A. Angora. 1895. 



II. COMUXISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 185 

Strare il mio g-iudizio. Per confrontare le teorìe del Campa- 
nella col socialismo moderno, sarebbe d'uopo conoscere due 
cose, i due termini del paragone: il Campanella e il socia- 
lismo moderno; e da ogni pagina dello scritto del Calenda 
traspare, invece, la scarsa e confusa conoscenza ch'egli ha 
del socialismo moderno. Afferma, per esempio, che « i socia- 
listi d'oggidì considerano il Campanella come l'Omero delle 
idee comuniste » (p. 4); e si potrebbe domandargli in quali 
scrittori socialisti si trovi espresso così strano giudizio. For- 
mola poi a questo modo l'obbietto della sua ricerca: « Il 
socialismo d'oggidì può esso vantare per padre legittimo 
il Campanella, del quale (?) tra i molti che si contendono 
l'onore (!), si dice (!) legittimo (!) fondatore Carlo Marx » 
(p. 170). Tante parole, tanti errori. E chiama la dottrina 
del ^larx il «socialismo moderno cioè il vero» (p. 163), 
ignaro delle ironie e dei sarcasmi coi quali il ^larx per- 
seguitò il cosiddetto «socialismo vero» ^ E spiega: « Il go- 
dimento dei beni in comune, volgarmente comunismo » 
. (p. 162); come se «comunismo» non fosse il nome clas- 
sico e scientifico di quello che « volgarmente » si chiama 
«socialismo». A p. 156 nota che il Campanella non si 
propose il problema del diritto al lavoro, né quello «della 
limitazione del lavoro commisurato al salario»: quasiché 
ciò fosse stato possibile in uno scrittore che descriveva 
una società comunistica, nella quale e disoccupazione e sa- 
lariato sono esclusi in forza dell'ipotesi stessa. Del resto, 
il Calenda stesso dichiara (p. 171 n) che, pel confronto 
col socialismo moderno, egli si è valso di un opuscolo 
del Ferri, che, secondo lui, contiene «le norme del socia- 
lismo scientifico», il «vero manuale della dottrina»; lad- 
dove, in effetto, è disgraziata compilazione di persona che 



i Das kommunistìche Manifesl (6^ ediz., Berlino, 1894), pp. 26-S. 



186 SULLA STORIOGRAFIA .SOCIALISTICA 

non conosce il socialismo nelle fonti e lo mescola e scam- 
bia con le cose più diverse '. 

Mettendo da banda il confronto col socialismo moderno, 
dirò che il libro del Calenda si divide in tre parti: una 
sulla vita (pp. 1-57), la seconda sulle dottrine politiche 
(59-184), e la terza sulle opere politiche e religiose del Cam- 
panella (185-290). Veramente, non si vede chiaro che cosa 
l'autore abbia inteso fare. Un libro popolare o un libro 
originale? A udirlo, par che il Campanella l'abbia scoperto 
lui: «M'ò paruto di essere arrivato al punto di sceverare 
il vero dal falso negli eventi della sua travagliata esistenza, 
e distinguere, tra le varie che gli si attribuiscono, quale 
sia la vera dottrina sociale o politica di fra Tommaso Cam- 
panella » (p. VII, e cfr. pp. 24-5, 102, 285-286, ecc.). Ma 
per la biografia, egli non « scevera » niente, seguendo 
l'opera dell'Amabile, di cui, per altro, non conosce .se non 
solo i tre primi volumi (cfr. p. 115); donde gli errori 
che s'incontrano nell'ultima parte del cenno biografico 
(pp. 47-57), per la quale non gli sono di guida i due vo- , 
lumi sul Campanella nel castelli di Napoli, in Roma e in 
Parigi. Pur attenendosi all'Amabile, egli, per inesperienza 
di metodo, sente il bisogno di citare da capo le fonti ri- 
cercate da quello: Carteggio del residente xieneto, Registri 
Giìriae, Rubricarlo del carteggio di CostantÌ7iopoii, Archivio 
di Simancos (sic), ecc., quasi offra ricerche sue di prima 



1 E. Fekri, Socialismo e scienza positiva (Roma, 18.91). Una critica 
spietata ne fa il Kaittsky nella Neue Zeit, XIII, voi. I. pp. 709-716, 
che finisce col considerare il libro come sintomo del periodo con- 
fusionario che la teoria del socialismo percorre ora in Italia. Il Ferri 
fa sapere che < la sua educazione scientifica al socialismo » è stata 
compiuta sulle opere del Loria, « tutte sostanziate di teorie marxi- 
ste, fecondate con un corredo meraviglioso di erudizione scientifica 
e con profondità geniale di vedute* (p. 39 «): e tanto basta, per 
chi conosca quale socialista sia il Loria, e quale la sua forza critica 
e scientifica. 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 187 

mano. Quanto alle opere, il Calenda riferisce a lungo vari 
giudizi dati da critici vari, e si prova qua e là a discu- 
terli, senza dir mai niente di nuovo e rilevante*. Della 
Città del Sole fa minuta analisi, ripartendone le istituzioni 
in speciali categorie, politiche, amministrative, economiche, 
educative, di sanità pubblica, di polizia urbana, ecc.; con 
predilezioni classificatorie e terminologiche, che ci fanno ri- 
cordare che l'autore è stato prefetto. Come il Lafargue, egli 
non è informato della letteratura filosofica sul Campanella; 
ed è per lui, italiano e napoletano, fallo meno perdonabile 
l'avere trascurato gli scritti dello Spaventa. E conclude col- 
l'assicurare i lettori che il Campanella fu « vero patriota » 
(p. 290): quel Campanella ch'era comunista, voleva la Re- 
pubblica universale, e credeva che l'Italia avesse finito di 
rappresentare la propria parte nella storia. Si vada, fra tutte 
queste cose, a trovare posto pel «patriottismo»! 



Ili 



Ma, tornando alla Geschichte des Sozialisìnus, nella quale 
è stata pubblicata la monografia del Lafargue, per proce- 
dere con ordine sarebbe da domandare, in primo luogo, se 
il Campanella appartenga veramente alla storia del comu- 



1 A p. 244 si dice: «Il Giaunoue... avendo scritto sotto il dop- 
pio giogo della gerarchia e della domi nazione spagnuola 
può meritare qualche scusa dello scherno lanciatogli». Ma il Giau- 
none pubblicò la sua Storia nel 1724, quando gli spagnuoli non erano 
più a Napoli da un pezzetto; e, se per gerarchia si deve intendere 
la Chiesa, non era certo il Giannone che schivasse di attirar sopra 
sé la collera della Chiesa. A p. 110: « Pietro Giannone dall'ultimo 
vertice del secolo passato...»: parole che io cito per proporre 
la questione fraseologica: se il principio d'un secolo se ne possa 
chiamare il «vertice»? 



1Ì58 SULLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

iiismo, e in qual senso vi appartenga. I nuovi scrittori di 
tale storia lianno concepito il loro compito in modo assai 
semplicistico: hanno chiamato « Storia del socialismo ■» una 
sorta di antologia di tutte le ribellioni di proletari e di tutte 
le teorie sociali, che piìi o meno prendono a fondamento il 
comunismo dei beni. E hanno ristretto la scelta al nostro 
mondo occidentale, cominciando dal comunismo greco di 
Platone, a venire in giii; ma questa antologia, o libro d'oro, 
potrebbe parimente contenere notizie sul comunismo per- 
siano o cinese. E evidente che di una storia, nel senso vero 
e proprio della parola, qui non è il caso di parlare. Storia 
suppone connessione di fatti, genesi, svolgimento; e, se si 
può far la storia, poniamo, del socialismo moderno, che 
forma una serie ben collegata, non si può far la storia del 
socialismo in generale, formata da tanti tentativi slegati, 
e spesso intimamente diversi, che non ebbero per lo più 
Tun sull'altro efficacia, o l'ebbero assai debole. Il primo 
volume è intitolato dei Precursori del sockdlsmo moderncr. 
ma perchè precursori? Precursore dovrebbe significare 
chi .dà l'avviata a un moto storico'. Ora né fra Dolciuo 
né Giovanni Huss nò Tommaso Moro ne Tommaso Miin- 
zer hanno dato, ch'io sappia, l'avviata al movimento sto- 
rico del socialismo. Connettere il socialismo con quanti si 
sono trovati a disegnare un castello in aria comunistico, 
o con quante plebi ribelli si sono mosse contro coloro che 
le opprimevano, è puro giuoco di fantasia, che può in- 
durre alla concezione di una falsa causalità storica. E, per 
questa via, si finisce con l'accogliere (come ha fatto il 
Malon) tra i « precursori del socialismo » quel bizzarro 
prete spretato ed arguto scrittore che fu Anton Fran- 



1 Su questo punto si vedano le considerazioni di A. Labriola, 
In memoria del Manifesto dei comunisti (2» ediz., Eoma, E. Loescher, 
1895), p. 25. 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 189 

Cesco Doni, il quale anche si dilettò di fantasie comuni- 
stiche ^ 

Presa, peraltro, la storia del socialismo nel senso largo 
che abbiamo ricordato, non è dubbio che Tommaso Campa- 
nella debba avere in essa il suo posto, come scrittore aper- 
tamente comunista. 

Ma qua!' è l'importanza storica, quale il significato teo- 
rico del suo comunismo? Ecco due altre domande, che nes- 
suno si è finora proposte in modo chiaro. 

Alla prima di esse si dovrebbe forse rispondere col ne- 
gare alla concezione del Campanella importanza storica. 
Veramente, essa non è la forma ideale di un moto sociale, 
come accade, per esempio, del comunismo del I\irinzer e 
degli Anabattisti-. E non è neanche l'espressione di una 
situazione storica singolare, della quale ci resti come monu- 
mento; il che dà importanza all' f7to^/a di Tommaso Moro, 
che si fonda sopra una descrizione e una critica assai viva 
e particolare delle condizioni sociali dell'Inghilterra al 
dissolversi dell'economia feudale^. Il comunismo del Cam- 



1 Sul Doni, cfr. E. Bertaxa, Un socialista del cinquecento (iu Gior- 
nale ligustico, XIX, fase. IX-X, sett.-ott. 1892, pp. 336-372). 

- Non so come al Calenda venga in mente di affermare che il Cam- 
panella esprimeva nella sua teoria le aspirazioni comunistiche e i 
desideri sessuali dei contadini calabresi (op. cit. p. 165 segg.). Anche 
la comunanza delle donne rispondeva ai desideri delle popolazioni 
calabresi, che sono tra le più terribilmente gelose dell'Italia me- 
ridionale? 

^ A questo mi pare si riduca l' importanza delP t/io^jia del Moro; 
e già il Marx l'aveva adoperata come fonte storica nel Capitale (cfr. 
4^ ediz., Hamburg, 1890, I, 635, 701-2 n). Si veda il libro del Kautsky, 
Thomas More nnd scine Utopie mit einer historischen Einleituny (Stutt- 
gart, Dietz, 1890); dove, per altro, mi sembra che si esageri il carat- 
tere affatto proprio, che assumerebbe il comunismo del Moro per 
effetto del suo riferirsi a una critica di condizioni sociali. Ogni uto- 
pia si riferisce sempre, per espresso o per sottinteso, a una critica 
di condizioni sociali; sebbene sia da concedere che nell'opera del 
Moro questa critica è assai svolta e offre da sola una pagina storica 
cospicua. 



190 SULLA STOUIOGRAFIA SOCIALISTICA 

panelhi muove dalla generica osservazione dei mali che 
affliggono le società umane, dal vecchio contrasto di ricchi 
e poveri, di oziosi e lavoratori, di sfruttatori e sfruttati, 
dalla considerazione dei vizi e delle malvage passioni che 
nascono dal «mio» e dal «tuo». «In vero (egli dice nella 
Monarchia di Spagna) si trova in tutta la Cristianitft (jue- 
sto errore: che alcuni sono poverissimi ed altri ricchissimi, 
cosa odiata sopra modo da Platone; perchè l'eguaglianza 
leva di mezzo l'invidia, la rapacità, superbia e mollezza 
de' popoli, e l'odio; onde Moisè istituì ogni sette anni il 
ritorno dell'eredità alla sua famiglia e la libertà dei servi 
della nazione, con qualche guadagno uscendo dalla casa 
dei padroni, cui disse esser congruo alla legge e volontà 
divina. E per questo le elemosine ed opere pie e spedali 
son fatte per mantenere l'amore tra essi e l'egualità». E, 
dopo avere ricordato che l'ineguaglianza estrema delle ric- 
chezze determinò le rivoluzioni in Roma antica, e che per la 
stessa ragione « in Germania si sollevarono i rustici contro 
la nobiltà a tempo di Lutero e Calvino», continua: «Anzi 
anche oggidì si vede che un uomo ha centomila scudi di 
rendita, e poi mille uomini non hanno tre scudi per uno. 
Or questo delli centomila occupa la rendita di mille, la 
spende in cani, cavalli, buffoni, staffe dorate, o puttane, 
eh' è peggio. E se litiga il povero contro loro, non può 
avere giustizia, onde si fa fuoruscito, o more in carcere, ed 
il ricco deprime chi gli piace, perchè il giudice da lui di- 
pende, mentre per favore si fanno i giudici, o per danaro 
per lo più, massime in terre piccole: cosa molto dannosa 
a' Stati, perchè diffidi cosa è che un giudice, che riceve 
presenti, sia nell'uffizio suo leale, perchè, come dice Dio, 
i presenti acciecano anche gli uomini savi » . Contro il 
governo baronale, del quale aveva più diretta esperienza, 
torna all'assalto in altra parte dello stesso libro. I ba- 
roni « vengono in Napoli o in Corte e quivi spendono e 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA H'I 

Spandono per comparire e per aggraziarsi con li amici 
del Re, e poi tornano poveri a casa, e rubano per mille 
maniere, e si rifanno, e poi tornano in Corte nel medesimo 
circolo e si vede che ìe terre loro sono meno abitate che 
le regie (terre regie) italiane, e 'certo per i mali trattamenti 
loro. Come pure, patendo il popolo male da' Turchi o da 
peste, domandano dal Re li pagamenti fiscali per qualche 
anno; ed essi se li esigono per parte del Re con piìi gra- 
vezza: come ha fatto il principe della Roccella, dopo aver 
combattuto col Turco. Finalmente, sotto specie di far, come 
dicono, la camera per non alloggiare soldati, si fanno pa- 
gare più migliaia ducati dalle terre dove stanno, ed estor 
cono con mille modi, ed attendono a lussurie e spendere... » '. 
Sembra anche che lo avesse reso pensoso lo spettacolo delle 
disuguaglianze sociali in una grande città come Napoli: al 
qual proposito scrive nella Città del Sole: « In Napoli, sono 
settantamila persone ^, e non faticano se non li diece o 
quindicimila, e questi patiscono fatica assai, e si struggono; 
e l'otiosi si perdono anche per l'otio, avaritia, lascivia, 
usura, e molta gente guastano, tenendole in serviti! e po- 
vertà, o facendole partecipi de lor vitii. Tal che manca il 
servitio pubblico, et non si può il campo, le militie e l'arli 
fare, se non male e con stento... »". — Ho scelto i luoghi che 
pili si riferiscono all'osservazione di fatti particolari, e che 



1 Monarchia di Spagna, e. XIV e XVII (in Opere, ed. D' Ancona. 
II, 127-8, 148). 

- Veramente, ai corainciamenti del secolo decimosettimo Napoli 
contava intorno a dugentocinquantamila abitanti, oltre cinquanta- 
mila nei suoi borghi (cfr. Capasso, Sulla circoscrizione civile ed eeclesia- 
stica e sulla popolazione della città di Napoli, Napoli, 1883, pp. 43-46); 
sicché non si comprende come il Campanella potesse scrivere un nu- 
mero così lontano dal vero. 

3 Cosi nel Codice delle lettere, f. 50, e cfr. ed. D'Ancona, II, 256-7. 
Nell'altro manoscritto XIII. E. 53, f. 17, non si nomina Napoli: ♦ per- 
chè in una città saranno tante migliaia d'anime, et non fatica se 
non la quarta parte, et questi patiscono fatica assai, ecc. ». 



192 SILLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

contengouo una sorta di critica concreta; ma è facile no- 
tare che, né per la qualità dei fatti notati né per il modo 
dell'osservazione, essi escono dal genere dei soliti lamenti 
che si trovano in tanti documenti di quel tempo, e di tutti 
i tempi. 

Parrebbe talvolta che i concetti comunistici del Campa- 
nella fossero il pensiero di un veggente che, gettando lo 
sguardo sul gran secolo al finir del quale gli era toccato na- 
scere, scorgesse disegnarsi il processo di una nuova storia, 
che doveva riuscire alla mutazione totale degli ordini pre- 
senti. In quel secolo, infatti, nasceva il mondo moderno, 
che, come la più radicale delle sue tendenze, produce ora 
il comunismo. E a chi volesse, alquanto sofisticamente, 
sostenere tale opinione, non mancherebbero argomenti. Il 
Campanella è tutto scosso dai grandi avvenimenti, che si 
sono succeduti nel suo secolo. « se sapessi (è detto nella 
Città del Sole) cosa dicono per Astrologia e per li stessi Pro- 
feti nostri et Hebrei et d'altre genti di questo secolo nostro 
che ha più historia in cento anni che non hebbe il 
mondo in quattromila, et più libri si fecero in que- 
sti cento che in cinquemillia, e dell'inventioni stu- 
pende de la calamita e stampe, archibugi, gran 
segni dell'union del mondo»*. La scoperta del Nuovo 
Mondo è da lui continuamente ricordata. Nella Monarchia 
di Spagna: «L'ammirabile invenzione del Mondo nuova 
(previsto da santa Brigida e chiaramente predetto da Seneca 
in Medea a punto con quei nomi e modi che si ritrovò, 
secondo lui dalle Sibille aveva inteso) ha fatto maravigliare 
il nostro emisfero tutto»-. E nella Città del Sole: gli spa- 
gnuoli « trovaro il resto del mondo, benché il primo trova- 
tore fu il Colombo nostro genovese, per unirlo tutto ad 



1 Cod. delle lettere, f. 78. 

- Monarchia di Spagna, e. XXXI {Opere, ed. cit., II. 216). 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 193 

una legge» '. — Il Lafargae è pronto a dire che il Cam- 
panella « esprimeva cosi, senza saperlo, in forma filosofica, 
l'imperioso bisogno della borghesia capitalistica, la quale 
non poteva svilupparsi economicamente se non colla forma- 
zione degli Stati nazionali, col distruggere le barriere in- 
terne, con l'abolire i privilegi locali e corporativi, col rego- 
lare la moneta ed unificare i pesi e le misure... » -. Ma pochi 
ne saranno persuasi, e tra (questi pochi non sarò io: pel 
Campanella, imbevuto di profezie e predizioni astrologiche, 
pieno della propria missione provvidenziale di riformatore 
del mondo, tutto ciò ch'egli vedeva era segno dei prossimi 
rivolgimenti; e la scoperta dell'America e le invenzioni va- 
levano innanzi al suo spirito quanto i terremoti, le pesti e 
la «congiunzione magna». Non faceva, e non poteva fare, 
una diagnosi delle condizioni del suo secolo, e dei germi 
di futuro svolgimento che portava in seno ■^ Egli aspettava 
l'aurea età felice, che doveva precedere la fine del mondo; 
e sentiva che. all'avvicinarsi di- quella, la terra tremava. 



IV 



Ma la riforma del Campanella, nata nella sua mente, 
frutto del suo pensiero solitario, se non ha importanza né 



' Ms. citato, f. 7>->. 

- Lafauguk, 1. c, pp. 488-9. 

'•' Del i-esto, i concetti economici del Campanella erano alquanto 
poveri. Una diligente esposizione se ne ha in T. Forxari, Delle teorie 
economiche nelle provincie napolei<ine dal sec. XIII al MDCCXXXIV, 
studi storici (Milano, 1882), pp. 16.5-191. È stato favoleggiato della 
sua amicizia con Antonio Serra, il quale avrebbe preso parte alla 
congiura campanelliana, e certo stava in carcere negli anni nei quali 
c'era anche il Campanella; ma, dopo le ricerche dell'Amabile, ciò 
non può più ripetersi. 11 Serra era in carcere sotto l'accusa (vera 
o calunniosa che fosse) di falsa moneta. 

B. Croce, ìfaterialismo sloi-ico. 13 



194 SULLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

come documento storico né come indizio sociale, avrebbe 
tuttavia potuto forse dar luogo a un bizzarro episodio sto- 
rico. Oramai è dimostrato che fine della congiura cala- 
brese, per la quale tanti furono messi a morte e il frate 
pati ventinove anni di prigionia, era appunto rattuazione 
delle idee espresse nella Città del Sole ^ E la congiura non 
era poi cosa tutta da giuoco. Vi partecipavano frati, ca- 
valieri, banditi, i Turchi: il Campanella aveva al fianco 
uomini di parola e d'intrighi, come fra Dioniso Ponzio; uo- 
mini d'azione, come Maurizio de Rinaldi, il capo « secolare » 
della congiura -. Al tempo stabilito, sarebbero entrati di 
notte in Catanzaro tre o quattrocento uomini armati, che 
avrebbero dato principio all'insurrezione; in caso di un primo 
insuccesso, si sarebbero ritirati sui monti, non facilmente 
dominabili dalle soldatesche; il movimento era concordato 
col contemporaneo arrivo dei Turchi, guidati dal bassù Ci- 
cala (trenta galere turche, non sapendo del fallito tenta- 
tivo, si presentarono, infatti, il 13 settembre alla marina di 
Stilo); il danaro necessario si sarebbe trovato. Il Viceré di 
Napoli sapeva ciò che diceva, quando scriveva a Madrid « es- 
sere stata misericordia divina l'averla scoperta in tempo». 
Certo, i congiurati par che seguissero il Campanella presi 



i Si veda, alla fine del voi. Ili dell'opera dell'AMABiLE, / pro- 
censi, pp. 609-12, il confronto tra le idee esposte nella Città del Sole 
e quelle che risultarono sparse tra i congiurati. Il Falletti (Del 
carattere di T. C, in Rivista storica italiana, 1889, p. 209 so-g.) sostiene 
la verità della tesi, che il Campanella addusse a sua difesa: che, 
cioè, la congiura fosse diretta a servir di « cautela » pel caso che 
avvenissero i profetati rivolgimenti e le invasioni dei Turchi: con- 
tra, si veda I'Amabile, Del carattere di T. C, in Atti dell' Acc. Fontan., 
voi. XX, p. 49 e sgg. 

2 Quando a Napoli fu giustiziato (4 febbraio 1600) Maurizio de Ei- 
naldi, il residente veneto scriveva: «Le attieni fatte da costui, et 
vivendo et morendo, sono generalmente stimate di tanto momento, 
che da esse si possa far giudicio qual fossero stati i suoi progressi, 
se fosse riuscito l'effetto della congiura > (Amabile, / processi, II, 60). 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 195 

dal fascino della sua persona, pieni di fede nelle sue doti 
meravigliose. Il Campanella e i suoi emissari avevano 
detto che sarebbero accaduti rivolgimenti, che bisognava 
tenersi pronti, prender le armi, ritirarsi sui monti e fare 
una Repubblica per vivere in comune e serbar la genera- 
zione ai soli forti, indicando nei più minuti particolari il 
nuovo costume di vita; e quelli lavorarono al trionfo del 
frate colla speranza di toccare lo stato di felicitA, che ei fa- 
ceva risplendere innanzi alle loro fantasie ', Comunisti non 
erano di sicuro; e, in tutte le deposizioni dei processi, è 
impossibile sorprendere traccia di sentimenti ed aspirazioni 
comunistiche tra i componenti della congiura: vi si trova 
solo la materiale ripetizione delle parole del frate: il Cam- 
panella, alludendo forse all'inferiorità dei suoi compagni, 
disse poi che « guastarono ogni suo pensier grande » . IMa 
che cosa sarebbe accaduto, quando la congiura fosse scop- 
piata? Quale indirizzo avrebbe dato a essa l'intervento dei 
Turchi? E se i Turchi, com'era stabilito, si fossero conten- 
tati di aiutar la ribellione e 'di trarne alcuni vantaggi senza 
procedere a Tina conquista per loro conto, che cosa avreb- 
bero fatto le popolazioni? Come avrebbero risposto al verbo 
del Campanella predicante la comunione dei beni? Il ma- 
tei-iale d'uomini per un moto proletario non mancava nel- 
l'Italia meridionale, e in particolare nelle Calabrie: era lo 



1 Ecco un brano di .dialogo fra il Campanella ed uno dei congiu- 
rati, secondo la confessione del Campanella: e La prima volta che 
esso fra Tommaso ne parlò con detto fra Giov. Battista fu l'anno pas- 
sato de mese de Settembre 1598 tu Stilo, conferendo certe conclu- 
sioni che esso fra Giov. Battista havea da tenere nel Capitolo». In 
queste conclusioni « trattò de stalu optimae Reipuhlicae, et dicen- 
doci Io la legge di quella, lui disse: ' volesse Dio che si trovasse, ma 
è quella di Platone che non si trovò mai '; et io le risjjosi che ' s' ba- 
vera da trovare innanzi la fine del mondo per compir li desideri hu- 
mani del secolo d'oro, et che cosi era profetato...'» (Amaiìu^k. I pro- 
cessi, II, 68). 



19G SULLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

Stesso cbe forniva così grossi contingenti al brigantaggio. 
Quali fossero le condizioni dei sudditi dei baroni, si è udito 
dallo stesso Campanella; e forse pili eloquentemente di- 
cono poche note, che leggiamo nelle cronache del tempo. 
Apriamo i Giornali di Giuliano Passaro: « 1512. De lo mese 
di gingilo 1512 se revoltai una terra in Calabria nominata 
Martorano, et se revoltai contra lo Conte suo signore de casa 
de Jennaro, per causa che d. Conte era multo tiranno et male 
signore». Ancora nello stesso anno: «De lo mese di de- 
cembre 1512 se revoltai una terra di Calabria nominata 
Santa Severina contro lo signore Andrea Carrafa suo pa- 
trone, per causa che detto signore era multo tiranno» '. Al- 
cune decine di anni prima della congiura del Campanella, 
nel 1563, si era avuto in Calabria il caso di un fuoruscito, 
Marco Berardi, detto «Re Marcone », che aveva messo in- 
sieme in poco tempo un migliaio e mezzo di uomini, ed 
era mosso ad occupare la città di Cotrone. Ke Marcone, 
brigante di grande stile, aveva istituito una sorte di gover- 
no: esigeva i pagamenti fiscali, ministrava giustizia, dava 
regolarmente le paghe ai suoi uomini, e metteva taglie sui 
capitani spagnuoli mandatigli contro. « Et avendo trovato 
un povero dottore di Cotrone, il Re Marcone gli ha fatto 
stracciare il privilegio che portava, e gliene ha fatto fare 
un altro, come quello fosse il suo regno » -. — Insomma, chi 



1 G. Passaro, Giornali (Napoli, 1785), pp. 184, 187. 

- Si veda una lettera da Napoli 15 agosto 1563 pubblicata dal Pa- 
I.KRMO in Arch. slor. ital.., 1^ serie, voi. IX, pp. 195-6, e Parrino, Tea- 
tvo dei viceré, ed. Gravier, I, 171. — Del Berardi discorre piuttosto a 
lungo David Andreotti. Storia dei Cosentini (Napoli, 1869), II, 256 sgg., 
il quale vuole che esso fosse un eretico luterano fuggito dalle car- 
ceri deir Inquisizione, e racconta di lui parecchi particolari che 
hanno del romanzesco. L' Andreotti, scrittore non degno di molta 
fede, si riferisce a una cronaca del Frugali, che ho saputo esistere 
manoscritta in Cosenza presso un privato, ma della quale non ho po- 
tato avei-e finora comunicazione. La fama di « Re Marco » è viva 
presso il popolo; e tra gli scheletri del cimitero del convento di 
San Francesco se ne addita uno come quello di lui. 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 19 ( 

guardi col desiderio della esperimentazione storica non può 
non rimpiangere che la congiura fosse stata scoperta prima 
dello scoppio. Sarebbe stato curioso vedere un tentativo di 
ordinamento comunistico nelle Calabrie del 1599. — Ma la 
congiura fu sventata a tempo; e agli ideali del Campanella 
mancò T occasione di discendere nei fatti. 



Kimane, dunque, la pura costruzione teorica, e questa 
conviene esaminare. A far da guida nei concetti politici 
del Campanella e a mostrarne le radici filosofiche, viene 
opportuno un altro libro, eh' è stato pubblicato anche in 
questi giorni, del dottor G. S. Felici, eh' è tanto ben fatto, 
quanto sono fatti male i due lavori che abbiamo esami- 
nati di sopra. Il libro è intitolato: Le dottrine filosofico- 
religiose di Toiìimaso Campanella con particolare riguardo 
alla filosofia della Rinascenza italiana '; e prende veramente 
un posto ragguardevole nella letteratura sul Campanella. 
Fondato sopra una conoscenza accuratissima delle opere 
del filosofo e della bibliografia dell'argomento, con continue 
riferenze alle dottrine degli altri rappresentanti del movi- 
mento filosofico italiano della Rinascenza, esso non lascia 
nulla da desiderare, neppure rispetto alla forma letteraria 
che si presenta nitida e ordinata, come si conviene a un 
contenuto così bene elaborato. Non essendo questa una ri- 
vista filosofica -, non posso farne l'ampia recensione che 
meriterebbe; e debbo restringermi a dare un cenno solo 
della parte che concerne la politica del Campanella ". 



1 Lanciano, Carabba, 1895. 

- Il presente scritto fu pubblicato la prima volta, come ho avver- 
tito, néìV Archivio storico per le prov. napoletane. 

2 Non avrei mai pensato che, nel ristampare dopo qualche anno 



108 SULLA STORIOGRAFIA SOCIALTSTICA 

Su questo punto regna discordia tra i critici; e, se Ber- 
trando Spaventa definì il Campanella « filosofo cattolico e 
sostenitore acerrimo della gerarchia», e, pei suoi tentativi 
di conciliazione tra il vecchio e il nuovo, lo chiamò « il fi- 
losofo della restaurazione cattolica» '; e il De Sanctis si- 
milmente giudicò, che, « in quel tempo che la monarchia 
assoluta si sviluppa nella Spagna e nella Francia col favore 
e l'appoggio del papato, egli era la voce dell'assolutismo 
europeo, e ci mettea una sola condizione, che quell'assolu- 
tismo fosse il potere esclusivo del papa, il braccio del pa- 
pato », onde ritrovava in lui il principio di ciò che nel nostro 
secolo doveva riuscire al neoguelfismo -, l'Amabile, invece, 
dopo avere ricostruito la biografia di lui, e avere ricono- 
sciuto che il suo carattere fu « quello di un simulatore con- 
tinuo, perchè cospiratore continuo», venne a stabilire, esa- 
minando le carte dei processi, che il Campanella aveva 
concetti politici riposti, la somma dei quali è raccolta nella 
Città del Sole. Rispetto a questa, gli altri scritti campa- 
nelliani debbono considerarsi semplici ripieghi, consigliati 
dalle condizioni di vita nelle quali il filosofo si trovò via 
via ^. E tale interpetrazione difese gagliardamente contro il 
prof. R. Mariano, che cercò di riprendere la posizione dello 
Spaventa, e volle considerare la Città del Sole come un 
vago ideale di fantasia \ Il Felici, nel ritentare la questione. 



il' mio scritto, dovessi qui segnare che il mio caro e valente amico 
prof. Giovanni Sante Felici è morto, in giovane età, il 5 settembre 
1897. E con lui sono cadute le molte speranze, che i primi frutti del 
suo vigoroso ingegno facevano sorgere. 

1 B. Spaventa, Sayqi di critica filos. e relig. (Napoli, 1867), pp. 1!). 
25. Cfr. Prol. e introd. alle lezioni' di filosofia (Napoli, 1862), pp. 64-70. 

- F. DE Sanctis, Storia della lett. ital., II, 262-284. 

" Amabile, opp. citt., pasìsim, e specialmente Canipaiiella nei castelli, 
II, 166-179. 

* Mariano, in Alti delV Accad. Reale di Napoli, Sezione scienze morali 
e poliliche, voi. XXIII, pp. 156-163; cfi'. Amabile, Osservazioni (Napoli, 
1888), pp. P-19. 



IL COMUNISMO D! TOMMASO CAMPANELLA 199 

crede necessario un esame più accurato delle opinioni reli- 
g-iose del Campanella,, nel corso del quale gli accade anche 
di correggere taluna interpetrazione dello Spaventa e del 
Fiorentino. 

Egli si rifa dall'esporre quale fosse il concetto preciso 
della mente nel Campanella, che in questo punto è in con- 
trasto con lo stesso Telesio. La mente (riassumo brevissi- 
mamente) è la vera e specifica anima umana; e funzione 
fondamentale della mente è la religione naturale o in- 
nata. La religione naturale, nel corso della storia, è offu- 
scata dalla religione addita, sopraggiunta, ossia dalle re- 
ligioni positive. Il cristianesimo è la religione che pii^i si 
accosta alla religione naturale, anzi, spogliato degli abusi, 
è la stessa religione naturale. Il Felici discorre a lungo del 
modo nel quale il Campanella concepisce il movimento della 
storia; e, pure escludendo ch'egli abbia intuito la legge del 
progresso, come altri (il Mamiani) aveva affermato, viene 
alla conclusione ch'egli sorpassi la teoi'ia dei circoli storici, 
concependo i particolari circoli storici come inclusi in un 
circolo più ampio, che deve ricondurre l'umanitri a una 
forma perfetta di convivenza sociale. Questa forma perfetta 
è la teocrazia, che reggerà i popoli uniti in una sola fa- 
miglia al lume della religione naturale ^ 

Posta tale concezione della religione e dello svolgimento 
sociale, al Felici sembra che il Campanella non sia, come 
parve all'Amabile, un novatore sostanzialmente contrario 
alla Chiesa, quantunque non possa dirsi punto il filosofo 



1 In questo modo di considerai'e la religione rispetto alla so- 
cietà sta la vera ragione delPavversione del Campanella al Machia- 
velli, pel quale ultimo la religione era semplice astuzia di governo. 
Si veda principalmente Atheimmis triumphattis (ed. di Parigi, 16.3fì), 
pp. 226-252. Il Lafakgue non mancherebbe di dire, che l'odio del 
Campanella conti-o il Machiavelli rappresentava la ribellione dell'e- 
tica proletaria contro l'etica borghese. 



200 SULLA SJOKIOGRAFJA SOCIALISTICA 

della restaurazione cattolica. La sua aspirazione era la re- 
ligione naturale, o, eh' è lo stesso, il cristianesimo spogliato 
degli abusi; e il papato era chiamato a darle compimento. 
Così il riformatore della CitUi del Sole è sostanzialmente di 
accordo col politico che escogitava ogni sorta di mezzi per 
fondare sulla terra la universale monarchia del papato. 

Veramente, qualche osservazione si potrebbe muovere 
anche a codesta conclusione. Il punto d'accordo tra le idee 
del Campanella e il papato sarebbe dato dalla religione na- 
turale, ossia dal cristianesimo spogliato degli abusi. Ma 
era codesto un punto d'accordo? Dove il Campanella inten- 
deva fermarsi nella riforma degli abusi? Bisogna riporre, 
per esempio, tra essi anche la fede nella divinità di Cri- 
sto, che egli certo non accoglieva nel suo cuore? E non 
sembra quasi un'ironia l'idea di un papa, razionalista o 
deista, sommo pontefice della religione naturale? — Una 
delle due: o il Campanella, nell' immaginare la possibilità 
di quell'accordo, simulava; e allora si torna alla tesi so- 
stenuta dall'Amabile. non simulava, e allora resta il 
semplice problema, piuttosto psicologico che logico, come 
mai egli potesse fare a sé stesso la curiosa illusione che 
la teocrazia, da lui sognata, fosse qualche cosa di sostan- 
zialmente identico col papato, istituzione storica? come mai 
nel suo animo non entravano in contrasto due cose, che, nella 
realtà, erano di certo in contrasto? — Ma in questo gine- 
praio non occorre cacciarsi, tanto pili che, per opera par- 
ticolare del Felici, si sa ormai quel che pivi premeva: il 
contenuto preciso dell'ideale religioso-sociale del Campa- 
nella. A noi importa poco indagare se il papa che doveva 
metterlo in atto fosse il Metafisico della Città del Sole (lo 
stesso Campanella), ovvero un papa eletto di conclave, un 
Clemente o un Urbano VITI; e (.[uanta buonafede il Cam- 
panella portasse nell'affermare questa seconda cosa. 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 2Ul 



VI 



Principale regola di vita nel reggimento teocratico, go- 
vernato dalla Metafisica o dalla Religione, è la comunità 
dei beni. Il Campanella difende il comunismo coi soliti 
argomenti: dalla proprietà privata prende origine l'egoismo 
(r« amor proprio »), e da questo tutti gli altri mali sociali; 
l'abolizione della proprietà genera la fratellanza (r«amor 
comune »). 

« Dicono essi (scrive nella Città del Sole) che tutta la 
proprietà nasce dal far casa appartata, e figli e moglie 
propria, onde nasce l'amor proprio che, per sublimare a 
ricchezza e dignità il figlio o per lasciarlo erede, ognuno 
diventa o rapace puliblico se non ha timor sendo potente, 
o avaro et insidioso o hipocrito, s'è impotente; ma, quando 
perdono l'amor proprio, resta il comune solo »*. E si studia 
di rispondere alle vecchie obiezioni di Aristotele e di altri 
contro il comunismo dei beni. 

Egli conosceva la storia di tutte le forme del comunismo, 
così teorico come pratico: dalla repubblica platonica alle 
opinioni dei padri della Cliiesa, e via via fino all'opera ge- 
niale del predecessore suo grande, Tommaso Moro, alla quale 
più direttamente si riferisce -; dal primitivo comunismo cri- 
stiano a quello delle sètte eretiche antiche e recenti. Della 
vita dei primi cristiani dice : « La comunanza dei beni fu 
stabilita sotto gli apostoli, secondo testifica san Luca e san 
Clemente; e in Alessandria si è osservato lo stesso modo di 



1 Ms. cit., f. 6. 

2 « In nostro favore sta l'esempio di Tommaso Moro, martire 
recente, che scrisse la sua repubblica Utopia imaginaria, sul cui 
esempio noi abbiamo trovate le istituzioni della nostra». (Qiiest., ed. 
D'Ancona, II, 288). 



202 SULLA STORIOGRAriA SOCIALISTICA 

vivere sotto, san Marco, come testificano Filone e san Girola- 
mo. Tale fu la vita del clero fino ad Urbano I ed anche sotto 
sant'Agostino; e tale è ora la vita dei monaci, che san Gri- 
sostomo desidera, come possibile, introdotta in tutta la città, 
di Costantinopoli, e ch'io spero doversi in futuro realizzare 
dopo la ruina dell'Anticristo, come nei miei profetali» '. 

Le opere di Gioacchino di Fiore furono stimolo alle sue 
speranze di rinnovamento, e le ricorda di frequente tra le 
autorità che cita in sostegno nel processo. Ripensa anche 
a Giovanni Huss, che « nega potersi possedere qualche 
cosa in particolare»-. Intorno agli Anabattisti si esprime 
con cautela, ma con lode: «Vivono in comune, che, se 
ritenessero i veri dogmi della fede, più profitterebbero in 
questo modo di vita; e volesse il cielo che non fossero ere- 
tici e praticassero la giustizia come noi professiamo, che 
sarebbero un esempio della sua verità: ma non so per qual 
stoltezza rifiutano il migliore »'\ Ed è notevole la sua sim- 
patia per Francesco d'Assisi, al quale in un sonetto, dopo 
aver detto: 

Ma chi all'anior del coiimn padre ascende 
tutti gli uomini stima per fratelli, 
e con Dio di lor beni gioia prende — , 

si rivolge con questa semplice apostrofe, così piena di te- 
nerezza : 

Buon Francesco, che 1 pesci anche e gli uccelli 
frati appelli (o beato chi ciò intende!): 
né ti fur, come a noi, schifi o rubelli!* 

Il Lafargue vuole anche che il Campanella avesse notizie, 
dalle relazioni dei viaggiatori, circa le istituzioni comuni- 

1 Questioni, ed. cit., II, 291. 

• Questioni, ed. cit , II, 294. 

3 Qtiestioni, ed. cit., II, 292. 

■• Poesie filos., in Opere, ed. cit., I, 28. 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 203 

stiche dei popoli selvaggi; ma di ciò non si ha nessuno in- 
dizio, neanche nelle Questioni, dove raccogliendo, si può dire 
tutta la letteratura dell'argomento, non avrebbe mancato di 
discorrerne '. Nelle sue opere sono parecchi accenni ai co- 
stumi di popoli selvaggi, ma non già a istituti comunistici '. 
Salvo tale pienezza di erudizione storica, niente di ve- 
ramente nuovo e importante è nel suo comunismo, che, in 
certo senso, è inferiore a quello del Moro, perchè non ha 
la posizione centrale ed essenziale per l'ordinamento della 
società, che il Moro riconosce alla forma della proprietà •'. 



1 Lafarguk, op. cit., pp. 503, 504. Cita a- prova i nomi di padre 
e figlio, fratelli e sorelle, che si davano tra loi-o gli abitanti del4a 
Citt'i del Sole: « il clie non è uscito dal suo capriccio, perchè si è ri- 
trovato presso le orde australiane, e probabilmente cosi Platone come 
il Campanella hanno ricavato il fatto da notizie di viaggiatori». Da 
costumi dell'impero degl'Incas nel Perù avrebbe tolto le cerimonie 
che accompagnano la coltivazione della terra, il culto del Sole, e il 
nome stesso del suo Stato. 

~ L'ipotesi, che il Campanella avesse conoscenza della costitu- 
zione degli Incas del Perù, è anche messa innanzi da G. De Grekk, 
L'écolution des croi/ances et dex doctrines politiqiies (Bruxelles-Paris, 
1895), pp. 161-2 n. 11 quale, su notizie fornitegli dal Róclus, fa no- 
tare che se l'opera di Garcilaso da la Vega fu pubblicata per la 
prima volta nel 1609-1617, la Chronica del Ferii nuevaniente escr'Ua di 
Pedro de Cieza de Leon era stata già pubblicata ad Anversa nel 
1554, e, tradotta in italiano, a Roma nel 1555 e a Venezia nel 1.560; 
e di nuovo, Hidoria delle nuove Indie occidentali, Venezia, 1576. 11 
Campanella doveva certo conoscei-la; come anche egli fu senza 
dubbio in relazione con viaggiatori spagnuoli e italiani, i cui rac- 
conti erano sparsi nel pubblico. « Ceci n' implique pas — soggiunge 
il De Grekf — que les utopies socialistes de Campanella n'aient 
pas eu des facteurs internes; ceux-ci restent au contraire le plus 
importants; mais, dans notre hypothèse, le Pérou, au commence- 
ment du XVII siècle, aurait exercé sur les publicistes européens, 
(Campanella par exemple, la mème influence que l'Angleterre sur 
Montesquieu et Voltaire, la Suisse sur J.'J. Rousseau, et toutes 
deux avec le Képubliques américaines et les formes communautai- 
res primitives sur la démocratie contemporaine » . 

:' Pel Moro, in una sola cosa è l'origine di tutti i mali della no- 
stra società (ed. Daelli, p. 32); definisce gli Stati « una congiura di 
ricchi, la quale tratta dei propri comodi » (p. 86). 



204 SULLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

Il Sigwart loda il sistema comunistico del Campanella come 
fondato con profondità filosofica e svolto con piena conse- 
quenza * ; ma non è gran lode, perchè nelle discipline po- 
litiche, come in ogni campo speciale di studi, quel che conta 
è l'idea o la scoperta nuova, non il merito di ragionarla for- 
malmente con generali principi filosofici. Altri ancora (per 
es., il Malon) ammira il cosmopolitismo del Campanella, « qui 
devancait les temps»^; ma quel cosmopolitismo, anziché 
avanzare i tempi, guardava all' indietro, verso le idee me- 
dievali dell'Impero universale. Di particolari pregi relativi 
allo studio del concetto economico della proprietà privata 
e del comunismo non è poi da parlare, per le ragioni esposte 
di sopra. 

Più originale è, senza dubbio, l'ordinamento della gene- 
razione, che, accanto al comunismo dei beni, forma il se- 
condo sostegno della sua Repubblica ideale. E infatti, nei 
processi, le due affermazioni principali, che ritornano sem- 
pre in bocca ai congiurati, sono: la vita in comune, e la 
generazione serbata ai forti. Anche nella Monarchia di Spa- 
gna egli non lascia di escogitare modi coi quali si possa 
ottenere, da ventre di donna, un valente re di Spagna; 
e ai viceré raccomanda di «copulare», per produrre l'unione 
degli animi, donne spagnuole con uomini italiani, e all'in- 
verso. Non si può sconoscere alcunché di giusto in fondo 
all'esigenza ch'egli esprime vivacemente nelle parole; «Noi, 
aff"aticandoci pel miglioramento delle razze dei cani e dei 
cavalli, totalmente trasandiamo quella degli uomini». 11 
problema della generazione e della popolazione è ancora 
di quelli pei quali i teorici non vedono via sicura; ma la 
soluzione proposta dal Campanella si fa notare, più che 
per altro, per la sua bizzarria. Egli, per l'appunto, tratta 



i SlGWAIlT, op. cit., p. 158. 

- B. Malon, Social, integrai (Paris, 1890), I, 115. 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA . 205 

la razza umana come cavalli e cani, sembrando dimenti- 
care che gli incrociamenti dei cavalli e dei cani sono rego- 
lati dalla costrizione degli uomini, e che, per quelli degli 
uomini, l'allevatore non si è ancora trovato (se pur non 
debba esser Mar, il ministro del dicastero ù^W Amore nella 
sua Repubblica ideale). 

L'ordinamento politico è appena accennato; e il Sigwart 
ha notato giustamente che non s'intende con chiarezza in 
chi propriamente risieda il potere dello Stato, se nell'As- 
semblea nel Metafisico *. L'ufficio del sommo reggente o 
Metafisico, e quelli dei suoi tre ministri, sarebbero dovuti 
essere regolati, a quanto sembra, da una specie di succes- 
sione dinastica, non del sangue, ma dell'intelligenza: i 
quattro sapienti avrebbero designato anticipatamente i loro 
successori. Circa il governo della sapienza e dei sapienti, 
solo chi si contenta di somiglianze esteriori può vederci 
qualche cosa di simile al concetto moderno del governo 
tecnico. Il governo dei sapienti (che, del resto, è di pro- 
venienza platonica), come l'obbligo del lavoro e simili, non 
hanno il significato pregnante, che si potrebbe esser ten- 
tati di attribuir loro, ma sono ovvie costruzioni intellet- 
tuali e morali. Più rilevanti le idee del Campanella sul- 
l'educazione, in opposizione al modo pedantesco nel quale 
soleva intendersi ai suoi tempi. Ma, in generale, si è 
assai esagerato nell 'affermare che quel libriccino del Cam- 
panella abbondi di pensieri nuovi e di gran peso: il Fe- 
lici, che pur muove da questo preconcetto favorevole, ma 
eh' è per disposizione mentale assai cauto e temperato, nel 
criticare uno per uno i concetti della Città del Sole finisce 
col poterne indicare assai pochi, che abbiano qualche im- 
portanza; dopo di che, ci lascia alquanto freddi la sua 
conclusione, che il Campanella fu « non che uomo nuovo, 



1 SuavART, op. cit., p. 167. 



206 SULLA STOKlOaUAFIA SOCIALISTICA 

profeta dei tempi nuovi» ^ — Essendo la costruzione del 
Campanella fondata sulla conoscenza di tutta la lettera- 
tura politica ' e delle storie, non è meraviglia che, in molti 
particolari, le istituzioni dei suoi Solari siano semplici re- 
miniscenze, di svariata origine: non poche derivano da 
Platone, e dai costumi spartani e romani; dalla chiesa cat- 
tolica toglie la confessione auricolare, e via discorrendo. Il 
Campanella, come tutti i riformatori entusiastici, aveva una 
visione così precisa del nuovo Stato immaginario, da sapt'r 
determinare anclie le fogge del vestire che avrebbero adot- 
tate i suoi uomini dell'avvenire'"; e che questo fosse un 
argomento prediletto nei suoi discorsi coi congiurati si vede 
dal fatto, che nelle deposizioni dei processi si parla spesso 
della « tabanella bianca » e del « coppolicchio » a forma di 
turbante turco, che si sarebbero portati nella « rejmbblica 
di fra Tommaso »! 

Ma qual è poi il valore politico dell'ideale del Campa- 
nella? Con quali mezzi egli credeva che potesse tradursi 
in pratica? Sta bene ch'egli vanti la sua repubblica come 
più perfetta di tutte le altre fin'allora ideate, perchè era 
dedotta dalla dottrina delle « primalità ». Ma l'opera del 
politico consiste, non già nelle costruzioni piìi o meno in- 
gegnose e di bella apparenza, ma nel trovare i punti di 



1 Op. cit., in fine dell'ultimo capitolo. 

2 « E finalmente tutti i difetti che si sono notati nelle repub- 
bliche di Minosse, di Licurgo, di Solone, di Caronda, di Romolo, 
di Platone e di Aristotele e di altri autori, nella nostra repubblica. 
a chi ben vi guarda, non si trovano... » (Questioni, ed. D'Ancona, 
II, 290). 

^ « Vesteno dentro camicia bianca di lino, poi un vestito eh' è 
giubbone e calze insieme senza pieghe et spaccato per mezzo del 
lato e di sotto et di poi imbottonato et arriva la calza sino al talone, 
a cui si i^one un pedal grande come bolzacchino, e la scarpa sopra; 
e son ben attillate che, quando si spogliano la sopraveste, si scor- 
gono le fattezze della persona... » (Ms. cit., f. 6S t."; cfi'. l'altro ms., 
f. 12). 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 207 

congiungimento tra l'ideale e la realtà. E la ragione, per 
la quale le utopie hanno scarso interesse nella scienza 
politica, sta appunto in ciò, che le vie dell'attuazione o 
sono taciute o fantasticamente tracciate ^ Ora, fra tutti gli 
utopisti, chi più utopista del Campanella? Il quale, quando 
non contava sugli astri, escogitava espedienti politici che 
non possono non sembrare stravaganti. È stato spesso af- 
fermato che ciò proveniva dalla sua condizione di frate, 
dalla poca sua pratica delle cose del mondo'; ma il Cam- 
panella stesso diceva che non i monaci valenti, ma solo 
i volgari, ignorano il mondo ■^; ed egli in ispecie, trabal- 
zato da giovane di città in città, ne aveva avuto espe- 
rienza abbastanza larga; e, a ogni modo, libri come la 
Monarchia di Spagna riboccano di conoscenza diretta del 
mondo reale ^. Più esatto forse sarebbe dire che la sua 
testa immaginosa trasformava i fatti e attril»uiva loro virtù 
e qualità che non avevano "'. 



1 1j Utopia del Moro non sembra giuoco letterario, com'è stata 
li solito cousiderata,-ma ideale seriamente sentito; e il Kautsky 

sostiene che il Moro vedeva la via di una possibile attuazione nel- 
l'opei'a di un sovrano assoluto. Recentemente G. Louis, Thomas More 
und seine Utopia (Berlino, 1895, progr.), torna a negare all' Utopia 
del Moro valore politico, ne mette in rilievo i lati scherzosi, afferma 
che rappresenta un ideale statico, non dinamico fder liuhe, non des 
Strebens), come la poesia pastorale. 

2 Già il SuDRB, Hist. du coHi7?i?<rtt6nie (Bruxelles, 1850), p. 176: « On 
sent, en le lisant, que Campanella u'est pas sorti de l'enceinte du 
rloìtre et qu' il n'a vu les hommes qu'à travers Pétroite ogive de 
sa cellule >. Anche il Lafakgue ripete le stesse cose. 

3 «Né i monaci si privano di questi beni (la conoscenza del 
mondo), mutando spesso città e provincia, né l'ignoranza dell'espe- 
rienza si dà a vedere nei migliori monaci, ma solo nei volgari » 
(Questioni, ed. D'Ancona, II, 29B). 

■"Non riesco tuttavia a scorgere l'importanza politica, che in 
quel libro ritrova il Sigwakt, 1. e, p. 173. 

^ Il GoTHEiN, che citeremo più oltre, afferma che il Campanella 
abbia guardato al Nuovo Mondo, come a campo opportuno di espe- 
rimento. Ma ignoro sopra qual documento fondi quest'affermazione. 



208 SULLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

Tatto sommato, l'interesse della Città del Sole si riduce 
principalmente all'essere una delle espressioni del bisogno, 
continuamente risorgente nel corso dei secoli, di vagheg- 
giare istituzioni sociali astrattamente razionali; tra le quali, 
posta la razionalità, non può mancare, in prima linea, 
l'eguaglianza dei diritti e dei doveri, con l'abolizione della 
proprietà privata, causa di perturbamento. 

Come opera letteraria, è comune e giusto giudizio che 
essa non sostenga il confronto con V Utopia del Moro. 

Nello scritto dell'umanista inglese, si ammirano una 
plasticità artistica, una vivacità ed arguzia di stile, dalle 
quali era lontano il frate calabrese, che aveva anch'esso 
la sua scintilla artistica, ma d'altro fuoco. Il dialogo ò tra 
un Hospitalario ed un Marinaio genovese, che restano un 
interrogatore e un risponditore, un A e nn B qualsiasi; 
nessuna messa in scena, nessuna motivazione. S'introduce 
secco secco con un: «Dimmi, per gratia, tutto quello che 
t'avvenne in questa navigazione...». E finisce, non meno 
bruscamente: « Aspetta, aspetta ». — « Non posso, non 
posso » ■*. 

Un'altra ricerca, che non è ancora stata fatta compiu- 
tamente, concerne la fortuna letteraria della Città del Sole, 



secondo la quale il Campanella avrebbe preceduto (nel campo delle 
idee, se non dei fatti) gli owenisti, i fonrieristi e i cabetisti, espe- 
rimentatori in America. 

1 È noto che la Città del Sole fu scritta nel 1602 in lingua ita- 
liana, verso il 1613 tradotta in latino, nel 1628 pubblicata dairAdami 
a Francoforte, e poi di nuovo dall'autore nel 1636 in Parigi. L'edi- 
zione italiana, più volte ristampata in questo secolo, è traduzione 
dall'edizione latina. Il testo originale italiano è ancora inedito in 
parecchi manoscritti, e presenta non poche e non insignificanti va- 
rietà. Intorno ad esso Amabile, Il codice delle lettere, pp. 30-33, / 
processi, II, 300-305, Campanella nei cast., I, 156-7, dove si vale dei 
due manoscritti italiani dame adoprati; e Felici, 1. e, pp. xxvi-xxviii, 
che tiene presente un codice Casanatense (n. 1587). 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 200 

e la efficacia che esercitò sugli utopisti e i riformatori dei 
secoli seguenti. Il Sigwart ci dà notizia di alcuni effetti pros- 
simi degli scritti del Campanella in Germania; dove, com'è 
noto, furono per la prima volta pubblicate le sue poesie e 
le opere politiche, per cura del tedesco Tobia Adami. Un 
amico dell'Adami, il Bezold, tradusse in tedesco la Monar- 
chia di Spagna-, un altro, Giovan Valentino Andrea, allora 
diacono in Vahingen sull'Enza alcune poesie; e, ancor 
prima che fosse edita la Civitas Solis (1623), avendo avuta 
occasione di leggerla sul manoscritto, nel 1620 ne pubbli- 
cava un' imitazione col titolo: Reipuhlicm Christianopolltance 
descriptio. In quest'opera le idee del Campanella sono sot- 
tomesse a una riforma: l'autore moveva dalla concezione 
pietistica, e nella sua repubblica regna il disprezzo pei 
beni della terra, onde vengono a mancare gli stimoli al 
lavoro e al sapere, che pur si fan vivi in quella del Campa- 
nella. L'Andrea (dice il Sigwart, da cui togliamo la notizia 
di questo libro) idealizzava la comunità piccolo-borghese 
del pastore evangelico. In luogo del gran Metafisico governa 
un triumvirato, composto di un teologo, di un giudice e di 
un dotto. Rigetta l'ordinamento sessuale del Campanella, 
conservando il matrimonio, ed accetta la comunanza dei 
beni. Ma il suo comunismo è l'umiltà e temperanza cri- 
stiana, è una virtìi di uomini moralmente perfetti, e non 
già un istituto intrinsecamente necessario alla buona con- 
vivenza sociale, come nel Cainpanella -. 

Assai interessante, se fosse vero, sarebbe quel che as- 
serisce un recente scrittore: che la Città del Sole venne 
attuata dai Gesuiti nello Stato del Paraguay. I Gesuiti 



1 Su Johan Valentin Andrea, si veda laAUyem. Encijclop. der Wis- 
nenschaften und Kdnfite, di Ersch e Gkubek (Leipzig, 1820), IV parte, 
pp. 38-4. All'Andrea si fa risalire, ma forse a torto, T istituzione 
della società dei KosaCroce. 

- SlGWAKT, op. cit., 1, 174-77. 

B. Croci-:, Materialismo storico. 14 



210 SULLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

(dice il Gothein. che è lo scrittore al quale alludo ^) ave- 
vano in comune col Campanella la tendenza a riformare 
la Chiesa cattolica, accogliendo in essa gli elementi della 
cultura moderna; e lo Stato del Paraguay risponde, nel 
generale e in molti piccoli particolari, alla Città del Sole. 
Ivi, il lavoro stimato e praticato da tutti, l'esclusione dei 
mezzi di pagamento, la cura dello scambio dei beni affi- 
data allo Stato, la completa abolizione della proprietà pri- 
vata, le coltivazioni, gli opifìci e i magazzini in comune, 
Ih distribuzione sociale dei mezzi di sussistenza, e via. 
Come nella Città del Sole, gli abitanti andavano ai lavori 
della campagna in gruppi, a bandiera spiegata e con mu- 
sica alla testa. Nella Città del Sole l'ammissione degli stra- 
nieri era assai difficile; e dallo Stato dei Gesuiti erano ad- 
dirittura esclusi. È impossibile non pensare a un'efficacia 
delle idee del Campanella su quell'opera dei Gesuiti; tanto 
più che due gesuiti italiani, Cataldini e Maestà, furono 
quelli che disegnarono le costituzioni introdotte nel Para- 
guay. Ma il Gothein stesso s'avvede, benché noi dica 
chiaramente ^, dell'incongruenza di date fra il tempo in 
cui fu pubblicata l'opera del Campanella e il principio 
delle missioni gesuitiche, che risale al primo decennio del 
secolo deciraosettirao; e cerca di prevenire la difficoltà di- 
cendo che: «se anche i due Gesuiti non ebbero notizia 

1 D.r E. GoTHKiN, Der christlich-sociale Staat der Jesuiten in Fara- 
guai/ (Leipzig, 1883: nelle Staats-und sociahoissenschafiliche Forscìnmgen 
dello ScHMOLi.ER, voi. IV, fase. IV). — Anche il Loria, Prohlemi so- 
ciali contemp., pp. 6.5-66: «Tommaso Campanella, frate napoletano, 
nella sua Città del Sole, vagheggia una costituzione comunista che 
plasmerebbe la società umana sul modello di un chiostro, e che 
venne applicata (!), alcuni secoli dopo(!!), dai Gesuiti nei loro sta- 
bilimenti del Paraguay. Anche Giordano Bruno difende l' ideale co- 
munista {?), mentre Tomaso Moro riprodvice (?) ]a Bepuhblica di Pla- 
tone nella sua Utopia » . 

2 È da notare, nella dissertazione del Gothein, la completa man- 
canza di date. 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 211 

dell'opera del loro compatriota, tuttavia il loro diseg-no 
nacque dalla stessa radice, e la concordanza prova quanto 
siffatti pensieri fossero propri agli uomini appartenenti al 
periodo del massimo impeto della Controriforma». Il Got- 
hein intende di certo non dei pensieri comunistici, ma di 
quelli del regolare autoritariamente la vita delle società. 
Senonchè le somiglianze notate o sono affatto superficiali 
o cadono su cose intrinseche a qualsiasi ordinamento co- 
munistico, senza le quali esso non sarebbe. E, per contro, 
nello Stato dei Gesuiti non si nota nessuna delle istituzioni 
caratteristiche del Campanella, come il regolamento sessuale, 
la partecipazione delle donne alle guerre, i metodi educa- 
tivi, e altri '. 11 colpo di grazia poi tale congettura lo rice- 
verebbe dal tentativo recente di spiegare lo Stato dei Ge- 
suiti, non più come sperimento storico ed applicazione di 
disegni prestabiliti, ma come semplice accomodamento dei 
Gesuiti alle abitudini comunistiche delle tribù selvagge dei 
Guarani. I Gesuiti istruivano i selvaggi nel lavoro dei campi; 
e il loro preteso comunismo campanelliano si riduceva a un 
savio sfruttamento capitalistico, che era, per l'Ordine, fonte 
di ricchi proventi -. 

Non si può dire che la Città del Sole avesse, nel secolo 
decimosettimo, la voga e diffusione che ebbe, nel secolo 
precedente, l' Utopia del Moro. Dopo le edizioni che se ne 
fecero in vita dell'autore, non se ne conosce se non un'altra 
di Utrecht del 1643. Sotto l'aspetto letterario (né altro in- 
teresse quel libro suscitava fuori del letterario), l'invenzione 
e il latino del frate si giudicavano, come abbiamo detto, in- 



1 Si veda uu articolo di K. Kautsky, Zukunfhstacden der Verc/an- 
(jenheit, nella Nene Zeil, a. XI, voi. I, 1892-8, n, 21 e 22, p. 653 sgg., 
spec. a p. 684 sgg. 

2 Tale è l'opinioue sostenuta dal Kautsky, 1. e, ma che già nel se- 
colo passato era stata proposta in certo modo dal Raynal, il quale pen- 
sava che i Gesuiti avessero preso a modello le istituzioni degli Incas. 



212 SULLA STOKlOtìKAKlA SOCIALISTICA 

feriori a quelli del Moro *. Cadde poi quasi in perfetto oblio 
nel secolo decimottavo "^ 

Una rifioritura d' interesse per la Città del Sole si ebbe 
intorno al 1840, nel qual tempo furono pubblicate due 
edizioni di una traduzione italiana di essa, ristampata poi 
dal D'Ancona nel 1854 e da Eugenio Camerini nel 18G3 
presso il Daelli: e due traduzioni francesi^. Il Sudre mette 
ciò in relazione, g-iustamente, col nuovo comunismo utopi- 
stico della prima metà del nostro secolo ^ In uno degli 
utopisti di quel tempo, nel tedesco Weitling (che procedeva 
con certo eclettismo nelle sue costruzioni), il Mario nota 
come imitazione dal Campanella il governo dei filosofi. ■' 
Senonchè l'andar ricercando nei libri degli utopisti le tracce 
del Campanella è opera non solo assai incerta, ma poco 
concludente, perchè, dato l'indirizzo razionalistico costrut- 
tivo, le somiglianze si spiegano, e, se pure taluno ha imi- 
tato, non ce ne sarebbe stato forse bisogno. 

Quel eh' è certo, di un'efficacia della Città del Sole sullo 



1 Cfr. per tutti J. Bkuckeki, Hist. critica phil., IV, Pars altera, 
pp. 143-144; e i pjiudizì raccolti nel Cvprianus, Vita, pp. 156-158. 

2 11 SiGWAKT, p. 151, dice che il Campanella fu il vero padre dei 
romanzi utopici, perchè dopo di lui, e non dopo 1' Utopia, si segui- 
rono senza interruzione : osservazione che in verità non sembra ben 
fondata. 

3 Del ViLLEGARDKLLE 6 di Gr. E.OSSET, quest'ultima pubblicata nel 
libro della Colet. — È notevole per la voga del Campanella in quel 
tempo la menzione che di lui fa George Sand, La Comtesse de Rudol- 
stadt (séguito di Consuelo), II, 318: « Lis donc Trismegiste et Platon, 
et ceux qui ont médité après eux sur le grand mystère. Dans ce nom- 
bre je te recommande le noble moine Campanella, qui souffrit d' hor- 
ribles tortures, pour avoir rèvé ce que tu rèves, Porganisation hu- 
maine fondée sur la vérité et la science » . Nel 1885, H. Morlky rac- 
colse in un volume inglese quattro Utopie, tra le quali la (Jittà del 
Sole, traduzione da Th. W. Halliday. ma con parecchie mutilazioni 
(si veda una nota nella Geschichte des Sozialismus, p. 492). 

^ Suore, 1. e, p. 181. 

•"' K. M.ARLO, Untersuchungen iiber die Organisalion dei- Arheit (2a ediz. , 
Tubiugen, Laupp, 1SS4), voi. li, p. 571. 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANELLA 213 

svolgimento del socialismo moderno non si può parlare se 
non in questo senso negativo: che l'opera campanelliana 
appartiene a quel gruppo di eostruzioni fantastiche, alle 
quali il socialismo moderno ha guardato per rigettarne il 
punto di partenza. Aver contribuito a suscitare il discredito 
delle utopie: ecco la sola efficacia che il Campanella, con 
gli altri utopisti, può rivendicare. E, in questo senso, la 
sua ideale costruzione non è stata vana *. 



VII 



Ma, se il Campanella come filosofo appartiene al passato 
e come riformatore sociale è piuttosto bizzarro che origi- 
nale e il fondo delie sue idee ci rimane estraneo, la sua 
personalità, così ricca, così esuberante, ci attrae sempre. 
Le idee non erano per lui freddo prodotto dell' intel- 
letto, ma cosa sentita, voluta, vissuta. A questa intensità 
passionale dette sfogo nei rozzi e vigorosi versi italiani, che 
andò via via componendo, per la maggior parte nel car- 
cere ■-. Versi « pili con la naturalezza calabrese che con la 
eleganza toscana adornati », come diceva il loro primo edi- 
tore, il tedesco Adami; ma che, per la semplicità robusta 
delle immagini e delle espressioni, hanno proprio quel ca- 
rattere che noi siamo soliti di chiamare dantesco. Ag:li 



i Sulle relazioni tra il socialismo utopistico ed il socialismo mo- 
derno, e il passaggio del primo al secondo, si veda il libro dell' En- 
gels, Herrn Eugen Dilhring's Umioalzung der Wissenschaft (8* ediz., 
Stuttgart, Dietz, 1894), p. 274 sgg. 

- Oltre la Scelta dell'Adami (ristamp. dall' Orelli, dal Leoni e dal 
D'Ancona, e in parte trad. in tedesco dall'Andrea e dallo Herder, 
*; ora dal Gothein, e in francese dalla Colet), si vedano le poesie 
inedite pubblicate dall'AMABiLE, nel voi. Ili dell'opera I processi, 
pp. 54J>-81. (Delle Foesie ha dato ora una edizione completa e critica 
il Gentile, Bari, Laterza, 1914]. 



214 SULLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

occhi del poeta, tutto l'uaiverso appariva animato: il Sole 
era il volto di Dio, pompa e suprema face; e con parola 
commossa ne celebrava l'opera nella natura: 

Tu sublimi, avvivi e chiami a festa novella 
ogni segreta cosa, languida, morta e pigra... 

Esca io dal chiuso, mentre al lume sereno 
d'ime radici sorge la verde cima. 

Le virtù ascose nei tronchi d'alberi in alto, 
in fior conversi, a prole soave tiri. 

Le gelide vene ascose si risolvono in acqua 
pura, che sgorgando tutta la terra riga. 

I tassi e ghiri dal sonno destansi lungo; 
a minimi vex*mi spirito e moto dai. 

Le smorte serpi al tuo raggio tornano vive... 

Così, il mare gli appariva come sangue della terra: 

Sangue ti posso dir che nutre e viene, 
va tra le vene... 

Pieno della propria missione mondiale, il Campanella 
sentiva di avere ricevuto «sette monti, arti nuove e voglia 
ardente » , come segno di predestinazione e forze di attua- 
zione; e alla sua « settimontana testa»', apportatrice di 
tanta opera, si rivolgeva con alta intonazione, quasi di ri- 
verenza: 

Tre canzon, nate a un parto 

da questa mia settimontana testa, 

al suon dolente di pensosa squilla... 



1 La «settimontana testa» (dalle sette ijrominenze) del Campa- 
nella si può vederla nella ricostruzione che ne fece fare T Amabile 
in un busto in bronzo, ch'egli legò al Museo di S. Martino di Napoli. 



IL COMUNISMO DI TOMMASO CAMPANKLLA 215 

Egli era venuto a combattere i tre vizi, la « trina bugia », 
sotto cui tu piangendo, Mondo, fremi. 

Il vero dominatore (diceva) non è chi ha gran dominio 
di terre, ma chi è tutto pieno di bontà, di sapienza, di 
valore, di Gesù, Pallade e Marte, 

benché sia schiavo, e figlio di bastaso ^ 

E a petto a lui, sapiente e sovrano per diritto di ra- 
gione, che cosa erano i sovrani della terra? 

Principi finti, contro i veri, armati. 

Nella miseria e ignoranza universale, la sua riforma era 
un lume di speranza: 

Stavano tutti ai buio, altri sopiti 
d'ignoranza nel sonno, e i sonatori 
pagati raddolcirò il sonno infame; 
altri vegghianti rapivan gli onoi-i, 
la roba, il sangue, e si facean mariti 
d'ogni sesso, e schernian le genti grame. 
Io accesi un lume... 

Nel carcere, la tede nei propri ideali non gli venne mai 
meno, e ripeteva a sé stesso: 

E, perchè taccia il vero, in career tetro 
io sto; ma con san Paolo e con san Pietro 

canto un occulto metro, 
che nel secreto orecchio alle persone 
la campanella mia fa che risone: 

— Ch'or l'Eterna Ragione 
pria tutti i regni uman compogua in uno, 
che renda il caos tutte cose all'uno. 



1 «Bastaso»: bastagio, facchino. 



216 SULLA STORIOGRAFIA SOCIALISTICA 

E immaginava il trionfo, e udiva, talora, risonare le 
grida di «Viva, viva Campanella!*. E sospirava: 

Oh voglia Dio ch'io arrivi a si gran sorte, 
di veder lieto quel famoso giorno, 
ch'ha a scompigliar i figli della Morte! 

Può dirsi che non il Campanella riformatore e comu- 
nista, ma il Campanella poeta della riforma e del comu- 
nismo, è per noi ancora vivo. L'alto ideale di giustizia e 
di felicita umana da lui vagheggiato ci sta innanzi con la 
forza di una aspirazione e visione poetica *. 

Ottobre 1895. 



1 Anche di recente è stato pubblicato uno studio sul Campanella 
poeta, dovuto allo stesso Gothein, autore dello scritto sullo Stato dal 
Paraguay' (Th. Campanella, ein Dicliterphìloaopìi der Hai. Renaissance, 
nella ZeUschr. far KuUurgeschichte dello Steinhausen, Berlino, voi. IV, 
N. S., pp. 50-92. Ma il Gothein (eh' è anche autore di un libro egregio 
sullo svolgimento della cultura nell'Italia meridionale) non par che 
abbia la mano felice nel trattare del Campanella. Egli, il quale pure 
afferma che gli scrittori italiani che hanno studiato il Campanella, 
sono stati piuttosto panegiristi che critici obbiettivi, dà prova di 
non conoscere codesti scrittori, come si vede dagli errori della parte 
biografica (cfr. spec. pp. 5S, 63-4, 86, ecc.). E nello studiare le poesie, 
non gli era lecito prescindere dalle indagini sulla cronologia e dal 
comento storico di esse, per opera dell'Amabile. Del resto, lo scritto 
del Gothein è specialmente notevole per le accurate e belle versioni 
metriche, che offre ai tedeschi, di parecchie poesie campanelliane. 



LA - CITTA' DEL SOLE » 

SECONDO L'INEDITA REDAZIONE ORIGINALE' 



L' UFFICIO DEL « Sapienza > 

(dal Codice delle lettere, fi'. 65-6). 

Il Sapienza ha cura di tutte le scienze e delli dottori e ma- 
gistrati, dell'arti liberali e mechaniche, e tien sotto di sé tanti 
officiali quante sono le scienze. Ci è l'Astrologo, il Cosmografo, 
il Geometra, il Fisico, il Rhetove, il Grammatico, il Medico, il 
Metafisico, il Politico, il Morale. E tiene un libro solo, dove 
stan tutte le scienze, che fa leggere a tutto il popolo, ad .usanza 
di Pitagorici. E questo ha fatto pingere in tutte le muraglia 
su li rivellini di dentro e di fiiore tutte le scienze. Nelle mura 



i Come saggio, inetto qui in ultimo due brani della redazione ori- 
ginale della Città del Sole. Seguo il mauoscritto contenuto nel Codice 
delle lettere (XII. D. 81). Questo manoscritto (cosa non notata dal- 
I'Amabilk) rappresenta una redazione più avanzata rispetto all'altro 
segnato XII. E. 53. come appare dalle parecchie aggiunte e determi- 
nazioni di particolari. Circa alla forma, tra i due manoscritti le diffe- 
renze sono assai lievi; in parte puramente grafiche, in parte di forme 
linguistiche, direi, supei-ficiali; ed è difficile trovare in queste varietà 
un sistema costante, e sono forse da attribuire semplicemente all'arbi- 
trio dei due copisti. Ho tenuto presente anche il secondo manoscritto, 
che m'ha fornito qualche piccola coi'rezione e m'ha aiutato a riem- 
pire qualche lacuna. [Posteriormente, è stato pubblicato: Edm. Soi.mt-, 
La citi'' del Sole di T. C. edita per la prima volta nel tetito originale con 
introduzione e documenti. Modena, Eossi, 1904. Cfr. ciò che ho detto 
di questa poco felice edizione nella Critica, II, 405-408]. 



218 LA «CITTÀ DEL SOLE» 

del tempio esteriori e nelle cortine che si calano quando si pre- 
dica per non perdersi la voce, vi sta ogni stella ordinatamente 
con tre versi per una. Nel dentro del primo girone tutte le 
figure matematiche più che non scrisse Euclide e Archimede con 
la loro propositione significante; nel di fuori vi è la carta della 
terra tutta, e poi le tavole d'ogni provincia con li riti e costumi 
e leggi loro e con l'alfabeti ordinari sopra il loro alfabeto. 

Nel dentro del secondo girone vi sono tutte le pietre pre- 
tiose e non pretiose, e minerali e metalli veri e pinti con le 
dechiarationi di due versi per uno; nel di fuori vi son tutte sorti 
di laghi, mari, fiumi, vini, ogli e altri licori, e lor virtù, origini 
e qualità, e ci sono le caraffe piene di diversi licori di cento 
e di trecento anni, con le quali sanano tutte l'infermità. 

Nel di dentro del terzo vi sono tutte sorti d' herbe ed arbori 
del mondo pinte, e pur in teste di terra sopra il rivellino, e le 
dichiarationi dove prima si trovaro, e le virtù loro e le simi- 
glianze c'hanuo con le stelle e con li metalli e con le membre 
humane, e l'uso loro in medicina; nel di fuori, tutte maniere 
di pesci, di fiumi, laghi e mari, e le virtù loro e '1 modo di vi- 
vere, di generarsi e allevarsi, ed a chi serveno ^, e le simiglianze 
ch'hanno con le cose celesti, terrestri, dell'arte e della natura: 
sì che mi stupii quando trovai pesce vescovo, e catena, e chiodo, 
e stella, apunto come son queste cose tra noi; ci sono ancini ~, 
rizzi, spondoli, tutto quanto è degno di sapere, con mirabil 
arte di pittura e di scrittura che dichiarai. 

Nel quarto, dentro vi son tutte sorti d'augelli pinti e lor qua- 
lità, grandezze, costumi, e la fenice è verissima appresso loro. 
Nel di fuori, stanno tutte sorti d'animali, reptili, serpi, draghi, 
vermini e gl'insetti, mosche, tafani e con le conditioni loro, 
veneni e virtuti, e sono più che pensiamo. 

Nel quinto, dentro vi sono l'animali perfetti terrestri di tante 
sorti che è stupore, non sappiam noi la millesima parte; e però, 
seudo grandi di corpo, l'han pinti ancora di fuora il rivellino. 



i Nel ms. II invece di « ed a chi servino » sta: ♦ e di conservarsi». 
'^ Nel ms. I in luogo della parola « ancini > (in dialetto napoletano, 
specie di ricci di mare) è uno spazio bianco. 



LA «CITTÀ DEL SOLE» 219 

E quante maniere di cavalli solamente! o belle figure, dechia- 
rate dottamente ! 

Nel sesto, dentro vi sono tutte le arti meccaniche, e i" in- 
ventori loro, e li diversi modi che si usano in diverse regioni 
del mondo. Nel di fuori, vi sono tutti l'inventori delle legg-i e 
delle scienze e dell'armi. Trovai Moyse, Osiri, Giove, Mercu- 
rio, Macometto, ed altri assai, e in luogo assai honorato era 
Gesù Cristo e li dodici Apostoli, che ne tengono gran conto; 
Cesare, Alexandre, Pirrho, e tutti li Romani. Ond'io, ammirato 
come sapeano quelle historie, mi mostraro che essi tenevano di 
tutte le nationi lingua, e che mandavano a posta per il mondo 
gli ambasciatori e s'informavano del bene e del male di tutti, 
e godeno assai in questo. Vidi nella China * le bombarde e le 
stampe furo prima che a noi. Ci sono poi li maestri di queste 
cose, e li figlioli, senza fastidio, giocando, si trovano saper 
tutte le scienze historicamente, prima ch'abbian dieci anni. 



II 

La Generazione 
(ms. cit., fi'. 66 t., 69-70) 

Il Amore ha cura delle generationi, d"unir li maschi alle 
femine in modo che faccian buona razza; e si ridono di noi 
che attenderne alla razza delli cani e cavalli e trascuramo la 
nostra. Tien cura dell'educatione, delle medicine, spetiarie, del 
seminare e raccogliere li frutti delle biade, delle nozze -, e 
d'ogni altra cosa pertinente al vitto, vestito e coito; e ha molti 
maestri e maestre dedicate a queste arti. 

Nulla femina si sottopone a maschio se non si arriva a U> 
anni, né il maschio se mette alla generatione innanzi al 21, 



1 Nel ms. I: «nella dina» 
•' Nel ms. I: «delle mense 



920 LA « CITTÀ DEL SOLE » 

s'è di complessione bianco. Nel tempo inanti è ad alcun lecito 
il coito con le donne sterili e pregne per non far in vaso in- 
debito. E le maestre matrone, secondo a loro è detto in secreto 
da quelli più molestati da Venere, li provedono, ma non lo 
fanno senza far parola al mastro maggiore, che è un gran me- 
dico, e sottostà ad Amore, principe officiale^. Se si trovano 
iri sodomia, son vituperati, e li fan portare dui giorni al collo 
una scarpa, significando che pervertirò l'ordine e posero li piedi 
in testa. Ma chi si astiene fin a 21 anno da ogni coito è cele- 
brato con alcuni honori e canzoni. Perchè, quando s'esercitano 
alla lotta, come i Greci antichi, son nudi tutti, maschi e Te- 
mine, li maestri cognoscono chi è impotente o no al coito, e 
qiiali membra con quali si confanno. E cosi, sendo ben lavati, 
se donano al coito ogni tre sere, e non accoppiano se non le 
femine grandi e belle ali! grandi e virtuosi, e le grasse a macri 
e le raacre alli grassi per fare temperie. La sera vanno li fan- 
ciulli e conciano i letti e poi vanno a dormire, secondo ordina 
il mastro e la mastra; né si pongono al coito se non hanno 
digerito: e prima fanno oratione, e hanno belle pitture d'uo- 
mini illustri dove le donne mirano; poi escono alla fenestra e 
pregano Dio del cielo che gli doni prole bona. E dormeno in 
due celle sparte fin a quell'hora, che si hanno da giungere. E 
all'hora va la maestra e apre l'uscio dall'una all'altra cella. 
Quest'hora è determinata dall'Astrologo, e si forzano sempre 
di pigliar tempo che Venere e Mercurio siano orientali dal Sole 
in casa benigna e che sian mirati da Giove di buono aspetto, 
e da Saturno e da Marte, così il Sole come la Luna, chi spesso 
sono afete e per lo più vogliono la Vergine in ascendente; ma 
assai si guardano che Saturno o Marte non stiano in angolo, 
perchè tutti quatti-o angoli con oppositione e quadrato infettano 
da essi angoli e la radice della virtù vitale e della sorte; non 
si curano di satellitio, ma solo degli aspetti buoni. Ma il sa- 
tellitio solo nella fondatione della città o della legge ricercano, 
chi però non abbia principe Marte o Saturno se non con buone 



1 Nel ms. Il: « ch'è un g-rande offitiale 



LA «CITTÀ DEL SOLE» 221 

dispositioui '. Et hall per peccato li generatori non trovarsi 
mondi tre giorni innanti di coito e di attieni prave o di non 
essere devoti al Creatore. Gli altri, che per delitia e per ser- 
vire alla necessità si donano al coito con sterili o pregne o con 
donne di poco valore, non osservan queste sottigliezze. E gli 
officiali, che son tutti sacerdoti, e li sapienti non si fanno ge- 
neratori se non osservano molti giorni più conditioni; perchè 
essi per la molta speculatione han debole lo spirito animale e 
non trasfondeno il valor della testa, perchè pensano sempre a 
qualche cosa, onde trista razza fanno; talché si guarda bene, 
e si donano questi a donne vive, gagliarde e belle, e li huo- 
mini fantastichi e capricciosi a donne grasse, temperate, di co- 
stumi blandi. E dicono che la purità della complessione, onde 
le virtù fruttano, non si può acquistare con arte, e che gli huo- 
mini di mala natura per timor della legge fanno bene, e, quella 
cessante, struggon la Hepublica con manifesti o secreti modi. 
Però tutto lo studio possibile deve essere nella generatione. e 
mirarsi li meriti naturali e non la dote e la fallace nobiltà. Se 
alcune di queste donne non concipeno con uno, la mutano con 
altri; se poi si trova sterile, si può accommunare, ma non ha 
l'honore delle matrone in consiglio della generatione e nella 
mensa e nel tempio ; e questo lo fanno perchè nissuna si pro- 
curi la sterilità per lussuriare. Quelle ch'hanno conceputo, per 
15 giorni non s'esercitano, poi fanno leggieri escrcitij per rin- 
forzare la prole e aprire li meati del nutrimento a quella. Par- 
torito che hanno, elle stesse allevano i figli in luoghi comuni 
per due anni lattando, e più, secondo pare al Fisico. Dopo si 
smamma la prole e si dona in guardia delle maestre, si son 
femine, o delli maestri con gli altri fanciulli ; e qui se eserci- 
tano all'alfabeto, al camminare, al correre, lottare e alle figure 
historiate, e hanno vesti di color vario e bello. Alli 7 anni si 
donano alle scienze naturali e poi all'altre, secondo pare agl'of- 
ficiali; e poi si mettono in meccanica. Ma li figli di poco va- 



* Queste regole astrologiche sono tutte indicate con segni figu- 
rativi, a sciogliere i quali mi son valso del confronto col testo latino 
del 1(3-23. 



222 LA « CITTÀ DEL SOLE » 

lore si mandano alle ville; e quando riescono, poi si riducono 
alle città. Ma per lo più, scudo generati nella medesima co- 
stellatione, li contemporanei sono di virtù consimili, e di fat- 
tezze e di costumi, e s'amano grandemente, e s'aiutano l'un 
con l'altro; e questa concordia stabilisce la Republica. 

Li nomi loro non si mettono a caso, ma dal Metafisico se- 
condo la proprietà come usavan li Romani. Onde altri si chiama 
il «bello», altri il «nasuto», altri «peduto», altri «bieco», 
altri «crasso», etc, ma, quando poi diventano valenti nell'arte 
fanno qualche prova in guerra, s'aggionge il cognome del- 
l'arte come «pittor, magno, aureo, eccellente, gagliardo)/, di- 
cendo «crasso aureo», o pur dell'atto, dicendo: «crasso forte, 
astuto, vincitore, magno, massimo»^, e del nemico vinto: «Afri- 
cano, Asiano, Tosco, Manfredi, Tortello», dall'aver superato 
Manfredi o Tortello, o simili altri. 

E qixesti cognomi s'aggiongono dall'officiali grandi e si do- 
nano con una corona conveniente all'atto o arte sua con ap- 
plauso e musica, e si vanno a perdere per questi applausi, 
perchè oro et argento non si stima se non come materia di 
vasi e di guarnimenti comuni a tutti. 

Hos. Non ci è gelosia tra loro? o dolore a chi non è fatto 
governatore, o quel che ambisce? 

G. Signor no; e la generatione è osservata religiosamente 
per ben pubblico, non privato, et è bisogno star al detto de- 
gli officiali, né ce bisogna inganno di ballotte per contentarsi 
delle brutte i brutti. Platon disse che si doveano gabbare li 
pretendenti a belle donne immeritatamente con far uscir la sorte 
destramente secondo il merito; il che qui non bisogna, perchè 
tra loro non ci è bruttezza, che, esercitandosi esse donne, di- 
ventano di color vivo e di membra forti e grandi, e nella ga- 
gliardia e grandezza consiste la beltà, appresso loro. Però, è 
pena de la vita imbellettarsi la faccia o portar pianelli o vesti 
con le code per coprire li piedi di legno; ma non haveriano 
comodità manco di far questo, perchè chi li daria? E dicono 
che questo abuso in noi viene dall'otio delle donne, che le fa 
scolorite e fiacche e piccole; però hanno bisogno di colori e 
di pianelli e di farsi belle per tenerezza; e così guastano la 



LA « CITTÀ DEL SOLE » 223 

propria complessione e della prole. Di più, se uno s'innamora 
di qualche donna è lecito tra loro parlare, far versi, scherzi, 
imprese di fiori e di piante * ; ma, se si guasta la generationo, 
in nullo modo si dispensa tra loro il coito, se non quando essa 
è pregna o sterile. Però non si conosce tra loro se non amor 
d'amicitia, per lo più, non de concupiscenza ardente..."-. 



1 Nel ms. II mancano le parole da « far vei'si » a « piante • . 
- [Della Città del Sole, testo italiano, ha dato ora un'edizione cri- 
tica G. Paladino, Napoli, Giannini, 1920]. 



IX 
SUL PRINCIPIO ECONOMICO 

DUE LETTERE AL PEOF. V. PARETO 



Egregio amico, 

La lettura della noterella, che aveste la cortesia di man- 
darmi, intorno al modo di porre il problema dell'Eco- 
nomia pura ', mi dette desiderio di discutere con voi quel 
punto; ma faccende varie mi hanno costretto a differire fino 
a oggi l'attuazione del mio proposito. Ed è stato bene. I 
s.iggi del vostro nuovo e ancora inedito trattato di Economia 
pura, che sono stati pubblicati nel fascicolo di marzo di que- 
sta Rivista-, hanno reso necessario disfare in parte la trama 
d'idee che avevo tessuta in mente; perchè in essi voi avete 
modificato taluni dei punti, che a me parevano più conte- 
stabili della vostra tesi. 

Parecchie volte ho udito manifestare quasi un senti- 
mento di fastidio per codeste eterne discussioni sul valore 
e sul principio economico, nelle quali s'indugia la scienza 
economica, quando potrebbe (si dice), senza tante sottigliezze 
nell'elaborazione scolastica del proprio principio, spargere 
lume sopra questioni storiche e pratiche, che toccano il be- 



1 Comment se pose le problème de l'economie pure. Mémoire presente 
en décembre 1898 à la Société Stella. 

- Giornale degli economisti, marzo 1900, pp. 216-235. 

B. Croce, M"tcrialismo storico. 15 



226 SUL PRINCIPIO ECONOMICO 

nessere delle società umane. Non sembra che voi vi lasciate 
intimidire dal minacciato fastidio dei lettori; e nemmeno io. 
E forse in nostro potere comandare silenzio ai dubbi, che 
agitano il nostro intelletto? E con qual criterio comandare 
([uesto silenzio sì da essere poi sicuri di non danneggiare 
quelle stesse questioni pratiche, che stanno a cuore ai piti, 
e stanno a cuore a noi stessi, che non siamo certo come i frati 
di altri tempi, che si disinteressavano delle « faccende del se- 
colo»? La scienza non è forse, come Leibniz diceva, quo 
'inagis speculativa, magis practìca? — Dunque, tiriamo in- 
nanzi, cercando, col maggiore scrupolo e con la maggiore 
autocritica di cui siamo capaci, di risolvere i nostri dubbi, 
dacché troncarli non si può; e cercando, d'altra parte, di 
non mettere in pubblico le nostre conclusioni se non quando 
la cognizione possibilmente larga (e pur sempre imperfetta) 
della «letteratura deirargomento », ci dia qualclie fiducia 
che non ripetiamo cose già note ; o altre considerazioni ci 
fiicciano sembrare opportuno ripetere e inculcare cose note 
sì, ma non abbastanza. 

Spetta alla nuova scuola economica, di cui voi siete così 
degno rappresentante, il non piccolo merito di avere rea- 
gito contro le tendenze antiscientifiche dello storicismo e 
dell'empirismo, e restaurato il concetto di una scienza eco- 
nomica pura: il che poi non vuol dir altro se non scienza 
che sia scienza; la parola «pura», se non è pleonasmo, è 
schiarimento aggiunto per gl'ignoranti e per gl'immemori 
di quel che scienza sia. L'Economia non è storia uè que- 
stioni pratiche; è scienza che ha principio proprio, designato 
appunto come principio economico. 

Ma, come ho avuto occasione di scrivere altra volta ', 
questo principio, di cui si asserisce l'originalità, non mi 



1 Rivista di sociologia, a. Ili, fase. VI, pp. 746-8; si veda ora in 
questo voi., p. 173. 



DUE LBTTERK AL PIIOF. V. PARETO 227 

pare che sia stato ancora còlto nel suo carattere peculiare, 
né convenientemente definito nelle sue relazioni con gli altri 
ordini di fatti, cioè coi principi delle altre scienze. A quattro 
si potrebbero ridurre le principali concezioni, che a me sem- 
brano erronee, di esso; e le chiamerei la concezione mec- 
canica, l'edonistica, la tecnologica e l'egoistica. 

Voi ora mettete da parte le prime due, sembrandovi che 
le considerazioni meccaniche e edonistiche apparten- 
gano alla Metafisica e alla Psicologia. Ma vi confesso che 
non sono contento del modo con cui eseguite questo })ur lo- 
devolissimo abbandono. 

Certo, non dite più, come nello scritto precedente: 
«L'Economie pure n'est pas seulement semblable à la Mé- 
canique: c'est, à proprement parler, un genre de Mécani- 
que ». Ma dite ancora che «l'Economia pura adopera gli 
stessi procedimenti della Meccanica razionale, ed ha con 
questa scienza parecchi punti di contatto » . Se non vi fermate 
nella considerazione della Meccanica, non è per la chiara 
coscienza che l'attività economica è cosa del tutto diversa 
dai fatti concepiti da essa, ma semplicemente perchè vi sem- 
bra comodo prescindere da tale considerazione, della quale 
non negate, anzi ammettete, la possibilità. 

Ora io, invece, dico recisamente che il fatto economico 
non è fatto meccanico, ovvero che tra il lato meccanico 
di un fatto e il suo lato economico non vi ha passaggio; 
e che la possibilità stessa della considerazione meccanica 
viene esclusa, non come cosa dalla quale si possa o no pre- 
scindere, ma come contradizione in termini, che bisogna 
fuggire. 

Volete la prova più semplice e lampante della natura 
non-meccanica del pi-incipio economico V Considerate, di 
grazia, che nel fatto economico si nota un carattere che 
ripugna affatto a quello meccanico. Al fatto economico 
sono applicabili parole che suonano approvazione 



223 SUL PRINCIPIO ECONOMICO 

o disapprovazione. L'uomo si conduce economicamente 
bene o male, con vantaggio o con danno, con conve- 
nienza o senza convenienza: si conduce, insomma, 
economicamente o antieconomicamente. Il fatto eco- 
nomico è, perciò, fatto di valutazione (positiva o nega- 
tiva); laddove il fatto meccanico è concepito come mero fatto 
bruto, cui non si possono attribuire aggettivi di lode o di 
biasimo se non per metafora. 

Mi pare che su questo punto dovremmo metterci facil- 
mente d'accordo. Per accettarlo, basta ricorrere all'osser- 
vazione interna. La quale ci presenta questa distinzione 
profonda di meccanico e di teleologico, di mero fatto e di 
valore. Voi, se non erro, rimettete alla Metafisica il pro- 
blema di ridurre il teleologico al meccanico, il valore al 
mero fatto. Ma badate che la Metafisica non può cancellare 
la distinzione; e solo si affaticherà, con maggiore o minor 
fortuna, nella sua vecchia opera di conciliare gli opposti, 
o di trarre i contrari dall'uno. 

Prevedo ciò che si può addurre contro l'affermata na- 
tura non-meccanica del principio economico. Si può dir 
questo. Ciò che non è meccanico, non è misurabile: e i 
valori economici, invece, si misurano; e, se finora non si è 
ritrovata l'unità di misura, sta in linea di fatto che noi 
distinguiamo molto bene valori piti grandi e valori piìi 
piccoli, massimi e minimi, e formiamo scale di va- 
lori. Il che basta per istabilire la misurabilità, e, di 
conseguenza, l'intrinseca natura meccanica del valore eco- 
nomico. Ecco l'uomo economico, che ha innanzi una 
serie di possibili azioni, a, b, e, d, e, f, ... : le quali 
hanno per lui valore decrescente, indicato dai numeri 10, 
9, 8, 7, G . . . Appunto perchè egli misura i valori, si 
risolve per l'azione a = 10, e non per e = 8, o per /"=: 6. 

La deduzione non fa una grinza, posto il fatto della 
scala dei valori, che viene illustrata dall'esempio. Posto 



DUR LETTERE AL PROF. V. PARETO 229 

il fatto: ma se quel fatto fosse invece una nostra illu- 
sione? Se Tuomo dell' esempio, invece di essere l'homo 
oeconomicus, fosse l'homo outopicus o heterocosmicus, non tro- 
vabile neppure nelle costruzioni della immaginazione? 

Tale è appunto il mio parere. La pretesa scala dei va- 
lori è cosa assurda. Allorché l'homo oeconomicus dell'esempio 
soprarecato sceglie a, tutte le altre azioni [b, e, d, e, f, . . . ) 
non sono per lui valori minori di a: sono semplicemente 
no II -a; sono ciò ch'egli scarta: sono non-valori. 

Che se poi l'homo oscoìiomìciis non potesse avere o, egli 
opererebbe in condizioni diverse: in condizioni senza 
Va. Mutate le condizioni, l'atto economico cangerebbe, 
s'intende bene, anch'esso. E poniamo che le condizioni 
siano tali che, per l'individuo agente, h rappresenti l'azione 
da lui scelta, e e, d, e, f, . . . quelle ch'egli tralascia di 
compiere, e che sono tutte non-Z/, cioè non hanno valore. 
Si facciano ancora mutare le condizioni, e si supponga 
che l'individuo si risolva per e, e poi per d, e poi per e, 
e così via. — Questi vari atti economici, ciascuno nato in 
particolari condizioni, sono tra loro incommensura- 
bili. Sono vari: ma ciascuno è perfettamente rispondente 
alle condizioni date, e non può giudicarsi se non rispetto 
a queste condizioni. 

Ma, in tal caso, che cosa sono quei numeri 10, 9, 8, 7, 6...? 
— Sono simboli. — Simboli di che? Che cosa vi ha di reale 
sotto il simbolo numerico? — Ciò che vi ha di reale è il 
cangiar delle condizioni di fatto; e quei numeri de- 
signano il seguirsi dei cangiamenti : né più né meno di ciò 
che designa la serie alfabetica, alla quale vengono surrogati. 

L'assurdo contenuto nel concetto dei valori maggiori o 
minori è, insomma, il presupposto, che un individuo possa 
trovarsi contemporaneamente in condizioni diverse. 
L'homo ceconomicus non é nel tempo stesso in «, 6, e, d, 
e, f, . . . ; ma, quando è in b, non è piìi in a; quando 



230 • SUL l'kiN'Cipio b;conomico 

è in e, non è più in b. Egli non ha innanzi se non un'a- 
zione da lui accettata, la quale esclude tutte le altre, che 
sono infinite, e che per lui rappresentano solamente azioni 
non prescelte (non-valori). 

Certo, nel fatto economico entrano oggetti fisici, i quali, 
appunto perchè fisici, sono misurabili. Ma l'Economia 
non conosce cose e oggetti fisici, sibbene azioni. 
L'oggetto fisico è semplice materia bruta dell'atto econo- 
mico: misurando esso, si resta nel mondo fisico, non si 
passa all'economico. Ovvero, quando si comincia a mi- 
surare, l'atto economico è già, volato via. — Voi dite che 
« l'Economia politica non si occupa se non delle scelte, 
che cadono su cose le cui quantità sono variabili e suscet- 
tibili di misurazione » ; ma perdonatemi, egregio amico, sa- 
reste assai imbarazzato se doveste giustificare questa restri- 
zione affatto arbitraria; e se doveste mostrare che la 
misurabilità operi in qualche modo sull'economicità. 

Credo di avere spiegato, brevemente ma a sufficienza per 
un buon intenditore quale voi siete, le ragioni per le quali 
la concezione meccanica del principio economico è inso- 
stenibile. Se nelle questioni che si dicono economiche en- 
trano calcoli e misurazioni, vi entrano appunto perchè ed 
in quanto non sono questioni di Economia pura. 

Questo fatto non-meccanico, eh' è il fatto economico, voi 
lo chiamate la scelta. E sta bene. Ma scegliere importa 
scegliere consapevolmente. Una scelta che si faccia 
inconsapevolmente, o non è scelta o non è inconsape- 
vole. Voi parlate di « azioni inconscie» dell'uomo; ma que- 
ste non possono essere azioni dell'uomo in quanto uomo, 
sibbene, tutt'al piìi, fatti dell'uomo in quanto è trattato 
come animale o come macchina. Saranno fatti istintivi; 
e l'istinto non è scelta, fuor che per metafora. E perciò 
gli esempì che adducete di cani, di gatti, di passeri, di 
topi e di asini di Buridano, non sono atti di scelta; e per 



DUE LETTERE Al- PROF. V. PARETO 231 

conseo^iienzci neanche atti economici. A voi pai'e che l'eco 
nomia degli animali sia una scienza poco feconda, che si 
esaurisce nelle descrizioni. Guardate meglio e v'accorgerete 
che quella scienza non esiste. Un'economia degli animali, 
naturalisticamente concepiti, non è stata scritta, non già 
pprchè non ne franchi la spesa, ma perchè non si può 
scriverla. Donde si potrebbe cavarla se non da libri come 
il Roraan de Renart e gli Animali, parlanti'^ 

Questa critica deve menarci a concepire il fatto econo- 
mico come atto dell'uomo : ossia come pertinente all'at- 
ti vi tà umana. 

E da questo riconoscimento si desume a sua volta la 
vera critica da rivolgere alla concezione edonistica del 
principio economico. Voi dite che « le equazioni dell'eco- 
nomia pura esprimono semplicemente il fatto di una scelta, 
e possono essere ricavate indipendentemente dalla nozione 
di piacere e di dolore » ; ma ammettete insieme che il fatto 
della scelta «si possa esprimere egualmente bene col fatto 
del piacere ». 

Il vero è, che ogni atto di scelta economica è, insieme, 
un fatto di sentimento: di sentimento piacevole, se la 
scelta è economicamente ben condotta; di sentimento spia- 
cevole, se ò mal condotta. L'attività dell'uomo si svolge 
non sotto la capanna pneumatica, ma nella psiche umana; 
e un'attività, che si svolge bene, reca come riflesso un 
sentimento di piacere, e quella che si svolge male, un di- 
spiacere. L'utile economico è, insieme, piacevole. 

Senonchè questo giudizio non è convertibile. Il piace- 
vole non è l'utile economico. Nell'aver fatto questa con- 
versione consiste l'errore della teoria edonistica. Il piace- 
vole può apparire scompagnato dall'attività propriamente 
umana, o accompagnarsi a una forma di umana attività, 
che non sia l'economica. Qui è la distinzione profonda tra 
piacere e scelta. La scelta è, in concreto, inseparabile 



2Ò2 SUL PRINCIPK» ECONOMICO 

dal sentimento di piacere e di dispiacere; ma questo sen- 
timento è separabile dalla scelta, e s'incontra, infotti, indi- 
pendentemente da essa. 

Se la Psicologia s'intende (come di solito s'intende) quale 
scienza del meccanismo psichico, l'Economia non è scienza 
psicologica. Ciò non ha compreso il signor von Ehren- 
fels, di cui non so se abbiate letto i due volumi, che ha 
fin oggi messi fuori, di Sistema della teoria del valore '. 
L'Ehrenfels, dopo essersi ravvolto per centinaia di pagine 
in disquisizioni psicologiche, vuole, in ultimo, dimostrare 
che la sua definizione del valore rimane salda, quale che 
sia la teoria psicologica che si accetta. Il che egli fa, come 
dichiara (§ 87), non perchè dubiti di sé stesso, ma per as- 
sicurare le conclusioni economiche, così importanti ai pro- 
blemi pratici della vita, contro gli assalti ingiustificati, che 
vengono da scuole psicologiche diverse dalla sua. Proce- 
dere da avvocato, che scriva una comparsa conclusionale 
e chieda parecchie cose congiunte col ^ subordinatamente > . 
Che all'economista non occorra indugiarsi nei particolari 
delle dottrine psicologiche, è vero: tanto vero che il prof, 
von Ehrenfels poteva risparmiar le sue: ma non mi par 
vero che l'Economia resti la medesima qualunque teoria 
psicologica si ammetta. L'unità della scienza importa 
che una modificazione sopra un punto abbia sempre qual- 
che ripercussione sugli altri; e massima è la ripercussione 
allorché si tratta del modo di concepire due fatti, distinti 
ma inseparabili, come il fatto economico e il fatto psi- 
chico. 

11 fatto economico non è, dunque, fatto edonistico, né, in 
genere, meccanico. Ma, come fatto dell'attività dell'uomo, 



* Dott. Christian v. EiiKENi'hXs (professore nell'università di Praga), 
Si/stem der Werttheorie. voi. I, AUgemeine Wertlheorie, Fsychologie des 
Begehrens (Leipzig, Reisland, 1897), voi. II, Grundziige einer Ethik 
(ivi, 1898). 



DUE LETTERE AL PROF. V. PARETO 233 

resta ancóra da dettM'rninare se sia di conoscenza o di 
volontà, se teoretico o pratico. 

Per voi, clie lo concepite come scelta, non può esser 
dubbio che sia fatto di attività pratica, ossia di volontà. 
E questa conclusione è anche la mia. Scegliere qualcosa 
non può significare se non volerla. 

Ma voi venite ad oscurare ahjuanto siffatta conclusione, 
quando parlate di azioni logiche e di azioni illogiche, 
e le azioni propriamente economiche ponete tra le prime. 
Logico e illogico rimandano chiaramente all'attività teo- 
retica. Un'azione «logica» o «illogica» sarà modo di dire 
comune, ma non certo esatto e rigoroso. Il laA'^oro logico 
del pensiero è ben distinto dall'atto della volontà. Ragio- 
nare non è volere. 

Né volere è ragioriare: ma il volere suppone il pensiero, 
e perciò la logica. Chi non pensa non può nemmeno volere. 
Intendo di una volontà quale ci è nota per coscienza ed 
esperienza; non di un metaHsico Wille alla Schopenhauer. 

Nella conoscenza, in quanto necessario presupposto del- 
l'azione economica, trova, se non giustificazione, spiega- 
zione il vostro distinguere «azioni logiche e illogiche ». 
Le azioni economiche sono sempre (diciamo pure così) azioni 
« logiche», cioè precedute da atti logici: ma bisogna tener 
ben distinti i due momenti, il fatto dal suo presupposto. 
Giacché dalla mancata distinzione dei due momenti 
è nata l'erronea concezione del principio econo- 
mico come fatto tecnologico. Ho criticato a lungo in 
altri miei scritti questa confusione di tecnica ed econo- 
mia; e mi permetto di rimandare a quel che ne ho scritto, 
così nella recensione del libro dello Stammler sulla Eco- 
nomia e il Diritto, come alle più esatte analisi contenute 
nella mia recente memoria snìV Estetica. Lo Stammler so- 
stiene appunto che il principio economico non può essere 
se non concetto tecnologico. A chi voglia scorgere a colpo 



234 SUL PRINCIPIO KCONOJHCO 

d'occhio la differenza tra il tecnico e l'economico, sug- 
gerirei di considerare bene in che consista un errore 
tecnico, ed in che un errore economico. È errore 
tecnico l'ignoranza delle leggi della materia sulla quale 
vogliamo operare: per esempio, ritenere che si possano 
porre travi di ferro molto pesanti sopra mura sottili senza 
che queste ultime rovinino. È errore economico non mirar 
diritto al proprio fine: voler questo e insieme quello, ossia 
non voler veramente nò questo né quello. L'errore tecnico è 
errore di conoscenza; l'errore economico ò errore di volontà. 
Clii sbaglia tecnicamente sarà chiamato (se lo sbaglio ò 
grossolano) ignorante; chi sbaglia economicamente, è uomo 
che non si sa condurre nella vita: fiacco e inconcludente. 
Perchè, come ò noto e proverbiale, si può esser « dotti » 
senz'essere «uomini» (pratici, o compiuti). 

Dunque, il fatto economico è un fatto di attività 
pratica. Siamo giunti al porto con questa definizione? Non 
ancora. La definizione è ancora incompleta, e, per com- 
pierla, ci conviene non solamente percorrere un altro tratto 
di mare, ma evitare un altro scoglio: eh' è quello della con- 
cezione del fatto economico come fatto egoistico. 

Il quale erroi'c sorge così: se il fatto economico è un'at- 
tività pratica, bisogna pur dire in che cosa quest'attività 
si distingua dall'attività morale. Ma l'attività morale viene 
definita come altruistica: dunque, si conclude, il fatto 
economico sarà egoistico. In quest'errore ò caduto, tra 
gli altri, il nostro valente prof. Pantaleoni nei suoi Prin- 
cipi d'economia pura e in altri scritti. 

L'egoistico non è qualcosa di semplicemente diverso 
dal fatto morale, ma è l'antitesi del fatto morale: è l'im- 
morale. Per questa via, col fare del principio economico 
il medesimo dell'egoismo, anziché a distinguere l'economia 
dalla morale, si viene a subordinare quella a questa, e per- 
line a negarle diritto all'esistenza, l'iconoscendola come 



DUE LETTERE AL PKOF. V. PARETO iò.> 

qualcosa di moramente negativo, come un pervertimento 
dell'attività stessa morale. 

Tutt'altro è il tatto economico. Esso non sta in anti- 
tesi col fatto morale, ma nel rapporto pacifico di condizione 
a condizionato; come, cioè, la condizione generale, che 
rende possibile il sorgere dell'attività etica. In concreto, 
ogni azione (volizione) dell'uomo è o morale o immorale, 
non potendosi concepire azioni moralmente indiffe 
renti. Ma tanto il morale quanto l'immorale sono azioni 
economiche; il che vuol dire che l'azione economica, per sé 
presa, non è né morale ne immorale. La fermezza del carat- 
tere, per esetnpio, è attributo così dell'onest'uomo come rlel 
birbante. 

Mi pare che voi, a tentoni, vi avviciniate a questa con- 
cezione del principio economico, come dell'azione pratica 
che, presa in astratto, non è né morale nò immorale; quando, 
in un punto dv\ vostro ultimo scritto, escludete dalla consi- 
derazione economica le. scelte che abbiano motivo al- 
truistico; e, più innanzi, eseludete anche quelle, che siano 
immorali. Ora, poiché le scelte sono di necessità o al- 
truistiche o egoistiche, o morali o immorali, per uscir d'im- 
paccio non vi resta se non la via che io vi apro: di con- 
siderare cioè l'azione economica come l'azione pratica in 
(juanto viene, per astrazione, vuotata di ogni contenuto, 
morale o i m m o r ;i 1 e . 

Potrei ancora estendermi sopra questa distinzione, e mo- 
strare com'essa abbia il suo analogo nell'attività teoretica, 
dove il rapporto dell'economico all'etico si ripete nella forma 
del rapporto dell'estetico al logico. E potrei addurre la ra- 
gione per la quale le produzioni scientifiche ed estetiche non 
possono esser oggetto della scienza economica, ossia non 
sono prodotti economici. E, a dir poco, stravagante quella 
che reca in proposito il prof, von Ehrenfels; il quale os- 
serva che « i rapporti di valore sopra cui riposano i fatti 



236 SUL PRINCIPIO ECONOMICO 

logici ed estetici sono così semplici (!) e trasparenti (!) 
clic non richiedono (!) speciale teoria economica». Non 
dovrebbe esser difficile avvedersi che i valori logici od 
estetici sono valori teoretici, e non pratici, come è invece 
l'economico; e che non si può fare un'economia del 
teoretico in quanto tale, — Allorché, qualche anno fa, il 
compianto Mazzola mi mandò la prolusione nella quale egli 
aveva discorso dell'Economia e dell' Arte, ebbi occasione 
di scrivergli, e poi di dirgli a voce, che ben più profonde 
relazioni si potevano scoprire tra i due ordini di fatti; ed 
egli mi esortò ad esporre le mie osservazioni e ricerche. Il 
che ho adempiuto nello scritto snìì' Estetica, citato di sopra; e 
mi duole di essermi dovuto citare tante volte verso di voi 
e innanzi al pubblico, ma qui mi ci costringe bisogno di 
brevità e di chiarezza. 

Ecco, ottimo amico, rapidamente spiegato come io giunga 
alla definizione del fatto economico, che mi piacerebbe ve- 
dere a capo dei trattati di Economia : Il fatto economico è 
l'attività pratica dell'uomo in quanto si consideri per 
-sÈ, indipendentemente da ogni determinazione morale o 
immorale. 

Posta questa definizione, si vedrà anche che il concetto di 
utile, o di valore, o di ofelimo, non è altro se non 
l'azione economica stessa, in quanto ben condotta, ossia 
in quanto è veramente economica. Allo stesso modo che il 
vero è l'attività stessa del pensiero, e il buono è l'at- 
tività stessa morale. 

E discorrere di cose (oggetti fisici), che hanno o non 
hanno valore, si svelerà semplice uso metaforico per si- 
gnificare quelle cause che reputiamo efficaci a pro- 
durre gli effetti, che noi vogliamo, e che sono perciò 
i nostri fini. — A vale b, il valore di a è h, non significa 
(gli economisti della nuova scuola ben lo riconoscono) a = b; 
ma neanche, com'essi dicono, a>6; ma che a ha per noi 



DUE LETTERE AL PROF. V. PARETO 237 

valore, e h non ne ha punto. E il valore (come voi sa- 
pete) non esiste altro che nell'istante dello scambio, 
cioè della scelta. 

Riallacciare a queste proposizioni generali le varie que- 
stioni che si dicono di scienza economica, è assunto di chi 
scriva uno speciale trattato di Economia. E assunto vostro, 
egregio amico, se, dopo averle esaminate, vi sembreranno 
accettabili. A me pare ch'esse soltanto valgano ad assicu- 
rare l'indipendenza dell'Economia non solo verso la Sto- 
ria e la Pratica, ma verso la Meccanica, la Psicologia, 
la Gnoseologia e l'Etica. 

Napoli, 15 maggio 1900 1. 



1 A questa lettera il Pareto rispose nello stesso Giornale dei/li 
econominti, agosto 1900, pp. 139-162. 



238 SUL PRINCIPIO KCONOMICO 



II 



Egregio amico, 

Il nostro dissenso sul modo di concepire il fatto econo- 
mico ha la più forte radice nel dissenso sopra una que- 
stione di metodo e un'altra di presupposti. Vi confesso 
che uno degli intenti della mia prima lettera era appunto 
di spingervi a tali spiegazioni, che il dissenso sui due punti 
accennati si facesse evidente. Ridurre le controversie alla 
loro pili semplice espressione, mettere a nudo i contrasti 
ultimi, è, voi ne converrete, un lavorare verso la verità. 

Accennerò brevemente alle due questioni. In quella di 
metodo, se sono d'accordo con voi nel rivendicare i diritti 
della elaborazione logica, astrattiva e scientifica di fronte 
all'elaborazione storica (o sintetica, come voi dite), non posso 
poi ammettere che quella prima ehiborazione porti seco al- 
cunché di arbitrario, né che si possa compierla indiffe- 
rentemente per una via o per l'altra. Voi parlate di rita- 
gliare da un fenomeno concreto una fetta, e studiare 
questa soltanto; ed io vi domando come ftirete a ritagliare 
quella fetta? Giacché si tratta in questo caso non di un 
pezzo di pane o di cacio in cui possiamo introduri'e mate- 
rialmente il coltello, ma di una serie di rappresentazioni, 
che abbiamo nella nostra coscienza, nelle quali non pos- 
siamo far penetrare se non la luce del nostro intelletto ana- 
lizzatore. Voi dovrete, dunque, per tagliare la fetta, compiere 
un'analisi logica; ossia far prima ciò che vi proponete far 
dopo. Il vostro « tagliar la fetta » è già un risolvere la que- 
stione del quid, nel quale consiste il fatto economico. Voi pre- 
supponete un criterio per distinguere ciò che assumete 
come oggetto della vostra esposizione e ciò che lasciate 
in disparte. jMa il criterio,»o il concetto direttivo, non può 



DUE LETTERE AL PROF. V. PARETO 289 

esservi dato se non dalla natura stessa della cosa, e dovrà 
a questa conformarsi. 

Sarebbe, per esempio, conforme alla natura della cosa 
ritagliare, come voi volete fare, solo quel gruppo di fatti 
economici che cadono sopra oggetti suscettibili di misura- 
zione? Quale legame intrinseco ha questa circostanza, me- 
ramente accidentale, della misurabilità degli oggetti che en- 
trano nell'azione economica, con l'azione economica in sé 
stessa? Induce forse la misurabilità una modificazione nel 
fatto economico, cangiandone la natura, ossia dando luogo 
a un altro fatto? Se sì, dovete mostrarlo. Per mio conto 
non vedo che l'azione economica cangi natura, o che con- 
cerna un sacco di patate o che consista in uno scambio — 
di attestazioni di tenerezza! 

Nella vostra risposta voi parlate della opportunità di non 
fermarsi sopra fatti troppo semplici, pei quali « non vale la 
pena di mettere in moto la gran mole dei ragionamenti 
matematici». Ma questa opportunità si riferisce alla peda- 
gogica della cattedra o del libro, non già alla scienza iti sé 
stessa, della quale solamente ora discorriamo. È ben chiaro 
che chiunque parli o scriva insiste più sopra quelle parti 
che crede più difficili a essere intese dai suoi uditori e let- 
tori, di maggior utile a essere risapute. Ma chi pensa, 
ossia chi parla con sé medesimo, ha l'occhio a tutte le parti, 
senza predilezioni e senza esclusioni. A noi ora importa 
il pensare, eh' è il farsi della scienza, e non il modo di 
comunicare questa. E, nel pensare, non possiamo conce- 
dere arbitri. 

Né bisogna lasciarsi traviare dall'analogia con le classi 
di fatti, formate dalia zoologia e da altre discipline natu- 
rali. Le classificazioni della zoologia e della botanica non 
sono operazioni scientifiche, ma semplici prospetti, e, con- 
siderate in rapporto alla cognizione veramente scientifica, 
sono arbitrarie. Chi ricerca la natura dei fatti economici 



240 SUL PRINCIPIO ECONOMICO 

non intende già a mettere insieme, prospetticamente e gros- 
samente, grappi di casi economici, come il zoologo o il 
botanico usano, manipolando e mutilando le inesauribili, in- 
finite varietà e determinazioni delle creature viventi. 

Sullo scambio tra scienza ed esposizione della 
scienza è fondata anche la credenza che si possono tenere 
diverse strade per giungere a dimostrare la medesima ve- 
rità. Se pure in voi, che siete un matematico, quella credenza 
non nasce da una falsa analogia col calcolo. Ora, il cal- 
colo non è scienza, perchè non dà le ragioni delle cose; 
e perciò la logica matematica è logica per modo di dire, 
una varietà della logica formalistica, e non ha che vedere 
con la logica scientifica o inventiva. 

Passando alla questione dei presupposti, voi certo vi 
meraviglierete se vi dirò, che qui il dissenso tra noi con- 
siste nel voler voi introdurre nella scienza economica un 
presupposto metafisico, laddove io voglio escludere ogni 
presupposto metafisico e tenermi alla sola analisi del fatto. 
L'accusa di « metafisico » vi sembra quella che meno d'ogni 
altra possa mai colpirvi. Pure, il vostro latente presup- 
posto metafisico è: che i fatti dell'attività dell'uomo siano 
della stessa natura dei fatti fisici ; che per gli uni come per 
gli altri noi non possiamo se non osservare regolarità e de- 
darre da codeste regolarità conseguenze, senza penetrarne 
mai l'intima natura; che questi fatti siano tutti egualmente 
fenomeni (il che vuol dire che presupporrebbero un nou- 
meno, che ci sfugge e del quale sarebbero manifestazioni). 
Perciò, mentre io ho intitolato il mio sciitto: «sul prin- 
cipio economico», voi avete intitolato il vostro: «sul fe- 
nomeno economico». 

In qual modo giustificherete voi questo presupposto se 
non con una metafisica monistica, per es., con quella 
spenceriana? Ma, se lo Spencer è stato antimetaflsico e posi- 
tivista a parole, io dico che bisogna esser tale coi fatti; e 



DUE LETTERE AL PROF. V. PARETO 241 

perciò non accetto nemmeno la sua metafisica e il suo mo- 
nismo, e mi attengo airesperienza. La quale mi attcsta la 
distinzione fondamentale tra esterno ed interno, tra fisico 
e spirituale, tra meccanico e teleologico, tra passività e 
attività; e distinzioni secondarie nel seno di questa, fon- 
damentale. Ciò che la Metafisica mette insieme confondendo, 
la Filosofia distingue (e unisce nell'atto stesso); l'astratta 
considerazione unitaria è morte della filosofia. Fermandoci 
alla distinzione di fisico e di spirituale, se i fatti esterni, 
posti dalle scienze empiriche, fisiche e naturali, sono sempre 
fenomeni, perchè il loro principio è fuori di loro per de- 
finizione, i fatti interni o dell'attività dell'uomo non possono 
dirsi fenomeni, perchè essi sono il loro principio stesso. 

Con quest'appello all'esperienza e con questo rifiuto di 
ogni mescolanza metafisica, mi metto sul terreno adatto a 
combattere le obiezioni che voi movete alla mia concezione 
del fatto economico. — Voi credete che l'oscurità del ter- 
mine « valore » venga da ciò, che esso designa un fatto molto 
complesso, una collezione di fatti compresi in un'unica pa- 
rola. Per me, invece, la difficoltà di esso nasce dal designare 
un fatto semplicissimo, un summum genus, eh' è il fatto 
dell'attività stessa dell'uomo. Attività è valore. Per noi non 
vale se non ciò che è sforzo di fantasia, di pensiero, di 
volontà, dell'attività nostra in ogni sua forma. Come il Kant 
diceva che non v' ha altra cosa nell'universo che possa dirsi 
buona se non la buona volontà, così, estendendo, si 
può dire che non v'ha altra cosa nell'universo, che valga, 
se non il valore dell'attività umana. Del valore, come 
dell'attività, non potete chiedere una definizione, come si 
dice, genetica, ossia composita: il semplice e l'originario è, 
geneticamente, indefinibile. 11 valore si osserva e si pensa 
in noi, nella nostra coscienza \ 



1 Mi viene sott'occhio Tarticolo del prof. A. Graziadei, Jntorno 
B. Croce, Mulerialismo storico. 16 



242 SUL PRINCIPIO ECONOMICO 

Questa osservazione mostra anche che il summum genrnt 
« valore » o « attività spirituale » dà luogo a forme irridu- 
cibili, che sono, in primo luogo, quelle dell'attività teoretica 
o dell'attività pratica, dei valori teoretici e dei valori pra- 
tici. — Ma che cosa significa pratico? — voi ora mi doman- 
date. Ed io credo di aver già risposto, chiarendo, eh' è teo- 
retico tutto ciò ch'è opera di contemplazione, e pratico 
tutto ciò ch'è opera di volontà. Volontà è termine oscuro? 
Oscuri saranno piuttosto i termini di luce, calore, o si- 
mili, ma non quello di volontà. Che cosa sia la volontà, 
conosco bene: mi ci trovo a faccia a faccia in tutta la mia 
vita d'uomo. Anche per scrivere questa lettera, oggi, in una 
stanza d'albergo, e scotendo da me la pigrizia della villeg- 
giatura, ho voluto; e, se ho tardato per due mesi la rispo- 
sta, gli è che sono stato così fiacco da non saper volere. 

Vedete da ciò che la questione da me mossa, se voi per 
« scelta » intendiate la scelta conscia ol' inconscia, non è 
punto questione indifferente. Essa si risolve in quest'altra^, 
se il fatto economico sia o no atto di volontà. «Ciò non 
muta il fatto della scelta», dite voi. Altro che lo muta! 
Se parliamo di scèlta conscia, abbiamo innanzi un fatto 
spirituale; sedi scelta inconscia, un atto naturale; e le 



alla teoria edonistica del valore (in Riforma sociale. 15 settembre 1900), 
nel quale l'A. mostra che non si riesce, per isforzi che si facciano, a 
trovare l'addentellato della teoria puristica del valore con le dottrine 
•della Psicofisica e della Psicologia. Credo bene che debba esser cosi. 
La Psicofisica e la Psicologia sono discipline naturalistiche e non pos- 
sono dar lume sul fatto economico, che è atto spirituale e di valore. 
Mi sia lecito ricordare che, son già tre anni (si veda saggio III), io 
mettevo in guardia contro la confusione della Economia pura con la 
Psicologia. Chi ricorra alla Psicologia (naturalistica) per intendere 
Tatto economico, andrà sempre incontro alla delusione, provata que- 
sta volta dal Graziadei. Avevo arrecato le ragioni per le quali l'Eco- 
nomia non può star di casa dove gli psicologisti e gli edonisti dicono : 
ora il Graziadei ha interrogato i portinai (Fechner, Wundt. ecc.), ed 
ha appreso — che non sta di casa colà. Alla buon'ora! 



DUE LETTERE AL PROF. V. PARETO 243 

legg-i del primo non sono quelle del secondo. Piando al 
concetto vostro che il fatto economico sia l'atto della 
scelta; ma sono costretto a intendere per scelta la scelta 
volontaria. Altrimenti, finiremmo col parlare non solo delle 
scelte dell'uomo che dorme (quando si tramuta da un lato 
sull'altro), ma di quelle degli animali, e poi, perchè no?, 
delle piante, e perchè no ancora?, dei minerali, percor- 
rendo la china ruinosa per la quale è scivolato il mio amico 
prof. C. Trivero in una sua. di recente pubblicata. Teoria 
dei bisogni, che Dio gli perdoni! ^ 



1 Ca.millo Tkivkuo, La teoria dei bisoyni (Torino, Bocca, 1900). L'au- 
tore intende per « bisogno » « lo stato di un essere qualsiasi conscio 
o inconscio (uomo, animale, pianta, cosa), in cui esso non può ri- 
manere »: tanto che può dirsi « che tutti i bisogni si condensino da 
ultimo nel bisogno o fine supremo di essere o di diventare». 11 
bisogno per lui è, dunque, la realtà stessa. Ma poiché, d'altra 
parte, asserisce di non volere, nonché risolvere, nemmeno toccare il 
problema filosofico, non si comprende che cosa possa essere una 
teoria dei bisogni (cioè, della realtà), e per quale ragione egli 
sia risalito cosi in alto. 

Vero è che il Trivero crede che, risalendo al concetto generale 
di bisogno, potrà stabilire la teoria madre, sulla quale poggiano 
le particolari dottrine dei bisogni, e tra esse l'Economia, che tratta 
dei bisogni economici. Se questi sono un'a specie (egli dice), oc- 
corre determinare di qual genere sono specie. Ma egli mi permet- 
terà di osservare che, in ogni caso, il genere da cercare è, come 
insegna la logica, il genere prossimo. Saltando a quello lontanis- 
simo, eh' é la realtà o il fatto, si può raggiungere soltanto la bella 
scoperta: che i bisogni economici sono una parte della realtà, sono 
un ordine di fatti. 

Una scoperta dello stesso valore è l'altra ch'egli fa: che la vera 
teoria della storia é la teoria dei bisogni. Il che, posta la sua defini- 
zione dei bisogni, vai quanto dire che la storia è storia della realtà, 
e la teoria ne é la teoria. 

Non ho dunque nulla da opporre al significato che il Ti-ivero vuol 
dare alla parola «bisogno x; ma debbo osservare che, dandole questo 
significato, egli non ha poi fatto la teoria di nessuna cosa, né sparso 
lume sopra alcun ordine speciale di fatti. 

Per la teoria propriamente economica, il suo libro resta del tutto 
inutile. Gli economisti non conoscono bisogni di cose e di piante e 



244 SUL. PUIXCIPIO ECONOMICO 

Quando io ho definito il fatto economico: «l'attività pra- 
tica dell'uomo in quanto si consideri per sé, indipendente- 
mente da og-ni determinazione morale o immorale », non ho 
già compiuto un atto di arbitrio, che possa facoltare altri 
a compierne di simili nella scienza, la quale non tollera ar- 
bitri; ma ho semplicemente distinto ancora, nella forma 
attività pratica, due sottoforme o gradi: attività pra- 
tica pura (economica) ed attività pratica morale (etica): 
volontà meramente economica e volontà morale. C'è equi- 
voco nel vostro rimprovero che, quando io parlo di appro- 
vazione o disapprovazione destate dall'attività economica, 
consideri il fatto dal punto di vista sintetico e non ana- 
litico, e che l'approvazione o la disapprovazione sia un 
elemento estraneo. Non parlavo già (e cre'devo d'essermi 
bene spiegato) di approvazione o disapprovazione morale, 
intellettuale o estetica. No. Dicevo, e ripeto, che al- 
l'attività economica va congiunto necessariamente un giu- 
dizio di approvazione, o riprovazione, meramente eco- 
nomico. « Col dire che il vino del Reno mi è utile, ha un 
valore per me, mi è ofelimo, voglio solo dire che mi 
piace; e non intendo come questa relazione semplicissima 
possa essere bene o mal condotta ». Perdonatemi se, in que- 
sto vostro periodo, ho dato spiceo alle parole: col dire. 



di animali, ma solo bisogni umani, o dell'uomo in quanto homo ce- 
conomicus, e perciò essere consapevole. Credo anch'io, che sia bene 
elaborare filosoficamente i principi dell'Economia: ma, per far questo, 
il Trivero avrebbe dovuto studiare la scienza economica. Egli di- 
chiara che « non vuol tenersi stretto ai panni di alcuno » : dichiara- 
zione non necessaria, se per essa s'intende il dovere che ciascuno 
ha di fondare i propri convincimenti scientifici sopra ragioni e non 
sopra autorità; ma inammessibile, se importa invece il proposito di 
risparmiarsi la fatica dello studiarsi libri degli altri, e di rifar tutto 
da capo con le proprie forze individuali e col sussidio della sola cul- 
tura generale. Il risultato ottenuto, tutt'altro che soddisfacente, do- 
vrebbe sconsigliare l'autore (il quale non si dorrà che io gli parli 
chiaro) dal ricoi'rere per l'avvenire a questo metodo sterile. 



DUE LKTTERE AL PROF. V. PARETO 245 

Qui Sta il punto. Certo, il semplice dire non dà luogo a 
un interno giudizio di approvazione, o di disapprovazione 
economica: darà luogo a un'approvazione o disapprovazione 
grammaticale e linguistica, ossia estetica, secondo che il 
dire sarà chiaro o confuso, bene esprimente o male espri- 
mente. Ma non si tratta del dire: si tratta del fare, ossia 
dell'azione voluta nell'atto ch'evoluta, della scelta in atto. 
E vi pare che l'acquistare e consumare una bottiglia di vin 
del Reno non implichi un giudizio di approvazione o di 
disapprovazione? Se io sono molto ricco, se è mio scopo 
nella vita procacciarmi diletti sensuali momentanei, e il 
vin del Reno so che me ne procaccia uno, compro e bevo 
il vin del Reno e approvo il mio atto: sono soddisfatto di 
me. Ma se io non voglio indulgere alla gola, e se ho il 
mio danaro tutto disposto ad altri fini che voglio come 
preferibili, e, a dispetto di ciò, cedendo alla tentazione del- 
l'istante, compro e consumo il vin del Reno, eccomi in con- 
tradizione con me stesso, dentro me stesso, e il momentaneo 
diletto sensuale sarà seguito da un giudizio di disapprova- 
zione, da un vero e proprio rimorso economico. 

Per mostrarvi come in tutto ciò io prescinda da ogni 
considerazione morale, vi darò un altro esempio: quello di 
un briccone, che reputi ofelimo a sé di assassinare un 
uomo per derubarlo di una somma di danaro, e che sul 
punto dell'assassinio, pur restando briccone nell'animo, ceda 
a un commovimento di paura o a un'impressione, per lui 
patologica, di pietà, e non assassini. Badate ai termini 
dell'ipotesi. Il briccone si darà poi dell'asino e dell'imbe- 
cille, e proverà rimorso per la sua condotta contradittoria 
e inconcludente; ma non già rimorso morale (che non ne 
è capace, per ipotesi), sibbene, per l'appunto, rimorso me- 
ramente economico. 

Un'altra confusione, facile a dissipai"e, mi sembra che 
sia nella vostra controcritica alla mia critica della scala 



2-46 ' SUL, ruiNCiPiO econouuco 

dei valori (economici). Voi dite clie «non occorre elle 
uno si possa trovare contemporaneamente in condizioni di- 
verse: basta che possa figurarsi quelle diverse condi- 
zioni». Davvero voi potete figurarvi di essere contem- 
poraneamente in condizioni diverse? La fantasia ha le 
proprie leggi, e non permette la figurazione del non figura- 
bile. Voi potete ben dire che vi figurate la cosa: la parola 
è docile; ma, quanto al figurarvela realmente, perdona- 
temi, è un altro paio di maniche. Non vi riuscirete, come 
non vi riesco io. Ditemi di figurarmi un leone con una testa 
d'asino, e vi servo subito: ma ditemi di figurarmi un leone 
che stia nel tempo stesso in due posti diversi, non vi 
riesco. Mi figurerò, se vi piace, due leoni simili, duemene- 
chmi; ma non un medesimo in dae posti diversi a un tempo. 
La fantasia ritrae la realtà, ma la realtà possibile, non l'im- 
possibile o quella che è contradittoria. Dunque, la mia dimo- 
strazione dell'assurdità della scala dei valori si estende 
cosi alla realtà accaduta come alla realtà possibile. Anzi, 
discorrendosi di scienza, in astratto, essa era riferita ap- 
punto alla mera considerazione dei possibili. 

Non so se ho risposto a tutte le vostre obiezioni ; ma mi 
sono industriato di rispondere a tutte quelle che mi sembrano 
fondamentali. Una disputa, nella quale siano in gioco que- 
stioni di metodo e di principi, non è necessario sia spinta 
pedantescamente alle estreme minuzie; e si deve fare asse- 
gnamento in certo modo sull'aiuto di tali lettori, che, metten- 
dosi nella situazione di spirito dei due disputanti, eseguano 
da sé le ulteriori inferenze. Voglio solo aggiungere essere 
mia fermissima convinzione che la reazione contro la meta- 
fisica (provvida reazione in quanto ha liberato l'opera delki 
scienza dalle mescolanze con gli arbitri del sentimento e 
della fede) è stata da molti portata tant'oltre da danneggiare 
la scienza stessa. I matematici, che hanno vivo il senso 
della purezza scientifica, hanno recato gran beneficio nella 



DUE LETTERE AL PROF. V. PARETO 247 

scienza economica col rialzare in essa la dignità dell'a- 
nalisi astratta, offuscata ed oppressa dalla congerie degli 
aneddoti della scuola storica. Ma, come accade, vi hanno 
introdotto anche i pregiudizi della loro professione; ed, 
essendo essi studiosi delle condizioni generali del mondo 
fisico, il pregiudizio, che le matematiche possano prendere 
di fronte all'Economia (eh 'è scienza dell'uomo, di una 
forma dell'attività cosciente dell'uomo) l'atteggiamento me- 
desimo, che legittimamente prendono di fronte alle scienze 
empiriche della natura. 

Da ciò che son- venuto esponendo, voi ricaverete age- 
volmente per quale e quanto gran tratto andiamo d'accordo 
nello stabilimento dei principi dell'Economia, e per quanto 
e quale divergiamo. Se le mie nuove osservazioni contri- 
buissero a ridurre ancora il tratto di divergenza, ne sarei 
ben lieto. 

Peruo;ia, 20 ottobre 1900 1. 



1 II Pareto replicò a questa secouda lettera nel Giornale deijli eco- 
nomisti, febbraio 1001, pp. 131-138. 



X 



IL GIODIZIO KtOffllllCO E IL GICDIZIO TECMCO 

OSSEEVAZIONI 
A UNA MEMORIA DEL PEOF. GOBBI 



Se col Pareto mi accordo nelT affermare una rigorosa 
teoria economica, prescindente dalle considerazioni sto- 
riche e pratiche, e discordo poi tato coelo dalla sua conce- 
zione di una meccanica economica ^ col prof. Ulisse 
Gobbi, autore di una assai pregevole memoria sul Principio 
della convenienza economica ^, che prende appunto le mosse 
dalla discussione tra il Pareto e me, l'accordo è maggiore, 
perchè si estende, non solo alla parte negativa del rigetto 
della meccanicità, ma anche alla parte positiva, cioè al 
modo di concepire il problema fondamentale dell'Economia. 

Il Gobbi pensa, come me, che per intendere il fatto eco- 
nomico bisogni anzitutto eliminare quanto è di pertinenza 
dell'attività teoretica e che, solo in connessione con l'atti- 
vità economica, si denomina tecnica; e che l'attività eco- 
nomica sia l'attività pratica e volontaria dell'uomo, distinta 
insieme e connessa con l'attività morale. 

Ora, appunto quando si va d'accordo per gran parte, è 
lìene mettere a frutto siffatta favorevole condizione col chia- 
rire il problema in tutti gli altri particolari. Giacché posse- 



1 Si vedano le due lettere precedenti. 

2 Ulisse Gobbi, Sul principio della convenienza economica, memoria 
presentata al R. Istituto lombardo di scienze e lettere (voi. XXI, 
fase. Ili, Milano, 1900). 



"250 IL GIUDIZIO EICONOMICO E IL GIUDIZIO TECNICO 

diamo qualcosa in comune, adoperiamoci con forze unite a 
migliorarne il possesso. Tale dev'essere stato il pensiero del 
Gobbi nello scrivere la sua memoria; e tale è il mio nel di- 
scuterla, come ora fo, brevemente. 

Non saprei lodare abbastanza il Gobbi per l'ordine, la 
lucidezza, il rigore che ha messo nel suo scritto, e per aver 
illustrato con begli esempi e con svolgimenti opportuni la 
mia tesi. Inoltre, a lui spetta il merito di avere adempiuto 
in gran parte un augurio, che io facevo scrivendo al Pa- 
reto: che cioè « altri avesse riallacciato alle mie proposizioni 
generali le varie questioni, che si dicono di scienza eco- 
nomica». Chi voglia vedere come dalla definizione dell'atto 
economico si pervenga alle empiriche distinzioni di forze 
personali, di forze di altri individui, e di cose distinte dalle 
persone; come si pervenga ai concetti di costo (oggettivo 
e soggettivo), di prezzo o valore monetario, di misura- 
zione di valori, di ricchezza (patrimonio, reddito), di 
produttività, di ragguagli tra cose omogenee e tra cose 
eterogenee, non deve ricorrere ai miei scritti, ma alla 
memoria del Gobbi. 

Ma sui ritocchi da lui apportati alla concezione da nn- 
esposta dell'atto economico nelle sue relazioni con gli altri 
atti dello spirito, ho qualcosa da osservare. — Il Gobbi, a 
mio parere, segue una via poco sicura col togliere ad oggetto 
delle sue considerazioni non già atti (scientifici, tecnici, 
economici, morali, ecc.), ma giudizi. • 

È Hin metodo che ha, senza dubbio, famosi patroni, sotto 
la cui protezione anch' io mi son messo negli anni di tiro- 
cinio. Lo promosse, tra gli altri, quell'acuto analizzatore 
che fu lo Herbart, il quale deve ad esso alcune delle sue 
più celebri, ma non delle sue più salde teorie. 

Il giudizio, come s'intende nella logica formalistica, è una 
proposizione, un breve giro di parole che sta per sé, una 
formola verbale. In quanto tale, esso non può esser materia 



IL, GIUDIZIO ECONOMICO E IL GIUDIZIO TECNICO 251 

se non della scienza estetica, la quale considera ogni fatto 
di espressione. Sempre che vogliamo non già fermarci alla 
forma rappresentativa, verbale o estetica, sibbene studiare 
il contenuto dei fatti che quella forma ci trasmette, l'esame 
del giudizio è infecondo; e il considerare questo come 
avente realtà fuori dell'attività espressiva, oscura e falsifica 
i principi degli altri ordini di fatti. 

Credo (e l'ho detto altrove) che anche la scienza dell'atti- 
vità intellettuale, ossia la Logica, si avvantaggerà col liberarsi 
dalle forme verbali, che ora, nei trattati, sogliono passare 
per categorie logiche. Se ogni giudizio che si dice logico pre- 
suppone un concetto, è chiaro che il giudizio verbale non è il 
fcitto propriamente logico, ma una delle tante forme estetiche 
dell'atto logico. Col porre a capo della Logica l'analisi del 
giudizio a quel modo inteso, si scambiano le ombre pel vero, 
il corpo per lo spirito. Il concetto logico vive nei sostantivi, 
nei giudizi, sillogismi, entimemi, epicheremi, sistemi, e in 
quante altre forme si vogliano empiricamente distinguere ed 
enumerare; ma, se le sue condizioni di vita sono date dal- 
l'atto estetico, l'atto logico, in sé considerato, è distinto dalla 
forma espressiva: è l'espresso, non è l'espressione ^ 

Pare, nel caso della logica, l'importanza eccessiva data 
al giudizio e alle altre forme si spiega e si scusa per la 
considerazione appunto che il feitto logico è, in concreto, 
inseparabile da quelle. L'analisi, fermandosi alle forme, non 
va lino al fondo; ma non inventa fatti inesistenti. Nel caso 



1 Lo Steinthal, Geschichte der Sprachwissenschaft bei den Qriechen 
ìtnd Roniern init besonderer Ruclcsicht auf die Logik (2» ediz., Berlino, 
1890), I, 198 sgg., ascrive a merito singolare di Aristotele l'avere 
sciolto il pensiero dalla forma verbale, fondando la dottrina del sil- 
logismo sugli óQoi termini o concetti, e non sulle ircoTàoetSj propo- 
sizioni o premesse; e a suo difetto, il non essersi serbato a tale 
altezza, avendo, subito poi, confuso daccapo pensiero e forma ver- 
bale: onde la necessaria conversione (cominciata già nel suo autore) 
della logica sillogistica in logica formalistica o scolastica. 



252 IL GIUDIZIO FX'OKOMICO E IL GIUDIZIO TECNICO 

invece delle altre scienze, delle scienze pratiche, l'assumere 
il giudizio come un prius o come un fatto elementare, si 
riduce a una vera creazione mitologica, per eifetto della 
quale si pone un anello immaginario nel processo reale 
dello spirito. 

Qualche filosofo e qualche scuola filosofica hanno pen- 
sato che l'azione pratica dell'uomo sia preceduta da giu- 
dizi pratici o di valore. Il processo sarebbe: 1" Giu- 
dizio teorico: «4 è». 2° Giudizio pratico: «A è buono» (o 
cattivo, utile o dannoso, conveniente o sconveniente, ecc.). 
3" Intervento della volont;ì, per dirigere l'azione secondo 
il giudizio n. 2. 

L'immaginario, in questo preteso processo, è il secondo 
stadio, il n. 2. Il n. 2 ò effetto d'illusione psicologica: il- 
lusione alla quale si possono assegnare due cause. 

La prima causa è la rapidità con la quale alle nostre 
volizioni ed azioni seguono, nella coscienza, i riflessi teo- 
rici di esse. L'uomo che vuole, nell'attimo che vuole, non 
riflette sulla sua volontà. Ma nell'attimo seguente può dare 
alla sua accaduta volizione l'espressione teorica: «Voglio 
A perchè A è buono, o non voglio A perchè A è cattivo». 
Questo riflesso, proiettato all' indietro e considerato come 
motivazione espressa, ingenera l'illusione dei giudizi pra- 
tici o di valore. Ma giudizi pratici non esistono: i giudizi 
sono sempre teorici,- e sono teorici ancorché siano teorici 
del pratico, ossia abbiano come antecedente e materia le 
volizioni. Per dire che ^ la tal cosa è da volere o da non 
volere», bisogna, anzitutto, averla voluta o non vo- 
luta. Non c'è altra via per giungere a quella famosa ap- 
pendicetta, a quel Zusatz, del quale parlava lo Herbart ! 
Un'azione non la voglio, perchè è utile, ma è utile, 
perchè la voglio. 

La seconda causa è in un'ambiguità della usuale termi- 
nologia filosofica. La coscienza del valore e del disvalore 



IL GIUDIZIO ECONOMICO fc IL GIUDIZIO TECNICO 253 

si suol chiamare anche giudizio di valore. E, poicliè 
tale coscienza di valore e di disvalore, di approvazione e di 
riprovazione, è implicita in ciascun atto dello spirito, anzi è 
quell'atto stesso, si dice che ogni atto dello spirito implica 
giudizi di valore. Chi ha voluto evitare la parola «giu- 
dizio », che fa pensare troppo facilmente a un atto teoretico, 
si è servito dell'altra di «sentimento»; la quale, se ha il 
vantaggio di escludere la rappresentazione e la riflessione 
teoretica, ha, a sua volta, l'inconveniente di far pensare 
troppo alle empiriche distinzioni del piacere e del dolore. 
Comunque, resti ben inteso che i giudizi di valore, nel senso 
predetto, non sono espressioni teoriche, che guidino 
l'attività pratica, simili a lanterne nel buio della notte. 
L'attività pratica porta seco la sua propria luce o le sue 
proprie lanterne, e non ha bisogno di quelle altre. 

Dall'attività teoretica si snoda la pratica, immediata- 
mente, senza interposizione di giudizi pratici. Il processo è 
composto di due stadi, che si suddividono in sé stessi, ma 
che non patiscono, tra loro, un terzo stadio, intermedio. 

Ora veda un po' il Gobbi se il suo giudizio di conve- 
nienza, — ch'egli considera come il giudizio propriamente 
economico, — non cada sotto questa mia critica, che rias- 
sumo in un dilemma: — il giudizio di convenienza è un 
atto teoretico, e in tal caso è un posterius, che non ci ri- 
guarda. O è un atto non teoretico, e allora è l'azione slessa 
economica: non è un giudizio, è la volontà. 

Che il Gobbi tenda realmente all'errore d'immaginare 
un giudizio di convenienza come guida dell'azione pratica 
o della volontà, si trae, a me sembra, dal complesso della sua 
trattazione. — Egli considera, inoltre, due casi del giudizio 
di convenienza : quello in cui esso ha per oggetto cose omo- 
genee, e in cui applica il principio del minimo mezzo; e 
quello in cui volge sul confronto di cose eterogenee ed ap- 
plica il principio d' importanza. Distinzione meramente em- 



254 IL GIUDIZIO ECONOMICO E IL GIUDIZIO TECNICO 

pirica, come il Gobbi stesso Unisce col riconoscere quando 
osserva, sul confronto delle cose omogenee, che « non sa- 
rebbe esatto asserire il desiderio senza eccezione di una 
quantità illimitata di qualunque specie di cose»; e che « per 
molte cose può arrivare un punto in cui un aumento della 
loro quantità si vorrebbe evitare»; e che s'intende sempre 
parlare delle cose «in quanto possano servire». Per ren- 
dere vera un'affermazione qual'è la seguente: « Ognuno 
troverà conveniente di sostituire ad un pezzo di pane un 
altro più grosso e della stessa qualità», sono necessarie de- 
terminazioni e restrizioni, mercè le quali la prima classe di 
giudizi si fonde senz'altro con la seconda. Del resto, il Gobbi 
risolve, in ultimo, il minimo mezzo e l'importanza 
nel principio economico fondamentale, eh' è quello dell'au- 
mento dell'energia utilizzabile per un fine, o del- 
l'aumento dell'energia utile. 

Pei principi, nella loro posizione rispetto ai giudizi, si 
può ripetere la critica fatta ai giudizi rispetto all'attività 
pratica. I principi pratici sono creazioni scientitiche, e 
quindi espressione teoretica dell'atto pratico. L'atto pratico 
non è un principio, ma è la volontà. Che cosa, in fondo, vuol 
dire che il principio economico è l'aumenti) dell'energia 
utile, se non che l'atto economico è l'atto del volere, o, sen- 
z'altro, la volontà? Ogni altra determinazione del principio 
economico non può essere se non una tautologia o un chia- 
rimento verbale. La volontà, in quanto viene assunta a con- 
siderazione scientifica, diventa il fondamento della scienza 
economica, il principio economico. 

L'illusione dei giudizi come guida di ogni attività ha 
ti-aviato il Gobbi anche in ciò ch'egli scrive intorno alla 
tecnica. Anche qui egli discorre di un giudizio tecnico, 
e si mostra poco soddisfatto della mia affermazione, che il 
concetto di tecnica non esprima se non « una situazione, 
in cui può trovarsi l'attività teoretica». 



IL GIUDIZIO ECONOMICO E IL GIUDIZIO TECNICO 2o.) 

Il giudizio tecnico sarebbe per lui il giudizio di possi- 
bilità, che seguirebbe quello scientifico di mera consta- 
tazione. Per lui, «il campo della tecnica è più limitato 
di quello della scienza, ma il confine tra essi non è punto 
determinato; in ogni caso, speciale si constata se una data 
cognizione teorica possa venire applicata, possa cioè ser- 
vire di fondamento alla pratica ». Una contradizione patente 
con questa prima definizione mi sembra, per altro, ciò che 
osserva, e giustamente osserva, nel paragrafo seguente: che 
11 suo cosiddetto giudizio tecnico riposa sopra due ordini di 
premesse: premesse scientifiche («l'impiego di una 
data energia è causa di un dato effetto»), e premesse sto- 
riche («la tale persona ha la disposizione di una data 
energia »). Gli è appunto per tal considerazione che, nelle 
mie Tesi dell' Estetica, avevo trattato della tecnica prima di 
giungere alla distinzione dei vari ordini di fatti teoretici, 
rappresentativi (fantastici e storici), e logici (intellettivi o 
scientifici), essendo entrambi questi ordini (e non un solo 
di essi) presupposti e condizioni dell'attività pratica. Il fatto 
tecnico è cosi poco un giudizio nel senso del Gobbi, una 
sottospecie dei giudizi scientifici, che, allorquando prende 
forma teorica, si esprime (a sua stessa confessione) con un 
discorsetto in cui sono combinati elementi scientifici ed ele- 
menti storici. 

Senonchè, siamo di nuovo lì: il discorsetto descrittivo 
di quanto è accaduto nello spirito è ciò che può succedere 
al fatto tecnico, e non è il fatto tecnico. Questo non è un 
discorsetto o un giudizio: ma (non saprei mutar la parolni 
una situazione, la quale, esprimendosi teoricamente, non 
può non esprimersi per proposizioni, per giudizi, per di- 
scorsetti (estetici, non tecnici). Il mondo della tecnica è il 
mondo stesso teorico, della contemplazione, della scienza 
e della storia; delle rappresentazioni, dei concetti, delle per- 
cezioni, delle leggi ed astrazioni. Se lo si chiama tecnico, 



256 IL GIUDIZIO ECONOMICO E IL GIUDIZIO TECNICO 

non è già perchè le sopraindicate conoscenze possano mai 
cangiar la loro natura; ma semplicemente perchè soprav- 
viene un nuovo fatto (l'azione pratica), che prende quelle 
conoscenze come base di operazione; e perchè c'è nel di- 
zionario un vocabolo per designare questa situazione nuova, 
creata dal nuovo ospite: il vocabolo «tecnica». 

Tutta la discussione precedente potrà sembrare una 
questione di lana caprina a chi, guardando dal di fuori, 
osserverà che, insomma, il Gobbi ed io diciamo lo stesso. 
Altri dirà, eh' è questione di forma e non di sostanza; ma, 
poiché le (juestioni di forma sono questioni di sostanza, 
preferirei dire eh' è questione tra due disputanti, i quali, ac- 
cordandosi in quasi tutti i punti, non si sono ancora accor- 
dati nei restanti pochi, che non sono poi indifferenti, perchè 
nella verità nulla è d'indifferente, né i meno importanti, 
perchè nella verità non vi ha il più e il meno importante. — 
L'osservazione, che segue, potrà dirsi invece, in linguaggio 
popolare, di sostanza. Essa concerne il rapporto da stabi- 
lire tra Economica ed Etica, 

Il Gobbi ammette con me che attività economica ed at- 
tività morale siano insieme distinte ed una. Ma, quando 
viene a determinare questo duplice rapporto, cade nell'er- 
rore di concepire l'economica come subordinata all'etica. 
Se subordinazione ci fosse, come si potrebbe più parlare 
dell'autonomia dell'atto economico, e dell'Economia quale 
scienza indipendente? 

Pel Gobbi, la morale determina il fine supremo; e, poiché 
senza fine supremo l'attività volontaria non procede diritta 
e sicura, la morale è elemento costitutivo dell'economia, e 
l'uomo è tanto più economico quanto è più morale. 

Pure, io avevo cercato di mostrare, e mi pareva d'es- 
servi riuscito, come siano concepibili uomini affatto eco- 
nomici nella condotta della vita, e privi o scarsi di senso 
morale. Nelle Tesi dell'estetica ho citato il Jago dell'arte e il 



IL GIUDIZIO ECONOMICO E IL GIUDIZIO TECNICO 257 

Cesare Borgia della storia. Nella replica al Pareto, ho recato 
esempì tolti dalla vita giornaliera, dai quali appare chiara 
perfino l'esistenza di un rimorso meramente economico, che 
può essere rimorso... di non aver fatto il male. Ritor- 
nando questa volta agli esempì letterari, recherò alcune 
frasi del ritratto che il De Sanctis fa di un briccone, che 
era, nientemeno, Pietro Aretino: « L'Aretino... sa quello che 
vuole. La sua vita non è scissa in varie direzioni, uno è 
lo scopo, la soddisfazione dei suoi appetiti, o, come dice il 
Guicciardini, il suo particolare... Ci è innanzi a lui una 
specie di mercato morale; conosce quale è la merce più 
richiesta, più facile a spacciare e a più caro prezzo » ^ E 
recherò queste parole, scritte da Vittorio Alfieri (uomo, che 
di cose volitive s'intendeva) nel MisogaUo: «Negli uomini 
in generale, principalmente amiamo noi il forte sentimento 
eh' è il fonte vero d'ogni bene buono, come altresì d'ogni 
male buono: ch'io avrò pur la temerità di dar questo 
epiteto al male, allorché egli, da passioni ardenti ed altis- 
sime procreato, si fa d'altissimi effetti cagione». Ciò l'Al- 
fieri chiamava, nella sua poetica, carattere tragico: il per- 
sonaggio tragico era per lui l'uomo di forte volontà, nel 
bene come nel male; e niente abborriva tanto quanto le 
oscitanze e debolezze feminee '. Il carattere tragico alfieriano 
è, per l'appunto, un caso del nostro carattere coerente ed 
economico. 

La connessione tra economia e morale non è di subor- 
dinazione, ma d'implicazione. La stessa materia, che riceve 
per opera della nostra volontà forma economica, riceve altresì 
forma morale: dove si applica il volere, si applica il dovere. 
Chi applica il solo volere, scevro d'ogni dovere, non per que- 



1 Storia della letteratura italiana, II, 128 sgg. 

2 Si veda la bella memoria del dott. M. Porena, La poetica alfieriava 
della tragedia (in Atti della E. Accad. di Archeol. e Belle lett. di Na- 
l^oli, 1900, estratto, p. 29 e sgg.). 

B. Croce, Materialismo storico. 17 



258 IL GIUDIZIO ECONOMICO E IL GIUDIZIO TECNICO 

Sto diventa uomo antieconomico; resta uomo economico, che 
non si è innalzato ancora ad uomo morale. Qui è la distin- 
zione. Ma chi applica il dovere non può non applicare, al 
tempo stesso, il volere, giacché dovere è dover volere. Qui 
e la connessione. Il dovere è un determinato indirizzo della 
volontà, ossia del fare utile dell'uomo. 

Confesso che do qualche importanza all'aver messo in 
luce, come non so che' sia stato fatto da altri, questo uf- 
ficio dell'utilità dell'economicità. L'utile ò stato ri- 
putato finora dai filosofi o un fatto secondario e misto, o 
un semplice caso di deviazione dalla morale (egoismo). Esso 
è, invece, a mio parere, un momento distinto e a^uto- 
nomo della vita dello spirito: il momento in cui la 
volontà è volontà, senza essersi ancora determinata e dia- 
lettizzata in morale e immorale. 

Solo movendo da questo coiicetto dell'utile, è possibile 
una critica dell'utilitarismo etico, che riesca efficace e non 
si perda in sofismi e scempiaggini, come di solito accade. 
La critica deve consistere nel dimostrare che, affermandosi 
essere ogni azione dell'uomo dominata dal criterio dell'utile, 
si afferma cosa indubitabile; ma che ciò non toglie punto 
che essa debba essere, e sia insieme, determinata anche dal 
criterio del dovere, il quale è sempre (e come potrebbe non 
essere?) dovere-utile. 

20 erennaio 1901. 



XI 



mmm mmwu ed Emmw natoiìausticà 



Gli studi di economia hanno via via disegnato, in questi 
ultimi anni, un doppio moto, procurando, per una parte, 
di liberarsi del fardello di tutte le questioni d'indole pra- 
tica o politica, e restringersi alla semplice considerazione 
della realtà effettuale; e, per l'altra, disinteressandosi sempre 
pili delle dispute intorno alla natura dei fatti economici e 
alle relazioni tra essi e gli altri aspetti della realtà, col rin- 
serrarsi nella cerchia dei fenomeni e professare di non vo- 
lerla in alcun modo trascendere. Col primo moto, gli studi 
di economia hanno acquistato sempre più carattere teo- 
retico o scientifico, che voglia dirsi. Col secondo, si sono 
avvicinati al tipo delle scienze naturali, o delle scienze 
matematiche della natura, applicando, come si suol dire, 
la matematica ai problemi economici. 

Tra coloro che meglio rappresentano questa duplice ten- 
denza è il Pareto, del quale non sarà mai a sufficienza 
lodalo l'indefesso lavorìo onde è venuto sempre correggendo 
e rendendo più rigorose le sue teorie, e il fermo quanto 
leale proposito di reprimere e disciplinare i propri senti- 
menti di battagliero scrittore di cose politiche, sacrifican- 
doli alla severità della scienza, tutte le volte che scientifico 
e non politico era il suo assunto. Anche il Manuale, or ora 



260 ECONOMIA FILOSOFICA ED ECONOMIA NATURALISTICA 

venuto in luce ', segna progresso rispetto alle sue opere pre- 
cedenti, e in particolare al Coiws d' economie polìtique, di dieci 
anni innanzi. E qual divario dai trattati di economia, che 
si sono composti, e ancora si compongono, da liberisti, e 
socialisti, e socialisti di Stato, e democratici cristiani, nei 
quali tutti si osservava, e si osserva, l'incapacità a tenere 
distinte le dottrine scientifiche e i programmi pratici ! Qual 
divario, per non dir altro, tra questo manuale del Pareto 
e i volumi del prof. Loria, tanto immeritamente celebrati 
in Italia fino a poco tempo fa: volumi nei quali l'autore si 
valeva della scienza economica per bandire il suo « speci- 
fico sociale » della « terra libera » . 

Non abbiamo bisogno di dichiararci affatto d'accordo 
col Pareto sulla necessità di escludere i problemi pratici e 
politici dai quadri della scienza, perchè già per più anni gli 
fummo alleati in tale polemica. E, quantunque cultori del- 
l'Economia filosofica, nemmeno avremmo nulla da obiettare 
alla seconda parte della riforma che egli rappresenta in 
grado eminente; cioè, alla riduzione dell'economia a scienza 
naturalistica astratta, o naturalistico-matematica, che volge 
le spalle alla indagine filosofica dell'atto economico. Perchè 
è evidente che, se quel modo di trattazione le volge le 
spalle, non è detto che un altro modo di trattazione non 
debba prender sopra di sé l'indagine, da esso trascurata. 
La cosiddetta scienza naturalistica e fenomenalistica e ma- 
tematica si chiude in sé stessa, si difende e fortifica contro 
le incursioni estranee; ma con ciò appunto lascia una distesa 
libera nella quale un'altra scienza (che, secondo il nostro mo- 
desto avviso, è poi la scienza vera e propria, perchè è quella 
che sola permette di comprendere), potrà formarsi e trin- 
cerarsi. E, pure armate l'una contro l'altra, non per ciò 



1 Manuale di economia politica, con una introduzione alla scienza 
sociale (Milano, Società editrice libraria, 1906). 



ECONOMIA FILOSOFICA toD ECONOMIA NATURALISTICA 261 

dovraiDio guerreggiarsi, bastando a ciascuna vigilare gelo- 
samente i propri confini, 

Senonchè, 11 Pareto cade nell'errore consueto a tutti i 
naturalisti e fenomenisti e matematici, di negare il diritto 
di quella trattazione che essi non vogliono dare e non sono 
adatti e preparati a dare; onde, dopo essersi mostrati seri 
e competenti nel corpo dei loro libri, si mostrano in veste 
contraria nella prefazione, introduzione o conclusione, che 
vi aggiungono; dopo aver escluso la filosofia dai loro fini, 
introducono, ora di soppiatto ora violentemente, una mala 
filosofia, che dovrebbe essere la negazione di quella filosofia, 
che essi non conoscono e, tuttavia, non si sa poi perchè, 
aborrono e vituperano; quasi si possa amare o odiare ciò 
che non si è studiato e non si conosce. 

A quale intento, infatti, il Pareto ha scritto i due primi 
capitoli del suo Ma7iuale? Né l'uno né l'altro di quei due 
capitoli concerne la scienza economica in quanto tale, la 
quale comincia solo nel terzo, intitolato: « Concetto gene- 
rale dell'equilibrio economico». Ma il primo capitolo, che 
tratta dei «Principi generali», offre, come a dire, la Gno- 
seologia del Pareto; e il secondo capitolo, «Introduzione 
alla scienza sociale», la sua Etica. Ora l'autore, ben pre- 
parato a esporre i problemi dell'Economia pura, non è 
punto preparato per quelli della Gnoseologia e dell'Etica; 
e accade perciò che in quei due capitoli formicolino le più 
rischiose e ingiustificabili asserzioni. 

Eccone qualche prova. 

L'autore divide le proposizioni in due classi, scien- 
tifiche e non scientifiche: scientifiche sono quelle, che 
possono verificarsi sperimentalmente; non scientifiche, quelle 
non suscettibili di siffatta verificazione (pp. 25-27). Ma che 
cosa significa qui « sperimentalmente »? E, se per esperienza 
s' intende la condizione necessaria di ogni conoscenza umana, 
che cosa mai potranno essere le proposizioni non scientifiche, 



262 ECONOMIA FILOSOFICA KD ECONOMIA NATURALISTICA 

se uou proposizioni false? che cosa altro mai sono le pro- 
posizioni non false, ma fuori dell'esperienza umana? 
Il curioso è, che il Pareto adduce come esempio di propo- 
sizione scientifica, cioè sperimentalmente verificata, questa: 
« L'area di un rettangolo è uguale alla base moltiplicata 
per l'altezza»; e di proposizione non scientifica, non veri- 
ficabile sperimentalmente, quest'altra: «Si deve amare il 
prossimo come sé stesso». E, a farlo apposta, la prima è 
sperimentalmente inverificabile, perchè, com'è noto, nessun 
rettangolo geometrico esiste o può esistere nella realtà, es- 
sendo esso nient' altro che costruzione arbitraria, per quanto 
comoda, del geometra; laddove la seconda si può farla sca- 
turire dall'animo del Pareto e di ogni altro galantuomo, anzi 
perfino da quello dei non galantuomini e degli inquilini delle 
galere. — « Le leggi scientifiche non hanno un'esistenza og- 
gettiva. L'imperfezione della mente umana non ci consente 
di considerare nel loro insieme i fenomeni; siamo costretti a 
considerarli partitamente. Quindi, invece di uniformità gene- 
rali, che ci sono e ci rimarranno sempre incognite, siamo 
costretti a considerare infinite uniformità parziali, ecc. ecc. » 
(p. 7). Che cosa è l'imperfezione della mente umana? Si 
conosce forse una mente perfetta, al paragone della quale 
si possa stabilire che quella umana è imperfetta? ^ «Noi 



1 «Non vi possono essere due ragioni e due spiriti, non una ra- 
gione divina ed una umana, non uno spirito divino ed uno umano,^ 
che siano semplicemente diversi. La ragione umana, la coscienza 
della sua» essenza, è ragione in genere, è il divino nell'uomo; e lo 
spirito, in quanto è spirito di JDio, non è uno spirito di là dalle stelle, 
ma è Dio presente, onnipresente, è spirito in tutti gli spiriti. Dio è 
un Dio vivente, che è efficiente ed attivo». (Hegel, Philosophie der 
lìeligion, Berlino, 1840, I, 34). Tolgo queste parole da un filosofo dei 
più dilTamati come metafisici; e domando chi sia più metafisico e 
trascendente, se lo Hegel, che non ammetteva una mente divina di là 
dall'umana, o i naturalisti come il Pareto, che riconoscono per l'ap- 
punto (e chi sa per qual via giungano a tale conoscenza) una mente 
perfetta di là dalla nostra imperfetta. 



ECONOMIA FILOSOFICA ED ECONOMIA NATURALlJSl ICA 263 

non conosciamo, non conosceremo mai, un fenomeno con- 
creto in tutti i suoi particolari: vi è sempre un residuo» 
(p. 8). E chi mai lo conoscerà, se l'uomo non lo conosce? — 
« Tutte le scienze naturali sono ora giunte allo stadio in 
cui i fatti si studiano direttamente. L'economia politica vi 
è pure, in gran parte almeno, pervenuta. Solo nelle altre 
scienze sociali c'è chi si ostina a porre in relazioni concetti 
e vocaboli ; ma occorre smettere di ciò fare, se si vuole che 
quelle scienze progrediscano » (p. 12). Come se poi il Ma- 
nuale stesso del Pareto non fosse un tessuto di « concetti » 
, e di « vocaboli V ! L'uomo pensa per concetti ed esprime i 
concetti nei vocaboli. — Il Pareto usa i termini « necessità » 
e « verità assoluta »; ma dichiara (p. 32) che fa ciò solo per- 
chè altri li adopera, perchè dal canto suo « non sa quali 
sieno le cose che si vuole indicare con quei termini ». E 
perchè, non avendo chiaro ciò, adoperarli ?0 perchè, adope- 
randoli, non apprenderne il significato da quei maestri che si 
chiamano Platone, Aristotele, Cartesio, Leibniz, Kant, e via 
dicendo, e dei quali ognuno può tenersi onorato di diven- 
tare discepolo? — In genere, attraverso tutto il capitolo, 
corre l'idea prettamente naturalistica, che ciò che si afferma 
senza che sia intimamente compreso è scienza; e ogni 
tentativo di comprendere è metafisica, è sentimento, è mi- 
sticismo, è verbalismo, è chiacchiera da letterato, e via 
obbrobriando. 

Nel capitolo sull'Etica, il Pareto divide le azioni in due 
classi: azioni logiche e azioni non logiche: esempio delle 
prime, la deliberazione in virtìi della quale si fa acquisto 
di una certa quantità di grano; esempio delle seconde, 
l'uniformarsi a una regola di galateo o a un atto di culto 
(p. 36). Ma egli sarebbe assai jmpacciato se fosse invitato 
a dimostrare che nelle seconde non entri la logica, o che 
non v'entri al modo stesso che nelle prime. Le proposizioni 
non logiclie hanno, al dir del Pareto, parte notevolissima 



264 ECONOMIA FILOSOFICA ED ECONOMIA NATUtìALISTICA 

e di gran momento nella vita sociale. « Ciò che dicesi mo- 
rale e costume ne dipende interamente. Sta di fatto che 
sinora nessun popolo ha avuto una morale scientifica e spe- 
rimentale. I tentativi, fatti da filosofi moderni per ridurre 
la morale a tale forma, riuscirono vani; ma, quando an- 
che si volesse ritenerli concludenti, rimarrebbe sempre che 
non escono da un ristrettissimo cerchio e che i piti degli 
uomini, quasi tutti, li ignorano interamente» (p. 45). Come 
se i filosofi della morale fossero costruttori di programmi 
morali, e non già semplicemente indagatori di ciò che la 
morale è realmente ! « Moral predlgen ist leicht » (scriveva lo 
Schopenhauer, proprio nell'epigrafe della sua dissertazione 
sul fondamento della morale), « Moral hegrunden schiver »; e 
sul hegrilndcn si sono affaticati i filosofi, con fortuna per lo 
meno non inferiore a quella dei cultori delle altre discipline. 
— « Molti sono i sistemi di morale, che ebbero ed hanno corso ; 
né per lungo contendere dei loro fautori alcuno di essi ha 
acquistato decisa prevalenza sugli altri, onde è rimasta 
pendente la questione quale sia il migliore e ancora pende : 
come pei tre anelli, di cui ragiona il Boccaccio in una sua 
novella; né potrebbe essere altrimenti, perchè manca ogni 
criterio sperimentale e scientifico per decidere tale que- 
stione » (p. 66). Ma, nella storia della filosofia morale, il 
criterio scientifico c'è, ed è quello appunto col quale si fa la 
critica delle varie teorie etiche. Nella vita poi (se per « si- 
stema di morale » si vuol intendere la morale in atto), non si 
sa che cosa mai possa essere la « contesa tra le varie morali » . 
« Vi sono certi fenomeni ai quali nella nostra società si dà 
il nome di etici o morali, che tutti credono conoscere 
perfettamente e che nessuno ha mai saputo rigorosamente 
definire » (p. 46)^ Nessuno? Certo, è facile dire « nessuno », 
quando si crede di essersi sbrigati della teoria etica di 
Kant con poche parole, come queste: «Un principio di le- 
gislazione propriamente universale non può aver valore in 



ECONOMIA FILOSOFICA ED ECONOMIA NATURALISTICA 26ó 

una società, come quella degli uomini, costituita da indi- 
vidui diversi per sesso, per età, per qualità fìsiche e in- 
tellettuali, ecc.; e se quel principio s'intende soggetto a 
restrizioni, che tengano conto di tali ed altre simili circo- 
stanze, il problema principale diventa quello di conoscere 
quali di tali restrizioni occorre accogliere e quali respin- 
gere; e le premesse che avevamo poste, diventano perfet- 
tamente inutili» (pp. 63-64). 

Così si passa sopra, senza soverchi complimenti, a pro- 
blemi gravissimi e a pensieri di menti altissime, che ven- 
gono trattati come inezie e -vuoti giuochi di parole. E a 
noi sembra opportuno mettere in guardia i lettori contro 
siffatto non lodevole atteggiamento mentale, sia perchè lo 
troviamo in un libro, per altri riguardi degno di nota, 
di scrittore giustamente reputato; sia perchè vediamo che 
esso viene suscitando imitatori. Anche l'opuscolo del Cal- 
deroni sulle Disarmonle economiche e le disarmonie mo- 
rali, uscito contemporaneamente al saggio del Pareto S 
pecca per questo verso. L'autore combatte a sua volta l'im- 
perativo categorico kantiano (tbrmola che ha, indubbia- 
mente, manchevolezze, ma di ben altra sorta), interpetran- 
dolo in modo strabiliante, cioè come se il Kant per mezzo 
di esso inculcasse a tutti gli uomini di fare — le medesime 
azioni! (pp. 57-66). «Nessuna virtìi e nessun dovere resi- 
sterebbe ad un esame, fatto rigorosamente in base a questo 
criterio. Molte azioni sono per noi un dovere appunto 
perchè gli altri uomini non le fanno, e rimangono tali a 
condizione che njn siano troppi gli uomini capaci, vo- 
lenterosi di imitarle» (p. 65). Tale censura culmina nel 
paragone: « In una barca sopraccarica, l'opportunità di 



* Mario Calderoni, Disarmonie economiche e disarmonie morali, saggio 
di un'estensione della teoria ricardiana della rendita (Firenze, Lu- 
machi, 1906). 



266 ECONOMIA FILOSOFICA KD ECONOMIA NATURALISTICA 

sedersi da una parte o dall'altra dipende strettamente dal 
numero di persone sedute dalla parte opposta; se qui fosse 
seguito un imperativo kantiano qualsiasi, il capovolgimento 
della barca porrebbe tosto fine ai consigli del pilota e alle 
buone volontà dei passeggieri » (p. 66). Ora, basta ricordare 
che r imperativo kantiano vuol essere meramente formale, 
per intendere come questa critica sia fuori di luogo. Il Cal- 
deroni immagina che l'assolutezza dell'attività morale formi 
contrasto con la relatività delle azioni morali (p. 57); laddove 
quell'assolutezza non esclude, anzi include, il variare degli 
atti morali, non solo da età ad età e da popolo a popolo, 
ma da individuo a individuo, e a ogni istante della vita di 
ciascun individuo. Così anche, secondo il Calderoni, vien 
dissipata o cangia totalmente aspetto « la celebre questione 
se il fondamento della morale stia nella ragione o nel 
sentimento: se cioè le azioni morali sieno il prodotto di 
sentimenti e di previsioni di piacere o di dolore, oppure, 
secondo la dottrina kantiana, debbano dipendere esclusiva- 
mente dal proposito di uniformarsi ad una norma, ad una 
specie di misterioso comando interiore, la cui origine ed 
autorità, si sottrae ad ogni analisi e ad ogni discussione. 
Entrambe le diverse teorie non fanno che esprimere i me- 
desimi fatti... in maniera diversa» (pp. 99-101). E si tratta, 
invece, del problema capitale dell'autonomia o eteronomia 
della morale. Ma, secondo il Calderoni, lo studio della mo- 
rale dovrebbe condursi mercè l'« esperienza esteriore», e 
la ricerca delle condizioni intime dell'azione morale non 
avrebbe importanza se non in quanto si rifletta nella espe- 
rienza esteriore (pp. 97, 99). 

Con l'« esperienza esteriore» non si riesce a concepire, 
non che la morale, nemmanco l'economia; e ciò mantengo 
fermo anche contro l'osservazione del Calderoni (pp. 94-5 n), 
il quale per equivoco suppone cosa che da mia parte 
non ho mai pensata; cioè, che io intenda introdurre nella 



ECONOMIA FILOSOFICA EU ECONOMIA NATUKALISTICA 267 

scienza economica le approvazioni o disapprovazioni perso- 
nali dell'autore della teoria; laddove io bo detto e dico che 
ad ogni atto economico sono applicabili parole che suonano 
approvazione o disapprovazione (contento e scontento, sod- 
disfazione e insoddisfazione, ecc.), ma ciò, anzitutto, nella 
coscienza di colui che lo compie. In altri termini, le 
scelte economiche sono atti di coscienza e di volontà; e col 
considerarle meccanicamente e matematicamente si ottiene 
solo di falsificarle. Potrà giovare anche talvolta falsificarle; 
ma non certo pel fine della conoscenza intima e filosofica. 
Venendo all'argomento proprio dell'opuscolo del Calde- 
roni, in esso, come appare dal titolo, si vuol mostrare che, 
nel campo della morale, si riscontrano gli stessi fatti di 
disarmonie, che nell'economia si chiamano fatti di rendite 
(dei quali la rendita ricardiana della terra è notoriamente 
solo un caso particolare); come vi si riscontra il fatto della 
diversa intensità dei sacrifici che gl'individui compiono 
in rapporti di scambio i quali sul mercato sono equivalenti. — 
Senonchè, è poi passato davvero il Calderoni, come si propo- 
neva, dal campo dell'economia al campo della morale? A me 
non pare. Egli pone da un canto le leggi morali, i codici 
morali della società, formati sopra una sorta di media, e di- 
retti a indurre col biasimo e con la lode, coi premi e coi ca- 
stighi, i meno proclivi alla virtù a coltivarla, e i pili proclivi 
al vizio a distogliersi da questo; e dall'altro canto, le varietà 
delle condizioni individuali. E osserva che accade, in con- 
seguenza di ciò, che alcuni si trovino a godere di lode o 
di gloria assai superiore al loro merito individuale, per aver 
compiuto azioni che rispondevano semplicemente alle pro- 
prie inclinazioni; ed altri soffrano biasimo o infamia di gran 
lunga sproporzionati alla propria colpa (pp. 70-3). Ma codice 
morale, lodi, premio, gloria, biasimo, infamia, castigo sono 
qui divenuti, a me sembra, tutti concetti meramente econo- 
mici, e non sono più morali; e perciò non si può qui parlare 



268 ECONOMIA FILOSOFICA ED ECONOMIA NATURALISTICA 

di un'estensione dell'economia alla morale, sibbene di fatti 
economici che si fanno rientrare, com'è naturale, nelle già 
note leggi dell'economia. Chi, per meritare la lode sociale 
(per acquistare la merce-lode sociale), deve compiere uno 
sforzo minore di un altro che pure acquista lo stesso grado 
di lode (la stessa quantità di merce-lode), e beneficia perciò, 
rispetto a costui, di un vantaggio (di una rendita), è, sotto 
questo rispetto, un homo oeconomicus, non un homo moralis. 
La morale, in quanto morale, qui non entra. 

Sfugge al Calderoni la peculiarità dell'atto morale, e per- 
ciò è condotto anche a immaginare una scienza economica, 
con la quale la filosofia morale s'identifichi (pp. 9-10). Ma, 
se ogni azione morale è insieme, di necessità, azione econo- 
mica, e si può guardarla in tale aspetto, un'azione econo- 
mica non è di necessità azione morale. Le due considerazioni, 
l'economica e la morale, sono, insieme, unite e distinte 
tra loro : nesso questo altamente speculativo, che non si lascia 
afferrare da chi usa metodi empirici, quando anche sia in- 
gegno acuto e sottile, quale è, senza dubbio, il Calderoni. 

Per altro lo stesso Calderoni, con le osservazioni che for- 
nisce circa la grossolanità dei valori di mercato e delle 
norme e dei codici morali, e col richiamar l'attenzione sul- 
l'individualità dell'agente e dell'azione economica e morale, 
viene a mettere in mostra i limiti e l' insufiflcienza di ogni 
trattazione empirica così della morale come dell'economia. 
Ed è questo forse il meglio del suo scritto. Non importa che 
egli cerchi di consolarsi col dichiarare « inessenziale » la co- 
noscenza degli interiori moventi e condizioni (p. 97), o di ras- 
segnarsi, dicendola impossibile a conseguire e segno solo di 
sforzi inani (p. 101). Dal suo scritto risulta proprio questo: 
che c'è, di là dalle categorie empiriche, una realtà econo- 
mica e morale, la quale domanda di essere conosciuta. 

Febbraio 1906. 



Nota finale. — Sulle dottrine e la storia del marxismo e del so- 
cialismo ho avuto posteriormente occasione di svolgere e ampliare 
le mie osservazioni in vari scritti, che si trovano ora raccolti nelle 
Conversazioni critiche (Bari, Laterza, 1918), serie I, sez. XI: «Socia- 
lismo e filosofia». Sulla fase ultima del socialismo è da vedere an- 
che Cultura e vita morale (ivi, 1914), pp. 169-79. Sul materialismo 
storico, oltre gli accenni che vi ho fatti nella Teoria e storia della sto- 
riografia (ivi, 1917), torno di proposito nella mia storia della Storio- 
grafia italiana nel secolo decimonono (Bari, 1922), e propriamente nei 
capp. XVII e XVIII. Circa la costruzione della scienza economica, 
si veda la Filosofia della pratica (2» ed., ivi, 1915), parte II, sez. I. 



INDICE DEI NOMI * 



Adami T., 183, 208 n, 209, 213. 

Agostino (s.), 183 n. 

Alfieri V., 257. 

Amabile L., 177-223, pass. 

Anabattisti, 189, 202. 

Ancona (d') A., 180. 

Andrea G. V., 209. 

Andler C, xni, 110 n. 

Aretino P., 257. 

Aristotele, 32 n, 183 ri, 201, 251 n. 

Aveling E., 69 n. 

Barth P., 24 w, 27. 
Bauer B., 98. 
Bernstein E., 113, 179. 
Bezold, 209. 

Bòhm-Bawerk, 59 n, 78 n. 
Bray, 99. 

Cairnes, 84. 

Calenda A., 184-187, 189. 

Campanella T., 177-223. 

Cataldini, 210. 

Ciccotti E., XI. 

Colet L., 179. 



Colombo C, 192. 
Comte A., 34. 

Davenant, 25. 
Dolcino (fra), 188. 
Doni A. F., 188. 
Diihring E., 72, 85, 99. 
Durckheim E., 112. 

Ehreufels (von) C, 232, 235. 

Engels, XI, 1, 5, 8, 9, 11, 13, 19, 22, 
24, 25, 26, 31, .34 n, 38, 46, 62, 66 n, 
76, 79, 80, 81, 82, 84, 85, 99, 108, 
109, 116, 126, 139, 193 n. 

Falletti P., 194. 
Fechner, 242 n. 
Felici G. S., 197-200, 205. 
Ferrara F., 133. 
Ferraris C. F., 24 ?i, 29 n. 
Ferri E., 186. 
Fortunato G., 22 n. 
Fonrier, 38, 181 n. 
Francesco d'Assisi, 202. 



'*' Il nome del Marx non è notato in quest'indice. 



272 



INDICE DEI NOMI 



Gentile, xii, 81-82 n, 8:-3 n. 

Giannone P., 180. 

Gioacchino di Fiore, 177, 202. 

Giulio Cesare, 101, 

Gobbi U.,i,249-58. 

Gothein E., 207 n, 209-11, 216. 

Gray, 99. 

Graziadei A., 145-8, 241-2. 

Greef (de) G., 25. 

Grosse E., 88 n. 

Gumplowizc, 25. 

Harrigton, 25. 

HegeUG. G. E., xiv, 4, 5, 34, 83 n, 

98, 133, 139, 262 n. 
Heine E., 139. 
Helvétius, 6. 

Herbart G. E., 18, 19, 250, 252. 
Hertzberg, 25. 
Holbach, 6. 
Huss G., 188, 202. 

Jevous, 74. 
Jones,^ 25. 

Kant E., 18, 19, 31, 127, 241, 264, 

265-6. 
Kautsky C, 113-144, 179, 186 n, 

189 7ì, 211 >i. 
Kovalevsky M., 21, 37. 



Loria A., 2 n, 21-54, 55, 149, 186 h, 

210 n, 260. 
Lutero, 101, 190. 

Machiavelli, 105-7 n, 112. 

Maceta, 210. 

Malon B., 188, 204. 

Malthus, 45. 

Mamiani T., 198. 

Manzoni A., 75. 

Mariano R., 198. 

Mario, 25, 212. 

Mazzola U., 236. 

Mill J. S., 34. 

Molinari, 25, 164. 

Mommsen' T., 108. 

Montesquieu, 25. 

Moro T., 14, 188, 189, 201, 207 n, 

208, 211. 
Miinzer T., 188, 189, 202. 

Owen R., 181 ìi, 

Pantaleoni M., 34 w, 58, 78 w, 137. 
Pareto V., 58, 75, 78 n, 95-6, 97, 

225-47, 249, 250, 259-265. 
Platone, 188, 190, 205. 
Plechanovv G., 6. 
Proudhon, 25. 
Puviani A., 25-26 n. 



Labriola A., x, 1-20, 57 n, 60-1, 77, 
86-91, 93, 100, 103, 105, 106, 109 n, 
113, 131-141. 

Lafargue P., x, 178-iai, 187, 193, 
202. 

Lange A., 6, 73-4, 84-5 n. 

Lassalle E., xi, 25. 

Leibniz, 226. 



Eacca V., 163-76. 

Eaynal, 211 n. 

Kicardo D., 22, 34 ìi, 160, 161 n. 

Eicca-Salerno G., 78 n. 

Eichter G. P., 14. 

Eodbertus C, 99. 

Eosmini A., 98. 

Eiimelin G., 11. 



INDICE DEI NOMI 



273 



Sanctis (de) F., 167, 198. 

Sand G., 212 n. 

Scheel, 25. 

Schiller F., 19 n. 

Schopenhauer A., 98, 233, 264. 

Serra A., 193 n. 

Sigwart C, 204, 205, 209. 

Simmel G., 4, 112. 

Smith A., 25, 160. 

Solmi E., 217 n. 

Sombart W., 59-61, 64, 139. 

Sorel G., xi, 60, 86 «, 113, 139-45. 

Spaventa B., 167, 187, 198. 

Spencer, 122. 

Stammler E. , 112, 115-130, 144, 233-4. 



Stein L., 14. 
Steinthal, 251 ;?. 
Sudre, 212. 

Trivero C, 243-4 n. 
Turgot, 34. 

Vico G. B., 61. 
Villari P., 44, 105-7 n. 

Wagner A., 75. 
Westermarck E., 88 n. 
Witte C, 79. 
Wundt, 242 n. 



B. Croce, Materialismo scarico. 



18 



INDICE 



Prefazione alla prima edizione pag- ix 

Avvertenza alla seconda edizione » xii 

Avvertenza alla terza edizione > xiv 

I. Sulla forma scientifica del materialismo storico » 1 

II. Le teorie storiche del prof. Loria » 21 

III. Per lainterpetrazione e la critica di alcuni con- 
cetti del marxismo : 

I. Del problema scientifico nel «Capitale» del Marx » 55 

II. Il problema del Marx e l'Economia pura . . » 70 

III. Della circoscrizione della dottrina del materia- 
lismo storico » 79 

IV. Della conoscenza scientifica rispetto ai pro- 
grammi sociali • » 92 

V. Del giudizio etico rispetto ai problemi sociali » 103 

VI. Conclusione » 110 

IV. Il libro del prof. Stammler » 115 

V. Recenti interpetrazioni della teoria marxistica 

del valore, e polemiche intorno ad esse ... » 131 

VI. Una obiezione alla legge marxistica della caduta 

del saggio di profitto » 149 

VII. Marxismo ed Economia pura » 163 

Vili. Sulla storiografia socialistica. Il comunismo di 

Tommaso Campanella y- 177 



276 INDICE 

IX. Sul principio economico. Due lettere al professor 

Y. Pareto pag. 225 

X. Il giudizio economico e il giudizio tecnico. Osser- 
vazioni a una memoria del prof. Gobbi ... » 249 

XI. Economia filosofica ed Economia naturalistica . » 259 

Nota finale » 269 

Indice dei nomi » 271 



•Sm 



3 1158 00212 0557 



'M 




UNIVERSITY OF 



^_A 000 027 367 2 



University of Caiifornia 

SOUTHERN REGIONAL LiBRARY FACILITY 

405 Hilgard Avenue, Los Angeles, CA 90024-1388 

Return this material to the library 

from which it was borrowed. 






mon 



4 «^ 



injf^:.. 



GIUS. LATERZA & FIGLI - Editori - BARI 



DbIIo stesso autore : 

Filosofia dello spirito: v( 1. T: Estetica, teoria e storia,, quarta 
edizione riveduta . ., L. 25,— 

— voi. II: Logica come àcietiza del concetto puro, quarta ed. 22,- 
- voi. Ili: Filosofia della pratica. Economica ed £<«■'. a, secoli du 

edizione riveduta 15, — .. 

— voi. IV: Teoria e storia della Storiografia, seconda ediz. i' 

Saggi filosofici: voi. I: Prohlemi di Estetica e co?) tribù fi atta , 

dell'Estetica italiana tt . 

— voi. Il: La filosofia di Giambattista Vico . . . ... •Ulv 

— voi. Ili: Saggio sidlo Hegel, seguito da altri scritti di Sc 

della filosofia 

— voi. IV: Materialismo storico ed economia marxis'ica, ^ 1 

edizione riveduta . 18,50 

— voi. V: Nuovi saggi di estetica 14, — 

Scritti di storia letteraria e politica: voi. I: Saggi snUa lettera- 
tura italiana del Seicento . . . • 15, — 

— voi. II: La rivoluzione napoletana del 1799. Biografie, racconti 

e ricerche, terza edizione . . . C 16, — 

— voi. Ili, IV, V e VI: La letteratura della nuova Italia, saggi 

critici, (voli. I, II, III, e IV), ciascuno 25, — 

— voi. VII: / teatri di Napoli dal Rinascimento alla fine dd se- 

colo decimottavo, nuova edizione 12, — 

— voi. Vili: La Spagna nella vita italiana durante la Rina- 

scenza 12, — 

— voi. IX-X: Conversazioni critiche. Serie l e II (in ristampa). 

— voi. XI: Storie e leggende napoletane 12, — 

— voi. XII: Goethe. Con una scelta delle lìriche nuovamente tra- 

dotte 12,— 

— voi. XIII: Una famiglia di patrioti ed altri saggi .storici e cri- 

tici. 12,— 

— voi. XIV: Ariosto, Shakespeare e Corneille 16,50 

— voli. XV-XVI: Storia della storiografia italiana, 2 ^oll. 40,— 

— voi. XVII: La poesia di Dante 15,50 

Scritti varii: voi. I: Primi sàggi 8, — 

Breviario di Estetica, quattro lezioni, seconda edizione . ' ■ '' 



LA CRITICA 

RIVISTA DI LETTERATURA, STORIA E FILOSOFIA 
DIRETTA DA B. CROCE 
Annat^ I-XIX (1903-1921) 
Abbonamento annuo per l'Italia L. 20,— per l'Estero Fr. 22, 

TUE UBRAIIY 
!n|«fyKR8ITy OF CAUFOKNIA