Skip to main content

Full text of "Minerva"

See other formats


Google 



This is a digitai copy of a book that was prcscrvod for gcncrations on library shclvcs bcforc it was carcfully scannod by Google as pari of a project 

to make the world's books discoverablc online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subjcct 

to copyright or whose legai copyright terni has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 

are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other maiginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journcy from the 

publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with librarìes to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we have taken steps to 
prcvcnt abuse by commercial parties, including placing lechnical restrictions on automated querying. 
We also ask that you: 

+ Make non-C ommercial use ofthefiles We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commerci al purposes. 

+ Refrain fivm automated querying Do noi send aulomated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a laige amount of text is helpful, please contact us. We encouragc the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attributionTht GoogX'S "watermark" you see on each file is essential for informingpcoplcabout this project and helping them lind 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are lesponsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countiies. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we cani offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
anywhere in the world. Copyright infringement liabili^ can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps rcaders 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full icxi of this book on the web 

at |http: //books. google .com/l 



yGoogle 



-T=>Hal 2-i(c,4 



Harvard College 
Library 



Gratis 



D,g,t,zoabyGoO<^Ie 



yGoogle 



yGoogle 



%/ 



MINERVA 



RIVISTA DELLE RIVISTE 

RIVISTA MODERNA 



Direttore: FEDERICO GAELANDA 



Volume XXVII 
(Dicembre 1906 - Dicembre 1907) 



EOMA 

SOCIETÀ EDITRICE LAZIAIjE 
Vìa Tomaeelli 

ig(B 



yGoogle 






PROPIÌIETÀ. LETTERARIA 



Subillmeatu Upogmilou dolU f^oclei» Kdltri» lunula - ttuma. Vii, BorgoeDoiu, 37. 



- ■■ D^zoabyGoO<^le 



INDICE ANALITICO 



-<n. 



1 Cbloaco, tlO. 



nenUclaDC, IDSO. 



AblUdoiil(Lc)KBoau;iiiupropoaUdlO. lUlmoDdl. £11. 

AbruEil (lì Bdu dOEU) e 

ArrlaJo (I.") uuto per U 

Addo (L') lormlco e t'ennglft, WS. 

— CL'} mÀlmìeo a U aua fabbrlnusloDe, STO. 
Aoqiui Qi") » U nu purlflcKdone, 700. 

— (L*) potkbOe Mcondo 1< Indiglnt modsnie, SII. 
Acqukaltun e looloclu. §tO. 
Adige (L-Allo) a U tuii qataUocs, ata. 
Adua (La tnitt««I1a dt) e Pietro Feller, 1027. 
AdnltenHool (Le) alimentali, 708. 

(7mH ondU AUmenUtloDel. 
AtroaaitUca (L'} r a Elrovopio, 11S7. 

— <L')eil«uoliiKgiuiaeDto In Germania, <>7£. 

— IV) multale In Francia, tZOO. 

— navale, 301. 

Africa (L*) come teirltoiio per oolonle, 7M, 
~- (L') tra elnquanraanl. 4fi7. 
AsltaUona (L') nell'India Inuleae, 760. 
ARricoltun (La nuova), ses. 

— (L') conK ba^ dell^educaElone, 1176. 



— (!.') Italiana e l'aumeulo della sua produlODe, Ut. 

— (L') Italiana e le Leghe rurali di mlgUoranwoto, lOH 

— : la feiU delle aplglie, 7SZ. 

— : la setUmana agraria ■ CuorgnA, 102a. 

— : le bttorle governative toodello, SS. 

— : mllloal napatmlaU. zsn. 

— (I.') moderna e 1 batteri, 484. 

•- (L') negli BUI! Uniti durante U IWS, 384. 

— (L') nel lappone, SDÌ. 

— : per un* uttimana agricola annuale a Homa, 184. 

— : aool progtenl nel Belgio, BS, 

— : una nuova looperta, 401. 

— ; un esemplo Ignorato di redenilone agricola, 4X3. 
AlbergU (Oli) di Parigi. 854. 

— (GII) a la loro evoluzione In Francia, ?8T. 
AUwni IV} di Natale, 107. 

Alcool e ileoollamo, 9n, 

— (L'I e II lavoro In 
M, SM>. 



- (L') « le >i 



). 267. 



— (h'ì Induiltlale e 11 ino avvenire, SSO. 

— (L') nti parto e nelle malatUs delle donne, S7S. 

— (L') perlccto eodalt. 704. 



— (Contro !■) In Norvegia, M. 
Aldrovlndl (UUw) e U auo cenUnailo, <»7. 
AlcMandro di Serbia e Draga, If- 

AUerl (Vittorio) e I luol genitori, S4. 
Allmeutailone: come ■! deve manglatt, tl<7. 

— : l'arte di bere Mi. 

— IL') del UvotatoTl InteUettnall. 814. 

— (L*) dell'avvenire, 128. 

— (L'I del povero, 817. 

— (L'} del aotdalo, («E. 

— • qacatlonl ad eau ooDneeae, M. 

— : I clU-veleDO, 1187. 
e, B8I. 

• : le adulteraHoni delle Utlac, 7U. 

Ql alimentari In Frane!*, 138. 
irneo e realatenaa alla latlm, 747. 
AUatUmanto e mottaUt*. «01, ttlE, 1003. 
. Alitane» Ftan(*l»e • (LO e la aaa opm. 87*, 
Alloggi, wA AbltulonL 
Almanacco (L') di Ootha, 1E>8. 
Alopecia (L') e la ina non-oontagloallà, 402. 
Alaaili- Lorena (Ia) e 11 Bermanlnuo, BB. 
Aiuroml (Oli] t 11 sistema rigenerativo, ££. 
Americani, CallIonUanl e Olapponaal, IDi. 

— che Hlupano 11 tempo, 888. 

— (Gli) dell'avvenire, 783. 
Amertcankmo di Ounllelmo U, 187. 
• Amleto* (L'} in Germania, 711. 
AmputailDDl nel vari animili, Mi. 
Amundaan (aoald) a 11 viaggio del • 0|Aa >, 871. 
AnaltatMtlima (!•') e l'eaerdto, 418. 

Anilina |L') e I colori, ii. 

Animali (OU) e 11 loro linguaggio, 73. 

— (OllJ e la loro clilrurgta. 081. 

— (OH) e la loro vita; Mene e Sguro, 821. 

— (ali) Intridono I tuoni e conoacono le lingue. STI. 
— : sviluppo delle Idee moderne Intorno ad taii. 15$. 
Antlalcoollsmo, *«U Alcool.' 

Antichità (L') clanica e 1 moderni atudl lupenorl, 1000. 

Antlmllltarlitl t 1020. 

Apache! (Fra gli), 1210. 

Api (Le) e l'attrailone alt di eean esercitala dal Bori, 488 V 

Apparecchio (Dn) registratore delle romposlilonl musicali, VI. 

Aroblmede: la «coperta di un suo codice. B27. 

Aicbitettura (L') dei terrò, »ts. 

Atea (Le) fabbricabili e la loro tanatlone. 2B, B£0, 888, 



la IL') ' il >i 



,y Google 



MINERVA 



' e li SUI dncadenu, a75. 
AmuU <L') «tea d<U> FnnolK. liOO. 
Arto e Icttonton lUllin* ■ Pirlgl, Hi. 

— tl,'t mod«rn* t Ih palcokosli. 113. 

— orlenUIs e arte ocddratalc: alt kbvI di Turtui. MO. 
Ail[>Ie Italiane, 4«S. 

AKlugamento |L'l delle coatruiiaal UDOve, (OS. 
AkoU (OtuIuUo), lee. Esa. 

AMJciinlore (Un gruide): Antonio BOdlkei. S59. 
AnlcorulDne (L') d«l conUdloI contro (Il Intottaul, SIS. 
AMlcumloDl (Lr) operaie nella Bvluaa, 273. 
Avodaitone (L'I Inleniattonale per 1* proteiKme delle fanctuUe, H 

— ILb quovb) ItaJlaiui per il prooreMo delle Klenie, fiST. 

Atomi (Oli) e la loro dirmluuane, IIIS, 
AlUnamlcoal (L'> e la ma caiua. 4B£. 

ci iDgleal a Berlino, 710. 



I02S. 



la (L') 1 



■A, (»8. 



□bile (L') e l'appll catione del glroacoplo, B 
ndiutrla, S37. 



— (L')e 

— (L') » una rlccheua r, 827. 

— (Il rciino dell'): Il tilonio di Scipione BonheK, Sto. 
AntomobUI (Le) In America, SS8, 

— (Le) Italiane In America, 4Se. 
Automoblllinio IL') e la ulute, SSO. 

— (L') in Oennanl*. 705, 

— (L*) mllitAie in Oermanla, 1S2. 

— (L') multare in Italia, «47. 

Avvocatura (L') dei poveri attraverso l Moall, MS. 



lo (L") . 



— (!.■)« 



. utUiiaiiioue. 



Bagdad e I >uoi cani, llIK, 
Baliitlca (La) e I auoi pnlgrenel. Ì2S. 

Balocchi (t) e lo ivlluppo intellettuale dal laodullo, MO, 
Bambini (I) poveri o abbandonati e la loro proteilone In tlncbe- 
rl*. Sii. 

— (I) poveri: per farli giocare, 1011, 
{TtM a«*< InTanila). 

Banca <La) di Francia e l nuol insegnamenti tecnici, SBO. 

— (La) d'Italia e la BodetA Ilallana Agriiiola Indnatiiale, UE 
Barbarle Erammatlcalc. SIO, 

Baaillcata (La) e le lue condlilonl economiro-sonlaU, «15. 
BattagUe (Le) dell'avvenire, SSS. 
Batterli (I) aiotolaii. 111. 

— (I) e l'agricoltura moderna, 484. 

— (I) e 1» luce del «ole, 1071. 

— (I) e rinfluenu della luce. t3. 

Baumhach IRodoKo) e i auoi racconti per fanoinlll. GS7.j| 
Bauonl (Qlunio) e Ih sua ode -Bulla creduta morte di Bllvlo Pel- 
lico., 1016. 
Beethoven (LuIrI Uaita): la Bua vita. li». 
Bahaniln e il Datiomey, IM). 
BenedceniH (La) a Hllano, SSS, 
Bention (Th.), scrlttri<B Jrancese, 170, 
Bere (L'arte di), B»5. 

Beri-beri (II). IZ3Z. 

Berlino^ la sua popolazione e la sua Industria. 1007, 

Berthelot era materialista T SlK. 

Bevande alcoollche, vidi Alcool. 

Bibbia (I,a) In (|uattri":ento vcrelonl, 1131. 

BlbllottraSa (La) e i suol nuovi oriiiontl, I01§. 

BiFU'Mni.KiA (Fra libri vecchi e nuovi. Nbliile blbliograBcbe) : 
a. C. Abba: > Coae garibaldine • (L. Oamòrralii. 1006. — Q. F. 
Abbott: ■ Israel In Europe >. 1054. — A. Atbertaiil: • In faccia 
al desUno ■ (P. 0.). SO. — F. Algler: . La crl9#vltlcolB et la viti- 
culture meridionale •, 87E. — E. Amet: • Comment on apprend 
t parler en public et il tralter par «crit lee queatlons du lour ■. IIB. 



— P. Armlnlon: • 
UnlveTSlt<!« musale 
mteme et spIrlHsme ■. 45 
la E«volutlon franvalse 



nselgnement, la doetiine et la vie dans les 

lea d'Orienti, 1064. — A. As&eot: -Anl- 

455. — A, Aulard: ■ Etndee et lepons >nr 

I. — A. Baccelli: • La MeU • (Z. 

^niperger: • Bibllocraphlc crllique 

J. Bardoui: « Ksaal d'une prrcbo- 



logle de l'Analetcrre coni 
cielo e terra >(ffa),lE4«. 
rellgleuie de la terre •, Il 



»T. — A. G. Barrili: . Tra 
Baruil.' • Leibnlt. on l'onnnlsalion 
L. Banlni: ■ Sotto U tenda- (Flo- 
:.a neuraathC^nie -, 574, 8«E. — A. 



Béchaui: • L'ircele lodi vidu (Uste >, 080; • Lea écoles éoonomlque* 
au XX' slMe >, B30. -^ C. BeDaigue: • Etuda mudcalca •, SSS. — 
U. Bellom: • Le role écouomlQae et sodai de l'ing^nienr -. 5tt0* 
— O. BellDCcL -Il leUdsmo primitivo In Italia- (P. UanU- 
«osa). EOI. — Ot. Benolat: «Le machlav^lltme >. SII. — A. 
Bérard: ■ tJrprto •, • Marcella . (i, Oambaalt), 186. — H. Berg- 
•on: • L'dvolutlon creatrice >. 1S40. — U. Been: • Roma e II 
Papa nel proverbi e nel modi di dire (P. MaMtiazuì. 4E. — 
' BUM d'Annet.' • L'aurore australe >, 701. — B, Blocmson: • Ma- 
ry .. SM. — J. Boli- • Le mirarle moderne •. lOSO. — J. Boltr: 

• La potenw della menioRna • ID'Altrtna). UT: • Un cuore fe- 
rito. {O. LX 070. — R. Bommler: -Le br^vlatre du ctaaullenr >, 
IBI. — □. Bonet-Manry: ■ France, christlaDleme et dvUlutlon >. 

' HOC. — H. G.Bounlols: • La suppreaslon dea Conseile de guerre •, 
OM. — E. Boutmy: • Etudea polltiqu» ■, BS8. — C. Bragglo: 

■ La scuda della vIU. Lettere ad una madre ■ {OiD. 0^4. — M. 
Bréal: • Pout mleui connaitre HomMe -, 230. — K. BreAClano: 

• n vero Bdgardo Poe- (/,, Oatnbirale). 370. — E. Btuclier: 

■ Hotr» ccrpa •, 6B«. — 1. Bryce: • Imperialismo romano e bri- 
tannico • {Bttì. 60». ~ O. B;:Dnvino: - Il giomaUimo coutempo- 
rane" • {L. Oambaale), 40S. — P. Bureau: • La crine morale dea 
lampa QOuveaui -, 1147. — 0. V. CallciUTi: > Lucrcila Uaria 
Davidson . (£. aawbtralrì. SS7. — N. H. CampoUeii: . La mento 
e l'snlma di un eroe ■ («(ni, SOO. — Glnllo Caprin: • Carlo Gol- 
doni, la sua -Ita, le sue opere • (C OomArraJc), 405. — Gliiiieppe 
Caprlnr • L'Istria NohlUssIraa • (a. Coetraì. 333, — L. Capuana; 

- BasscTOMlone - (Lwfiri, 528. — (J. Cartea: • La Turqule ico- 
Dornlque i, IB4. " — A. Cecoa-: - Kacconll riuul > ( J,. Oambtratf), 
285. ~ A. Celb: ■ EedenUone deU'Italla dalla malaria •. 310. — 
a. Cena: - Homo < (F. Oarlotuls), 548. — O. B. CerrulU • Nel 
paese del veleni t (p, Uaiuteiutaì, 182. — A. (Jervcsato: • Pic- 
colo Ubro deetl eroi d'Occidente ■ (£. Oambirali). 700. — Mar. 
Chabot: - Les atvbm de Na(4 dam tona les paya -, 05. — H. Cban- 
Uvcrine: ■ Lee principe* de 1780 ■. 70. -^A. (^m: ■ Le Lli-re ■. 03$. 

— S. Clermalt, E. Bourgeois: • Rome J Napoli'on IH -, 476. — 
N. Colalannl: • Latini e Anglosassoni: Niiie Inferiori e rane au- 
periort • (Beo^w), 141. — P. Combes: > LeproblSme du bonheur», 
101. — ai. 1. Comleh: -Animai Artlsans, and olher studles oT 
Urds and beasts >. 821. — A. Cotton e E. Mouton: - Les oltra- 
mlctoscopea et les objets ultramicroscoplquea ■. 35H. — A, Coun- 
son: • Dante en France -, SOI, — P. Crouiet: • Usitres et parentf •, 
70. — F. Corel: . H flore del deserto • (Rradrrì. 1077. — C. Ba- 
dane: ■ La casa delle chlacclUere • lElgi). «70. — B. D'Agen 

. Un prélat lUUen sous l'anden Btnt ponUflcal .. 1007. — F. Da- 
me: • Tout ce qu'll faut savolr ■- sen. — O. R'Annunilo: ■ Pili 
che l'amore • (P" Alarono), 420. — E. Daudet: • Le Conite de 
Chatnarande ■, 43. — C. Do BabUcnurt: -Lee flotto» de com- 
bat en 100? >, 407. — F. A. De Benedetti: • Veno la méta» 
(Lettor), 070. — L. De Beylle: ■ L'srchltectore tndOQ en Eitrème 
Ortent., 500. — A. Debldoor - L'Eglise cathoUque et l'EWt 
Bous la troNfme Eépubllque •, 882. — W. De Fonvlelle: - Hli- 
tolre de la navlgatlon a*rienne •. 117S. — A. de Fovtlle: . La 
monnaie -, 230, 719. — H. A. L. Degener: . Wer Ut'*? . (LrOnr). 

sanee lUUenne- iEtgiì. 741. — H. Dehau, K. Ledoux-!*bard: 
' La lutte anlltuberculcuse en France •. 478. — J. L, De Tj 
san: • La morale des relllrtons -, 742. — L. De Launay: ■ La 
garie d'ider et de demain ■. 742, oso. — fi. De Leener- ■ 
syndlcntt induitrleb en BeUilque-, 142. — F. De Nolhac: • 
trarque et l'humanlsme ■, Oso. — Ch. Derennes: • Le peuple du 
pale '. 1007, — E. De Benfy: ■ La Rhodesis ■, 1147. — A. 
Salnto-Croln: -I.e t^mlnlam* -, 1124. — L, D#ser»: . Les murales 
d'autourd'hut et la morale chrétlenne-, 674. — L. Despiag 
■ Le pInWau centrai nigérien -, 506. — T. De Wyiewa: . 



MTWERVA 



nultna Italkm d'kulrefoli -, SOI. — Ch. Dlebl: ■ BotUcelU •, ». 
— fi. DI Lorenio: • L'Etna •, USO. — V. DoDAto: • PbnetoìoeSr 
tnnfalK-lUUBnne • lOilì. 83S. — IhicheaDC: ■ Blatolte mdeniu 
de l'Ealiiw, 1147. — J.'J, Duproix: • NlcoUs Be«U et h ttttfr 
ratun bolluid*i»i, 1007. — E. Ftitiuet: • Amoun i'ìuiiamu 
de leUna ■. DE: ■ Le sodaUsDie en 1007 >, 431. ~ O. M. Ferrari: 
1 Locke • IL. OoiMfteral*). SST. — Ftntxts. tìtoiaie: • Ia morte 
reato a la mcMe- >ppuent« •, IlOe, — Fllnrete: > G«0 et Parla- 
menti 1 (5fiitpla), TSti, — C. FlammarlaD: ■ Lea foren naturenet 
IneannneB •, MT. — O. Fouif: • La jiutice turque et ]« rìTormM 
en MatMoine ., 10T8. — P. Kannbe: • La Wjende dorée dfs b»- 
t«s>. Oli. — J. Fritub: ■ Fabrlcatlon de 1« b1u«>«. de la dez- 
lriaeetderamidaaw>lub[p>, 311. — M. Oallet: > Schubcrt et le 
lied >. il. ~ E. aebbart: ■ Sandro BotdcelU •. tS4B. — J. Qen- 

dry: • Pie VI: sa ile et ton pontlficat >. SSO. — D. Genscb: • Oeefl 

di Naureth* <L. Oanàerale], £SB, — F. Olflud: • Koable et 
Roablard -, 1£Ì0. ~- E. Qlauer: • Btudcs hit le roDdltlon dee 

(juvrien dea mlnea en AnatralaBÌe •, li' 

catlon iclentiniiua daua lea petitea eli 

■ LVmtgraUon eiiropfenne ao i ti' idi 

nemlei > (LtOor), 110!>. — V. Oofot: 

Ulte-, 1101: -Laac: 



71. — E. Oodetroy: • L'fcta- 
ua«i, 287. — R. Gobnard: 
eie.. 1078. — M. Gorkli.I 
■ La diimoeratte Individua- 



ta de la vie ■ (Simfin), SII. — I. BanciKlr ■ La llu- 
Iit»u et la lemme». 287. — B. Haumant; .Ivan TourBoftiiel ■ 
(L. Gambmlt), EST. — H. Bnnvette: • Llttérature Italleone» 
<l. aamUerallì, IBO. — D. C. H«BeUnc • Essai 8ur la drltlutlon 
b^anllne ., BIO, — J, Huret ■ Bhln et Weatphalie •, J0S4. — 
R. Kipling: . Simplea contea dea coUines . (Leelor). 1105, — T. A. 
Lacoy: • It Crlalo atortco. (i. aombtraltì, 405. -- a. Lanson: 

• Voltaire >, 184. — O. Lavergne: • Gialla LsverRne la sua vita 
e le aue opere >. 454. — O. Le Bon: ■ Feleolo^a dell'educailone ■ 
tBlfi). Mt. — M. Lecoq: . Vera k luurnie de hult heun» ■, 12. — 
J. Lemaltre: • Jean-Jacqnes Rouaaeau «, ó27, — P. Lenoir: • Lea 
condltlona du Davatl dana \r» chemlne de ter ., 1147. — F. Le- 
roy- BemiUeu: ■ L'art de place» et sfirer sa fortune ■. 787. — 1. 
Limentani: ■ La prevlalone del latti aodaU • lAehtlU Loria), £11. 
— E. LocTlnaon: ■ Oloseppe Garibaldi e te eoa legione nello Stalo 
Romano, 1848-49. (Latori. 1123. — Ch. Lupas de Peslonan: 

• Sleb-Henrlk Abel. 180Ì-1829 .. 334. — A. Lucbalro; • Inno- 
cent III: liquestkm d'Orient-, IOTI. — Liinet de lajonquWte: 

• Le Slam et lea Siamola •, 334. ~ A. Luatlr ■ Igiene della acuoia 
ad uso degli Inaeenanll e del liifdid • (LnHor). 70. — A. Luilo: 
. FroBH biografici e bonetti »t«1d" IF. O.ì. 20. — A. Malsch: 

• Le demler recoln du monde •. 1124, — V, Manlegoiza: ' Que- 
stioni di politica estera* (Otl)' 717. — L. UarUo; • La ri^tlque 
allemaDde et la navlgatloD Intfrieuie >, 1248. — B. Uartrl: 

• L'byglène de la vlande et du lalt •, 478. — R. Hartial; • Hy- 
Rl«ne IndlTldnelle du travalUeur •. «22. — D. Haseó: < Poqr 
chirtelr une cairtere >, 574, 788. — F. Maason: ■ SapoWon et «a 
tamille >, 4Ea, ^ A, Hatbleu: ■ Bygl«ne dK l'obtee >. SG, — A. 
Mathlei: . Contributlon à l-hlstolre rellglenBe de la Rérolutlon 
fraovaiK >, aST. ~ B. Merlin: ■ le eontrat de Invali, 1« aaUliea. 
U partlctpaUon «un bénéflcea ., UBA. — B. Michela: . Die Deut- 
Mho SoUaldemokratle, B3S. — A. Mlckiewlci : . La Tribune 

de» Peuplee ., 184. — J. Mlbura: ■ L'Etat bookmaker -, §12. — S. 
Misaei: ■ La mente e 11 euore di Fratweeeo di Paola . (£. O.), BOB. 

— F. Hlitnl: .Mea orlglnea. (Simp/M), 1053. — G. Modogno 

• Il concetto deBa vita neUa llloeofla greca» (L. O.ì, 741. — Fh 
MoDDJei: • Venlae *tt- dIx-bulUima aUcle ■, llOt. — A. Monte- 
aula: • L'aUmentatlon et la culalne oatorelle dana la monde <, 788. 

— G. Moore: • Eattin Waters ., 827. — U. L. HOTlcblnl: . Semi' 
au pietre • (£«««■), 1172. ~- O, Muool: ■ La leggenda del Byron 
in Italia • (Iiciof), aei. — K. Muret: • La Utt*raturB Itallenne 
d'auloDTd'hDl ■ (L. Btimitriliì, 13B. — H. De HanKiiity: • Au 
feul ., 481. — Neera: . devalcwe • (Elffd, 821. — J. B. Newman: 
-Fede e ragione» (Ltttor), 454. ~ B. OllMer: -L'Empire li- 
brai •, aio. ~ A. FaniiDl: • La lanterna di Diogene ■ IL. 0.). 



■ Il pi 



>. (£. C 



• EaqnlBH hlatorlqne de 1» Btltìature fri 
C. Pascal; < Oraeda Captai, 4>1. — F. P 
QUe -, 3S0. — PaoiBea: 
Tomoeo Peraaal: • Le attuali litituolonl 
lamentaittmo », 1)04. — C, Feaentl: ■ Il cemento anaal 
11». — G. PetrledoH: • Poeala 



(., 70. 212. — 

■ Entre mère et 

(AD. 1220. — 

bancarotta del par- 



d*lo poeU ■ IL. e.), 121*. ~ it. PeaM-PaMolala: > Ooaa jàtna • 
{Luigi gambtriUì, 1245. — E. Plikit: • Lea Franala ItollaBlHiiti 
oa IVI idtde >, H4, — O. Fluantonl-Haiwliil: ■ Tardi > (SIM. 
803. — E. Ptenett • La pM) de la race >, 7«1. — CO. Hcl^ i Sa- 
dbakU ■ (LaMsr), lllB. — A. V. Fìdno-. • 1» eaaa In drUmi 
(/. (Ta.), 878l — Alberto Polflo; • WatKtloo», 8i*. — O. Portt 
fiotti: ■ I paad nell'arte ■ {SimtttK), Wfi. — I. K. VoUpenko: 
• II plODO aotterroneo- {L. OuBibwtU), 2M. — B, BàynMcli 
■ Drolt IntemotioiMl omnM >, 4S. ^ B. Bava: • I/ISBegnunento 
delk UngDe viventi nelle acDole madie ■ (£. SomAenili). SBS. — 
B. Beconly: < Le Taai ei la Donna >. 22. — Th. BlboC ■ Haaal 
Bur lea paaelona >, 70. 848, — C. Slebeti t Bogglo dalla pdiBk«la 
leserole* {OS), 1148. — W. Bitter: •Smetojia-, IITI, — X. 
Booquee: • Lea Induetiles de la ooDfcrvatlon dea allmeute ■, 36a. 

— P. Bone*: > FtMUc 'Butlat savie, sonaravrei, 1078.-0. 
BondeL ■ Ia Conuniuia et l'asaiitaiiee obUgalotn >, 742. — E. 
Rosenberg: > L'ilectitdté Indiutrielle mlae a la port^ de l'ou- 
vrter., aS4. — Roulre: •l'AIrlqne aui Burop*ena', 1220. — 
BkD FrauctM»: • I Fioretti ■; • Il CodHco del Sole > (Sri). S^B. 

— B. Bdineldei: > Rome •, 501. — L. Sfah«: • Alfred De Uniaett, 
S74. — SiblUs Aleramo: ■ Ut» donna ., 281. — C. anydBC: . La 
nuova sclenaa • (JHtffl, 578. — Sonlo: . Antoedueodone ■ iJjtctor), 
870. — G, Borei: • Deeenenulone cafiltaBita e deeentfulone io- 
olaUatai. 16, — H. Spencer: • Aulobiograidkle •, 811. — Y. 
Btapfer: > Etlidee sur Goethe •. 118. — O. Stenger: • La MdftA 
frau^alse pendant le Consulat ■. 288. — WoifAK • Las turbine* ft 
vapeur ■, StS. — A. SloppolonI: • FraDeeaco Battalais e U suo 
pernierà educativo: Olanglaeono Bouwean • {L. amubtrali), 357. 

— Bykes: -A traverà la Pereei, 1173. — J. TalUefer «Lea In- 
etltuUoui patronalee de l'Stat proraleii >, 550. — A, Toheoo*: 
■ L'Isola di SadiaUn» ILtSUir), 822. - 
tiouvjrea aimfuleDa ■, 142. ~- F. Todaro: < Sn l'i 
(L. GtenAimle), 881. — L. Tobtoi: • La morte di Ivan Il^lteb • 
(C. OanaKfalfi, 285. — A, TrouBseau: i «nlda pratlque pont 1» 
cholx de* lunetteei. 407. — D, Tnmlatl: • Una primavera lo 
Qieda > fSu»^»x\. 055. — Uftelo del lavao: < 1 Biadaceli te- 
deachl-, B86. — Vari: . Le Indmtrie tenHntnm Italiano. 1160; 

• Le* queitloDB octoellea de poUUilue «frangere en Europe •. 080. 

— n. Tlaud: • Piantona dea aibree. mangeone dee Ilulte>. 212.— 
C. Vlebl«: • L'Esercita dormiente' IL. Oanlittale), 285. — G. 
Vitali: • Alla ricerca della viu ■ (L. 0.). 1101. — Ch. Vloebeigtaa: 

• La Belglque euulgnaate >, IBI. — O. Walch: • Anlbologle dea 
po*tea(ranf»li contemporalnf •,43. — H. WeBeBer:< Noi giovani i 
{Oay 836. — H. O, Welta: • Nel giorni della cometa- iReadtr), 
04; . Quando 11 dormente si avsgllcit ■ {mgit. 475. — "• • iKnl* 
ardene: Fio X e la Ceste pontificia • iSimvl'tì. 786: • I TedewU 
nella vita moderna oaaervatl da un Italiano • (/. d'a.). 310. 

Biblioteca (Una) di 308,000 volunU, 432. 

— (La) del • Britlaii HusaiiDi >, 448. 

— tLa) aiosoBc* di Flrenie, 806. 
Bibllolerbe americane: nn sindacalo, 230. 

— (Le> e le loro tadiUoill, 477, 501, 508. 

— (Le) nej;II Btatd UnlU: loro sviluppo, 088. 
Biblioteche... per 1 blbUoteeari, 181. 

— (Le) popolari e l'eepertmento di Ullano. 178. 
Bler (H prof.) e U suo metodo, 1118. 

Bilanci (I) della guerra e ddla marina In Germania, 812. 

Bilancio <B) Italiano e le sua entrale, 188. 

filometro (H), 682, 

Birra (La) e le sue lalsIBcaiionl, 137. 

Blator) (Invece àA\ 1118. 

Bloemson (B.) e U euo nuovo romanio ■ Harr ■. 623. 

BMIber {Antonio), U gronde assleuralore, 8«B. 

Boerenhond (H) del Brabontfi e la eu» oikme, 428, 

Boeri (I) e la doDiInoMone Ingleae. 4^8. 

Boicottaggio (Un) In aermanla e la aus legallU, B72. 

BoUey (H. L.) e 11 suo i»pedale boUnlco, 283, 

Bonifica (La) di un Impero, 3GB. 

Bonomelll (Mona.) e la sua opera per remigiai/one, 660. 

Borgheie (B principe Scipione) e II ano trionfo aulomobllMtlco, 860. 

Borse di gtndlo mduatrlall, 863. 

— (Le) Italiane e la loro crisi, 1145. 

• BOrtenvereln • |tl) di Lipsia e a commercio llteario, 535. 

Botanica (La) rivoluitonarla, 580. 



•cby 



Google 



MINERVA 



Botaoln Oa) M HMttriUil^ OSI. 



u (Lmtf ) e a prlExi Hlnlatoo del Iruui-ul, 164. 



le(Il)B 



187. 



LO onunlo ft Oiuladlo AmdU, e 



BtM (UlriidB): « 

Brsvrttl ■martoanl e loro oorkallà, Sia. 

-~ (I> d'InvAutens In Frud», Sii. 

Broda (I]) e fi silo valorr nnUtlTD, 17. 

'Bnuniml (QIoiclo) l'inlilfttarB del dvtdtamo. SST. 

BranstMn (TadlnuidD), IDI, 

BnaiKii Anta secondo rultlmo oendmiinto. 341. 

Bnrbsnk {Lutero) e l'olUsoltara BdentUM, S47. 

Bordetl-Contta (La buDnean}. 41S. 

Barke • I ndiobi, 400. 

loitrte, la. 
[) hiuaotto, 1S8. 



Cabet(Etle[iiH<)ebi colonia di learla daini fondata, ItlS. 
Caoao (Hi. la aua ptoduilone e U suo eonaamo, 414. 
Caotl (I) «nua spliui, IIES. 
OaM (H) t danooao T, E8S. 

— (B), la ana yrodnikme a 11 luo ronanmo, 414. 
• aiappooM, 102. 

L'indtntila dellt) In FianUa, £88. 
Cambionne e le me parole a Waterloo, io. 
Camorra (La) napoletana e la pubbUea >loiireua, iti, •4t. 
Campanella (H monaool e la aua utopia loclale, SS!>. 
Oanadl (D) • D tao aTTeuIre, 2SS. 

— (Q) e la ana prccperlU, 47. 

Canale (H) di Panama e 1 lavoratori dnenl. SSS. 

OaiMxo {H) e la tua nuova cura. 1041. 

Cane (II) e la pmpagailane delle malattie, U4. 

Canfora (La) di Formosa, 1IS7. 

C«U (D di Bagdad, UH. 

Cannoni (t> e 1 loro effetti ballatici. SM. 

— elettrici, 800. 

Canto (D) iracorlsna, lOBS, 

— (II) nell'eeeretlo, HO. 

Capitale e lavoro necOI Stati UdIU, 148. 

— (roa) militare uharlana nel leoolo tu. sb8. 
Oareeri (Le) e U latteratora In ene floriU, MS. 
Carducci (Oloauè), 184, 811. 

~ (Oloeuè) e Giovanni VMas, 14, 

~ (Giosuè) e rimmorallt* del teatro, &4C. 

Careatla (La) In Cina. tS». 

Cane (La) di cane e 11 ano cooanmo In Oeinunla, tSi. 

— (La) e la tua bollitura, 37. 

— bitta e carne ametita, *S. 
(VtM aneht AllmeulaElaDe). 

Canale e 11 >uo mUlonarlnna ■entimsntale, 105«. 

— e a iui) n«no, OSO. 

— : Il vangelo della rlccbeua, B7. 

Carriera (La) rlvoludonarla, BE7. 

Carta (La) d'Italia pubblicala dal T. C. !.. £40. 

Caaa (La) del popolo ad Anuteidam, 804. 

Case (Le) modello di Pietroburgo. 407. 

— (Le) popolari a Veoeila, 480. 

— (Le) popolari e la toro difeu contro flU Inquilini, 514. 

— (Le) popolari aecoodo la legge Italiana, 608. 
Cassa (La) di ri«parmla delle Provincie Lombarde, enb. 
Casse (Le) di rlspannlo postali combattute ncsll »iitl Uniti. 1 
Catalogna (La) e 11 suo rlivq|Uo, t2. 

Cattolici (I) In ParUmeuto, 17«. 

Cattollcttmn e protestantesimo la Oermanla. W2, 

Caucda (II) e la sua Industria, 943. 

Cavalli (Il di Guglielmo II, 188. 

— tedeK^hl e cavalli Inglesi neU'Afrlca del Sud, 140. 
Cavo (Ud nuovo) tedesco nell'Atlantico, 107B. 

(VtH aivAe Tetesrafo). 
Cavo (Il primo) teletonlco, II04. 



uè meravUUe artlsUebe, 8«S. 
ve appllcaalonl, lOSfl. 



Cellinl (Bcovenuto) e 

CfBnla (La) vegetale i 

Cellulosa (La) e la sue 

Censimento (L'ultimo) tranceee, SIG. 

CeiveUa (H) e II suo peno e l'InMllgeoia, filli. 

• Chante-pleure • e la sua origine. 8SB. 

Chèque (Lo) f lo chèque post^e, 1081. 

Chleago e la sua ImmoralltA. KlO. 

Chiesa (La) eattollea e sl-ItaUaol. 1I£8. 

— (La) e lo Blato nella Scoila. £04. 

— e Stato: l'opinione del cardinale Glbbons e qi 
batler, UT. 

Chimica (La) e Q suo nuovo avfluppo in America, 

— (Lu) Indiistiiale In Italia, 14S. 
CblrurgLi 'La) defll snlDiali, Bai. 

e U suo iDSfgnamento sperimentale, ICS. 



-(La)m 
-(La) n 



lo Bler, 1 
>i progressi, 1 



— in coiTlipondenu tipograBca col non ciechi. 1 10. 
ClmeUo (Un) patriottica del ISSS, lOlt. 

Cina (La) e 1 suol partiti poUUd. 730. 

— (La) e lo spinto oonaervatore, £87. 
ranemalc«rafo (II), B8£. 

Clneee (II) e te sue sodetA segrete, 387. 
Clnest (I) e 1 dlavoU atranlerl, 1DS9. 

— (1) e la loro espansione, 383. 
-^ (I) neDe univeisltA estere, IS4, 
Cioccolata (H) adulterato, 187. 

Clrconvoluilonl (Le) ceiebiaU e 11 loro significato, MS. 
Città (Le grandi) e 11 loro sviluppo, WS. 

— (Le) e l'arte di costzulrle, UDÌ. 

— (Le grandi) italiane e Q toro sviluppo, 183. 

— (Una) prelsloripa a Creta, 80S, 
Città-giardino (La) di BoDm111]^ 431. 
CIvUU (L'na) scompataa nell'Eritrea. ilS. 
ClaiBl (Le) medie nel Belgio. £73. 
Clearing (La Casa) e te sue aperaaloni, 108£. 
Clero (D) francese e la sua prevldenia. 1178. 
CcOledone (Una) di pastar-ortl, 048. 
Oilonie Inglesi e edonle francesi, ESO. 
Coloniuaiioae (La) dell'AUca, 730. 

— (La) olandese e I suol sistemi, aos. 
Calori (I) di anilina, ft£. 
Commercio (II) con la Bnssla, 808. 

-— (D) d'importailDne e di esportailonf In lUJla, 884. 
~ (H) e 11 sistema Ledoul, &ei. 

— (D) Italiano: cifre itatlstlche. 431. 

— (H) librario tedesco e il ■ BBrEenvaeln i di Llpeia, S! 

— (Hi marittimo e i'aweoire delU Sicilia, «fi». 

— (D) mondiale neKll ulUml vent'anoi. £40. 
Commissariato (II) di emlgraxlane e la aua opera. 40. 8 
CommiBsione (La) Reale per ta riforma della ftiuAi, m 

Ila, 336. 
Commissioni (Le) eia loro utmtà, 407. 
Compagne di studi e di sogni, 842. 
Compagnie (I.e) di nevigailonc tedceche, 337. 
Comparse (Le) nelle Comuliselonl. 407. 
Comparteclpaiione (La) dotti utili In pratlcs. 71. 

Componimento (II) llallauo nelle se 
Compratori (I) e le loro leghe, 202. 



Comi 



Il (Le) li 
A (La) ebrea dt Woodbln* 



I0&3. 



-(Una 



Confi 



.e (La) del mondo. 721. 
— (La) Eoid-aroerioana e I suol pericoli, 4*3. 
ConferenEa (La) dell' AJa e l'organliaailone delta pace. 

proposta del ministro HanataU2, 830. 
ConBltU (Dllndustnall e le leghe operaie, 1>04. 
Congo (II), l'inferno di re Leopoldo, 4. 



Digilizcd by 



Google 



ICINERVÀ 



Coiwneao <]]) di 



— (Un) por II divorilo In Amerlok, M. 

— (□) pei le Knal* domenicali i Kom», TdT. 

• OonseUs • (I) deUs Mmale mlUtul frftiuMl, 4tl. 
OnusrTBtarttmu (B) In di», S8T. 
CcFDwrre (La) kUDMntaTl In lUUa, TE. 
OonilSlI (I) d'nfflebiB In Gernuuili, 041. 
CoDBidl (I) unoicuil e I imo nppciitl «MumnlaU, Ul. 
Couuiltulonl (Le) par 1 tattMtU, «TB.fJ 
Connuutofl (I) e 1> lotn mponublUU, SOf, lOBS. 
Contadini a) e I loro nlul. TS«. 

— (D e Ib loto SODdildODl lo BOBUUllK, S«S. 

Contadino (II) rnwo, BIS. 

CoDbatto m di oolUvukms dd oereall ■ Intannenn, 107. 

ConvenifaMil (Le) eoUetUve di UToro, M4. 

OoOTsdonl eoslow In Italia, IIM. 

CooperalKm (La) di eomuuo In Ocnaanla, 43S, 4SI. 

— (Le) di lamlalla: ptfcM abortlKODO, 1008. 

OoopenilcOB e rtapannlu In Ingtalltena, W. 

Cornuta (la pio grande) del mondo, 144. 

Cornlsh (Cluriei John) b 1 anc^ itadl ralla Tlta dctfl antanaU, BIl. E 

Cunulone (Ia) mimlDlpals a San Fnndsoo, A>4. 

OoKlBDia (La) Itatoa a U mo rlsvecUo, BEO, S>3. 



— DDove: nn appancehlo pet aMlngarte. «OS. 

CnU e le ne antloblU: oaa città ja 

Cnttnlama (II) a la ma cura. It. 

CtW (La) Tltloola, 87t. 

tMiUanadmo (D) a Ifl ma origini, SI 

eroe» (La) Tenie, ESI. 

I>i3inet (Lad), B80. 

Onnototografla {loh MI. 

Caba; Il ino prennta e U ino aTranl 

CndiiB (La) dd povero, bit. 

Rnlto (H) raUskM e la pompa, ITE. 

Colton (La) Inglew e le 

Ciar (Lo) dalle larrovla ai 



(Il)e 



I, Ito, 



• I>ants AUghlail > (La) e la nia opeia, 41. 

Dante e U «no veiao, 1148, IITS. lisa. 

D'Azeglio (Haalmo) e 1 tnol genltoM, «4. 

De AnKeU (ICmaato), 18S. 

DaMto (II) pubbUoo degli Stati umu. «SS. 

De Blowlti, U idomaltota, tlST. 

DabuBsr (Claude), dd modamo rlanovatoce dalla 

Deeadenia (La) mlUtue della Franda, 1I£7. 

Del BoHd (Ftoparita), artleta bolognSM, 49S. 

Del VlgH (CataTlDa), artbta bologneee. 4IIS. 

DellnqDeam (La) dilagante a Chioso. SIG. 

— adlfetUvUvl.lDI. 

— (lA)eleniBcaaBa.T. 

— r Olio nd landoiu, Beo. 
DdittoetatartaniD, llOS. 

Damoeimda (La) e la rapDbbBca In Franda, SflS. 

— (La) e la ana ednoadone, 1141. 
' ""ntaU (I) Bllndannltt, st 

' rlea (Ugo) e la teoila delle mntaHonl, GS8. 
ute (Ut, la tua fcsmailona natorala e la i 



no, 14, Tal. 
DUnvIo (II) e 11 ano problema, OTT. 
Dio: (ondamento loglao del ano cono 
Dlrettlidiaa, tiH remvla. 
Uintturl (I) dd perlodld Intfnl In O 
Dtarmo materiale e dlianno morale, SI6. 
(FaAaMl< Face e Paclflamo). 



Dlnatri (I) ferroviari a n ivlmato dicll Btat) tJnltt, Itti. 

— (I) terrovlail; pai evitarti, IHO. 
DladpHna (La) nd nanfraal, 4U. 

U Tarino, MI. 
> fcRDvlatlo, mN FcRovia. 
DIvordo e matrlinonlo nel Nord Dakota, ST. 

— (TI) negU BtaU Uniti, EU. 

— (Q) ani teatni, MS. 

— (Fu U): DU Congmto In Amerio, 48. 
Donna (La) ndl'ItaUa moIdlonaK lOCS. 
— (La)ont«taDelroinanjo,SSll. 

e ti voto. Eli. 



-(Le) al 
-(Le) a 



loro proleadonl In Amtrlea, liML 

negU Btat) Volti. 1(>4«. 



— (Le) operale ■ 

— polUotta, SSG. 

DWt A aa^- argoile, oopacUika, In ogni laadool 

Dormire (Del) dopo II patto, K, T9E. 

Dottrina (La) di Monroe negli Stati Uniti, Ssg. 

Dowla (Giovanni Alenandro), Il profeta Sila: la 

Draga (La regina) e la na vera itorla, ET. 

Dramma (II) yldi-llah, Vn. 

Dnvlni (L'anaie), 700. 

Dndlo (Dt In Franola, SM. 

Duma (La tota), IISO. 

Duma* (Aleeaandro): mrlodtà a anaddoU, «I. 



■brd (GH) e la loro baiu mortabU, 11&2. 

— (flU) a la loro ecmanlta di Woodbln^ ioti. 

— (OH) B la km Invadone In New York. IM. 

— (Otl)el'nddtah,>Ta. 

— (OH) ndud dagli alberghi ameijoanl, 81E. 

— (OH) nella mutiloa, 4Sfl. 

Sbreo (L') errante nella leggenda e nella Mteiatara, Il 
Eedtantl (Gli) e l'nmaitltà, EST. 
Sddy (Hlitnwl e la medidna m 
KdnoadDna (L') dalla democrada, I 

— e agricoltura, IITS. 

— e inol problemi. 84S. 
« di nna Daziane, ISS. 

hW9. 

h a». aS3. 

— (L') BOdalF ad Amdanlaia, MS. 
Egitto (L') prima delle plimmldl, 440. 

— (L') iotto Lord Cromar, SSO. 
EBldanl {OU) e 1 glooattcdl ndle loro ' 
Blagann berlloaae, IRE. 
Bleticnio (L') temmlnUe 

In Oarmanla e In Franda, 148; ad Colorado. 110, 11B: 
Knora Zdaikda, SSO: nn esemplo nd medio evo, ISE. 
SletMdti (L*) a 11 ano avvenire In Ttatta, el>. 

— e aonno, 961. 

— : gU ImplanU dettxld r la Balata umana, It. 

— (L') prodotta Cd moQul a vanto, lOOH, 
EtettrotecnloB (L') In Germania. SI, 839. 
Eledone (L'J di Bergamo, G94, 

~ {L') di Bcbio e U ano dgnUlcata. 404. 

Eledoni (Le) a Cbloago e la nndlta dd voti, SII. 

— (La ultime) di Nev YaCk e t partili americani, 4». 

— e Indltfarentlemo, TI. 

— (Le) flnlanderi e la donne. ABS, 

— (L«)lnAattrta,EgS. 

— (La) nella Spagna, 73E. 

— (Le) tedMChe e I loro inaegnanwntl, 208 SSt. 
Ella (D profeta), mA Dowle. 

KHot (George) e la ana amldda con Hvbat Bpeneer, 1£4,4( 



,y Google 



MINERVA 



M coDieiiMiiis In ItaJI», il 



— (Vi ItkUiu a It CommluuUlo, s ì'oiti 
msUI, MO. 

Bmlnlonl (Le) nigU StiU DnJU donate H II 

— (Le) nel 19M. 7flT, 
!( (L'i di Pio JC, BIB. 



-(f)i 



le (Le) li 



I, 4t£. 



XnCnte (Le) del bilancio lUllano. 188. 

Bn (Le nuova) Indoatrlala nell'Amnicft >lel Sud, SST, 

Brcolann « 1 iiudI ecavl, 120. 

Eritree (Neil'): una dvlltt Kompana, 418. 

Baerdto (L', della Salate a Berlino, llbZ. 

— iVì della Salute e 1 «uol ufTd contro U enlddlo, U&. 

— (L*) e U mp comi^to nrlla lotta ce 



-(L')l 



iis;. 



— (L'} In OmnaoU. TTI; gli affldall, 8. 

— (L*) iugleee giudlrato de an alOclele tedeaco, *M. 

Beanllxl (OU) Beici dsU'av-renln, 7IS. 

(Vtdi aitthg Edncaiione Oilei). 
Bietclilo (L') aelco: Oelolocle s pet«Iogls, &1S. 
Bepenelone IV) franceee, 679. 

— (Li) marittima della Oennanla, 337. 
Beperanto (L') e 11 >uo pmereeso. IflJ, lOM. 
litplonrioai polari, vtài Polo. 

BepoeiUone |L') di Milano « U moelra degU Italiani all'eatero. fiB; 
la Prsvldenia. IBI, »03, 

— IL') llnanllerla del mlnlsITo Italiano del tesoro, IS. 

— (Per dna) Intemailouale della psee, 201. 
Eepoeldont (Lr) e la nerweit* di dlsclplln•rl^ Sl«. 
EetendoDe (L') uolrenltarla in (lennanla. 2BS. 

Ktl (L') della madn e la lua azione auUa itatura dei Ogli. &ZS. 

Bt 11 Kir ET IH une lAnrnai Searlatli): Dumaelana. 43. — I libri 
adotUtl 164. £13. — Le Iwrtilaiit suitU ablU. 3Sn. — lecrMoiiI 
di blbUoleohe, 4T7, 501. S9S. — T.a statura ununa. 812. 83T. — 
Iicriiinni curiose di moneta. »b«. — Iliu, 11 nrf e 11 Iti, 1124, 1£KI. 

KuBenetlca (L') e il suo fondamEnto selentiflco, IZa*. 

Europa (L') Id tnefomudone, I2ib. 



Fabbrleetl (I) e U loro (jHWadDne In Francia. 23. 
Fenrlulle (Le) e la loro protettone, 4 A. 
Fanciulli dellnqueotl e UberU lorvefllals, 624. 

— (I) a U lon> sbndamenla lo America. 143. 

— odod e delinquenti, SSO. 
IVttU anche tafanila). 

Panne (Le) e la lorn adulteraiionl. 138. 708. 
Fatica (La) Aalca, lOSS. 

— (La) meoUle. lOM, lzo«. 
Fattorie qoTemaUTe iDodello, 35. 
reoondailone (La) arUBdale. 10«S. 
Femmlnltmo (II) e la eoa iwmrotta In Francia. 743. 

— (Hi nella polUa, S3S. 

— (D) poliUco In Oennanla e In Francia. 148. 
(Vidi antJie Donne ed Bletloralo), 



■o lU) o. 



s (La) di Bagdad. < 



Mi. 



— a nna iola rotala, ll&fl. 

— (La) tdetttiolie dell'Ielanda. 1120, 

— e pmtiU leiTOTlarl. lOSl 

— (I-e) In ■Europa e la loro crlel, 83. 

— : 11 primo Pullman di acelalo. Sto. 



-:iti 



d, 84. 



Ferrovia : rMerdUo di SUto, U. 

— (Le) metropolitane eotlerranee e I loro lo 

— (Le) nella FlUpploe, IITE. 

— : per evICare 1 dliasBrl. 1£I0, 

— : una Unlvoiltà (RTOvlaria, WS. 
FaaU (Ia) della ei^glie, TSE. 

— (La) oaxlonale amaileana del 4 Inolio e la aua vlttiiM, 8£i. 
Flou (Fa 1 noetrl), SSS. 

— (I) dello Stato In Ungberta. a4S. 

— e padri In Germania, 935. 

Filippine (Le) eotto la domlnaiUma amerloana, 5M. 
FIlloHera (La) e Is crlH vllleoU. 872. 
Filologia (La) moderna all'Università. 377. 
Filosofo (L'n)oinBie propugnatore della paea, H(. 

— (Un) precursore di Uaiiinl: Francesco LomoDaoo. MI. 
Finlandia (La) e la sua Dieta. BIS. 

Plori (11: oon qoal meno attraggano la api. 4H. 
FlotU ILa) Cedeeea e lalena Inlcrlorltà. 5M. 

(Pedi niu^ Manna). 
Follia -eurea. 820. 

Fontana (Lavinia). artlaU botognese, 4H. 
Foreatlerl (I) in SHuera. Mi. 
Fwmaggl (I) e 1 levo mereall In Olanda. 838. 

— (I) eia loro (ibbrlcailone. flit. 
Forma«Bio (11) vegetale. OAD. 
Fnmisllsnio (Ul dalla giniisprudeua. IIIS. 
Formiche (Le) e l'energia, «02. 

Fornai (1) e un bolcotta^gln In Uerminla. 87L 
Forni (I) ruraU coopersUvl. 408. 
Farsa (La) neivuea e la sua nilsurB. 53°. 
Vox: una *ua recente hlografls. «74. 
Francesi (I) e U loro temperamenlo. 8B7. 

— e 3Utl VolU. 177. 
Frutta (Le) e la nulrlUoue. E4. 

Fumo (11) del tabacco e I auol effetti, 741. 



flalere (Nelle): b vita che vi ti la, 1K47. 

nalIpgglanU sUblll di nuovo si^lema. 304. 

GallerU (La) sotto la Manica e roplniane pubbliea insleea, 347. 

Garibaldi (Giuseppe): nella ricorrenza del cenUnarlo della sai na- 
eclta. 73B. — li centenario di Garibaldi e la politica lUHana. 
771. — I Caceialorl delle Alpi. 77 S. — Le eplgrafl garibaldine, 
778, ~ 1 romanzi di Garibaldi. 781. — Lo spirilo pubblico di una 
volta e quello di adeeto, 788. — Garibaldi a New Vcsk. 873. — 
L'offerta del comendn di un oerdto fattagli dagli Sta» Uniti, 
1!£8. ~ Garibaldi neU'upera di li. M. TTevelyan, B74. 

Gatto '11) e la propaEnitonB.deUe malattie, 254. 

Genova e MsTslElIa. «47. 

Germania (La) e 1 suol attuali ordinamenti militari, 77E. 

— (la) e I Tedeschi nella letteratura francese, 745. 

— (La) e la sas prosperità declinante. 864. 

— (La) In Cina: la conquista del mercati, 7Ea 

— poliglotta. 302. 

Oetmanismo (II) nell'Alsazia- Lorena. 05. 
Glacoea (Giuseppe). 58. 

i (Rmsnuele). il 72. 



Glap 



e 11!) d 



I. la I 



(D) e ali Stati UnlH 


784, 1201. 


{nieUeuoredmeao 




(Ul e la sua InBueusa 


sul mondo aslatleo 


(II) e la sua potenza 


evale, 749. 


(II) moderno alla luce 


deUa statistica. 316 


apponnsl. Americani 


e Callfomlanl, 102 




Imposilblllti di con 


(I) In America. B34. 




ardlnl operai. 84, 300 


In Svezia, 811. 



Olava e la roloolizailone olandew. eon. 
Ginnasi (Nel) tedeschi: premi e punizioni. 7 
Ginnastica (La) svedese, 133. 
{VtM nilcAt Bducadone fisica). 

Digilizcd by 



Google 



MINEEVA 



a)d. 



I, S8S. 



faudutlo, 900. 



lo avUgpi» ID 
■J (I nicroU) di Bi 
Olonule {HI dclU domenlcs in Amedia, 1151. 
Gtoiiimli e rlnnultatl In a«nitani>, 103S. 

— ■ periodld opanU ni^ BtaU Uniti. 113. 

— Italluil «Umpatl iJl'Mtero. 31 s. 

— a) uiKdeUDJ drl ISM-ia, 304. 

A (II) perfetto, 113«. 
OkinikUMl a) iiizlMd In Ocrmanla. «71. 

(F(A andu StamM). 
Glonutm (La) di lavoro « la sua durata. S15. 
GtnHcoplo (n), ll&S. 

— (Q) e U tua sp[iU'''<llanp att'aulonuibllf , StO. 
Oludlii tn.BCi^ 111 ùott ItaUanr. Di». 
Oiuocbl pti I bimbi poveri. 1011. 

Giuoco (Un) lettewrlo^mimerick, 1217. 
Glurl8prudoiua(La>oil mio formaliiuno, 1113. 
Oluatliia (La) e la sua ammlnLsUulDDe lo America, SI 
— ;(La) militare In Rvluers, 403: In vari paeal. SIB. OlO 
OUnrlola (La) tiroide e la cura del cretiDiimo, 1!. 
aiaagow e la sua vlu municipale. flTD. 
Cottile t Butto, 1204. 
Ooldonl a Torino, 420. 
Goldoni f Carfluecl; floldonl e Vcneiia, 307, 



tliovsn, ITS. - 



-rUatlca(U)«laan 



s. a4S. 



Grieg 'Eduardo) e 


■opera sua. lOl" 




Gr 


isolo (11) neUto 


to al minio, 848 




Onanlarob»(U)d 


una itìgnor» del gran mond 




11) ril un elegan 








erra (La) e 11 su 


a bUancio tn Gerr 


«■mia, 312 






welaUemo 




'La) martlUma 


e la proprieti pn 




Gu 


fmiil (P. D.) p 


i SU':! i-enii™!, B 






erre (Lf ) chp s' 




prevenire 


fiuaUi^Irao II f 11 » 


o Rmerleaniamo 


107. 



Hat2feldt (Paolo) s la sua carTlipondenia eiristcUiSi S' 

Hél>ert (BCarcel) e le «uè Idee sulla religione. 1040. 

Hedln (Sven) e 11 suo viaria nell'Interno dell'Ada, I 

Hopl, comunlU retta da donne, 000. 

HOteb (GlìJ di Parigi. SS4. 

Huch (Riccarda) e < ano) nltimi romanfi. 925. 

Hnp) e Goethe, 1!04. 



cataitrofe e la polvere aenia fumo, Sto, 



Slephan Siudlng, liS. - 



— L'ano volUileo cantante, I0V. - 
aura, £08. — La terre ancora loesplorale (6 a 
119, 2!0. £il. — F. Weyerfaluaer, 33&. — Il comandante Peatr, 
482. — n (andnllo eschimese A'Vl-A-Oud-Lu, 482, _ lUnenrlo 
della (pedldone Pearr, 483. — Watras Bddy. la Fondatrice della 
■ adenaa Critttana ', 554. — Zampe di gamberi amputata (2 ligu- 
re), Mi. — Eduardo Oriea, 1039. 

Immondlite (Lei e il loro valore, 70H. 

IminotalltA (La) a Chicago, 310. 

Immunluailone secondo un nuovo metodo, 800, 

Imperalora (Uni vaaalo, ll'^l. 

Impero (L') franco-africano, AST. 

Impiegali (GU) e iì loro problema, toio. 

Imposta (L') londiarli In Gernuinla; nuove torma, 409. 

— (L') sulle aree labbricataili, «20, MS. 
(Pedi anali Tasaazlone). 

Incendi (Oli) e la loro prevenilone In Svelta, 013. 

Inchleata (Una) IntamailDnale sulla queatione religloaa, 605. 700. 
798.882, 



Indennità (L") al 


deputaU, 82 








India (L'I e il m 








— (L') e il suo n 


veglio, B89, 








— {L-! Inglese e ta SUB preaen 


e MdUtìone, 780 




-(L')«.ttolldo 


minio inglese 






o di un Indiano, S9B. 




lettorale, 7Ì 








IndUBlrla (L'i e 










-{L') elettrica 


n Germania, 








— militare di Sti 




apri 


ala, ei. 




— <L') neU' America de] Sud 


llBU 


sviluppo, 




tndueiriall (GU) 


e 11 dlBServlUo ferroviario. 30i 


, 


IndUBtrie (Le) e 


imlcbe in Italia, 






— eburocnola. 










- (Le) femmlnl 


ItaliiinB, 1 


00, 






— (Le)glappone 


si e U loro pn 


)gresB> 


,408. 




— (Le) italiane 


le loro cond 


noni 


oe 





Insegnamento (L'I i 
— (L') Industriale e 

(Pedi ancAe Isirt 



i borse di studio, 



„ Uni ve; 



Insetti (di) e U loro Ung 

Indncerilì (L') della idD recente letteratura Italiana, 037. 

InUUetluali (Gli) dinanii agii operai. 877. 

InleUlgenaa (L') e U peso del cervello, 532. 

Int*r«se|L')perrbè*eleYato*. lOSO. 

InterviBtet Pietro Felter e la battaglia di Adua IBtrmti), 1< 

Int«etÌno (L') e la sua igiene. 11. 



— (L'I e il suo problemi 

— <L') necU Stati UnlU 
Iscrldonl curiose di mo 

— di biblioteche, 477, i 



a grandioso protetto. E> 



Islam (L') e la civiltà moderna, 1133. 
Iilanda (L') e le sue feirovle elettrìcbe. 
IspeUane (L') medica nelle scuole, 231. 



Iitltulo (L') blbliograflco Intemailouale di Bruxelles, lOlO, 

— (L') Pasteur e l'eredlU tWils, 1192. 
Isliuiione IL') agrada femminile, 184. 

— (L'I del giovani e quella degli adulti. 75. 

— (L'J primaria nella Spagna, 000. 

— (L') secondarla femminile n la sua riforma in Prussia, 341. 
lyrdi oiuAe InMgnomento. Scuole, UnlverelU). 

Italia <L'): rome la si deve vedere, 03i; l'onaichl*. 02. 

— e Stali Uniti dal 1847 al ISSI. 29i 



■cby 



Google 



MINERVA 



li dallk pcoduilone, SO. 
linw (Tm) multUDui-fBiTOTlulft Napoli -Paknno, 780. 



IVeM aMlit Sduoulone IMaì. 



KnOclcel (Ctudotte), wnltUoa todww, t»a. 

EotD (U piol.) « I& telafotocnAi, IN. 

Eronutoer&to (II), mppuscohlolivcbtntora dcll« eomposUoid 



lMaD& (Ud>) dall'uto colmaU; |ll anni di Tnilsn, 8 

Lunpsdk {La) aletttlw Hallon, 401. 

lunpettleo (F«d«le). £«». 

l'ite (D) e n 100 «ppniTTlgfoaaiiHnito odia dttk, II 



tVtdi aiMke AlUttamento). 
Ikttlolnl (I) e b loiD rftbMia rione, BM. 

lamni (UJ delle donne in America, 1048. 
— e «pitale nngU Stati Uniti, 143. 



— (D) In Spagna. »«0. 

— Intellettoals s 

— (D) InteUsttuale e l'alswd, lt«. 

Ledae (U proF.) e la pretsia eitadoas di (aacil vlvenH, BM. 
Lesa (I«) del coneumaUsl, £0£. 
Lesile (Le) del compratali, 1068. 

— (Le) opOTaIs e I conflitti InduiCrlall, 604. 

— (Le) ninU di ndgllaramento In IlaBa. I0t4. 

Leglalailone (Lai nalti Nuova Zelanda e 1 moi aitimi ecpolmentl, 

«M. 
Lai (H), Il Tol a U tu, li£4, lei). 
Leatene parUmealart. SSS. 
Leopoldo, te del Brlshi, b 11 Congo, «. 
Lva HaeaU (1 delitti di) in Oennania, T4S. 
LMtar* (La) e lo BpUto nella nUglons, 120S. 
Letterati Italiani a faild. &*i. 
Letteratota di viaggi. ȓ9. 

— (La) e 11 ino Insegnamento: Il Tneti>do ac 



el'eeteUco. 8S1. 



— (La) Italiaiu plA recente e la ma Inalneetit*, «67. 

— (La) ItaUuia studIaU In PraDdi, 1012. 

— (La) epagnnolB modenu, 628. 

— (La) jlddlall, 27fl. 

Lettere (Le) nell'anUchlU, 123S. 

-— (Le) private e la loro pubbllcailone, exi. 

iVtdi a«M> PoaU). 
Lettura (La) negli Stati UnlU, 192. ^ 

— (la) usile manifatture del Ubaoshi a Cuba, SES. 
Libertà sorvegliata e tribunali per tandulll. 71. 824. 
Ubrai II) tadeaobi e U lorn aaaoclailone, SIC. 
Librarie (Le) dal mulnal. 4G«. 

Ubrl (Il adotHvl, 184, 2is. 

— e cilil librària. 11SS:f nimbati librarlo In Germania. 536. 

— nuovi Ingleel: Biografie, memorie a etorle, 074. — EdliUini di 
clanici e romana, 1144. 

— nuovi tedeechl: Memorie itorlche; Le donne nella vita di Motart; 
n tea'ro delle marlonelte. L'arte scenica; FI teatro moderno; OU 









— (I) per fanclulU, 884; Id (Jermanla, 888. 
Libro (Per un mnaeo del), 426. 
UilMriek (II), gtuoTO letterario. 1247. 



I secondarle, 166; 



— (Per una) imlvetwls, SSB. 
(FeA amtlu Eiperanto). 

Linguaggio (□) degli aalmaU. 78. 

— (Il) degl'lmettl, 1000. 

— (I!)lntanUle,a8B. 

Lingua (Lei clasiche e la scuola DKidema. 1138, 

— (LeJ moderni e II loro Insegnamento nelle bcuoI 
aU'Uuivenitt, 378. 

— straniere coltivate la Germania, SOt. 
UnguliUcB (La) e I tatU. 384. 
tlnneo (Carlo) e 11 ano centanatlo, 8ST. 
liquori (!) a il loro tiafflco In Norvegia, M. 



B, 1E13, ' 
loeb (U prof.) a I 
Lranbroao e la eoe teorie, 3. 

Lomonaeo (Ftanoeaoo), 11 lUoiofo preonraore di "•"*"■ 88 
London (Jack), scrittore reaUsU americano, ££0. 
Lotta (La) per 11 tenore di vita. 1187. 
Lnbbork (John) a la ma critica della municlpallziailane, ti 
Luce (La) del eole e 1 batteri, IOTI. 

— (La) a la ina Inflnanaa ani batteri, 88. 

— (La) e la ma Imflaenia sul langoe, M. 
Luafaanl: la «la vita nel carcere di Ginevra. 1147. 
Lmn di Baviera e la sua foUla, SII. 

• Luritania • (D), I3Ì4. 



Ad 

Haccblna [la.) da cudre e 11 loo inventore, 338. 
UaceUiM (La) nell'agrioDltnra, £18. 
Ifadre (La) e la DataUU. 637. 

— : la sua elk a la ttatont del BgU, 612.- 
Hadri (P« la) che allattano: ristonuid gratmU, EH. 

— (Fer le): una eooola, St. 

Uantre (ABe): un ammoDimeDto, T43. 
VaaletUnk e U ma botanica, 8M. 
Haganlnl (I grandi) a un loro londatore. 71£. 
Ua^etbmo (II) filala, Ki. 
Maiale (11) nella politica Earmaniea, 718. 
HalcAche (Le) di Oagtlelmo II, llM. 
Malattie (Le) <lelle piante. 283. 

— (Le) e la loro vere preventtone. 17. 

— ptichlcbe per Infedont?, 381. 
Hance(Lc)lnIUUa. 338. 
Mangiare, wA' Alimenlailanc. 
Manlleato (II) oomunlita e le aue idea. 13. 
Mano (La) rinlatca e la sua ediieadone, E4. 
Hanoviv (Le grandi) e i loro vantaggi. W3. 
Hanioui (Aleraandia) vUlato da Carlo Wltte, 1033. 

Marina (La) degli Siati Uniti e I suoi difetti eecondo 1 Tedeschi. 1178. 

— (La) e il suo Ulando in Oennania. 31£. 

— (L.«) trsneese e la sua decadenia, 1127. 

— (La) Italiana e 1] problema navale, 78E. 

— (La) mereanllle germanica e la sua cspanalODe. 387. 

— (La) mereantUe la ItaUa, 8S!>. 

— (La) maroantlle tanldUta ne^ Stali Uniti. 834. 

— (La) militare auatilaca e Italiana, 373. 

— (La) miniare nel Giappone a negli BUU Uniti, T4S. 

— (La) mlllUre t«deeCB. 6SD. 
Marinai (I) e le loro pensioni. 883. 
Marlonatte (Le) In Oennania, ss. 
Marocco (II) e la sua oneatloDe, 887. 

(FsA owke Henakeac). 
Marcella a OcDova, 447. 
Marta; che cosa na tappiamo, 31E, 



yGoogle 



MINEBVA 



HartlBl (FonUnukdo) s b hu eoolmnii lolla CoIod)* Eiltna. 101. 

Kki (CailD) plwUrla, 14. 

Hu-iUmo (m e la itatlitlu, 86£. 

HaBBggla (II) a 1 dccM, 110. 

HatamaUc* babHonlo» e Dumeio platcdlco. 11». 

— (li) In OM, OW. 

■atrinioiii (I) americani: pmihì rlMocoio male, lOTK. 

UaBrlmonla e divorilo nel Nord nakoU, ST. 

— (H) e Harbert Bpeniw, 491. 

Mania, preddenle dal ConalgUo tpagnuoki, TS3. 

Kanliil (Qtiueppe) e lo Bpirlto Ineleae, DOS. 

■ Jf Bocanlel • (I) dalla oIBdDe ftmeilcane. 1S4, 

Hedlanlsi» (II) a 1 snol reoomeul, SOO, fiOl. 

ICedki (I) amatjcanl e la loro avldlU di gaadacno, 791. 

— (I) dal drammi Bh&keapearjanl, 349. 
~ (I) dlRondltorl di malUtLe, BM. 

— d'Olia vidU e medJd d'osgl, TES. 

— • eUnirstiL 1 loro luadasnl nelle varie epoche, lEl. 

— ai e 11 lora trattunecta (n Bvedi. SIO. 



k, £51. 



-ma 

UMlelnt (La) m 
Uedldne (La) e 1 
Hedlco (ay. eome dobbiamo aervlrcene, STO. 
Heteatl <I| etned conqolalatl daUa Oermania, 720. 
Hercalo Ubrario, ttdi Ubrt. 
~ (II) nionelailo e le sue dlfflcoltk. Tei. 
He.Takeeo, oaplUle lahailana del leetAo m, eeS. 
UendRo (II) e U ano florin, UBO. 
— (Il) nel IBM. 4ra. 
HeCalb (I) e il loro odore, «48. 
ICeUnralDgla (La) aeU'BlU atmoafera, gai. 
Hetodlatl (I) e la loro oonvenlonl la Italia, 1 190. 
Hlebelanoelo e 11 nio atto, SM. 
- (Cd) notvegMe, 143. 
Htcrorgaalnnl (t) e 11 loro ufficio [wl terrei». III. 

(radi a>ie*e Batteri). 
• Hldlnetlae • (Le) di Fartal. esa. 
Hlela (Il dottor) e la nia opera, SS. 
Hllauo bendliia e pieTldente, SGS. - 
UUUre, ««HEMmto. 

Wnlera e nkirl mloerarl neell Stati VnltU S«l. 
Wnlstero (Il pria») de) Tranaraal, S34. 
Ministri (I) • la loro vita In Italia, 3I>4. 
Miopia (la) e I primi anni di Mnola, 11S4. 
Mlaerta (Ia) a la ma aoiipreMlaiia, 91 S. 
l'Enciclica, lise. 



. (D) e la au 



a, 401. 



Motlnl (I) a vento e la produrione dell'eletttldtl, 1008. 

Moneta a loro curiale licriiloni. 9S0. 

Hooroe (La dottrina di) negli SUU Uniti. MS. 

Monlealato e la aoa vera storia. 1214. 

Monumento (H) a Vittorio Emanuele tn Roma, t la 

Morale (La) e la musica, 12S4. 

Kore [Toma») a la tua utopia nodale. 686. 

MiKtaUU (Baau) fra gli Ebrei, lisi. 

— (La) Infantile, 84E; li tattjre più importante, 9IE. 
Morte apparente e eeppelllnionto prematuro. 1 140. 
Morti risiAcItatl col TBeirintoie artiBclale. 9SS. 
Molo (H) e la lua rappnaentadane, 961. 
Movimento letterario Inglese. 974. 

— aodale: Francia. Belgio e Svlaéra, t^2. 

— un • nndeelil ■ neU'India, 1065. 
Uoialt e le donna nella Bua vita, 89 

Hualk (II) e le tue qualiU caratterlatlcbe, SIS. 
HOUtf (J. P.) e 11 Buo Bletema di edncailane Oalca, 989. 
HuDldiMltuailoDe (La) a Olaegoir, A70. 

— (La) a Londra e 1 Buoi Inaucceni, £. 

— (La) ciltKaU da John Lubbock. ESS. 

— (La) dal pana a C^tanU. e la sua fina. 204.' 

— (I*) e Eli operai, 883, 

— (U) e I Buoi iDBUccea^ 19. 



Hnnlclpallaiaalone (la) e l'America. 11£8. 

— (La) In InsblltarTa : la noDfltta del ronnIdpalIaU a 1 niol li 
gnamanll. AOL 

— (La) utili Stati Uniti, SSl. 

Muiet (Maurice): suo omanlo a Oloeut Carducci. SU. 

Musei a nuovi) di BerUno, 493. 

Mueeo (Q) del brevetti di Waibington e la ans curloelUl, 8£S. 

— (H} dal Ubro, 4S6. 
Musica (La) a ili Ebrei, 409. 

— (La) a la morale. 1E34. 
a: Claude D 




ITapoleone e le aue letture In Egitto, 3£0. 

ITail (Nunrio) e li ano ptocesBO, 003. 7BS, SO», 1243. 

Naso (II) di Hlcbelangelo, 830. 

Natale e uti natalizi. loo. 

Natalità (Lai e la madre, 60T. 

— (li) e la Bua diminuzione, 10. 

Natnra (Lai e la sua protealona In STiuera. 804. 

Nanfrasl (I) e la dbcipllua, 410. 

Navi (Le) affondate e 11 loro ricupero, 018. 

— (Le) romana del la«o di NemL 040. 
Nebbia (La) e la ana dlspenlone. lOSi. 
Nesri (I) e I loro delitti pawlouall, 0S3. 
Netteiia (La) urbana, 708, 

New York e U suo bilancio, 104Cr. 

— quale «osgldL 1211. 

NltrMcadone (La) arilBcialr de! terreno, 4M. 

KoblltA (La) In America, 71, 

Nomi (I) di lnmio. 032. OIS. 

NorddentKber Lloyd (II) a la Ina storia, 339. 

Nonualltli (la) nella letteratura, 708. 

Sotlde blbHoeraflche, 22, 43, 70, 9t, 118, 142, 104, 191,' 212, t», 
203, 287, 311. 8S4, 308. 380. 407, «31, 400, 470, SOI, 027, OSO, 
074, 090,022, 040, «TI, 094, 719, 74E, 700, 791,812. 837,802. 880, 
910. 83B, 050. 980, 1007. lOSO, 10B4., 1078, 1102, 1124, 1147, UT». 
IIM. 1220, 1240. 

Novelli (Ermete) e la crttka americana. 001. 
Numero platonico a matematica bablkmloa, IISS. 

inM Allmentailnnc. 



Occhlab (Oli) In Cina. 720, 
Occuparionl femminili In Americ 
Ode (L') di ainnlo Balconi inlla e 
Olio (L') adulterato. 139. 



JuU morte di Slh Io 



is (Oli) SI 



1. 1049. 



Onori (GU) cattolici monopolio Italiano, 1128. 
Operai (Oli) e 1 loro nppresenUiiU alla Tumeri 

— (Oli) e glIntellettiiaU. 877. 

— (Oli) e la miinlcipalluasione. 803. 

— (Per (tU| v«ccU e Inabili In Svelle, Oli. 
Operalo (!■') Inglese e la sua vita famigliale, 11 
Op^o (L') e 11 ano commercio, 1071. 
Opeonlne (Le) nel sangue, 800. 

Oro (L*) e la BUS produilone mondiale, 31!. 
Ortlcoltnn (L') aclentlflca e Lutero Burbank, 3' 
Ortoffrafla (L') francese e la ana riforma, 23. 
Oecai re di Sveila, 280. 

Oslrii (Daniele) e 11 suo Is^fo all'Istituto Posti 
Ospedale (L'J botanico del prof. Bollcjr, 203, 
Oapedab (Ob) In Oermanla. 727. 

inclnlU, 830. 



,y Google 



MINERTA 



Buof SBTwrimt 



Paoa e gii«cn: U dliumo, bì 

— {!*) e ; 

— (U)e 

— (La) c an'Ecpotliione loternuloiulr. £01. 

— (La) e an mia dlfenMice neU'aiitlcliil& dotte, BBfi. 

— <L») unlvaraalB: olfl elle al df ve tmro p«r wtìcurarto, 7B1 . 
FadaiiDO III) nel OUppune, 7tE. 

— (11) e un suo pfeouraora: l'mbBlB di fialnt-Plerre, Ilo. 
Padri e Ogii In (JernunlB, S3&. 

— s madri nelle auUiblogri9e di alcuni lllunil Italiani, 6i. 

Paladino (Blu 

Falauo (HJ di 

Pali laleanad Indistruttibili, lìOO. 

PaUmseato (Un) di Arcldmede U»U MOperto, »£>. 

Panama (Il canale di) e I lavoratort dneal. SM. 

— e le BiM condtilaul atluaU, 323. 
Pane (II) e la bds falaUnflaDl. 13B. 

~ {H) e un nuovo liatema di Uevìtollone, BSS. 
PwiBermaiilema (II), *Ì7. 

— (Il) e la questione polacca. 2«S. 
Panici fliianilBil. 781. 

Panlfldo (II) municipale di Catania e la >ua llquldaiioiie 
PanlslanÙBnui (II) e 1* Mtta del Senuvi. fl37. 
Panslavismo (II) In Europa, 1£28. 
Parigi porto di maie. 71». 

— sDKurata. 1031. 



nenlarian 



lini e 



- (Il) « 



1. S04. 



Parlamento (II) americano 

— <II) e le tue lenteue, 303. 

— (Nel) italiano: U gruppo callolicn. 179. 

— iUn) Internazlonsle nell'aiim. 2000, 1079. 
Parola (La) e la sua energia. B&O. 

Parroco (II) eletUvo. ZW>. 
Partiti (1) americani. 40. 

— II) politici m Ctua. 7S0. 

— (I) reailonari In Spagna. 732. 

Panico (II) operalo alla Camera del Comuni. ! 
Pv^port) (rna rollcilonp di), BtS. 
Pater (Walter): vita e quallU carat (eristiche. 
Patologia (La) umana nell'arie, 180. 
PavUnentadone (La) delle etrade. 359. 

— (l'na) In acciaio. 1080. 

Peary (Roberto Edwln) e I suol viaRel. ^9. 
Pechino e «Il orrori dell'oceiipailone euro] 
Pedaeniia «esKUHle. Hot. 
Pelliua (Hiuaeppe) dn Volpedo, flSS. 
Pena (La) di oiortein Francia, flOO. 
Penna (Allauso Augiuto UoreirB). il nuoi 

Penna (La) di tantalo, 13. 

PenEiluni (Le) agli uomini di mare, oaS. 

— (Le) popolari nel Cantone di Vaod, 47B. 
Pericolo (II) cinese. 3»<.1. 

Perlli (I) medici neUe caute penali, «T. 
Peraano (L'ammiraglio) e la battaglia di 1^ 
Perugia e l'anima umbra. MI. 
Pe«a (L'induslrla delta). 1075, 



481. 



tafLelai 






FntnimaUrl f ruotd, 84. 

Poe (Edgardo) r i «uol amori, 1070. 

PoUelinlco (II) di Homa. lei. 

Pollila (La) di Chicago e la epecuUdone 

— : U servlido lemiDinlle, 33S. 



PiriiHa (La) adentinca SIS. 

— (La) t«desea a gU ItaUanl, 7A8. 

Polo (Al) In pallone: la apedlilane Wellman, 810. 

— (Vaio 11): U apedlHone Amundaen, 371; la spedlikme fetiy. S», 

481. 
Polonia (La) a 11 pangn 
Polvere (La) w 
Pompa (La) nal colto religioso, 2TE. 
Pompai (Una) greca: l'IwU di Tira, 497. 
PopDlaiIone(I«) europea e 11 suo movlmentodurantenn secolo, 1032. 

— (La) ttancese e U suo movimento, 27Z, 330. 
Popoli (I) come imparano a conosceid, 076. 
Poct-Artlmr quale è oggidì. 144. 

Porti (I nosUi), «42. 
Porto-Klco e le His anamie. 034. 

Poeta: la riduilona dell'aOiancatura delle lettere In Franela, SS». 
Poste (Le) la Amolea, 534. 
- (Le) secondo le [4d recenti statistiche, 375. 

Foulsen (Valdemaro) e 11 suo apparecchia di letcpiBa senia flU, IllS. 
Poveri (I) a la loro assistenia lo Bveils, 810. 
Povero (11) e la difesa de' suoi diritti, 022. 
Predicatore (Un) di moda a Londra: Il padre Vaughan, 308. 
PredLdonl meteoroloBlche secando un nuovo statema, S!>. 
Premi e punizioni nei ginnasi tciIeBchl, 79fl. 
Pretori (1), Is loro competenza eia [riccola proprleli agricola, 184. 
Previdenza (La) aU'Bspoelllone di Uilano, 181, 303. 

— (La del preti francesii 1176, 

Prigioni (Le) e II alsUma carcerario, 6, 1E47. 

Primo Maggio (II) e la sua cvoludoue. 524, 

Problemi circa l'educaiiooe. B4S. 

Produzione (La) e la aua llmltaitone, 80, 

FrolnaioDlsU (I) tedeschi e la loto condizione economica, 984. 

Prorrssurj scambiati tra le Vnlvenlti. 637. 

Progreiao (11) che cos'*T, 985. 

Proletariato (II) negli Sta» UnltJ e 11 suo tenor di i1U, 319. 

Proprietà (1a piccola) agricola e la competenza del pretori. 1B4. 

— (La) collettiva jiell'eslremo Oriente. 494. 

— (La) privata in tempo di guerra marllllnia, 71. 
Proprietari (I) terrieri e la loro orgatiiizailnne. DO*. 



Prolw 



catlolicls 



PlIcoInKla (La) moderna e la sopravvivenia ui 

— (La) Dell'arte moderna. 31« 

Puccini (McolA) e U festa deUc spighe. 732. 

Puericoltura, iMl. 

Pullman (Il primo) di acd^o. 840. 

Puntegglatuni (La) e I suol diretti. 816. 



Q 

Qusrio (11) e le sue nuove appllcszlonl indnilrlall. 111)4. 

quattro Luglio (II) negU Siati Uniti, 824. 

Questione (Una nuova) IntemaElonale: la regione dell'Atto Adige. 

— (La) religloaa e una Inchieste Intetnailonale, 505, 789. 798, 832. 

Questioni di atluallU negli SUtl leniti: la munlcipalliiBElone: U 

Canale di Panama e 1 lavoratori dneei: la dottrina di Uonroe 

QiiKSTioM DKL oioHHO IRipì : 18. 40, 67. 91. 115, 139. I«0. 187, 
209, 23S. 259, 484, S07, 331, 364, 378, 403. 428, 461, 'l73. 498, 
524. 548, 57C. 593, 619. 643. 688. 892. 715. 739, 784, T88, 809, 
835, 859. SH3, 907. 033, 952. B78. 1004, 1121. 1145. 1171. 1193, 

vili pubblici, rltorme tributarle —- Il disservizio ferroviario: sue 
cause, sua' natura — Industrie e burocrazia — Insuccseal di rnu- 
nlclpalluazlonl: Londra, Catania, ecc.. 13 — La grave crisi tM 
Francia a Vaticano — I>s noi: Il disservizio ferroviario e II di- 
scorso deD'OD. liianlurco — Scioperìi di msreed emigranti: l'opera 
del Commissariato di puilgrarliiue — L'opera della ■ Dante Ali- 
ghieri •: riforma radicale necesearia. 40 — Lo «clogllnwnto Im- 
l»wvlso del Beichstag — La lotta fra Stelo e Chiesa In Francia 
— Lo sciopero di mare e II servizio postele, 87 — La situazione 
politica In Europa — Organliiailone di elasse e organliiartona 
politica — l'n Istituto commerdale... e la legge. 91 — Una sccel- 

DnlirchyGoOgIC 



MIKEEVA 



lente opcrulonB: U Bum d'Itali* e la SodeU Italiana Aiilctda- 
Indu«tiia[e — L'uleodi ferrovlatU, US — La conterenis del 
Duci deal' Atrniri: a Bonu e a Londra — 11 ■ Olnllo Cnar» ■ 
all'Argentina: ouervudanl ovvie e„. intltolstolaDe. 139 — lA 
Donluenia del Duca de«U Abraizl e quella di FerdlnandD Mar- 
tini — I guai del palaiionl mastodontici: 11 PoIlcllnK» romano — 
Le feiTOTle por I lenovlerl s le biblioteche... per 1 Mbllotecail. 100 

— La eataatrote di Kingston— BcbermagUe poli delie In Tfanda 
e (n Osmania — Da noi: tre morti llluitri: Emeelo de Angeli, 
Giuseppe Saracco, OiailadlD Aacoli, IST -- Le eleiUoiil In Oerma- 
uia: la Motilltta dal Mirialltd — Ancora le 'errovlp di Btato — An- 
cora mnniclpalluailonl, SOB — Il • lacnel ■ tutta la Manica e le 
appraniloDl IhbM — Il dlmervlilo feiroTlari - e la proposta com- 
mlvkme parlamentare: «abyseue abj Hum Invocati — Il clnouaa. 
tonarlo deU'nnlU della patiU e I c(ni<l<fUerl clericali di Torino, MG 

— Li paiola di Edoardo VII — Ancora la KonAtta del soriaUatl 
In Germania — I «ofi.ili»ll e 11 noelio dtafervlilo ferroviario — 
Laoamorra napoletana: l'opera della P. 8. e l'opera del cittadini, 
Ua ~ Oloent Carduc 1. ZM ~ n centenario goldonUno: Ooldonl 
a CaidDCd: Ooldoil a VeneHK — Il voto politico lUe donne — Die 
■arrido lerrovlarlo: pruteete d'induetnall: energlaprltata e apatia 
pabUloc eonieguenie, SOT — Le eleilonl municipali a Londra: 
Il loro dgnlllcato — L'agitAilane del muratoci a Soma — n no- 
Btro aervlilo lerrovlarUt cltatn come apauracchlo — Zucebeio e 
petrolio, 331 — La luorte del mlnlttm Gallo e la (crive malattia 
del mlnletro Manlmlnl — La viu del mlntatrl e la noetra dlw>r- 
ganlataMoiie politica — La Commlealone Reale per la riforma 
d^la scuola media — I/InsegnameDlo delle lingue moderne: 
qaeitliHil di metodo e di tempo. 3S4 — Ancora gU Insegiiatnentl 
di lingue moderne — Le seilonl di llAilogla moderna nelle Unl- 
venltà — Bsagerailonl e denclenu, STO — n monumento a Tlt- 
tcflo Emanuele — L'eleilone di Schio: uno idgiilflcalo. 403 — 
L'Incidente tnneo-maroechlno — n convegno di Rapallo — La 
rivolta agraria In Ramenla — II Re d'Italia In Grecia — L'agl- 
laxkine dd KittaSlelall, *SS — L'no sguardo TetToapetdvo: dCre 
tncoragglanU, «61 — Perii IBll — La caletta del viveri a Roma 

— Un provvedlraonto municipale. 173 — Il convegno di (laeta 
e la stampa tedesca— 01! armamenti dell'Austria — Il varo della 
■ Boma • — La tolga Florio. 498 — La festa del Primo Maggio; 
ma neceesulB evoluzione — La pace e la guerra- disarmo mate- 
riale e disarmo morale, set — Ancora k> scandalo del Palano di 
fflosH^ — L'na moilone per la sempUflcadone del pobbllcl 
larvili — LlndennllA al deputati — la tutela del mlnorenn 
un T^eto^salmo caso, B40 — I4 slstemaslone dell' ITnl versiti 
romana: questione grave e urgente, 6V2 — Le eleilonl austriache: 
suffragio nnlversale, clericalismo e socialismo — Da noi: la lotta 
elettoile a Bergamo: clericali e liberali; un letegraimns e la 
Destra, SB3 — In Parlamento: gravi accuse... seni» querele — 
La legge sull'emlgrailone. Il Commlssaltato e la reladone della 
Giunta del bilancio — La tassa sulle aree fabbricabili: principi 
teorici e appUcationl pratiche, 310 — Ancora la camorra — La 
pubblica sicureua — La magistratura — Le richieste del mini- 
stio deOa guecri e la Commissione del Dodici — La morte del ca- 
pitano l'UveUl. 343 — Il caw Nul In santenia dclU Corte di 
eassaaloae: la lagHlIU: sguardo retroapettlTo: conseguente, 3M 

— Lo sologllniento della Duina: li nuovo caos russo — La Con- 
fecenla dell'Aja: sguanlo retrospettivo — In Frsncla: l'aglta- 
done dal vltlcullori — Un nuovo tiionlo della nostra Industria 
automobilistici, «92 — L'sgltatlone nella Francia del Henodt: 
sue eanse e slgnlBcato — Un confronto: Frincii e Oermanla — 
Le Ttolenie bestiali del CroatJ — Scenate parlamentari e verterne 
oavallereecbe, TIS — Giuseppe Garibaldi, 73B — La rivalità 
del Giappone e degli Stali Uniti: cause vere e Insormontabili: 
lene e coniUilonl rispettive: sitaailone pericolosa, 734 — Ricordi 
gsrlbalditil — Lo spirito pubblico di una volta e quello di adesso 

— L'arresto dei deputalo Nasi, 7M — Ancora l'arresto del depu- 
tato Nasi — Il Senato cosUtulto In AIU Corte, BOB — H SliUbo 
di Pio X, 835 — I* Conterenia dell'Ala: una proposta dell'ei- 
mlnlstlo Hanotaai — Le cose del Marocco: la Francia... e noli — 
Scandali e tumulU -- Il regno deU'suto mobile: Il trionfo di Sci- 
pione Borghese, 859 — Un Parlamento Internationale all'Ala 
a uno a Stuttgart — La guerra e la pace — L'> 1'topla^i — JEspor- 
laiionl e Importailonl. 883 — Ancora 11 Congrenso di Stuttgart; 
eserciti permanenti e nationl armate — ItaUa e Austria: ■ novuB 



- Il mese del Oongressl 



Il Con- 

lelPonO- 
illrl isoTVadi- 



ordo ■ — Dehttl e brutaUIA — Ancora U SUI H ■■ .07 — L'indvlll- 
mento del Tatari — Il i>' lonaliimo Indiar, -TUmer Soeletts» 
egrandl manovre; vantaggi delle une e de e nllr»; ^nsegnimaotl 
pratici, 033 — Il manlsaKi e I* statistica: , amnl non ■parlsoona, 
inil lumentano — Le Camere del lavoro: alcune rMesetoDl — 

I furti nelle nostre ferrovie — II Congreaso del maeatrl e un omag- 
gio a Ciispl — Per la Ito 
L'Enciclica di Pio S. Vlt. 
STI seo di Cremona -r- D tr 
revole Luiiattl — Meno mUUrdo per le ci 
mei.tl necessari — Monsignor BonomeOI e U 

— LoscloiwrD. 1 fatti di casa nostra... e la stampa tngleee '. — Ito- 
gtnsl msgglori della nostra stampi — Inondaiioni e rimedi) — 
La -Tavola Rotonda-, liti — Crisi di Borsa e crisi Indnstilale 

— Il bilancio del primo qnadiimestre) '— Lotta contro la arisi: 
difetto di organliiaiione — Jm FacoltA Commerclalei — Lk 
eompoddone del Reichanth: confronti — Ia questione Nasi. IIU 

— Fta operai e SodeU letTovlarla Inglesi: nonfrontl — Rmannela 
Olantnreo. 11.1 — Il Kaiser 1 Londra- Ingled e TadwsM: ri- 
valiti nel campo Indnsbrlale: prevtskin] — L'on. Bertalhd al 
Mlnl"tero del lavori pubblici — La erw e 11 Consordo banculo 
~ Il processa Nssl.IIBS —L'[7niver:<IUi Italiana In Austria. ItlT 

— Ancora II processo Nad — Una htta vcfan:iente bnrkana — 

II monumento a DanU, 1243. 



Radio (Una discussione Intorno al). II. 
Radlobl (I) di Burkfl, 400, 
Badlatelsgrafia, vedi Tsleftralla. 
Rame (llj dIvenU un metallo predoso. 7»S. 

— (II) e II suo avvenire. 11B9. 

— (DJ e la sua tiasfonnadonr In litio. 1111. 
Rapporti (I) commerolall del consoli americani, 431. 

Rassegoa settimanale della stampa, i3. *t. 71, M, lift, 143. 187, 
191, 21S, 23». 233. 2S7. 311. 334, 368, 388. 407. 431, 4M, 470, 
SOS. iìl. 650, 575, 608, 823. 947. 371, 8B&, 71B. 7*!, 797. 7BI. 
816, 83e, 883, 887, 911. 935, 058. BBS, 1007, 10(1, 1066, 1079, 
1101, 1127, USI. 1176, 1108. t£2S. 1243. 

Rasia (If ) bianca: proposta di un • trust ■, 144. 

Riclame (La) >■ le sue molestie, £07, 

Rrddlti (I) del lavoro e del cspluie negli Stati UnlU, l*t. 

Releilonl Ile) si'olaitlrhe gratuite. iBh. 

Regi me alimentai 

RrichiUg (Il nuo 

Reld (Whitelaw) e II giornalismo. lltT. 

Religione (La) e li sno Integnamenlo nMtlI ?tatl VnlH, S>7. 

— (Sulla): Idee fr«ncei.|. 1040. 

~ (Nella): lo spirito e la lettera, 1204. 

— (La) nell'Italia ndlCTna, 848. 

— (Intorno alta); una Inchiesta Intemadoniie, 606, T«9. 798. 8SE. 
Repobbilca (La> p 



'alo» 



e, 265. 



Respiratale (II) utlflclsle del prof, O. Poe, 9i8. 

Responsabilità (L'idei di) e U scienza. 071. 

• Eestanrsots ■ (I) (Il Tarili, 854, 

Reaurredone (La) del morti. 968. 

fietleeUe (Le) a Incandeseenia per riPumlnadona a gas, lOZE. 

Rlccheila (La) e il suo vangelo, 9T. 

— (La) e U sua evoludone: medlol e chirurghi, 1» ; ptttorl e 
scultori. 141. 

RlDchesse (T.e) In Frauda e la loro rlpartldone, 81. 

Ricco pio di Rockefeller, 336. 

RIBuH (lì delle grandi città, 708. 

Righi (Augusto) e II snn giubileo, 47B. 

Risorgimento Italiano negli Stati UnlU, 893. 

Risparmio e coopenudone In Inghilterra. 48. 

Blstorantl gratuiti per le madri che allattano. 130. 

Bltrattl ixdi Dluslradonl. 

EivisTF iTAuiiNK (Atlrovenifl le); Giuseppe Glicosa. SO. — Adal- 
berto Stlf ter -novellatore, 68. ~- Per la Sila, 68.— Oli Italiani ^- 
l'estero all'Bspoeldone di Milano. 68. — Roberto Bdwln Peary, 
S9. — Emlgradone e benedcenla. 30. — Ini{nsllfa n 



miUUre di 

L_,oogre 



MINERVA 



stato e Icdiutrlft pclnta. SI. — Tltliinni iidl«ritiliiiiin W — 
L'uiuchla itallua, SS. — I aocUUatl e le ijKst nWMli 03. — 
Padh a nuidcl nane aDlotlocntle di alconi lUostrt Italiani, M. — 
SlaiiWao Solai). 85. — Proemal dell'agricoltura nel BelaiD, tS. — 
Lo ivUniipo Igtenko, dunograllco a uMtario di ToilDO, t». — 
I modici pelili nelIflcauM panali, 87. — FraocU e Stali UDitl,lT7. 
— L'emlgraiioiia e te me ooiuesuaDie In ItaUa, 177. — Le bl- 
bllatflClis popolari e l'eapaimento di Ulano. 178. — H gruppo 
parlamantace cattolico, IT». — Statlattdie nnlversltarie, 180. — 
La preridenia all'EspoalriOBe di Milano, 181, — Io sviluft^ 
delle snodi città ItallaDC, 18.1. — Per una HtUmana agricola 
annuale * £oma, 181. — La oompetenta àtì pretori e la piemia 
pro|ffletA agricola, 1S4. — L'istrudone agraria femminile, 184. — 
Latorblneavapore, 186. — La patologia umana nell'arte, 188.— 
Clara Vlablg. £B8. — Le relazioni tn l'Italia e gli Btatl Uniti 
dal 1847 al 18«1, £07. — Il pairoco elettivo. 299. — In memoria 
41 Fedele lampartlco, iW. — I glaidlni operai. 300. ~ Uedla- 
nluno, 300. — Aeronautica naTale, 301. — Oenninla poliglotta, 
t02. ~ La pievldenu all'Eapoalilane di HUano, 303. — I gioniall 
napoletani del 1848-1840. 301. — La Biblioteca Olowiaca di Fi- 



!, 305.- 



L'ordina 



-La Une 



degU apari grandlnirughi? 303. — n eontratlo di eoldvailoDa dei 
cereali a Intereesenia, 307. -~ Le candldonl economico-mclall 
— Il compito dell'esercito nella lotta contro 
no, 418. — Una dvllt* «comparM dell'Eritrea, 418. 

— Oluwppe Baracco; aneddoti. 410. — Goldoni a Torino, 4Hi. — 
Una figura goldoniana dopo li Goldoni. 4£1. — Le energia degU no- 
mini, 422. -~- Va esemplo Ignorato dt redenilone agricola, 423. — 
ti problema driia irrigaxliine, 424, — L'aumento della produilone 
agricola ttaUana, 424. — II Huhw del libro, 425. — La dbicipUaa 
Del naufragi. 425. — Una atatlitlca tvUe coofieratlve di coiuomo 
In Germania, «28. — Oli ultimi itudl suila.vla lattea. 427. — Il 
oommerclo librario tedesco e U ■ BOrunvereln > di Lipsia, BS5. — 
Un moderno rlnnaratote della musica: dande Debussy, 538. — 
La nuova Aasoclailone Italiana per il progresso della srienia. G3T. 

— La botanica rivoluilonaria, 539. — La tutela dell'I nCanils, 
640. — Ferugla e l'anima umbra, 641. — Giosuè Carducci e l'im- 
morallu del teatro. 542. — I nostri porti. 642. — La dltettis- 
■ima Firenie-Bologna e la difesa nailonale, 544. — Come difen- 
dere dagli Inquilini le caie popolari?, 544. — Arte e letteratura 
Italiana a Parigi, 545. — Le navi romane del Ugo di Ke'ml. 645.— 
La soFiravvivenia umana e la peicologia moderna, 050. — Le 
condUlanl Igieniche delle nostra scutda, 063. — L'indiriuo scien- 
Uflco dall'I od usiria cascarla, 054. — Nllano twnellca e previdente. 
855. — L'Imposta sulle aree tabbricabiU e il nuoto progetto di 
legge per Roma. 056. — DI un carattere della pIQ recente lettera- 
tura ItaUana, 867. — La Sidlla e le Indintiie marittime, B5B. — 
L'opera del Bonomeiiianl a Berlino. 860. — La fine dt un alosofo. 
OBI. — Lo sviluppo delle grandi dltA, 802. — Letteratura In car- 
cere, 086. — La verità sulla Rusata. 688. — 11 centenario di Ga- 
ribaldi e la politica Italiana, 774. — I Cacciitori delle Alpi, 775. — 
La epigrafi garilialdlDe, 778. — La linea marittima- ferrovlariD 
Napoli-Palermo, 780. — 1 romanil di Garibaldi, 781. — La fesU 
delle spighe, 782. — Il prohlem 



-Ileo 



lo ItaUano nelle s 



una mamma, 785. ~ I salari del contadini e l'esulo dal campi 
natii, 788. — Migllotamento delle strade di campagna, 787. — 
Par I nostri figlll, 889. — Zoologia e acqulcultura, 800. — La leg- 
genda della Veronica, 831. — Blsorglmenlo Italiano negli Stati 
Uniti d'America, 893. — La battaglia di WaterioD secondo una 



pubblicai 



biologia i 












7. — Mers vigile ari 
le, 809. — I balocchi e Io ivlluppo Int 
Il dispensario per lattanti di Torino, 
l'aperto in Italia, 908. — Una nuova critica del parlamentarismo. 
904, — Giuseppe Mastini e la spirito Inglese, 906. — L'organiua- 
ilone del proprietari terrieri. 908. — L'Invasione del vini francesi 
In Italia i comlnclalat..., 007. — Gli studi lUIlani In Francis. 1012. 
— Un cimelio patriottico del 1B£6. 1016. — Il problema degli 
impiegati, 1016. — Pei la musica sacra, 1017. — Kuovi ortuODtl 
della bibliografia. 1018. — Antimilitaristi f. 1020. — Le Unlver- 
■ilA popolari Italiane, 1021. — Le reticelle a incandeacenia per 
rUlundnarione a gas. lOii. — La donna neU'IUUa meridionale, 
1023. — Le Leghe turali di mlgliocameuto In Italia, 1024. — Per- 



eb« U Menato dell'ulivo t biennale. 1026. ~ La settimana sgia- 
il> » CoecgDt, 1026. — L'Endcllca circa le dottrine moderalste, 

1168. — OH iMoJttl nelle Università ItaUane, 1180. — Boma al 
mare, 1181. — La dacadanxa della Boclaldemocnda tednca, 1104. 
— La fondanone Zcbia, 1105. — La lotU per il tenore di vlla, 
1107. — Paese e Governo. 1108. — La industrie femmlnlUltalluie, 
1109. — L'evoluilone odierna del socialismo, 1170. 

Bivolta (La) agraria In Bomanla. 605. 

Blvolnrione (La) msaa e 1 suol orrori, 603. 



Bonu al mare, 1181. 

— a il suo sobotblo Industriale, 576. 
Romanil recenti di scrittrici Mdesche, «24. 
Bomanio (Un) coloniale tedesco, 329. 

Boosevelt (Teodoro), pnaidents degli Stati Unld, 1057. 
Rosai (Gaetano) e la sua stellone a Schio. 404. 

— (Giovanni) e le me memorie autoblngrsDche, 421. 
KunuDla(La)eDenMtrioSturdia, liti. 

Ruote e pneumalld, 84. 

Russia (La) e le sue condlrionl interne, 433, 000. 



BabaUer (Panll Intorno al eonUltto Ira Chlfla e Stato, 52T. 

Salnt-Gaudeos (Augnalo) e l'opera sua, 1097. 

Salnt-Plerrp (L'abate di), precunore del movimento pai-lllsta, 116. 

Salari (I) del contadini e l'esodo d»! campi natii. 780. 

Saliva (La) a la sua funitone, 1127. 

San Francisco a II mo rinnovamento, 1142. 

Sangue (II) e l'intluenia della Ince, tw. 

Saracco (Giuseppe). 188; aneddoti, 419. 

• Satsnma ■, la glande corauata giapponese, 144. 

Saturno secondo gli ultimi studi. 004. 

Scandinavi (GU) a 1 loro Insegnametitl, 009. 

Schio e la sua elesloae, 404, 

■ Sciama Cristiana • (La) e le sua dottrine. 490, 553. 

SciKHzi it iHvniioai: Una dlacnuione Intorno al radio; La cor» 
del ccetlnisroo, 12. — La panna di tantalo; L'Igiene deN'in- 
t«Uno, 1". — Gli Impianti elettrid e la salute umana ; SI deva 
dormire dopo 11 paato?, 14. — La telefotegrafla. 109. — Cu ap- 
parecchio per permettere al claclii di scrivere al non ciechi; I 
ciechi e il massaggio, no. _ II esca e 11 gatto e la propagailona 
delle malattie; La ecetu di un appartamento, 264. — l'n'opeia 
IntoiTLO al magnetismo vitale; L'utilluarione dd reddni Indo- 
Btriall, 266. — I progressi dell 'lUu mi Barione, 250. — I« pianta 
arlJflclaU, 399. — I radlobi di Borke, 400. — La bunpada elettrin 
Hellon; GII InconvenienU delle ferrovie metropolitane sotterra- 
nee, 401. — Le formiche e l'energia; Ia non-contagladtà dell'alo- 
pecia. 402. ~ Ia stesone radlotelegiaflca di Kauen; L'asduga* 
mento delle costruzioni nuove, 403, ~ L'aria delle città a il tao 
inquinamento, 620. — Progressi balistici; Una questione dJ )ui- 
tropologia, 522. — Il gilsolo; L'odore del metalli; L'arta di farà 
li the, 948. — Tabacco sanu tosilco a pipe igieniche; Il ili 
delle clrconvuluitonl ceiebisJl, 949. — L'sutomoblUamo e la là 
L'energia della parola. 950. 

Sdenia (La) e la wuoU, 120. 



- (Una) 
Scienie (Le) ni 



irali e 



namenlo, 120; nelle scuola «1 



enUri, : 



Scioperi e serrate negHStatl VnlU, 1176. 
Sciopero (11 diritto di), 408. 

— di mare ed emigranti, 40. 

— (Lo) e i ferrovieri inglesi, 1171. 

— (Lo) In Italia e la stampa Inglese, 1121. 

— (Uno) troncato pel Inglunllone, 1240. 
Scoperta (Una nuova) agricola, «01. 

Scrittore (Uno) realista americano: Jack London, 226. 

Scuderie (Le) deU'imperatora di Germania, 2B8. 

Scultore (Un grenda) americano: Angusto Salnt-Gaudens, 1097. 

Scultori: loro guadagni nella varie epoche, £41. 

Scuola (La prima) aU'aperto hi ItaBa. MS."^ r\r»0 In 



MIKBRTA 




— (Cu) pa- le nudil. S2. 

— (Ia) ranimuitata, 417. 

— (La) ninle. 1£38. 



- (Le) e b TiidU medica. 61 



-(U)< 






— (Le) lUUue > Tripoli. Ifll. 

— (Le) ltkU*De e le km oondliloDl Jslenlcbe. US. 

— (Le) nelle Urtate lo CitniiaDla. BSa. 
{Vedi amche lAlJuikine e InaegnAmento). 

Seentublo (II) deU'emigrulaoe ttmUna > Berlino, («O. 
SemiBl (La ietta dei), «37. 
SeppeillmeiitapmiiaturoeToortejLPpareate. lltO. 
Serpenti (I) e 11 loro veleno, 10«9. 
Sanata e adoperi ne«U SUtl Uniti, 11 7S. 
SmtW pnbbUd munlclpallaatt mM H 
Sete (La) artUdale e U tua fabbneadODe, S8. 
Bettimaika (La) agraria a (hiorssi. lOtS. 

— (Fcc una) asrkola aunnalt a Roma. IM. 
~ (La) InglM*, IH». 
SbaJnapean a 1 niol drammi npprcwDlKt] da *t 

— B le ane oognUonl madkbe, i*t. 

— ghidicKtoda B. Staaw, 97», 

— odiato dal contadini nini, 1S£. 

— ilndlcab) da Totalol. 77. 1(0. 

— o Bntlandr. £S. 

— Don» d'affali. ICM. 
Bhaw (Bonardo): le sue Idee e l'oprla una. lOM. 



lay, 110». 

la (L«) a le tndiutile 



ti Uniti, ISS. 



StU (U) e U lu 

amibo (n) di pio x. «as. eoe. 

Slndasalian» (n) In Franda. 1 

ffindMsU m agrleoU nel BntM 

Sindacalo (Un) di UbUolacha d 

«udlng (SUphan). Il tHchelangela i 

SUiteal (La) dri corpi organld. I0«!. 

Slnud (BUiabett», artlata botogncM, 4M. 

Blatama (II) metrico dedmale la Inghlltem. 4KB. 

SbiTt (QB) in Europa, 11£B. 

SmaUer (Oionlo) e 11 slOTnallnno. 1137. 

• Smart set • (Lo) e 1 suol peceaU, 383. 

Soaol (I) a U nuova arte d'Interpretarli, 1090. 

Solari (Stanislao) e la ma open aerloila. OS. 

Soldato (n> e la Boa aHmantadona. 3M. 

(VtM multe Esardto). 
BoDefioo (n) a la ana erohiilone. 1014. 
Soono (H) dopo piato. TOC 

— (H) elettri!», OSI. 

Soprawlvenia (La) nmana e la ptlcoloRla moderna, AliO. 
Sottomarino (II) e D mo valore, 430. 
Soclaldamoeraila (La] tedaaca a U ina decadaoia, IIM. 
Sodallamo (II) a 11 au 

— (Q) e la ana odloiu evoludooa. l 

— (Il) In (Jennuila. 110. 

— municipale, wtt 
~(n)identtaoaal 

io fenoviatlo. 100. 

ri, u.ioa). 

I al poveri, 9ti, 
-~ (La) eteginte landineaa a le nie colpe. SM. 

— (La) lUHana Asrloola Indoitrlale e ti Banca'dl 



SooteU (La) lecrate In Cina, MT. 

Souuai : Blviata baj>«< ndU copartte», pa(. Tir, del nnnMri 4, 8, 
li, IT, il, a. M, H, ss, «£, 4S. 40. ~ BlvMa Ingleai, &, 9. 14, 
13, U, ES, IO, SS. 30, 4S, 4A. 60. — KlvMe Italiane, t, «. 10, li, 
IB, a, 17, SE, 13, 40, 41, 44. 48, ti. — Klvlite tadscbe, S, T. 

Spasu (La) e 1 inai partlU poUttd: 1 reaUanarl, 73X. 
Spari (Oli) grandlnUDahi; la tlncr. SOS. 
Spencer (Erberto): aned<}oti, 124i<. 

— e le ne perplenJti miDrlmordali. 490. 

— : mal rlocnll, 1S4. 

Bpeaa (La) mlUtart e I udallsti, 03. 

BtiattacoU di Parlai da dnqnant'anni In poi. 048. 

SpfioUtura, £0, 41, 00, M. 113, 140. lOE, 13». £11, 337, 231, EM, 
309. 333, 357, 37B, 40S. 4£B, 43S, 474, 499. MS, S4S, S73, BOB, 
OSI, 044, 009, 091, 717, 740, 7S^ 790, 811, 880,800,886,009, 

034, 954, ,e7S,;ioo{>, iO£g. 1063, 1077. noi, ii£S. ii4o, iiTt, 

1195. 1310, IMS. 
Spirito (Lo) e 11 lettera ndla religione. 1£0S. 

Stampa (La) giapponese, 1087. 

— (La) operala na^ SUU l'nlti. 173. 

— (lA) tedaaca, tOSS; lIogleR e ritaUana, 1111. 
iVtdl aacJke OtoraalbDio). 

Stati umtl e Ftandi, 177. 

— (OH) • U Giappone, 704, lEOI. 

— (OH) • Il loro Incremento economico, 1 1 >. 

— (aH) e t kro perieli 463. 

— e Italia dal 1847 al 1801, E97. 

— (Od) e la loro popolaHone, 793. 

— (Oli) e la loro potenia nanle, 749. 
StaUaU (Il primo) obesa: Yuan 8d-k>l, OH. 
8tatlatlGhe(La)eUlorotalhcU,OSl. ' 

— unlvHal tarla, 180. 
Stato a Chlaea In Francia, Al 



- ():.a) e U CI 



i,K04. 



e Cbleca: ojdnlanl del cardinale Gibboni a di Pani Sabattar, SU. 
etatara (La) nmana. 818, 837. 
Slaail (W. T.) e il giornailinio. 1137. 
Stenomatro (Io), BSE. 
StUter (Adalberto) noveOatire, 5 



le (Le) di 



enlo, 787. 



— (Le) e 1 vari generi di pivimentuioneL 360. 
Stianieri (GU) la Francia, 303. 

Strapauo (Lo) e 1 mol danni, 513. 

Stranae-Tomay (Lnin von) a i suoi romaiud, 9£0, 

• Stnptolhrii •(Lo)e)a malattia che esaodetondna nel acnall,401i. 

Strutto (Lo) falsIDcato, 130. 

Stadentl (OH) dneil aU-eetero. tS«. 

— (QU) e l'Iitnudone deall operai, US. 
Studi (OU) italiani In Frucla, lOlK. 

— (GU) superici modem) e l'intidiltà diarin, 1009. 
Stufa (Una) appesi al muro. 90. 

Stnrdii (Demetrio), 1111. 

SulTriglo. trdt Bledonl, Elettorato. 

Suggestione (Li) e 11 mo tiIotb terapentlco, 490, 911. 

Suicidio (Contro 11): gU uSld daU'Eaerdto^dalU Salute, 46S. 

— sodale, io. 

Suolo (II) e la ms taisadone. 29, 020, 053. 
Snseldi <I) illi mirini mercantile in America. 354. 
Svedese a dibeaaT: l'edaeailona flaica, 993. 
Sviuera (La) a la protezione della natura, 804. 



Tabuico (II) a gU eflettl dal suo tanto. 7' 

— Mnn toaslco, 049. 
Tana (La) sul labbrlcatl In Fnndi, SS. 
Tassazione (La) della proprieti fondlir 

— (U) del snolo, 19. 

— : limpoeta anDa aiea fabbricabili. 020, eSB. 
Tasaimetro (II), lOSO. 

Tantalo (H). 9 



— (H) adoperato per la ts 



i-b^Oogle 



MINEEVA 



Tatui a) • 1> loro dvUtà. eis. 

TsaM di Fufgl di dnqrant'iDTd In pol,Ms, 

— (I) popoUtl oD'lIlk ^KTtA. 274. 
T«atro (11) contro U divoralo, iSfi, 

— (11) dalle ourioQstte, Sft. 

— (Il) • U «DO uUlcki secondo Olocai^CudnccI, M2. 

— (Il) moderno, BO. 

— (Il) pa 1 lindulU, 847. 

— (Il) Tlddlih, B7§. 

Tecnica (La) tedesca negli nltlml dnqnant'annl. 61. 

Tedeschi a) e la Oeraumla nella letterattm francew, 746. 

Tslacmonlo (II), GTS, 

Telefoni (I) secondo le ptCì recenti slAtistichB. STG. 

Telafonla (La) alila, 744, 

Telefono (II) e la lua^narda trionfale, 047. 

— 11 e le sue naovc appUcaiUml, ABS. 

— ; il primo cavo, IIM. 

— (Il) nella Bvnla, ei£. 
Tdetoloaralla (La). IDB. 

Tstesrafl (I) secondo la pia reontl aUtlillcba, 370. 
Takwrafla (La) Haiconl e la dlHimilUU delle torpedini. 747 

— (I*) senza BIl e 1 sncd recenti pioEreasI. iOS; la atsido 
" ■"" una Importante k " — 



od» ti 



«tabi, 4 



!4e. 



Tenoe (ni di vita, 1197. 

Teppa (La) passai..., TBB, 

Terre (Le) ancora Inesplante. SIS, 

Terreni (I) fabbricabili e la loro taaeaxlone, S£0, US, 

Tbe (II) e l'arte di prepararlo, S7Z, MS. 

— (D) falsificato. 138. 

— (Il), la sua prodniloDe e a tno conaniuo, 414. 
Tbera (L'antica) e I suol scavi, 407. 

Theurlet (Andrea) e l'opera loa, 7U. 

TblmonnlsT. llntentcre della •"-'-''■'- r da cndn, SM. 

Tipografia (Una) tascabile per 1 ciechi, 110. 

TlrodnlD (O) nelle offldne degli Stati tnltl. 1S4, 

Tolstol: tuo giudizio su Shakespeare. 77, 

Torino e 11 suo sviluppo Iglrnlco, sanltsito e demograllco, M. 

Torpedini dirigibili mediante U teletcrafia Harcanl, 747. 

ToiTlglana(P]etTo)loiicultoteche mppell naso a Michelangelo, SUO. 

Tosse (La) In chiesa. GE§. 

Touiing Club (11) Italiano e la gnuide carU d'ItaUa, UO. 

Trafalear e Tsusclma. 7S3. 

Tranci (Per I) urbani, 104e. 

Trarnvle (Le) municipali a Londra. £. 

Tisnsvaal (11) r»tltul(o al Boeri, 4gs. 

— (Il) sotto il Ministero Botha. 384. 
Treni, wdi Ferrovie, 

Tribunali (I) inliltail in Sviuera. <«£; in vari paed. SIB. BIS. 

— per fanciulli e libertà sorveglUta, 71. MO. 
Trust (II) della raiza bianca, 144. 

— (Il) del peUoUo multato. S63. 
TniMlma e TTatalgar, 733. 

Tu (11), U voi e il lei. Ili*. IMI. 
Tubercolosi (La) a bordo delle navi meican 



DnlvenitA (U) Italiana In Austria iFri gimiattoi, 1E17. 

— (Le) IbUlans e U kan IreQuantatfDne, 1100. 

— (Le) popolali Italiane, USI. 
Uomini (I Krandl); quanto lendono, I7a. 
tiova velenose, 72. 

TTsanle (Le buone) militali. 450, 
Utopie sodali. as4. 



Vagabondo (TI) t«deaeo, 47. 

Valori a) Ad suolo e la loro tassazione, £a,fl20,«U. 

Vangelo (11) deDa rlccheaia, ST. 

Vailettt La chirurgia dagli animali {.Emma WinieM). «St. 

Vanthan (D padre) e le sne prediche, SM. 

Vegetarlamo. (edf Allmentailoue. 

Veleno (II) del HrpenU In commercio. 10S9. 

Ventilatore (Un) ad aria calda, 792. 

Vermi (I) Intestinali e I Vxo peiicoli, 13. 

Veronica (La) e la tua leggenda, SBl. 

Verso (11) di Dante {Corto Birnardtl. 1148, 1178; (r. O.). IH 

VnUli (I) e U loro mino a New York, 383. 

Vestito (11) del fancdulU: Idee false, 633. 

Via lattea (La) secondo gli ulUml studi, 427. 

Viaggi (Letteratura di), 01». 



-lLa)B 



1. I2i7, 



Tunnel, ndi Gallsria. 

Turbine (Le) a vapore. 18E. 

• TOrners' Societies ■ (Le)|in America, OSI, 933, 

Twain (Mark) e i suol studi sulla Sdenta Cristiana, BE 



is eletlrtd, IBi. 

1 di Londra. S, 

— (L'I per noUde commerciali sistema Ledoui, 602. 
l'ilvelll (II oaplUDO) e la sua morte. 844. 

Ulivo (L') e U perché del suo raccolto biennale. 102S. 

Uttramlcrorginlsml (Oli), 1243. 

I.'mbr1a (Neil'): Il paesaggio e l'arte. Mi, 

Unioni (Le) openlP e la munldpalliiailoDe negli StaU Uniti, SE 

Università (L') americana, 1111; Impressioni del prof. Brandi, S7 

— (Le) austialisnc, 124S 



i (istemailane. 67 2. 
luti superiori In Italia: sUtlstlche, IB 
Tovlaiia. »0&. 
«si nelle Impressioni del prof. Barrett 



IFsdt w 



e Polo). 



poveri In Unghula, 343. 



Vlebig ((Hara), 2' 

Villaggi-colonie per ] 

Vini (I) francesi In If 

Tino (D) e la sua aHone sul badilo di Sbotti. S40. 

— <n) a le tue falaUleattonl, ta«. 

TUng (Giovanni) e 11 premio Nobel a Glomit CatdlMd, U. 

Visita (La) medica nelle scuole, iti. 

TlBt« (La) e la souola, 1134. 

~ (La), 1 suol difetti e la dellnqnenla, IBI. 

— (La) presso t popoli antichi, M7. 
VIU e lavoro. 76. 

— economica e movimento sociale: La rlpamikmr dalleiricolieEie 
lu Franda, SI — L'indennità ai deputati, 32 —'I* crisi toro- 
viaila In Europa; La lotta contro l'akoollnno. 83 — Olardlnl^e 
tieni operai, S4. 

— (La) ei puft prolungare?, 1062. 

— (La) umana diventa plA cotta, 2S4. 
Tltlooltiim (La) e la sua crisi, 872. 

Tltiuvio e l'arte moderna di coatrube città, lim. 

^veii (I) e 11 loro caro a Boma, 173. 

Vocabolario (D) e la sua prova, 370. 

Voi (II), U tu e il lei, 1124, 1221, 

Von LlUencron (Detlev) considerato come poeta Urico, 3B0. 



w 

Wagner (Riccardo): una nuova raccolta di eoe lettre, IBS. 
Waldstaln (Il prof.) e gli «cavi di Broolano, Ito. 
Watetìoo e la sua nuova leggenda, M. 

— e le parole di Cambronne, IO. 

— (La battaglia lU) secondo una recente pubblieailOQe, SBG, 
Wellman (Walter) e la sua divisata esplorazlane polare, 81S. 
Weyerhloser (F.), l'uomo più ricco di Rockefeller, 336. 
Whiteley (William), un fondatore di grandi magaulnl. 712. 
WllUama <aardner F.). l'arbitro della produUone di dlamant 

Sud-Africa. 112. 
Wltt« (Carlo): una sua visita al Mansonl. 1033. 
Woodblne. comunità ebraica, 106G. 



Zamenhof (L. L.), llnvenlore dell'Esperanto, 167. 
Zelss (La Casa) e la sua fondazione, 1166. 
Zoologia e scquicultura. SBO. 
Zucchero (Lo) come alimento del lavontni, 600. 
Zanioie (Le) e la loro Importanaa eooiumlea. eu. 



,y Google 



Voi. XXVII - N. I 



^/ nostri eorfesì jT'bòonafì 



Or fa un aiuto, inaiigHraado V annata XVI 
tirila noglra Minerva, diecramo: 

« [m Minerva iti nccupa di Ijetterataia, di 
Sciama, di Arte e di FoUlica, cioi) a dire delle 
cose pili intereBxanli nella tuta umana. In '/ue- 
Kto railisitimo campo esia rappresenta una 
Kpeeie di O»aerratoriù, dai naale rengono se- 
(inalati al lettore italiano tutti i principali ino- 
rimenti e i nitori atteggiamenti del pensiero, i 
problemi intellettuali, morali e sociali, le nuore 
tutte, le nuove xeoperte, le nuore tendenze, quali 
appaiono da iiHei potenti e sensibilissimi organi 
tìella vita contemporanea, che sono le grandi 
Ririste: inglesi, tedesche, americane e francesi, 
yì- rengono trascurate te piìi importanti fra le 
J.'iriste italiane, le i/uali pure la Minerva passa 
metodicamente in rassegna una rolla al mese, 
chiamando l'attemìone del lettore sugli articoli 
piii degni di nota. 

« Se il lettore arra la bontà di dare un'oc- 
chiata ai Sommari dell'annata or ora chiusa, 
osiamo dire che egli slesso rimarrà sorpreso 
della quantità e rarielà e importanza dei sog- 
getti che la Minerva ha trattato in «» anno. 
Sessuna altra Rivista presenta, in fin d'anno, 
siffatta messe. Il cortese lettore faccia da sé 
gli opportuni confronti; noi aeeettiamo anti- 
cipatamente il suo giudizio. 

« Oli è questa profonda conrimione della 
bontà e dell'utilità dell'opera nostra, che ci 
mette in cuore sempre nuore e sempre ptii ga- 
gliarde speranze per ^avvenire della nostra 
Minerva, e ci rende sicuri, e al tempo stesso 
orgogliosi, del benevolo appoggio di tutti gli 



elementi pi it colti, piti intelligenti e più sensati 
che siano in Italia, a i/itahi nque partito abbiano 
dato il loro nome. » 



Le stesse parole possiamo ripetere oggi, con 
sicura cosciema, inaugurando l'annata WII, 

Continueremo con zelo indefesso l'opera no- 
stra, sicuri di rendere a tutti i nostri lettori 
un icrn'gio non disprrzzabilc. Qualcuno ra ri- 
petendo che il mondo è di chi ha i quattrini; 
l'eiperieuza dimostra che quel rccehio adagio 
è falso: quanto pili si progredisce, tanto piìi 
si tocca con mano che il mondo d di chi sa, 
di chi ka delle idee. Ora, la Minerva, eke fa 
lo spoglio regolare e sistematico delle più ow- 
torcpoli Hieiste del mondo, ?, si può dire, un 
laboratorio di idee. Per qualsiasi ramo della 
dia pubblica, scientifica, letteraria, politica, so- 
ciale, religiosa, la Minerva non lascia passare 
nessuna delle questioni ritali, nessuno dei pro- 
blemi più importanti, sema informarne diligen- 
temente i Kitoi lettoti, attingendo sempre, per cia- 
scun soggetto, alle fonti più autorevoli, eritanAo 
le frasi e le digressioni inutili, afferrandosi 
nnicamenle alla so8t&nx& delle idee e dei fatti. 

Ond'i'- che, sull'autorità di moltissimi nostri 
lettori e abbonati, osiamo ripetere che « nessuno 
può seguire attentamente la Minerva senza ri- 
sentirne grande e positiro giovamento, cosi nella 
sua cultura ampliata e sempre rinfrescata, come 
in ciascun ramo della sua attiriU't, e in tutti i 
sito* rapporti, indiriduali e sociali #. 

I migliori e più efficaci « propagandisti » 
della Minerva sono stati fin qtti i nostri stessi 
Abbonati. Soi confidiamo che vorranno conti- 
nitore a esserlo anche per l'arrenirc. 

LA MINERVA. 

DigilizcdbyGoOt^lc 



MITHEBVa 



].A MlXri.'IPALIZZAZUlNK A LONDlìA 

E I SUOI INSUCCESSI 0) 

Quioilici anni sono alouiii giovani entu- 
siasti cominciarono ad andar jLcirando per le 
piazze, pei- i giardini, per le associazioni 
popolati di Londra, sempre in cerca di un 
qualsiasi iinbblieo cui predicare il vangelo 
del socialismo. Bi chiamavano da loro 
stessi « Fabiani », volendo così indicare il 
loro programma, che è quello di andare ada- 
gio e procedere con molta prudenza, sull'e- 
sempio di quei grande Fabiu», cui i Romani 
diedero il nomignolo, divenuto per lui glo- 
rioso, di Cuuctalor; John Morley li qualificava 
per « sognatori di sogni »; i socialisti li de- 
ridevano come « socialisti al latte annacqua- 
to ». Essi interpretavano il socialismo non 
già come rivolta coeniopolita^ bensì nei più 
ristretti limiti del municipalismo. 

« La proprietà privata dei mezzi di 
l»rodU7.ione è un male» — essi dicevano, 
(l'accordo in ciò con tutti i collettivisti del 
mondo; ma aggiungevano: « liberiamoci dalla 
proprietà privata con tutti i mezzi pratici a 
nostra disposizione; il municipio comi)ri il 
gas, l'acqua, le tramvie, ì dookn; impianti 
depositi di carbone, forni e altre industrie 
per proprio conto, e tutto faccia per il bene 
della comunità. Vi saranno allora mag- 
giori salari e orari- più brevi per gli operai 
municipali; il eosto dei generi e delle merci 
andrà sempre pia scemando, e il residuo 
profitto, anziché sprofondarsi nelle tasche di 
avidi speculatori, andrà a vantaggio della 
intera popolazione sotto forma di passeggi 
pubblici, di pensioni per la vecchiaia, o di 
qualunque altra iniziativa di pubblica uti- 
lità ». 

Le masse democratiche di Londra ascol- 
tavano beate questi discorsi, cui si aggiun- 
gevano promesse di biblioteche gratuite, di 
refezioni scolastiche parimenti gratuite, di 
comode abitazioni a buon prezzo, anch'esse 
municipali. (ìli operai vedevano prossimo 
l'indiscusso predominio delle Tradc-UnioiiH. 

Il " Consiglio della Contea ,.. 
In questo terreno così ben preparato il 
governo conservatore piantò il « Consiglio 
della Contea * [Cminty Coiiticil), un orga- 
nismo dotato di vasti ed elastici po- 



teri su quell'immenso labirinto di strade 
che e la contea di Londra. 

n Consiglio fu istituito nei 1889; nel 1M9-* 
si ebbero le seconde elezioni dei suoi mem- 
bri, con risultato assolutamente favorevole 
al partito progres.'iista, cioè ai democratici 
e ai fautori della m u n i e i p a 1 i zzaz ione 
dei pubblici servini. La schiacciante 
maggioranza progressista subitosi mise 
all'opera con grande entusiasmo per attaare 
il suo programma; trascinata dal suo zelo. 
non esitò a immischiarsi in molti e molti 
affari su cui il Parlamento mai gli aveva 
assegnato alcuna giurisdizione. 

Prima dell'istituzione del Vonnty Coancii 
l'Ufiicio centrale che regolava gli affari dì 
Londra si chiamava « Ufficio metropolitano 
dei lavori ». Sei l««s, ultimo anno della 
sua gestione, le sue spese d'amministrazione 
(per stipendi, peusioni, spese 'd'ufficio, ecc.), 
non giunsero a un milione di franchi; ep- 
pure lo si accusava di eccessiva grandÌosit;t 
nello spendere. Nell'annata finita lo scorso 
marzo il Cmifity CouncU per la sola ammi- 
nistrazione epese più di sette milioni. 
Per inchieste e studi vari il Countg Gounoil 
lo scorso anno sborsò quasi 2,700,000 fran- 
chi, mentre l'« Ufficio metropolitano » no 
spendeva in media meno di la'ijOOO. 

Il debito di Londra è piti che raddop- 
]>iato negli ultimi venti anni: nel 1886 er» 
di soli -Ili-) milioni di franchi, alla fine del- 
l'ultimo esercizio era salito a 900 milioni. 
Nello etesso periodo di tempo Londra ha vi- 
sto aumentare la sna popolazione, si, ma 
non quanto il suo debito. 

Le tramvie imiaicìpulì. 

Per ora la più importante delle imprese 
industriali del Counly Coiiueìl è il servizio 
t raniviario. 

Avutane facoltà dal Parlamento, il Coiiìtty 
Coiincil subito procedette al riscatto delle 
tramvie private. Ma le compre si susse- 
guirono lentamente e a piccoli tratti; nel 
marzo del 1905 il Consiglio aveva comprato 
circa ItìO chilometri dì linee per oltre 50 mi- 
lioni di franchi, cui, però, vennero aggiunti 
'Jj milioni per altre spese riguardanti il 
traffico tramviario. Ma il Consiglio non li- 
mita uni le sue aspirazioni e già progetta 
di costruire o sta costruendo altre linee di 
tram i>er tutto il territorio della propria 
giurisdizione. 






MINE B VA 



Per trovare i mezzi occorrenti ideò nn 
sistema altretttinto semplice quanto geniale. 
Londra, oltre il Countg Coancil, ha veutotto 
Iloroagk CouacUh, che presiedono all'ammi- 
nistrazione piti direttamente locale delle 
ventotto zone in cui è divisa la metropoli. 
Quando il Coimty Gouncil intraprende la co- 
strnzioDe di una nuova linea tramviaria, in- 
duce il Consiglio locale di quella zona ad 
assumersi un terzo della Hpesa. Un altro 
terzo viene addebitato alla Divisione dei 
« Miglioramenti stradali », dì guisa che la 
« Divisione dei Tramways » non deve sopiwr- 
tare che un solo terzo della spei<a to- 
tale. 

È facile con questo sistema far credere 
ai cittadini che il Coìtniy Coancil spende 
saggiamente il suo denaro in modo da assi- 
curare un brillante successo alle sue ope- 
razioni industriali. 

Lo strano è che il Goiuiiy Conaeil non 
possa far pompa di utili piil rilevanti. Seb- 
bene esso abbia avuto il denaro per le sae 
tramvie a prestito con interessi inferiori al 
;S per cento, sebbene per dei>rezzamento di 
materiali abbia calcolato una somma annua 
di 875,000 franchi, pari alla percentuale ir- 
risoria di meno dell'I ' , jier cento, i suoi 
utili sono mìnimi. ^NelFesercizio chiuso 
il marzo dell'anno scorso essi ammontarono 
a soli 177,000 franchi; e nel precedente eser- 
cizio si era avuto un deficit. 

Indubbiamente il Gounty Coancil otterrsl 
migliori risultati in avvenire, ma non meno 
indubbio è il fatto che la municipalizic&zione 
delle tninivie londinesi è stata un insuc- 
cesso oltreniodo costoso. 

L'insuccesso è dovuto in parte a cattiva 
amministrazione, in jiarte agli ecces- 
sivi ribassi di tariffe delle corse, in 
parte all'aumento dei salari e alla di- 
minuzione degli oniri di lavoro. 

La cattiva amministrazione dipende dal- 
l'aver messo alla testa <ii un'industria uo- 
mini che non se ne Intendono affatto; le 
basse tariffe sono un'offa agli elettori de- 
mocratici; i salari aumentati e gli orari di- 
minuiti si spiegano facilmente con l'attac- 
cameuto manifestato dal Coiiutif Council alle 
Unioni operaie; ma possono egualmente bene 
spiegarsi col fatto che a migliaia sono au- 
mentati i salariati del Consiglio doj>o l'as- 
sunzione del servizio trumviario, salariati 
die sono nello stesso tempo elettori. 



' .41 tre i 



inde municipali. 



Avendo parlato a lungo del servizio tram- 
viario, poco spazio possiamo dedicare alle 
altre imprese industriali del Coiinty Coitncil. 
Perciò diremo di due soltanto. 

Per una ragione o per l'altra, ma per il 
clima principalmente, il servizio di pi- 
roscafi sul Tamigi non fu mai molto ri- 
munerativo neppure ad aziende private; 
tanto meno avrebbe potuto esserlo per conto 
del municipio. A stento il Conntif Couneit 
ottenne dal Parlamento il permesso di as- 
sumere questa nuova impresa; finalmente il 
servizio municipale di navigazione flu- 
viale cominciò nel giugno del 1905, e su- 
bito si distinse per l'incompetenza di co- 
loro che ne avevano la direzione. 

Naturalmente, con l'andar del tempo si 
ebbero miglioramenti tecnici anche in quel 
servìzio, ma finanziariamente la prova è 
stata davvero disastrosa. Secondo il 
preventivo della Commissione preposta dal 
Coiinty Council al servizio della navigazione, 
introiti e spese dovevano equipararsi per 
una somma di circa 2,500,000 franchi l'anno. 
Previsioni sbagliate! Alla fine di novembre 
gl'introiti erano scesi a S.'iOO franchi la set- 
timana; durante l'inverno le spese fu- 
rono tredici volte maggiori degl'in- 
cassi. 

Unaparola, ora, sull'« Ufficio Lavori», 
il quale presiede direttamente ai lavori pub- 
blici della metropoli senza il tramite di ap- 
paltatori. Agli occhi del pubblico questo 
ufficio viene fatto figurare come il miglior 
mezzo dì risparmiare denaro clie altrimenti 
andrebbe nelle tasche d'ingordi speculatori. 

Sino all'autunno del 1902 il (.'onsiglio am- 
metteva che 1' « Ufficio Lavori » aveva avuto 
un deficit di quasi 1,800,000 franchi; dopo 
annunciò qualche piccolo utile, ma assni 
probabilmente le sue cifre sono artificioso. 
A ogni modo è provato che, mentre un 
qualsiasi ufiicio governativo paga a un in- 
traprenditore privato circa i78 franchi per 
ogni rod (circa Ò metri) di solida niuratura,il 
County Council per mezzo del suo « Ufficio 
Lavori» calcola 700 franchi il rod un la- 
voro murario di qualità inferiore. 

Ecco un esempio dei saggi criteri con 
cui il Counti) Council intraprende i lavori. 
Si doveva eostruire un manicomio. La cifra 
minore richiesta all'asta dann intrapreudi- 



Digilizcd by 



Google 



MISEEVA 



tore privato era di 7.414,375 t'raRclii; 1' « Uf- 
ficio Lavori » restò agffiudicataiio per frau- 
(flii 7,lll,l--'>; la complessiva spesa soste- 
nuta dall'Ufficio salì a 8,2tì2,.VM) fraaehi. 

Qualclie tempo dopo venne pubbticuipente 
affermato cbe, mentre il muratore salariato 
da intraprenditori privati mette in opera 
KHX) mattoni al {giorno in media, il mura- 
tore dipendente dall' «Uffioio Lavori» ne 
mette XìO al massimo. La « Commissione 
per le tìnanae » del CoHnty Couiml fu ob- 
bligata ad aprire un'inchiesta su questa ac- 
cusa, e il suo rapiKirto equivalse quasi a 
una confessione della verità dell'addebito. 

Sempre avanti! 

11 County CoiiìicH non rinuncia ai suoi 
progetti di collettivismo per l'insnC' 
cesso de^li esperimenti fìnora attuati. Ora 
si propone di fornire l'enerffia elettrica a 
tutta Londra; ma il relativo progetto, clie 
venne qualiUcato per paiìzo, fu respinto dal 
Parlamento, e... paree nepìtlto. 

La mania industriale del Consiglio 
è insaziabile, e aumenta quiinto più viene 
soddisfatta. Ksso mira a essere l'unico in- 
dustriale di Londra, s'ingerisce in tntti 
i possibili campi d'industrie, schiaccia l'ini- 
ziativa privata sempre e fin dove può. Xn- 
tjinto il debito pubblico della metro- 
poli aumenta a dismisura, diniinuìsoono le 
opportunità delle industrie private, le iu)- 
poste locali sempre pift salgono di anno in 
anno per pagare i costosi capricci dei 
muiiicipalìsti. 

L"INKIiHNO 1)1 KE LKWiiìAni 
IL CONO") IO 

Fino a non piil di un anno fa, la politica 
coloniale del re Leopoldo del Belgio, o, 
per meglio dire, l'impresa commerciale 
dì questo sovrano nel Congo, era considerata 
dalla grande maggioranza dei suoi sudditi 
quasi come una cosa sacra; non solo la critica, 
ma anche la più modesta domanda dì scliia- 
rimentì era considerata come un delitto di 
lesa maestà e di lesa patria; il l'arlamento 
belga non esercitava su quell'impresa il più 
pìccolo controllo; la stampa rimaneva muta, 
e se, per caso, si alzava una voce coraggiosa 



a denunziare degli abusi, i trihitnalì condan- 
navano senza esitazione. 

Senonchè, i! .'i novembre del l'.HW, fu pub- 
blicata la relazione della Commissione d'in- 
chiesta che il re Leopoldo era stato costretto 
a mandare nel Congo, sotto la pressione del 
Governo inglese; e quella relazione dimostrò 
come le voci di abusi, lungi dall'essere ca- 
lunniose, non rappresentavano che un pal- 
lido e incompleto rìHesso di quello che più 
tardi venne chiamato « l'interno di re 
Leopoldo ». 

Vennero alla luce, infatti, i più gravi so- 
prusi, ì più deplorevoli atti dì crudeltà, da 
]iarte delle Compagnie che in quel lontano 
Stato dell'Africa esercitano il commercio 
del caucciù, dell'avorio e della coppale: 
queste compagnie — tre delle quali, le piìi 
importanti, con un capitale complessivo in- 
feriore a ;i milioni di franchi, realizzarono, 
in meno di cinque anni, un guadagno supe- 
riore ai :i-2 milioni, e le azioni di una delle 
quali, del valore di ."iO(l franchi, hanno dato 
in cin(|ue anni iì-'mO franchi dì divìdendo — 
ai resero coliwvoli di ogni sorta dì crudeltà: 
massacri di uomini, torture di donne e di 
fanciulli, incendi di villags;!. spopolamento 
di regioni intere, per spìrito di rapacità e 
dì lucro. 

Da quando, nel IRs,'), fu fondato lo Stato 
indipendente del Congo, fino al ìH'Mì, re 
JjCopoldo, sovrano di quello Stato, aveva 
curato ìi pacifico e progressivo sviluppo del 
paese: rari erano stati ì confitti con gli 
indigeni, e, ])er dirla con una sola frase, sì 
erano gettate le basi dì un'opera di vera 
colonizzazione. Ma. dopo il LSlll, inco- 
minciò una lunga serie di errori, per 
non dire di delitti, e la documentazione 
di questi errori, oltre che nella relazione 
citata, si trova in un volume dì F. (?atticr, 
professore all'Università di Bruxelles, inti- 
tolalo: Étude sur la gitaatioa <if VÉtat indr- 
pendant da Congo, il quale, fra altro, cita 
degli esempì caratteristici delle menzogne 
che l'amministrazione del Congo diffondeva 
in mezzo al pubblico, per mantenerlo nel- 
l'errore cir<-a le vere condizioni del paese. 

I risultati di un'inchiesta. 
11 testo completo dell'inchiesta eseguita 
dalla suddetta Commissione non i- stiUo pub- 
blicato, giacché esso conteneva dei docu- 
menti troppo compromettenti. Sì conoscono. 
l3g,tizccbyG00*^lc 



whtekta 



l>ei-ù, le (-oiiduEiioiii che hi Coniiiiissione 
ha dedotte dalle 9iie itidtt;;ini; •' queste eoa- 
i-liiniioui, l>enchè obbiettive e moderate, ri- 
^iiiltano di una mvliiiuicìante severiti\ e rnp- 
liresentano ima terribile retini si to- 
rta eontro l'aiiiniiiiistDixione. 

I commissari no» cHìtano » dichiarare che 
nel Conifo belKO' 1» liberta <li com- 
mercio, in rcaltiV, non esiste più, in 
<*ansa dei monopoli »evai>»rrati dallo St«to 
e dalle Soc-ietà poneesaioiiarie. Non ei tro- 
viamo, diiiiqite, di fronte a nn'impresa nma- 
iiitari» e cuioniate, bensì davanti a iin'im- 
|)resn esscnKÌiilnieute commerciale; e 
il re Leopoldo del Iteltcio, sovrano dello 
Slato indipendente del Oon^o, si tra»iorma 
in nn mercante di cancelli, d'avorio e di oop- 
|)ate, ntercuiiite onnipoteiite, che distrane di 
iìfrandi meszi [ter sbara»/.arHÌ dei concorrenti. 

Gli utili considerevoli prodotti dalla ven- 
dita del eauceiii indussero il <Jov«rno n re- 
stringere sempre più la jiortata del termine 
« terre occupate dagli indigeni », estendendo, 
I»er contro, al massimo quello delle terre 
vacanti, di proprietà dello .Stato;'e l'ap- 
plicazione restrittiva delle dia|iosizioni con- 
cernenti il sist«ina fondiario ebbe per eft'etto 
d'inchiodare, quasi, gli indigeni nei loro 
villaggi, mentre lo StHto dava la massima 
estensione ai terreni demaniali, e, con evi- 
dente violazione degli iin|>egni internazio- 
nali da ee^o assunti, si applicava sistenia- 
ticanienfe a ostacoliire In colonizzazione in 
tutte le regioni dell'Alto Conyo, per modo 
da tener lontani i possibili testimoni dei 
suoi atti di coercizione, e riflutiiva di vender 
terreni ai coloni, e proibiva agli indigeni 
del paese di alienare le poche tene ad essi 
appartenenti. 

Non contento di questa spogliazione com- 
iiieiwa a danno defili indigeni, lo Stato esige 
da essi un'imposta, nelln forma dì presta- 
zione di lavoro: in altre parole, esso ha iin- 
]tosto una larvata scliiavitù, crudele 
quanto mai, giacché, se i disgi-HZiati indi- 
geni costretti alla ]ii'e»tazione di lavoro non 
si mostrano troppo zelanti, veuffono mal- 
trattati e, perfino, mussacniti senzii pietil. 

1,'autori- aooenii», fra altro, nllp OTudi'lì mutiln- 
/.ioni, di oui ^li iodiguni iel Congo «ono stati vit- 
timo, l'rinia ohe la CuniniiBsioiif d'InobiMta porl^iBSp 
lipr il Congu, HÌ nrndrvB genpralmente nel Belgio olio 
i nuMmoti di HJtl'atte mutiluzìoni t'uHaeru oalumiie, 
inventate ili san» pianta dal famoso « liodacuto ilei 



(<oiiiinerulaDti di LiveriKiol >, agitili" o<)fu« ono ttpuu- 
ra<<ahÌo dal difeiwari della politica coloniale di re 
Leopoldo. Senoiiohù i oommiMari dovettero iiecertaraì 
ohe <]nel racconti rispondevano a una Iriate reallìi: 
oKai videro con i loro oeoM dei niatilati, fra i qDali 
im l'anoi ni lotto Ai dieci anni, al tjuale erano stati 
tagliati la mano deatm e il pinte KÌnintro, aoa donnu 
ohe era stato niiitilat-a del pieili' destro, e bìioìII. 

Orribili atti di crudeltà furono accertati, 
sopratutto nella concessione della celebre 
Societii del cancciti chiamata Ahir (Anglo- 
JJelgian India Uubber); e quando ta pubbli- 
cazione di qnesti atti costrinse re lA-opoldo 
a promettere delle riforme, egli atìldìi l'in- 
carico di elaborarne il pinno precisamente 
al direttore di quella (Compagnia! 
I posscdi munti della Corona. 

Xon meno maltrattati dei negri delle So- 
cietà concessionarie sono gli indigeni dei 
possedimenti della Corona; possedimenti in- 
torno ai quali il Catticr, che li chiama < una 
delle più strane creazioni » di re LeojMtldo, 
fornisce alcuni dati. 

L'istituzione di questi possedimenti risiile 
al lUiti, ed e consacrata da un decreto che, 
I>er molto tempo, rimase segreto; la loro 
superficie è inimeusa, inferiore di poco ni 
2!W,0t» chilometri quadrati, eguale, cioè, a 
dieci volte la superficie «lei Itelgio, 
e compi-ende un quarto della zonn dedicata 
alla pi-odiizione del caiieeiù. 

K' difUcile calcolare le risorse di questi 
possedimenti, giacche intorno alla loro am- 
ministrazione si b conservato sempre il più 
geloso segreto; si sa, perii, che i terreni ta- 
centi parte dei possedimenti della Corona 
sono stati, Hnora, coltivati jier cura, e, ]iro- 
babilmente. a spese dello Stato, ricorrendo 
all'imiK>sta della prestazione di lavoro. Si 
sa pare che il regime fondiario, al quale più 
sopi-a abbiamo accennato, è stato ai>pli- 
cuto con estremo rigore, e che la i)0]iola- 
zione ^ stata decimata. Quanto agli utili 
che dallo sfVnttaniento di quelle terre sono 
stati ricavati, i^e ne ha un indizio nei docu- 
menti ufficiali del Uegistro, dai quali risulta 
clie nei soli circondari di Ostenda e di Itru- 
xetles l'ani ministniz ione dei i^ssedinienti 
della ('orona ha acquistato beni immobili 
per più di ;tl milioni e mezzo di fran- 
chi. Si può dire, iiertanto, che il regime 
leopoldiano esaurisce il Congo e ne com- 
promette l'avvenire, a tutto vantaggio del 
sovrano. ., 

DigilizcdbyCjOOt^lC 



MI^JÈHVA 



1 debiti ili re Leopoldo. 



yel ISltO re I-eopol(io, trovandosi in ini- 
liiirazzi finanziari, ottenne dal Belgio, conio 
sovrano dello Stato del Congo, nn prestito 
di L*~t milioni di franchi, o dei quali gli ven- 
nero pagati subito, il resto ìit annualità di 
:; milioni ciascuna; per questo prestito il 
Belgio rinun/iii u ogni interesse per lo spa- 
zio (li diedi anni; e fu stabilito clic, sei 
mesi dopo spirato questo termine, lo iStitto 
belga (loteva jiiinettersi il Congo. <'on tntti 
1 tieni, diritti e vantaggi annessi, oppure 
prolungiire il prestito di nitri dieci anni 
con un interesse del ;i,.ì per cento. Secondo 
nuH clausola della convenzione a questo 
scopo stipulata, lo Stato del Congo si im- 
pegnava -a non contrarre nessun nuovo jire- 
stito seuKa i! consenso deMìoverno belga. 

OrH, quest'ultima clausola fu violata da 
re Leopoldo, il quale, incassati appena i 
primi 10 milioni della somma presa a pre- 
stito dai suoi sudditi, contrasse segretamente 
un altro prestito di « milioni con un liau- 
cbiere di Anversa, dando, come garanzia, 
una parte ini])Ortante del territorio congo- 
lese, di quel territorio di cui egli non po- 
teva disporre. ])ercli('' esso fiicevit parte della 
garanzia accettata dal Belgio. In tal modo 
il sovrano compiva uti atto che. se fosse 
stato commesso da un semplice privato, 
avrebbe avuto imr risnlt-ato di condurlo in 
tribunale. 

Quando nel isil.l re Leopoldo si trovi» a 
dover pagare i (i milioni al banchiere sud- 
detto, si vide costretto a confessare le pro- 
prie irregolarità al Parlamento belga: e 
questo, trovandosi nell'alternativa odi anti- 
cipare al suo re i '• milioni, o di i>erdere 
dei vasti territori della sua futura colonia, 
si rassegnò, senza entusiasmo, a un nuovo 
sacrificio. In quell'occasione re Leopoldo 
dovette rassegnarsi ii udire delle crude ve- 
riti\, e il conte De Mcrode, ministro belga 
degli affari esteri, discendente di una delle 
più illustri famiglie del paese, presentò im- 
mediatamente le dimissioni, per protestare 
contro quella politica equivoca, di cui egli 
non voleva assumere la responsabilità. 

l>i tutto ciò sembra ohe re Leopoldo si 
sia dimenticato, a giudicare dal tono su- 
perbo della lettera con la quale egli accom- 
pagnava i decreti del :i giugno u, s., con- 
cernenti le riforme da introdursi nel Con- 



go. Fra queste riforme ve ne sono di buoni', 
ma, disgraziatamente, la sostanza del regi- 
me di costrizione e di monopolio ri 
mane intatta. 

La situa^tioau attuale. 

In queste condizioni si apririt, i>roKPiini;t- 
mente, al l'arlamento belga la discussione 
sulla jiolitica coloniale di re Leo]M>Ido. 

Dopo le rivelazioni della Commissione 
d'inchiesta, non sembi'a che la fede monar- 
chica possa entrar di mez/.o, poiché giù 
si registrano fra gli avversari dell'azione 
teopoldiana nel Congo uomini che, in pas 
sato, furono fedeli servitori del re; fra questi 
il Keernaert, che nel 1^90 fu presidente del 
Consìglio e si fece garante del prestito di 
2-1 milioni, ora dichiara clic in quell'occa- 
sione egli fu ìngHuuato. 

È da tenersi conto anche dell'atteggia- 
mento dell'Inghilterra, la quale minac- 
cia un ailimatntìi; infatti, sir Kdward iìrey 
ha dichiarato formalmente alla Camera dei 
('omanì che, se il sovrano del Congo non 
concederli nuove e più larghe riforme, il Co- 
verno britannico è risoluto a intervenire. 

DIKTKD LK MUÌfA DKLLA PKIUIDNK 
CONTKO LK TEORIK LOMBROSIANK W 

Col titolo « Dietro le mura della prigio- 
ne * [llintcr Krikermaitem), e col sottotitolo 
di « Contributo alla psicologia criminale » 
il dott. Jolianues Jiiger, che per quindici 
anni è stato ca|>pellano in una grande casu 
di correzione della Baviera e in un peni- 
tenziario anche più grande, ha pubblicato 
recentemente, presso la casa editrice K. W. 
Mecklenburg, di Berlino, un interessantis- 
simo volume, il quale reca un notevole con- 
tributo alla letteratura di quella scuola cri- 
minalista tedesca che combatte la teoria 
lombrosiana del delinquente nato, e non ac- 
cetta la tesi dell'homo delfiu/nmii e non am- 
mette l'irresponsabilità. 

Questo volume merita di essere additato 
all'attenzione generale non solo per il ma- 
teriale psicologico che contiene e per la 
dimostrazione, che esso dà, della necessità 
di riformare le leggi penali, il sistema car- 
cerario e certi istituti di assistenza, ma an- 
che per una sua caratteristica del tutto 



,y Google 



M 1 X K k V A 



^]iefÌMle.yeK:li stahiliiiieiiti iienileiiiiitiri della 
iìiivii'ra vijfe l'uso di eonnedere ai «ar<'crati 
di buona condotta, quando ne facciano ri- 
t-liiesta. un quaderno in cui jwssono, lìbera- 
mente f senza aleun controllo, tradurrò in 
iscritto i loro ])ensien e sentimenti: questi 
brani tintobiogra l'ici luinno fornito in 
;.'ran parte il niiiterittle all'opera del Jiifrer. 

l-'autore neono.sce a) l,omtiroao il merito 
di aver fondato l'nntrojHjlOKia e la paieoio- 
v'ia i-riiuinali: m:i, F^ei-ondo luì, i risultati 
delle iiidaifini lonibrosiane sono unilaterali 
e falsi :■ da nn'aecnnita, e obbiettiva osser- 
vazione dì quindici anni egli Ita ricavato la 
cuHvin;:ìone clie il delinquente ba le stesse 
qualità e t)articolarìti\ ])sicoloKÌelie delVin- 
l'cnsurato di e^ual «rado sociale e di e^iuale 
livello iiiteHettiiale: il delinquente, secondo 
.liijfpr, non raiii>resent» una tipicii varieliì 
ilei tfeniin hiiiiiainiiH. n6 lia delle parti co! ari tiV 
l'itratteristifibe specìlielte. 

A conforto di questa tesi efili riporta le 
riieniurie antobio^atiolte di trentadue delin- 
quenti, elle e^li erede di ])oter considerare 
i-ome assoUitHinente sincere e fededegne. 
( oniuiique sia, queste memorie meritano di 
esser lette con atten;tione e con sentimento 
di umana compassione, e la loro lettnnv 
couimuove quunt'attra mai. Da esse sì pos- 
.-■uno ricavare delle interessanti eonelusioni 
;.'enerali in quanto si riferisce sopratutto 
alle cause della delinquen^ta, al sistenuv dii 
seguire nel luinìrla, ai provvedimenti da 
l>rendere per limitare la recidiviti!. 

Le cause (iella dellmiiienza. 

I,e cause principali della delinque)i/,a, 
quali risultano dalle pagine autobiograflelie 
ilelPopera del Jiiger, sono le seguenti: 

l'rìma di tutte, le tristi condizioni 
famigliari: non i>ocbi di quei delinquenti 
Imnno avuto una faneiulle/./.a dolorosa quan- 
<i) mai, esposti ai più brutali maltrattamenti 
(ti un genitore disumano, che ])er di più bi- 
strattava anche la moglie e cbealla propria 
famìglia faceva soffrir la miseria sprecando 
i suoi guadagni all'osteria. 

Non meno numerosi sono gli individui die 
confessano dì essere stati precocemente gua- 
stati da una educazione sbagliata, quali 
in casa, quali nella scuola, quali in ambe- 
due gli ambienti; un'educazione o troppo 
fiacca, o eccessivamente severa nella repree- 
-ione, tale da non procurare al giovanetto 



la nozione della moralità e da indurlo nel- 
l'abitudine della menzogna e dell'ipocrisia. 

Piti d'uno si lagna di essere stato eontra- 
riato nella sua naturale inclinazione nella 
scelta delia professione.e rieouoRce di 
essersi avviato jier la strada del vizio ap- 
punto per essere stato forzato a intrapren- 
dere una carriera per la quale non sentiva 
inclinazione alcuna, tAlvotta anzi repulsione. 

Altre eause di delinquenza sono la jias- 
sione del bere e altri eccessi, i quali, 
imponendo a clii vi si abbandona la neces- 
sità dì avere a propria disposizione del de- 
naro, spesso lo spingono alla frode, alla 
nialversuKione, al furto. — Se i- da dimen- 
ticare il continuo indebolirsi del sen- 
timento religioso: sentimento a propo- 
sito del quale uno dei disgraziati collabo- 
ratori del .liiger scrive: 

« Diillfi bu<H'il ili'll<- 1 «Ihknì mi|K'rl<ii'Ì » hi wnte rf- 
fi>Ttc Hit grillo; olip al |m>|)o1o devi- 
Ili r«ll)irl""^' M<* ■)"« iiitcrroenti- 
qaells classi intorno olla loro rp)ÌKÌoiii<: t^me non ne 
HlibiBOgnMio, peroliu Intimo luruUigenz», iilncitnioiic e 
tlciiaro: t- il (Mipiil», nudo gli nomini <li {frullo iiil't'- 
riore oliu ilelln rfligioui' liunuo bÌKii((iii>... K intunlii 
8i ilimelKicn un» cosa, l'he niin vcrrù uini rii-liivst^i 
aiibONtaiiiiii: il liuon i-sciiniiii ». 

lutine, una delle cause ])iù tragicLe è 
(juelia, inerenteall'attuale regimeeeonomìco. 
delle strettezze materiali derivanti 
dalla malattia o dalla diso<:cupazio- 
ne, le quali spesso bastano a trasformare 
un uomo d'ordine in uii delinquente. 

Il sistema tarceiariii. 

In quasi tutte le autobiografie è deplorala 
la crudeltil delia punizione ìnliitta a coloro 
clie, pur avendo trasgredito la legge, non 
sono ancora caduti nel fondo dell'abisso 
della delinquenza. <^ostoro potrebbero an- 
cora rialzarsi e riabilitarsi, ma il contatto 
a cui sono costretti, per mesi o per anni, 
con malfattori della peggiore specie, 
fluisce col guastarli. 

« Non p'issi) duvvcm vinlcre un [iroeiMlimiiutii niiiiuiu 
— aorive uno dei ounjerati — nel meftm'e iiiaicme oon 
ilei inqa enti nioriklitifiitf |)i'rdutì un giovane di dicirrttn 
a venti unni olio in una rian» abbia iioriB» un (ionio,.. 
Io ponsiiloro tal ettslt come un delitto addirittuift, 
ppri-he in lineila ■•"mpaiini» il jt'u^'iinf viene nivinato 
[ler senipro »- 

ISìsognerebbc, secondo uno degli «autori», 
mettere insieme gli individui iwpdnti^seii;M| 



MINERVA 



speraDZKi gli altri, quelli che ancora potreb- 
bero rialzarBi, dovrebbero essere rinchiusi 
iso^tauiente; oppure, dai locali uve questi 
lavorano in comune, dovrebbero esser tenuti 
lontani i, delinquenti induriti. 



l'aria i 



condannato a morte. 



Commoventi sono le confessioni di un in- 
dividuo che a veiitidue anni era stato cou- 
danaato a morte per avere, in un accesso 
di KCtlosia, ucciso premeditatamente il suo 
rivale. 

. Ki>pare — egli diop — avevo la oosoii'owi <U 
min pwere un oflasaaino, «li oon meritar» ài essori- 
Ipgatii ftl ceppo e di nver tagliiita la testa... .^vevu 
«({ito con premoditar.ionp, u vero. M» iTeirliò non 
nvevo sfidato a duello il niio riTiilo, (< non Io nvevu 
uniilBo eon uiut piatolettataì »o eoo) nvessi fatto, non 
«arei stato condannato a morto: mi «ivrebbero clilnso 
per (jiialolie anno in mia forteosa e sarei NUto ao- 
i-ollu n«lle Dio degli uomini cavallereachi ! • 

[n attesa olie kIì venga annun;^iiito il giorno 
della esecuzione, il disgraziato si abbandona 
alla dì8t>erazione; non muugia piii, diventa 
itno scheletro, a mala pena imo reggersi sulle 
gambe. Tina sera tlnulmente entra nella sua 
cella il direttore delle carcori; il condan- 
nato, che stava |>er addormentursi, b&lzain 
piedi esterrefatto, e gli viene comunicato 
che la ])ena dì morte è stata commutata nel 
carcere a vita. « Mi sembrò di esser rinato» 
egli dice; nemmeno la grazia, la liberazione 
completa accordatagli alcuDi anni dopo gra- 
zie al suo ottimo (comportamento, lo com- 
mosse cosi profondamente e gli recò tantA 
gioia. 

La dilTrcoltà della rialiilitaztone. 

La vecchia storiti del primo passo l'iilso, 
al quale fatalmente segiiouo gli nitri, ?ti ri- 
pete in quest« imginc con insistenza dolo- 
rosa. Quale e la causa priuci])ale della reci- 
divitiìf Questa: che l'individuo il quale 
hu subito una condanna, sia pur essa 
abbastanza lieve, quando ritorna in seno 
alla società si vede chiuse tutte le vie: 
da tutti egli e schivato: il procurarsi del 
lavoro gli riesce estremamente dillieile, e, 
se ha la rara fortuna di trovare un posti- 
cino, vive sempre nel timore di essere scac- 
ciato da un mouiento all'altro. 

I disgraziati che. usciti dalla prigione, 
sono animati dalla migliore intenzione di 
tornare sul cammino dell'onestiì, risentono do- 
loi'O.iissimumente la costrizione della vigi- 



lanza di cui sono oggetto da parte della 
polizia. Questa sorveglianza, in una pagioit 
del libro, e qualificata come un nonseuf^o 
addirittura: infatti, per chi ha intenzione <li 
correggersi essa non è che ima molestia e, 
in molti casi, un danneggiamento; per chi 
è deciso a proseguire nella via del delitto- 
essa riesce perfettamente inutile. Conviene 
riconoscere che la questione della vigi- 
lanza degl'individui usciti dalla prigione 
non è facile a risolversi; ma d'altra parte 
è pur vero che il sistema attuale deve es- 
sere radicalmente riformato. 

Questa e altre suggestioni derivano dalla 
lettura delle pagine autobiografiche che il -Jii- 
ger ha raccolte; pagine il cui valore etico 
e sociale non pui> essere negato anche da 
chi, pur sai>endo che esse sono state scritte 
senza alcuna idea di pubblicazione, tuttavia 
si ritinti a considerarle come rispondenti 
tutte e del tutto alla |mra verità. 



LTFFICIALK TEDKSt.'O NKL V.HUi <» 

La (ìermania attribuì sempre l'alto valori' 
del suo esercito alle qualità del corpo degli 
ufticialì. Jilsmarck diceva che la Fninci;i 
nella sua riorganizzazione militare potevti 
bensì copiare 1 suoi vincitori, ma aggiun- 
geva con orgoglio esservi una cosa che non 
si può imitare: l'nfticiale prussiano. 

Di intelligenza alquanto limitata, di cul- 
tura mediocre, circondato dal prestìgio della 
nascita e del grado, sicuro della particolare 
benevolenza del sovrano, tenuto in consi- 
derazione da tutti, l'utticìale prussiano, fino 
a non molti anni fu, lavorava assiduamente 
e coscienziosamente, certo di «arrivai-e» alla 
sua ora, trovandosi in coudizioni eccellenti 
per lo sviluppo del carattere, perchè non 
era alla mercè dei capricci di un personag- 
gio qualsiasi, — Oggi non è più cosi. N'el 
corpo degli ufficiali tedeschi si avvertono 
dei sintomi di disorganizzazione. Senza par- 
lare del romanzo e del teatro, che hanno 
messo in evidenza le antipatie di una parte 
del pubblico per una parte dell'esen-ito, vi 
sono delle pul)blicazioni documentate, le 
quali dimostrano come il corpo degli ulli- 
ciali tedcM'hì, da una quindicina di anni a 
questa parte, sia peggiorato. 



'"'"Google 



MINERVA 



1 udaloune dì qneste [iiibbliDazionl, 
fra le ([oall merlUnn di otwre rileTate qnellB di uii 
iifflioale pniaaiMiu, «Le si iiM(«nd« «otto il volo del- 
l'itDOnliuo, intitolata : * Il scraialiirao rivolusiouArio 
Dell'esercito tedesco >; il libro del nonte ZtTyn, iuti- 
laiato: Im débàcle de J'AÌIeiiutCK dana la guerre pro- 
■■luini (l'arigi, Albin Michel), e lo studio di £. Rey- 
M ( La nriai dell'ueeroito teiletrio *. 

\on tutte le opinioni eoiio couconli oirca 
l'entitti dei male: aliMuii parlaiio di una 
iiiiilattia qiia»t in<;urabile; aitri non vedono 
ciie nna di quelle erìi^i passe^S^i'e. ^11^ quali 
nessun organismo può lusiuf^arei di sfuK- 
<!ire. Esaminando le cause della recente ine 
tainorfosi, noi vedremo se l'alterazione di 
cui ci occupiamo sia gujierilciale o profonda, 
^<e il male sia ilestinHt'O ad attennursi. op- 
Imre a prendere più salda radice. 

t'opera del Kaiser. 

Oltre alta pai'C proIun^Ata, un fattore 
]irìneipale della trasformazione di cui ci 
oeeupiariio è stato l'avvento di un sovrano 
il cui carattere e le cui teudenKe sono ab- 
l'iistanza noti pei-ebè occorra definirli. Gu- 
irlielmo II La una vera passione per 
l'esercito, e se ne occupa molto, troppo, 
([uasi; egli ha comunicato a quanti lo cir- 
condano alcunché della suh turbolenza, e 
il primo risultato della sua intiuen/.a è »tato 
di gettare ne^ti iinimi un senso di instabi- 
litii. di malsicurez/.a, che ba avuto effetti fu- 
nesti sui costumi de^li uHiciali e sul loro 
Ciiruttere. Al regime metodico del suo grande 
avo egli sostituì il sistema degli scatti, 
e poiché gli manca il tempo di occuparsi 
re;{olarniente e mìauziOKHnicnte di tatti i 
imrticolari die all'andamento dell'esercito 
si riferiscono, egli si rimette per una quan- 
tità di cose al suo gabinetto militare, 
e ai comandanti dei coriii d'esercito; e cosi 
questi come quello esercitano un potere cLe 
Toglie agli ntticiali di minor grado ogni ini- 
ziativa, ogni indipendenza di carattere: gli 
iillici dello Stato Jlaggioru vorrebbero diri- 
frere ogni cosa e uniformare ogni cosa, e 
■ on le freqnenti ìsiie/.ioni ostacolano l'azione 
degli uf&ciali ooniandanti di eonipagnia. 

Lo s|)ir!ti> di cortiitiancrìa. 

Quanto alla mentalità generule del 

corpo degli ufficiali, l'attuale sistema ha 

questo risultato: che ciascuno si fa piccino 

(ti .fronte ai superiori, e, piìi che ad adem- 



piere coscienziosamente il proprio dovere, 
pensa a farsi benvolere dai capi, 

L'esempio, del reato, viene dall'alto. In 
passato, il grande Federico, misurandosi 
alle manovre con qualcuno dei suoi gene- 
rali, non credeva di degradarsi lasciando- 
si battere da lai. au/.i riconosceva, all'oc- 
casione, la ' propria inferiorità, L'impei-a- 
torc attuale non ragiona cosi: anch'egli 
nelle grandi manovre assume regolarmente 
il coniando di una parte dell'esercito; ma 
il generale che comanda la parte avversa- 
ria deve la8<-ÌHrsi battere daj giovane so 
vrano, e i giudici debbono dichiarare in- 
fallibilmente clic Guglielmo II Ila ri|»ortato 
la vittoria. Degli alti ufficiali distintissimi, 
quali il maresciallo Waldersee.Kretschmann, 
Verdydu Veriiois, Bronsart von Scliellendorf, 
caddero in disgrasiia per essersi permessi di 
criticare le disposizioni prese dall'impera- 
tore alle grandi manovre. 

Per dirla in poche parole, l'esercito te- 
desco, e, piti specialmente, il corpo degli 
ufficiali, è stato invaso dallo spirito di 
cortigianeria, con grave pregiudizio della 
dignità umana, nonché delta moralitA. 

Capacità e moralità. 

Xè, d'altra parte, questo corpo ha acqui- 
stato in capacità individuale. Infatti, 
come per il passat-o, l'istruzione dei giovani 
che si avviano a questa carriera termina 
con l'esame di inaturifA, corrispondente 
alla nostra licenza liceale; e si cerca di evi- 
tare che gli ufilciali abbiano una cultura 
troppo alta, perchè l'intellettualismo predi- 
spone gli animi alla indipendenza. 

Mentre nessun miglioramento si manifesta 
nel campo dei si^jiere. un evidente dete- 
rioramento si avverte nei costumi. 
In mezzo agli ufficiali tedeschi si diffonde 
semi>rc ]ììì\ il vizio del bere e del giuocare, 
l'abitudine di coiitnir debiti, la quale, non 
di rado, conduce a deplorevoli espedienti, 
ad atti condannabili. Alcuni clamorosi ]>ro- 
cessi, certe discussioni avvenute in l'arla- 
niento, le rivelazioni di alcuni giornali, non 
lasciano alcun dut)bio in proposito, (ili iil- 
ttciali, molti dei quali non hanno beni di 
fortuna, costretti a spendere per non stign- 
ra re, cadono nelle unghie degli usurai; altri 
cercano di salvarsi con qualche buon matri- 
monio. Ma i padri dì famiglia esitano, oggi, 
a dar le loro llgliuole agli uHìcìhIì, mentre 



,y Google 



IO 



M I S E R V A 



ni im.sHiito alleile ^li uftiriali poveri t'ai'e- 
vaiio, aenKii lUIflcoltft, ecc«!lleiiti inatriinoiii; 
■Ili- era raro il iraso lOic mi iifliciale povero 
veiiiKse aiiitiito <ìal Kovraiio che, attiiigeiiilo 
alla propria cassetta particolare, gli «osti- 
tniva una dote. Questo sussidio reale f'Kìì- 
tiiffszulat/ej, che pei-metteva a molti ufliciali 
ili farsi iiiui tumiglia, du, (ìuiflielmo II ò 
stato soppresso: e in numero non piccolo 
sono gli ntticiali clic, non avendo una l'unii- 
gliii, condannati alla puvertA e al celibato, 
si lasciano andare per la vìa del vÌkìo. 

('oiiteniporancaniente viene aumentando 
la ingiusta predi le/.toiie di cui go<le la no- 
biltà: mentre nel 1^(17 la <ìuardi» Keitle 
prussiana comprendeva piiì di 100 nOiciali 
non titolati, dall'annuario del IWKt risulta 
die i non titolati in questo corpo sono non 
piì) dì quattro. Ai nobili sono riservate le 
buone guarnigioni, l'accesso allo Stato .Mag- 
giore, vantaggi di ogni .sorta; e nessuno 
può negare il predominio di quello che il 
conte /^r.vn chiama: « sistema delle pre- 
ferenze ». 

[.'iiutore funfiwia i<lii' iicU 'anni i /miri- i muli ili cui 
siilfro il viir)K> ilr|;li iiRlciuli tt-ili'Huhi, fgìi sì ò ser- 
vito quft e là (li ( lenti di itiRrnmlimento ohe hoDilu 
il itifrttA (li avere al(|iiantn ilpt'umint(» l'aitpetto d»ll<- 
Olisi- ". Hgli nAemia, però, otie il mali' eaiHte: latenti' 
liìiittiMtu l'hu dichisrat», ma l'Iic. Hcoondo ogni pro- 
liuliillrA. •|Ih'h(ji TiinU' ù di'si. i mito a svilupparsi seni- 
Esercito e |XI|HllO. 

Intanto, sempre più si allarga l'abisso fra 
l'esercito, rappresentato dal suo elemento 
stabile, ossia dai militari di professione, e 
il popolo, che a questo esercito fornisce le 
masse temporanee dei soldati: gli ufficiali 
nobili aggiungono al pregiudìzio dì razza 
il pregiudizio di casta, e vivono disinteres- 
sandosi del proletariato e delle questioni 
che ad esso si riferiscono. Questo screzio 
non è ancora evidente; il prestigio delle 
glorie passate, il sentimento della grandezza 
del paese, la necessità dell'unione masche- 
rano ancora il dissidio; ina è un fatto che 
la borghesia e la elasse operaia mal si adat- 
tano allo sviluppo di quella aristocrazia 
militare che, non essendo fondata sul me- 
rito, e non avendo l'aureola delle grandi 
virtù, appoggia la sua superiorità su prero- 
gative ingiustificate. 

Quando un giovane di buona famiglia, 
iiitcDìgente, studioso, è stato ufflciule |ier 



alcuni anni, il ittici Intente rimane nell'e^ier- 
<;ito: egli trova quell'ambiente troppo infe- 
riore al suo valore, le occupazioni troppo 
meschine, trop)>o scarne le probabilità dì 
avanzamento. Così il corpo degli uftìciali sì 
impoverisce sempre pili di buoni elementi, 
e in esso non restano clic, da una parte i 
fanatici, jiiii o meno ambiziosi o arrivisti, 
dall'altra la massa delle mediocrità. Nel 
corpo degli nttieiali vi è ap|iarenteiuenti- 
una certa unità, in quanto e.'^si sì stringono 
insieme jicr fronteggiare il nemico comune, 
il iMirgbese: uni (jnesta unione non è che 
n|iparente: nel corpo slesso lo screzio si 
viene determinando, e insieme con l'invidia 
jieiietrano le delazione, l'intrigo, la corni- 

puii esseri' ijiialfibc i'Hii);er»ziiiiii' nei ijiiadro da Ini 
trikociato, ma iilfecniand" che le linee eKsenKinli wiii". 
nel loro insìenie, abbaatunra i-nade. 

l'er «ui«cn»ra di '(la:!!) rimandìami' ni pio^imo b"- 
mcie ia puhblipa:iaHf ili laii arlifoli: • l'Ka «■«n/o yicr 
le madri •: « t-ii nuora li^mila di ìraltiitm ".- • t'iti- 
qHaal'anni di [(cniea Irdrtfa *: «Il pim-itlr v t'an-i- 
diir di Cnha ■ , «v. 

LK l'AUOLK DI (.AMItliONNK 
A WATKJd/K» (0 

l'er giudicare dell'aulenticiti'i, o, meglio 
della probabilità della celebre fnise di Cani- 
bronne: La (iarde mcart et uenc rcìid pa«. i- 
bene precisai-e le circostanze in cui egli si 
trovò nella giornata del \x giugno inir). 

Il generale Cambronne era maggiore dei 
cacciatori a piedi della Vecchia Guardia, e 
come tale comandava il primo reggimento 
cooi|>osto dì due battaglioni. Alla testa dì 
uno di questi battaglioni egli si trovò verso 
la tlne delta battaglia, quando Napoleone. 
per proteggere la ritirata, ordinò ai tre bat- 
taglioni tenuti in riserva di formarsi inqua- 
drato, ucirca cento metri dalla lla.vc Sainte. 
Questi battaglioni, dopo aver respinto varie 
cariche di ciivalleria, battuti da ogni parte 
dalla fucileria della fanteria inglese e dal 
fuoco a mitraglia di tre batterie, retrocessero 
]msso a passo, compiendo la celebre ritirata 
letteralmente circondati dai nemiei. In mez- 
zo ai colpi di fuoco, alcuni ufttciali inglesi 
gridavano a quei vecchi soldati: « Arrende- 
tevi! » In questo momento Cambronne, che si 

<1) Da daa urtlooll di Hh:ibv Housuik, Diemliro itrll'AsoniU'- 
mU rraomKF, Smu Blent, 17 e :I1 iHiTemlira. 



,y Google 



MINKB VA 



IL 



trovava il favitllo, nel quadrato ilei secondo 
ì>attHi;liuii« del primo caiffìiaturì, avri>bbe 
>iroDuiiì'.ÌHto la frase o la paiola molto eiier- 
irk-a, uia poco i>ulit», clie gli vjeiie attri- 
buita. 

" La (iarde lueurt et ne se rend (las ,.. 

I,ii frase: La (Iarde inni r( et «e sr rendpas 
comparve, per la prima volta, nel Journal 
tlrnéra-l de France sei giorni dopo la batta- 
glia di Waterloo, quando nessuno di coloro 
i-he a (|uella battaglia avevano preno parte 
t-ra aiicor.i tornato a Parigi. A (|UHi)to si 
dii-e. essa fu inventata ila Italison de Itouge- 
riiont,antore ilratuinatìeo, romanziere, poeta, 
die liei IM15 i-olluborava al Journal alene- 
rai e al Journal 4e FariH. Kssa leee subito 
grande effetto, e il liS giu;;iio fu ricordata 
alla Camera dei rappreaeutanti, i|iian<Io a 
f'artgi non vVra ancora né au iiHìctale, né 
ntt soldato della Vecchia (ìnardia. 

È da notarsi una circostanza importante: 
che. cioè, la frase non fu riponila davanti 
ibi Consiglio di guerra ohe gìndicìi Cani- 
bronne: uè il comandante Delon. nel suo 
rapporto, che era piuttosto uri panegirico 
•■he un atto di a<;cusu, uè Iteri-yer nella sua 
difesa, citoiio l'eroica risposta. 

.\<wuim:iiKlu Alle «uiitrtivcraio ulle i|unli In iiiionticmc 
■li i|iiKitu friuMi <lii-de liio)^. l'untoro rtlpvu la iicn- 

«iillp ijiiati u!ua vìpiip funilntu, nome al ou ne c>p<'ri' luili- 
1tlioat<> dui 1X18 al 1M2. N'<> mn^j^lom Jiii|Hirtniii'.ii 
]>«•> Attribuirai nllt^jiarole ili ^mll. Il i[iiali- allnCa- 
iiK-r» dei d«l)iit.itt. il 2 febbraio IfU.I, dUw di eiaerai 
trvvftto iHwitnto a CumhTODiii> (luandu i|uesti iiruiiiinnìii ■ 
1u sua famosa frane: a Watvrluo, infatti, Konlt non si 
troTiiv» viniiio A Gambronni', UptisI stuvn inaieine uon 
Nupaleuiio. 1)o|m> il IXi'I ì fìj^li iM generale Mialiul, 
nd'ioo a Waterloo, volloro rlsendican- al luro guni- 
unr l'onore di Avpr liiiioiutii •iiietln lìcrn rÌs|)OHta con- 
tro )[!' iDgliMÌ vittori<)HÌ, e in'll' istaiixa rivolta :il re 
L'ii)^ t'ilipiKi nilarunu jian-i-i'liie Cesti nioiiianze, lu 
lua^Kiui* parte ili'lli> 'inali, piuttosto olie »ll'«niintivi> 
rÌHpi>tt4i II Mlcbel. iwnii n«)[Utivi> rispetto » ('anihnmuo. 

Dichiara zio ai di Cambronae. 
Volendo riassumere la s.lx>ria della famosa 
frase, vediamo che la sua tratliziuue è for- 
mata dai seguenti elementi : un'origine so- 
spetta, delle testiinonian/.e più o meno so- 
ape.tte anch'esse, delle negazioni e delle at- 
ferDiazioni, nessuna delle quali ha per autore 
un irrefutabile testimonio auricolare. Dna 
soUi persona poteva dare sulla (juestione 
una testimonianza decisiva, Cambronne. Ora, 



Cambronne ha costantemente e osti- 
nata mente negato di aver pronun- 
ziato la frase che gli viene attribui- 
ta. Tutte le volte che egli venne interrogato 
in proposito la sita risposta fu seni|u-e ne- 
gativa. 

Xel luglio del 1«15, trasportato come pri- 
gioniero di guerra ad Asbbnrton, trovandosi 
a tavola con alcuni compagni di prigionia. 
che avevano apiu'eso dai giornali francesi 
la sua rispost:! all'intimazione nemica, e che 
lo eoniplimentavano per quelle parole, ri- 
spose: e !tli rincresce, ma non ho detto 
ciò che mi si attribuisce. Ilo rispo- 
sto altra cosa, non quello che viene 
riferito ». 

Dopo la rivoluzione di luglio, il l!t set- 
tembre 1S:ìO, in un" banchetto dato dal mu- 
nicipio di Xantes alla gmirdiii nazionale di 
Angers e agli uiliciali della guaringÌone,('ani- 
brunne. che sedeva alla tavola d'onore, scon- 
fessò formalmente le celebri parole die gli 
erano attribuite, facendo questa dicbiara- 
y.ione: * fiivitato ad arrendermi ri- 
sposi qualche parola, meno brillan- 
te, forse, ma di una energia più sol- 
datesca ». 

La inrola. 

Di contro alla tradizione della frase sta 
quella della parola poco parlamentare, rife- 
rita da Victor Hugo nei Mmraòili. Questa 
parola si trova, non citata testualmente, niii 
fatta comprendere per la prima volta nel 
1834, nel Dictioiiiiaiie dcs contcmporaiiM del 
Itabbe; e in favore di essa stanno non poche 
testìmouianze notevoli, fi-a le quali quelle 
indirette del Cambronne stesso, rappresen- 
tate dalle parole che abbiamo citato più 
sopra, quella di un sci-gente che si trovava 
nel quadrato comandato da Cambronne. ed 
altre. 

Il primo scrivano del notaio della viscon- 
tessa Cambronne compilò nel \^i'-\ una Vie 
de Cambronttr, in base alle notizie e alle in- 
formazioni che gli vennero fornite dalla ve- 
dova stessa del generale; questo autore. Ito- 
geron de la Vallèe, cosi riferisce l'episodio 
di Waterloo: 

— Arn'nclBlfivi 1 — (fi-idaiio (jl'lnttlt'si. Un» iicjf»- 
zloni' enorKioa fu In rÌHpoBta di ('ainbrouue; <■ uim 
i|nestii parola, chu la storia non osa ripetere, nin ehe 
tatti oonoiHivno. egli si slanniii alla testa dei suoi 



i.li .-ne 



,y Google 



12 



MINERVA 



Final in eD te un jiarente dì Cambroiiiie, il 
tenente colonnello Cristiano, ebbe a dicliia- 
rare: <■ Mia itonn», mia niatlre e mio jmdre 
ritenovaiiw per certo obe Victor Ungo, nei 
Miwrahili, iivesse detto la veritit », 

Cnn ci II sii me. 

Uiassuniendo, Caiiibronne neRÌi sempre t'or- 
niulniente la frane. Non è diniootrato elie 
effli confessasse di aver pronunziato la pa- 
rola; ma mentre non 8i spiefflierebbfl porcile 
avrebbe negato la frase, se veramente la 
avesse pronunziata, si comprende molto più 
facilmente come ejili dovesse essere iniba- 
ra/.xato, an/.i confuso, dì confessare la i>a- 
rola. Divenuto sposo di nna !i!Ì(;nora ing^lese, 
e ereato visconte da Luiyi XVIII, ejrli ci 
teneva a comportarsi da «omo bene educato, 
e non voleva dare ai malevoli nn nuovo 
pretesto di dire cLe i generali dell'Impero 
erano dei roz/.i soldati, i qnali avevano por- 
tato nello Stato Majrgiore e i)Crlino nei sa- 
lotti della buona società i modi e il lin- 
^iiHKIcio soldatesi;o. 

Ma se si ripensa all'episodio finale della 
traffica battaglia del l.s ;fiu;;no ISI,"), se si 
rìHctte allo stato d'animo in cui ('ambronnc 
si trovava, all'esasperazione clic in lui do- 
vevano produrre le ripetute ìntimaKioui del 
nemico, la parola a]ii)are, diremo così. i»si- 
col otticamente ginstiticata. 

Ora, poiché, come dichiarò e;rli stesso, 
(jualchc cosa egli aveva risposto, sembra 
probabile che tale cisposta fosse hi parola, 
e non la frase. 



SCIKNZA E IXVKN/IOM i'> 

Una tlisciissione intorno al railio. 

Un interessante dibattito si e avuto ulli- 
muinente nel mondo scientifico int;lcsc in- 
torno al radio, e alcuni sono arrivati n dire 
die (tuesta forza altro non ì- se non un mito. 
Kvidentenicnte ipicsla e una esagerazione; 
del rest<), anche se il radio fosse un mito, 
rimarrebbe sempre la radioattiviti!, la quale 
non e contestabile. 

AH'Associaicione Itrìtannica uno scienziato 
che multo sj è occupato della radioattiviti^ 
fece osservare in una sediila «juaiilo inte- 
ressante sia il radio e come esso scoiivoIkji 

in Un ra>H-Kiu> -cii-»1iUi'l>r HI viirie tirnt.--, lliMi~th*qi-t Vn- 
r^t.'IU ti Rmt Suù^. p-v.'inlire <■ di'-cmbre : llrmr nii.da.«<i- 



le nostre cognizioni, porffondoci l'eaem]iiti 
della distruzione di un corpo semplice e 
della sua trasformazione in «nergia e in 
lin altro corpo scmiditc. l'elio. A questo, 
uii eminente tisico, lord Kelvin, obietti» non 
essere punto dimostrato che il radio scon- 
volga tutte le nostre coffuizioni scientifiche. 
Segni un'animata diseussione, e la parte 
più interessante degli argomenti svolti da 
lord Kelvin può riassumersi brevemente 
così: Non è dimostrato che il radio 
si» nn corpo semplice: esso sarebbe 
piuttosto un comjiosto di due corpi sem- 
plici già <-onosciuti, uno dei quali sarebbe 
l'elio, l'altro, for.se. il piombo, quello nella 
proporzione di ."i. questo nella proi)orzioiiL- 
di 1: <|ue8to corpo sarebbe instabile e si 
decomporrebbe, donde il fenomeno della ra- 
dioattività, e non avrebbe nulla di miste- 
rioso la trasformazione del radio nell'elio, 
{fiacche questo ultimo si trova già conti - 
liuto in esso. 

Lord Kelvin fece osservare che noi non ab- 
biamo ancora una «-onosccnza sicura 
della natura del radio, e, in ])articolare, 
della sua composizione chimica; e nessun 
chimico è sorto a contraddirlo. In conclu- 
sione, bisognerebbe analizzare e determi- 
nare bt natura cliìniica del radio, accertale 
se esso sia veramente un corpo semplice 
nuovo, o non piuttosto un composto di due 
corpi semplici gi(\ conosciuti: a questo ^i 
riduce la questione. 

Lord Kelvin e rimasto solo nelle sue idee: 
tutti i tisici che in grande numero hanno 
preso parte al dibattito credono uell'esi- 
stcnza del radio come corpo semplice: niu 
le osservazioni di lord Kelvin diniostruiKi 
la necessità di darne la juova definitiva. 



La > 



ira ik'l cri-linis 



Un medico tedesco, il «inale. del resto, no 
ha fatto che rinnovare i tentativi eseguii 
alcuni anni or sono a Iberna dal dottor K< 
cher, ha ttruccdnto. ultimamente, a un it 
tercssante esiwri'iiieuto circa la cura de 
cretinismo. 

V' noto che questo staio patologico coii 
cìdc, nella maggior parte dei casi, con un. 
alterazione di un jiiccolo corpo glaudolari 
che si trova nel collo, la glandola ti 
roide. Questa glandola, quando sia aniui;' 
lata o atrofizzata, non produce più una-s* 
stanza che normalmente essa fornisce a 



,y Google 



M IN E E VA 



13 



Mtii^riit'; e la iiumeanza dt questa 800*67.10116 
interna ha per consetruenKa il deperimenti 
fisico e inteHettimie delTorfranismo, 

Fondandosi su iiuesto fatto, alcuni scien- 
ziati consigliano la momniinistraKÌone dì 
«■stratto della glandola tiroide agli in- 
ilividni ehe soffrono di cretiiiismo, o die 
sono affetti dal gozxo. Però, ci sarebbe an- 
che un altro nie;c/'0 per arrivale n questo 
sooiKi: si jiotrebbe, per esempio, innestare 
nell'organismo un corpo tiroide sa- 
no, il quale, quando pren«}a radice, coni- 
pini la funnione necessaria, l'oco importa 
l'Itti il corpo tiroide »ia innestato piuttosto 
in un punto die in un altro, purcliè esso 
possa vivere e secernere il ano prodotto. 

Ora, il chirurgo di cui ptirliamo itensò 
di eseguire l'innesto sulla milza, che 
i' un organo molto ben irrigato dal sangue; 
e procedette, anzitutto, a un esperimento 
SII nniuiali. liiitscito (pieNto primo esperi- 
mento, il chirurgo tentò l'innesto su di una 
faiicinlletta, la (|uale presentava dei segni 
ili cretinismo; egli tolse alla madre del- 
l'ammalata una parte (letlu glandola tiroide 
e la iuiiestii alla milza della bambina: cosi 
la madre come la figlia stanno bene, e dopo 
l'opei-azione subita la bambina si « screti- 
nizza « a vista d'occhio, bisognerà, però, ve- 
dere se hi cosa dura giat;<'hè l'operaKione è 
• lì data receutissiuia. 

K' da osservarsi che in base agli esperi- 
menti fatti la scorsa estate a Parigi dai 
dottori Cliarriii e Clirlst iaiii. P innesto si 
può compiere anche sem]dìceinente sotto la 
pelle, senza die vi sìa bisogno di arrivare 
alla milza. Insomma, l'innesto della glan- 
dolatiroide desta le migliori speran- 
ze di un efficace tnittamento del cretinismo 
t- delle affezioni di tal genere. 

La penna ili tantalo. 

tìi annunzia da Jìerlino che la celebre 
ditta .Siemens e Halske metterli in com- 
mercio, fra breve, delle penne di tan- 
talo. Sì è riusciti, intatti, a produrre il tan- 
talo puro, che è un metallo di una durezza 
•irraordinaria. Di questa durezza si è fatta 
\n seguente prova: facendo girare un trapa- 
no con la punta di diamante, con la velo- 
cità di .ICMMl giri iti minato, per 7:1 oro, con- 
tro una lastra di tantalo, questa risultò 
:i|)pena scat6ta. mentre il diaiiiiiiite era tutto 
smussato. 



Pili duro dell'acciaio e, nello stesso tempo, 
pih ])ieg1ievole dell'oro, il tantalo sembra 
destinato a fornire una punta di pennino 
eccellente e, in certo modo, indiatrnttibilc. 

yi dice che il prezzo di questo nuovo 
pennino sari) abbastanza mite, ma, finora, 
la cifra non è stata indicata. 

L'igiene dell' ìatestino. 

Il dottor MetcbniWoff, il dottx> vicediret- 
tore dellTstituto Pasteur di Parigi, il quale 
giil cinque anni or sono aveva emesso l'opi 
nione che i vermi intestinali possono 
contribuire allo sviluppo dell'appen- 
dicite, ha inibblicato recentemente uno stu- 
dio in citi dimostra che i detti vermi pos- 
sono bensì vivere nell'intestino dell'uomo 
senza recare gran danno all'organismo, ma 
possono anche, forando l'intestino, aprire la 
vìa ai microbi patogeni. 

fi da notarsi, poi. che 1 vermi intestinali 
non si limitano a inoculare l'appendicite, 
bensì possono anche, come sostiene il Guiard, 
trasportare nella mucosa intestinale dei ba- 
cilli del tifo e determinare per tal modo 
la febbre tifoide. 

Bisogna, dunque, intraprendere la lotta 
contro i vermi intestinali, come si Iti 
contro le zanzare e contro tutti gl'insetti o 
aracnidi portatori dì microbi. E anzitutto e 
sopratutto è necessario badare agli ali- 
menti,! quali non di rado, sopratutto quelli 
vegetali, sono contaminati da deiezioni uma- 
ne contenenti uova dì vermi. 

Numerosi esperimenti eseguiti su vari ani- 
mali hanno dimostrato in modo indiscuti- 
bile die per alcuni microbi l'accennato aiuto 
dei vermi intestinali è aupertiuo, giacche 
essi possono da se stessi attraversare la pa 
rete intestinale, benché perfettamente intatta, 
e insinuarsi sia nei gangli linfatici, sia nei 
polmoni, nel fegato, nella milza, e perflii" 
nel sangue e nella linfa. Ed è dimostrato 
che, appunto per questa circostanza, la tu- 
bercolosi polmonare si può contrarre facii 
niente per la vìa intestinale. 

Anche per questa ragione il Metchnikotì 
consiglia di fare la massima attenzione ni 
cibi di cui ci nutriamo, e di non ingerire 
nessun alimento che non sìa sterilìz 
zato. L'acqua dovrebbe sempre esser bc 
viltà dopo bollita; bollito il latte, oppuic 
pasteurizzato col riscaldarlo a (ìr>-7l) gradi, 
i procedimenti di laboratorio proposti per 



Digilizcd by 



Google 



14 



MINERVA 



rendere il latte asettico nHma t»rlo tmllire 
essendo aiu-ora troppo delicati per pot-er es- 
sere applio»ti industrialmente; ben t-otta la 
(■urne : cotti i leifumi, e 8|»ecialinent« 
quegli erbaggi <'he più spesso servono di 
veicolo ai vermi e ai mìcrobi patotfeni, 
quali i ravanelli e l'insalata. Per l'insalata 
cruda, lo sciacquarla con acqna liollita non 
basta: bisogna che l'acqna sia bollente. Fra 
i frutti, sono specialmente pericolose le 
fragole, lutine, ^ da uotai-si die le uova 
stesse, crude o à la coque, non sempre sono 
inno<nie, giaccliù il bianco dell'uovo contiene 
spesso dei microbi e pi^rtìno dei vermi: sic- 
ché anche per questo cibo la cottura deve 
essere completa. 

di' impianti elettrici e la sahite umana. 

Il i>ersonale delle oitii-ine elettriche cen- 
trali del Niagara sotì're di indìsposÌKÌoai 
speciali: gravi disturbi di digestione, disap- 
petenza, pesant-ezza di stomaco dopo i pasti ; 
e il dottor Millener, medico dello stabili- 
mento, crede che queste indisposizioni siano 
dovute alle radiazioni elettriche ema- 
nate dagli apiiarecchi e dai fili conduttori. 

A questo proposito, una rivista medica 
tetlesca spiega come quei disturbi siano do- 
vati a uno speciale avvelenamento 
causato dall'ozono. Questo gas, infatti, 
sviluppato iu quantitil abbastanza grandi dai 
numerosi apparecchi percorsi da correnti ad 
ulta tensione, forma con l'azoto atmosferico, 
in presenza dell'acqua, acido nitrico, il 
quale penetra nello stomaco insieme con la 
saliva. Chiunque ha fatto degli esperimenti 
con correnti ad alta tensione conosce il gu- 
sto a<!Ìdulo che si sente in bocca allorché 
vi sia un forte sviluppo di OKono. Di più. 
l'ozono aspirato in certa quantità è nocevolis- 
simo agli organi respiratori, gia<rchè eccita 
le mucose, provoca la tosse, distrugge i tes- 
suti e produce dolori al collo e ai bronchi. 

Il mezzo pili efficace per ovviare a questi 
inconvenienti è quello di ventilare i lo- 
cali in cui si trovano gli apparecclii e i 
conduttori di correnti ad alta tensione, e di 
separare del tutto questi locali dalie sale 
delle macchine ove lavorano gli operai. 

Si devf ilurmìrc iIdimi il [lasto? 

Una piccola ma interessante questione di 

igiene ])ratica !■ questa: se coloro che, dopo 

desinato, si sentono prendere dalla sonno- 



lenza delibano dormire, i.a rispo.^ta e itll'cr- 
mativa o negativa, secomlo i casi. K' vero 
che l'esempio degli animali farebbe ritenere 
che il dormire dopo il pasto sia cosa salu- 
tare: ma anche negli animali l'escri-i/.io mo- 
derata sembra preferiltile al sonno, jierchc 
accelera la digestione. 

l'er l'uomo non vi e una regola generalc 
asaolutii, giai-cliè variano le condizioni: teni- 
I)enitura, abbondanza del pasto, ecc. Sicchc, 
in conclusione, resta a riascuno di ve- 
dere quel che più gli convenga, ì'o 
Iranno tare un sonnellino i-oloro <-he dopo, 
nel destarsi, si sentono Ircschi e ben dispo- 
sti: coloro, invece, clic nel destarsi provano 
nn senso di pesantezza e di stanchezza, do- 
vrebbero piuttosto fare nn |io' di moto pa»-- 
seggiando per facilitare la digestione. I n 
generale, il bisogno di dormire dopo 
mangiato indica una certa difficolt:'i 
di digestione, spesso dovuta al pasio 
Irop|»y abbondante: in tal caso è rai-commr- 
dabilc guardarsi dal mangiar troppo e fare, 
dopo nmngiato, un po' di esercizio. 



r.\MA) .\I,\KX l'Ulil.VKU) (" 



Il CapilaletM Cario Jlarx e una delle opere 
di cui tutti parlano, e che nessuno legge 
eccettuati gli specialisti, ('io non impedisce 
i-he il genio di Marx, nella bocca dei .suoi 
discepoli, superi ogni espressione: le « sco- 
]>erte » di .Mar\- in materia sociale egnaglianu 
quelle di Keplero, di Xewfon, di Darwin. 
Eppure Marx è stato accusato sovente di pla- 
gio, l'ani Leroy- Beau lieu. nella su» criticn 
del colleltivismo, rileva quanto il MarK iibbìn 
preso da i'roudhon; Rodbertns. il padre del 
socialismo di Htato ]>rus9Ìano, affermava di 
essi-re stolto saeclieggiato da Carlo Marx; Sid- 
ney Webb. nella smi « fStoria <lel tnide unio- 
nismo ». ìndica le cose che il Marx prese dal- 
l'inglese Hodgskiii. il difensore del lavoro 
contro il capitale. 

8enza scendere nei particolari di ipie-sti 
« plagi » e pur constatando che Marx piese 
da varie parti i materiali e pei-ftno le pie- 
tre angolari del Capitole, conviene ricono- 
scere- che egli è verameiit* l'unico archi- 
tetto di questo edificio; il qaale del i-esto, 
è iin-om])Ieto. e presenta non poche screpo- 



,y Google 



M 1 N E K VA 



l-T* 



lature, iiiiii parte liti soL'ialisti stei$»i, irol 
Iternsteiii alla testa, aveiidont' intra preso la 
<l(;iitolixìoiie. 

Il MatiifuHtu ctimitnìsta. 

Il Manifexio cimutiiinta del 1W7 ó rimasto, 
ili coiitmno, quasi intatto, e sembra desti- 
nato a sopravvivere. 

Ij'Aiidler, ,clie nel 11H>1 ne Im pubblicato 
nn'ediKione francese commentjtt», lo dìcbiarò 
lo scritto più (liffnso e piii ìnteruaKÌonale 
della lett«nttnra socialista, conoscinto {se 
non compreso) da parecchi milioni di lavo- 
ratori, dalla Siberia alla Califoruia, una 
s-,)e<5Ìc di Bildiiu o di Corano, il cui cinquan- 
tesimo giubileo fu, a ano temj)©, solenne- 
mente celebrata in (ìermania. 

Il prof. Sombart, il quale, senxa essere 
socialista, ba fatto la migliore espusi>iione 
liei pensiero del socialismo internazionale, 
nell'opera SiioiaUnMiiH itnd lorialiiiticke Be- 
ircr/HHff, considera il Manifesto come il pro- 
dotto iiìil singolare della letteratura mon- 
diale, come nno scritto di una ric<-hej(za di 
idee favolosa. 

Ij) U-»i foiiilHiiii-ntnlt' l'Iu' il Mui'\ wisticìKi, qiu'lU 

iiietiti) <li-U» itiirift ]i»1itica ii intellettuiilo ili cisBomm 
■'p»'ti i- [l mudi) <li prodiixioiie e «ti distriljiiKiijiiu efo- 
tiomicn, ohi- pr«>a la sf]iiiraxìo»<' dplle clasti : — ogni 
rivoliii'.iwii- iM-iinninicn trov» la su» es|irB!«ionn iii'l- 
t'iiiitnt{oDlaniij rll ulnss» e noli» lottn ohe ne rixuUa; 
— Il movimenti) Booialista attillile luiu ì< clic l'urf^iv- 
nÌE/u/ìone di i|iiegli elemimlì dellit sooictii ohe sono 
ohliHiiHti a roiupure la dominazione della liorifheHiu, 
a cumiiiistare t» nuovi' furni (li iirailitKÌuni> Huainle, la 
>|ita] posa non si pu<> ainn|iii-i-e hk iiuii Hustidiendu 
alla |iru]irict]\ privati! il cunmnisniu ; — i PiinmiiiHti 
funuHnii iiii^ta parte di-l prole tari a Io mi)itaiile (tlie 
II» 1» iMisiTienKa iti ijitfsta Hviiliixiuiie (generale e del 
Milli liaraltiTe iutemaElomile; 1» Itiro teorie non sono 
••lic il l'iElraHU dell» li-altà e della lotta di riasse, 
lidia trOMfiintiaKinne che si vione eoiii]ileiiilo sotto i 
Tiontri iHMiLf e ulte niotti-rà iiiiro iill'etA ilell'iirii del 
volli uniamo, di un eoniiinismo servito dalla soieiiKH, 
i-lif dueupleWl, non etcual vant»){gio di tutti, le fiirxo 
I inulti tir lei della sm'iotù. 

t: i|ui'sfi. — iMservn il Somliart — il ijokiiu di un 
[Kirailisii |H<rdutu e ri tm villo, lo uni porte, jierù, iiiinae- 
t-innii di (tuere iiiKOiiihre di sangue i- di eadaverì. 

Le idee dei Manifesto non sono proprietil 
esclusiva dei suoi due compilatori, Carlo 
Marx e Federico Engels, l.a teoria del com- 
pito storico della lotta di classe si trova 
già in due storici, Angnstin Tliierry e Fran- 
cois (iuizot. Inoltre, l'Andler, il quale non 



divide l'entusiasnio ilei yoinbuit jicr il Ma- 
nifesto, e cbe si meraviglia <lel suo succes.so, 
trova in esso non iwcbi punti dì riscontro 
con Jìabeuf, con l'ecqueur, con Yidal, con 
I^uis Blanc. 

Ultimamente, poi, un anardiioo della scuola 
di Bakunin, \V. TBclierkesof, in nn opuscolo 
intorno all'origine del Manifesto conuuiista 
flHe i'rhi'brrsekaft dm Kommitnitlinchen Ma- 
iiifeatH; Berlin, J-'reier Arbeiter V'erlag, 1!MH>) 
presenta addirittura il Mar\ e l'Engels come 
due sfacciati plagiari. Egli sostiene, infatti, 
clie il Manifesto, il quale passò dapprima 
del tutto inavvertito, poi venne letto per 
semplice curiosità, e intine fu celebrato dai 
Tedeschi come una rivelazione, come una 
jii'omessa di re<lenzione, fu inspirato da un 
opuscolo oggi introvabile, che un discei>ulo 
di Fonrier, il C^onsidérant. pubblicò nel 1SÌ2 
col titolo di , .ìlanifesle de la démocratie {{). 
K non si tratta semplice me ut e di vaghe 
analogie: il titolo, la divisione dei capi- 
toli, la segitenza delle idee presentano no- 
tevoli somiglianze. 



l'acificc 



ivaluzionarismo. 



IH contro a questa affermazione il iionu- 
fiee massimo dell'ortodossia marxista, Carlo 
Kautsky, in un articolo pubblicato nel nu- 
mero del ]« agosto della yctw Zcit, pur 
riconoscendo l'analogia di alcune teorie con- 
tenute nei due Manifesti (feudalità finan- 
ziaria, abusi delta libera concorrenza, impo- 
verimento delle masse, concentrazione dei 
capitali), rileva fra l'uno e l'altro una fon- 
damentale differenza cosi nello spirito in 
cui sono concepiti, come nelle conclusioni 
alle quali vengono. Questa differenza è stala 
messa in luce ancor meglio da <ì. Sorci, nel 
volume teslé pubblicato col titolo Itegenr- 
razione capitalùita e di-ge in- razioni' sncialintn 
(Palermo, Sandron, 1!K)7). 

Iai differenza essenziale è questa: che il 
Considt'-rant, mettendo l'una di fronte al- 
l'altro la borghesia e il proletariato indu- 
striale, dimostra come sia pericoloso questo 
antagonismo per la pace sociale ed esorta 
a provvedere a questa pace, organizzando 
t'industria sulla triplice associazione del la- 
voro, del capitale e dell'ingegno. Il Cun.-ii- 
dt>rant e gli altri socialisti della sua scuola, 
che Carlo Marx chiama: « utopisti », li- 



,y Google 



Iti 



MINGEVA 



TeiiKOio f^^ k'ì »!itJiK<niiS"ii 80<^iaii possano 
mitigarsi, quando la classe dirigente sia ben 
ilieposta verso il popolo. 

l'et- il Marx «jiiest» è un'illusione: l'evo- 
Inzione del capitalismo (■ impossìbile, la 
lotta di filasse deve fatalmente continuare 
tino alla distniKÌoiie della bornliesia: fra 
ijiiestH e il proletariato non è possibile alcun 
aceoi'do. atcìm» transazione. 

Kvidenteniente. questa concezione mar- 
xista della lotta di classe ha uno spi- 
rito diverso da quello che anima il Jlani- 
festo del ('onsidcrant; e Carlo Marx, con 
]irofomIa chiarove^rifenKa, aiutato dal suo 
i.-osmopolitismo di raz/.a, ne annunziava il 
carattere internazionale con la celebre esor- 
tazione: « rroletari di tutti i paesi, uni- 
tevi! » Il suo internazionalismo è un ìni- 
pei'Jatisnio |iroletario: e il più pene- 
trante osservatore dell' imperialismo cou- 
teniiKiriineo in tutte le sue forme, Krnest 
rieillici-e, nel libro intitolato: I>er ^einokra- 
tì'xche IiiipcnaliniHni (ISerlino. 1907). niett« 
molto bene in rilievo il misticismo ter- 
rorista e conquistatore della lotta di 
I-lasse, quale esso si rivela nel Manifesto 
comunista, specie di Apocalisse di quell'ini- 
jierialismo proletario che è rappresentato 
dall' Internazionale oiieraia. 

SnCllUO SOCIALE w 

Esaminando le statistiche della natalità 
noi vari i)ae8i dal ISSI al l!l<i;ì, constatìanio 
un movimento generale di diminuzio- 
ne. Soltanto l'Austria rinntne quasi stazio- 
naria intorno a una cifra di ;U.-S4 nascite 
legittime all'anno per mille donne maritate; 
tutte le altre nazioni presentano una dinii- 
unzione, t-he per l'Italia e la Svezia è del 
7 per cento: Scozia e Baviera, IO; Prus- 
sia, Ili Impero ;rernninico. li': Danimarca e 
Francia, l.ì: Inghilterra, 17; Nuova Zelan- 
da, IH: Sassonia e lìeljiio, L*4: Victoria, 2r>; 
Xuova (Jallcs del Sud, X\. 

Di questo fenomeno si è preoccupata l'opi- 
nione pubblica anche in Inghilterra, e si e 
lirocednto a una serie <li inchieste, dai cui 
risultati riprodiu'iamo alcune cifre. Dal JsSl 
al l'.KCt ta ilimìnuzione della natalità fn del 
15 per cento nei distretti urlianì, del IH nei 
■ listrctti rurali dellMiiiThilterra e del l'acse 
di (lalles, del Kì nella Scozia. 11 censimento 



del 1901 dà per la città di Londra una cifra 
di fanciulli inferiore di .'i,(HM> a quella dì 
dieci anni prima. Nel 187tì, per 100,0<HI In- 
glesi nascevano ;M>30 bambini: nel 1M4 que- 
sta cifra era scesa a 2790. 

1 risultati di un'incliicstii. 
Quando questi dati statistici furono puli- 
biieati in Inghilterra, vennero subito sotto 
posti a un attento studio per scoprire la 
causa del fenomeno. I..a « Fabian So' 
ciet.v » e la « Koyal Statistica! Society • 
organizzarono delle inchieste, i cui risultati 
sono i seguenti : 

1. La diminuzione della natalità 
non è un fenomeno specialmente ur- 
bano^ none una conseguenza dello spopola- 
mento delle campagne: essa Sproporzional- 
mente nuiggiore in una città ]ierfettHuiente 
sana come Brigbton.clte nei terribili alveari 
operai di Manchester e Liverpool; 

2. Questa diminuzione si fa sen- 
tire in modo particolare là dove l'a- 
ver dei figli è causa di notevoli in- 
convenienti, per esemi>io nelle famiglie 
in cui la madre è occupata come operaia 
in uno stabilimeutu industriale: 

'■i. Kccezioiialuiente accentuata ^ 
la diminuzione nei luoghi abitati 
dalla classe sociale che si serve di 
domestici. Nei quartieri di Londra dove 
vi è il minor numero di persone dì servizio, 
la diminuzione della natalìtìi nel decen- 
nio 1S8|.1!H)1 fu del 12 per cento: essn rag- 
giunse, invece, il olì jier cento nei quartieri 
in cui si trova il maggior numero di do- 
mestici; 

4. La diminuzione è maggiore in 
quelle elussi della popolazione che 
danno maggior jirova di previdenza e 
di economia. Tj'importantissimn società di 
mutuo soccorso e di pensioni intitolata: 
« Ilearts of Oak », che conta presentemente 
pift di 270.0(K) soci, e che alla moglie di 
ciascnn socio versa la somma di ;!8 fraitelii 
per ciascun figlio che essa dà alla luce, dal 
l.S(i(i al ISSI esegui di questi versamenti in 
utni proporzione che salì da 2l7(i a 2i7'2 
per 10.000; dal ISSI al 1904. invece, la pro- 
porzione dei versamenti scese a lliiT). Nella 
« Itoyul Standard Benefit Society ». clic 
ha S22."f soci, la cifra dei versamenti di «jne 
sto genere diminuì di piìt del ."«fi per cento 
dal ISSI al I!I01. 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



17 



La limitazione volontaria dell» ]>rvle. 

Dalle osservasioDi che sono state fatte si 
può dednrre qnesta coBclusìone: che la di- 
ininuzione della natalità vis alta dalla 
ilelilierata limitazione del numero dei 
f'ijfli. Di ciò ehhe a fornire una prova di- 
ri-tta l'inchieeta fatta dalla « Fal>ian So- 
eit'ty » intei'ro^ndo in proposito lil.s per- 
foiie ooDÌUKate, scelte a caso in tutte le 
«■hiKsi medie dell'lngliiltcrrn. Xon riferiremo 
ì . risultati parti co laretcjfìati di questa iuchie- 
st;*: ci limiteremo a rilevare che, per il de- 
• funio l«ilO-l'.)«), ohe è il periodo tipico della 
diniiiiuKione della uataliti'i, troviamo su 120 
Kialrimoui ben lOT con limitazione volon- 
tui'ia della prole, fi HOli i;j senza limitazione. 
<juauto alle cause, esse furono indicate per 
liti) matrimoni: in 7:t casi, ragioni tlnan- 
/.iìirie; in '^-i casi, malattii^ dovute, yeiieral- 
irtente, alla nascita di un figliuolo; in ^ casi, 
ìiltru malattie; in 24 casi, volontà della 
nioKlie. 

Una prova accessoria di quanto aft'ermiamo 
*si ha in quelito: la limitazione della 
prole è severamente proibita dalla 
religione cattolica; ebbene, la cattolica 
Irlanda è l'unica parte del Kegno Unito in 
(Ili la natalità non sia diminuita: al con- 
trurio, questo pa«se presentai un aumento 
del ;( per cento nel coefficiente di natalità 
dui ISSI al 1»0I. Ancora: nella stessa Ir- 
landa si La una diminuzione della natalitil 
nei luogi in cui alla popolazione cattolica 
sono commisti in misura notevole elementi 
protestanti, per esempio a Belfast. Final- 
mente in Inghilterra la diminuzione della 
natalità è meno accentuata nelle cit- 
tà in cui è considerevole la propor- 
zione dei cattolici, come a Glasgow, a 
IJverpool, a Manchester. 

K' inutile moltiplicare la citazione di dati 
statistici. Perfino nella Germania, nella pro- 
lifica Germania, la limitazione volontaria 
della prole è incominciata nelle grandi città, 
e non nel quartieri poveri, e da queste, a 
poco a poco, si è estesa alle province. 

Sì tratta, dunque, di un movimento ge- 
neralo, eoratterìatico dì un'epoca 
e non di un paese: via via che aumenta 
il Ikunessere nella scala sociale, si desidera 
dì conservarlo e di accrescerlo; e poiché i 
tizli sono Dti imbarazzo, si cerca di farne a 



le persone di avT\Ìr,io, e riprcMlaop dai giornali inglesi 
aloiiui annunci, Umì quali bì comprende onrne 1» pr»- 
fereiiK» aelln scolta di tali persono vvngu Fk'm>rdHtK 
a vili non ha flgliuolt, 

\on si può dire che la difficoltA materiale 
di allevare i figli sia il vero ostiH-olo til- 
l'auinento della imtalitA, giacche appunto 
le classi i>overe sono rimaste piìi pro- 
lifiche. Son bisoguii vedere nella diminu- 
zione della natalità una conseguenza del 
l'aspra lotta per la vita, nel mondo dei la- 
voratori. B' il com/oit quello che nccide ì 
figliuoli; la previdenza, il desiderio del be- 
nessere, it gusto del lusso, sono i pifi grandi 
nemici del ripopolamento. L'umanità ha di- 
menticato il precetto: « crescete e molti- 
plicate », per ascoltare le prescrizioni del 
vangelo delta comodità. 



U VEBA PREVEmME DELLE lULiTTlE «> 

Ije molteplici e -svariate macchine, mira- 
bili per potenza e precisione, divenute au> 
silio indispensabile all'uomo moderno ncl- 
l'es|)licazione delle infinite sue fertìde atri- 
vita, richiedono, perchè duri a lungo la loro 
eflicaftia in tale compito, di venire periofli- 
ciimente sottoposte ad accurato esame, in 
ogni loro organo e ingranaggio. K ciò non 
solo per controllarne la sìcurezzii e l'esat- 
tezza, n»a anche per verificare qualsiasi mì- 
nimo deterioramento, che abl)ÌH |>otuto av- 
venirsi in un congegno qualunque della mac- 
china medesima. iiHInchè, conosciuto a tempo. 
sia possibile, se necessario, rimediarvi, evi- 
tando che, come altrimenti potrebbe avve- 
nire, per un lieve danno locale, che in se- 
guito aumenti e si diffonda, il suo armonico 
funzionamento resti turbato, se pure non to- 
talmente distrutto. Ma vi è una macchina, in- 
finitamente più delicata e complessa di qua- 
lunque altra che l'ingegno umuno potrebbe 
foggiare, per la quale tuttavia tati cautele 
non vengono seguite, clie, anzi, non subisce 
l'ispezione del tecnico se noti quando il 
danno si è già palesemente diibiarato e il 
rimedio (', spesso, troppo tardivo. Il nostro 
corpo, infatti, esposto al logorio e agli strtt- 
pazzi della concitata vita moderna, svìluppii 
pnr troppo spesso avarie latenti, di cui solo 
il tecnico, in questo caso il medico, può dare 
avviso, ma che, se trascurate, finiscono per 



I, Google 



IS 



MINERVA 



ri.soiversi' in iiialiittic, onde il jire/.ioHO e de- 
libato meccanismo viene <Iet«rioi'ato, non di 
rado )i're|mi'al>ihi)ente. 

Kppiire, AÌ tUrii, la medicina preventiva, 
con Ih |>rotilasHÌ r coi regolamenti sanitari, 
ha fatto molto nejfli nltimi tempi per arre- 
sture uteiini (loi pili t('iTÌi>iIi tìa;;elli, clie, 
sotto l'orma di vitiste epideniie, s)M)[>olHvano 
intere regioni; non ne è ancora sufficiente 
l'opera f No, iii niedi4-ina preventiva non 
jwtrà esplicare tutta la wiia azione per di- 
■ fendere FnnitmitA dai muli che le incoiu- 
Itono, tintantocliè ogni lavoratore, e sovrat- 
tutto ogni lavoratore dello spirito, il quale, 
per recec89i\"o sforzo nervoso, va piii sog- 
getto il gravi disturbi, non venga a conside- 
rare il suo organismo come una ntaecltina, 
cup.ice di nn eerto limitato lavoro, soggetta 
a lesioni e a guaiti, i qnuli la scienza, me- 
diiinte i me/./.i i>erfezionutissimi di eui oggi 
dis)ionc. ]iuò scorgere e delinire sin daf^li 
ini;^i, e Kovente scongiurare. 

It sottoporsi a mia visita ineiiica perio- 
dica seiiiì>rL'ri'i <jiiindi altamente coni^igiia- 
bile. Quinido la mitocliina umana dà segni 
di dei»erimeiito in seguito a Hiiimmage, il 
)iied><-o potri^ consigliare un» vita più re- 
golata; ove hì tratti di un primo germe ili 
male organico, la scienza medica puìi spesso 
debellare agli inìzi quella clie maturando 
diverrebbe malattia cronicu. in appoggio a 
quanto si è detto citiamo il fatto ebe molti, 
i quali si cullavano nella illusione di una 
salute rigogliosa, sono stati, con loro dolo- 
rosa sorpresa, respìnti da compagnie d'assi- 
curazione sulla vita, i cui medici, per mali 
insidiosi, die a propria insaputa ne mina- 
vano l'organismo, li avevano <iualiticati co- 
me « affari risebiosi ». 

QUESTIONI PEL QIORNO 

L'iKpuxizUmc tìiKutziai-ia: avami, «ervizi pub- 
blici, ri/orme irihntarie. — Il dÌ*»frrÌ2io fei- 
loriario: sue cause, itua natura. — Inàuntrie 
•■ bitrocrazia. — Insuocemi di munieipaliz- 
:»zÌoni: Londra, (Jatania, ecc. 
l/on. Ministro del Tesoro La fatto la sua 
esposizione finanziarla: lucida, ordinata, 
senza fronzoli retorici, e, sopratutto, con- 
fortante. 

Quale differenza dalle esposizioni <lesolate 
e paurose clie i poveri Ministri delle Ti- 



nanze — allora non c'era il iHirtafoglio del 
Tesoro — erano costretti a fare ancorji pò 
cLi a[ini or sono! 

Per l'esercizio luglio l!M).'i-lnglio l!MMi l'a- 
vanzo jirevisto in (m milioni di lire si sa- 
rebbe convertito in un disavanzo di oltre 
i;t milioni, se non fosse venuto in soccorso 
uno straordinario aumento di entrate. 

Per l'esercizio luglio IWNt-luglio miT »i 
prevede un avanzo effettivo dì circa -"L'i mi- 
lioni e mezzo. 

Nell'ultimo decennio le entrate sono a«- 
nientute dì 2Kfl milioni, con un aumento an- 
nuo medio di liS milioni. Nello stesso de- 
. renaio le spese sono aumentate di il.1 mi- 
lioni: inedia annua, lire '2l.ìt milioni. 

11 nostro commercio di importazione e ili 
esiiortazione ^ stato. neU'ultimo anno, di 
ii miliardi, 7!t."i milioni, « il die vuol dire die 
è cresciuto di un miliawlo e mezzo in un 
decennio; dì un miliardo in poco più di sei 
anni: di i'S4 milioni in un solo anno ». 

l.e eccedenze dd bilaneio verranno impie- 
gate sopratntto nel miglioramento dei ser- 
vizi ])nbblici, a couiiuciiirc dalle l'oste e Te- 
legrafi: in una maggiore dotazione per la di- 
fesa di terra e di mare: maggiori assegni per 
i ciirnl)inieri, guardie di città e guardie car- 
cerarie: vari altri assegni a vari Ministeri. 
Itimane un fondo di venti milioni du 
consacrarsi alla riforma tHbntariii. Fin qui. 
tutto bene, e le idee svolte dall'on. Ministro, 
sul nio<lo in cui si deve intendere latrasfor- 
inazione dei nostri tributi, sono eccellenti. 
Mi sembrano, però, molto mesdiìni gli as- 
segni concessi ai Ministro dell' Agricoltni-a 
« per la riforma dell'insegnamento indu- 
striale e commerciale »: llW.liO» lire sull'eser- 
cizio corrente. 2(K>,«W sul prossimo, 2.'MMHM> 
in tutti i successivi. In questo campo, se si 
vuol fare qualcosa di serio, bisognerebbe es- 
sere molto pili radicali: diiudere, nel più 
breve termine possibile, almeno un 'JiHt gin- 
nasi e un centinaio di licei: fondare, coi ri- 
sparmi così ottenuti e coi maggiori assegni 
del bilancio, almeno quattrocento scuole, tra 
agrarie e industriali, circa due scuole per 
circondario; e sarebbe ancora poca cosa. 

P. inutile gìngillursi con le frasi e chiu- 
dere gli occhi alta realtà: la nostra scuola 
non corrisponde ai nostri bisogni, alle esi- 
genze della vita moderna. Prepariamo anzi- 
tutto dei buoni agricoltori, dei valenti in- 
dustrisli: penseremo rf«/«> «fare degli avvo- 



MISBR VA 



19 



iati e (lui |irot'essori. Ma noi, pur tropiKt, 
ulihiuuio sempre fatto, e coiitinnf remo u fare, 
rutto l'opiiosto. 

Iti <'Oitiplesso. »iluii(|iie, come si ilesiime 
l'Iiiarameiite dalla e.'^posizione dell'oli. Mi- 
nistro, lo MvilupiM economico codIìihih; ijiie- 
-to iK>vero paese, iioi-liissimo aiutato dallo 
Stato e dal (iovenio, die sono manifesta- 
mente in arretrato co' tempi, eammìna. 
Qaali non sarebbero i suoi jirofirpssi se lo 
indirizzo frovcrnativo fosse stato piit pratieo, 
piìl illuminato, più nioilerno! 

Tutto, del resto, procederebbe liscio, e si 
]Kjtreblie K'uirdare eon tldueia all'avvenire 

— almeno jier eiii die si attiene alla parte 
er-ononiica — so non ci fosse quella grande 
ineOfTiiita dei servistio ferniviario. Non fu 
mestieri die siiiinio qui a reeitariie i «nai: 
i lettori li eonoaeoiio dai jf 'ornali: forse i>er 
esporien/a ])ropria. Oramai siamo giunti al 
lenito die da tutta Italia E>ì protesta, e in 
alcune partì si cominciano a sospendere i 
lavori H eliiiidere gli staliilimenti per la 
iiianoanzH <li materia prima! 

Sii questo punto — i lettori clic ci cono- 
scono ci renderanno (piesta ginsti/ia — la 
Minercti non Im nulla a riniproverarsi. A 
■ osto di urtare contro le ìndina/.ioni di 
molti lettori, a risdiio di diventare del tutto 
impopolare, hi Minrren non ha mai cessato 

— andie quando organi autorevolissimi si 
lasseurnavano a seguire In cliiTia — di i)ro- 
tt'Slaro. di mettere il pubblico in guardia 
■•ontro quelle tendenze die, inevitaliilmeTite, 
ci avrebbero portato all'esercizio di Htato. 

Xoi non crediamo, a dispetto di tutte le 
teorie, non crederemo mai nello Utatoiiidu- 
striale. I congegni delle amministrazioni di 
Stato sono tali, per loro natura, clie asso- ■ 
latamente non possono esercire utilmente, 
economicamente, alcuna industria. 

Si diceva: il servi/Ào ferroviario non va 
bene col regime delle Convenzioni. Correg- 
;.:ete. dico io, dove e come importa eorreg- 
Kere; l'orse che non c'era altra via aperta 
che l'esercizio di Stato f 

Ancbe l'agricoltura, per esempio, da noi 
va abbastanza male; le nostre terre non 
ilàniio la metii di quollo che potrebbero, se 
meglio coltivate, agevolmente produrre. E 
Hie perciò! vorreste affidarne la coltivazione 
allo Stato T Provatevi, fate l'esperimento: e 
''e le patate « dì Stato » non verranno a co- 



stare cinquanta centesimi al chilo, vuol dire 
die duo e due non faran piii quattro, m» 
scio sette o qualunque altro numero vi pi«- 
ceril meglio. 

Questa teoria, del voler utlìdare tutto allo 
Stato, è quella die rende il socialismo peri- 
coloso e uBSiinlo. 

Il socialismo lia nel suo programma una 
parte nobilissima, alla quale mi associo di 
fcran cuore: la redenzione degli umili. Ma 
la seconda jiarte del suo programma — che 
vorrebbe accentrare tutto in nn ente Stato 
— è perniciosa, e annullerebbe, se potesse 
venire applicata, quella stessa prima jiarte, 
che è cosi alta, cosi nobile, e nella quale 
ogni uomo dì cutn-e consent*. Se si riuscisse 
a concentrare nelle mani dello Stato tutte 
le forze produttive del paese, ne verrebbe 
un tale sfacelo, die tutti ne soif ri rebbero 
enormemente: gli umili, più di tutti. Se ■ 
abbiamo un esempio nel nostro esercìzio 
ferroviario di Stato, del quale dobbiamo far 
risalire la reapu usabilità, per una parte, aliti 
debolezza dei nostri governanti, ma sojira- 
tutto alle tendenze, per non dire alle imposi- 
zioni, del soiialianio, che su quella delio 
lezza ha premuto con tutta la sua forza. 

<;ii accentramenti di attività industrialo 
nelle pubbliche amministrazioni non rie- 
scono a bene, di regola, neppure quando si 
tratti di un cam^Hi molto pifi ristretto, com'è 
quello della vita municipale. 

Lasciando stare il paniticio catanese, di 
infelice inenioria, e altri disastrosi espe- 
rimenti municìpalizzatori (vedi Civitavec- 
chia, Viterbo, ecc. ecc.), dia il lettore un'oc- 
chiata all'artìcolo, cbe pubblichiamo in que- 
sto stesso numero, sulle amministrazioni 
londinesi. Vedrib quali confortanti risultati! 
E si noti che questo non è un fatto isolato: 
le cifre, che abbiamo addotte altre volte 
dimostrano a luce meridiana che gli espe- 
rimenti di municipalizzazione in tutt^i l'In- 
ghilterra costituiscono, nel complesso, un 
enorme disastro. 

Vorremo noi imparare qualche cosa dal- 
l'esperienza altrui f Purtroppo, la storia po- 
litica, così come quella individuale, dimo- 
stra cbe la sola esperienza che insegna è... 
l'esperienza propria. 

Hip. 



,y Google 



M I SE UVA- 



, nel ]io riodo 
pur abiUntr 
litri 12^.4, 

o lire 5.30, 
iluKÌoiip ilel- 
81 il totale 

•er Ii< ituiiolo 

V Cnivi^rsità 
n dì iisioiire- 



wiitino .l,T{li 
n. 8luikeii]ieH- 
ttori inftleHJ, 
oh> olir KOIIO. 



e- tO»0 Htolle 
t. Kubei-t, il 



ll'Oiiie){u [li^t 



liiti diBeili 
ìd quelli) vi- 
ci maglio to- 
riwttwioh iiiiu 
!S intlivni dì 
«ir» piti dif- 



^uolyl 

;l t Bonetti 
9(111. 

parlare di 
Direttore 
HI sempre 
nzioiii. Ne 
i fhe il 8e- 
istrìaco, di 
citi amato, 
e del pub- 
li dottrina 
!so. elie il 



Lazio viene da vari anitì compiendo con zelo 
superiore a ogni elof^io. 

Anelie qnesto volitnie fa parte di iiuelhi 
collana di studi sul nostro Uisor^mouto ai 
quali e Iettato il nome dt-l Luzio in modo 
imperituro. Contiene, come dice il titolo, 
vari Profili t>ìop-aflcì e llozzetti storici, 
svolti quasi tutti in buse ti documenti del 
tntt-o o in «ran parte inediti. 

Interessantissimo il primo .« ])rofilo " : 
quello di Donna Custiinita Trotti Arconati. 
cbe fu veramente il buon j^enio dejflì eciult 
del ventuno: « poche donne, tra le forti e 
;!entili ispiratrici del nostro Kisorgi nienti», 
la uguagliarono per l'elevatezza della mente, 
la vasta e moderna cultura, e sopratutto per 
la soavità dell'anima ». Il Lukìo illustra ma- 
({istralmente questa nobile li^iira di donii:i 
per mezzo del suo vastx> e riccliissimo epi- 
stolario, lìn qui inedito. 

L'autore illustra poi la notevole tijiura ili 
« Mallet du Pan », e ribatte le pretese ria- 
bilitazioni di quel ribaldo di « Fra Diavolo »■. 
Dedica un interessante capitolo ai « Car- 
bonari di ^lodena », e traccia vivamente la 
figura del <■ Re di Roma », giovandosi ili 
recentissime pubblica^iioiu tedesclie. Hspono 
te vere coudizioni di « Mantova nel qua- 
rantotto » e rivendica la fama della patriot- 
tica città. Caratteristici e interessanti gli 
episodi della « Campagna toscana del qua- 
rantotto in Lombardia >. die mettono in ri- 
lievo la ifeniale flgura dei capi e ^iettano 
una terribile luce sulla mancanza di disci- 
plina, ca;;ione precipua dei no-sti-i tfuai. 

« La Colonna Camozzi e la insurrezione 
bertramasca del 184'.l • è al tcmi>o stesso un 
quadro storico interessantissimo e nn alto 
tributo di omaggio e di ammirazione al glo- 
rioso e purissimo patriottismo della fami- 
glia Camozzi. 

Lo studio su A (iott'redo Mameli » è un 
idillio tragico, che si chiude con la morte 
dell'eroe nella corsia di nn ospedale, e con 
la riproduzione dei soavissimi versi che d:i] 
letto di morte egli indirizzava alla donna 
del suo cuore. 

Lo studio su « Haynau », sn questa ierui 
di Brescia e di Teniesvar, basterebbe da 
solo a dar valore a qualsiasi libro di storili. 
Passato il primo momento della contusione 
e della vergogna, e sorto ,in Austria un mo- 
vimento per tentare di riabilitare quelbi 
detestata memoria. -, . 

UgitizccbyCOOt^lC 



MINERVA 



Il Liizìo esainiiia le nuovissime ur^onien- 
ta/.ioni, le distriig'ge. le aunientH, opjwnendo 
alle declainazioiii e ai sotìsiiii fatti e docu- 
menti, e ri Tifili loda lido definitivamente quel 
mostro disumano sul suo piedistallo d'infa- 
mia. Il Lukìo fa opera attamente meritoria: 
nessuno la potrebbe fare cosi bene come 
lui, percliè nessuno ù, per condizioni pecu- 
liari, cosi in ;;rado come liti di vagliare 
fonti ufficiose e uiBc-iali, austriaclie o un^be- 
resi,- italiane o straniere. Se non ci fosse 
lui. ci toccherebbe di assistere, umiliati e 
indìffnati.a queste inique riabilitazioni, senza 
poter opporre alle capziose argomentazioni 
dei difensori altro clie parole di sdeffno. Mi 
veniva alla mente, letfgendo questo studio 
del Luzio, Io splendido saggio del Macuu- 
lay, cbe ba confuso e ridotto at silenKÌo per 
sempre i pretesi riabilitatori di Bertrand 
Barre re. 

Sejfnono altri wtudi. altri « profili », tutti 
interessantissimi e importanti, dei quali mi 
limito a dare il titolo, mentre molto volen- 
tieri, se necessità di spazio non lo vietasse, 
mi indugerei a esaminarli uno per uno, si- 
curo di fare al lettore cosa iratissima: 
« L'Assedio dì Roma e un'apologia del ge- 
nerale Oudioot »: « La Commissione d'Kste»; 
* Il primo amore di Ipimlito Nievo»;«Be- 
nedek »; « Nino Bixio »; « Custoza »; « La 
storia del secondo impero di P. de la Gorre »; 
« La Sotte di Caprera di Gabriele D'An- 
unnzio»; « Il pensiero artistico e politico 
di G. Verdi nelle sue lettere inedite al conte 
Opprandino Arrivabene »; « I discorsi del- 
l' Imi>eratore Gufflielmo »; «Il lettore del- 
l'Imperatrice d'Austria e le sue Memorie»; 
« Le lettere di Bismarck a sua moglie »; 
« Persane e Tegetthoff ». 

Quest'ultimo studio, però — sia detto con 
la stessa sincerità con cui bo tributato fin 
qui i dovuti elogi all'opera del Luzio — mi 
sembra il meno felice di tutti. Sembra clic 
il Lnzio abbia voluto, tino a un certo punto, 
riabilitare la infausta memoria del Persane; 
dico « sembra », porcile, d^altra parte, le 
accuse, cb'egH stesso ammette, sono cosi 
(travi da giustificare pienamente 1» mite, 
troppo mite condanna intiittagli dall'alta 
Corte di giustizia. 

Sia pure che noi eravamo poco iireparati; 
che c'era dappertutto una grande confusione 
e grande disordine. Magli Austriaci erauo. 
nel comjilesso, in condizioni molto pili gra- 



vi delle nostre; eppure hanno vinto e stra- 
vinto. « L'impresa, dice il Luzio, non poteva 
* aver fine diversa dall'altra avventura in cui, 
nel 1S96, naufrago la fortuna d'Italia sulle 
sabbie africane. Tutto era mal combinato e 
tutto doveva neceimariamentr fallire ». ?i'on 
mi piace questo modo di ragionare, che 
contrasta con. la diritta e quasi stoica se- 
verità che il Luzio porta abitualmente nel 
suoi giudizi. Se questo metodo dovesse pre- 
valere, di qualunque iattura si potrebbe dire 
che la colpa è di tutti, ossia di nessuno. Il 
ragionamento andrebbe bene per Persane; 
andrebbe anche meglio per il Baratierì. 

Ma è ovvio il considerare: ai tempi del 
San Marzano non eravamo meglio prepa- 
rati — anzi, lo eravamo peggio — in Africa ; 
eppure le cose ebbero un esito molto di- 
verso. K tutti sentiamo che, anche nel IslKi, 
le cose sarebbero andate ben altrimenti se, 
al posto di un fatuo degenerato, ci fosse 
stato un uomo con la tcstH sulle spalle. K, 
d'altra parte, la mancanza di preparazione 
giustifica forse un generale il quale manda 
telegrammi falsi per ingannare Governo e 
paese t 

Ifo, dunque: il ragionamento non vji ])er 
il Baratierì, non va nemmeno per il Per- 
sano. Non avrebbe nemmeno dovuto andare 
per il Della Rocca, il quale a Custoza ha 
fatto quello die ha fatto! E lasciamola lì. 
perchè sono ricordi troppo dolorosi e... irri- 
tanti. 

Ma. i>rima di chiudere, devo, a proposito 
di Persane e della infausta Lissa, sofi'er- 
marmi sur un dato di fatto, accennato dai 
Luzio. 

Nel volume La Terza Italia, che i lettori 
di Minerva conoscono bene, si discorre ab- 
bastanza a lungo (Lettera Xllj della disgra- 
ziata campagna del l^Ui, ed e narrato, credo 
l»er la prima volta, un importante episodio, 
con te seguenti parole testuali: 

• A propoBito di quella oaiupagna vi vugtìo rii«- 
oonlure un nneddot^, ohe credu tuttora inedito, e ohe 
aembra i{iiaai inoredibile. A me fu narrato in tutti i 
dettagli da un teatimonlo uoulare, attuoiiueDte uiiu 
dui pili alti nfnniHH della marina italiana. 

Per luexEU di persona, italianluiina di Buiitituenli 
e di lingua, addetta al aervisio tele){rstioo (o siiual'o- 
rino^) di l'ulu, il Comando ilaiiaou In informato cbe 
bIìa SVT& la Hutla austriaca si sarebbe nulimata nel 
porto di l'ola. L'animi rag] io Tt^^ttilolf aveva ouni- 
niesfo dei grandi «propogiti; la sua gloria, inver». 
r Bopratuttu basata nulla viglìaooiierìa dell'ammirn- 
glio italiane]. Ma <(ueato nuovo sfarfallone, di min- 
nari- le sue intvi nel porto di l'ola. ern cosi etiontiu 
i-be piirvf a tutti inverosimile. Molti ultìcijili, aveniUi 

I- iXiOogIc 



MINERVA 



aviib) «cntore >li questa itifona azione, urollaTann la 
triit» inoreiluli. Ma eoon, sul tramonto, come galline 
ohe vanno al pollaio, sfilare l'una iio|to l'altra quelle 
baraoebp di legno auBtriiwhe, e andarti a ohlmlore 
n«l porto di Pula. 

A bordo delle navi italiano fn uno Hoopi>ìoilÌ gioia 
Incredibile. Flnatiuente era venuta l'ora dell» rlvin- 
l'itnl Quella brava gnnte, ebe s'era battuta a Lima 
eun un coraggio disperato, saltava, ballava dalla 
gioia; buttava per aria i berretti^ in una ett'uslone 
di eatusiasiuu ìrrefroniibilp, si ubbrikoeiavano ufHoiali 
e soldati, attendendo dalla navi' anuDiragliu, da un 
tuuniento all'altro, il segnale dì dare addosso alla 
flotta neniioa. Il su.'.'esso era aioiin. e a portata di 
mano; bastava allinearsi sulla booofi del porta e bom- 
bardare, sparando anobe it oasaooio, <iontro le navi 
Hustriaclie, unununeliiate le uni' sulle altro. Non o'erik 
ria di useit»; tutta la dotta austriBe» sarebbe stata 
distrutta, se ni>D sì fosse arresa a discrezione. 

Invou^, co«i> dalla uiive ammiraglia imj irò l'v ima- 
mente il s«>giiule « rutta p<'r Ancona! >. 

Vn — raccontjiva il mio commensale — una 
socna selvaggia: i marinai monlevano i berretti, e 
li buttavano a terra pestandoli ; altri si mordevano 
le mani, emettendo grugniti iguaii selvaggi; g\ì uffi- 
ciali digrEgnavano i denti; alonni Bpe^xarono la si^ia' 
Iwla. K si dovettero avviare, scomati e avviliti, alla 
volta di Aiioma, meulre Tegettbolf se ne stava tran- 
quillo nel suo nido, e A'ienna gli apparcochiava un 
muQiunento grandioso in onore dei miui egualmente 
grandiosi, uia fortunati, spropositi. E dire ohe a 
bordo delle navi italiane non ci fu un uflivìale cbe 
ahl)ia avuto il coraggio di buttare In mare quell'am- 
miraglio carogna, e latioiare il segnale « rotta per 
l'ala! ». 

Il Lit»io. die lift per il volume La l'erba 
Italia parole molto benevole, biasima l'autore 
per aver raccolto questo aneddoto, e pf^r le 
I>arole adoperate (!}. 

Se l'aneddoto è vero, le parole, :idoperate 
all'indirizzo del Persaoo, cbe (-ertamente 
noD sono (pontili, non sarebbero punto esa- 
gerate, o sproporzionate alla colpa. La'qoe- 
Btione. dunque, sta tutta nel vedere se il 



(1) Kgli diui- tcetualineute (pug. 503): 'Mi permette 
<ro»servare cbe. a inwte le onideK/.e d'espressione, il 
testimunio oculare incorre in gravi ineaattezae ili 
fatto, e iitferma non so ijuali - grandi spro|>iisitÌ • 
del 'l'egetlbulF, di cui Pitkiiuo non si sa quando non 
avrebbe saputo. giovarsi ". Lo spro|iiwitu, niirrst» dal 
e testimonio oculare " è quello di essei-si rifngialo 
nel [Iorio di l'ola, o<ime abbiamo riferito. 

Del resto, il I.ukìo parla del volume La Terra Ita- 
lia con parole di oosl grande elogio, chi- non ci hii- 
|>n-inmo rawegniiro a passarle sotto bìIciikìo, tanto 
plii HO si ('onsi<lera la grande autorità di elii le scrive: 
I quella pagina — egli prosegue — è invero l'unica, 
poco felice, del libro del Uarlanda, che può dirai dei 
pih originali e sensati comparai, da gran tempo, in 
Italia; pieno com'è di critiche argute, di oaserva/ìoni 
gi'iiialì, di pni|H)Bte eccellenti, olii' ben meditate ed 
iiplilieate varrel)bero a svecchiare il nostro pnese. e 
a < rifare la gente » piii moderna, piii itapaoe di ini- 
xiatlve, piii liliera dalli' pastoie della routine burocra- 
tiiul. piii indipenileiiti' dai pregiudizi della retorica >. 

Ilasterebben) quesii' parole, ne siamo sicuri, per 
eiimpensare l'autore di qualunque fatica sostenuta, 
di qualiin<|Be ditlleotttt ineontrata. 



fatto è realmente neeaduto; in altre parole, 
è vero *-he la flotta del TettettLoff «i ritiro, 
indisturbata, nel porto di I'oIhI Questo io 
non sono in grado di ap^jurare, mancando dei 
documenti necessari; ma posso seriamente 
assicurare il Luzio elie il fatto fu niccoii- 
tato, cosi come è riferito nella Terza Italia, 
ìli presenza di paieccbi, da persona cbe 
prese parte alla campagna e occupa ora un 
altissimo poeto nella nostra marina. 

F.G. 

Notizie Bibliograficbk 

Ravmosii Rkcoily: Le Tiar et la Ikntma: Parigi. 
V. Javen. — La oomposixione della suc^uila Uunia e 
le decisioni ohe essa prenderà avranno grande iii- 
tliieiisB sdì destini della monarchia e su quelli del 
paese, te una oongiuotiira oos\ grave, ìi interessante 
couiMtcerc I problemi di cui si occuperà la nuova a»- 
semblea, e, anzitutto, quelli cbe verranno in discus- 
sione circa l'esistensia dei contadini, il ftintiononientu 
del comune rurale, insomma il problema agrario. 

Il Becouly, che ha aselstito per dieci settimane, 
dal 10 maggio al 31 luglio, allo sedute del primo 
Parlamento tiinso, e si è intrattenuta con governanti 
e con uomini politici russi di tutte le questioni 
che interessano l'avvenire del paese, espone, in baee 
a questi i'ullo(|ui, le esigenze della nazione che il 
Governo rifiuta di soddisfare, e lo stato delle que- 
stioni cbe nel nuovo l'arlamontii torneranno in dlsius- 
sione {Bame da Unix ilondn). 

Marcel Lrcoij: l'era la Joumée de huil keuru.; Pa- 
rigi. — tu quexte pagine ben documentate e pruileii- 
temeiite pensate l'autore cerca di dimostrare agli iiu- 
par7.iali che la riiluzioue delle ore di lavoro, entro 
un liniite ragionevole, è jiosslblle, non solo iier le donne 
e ])er i fauciulH, ma anebe per gli operai adnlti; ohe 
essa non presenta serio iiericolo per la prosperità na- 
zionale, e che < è necessaria per permettere agli uo- 
mini di Bv!ln]ipare armoniosamente la vita e le fa 
celta ohe Dìo 'ha loro largito » {Hebdo-DéliaU). 

CIIARI.R.-Ì DiKHi.: BoUioeUi: Parigi. Libralrie de 
l'Art ancien et moderne. — La gloria cbe oggi. doi>o 
una lunga dìnienticanza, circonda il nome di-1 Botti- 
celli non deve illuderci: lu sua oi>erB, ai giorni no- 
stri, è pHi lodata ohe i-onusciuta. Ora nessuno era piii 
atto del Dichl a mettere in luce la vera tisionnniin 
di questo grande artista molto piii oomplenso e vario 
dì i|ncl che i>omnnemente si creda. Profonilo eonosi-'ì- 
tore delle inse d'Italia nel secolo deeimoqninto. il 
Diehl ha definito. olasKlHoato e coninientato l'opera 
dell'insigne pittore con somma prei-isione e eon tiut- 
gusto. Fra le Incisioni fuori testo che illustrami il 
volume, va segnalata come parti oolarmente Istruttiva 
la riproduzione di alouni dei euri osi disegni eseguii: 
lisi Botticolli a il 11 istruì ione della />iriaa Commedia 
(Kenif UvWermtaire). 

Mavbick Gai-let: Soft «Seri ei itiierf.Parlgl. — Non 
h uno studio, ma una serio di stilili clic il lettori- 
troverà in questo volume. L'autore, doj>o averi-i nar- 
rato, in iHiehe e commoventi pagine, la vita di Scbu- 
bert, (-onsacra un capitolo a eiascuno dei maentri cbe 
lasciarono unnome nella storia del Utd: Mozart, itei-l- 
ho en S h nan 1 szt. H g Wolff, Berlioz, G<.u- 
uoil Lalo Ifaun^ Uebu Gr eg eieomponitori della 
8 u la russa cai ''>' ■■'' ressa t in cui abiiunilano 
le de e fatt e che fa u I questo libro una 
era ator a leW f adi ert t no ai gioini nostri 



Ke 



de la 



Google 



MINERVA 



Rassegna settimanale della stamp 



Q di Stato. 

ii'gli Uebdo-Déhati (i 



ivunieiitt' 
)ir<i|>ostii dal (invemc 
IHRsitn, all'ime ronsliltTaKinnì 
riferita iii'llu loro KOHtftnxa. 
In generali-, lo Stato, nel!' 



I) l'ikiil Leroy- Ben uli cu 

iIpUo Ferro vìi- dell'Ovest 

franoeMp, o svolge, a niiee&i pri>- 



9 di H 






1 fa >i 



i buoD 



lia 









?Tlt^ o 



le deboleuie verKo il huu iicriwnale. è : 
di qualsiasi altro al fthv<!ritiNiiii>, è m:>ij 
meno rigoroso degl'imt>reudiU>ri privati, 
rreponsablli dei risnUiiti della 1uro g<-atione. 

Uà un punto di vista piìi generale, fuori delle cod- 
Hiderazioni puramente teuniebe, uuu dei principali in- 
l'onvenienti dell'eseroizio ferroviario di Stato è la ri- 
percussione che uè risulta sai credito pabblioo: tino 
t>tat« olle eHercisoe delle ferrovie, ette è «ootinua- 
iiieiite obbligato a coutrar prestiti per le costruzioni. 
per gl'ingrandimenti, per i migtioraiuenti, non può 
avere lo Bteaso credito di imo Stato «he lascia le fer- 
rovie all'industria privata, lia Francia, cbe ha pre- 
Ht-ntemeiite on debito pubblico enorme, di 33 miliardi 
cinia. ooninietterebbe una vera imprudenza aumentan- 
dolo ora di tre miliardi per il riscatto delle Ferrovìe 
di-ll'Ovest e poi, suovwsi vomente, di altri quattordici 
miliurdi per tutte le altro linee, in luodo da farlo 
natire a 50 miliardi. • l'ui> accadere che la Francia 
riveda giorni tristi; allora il riscatto e l'esurcisio 
delle ferrovie pur iiarte dello Stato farebbero aumen- 
tare le difficoltà in misura coaniderevole. Bisogna 
prevedere tutte le cveutualità dell'avvenire, I/opero- 
lione obc oggi si propone, limitata per ora alla rete 
dell'Ovest, ma ohe si vorrebbe estendere a tutte le 
ferrovie francesi, È la pifi formidabile avventura eoo- 
uomica e tinanziona ohe sia stata tentata in Francia 
da mezira seoolo in i|ua; se si decide di attuarla, si 
darà un colpo sensibile e irrimediabile al credito del 

La tasaa sul fabbricali In Francia. 

ScW Éeonomùlt Francai» (a. 44), Edouard l'ayen de- 
lUoa un articolo alla raeiuoria cbe il signor Maro lia 
presentata al ■ Congrès de la proprii^t)^ bAtie i> n 
Versailles, memoria in cui sono enumerati tutti gli 
■meri di varie specie che gravano, io Franoia, sui 
falfbrioati. 

i^eoondo nii accertamento ufBciale fatto negli anni 
IXU9-900 per determinare il reddito netto dei beni 
immobili a tine di Usure l'imposta fondiaria, esiste- 
vano allora in tutta la Franoia 9,302,608 fabbrioati 
^ÌI.173,K91 o*i<e, 128,717 ofDoiue) rappresan tanti un 
valore complessivo di oltre 57 miliardi di franchi e 
frattanti un' reddito totale dì 3177 milioni, ohe 
nel I90S si calcolava fosse salito a 3207 milioni. Il 
valore complessivo dei fabbrioati oorrinponde a un 
terzo di tutta la rieobezsa della Francia, a piii della 
metà del («tale della proprietà iaimobiliarc. 

Non è qui 11 luogo di seguire il Marc in tutti i 
particolari delle sue accurate indagini; basterà ri- 
oordare ohe, secondo il Bollettino di statistica pub- 
blicato nel 1805, la ta«sa fondiaria imposta sui fab- 
bricati ha prodotto complessivamente. Pom])rosi 1 
«entesimi dipartimentali e comunali, più di 173 mi- 
lioni di franchi. Secondo ì calcoli del Marc, il tasiu) 
dell'imposta fondiaria per i fabbricati è del 5,39 per 
cento del reddito. 

Il Payen enumera, sulla base dello studio del Maro, 
tatti gli altri oneri, generali e epeoialì, stabili e ac- 
cidentali, ohe gravano sui fabbricati, e oouoludo fa- 
eendo notare oome, dedotte tutte queste spese, il red- 
dito dei proprietari sia cosi limitato da far ritenere 



una vera follia il pensiero di ridurle) ancora, con 
itualotie niiov» tossa. 

(Che cosa nini dovrebbero direi proprietari italiani, 
scliìacciati, non è esageraitionc il dirlo, sotto ì] peso 
di una toAsaxione sproporzionata, esosa e troppo spesso 
aasiirda ; — A", d. I!,). 
Stiaketpaara o Rutiandl 

Alla cosidetta controversili Shak capei ire -Bacone se 
ne aggiunge uin un'altra, per merito di un tedesnj, 
il prol'esBore Carlo Bteibti'cu, il ipiale in imo studio 
Intitolato « 11 vero Shakespeare » (Lipsia, Mltller) 
pretende di dimostrare cbe tutte le opere andate fi- 
nora sotto il nome di Shakespeare si devono a un suo 
cuitteiiipiiruneo, il cuute liuggero di Rutlanil. 

Gli argomenti su cui il detto professore basa que- 
sta su» grottesca tesi, aoiio principalmente questi: 
che Shakespean' non aveva cultura ed era un ubria- 
cone; che i critici del suo tempo ne negarono il me- 
rito; che il conte di Butland lasciò passare i suoi 
lavori sotto il nome di iSbakespeare per nuuoompru- 
muttersi imlìticamiìnt'C; che certi lavori di Shake- 
speare non poterono es.sere scritti se non da uno che 
avesse fatto lunga dimora in Italia e cbe heue oo- 
noscesse la nostra lingua, la nostra storia, la nostra 
letteratura e Ih nostra lìlosolia. 

DI questi argomenti dà unarattsegua, e nello stesso 
tempo fa la confutazione, Mario Borsa, in un articolo 
pubblicato nel Seooìo (a. I4,*>86), nel quale, ferjnan- 
' dosi sopiatutto alla qnestlone della conoscenza del- 
l'Italia per parte di Shakespeare, ricorda ohe le fonti 
di quattordici dei suoi lavori sono italiane, e fa os- 
servare come, anche ammesso il dubbio che Shake- 
speare sìa mai stato in Italia, egli potesse tuttavia 
essere in grado di leggero e di intendere l'italiano, 
giacche in quel tempo lu nostra lingua era popola- 
rissima in Inghilterra, e parlata a Corte e nelle fa- 
miglie nobili, a preferenza dell'inglese; la regina 
iiUisabetta parlava correntementu l'italiano a sedici 
anni, in italiano scriveva molte lettere e conversava 
coi diplomatici. In gran numero erano, poi, allora 
gli Italiani a Londra e innumerevoli le inlluenzeche 
il Rinascimento aveva fatto sentire su tutte le ma- 
nifestoiioni della vita e del pensiero inglesi. 

Non vi è dunque, conclude il Borsa, argomento piìi 
debole iti ([nello consistente nel mettere l'Itallacoatro 
^Shakespeare per dimostrare che questi ha goduto lin 
<iui di una fama usurpata. Con eguale ragione, sulla 
base di certi spropositi ohe egli commette parlando 
di coso italiane (egli fa andare un personaggio per 
mare da Verona a Milano, ne fa imbarcare un altro 
su un bastimento alle porte di MìlaDO, eoe.) si po- 
trebbe scrivere un libro per dliaostrare lu tesi oppo- 
sta a <|uella del Itleibtreu, che, cioè, Shakespeare puii 
eswre stato in Italia, ma che le sue opere ci fareb- 
bero credere il contrario. 
La ri torma dall'ortoiralU Iran ce se. 

In un ai'tiooln pubblicato su questo argomento nella 
Graude Kevue (16 novembre) troviamo indicate le prin- 
cipali modiUeazioni proposte dalla oommisaioue mini- 
steri ale: 

1. Vocali. -~ y greco, quando hu il suono di sem- 
plice t, vicDc soppresso; si scriverà pertanto aimliie, 
cripte, eoioe aiile e crinlal. Quando invece corrisponde 
a due i, rimane: per esempio, pay>, e-uayeT. 

IL Consonanti. — 1. La 7 tinaie è sostituita dalla 

come in borax. tiifT). Di conseguenza — e questa sem- 
pliUcazione è capitale — la sola » sarà adai>erata 
come segno uniforme del plurale nei nomi e negli 
aggottivi (non più eccezioni in oh, in uà, enu, «u eoo.): 
gmotti, oAmaM, époiw, hearea»; 

2. K' soppressa 1' A nei gruppi greci rA e th. Si 
scriverà rétorvjue come riip«oiIie, tiàtre come lri»Of! 

U,g,l,zcabyG00<^le 



2J 



MISEBVA 



3. 11 ph gi'M'ii è sontitiiiEo sp[iil)ri' ilu ('. Si si-riverà: 

4. Il g duli-e (davanti <i e ed i) •■ «oatitnifi semiire 
da _;, Si scriverà phHJon coinè donjon, ifajtirt i-ome 
iHJHrt. rnaujrr, Mtntu laanjOTiK! 

5. !.« consonanti doppi* (xiilvo m) eiiurÌK(-niio iti ifiiANÌ 
liittc le )>nroI<' in l'iii hì inroniinciatio come iiitn coii- 
snnuiite Hoiuiilici' : 8i scriver*, apaunii: irj/rorer. giìit- 
Iole, paytotic, eor<. In iica purolu non i-i Hiiraniio più 
eoi) binanti raddc>ppiato imi ti Ini ente. 

Giovanni Vlalni e II prsmio Nobal a Giosuè Carducci. 

Nel Manoeeo (ii. 18) il prof. P. Eajnii con8a(>ra un 
nrtioulo a Giovanni Vising, l'eminenti- rettore della 
Seiiola Sn]>eriore di GóteborK, il <|iiiil# gìh noi 1905 
lirwnnlA. e ripresentò i|uest'anno, all'Aocadeiuiii Sve- 
dese, nella forma e coi dopumentì prescritti dal re- 
golamento, la pro]>o8(» di assegnare a Uiosnè Car- 
ducci il premio Nobel per Ih lettemtnra. 

(ìiovanni Vising è poco oonoHOÌDto in Italia nlU 
generalitit : ma ai oulturi di filologia roinaoui è ben 
noto comò uno dei migliori discepoli di Itneton Paris, 
la cui Miiula egli frequenti) a Parigi, e il mi esempio 
i-gli tinttò accoppiando al lavori ili carattere pretta- 
mente solenti fico, riserbati agli Npecìalisti, altri desti- 
nati a tutti kH amanti della coltura. Kgll ha composto, 
infatti, DD buon uiiraero dt volumetti per la serie 
delle eonferen/.e scientìfiche {lopolori nhe In sita « Hùg- 
itkole », fiorente graaie a generose e1argÌT;lnnl di pri- 
vati. Tiene pnbblicaudo; e il ]iriniu di questi volu- 
metti s'intitola lìantt, e ili ]>ante è ben degno. 

Il Rajna ricorda nn altro lavoro di Giovanni ^'I- 
Ki)ig, quello Intjimo alta bellCKZn delle lingue; lavoro 
le cui conclusioni sono queste; Le lingue romanze 
in genere hanno notevoli preminente estetlolte di 
fronti- «He germaniche e alle slave; fra le llnpie 
romanze, la piti bella è l'Italiana; fra le lingue ger- 
maniobe, merita esteticamente il primato la svedese. 
ijiiest'ultinia conclusione parrA a taluni inspirata da 
.<ientìmenlo patriottico; ma cb! tale la reputi — av- 
Terl« il Rajna — ■ fa torto Hll'animo relto e sereno 
.ii Uiovauni Vising. 
L'aducazlone dalla mano sinistra. 

Nella WoAb (n. iT} 1) prof. Walter Simun espone 
l'organizzazione da lui istituita a KónlgBberg per la 
educazione metodica della mano sinistra, insistendo 
«ni vantagKÌ ohe da siffatta educazione poiwono ile- 



Uià prima, a Filadelfia, l^ibcrty Todd aveva prov- 
veduto a qneBta educazione, limitandola perii allo 
Htudìo del disegno; il Simon l'ha estesa alla scrittura, 
»I lavoro niuiiiale, al giuoco, ecc., e a tal uopo ha 
istituito dei corsi speciali, pomeridiani, nei quali lo 
snodameuto della raano sinistra e la sua applicazione 
Itile varie attività in cui la si iniol esercitare si ot- 
tengono gradatamente. 

A proposito del lavoro manunie. è stata fatta una 
osaervazioue contrastante a cij> ohe a prima vista si 
«arebbe indotti a oredere: si è constatato, cioè, che 
in questo lavoro rleacono meglio con la mano sinistra 
non qttelll ohe non hanno fatto alcuna pratica con 
la deatra, bensì qnelli che con la destra si siano già 
l'seroitati. 

Notevoli sono i risaltati finora ottenuti in nu coreo 
femminile istituito quest'anno allo soopo di abituare 
la mano sinistra a scrivere e a disegnare: si oomin- 
ciò dapprinia ooik l'esercitare la detta mano nel ma- 
neggio delle forbici e dell'ago e nel far la pnnta alle 
matite; poi si passò alla scrittura e al disegno, e ei 
calcola ohe entro l'anno scolastico la mano sinistra 
delle alniiue raggiungerà l'agilità necessaria. 

In un altro corso, le eaersìtazioni preliminari sodo 
state fatte ooll'adopcrare la sinistra per salutare, per 
vestirsi a per sTcatirsi, per maneggiare vari oggetti, 



sfogliiir libri e i|uaiterni. preparare l'ecwirrente |«t 
wrivere. i-ri'. A questi esercizi sì è fatto seguire l'in- 
segnamento della seritlura e del disegno, due ore |ier 
M-ttiiiiana. 1 giovanetti che fregoentano questui conto 
(lAnno prova di grande diligenza e del massimo buuo 
che anche qui si avrannii 



?ell<-nt 



lultati. 



(Sappiamo che pure in iib-une s«nole italiane, per 
esempio a Biella, sì ìnKi'gn» a fare usn anche di-lln 

Manslamo più frutta! 

borenti espertnienli fatti sotto gli anspiol diO 
Dipartimento il'AgricolIitra di Washington gettnnu 
molta luce sul valore nutritivo delle frutta. Da un 
articolo della Hedieal SerUir di New York appren- 
diamo ohe, secando i dati del rapporto ulHoiale. le 
frutta fresche in generale contengono una grande 
proporzione d'aeqna in confronto della complessiva 
quantità di sostanze nntritive. tra i|neste predomi- 
nano gli idrucarbiinati, e le proporzioni degli zuooberi e 
degli acidi variano grandemente. Per esempio, v'é 
soltanto da uno a dne per cento di acidi in frutta 
quali le pere, le mele, le prugne, le fragole, eoe™ 
mentre ii sugo di limone ne contiene il setto per 

Ila osservazioni fatte su individui ohe da molti anni 
sì nutrivano Esoltanto di frutto, risultò ehe queste 
non dovrebbero essere considerate soltanto oome ac- 
cessori dell'alimentazione, bens) oome buona sorgente 
dì elementi nutritivi. Sotto questo punto di vieta le 
mole sono le migliori di tnlte le fratta fresche, spe- 
cialmente se crude, mentre fra le fì-ntta secche quelle 
di maggior valore nutritiva sono i datteri e l'uva 
passa, l'erlaprevalen» di idrooarbonati contenuti dalle 
frutta, queste vengono utilmente nsale a supplire 
cibi pìii riochl di proteina, quali, per esempio, le 
farine dì cereali, 1 legumi, lo noci, le nova, i pro- 
dotti delle latterie, !e viirie specie di carne e di pesci. 
Un nuovo cavo transatlantico. 

Sella -ViTtare (a. 17461 troviamo alcune notìzie in- 
tomo all'ultimo ravo telegrafico sottomarino fra l'Eu- 
ropa e l'America {Kwto da una delle pìh grandi Com- 
pagnie telegrafiche del mondo, la • Commercial Cable 
Company >. Khso fu costruito dalla • Telegraph 
Constniction and Hainteoance Company • dì Londra, 
e affondato dal piroscafo Colonia, di proprietà della 
detta Compagnia. 

11 Colonia è nna delle principali unità della flotta 
speciale telegrafica. Partita dall'Inghilterra con mi- 
glia 2360 di cavo a bordo, navigò fino alle ooBt«' 
della KuovB Scozia, dove cominciò ad affondarlo, e 
in cajw a iS giorni (con l'intervallo di alooni giorni 
per la riparazione di un'avaria) arrivò eoi cavo fino 
a 187 miglia dalla costa irlandese, dove il filo fu 
congiunto col tronco di cavo già collocato fra quel 



• I- Wai 



rille. 



Per la costruzione del cavo si adoperarono oiroa 
700 tonnellate di rame, 360 di guttaperca, e 700 ton- 
nellate di altri materiali: fili di ferro e di rttine, 
canape e sostante isolanti. Io base alle prove fAtte, 
la Compagnia assionra che sul nuovo cavo la trs;' 
smiasione dei segnali telegrafici si compie con xmtk 
velocità superiore del 15 per cento in confronto ron 
gli altri quattro eavi transatlantici. 

Tutti gli articoli pubblicati in MINERVA sono 
tutal«ti dall« Isggs sulla prapristìi latterarEa ■ 
na è lormalmanta vietata la riproduziona. 

SouvRiNO Piatti, gettate 



FnHitl, 1«M — StaklMn 



,y Google 



16 dicembre 1906 



Voi. XXVII - N. 2 



IL PARTITO OPERAIO ALLA CAMERA DFI COMUNI <>' 



Il |>iirUt(> oiieruio iiijjli^f^'' Im lutto, in se- 
guito rtlle iiUtiiK- elezioni, il suo injri'fsso 
iillii Caiiierii del Coiiiuiii, torte ili inui treri- 
ilria <li iiii.'iiiliTÌ — spallejfgiati da oltre venti 
'|i-|iiitiiti. i (jiiitli, i>iir lu-cettitiiilo I» ilisei- 
|ili[L» liei jiartito lilierale, liaiirio mi^sso in 
Test.) ili loro in-o^'i'umiriH le l'iveiiiliea/.ioiii 
iiperaie. Il iiiiuvu partito ha aeqiiistato, liii 
ila priiii-ì|iio, iiii'iti ti iietiza no te voli s- 
siniì), eosì in l'arlamento eonii' nel paetìe: 
alla Cainera ilei ('oniiini. tanto la inatrKio- 
ranxn lilieraie quanto la inìnoianKa eonsor- 
vatrice non limino avuto per esso clu' i)a- 
rolf e atte^^fi ani enti ili benevolenza; e ì ]iro- 
hk'liii elte eNxo lia pei' uianiiato iiartirolaie 
<li studiare e di risolvere oeeiiiiano il juinio 
l«>sto nelle )>reoecn|iazioni dei legislatori e 
'lì tutta la nazione. In due memi di seesione 
la Camera dei (.'oinnni lia.votato, in «eeonda 
letturu. un ju-oftetto di le^r^re sulle eueino 
scohtstìelie, dovuto all'iiiÌKiativa <lel {rru]!- 
)iu operaio: ha aeeettato il prin<-i]>io della 
istjtiiKione delle peusioui per la ver- 
eliiaia: ha eHaminutu gii einendanienti da 
iutrodurre nella le;;f;e sugli int'ortiinì del 
la VOTO, la lejitffe delle otto ore di lavoro 
nelle miniere, e, liualniente. lia att'rontato 
mia gravissima i|uestìone. quella della ve- 
svoiisaliilità le^-ale delle Unioni ope- 

(^ae-sta attivitik. s ednta alla lunga in- 

liìtt'ereuza degli iioniiui politieì inglesi, alla 
loro ignoranza i|uasi rouipleta degli iute 
ressi e delle asiiirazionì della classe operaia. 



è 1111 segno dei tempi. l>i tutte le eonse- 
giien/.e derivate all' lugb il terra dal movi- 
iiieiititdell'o]iinione pubblica disegnatosi nel- 
le ultime elezioni geuerali, è questa, senza 
dubbio, la più <'aratteristicrt e la più iin- 
|)ortaut«. 

L'autoro indiou «uiiic unit delle oi>u«» priiivipali 
ilull'iMMMinitabt iDovJiiilìntu la ouiuiiai^iia eìm, iu questi 
ultimi mini, ù stntu futt* oontru le l'ntuui uperate v, 
soiiratutt-o, alouuH seutituac ili Irihunali; uhe, obiu- 



kiii1i>1o uuHi!ttivuueiit<' reHiiotisitbillì dei datmi unu- 
sati diinintr gli soiupcri. le Laniiu private di ijiiolli 
elio o.-wo uonsldcratio come j luro i-ssenziali diritti : 
per lottare ountri^ '|uesta ginriaiirndenBa ostilu 
lo Unioni operaie iianno liensuto oli» il inezira lui- 
gliore fosse ipiello di mandare sUa Camera dcii Co- 
muni dei rap|)reseu tanti inoarìoati di parlare in loro 
iiuiiit- e di partecipare alla elaboraciune delle l«ggi, 
per iuipcdir« olio igueate liOBoanooontrarie alle Unioni 
stesse, y. SODO veramente gli eletti deile Unioni ijuelli 
olle fonniaa iillu Camera dei Comuni il partito »]>«- 
rnio; sonu te rniuni che b anno pagato le spese della 
loro eleziune ; sono esse olle detono aaeiourare ai df- 
piituti iiperal i tniixzi di oHiatenxa. e. infatci, in nt^ 
tesa ehc venga sanoltn l'iudonniti ai deputati, la 
cassa del partito operaio, alimentata dalle Unioni, 
iissegua ui deputati Hiiui rappresentanti itn'indennitit 
di .1000 rraiiolii all'anno, spendendo annualmente, in 
oomplitwu, per tali ìudennità. 145,000 franobi. 

I rappresentanti operai. 
I deputati operai inglesi si sodo imposti, 
Hii da principio, all'att«nzloue e al risj>etto 
del Parlamento, jier il fatto che tutti, amiei 
e avversari, hanno ri<'ono8eiuto in essi dei 
veri rappresentanti del!» elasee ope- 
raia. Essi sono ben lontani da cei'ti tipi dì 
jigitalori ignoranti delle neeessìtà te<uiielie 
e ìnditl'ereiili ai l'alti 



'I^SrOdSgle 



2fl 



MINERVA 



i-ii]ii di'llc loro ^'l'iiiKli :ii)S(H-ia/.iiiiiÌ liaiiliti 
ìiiipaiiito )i cu 11 USI -ove le ililticoltù del |io- 
fere tesiioiiSHliile. Uoiriiiii di luiitii-a i-aiut- 
i-irà, sono luvuratori entrati in Piirliimentu 
non )ier derhimurc. ntii [ler hivorarc All'ini- 
pressìonc favorevole die essi ]>rodii'-oiio 
con la setn|ilicità e con la risjiettabililà 
dulk- loro iniinierc, i depntHti operai in- 
glesi ii^r^i unirono la stima ins|iirutii dalla 
diffnitiì della loro eisisten/a, dai loro sfor/.i 
per elevarsi, e per elevare colon» «lie li cir- 
condano, a un livello iiitelleltnale e morale 
sempre ]>iù alto. 

Kd è nel l'ani ì>iente operaio elio ohlie la 
snu orìgine Joliii lìtirns, l'uomo clie il <ia- 
liìiietto lìlienile di tìir Henry Camphell lìan- 
nernian ei è onorato dì cJiiainare al potere; 
rapprei<eii tante del ]>artito operaio ei^li pnò 
dirsi, iinaiitnnqno a i]uc8to partito non ain 
iiseritto itittciatmoiite; per (|tiulolie tempo 
(•jtli fi stato l'unico rappretnen tante del la- 
voro {labour mcmiter) nel Parlamento inglese, 
e ae o;r}ii milita nelle lile del partito lil>c 
mie, fa parte di ipiell'ala sinistra di questo 
partito che è sempre pronta ad appofrffiare 
il partito ojieraio nelle discussioni die lo 
interessano. 

A cnpitaniire il nnovo ;;i'iip|to parlamen- 
tare è stato eietto uno dei pìfi attivi prò 
pagundisti, Keir llardie, da litn>ro tempo 
iitlìliato nlV Indrpendent Labuur l'arty, die 
pili il'una voltn, liei concessi internui'.ifh 
mtli mieialisti. sedette accanto ai colletti- 
visti francesi, tedosdii e liel^i; le funzioni 
importanti del irkip sono state affidate a 
itamsay Macdoiiald, ancli'e};!! della scuola 
s'ocialista, tino de^'li nomini nlie più si 
tidojierarono aliti costi liuione del partito 
operaio. 

Quanto all'ai li'ifiriiiiiicnto del jrrupjio 
parlamentare o|ieraio di fronte al (ìoveruo. 
esso decise, per marcare la propri» indi- 
pendenza, di ])ronder jiosto snì liaiiclii del- 
l'opiwsizìune, non k>ì^ l^'i' unirsi in i-oali- 
/.ione con i conservatori, né i»er fare una 
opposi/'ioue sistematica: i deputati operai 
lianno deciso di « votare prò ijiiando 
sarà possibile, e contro ipiaiido sarà 
necessario v: ossi riconoscono die novaii- 
tanove volte so cento saranno indotti a so- 
stenere la |iolitÌca del (ìaUinetto liherale, 
ma ai riservano il diritto <li coiii<iattcrla, 
preoccupati. so]>raliiMo. di « j,'iiidìin' essi 
stessi la loro liiircii » \pwlillp. flirir inni ntHurì, 



L'uutuio rìrcrìiH-c Ir ]iriut'ipu1i riituliiEioiiì vi>ìhIi' 
nel fe1)l)rHtii di quust'niitiu <lal VI Coiti^ruMBu del Liih-mi 
lleprcfntalion Coiainiilei; il quali!, I'<*r nelebriirr I» 
l>ro|>ria rlttorin rlottural^, stabili di caiubiiu-e il 'eki 
noitip in ijiiHIo <Ii LahoHr Partjf. Aii7.ÌtDtto fu reti|iiiilx 
la |irup<i8ta di formulare un ]iri<([rainnia gi'uemìp. •■ 
Bì HtaMl'i ili CHaniiuftre piuttosto 1« questioni piii ur- 
genti: lineila della res|H»iiBel>ilità legale (Ielle Uiiiiiìii 
operaie, la riforma elettiirale, lo leggi Houlasliclii', 
le leniti «nitro l'alconllBUio, ecc. Con i|uegta i1i*'ussi"ii'' 
il Coiiitremu dinioxlrò elie nelle ang riveiidius/iinii 
iinuieiliale uoflii]iatiu il primo posto, neeantii alla ■jik'- 
stloiie eeimiimii'a, le 'jiiostioni politioht' n murali: il 
partito iiperiiiti inglese mm vuoto i'li>- g\i si jhikmi 
muovere il ri in [irò ver» ili iip|Kirre gii intercsKi ci; un 
Ki'iijipo a quelli ilolla iiazinne. 

l'afuitnilo, |Hii, in ramoguu l'o]>t^rH eoiiipiii(:i iMh 
(Inmera lidi Comuui liei due iiriiiii mesi dojio 1n •■nn 
eimvoeaxioiie, e diworrenilo delle voI.ieIuiìì. alle ijii^ill 
già ]iiii Hoprn abbiamo ikcooiiualo, uirca le quostimii 
lini)H>ste dal giupira operaio, l'autore rilcvu l'iiniNir- 
tuiiza della vutax ione sulla legge elie delìnlBoe lu |ll■^i' 
sioiie legale delle l'itioni operaie: dopo liiii)!lii 
e >ivaiii ilisouMioni II (ìovnni» entrò ucirordìiie il'iilci- 
del gruppo iip<Taio, e, da <iiiauilu nudrft in vigore l;i 
nuova legge, le l'uloiii operaie saramm liberate ihil In 
iiitiiaei'ia etie nii ili ivsv gravava, dopo l'iilfiinn di i i- 
sioiu- della Cnuici-a dei I-)ra api.rovimfe la ir.-pi.u- 
Rabilitù peuiiniariii delle Unioni stesse ]ier i diimii 
reoiiti diigli geiopi-rì. t^uest» nnova leggi- ilA atli 
l'nioni operaie piena liliorti'i di anione: i-ssii sr-;tii^i 
iiu avvenimento notevole iiwl per l'avvenire delii- 
l.'uioni oiK'raie, (Mime per quelli) del partito lilierili 
ingleBr, i>lu> iu questa occasione si è risoIntnnK'iili 
1IICHSC) ilalla iiarle del movimento operaio. 

Il vtrii carattcrf del " Laboiir l'arty ... 

l/alleaiixa fra il partilo liberale e il }:riippiJ 
ojieraio potrà mantenersi f 

I deputili! operai, quantunipiti uell'iilliuni 
sessione abbiano votato (piasi sempre per 
il (ìoveriiu. continuano a sedere sui bandii 
dell'opliosizione, accanto a(;li avanzi dcllii 
antica niafigioranzii «-onservatrice. I soci;i- 
listì del continente ironfrontauofinesta attilli- 
dine con [(uella da essi stessi adott-ata. e cosi 
la spieffano dal loro piint-o di vista: il partili! 
o|ieraiu iiitflese — essi dicono — uon è cln- 
iina sezione del f^rande partito soeialista in 
ternaziomile. e come tale esso è, ne<-essari:i 
mente, ostile all'attuale società. gnaliiiKpu- 
siaiio i rappresentanti della medesima: esMi 
pnò contribuire all'attuazione di certe ri 
forme urgenti, ma al pari dei partiti oiM:rai 
della (iernuinia, del lìel^io. della Kriiiiciu. 
dell'Italia, rimane avversario irreduttibilc 
del sjslcma del salarialo, della propriciM 



Digilizcd by 



Google 



M [ N R R V A 



itidividiialt' fittile iiiigireKc iiiiliist.iJHli t> «li 
i>;;iii orsauiy.7,»7AonK |ioliti'-.H<-lie ne iimiit^'iiK» 
resistenza. 

Khbeiie, i sucialiBti ilei «■ontinente, «ilie coni 
ni^ionano, conoBcono molto male l'Iiitfbìl- 
Icrra e l'operaio iiigleBe. TI Jjobour Parti/ 
non i:, almeno per ora, un partito eo- 
'-ialista. I tra (le- union isti cbe lo lianno fon- 
ihito. e che ne formano l'elemento principale, 
non hiinno nna dottrina economica; e le loro 
ilicliiarazioDÌ,,racootte <lal iMhour Heeorà al- 
l'indomani della loro elezione, sono, per 
•piesto rispetto, molto aìKnificative: uno di 
cisi domanda per gli operai « rase meglio 
I-ostruite, C-ibi piti a buon mercato, condi- 
zioni di esistenza piò sane e più liet« *; un 
altro reclama « lavoro per tatti e la spari- 
zione dell'imligenza »: un terzo annunzia 
modestamente die egli cercherà. »<opratutto, 
■' «li Inr qualche cosa per hi classe alla quale 
Il l>l>artiene, quella dei commessi di bottega»; 
un quarto dichiara che « ciò che gli sta a 
l'tiore è la questione delle pensioni per la 
vei'i'biaia »; e Analmente Keir llardie «i li- 
iiiitit a dire die egli vuole « assicurare a 
oifiii t'ancinllo la facoltà di sviluppare le sue 
l>Ì(i alte quatitìt fìsiche, intellettuali e mora- 
li ». L'opinione generale sembra si possa 
riassumere in queste parole di un deputata 
•lì \huK-IiOSter: « Ho il sentiment'O dell'opera 
itunii-nsii che bisognerebbe intraprendere; 
Mi:i sono pronto a lavorare per il più pìc- 
'itlo cambiamento, (jiiando esso sìa diretto 
iii-l senso del meglio ». 

N'on bisogna, dunque, confondere, uell'lu- 
s^liilterra, il partito operaio e il partito so- 
l'ialistii. Ma. d'altra parte, sarebbe uzia cou- 
l'iiisione troppo affrettata il sostenere che il 
piirtitu operaio non diventerà, e non possa 
ilivciitare, socialista. Secondo alcuni indizi 
M'iiilira che lo possa diventare. Ma, pre- 
M'iit<'itiente, le aspirazioni di questo partito 
filini più limitate: esso non si propone di 
li lille completamente la società: caso è, an- 
'iiiitto e sopratuttfl, il portavoce delle asso- 
'itizioni operaie, e ne difende gli interessi 
" ne prolunga t'itzioue sul terreno politico. 
" Nel momento — conclude l'autore — in 
i-iij in Francia la conquista legale del 
IxiiiM-e pabblico. mela indicata ai suoi 
l'iltrenti dal socialisnio classico, cede il pò- 
■^Ui all'azione diretta, e i sindacalisti, al- 
leali agli anarchici, itradicaiio la diffidenza 
ciiiilri) la politica, il disprezzo della scheda 



eleUimilc <- urnia dei vili» e r<Mlio contro 
hi democrazia « idtinia invenzione della lìor- 
ghcsin per ingannare il proletariato », non è 
senza interesse il vedere determinarsi in un 
paese vicino un moTÌment.o non meno forte 
ed esattamente inverso. I/Tnghilterra, che 
ha pochi socialisti, ma una classe operaiit 
organizzata: che non ha sindacalisti nel senso 
francese e recente della parola, ma i cui sin- 
dacati hanno il diritto di sorridere di pietà 
quando considerano i nostri — vede oggi 
queste forze disciplinate, a una parola d'or- 
dine comune, prender parte alla lotta polì- 
tica, dalla quale, per lunghi anni, si erano 
tenute sistematicamente lontane. Senza voler 
anticipare giudizi sulla sorte riservata al- 
l'agitazione francese, ^ interessante seguire 
la tattica degli opei-ai inglesi e vederne i 
primi risultati ». 

LA \fc:UlTÀ SULLA ItblGlN.V DIiA(iA 
ESPOSTA DALLA SORELLA DI LEI '•' 

Dama il'onorc ilclla regina Natalia. 

Un anno dopo che Draga ebbe lasciato 
l'Istituto della signora Zermann, il miglior 
educandato di lielgrado, e (piando era an- 
cora quasi una bambina, i suoi genitori la 
fidanzarono senza il consenso di lei all'in- 
gegnere delle miniere Svetozan Maschin. 11 
suo matrimonio non fu felice, special- 
mente perchè il marito era irrimediabil- 
mente dedito al bere. Doimj due anni e po- 
chi mesi, Draga, ancora giovanissima, restò 
vedova, senza prole. 

Si ritirò allora con la madre e con le so- 
relle e i fratelli, piti giovani di lei. I^ reii-' 
dite della famiglia erano assai tenni, e la 
futura regina di Serbia fu obbligata a 
lavorare in traduzioni di romanzi; 
ma di ciò era orgogli'osa. f'osi tirò innanzi 
finché nell'antunno del IWil la regina Nata- 
lia l'invitò a Biarritz, presso di lei, per re- 
starvi quale dama d'onore. 

Da allora eino all'autunno del LSH" ella 
visse alla Corte della regina Natalia, e sem- 
pre vi tenne una condotta, non soltanto 
irreprensibile, ma quasi eccessivamente 

La regina spesso ridevii dei concetti idea- 
listi di Draga sull'amore. Tln giorno ebbe a 



„ m^ hWMgMìg litri 



,y Google 



31 IX Kit VA 



ilirtfi: « r>ra|;u, iinri- Ui ulleiitlu il l'i-iiii^iiic 
ineraviiclìoso della flaba! » 

A]ouDe settimane <Iopo il fuo arrivo h 
Hiarritz, Draga avrebbe gik potuto lagnarsi 
della sua sorte. Era ima ben tristf vita 
quella clie le toccava di menare al fianco 
dell'ambiziosa regina Xataliu. Le lunghe e 
faticose passeirgìate che questa la costrin- 
jfeva a fare nuocevano alla Bua salute sem- 
pre (leticata, e spesso Natalia le si mostrava 
in collera perchè Draga non aveva il corag- 
gio di strappare, come uè aveva ordine, 
tutte le lettere e petisioni inviate alla re- 
gina nella sua « Villa Sechino ». 

L'amore di re Alessandro. 

Nel 18!I4 re Alessandro al recò per la prima 
volta a Biarritz per visitare sua madre, e 
in quell'occasione fece la conoscenKii di 
Draga, appena trentenne. 

Il giovane re fu ricevuto con grande cor- 
dialità da sua madre, la quale con le sue 
affettuose dimostraKioui abilmente nttenne 
ila Ini l'invito a fargli una visita in lìel- 
grado, ciò che per Natalia fu quasi una 
vittoria su re Milano. 

Nell'autunno dello stesso anno la regina 
Natalia arrivò a Belgrado, accoiupaguata 
dalla sua dama d'onore Draga. Fu allora 
ciré il re cominciò a mostrarsi amabile con 
la povera Draga, «lie, però, nep|iure se ne 
accorse da principio. Quando le premure 
del sovrano divennero troppo evidenti, 
ella non le prese sul serio, e credette ch'egli 
volesse prendersi giuoco di lei. l'iil tardi, 
però, la persistenza di lui le riempì il cuore 
dì au.iìe. 

Per due anni la gioviine dama delia re- 
gina madre respinse le calde dichiara- 
zioni d'amore dei re. Questo sentimento 
di suo fìglio non destava alla regina Natalia 
ateuna preoccupaKÌone, perchè lo credeva un 
amoretto passeggiero: ella, anzi, ne rideva, 
e motteggiava Alessandro in proposito. 
Quando si convinse che il supposto capric- 
cio del tìglio era qualcosa di più serio, 
cercò di utilizzare quel sentimento ai suoi 
lini, cioè per attirale maggiormente a se re 
Aleaaandro e stuccarlo sempre piiì dal (ladrc. 

In quanto a Draga. elFera ben decisa a 
non incoraggiare l'amore dei re. e sarebbe 
rimasta ferma nel suo proposito, sebbene 
il suo cuore fosse giti vinto, se il fato non 
avesse disposto altrimenti. 



Durante una sua visita a liiarrilK pot» 
mancò che Alessnuilro non affogasse ili mare: 
così grave fu il i>ericolo. che il suo maestro 
di nuoto, per salvare il re dalie onde, ne 
restò vittima egli stesso. Arrivato a Sacliino 
dopo lo scampato pericolo, il re fece in moilo 
da rimaner solo alcuni moiueiiti con l'og- 
getto del suo amore, e, vedendo Draga jiro- 
fondamente commossa per l'incidente ì'Ìh- 
avrebbe potuto costargli la vita, chiese e 
ottenne da lei il permesso di darle un 
bacio. Chi avrebbe potuto rimprovernrle 
il consenso dato in quella straordinaria cir- 
costanza t 

Intanto la vita di Draga presso la re- 
gina Natalia era divenuta sempre pift in- 
tollerabile, per il fatto che Draga ricu- 
sava di sfruttare il tenero amore di re Ales- 
sandro per allontanarlo anche niaggiornieiite 
dal padre. <'iò i>otrebbe dimostrarsi con le 
lettere scritte da lei al re. da quel tempo 
in poi. lettere in cui ella si sforzava d'iii- 
dnrlo a mostrarsi tìglio deferente e rispet- 
toso verso la madre e il padre insieme. 

Quelle lettere erano conservate nell'ar- 
chivio privato del re, e furono portate via 
la notte del regicidio, ma non sono stette 
distrutte, e un giorno potranno ])roviire 
Passoluta veritik di queste i 



Il fi ila n za mento. 

Draga lasciò lìiarritz e giunse a Belgrado 
nel novembre del 1>*37. dopo avere respinto 
le insistenze della regina Natalia che voleva 
trattenerla con sé. In Belgrado i pochi amici 
di Natalia macchinarono ogni sorta d'in- 
trighi <-ontro l>raga. infastiditi com'essì 
erano dal riservato contegno di lei e dal 
costante attaccamento mostratole da re Ales- 
Handro. 

Nella primavera del HMX» in Belgrado tutti 
parlavano delle prossime nozze del re 
con Draga, la quale, per sottrarsi a tali 
voci, pensava seriamente a lasciare Belgrailo 
e la Serbia, per recarsi prol)abilmente in 
Francia, dove contava molti amici e cono- 
sccnli. 

Non ne ebbe il tempo. Il 2« giugno il re 
le dichiarò ch'egli era deciso a sposarhi. 
ICIla lece tutto il possibile per convincerlo 
che tale iMiionc era impossìbile. <t1ì 
ricordò <!ic il |>oi>olo serbo non vede voleii- 
(ieri friovanofti sposare vedove: lo fece ri- 
tli-ftcrc sulla differenK» della loro etiì; gli 



,y Google 



M IXH UVA 



2!) 



disse elle assai ]>robHbil mente ella iioii sa- 
rc'l)be riuscita a cnttivarsi l'affetto del pò- 
nolo. Tutte le sue argoineiitazioni fu- 
rono inutili: ej^li ne rideva e assicurava 
die nnlla potrebbe mutiire il suo proposito. 
Kiia gli si disse risolut.i ud abbandonare ia 
Serbia: Alessandro le assicurò che in tal 
i-iiso egli avrebbe detto addio alla Serbi», 
Hlift Corona, a tutto, e l'avrebbe setrnita, 
perchè lei sola poteva dargli la felicita, da 
lui voluta a ogni costo, la felicitii di 
l'aria sua sposa. 

Dopo tale dicliiarazioue, che faret Chi 
conosceva il carattere di re Alessandro 
poteva esaere certo ch'egli non avrebbe esi- 
tato dinanzi ad alcun ostacolo per raggiun- 
jrere il suo intento. Tuttavia ella ancora 
indugiò prima di acconsentire alla proposta 
del re. Il suo ideale era una vita dome- 
stica assolutamente tranquilla: nes- 
suna donna era meno ambiziosa della irovera 
braga. 

L'aa risoluzione unCidpata. 
La mattina dell'^^ luglio Draga era in casa 
)<ua insieme a due sorelle e al fratello Xico- 
demo, quando le sì presentarono in aspetto 
assai concitato il ministro dell'interno. Gen- 
cicb, e quello dei lavori pubblici, il tenente 
colonnello Xescich, che entrambi, appena 
entrati nel salone, quasi furibondi le gri- 
darono: « Signor», voi dovete partire imme- 
lUatameiite da Belgrado e dalla Serbia, at- 
traversare il fiume e recarvi in Ungheria: 
voi lo dovete nell'Interesse della pa- 
tria e del re, » 

« E se il re couimettesse qualche atto di- 
sperato — replicò tranquillamente Draga — 
(.■hi ne assumerebbe la responsabilitàF » 

« ^oi! sì: ma voi partite, partite su- 
bito ». E i ministri si allontanarono. 

Draga fece alcnni brevi preparativi, prese 
seco le cose piti necessarie, baciò le sorelle 
iltcendo loro addìo, e, rimasta sola col fra- 
tello, gli confidò sotto il suggello del se- 
creto ch'ella, anziché all'estero, si sarebbe 
nascosta... presso la zia ÌUia, in Belgrado. 
Era da poco lontana la carrozza che tra- 
K|)ortava la infelice Draga, quand'ecco in 
casa di lei precipitarsi il re in persona chic- 
■tendo ove fosse Draga. Rifiutando Xicodemo 
■li tradire il segreto giurato, Alessandro 
ifi'ìropose di cercare immediatamente sua 
sorella: altrimenti egli avrebbe fatto per- 



quisire ogni casa della città sino a che Draga 
fosse ritrovata e ricondotta dinanzi a lui, 
che, intanto, avrebbe atteso Ih 

Bisognava assolutamente ubbidire. Xico- 
demo, recatosi presso la zia Mira, vi trovò 
Draga e a lei riferì il dialogo avuto co! re. 
Draga, dopo aver rifiettnto un momento, si 
convinse che tutto era volere della Prov- 
videnza, e, temendo che il re commettesse 
qualche follia, profondamente agitata, ri- 
torub a casa sua. Ite Alessandro l'accolse 
teneramente e subitole pose al dito Fanello 
del fidanzamento. 

Poi le raccontò com'egli si fosse deciso a 
couipiere quel giorno stesso, sabato, la ce- 
rimonia che in cuor suo aveva stabilito di 
compiere l'indomani. Egli del suo propositi» 
di fidanzarsi con Draga aveva fatto parola 
al Consiglio dei ministri, riunito poco )irima. 
nel suo palazzo. Mentre i ministri discute- 
vano su tale sua comunicazione, egli si era 
accorto che due di essi, quelli dell'interno 
e dei lavori pubblici, s'erano allontanati. 
Informatosi, seppe che per l'appunto essi 
avevano preso la direzione della via ov'era 
la casa di Draga. Allora, fatto giurare agli 
altri ministri ch'essi non avrebbero lasciato 
il Palazzo prima del suo ritorno, egli stesso 
s'era precipitato verso quella casa, donde 
Draga gitV si era allontanata. 

Così fu che i nemici di lei, anziché riu- 
scire a impedire il suo fidanzamento con 
re Alessandro, riuscirono soltanto ad anti- 
ciparlo di un giorno. 



I VAI-ORI DiiL SUOLO 



^''e^a un sultani) in Kgittu ohe tnsaò il suo popolo 
hi modo ila farsi jiAguru (ll^oi ileiiari por ogni piantn 
■li Udo. I sDoi xndiliti »tti>rrarono i fichi <)i loro pro- 
prietit. Sopra vveiinc un sultano olio, invece degli allieri, 
titBsli il suolo da cui eul nascono. £(l <woo fi (lopolo 
piantare con oiim altri fichi, e«co l'intero paese ]iri>. 
Bpcnire grandentoitti'. 

Questa parabola in forma semplice espone 
l'opportunità di riformare l'imposta 
sul suolo in base a un nuovo criterio. Se 
essa venisse ■alcolata in ragione della pro- 
ti) DnuD »r(tojlo.li -F .sud C. Wp,D.,«non. Jepntoto «llnCfl- 
ninru lU'l Coninol, ntilln A'ntfnnnl SttiitK' Al ilicvinlire; e >l> Ttkri 
ilociinii'ntl nacfali di riiniilinuri niuitninaui • delU Mddth Z«- 
Inndn. iloonnientl TMCiilii •lit1dlr«(tareilE'IL'£''Hpini(>DÌ>w(d«ldl- 
l'omlire) iktoIiA urriuio il' iniwgnHnixnCo ti ilcpntiid Ingialli In 
iwi-aolone rt.-lle niiuva Ifggl che iroiT«lilK> proporre ll~Oov»nio In-, 
gl..-e |«r U rifora.. dBir™|*Ki.»"|t)fp|0l.^-hy^^TOOQ le 



m 



MIXER VA 



(lutti vita d'un terreuo anzicliù della 
sua effettiva produzione, stimolerebbe certa- 
mente il produrre di più. JSoi dobbiamo, 
jjerciò, prefiggerci d'incoraggiare il lavoro 
umano esonerando da imposte le n:igliorie 
di ogni specie apportate alla t«rr!i. 

Il monopolio Uella terra. 

Le inipOBte rendono generalmente piii care 
le cose tassate; ma noi vogliamo la terra 
meno cara e maggiormente produt- 
tiva. 

Tassate il grano, e piilcaro diventai! pane: 
il consumatore viene a pagare la tassa. Tas- 
sate il capitale: questo diviene più caro 
(specialmente percbè può fluire altrove), e il 
lavoratore che ne liabisogno paga l'imposta 
sotto forma di un piil alto saggio d' interesse. 
Quindi, si dovrebbe concliiudere che, tas- 
sando il suolo, questo diventi più caro. 

Eppure così non è, perchè la terra è un 
monopolio. In ogni caso un mouopolio 
trae tutto il possìbile dal consumatore. Che 
voi lo tassiate o no, poco importa per la 
misura dei prezzi, che viene fissata 
soltanto dalla domanda. 

La proprietà privata del suolo di 
una data specie in un dato luogo è un mo- 
uopolio, come un monopolio è il diritto 
esclusivo di vendere liquori e altre bevande, 
in una certa località. In qualsiasi caso è la 
posizione che crea il monopolio. Per 
analoga ragione sono monopoli i grandi ag- 
gregati dì capitali, i trust; infatti, essi pos- 
sono schiacciare o mettere in fuga i rivali, 
specialmente nei paesi che con tariffe prote- 
zioniste escludano qualunque concorrenza 
estera. 

Ora sempre pia si fa strada, e giustamente, 
l'opinione che i monopoli, siieeialmente 
quelli conferiti dalla comunittt, do- 
vrebbero essere in possesso della co- 
munità stessa: ovvero (ciò che presso a 
poco vaie altrettanto) lo Stato dovrebbe 
lirendersi con le imposte l'annuo valore netto 
di un monopolio, oppure (cosa equivalente 
anche questa) lo Stato in certi casi dovrebbe 
fissare ì prezzi in base ai quali la comunità 
abbia a essere servita. Che lo Stiito si av- 
vantaggi net suo Tesoro, o mediante l'au- 
mentata prosperità dei suoi sudditi, e indif- 
ferente. Quando, però, si tratti del monopolio 
del suolo, il secondo dei tre metodi è, forse, 
il piìi e<'onomico. 



Il suolo e lo Stato. 



11 valore del suolo non migliorato 
dal lavoro umano è u n' esa 1 1 ii m i s u ni 
dei vantaggi a esso conferiti dallo 
Stato, Intendendo per Stato non soltanto 
il governo, bensì anche il popolo d'un paese, 
il suo commercio, le sue industrie, i suoi 
antenati, i suoi soldati di terra e di mare, i 
suoi consiglieri municipali, i suoi inventoii, 
i suoi lavoratori, i suoi risparmi. 

Perchè t» Icrra, ixtr etiemiiio, vaio jiiù in iiua oilU 
di 100,000 abitanti che sopra im'altu luontagon? l'urHi.- 
quella oittii <> ]io|>uliita o vicina a ima Btair.ione l'i>r- 
Toviaria, perche! Im linee tranivìaric, fabbriclie, ii-- 
g07,i, ecc. Ma anche Bulhi nnilitji({iva il suolo \:i\<' 
<]u»1c1lo cosa, e qucatu picci>lu valore gli è stalo •'in- 
ferito dalla coinunltft: l'esercito o la flotta lo difcn- 
(loDo dall' in vasiuDe, lo i>eaore elio vi pascolano non 
ventano rubate peroLè il furto i^ Riunito dalle leggi, 
la atasioDC ferroviaria non è ecoeMÌvalnente lontnni 
e auclic pi!) vicino sono pubbliolie strade, su eoi le 
pceoro poasuno andare al meri'ato u dovumjue vi sìa 
nn compratore disposto a bi-n pagarle. Sema tutti 
questi elementi il snolo della montagna non avrebbe 
davvera alouu valore. 

Colui che possiede la terra non ha bisogno 
di fare qualcosa su essa: può lasciarne l'uso 
a qualche altra persona e ricevere da questii 
un fitto ch'egli in realtà deve alla comuniti'i. 
Quanto iiiù questa aumenta e progredisce, 
tanto più aumentano la domanda del 
suolo e la corrisposta del fitto. A suo 
tempo questa pian piano assorbe tutte le mi- 
gliorie e tutti i risparmi. 

Il progresso iiulustriale della Nuova Zelanda, aia 
esso o no dovuto alla saggia aiuminis trazione del 
Seitdou e al controllo governativo delle indostrie, lui 
avuto i seguenti risultati: fra il ÌH96 e il IflOl il 
numero degli operai delle offloine aumenl^j del .12 per 
cento: i salari crebbero del 5 per cento per gli uo- 
mini, doH'H ]>er le donne; il valore dei fablirieati. 
delle maoohine e degl'impianti jn gi'nere sali del .1-'. 
i[tte1lo del suolo del 61 per cento. Cosi le leggi, il 
nul preeipao scopo era i|u elio di migliorare le eoiidi- 
7,loai di laToro o la aorte dei Involatori, ebbero l'ef- 
fetto di conferire vantaggi circa dieci volte maggiori 
ai proprietari ilei suolo. 

È indubitabile che net complesso i pro- 
prietari del suolo percepiscono un 
fitto tanto maggiore quanto più la 
comuniti\ aumenta. E ciò è vero cos'i 
in Inghilterra come generalmente nel mondo 
intero. 

Le cose mutano aspetto quando si tratti 
del suolo gii\ migliorato. Il valore dcri- 

)ntzrchy Google 



MINERVA 



31 



vnto dai iiivori fatti sn esso, quali i fabbi-i- 
<-ati, le fogne, i canali d'irrigazione, i pozzi, 
i vipari, ecc., è dovuto principalmente all'in- 
<liviclno, e solo indirettamente alla comunitil. 
•So tasse ani valore del suolo non 
migliorato venissero sostituite a quelle 
o;rgi applicate sul valore del terreno miglio- 
rato, esse non soltanto restituirebbero giù- 
Ntaiuente alla comunità ciò che questa ha 
dato, ma inoltre esonererebbero e incorag- 
t;erebbero le migliorie, e aumenterebbe- 
ri». perciò, l'annuo reddito ricavabile 
diil i<uolo migliorato. 

Xon più ricchezze lasciate in disuso. 

l 'resentemente noi tassiamo soltanto la rie- 
l'bezzache venga usata, cioè tassiamo solo 
l'attività (che adopera il capitale). Ma 
noi vogliamo sopratiitto che sia tassata 
la ricchezza lasciata in disuso e che 
oi-forre all'industria. 

Le imposte applicate ai terreni incolti at- 
torno «He cittjV, ai campi sportivi, alle mi- 
niere e alle cave non lavorate getteranno 
queste ricchezze sul mercato, e gioveranuo 
i-osì direttamente all'industria. Motta ric- 
chezza ora improduttiva potrebbe diventar 
capitale atto a produrre altra ricchezza: per 
costringerla a ciò bisogna applicarle una 
tassa, che contemporanea tu ente aia quasi 
una multa. 

Il danno fatto da chi toglie all'uso terre 
e miniere può giustamente ]>aragonar8Ì alle 
])crdite dipendenti da un grande scio- 
pero, che lasci disoccupati migliaia di ope- 
rai, renda infruttiferi molti capitali e faccia 
salire enormemente i prezzi sul mercato. I 
fabbricanti che serrino le loro ofticiue, le 
ridoni operaie che si mettiuio in sciopero 
speculano sulla definitiva soluzione del con- 
tlìtto a danno immediato della comu- 
nità. E questo, ]>resciudendo da qnalon- 
que considerazione filantropica, sarebbe suf- 
lìciente motivo per rendere obbligatorio 
l'arbitrato nelle vertenze industriali 
non meno che nelle internazionali. 

Gl'incettatori di aree. 
Coloro che posseggono aree entro o attorno 
alle città in aumento, aree che sarebbero ne- 
cessarie alla costruzione di case e di officine, 
f che, invece di titilizzarle nel miglior modo 
l>ossibile, le lascino quasi o totalmente in 
abbandono finché possano ottenerne prezzi 



fantastici, sono economicamente cattivi 
cittadini; ciò sono anche socialmente per- 
chè costringono migliaia di disgraziati a 
vivere in miserabili topaie. 

Inoltre, l'ingorda speculazione di proprie- 
tari di aree urbane o. suburbane è, almeno 
indirettamente, causa di tante crisi indu- 
striali e della periodi<;a disoccupazione 
operaia. Infatti, quanto piiì aumenta il 
prezzo di quelle aree, tanto piiì diminuisco 
il numero delle nuove costruzioni, tanto più 
cresce il prezzo dei generi necessari, tanto 
]neQO uso se ne fa; conseguentemente ne 
diminuisce la produzione, centinaia o mi- 
gliaia d'operai vengono licenziati dalle fab- 
briche, o diminuiti i loro salari. 

Risolvere la questione delle aree ur- 
bane gioverebbe molto a consolidare le indu- 
strie; applicare la stessa soluzione ai terreni 
coltivabili e poco o male coltivati sempli- 
ficherebbe anche di piil il problema della 
disoccupazione. La campagna dovrebb'es- 
sere una specie di serbatoio della mano 
d'opera: da essa dovrebbero togliersi più la- 
voratori del numero normale nei tempi di 
grande prosperità industriale, a essa dovreb- 
bero tornare nei periodi di depressione delle 
industrie e dei salari. 

Una proiMsta pratica. 

Evidentemente, il primo passo veramente 
pratico a fare sarebbe ordinare nna peri- 
zia dei valori di tutte le terre lasciate 
in abbandono nell'intero Stato, cosi delle 
aree urbane come dei terreni rurali. 

Ciò fatto, si può dare facoltà alle autorità 
locali di applicare le loro tasse in base alla 
nuova perizia, anziché con l'antico criterio 
del suolo già utilizzato e migliorato. Dei fab- 
bricati, delle migliorie, delle macchine, ecc., 
non sì dovrebbe tener conto. Quanto più 
una persona beneficasse la sua città o il suo 
villaggio rinvestendovi il proprio capìtAle, 
tanto maggiore sarebbe la sua ricompensa, 
poiché il saggio dell'imposta sarebbe eguale 
per un'area utilizzata a scopo di industria 
e per quella adibita, supponiamo, a porcile. 

Questa parte del progetto che riguarda le 
amministrazioni locali non implicherebbe 
grandi ditl'erenze nelle campagne; ma fon- 
damentali sarebbero i mutAmeuti nelle aree 
urbane. 

In quanto allo Stato, dovrebbe stabilire 
un'imposta generale di circa 10 cen- 

UgitizccbyGoOt^lc 



MINE 11 VA 



tesimi per 25 franchi <Ii valore (ossia 
:nn'iuiposta di circa 0,40 per cento ad valtyrem) 
t>n tutti i terreni lasciati in nblmndono, cosi: 
nelle città come in campagna. Tale impostai 
potreblm essere pagata direttamente dal pro- 
prietario, cui, però, iiotrebbe venir data fa- 
coltà di farsela rimborsare dall'aHittnario 
il quale avesse pattuito dì pacare tntte le 
tasse. 

Da calcoli alquanto soiiiinari risulta che 
nel Regno Unito il complessivo valore dei 
terreni in abbandono ammonta a circa 125' 
miliardi di franclii; se ciò fosse, la proget- 
tata impoeta renderebbe approssimativamen- 
te 500 milioni, die potrebbero servire ad al- 
lejTgerire o abolire altre imposte. 

Qqì l'atitore ribatte le insaibili Dhìesfoni. .Si dico 
<Ia ftlouni i-lifl riiuiiosta sul suolo cadrebbe uniou- 
luente sall'aSlttnario anziché sul proprietario; aia oli> 
non potrebbe eMflre, percbn la quota d'aflltto « re- 
golata ila ima legge Bii«aiule, non gi» dal ('«pricoio 
del proprietario. A chi fa osservare che sarebbe difli- 
oile calcolare il valore del suolo non lavorato o in 
nesBon modo migliorato si rls^ionde ohe oiii si è fatto 
ron la masalina facilità a Neiv Vurìi, in riemiania, 
nella Nuova Zelanda e in Australia; e oontro un'eo- 
ceviva ralQtftflone del huoIo Eiriponibilr il proprie- 
tario potrelibe avere difesa nel diritto di chiedere 
phe la sua proprietà venga o)ipro]<riatu a quel prp7./,o. 
Si teme da altri ohe I'itn)>osta sul snolo iiorb'rebbe 
a un eceeasivo alfol lamento delle oittà e alla spari- 
zione degli Bpaxi aperti ; il timore, perii, è infondato 
perchè a tali spazi, oomc giardini, iinsseggi, eue., jirov- 
vedereiibero le nulurità, e raDolliiniento sarebbe iiu- 
jH-dit-o da ri-golameiiti igienici fatti rigorr>»aiiienle ri- 
spettare, la quanto n coloro ehe tctuono il nuovo lìi- 
Bl«nia tributario possa iiupllrare ingiuste ountls«he. 
si risponde loro che i soli a HOtTrire ili quel sisteiu» 
sarebbero gnei proprietari urbani i ijiiali non vogliono, 
sebbene lo possano, trarre miglior partita dulie loro 
aree; soltanto essi potrebbero gridare alla coiillBca, 
ma a questa potrebbero sempre sottrarsi, come tutti 
gli altri, facendo miglior uso delle proprie aree. 
Kgualmeute ingiustifleato sarebbe il parlare di cou- 
lisca nel cB»o di proprietii canipestn lasciate in ab- 
bandono. 

Cease^uenzc pratiche. 

Abliìamo fudulinenle riaKSuntn le idee dt'llo sciit- 
t^ire dcH'artieolo; Idee che eddo preeisnnieute quelle 
propugnate con tanto ardore di eloquenza dal noni- 
pianto Henry George. LoBoiniido che il lettore lil>e- 
ramentc giudiebi de 11 'attendili il ita di qupste proposte, 
riasanniamo obbiettiTamente le cunoluBioni espreH-'C 
nei documenti uldeinli raccolti d alt '/.'«pire Revieic, do- 
enmenti che gettano un iHtoo di ac<|0]i fredda snll'ot- 
timirinio ilell'on. Wcdgn'ood. 



In Australia e nella Nuova Zelanda. 
Come apiireudiamo dal rapporto di W, Jl. 
Wall al SottosetrretarJo delle Fiiianze e «lei 
Commercio della Xiiova Galles del Sud, .qiit^- 
sto Stato sul valore del suolo non miglio- 
rato riscuote un'imposta di circa 1(1 cen- 
tesimi per 20 franchi, non applicabile, 
però, alle proprietà di valore inferiore ai 
liOOO franchi, e neppure alle terre della Co- 
rona, degli enti locati, di certi enti pub- 
blici, delie chiese, delle opere ]>ie, ecc. Qut?- 
stjL imposta rese allo Stato circa .'!,.'300,INH) 
franchi nel 1897, e più di S,1(M>,«IH) nel l!M)r.. 
In complesso, ])erò, si paò dire ohe la nuo- 
va forma d'imposta non ha avuto notevole 
effetto uè stimolando nuove costru/.ioni, uè 
tacendo scemare i fitti nell'interno o in pros- 
simìti\ delle cittA, ne limitando la specnla- 
zione sulle aree urbane o 8ubnrl)ane, che li- 
uora non ò molto accentuata. Ij'nnico risul- 
tato notevole è stata, forse, la suddivi- 
sione delle enormi possidenze rurali: 
ma essa, piil che dall'imposta stessa, fn de- 
terminata dal timore di eventuali aunicnri 
della medesima. 

Da quanto si legge nei rapporto di Arthur 
Searcy, vicecommissario delle imposte dt! 
Sud Australia, in questo Stato l'imposta $til 
suolo viene calcolata a circa T centesimi 
l)er '2T> franchi per le proprietà inferiori 
a 12^,000 franchi, con l'aggiunta <lt altri 3 cen- 
tesimi per le possidente superj<»ri a quella 
somma, e con un'aggiunta anche pifl forte 
per i proprietari abitualmente assenti dalle 
loro tenute. Questa legge, approvata nel ISit.'i, 
ebbe per effetto la suddivisione delle 
grandi proprietà, spe<;ialmente attorno 
alle città; ma questo fenomeno si sareldie 
in gran parte avuto egualmente, in seguito 
del graduale sviluppo dello Stato. 

Che un'imposta sommaria sul suolo non 
ha una predominante intlnenza sui valori 
di esso è dimostrato anche dal fatto che in 
tutto il Sud Australia si è recentemente av- 
verato un grande aumento nel valore 
delle proprietà rurali per effetto dei mi- 
gliori sistemi agrari adottati, e specialmente 
per opera dei concimi chimici. E oggi quelle 
proprietà hanno un valore eguale o supf- 
riore a quello che avevano prima della ri- 
forma tributaria. 

Come si legge nel rapporto di P. He.vfs 
commissario delle imposte a Wellington, 
nella Suova Zelanda è in facoltà degli atessi 



Digilizcd by 



Google 



MI>-EK VA 



.'(S 



'-ontrìbueuti di s<;cì;l>ersi mctliautf votazione 
it sistema di contribuzione. Di ]t;t collegi 
t'Ieltorali ]H votarono per l'imposta sul va- 
lore del capitale, "12 per quella ruI valore 
<lul reddito annuo, e 43 per quella sul va- 
lore «lei suolo non migliorato. 

'ihie hi metà di hilU U )iru)irlclù iiiiiHiiiibilc, )ifr 
il cniiiplessivo viilore di oltrs TIS7 niiliuui ili (r>iioliì, 
vitiie «ra ti^asnln con i|iieet'ii1timo dlsteum, clioi' tui- 
<'iic lineilo adottuto dalle (1i>c oitCÀ pili pciiKilose dell» 
N'iiiiv» /olnndii. WolliiigNin con òH,òò'> ubitnuti. e 
('liristohuri'li, ooa 4t),r(OX. K in neswm caso gli elct- 
|i>ri elle adiittamno iiui-hIu sixteina ni deoiaero & toi>- 

Indubbiamente In completa eaeii/Joiie Aa 
tasse per tutti i miglioramenti del suolo bn 
]irovocato un ^rniLdissìiiio aumento di 
tiivori, e lia cohì favorito notevolmente 
l'industria: perciò, al nuovo Bistema tribu- 
titi'io 8i deve in f;raii parte la solida prospe- 
riti! della Colonia. 

Tuttavia, esso non bastò nelle maggiori 
i-ittii a far cessare la speculazione sulle 
uree; il rapido iiumento dei valori delle 
aree promosse, anzi, la speculazione nono- 
»tante l'imposta sui terreni non mi(;liorati. 
Ma la speculazione tia ])ortato a una sud- 
ilivisioue dei terreni co8\ urbani e su- 
liiirbnnì come agricoli, e tale siuldivisione 
(Stata vBiitag^fioRaiierchè tende a diminuire 
i! valore del suolo e le corrisposte di fitto 
;i causa della maggior quantità di terreni 
i'e»i disponibili, ha sjieculnzione di lasciar 
le terre in abbandono nella speranza di fn- 
furi aumenti di valore non si è veduta clic 
fitramente in questi ultimi anni. 

INA SCUOLA 1>EK LE MADlìl "> 

(land, sebbene non cosi bella come la 
vii'ina città di Bru^res, è pittorescamente si- 
tuata Bu parecchie isole al punto d'incontro 
ili due iìumi. lu altri tempi era la capitale 
della contea delle Fiandre, e alFepoca 
di-I suo massimo splendore contava circa 
i'~i0,(lt>U abitanti, popolazione enerKÌca, indi- 
liii-ndente, sempre in guerra con i suoi conti 
•I ì suoi re. Fu la patria di Carlo V, e questi, 
tuiil sopportaudo lo spirito dì turbolenta iii- 
dìpendenxa dei suoi concittadini, nel 154» 
iVfe finalmente costruire una grande for- 
tezza al disopra della citliì, fortezza cbe fu 

Il Db nn irtleolo ilalU tiffm Ai.vfi «KiiTiitMi K, sskll. TU 



la toiubu dei suoi privilegi e della sua 
prosperità. 

Da allora la città di Gaud continuò seni- 
lire a diminuire di popolazione e d'impor- 
tanza, lincile un iHtco della perduta flori- 
dezza le fu ridato dall'i ntrodnzione dei fi- 
latoi, dalla costruzione di un porto e di un 
canale e, finalmente, dalla fondazione di 
un'università. 

Attualmente la Bua popolazione è di abi- 
tanti 102,000, per la maggior parte 0])erai 
addetti alle industrie teseili. I salari sono 
bassi, gli orari di lavoro Inngbi, e nelle fab- 
briche lavorano moltissime donne maritate; 
quest'ultimo fatto basta probabilmente à 
spiegare, almeno in gran parte, la forte 
percentuale della mortalità di bam- 
bini, percentuale cbe nel 1!K>t salì a 3;t:t 
morti per 1000 nascite, mentre in Huru- 
ley, una delle peggiori borgate inglesi, non 
fn cbe di L'OS. 

L'opera d'un medico fdantropo. 

Questa terribile strage di bambini ri- 
chiamò l'attenzione della Società socialista 
Vooriiit (« Avanti »), composta di uomini 
non meno combattivi degli antichi cittadini 
di Gand. Sebbene stavolta si trattasBe di 
lottare non già contro un tiranno, bensì 
contro la morte, essi decisero di affrontare 
la lotta, e uno di loro, il dottor Miele, ideò 
un complesso sistema destinato non sol- 
tanto a salvare i bambini d'oggi, ma anche 
e principalmente a educare le future 
madri. K per prima cosa organizzò la « So- 
cietà d'assistenza alle madri ». sotto gli 
auspici del Itiireau de Bienfaifcmce, antica e 
solida associazione della città. 

L'MntTÌu«, insinui! a on gruppo di meW d'un» coo- 
per»ll%'ft femminile inglese, recatasi nel Jlelgiu per 
Rtodiarvi il fiinziananiealo di qtielle mcietà coopera- 
tive si prosrntò al dottor Aliale nel suo ambulatorio 
ed elilie da Ini ampi «chiarimenti auIlA benetioa opera 
da Ini idem» e diretta. Vota, Inoltre, asaistere 8ll«< 
\'lsite iniiliiibe da lui l'ntte noi frattempo ai liam- 
1iini cbe oon ti un untante gli renivHUO condotti iii- 
minzi dalle madri o da parenti. Circa iguaranta ne 
sHlnroiio in meno di duo ore, e oinaeinio venne rapi- 
damente, al, niA nocu rat II mente esamlDatu. Finita la 
visita, il dottore nlln madre o alla parente del bam- 
bino Minsegnav» un foglietto ntampato con le neceaaa- 
rie ìndìcBniuni BulU diei» e sulla cura da litT seguire 
III pieolno nella pnissiiau settimana; do]ia di cbe la 
iniulre, pagftta al dottore una modesta quota di pocLi 
centesimi, ^loFcva andar-^'eue. 



yGoogle 



u 



MI^'ERVA 



I casi peggiori BOno i baiubiiii dì madri 
occupate in certe industrie tessili, donne cbe 
non soltanto non possono personalmente 
aver cura dei propri figliuoli, ma die sono 
esse stesse sofferenti per l'atmosfera sempre 
umida di quegli opifici. Il vapore che si 
solleva dall'acqua sx>e6so putrida di essi è 
terribilmente nocivo alla toro salute. La 
legge belga, come l'inglese, permette alla 
donna incinta di lavorare sino all'epoca del 
parto, e si limita a imporle uh riposo di 
quattro settimane per il puerperio. 

All'ambulatorio non vengono visitati bam- 
bini affetti da tosse o altre malattie conta- 
' giose: il dottor Miele si reca personalmente 
al loro domicilio. Com'egli asaicnra^ le 
madri cai impartisce istruzioni e consigli 
nell'interesse dei loro piccini sono sempre 
pronte a metterli in pratica, sebbene inol- 
tiesime dì esse non sappiano leggere i mo- 
duli da Ini distribuiti. Cosi è che, mentre il 
primo anno morirono 27 bambini per 100 da 
lui visitati, nei successivi anni la mortalità 
è scesa a 4 per cento, sebbene molti dei suoi 
piccoli dienti siano, naturalmente, di salute 
assai cagionevole. 

In una lunga conversai: ioni>, (lupo obe l>ambìnì e 
parenti pron tutti partiti daU'amlnilatorio, il dottor 
Miele spiegò alle rlsltatrloi inglesi il mecoanlsmo 
(lei dodici ilifferenti « servizi », in mii si scinde 

Anzitutto v'è quello dei dispensari, 
dove vengono presentati annualmente circa 
1000 bambini per vari generi di cure, che 
soltanto in quattro quinti dei casi vengono 
pagate. 

V'è, poi, quello delle « madri visita- 
trici ». Anche queste sono operaie, e ven- 
gono scelte dal dottore fra madri da lui 
conosciute nei dispensari e apprezzate per 
molto intelligenti e zelanti. Essendo state 
ben istruite da lui stesso nel curare i bam- 
bini e nel preparare i loro alimenti, sì re- 
cano, qaando ne siano richieste, a domicilio 
delle madri inesperte del loro vicinata, e 
assumono la protezione dei bambini 
mal curati. Esse prestano gratuitamente e 
con entusiasmo l'opera loro. 

II terzo servizio » è la « HocietiV di 
miitno soccorso delle madri », In essa 
ogni madre può iscrivere nn suo bambino 
al disotto dei quindici mesi, pagando 15 cen- 



tesimi 1» settimana, o 7, se molto povei-a: 
e in caso di lunga malattia o di disoccupa- 
zione di lei, cessa l'obbligo di qualsiasi ya- 
gamento, per quanto modesto. II bambino 
cosi iscritto, se viene regolarmente portaiu 
al dispensario, ha diritto di ricevert 
gratuitamente ogni specie d'assisten- 
za medica, compresa la vaccinazione: e 
nei casi di estremo bisogno, viene aiiitaT.i 
anche la madre. Più di 400 bambini sono 
iscrìtti a questa eocietil, e fra loro 1» mor- 
talità è quasi nulla. 

Il quarto «servizio» è il deposito di 
latte, dove il Bureau de Bienfaiaauce di- 
stribuisce, su ordinazione del dottor Mi^-le. 
latte umanizzato o sterilizziito ai bambini 
poveri. Pili di 400 bambini sono stati alk- 
vati con questo latte puro. 

Oltracciò, sempre per ordine del dottore, 
viene distribuito un litro di latte al giorno 
alle madri assai povere che allattano i loro 
bambini. 

Un'altra azienda è quella delle latterie 
sparse per varie parti della città: in esse 
si vende latte sterilizzato a 30 centesimi il 
litro, o anche assai meno, se le madri ri- 
chiedenti sono povere e iscritte alla societ.ì 
di mutuo soccorso. Il dottor Miele, inoltre, 
in casa propria prepara vari cibi speciali 
indicati per i disturbi dell'apparato dìjrc- 
rente dei bambini, e li vende da 3 a (> cen- 
tesimi la porzione. 

Un altro ufBeio del dottor Miele consiste 
nel tenere conferenze e conversazioni 
sull'igiene infantile. Egli ne tiene totit- 
le domeniche d'inverno, e le illustra cun 
proiezioni, esposizione d'indumenti igieiii- 
ei, ecc. 

V'è, poi, una scuola per ragazze dui 
quattordici ai diciotto anni, Oltre un vor^u 
teorico di anatomia e fisiologia dei bambini, 
vien loro impartito nn corso pratico sullu 
preparazione del latte sterilizzato e d'itllri 
igienici alimenti infantili, sul modo di pe- 
sare i piccini, di prender loro la tempera- 
tura, ecc.: e, infine, le allieve fanno prnti<;i I 
negli asili di lattanti {criches), ciascnita I 
incaricandosi di un solo bambino per volta. ! 
Per i primi due anni queste ragazze non 1 
percepiscono alcun salario; poi, a 3e<li(-i I 
anni, cominciano a guadagnare '20 fram-lii 1 
al mese, e giungono sino a Mi, somma che ii i 
Gand vien considerata come un buon salario. 
Questo « servizio » della scnola è uno ilei j 



,y Google 



MISEKVA 



35 



più utili, come quello che jion soltanto as- 
sicura al dottor Miele una costante riserva 
<li giovani e volonterose aiutanti, ina educa, 
inoltre, per la futura maternitù uu gran 
numero di rngazze del popolo. 

Un'altra simile scuola pratioa aperta 
^lal dottor Miele è quella per le bambi- 
naie, cui vengono affidate, o dal mattino 
alia sera, o per interi periodi, uno, due, o 
itnclie più bambini di madri occupate nelle 
tiibbriche. Queste bambinaie una volta alla 
t^ettimana debbono presentarsi coi bambini 
turo uffidati all'ambulatorio del >fiele. per 
ricevere istruzioni ed essere iapezionate. 

Ognuna delle quattro piccole orèohea del 
dottor Miele è affidata alla direzione dì una 
o più di queste bambinaie; e le più intel- 
ligenti di esse vengono istruite (ciò che rap- 
presenta il dodicesimo « servizio ») a curare 
malattie della pelle, la tubercolosi, ecc., e 
a custodire, inoltre, i neonati nelle incuba- 
trici, ciò cbe è di non ]dccola utilità, nou 
i.'S9endovì a Gand né infermiere patentate, 
nt un ospedale per bambini. 

Il merito del dottor Miele. 

Nelle crèche» del dottor Miele i bambini 
sono così ben custoditi clie, per esempio, 
nessuno di essi ba mai la dissenteria, ma- 
lattia cosi comune fra i bambini cagio- 
nevoli. 

Per ciascun piccolo ricoverato in una delle 
sue orècken egli fa pagare soltanto 5 franchi 
la settimana, sebbene a lui coati 10 franchi, 
senza contare il suo tempo e il suo lavoro. 
Per tutte le spese dei suoi dodici 
« iservizi », il Bureau, de JUeit/aisaitce non 
gli assegna cbe I.IOO franchi l'anno. Al- 
l'iufuori di questa somma egli ha pochis- 
simi sussidi pecuniari, ma cerca di di- 
Diinuire alquanto il passivo utilizzando buo- 
ne donne del popolo come « madri visitatriei », 
bambinaie, eco. Qualche tenue contributo 
;ili viene da soci del Taornit, mentre la 
« Società d'assistenza alle madri » si limita 
a dargli consigli. Cosi è ebe il dottore so- 
stiene quasi da solo i pesi della grandiosa 
beneficenza da lui organizzata. 

Eppure non vi è uomo più modesto di luì. 
Nei suoi rapporti, ch'egli pubblica tutti iu 
nome della città di Oand, non fa mai men- 
zione del proprio nome, ma si chiama sem- 
plicemente « il medico della Società w. 



- (jnandu bhtò morto — egli dia»? con tuttft se- 
rietà airbutriuc — la ditta Aovih aentirai iiupegiuita 
a proseguire quest'opera, ohe tutta viene futta in 

F.\TT0K1K (JOVKRNATIVE MODELLO '» 



T lettori conoscono ì famosi campicelli ohe 
furono istituti in Italia per l'insegnamento 
elementare dell'agricoltura pratica. Henza 
entrare in merito a quanto si è fatto con le 
migliori intenzioni, ci sembra tuttavia che 
un simile concetto, ma con vedute più serie 
e pratiche, quale è esposto da nuo scrittore 
nord americano nei riguardi del proprio pae- 
se, i>otrebbe esaere applicato con risultati più 
tangibili. 

Negli Stati Uniti un tentativo 8Ìff»tto, 
ma eseguito su scala sufficientemente ampia 
e senza lesinare, non occuperebbe troppo 
■terreno né eaigercbbe una spesa ingente. Se 
tale istituzione, regolarmente organizzata, 
funzionasse realmente come una azienda 
dello Stato, potrebbe sopperire in grandis- 
sima parte alle proprie spese. TjO spazio oc- 
corrente per tutte queste fattorie, in tutta 
l'unione, tenuto conto delle circostanze spe- 
ciali nei vari territori, non auperorebi* i 
100,000 acri, o 40,iV)0 ettari circa (1 acro è 
uguale a 0,405 ettari). 

Dimensioni della fattoria. 
La fattoria modello non dovrebbe avere 
più di una quindicina di ettari di superficie, 
in una taleestensione relativamente piccola 
sarebbe possibile concentrare come in un 
fuoco tutti i progressi della scienza agricola, 
cbe si irradierebbero per tutti i terreni cir- 
convicini, servendo la fattorìa modello di 
esempio, nonché di dimostrazione sperimen- 
tale dei nuovi dettati della scienza stessa. 
Si avrebbe inoltre una prova evidente dei 
vantaggi che ha la piccola tenuta sul lati- 
fondo, non essendo questo suscettibile di una 
coltura cosi intensiva. 

La rotazione dei raccolti. 
Negli Stati Uniti ha fatto buona prova la 
seguente rotazione: fieno, pascolo, avena, 
granturco, grano. Dividendo un» gran parte 
delia tenuta in cinque zone eguali, si può 
avere nello stesso anno tutti questi raccolti. 






/ ifagai 



,y Google 



■M 



M r X E li V A 



o(;ni zona' dandone una al suo turno. Tale 
rotazione ba dato risultati così eccellenti, 
che, sotto rigoroso controllo, si è potuto sta- 
bilire clie, in una serie di anni il prodotto 
medio è quasi doppio di quello ottenuto ne- 
gli Stati Uniti eoi metodo ordinario, cioè 
della coltnra unica. 

Lo spazio rimanente sarebbe occupato da 
editici ru8ti<*i e da altri raccolti, anch'essi 
soggttti a rotazione. Di piil vi ai potrebbe 
alimentare una certa quantità di bestiame, 
che coutvibuirebbe a fertilizzare il terreno. 
Ed a tal proposito, dalla fattoria modello 
i coloni potrebbero apprendere rimportnnza 
assoluta d'una concimazione razionale. 

Come si è detto, la fattoria modello po- 
trebbe essere una dimostrazione sperimen- 
tale eonvincentissima dei ritrovati scienti- 
liei, specialmente, ad esempio, per quanto 
riguarda la fognatura e l'irrigazione, noncliè 
l'economìa rurale, compresa la conoscenza 
dei mercati. Di piò sì applicherebbe lo stu- 
dio del suolo, l'adattamento dell'industria 
agricola all'ambiente, la patologia animale 
e vegetale. Inllne gli agricoltori del vicinato 
dovrebbero potere praticamente osservare 
come, con un dato lavoro, sia possibile ot- 
tenere da uno spazio minimo un reddito 
massimo. 

Il iwrsonale della fattorìa modello. 
Ogni fattoria sarebbe coltivata da un in- 
telligente colono col salario, usuate. Le sa- 
rebbe preposto un soprintendente, bene 
edotto della teoria e della pratica <lell'agri- 
colturs moderna, il quale, del resto, potrebbe 
occuparsi di quattro o cinque fattorie. Da 
questi uomini, che dovrebbero naturalmente 
essere scelli con la massima cura, dipende- 
rebbe il successo del tentativo. I coloni sa- 
rebbero pi-omovibili a sopriuteudeuti. 

('■li cDètti della fattorìa modello. 
Supposta una tale fattoria in piena fun- 
zione, le sue lezioni Harebl>ero, come si è 
detto, dimostrative e pratiche. Gii agricol- 
tori del vicinato che si fossero accontentati 
di seguire unicamente le tradizioni, finireb- 
bero per convincersi dr vinu dell'ntllìtit dei 
metodi scientifici. Talora un agricoltore in- 
telligente può easere stato scoraggiato da 
tentativi d;i lui fatti, con poco criterio, se- 
condo i nuovi principi, onde ne ebbe risul- 
tati non buoni, ma sarebbe convinto da fatti 



dimostrati iu campi contigni ai i)roprÌ. Al- 
tri agricoltori -ancora, per quanto inielli- 
gentì. esitano ad adottare novitiì, le quali. 
se fallissero, menomerebbero gran parte del 
reddito dell'annata, che, se È piccolo con 
l'antico sistema, sembra almeno sicuro. Per 
gli uni e gli altri, sotto i loro occhi, gli espe- 
riiuenti si farebbero a pubblico rischio v 
epesa. Apprezzerebbero subito tali vantaggi 
e se ne varrebbero. 

15 indubitato che l'agricoltura aniericann. 
la quale attualmente dà lavoro a dieci o 
undici milioni di cittadini degli Stati Uniti. 
rìceverebl>e un impulso grandissimo. Anzi, 
il reddito ne sarebbe probabilmente raddop- 
piato. I principi nuovi dell'agricoltura scien- 
tiflea che sarebbero difTusi dalle fattorìe mo- 
dello sono posti ad effetto in altri paesi dove 
l'opera dell'agricoltore è pii^ efficace. Altri 
Stati producono, da terreni piti poveri, un 
reddito doppio di quello dei fertili eampi 
dell'Unione. Anzi, molti agricoltori ameri- 
cani hanno già quietamente adottato metodi 
migliori, e si sono arricchiti. 

Le fattoria mo<lello presentano tuttaviii 
qualche pericolo. Dovrebbero essere aftidale 
solamente a persone di provata abilità e 
competenza, ed essere improntate a caratteri' 
realmente scientifico; quindi tutto il lavoro 
su esse eseguito dovrebbe essere ispirato 
alla costanza e abnegazione caratteristici! e 
dello spirito seientiflco. Un insuccesso avreh- 
be effetti disastrosi, perchè scoraggerebhe 
ogni progresso agricolo; il die sarebbe un 
danno difticilment* riparabile. S'intende che 
qualunque ingerenza politica dovrebbe es- 
sere esclusa dalle fattorie modello. 

Ma, dato un successo reale delle fattorie 
modello, i loro benefici effetti in qualunque 
paese non potrebbero che essere evidenti. 
Da esse, come da centri disseminati, irri- 
dìerebberointelUreuita. attiviti!, e la riforma 
agricola. K le siwae per esse occorrenti non 
potrebbero da alcuno dirsi imjirodattive. 

fJIESTLONI ALIMEN'i'AKI "» 
Le nostre cogDÌzioni intorno al valore 
nutritivo dei vari alimenti sono 8tat«, i" 
questi ultimi tempi, notevolmente modili- 
eate dagli studi e dalle ricerche intraprese 
da un eminente Hsiologo americano, il pro- 
fessor Atwcr, 

(Il I>a una VH—rfo» Ki.-nllllcntll Hksbi Di' Pihvillb, /.* C'"' 



,y Google 



MINKUVA 



37 



Troppo lun^o sarebbe passarein rassegna 
tutte queste ricerche; ci limiteieino. per 
uni. a rilevare ì risultati delle indagini del 
]>rof. Atwer in quanto si liferisce alla cot- 
tiim della carne e al brodo. 

La bollitura della carac. 

E' noto generalmente che la carne cambia 
in modo notevole di (lostituzione e di difre- 
riI>i)itA secondo il modo in cui è cotta e 
secondo la teuiperntura alla quale viene 
piirtata. Quella cbe meglio si digerisce e 
l'be dà il massimo di utìlizzaKÌoue è la carne 
cruda, la qaale non subisce alcuna modlH- 
l'ii/ione; ma l'uso di siffatta carne non è 
raccomandabile, giacché essa pnò contenere 
(lei batteri patogeni e dei parassiti perico- 
losi per l'organismo; oltre di die noi non 
siiimo abituati al consumo della carne cruda. 

Quanto 111 grado di uottura, alcuni pre- 
feriscono la carne che abbia «piiena veduto 
il fuoco: e liauno rugione in questo senso, 
«■be essa è i)iii nutritivji; ma, in tal caso, 
si deve temere dei parassiti, ì quali, a una 
temperatura di ■"il) o lil) gradi, non vengono 
n<TÌsi. Altri preferiscono la carne eccesaiva- 
tiieiite cotta; ma è consiglial)ile, dal punto 
di vista economico, di non supeiare un certo 
lìmite; un pen/.o di rame ilei peso di un 
cbilogrammo jiuò ridursi, ijuando la cottura 
ne venga prolnngatii, a soli .~ii>() gniuimi. 

In generale, un conveniente aumento 
(li temperatura ba ])er risultato di 
far concentrare i j)rincipì nutri- 
tivi, vale a dire le sostanze alltuminoidi 
e le proteine, di dimiunire il grasso e di 
(■Mulinare l'acqua. L'atto curioso: la carne 
perde la maggior quantità di acqua 
appunto quando sia cottadentro l'ac- 
(|ua: in tal caso la perdita può arrivare al 
.VI per cento. 

I>a perdita di sostanze grasse neiia 
«•urne bollita è veramente notevole: la carne 
«■be, cruda, abbia il Ili per cento di grasso, 
dopo bollila ne può contenere in misura in- 
feriore all'I. Il grasso passa nell'acqua, ma, 
in pratica, esso va perduto in quantità no- 
tevole, causa l'abitudine di sgrassare il 
brodo, il quale, altrimenti, per molti consu- 
matori, diventerebbe indigesto. 
Il brodo. 

Per molto tempo gli studiosi non furono 
«l'accordo intorno al valore nutritivo del 
brodo, l'er molti esso non è che dell'ac- 



qua bollita, nella quale si trovano disclolti 
alcuni principi eccitanti, né merita dì es- 
sere considerato come un alimento propria- 
mente detto. Secondo le nttime ricerche del 
professore Atwer^ questa opinione sarebbe 
erronea. 

Facendo bollire per due ore della carne 
nell'acqua a ana temiieratura di circa IH) 
gradi il prof. Atwer trovò nel liquido dal- 
VH «1 !P per cento circa àe^ìi elementi nu- 
tritivi Hlbuminoidi e proteici della carne; 
e prolungando la durata delia bollitura, la 
proporzione di questi elementi cresce. Il 
prof. Atwer ne conclude cbe il brodo è in 
realtà un alimento. 

Secondo uno studioso francese, Armand 
Gautier, gli >* grammi di sostante albumi- 
noidi assimilabili contenuti in un litro di 
brodo corrispondono a circa 40 grammi di 
carne fresca; sicché un litro di brodo ha 
un valore alimentare inferiore .di poco a 
quello di un uovo alla Mquc, cbe corrisponde 
a circa .W grammi dì carne. Il brodo è, dun- 
que, un alimento ausiliare prezioso. Es^^o 
contiene, poi, anche dei sali di potassio, dei 
fosfati, delle lecitine, nonché delle sostanze 
(leucomaine) le qnali a dose rilevante sono 
tossiche, ma a dosi piccole esercitano una 
notevole azione tonica sul cuore e favori- 
scono liv digestione e la circolazione. 

Gli esjterimenti del prof. Atwer dimostrano 
cbe per fare un buon brodo non biso- 
gna adoperare della carne troi>po- 
grassa. Infatti, quando la carne sia fornita 
di uno strato di grasso, la dissoluzione delle 
sostanze proteiche si compie meno facil- 
mente, di modo che gli elementi nutritivi 
passano nel brodo in quantità molto mi- 
nore. K' raccomandabile, pertanto, di ado- 
perare per il brodo carne molto magra. 

Qaanto alla temperatura, non occorre che 
il brodo, durante tatto il tempo della cot- 
tura della carne (da 7 a 8 ore), sia tenuto 
in ebollizione; il risultato che sì vuole ot- 
tenere si consegue con notevole economia 
di combustibile anche senza forzare l'ebol- 
lizione e conservando la temperatura intorno 
agli HO gradi. 

Altra ((uestione: si deve preparare il 
brodo immergendo la carne nell'ac- 
qua fredda, oppure aspettando che 
questa si metta a bollire; Il primo me- 
todo è coniiìdemto come il migliore, giac- 
ché fornisce un brodo die contiene dei prin- 



,y Google 



3S 



ji r X E lì V A 



Otl)ì solubili ili qiiaiititA maggiore; ma, in 
cDinpenso, il prodotto i: un po' meno ricco 
(li j;i-aS80. De) resto, i due metodi corrispon- 
dono a due scopi diversi: il primo dà un 
Inioti brodo a detrimento del bollito; il se- 
condo, al contrario, fornisce un brodo meno 
nutritivo, e per consegnenza nn bollito più 
ricco di elementi nutritivi, e piil gustoso. 
Per ottenere questo ultimo risultato il Llebig 
raccomanda di immergere la carne uell'ac- 
(|iia già bollente, di farla bollire alcuni mi- 
nuti, e di mantenerla in seguito per più ore 
a una temperatura variante dai 70 ai 75 gradi, 
l'er clii poi voglia avere un bollito eccel- 
lente, sacrificando il brodo, si conai^lift di 
chiudere er:neti<'n mente 1» pentola in cui 
La carne vion fatta bollire. 

La carne frìtta. 

lift cottura della carne compiuta metten- 
dola a diretto contatto con la auperflcie dì 
una padella riscaldata a una temperatura 
media ha per consegnenza una perdita di 
peso minore di quella cbe consegue dalla 
eliollùsione nell'acqua; il <M> per cento in- 
vela del 40. Questo sistema di cottura è, 
dunque, il più vantafigioso dal punto di 
vlata del rendimento. 

Iia carne frìtta con burro o grasso su- 
hiaee, al contrario, una certa perdita. I/eva- 
poi»zlone dell'acqua, intatti, è maggiore in 
consegnenza della ]iìù alta temperatura, e i 
principi nutritivi abbaudonati al grasso ar- 
rivano al 3 o al 4 per cento del peso pri- 
mitivo. D'altra parte, la carne cosi cotta <» 
meno digestiva, essendo satura di grasso, e 
psDoiò non è da raccomandarsi a coloro cbe 
soffrono di dispeiisia. 

L'arroslo. 
Ila carne arrostita è, evidentemente, la 
]>iti gradita al gusto, ma, contrariamente a 
ciò cbe a prima vieta si potrebbe credere, 
si ha spesso nell'arrostire la carne nn ren- 
dimento abbastanza cattivo. Del resto, tutto 
dipende dal grado di cottura. E' evidente 
cbe, se si fa essiccare la carne eccessiva- 
mente, si perde molto in principi nutritivi. 
Quando la eottura non sia eccessiva, per 
modo che la carne rimanga alquanto rossa, 
la perdita di acqua oscilla fra il Ì'J e il 
IS per cento; quando, invece, la carne è ar- 
rostita tanto da diventare asciutta, questa 
perdita arriva ni 40 per cento. 



Che nella cottura della carne si deijl.:i 
tener conto dell'età dell'animalo che ce l'bn 
fornita, è cosa generalmente nota. Cosi pun- 
si sa che la carne di certi animali si cuo*c 
in un tempo più breve in confronto di quellu 
di altri. A Ilarità di durata della cotturu. 
la perdita dei principi alimentari i: mi\t£- 
giore nella carne che sin stata maggiormente 
salata o ]>epatB. 

Sella carne arrostita notevole è la p<?r- 
dtta di grasso, circa il ;i.'i per cento; ma an- 
che qui si hanno, per le varie qualità di 
carne, delle differenze. Tutto sommato, si 
può dire che la carne arrostita in padella 
o ai ferri è la migliore dal punto dì vista 
dietetico, e, quando sia cotta a dovere, è il 
nutrimonto per eccellenza degli ammalati. 

U FiBBUCilIOIte DEUA SETA ARTIFIGULB <» 

I vari siatemi che oggi si seguono nella 
fabbricazione della seta artificiale, mentre 
differiscono l'uno dall'altro per certi par- 
ticolari, hanno tntti comune il principio 
fondamentale: la cellulosa viene ridotta 
in soluzione, e la pasta liquida cbe ne ri- 
sulta viene filtrata e convertita, con appo- 
siti apparecchi, in una quantità di fili, cia- 
scuno dei quali subisce un processo di in- 
durimento e di asciugamento, dopo di clt*; 
viene annaspato. 

La seta Chardonnet. 

La nitrocellulosa, o cotone fumiuante 
cbe dir si voglia, fu adoperata primamente 
per la produzione di fili artiflciali dal conte 
Chardonnet, il quale dal 18S4 è rimasto, per 
cosi dire, il generale in capo di tutte que- 
ste industrie, e da modestissimi principi ha 
condotto a grande prosperità il suo stabili- 
mento di Bé8an<;on. 

L'autore si diflumlo in particolari circa 1» liivo- 
raziono (lolla seta Cliardonnet. I-e iiriiioipftU oii.-ru- 
KÌoiii sono rjueste: 11 cotone viene intriso con ima 
racHcolaiiKa di 85 jiartl d'acido solforico o 15 d'ai'iiTo 
nitrico; per tal modo esso giiMsce un proctsao di »i- 
triticnKione olle si compie in nn periodo di 4 a -'> orp, 
e che ba per ettetto di ridurlo a cotone fuliiii- 
iiaiil». ynesto vii'ne pressato e lavato e poi di miovu 
lircasato, ma gli si lascia il 36 per ncnto di arqiiit 
per poterlo maneggiare senza perieulo. In segiiit'i la 
nitrocellulosa viene disoiolta in parti eguali di eH-r,.- 
e di alcool, <• se ne ottiene il collodio, il quale 

(1) Da un art'colo Ai-\ iluit.G. Wii lmiss, Ifit ViìUr^au. -i nn. 



yGoogle 



MINERVA 



ilopo esser jiassuto attraversc mi Altro di ovatta, 
viene ridono ila a|ipnaite mai-cbiue in fili olii' tla una 
l'orto Sorrento d'aria vengono osciuguti, per eeavr 
]Hii torti insii'nie e aimaB|)ati. 

Il grande inconveniente della nitrocel- 
laloaa è quello del suo rilevante potere 
esplosivo e della faciiit-à con la quale ai 
infiamma spontaneamente. Per ovviare 
a ciò si ceroadi snitrizzarla; ma per quan- 
to si sia fatto, finora non si è trovato un mezzo 
veramente buono per ottenere questo scopo. 
La fibra suitrizzata è sensibilissima all'umi- 
dità, e la sua resistenza, che prima del pro- 
cesso di nitriflcazione era quasi eguale a 
quella della seta naturale, eoi detto processo 
viene ridotta a un quarto, il che pregiadica 
(li molto la sua ulteriore elaborazione, non- 
ché la sua durata. 

8e si riuscirà, nel processo di snitrizza- 
zione, a evitare questo grande indebolimento 
del filo, il sistema Cliardounet avrà la pre- 
ferenza sn qualsisbi altro. 

La seta artificiale parigina. 

Mescolando una soluzione di vetriolo di 
rame con ammoniaca, si ottiene un preci- 
pitato che d& della cellulosa. Per la prepa- 
Dizione del filo artificiale fondata su que- 
sto sistema ottenne per primo un brevetto 
A. Despeissis, nel ISìK). Il suo metodo fu, 
in seguito, perfezionato df^ altri, sopratutto 
fon l'esegnìre la soluzione a freddo, im- 
pedendo, per tal modo, che l'aumento dì 
temperatura faccia perdere alla soluzione 
la sua viscosità. Il prodotto cosi ottenuto 
viene chiamato comunemente soie artifleielle 
^ariniettnc, ed è caratterizzato da una note- 
vole brillantezza, la quale può essere au- 
mentata trattando la stoffa con la lisciva 
di soda e con l'acido acetico. 

L'auturo accenna ai tentativi fatti con la Het» di 
viseosa. rilevando rome le speranze destate da qua- 
nto prodotto Don bÌ siano finora avverate. Qnesto prò- 
i-Kdiniento earelilit- il jiiii eoononiioo, pensile invece del 
■•utone el iiupi<'t;ano dei materiali plìi a bnon meroatu, 
)irovenientÌ dal legname: ma, anzitatto, la sulucione 
ba poca oonsfstenza, in seoondo luogo i ciueaml sono 
difficili a elftboranii, e troppo nostosi per poter ensore 
buttati -via. 

La seta di acetato. 
Dalla cellulosa si possono ottenere i co- 
sidetti acetati di cellulosa, i quali, nel 
cloroformio, ei scioljfono in un liquido pa- 
stoso che può essere fliato. Qnesto procedi- 



mento è, però, ancora costoso, giacché ullo 
scopo indicato non basta l'impiego dell'acido 
acetico, bensì é necessaria l'anidride di que- 
sto acido, lu quale costa molto di piti. Tn 
Europa, pertanto, questa lavorazione si trov» 
ancora allo statilo dei tentativi. Però la bril- 
lantezza del filo e la .sua resistenza all'acquii 
fanno pensare che in avvenire la seta di 
acetato possa diventare un serio concorrente 
della seta Cliardonnct e della seta parigina. 
Presentomenie, i fili di seta di acetato sono 
largamente adoperati in America per l'iso- 
lamento dtjlle condutture elettriche, 
essendo per questo rispetto superiori a qunl- 
siasi altro materiale. 

V impiego degli acet&ti di cellulosa a scopo 
tessile fn tentato, dapprima, dal Cross e dal 
Bevan; a queste prime prove altre ne sono 
seguite, e se ne fanno tuttora, per esempio 
nelle celebri fabbriche di colori tedesche di 
Elberfeld. 

Seta dì gelatina e di caseina. 

Poiché soltanto le soluzioni di sostanze 
gelatinose si prestano a essere stirstte ìn'filì. 
era naturale che si pensasse a sostltnìre ai 
derivati della cellnsosa la gelatina, hi 
quale facilmente si scioglie nell'acqua oaldn. 
E infatti ci si é provati ; ma il filo cosi ot- 
tenuto rimane solubile nell'acqua, e si genfin 
quando venga appena inumidito. Si è cer- 
cato di rimediare a questo inconveniente, 
senza riuscirvi completamente; tatiavia si 
trova in commercio una seta così fabbricata 
e trattata con Is formaldeide, sotto ilnonie 
di seta Vandura. 

Analogamente si procede prendendo 'nome 
materia prima la caseina, sciogliendoli) 
con la lisciva di soda, stirandola in fili e 
trattandola poi con 1» formaldeide; ma an- 
che questa lavorazione non dà risultati ve- 
ramente buoni: sicché si può concludere 
che la sostanza predominante èupcr 
ora la cellulosa. 



Cdi I 



i della seta artificiale. 



Si calcola che la produzione mondiale 
della seta artificiale, da 1400 quintali 
nel 1904, sia salita nel 1!K)5 a 2500, ma que- 
sta cifra non è assolutamente sicura. 

Quanto all'uso di questa seta, il fatto che 
la resistenza della fibra di seta artificiale 
varia da un quarto a nn terzo di quella 
della naturale e la sua mancanza, come si 



Digilizcd by 



Google 



40 



MIXEU VA 



(Uce, Oi « presa » l» rendono poro adatta 
alla fa1il>rica/.ione «li stoffe per ve- 
stiti. Il suo uso si limita sopiatntto alla 
liassaiiianteria e alle fruarniitioiii, ed 
i^ssa 8i adopera per la fabliricazioiic di cor- 
doni e cordoncini, nappe, bottoni, ricami, 
I ravatte, stoffe per mobili e per parati, non- 
l'Ile jier le reticelle a incandescenza. 

Dalla seta CUardonnet sì ottiene del buon 
iM-iue artificiale; coi fili di net» artiiì- 
ciale si confeziona anclie della patella da 
t-appelli, (li cui si dice die vcn};a fatto 
irraii consumo in America. Si preparano 
pure con questa oeta dei nastri da servire 
di supporto alle pellicole o |»er altri scopi 
t'otograflci: e in notevole quantità essa si 
adopera per i t-osidetti fili di effetto in- 
tessuti in varie stoffe, per esempio nel panno, 
nelle gitali stucca in linee lucenti. 

In generale, la tendenea attuale è quella 
di prescntura la seta artificiale non come 
una concorrente della seta naturale, 
bensì come una sostanza ebe, in ragione 
■Ielle sue imperfezioni, va impiegata in altri 
usi speciali. In questa direzione si fa- 
ranno probabilmente progressi sempre mag- 



QUESTIO NI PEL QIORNO 

La grave orini Ira Francia e Yatieano. — Da 
noi: il dixxer vizio ferrotiario e il dineorfio 
dell'o». Oianturoit. — Sciopero di viare ed 
emigranti: l'opera del Cmnmintariato di emi- 
ffra^ione. — JJopera della Dante Alighieri : 
riforma radicale neeen^aria. 
TI compromesso, die fino all'ultima oi'a 
Ki sperò possibile fra il Governo fraocesee 
il -faticano, non è venato. I/una parte e 
l'altra ba manteoiito fieramente la sua po- 
sizióne. Ne & scoppiato un conflitto, la eni 
^Traviti nessuno può sconoscere, e la cui 
durata, e le conseguenze, nessuno può misu- 
rare. 

Come già ebbi occasione di notare, il 
Concordato, die refigeva in Francia i rap- 
porti fra Cbiesa e Stato, non era più un 
regime conforme ai nuovi tempi. L'ideale 
moderno è quello della libertà, nel campo 
religioso non meno, anzi più, che in ogni 
altro campo della vita sociale. In nessun 
])aese qneeto ideale è stato tradotto in atto 
cosi bene, così saviamente, e con effetti 



cosi salutari, come negli Stati Uniti. Ed i- 
peccato, gran peccato, che, sia colpa delle 
circostanze o sia colpa degli uomini, la 
Francia non abbia potuto jiassare pacifica- 
mente, senza gravi crisi ed aspre lotte, dal 
regime antiquato, medievale, del Concor- 
dato, a quello moderno della liberta. Non 
resta che augnrare sinceramente cbc la 
crisi sia breve il pili che sia possibile, e la 
Francia possa godere in pace di un regime 
ecclesiastico e religioso così illuminato e 
così accetto a tutte le parti, quale è qnello 
di cui gode dit oltre un secolo l'America 
del Nord. 

Da noi, fortunatamente, la vita pubblica 
è ben lontana da così gravi lotte; né, d'al- 
tra ])arte, avrebbe la forza di affrontarle 
e sopportarle! 

La discussione intorno al disservizio fer- 
roviario sì è obiusii con uno splendido (li- 
scorso del ministro Giariturco. 1,'on. (li»n- 
turco è una delle menti più geniali e più 
rapidamente assimilatrici, al temito stesso 
che è uno dei più geniali, forse in questo 
momento il più geniale, dei nostri oratori. 
Xessiina meraviglia, adunque, che la sua di- 
fesa sia stata splendida, non solo, ma quasi 
convincente. Peccato, però, che i bei discorsi 
non facciano muovere i treni, né manovrare 
i vagonil J'er me, quando penso allo Stato 
esercente di industrie, ferroviarie o di altro 
genere, mi viene sempre in mente quella 
graziosa macchietta del caiio-sfazione, che 
alle proteste dei viaggiatori risponde gri- 
dando: « Perchi- non ve ne state a casa 
vostra! viaggio io l'orsef ». 

A'iilla dien xine linea. Abbiamo all'ordine 
del giorno un altro grosso sciopero: quello 
dei lavoratori del mare, e la serrata degli 
armatori. Oltre al commercio in genere, 
ne soffrono pia di tutti, perora, quelle mi- 
gliaia di poveri emigranti che sono rimasti 
nei porti, abbandonati, senza risorse, nell'at- 
tesa di una partenza che credevano imme- 
diata. 

^lentrc dura la lotta fra armatori e lavo- 
ratori, qualcuno dovrebbe pur pensare a 
quei poveretti, sacrificati nel conflitto. Il 
Commissariato di emigrazione, al quale spet- 
terebbe per legge la tutela degli emigranti, 
ha gii^ fatto sapere die nulla pnò fare! K 
sHpevantccloI possiamo rispondere. Il Ca- 



,y Google 



MINERVA 



uouioato, vOH:lto dire il Coni ui issar iato, di 
emigrazione non può scostarsi dalla sua 
solita jKtlitica, altamente... lllosoflea. A pro- 
poì^ito delia quale, leg^o nulla Vita (nn- 
mero 3.19) queste paiole: 

Tutto (-[il ulte ù Htnto fittt» |icr l'i'iui^tQKiuiic » ossili 
■l<'|ilor«s ute. Ln ìfgic dui 1001 lin iitaiinnto a tutti 
xli s<M>{>i ohe si tiro[ionova riiggiiin-;c^rc: l'('iiii{{ritziunn 
Ì7 iinlilFiitnta in modo vcrtìtcinotto ; jcl'iit temi cili uri (olie 
hi iirev» la puerile idfft (li sn]i|»-iiiici'C) sono niiolio 
•'sbi raddoppinti e dìvciituti assai ]>iii lUiinoai ; Honu 
st»ti (■rfnt! luimopoll ilannusìaslniì: In pubblion sloii- 
Ti-xza, nei suoi ppg^ori «leiUPntl, h» iiuiuinatu ogni 
•'i)sa; i noli sr>na aimiontatì. Unn |>iicrile sniauin ili 
iliHciplìnar tutto ha oreitto mille ustaiioli inutili in 
lt.-)1ia; ha innssu l'emigrante in tiiilìa dì chi vuole 
]>rot«ggt'rlo a forza e non lin prodotto nessun vaii- 
tiigglo. Si oniigra di piti; vi sono pib intennisllari ; 
)ii'r cniigrarn si spendi- nssal plìl di prililft. Vako il 
l'iKiiltato. 

K die (MINA »1 è filtto all'tisteror Nulla. Tutta l'at- 
livìtà doviiva essere rivoltn prinnipalmentn ai jinoNi 
eli destinazione. In essi invece si sono aeeiirdati a 
i'»»o dei aiusidì, lua non ai è fatto nulla di efliiiuie. 
Jl fondo dell'em ignizione aumenta tutti gli anni: a 
<[iial fine deve es!<ere di«tiuatu! ftlolti non saprebbero 
«lire, e si chiedono perfino se non sìa più utile abolire 
•[nell'odioso prelevamento di 8 lire die la legge del 
1)101 ha introdotto, derogando a tutte le noTiite del 
nostro diritto puliblieo. 

Queste pai-ole di colore-" non oscuro » sono 
scritte e tiniiate dall'on. Kitti, il quale, es- 
sendo egli atesso membro di quel Conimis- 
sariuto, dovrebbe ben sapere quello elie dice! 
Le sue parole sono, in certo modo, la ri- 
prova di quello cbe abbiamo sempre detto 
e ridetto da queste colonne: die eioì^ la no- 
stra legge sull'emigrazione è completamente 
sbagliata, nella sua base e nelle sue finalità, 
e trlie il <'ommissariato non ba mai l'atto 
nulla iH;r vedere di atteauiirne gli errori; 
anzi l'Ila peggiorata. (1) 

I/on. Nitti continua poi dicendo clie quello 
eli e non fa il Commissariato d'emigrazione, 
roi saoi dieci milioni disponibili, lo do- 
vrebbe fare la Dante Alii/kicn, con le sue 
poche migliaia dì lire! 



A proposito della J)ante Alighieri, si è 
fatta, di questi giorni, un po' di polemica. 
Il senatore D'Aui'Oua, fra gli altri, pur non 

(I) PalcM i^mo nuirnrgoinenlo. iov» dodo anlite quelle M.IHM 

B dlupoKiiiane di ola. 

ihilll dn iororrani mi lnv-nni, f ssnontlni^nte 
,*DDlin> I S.IIUÌ incuti undici mui da <ini'lli> 



mettendo in dnbbio il progresso, — alquanto 
lento, è vero — della Dante AHijkieri, lamen- 
tava die essa iiou fosse cosi popolare e cosi 
diffusa come dovrebbe essere. Il D'Aiiconu 
La ragione: una lega, clie ha scupi altissimi 
e nobilissimi, quali sono quelli della Dante, 
dovrebbe penetrare flu nel più umile caso- 
lare, àn nelle valli più remote. Siamo, pur 
troppo, lontani da questo desideratali). I 
soci, che potrebbero essere un milione, sono 
poco più di ventimila. 

Quale il rimedioì Per me, uno solo: e già 
lo esposi e sostenni in varie assemblee e con- 
gressi della Dante. 

In Francia VAUianee Fran^aine fu pagare ai 
suoi soci una tassa annua di duo franelii : 
in Germania, ii Dentneher Sekuleerein fa pa- 
pare due marchi. In Italia, dove la ricchezza 
J! tanto minore e il cittadino, per tante eause 
storiche e attuali che qui non è il caso di 
investigare, i-. tanto i>iù restio a metter 
mano al portafogli i>er scopi morali e al- 
quanto remoti, la Dante Alighieri impoi^e un 
contributo annuo di sei lire. Questo sig^i- 
flca non tener conto ne delle cose, uè dei 
fatti, uè negli uomini. Il <!ontributo uunao 
dovrebbe essere ridotto a una lira; e potete 
essere certissimi che la i>a»(e diventerebbe 
immensamente più popolare e fureblie in- 
cassi per lo meno die<-i volt« maggiori. 
Quanto a me, invece delle sei lire che ora 
pago, Bono pronto a impegnarmi Hit iVoìsa a 
versare per lo meno cento lire; e <-oine.iut' 
farebbero migliaia di altri soci. Quando » 
una festa, a un convegno, a una adunanza. 
voi faceste appello ai pi-esenti: « fuori la li- 
retta per la J)anle! » chi avrebbe il eoriiff- 
gio di rìfiutarsit Ma se andate a un bt^ji- 
chetto, e dite: « fuori sei lire a testa!», c'c 
pericolo che, invece di riceveire il contri- 
buto richiesto, vi si faccia oggetto di qual- 
che brutto scherzo. lìir. 



SPIGOLATURE 

— In [nghilteiT» oi sono tre Lord e tre Unronetri 
ebrei, oltre u sedici ebrei nella Camera dei Comuni. 

— Madrid Ila la funia di essere la piìi malsnnii 
fra tutte le capitali enropee. 

— l'na grande nave da guerra uoueuma oirea fO et- 
tolitri di acqua dolce al giorno. 

— La eoirispuiideu^a epistiilare di Teodoro MommseD. 
di eui molti a«pett«vano con impazienza la pnbbli- 
naKJiine. non vedrìi la luce per ora. iSecondo le dupn- 
sizioni testamentarie dell'illustre unnio, essa non sarà 

,di pubblica ranione se non fra trent'nuiii. Tutte le 
carte, ehiunn in quattro 

albi Kililioteca Reale di Berlino. 'tOlP 



>''"°°- .T^le 



w, 



M I S E R V A 



-^ Il rpoentu Impianto Aeì cavo telvfuiiioo subao- 
iiuco fra Friedriolishafcn (■ lìomanahom, aul lago di 
Costanza, <»HegDÌto dalla cpltlire ossa Siemeiia e Halske 
lU Herlino, viene considerato dai tecnioì oorao un 
l>rigio passo verso la tejefunìa sottomarina. I primi 
piipe ri munti di converHozione t«lefoniaa baiitiD dimo- 
strato la oornpleta riuscita di goesta Intcressanto 

— iSi onlools die In vltu di un liiioii orologio duri 

— Due tu'ienKiati franoexi. i dottori Bunlet e 
Grngou, sono riiisotti a isolare il niicrolio della tosse 
•iHÌuina, ed ora stauoo facendo degli studi por a|>- 
plicare u c|ueeta aflesioDC il trattamento sieroterapioo. 

— Andrew Camegie Ita messo a disposisiioue dei- 
Accademia di l'arigi una rendita annna di 13,B00 fran- 
gili allo Boupo di favorire, per mezzo di liorse di 
i^tiidio, il lavoro tu-ientitlco nei lal)oraturio di tisica 
tfeneralc fondato dal compianto Carie. 



f Rfl LIPRI UECCHI E MUOUl 



ìSxmv ItEssci: Roma e 11 papi nei proverbi e nel 
nodi di dire. Nuova edizione illustrata. Koma, 
Locat^her. 

K un libro pubblicato già da due anni, 
lieriodO'dì tempo che alla nostra furia au- 
toiuobilìstica può sembrare un secolo, ma 
siccome la Minema non ne ba ancora par- 
lato, voffliamo presentarlo con tutti gli onori 
a obi avesse il torto o la disgrazia di non 
i-onoscerlo ancora. 

Oì si presenta con una veste così splen- 
dida da onorare la tipografia italiana « 
insieme ad essa l'editore e piil di tutti 
l'autore, che in questo Tolume ha saputo 
riunire tanta sapienza sana, tanta arguzia 
iVhum^Kr e tanta erudizione, da fame un 
caro compaio di conforto al pensiero e di 
inocondità alle tante ore insipide e niose, 
it eni è condannato anche il piti felice dei 
bipedi implumi. 

Io ho sempre creduto che nei proverbi di 
un popolo sta gran parte del suo carattere, 
f <^hì volesse tentare una psicologia compa- 
rata delle razze nmane troverebbe in essi 
preziosi elementi per tracciare le prime li- 
nce del suo ardito lavoro. 

Sei proverbi di un popolo voi trovate sem- 
pre la sua sapienza e i suoi pregiudizi, la 
sua morale e la sua ironia, il che è quanto 
dire che in questo evangelo inedito e ano- 
nimo d'una nazione voi potete trovare il 
pensiero colle sue malattie, il carattere coi 
suoi sali. Sia che il pensiero scatti come 
.scintilla improvvisa dal cervello d'un nomo 
d*ÌDgegno, sia ohe maturi lentamente come 



grano nella spiga; sia che guizzi come lampo 
nelle lotte amichevoli delta conversazione 
o fra il tintinnio dei bicchieri, o sorga come 
grido di tatto un popolo dinanzi a un grande 
avvenimento, il pensiero non diventa pro- 
verbio se non quando passa di bocca in bocca 
e iierde le asprezze o si aguitza, secondo che 
è aforisma di morale o arguzia di satira: 
non diventa proverbio se non quando, per- 
duto lo stampo dell'indivìduo, diviene pa- 
trimonio di un popolo intiero. 

Questo io scriveva fin da molti anni or 
sono in uno studio dei proverbi sordi, e que- 
sto hanno pensato certamente gli uomini 
di ogni tempo. Ma fra questi troviamo il 
Besso, che da molti anni raccoglie i pro- 
verbi di tutti i popoli d'occidente e d'oriente 
e se n'è fatta una delle pia ricche bibliote- 
che che si conoscano, e di cui spero ci darà 
un giorno il succo squisito, porgendolo a noi 
colla passione d'un bibliofilo entusiasta e di 
un profondo psicologo, che nella trattazione 
di molti e importantissimi affari ha studiato 
gli uomini non soltanto nei libri, ma nei 
sentieri della vita. 

P.er ora si accontenta di presentarci il Pa- 
pato veduto, giudicato, ora deriso ed ora 
esaltato, dai proverbi di tutti i poxralì. 
Quanta storia e quapta ironia, quante genu- 
flessioni e qnanti scherni, quanta morale e 
quante vendette in questi centomila pro- 
verbi ! 

Koi vediamo Roma giudicata il caput 
mundi, vediamo il Moma locuta, causa ^nita. 
vediamo ripetuto attraverso i secoli: Tutte 
le strade conducono a EoJna, e il Eoma non 
fu fatta in v,n giorno, il Roma doma. Chi bl- 
atta a lioma va bestia ne torna, Jioma veduitt 
fede perduta, Corte romana non vuol pecore 
senza lana, ecc. ecc. 

E poi, passati in rivista ì mille e mille 
proverbi, nei quali s'affaccia spesso la gaiu 
figura del famoso Pasquino, ci vediamo di- 
nanzi la litania dei papi, da San Gregorio 
Magno tino a Pio IX, illustrati da cenni, 
ora esaltati ed ora vilipesi nella leggenda 
e nella storia, nell'aneddoto e nella satira, 
con una erudizione vasta, profonda e, quel 
che è più raro, né noiosa, uè pedante; per 
cui oseremmo dire che ci vediamo dinanzi 
un'opera perfetta, in cai la scienza va a 
braccetto dell'arte e la cornice è in tnttu 
degna del quadro. 

Paolo Mantegazza. 



Digilizcd by 



Google 



M I S" E R VA 



4;ì 



NliriZIK ItlBLUWJRAFUHE 



11. Walchl AMholorpc df poilc Cranfni" eonlempo- 
laiKt (1866-1006); ruTÌK<. l>el>iKi«v<'. — Questo giusso 
viihimo di cìroa iliioiuihi iiagine ouiitiene un Horilpgiii 
<tj ultra 250 pueti fraDposì, sicoliè presenta un qiin<lru 
(li Fiittala poetili franocm' ciiiitonipuriinea, daTh<^pliEli> 
('itatìerit oggi. Tutti i pi)eti auiMir viventi hanno Melto 
•'Sii steiisi nelle loro ojKTe i l)rani oli<.> hanno iHf' 
unto i i>iii degni lU rappii'Hontarli : e per ciascuno 
ili eBHJ » dnta un'aociiruta biogrnlin, una hililiogralln 
'-'•inpletu o il facsimile ili iiu autografo. Il libro è 
riii riieoi iman darsi oiildami'ntu u ijuauti desiderano 
ti-niTsi al corrcute duirattiiiili- movimento letterario 
'' ih'irovoluxione della poesia frunui'se modorna (firaue 

li. IÌAYX.ii-i>; IJroiI ili (e 111 a (io IMI OHrrifr,' Parigi, 
Itiiiiswau. — L") K|Histainfii tu, oggi iiiti frequente ohe 
in |ia8£iita, di operai in oeroa di ooonpaiilone fa na- 
srere ai giorni nostri dei rapporti giuridici e dei 
eonllitti d'interessi ohe rendono HOnipro pìiiiieo<'ssaria 
l'istituciune di una legislazione incetnaKionale. ohe 
da una parte tuteli gli interessi della nano d'oliera 
indigena in oiasenn paese, dall'altra garantisca i di- 
ritti, non lae-na rispettali ili, degli operai stranieri. 
K' nna Irgislasione che ai viene formando on po' alla 
volta sotto la pressione del bisogno, sotto l'asione 
[iiirallela dflla legge, della giiirispnidonza e dei trat- 
liiti; f appunto questo sviluppo lento ma continno 
vit-no tracciato molto bene dal prof. Uavnand nel suo 
vrilame, il quale oi permetto di farai un'idea del 
l'illumino flnoni fatto dal diritto nuovo, delle posi- 
/.ioiti da esso conquistate e dellf lacune ohe ancora 
ri-T-tauo a tolinarsi {Hé/orme SomaU). 

KuSEST Dauhkt: U Comlt (te ClmMaTand'- ; Parigi, 
l'I. in. — In quentu nuovo romando soritto, por così 
dire, in margine a' snoi stndi sni l'emigrazione e sui 
tempi della Rivoluzione, il Daudet narra. Don la su» 
spigliatezza di romanziere, susteiiutit d un'interesse 
d.-ll6 SUD cognizioni di storico orndito. le iieripezio 
di 1111 dramma in cui l'amurc si mesi'cilii a una tra- 
gica oongiura e ohe si svolge in una veooliia fumi- 
;clia francese di eiuigruti rifugiati a Londra. In una 
MTie di episodi molto drammatici il Daudet mette 
in scena tutta quella sooielii di emigrati, e oi de- 
scrii'e la loro agitata eaistonza durantl^ l'esilio iu 
Inghilterra e il loro ritfirno in l''riknciu «otto il con- 
>oì.ilo del Bonaparte (Ilei-Hv ite» l>far MoihU-s). 

ET fìP UIC ET fl P hoc 

I) U M A S 1 A .\ A . 
l'rìma di terminare la ra'^segna «lei « li- 
l)ri sdottivi » che ho intrapresa in qaesta 
rubrica, e della qnale mi rimane a esporre 
Iu parte più amena, quella, cioè, dei tihri 
adottivi.... per forza, dehlio ancora occnjiar- 
tiit, come ho promesso, di Alessandro Dumas 
padre. 

n grande numero di opere altrui die il 
<-elebre romanziere fece passare per sue, com- 
prese, e lo abbiamo vìrIo, talune di quelle 
4'lie, eome il Conte di Monteori«lo, mag^ior- 
^-mente valsero a crescergli fama, deve avere 
i in preso ionato i miei lettori, quelli almeno 



che poco conoscevano Duma»; ed »■ giusto, 
quindi, vedere ora anche il rovescio della 
madsglia. 

Se Dumas pose il proprio uome, facendo- 
sene credere autore, a libri di cui non aveva 
scritto una riga, viceversa poi ne scrisse in- 
tieramente parecchi per conto di al'ri che 
ne figurarono autori. Di queste opere da lui 
scritte per cont<» altrui già ebbi occasiono 
di citarne alcune; ora aggiungo che di non 
poche altre fu segreto collaboratore. Je l'ai 
vu, attui pamer par vinijt piécen, toutcn nignéeH 
d'autre nnm» que le itien, et dottt il arait fait 
les deax fieri, scrive Henry Blaze nel suo 
libro Alexandre Dumas; sa rie, soh tempi, 
non oeuvre (Paris, Calman Lcvy, 188-'»). 

Questa sua grande prodigalità del pro- 
l)rio lavoro non impedì per altro a un fa- 
ceto magistrato, cui era noto come Duman 
si valesse alla sua volta pei propri romanzi 
dell'opera di collaboratori, di domandargli 
un giorno, a proposito appunto di un suo 
ntiovo romanzo, uscito allora alla luce, so 
quello fosse veramente scritto da luit 

— Eh, mio Dio, al — gli rispose I>aaias. 
— Quello che pubblicai lo scorso anno, e 
che ebbe tanto successo, lo aveva fatto scri- 
vere dal mìo cameriere; ina a causa preci- 
samente del buon esito del libro il birbante 
mi chiese un aumento dì salario talmente 
esagerato, che fui costretto a licenziarlo, e 
cosi questo nuovo romanzo l'ho dovuto scri- 
vere io stesso! ■■■' 

Insomma quanto a' collaboratori, ne avxtva, 
è vero, e parecchi, e nel precedente mio ar- 
ticolo ne ho dati anche i nomi; ma è vero 
altresì che grande è il numero degli scrit- 
tori i quali si vantarono di aver collabora;to 
in romanzi dì Dumas che forse non avevano 
neppure letti! « Dna volta, — scrive il'Ci- 
tato Blaze — mi trovai con Dumas » Tron- 
ville, e parlando con lui di un dramma te- 
desco del Raupach, Dumas pensò che, mo- 
dificandone l'intreccio, ne avrebbe potato 
ricavare un dramma a grande effetto per il 
teatro della Porte Saint-Martin.^ LI per Une 
architettammo insieme la sceneggiatura, poi 
sopravvennero nitri amici e si cambiò di- 
scorso. Cosi potrei dire di essere stato anche 
io collaboratore di Dumas, e la maggior 
parte di coloro che si vantarono di «ssere 
stati tali dovettero esserlo nello stesso 
modo mio, cosicché voler fare l'elenco di 
tutti questi collaboratori di Damaa sarebbe 



Damaa aarebbt 



M I S E i; VA 



oonie voler far quello delle aimiiiti <Ii Don 
Giovanni! » 

La vanità e la modestia ili Dumas. 

Dumas era grandemente vauìtoeo. Un gior- 
no che era stato invitato a pranzo da un mi- 
nistro, essendogli stato chiesto couie ci si 
t'osse trovato, rispose; « 9e non ci fossi stato 
io, mi ci sarei molto annoiato! » 

Ma in pari tempo questo grande vanitoso 
era di una modestia incoinpambile. Lacosa 
))arrà strana, ma non è, o, per mi';;lio dire, 
dimostra che, iu fondo, veramente orgoglioso 
egli non era. L'orgoglioso ritiene di essere 
capace di tatto, e in qualsiasi inipretta su- 
jieriore a tutti. Dumas, invece, si vantava 
assai delle quHliti\ che sapeva di possedere, 
ma era il primo a riconoscere in s^ la man- 
canza di quelle elio infatti non aveva, a ri- 
conoscere cioè i propri difetti; e, bisogna 
convenire, è questa una virtil non troppo 
comune nei letterati. 

Cosi, nei poelit drammi che scrisse in versi 
questi sono tutt'altro che spontanei, e rive- 
lano anzi la grande diflicoltà che egli aveva 
di verseggiate. Il trastullarsi con le rime e 
con le assouauze, il misurare modulazioni 
e ritmi non era atl'ar suo, od egli non solo 
lo riconosceva, ma se ne doleva; e poicliè 
in fatto di poesia aveva un'ammirazione 
sconfinata per Victor Hugo, soleva dire: 
« Darei tutti i miei drammi migliori per 
aver sci-itto Marion Delormet ». — Ora, se 
(■onsideriamo quanto siano rari, anche tra 
persone colte, coloro che si credono incai>aci 
di scrivere versi, questo grande rispetto, o 
quasi paura, che la poesia incuteva a lui, 
provvisto, come vedemmo, di una cultura 
appena rudimentale, panni basterebbe da 
solo a dimostrare non soltanto la sua mo- 
destia, ma anche quanto sentimento d'arte 
egli possedeva. Forse fu appunto questa sua 
verecondia ]>oetica che gl'inipedl, malgrado 
l'immensa sua fuconditù, di mantenere la 
promessa che aveva fatta a Meyerbeer, e clic 
il grande maestro non si stancava mai di 
ricordargli, quella cioè di scrivere per lui 
un melodramma. Avere un libretto dell'au- 
tore dei l'rc Moncketlieri e <li tanti drammi 
che mandavano in visibilio il pubblico in 
tatti i teatri del mondo era in quegli anni 
il sogno di tutti i musicisti. Dumas lo 
prometteva sempre a Meyerbeer, ma la pro- 
messa non mantenne mai, lasciando die 



Scribe regnasse solo nel teatro lirico, a! 
quale dava i libretti degli JJgùmtti, di li-- 
herto il IHacolo, della Muta di Portici, del- 
l' A'iica e di cento altre opere. 

Dumas drammaturgo. 
Abbiamo veduto quale sfacciato plagiario 
fosse Dumas. Ne' primi lavori drammatici, 
che pure già rivelano il suo grandissimo in- 
gegno, i plagi, che vi abbondano, sono di 
una ingenuità addirittura da scolaretto. Nel 
dnimnia MariaCri»UnaaFont4uncbieaK,\ÌKaio 
e sceneggiato con una potenza meravigliosa, 
udiamo un personaggio, il córso Santinelli. 
ripetere parola per parola i monologhi del 
duca d'Alba AeWEgmont di (ioethe, e la 
scena capitale fra lo atesso Santinelli e Mo- 
naldeschì non è che un adattamento della 
famosa scena tra Devereux e Macdonald nel 
AVaUenxlein di Schiller. Malgrado questi plagi 
così spudorati, la Maria Crintina di Dumas 
è uu tale capolavoro di architettura dram- 
matica ed è, nel suo insieme,, un dramma 
di tanto ett'etto, che alla sua volta divenne, 
a questo riguardo, oggetto di plagio da parte 
di un altro sommo: la Maria TuAor Ai Vic- 
tor Hugo ne è un rifacimento talmente ]>c- 
dissequo da riuscire identica, non solo nella 
disposizione, che segue scena per scena, ma 
persino nel numero e nel carattere dei per- 
sonaggi, in modo che tutti quelli dell'uno 
trovano il loro contrapposto in quelli del- 
l'altro. Le stesse protagoniste, la regina di 
Inghilterra e la regina di Svezia, por tanto 
diverse tra loro nella storia, si rassomi- 
gliano in modo strano, e questo fatto fu 
causa di un curioso battibecco fra i due 
illustri scrittori: 

— Come diavolo — aveva detto Duma^ a 
Victor Hugo — dì quella idropica bacchet- 
tona che era Maria Tudor, ne avete potuto 
fare una .sfacciata cortìgianat 

— Ance eela — rispose Hugo — qae row 
roiuf iteH tjéné voua, pour violer Christine! 

E Dumas di rimando col famoso motto 
divenuto proverbiale in Francia: 

— Qaanà je la noie, moi, je lui fais un 
enfant! 

Fj il tìglio di Cristina sarebbe stato la Tu- 
dor di Victor Hugo! 

Quando si pensa che piti di un critico 
francese ha volutoavviciiiareVictorHugo.cti- 
me autore drammatico, a Shakespeare, panni 
sarebbe minor eresia il ritenei-e che, se un 



M I X K R V A 



Sliiiki^'^lK-ai-t' J'usw Ntalw |iuNHÌbile in Kraiiciu, 
Diiiiias a8R«i più di Vii-toi- Hufjo imtevii me- 
ritare lU esser Hiiainato il Hhakespearb tran- 
i-ese! Tatti sanno clic se si tojrlie ai dramiiti 
dì Hugo la belleK^a della poesia e l'armo- 
nia del verRo, diventano Hemplicemente dei 
jiotìi libretti d'opera ohe hanno potuto essere 
ac<-ettati sulla seena lirit-a grazie alla inu- 
sii-a di Verdi, e pel RiiyHlati srrazie aqnella 
di Marchetti, preeisainente i-oine nella »eena 
di prosa li aveva fatti tollerare I» bellezza 
della poesia. Cosi, per esempio nel RuyKlax, 
|)oictiè questo dramma lio nominato, quando 
la regina viene a sapere ehe il suo amante è 
un vile laeehè, erede immediatamente, senza 
eìiitazione, senza eercaraUro.rome^e essa non 
sene fosse innamorata per la grandeitza del 
sno e»rattere, per la nobiltà dei suoi aen- 
iJmenti, e non jjiA pereliè l'aveva credut-o 
nn eavaliere! Quella rivelazione poi.elie è 
lutto il no<lo della traffedia, avviene nel 
quarto atto anziché nel primo soltanto per 
dar i-iunpo ajrli attori di declamare una se- 
rie di splendidi versi. 

I drammi di Vietor Hugo sono tutti dello 
stesso genere, tutti di nn solo stam|io, d'una 
stessa tinta monotona, uniforme. « Quale 
<Uffereiiza — osserva il Hlaze, dedicando ap- 
punto vari capitoli a questo confronto — 
quale differenza dai drammi di Dumas, la 
cui per]>etua e quasi direi furiosa evoluzione 
non è inferiore davvero a quella di Shake- 
speare, poiché dai drammi di soggetto ro- 
mano, Oatìlina, Caligola, a (|uelli medievali, 
La Toìre di \etlr. Carlo VIT. Caterina flo- 
irard. Tia R^ine .Var^of. ;nnnge ai pili po- 
tenti drammi della vita moderna quali Aii- 
tiiiiy. Riccartlo Darliii/ftiìii, Keaii, e alle com- 
medie di genere e rì'intri{>o come ifndemai- 
"•■llr de ReUelHÌ)'. Leu dcmoinellcn di' Sttint- 
Cyr. frt marìaìif houh Lnaix XV! » 

Insomma Dnmas prendeva, è vero, da tutte 
le ]iar(i, senza Scrupoli, ma anelie in questo. 
si potrebbe dire, somigliava moltissimo a 
Slijikespeare, il quale, com'è noto, si serviva 
seiiita complimenti dei lavori altrui, die vi- 
viliciiva col suo genio. 

Ihnnns sltiricu i> itrchcologo. 
Dumas aveva tutte le audacie. Dopo i 
rrionll avuti nel ronianzo e sul teatro volle 
piovarai nella storia, e scrisse '/«mìp r/ Fraii- 
<•'-. e V Hiètoifc df« due» de Uoinfiogne e quel- 
V iHolutUn di Itaeitia la quale, sperava, gli 



avrei)bc aperte le porte dell' Aecadcmiji; men- 
tre non era die una compilazione fatta sulle 
cronache di Froissart, di .luvénal des T'r- 
sins, di Itarante... ma una compilazione, di- 
cevano non a torto i suoi apologisti, i/«'/I 
h'ìi avait qu'iin hnaiivs [miu- la fairf! 
Dumas era tutto ciò che voleva essere. 

— Siete dunque anche archeologo! — gli 
chiese un giorno un dilettante di antica- 
glie. 

— Nemmen i)er sogno, — gli rispose Du- 
mas, — non so neppure che cosa sia l'ar- 
cheologia, 

— Kppure avete a prima vista ricouo- 
seinto in questa medaglia l'effìgie di Cesare. 

— Non ci voleva molto per questo. Cesare 
è un tipo «osi caratteristico, e d'altra parte 
io lo conosco forse meglio di molti dotti. 

— Vj come ì 

— Non lio forse scritto uini storia di Ce- 
sare! 

— Avete si-ritto una storia di Cesare... voi! 

— lo, sì; che c'è di strano! 

— Sensate, ma siccome nel mondo scien- 
tifico non ne ho nmi sentito parlare... 

— Oh, quello ò un mondo dove di me non 
si ]>arla mai. 

— Kppure una storia ili Cesare scritta da 
voi avrebbe dovuto fare qualche rumore! 

— La mia noiL ne ha fatto nessuno, ma 
la leggono tutti... Cr mmt le» hiittoires illiitiblex 
qui font sengation;r^e»f camme lendine)» i/h'ou 
ne digère pan; auj- dìnem qiie Von ilii/i'rr, oh 
«',(/ peiise pliM Ir lendeinain. 

i'ccondità e facilìtii di Itumas. 

La fecondità letteraria di Alessandro Du- 
mas fu veramente prodigiosa. 15 noto che 
egli scrisse una volta per scommessa, gua- 
dagnando cento marenghi, un voUinie in set- 
tantadue ore. comprese quelle destinate ai 
pasti e al sonno. Questo volume veramente 
suo. Il envaliorr di MtiiniiH Rougp. è ancelle 
uno de' suoi migliori romanzi. Mettiamo pure 
che ne avesse già in ment« tutta la trama 
quando fece tale scommessa, e che, anzi, 
l'abbia egli stesso eccitata [)erchè sapeva di 
poterla guadagnare, ciò tuttavia non rende 
meno straordinaria simile impresa. 

Ma una cosa assai notevole in tutte le une 
opere :c die, malgrado la rapiditA con cui 
le scriveva, non lo si vede mai eccedere la 
mifiiirn neppure nei punti piti scjibrosi; in 
tutti i suoi scritti non trovate mai una trì> 



Digilizcd by 



Google 



M I N K U V A 



vialitii (I iiiiit vul^aiilà. ("usi, iivrnili. dwii- 
cjito Tante pugiiie a Maria Antoiiiiittii.efrii, 
repubblicano, iieppurv una volta la ileeiiguò 
<'0Q qualcuno dei tanti epituti clic il voljfo 
(Iella Rivoluzione le aveva allibbiiiti, corno 
l'Austriaca, Madame Vetn, tx-v.. 

E la facilità con cui aciiveva non è meno 
fenomenale della fecondità e dellit rapidità 
delle Bue conoezioui. Alla prova }>enerale di 
un suo dramma aveva veduto durante i pri- 
mi due atti immobile tra le quinte l'elmo 
di un pompiere. Alla metà del terzo atto 
l'elmo del pompiere era acouiparso. Dumas 
si mise a <'ercare l'individuo, e trovatolo 
seduto in un anj^olo in fon<lo al ])ulcoace- 
nìco, gli domandò: 

— Percliè te ne sei andato! 

— Perchè non mi divertivo più, — gli tu 
risposto. 

Dumas non volle sentir altro: corse nel 
gabinetto do! direttore, si levo l'abito, il 
panciotto, le bretelle, e si sbottonò il col- 
letto della camicia, come sempre faceva 
quando si accingeva al lavoro; poi fece chia- 
mare il suggeritore, si fece dare il copione 
del terzo atto, lo fece a pezzi e lo getti» sul 

— Clie cosa fate * — gridò il direttore, 

— So ben io quello che faccio — rispose 
Dumas. — 'Son avete visto che a questo 
atto il pompiere si annoiava? 

K li per li ne s<rriai«e dal principio alla 
fine un altro con sceneggiatura completa- 
mente cambiata! 

{'.li ammiratori di Dumas. 
Non credo di esagci-are aft'erniaudo die 
nessun romanziere ba mai avuto tanti am- 
inii-atorì quanti ne ebbe Dumas, e non tra 
il popolo soltanto, ma altresì tra i jiin raf- 
finati intelletti. Mi basti citare Michelet, che 
delìnt il vecchio Dumas nientemeno die une 
l'tiiTc de la nature, e Arrigo Heine, il quale 
lo riteneva il pili divertente narratore dopo 
Cervantes, e dopo la signora ticbariaz, jiin 
nota sotto il nome di sultana Sctiehera/.ade, 
quella delle MiUt- e una -YoWi; e tutti sanno 
4'lie il povero Heine, nei sei lunghi anni della 
Kini mortale malattìa, trovava (jualdie sol- 
lievo ai suoi dolori nel farsi leggere <la sua 
moglie i romanci di Dumas. Son è però 
cgnalmente noto die il grande scrittore in- 
glese Thackei-ay. in una cnriosa sua lettera, 
piilibliciita nellu heviir IhitnHiiiifiinWÌ ISIT, 



consigliava DumaK a coiiliuuaif. i due capo 
lavori di Walter Scott Icanhoe e (^Hiafinn 
Itiinrard, <limostrandoglì die non sono coiii- 
l»letì, perchè infatti i loro finali lasciano 
sospesi e non soddisfatti i lettori, e rite- 
nendo che solt-anto Dumas sarebl)e stato de- 
gno di terminarli. 

In conclusione. Dumas fu uno scritture di 
grandissimo ingegno, al quale mancò sol 
tanto una soda cultura perchìi potesse pren 
dere posto tra i sommi. A prova di ciò tre 
viamo in lui anche una qualità che è propriti 
soltanto del genio, quella della divinazione: 
e a questo proposito ricorderò il discordo 
che egli tenne allorquando gli venne il ca 
]iriceio di farsi eleggere deputato e si pre- 
sentò a quest-o sco|io agli «lettori di Seinc- 
ef-(.)ise. Il suo giro elettorale in quel col 
legio, dove era il maggior numero de' suoi 
amici personali, e dove era immensa la folla 
de' suoi ammiratori e la sua popolarità, fu 
un cuntiiMio trionfo. Ma alla vigilia della 
elezione, nel discorso-programma die tulli 
aspettavano |ier portarlo alle stalle, slan 
ciaiidosi nella politica, tra le altre cose osò 
dire: Uéographiquement la l'rmKe a la/ornu- 
dn terpeni, et, oomme lui, elli- ieiublr ditrmir 
et ne reciiiiUir pouravaler tùiU ce i/ui xc trunri- 
auliiur d'elle, le Danemark et le Wnrtemberii. 
la Hoilande et la tìelgùfiie. et (jiiaiid file aura 
loul eugloiiti, voun veì-rezi/ue l'Autrioke y /Min- 
nera^ et peut-i'tre, hiìins! augni la France! 

Quando si i>ensi die Dumas pronunciava 
((ueste ]iarole parecchi anni ]>riina del 1S7li. 
quando tutti i l'rancesì erano accecati dal 
l'idea <lì aj>part*nere alla lirande NatÌon, 
c'è da rimanere sorpresi. 

Ciò non tolse che Dumas riuscisse sol- 
tanto... a farsi tischiare, e la sna elezione 
che si riteneva assicurata in modo trionfale 
rimase invece nella tromba. 

AMKKK'O SOAHI.A'ri'1. 



Rassegna settlianale della stampa 



e derie I. 



iclulle. 



A iitopiisitii ili'l CoiigrmiHO porla iiroti'/.innn di'lli- 
rauttiullf, nlii' rccontnmcTiCr ii stato tenuto a Pnrin;!. 
Ih Krive Jiebtiomadaire (n. ■HI) riftsRuiiK' brevemente il 
jiroi^r.tmiitA ilei l'Associ anioni' intorniuìoiiulc ohe ili 
.]U0Htii ppltr^ioni' Hi OTOii(i!t I' 1:1 iMit si-dc uentriili' i- 
n Frilinrt^. Oli seaf\i prlnoi)>flli ili i]UeHtA licnemerilii 

Kinniro stretl ara ente, in viHtn di nn'iiziiiiio □omLiiii'. 
I(- npprc p le istituzioni i\ì\f nei vnii ]iiiesi ni lÌPilieiHui 
lillii ]irule/.iciue ilclli- l'uDciiiU.': pruiiiniivere In t'uintii- 



,y Google 



M r N E E V A 



/.iouedi iiitìtiuiuni siffatte nei pHusi ohe ni; buiiii xlbr- 
tiiti; rcoluhir »u«i fra le (wraoiie che si i>conimno di 
'i|niro le iiuali l'iitriiio ueì progranuna ilell'Aasofiiii. 

Lii prinoipiile iittività dell'Asgooiaziuiie consiste ni'] 
triivnr collocai iieiito alle faiioiulle. ucl proteggrrle du- 
lautp i loro eventuali vi^gl, nel oompletarn 1» torri 
<-<liioiu£Ìone profisBionslfl e neiroBsiounir loro, per 
iii«zKo ili OMse ili rispanniOi qualche mezzo ilj Kosti'ii- 
i:tiii«t|ito nella rceeliiaìA. Sopratatto ]ir;tti<'ì sono i 
iiickkI ai qnali l'Assoelazione rioorrc per tutelare le 
rmioiulle ilurante i viaggi: casa le fomiiicD ili im iti- 
inTiirio uhiaro o pi'cuìso, in cui sinio iiiiljcate le fiT' 
iiiiito iiuoi^sssrie e le « tiaso n nellfl i|llali lo vja){){in- 
triiii possono trovare nllu}{|j;iri uonvenietite. (Riamili 
iitiu luiHiiuII» protetta dall'AgHooimiionv si mett^' in 
'■■■KKÌo> «'BHB ù sii'urn iti trovare alla staniono il'ar- 
I-i VI) lina peniona mandata ilallit direttrice della uan» 
<>vi- anilrA ail alloggìuro. Per le fnnuiiille <<hcvÌHf;- 
i-ìano seiiKa trovar»! sotto la proteKiuno iilAiiale dil- 
l'AxHooiaKione. i|neKta fa iifBggiTe nelle sta/ioni di'lli. 
l>rinoipali eittà lo indìuaKioni opportunp. 

Nellp case svelte dall' AsHuoiaziuao le fnnciiille tni- 
nuli) alloggio jiagarido dii 1 franco a Trancili 1.50 ni 
i;iuniii. Vi sono poi r;vte piii modeste por le operai e, 
li- i|ualì, oltrp all'alloggio, ricevono anche il vitti). 
pattando da 70 centesimi a frnuolii 1.50 al giorno. 

(Questa opera inturnaMonalc, fondittii ni.-l IMSS dalla 
^ì;^ora de Eo.vnold, conta oggi [iOOO soni e ar- 
iiaisla'difTiisiiHie sempre maggiore: essa rinniiiop gli 
sforzi iti UDII ipinntitik di istitiizioui, segnatnim'ntc- in 
• li^rmania. in In gii il terra, neli'Anstria-Un^liiTia, nel 
l!i;lgio, in Danimarca, in Olanda, tnie. 
Il vagabondo tedesco. 

Nella JìihIiotkìiiiK (Jnienwll,- el Heviit ■•iaU-c (n. Vi2) 
-i ilù uotii'.ia di una illtereiisante iiionogralta ilj Hniis 
Osttrald inturuo al vagabondo tedesco (XanibfrWcAer), 
l>u(>b|icata nella coUcKinuc * Die Kultur i edita dati» 
l'asa Bard e .Manjuardt di Bellino. 

I,'(>Ht«ald non si h proposto di narrare la sl^riu 
diri vagabondo, lieusl lia voluto descrivere il vagii- 
Illudo attuale, quale lo ha fattii la nostra epoca ìn- 
diiatriiiie e demooratica. E nt'Hsiinij meglio di lui po- 
ìf.ya Borivere un'opera siniile, giacoLé, per niegliii 
l'imoscore la vita di qBei refrattari, si travestì egli 
srosso da vagabondo i' visse [>er qualobe («rapo la loro 
vita. 11 suo libro sineera non cinge i vagabondi di 
![ liti l'aureola romanCìcn di ciii li circondarono alcuni 
.■-■rittori del possaUi: egli non ne fa nò dei ribelli ne 
liei poeti, bensì ee li presenta per i|U(>l ohe sono; dei 
disgi'aziati. che la miseria a i viitì hanno spìnto per 
lineila via. ■ Sulle strade dj campagna — egli dice — 
IIII11 s'ineuutranu jiiii gli artigioui ebe in jinssat» fa- 
i-fvano il giro della Germania per istruirsi. Oggi l'of- 
lifiiia lega l'operaio al suolo: perfino gli antichi me- 
stieri — macellai, fornai, calzolai, fabbri, falegnami, 
muratori, vasai — fomiscono pochi a itineranti », Co- 
Iure ohe s'incontrano a vagabondare sono degl'jnfin- 
i;»rdi. dei iléraeint'', degli alcooiici, e in fp'iicraie lì- 
uiscuuo nulamente >. 

T>i questi vagaliundì l'(>sl»:ild .studia succesMÌsM. 

lari, il genere di vita, i raexxi di esistenza, ì gusti, 
1i' aliitudini. il gergo; egli rileva la ilill'iirenza fra il 
viigalmndo che vive io eiiiiipagiia e itnelbi elic sceglie 
•Mime campo ili azione la grande citlìi ii il jiortu di 
mare; indica le i'e{riouÌ dell» fìerniuniii uve i vagii' 

viora, le stagioni elle ad cksÌ wniii piìi pnipizie, e de- 
privi' j loro anlli uottiinii, compresi gii iirclii dei 
ponii e dei viadulli lerniviiiri, i eiirri da Hgiiuibt'ro e 
i l'uimhi dei passeggi pubblici. In mezzo ai \agalKmdi 

l'Ostu'iild ila iueoulnito nioiiiii tilosiilì alla Diogene. 
imi l'gli aggiuugt' elie 1» maggior p:irti> di enaì non 



pensa a nulla e si ineoctupu supiatutto di trovar da 
mangiare e da hrm. Tuttavia egli non li giudica 
trop|Hi severamente. « In nleuiii di essi si tr(>^ a an- 
i<orn un )m>' di imesia e di spirito di a>'venlura. Fin- 
cliii esisterà it mondo, vi saranno sempre del iliHiiunr^ 
olle non avrsiniii il senso dell' homt e ohe non snpi'anno 
persuadersi die il lavoro nobilita l'uomo . 

Un telescopio senza tubi. 

I.'n tcleseiipii) assai seiupliee, a alia sola lente, viene 
dcserittii nella rivista /inoirfrifiie UNif Sdeulijlt' V'rnn 
di Londra <fasuieoln di ottolini). I-Jiso e inven/.ioiie del 
maggiore inglese Bilden-I*o«ell, e iHinsisfe in una 
lente eonvesBa del diametro di |iiwo pili di sei eenti- 



oiroa due metri dall'ocobio. ìloii- 
ite Hiilla punta di un bastane da 
passeggio, essa fu vedere ingranditi gli oggetti di- 
stanti, con un ingrandimento massimo di quattro dia 

Considerando l'estrema semplìoitA e il basso prezzo 
di questo appareocliiii, esso piifi serviro a tutti gli 
scopi meglio di qualunque binooolo da teatro o da oniu- 
pagua, voli la uiassiiuu facilità può avvitarsi a 
qualsiasi bastono, mentre, svitala. la lente può en. 
trare in iinHluni)ue taschino. Come Ntnnnonto astiii- 
nomioo essa non ha eerto una grande iiu{)ortaiua: 
tuttavia, nella coste llaz ione delle Pleiadi, per eseni- 
pio, ^losnono dietlnguersi non essa otto stelle, mentre 
a ooehio nudo raramente possono vedersene più disei. 
Più ntile essa sarà al naturalista i> al butanioo. 

Iji annilentes del Baden-Powell ha il vant^aggio 
di essere sempre a fuooo: ipiauto più viene tentila 
lontana ibill'oochìo. jinreliè non oltre i due metri, 
tanto piii iiigrandisee gli oggetti. K' quasi supertluo 
il dire ohe essa non si adatta a tutte le viste: obi 
è affetto da leggiera miopìa non può servirsene. Cbi 
adoperi» aliitualmente un oechial ino concavo non s»b> 
vedrà bene mm t' « nnllente >. ina in cj>ndizionÌ nor- 
mali inigliorehk la sua vista. 

La prosperità del Canada. 

l.';iumento di jirodiizioiio e. i|iiiiidi, di riccbezaa nel 
Cunadii duranti' l'ultimo bienni» è stato senia con- 
fronti. SetHinilo il TVmei ili Londra, Lonl Stratheunii. 
'• Alto Commissario )ier il Canada • in Ijondra, li» 
rieevuto dal ministro 'caiiadeHe ilell'intemo le se- 
gueiiti cifre statistiche: 

Nell'Ovi-Ht del Canada il raccolto ilei grano si cal- 
cola ora a quasi àO niilimii ili ettolitri; gli ettari 
coltivati a grano sono e-irea I,!i00,000. Il valore ilei 
piiHlotti minerali ammonta a ]H>eo menu di ^3 mi- 
lioni di franebi, >i>ii un aumento di oltre i2 milioni 
sulla priKiiiziuiK- dell'anno pn-cHleiite. Di oro ne fu 



ratti) 



mpii-ssi 



ne di, lumi gre™. 

Lioogle 



48 



MINERVA 



«nperb le 282,000 tonnellalr, lupntre nel (irìiuo so- 
iiiootru del 1905 non cìuuhu » 2:>8,00U. 

Gl'iiDiiiigraiili .«liftrcnCÌ a CjuL-bt'o da iiitundo fu ii|jtrtu 
lilla navijfttKiuiKt fiiroiiu 9t>,0l)0: ultri l<OO0 auno atUmi 
lirima ulte lii istaj^ioni- liniaon. Degl'i min Idranti gifi 
rt^Htrntl «B per oonto uruno iti saugiie iTiyloui'. l'riiiiii 
■Iella line ilciruiiiio in cunu le eiitvnte Jok<ii>»H <lel 
('nimilù raggi II iigeraiiiiu fumé i 'Jìtll niìlioiii lìi fraiii'lii, 
eun una ]n.Tf('litll«lo di uuiiieiito non nini l-lvgj;'"""' 
Ilei Cniiodìt. 

II vliKflo di Sv«n Hedln nell'lntarno dall'Asia. 
Aueurik iiiiit villa l'illilstr» eBidorature sirtli'se Sven 

lledtil è tuniiltu nelle vegiorii iniateliu^u dell' Ani ii ui-ii- 
Inilr. I>» .■imVi'w. di N( w Yurk, in fumili vii i|uulelic mesi' 

III eliVgli er» iirrivato l'elieelnelite ucl fleistaii (n'jtiniu- 
l'iin ni Htuiid» lilla frontiera Im In l'orala •• l'Afgn- 
iiìhUu), dui"i un interuiUMiitisgiuiii viagglu per (ìiun- 
ilttk, Turni, S«iur. TaUl.iw, Xalliend e Mli, UunviiU- il 
linaio aveva nttrovermiUi tre vi>Ue il griiiide ducerti 
Jtalatu di Kevir, a Hud-est del MarCwtpiu.raooogliuDdo 
iiutu\'uU' matortalv per tin grande lavuru Bulle l'ersi» 
iirieiitale, traoeiaiulo una uarta di lun 162 logli, fa- 
uetidu oenCliiain di ,fotogr;itie e distigni, e Hiottcìidr) 
iiiHÌciiie una bella oullexiune di eainpioni goulogiei. 

Ora apprendiamo daUa, l'rtermanivi itlltriluniicii ' nu- 
mero IX) olle il (iovnmo anglo-indiniu), ]ier ragioni 
pulitioUe, ba negato airiiiiiigiie esploratore la Kcorln 
militare uhe gli era stata promessa ])or il suo viaggin 
nel Tibet « per la sua visita a Lliaaa, la oittAi minta 
del Dalai Lama. Senonohé l'ardito viaggiatore non 
si è lasoiatu distogliere dal suo propoHÌt^i, e «un una 
NDortu i.'uiioessitgti dal Governo uincsc lin iniKÌato d^i 
l*li, nel Caaiuir, la marcia verso oriente. 

(Mentre il luoado soientiftoo segue uon la pih \'ivn 
uttoiuiìoue iiilOBtH nuova enploraiiione del pclelire^'iag- 
gjatore, acquista aiieoiale interesse la piibblioaKionc. 
tosti) inizlatitsì nel nMtro perindioo l'iaijiii f Jiacoonti, 
dell'operii .Irre«(iir«2«rf Tibel. nella quale Io stesso 
Sven Hedln, con precisione di seieuziato e eoo oo- 
loritA parolii di Borltbni> e ili poeta, narra le peii- 
ponie della siiedislone da luì ooinpiuta i]aalehe anno 
fa in altra parte di ipiello stesse regioni nelle i|na1i 
ora sta slidaiiilo strapazzi e perieoli). 
Un ConirMio per 11 divorzio in America. 

Verso ìa metà di novembre si riunì a Filndelliu, 
«otto la preeìdenza del Oo^emiitore l'eim.vjiaeber. il 
• Congresso nazionale amerieano per il divorzio ». 
cui parteciparono eiri'» oento delegati — vescovi, go- 
l'omatori, giuristi, d'clesì astici e sociologi — in rap- 
preiteiitaiiza della maggiornnr» dei qiiarantaoÌQi|iie 
."^tati deiriJiiioDc smorleana. Sebbene non investito 
iti autorità legislativa, quel Ckiugresso avrA. couii' 
generalmente si orede, una grande influenza sulla le- 
gislazione dei singoli Stati. 

• -Non già Qua legge nanionale sul divor/ìo. e nep- 
pure l'identità dei particolari nelle leggi di tutti gli 
Stati, bens) un principio uniforme ii il nostro inten- 
to -. diebiarb il gindice W. H. Staake, segretario ilei 
l.'ongresao medesimo, e membro dolln Commissiono per 
l'uniformità degli statuti. .Siceunie la legislazione miI 
luatrimonio e sul divorr.io uou è una delle materie 
affidate dai singoli Stati alla giurisdizione nazionale, 
tutto old cb» il Congresso di l'iladcllia pui> faro è di 
raocomaudare il proprio statuto ni governatori e. alle 
Lcglalaturo dol vari fatati. 

Di questi la Carolina metidiunale non uniuieltc al- 
cun motivo di divoralo, New Y<irk ne anmiette uno 
solo, mentre altri Stati sono sempre più oondisei-ii- 
denti, fino all'eooessiva rilasaatoiraa del Nord Dakota. 
1.» statuto proposto dal Congresso di Filadelfia ain- 
iiiC'tte sei motivi di divorzio, eioè: l'adulterio, lii ]>i- 
gamiu, la mindaunu a non meno ili due anni di eiir- 
eei'e, le sevizie talmente gravi da mettere a perienlo 



1,1 vita o la saluto del eoningo seviziato, l'ubbri)!- 
l'tiezza abituale da due unni, e l'in giustificato abl>au- 
ilonu del domieilìo euiiiiigale pure pei' un perìodo di 

In gonoi'itle i giornali ameiicanl sono favorevoli ;i 
ipleHto progetto di legislazione nuìfoi'liie sul divorT.iii. 
1^ l'remi di l'ìladollia opina olio nessuno di quei mi 
mutivi può venire respinto dalla maggi ovati ):it ile;;ll 
^tati. iHiioliù 1 essi rappre^entanu l'opinione guuKÌ imi- 
verHale ilei piilibliuu americano •. 

Secondo il Warlit di New York, una Ihi^iim», ml- 
riijiera del Onigrcsso di Kiloilellia è il non nver jniiv - 
vitlutii all'iinifuriiiilù d'interpret-HKione dei viiri wi- 
tEvt. dò elle sarebbe sialo ;tiisuliitnnieii|.e iieeessiii'in 
]>er ovviare ,-v iniu Huveritfi o a iinu (>oiidiiii[iiiti'u/.:i 
erei'iisiva dei giudici. l>t quest'iiltiuia « un esitnipi" 
la Kcutenxa w>n cui un iiiugiHtrnto d'uno IStjttn oi-.'l 
dentiile diebiariml « enidelfù intollernbile ' il ri- 
liuto del marito di far ooluzione eoli la moglie. 
Riiparmlo e cooperazlone in Infhllterra. 

lim atatistiea pubblieata dal Ckiej Heijinliiir «i 
FricndlH Sooirtivi infunila elie esistono oltre i>O.UII|l 
Soeiutà di risparmio, oouperative, assicui-azionì, pii-- 
stili, eostruzioni e mutuo soccorso sulle i|uali il Vhii-i 
Itegvitvar esercitai li- proprie funzioni di tutela e vi- 
gilanza. 

A queste .Soeietà sono iasiuitti complessi vam unir 
:tO,000,IIOO ili persone e i fondi accumulati roggiunguu» 
la somma di sterline iOa,(JOe,OO0 (lire 10,050,000,lH)(i' 
con aumenhi in ooufvonto del 1B06 di 6,750.000 uh\ 
e -16,000,000 di sterline (1,I.->0,000,OOU di lire). 

Tacendo ustraxione dei possibili dujilioati, Il liriii- 
■trac eoustat-a clie ogni individuo imtiTìtto iu tuli 
.Soeietà possiede una quota di risparmio di I.'i ^ll'l'- 

T.e ^^i<'là di eosttu/ioni l'dili/ie sono Wi6. i-on 
ttO!).Tr<r> membri ed un eapibile iU(iH,lil<,OOOsterliiir. 

I.e KoeiefA ili mutuo wecoreo sono 29,5H(:I. 'ort 
l.S,918.T9.~> membri e .->l),159,000 sterline di capital.' 
aeeumulatu. 

Le Società '«operative di euusiimo e piiiduzioiii- 
sono 26»2, non 2,S90,077 niendiri e 47,392.000 sterlii.-' 
di capitale. 

Le TVnde l'niotiii enn essse di rispaiiui» e prcti- 
deiiìia sono lìie. con l,.'iU,16I meiubri e «terliiip 
ri,»Sò,000 di fondi. 

1« Sooielà di prestili sono 'ÌM, rau .ll.liàS suoi <■ 
L>70,197 sterline di eapitnle. 

I* CaSBC ferroviario di risparmio sono 17. ei'ii 
.^8,209 nicinbri e ri,2«l,000 «torliuo di eapitale. 

Le t'jiMC di risparmio ordinarie suuo 224, cimi 
1,702,701 meuibri e sterline 54,470,000 di fondi. 

lutine nelle Casse di risparmio postali sono degni 
sitate sterline 165,697,000 {lire 4,142,425,000) ripartii.' 
su 9,673,717 libretti individuali (lire 428.30 mi:di^< 
di ogni libretto). 



- . - ... ipa^io. Miaiiìo cititreitì a 

rimandare la piibhlicazionr di alcuni defili <ir- 
ticiili preannunziati nel nummi iicorw, e nitri 
aurora: Il linguaggio degli animali - Lavoro e 
vita - L'influenza della luce sui batteri, ecc. 



Tutti gli articoli pubblicati in MINERVA sono 
tutelati dalia legge sulla proprietà lattararia e 
ne è formalmente vietata la riproduzione' 



,y Google 



23 dicembre 1906 



Voi. XXVII ~ N. 3 



1,K ULTIME ELEZIONI 01 NEW YORK 

B I PARTITI AHBRICAKI (1) 

Fiiior» le eiezioni americane non avevano 
<i|>i)a.ssionato l'opinione pubblica europea, 
se iiou quando ai trattava di scegliere il pve- 
sideute stesso della Confederazione, ter la 
Iirìina volta un'elezione, in apparenza d'or- 
dine ^condario, quella recente di Sew York, 
lia suscitato una curiosità quasi universale. 
Xon i', dunque, fuori di proposito l'esporre 
k- condizioni e le conseguenze della recente 
campagna, cogliendo l'occasione \ter mettere 
in rilievo alcuni aspetti caratteristici 
della vita politica americana. 

La inacchina dettoruk. 

\egli Stati Uniti le elezioni sono nnme- 
rueissime; dal presideutc delia Confedera- 
/.ìone nominato per qnattro anni, e dai go- 
vernatori di Stato, dai senatori, dai mem- 
bri della Camera dei Itappresentanti eletti 
|ier tre anni, fino ai giudici di tribauale, ai 
<-ominÌ8sari, ai cancellieri nominati per due 
anni, passando per tutte le eariclie federali 
c' per tatt« quelle dei vari Stati, dei distretti, 
delle città, il suffragio universale nomina 
ìììin tale qnantitiV di fnozionari che, in me- 
dia, vengono fatt« vetitidue votazioni 
all'anno. 

Sembra cbe ciò dovrebbe bastare per as- 
sorbire tutta la vita dei cittadini curanti 
del proprio dovere, nonché per mantenere 
il paese in una perpetua agitazione. Senon- 
'•bè il senso pratico degli Americani ha tro- 



vato il rimedio: in un solo giorno e con 
una sola scheda vengono eletti i can- 
didati alle cari cbe pììl differenti. 
Cosi, per esempio, nelle ultime elezioni di 
novembre, i cittadini di New York dovevano 
eleggere cont«mpo[aneamente quasi due- 
cento candidati per ogni sorta di funzioni: 
anzitutto il governatore dello Stato, e sn 
questa elezione si concentrò tutto lo sforzo 
della lotta; in secondo luogo i senatori, i 
membri della Camera dei Rappresentanti per 
Washington e per Albany, i principali giu- 
dici, e una quantità di magistrati secondari. 
Ogni partito mette fuori, di solito, la sun 
lista completa di candidati, cbiatnata tieìcet, 
che deve essere stata approvata dall'assem- 
blea plenaria (Convenzione) del partito stes- 
so. Dì solito la disciplina è così forte cbe 
gli elettovi di un partito depongono nelle 
urne il ticket combinato dai loro capi; si ve- 
rificano, i)erò, anche esempi del contrario, e 
certi nomi meno popolari e meno rispettati 
vengono cancellati e sostituiti con altri. Così 
accadde appunto nell'ultima elezione di New 
York; dei due Heket, il democratico e il re- 
pubblicano, il primo riuscì a far passare 
tutti i snoi candidati, meno il primo, quello, 
cioè, cbe aspirava alla carica di governatore 
dello Stato, ed era questa la carica più im- 
portante, non solo perchè essa rappresenta 
la prima antorità nel piti ricco e popoloso 
Stato dell'Unione, ma anche perchè spesso 
conduce il titolare alla dignità di presidente 
dell' Unione, come accadde per Grover Cle- 
veland e per Teodoro Roosevelt, come jw- 
tri'bbe accadere por il. signor lliigbes, l'eletto 
dei U novembre. 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



l'elezione del Kovernatore dello Stato di New York. 

l'tr l'elozione alla carica di j^overiiatore 
dello Stato di New York due erano i inm- 
didati: il BÌ^ior Hiitj:hes, portato dal partito 
repubblicano, v il signoii HearBt, il quale 
era sostenuto dai democratici, «luaiitmique 
iiou apparteuesse al loro partito, beuiìi a un 
trrnppo detto « indipendente ». Il siit. Ilearst 
Hi presentò eotto gli auspici dui deinooratici 
per la semplice ragione che egli non potpv» 
tare altrimenti. 

Negli Htati Uniti la maccbina elettorale 6 
oÌrKaHÌ7.7,ata in tal modo che non si può fare 
a meno di ricorrervi ; nessuno il quale 
aspiri tseriauiente a una funzione pubblica 
pone da sé la ])ropria candidatura, jfiaechè 
egli ben sa cbe non avrebbe la più piccola 
probabilità di riuscita, sv questa candida- 
tura non fosse propugnata da uno dei due 
(fraudi partiti nominati più sopra. Tutte 
le battaglie )iolitielie di qualche im- 
portanza vengono combattute fra re- 
pubblicani e democratici. 

Hono questi gli eredi dei due antichi par- 
titi aniericaui: i federalisti, che tendevano 
a fortificare il potere centrale, e i repubbli- 
cani, che si preocenpavauo sopratutto di ga- 
rantire l'indipendenza di ciascuno !:Jtato, di 
ciascuna citti, di ciascun cittadino. Oggi, 
repubblicani e democratici non (-ombiittono 
più per veri principi, e all'osservatore ini- 
jmrziale at)[>uiono piuttosto come due rag- 
gruppamenti di interessi contrari; ma i re- 
pubblicani sì atteggiano a difensori dell'aii- 
toritA, i democratici a propugnatori dell'iii- 
dijiendensa. 

II siijnui Hcnrsl. 

Figlio di un miliardario californiano, che 
in origine era un semplice minatore, il si- 
gnor Hearst dispone di nove grandi gior- 
nali e di tre riviste; per questi periodici 
egli spende ogni anno una somma favolosa, 
più di M milioni, ma ne guadagna altret- 
tanti; inoltre, egli ha organizzato una quan- 
tità di associazioni che denunziano quanto 
esse trovano in America di abusi reali o 
immaginari; egli è in modo speciale il più 
formidabile avversario dei trust, e infatica- 
bile è il suo zelo nel combattere contro la 
]dulocrazia. 

ni lui cosi parlava recentemente uno scrit- 
tore francese, il iA-roy-Beaulìeu: 



■ Egli è iuiiueuBiuueutf) ri'<i!0, ikhwÌimIi' pareuohìi- vm- 
tinai» di milioni, e se uo vnle per aspirare alUplii 
altu fiiiizioDo, ai jiiìi grandi jioteri, luaiiig»]Hli> 
Del modo più grosuolaiio le lASsioni ili-lls iiiaaiui rau- 
tru coloro oh<i pooKiodono. (^ueato afriiltniurnfo (Ivi 
prcgindl^i o delle JstltuEioni ]>opolHri, fatto Aa imi 
mini elle non posaono egaere iii liuuiia feil<'. v niui d.i 
jiìti trititi guai elle poMHno oolpìro aita dcuiooniii^i . 

Pino a non molto t«nii)o fa, lo Ilearst yra 
rimasto nell'ombra, tanto cbc lo si chiamavn 
<i l'uomo mistefioso »; egli agiva soltanto i*r 
mezzo dei suoi luogotenenti, avvocati e gior- 
nalisti, scelti fra i più abili, e pagati pro- 
fumatamente: i tre primi impiegati dei siiu 
iiBicio di New York ricevono, complessi- 
vamente, più di (»iy,tHM) franchi all'anno, 
quanti ne ricevono il presidente Roosevelt 
e ì suoi nove ministri. Nell'nltinm camici 
gna egli intervenne personalmente, e, senzii 
rivelarsi grande oratore, fece, tuttavia, come 
ebbero a riconoscere [lerrtno i aaoi avver 
sari, migliore inqiressione di quel che, j:i- 
neralment«, si aspettasse. 

h\i ammirato, sopratutto, il suo coraggio 
e il suo sangue freddo; ma egli rimane imi 
tuttavia un personaggio enigmatico: 
tutto in lui sconcerta, dalla sua bencvoteuzH 
senKa calore, dal suo sorriso senza gioia, tdla | 
sua aria di gigante innocuo, ai suoi oediì 
« turchini che sono grìgi », ai suoi ca)>cltì 
« biondi che sono bruni Wicome dice Lin- 
coln .Steft'ens, in un articolo pubblicato nel- 
V Aiiieriiìan Magazinr. i 

Kisoluto di portarsi candidato alla cari<-:i 
di governatore dello Stato di New York, e^li ' 
fece porre questa caiulidatura anzitutto daili< 
« Lega Indipendente » da lui fondata a New 
York; lega la quale, riunitasi in convenzione , 
priiita dei due grandi, partiti, {>resentò un 
lieket completo col nome dello Hearst eonn' 
candidato al governatorato. 1 

Nello stesso tempo, iierò, lo Hearst lutavo- | 
lava trattative col partito democratico, e le [ 
coudueeva con tanta abiliti^ che questo iiar 
tito. nella convenzione di Buffalo, lo pro<-la- 
mava sno candidato per la carica di govei 
natore. J^ala destra di questo partito nvev: 
fatto di tutto perchè la proclamazione non 
avvenisse; non essendovi riuscita, altro n 
le rimaneva se non di ricorrere a un me: 
estremo, ado)ierato molto raramente negli 
Stati Uniti, quello, cioè, di venir meno alla 
disciplina e di votare per il candidato dei 
repubblicani, se qnesti avessero fatto 
buona scelta. 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



51 



Il sijcnor Hughes 



10 la Hvvltu fu biioiiiv, ili rttUti'i. Iiispimt» 
liagli amici dei presidente Roosevelt e dal 
Koveniatore Higgiiis, la convenzione repob- 
lilipftna di SaratORa proclninò suo candidato 
ulla carica di governatore il signor C. E. 
Ilufflie», uomo integro e attivo, che »i eia 
imposto alla stima generale dirigendo con 
imparzialitA. e nello stesso tempo con ener- 
gia, la prima inchiesta nnlla Compagnia del 
pis, e una seconda, che fu seguita con at- 
tenzione Alio in Europa, sulle famose Com- 
piignie di aseicurazione. Figlio di un pastore, 
pi-ofessore in vari collegi, avvocato di grido, 
il signor Hughes era sempre vissuto sotto 
gii occhi dei suoi concittadini, traendo il 
sostentamento dal frutto del suo lavoro, wen/a 
che mai la calnnnia osasse attaccarlo. Nes- 
suno poteva combattere meglio di lui contro 
il milionario californiano. 

11 candidato repubblicano svolse un'iitti- 
vità prodigiosa, parlando fino a dieci volte 
in un «ol giorno e sei volte in una sola 
sei-a. Anche i suoi partigiani non risparmia- 
rono fatica; ma poiché tutti questi sforzi 
rischiavaiio di rimanere inefficaci di fronte 
alle formidabili risorse dell'avversario, si ri- 
solvette di metter di mezzo un'influenza che, 
tino ad allora, era rimasta fuori e al di so- 
pra delle lotte elettorali. 

l'interveoto del prvsideiitc. 

Fu i/president* Roosevelt che intervenne 
in questa memorabile campagna elettorale, 
se non addirittura in iiersona, nmndaudo il 
suo primo ministro Koot a fare, cinque giorni 
iniina dello scrutinio, questa energica di- 
'-litarazìone : 

• lu vi dico, oon l'autorità del {ireeideiite, ohe egli 
ilrnidera vivamente l'eleiione di unu Carne» repub- 
lilicBDa, n did signor Hugbes oonio guvomfttorp. lo vi 
ilieo, «in la Hua autorità, olle e);li ounflidcm il signor 
Hfiorst come ilol tutto dis^ntt-o u1 governo, perchè 
(|iic»tL non Ì! che un demagogo mentitore od egoista 
l'Ile nerea di ingannare i Invnratiiri oon false diohia- 
rMioni e oon false proraOBse. lo ri dico, con la su» 
.intoril*, ohe. secondo Ini, IVloBlone del signor Hearflt 
saroìihe nu male e nun vergogna por il lavoro otn-atJ) 
• per l'onesto capitale, e ohe e«8a farebbe nn granile 
torto all'ui'^'^ *>''^ 't presidente ha intrapreso poi 
npporie giusto leggi ai misfatti dei trust. 

Questo deeiso ed energico interven- 
to del presidente degli Stati Uniti in 
una elezione non federale destò, cosi in 



America come in Europa, un grande stu- 
pore. Alle obiezioni che gli potranno esser 
mosse il signor Roosevelt potrà rispondere 
che il suo intervento era necessario per al- 
lontanare dalla via che conduce albi Casa 
Bianca una persona indegna; e da uomo ve- 
ramente pratico quale egli è, potrà aggiun- 
gere che i fatti gli han dato ragione, giacché 
il signor Hearst ha ottenuto (ìO,OftO voti meno 
del suo avversario. 

Certo è che, gettando nella bilancia il peso 
della sua popolaritii, il signor Roosevelt ha 
deciso delle sorti della grande battaglia. Ora, 
se il pericolo corso dalla Itepubblica era 
veramente cosi grave come egli pensava, il 
presidente ha fatto bene a intervenire; in 
caso contrario, sarebbe a ritenersi che egli 
sia uscito, in questa circostanza, dalla sua 
parte costituzionale. Ma, in fondo, si trat- 
tava di una questione di uioralità pub- 
blica, di dignità e di onore nazionale; si 
trattava di dimostrare che le prime magi- 
strature di nna grande rei»ul)l>licanon deb- 
bono essere alla mercè di chi può spendere 
più denaro. ^ 

CINQUANT'ANNI PI TECNICA TEDESCA"' 

Xella prima metà del secolo decimonono, 
le scienze esatte venivano coltivate prin- 
cipalmente in Francia e in Inghilterra. Solo 
dopo la fondazione, dovuta a Oiueto Liebig, 
del laboratorio chimico di (ìiessen, dal quale 
usci una schiera di valenti specialisti, gli 
studiosi tedeschi di chimica nominciarono a 
rivolgere la loro attenzione ai problemi del- 
l'applicazione pratica, e gettarono le basi di 
nna vera e propria industria chimica 
costruita su base scientifica. Ma poi- 
ché quegli studiosi non trovavano in patria 
utile impiego alla loro attività, presero in 
gran numero la via dell'estero; e eost la 
tecnica dell'industria chimica si svilnppò 
dapprima so terreno francese e inglese. 

Nella tecnica dell'elettricità ebbe la 
Germania fin da principio una parte impor- 
tante: basti ricordare l'invenzione della te- 
legrafia elettrica dovuta al Gauss e al Weber; 
la si-operta dello Steinheil, che per il tra- 
sporto della corrente elettrica basta un solo 
filo, l'altro conduttore essendo rappresentato 

(1) I). nn artionlo doiringegnerB T»kN/. BEfor, DiniiteSe Ile- 
nu, dicambn. - BlBwnmeDda liSHt'uHcolo, óon poaduno far* k 



del Tedewhl, r 



ir «otto BlIenKio ì meriti 

"Coogle 



MINERVA 



dal terreno; k^Ì apparecnhi e i metodi di 
iBulaniviito escogitHti dii Werner Siemens, i 
quali hanno permesso di far passare le con- 
dutture telegraflclie per entro il terreno. 

La macchiaa dlnamo-«letirìca. 

Nel dicembre del IMOfi Weruer Siemens 
presentava a una riunione di fisici e d'in- 
g:egneri una macchina di piccole dimensioni 
e di modestissimo aspetto, la quale, col sem- 
plice girar di un manubrio, produceva cor- 
rente elettrica di stupefacente intensitìV: per 
mezzo di quella macchina la forza di rota- 
zione dot braccio veniva trasformata in cor- 
rente elettrica, e perciò l'inventore le aveva 
imposto il nome di macchina dinamo-elet- 
trica. 

A questa macchina sì deve il mirabile svi- 
luppo delta elettrotecnica modernii: gli 
ultimi decenni del secolo scorso furono con- 
sacrati principalmente al perfezionamento 
e all'applicazione delta dinamo: è questa che 
ha inangnrato l'èra dell'elettricità, esten- 
dendo trionfalmente le sue molteplici ap- 
plicazioni a tatti i rami della vita quoti- 
diana e della lavorazione industriale. 

L' illuoiinazioDe. 

Uno dei pregi essenziali della dinamo è 
la sua economicità, grazie alla quale la 
corrente elettrica è diventata, si può dire, 
un articolo di grande consumo. Già al prin- 
cipio del secolo scorso la gente stupiva alla 
bellezza della luce elettrica; ma, prima 
dell'invenzione di Werner Siemens, all'am- 
mirazione non corrispondeva la diffusione, 
perchè quella luce costava troppo cara. Di- 
mlDoito in misura notevolisBima il prezzo 
della forza elettrica, Hefner von Alteueck 
costruì la sua lampada differenziale, e que- 
sta, insieme con la lampada Edison, eliminò 
te difficoltà economiche e tecniche che alla 
diffnsione della tace elettrica ancora si op- 
ponevano. 

Questa vittoria dell'illuminazione elettrica 
minacciando di morte l'illuminazione a gas, 
ebbe per conseguenza un )>rogre880 impor- 
tantissimo di quest^ultima, l'invenzione, cioè, 
dovuta ad Auer von Weisbach, dell'illu- 
minazione a incandescenza. Nella lotta 
ohe segui fra i dne sistemi d'illuminazione, 
quello a gas e quello a luce elettrica, la 
tecnica di ambedue si è venuta perfezio- 
nando sempre più. Nel campo dell'elettri- 



cità vanno monz-ionate, fra le più importami 
uovitjY, la lampada Nernst, quella all'oRinio 
lì quella at tantalo. 

Altiforni, cannoni e corazze. 

Altra invenzione essenzialmente tedesra i- 
quella de) cosidetto si^ttema rigenera- 
tivo, che fa aumentare di molto il calore 
dei forni industriali. Essa si connette con 
uno dei più grandi trionfi della tecnica te 
dcBca, la produzione, cioè, dei cannoni 
Krupp; la quale, fondata sull'invenzione 
dell'acciaio fuso e su quella dell'ottura- 
tore conico speci»le, ha procurato alla 
casa Krupp il primato in questo genere. La 
casa Krupp non è superata da nessun'altra 
al mondo per l'originalità dei prodotti e per 
l'estensione degli stabilimenti. 

E a questa casa fa degno riscontro in 
Germania l'officina Gruson, di Magdebnrgo, 
con le sue lastre per corazze e per torri 
corazzate, di mondiale celebrità. 

L'aatoro diohiarn di rlnun;^iare a seguirò, ne' suoi 
portioolari il m^raTiglioflo lavoro ohe la Germania 
La fornita ia questi ultimi deoennl in tutti i rami 
della teonioa, non eaaendovi g;Tande invenzione ali* 
quale l'ingegno tedeeoo non abbia ootlalmrato. La 
telegrafia aensa Ali è gloria di Guglielmo Marconi; 
ma fa l'ambarghe«e Enrico Heiti (nato nel l^nl. 
morto a Bonn nel 1894) obn per primo rfeonoblio f 
produsse le onde elettrìolie e luaegnò a aervirseiie. 

L'industria dei colori d'anilina. 

Anche a questa industria è legato il nome 
di un tedesco, Angusto Guglielmo von Hof 
mann, il quale, nel Beale Collegio di Chi- 
mica a Londra, dedicò assidui studi alte 
varie sostanze che si ottengono da un sot- 
toprodotto della fabbricazione del gas illu- 
minante, il catrame di carbon fessile, e spe- 
cialmente a quell'olio incolore che è l'ani- 
lina, scoperta dal chimico svedese Unver- 
dorben nel 1826. Scolaro dell'Hofmann fu 
l'inglese Guglielmo Enrico Perkin, che, 
progredendo nella direzione additatagli dal 
maestro, il 26 agosto del 1856 otteneva un 
brevetto per la fabbricazione dei colori di 
anilina. 

L'Hofmann, poi, nel 1859, scopri il rosso 
d'anilina, o fucsina, ohe contribuì al gran- 
dioso successo di questa industria; la qualF. 
nel suo sviluppo ininterrotto, dall'Inghil- 
terra passò ben presto al continente europeo,e 
quicreKbe e prosperò in modo meraviglioso, 



Digilizcd by 



Google 



MIN E 11 VA 



L'autore pliind«i il suo articolo rilevftntlo, a propo- 
silo ilell'evoluziune Imliistriiile dell» GermaniA, il 
iiiiTitu che spetta alla Sooieti^ degli ingegneri 
tcileaehi: la quale, s(>rta <Ih priuoi|>l modesti Ha imi 
ron soli ventitré soci noi l>*Ti6, conta oggi piii di 
vculLniila sooi. (juesCa assoc 1.1/ ione ha cooperato «on 
jrrande attivitik e con notevulu sD««efMO ai progressi 
della teotiica in tutti i rami, e si è resa altamente 
t>rnpnierltii eoi propugnare la legialaxione teoui- 
l'a e indiiHtrlnle ileirodieriia Geniiaiiia. 

L'IlIFLDEllSi DmijnCE SDÌ BATTERI «> 

I,a notevole difiusioiie i-lie in <|iiestì ultimi 
anni li a acquistato la fototerupia, o cura 
Iier mezz.o della lace, La indotto non pochi 
Ni-ieuziati a studiare l'influenza che la luce 
esercita sui batteri. A questo studio si op- 
puiieva, ftiio a qmiiclie tein])0 fa, una dirti- 
colta abbastanza seria, proveniente dal fatto 
che molti corpi, i quali al nostro occhio 
Ncinbrano t>erfettii niente trasparenti, conte, 
per esempio, il vetro, sono impenetrabili o, 
iilmeno, molto difficilmente penetrabili per 
i rafr^i ultra-violetti, ossia precisamen- 
te per quei rafrgi che a noi sfuji^ono nella 
scomposizione dello spettro solare, e che 
esercitano una maggiore azione chimica. 

Per studiare, dunque, Fazione della luce 
sui batteri, non basta collocare questi or- 
ìranisnii in reci])ieiiti di vetro: bisogna ri- 
correre a una sostanza che si lasci attra- 
versare dai raggi nltravioietti. Una di queste 
sostanze è il cristallo di rocca; ma se 
«•on questo uiuteriale si possono ottenere 
delle lastre, il costruire dei recipienti ri- 
cliiede spese molto rilevanti. Notevole è, 
[HTtanto, un recente ritrovato: si è riuaciti 
a fondere in un forno di iridio il quarzo, 
e a fabbricarne dei recipienti che, rispetto 
ali» facilità di lasciarsi penetrare dai raggi 
wcennatì, stanno al paro col cristallo di 

rorCH. 

Importa, poi, per le ricerche intorno alla 
iiiduenza della luce sui batteri, che questi 
microrganismi si trovino in un ambiente 
diverso dalla solita gelatina, la quale ai 
raggi ultra-violetti è impenetrabile. Ciò si 
ottiene ricorrendo a un brodo molto diluito. 
Anche l'acqua pura, distillatii, è molto tra- 
sparente, ma non puj> eswre adoperata per 
questi esi>eri menti, per il fatto che molti 
Ijatteri, immersi nell'acqua, muoiono anche 
Kcnza essere esposti alla hice. 

{1| Pit mi inlcolD del >lotIor H. THtlil.F, Itit VmKhau, 1. di- 



In ìngettnoso ap)iarecchio. 



L'autore dell'articolo ha costruito, insieme 
con un altro ricercatore tedesco, Kurt Wolf, 
un iippareccliio, consìstente essenzialmente 
in un recipiente quadrangolare di vetro, 
munito di una specie dì flneatra di cristallo 
(li rocca, attraverso alla quale i raggi lumi- 
nosi di tutte le specie trovano facile pas- 
saggio. Questo recipiente viene riempito di 
acqua pura, distillata, nella quale vengono 
affondate due provette di vetro di quarzo, 
ciascuna delle qual> contiene il preparato 
da illuminare, ossia il brodo diluito con 
dentro dei batteri: una delle due provette 
vien collocata di fronte alla lìnestra di cri- 
stallo di rocca, l'altra più indietro della 
prima, mascherata da uno schermo metal- 
lico che intercetta i raggi luminosi: «piesta 
seconda ]>rovetta non ha altro ufficio che 
.quello di servire di controllo agli esperi- 
menti della prima. Per impedire che i bat- 
teri si depositino nel fondo delle provette, 
si smuovono per mezzo di una corrente di 
gas; infine, unosi>eciale dispositivo permette 
di controllare e di regolare la temperatura 
nell'interno del recipiente. Per l'illumina- 
zione si adopera una lampada elettrica ad 
arco. 

Kisultati. delle ricerche. 

Una prima serie di esperimenti fu ese- 
guita a temperature relativamente basse, 
da 1-t a 21) gradi, sui bacilli del tifo, su 
quelli del colera, sul colibacillo che si trova 
nell'intestino umano, e sul « bacillne prò- ■ 
digiosus », cosi chiamato perchè con la so- 
stanza colorante rossa da esso prodotta si 
è voluto spiegare il miracolo delle ostie co- 
lanti sangue. 

Il risultato è stato costantemente eguale: 
i batteri vengono distrutti solo quan- 
do nella illuminazione non manchino 
i raggi ultra-violetti. Interponendo fra 
la lampada e la finestra del recipiente una 
sottile lastra di vetro, la distrazione non 
si oonipie, appunto perchè il vetro non la- 
scia passare i detti raggi. Tutto eli) avviene, 
sia che i batteri vengano tenuti nell'ossi- 
geno, sia nell'idrogeno. 

La prova diretta dell'efficacia dei 
raggi ultra-violetti si ottiene interpo- 
nendo fra la lampada e la finestra del re- 
cipiente uno schermo di salgemma di color 

IJgitizcchyGoOgIC 



MIXElt VA 



tureliiiiu scuro, <|uak' se ne trova ili quando 
in quando nelle niinìerf dì sale minentle: 
questo fu-hornio non lascia [tassare die in 
quantitil mjiiima i Tuggi luminosi, ma in 
eompenso dA faeile passaf^^io ai rat;gi ultra- 
violetti: i batteri rimangono pertanto nel- 
l'oscuritA, ma i raggi ultra- violetti bastano 
a ucciderli. Sicché la distruzione di ipiesti 
I»erieolo6i microrganismi si può ottenere aii- 
phe in un ambiente die i»er il nostro occhio 
sia perfettamente buio. 



LA S['i)\\ LK(i(ÌKN[>A 1)1 WATKKLOO <»> 

■ I FraimeHi, seblicm- in iiiìiiurnniiiero (iIbIIf tru])|>e 
alleate e pnissiane) ivvrebliero ottenuto vUtorìit ae la 
tenace e ìDvindbJle br»ruru ilelle Robiere iuglrai non 
foHHe da Ho]a bastnta n impedirlo >. NAroi-BONK, 
« L'orregjtandanot », XXXI, 240. 

Da qnando l'imperatore Guglielmo rivolse 
il suo famoso discorso alle reelate dell'Han- 
nover, e afferma che i loro antenati, con 
l'aiuto di Jtliieher e dell'esercito iirussiano, 
« salvarono gl'Inglesi e Wellington 
dalla distrazione », sono apparse altre 
nuove versioni assai discordi dai reso- 
conti generalmente accettati dei testimoni 
oculari della battaglia di Waterloo. 

Già l'affermazione dell'Imperatore relativa 
agli Hannoveriani è assai dissonante dal 
fatto accertato che un solo reggimento del- 
l'Hannover, quello degli ussari del Duca di 
Cumberland, era presente sul campo di bat- 
taglia, e dapprima rifiutò l'invito fattogli 
dallo Stato Maggiore di Wellington di pren- 
dere posizione in sostegno della prima linea, 
poi si dette alla fuga a spron battuto finché 
giunse a Bruxelles, dove quei prodi spar- 
sero la voce che gl'Inglesi erano sul pnnto 
di essere completamente battuti dalla Guar- 
dia imperiale francese! 

A conferma di questa versione sta il fatto 
che un Consìglio di guerra prontamente 
cassò dai moli il nome del colonnello Ilake 
tìhe comanda va tiuel reggimento, e, allo scopo 
di eliminare perfino il nome di questo, ne 
disperse i soldati assegnandoli ad altri reg- 
gimenti di cavalleria degli alleati. 

Si potrebbe anche ricordare che 10,00» sol- 
dati disertarono le file prussiane dopo la 
disfatta di Ligny, di due giorni prima, per 
non parlare dei prigionieri e dei cannoni 

■haMbfrii Jatirnal. dl- 



presì ai Prnasiani in quella battaglia e ilii- 
rante la ritirata. L'asserzione dell'Im- 
peratore che proprio questa razza di caiu- 
pioni strappò l'aspra vittoria di Watsrloo 
confina con l'ironia. 

Altri Tutti svisati. 

Ma (lon si limitano qui le falsità della 
nuova leggenda. Testimoni di tutte le 
nazionalità furono d'accordo nel certificane 
che l'unico reggimento di cavalleria scoz- 
zese presente alla battaglia di Waterloo 
piombò sulle dense masse del corpo coman- 
data da I>'Erlon e catturò l'aquila im|>e- 
riale degl'Invincibili francesi, e ciò con tidi' 
slancio da strappare allo stesso ^apoleoiit 
l'involontario elogio: « Questi terribili ca- 
valieri grigi come sì battono! ». I visio- 
nari propagatori della nuova leggen- 
da ora ci assicurano che tale encomio nuu 
si riferiva ai dragoni scozzesi, bensì a un 
reggimento di cavalleria francese montatu 
su magnìfici cavalli bigi, reggimento di cui 
ftnora nessuno conosceva l'esistenza! 

Di pili, oramai bene assodato è il t'attu 
che così a Quatre Ilras come a Waterloo It 
brigate olandesi-belghe comandate da Per- ^ 
poncher, Bylandt e Tripp batterono in ri- 
tirata prima dell'assalto dei l'rancesi. Ora, | 
però, viene pubblicato per uso delle s<.-uole i 
UD libro dal tìtolo « Waterloo illustrata ». I 
con dedica al rrìncipe Alberto del Belgio. ; 
libro che ha il precipuo scopo di « cancel- I 
lare dalla storia la fiaba che i Belgi fug- 
gissero a Waterloo ». 

Cosi pure ì nuovi cronisti di quella bat- 
taglia asseriscono che la divisione belga dì 
Citasse sconfisse la Guardia imperiale di 
Francia! Hssi non negano che una brigati) 
di quella divisione si comportasse ansiti 
male, ma vogliono farci credere che alFaltru 
brigata, quella di Dittmer.si debba ia scoii- 
fitta della Vecchia Guardia, mentre testi 
oculari concordemente affermarono che quel- 
l'eroica brigata si avanzò proprio venti mi- 
nuti dopo che la Guardia era stafci dispersa. 

Fatti artilidosanienttf oitliati. 
L'ìmi)erattìre Guglielmo, sempre nell'iute- 
resse della nuova leggenda, dimenticò nel 
suo discorso di menzionare dne fatti: 1) che 
gli Hannoveriani e la legione tedesca di 
re Giorgio III erano anch'essi parte del- 
l'esercito di Wellington, mercenari a ser- 



Digilizcd by 



Google 



M i X E R V A 



55 



vizio del Ke loro e degl'I un'Iesi; 2) che Iti 
Prussia potè continuare a lottare per la 
propria eBiet«uza di Stato indipendente solo 
in grazia dei motti milioni dì sterline for- 
nitele dal governo inglese. 

A iiruposito della ooopersiiìune promessa da Blii- 
ihvT a WellingtoQ, ipu truppo tardi e troi)po male 
cH'ottuuta, l'aatoTt' nìts il segiimite brano di MiitHìng, 
altaeAé prussiano preaso h> Stato Maggiore di Wet' 
liu^on: « Non era un segreto in Europa che il veo- 
diio BKlober, piii ohe settantenne, nulla napeva della 
condotta di una guerra, ^ando ai vide ohe il gene- 
rale GDeisonau ^ra l'efft- ttivo Di>inundant« dell'eseroito 
pnisaiano e rhe Bllioher agiva soltanto quale esempio 
liti piìi valorosi in battaglia, il malcontento dei i]nat- 
Tni generali prussiani sì aeeentiiò maggLormente >. 
Tutti i oomandanti di oorjii pruaaiaiii erano gelosi di 
Wellington, e Mlifliing aggiunge: • Io eonoMevo la 
dìfftdenEa del generalo Gueisenau verso Wellington, 
e temevo ohe ciò potosge nuocere nlle imminenti dlspo- 

II risultato di ttitto ciò fa che t Prus- 
siani non piombarono sull'ala sinistra del 
nemico, come Bliicher aveva promesso, al 
primo attacco di Napoleone sulle file in- 
glesi, bensì soltanto dopo che il combatti- 
mento durava già da cinque ore; e il grosso 
delle truppe prussiane venne adibito, non 
già a rinforzare il fianco sinistro dell'eser- 
cito inglese, come Wellington si attendeva, 
bensì in un punto molte miglia distante 
di li e quasi alle spalle dell'esercito fran- 
cese, dove per slcnne ore la sua coopera- 
xione fu del tutto sprecata, e neppure riu- 
scì nell'attacco di Planebenoit, che non fu 
presa se non dopo l'avanzata generale delle 
truppe inglesi. 

Come scrive Houisa.re, dopo esauriente esame di 
(urti i doenmenti atoriei, nella sua opera • I8I5 - Wa- 
terloo » : La disfatta e In ritirata dell'esercita frau- 
■■es« furono oaratterizKiite da tre inovìmenti assai 
distinti, di oni il prjm» e il terzo dovuti alle sole 
Iruppe ingleal. 1^ soonlitta della Guardia lmperisl[> 
cagionò rindietreggiaruento di oltre dne terzi del- 
l'esercito Tranoese. Pi(i tardi, l'awioinarsi dei Prus- 
siani provocò il disordibe all'estrema destra francese; 
tinalinente, la generale avanzata di Wellington af- 
frettò il disastro dell'ala sinistra. 

Lo stesso Miiffiing -ammette che l'avan- 
guardia del generale von Ziethen improvvi- 
samente voltò indietro e battè io ritirata 
dalle alture sulla sinistra inglese, proprio 
mentre il nemico avanzava con la sua Guar- 
dia contro il centro destro delle truppe 
britanniche; e con difficoltà Mìiffiing perso- 



nalmente potè indurre Ziethen a fronteg- 
giare il nemico, assicurandogli che l'esercito 
inglese manteneva il terreno e che « i Prus- 
siani potevano avanzare ancora con sicu- 
rezza ». K Miiifling prosegue: «A causa di 
questo movimento retrogrado del genernle 
von Ziethen la battaglia poteva esser per- 
duta ». 

E avrebbe potuto aggiungere che, anche 
quando verso sera avanzarono per coope- 
rare con l'ala sinistra di Wellington, i 
Prussiani furono sul punto di provo- 
care un disastro perchè, secondo un rap- 
porto del prìncipe Bernardo di Sassonia-Wei- 
mar, il quale comandava la sinistra dell'eser- 
cito anglo-belga, i Prussiani con la loro 
artiglieria aprirono il fuoco sugli alleati, 
che scambiarono per nemici. 

Questo incidente è confermato auche da 
altre fonti storiche; cosi pure è assodato 
che l'efficacia del congiungimento di von 
Ziethen con la sinistra inglese dovette es- 
ser minima, poiché una sola brigata del 
corpo" di von Ziethen prese parte al com- 
battimento, ma non ebbe morto alcun ufà- 
ciale! Eppure dai moderni visionari tede- 
schi si pretende che « l'avanzata di Zie- 
then decìse il fato della giornata!». 

La verità. 

La verità dì tutto l'affare pare con- 
sista nel fatto che, soltanto dopo aver rice- 
vuto l'assicurazione da Blticher che avrebbe 
cooperato con gl'Inglesi piombando sui Fran- 
cesi al primo attacco di Kapoteone, Wel- 
lington acconsentì di mantenere la posizione 
di Waterloo invece- di ritirarsi sulla sua 
riserva di 18,000 uomini, distante circa un- 
dici chilometri, presso Hai, dove due bri- 
gate furono effettivamente spedite il mat- 
tino del 18 giugno; dì là egli avrebbe iratuto 
ancora ritirarsi per occupare una posizione 
più forte nell'immediata vicinanza di Bru- 
xelles,dove, infine, il giorno seguente avrebbe 
potuto unirsi con l'esercito ricomposto da 
Bliicher, 

Se Wellington mantenne il combattimento 
per nove ore dopo ii primo attacco, ciò fu 
dovuto soltanto all'incrollabile valore 
delle sue truppe; ed è certo che, se egli 
si fosse ritirato, come avrebbe avuto diritto 
di fare dopo aver visto che i Prussiani 
mancavano al loro impegno di unirsi a lui al 
primo attacco, l'intero esercito di Blii- 



Digilizcd by 



Google 



r,G 



MINERVA 



clier sarebbe stato inevitabilmente 
preso fra due fuocbi e distrutto. In- 
fatti, costretto ad attraversare le strette 
gole del Dyle e del Lasne, esso avrebbe 
trovato da nna parte Grouchy con 32,000 
uomini, reduci dall'aver battuto! Prussiani 
a Wavre; e dall'altra avrebbe avuto, non 
più molestato dagl'Inglesi, Napoleone con 
70,000 uomini © 250 cannoni. 

Dunque, ben lungi dall'essere stati gli 
Hannoveriani e i Prussiani a salvare l'eser- 
cito inglese dalla distruzione a Waterloo, 
furono soltanto l'indomita tenacia di 
Wellington e i suoi non meno saldi qua- 
drati di fanteria cfae salvarono i Prussiani 
da un disastro assai più grave di 
quello dei Francesi a Sedan. Infatti, 
l'effetto morale delta resa dell'esercito prus- 
siano avrebbe certamente deciso il fato 
dell'Europa, e avrebbe messo Napoleone 
iu grado di dettare le proprie condizioni 
agli alleati. 



Attrauerso le Riv iste Italiane 

GIUSEPPE GIACOSA. 

La Xuova Antóloffia (16 novembre) ripro- 
duce il discorso tenuto dii Ugo Ojetti a 
Milano, il 2 ottobre 1006, nel trigesimo della 
morte di Giuseppe Giacosa; eloquente e no- 
bile discorso, il cui pensiero essenziale i: 
quello di dimostrare l'uniti^ e la coeren- 
za di tutta l'opera, di tutta la vita 
artistica dell'illustre scrittore. Fra la dolce 
e languida poesia della Partita a seaccki e la 
prosa rude e breve dei Tristi amori; fra gli en- 
decasillabi sonori e impeccabili del Conte 
Rosso e la prosa d'amore e di pianto di Come 
le foglie, vi è un nesso continuo, il quale con- 
sta di due elementi principali: anzitutto l'arte 
di Giuseppe Giacosa riflette la regione che lo 
vide nascere: la Partita a scacchi, \\ Trionfo 
d'amore, il Fratello d'armi, il Conte Mosso, le 
yoveUe Yaldoitane, hanno tutte per tema, 
per scena, per eroi, leggende e storie, ca- 
stelli e cittil, uomini e donne del suo Pie- 
monte, anzi, più spesso, di Val d'Aosta e 
del Canavese. 

Oltre a questo nesso che lega nello spazio 
l'una all'altra le più vitali e le più popolari 
«pere del Giacosa, ve ne è un altro che le 
lega attraverso il tempo, e che è prova del- 
l'indomabile sincerità sua: in tutto lo svol- 
gimento della sua opera, egli non cercò i 



modi d'arte che più si confacessero hIU 
moda e piacessero al pubblico, bensì quelli 
che meglio potevano esprimere l'anima sua 
nelle età successive della sua vita. Il kiio 
teatro fu favoloso e sentimentale quando 
egli era giovane e credulo; fu eroico e im- 
petuoso quando, uscendo alla vita, egli chiede 
alla storia stessa della sua regione il valor del- 
l'esempio; diventò sobrio e doloroso quamlo 
egli dovette lottare per vivere e misurnif 
e raccogliere nella lotta tutta la forza delia 
sua onestà e del suo ingegno per vincere, e 
tutta l'equanimità della sua coscienza i>er 
giudicare i suoi simili. 

Ed ecco perchè il teatro di Giuseppe Giii- 
coaa troverà oggi, domani, e sempre il suo 
jiubblico: perchè è stato sincero e uma- 
no; e l'adolescenza innamorata, la giovi- 
nezza speranzosa, la maturità attiva vi ri- 
troveranno ognuna la propria poesia e il 
proprio specchio, a volta a volta, dai sogni 
rosei del paggio Fernando alla fran<-liei'.za 
brutale di Cesare Salii. 

« E il buon viandante, dopo aver percorso 
tutte le tappe della vita umana e avere iit 
ognuna lasciato così un po' del suo viatico 
a noi che lo seguiamo, adesso riposa nelhi 
t^rra dei suoi morti e dei suoi tìgli, sotto 
la protezione delle sue montagne nevose. 
Vn mese fa nel piccolo cimitero solitario 
dove l'erba era stata falciata la mattina 
stessa per lasciarlo passare, noi lo lasciammo 
sotto un mucchio di fiori candidi su cui con 
l'alitar dei vento andava e veniva l'ombra 
dei grandi faggi. E il profumo del fieno fal- 
ciato, della menta, dei fiori pareva il pro- 
fumo del suo stesso cuore che da quell'alta 
valle alle porte d'Italia volasse via su quel 
vento verso tutta la patria ch'egli aveva 
adorata, perchè tutt'i cuori, tutt'i nostri 
cuori ne traessero ancora dolcezza e refri- 
gerio, come una volta...». 

ADALBERTO STIFTER NOVELLATORE. 

Nella stessa rivista (Itì novembre) il profes- 
sore Rodolfo Itenior, dell'Università di To- 
rino, pubblica un notevole studio biogr«- 
tìco e critico intorno al meno noto, fra noi. 
dei maggiori scrittori tedeschi dell' AustrÌH. 
Adalberto Stifter, 

Nato a Oberplan, nella Selva Iloema, il 
23 ottobre 1805, da un agricoltore e dalla fi- 
glia di un macellaio, rimasto orfano di pa- 
dre a dodici anni, Adalberto Stifter, grazie 



Digilizcd by 



Google 



MINEKVA 



nll'aiuto del nonno materno, potì'r proBeguire 
jili studi ('he aveva intrapresi sotto lagnida 
intelligente del maestro del villaggio, e fre- 
ijtieiitò il ginnasio nell'Abbazia benedettina 
(li Krenismiinster, uent^ndosi, fin d'allora, 
]>iepotentemente attratto all'arte e ail'am- 
iiiiraxione per la natura, che gli ispiravano 
versi e lo ìndncevano a dipingere t suoi primi 
acquarelli. 

yel 1S2B si recò all'Università di Vienna, 
«love segni gli studi giuridici; ma nel t«mpo 
jitesso frequentava lezioni di scienze natu- 
rali, di fisica, di matematica, e dava legioni 
private in case signorili. In vari scritti egli 
ritrasse con mirabile c(H«;aeia la Vienna di 
({Uei giorni. 

N'el 1837, dopo lii delusione di un primo 
amore, sposò una donna alla quale manca- 
vano le doti di intelletto e di cultura ne- 
cessarie per intendere un artista ■ nato, e per 
treut'anni condusse insieme con lei una vita 
tollerabile. 2fei primi anni del suo matri- 
uioiiio aveva vagheggiato la speranza di un 
impiego nell'insegnamento pubblico; ma que- 
sta speranza non si realizzò, ed egli fu ri- 
dotto a vivere mescbinamente dando lezioni 
in case sopratutto patrizie. 

Il suo primo racconto, il Kondor, fu pub- 
blicato in unii rivista viennese nel 184U; nel 
medesimo anno comparve lo studio Feldbln- 
men nella rivista 7m di Pest, e cosi si avviò 
la preziosa amicizia dello Stifter con l' in- 
telligentissimo editore ungherese Gustavo 
Hcclcenaat, senza del quale, forse, il novel- 
latore boemo si sarebbe dato alla pittura, 
iiuzk-liè all'arte dello scrivere. 

I racconti che lo Stifter pubblicò in se- 
guito in varie riviste ottennero un successo 
straordinario: la sua fanut di scrittore restò 
fissata definitivamente, e anche con maggior 
mpidità sì sarebbe estesa, se non fossero 
soitrnggiunti 1 gravi avvenimenti del memo- 
rabile anno 1848. 

I tramliusti politici mal si convenivano al 
dift'ondersi dei suoi rai-conti; e cosi, da al- 
lora in poi. tratto dall>imperiositi\ degli av- 
venimenti non meno che dall'indole propria, 
«■gli sì diede con fervore alla educazione e 
all'istruzione del popolo, riuscendo, flnal- 
iiiente, a ottenere il posto di ispettoi-e per 
le si-uole popolari dell'Alta Austria, con re- 
i^iilenza a Linz. S'ella piccola e ridente città 
sul Danubio, divenuta ìasua seconda patria, 
io tStifter lavorò assiduamente, coiiforlau- 



dosl delle amarezze che gli furono procu- 
rate dal suo ufficio, col disegnare, col dipin- 
gere, con lo scrivere. 

Colpito nel 18tì3 dalla malattia nervosa 
che doveva miliare il suo organismo, due 
anni dopo fu messo a riposo, con pensione 
intera, quantunque non vi avesse ancora di- 
ritto. La catastrofe della guerra anstria-ca 
contro la Prussia, nel 1806, lo addolorò pro- 
fondamente. 

In pari tempo il male di cui soffriva si ven- 
ne aggravando, tanto che in un momento di 
esaltazione egli si feri il collo con un rasoio. 
Ormai disperava di migliorare, e un giorno 
in cui era più tranquillò, sfogliando sul suo 
letto di mort« un racconto, che lasciò incom- 
piuto, vergò in fine con mano tremante qtie- 
st« parole: « A questo punto l'autore è pas- 
sato di vita ». K spirò di fatti, poco ap- 
presso, il 28 gennaio del 18418. 

11 prof. Renier sottopone a fine e accn- 
rat-iv critica l'opera dello Stifter, consideran- 
dolo' sopratntto come novellatore, e rile- 
vando le due tendenze schiettamente 
germaniche che in lui ai combinano e 
compenetrano: la tendenza alla rappresen- 
tazione idillica, lieta o triste, della vita, e 
l'osservazione minuta e perseverante della 
natura esteriore. Come nella pittura, che 
esercitò da dilettante appassionato per tutta 
la vita, così anche in letteratura lo Stifter 
fu eminentemente un paesista, e con spe- 
ciale predilezione e con una maestria spesso 
insuperabile ritrasse il suo paese prediletto, 
il Bohmerwatd. Caratteristico, poi, è in lui 
il cult-o per la purità della .lingua. I 
suoi difetti principali sono la soverchia 
minutezza delle descrizioni che arriva 
alla pedanteria, la crescente prolissità 
dei suoi lavori, la mancanza di movimento 
e di vita nella maggior parte delle sue 
creature. 

Il capolavoro dì Adalberto Stifter è ad 
vedersi, non già nei volumi di novelle inti- 
tolati litudien, bensì nella raccolta di boz- 
zetti che egli battezzò col nome di < Pie- 
tre di vario colore » {Bunte Steine). Sono sei 
bozzetti, nei quali non si notano più le man- 
chevolezze delle novelle più ampie, quali la 
tendenza di abbandonarsi troppo alla fan- 
tasia, e di iicrder.ti nei sogni romantici; qui 
lo Stifter toccali culmine della potenza de- 
scrittiva; infine non si sente In questi rac- 
conti il diletto nello sviluppo psicologico. 
l3,g,tizccbyG00<^le 



MINERVA 



PER LA SILA. 



Nello stesso fascìcolo della atessa rivista il 
prof. A. Baldacci insiste sulla ueeessità di 
procedere seriamente nlla colonizzazione 
della Sila, per sfruttanie le numerose e 
varie risorse: la Sila, effli dice, è una re- 
il'ìonei prÌTÌleKÌata, dove la natura ha distri- 
buito senza risparmio tutte le sue riccliezze 
e le sue bellezze, dove le valli, i varchi, ^li 
acquitrini si prestano per le piti svariate cul- 
ture montane, dove i boschi producono le 
piìl deliziose e limpide acque sorgive, po- 
polate di trote e di anguille, dove le pra- 
terie ole7,zanti non banno rivali in Italia 
l)er la qualità di fieno che producono; la 
Sila potrebbe e dovrebbe, finalmente, diven- 
tare la piattaforma sulla quale sarebbe pos- 
eìbile l'evoluzione della Calabria settentrio- 
nale e centrale. 

Di questa colonizzazione il Haidacci trac- 
cia le gi'tindi linee: occorre, anzitutto, fra- 
zionare la grande propriett^, rompere 
quel latifondismo che insieme con l'emi- 
f^razione forma il guaio principale della 
regione; occorre aggiuugere alle scaree col- 
tivazioni attuali altre più varie e pìil 
rimunerative, promuovere il progresso 
zootecnico, studiare lo sfruttamento della 
Sila come stazione climatica, favorire 
lacolturadel tabacco, e dare impulso alle 
varie industrie forestali, organizzando 
nello stesso tempo, in modi opportuni, la 
istruzione agraria. Ma cosi l'agricoltura 
come il commercio agrario non potranno 
ricevere impulso vigoroso, se non si penseri^ 
a migliorare le comunicazioni. 

Il Kaldacci rimprovera al tìoverno di avere 
ingiostamente trascarato per troppo tempo 
questa interessante regione: egli, però, non 
è di quelli che tutto cliiedooo al Governo, 
bensì raccomanda anche di stimolare l'ini- 
ziativa privata, e augura lieto successo al- 
l'opera intrapresa dalla Società Industriale 
della Sila. 

GU ITAUANI ALL'ESTERO 
all'Esposizione di Milano. 
Xella stessa rivista (1 dicembre) Piero 
Barbèra rileva la spei-iule importanza di 
nns sezione della grande Esposizione di Mi- 
lano, quella cioè intitolata: «(ìli Italiani 
all'estero ». Questa mostra, la quale, per mo- 
desta e ristretta che fosse, è statu davvero 
rivelatrice di molte forze italiane sparse 



per il inondo, di molte i>ersonaIitìt italiane 
aftermatesi vittoriosamente e con caratteri 
propri nelle industrie e nelle arti, è stata 
tanto piìl opportuna in quanto che gli Ita- 
liani hanno grandissimo e urgente bisogno 
di conoscere le coudizioni dei loro conna- 
zionali emigrati, e dei paesi ove questi si 
sono stabiliti. Non a torto gli emigrati ita- 
liani si lagnano di essere dimenticati e igno- 
rati dalla patria: è questa la nota doloro^ 
e sconfortata che si ripe.t« nelle varie rela- 
zioni presentate a quella mostra; relazioni, 
in generale, molto sobrie, molto serene, molto 
oggettive, dense di fatti, spoglie di fratti 
retoriche, scritte, per lo più, in forma accu- 
rata ed elegante. 

Chi ha percorso le sale del padiglione ri- 
servato a questa mostra speciale, osservando 
i banchi e le vetrine, guardando dentro alle 
cartelle contenenti i quaderni e i saggi ili 
lavori delle scuole italiane all'estero, ma 
piil leggendo le monografie a stampa o ntii- 
noseritte, che furono inviate al concorsio 
indetto dal Comitato organizzatore, ha po- 
tuto rendersi conto dell'importanza dell'emi- 
grazione italiana, della quantità enorme dì 
lavoro che essa produce, dell' influenza flit- 
essa va acquistando, delle conseguenze e 
degli effetti che può risentirne la madre 
patria. 

La qualità che piti specialmente distingue 
l'emigrato italiano è l'adattamento al paese, 
al clima, all'ambiente, spesso cosi diverso 
da quello del paese nativo; oltre all'adat- 
tarsi a qualunque clime^ l'Italiano mostra 
attitudine per ogni genere di lavoro; jier 
questo, sopratutto, l'emigrazione italiana è 
superiore a quelle di altre nazionalità. Tut- 
tavia in certi paesi si hanno verso l'elemento 
italiano diffidenze, antipatie, disprezzo e. 
perfino, persecuzioni. Ora, molte di queste 
diffidenze sono cessate e gli Italiani bouo 
pìil conosciuti e apprezzati, e non più, come 
una volta, le collettività italiane all'estero 
sono composte esclusivamente di braccianti. 
In generale, però, la nostra emigrazione ha 
un grave guaio: che, cioè, molti, o i più. 
arrivano nei paesi esteri senza criteri di- 
rettivi, senza indicazioni, senza meta deter- 
minata. 

Si impone, pertanto, la necessità di una 
direzione sapiente, di un'assistenza amorosa, 
di un'energica difesa; bisogna che lo làtato 
ittiliano, sempre piil i>ersuaso dell'impor- 



Digilizcd by 



Google 



MIX Eli VA 



tanza de! feiioiiieiio einicmtorio, studi a ton- 
ilo la vitale questione di orgaiiìieziiie «inestn 
fenomeno in modo da renderlo non t<o)o inof- 
termi vo per lanazione, ina, )m/.i, ad esBahene- 
tt'o. E, prima di tutto, oeeorr eniÌKliorare e 
rafforzare il corpo consolare, i)er mo- 
ilu ebe le eollettirittti italiane siano difese 
uruQifue si trovino e conmnfjue siano com- 
iioste. 

Oltre l'opera di difesa col mezzo dei con- 
doli, oltre a stabilire e mantenere scuole, 
nella ({uale fuD/.ione il governo può enser 
truidato e aiutato dalla iSoeietii « Dante Ati- 
jfbieri » e dai suoi Comitati all'estero, vi è 
(la l'are tutto uno studio di riforme legi- 
t^lative, tendenti a ottenere clie gli emigrati 
italiani possano acquistare, ove sia loro utile, 
le cittadinanze estere senza perdere la cit- 
tadinanza italiana. Bisogna, in tal senso, 
Btudiare la riforma non solo delle leggi mi- 
litari, oltre quellegiiV introdotte, ma anche 
■IfUe scolastiche, perchè un figlio di Italiani, 
nato all'estero, possa continuare in Italia 
l.'li studi cominciati altrove, e qui conse- 
fluire lauree e diplomi; occorre fare nuove 
convenzioni internazionali perchè i diplomi 
e le lauree conseguite in Italia siano validi 
in certi paesi esteri, concedendo in giusta 
iriisnra diritti di reciprocità. 

I/autore non si dissimula le ditlicoltil di 
un'impresa siil'atta, ma esprime la convin- 
zione che lo scopo al quale egli accenna 
possa essere raggiunto. Dalla lettura delle 
a<:cennate monografie che studiano le col- 
lettività italiane nei paesi piii differenti 
ilall'America settentrionale all'Africa meri- 
ilionale, dalle rivo del Piata all'Estremo 
Oriente, egli rileva come prenda colore e 
«-onsistenza il tipo dell'Italiano all'e- 
stero: « Bisogna desiderare che questo tipo si 
speciali zzi dal tipo dell'Italiano in patria 
il iJieno i>ossibile; che l'Italiano all'estero 
limigli il meno {assillile a Mister Faustini 
<lella commedia i J>i(e blasoni (la tinaie, del 
resto, riproduce il tipo di un americanizzato 
tedescio)! bièogva cioè che l' Italiano al- 
l'estero conservi cosi stretti rapporti iutel- 
Ifttuaii ed economici con la Madre Patria 
(la •■onsiderarsene sempre come un figlio, 
f da potervi tornare a vivere senza sentirsi 
divenuto uno titraniero. A far ciò. più che 
l'intelligenza e il cuore dei nostri emigrati, 
"ti (piali anzi il senso potriottico sembra 
'■■'ser acnito eA elevato dalla loutRunnza, 



occorre l'opera indefessa, sapiente, premu- 
rosa, il pensiero vigile e contante delta Ma- 
dre Patria, e per essa del suo Governo, della 
sua stampa, di tutti coloro che contribuì- 
ìicono a formare e illumiimre la pidiblica 
opinione ». 

ROBERTO EOWIN PEARY. 

'SeìVItalia Moderna (.W novembre) Kolierto 
Almagià espone lo stato di servizio del- 
l'insigne esploratore It. E. Peary, il quale, 
come è not-o, nella sua ultima spedizione lia 
raggiunto in slitta la latitudine di 87' ti', la 
massima latitudine finora toccata, spingen- 
dosi fino a soli ■'t2:t eliilouietri dal Polo, una 
distanza di poco superiore a quella che se- 
para Roma da Firenze. 

yove sono state le spedizioni che il Peary 
ha condotto finora nelle regioni ii>erboree. 

Jfel 18M(i egli fece un primo tentativo, fal- 
lito, di traversare la G^roenlandia da ovest 
ad est. Sei ISiti iniziò la serie dei suoi viaggi 
verso il Nord, passando per gli stretti a oc- 
cidente della Groenlandia, ossia jier quella 
che fu chiamata la via americana del 
Polo, convinto che nessuna terra a nord 
dell'Europa e dell'Asia si trovi più vicina 
al Polo di quel che siano le isole a setten- 
trione dell'America. I-a spedizione del Iffltl- 
It'iYi, nella quale il Peary fu accompagnato 
dalla moglie, ebbe i>er meta l'estremo lembo 
conosciuto della terra groenlandese, e il 
Peary toccò la costa nordest di questa terra, 
dimostrandone la natura insulare, e giun- 
gendo alla riva di un vasto fiord, che rice- 
vette il nome di Baia dell' Indipendenza. 

Tornato per poco iu America, nel giugno 
del 1S9;I il Peaiy riiwrtì per continuare la 
ee]))orazione delia Groenlandia, prendendo 
come punto di partenza la baia dì Ingle- 
field: qui egli pose il suo quartiere d'inver- 
no, e qui, nel settembre di quell'anno, la 
tiu» gagliarda compagna diede alla luce una 
bambina, la piccola Maria, la quale, poi, più 
di una volta segui i valorosi genitori nei 
loro viaggi. 

Le spedizioni del I8ìU e del J^!).") non con- 
dussero a nuovi risultati di grande impor- 
tanza: esse fruttarono, però, il rilevamento 
del golfo di Inglefield e della costa a nord 
della baia di Melville, ricoperta di numerosi 
eil enormi ghiacciai. 

Nel 18!Ml e nel ISiH il Peary tentò altre 
due volte il viaggio per raccogliere una 



,y Google 



MIXER VA 



enorme pietra meteorica, da lui sco- 
perta al capo York; fullita l'iuipresn una 
prima volta. h\ seconOa riuscì a caricare 
sulla, nave qnesta meteorite, la pi» grande 
del mondo. 

Xel 1898 si costituì a Xew York il Pearìf» 
Arctic Club, allo scopo di fornire all'esplo- 
ratore i mezKt di ima grande spedizione; e 
il 4 luglio di quello stesso anno egli lasciò 
nuovamente l'America, per uijo dei più lun- 
ghi soggiorni che nomo civile abhia mai 
fatto ili terra polare. Quattro anni inin- 
terrotti durò la sua dimora in quelle estre- 
me terre, in continua lotta eoo i ghiacci, 
co» il gelo, con lii morte; ed egli tornò in 
patria còl vanto di aver oltrepHSsato tutti 
i viaggiatori, procedendo i)er quella via che 
egli considerava ormai come suo esclusivo 
campo d'azione; e.ne riportava un ricco ma- 
teriale di osservazioni, di rilievi, di studi eu 
quelle terre |)OchiS8Ìmo conosciute. 

Per tre anni, dopo tornato, il Peury ri- 
mase in America, occupandosi nei pazienti 
preparativi di una nuova grande spedizione, 
per la quale fu appositamente costruita la 
nave JioosceU. Kgli partì da Xew York nel 
luglio del IHO."» e, come abbiamo detto, lia 
raggiunto la massima latitudine fliioru toc- 
cata. Questa conquista ha per il l'eary e per 
il mondo nn duplice significato: da un lato 
la gloria dì aver superato ogni altro pre- 
cursore nel travaglioso cimento; dall'altra 
l'aver dimostrato che la « vi» america- 
na » si presta meglio di ogni altra ad avvi- 
eiimrsi quanto più è possibile alla meta ago- 
gnata. 

Si è taloia rimjiroverato al Peary di mirare 
troppo esclusivamente al niggiunginiento 
del Polo, trascurando per questo line altri 
intenti scientitlcaniente più im|iortantì; e si 
è detto che altri viaggiatori, con minori 
mezzi e con spedizioni meno lunghe e, fonile, 
meno rischiose, hanno ottenuto risultati 
scientifici di maggior rilievo. L'appunto, s|»e- 
ciainicnte se si guarda alle ultime spedizioni, 
non è del tutto infondato; ma non sì deve 
diìucntican- che, prescindendo anche dal suo 
sco|)o tlrmlc. al «piale pure non si può negare 
iin'impoitaiiza scientifica, si deve in buona 
parte al Peary la conoseen^H esatta della 
(ìroenlandia settentrionale, delle terre di 
Kllesmere, di (irant, ecc. Anche in quest'ul- 
tima spedizione si annun/.in che l'esiilora- 
tore americano ha l'atto il giro della costa 



settentrionale delta Terra di (irant, e ha tru 
vato altre terre nella medesima latitudine 
di 81" e di AH" fin* sotto il 10»° meridiano. 

EMIGRAZIONE E BENEFICENZA. 

Nella Haiinegna Xazwnalc (1 dicembre) 
F. Nicola Marcelli dimostra con un esem- 
pio conte governi e consolati non siano asBo- 
lutamente indispensabili all'organizzazione 
e alla prosperità dell'emigrazione. L'esem- 
pio è fornito da due na/ionalitA, le quali » 
Ne^v York hanno la piil grande colonia e in 
più meravigliosamente organizzata senza al- 
cun aiuto nfilciale: gli Irlandesi e gli Israe- 
liti. Questi e quelli giunsero, x>^r la mag- 
gior parte, a New York, poveri, profughi, 
scampati agli orrori delle persecuzioni: oggi 
si trovano in buone condizioni e general- 
mente rispettati, i primi stretti intorno alle 
altissime torri enspidali della più grande 
chiesa americana, la cattedrale di San Pa- 
trizio; gli altri. Aeri di aver fatto di 5^ew 
York una nuova e più grande Gerusalemme, 
di avervi eretto uno dei più grandiosi e jier- 
fetti ospedali, quello del .Monte Hinai. 

Di fronte alle pros|>ere condizioni tlegli 
Irlandesi e degli Israeliti l'emigrazione ita 
liana si trova in una candizione di uiaì- 
liante inferioritiì. Xe ha colpa, in parte, il 
governo che insuttìcientemente provvede al- 
l'istruzione obbligatoria, dando occasione 
alle autorità americane di respingere nn gran 
numero d'immigranti italiani analfabeti: ma 
ne hanno colpa anche gl'Italiani stessi, nei 
quali manca lo spirito di uniti), di discipllmi 
e di sacrifizio, onde non è suftlciente t'opera 
del Consolato italiano di New York, crea- 
tore di un Unicio del lavoro, che nei primi 
tre mesi di sua vita, dal maggio al luglio 
di questo anno, collocò 2242 operai su 4\fM 
che ad esso si rivolsero. I^a colonia italiana 
di New York, composta di oltre 44l),0(Kl in- 
dividui, che soltanto in fabbricali iwssiede 
più di IVi milioni, non è ancora riuscita a eri- 
gere un os|)edale degno di così grande po- 
polazione. Eppure il governo ha promesso 
la somma di .'tOO,!!™! lire, quando dalla co- 
ionia di Xew York ne fossero sottoscritti- 
altrettante. 

Xon è qiiestione di impotenza, bensì di 
volontà. E l'autore cita l'esempio di un lic- 
ncmerito italiano, monsignor Ferrante, il 
quale riesce a spendere i>er il mantenimento 
dei suoi quattro istituti più di 44,000 doi- 



,y Google 



MIÌfEUVA 



(il 



lari all'anno. A monsignor Ferrante si de- 
vono i due più {franili istituti italiani di 
<^iii-itÀ e di istruzione esisteuti negli Stati 
Uniti: l'orfaDOtroflo mascltile di Nenark e 
<|uello femminile di Hoboken; due istituti 
<-lie non furono premiati .all'iiìsposizione di 
Milano, ove fu anche dimenticato il bel pen- 
sionato con scuola infantile nel nuovo e 
vasto edificio di proprietà dello stesso pre- 
lato a New York, mentre fu decretata la 
niedairlia d'oro per la minima delle opere 
di ijucsto grande benefattore, la Pia Casa 
«li Sun Baft'aele per gli emigranti, in Xew 
York. 

INPUSTRIA MILITARE DI STATO 
e industria privata. 

Kello stesso fascicolo della stessa rivista. 
Jack La Itolina esamina nelle linee generali 
la questione della convenienza economica che 
si avrebbe quando si abbandonasse il sist^mu 
finora seguito per il rifornimento del mate- 
riale necessario all'esercito e alla marina. 
K>tli ricorda, anzitutto, come lo Stato pro- 
duttore del muteriale militare navale, die 
taluno propoue siccome una novità, »ia né 
più né meno che un ritorno non all'antico, 
bensì al vecchio, e, propriamente, a quei 
tempi in cui la somma di tutte le forze ac- 
ceutravasi nelle mani del prìncipe: quel si- 
stema corrispondeva per lettamente alla na- 
tura dei principati assoluti, i quali non solo 
serbavano i privilegi in tutto ciò cbó atte- 
nesse alla guerra, ma anche, temendo i tu- 
multi, le sommosse e le rivoluzioni, impe- 
divano la formazione di qualsiasi industria 
militare libera, che avrebbe procurato armi 
lì eventuali insurrezioni. 

L'autore dimostra, rievocajido ricordi sto- 
rici, quanto danno recasse alla Francia il 
criterio che solo lo Stato potesse costruire 
le armi da guerra. I^idea, che ultimamente 
e stata lanciata in Italia, di una indostria 
militare di Stato, ha avuto già in Francia 
un predecessore nella persona del deputato 
de Kerjcgu, il quale, nel xSDì, relatore del 
liilaacio navale, segnalava le esigenze dei 
i«i<lernrgici francesi, dichiarando che la ma- 
rina aveva troppo spesso subito i loro pre:tzi 
e le loro coudiaioni. Nel suo ordine di idee 
entrava il ministro della marina, ammira- 
glio Besnard, il quale chiedeva al Parla- 
mento un credito di 2 milioni per dare 
maggiore sviluppo allo stabilimento gover- 



nativo di Gucriguy. Seaonehè la Commis- 
sione del bilancio respingeva la domanda 
del ministro, ragionevolmente pensando che, 
se le ordinazioni dello Stato avevano pro- 
curato all'industria francese una larga clien- 
tela estera, questa avrebbe cessato di dar 
commissioni quando il Governo francese 
avesse dimostrato di non riporre fiducia nei 
propri industriali. L'ampliamento di Gué- 
rigny avrebbe potuto, sì e no, procurare un 
milione di risparmio al bilancio navale, ma 
molti milioni avrebbe tolto alla siderurgia 
francese; fra l'economia di un paio di 
dicasteri da una parte, e l'economia 
della nazione dall'altra, il Parlamento 
francese saviamente si decise per quest'ul- 
tima. 

L'autore passa in rassegna i principali 
stabilimenti siderurgici francesi, mette in 
rilievo i servigi che essi hanno reso allo 
Stato, in varie cireostanze, e ricorda come 
la politica navale inglese abbia mirato 
sempre a procurar credito ai prodotti del- 
l'industria nazionale, dando l'esempio di ri- 
correre ad essa. Egli conclude che costruire 
un'acciaieria, come fece a Gucrigny la Fran- 
cia, per farla lavorar i>oco, o una fabbrica 
di bocche da fuoco, come i'Ua l'Inghilterra 
in Woohvioh, per poi ricorrere su vasta scala 
al mercato privato, sarebbe un errore; se- 
condo luì, la tattica dell'Italia deve esser 
questa: uè meditare la fonda^sione delle ac- 
ciaierie di Stato, né delle fabbriche di can- 
noni di Stato, ambedue questi concetti es- 
sendo antieconomici nel riguardo nazionale; 
provvedere, però, affinchè l'acciaieria esi- 
stente (o quelle qualunque altre private che 
con la Terni si accingessero a combattere) 
si metta in misura di fornire prodotti inec- 
cepibili, affinchè di quei prodotti si formi 
una corrente commerciale per l'estero. 

« Miglior consiglio dunque lasciar le cose 
come stanno: non costruire dei Guérigny 
per non servirsene, uè dei Woolivicb. IJtani- 
mentarsi che tutte le industrie necessarie 
allo Stato nacquero dovunque in forza della 
protezione, crebbero all'ombra del privilegio, 
condizione indispensabile; e in Italia dietro 
esempio estero. Lo Stato, d'altronde, è tal 
maestro nel carpire colla mano sinistra con 
somma astuzia ciò che concede apparente- 
mente benevolo colla destra, che si rinfranca 
sempre. Ricordarsi eziandio che l'equilibrio 
dei prezzi, cioè la giusta limitazione del 



■cby 



Google 



>i rNp:KVA 



iTiiadaj^DO. è 1111 resultato iiiecoanieo, il ebe 
ei^ifloa die non sì ottiene mediante atti 
legislativi, né j-ipieclii e «lispettì e niinacee. 
Itieordarsi. influe, che !a cTitic» di ciò che 
esiste di fatto esitre l'uso di due sti-unieiiti 
di osservazione: il telescopio per abbrao- 
eiare vasti profili e il mieroscopio per esa- 
minarne i particolari; né bisof^na a?li oeebi 
che iiidairano il j/i-c» hciiho delle «guestioni 
contemporanee sovrapporre gii occhiali che 
Io mutano in semplice, ma apparente buon 
Kento *. 

IL RISVEGUO DELLA CATALOGNA. 

yella IllntttrazioHe Itoitona (2» novembre), 
il prof. l*. E. Gtiarnerio, dell'università di 
Pavia,' il quale assistette come delegato 
italiano al I Con^reBSO internii/ionale 
della Iin);ua catalana tenutosi ultima- 
mente a Barcellona, rileva l'alto significato 
patriottico, per non dire politico, dì quella 
importante riunione. Il Congresso fu convo- 
cato non solo per diacntere questioni riguar- 
danti la fonetica e la -morfologìa catalana, 
benst anche per fomentare lo stndio della 
lingua nazionale presso tutti coloro che la 
parlano, in questa o in quella delle sue va- 
rietà, in tutte le regioni, delta Spagna e 
fuori della Spagna, che in passato forma- 
vano parte integrante del dominio catalano. 
AlFappello del comitato organizzatore ri- 
sposero i Catalani numerosissimi, e Barcel- 
lona partecipò tutta all'opera patriottica 
« con l'entusiasmo dì un popolo che cerca 
di affermare IMudividualitÀ della sua lin- 
gua come espressione della ))ropria volon- 
tà e affermare insieme il diritto che esso 
Ila dì vìvere e di conseguire la piena riven- 
dieairione della propria libertà ». 

Il Guarnerìo fa notare come il risveglio 
della lingua, acclamato con significanti dì- 
mostrasionì dal Congresso, si accompagni 
realmente a nn risveglio dell' arte e 
della oultnra, e ne addita le principali 
manifestazioni: nna stampa periodica ab- 
bondantissima, divisa nel mezzi, e negli in- 
tenti particolari, ma solidale nel fine ultimo 
della rivendicazione nazionale; una ricca e 
originale letteratura; un» produzione 
ninsicale degna del massimo interesse; una 
notevolissima scuola architettonica, dì 
cui è capo il Gaudi e che ringiovanisce le 
gloriose tradizioni del passato con un soffio 
potente di caratteristica moflernità. 



E poiché «1 movimento letterario e 
artìstico si rssocìh quello economico e 
polìtico, il Guarnerìo augura che la riua- 
scente Catalogna, oltre che alla rivendica- 
zione dei propri diritti, riesca a dare im- 
pulso alla rigenerazione della comune patiiii 
spagnuola. 

L'ANARCHIA ITAUANA. 

yella Rivinta Popolare (.10 novembre) l'o- 
norevole Napoleone ("olaJaniM rileva nella 
vita italiana alcuni fenomeni dì regresso 
morale, che fanno perfetta antitesi al gran- 
de progresso economico del i>ae8e: tali 
il cattivo uso della libertà di sciopero e ili 
manifestazioni d'ogni genere, che provocali» 
e spesso rendono inevitabile l'intervento 
della forza, pubblica, con relative stragi; il 
recente ostruzionismo dei ferrovieri; la con- 
tinua abitazione degli studenti universitari 
e secondari; le serrate degli industriali; il 
recente assurdissimo scio)»ero dei traravìeri 
dì Koma; l'agitazione dei magistrati, dei ca- 
rabinieri, dei sottulttcialì ; l'ostruzionismo 
dei doganieri, ecc. 

J)a tutti questi fatti egli trae la conclu- 
sione che noi attraversiamo, presentemente, 
una fase della vita assai dolorosa e perico- 
losa, nella quale ci sono tutti i danni di un 
I>erìodo rivoluzionario, senza die ci eia la 
prospettiva degli Hperati benefizi; tenuto 
conto delle enormi differenze nel grado di 
civittA. nelle condizioni demografiche, nelle 
tradizioni, ecc., egli paragona l'Italia alla 
Uussia: manca l'ordine, manca l'impero della 
legge, ma non c'è la rivoluzione. 

Il Colajanni espone alcune cause di que- 
sta incosciente anarchia. 

Anzitutto, l(j colpe del governo, il quale 
« non Ila pensato mai a rendere giustizia 
quando era con vint.0 che si dovesse renderla; 
non ha mai soddisfacto ^le giuste esigenze 
legittimamente esposte; non si è preoccu- 
pato mai del domani, oontentaudosi di vi- 
vere giorno per giorno. La sua azione è riu- 
scita più deleteria, cedendo sotto le pres- 
sioni dei tumulto, dello sciopero e dello 
ostruzionismo ». 

Altra causa. La ricchezza privata in 
Italia è scarsa; scarso è il reddito, 
l'una e l'altro inferiori a quelli dei più 
grandi Stati d'Europa, di quegli Stati che si 
sogliono ]>rendere come termine ili confronto, 
e ai quali si volgon sempre gli occhi. Il Co- 



Digilizcd by 



Google 



H I S E K VA 



lajaiiiii istituisce un paragone tra le spese 
tiiil>bli<-he in Italia e in Inghilterra e, tu- 
iieiulu conto di tutti gli elementi clie a 
«juesto confronto devono servire, fa il raf- 
fronto fra ciò che resta a un Inglese e ciò 
elle resta a nn Italiano, dopo aver pagato 
le spese pubbliche, per provvedere ai biso- 
gni della vit«: il reddito medio di un In- 
glese è di lire 72."i; toglieniloue lire 170 per 
imposte, gli resta un reddito netto di L. >)ò5; 
il un Italiano, togliendo dal reddito medio 
di lire -Wi, lire Ti) circa di imposte, resta 
un reddito netto dì lire 224: il che è quanto 
dire i-he con meno della metà l'Italiano 
deve provvedere a tutte le esigense della 
vita individuale e sociale. 

Donde questa conclusione; che tutti gli 
impiejfati, dai più umili ai piil alti, 
hanno assicurato un reddito enorme- 
mente superiore a quello degli Ita- 
liani delle categorie dalle quali ven- 
gono tratti, tanto è vero ohe all'impiego 
si dà, in Italia, una caccia sfrenata, sbalor- 
ditiva, spaventevole, e per un posto vacante 
ci sono centinaia di concorrenti. 

« D'onde in me il disgusto e l'indignazione 
che provo ogni volta che m'incontro in un 
tale che ieri adoperò ogni mezzo per arri- 
vare ad un dato poeto e che ap|>eua vi è 
pervenuto giura e spergiura che quel posto 
è intollerabile e che la retribuzione è inde- 
centemente insutlìciente... Ma non lo lascia 
e... provoca scioperi e ostruzionismi a danno 
della collettività che vive assai più meschi- 
uament« di lui. Conclusione ultima: mi sem- 
bra una vera, una grande bricconata quella 
che commettono tutti gl'impiegati, che do- 
mandano migli Gl'amenti — dai cantonieri e 
dai doganieri ai magistrati ed ai professori; 
bricconata che si possono permettere di ten- 
tare ed anche di vedere riuscire per la min- 
chioDaggine dei 32 milioni d'Italiani che la- 
vorano e solarono per aasioarare l'esistenza 
ed una vita tollerabile al milione d'impie- 
gati — minchionaggine ohe deriva dalla su- 
pina ignoranza dei più e dalla loro man- 
canza di solidarietà e di coscienza collettiva ». 

Terza causa: la genesi troppo recente dello 
Stato italiano, la quale ha impedito la for- 
mazione di una coscienza collettiva, quale 
si ha in nazioni esistenti da secoli. 

(Le idee svolte dall'on. Cota.janni coinci- 
dono perfettamente con quelle che la Minerca 
viene con solitaria tenstcia esponendo e di- 



tendendo. Peccato che simili vo 

troppo raramente così nella stampa come 

nel Parlamento!) 

I SOCIAUSTI E LE SPESE MIUTARI. 

La Critica Sociale [16 novembre) pubblica 
una lettera del socialista Vittorio Piva, il 
quale, a proposito delle spese militari, so- 
stiene che scopo dell'esercito è i»n tanto 
di difendere le frontiere, quanto di dar va- 
lore ai nostri diritti nelle contese interna- 
zionali. «L'Italia — egli dice — con le sue 
grandi correnti di emigrazione, con popola- 
zione crescente, con lo splendido 6%'ìlnppo 
delle sue industrie e dei suoi commercìicon 
il progressivo svegliarsi al lavoro di tutto 
il paese, non può, come una qualsiasi Sviz- 
zera, rinchiudersi in caaa e vivere della sola 
industria del forestiero. Da qui la necessità 
di una x^elitica e8t«ra attiva e vigilante, 
che non la tagli fuori del mondo e non la 
rinserri ancor più di quello che oggi rinser- 
rata non sia, si da toglierle amibe ogni pos- 
sibilità-di pacifico sviluppo. H non v'è poli- 
tica estera, nel momento storico attuale, senza' 
una forza armata che la sostenga e faccia 
valere. Por troppo è cosi... onde è chiaro 
che politica estera e questione militare sono 
connesse e, direi quasi, fuse ». 

Accennato alla questione dell'Adriatico, 
che i nostri vicini della frontiera orientale 
cercano di convertire in un lago austriaco per 
estendere la loro pot«nza sui Baloani -e sul- 
l'Albania, mentre la Germania aspira a 
Trieste secondo il disegno pangermanu-o 
del programma di Bismarck, il Piva-aft'ernia 
due principi: primo, che il partito socia- 
lista non può disinteressarsi del fatto che 
l'influenza politica, che è infinenza'>di iutt- 
ressi economici, dell'Italia nei rapporti in- 
ternazionali possa ridursi a nulla;< secondo, 
che sarebbe esiziale per i princi]ù democra- 
tici e socialisti che le democratie, per la 
loro debolezza militare, dovessero soccom- 
bere in una possibile lotta, o venisse a.»ee- 
mare la loro influenza. Egli conclude per- 
tanto che « un esercito' bene organizzato 
diviene una necessità — e non un oggetto 
di lusso — peri paesi a regime deiùocratico, 
e quindi anche per l'Italia, che ha spirito 
democratico più di ogni altro paese». 

Alla riproduzione di questa lettera, in- 
dirizzata all'on. Turati, la Kivista aggiunge 
una lunga replica, nella quale, fra altro, si 



Digilizcd by 



Google 



«4 



MINERVA 



sostiene cbe dopo il 1H60 l'esercito e la ma- 
rititi italiana non hanno mai procurato un 
viintaègio tauffibile alla politica estera ita- 
liana, né mai lianno stornato dal nostro 
capo un danno realmente minacciato, e clie 
anzi i manKÌori vantafi^gi, o i minori danni, 
li avemmo sempre dalla nostra debolezza (") 
Husiicliè dalle forze militari. 

PADRI E MADRI 

nelle autobiografie di alcuni illustri italiani. 

Nella Jiivista d'Italia (faecic X) Hotìolino 
flnaatatta rileva dalle autobiografie di alcuni 
illustri italiani una serie di notizie intorno 
ai- loro rispettivi genitori. Me spigoliamo 
alfìunt dati. 

U padre di Benvenuto Cellini, Gio- 
vanni, un Itorentino di ingegno vivace e 
versatile, di cervello balzano e, in fondo, di 
-cuore abbastanza buono, aveva per la mn- 
sica, iiiili che una paiisione, una vera e pro- 
pria mania. Perfino mentre Benvenuto era 
a letto con la febbre addosso, il ritornello 
del padre era sempre quello: musica, suo- 
nare; e per tranquillarlo, il giovane fu co- 
stretto a farsi portare il flauto, e, cosi feb- 
bricitante, a intonare un'arietta, fra le la- 
jfrime di commozione del genitore; il quale, 
di 11 a j)Oclii anni, quando il figlio fu in- 
scritto fra i sonatori di papa Clemente VII, 
per ]«aco non morì dalla contentezza. 

Per lo meno originale era il sistema adot- 
tato da Giovanni Cellini perchè ai figli si 
imprimesse bene nella memoria l'immagine 
delle cose vedute. « Vedi tu. Liberata, vedi 
tu, figlio mio, quell'animaletto che se ne 
sta tranqiiillamente nel fuoco! » I fanciulli 
fanno venno di si. K il buon padre inter- 
rompeton uno scliiaft'o solenne sulle guaneie 
di Benvenuto, e, probabilmente, con un al- 
tro SII quelle della Liberata, la curiosa le- 
zione pràtica di zoologia; poi contìnua: 
« Figliolin mio caro, io non ti do per 
quello che tu abbia fatto, ma solo jierchè 
tu" ti ricordi che quella lucertola che tu 
vedi nel fuoco si è una salamandra. » 

Il padfe di Carlo Goldoni, Giulio, 
avt'va questa particolarità: cbe i grattacapi 
e le noie della vita non facevano presa sul- 
l'animo suo: ent, veramente, questa una ca- 
ratteristica famigliare, e non derivava da 
mancanza di sentimento, che così Giulio co- 
me Carlo Goldoni dimostrarono in tutta la 
loro vita di averne, ma da una innata e. 



sino a nn eerto punto, invidiabile filosofia. 
Vedendo che a Venezia erano in maggiore 
quantità motivi di inquietarsi, che non di 
stare allegri, tanto piii che la famiglia si 
andava facendo numerosa, Giulio Goldoni 
piantò tutto e per distrarsi fece nn viaggio 
a Roma, lasciando il peso della casa alla 
moglie, una donna mite, di carattere docile 
e sagace quanto mai. 

I genitori vigilarono con immenso affetto 
sul giovane Carlo, con pazienza ne indiriz- 
zarono, specialmente il padre, le letture, e 
con indulgenza gli penlonarouo i piccoli 
trascorsi giovanili. 

Vittorio Alfieri non aveva che un anno 
quando perdette il padre, e perciò quei po- 
chissimo che egli narra di lui lo »ep(>e 
dalla madre, da parenti, dagli amici di casa. 
Kra un uomo di ai)imo purissimo, vissuto 
sem|)re, grazie al suo patrimonio, senza al- 
cun impiego e « non contaminato da alcuna 
ambi:;ione ». Credendosi più robusto di quel 
cbe non era, pretendeva di andare quotidia- 
namente a piedi da Asti a Kovigliasco, dove 
il piccolo Vittorio era a balia; e per io 
strapazzo mori. Kra audace e «mante dei 
pericoli; uno zio di Vittorio gli raccontò clie 
una volta suo padre, novello Plinio, si era 
fatto calare a vìva forza dentro fino alla 
cresta del cratere interno del Vesuvio. 

Qnanto ai rapporti di Vittorio Alfieri con 
la madre, che egli cliiania « l'ottima e ri- 
spettabilissima mia madre » egli dice: « Io 
non dirò che mi sentissi per lei quanto af- 
fetto avi-ei i)Otiito e dovuto ». Queste parole 
fredde anzi che no, e quelle non pili aflfet- 
tuose che egli scriveva alla sorella, accen- 
nando alla prossima morte della madre, ap- 
paiono giustificate dal fatto che, fin dall'ìii- 
fanzia, Vittorio rimase lontano da casa sua, 
ove altri aveva preso il posto lasciato vuoto 
dal padre. Dalla madre Io divideva, inoltre, 
la diversità delle idee religiose e politiche. 

Massimo D'Azeglio nei snoi Jftfordi 
disegna in tntte le loro sfumature i ritratti 
di suo padre e di sua madre, e li mostra 
forti e sereni in ogni occasione della loro 
agitatissima vita, consacrati, il padre spe- 
cialmente, a una idealità politica e religiosa. 
e pronti per quella a far tacere ogni altro 
affetto, a sacrificare perfino i propri figliuoli. 

Ardente jiatriota e religiosissimo, Cesare 
D'Azeglio diede ai figli una educazione soda, 
senza caricature, qualche volta di un rigore 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



65 



!Sivo. Ogni mattina si pubblicava in 
"■iiga D'Azeglio, come in uu reggimento, una 
spet'ie di orrtine del giorno, che da ciascuno 
dei figli doveva esstire scruiioloaanient« os- 
servato; l'obbedienza doveva essero cieca, 
senza limiti; i giovanetti dovevano avvez- 
zarsi al dolore fisico, alla fame, alla stau- 
i-Uezza, essere puntuali nell'adempimento 
dei propri doveri, non rimanere nell'ozio 
nemmeno un minuto. 

Fra gli infelici ciie non iwterono amare la 
propria madre vi è F. J). Guerrazzi. Te- 
resa Guerrazzi era una donna di saogue si- 
«'iliano, di immaginazione caldissima, furiosa, 
ardita, qnalclie volt* sublime, di attività 
prodigiosa; ma questa attività eearcitava 
« eoli una specie di rabbia, tempestando, 
urlando, irritandosi contro le cose inanimate, 
<|uando alcuna le si parava dinanzi, e per- 
fino mordendole ». Xei momenti non rari in 
cui l'agitava il demone dell'ira, aveva per 
frase prediletta: « Prenderci Cristo per la 
Itarba! » Irreligiosa il più delle volte, aveva 
l>crÌodi in cui si abbandonava con entuaia- 
Kmo alle pratiche del culto; era vendicativa 
fino all'eccesso, e soleva usare «jueste pa- 
role: « Cane mai non mi morse, che non 
volli del suo pelo ». Continuava per ore ed 
ore a litigare con le vicine che la chiama- 
vano « il gallo »; percuoteva spietatamente 
ì figliuoli e, una volta, lanciò a Francesco 
I>omeuico uu coltello, e per sempre egli 
jfortò, in una coscia, il segno della ferita, 
(inai, però, se qualcuno diceva una parola, 
pure nei momenti stessi in cui essa li per- 
ituoteva, contro i suoi figli! Lasciava imme- 
diatamente la preda, per rivolgere tutta l'ira 
<-ontro chi aveva eparlato de) suo sangue. 

Una donna simile non era fatta per ren- 
dere lieti i giorni del suo consv. ''■ uè per 
educare i figli a sentimenti gentili. Il suo 
carattere contribuì a guastare, col concorso 
di altre cause, quello di Francesco Domenico. 

Quanto al padre dì lui, Francesco Donato, 
iutagliatore in legno, fu un uomo buono, 
nemico della menzogna e della viltA, poco 
religioso, ma tollerantissimo delle altrui 
l'onvinzioni; non fu nulla di straordinario 
in nessun campo, ed ebbe, specialmente ne- 
gli ultimi anni, quando il suo sangue era av- 
velenato dalla lunga convivenza con quella 
vipera di su» moglie, delle origiualitÀ di 
farattere — come io stare giorni e giorni 
disteso sul letto, e il durare lunghi mesi 



senza scambiare una parola con nessuno — 
alle quali, conoscendone le cause e sapendo 
come lo tormentasse una dolorosissima ma- 
lattia, non si deve dare, come taluno Ini 
dato, troppa importanza, 

STANISLAO SOLARI. 

La rivista II Coitiratore (ii dicembre) pub- 
blica uu affettuoso cenno necrologico del 
benemerito agricoltore Stanislao Solari. 

Kato a Genova nel gennaio del 1R2!1, en- 
trato nella marina da guerra nel 1848, prese 
parte alle varie campagne da queftto anno 
al 18(>0, distinguendosi per atti di valore 
all'assedio dì Ancona, al Garìgliano, all'as- 
sedio di Gaeta. Dopo venti anni spesi util- 
mente per la difesa della patria, volle de- 
dicarsi tutto alta rigenerazione economica 
del paese, e datosi con passione allo studio 
dell'agricoltura legò indissolubilmente il suo- 
nome alFopera della cultura siderale, ossia 
della induzione dell'azoto nella. terre. 
Nel 1878 egli pubblicò il celebre opuscolo: . 
Le idee di un rugtioo eampagnuolo parmense, 
in cui raccolse il fratto delle osservazioui 
e degli studi fatti per dieci anni nel podere 
di Mamiano, e dal quale emerge la prioriti^ 
della sua idea geniale, concernente l'indu- 
zione dell'azoto. L'opera di volgarizzazione 
e di diffusione delle sue teorie fu lunga e, 
talora, non facile, ma riuscì feconda di 
grau bene. 

Ultimamente il Solari attendeva a lavori 
di filosofia, nei quali seppe dimostrarsi pen- 
satore profondo. «Ànima eletta, fu di costumi 
semplici ed esemplari, come tutti i nostri 
più grandi agronomi, da Cosimo Ridolfi a 
papà Ottavi; il che prova ancora quella sa- 
lutare iufiueuza che ha l'agricoltura sul co- 
stumi, e sulle tendenze dello spirito. Cosi, 
Solari ebbe non ammiratori soltanto, ma de- 
voti amici, fedeli seguaci, compagni e dis<'e- 
poli ftft'ezìonatissìmi ». 

PROGRESSI DELL'AGRICOLTURA NEL BELGIO. 

yeiVAgrieoltura Modema{S. del 2 dicembre) 
B. Moreschi fornisce alcuni dati i quali dimo- 
strano lo sviluppo che in questi ultimi anni 
ha preso l'agricoltura nel Belgio. 

Ecco, anzitutto, i prodotti medi per ettaro 
di alcune coltivazioni nel 1880 e nel 1904: 
frumento, chilogrammi ló2!l-2363; barbabie- 
tole e foraggi, :tf,284-.53,337; patate, 12,2«;>- 
16,S.S!l; avena, Iltt4-L*;i«2. 



Digilizcd by 



Google 



m 



MINERVA 



Notevole ^, aoprHtiitto, il progresso nell» 
pro^Iuzione zootecnica: il numero <leì 
bovini, che nei 1H46 era di 1,204,000 <'api, 
nel lODi superava 1.782,000; negli ultimi nove 
anni l'aumento è stato di ;W2,00« capi, ra\y 
presentanti nu incremento di 70 milioni di 
tranelli nel capitale bestiame. I bovini rap- 
presentano una media di 1 rapo per ogni 
ettaro di terreno censito: essi migliorano 
r-ontinnamente di qualità, sopratutto per ef- 
fetto dell'attivitii che spiegano le società di 
allevamento e per lo stimolo efficace dei con- 
corsi e delle esposizioni : quantunque, però, 
il loro numero cresca considerevoluiente, 
il <-on6umo della carne, in quel paese cosi 
agiato e industriale, è dì gran lunga supe- 
riore alla prodazione; deduzione fatta dalle 
ctiportazioni, le importazioni di bovini rag- 
giunffono il valore di 34) milioni di franchi. 
Ha migliorato pure l'industria dei lat- 
te, in grazia delle latterie cooperative e per 
effetto dei perfezionati sistemi di fabbrica- 
zione; ma la produzione del burro è sempre 
notevolmente inferiore ai bisogni del coli- 
sa ino. 

In aumento cosi per il numero, come per 
la quantità dei soci sono in tutto il Belgio 
i sindacati o consorzi di allevamento, 
dui quali, però, per un fenomeno deplore- 
vole si astengono quasi completamente i pic- 
coli allevatori. Al 1° gennaio lOO.'ì si con- 
taviino 310 consorzi con ll,!)3(i soci; ora si 
cerca di riunire in ogni provincia i consorzi 
in Federazione, per imprimere maggiore 
unità di indirizzo all'allevamento e ai mi- 
glioramenti di esso. 

Utili servigi alla propaganda prestano gli 
agronomi dello Stato, i quali sono ope- 
rosi oltre ogni dire. In una relazione alla 
Camera dei Rappresentanti si leggono, a pro- 
Iiosito di questi funzionari, le seguenti as- 
sennate osservazioni: 

L'hjp'uiioiuu deve efsere sopratutto un uomo di ìni- 
xintiva e di azione; ocoorre, donqne, di evitargli il 
carico di sovercLie Bcritture amministrative e di lun- 
ghe relnuioni; egli dpve nodar sempre pfii verso il 
riiltivatare, per essere il suo consigliere tecnico, non 
ocQnpontesi esaluslvamente dolljs ooltitre, ma delle 
(|iiÌ8tioui zooteoniobe, della selezione delle sementi, eoe. 
L'agranomu dovrebbe moltiplicare i ouupi Bperimen- 
tiili. impientandoti nei diverbi terreni della regione 
<■ stamparne i risultati. Si potrebbe cosi disegnare 
una carta geologica del paese, la i|n!lle, dopo qual- 
fhe anno, diverrebbe un uionninento estremamente 
utile all'agricoltura. 



Le associazioni agrarie nel lielgio 
vanno crescendo incessantemente di numero, 
e Sii esse lo 8t«to |H>rge larghezze di aiuti, 
facendo oggetto di particolare benevolenza 
le società che esercitano l'asBicurazionw 
agraria nelle sue varie forme. 

All'istruzione agraria provvedono le 
scuole di Gembloux, Gand, Yilvorde e Huy. 
nonché vari istituti di istruzione secondaria: 
tutte insieme banno 1421 allievi e le scuole 
libere ne contano 315;i. Degne di particolare 
menzione sono le scuole di economia do- 
mestica per le figlie dei coltivatori, 
in numero di 10. 

Nel Belgio il ministero di agricol- 
tura si occupa anche delle belle arti: 
esso ha pel 1!^ uno staneìament<» di 13 mi- 
lioni e mezzo di franchi; minima essendo 
la parte delle belle arti, è evidente che la 
agricoltura viene largamente aiutata; ed è 
questa, senza dubbio, una delle princi])ali 
cause del suo incessante e ammirevole pro- 
gredire. 

LO SVILUPPO IGIENICO, SANITARIO 
e damografico di Torino. 

Nella informa Sodale {lìi novembre) il dot- 
tor Costanzo Einaudi dedica un articolo a 
un'accurata pubblicazione del prof. Fran- 
cesco Abba, ufBciale sanitario e medico- 
capo della città di Torino; pubblicazione la 
quale dimostra come nessuna città italiana 
più e meglio di Torino abbia saputo aeeo- 
starei, per i suoi istituti igienici e sanitari, 
a quell'ideale che è nella mente dei filan- 
tropi e degli igienisti. 

Sulla scorta di questa pubblicazione fPro- 
greasi igiemoi, sanitari e Aemograjici del Co- 
mune di Torino; Torino, O. B. Vassallo, I90t>) 
l'Einaudi passa in rassegna l'evoluzione dei 
servizi sanitari e dei servizi igienici della 
grande città, esponendone l'organizzazione 
e rilevandone il continuo progresso, docu- 
mentato dalle tabelle che il prof. Abba ha 
messo insieme. Più notevole ancora di questa 
rassegna è l'esposizione, che l'Einaudi con- 
forta con cifre statistiche, delle conseguenze 
che tatti quei provvedimenti igienici e sa- 
nitari hanno avuto rispetto alle condizioni 
demografiche della città. 

Prima conseguenza l'aumento della po- 
polazione, che negli ultimi decenni è stato 
veramente vertiginoso; da poco più dì 78,004) 
abitanti nel 1800, a .l.'là.O.'ie, secondo il cen- 



Digilizcd by 



Google 



MISKB VA 



Minento del 19U1. Questo aumento sembra 
«loversi attribuire, in gnm parte, al cusi- 
(tetto « urbatiiairio ». ii D'attrazione, cioè, 
elie le graudi <^ittà osei-citano sulle popola- 
zioni circonvifioe; dai diagrammi del pro- 
fessor Abba bì rileva, infatti, che, per Quanto 
le nascite siano ogni anno eccedenti sulle 
morti, tuttavia sono, «-ome queste, ogni anno 
in diminuzione; eppure, il uumero de^fli 
ut li tanti continua a crescere. 

Per t;iudicare equameiit« delle condizioni 
ifrieniche e sanitarie di una popolazione, 
Ifl'iudizi più sicuri sono forniti dalle stati- 
sticlic della niortaliti^. Ora, deducendo da 
(|Lies te statistiche un quoziente medio di 
mortai itii per mille abitanti, vediamo che 
Cjuesto quoziente da 67.-'W nel quinquennio 
1801-0.^ era sceso a :n.òit nei quinquennio 
1H51'Ù5, e diminuì ancora, fino a ridurai, nel 
quinquennio 19UH)i(, a lli.67. £ questa nua 
cifra raggiunta da poche fra le piti progre- 
dite città estere, e da nessuna delle citti\ ita- 
li;ine meglio organizzate in materia d'igiene. 

Altro indizio: il termine medio della 
vita normale, che al principio del secolo 
cadeva verso i 45 anni di età, oggi, come 
risulta da calcoli fatti sulla mortalità to- 
rinese, cade verso i 70. 

Tutto ciò costituisce una dimostrazione 
tiiminosa della essenziale importanza dei- 
l'iKiene e dei suoi benefìci effetti. 

l.a monografia del prof. Abba, la quale è 
da augurarsi trovi imitazioni in tutta Italia, 
dimostra in modo indubitabile conte, grazie 
afeli ottimi provvedimenti sanitari e igienici 
t>reBÌ in quella città, si {tossano constatare 
i seguenti risultati: continuo aumento della 
{lopolazione, straordinaria diminuzione della 
mortalità, maggiore probabilità di iuvec- 
eliiare, scomparsa di alcune malattie infet- 
tive ed evidente decrescenza di altre, sosti- 
tuzione di una città ampia, linda e asciutta, 
alla città angusta, umida e non pulita di 
altri tempi, miglioramento delle condizioni 
igieniche del lavoro e della pubblica ali- 
mentazione. 

I PERITI MEDICI NELLE CAUSE PENAU. 
NellafiifW((H̻7^0Ma(2.>novembre)E.Klein 
addita l'istituzione dei periti di parte nelle 
«-auBe penali come una vera negazione 
di ogni retto criterio di giustizia. La 
riiastizia civile, quando deve far capo a 
tecnici, per chiarire e precisare i termini di 



una controversia, nomina uno o tre periti, 
i quali vengono incaricati dì fornire al ma- 
gistrato risposta a quesiti precisi; non è 
escluso nelle cause civili ohe le parti pos- 
sano produrre pareri tecnici liberi; ma il 
magistrato, che giudica come crede, ha per 
fondamento la perizia ufficiale, che egli jiuò 
dichiarare insufficiente, o anche nulla, se 
essa gli risulti sostanzialmente viziata. 

Ora, anche nei giudizi penali dovrebbe 
esserci un unico collegio di periti con 
carattere ufficiale: tre periti ufficiali 
fornirebbero un parere o unanime, o, al- 
meno, a maggioranza, sicché ai ginrati in- 
competenti non solo si toglierebbe il com- 
pito assurdo di pronunziarsi fra le opinioni 
degli scienziati prodotti dalle due jiarti, ma 
anche si darebbe un'opinione tecnica ac- 
eondo legge e secondo buon senso. Xel giu- 
dizio del giurì è assolutamente indispensa- 
bile di dare nei riguardi scìentiflci un'opi- 
nione da adottarsi scientificamente, e non 
due opinioni opposte fa te quali la giuria 
debba scegliere senza essere in grado di 
capire il rispettivo valore scientifico, e su- 
bendo soltanto l'influenza della loquela del- 
l'uno o dell'altro degli espositori. Sia, dun- 
que — conclude l'autore — nei giudizi pe- 
nali una sola perizia organica a tre; 
e si escluda l'assurda e ìniqna gara di pe- 
riti di parte, della quale devono giudicare 
gli ignari. 

QUESTIO NI PEL QIORNO 

Tjo «cioi/timento impiovtUo del lieickittag. — 
La lotta fra i^tato e Ckiena in Francia. — 
Lo Heiopero di mare e il nertizio poHtale. 

Ordinariamente, le ferie natalizie e le feste 
di capo d'anno (lortano un po' di tregua alle 
lotte politiche, e l'anno si chiude in uno 
stato di pace,' almeno relativa. Quest'anno, 
invece, il mare' della politica e molto più 
agitato e turbato nel Unire, die non lo sia 
stato Un qui. 

La Germania, che sembrava navigare, al- 
l'interno, in acque quasi completanient« tran- 
quille, ecco che, d'improvviso, si trova aba- 
lestrata in alto mare — per continuare la me- 
tafora, tra 1 marosi delle elezioni generali. 

I! governo chiedeva nuovi fondi in prò' 

della sua politica coloniale: fino all'ultimo 

momento sembrava che il lleichstag sì sa- 

UigitizcdbyGoOt^Ie 



fiS 



MIN Eli VA 



reltbe piefirato, eia pare di mala voglia, ai 
nuovi oneri. Dico « sembrava », perchè, in 
realtà, Cancelliere e Imperatore erano pronti 
T'cr il colpo clie si aspettavano. E il colpo 
venne: il Centro si impennò, sì rifiutò al 
salto, per dirla con linguag)<io sportivo; i 
fondi nou furono approvati. Ma venne su- 
bito la risposta: il Cancelliere cavò di tasca 
un documento e lesse il rescritto imperiale 
ctie sciofirlìe il Itei<:bsta^. 

Xon so se si» giusta In frase di qnelU cbe 
clitaniaroiio qnesta decisione « un colpo di 
testa »; certo fu « un colpo di scena », poiché, 
mentre l'Imperatore aveva preveduto il ri- 
fiuto del BeicbetA^, questo non aveva pre- 
veduto, non s^eru menomamente aspettata, 
la fnlminea decisione dell'Imperatore. 

La lotta elettorale sarà oltremodo vivace, 
non meno che complicata, anzi arruffata. 
Liberali e socialisti souo lietissimi di com- 
battere il Centro; ma, d'altra parte, sono 
anch'essi, }fli unì deboli sostenitori, gii altri 
accaniti oppositori di quella politica colo- 
niale contro la quale si è schierato anche 
il Centro. Ci potrebbe essere una intesa fra ' 
liberali e socialisti contro il Centro; ma ' 
come possono combattere il Centro dal mo- ' 
mento cbe nella questione dell'ora, — quella 
che ha provocato lo scioglimento del Beichs- 
taf; — il Centro sta con torot Come si ' 
vede, è una situazione tntfaltro che chiara; 
e la lotta può prepararci delle sorprese ina- 
spettate. 

La Francia si trova tutta assorbita dalla 
lotta fra lo Stato e la Chiesa. Alcune con- 
seguenze della legge, come l'espulsione a 
mano armata di nn vegliardo novantenne 
dal suo domicilio, non possono non riuscire 
antipatiche a uomini di qualsiasi partito. 

Certo, sarebbe stato molto meglio per tutti 
se atti di qnesto genere si fossero evitati. 

Ma non dobbiamo perdere di vista i prin- 
cipi di ordine generale. Io credo che la sepa- 
razione della Chiesa, anzi di tutte le Chiese, 
dallo Stato, sia il migliore dei regimi, per 
tutte le parti; migliore sopratutto per to 
sviluppo dei sentimento religioso, indipen- 
dentemente da qualsiasi forma di governo. 
Ne abbiamo la prova quotidiana presso quei 
popoli che l'hanno attuiita da tempo, come 
gii Stati Uniti. 

Nell'interesse supremo del sentimento re- 
ligioso tutte le Chiei?e devono scindere la 



loro azione, come corpi costituiti, dalla polì- 
tica militante. Attissimo è il loro ufficio, e 
potentissimo, nella formazione degli animi, 
e quindi grandissima, per indiretta conse- 
guenza, la loro influenza cosi nella politica 
come in tutte le altre manifestazioni della 
vita civile. Ma per conservare, anzi accre- 
scere quella alta influenza, esse devono te- 
nersi lontane dalle agitazioni, spesso irri- 
tanti e turbolente, della politica quotidiami. 
Possiamo dire delle Chiese, per certi rispetti, 
quello che tutti, giustamente, affermano della 
magistratura: anche qnesta, per mantenere 
il suo altissimo prestigio, deve assoluta- 
mente star lontana, come corpo costituito, 
dalla politica militante. 

Guardate quello che avviene nei piccoli 
centri: il parroco, intento a'snoì doveri s|ii- 
rituali e sociali, alieno dalle contese locali, 
è oggetto dell'universale rispetto, anche da 
parte dei nou credenti. Per contro, il par- 
roco battagliero, troy)po materiato, dirò cosi, 
di temporalità, che fa il politicante e il 
grande elettore municipale, potrà mandare 
i suoi amici sul banco della Giunta, ma allon- 
tana gli avversari, perfino quelli credenti, 
dalla chiesa e dall'altare. 

La grave crisi che attraversa la Francia 
dovrebbe essere feconda di utili inscgnu- 
menti: e non solamente ai Fi-ancesi. 



Da noi, acque molto piti tranquille. 

Mi ha colpito, però, un piccolo avviso, 
manoscritto, per nulla appariscente, che mi 
avvenne di leggera stiimane, affisso a uno 
sportello della stazione di Koma. Diceva 
quel piccolo avvisetto, messo là in modo 
che quasi ^leaguno lo vedeva: « Causa scio- 
pero pwi'sonale di bordo non partiranno da 
Civitavecchia piroscafi che fanno servizio po- 
stale con la Sardegna ». 

Ecco, dunque, la Sardegna segregata dal 
mondo, nessuno sa per qnanto tempo. Mi 
sembra che non si esageri dicendo clu' il 
servizio postale, in un tempo come questo 
nostro, è uno dei servizi pubblici pifi de- 
licati, piìi importanti, e, se si potesse dire, 
pi(i indispensabili. Mi sembra, dunque, che 
la Sardegna non possa lodarsi troppo della 
suprema apatia mussulmana di un governo, 
il quale filosoficamente proclama che liei 
confiitti fra capitale e lavoro lui non c'entra," 
e non meno filosoficamente se ne lava le 
DgitizcchyGoOglC 



MINERVA 



«n 



iMiiiii. La, SuvUetnìA ]mi> dire » sita volt»: 
a e come i-'ciitio io! ». Xon è iwHttr<lo clic 
il (ìovtrno noti debbit pi-ovvedere h un im- 
porrali ti ssìmo servisio. pubblico, che è gerito 
ila luì, plie lia un inÌDÌet«ro apposta, che 
ne ha, ansi, fatto un monopolio di Stato f 

Perbacco, se dobbiamo vedere ancbe que- 
sta, non (ti resta che concludere, »uche noi 
lilusotloaineiite, oportet ni aoandala evemantl 

Rti>. 

SPIGOLATURE 

— I lavori di Hgoitiben) a San FnmoiMW lianno diino- 
strnto i grandi vantaggi dell'apiili cai Ione immediata 
ilflll'elettriaità al taglio del farro e déH'aoofaio: adat- 
tando un polo della oorreute elettrica (oonente, 
350 ampères; tcniione 100 volt) alla massa metallica, 
l'altro a nna punta ili carbone nhe «1 fa passare Bulla 
linea so eoi si vuol ercgaire il taglio, cineito «i 
conpie in meno di un leaCo del tempo nTrrtifwrin per 
fwe lo stesso lavoro con una sega. 

— Snlle reti ferrovinrio anierlcans annientano oon- 
tinaamente di uamero le vetture costruite intero- 
luente in metallo, ritenute pih sionre di quelle di 

— Lt» pimne di atiUBEO pih stimate, cjuando sono 
l"-ri curvate e hanno un bel color biaiiDo pvio, si pa- 
ffiuo Uno a 4000 franchi il otulogrammo, ossia a peso 
[l'oro nel vero Benso della parola. 

~ L.a robnrite, della quale si i parlato nltimanientc 
n proposito dell'incendio di una fabbrica di questo 
esplosivo in Oenuania, è stata Inventata da uno stu- 
dioso tedesco, il Roth,nell886. E' una polvere gialla. 
ottenuta dall'unione di nitrato di ammoniaca con di- 
nitrobenilna. E' pooo pericolosa, e bruoia senza esplo- 
dere all'aria, fonendo un lavoro massimo di 230,000 
chilogrammetri per ahilograiumo. 

— La statistica dei eaioidl durante il 1904 in Fran- 
cia presenta le seguenti oìfre: totale, 6876; uomi- 
ni, 6805; donne. 2071 Nel totale dei suicidi se ne 
intano 53 di fanoinlll di eti^ inferiore ai 16 anni, 
I' 341 di vecobi oltre 



FRft LlP m UECCtl I e WOUI 

Adolfo Alkkrtazzi: la faccia al deatlaa: vo- 
niiinzo. iMilano, Fratelli Treves, 190fi. 
Quando devo fare la recensione di un ro- 
manzo, mi si affaccia sempre an dubbio ^ se 
si debba raccontare al lettore l'intreecto, o 
tacerlo. Se Io si tace, è dìfBcile fare entrare 
del tutto il lettore nello spirito di quelle 
considerazioni che il critico deve esijorre; 
ina se lo si racconta per filo è per segno, si 
totflic anticipatamente al lettore una dell& 
migliori e piti forti attrattive del romanzo, 
la quale sta appunto nell'ansio, talvolta in- 
tensa e quasi affannosa, con cui si attende 
Io svolf^mento detrazione, il susseguirsi 
delle scene e degli eventi fino alla catastrofe 
li nate. 



A riHuivere Innesto dnbbìo, io ho preso per 
conto mìo una (ieliberaxione di massima: se 
il romanzi* e opera di valore, onde sia le- 
gittimo sperare che il lettore venga dalla re- 
censione indotto a leggere il romanzo stesso, 
.■iopprimo, finché è possibile, in altre parole 
riduco ai minimi termini, l'esposizione del- 
l'iutreecio. Lo narrò, invece, più a lungo 
quando mi pare che il lettore non ci perda 
molto se ometto di leggere il romanzo- 

I>i questo* romanzo dell'Atbertazzi non 
dirò l' intreccio. E cosi lo classifico senz'altro. 
È veramente un buonissimo, no bellissimo 
romanzo. La colonna vertebrale del rac- 
conto, dirò così, sta, tanto per intenderci, 
nella storia di un nomo, Carlo Sivori, il 
quale, prima per assoluta devozione alla 
Scienza, poi in forza di amare delusioni, si 
trova ad aver perduto ogni fede nella vita, 
e a sentirsi il cuore arido^ inutile^ vuoto. Bgli 
versa in queste condiraoni d'animo quando 
viene in assiduo contatto con una bella e 
graziosa gìovinet;ta diciassettenne, Ortensia. 
Fri) loro ci devono essere solamente pensieri 
di simpatia, un affetto di fratello e sorella. 
Ma avviene quello ohe si può facilmente 
prevedere; dall'affetto nasce l'amore; e se 
non ci fosse quella differenza di veufanni 
dì età che lo trattiene, Carlo Sivori farebbe 
la sua brava dichiarazione, e tutto finirebbe, 
piano, liaeio, felice. 

Disgraziatamente, la sua reticenza dà luogo 
a gravi complicazioni. 

Un ingegnere, certo Boveni, uomo freddo, 
astuto, calcolatore, in fondo maligno, spera 
di far soa. Ortensia. 

Sopravvengono molti &tti dolorosi, dopo 
i quali finalmente il cielo si risobiara, gli 
animi si aprono l'uno all'aJtro, Sivori sta 
per far sua Ortensia per sempre. Ma Koveni, 
il perfido Roveni, si veadica. Il racconto, non 
dico finisce, ma viene strozzato, da una im- ' 
preveduta, inaspettata, tragica catastrofe. 

E qui, in questa catastrofe, sta forse il 
punto più debole di tutto il romanzo. Or 
tensili e Sivori sono due figure cosi vive e 
cosi profondamente eimpatiche, che 11 lett-ore, 
che li ha segniti attraverso tutta l'azione 
con crescent'C simpatia, ne risente come un 
urto penoso quando vede cosi improvvisa- 
mente, cosi brutalmente spezzata la felicittt 
tanto sospirata e cosi legittimamente i-ag- 
giunta. Né, d'altra parte, il Boveni è stato 
presentato in modo da renderlo GÉi^aee^-JMlip 



MINERVA 



ili IIIIIlHziotIf «-osi IHTVCrsil. 

idele, i-oiii III (186)1 Wii/.H iil- 
vauta^gio ])ers(>nale, ma 
1 di ì^nohilìssiiiia, hostiiite 

Ile sucfeasive imIì/.ìoiiì — 
OD maiirlieraiiiio — «sasso 
aragf^io a Otte nmni, e lii- 
conto termini <'oii la sua 
i naturale, cioè la folicitii 
isia, oso affermare die il 
sterebbe ini» simpatia te- 
1 numero molto iiiìi grande 

quasi tutte vive e scolpite; 
Koveni, sebbene, come ac- 
noii l'abbia preparata per 
costituisce la catastrofe. Ijo 
le il lettore prende ai due 
cui non vorrebbe vederli 
malo modo della loro legit- 
felicitiV, è lina torte prova 
•acia dell'urte rappresen- 

episodì, vivi, anzi vivaci, 
ci, tragici, sempre interes- 
ri, sebbene, com'è giuBto, 
0, i passi descritti vi, i colpi 

via con bravura di inae- 
pienti. 

utto, sono lo stile- e la Un- 
IO un ])eriodarc armonioso 
1 e forte, sempre variato, 
te acqua tranquilla uttra- 

ora spezzato e rotto come 
nize e dirupi, e, come f^^o. 
pillante. Lingua semplice, 

colta, ina non affettata; 
i aulica. 

ncoutestabilmente, uno dei 
i scrittori di prosa. 

V. (ì. 

: Igiene della scuola ad uso 
e del medici. — MìIhii«. 



■o. I medici, forse, vi Irove- 
o riesca nuovo, imi gli inse- 
bc con la parola neuola l'au- 
iteiieiite e contenuto, aula e 



:i deve 



B fornita la 



scoliislìcì, dL'll'arre<tament'<) della «cuoia, dd- 
rigiene |>ersoiiale dello scolaro, dello svi- 
lu]ipo fisico del fanciullo, della sua educa- 
zione tìsica, dell'igiene degli organi del senso 
degli scolari, dell'igiene della voce, delt'as- 
sisteuza scolastica, dell'illuminazione, del 
riscaldamento, della ventilazione e di altro 
ancora. A tutto poi l'autore ha, come base, 
preposto una decina di p^ine sulle nozioni 
t'oiiilHiiientali ed element-ari di anatomìa e 
di tìsiulogia generale, e, come conclusione, 
poco meno di un centinaio di pagine sulle 
malattie d'infezione. 

Specialmente buoni sono ì capitoli sulle 
deformità della colonna vertebrale die le vi- 
ziose abitudini fanno contrarre a scuola, e 
di un'evidenza che spaventa le figure die 
mostrano i diversi gradi di scoliosi e dì de- 
formazione scbeletriea. 

Circa lo sviluppo mentale del bamliino 
l'autore segue il Preyer; uè miglior guida 
poteva scegliere per la sua « breve e con- 
cisa esposizione ». Vero è che l'autore espone 
le interessanti e utili nozioni positive del 
Preyer da par suo, cioè assai bene. 

Lkctor. 



NoirZlE BllJUOI!RAI''iCHE 



/rnBfaiiie n 



essere governati i secondi, 
dei requisiti degli edilici 



AHIs: Etqti*$t hitloTiipir de tu lUléralun 

noi/rn àge; Parigi. — In questo araini- 

ratiiie viiiiimi'ttu Uoeton Paris, pochi mesi prim» <ii 

ili iK'nsaturi'. Deltr pie mani hanno oompletatu epiil>- 
hlic^to i|upHt'<>p<-ra postninn, por famii il più Uel iim- 
uiimeiil» nllii mcmiiriit ili Outon Paris « alla Klori» 
ili'l lueiliu Pvu Intti'rni-io (Itnve de l'ariii). 

I'acl OeociiET: Maitrrt et par«Ht»: Parigi, A. Colin. 
— - La qni-atione ilella onuponiiione delle fanifgHc i- 
(log l'inwgn alili è una il(-lli> piii urgenti. Inse|pianti 
p gpiiihiri — ■ i genitori soprntutto — leggeranno mn 
vantaggio questo volume in oui il prof. CrooKot ria»- 
suiiie i risultati di una larga iiiohiesta o indira ixi 
un ttiiupo i principi generali e i mcEEi pratici dell'au- 
gurntu collaboroKiane (Krrue V»irernlaire). 

Th. Riiiot; Emù mr la patuettt; Parigi, F. .^lean. 
— Con questo Tolnme, ohe xogue alla « Psioologia • 
I' alla 4 Logica » dei senti monti, il liibut foruisoe il 
Clini pi emento del ano etmliu sistematico della vita ai- 
fctiiv». La Iettar» dei liJjri del Eiltot non oooorre sia 
mci'omaudata: essi si raooomandano da so ; ma è beni- 
riU'Viirc questa uuovu iDanifcatasione dell'energia di 
]ii'iiitare del maestro della psioologia franoeso, di eni 
l'iafiouna opiTa fa imporre al pnbbliro una grande idea 
nuova (Rame SmaMfiqìie). 

II. CUANTAVOINK : L«t ffHnotyet de i?89; Parigi. 
Soi'ii!té rranjaisc d'imprimer ie. — I/autore ni è pn>- 
[Hiato di dare un commentario molto srmplioo e eliiaro 
■lolla celebre Di obi arazioDo del I7K9; egli vibrinseito 
perfettamente; il suo oonmientario, pratico e di unld- 
lÌHSima ispirazione, ù iin limpido speechio in <>iii *\ 
rillette l'ideale della deimicraxia (Fa Remf). 



Uaiiizochy Google 



Rassegna settimanale della stampa 

La compartacIpaztonB d*KH Utili in prtllca. 

C»iue Bì logge neU'/lfnia dì ott«bre, un tilHiitri]|n) 
vfranipnto |iratioo e alieno da Uuiuie utupistiolic ;■ il 
HÌgnor N. O, Nelson, il quale iu qiiariuit'aiuii ili vita 
fra riliduatria o gli aiTari si r. convinto ohe, a niii»» 
(lei grandi oonccntramontl di onpitall, la vita l'nxiu- 
iialo (I divenuta Impojslbilo agli nni (lereliè liniinn 
(rop[io, agli altri pcruLì> troppo pooo, sonica M- vi 
sia un terreno comune aii cui unire e ■ nnitiinlÌK- 
zaro > ì loro Interessi. Una vita baamta su retti prin- 
cipi, ialla semplicità e »□! buon mum: ceco Iu scopo 
cui mira il Nelson con l'opera grandma da luì ini 
eìata e già bonu avviatu. 

Nato in Norvegia, rgli all'etitdi due umii fu condotto 
dal padre in Amoriou, Cresointo iu una fattorìa dello 
lutato di Montano, studiò oiiiital>ilit& e s'iiuplrgii pressu 
una ditta industriale di Ht, Louis. I>i>pu cini|ue anni 
sì dimise dal posto di dirBttj)ru u fondii l'iitluiile « fit- 
eiftà fabbrioHiite N. 0. Nelsuii , con luagaKxlni e 
uffici a at. Lduis e fabbriche a I.eclHirn nelVllllnoÌH 
o Besacmer nell'Ai ab ama. 

Da ventanni egli condivide gli ntlli con i suuidi- 
jiendenti, e da i|ualclio teni]K> portino con i suoi olieiiti.- 
Oltro avoio costruito Leolaìrc, nnii borgata che oru 
uuuta 500 uporai con le rìai'cttive famiglie, egli hu 
anche fondato una colonia per i tubiTcolost nel de- 
aerto • Indio > deltu California nieridiouali', e oru 
st» fondando Bossonicr a simiglianza di t.<»>1aìre. Kn 
tiisiauta filantropo, egli uon nasconde la sna avvir- 
Rione per gli atti di semplice beneficenza: tutto oiit 
cb'ogll fa mira a rendere onesti e forti gli nomini 
olle dipundono da lui o che lo avvicinano. Egli » un 
idealista tipico e altrettanto abile nel concepire idee 
■ [uuutu nel luottorle in pratica; egli crede che viaa- 
reblx' minor bisogno di oarità se vi fosse piìi tilan- 

Ijcclalru i' una piooola ma cdlllcnnte liorgata: non 
vi Hiiao partiti politici, né setto religtoac, nh osterii-, 
tir ili-litti. I.'idi-a dol Nelson fu di avere una pupolu- 
/.iouii libera dit ijualsiasi pastoia, e Loolairo dimostra 
clic in nn aiuMenle quiil'ù i|nell» In eni vivono i suoi 
nliit^ntì le leggi hujio inutili e di ncsHuu valore 1 
IMI Qvcn 2 ìon aliami in generale. Il Nelson orede clic le 
uviidixioni fatte ai lavoratori debbano essere piaci'- 
voli per i|uauto è possibile: egli ai suoi dipendenti 
paga ottimi salari, riduco al miniali termini le loro 
:tpiH(e, e oonoede loro detertninati utili. Complewslvo- 
iiieiito ammontano a oirtia 540,000 franchi all'amm gli 
utili ch'egli condivide con i snoi olienti, i suoi dipen- 
■lenti e il pubblluo in generale, sotto forma di varie 
■«■Kcliuonxo. 

Lioolairo non ha sindaco, non amminjstra^.ione an- 
luuuale, non lìmitaKioui alla libertà individuuir. Tutti 
i lavori pubblici vengono fatti faro dal Nulsnii |>er 
|in>prio conto, e il costo viene detratto dagli utili 
dei suol affaci. Nel paese regna assoluta la pace; non 
v'e distiur.iuDo di classi, uon odio di razze, non bar- 
riere alla lilierià personale, non persone oziose che 
posaano lavorar». Glioperai possono Isori versi aunioni, 

[.eolairc. Le fonilglio prosi)«rano e ai moltiplicano; 
per l 'cducaziune dei bambioi v'è un giardino d'in- 
fannia, miiiileuuto dui Nelson soltanto. Egli sta ora 
iiiipiiuitaodo una sruolu industriale gratiiltii. La liì- 
lilioteen lucale ha migliaia di opere gvultc fra le nii- 
;:lii>ri. Ogni operalo o impiegato può coniprare una 
i^oiiiiMla cusetla di sei stuuze per 7000 u 7500 fran- 
chi, a rate di T.'i o 100 franchi ineuslli. 

Leolalre è la priiioipalo ma non unica opera Ginn- 
tropica del Nelson. I>a uolonia di tubercolosi In Ca- 
lifornia non è soltanto mantenuta dalla sua beitelì- 



oeBia, perche auolio ai malati viene aiwe)piato un 
le^iero a facile lavoro. Iu quanto al Nelson st»S«o, 
egli lavora Bliituoliui'ute dieiotto ore al giorno, sor- 
vegliando costantemente elio atlari e filantro|.i» si 
fondano bene insieme. 
La proprietà privata in tampo di guerra marittima. 

Keeen temente il e Cobdon Club » di Londra ha di- 
ramato a' suoi .suol una circolare in cui è espressii 
ro[>inlonc che sia il momento favorevole per ottenere 
una grande rlfoiiim nel diritto intem azionai e, e cioè 
la esenzioiiii del sequestro, in tempo di guerra, della 
proprietà privata ubo non costituisca" contrabbando di 
guerra. Gli argomt-iiti In favore di questa riforma 
sono espilati lo un opuscolo di Franois W. Hir8t{Com- 
meioe and I-ropost in «acal Kurfare), pubblicato ilal 
.letto Club. 

A questo proposito il Sole {n. 296) ricorda che la 
proposta di dicIiiuTOro la proprietà privata inviola- 
bile ancbc nello guerre marittime fu già propugnata 
nel secolo xviii dai nostri grandi giuristi Galloni e 
Filangeri, 11 quale nltimo volevo ohe la catturo della 
proprietà privata nelle guerre marittimo venisse qua- 
liAcata reato contro il diritto delle genti e assimilata 
alla pirateria. Tutti i principali giuristi italiani 
sono d'accordo uel sostenere il jirineipio dell'invio- 
labilità. Il quale fu cfifcttivamcnte praticalo dall'Au- 
stria e dall'Italia nella guerra del 1866 ed È oapli- 
citamentc sanzionato dall'art 21 del nostro oodlw 
della ju.irin» lU or™ utile, beninteso aubordinandolii 
alla eondizlone del!» reciprocità. L'adozione generali- 
di tale principio e In sa» sanzione in nn trattato col- 
lettivo sarebbero aoooltc in Italia col maggior wim- 
piacimenlo e assenao. Il giornale al augura ohe gli 
sforai del Cobden Club e di coloro die in Inghilterra 
vi sono favorevoli vincano le opposizioui che, ap- 
punto in Inghilterra, sono sempre stato assai forti. 
Tribunali par fanciulli e libertà aorvaKlIata. 

Polohè più di una volta su queste colonne ci simun 
occupati dei tribunali per fanciulli quali sono orga- 
nizzati in Aroerioa e dei loro eeoellenti risultati, ci 
sembra opportuno rilevare un articolo dello Granir 
Keaie (fase. 6) nel quale ;■ indicata una pubblioii- 
zlone recentemente fatta su questo argomento in 
Francia: Lt* tribanimr tpédaaz poni- «t/u»£» (Pnri^i, 
Aromlnistrazione dello rivista Ì'JÌb/<iiiì). L'autore di-1- 
l'articolo espone l'organizzazione di questi tribunali 
iu America rilevandone le tre oaratteristli'ho essen- 
ziali: speoiallzzai'.lonedpl tribunale, soppn-SHione dolla 
prigione, libertà son-egllata, e si occupa di-ll'nppli- 
oaziono ohe dì quesfultimo principio si è ininlata in 
Francia. 

Il giudice istruttore Boty acconsentì a restituire 
alla madre un ragazzo di quattordiiii unni incolpato 
di furto, sottoponendolo però o nna sotvogliauKa che, 
tn attesa dolio decisione del tribunale <«rresionale, 
fu affidata ufflcialmante al . Patronage de l'Enfance »; 
nello stesso tempo, d'accordo col prefetto di ])olizla p 
senza opposizione della madre, si derisi', ufficiosa- 
mente, che il ragaj^Bo rimanesse i)resf^o la madre e 
fosse visitato periodicamente da nn ispettore di puli- 
bliea sicurezza, padre di nnmerosa prole e scelto fra 
i titturi di orfani della prefettura. 

Eguale provvedimento fu proao per molti altri fan- 
ciulli, aggiuugondoai però all' isiiettore uflicialo un 
ispettore e un'ispettrice privati, scelti da no gruppo 
di persone che propugnano l'Istituto della - liberili 
HurvegUoto ». Presentemente ccntocimi nauta fanciulli 
nono soggetti a i|ueata sorveglianza, la quale fu ot- 
tima prova e sperabilmente prendiirà seni]ire inoggiore 



La nobiltà In Amarlca. 

Su qiieatJi argomento 11 presidente della • Publio 
Itooonla Coiuuiisslon . del Marjlanil, Ibster Doraej- 



,y Google 



72 



MINERVA 



Biohardiiou ba iiubbliouto di retwiite neUft ilTarih Jim- 
lioaK itavMie uno studi», ool titolo: « iteap»)ll det- 
l'aristooruift in Anwrie* ». 

In quMto articolo l'autore d«)»l«rH ohe gli Aioeri- 
uoni non abbiano avuto per molto toiupo il dovnto 
rÌ8p«tto veno le tradizioni ohe, ìb passato, li logo- 
v»DO olla loro madre patrio, intendendo con questo 
terinlne l'Inghilterra, e Bpeoialniante li ooouaa di 
eaiiere stali refrattari a oertl sentimenti, obe fnnnn 
ooosiderore oon legittima Aerexza 1» storia doli» 
I>roprla famiglio. Un ggutttma* oroerìoano del so- 
ook) XIX, egli dice, ai interessavo molto pili i per 
l'albero gonealogieo dei suoi ooni e dei suol oavalli, 
ohe non per quello dei suoi flglinoli n e ne sapeva 
pllt ■ intorno all'antiohitft del ano vino, ohe non In- 
torao a quello della ana propria famiglia >. 

In qunati ultimi tempi, però, le coso sono niiitiite: 
uu po' olla volta gli Americani hanno Imporato a 
curare la tradizioni atoriehe di famiglia; e a questa 
oura ai devo la fondasìonc della t gooìetà onierloma 
per rioerohe atoriobe » gli atudt dotta quale hanno 
dimostrato — e il Kichordson 1u oonatata oou or- 
goglio — ohe 1 primi coloni e i veri fondatori del- 
l'Unione americana non erano < gente doxtlnale » e 
nemmeno degli andoei avventurieri, bensì provenl- 
vtfvo in gran parte da famiglie dello nobiltà in- 
glese. Un gran numero di etttadlul omeiloani puf), 
dunque, vantorai di overe un'origine oomune oon la 
vooobìa arlatoorozia ingleae, 

(jueata oloaae — oonolude il Biohordaon — è la vera 
ariatoora^ia amorioano; eaao ai eontroppono, 
oome un gruppo tutto unito, olla grondo maaaa di 
popolazione proveniente da tutte ìe porti del mondo, 
obe in seguito si riversi) sul anolo d'AmerloH. 
Uova volenoM. 

Easendoai verificati a Parigi numerosi oasi di av- 
velenamento eoo poatiocini allo pamia, tu «aiUnato 
un'inchiesta in asgnito ali» quale il diati. Asdi« lo 
Coq, ohimleo della Conuntuione inquirente, oonehiuoe 
obe l'oKione loaaioa era sempre dovuta allo uova dello 
jioata frolla, non già a veleni minerali o a ingre- 
dienti dello ponno. 

Como afferma il dott. le Coq, le uova apvaao sono 
iufette anche prima di venire deposte dalla gallina. 
La Reme Soientifignt di Parigi, riproduoeudo la sostanoo 
di un ortioolo pubblicato dal dott. le Coq nel £«(- 
Utin CMMMToial de ta Pkarmme, scrive: «Quando 
l'avvelenamento è prodotta da nova freaohe, esso è 
dovuto più alla chiara ohe al tunrlo dell'uovo, gioO' 
che la chiaro viene ordìnariomeate bottata oruda, 
mentre il tuorlo viene st«rìlÌEtoto dalla oottnra. I 
microbi della chiara trovano uello auoetMiru, nel latte 
e nella gelotlno dei pasticoini nn fovorovollBuiBo ter- 
reno di ooltura. Il tnoilo può onoh'oseo avvdmiBrs 
ae le uova sono deeompoate, giacché la cottura nsa 
distrugge le tossine e le ptomoioe della putFt£i«lot)e-. 
« Per premunirsi oontiro avvelenamenti di questo 
genere — oonohlude la Bevve SoieiMfiqae — è neees- 
aario cuocere tutte le porti dell'uovo, speeiolmente 
la chiara, e cuocerle abbastonsa o lungo eoel do pa- 
ter essere aicuri di una perfetta atorilizKMloBe >. 
Indifferentismo elettoral*. 

Lo Stampa (n. 341) pnbbtioa uno vivace lettera del 
presidente del Comitato liberale torineee per le iaori- 
itioni elettorali, ovv. A. Oeisser, Il quale fo sapere 
oome, da un confronto appositamente fatto fra U 
Guido di Torino e le listo degli elettori polltioi e am- 
ministrativi dollu città, risulti ohe beo 7100 citta- 
dini non sono inaoritti in nessuna delle due liste. 
Egli fa notare come queati 7100 « Indllfcreuti e re- 
frattari ol pili elemeutare dovere oivioo > apparten- 
gano allo classe del pr«fe8BÌoHÌRti, oonmaretonti, im- 
piegutl il'i^ui iirdiue, e cioè alla olaase fornito ili 



qualche agiotoua eoonoujioa e di Istnuione superiore 
al livello delle masse, e blaahna vivamente questi 
vergognoso indilFereDca, la quale risulta a tutto vsd- 
ta^io dei socialisti, che, ben dlsoiplinatl eome sono, 
si insorivono tatti, appena possono, nelle Hate elet- 
torali, e di pia votano oome un uomo aolo. 

L'avv. Oelaaer ovverte che i nomi dei detti 7100, 
dopoaltati alta sede della Unione liberale miHiorohius 
Umberto I, non saranno per ora pnbbllcoti, mo ag- 
giunge obe il Comitato di cui egli è presidente taeert 
lincjiè sia scaduto it termine per l'iaerisione nelle Ii8|j> 
elettoroli. 
La oanaarve «ItmanUri tn Italts. 

Dall'ultima pubblleasiDue della Direiione generale 
delle gabelle sul movimento oommeroiale del 1904. il 
Sole (n. 'Ili) riporta alcuni dati i quali dimoetroDri, 
«on l'anmentata eaportaiione e con l'importazione di- 
minnita, il progresso ohe ha fatto In Itallo la pro- 
dashme delle oonserve alimentari, il cut consumo tut- 
tavia è fro noi oneor pooo diffuso. 

Le eonserve alimentari obe noi esportiamo dì piti, 
quelle stesse di cui b maggiore la produzione, sonn 
i legumi, gli ortaggi e i fratti aotto aneto, sott'olio 
e ne! aole; l'esportasione di queati prodotti, obe nel 
1899 era atata di 44,600 quintali, per un valore ap- 
prossimotivo di 4,900,000 lire, nel 1904 sali « 107,000 
quintali, per un vaJore di 12 milioni; l'importOEione, 
ohe nel 1899 era di qnasl 3000 quintali, sorebbe quasi 
Boomparaa se non ai Importasaero ancora dal Tlrolo 
alcune centinaia di quintali di crauti. 

Una coso da molti ignorata è ohe moltissime delle 
nostre oonserve vengono fatte preparare In Italia il» 
case inglesi, che le mettono in oommerolo eotto il 
proprio nome; ei6 apiega oome l'Inghitterro, che pure 
b uno dei primi paesi del mondo nella preparasiunt^ 
delle conserve alimentari, molte delle quali essa 
manda nel nostro paese, assorbisca piti dello metà 
della nostra eaportaiione. 

Il secondo posto in questa esportaeioue e oóoa]iato 
dalla oonservadi pomidoro (nel 11)04 oltre 80,000 quiti- 
tall); il terso Malie oonfetture e conservo olio tot- 
obero e al miele (23,600 quintali). Uno certa impor- 
tanaa ha l'esportaci one, aopratuCto nell' Argon tiiù e 
nel Cile, delle oonserve alimeutari sotto alcool, o 
quella delle angnille morinate, ohe si dirigo di pre- 
ferenza all'Austrio-Ungheria e allo dermonia. 

Per tutte le altre conserve la produzione nazionale 
non baata ancora a coprire il consumo, il che dà luogo 
n uno importazione plh o meno notevole, sopratntlo 
di pesci in salamoia e aott'olìv, di caviale e di estratt'i 



Per manoanza di tpazio rimanditimo la pttb- 
bUoazione di tari^artieoU, oltre a (pieUi già 
preannvmiiati : Matrimonio e divorzio nel 
Dakota Settentrionale - Shakespeare nomo 
d'affali - Walter Pater - li presente e l'av- 
venire di Cuba, eee. 



Tutti gli articoli pubblicati in MINERVA sono 
tutelati dalta legge sulla proprietà letteraria e 
ne & formalmente vietata la riproduzione. 



SOLPERINO PiA 



FnM^, INS - StaUlimi 



, gerente 



yGoogle 



IL LL\i)UA(JiiIO DKGLI ANIMALI '»» 

Una siMeiizti recente, la pxicoloxia ani- 
male, ha raccolto intorno al linguatc^io de- 
);li animali una serie di osservazioni di non 
liiccolo interesse, tali da far ritenere clie la 
voL-e serva, così ai mammiferi, come ayli 
ovipari, a 4]ualcoSH di più, oltre a dar »fogo 
Il indistìnte nozioni emozionali, e precisa- 
niente per eouinnicarsi seainlnevolmente in- 
furiiiii/ìoni e impressioni. Quando ulteriori 
t>erfezionamenti avrauno dato ai fonogratì 
reyistratori la necessaria precisione, gli spe- 
cialisti affermano che nel campo delle Un- 
irne animali si faranno scoperte stupefacenti 
luldìrittura. 

L'autore Boooiina al uoto prof. Uarner, lo scien- 
ziato iii);lese, che >> rioorso a, od sistema ingegnoso 
e abliastan^a curioso ad ao tem]>o per studiare da 
vicino e continuatamente il linguaggio delle 
scimmie: come abbiamo già avuto oocoaione di ri- 
ferire in passato, il prof. Gamer ha condotto questi 
studi chiuso in una galibia in una foresta dell'India, 
e come risultato delle sne osservazioni •> riuscito a 
(listiiignere, in mezzo ai mille gridi delle scimmie 
antropoidi, una dicoiua di voci che egli ha accura- 
tamente registrate, e di cui ha scoperto e controllato 
il signitìcuto. Il Garner sì accinge ora a una nuova 
spfiUzlone simile alla prima, e Tommaso Edia<)n ha 
costruito p(>r lui di'gli speciali apparecchi fonugrafici, 
messi in azione per mezzo dell 'elettricità. 

Istinto educazione V 

Xella sua « Filosofia dei nidi d'nccelli » i! 

Wallace ha raccolto un numero snfficiente 

(li osservazioni, le quali dimostrano che gli 

(i> Da nn ortioulo di Erkksi Tiasor. JUbUoOti'iue Cnieir- 



uecelli non cantano per virtii di un istinto, 
bensì per effetto delle lezioni ricevute dal 
loro genitori. Di questa teoria un altro scien- 
ziato ha fatto la controprova dando ad 
allevare degli uccellini di una specie a uc- 
celli vecchi di un'altra, e osservando che ì 
primi, invece di cantare nel modo seguito 
dagli altri uccelli della loro stessa specie, 
finirono con l'imitare i genitori adottivi. 

Le osservazioni fatte da vari studiosi in- 
torno agli uccelli cantatori dimostrano 
che questi animaletti si esercitano con gran- 
de pazienza e tenacia neUa loro arte; il 
Brehm afferma di avere, pili di una volta, 
veduto qualcuno di questi uccelli cader 
morto in seguitoyfl prolungato sforzo fatto 
per tale esercizio. Gli uccelli non sono i 
soli a esercitare le loro corde vocali. Chiun- 
que voglia può divertirsi a vedere i cagno- 
Uni sforzarsi ad abbaiare, mandando fuori 
la loro voce in falsetto, mentre per gli sforzi 
fatti non di rado rotolano a terra. 

Più significativo è il caso delle scimmie 
urlatrici, le <piali, non di rado, si raccol- 
gono in numerosi branchi per intonare dei 
veri cori, sotto la direzione di un capo che. 
per meglio esercitare il comando, si aiTam- 
|iica su di un ramo più alto di quelli ove 
.sta il resto della compagnia, 

L'imitazione. 
Se i vari modi di espressione che le ditte- 
venti famiglie animati hanno a loro dispo- 
sizione diitendono più dall'educazione <die 
dall'istinto, ne viene questa conseguenza : 
che il bisogno di imitazione o lo spirito di 
astuzia devono suggerire agii individui più 

IJgitizcchyGoOgIC 



74 



MINERVA 



intelligeuti di una specie di utilizzare il si- 
stema vocale di un'altra. 

Il caso non è raro. Negli alveari la sola 
regina ha la facoltà di emettere un suono 
che somiglia alquanto a quello di nua trom- 
betta argentina e che, per quanto debole, si 
aente tuttavia, sopratutto di sera, perfino a 
tre o quattro metri di distanaa, attraverso 
ia duplice parete degli alveari. Ebbene, vi 
è un altro insetto, la farfalla chiamata « sfin- 
ge atropo » o « testa da morto », la quale, 
imitando questo suono, che ha per effetto di 
incutere nelle api operaie una specie di ter- 
rore, ne approfitta per far preda del miele 
nell'interno dell'alveare. E* questo il caso 
tipico dell'imitazione per spirito di 
astuzia. 

Più frequenti ancora sono gli esempi di 
imitazione per spirito di malizia: molti 
sono gli animali che si divertono in tal modo 
alle spalle di animali di altre specie. I/an- 
tore, per esempio, conobbe un pappagallo 
che sapeva imitare a meravìglia il miagolio 
del gatto. 

Nella maggior parte delle imitazioni, però, 
non vi è, in fondo, niente altro che il desi- 
derio di esercitare certe corde vocali che 
l'animale, di solito, non utilizza; si direbbe 
che questi animali cerchino di perfezionare 
i loro mezzi di espressione. Il Brehm affer- 
ma che il merlo imita comunemente il canto 
del gallo, il chiocciare delle galline, il grido 
delle oche e delle anitre, il miagolio del 
gatto e altri suoni. 

Nella sua classica opera snII'* Origine del- 
l'uomo » il Darwin riferisce la storia di due 
lupi « che impararono ad abbaiare come 
cani, cosa che, talvolta, vien fatta anche da- 
gli sciacalli ». La signora Michelet posse- 
deva un fringuello che guaiolava come un 
cagnolino. 

Alcuni esempi curiosi. 

Non si creda che i pappagalli possono ri- 
produrre soltanto qualche parte delle frasi 
che noi pronunziamo; per i)oco che essi ven- 
gano istruiti, possono imparare a far di- 
scorsi abbastanza lunghi. 

L'autore riferisoe aloani esempi: il cardinale Asoa- 
iilo, eeoondo quanto è raccontato da Elio, pagò oeuto 
aoadi d'oro un pappagallo ohe aapera reoitaro i do- 
dici artiooli di Tede; si racconta di un pappagallo 
che SII di nati nave francese faceva l'ulBoio di cap- 
pellano, e ogni mattina e ogni sera recitava ta pre- 



ghiera e dioeva il rosario. Gli aueddoti di «lut^m 
genere sono namerosi e bizzarri ijuonto mai. 

I pappagalli, poi, non sono i soli necelli 
che abbiano il dono della parola. Per citare 
un esempio, ricorderemo ehe una perta si- 
gnora Graber, di Berlino, possedeva un ca- 
narino che pronunziava qualche frase. Que- 
sto interessante animaletto fu esaminato da 
uno studioso, Carlo Buss, il quale, appunto 
allora, stava lavorando intorno a un'opera 
sugli uccelli parlanti. 

II Russ cosi ne scrive, nei libro Allerlei 
aprechendeg geftedertet Volk (1889): 

« Mentre la signora Grìiber terniiuaT» di ripeter»- 
le parole ohe essa mi aveva detto esser conosciute 
dal caDorino, improvvisamente l'nowlletto prunanzio: 
(Come canti tu, mio piooolu birichino f... Via, oaiitk. 
canta, birichino... ». Emo ripetevn cont in naiu enti- 
queste parole, e io !e oomprendevo sempre piìi di- 
stintMUente. Non le articolava come una gola uoiaiia; 
le tesseva, per oosl dire, nel sno ranto, ma anche 
un» persona tOie non ne fosse sUta avrenits iiun 
avFebbe potato fare a meno di distinguerle ». 

Come è noto, la facoltà di parlare viene 
attribuita, comunemente, ai corvi: il natu- 
ralista Naumann non crede di esagerare af- 
fermando che essi imparano a discorrere 
meglio e più presto che i pappagalli. Rinun- 
ciamo a citare degli esempi, e ci limitiamo 
a riprodurre, a questo proposito, le conclu- 
sioni dei vecchio Brehm, il quale dice: 

* Ciò ohe, «opratutto, colpisce nel corvo t> il ta- 
lento con cui la sua Toce imita i rumori clic eaao 
distingue. Da se utesso il corvo impara, senza elie 
nessuno se ne occupi, a ridere oome nn fancinll». a 
tubare oome un piccione, ad nhbaiarc oome un t-ane 
e a parlare come nn uomo ». 

Anche fra i cani, per quanto iuverosimilt; 
la cosa possa sembrare, si trovano de^li 
oratori. L'insigne filosofo Leibiz, aveva un 
cane ehe, come egli afferma, sapeva pronun- 
ziare una trentina di parole; solo certe con- 
sonanti gli riuscivano difficili, la m, la n e 
Vh. Il primo, per ordine cronologico, dei 
maestri d'orchestra moderni, l' Habeneck 
aveva un cane chiamato Oapuoin 11 quale 
dava il la con precisione eguale a quella dei 
diapason, e cantava il pezzo di Mozart : « Il 
mio cuore sospira all'aurora ». L'autore del 
presente articolo conosce un barboncino che 
canterella la Marsigliese. I barboni hanno in 
fondo alla loro gola tutta una scala, general- 
mente inutilizzata, di snoni gravi e acuti- 
se qualche paziente maestro si proponesse 



Digilizcd by 



Google 



MINGEVA 



75 



<lì l'ai- parlare questi matì, che non sono dei 
sordi, probabilmente ci rinscirebbe più pre- 
sto (li coloro <.^be reudono la parola alle per- 
sone sordoninte. 

Parola e pensiero. 

Hiinaiie una questione: ammeBSO che gli 
animali superiori possano riuscire a mettere 
insieme un vocabolario aufflciente per tra- 
durre i loro pensieri, è possibile l'asaoeia- 
zione fra il pensiero e la parolai In altri 
termini, possonogli animali passare dal gra- 
do di fonografi vìventi a quello di esseri 
capaci di sostenere una convereazionet 

Una risposta è difficile, troppo limitato 
essendo ancora il numero degli animali par- 
latori. Fra i pappagalli, stando a qael che 
ili dice, se ne sarebbe incontrato già più di 
uno che sapeva cìb che diceva. Si iiarra di 
nu cacatoa appartenente al re Enrico VII, 
il quale, eadendo da una finestra nel Ta- 
mi^fi, si mise a gridare: «Aiuto, un battello!... 
Un battello!... Venti sterline a chi mi sal- 
va :... » Un certo signor Sehwendt, citato dal 
IÌI1SS, ]iossedeva un pappagallo grigio che, 
vivendo in campagna, dirigeva i lavori della 
fattoria, chiamando i cani, le galline, sgri- 
diiudo le fantesche e i garzoni. Un altro pap- 
pagallo grigio, appartenente a un certo si- 
jinor Kastner di Vienna, prima di addor- 
mentarsi ogni sera augurava a se stesso la 
buona notte. 

Da <|neBte ert nltre usserrBzioni, ohe omettiamo per 
brevità, il TiBBot ricava la seguente oonolusione, dalla 
<|iiAle. naturalmente, losoìamo a lui tutta la respon- 
sabilità: gli animali, almeno le specie superiori, par- 
leraimo il giorno in citi la nostra ingegnosità avrà 
trovato il mezzo di mettere l'intelligenza umana in 
rapporti diretti oon l'intelligenza animalei e alonni 
indi/.i permettono di sperare ohe quell'epoca sia meno 
' loiitanJi iti qnanto si Biipponga. 



LAVORO E VITA '" 

Or è circa mezzo secolo Charles Kings- 
ley scriveva i suoi due romanzi di indole 
sociale: «II Lievito» {Xeaat) e «Alton Lo- 
cke »■ ÌSél primo sferzava il bigottismo 
religioso del suo tempo, nel secondo il bigot- 
ti) Da nn ortlMla di Sin Ulitrh Loone. TA« Oonlimporarj/ 
littitiB, (Ufambre. — La Rrnacle antorità dall'uitirB aome noma 

(K. A. K.) 



tismo sociale; in entrambi tentava di pro- 
vocare riforme. 

Le cose sono migliorate da allora in poi, 
e oggi è interessante leggere quei dne libri 
per vedere sino a che punto esse abbiano 
progredito. Il miglioramento sociale è 
stato enorme: eppure è ben lungi dall'esser 
completo. 

Il bisogno di promuovere la pubblica 
istruzione non è minore oggi che in altri 
tempi, ma è sopratutto di unMstrnzione 
superiore, cioè al disopra dell'elementare, 
che hanno bisogno le masse operaie, e sono 
ormai gli stossi operai che la reclamano, 
poiché ne vedono i vantaggi e comprendono 
quale influenza essa abbia nello sviluppare 
il carattere e nel rendere pia bella la vita. 

Di grande importanza, e tale da dar bene 
a sperare per l'avvenire dello Stato britan- 
nico, è il fatto che la domanda d'istru- 
zione è spontanea nel popolo, che ora ha 
le redini del governo in mano, e non sol- 
tanto a parole. 

Ma il progresHo dell'istruzione dipende dal 
generale progresso della razza, dal suo beneg- 
sere sociale; e attualmente nelle oondicioni della ho- 
oietà inglese vi sono parecchie cose obe impedisconu 
il progreiiBo cui aspiiano i pionieri dell'istmiione 
pubblica, ma fra eaie nessuna che a tale progresso 
nuoccia tanto quanto lo stato essenaial mente inoivile 
di quella parte della società che si vanta d'essere 
la piti pratica. 

La pubblica istruzione da diffondere 
è di dne gradi: quella dei giovani e 
quella degli adulti. 

L'istrazione dei giovani. 

Ai t«mpo del Kingsley l'istruzione 
obbligatoria impartita dallo Stato ces- 
sava per i ragazzi di otto anni; oggi cessa 
per qaelli di tredici anni; ma fortanata- 
mente viene continuata per conto del mu- 
nicipi o del privati. 

L'istruzione degli adolescenti, seb- 
bene non importante come quella data dalle 
ni>iversìtà, è, però, egualmente necessaria. 
Dai tredici ai diciotto anni il giovane at- 
traversa un periodo critico; è una pazzia 
lasciarlo a quell'età libero d'ingolfarsi nel- 
l'intemperanza e nei vizi, e poca previdenza 
è l'obbligarlo a lavorare per guadagnarsi 
malamente un modesto salario. La nazione 
sconta duramente con una quantità 
di giovani mal disciplinati e male 

DigilizcdbyGoOt^Ic 



MINERVA 



;cliìiio del loro 

per lo studio di 
iovaui accorre lido 
il faticoso lavoi-o 
lobbianio periiiet- 
i salvino per lue- 
rondìzioiii sociali 

dobbiamo aspet- 
)peri miracoli per 
ubiamo aft'rontare 
-si il problema di 
, questi scbiavi 

ani Dou ^ lecito 
lie. 11 Giappone 

che abbia sena- 
cala la' rigeuera- 

e di ciò vediamo 

per l'istnizioue 

t« 'si dimostrano 

tu e prosperiti^ 



adulti. 

è bene che gli 
o stessi. Se essi 
gioventù, possono 
tura i>er tutta la 
nferenze, medita- 
re. 

l'istruzione de- 
e facile. Gli adulti 
an sono, in gene- 
di universitari, e 
L ne possono ap- 
liatiio contentarci: 
rogresso intel- 
; lasse operaia, 

soltanto: nostro 
are tutta la massa 

livellodi vita, 
la massa poclii in- 
alto. A ragginn- 
orrono la coope- 
oggio e molta 

li un operaio che 
icessarif ì A parer 
io, più tempo da 
ausare, alla rierea- 
Kceolo scopo per 
er vivere, uon 



giit per att'aiiuar<-i in un turbinoso e ìiK-es- 
sunte lavoro. 

Ci si dice «-ontinuauiente cbe, se ì lavo- 
ratori avessero più tempo di ri|ioRo, ne abu- 
serebbero fra vizi e scioeeliezze. Ora ciò 
potrà esser vero di certi iudividui. non iztii 
di tutti gli operai: e quegli individui ope- 
rerebbero male, qualunque fosse la loroeou- 
dizioue sociale. Ciò cbe dobbiamo cercar^ 
è cbe nessuuu sia spinto al male dai nostri 
ordinamenti. Se qualcuno, pur avendo in 
uanzi a sé una bella e ampia via, vuol get- 
tarsi nel fosso, peggio ]ier lui: è sua la «-olpii. 
Ma se noi indirizziamo un viandante ine- 
sperto per una stnida tuttii interrotta d» 
fossi e da trapjiole. siamo noi stessi i resjion- 
sh1)Ì1ì delle sue cadute. 

Una digressiftne. 

Aucbe a luoposito degli allievi delle ](nb- 
blicbe scuole si predica die un ma^ffior 
temjio di riposo e di ozio darebbe certa- 
mente occasione ad abusi. Cosi è cbe t-ssi 
vendono affaticati da mattina a sera fr» le- 
zioni, ore di studio e altre ore di giuochi vio- 
lenti, in uiodoclie vadiiiio a letto esauriti 
senza aver fatto del male. l>el male, 
certo, non possono farne con quel sistema, 
ma in compenso prendono disgusto per ogni 
sorta di lavoro cerebrale. 

Questa è una pessima preparazione 
alla vita reale; e così si spiegano le 
crisi morali di tanti giovani, appena alt- 
biano acquistato la. libertà, senza alcuna 
esperienza che li aiuti a servirsene. Questo 
sistema dà tristi risultati perchè fondato 
sulla sfiducia verso il carattere del- 
l'uomo, mentre è soltanto di fede e di spe- 
ranza che uoi realmente viviauio. 



La 



I ricchezza. 



Un decennio dopo la pubblicazione del 
romanzo di Kingsley « 11 Lievito », nel 16(>1 
John Kuskin scriveva il suo libro Unto Tki« 
Lant, quella raccolta di saggi che tanto valse 
a riformare lo spirito dell'economia politica 
con le nuove teorie sulla produzione, sulla 
distribuzione e sullo scambio, sul modo di 
spendere saj^giamente la ricchezza, ecc. « Le 
raditi dell'onore », « le fondamenta 
della giustizia », « l'essenza della 
ricchezza », « l'importanza del valo- 
re » sono i quattro argomenti trattati con 



,y Google 



MINE UVA 



«•pezionaU* potenza dì genio in qnel piccolo 
libro. 

Noi dobbiamo ricordare clie la vita è qual- 
cosa più della vegetazione, e che l'aomo non 
vive di pane soltanto. Dobbiamo gettare al 
largo le nostre reti, dob))i:imo studiare senza 
un ristretto spirito utilitario, bc vogliamo 
trarre il miglior profitto dai nostri studi. 

La vera ricchezza di un individuo, 
al pari di quella d'un popolo, non consiste 
nel possesso dì inoltissìme cose, bensì nella 
propria anima indomita. E la vera ric- 
chezza d^una nazione, tutto considerato, 
può dirsi che sia il snmero di esseri 
uniaoi sani e felici di cui si compone 
il suo popolo. 

SH-VKKSPEAKE UTUDICATO DATOLSTOI <■> 

Nell'articolo che riassumiamo Tolstoi di- 
chiara di esporre nettamente e francamente 
la su» opinione intorno a Shakespeare; e 
aggiunge che questa opinione è in disac- 
cordo completo con quella della maggio- 
ranza. 

• Mi ricordo — egli wrive — lo stupore ohe pioTaì 
nlla prlnu Iettar» di Shakespeare. Mi Aspettavo di 
provare un grande godimeato estetieo; ma, dopo aver 
lt>tto miooeasivamente tutte le sue opere reputate le 
tiiigliori, JU Lear, RoMto a Giulietta, Jmleio, Maebeth, 
non solo uoD provai alcun piacere, in» SADtii perfino 
diRguato, noia, Btu|>ore. 

• Ero pazzo io ohe trovavo nulli e cattivi i drammi 
considerati oome pori oapolavori; o non è ima pazzia 
lineata importanza ebe si sttribiiisoe alle opere di 
frliakespearet II mio atupore era tanto piii grande, 
in i^uanto ohe io lio sem|>re sentito vivÌ88ìraaniente 
]<■ Uellezie della poesia in tutte le sue forme *. 

Dopo aver letto e riletto piil volte le opere 
di Shakespeare, Tolstoi afferma che non 
solo Shakespeare non può essere conside- 
rato come uno scrittore geniale, ma nemmeno 
rome uno scrittore mediocre. E le ragioni 
di questa sua critica cosi strana sono, bre- 
vemente riassunte, le seguenti ; i personaggi 
di Shakespeare sono collocati dall'autore 
in situazioni tragiche impossibili, 
che non son conseguenza degli avvenimenti, 
non adattate né al tempo, né al luogo; essi 
non agiscono conformemente al loro 

n) Da un irtìroln dell» Htnue Jilm* (1 direnilire). la ijaitleili- 
<I<K»uile •• di Tointol intorno al gnoile ilrsiiiiuiinirgo inglew ; — 

r.M-). l-V. d. H.} 



carattere e tutti i lori atti sono arbitrari; 
la pittura dei caratteri è assolutamente man- 
chevole, e difetta, fra altro, il mezzo prin- 
cipale e unico che a questa pittura serve, 
cioè il linguaggio: ciascuna persona non 
parla un linguaggio suo proprio, bensì tutti 
parlano una lingua sola, la lingua di Sha- 
kespeare, una lingua immaginosa, artificiale, 
che non poteva esser quella dei personaggi 
che egli mette in scena, e che, in generale, 
non potè mai appartenere a nessun uomo 
vivente. • 

Il valore di un'opera poetica è subor- 
dinato a tre condizioni: il soggetto, la bel- 
lezza della forma e la sinceriti^ Ora, i 
soggetti dei drammi di Shakespeare sono 
bassi e volgari quanto mai; la vera bel- 
lezza della forma non si ha in loro, man- 
cando l'adattamento del linguaggio al ca- 
rattere delle persone, la successione logica 
delle scene, la manifestazione e lo sviluppo 
dei sentimenti, il senso della misura. La 
sinceriti^, poi, è dei tutto esente dalle 
opere di Shakespeare, giacché in tutti i suoi 
drammi si vede l'artifizio, sì vede che egli 
non vi mette la sua anima, bensì giuoea con 
le parole. Le opere dì Shakespeare non ri- 
spondono alle esigenze di qualsiasi arte, e, 
inoltre, la loro tendenza é delle piil basse, 
delle piti immorali. 

Origine della gloria di Shakespeare. 

Come spiegare, dunque, l'ìniniensa gloria 
di cui Shakespeare godeT 

Per Tolstoi essa è effetto di un puro fe- 
nomeno di suggestione, e questa sugge- 
stione è venuta dalla Germania. 

Verso la fine del secolo xviii sorsero in 
Germania degli scrittori e dei poeti, ì quali, 
contro la falsità e il convenzionalismo del 
dramma francese, che allora era in gran 
voga in Germania, sì diedero a cercare una 
forma di dramma nuova e piti libera; am- 
miratori dell'arte greca, indifferenti alle 
questioni religiose, essi si volsero al dramma 
greco, libero dalla legge imbarazzante delle 
tre uniti!: un siffatto dramma esìsteva in 
Inghilterra, e fra tutti i drammaturghi di 
quel paese i Tedeschi scelsero Shakespeare 
per la sua arte speciale dì condurre le 

A capo di quel cenacolo letterario si tro- 
vava (ìoetlie, il qimle proclamò Shake- 
speare il pili granale dei poeti j/tTÙ"'*''"'''' 



MINERVA 



i critìfi teile- 
etica, secomlo 
sa del inondo 
•pera d'arte in 
irticolare, e liv 
li e dei earat- 
inateria eufll- 
jiettiva e pre- 
«ndentemente 
le o del male, 
iettiva con- 
dì quello clie 
eligioso del 
uesto termine 
orrispondente 
eriore, in una 
j deve essere, 
ale delta com- 
seiamente per 
ì tutta la sua 
re UD dramma 
a da dire agli 
rtante, conce r- 
10 e Dio, fra 
> e ciò clie vi 

t tedesca del- 
non è neces- 
turale — dice 
ritenuto co- 
kturglii quello 
stabilito nella 
sHgiosa cor ri - 
be, anzi, nou 
ligìosa, e clie 
guanto piti po- 
di discorsi a 
i conclude — 
ea principale 
è che le sue 
ncezione reli- 
aomini delle 
iocìetà. 

amento vedrà 
i.... nello STol- 



i TU CUBA <» 

i Cuba e d'ai- 
vedere la re- 
peculatori; se 
,cebiere, la ri- 

4.DASIS, Thl Wartd'à 



volta contro l'amministrazione Palma sa- 
rebbe stata organizzata e pagata da cospi- 
ratori americani nella speranza di raccoglier 
denari dall'insuccesso dell'indipendenza cu- 
bana. Ma tali dicerie dimostrano soltanto la 
leggerezza con cui molti avvenimenti ven- 
gono attribuiti a cause artificiose anzicbc 
a cause naturali. 

Il capitalista americano cLe deliberata- 
mente organizzasse rivolte in Cuba si mo- 
strerebbe non più saggio di colui che incen- 
diasse la propria casa per liberarsi dalle 
zanzare che la infest'ano. Il confronto fra le 
zanzare e i soliti insorti cubani calza per il 
fatto che le une e gli altri sono assai difli- 
cili a eliminare. Nel Cubano di una certa 
classe è istintiva la ribellione contro un re- 
gime di governo che gli neghi vant-aggi pe- 
cuniari: potrà essere opportuno il pagarlo 
per indurlo a restare tranquillo, ma sareblie 
inutile dargli denari per farlo insorgere con- 
tro il governo vigente. 

È un errore il prendere troppo sul serio 
i malcontenti cubani. È bensì vero che la 
loro pazza anarchia ha forse fatto sfamare 
la possibilità di una permanente indipeu- 
denza dell'isola; ma i loro intrighi e le loro 
meschine turbolenze non potranno arrestar* 
il progresso di Cuba. 



Verso l'annessione agli Stati Uniti. 

La gran maggioranza della popolazione 
cubana non ebbe alcuna parte in quesf ul- 
tima sommossaci! maggiornumero di mer- 
canti, proprietari di piantagioni, operai e 
lavoratori della terra poco sapeva e poco 
si curava delle cause che la provocarono. 
Non v'era alcuna questione che giustificasse 
la formazione di due opposti partiti po- 
litici. Quando Palma divenne primo pre- 
sidente della repubblica, non era né libe- 
rale né moderato: unica ragione dell'esi- 
stenza di questi due partiti è l'ambizione 
irresistibile di salire al potere, o di maute- 
nervìsi. 

Il fatto che il partito liberale comprende 
ora la gran massa delle classi operaie non 
ha che una importanza secondaria: era natu- 
rale ohe a esse rivolgessero appello gli esclu- 
si dal potere, mettendo loro in evidenza le 
illegalità delle ultime elezioni nazionali e ^li 
abasi del governo di Palma, senza i quali, 
però, ben più grave sarebbe divampata la 
fiamma della rivolta. -, . 

UgitizccbyCOOt^lC 



M I N E B TA 



In ogni modo, è assai dubbio clie i Cu- 
tiaui siano atti a governarsi da sé, ed è or- 
mai tempo di froateggìare l'attnale situa- 
eione cubana. 

La maggioranza del popolo cubano rote- 
rebbe per l'annessione agli Stati Uniti 
se questa soluzione venisse francamente di- 
scussa, e se i vantaggi dell'annessione ve- 
Dissero messi a confronto con il decantato 
prestigio dell'indipendenza. Anche negli Stati 
Uniti sono molti coloro die per un motivo 
per l'altro risolutamente si appongono a 
quell'annessione. Ma che Cuba diventi o non 
diventi parte integrale degli Stati Uniti, re- 
lativamente poco importa; ben più impor- 
tante è che Cuba abbia un governo sta- 
bile. 

La tranguillità dell'Isola. 

Ciò è, d'altronde, un affare d'onore per 
gli Stati Uniti. Nella Costituzione cubana 
v'è, infatti, una clausola in cui agli Stati 
Cnttl si assegna non soltanto il diritto, ma 
«uche il dovere d'intervenire negli affari di 
Cnba ogniqnalvolta fossero minacciate o tur- 
bate la pace e la prosperità dell'isola. Fu 
Boltanto per merito di questa clausola che 
cominciò a Cuba una grande affluenza di 
coloni e capitali americani. 

K fu per opera degli uni e degli altri che 
l'isola entrò in una nuova e piiì fortu- 
nata epoca. Gli Americani hanno già rin- 
vestito a Cuba da 750 a 1000 milioni di 
franchi; ma se anche assai minore fosse il 
totale dei loro rinvestimenti, essi avrebbero 
e^nalmente il diritto di esigere che il go- 
verno degli Stati Uniti mantenga la pro- 
messa fatta nel trattato di Parigi e metta 
ÌQ atto la clausola già menzionata della Co- 
etituzione cubana. 

Coloni e capitali americaaj. 

Caba conta meno dì 1,700,000 abitanti, e 
twtrebbe mantenerne un nomerò dieci volte 
maggiore. Dove trovare tanti immigranti^ 
La risposta è una sola: lo stesso spirito in- 
traprendente che attrae centinaia di migliaia 
^i Americani alle campagne granifere del 
nordovest del Canada farà accorrere innu- 
merevoli cittadini degli Stati Uniti alle terre 
anche pia promettenti di Cuba. 

Per lo sviluppo di Cnba occorrono mol- 
te l'entinaia di milioni di dollari: la maggior 
parte di essi verrà fornita dagli Stati Uniti, 



purché i capitalisti non abbiano a temere 
perdite a causa dell'impotenza o dell'insta- 
bilità del governo cubano. 

Qualunque sia il risultato di quest'ultima 
insurrezione cubaQa,il solenneammonimeuto 
di Boosevelt a Cuba è garanzia che una ri- 
petidoae di essa non verrebbe tollerata dal 
popolo americano. Le guerriglie cubane lian 
finito il loro tempo: le inesorabili leggi dello 
sviluppo commerciale e industriale esìgono 
che l'avvenire di Cuba si distingua per le 
vittorie della pace, anziché peri meschini 
trionfi delle disastrose guerre civili. 

yesBuua fazione cubana è animata da an- 
tipatia per gli Stati Uniti. Tutti i capi ve- 
dono di buon occhio l'affluire di coloni e 
capitali americani, sapendo che proporzio- 
natamente a essi aumenterà la loro prospe- 
rità; ma sembra che sia loro impossibile di 
comprendere come i moderni procedimenti 
industriali e finanziari sono troppo delicati 
e complicati per resistere all'interruzione 
delle funzioni governative. Il loro cosmo è 
ancora troppo egoista, ma il loro orizzonte 
certamente si allargherà. 

L'ultimazione del canale di Panama farà 
di Cuba il punto strategico interme- 
dio di tutto il commercio marittimo; 
e lungo quelle coste che si estendono per 
migliaia di chilometri nuove città sorgeranno 
a disputare la supremazia di Avana e San- 
tiago. Ma per lo sviluppo dell'isola non vi 
è bisogno di attendere che sia ultimato quel 
canale. 

L'oggi e il domani. 

Gli Spagnuolì si contentavano di coltivare 
sulle inesaurìbili terre dì Cuba soltanto io 
zucchero e il tabacco, e importavano tutti 
gli altri generi di necessità e dì lusso. Non 
prima dì questi ultimi sei anni si cominciò 
a impiantare a Cuba le moderne industrie 
meccaniche. 

Per avere un'idea della futura prospe- 
rità di Cuba basta percorrere nel centro 
dell'isolai nuovi villaggi americani, che pre- 
sto svilupperanno in fiorenti città. Essi sor- 
gono a nord e a sud dell'antica e sonnac- 
chiosa borgata di Ciego d'Avila, per le cui 
vie pittoresche folleggiano nudi i bambini. 

Ciego d'Avila non è molto eambiata da 
quando la saccheggiarono i pirati or sono 
150 anni; la borgata americana Ceballos, a 
nord dì essa, sebbene non conti che einque 

Dntzrchy Google 



MINERVA 



nebe, luce elet- 
li, lina grande 
rdÌDO pubblico, 
e, e nn'ìnflnità 
rovano in paesi 
:ato da palme, 
onietro si sten- 
1 di ìk immeoBi 
>, per i quali i 
possono caval- 
za arrivare ai 

tballos la feb- 
i fa prevedere 
iba. Più a est, 
che eircondano 
imigrati gli al- 
^oyg del Texas; 
ni dirigono ia 
attraverseranno 
utta la sna im- 



LA LIMITAZIONI-; DELLA PRODUZIONE ' 



:gie 



di 



ioni di dollari 
lì Antilla, che 
dovrà soppian- 

cnratio cbe fra 
otta l'isola un 
mtina di rbilo- 
ore o elettrica, 
a est di Santa 
>metri di torri- 
one ferroviaria 
questa espau- 
erà impossibili 
governo, e con- 
-e 11 costo della 
il forestiero è 
terra, sebbene 
rgo di prim'or- 

comunicazioni 
dagli Ameri- 
astria, la vec- 



CHIGIANO 

ricci belli, 
le par/i; 
'aijelli, 
oralli. 



Già in tempi lontani da noi pro]>rieian 
e operai tentarono di limitare la |>ro<lii* 
zione industriale, ina soltanto ila quamlu 
entrarono in uso generale le maccLìue m 
mili tentativi ottengono qualche iiotevulr 
risultato. 

iìli operai unionisti aft'ermano die ^'l'iir 
dustriali non esitano a limitare la produ- 
zione quando hanno disponibili merci in s» 
vrahbondanza. Tale restrizione deve ìntluiit 
sui prezzi e farli salire; ma contemporautu 
mente l'industriale deve mantenere nell<i 
propria officina una tal misura di pro>1o- 
zioue cbe non abbia a crescere il costo lii 
produzione per eiaseuD prodotto. l>i ciò iion 
è obbligato a preoccuparsi l'operaio quamio 
tenta di far scemare la produzione dell'ut' 
ficina in cui lavora. 

l/industriale, quando occorra, mira a li- 
mitare la produzione complessiva; Ir 
unioni operaie tendono a limitare, o me- 
glio a regolare la prodazione dì cia- 
scun lavoratore in un dato perioil* 
di tempo. 

Diversi modi d'attuarla. 

Non di rado avviene che gli amniinìsira 
tori di certe fabbriche, la cui produzione •' 
divenuta eccessiva, anziché diminuire il la-l 
voro o sospenderlo, provocano artificialroeiitr 
uno sciopero, affinchè essi possano apparire 
al pubblico quali vittime delle unioni ope- 
raie e nascondergli cosi il loro desiderio >!i 
porre un termine al ristagno di merci. | 

Talvolta fra industriali e operai di co- 
mune accordo si stabilisce di limitare li 
produzione, col patto, però, che intanto i,'li 
operai percepiscano salari più alti incorri-, 
spettivo dei prezzi maggiori incassati ibil 
proprietari. Questo sistema è il preferita 
dove industriali e associazioni oxieraie vi- 
vono in pace fra loro; ma, se esso ric^<'^i 
veramente a determinare un aumento 
prezzi, o a impedire un'eqoa concorrenzu. àj 
il consumatore che paga lo scotto. 

Negli Stati Uniti, da parte delle uuioii 
operaie non si vuole una vera limitazione 
di produzione, bensi si cerca piuttosto i 
regolarla in modo da avere un'eqQa^distrtl 
buzione di lavoro. Che i tentativi ilell^ 
unioni abbiano spesso per risultato un ii 

(1) Ditun>rli(»!(i<ldrauIiirera]ceaRioniÌHtaCtKBOLL D.Wk: 



•cby 



rGoogle 



MINEKVA 



.SI 



tevole aumento del eosto di produzione è 
innegfabile. 

In quanto agli operai nnionÌBti inglesi, 
mentre rectsainente nefrano l'esistenza di 
qualsiasi norma tendente a limitare la pro- 
duzione, in realtii regolano il loro lavoro in 
modo da limitarla e aumentarne il costo. 
Per esempio, a Londra il fabbricare eosta 
più ebe a New York perchè l'unione dei 
iiuiratori non permetterebbe ai suoi affiliati 
di- mettere in opera più di é-TO o 500 mat- 
toni al giorno, mentre un muratore di New 
York ne mette da l^iOO a 2000. 

l.'aiiture pmtiegne urgli esempi di iodiutriii Khe 
iir);]i Stati t'niti o iu Inghilterra hanno iinblto limi- 
Uxiuni di produzione per opsrn delle nniuni oiieraic ; 
per Iirevità iiuì vetUiiiuo all'ultima part<>, la piìi in- 
kr^santt», dol suo articolo. 

L'upportuaità di certe limitazioni. 

Sei rapporti fra capitale e lavoro, 
co^i negli Stati Uniti come in Inghilterra 
e iiltrove, vi sono veramente molti squi- 
libri, a superare i quali le unioni operaie 
«licoiio necessarie le loro norme restrittive. 
Ma senza dubbio moltissimi punti su cui ora 
vertono conflitti d'interessi possono accomo- 
darsi mediante reciproci patti i quali, 
wl)!)ene indirettamente influiscano sulla 
quantità della produzione, debbono condurre 
a migliori rapporti fra industriali e operai, 
a pili eque condizioni di lavoro, a maggiore 
onitormità di salari, a orari ])iù ragionevoli. 

I punti su cui ò pii\ facile l'accomoda- 
Bietito si riferiscono all'intensità del la- 
voro, che mule potrebbe regolarsi con nor- 
me precide, arbitrarie, dogmatiche. Una 
restrizione della celerità di lavoro 
piiu rendere possibile un orario più lungo, 
permettere all'operaio di continuare a la- 
Toritre con maggiore regolarità per tutto 
l'aDuo, e prolungare il periodo di attività 
delle singole industrie. Ma ogni tentativo 
di limitare l'intensità del lavoro equivale 
certamente a una restrizione di produ- 
zione. 

Venendo alla questione delle macchine, 
Oliti gli studiosi dell'argomento debbono 
ammettere che potranno applicarsi migliori 
* l'iù igieniche norme sul lavoro delle raac- 
«liiiitì e sull'uso di meccanismi più progrediti 
dt^li odierni, II consumatore riceve in ge- 
tit^rale vantaggi dall'introduzione di una 
nuova macchina: dovrebbe, quindi, soppor- 



tare volentieri una parte del costo. Sotto 
questo aspetto la società deve qualche cosa 
all'operaio: e, infatti, a questo va, è vero, 
una parte degli utili ricavati dalle nuove 
macchine, ma la società è quella che ne 
ritrae la parte maggiore. 

Altri punti che possono essere oggetto di 
discussioni e decisioni amichevoli sono la 
divisione del lavoro e il modo di ottenere 
la massima economia nell'amministrazione 
l'orario, i salari, il modo di pagamento pos- 
sono regolarsi di comune accordo, ma tali 
deliberazioni bilaterali equivalgono a restri- 
zioni di produzione. 

Anche i criteri che il proprietario do- 
vrebbe seguire nell'arruolare o nel licen- 
ziare operai possono essere argomenti di di- 
scussione, e tutte le associazioni operaie vor- 
rebbero imporre limitazioni in proposito; 
ma qua è in giuoco la libertà dell'indu- 
striale, cui anche i tribunali e il pubblico 
riconoscono il pieno diritto di scegliere e 
congedare a suo piacimento i propri operai, 
senza impedimento di sorta. 

Industriali e operai mettono sempre mag- 
giore tenacia nel sostenere ciò ch'essi cre- 
dono i loro diritti, ma nello stesso tempo 
si fanno sempre più propensi a stabilire 
patti reciproci che valgano a salvare le in- 
dustrie da quella tensione di rapporti 
che al pubblico nuoce più di qualsiasi 60]>- 
portabile limitazione di produzione. 

VITA ECONOMICA 
B MOVIMENTO 80CIALE(1| 



La ripartizione delle ricchezze in Francia. 

Calcolare la ricchezza di una nazione è 
cosa tutfaltro che facile, giacché vi sono 
molti elementi che si sottraggono a una 
analisi precisa. Approssimativamente, però, 
la tluttuazione della ricchezza di un paese 
può essere seguita sulla scorta di alcuni iu- 
lìici misuratori; e uno di questi indici è for- 
nito dalle successioni, sulle quali grava 
l'imposta contemplata dalla legge. 

Alcune settimane or sono, il ministero 
francese delle finanze ha pubblicato la sta- 
tistica delle successioni dichiarate nell'anno 
19»"», classificate secondo l'entit;^ delle ere- 
dità colpite dall' imiMSta. Da questa sbvti- 



,y Google 



MINERVA 



eredità sono 
intano, infatti, 
lioDi; 9 da 10 
( (lai a rr,£ì4: 
ì a nn milione; 
re ](M,000 per 
.0,00U francbi, 
mtì da franchi 
ler eredità mi- 
ritti sulle euc- 
tnno 1905, cor- 
valore uetto 
francbi. 
e donazioni 
Mìmplessiva di 
questa somma 
precisi, fatti 
La richesse en 
'esenta la tren- 
la privata dei 
srtanto, di 308 
aggiungere i 
alle Provincie 

ere rilevato è 
UD paese di 
eredità rifletr 

I dell'eccessiva 

10, sia che di- 
Ì8ce irremis6i- 
izzs in Francia 
Etto dal DeFo- 

crescoDOCOn- 
tte tasse sono 
Mte sull'alcool 

esse gravano 
lo Stato abusa, 
diritti; e, prò- 
I più in avve- 
a propugnata 
ale, in attesa 
à venga sop- 
isa sia colpita 
icondo nn pro- 
successioni in 
;re colpite da 
ehh un'eredità 
ibire un taglio 

iDEhilterra !& 
i le critiche del 

«« ft de légitlation 
rileva intorno al 



numero dei luilionari inglegi e al loro redditi le dfrr 
wftnenti : 

Kmdito aonna Nnnuro Clfrs o«D[il(r.'> 

«la fr. 125,000 a 2.->0,000 «500 1,12:>.(»(M- 

» 250,000 a :iOO,Ol)0 2Ó00 «75,(MHl..i-' 

• 500,000 a 1,000,000 750 525.00tM - 

oltre 1 ,000,000 500 3O0,000.i i" 

l>al che risulta come uel B?)ipio Uuito vi sianuein* 
10,000 persone il cui reddito supera ì 125,000 fraar.: 
all'anno, e i vai redditi, «nnimati insieme, rapprter^- 
tano Dna cifra di oltre tre miliardi di frftnrhi. 

L'ìodeanilà ai depatati. 

In questi ultimi giorni la Camera e ii 
Senato francese approvavano senza diecuf 
sione, quasi improvvisamente, una \em 
secondo la quale l'indennità per ciaseni] 
membro del Parlamento viene portata, i 
cominciare dal 1" gennaio 1907, da 900U i 
15,000 franchi all'anno. 

Questa recente legge richiama ancora mit 
volta l'attenzione su di una questione. d^I 
risolvere la quale gli Stati moderni non sone 
ancora d'accordo. In alcuni paesi si accordi 
una indennità ai deputati e non ai senatori: 
in altri l'indennità è limitata alla sessioai; 
parlamentare; in tutti sono facilitati i via^p 
ufQciali dei rappresentanti delta nazione. 

Gli Stati Uniti, con americana mnniC 
cenza, assegnano 35,000 franchi all'anno t 
ciascuno dei membri delle due Camere. U 
Svizzera dà ai rappresentanti della nazione 
20 franchi per ciascun giorno di sessioof; 
la Itumenia 20 franchi; la Serbia 15; l'Au- 
stria 21; la Baviera 12,50; FUngheria asse- 
gna a ciascun deputato una indennità <li 
annui franchi 5000. 

L'Italia, la Spagna e il Portogallo dod 
danno indennità alcuna ai membri delPa^j 
lamento. 

Dì fronte a questi esempi l'autore confesa 
di rimanere perplesso. Si dovrebbe augurar 
— egli dice — a uno Stato bene ordinati 
che alcune funzioni fossero gratuite e appi 
risserai come una testimonianza di fiduciai 
una ricompensa della nazione. La fnuzìoa 
del legislatore, sopratatto, appare come un 
delle più nobili e delie pifi alte che vi poi 
sano essere; essa evoca il ricordo di Soloa 
e di Licurgo, e parlando di essa Montesquiti 
diceva; « La legge, in generale, è la ragion 
umana; e le leggi politiche e civili di ni 
scuna nazione non devono essere che i c-a^ 
particolari ai quali si applica questa ragioni 
umana ». 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



La crisi ferroviaria in Europa. 



Una vivace campagna viene condotta di 
questi giorni iii Francia contro le ferrovie 
f. ])ìù specialmente, contro la Compagnia 
dell'Ovest, alla qnale si muore nna quantità 
di accuse, Timproverandola di iuconvenientl 
clie baoDo tutti, o quasi tutti, una duplice 
cauaa: laBcarse;<zadel personale, e Fin- 
siifficìeuza del uiateriale. È da notarsi 
che queste critiebe non vengono eaelusiva- 
menie dai fautori dell'esercizio di Stato; esse 
si apiegano con ragioni di ordine generale, 
quali la crescente affluenza dei viag- 
giatori e lo sviluppo del traffico. 

Indiscutibilmente, nell' esercizio odierno 
delle ferrovie si attraversa nna crisi, la 
quale si osserva cosi sulle lìnee private co- 
me su quelle di Stato, in tutti i paesi 
dell'Europa. I/attività economica ebe si 
estrinseca in nna crescente produzione delle 
ricchezze viene ostacolata dall'insufficienza 
«lei mezzi di trasporto. 

Ai giorni nostri, non solo la produzione 
europea, ma la fabbricazione mondiale re- 
clamano nuove facilità di circolazione. 

Ora, nel 1906, la siccità avendo per pa- 
recchi mesi fatto diminuire o impedito del 
tutto la navigazione fluviale, furono prese 
«l'assalto le ferrovie, e le stazioni vennero in- 
gombrate, i vagoni ferroviari non sì ferma- 
rono, si può dire, un momento, e nel mese 
di agosto, in parecchi paesi, la circolazione 
delle merci fu assolutamente paralizzata. 
Per quanto riguarda la Francia, una causa 
speciale e transitoria dell'ingombro delle 
merci è da vedersi nella ripercussione che 
ha avQto sulle ferrovie la legge sul riposo 
settimanale. 

La lotta coatro l'alcoolisnio. 

Una forma nuova di iniziativa antialcooli- 
ea, il cui effetto salutare è indiscutibile, viene 
preseutAta in Inghilterra da nna associa- 
zione che ha preso il titolo di: « Public 
house trust ». SI tratta di una Federazione 
di società che cercano dì assumere, nel mag- 
gior numero possibile, l'esercizio di spacci 
di bevande, guardandosi bene dal mettere 
in vendita delle bevande alcoolìche. Anche 
in Francia si fondano, in parecchie città, 
dei < Cabarets bygiénìques », e segnata- 
mente a Parigi godono di una numerosa 
clientela i noti « Cafés Bìard ». 



Fra le bevande aleooliche una delle più 
nocive è l'absinthe. Per questa bevanda 
hanno una speciale predilezione gli abitanti 
della Svizzera francese; e contro di essa ha 
diretto le sue armi il governo del Vaud il 
quale, lo scorso maggio, ha proposto una 
legge con cui il consumo dell'absinthe 
è proibito; o, meglio, è vietata la vendita 
al minuto dì questo liquore o dì qualsiasi 
altro che con qualsiasi nome ne costituisca 
una imitazione. Questa legge, sottoposta alla 
votazione popolare del referendum, fu appro- 
vata, il 23 settembre, con 22,630 voti contro 
15,076. Alcuni vanno anche piii in là, e si 
vengono raccogliendo firme per una peti- 
zione con la qnale si chiede che la costitu- 
zione federale sia sottoposta a revisione, nel 
senso di vietare addirittura la fabbricazione, 
la vendita e l'importazione dell'absinthe. 

Un'altra forma ingegnosa della lotta con- 
tro l'alcoolismo ci è fornita nella Svizzera 
dello stesso cantone di Vand,il cui Consiglio 
ha approvato recentemente, all'unanimità, 
alla prima lettura, nna legge sull'inter- 
namento degli alcoolisti. Tale legge si 
fonda su questo princìpio: che l'alcoolieta è 
un malato, uno squilibrato, il quale non può 
essere guarito né da una multa, né dalla . 
prigione: bisogna costrìngere questo malato 
all'astinenza completa, e questo non si può 
ottenere se non rinchiudendolo ìn un appo- 
sito istituto. In qaesto senso ebbero a esprì- 
mersi vari congressi penitenziari, segnata- 
mente quelli internazionali dì Parigi (1895), 
di Bruxelles (1900) e dì Budapest (1905). 

Nella pratica si presentava il problema di 
evitare l'arbìtrio di una decisione troppo 
affrettata, tutelando la libertà individuale 
e i diritti personali. A tale scopo furono 
presi i seguenti provvedimenti: Il decreto 
di internamento, emanato dal Consìglio dei 
ministri, deve essere preceduto da un'in- 
chiesta amministrativa fatta dal prefetto, e 
da un'inchiesta medica fatta, dal Consiglio 
di sanità. L'internamento non pub essere de- 
cretato per meno di sei mesi; esso avverrà 
in un istituto agrìcolo industriale, e ces- 
serà per decisione dello stesso Consìglio dei 
ministri, in seguito a parere del medico adi- 
bito allo stabilimento. 

W interessante l'enumerazione dei casi di 
internamento prevedati dalla detta legge: 

1° L'Blaooliata condannato per delitto di ubria- 
«heBE» « abituale • potrà «laere internato allo apìraro 



yGoogle 



u 



MIXER VA 



ilells t>eiiH, 8P iguostn ù iiiferiure a un anni) di i>TÌva- 
ìtiune di liliertji: 

•J" Potrà eiwern intcrtiatu il dclimincutt asttolto 
pcTobè o(il|)itu «In nlrouliBiiio ii tal spgiiu da non Psspri' 
in gnulii di apijri'iir.ure le t'Oli scguMi/p t- In iiioralitJi 
delle ani' niiouì; 

3" Patrh Oliatore internato il bevitore oLe. paoita 
con l' interdizione di frequentare le osterie, infrangi! 
questo diviet-u. iionoatanti- un avvertinipiito ufficiali'; 

l- Kitialmpnle potntnn» CHsere internati je'ì ""lii- 
Tidni i quali, pcrcl»^ dediti al lieri!, fauno diiunu a 
so etewil e a coloro ohe li uirooudano, causando rovine 
materiali e morali, pnr senza couinietli^re delitti pni- 
1> 



(ìiardinì 



treni epurai. 



Dal 9 all'll dello scorso novembre si è 
riunito a Parigi, al « Mustie Social ». il 
C OD gre ss o internazionale dei giar- 
diui operai, il quale lia «constatato con sod- 
disfazione il sempre majifgiore diffondersi 
dell'opera propugnata dai suoi aderenti. Non 
solo nei piccoli centri, ma anche nelle grandi 
cittil, e perfino a Parigi, i giardini, od orti 
operai che dir b! vogliano, si moltiplicano 
eontinaamente, e se l'attnale movimento 
dnra, si può prevedere che la maggior parte 
dei terreni incolti, che oggi circondano la 
grande luetropoU, saranno di qui a pocbi 
anni dei centri di coltivazione, di luvoro 
beuetico e di riposo domenicale, con quanto 
vantaggio delle famiglie operaie non occorre 
dire. 

Gli operai clie non possono trovare in 
città uè alloggi snfBcieuti, ne orti, ricorrono 
all'espediente di stabilire il loro domicilio 
in campagna, e ogni giorno si reclino in 
città per tornarsene a casa la sera. 

Come è noto, le amministrazioni ferro- 
viarie accordano a questi umili viaggiatori 
grandi facilitazioni. Molti filantropi vantano 
siffatto ablionamento a prezzi ridotti, segna- 
landolo come una ingegnosa soluzione delle 
più importanti questioni clie interessano il 
proletariato. 

A questa idea ottimista contrastano i 
risultati di una inchiesta che è stata fatta 
nel lìelgio da Henri Joly. Egli ha accertato, 
cioè, che i treni operai allontanano di 
troppo il lavoratore dal focolare do- 
mestico, dal quale egli rimane assente dallo 
spuntar del giorno fino alla sera; cosi alla 
stazione di [lartenza, come a quella di ar- 
rivo, e, s|iesso, anche durante le l'ermate. 
l'operaio fa sosta in qualche spaccio di be- 
vande. 



Un'altra osservazione è stata fatta su tjiie 
sto i)roposito: che, cioè, ì treni operai tanni» 
affluire in abbondanza la mano d'opera nelle 
cittil prospere, e che, alla piil piccola crisi, 
la fanno rìtìuire nei villaggi: sicché l'insta- 
bilità della grande industria si riperciioit- 
immediatamente nella casa del lavoratore. 
Il Joly conclude il suo studio riconoscendo 
che i treni operai possono riuscire utili, ma 
raccomanda di restringere questa istituzione 
entro una cerchia limitata, per un percorRo 
moderato, aft'ermando che con questo prov- 
vedimento si eliminerebbe la maggior parie 
degli inconvenienti deplorati. 

UroTK E PNKrMATICI '»' 

Le odierne vetture automobili, per quanti 
progressi si siano fatti nella loro costru- 1 
zione, non possono dirsi perfetto. Va buon 
motore infatti — e gli odierni motori sono 
eccellenti — non basta: Io sviluppo [nlteriore 
delt'autumobilistiiu, segnatamente di quello 
che potremo chiamare l'automobilisnio uti 
litario, apjilicato non alle vetture di lusso, 
ma ai veicoli per il trasporto di passeggeri i 
e di merci, è paralizzato dalla imperfe- 
zione delle ruote. 

Il pneumatico, tli cui le ruote delle vet- 
ture automobili sono cerchiate, presenta vari 
inconvenienti: prescindendo dal fatto che 
esso può scoppiare, provocando in tal modo 
degli incidenti e. perfino, dei tragici a<-ci- 
denti. il suo prezzo è eccessivo; il eaneciù 
è una sostanza molto cara, e quando la vet- 
tura automobile sia piuttosto pesante e venga 
fiitta correre con discreta velociti^, il <-on- 
sumo dei pneumatici è abbastanza rapido. 

Necessità dei pncuraaticì. 

Qui sorge una questione. Il iineumutico 
è veramente indispensabilef O non sì 
potrebbe farne a meno migliorando la so- 
spensione della cassa del veicolo, adoperando 
delle molle più soffici e magari otto molle, 
come si usa in certe vetture a cavalli f 

Si potrebbe ris|iondere subito che, se le 
due o trecentomila vetture automobili t-bc 
presentemente girano in tutto il mondo sono 
fornite di pneumatici, nonostante gii incon- 
venienti che ne derivano, ciò significa già 
che il pneumatico è necessario. Ma 
questa eccellente ragione non ci dispensa 

(1) Db uà «tti.-ulD.dl U. GiuBimsi, Rtttte àr Pnrit, lò^ixxaXar:. 



,y Google 



M I S E li VA 



85 



«lai dìmoetntre te priaciimli cause di siffatta 
necessità. 

In una vettura, munita di ruote ordinarie, 
t-ercliiate di ferro, le trepidazioni sono 
proporzionali al rapporto fra la massa delle 
ruote e la massa sospesa della \ -''''ra, e 
mimeiitano col crescere della velocità, b espe- 
rienza dimostro clie, a cominciare da una ve- 
todtà di 20 cbilometri all'ora, per quanto 
tìotHci siano le molle, le trepidazioni nelle 
Yttture con ruote cerchiate dì ferro sono 
tali, che munendo di siffatte ruote un'auto- 
mobile, la parte meccanica di essa si cou- 
sinuerebbe con eccessiva rapidità, e fre- 
quente sarebbe la rottura di singoli pezzi. 
Volendo far presto, il pneumatico è neces- 
sario; esso compie, rispetto all'insieme della 
ruota, quella stessa funzione che viene com- 
piuta dulie molle rispetto alla causa della 
vettura: le oscillazioni di una ruota munita 
di pneumatico sono, a velocitò ejfuiile, molto 
]iiil piccole di quelle di una ruota senz» 
imeumatico; e queste oscillazioni, le quali 
vengono ammortite ancor piti dalle molle 
«lellii vettura, risultano, infine, quasi eom- 
|iletanient>e eliminate. 

ICsaminando una vettura in marcia, è fa- 
cile notare come la ruota munita, di pneu- 
matico non salti, al contatto dell'ostacolo che 
incontra snl terreno; è l'ostacolo che com- 
])rime il pneumatico, provocando una picco- 
lissima reazione. Un buon pneumatico* beve 
l'ostacolo »: questo termine non è soltanto 
nna formula felice di pubblicità, bensì una 
(leftuizione perfettamente esatta del compito 
die il pneumatico adempie. 

Questa soluzione del problema della ruota 
rapida è, dunque, teoricamente perfetta. In 
1>ratica, però, come si è già accennato, essa 
presenta vari inconvenienti: e a qnesti si è 
(■■-■reato di rimediare con vari espedienti, 

II raÌ};lior pneumatico. 

Il \nù ovvio di questi espedienti è quello 
del pneumatico a gomma piena, il quale, 
però, ha il gravissimo guaio di non essere 
alibast^nza elastico. 

Gli altri sistemi possono dividersi in due 
categorie: le camere d'aria riparabili auto- 
maticamente, e i pneumatici con coperture 
imperforabili. La riparazione automa- 
tica dei fori che possono prodursi nel 
imeuinatico, riparazione che dovrebbe venir 
eompiuta da certe strisele di caucciù, di- 



S[>o8te nell'interno del pneumatico, e che dal- 
l'aria stessa in esso contenuta dovrebbero 
venir compresse contro le eventuali falle, 
nella pratica difficilmente pnò essere otte- 
nuta. Cosi pure punto pratici, perchè faci- 
lissimi a guastarsi, sono i pneumatici 
costruiti a piccoli scompartimenti 
press'a poco come le navi a scompartimenti 
stagni, i quali mirano a ottenere questo ef- 
fetto: che, quando il pneumatico viene fo- 
rato in un punto, lo sgonfiamento si limiti 
allo scompartimento in cui quel punto si 
trova. 

Per rendere il pneumatico imperforabile 
si è ricorso all'espediente di rivestirlo di 
una specie di maglia metallica, oppure 
di piccole lamine metalliobe disposte sia 
fra la camera d'aria e la copertura, sia alla 
superficie di questa ultima. Questo sistema, 
all'atto pratico, non ha fatto buona prova. 
Quanto a un altra mezzo, quello consistente 
nel coprire il pneumatico con una striscia 
di cuoio munita di chiodi ribaditi, 
esso è utile e viene anche impiegato nelle 
città, iu cui la velocità della vettura è, ne- 
cessariamente, limitata, e il suolo è alquanto 
inumidito, d'inverno in causa della pioggia, 
d'estate per effetto dell'innafQamento; ma 
sulle stratte di campagna siffatta copertura, 
sopratutto quiindo l'automobile corra a gran- 
de velocità, si guasta rapidissimamente. 



Le I 



: a molla. 



Visto che non si riusciva a rendere im 
perforabili i pneumatici, si pensò ad altra 
cosa; e in questi ultimi anni si sono messi 
in commercio molti sistemi di ruote ela- 
stiche. Diciamo subito che nessuno di qne- 
sti apparecchi ha risposto allo scopo perii 
quale era costruito, quantunque da due anni 
a questa parte siano stati rilasciati circa 
300« brevetti di siffatte ruote. 

Di uua di queste luute elastìobu. o mote » inullit, 
la innerva b» nviiUi ooonaioau di parlare piìl di lia 
anno fu. ricordando l'inveuziuued'uu oerlu dottor Bor- 
oliera, 1» oui parti ool ari t?i consiste csseDKial mento in 
questo: i cerchioni di'llu mota sono due, coiicwitriri, 
nno iiih piccolo, al qnnle iiiott«no capo ì raggi par- 
tenti dal niello, l'altro piii grande; fra questo n 
quello è disposta, tutto in giro, nna serie (If molle di 
fonila Bpeolalo, costruite in modo d» dare alla mota 
una grande elastioltiV. senza preg indicarne la eoliditji, 
né aumentarne tro)>[io il peso. 

Naturalmente, con queste ruote a molla il 
pneumatico rimane eseluso; ma la loro ap- 



,y Google 



MISEKVA 



ì rapida non seni- 
le prove recenti 
con «jueete mote, 
velocità (Ii3i)cl)i- 
olo per gli organi 
enza trepidazione, 
jseggeri. Tutto al 
suscettiliili di ap- 
lidi lo ardi, ossi» 
a trasporto auto- 
o con grande ve- 

liltO. 

e novità è nu si- 
re composto, e in 
del pneumatico, 
aostitnìBce un si- 
'acciaio, formanti 
:'interno del detto 
di queste lamine, 
ipirale, per modo 
fa rimanere l'in- 
di questo sistema 
lì esso si compone 
iti l'ano all'altro, 
ci t mente, dorante 
ti, e quindi delle 
>ne che s'impone 
ì nel far sì che 
rte integrante 

lenti risultati del 
ti dovati precisa- 
di due sostanze 
tra, e che, cotnbi- 
formare tutto un 
imente, dando al 
[binazione risalta 
i. In maniera ana- 
risolvere l'aeeen- 
ioè, costruire un 
armato, in cui 
i elastici a bre- 
'altro, appoggiati 
Delusi nel corpo 
te la sua fabbri- 
SButo semime- 
astanza cedevole 
li saranno legati 
elastica, ilcauc- 
ìrà le molle con- 
>. In una parola, 



si tratta di rendere rigido ed elastico al 
tempo stesso l'involucro del pnearaatieo, in- 
corporandovi delle molte di acciaio, le qimli 
sostituiranno benissimo l'aria compressa. 

Qualcuno potrebbe osservare che il cauc- 
cii), come si consuma quando ha sotto di eè 
un cuscino d'aria, eoa 1 si consumerà avendo 
sotto di sé delle molle d'acciaio; e ciò ì- 
vero; ma questo tessuto eemimetallico potrà 
presentare un appoggio molto più solido del 
consueto pneumatico ai bollettoni, i quali, 
non dovendosi più temere di forare la ca- 
mera d'aria, potranno attraversare l'involu- 
cro da parte a parte e, ribaditi solidamente, 
assicurare la durata della cerchiatura. 



\V\LTEK PATKU "' 

Nella fioritura di « profeti » che caratte- 
rizza il mondo intellettuale anglosassone dei 
giorni nostri, era naturale che anche a uno 
scrittore come Walter Pater toccasse la sorte 
di essere considerato e additato come un apo- 
stolo. E il suo « vangelo » fu cercato e tro- 
vato nel romanzo « Mario V Epiourtso » in cui 
è narrata la storia di un giovane romano 
che, vinte le sue tendenze all'epicureismo, 
ammira, aìla cort« di Roma, lo stoicismo di 
Marco Aurelio, ma nemmeno dalla dottrina 
stoica si lascia persuadere, e finisce col mo- 
rire martire cristiano. In base a questo li- 
bro, alcuni hanno voluto vedere nel Pater 
un apostolo del più perfetto soggettivismo 
nell'arte e nella vita., altri un propugnatore 
della lilosotia stoica, altri un apostolo del 
cristianesimo, tipo cardinal Xewman. 

Tutte induzioni e deduzioni arbitrarie. 
Walter Pater non fu an apostolo, non un 
profeta, nemmeno un educatore: egli non 
pretese di migliorare il mondo né di am- 
maestrare gli uomini: egli è uno scrittore 
che ha quanto pochi altri il senso dello stile, 
un interprete fluissimo dell'antichità e del 
Rinascimento, di quelle epoche, cioè, alle 
quali dedicò lo studio di tutta la sua vita. 

Vita e qualità caratteristiche. 
Figlio di un medico, Walter Pater nacque 
a Londra nel 183d; studiò al ginnasio di Can- 
terbury senza distinguersi gran fatto, poi 
frequentò l'università di Oxford, dove a ven- 
ticinque anni ottenne un posto che lo assi- 
fi) Da OD articola di Lio Sf.llhkii, £u A'iuian, 1 dieoubre. 



y'Google 



MINERVA 



A7 



curò per tutta la vita contro te preoeeni>a- 
zìoni materiali dell' tisistenza. I suoi doveri 
(l'insegnante noQ gl'iniponevano una gran fa- 
tica, le vacanze erano lunghe, e il Pater ne 
approfittava per farfl dei soggiorni in Ger- 
mania, e, più spesso ajicora, in Francia e in 
Italia; e, quanto all'Italia, egli fu per gii 
Inglesi il Winckelmann del Binasci- 
meato. Defili scrittori francesi subLl'in- 
duenza, prima del Oautier, poi del Flaubert, 
come si avverte nelle sue opere, segnata- 
mente nel « Mario ». Gli ultimi anni di sua 
vita li passò a Londra, ove era sempre ben 
accetto in società, sebbene non contribuisse 
troppo a intrattenere 1» compagnia. Morì im- 
prowÌ8ament« nel IHH. 

All'lnfuori del « Mario » e dei racconti 
flmoffinary PortraitaJ, che hanno un parziale 
valore autobiografico, il Pater non si arri- 
schiò mai nella rappresentazione di figure 
da lui create di pianta. E fece bene, perchè 
a lui mancava veramente il senso de- 
gli nomini, il senso della vita. Il suo 
carattere è quello di un erudito, diligente, 
tranquillo, chiuso nel suo lavoro, che non 
vorrebbe mai uscire dal suo studio per ve- 
nire a contatto col mondo. Dì una delica- 
tezza sensitiva, può paragonarsi a uno di 
quegli artisti del principio del Klnascimento 
che « odiano ogni pesantezza nell'accentuare 
i forti contrasti di luce e d'ombra, e l'es- 
senza della cui arte è tutta nell'espressione». 
11 parlare, l'agire era per lui una pena, e 
una conferenza, ch'egli t«nne una volta al- 
l'università popolare di Toynbee Hall, gli 
costò un vero sforzo. 

Come interpretatore e ricostruttore 
di epoche storiche, Walter Pater mostra, 
segnatamente negli « Studi sul Rinascimen- 
to », qualità mirabili; come narratore, no- 
nostante la storica fedeltà dell'ambiente che 
egli ci presenta — nel « Mario », jier esem- 
pio, la festa degli Arvali, la vita in Etm- 
ria, ecc. — gli manca la facoltà dì infon- 
dere vita ai suoi personaggi. 



MATRIMONIO E DITDB2I0 m MORI] DAKOTA e» 

Il Nurd Dakota, ohe boIo da quindici anni ha 
remata di eBsere un Territorio per diventare ano 
Stato regolarmente organiiEato dell'Unione nord-ame- 
ricaoa, si «ompone di trentanove contee. Una stati- 



stica ooniplotn (Il tutti i inatrimoiii e dirurzi cuii- 
ehÌDHi in tntte le contee nel dotto periodo di quindici 
anni non sarebbe etato possibile avere; ma le cifre 
ohe riporteremo in questo artimlo yeunero racoolto 
in trentotto oontee per i matriiuoni, in trentoquattfo 
per i divorzi, e tntte per l'intero periodo di esistenza 
dello Stato. 

I matrlraoni. 

La popolazione di quelle trentotto con- 
tee era di lSi),)*48 persone nel 1890, di ;fH,797 
nel 1900, ciò che rappresenta un aumento 
dei 74.07 per eeuto nei dieci anni, del 7.1 
per cento all'anno in media. Contempora- 
neamente, dai 1891 al 1900, la percen- 
tuale dei matrimoni è salita dal 14.8.'j al 
13.31; nel triennio seguente essa salì alla 
media del 17.91, mentre nel 1903 la po- 
polazione era aumentata a 384,745 iiersone, 
di cui 6890 coniugate in quell'anno stesso. 

3ì pub asserire, perciò, che al contrario 
di quanto avviene in moltissimi paesi eu- 
ropei e in altri Stati dell'Unione nord-ame- 
ricana, net Nord Dakota la percentuale 
dei matrimoni è in continuo e pro- 
gressivo aumento; e in generale essa è 
un barometro abbastanza esatto delle 
condizioni economiche del paese, di 
guisa che negli anni piìl prosperi essa sale 
alquanto, e diminuisce nelle annate di mi- 
nore fortuna agricola e industriale. 

Pure per ragioni economiche, visone - 
mesi in cui sono più frequenti i matrimoni; 
nel Xord Dakota il mese preferito dagli 
sposi è il novembre. Di 31,779matrinioni, 
avutisi in trentotto contee di quello Stato 
dai 1890 al 1904, 5190, cioè circa una sesta 
parte, si ebbero nel mese di novembre, che 
sussegue alla stagione dei raccolti agrari e 
dei più assorbenti lavori campestri. 

Nel 1890 l'età media delle persone 
che contrassero matrimonio fu di 2t> 
anni per gli uomini, di 22 per le donne; e 
il matrimonio non era allora permesso in 
età inferiore ai 16 anni per i maschi, ai 13 
per le femmine. Ora l'età minima per con- 
trarre matrimonio è di 18 anni per gli uo- 
mini, di 16 per le donne, sempre, però, re- 
stando fermo l'obbligo del consenso dei ge- 
nitori; e in media gli uomini si sposano ora 
a 28 anni, le donne a 23 e mezzo. Generale 
è ora la tendenza a differire le noz- 
ze, e più specialmente essa si osserva nelle 
classi più civili. 



Digilizcd by 



Google 



ore o minor numero «li mutivi am- 
dai ein^'oli Stati. Anzi, Benzu dubbio 
dato che il limiture i mutivi non dì- 
ii-e il comptesiiivo numero dei divorzi, 
! aumenta ijuello delle istanze preseit- 
1 base all'uno o. all'altro dei motivi 
i ammessi. 

triocipale ra^ioue per cui le legyi del 
Dakota attraggono nello Stato molte 
I coniuifali desiderose di «t-ìogllere il 
incoio è il breve tempo di resi- 
I da quelle legpi rioliiesto. 

Il rimtilio ila adottare, 
imedio a questa frequenta dei divorzi 
■enire ffradatanient«, non bruscamente, 
izione dev'essere, non rivoluzione, 
olusione deve appoggiarsi a leggi i-be 
IO pìfi diflSeile e jiìù importante il 
arre matrimonio. I^e uniouiavveu- 
>iio quelle ebe hanno nmggiore proba- 
di riuscire disgraziata e finire eoi dì- 
, Tuttavia, il mettere troppe restri- 
dia fncoltA di eontrarre matrimonio 
e senza dubbio contro il pubblico iu- 
I, che vuole la coutinuasione della 
ìa e della razza. 

itntto dovrebbe jirendersi un provve- 
to ebe servisse a i>roteggere la t'ami- 
a diminuire la frequenza dei divorzi, 
lotrebbe consistere nell'obbligo d'in- 
■e immediatamente il eonìuge t-onve- 
lel processo intentato contro di ini, 
è possa mettersi sulla difesa e co- 
ire la parte avversaria a produrre 
e succienti motivi, 
landò vi sia un buon motivo''dÌ 
zio, v'fi pure luogo a un'azione pe- 
Ja parte dello Stato. Girea 20 per 
flì tutti ì divorzi sono per adulterio: 
Ipe voli subissero una condanna pe- 

anzicliè avere soltanto quella Ben- 
di divorzio alla quale forse aspiriv- 
vi sarebbe certamente una diminu- 

di questa specie di reati. Altri 

cento dei divo.rzi vengono concessi 
nzie gravi: nel "rCana^Ià i colpevoli di 

sono condannatfi alla fustigazione, 
ndono del domli'.eilio coniugale dil 
i -M divorzi per esento, l'ubbriacbezza 
■ cento; se la pslyirte rea venisse 
i anzicliè ottenejire il desiderato 
lio. il numero dl'ì divorzi certa- 

diminuirebbe.r 



DigitizicbyGoOt^lc 



MINERVA 



89 



LIBRI m:ovi TKDKSCHI (" 

Memorie storiche. 
Ai fiorili nostri sono di mode, in Ger- 
mania non meno che in Fr»ui.-ia e in altri 
paesi, le pubblicazioni di memorie storiche. 
Dopo quella clamorosa dei ricordi del prin- 
cipe Holienlobe, ecco che ora viene pubbli- 
<-ata la interessantissima corrispondenza epi- 
Ktolare del conte Paolo natzfeldt, figlio della 
contessa Sofìa llatzfeldt, durante la guerra 
franco-prussiana del 1870-71 [2], 

Il conte Pafllo Hatzfeldt era stato, nel 1863, 
segretario all'ambasciata di Prussia a Pa- 
rigi; tre anni dopo, fu mandato come primo 
segretario all'Aja, e nel 1868 tornì) a Berlino 
come consigliere al Ministero degli affari 
esteri. Nella guerra del 1870 egli seguì iìia- 
marck. Dopo la pace andò ambasciatore a 
Madrid, poi a Costantinopoli; dopo essere 
stato ministro degli affari esteri di Prussia, 
fu mandato ambasciatore della Germania a 
Londra, dove negoziò la cessione delle isole 
Hamoa e dell'isola di Helgoland. Mori nel 
IJWl. Le memorie di qnesto diplomatico, che 
esaminava gli uomini e le cose freddamente, 
senza appassionarsi, hanno un grande valore. 
Nelle lettere che testé sono state pubbli- 
<;ate vediamo passare successivamente sotto 
i nostri ocelli molte delle principali batta- 
glie della guerra franco-prussiana: Woerth; 
Saint-Avold; Mars-la-Tour; (iravelotte; l'as- 
sedio di Toni; la giornata di Sedan. Grazie 
alla sua perfetta conoscenza del francese, 
il conte Hatzfeldt prese parte attiva ai ne- 
goziati per la pace; e nelle sue lettere tro- 
viamo relazioni particolareggiate degli in- 
contri di Bìsmarck con Jules Favre e con 
Tbiers e del pranzo storico di Versailles. 
Tutte queste relazioni sono fatte, a quanto 
sembra, con una grande cura della verità, 
dall'uomo che Bismarck chiamava « il mi- 
glior cavallo della sua scuderia ». 

Di genere affatto diverso, ma anch'essi 
interessanti, sono i ricordi della principessa 
Caterina Kadziwill (:ì), la quale conobbe le 
corti di Pietroburgo, di Berlino, di Londra, 
e la societiV del Cairo e di Costantinopoli. 
Cugina del generale Skobeleiì', amica dello 

il) Da nn BTCioito di J. UE CuusxiiNoes. f.ri Ktctw (aaaitant 
KtTiu da lUttui-, ir> diMmhrp. 

\ii Gmk Pilli. n*T/yBLi>T : ytidBigbrlefi, IgTWfTl , LcÌihIe. 
Kchmiclc nml GHnther. 

(J) CtTHERi^E PHiviRi'iird B4T1IIWILL : Mtltu EHHntmigen ! 
Lri]tii^, Schmidt anil GltoClier. 



imperatore Federico e di sua moglie, della 
imperatrice Eugenia, di Balzac, di Bismarck, 
essa fu anche in relazione con Cecil Hhodes, 
il Napoleone del Capo: e intorno a tutti 
questi personaggi si trovano nei suoi ricordi 
interessanti osservazioni. Quella che, forse, 
non si trova è la spiegazione di quell'enig- 
ma che fu il Rodes, la chiave del mistero 
che regna intorno alle loro relazioni. 

Le donne nella vita di Mozart. 

Il volnme che sa questo argomento ha 
scritto la signora Carola Belmonte (1) si 
legge con simpatica curiosità. 

Dalla madre, che Mozart perdette al suo 
ritorno da un viaggio in Francia e che egli ' 
pianse cosi amaramente; da sua sorella Fe- 
derica; da Costanza Weber, la donna che 
egli sposò lo stesso anno in cui mise iu 
scena il Eatto al terraglie, fino a Ilaria An- 
tonietta ohe lo prese sulle ginocchia, fino 
alla grande Maria Teresa, la quale trovava 
che la parola compositore e la parola fan- 
nullone sono sinonimi, rivìvono nelle pagine 
di questo volume tutte le figure di donna 
che passarono nella vita dell'insigne maestro. 

Il libro della signora Belmonte dà una 
chiara idea della formazione e dello svi- 
luppo dell'anima sentimentale di Mozart. H 
poiché ragionevolmente si suppone che le 
figure di donne da lui create uon siano 
pure fantasie, ma abbiano degli elementi at- 
tinti nella realtà, si comprende come rie- 
sca interessante questo studio delle donne 
che hanno circondato e amato Mozart o che 
sono semplicemente passate accanto a lui. 

Il teatro delle 



In nn articolo pubblicato nel fascicolo 
del 13 maggio 1900 rilevavamo come l'arte 
del marionettista, anziché cadere del tutto 
nella stima del pubblico, vada riacquistando 
una insolita popolarità a Parigi, dove vi è 
più di un teatro di marionette assiduamente 
frequentato dagli habitués de' principali tea- 
tri, da critici e autori drammatici, da si- 
gnori e signore della migliore societil. An- 
che in Germania il teatro delle marionette 
è in rifiorimento, e pittori di vaglia non 
sdegnano di curarne la decorazione e i co- 
stumi, mentre gli impresari mettono in scena 
perfino dei drammi di autori contemporanei, 

(1) CtKOLt IlKT.siaNTr % Pie Franta in IMtu Jf«»rU: llerlia, 
Gelirlider BAlrhel. 



■cby 



Google 



MI NE EVA 



. oppure commedie 
i Catderon, del car- 
iavelli, di Goethe, 
lite di Shakespeare, 
teatro delle mario- 
e in tutti i tempi 
recentemente un 
ale, a dire il vero, 
e tuttavia a dare 
i questo genere tea- 
) essere completato 
ose opere che in 
;tate pubblicate in 
to argomento; tali: 
ic; Die Heimat dex 
eheì; Ertriihnnnffen 
er WellUteratur di 



Ica. 

licazione è quella 
un, intendente del 
heim, intorno alla 
ttor Hagemann è, 
che, oggi, in Ger- 

teatro e la sua 
;ena, la di;cione, il 
:iooe degli attori. 
Imente utile alia 
80 l'autore si oc- 
pretazionedei gran- 
rendere il loro pen- 
dei problemi del 

valore di questo 

lerno. 

parla, invece, En- 
1 tre volumi, inti- 
moderna » (3) la 

cronistoria del 
Qte gli ultimi venti 

a mettere in ri- 
fra l'origine, l'edn- 
<utore drammatico 
turni di un popolo 
I, egli osserva come 
li abbiano il dono 
ìdesebi sono afor- 

iHsiutfan , BerllD, K. Freiu- 

I>it Eunit d»r miinitthtjt 
Sffler. 
nuinturpif ; Leipilg, Sslich. 



niti. Egli tratta di mia quantità di questioni, 
per esempio di quella del gusto e dei vari 
bisogni che l'uomo ba nelle varie epoche. Il 
teatro deve soddisfare cosi bene alle nostre 
aspirazioni, che è necessario che esso vari 
con tutte le liuttuazioni dello spirito di una 
nazione. Ed è appunto questo che rende la 
storia del teatro profondamente interessante. 

Gli antichi Celti e Germani. 

Col titolo di « Civiltà degli antichi Celti 
e Germani » Georg Grupp ha pubblicato 
un'opera seria e coscienziosa (1) nella quale 
ci inizia al carattere, al modo di vivere, 
alla scienza, alla religione, al commercio, 
all'agricoltura di quegli antichi popoli. La 
parte più interessante del volume è, forse, 
quella che tratta dell'influenza greca e ro- 
mana sui Germani orientali e occidentali. 

Da alcuni anni a questa parte sono state 
scoperte nuove fonti della storia dei Celti 
e dei Germani, mentre altre fonti che, fino 
a qualche tempo fa, si credevano fededegne. 
sono risultate di dubbia autenticità; tenendo 
conto di questi nuovi risultati della scienza, 
l'autore ha potuto mettere insieme un lavoro 
veramente nuovo e abbastanza completo. 



L'INFLUENZA DELU LUCE SUL SANGUE •" 

È cosa conosciuta da molto tempo che la 
luce ha un'importanza grandissima 
nella formazione della sostanza co- 
lorante verde delle piante. Ora, que- 
sta sostanza, dal punto di vista chimico, 
presenta una grande affinità con la 
sostanza colorante del sangue. Data 
questa affinità, è ovvio pensare che am- 
bedue le sostanze si debbono comportare, 
di fronte alla luce, in modo, pressoché 
analogo; ma intorno a questo problema non 
sono state fatte, finora, delle ricerche speri- 
mentali abbastanza ampie. 

Di particolare interesse in questa que- 
stione è la cosidetta anemia polare, quel- 
l'anemia, cioè che si osserva in modo spe- 
ciale negli esploratori delle regioni iper- 
boree, durante la lunga notte invernale. 
Questo fenomeno fu studiato, in tempi ab- 



(ij n» 1 



L arUoolo di H. P. I. Oiruh, Dit Cnudati, IS di- 



yGoogle 



M I S E E VA 



bastanza recenti, dal medico della spedizione 
ffansen; ma egli iioa riuscì ad accertare 
«he 8i trattasse di un'anemia vera e propria, 
e suppose che il detto fenomeno fosse do- 
vuto a qualche altra causa. 

I/unico ricercatore clie abbia accertato 
una vera anemia, ossia una diminuzione 
della sostanza colorante del san^e durante 
l'inverno, e che abbia messo questo fatto in 
relazione con la luce, è stato il compianto 
Finsen, il fondatore della fototerapia. 

Ricerche spcrimcotali. 
Per avviare l'interessante problema verso 
la soluzione, l'autore dell'articolo che rias- 
sumiamo ba fatto una serie di esperimenti 
su un certo numero di conigli. Di questi 
conigli egli collocò la metà in un ambiente 
illuminato, l'altra metà in un locate scuro, 
ti analizzò regolarmente il loro sangue, spe- 
cialmente occupandosi delta sostanza colo- 
rante e del numero dei cori>u8coli rossi. 

I risultati di queste interessanti ricerche 
sono i seguenti. Il soggiorno nell'ambien- 
te oscuro ebbe per effetto non già di mo- 
dificare la composizione del sangue, 
la quale rimase pressoché normale, bensì di 
farne diminuire la quantità: in tre mesi 
questa quantità potè essere ridotta alla metà 
del normale. 

La luce del giorno, forte, diffusa ba 
per effetto di far diluire il sangue in lieve 
misura. 

II bagno di luce elettrica lo fa di- 
luire in misura molto maggiore, ma, subito 
dopo, il sangue riprende il suo colore nor- 
male. 

La luce rossa esercita un effetto eguale, 
presso a pooo, a quello dell'oscurità, ossia 
fa diminuire la quantità del sangue. La 
luce azzurra, invece, fa aumentare questa 
quantità in modo notevolissimo, piti ancora 
di quel che non avvenga per effetto del ba- 
gno di luce. 

I fenomeni sopra indicati si avvertirono 
anche negli animali venuti alla luce in un 
ambiente oscuro, o, rispettivamente, in am- 
bienti con luce variamente colorata. 

Probabilmente, anche il noto fenomeno 
della prostrazione primaverile è dovuto a 
qualche mutazione nella quantità del san- 
gue; ed egual causa determina, probabil- 
mente, anche l'anemia polare. 



QUESTIO NI PEL GIORNO 

La giluazùme politica in Europa. . — Organiz- 
zazione di cUvme e organizzazione poUtioa. 
— Un Istituto oommereiale... e la legge, 
I^acutezza della lotta per la separazione 
della Chiesa dallo Stato, in Francia; i! fer- 
vore della battaglia elettorale in Germania; 
sono ora gli argomenti che appassionano 
l'opinione pubblica, distraendola dalla con- 
siderazione delle cose russe. Cbi pnò dire 
che cosa bolle in quella immensa i-aldaiaT 
e prevedere che cosa ne verrà fuori f 

Certo, sarebbe cosa dolorosa — dirò di più, 
sarebbe un delitto di lesaciviltà,se dopo lotte 
immani dovesse riuscire allo Czar e al suo 
partito di risospingere indietro il paese verso 
la serviti! politica. £ da augurarsi cbe trionfi 
alfine il regime della libertà; sia pure con 
qualche temperamento provvisorio cbe il 
tempo emenderà o cancellerà da sé; e l'im- 
menso impero entri realmente, effettiva- 
mente, nel mondo della civiltà europea. 

Da noi, nessuna lotta politica importante; 
acque calmissime, che altri direbbe, forse, 
stagnanti. 

Perdura la lotta dei lavoratori del mare 
contro gli armatori. A questo proposito mi 
preme di far subito un'aggiunta a quello 
che scrivevo la settimana scorsa. Il governo 
provvide subito ad attivare il servizio po- 
stale fra il continente e la Sardegna per 
mezzo di torpediniere delta B. Marina. 

Intanto sono scoppiate altre agitazioni; 
notevoli sopratutto quelle degli avvocati e 
dei magistrati. 

Non è nostro compito di esaminare le do- 
mande di ciascuna di queste organizzazioni, 
e vedere quali siano e quali non siano le- 
gìttime. Sarebbe troppo ardua impresa, per 
la quale è anche difBcilissimo procurarsi i 
dati di fatto necessari. 

Una sola osservazione vogliamo fare. Koi 
che non abbiamo saputo organizzare l'opi- 
nione pubblica in vaste associazioni politi- 
che, vediamo ora sorgere minacciose da tutte 
le parti le organizzazioni di professione e 
di mestiere ; per dirla con la parola di moda, 
le organizzazioni di classe. 

Queste organizzazioni possono essere utili 
alla collettività in quanto non antepongano 
ì loro interessi a quelli di tutte le altre 

D.imz.chyGoOglC 



VI I S E B V A 



accino 
Oello 
ìi dove 
he che 
ea per 
shieria 
lari, 
ca del 
nonba 
politi- 
ne che 
1 poli- 
> degli 
è ve- 
azìone 
prima, 
B sono, 



i quat- 
lale ìd 
i studi 
telo si 

nercia- 
rel90fi 
dì» di 
tituire 

e pra- 
er via 
bblìca- 
tura e 
i uffici 

carat- 
te rap- 
iti fun- 

degna- 
liù im- 
. Come 

eomi- 
.ndare ; 

di un 
oea Bi- 



le se- 
namia- 



C'è un accenno sommario del programma 
degli studi, ove si indicano le condizioni ili 
ammissione, si flssano le tasse da pagare: 
non solo, ma sì dice tranquillameute che 
dopo il corso si daranno delle lauree, si con- 
feriranno titoli di dottore, di perito, ecc. 

Chi è die fa tutte queste belle cosef in 
nome dì qnat leggeT Al lettore ragionevole 
la cosa sembrerà incredibile: nessuna legge 
vi è citata; e tutte queste belle cose recano 
seinplicemeute una firma anonima : « La JH- 
rettone». Cbi et dì chi sì compone questa 
« Direzione » che firma cosi « in incognitof » 

Dunque, in Italia sì istituiscono studi su- 
periori, si fissano tasse, si conferiscouo 
lauree, senza bisogno di disturbare Camerii 
e Henato, senza una legge! 

Contro queste cose ha protestato energi- 
camente, in Senato, Yalentino Cerruti, l'il- 
lustre direttore della Scuola di applicazione 
degli ingegneri, di Boma. Molto probabil- 
mente la cosa avrà un seguito: sarebbe 
male che non l'avesse, e che la questione 
non avesse un'eco anche alla Camera. Si 
tratta di una violazione delle più elemcD- 
tarì guarentìgie costituzionali, per le quali 
nessun ministro può assegnare fondi e creare 
uflìci retribuiti senza V espressa approva- 
zione del Parlamento. 

Ma per toccare con mano quanto sìa vasto, 
malgrado tutto il gridare della stampa, il 
campo ancora aperto agli arbitrii ministe- 
riali, basterebbe dare una occhiata alla storia 
dì questa famosa Scuola media di studi com- 
merciali, alla quale ora si innesta tranquil- 
lamente, senza alcuna legge, una specie di 
università commerciale. 

Anzitutto, osiamo dire che tutta intiera 
l'istituzione è assolutamente inutile. Certa- 
mente, in cento altre guise più utili e più effi- 
caci si potrebbero spendere le ingenti somme 
che essa assorbe. Roma ha sopratutto biso- 
gno di buone scuole agrarie e industriali, 
di arte applicata all'industria, di scuole, 
insomma, nelle quali si insegni a prodHrre 
qualche cosa. J)i scuole dove sì insegna a 
tenere scritture e » far della contabilità, uè 
ha già anche troppe; a ogni angolo dì via 
vi imbattete in nn ragioniere a spasso; senza 
dire, poi, che un giovane, il quale abbia 
nn po' d'ingegno e un jV di cultura, iu 
IJigitizccbyCiOOgIC 



MINERVA 



poelii mesi può imparare a tenere qaalnn- 
que f^enere di registri e di contabilità. 

INia a Boma c'è tanto senno pratico nel 
peto commerciale, o almeno iii quelli che in 
detto ceto posano a caporioni, che, allettata 
da nna Ingegnosa reclame, la Camera dì 
ComDiercio non ba esitato a votariJ di an 
colpo mezzo milione — piti della metà del 
suo intiero patrimonio — a favore dì que- 
sta burocratica superfetazione! Questa Ca- 
mera dì Commercio, che non ba mni fatto 
nulla per sviluppare sul serio le risorse di 
questa disgraziata regione, si è affrettata, 
appena ba sentito dei paroloni del genere 
di quelli del programma che abbiamo rife- 
rito più su, a dare la metà del suo patri- 
monio per aumentare la produzione dei 
contabili ! 

E siccome tutto si è fatto senza alcuna 
legge, è ben naturale che nessuna legge di- 
sciplini la nomina dei professori, i loro di- 
ritti e i loro doveri. 

Cosi non è a stupirsi se alla Direzione 
della scuola, la quale ba pure delle grandi 
pretese, sia stata chiamata — ben inteso, 
senza atcnn concorso, senza alcuna pub- 
blicità di sorta — persona munita dì un 
semplice diploma di abilitazione all'insegna- 
mento della computisteria. Per i magri sti- 
pendi dei professori ci vogliono concorsi, 
ci vogliono lauree e altri titoli seri. Per la 
Direzione, lautamente retribuita, basta, a 
quanto sembra, un diplomucteìo qualsiasi. 
Noi non siamo adoratori dei diplomi, ma 
crediamo che quando si tratta di posti così 
importanti sia legale, sia doveroso dar modo 
alle persone che hanno titoli competenti, di 
farli valere; crediamo pure che sia doveroso 
di indagare come siano distribuiti i posti, 
e se è vero che sono cumulati nella stessa 
persona tre uffici, tutti e tre ben retribuiti. 

I professori bbe 8i agitano vivamente, e 
non a torto, quando venga illegalmente co- 
perto nn modestissimo posto di incaricato, 
credono giusto, credono tollerabile questo 
conferimento arbitrario dì poeti così impor- 
tanti e cosi lucrosi; non scompagnato, per 
giunta, da illegali accumnlamenti di stipendia 

Valentino Cerruti molto opportunamente 
ha sollevato la questione in Senato; altri 
la solleverà alla Camera, e al Senato stesso 
essa sarà oggetto di interpellanza. Intanto il 
ministro Cocco-Ortu, che ba vivo il senti- 
mento della giustizia, non dovrebbe tardare 



a esaminare attentamente ciò che si fa e ciò 
che gli si fa fare in codesta università com- 
merciale, che gli vengono creando sotto ai 
suoi occhi quasi senza che egli se n'accorga; 
né dovrebbe tardare a richiamare tutto e 
tutti alla severa osservanza della legge. Ma i 
professori sopratutto, i cui diritti vengono 
tranquillamente messi in burletta, dovreb- 
bero muoversi. L'esiguità degli stipendi è 
cosa tollerabile, se pure non desiderabile; 
ma contro le ingiustizie è sempre dovere in- 
sorgere. RiP. 

P. S. Avevamo soritto queste [larolc <|uando leg- 
gemmu nel Mtuaggtro la notizia obe a direttore di 
■inesto Istituto oommeroiale è stato ohìamato un pro- 
feBHure del l'uni veraìtà di Bologna. 

ATreitio, [lDn([ue, dne Direzioni f Non è detto nel 
VrogTHiuiua ^iii sopra citato ohe il nuovo Istituto 
deve oostituiTe « con U R. scuola medi» di studi 
oomuierolali un solo organismo soientilioo p pratico »f 
Chp bisogno o'è. adunque, di duo Direzionit II Mi- 
nistero dell' Bgriooltura, ohe giuntamente lamenta 
sempre la seursità delle sue dotazioni per i servizi 
piti iniportiiati. ba dunque delle niigliiiia di lire da 
buttar via* 

Soggiunge, poi. il Meaiaggero: per alcune oattedre 
« oi viene riferito ohe non si farebbero oonoorsl, ai& 
ohe desta vivi nialnniorl nel oainito dell' insega amento 
e della aoienaa, dove sono elementi ohe utilmente po- 
trebbero prendervi parte e recare maggior lustro alla 
scuola *. 

Il maleonteato è pi il ohe legittimo. Ànehe per 
questo dovrebbe il Ministro Coooo-Ortu persuadersi 
della neoFBBJtà di provvedere alla sistemazione dì 
tutto l'Istituto con regolari disposizioni di legge, 
sfrondando tutto ciò ohe è inutilo o superfluo, e 
^indendo la porta a tutti i favoritinmi. 



SPIGOLATURE 



— La corazzata inglese Jhreainottght, della quale 
oi siamo giii oooupati su queste colonne, rappresenta 
una vera raritA nou .lolo per le sue dimensioni oolos- 
aali (IK,HOO tonnellate), ma anche per la straordinaria 
rapidità con la quale no è stata eseguita la oostru- 
zione e ultimato l'ai lesti mento. Dopo soli undici mesi 
dacché n^ ne iniziarono i lavori, fu pronta per fare 
[e sue prove in mare, che vennero compiute oou sod- 
disfacenti risultati, lu Francia, il mMnium del tempo 
tinora impiegato per costruire e allostlre una nave 
da guerra é stato di cinque anni, 

— Nell'Australia meridionale, distretto di FariD», 
è stata scoperta una miniera di oorindoue che sembra 
sia di una ricchezza inaudita 

— Il grand» forno elettrico rotativo sistema Stasssno 
ultimamente impiantato a Torino, destinato alla pro- 
duzione dell'aoolaio per la fabbrioozioue dei proiettili, 
■pah produrre 2500 chilogrammi d'aooìalo in venti- 
quattro ore in c|uattro colate, consumando per riascuna 
di queste )^50 kilonatt-ora. 

-^ li direttore generale dc-i telegrafi cinesi ha af- 
fidato a una commissione l'incarico di regolare e di 
unitioare l'ortografia dei nomi di città del Celeste 
Impero: questa misura è resa indlspiiisabile dal re- 
cente sviluppo del serriEio postale e telegrafico e dal 
fatto ohe la incerta grafia di vari nomi di cittil 
molto simili l'uno all'altro ha generalo più di una 
volta «onfusioni e ritardi. 



Digilizcd by 



Google 



M I S E K V A 



FRA LIPRI UECCHI E MUOUI 



H. (i. 'W'ELr.s: Mei fiorai della Cometi. HoniHiizo. 

Milano, Treves, 

Questo romanzo di H. G. Wella trae, come 
era da aspettarsi, la sua nota principale 
dall'insolito e dal nuovo; ma la sua tela è 
ordita tutta di fila e di materiale usato e 
vecchio. Accanto a una storia di amore tra- 
dito e affatto individuale, si svoljfe e si 
acuisce il solito conflitto sociale fra capi- 
tale e lavoro, e con esso si viene accen- 
tuando e impermalendo l'orgoglio impe- 
rialista delle nazioni con tutto il suo accom- 
pagnamento di gelosie e d'interessi. E in 
tutte tre queste azioni, in luogo del buon 
seuso e della ragionevolezza equanime, sono 
di guida e d'incitamento il rancore e l'odio. 
Cosicché sì viene al sangue: l'individuo inse- 
gue con propositi omicidi la donna amata 
e l'amante di lei, fuggiti insieme a Slia- 
pliauibury, un sito vicino al mare; gli operai 
si abbandonano a un violento sciopero con- 
tro i padroni, che si oppongono con altret- 
tanta violenza; e tra l'Inghilterra e la Ger- 
mania scoppia la guerra, a cui prende parte, 
naturalmente, la Francia. E così tutto il 
mondo è pieno d'incertezze e di presenti- 
menti di un terribile avvenire. 

Ma, ecco, proprio quando il tradito spara 
ì suoi colpi di revolver sulla coppia inse- 
guita, e, a quattro miglia di là, sul mare, 
s'ingaggia sul fare della sera una battaglia 
navale tra la flotta inglese e la tedesca, una 
cometa, già apparsa da tempo e oostitnita 
non da materia solida, ma da centinaia di 
migliaia di tonnellate di gas, giunta, nella 
sua orbita, in troppa vicinanza alla terra, 
si discioglie e sparge su qnesta dei vapori 
verdi. Questi vapori fanno cadere in letargo 
tutti i viventi; sicché, in meno di un'ora, in 
tutti i continenti e su tutte le navi che per- 
corrono i mari e gli oceani, si fa come un 
silenzio di morte. 

Poi al mattino, e, come era naturale, succes- 
sivamente in grazia delle diverse latitudini, 
ai raggi del sole, il nitrogeno dell'aria, Fan- 
tico azoto, diventò un gas respirabile, di- 
verso dall'antico ossigeno, ma soccorrente e 
sostenente la sua azione; cosicché i nervi e 
il cervello ne risentirono un bagno di sa- 
lute e di forza. Appena il nitrogeno nuovo 
passava nella sua nuova fase permanente. 



gli uomini si destavano. Nessuno seppe spie- 
gare che cosa fosse il nuovo elemento en- 
trato nell'aria, ma i processi chimici della 
vita si tr<u/ormaro»o : il tatto era diverso, 
la vista era diversa, l'adito e tutti gli altri 
sensi erano più raffinati; e l'intelligenza di- 
ventò pili salda, più completa, più illumi- 
nata. Si sentiva che la vita era grande e 
splendida e il mondo bello. Era tatto ciò 
un miracolo) No; anche prima, in certi mo- 
menti di elevazione dell'anima, soleva ba- 
lenare l'idea che l'umanità potesse essere 
migliore; ma il veleno dell'aria, la sna po- 
vertà di tutto ciò che costituiva gli elementi 
più nobili, rendeva rare e fuggitive quelle 
elevazioni. Ora l'aria era cambiata; e tutto 
quello che prima era passeggiero ed ecce- 
zionale diventava permanente e regolare. 
L'antico sistema della vita si era diaciolto 
ed era sparito; le rivalità, le avidità aggres- 
sive, te distanze tra gli uomini, e tra anima 
e anima, cosi gelosamente mantenute un 
tempo, non esistevano più. Tj'egoismo, che 
soleva essere il supremo vivificatore del- 
l'anima umana, era morto. 

E ridestandosi, agli umani pareva che la 
loro vita passata fosse stata come un sogno 
penoso: l'amante tradito lasciò il suo re- 
volver tra l'erba in cui gli era caduto; i 
padroni accomunaronsi fraternamente con 
gli operai; i soldati tedeschi e francesi, che 
il sonno aveva sorpresi mentre stavano di 
fronte pieni di odio e di vendetta, destatisi 
presero a guardare con meraviglia le loro 
armi e a buttarle via, e si salutarono con 
-rispetto e amichevolmente. Che piùl Gli 
uomini di Stato non si occuparono dì altro 
che della creazione degli Stati Uniti del 
mondo. 

L'autore si diffonde a parlare delle riforme 
materiali che seguirono su tutta la terra, 
e anche delle trasformazioni di quel senti- 
mento che più occupa l'anima umana: l'a- 
more tra uomo e donna. Ecco: l'amore per- 
dette le sue angosce di gelosìa: l'amore per- 
sonale visse entro il mondo dell'amore uni- 
versale, non più egoistico, non più esclusivo: 
e, nella grande benevolenza che invadeva 
tutti, nessuno ci-edeva che la promiscuità 
fosse una colpa, o un'offesEt. 

Il che può sonare strano per orecchi abi- 
tuati all'antica atmosfera. Però, quel che si 
sia di questo e d'altro, resta fissato che il 
Wells, per rendere possibile l'avvento del 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



«5 



socialismo e della fratellanza universale, ba 
avuto bisogno di supporre la trasformazione 
completa dell'uomo attuale. Il che può far 
parere ohe tatto il romanzo, piiicchè una 
utopia, sia un'ironìa. 

^ Beadbb. 

Notizie Bibliourafichb 



A. M&THizu: JfyffiVne dt l'oìèm; Psrigi, MaBSOn. — 
Questo libro, nbe è giunto ali» Beoond» edUione, 
rspoDP tutti i regimi, tutte le oure, tutti i metodi 
prvposti per la nurn ilell'obeaità. Aloimi di questi 
metodi BOVO partiool armenti perioolosì. come l'as- 
imrda e antifiaiologioa privazione d'Moqna, ohe jiiib 
ileterminare gravi affezioni. Molti di questi periooli 
SODO segnalati nel volnme del ìlathieu, obe è pre- 
mvfo a consultarsi {Aflme icientifique). 

Mgr. Chabot: La erèches de XoSl datu lotu Uà ]>ays,- 
Pithiviers Loiret. — Quest'opera contiene dooiimenti 
rari e interessanti ssimi iatornu ai presepi di Parigi, 
ilelln Fraao» Contea, della Provenza, del Belgio, della 
Bavii-ra, del Tiralo e dell'Italia meridionale. L'au- 
tore, ohe ha visitato tutti questi paesi, dà la desorì- 
Eiune dei piti bei presepi da lui veduti ; e bauno una 
attrattiva tutta speeiale i particolari ch'egli forni- 
sw intorno alla oommovente usanza oni versai mente 
diffusa {Odmim). 

EsilLB Fagl'KT: JmowB d' llonne» de Itttree ; Parigi, 
Sooirité Frani;BÌsed'impriiuerie et de librairie. —Gli 
« hiHumes de lotteres » di oni si parla sono Pascal e 
Comeille, Voltaire, Mirabeau, Cbateaubriand, Lamar- 
tine, Guizot, Mériinée, Sainte-Beuve, George Sand, 
Musset. E si oomprende l'interesse biografico e psico- 
logico, nonché letterario, di un volume in cui, con 
qael solida buon senso, con quel brìo e con quello 
siile elegante ohe gli sono oaratteristioi, il Faguet 
narra e commenta i principali episodi della vita amo- 
rosa di alcuni dei principali scrittori francesi (.Bcnie 
d<i Drux Mimdm). 



Rassegna settjmagale della stampa 



Il ■•rmanlamo n«irAlaazla--Lor*na. 

Mentre alcuni scrittori franeeei gridano ancora per 
una reratuiia e per il riscatto delle due provinole oe- 
dnte alla Oennanla, l'Alsasia-Iiorena prospera in nutuo 
aiTadeaohi. A qnesto proposito la CoatliMatal Cotre- 
ipondence di Berlino scrive: 

< Presoiadendo dal fatto ohe la maggior parte 
delta popolazione di quelle provinole per ragione di 
razxa fu sempre tedesco, e prescindendo dal sempre 
maggiore progresso eoonomioo dalle provincie stease 
consegnilo sotto il governo germanioo, la brusoa e 
illiherale condotta del governo franoese nella que- 
stione ecclesiastica ha profondamente disgustato nel- 
l'Ai sa7,l»-Lorena qncgti stessi circoli ch'erano stati 
finora i più validi sostenitori delle Idee francesi. Dopo 
la gncTTB franoo-geriDauioa la pih forte avversione 
ai Tedeschi fa mostrata dalle classi medie e infe- 
Tìoii del clero, e furono queste ohe influirono a num- 
tenere aoeeaa quell'avversione nel popolo. Ora, in 
seguito alla lotta fra Chiena e Stato in Francia, 
tutto ciò è mutato. 

a Oltre a aio le alassi inferiori hanno appreso ohe 
Il legislazione sociale dell'Impero germanico, fatta 
approvare dal governo di Guglielmo II, è assai pih 
lilierale e progressista di quella oggi vigente in 



Francia; gli operai lorenesi e alsaziani hanno esatta- 
mente compreso quanto siano superiori alle francesi 
le leggi tedasohe bulle officine, salle asstonrnzioni 
contro la veochiaia e gl'infortuni, eoo. Di fronte a 
qneatl fatti difflellmente può mantenersi il mito della 
tirannia tedesca, ed è sperabile — all'erma, per ano 
conto, il periodico berlinese — ohe presto sparisca 
la falsa idea che i Fronoeai hanno sulle eoudlKÌonl 
dell'Alsazia-Lorena ». 
Un apparecchio raclstrators dalle composizioni musicali. 

I-a rivista Die fTmaohau (n. 52) descrìve l'ìngogniisu 
apparecchio costruito da un inventore viennese, Lo- 
renzo Kromar, e da lui battezzato ool nome di « kru- 
marografo >, il quale mira n compiere rispetto al 
compositore musicale quello stesso ufficio che vìen 
compiuto rispetto all'oratore dalla stenografia; regi- 
strare, cioè, le composizioni e le iraprovvìsazloiii mu- 
sicali via via ohe il toro risptittivu autore te suona 
sulla tastiera del pianoforte. 

Il kromarografo h grande quanto una delle solite 
macchine da sorivere e funziona sensa far rumore ; 
esso puii venir messo in ootnunloaxione con qualsiasi 
stroniento a tastiera, sìa in immediata vicinanza del 
medesimo, nia lontano, e fuii7.iona grazie a un motore 
elettrico. E' fornito di )*7 piccole elettriK'alainite 
ciascuna delle quali t^ in ouniunicazìiine rvta uu tasto 
(la comunicazione può etutere stabilita o tolta con la 
massima facilitil), per modo che, quando un tasto 
viene premuto, l'elettro-oalamita corrispondente im- 
prime il rispettivo segno solla carta che si viene 
svolgendo da un rotolo. Ogni rotolo è lungo lOH metri, 
e ha una larghezza di ID centimetri. 

ÌA notazione ohe con questo procedimento viene 
registrata è alquanto diversa da quella oomunemente 
odoperatA per la musloa, ma si legge con la ma.islma 
facilità. L'appareooliio, alla costruzione del quale il 
Kromar ha lavorato per lunghi anni, puf) essere di 
grande utilità ai compositori, ai quali permette di 
abbandonarsi liberamente all'inspirazione, giacché la 
sloiireeza di trovar registrate tutte le note, tutti gli 
accordi, tutte le variazioni, li Ubera dalla preoooi- 
pazioiie e dalla fatica di rioorrece poi alla memoria 
per rioostmire le melodie sgorgate dalla lori» fantasia. 
Un nuovo ilslama di predizioni maleoroloflclt*. 

Secondo In StaaUzHlaitg di New York, di grnndt» 
importanza pratica è il nuovo Histema wiopei'tn ilnllo 
scienziato austriaco Nonack. 

Il suo solo « barometro > è vaia [liantu delle luilje 
oocìdentali, r.ifrrti« praevatoHu» L. Kobiltn ,Y., volgar- 
mente detta « pisello Poternoater ». Venuto accideu- 
talmcute in possesso di questa pianta, il Nownck si 
accorse che le sue foglie, somiglianti un ihmso a lincile 
dell'acoola, si aocartooolavano aenza alonnn evidente 
ragione e pareva morissero, ma dopo qualche or» 
tornavano allo stato normale. Il Noivock jiotè accor- 
tarsi ohe qnesto fenomeno non dipendeva ni- dalla 
luce, uè dal grado dì umidità o di tempertiturn, che 
bensì aveva rapporto con un grave uragano scoppiatu 
tre ore dopo. Questa ossrrvaKione, fatta dal Xowock 
nel 1886, fu la base dulie sue ulteriori indagini, non 
meno oocnrate che esteqe. 

Ed ecoone il risultato: per avere predi/ioni metpo- 
rologiche bisogna osservare le (ogliollne della pianta 
e le costole delle foglie cui sono attaocate dn 12 a 
IT paia di foglioline; bisogna osservare, in<dtre. 11 
colore di queste. I movimenti delle foglioline peimet- 
tono di predire qualità, for/a, importanza e direzione 
dei fenomeni ohe accadranno entro due o tre giorni, 
e in un raggio da 75 a 100 chilometri <lal punto di 
osservazione. Dì più, l'abbassamento della prensione 
atmosferica si puù preveilero due o tre giorni i<riiua 
dal sollevarsi dei nervi delle foglie, mentre l'abbas- 
sarsi di queste indica un inalzamento barometrico. In 



tizochy Google 



m 



MINERVA 



ìioMf a ciò pDHBunu doteriuinars) lo uè ilell^ piuggie 
a ilistuizu tlL <'ÌToa 3000 oli|]umi>tTÌ. 

La parte piti importante della Hooperta « In pus- 
sìbilitft ili predire, in bMe all'uiiseTvazioiiii clelle oo- 
stole centrali delle foglie, i grandi seonvulgimentj, 
come uragani, terremoti, eniEioiii vulcaniche, ecc.; e ciò 
24 ore prima, in un ciintuito rli TOOO ohiloinetri dalla 
stazione nieteorologios. 

La spiegazione dei movimenti di i|urlle foglie 
venne oeroat» dal Nowack nellB maocliit* solari, yuo- 
hte non sono, iMime da molti ni erede, aree di ralfred- 
itaiuento, benai tempeste d' iiiuredibilu violenaa che 
disturbano l'elt'tlriuità ntmiMfiTica e il magnetismo 
terrestre. l'Ili quella pianta i- in partieclnr modo sen- 

Finora le indie.iaioni li arem e tri oli e vengono tele- 
grafate dii ]ii{i di 100 osMl'^'utorl iteoondari a un 
osservatjirio centrale, ohe redige le • l'arte metereo- 
logiclie sinottiche • con non poche ore di ritardo, 
naturalmente. II Nowaok, l'he spera di poter fondare 
un iiaservatoriu centrale a Londra secondo il suo si- 
stema, dichiara ohe con questo egli potrebbe annun- 
ciare giomal menti': 1) due u tre giorni prima i < cam- 
biamenti iscbarirì • In un circuito di 3000 ohiloiuetri 
e jjiiij 2) due o tre giorni prima le « zone delle 
pioggie • e qui'lle di bel tempo nello stesso cln^uito; 
3) dn 24 u 28 ore prima « le gravi convulsioni della na- 
tura s in im circuito di 7000 chilometri;!) e tinal- 
meitte da due u sette giorni prima le variazioni atmo- 
sfcriolie locali, in ima zona d:i ITi a 100 chilometri. 
Una «tuia «ppeaa al muro. 

Nel Canier'n JUagannt di New York, del novembre, 
troviamo la devarÌKÌone di una nuova stufa a gas, in. 
ventata dal profe«sor Juobers di Dessau. Essa fra gli 
altri vantaggi ha quello di poter venire appena alla 
parete, a igHalslasì alterna dal suolo. 

L'aria fredda entra dal fondo della stufa, l'erso il 
pavimento, quindi pasaa sul lato iiosCerlore di essa, 
dietro al riflettore, e attraverso numerosi tubi sale 
Bino al davanti della stufa stessa, dopo essersi ri- 
scaldata in quei tubi ohe sono olrcondati dalla fiamma 
del gas; finalmente essa esce verticalmente e late- 
ralmente dalla stufa, e si frummisohiit all'uria della 
stanza. Contemporaneamente i raggi proiettati in 
basso dal rìdettore riscaldano il pavimento e lo atratu 
inferiore dell'aria. Cosi si ottiene un risonldamcnto 
uniforme di tutta l'atmosfera dell'ambiente. 

La oombustione del gas 6 completa e produce un 
calore intenso. Dopo ohe i] gas ha fatto il sao ufCl- 
oio di risoaldare l'aria nei tubi, esce da iiu appoHÌto 
sboci'o inserito alla cima della stufa e innestato alla 
cappa d'un camino o ad altro tubo che porti all'aria 
esterna i detriti nooevoli. Co"! la stufa ii perfetta- 
mente inodore e igienica. Inoltre non v'b pericolo ohe 
essa risoaldi troppo la parete cui è appesa e ne staii- 
clli la carta, perchè sai tato posteriore non circola 

che l'aria fredda. 

In Oermania cjtieate stnfe costano da 2Ó a ITó &an- 
olii, secondo la grandezza. 
l.'utllltz*zlona dall'automobile. 

A pro|iosito della grande Ksihwìkìoub antomobili- 
Htioa aperta di questi giorni a Parigi, la Itnae fyiitti- 
tifinat (n. 25), facendo un confronto con la mostra 
dell'anno scorso, rileva come non si siano realizzate 
le Hperanee di coloro i quali credevano ohe acquiste- 
rebbe sempre maggior dilfuslone l'ante niobi le di debol» 
potenza e di prezzo ridotto. Il prezzo della vettura 
automobile restii, almeno per ora. abbastanza alto, 
in ragione del suo meccanismo complicato e delicato; 
e i processi della costruzione e i risultati della con- 
correnza fra i vari fabbricanti si manifestano nel per- 
foxiouamento itelle vetture anziché nella diminuziime 
<te1 cosl^. 



]>rupuEÌlu 



Di un'altra cosa bisogna timer iMmto a 
di queste vetture, la cui durata è di alm< 
unni: che cioè al prezzo d'acquisto si aggiungono 
molte e non lievi spese <chauli'enr, garage, pneumatici. 
essenza, olio, tasso, riparazioni, ecc.) te quali am- 
montano a un totale rispettabile, tale da toner lon- 
tani i clienti modesti. 

l'resentemente, l'uso dell'antomoliile sembra orien- 
tarsi verso due vie distinte: da una parte le véllnre 
sempre pili pesanti e di maggior potenza: ai e già 
ai sei e agli otto cilindri, e si è già realizzato il 
vagoli e-1 etto automobile; dall'altra parte il mitvIzìh 
pubblico, nel quale rientrano parecchi tipi [n appa- 
renza dissimili. Con la sua veloeitii e cui suo rego- 
lare funzionamento l'automobile può sostituire ijuattro 
o cinque cavalli; generalmente, una persona sola, o 
ima sola famiglia, non bastii ad assorbire conipleta- 
mento la possibile attività di una vettura uutomu- 
bile; e perciò h naturalo i-he una macchina troppo 
cara e troppi) attiva per uno o per pochi debba ser- 
vire a parecchi, simultaneamente o successivamente: 
siniiiltaueamente, nella forma di omnibus i>er cittA o 
per campagna; successivamente, nella forma di vet- 
tura pubblica. 

Cosi l'automobile, dopo essere stata il simbolo della 
riochezza e del lusso individuale, sembra destinata a 
diffondersi sopratutto come una manifestazione urite 
della ricchezza collettiva. 
La condizioni Industriali d'Italia. 

11 Soleva. 30i) richiama i'atten?:ione sui dati fumiti 
dalla Direzione generale della stutistioa circa le oou- 
dizioni industriali del Regno. 

Confrontando le condizioni delle prinoi)iaIi indu- 
strie nel 1876 e nel 1903, s! vede che il numero df 
gli opitioì i diminuito da 1.1,202 a 14,1101, mentre il 
numero degli operai è salito dn 3'<K,000 a oltre .'i.ll.OOii. 
Diminuita è il numero dei fauoiulli di etil non su- 
periore Hi quindici anni, da 2.'Ì2 a 145. 

N'ell'industria serica si nota, dal 1876 a oggi, l.-i 
scomparsa di molti piccoli opifici con macchinttriu e 
maestranza scadenti, mentre si è rafforzata la poten- 
zialità dejili opilioi esistenti. 

Grandi progressi ha fatto l'industria della lan:!. 
cosi ni>Ila filatura oome nella tessitura; uè menu m>- 
tevole è lo sviluppo dell'industria del ootune; uellii 
quale è dimtuuita la proporzione degli uomini Miniti 
e dei fiincinlli e aamentat» quella delle donne. 

Nell'industria delle calzature ha grande impor- 
tanza il lavoro carcerario; nel 1903 erano 224« i 
condannati che vi attendevano in vari luoghi ili 

Una grande trasformazione ha subito, infiue^ l'in- 
dustria della macinnzione. All'antico metodo iti far 
procedere il moto di ogni macina separatamente, sì 
è sostituito iiuello detto aMerioaiia. dell'adattamento 
di varie macine a uno stesso castello; alle mooinc 
di piccoli diametri se ne sostituiscono altre & dia- 
metri maggiori; in molti opifici furono iwstìtnite 
turbine alle antiche ruote, e eoa) via; siocbè, seb- 
bene diminuiti in numero, i moliul non hanno jut 
cert« diminuito in potenzialità lavorativa. Infatti •• 
stato calcolato ohe nel t|uiiiiinennio 1000-904 ogni 
molino ha macinato 2502 quintali di cereali, quan- 
tità (liti ohe doppia di quella maninata da ogni m»- 
lino nel 1«7«. 

Tutti gli articoli pubblicati in MINERVA sono 
tutelati dalla legga sulla proprietà letteraria e 
ne è formalmente vietata la riproduzione. 

SoLFKRiHO Piatti, gerentu 

Praw»tl. l«e« - SUbilimanto Ci 



iTSiro^ir'"- 



6 gennaio 1907 



IL VANGELO DELLA KICOHEZZA w 

Cosi ilisu^uftleè la distribuzione de Un 
■iccbezzii, (the I'iioqio civile non può esi- 
iiMsi (li quando in quando dal rivolgere la 
imi attenzione a questo problema, o veiTÀ 
:eiii|io in cui provvedere con nuove leggi a 
iiiH distribuzione piil equa. 

Xel suo discorso del li aprile J900, il Pre- 
ii<lvDte Roosevelt si disse convinto cbe il 
ingresso americano dovrà approvare un 
irogetto d'imposta progressiva su tutti i pa- 
riraoni eccedenti un certo limite, in modo 
Jie il proprietario di una enorme fortuna 
lOM jiossa lasciarne piti di una certa quan- 
it» Il qualsiasi persona. 

L'autore già ilioiaasette anni ur aono in un arti- 
olu piil.lilioftto nella .Vortk American BevUa proponeva 
ina tusaa progreBBlva di siiooeasione come il 
atim Tuigliore e piti facile di assiuurare alta ovmn- 
iùi un'equa parto dello grandi fortune. In <|iiesta 
■i(n]f iiupstìone egli ù porfettumente d'accordo non 
I Presidente Roosevelt. L'impostH progressiva è stata 
unlilicaia come provvedimento ingiunto, socialista, 
stilili all'individualismo, atto a distruggere riniitia- 
iva privjita. Se tale la fnxtesse, oltimo ad appog- 
iarla sareblie l'autore, — egli ilice — poiché egli 
siuiiiTiiniente persuaso t'hc noll'ÌDdividnaliatuo i; il 
i^n-tinlel (lostante progresso della civiltà. 
I ili ritti della proprietà privata 
iiitTsero a poco a poco dai tempi in cui la 
iroiirietà era quasi generalmente tenuta in 
oiiiune: col progredire della civiltà gli no- 
iiini divennero meno comunisti e più indi- 
'idnaliati, e la proprietà privata venne ac- 
ni Da un artlsolo di Amibi;w Ctii>neir, Il et 



colta e rispettata come il sistema pift fa- 
vorevole al progresso. Non sarebbe pos- 
sibile cbe ora l'uomo voglia tornare indietro, 
all'epoca di barbarie dalla quale emerse: la 
legge dell'evoluzione lo impedisce. 

L'imposta profircssiva. 

L'imposta progressiva non è un nuovo 
ritrovato: l'Inghilterra la applica già da 
lungo tempo. Tediamo ora se essa sia giusta. 

Supponiamo che un onesto e laborioso agri- 
coltore lasci, morendo, una fattoria a cia- 
scuno dei suoi due figlinoli. Entrambe le 
fattorie sono a New York, l'unai nel centro 
di Manhattan, l'altra al di là di Harlem. 
Supponiamo cbe oggi entrambe le localitil 
si equivalgano nel grado di sviluppo e nel 
valore delle aree. I due fratelli sorteggiano 
fra loro le due fattorie: al più anziano tocca 
quella di Harlem, al pift giovane quella di 
Manbattiiii. Entrambi lavorano egualmente 
bene la loro rispettiva propri<'tA ed egual- 
mente bene educano i loro figliuoli. 

Ma ecco New York 8vilu])parsi rapida- 
mente verso il nord, ecco la famiglia del- 
l'agricoltore di Manhattan diventare in bre- 
vissimo tempo milionaria, mentre l'altro di 
Harlem deve ancora lavorare indefessamente 
per vivere in una mediocre agiatezza. La 
fattoria di Manhattan diventa parte di una 
grande cittil; sulla sua area sorgono colos- 
sali edifìci che ai fortunati figliuoli del fra- 
tello 'più giovane rendono milioni di fVanchi 
l'anno, senza i-lie essi personalmente abbiano 
avuto in alcun modo ad affaticarsi o a'fare 
uso di qualche abilità. Fu la comunità, sol- 
tanto essa, che crescendo dette impulso alla 



Digilizcd by 



Google 



m 



MINERVA 



loro immensa ricchezza: quale norma di $;iu- 
fitizia, vieta che alla loro morte la comunità 
si riprenda una gran parte di quella rìe- 
cliezza ch'essa stessa creòt 

In un paese prospero come gli Stati Uniti 
e che aumenta rapidamente di |)opola»ione, 
la maasìma parte della nuova ricchezza pro- 
viene dal cresciuto valore della pro- 
prietà immobiliare. Il complessivo im- 
porto di questa, che, secondo cifre ufficiali, 
era di 197,722,721 ,m>5 franchi nel 1890, sali 
nel 1900 a 2«2,«88,140,820 franchi. In un de- 
cennio si ebbe, cioè, un aumento di ric- 
chezza immobiliare di poco meno che ti."» mi- 
liardi, e ciò per effetto dell'aumento di po- 
polazione, senza alcun merito dei proprietari, 
i quali, perciò, dovrebbero rendere genero- 
samente alla nazione grau parte di quella 
fortuna ch'essa loro conferì. 

1 creatori di ricchezze. 

Se la proprietà immobiliare può crescere 
di valore senza l'opera del proprietario, a 
creare la ricchezza mediante l'industria e il 
commercio si richiede il lavoro, spesso tut- 
t'altro che tenue, dell'uomo di affari. 

Immaginiamo quattro fratelli, tigli di un 
altro laborioso agricoltore. 11 primo si star 
bìlisce in New York, ne prevede l'ingran- 
dimento e il bisogno di sempre piti vaste 
reti ferroviarie, compra azioni di ferrovìe, 
le rivende al momento opportuno, e fa lauti 
affari. Egli certo mostra una grande abilità 
finanziaria; ma principali artefici della sua 
fortuna^ non si può negare, furono le città 
e borgate che sorsero e crebbero lungo le 
linee ferroviarie e che contribuirono ai traf- 
fico di queste, rendendole oltremodo rimu- 
nerative. f5 giusto, quindi, che la nazio^ 
ne partecipi agli utili. 

11 secondo fratello si stabilisce a Pitts- 
burgh, quando ne erano state appena sco- 
perte le ricche minieredi carbone e di ferro; 
fabbrica insieme ad alcuni soci fornaci e 
officine, fa i primi milioni, allarga la sua 
sfera d'azione, compra altre miniere e sempre 
più si arricchisce. Se innegabile è il suo in- 
tuito, non meno certo è, però, che la prin- 
cipale causa delta sua fortuna fu l'etiorme 
douiandu dei prodotti di quelle miniere, do- 
manda determinata dal crescere e dal molti- 
plicarsi di nuovi e popolosi centri abitati, 
di nuove e prospere industrie. Perchè negare 
alla nazione una parte dì quelle ricchezze. 



quando i principali accumulatori di es-* 
cessarono o cesseranno di esìstere! 

11 terzo figlio si stabilisce a Chi<-agu. t 
a iMH!0 a poco fa fortuna, prima come iuipit 
gate, poi come socio, quindi come unico [iiu^ 
prietario di una grande ditta fabbri caule di 
conserve di carni. Anche in questo caso li 
il rapido e gigantesco sviluppo della i^ 
munita in cui egli viveva che rese postillile 
la colossale prosperiti^ della sua azieii(iu:i' 
giusto, quindi, che alla (-ODinuità sia aA-e 
guata, alla morte di lui. una rilevante \mìf 
degli utili. 

Il quarto tìglio, stabilitosi nel Moiitai:i. 
dopo alcuni anni di indefessa attività giuUfit 
ancb'egli a fare fortuna in quelle niinit-rt 
di rame e d'argento, in parte per merito i^ott. 
ma in partw anche maggiore per l'affluinr'ii 
numerose frotte d'immigranti in quello Smiii 
e per il conseguente aumento nella domaiiù 
dei prodotti di quelle miniere, fi ov™ 
quindi, che anche in questo caso dovrei:» 
andare alla comunità una buona parte iJci 
dividendi toccati ai primi azionisti. quait<>i 
questi siano morti. 

Un quinto fratello fu assai meno fortuiu«:<> 
nella sua vita. Stabilitosi assai ^fiovati*- ii 
New York, si occupò presso un agentt Ji 
cambio e subito s'interessò alle vicende (Wii 
Borsa. Cominciò a giuocare i suoi p 
guadagni e dapprima vinse. Ma dopo all'usi 
anni di sempre piìl azzardose speculaziiriii 
e di tentativi di far cadere nella trappoli 
il prossimo, vi cadde egli stesso, e si 
di propria mano la vita. Ix» speculatorr n- 
ramente lascia milioni, se non sa ritira 
in tempo, durante un momento di propiii» 
fortuna: e sulla sua mal guadagnata 
chezza lo Stato dovrebbe imporre il più alte 
saggio di tassa, poiché il modo dì accumu- 
larla è tale da demoralizzare non solUntt 
lo speculatore ma anche il popolo che 
rimane vittima, e il coi criterio morale vifM 
abbassato. 

Vi è una classe di milionari la cui rtr- 
chezza è veramente dovuta a loro stessi 
massima parte: essa è composta dagl'in ve is- 
tori, come Graham Bell, Edison, WestiDt 
house e altri, che dalle loro invenzioni )"> 
terono trarre un lauto utile comnierciaif. 
in questo caso piii che giustificato. 

Né a loro, né ai grandi industriali, o eoa- 
mercianti, o amministratori che con la loro 
abilità contribuiscono a creare ricchezza òi*^ 

, Google 



litiznc hy V 



relibe essere negato il diritto di godere in 
dee la parte loro toccata. E, dopo tutto, essi 
ori possono consumarne che piccola parte, 
nche perchè, in generale, colai che accu- 
lili» denari, al contrario del suoi eredi, è 
loriirerato e alieno dallo sperpero. Neil'al- 
«■aieindostrialeìl milionario personalmente 
fórse l'ape meno costosa se si fa il bilancio 
TU il miele che raccoglie e quel che consuma. 
L'imposta da preferirsi. 

Talvolta come uno dei migliori possibili 
nodi di correggere l'ingiusta distribuzione 
lelln ricchezza si propone l'imposta sul 
eddito. Ma di tutte le imposte questa è 
8 ]jiù perniciosa. Essa demoralizza la nar 
ione: Gladstone ne patrocinò l'abolizione in 
niftiilterra, perchè essa vale a formare* una 
lazioue d'impostori ..Gli onesti pagano, 
disonesti riescono a non pagare. Troppo ar- 
Ido, spinoso, indiscreto dev'essere, inoltre, 
1 metodo di esazione di questa imjwsta. As- 
ini niefflio procedono le cose quando le So- 
cietà industriaìi sono obbligate a pagare 
ma tassa sui dividendi, tassa che equivale 
all'imposta sul reddito. È cosi che l'Inghil- 
terra incassa enormi somme. 

ft alia morte del ricco possidente che lo 
3tato dovrebbe esigere un'abbondante quota 
irlla sua ricchezza, una quota progres- 
iivii da pagarsi direttamente al governo 
ma da devolversi a vantaggio del i>opolo, 
chf con la sua tacita ma efficace coopera- 
lioiie tanto valse a creare quella ricchezza. 

In Inghilterra la massima tassa di succes- 
Biori:; imposta agli eredi diretti è dell'8 
per eento; nel caso di legatari lontanamente 
per nulla affini al testatore, è nssai più 
alta, e tanto pift alta quanto è maggiore la 
possidenza. L'esempio dell'Inghilterra po- 
trebbe servire agli Stati Uniti per una ri- 
forma del sistema tributario. 

Iji nazione americana b ancora assai gio- 
vane: i suoi abitanti impareranno a con- 
durre vita più semplice. Col prevalere di 
jiiisti più elevati la ricchezza sarà detronìz- 
lata, la ricerea di essa diverrà meno affan- 
nosa e meno assorbente, l'uomo semplice- 
nieiite ricco si persuaderà che nelia stima 
dei più saggi egli non può stare a pari con 
Puomo dotto, o con il valente professionista. 
In un prossimo avvenire il cervello sa- 
rà stimato al disopra dei dollari, l'o- 
uestà al disopia dell'uno e degli altri. 



Il TSAFFIGO DEI UQUORI DI HORTEfiU <" 

Nel campo della legislazione contro 
l'intemperanza vi sono stati molti tenta- 
tivi e molti insuccessi: ma alla serie di que- 
sti può contrapporsi come notevole ecce- 
zione l'esempio della Norvegia. Questa 
in quel campo ha ottenuto migliori risultati 
di ogni altro paese perchè fu pronta ad ap- 
profittare dell'esperienza, senza farsi schiava 
di dottrinarie teorie sulla libertà individuale, 
sull'inevitabile danno di qualsiasi traffico 
di liquori, e così via. 

Per ben comprendere il sistema norve- 
gese relativo allo spaccio di liquori, biso- 
gna anzitutto distinguerlo dal sistema di 
Gothenburg prevalente nella Svezia. lu 
entrambi i paesi è la comunità che regola 
quel traffico per mezzo di una Società i cui 
soci traggono soltanto un utile nominale da 
esso; ma ben diversi sono nell'organizzazione 
e nei risultali i due sistemi, norvegese e 



11 difetto radicale del sistema di Gothen- 
burg e d'altre città svedesi è ch'esso non 
impedisce che gli utili vadano alla comu- 
nità stessa: in tal modo esso incoraggia il 
commercio dei liquori, perchè quanto più 
quegli utili aumentano, tanto più diminui- 
scono le imposte. 

L'unico modo di ovviare a questo pericolo 
è di assegnare gli ntili allo Stato, non già 
alle autorità municipali; lo Stato a sua volta 
assegni ai singoli Comuni una parte dì 
quegli utili, non già in proporzione degli in- 
cassi fatti in ciascun Comune, bensì in ra- 
gione della popolazione e dei bisogni di 
ciascun paese; e, sopratutto, sorvegli che le 
autorità locali non destinino la rispettiva 
porzione di utili a scopi, buoni sì in sé 
stessi, ma cui potrebbero bastare le entrate 
ordinarie ricavate dalle imposte. 

Con la legge del 190Ì, che andrà in vigore 
l'anno prossimo, la Svezia potrà rimediare 
al suo errore. La Norvegia, sebbene abbia 
preso a modello il sistema della Svezia, 
seppe evitare quell'errore fatale. 

Il sistema norvegese. 

Con una legge del 1894 venne stabilito 

che degli utili del traffico di liquori il 15 

per cento vada all'autorità locale come com- 

(1) !>■ nn «rtloolo del prof. J"!"» S^rH, Jlu Otnttmpùrartf 



Digilizcd by 



Google 



lOU 



MIXER VA 



penso della perdita del retldito prima ritra- 
vatx> dalle patenti di esercizio couceBse a 
privati, il 20 per cento sia destinato a scopi 
di pubblica ntilità cui il municipio non sia 
per legge tenuto a provvedere, e ii Gy per 
cento vada allo Stato, il quale debba ac- 
cumularlo sino al 1911 come fondo di assi- 
curaKÌoni contro ia vecchiaia, le infermità 
e gl'infortuni. La legge norvegese del 1904 
procedette anche piti oltre nello stesso indi- 
rizzo, provvedendo che entro cinque anni la 
porzione di utili spettante ai Comuni sia 
ridotta dal 'M al 10 per cento. 

In un altro punto importante il sistema 
norvegese differisce dallo svedese, cioè nel 
periodico esercizio d'un'opzione locale. 
La legge del 1894 stabilisce che alla fine di 
ogni quinquennio gli elettori di ciascun Co- 
mune debbano, se un ventesimo della po- 
polazione lo chieda, decidere con votazione 
se continuare o sopprimere il Samlag, ossia 
la Società concessionaria dello spaccio 
di liquori, qualora e»sa già esìsta, fondarla 
se essa non esiste ancora. 

Questa periodica votazione popo- 
lare garantisce che il Somiof/ venga diretto 
e amministrato in modo da soddisfare alla 
pubblica opinione. Tale appello al voto po- 
polare non esiste in Svezia, ed è anche per 
questa ragione che meno eflicacemeute vi 
funziona il sistema del Samlag. 

La legge norvegese permette al municipio 
di amministrare direttamente il traffico dei 
liquori, e anche del vino e della birra, se 
vuole, ovvero di cedere tale monopolio a 
una Società (Samlag) soggetta al controllo 
municipale. Nessun municipio norvegese ha 
preferito di esercire direti amente quel traf- 
fico, e in nessun caso venne concesso a un 
Samlag il monopolio per lo spaccio dì vino 
e birra. 

L'esempio dì Chrìstiansand. 

Il primo Samlag norvegese fu orga- 
nizzato nel 1N72 a Christiansand, città dì 
circa 14,000 abitanti, dediti priuci palmenti 
' alla navigazione e all'industria. Il Samlag 
ha cinque direttori, tre dei quali eletti dagli 
azionisti e due dal Consiglio municipale. I 
direttori propongono la distribuzione degli 
utili, ma la decisione finale è riservata a 
un Comitiito composto di dieci consiglieri 
comunali e dieci azionisti: a jmrità di. voti 
decide il presidente del Consiglio direttivo. 



Il capitale è di iiafiW franchi, versato |<rr 
metà, in azioni di circa 137 franchi l'nna. 

Gli spacci di liquori della città sono aperti 
dalle 11 a mezzogiorno, poi dall'1.30 alle ; 
pomeridiane; il sabato restano aperti Al» 
all'una, poi chinai fino al lonedi mattina: 
ì giorni festivi e di elezioni non si ^.ymw 
mai. Nessuno può prendere più di una t-tiL. 
Bumazione allo stesso spaccio nell'intervalb 
di tre ore. Due guardie speciali sono i^t: 
pendiate dal Samlag al doppio scopo di i-- 
primere l'ubbriachessza e d'impedire l'intro- 
duzione di liquori di contrabbando dalli 
Danimarca. Il Samlag è riuscito cosi a et^ti: 
pare quasi completamenteda quella po)>ol) 
zione l'abitudine dell'eccessivo con 
snmo di liquori. 

Esso non permette che si vendano liquori i 
giovani non ancora diciottenni, a nbbria<'L 
a persone che li chiedano a credito : i nani 
locali di spaccio sono quasi ripugnanti ]m 
la loro bruttezza e privi di qualunque di 
ver ti mento che attragga gente. 

Con la piccola parte di utili spettautnl 
Comune, questo ha provveduto ad altri luojfi 
di ritrovo, quali giardinetti pubblici, eafi' 
e trattorie « di temperanza » e ha fatto a^ 
segni a biblioteche, opere pie, teatri, eri'. 
Assai più importante, poi, è la porzione e 
utili spettante allo Stato, il quale me<liariir 
quei fondi può provvedere, come si di^sc. 
a complessi sistemi di assicurazioni e aurht 
a radicali riformo sociali che valgano a sof- 
focare del tutto il vizio dell'ini emperan». '■ 

L'opera dei Saralai:. i 

Grazie all'opera dei Samlag la Nor^'ef-n». 
che prima era uno dei paesi d'Europa dova- 
si beveva di più, è ora il più temperanlr. 
Ma l'opera stessa è convalidata dalla >0]i ^ 
pressione delle distillerie private e dall'iu 
troduzione di un rigoroso sistema sulla eoi: 
cessione delle patenti di spaccio. A qntsir 
ultime due cause soltanto si deve il fatio 
che ti consumo di liquori da 16 litri per 
abitante, quale era stato nel 1833, sce."' 
gradatamente a poco piti di 4 negli aiici 
1861-<«>; e le distillerie, che nel 1H40 erano 
1387, erano ridotte a soie 25 nel 1870. 

Nel 1871 venne introdotto in Norvegia i! 
sistema dei ISamlag. Ne! 1880 il consumo di 
bevande alcooliche (compresi il vino e la 
birra) scese a meno di 4 litri per abitante, 
nel 1897 a poco più dì 2. 

UigitizccbyGoOt^lc 



MIXER VA 



Il sistema dei Sanila;/, mentre non soddisfa 
)itenairieute le aspirazioni dei piti avanzati 
liiii'tig:iani della temperanza, è in realtà di 
grande aiuto alla loro propaganda e può con- 
siderarsi nu passo verso la completa 
liToibizione delle bevande fortemente 
al<?ooliche. Cosi lo considerano per l'ai>- 
punto i « proibizionisti » norvegesi; e a Sta- 
viinjter, dove questo partito è assai forte, già 
nel 1896, dopo ventitré anni di esistenza, il 
Samlai; venne soppresso, e il Comnne proibì 
lo smercio dei liquori. 

Come è applicato in Norvegia, il sistema 
dei Samloff è soggetto a due importanti 
restrizioni ehe ne inijiediseono il pieno 
sviluppo: anzitutto esso ri^iuarda soltanto il 
commercio dei liquori, non quello del vino 
i' della birra; poi in certe città, fra cui la 
capitale, accanto al Santlag vengono ancora 
mantenute le patenti di spaccio concesse ai 
[nivati. Si calcoiii che i Samlag in realtà 
hanno in loro mano meno della metà di tutto 
il traffico di liquori della Xorvegia. 

Varie ragioni si adducono a spiegare la 
sopravvivenza delle patenti private a Cri- 
stiania e altrove: le principali sono che quelle 
patenti private sono una notevole fonte di 
entrata per le città, e che il sentimento 
(Iella temperanza non è egualmente svi- 
luppato ovunque. A Cristiania, per esempio, 
kH astemi non rappresentano ehe circa il 3 
r>er cento della popolazione, mentre a Cri- 
^tiansalld sono quasi il 10, e a Bergerl'll. 
Gr iasegnamenti del sistema DOrvegcse. 
L'esempio della Norvegia insegna che: 
r per attuare riforme contro l'intemperanza 
l'iniziativa privata e l'opera legisla- 
tiva devono procedere di comune ac- 
cordo, e la legislazione non deve precedere 
la pubblica opinione sulla via dì quelle ri- 
l'orme; 2° l'unico mezzo efHcace per assicu- 
rare il continuo e intimo accordo fra la pub- 
Itlica opinione e la legge è qnello di adot- 
tare il sistema di opzione locale; 3" l'af- 
lidare a Societtl private il dominio del traf- 
tifo delle bevande alcooliche è un mezzo 
etticace, ma ancor più lo sarebbe senza le 
limitazioni del sistema norvegese; 4" lungi 
dall'influire contro la causa delia tempe- 
ranza, le norme restrittive delle Società or- 
«anizzate con gl'intenti dei Samlat/ formano 
uua transizione ali» completa aboli- 
zione delle bevande alcooliche. 



FERDINANDO BRi:NETIÉRE <'> 
La critica letteraria in Germania ten- 
de a essere o metafisica o semplicemente 
impressionista; negli Stati Uniti viene ac- 
colta con diffidenza, se non proprio con ran- 
core; ben maggiore importanza essa ha in 
Francia, dove la letteratura, almeno fino a 
questi ultimi tempi, viene considerata come 
una parte della vita, e le idee espresse nei 
libri vengono ardentemente discusse. Ormai 
storica è l'antica lotta fra la scuoi» 
classica e la romantica, lotta in cui una 
parte così vivace rappresentò Ferdinando 
Brunetière. 

Il romanticismo dette orìgine a nume- 
rosa progenie: al naturalismo, all'impressio- 
nismo, e ad altri ismi già quasi dimenticati. 
Tutte queste scuole implicavano una rivol- 
ta contro il principio di autorità. Il 
classicismo francese predicato da Boileau 
voleva anch'esso lo- studio della natura, ma 
opinava che uflicio dell'arte è il distinguere 
fra ciò ehe v'ha in natura dì buono e di 
cattivo, e che i grandi maestri antichi hanno 
definitivamente indicato la via da seguire 
in questa selezione. Di qui tutte le regole 
bandite dai sostenitori della scuola classica. 
La scuola naturalista ripudiò assoluta- 
mente il princìpio della selezione, e 
così minò la base dell'autorità dei modelli 
classici. « Tutto ciò ch'è in natura — essa 
dice — è buono; compito dell'artista è l'imi- 
tare ciò che vede, senza farsi schiavo di pre- 
stabiliti criteri morali o estetici ». Per l'ine- 
vitabile legge della contradizione un nomo 
come Zola giunse ad applicare una specie 
di selezione inversa e si dilettò di tutto 
ciò ehe era stato fino allora esteticamente 
vietato. 

Il naturalismo è soltanto una parte della 
più ampia dottrina — se dottrina si può 
chiamare — dell'impressionismo. « L'uomo 
it la misura di tutte le cose — dicevano gli 
antichi sofisti e dicono i loro rappresentanti, 
gl'impressionisti odierni — ; ciò ehe un uo- 
mo pensa e sente non è nò piil né meno 
buono di ciò che pensa e sente un altro uo- 
mo qualsiasi ». K anche qui, per la stessa 
legge dei contrari, l'impressionismo è pas- 
sato al polo opposto: impressionisti trave- 
stiti, quale il Tolstoi,asupreinogìudiced'arte, 
anziché l'uomo il cui gusto sia stato edu- 



i, 13 -iicciiilir^ 



,y Google 



MINERVA 



cato a distinguere e a vagliare, preferiseoiio 
avere il contadino analfabeta. 

L'impressioaismo in Francia. 

Ili Francia l'impressionisuio ebbe e La 
forti campioni nella letteratura critica. Ke- 
uan fu il sommo pontefice della scuola, e la 
sua influenza dissolveute ha fatto un incom- 
parabile male non soltanto nel campo let 
terario, ma anche in quelli della politica e 
della vita pratica. 

Più tardi, Jules Lemaitre e Anatole France 
divennero i duci di quella scuola, e mai con 
tanta dolcezza erano stati prima d'allora 
banditi il principio della rivolta all'autorità, 
il sofisma dell'indifferentismo morale, il 
buon gusto del dubbio universale. Nonostan- 
te i loro principi, entrambi gli scrittori sono 
dotati di un gusto educato a buona scuola, 
di guisa che le loro teorie affascinano il 
pubblico, senza mai urtarlo: e questo loro 
fascino è ciò cbe li rende più pericolosi. 

L'apostolo dell'autorità. 

Coutro loro e contro le loro idee Brune- 
tière condusse un'aspra e incessante guerra. 
Vedendo il pericolo nella ribellione, egli 
cadde nell'estremo opposto, e dell'autorità 
fece un idolo di oppressione. « Ufficio 
delia critica — egli disse — è il lodare cii) 
che personalmente ci disgusta »: questo suo 
motto assai arriscbiato spiega in gran part« 
l'opera sua degli ultimi tempi. 

Issare oggi la bandiera dell'autorità pura 
e semplice equivale a darsi già per vinto. 
Cosi in letteratura come in religione guar- 
diamo il passato con scetticismo. Invece del- 
l'autorità di codici scrìtti, abbiamo bisogno 
cbe ci si mostrino e ci si spieghino qnelle 
leggi inedite cbe sono basate nell'uomo stes- 
so, e di cui le norme dateci dai nostri ante- 
nati non sono cbe formule imperfette. Qualora 
un maestro, o di religione o di letteratura, 
non ci costringa a riconoscere l'autorità di 
coloroche trovarono una unione del gusto e 
della morale nella sfera più alta delia nostra 
umanità, il suo avversario, l'impressionista, 
ci indurrà a scoprire quell'unione in una 
sfera inferiore. 

Nonostante le sue proteste, lo scetticismo 
dell'epoca aveva invaso la mente di Brune- 
tifere a tal segno che non gli riuscì di scor- 
gere quell'intima legge dell'autorità. Perciò, 
col crescere degli anni egli sempre più di- 



venne schiavo del passato, fino a dieliiu- ' 
rarsi apertamente reazionario e servo 
della Chiesa. Kei suoi ultimi tempi eaU 
fece della Keoue dee Deux Mo7ides, di cui era 
direttore, un potente organo a sostegno della 
Curia romana e dell'aiitorità ecclesiastica. 

Dopo essere stato nel l?t97 per breve tempo 
in America, egli giunse a scrivere che tu 
missione provvidenziale e storica degli Stati 
Uniti fu quella di proteggere i cattolici ca- 
nadesi contro l'oppressione del protestante- 
simo inglese! 

Come critico letterario egli aveva perduto 
molto del suo fascino a causa delle sue ten- 
denze reazionarie e della sua rigida comliat- 
tività dialettica. Probabilmente egli trovetit 
ben pochi lettori in avvenire; in quanto 
alle sue idee vitali, passeranno nel doiuiniu 
comune della critica, come già avvenne della 
sua teoria sull'evoluzione dei ffenren, e il 
suo nome verrà a lungo ricordato come 
quello di un forte e leale lottatore. 

Giova per ultimo far osservare che, men- 
tre il Brunetière, lo zelante apostolo del- 
l'autorità, finì i suoi giorni in grembo alla 
Chiesa, Anatole France, il capo degl'impres- 
sionisti, si è convertito in caldo seguace del 
socialismo. 



mtimi CAUFORKIAHI E GUFFONESI «> 

Nell'ottobre dell'anno testé decorso il Co- 
mitato scolastico di San Francisco, fondan- 
dosi su di una legge dello Stato di Cali- 
fornìa^ la quale stabilisce che i fanciulli di 
discendenza mongolica dovranno in avvenire 
essere istruiti in scuole separate, proibì ai 
giovinetti giapponesi di frequentare le scuole 
pubbliche riservate ai bianchi, e decise che 
quei giovanetti dovessero frequentare le 
« Orientai public schools », insieme con i 
fratelli della loro stessa razza, i cinesi. 

Questa decisione provocò reclami da parte 
del Governo giapponese, il quale sembra la 
consideri come un insulto fatto ai suoi cit- 
tadini, e che, facendo appello al trattato del 
22 novembre 18il4 con gli Stati Uniti, do- 
mandò al Governo federale americano dì in- 
tervenire per far abrogare una misura che i 
Giapponesi consideravano come contraria ai 
diritti ad essi assicurati in America. 

L'incidente è grave: se anche sono esa- 
gerati i timori, che per un momento furono 

(1) l)a un «rtia.10 di Achili.I! VuLUtE, Jìimt ItUnt. 13 *,. 



Digilizcd by 



Google 



MINEKVA 



103 



nutriti, di un conJlitto fra ;rlì Stati Uniti e 
il Giappone, oppure fra ffli Stati Uniti e la 
California, non v'è dubbio cbe ]e autorità 
federali incontreranno serie difficoltà nel 
risolvere queato problema, il quale solleva 
ftd un tempo delle questioni di politica 
osterà e delle questioni eoBtit'UKÌonali. 

La razza gialla negli Stati del Pacifico. 

La decisione del Couiitato scolastico di 
San Francisco non è clie una uuova matii- 
l'estazione dell'odio che le popolazioni degli 
Stati del Pacifico nutrono contro i rappre-- 
sentanti della rar-za giaUa: gli Americani, 
!;opratntto quelli degli Stati occidentali, de- 
testano per istinto gli individui di razza co- 
lorata; essi temono sempre per la purezza 
delia propria razza e non sanno risolversi 
ad ammettere l'egnagtìanza sociale fra i 
Sentlemen dalla pelle nera, gialla o rossa e 
i bianchi. 

Gli è che negli Stati occidentali dell'Unio- 
ne americana si raccolgono sopratutto gli 
emigraati dell'Estremo Oriente. Due terzi 
dei !tO,000 Giapponesi cbe si contano negli 
Stati Uniti risiedono nella regione posta 
sulle rive del Pacifico. Qnanto ai Giappo- 
nesi, secondo il censimento del 1900, erano 
nel detto anno in numero dì circa 25,000, 
e I)en 18,000 se ne trovavano nei due Stati 
di California e di Washington. In questi ul- 
timi anni l'immigrazione giapponese crebbe 
sensibilmente, e si calcola che ogni anno ar- 
rivino in America circa 8,000 sudditi del 
Mikado. Anche questi, come i loro prede- 
eessori, si stabiliscono in maggioranza negli 
Stati occidentali; presentemente, a San Pran- 
<-isco, si calcola che ve ne siano 25,000; altri 
40,000 circa sono sparsi Inngo le coste del 
Pacifico; nelle isole Havai, dove sono adi- 
liiti, in maggioranza, alla coltivazione dello 
zucchero, sono quasi 100,000. 

La corriate aatigiappunesc. 
L'agitazione contro i Giapponesi è di data 
recente. Ad essi, durante la loro guerra con- 
tro la Bussia, si volgevano le simpatie ame- 
ricane; e ancor oggi, negli Stati dell'Est, 
dove gli immigranti giapponesi sono in nu- 
mero scarsissimo, non si riesce a compren- 
dere l'ostilità che contro di essi si è accen- 
tuata negli Stati dell'Ovest. Tale ostilità fu 
iniziata, all'indomani della guerra russo- 
giapponese, dalle Unioni operaie americane, 



le quali si preoccuparono della concorrenza 
dei lavoratori giapponesi, che negli ultimi 
anni avevano fornito alla California la mano 
d'opera necessaria per la costruzione delle 
linee ferroviarie, e che in una quantità di 
piccoli mestieri, come, per esempio, quello 
del calzolaio, hanno ormai sostituito com- 
pletamente, o almeno in gran parte, la 
mano d'opera bianca. 

Anche le altri classi sociali si preoccu- 
pano della concorrenza dei Giapponesi e li 
combattono. Il Giapponese, infatti, si pre- 
senta come un rivale ben più perico- 
loso del Cinese; quesfultinio limita la sua 
attività ai mestieri infimi; i Giapponesi, in- 
vece, mirano continuamente a elevarsi e, 
dando prova di grande tenacia, dì grande 
ambizione, sono riusciti ad accaparrarsi nu- 
merose industrie, a estendere la loro atti- 
vità al commercio, all'agricoltura. 

Nell'elenco dei milionari califor- 
niani si contano non meno di trenta 
giapponesi. A San Francisco la colonia 
giapponese è fiorentissima, e ha propri me- 
dici, dentisti e avvocati propri, due gior- 
nali quotidiani. e molti periodici settimanali 
e mensili in lìngua giapponese. Ora, questi 
Giapponesi, non contenti di far concorrenza 
ai bianchi e di batterli spesso con le loro 
stesse armi, pretendono di ottenere da essi 
il riconoscimento della loro eguaglianza so- 
ciale e si ribellano ad essere trattati come 
gialli al pari dei Cinesi. Di fronte a questo 
successo e a qneste aspirazioni, le popola- 
zioni del Pacifico hanno avuto paura e, come 
si sono difese contro i Cinesi, vogliono or» 
difendersi contro i Giapponesi, 

L'atteggiameatu del (io verno federale. 
Questa nippofobia degli Stati occiden 
tali dell'Unione americana viene a contra- 
riare la politica del Governo federale, il 
quale, come responsabile dei destini di tutta 
l'Unione, ben comprende quanto sarebbe pe- 
ricoloso nel momento presente mettersi in 
lite con il Giappone. Se grave danno recò 
l'anno scorso all'industria e al commercio 
americano il boicottaggio al quale ricorsero 
i Cinesi per protestare contro il carattere 
vessatorio con cui venivano applicate le 
leggi sull'immigrazione, molto maggiore yto- 
trebbe recarne il Giappone, che per gli Stati 
Uniti è nii oliente di importanza molto più 
grande; dieci anni or sono, l'America forniva 

DigilizcdbyGoOt^lc 



104 



M I y E li V A 



al Giappone non più del 1> per cento di tutta 
la sna importazione, oggi ne fornisce più 
«lei 20, ossia 2-50 milioni ili franchi, di cui 
pili delia metà consistente in prodotti ma- 
nufatti. 

11 Governo federale comprende, inoltre, 
il pericolo di nn serio conflitto col 
<ì lappone: le forze marittime dei due paesi, 
quanto a numero di navi, sì equilibrano, 
ma per quel che si riferisce agli equipaggi 
la marina giapponese è di gran lunga supe- 
riore a quella americana. Ui pii^, mentre il 
Giappone ha tutte le sue squadre nelle 
acque del Pacifico, gli Stati Uniti sono 
costretti a ripartire le loro forze navali fra 
ijuesto e l'Atlantico; infine con i>ericolo8a 
imprevidenza gli Americani non hanno prov- 
veduto in nessun modo alla difesa dei loro 
possessi nelle isole Havai e nelle Filippine. 

Imperiose necessità inducono, pertanto, il 
(ioverno federale americano a tenersi in 
Imoni' rapporti col Giappone; e queste ne- 
cessità spiegano l'accoglienza favorevole che 
fu fatta a Washington alla protesta del Go- 
verno giapponese contro le decisioni del 
Comitato scolastico dì San Francisco. 

Il Presidente stesso nel messaggio del 4 ot- 
tobre domandò « equo trattamento, così per 
i Giapponesi come per ì Tedeschi, Inglesi, 
Francesi, Russi e Italiani ». 

Un conllltto costituzioaale. 

Il Governo federale si ritiene vincolato 
dal trattato del :32 novemt)re 1894, in forza 
del quale agli stranieri stabiliti in America 
è assicurato fra {«diritti di residenza» 
quello di mandare i toro figliuoli alle scuole 
pubbliche; ed esso ritiene che, come sono 
ammessi nelle scuole di San Francisco i 
fanciulli bianchi di qualsiasi nasionalità, 
così non ne possano essere eselusi i giap- 
ponesi. 

Senonchè lo Stato di California sostiene 
che le questioni scolastiche non entrano punto 
nelle attribuzioni dei Governo federale. Que- 
:<to, finora, non ha esercitato sulle scuole dei 
eiingoli Stati alcun controllo; le spese per le 
Mruole iucombon<( tutte al Governo dei sin- 
goli Stati e ai poteri locali; sicché questi, 
^jccondo la tesi sostenuta dai Californiani, 
sono pienamente liberi di prendere quelle 
miRure che essi ritengono necessarie per 
iiji:sì curare il fniiKionamento delle loro scuole. 
Come il Governo fe<lerale — ragionano i 



Californiani — non potrebbe aver la pretesa 
di costringere gli Stati del Sud ad ammet- 
tere nelle senole pubbliche dei blandii i fan- 
ciulli negri, cosi esso non può imporre agli 
Stati dell'Ovest di ammettere nelle loro scuole 
i gialli. 

bell'accennato messaggio il presidente Roo- 
sevelt si lasciò sfuggire con una certa im- 
prudenza le seguenti parole: 

• Tutto eih ohe aarà lo mio [>otero verri fatto, e- 
tutte le forze ullitari e civili degli Stati Uniti di 
oul io potrò disporre aaraniiu inipi<-giit« |>er mbIcd- 
rare ai Giapponesi il gutlimeuto dei diritti obe ad emi 
siwttaiio in baeu ai trattati >. 

Queste minacce hanno destato, natural- 
mente, indigna2ione in California, ma sono 
state male accolte anche negli altri Stati 
dell'Unione, che vedono di eattivo occhio la 
tendenza del Governo federale a cstenderi; 
sempre. più i suoi poteri. 

Previsioni. 

La questione dovrà essere risolta dal po- 
tere giudiziario: è la Corte Suprema che 
dovrà decidere se il controllo delle scuoli; 
spetti o no, esclusivamente, ai singoli Stati. 

Ora, se questo supremo tribunale aocetterA, 
il che sembra a dir vero poco probabile, la 
tesi del Governo federale, ne verrà di con- 
segnenza negli Stati del Pacifico una ten- 
denza alla secessione; che dalle minacce si 
possa passare agli atti non è a temersi, ma 
ciò non attenuerà l'odio contro i gialli. 

Se, invece, la Corte Suprema darà ragione 
alla California, il Governo federale dovrA 
avviare nuovi negoziati con il Giappone; e 
questo, per certo, non si rifiuterà: i gover- 
nanti giapponesi sono tropjM) aecorti per 
mettersi in conditto con una potenza così 
grande, dopo essere appena usciti dalla 
guerra contro la Russia. 

Del reato, Se il Giappone intende ricorrere 
alle armi per regolare la questione del do- 
mìnio del Pflcitliro, esso può aspettare: fin- 
ché non sarà aperto il canale di Panama 
il Giappone si troverà sempre in condizione 
più vantaggiosa. 

8HAKESPEAKE UOMO D'AFFARI'" 



Si dice che i poeti siano generalmente po- 
veri e noncuranti del denaro; la loro pro- 
duzione raramente si smercia a prezzi cor- 
di na un «rlieolo in Chainbtr,'! Journal, dltoubre. 



■cby 



Google 



MINERVA 



rispondenti al loro merito. Sol sappiamo, 
I)er esempio, che Milton vendette per 125 
franchi la proprietà letteraria del suo « Pa- 
radiso perduto s>, sebbene il suo editore ge- 
iieroBamente gli yliorsasse in tutto 375. Ten- 
nyson, come tutti i grandi scrittori, ebbe ad 
aspettare a lungo prima dì farsi strada; ma 
negli aitimi tempi della sua vita percepiva 
dalle sue opere un'entrata da 12.ì,00O a 175,000 
franchi. 

Shakespeare era un astuto e prudente 
uomo d'affari, e, se avesse vissuto in 
tempi in cui i sAoi interessi fossero stati 
protetti dai diritti d'autore, avrebbe potuto 
raggranellare un patrimonio di milioni. 

In gioventù. 

Nei Buoi primi anni Guglielmo Shake- 
speare conobbe abbastanza i guai e le ansie 
■delia miseria per divenire in seguito oculato 
aiumìnistratore. 

Suo padre Giovanni negoziava in prodotti 
agrari a Stratford e s'ingegnava anche in 
altri rami di commercio. Per qualche tempo 
i suoi affari prosperarono: egli sposò la fi- 
glia di un ricco agricoltore e n'ebbe una 
certa dote. S'interessava all'amministrazione 
municipale e copri varie cariche. Ma pare 
-ch'egli fosse litigioso e sempre implicato in 
processi legali. A un tratto la sua fortuna 
voltò, non si sa per quale ragione; i suoi af- 
fari cominciarono ad andare assai male, ed 
egli dovette ipotecare i beni di sua moglie. 

A tredici anni Guglielmo dovette lasciare 
la scuola per assistere suo padre a ristabi- 
lire le proprie finanze, e per qualche tempo 
lavorò nella macelleria paterna. Cinque anni 
dopo imprudentemente si uni in matrimonio 
con Anna Hathaway, che aveva otto anni di 
pili, e non passò molto ch'egli ebbe a prov- 
vedere anche a tre figliuoli. Il suo matrimo- 
nio, per quanto si sa, non fu felice. 

A quel tempo egli preferiva ì divertimenti 
al lavori». Cacciava di frodo, ,e una volta, 
nel parco riservato di 8ir Thomas Lucy of 
Charlecot« venne colto in flagrante e con- 
dotto in prigione. Ciò parvegli eccessiva 
■àarezza, e si vendicò, piii tardi, di quel 
signore mettendolo alla berlina, sotto le 
spoglie del giudico Shalloiv, nelle « Alle- 
gre comari di Windsor ». Ciò fu nel 1585. 

Un anno dopo egli lasciò la famiglia e la 
«ittà nativa per recarsi a piedi a Londra. 
Ivi ben presto cominciò la sua magnifica 



carriera di attore e di autore dram- 
matico. Da allora in poi nei suoi affari 
privati egli esplicò una singolare avvedu- 
tezza. 

Passarono quasi undici anni prima che 
Shakespeare tornasse alla sua città nativa; 
e vi tornò con tanto denaro da pot«r com- 
prare la pili grande casa di Stratford con 
annessi granai e giardini, nonché rimettere 
completamente a sesto gli affari di suo pa- 
dre. Cosi questi potè finalmente rialzare il 
capo fra i suoi concittadini, ottenere per 
suggerimento del tiglio uno stemma genti- 
lizio e vivere in pace, non più molestato dai 
creditori. 

Finché visse sul teatro Shakespeare sempre 
da allora in poi continuò a recarsi almeno 
una volta all'anno a Stratford, e a farvi di 
quando in quando nuovi acquisti di beni 
stabili. 

Donde aveva egli tanto denaro} 



Le basi della » 



fortuna. 



Egli certo percepiva ben poco dai suoi 
drammi immortali, cioè da 150 a 275 franchi 
l'uno, più una piccola regalia se la prima 
rappresentazione era favorevolmente accol- 
ta. Per modificare e « rimettere a nuovo » 
vecchi lavori teatrali riceveva un centinaio 
di franchi. Si calcola che le diciannove com- 
medie e tragedie scritte da Shakespeare, 
dal 1591 al 15!)9. oltre il lavoro di « revi- 
sione » possano aver fatto guadagnare al 
poeta circa 500 franchi Panno, o 5000 
franchi in tutto. Vero è che allora il denaro 
valeva otto volte piti di oggi; ma, anche 
fatto questo debito calcolo, gl'incassi di 
Shakespeare come autore erano tat- 
t'altro che lauti. 

Bisogna notare che allora per i lavori tea- 
trali non v'era proprietà letteraria: chiunque 
fosse in possesso di un esemplare di com- 
media aveva facolà di pubblicarla per pro- 
prio conto e a proprio vantaggio, I direttori 
di teatri si opponevano energicamente alla 
pubblicazione di lavori da loro pagati, per- 
chè temevano che ciò potesse togliere iute- 
resse alla rappresentazione di essi. Ecco per- 
chè cosi pochi lavori dì Shakespeare ven- 
nero pubblicati col suo nome, mentre egli 
era vivo. 

Sebbene egli spesso protestasse contro edi- 
tori che abusivamente li pubblicavano, non 
aveva validi mezzi per impedirlo; e quando 



Digilizcd by 



Google 



10« 



MI>'EKVA 



la sua fama crebbe, egli nejipiire potè im- 
pedir loro Ui pnbblieare sotto il suo nome 
lavori che non gli appartenevano all'atto. 
Fin dopo la sua morte non si pubblicò al- 
filila edizione completa delle sue opere; e 
ancor oggi esistono dabbi sulla paternità di 
certi lavori a lui attribuiti. 

<'onie Walter Scott era più orgoglioso di 
Abbotsford che della saa fama letteraria, 
(tosi Shakespeare pare annettesse minore 
importanza alla sua gloria di tragico che al 
prestigio da lui goduto quale uno dei mag- 
giori proprietari di Stratford. Sembra che 
avesse ereditato la litigiosità di suo padre, 
e mentre dal suo cervello uscivano tragedie 
quali « Amleto », « Otello » e « Macbeth », 
tìgli intentava cause su cause ai suoi debi- 
tori per ricuperare delle somme di poche 
decine di franchi. 

Fa come attore, non già come autore, 
che Shakespeare accumulò denari. In 
quell'epoca un buon attore percepiva circa 
•tr><HI franchi di annuo stipendio, oltre le 
somme dategli dalla Corte per rappresenta- 
/.ioni speciali dinanzi a) Sovrano. Shake- 
speare non incassava quanto alcuni dei suoi 
compagni, ma, a dir poco, i suoi onorari dì 
artista drammatico prima del 1.^5i) equiva- 
levano a 25,tN)l) franchi dei tempo nostro. 
01tra<!(iio egli aveva un muniflco mecenate 
nel conte di Southampton. 

La sua ricchezza. 

Dopo il 1-'>ì)ìl gl'introiti di Shake- 
speare aumentarono grandemente. In 
iltiell'anno fu costruito il (ìlobc TheaterAa vari 
artisti teatrali, ^- a Shakespeare tu assegnata 
una percenttiale sugli incassi, che 
si calcola gli rendesse annualmente circa 
10,000 franchi. Inoltre, si suppone ch'egli 
fos.sc cointeressato nel hlaok/riar» Thrater. 
Tutto compreso, negli anni piil prosperi 
della sua vita, Shakespeare doveva avere 
un reddito di circa ].-),»00 fr,anchi 
l'anno, pari a 120,01)0 franchi di mo- 
neta odierna (1). 

Sei Kilfì, quando mori, egli lasciò jier te- 
stamento -VtO sterline in deimro, oltre nu- 
merosi ed estesi beni immobili e una gran 
quitntitù di oggetti dì valore e ricordi per- 
sonali. 



L.S1 NATALIZI <" 



L'articolo che riassumiamo, scritto per un 
pubblico tedesco, trutta sopratutto di usi. 
costumi e leggende tedesche; ma esso è lie- 
stinato a interessare un pubblico abbaijtaiiza 
largo, giacché la maggiore parte degli usi 
natalizi vigenti in Germania si ritrovano 
auche negli altri paesi. 

La data del Natale. 

Intoruo all'anno u al giorno della nuscita 
di Gesìl Cristo non si hanno notìzie sicure. 
La Chiesa fissò al 2ó dicembre la festa <)i 
Natale perchè in questo giorno veniva ce- 
lebrata fra i popoli pagani e specialmente 
fra i Germani la festa del solstizio Ai 
inverno; tale data festiva fu conservata 
per spianare piii facilmente la via alla fede 
cristiana io mezzo alle popolazioni pagane. 

Qualcuno osserverà che il solstizio d'in- 
verno cade il 21 dicembre, e non il IÌì. Per 
spiegare la cosa conviene tener presenti due 
circostanze: anzitutto, il fatto astronomieo 
che, in conseguenza della cosidetta « pre- 
cessione degli equinozi » le date del solstizio 
d'inverno, nel corso dei secoli, si vanno spo- 
stando; in secondo luogo, che con la riforma 
introdotta nel calendario da papa (ìregorio 
nel 1.W2 tutte le date vennero spostate, sic- 
ché il 2't dell'antico calendario giuliano non 
corrispose pifl a quello del nuovo calendario 
gregoriano. In realtà, venti secoli or sono, 
la festJi del solstizio d'inverno cadeva pre- 
cisamente il '£> dicembre. Ora, la festiviti^ 
di X^atale rimase, inseguito, fissata a questa 
data, mentre la ricorrenza del solstizio, nel 
corso dei secoli, cambiò data. Grazie alla 
riforma gregoriana, la dìft'ereuza fra il sol- 
stizio d'inverno e la data del Natale, the 
nel secolo XVI era di quattordici giorni, tu 
ridotta a quattro. 

Il Weihnachtsmann. 

Il ricordo dell'antico carattere pagano di 
questa festa cristiana si trova in una quan- 
tità di usi e credeu-e natalizie, e special- 
mente nel Wcihnachtsmann, nelF « Uo- 
mo di Xatale » che porta intorno i doni del 
bamliin Gesù ai fanciuiletti. 

Fra le pojiolazioni tedesche questo iiomo 
ha vari nomi, e uno dei più comuni èquello 
di Uuprecht, servo del bambin Gesù. La 

(1) Ita un «rtiruLo di U. l[KNXiii. P» fralian, M lilimnl-w- 

DigilizcdbyGoOt^lc 



MlNliJt VA 



107 



ti>;iini. di qnesto Kuprecht non lia iiuUii a 
che fare con le solite figure Snjjra terrene 
del cristianesimo, quali fili anjrcli, i sunti, 
i diavoli, ecc.; essa si riconnette eoi capo 
supremo di quella schiera di divinità ohe. 
secondo le credenze degli antichi Germani, 
liei dodici giorni che segnivano al solstizio 
il'inverno, k'''*^'''"** qna e ih per la terra, 
Qiiesto capo ù il dio Wotan; al pari diluì 
ICnprecht «ira, nelle feste di Xatale, da mi 
liio;;o all'altro. SÌ noti die lo stesso nome 
Kiiprec-ht è uno degli epiteti di Wotan; esso 
si^nìfleò, in fatti, originariamente, « splen- 
dente di gloria ». 2fel Meclemhnrgo ancor 
u^gi il Weihnachtsmann si chiama con il 
[tome di Wode, la cni analogia con Wotan 
è evidente. . 

Anche gli altri vari nomi del WeihuacLts- 
iiiiinn, benché abbiano suono cristiano, ac- 
cennauo a Wotan; tale San Kicola, la cui 
festa ricorre il 6 dicembre, e San Martino, 
la cni festa ricorre l'il novembre. Ancor 
(i;rgi, in non pochi paesi cattolici tedeschi, 
li! vera festa dei bambini, quella coiriapon- 
<lente alla befana dei paesi italiani, è il San 
Xicohi: in quel giorno si fanno ai bambini 
doni, «onsistenti in dolci e giocattoli; nella 
tVsta (lei solstizio d'inverno, invece, diven- 
uta in seguito la festa di Natale, si face- 
vano, giti in antico, doni, così ai fancinlii, 
i-ome agli adnlti, ma in forma di oggetti 
utili, o di generi mangerecci, specialmente 
mele. 

Senza andar troppo per le lunghe, diremo 
che nella figura del tVeihnachtsinann si uni- 
scono e si confondono bizzarramente ele- 
menti pagani ed elementi cristiani; il cer- 
i-are la chiarez}-,a logica in questo vilup|io 
sarebbe opera vana, giacché il Weihnachts- 
itiaiin non k che iin prodotto della fantasia 
popolare. 

Mek. noci e altri doni. 
IH antica origine pagana sono anche al- 
cuni doni tradizionali natalizi, sopratutto le 
mele, le noci e, in parte, anche le focacce 
e le figurine di pan pepato. Xelle sue 
peregrinazioni per il mondo il dio Wotan 
t-ra regolarmente accompagnato da Freia, 
e que-ta, che era la dea dell'amore degli 
aiiticlii popoli germanici, aveva come sim- 
l)olo speciale le mele e le noci; perciò di 
questi frutti si soleva fare distribuzione 
nella festa del solstizio d'inverno. 



Era pure antico uso pagano, in memoria 
dei sacritlzi che in passato si facevano nella 
festa del solstizio d' inverno, il plasmare con 
la pasta figure di divinità e di animali ad 
essi saeri, e di far cuocere queste figure 
dalle donne, nel tempio. 

Di questo antico uso sono, indubbiamente, 
un avanzo le focacce e le figurine sopra ac- 
cennate. 

L'albero. 

Infine, ci riporta all'epoca pagana uno 
degli elementi più caratteristici delle feste 
natalizie, l'albero; sia esso l'abete dei 
Tedeschi, siauo i rami di vischio degli 
Inglesi. 

L'antica religione gormanìcu era una reli- 
gione naturale, e nelle tre feste massime di 
questa religione, il solstizio d'inverno (di- 
venuto iioi Natale), la festa della primavera 
(Santa Valpurga o Pasqua) e la festa del 
solstizio ' d'estate (San Giovauuit, avevano 
una parte importante gli alberi e il fogliame. 
I/uso di ornare le camere con rami di abete 
è, quindi, probabilmente di origine antichis- 
sima, pagana: esso è documentato in Alsa- 
zia giiV nell'anno 1307. 

L'albero illuminato. 

E' erronea, però, l'opinione che ripetuta- 
mente è stata espressa che già presso gli 
antichi Germani fosse in vigore l'uso carat- 
teristico di illuminare l'albero di Natale. 
Intorno all'origine di questo uso speciale 
non si può dir nulla di sicuro. Nelle « Leg- 
gende popolari di Islanda « di Jon Arna- 
soo è nominato il sacro albero di un sorbo 
selvatico sui rami del quale, nella notte del 
solstizio d'inverno, ardono candele che non 
si spengono mai; ma da questa leggenda non 
si può congetturare che il popolo irlandese 
avesse l'abitudine di ornare l'albero di Na- 
tale con candele. D'altra parte, sappiamo che 
net medio evo e al principio dell'era nio- 
derna In mezzo alle popolazioni tedesche 
mai l'albero di Natale veniva illuminato; 
ed è quindi una pura e semplice invenzione 
la notizia, cara ai protestanti, che nella notte 
di Natale la famiglia di Lutero si racco- 
gliesse intorno all'albero tutto scintillante 
di lumi. 

Il prof, (iiorgio liietecliel, della FacoItiV 
di teologia di Lipsia, dice che il primo al- 
bero di Natale fu illuminato in (ìernianla, 



Digilizcd by 



Google 



108 



MINERVA 



a Straabargo, uel KìOó ; ma egli non indica 
a quale. fonte abbia attinto questa notizia; 
e poìcliè in tutto il seeoio xvii non bì parla 
inai di alberi di Natale illuminati, conviene 
credere che il Eietachel sia caduto iu errore 
confondendo con alberi iUnniinati gli alberi 
semplicemente ornati, che nella regione cir- 
costante a Strasburgo sembra facessero la 
loro apparizione sul principio del secoloxvii, 
diffondendosi di là in tntti i paesi germa- 
nici. Nella Bassa Alsazia, e specialmente 
nella cittil dì Scblettstadt, t'albero dì Na- 
tale, non per6 illuminato, pare facesse la 
sua comparsa molto prima, e clie il suo uso 
fosse abbastanza comune già al principio 
del secolo xvi. 

In ogni caso l'origine dell'odierno 
albero di Natale è da cercarsi nel- 
l'Alsazia. -Nelle note manoscritte di un 
ignoto cittadino di Strasburgo, dell' anno 
1604, troviamo la prima descrizione auten- 
tica dell'albero di Katale ornato, ma senza 
candele. 

Orlgioe indiana? 

Dell'albero di Natale ornato, nonché illu- 
minato, si trova notizia in un'epoca ante- 
riore di molto, ma non in Germania ed 
in nessun altro paese dell'Europa, bensì nel- 
l'India. Questa notizia vien data d» un 
viaggiatore italiano, il patrizio bolognese IjO- 
dovico Vartliema, o Barthcma, che nei l."it)4-07 
visitò le Indie e l'arcipelago asiatico. Nel 
descrivere un tempio oggetto di pellegrinalg- 
gio nelle vicinanze di Calcutta, questo viag- 
giatore aggiunge di aver veduto tutto in- 
torno, Bulle sponde dei lago, in mezzo al 
quale sorgeva il tempio, gli alberi illumi- 
nati da una quantità di candele e di lam- 
padine il giorno 25 dicembre, giorno di festa 
in cui i fedeli accorrevano in quantitiV a 
quel santuario, dalle più lontane regioni. 

La concordanza della data col caratteri- 
stico UBO è così evidente, da far pcnsjvre su- 
bito a un'intima relazione fra la cerimonia 
indiana deKcritta dal viaggiatore bolognese 
e t'uso natalìzio dell'albero dei giorni nostri. 
Forse si tratta di un anticliissimo uso bud- 
dìstico, il quale, come molti altri, fu recato 
dall'India alle popolazioni cristiane dell'Eu- 
ropa per il tramite dei missionari. 

Comunque sia, sembra che l'uso di illumi- 
nare l'albero di Natale non abbia cominciato 



a farsi strada se non uel secolo xriii. la 
prima menzione ctie se ne trova è del 17:i7. 
e viene data da un giureconsulto tedesM. 
Goffredo Kissiing, di Wittenbcrg, il quale 
racconta che unav massaia dei dintorni di 
Zittaii, patria del padre del Kissiing, nella 
Bera di Natale collocava in una camera tanti 
alberi, quante erano le persone alle quali essu 
voleva far dei regali; dall' altezza degli al- 
beri, dalla loro decorazione e dal modo in 
cui erano disposti ciascuno poteva sabito 
riconoscere quale fosse l'albero a lui desti- 
nato; e appena su quegli alberi e accanto 
ad essi erano accese le candele, gl'invitati 
entravano l'uno dopo l'altro nella camera v 
ciascuno prendeva possesso dell'albero a lui 
destinato e dei regali cbe sotto di esso erano 
stati collocati. 

La dilTusione dell'aliterò. 

Goethe nel Werther fa menzione dell'allierv 
di Natale illuminato da candelette di eeru. 
decorato di dolci e di mele. Tuttavia molto 
tempo passò prima che l'albero illuminato 
prendesse larga diftusione in Germania e 
ne varcasse i confini. Ancora nel primo tren- 
tennio del secolo xix era molto più in nso 
nelle regioni cattoliche della Germania il 
presepio. Nel Viììi l'albero fece la sua appa- 
rizione a Danzica, e quasi contemporanea- 
mente nel resto della Prussia, nella Pome- 
rania, nel Meclemburgo e nell'Holstein, dopo 
che già intorno al 1780 era stato introdotto 
a Berlino, nel 1790 ad Amburgo, nel 1807 ti 
Dresda. Nel 1817 esso comparve per la iiriiu» 
voltii a Vienna, nel 1819 a Budapest. II Ti- 
rolo, sopratutto, si mantenne a lungo ribella 
a quest'uso, e in un paesello di questa re- 
gione. Mais, i primi alberi di Natale si vi- 
dero nel 188»; a Rauris, nel ducato di Sa- 
lisburgo, non prima del 18M8. A Parigi e a 
Londra, invece, i primi alberi ìlluniiDati si 
ebbero nel Natale del 1840, nella prima di 
queste due città, importati dalla duchessa 
di Orléans, nata principessa di Meclenibiirgo. 
nella seconda introdotti dal principe con 
sorte della Kegina Vittoria, Alberto, il quale, 
come è noto, era di origine tedesca. 

Come questi principi, cosi tutti i Tedescliì 
che si stabiliscono all'estero recano con si. 
e ormai hanno diffuso in tntti ì paesir la 
simpatica usanza dell'albero di Natale colmo 
di doni e scintillante di lumi. 



,y Google 



MINERVA 



1(K» 



8C1KNZA E INVENZIONI w 



La telefotografia — Un aiiparpcoliio per permet- 
tere fti oieelii di scrivere ai non ciechi — I ciechi 



La telefotografia. 

La stampa quotidiana lia diffnso ultimu- 
meute la notizia di uua invenzione eensa- 
^ionaie fatta dal professor Koru, di Monaco. 
Si tratta della trasmissione a grande 
distanza di una fotografia per mezzo 
del teleirrafo; col sistema da lui inven- 
tato il professor Korn è riuscito a telegra- 
fare la sua propria fotografia» nua distanza 
di 1800 chilometri, uonc-hè a riprodurre a 
-eguale distansn pareccLie altre fotografie. 

Il tentativo di trasmettere delle immagini 
per mezzo del telegrafo non è nuovo: giii 
nel 1862 l'abate Caselli costruiva un appa- 
recchio chiamato il pantel egrafo, per 
mezzo del quale, grazie a un meccanismo 
che qai non è il caso di descrivere, egli riu- 
sciva a trasmettere a grande distanza il 
facsimile di una scrittura, di disegni ed 
immagini. 

Il pantelegrafo dell'abate Caselli fu sem- 
plificato in seguito dall'abate Cerebotani;e 
altri tentativi ancora furon fatti in questo 
senso, i quali, però, non ebbero seguito, so- 
pratutto perchè questo genere di telegrafia 
non aveva delle prospettive di diffusione 
tuli da giustitìcaro l'iuipiajito di un servizio 
speciale. 

Le ricerche furono riprese quando si co- 
nobbero le proprietà notevolissime di un 
metalloide della famiglia dello zolfo, il se- 
lenio: questo metalloide è estremamente 
sensìbile alla luce, non solo, ma quanto più 
è illuminato, tanto piil facilmente si lascia 
attraversare da una corrente elettrica, sic- 
ché all'intensitii della illuminazione corri- 
sponde quella della corrente elettrica che 
viene fatta passare per il selenio. 

Questa curiosa proprietà del selenio è 
stata utilizzata da vari inventori, i quali 
costruirono degli apparecchi troppo compli- 
cati per diventare di uso pratico. L'unico 
tentativo riuscito è quello fatto dal profes- 
sor Korn per la trasmissione dei ritratti a 
distanza. Già tre anni or sono questo scien- 
ziato si era recato a Parigi a fare degli espe- 

(I) Di ima FBHwpia «jlentiflcB ■HHkniuIIkP.iivilli'. Le Cor. 
rrrjHmdMt, ID dlcBTiibra. e dalU Cronacn M-iKotlfii'K dell» saifn- 
■ tkr^at L'nwullt 4t Stm* Suittt, gmaalo. 



rimeuti con un appurecchioda lui costruito, 
intorno al quale il Cailletet presentò unare- 
laiione all'Accademia francese delle Scienze. 
In seguito il professor Korn modificò il suo 
sistema jierfezionandolo a tal segno da ot- 
tenerne risultati soddisfacenti. 

Base dell'invenzione è il selenio, pren- 
dendo una pellicola fotografica impressio- 
nata e facendo attraversare questa pellicola 
da un fascio luminoso, la luce passa in quan- 
tità- maggiore o minore secondo le parti 
scure o le parti chiare dell'immagine. At- 
traversata la pellicola, il fascio di luce viene 
mandato su una lastra di selenio; questa è 
in relazione con una corrente elettrica, che, 
per mezzo del filo telegrafico, arriva fino 
alla stazione alla quale si vuol fare perve- 
nire l'immagine. Ora, il selenio lascia pas- 
sare una corrente elettrica, la quale è tanto 
piil intensa, quanto più viva è la luce che 
illumina il metalloide; per conseguenza, alle 
parti nere della pellicola che lasciano pas- 
sare i raggi di luce in quantità minore, cor- 
rispondono delle correnti deboli; alle parti 
chiare, delle correnti più forti. Ora, se alla 
stazione di arrivo si espone della carta sen- 
sibilizzata a una luce eguale a quelladella 
stazione trasmettitrice, le variazioni del- 
la corrente elettrica ai riflettono in 
altrettante variazioni di luce. Sicché, 
per mezzo del selenio, si eseguisce una vera 
e propria tiratura fotografica a di- 
stanza. 

Le parti essenziali dell'apparecchio Korn 
sono le seguenti: alla stazione trasmet- 
titrice una lampada elettrica Xernst manda 
un fascio di luce, concentrato per mezzo di 
Dna lente, su di una piccola apertura pra- 
ticata in una camera oscura; nell'interno 
di questa gira lentamente un cilindro di 
vetro sul quale k stata applicata la pellì- 
cola fotografica impressionata e sviluppata; 
la luce, dopo aver attraversato questa pel- 
licola che sì svolge davanti ad essa, viene 
rifratta, per mezzo di un prisma, sulla la- 
stra di selenio, la quale, in relazione con la 
corrente della linea telegrafica, trasmette 
successivamente delle intensità corrispon- 
denti alle variazioni luminose. — Alla sta- 
zione ricevitrice si trova pure una car 
mera oscura illuminata come quella della 
stazione trasmettitrice, e contenente un ci- 
lindro di vetro sul quale è arrotolata della 
carta sensibilizzata; l'apparecchio i: prov- 



Digilizcd by 



Google 



110 



MISEKVA 



velluto (li uri ìnggiero ottaratore consisteute 
ili una sottile lamina d'ai lumi nìo, la qniile, 
ricevendo la corrente della linea, si apre 
più o meno, secondo il variare di ìntensiti\ 
della cori-ente stessa. Urazìe a qneato dispo- 
sitivo la luce imssa piil o meno, e cadendo 
snlla carta 8en8ibili/,;;ata la imi>ressioua in 
modo da riprodurre la t'otas:rafift della sta- 
zione traemettitrice. Naturalmente, il cilin- 
dro dell'apparecobio trasmettitore e quello 
dell'appareecLio ricevitore girano moven- 
dosi con sincronismo perfetto. 

Fino a qualche tempo fa il professor Koni 
non era riuscito a ottenere con i suoi ap- 
parecchi dello immagini abbastanza nette, 
e, per di più, la loro trasmissione èra molto 
lenta; ciò perchè il selenio, quando una 
volta sia stato sottoposto alla luce, impiega 
motto temilo a riprendere la sua resistenza 
elettrica primitiva. Ora il Korn è riuscito 
a eliminare queste difQcoltà componendo nn 
sistema di compensazione della lastra di 
selenio cou una seconda lastra dello stesso 
metalloide, disposta nella stazione ricevi- 
trice: grazie a questo espediente, sui cui 
particolari sarebbe troppo lungo diffonderci, 
il professor Korn t riuscito a ottenere una 
trasmissione superiore di molte a quella che 
veniva data dal suo apparecchio fino a poco 
tempo fa. 

Xon si può dire che la riproduzione delle 
fotografie a distanza col sistema Korn sia 
assolutamente perfetta, giacché le immagini 
iiisciauo alquanto à desiderare per la niti-" 
dezzii e appaiono un po' sfumate^ ma con 
un opportuno e non difficile ritocco le fo- 
to^ratìe sono perfettamente accettabili. Re- 
sta a vedersi se il selenio possa conservare, 
a lungo andare, le proprietà sulle quali si 
fonda l'invenzione, e se l'utilizzazione di 
questo apparecchio possa acquistare tanta 
diffusione da legittimare l'impianto di un 
servizio speciale. Certo, non tutti invieranuo 
con questo mezzo una fotografia che per po- 
sta può essere recapitata in ventiquattr'ore; 
solo certi giornali potranno avere interesse 
a ricevere con telegrafica rapidità dei docu- 
menti fotografici. E appunto uno dei più 
grandi giornali illustrati di Parigi ha acqui- 
stato il diritto di esclusività per gli appa- 
recchi Korn in tutta la Francia. I>el resto, 
soltanto l'esperienza potrà ammaestrarci in- 
torno ai risultati pratici e all'avvenire della 
telefotogratia. 



Un apparecchio per permettere ai cicchi 
dì scrivere ai non cicchi. 
Il dottor Ernesto Vaughan, direttore del- 
l'Ospizio dei ciechi dei Quinze-Viugts di 
Parigi, ha costruito recentemente un ing<'- 
gnoso apparecchio, una tipografia ta- 
scabile che permette ai ciechi e ai non 
ciechi dì scambiarsi delle missiva senza do- 
ver ricorrere a intermediari. E' una cosa 
semplice, la quale pare impossibile non sia 
stata ancora inventata. 

Immaginiamo due individui che vogliono 
corrispondere reciprocamente. Ciascuno di 
essi è provveduto di una piccola scatola di 
caratteri tipografici coi quali si possono com- 
porre parole e frasi, disponendo poi la com- 
posizione in un reticolato di cui è mouito 
il coperchio della scatola stessa e sotto del 
fguale si stende nn foglio di carta per stam- 
pare. Ciascuna asticella metallica dei ca- 
ratteri tipografici reca da una parte una 
delle solite lettere da stampa, dall'altra la 
stessa lettera eseguita nel cosidetto « carat- 
tere Braille », ossia consistente in punti a 
rilievo, quali si usano per imprimere le let- 
tere da dar d» leggere ai ciechi. Xatnral- 
niente, il cieco, dopo aver composto la frase 
ch'egli vuol trasmettere, ia stampa dalla 
parte dei caratteri comuni, servendosi di 
un cuscinetto incbioetrato: l'altro, invece, 
stampa dalla parte del carattere Braille pei- 
dare alia carta un'impressione che il cie<;o 
possa rilevare per mezzo del tatto. Ciascuno 
dei du«, poi, può conservar copia della let- 
tera da lui scritta stampandola una secou<la 
volta per conto proprio, dalla parte oppo- 
sta a quella dalla quale ha stampato la mis- 
siva. 

Come si vede, il procedimento è inge- 
gnoso, ma molto semplice, e il prezzo dei 
duplici caratteri tipografici non pnò essere 
molto alto. L' invenzione del Vaughan me- 
rita di essere segnalata a quanti si interes- 
sano alla sorte dei poveri ciechi. 

1 ciechi e 11 massaceio. 
A proposito di ciechi, va rilevata l'ini- 
ziativa di un medico tedesco il quale, sa 
pendo che nei ciechi il tatto è sviluppato 
in modo straordinario, ha pensato di inse- 
gnare ad alcuni di essi il massaggio. Avendo 
constatato che, dopo aver acquistato, sempre 
per mezzo del tatto, le necessarie nozioni 



Digiljzcd by 



Google 



MINERVA 



111 



(li anatomia, ì ciechi imparaDO il massaggio 
molto rapidamente e ne acquistano io breve 
lina yrttu pratica, il ^etto medico fondò una 
scuola speciale ove i ciechi che vofrliono 
dedicarsi al uassagj; 'o ricevono, per .375 fran- 
clii, una preparazione completa e imparano 
un mestiere che può esaere lucrativo. 

Xel Giappone, dove la pratica del mas- 
saggio quotidiano è difl'usissima, giacché esso 
costa meno die in Kuropa, iu passato lo 
esercitavano solo i ciechi; poi, vedendo che 
la profe^ione era buona, vi si dedicarono 
anche i non ciechi. In Europa accadrà forse 
il contrario. In ogni caso, il massaggio è 
un» professione specialmente indicata per i 
ciechi, e sarebbe una professione lucrosa se 
il massaggio, diventando meno costoso, en- 
trasse nella pratica quotidiana della vita. 
;Xel Giappone, perfino il modesto operaio 
trova per xioclii soldi chi lo sottopone alla 
benefica pratica del massaggio. Noi non 
siamo ancor» a questo punto; ma se il mas- 
saggiodiventasse meno costoso, acquisterebbe 
larga diffusione; e ne approfitterebbero i cie- 
chi, e si avvantaggerebbe la salute della po- 
polazione in generale. 

L UFFICIO m UCBOBGAinSIU mTESBEIia "> 

Fino a non molto tempo la il terreno ve- 
niva considerato come una nmssa morta, do- 
minata esclusivamente da processi fisici e 
chimici. Oggi noi sappiamo che in un ])U- 
gno di terni ferve la vita di miliardi 
di esseri infinitesimali. Specialmente 
numerosi sono questi organismi nei teireni 
piii coltivati. Di conseguenza, oggi, i pro- 
cessi che si compiono nel terreno e nel con- 
cime non vengono più considerati esclusi- 
vamente dal punto di vista chimico, come 
si faceva, né poteva farsi altrimenti, al 
tempo di Liebig: oggi si comprende come 
dui detti organismi inferiori, di natura ve- 
getale, dipenda, almeno in, parte, dirotta- 
mente o indirettamente, il prosperare delle 
coltivazioni. 

Il terreno, qualunque esso sia, è popolato 
di ogni sorta di organismi vegetali inferiori, 
funghi, feccie, batteri e alghe; e l'opera che 
questi piccolissimi esseri compiono può' dare 
origine a vari procedimenti, utili o dannosi. 
K' accertato che, concimando opportuaa- 

11) D* an urtioulo del ilattoi'lt. UEi\/r, Hit l'iiutAati. iSfll- 



mente il terreno, lavorandolo, facendolo pe- 
netrare dall'aria, dalla luce, dal calore, dalla 
umidità, i microrganismi, che hanno speciale 
importanza dal punto di vista agricolo, ri- 
sentono una benefica influenza nel loro svi- 
luppo, forse anche nella lord attivitil, la quale 
consiste, sopratntto, in un ])rocesso di di- 
struzione delle sostanze organielie, per ef- 
fetto del quale queste sostauze vengono un 
po' alla volta minerai ìz/.ate, e, iu seguito, 
assorbite dalle piante alle quali servono 
come sostanze nutritive. 

Tutte queste sono cose ormai deflnitiva- 
lueute accertate: quello che, per adesso, non 
si sa ancora, è il meccanismo dei ]>rocessi 
che si compiono nel terreno, e la toro sus- 
seguenza, nonché la recìproca relazione fra 
le varie influenze che ì detti organismi eser- 
citano. 

La questione dell'azoto. 

In relazione strettissima con l'opera dei 
microrganismi di vario genere sta la que- 
stione, importantissima per i coltivatori, 
dell'azoto. In che consista questa questione, 
nelle sue liuee generali, è cosa abbastanza 
nota: si tratta, cioè, di trovare quali siano 
i mezzi migliori per rendere economicamente 
accessibili alle piante le provviste di azoto 
esistenti in natura e sfruttate tuttora solo 
in parte minima, sopratutto quella che si 
trova nell'aria. 

Noi sappiauio che nelle radici di certe 
piante si trovano alcuni inicrorgani-smi ca- 
paci di fissare l'azoto atmosferico: sona que- 
sti i così dotti batteri uzotofagi (1). Tale 
azione viene anche ascrìtta a certi funghì 
e a certe alghe, segnattvmente ad alcune 
alghe inferiori. Ora, quanto a queste ultime, 
le ricerche dell'autore hanno dimostrato che 
le alghe verdi non sono in grado di fis- 
sare l'azoto atmosferico, e che tale facoltà 
è riservata, per quanto almeno si può deter- 
minare con gli attuali mezzi di ricerca, alle 
alghe di color verde- turchiniccio. 
PreBcìndendo da quest'opera di fissazione, 
le alghe, in generale, hanno una grande 
importanza per la coltivazione, in quanto 
esse torniscono ai batteri aitotofagi quelle 
«ombinazioni di carbonio che li mettono in 



,y Google 



112 



M 1 N E R V A 



trailo di applicare la loro attitudine alla 
fissazione dell'azoto. In altro modo indiretto 
concorrono le alghe ad arricchire di azoto 
il terreno, fissando e immagazzinando delle 
so.stanze le quali, senza quest^operu delle 
aliclte, lascierebbero lìbera une quantità di 
azoto; tali il nitrato e l'ammonìaca. 

La fissazione dell'azoto. 

Recentemente la questione dell'azoto è 
statar risolta dal punto di vista puramente 
chimico, grazie alte importantissime ricerche 
del dottor Adolfo Frank, il quale, propostosi 
di ottenere la fissazione dell'azoto e la fis- 
sazione di cianuri e di altri composti azo- 
tati, mediante una precedente formazioDe 
di carhnri, trovfe che l'azoto atmosferico, 
trattato col carburo di calcio, ]iortato al 
ealor ro88o, converte il carburo in carbonio 
e in altra sostanza, da lui chiamata cìana- 
mide dì calcio, la quale è tìn concime 
chimico quasi ideate. 

Questa importantissima scoperta scienti- 
fica (della quale abbiamo parlato nel fasci- 
colo del 1° luglio 1906) lascia, però, impre- 
giudicato l'altro lato della questione, quello, 
cioè, che sì riferisce alla fissazione del- 
l'azoto, non con un procedimento chimi- 
co, bensì con nn procedimento chimi- 
co-microbiologico, ricorrendo, cioè, allo 
aiuto dei microrganismi che sono contenuti 
nei terreno. 

Questi microrganismi, e, specialmente, i 
sopra accennati batteri azotofagi, devono, 
dunque, essere stndìati sempre più a fondo 
dal punto di vista del loro sviluppo e delle 
migliori condizioni in cui questo possa com- 
piersi, per ottenere che essi possano svol- 
gere il massimo della loro attività, dal punto 
di vista di cui ci occupiamo. 

I risultati finora ottenuti dalle ricerche 
fatte in questa direzione permettono di trarre 
buoni auspici per l'avvenire. Col far aumen- 
tare l'attività dei batteri azotofagi, col ri- 
tenere quanto piìl sia possibile dell'azoto 
che si trova nel concime animale e eoi ri- 
correre, finalmente, all'aiuto della elettrotec- 
nica, noi potremo considerare ormai senza 
soverchia preoccupazione l'eventualità non 
lontana dell'esaurimento di quella fonte im- 
portantissima di concime chimico, che sono 
ì nitrati del Cile. 



L'ARBITRO DELU PRQDOZIOHE DI DliUUNTI 

NEL SiD-AfBICA (1) 

Tale fu per lungo tempo, fino alla scom 
primavera, l'ingegnere americano Gardoer 
F. Williams. 

Nato nel Michigan, a quindici anni, poco 
dopo il IHT*. si trasferì con suo padre ìd 
California. Desiderando egli di diventare 
ingegnere delle miniere, né essendovi un 
apposito Istituto in California, si recò h 
studiare nell'Accademia mineraria di Frcì- 
berg, fra le miniere di piombo della Sasso- 
aia. Tornato nel ISiUi in America, lavor<> 
prima due anni come saggiatore nella zecca 
di San Francisco, poi in una miniera del 
^evada meridionale; fu, quindi, curaton- 
dì una Società ìdranlica e mineraria della 
California settentrionale. 

Era ancora presso di essa quando un suo 
compagno dell'Accademia di Freiberg, clt 
aveva organizzato una Società di esplora- 
zione per conto dei Rothschild, lo invitò a 
recarsi nel Mascionalaud jier cercarvi mi- 
nerali preziosi. Egli acconsenti, e fece così 
la prima couosccnza con quei paesi afrienni 
e con le usanze di quegl'indigeni. Tornando 
a Londra per riferire sui risultati dei suoi 
studi e delle sue esplorazioni, fu compagno 
di viaggio di Oecil Khodes, strìnse con lui 
amicìzia, e fu il confidente dei suoi gran- 
diosi progetti. 

La Società De Becrs. 

Uopo una breve sosta in Inghilterra. Wil- 
liams proseguì per la California per re- 
stare un po' di tempo in famiglia. Ver» 
giunto da poco, quando ricevette un dispac- 
cio con cui Bhodes lo pregava dì abbando- 
nare la Società esploratrice e di accettare 
la direzione della sua miniera di diamanti. 
Subito partì per Londra, e sui primi del 
ISSO s'imbarcò per la Colonia del Capo col 
tìtolo di « Direttore generale della 
Società De Beers ». 

Questa era in possesso della massima 
part« dei lotti, in cui originariamente era 
stata divisa la miniera De Beers, una delle 
quattro miniere dìamantifere già in lavo- 
razione. Bamey Ramato, a sua vòlta, pos- 
sedeva il maggior numero dì lotti della mi- 
niera di Kimberley. Minore importanza ave- 
vano le altre due miniere dì Dntoitspan « 

(Il D» nn «rtioolo Ai M. G. fi^XMiri-, Thf HnrWi HVt. nu- 



,y Google 



:i[ I N E B VA 



IH 



Kultlbuteiii. Succeesivameiite il lihodes fece 
sì clie la Società De Beerà acquUtasse tutti 
i lotti dei piccoli proprietari della miniera 
Di; liet;ra, poscia, ma con maK^i^iore difficoltà 
i- H Itili caro prezzo, la miaiera di Kimber- 
ley, e quindi le altre due, <lopo di che la 
• De Beerà » ettbe il monopolio di tutte 
le miniere diumautifere del Sud-A- 
frica. 

Allora si manifestò cbìaranieute il tei- 
trantesco proftetto del Rliodes. Sei IrtSfS 
la t De Beerà Consulidated Mine», Limited » 
[Il organizzata col più ampio statuto che 
mai venisse concesso a Societi\ privata: con 
esso le veniva data. piena antoritÀ sulle mi- 
niere ^ià comprate, e oltracciò le si conferiva 
facoltidi estendersi a tutta l'Afk-ica e « qua- 
lunque territorio altrove ». Neppur Cesare 
iivevn sognato tanto; e, tl'altrunde, era così 
oltrepassato, perfino il progetto del Itbodes 
di conquistare un continente. 

Ma la •* De lìeers » mirava per allora ad 
aimettersi soltanto tutte le miniere su cui 
non aveva ancora diritto. Beit, Ubodes, Bar- 
ilaio e Stow furono i soci promotori di essa, 
e (ìardner Williams ne fu nominato Diret- 
tore generale. 

L'opera del Williams. 

Così nel IfiiW il Williams si trovò a capo 
ili quella grandiosa SocietiV cbe dii lavoro a 
più di l-^OOO operai e ha dato pìil utili di 
qualunque altra impresa mineraria. 

Egli cominciò col migliorare tutte le ope- 
razioni di ecavo delle miniere e di estra- 
;(ioNe dei diamanti, col rendere piiì sicure 
le gallerie sotterranee, col far aprire sboc- 
>^\ìì di salvataggio per i casi di franamenti 
<lel suolo, con il provvedersi di abili assi- 
stenti da ogni parte del mondo, ina princi- 
tialuieute americani; e con la loro coopera- 
zione egli si manteneva al corrente di tutti 
;;li affari delle miniere. In queste nulla d'im- 
fKtrtunte si faceva senza che fosse prima 
sottoiK>sto alla sua approvazione, ed egli si 
manteneva fedeli tutti i suoi dipendenti 
mediante nna scrupolosa giustizia. 

Williams vide Kiuiberley da piccola bor- 
;.'uta cbe era svilupparsi in imponente città. 
Ivi tii fece costruire una bella abitazione, 
l'ircondata da orti e vigneti. Quando scop- 
piò la guerra engloboera, egli prese parte 
attiva alla difesa delliv città; quando questa 
era minacciata dalla carestia, egli mise a 



disposizione di quella popolazione i suoi 
orti e vigneti; ai comandanti della guarni- 
gione dette ampia facoltà di servirsi delle 
miniere per le loro operazioni; per impedire 
che i Jioeri potessero prendere d'assalto la 
città fece collocare attorno a questa una 
Atta catena di mine con la dinamite desti- 
nata alle sue miniere. 

Mai in ozio, sempre avido di nuove co- 
gnizioni, egli studiava ed esperimeutava 
Anche sui diamanti giunse a aaperne più di 
qualunque scienziato. Egli dimostrò ch'essi 
non si formarono nella « terra azzurru in 
cui giacciono, bensì in uno strato assai infe- 
riore, dove le bolle di carbonio gassoso, del 
quale i diamanti sono crlstallizisazioni, ven- 
nero compresse dal i>6So degli strati supe- 
riori; poscia da impetuosi torrenti di fango 
vulcanico che si ossidarono nella cosidetta 
« terra azzurra » quei cristalli vennero por- 
tati ove sono attualmente. 

In segno di alta stima della sua opera 
scientìfica, poco prima che il Williams la- 
sciasse l'Africa 1' « Associazione sud afri- 
cana per il progresso della scienza» lo no- 
minò suo presidente. Interessantissimo è il 
suo libro dal titolo « Le miniere di diamanti 
del Sud-Africa CThe Diamond Mineg of Houtk 
AfriaaJ, cbe non soltanto è una rivelazione 
per gli scienziati e gl'ingegneri, ma aucbe 
un racconto di profondo interesse umano, 
nonché la definitiva jiarola sui dia- 
manti. 

Partendo dall'Africa la scorsa primavera 
per stabilirsi in Washington, egli lasciò il 
figlio Alpbeus Williams quale suo sun-es- 
sore nell'ufficio dì Direttore generale della 
Società ])o Beers. 

Egli ora s'interessa vivamente alle vi- 
cende politiche de) Sud Africa, e crede che 
il governo inglese commetterebbe un grave 
errore se concedesse ai Boeri, come sembra 
disposto a fare, una Costituzione cbe renda 
possibile nel Transvaal e nell'Orange un go- 
verno boero. 

U RlFflaiU DELL' H8EBHAHBIT0 AL CQNQRESSO DI NONE <» 

Col titolo: Tm riforma de VcHHCignement il 
signor Cyr Van Overbergb. direttore gene- 
rale dell'insegnamento superiore delle 8(-ien- 
ze e delle lettere al Ministero dell'interno e 



.y Google 



lU 



MINERVA 



(lell'iatr ustione pubblica del Belgio, ha pubbli- 
cato recentemente, presso la Casa editrice 
F. Àlcan di Parigi, la relazione sommaria 
del primo CoQ^resso internazionale di 
oRpatisioue economica, organizzato dal 
governo belga a Mons, nel 1ÌK)5. 

Fra le molte e ìnteressantiBBime questioni 
che a (luel Congresso sono state dìscneee, 
merita di essere rilevata quella concernente 

L'educazione Gsica. 

Questa questione occupava il primo posto 
nel programma dei lavori del Congresso, 
giustamente considerandosi die l'ediicuzione 
fisica debba essere ìl principio di ogni azione 
ntile, feconda e i)roIungata della maccliina 
nuiana, allo scopo di dare a questa mac- 
china il massimo sviluppo e di ottenerne il 
maggiore rendimento possibile. 

Nella discussione che fu fatta circa il mi- 
glior metodo da adottarsi nell'educazione 
tisica, riportarono una brillante vittoria i 
propugnatori della ginnastica razionale 
svedese, contrapposta alla ginnastica acro- 
batica e antifisiologica che ancora viene col- 
tivata in non poche Società sportive dei 
nostri paesi. La mozione finale votata alla 
unanimità fu la seguente: 

■Neil» pratlo» degli oseroini fisbi si rioeroheranno 
di prcf^renia quei nieezl 11 Olii valore, dal plinto di 
vista dell'igiene, del l'estetica, dell'eoonomin delle 
forze e iteH'efTotM morale, avrà sul>)t« il oontrollo 
8perimi.-iitale nnito all'analisi soieiitifioa. 

k necessario inspirarsi al metodo fondato sulla oo- 
iiosceu!» fisiulogioa del ourpo umano, metodo di oui 
Liiig b stato il principale inli^iatore- 

11 sistema svedese di Ling è stato, dun- 
que, rieonoscinto il migliore, siccome quello 
che provvede allo sviluppo razionale del 
corpo e che meglio prepara l'uomo alle car- 
riere mondiali. 

Un Congresso importante. 

Il Congi-esso di Mons rappresenta uno 
sforzo notevolissimo in tutti i rami del sa- 
pere umano, dal punto di vista dell'espan- 
sione mondiale. Vi parteciparono 2500 de- 
legati di 40 nazioni, e furono presentate 
400 relazioni. Il Van Overbergh le ha lette 
tutte e le analizza nel suo importantissimo 
volume, dal quale si vede come il Congresso 
di Silons possa essere considerato un'inno 
alla vita attiva, generosa, lieta, uti- 
le e feconda. 



Da quella immensa «fiera delle idee» 
sono venuti fuori dei principi direttivi die 
l'autore mette in rilievo con sorprendente 
potenza di esposizione. La sna fede in un 
migliore avvenire dell'umanità illumina e 
riscalda. Il Van Overbergh fu l'anima del 
Congresso di Mons, nel quale copriva la ca- 
rica di segretario generale; e a proposito ili 
esso egli scrisse delle parole che meritano 
di esser riferite: 

Kfft forse la prima volta olio si trovavano ousi 
riuniti peda^ghi od economisti, esploratori e mari- 
nai, uomini d'aft'nri e teorici, profeasorì ^ ammini- 
stratori di ogni sesso e di ogni paese, di tntte le 
tinte e di tutte le religioni, difenaoH dei mrtoili 
tradisionali e arditi innovatori, lappreeen tanti <li 
imperi e dì repubbliobe, gialli e bianchi, alla rin- 
fusa. Immaginate 4(uesta collettività sema vineolo, 
i|neBlo miscuglio di putenti indivìdaalità, la mag- 
gior parte delle rjuali non s'erano mai incontrate, e 
ponetele di fronte al programma colossale del Con- 
gresso, commentato da quattrocento relatori, neshima 
dei quali consulta il suo vicino né il Comitato orgii- 
nÌEzatore. Quali viiilente diHcuaxioni si potevano aajiet- 
tare, sopratotto pensando obe in quelle aednfe eiano 
tollerate sei lingue, e ohe alla divergeu» di opi- 
nioni si aarebliero immancabilmente aggiunti i ma- 
lintesi di andltione! Con tutto ciò non una parola 
deplorevole fu pronunziata. 

In quella solenne assemblea internazionale vi erano 
Hopratutto degli uomini siuocramente animati dal sou- 
timento di solidarietà, spinti da moventi superiori, 
pleoamento oonsoi della loro resi)onBabilil& di frante 
alle generazioni, e facenti uno sforsu reale verno le 
migliori soluzioni, da qualsiasi parte Tenissero. 

Fu veramente uno spettacolo del tutto 
nuovo e riconfortante quella unione nella 
ricerca della vepità, fra uomini che non si 
conoscevano, che non si erano mai veduti, 
e che, forse, non si incontreranno mai pia: 
fra popoli di mentalità diversa, fra razze 
di diverso temperamento — tutti ispirati da 
un interesse umanitario superiore, non nella 
lotta contro una malattia comune a tntti. 
come, per esempio, la tubercolosi, contro la 
quale ciascun popolo si difende per egoi- 
smo, ma nelle ardenti competizioni per il 
posto che ciascun popolo deve occupare nel 
mondo. 

Il principio della lotta per la vita. 
base di ogni sforzo, ma violento nella su» 
applicazione, nel Congresso dì Mons è stato 
felicemente attenuato dal principio della so- 
lidarietà per la vita, base di ogni pro- 
gresso sociale duraturo. Questo movimento 
è compendiato e riassunto dall'opera dì Van 

Google 



Digilizcdby V 



MIX E lì VA 



iir> 



Overltergb; opera che lueritu di esser letta 
<lal princìpio alta fiiie per le sae belle pa- 
gine di serena filosofia. Questi ì risultati 
del primo Congresso internazionale di espan- 
sione economica mondiale, j;randioBo edifl- 
<io sul frontone del yuale si possono scri- 
vere le parole: « Fuce agii uomini dì buona 
volontà e di lavoro ». 



UN FBEGDRSORE DEL HOTIHEKTQ FiClFlSTi 
L'ABATE DI SAINT-PIERRE (D 

Uno dei primi uomini cbe con entusiasmo 
ili coiivin^cione e con mirabile tenacia cercò 
4i diffondere in mezzo al popolo dell'Eu- 
ropa l'ideale della pace e dell'unione fu 
Carlo Ireneo Castel, abate di Saint-Pierre, 
Questo filosofo e filantropo, vissuto dal 16.Ì8 
ili 1T43. cbe fino alla tarda età conservò 
un'anima ingenua e infantile, clie da Vol- 
taire fu cliiamato « mezzo filosofo, mez- 
zo matto » e che nei suoi scritti e nelle 
conversazioni aveva l'abitudine di ripetere 
la frase: « Le paradis est aux bienfaisants », 
|)ul>blicò nel 1T12, a Colonia, uu libro inti- 
tolato: Mémoire pour rendre la paix perpé- 
tiiellc en Europe. Il risultato di questa pub- 
blicazione incoraggiò l'autore a farle seguire 
l'anno dopo un'opera di maggiore mole, il 
l'rojctf e nel 1716 egli diede alla luce un 
terzo volume contenente aggiunte e modi- 
iicazioni ai primi due. 

L'abate di Saint-Pierre, il quale aveva una 
nducia illimitata nell'efficacia delle pubbli- 
cazioni a scopo di propaganda, già a venti 
anni accarezzava un progetto per ridune il 
numero delle controversie giuridiche; ma 
solo nel 1720 pubblicò un libro su questo 
argomento. Xè a questi soggetti si limitò la 
sua attiviti'! di filosofo e di scrittore: a lui 
si deve tutta una serie di pubblicazioni con- 
tro il duello, a proposito dei processi giu- 
diziari, di argomenti finanziari, eiìc; egli fu 
veramente un precursore del grandioso mo- 
vimento rivoluzionario nella Francia, un 
« aolliciteur poiir le bien pìiblique » come 
venne giustamente chiamato. 

L'Unione degli Stati europei. 
Per realizzare l'ideale di una pace dura- 
tura fra i popoli, l'abate di Saint- Pi erre so- 
steneva la necessità di istituire una grande 

(1) I>a OH uticulo ilal doK. H. Ltsuii;, Kiri tnd Sii4, gtnaniv. 



Unione degli Stati europei. Da princi- 
pio egli aveva pensato a una federazione di 
tutti gli Stati del mondo; poi, giudicando 
clie questa proposta avrebbe incontrato trop- 
pe diftlooltà e opposizioni, la ridusse nei li- 
miti indicati e propugnò l'istituzione di una 
Unione dei popoli cristiani dell'Europa. 

Egli voleva che si costituisse uno Stato 
composto di Stati, il quale a ciascun sin- 
golo Stato garantisse quella sicura esistenza 
che eiaseuuo Stato garantisce ai propri sud- 
diti. All'equilibrio instabile sul quale, 
fino ad allora, aveva posato la pace fra i po- 
poli, egli voleva sostituito un equilibrio 
stabile, quello che sarebbe derivato da 
una solida Unione dei popoli. 

Infaticabilmente l'abate si adoperò a dif- 
fondere questa teoria, e con rara fantasìa 
inventava contÌDuamente tutte le possìbili 
obiezioni, per confutarle. Senonehè egli vi- 
veva in un tempo elie era poco propizio al- 
l'attuazione del suo ideale: dì pìil, egli era 
un filosofo che si trovava troppo lontano 
dalla realtà. La sua voce sembra quella 
dì un pio anacoreta che vìve lontano dal 
rumore del mondo. Egli sì occupa bensì 
degli interessi pratici dei popoli, ma in tutte 
le sue teorìe e in tutte le sue opere vi è 
alcunché di infantile, di utopìstico, dì ne- 
buloso. E molto tempo doveva passare, e 
passò infatti, prima che il seme sparso con 
così pio entusiasmo dal buon abate comin- 
ciasse a germogliare. 



QUESTIONI PEL QIORNO 

Ulta eccellente operazione: la Banca d'Italia 

e la Società Italiana Auricola Industriale. 

— L'azienda ferroviaria. 

Pili importante che le discussioni del 
Parlamento, piil efficace, per il bene del 
paese, che le diatribe dei deputati e della 
stampa, è l'operazione conchìusa di questi 
giorni fra la Banca d'Italia e la Società 
Italiana Agricola Industriale. 

Come è noto, la Banca d'Italia, nel corso 
di parecchi anni, aveva fatto prestiti con- 
siderevoli, per diecine di milioni, per mezzo 
del suo Credito fondiario, contro ipoteca su 
beni rustici, tenute e possedimenti fondiari 
di ogni sorta. Molti dei mutuatari, o per 
ignoranza, o per negligenza, o per le spese 
soverchie nel lusso e nella vita gaudente, 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



a non essere più 
ualità convenute, 
a, dopo aver pa- 
<di dei suoi debi- 
o dei beni ipote- 
anca sì trovò pa- 
certameiite senza 
itrimonio, eompo- 
ario genere, dis- 
tto, ma con pre- 
male. 

laf Eser«nreae(ro- 
n afilttof venderli 
n. Strìngtier, Di- 
leaj;etiiale. degna 
idubbianiente, di 

i;on la Società Ita- 
), presiedata dal- 
Ddere alla Società 
i die gravavano 



itte le 
ezionamenti nella 



la di: 



ad 



itera dappertutto 
, eoetruendo le ne- 
mtniniatrando at- 
, regolando le ac- 
ducendo in tutti 
lori sistemi con- 
iai la scienza, 
atifondi verranno 
i, migliaia di et- 
oco nien clie ste- 
ro H una popola- 
erosa. 

qualche cosa di 
lossedimeitti fon- 
inette di negbit- 
18), per mezzo del- 
i numerosi e ope- 
no a loro snssìdio 
mi direttori e il 

ppelli possono es- 
u! hanno chiuso 
loro nome a una 
la di bene per il 
Provvedimenti le- 

n sembra die ab- 
one l' importanza 
ia vedere in qual 



modo la maggior parte della nostra stampa- 
si mostra, direi cosi, ottusa, o, se non piace 
la parola, insensibile all'importanza di certi 
fatti nell'ordine economico. Abbiamo ancbe 
qui un sintomo, un effetto evidente, dell'istru- 
zione puramente formale, antiqnata e ste- 
rile, che ricevono le nostre classi dirigenti 
nelle scuole dello Stato. Chi scrive un arti- 
colo elegante (sebbene, troppo spesso, pieno 
di vento), chi pubblica un mediocre romanzo, 
sembra, a giudicare dai rumore che se ne 
fa, superiore a chi sa organizzare una grande 
industria, un importante ramo di commer- 
cio, assicurando pane e lavoro a centinaia 
e a migliaia di famiglie. 

Torniamo all'operazione fra la Banca e 1» 
Società Agricola. Importantissima in sé, spe- 
riamo che diventi feconda anche per l'esem- 
pio. Una sola cosa c'è da temere: che la So- 
cietà « si burocratizzi »; che abbia a intral- 
ciare l'operosità sua e de' suoi agenti con la 
molteplicità dei meccanismi e la minuziosità 
e la pedanteria dei Regolamenti. Si conservi 
sempre strettamente ligia al suo carattere 
di associazione privata, industriale, e farà 
il vantaggio di tutto il paese, nonché dei 
suoi azionisti. 

Mentre le aziende private sì organizzano, 
si espandono e progrediscono, le aziende 
dello Stato seguitano ad andare come Dio 
vuole. Esempio tipico quei benedetto ser- 
vizio ferroviario. Continuano gli scontri; i 
ritardi sono all'ordine del giorno; numerosi 
stabilimenti scarseggiano dì materia prima; 
nei Itiellese, per esempio, alcuni bau do- 
vuto chiudere. È una delizia! 

Intanto, sappiamo, dalla relazione della 
Direzione generale, che l'Amministrazione, 
in questo breve scorcio di esercizio, ha già 
aumentato il personale dì oltre «eimila sti- 
pendiati. In cifra tonda, sono oltre dieci 
milioni di aumento nella spesa ordinaria per 
questo solo personale nuovo. 

Allegri contribuenti per il giorno in cui 
vi sarà presentato il conto totalel 

Rip. 

SPIGOLATURE 

— Il paese piii coni mero ìan te d'Kurupa rispetto 
alla Hua po]>nlAxionti ù il Bi'lgio. i] qnale. con nii& 
lM>p(ilaEÌoue dj 7 luilioni di ubilanti. ha avuto nel 
1805 1111 movimento oummercialo, iti iiiiportaziune e 
(li esportazione, rappresentati te un valore oomplessivo 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



117 



di T luiliudi; l'lu){aiUerrB. con 43 milioni di sbi- 
taiLlì, ebbe un luorinieuto ouinniercìBle di 22 miliardi ; 
la Germania, non liO milioni di abitanti, 15 miliardi ; 
la FraDoì», eoa 39 milioni di abitaaCi, meno di fl mi- 
liarill. 

— Negli Stati Coiti le ferrovie elettriche ni niol- 
tiplioano oontinaamente. Sulla linea Bpokane aa<l Iii- 
land Railroad, nello Stato dì Waahington, lunga 230 
ohilometri, sarà attivata proasimamente la trazione 
elettrica, così per I treni passeggeri eorao per i treni 



— Alla fine del corrente mese sarà pobblicuto il 
primo volnme delI'epUtotarJo di Kmtlio Zulù, com- 
prendente il ;irimu ]ierii>do della vita del celebre 
aorittore, fino al l«ri9. 

graode catastrofe di San franciBoo è taÌM>ato a una 
donna, miss Knluie Beveridge, allieva di BihIìh, la 
quale di recente ha enegnito una statua, rappresen- 
tante la Rhodeeia, per la tomba del miliardario Al- 
fredo Beit. 

— Il In dello scorso dìecmbre è stata provata lu 
«indnttnrM oostmita attrnverso l'istmo di Paulonia; 
l'aoqua oolò per la prima volta dal Facifico nel golfo 
del Messioo. 

— Si caloola ohe attiinlniente i vari porti dì {«sua 
della Gran Brettagna forniscano al oonnumu un to- 
tale di 79,690 tonnellate di peaoe airanno. 

— lu una memoria renentemente presentata alla 
Accademia delle Soienze di Parigi, P. Duhem dimo- 
stri^ come una quantità di scoperte soientifiolie con- 
tenute nei manosoritti di Leonardo da Vinci siano 
state divulgate lìn dal secolo xvi. senza che fosse 
pubblionto il nome del loro autore. Siooliè uon è 
esatta l'afFermazione, fatta da alcuni studiosi, ebe le 
note di quel grande pittore, il quale fu onohe un 
grande auìenìùato, siano rimaste inutilizzate. 

~ Si oontano, fra estinte e viventi. 6815 lingue in- 
toi-na alle quali si hanno dati esatti e presisi. Cosi 
afferma l'abate Camillo Martin in nna comunicazione 
fatta al Congresso di Lione della « Association Kran- 
^nise pour l'avanoement des soienoes >. 



FRA LIBRI UECCHI E MUOUl 



JoiiAN ItojER: Li potenza dells neniogoa; ro- 
mana". Milano. Fratelli Treves, 1!I07. 

Questo romanzo norvegese meritava dav- 
vero di venir presentato anche al pnbblieo 
italiano. 

CotDÌDcia con scene di vita ruritle, che 
sembrano quasi preludere a qualche rac- 
conto rusticano dall'andamento facile e pia- 
no, dallo scioglimento irioeoiuio. Invece, ecco 
che, un po' per volta, senza uscire dal suo 
ambiente campagnuolo, il racconto diventa 
un dramma, un dramma potente e terribile, 
BTolgentesi sur un fondo di naturaleK7.a e 
di realtà cbe lo fa vivo, palpitante. 

II vecchio possidente, Knut Norb.v, se ne 
torna a casa, nna sera d'inverno, arrabbiato 
con sé e con tutto il mondo, perchè s'ì- la- 
sciato battere, in nna seduta del consiglio 



direttivo, « da quel miserabile direttore della 
scuola primaria »; e poi, quasi questo non 
bastasse, gli hanno dato la notizia del falli- 
mento di Waugeu, commerciante e fabbri- 
cante di laterizi. A questo Wangen egli ha 
prestato sicurtà per 2001) corone; e adesso 
gli toccherà di pagarle. Ma questo era il me- 
no; come avrebbe fatto a dirlo a sua moglie, 
alla fiera Marit, alla quale aveva dato la sua 
parola che non avrebbe mai piti fatto cau- 
zione per nessuno! 

La moglie gli osserva, parlando di AVan- 
gen e del suo fallimento: « Meno male che 
tu non liai nulla a fare con Ini ». ^orby, 
felice cbe sua moglie non sappia nulla della 
cauzione, desideroso, se non altro, di riman- 
dare la tempestosa spiegazione at^ altro mo- 
mento, risponde: « Già! proprio cosi!... » 

Basta questo primo momento di debo- 
lezza; la tragedia diventa quasi inevitabile. 
Quando, nel discorrere del fallimento Wan- 
gen, viene in ballo la cauzione Norby, 
Marit naturalmente nega che suo marito 
abbia prestato alcuna cauzione, e Norby, 
per paura, per debolezza, conferma le pa- 
role della moglie. Dunque, quella firma di 
Norby, in quell'atto di cauzione, è faleaf 
Dunque Wangen, oltreché un bancarottiere, 
è anche un falsario! Eppure Wangen è sem- 
pre stato un uomo leale; un po' begne, di- 
sordinato ne' suoi affari, ma leale; il'altra 
parte, anche Norby è una persona seria, per 
bene, un ricco i>os8idente. Che si deve pen- 

Tutta la comunità prende parte alla di- 
sputa, chi per Wangeu, chi per Norby; gli 
animi si inveleniscono. Intorno a quella fac- 
cenda « nucleare » della cauzione si aggro- 
vigliano altri e altri fatti, rivalità, odi, jtar- 
tigianefie; ed ecco che, un po' per volta, 
sulla ba«e dì quel semplice episodio, di po- 
chissima importanza per sé, della cauzione, 
sorge il dramma terribile e foBCO. 

Non racconterò l'intreccio e lo scioglimento 
per non privare il lettore della gioia di 
Bcojirirli da sé, alla lettura ijel libro. Ma 
i] fatto è, ripeto, che su quelle umili basi 
si erge un dramma potente, ampio e gran- 
dioso nelle sue linee, umano e profondo 
nella sua psicologia. I vari i>eraonaggi che 
entrano in azione sono disegnati con mano 
maestra; le scene sono vive, aninmte, vere: 
il lettore, giunto alla fine, chiude il libro 
con la sensazione vivissima di aver assi- 



■cby 



Google 



MINERVA 



realtìl, di aver co- 
> per uno. Sensa- 
tanto dalla lettura 



Mnento armato e il 
rche te{ini-l]e e loro 
Bergamo, Iintituto 

I jriardiniere di Pa- 
)er primo, nel 18(W, 
ire insieme il ferro 
'ortland, formando 
i questo cemento e 
un'ossatura di tra- 
» fabbri (Tazio ne di 
)dotto si è venuta 
no, e nello stesso 
te le sue applica- 
£ia, Biceliè si pub 
ramo di questa ìii- 
) armata nou trovi 
zi alle piccole eo- 
lalte ville di lusBO 
olari e rurali, dai 
iidiosi ponti, eome 
riea di Valle Ilrem- 
ita. 

e, in cui la massa 
'olge l'ossatura me- 
lonpiungere e a col- 
)ro le parti <Ii tale 
[•aftoizarle e sopra- 
Bistenti alle even- 
iuta in realtà vau- 
rincipali dei quali 
i, leggerezza e poco 
à e inossidabilità, 
sensibilità ai cam- 
a, rapidità di ese- 
ipplicazione ed eco- 
ose qualità, si com- 
zione del cemento 
questi ultimi anni 
che la sua fabbri- 
a una fiorente in- 
nerosi stabilimenti. 
:i fra questi stabi- 
della ditta Pesenti, 
a provincia di Ber- 
irettore tecnico di 
ilume edito col con- 



sueto lusso e con la eolita abbondanza di 
illustrazioni dall'Istituto d'Arti Graficlie di 
Bergamo, ci dà intorno al cemento armato 
un trattato completo, teorico e pratico, die 
da una parte fornisce ai costruttori preziose 
indicazioni, dall'altra fa penetrare le per- 
sone desiderose d'istruirsi in uno dei campi 
più interessanti della tecnica edilizia mo- 
derna. Oltre alle notizie generali, ciliare e 
precise, intorno al cemento armato e alla 
sna preparazione, sono di particolare inte- 
resse le norme pratiche clie il Pesenti d;"i 
circa l'esecuzione di lavori con questo ma- 
teriale. 

Il volume è importante auclie per le spie- 
gazioni die l'autore fornisce intorno a un 
nuovo e originale sistema da lui inventato, 
clie egli diiaina cemento «emiarmato, in cui 
I» quantità del ferro o acciaio impiegato è 
ridotta al minimo: mentre nel cemento ar- 
mato la parte principale e di maggior va- 
lore è costituita dall'ossatura metallica, nel 
cemento seraiarmato si lia il contrario. L'uso 
di questo materiale, cbe non si presta per 
costruzioni di grandi dimensioni, ma cbe fa 
ottima prova negli ediflzi di proporzioni più 
modeste, riesce specialmente vantaggioso in 
Italia, dove il ferro è più caro e il cemento 
costa meno die in altri paesi. 






Notizie IIibliouiukiche 

Kmile Am«t: Comntent ok apprmd à parler ett pu- 
ie et à traiter par ioiit U» qu^iont dujour; ]'»rigi. 
(uve. — « Vi *iDo ^ diceva Cbjinning — U«gli 
iDiini <1i vìgure in te 11 ottimi e piti che ordinario, i 
hanno n^lls società alcuna indueiizs perchè 
non eanun jiarlare >. 11 libro doli 'AmH potrà riuacir 
otil« a coloro che, nollc difficoltà dell'ora preseutr. 
comprendono In iieueeBìtil di lottare con la parola o 
con la pernia. L'auUire dà consigli emineutenieute pra- 
tici intorno al modo di preparare un disoorao, di or- 
dinare le idee, di mostrarsi sicuri e di disporre di 
un corredo Bufflcieiite dì parole e di loeuxioni. Con 
ragione egli raccomanda di oeroaro In semplicità e 
di abituarsi a rappresentare Itrevemente le idee con 
nn piiìuolo gruppo ili parole. Il suo libro non bast-erà 
a procurare le qualità oratorie a obi non le possiede, 
ma potrà aiutare non poche persone a [irendere la 
parola nelle conferenze e nelle rianioni e a trovare 
l 'eloquenza che conviene all'epoca nostra (RéforvK 
Soóale). 

Paul Stapkbr: Ettidet tur Goethe ; l'&rigi, A. Colin. 
— ]n questo volume lo Stapfer ha raccolto i vari 
studi da luì )>ubblioati Intorno al grande poeta te- 
desco. Nei due primi capitoli ò tratteggiata la fiso- 
nomia dell'autore del Werther raffrontato a' suoi piìi 
illustri contemporanei. Nei capitoli ohe seguono pas- 
siamo in rassegna le opere di Goethe, e. nttraverbo 
i commenti e le analisi dello Stapfcr, seguiBmo lo 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



Hi» 



9Vi1up[io della prodigiosa mente guotliiaiia. Lu Ntiiitiu 
])ih lungo è ijuello oonanorat» al iMiBiuatti) Jfernami 
ii»d DoTothta, di cui lo Stapfer i-i fa uoniprvndere ««1 
bene l« liellmsxe, ohe leggere questo Htiidio ù lo stesso 
t'Le rileggure il pw-mettu con epiritu piti attento 
( liibliotkèiiHe C*it»rMUe et Keriu' SuitM). 

Jean IIakuzi : I^hnix, ou l'orgattUation rdigieiue de 
la teiTt; Parigi, Aloao. — L.'idea dntla fondasionedi 
uun Chiesa uiiiveraale fu ooNtante in Leibniz; ma sif- 
fatta Cbiena non poteva oostruinii ho iiod per mozzo 
della riooncilia/ione e della fusione dì tutte te Chieiie 
iTtHtiaue: impresa geuerosa alla riuulc Leiliuir. si oon- 
sacrìi e ohe lo condusse a farsi teoliigo e polemista. 
I.a storia di que.itA impresa è narrata dal Baruzi oon 
gmude ricchezza di documentazione e oon ooseienzio- 
sitit di rioerohe (Itent dn Deui Monde»), 

Rassegna settiianale della stampa 



1 Qermanla. 

La Bé/ormt Sociale (a. 24) oeeenn» alle preuoeupo- 
£iani destato in Qurmiuiia dal progremo continuo del 
suoialismo collettivista, il quale, nonostante le dl- 
sriissioni provocate dall'ultimo Congresso di Hannheiiu, 
rimane unito sotto lo scettro di Augnato Bebel. ohe 
alla sua volta resta fedele al marxismo, ma nello 
stesso tempo si mostra ostile allo sciopero generale 
r alla corrente aDtimilitarìsta. La Rivista osserva, 
)>erù, ohe, il giorno in cui Beliel sparirà, proliabil- 
mcnte oeuaeri l'attuale unione; e ne vede una prova 
ni-gli articoli ohe Edoardo Bernatein viene pnliblicando 
nei 3ozialuti-»!it Monalthefir. 

Il Bometeia si domanda linaio sia il signilieato 
dell'espremione: • oosoien/.a di eltiaso • oosl Hpesao 
adoperala, e che ousa s'intenda dire atfrrmando la 
necesaità di nnn lotta di classe. Ri tratta della lotta 
di una classe por difendere i propri interessi, sema 
preoccuparsi degli altrif Si vuol intendere olio si 
vuole abbatterò le classi nnperiorl a prutltto della 
elasAe uperaiaf Ma al CongreHm di Mnnnheim, e nei 
]>reeedenti, non ni è pensatoi alla classe operaia nel 
ano insieme: si ^ pensato soltanl'i alla < democraizia 
sociale •, ossia n un partito; e un partito, nnohe se 
ha un'influensa preponderante in una classe determi- 
nata, non si confonde oon essa, non la oopre esatto- 
niente. Ors, il partito socialista non arriverà mai a 
eonfondersi con In classe operaia, a farsene l'inter- 
prete perfetto: enso non sarà mai che un'unita este- 
riore, artificiale, amministrativa, bnrourutica, ossia 
un ingranaggio analogo al < governo >. K del par- 
tito Buclnlista si pu(> dire q nel ohe il Nietzsche dice 
dello Stato: « Quando esso girctende di essere ■ il 
popolo •, il lina bugia! In (|UBluni|ue Iniigo vi ^ an- 
eora del pottolo, qnesto non comprende Io Stato, e lo 
detesta come il malocebio e come una deroga ai co- 
stumi e alle leggi >. 

Cosi pare vi i> profonda antinoiuia fra eoloro ohe 
sognano l'estensioue del < partilo * e quelli ohe vo- 
gliono sviluppare il • sindacalismo ». il qnale a una 
massa di forze individuali addizionate intende ro- 
Htìtnire nn certo numero di gruppi coerenti applicati 
a difendere i loro interessi. Ors gli interessi dei vari 
gruppi slndanali non sono gli stessi; e lo sfono sin- 
daoftle rischia di frazionare la v<tlontii popolare, di 
condurre a una specie di regime parlamentare che 
toglierà' agli operai una parto delle loro for^e e per- 
metterà a un certo numero di « borghesi » di pene- 
trare in qnalnnno di quei gruppi, e forse anche di 
disgTegarli.il movimento sindacale, attraendo asèuna 
part« della borghesia. {Mitreljbe « imiiorghi 
tre misura una parte dpi popolo ». 

Como si vede, la questione è grave. Il Re 
conelude ohe il partito socialista dovrà scegli 



la tesi della « lotta di classe », la tinaie conduce a 
un )>erpctuo antagonismo, e una dottrina dì organiz- 
UKione economloa che, al contnirio, tenderà all'at- 
tenuasione dei oonlllttl. Il parlamentarismo — 11 Hern- 
stcìn lo riconosce — - oondnce necessari amen te a una 
soluzione pacifica, a una specie di socialismo di Sento, 
in cui si fonderanno te rivalità e i oontlittl. 

Quale dello due tendente prevarrà? 8i pufi creileri 
che gli operai siano per spingere fino alt'esireuio le 
conseguenze dei loro punti di vista divergenti! K i 
sindacati resteraimo dei gruppi eoonoinloi intenti a 
sviluppare gl'interessi dei loro memliri nella calma 
e nella pace, u diventeranno souole preparnlorii- por 
i rivolutiunari miranti a distruggere Ih vecchia or- 
ganizzazione e a sostituirle il XHkmi/t'alajl, lo Stato 
Ideale sognato dui marxisti! - E' quanto ci dirà 

il ■randa Incremento •eonomlco dlfll Stati Uniti. 

Negli nltìmi dieci anni questo inoremento ei è atte- 
stato dalle operazioni bancarie. Ke ne occupa ■!. Mooil^ 
lu The Oullook del dicembre. 

A Wall Street, dov'ft la Borsa Ai New York, si 
conta ora un centinaio d'Istituti di eredito di primo 
ordine; nel 1MM0 ve n'era appena una diecina. Se 
nel 1^96 uno di tali Istituti avesse venduto o C4>m- 
prato per un mexzo milione o un milione di dollari di 
obbligazioni, se do sarebbe fatto un grande sealisire; 
tutti i giornali sene aarebbero uecupati. Oggi simili 
operazioni si compiono tutti i giorni, senza commuo- 
vere nessuno. So In quel tempo un Istituto bancario 
avesse realizzato mezzo milione di dollari nel corso 
di un anno, si sarebbe rignanlato l'avvonimeut'» eom* 
straon lina rio; oggi esistono, in quella vìa, dozziiu) di 
Istituti ohe registrano simili guadagni. Alcune Case 
acquistano oggi intere emissioni di azioni o di obbli- 
gazioni che talvolta importano centinaia di milioni 
di dollari; dicci anni or sono Ìl fatto sarebbe stato 
inandito. Un'operazione per un prestito di un milione 
di dollari si riguardava allora di tale importanza, da 
riobieilere nn sindacato di una mezza dozzina o pifi 
d'interessati per la sottoscrizione. 

Nel campo della speculazione e del oimimeroio dello 
azioni industriali, una vendita di 15 mila titoli in un 
giorno era riguardata come cosa eccezioimle; oggi 
alcune ditto oommerciano correntemente 50 e UH) mila 
titoli in UD solo giorno. L'uà Casa che avesse tenuto 
a riporto azioui per l'Importo di 5 milioni di ilolinri. 
si sarebbe riguardata come grand issinm ; oggi multe 
Case tougonu oimtinuamente ri|>orti per .ìli e -111 mi- 
lioni di dollari. 

Anche nel campo bancario nello stretto senso della 
parola, l'incremento è stato notevole. Molte Banche 
e Cosse di deposito possono vantarsi, a New York, di 
tenere depuaìti di 10 milioni di dollari e piìi ; in 
c|uel tempo nessuna lo poteva. Eppnre nel frattempo 
si ^ tripliciiti) il numero degli Istituti banoarl di 
New York che ntt'rono facilitazioni per ileiwslti di 
questo genere. 
La donna alattricl nel Colorado. 

Come si legge nella .Vorfà AmericaH Kevirir ilei 15 
dicembre, la prima analisi completa del risultati del 
voto delle donne nel Colorado h quella fatta da 1.4>ii- 
rence Lewis, osservatore sonipoloso e senza pregiudizi 
della sitnasìono politica in Pneblo, per importanza la 
seconda città di quello Rtato. 

Dal 1894 a oggi te donne del Colorado nelle elo- 
zloni dello Stato contribuirono nella pro|>orzione ilei 
40 e talvolta del 48 per cento a tutti i voti dejMsti 
nelle urne. Noi quattro rioni di Pueblo abitati dalle 
olasai pfh rispettabili e pili agiate le Hate elettorali 
comprendono UlSU nomini e T2t donne; negli altri quat- 
tro rioni, abitati dagli o|ierai fiiii poveri e dalla fec- 
cia della soeietà. simo inscritti T85 uomini e 437 donne. 



IJigitizcd by 



Google 



i:;o 



M I N E R VA 



La pereentnale dellt^ elettrici è dui 42 per cento 
dell'Intera miua» elettorale nni priiui qiinttru rioni, 
del 35 per oeiito nei secondi. 

Il oonteguu degli elettori nello anle elettorali non 
i\ migliorato finora ohe di ben iioeo; piii senaibile è 
il niiglioiaiueutv dpi rioni piìl distinti. La oorrnziune 
elettorale era già troppo inveterat» nello Stato perohè 
ai potesae ^iterare in poeu tempo un radicale muta- 
menUi in meglio, ma le ultime eleiioni municipali di 
Pueblo furono le piii a]i)>roHBÌmativamentn onente fr* 
tutte quelle effettuatesi dtv molti anni in qua. 

Oltre a ciò, da quando venne ooiinesso il vo(« allo 
donno i partiti politìoì hanno appreso non eascTo op- 
]K>rtuno presentare come candidati a pnbliliei ufBoi i 
beoni, i liliertini notori, i giuoc»torì d'azzardo, i traf- 
ficanti di liquori, e nitri dediti a apregevoll occu- 
pSEÌoni. perchè le doune quasi sempre ricrtcuno coi 
loro voti a farli cadere. 

Delta capacità delle donne stesse come pubblici 
funzionari non si può ancora licn giudicare, poiché 
esse finora non hanno aspirato od altri nfDoi all'in- 
fnori di lineiti riguardanti le scuole, « iu ossi fecero 

P«r gti «cali di Ercoiano. 

Variando dell'inieiativa ilei prof, Waldstein, di 
Cambridge, per una impresa in tcrn azionai e destinata 
a dare attuazione al piano, importantissimo per gli 
studi archeologici, di rimettere alla luue la città di 
Eroolanu nepolta insieme con l'ompei dall'eruzione 
del Vesuvio nel 79 d. C, la Bibliothìqiie (/«iierwHe 
tt JUtne SuuiHi (a. ISS) riferisce un grazioso aneddoto, 
iu cui è narrato in qual modo il |>rof. Waldstein ot- 
tenne la dot tesori zione di nn miliardario americano. 

Dopo c'he il Walrtsteiu gli ebbe esiMisto il piano 
degli scavi, il Creso americano gli domandò: 

— E ohe cosa ne ricaverà l'Ainericaf 
11 prof. Waldstein: 

— Si' io vi invItasBi a contribuire a delle osser- 
vazioni astronomiche in un punto del globo molto 
lontano dall'America, mi rifiut''reHte il vostro aintof 

— E pretenderesti- che vi portiusi delle stelle f 

— Ali rigM — disse il miliardario; e sutto-sorisBe 
pfr gli soavi di Ercolano. 

La rivista ricorda conio i propugnatori degli scavi 
crcolanensi sjierinu di trarre alla luce dei oaiiolavori 
■li'U'arte greoa, e di trovare in molte ease ricche 
e i^nohe soltftnto agiate preziosi papiri. Fui) essere 
ohe si riesca a ritrovare le opere di Stesioi)ro. il 
grande Urico dorico ohe i Greci preferivano a Omero; 
in ogni caso è probabile ohe si abbia a rinvenire i 
libri perduti di Vnrrone, di Tito Livio e di Polibio. 

Nel Qiamaie d'IiaUa (u. 363) Antonino Asile pubblica 
nu Honsatissimo articolo, in cui tratta l'interessante 
problema del posto ohe nella futura scuola unica de- 
v'essere assegnato allo studio dulie scienze naturali. 

Dopo aver osservato ohe, in generale, la scienza in 
Italiii viene ancora giudicata da abiiue manifestazioni 
ohe ni>D san certo le piti belle, quali il partioolari- 
smii e la visione limitata de' snoi cultori, la legge- 
rezza di alcani di questi nell'invadcre i campi dell'at- 
tività letteraria o fìlosofloa. l'antirazionale distribu- 
zione ilella materia in libri di coltura scientifica per 
le Muole, — l'Ànile segna l'indirizzo che all'insegna- 
mento delle scienze dev'esser dato e insìste sulla ne- 
cessità di coordinare la cultura classica e i) nella 
srientLUca, di farle oonpletaro l'nna dairaltra. « Se 
le soionse naturali venissero serenamente oonsiderate 
nella sigli ìlicBzione intima ohe le sospinge e le collega 
insieme, ogni dissidio &a coltura classica e soienti- 
floa finirelilie. Ove lo studio delle seienze si fermasse 
meno sui metodi effimeri ilell'indagiue e sulle parti- 



oolarità esteriori, e fosse piuttosto rivolto a Tisveglisrr 
nello anime odolesoenti il sentiiaonto della natura e 
a rundorlo più intenso, diverrobbe parto integrante e 
direi quasi indispensabile della coltura classioa. La 
quale, a sua volta, se non fosse aridamente amiuau- 
nita con inannali dai quali esula del tutto lo spirilo 
classico, e oon commentari, ove non an solo riflesso 
s'aco^lln della prima InmìaositÀ del mondo, appari- 
reblio anch'ossa come un fenonieno naturale, come uo 
fenomeno di bellezza^ giacohè la grande arte non imita 
la natura, ma la continua. Quel che si oppone alla 
fusione delle duo ooltnri' sta nella parte contingente, 
mutevole, oodnca delle stesse; sta nella falsità dei 
meto<li e nell'opera di ohi non ha inte^w lo S|iiriIo 
ne dell'una, uè dell'altra ». 

L'Anile deplora che, per il modo in cui ei Hvulge, 
nelle nostre scuole malamente arredate, lo studio 
dello Hcienze naturali, vengano precluse alle anime 
dei giovani le impressiuoi lo piti profonde, lo più 
fattive. ( Lo studio dello pianto vien fatto uopra 
erbari seoohi, ove non appaionc) cho sclieletri lii fo- 
glie consunte e spoglie di fiori oompresai aooluriti ; e 
quello dogli aniioali sopra qualche difforme esemplare 
ottenuto da nna cattiva imbalsamazione. E qaestv 
profanamento continuo impunito delle bellezze natu- 
rali si compie, il pifi delle volte, in ambienti chiusi 
o eoii parola che sa catalogare, lun non accendere una 
sola fiamma di entusiasmo nell'animo di chi aacolla. 
Quando invece Io studio delle scienze naturali ve- 
nisse fatto con lo scopo precipuo di mettere iu co- 
munione le animo giovanili oon i fenomeni molteplici 
della vita, che irrompe da ogni zolla <lella nostra 
terra; e non s'ignorasse ohe la meraviglia non è solo 
la sorgente di ogni poesia ma la sorgente di ogni 
odueazione dello spirito, che. nel dÌHOh imi ersi, porta 
oon sé lo facoltà poetiche dei primi popoli erranti, 
allora solo le nostre scuole iwtrebbero oonsideraisi 
come veri fouolai di coltura e fecondatrici di energie, 
e la lezione fatta dal professore di scienze parrebbe 
il miglior oommento alla lezione fatta dal professore 
di lettere. Lo qualità etome della bellezza iti un 
canto omerico hanno solo riscontro nelle qualità eteme 
delle bellezze naturali; ed una giovane mente, che 
sa quel che si compie sotto la oortioo di mi tronco 
ed iatende il polso delle liuf» ohe ascendono silen- 
ziose a iirepararo la gloria del fiore, ù nelle migliori 
condizioni i>er intendere il divenire della poesia degli 
uomini, t'na cantica dantesca ha la severità di un 
albero secolare, ohe non crolla per aofSar di venti e 
rispetta, nella disposizione dei rami e nell'^ordine con 
Olii s'impiantano le foglie, le leggi immut^ili del- 
l'armonia. Nella stmttnra delle montagne v'è qualche 
cosa che ricorda la struttura di un poema antico; e vi 
sono marmi ohe hanno venature di tinte indefinibili 
ohe brillano come i colori nei quadri del Glorgioue ■- 

Quello ohe aopratutto manca nei nostri ormai logori 
ordinamenti scolastini è la comprensione dello spirito 
olassioo da ima parte, dall'altra la nonoscenEa della 
vita intima ohe informa le soienxu naturali. E' ad 
augurarsi che tale dolorosa constatazione non abbia 
a ripetersi anobe per i nuovi ordinamenti che si pre- 
parano, e che cessi il dissidio fra le due tendenze, 
olossioa o scientifica, le quali paiono diverse, quanilo 
invece dovrebbero fondersi In una tendeiuta sola: 
quella dì plasmare ili 



Tutti gli articoli pubblicati in MINERVA sono 
tutelati dalta legge sulla proprietà lotteraria e 
no à formedmonto viotata la riproduzione- 

Solferino Piatti, gerente 



iu0-Ti»|[nBoo lUuoiio 

L.,ooglc 



13 gennaio 1907 



L'EVOLi;/IONK DELLA RICCHEZZA 
MEDICI E CHIRURGHI U) 

Con l'articolo che riasanmjaiiio il visoont* D'Av»- 
iirl ««ntiniiu la aori« dpgti xtiidi iiitoresHaati e beu 
(loonniontati, ohe egli dedica alla'Htoris della riu- 
chezxft negli ultimi sette geooli. Degli etadi prece- 
ilnntl (Evolneìone della rìiiohe?./.» iu generate; Mili- 
tari, iiiagisti'atura e olerò ; Impiegati dell» Stato e 
impiegati privati) abbiamo data il riossanto nei fa- 
~i-ico1Ì del 1" aprile, 17 giugno e 12 agosto dello 

Le cosidette iirofessioni liberali sono 
quelle «he più delle altre si sono avvantag- 
>;iate dell'evoluzione delle idee; ma uoii 
latti hanno approtittato in egual grado della 
evoluzione degli onorari. Nel ceto dei me- 
lliti e dei thinirghi, al contrario di quello 
ilie accade nelle elassi di altri professioni- 
sti, le ineguaglianze tendono piuttosto ad 
iiiiuienture che ad attenuarsi, e oggi, piil 
'ilie il! passato, si contano i privilegiati, co- 
loro che guadagnano molto di piil in con- 
IVoiito i-oii la meiliu della loro corporazione. 

I medici nel passato. ' 
Xel medio evo il medico, al pari dell'ar- 
tista, se voleva vivere bene, doveva met- 
tersi al soldo d'un cliente unico, clie diven- 
tava il suo signore e padrone, I «fisici» 
liei principi avevano uno stipendio annuo 
<-he variava da 2250 franchi, quanti ne ri- 
'^eveva nel 1401 il medico del cont« di Sa- 
voia, a 23,000, quanti ne percepiva il chi- 
rurgo di Carlo il Savio. Quest'ultima cifra. 



però, è assolutamente eccezionale, e cosi 
pure lo stipendio di 1«,500 franchi assegnato 
al primo medico della regina Anna di Bre- 
tagna, nel 1498, e quello di franchi 14,000, 
di cui fruiva il medico di un infante d'Ara- 
gona, nel 1380. In media, i salari di qnesti 
medici principeschi oscillavano fra 14000 e 
gli 8IH)0 franchi all'anno. 

Talvolta i medici, dei principi venivano 
pagati con l'assegna/Jone dì qualche i)re- 
benda ecclesiastica. Del resto, la professione 
della medicina e quella della teologia non 
si occludevano a vicenda, e uno stesso in- 
dividuo poteva esercitare l'una e l'altra. 

Accanto ai medici ecclesiastici tro- 
viamo i medici di religione ebraica, i 
quali, nel medio evo, predominavano nel 
Mezzogiorno della Francia; erano ricchi e 
influenti, ma odiati dal popolo basso, che 
volentieri coglieva l'occasione per maltrat- 
tarli. 

I medici particolari dei (irineipi, che ave- 
vano il titolo di « conseillersphysiciens», 
ammessi nella loro famigliaritit, riuscivano, 
talvolta, a far fortuna e ad arricohirsi in 
modo straordinario, come quel Jacques Coic- 
tier, medico di Luigi XI, il quale finì col 
diventare presidente della Camera dei Conti, 
e milionario, e che, a quanto si dice, diede 
2.400,00" franchi a Carlo VII! per sfuggire 
ai processi di cui era minacciato alla morte 
del suo signore. 

Nel secolo xvii non pochi erano nella 
Francia meridionale i medici di famìglia 
nobile; nel resto della Francia appartene- 
vano alla bassa borghesìa, ma intorno ad 
essi non abbiamo, per quell'epoca, informa- 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



zioni preciee. Questi Dit-dìci limitavano le 
loro aepirazioni all'ideale di an'oneBta agia- 
tezza, e solo coloro obe per la loro carica 
avevano accesso a Corte potevano accarez- 
zare speranze piti alte; ma su quel terreno 
malfido i rischi erano considerevoli. In quel 
tempo la maggioranza dei medici, nel gi- 
rare intorno per visitare i clienti, si servi- 
vano, per cavalcatura, di una muta, e quasi 
tutti portavano una gran barba. Più tardi, 
fino alla metà del secolo xix, i medici an- 
darono sempre perfettamente sbarbati. 

Anche ai nostri giorni, benché in modo 
diverso da qael che avvenisse in passato, i 
medici salgono talvolta agli onori politici : 
in Francia, in nno degli ultimi Gabinetti, 
si trovavano tre ministri medici: quello del- 
l'interno, quello delle finanze e quello dei 
lavori pubblici. 

L'autvTc fu notare ooma gli sciunziati dei secoli 
Boorsi fosst'To molto meno dotti di quelli dei giorni 
noetri; oggi Ia cognizioni soifntifìohe sodo oost dif- 
fase, obfl qoalolie volitare dp sa di niedioina pìii di 
quanto ne sapessero una vi>lta i 4 Usici » dei re dì 
Francia. I medici del pwtHato stadisvano la loro 
arte non giù i(]>frimen rande e osacrvando al letto 
degli Hiumalati, bi'nyl nr>;i>inentaiulo o QlOHOfando sui 
banchi della souol»; la loro nnica anperiorità, in 
oonfrontn oni b»r1iieri cerusiei e cui ciarlatani, con- 
sisteva nfl fatto i-he e-ssi i-imiisenvano il latino. 

Guadagni di otuiidì. 

In provincia, oggi, i medici di Francia 
si fanno pagare da 'A » 5 franchi la visita, 
pili una indennità di viaggio in ragione di 
circa nn franco per chilometro, il che pa- 
reggia la sitnaKioue dei medici di campa- 
gna con quelli delle città minori. A Parigi 
gli onorari variano da -^ franchi noi quar- 
tieri operai e da Tj franchi negli altri, fino 
a 50 franchi la visita per i ntedici di ospe- 
dale, e fino a 10» franchi per coloro che 
hanno iTtitolo di professori. 

Il medico parigino che cura la clientela 
popolare, quantunque debba astenersi dal 
tornare a visitare nu ammalato senza es- 
sere nuovamente chiamato, può. nel suo rio- 
ne, fare una trentina di visite al giorno, 
e guadagnare, spesso, fin ."M),000 franchi ai- 
Panno, ossia molto più della maggior parte 
dei suoi colleghi dei quartieri borghesi. 

Quanto ai principi della scienza, a Pa- 
rigi se ne contano una quarantina, e gnada- 
Rnano, in media, 150,000 franchi all'anno. 
V« ne sono poi 200 i cui guadagni oscil- 



lano intorno ai 40,000 franchi; .'lOO circa 
gnadagTiano da ].V>00 a :JO,OI>U franchi :r 
finalmente L'ODO ne guadagnano da SOOO a 
15,000. In provìncia, prescindendo dai priu- 
cipianti, i medici che hanno carrozza e i-a- 
valli guadagnano circa 10,000 franchi: ì 
più ricercati, e i più laboriosi sopratutto, 
arrivano a 20,000 e a :tO,(H>0 franchi all'anno. 

Ooorarl del passato. 

Nei secoli scorsi le visite dei medici >i 
pagavano da franchi 1.50 e perfino da fran- 
chi 0.70 a 3 o 4 nelle città di provim^i». A 
Parigi un bnon medico si faceva pagare la 
visita da ~> a 14 franchi; i professori dellu 
Facoltà di medicina, quando erano chiH- 
mati a consulto presso qualche grande per 
sonaggio. ricevevano ciascuno una aomnia 
corrispondente a 37 franchi della noetm 
moneta attuale. Xatural mente, F onorario 
variava molto, come a<rcade anche oggi, 
secondo le condizioni dei clienti. Nel se- 
colo xviii ia tarifi'a di un medico di pic- 
cola città, che aveva uno stipendio fisso 
di 000 a 700 franchi all'anno dal Comune, 
era dì franclii 1.70 la visita nelle famiglie 
t>orgheBÌ, e di franchi 0,85 in quelle degli 
artigiani. 

Per qualche malattìa l'onorario era cal- 
colato à /or/att; così, per esempio, a Or- 
léans, nel 1.^64, per la cura di un caso di 
vaiolo il medico riceveva, secondo le finanze 
dell'ammalato, da un minimo di 18 a an 
massimo dì i:-tO franchi. 

I grandi signori del secolo xvii. quantun- 
que pagassero i medici molto meno dei ricchi 
dei giorni nostri, li compensavano, tuttavi*. 
in misura molto maggiore che i gentilno- 
mìni e i borghesi agiati. Il presidente ih 
Cannapeville non pagava che ]."> o 20 fran- 
chi i>er viaggio il medico che si recava ik 
Kouen al suo <-ai«tello. nel quale, data lu 
lontananza della città, l'esculapio doveva 
dormire. Il signor d' Kspesses, maggiordomo 
del Ke, nel ìrMr,. pagava non più di 10 frinì- 
chi la visita il medico che egli faceva ve- 
nire da Corbeil a Evry, fosse di giorno o 
fosse di notte, 

I medici di ospedale. 

Ai giorni nostri, la qualità di medico dì 

ospedale è, nelle città dì provìncia, mi 

accessorio onorevole che procura un migliaio 

di franchi di stipendio; a Parigi è un» <ii- 



,y Google 



MINERVA 



1L>3 



<;iiità molto alta, benché inescLiimmcnte re- 
tribuita, iii inedia 1. 500 franchi all'anno; ma 
i medici d'ospedale godono di grande ripu- 
tazione e con la loro clientela privata gua- 
du<<:uano parecchie migliaia di trancili ai- 
Ai giorni nostri il fatto di essere srelta 
|ier curare i poveri raccomanda un medico 
nlhi fiducia dei ricchi e assicura ta sua for- 
ttinit: al contrario di quel che Hccadeva in 
l>asstito, quando i « fisici » illustri non erano 
(jiiellì degli ospedali, bensì quelli dei ca- 
stelli dei ricchi; i medici di ospedale sì con- 
tentavano di uno sti])end)0 molto modesto, 
tiiii, in tempo di epidemìa, cercavano di ri- 
t'arsi, richiedendo un onorario tìn dieci o 
<|iiindici volte maggiore; e i-municipi dove- 
vano piegarsi alle loro pretese. 

(4H stipendi dei medici d'ospedale, molto 
variuliili secondo i luoghi e secondo le epo- 
che, non aumentarono, nel loro insieme, dal 
inedie evo alla Rivoluzione. Oscillazioni ve 
ne furono; cosi, per esempio, all' Hòtel-Dien 
di l'arìgi i primari erano pagati 232 franchi 
all'anno nel 144.5: S.^ franchi nel 1511;7r)0O 
nel l»iL'l'; 2700 nel 1047. I chirurghi dello 
st*sso ospedale ricevevano l.'iO franchi nel 
lll.'i. 1(!80 nel l.lHl, 54(« net 172!». 

Il numero del medici. 
Per molti secoli i medici furono in numero 
esiguo, per il fatto che scarseggiava la clien. 
tela. 11 bisogno del medico è, come 
molti altri, un bisogno dei tempi mo- 
derni; i medici e ì chirurghi militari fu- 
rono istitaiti non prima del 170H, Nella città 
di Nìines, nel 1640, non vi era che un solo 
iiiedi<-o. 

l*resentemente, i medici sono sparsi molto 
irregolrtrmente nei vari paesi del mondo. In 
Inghilterra se ne contano >i per 10,000 abi- 
tanti, in Turchìa 2; la Francia ha, presente- 
mente, circa 20,000 medici, ossia più di 5 
[)er 10,(M)0 abitanti, e il loro numero negli 
ultimi sessant'anni si è raddoppiato. A Pa- 
rigi si <-ontauo presentemente .1000 medici 
per una popolazione di 2,700,000 abitanti. 
Xel ]8<ì2 ve ne erano 1800, nel 184(ì non più 
di l'tOtt, e questa cifra sembrava eccessiva e 
sproporzionata ai bisogni della popolazione. 
Nel .secolo xvji non vi erano a Parigi che 
U-ì medici per una popolazione di 400,000 
abitanti, e,'in media, il loro numero aumen- 
tava di 4 all'anno. 



Se la Parigi del 1050 contava un medico 
diplomato per .3,000 abitanti, mentre oggi 
ne ha uno per 900 abitanti; se, proporzio- 
nalmente alla popolazione, ci sono nella 
Francia di oggidì cinque volte più medici 
di quanti ve ne fossero nella Francia del 
tempo di Knrico IV, e se i medici dei giorni 
nostri, quantunque si l'agnino di esser troppo 
numerosi, gua<lagnano qualcuno tre. e qnal- 
cono dieci volte più dei loro predecessori, 
ciò non si deve al fatto che gli ammalati 
siano oggi più numerosi più delicati : essi 
sono soltanto jtiù agiati e più spesso ricor- 
rono al me<lico, anziché rimettersi alla prov- 
videnza come facevano J loro avi; ì quali, 
del resto, pagavano le medicine a ])rezzi ve- 
ramente esorbitanti. 

yoi l'ontnro fa notare oonui i pro«roMsi ili'll'inilu- 
Htrìu olijtiiicn, i|iiolli del eoiiiineraìo e ilei trag]>urti, 
abbianu fatto dimiiinlre in mlsiiru notavo liflsimn il 
coetJj ilei generi faniiiioeutioi. 

I ehirurutii. 

Present«mente vi è in Francia una die- 
cina di grandi chirurghi, ciascuno dei quali 
guadagna circa 000,000 franchi all'anno. A 
questi sommi seguono i chirurghi degli ospe- 
dali di Parigi, i cui guadagni oscillano fra 
i .jO,000 e ì 100,000 frauclii; anche alcuni 
chirurghi di provincia, che svolgono la loro 
attiviti^ fino a un centinaio di chilometri 
dalla loro residenza, arrivano a quest'ultima 
somma. Gli altri chirurghi delle grandi città 
non guadagnano più di 20,000 framshi. Oli 
specialisti in chirurgia sono, del resto, poco 
numerosi: di solito una stessa persona eser- 
cita così la medicina come la chirurgia. 

Anche in passato ì chirurghi di grande 
riputazione erano ben pagati. Quello di Carlo 
il Savio, per esempio, nel 1380, aveva uno 
stipendio annuo di 23,000 franchi: per farsi 
estrarre iiu dente da uno di questi chirurghi 
— ì quali erano anche dentisti — le ricche 
principesse spendevano da 17.") a 230 franchi. 
Gìi\ in quell'epoca il barbiere del re aveva, - 
fra le sue attribuzioni, la pratica del sa- 
lasso, il quale, eseguito di sua mano, ve- 
niva pagato, nel 1327, da 35 a 80 franchi. 
Verso la fine del secolo xiv nn salasso al- 
l'ospedale di Marsiglia si pagava non più 
di 2 franchi; a Chartres, nel 1401, nn chi- 
rurgo per 12 franchi rimetteva a posto una 
spalla stogata. 



.yGoogle 



124 



MINKKVA 



L'auture aoronna .iHa KlvriuA inttlìtA fra 1» mcitl- 
vìna e In rliìmrgi». fOM'iidu noruri' oduip l'ìnegiia- 
^litraxA fra questi due niui àeUn scieiiEk mi'dica xia 
stata, in fondu, pìnttoato tcurind. o. s« éi preforÌHi.e. 
ili pura apparetDia. Egli rapoiir, poi, rorg^aniEcazioiK' 
(Irgli Htudi obimrgìaì in Franrin nei seooli passati. 

(ili onorari dei cliirur)>hi. 

Negli ospedali lo sti]iendio dei «^birurglii. 
liei secoli acorsi, in generale alquanto più 
hasBO di quello dei medici, non ne differivu 
^iensibilmeute.Una grande difierenzasi trova, 
al coQtraiio, negli onorari della clientela pri- 
vata, secondo le condizioni economiche di 
ipiesta i-lientela. In tutto il secolo xix non 
vi è stata un'operazione cbe fosse pagata co- 
me quella della celebre fistola di Luigi XIV 
nel 1U87, circa un milione e mezzo di tranelli. 
« Hua Maestà — scrive Dionis — ricompentìii 
regalmente tutti coloro die gli resero ser- 
vigio in questa malattia ». Infatti, Fram-ois 
Fólix, il primo cbirargo, quello che lo operò, 
ricevette ;ìao,000 franchi; il secondo eliirurgo, 
Itesslères, ne ricevette 100,(H)0! il primo me- 
dico, D'Aquin, ebbe ;ii"H),000 franchi; il medico 
ordinario, Fagon, 200.000; gli assistenti e t 
farmacisti si divisero la somma di 168,IMM) 
franchi. 

Quella ftstola storica — la « grande opé- 
rution » come venne chiamata — fece parlar 
di sé per un anno intero in tutta la Francia 
e in tutta l'Europa; e divenne di moda fra 
i cortigiani il pretendersi sofferenti di sif- 
fatta malattìa. 

Per essersi recato in Savoia a curare la 
duchessa regnante, il chirurgo .Juif ricevette 
1SO,000 franchi, e un empirico, chiamato da 
Itar-le-Duc, per curare Anna d'Anstrìa del 
canoro alla mammella di cui essa morì, sì 
fece pagare anticipatamente ^0,000 franchi. 

I grandi dei nostri giorni sono meno pro- 
dighi, ma i ricchi sono molto pii) numerosi. 
K oggi le operazioni, quantunque raramente 
tengano pagate più di 10,0()0 franchi, es- 
sendo molto più frequenti che in ])as8ato, 
procurano annualmente un reddito p^nci- 
pesco alle celebrità della chirurgia. 

Due o tre secoli fa, negli ospedali, gli oste- 
trici ricevevano per ciae^-una assistenza da 
ù a 11 franchi, e per l'operazione detta -del 
taglio cesareo 18 franchi. Per * segare e ta- 
gliare una gamba un chirurgo sì faceva 
pagare, secondo le circostanze, da 30 a 60 
franchi; per « rimetterla », ossia per curare 
e guarire una frattura, da S(> a l."i0 franchi. 



Nel secolo XVII l'operazione della pietra, 
fatta da uno specialista di grido, veniva 
pagata fino tì(M> franchi; eseguita da un • in- 
cisore » di provincia si pagava da un minimu 
di '.ÌQ franchi a un massimo dì HO. In mici 
tempo la grande maggioranza dei chirurghi 
viveva dei salafisì che venivano eseguiti, 
come è noto, su larghissima scala, e che. 
secondo le condizioni dei pazienti, venivano 
pagati da un minimo di tiO centesimi a nn 
massimo dì ti franchi. 

Gl'introiti di nn chirurgo non erano, tutto 
sommato, molto diversi da quelli di nn me- 
dico, nemmeno in un'epoca in cui il chi- 
rurgo sembrava, in confronto col medico, dì 
grado sociale inferiore. Oggi, quantunque i 
grandi chirurghi guadagnino più dei grandi 
medici, nessuno può pensare a considerarli 
come socialmente superiori. 

Attualmente, medici e chirurghi sono più 
stimati di quel che fossero nei secoli pas- 
sati, perchè sono più dotti e più abili: essi 
sono anche meglio pagati, e ciò non già in 
causa del loro merito, bensì .perchè ai giorni 
nostri sì è formata tutta una clientela di 
gente ric<-a e agiata, abbastanza numerosa 
per disputarsi, a prezzo d'oro, l'assistenza 
dei sanitari. 

mrolMH IH HKKHKKT Hl'HNCKK'" 

I_riourdi dolIMnsiguc priigat-ore ohe qni ri assoni ianin 
ai riferiscono al 18ó2. anno in oni lo Spencer entni 
in relazione di glande intimità con Hìbb Evans. U 
scrittrice divenuta |h>ì celebre sotto lo psendoniai-i 
di George Kllot, e cbe egli oonot>be nel lt<r>0. 

Gconte Eliot. 
Miss Evans aveva nel tìsico un po' di quella 
virilit)\ che la caratterizza lutei lettnalmentc. 
giacché, quantunque avesse una statura di 
donna ordinaria, era di solida complessione. 
Anche la sua testa era più forte di quel 
che, di Kolito, la si trovi nella donna; di più 
aveva una particolarità che la distingueva 
dalla maggior parte delie teste femminili e 
mas4;hili: cbe, cioè, i suoi contornì erano 
perfettamente regolari. In modo straordina- 
rio ai trasiìgurava la sua fìsonomia quando 
la illuminava il sorriso, uh sorriso al quale 
si mescolava, di solito, un'espressione di siu- 
patìa. Aveva una voce di contralto, gravc 
e naturalmente forte; ma s'era talmente alii- 



,y Google 



MINERVA 



i2d 



mata a frenare la voce, Che io credo che 
solo rarissimamente, forse mai, la facesse 
sentire in tatta la Bua potenza. 

Miss Evans possedeva in grado supremo 
i due elementi che producono il sentimento 
iittruista: la simpatia e l'affetto domestico; 
(juesta simpatia, che essa provava per tutti, 
derivava, tu j^ran parte, dui suo amore per 
l'umiinità, e le ispirava il desiderio di sen- 
tirsi all'unisono con coloro che la circonda- 

Un grande possesso essa aveva su se stessa, 
il che dava al suo carattere nua notevole 
ui;uaglianza. Coscienziosa e giusta in tutti 
i suoi rapporti, aborrente per natura dal 
male, essa era tuttavia indulgente per le 
debolezze umane, e facilmente perdonava. 
Si lagnava di avere una duplice coscienza: 
tutto ciò che essa faceva o dieeva era ac- 
compagnato dalla sna propria critica men- 
tale, e ciò, naturalmente, la conduceva a de- 
prezzarsi, a diffidare di se stessa. Una me- 
moria di una straordinaria precisione e una 
grande faciliti^ di comprender le cose face- 
vano sì che essa imparasse qualsiasi cosa 
con facilità. La sua fantasia costruttiva, 
quantiiDqne notevole quando si trattava di 
iTeare dei tipi e delle rappresentazioni di 
xtati d'animo, da altri punti di vista la 
serviva paeno bene: la trama delle sue con- 
ceKÌoni lasciava spesso a desiderare, e la 
i4na facoltà speculativa era piuttosto critica 
e analitica che sintetica. 

Tattavia, cosi come essa era, aveva le fa- 
coltà filosofiche grandemente sviluppate. Ho 
conosciuto pochi uomini con i quali io ab- 
bia potuto discutere con maggior piacere 
intorno a problemi di filosofia. Una tale at- 
titudineal pensiero astratto si incontramolto 
raramente unita alla facoltà di rappresenta- 
zione concreta, perfino negli uomini; e in 
nessun'altra donna si è mai trovata allo 
stosso grado la riunione dì queste due fa- 
coltà. 

Tino dei tratti del suo caratt«re era la 
«alma. Non si vedeva mai in lei l'indizio di 
una eccitazione mentale,'ancor meno quello 
ili una tensione mentale; l'impressione ge- 
nerale era quella di una forza latente; in- 
dubbiamente, le sue idee personali erano il 
pro<lotto di nna grande intelligen?:a che la- 
vorava con facilità.* Eppure, quantunque essa 
dovesse avere la consapevolezza della sna 
grande intelligenza, non sì trovava in tei 



nessuna manifestazione di orgoglio: se do- 
veva esprimere un parere contrario, lo fa- 
ceva quasi scusandosi. 

Qui lo rfpenopr aooennu alle viioì corso, fm (Piloro 
ohp v^Uevanu l'intimità fr« lui e Miss Evans, olle egli 
no fosse innaiaoraCo e otie osai itovesscro siMtsftrsi: <• 
awicnr» ohe in tutto oiò nwn vi fu nulln ili vprii, A 
pnipoaitu, |iui, ili iiii'ussorvtuiioui' <>he nssa oblìi' a far- 
gli, egli fornisni' iiitorcssanti purtioolari intorno u 
lineilo che polreuio chlikiiiaro il m«oaivnisrao ilei suo 

Ciime (lensava Spencer. 

Parlando della « Statica sociale » Miss 
Evans mi disse che, data la somma dì ri- 
flessione che io avevo dovuto esplicare per 
quell'opera, essa era sorpresa di non vedere 
delle rughe sulla mìa fronte. 

— Penso che oiò sìa perchè non sono mai 
imbarazzato — risposi. 

— Oh! — esclamò lei, — Ecco la cosa più 
orgogliosa che io abbia mai sentito dire. 

— Son parlerete più cosi — risposi — 
quando saprete quello che io intendo dire. 

E cominciai a spiegarle come la mia ma- 
niera di riflettere non richiedesse quello 
sforzo di concentrazione che generalmente 
è accompagnato dal corrugare delle soprac- 
ciglia. 

Xon ho mai avuto l'abitudine di propormi 
un problema e di cercarne la risposta. Le 
conclusioni alle quali sono arrivato non mi 
sono mai venute come soluzione a questioni 
che io mi proponessi, bensì, senza che io me 
lo aspettassi, ciascuna riflessione come il ri- 
sultato dì un gruppo dì pensieri che sono 
lentamente usciti da un germe. Un'osserva- 
zione diretta, o qualche fatto che io avevo 
letto, si imprimevano nella mia mente; qual- 
che settimana dopo io tornavo a pensarvi 
più profondamente, ed ecco che nel mio spi- 
rito si formava un'applicazione più larga di 
quella che dapprima io avevo scorta, nuove 
osservazioni aggiungendosi alle osservazioni 
già fatte. Trascorso dell'altro tempo, uno o 
più mesi, mi tornavano alla memoria quelle 
osservazioni; e la ricapitolazione che ne fa- 
cevo entro me stesso poteva essere seguita 
da una nuova estensione della idea. 

Quando l'accumulazione dei fatti aveva 
dato corpo a una generalizzazione, la rifles- 
sione convertiva la prima vaga concezione 
in una concezione più definita. €osl, a poco 
a poco, insensibilmente, quasi senza inten- 



,y Google 



126 MllSl 

zione cosciente e seiizit uno eforzo apprez- 
zabile, Bl formava una teoria coerente e or- 
ganizzata. I>i solito ciò avveniva con uno 
sviluppo lento, senza costrizioni, che spesso 
si estendeva a un periodo di parecchi anni. 
Ed io credo che, appunto perchè pensavo in 
questo modo (fra d naie e quasi spontaneo, e 
senza tensione, si constatava quell'assenza 
di rughe che Miss Evans aveva notato; as- 
senna che rimase quasi egualmente completa 
iiDche trenta anni pifi tardi, nonostante la 
quantità di meditazioni sopravvenute du- 
rante quel tempo. 

ff.0 citato questa osservazione di Miss 
Evans, e vi ho aggiunto questa spiegazione, 
anche per dichiarare la mia convinzione, che 
una soluzione alla quale si pervenga nel 
modo che io ho indicato, ha maggior pro- 
babilità di essere esatta, in confronto con 
qualche altra soluzione raggiunta dopo sforzi 
speciali fatti allo scopo dì trovarla. Lo sforzd 
voluto causa la perversione del pensiero. 

Tornando a parlar» Ai George Eliot, lo Spencer af- 
feim» ohe egli non ebbe nlonna parte diretta nel- 
reduoozione della oelelire sorittrioe: ees» riaenU, è 
vero, l'inSuenza de]1e opere da lui pubblieatp. ma il 
valore dì siitatta influenza non va esagerato. Più ohe 
dello Spouoor, la Evans fu scolara del Corate, quan- 
tnnqne di quest'aUimo non lU'.oettnBae tutte In dot- 
trine; ma ne divideva le idee in quanto ni riferiva 
alla religione dell'umanitìt, di otiì il Cointe si fece 
apostolo. E a pToposito di eituuazione e di istruzione, 
lo Spencer fa delle osservasionì ohe oggi ancora sono, 
pnr troppo, di attualità. 

Gl'inconvenienti del sistema d'istruzione. 

Secondo me, l'istruzione come è intesa 
presentemente non solo non fa aumentare la 
facoltà di pensare liberamente in coloro che 
tale facoltà possiedono in qnatrhe grado, ma 
tende a farla diminuire. 

IiO Spenoer cita l'esempio di un laureato obe qd 
giorno gli domandò se fosse proprio vero cbe una nave 
la quale si allontana dal porto sparisoe a pono a poco 
per eflfctto della rotondità dulia terra ; Io stesso in- 
dividuo ignorava ohe la popolazione dell'Inghilterra 
è in anraento, credeva che I mammiferi avessero II 
ventriglio al pari degli uccelli, non sapeva perchè, 
scrivendo, quando ai va a capo, si debba inoorainolare 
la riga piil in dentro delle precedenti. 

Ai nostri giorni sì parla da tutti degli 
inconvenienti che risultano dal sovracca- 
rico dei programmi scolastici, ma non sì 
pensa ad alleggerirli. Sebbene sia dimostrato 
che l' accumulamento di cognizioni. 



quando Bui>eri la' facoltà che l'uomo ha di 
impiegarle, nulla aggiunga al valore dell'in- 
divìduo, e al contrario lo faccia diminuire, 
tuttavia si continua a prendere come misura 
del valore dell'uomo la quantità delle sue 
cognizioni. Date le idee predominanti in 
materia d'istruzione, è diventato pratica- 
mente impossibile cambiare tale sistema; e 
lo spirito dei giovani, sovraccarico di cogni- 
zioni inutili, ci mostrerà ben presto gli ef- 
fetti dì misure che sì può dire siano stal« 
p}-ese allo scopo dì aumentare la stupidità. 
Il concetto stesso dell'istruzione, quale fu 
compresa in passato e quale è oggi ancora, 
implica una costrizione della mente 
forzata ad assumere forme che altrimenti 
non avrebbe scelte; ia altre parole, ne viene 
un piegamento dei rami fuori della linea 
di crescenza spontanea, secondo un modello 
artitieiale. ITn sistema di istruzione che im- 
pone idee dal di fuori, anziché farle nasceri' 
nell'interno, esercita un' induenza repressi- 
va... Crii attuali sistemi, qualunque cosa io- 
segniuo, hanno questo vizio fondamentale; 
essi iucoraggiauo la ricettività passiva 
invece dell'attività indipendente. 

Degli scrittori e dei filosofi. 

La maggior parte degli uomini si fa degli ) 
scrittori un'idea molto inesatta e spesso as- 1 
surda, ritenendo che essi siano marcatamente j 
diversi dalla comune. Ora, in generale, si l 
può dire clie nc:j.suno scrittore somiglia al 1 
suo libro, quantunque vi siano, come credo. ) 
delle eccezioni. Lo scrittore mette nel libro 
il meglio della sua attività mentale, sepa- 
randolo dalla massa dei prodotti inferiori 
ohe appaiono nella sua conversazione quoti- 
diana. Eppui-e, la gente crede che un pen- 
siero qualsiasi dello scrittore debba avere 
un valore eguale a quello del suo pensiero 
selezionato. Sarebbe press'a poco altret- 
tanto ragionevole pretendere che il mosto 
fermentato fosse di qualiti) eguale all'alcool 
ricavato dal lambicco. 

E nou soltanto dal punto di vista intel- 
lettuale troppo sì domanda dagli scrittori, 
ma si pretendono da essi, sopratutto dagli 
autori di libri di filosofia, delle qualità dì 
carattere molto lontane dall'ordinario. L'idea 
comune è che essi debbano sprezzare tutto 
ciò che piace alla maggioranza degli uomini. 
Una volta, un Francese, essendo venuto al- 
l' « Athenaeum Club » per vedermi, rimase 



,y Google 



MINERVA 



127 



s^'UDdalizsato percbé mi trovò in atto di gio- 
care a biliardo; un'altra volta, durante un 
viaggio a bordo del piroscafo Servia. il mi- 
liai'dario Carnegie fa colpito da stupore nel 
sentire che, a tavola, domandavo al came- 
riert; del formaggio Cheddar invece del Che- 
shiie. Possibile che un filosofo si occupasse 
ili un particolare così insignificante come 
la qualità del formaggio!... 

Volentieri si identifica la filosofia con 
lo stoicismo, e qnesto errore si mostra 
l'Oiitinoamcnte in modi diverai e in circo- 
stanze del tutto inattese. 

IL NCOVO PRESIDENTE DEL BRASILE <■> 



Il I.ì novembre 1906 giurava quale sosto 
l're^iìdente degli Stati Uniti del Bra- 
sile un uomo altrettanto dotto e valente 
ijuaiito modesto, il dottor Alfonso Augusto 
Moreira Penna, cbe giti aveva servito quale 
vice-presidente sotto il suo predecessore dot- 
tor Alves. 

Il Penna nacque il '3i) novembre 1847 nel 
l'iccolo villaggio di Santa Itarbara de Matto 
Dentro, presso l'antica capitale dello Stato 
brasiliano di Minas Geraes. Fini con onore 
ifli studi classici e prese la licenza nel IStìTi 
& Caruca, presso il famoso Istituto diretto 
da preti cattolici. Iranno seguente sì recò 
■A San Paolo per studiarvi legge, e ivi strinse 
rapporti amiclievoli con molti giovani pre- 
destinati ad avere parte importante nella 
.storia del loro paese. Laureatosi nel 1870, 
tornò al suo Stato nativo e apri uno studio 
legale a Barbacena, dove nel 1875 sì ammo- 
gliò a donna Maria Quglìelmina de Oliveira. 

Kell'anno 1874 era stato eletto deputato 
un'Assemblea provinciale; tale ufficio con- 
servo per tre sessioni, poi fu inviato dal 
terzo distretto di Minas alla capitale nazio- 
nale in qualità di deputato dell'Impero. 
Nella capitate restò sino al IHStf, e per tre 
volte prese parte a! Gabinetto imperiale come 
ministro della Guerra, poi dell'Agricoltura, 
quindi di Stato. Mentre il Penna era mini- 
stro di Stato, venne approvata la legge clie 
dava la libertà a tutti gli schiavi di oltre 
sessant'anni d'età. 

Sotto la Repubblica. 

Proclamata la Repubblica brasiliana 

il Ili novembre 1889, il Penna si ritirò a vita 

mn Monthly 



privata, lasciando di aè un ricordo d'uomo 
politico assolutamente onesto. 

Ma egli non doveva restare a lungo nella 
vita privata. A lui, monarchico convinto, la 
caduta del trono imperiale fu nn vero do- 
lore; ma, a simiglianza del signor Joaqnlii 
Nabuco, attuale ambasciatore del Brasile a 
Washington, egli non cessò di amare il suo 
paese e di stimarsi obbligato a servirlo solo 
perchè mutato il regime. Così, quando il ano 
Stato nativo lo cbiamò a prender parte alta 
Convenzione costituzionale, egli pronta^nente 
accettò. Il compito di quell'Assemblea era 
arduo, e tanta era la fiducia ch'essa riponeva 
nell'onestà e nella competenza del Penna, 
cbe lo nominò presidente della Commissione 
incaricata di redigere la Costituzione dello 
Stato. Qnesto documento farà imperituro 
onore alla sua scienza di governo. 

Nel 1892 il Penna fu eletto con votazione 
unanime Governatore dello Stato di 
Minas. Mentre egli occupava questa carica, 
la capitale dello Stato venne trasferita a 
Bella Lorizinte, appositamente costruita, e 
in questa città egli fondò la prima e unica 
Facoltà dì legge dello Stato stesso, che pure 
è più grande della Francia e conta quasi 
quattro milioni dì abitanti. 

Le sue qualità. 

Lo storico non potrà' forse caratterizzare 
il Penna come nn uomo brillante: ma egli 
è qualcosa di meglio, e possiede in alto grado 
quelle rare qualità che ispirano la fiducia. 
È onesto, è sincero, fti sempre un indefesso 
lavoratore, sin dalla sua vita di studente 
ebbe sempre dinanzi agli occhi elevati ideali, 
e sempre si sforzò di eseguire coscienzio- 
samente e eoo la massima precisione ciò 
che gli spettava fare. 

La modestia è una delle sue caratteristiche, 
ma le solide qualità del suo carattere ven- 
nero giustamente apprezzate dal popolo, ed 
egli entrò nell'alto ufficio che attualmente 
occupa meglio conosciuto dì qualunque altro 
Presidente suo predecessore. 

Egli è, inoltre, l'unico Presidente che ab- 
bia creduto opportuno visitare i vari Stati 
e parlare direttamente alle popolazioni sulle 
questioni del giorno. Tali sue visite valsero 
mirabilmente a stringere i vincoli fra gli 
abitanti dei vari paesi e a destare in loro 
il sentimento dell'unità e di un comune in- 



,y Google 



MiyEItVA 



Lo spìrito di renasoetioia, che oggi si mani- 
festa in molti paesi finora rimasti indietro 
Bolla via del progresso, ora opera net Bra- 
sile in modo assai positivo, ma non ha preso 
come altrove la forma di odio per gli stra- 
nieri: lo spirito giacobino viene, anzi, aper- 
. tamente condannato dalla' gente migliore 
del paese. Le porte del Brasile sono 
completamente aperte, e ogni straniero 
bene intenzionato paò essere certo di tro- 
vare presso qaelle popolazioni una cordiale 
accoglienza. _ 

L'ALIMENTAZIONE DELL'AVVENIKE *'> 

Sono due i problemi che riguarda- 
no la natrizione della razza umana: 
l'uno fisiologico, l'altro psicologico 
ed estetico. 

Nell'idea di mangiare un cadavere v'è 
senza dubbio qualcosa che urta l'uomo o la 
donna di sentimento artistico, e che al con- 
trario attrae la iena o la tigre. Il grado già 
avanzato di evoluzione dell'uomo tende a 
eliminare da lui completamente la sangui- 
naria avidità delle bestie feroci. L'uomo di 
nobili aspirazioni preferisce un'alimentazio- 
ne semplice, incruenta, a base dei prodotti 
del suolo. L'avvenire è del vegetaria- 
no, e l'usanza di mangiare carne verrà sem- 
pre pili limitandosi alle classi inferiori e 
mentalmente poco evolute della razza umana. 

Ma può l'alimentazione vegetariana 
bastare all'nomo, senza che questi abbia a 
risentirne un danno nel suo organismo! Cosi 
in Oriente come in Occidente, cosi fra gli 
odierni Giapponesi. Tartari, Finlandesi, Scoz- 
zesi, come fra gli atletici gladiatori del Co- 
losseo o fra i veterani di Cesare, troviamo 
un unico ammaestramento: che la vigoriae 
la tenace resistenza d'una razza si manife- 
stano principalmente negli abitanti delle 
campagne, nei lavoratori del saoto, presso 
cui l'alimentazione è quasi esclusivamente 
vegetariana. 

L'ospedale vegetariano dì Lady Margaret 
a Bromley, nella contea dì Kent, è una va- 
lida prova dell'utilità dì quell'alimentazione 
in tutti ì oasi di malattie mediche, cbirur- 
giche e ginecologiche. Essa sì mostrò sem- 

(1) Da nn aiHoala det dottor JtisitH Oldfield, O^mbtn'l 
Jatmai. garuulo. -— Uotto probabllmaats «ugenno 1 Tsiretarluit 
■Hlnilvlitl, ooma euganTuia 1 flalologl ohe, fluo b poohl uuiJ 

■u il letto» di Mintrra i bene che ooDoan tnOe le naofs Xea- 
«MI». (K. d. B.) 



pre di tanta efficacia che ora, tre settimitue 
prima dì qualsiasi operazione, ì pazienti ri- 
coverati in quell'ospedale e abituati a man- 
giare carne vengono messi a dieta vegi'la- 
riana. 

La scelta dei cibi. 

Il primo passo a fare è di astenersi del 
tutto da qualsiasi cibo animale, ooii 
esclusi i pesci. La dieta vegetariana offre 
una grande varietà di frutta, erba};^' 
e prodotti animali. Da essa possono sire- 
gliersi cibi adatti a qualsiasi condizione iio- 
ciale, età, costituzione fisica, occupazione, 
e così pure ai vari climi. Ecco una serie 
tutt'altro che completa dì alimenti per ve- 
getariani: 

Frutta di numerosissime specie, comf 
aranci, mele, pere, prugne, banani, uva, ribes, 
meloni, cocomeri, cetriuoli. fragole, more, 
noci, mandorle, ecc.,; tutti ì cereali, tutte le 
leguminose, tutte le specie d'insalate: tutti 
ì prodotti animali, come latte, burro, for- 
maggi, miele, uova. 

Mediante la combinazione scientifica delle 
varie operazioni riguar<lanti la cottura, la 
masticazione, la digestione, ognuno di que 
sti alimenti può dare sostanze nutritive 
pronte a essere assorbite dall'organismo uma- 
no, nonché elementi assai utili a sciogliere 
in esso e a eliminarne i prodotti di rifiuto. 
Le noci e i formaggi, che sono cosi le une 
come gli altri assai poco digeribili so man- 
giati, come si anele, alla fine di nn ]>astoa 
base di carne, diventano facilmente digeri- 
bili e assimilabili, le noci se disseccata o ma- 
cinate, i formaggi se ridotti in polvere as- 
sai fine, o cotti con una sufficiènte quantità 
di latte, o preparati in modo speciale, come 
il formaggio di tireeufield, o il lime-ehenc. 
qualità di formaggio preparato a voloiitji 
nelle case inglesi. 

L'esperienza dimostra che i problemi dell» 
delinquenza, della pazzia, dell'intcmpeianza 
nel mangiare sarebbero in massima parte 
risolti riuscendo a regolare per un centinaio 
d'anni l'alimentazione della nostra razza. 
La dieta del popolo è un problema na- 
zionale della pii) grave importanza, e si può 
essere certi che, quanto più aumenterà la 
tendenza all'alimentazione vegetariana, tanto 
pili aumenterà il benessere del popolo stesso. 



,y Google 



MINERVA 



ISfl 



L'IKVASrON'E DEGLI EBREI 
IN NEW YORK (1) 

(ili ebrei di S'ew York Laiiuo festeg- 
ffiato or non è molto il 250° anniversario 
(telU loro prima immigrazione in Manhattac. 
Quelle feete valsero a commemorare l'evo- 
luzione <lj un popolo energico dalla mìBeria 
alla riechezzii, dulFitriioranza alla cultura, 
(lall'ostracisiiio sociale e politico all'indi- 
l>e[ideiiza e a una grande potenza. 

La massima città americana è già in gran 
jiarte semitica: i ventisette ebrei portoghesi 
die nel 1655 ottennero un modesto asilo in 
Xcn- York furono i pionieri di una colonia 
israelita clie oggi conta 800,000 per- 
sone. Mai, in nessun luogo vi fu una cosi 
numerosa comuiiitA ebraica: Gerusalemme, 
nel periodo del suo massimo sviluppo, non 
giunse a contare neppure un sesto di quel 
numero di abitanti israeliti. Varsavia ha 
oggi3O0,000ebreÌ,Lodz 120,000, Vilna 100,000. 
\ew Y'ork ospita un terzo di tutti gli ebrei 
stabiliti negli 8tati Uniti. 

Ed essi aumentano rapidamente di 
numero: per ogni venti israeliti che muoio- 
no, trentacinque ne nascono, e 70,000 sono 
ogni anno gl'immigranti ebrei che piovono 
a New York, l'ra un decennio questa metro- 
poli ne conterà 1,500,000, quanti sono oggi 
gli abitanti di Filadelfia. 

L«ro occupazioni e nbitazioni. 

Israeliti si trovano oggi sparsi in ogni rione 
di New York, ma la loro colonia più nu- 
uierosa è raccolta in quello orientale, detto 
Fast Side, e non soltanto nelle case-alveari 
ftenementsj, bensì anche in abitazioni assai 
eleganti e di lusso. 

(ili ebrei sono attivi, e invariabilmente 
tanno fortuna in qualsiasi specie dì mestiere, 
di professione, d'industria, o di commercio. 
I giovani si occupano di preferenza nei ne- 
gozi come garzoni, o scrivani, o contabili; 
le ragazze come stenografe. Quelli fra loro 
che non possono ancora aspirare a tali im- 
pieghi si danno al piccolo commercio e vanno 
girando attorno per i quartieri popolari ven- 
dendo ogni sorta di mercanzìe di poco prez- 
zo. Chi entri in un qualsiasi teatro di opera 
di prosa vedrà elegantissime signore ebree 
nei palchi, e non pochi attori della stessa 
razza sul palcoscenico. I cinquanta teatri 

(1) Dt un vtloolo di Biiktun J. Eenriiick, UeOlitri'i Maga- 



dì Manhattan sono quasi tatti in balìa dì 
sindacati israeliti; le commedie piti fortu- 
nate che in quei teatri si rappresentano 
sono di autori ebrei. 

In Wall Street gli affari sono per la mag- 
gior parte in mano di ebrei; avvocati e 
magistrati israeliti s'incontrano in tatti i 
tribunali; molti dei più ripetati medici sono 
ebrei; maestri e alunni ebrei rappresentano 
l'elemento più numeroso nelle pubbliche 
scuole; nei pubblici impieghi gli ebrei si di- 
stinguono per numero e per valore. 

L'immigrazioDe ebraica. 

New York, il centro massimo della ric- 
cfaezza, dell'attività e della vita intellettuale 
americana, sembra destinata a diventare una 
città eminentemente israelita, sopra- 
tntto per l'affluire d'immigranti ebrei dai 
paesi non certo fra i più progrediti d'Eu- 
ropa, cioè dall'Ungheria, dalla Polonia, dalla 
Rumenta, dalla Galizia, e principalmente 
dall'Impero russo. 

Prima che cominciasse l'immigrazione rus- 
sa nel 1881, New York contava soli 50,000 
ebrei, quasi tutti austriaci e tedeschi; da 
quell'anno in poi il massimo contributo al- 
l'immigrazione ebraica fu dato dagli ebrei 
dell'Europa orientale. 

Fra un ebreo tedesco e uno russo o polacco 
v'è non meno differenza che fra un tedesco 
e un russo cristiani. Il primo è oltremodo 
'liberale nelle sue pratiche religiose; il se- 
condo è strettamente ortodosso. L'uno è il 
prodotto dì lìbere istituzioni e di un» ci- 
viltà tollerante; l'altro è la vittima di per- 
secuzioni religiose ed economiche. In New 
York gli ebrei tedeschi e i loro correligio- 
nari russi si sono mantenuti sempre distinti 
gli uni dagli altri, e rarissimamente avven- 
gono matrimoni fra ebrei di nazionalità di- 
versa. Quelli immigrati dall'Oriente europeo, 
principalmente, come si disse, dalla Bussia, 
rappresentano circa cinque sesti dell'intera 
popolazione ebraica di New York. 

Ciò è il risultato diretto della politica in- 
terna degli czar Alessandro 111 e Nicola II. 
L'immigrazione d'israeliti russi in 
America è ora al suo colmo, per effetti 
(Iella guerra russo-giapponese, dei disordini 
intemi della Kuesia, delle leggi restrittive 
con cui s'impedisce agli ebrei di diventare 
nfReiali dell'esercito russo; perfino lo scio- 
glimento della Duma ha contriboito ad ai 



irlbmto ad au- 
cbyCOOglC 



130 



MINERVA 



mentore grandemente l'emigrazione israelita 
da varie Provincie della BasBia. 

Minima è la preparazione intellet- 
tuale ed economica degli ebrei russi alla 
cittadinanza americana. Come diceva un 
giornale di Pietroburgo nel 18ÌI3, « dei quat- 
tro o cinque milioni di ebrei residenti in 
Russia soltanto 10,00» o 15,000 possiedono 
mezzi stabili di sussistenza». La loro atti- 
vità {* vincolata da innumerevoli leggi proi- 
bitive; tiitt* le professioni dotto sono loro 
vietate; le scuole secondarie, in gran parte 
le primarie, e le università sono chiuse per 
loro; perfino il possesso di ttìrreni agricoli 
è loro interdetto. Tutto ciò ohe banno è sog- 
getto a forti imposte, e lo Stato li tratta 
quasi come banditi. 

Perciò, quando essi sbarcano a New York, 
souoeccessivamente ignoranti, personalmente 
poco puliti, privi di qualsiasi abilìtii tecnica 
o industriale, e naturalmente propensi ai- 
Podio e al sospetto verso le autorità gover- 
native. Loro unico capitale è l'intelligen- 
te operosità con cui si applicano a qual- 
siasi lavoro, per quanto poco retribuito. 

Sempre avanti! 

Nonostante tntti gli svantaggi della loro 
condizione, gli ebrei russi di New York 
hanno rapidamente progredito in quasi tutte 
. le direzioni. Il loro progresso economico 
è senza precedenti fra gl'immigranti di al- 
tre razze. Nell'accuniiilare riccbezze e nel 
liberarsi da una crassa ignoranza essi pro- 
cedono cosi alacremente da far fare in con- 
fronto una triste figura agi' immigranti ir- 
landesi, italiani, tedesdii, anolie se di re- 
ligione israelita. Nessun rione di New York 
produce tanti milionari quanti il ghetto; ì 
piò ricchi quartieri della metropoli contano 
ora a centinaia gli ebrei russi o polacchi 
che dieci o venti unni or sono vivevano an- 
cora miseramente in case-alveari e ora pos- 
seggono milioni. 

Eaeo alcuni esctiupi di furtuap rapidamente tkooii- 
luulato da ebrei. Harrv Kisobel, di Vilna, falegname 
(li professione, bitìtò a New York nel 1884 con tre 
franehi in tasoa; dopo un anno e ineszo di aspro la- 
TOTO. prima a 15 poi a 30 franobi la spUimana, aveva 
aooomalato 1250 franobi; oon questi prese idokUo e 
mise negozio per oonto proprio; divenne imprendi- 
tore di onstrusioni, fu furtiinsto e in un anno gua- 
dagnò 1,500,000 franchi; ora possiode non meno di 
i|Dattro milionj. Da Varsavia, oìroa trent'anni or sono, 



emigrarono a New York i fratelli Àbramo e Oinli» 
Coen; oomineiarono a negoziare in abiti veoohi. r 
fecero fortuna: uè l'uno uè l'altro sa leggere e scri- 
vere, ma già da molti anni sono giunti a poa»edrrr 
piil di cinque milioni. S. Friedliinder, negozìaotr <li 
eappelli da signora in ■ Division Street ». or «oms 
venticinque anni non aveva un soldo da parte ; aili'.'Wi 
po8SÌe«le due milioni e mez7.o. E aimiti Meiii)>ì ]t' 
trebberò mol tipi io arsi all'infinito. 

Due sono le caratteristiche mostrata 
dagli ebrei russi di New York: lavorano 
senza tregua, sempre pensando a risiiar- 
miare ogni soldo possibile, fra privazioni 
d'ogni genere, per arrivare all'agognata rii- 
chczza, e contemporaneamente si manten- 
gono sempre individualisti. 

La popolazione russa è un'enorme uih^- 
sa di particelle'umane incoerenti, e 
tale è pure la colonia russa-ebraica di Ne» 
York. Essa non sa organizzarsi che imjHT 
fettameute: ha iu se una incommensura- 
bile energia, ma l'esprime individuai 
mente, non già collettivamente. 

Le principali industrie des;li Ebrei. 

La comunità israelita di New York sì i- ' 
mantenuta sempre con il lavoro delle pro- 
j)rie mani; essa è il piti grande coeffi- 
ciente della ricchezza industriale del- 
la metropoli. In grandi masse gli ebrei 
russi prendono parte importante a tutte le 
industrie della cittj\, principalmente a quell;i 
delle confezioni di abiti da uomo e da donna, 
di cravatte, scarpe, ecc., industria che può 
dirsi la maggiore di New York, che di\ la- 
voro a 17.1,000 operai e prodnce per un com- 
plessivo valore di 1500 milioni all'anno. 

Cinquant'anni fa tutti ì sarti di New York 
erano nati in America; piil tjirdi si mischia 
rono a loro molti Irlandesi e Tedeschi: ora 
sono in maggioranza i sarti ebrei, e non 
pochi gl'Italiani. L'inclinazione degli ebrei 
a (jucsfa industria si spiega probabilmente 
con le loro due caratteristiche già accen- 
nate: l'ambizione e l'individualismo. 
Nel laboratorio d'una sartoria l'ebreo riis;-o 
si sente perfettamente libero, non già di 
lavorare poco e per poche ore, bensì inces- 
santemente e per molte ore. Per la stessa 
ragione, per essere libero nel suo lavoro, egli 
si mantiene affatto estraneo alle Unioni 
operaie. lyorganizzazione di quest« è con- 
traria al carattere ebraico perchè abolisce 
fra i lavoratori eguagliando 



litiznc hy 



Google 



MINERVA 



orari a salari, mentre l'ebreo si sfoT7,a, di 
andare sempre avanti mediante il si- 
stema della libera ooncorrenza. 

Dn altro campo in cui gli ebrei mesi si 
sono lasciati indietro tutti i competitori è 
Iftproprietà immobiliare. In questa rin- 
vestono tutti i loro guadagni- I-oro non 
piace condividere con altri una proprietà 
qualsiasi; perciò poco favore trovano presso 
di loro le azioni di Società industriali e al- 
tri valori di Borsa. Precipuo scopo del loro 
lavoro è l'accumulare risparmi per compe- 
rare aree e ogni sorta di beni immobili. In 
New York si costruiscono ogni anno poco 
meno di KHH) casamenti popolari per un va- 
lore di circa 300 milioni di franchi; tali 
l'Ostruzioni vengono fatte quasi tutte per 
conto di ebrei, e in molti casi da operai 
israeliti. 

L'assi mi labilità degli Ebrei. 

Gli ebrei russi di New York non afl'olle- 
nuino mai i ricoveri di mendicità, né fa- 
ranno mai un serio appello alla benetìcenza 
privata. Ma sono essi assimilabili »Ua 
l>opolazioue americanal 

Un baou indizio per crederlo è il fatto 
(the il loro entusiasmo per l'America non 
Ita lìmiti: essi attendono ansiosamente il 
(giorno in cui possono cbiedere e ottenere la 
cittadinanza americana. La facilità con cui 
k:1ì ebrei di New York si appropriano fog- 
lie e costumi americani quasi smentisce il 
loro attaccamento alle caratteriaticLe tradi- 
zioni del loro popolo. 

Politicamente l'individualismo degli ebrei 
impedisce loro di organizzarsi in una massa 
compatta. Meglio di qualsiasi altro cdemento 
etnico della popolazione di New York, me- 
glio degli stessi Americani, essi compiono 
il loro dovere di cittadini recandosi alle 
urne e votando ciascuno indipendentemente. 

I PICCOLI GIORNALAI DI BOSTON <» 

A Boston il mestiere di giornalaio era 
esercitato in massima parte da una turba 
di ragazzi sudici, maleducati e insolenti, 
ometto di commiserazione o di disprezzo 
pel pubblico, e, al tempo stesso, sfruttati 
dalle amministrazioni dei grandi periodici 
della città. Questi ragazzi hanno saputo tro- 
vare in sé tanta energia da riunirsi in una 

<1) Ita no uUsolo dì B. W. BiiL'h.iii-, The OHtlDtl:, 8 ilLcembra. 



solida organizzazione, che ha riipìdiimeute 
e meravigliosamente rialzato le loro condi- 
zioni economiche e morali. 

Come siirse la Lega. 

Anima di questo movimento è stato un 
giovinetto ebreo della Polonia russa, S. So- 
dekson, il quale era stato sottoposto a dure 
prove durant« l'infanzia, trascorsa in patria 
fra gli orrori delle persecuzioni religiose. 

Riparato a Boston con la madre e i frii- 
tellini {aveva perduto presto il padre), prese 
a frequentare le scuole, ciò che non gli era 
stato possibile in Bnssia; ma il bisogno lo 
costrinse a utilizzare le ore libere dalla 
scuola vendendo i giornali per le vie della 
città. 

Aveva appena compiuto il corso elemen- 
tare, quando venne a mancargli la madre; 
e trovatosi solo a provvedere al sostenta- 
mento e all'educazione dei fratelli, senti 
più fortemente la durezza del suo mestiere. 

Le amministrazioni dei giornali quotidia- 
ni abusavano della propria forsa e tratta- 
vano i giornalai senza riguardi e senza 
equità. Ad esempio, esse non riprendevano 
le copie rimaste iuvendnt«, per modo che i 
poveri rivenditori dovevano fare ogni gior- 
no i conti con l'imprevisto ed erano spesso 
costretti a rincasare con guadagni irrisori. 
D'altra parte veniva elargita una percen- 
tuale più alta a coloro che vendevano un 
dato numero di copie entro un certo tempo, 
ciò che rendeva brutale la concorrenza tra i 
giornalai. I più forti o i più scaltri sopraf- 
facevano immancabilmente gli altri. 

Questo sistema fece nascere inoltre una 
serie di agenti intermediari che commercia- 
vano i giornali alPingrosso e sottraevano 
una buona parte del guadagno ai detta- 
glianti. 

Tra i piccoli giornalai ve n'erano alcuni 
die frequentavano le scuole, ma essi ve- 
nivano a trovarsi in una manifesta coudi- 
zione d' inferiorità rispetto ai compagni, 
perchè gli orari scolastici non pot-evano 
conciliarsi con le incerte esigenze della stam- 
pa quotidiana. Gli oziosi invece monopoliz- 
zavano a loro esclusivo beneficio la vendita 
delle edizioni straordinarie o anticipate. 

Sodekson e molti suoi coetanei mal tolle- 
ravano un tale stato di cose, e, pensarono di 
porvi riparo. I moltissimi esempi di orga- 
nizzazioni americane maturarono^ella loro 
IJgitizcchyGOOgIC 



132 



MINERVA 



niente il proposito (l'istituire una Lega; e, 
non SGoraggiati dalle difficoltà di ogni ge- 
nere cbe si paravano innanzi ad una im- 
presa tra giovani impreparati, si accinsero 
animosamente a tradurla in pratica. E sep- 
pero mostrare tanta fermezza e serietii di 
propositi, da ottenere una patente dalla Fe- 
derazione Americana del Lavoro: la Lega 
venne registrata e afticialmente riconosciuta 
il 1" mae:gio 1901. 

Prime schermaglie. 

]>a Lega entrò immediatamente in azione. 
Ter mezzo di un comitato di tre membri essa 
chiese a un giornale di Boston che ripren- 
desse il 10 per cento delle copie invendute; 
ma l'amministratore prese in giro il comi- 
tato e rise molto della strana richiesta. 1 
giornalai boicottarono il giornale, con grave 
sacrificio dei loio interessi immediati. Il 
successo non sì fece attendere: la circola- 
zione del giornale cadde. L'amministratore 
fu costretto a capitolare. 

TTn po' alla volta anche gli altri giornali 
dovettero cedere, e inoltre si ottenne di 
poter restituire una percentuale sempre mag- 
giore di copie invendute. Adesso la questione 
è interamente risolta: tutt« le copie inven- 
dute vengono riprese dal giornali di Boston. 

Uno solo fa ancora eccezione, in seguito 
ad una curiosa circostanza. L'amministra- 
tore, preoccupato della poca diffusione che 
aveva il suo giornale, e volendo rialzarne le 
sorti, i)ensò di cedere molte (-oi)Ì6 quasi gra- 
tuit-aniente ai rivenditori, alla condizione 
di non dover riprendere quelle invendute. 
Il contratto tu concluso e .l'espediente sortì 
un ottimo effetto; senonchè ora l'ammi- 
nistratore ha ripristinato gli antichi prezzi, 
])ur seguitando a rifiutare le copie inven- 
dute. 1 giornalai hanno fiducia di vincere fa- 
cilmente in questo conflitto, senza ricorrere... 
ai grandi mezzi. 

Sulla via del successo. 

Altri vantaggi considerevoli sono sfati 
gradatamente ottenuti. 

11 compenso concesso ai rivenditori piil 
solleciti è stato abolito. Il sisteuiii degli in- 
termediari è scomparso. Le ore di <-ompra e 
di vendita sonostate ft^Rate e regolate; quindi 
i ragazzi clic frerpientano le -scuole non si 
trovano più in condizioni d'inf'erioriti\ ri- 
spetto ai loro compagni. 



Non solo economicamente, tua anche nm- 
ralmente si [Missono segnalare molti e no- 
tevoli progressi. 

Il quartiere giornalistico dì Boston è on 
libero dei suoi antichi frequentatori e nou 
produce piìl l'impressione sconfortante e do 
loroKa di un tempo. Presso gli uffici dei 
grandi giornali non si vedono piti, nome un 
tempo, delle accozzaglie di riveaditori, 
che trascorrevano al giuoco le lunghe ore 
d'ozio, dissipando i loro jwveri guadagni e 
dando non poco da fare alla polizia. 1 gior- 
nalai ambiscono tutti di far parte della Legu. 
per profittare dei vantaggi che questa oBrv: 
ma siccome non vi si ammettono i monelli, 
cos) quasi tutti hanno migliorato di assai 
la loro condotta. 1 giornalai nella città di 
Boston, prima oggetto di commiserazione, 
sono ora rispettati come qualsiasi altra clas»- 
di lavoratori. 

kjodeUson è riuscito a far intervenire all<* 
adunanze della Lega parecchie persooaliti'i 
spiccate di Boston, tra le quali W. J, BryaD. 
ex-candidato alla presidenza degli Stati U- 
aiti, che tenne anche ana conferenza. 

Un bel giorno, il 25 luglio 1906, Sodekson 
comunicava all'assemblea un suo progetto: 
inviare qualche membro a) Collegio Harvard, 
che i.' quanto dire l'università di Boston. Si 
approvò all'unanimità, e si decise di fondarr 
una borsa di studio con ~>000 dollari di ca- 
pitate. Nel settembre successivo non si era 
raccolto che poco più della metà di questH 
somma; tuttavia il rettore Eliot propose 
d'inviare egualmente un giovine ad Har- 
vard. Il deposito fu solennemente accettaftì 
dal Collegio; alla cerimonia parteciparOBO 
it rettore, i decani, i professori e molte nu 
tabilità di Boston. 

La borsa di studio fu contesa fra due can- 
didati. In avvenire si prevede che i candi- 
dati saranno più numerosi, ma si è sicnti 
di poter fondare altre borse di studio. l.;i 
passione dei cittadini di Boston per ^li 
studi sembra, dunque, essersi comunicata 
alla Lega. 

Questa conta ora ."iOO membri, i quali sono 
in maggioranza ebrei russi. 

La costituzione della Lega dei giornalai 
di Boston ci sembra un indice interessali tr 
della i)ai-tt' sempre maggiore che la motualità 
va assumendo nella organizzazione della st>- 
cietà contemporanea. 



,y Google 



LI-.IH CAZIONK FISICA DINA NAZIONE <i> 



La Svezia ])resenta un esempio meravi- 
}.'lio8() delia grande importanza nazio- 
nale dell'educazione fi sica. Questo pae- 
se era in piena decadenza, quando alcuni 
ìUaminati patrìotti intra presero la lotta- 
contro l'alcooliemo, che era una delie cause 
di siffatta decadenza, mentre, d'altra parte, 
rinnoravauo completamente 1 uietodi della 
jfinnastica, e uè general izzavauo l'uso. Orazie 
a qnesti provvedimenti, la popolazione sve- 
dese ritrovi) il vigore che essa stava per 
jierdere; e ne sono prova due fatti veramente 
Higniflcativi : la statura degli Svedesi è an- 
nientata, cresciuta è la durata media della 
vita; infatti, la statura media dei coscritti 
*■' *^SS^ superiore di tre centimetri a quella 
di mezzo secolo fa, e la longevità generale 
della popolazione è aumentata di nove anni. 

li metodo Liag. 
I/origine della ginnastica svedese è cir- 
■■oudata da una leggenda, di cai, per quante 
ri<-cr<*he si sieno fatte, finora non si è riu- 
sciti a determinare il grado di antenticità. 
Si racconta, cioè, che Per Henrik Ling (nato 
nel 1776, morto nel 1837) il quale, dopo aver 
fatto numerosi viaggi in gioventù, e scritto 
commedie e i>oesie epiche e liriche, si era 
dato all' insegnamento della scherma, avendo 
avuto la disgrazia di fratturarsi un hiaccio 
ed essendosi trovato per tal modo nella im- 
possibilità di continuare ad esercitare la 
sua professione, riuscì tuttavìa, con uno 
sforzo di volontà, a far agire i muscoli del 
bra<?cio rimasto inerte; ottenuta una certa 
mobilità di questi muscoli, egli constatò che 
con l'esercizio progressivo e paziente le con- 
dizioni del suo braccio miglioravano. Questa 
scoperta sperimentate lo indusse a fare de- 
gli studi per rendersi conto della struttura 
del corpo uuiano e del funzionamento dei 
suoi organi, e fu cosi che egli giunse a coo- 
ccpire l'idea di un sistema di ginnastica 
mirante ad ottenere dalla macchina umana 
il pili completo e il piti armonioso rendi- 
mento. 

La ginnastica svedese è veramente razio- 
nale; ossa si propone di mettere in azio- 
ne tutti gli elementi dell'essere uma- 
no per portarli al massimo della loro po- 

rii'CfrrtlU et Renu Siii^te. gruatio. 



IKVA 13:( 

tenzialjtà, senza, però, forzare nessuno di 
essi, senza turbare l'armonia dell'insieme. 
Il carattere scientifico di questa ginnastica 
la rende essenzialmente igienica e medica. 
Essa tende a formare individui sani, nei 
quali nessuna parte del corpo rimane tra- 
scurata, e sono messe in opera tutte le ri- 
sorse lisicbe, in modo da dare il massimo 
rendimento. È facile comprendere come la 
ginnastica così inteaa si opponga all'atleti- 
smo, il qnale, di solito, ha per eifetto di far 
sviluppare un dato gruppo di muscoli a de- 
trimento di tutti gli altri. 

L'allievo formato alla scuola di Ling è 
in possesso di tutti i suoi mezzi, nessuno 
escluso. 

Egli è perfettamente equilibrato, svilup: 
pato armoniosamente. La continua preoccu- 
pazione dei maestri è questa: che gli allievi 
imparino ii correggere ogni risnltato 
anormale per mezzo di una azione 
inversa, allo stesso modo in cui nu fu- 
nambulo ^jiosta il bilanciere ora a destra, 
ora a sinistra, secondo che minaccia di ca- 
dere a sinistra o a destra. 

L'abitudine che, per tal modo, viene con- 
tratta, dì correggere un movimento per 
mezzo di un altro, è di essenziale impor- 
tanza nella vita dell'uomo: ciascuno prende, 
di solito, in conseguenza della propria pro- 
fessione, degli atteggiamenti piìl o meno vi- 
ziati; pochi minuti di ginnastica razionale 
mattina e sera bastano per ristabilire l'equi- 
librio. Tenuto conto degli organi che le 
occupazioni quotidiane devono mettere in 
azione, e dei quali conviene combattere la 
ipertrofia, importa essenzialmente impedire 
l'atrofia degli altri organi; donde la neces- 
sità di una ginnastica razionale, di 
breve durata, ma quotidiana. 

<Jui l'»ntore vì<mip a ooonparsi di un problema che 
ÌDtrrees» in modo apeoÌ»te ìu frsnoia: quello, cioè, 
dell'iDtTodiizÌDQe della ginnastiok a'vedeae nell'eBeretto 
e nelle scuole franoeBÌ. Egli f», perb, delle osaervk- 
sioni ohe, per la loro portata generale, meritano di 
essere brevemente riferite. 

Il problema ginnastico. 

Il metodo svedese è stato trovato, in Fran- 
cia, alquanto rigido e austero, e nei recenti 
regolamenti dell'esercito francese si è op- 
portunamente pensato d'aggiungere alta gin- 
nastica svedese, per temperarla, e per 
attenuarne iì carattere un po' trpjipo seien- 
UgitizccbyGoOt^lc 



MINERVA 



'aria ìi- 
ì giaocLi 
di OBsere 
ssia facili 
ti » elie ri- 
destrezza, 
4tro della 
A B in cui 
ire in que- 
luziouì da 
fatti giuo- 
Z7.0 per ar- 
ha savia- 
e squadre 



sposizione 
ti speiriaii 
delle gare 
ria di me- 

della pub- 
scordo per 
Ling, COBI 
stabilendo 
iazioiii (la 
differenza 
. Senoncliè 
o sistema 
a baoni ri- 
e richiede 
iciua e di 
erico molto 
della Sve- 
ato la cui 
natica; un 
ico. Basti 
tiieste per 
e basti an- 
ile trovare 
OBSano in- 

iare dal- 
ilitare ob- 
tntta la 
ire scuola 
ica a per- 
à di occu- 
nte di que- 
lli ranno al 
eritoranno 



IL TOtOCmO NELLE OFFICQIE DEGÙ STATI IMITI <" 

Il complicato meccanismo della produzioni' 
industriale negli Stati Uniti richiede il aw- 
sidio di un insegnamento professionale sa- 
pientemente organizzato, Htto a creare un 
personale istruito, abile e senza eccessive 
pretese, che sappia pìe^^arei alle difficili •- 
spesso ingrate esigenze della pratica. 

Che cosa sono j " mi-ccanici ... 

Il buon andamento di quasi tutte le azie ^: 
de industriali che fanno uso di maccbioe ^i 
deve, negli Stati Uniti, ai così detti « me< - 
canici », i quali costituiscono una classe di 
impiegati superiori ai semplici operai. Sono 
disegnatori o modellatori di macchine, ma'- 
cbinisti, progettisti di piccoli e di grandi 
impianti, ecc. Alcuni posseggono una col 
tura superiore e sono designati come inge- 
gneri meccanici, ingegneri industriali, in- 
gegneri elettricisti. 

A questa classe dì lavoratori, utile e mo- 
desta, si debbono molti progressi compiuti 
nelle industrie. Generalmente gl-'indnstrialì 
esigono per contratto che cedano loro il 
brevetto delle applicazioni compiute o dei 
perfezionamenti introdotti nei macchinari 
durante il soggiorno nelle loro aziende. 

Si è organizzato tutto un sistema d'iost:'- 
gnamentx> professionale per ottenere dei buoni 
meccanici. 

Come si reclutano. 

Alcune conoscenze teoriche sono indisiHiU- 
sabili per un esperto meccanico: ad esem- 
pio, non si potrebbe fare a meno dei prin- 
cipi della matematica. 

Queste conoscenze possono acquistarsi in 
tutte le scuole pubbliche. Un ragazzo che 
abbia avnto poca opportunità di frequen- 
tare le scuole, potrà rimediare da sé 6t«sso 
alla propria deficienza e riuscire un ottimo 
apprendista; ma in genere non conviene fare 
troppo a fidanza coi ragazzi ignoranti, e per- 
ciò la maggior parto degli industriati esìge 
cbe gli apprendisti meccanici abbiano al- 
meno ultimato il corso elementare, o pos- 
seggano delle cognizioni equivalenti. 

I giovani cbe hanno frequentato le scuole 
medie, e che perciò posseggono una coltuni 
più vasta e più ricca, godono quasi senirrt 



,y Google 



MINERVA 



135 



(li un trattameato di favore e possono an- 
che aspirare alla carriera tecnica e divenire 
ingegneri. Certi industriali coneiderano que- 
sta coltura come dannosa, in qnanto ebe fa- 
rebbe nascere nei giovani una stima esa- 
gerata di ae stessi. Ma cotesto è un pregiu- 
dizio; infatti nelle loro offittine non troviamo 
qaasi mai dei meccanici molto valenti. 

Oeneralmeute si richiede che i giovani 
apprendisti abbiano avuto una condotta ir- 
reprensibile e promettano di mantenerla. 

Come si educano. 

Le conoscenze pratiche sì acquistano da- 
Sli apprendisti meccani ci lavorando nelle 
ofiìcine. Le couoseenze teoriche, poi, va- 
riano molto in qualità e in quantità da 
un'azienda all'altra. Possiamo tuttavia con- 
dderare come indispensabili alcune materie, 
ad ea., una buona eonoscenza delle matema- 
tiche elementari, gli elementi della fisica e 
il disegno di macchine. In casi speciali — 
come per gli elettricisti — si rende indi- 
spensabile qualche altro insegnamento. 

I metodi seguiti per impartire le nozioni 
teori<;he sono due. Alcuni lasciano gli ap- 
prendisti liberi di procurarsi gì' insegna- 
menti dove e come possono, nelle scnole se- 
rali o in quelle commerciali, e sì limitano 
a richiedere dei certificati che attestino come 
i corsi prescritti siano stati seguiti con di- 
ligenza e profitto. Spesso le ore di scuola 
sono retribuite come quelle di lavoro. 

Un metodo molto superiore consiste in- 
vece nel provvedere all'insegnamento teo- 
rico entro l'officina stessa affidandolo a per- 
sone che vi esercitano il lori> mestiere e che 
posseggano una qualche abilità didattica. 

In questo modo la teoria si applica im- 
mediatamente ai problemi di ogni giorno, ed 
acquista maggior sapore e valore che se 
fosse esposta astrattamente, in condizioni 
che non potrebbero facilmente riportarsi a 
quelle dell'officina in cui l'apprendista la- 
vora. Questo è il metodo adottato in pa- 
recchie tra le piò grandi Società industriali. 

Qualunque metodo si segua, l'importante 
è che l'istruzione sia data in qualità e in 
quantità adatte. 

Durata del tirocinio. 

Volendo specializzarsi in un solo ramo 

della meccanica (divenire un macchinista, 

un modellatore, un disegnatore, ecc.), il ti- 



rocinio dura abitualmente quattro anni. La 
durata è alquanta» maggiore se si vogliono 
acquistare delle conoscenze in tutti i rami. 
Neil'un caso e nell'altro il periodo può esser 
ridotto senza inconvenienti anche della metà, 
se lo scolaro è intelligente e volonteroso e 
se l'istruzione è buona. 

Quattro o cinque anni sarebbero insuffi- 
cienti per creare un abile meccanico, ma 
sono troppi per insegnare le nozioni e le 
manualità fondamentali del mestiere. In ispe- 
cie per i giovani che hanno frequentato le 
scuole medie, il periodo di tirocinio può es- 
sere notevolmente ridotto. 

I contratti di tirocinio. 

Questi contratti sono stipulati dopo un 
lungo periodo di prova e vengono firmati 
da tre parti, cioè: dal rappresentante della 
casa industriale, dall'apprendista, dal pa- 
dre o dal tutore dell'apprendista. la esci si 
stabiliscono la durata e le modalità del tiro- 
cinio, l'ammontare dei salari, ecc. 

Le case industriali si riservano sempre il 
diritto di rescindere i contratti se l'appren- 
dista è negligente, se la sua condotta è scan- 
dalosa^ se egli nuoce alla casa, ecc. Ma di 
solito sono gii apprendisti che interrompono 
il tirocinio, venendo meno alle clausole e 
agli impegni assunti dal contratto. 

I motivi di queste defezioni sono nume- 
rosi. Alle volte l'officina lascia a desiderare 
dal lato della nettezza e dell'igiene; più 
spesso l'apprendista spera di guadagnare di 
pili impiegandosi altrove come meccanico, 
senza tener conto del danno che l' imperfe- 
zione delle conoscenze acquistate recherà 
alla sua carriera; altre volte intende sce- 
gliere un'altra professione. 

Malgrado i contratti, le case indostrìalt 
sono legalmente disarmate contro queste de- 
fezioni, le quali sottraggono loro un elemento 
che si sarebbe reso utilissimo, e recano an- 
che un danno immediatio, perchè gli ap- 
prendisti sono retribuiti meno di quanto 
realmente rendano e meritino. 

Per impedire le defeziooi. 
Si sono escogitati molti mezzi. Uno di essi 
consiste nel promettere un premio di &00-lU<H> 
lire alla fine del tirocinio; ma questa pro- 
messa, troppo lontana, non seduce abbastan- 
za. Si è pensato di esigere un deposito, il 
quale andrebbe perduto interrompendo il 



e hy LlOOglC 



]:J« 



MINERVA 



locìiiio: ma qucBto sistema favorisce gli ab- 
bienti a danno dei inveri. Val meglio costi- 
tuire tale deposito mediante piccole ritenute 
sulle paghe. Ai mezzi Bìcnrameute efficaci 
le case industriali addivengono difficilmente 
e con molta riluttanza. Essi consisterebbero: 
r nel ridurre il periodo di tirocinio per tutti 
^li seolari che profittano rapidamente delle 
istruzioni ricevute, e 2" nel rendere piil ele- 
vati i salari. Un ragazzo di 10-17 anni riceve, 
come apprendista meccanico, da 2.50 a 3 lire; 
impiegandosi altrove, guadagnerebbe diffi- 
cilmente meno di 4-5 lire. Kon avendo in- 
nanzi a ek la prospettiva di un migliora- 
mento sensibile se non dopo qualche anno, 
egli è indotto a cercare altrove un'occupa- 
zione più rimunerativa. 

Dopo il tirocinio. 

Molti apprendisti si credono moralmente 
obbligati a rimanere per qualche anno nella 
casa dove bauiio compiuto il tirocinio. Al- 
cuni industriali profittano di questo stato 
d'animo per tenere a lungo depressi i loro 
salari. In tali condizioni sarebbe pienamente 
giustificato di bandire ogni falso sentimen- 
talismo, cercando d'impiegarsi II condizioni 
più vantaggiose. 

Concludendo, negli Stati Uniti si è risolto 
il problema dell'insegnamento professionale 
senza il concorso dello Stato e con inconte- 
:=tabilc grande vantaggio delle case indu- 
sitrial) e dei loro scolari. È un esempio che 
meriterebbe di essere imitato nei nostri di- 
stretti industriali. 

con; TIENE AVmEN&Ti Li FRiXCU "> 



Hi fronCe al cuntiniio multipllesni <telle falaifi- 
oaKÌoni alimentnri, la JCame ha pensato di prò- 
l'eiliTb a ud' ìnuliieHta. attingendo il materiale ilnlle 
l'unti più nnturevoli e controllando qiipBti dati con 
rjreri'ltp iiersotiali dt-I dutt. HuliauU, ex-medioo degli 
•>s|i<-da1i di Parlici. La Fraiioia, oonie •• noto, duo ba 
il (riste iDonoiiolio delravvoleDanieuto orapiuto len- 
tamente ppr lue/.xo dell'alimentaBioiie; e sarebbe bene 
eìxe. nell'interesse di tutt-a l'Enropu, venisse presa 
l'iiiizintiva di un» legislaiiono intemazionale contro 
h' fatfifieaKioni. 

II latte. 

Ai giorni nostri nelle grandi città è quasi 

impossibile avere del latte puro. Il latte 

migliore è, quasi sempre, scremato, e il 

i.r, £a Rtcu* (anaitnru Rmiu 



latte comune, oltre clie scremato, è abitual- 
mente allungato con l'acqua. Alcuni al- 
levatori, poi, hanno trovato il mezzo di fu 
produrre dalle mucche stesse un latte di- 
luito e più abbondante, sottoponendole a nna 
speciale alimentazione. 

Per mascherare le tracce visibili di code- 
sta falsificazione si ricorre, anzitutto, all'e- 
spediente di correggere il colore del latte, 
aggiungendovi dello zafferano, della cnren- 
ma, del càrtamo, e specialmente una solu 
zione di tintura di oriana. Senonchè, il latte 
sottoposto alle accennate manipolazioni, oltre 
ad avere un brutto aspetto, è più difficile a 
conservarsi, giacché la sua composizione è 
stata alterata. Ora, per provvedere alla sua 
conservazione, lo si riscalda, il cbe ha per 
conseguenza di togliergli nna parte del suo 
burro, it qaale rimane aderente alle pareti 
del recipiente; oppure vi si aggiunge del- 
l'acido borico che gli toglie tutto il sno va- 
lore alimentare, o, peggio ancora, dell'al- 
deide formica (formolo), la qaale, in dosi 
rilevanti, può rendere il latte addirittara 
velenoso. 

Una frode del tutto nuova è stata sco- 
perta recentemente all'Asilo degli alienati 
della Senna: si è trovato, cioè, che il latte 1 
distribuito a quei disgraziati conteneva del 
grasso dì cocco, incorporato allo stato di 
emulsione per sostituire il burro mancante 
del tutto. Il laboratorio municipale di Pa- 
rigi afferma di non essersi mai trovato di 
fronte a siffatte sostituzioni. Tuttavia è un 
fatto innegabile che vi sono degli industriali 
i quali fabbricano di sana pianta del latte 
artificiale. Se ne ha una prova nelle nu- 
merose patenti rilasciate dall'ufficio dei bre- 
vetti di Parigi. 

Il vino. 

La più semplice e innocua falsificaziOBC 
del vino è quella che consiste nell'aggion- 
gervi (lell'aqua. Ma vi sono anche di quelli 
che fabbricano il vino con acqua e zucchero, 
servenilosi delle vinacce già adoperate per 
la fabbricazione del vino; su queste vinacce, 
nel tino, si versano cento ettolitri di acqna. 
nei quali si sono fatti sciogliere venti chi- 
logrammi di glucosio; si produce, allora- 
una seconda fermentazione: lo zncchcro si 
trasforma in alcool, e il liquido prende una 
tinta rosea, la quale viene caricata eoo la 
tintura artificiale. La produzione di siffatto 
UgitizccbyGoOt^lc 



MINERVA 



vino, chiamato « vin de sacre », è enorme: uel 
solo Mezzogiorno della Francia se ne fab- 
bricano, ogni anno, per tre milioni di etto- 
litri. Molto spesso qacsto vino viene adope- 
rato per fabbricare del bordeaux, e in tal 
caso spesso contiene dell'arsenico, prove- 
niente da glncosii mal parificati. 

La cosa più grave è questa.: che siccome 
i vini allungati o udnlterati in vario modo 
rìschiano facilmente di guastarsi, per assi- 
curarne la conservazione, anziché alla gea- 
Bat ni-a. come accadeva in passato, si ricorre - 
ad altre pratiche : per esempio, vi si aggiunge 
dell'acido solforico, dell'acido fluoridrico e 
dei fluorosilicati alcalini; vi è anzi in com- 
mercio un'apposita sostanza chimica deri- 
vata dal catrame di carbone, e chiamata 
abrastol. 

La birra. 

Come è noto, la birra è una bevanda fer- 
mentata nella cui composizione non devono 
entrare che luppolo, orzo ridotto a malto e 
lievito. 

ScDonobè il luppolo e l'orzo si vendono 
ad un prezzo abbastanza alto: sicché i fro- 
datori applicano la toro ingegnosità a tro- 
vare dei snccedanei piti economici. E ve 
ne è nna quantità enorme; il laboratorio 
municipale di Parigi ha compilato un elenco 
delle sostanze che vengono adoperate in so- 
stituzione del luppolo, nella fabbricazione 
della birra. Fra altro si trova l'acido pi- 
crico, il fiele di bne, l'aloe, la genziana, il 
pimento, le bucce di melagrana, la noce vo- 
mica, la stricnina, il ginepro, ecc. 

All'orzo, poi, si sostituisce comunemente 
il granturco, il quale costa molto meno, ma 
presenta questo inconveniente, che la birra 
con esso fabbricata tende a inacidirsi per ef- 
fetto della fermentazione acetica; per osta- 
colare questo processo si aggiunge dell'acido 
fluoridrico, oppure dell'aldeide formica. Que- 
sti dne prodotti chimici servono, del resto, 
anche ad adulterare i lieviti; un ingegnoso 
industriale ha fabbricato recentemente un 
lievito di datteri. 

Una falsificazione che accenna a genera- 
liszarsi nelle fabbriche di birra francesi è 
quella consìstente 'oel sostituire all'orso lo 
zoccbero. Cosa strana, il governo ha auto- 
rizzato implicitamente questa frode, accor- 
dando ai produttori di birra, in determi- 
nate condizioni, l'esenzione dai diritti do- 



ganali sullo zucchero destinato alla fabbri- 
cazione della birra. 

Il sidro.' 
I/adnlterazione piil comune del sidro »■ 
quella consistente nel diluirlo con l'acqua; 
ma, per non fargli perdere il colore, si ri- 
corre a un' aequa pericolosissima, quella 
delle paludi normanne, nelle quali pullula 
una ricca fauna acquatica. 

CiocL'olato e cacao. 

Il cacao in polvere si presta moltissimo 
alle sofisticazioni. La base del cacao puro e 
naturale è la mandorla del frutto del cacao. 
Ora, da questa mandorla si estrac quasi 
sempre la sostanza grassa, il burro di ca- 
cao, e per fabbricare la bevanda si sosti- 
tuisce il grasso con diversi altri, special- 
mente con quello di vitello. In alcuni generi 
meno fini di cacao si sono trovati degli olii 
e delle polveri del tutto estranee al cacao 
e al suo burro, addizionate a sali alcalini 
che ne devono prevenire il rancidimento. 

Nel cioccolato si sostituisce alto zuc- 
chero la destrina, e la si « arricchisce o poi 
con fecole di varia provenienza. 

Il calte. 

La frode nel cafi'è si presentava difiicile; 
ma gli ostacoli non fecero altro che eccitare 
l' ingegnosi tii dei frodatori. Anzitutto si ri- 
corre alla coloritura artificiale per ri- 
dare un bell'aspetto al eaflfè avariato. 

Durante la torrefazione si aggiunge in 
proporzione notevole dell'acqua, e per im- 
pedire la evaporazione di quest'acqua, men- 
tre il caffè viene abbrustolito, i chicchi di 
cafi'è, dopo inzuppati nell'acqua, vengono av- 
volti nella glicerina o in altre sostanze 
grasse. 

A Vienna e a Praga sono state scoperte 
ultimamente delle fabbriche che producono 
del caffè in chicchi, servendosi di farina 
di ghianda e di grano compressa in ap- 
positi stampi. Si conoscono delle Case te- 
desche che vendono di siffatti stampi, e for- 
niscono perfino delle mescolanze di polveri 
varie. 

Nel caffè macinato, poi, si introduce fa- 
cilmente tutto eit> che si vuole; una delle 
aggiunte piil comuni è quella della cicoria; 
seguono le ghiande dolci, l'orzo, il grano, la 
segala, i datteri, i fichi, ecc., ecc. 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



)1 thè. 



Parine. 



I! thè non viene falsificato nel %'ero senso 
della parola, bensì fabbricato, talvolta, di 
sana pianta. Di solito si mescolano le foglie 
i^ane con le foglie cbe già hanno servito; 
questo traffico è molto fiorente in Inghil- 
terra; oppnre ai jnescolano alle foglie di thè 
altre foglie di varie specie vegetali, oppor- 
tunamente manipolate perchè nell'aspetto 
t'stei 110 somigliuo alle foglie di thè. Tali, 
per esempio, le foglie di biancospino, di ca- 
melia, di quercia, di rosaio selvatico, dì mir- 
tillo, ecc. 

Perfino dalla Cina ci viene il thè falsifi- 
cato. Quidcho tempo fa, sì seciaestrò sui mer- 
cati europei un thè arrivato dalla Cina, cbe 
somigliava al thò, ma che era fabbricato con 
le foglie di una pianta cinese, cbe non si è 
potato determinare quale fosse. Il Giappone, 
finalmente, produce quantità conBìderevoli 
di thè con le foglie di una camelia indigena. 
Dopo aver aooeunato alla straordinaria «itcnaìoue 
ilella falBifloaziono d'aoquc minerali por mezzo di 
Tari gas. l'autore vipiie a parlare doU'adDlterazioDe 
•li aloQni cibi sulidi. 

11 burro. 

Le falsificazioni del burro sono innume- 
revoli e, diciamolo subito, è impossibile ac- 
certarle tutte in modo sicuro. La sostanza 
ohe piti di frequente vi si mescola è i'oleo- 
margarina, fabbricata in grande quantità 
da molti stabilimenti in cui si compie la 
estrazione degli olii di sego. 

Da alcuni anni, Ift falsi filiazione del burro 
ba acquistato nuovo impulso da un grasso 
iì cui ogni anno s'importano dalle Indie e 
dall'America migliaia di tonnellate: è que- 
sto il grasso di cocco, o burro vege- 
tale, cbe nelle industrie alimentari prende 
il nome di vegetaliua e si presenta come 
mia sostanza bianca, untuosa, di consistenza 
identica a quella del burro, di sapore gra- 
devole e dolce. Di questa vegetaliua si con- 
sumano in Francia, per la falsificazione del 
burro, quantità enormi. Una frode astuta è 
quella consistente nel mescolare alla vege- 
taliua dell'oleo margarina, in varie propor- 
zioni, per frustrare l'analisi col complicarla. 
Talvolta s'incorpora la vcgetalina al burro 
in proporzione cbe arriva fino al 23 per cento. 
Per prevenire, poi, l'irrancidirsi del burro, 
si ricorre alle solite sostanze conservatrici, 
quali l'acido borico, ì fluoruri, il formolo. 



La principale falsificazione delle farine 
consiste nel mescolare a una farina dì buona 
qualità della farina ricavata da grano ava- 
riato. Spesso, poi, si vende invece della farina 
di prima qualità, che è perfettamente bianca, 
della farina dì seconda qaaiità, contenente 
una certa quantità di crusca, e perciò di 
color bigio, e le si dà il color bianco trat- 
tandola con l'ozono e, più spesso ancora, 
col perossido di azoto. 

Molte farine adoperate per la panificazione 
contengono dal 3 al 4 per cento di riso ma 
cinato, di valore inferiore a quello dellu 
farina di prima qualità; ad altre viene ag- 
giunta una quantità variabile di farina di 
segala. 

Il paae. 

Recentemente il Bousquet accusava i for- 
nai francesi dì introdurre nella pasta ondf 
si ricava il pane varie sostanze, quali l'al- 
lume, il carbonato d'ammoniaca e al- 
cuni altri composti cbimici. I fornai banuo 
protestato vivacemente contro questa accusa, 
ma l'autore dell'articolo dichiara di aver for- 
nito egli stesso ad alcuni fornai, a loro ri- 
chiesta, allume e carbonato d'ammoniaca per 
i bisogni della loro industria. 

Per far assorbire al pane una quantità dì 
acqua superiore alla normale, a fine di au- 
mentarne il peso, si aggiunge alla pasta una 
miscela di farina di rìso e di fecola dì 
patate, stemperata nell'acqua in modo da 
ottenere una pasta fluida e omogenea. 

Per far aumentare il volume del cosidetto 
« pane di fantasia », che sì vende a pezzo e 
non a peso, i fornai lavorano la pasta con 
acqua recante in sospensione del carbonato 
dì magnesia: questo, per effetto della cot- 
tura, sviluppa acido carbonico, e questo gas, 
nello sforzo ohe fa per sfuggire, solleva e 
gonfia la pasta cbe diventa leggerissima. Il 
carbonato ha ancbe la facoltà di saturare 
Pai-idità delle farine gnaste. 

Si trova in commercio una polvere fer- 
mentativa, che serve a economizzare il 
lievito, composta di una mescolanza di fo- 
sfato acido di calce e di bicarbonato di soda. 
Alcuni fornai vendono del pan grattato 
colorito, pericoloso per la natura tossica 
della sostanza minerale adoperata per dargli 
la tinta voluta. 



,y Google 



BI 1 N E It V A 



139 



Strutto e olio. 



Il grasso dì maiale rarameute è venduto 
allo stato di purezza; dì solito vi si ag- 
cinnge ana mescolanza di oloo-stearina 
i; dì olio di cotone, e invece dì qiiest'ul- 
rtiDO sì adotierit da qualche tempo, in ra- 
;.'ione del sao costo uilnimo, il cosidctto 
" olio dì sole », un liquido limpido, di 
odore gradevole e dolce di sapore, obe viene 
fornito in grande ({uantitii dal lueicato di 
Xew York. Ad allangare lo strntto della 
migliore qualità serve anche il burro di 

fOCiCO. 

L'olio d'oliva, salvo eccezioni raritìsimc, 
non è venduto nemmeno esso puro: infatti, 
i' anche troppo facile il mescolarlo in pro- 
]i0rzioui variabili, secondo l'etichetta e il 
prezzo, con l'olio dì sesamo e con l'olio 
lii arachide. Talvolta vi si mesccela anche 
liell'olio di papavero o di seme di papa- 
vero; ma la sostanza a cui più spesso si ri- 
corre ii l'olio dì cotone, di cui si importa 
liall'America una quantità enorme, e che 
)ier i frodatori è tanto piil prezioso inquan- 
lochè è molto difficile distinguerlo dall'olio 
<li oliva. 

Fagiuoli, pepe u altri pncri. 

I t'agiuoli non vengono falsificati, ma ì 
nostri fa^uoli indigeni vengono sostituiti 
sempre pìil da quelli dell'isola dì Uìavn, 
della Birmania, del Capo e del Madagascar, 
i quali si vendono a prezzo bassissimo, fi 
guaio è ohe tali faginoli sono molto peci- 
colosì per la glucosìde cianìdrica che 
l'ontengono: questa sostanza, a contatto del- 
l'acqua, reagisce provocando la formazione 
<ll acido prussico, veleno iiotentissimo. Bi- 
sogna dunque diffidare dei fagiuoli venduti 
a prezzo troppo basso, e, in ogni caso, non 
consumarli se non dopo che siano ben cotti. 

La Francia imfiorta ogni anno per 3000 
tonnellate dì pepe. Il più facile a falsifl- 
earsi è il pepe in polvere, sotto il cai nome 
si vende della sansa di oliva condita con 
un po' dì pimento, aggiungendovi una quan- 
tità minima di pepe naturale. Anche per 
il pepe in grano si sono trovati dei semi 
che gli somigliano e coi quali spesso si con- 
suma la frode: nel Museo coloniale del Mi- 
nistero del commercio a Parigi vi è tutto 
un campionario dei semi che vengono ven- 
duti come pepe. 



I vini di chìnachina, la chinachìna in na- 
tura, l'olio di fegato di merluzzo, lo sciroppo 
di gomma, l'olio di mandorle dolci sono 
spesso oggetto di falsificazione. Invece della 
scorza dì chinachìna sì vendono delle scorze 
senza valore, per esempio quella di quer- 
cia o qnolla di chinachìna Maracaibo; e in 
certi vini di chinachìna non c'è, in realtà, né 
vino né chinachìna. L'olio dì fegato di mer- 
luzzo viene sostituito generalmente con 
l'olio di foca. Nello sciroppo di gom- 
ma questa sostanza manca quasi del tutto. 
Finalmente, il vero olio dì mandorle 
dolci è quasi introvabile ed è sostituito con 
tutti gli olii conosciuti, specialmente con 
quello di arachide e di papavero. 

Una frode che si estende a tutti i generi 
alimentari è quella delle sostanze dc- 
Htiuate ad assicurarne ia conserva- 
zione. Le pili usate sono l'acido borico, il 
borace, i Huoruri, i bisolfiti, l'aldeide formica. 
Alcune di queste sostanze sono malsane, 
altre addirittura velenose : le loro stesse fa- 
coltà sterilizzanti, quelle facoltil, cioè, in ra- 
gione delle quali esse vengono adoperate 
per conservare i generi alimentari, paraliz- 
zano il lavoro della digestione. Dovrebbe ba- 
star questo per farle proscrivere e per far 
processare e condannare i frodatori che le 
adoperano. 

QUESTI ONI PE L QIORNO 

La conferenza del Duea degli Abruzzi: a Roma 
e a Londra — Il « Giulio Cesare » all'Argen- 
tina: osservazioni ovvie e... anti-tolstoianel 
L'avvenimento della settimana: la confe- 
renza del Duca degli Abruzzi al teatro Ar- 
gentina. Importantissima, perchè qui non si 
tratta di cose dette o pensate, con parole 
più o meno eleganti, ma dì fatti compiati: 
fatti degni veramente di gloria... e di me- 
moria. 

.Notevolissima, anzitutto, la persona del 
conferenziere: ha trentatre anni, ma ne mo- 
stra poco più di venti: nessuna posa, nes- 
suna blaffue, né negli atteggiamenti, né nella 
parola. Una grande franchezza, una grande 
semplicità di modi : un dire piano, senza fron- 
zoli, e senza ombra dì retorica. Così mode- 
sto che mette sempre sé dopo gli altri: « il 
mio compagno ed io », ecc. Così piano e 
bonario, che l'uditore, a sentirlo, non si fa 



Digilizcd by 



Google 



140 



MINERVA 



an'idea adeguata delle grandi fatiche soste- 
nute, dei disagi sofferti da tutta la spedi- 
zione. In vece di declamazioni, lampi di umori- 
smo, di quell'umorismo sano, ebe viene dalla 
t'orza e dalla salute, e che scoppietta anche 
in mezzo alle circostanze piil difficili: dopo 
avere accennato che a un certo punto do- 
vevano inerpicarsi su per rupi rovinose, lo 
animoso esploratore osserva: «Questa mar- 
cia durava da tre giorni, e, a dire il vero, 
io cominciavo a desiderare che la comitiva 
riprendesse la sua posizione normale, cioè 
l'uno davanti alFaJtro, non l'uno disopra al- 
l'altro ». Un sorriso, e via. 

Questo straordinario giovane possiede, nel 
pili atto grado, le qualità tipiche della sua 
razza: poche parole, molti fatti. Egli ha an- 
che un colpo d'occhio sicuro, cosi nel giu- 
dicare delle difficoltà che presenta una valle 
un monte e della via da scegliere, come 
nel giodieare degli uomini. Non dimenti- 
chiamo che, per tutte le sue audaci intra- 
prese, egli ha saputo scegliere compagni 
devoti e adatti. Tutti, compagni e guide, 
della stessa regione d'Italia; tutti, come lui, 
gente di poche parole e di molti fatti. 

Anche questa volta ebbe per compagno 
Vittorio Sella, specialmente incaricato di 
prendere fotografie dei luoghi esplorati. Qso 
dire che in tutto il mondo non avrebbe 
potuto trovare, per questa parte, collabora- 
tore più capace: le proiezioni che hanno 
accompagnato tuttn la conferenza, dal prin- 
cipio alla fine, rappresentano il no» plus 
ultra del genere. 

Il Duca ripeterà questa conferenza a Lon- 
dra, davanti a un pubblico grandioso, del 
quale farà parte lo stesso Ite Edoardo, Forse 
egli riporterà colà un successo aiiche più 
grande — il Duca pronuncia l'inglese in mo- 
do perfetto — ; e chi conosce il carattere degli 
Inglesi pii6 affermare, senza alcuna esita- 
sììone, che questa narrazione, cosi semplice 
e modesta, di fatti così eroici, accompagnata 
dallo svolgimento di cosi perfette proiezio- 
ni, farà di più, molto di più, per il buon 
nome dell'Italia, che settimane intere di di- 
acorsi, vuoi in piazza, vuoi in Parlamento. 

Il luogo dove fu tenuta la conferenza — il 
teatro dell'Argentina — mi ha fatto pensare 
ad altra cosa, diversissima veramente, ma 
pure non indegna di menzione. 

In quel teatro sta recitando da un anno 



la compagnia stabile di Homa. La sera prima 
della conferenza essa rappresentò il dramma 
« Giulio CesarH s> di Shakespeare, e la sera 
stessa della conferenza ripetè lo stes^ 
dramma. E molte e molte volte, durante lo 
acorso anno, essa recitò quel dramma: non 
di rado, due volte nello stesso giorno. E 
sempre il teatro fu pieno, e la compagnia fece 
ottimi incassi, tanto che è dubl>io se, qualorn 
il direttore non avesse avuto la felice ispi- 
razione di cavar fuori questo antico arnese, 
la compagnia sarebbe ancor viva. (So t-l* 
gli attori sono venuti nella consuetudine vii 
parlare dello Zf Cenare; questo drumnia i^» 
rebbe il buon zio che . cava il nepotc ilal- 
l'imbarazzo!). 

E si noti, per la verità, che gli attori, iu 
generale, lo rappresentano con maggiore en- 
tusiasmo che sapienza e abilità; e la tradu- 
zione scelta è una delle peggiori; e, per di 
più, sono state barbaramente stroncate al- 
cune delle più belle scene e più suggestive. 
Malgrado tutto questo, il pubblico accorr* 
numeroso e mai non si stanca di ascoltare 
e di applaudire. 

Si dirà: è il fascino del soggetto, del 
grande soggetto che ancora appassiona il 
mondo. Sarà; ma tenete prcsent* che di 
drammi su questo o quel punto della storia 
romana, non escluse le gest^a di Giulio Ce- 
sare e de' suoi nemici, sono piene le btbiio- 
teche. Cavateli fuori, rappresentateti, e ve- 
dete se il pubblico accorre! 

Come va, adunque, che, fra tutti i drammi 
dj questo soggetto, questo solo ha tanta po- 
tenza di attrazione e, se volete, di sugge- 
stione, per tutti i pubblici del mondot lai- 
che quello che avviene a Boma, avviene a 
Trieste, avviene a Londra, avviene a Parigi. 
Berlino, Sew York, San Fan ci sco... Come va? 

Non è questo il posto per rispondere a 
siffatta domanda. Ilo voluto solo ricordare 
e un po' lumeggiare questo fatto, perchè da 
solo basta a confutare ampiamente le capzio- 
se e sofistiche distillazioni tolstoiane intomo 
all'art« del grandissimo poeta di Stratford. 
Kir. 



SPIGOLATURE 

— Dopo i giaoimentì aurìferi del Transvaal ai con- 
tano fra i 'piti importautì quelli dì Cripplo Cri>«k. 
noi Colorado, olle, dal gioruo iu oni furono messi in 
nel 1891, fino a oggi, hanno dato agli ani»- 
dividendo ooraplesaivo di H8 milioni di fran- 



yGoogle 



MINERVA 



141 






l'Ili ; la Milu nilnii't'ii l'urtlaiid i' i-ny 
lilra da 37 milioni. 

— In Oaljfumiu vienp ««tuiHlcndusi iH'iiij>n> jiiìi la 
niltiviujoiiv ilfUik vit^: la HnpPliime coperta il:i vi- 
•■iiWi t- uttualmentc di uUr<- lUO.OOO ettari <- roi>|>r<-- 
M'iitu un valore di iMì milioni ili l'ruQohi, il vim) rw- 
l'iilbi furifudo di iiim molto inrpriiirc > liti niiliiini- e 
iiii-mo di ettolitri. 

— In uiiA cosa di riubvero i>t>i' vt'oohi niarioai vive 
1111 fratullo di Enrioo Ihsuii, il nuale, interrogato in- 
torno alU' sue relimioai <w)l granile aorlttoro, nun ha 
saiiubi dire oli» questo: e Allit morte dì nontro ]iudre. 
Knrìco truvò un posto in ima farnim'ta. Daqnel tomjKi 
Jiuii ai slamo iiììi veduti, né nini ci aianio scritti ita 

— Si aoicula che present finente il costo della vita 
]i<<r un operaio sia eguale si 77 per uHnt« del suo 
salario negli ìSlati Uniti, aU'Ki nel B«lt!Ìo. 

^ In un articolo ptibblinnto nella Indriienilrnl I!t- 
nur. il dottor Itìf^iv invoca miaurc legiiilativi' per 
rendere i ohirurglii respontutbili dello loro operazioni. 
'/itaudo il capitano di una nave - r-gli ilice - lascia - 
perire il suo baetimento. viene tradotto davanti a un 
consiglio di guerra; ijuando un oLirnrgo, per negli- 
xenra, per inoa]>aoltit o per altra ragione, lasoia sou- 
c-nmbere on paziente, non gli sì die» nulla: ciò non 
iliiiTebbe essere. 

— Se il movimenta della }io|>ola/.ioiie ainrrìoana 
r'ontinuerà nella misura finora seguita, fra i|iiaran- 
l'annigli £tati Tniti avranno 200 milioni di iiliitantl. 



FRA LIPRI UECCHI E hHJOUl 



1>utì: NvfiiLKfiXK Cin..\,iASNi: Lallnl e Anf Io-Sas- 
soni (Uuzze inferiori i- razze superiori): con 
|irefazioiK' ili (TUfusi» Nriviciiw. I{iimii-Xa- 
poli, jiresso ili - Itìvi.-<t:i l'i>|iolan.' .. 
L'on. Colajanai, in qiieHtoi>(Mler(M>oe}i;ro88o 
roluuie, cbe è già, e nieritsunente, alla se- 
Inonda edìzioue, tratta la questione delle razze 
inferiori e superiori con ^franile ampiezsa 
<li dottrina e con acutezza di giudizio. Do- 
po avere accettata la classificazione delle 
razze in Homo ev-ropaen» — dolicefato: 8ta- 
tara bassa, colore chiaro de^lì occhi, della 
pelle e dei peli; in Homo alpinu» — braclii- 
cefalo: statura media, colore cliiaro iletcli 
ocelli, della pelle e dei peli; in Homo meridio- 
Hali» — dolicocefalo, statura bassa, colore 
oscuro degli oecLi, della pelle e dei peli, si 
iloniauda se queste distiiizioiii aiiatomiclie 
delle tre razze costituiseano veri e assoluti 
caratteri di superioritil e inferiorità. ì.ìì so- 
luzione del quesito ha pel Cuta.tannl non 
importanza scientifica solamente, uia nnia- 
nitaria e morale. « ijuesti [iregiudizi (ielle 
razze nobili t delle razze inferiori — e^li 
dice — c'è il dovere di coinbiitterli non nolo 
in nome della verità scientifica, ma anche 
iti nome della politica e dejrli interessi in. 



ternazionalì... L» boria delle nazioni, la su- 
preinasia delle razze ^ermauiebe e il di- 
sprezzo delle nazioni a civiltà latina, se non 
viene vitt^rioìiamente rintuzzata, potrà pre- 
parare giorni tristi all'umanità ». 

In nome della verità scienti fica fa rilevare 
le contradìzioni tra i caratteri anatomici 
e i caratteri iisìchici, i giudizi contradlt- 
tori sui caratteri peicliici dei popoli, e sui 
caratteri dei po|K>U contemporanei, e il fatto 
provato e assodato che non esistono nazioni 
con i caratteri anatomici assegnati alle di- 
verse razze. Sicché non si pnò dire che esi- 
stano razze, ma nazioni. 

Storicamente prova che tutti i i>opoli han- 
no dato il loro contributo allo sviluppo della 
civiltà, e che solo le stravaganti aberra- 
zioni del Woltmaun hanno potuto avocare 
alla razza germanica (Farianu, homo ciirc- 
pacu») qualunque avvenimento grandioso, 
qnalunque istituzione duraturi), qualunque 
uomo di genio... . tierraauica perciò, la rivo- 
luzione francese; germanico il papato: ger- 
manici Cristo e Socrate, Michelangelo, Haf- 
faelio, Galileo ». 

Esclusa l'azione della razza nella stori», 
combattuto l'orgoglio della razza, l'autore 
per via di comparazioni ci costringe ad equi 
apprezzamenti sulle rajrc, per riuscire all'e- 
saltamento della ra~za umana; dimostrando 
Inuiinosameute, che, pur rimanendo immu- 
tati i caratteri antropologici di un popolo, 
mutarono profondamente nel tempo le sue 
manifestazioni sociali (Latini, Auglo-Sassoui, 
Italia, Francia, Spagna, Inghilterra). 

l>opo aver discorso ampiamente dei fat- 
tori sociali, della potenza politica e militare, 
della poteuza economica, della intellettua- 
lità, della moralità dei vari popoli civili, e 
mostrato che chi per una ragione, clii per 
un'altra, sono tutti in difetto, sicché per 
ne-isuno vi è una decisa suiieriorità, nega la 
decadenza latina. 

Decadenza di chi ì Prendiamo la più gran- 
de delle nazioni latine, la Francia. Or bene, 
decadenza in che cosa! Decadenza politica f 
« Quale altro grande Slato in Kuropa — 
dice il Cdajanni — attraverso ostacoli e pe- 
ricoli giganteschi, ha saputo compiere i pro- 
gressi politici interni che si possono ammi- 
rare in Francia^» Decadenza intellettuale? 
Sospettarla semplicemente è una bestemmia. 
La Francia, se non è alla testa delle nazioni 
nelle ani. nelle scienze, neliii lettenitura. 



,y Google 



142 



5r I S E 11 VA 



certamente a nessuna è seconda. Deeflilenzit 
ecoiiomicat Fanendo il paragone fra l'Iii- 
^hilterra e la Francia col metodo dei wi- 
wien" indici e dell» totalizzazione e per eette 
eleiuent.i, la progressione inglese tra il 184<), 
1«7I) e 1897 diventa: 100, 'J,\:.\, 41.") milioni; 
quella francese diviene: KM), ;!47, (iO!l. de- 
voluzione economica della Francia fe supe- 
riore. Decadenza morale, corruzione! La ri- 
spoF^ta si trova nel capitolo xiii (moralità 
sessuale), nel svi (alcoolismo, pauperismo, 
illegittimi), nel xxiv, <love sono supre- 
mamente importanti le pagine sulla corru- 
zione della i)olìxia degli Stati Uniti. K se 
ne parla sulla scorta di uno di razza anglo- 
sassone, di William Steiid, che rivelò cose 
inaudite nell'opuscolo If Christ carne to Chi- 
oaijo, da nessuno confutato. 

E l'Italianoetraf E<'co:« in meno di mezzo 
secolo - dice il Colajanni - la nazione viene 
ricercata di alleanza dagli Stati pia potenti 
di Europa: presentii nn bilancio solido e in 
avanzo come nessun altro Stato di Europa, 
e quando si era profetizzato che essa era 
condannata, per ragione di razza, al Aefieit 
perpetuo... comincia a contendere nel mer- 
cato mondiale anclie colle pifi progredite 
nazioni industriali per alcuni prodotti ma- 
ni fatturati... presenta città come Milano, To- 
rino, Genova, nelle quali la vita sociale si 
svolge, nel bene e pur troppo nel male, 
come nelle piil grandi e più civili cittil di 
Kuropa e degli Stati Uniti. Che si vuole dip- 
piil per riconoscere che l'Italia non è deca- 
duta e non decade, ma progredisce ed anche 
rapidamente? ». 

E meglio ancora, o almeno in egual mi- 
sura, si dimostra la vitalità ittilica all'estero. 
Lasciando da parte la Tnnisia, die va di- 
ventando economicamente siciliana, e lo 
Stato di 9. Paolo nel Brasile, dove l'indu- 
stria italiana imjiera, tocchiamo dell'emi- 
grazione italiana agli Stflti Uniti, nella quale 
il Sergi trova come una provo sperimentale 
del!" inferiorità italiana. Tutti i popoli, dice 
il Sergi, hanno ivi lo stesso campo di atti- 
vità; ora, perchè gl'Italiani vi rinmngono i 
più miseri, i più poveri, i più i^noninti i 
Ebbene, il Fredericksen, uno scrittore da- 
nese, dice: « Si parla con ragione delle po- 
polazioni avvilite di certe grandi città; ma 
conosco del pari in queste grandi città, à 
Chicago, per esempio, delle lunghe strade, 
nelle quali tutte le case solide sono pro- 



prietà d'Italiani ». E il senatore a mericaim 
Chauncey Depew afferma che « i giovani 
italiani nelle pubbliche scuole, per la loru 
acutezza e la loro condotta, sono al di su 
pra della media », Si pub dire che apimr- 
tengano a una razza degeuerataf E la \tij 
ceutuuie dei figli degli emigranti che vauni' 
a scuola è maggiore dì quella dei nativi. 

E vi è i>oi l'esempio della Kepubblu-a Ar 
gentina, dove su cinque milioni di abitimii 
il quarto è italiano mito in Italia, mentri- 
ha sangue italiano piìi del terzo della im- 
pobixione totale. E il progresso agricoli' 
ed industriale di quel vasto paese è [icr 
tanta parte effetto dcll'o]>era italiana. K 
l'italiano vi si 6 fatto ricco: nelle baiiilif 
italiane di Buenos Aires vi sono oltre l"i" 
milioni di depositi degl'Italiani; nella giiv 
vincia di Buenos Aires la proprietà debili 
Italiani è calcolata a quasi 1Ì07 milioni e iu 
quelle di Mendoza e San Louis a circa ;MI mi- 
lioni, oltre 'M milioni di depositi. E, in i-on- 
clusione, si calcola che per ogni KMHl Argen- 
tini vi sono !»!> proprietari, mentre ve in- 
sono lì^O per ogni 1000 Italiani. 

Il Cola.ianiiì ha ragione. Xon c'è dee;-- 
denza per ragione di razza, ne ci è inferii> 
rità latina. Quelli tra i latini che si riiine 
gauo per denigrarsi sono un po' come \ 
mussulmani che alla loro ignavia danno ik< 
me destino: la parola razza è nn mantellu 
con cui si usa coprire la propria ignorau^u 
e la propria pigrizia di azione e di spiriiu. 
Rea der. 

Notizie Biblhiubakiche 



G. Db LkknkR: Leu 'gHdicaU indiulrìetn eu Jic/#i'/u- .' 
Bruxi'lli'N, KErw)i n Thi-oH. — In ipiesto viilnini- «■i- 
i-acoolti ì risultnti di uii'inabiestn HcmpuluHniiit'n'- 
imiiiirzittli- iiitumu allo uviliipii" ^ ''11" stato altual-- 
dei ^^raiidi Biniltuuitl belgi dì proiliittori. Ksuo rn-.i 
un iiiipurtHlitf IH») t filili ti> ali» slurin drilli i-onoi-iilra- 
rAone u»]iitulÌHta roi)tfm|>uranfu. Dei vari siiKlitrai 
Btretli frii gl'iudustriivU l'uiiton! cH|KHie 1» gcnr^i * 
l'p volila ion« uri B<'lf(ÌD. ma ne dciIutH' oourlasionì A- 
tiortata griirrnUt: pn\i dimostrauunirrorgnniraaEJuK 
Hinilarali' il i-ll' inda stri» sia uub oonBegiirnzaantiiral- 
diiiri'vuIuKiinic ìndUHtrialc muderna, ooiim rsM facvi^ 
iintioiiÌKK!tre prwIuKiune ii iwnHumo, olinilni io itì>1. 
usHÌoiiri il iinigreiisn teuaiw) p fiivuriiica la iin)s]><-rili 
deli' indUH tri». {Kéforme modale). 

Aiti:trAt, TcuoiiANlAN: Ln trouriiv» arménimi: Ira- 
duotiuu franvaÌB(< avrò introdiiotiun : Parigi, ■ Mpt- 
onrp do KranoP ». — yiiosto volume conttrnf vc[>i 
srelti di dii-ititti [loi-tì ariiimì viitsiiti dal hccuIii mii 
al XIX, che per molti snrMmio una vera rivrlnxiimp. 
Non ni«ni) interrsHanti lìi'i versi sono i poeti; iii-ilt 
silocoHC e sommarie notizie dello Tcholiauian .l'iiiira- 
vftdoiio dellr [lers-mnlità forti o «ta-anr (Berne It..- 
rmiiaire). 



yGoogle 



MINERVA 



Itì 



Rassegna settimaoale della stampa 



Un Mlchelangalo norv«rMa. 

Como agserìsoe John S|taTgo d«1 Cra/t»»ioii dì New 
York (fasoiooio di dicembre), d» MioLelangi'lo in poi 
nfssnii artista meglio dello soullore noncgese Ste- 
phar Kìndìng ■ vide e siiuboleggiò l'elemento divÌDo 
ui'lla forma umaua ». Li'indnenza di Michelangelo è 
fbiarameiite visibile nelle opere del Sinding, come 
lo è in quelle di Kodin; mu lo sonibore nordico pos- 
sieda uu» oobI ileoisct individualità da essere degno 
ili slAre a pari con Kodin. Hildel)raiid, Meiinier e 
altri capiscuola deU'odit'rnn Rinascimento dell'arte 
pluslica. 

, Hindiog noùque a Urontheira, in Norvegia, il 4 ago- 
sto 18*tì, 6 dovette studiare legge; ma a ventun anno 
iibl»ndoiiò qaello studio, e ai deilii* tutto a quello 
Jell'arte. prima a Berlino, \w a Parigi, * dove sentì 
l'ispi razione della nuova tendenza di cui Bodin h il 
grande esemplare *, quindi a Roma, dove subì l'in- 



• Valctilrla • dÉ Stephan Sinding. 

llii-iiia di Mielielaiigelo. i>.il IKS.Ì rgli vive a Copen- 
hu^en. « ^La sua pri>i)uxi>iiie completa — dice lo 
•■|mrgri - non ii molto ali li" "dante, ma gli La prooac- 
'■ialo glori» maggiore di quplla ohe jimla all'estero 
i|ualsiaBÌ artista dell'Kiiropa s<>ttentrìonale ■. 

A Roma egli produsse il suo primo lavoro: « La madre 
liei harb.'iro ■■. un forte grapjin che all'autore aiisiourò 
un notevole [Kisto nel mondo dell'arte i esso ra|i- 
pn-srnta una madre ilal uorjio snello e nmscHjIoso e 
dal viso stoicamente ealmo in atto di jiortar via dal 
l'ampli di battaglia il corpo inanimato di suo figlio. 
Ciò uhe sorprende è elio le iniluenxe della scuola 
frannese e dell'arte olassto» sono meno sensibili in 
ijilesto primo lavoro del Sinding ohe in molte delle 
sue opere piii reeentì, di un.i dello quali, la • Val- 
ohirta », diamo qui la rlprodunioife. ■ Esso è pih pri- 
mitivo nello spirito ohe l'informa ; ìt una ballata 
seelpita, il riuordo marmoreo d'una tradizione po- 
polare .. 



< simboleggiata tutta la rrageilia della donna 
gloria snprema, la materaitìt. A torto si 
quest'opera grandiosa dioendol a la rappre- 
di < una madre schiava uhe allatta il soo 
bambino s. EUsa è il simlmlo della donna ohe, seb- 
bene nutrice della rasia umana, viene vincolata e 
ostacolata nel ano più nobile oAmptto da molteplici 
refltriìtioni, da assurde convenzioni, da inutili e no- 
cive fatiche. 

* Yeilu^'a! > rappresenta una giovane sposa in atto 
di tener sullevabi il corpo di suo marito mentre questi 
esala l'ultimo soo respiro. E' un motivo semplice ma 
reso fortemente: la giovane vedova non ba annora 
compreso tutta la portata della sua sventura, e jier 
il momento va cercando ansiosamente soccorso. 
Lo sfruttamanto dal tancluJII In Amarlca. 

« Sono 1,700,000 i fanciulli ohe qui negli Stati 
Uniti) vengono crescendo fra aspre fatiche, tristi. 
e pericolosi all'avvenire della uaeioue ». 

Come leggiamo nella Jforlh Anttriea» lUvita: del 
15 dicembre, con questa frase il perspicace sorittore 
U. G. Wells rioapitola nel suo ultimo libro una fase 
delle eoudÌEloni industriali e sociali ora vigenti ne- 
gli Stati Uniti. Nel Uassachusetts. piceoli ragazzi 
nudi ìramer^no tessuti in grandi vasche piene di 
solucioni atte a imbiancare, e a ridurre la propria 
pelle simile a quella dei lebbrosi, e guastano così por 
sempre la loro pelle; negli Stati ilei Sud le offloine 
contengono oggi sei volte pih rsgaizi ili i|uanti eonte- 
nevano venti anni or sono ; nella l'ensilvania i fan- 
ciulli di dieci u undici anni sono occupati per dieci o 
undici ore al giorno a torre via dal eurlioue, a|)pena 
uscito dalle miniere, le sostan?^ estrani'e; ncll'lllinoi.s 
innumerevoli ragaKii restano coi piedi nel sangue 
tino alla caviglia, mentre sono intenti a pulire inte- 
stini e a preparare la oarne |ier le conserve. In i-^im- 
plesso i bamhini e i ragazzi, ilai nin<|ne ai quattordici 
anni, forr.nti a lavorare nelle falibriohe, nelle miniere 
comprendono quasi un sesto di tutta la populasiuiie 
degli Stati Uniti. 

In un discorso recentemente tenuto all' « Assooia- 
r.iune orintìana dei giovani » dello .Stato d'Indiana, 
il senatore Beveridge dichiarò: « E' necessario otte- 
nere ima legge federale in pro]ii)eito, poiebì' impos- 
sibile sareblie l'attendersi dui singoli' Stati un cffl- 
o.'we rimedio contro questo inalo. Certo, non possiamo 
faro approvare dal Congresso una l<'Xf(o ohe ])roibì- 
sca il lavoro dei fanciulli nelle ofBcine e nelle mi- 
niere, (Hiichè ciìi è di competenza degli Stjiti. Ma la 
Costituzione ci dà facolti^ di pass.ire una leggo che 
ai eoncossiunari del aumiiiercìo fra vari t5tati proi- 
bisua ili trasjiortare i prodotti di fablirìehi' e mi- 
niere in cui siano o<<^^uI>llti ragazzi iil disotto dei 
quattordici anni di «:»... Senza dubbio, questo prov- 
vedimento non correggerà interamente il male, ut» 
in gran parte sì. Esso ìntlnirù su circa ignattm <|Uinti 
delle griindi fahliriehe e miniere re>!pimsahll! della 
lamentata e non scusabile usiinza ». 

In questo senso lo stesso senatore Beveridge prc- 
Bonterà un progetto di legge al Congresso, alla sua 

I redditi dal lavora • dal capitala nagli Stati Uniti. 



In un artieolo 
(n. 1) ani moviin 
Uniti, Pierre Li' 
al 1906. i salai 






y-Beaulie 



doì 1 



/■.iwnominJe Frnsini» 

sociale ne^li Stati 

rileva come, dal 1H92 

i del 



10 per cento. Tale aumento Ò superiore a quello del 
costo della vita, ohe si calcolo, per l'indicato periodo 
di tempo, al 9 per cento. 

E' da notarsi, |>oi, di fronte a questo aumento delibi 
retribuzione del lavoro, la riduzione ohe si è verifi- 
cata nella rimunerazione del capitale; riduzione di 
eui si ha un indice evidente nel tassu d'ii 



IJailizochy Google 



14-t 



MINERVA 



•.Mìe obbligazioni ferrovìarin. J titoli delle 8ocietik 
ferroTìarie al 3.5 per oento vulgono oggi larg&mentn 
<1iiel ohe valeT»no. quattordici o quindici anni or 
sono, i loro tìtoli al i per oento e piìi. 

Così il reddito del lavoro tondo aontinuunu'nto ad 
aumentare, quollo del eapitale a diminuire. Questa 
evuluEÌone, ohe probabilmente continuerà, a meno che 
non venga impedita da insane leggi, hu per effetto 
di migliorare di continuo, le ooudixioni della gran 
massa: è questa la vera e naturale soluzione della 
questione sociale, 
li truit dalla razza bianca. 

lu un artìcolo pubblioato nella nnova rivista te- 
descu- francese Der Couiluest (n. I), A. de Ponvourville 
sostiene qaosta tosi: che tutte le nazioni europee 
d('bl>ono raccogliere o riunire le loro forze per resi- 
stere al pnDinungolisnio da una parte, dall'altra al 
panamericanismo, formando oosl quello elie egli chiama 
il trust della razsa bianca. 

La razza bianoa — egli dice — devu difendere le 
proprie poaiBÌoni e i propri interessi generali. Ijuali 
siano qiiesci interessi dal punto di vista economioo, 
lo vedono tutti da molto tempo; e si uomìnoia a ve- 
dere quali essi siano dal punto di vista sociale; meno 
bene si vedono da quel punto di vista speciale del- 
l'influenza ohe si ohtamava il piano politìoo, quando 
lo BÌ applicava a oiaaouna nazione, e ohe si può chia- 
mare piano etnico, quando si applichi alla razxa. 

Ora Ulta i>olitiaa completa, con norme intangibili, 
con principi a priori, non è stata creata mai: una 
politica si crea con l'esperienza, per mezzo di ten- 
tativi, uim alternative di sucoessi e di rovesci; cosi 
si fe fatta la politica europea; e non altrimenti si 
farfi, ]a politica delle razze. Intanto, però, si può 
copaiderare nome certa e fissa la regola seguente, la 
quale ha tutti i caratteri umiHiitari e utilitari che si 
richiedono in ogni hnona legge moderna: gli Europei 
di nazioni diverse, amiche, ueutrali, rivali oil ostili 
iti Europa, devono Iriori dell'Europa unirsi amioaiiieiite 
e praticamente di fronte alle altro razze. Questo de- 
v'essere il caposaldo della politica che bisogna siu 
seguita dui trust della rar.za bianca. 
La nuova " più grand» corazzata dal mondo ,,. 

Secondo nna oorrlspoadonxa pubblicata dal jMUg 
Ttlr-iraph a proposito del varo della corazzata giap]»o- 
ne.se Sufntma, questa h attualmente la più grande 
eoTazzuta del mondo, più grande del I^fadiioughl, 
questo masaìmo colosso della marina lirìtiinnìca, Ecco 
jiloune cifre comparative: 

SiAruìna I>nadnimffht 

Spostamento (tnnuell.) I!l.2l)fl 17,25(1 

l.unghexza (metri) 117 l-ttl 

Larghezza (metri) 2:"j 2."> 

Velocità (nodi all'olu) :!2 21 

Nel SaMtMii sono applicati tutti ì perfezionauic-nti 
l'cinsiglinti d ali 'esjier lenza della reeentu guerra. V.*rM è 
1» ventisettesima nave da gai<n-a costruita in cantieri 
giappoDesi, e ha nella sua costruzione moltissimi punti 
di Miiiigliauza u<m la Dreadntmght, eió ebe fa credere 
in un accordo fra le autoritil navali inglesi e giap- 
ponesi. Le alti'o uovi da guerra costruite noi Giap|Hine 
comprendono Incrooiatori corazzati!' non corazzati. navi 
<'ustiere, cannoniere, eco,, oltre un fjran nnmero di tor- 

Ibtan • la donn*. 

Un amico intimo di Enrico Ibsen, il Paulsen. ha 
pubblicato di recente un volume di ricordi che si ri- 
feri.tcono all'illustre scrittore. Da questi rioordi si 
vede come l'autore di Nora, pur combattendo con ar- 
dore per i diritti della donna, la considerasse tutta- 
via come infcTÌore di molto all'uomo, perfino in quel 
genere di lavori in cui di solito le si riconosce una 
compi' teli z» indiscussa. 



Ibsen dioeva idie non- vi è una donna uapace ili 
scrivere nn libro di cucina, lio donne — egU-diceva 
anohe — sanno attaccare un bottone, ma non una a 
farlo a dovere. E quando gli veniv. 
l.c)ttouo al vestito, egli non affidava 
meno a sua moglie, la cura di riattaccarlo: si ohin. 
deva a nhlave nella sua vamera, sf levava il VPsIitu, 
e liopo una serie di preparativi, quanti non ne facfv» 
nemmeno quando si accingeva u scrivere un dramma, 
riatlaooava. col madore della san fronte geniale, il 
bottime. Era un lavoro fatiooso, ohe gli portava via 
molto tempo, ma - diceva lui — era an lavoro etemu. 
E infatti, il bottone teneva molto solidamente. E" 
vero flhe la signora Ibsen raocontava in segreta chi' 
essa aveva l'abitudine di ricucire i bottoni gii Gi- 
oiti dal suo illustre consorte! 

L'insigne drammaturgo non avrebbe voluto ohe nt*- 
suno mai lo servisse. 

— Vi lucidate le scarpe da voi! — domandA nrt 
giomc al Paulsen. 

L'amico rispose di no. 

— Avete torto. Non dobbiamo mai lasciar faro agli 
altri qnello ohe sappiamo fare noi. Lustratevi I' 
scarpe, fatevi la camera, accendetevi il fuoco. Solo ■ 
queste condizioni si può essere uomini liberi, 

Port Arthur quai* h oggidì. 

In una lettera indirizzata alle Mirtehener .Vat4- 
riehle* un oommeroiante tedesco descrive lo sialo 
presente di Port Arthur. 

Questa città ba un aspetto desolato quanto in>i. 
Sullo banchine e nei cantieri del porto il visitatore 
non vide ohe >in iinmem |>iocolÌBsimo di Oiappoiin>i 
e di Cinesi. 

La carrozzella giapponese, uella quale egli ai feri' 
uondurre in giro, passò in mezzo a macerie senza finr. 
Snl quartiere europeo regnava un silenzio di morie; 
nessuna traccia di commercio. Eccettuata nna doz- 
zina d'europei ohe vivono nella fortezza, gli stra- 
nieri sono stati espulsi, e i Giapponesi non si nceri- 
panu che di lavori di fortificazione. 

L'autore della lettera salì sulla ooIIìdb alta 2.^> 
metri, ohe ehhe qua parte così imiKtrtante durante 
il famoso a.sBedio e la Dui oceniMtzione, compiuta dai 
GiapiMmesi, decise i Russi a e»]>ito]are. Qui egli vldr 
strette l'uun coutro l'ultra le longho trincee ove dor- 
mono il sunno della morte 2!i,000 ifiapponesi. Precs* 
i forti n, 2 e n. S si vedono ancora sparso sul snolu 
ossa umane, guanti impellicciati, snarpe, oartueoieri-. 
casohetti giapponesi e russi tutti macchiati di sangue 

Nel porto militare si srorgono, in fondo alle acqui-, 
canuoniere russe, torpeiliniere, battelli, ecc.; dalli 
superfioie del mare si vedono sporgere delle torri 
eelle di corazzate. 1^^ jiiii grandi navi russe snnn 
state, però, riiuesse a galla e mandale al Giapp«ii<-. 
Sulla riva, in vicinanza della stazione della line» 
transiberiana, i <;iap]ioiieNÌ hanno costruito un Museo 
della guerra, e qui hanno rinnito tutti gli arnesi di 
l'ui si scrvinmo dilrantic l'assedio, dai piccoli fneitl 
di fauteri» li. io ai pili grandi pezzi d'artiglieria. 
dulie granate a mano, avvolte in un pezzo di tela. 
fonuÌ<hibili che con un sol colpo distrnic- 



> lo r 



j fort 



Tutti gli articoli pubblicati in MINERVA sono 
tutelati dalla legge sulla proprietà letteraria e 
ne è formalmente vietata la riproduzione- 



SOLKKI 









20 gennaio 1907 



Voi. XXVII - N. 7 



: INniSTItlIi CHIMICHE IN ITALIA "' 



Ila dieci auiii a questa parte le industrie 
'liiaiìehe, in Italia, hanno presu un rapido 
sviluiipo, cbe si viene accentuando ogni 
jriorno più; fatto tanto più notevole in quanto 
'•\if. noD pochi fattori sono sfavorevoli a tale 
sviluppo: ia povertà dei giacimenti inetatli- 
iVri. la mancanza di carbone, l'insiifficieuza 
'lei mezzi di trasporto, la legislazione fiscale. 

I dati ohe l'aiilore riffriaoc ooii abbiin(lau>;a di pnr- 
liraUrì « che noi riftasamianio nelle line<> generati. 
tomi preii dagli intereRaanti diH3iimeiiti stntistici che 
li • A^^idftzione per l'inareiuonlo >■ la tuteU dcll'iD- 
du^tm ohimina in Italia ■ nvnvu rianiti nella se- 
lione s|)eoiftle della recente tCspimiKiono di Miliino. 

II numero degli operai impiegati nelle of- 
tìi-ine cbimiflLe è più che raddoppiato in 
ijiiesti aitimi dieci anni, essendo passato da 
47119 nel 189.1, a 9;i08 nel 1904. Nello stesso 
periodo di tempo il valore complessivo della 
liroduzione saliva da ;i2 milioni di franchi 
B pili di 72 milioni e mezzo, 

.Acidi e sali 

l/acido solforico, sostanza importante, 
IcWa direttamente o indirettamente alla 
fabbricazione di tanti prodotti chimici, ha 
iellato la sua produziotie salire, in dieci 
anni, da meno di »0,000 tonnellate a quasi 
-T^iKM; in questa cifra l'Italia è rappresen- 
tata da più di ;W,000 tonnellate, corrispon- 
fleuti a an terzo della produzione francese. 
L'industria dei superfosfati, in rela- 
zione immediata con quella dell'acido sol- 
fi) Dn DO Hrtloolo del pruF. C.mille Mit^ì-ìh.i. dd Colleglu 



forico, conta, tu Italia. 50 stabilimenti, la 
cui produzione, dal 1895 al 1905, è tripli- 
cata, cosicché ha raggiunto la metà della 
produzione francese: da 145,000 tonnellat« 
a 459,000. 

Il sale marino, materia prima che serve 
alla preparazione della soda, del cloro e dei 
loro derivati, ha fornito all'industria chi- 
mica, nel 1905, non meno di 11,100 ton- 
nellate, mentre dieci anni prima non ne 
aveva fornite clie ;i9f>0. Nel detto periodo 
la produzione dell'acido cloridrico passò 
da 5750 tonnellate a 95;W. 

L'autore fa notare oiiiiie la fabbrioaiiione aimnlta- 
uea della soda e dell'acido oloridrf«o. eoi metodo Le- 
btatio. richieda grande qaautità di oarbooe; di ood- 
seguenza l' Italia, per tutti qneatì derivati del sale 
niariDo, er». fino a non molta teiupo fa, tributaria 
ili gran parte dell'estero. Ulti ma mente, [lerò, ni à oo- 
minniato a utilizare l'energia idranlioa, a rica- 
var profitto dalle numerose cascate che l'Italia pos- 
siede, eoa) negli Appennini, come nelle Alpi. Da questo 
punto di vista convieni- citHrc la fabbricai! ione del 
carburo di calrio, uni) stabilimento per la fabbrinii- 
zione del l'nl] umililo, e la fabbrica del nnovo oonoime 
azotato, denominato einnaraìde di oaleiu. 

.\ltrì prodotti. 
Un prodotto che in Italia viene consumato 
in grande quantità, per i bisogni della vi- 
ticoltura, è il solfato di rame. Benché 
nella sua produzione si siano fatti in Italia 
considerevoli progressi, tuttavia di questo 
sale viene ancora importata una notevole 
quantità; la scarsezza dei minerali di rame 
rende difficile la lotta contro i solfati ame- 
ricani e inglesi, la cui produzione si compie 
in condizioni molto vantaggiose per effetto 



,y Google 



1441 



MINERVA 



dell'abbondanza di materia prima. Xel 1905 
il conaamo totale di solfato di rame, in Ita- 
lia, fa di 30,681 tonnellate, rappresentanti 
an valore di quasi 16 miliooì di franchi. 

n commercio dell'acido borico, cbe in 
passato era un monopolio dell'industria ita- 
liana, è diminuito grandemente di impor- 
tanza in seguito alla scoperta dei borati 
naturali, e alla introduzione del loro trattn- 
mento in Francis e in Inghilterra, nonché 
allo sfruttamento degli abbondantissimi pro- 
dotti boracei della California. Tuttavia, nel 
i90ri, si constatò un aumento di produzione 
di 738 tonnell'ite, in confronto con l'anno 
precedente. 

In vicinanza de) lago di Como si trovano 
importanti miniere dì solfato di bario; 
esse forniscono, annualmente, 10,000 tonnel- 
late di questo minerale, che viene elaborato 
in vari prodotti. 

La fabbricazione del solfuro di car- 
bonio, la cui introduzione in Italia risale 
a una quarantina d'anni fa, ha preso note- 
vole importanza, e la produzione dal 1808 
ad oggi à quasi triplicata, sicché, ora, è suf- 
ficiente ai bisogni del pa«Be, non solo, ma 
si comincia anche a esportarne. 

Anche in Italia, come altrove, è in au- 
mento il consumo di acqua ossigenata, 
la quale si applica, sopratutto, all'imbian- 
chimento dei tessuti. 

Notevole sviluppo ha assunto in Italia la 
produzione dei sali di magnesia neces- 
sari all'industria e alla formacia. Né meno 
notevole é il progresso nella fabbricazione 
dei gas compressi, specialmente del gas 
carbonico, utilizzato per la gassificazione 
delle acque da tavola, per la conservazione 
della birra e del vino, per la produzione del 
freddo. A Milano vi sono due fabbriche di 
ossigeno e a Bologna uno stabilimento che 
produce ossigeno liquido. 

Da una dozzina di anni a questa parte 
numerose fabbriche sono sorte per la pre- 
l)arazione dei colori e delle lacche, di 
cni si fa io Italia grande consumo. Le sta- 
tistiche dimostrano, tuttavia, come la im- 
portazione di queste sostanze, specialmente 
dall'Inghilterra, sia in continuo aumento, 
il che dimostra che la produzione interna 
k ancora molto lungi dal bastare ai bisogni 
del consumo. 

In stretta relazione con lo sviluppo delta 
viticiiltnra è, in Italiit, l'industria del cre- 



mor tartaro e dell'acido tartarico. Una 
gran parte del tartaro grezzo e dei depositi 
dei tini di vino viene esportata all'estero; 
ma in questi ultimi anni la produzione in- 
digena di eremor tartaro raffinato e di acido 
tartarico ha preso un sensibile sviluppo; le 
statistiche doganali dimostrano che l'espor- 
tazione arriva quasi a un migliaio di quin- 
tali all'anno. 

Un'altra industria che potrebbe essere 
esclusivamente italiana è quella dell'acido 
citrico e delle essenze di bergamotto 
e di arancio. Finora la maggior parte 
della materia prima — frutta, succo, citrato 
di calcio grezzo — viene spedita in Inghil- 
terra e in Germania per essere elaborata, 
giacché le maggiori provincie produttrici 
di siffatte eo8tanze,quella di Palermo e quella 
di Messina, non forniscono che nna pìccola 
quantità di prodotti elaborati. Recentemente 
si è parlato di un metodo inventato da un 
chimico siciliano allo scopo di ottenere 
l'acido citrico per cristallizzazione diretta, 
ossia con un prWedimento semplice ed eco- 
nomico: se questo ritrovato fosse veramente 
pratico, contribuirebbe senza dubbio a svi- 
luppare in Italia questo ramo importante 
dell'industria chimica. 

Fra le industrie chimiche che in questi 
ultimi anni sono sorte in Italia vanno an- 
noverate quella degli esplosivi, quella 
della seta artificiale, la fabbricazione di 
prodotti ottenuti dalla distillazione del 
legno, quali sono l'acido pìrolegnoso, l'acido 
acetico purificato, l'acetone, l'alcool meti- 
lico, ecc. Né meno importante é la fabbri- 
cazione degli estratti di legno adoperati 
nella tintoria e nella conceria. 

Nella produzione degli idrati di carbo- 
nio t'industria italiana è indipendente dal- 
l'estero; solo dì amido si fa ancora un'im- 
portazione per circa 12,000 quintali all'anno: 
at contrario, è in continuo aumento l'espor- 
tazione del glucosio e delle sostanze affini. 
L'industria dello zucchero ha fatto in que- 
sti ultimi anni progressi giganteschi; la pro- 
duzione dello zucchero, che nel 1895 era in- 
significante, nel 1905 era salita a 85,000 ton- 
nellate; questa produzione ^ tale cbe attnal- 
mente essa basta quasi a coprire ì bisogni 
del consumo interno. 

Fiorenti sono le distillerie di alcool. 
L'Italia produce annualmente 220,000 etto- 
litri di alcool. La centralizzazione dì questa 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



147 



industria in grandi stabilitneuti, in cui nono 
messi iti opera i siatemi jiiù perfezionati, 
ha coatribaito in modo notevole al suo svi- 
luppo; 6 dopo la legge del 1905, con cui 
sono state notevolmente ridotte le tasse sulla 
fabbricazione degli alcool industriali adulte- 
rati, il consumo di questi alcool da 5000 etto- 
litri è salito a 40,000. 

In grande abbondanza vengono fabbricati 
in Italia i sali di mercurio e di bismuto; 
in dieci anni la produzione dei sali di mer- 
curio è salita da 200 a 720 quintali; 

Nella categoria dei prodotti terapeutici 
occupa uno dei primi posti la ntannite, 
ricavata, in massima parte, dalla manna del 
frassino siciliano. In generale, l'Italia cerea 
di rendersi sempre più indipendente dal- 
l'estero cosi per i prodotti farmaceutici, 
come per quelli puramente scientifici. 

Un'industria abbastanza importante, cosi 
nella Lombardia, come nel Mezzogiorno 
d'Italia, è quella dei cementi. I cementi 
naturali italiani sono di ottima qualità, ma, 
naturalmente, non presentano la regolarità 
di cristallizzazione dei cementi artificiali. 
Di cemento si fa esportazione dall'Italia 
in tutte le regioni in vicinanza delle Alpi. 

Previsioal circa l'avvenire. 

La rapida rassegna clie abbiamo fatto di- 
mostra con grande evidenza i progressi clie 
le industrie chimiche hanno fatto in Italia, 
in questi ultimi dieci anni. Maggiori ancora 
esse ne faranno in avvenire, eopratutto 
quando saranno eliminate le difficoltà cbe 
oggi si incontrano nella costr azione di nuovi 
stabilimenti in conseguenza della scarsezza 
di mano d'opera, nonché dei materiali da 
costruzione, e quando il servizio dei tra- 
sporti ferroviari, oggi in condizioni deplo- 
revoli, sarà riorganizzato e le tariffe dimi- 
nuite. Quando questi inconvenienti saranno 
stati tolti, le industrie chimiche italiane 
non si limiteranno più a produrre per il 
consumo del paese, bensì lavoreranno anche 
per l'esportazione all'estero: in alcuni rami 
industriali l'Italia ba già dimostrato di poter 
lottare vittoriosamente contro i prodotti in- 
glesi e tedeschi sui mercati delle colonie. 

Per acquistare maggiore autorità e per 
meglio difendere i loro interessi, i principati 
industriali chimici hanno avuto anche l'idea 
di unirsi nell'associazione accennata più so- 
pra, a imitazione di quella società tedesca 



che tanti e cosi preziosi servigi ha reso alte 
industrie chimiche in Germania. 

Questa società si propone di rendere più 
stretta la collaborazione degli industriali e 
degli scienziati, di migliorare e di svilup- 
pare lo spirito di organizzazione, di far mi- 
gliorare l'insegnamento della chimica nelle 
scuole tecniche, di ottenere la diminuzione 
delle spese di trasporto, e sopratutto un re-, 
gime fiscale più razionale di quello attual- 
mente in vigore. 

La realizzazione di un programma così 
logico contribuirà, senza dubbio, in modo 
notevolissimo allo sviluppo delle industrie 
chimiche in Italia. 

IL VALOItR DKL PAHLAMENTAKISM(t<>) 

Per giudicare del valore del parlamenta- 
rismo nella forma in cui oggi esso esiste, 
due sono gli elementi di cui conviene tener 
conto: l'attitudine dei Parlamenti a gover- 
nare e la loro composizione. 

L'ideale del Parlamento sarebbe una 
assemblea composta delle più nobili forze 
della nazione, divise in due partiti che si 
alternassero al governo della cosa pubblica. 
Questo ideale fu quasi raggiunto dal Par- 
lamento inglese fino alla metà del secolo 
decimouono; e quantunque il sistema elet- 
torale onde usciva la Camera dei Comuni 
fosse il peggiore cbe si potesse immaginare, 
e la moralità politica de'suoi membri lu- 
sciasse non poco a desiderare, tuttavia con 
quel sistema la politica estera della Gran 
Brettagna riportò i suoi più grandi e du- 
raturi successi. All'immoralità politica fon- 
data sulla costituzione aristocratica inglese 
fa riscontro negli Stati Uniti una immora- 
lità politica su base democratica; eppure 
anche qui da siffatte non liete condizioni 
non risentì nessun danno Io sviluppo ma- 
teriale del paese. 

La decadenza del Parlamento. 
Senonohè, durante gli ultimi decenni, la 
divisione dei partiti nella Camera dei Co- 
muni si è modificata: accanto ai due grandi 
partiti storici, il liberale e il conservatore, 
sorse prima il partito irlandese, e più di 
recente il partito operaio. Nei Parlamenti 
del continente europeo, poi, in quasi tutti 

(1) Da nn articolo d«irei-aBibMCi»Kir« Mas vu.n Brixot. ì'if 



■cby 



Google 



148 



MINERVA 



i paesi le frazioni e le frazioiicelle nou 
sì contano; e finalmente anche negli aitati 
Uniti, ai (lue vecchi partiti, deroocratieo e 
repabblicano, altri se ne aggiungono di inag- 
giore o minore iinportanza. 

Questo frazionamento delle forze par- 
lamentari ha determinato una quantitit dì fe- 
nomeni che fanno giudicare in modo nou fa- 
vorevole il sistema parlamentare, e uno dei 
piti caratteristici fra i quali è la tattica 
parlamentare, che non dì rado, nelle ele- 
zioni o nelle votazioni, induee ad accordarsi 
e ad appoggiarsi scambievolmente partiti 
che del reato sono opposti l'uno all'altro- 
Questa tattica, che ai giorni nostri ha acqui- 
stato grande importanza, rappresenta la ne- 
gazione del vero compito del Parla- 
mento, giacché antepone il bene del par- 
tito a qnello dello Stato; ad essa si deve an- 
che, sopratutto, la diminuzione dell'interesse 
della grande massa della popolazione per le 
elezioni e per quello che nel Parlamento av- 
viene; e tale diminuzione d'interesse h» a 
sua volta contribuito a far scendere il li- 
vello medio di valore dei depntati in 
tutti i Parlamenti del mondo. 

Veramente, questo peggioi-aniento di qua- 
lità della rappresentanza popolare era giA 
stato teoricamente preveduto e predetto te- 
nendo conto dell'abbassato livello del corpo 
elettorale per effetto dell'allargamento del 
suffragio. Comunque sia, una cosa è certa: 
che nei Parlamenti di tntti i paesi si fanno 
sempre più rari gli uomini che nell'industria, 
nel commercio, nelle pubbliche amministra- 
zioni, nell'esercito, nella diplomazia hanno 
acquistato rinomanza; per modo che la rap- 
presentanza degl'interessi del popolo viene a 
trovarsi in misura sempre maggiore nelle 
mani di uomini che, per la loro qualità dì po- 
liticanti di professione, inclinano, spes- 
so inGonsciameut«, a dare agli interessi dei 
loro rispettivi partiti la preferenza sugli 
interessi della comunità. E a questa causa 
si deve ascrivere anche il decadere dei 
costumi parlamentari, di cui ci danno 
prova ben poco edificante certe deplorevoli 
scenate che non giovano davvero a rialzare 
il prestigio delle assemblee legislative. 



Necessità del 



parlamentare. 



mentare non possono essere negati. i 
difficile, se non impossibile, sarebbe trovai 
un altro sistema che anche parzialment' 
potesse sostituirlo. A tutto cì6 che gli nii 
mini fanno sono inerenti le debolezze e : 
difetti delta umana natura; ma sarebbe ili 
giusto il voler respingere, in ragione deli^ 
sue manchevolezze, nna istituzione che h 
Pinnegabtle vantaggio di port^ire a cuui> 
Bcenza dei governanti ì desideri, i bisogn 
e le aspirazioni dei governati e che fiin 
ziona, per cosi dire, da valvola di sii-n 
rezza. Se di questo organo i governami 
non sentono, o non vogliono sentire, ;l; 
avvertimenti, la coljta è dei governanti, nou 
del sistema. 

Ormai è passato per sempre il tempo i: 
cui era possibile un governo senza la r»^ 
perazione e fnori del controllo dei KOvtr 
nanti. Il parlamentarismo sarà suscctliliii'- 
di miglioramento, anzi si deve cercare >i: 
migliorarlo; ma, da quando è cadut-a la fflF 
nell'ispirazione divina dei capi delio Stalo 
la partecipazione della grande nia^>^ 
del popolo al governo è ine vitaliilc. 

Ora i Parlamenti devono dare coi fatti I. 
prova che essi pongono il bene delU 
Stato al disopra degli interessi ili 
parte, se vogliono togliere ai loro awe; 
sari pretesto ad attacchi, che ad ogni motto, 
e per molto tempo ancora, sono destinali 
all'insuccesso. Le istituzioni parlamentar! 
correrebbero serio pericolo solo quando i ilt 
putati diventassero insensibili alle vibr^ 
zioni dell'anima popolare e tentassero m 
andare al di là delle proprie forze, oBSia i!: 
governare essi stessi. Gli esperi dalle molti 
teste non ai trovano che nelle fiabe, e ami:; 
qui sostengono soltanto una parte maìvagìj 



IL FKMMINISMO POLITICO 
IN GERMAXIA E IN FRANCIA tn 



Eppure, con tutti i rimproveri, spesso 
meritati, che gli si possono fare, l'impor- 
tanza e i meriti del sistema paria- 



Come risulta dagli atti del secondo voi 
gresso iuternazionale femminista tenntosi 
lo scorso anno, dal 7 al 12 agosto, a Cope- 
naghen, l'emancipazione politica dell:> 
donna è un fatto compiuto in sei delle sett- 
colonie australiane, in quattro Stati di-. 
l'Unione americana e nella Finlandia: nei 
l' Olanda, in Ungheria e in Russia, dove sen 



,y Google 



MINERVA 



:)r;t iiiiniiiieiit« l'ai larg'a mento del suffragio, 
li saranno probabilinent« ammesse anche le 
ìoime: nella Svezia, nella Norvegia, nel Ca- 
QHilà e in Germania le donne inscritte nelle 
iÌ!ite dei «ontribuenti esercitano, o almeno 
[Kiseono esercitare, il diritto di voto nelle 
Hezioui amministrative. 

In tutti i paesi che abbiamo nominati vi 
'; ima Unione nazionale per il suffragio 
femminile, e tutte queste Unioni fanno parte 
ilella Lega internazionale di cui è pre- 
:i<len tessa una americana, la signora Chap- 
iran Catt, e che comprende, oltre ai paesi 
Indicati, l'Inghilterra, la Danimarca e l'I- 



In Cermania. 



iHlia. 



la Francia. 



Le femministe francesi non lianno potuto 
Hnora aderire alta- Lega internazionale per- 
ehi; questa non uccoglie nel suo seno che 
l'nioni nazionali, e in Francia una Unione 
siffatta non è stata ancora costituita; sem- 
hm, però, che ciò avverrà prossimamente, 
in buon numero essendo già in varie Pro- 
vincie della Francia te Unioni locali. 

In generale, conviene riconoscere che il 
movimento politico delle donne non 
ha fatto in Francia grandi progressi. 
Sembra che così i repubblicani come i so- 
cialisti non siano propensi ad accordare alle 
donne l'elettorato politico, per timore che 
esse subiscano l'influenza clericale. Tuttavia 
negli atti della Camera dei deputati vi è 
almeno una ventina di disegni di legge per 
tale concessione, tutti proposti in questi 
ultimi anni. 

Sulle ultime elezioni, «n candidato ei è 
prt^Bentato come « candidato delle donne », 
e nella attuale Camera si è costituito un 
gruppo parlamentare per la difesa dei di- 
ritti delle donne, per giudicare il quale bi- 
»otnierà aspettarlo all'opera. 

La stampa francese, segnatamente quella 
della capitale, ft in generale favorevole al- 
l'emancipazione delle donne; la Libre Pa- 
role è in prima linea nella lotta per le fem- 
ministe cattoliche; VEclair, il Malin e altri 
Kiornali per le repubblicane. Il Tempt e i 
I>fbaU sono molto lenti nella loro oonver- 
Mone alla causa femminista. In generale, la 
borghesia capitalista è indifferente o con- 
tmria all'elettorato femminile, mentre la bor- 
gliesia socialista e la classe operaia gli sono 
l'uvorevolL 



Nell'Impero tedesco la situazione è molto 
pili complicata che in Francia, giacché leggi 
e regolamenti variano da uno Stato all'al- 
tro; per esempio, in Prussia e in Baviera 
la legge esclude le donne dalle associazioni 
politiche, mentre a queste associazioni esse 
hanno adito nel Wiirtt«mberg, nel liaden, 
in Sassonia e in altri Stati. Al progresso 
de) femminismo si oppongono, poi, altri osta- 
coli: nel Reichstag, il Centro ha una posi- 
zione cosi forte che non crede necessario l'ap- 
poggio delle donne, di eui ha bisogno il par- 
tito corrispondente in Francia; nei Parla- 
menti di vari Stati il partito liberale e il 
partito socialista sono ridotti all'impotenza; 
in non pochi paesi, perfino in mezzo ai li- 
berati vi è una prevenzione contro l'eletto- 
rato femminile; a questo elettorato è avversa 
una parte della stampa e del pubblico; e in 
gran numero sono, specialmente nella bor- 
ghesia, le indifterenti. 

Con tutto e\i> le propugnatrici dell'eletto- 
rato femminile sono riuscite a creare in Ger- 
mania un notevole movimento; e nel 1902 
fu fondata l'Unione nazionale tedesca per 
l'elettorato femminile, che ha la sua sede 
centrale ad Amburgo e che svolge una grande 
attivitàr dì propaganda, fondando nnioni e 
gruppi locali e recintando aderenti in tutti 
i paesi dell'Impero. 

Ed ora vediamo quale sia la situazione in 
Francia e in Germania nelle quattro cate- 
gorie di elettorato. 

L'elettorato nelle comunità religiose. 

Francia. — La separazione della Thiesa 
dallo Stato ha messo la questione all'ordine 
del giorno. Le Chiese protestanti hanno ac- 
cettato la legge sulle associazioni cultuali, 
e il loro Sinodo nazionale si è pronunziato 
in favore dell'elettorato, non dell'eleggibi- 
lità, per le donne — nubili, maritate o ve- 
dove — che pagano una tassa annua alla 
comunità religiosa. — La Chiesa cattolica, 
decisa a respingere le associazioni cultuali, 
non si occupa nemmeno della questione del- 
l'elettorato e dell'eleggibilità feinminile; e 
in ogni caso, per tradizione, vi sarebbe con- 
traria, 

Germania. — In una recente inchiesta, ihi- 
nierosi membri del tdero protestante si sono 
dichiarati favorevoli all'elettorato femuii- 

UigilizcdbyGoOQle 



160 



MINBKVA 



nile nelle cointtoità relJg:iose: tale diritto 
viene già eaercitatoin alcune comunità pro- 
testanti di Brema e di Amburgo. In nes- 
Bana Chiesa protestante le donne godono 
dell'eleggibilttÀ; esse siedono, però, nel Con- 
siglio direttivo di non poche Dnìoni eecle- 
eiustictae tolleranti CfreUinnig), le quali nella 
vita religiosa della Germania hanno una no- 
tevole influenza. 

L'elettorato amaiinÌRtrativo. 

Wrcmoia. — Nessuna donna, per quante 
Imposte paghi, fruisce di questo elett-orato. 
De fa parte dell'amministrazione comunale, 
come accade per esempio in Iforvegia, nella 
Finlandia, in cinque Stati dell'Unione ame- 
ricana e in altri paesi. Lo stesso si dica in 
quanto riguarda le diete distrettuali {con- 
ieUs d?arrondisnement) e le diete provinciali 
{eonseils généraux). Esse possono far parte 
delle commissioni scolastiche, e il prefetto 
può chiamarle a far parte delle eominis- 
Bioni amministrative della pubblica assi- 
stenza. 

Oermania. — Siccome l'elettorato ammi- 
nistrativo ha per unica base il censo, così 
le donne che pagano tasse si credono in di- 
ritto di godere anch'esse di tale elettorato, 
al pari degli uomini. In alcuni i>aesi esse 
esercitano, infatti, questo diritto; in altri si 
sono rivolte alle autorità giudiziarie per es- 
servi ammesse; e le spese necessarie per 
tali azioni vengono sostenute dall'Unione 
nazionale. — In nessuna città della Germa- 
nia le donne sono eleggibili, ma possono 
sedere nei consigli d'amministrazio- 
ne della pubblica assistenza, e nel 
granducato di Baden possono anche fare 
parte delle commissioni scolastiche. — 
In Sassonia e nella Prussia (in quest'ultima 
solo le maritate e le vedove) le donne che 
possiedono fondi rustici votano nelle ele- 
eioni dei consigli distrettuali, non per- 
sonalmente, ma per mezzo di un rappre- 
sentante. 

l'elettorato politico. 
Francia, — Quantunque da sessant'anni 
eia in vigore il cosidetto suffragio generale, 
tuttavia le donne non sono ne elettrici né 
eleggibili. Perla conquista dell'elettorato po- 
litico si adoperano, nel campo repubblicano, 
la Ligue des droils de la /emme, la quale, 
però, mira anche ad altri scopi, e più spe- 



cialmente la Société pour le suffrage den/c'*- 
mcf, nonché la SoUdarité dcg/emme» e V£ijs- 
lité. Queste quattro società hanno sede a 
Parigi; in provincia, il movimento, fra ]•- 
donne repubblicane, è nullo. In tutta k 
Francia, invece, è esteso e bene organizzai^ 
questo movimento in mezzo alle donne cai 
toliche, grazie a una Atta rete dì socieri 
clericali attive e pugnaci che ogni anno 'i 
riuniscono a congresso nell' « Institut Caibv 
lique » di Parigi. 

Germania. — L'unica forma di elettora.. 
politico che le donne possono esercitare, iiii> 
di cui ben poche si valgono, è l'elezJone de. 
Consigli provinciali, alla quale conni:- 
rono soltanto 1 consigli distrettuali: in &> 
Sonia e in Prussia possono prender partii 
queste elezioni le donne che jmssiedono fonili 
rustici, le quali, come si è detto, votano 
nelle elezioni dei consigli distrettuali. 

L'elettorato professionale. 

Franeia. — Le donne che esercitano il pod. 
mercio sono elettrici, ma non eleggibili, ptr 
i tribunali commerciali, ma non ]>er Ir 
Camere dì commercio. Le operaie, st-b- 
bene sottoposte alla giurisdizione dei « Co» 
aeils dei prud'komme* », non souo, pc 
questi Consigli, ne elettrici né eleggibili. 

Germania. — In tutto l'Impero le donne 
associate alla Cassa per le malattìe som< 
elettrici ed eleggibili per i Consigli diret- 
tivi di qaesta istituzione; esse non baunr-, 
però, alcun diritto elettorale in quanto >i 
riferisce ai Kaitfmannsgcrichte, commissìoiu 
arbitrali istituite per decidere nelle contj* 
versie fra commercianti e loro dipendei»-. 
— da non confondersi coi tribunali eom- 
merciaii {HandeUgerichte). 

La aorittrioe oliiudo i) suo aTtioolo facendo nolar-- 

oondÌ2Ìoiii molto meno favarovoli obe in Friiiii>ÌB. «sg- 
abbili tiittavin «sputo multo meglio orftanii«ir«i i"i 
UD piicrgii-o nd efficipe lavoro Ai propa ifandn. 

BEHANiil N E IL DAHOMEY "' 

La storia del Datiome.v, interessante per 
se stessa, presenta al tllusofo non pochi ar- 
gomenti di meditazione. 

Verso il secolo xv, fra le popolazioni iii-1 
golfo di Guinea, troviamo il regno di A.rdn-> 

(1> Du nn irtiuolo di Divikl H^ssr, Haru* Eit4smata<r- 



« tUi» ><i>edizlan« < 



,y Google 



MINEBVA 



151 



Ardra, che comprendeva gli attuali terri- 
tori di AUada e di Porto Uovo. Presso un 
goveruatore dipendeote dal re di Ardra si 
rifugiò un esnle del paese degli Euè, il quale 
aveva ucciso uno dei suoi genitori e che, 
ottenuto dal governatore il diritto di citta- 
dinanza, costruì la sua dimora net luogo 
dove ai trovava, nel 1S92, in vicinanza della 
fonte sacra, il palazzo di Attada. Quest'uomo, 
che si chiamava Agiahuto, non si sa come 
diventò re, ed è considerato il fondatore 
della dinastia dei sovrani del Dahomey, ul- 
timo discendente della quale era il re Be- 
hanzin. 

Morto nel 1610 un re di qneeta dinastia, 
Koppon, ano dei tre figli di lui, Tacodoott, 
abbandonò il paese e andò a stabilirsi in 
mezzo ai Fon, dove, divenuto il favorito 
del loro re Dan, ottenne numerose conces- 
sioni di terreno per costruirvi delle case. 
Ma di queste concessioni egli non si appa- 
gava mai, e con tante richieste importunava 
l'ottimo re Dan, che questi un giorno gli 
domandò: 

« Vuoi, dunque, costruir sempre, tut Non 
ne hai ancora abbastanza di case, e finirai 

001 domandare il mio ventre t » 
Tacodonu non dimenticò mai il rimprovero, 

e, più tardi, quando ebbe sbalzato dal trono 
il re Dan, fatta tracciare la cinta di una 
nuova città, scavate le fondamenta, vi gettò 
dentro il suo ex-sovrano incatenato, dicen- 
dogli : « Un giorno tu mi offristi il tuo ven- 
tre; ora te lo prendo per fabbricarvi sopra 
la mia casa >. 

Cosi — narra la tradizione — la nuova 
città fu chiamata Dan-Homey, ossia « Ven- 
tre di Dan ». 

Data la qualità dei suoi antenati, che po- 
trebbero chiamarsi dei veri professionisti 
del delitto, della devastazione e delle av- 
venture bellicose, eradifBcile che Belianzin 
potesse ereditare un'anima fornita di senti- 
menti delicati. Tuttavia non è esatto l'at- 
tribnirgli nn carattere sanguinario, come è 
stato fatto da chi ba voluto sintetizzare in 
lui tutta la ferocia della sua razza. La guerra 
che la Francia condusse contro Bebanzin 
ebbe per pretesto l'opera necessaria della 
civiltà contro un sovrano sanguinario; ma 
la verità è che il re del Dahomey era di 
impedimento all'espansione coloniale dei 
Francesi, che egli sbarrava loro la strada; 
e per questo fu combattuto. 



L'autore si diffonde in partioolari oiraa la gneatione 
del Dahomey, biasimando il governo fronoege per es- 
sersi messo dalla parte di un ribelle, Toffa, no brio- 
oone delta peggior specie, il qnale or» insorto contro 
il re del Dahomey, 61e-g1e ; cosi qaesto soTrano, come 
il ano saooessore Behanzin, non rinsoinmo a spiegarsi 
perohè venisse moasa loro gaer» da nn popolo i cui 
rappresentanti avevano sempre r 
loro sudditi, amichevole aoooglie 

La ijiierra contro Behanzin. 

Furono necessarie tre campagne succes- 
sive per vincere il re Behanzin. E la prima 
di queste campagne si apri con una vera 
violazione del diritto delle genti, violazione 
di cui i Francesi si resero colpevoli. Infatti, 
il 21 febbraio del 1891 gli ambasciatori del 
Dahomey, con cui i Francesi avevano chiesto 
di parlamentare, vennero arrestati e man- 
dati a Porto Novo, dove furono tenuti pri- 
gionieri; Toffa voleva ucciderli senz'altro, 
ma, per fortuna, quell'assassinio inutile ven- 
ne impedito. 

E fu bene; giacché Gle-gle aveva risposto 
al tradimento dei Francesi facendo prigio- 
nieri i Francesi di Vidali, e questi sareb- 
bero stati uccisi per rappresaglia se l'ini- 
quo disegno dì Toffa avesse potuto essere 
condotto a compimento. Quei prigionieri fu- 
rono trattati con tutti i riguardi, e, in se- 
guito, scambiati contro i messi del Daho- 
mey che Glegle volle ad ogni costo riscat- 
tare. 

Behanzin fu per i Francesi un avversario 
veramente intrepido: con selvaggia energia 
e con grande coraggio egli difese palmo a 
palmo il suo regno; e i suoi sudditi lo imi- 
tarono tutti. L'autore dell'articolo, il quale 
faceva parte della colonna comandata dal 
colonnello Dodds, ricorda di aver veduto 
slanciarsi all'assalto al passo di corsa, sprez- 
zando la morte, i vari reggimenti di quegli 
indigeni, comprese le loro terribili amaz- 
zoni, e battersi in modo meraviglioso. 

1 bianchi nel Dahomey. 
Prima che la guerra scoppiasse, i bianchi, 
chiamati ievos, nel Dahomey erano sempre 
rispettati cosi nella loro persona, come nei 
loro averi; tutto ciò che le autorità indigene 
facevano era d'imporre loro certe bizzarre 
formalità per lasciarli circolare nel regno: 
per esempio, era loro proibito di portar ecco 
strumenti seientitici e apparecchi fotografici, 

giacché gl'indigeni temevano dei) 

IJigitizcc by 



ir>2 



MINERVA 



per poter fare un viaggio iiellMutemo oc- 
correva una speciale autorizzazione, la quale 
bì otteneva dopo che l'interessatosi era pre- 
sentato a, certi magistrati chiamati agori^u, 
i quali lo sottoponevano a un lungo inter- 
rogatorio, iuformaDdosi dello scopo del ano 
viaggio e dell'itinerario, e facendosi pagare 
una tassa di duemila cauri (circa 50 cente- 
simi) piti una bottiglia di tafla. Sbrigate 
queste formalità, gli agorìgan consegnavano 
al viaggiatore la mandorla di palma, av- 
volta in una foglia di banano o di gran- 
turco, la quale serviva di passaporto; il 
viaggiatore, poi, doveva attenersi rigorosa- 
mente all'itinerario da lui stesso indicato, 
ed era sottoposto, durante il viaggio, a con- 
tinua sorveglianza, ancbe per garantire la 
sua stessa sicurezza; e infatti non vi è 
esempio di un solo europeo cbe. fuori dello 
stato di guerra gaerreggiata, eia stato mas- 
sacrato, o, anche, semplicemente svaligiato 
per ordine dei re del Babomey . 

Del resto, anche durante la guerra Bc- 
hanzìn conservò sempre una certa simpa- 
tia per i Francesi, e al colonnello Dodds, 
diventato poi generale, scriveva lettere in 
cui esprimeva vivi sentimenti di amicizia 
verso la Francia; una volta mandò perfino 
dei buoi per approvvigionare di carne fresca 
i soldati francesi che ne avevano bisogno. 

La caduta di Behaazia. 
Il re Behanzin aveva acquistato in mezzo 
ai suoi sudditi un prestigio straordinario. 
Vinto, finalmente, spossessato, inseguito co- 
me un brigante nella macchia, e catturato, 
dopo una fantastica caccia durata ben tre 
mesi, in seguito al tradimento del suo stesso 
fratello Gueili, che rivelò il suo ricovero in 
cambio della promessa fattagli del regno dì 
Abomey, sopportò con filosofica rassegna- 
zione il suo destino. Appena preso, continuò 
a fumare tranquillamente la pipa, insen- 
sibile alle ingiurie dei suoi antichi par- 
tigiani. Un certo Kapo, giti suo dipendente, 
gli recò un messaggio da parte del fratello 
traditore: 

— Gacili mi incarica di dirti che tu non 
fai più parte della casa di Allada; gli dèi 
ti abbandonano; tu hai perduto il Dahomey 
e non sei pii!l nulla per noi. 

— Di' a mio fratello e alla mìa famìglia 
— rispose Behanzin senza scaldarsi — che 

Ora sono con ì bianchi e 



ci resterò. I Francesi non tarderanno ad »t- 
corgersi che voi siete dei buffoni e degli 
imbecilli. Ho detto. Vattene, vecchio scim- 
miotto! 

E cosi dicendo sputò contro il messo. li 
re spossessato conservava, tuttavia, tant» 
autorità che il « vecchio scimmiotto » si ri- 
tirò mogio mogio, profondendosi in rive- 
renze. 

Oggi Kapo è occupato, in qualità di sor- 
vegliante, sulla linea ferroviaria del Daho- 
mey che si sta costruendo; 11 egli è in com- 
pagnia di altri uomini della sua razza, i 
quali tutti parlano ancor sempre con rispet- 
toso affetto del loro antico sovrano, del loro 
« Kondo »; e con rassegnazione, ma non senzH 
dignità, sogliono ripetere ai bianchì: " Sv 
avessimo avuto i vostri fucili, voi non lo 
avreste vinto ». 

Questo essi dichiarano apertamente: c 
quando parlano fra dì loro, ripetono che il 
« Kondo » torna, in spirito, a visitarli di 
notte, nei loro sonni; il ricordo di lui è vivo 
ancor sempre in quel paese dì cui egli fon; 
per un tempo cosi breve. Oro, Bebanzin (- 
morto, e quando i suoi ex-sudditi lo sapranno, 
probabilmente faranno di luì una dìvinitit. 
I Francesi non possono non rendere omaggio 
alla vittima di quel crudt>le destino che, con 
eufemismo di paese civilizzato, viene chi;i- 
mato necessità della politica coloniale. 

LE TENDEHSE DELL'iDTOHOBnJSHO HIUTtilE IN GEBHAKU" 

Pratici e positivi come sono, i Tede3<-hi 
uon perdono il tempo intorno al problema 
dell'utilizzazione dell'automobile sul 
campo di battaglia come arnese di distru- 
zione, poiché troppi sono gli ostacoli natii 
rali e artificiati cbe si oppongono a qae>TH 
applicazione. Sul campo di battaglia es^si 
non considerano che due usi dell'automo- 
bile: quello degli aratri automobili i>ci' 
lo scavo di trincee da completarsi con la 
mauo d'opera, e quello delle vetture per 
il trasporto dei feriti dopo la battagli». 
Del resto, l'impiego dell'automobile uell'estr- 
cito deve consistere essenzialmente in due 
servizi: quello della trasmissione dì ordini 
e di missive fra i vari distaccamenti, e il 
trasporto di viveri, munizioni e materiale 
da guerra di ogni sorta. 



"-""Hàaw^"' 



MINEEVA 



r>li automobilisti volontari. 



Per il primo di questi due servizi sì de- 
vono adoperare, naturalmente, vetture leg- 
<riere. e in certi easi bastano anche delle 
st-mplici motociclette. E qui merita di 
i^s^ere rilevata e additata ad esempio l'or- 
;f;tnizzazìone tedesca del corpo dei vo- 
lontari automobilisti. Questa organiz- 
ziizione data dal 1904. e l'autore ebbe brìo 
ili aiiprezzanie l'opera alte manovre del 1905 
nella regione del Taunns, durante le quali 
entrarono in albione 34 vettore (ti per cia- 
scun corpo d'esercito, 4 per il ministro della 
^'uerra, IS per la Direzione delle manovre) 
I-Ite (^-ompirono con perfetta soddisfazione e 
con la massima mpìdità il servizio della 
trasmissione di ordini e delle comunicazioni 
tra. i vari corpi d'esercito e le divisioni di 
liivalleria. 

Questo corpo di automobilisti volontari 
non è una nuova unità militare (la qu^Ie 
non avrebbe potuto essere istituita senza 
l'approvazione del Parlamento), bensì una 
i-;titazione privata analoga a quella della 
Croi-e llossa; alla sua formazione presiede 
l'Automobile Club, il quale designa alle 
autorità militari quelli de' suoi soci cbe, 
liosKedendo i necessari requisiti, possono 
farne |iarte. 

L'ali tiiri.> furuisce uli'iini pnrtii'olitri iiiloriiu a i|Ui?- 
sla iir)(niiizE»xii>iit>. L'autoiiiobilUta voloTilariu s'im- 
[j'-j-UH a servire pon In su» vettura in tempo di guerra 
«•■iizii restrizione, in tempo <li piiee per non pifi di 
ir>' iHTiodi lU eneroi turioni all'anno <oÌBsouii periodo 
iIi'IIb durata maasima di dieci giorni) per qnattm 
»nni eonseoutivi ; in s«rvlEÌo, egli rioeve una inden- 
uiii «luatidiana di 35 franchi e nno Bti|iendio di 1)4.75, 
p devo sostenere le spese per se, |)er lo ohdnffeur e 
]it>r ta miwcbina, e di piji tornire quest'ultima di un 

/.ioni' militare. L'antoniobilista volontario non ù sot^ 
MpiMto strettainente ulln <linoìpliiia militarp, ma sì 
•ililili};» a esegnire puntualmente gli ordini delle an- 
tiiritil alla onÌ dipendi'OK» vien |>oato, pena l' imme- 
•lintu liecQz lamento e l'enoliisione dal corpo. Egli porta 
iin'nniriirme apeoinle di oolor ■ grlKio-polvere >. 

Evidente ò il vantaggio di un'organizza- 
zione sift'attii, la quale mette a disposizione 
dell'esercito, in tempo di guerra, un servizio 
ili automobili completo, l'Oii la minore spesa 
po.ssiliìle. La requisizione delle auto- 
iiioi>ili k organizzata in Germania come 
quella dei cavalli e dei veicoli comuni; ogni 
anno ne viene eseguito il censimento, e i 



fabbricanti e i negozianti di automobili sodo 
anch'essi in obbligo di mettere le loro vet- 
ture a disposizione dell'autorità militare, in 
caso di mobilitazione. 



ti ! 



izio dei trasporti. 



Di grande importanza in caso di guerra 
sarebbe l'organizzazione di un buon servizio 
automobilistico per il trasporto di vi- 
veri, munizioDi e materiate di vario 
genere. Secondo il parere di un tecnico di 
valore, sostituendo le vetture automobili ai 
veicoli a trazione animale attualmente in 
uso nell'esercito, si otterrebbe una riduzione 
del 6» per cento sul personale e dell'87 per 
cento nel numero dei veicoli, oltre a una 
notevole economia di tempo, nonché di spa- 
zio, qnest^ultima per la diminuita lunghezza 
dei convogli. 

I vantaggi della trazione meccanica sulla 
trazione animale sono incontostabili, ma i 
veicoli automobili per i trasporti di questo 
genere, i « poids lourds ». sono oggi in nu- 
mero infinitesimale in confronto con le vet- 
ture sportive, e, anche quando il loro nu- 
mero si verrà moltiplicando, non si potrà 
ragionevolmente pretendere eh© i fabbri- 
canti li costruiscano fornendoli di certi re- 
quisiti speciali necessari per la loio utiliz- 
zazione militare (grande potenza, velocità 
moderata, facilità di muoversi su terreno 
accidentato fuori delle strade) e non neces- 
sari al loro normale fnnzioDamento. D' al- 
tra partc.l'allestimentodi un apposito pareo 
automobilistico per organizzare questo 
servizio in modo efficace richiederebbe una 
spesa ingente, quale non potrebbe essere 
sopportata dal bilancio della guerra nem- 
meno nei paesi più ricchi; oltre di ohe i 
progressi tecnici in questo campo sono così 
grandi e così rapidi che un parco oggi ec- 
cellente in bi-eve rischierebbe di diventare 
antiquato. 

In tali condizioni, la linea da seguire è 
qnesta: cbe l'amministrazione della guerra 
incoraggi l'industria privata con sossidi 
oculatamente distribuiti, e sostituisca i vei- 
coli a trazione animale divenuti inservibili 
con carri automobili destinati non a fornire 
all'esercito tutto il fabbisogno, ma a for- 
mare un nucleo, aumentabile, in caso di 
guerra, col contingente che verrebbe fornito 
dalla requisizione. 



,y Google 



MINERVA 



GLI STUDENTI CINESI ALL'ESTERO i" 



Kon è ancora un anno, la cittadina di 
AiDberst (Massachueeetts), dove banno sede 
due istituti, era testimone di un avvenimento 
mai visto: un centinaio di giovani studenti 
cinesi, e perfino alcune studentesse, erano 
ivi conveDuti da parecchie università ame- 
ricane e si erano adunati in una vasta sala 
adorna delle bandiere della giovine e forte 
Repubblica del nuovo monde e della piti an- 
tica nazione del vecchio. Nella loro simbo- 
lica fratellanza, i vessilli dei due popoli 
tanto diversi salutavano il principio di una 
epopea tranquilla ma grandiosa, che segnerà 
il risorgimento della civiltà cinese nella 
nuova civiltà occidentale. 

Quei giovani, appartenenti alle più nobili 
famiglie dell'Impero celeste, sì mostravano 
consci della toro missione; e l'osservarli, cosi 
fieri e disciplinati, era impressionante per 
chi scorgeva in loro i conquistatori dell'av- 
venire del loro paese. 

Stranieri l'uno all'altro in terra straniera, 
avevano adottato la lingua della patria tem- 
poranea, ne avevano assimilato la cultura e 
copiata i costumi, e negli studi avevano 
spesso conteso la palma ai loro compagni 
anglo-sassoni. 

L'assemblea era indetta dalla sezione ame- 
ricana della « Federazione mondiale 
degli studenti cinesi », che sorse nel 
1005 a Soiangai, sotto la presidenza dì Teng 
Hui Li, un laureato dell'università ameri- 
cana di Yale. 

Questa Federazione ha il suo giornale, 
edito in inglese e in cinese, che si diffonde 
e s'impone sempre più. Essa è completa- 
mente ligia al governo cinese ed è animata 
dall'ammirevole spirito di sacrificio di cui 
ci ha dato una prova recente il popolo giap- 
ponese. Sua nobile mèta è l'istruzione del 
popolo, l'adozione di un idioma comune, che 
rinsaldi la compagine dell'impero, attual- 
mente disgregato dai differenti dialetti, ed 
in ispecie l'unificazione politica e sociale 
della nazione, ora divisa in provincie quasi 
straniere le une alle altre. 

Gli studeall cinesi degli Stali Uniti. 

L'anno scorso erano circa trecento, secondo 

un calcolo fatto dall'Ambasciata cinese. 

Srano disseminati in varie università e col- 

(1) Da nn artimlo di C. B. WaLKEn. nt H'vtM '< Wirri, geu- 



tegi, come Yale, Cornell, Columbia, ecc., oltre 
che nei seminari per studi teologici, e io 
altre scuole speciali. Moltissimi seguivano 
i corsi d'ingegneria e di scienze poltticbee 
sociali. Solo in piccola parte erano inviali 
dai viceré delle Provincie e destinati alla 
carriera burocratica. 

Durante la scorsa estate il dott. Ctirlo 
Tenney — un americano al quale si deve la 
fondazione dell'università cinese di Tien- 
Tsin — condusse negli Stati Uniti altri Hi 
giovani cinesi, prescelti fra i piii promet- 
tenti, perchè seguissero un eorso superiore 
dì studi, a cui erano già preparati. Questo 
gruppo di giovani precorre una serie di si- 
mili spedizioni, progettite dall'intelligente 
e colto viceré della provincia di Ci-li. 

L'attuale movimento per l'educazione dellu 
gioventù cinese all'estero fu promosso du 
Yung-Uing. Giunto in America nel 1847, ai- 
l'età di diciotf anni, vi ultimò gli stadi. Al ri- 
torno in patria fu creato mandarino, e diven- 
tato interprete del governo cinese, seppe 
convincere l'imperatore dell'utilità che )^i 
sarebbe avuta a far educare la gioventù 
cinese presso le scuote occidentali. 

L'invio degli studenti comincit) nel l»7l'. 
In quei tempo essi restavano sotto la sor- 
veglianza dì Yung-Uing e conservavano i 
costumi nazionali e... quel tenace e ridicolo 
contrassegno di regresso che è il codino. 

I brillanti e inattesi risultati ottenuti col- 
marono di gioia Yung-Uing, che antivedeva 
in quel successo l'agognato rinascere della 
civiltà del suo paese, stagnante da lunghi 
secoli. 

Se non che nn ispettore inviato in Ame- 
rica dai governo imperiale paralizzò que- 
st'opera rinnovatrice. Dietro i suoi consigli, 
il governo costrinse gli studenti a tornare 
in patria, mentre stavano per trarre i mag- 
giori profitti dagli studi compiuti. 

Un memoriale venne firmato da molti pro- 
fessori delle università americane e diretto 
al governo cinese, sperando di far rece- 
dere quest'ultimo dalla deliberazione presa: 
ma il tentativo rimase infruttuoso in causa 
di una legge promulgata negli Stati Uniti, 
relativa all'esclusione di tutti i Cinesi dal 
territorio della repubblica. Ogni negoziato 
fu rotto. 

Solo in questi ultimi tempi il. settantu- 
settenne Yung-Uing ha potuto veder ripreso 
il suo disegno, appoggiato dalle autorità 



Digilizcd by 



Google 



M l N E R \' A 



1Ó5 



RÌnesi, couvertite fliiulmeitte ai nuovi Bisteinì 
[li educazione. 

I 10.000 siudeati cinesi del Giappone. 

ÌA dure prove subite nella ^aerra col Giap- 
|)one eonvinsero i Cinesi dei vant-aggi che 
presentava l'edncazione ocei dentale, e sin 
[lai 1896 pìi studenti cinesi sono affluiti nn- 
uerosissimi nel Giappone, inviativi dal ro- 
t'erDo, per frequentare le scuole moderniz- 
ifttt) dpi loro vincitori. 

Si t-alf ola che nel Giappone si trovino ora 
)ltre 10,000 studenti cinesi, che seguono i 
•orsi d'ingegneria, di Iegg:e, di arte militare, 
li Bfienze, dì medicina e altri rami pratici 
' industriali. 

Data, però, l'impreparaaione dei nuovi ar- 
ivati, spesso ignari anche della lingua, po- 
'hi possono ponsegnire un'istruzione aupe- 
■iore. La metà circa torna in patria dopo 
m anno o due, « perciò senza aver ne])pur6 
■ompletato un corso secondario di studi. I 
iinxionari preposti a qnesto movimento 
lanno perciò deciso d'inviare all'estero sta- 
lenti beti preparati e d'istituire, col danaro 
'monomi zzato, delle hnone scuole in patria. 

A ogni studente povero il governo con- 
tede nu sussidio di oltre 60 lire per setti- 
naua. 

IjB loro età varia dai 13 ai 40 anni. 

Xel 1003 vi furono 411 cinesi licenziati 
lagli Istituti nipponici. Tornati in patria, 
i doilicnno quasi tutti all'insegnamento. 

Tokio è il centro principale della vita 
tuden fesca cinese, con un club di 4,500 
nemhri. nel quale regna la più ampia li- 
)ertà di discnssione. Questo club costituisce 
in centro di propaganda attivissima per 
e nuove idee, propaganda che si esercita 
>er mezzo di rivist«, opuscoli e giornali, 
liffusi in tutta la Cina. Oltre all'unifica- 
ione della lingua (al che dovrebbe addi- 
'euirsi adottando il dialetto dei mandarini), 
:ì mira ad affrancare la nazione dalle so- 
:ieti\ ferroviarie straniere e a preparare la 
'ia al governo parlamentare, edncnndo il 
lopolo. 

L'avvenire degli studenti. 

Una carriera che merita di essere cono- 
leiuta è quella dì Sir Liang. discendente da 
ina stirpe bimillenaria, uno dei giovani 
«ndotti da Tong-Uing in America, dove si 
listinse moltissimo negli studi e negli eser- 
■Ì7,i fisici. 



Costretto come i compagni a interrom- 
pere gli studi e a tornare in patria, fu in- 
viato dal governo alla scuola navale di 
Tien-Tsin e poi promosso al servizio diplo- 
matico. Funzionò da segretario nella stipu- 
lazione del trattato di pace tra la Cina e il 
Giappone, ed ebbe non pochi altri mandati 
onorifici. Infine occupò l'importante posto di 
ministro cinese presso gli ijtati Uniti. 

Molti altri laureati nelle scuole americane 
si distinsero nell'esercito e nella diplomazia. 

L'alba di una nuova Cina. 

Mu l'opera dei laureati americani si è fatta 
sentire 80!)ratutto nei i-ampi del civile pro- 
gresso: nell'agricoltura, nelle officine, nella 
costruzione di ferrovie, nello sfruttamento di 
miniere, in tutte le scienze... A loro è do- 
vuta la fitndazione di scuole moderne nel- 
l'Impero cele8te,l'introduzione da corsi scien- 
tifici nei programmi ])er la carriera buro- 
cratica, la revisione dei codici penale e ci- 
vile, l'insegnamento d'un idioma unico nelle 
scuole; a loro è dovuto, pifiche altro, il de- 
creto imperiale che promette un regime par- 
lamentare, non iippena si riterriV che il po- 
polo aia abbastanza maturo per profittarne, 
forse tra pochi anni. 

Anche l'educazione delle donne per mezzo 
delle scuole è oggetto di seri studi da parte 
del governo. 

I/alba di una nuova Cina non è lontana. 

SVILUPPO DELLE IDEE HODEBNE INTORNO iOU ANDULI <» 

Il periodo dell'Impero romano fu un'epoca 
di fermento d'idee, e ie questioni reli- 
giose cominciarono a destare un vivo inte- 
resse, proprio come al nostro tempo. Tntto 
tendeva a fomentare un'agitazione religiosa 
che avrebbe potuto dirsi un « ritorno al- 
l'Oriente ». Il culto d'Iside e Serapide e 
quello specialmente di Mitra parvero piti 
emozionanti che il culto degli dèi greci e 
romani, i quali rappresentavano la natura e 
la legge, mentre essi miravano a rivelare ciò 
che trascende la percezione naturale. 

L'immortalità della persona, una vita ul- 
teriore più reale di questa, la purificazione 
rituale, la redenzione mediante il sacrificio, 
la mistica unione con la divinità: ecco al- 
cune delle idee non romane, anzi anti- romane, 



,y Google 



MINERVA 



fhe forinuviuio la Imse della nuova propa- 
ganda e preparavHito la via alla diffusione 
del cristiaiiuaiiiio. 

Apollonio e Celso. 

Fra le altre idee orientali venute in onore 
a quel tempo vi furono anclie ciuelle rela- 
tive agli animali e note <:ol nome di dot- 
trina pitagorica. Apostolo dell'abolizione 
dei eacriflzi animali e contemporaneo agli 
apostoli di Cristo fu Apollonio di Tiana, la 
vai biografia fu scritta <la Filoatrato nel 
terzo secolo dell'era nostra, per secondare un 
desiderio dell'imperatrice <iiulia, che s'inte- 
ressava ai fenomeni occulti. Apollonio ope- 
rava niirueolì, ma considerava questa sua fa- 
coltà come una naturale cousegnensa della 
sua vita austera e dell'astinenza dalla carne e 
dal vino, astincii/.u predicata anclie dulia 
religione buddista. E|;li era nn teosofo alieno 
dal combattere le forme e le pratiche este- 
riori delle religioni stabilite quando non gli 
sembravano crudeli o d'i m|iediniento allo spi- 
rito religioso. 

Fra le nuove idee clic ispirarono un istin- 
tivo terrore ai Padri della Chiesa vi farono 
alcune strane concezioni sugli anima- 
li; e ì due più eminenti scrittori che le so- 
stennero, Celso e Porfirio, vennero da loro 
considerati come nemici della nuova fede 
cristiana. Quando la Chiesa trionfò, il trat- 
tato scritto da Celso sarebbe stato senza 
dubbio distrutto insieme ad altre simili 
opere, so Origene non ne avesse e«tratfo un 
gran numero di citazioni per confutarne le 
idee. 

Celso era un uomo di cultura quasi enci- 
clopedica e di spirito critico equanime. Per 
esempio, egli era disposto a concedere che 
le apparizioni di Cristo risorto ai suoi di- 
scepoli ])ot essere spiegarsi puramente come 
fenomeni psichici: e forse credeva che la 
verità, non già il falso, fosse la base di tutte 
le religioni, come prium di lui aveva cre- 
duto Apollonio. 

Celso sorvola sull'argomento dell'origine 
degli animali, e pare inclinare alla teoria 
che soltanto l'anima, o lo spirito, o la vita 
eiriana direttamente da Dio, mentre il corjw 
corruttibile è un prodotto naturale o forse 
roi)era di spiriti inferiori. l'-gli nega che la 
ragione appartenga all'uomo soltanto, e che 
Dio abbia creato l'universo piuttosto per 
l'uomo che per gli altri aniumli. 



Soltuuto l'orgoglio umano — egli ilite- 
può aver dato origine a un tale pensietu: 
se gli uomini sembrano differenti dagli nitrì 
aniniHli perchè costmiscono città, faiiDolt; 
gi e obbediscono a sovrani e uiagÌBtrati. ri» 
poco importa, perchè anche le formiche e 1<' 
api tanno Io stesso, e mostrano eosl di avcn 
anch'esse la facoltà del raziocinio, la capi- 
zione di certe verità generiche, e la posfi 
bilìtà di esprimersi e di farsi compreodeit 
dalle compagne. 

L'universo — conchiude Celso — nou (i 
fatto pinttosto per l'uomo che per l'H'(uila 
o il delfino. Ogni cosa fu creata non j;ia 
nell'interesse di qualche essere, bensì \t: 
concorrere all'armonia del complesso. ;iilii. 
che il mondo possa essere assoli) tamvn^r 
perfetto. 

Secondo un moderuo scrittore, Celsu i" 
il precursore di Darwin nel negare Is 
superiorità umana, e nel sostenere liri 
l'uomo può essere alquanto iuferiore al bruio. 
Ma ch'egli fosse convinto dei suoi ragion»- 
menti non possiamo essere del tutto 
probabilmente egli rispondeva con paniiWi 
ai paradossi anche maggiori della teolu;i 
cristiana. 

I ncoplatooki. 

Per i neoplatonici Plotino e l'ortìrio I 
sorte degli animali non era nn probl^'n 
accademico, beusi un incubo. Plotino •■•' 
grande copia di argomenti affermava >li< 
l'anima delle bestie intelligenti iti 
v'essere situile a quella delI'noiiK 
Porfirio (nato a Tira nel 223 dopo Cri8toi.af 
cettando questo postulato di Plotino, dichi» 
rava essere perciò illecitol'uccidereqii 
gli animali e il cibarsene; oltre :) • 
egli si diceva propenso a credere che le hi' 
si esprìmano ciascuna nel i)roprÌo linjfH' 
gio, e citava Melampo e Apollonio come lini 
dei fìlosolì che quelle forme di linguair»:i< 
avevano saputo comprendere. 

n neoplatonismo ])enetrò nell'antica rhì'-! 
cristiana, ma sfrondato delle sue opini"' 
sulla sorte degli animali. Il neoplatouii 
cattolico Boezio, sebbene tenero degli ìi'i 
nmli inferiori, stabiliva una distinzione ii<-i' 
fra essi e l'uomo, distinzione basata iir 
neamente sull' inclinazione del loro i;i| 
verso terra, ch'egli interpretava come imi 
zio della volgare materialità di tuttiglit 
seri, l'uomo eccettuato, senza riflettere il* 



,y Google 



M 1 X E K V A 



l.V 



ui-ctìlli e pesci <littÌi-ilTi)eiite potrebbero coii- 
KÌilei'Hi-Ki come auiiiiali col capo vólto a terra. 

Nel medio evo. 

Le iilee di Celso, l'orlino e Plotino sugli 
uiiiiiiati non si eetinsero mai completameli te 
altravefso i eeeoli, e spesso riapparvero in 
tiua o in altra forma. 

In pieno medio evo prese vo^a l'illogica 
usanza dei processi penali a carico di (piiil- 
clie animale, con siissefi^ente persecuzione 
della 3pe<-ie cui 6Aiìo apparteneva. 1 primi 
ricordi di tali processi risalgono al nono 
eccolo dell'era nostra, ma l'usanza probubir 
mente già esisteva da qualcbe tempo. Il 
Concilio di Worius nell'86S decretava clic, 
se un uomo venisse ucciso da alcune api, tutto 
lo sciame dovesse venir messo a morte. I 
pili antichi processi di bestie a noi noti fu 
roiio dapprima ordinati e diretti da laici, 
in seguito dagli stessi ecclesiastici. 

l'n cariittprislioa pnixpHW fu quello obo ouminoii) 
il .'> s^tti-nilirp 1.170 oontro tre trote olie avevano iic- 
l'iso un liniiittìno. figlio d'un posturp burKORDonc. Tutte 
le licntif di (|ue1ls iiiandriu vennero arre!ìt.ttf rome- 
<-onii>1i('i. f, se ooridannitti', naTebUcTri atiiU' tnttc li>);.ito 

lutti fc'i nitri l'niniiiini'iiti 'Min innndria nieritiirono 

nii.lto Kolli'citi a <|ni-l tMiipo: noltant» il 12 ufitnin- 
lirc- IS'Ì\ il Un<>u di I)<>r)to|Cna eniiinò 11 sna vprdptto, 
Hend'nKÌando che Millanto le tre ree e un poreellino 
(elle avpvii fatto lU malef) dovensuro venir giuatÌMati. 
tutte le altre lii'stio l'oimero rim«i;Be in libertit. Mn 
•-r^uo davverii vive ancora le tre colpevoli del l'iufao- 
litiUio! I:l..cito duliitHtiie. 

Si sono trovate memorie di 144 processi, 
penali o civili, contro bestie per imputa- 
zioni di vario genere. Naturalmente essi 
implicavano un tacito riconoscimento 
dell' In tei ligeiuu degli animali, dei 
loro doveri e dei loro <)ìrittL. 

lu epoca più recente, quando più inlleriva 
la crudele mania <lelle stregbe, non pochi 
tiuimtiU bene ammaestrati vennero messi a 
morte percUè sospettati in ])t'eda a ossessione 
diabolica. Cosi avvenne al cavallo di Bankes, 
« Marocco », delle cui abiti mosse ci parla 
Shakespeare. 

Sull'all>eg;;iare <Iella letteratura moderna 
tornarono iu onore le favole, e in questo 
rappresenta vano una parte princijuilissinia, 
sebbetie artiJiciosa, le bestie, cui, comv nelle 
favole di Esopo e orientali, venivano attri- 



buite qualità umane. Alla fine quelle fiabe 
divennero semplicemente un mezzo per com- 
battere gli abusi politici ed ecclesiastici, lua 
la loro grande popolarità era dovuta non 
meno al significato superficiale che al senno 
recondito. 

Noti molti ri™nl;nio elie In concezione indiani) n 
Iwiddiat» degli auiniall doveva essere abiiastanfa not.i 
in fiiropa non piti tardi del deeinioiiuurto hdcoIo. 1a 
storia ilei convento * dove molti strani n.nimali di 
diveme specie vivono sopra un colle », aturiu aeiittii 
nel i3:W ila Kra Ortorico da Pordenone, ò una desrri- 
7Jone accorata e graslosa di un rifugio IniddiBt» di 
aniiuuli; e uella verajoiie datane nei « ViaKKi » di 
Mandevillo ees.i dovetto essere nota a diinnque sii- 
|>eiuiH leggeri', perohe nessun libto ebbe mai tautu dif- 
fusione quanta i ° Viaggi » del MiiDdi'ville. 

Dai RinasuinenCo in poi. 

Col Rinascimento italiano cominciò il 
pieno ap]>rezzaniento estetico moderno 
degli auiiuali, della loro bellezza e per- 
fezione. Ma il Uinascimento stimolò non 
solo il sentimento estetico in tutte le sue 
fasi, bensì anche quell'attività spirituale ch'è 
coefficiente di ogni progresso umano. 

Anche agli animali rivolsero la loro at- 
tenzione quei profondi pensatori che furono 
detti gli scettici del Rinascimento, 
(iiordano Bruno, per esempio, scriveva; <■ Vi 
è differenza non di qualità, bensì di quan- 
tità, fra l'anima umana, l' animale e hi 
pianta ». E ancora: «Fra i cavalli, gii ele- 
fanti e i cani vi sono singoli individui che 
mostrano di avere quasi l'intelligenza del- 

11 profetico intuito di Gionlano Bruno 
che gli fece dire l'istinto essere una 
abitudine ereditaria avrebbe potuto pre- 
venire il Descartes dal dare al suo nome 
una non invidiitbìlc immortalità con la teo- 
ria che gli animali sono automi, teoria 
che il Descartes trasse dalla Spagna. 

Clianet, seguace di Descartes, disse es- 
sere disposto a credere che le bestie peii- 
siuo se ciò gli venisse detto dn una dì esse. 
Eppure con quali urti di dolore, con quali 
sguardi di amore gli animali rivelano al 
l'uomo il loro pensiero! J^uomo stesso nei 
momenti di profonda enioziojie non pensa 
a parole, bensì grida o agisce^ Il pensiero 
nella sua forma piil elementare è 
azione. 

Tutta la corrente delie speculazioni tilo- 
sotiche degne di questo nome porta veisn 



,y Google 



l.W 



MINERVA 



l'unità, iiii-iitre lii teoria eartesiana mira a 
separare arbitraria in eiit« perfino la natura 
fisica e Beiisitìva dell'uomo da quella degli 
altri animali. Contro di essa si ribellò la 
ment« di Voltaire, il quale dichiarò esaere 
assurdo il pensare che Dio abbia dato agli 
animali gli organi dei sensi affinchè essi 
non sentano. 

Il pili forte argomento per scartare l'idea 
fhe gli animali siano automi è la varietù delle 
loro idi osi n erasi e. Xon vi sono due animali 
di qualsiasi specie che abbiano gli stesai 
caratteri: alcuni sono egoisti, altri disinte- 
ressati; alcuni mansueti, altri male inten- 
zionati l'uno contro l'altro e virso l'uomo: 
alcuni poco o nulla si addolorano della per- 
dita dei loro figliuoli, altri se ne mostrano 
alT1Ìttì88Ìmi. 

La Uoria dell'evoluzione. 

La teoria dell'evoluzione, intuita dal 
Lamarek e bandita dal Darwin, sconvolge 
tutta la concezione filosofica del posto de- 
gli animali nell'universo. Darwin sostenne 
cbe i sensi, le intuizioni, i sentimenti e le 
facoltìl di cui si vanta l'uomo, quali la me- 
moria, l'attenzione, la curiositA, la tendenza 
all'imitazione, la ragione, possono trovarsi 
in grado pili o meno evoluto negli animali 
inferiori. 

^ficbetet chiamò la vita degli animiili 
« un oscuro mistero », e disse ch'egli rab- 
brividiva al quotidiano massacro che noi 
ne facciamo: sperava, però, che in un altro 
mondo « simili basse e crudeli fatalità pos- 
sano venirci risparmiate ». Lord Chesterfieid 
scrisse essere « legge di natura che gli ani- 
mali ai uccidano l'un l'altro, legge che noi no- 
mini né facemmo né possiamo abolire ». 

Ma l'appello alta natura non soddisfa 
chiunque; la nostra coscienza umana pro- 
testa contro la natura, la cui legge, come 
disse Paley, non è buona, perchè noi po- 
tremmo vivere benissimo benza carne, men- 
tre non lo potrebbero le bestie feroci. 

Leibnit/. disse che « la Giustizia eterua 
dovrebbe concedere un compenso alle bestie 
per le sventure loro toccate in terra ». È 
curioso vedere cbe nei secoli deoimosettimo 
e deoimottavo siano stati pubblicati in Ger- 
mania e in Svezia sette od otto opuscoli 
latini in sostegno dì questa tesi. 

E i sostenitori di essa possono vantarsi 
di aver jiosto la questione dell'immor- 



talità dell'anima su base scientifica, poi- 
ché è piti ragionevole supporre che l'anima 
sìa naturale anziché « soprannaturale *, pa- 
rola inventata a mascherare la nostra igno- 
ranza: e se essa è naturale, perchè non 
sarebbe universalef 

L'ALMANACCO DI GOTHA <i' 



È piìl cbe un almanacco; é un'istituzione. 

Elegantemente rilegato in rosso e in oro, 
esso costituisce un oracolo indispensabile pei 
diplomatici ed è tormentato di continuo ne- 
gli uffici di redazione dei giornali d'ogni 
paese. 

La sua storia ò generalmente ignorata, 
ma non priva d'int«resse. 

Il primo volume risale al 176,S; ma solo 
nell'anno seguente la pubblicazione assunse 
il titolo classico «Almanach de Gotha ». 
completato con l'indicazione « contenant 
diverses eonnoissances curieuses etutiles». 
Si convenne dì redigerlo nella lingua della 
diplomazia, anche perchè una visita dì Vol- 
taire a <ìotha aveva reso la Francia e il 
francese popolari presso quella corte. In 
realtà, esso é compilato, in una lingua che 
t'ipercriticu Larousse trova essere una di- 
ligente imitazione del francese. Se ne pub- 
blica anche un'edizione parallela in tedesco. 

Il secolo diciottesimo fu l'età dell'oro degli 
almanacchi e ne vide di ogni genere, desti- 
nati a ogni ceto di persone ed anche... 
agli animali. La stessa citt^adina dì Gotha 
aveva da tempo il proprio almanacco, del 
quale sopravvive soltanto l'annata 1740 a 
soddisfare la nostra curiositi^ sul contenuto 
di quelle pubblic 



Argomenti trattati. 

Oli almanacchi formavano il pascolo let- 
terario pili alia portata dei nostri nonni. 
Essi contenevano un pot-pourri dei soggetti 
più disparati e stravaganti. Cosi, nel primo 
nnmero di quello di Gotha troviamo le In- 
nazioni, le previsioni del tempo, una minu- 
ziosa tabella di monete estere, nonché dei 
diritti di conio, aicnue tavole di moltipli- 
cazione d'interessi, e persino dei fogli bian- 
chi, nei quali ì giocatori avrebbero potuto 
annotare le vincite e le perdite; ma il tratto 
piìl caratteristico era la « Lista genealogica 



yGoogle 



MINERVA 



<]egli alti personaggi vìventi d'Europa », che 
rispecchia in modo interesBante il regime 
feudale della Germania, dal quale era stato 
tanto colpito Voltaire. 

Xon meno stravaganti sono i soggetti trat- 
tati ueì nameri saece:^sivi: l'anrcra boreale, 
i mostri antidiluviani, In polizia nell'harem, 
l'iiiQuensia della musica angli animali, le 
battaglie dei galli, e un insieme dì notizie 
t-oni mereiai i, dime ì prezzi delle carni af- 
fumicate, degli uccelli esotici, delle carte 
<1a giuoco, delle terraglie, dei dolciumi, ecc., 
tanto da far pensare a un catalogo di chin- 
cafflieiic e di commeetihili. 

Le illustrazioni furono per tempo inserite 
nell'almanacco, ma i ritratti degli alti per- 
sonaggi vi fecero tardi la loro a,pparizione, 
per divenire poi i soli padroni del campo. 

Il nnmero delle pagine, che dapprima non 
riifrgiungeva, il centinaio, è rapidamente an- 
nientato, e l'edizione del liH).'> ne conta oltre 
1200, Al tempo stesso i volumi crebbero in 
formato e in solennitit. La parte genealo- 
gica acquistò sempre maggiore sviluppo, e 
si venne costituendo e ampliando sempre 
l)iù l'importantissima sezione diplomatica 
e statistica, che, nata plebeiamente confusa 
tra i più bizzarri articoli, occupa ora i due 
terzi del volume. 

Tendenze politiche. 

La redazione dell'almanacco si è mostrata 
sempre altra-conservatrice e ultrarealista, 
Kiepetto alla Rivoluzione francese sì com- 
portò come i governi d'Europa verso il re 
di Serbia: non la riconobbe. 

Ma con eguale disinvoltura non potè trat- 
tare Napoleone, la cui mano di ferro si fece 
sentire persino entro la pacifica sede del 
redattore e impose un doppio sopruso: co 
minciare col nome di lui la lista delle case 
regnanti, invece che secondo l'ordine alfa- 
betico, e abolire le genealogie, che gli davano 
fastidio, essendo egli l'unico antenato della 
famiglia. 

Nemico per istinto della forma repubbli- 
cana, l'almanacco s'indusse molto tardi ad 
accogliere nelle sue nobili pagine la repub- 
blica degli Stati Uniti. Ma si deve ricono- 
scere che in seguito non ha più dato l'ostra- 
cismo a nessun governo. 

Quale esso è attualmente, l'almanacco di 
(ìotha conserva molt« anomalie e molte stra- 
nezze. 



Le due sezioni. 



È distìnto in due grandi sezioni, le quali 
non hanno alcun rapporto tra di loro. La 
prima, eBclusivameute genealogica, rivela 
un tenace spirito di casta, che si h trasmc.'iso 
in Germania quasi immutato fino «ì nostri 
giorni. Questa sezione è suddivisa in tre 
parti. Nella prima si trovano i più curiosi 
ravvicinamenti di tutte le famiglie regnanti 
d'Europa, comprese quelle che dovettero ri- 
nunziare al trono nel 1815. 

La seconda parte è consacrata a un 
gruppo di famiglie tedesche che perdettero 
la sovranità, ma non i beni, in seguito sii 
trattato di Presburgo e alle quali certe diete 
imperiali attribuirono eguaglianza di nascita 
con le case regnanti. Il più umile rampollo 
di questo grosso «stock» principesco sa- 
rebbe tacciato di mésalUance sposando una 
nobile di rango inferiore. O'è da rimanere 
proprio stupiti ad apprendere con qmile 
frequenza le ragazze più nobili e ricche iti 
Europa e d'America si abbassino a con- 
trarre delle unioni « morganatiche » fon 
principotti tedeschi così insignificanti. 

L'ultima parte della prima sezione è ri- 
servata all'aristocrazia di sangue non reale. 
Per esservi iscritti è necessario esperire 
certe pratiche ed esibire certi diplomi dei 
quali restii giudice solenne, imparziale e 
incorruttibile il redattore dell'ai mana<*co. 

La seconda sezione, destinata alla stati- 
stica e alla diplomazia, è compilata con 
una meticolosità cosi scrupolosa, da potersi 
considerare come un capolavoro del genere. 
Ogni notizia è il frutto di un arduo lavoro 
di cernita ed (■ sottoposta a molteplici e 
svariati controlli diretti e indiretti. 

In un archivio speciale dell'ufficio di re- 
dazione sono ordinate,' con estrema cura, 
tutte le informazioni riguardanti i paesi, le 
famiglie e le persone. 

Tale è l'almanacco di Gotha: uno strano 
miscuglio di vecchio e di nuovo, di feuda- 
lismo e di modernità. 

a LAVORO INTELLETTDALG G L'ALCOOL <" 

Il dottor C. b\ vau Vleuten ha eseguito 
ultimamente una interessante inchiesta cii ca 
le reciproche relazioni fra il lavoro intel- 
lettuale e il consumo di bevande atcoolichc. 



I) D& nu wticulo di K. B. £ 



« Kativn. IS dlwiiil 



,y Google 



1tìl> 



MINERVA 



A tal uopo egli ha presentato mi qnestio- 
Tiiirio a centocinquanta scrittori e poeti te- 
iltscLì: e di questi ben ceiitoquindiei hanno 
risposto. I risultati «Iella innliiesta sono stati 
resi di pubblica ragione nel Literarùcheii 
t'eho. Il dottor van Vleuten ha già fatto 
«Ielle notevoli ricerche di psicopatologia 
nella storia letteraria (intorno a Poe, a Hol- 
derlin e ad iiltri scrittori), e con una serie 
di esperimenti ha già dimostrato come il 
consumo di bevande alcooliche abbia un'in- 
tiuenzit inibitrice sullo sforzo muscolare e 
sulle iiirt semplici operazioni concernenti il 
meccanismo del pensiero; ora, quasi a co- 
ronamento di questi studi, lja voluto racco- 
frliere le testimonianze piìi autorevoli circa 
rinttuenza dell'alcool sul più alto e raffinato 
genere di attività intellettuale, sul lavoro, 
cioè, della fantasia creatrice. 

Una sei'olare tradizione faceva apparire 
liuora, a])ecialnLcnte in (ìerinaiiia, l'alcool 
come uno stimolatore delia facoltà creatrice 
dei letterati e dei poeti. L'inchiesta <:om- 
piuta dal dottor van Vleuten sfata «lucsta 
leggenda. Dei ceiito(|uindici interpellati che 
liiinno risposto alle domande loro rivolte, 
quattro sono completamente astemii, venti- 
tre non consumano bevande alcooliche se 
non iu speciali occasioni festive, gli altri, 
nel consumo quotidiano di siffatte bevande, 
osservano la massima moderazione. 



l'iTchì.' irli scrittori non <lev( 



I btre. 



Alta prima domanda contenuta nel que- 
stionario del dottor van Vleuten, se cioè 
essi ricorrano abitualmente alle bevande 
alcooliche prima di mettersi al lavoro o du- 
rante il medesimo, cento e otto hanno ri- 
sposto negativamente. Alcuni ammettouo 
bensì che. mentre si beve della birra o del 
vino, i)ussH da un momento all'altro bale- 
nare daviintì alla mente un pensiero, un'idea; 
nia la grande maggioranza dichiara che per 
dar forma all'idea, per elaborare il ]>eiisiero, 
e necessaria la sobrietà, e che pertanto 
al lavoro di tavolino non deve cercarsi 
uno stimolante nell'alcool. 

A questo proposito, conviene avvertire 
uim circostanza della quale abitualmente 
non si tiene il <Iebito conto. 1,'alcool, in 
quantità non grande, agisce non tanto sulla 
[lotcnzialità intellettuale quanto sui nervi 
motori, e sopratutto su quelli delle dita, 



organo delicatissimo che reagisce a ogni 
processo psicologico: a chi consuma be- 
vande alcooliche le dita diventano 
pesanti (ben lo sanno i umsicisti), e poicLi- 
è nota PiiiHuenza che sul lavorio mentale 
esercita la maggiore o minore facilità <]ì 
tradurre nello scritto il prodotto di tale la- 
vorio, ben si couiprcnde perchè la maggior 
parte degli scrittori si astenga dalle accen- 
nate bevande. 

Vi è poi un'altra determinante di que.st» 
astinenza: il timore di diminuire U 
propria indipendenza e origìutilità. 
L'esperienza dimostra che il consumo di be 
vande alcooliche fa diminuire nell'indi vi dnu 
la facoltà di resistenza agl'influssi esteriori 
nel cmnpo del pensiero. Lo scrittore e il 
]ioeta che, per affermare la ]iropria indivi- 
dualità, devono conservare la mussima ori 
ginalità e indipendenza di pensiero, rajfiu 
nevoluiente si guardano da un'abitudine rlit- 
a quelle due qualità potrebbe recare piT- 
giudizio. 

Infine, facendo un confronto fra il passato 
e il presente, vediamo che nella vita jùii 
tranquilla dei secoli scorai restava agli scrit- 
tori e ai poeti il tempo di vuotare qualclif 
buona bottiglia e di aspettare che i « fumi - 
si dileguassero; nella febbrile vita moderna, 
invece, in cui tutti, in <(ual8iasi campo ili 
attività, <levono lavorare intensamente e 
presto, questo tempo manca. 

QUESTI ONI PE L QIORNO 

La óonferenza del Duca de^ti Abrwzxi e quella 
di Ferdinando Martini. — I guai dei ptìa:- 
zoni maittodontici : il PolicUnioo romano, — 
Le ferrovie per i ferrovieri e le biblioteeke... 
per i biOliotecari. 

La conferenza dei Duca degli Abruzzi ha 
avuto a Londra quel successo che era facile 
prevedere: successo grande per Ini e per 
l'Italia, nato sopratntto dall'ammirazioni' 
per le cose da lui compiute; successo di fatti. 
insomma, non solamente di parole. 

Le conferenze, a dir vero, non hanno ra- 
gione di essere se il conferenziere, o |>it 
fatti da lui compiuti o per sue indagini e 
meditazioni, non ha qualcosa di nuovo <la 
dire. In altre parole, una conferenza, se non 
vuol essere un trattenimento accademico 
qualsiasi, deve rappresentare una pagina di 



,y Google 



MI NEH VA 



101 



vita vissuta o nel mondo materiale delle 
cose e dei fatti o Del iiiosdo spìritoale del- 
l'idea e del pensiero. 

A tale fiat«goria, a queste pagine di vita 
vissuta appartiene indubbiamente la confe- 
renza del I>ac8 depli Abruzzi, 1» quale re- 
sterà nella memoria degli aomini e nella 
storia della geografia, lungo tempo dopo che 
saranno dispersi gli ecbi degli applausi. 

A siffatta categoria appartiene eziandio la 
conferenza che Ferdinando Afertinì ha te- 
nuto a Milano e a Torino. Anche questa ha 
valore, non solo per la forma signorilmente 
elegante, ma sopratutto perchè è documento 
di esperienza personale. It Martini, il dimis- 
sionario governatore della Colonia Eritrea, 
i:i narra cbe egli fn dapprima avverso alla 
nostra occupazione della Eritrea; ma ora, 
dopo alcuni itnni di soggiorno e di espe- 
rienza di governatore, egli vede le cose sotto 
nn pnnto dì vista completamente diverso: 
egli ritiene che la Colonia potrà non solo 
bastare a sé stessa, ma sarà fonte di ric- 
chezza per i coloni e per la madre patria. 

Mi sembra, però, che egli avrebbe potato 
essere nn po' piiì preciso: quanti chilometri 
quadrati, a un dipresso, sono suscettibili di 
coltivazionef e di quali coltivazionit quanta 
popolazione italiana, il un dipresso, vi può 
trovar posto e eostentamento! quali lavori 
8ono da farsi, non dico per ottenere questi 
risultati, ma almeno per avviarci u otte- 
nerli! Il Martini, capisco, è sopratntto un 
letterato e un elegante scrittore ; ma egli è 
pure stato governatore dell'Eritrea per pa- 
recchi anni, e non gli doveva tornar troppo 
difficile mettere insieme i dati suddetti; 
senza dei qoali la sua conferenza lascia una 
impressione, confortante, ma vaga, intorno 
a una probabile futura atilità della nostra 
colonia, e il lettore, o uditore, non sa bene 
per quali vie, in quali modi, si potrà comin- 
ciare ad avviare colà l'emigrazione che deve 
redimerla e farla prosperare. 

A proposito del Canada, egli ha citiito il 
Voltaire. La citazione è, oso dire, alquanto 
arretrata. Perchè non ha citato la memora- 
bile discussione del 1841 alla Camera dei Co- 
mnni, nella quale, se non fosse stato per la 
grande e personale autorità di Lord Dur- 
barn, l'Inghilterra avrebbe rinunziato a quel- 
la che ora ò forse la sua miglior colonia e 
la più promettente di un avvenire gran- 
dioso! 



Anche una lacuna ho notato, non ho po- 
tuto fare a meno di notare, nella bella, ge- 
niale, elegante conferenza del Martini. Egli 
sorvola del tutto sugli eventi del 1906: della 
nostra per senipre deploranda ritirata dopo 
Abba Carima non un accenno, non una pa- 
rola. Quel fatto ebbe, ed ha, troppo dolorosa 
importanza nella storia della nostra colonia 
perchè si possa lanciarlo in disparte. E le 
sue conseguenze durano evidenti e sensibili 
in tutta la nostra politica nazionale, editerà 
e interna. 

All'estero, nessuna novità di importanza. 
In Germania ferve vivissima la lotta elet- 
torale; in Francia la vita pubblica seguita 
ad essere assorbita quasi per intero dalla 
lotta fra Chiesa e Stato; la Russia si pre- 
para, io un'^itazione spasmodica e truce, 
per le elezioni della nuova Duma, ma so- 
pratutto per i suoi nuovi, ancora incerti e 
quasi misteriosi destini. 

Da noi, calma assoluta, tranne le agita- 
zioni, oramni periodiche, di questa o quella 
classe di impiegati. Approfittiamo di questa 
relativa mancanza di fatti nuovi i>er accen- 
nare ad alcuni episodi, forse poco impor- 
tanti in sé, ma importantissimi come sin- 
tomi e documenti dei nostri sistemi am- 
ministrativi. 

Già altre volte ebbi occasione di porre 
sotto gli occhi del lettore i guai e gli svan- 
taggi derivanti dal cercare sopratutto il 
grandioso e il colossale, anziché l'adatto, 
l'opportuno e l'utile, nei nostri pubblici edi- 
fici. Esempio insigne il Policlinico romano, 
che io mi permisi di criticare, mettendo una 
nota stridente nel coro quasi unanime di 
lodi ammirative. Agli ammiratori del genere 
mastodontico, anche se in guerra ai>erta col 
buon senso, dedico queste poche righe che 
« un assiduo » scrive alla Vita: 

Lo autoclavi e le Mtcriliiaatrici destinate alla prc- 
liaraiione dolili meilleatnre asettiolie e<l ali» dÌBinfi'- 
zione degli Btrumenti sliimrgioi spesso non agiaoonn. 
h) ohe bÌHOf^iiB rioorrore all'antioo sist«ina della bol- 
litura per mezzo dol gas; a dimottrare poi come fun- 
zioni il rleoaldaiuento generalo basti dire ohe iu nl- 
onni ambienti il temiometru segna 18, 20 ed »uu}i>> 
più gradì, mentre in altri non arriva ai 12, vn^-- 
nondo cosi gli infermieri e il porsonale sanitario i> 
enbaltemo a rouraatismi e plsuriti delle cjuali rum 
miuioano purtroppo le vittime. 

E si pensi ohe il Governo spende piir ti riBcftlda- 
mento e per il vapore delle «ole olinich^ L. aOOJlOQ 



Itìll 



MINERVA 



al)'aiin<i e ob» il priiuo fauiionu solu nei gioroi di 
novembre, dicembre, gennaio e febbraio; detraendo 
Ift ftpeen per il rìaoaldAmento dell'acqua durante il 
periodo estivo cbe si pub oaloolare in L. 50,000, si 
dovrebbe avere all'Inoiroa ud oonaumo di 3000 ton- 
nellate di carbone (a L. 50 la tonnellata), e conside- 
rando la media ili 3F>0 malati al giorao nelle varie 
eliniobe si avrebbe la spesa approsaimativa di L. 3 60 
per malato al giorno!! 

A. dir vero, i calcoli dell' « assiduo» sem- 
brano, e probabilmente sono, alquanto esa- 
gerati; ma, dopo tntte le tare e le deila- 
lioni possibili, resta sempre il fatto cLe nel 
Policlinico romano un ammalato costai, per 
il solo ri scalda mento, assai piti clie non co 
8ti in altri ospedali per vitto e (iure e me- 
dicine. E siamo a Homa, dove l'inverno è 
mite e il elima temperatissimo! Ma Panta- 
lone paga! 

G che cosa non pagherà qnesto povero 
Pantalone quando sarà aperto quel famoso 
Palazzo di Giustizia, che oramai si pnò dire 
ultimato, ma che si ha quasi paura di inau- 
gurare; quel Palazzone, che, calcolato del 
costo di sette milioni, ne ha già costato piti 
di trentaeinque, e ne costerà certamente piti 
di quaranta! 

Pur troppo, su questo argomento avremo 
agio di ritornare. 



Per ora, accennerò a un altro in 
niente, non grande, a dir vero, ma noioso e 
irritante. Avevamo già le ferrovie per i fer- 
rovieri (i quali, mentre gli stabilimenti si 
chiudono per mancanza di materia prima o 
di carbone, seguitano a inneggiare al loro 
magnifìeo esercizio); ora abbiamo anche le 
biblioteche... per i bibliotecari. Vedete, per 
esempio quello che avviene alla grande Bi- 
blioteca frazionale di Koma: il Prefetto k 
persona di gentilezza pari all'ingegno e alla 
dottrina; la massima parte dei bibliotecari 
e vicc-bibliotecari sono anch'essi persone 
garbate, dotte, die cercano in tutti i modi 
di agevolare le ricerche e risparmiare il tempo 
degli studiosi. 

Ma anche in questo carro c'è la ruota che 
stride; c'è un bibliotecario, proverbiale ora- 
mai fra gli studiosi, il quale evidentemente 
cascherebbe dallo nuvole se qualcuno osasse 
osservargli che egli è 11 per il servizio della 
biblioteca e non la biblioteca per servizio 
e comodo suo; tanto è vero che, a sfogo di 
inani velleità letterarie, egli non si fa scru- 



polo di sequestrare quanti volumi gli fa vo- 
modo per suo uso e consumo, non esclusi 
quelli cbe si trovano nelle sale riservate e 
che non possono essere asportati; e a chi 
gli fa osservare che quei volumi sono insi- 
stentemente cercati da qualche stadioso il 
quale sarebbe lieto di poterli avere fra mano 
anche per pochi minuti per fare qualche ri- 
scontro, fa rispondere, lai, queste nuovo 
tipo di Governatore librario (che sia pio- 
vuto qui dalla santa liuasial) fa risponder*- 
cbe il libro serve a lui, e basta! 

Non certamente di buona voglia occondi- 
scendianio a mettere in rilievo inconve- 
nienti di questo genere; ma, dopo tutto, pen- 
siamo che, se la cosa può spiacere a qual- 
cuno, ne saranno coutenti molti studiosi i 
quali sperano che ci si ponga rimedio. 

BlP. 



SPIGO L ATU R E 

— La tilalara n la (easitDra fanno nel Oiappon» 
oontinul e grandi progrt^si. Nel 1S05 ai contavano 
negli stabilimenti per la filatura, il cui personale 
compleMivo era di circa 13,000 nomini e 60,000 donne, 
nn totale di nn milione e mexco di fusi ; il numero to- 
tale dei telai, da liOOO nel 1904, gali nel 1905 a 75O0. 

— Sulla base di lunghe ricerche il dottor Dellingfr. 
dì Magonna, afferma cbe II fluoro è un meErxi e<oovl- 
leiite contro le malattie dei denti. Somministrato, in 
picoolissìma quantità, misto ai cibi, sembra ohe de- 
termini in breve tempo nn grande miglioraiaonto 
nella Bostanza dei denti. 

— Per iniziativa del re Alfonso XIII, sarà prf>ftsi- 
mamente istitnito nella Scuola d'arti e mestieri di 
Madrid un corso di automubìliamo, destinato alla fur- 
mazione di abili e istruiti cAou/tur». 

— Dalla Germania emigrano attualmente oir<.-s 
25,000 persone all'anno. Il massimo drlt'emigrazione 
si ebbe nel IHgl, con 221,000 persone. 

— Dal 1S96 al 1905 11 numero degli individui rin- 
ohiusi nelle prigioni francesi è diminuito del 50 p^r 
cento oircB, da 43,44S a 23,333. Questo fenomeno, 
però, non è dovuto a nna dimìnuEÌDne della delin- 
quenza, bensì a un aumento di;l numero dei delitti 
impuniti, ohe nell'iudìoat» periodo di tempo salirono 
da 87.000 a 103,000, 

FRA LIPRI UECCHI E MUOUl 

(■AFiTAN" ti. B. (Jkriìutii Nel paese de) veleai: 
Fra 1 Sakil. — VerL.n!i. IflOli, 1 volume di 
[ni-j;. 2fiO, Hin molte bellissime fotoincisioni. 
L'autore ha passato quindici anni fra i 
Sakai, che vivono nell'interno della penisola 
di Malacca e cbe fino ad oggi erano quasi sco- 
nosciuti. W a notarsi, però, che essi dovreb- 
bero chiamarsi col nome che si danno essi 
stessi e cbe è quello di Bfoi,I>ar»t, .H bat- 



oot^lc 



•cby 



MINERVA 



tesimo di Sakaì è dato loro dai Malesi, ed è 
parola spregiativa, che casi rifiutano e che 
vorrebbe significare popolo «chiavo. 

Il Cerruti non è an antropologo e neppnr 
nn nomo di scienza e non ha la pretesa di 
essere uno scrittore; ma noi vorremmo ave- 
re molti di questi libri, nei quali un buon 
osservatore ci descrive un popolo nuovo, che 
egli conosce a fondo e di cui ci porge l'in- 
tima e la fedele psicologia. 

Questi Sakaì per la forma infantile della 
loro civiltà, per la vita selvaggia e nomade, 
per l'organismo semplicissimo della loro so- 
cietà meritano di stare sugli ultimi gradini 
della scala umana ; ma per la loro onesti^, per 
gli affetti famigliari sono invece di non poco 
saperìori a molti popoli, che si credono ci- 
vili; e la pittura lusinghiera, quasi affasci- 
nante, che ne porge l'autore, fa nascere in 
noi il desiderio di andare a vivere fra di 
loro. 

Dalla descrizione di questi uomini e dalle 
molte e bellissime fotografie, che ce li rap- 
presentano, possiamo fat-ilmente concludere 
che sono dei veri malesoidi. Sono di un color 
marrone più o meno oscuro, di piccola sta- 
tura, magri, con capelli nerissimi e cresputi, 
agilissimi e resistenti alle più dure fatiche, 
dovendo vivere sui monti e nelle foreste, 
dove cercano il loro cibo colla caccia, colla 
pesca e nei frutti indigeni. La loro agricol- 
tura è bambina, seminando maiz e ignarai. 
Masticano tabacco e usano il betel, avendo 
molto probabilmente imparato a* usarne dai 
Malesi, loro vicini e nemici. Nella scelta 
dei loro cibi non sono certamente delicati, 
mangiando serpi, scimmie, coleotteri, e tro- 
vando delicatissimi i frutti fetidi del durian. 
Vanno nudi, coprendo solo i genitali con 
striaeie vegetali o foglie. Si dipingono la 
faccia con diversi colori e stranissimi di- 
segni. Le donne portano pettini e spilloni, 
più ìimnleti che ornamenti. Gli uomini, scarsi 
di peli nel volto, si strappano anche quei 
pochi. Invecchiano prestissimo e a scssan- 
t'annì sono già decrepiti. Odiano l'acqua e 
naturalmente sono molto sudii^i e popolati 
di parassiti. Non sanno nuotare e non pos- 
seggono piroghe, benché il loro paese sia 
ricco di fiumi. 

Le fanciulle si maritano fra i 13 e i 15 anni ; 
le donne sono fedelissime ai loro mariti e 
madri esemplari. Marito e moglie, se non si 
accordano nel carattere, si separano di co- 



compaguo più 



muue accordo e cere, 
simpatico. 

Quando non vanno a caccia o a visitare 
amici parenti lontani, stanno sdraiati nella 
loro capanna, fumando, masticando betel o 
preparando veleni e frecci© avvelenate. Que- 
st'ultima preparazione è l'uso più cai-atte- 
ristico che li distingue. La cerbottana, ch'essi 
chiamano blau, è il sumpilan dei Malesi dì 
Borneo ed è maneggiata da essi con tate 
abilità da farne un'arme di precisione. Il 
veleno, con cui rendono micidiali le loro 
piccole freccie di legno, è fatto col succo 
dell'uba» e di motte altre piante, di cui il 
Cerruti non sa darci il nome botanico, ma 
vi aggiungono anche il veleno dei serpenti. 
Oltre il blau non adoperano che ascie dì 
ferro, che acquistano dai Malesi. 

Il carattere più saliente di questi uomini 
primitivi è la passione, dir6 meglio, la mantu 
dell'indipendenza. 

« Generi e nuore, suoceri e suocere si vo- 
gliono bene, si rispettano e possono anche 
etare insieme, ma nessuno può imporre il 
proprio volere ». Non hanno capi, né servi. 
Il capo della famiglia è l'anziano; non la- 
vorano mai per il domani. Si fabbricano 
case provvisorie di tronchi d'albero e di 
fronde, che possono abbandonare, quando 
emigrano in cerca di caccia più abbondante 
quando la morte di uno di casa rendo ne- 
fasto il luogo in cai abitano. Spesso abitano 
sugli alberi, intrecciando la capanna fra ì 
rami, poco più in su degli urang. Non sì 
possono chiamare villaggi le loro capanne, 
tanto son poste lontane l'una dall'altra, 

I Sakai ignorano il bacio ed esprimono 
l'auiore con qualche ruvida carezza e grat 
taudosì il naso a vicenda o il collo o il mento. 
Adottano piccoli animali e ripugnano dal 
mangiare animali allevati da essi, giungendo 
fino ad allattare piccoli cinghiali. Uomini e 
donne passano attraverso al naso una piccola 
bacchetta di bambù. Perforano anche l'orec- 
chio per mettervi poi pendenti di bambù or- 
nati dì fiori, di foglie ed anche di sigaretta. 
Si procurano il fuoco per sfregamento di 
legno e legno. 

La lingua dei Sakai è povera di ])arole e 
non ha preso nulla dai Malesi. Il Cerniti 
ce ne dà un piccolo dizionario. Improvvisano 
canti, suonano istramenti molto semplici, 
come Hauti, nei quali soffiano col naso, o 
rozze chitarre. Non contano che. fino alitrc: 



UH 



M I N E K V A 



per (lire sei i-ipetono due volte la parola tre, 
t'Iie per essi è mr, e per dir nove dicono Uè 
volte tre, »t»-, nir, nir. 11 4 è già molto oom- 
plicato per il loro pensiero infantile e lo 
('}iiatnaDO mr nani (tre uno). Più in ìii la 
loro mente 8i confonde e si annontentano 
di dire giò, molti. 

Adorano il ballo, (;}ie acconipagoano col 
canto e i loro poveri stranienti musicali. 11 
loro carattere è adorabilmente onesto. Udite 
che cosa ne dice il loro amico e ammira- 
tore: 

« L'onestà del Sakai ha un modo preciso 
per affermarsi od è nel rispetto ch'egli ha 
per gli impegni spontaneamente assunti. 
Diffidente nel trattare, violento e sopraffat- 
tore in apparenza, per la vivacità con cui 
parla e gesticola, quando abbia stabilito un 
ai'cordo, si mantiene di una fedeltà a tutta 
prova. Piil volte con intenzione ho lasciato 
fuori delle capanne oggetti incustoditi, tali da 
eccitare nei Sakai il desiderio di venirne in 
possesso: ebbene, li ho sempre ritrovati in- 
tatti al loro posto. La mia abitazione è sem- 
pre aperta, anche quando io ne sono lontano, 
e non mi è mai mancata la più pìccola cosa », 

1 Sakai hanno un'idea molto vaga del- 
l'immortalità dell'anima, ma non credono 
che oltre la tomba vi sieno premi e castighi. 
Im spirito liberato dal corpo vaga per l'aria 
o entra transitoriamente nel corpo di certi 
imimali, per esempio della tigre. L'uomo, 
I>crò, non muore mai per legge naturale, ma 
per l'insidia d'uno spìrito maligno. Anche il 
vento, i temporali, le bufere sono opere de- 
gli spiriti malefloì; ed essi in quei casi si 
dipingono in modi strani e tirano freccie 
avvelenate contro il cielo. Le donne, tenen- 
dosi vicini i loro bambini, lanciano in aria 
carboni accesi, battono su grossi banibfl, fa- 
cendo un baccano indemoniato e gridando: 
Va, laaeia^ tranquilli, non t'abbiamo fatto 
nulla, non farci sempre del male.' 

Non posseggono idoli, ma molti aninleti, 
cioè pettini e forcelle da testa, su cui inci- 
dono piante, frutti, foglie o radici, che, se- 
condo loro, hanno il potere di scongiurare 
gli spiriti. L'aiti è il loro stregone incan- 
tatore, che è medico e sacerdote in una volta 
sola {come fra i Payagnà) e che è quasi 
sempre Aglio d'un altro ala. Quando viene 
a morire, non è sepolto come gli altri, ma 
lo si pone in piedi fra le radici di un albero, 
non molto lungi dalla capanna che abitava. 



e vi è lasciato per sette giorni, vegliato e 
regalato di cibi, di tabacco e di betel. L'ai*i 
ha il compito di brontolare parole miste 
riose, i.'b'egli stesso non intende, e le pronun- 
zia specialment* quando si prepara il ve- 
leno i>6r le freccie delle cerbottane; senzu 
quelle parole il veleno non avrebbe azione 
mortifera. 

Quanti ricorsi, quante analogie fra gli scon- 
giuri dell'agli e gli esorcismi in uso pr-'^so 
altri popoli, quando sì benedicono gli ani- 
mali o si implora l'acqua dal cielo, dopo 
aver aspettato, però, che la secca duri da 
moltissimo temx>o! 

Paolo Mantegazza. 



Notizie Bibliografiche 



Gsoiuiici Oarlkh: La Turqutt ramonùimc; Parigi. 
Chevalier o Uìvìère. — Studio molto diligente t-d 
egregiamelite dooament&to delle risoTee natnrali, ìd- 
dastriali e oommeroiali dell'Impero iittomnno. L'antore 
rileva la sitnazlune privilegiata ilelln Turohia ooDir 
tratto d'anione fra l'Europa e l'ABia, e dimostra oooie 
il fatto ohe le sue rlcjihezze baHtan» appena ad ft.''- 
gieorar la vita a' suoi abitanti aia dovuto al govemn. 
uemiiw sisteinatioo dj ogni jirrigresso (_La Jiertie). 

Adam Mickikwicz: La Tribune da Pntpla; Parigi, 
l!^»iiiinariou. — Ladislao Miokiewioz, il figlio d<-l 
grande poeta polaeoo, bn raooolto io questo intM«s- 
saote e iuportante volarne tutti gli artiooli pabbli- 
oati da aua padre uel giornale intemazionale da lui 
fondato e diretto dal 14 mano al 10 novembre 184K 
col titolo La Trilnmt det Peupla: e nella prefazioni- 
narra la storia pooo eonoeoiuta di quel periodico. K' 
un oontrlbiitu non traaourabile alla storia del iiic-- 
mnrabile anno {Rnmt dti Dmx Monàt»). 

O. La:<80n: Voltaire; Parigi. — Fra tutti i critici 
e gli Bt( rioi della letteratura francese, uesBUDO, negli 
Llltiiui dieoi anni, ba conquistato un'autorità compii- 
rabile a quella <li<l Lansaa. Si può dire ch'egli è oggi 
quello obe fu il BriiuetlÈrc vent'anni or sono, l'inven- 
tore di un metodo nuovo e di una nuova scieni». 
Per parlare degnamente di Voltaire ocoorreva un'eru- 
dizione e una maestria quali solo il Lanson possiede 
(Bevue de l'arti}. 

ET flP HIC^ET flP MOC 

1 LIBKl .^DOTTIVI. 

Vi furono circostanze in cui un autore 
dovette per necessità cedere ad altri la pa- 
ternità dì qualche sua opera, come avvenne. 
per esempio, a Nicola Plarpesfeld, il quale, 
per vicende politiche essendo prigioniero in 
Inghilterra, aveva scritto certi Dialotfki che, 
senza dnbbìo, gli avrebbero fatto fare la 
personale conoscenza del carnefice se avesse 
osato di pubblicarli. Anche a stamparli ano- 
nimi o sotto il velo di uno pseudonimo, la 
sua vita avrebbe eorso grave- pericolp.pfr- 



■aye- pericolp, r 



MINERVA 



105 



che troppo facilmente egli ne sarebbe stato 
sospettato autore. Bitenendo tuttavìa neces- 
saria la loro pubblicazione, e volendo farla 
senza compromettersi, l'Harpesfetd mandò 
ì SQoi Dialoghi all'amico Alano Cop che vi- 
veva in esilio a Parigi, pregandolo di farli 
stampare lui col sno nome, poiché infatti 
era persona tale che, assumendo la paternitil 
di quell'opera, nessuno poteva sospettare <;he 
fosse semplicemente adottiva. 

Il Gop pubblicò dunque come propri i 
J>ialoghÌ dalFHarpesfeld, facendoli stampare 
a Parigi dal celebre tipografo Platin; senon- 
elle, rimordendogli tale azione, sebbene egli 
pure la ritenesse giustificata dalla ueeeaeità, 
per far tacere completamente ogni scrupolo 
della sua coscienza, mise in fondo al sesto dia- 
logo le seguenti lettere maiuscole, in forma 
<li sigle: 

A. II. L. N. H. E. V. E. A, C. 
le quali più di cento anni dopo, grazie alla 
scoperta di qnalcbe documento relativo al 
fatto sopra narrato, vennero finalmente in- 
terpretate: Awitor huju» libri Nicoiaa» Mar- 
pes/eldìi»; edidit vero eum Alanu» Copuit, 

Era beo difficile che casi di questo genere 
venissero a rivelarsi, ed anche ia sostitu- 
zione di paternità ora citata, se non fosse 
stata la curiositÀ tenuta desta negli stu- 
4lioBÌ dalle sigle coscienziose inserite nel- 
l'opera dall'autore putativo, molto probabil- 
mente sarebbe rimasta sempre ignorata. Più 
facilmente Invece veniva, tosto o tardi, a 
conoscersi in altri casi. 

Polemiche acri e pudori letterari. 
Gli scritti polemici con cui di frequente 
qualche dotto sorgeva in difesa delle pro- 
prie opere, in generale l'autore li faceva 
firmare da qualche persona compiacente, per- 
chè in tal guisa non solo poteva dire di sé 
stesso tutto quei gran bene che nessun altro 
sarebbe stato capace dì dire, ma poteva 
inoltre attaccare gli avversari... col massimo 
coraggio! Cosi, per difendere le proprie opere 
e per attaccare Cartesio e ia sua nuova flìo- 
sofla, il Yoet si servi del nome del proprio 
discepolo Martino Schook, rendendo in que- 
sto modo simpatica nna polemica nella quale 
le tirate alquanto violente contro l'avversario 
erano dal pubblico messe in conto dello zelo 
che in ogni tempo' i discepoli hanno sempre 
mostrato per la fama e l'onore del maestro; 
così il Cujacio per rispondere a certi suoi cri- 



tici si servi del nome del suo servitore Anto- 
nio Marchand, con l'avvertenza di voltarlo in 
latino: Notata Antonii Mercatori» ad libros 
animad erUonum, ecc., Bourgea, 1.581; così il 
cardinale Bellarmino pubblicò certi suoi 
scritti di vivace polemica col nome di Mat- 
teo Torti suo cappellano, e via dicendo, 
fino ai giorni nostri, in cui questo sistema, 
per lo più a base di pettegolezzi e di con- 
tumelie, specialmente nelle polemichette lo- 
cali su questioni amministrative o politiche, 
continua a trovarsi molto comodo. 

Mossi da altri sentimenti vi furono degli 
ecclesiastici i quali, ritenendo poco addice- 
vote alla loro condizione il palesarsi come 
autori di certe opere, fecero figurar tale qual- 
che loro amico o congiunto. Cosi le com- 
medie secentesche La Flaminia, La Fortunia. 
La Ginevra e La ^falTnaritata, che nei cata- 
loghi librari figurano sotto il nome di Otta- 
vio d'Isa, sono, invece, opere di suo fratello 
sacerdote. Don Francesco, morto a Roma, e 
sul cui epitaffio « se mal non ricordo, si fa 
menzione di tutto questo » dice il Toppi 
nellit sna Biblioteca NapoUtana (pag. 230). 
Un'analoga specie di pudore letterario indus- 
se l'illustre astronomo Andrea Argoli dì Ta- 
gliacozzo a far credere opera del proprio 
figlio Giovanni il poema Endimioite, da lui 
composto all'età di quasi settanfanni. Erano 
i tempi precisamente in cui furoreggiava 
ì'Adone del cavalìer Marino, e VJ^ndiuUonc 
dell'Argon ebbe allora grande successo, tanto 
che non dubitarono taluni critici di procla- 
marlo superiore allo st«S80 Adone. Il vecchio 
Argoli, però, aveva creduto poco compati- 
bile con la sua dignità di matematico e di 
scienziato, ed anche poco conveniente alla 
sua matura età, il venir fuori con un lavoro 
di poesia erotica, e perciò, dopo essercisi 
divertito a comporlo, ne lasciò tutto il merito 
al figlio, la cui giovane età, egli diceva, 
poteva procacciargli molta indulgenza. 

Tra ì frati, poi, numerosissimi furono gli 
autori che alle proprie opere, anche d'indole 
esclusivamente ascetica, posero il nome di 
qualche laico, piti comunemente di qualche 
loro congiunto; e questo fecero per umiltà 
cristiana, per dispregio della gloria, pel ti- 
more insomma di ricevere in questo mondo 
dagli uomini una ricompensa vana e pas- 
seggera, invece di quella eterna che vole- 
vano da Dio nell'altra vita. E questa sarà 
anche stata umiltà, ma il più delle volte 

DigitizccbyGoOt^lc 



MINERVA 



:vaandurenitita 
ione e di orgo- 
liere «Le non sa- 
ite quantità di 

credette di ri- 
ovaniii Gondino 
ateilo I^orenzo, 
vvere e morire 
i tlesit Griato; né 
soo Freyre deve 
ria fara» nel ce 

fratello, Itiagio 
'□ita della sua 
a Kliitabetta re- 
►isogna dire die 

scritto bili sa 
rassef^narono a 
ero invece farne 



e e riserbi del 
li sopra accen- 
ìrsona»gt a non 
delle proprie 
e parecchie di 
'iano andarono 
uo liberto, e i 
» Maximi furono 
'anni Gobellino 
[dubitabilmente 
è proprio papa 

' altro 11 caso 
lere, cioè, non 
dono a prestito 
dipendenti per 
ma, viceversa, 
pubblicano le 
loro padroni, i 
le il permesso 
r farle maggior- 
ò, s'ingannava 
Teodoricore dei 
<iotì, essendo ben noto a tutti cUe guel re 
non era capace di maneggiare altro cbe la 
spada, e clie i libri dei quali figurava Teo- 
dorico come autore erano dovuti alla penna 
di Cassiodoro; cosi, piil tardi, lo stile par- 
ticolare di Pier delle Vigne era assai bene 
riconosciuto negli scritti di Federico II, non 
meno che quello di San Pier Damiano nelle 
o|iere di papa Alessandro III: e quando, più 
tardi ancora, il Bembo si sforzava di polire 



e di cesellare ciò che scriveva sotto il nome 
di Leone X, senza dubbio lo faceva speran- 
do che l'eleganza particolare del suo stìW 
sarebbe tuttavia bastata a farne riconoseere 
il vero autore. 

Evidentemente, in quest'ultimo caso non 
era l'inferiore che chiedeva al superiore il 
permesso di valersi del suo nome per ac- 
crescere il prestigio e il credito della pro- 
pria opera, ma era il superiore che non di- 
sdegnava di ornarsi con le penne del suo 
dipendente. Questo anzi, si può dire, aveva 
finito col diventare il caso più frequente. 
Cosi le pastorali dei vescovi, |>er uso dive- 
nuto quasi regola, erano quasi sempre scrilti.- 
da qualche loro segretario. San Carlo Bor- 
i-omeo però ci teneva a farlo sapere, e so 
leva dirsi ben lieto di tale usanza, percLi- 
poteva così spendere meglio il eno tempo. 
Ma gli altri vescovi che ne facevano del loro 
tempot 

Quando l'aver sortito nobili natali era 
titolo princi pai issi mo ]>er arrivare ai gradi 
più elevati delle varie gerarchie, non ci deve 
sorprendere che vi fossero alti funzionari 
dello Stato, comandanti di eserciti e grandi 
dignitari della Chiesa incapaci di scrivere 
anche le cose piil semplici inerenti ai loro 
ministeri; non poca meraviglia, invece, su- 
scita nel mondo degli studiosi la scoperta 
che un'opera la quale aveva valso a dare 
fama a un grande personaggio non è affatto 
dovuta ai suo ingegno. Nel 1S80 Armando 
Bascliet ha dimostrato in modo irrefutabile 
che le famose Inxtruclion» et Maxime» qa« j" 
me nuis donne pour mecondiiìre à la f'our, le 
quali contenevano una specie di codice di 
regole compilato dal cardinale di Uichelien 
per farsi strada nel mondo, sono invece in- 
tieramente opera di Pietro Matliieu. storio- 
grafo francese di non mediocre valore. !.<• 
regole scritte in quel codice, che sempre i*u 
attribuito al detto cardinale, per il sensu 
pratico che dimostrano, per lo spirito audace 
e fermo con cui sono redatte, per la conce- 
zione tutta moderna della vita che rivelano, 
grandemente avevano valso presso gli sto- 
rici per elevare a grande altezza morale e 
intellettuale la figura del celebre nonio 
di Stato. Ebbene, ultimamente, anche le non 
meno famose Memorie del cardinale di Hichr 
lieu furono dimostrate con irrefragabili do- 
cumenti opera altrui. Nel namero del 6 gcn 
naio 1!W6 della Hevuc Bleiie, Maurizio I)u- 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



1(17 



moulìn ha racconteto la non breve storia 
(li tale scoperta, rivelatrice di on secreto 
che il cardinale in sua vita aveva con o^ni 
cura nascosto, e che nascosto era rimasto 
jier quasi tre secoli. Da un anno soltanto 
sappiamo che autore di quelle Memorie fu 
Achille de Sancy, vescovo di Saint-Malo, il 
quale, dopo essere stato per molti anni se- 
tiretario di Richelieu, quando diventò ve- 
scovo volle occupare i suoi ozi scrivendo 
appunto quelle Memorie. Avendole inviate 
al cardinale per averne il permesso di pub- 
blicarle, questi le trovò così ben scritte e 
^li piacquero tanto, che pensò meglio dì ap- 
propriarsele addirittura, e il buon vescovo, 
yer non inimicarsi il potente, anzi prepo- 
tente, cardinale, di buona o mala voglia vi 
si rassegnò. 

Amebico SrABLAm. 



fLa fine al prò 



> numero J. 



Rassegna settimanale della stampa 

Amarlcanlimo di Gugllslmo II. 

V. uscito da poco in Germauia un volumetto dal ti- 
tolo « Il nostro Imperatore e il suo popolo, giudicati 
■la un pesaimista >. Easo rivela una cosi profonda co- 
Dotioeasa della vita alla Corte genuanioa, obe lo Sam- 
hArger S.iekriokte» lo eroduno Boriilo da qnaloLe per- 
sonagfcio appartenente alle piti elevate sfere politiche. 

L'autore asserÌBoe fra le altre cose che Uuglicliuo II 
fuorvi» il auo popolo dalle tradizioni della vita na- 
zionale prussiuia, ohe lo amerioanizza, che preferisoe 
al) itaal mente \f proprie opiDlooi a quelle dei propri 
ministri e stabiliaoe nell'Impero un < regime vera- 
mente peraonale >. Quando un mìniatro viene invitati) 
u conferire con l'Imperatore, aubito ai accorge ohe 
moglio aarebbe atato ae gli aveaao mandato aemplice- 
mente il proprio biglietto ila visita o il proprio ri- 
tratto: la ana presenza è anpertìua. « In tali oooa- 
eioni — come acrive l'autore — Guglielmo II non fa 
nleutio aforzo per oelare la noia e la diaattenzione. 
A ppoggiandoai al muro, oominola a giuooare col ano 
<'ane, poi gli dà la cacvia per la sai», e del ministro 
mostra di accorgersi soltanto quando questi aente pas- 
sarsi il oane fra le gambe, e del tutto scoraggiato 
prende congedo, fra le gioviali scuse del sovrano ». 

L'accusa pib seria lanciata a Guglielmo II è la sua 
simpatia per gli Americani. ■ L'amerioaaiamo -— af- 
ferma il * pessimista * — dapprima penetrò fra noi 
insidiosamente come un morbo pestifero; nessuno vo- 
leva confessare di esseme infetto, sebbene ognuno ne 
Ecorgease ì sintomi aal viao dei suoi vicini. Sabito il 
morbo oominoiò la aua opera di distruKione, e attaccò 
tutto ciò ohe v'era di buono, di vigoroso nella vita 
pubblica tedesca.. . Il nostro KaiKer, ohe non può sop- 
]>ortare le critiche dei propri sudditi, e aempre man- 
tiene ool suo contegno a riapattoaa diatanza coloro 
ohe vengono alla sua proseoza, ai eaprime oon parole 
di grande soddisfazione quando parla della disinvol- 
tura mostrata dagli Amerioani da lui oonosciuti nei 
suoi viaggi e a Kiel : egli non ai olfese neppure quando 
Arman gli dette nn colpetto ani dorso (ciò ohe Ar- 
man in una sua intervista negò), o quando un Van- 
derbtit aoggbignando lo chiamò un buon diavolo t>. 



Secondo il peasimista, « l'Imperatore spera di riu- 
scire onn la sua ostentata oordialità ad affezionaci 
il popolo americano. Ma egli peooa di anaoroDismo- 
illudendosi ohe la semplioe personalità di un monarca 
posaa al giorno d'oggi conpiliare coae assolutamente 
opposte e impedire a una nazione atraniera di prose- 
guire per la via oli'eaaa ritiene la piii vantaggiosa ai 
propri iuteressi ». 
Il progr«uo dall'ai parante. 

Come aaaeriace il profesaore americano George Mao- 
loakie nella NortK Ameriaan Kevieic del 7 dicembre, 
l'utilità dell'esperanto ai è già dimostrata in nume- 
rosi esempi. Questa lingua intemazionale già ò stata 
oon sucoesao studiata ed esperimentata da ufHoiali di 
terra e di mare, da uomini 
d'affari, da eoolesiastici, e in 
ogni caso risultó evidente la 
sua utilità pratica. I due edi- 
tori Peltier dì Tours e O' Con- 
nor di Ijondra hanno pubbli- 
cato in esperanto nn manuale 
di preghiere cattoliohe e iiO' 
ebben) lode dal l'apa, il quale 
or sono due anni oonoeaae la 
sua benedizione alla propagan- 
da esperantista. 

Ora che l'aspetto pratico del- 
l'esperanto ò'dimostrato, i suoi 

terne in rilievo il substratii 
L. L. Zamenhof. idealista. Il dottor Zamenhof. 

l'inventore di questo lingniig- 
gio, nel secondo Coiigreaao esperantista tenuto reoen- 
temento pronunciò in questo senso un discorao dì eui 
ecco alcune fraai oaratterìstiche : t Per gl'indifferenti 
l'esperanto può essere soltanto questione di pratica 
utilità... e ogni esperantista ha il diritto di vedere 
nell'eaperanto una liugna semplice, fredda, ideata 
perchè sia compresa da tutti i popoli, come il codice 
dei segnali marittimi, benobò piò perfetta di caso. 
Questi esperantisti non verranno ai nostri Congressi 
o vi verranno soltanto a diaoutere questioni llngui- 
atiohe o pratiche: non prenderanno parte alla nostra 
gioia, al nostro entuaiaamo. ohe loro forae parrà in- 
gcuuunipnto infantile. Mu quegli eaperantìati che alla 
nostra propaganda ai uniruni) non aolo oon la testa 
ina anche ool cuore, sentiranno e apprezzeranno .sem- 
pre altamente l'intima idea dell' esperanto; essi non 
temeranno di essere burlesoamente ohiamati utopisti, 
o di veder combattuto il loro Ideale dagli ohaurtniafd 
dì questa u quella nazione, come se quell'ideale fonse 
un delitto. Del nome di utopisti saranno, anEÌ, orgo- 
gliosi. Ogni nuovo Congresso riu fortiera il loro attao- 
oumento all'idea fondamentale dell' eaperan ti amo, e 
a poco a poco i nostri Congressi annui diverraoDO al- 
trettanto leste dell' iimanitàcdella fratellanza uman:i>. 
A|ipriivando questo parole del dottor Zamenhof, la 
North American Rtriao si mostra sorpresa ch'egli non 
abbia fatto vibrare la norda idealista sin dal princi- 
pio della sua crociata. E continua: t E' im fatto in- 
dubitabile che dal primi tempi fino all'attuale epoca 
di relativa civiltà, quasi ogni conflitto fn determi- 
nato dal proposito dì una parte della razza umana 
d'imporre a un'altra parte il proprio linguaggio, la 
propria religione, o entrambi. Guerre senza numero 
furono oansate dalla semplioe difficoltà di venire a 
nn accordo mediante oomunicazlonì recìprocamente in- 
telligibili... Come dichiarò l'accademico francese Boi- 
rao durante il recente Congresso esperantista al mi- 
gliaio di oongrcsaisti rappresentanti di 28 diverac na- 
zionalità; « Le conaeguenze dell'esperanto, per qmmto 
rignarda il futuro progresso dell'umanità, dìffiiil- 
importanti di quelle dcll'invpn. 



e della stampa. • (IT) 



,y Google 



MISEKVA 



Anieal It'orìd Ma- 
a qurata ooDi|iii«ta 
eufall CaiT. Lft«o- 
eetratta dal fru- 
ii (^ornma elaatio», 

anoors ragazzo, ai 
"amiDlsto ftUa sa- 
ento ohimioo della 
nma. La plialinn 
con l'amido di«l 
quale, a sua volta 
, prt^Dde le ctarati- 
»n« di questi fatti 
ema. Id quale pto- 
anze f E dove pro- 
ittlinat Bisognava 

trono pare ohe il 
andò quantità. Ah- 
itione di pazienza, 

■ delta gomma. It 

i poteva attenere 
Tocesso di fermeu- 
>opu aconritte o pa- 
li gomma elastioa. 
: a rendere impcr- 
ri oggetti; a fab- 
tiro il tinalmiH,- a 
le diL gol/. Altre 

1 Inghilterra per 
lotti), e si diee ohe 
biano oom])rato la 
I prova della vul- 
speoic di goiLuua. 
euG della gomma 
s a quel prooesso 
luzione dello zolfo 
l'aElone del nalore 

[urtante del «osto, 
tle può fare una 
laturule, la quale, 

forti spese ohe ri- 
I all'offiRÌna e il 
* grezza, ti'iid.Tà 



la l'attenzione sul 
ile ohe di reoente 
JohuK Hopkins di 



>tiei dì 

'e alle dìmoatra- 

armano per il fu- 

baetanza effioaeu; 
nell'urte dell'opo- 

iosa perchè a aue 
lerojzì dalle moni 

rinari», le opera- 
titi ea animati, e 
auatomioameute, 
i gli è abbastanza 



guito permetuino ai giovani di acquistar iidiIi'-h 
netta tecnioa ehirargica, nei metodi dell'emostasi, del- 
l'asepsi, e«e. In tal modo t'apprendiment« della medi- 
oina operatoria non rimane pia passivo, e ad eaao 
ooncorre una attiva parteeipaziune degli studenti a 
lavori pratici, efflcaei e bene organizzati. 

La Berue augura ohe ni diffonda questo metodo fe- 
condo, il cui etl'etto dov'essere di far sviluppare 
sempre pih, acoanto atta medicina sperimentale, ta 
oliirurgia sperimentalo. Prima di tentare operazioni 
ouove, ardite, su uomini, non basta, come gene- 
ralmente i chirurghi sì limitano a fare, eseguire 
delle prove sn un nadavere: le ooosegoenze dell'ope- 
razione non possono essere constatate se non o«n la 
prova fatta sn di un organismo vivente. E anidie in 
quest-o campo t'animale dev'essere, senza ohe gli si 
infligifano inutili Bofterenze, lo strumento indispensa- 
bile della rìoeroA. 
Le entrate del Mlancto lUllana. 

Il Popolo ifoiiMii«(n. K) rileva dalle statistiche eome 
i prinoipali cespiti di entrata del bilauoio italiano 
ooiitinuino a segnare notevoli aumenti: le riaoossioni 
nel primo semestre del oorrente esercizio superano di 
31 milioni e mezzo quelle del corrispondente periodo 
dell'esercizio precedente. 

L'entrata accertata supera di uiroa 58 milioni 
quella provista, e veramente eceezionale è l'eccedenza 
nelle dogane, dì 30 milioni e mezzo. 

(juetlo ohe consola, in questo aumento del getlitu 
delle dogane, è che esso è dovuto iu misura vera- 
mente insigni tifante al grano, per meno di 4».0(H) lire: 
il granturco ha dato in piii lire 154.(IU0. lo znrehero 
più di 2 milioni di lire. I 2H milioni chemanoano» 
compiere la somma di 30 milioni e mezzo sono dati 
principalmente dal oairè, dal eotone grezzo e dalle 
macchine, ossia da prodotti che sono indizio o ili 
crescente benessere generale della popolazione o di 
crescente sviluppo delle industrie nazionali. 

Altro indizio non trasonrahile del rlsv^lio ecwan- 
inico del paese è l'andamento dell'imposta sul redditi 
di ricoheKza mobile, che nel primo semestre del cor- 
rente eseroiKio ha dato 5 milioni pili del previsto. 

Notevole è il movimento aaeendente dello znocher". 
il quale, se in parte è effetto della minore produ- 
zione indigena nella oampagna saccarifera 1905-1906. 
deve trovare anche la sua ragiouo di essere in un 
aumento del consumo. 

Cosi pure apparisce veramente degno di nota il 
movimento delle tasse sugli affari, le quali, nel giro 
di [Hwbissiiui anni, <1opo nn decennio di depressione, 
hanno aumentato il gettito del 12 per conto. E final' 
mente anche i mono[iotl ri>gistrano un aumento di 
proventi; 4 milioni circa i tabacchi, 1 milione i sali. 

Il giornale conclude che. riassumendo, la situazione 
della iìnunza continua a essere soddisfacente, ma am- 
monisce a osservar prudenza nelle spese, facendo no- 
tare come queste, se ancora non hanno raggiunto 
l'entrata, molto le si avvicinino, sicché potrebbero a 
non lontana soadenz.i superarle t quando Governo e 
Parlamenti non procedessero risolutamente in una 
politica severa, che neghi ogni nnova spe«B la quale 
noti aia dimostrato essere rigorosamente neoeasaria *. 



Tutti gli articoli pubblicati In MINERVA sono 
tutelati dalla legge sulla proprietà letteraria e 
ne 6 formalmente vietata la riproduzione- 

Solferino Piatti, gerente 



, 1M7 — Stabilii 



loTIpogrifloo ItalIsBi 
D,g,t,zoabyGoO<^le 



IO febbraio 1907 



Val. XXVII — N. IO 



LA GRECIA DI OGGIDÌ' 

IL SUO ESERCITO E LA SUA MARINA O) 



Il problema cretese e i torbidi della pe- 
nisola balc&niea riobiatnaao oggi più viva- 
mente l'attenzione dei circoli politici i^ulla 
Grecia e sulle sue forze di terra e di mare. 
Xoii è dunque inopportuno fiBaiiiinare bre- 
vemente le coiidiziotii della Grecia odiern», 
nonché qnelle del suo esercito e della Hoa 
marina. 

Il paese e la popolazione. 

Con le eue frastai^liatÌBsime coste, la Gre- 
cia presenta an carattere decisamente di- 
verso dalla penìsola di cui forma appendice'; 
e nel paese stesso grandi sono i contrasti, 
così di clima come di cìviltS, fra le singole 
parti e particelle in cui lo fraziona la sua 
montuosa conformazione. La Grecia lia a 
oriente 4^ isole, a occidente 116; essa f* un 
paese montuoso con carattere ]ire- 
valentemente marittimo. 

I Greci dì oggidì, al pari di quelli dei se- 
'Oli scorsi, sono sopratutto marinili; nella 
toro vita il mare ha un'importanza decisiva, 
tanto piti che nel poco produttivo interno 
del paese sono pìccoli e quasi isolati i con- 
rri di popolazione. 

Dal punto di vista etoograflco, non si ha 
una grande varietà: la maggioranza consta 
di Greci, popolazione minta di elementi el- 
lenì, albanesi, bizantini, slavi, con qualche 
aggiunta dì elementi germanici e italiani; 
questi Greci hanno molte delle qualità dei 

(I) Da nn irticolo di W. SriviNUAaiN, Kord utid £ud, teli- 



Greci antichi, cosi in senso buono come in 
senso cattivo; sono di tipo bruno, ben 
fatti, magri, di statura media, molto agili 
cosi fisicamente come intellettualmente, più 
tenaci che forti; le donne sono spesso molt-o 
belle, segnatamente nelle isole ; la vita fa- 
migliare è improntata alla pifi lodevole mo- 
ralità. Oltre ai Greci, sì contano nella po- 
polazione della penisola degli Stavi e degli 
Albanesi, biondi, molto forti, meno svelti. ' 
tì pochi Turchi, grandi possidenti e arti- 
giani, il cui numero è in continua diminu- 
zione. 

In confronto con tutti gli altri paesi orien- 
tali enropei, il numero degli analfabeti 
è in Grecia relativamente scarso; la loro pro- 
porzione è press'a poco eguale a quella che si 
ba in Italia. Questa circostanza, e la pratica 
del commercio e della navigazione, fauno si 
che in qufi paesi i Greci possono considerarsi 
come i rappresentanti della civiltà. Essi 
amano la danza e il canto, specialmente le 
canzoni popolari. Poco diffusa è la istru- 
zione superiore; funesta ne' suoi effetti la 
« semicultiira », predominante sopratntto 
nella stampa e nel Parlamento. 

I^e condizioni finanziarie del paese, 
in passato così deplorevoli da condurre ad 
dirittura al fallimento e all'istituzìoue, nel 
1S93, di un Consiglio internazionale di cu- 
ratela, in seguito sono venute migliorando, 
e da alcuni anni il bilaucio segna un ci- 
vanzo; l'aggio, poi, die in passato era ar- 
rivato Ano al 75 per cento, oggi è ridotto 
all'8. Al progresso della morale e del benes- 
sere generale mettono ostacolo le cattive 



Digilizcd by 



:'y Google 



218 



MINERVA 



qualità del popolo, specialmente le raeue 
partigiane, la corruzione e l'ignoranza degli 
impiegati ohe continuamente vengono mo- 
tati. Tn forza della costituzione, il sovrano ha 
le mani completamente legate; la Camera Bi 
compone di 177 deputati, e ì militari non 
possono farne parte. 

L'esercito. 

Fino a non molto t«mpo fa, l'eBercito greco 
poteva direi uno dei più arretrati e dei piti 
deficienti fra gli eserciti europei. La guerra 
russo-turca del 1877-78 aveva rivelato in que- 
sto esercito grandi difetti, e lo stesso mi- 
nistro della guerra ebbe a dichiarare che 
« tre quarti degli ufficiali non avevano fatto 
il loro dovere ». Xell'ultima guerra contro 
la Turchia, poi, si mostrò tutta la deficienza 
del comando supremo, nonché la mancanza 
di organizzazione e di preparazione; sicché 
quella guerra fu una vera rovina. Ma la 
severa lezione diede il suo frutto; il Governo 
si adoperò lodevolmente, senza risparmiare 
sacrifizi, a riorganizzare l'esercito, e com- 
pilò ona legge che avrà completa esecuzione 
nel 1908, ragioni finanziarie avendo, finora 
consigliato di differire una parte dei prov- 
vedimenti in essa contenuti. 

L'autore sì ditt'oaile in pnitioolari iutomu al re- 
olntamento delle truppe grecite e alla olaMifinaeiouè 
e ripnrtìEione delle varie armi, e fomiBoe molte altre 
Dotiiìe, fra le quali rlOBBumiamo le più impertaotl 
e di carattere generale. 

Fino al 1905 il bilancio della guerra su- 
perava di poco i 20 milioni dì franchi; per 
l'anno 1907 questo bilancio é stato portato 
a 55 milioni, dì cui 13.5 serviranno per 
nuovi cannoni, altrettanti per l'acquisto dì 
cavalli e di muli, e 12 milioni per le forti- 
ficazioni e per il miglioramento de) servizio 
del treno e del servizio sanitario. 

L'effettivo delle truppe in tempo di 
pace contava finora, sulla carta, 2025 ufficiali 
e 26,790 sottufficiali e soldati, ma in realtà 
le cifre erano di molto inferiori; con la nuova 
legge il numero degli ufficiali è stato por- 
tato a 3070, quello dei sottufficiali e soldati 
a 27,200. In tempo di guerra, lo sforzo mas- 
simo si calcola che potrà dare un totale di 
S50,000m>mini. Le truppe sono ripartite, iu 
misura non eguale, nei tre comandi di La- 
rissa, Atene e Missolungbi. A Corfìl vi é 
una scuola preparatoria per gli uffi- 
ciali dì fanteria; a Nauplia l'arsenale 



d'artiglieria. Prima della nuova legare 
non vi era per gli ufficiali un limite d'etA. 
ed essi non potevano esser licenziati se non 
in segnito a una condanna penale; ì generali 
servivano più di cìnquanfanni. Gli stipendi 
dell'ufficialità sono i pii) bassi di tutta l'Ku- 
ropa. 

Quanto all'armamento, la fanteria aveva 
finora un fucile di tipo antico a una sola 
carica; prossimamente sarà adottato un fa- 
cile austriaco moderno da millimetri 6i>. 
dì cui si è fatta di recente una grande or 
dinazione. Così pure nel materiale di arti- 
glieria è stato iniziato un sostanziale mu- 
tamento con l'adozione di cannoni a tiro 
rapido secondo il sistema del colonnello 
' L^kadis. Per l'artiglieria e pep la cavalleria 
è una fonte dì debolezza il fatto cbe i ca- 
valli di prtKluzione indigena sono troppo 
deboli, sicché la Grecia è costretta a prov- 
vedersi all'estero, sopratutto dall'Ungheria e 
dall'Algeria, mentre per i muli ricorre an- 
che all'Italia. 



le 



munioi 



terne luscino motUi a deiiiderare: poohe e Dial tennlr 
le Btrade provJDoiali; la rete ferroviaria limitata > 
soli 1100 ohilometri (atatigtios del 1905) e non i1- 
laeoiata aiieor» alla rete dell'Europa oentr*!)-: riiloti'' 
quasi a nulla le vie aorjiiee, preaDiudendo dairìm- 
[)ortant« canale Davif^abile lungo 6S40 metti da At«nr 
attraTersv l'istmo di Corinto. Abbastanza sviluppalo 
^, iaveee, il aervìiia postale e telegraUoo: oirea 500 
uffici postali, 111,000 ohilometri di linee telctirafiflM- 
e tSOO di linee tclefoniehe. 

La marina. 

Fin dall'antichità la Grecia badato un'im- 
portanza preponderante alla sua marina mi- 
litare, in confronto con l'esercito; e cosi 
pure la marina mercantile è stata sempre 
oggetto di speciali cure. 

Il primo porto dì mare della Grecia - 
terzo dell'Europa, dopo Marsiglia e Genova. 
(• il Pireo, dove si trova l'arsenale prìnei- 
pale della fiotta di guerra. W accessibile 
alle più grandi navi, in comunicazione fer- 
roviaria con Atene, e in sua vicinanza lo 
stretto fra il continente e le coste frasta 
gliate dell'isola di Salamina offre a una 
grande fiotta sicuro ancoraggio. Accanto al 
Pireo sono da menzionarsi il porto di Pa- 
trasso, nel Peloponneso, importante cosi 
per la marina mercantile come per la ma- 
rina militare, e quello di Sira, nna delle 
Cictadi. .-. I 

l3g,tizccbyCjOO"'^IC 



MINERVA 



219 



r^a flotta mercantile greca conta 250 pi- 
roscafi, ed è attualmente la seconda nel Me- 
dÌt«rraneo, dopo quella iuglese, che essa 
spera di sorpassare. La inariua militare, 
i coi uflBciali vengono forniti dall'Accademia 
<Iì marina del Pireo, aveva nel 1905 un per- 
sonale di IWi ufficiali, 38 ingegneri, 3« uffi- 
ciali Banitjiri, Hit impiegati, 881 sottufficiali, 
300 fuochisti, 2200 marinai e 420 operai. Lu 
flotta constava, nel 1905, di 11 unitÀ mag- 
giori, più 15 torpediniere, 8 controtorpedi- 
niere, navi da trasporto, ecc. Il personale 
che monta tutte queste navi ha t*ili qualità 
«la meritare tutta la tidneia del paese. 

LK TKKUK ANCOKA. INESPLORATE »' 

Diremo inesplorati i i)aesi che non sono 
conoscioti o che lo sono tanto poco da la- 
sciare lacerti sulla loro conformazione oro- 
grafica e sulla loro idrografia. 

Tra le regioni inesplorate non annoveriamo 
fioindi i boschi quasi impenetrahili dei Maine 
(Stati Uniti), ove nessuno si avven tarerebbe 
senza una guida, ma del quali sappiamo con 
esattezza la posizione e l'aspetto geografico. 
Invece il flome Jang-tse (Cina), che pare è 
aperto alla navigazione mercantile per ben 




2400 chilometri, attraversa larghe regioni del 
tutto misteriose. 

S'on ci occuperemo neppure delle terre 
polari. 

. KsteasioDC e d i s tri buz ione. 
Sulle nostre carte abbiamo ombreggiato 
paesi che consideriamo inesplorati. Abbiamo 
omesso interamente l'Europa perchè è que- 
sta la parte del mondo geograficamente 

III Os un vtlMlo Ai C. Aii.sl», Hn/yer-i 3lm-lkVi JfcT(^ 



glio Studiata, né vi sono più in questo con- 
tinente contrade sconosciate. 

Data la piccolezza della scaia adottata, 
non ci è etato possibile d'indicare un certo 
numero di zone inesplorate relativamente 









p^^yi^ 


' 


»s 


■a Vj^^JÈ 


"V^^D^- -^V 




^ 


^vB^M| 




^^ 


"^^ 




Ù^,. 


- -^^ 


bff-f^ ^ S^?v 


LiZ^ 






8?- 










f~Ì 


-1 




Jl' 


u. \ 




t^^ 


\^;~ 




^ 



poco estese e che perciò si sarebbero ap- 
pena distinte. Esse sono disseminate un po' 
dappertutto: nel ^uovo Messico, nel Texas, 
nel Pacifico occidentale (ad es. l'isola ger- 
manica di Ponape è qnasi sconosciuta; sul- 
l'isola Savai, delle Samoa, si ha appena 
sentore di qualche eruzione vulcanica), ecc. 

Passeranno ancora molti anni prima che 
dalle carte geografiche siano interamente 
scomparsi gli spazi bianchi, te timide indi- 
cazioni, i punti interrogativi <rhe denotano 
la presenza di regioni inesplorate; poichi; 
tali regioni, oltre ad essere in gran parte 
poco importanti, sono anche estesissime. 

^el bacino delle Amazzoni osserviamo tre 
vaste superficie inesplorate, ciascuna delle 
quali supera il piti grande Stato della Wnova 
Inghilterra; nell'Alaska ne esiste una al N-O, 
grande quasi quanto la Nuova Inghilterra 
(cioè quanto mezza Italia): unitamente ad 
altre, essa forma una superfìcie sei volte piii 
estesa dello Stato di Xew York (ossia oltre il 
doppio dell'Italia): due zone esistenti nel 
Sahara posseggono un'estensione comples 
siva quadrupla e un'altra un'estensione tri- 
pla di quella che spetta alla Suova Inghilter- 
ra. Anche nell'Australasia esistono immensi 



Digilizcd by 



Google 



220 



M I N K lì V A 



spazi misteriosi: la sola Xiiova Guinea (la 
isola piti g:raiide dopo la Groenlandia) con- 
tiene alt'ÌTiterno una regione piii vasta <lella 
Xuova lni;liilterra e di cui nulla <-i è noto. 

Krrori dei Kt^<>i:cari. 
Molti i-iTori sono stati t-ouiniessi per aver 
tratto delle deduzioni atfrettatc da osserva- 
zioni iiieoin)dete o inesatte, o per aver pre- 




niere d'oro e di rame e di 4-urbone. e si t- 
foraito UE prezioso contril)nto alla (reologia 
e ad altre scienze. 

In Alasiia sì è rilevato quasi la metà «lei 
territorio. I Kussi hanno dato prova di (ina 
attività impareggiata, e grazie ad essi, du- 
rante gli ultimi venticinque anni, l'esplora- 
zione dell'Asia La compiuto notevoli pro- 
gressi; della loro Siberia ben poeo, ai nord. 
resta ancora sconosciuto. lu .\frica le r:- 
i-ercbe geografiche ufficiali procedono con 
maggiore al!L(TÌIi\ che altrove, s|unte in iape 
eie dai giiverni francese e tedesco. Ceni 
punti (Iella Colonia del Togo (appartenente 
alla Germania) vennero studiati meglio eli 
molte regioni europee, e nella zona tropi 
cale i soli dati elimatiet sono raceolti da 
circa 200 stazioni. 

La curiositA scieiitilica non è stata il mi- 
nore movente di queste ricercUc. Nel mag- 
gio scorso i soci della Società Geografica 
Scozzese inoltrarono una domanda al go- 
verno Indiano affinchè organizzasse una siH:- 
dizione abbastanza numerosa onde far esplo- 
rare lo spazio completamente inaccesso che 
nella nostra carta u. 4 taglia il corso del 
ISralimaputra. In questa regione si è potuto 
accertare solo, lino ad ora, con t'uso di fi- 
leggi an ti. che il Itralimapntra è la continua- 
zione del Sangpo. 

Gli etnologi, gli archeologi, i meteorologi 
cooperano efficacemente a restringere i du- 
mi ni dell'ignoto: cosi l'archeologo Teodoro 
Kocb, avanzandosi sul lìio Negro, nel Im 



stato troppa fede alle poiKtluzioni barbare, 
quasi sempre ostili verso i bianchi. 

Le ultime esplorazioni francesi hanno di- 
mostrato che il deserto saharico propria- 
mente detto è assai meno esteso di quanto 
i geografi non ritenessero e che inoltre si 
avanza di continuo verso l'occidente, inva- 
dendo il Sudan lungo la frontiera franco- 
britanna; d'altra parte, alcune oasi e alcuni 
pozzi appaiono spostati, sulle earte, di ol- 
tre 150 km. Anche il lago Alberto Fldoardo, 
una delle sorgenti del Nilo, dovrà cambiare 
di posto sulle nostre carte. R nel Tienscian 
l'esploratore germanico Merzbacher rilevò, 
tre anni or sono, come la cima più alta, il 
Teneri-Khan, fosse stata falsamente indicata. 

I cartografi dunque non hanno riposo. Le 
correzioni e le modificazioni si succedono 
senza tregua. 

Come progredì seonu le nostre conoscenze. — 

r governi s'interessano alla questione da cino delle Amazzoni, scoprì nuove tribù e 

un punto di vista pratico. Ad es., il governo definì meglio la ])osizione degli affiuenli 

canadese ha ridotto della metti in quindici principali di questo fiume, 

anni il suo territorio ines]>lorato, jiosto a Anche i cercatori d'oro hanno portato il 

mezzogiorno: si sono scoperte foreste, mi- loro contributo, per quanto im|)erfetto. a 

DgitizcchyGoOglC 



MINERVA 



ai 



queste couoscenze: nell'Australia oecidea- 
tale essi ai sono ÌDOltrati consideTevolmunte 
entro ii deserto. 

Xel bacino delle Amazzoni l'incentivo più 
importante per le esplorazioni è dato dalla 
ricerca degli alberi di gomma, disseminati 
a larghi intervalli nelle foreste: così si sono 
scoperti alcuni territori nuovi della Bolivia 
e del Brasile. 

Dtiile nostre earte si rileva che le più 
grandi aree inesplorate sono o arìdiBsime, 



come il deserto del Sahara, quello d'Arabia 
e iti steppe della Mongolia; o troppo nmide 
e (-alde, coperte da foreste impenetrabili, 
come una parte del bacino delle Amazzoni 
e del Congo; o troppo fredde e squallide, 
come le porzioni nordiche dell'America e 
dell'Asia. 

La Liberia è la roKione relativamente più 
^'conosciuta, data l'indolenza degli abitanti, 
che sono appena penetrati entro le loro va- 
ste foreste, pur cosi ricche di gomma e 
d'altri prodotti. 

1/ Africa è il continente più ricco di re- 
gioni inesplorate, e il Sahara è tra esse la 
più vasta; ma, come abbiamo già detto, 
l'attività esplorntrice è quivi molto piìi in- 
tensa che altrove. 

Sono giunte sino a noi dai tempi piil re- 
moti notizie di esplorazioni. Già 35 secoli 
or sono i Babilonesi si erano resi conto del 
regime dell'Eufrate e del Tigri e manda- 
rono i loro vascelli oltre il Golfo Persico e 
si spinsero nei deserti africani. I>a allora 
migliaia di esploratori si sono succeduti e 
si succedono infaticabili. Ma le forze della 



natura e dell'uomo cambiano continuamente 
l'aspetto della superficie terrestre e quindi, 
in un senso assai largo, le esplorazioni non 
cesseranno mai. 



LR DONNK ALSTKALUNE E IL VOTO '» 

Mentre in Europa e in America i propu- 
gnatori e gli oppositori dell'estensione del 
diritto elettorale alle donne traggono volta 
a volta, dalla logica o dal sentimetito, argo- 
menti a favore delle loro tesi, è interessante 
riassumere brevemente la recente storia 
che questo movimento femminista ha avuto 
in Australia, il paese dove quella riforma 
si è compiuta nella misura più completa 
che sia mai stata raggiunta o tentata al- 
trove. 

I primi teatalivi nello Stato di Victoria. 

Per ben comprendere le cause e l'impor- 
tanza della fisouomia speciale cbe ha pre- 
sentato nel suo svolgimento l'agitazione fem- 
minista in Australia, occorre ricordare che 
fino al 1900 le sette colonie che formano il 
gruppo australiano erano non solo indi- 
pendenti dal punto di vista politico, ma del 
tutto estranee le une alle altre per senti- 
menti e passioni di popolo. Quantunque le 
ferrovie, le linee di navigazione, i telegrafi, 
ogni mezzo di trasporto'di idee e di persone 
si sviluppassero vertiginosamente, le enor- 
mi distanze che dividevano una colonia 
dall'altra, e il fatto che ciascuna di esse 
era retta da un governo proprio, rendevano 
vana ogni azione comune. 

Fu nella colonia di Victoria che nel IfiTS 
l'on. George Higiubotbam fece un primo 
tentativo a favore delle donne elettrici pre- 
sentando al Parlamento della colonia un 
emendamento alla legge elettorale inteso a 
dare alle donne gli stessi diritti che essa ac- 
cordava, per la votazione, per gli uomini. 
L'emendamento fu respinto, ed eguale sorte 
toccò a tutti gli altri tentativi analoghi che 
vennero fatti negli anni successivi. Vista al- 
lora la ditìieoltà di attaccare di fronte la posi- 
zione, si ricorse alla propaganda, una propa- 
ganda estraparlamentare che si allargò ben 
presto e che diede vita a una Asnooiazione per 
il coto alle donne, a capo della quale era la 

(1) Pa nn articolo di Ar.icR Hk^hy. T'ha Xerth .luurieitn Ite- 
D,g,t,zoabyGoO<^le 



M ISEB VA 



sÌK'io^ Ix>\ve, ebe. ìn tempi anteriori, era 
stata un'ardita pioniera della civiltà avendo 
per la prima tentata la colonizzazione del 
Qaeensland. Lentamente ma continuamente 
l'opinione pubblica veniva educata alle 
nuove idee, Uncbè nel lti90 due circostanze 
vennero a dare a! movimento femminista un 
impulso cosi vigoroso da farlo giungere 
ben vicino alla sua meta. 

La prima di queste due circostanze fu il 
ritorno in Anstrftlia della signorina An- 
nette Bear, nlie divenne più tardi la signora 
Crawford, la quale Jurante la sua lunga 
permanenza in Inghilterra aveva stretta una 
intima amicizia e una forte alleanza dì 
idee e di sforzi con i più rinomati veterani 
del movimento femminista del Kegno Unito, 
quali la signora Fawcctt, la signora Percy 
Jìuuting, la signora Slieldon Amos e molte 
altre, e i;Le apportava quindi alla giovane 
colonia un prezioso corredo di esperienza 
e l'appoggio delle consorelle d'Inghilterra. 

La seconda circostanza fu determinata dal 
nascere e dalFaffermarsi del partito sociali- 
sta, di quel Vietoriaii Lnbor Party il quale 
apprezzò subito la potente alleanza che 
avrebbe trovato per la sna vittoria Anale 
nell'agitazione femminista. Oon lo sviluppo 
rigoglioso che assunse ben presto il Ijabor 
Party, il movimento per ottenere l'estensione 
del diritto elettorale alle donne fu tolto 
dalle nebbie del sentimentalismo e delle di- 
scussioni astratte che l'avvolgevano ancora 
e divenne uno del capisaldi del programma 
socialista. Una legge intesa a dare alle donne 
gli stessi diritti elettorali di cui godevano 
gli uomini fa parecchie volte approvata dai 
rappresentanti del popolo (Lower Ilouse): 
immancabilmente essa veniva respinta dalla 
camera dei Senatori (Upper House). 

La vittoria tìaak. 
Mentre nella Victoria l'agitazione femmi- 
nista bussava con voce cosi autorevole alle 
porte degli enti legislativi, anche nelle altre 
colonie d'Australia il movimento era nato 
ed era giunto rapidamente al trionfo della 
sua causa. Xel ISUvt te donne della Xuova 
Zelanda ottenevano il riconoscimento del 
loro diritto elettorale: nel 18!ir» tale diritto 
veniva concesso alle loro sorelle delle colo- 
nie del South Australia, e nel 1899 infine 
anche le donne del Western Australia otte- 
nevano completa vittoria. 



Intanto nel primo giorno del nuovo lie 
colo xx la Victoria, il Sew Sontb Wale>, 
il Queensland, il South Australia, la 'Westtni 
Australia, le cinque colonie continentali r 
la Tasmania si riunivano formando quelln 
gigantesca confederazione che, col nome <Ii 
Common^rcaltA, gl'Inglesi sì compiacciono di 
considerare ancora come una loro colonia 
mentre è divenuta quasi del tutto ìndipeii 
dente dalla madre patria: la Nuova Zelaiiiìii. 
separata da parecchie centinaia dì migli;, 
dal continente australiano, rimase a sé. Co:: 
la nascita del Gommomrealth tutta la lejiì' 
Blazione australiana si divise in due granili 
categorie: una comprendeva quegli iiffari 
d'interesse generale |»er tutti gli Stati couit- 
le tariffe doganali, le leggi monetarie, la di 
fesa nazionale, che venivano trattati dallu 
nuova Camera Federale, l'altra gli affari d'in 
teresse speciale per ciascuno Stato, come IV 
ducazioue, l'agricoltura, la cura dei baiiihitji. 
quegli affari iusomuia che venivano trattnli 
dai vari Parlamenti loculi degli Stati dell:: 
Confederazione; si ebbe così un voto IV 
derale e un voto locale. Alle donne liel 
South Australia e a quelle del Western 
Australia che, come abbiamo già visto, nvr 
vano conquistato dal IS9r> al 1899 il votu 
locale, fu riconosciuto, per estensione, i! 
diritto al voto federale, mentre alle donut 
degli altri Stati quest'ultimo venne ritìutat-i 
col pretesto che esse, non avendo ottenuto 
ancora il voto locale nei loro Stati, non |h- 
tevano a fortiori aspirare al voto federali-. 
Ij' ingiustìzia era troppo palese perchè no: 
venisse corretta, e il nuovo Parlamento ff 
derale, nella sua prima seduta, aggiunse »ll:i 
legge che dettava le norme per la sua rie 
lezione un articolo che concedeva a tutte 
le donne del Coìnmomrealtk il diritto dì vo- 
tare per l'elezione dei deputati al Parla- 
mento australiano. 

Ln decisione del Governo federale rcc 
facìle la vittoria di coloro che lottavini'' 
perchè le donne avessero diritto al voto ifi 
i governi locali nei paesi dove questo di- 
ritto non era stato ancora riconosciuto. tioi- 
nel New South Wales, nel Queensland. iieli:i 
Tasmania e nella Victoria. 

Tra il 1902 e il 190."> te donne degli Stali 
di New South Wales. Queeneland e Ta:'- 
mania conquistarono così anche il diritto :il 
voto locale. Xon resta più ora che lo Stato di 
Victoria, il primo, come, vedemuio. n in- 
IJgmz.chyGOOgIC 



MINERVA 



gAggi&Te la lotta, nel quale le donne si tro- 
vano nellu curiosa situazione di poter dare 
il loro voto ed esprimere il loro parere per 
qaalclie OBCura questione federale come una 
nuova legge monetaria e un nuovo rego- 
lamento per ì brevetti, e di non avet nes- 
suna voce in capitolo per questioni locali, 
quali, ad esempio, l'istituzione dei giardini 
d'infanzia e altre istituzioni die le toccano 
l'cu più da vicino. 

le cause della vittoria. 

Quasi certamente le donne dell'Australia 
non godrebbero oggi del diritto elettorale 
se esse non avessero concentrato ogni loro 
sforzo per ottenere il riconoscimento di quel 
diritto, senza lasciarsi distrarre da altre 
idealità. 

A una donmi dall'animo sensibilp riesce 
faenza dubbio penoso l'esser costretta a far 
tacere gl'impulsi del suo cuore, mentre tante 
miserie sociali invocano pietà e rimedio in- 
torno a lei, e a cercare invece unicamente 
di raggiungere ciò ohe, per quelle miserie, 
nou è altro in fondo cLc un rimedio ac- 
cademico e indiretto: il voto. Ma la donna 
australiana si convinse invece, fin dall'ini- 
zio della lotta, die il diritto al voto le 
avrebbe concesso di ottenere nel modo pili 
sicuro e col minore spreco di energia delle 
riforme d'indole sodale cbe avrebbero sten- 
tato molto, altrimenti, a essere prese in 
considerazione dagli enti legislativi. Le don- 
ne australiane non chiesero quindi cbe una 
cosa, il diritto al voto: fecero comprendeie 
che soltanto co» la concessione di questo 
diritto era possibile calmare la loro agita^ 
zione: in tal modo né la loro energia, uè 
l'interessamento dei legislatori, né la sìm- 
l'atia e l'appoggio del pubblico vennero 
distratti, ed esse ottennero la vittoria. 

Di tutti i mezzi impiegati nella lotta, 
quali le petizioni, gli articoli nei giurnali, 
le conferenze e le riunioni, quello die diede 
alle donne australiane i migliori risultati 
fu di richiedere con una costanza meravi- 
gliosa l'opinione di tutti i legislatori e di 
tutti ì candidati ai corpi legislativi; le loro 
opinioni, oppure il fatto che essi avevano 
dichiarato di non voler rispondere, venivano 
fedelmente trascritti, e allorché nelle vo- 
tazioni o nei discorsi al Parlamento qual- 
cuno di essi esprimeva idee contrarie alla 



opinione espressa non mancava di venire 
ammonito, con cortese fermezza, della sua 
incoerenza. 

CAì effetti della conquista del voto. 

Le previsioni di coloro i quali temevano 
che l'estensione del diritto elettorale alle 
donne avrebbe spinto queste a un vero e 
proprio abuso di quel diritto sono state 
smentite dai fatti: la donna australiana non 
assume che lealmente e con coscienza la 
piena responsabilità politica che le dà il di- 
ritto conquistato. Quanto agli effetti morali, 
nou ne vennero punto le conseguenze cbe 
alcuni temevano. 

La profezia della dissoluzione delle fami- 
glie che avrebbe seguito immediatamente 
alla concessione del diritto elettorale alle 
donne, é stata sfatata dalla esperienza. Oggi 
in Australia, dove l'udire delle donne par- 
lare, a tavola, di politica é cosa tauto comune 
cbe non desta alcuna meraviglia, sarebbe ben 
difficile anche al più zelante e antifemminista 
giudice conciliatore di riferire un sol caso 
di famiglie nelle quali la politica, esercitata 
dalle donne con il voto, abbia portato la 
dissoluzione. 

Le operazioni elettorali si svolgono tran- 
quillamente, nelle sale dei comizi regna l'or- 
dine e il silenzio, e tutti e tutte votano 
con la serietA e la disinvoltura con la quale 
si acquista un biglietto di ferrovia: non è 
raro il caso di vedere delle donne che si re- 
cano a votare spingendo le pìccole vetture 
nelle quali dormono i loro bambini. 

Malgrado te contrarie previsioni di tutti 
i pessimisti, le donne australiane non solo 
votano, ma votauo in numero sempre cre- 
scente, man mano cbe si educano a un retto 
senso di responsabilità politica. In quegli 
Stati dell'Australia dove vige ancora il si- 
stema di tenere delle liste elettorali distinte 
per le donne e per gli nomini, le più re- 
centi statistiche hanno dato ì seguenti ri- 
sultati: nel South Australia, nelle ultime 
elezioni generali, votarone il ótl per cento 
degli uomini inscritti nelle liste e il 42 per 
cento delle donne; nel Western Australia il 
49 per cento degli uomini e il 47 per cento 
delle donne; nelle recenti elezioni federali 
votarono il 56 per cento degli uomini e il 
2lt per cento delle donne: nessuno di questi 
Stati ha, perù, raggiunto la Nuova Zelanda, 
dove nel 1!>02 andarono alle 



móh§Q 



MINERVA 



cento delle donne e 70 per cento degli no- 
mìDl inscritti nelle Uste elettorali. 

Intlueaza del suffragio remminile sulla legislazione. 

I/inflnenza che la concessione del voto 
alle donne ha prodotto nella legislazione 
aastraliana si palesa in tatto an inaieme di 
leggi intese a togliere la donna dalla con- 
dizione di inferiorità nella quale si trovava 
e a proteggere i bambini, sopratutto i bam- 
bini poveri e abbandonati. 

È certo che non vi è alcun paese il quale 
possa vantare una serie di riforme umani- 
tarie compiute in un tempo cosi breve, con 
eoBl lieve scossa per la nazione, con cosi 
esiguo dispendio di energia, come l'Austratia. 

Fra queste riforme, nelle quali appare evi- 
dente l'influenza del suffragio femminile, le 
più importanti sono la legge detta della yre- 
ffidtemttd, per la quale è stato elevato il li- 
mite di etil oltre il quale la donna può pren- 
dere marito anche senza il consenso dei ge- 
nitori; la legge detta Ael nuuitentinento à^Xa 
famiglia, e molte altre leggi che migliorano 
le condizioni dei bambini aumentando il 
numero dei giardini d'infanzia, limitando 
le ore di lavoro per i fanciulli, proibendo 
di vender loro liquori, droghe e libri im- 
morali. 

In molte nazioni civili è ancora vietata 
la ricerca della paternità, e la legge e ì 
pregìodizi sociali concorrono a mettere nella 
condizione più dolorosa una donna che si 
prepara a divenir ma-dre e che non ha il 
diritto legale di chiamar marito il padre 
del bambino che porta nel seno. Ogni do- 
manda intesa a obbligare il padre al mante- 
nimento della prole non è permessa prima 
del parto, quando cioè la donna traversa le 
più dure prove fisiche e morali ed è soggetta 
alle tentazioni più terrìbili di suicidio e di 
infanticidio. La legge che, con irrisoria pre- 
mura per la vita del neonato, punisce la 
fanciulla madre che tenta sfuggire alle re- 
sponsabilitiV del sno stato, non concede a 
questa nessun mezzo per assicurare al pic- 
colo nascituro il mantenimento da parte 
del padre: secondo le nuove leggi austra- 
liane, invece, il padre può esaere obbli- 
gato, prima ancora che il bambino na- 
sca, al mantenimento della donna durante 
la gravidanza e del bambino quando que- 
sti è venuto al mondo. Casi simili sono ra- 
rissimi, ma l'effetto preventivo di tali leggi 



si fa sentire in modo molto potente e bene- 
fico a favore della donna, e. per esse, si eleva 
il livello morale del popolo. 

Quanto poi alle alterazioni che il suffrago 
femminile ha portato in Australia nell» 
posizione economica e industriale relativa 
fra uomini e donne, il processo di evoln- 
zione è stato lentissimo, e come un sìntomo 
di esso basterà citare il caso recente dì nn 
senatore dell-a federazione il quale ha pro- 
posto di rendere le paghe delle donne eguali 
a quelle degli uomini in tutti gl'impiefflii- 

Questa proposta Ita un grande signiticato, 
non tanto per il fatto economico che implica 
quanto per la persona che l'ha avanzata: 
non certo un entusiasta del movimento fem- 
minista ma un uomo politico, di opinioni 
comuni a quelle della gran maggioranza dei 
suoi coUeghi, il quale aveva la coscienza 
che, dal momento ohe egli doveva la sua ele- 
zione in parte anche alle donne che gli ave- 
vano dato il voto, era suo dovere elie eBse 
fossero trattate alla stessa stregua degli al' 
tri suoi elettori. 

Si può quindi concludere che l'esperienza 
dell'Australia, durante gli ultimi dieci anni, 
ha dimostrato che il potere degli uomini mi- 
gliori in una comunità:, di coloro ai quali 
è a£Bdata la funzione legìslatìvR, viene gran- 
demente rinforzato dal contributo che dà h 
donna esercitando il suo diritto elettorale. 



TL DIVORZIO NEGLI ST.\TI UNITI ' 



Coloro che formularono la Costituzione 
degli Stati Uniti non sapevano quale granile 
beneficio rendessero alla nazione lasciamli) 
la soluzione di tante questioni all'arbitrii) 
degli abitanti dei sìngoli Stati sorti dalle 
distinte colonie inglesi. Quel documento, che 
si credeva generalmente dovesse organizzare 
soltanto una confederazione, dette invece 
origine a nn potente governo centrale: 
tutt-avia il fare leggi relative agl'interessi 
individuali dei cittadini spetta quasi uni- 
camente alla Legislatura dì ciascun Stata 
senza che gli altri Stati possano influire 
sulle determinazioni di essa. 

Data l'enorme superficie dell'Cnione Jinie 
ricana, data la grande varietà dei suoi climi, 
è una grande fortuna che in moltissime que- 
stioni d'interesse locale ogni sìngolo Statn 



(U Da no ■rtlcolo di 6. Willkt .V^ 

CtTìlvrg ani AfUr, geniiala. 



Goog[c 



MINERVA 



pussH provvedere come crede più opportu- 
no. A proposito del divorzio, ecco per soinuii 
oapi come provvedono le leg^i dei vari 
Stati. 



[ ' 



i motivi di divorzio. 



Xella Carolina meridionale non è legal- 
mente ammesso il divorzio, e il matrimonio 
nou è valido se l'ano degli sposi era divor- 
ziato con sentenza ottenuta in altro Stato. 

Xello Stato di New York solo motivo di 
divorzio è l'adulterio, se dimostrato al- 
l'evidenza dal coniuge cbe promuova azione 
per ottenere sentenza di divorzio (1). Cosi av- 
viene che, se il coniuge fedele al vincolo 
coniugale noti vuole divorziare sebbene tra- 
dito, l'altro coniuge non può in alcnn modo 
sciogliersi da quel vincolo con il divorzio. 
E quando questo sia concesso, al coniuge 
colpevole è vietato di sposarsi nuovamente 
nello Stato medesimo, ciò cbe non gl'ìmpe- 
disce, però, di contrarre nuove nozze in 
altro Stato. Nella Carolina settentrionale la 
legislazione ani divorzio è eguale a quella 
dello Stato di New York. 

Nel Afaryland e nel New Jersey sono con- 
cessi divorzi non soltanto per adulterio, ma 
aucbe per abbandono del coniuge, se 
protratto per due o tre anni. Nella Virginia 
a questi due motivi si aggiunge la con- 
dantia per un delitto grave. 

Ij'abbandono per due o tre anni vien con- 
siderato motivo sufficiente di divorzio in 
tutti gli altri Stati, e così pure l'adulterio; 
iu quasi tutti, inoltre, i tribunali concedono 
divorzio per ubbriachezza abituale, per 
condanna grave e per crudeltà verso 
il coniuge. Si può dire, perciò, cbe all'ia- 
fiiori degli Stati di New York, delle due 
Caroline, del Maryland, del New Jersey e 
della Virginia, le Legislature dì Stato sono 
unanimi nel concedere il divorzio per cin- 
que motivi. 

Oltre a questi, la pazzia è motivo valido 
di divorzio nella Florida e netl'Idaho; la 
noncuranza di provvedere agli ali- 
menti della moglie è sufficiente motivo iu 
California, nel Colorado, nel Delaware, nel 
ridabo, nel Maine, nel Massacbusetts, nel 
Micbigan, nel Montana, nel Nebraska, nel 
Nevada, nel Nord Dakota, nel Sud Dakota, 
nel Rbode Island, nel Vermont e nel Wyo- 
ming. 



Nella Florida è buou motivo di divorzio 
l'abituale temperamento collerico e 
violento d'uno dei coniugi; nel Kansas e 
nell'Ohio lo è la grave trascuranza dei 
doveri coniugali. Nel distretto di Co- 
lumbia, le cui leggi vengono fatte dal Con- 
gresso, prevalgono le norme dello Stato di 
New York. 

I cittadini di New York cbo vogliano sot- 
trarsi al peso di un matrimonio disgraziato 
possono adottare due mezzi. Qaalcbe volta 
il marito permette alla moglie di coglierlo 
in Sagrante adulterio dinanzi a testimoni, 
col rìschio, però, elio il tribunale gindicbi 
trattarsi di collusione. Il mezzo pitt comu- 
nemente scelto, quando entrambi i coniugi 
desiderino il divorzio, è che l'uno di loro 
prenda domicilio in un altro Stato dove la 
legislazione sul divorzio sia più liberale. 
Gli Stati attualmente preferiti a quest'uopo 
sono il Sud Dakota e il libode Island. La 
moglie che chieda divorzio passa una parte 
di un anno nella nuova ginrisdizione. e ge- 
neralmente ottiene la sentenza di divorzio 
per il motivo che suo marito non provvede 
al sostentamento di lei. Poco importa se 
essa, come tatvottu avviene, è la più ricca 
dei due. 

Frequenza dei divorzi. 
Dall'ultimo censimento degli Stati Uniti, 
fatto nel 1900, si ebbero le seguenti cifre 
statistiche : 

Abitanti Te,30.1.S8T 

Celibi e nobili U.I8T,15fi 

Coningnti 27,8«t,781 

Vedovi 3,903,857 

Dfvoriiatì ia9,»6S 

II World, giornale di New York, dava nel 
suo almanacco la seguente tabella con il 
numero dei divorzi ottenuti in alcune città 
americane dal 1!H)0 al 1001: 



Anni 


s 


Flto-I 
dolHu 


».». 


Chl«go 


Itidi»- 
napulta 


Omaha 


laoo 


r)32 


4«4 


245 


1690 


314 


341 


IflOl 


596 


494 


445 


1740 


470 


368 


iyo2 




577 


Uì. 


199» 


387 


358 


1903 


803 


640 


r>o« 




314 


314 


ISOl 


813 


614 


512 


a350 


260 


372 



Confrontando queste cifre con In popola- 
zione di ciascuna di queste città, vi sarebbe 
motivo a conchiudere che il divorzio è 
più popolare nell'Ovest cbe nell'Est 
degli Stati Uniti. 



Digilizcd by 



Google 



MINERVA 



Confluii di gin ri siti zio ne. 



Abuso del divorzio. 



È stato proposto che la Costìtuzioue ame- 
ricaiia venga emendata in mo<Io da dare al 
Coiiffresso Nazionale piena Riurisdiaione 
su ogni queetìone riguardante i nia- 
trìnioni e i divorzi. Se ciò avveiiisse, 
molto probabilmente verrebbero adottate 
dal Congresso le norme vigenti nel maggior 
numero dì Stati, ossia le leggi più liberali, 
non già le più severe oggi in vigore negli 
Stati di New York, del New Jersey e del 
^laryland. 

Intanto, data Fattuale diversitii di leggi 
sul divorzio nei vari Stati dell'Unione nord- 
americana, le questioni di giurisdizio- 
ne danno luogo a non poche complicazioni. 
Per esempio, nel New York e in qualche 
altro Stato sempre fu sostenuto che il tri- 
bunale il quale dia sentenza di divorzio non 
ottiene alcuna giurisdizione sul coniuge il 
quale al processo né sia comparso perso- 
nalmente nk ai sia fatto rappresentare da 
un procuratore. Ora possono avvenire casi 
simili a questo. La moglie di un new-yorkese 
ai domiciliò uel Rliode Island e ottenne sen- 
tenza di divorzio; il marito uè si recò né 
si fece rappresentare al processo. Lei, più 
ricca di lui, partì con i figli per nn viaggio 
in Europa. Dopo qualche anno ritornò a 
New York per una breve gita, e quel tri- 
bunale stabilì che il marito aveva diritto 
non meno di lei a tener seco i figliuoli, no- 
nostante la sentenza del Uhode Island. 

Così possono sollevarsi questioni sul di- 
ritto alPereditA, sulla legittimità dei 
figli, snl diritto alla patria potestà. 
Vi furono persone di New York, uomini e 
donne, che ottennero divoraio per futili mo- 
tivi in qualche Stato occidentale, e che dopo 
avere nuovamente sposato si trovarono ac- 
cusate e processate per adulterio dinanzi a 
qualche tribunale dello Stato di New York. 

È bone, quindi, che colui il quale aposi 
una donna divorziata in altro Stato faccia 
esaminare da un avvocato il diritto che lei ha 
di contrarre nnove nozze, come un tale che 
compri una casa dovrebbe accertarsi se essa 
appartiene realmente a chi gliela vende, 
o se non vi siano vincoli sulla sua pro- 
]>rietà. Altrettanto si dica quando si tratta 
•runa donna che si accinga a sposare un 
uomo divorziato. 



l piti importanti problemi relativi al di- 
vorzio sono l'avvenire dei figli e il 
mantenimento della moglie. Coloro cbe 
contraggono matrimonio con la probabili!;! 
di avere figliuoli s'impegnano non soltanto 
verso il rispettivo coniuge, uls anche verso 
i figli nascituri : ai coniugi sia pure per- 
messo di svincolarsi reciprocamente dal nodo 
coniugale, non però dagli obblighi che banito 
verso la loro prole. 

Ingiusta é pure la legge che costringe il 
marito a provvedere gli alimenti alla moglie 
divorziata e già passata ad altre ndzze; gli 
alimenti dovrebbero cessare quando la doniin 
si rimarita. 



I t 



ti «It'otti di una troppo l'acilc It-gìsiHxìuiii' s.il 
I si ossiTVftiio Torsi! [liii clu- nltrove mila l'ii'- 
iot;\ (li N'o»-por(; In <|itoEtn fitta un iiiiiiii.-n> n- 
Hoarao <li ]icrs<>iio ai riunisco sjipsiio i 
pranzi o trattenimenti in oui v'è quasi seiuprt qnal- 
clie jiorauna (iivorziata. Avvieno ooal di vodeivi ijual- 
elle signuriua obe uuu nullità piìi auu pitdre pervlie 
pasantu a accollile iiuzKt<. K appunto una certa sigixi- 
rinaX, [illui]uiilu ai oliicilvvadialii fuMse ttglia, riatHi-^e 
anmrnmeutc: ■ Ob. io sono lu aula signorina X cIip 
abbia due padri e due luailri b. 

Il divorzio dei genitori non può non avere 
dolorose conseguenze per i figli, e leg;.'i 
che concedano troppo facilmente il divorzio 
non possono non riuscire fatali alle future 
geueriizioiii. 

UNO SCKITTOKK REALISTA AMEKIOANn 

.iACK LONDON (I) 



Già da alcuni anni richiama ]'attenzioii<; 
del pubblico dei lettori americani un gio- 
vane scrittore, il quale segue con sncceESO 
l'esempio dì Uudjard Kipling; a dire il 
vero, egli non lo imita, ma da lui si inspira 
e con lui ha comune il gusto per gli argo 
menti brutali, l'adorazione per la forza in 
tutte le sue manifestazioni. Jack London 
scrive in una lingua forte, nervosa e fles- 
sibile ad un tempo, una lingua in cni poco 
si sente l'infiuenza della lettura di libri e 
che tradisce lo scrittore di razza. In questa 
lingua egli descrive le violenze del paese 
sinistro, in cu! egli stesso visse e scffrì: le 
tempeste dell'Oceano Glaciale Artico, le so- 

(1)1» un artloolo di Uirv Bir.or, IUbtioOH^m Unirrtr'lt 
tC JtfWt JiHitu, RenDuo. 



,y Google 



M l N E K \' A 



litudìui spaventevoli dei cuinpi steruiinati 
(li gliiaccio e di neve; tutto ciò cou una 
intensità di visione, cou una poderosità di 
l'iippresentazione da pittore impressionista, 
<-he fanno di lai uu artista nel vero senso 
<'ella parola. 

Jack London è ancora giovaue. Xato a 
Hah Francisco il 12 gennaio del 1876, non 
fectì un corso regolare di studi, e colmò da 
se stesso te lacune che vi erano nella sua 
istruzione. Passò l'infanzia nelle pianure 
solitarie della California, dove imparò a co- 
noscere l'origina IJssinio mondo dei cow-boys. 
A sedici anni 6i imbarcò per il Giappone 
e prese parte a varie spedizioni di caccia- 
tori (li lontre, raccogliiìndo il muteriale per 
il suo romanzo intitolato: « Il lupo di mare ». 
In seguito si recò nell'Alaska, alle miniere 
U' oro del Klondyke, e da queste ritornò non 
iiiik portando l'aureo metallo, ma due pre- 
ziosi volumi ohe gli procurarono bella fama 
in uiezzo agli scrittori americani: una rac 
'.-olta di novelle, intitolata: « li dio dei suoi 
padri » [The Ood of hu Fatherii) e il romanzo 
» L'appello della selvaticliezza » (Tke Cali 
of ihe Wild): in questo secondo romanzo 
fautore narra la storia di un cane. 

La storia di Bnck. 

Il protagonista di quest'ultimo romanzo è 
un magnifico cane da pastore, che è stato ru- 
bato al suo padrone e venduto a certi cac- 
" atori delle regioni artiche, di quelle re- 
({ioni ove i cani servono dì bestia da soma 
e da tiro, e, quando sono inabili al lavoro, 
finiscono ordinariamente col servir di pasto 
III loro padroni. 

Le avventure di Bnck sono innumerevoli, 
le sue battaglie omertclie; egli cambia di 
]iudroae parecchie volto prima di venire al 
servizio di un uomo che sa apprezzarlo e che 
esso prende ad adorare, con tutta la devo- 
zione di un cane fedele e affezionato. Que- 
st'uomo, Thornton, una volta, nell'Alaska, 
vanta le prodezze dì Buck, e ciò provoca 
«Ielle scommesse. Thornton, il quale è quasi 
del tatto sprovvisto di denari, scommette 
ufae Buck è capace di trascinare esso solo 
una slitta carica di cinque quintali di fa- 
rina, che, di solito, viene trainata da ben 
<lìeci cani; la slitta si trova incastrata nel 
ifbiaccio e nella neve, e l'uomo che tiene 
la acommessa impone, per sovrappitt, questa 
coudisione, che il cane debba, senza alcnn 



aiuto, disincagliare il veicolo. Thornton ut- 
tacca il cane alla slittu, poi gli si inginoc- 
chia accanto. 

Gli prese 1» grosita teata ooa lu mani, e, appog- 
giandovi contro la gaanoì», mormorò: 

— Ob, Buok, se mi vooi bene... se mi vuoi bene... 
Il cine rispose abbaiando dolcemente: aveva fretta 

di esser messu alt» prova. 

Thornton si allontanò di nn piisso, poi diss*-; 

— Ora, Buck, avanti; 

Il cane diede uno strattone alle tirelle, |>oi bni- 
scameiite rlnonlò, e non un'asttinia tnttii sua si gettò 
a destra, fanendii nn balio furilwndo; la slitta treniiì, 
e Bill gbiacoio si udì uno scriochiolio. 

Buok ripetè la manovra buttandosi ijuoata volt» 
a sinistra, con tutta la forca del suo grande peso. 
Lo soriuohiolio si uouentnò, la slitta era libera, 'l'ntti 
i presenti, involontariamente, trattenevano il respiro. 

— Forza! — gridò Tboruton. 

La parola rinilHimbò come uno Bparo, e Biick si 
slaneìò facendo eigulnrc 1e tiri'llf. Tntto il suo iwrpu 
era raccolta in quello sforzo prodigioso. 1 suoi niu- 
seoli si torcevano, si gontìavano sotto il serico pelo; 
il suo largo petto .spazzava <iiiasi il suolo, mentre 
le unghie traviavano profondi solahi nella neve ge- 
lata- La slitta si dondolò a destra e a sinistro, senza 
decidersi a staccarsi: una delle zampe del cane sci- 
volò, e<l esso mandò nn grido soffocato. Poi, a sbalzi 
irregolari, la slitta si avviò, faticusaniente, lentamente, 
ma senza fermarsi piìi. Un po' alla volta gli sliati'.i 
divennero piti regolari: la slitta era slanciata. 

Tutti respirarono. Thornton seguiva Back parlan- 
dogli, incornggiandolr). La diatanza da percorrersi 
era stata misurata, e un'acclamazione generale salato 
il oano meraviglioso quando raggiunse la meta. Al 
comando del sno padrone Buok si fermò. I oappelU 
volavano nell'aria; gli nomini si scambiavano strette 

Thornton si gettò accanto a Buck, e, gnauoia cuu- 
tro guancia, scuoteva dulceiucnte il cane, e con tono 
di carezza e di tenerezza gli diceva una <|uantità di 
parole o di bestemmio ehe. certo, non eranu state 
inventate per esprimere di simili sentimenti. Egli 
piangeva. 

Morto Thornton, Buck non ebbe piìl nes- 
sun altro padrone; e cosi si spiega il titolo 
alquanto strano del libro. Già più di una 
volta, durante i terribili viaggi nel paese 
delle nevi, egli si era misurato coi lupi che 
infestano quelle regioni; poi si era ravvici- 
nato a quegli animali selvaggi; morto Thorn- 
ton, il cane non esitò più, e, quasi obbe- 
dendo a una specie di atavico istinto, si 
slanciò, anelaute a liberti^, nell*^ spavente- 
voli solitudini delle nevi. Era libero, final- 
mente: la natura selvaggia aveva ripreso 
il sopravvento. 



Digilizcd by 



Google 



228 



M 1 N E K V A 



Un volume di novelle. 

yel volume intitolato: « 11 dio dei Buoi 
padri » i racconti sono, general meiit«, molto 
brevi e quasi tatti di ai'f>;oinent« triate, ma 
tutti veri e vivi. 

Ciò che colpisce io queste novelle, anzi, 
in tutta l'opera di Jack Loiidou^è ìo quasi 
completa mancanza di filmare di doli- 
ne. Queste figure sono in numero scar- 
8Ì6SÌUI0, e quaudo l'autore lu introduce nel 
racconto, lo fa quasi a malincuore; egli, 
ebe sa tratteggiare e impostare con energia 
cosi tiera le figure di uomini, esita e riesce 
meno bene nelle figure femminili. 

lift caratteristica di queste novelle è il 
modo veramente meraviglioso in cui l'autore 
sente e riproduce il terribile fascino delle 
regioni artiche, della notte senza fine 
e dell'inverno crudele. 

" Il lupo di mare „. 

La prima opera di qualche mole, pubbli- 
cata dal London, è il romanzo The Sea-wol/, 
uscita l'anno scorso. L'argomento di questo 
romanzo, brevemente riassunto, è il seguent«: 
Un uomo di trentacìnque anni, Hnmphrey 
Vau Weydan, ricco, istruito e dalle abitu- 
dini rafHnate, naufraga non lontano da San 
Francisco e viene raccolto mezzo morto da 
un battello a vela che è partito per la caccia 
alla lontra, sotto gli ordini del capitano 
Larson, soprannominato « Larson il lupo » 
(« Wolf Larson »). Chi lo salva è it cuoco 
dell'equipaggio, un uomo abbietto che trema 
davanti al t«rribìle capitauo, ma che con i 
deboli è brutale: costui spoglia il naufrago 
dei vestiti e del denaro, lo ricopre con dei 
luridi cenci, e cosi trasformato lo presenta 
al capitano. Larson, sul cui battello scar- 
seggiano i marinai, nonostante te proteste 
e le offerte di compensi da parte del rioco 
signore, lo costringe a rimanere a bordo in 
qualità di cameriere. 

Con pochi tratti l'autore descrive la liso- 
nomia del fiero e brutale capitano: 

il volto (|uadrato, pieno e duro, dai tratti furU- 
iiieiito iiinroati, BPmbravft a prima vista un po' pe. 
sante; ben prestu queat» prima impreasiotie cedev.'v il 
posto a un'altra, e si riinnueva colpiti dalla poloDza 
intellettuale o morali- ili igurlla fiaonomia. La ma- 
BCella, il mento, la fronte, molto aviinppati, parìa- 
vano di forze latenti e innospettatf. 

Strano tipo quel Larson: violento, cru- 
dele, manesco, non sdegnava, di quando 



in quando, di intavolare interminabili dì 
scussioni fllosoficfae e letterarie col suo pri 
gioniero, il quale ne rimaneva stupefatto e 
involontariamente ammirato. L'istruzione di 
Larson sembrava fatta di frammenti ilispu 
rati: egli ignorava dello cose che sono uotis 
sime a ragazzi di quindici anni, e aveva 
riflettuto su probli'mi che hanno tormeotato 
i fttosofi da quando il mondo esìste. Discen- 
dente da una famiglia di marinai, da ra 
gazzo aveva imparato a mala pena a leg- 
gere e a scrivere; ma poiché aveva la pas 
sione della lettura, impiegava le ore d'ozio 
a far la conoscenza degli storici, dei filosotl 
e dei poeti; sembrava avesse una certa in 
clinazione per questi ultimi, eppure era nu 
matematico di prima forza. 

\Volf Larson aveva un fratello, anchVgli 
capitana dì mare e cacciatore di lontre; lo 
chiamavano « Larson la morte * [Death 
Lar$OH); i due fratelli si odiavano e, in tutti 
i modi, cercavano di farsi dispetto, di dan- 
neggiarsi. 

La vita a bordo del veliero è descritta 
dal romanziere con grande vivacità e con mia 
quantìti^ di particolari che si leggono col pifi 
vivo interesse. Da cameriere, o, meglio, da 
sguattero, Van Weydan viene promosso ma- 
rinaio, e impara ben presto a manovrar le 
vele e a tenere il timone: non poche sono 
le tempeste che minacciano dì distrazione 
la nave, il « Fantasma »; e in più d'una di 
queste tempeste Wolf Larson compie degli 
audaci salvataggi, strappando alla morte dei 
cacciatori di lontre, che su piccoli battelli 
si erano avventurati in mezzo al mare. 

U» giorno il « Fantasma * compie un sal- 
vataggio diverso dai soliti, accogliendo a 
bordo una fanciulla e alcuni marinai. La 
fanciulla, miss Maud Brewster, è una ricca 
americana, che è stata sorpresa dalla tem- 
pesta durante il viaggio verso il Giappone: 
essa offre al brutale capitano una forte soni 
ma di denaro perchè egli la conduca dove 
ella vuole; ma Wolf Larson non se ne dà 
per inteso, e pur sorridendo le fa compre)) 
dere che egli non ha nessuna intenzione di 
rinunziare alla campagna da Ini intrapres»; 
e cosi la fanciulla è costretta a rimanere a 
bordo del • Fantasma ». 

Fin dai primi giorni fra Van Weydan e 
miss Brewster, appartenenti alla stessa 
classe sociale e fatti per intendersi, sì sta- 
bilisce un cordiale accordo, ma essi cercano 



,y Google 



MINERVA 



(li nascondere questo accordo al Aero capi- 
tano, il quale sembra inva^bito della gio- 
vane americana. 

Intanto proseiirue la lotta fra Wolf Larson 
e il suo terribile fratello; quest'ultimo sot- 
trae a Wolf Lamon una parte della sua preda 
e fa prigionieri alcaui dei anoi uomini; Wolf 
Larson, alla aua volta, sorprende nna barca 
appartenente a ano fratello e minacciando 
morte costrìnge gli uomini che la montano 
a entrare al suo serviisio. Per celebrare la 
vittoria, e per propiziarsi i nuovi marinai, 
egli fa ubriacare tutto l'eqni paggio, e di que 
sta circostanza, e di un improvviso malore 
sopravvenuto al capitano, approfittano Yan 
\Veydan e miss Brew8t«r per calare in mare 
un canotto, sul quale fuggono. 1>0[)0 aver 
vagato a lungo, sopportando non pocLe sof- 
ferenze, in moBZO all'immensità del Pacifico, 
essi approdano a un isolotto ignorato dai 
geografi e 1) si stabiliscono; e sulla spiaggia 
trovano an giorno arenato il «Fantasma », 
sul quale 6 rimasto, del tutto solo, abban- 
donato a morte certa, gravemente ammalato 
e cieco, Wolf Larson. Aiutato dalla corag- 
giosa fanciulla, Yan Weydan riesce a rag- 
giustare il « Fantasma » tanto da potersi 
rimettere in mare; e il vecchio lupo di mare 
muore poco prima che i nanfragfaì vengano 
salvati da un bastimento; dopo di che essi 
si sposano e vivono felici. 

Quest'ultima parte è la meno interessante 
del curiosissimo libro, la prima parte del 
quale è veramente notevole. 

11 romaazo del lo(tal«re. 

Molto pm breve del « Lupo di mare » è 
l'ultimo racconto del Jjondon, intitolato: 
Tke Game « Il giuoco », o, per essere piil 
esatti, il giuoco dell'arena, ossia la lotta 
corpo a corpo, per la quale in America vi 
è una grande passione. 

Il lottatore aveva già trovato degli scrit- 
tori che lo celebrarono: Conan Doyle ebbe 
a riportare un notevole successo col RoAnay 
Stone; anche Bernardo Sbaw fa di uu lotta- 
tore l'eroe di un romanzo; ma forse egli si 
prende alquanto beffe del suo pubblico, in 
ciuesto romanzo, intitolato Ciuhel Byron'e 
pro/easion. Il London, invece, ci racconta 
con perfetta serietà la storia molto semplice 
di Joe Flemming: si sente che egli è pene- 
trato di ammirazione per questa manifesta- 
zione della forza; si comprende che il roman- 



ziere ha veduto e seguito con interesse e 
magari con angoscia le peripezie della lotta 
ch'egli descrive. 

Joe, il lottatore già celebre, adorato dal 
pubblico di New York, ha soli venti anni ed 
è, fuori del suo mestiere, il più ingenuo, il 
più tenero, il piil generoso degli uomini; 
sobrio, di condotta irreprensibile, èia prov- 
videnza della sua famiglia povera e nume- 
rosa, il pili rispettoso dei figli, il miglioro 
dei fratelli. Egli è fidanzato con una cara 
fiinciulla, Genoveffa, commessa di negozio; 
e il piccolo romanzo di questi due giovani 
è narrato dall'autore con molta sobrietà, 
con un accento di verità e con una delica- 
tezza che fa veramente onore a questo glo- 
rificatore della forza brutale. In questo libro 
il London, tracciando una figura di donna, 
ba saputo trovare la nota giusta. 

Qenovefl'a ba strappato al suo fidanzato 
la promessa che egli abbandonerà l'arena: 
Joe è troppo innamorato di lei per non 
compiacerla; ma moltoa malincuore rinunzia 
al suo esercizio favorito, e domanda a Ge- 
noveffa il permesso di lottare ancora una 
volta, l'altima, affrontando un formidabile 
avversario, Il terribile Ponte. Egli invita 
la fidanzata ad assistere allo spettacolo, ma 
poiché ciò è proibito alle donne, la piccola 
Genoveffa indossa abiti maschili e si na- 
sconde nel camerino di Joe, dal quale, at- 
traverso un foro praticato nella parete, può 
veder tutto senza esser vista. 

Dapprincipio essa comprende ben poco di 
quel « giuoco », intomo al quale si sono 
impegnate molte scommesse e che le sembra 
terribile e poco bello; essa trema per il suo 
fidanzato, che, cosi giovane ed esile, si trova 
a combattere contro un gigante dai muscoli 
enormi, che lo attacca con bestiale violenza. 
Ma Joe, C'tu abile tattica, si applica a stan- 
care l'avversario, e, agile come un gatto, 
sfugge alle strette dì Fouta; e cosi la lotta, 
che il London descrive con tanta vivacità 
da dare veramente l'impressione della scena 
vissuta, si svolge in mezzo al piti intenso 
interesse degli spettatori. 

Finu a quel momentu Gi-nuvutfa non aveva mai vt- 
duto il SDO fidanzato quale egli era realmeute. lu 
certi momeuti egli aveva una fisoDomìs giovaue giu- 
Tone, quasi tofantile; in altri, sotto i colpi terribili 
di Putta, quella fisunomia diventava grigia e stirata. 
Or» la fanciulla vide il lotCator?, ed ebbe paura. Egli 
ai ritirava du lei, lontano, diuICo lontano; da lui che 



Digilizcd by 



Google 



230 



MINERVA 



<-T«devii di ooaipraiulvrlo. <11 tenere la un» anima e 
tutto il SDo eisera nella sua piooola mano. Qnel- 
l'Qomo iiclrnrena eusa non lo oonusoevu; qati volto 
<li aooialo, quella bocca di acoiaiv, quegli occhi dai 
ririessJ di aociaiu! Kgli le apparve poiue l'angelo im- 
[lasaiblle delle celenti vundett*'. 

lutante Joe incalzava sempre piil il suo 
avversario, il quale, confuso, pesto, batteva 
l'uria con le braccia impotenti; e nulla gli 
restava più di umano: era la bestia feroce 
iii'laute (li rabbia, clic sta per essere ab- 
battuta. 

Agonizzante, anelante, uaituute, con gli octlii morti, 
l'onta si movevA, grottetwo ed uruip» ad un tempo, 
Kettandosi contro il buo avversario, elie di nuovo lo 
ri'spingeva... In qoel momenti) un piede di Joe MCi- 
volò sul terreno nmido . l'unta vagamente eapl il 
proprio vantaggio, e con tntta la S017A obe gli re- 
stava ai raonolxe a sferrò nti pngno al mento di Joe. 
Il giovane cadde anpino. Genoveffa vide i nnoi mn- 
•'•.•oU ohe ai rilauavano. prima ancora cbe egli too- 
l'usso il suolo, n intese il oolpu aordo della testa 
routro il pavimento. II frastuono del pabblioo al- 
iante oessò all'improvviso. Il giudice, chinatosi presso 
il L'urpo immobile, oontìi ì Necondi, mentre Honta, 
Hi-ntendosi mancare le gambe, cadeva iu ginoccLiu e 
Hutfocava, e ai dibatteva facendo sforzi per respi- 
rare. I dicci seeondl furono couiJiti. Il vlneit-ire 
era lui. 

Joe viene portato nel canieriuo, e la fan- 
ciulla, clie, dapprima, non aveva avuto trop- 
pa paura, provando, infondo, il sentimento 
di aver t;uailagnatoessa la partita contro la 
sua terribile rivale, la lotta, quando sente 
che vi è bisogno del medico comincia a tur- 
barsi. S'ÌDginoccliia accanto a Joe e sente 
il medico che pronunzia le terribili parole: 
« Qui non c'è nnlla da fare per me. Jfan- 
date a cercare l'ambulanza ». 

.\llurii, |ier GcnovelTs.ogrii cosa diventò vaga qaunto 
Ulivi, l-'^sa ebbe la percei^ione cbeJoe veniva portato 
via su di una barella e ehe l'aria fresca della notte 
soffiava intorno a lei. Qnaleuni) la proteggeva, l'ao- 
compagnava. Poi capì ohe ai trovava in un ospedale, 
e che i abirnrghiesnininavano .loe. Uiin di essi disse; 



Le labbra di Genovelfa erano aride e la sua gota 
si stringeva tanto da farle male. Ma perehè non plan- 
nevaf Avrebbe dovuto piangere. lmpTovvisanient« si 
pre'HJCupTi dell'ora ; vide ohe il giorno oominoiava a 
spuntare, e mormorò : 

— Dovevamo sposarci, oggi.,.. 

Così finisce l'impressionante racconto. Per 
certo, un grande avvenire è riservato al gio- 
vane romanziere che sa scrivere di queste 



pagine. Conviene sperare che la vita gli in- 
segni a disciplinare l'incontestabile suo ta- 
lento, a evitare la brutalità, a descrivere 
così le lotte interiori dell'uomo, come le 
battaglie feroci degli esaeri primitivi. Al- 
lora Jack London potrà flgorare tra gli scrit- 
tori di cui l'America tia il diritto di andar 
superba. 

COLONIE 1N(ÌLKSI E COLONIE FRANCESI "> 



Avendo avuto l'opportunitù di trascorrere 
alcuni anni iu Tunisia e nell'Algeria, il 
sig. Harris è stato spesso colpito dulie so- 
stanziali dill'ereuze che intercedono tra la 
i-olouizsaziono inglese e qneUa francese. 

Nelle sue amichevoli relazioni con gl'in- 
digeni — dei quali aveva appreso la lingua — 
il aig. Harris non trovò mai che questi fos- 
tiero coutenti del governo francese: accetta- 
vano l'inevitabile con la loro apparente ras- 
segnazione musulmana, pur fremendo sotto 
il giogo della potenza •< infedele ». 

Il malcontento che regna tra gli Arabi so;;- 
getti ai Francesi li spinge a stabilirsi in gran 
numero nell'Egitto. 

Sin dal 1882, quando l'Inghilterra occupò 
questo paese, si è avuta in esso un'immigra- 
zione continua «lai domini francesi e tede- 
schi. La gran massa della popolazione indi- 
gena preferisce il governo inglese agli altri 
governi. 

Quale è la causa di questi fattil 

Vaotaggi dei metodi inglesi. 

L'inglese non frappone tra sé e gl'indi- 
geni una barriera insormontabile dì albi^tia 
e di disprezzo; egli ne intuisce il carattere, 
riconosce e apprezza le loro buone qualità, 
mostra verso dì essi molta Hduoia che lì se- 
duce e lì conquista; li tratta come nomini. 
Il francese,invece,con8Ìderagl'ìndìgenì come 
esseri inferiori; egli li derìde, perchè hanno 
la iielle un poco più oscura dolla sua: ma 
nulla potrebbe renderlo più impopolare. 

Quale sìntomo di questo spìrito op)K>8to 
dei due popoli colonizzatori, notiamo che i 
militari francesi non portano mai It muftì 
nelle colonie: con le loro uniformi vistose, 
essi ricordano sempre che il paese è stato 
soggiogato dalle loro spade. Invece, gl'In- 
glesi indossano quasi sempre gli abiti eivili. 

(I) Da un artlaila <U n. 6. Umibix, Chimbtn't JcwnBl, tf-'<' 



yGoogle 



Al i N li H V A 



d'Inglesi 9Ì liinitano a occiiiiare vivida- 
mente ywcUi punti strategici; invece, i posti 
militari francesi sono innumerevoli. Viag- 
ifìando sul versante meridioiialo dell'Atlante, 
si arriva a un piccolo villaggio sperduto, 
loi-niato da alcune casupole di fango, un 
tfrui>po di palme, un corso d'acqua; ma vi 
ì' l'inevitabile fortino, col relativo coman- 
dante, ebe, circondato danna mezza dozzina 
(li soldati, braveggia come un piccolo re nel 
):uo piccolo dominio. Un soldato vi fa subito 
supere clie — certo, per alti motivi — il eo- 
iiiandante ha bisogno di vedere il nuovo ar- 
rivato... Nulla di simile sotto il regime in- 
;;lese. 

In Egitto ogni impiego, nelle poste, nei 
Megrafi. nelle ferrovie, è occupato dai na- 
tivi: in Algeria e in Tunisia sono i francesi 
''lie occupano ttittì ì posti, con retribuzioni 
l'Iie per essi sono troppo magre, mentre 8»- 
Ffbbero vistose pei- gì' indigeni, e, piii di 
ogni altra cosa, renderebbero loro bone ac- 
i-i'tto il governo. 

Le tarift'o protettive hanno danneggiato le 
'•olonie francesi assai piti che non abbiano 
giovato alla Francia: in causa di queste ta- 
riffe è sovente impossibile, cosi ai coloni 
'ome ai nativi, di acquistare i materiali ne- 
(■cssari alle loro industrie e agli usi do- 
mestici. 

La Francia è stata assai pigra nel . dare 
incremento alla ricchezza naturale del paese 
e nello afruttare le ricchezze minerarie del 
Rottosaolo. r giacimenti della Tunisi» sono 
ancora quasi intatti, mentre rappresentano 
mia ricchez7,a non inferiore a quella della 
valle del Nilo. Le miniere di ferro delio 
S'esso paese darebbero 4 o ìi milioni di ton- 
nellate di minerale eoi rendimento del 50 
l>er cento in ferro. Il governo francese è 
fretto nello spendere i capitali; quello in- 
glese, invece, ha profuso centinaia di milioni 
nelle grandi dighe di Luxor e di Asaiut, 
clie hanno accresciuto straordinariamente la 
ricchezza agrìcola dell' Kgitto. 

Qualche vaatagRiff dei metodi francesi. 

1 Francesi hanno saputo organizzare nelle 
loro colonie nord-africane un'amministra- 
zione fianitaria generale di gran lunga su- 
periore a quella egiziana. Hanno anche sa- 
l>uto imporre il proprio sistema di pesi e 
Diisure, applicando le debite ispezioni. 



Sotto altri riguardi i Francesi hanno fatto 
molto meglio degli Inglesi, l'er esempio, 
mentre alla dogana di Tunisi in quindici 
minuti, in mezz'ora al mtissimo, sì può otte- 
nere un certificato che autorizzi it ritiro 
dello merci, il meccanismo burocratico di 
Alessandria è cosi complicato, ohe si deve 
passare per la trafila di tredici impiegati 
indigeni e visitare altrettanti uffici diversi. 

Tutto considerato, per&, la superioritii dei 
metodi inglesi di colonizzazione ^ inconte- 
stabile. _ _ 

LK INDAGINI MODKHNh: 

INTORNO ALL'ACQUA POTABILE U 



Alla questione dell'acqua potabile si è data 
sempre una grande importanza. 11 fatto che 
il consumo di esaa può, in date circostanze, 
esser fonte di perìcoli per la salute, con- 
dusse già in tempi lontani gli studiosi a in- 
dagare con speciale attenzione la composi- 
zione di questo liquido. Naturalmente, nelle 
varie epoche, le idee variarono a seconda 
del grado d' istruzione, e così, per esempio, 
nell'antichità e nel medio evo l'unica opi- 
nione ohe fosse accettata per spiegare le 
funeste conseguenze del consumo di certe 
acque era di ritenere che esse fossero inqui- 
nate con l'agginnta di qualche veleno. 

Kicerche chimiche. 

Quando la chimica cominciò ad affermarsi 
come scienza indipendente, gli studiosi pre- 
sero a cercare soltanto nelle sostanze chi- 
miche gli elementi dannosi alla salute. Si 
stabilì allora quale dovesse essere la com- 
posizione chimica dell'acqua potabile, e si 
escogitarono dei metodi che oggi dalla scien- 
za progredita non sono più accettati. Tut- 
tavia è certo che la chimica ha fatto fa- 
re notevoli progressi all'analisi del- 
l'acqua potabile. 

Il risultato principale delle ricerclie di 
questo ordine è che l'acqua può considerarsi 
come pura solo quando, su 100,000 parti, 
non se ne contino che 2 o 3 di cloro, da 0.5 
a 1.5 di acido nitroso e di acido nitrico, e 
qualche lievissima traccia di ammoniaca. 

Le ricerche batteriologiche. 

Era riservato, però, alla batteriologia 

di determinare il perchè un'acqua, anche se 



lu. n gr 



,y Google 



MINERVA 



cliiinicamente inappuntabile, possa atl'occar 
8Ìone determinare lo scoppio di terribili epi- 
demie. 

Come l'aria che noi respiriamo, come il 
terreno che iioi calpestiamo, così anche 
l'aijqiia è piena di un'infinità dì esseri vi- 
veuti piccolissimi; essa contiene dei 
germi la cui grandezza è di pochi millesimi 
di millimetTo e ciascuno dei quali può, in 
coudizioQÌ favorevoli, svilupparsi e molti- 
plicarsi all'infinito. Versando una data quan- 
tità di acqua su di nn terreno adatto, per 
esempio in un brodo di carne con gelatina, 
e lasciando indurire siffatta miscela, ciascun 
germe dà origine a uua colonia, la quale in 
breve tempo diventa cosi grande da poter 
essere percepita a occhio nudo. 

Le ricerche degli stadiosi hanno dimo- 
strato che la parità dell'acqua è in ragione 
inversa del nnmero di tati germi. 

Questo sistema di analisi per mezzo 
della gelatina, per quanto eia semplice, 
ha non pochi difetti. Anzitutto, il numero 
dei germi di uua stessa acqua non è sempre 
eguale: un'acqua povera di germi, lasciata 
per breve tempo cosi com'è, può diventare 
ricca di germi. Il sistema di aualisi con la 
gelatina non dà, dunque, un risultato esatto 
se non quando l'acqua venga esaminata su- 
bito dopo essere stata attinta. 

In secondo luogo, bisogna far distinzione 
fra il numero dei germi e la loro qua- 
lità. In mezzo alle migliaia di colonie del 
tntto innocue, ve ne possono essere alcune 
pericolose per la salute, e l'accertare l'eai- 
stcù>:a di queste colonie talvolta non è pos- 
sibile se non per meazo di difficili e lunghe 
ritrerclie. Finalmente, la crescenza delle co- 
lonie si compie con grande lentezza, e solo 
dopo parecchi giorni sì è in grado di con- 
tarle. Il sistema della gelatìna non è, per- 
tanto, efficace se non quando si tratta di con- 
trollare, per un periodo di tempo abbastanza 
lungo, nn'acqua di cui si conosca, approssi- 
mativamente, il numero dei germi. 

Se da un momento all'altro il numero 
delle colonie aumenta in misura molto no- 
tevole, si può coneludere che l'acqua ha su- 
bito un processo dì inquina luento; ma di 
qual genere questo inquiuameiito sia, l'ana- 
lisi con la gelatiua non è assolutamente in 
grado dì rivelarlo. 

Con tutto ciò questo sistema è stato per 
molto tempo l'unico che fosse adoperato, e 



solo in tempi recenti si è fatto ricorso a itu 
altro procedimento. 

Un nuovo metodo di analisi. 

Indagando da qual parte vengano ì perì- 
coli che minacciano la nostra salute pei 
mezzo dell'acqua potabile, vediamo cbe le 
fonti quasi esclnsive sono gli escrenieuli 
umani, sopratutto quelli solidi. Non è, dun- 
que, ingiustificato ìl pensare che, quando 
un'acqua sia in tal modo inquinata, ei abbia 
da considerare la possibilità che insieme coii 
le accennate sostanze siano penetrati uel 
l'acqua dei germi dì infezione. 

Gli escrementi amanicontengouounaqiian- 
tità immensa, dei miliardi, di un germe de- 
tcrminato, il cosidetto colibacillo. Ac- 
canto a questo si trovano talvolta dei lai- 
crorganisml che diffondono il tifo, il colera, 
la dissenteria. È naturale che in uu'acquu 
inquinata nel modo indicato sia molto più 
facile trovare il colibacillo che non gli al- 
tri germi. Ora, per determinare se in un'ac- 
qua si trovino dei colibacilli, è stato cfr 
strutto recentemente nn ingegnoso apparer 
chio consistente essenzialmente in un tu 
betto di vetro della forma di un U con l'asta 
destra ridotta alla met& (b). Il braccio più 
lungo di qnesto tubetto ò chiuso. Kiempilo 
l'apparecchio con l'acqua da analizzare, vi 
si aggiunge ona soluzione dì glucosio, peptODv 
e sale dì cucina in uua concentrazione iti 
uno per cento. Poi si espone il tutto a un» 
temperatura di 46 gradi sopra zero. Se nel- 
l'acqua sì trovano dei colibacilli, il liquido 
risulta tutto uniformemente intorbidato, e 
si avverte pìil o meno accentuata, entro ad 
esso, una formazione di gas; se invece l'ac- 
qua e pura, solo in capa a quarantotto orr 
l'acqua nel braccio aperto comincia a iutor- 
bidarsì, ma non sì ha mai formazione di ga^ 

Come si vede, questo procedimento è molro 
semplice ; in tutte le prove fatte esso h» 
dato eccellenti risultati. 

Trovato cosi il mezzo dì determinare i^t 
nell'acqua vi siano dei colibacilli, rimant 
una questione: se, cioè, si debba rinnuzìarf 
a bere dell'acqua in cui sia stata accertala 
la presenza di questo microrgaDÌsmo. Ora è 
un fatto che davanti a un'acqua della quale 
sappiamo che contiene auche delle picco- 
lissime traccie di escrementi, noi proviamo 
una sensazioue di naturale ripugnanza. K 
questa ripugnanza è giustificata, giacche 



Digilizcd by 



Google 



M 1 N E B V A 



DOa è mai eselusa la possibilità che ineieme 
col colibacillo siano penetrati Dell'acqua dei 
m i ero i^ani Bini non innocui al pari di esso, 
bensì diffonditori di malattie infettive. 



MA CRITICA INSLESE DELU MUHIGIPAUSmiONB •" 

L'insigDe scrittore inglese Lord Avebury, 
più oomunemente noto col nome di John 
Lubbock, ba pubblicato or non è molto un 
volnine intitolato On munioipal and natìonal 
trading, nel quale si parla quasi esclusiva- 
mente del municipalismo in Inghilterra, ma 
che tuttavia è molto istruttivo anche per 
gli altri paesi, giacché presenta dei carat- 
teristici esempi del risultato delle imprese 
industriali esercitate, con o senza monopolio, 
dallo Stato e dai municipi, 1/ Inghilterra è 
il paese dove forse ha avuto il massimo 
sviluppo la municipalizzazione di certi ser- 
vizi pubblici. Perciò l'esperienza dì questo 
paese è molto istruttiva. Dal libro di Lord 
Avebury ci limiteremo a riprodurre, senza 
eomenti, alcuni passi e sopratntto alcune 
cifre, 

L^antore incomincia ricordando che nel 
18(18 il totale delle spese locali era di 36 mi' 
Honi di sterline. Nell'esercizio 1891-92 que- 
sto totale non superava i 7(i milioni. Kel 
decennio seguente, per effetto della mani- 
ci palizzazione, si ha un aumento enorme, 
e le spese salgono a 144 milioni di sterline. 
Indicci anni le spese locali crebbero 
di 1700 milioni di franchi. In conse- 
guenza la media delle tasse locali in ven- 
tidue anni è aumentata del 61 per cento. 

Si noti che Lord Avebury non è il solo 
a segnalare gli inconvenienti di questa esten- 
sione delle funzioni municipali. « Nelle spese 
locali — scrive Sir K. Giffen — noi ci tro- 
viamo di front* a una vera malattia de) go- 
verno locale, di fronte a spese che in parte 
sono inutili e pazzesche, perchè le autorità 
locali sono spesso cattive amministratrici, 
anche quando non siano corrotte ». 

Da parte sua Lord Avebury aggiunge: 
« Se i municipi persìstono a imbarcarsi in 
imprese commerciali, sono persuaso che essi 
aumenteranno le imposte, impediranno il 
progresso delle scoperte scientìfiche e soffo- 
cheranno, se non distruggeranno del tutto, 

(1) Ba OH ■rtieola dì E. LRVtaiKL'R, . L' Eeoniinitte Franrait. 



lo' Spirito d'iniziativa privata, al quale so- 
pratutto si dovette in passato la nostra su- 
periorità commerciale ». 



Troppe attribuzioni i 



inicipali. 



Anzitutto, l'intervenzionismo ha per ef- 
fetto di imporre alle autoritìV municipali 
un soverchio carico dì affari da sbrigare. 
Per esempio, ti Consìglio della Contea di 
Londra ffovema l'istrnziooe di 700,000 fan- 
ciulli, fornisce acqua alla popolazione, prov- 
vede all'illuminazione a gas, costruisce case 
per il popolo, amministra i tram, dirìge un 
servìzio di battelli sul Tamigi, assicura gli 
immobili contro l'incendio, ecc., ecc. Ne 
viene che i consiglieri devono esami- 
nare una quantità enorme di relazio- 
ni, ciascuna delle quali occupa in media 
un centinaio dì pagine. Nella sola sedata 
del 31 luglio 1906, quei consiglieri dovettero 
votare su 43 questioni, la maggior parte 
delle quali importantissime. 

Ora, questi consiglieri, che sono membri 
del Parlamento, avvocati, negozÌMiti, hanno 
molte altre occupazioni oltre a quelle del 
Consiglio. Ne risult» cbe una quantità 
di questioni sono risolte senza che 
la maggioranza le abbia studiate, sic- 
ché, in realtà, tutto il lavoro viene sbrigato 
d(^;li uffici. 

Debili municipali e funzionarismo. 

I debiti municipali ingrossano in 
misura enorme. Sette anni or sono, il mag- 
giore Darwin contrapponeva all'Inghilterra, 
ove il debito era sui>eriore a 200 franchi 
per abitante, la Francia, dove esso superava 
di poco i 75 franchi. Nel 1902 il debito iu 
Inghilterra superava i 250 franchi per abi- 
tanti. 

UArffOM di Ttlelbóarne ba richiamato pia 
dì una volta l'attenzione dei suoi lettori sul 
numero dei funzionari, cbe per effetto 
del municipalismo è in continuo aumento; 
e l'anno scorso faceva osservare come gli 
impiegati pubblici rappresentassero quasi 
la maggioranza dei nomi inscritti nelle liste . 
elettorali. Cosi pure Lord Balfour, fn un 
discorso tenuto alla Camera dei Comuni, 
osservava come la pressione elettorale possa 
modificare il tasso degli stipendi a vantag- 
gio degli impiegati pubblici e a danno della 
massa dei salariati. Infatti, il Governo, e 
piti ancora i municìpi, difficìlmeììte 



"Ct^H? 



2;i4 



MI-NERVA 



resìstere alle domande di aumento dì sti- 
pendio messe avanti dai funzionari. In al- 
cune città inglesi gli ìinpt«gati pub- 
blici formano dal 70 all'80 per cento 
del totale degli elettori, E con arguta 
ironia osserva Lord Avebury: « A Londra 
non sono gli operai clie sono gl'impiegati del 
municipio, ma è il mnnicìpioche è l'impie- 
gato degli operai ». E naturalmente ne con- 
segue una disorganizzazione nel servizio. 

A Londra, nel febbraio del 1904, due mesi 
prima delle elezioni, si vide il Consiglio della 
Contea pubblicare una memoria nella «^uale 
enumerava tutti gli alimenti di stipendio 
da esso votati nel periodo 1899<1!H>4. Un sif- 
fatto modo di amministrazione — scriveva 
Herbert Spencer — è un ritorno al de- 
spotismo. Va esercito di impiegati civili 
conferisce, come un esercito di pretoriani, 
il potire supremo ai snoi capi ». 

U case popolari. 
Lh legge dei IHttO ha conferito ai muni- 
cipi inglesi il diritto di abbattere le case 
insalubri e di costruire essi stessi delle abi- 
tazioni. Ora si noti che recentemente a New 
York li» commissione degli alloggi lia negato 
la sua approvazione a un sistema simile, 
niotiviindo il rifiuto coi fatto che le case 
muuicipiili non banno avuto altro effetto 
die di migliorare le condizioni di abita- 
zione di po<dii favoriti, i quali sarebbero in 
grado di ])rociirarsi da sé un maggiore be- 
nessere. E u Londra, come ci informa Lord 
Aveburv, la accennata legge non ha avuto 
quasi nessuna influeuzti sul tasso del- 
le pigioni degli alloggi molto piccoli. 
« La mia opinione — dichiara Lord Avebury 
— è clic, se il Consiglio della Contea di Lon- 
dra non avesse costruita una sola casa, oggi 
si conterebbero tante e forse più abitazioni 
operaie, di quante se ne hanno >. 

Vari servizi pubblici. 
L'attività industrialo dei municipi è riu- 
scita in Inghilterra riuinnerativat 81, nel 
caso di monopolio, in cui è facile presen- 
t-are un bilancio favorevole, giaccbè il mu- 
nicìpio è padrone esso stesso dei prezzi. 
Kestn a sapere, però, se una parte della 
spesa del personale non sia stata dissimu- 
lata nelle spese generali del municipio, e 
se i contribuenti non abbiano avuto nn ser- 
vigio troppo caro. 



Quanto ai tram, il Consiglio della CoiitiM 
di Londra, autorizzatovi per legge, acqui- 
stava da una Compagnia le linee e il matt- 
riale per un prezzo inferiore di molto »1 
valore reale, iniziando in tal modo l'impres» 
in condizioni molto vantaggiose. Di tatti 
questi tram il municipio prese a esercitare 
quelli del settore sud, accordando per quelli 
del settore nord la concessione a nnn Com- 
pagnia. Ora dal 1ÌHI2, le linee dei tram 
esercite dal municipio risultano col 
bilancio in deficit. 

E veniamo all'illuminazione. Lord Ave- 
bury cita l'esempio di otto città nelle igiinli 
essa è di monopolio municipale, e nelle qnull 
il gas viene pagato il dojipio di quanto lo 
paglino ì consuiutitori in altre quattro città, 
dove l'illuminazione è esercita da comi'ii- 
gnìe private. 

Gli utili realizzati in tutta l'Iugliilten-ii 
dal servizio municipale <<el gas sommano 
a a07,000 sterline, dì cui :i(;0,000 per dodici 
grandi città manifatturiere, alla testa delle 
quali sì trova Manchester. Restano pertauli' 
sole 47,000 sterline per gli altri centoso 
santa municipi che esercitano questo mono 
polio. E naturale che per ciascuno gli utili 
siano molto scarsi e non possano essere 
ottenuti se non imponendo al consuiiiatoi-e 
un prezzo maggiore. E Lord Aveburv a^' 
giunge una considerazione importante: cbe. 
cioè, quando il gas è fornito dalle compa- 
gnie, il municìpio sorveglia severamente i 
fornitori; mentre non vi è controllo uè g»- 
ranzia quando il fornitore 6 il rannìcipio. 
Per non citar troppe cifre, diremo che a 
eguali conseguenze viene il nostro critico 
nell'esaminare il servizio idraulico. 

Lord Avebury contesta poi le cifre dì una 
relazione di Sir H. n. Fawler, in cui È cal- 
colato a 100 milioni di 8t«rline il eapitaU- 
investito nelle imprese industriali dei nm- 
nicipì, e a 378,000 sterline il rendimento: 
rendimento del resto molto meacbino, giac- 
ché è inferiore al ', ^ per cento. E si iioti 
che nella detta relazione non * compreso 
il canale marittimo di Manchester, il cui 
esercìzio risulta in perdita. Gli utili che 
vi sono provengono dal gas, giacché i mu- 
nicipi ne mantengono il prezzo a un livello 
troppo alto. ( bagni pubblici presentano un 
deficit di IL'.'i.OO» sterline. 

L'autorevole scrittore dimostra inoltri- chi- 
le imprese manicìpalì ^aralixzano le 
niir'h.UOOglC 



M I N E K V A 



•SiTt 



imprese private. Tutti coiiveiigono nel 
rti-orioscert- cbe sii) cosa desi<terabile facili' 
ture il trasporta degli operai, per mett«rli 
in condizione di abitare nei Bobborgbi, in 
condizioni igienicbeed econouiiclie. Ebbene: 
il muoicìpio di Glasgow non estende il ser- 
vizio dei tram ai sobborghi i quali non fKc- 
ciano parte del cornane, per non diminuire 
il numero dei enoi contribuenti. E lo atesso 
avviene in altre città. 

[1 Tramway Act del 187<t, ebianiato da 
Lord Avchury « il più disastroso esperi- 
mento legislativo dell'Inghilterra nella se- 
coiiila metà del secolo xix», ba conferito iii 
iiinuicipì il diritto di riscattare i tram e di 
dure lu loro autorizzazione provvisoria alle 
euDceesionì domandate dalie Compagnie. Ora 
risulta che in realtà queste coneessioiii sono 
state accordate molto raramente. E la con- 
segueuza di tutto ciò è dimostrata da poche 
cifre: gli Stati Uniti nel 1!HW avevano 1.5,00» 
miglia di tram elettrici; in tutta la (ìran 
Brettagna nel 1H9!I non vi erano pili di 
l'io miglia. Nel VMYI gli Stati Uniti avevano 
14,000 miglia di binari urbani, l'Inghilterra 
n*-I liWW non aveva che 32(M> miglia, qnan- 
tiin<|ue la popolazione urbana dei dite paesi 
sia presso a poco eguale. 

Ancora: Lord Avebury deplora <-ho l'In- 
ghilterra sia in ritardo anche per i telefoni, 
eaerciti in gran parte dall'amministrazione 
postale, e per la luce elettrica, il cui 
impianto è condizionato al consenso urov- 
visorio delle autorità locali. Naturalmente 
il gas municipale cerca di stornare questa 
concorrenza. Così pure sembra che l'tnghii 
terra si trovi in arretrato quanto alla di- 
stribuzione della forza elettrica. 

Conclusioni. 
L'ìdx>>i'azione a questa polìtica di muui 
cipalizzazione è da ricercarsi' nella dot- 
trina Bocialista. 1 socialisti sono espliciti : 
essi dichiarano apertamente che il loro ob- 
biettivo è di accettare e di sostenere tutte 
le tornie di impreso municipali le quali ten- 
dai.o a sostituire la isocìalizzazione al capi- 
talismo privato. Il loro programma, nelle 
ultime elezioni del Consiglio della Contea 
di Londra, comprendeva: officine municipali, 
mu^aìizìni municipali, forni municipali, ville 
municipali, trasporti gratuiti per recarsi al 
lavoro e per tornarne, fattorie municipali 
per «lare aiuto ai disoccupati, fabbriche mu- 



nicipali di calzature. Altrettanti jmssi verso 
la socializzazione di tutti i lavori economici. 
« Benonchè — dice Lord Avebury — le auto- 
rità pubbliche non possono vegliare sulla 
produzione colla vigilanza che i privati dimo- 
strano nei loro affari. Di conseguenza, la \>vq- 
duzione si troverà diminuita; se diminuirà la 
produzione, diminalHk anche ta domanda di 
lavoro, e diventerà minore la somma dei 
salari, mentre per contro aumenterà il c'osto 
di produzione. La burocrazia, pertanto, (• la 
peggiore forma di tirannide ». 

]>ord Avebury si lagna che i piil grandi 
contribuenti (ed egli intende parlare delle 
società anomine) non abbiano diritto al voto, 
e che d'altra parte la maggioranza dei votanti 
non paghi tributi. È (jnesta — egli afferma 

— una delle ragioni dell'aumento delle spese 
e dei debiti locali, aumento che è più rapido 
di quello della proprietà tassabile. 

Le conclusioni alle (inali egli viene sono 
tre: 

1. — Le imprese industriali dei ninnieipi 
non hanno dato degli utili se non quando 
erano erette a monopolio. 

2. — Esse sono state dì serio ostacolo al 
progresso delie imprese private. 

3. — Esse sono riuscite contrarie agl'inte- 
ressi della classe operaia iierchè hanno fatto 
diminuire la domanda di lavoro. 

QUESTIONI PEL GIORNO 

Il tunnel sotto la Manica e le apprentioni 
iagleri. — Il disgerciiio ferroviario e la 
proposta Comtnisnonc parlamsnlare : abyMm 
aby»»um intocat. — Il oinqita.» tenario del- 
PuHìUi della patìia e i consiffUf^ri clerioali 
di Torino. 

1 giornali e le riviste inglesi sono pieni 
di articoli intorno a una questione, che a 
noi sembra strana: se cioè sìa utile, se non 
sia pericoloso per la sicurezza della patria 
lasciar costruire un tunnel sotto la Manica. 
Cosa anche piti strana; la grande maggio- 
ranza risponde afferniativamentc: se questo 
tunnel sì costruisse, l'Inghilterra non si sen- 
tirebbe più sicura fra le sue mura di acqua 
e le sue coste di macigni {irater-icalled e 
rockribbed la chiama il ano Shake sitare). 
Ild letto alcuni di questi articoli. Tutti 

— anche quelli pubblicati dalle riviste più 
autorevoli — non dicono nulla 4]i sostaji- 

IJgitizccbyCOOgle 



2:ì« 



MINERVA- 



ziate, in t'ondo, traune che questo: l'esistenza 
del tunnel potrebbe rendere possibile una 
invasione di sorpresa, da parte, ben inteso, 
dei Francesi. 

Sono argomenti cbe, veramente, fanno ri- 
dere. Se un tunnel sottomarino può prestarsi 
a una invasione di sorpresa, che cosa do- 
vremmo dire e pensare noi che in tanti 
punti abbiamo forato e lasciato perforare 
i nostri naturali maravigliosi baluardi al- 
pini, e altri fori i-i proponiamo non solo di 
permettere, ma di aiutare e promuoverei 

Qaeste paure inglesi fanno, dunque, sor- 
ridere; ma fanno anche pensare. L'Inghil- 
terra è oggi amica, anzi quasi alleata, della 
Francia; il tunnel avvicinerebbe due fra le 
più ricche nazioni del mondo, ne ingran- 
direbbe i trafHoì, ne aumenterebbe )a ric- 
chezza. Malgrado tutte queste belle cose, gli 
Inglesi, gli avidi ricercatori di riectiezsa, 
non esitano a rinunciare a tatti questi van- 
taggi, positivi e grandi, per un solo scru- 
polo di una lontana problematica eventua- 
lità che possa nuocere alta forza e alla si- 
curezza della loro grande isola superba! 

Non dobbiamo dimenticare questi fatti 
qnando ci cnlliamo nella dolce illusione di 
una pace perpetua. Anche gii Inglesi desi- 
derano, almeno i piil di essi, la pace, ma 
uon si lasciano smuovere dal terreno posi- 
tivo dei fatti, anzi ne esagerano l'ìmjwr- 
tanzft. È questo il dnro mondo della realtà 
sul qaale deve agire una politica da no- 
mini; voler agire su! mondo dei desideri e 
delle speranze è politica di fanciulli. 

Non vorrei piil parlare delle nostre fer- 
rovie. Temo di diventar noioso; ed e troppo 
piccola soddisfazione il poter dire: Vedete! 
l'avevamo detto che l'esercizio di Stato sar 
rebbe diventato un disastro! 

Ma il guaio è che questo egregio esercizio 
contrinye a parlare di esso stesso; mentre 
anche qui bisognerebbe poter dire: Bea.te le 
ferrovie che non hanno storia! Il guaio è 
che dapi)ertutfo il servizio va a rotta di 
collo: a Milano, a Monza, a Torino, a Biella, 
in Liguria si chiudono stabilimenti, e altri 
lavorano da un giorno all'altro in ango- 
sciosa ansietà per la Sf-arsezza continua del 
combustibile, A Milano sono in procinto di 
dover chiudere le scuole, e di veder ridotta 
o tolta del tutto la forza motrice alla mag- 
gior piirte delle oflii;ine. Se le cose conti- 



nuano dì questo passo. 



un disastro 



Come provvede, che cosa fa, che cosa 
l>en3a di fare il Governo davanti a tantH 
iattura ! 

11 Governo ci dà nna prova luminosa dclk 
sua assoluta mancanza di modernità, della 
sua perfetta ìucapacità di entrare nello spi- 
rito di questa rinnovazione economica cbe 
vien mutando ia faccia del mondo. Xè c'è 
da stnpirsi ; sono tutti avvocati, imbevuti 
di codici e dì regolamenti ; per loro, tutto 
ciò cbe anima, spinge, dirige nii movimento 
industriale non esiste, uon conta. 

Il (joverno, per bocca del Presidente ilei 
Consiglio, propone di nominare una Coni- 
missione parlamentare di vigilanza sull-eser 
cizio ferroviario!! 

Si vede che il signor Presidente era ili 
buon umore quando escogitò questa niir.t- 
bile panacea! Quando un treno si ferma 
sotto una galleria, quando i %'agoni non arri 
vano, quando un treno merci investe un treno 
viaggiatori, o viceversa, il rimedio è beir« 
pronto; aspettate un momento — dirà il cajio- 
stazione — telegrafo alla Commissione, eil 
essa provvedere! 

Parlando sul serio, l'0[>era della Commis- 
sione parlamentare, rispetto al movìmeulo 
ferroviario e alla sua organizzazione, sarà 
certamente nulla. Ma e' è di peggio. Si è 
sempre detto che il maggior pericolo di un 
esercizio di Stato consiste nelle ingei-eiize 
e inframmettenze parlamentari. Ora. ecco 
che il Governo in persona spalanca a due 
battenti la porta all'azione diretta del Par- 
lamento nell'esercizio stesso! 

Ah, poveri noi! Videbi»fitì im*.'... Pur tropiM). 
non solo vedremo, ni^t piangeremo e pafrlie 



A Torino, nel Consiglio comunale, è av- 
venuto un tatto, la cui importanza trascende 
di gran lunga i confini di una discussione 
municipale. Quel municipio ha deliberato 
di celebrare nel 1911, con una Esposizione 
internazionale industriale coordinata a quella 
dì arte cbe Roma farà nell'anno stesso, il 
cinquantenario della proclamazione del Re- 
gno e della unità d'Italia. Tutti i con^i 
glicri sembravano d'accordo, e stavasi 1*'' 
approvare, come si credeva, alta unanimii'i 
un analogo ordine del giorno presentato dal 
senatore Casana, quando si alzò il consigliere 

.,l7,Ch,L700glC 



marchese Criapolti e lesse, a nome suo e di 
altri conaig:1ieri « cattolici », una dieliiara- 
zioQe, nella quale sono queste parole: 

Polche l'EapasizioDB, oltre al ano Mopo oommeiiio- 
rativo, involge ed avvantaggi» intereasi gr^^idlsgimi, 
•li per 0^ stantii noi, come consiglieri ooiononli, inten- 
•liamo far ai ohe il nostro voto oonoorra k qneì inì- 
lilioro appoi^io oiie il Manioipio vorrà « potrà dsro 
mI «asti. Fer qaanto riguarda il caratlnv cemmtmoratico. 
uni diohìarisino di volerci serbare oetnuiei. 

Il CrÌBpolti. si noti, 6 nno die sì atteggia 
quasi a liberale net campo del suo partito; 
tanto che non esitò a cantare pubblicamente 
le laudi della poesia carducciana, nella quale 
non è separabile, ch'io sappia, la belle^^a 
delta forma dal pensiero che la inspira. 
Malgrado qaesti atteggiamenti nonveau tiècle, 
a lui, dunque, e a' suoi amici ripugna di 
commemorare la proci ani azione e la fonda- 
Eione della anità della patria! 

ijiceome costoro disdegnano di esser chia- 
mati « clericali », ma si dicono da sé « cat- 
tolici », proclamandosi così, in certo modo, 
»ioli legittimi rappresentanti del cattolici- 
«mo nel mondo moderno in genere, e in 
Italia in ispecie, pare a me che il Papa 
stesso li dovrebbe ecomunicare o almeno 
ripudiare, poiché non ci possono essere, io 
<-redo, peggiori uemici della Chiesa, nò gente 
<'he faccia piil danno alla nna cansa, alFin- 
fuori (li questi signori. Per essere buoni isat 
tolici, secondo lor signori, bisogna tutfal 
]>iti enbire Puniflcazione della patria, ma non 
rallegrarsene, non festeggiarla, anzi nel pro- 
prio cuore deplorarla, rimpiangendo e riso- 
«piraudo il tempo in cui essa era divisa, in- 
franta e calpestata: e tutto questo perchèf 
perché il vescovo di Boma possa tornare 
ad avere nn pezzo dì questa nostra terra, 
(ritardato a vista da una torma di Svizzeri 
di Zuavi! 

Via, pifi ciechi di così non si pnò essere, 
a (jaesto mondo. Che cosa si vanno sognan- 
do! che la grande maggioranza degli Ita- 
liani, messi nella necessità di dover seguire 
le loro polìticherie o di rinnegare il senti- 
mento della patria, vogliano preterire quelle 
a qnestal Vano sogno b. il loro; e primi a 
dolersene amaramente devono essere i cre- 
denti, ì quali vedono cosi stupidamente ria- 
perta la guerra fra.lu religione e la patria. 
Dico male la religione; questa non ha a 
fare cou queste miserie; la trwlìscono quelli 
l'Iie in questo mode pretendono di rappre- 
sentarla. Kii>. 



SPIGOLATURE 



— L'clenoo dei dicci grandi nomini dì Francia, 
qnale rionlta da va rt/trendviu bandito dal Fetil Pa- 
Htien, è il seguente : il maggior ninnerò di voti lo 
ebbe PoBtoar; spgnono, in ordine dee resoon te di roti, 
Victor Bngo, Gambetta, Napoleone I, Thiers, Lazare 
Camot, Carie, Domoa padre, Raux, Parmsntier. Da 
tkBTtc sa», la rivista tedeaoa Arena ba composto, pure 
per referendHm, un elcnoo dei do<lloi pih celebri te- 
déschi contemporanei : Guglielmo II, Gherardo Haupt- 
mann, Boberto Kooh , Haeokol . Roentgen , BUlow. 
Mas Klinger, R. Stransa, Belici, euiite Hoeaoler (f), 
Behring. Reidhuid Bcgas. 

— ' l (|uattru teatri uiiaaìdiati di Parigi dànnv da 
vivere direttamente a quasi 3000 faiuìglìe e indiret- 
tamente a molte altro. Le apese cnniplesKÌve sonimnno 
a 10 milioni di franoliì all'anno. 

— Georges Vogt ha trovato, nel suo laboratorio 
della fabbrica di Sèrrea, la formola dì una pasta te- 
nera: h questa una scoperta di grande importanxn 
nella fabbricaiione della porcellana. 

' — In Danimarca & in vigore dal 1906 una legge 
che proibisce ni giovanetti di età ioforlore ai aediui 
anni di fumare in pnbblloo. Una 1og);e cimile sì ha 
anobe nell'Inghilterra e nel Giappone. 

— New York, con tre uilioai e mexzo di abitanti, 
ha uieno di U,000 spacci di bevande alcoolicbe; Pa- 
rigi, con una iiupolaziuue di due milioni e meiieo, ne 
ha 30,000; Londra, con quattro milioni t> mexxo, non 
uè ha ehe r>»60. 



FRA LIPRI UECCm E NUOUl 

Kmk.k HAt'M.wr: Ivan Tourpiéolef; la vie et 

l'ofuvrc. Paris, A. (,'olin. 

Ivan Turghenìef nacque a Urei il 13 ot- 
tobre 1818, da madre ignorante e dispotica, 
ma ricchissima e padrona dì cinque mila 
anime; il padre fu di professione militare, 
d'indole apata. Ebbe, da fanciullo, precet- 
tori francesi e tedeschi, insufficienti tutti: 
però, imparò da essi le loro due lingue ri- 
spettive. Dopo essersi preparato da se agli 
esami di ammissione, entrò prima nell'Uni- 
versità di Mosca, poi in quella di Pietro- 
burgo. Ma i professori russi erano allora 
scarsi di dottrina, e poco stimati; onde nel- 
l'anno 18311 fu mandato all'Uni l'ersi tà di lier- 
lino, dove i Kussi erano accolti a braccia 
aperte e trattati con gran riguardo. Ma uè 
Turghenief, né ì suoi comjiagui e coetanei 
— fra i quali era Bakunin, il futuro legi- 
slatore dell'anarchia — trassero gran profitto 
dagli studi ufiiciali: invece, si nutrirono ab- 
bondantemente di Goethe e Schiller, e mas- 
sime del liberalismo sentimentale di qneat'nl. 
timo. Heine era anch' egli un favorito di 
Turghenief. 

Xel 1840 prese a viaggiare, e venne anche 
in Italia; ma nel 1841 era di niiovo a Mospa. 



. h, LtOO 



losfa. 



MINERVA 



(love ai fece iiotiire (lui compaj^ni di allei^ria, 
l'.ome un burlone mistificatore e un narra- 
tore di vioeode cbe egli afiermava accadute 
a lui, nelle quali non n'era una briciola dj 
verità. Inuamoratosi della Yiardot — la ce- 
lebre cantante — parti dalla Uuseia in com- 
fcignii) di lei e non l'abbandono piti, durante 
tutta la vita. Si era nel 1847: nel 184H sì 
trovò a Parigi e aBsistette alla rivolueione 
prima, al colpo di Stato poi. Noi 1870, tor- 
nato in EiiBsìa, non giunse in tempo per 
riveder vìva ta madre, ma ereditò da lei 
una ricca sostanza. In un articolo scritto 
-ila lui sulla morte di Gojfol, lo definì un 
grand'uomo, e basti) questa definizione per 
essere prima imprigionato e poi relegato nei 
suoi possedimenti di Spask. Avuto il per 
messo di poter di nuovo viaggiare all'estero, 
meub una vita irrequieta, da vero zingaro: 
non ai sapeva vedere per lungo tempo nello 
stesso sito: adorava Roma, Aove chaqiie jour 
«8t une f èie de lumière; ma, in generale, in 
Italia lo stancava l'ossessione del passato, 
in Germania la puerilità dei gusto tedesco, 
in Franina l'acaumulation d'odeun kumainen. 
N'ondimono si fermi) a Parigi e fece parte 
4ei simposi Magny In compagnia di Daudet, 
■di Zola, di altri e dei Goncourt, che tante 
notizie ci lianno lasciate su TurgLenief nel 
ioro Journal. 

Molte malattie reali lo tormentavano, senza 
■dire delle cento immaginarie, e bastarono 
!e prime a ncciderlo: mor\ a Parigi il 3 set- 
tembre 18&{. K fu dal suo letto di morte 
die scrisse a Tolstoj, scongiurandolo di non 
tradire la Itussia col rinunciare alle lettere, 
■e che indirizzò ai suoi compatrioti quelle 
parole che compendiano la sua vita e ta 
sua fede: « Vivete e amate gli altri come 
lì ho amati io ». 

Aveva veramente amato gli altri, il Tnr- 
gheniefl Certo; l'opera letteraria di Ini è 
più ammirabile dal. lato morale ohe dal Iato 
-estetico, quantunque questo sia grande. Del 
resto, tutti ì grandi scrittori russi, moderni o 
contemporanei, si sono affermati i>er l'amore 
al loro paese e per aspirazioni umane e uma- 
nitarie. È la loro caratteristica: ed è questa 
loro coninnioue di aspirazioni che forma 
l'unità dell'arte russa. 

E <{aanto cammino ban fatto cotesti scrit- 
tori e di quanto progresso sono stati ca- 
gione al loro paesel Vediamo il cammino 
^lel Turgbenief. Quando era giovane, nella 



Russia era la servita: questa degradava mi- 
lioni e milioni di nomini, e la degradazione 
loro si estendeva, come era naturale, alle po- 
che migliaia dei loro oppressori; l'ignoranza, 
l'abiezione, la mancanza dì dignità dei 
primi era anche l'abiezione e indegnità dei 
secondi. La guerra di Crimea manifesti) 
la cancrena: cioè una corruzione cosi [pro- 
fonda nell'amministrazione da rendere inu- 
tile il coraggio stoico dell'esercito. Bisu 
gnava dunque rilevare moralmente e intel- 
lettualmente il paese abolendo la servitù. 
E in molti dei suoi Raeeonti di uh oaccialore. 
pubblicati in volume nel 1852, il Turgbenief 
affrontò la questione con tanta eSicacia, ob« 
Alessandro li gli fece sapere « cbe i Rac- 
conti di iMt eaeeiatore avevano avuto assai 
parte nella sua risoluzione ». 

V abolizione della servìtfi non fu perii 
sufficiente: mancava ancora l'uomo russo; e. 
a crearlo, si volse allora l'opera letteraria del 
Turgbenief. Nel secolo xvili la Bnssia aveva 
avuto dei gallomani; nel six degli angl» 
mani e dei germanofiU, ma Bassi no. K il 
modello del Kusso futuro doveva essere co- 
lui che avesse saputo bnttare all'acqua Tix- 
cidentalismo ; e, poiché nel suo romanzo A 
la veiUe, uno studente, onesto, serio e un po' 
selvaggio, bntt^ effettivamente nell'acqua 
un tedesco petulante e sfacciato, la Kassi* 
ritenne questo personaggio del romanzo dì 
Torghenief come il vero suo tipo. Lo stu- 
dente era bulgaro e si chiamava Insarof. 

Questa concezione dell'uomo futuro si de- 
termina pia precisamente nei romanzi Pf- 
re» et eafante, nella Fumèe e in Terre* Vier- 
gee. Furono romanzi che tutta ta Russi» 
lesse e discusse con calore e furore: rivo- 
luzionari e reazionari asaalsero violente- 
mente, Turgbenief, e persino il Dostoievski 
sentenziò che il romanzo la Fumee meritava 
di essere bruciato per mano del boia. IHIa il 
Targbentef, che sapeva ciò che aveva vo- 
luto fare, osservava con cinismo grazioso: 
<f Rossi e bianchì mi vogliono accoppare: ri- 
cevo botte dall'alto, da basso e di fianco: 
Bopratotto di fianco. Intanto la vendita vii 
bene ». 

XoD era questa una osservazione commer- 
ciale. Se la vendita andava bene, ciò diceva 
cbe il libro era letto e che le idee del lilvru 
si diffondevano. Al Turgtaenief, ricchissimo, 
importavano fino a un certo segno gli iu- 
teressi materiali. 



,y Google 



MINF, K VA 



23{> 



E le idee si diffusero, e le» en/attU ereb- 
l>ero assai diversi dai pèr^». He poi <tre- 
sceado abbiano, nel i>ensiero e nell'azione, 
oltrepassato aon solo le idee della bella 
pleiade degli scrittori russi (!on temporanei, 
ma anche tutti i limiti delle ludacie umane 
e dei finali scopi iimauì, lo dirà l'avvenire. 
il presente è pieno di terribili dubbi. 

Questo, e molto più di questo, dice nel 
suo bel volume Emile Haumant; e lo dice in 
modo cbe il lettore ne è soddiafHtto. Poiebè 
l'gli è incaricato di corsi di lingua è lette 
ratura russa nell'Università di Parigi, è spe 
rabilo che ci dia altri volumi i quali ci fac- 
ciano intendere completatneute il grande 
movimento del pensiero e dell'arte russa. 
l/IIaumant ha la piil completa competenza 
per farlo. E oltre a qnesto ha anche l'arte 
di farsi leggere. 

Ij. Gamdkkalk. 



NUTIZIB BlBLIOaRAFICHK 

Michel Bkiìal: l'our taiettx oonnailrF Hamirr; P»- 
rigi, Haolietto. — ■ 8e le idee esposte jii (juosto vo- 
lume — dioo l'Bntt>re — trovassero iioooglionBa, avreb- 
bero per risnltato di ravvicinale di molto ai tempi 
ntarioi i Hnn grandi poemi ohe portano 11 uome di 
Omero, rendendoue nellu stesso tempo intelligibile 
l'origiue e lit aaeMssiva formaiioafl •. Una oo»a, ad 
ogni iiiodo, nuD sì paò aegftre: ohe il Bréal apporta 
»IU Bolasione dell* quofltione omerloa dati nuovi, dei 
i|<iali ormai sarà impossibile non U-ner (tonto (Reme 
dei DtMX M/mdti), 

A. Db F0VILI.E; La momiai', l'arigl, I^eeoffn-. — 
Questo volume oontieut- non pu<rh» oon^id eruzioni di 
grande interesso Intorno alla teoria degli soambi «be 
hanno tantii importanza nulle relazi<mì internaEio- 
italì. Dopo aver traociatji l'evoluzione della moneta 
attraverso i secoli, il De Foville ol parla della vita 
coonomioa delle monete, spiega come il loro valore 
dipenda dalla loro abbonitnnza, e indica le causo delle 
Vitriasiani Afi prozzi, gettando qna e là viva luoo 
sulla « misnra del pot<!r<> della moneta ■ nelle varii> 
epoche della storia. Il libro del De Foville dimostra 
nho l'economìa politica e la statistica non sono ma- 
terie eoe! aride come afTpHiiano i loro detrattori (Eé- 
furme Soci air). 

Rassegna settimanale della stampa 

fllBbwantl intuiti par le madri che allittano. 
. ] lettori ricordcmnno che la ìdinerca h Htnta la 
prima rivista la quale abbia ditfnso in Itnlia (m>l 
fascicolo del IO dicembre IGOS) la notizia dulia isti- 
tnstone del ristoranti gratuiti por le madri che allat- 
tano, ÌBtit<iEÌono sorta n Parigi il 31 ottobre del 1904 
e avviatasi, con regolare funzionamento, a Horìdo 
svìlupiio. Dalla Direziono di qitPst'upera nmnnitaria, 
fondata da Henry Cunllct, cbn n'i tuttora il diret- 
tore, e posta sotto la prei^idonza onoraria di nno dei 
pih eminenti uomini politici francesi, l^éon Bfinrgeoìs, 
rieoviamu ora nn intero-tsante opuscolo, in cui è do- 
oìfre statistiche la sna attiviti. 



L' ( Oeuvre Henry CSouIletdu Liait matemoi > iniziò 
il suo funzionamento oon soli 10 Irauchi dì capitale, 
in un piccolo loeale sul Possage Jalìeii-Laoroii. Pre- 
sentemente i ristoranti gratuiti per le madri che 
allattano sono cinque; durante il primo anno essi 
hanuo fornito pasti sani e abbondanti a 100 donne, 
nei secondo a SOO; In due anni il totale dei pasti è 
stato di 6H,2T6: ogni paste consta di una zuppa di 
legumi, carne bollita o arrostita (oppure pusoe fresi-o 
o salato), legumi pane a vulontÀ. La mortalità dei 
bambini le Cui madri ricevettero il nutrimento diil 
ristoranti gr»tuitj è »>t»ta del S pi>r cento, oifì'a in; 
fcriore di molto alla mortalità generale del bambini 
di età inferiore ft un unno, iihe iiAOilla intorno al 

L'opera benpfiea è sussidiati! dal ministero dell'in- 
terno, dal Consiglio gener.ile della Senna e dal mn- 
nicipio di Parigi; it suo bilnneio dell'psetvizio lOO'V 
190G segua un'entrata di quasi 12,000 franchi e una 
uscita superiore di poco ai 9000. Da Parigi essa ai 
viene diffondendo in provincia, o in varie città della 
Francia sono sorti, e vengono sorgendo, di questi ri' 
storanti; i quali sono oggetto di studio anohe da 
parte di associazioni filautropicbo di altri poeni. E' 
da augurarsi ohe essa fiorisca e erescn sempre plì), 
giacché rappresenta l'attuizlone di un'idea beli», 
generosa e pratica quanto ni.ii. 
La caraatla In Cina. 

Mentre il governo olnesu è tutUi affanfioudat» in 
progetti politici, il popolo muore di fonie. Pare ohe i 
governanti di laggiù si siano ormai avvezzi alle fre- 
quenti carestie e non vi badino nemmeno. 

Tkt CelmUal Empire, giornale di Shangai. dà nna 
lenione al governo cinese, espunendo quello ohe si 
fa in India per prevenire le earettie e per att«- 
nunme gli effetti. 

Tutto il paese, in Indi», i diviso in distretti, e 
in ogni distretto h tenuto conto dell'acqua d'irriga- 
zione disponibile, delle oouditiuni sociali degli abi- 
tanti, delta estensiené dei bisogni (n caso di carestia, 
dei lavori pubblici che si potrebbero eseguire. Il bi- 
lancio l]iseia sempre un fondo di riserva, e dorante 
le carestie il governo. Invece di dlgtribnlre umilianti 
elemosine, fa eseguire dei lavori pubblici, re tribnen- 
doli in modo da tenere elevato anche lo spiritodella 
popolssione. 

Si acquistano grondi quantità di vettovaglio, che 
sono trasportate snl lno|^ e vendute ai piti bassi 
prezzi. Alle persone inette al lavoro, ai bambini, alle 
donne, si provvede in altri modi. 

In Cina lo condizioni sono privilegiate rispetto a 
quelle dell'India. Ad esempio, l'irrÌga«ione vi è molto- 
estesa, mentre nella penisola indiana su J33 milioni 
di ettari ooltlvahili solo 26 milioni sono irrigui. 

Bis<ignereb'>e imitare quanto l'Inghilterra ha meeso 
in pratica nellTudi», cominciando con l'estendere la 
rete ferroviaria, ancora tropiio limitata, e col prov- 
vedere h1 buon manteninieiitu doi eanalì d'irriga- 
zloDo. Oli effetti beni'tlci nuu si farebbero attendere 



nesU Stati Uniti. 

Nella rivista The Indipendent il signor James H. 
Canfleld, bìblinteoarlo dtll' Università di Columbia, 
propone di organizzare una unione di tutte le biltio- 
teche pnbbliuhe degli Stati Uniti, allo scopo di far 
fronte al continuo aumentare ili'lle pubblicazioni e 
di rendere 1 libri piil facilmente ticcessibili agli stu- 
diosi. La necessità di questo nuovo gc^uere di sinda- 
cato s'iinporrebb'! in vista di'i vertiginoso moltipli- 
carsi lidio pubbli elisioni. 

Oanlield fa il nome di molte biblioteche speciali 
che dovrebbero costituire il nuolvo del sindacato: 
quella Avery, per l'archi lettura e le arti, che ha 
sode presso l'università di Columbia; lespleudide bi' 



eh, 



Coogle 



240 



MINERVA 



bllutodje (loll'A(Mi>d«mìa di Medioina o dell'ASHOoik- 
Etonf forenae di New York, ohe hanno notevolmeate 
eontribiiito alla ooltnra dei medici e degli Kvvoo&ti 
in qnell» oittA; 1» biblioteoa del Metropolitan Mn- 
amm of Arto, dei Giaidini Botanioi, dol Haseu di 
Storia NaturHle; le biblioteolie delle Dnmeroae So- 
cietà d'ingegneri, e mollÌKaime altre bìblluteobe spe- 
oiali. 

La oittb dì New York ba di già iniiiato questo 
movimento di ooloesalì prupomiooi; ma ni potrebbe 
argaoizzarl» meglio avvatendasi dei perfezionati meEzi 
inodenii di oomunioazione e di trasporto : atabìlendu, 
Hd esempio, tra le diverse bibljotoohe della oittà una 
'«mnnioaEione telefunioa ìndippndunte e diretta, oon 
un rapido aerviz.io di messaggeria. In nn punto centrnle 
dovrebbe aprirsi un vasto ufficio fornito di oatalogbi 
e di sehodari generali. Qaeato ateaao uffloio dovreU>e, 
mediante tenue ooniponao, servire di intermediario e 
<;orriiipondente trm le varie biblioteche egli atudioai. 
Cavatll t*d*«chl • cavalli Ingl**! iwll'Afrlca dal Sud. . 

In on artjoolo pubblicato nella rivista Die ITituahau 
(n. 6} il tenente oolonnello Uorits von Kaiaenborg si 
oMupa di mia questione che ultimamente ha proTV- 
eato in Qermania dna quantità di diaonssloni: la que- 
stione, cioè, della straordinaria mortalità dei oavalli 
vcri&natasi io mexzo alle truppe gnorregglanti oontro 
gli Herero nel Sud'Oveat dell'Africa. A questo pro- 
posito 6 stata mossa all'ummlnistnuilODe della gnorra 
l'aooasa di aver male organizzato questo servisfo, 
procedendo oon poos oonlateKKa alla scelta dei ca- 
valli e al loro ^asporto; e si b periiro acoennato a 
in)bTOgIi e frodi. 

Ora lo BOrittore afferma che ooai nella sopita dei 
cavalli destinati alla spedlnione africana come nel 
loro trasporto, l' animi ni stras ione ha dato prova di 
grande saggezEs; e, per dimostrarlo, fa nn oonfronto 
oon le spedizioni analoghe orgaalr^ate dagli Inglesi 
durante la guerra contro 1 Boeri. Kgli ricorda come 
in Ingbìttprra avvenissero, nell'acquisto dei cavalli, 
ooee inaudite: si comperavano oavalU veoohi e cat- 
tivi fingendo di pagarli a prezno enorme e Intascando 
la differenza; e, a differenrA di qnel ohe recentemente 
fu fatto in Qecmanla, nnlla ai fece per preparare gli 
animali alla nuova destinazione. Quanto ai trasporti, 
la proponione delle perdite avvennte durante 11 viag- 
gio è per la Oermaiiia di 1, per l'Inghilterra di 10; 
in nn trasporto di cavalli tedeschi, su 1000 animali 
non vi fa nessuna perdita, mentre di 50,000 cavalli 
mandati dall'Inghilterra nell'Afrioa anatrate, ne pe- 
rirono dorante il viaggio 3100. 

l>e grandi perdite di cavalli aublte dall'eaercito in- 
glese in Afrioa — 300,000 animali in sei aettlmane 
— furono dovute supratutto al fatto ohe gli animali 
arrivavano laggiù in pesHlme oondlzionl, o tuttavia 
si facevano entrar subito in servigio. Le perdite dei 
oavalli tedcRobi sono state, invece; determinate in 
massiiua parte dalle oondinioni climatiche, dal caldo, 
dalla fame e sopratntto dalla sete. 
Il Tourlng Club Italiano a la frande carta d'Italia. 

11 Conio-f della Sera (n. 37) fornisce alcune notizie 
int<jmo alla grande e accurati sai ma carta ge<igraf]oa 
d'Italia al 350.000 di cui il Tonrìng Club Italiano 
ha ìntrapreBo la pubblicazione, e ohe ai utapseguondo 
Il Roma neU'Istitnlo geografico del dott. 6. Uè Agostini. 
La oartn, di cui Hono pr<mti f primi quattn> fogli, 
« obe saril distribuita gratni tu mente ai booÌ del T. C. I,, 
doveva essere di 56 fogli, ohe sono diventati 58 dopo 
che fu deciso di comprendervi anobe tutta l'Istria; 
ogni foglio, di centimetri 39X^^' (lomprendcrà nn 
grado preciso, così nel senso del meridiano come in 
qnello del parallelo; per ogni foglio vi sarà un in- 
lìioe speoìale; a lavoro compiuto, si publ)liolierii nn 
indice generale e una bibliografia delle fonti, che 



t po«ta nolla eosirii- 



servirà a testimoniare dalla o 
zione della carta. 

La corta non è diaegaata su pietra, ms ineiaa, e 
colla montagna a tratteggio. Ksàa non è ima aemplir" 
riduzione delle pregevolissime oarte fotldamentali del- 
l'Istituto geografico militare; ma in c a — entranu 
molti elementi diversi, e pareeohi nuovi, tanta per 
quanto riguarda l'esCetioa ohe la tecnica tipografie!. 
Essa è a nove oolarì; nero per nomi e oomiinlnacioBi: 
bistro per 1 monti ; bistro dì altra farsa per le onrve 
di livello; celeste per le aoqne; verde per i l>OBohìi 
rosso per le distanze e le pendenze dal 4 al 7 0|(i: 
bmno por le pendenze oltre 11 7 0[(i; oamfelno pal- 
lìdÌBsimo per il fondo; avana per le «bade di grand» 



Una delle oaratteristiche della carta — la qnalr. 
aensEa pregiudizio della preoìsione Bolentlfie», è itìar- 
raria e clivometrica, l'indioazione della diversa pen- 
denza essendo fatta oon colori diversi — è la mn- 
demità; sa essa sono segnate non solo le ferrovie e 
le tramvie, ma anche i fanali delle ooste, le stazioni 
radio tei egrafiehe, le centrali elettriche isolate, e i 
boschi, che finora non hanno Sgnrato in alcuna carta 
italiana. 

L'opera grandioaa sarà compiuta iu sei o sette anni, 
prima cioè ohe il Tonring compia il auo venteimic 
di vita- La carta 6 tirata a 100,000 oopto « sari 
distribuila ai soci del Tonring via via ohe uooirl 
dalle manchine; dosi. In poehì anni, quasi sei milioni 
di fogli verranno messi a diitposixioue di quanti de- 
vono Imparare a oonoscer meglio il nostro paeae. Con 
questa pubblicazione ti T. C. I. anmenta le sue gii 
numerose l>enemerenze per la diffusioue delle nozioni 
di geografia d'Italia. 
Vent'anni di commercio mondiale. 

Il Popolo Romano (a. 31) riporta alcuni dati da nn 
recente studio francese intorno al movimento oom- 
merolslc del periodo 1S86-I906 nei 32 paesi del mondo 
piii notevoli per popolazioiie ; movimento che, nel suo 
complesso, è qnasi du[ilioat«, essendo passato da 70 mi- 
liardi di franchi a miliardi 136. 

Lie cifre comparative dei dieoi Stati il cui tralBoo 
presenta la maggioro entilà sono, in milioni di fran- 
chi, le seguenti : 

ISM IMS 

Francia 7,457 — 

Inghilterra 13,020 9,645 

Germania 7,240 19,105 

Btatì Uniti e,074 15,105 

Belgio 2,617 13,35« 

Italia 3,486 5,402 

Sviisera 1,405 3,785 

Russia 3,6ti0 — 

Canada 918 3,292 

Giappone 461 3,008 

Manca l'Austria-Ungheria, forae perchè le sne sta- 

tiatii'he sunii per lo piii a base di quantità; mentre 

l'Ufficio in tern azionalo di statistica commerciale dii- 

vrebbe adottare nn sistenia unico per quantità e 

E' notevole, anzi fenomenale, lo sviluppa commer- 
ciate dol Canada ohe 6 anmenta to del 152 per oenlu. 

e quello del Giappone, del 329 per oenlo. 

Tutti gli articoli pubblicati in MINERVA sono 
tutalati dalla lagga sulla proprlatà lattararia • 
ne Ò formalmenta vietata la riproduzione. 

SuLFKRiNO fiATTi, gerente 

TTHuati. I««7 - 



Cnw*>TlpagMA« TtaU 

IJgilizocbytiOOl^lC 



17 febbraio 1907 



Voi. XXVII — N. Il 



L'KV()Li:ZIO\K DKI.LA KIUCHKZZA 
PITTORI V. sci;ltoki ni 



Molti BOQo al giorno d'oggi i pittori cliu 
«roii le loro opere arrivano a conquistare 
uiia grande ricchezza. Ciò è dovuto non tanto 
al merito iutrinseeo dì questi artisti, non 
superiore per certo a quello di Tiziano, di 
Velasquez, o di Bembraiidt, bensì al fatto che 
ui giorni nostri in confronto con i secoli 
scorsi è aumentata la ricchezza gene- 
iiile, sicché è cresciuto il numero di coloro 
che più lautamente possono pagare le opere 
'l'arte. 

I pittori di maggior grido guadagnano oggi 
in Francia da 20U u :jlH),UUO franchi all'anno. 
In Inghilterra superano i 500,000 franchi; 
in Francia qualche pittore ricevette fino a 
100,000 franchi per un quadro, e nn celebre 
ritrattista vivente è lodato per la sua mode- 
razione, giacché non 6i fa pagare che 30,000 
franchi per un ritratto in piedi, e :Ì0,000 per 
nn niezzohnsto. 

I pittori del passato. 

Gli artisti dei giorni nostri, cosi quelli 
famosi come gli osnni't, troverebbero strano 
i-he si proponesse loro di lavorare a gior- 
nata, come faceva Ciinabne, il quale insieme 
col SCIO aiatante era salariato a 2.'} franchi 
al giorno (2). 

Francesco da Volterra e Nerussio, per ese- 
jiitire gli affreschi del (\imposanto di Pisa, 



ricevevano, il primo Hi franchi al giorno, 
l'altro 10. Queste cifre rappresentano la 
tarlila ordinaria dei pittori. Ugo di Gand, 
l'autore della Natività, che si trova oggi 
nella Galleria degli Uftizi a Firenze, era sala- 
riato nel 146S a 22 franchi al giorno per 
preparare le decorazioni per l'entrata di Carlo 
il Temerario a Bruges. A Orvieto, il Beato 
Angelico riceveva 576 franchi al mese, piti 
il vitto. Questo vitto, che spesso veniva dato 
ai pittori, sopratutto dai conventi, talvolta 
era abbastanza cattivo. Davide Ghirlandaio, 
malcontento dei cibi che gli venivano asse- 
gnati al convento di Passignano, scaraventò 
i piatti contro la testa del frate che lo ser- 
viva e lo feri gravemente. Paolo Uccello, 
stanco di non mangiare altro che del formag- 
gio, prese la fuga, e non tornò se non dietro 
promessa di un pasto più variato e abbon- 
dante. 

Anche Michelangelo e Leonardo da Vinci 
furono pagati a mesata: fi4ó franchi ciascuno 
per dipingere i cartoni della Battaglia di 
Anghiari e della Guerra di Pisa. A Digione, 
nel 1521, un pittore di quadri veniva pagato 
in ragione di 12 franchi al giorno ; ad Arras, 
nel I.j01, il pittore dell'areiduca-re di Spagna 
aveva uno stipendio di 3100 franchi all'anno. 
Più tardi, questo modo di ricompensa andò 
in disuso, (\iorchè per i lavori collettivi. 

I pittori del medio evo non s'incaricavano 
mai di due delle materie prime loro neces- 
sarie : l'oro e il bleu d'oltremare: que- 
ste sostanze ]irezioae erano regolarmente for- 
nite dai committenti stessi dei dipinti. Così 
Filipi» II per una copia Ùeìì' Adorazione 
dell'Agnello di Van Dyck, che egli fece ese- 



Digilizcd by 



Google 



Knire da Michele Coxìe, pagò 825 franchi il 
blea d'oltremare che Tiziano g\i aveva man- 
dato dall' Italia. 

Dora ri e pensioni. 

Il prezzo di 18,000 franchi, che papa liene- 
detto XI pagò a Giotto nel 1304 per cinque 
scene della vita di Cristo e per un quadro 
a tempera nella aa^rcBtia di San Pietro in 
Koma, sembra sproporzionato con i gaadagni 
modesti del suo maestro Cimabue. Dai pri- 
vati Giotto non si faceva pagare per un 
ritratto che 90 franchi, quasi mai più di 250. 
È vero che egli riceveva dal Cornane di 
Firenze una pensione annua di MOO franchi. 

Senonchè le pensioni degli artisti cele- 
bri, nelle varie epoche, non ci informano che 
molto imperfettamente intomo alle loro con- 
dizioni finanziarie. Queste pensioni talvolta 
non erano che delle munificenze, le quali 
non li costrìngevano a nessun lavoro, come, 
per esempio, i 3U00 franchi annni che Alberto 
Diirer riceveva dall' Imperatore; qualche 
altra volta, invece, erano il pagamento 
anticipato di tutto, o dì una parte del 
lavoro che qualche mecenate faceva loro 
eseguire: tale, per esempio, la pensione di 
2<i,0U0 franchi corrisposta da Paolo HI a 
Michelangelo ; la pensione dì 7000 franchi 
assegnata da Filippo IV a Vetasquez; la 
pensione dei « peintres da roì » in Francia 
variante da un minimo di 2000 franchi a nn 
massimo di 13,000. 

Il bilancio degli artisti del passato può 
esser calcolato piuttosto in base ai prezzi 
che essi si facevano pagare per le loro tele. 
Stando alle eredità lasciate da alcuni anti- 
chi maestri, si comprende come questo bilan- 
cio variasse molto secondo la ricchezza del 
paese in cui quei pittori vìvevano. Raffaello 
morendo (1520) lasoiò quasi 700,000 franchi : 
Alberto Diirer, morto nel 1528, non ne lasciò 
che 16i,000. Boma era più ricca di Norim- 
berga, e la clientela dei papi valeva più di 
quella dei burgravi di Hohenzollern. 

Raffaello e Mkbelaagelo. 
Xelt' Italia del secolo xv i pittori erano, 
dal punto dì vista finanziario, superiori dì 
poco ai piccoli commercianti. iCaffaello e 
Michelangelo furono i primi cbe, insieme 
con Tiziano, giunsero a una reale agiatezza.- 
È vero che questi artisti sapevano far bene 
i loro interessi. Per il pagamento dell'af- 



fresco delle Sibille, in Santa Maria della 
Croce, Raffaello per poco non si goaBtòeoI 
committente, il princii» Chigi ; questi ri<;orw 
all'arbitrato di Michelangelo, il quale mi> 
strando col dito una delle Sibille disw: 
« Questa testa vale essa sola cento scudi ». 
« E le -altre f », domandò il cassiere. «Le 
altre non valgono meno », rispose Michelan- 
gelo. Il Chigi accettò il verdetto e fece pa- 
gare cento scudi, ossia 2700 franchi, per 
ciascuna delle quattro figure. 

Di mecenati simili se ne incontrano ra- 
ramente. Raffaello stesso nel 1516, ossia nel- 
l'anno del sno massimo splendore, domuu- 
dava 5000 franchi per un quadro grande: 
L' Incoronazione delia Verdine, E il duca di 
Ferrara per lo schizzo del suo San MiciiU. 
gli mandava nel 1518 la somma di 075 fran- 
chi. Per gli arazzi rappresentanti gli .lUi 
degU Apoat4>li, ogni cartone gli fu pagato 4-3l)ii 
franchi. 

Del resto, l'impresa della decorazione dei 
Palazzo Vaticano fu per RalTaello la piit frut- 
tuosa, ed egli vi fece lavorare, come è uoio. 
non pochi dei su